(navigation image)
Home American Libraries | Canadian Libraries | Universal Library | Community Texts | Project Gutenberg | Children's Library | Biodiversity Heritage Library | Additional Collections
Search: Advanced Search
Anonymous User (login or join us)
Upload
See other formats

Full text of "Miscellanea"

Google 



This is a digital copy of a book that was preserved for generations on library shelves before it was carefully scanned by Google as part of a project 

to make the world's books discoverable online. 

It has survived long enough for the copyright to expire and the book to enter the public domain. A public domain book is one that was never subject 

to copyright or whose legal copyright term has expired. Whether a book is in the public domain may vary country to country. Public domain books 

are our gateways to the past, representing a wealth of history, culture and knowledge that's often difficult to discover. 

Marks, notations and other maiginalia present in the original volume will appear in this file - a reminder of this book's long journey from the 

publisher to a library and finally to you. 

Usage guidelines 

Google is proud to partner with libraries to digitize public domain materials and make them widely accessible. Public domain books belong to the 
public and we are merely their custodians. Nevertheless, this work is expensive, so in order to keep providing tliis resource, we liave taken steps to 
prevent abuse by commercial parties, including placing technical restrictions on automated querying. 
We also ask that you: 

+ Make non-commercial use of the files We designed Google Book Search for use by individuals, and we request that you use these files for 
personal, non-commercial purposes. 

+ Refrain fivm automated querying Do not send automated queries of any sort to Google's system: If you are conducting research on machine 
translation, optical character recognition or other areas where access to a large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the 
use of public domain materials for these purposes and may be able to help. 

+ Maintain attributionTht GoogXt "watermark" you see on each file is essential for in forming people about this project and helping them find 
additional materials through Google Book Search. Please do not remove it. 

+ Keep it legal Whatever your use, remember that you are responsible for ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just 
because we believe a book is in the public domain for users in the United States, that the work is also in the public domain for users in other 
countries. Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we can't offer guidance on whether any specific use of 
any specific book is allowed. Please do not assume that a book's appearance in Google Book Search means it can be used in any manner 
anywhere in the world. Copyright infringement liabili^ can be quite severe. 

About Google Book Search 

Google's mission is to organize the world's information and to make it universally accessible and useful. Google Book Search helps readers 
discover the world's books while helping authors and publishers reach new audiences. You can search through the full text of this book on the web 

at |http: //books .google .com/I 



T A y ^'-7 



i 







v/6 



*<<XA^c;idc* UviAA^tcc . 



IaO 



1,1 fc«/£0 .J*v.»(>. UV*Jl.(,uA^u^ 

71 (?.cc^.^- (9te^. i^ ^fif<^^ 



BIBLIOTECA EAR 



■u^ 




L f . 



f jr- 



A / 



I 



I 



PdESIE FKANCaSSI 

7 

GIOVAN GIORGIO ALIONE 



^ /!.•//' 



A8T1GIAN0 



COIPOSIE DAI 1494 E ISSO 



▲(UmnnATi 



LA MACHERONEA 



DBLLO STBSSO 



con 52 TAVOLE iXGni. 



- * w - 

• # 



aVE TOni IN VRiO 



MIL A NO 

O. DAELLI e C. SDITORI 



H DCCC LXV 



BIBLIOTECA 



R A R ' 1. 

-^ ^ 



PdESIE FBANCESI 



DI 






/ 



GIOVAN GIORGIO ALIONE 



ASTIGIANO 



CdPOSn DAI 1494 Al 1S20 



▲(UmnnATi 



LA MACHERONEA 



DBLLO STBSSO 

con 52 TAVOLE UWMI. 



* * w - «• 



i 



AVE TOni IN VRiO 



MIL A NO 

Q. DABLLI e C. ED I TORI 



H DCCC LXV 



in^ 



BDUOTECi RiRi 



►UBBLICATA DA G. DAELLI 



ALIONE 

POESIE FRANCESI 



POESIE FRANCESI 

Dl 

GIOVAW GIORGIO ALIONE 

ASTIGIANO 

COMPOSTE DAL 1494 AL 1520 

AGCnmTAVI 

U MACCHERONEA DELLO 8TE880 




MILANO 

G. Daolli e C, Editor! 

MDCCCLXIV. 



Bu&to Arsizio. — Tip. Sociale. 



LIB. COM. 

LHl.-.MA 



AI LETTORI 



Dopo d^aeere puMkaio m akro vobme ii g^- 
ito ¥Uialeea rara Mte le foerit Mf AUone m 
ikkm AsHgiamo^ to vi ogra anche le poesie ehe 
9ie$(o Trocaiore iiaUmo ha ietlate nella Ungua 
fr<mee$e. Esse Mmo slate ripradolte per la prima 
tolia in Praneia^ Helro la prima ediziane di Asli, 
iMI, dal CaVyLC. Bnmet, in m volume impresso 
s Birigi, nel 1836, e liralo a soli 108 esemplaru 
Mh nolizia Im^afiea e biUiografica Che U Brunei 

ha faito preeedere aUa sua edisiane^ egU rende ra- 
fkme dei moHm ehe lo hatmo indotlo a publicare 
pesle poesie^ le quaU sono a un lempo di un in* 
tiresse simieo e lellerario assai interessanle. Esse 
<mtenf(mo preziose noUzie sloriche relative alia 
dm di Astiy segnatamente suite vicende occarsevi 
(dpassaggio dei re di Franeia Carlo YIU e Luigi XU, 
i iuali marciarono alia conquista del ducah di 



VI 

Milano e del regno di NapolL Vi si reggono de* 
scrUti vari fatli sttccessi in Asti al tempo del pas* 
saggio di tali so^)raniy le epoche giustissime e con* 
cordanH colle storie di quei tempi ^ delle loro ope- 
razioni fnililari. 

Dalle accennate poesie francesi ristiUa che T A^ 
lione era parziaUssimo per la nazione Francese 
che colma di elogi t dicendo y che da essa sola T/- 
talia ptib sperare salute: 

» Autre salut n'esperent que de France 
» Pour reprimer 1 extreme oultrecuidance 
» De leurs tirans » . . . . 

Ci di la notizia precisa in cui gli accennati 
sotrani Carlo e Lmgi' passarono in Aeti^ indiedi^ 
doci spedalmente che quesf ultimo alloggid nel pa* 
laszo del maestro MalabaUa. Qnesti si i PAlea^ 
sandro Malabaila nominak> nella iscrizione ed- 
stente nel pilastro del ducmo esteriorey al lata del 
Campanile^ ove ^ tffettivamente qualificato Magister 
Ospitii ordinis Alexandri; ordine di cavdllerid in 
quei tempi farse vigente. II palazzo Malabaila i 
quelh che oggi comunemente si chiama casa del 
tmte Canale di propriety del Sig. Giacinto Vd/* 
predoy vicino al Carmine. Al di'sopra deUa porta 
ti si redono ancora scolpiti in pietra i tre gigli , 
stemma dei re di Francia^ sostenuto da due nmgeli 
di crela^ dei qmli un solo esiite , essendo V altra^ 
rovinatOy ed al di sotto vi i posta una isirieey gua* 
sta quasi per infero. Tutto queslolavaro i in Intsao 
riliero di creta colta nella fornace. Prima delta- 



VII 

' Wfpresskme del comenio altiguo del Carmine, si 
tedeca nella capella delta Madonna del Carmine 
eretla nella grande chiesa vn quadro rappresen* 
tanie Fandata di Luigi Xll dal palazzo simmen- 
i9€ato alia chiesa del Carmine. II re e luUo il stto 
c$rleggio era rappreseniaio in abiio spagnuolo. Si 
uderttHoJ frali del Carmine schierati alia porta 
delta chiesa in. alto di ricevere it re. Queslo qua- 
iro ricordava uno dei fatti slorici interessanti per 
A$H, ed era un prezioso tnonumento di quetVepoca. 
Corse la iorle di tulti gti altri monumenli che si 
ferdettero ' nella faiale rivoluzione del Piemonle. 
Vt It riscantra pur anche Vepoca delta dishuzione 
del Castello t Jncisa , del quale esistono ancora le 
tisHgia, li verso : 

a Ancise plus n'aiira (our no lournelle n 

da indizio che il caslello era difeso da torri che 
furono distr title. 

11 leiiore pub constdfare la Notice de Brunei, 
che qtii faccio seguire, sia per la biografia delVA- 
Hone, che pel merito di quesle poesie francesi. Ma 
ab du pin accresceri it pregio di qvesla edizicne 
sari il irotarrisi per inliero i Rondeaux d'amour, 
composcz par sigDiGcalion, dei quati il Brunei 
non ha data che il facsimile di una sola pagina. 
Qui il leitore froreri questi Rebus in cinquanta- 
d&e pezzi, che occupano id pagine. Cosa singola- 
rissima non solo per quel tempi^ nei quali i Rebus 
ermo da fresco invenlaliy ma anche pei tempi pre- 



VIII 

9enUf nei quaU ben di rado aceade 4i redere, come 
qtdy un seguiio di due Rondeanx di veniinove tersi, 
espressi in cinquantadtw Rebus. 

Ho credulo bene di fare seguire alle Poesie fran* 
cesi la Maccheronea dello siesso autorcj eke gii Ao 
faiio rislampare nel volume: MaccberoDee di cin* 
^ne poeti ilaliani. KelP eseguire qnella ristampa^ 
mi sono fidaio ciecamenle alia edizione data dal 
Delepierrenelstw Macaroncana Paris, Gancia, 185), 
tii-8.® credendola completa. Ma dopOy avvedutomi 
che egli vi lascid alctme lacnne^ ed atendo avulo 
fagio di riempirle sulla edizione di Asti 1521, $ 
di Yevezia^ 1560, sHmo bene di qui riprodurla m- 
tiera. Aprh eo^ il leltore in qtiesto volnmeiHf^ e 
nelFaliro delle Parse delP AAume^ tniie k oper$ 
del no$lro Aulore che si irocano nella rarismia 
edizione di Astif 1521, in 8.* 



P. A. Tosi. 



POESIES FRANCOISES 

DE J. G. ALIO^ 

(D'ASTI) 

ATEC I'NE TiOTICE BIOGRAPHIQl'E ET BlBLIOGRAPUIQtE 

PAR J. G. BRUNET 



iiJO?ll 



NOTICE BIOGRAPHIQUE 

SUR ALIONE 



Asli, ancicnne cil6 da Pifemont, et dont Thisloire 
se rallacbe h la ndtre par pins d'un souvenir glo- 
rienx; Asti, si fifere d'avoir donn6 le jour an plus 
grand po^le tragiqne de la moderne Italie, avait 
^^ja Tn naltre, avant la (in du XV si^cle, un autre 
CDfant d'Apollon, qui, dou6 d'une joyeuse verve, 
et sans aToir cberch^ h atleindre Ics plus hautes 
regions du Parnasse, comme Ta fait depuis I'illu- 
stre Alfieri,cultiva un genre de poteie un pen moins 
s^rieux, k la v^rit^, mais avec assez de bonheur 
pour m^riter une place distingute dans la m^moire 
des amis de la gall6. Jean-George Alione, c'est ainsi 
que se nommait le troubadour astosan, a exerc6 
A sa muse avec un ^gal succfes dans difT6renls patois 
ilaliens et dans notre langue; mais, bien que, sous 
ce dernier rapport, 11 apparlienne au Parnasse fran- 
?ais, Jusqu'ici, son nom est rests J pen prJs ignor6 



parmi nous; et, chose singuli^re, ce po6te, aussi 
ingSnieux que vari6, ce pofete, qui, plus d'une fois, 
a c616br6 avec eotbousiasme la gloire des armies 
fran^aises, n'a pas encore d'article special dans 
Dotre volumineuse Biographic universelle (1), oil 
se sont gliss^s tant de noms moins recommanda- 
bles que le sicn. Ce silence des biograpbes fran< 
fais n'est pourtant pas surprenant, puisque les 
Ilaliens eux-m6mcs semblent s'^lre fort peu occu- 
py du fac^ticux Alione, lequel, n'ayant pas laissS 
de productions purement italiennes, n'int^ressait 
gu^re que les localil^s peu ^tendnes dont il a em<* 
ploy6 le patois dans ses compositions dramatiques 
et dans plusieurs autrcs morceaux de ses oeuvres. 
Cest done en vain que nous avons cherch6, soil 
dans les biograpbes gSn^raux de ritalie, soit dans 
ceux du Pi^mont, des renseignements exacts et 
prteis sur Tauteur qui nous occupe; ces ^rivains 
ne sont d'accord entre eux ni sur TSpoque oil il 
vivait, ni m6me sur son nom, que le Quadrio (2) 
^rit Arione et Mazzuchelii Aglione, quoique deux 



(1) II y est •eulenent ciU (xxxi, 493; tl'apr^i le Nuovo Di- 
xionario i9loHco k rarlicle Ooassi {Tifi}^ et U, certet, on De 
t'avisera guire de Paller ebercher. 

(3) te bibliograplie est, a d'atitres egards, celai qui a parU 
le plat ezaetemeot d'AIione, le seal aossi qui lal ail donn^ 
ses deoz pr^ooros, Jea|^«George. Voir Storia e ragiona d'ogni 
poeiia, r, 70. Noos aaroos occasion d'eo rapper ter le teste, 
eo parlaot de l'6ditioo d'Alione faite eo 1560. Haym, qui noiii- 
me aassi ooire auleor Ariome, n'a gaire fait qu'abr^ger I'arti* 
cle do Qaadrio. 



edilioDs des (Ba?res de noire po^te^ imprim^es a 
Asti, portent indabilablement Alione. C'est, h la 
T^te, ce m^me nom que lai donnent les denx 
plos ancicDS biographes da Pi^mont, Fr. Agoslino 
Mia Chiesa (1) et RossoUi (2); mats, si ces der- 
Diers sonl exacts sur ce point,. ils le sont moins 
lorqo'ils font Yivre jasqu'en 1602 an po6te qui a 
certaineoient compost des vers d^ Tann^e 1494^ 
et qae Mazzachelli, d'accord en cela avec le nouvel 
^iteor da Catalogo de delta •Chiesa, fait flearir 
dans rann6e 1490 (3). Aucan de ces terivains n'a 

<1) Caflogo degli seriUori piemontet*. Torino, 1614, iO'i% 
M fl t'cxprime atasi {h la page 63j: 

• ICOl. Giorgio Ab'one, ttAiti, icritte un'Opera motto dilel^ 
tevoU in vtrti, pmrte delta ^accaronea, parte d'attri diverti 
eapriecij tn tiagua asteggiana, doue vi 9ono motle tideuole 
forte, el attre si falle cose, da recitarsi sopra i batii net 
tewtpo del Camaualle, slampata in sua patria det 1601. •• 
Ce Catalogo a iU rdtmprimd eon aggiunte: Carmagnola, 1660, 

ui-4*. el c'eft probablcment cetle secoode Edition qii*a cike 
lazxochelli. 

(?) Sgltabut seriptorum Pedemonla:ioram» Moudovi, 1667, 
ia-i*, p. 239. Voici ton tcxle: 

• Geor. Alionas Astensis^ vir faeetus, et ad jocos natus, scd 
* no» temper modetlus, seripsit carmine maecaronieo {ut to- 

eaaf) Ungua patria quotdam aniaiimotus appellant Caprieci 

tah't ridiemlot, et talibas conditot, ted nuttius utilitatis. Iiu« 

pret. Atii, 1601; et Taarini, 16S8. 

(3) Maziocbelli, dana aea Seritlorid' Italia, I, part, l*' p. 19 1, 
f*es boro^ it cetle coorte notice: Aclioiie (Georgia), d' Atti, 
mentovato dat Chiesa sotto I'anno 1490, teritte un opera fa^ 
uta in terti detii wtaccarontci intitotata Caprieci, la quale fa 
•ttmpata in Asti net 1601 , e poscia in Torino appretto 5/e- 
ft^no Uanzolino 1628, ia-b**. 



6 

d'aillcurs connu I'^dition des Opera jocunday im- 
prim6e en 1521, la seule qui renferme les diverses 
produclioDs de Paulenr, et qui puisse donner une 
juste id6e de sa facility h versifier dans trois lan- 
gues. Aucun d'eux ne nous apprend la date de la 
naissance du po^te astesan, ne nous fait connailre 
ni sa personnc, ni sa profession, ni T^poque de sa 
mort. A leur d6faut, nous avons eu recours h la 
preface que Virgilio Zangrandi a placte au com- 
mencement de VOpera piacevole di Georgia Alione, 
imprimS par lui h Asti, en 1601. Ge morcea\i est 
curieux, mais si peu connu, que ce que nous al- 
lons en extraire parallra enti^rement neuf au plus 
grand nombre de nos lecleurs. 

Nous savons d^jh quWlione ^tait n6 dans le 
comt6 d'Asti, cu sa famille6taitdepuis long-temps 
6tablie (1). Au moment de sa naissance, que nous 
placons, par conjecture, vers Tannic 1460, la pe- 
tite province aslcsane appartenait a Louis d' Or- 
leans, le m^me qui, depuis, sons le nom de 
Louis Xil, a r6gn6 gloricuscment sur la France (2). 

(1) Parnii les principaux ^crivaios relalifs au comte d*Asti, 
dual la liste est placde 4 la l^te du premier volume dei NoWzic 
ttoriche profant dcUa eilt& d'AsU\ compilazione di (r/or. Jr- 
diico Molina (Atti, appresio Francesco Pila, 1774-70, 2 volumi 
in-4'j, nous remarquons un Georgia Aliont d'Asli, di cui, teloa 
Moliua, poeo abbiamo fort* per ettere tmarrilo it $uo memO' 
riale, 11 vivail vert Taoa^e 1414, et ful probableroeot I'aleul 
de noire poite. 

(3) Ce fut, comme oo sail, Valrotioe, fille de Jeao Galets 
prcmifr due de Milaa, qui, eo i3S9, apporia, en dot, 4 Louis 
d'OrUans, second flls de Charles V, rol de Fraoce, le conii^ 



r 



7 

Allacbe au priace frangais par Ics liens d'une fran- 
cbe afTeclioD^ et peuWlre aassi par ceux du de- 
voir el de la reconnaissance, noire po^le s'esl plu 
a lui dooner, en plusiears circonslances d'apparal, 
(ks lecQoignages publics de son d^vodment, lors- 
la'ii cut rhonneur de le complimenler au nom dc 
sa Tjile nalale. Void commenl ii s'exprlmail dans 
la pi^ce cil^e h la nole (I): 

Vrati Framcois de nature 

AotfS trouvtrai auMti ban gu*^ Paris 
Ajfami tn cceur la franeht /leur de Hz* 

La m6me chose, h pcu prte, csl r^p6t^e par lui 
dans les deux dils qui devaienl ^tre prononc^s de- 

d*Asti. Charles d*OrUans, fiU de Louis, en prit possession en 
1443, et eel opanage re«ta dans sa fainille jusqu'en 1527, ^po* 
qoe k Uquelle Francoii I*' en fit la cession dcfiatlive A I'eni- 
pereor Charles^Quint. II appartieot aojourd'kui an Pi^mont. 
iJQOtoos que, par IcUrei-pateoles du roi Louis XII, pobli^es 4 
Bloifl, ea septciobre 1500, qI entdrio^cs au parlemenl dc Grc- 
Doble, ie 7 mai loOl, le corol^ d'Asli, sur la demande do 
scs babitanls, qui d^siraient vivre sous les luis frangaises, Tut 
distrait dc la jiiridiclion du s^nal de Milan el souroit A celle 
da parleoieot de Grenoble. Le tixte latin de celte pi^cc se 
Iroave k la fin des Statula delphinaUa^ imprimis, pour la pre- 
miere fois, 6 Grenoble, vers 1508, in-4.% el retinprim^s plo- 
«ieurs fuis depnts, dans la m^me ville* Louis XII y prend le 
litre de Francorum^ Cecil toe et Jerusalem rex, dux JUediolani, 
Jattuee Astensisqut dominus, 

(I) Elle est iotiiuUe: 

{^ recotil gut Its eiloyens d*Ast frent a leur due d'Orl/anSf 
a ta jtnfeuse enlr^e quant il deseendit en italic pour iemprinse 
de Sttptrt, 



8 

vant Francois I/'^i son retoar de la balaille de 
MarigDau, et qai sont imprim^ k la suite dc la 
iroisi^me piice de notre recueil. D^j^, danssa ma- 
caronte latino-astesane (i), en faveur des Frangais, 
MioDe avail dit: 

I/tc me lasiMii iolum deffcndere eausam 
Gallorum eonira Cagasanguei hit Longobardi 
Asl habitantei* 

El plus bas, en parlant des Lombards : 

/piot franzotoi vilipendunl utque a la tnerdOf 
Turn no$ astentes reputemur undique Galiot, 

Comme ville devenue presque frangaise, et sur- 
lonl k cause de sa situation, Asti a ^16 plus d'une 
fois le rendez-vous des armies de Charles VlII et 
de celles des deux successeurs de ce roi, lors de 
leur passage en Italie. Cette circonstance a dA na* 
turellement procurer h cette ville de grands avan- 
tages, mais aussi lui susciter bien des ennemis, ct 
(*tre pour elle une source de calamltes apr^s les 
d^saslres de ces m^mes arm^; et il est fort pro- 
bable que la fortune d*Alione se sera 6galement 
ressenlie de Talternalive de nos succ^s ct de nos 
revcrs (2). Toulefois, cc po^te, dou6 d'une hu- 

(1) Celte maearoa^ (d'enviroo 580 vers) est une r^poote k 
uoe aotre piice du m^oie genre, compos^e par on certain met" 
ser BaisanOf doquel nous aorons occasion de parler ci-dessoas. 

(5) C'est ce que prouve asses la truisiinie stroplie du petit 
|to6me d*Alione, sur lu couqu^ie de Milan, en U99. 



9 

i^or joTiale, et ne songeanl qa'aa plaisir, n'diait 
pas homme h se cbagriner facilement. Son esprit, 
sa gait^, ses piqaantes saillies, le faisaient recher- 
cber de toules parts; et il n'^tait poiat, dans sa 
nlle, de $oci^l6 joyeuse. point de reunion de gens 
fespril, oa il n'edt sa place marquee; point de 
bonne f^te dent il ne fAt I'^me et la joie (I). 
CependaDt, pen retenu dans ses propos, peu me- 
sore daos ses terits, il'n'y m6nageait ni les per- 
sonnes, ni la d^cence, ni la religion^ ni m^me, et 
(^esi \k oa £tait pour lui le plas grave danger, les 
pr^tres ni les moioes. Or, si jusqae 1^ les goa?er- 
fiemeots d'ltalie avaient presque toojours para fer- 
mer les yeax sar ces sortes d'infractions i la mo- 
rale el aa respect dH aax choses sacr^; si mdme 
OQ avail yu paraltre, avec permission des sup^- 
riears, ane foule de contes licencieox et de sati- 
res plas impies les unes que les aatres, ce temp3 
de licence allait avoir son terme. La paissance 
ecclesiastique^ arrach6e tout-§-coap k son paisible 
sommeil par les d^claibations du fougaeux r^for- 
inatear Martin Luther et celles de ^es adherents, 
seotil enfln le besoin de se /aire respecter; et 
Uon X Ini-m^me, si facile dans sa vie intime, si 
favorable aux productions de Tesprit, fut oblig6 
de s'armer de rigueur. D6j§, le recueil de Jer6me 



(1) rWvs igDoroos qaelle ^Uil la profession; mois, t en 
jofer par U furine jadiciaire qu'il u dooo^e k la piice atte« 
•«M ioliloUe: Cont^glo in fauQrt de doe iorelle, on peut 
c^re qa'il avail ^ludiii en droiU 



/ 



10 

Morlino, imprim^ k Naples, en 1520 (I), qaoiqac 
rev6tu du privilege du pape et de ceiui tie Tem- 
pereur, venait d'atlirer ratlenlion de TinquisiUon, 
et d'etre rigoreusemenl supprim6 par un jugement 
qui, cependant, n'alteignait pas Taateur. Alione, 
quoique beaucoap moins reprehensible que Ic con- 
teur napolitain, fut traits bien plus s^v^rement. 
Non-seulement les Opera jocunda, publics parlui- 
en mars 1521 (vieux style), furent prohib^s, mais 
encore Tauleur, cit6 Iui-m6me en justice, se vit 
condamner h une prison perpeluelle. Un arrfit si 
rigoureux rempUt de deuil loute la ville. " Quoi, 
se disait-on, nous allons done ^Ire priv6s po\ir 
loujours de noire Plaute, de seul po6te comique 
qui ait ^crit dans noire langue; nous ne jouirons 
plus de ses joyeux entretiens, et il sera absent de 
nos banquets, dont ses saillies ^talent le meilleur 
assaisonnement. n D'autres habitants, plus rigides 
dans lenrs mocurs, applaudissaienl h une condam- 
nation, que, selon eux, ce po^te impie n'avaii quo 
Irop mWt6e, et qui devait 6tre un exemple salu- 
laire pour Tavenir. Au milieu de ce conflit d opi- 
nions, la piti^ des amis du condamn6 reslait sterile 
et ie pauvre Alione se voyait priv6, sans espoir de 



(1) Ce recueily inlituld: Hieronymi Morlini noveUaey cum 
gracta el pn'vihgio cesarect majettatit el summi ponlifieiM, con- 
tient-qualrc'-vingt-une oouvelles d'un cyolsme NvolUot, vingl 
fables pea piquaiites, el one comddie, eo vers latios, di^nu^ 
d'iovcotion. L'dditioo crigmale est, comme on sail, de la plus 
^raude rarel^. 



a 

la recoovrer jamais, de celte liberie, c6!6br6e dans 
ses vers avec tant de chalenr (I). 

Oh! qoel conlraste offrait alors cet homme ja- 
dis si brillaot el si avide de plaisir. Renferm^ dans 
one ^troite et obscure prison, charge de chalnes 
pesantes, et confiS k la garde d'on vieox ge61ier, 
son enoemi particnlier, r^duit au pain et h I'eau, 
T^la d'ane ^toffe grossi^re et qui tombait en lam- 
beaux, Alione n'^lait plus que I'image dn d^ses- 
poir et de la plus profonde mis^re. Cependant, 
lorsque tout le monde semblait I'abandonner^ et 
qa'aucan espoir raisonnable de salut ne lui restait, 
on rayon d'esp^rance vinl luir pour lui. Un jeunc 
gentilhommeaslesan, que le cours de ses Eludes en 
droit avait lenu quelque temps ^loign6 desa ville 
nalale, venait d'y revenir, el, 4 son relour, il avait 
H& iaform^ da sort aflfreux du po^le qu'il charts- 
sail, et dont it ne goi^tait pas moins le tour d'es- 
prit que les opinions hardies. Vivement louche de 
r^tat deplorable d'Allone, noire genlilbomme mil 
lout en oeu?rc pour Ten lirer. Afln d'y paryenir 
plus sfiremenl, il se concerla d'abord avec plu- 
sieurs de ses amis, ainsi que lui loul d6vou6s au 
pauvre reclus, el se regardanl comme ses disciples. 
Aprds une milre deliberation, il ful convenu en- 
ire eux que, puisqu'il n'y avail rien i esp^rcr par 
?oie de justice^ on presenterail une requite en 
gr^ce; toulefois, ce moyen ne paraissail pas sans 
diOiculie a ceux qui connaissaienl les habitudes du 

(1) Voir la pi^ce iolitoUe: Chapitte de liberie. 



i2 

pofete et son caracltre enlier. Comment allcndre 
de lui une soumission absolue anx dares condi- 
tions qu'on ne manquerait pas de mctlre h la grt^ce, 
en supposant qu'elle fAt accord^e? En cffet, ii ne 
s'agissait de rien moins ponr lai que de d6savoaer 
de point en point toutes les expressions r^pr^hen- 
sibles qui lui ilaient ^cbapp^es, tons les passages 
condamnables r^pandas dans son livre^ et de la- 
c^rer publiquement ce mftme li?re; « car, disaienl 
les magislrats, comme la faate avait 6t6 publique^ 
la reparation devait I'dtre 6galement. » 

En celte conjonctare, notre Alione, que le mal- 
beur avail rendu plus sage, se montra tr^s-docile, 
et son ami, ayant enGn obtenu la permission de 
le voir, refut de sa part Tassurance qu'il se pr6- 
terait sans aucune reserve h tout ce qu'on exige- 
rait de lui, quo! qu'il en pftt coAter h son amour- 
propre. En consequence de cette promesse, le jeune 
genlilhomme cut la faculie de retirer chez lui le 
prisonnier, mais sous la reserve expresse de ne 
point le lais.^er sorlir, et m^me de ne lui permettre 
de voir personne avanl le moment de sa penitence 
publique. Comme pr^liminaire indispensable, il 
fallut d'abord preparer et mettre par terit le cor- 
rectif des opinions mal sonnantes et de^ expres* 
sions peu mesur^es qui avaient atlir6 I'animadver- 
sions des juges. Ce fut h un travail non moins 
long qu'^pineux, auquel se livra avec ardeur et 
succ^s le bienveillant liberateur. Tout n'^tait ce- 
pendant pas fini, car il restait i^payer Texpidi- 
lion de la grSce; et, par malheur, le graci* n'a- 



13 

nil point d'argent. Ce dernier obstacle fut encore 
ler^ par I'ami k qui Alione devait 6f}h nn com- 
nencement de liberie. Alors, gr§ce k eel bomme 
g^reox, le po^te ch^ri da peuple astesan pnt 
praitre en public, yisiter ses amis, et rcndre h 
fcur socliii la vie qa'elle semblait avoir perdue 
peodaot sa trop longue captivity. Pour lui, d^ja 
avanc^ en kge^ et £prouv6 par le malheur, il faut 
croire qu'il eut soin d'^vltor de donner de Tom- 
brage a ses ennemis, et qu'il iui fat permis de 
termioer tranquillemcnt, dans sa patrie, une vie 
qoi n'avait ^ik ni sans charmes pour Iui, ni sans 
orages. A cet £gard, notre guide ne nous ap- 
preodrien^ et nous ignorons compl^tement la dale, 
m&ne approximative, de la mort de I'ancien po6te 
astesan. 

Ce que nous venons de dire de la disgrace d'A- 
lione sufBt pour expliquer la grande rarel6 de ses 
Qftra jocunddy quant \ la partie ilalienne, com- 
posfe de dix farce$ et de quelques aulres mor- 
ceaox de po^ie fort libres; mais une autre cir- 
Constance a dd contribuer i rend re encore plus 
rare la partie frangaise du m6me recueil, objet par- 
ticnlier de noire travail, et cette feirconslance sera 
bcilcment appr6ci6e de tons ceux qui, comme nous, 
oot en le malheur de vivre dans des temps de rea- 
ctions politiques el d'invasions Slrang^res. Le po^te, 
aiosi que nous Tavons d^j^ fait remarquer, avail, 
en plus d^une occasion memorable, cbanl^ le triom- 
phe des Frangais et, en m^me temps, insults aux 
▼aincns. Or, ceux-ci, devcnus vainqueurs a leur 



i 



1* 

toar, el cela dans Tannte m6me de la publication 
d*un recueil qui cooslalait lear prfcMente d6- 
faite (1), darent n^essairement en ordono^r ki 
destruction. Qui sait^ d'ailleurs, si les justes ap- 
prehensions du libraire n'auront pas aulant con- 
tribu6 h cetle oeuvre de destruction que I'espril 
de parti lui-m^me? Voil^ pourquoi, sans doute^ 
si, malgr6 la condamnation publique de la portion 
italienne de ce livrc fac^lieux, il s'en est conserve 
jusqu'Ji ce jour quelques exemplaires plus ou 
moins mutll^, il n'a gu^re pu en 6tre de m^me 
de la partie frangaise, que personne alors^en Ita- 
lic, n'a dd avoir le d6sir de conserver, ct qui, par 
consequent, aura M presque enti^rement d^truite; 
car il ne faut pas croire qu'au milieu des embar- 
ras d'une retraite pr^cipitee, les compagnons do 
Lautrec aient pu songer k en rapporter en Prance 
quelques exemplaires. 

Cependant, ces vers frangais, composes il y a 
plus de trois slides par un stranger, ces vers, 
dont nous avons eu la satisfaction de nous procu- 
rer le soul exemplaire complet actuellement connu, 
ont, pour notre pays, un inter^t tout k la fois hi- 
storiqueet litl6raire, surlout k une ipoque oil Tat- 
tention des savants, et mdme celle des gens du 
monde, se porte sur les productions du moyen- 

(1) L'iinprestioo dci Optra joeunda a 6U termiode le iS 
mars i5SI, Tieux style, correspoodaot h io23, selon lecaleo- 
drier acluel, et le combat de la Bicoque, par suite duqoel 
les Francais 6vaco&reot I'ltalie, fat livr^ le 39 avril de la 
n^rne aon^e iSSS. 



1!J 

Hge, qui oni imm^diatement prMd6 la renaissance. 
Cest dooc nne chose nliie de les Irrer de I'oabli 
oiils semblaicDt 6tre eDsevelis poor jamais, demet- 
tre ie lecteur k m^meile jnger de leor m^rite, et de 
leQF assurer ainsi nne place dans les biblioth6qaes 
eotre les ponies d*Andr6 de la Yigne et celtes de 
Client Marot^ avec lesqoelles il ponrra 6lre ca- 
rieax de les comparer. Voil§ ce qui nous a engage 
a en donoer une Mition, que, vu Textr^me raret^ 
de rorigioal, on peat bien regarder comme la pre- 
miere public. 

La plus ancieone pi^ce frangaise da recueil d'A- 
liooe est celle qa'il ^criTit^ aa nom des citoyens 
d'Asti: lors de Fentr^e da docd'OrKans dans celle 
?ii!e, en 1494; eile n'a qaeqaalre stances de hait 
vers de dix syliabes. Vient ensuite Ie Voyage et 
conquesie de Charles VIII, roy de France, sur Ie 
royaume de Kapks^ et sa victoire de Fournoue (1), 

(I) Lm baUille de Fornovo fat lifr6e pris de la ville de 

cc DOD, Ie 6 juillel 1495* Les Frao^ais, qaoique trfti-inf^rtears 

ea Bonbre k leuri eoocmis, y rtBitreal Taio^aeari ; mais, 

eonme ils perdireol toul leur bagage peodant Ie oombal, et 

que Ie teol avaatage qu'ila retirdreat de la vietoire Tut de pou- 

voir costiouer traoqaillement leor retratle, lei Italieof, de 

lear cdte^ se font altriba6 Tboonear de cette joaro6e, et 

Pent eti^br^e aoos Ie nuro de vieloire de Taro* VoiU poor- 

qooi, iandii que let pontes frangais c^idbralent dana leur pro* 

pre laogne Ie trtompbe de Cbarlea VIII h FornoTO, et que ce 

■ime triompbe exer^ait la lutiae lalioe de I'italien Faunio An^ 

iheliui, de Forii, devena poete laar^at da rot de France, deax 

aatres pontes, Ie floreotio Pierre CWnt'loetlemodiooia Pamphile 

Sttto, adressaleot leurs Tera looangeurs ao jeune Francois de 



L _ 



en qaarante-quatre oclaves; pais la Conquesle de 
Laysdouziesme, roy de France, sur la duche de Mi- 
Ian, auec la prinse du seigneur Ludouicq (en 1500)^ 
en soixanle-sept octaves. Les vers de ces irois pie- 
ces soDt tons de ia m^me mesure, et chaqae oc- 
tave ne pr6sente que trois rimes, le premier vers 
rimant avec le troisi^me et le qnatri^me, le second 
avec le cinqai^me et le sixi^me^ tandis que les 
deux demiers riment ensemble, h la mani^re des 
stances italiennes. Le po^te se platt h jouer sou- 
vent sur les mots, et k r^p^ter la rime d'un vers 
an premier repos du vers suivant, ce qui tient 
6galemenl des vers Equivoques et des vers bate- 
1^ (1) genre qu'afTeclionnaient particuli^rement 
Jean Molinet et Clement Marot, mais qu'Alione a 
cerlainemenl cuUiv6 avant ce dernier.. \Une autre 
chose h remarquer dans les deux petits po^mes 

Gonxagiie, roarqais de Mantooe, general des troupes ilalieo- 
nes, le premier, dans une ode intitule : De laude Fr. GoH" 
zagatj prineipft iUuttriuimi Mantuaniy cum ad TarrufH contra 
Gallet dimieavil, et qui fuit parlte de sea oeavres lutinet , 
page !tii ', le aecood, dam qq po^me en vers hexaroitres, a- 
yani pour litre De bctto tarreniti et occupant trelie (Quillets 
du recaeil den poesies lalinci de l*aatetir, imprimd A Bmeia, 
en 1499, in-V. 

(I) Les qaatre vert ^ohrants dooncront une idie de ce 
singulier agencement : 

Le roy dream ton relour vert Saroy, 
PrenanI $a voye au pan du premier awUfie^ 
Trop bien tavoil que fattendiez en roye; 
Mait quoiquWi voye em Hen ne te devoye* 



17 

. dl^ c'est que le dernier vers de chaqae octave 
forme proverbe (4). Ptnsieurs podtes fran^is, 
de la m^me ^oqoe, lels qoe JeaD Molinet^ Octa- 
Tieo de Saiot-GeiaiSy Andr^ de la Yigne, Jeau 
<PAi]lOD» Pierre Gringore et Jean Marol, onl ^go- 
iement cil&brd dans leurs vers la gloire des ar- 
mies francaises en Italie, roais aucun d'eux no 
Ta fait avec plus d'originalil6 et plus d'amour 
que le poMe d'Asti. Celui-ci nous a encore laiss^ 
deux dils en I'honneur de Francois \^% el une 
Chanson des Souyces^ sur la bataille de Marignan, 
en TiDgt coopiets, morceau (r6s-piqaant, et pouvant 
leiiir sa place parmi les pi^es hisloriques (2). 
Totttefois, ce qo'ii a compost de plus remarqua* 
Ue dans noire langue » c'est , sans contredil, le 
Qhapitre deLiberd^ en trenle-six stances de trois 
ters cbaciitne. Les id^es d'ind^pendancc les plus 
Wev^ y sont exprimSes avec une chaleur qu'on 
rencontre rarcment dans les aulrcs morccaux 6- 
chappte de sa plume, et qui prouve son amour 
pour la liberty 

(1) En eompofaoi en Ui^x pelils puvoies, Aiioat a 6vi- 
dcflunest pris poor raoJ^le te Tempk de Mart et ie Voifage 
to Se UmpitMf de Jeon Bltfliuct (inort eu i&07>Y 06 Von rcui'irqu* 
W mIibc »geiiecaieal de riiHCf^ «t l'ciii|itui d'ua proverbe a 
U iia «1« eliaq«ie octave, 
(t) Cclte pidc« esi loul-ik<fjil diCTcrcote d« celle qui a 
^ po«r tilre Ckanaon nomutiU d^ la ioutuee faiele contre Ut 
SmjfMtes, poar U iret vietoritux rojf de France Franfoi* pre 
mier, et qui a iU relmpriinet*, en ih'AZ, daiM le Ireiii^me vo- 
iles Joif^unm, jfMU cbcs Tccbeuer. 

AUO.\E 3 



r 



48 

Nous poBvons encore citer le Did da Singe , 
petile piece vraimeDt plaisante, h laquelle nous 
avoiis cru devoir r^unir la traduction ilalienne 
qu'en a donni^e i'auleur lui-m^me; la Chanson 
d'une josne fille marine i vng tieillarl jaloux (4); 
la Chanson d'tme iergiere (2); une autre chan- 
son, ayant pour refrain: A le houe ; et enfin uq 
Rondeau d'amour, composi par signification, c'esl- 
a-dire repr^enl6 par des rebus graves, fori sin- 
guliers: espfece d'terilure hi^roglyphique , dont 
nous n'avons pas cru inutile de donner un spe- 
cimen, ne fftl-ce que pour iburnir aux confiseurs 
de la rue des Lombards I'occasion de mettre & la 
torture les OEdipes du Marais qui s'approvision- 
nent de bonbons dans Icurs magasins cnfum^s (3). 

(1) Cede Chanson nous rappirlle no joli roii<)oaa de Cid- 
niciil Maroly tniUuld De la j tune dame ^ui a vi'eil fiiait. C'esI 
le quaianltUuitiinie dans l*tdilion de Lpnglel du Fresnoy. 

{'2) Aiioiic a uiis Ics qoatrc premiers vers de Cflte clian- 
sun duns la bouclie'de Junino, personnage de la furce du Fran" 
rois loQe' chez un Lombard. 

0) Ce roudeau Ci>t , k ce qu'il parait , Ic plus long mor- 
ceau de po^ste francaise qu'uo rill encore Iraduii par des 
rebus figuratifs, mats ce genre d'^rilure 6tait connu depuU 
long-(emps en France. En voici plusicurs exemples que nous 
fuuiuissent d'anckns livres iniprim<^8 ft Paris* 

L'imprimeur Ctot on Gny Marcliand, qui exei fail dans eel te 
vilie des I'anu^e MhZ, cl denieurail an Champ GaiUart^dcT' 
riere U college de Piaearre, s'csl servi d*un r^bus, en exprU 
man! sa devise, sola fdei suffit^t . par les deux notes de mn- 
siqne »o4 ta , accooipa^nces des dcux syllubcs fieit , que sur- 
nionte le mot fidet. 

DdBs Ic mdmc temp?, le librairc Durand Gerlier, ^galemeiit 



i9 

Ed cxamlnant avec aUenlioD les pitoes compo* 
ste par noire po^le, depuis 1494 jasque vers 1520, 
on rcmarqae qu'il s'esl 6tudi6 § varier, presque 

^labli 4 ParU» ftvatt poor eoseigne VEstrille Fauveau, qu'ii re- 
prdseotail p«r aoe ^triile, uue faux, el uo veau. C'esl * qaoi 
Denrnt Harot (tteonde epitre du Coq a i'dnt) a fait allosioo 
4uis ces Irois vers : 

Une tihillej une fauXy tin veav, 
C'tBt-h'dire estrilte Fauvcan 
En bon rebus de Picardie* 

Ters qoe,pour le dire eo passaot, le sefgaeur des Accords, daus 
se« Bigarruretf et Manage, dans soo Dictionnaire e'tymologique^ 
rappcrteoi d'uoe mani^re ioexacte. Rabelais a aussi trouv^ 
de boooe prise le rebus de Gerlicr, et il I'a plae^ plaisamoient 
daos la bouche de Paourge. Voir ie Panlagrueif lir iv, chap ix. 
Cinq Itgnes de ribot gravds, avec leor explication au bas, 
se foot remarqucr ao verso du deroter feuiUet des Ueuret de 
fiosire Dame a lusot'ge de PartM^ impriro^s, dans cetle vUle 
par Guillaume Gwdari, vers Tannic 1513, io-8®. A cetle dpo- 
que-I&, ces series de jeux d'cspril ^laienl furl en vogue; et 
ecile vogue s*est sou ten ue asscz long-lemps, ainsi qu'on pent 
s*en con\aincre , cq parcoaraot les Btgarruret do seigneur 
des Accords (Etienne Tabourot), lequel a consaerd deux longs 
cbapilrcs de son fac<^lieux recucil, soil aux r^bus figures qu'il 
Bomme r^bos de Picardie , soil aux rdbus par let Ires , par 
cbiflfres ou par notes do uusiqoe. Eotre "aulres exemples, qu'il 
a don*^ dans soa troisi^me chapiirr, noos rcroarqoons (page H 
et 4» de I'^itioo de 166S) un vicux rondeau de ilulines (ou 
pliif6t Mulioei), exprim^ en r^bus, et dont nous nous coolco*- 
teroos de rapporter id ie premier vers ; 

riant ful naguerct 
Eh . prff 



20 

dans chaque morceau, le m^canisme de son vers, 
soil par le nombre des syllabes^ soil par Tagen- 
cemeDt des rimes. C'est ainsi qnll a ^crit, b la 
louange de la Vierge, qnatre chansons oa canti- 
ques^ pr^enlant tous, k peu prte» les mtoies 
id^, mais exprim^ dans des mitres dilK* 
rents (1). Ses premieres productions accnsent son 
peu d'habitude de la langue frangaise; 11 y latte 

qui rcpr^scnle : 

En iouriani fut naguerei iurpris* 

Miiis cetle eipice de r^bns n'a qu'un rapport fort iodircct 
avcc le rondeau d'Aliouc 

(1) Le ctnq^fcne couplet da premier de ces cantiqaes 
commeace par let deax ters tniraotf : 

AiH$i qm9 rotet tUseeHt en Im fhur 
Oh miroir la facet '^ pentee au cotur, 

lesqueU soot 6viJeilDincnt imit^i de ccQx«ci ; 

ToiU aintf torn descent 
En la flomr la rouiee 
La face ou miroir 
Ei ou ewer la pemsee* 

Cff deroiers se liseni dans oo PeUt office de la Viergej en 
vert frtn^ait, aianvferit do XV tiicle, cooterr< doos la biblio- 
ttiiqiM da die de Sattez, A Loodres* (Voy. BibU'olketa 5itr- 
ten'ana, by Tk. Jom. Petti$rew, tom 1*', prcoi. part., p. ccviti.) 
Peot-ilre toot-ilt aassi imprimis daos quelques-uns de ces 
lirres de pi^l^ qui tcrvaicnt 4 I'cdiBeatloo dot Cd^les, d la 
fin du XV sUde. 



Si 

stos cesse pSoiblement cootre les diffica)l6s qu'U 
s'est lai-m£me cr^; et, poor assQjeliir les mols 
aTenlraye da Bi^lre, il est searent oblige de les 
deoalarer de la plas ^Iraage manifere, ou d'eo 
fi^liger rorlhographe: ce qui, joiot k la bar- 
diesse de ses inversions et anx. idioUsmes italiens, 
si natorels sous sa plome. rend son vers obscur, 
el, parfois, ininlelligible. Plus tard, son atiure de- 
fientplus libre,sa phrase moins tourmcnt^e et plos 
correcle, et, alors, sa po^ie ne le cide en rien k 
celle des meilleurs ponies fran^is ses contempo- 
rains; mais^ en g^n^raU ii r^ussit mieux dans les 
petits vers qae dans les grands , dans le genre 
plaisant ou naif qae dans le sirieax. Quant k ses 
composiltons fac^tieases, en patois astesan et lorn- 
bard, m6l6 d'ilalien, et dont on troavera la table 
ci-apri^s, il ne noas apparlient ni de les jagcr, ni 
de les reprodaire. II but qa'on nous pardonne 
anssi les faotes d'impression, que noasavons mieux 
aimi reprodaire qaeiquefois qae de les corriger 
arbitrairement. 

Edilions da Recueil dWliane. 

I. 

Selon toote apparence, de Bare le jeune est le 
premier bibliographe, en France, qai ait ea con* 
uaissance da recaeil fac^tieux d' A Uone; encore ai* 
l-il ignorS et le nom de Faateur et la date do 
U?re, parce qae Texemplaire dterit par lai, sous 



n 

le n.« 2950 de la Bibliographie inslrucike, et an- 
qaei il a donn6 le litre de Macharonea taria, ne 
contenait ni frontispice ni souscripiion finale (i). 
Dans r^tat de mutilation oil se tronvait lo re- 
cueil, ainsi r^dait k 153 feuillets (2), ce bibliogra- 
phe ne Ten regardait pas moins comme un des 
livres les plus singuliers qu'on puisse voir et conn- 
me le plus rare qu'il connftl en ce genre. L'exem- 
plaire dont il s'agit appartenait alors h Gaignat , 
riche bibliophile, h la vente daquel le dac de la 
Valli^re en fit faire Tacquisition (3). II fut, quel- 

(f) Le doclear Gentbc a reproduit la mdme dcscnption 
aux pages 77 4 79 de son oavrage iiitituli : Gtnchhhie dtr 
Macaroniichen Poetie y Halle und Leipxtg , ib39, pel. in-8® ; 
maU il ne s>st pas aper^u qoe la recueil aaqael il a doon£ 
aussi le Itlre de Macharonta varia. saos cd nomincr I'aaleur 
^lait en grande parlie le ni^me que les Oppre pfaectolcy dont 
il a parle ik la page 140, sons Particle de Giovanni Arlane (sit), 
cl & la page 285, sons celui de Giovanni Giorgo Arione, MaU 
grd ced^fttut d'attention, et qaelques ant res erreurs ou omis« 
sions que noas y avons rcmarqn^es, cetle lilstoire de la po^sie 
macaronique est un livre enrieux et qui manquail ik rblsloi'- 
re litt^raire. 

()) II y manqaait le titre, le second feuillet dc la table , 
deox feuillets dans la roacaron^e, deux reuillels de la signa- 
ture I, lesquels renferment ee que le recueil a de plus ob« 
seine el de plus irr^ligieox, et enfin les 38 derniers fcuillels 
du volume, remplis de poesies francaiscs, et terroluds par U 
souscripiion. 

(3) Au prix de H fr., et ce^minie exeniplaire a iU reven* 
du 48 fr. k la vente du due. En cootid^ranl IVtrt d'iniper- 
feelionotksc tronvait le livre el l'6poque o6 il fut vcndu ce, 
prix paraitra tris-elev6, surtout si on le compare avec ceux 



23 

qses anodes plas tard, dterit, avec le plus grand 
d^il, dans la premiere parlie du catalogue de !a 
biMioth^ne de ce c^l^bre amateur, parlie dont 
00 doit la r^aclion aux soins r^unis du savant 
M. Van Prael et de M. do Bure Talne. L5, il est 
dil(II, iM) que ce livre, trfes-singulier et fort 
rare, a pu 6tre imprimfe vers 4496; et corame, en 
effet, la derni^re pi^ce do l^exennpiairo relatait 
Penlr^e de Charles Vllf h Naples, le ?2 f6vrler 
1495, et la vicloire oblenue par les Frangais h 
Fon^Oj le 6 juillet de la m^me ann^e, la dale 
assignee k ce livre devait parailro tr^s-vraisem- 
bUble, alors surlout qn'on ignorait compl^tement 
I'exislerice des pi^es plus r^centes, anncx6es ori- 
ginairement aa m^me recueil. II n'est done pas 
surpreuaot quo le docleur Dibdin Tail adopl^e, 
en parlanl, dans les ^des AUhorpianod (II, 470), 
de cc mftnae exemplaire, devenu la propri6l6 di) 
lord Spencer, apr6s avoir ^16 moraenlan^ment 
celle de Raimondini, ^ Bassano. D'ailleurs, si cello 
dale est fausse, en ce qui concerne rimpressioa 
da livre, ii n'en resle pas moins certain que la 

de plo»ieur« aolres articles prdcieus qui fif^uruienl ilans 1 1 
■^ai« ventf, et qui le paieut aujourd'liui dix ou vingl fo 4 
plat ebrr qu'aloM. On sail que la MoruUle du mauvaig riehe 
el du iadre, <^ditiou in-4*, co Unit feuillets, payie seulcment 
^ fr* cbea le due de la Valliire (u.** 3332) , a 616 acquire en 
i)i3i par II. de Soleinne, au prix rxcessifde i860 fr., et qtm 
le tax d'emour divme, in-4% petite niOralite mystique, don* 
Bfe poor 5 liTres I sou dies le m^me due, s'est veudu der- 
•i^eraeiit 500 fr., k I'almable. 



24 

macaronfe d'AIione a prteM6 de plus do qoinze 
annees ceWe da Pseudo-Merlin Cocaie, et que c'est 
la plus ancienne production de ce genre qui soil 
parvenuejusqu'a noas;toutefois apr^ la Machardnea 
de TiQ Odassi, k laquelle il serait difficile dc re* 
fuser la priori 16 (I). 

(I) La macaronde Ue Bassantti Manluanus, qui a doiM»4 
lieu d cclie d'Alione , e( dunt j« ne^cbe pas qu'il se soil 
conscrxd un seul exrmplairr, doil avoir ii6 coinposec avaui 
runo^c i'(99; car, d cette dpoque46, Paotcur avail de]^ cea- 
se dc vivre, ainsi que le proovc son ^pitapfae , iinprimte an 
fenillet tiiij du RecHfil de poesies latines de Pmmphilo Satso, 
public h Brescia, daas le coorani de cette iodine aao^: ^pi« 
laplic ainsi eon^ue : 

Judy /a ligfala esl f^mt'ni bl$ Haniua tale (sic) 
Carmine Datgnni: carmine Virgiiii : 

Inclyia trit'atn rsl gimini kis Man'ua ratii 
Funere Bassuni; funere Virtjilii, 

Cc po^le mantouan, qu'un indulgent ami n'a pas crainl de 
met I re en parall^Ie avec Virgile, nous scrail aujuurdMiui lout 
ii-rjit iuconnu sans \e recueil de Sasso, ou so trouvcut plu* 
sicurs pieces qui lui sont adress^es ; inais d en jnger par la 
response d'Alione, il appartenait au parti contraire ix la France, 
ct il avait ceia de cofumun avec PampliilD Sai^so, Icquel, roq 
eontrnt d'uvoir furl niul traitd Ics Prun^als dans uu poinie 
compost^ a la gioire de Francois dc Gontague, ^crivit encore, 
(onhe noire rol diaries VIII, une ^pitaphc satiriqae, qui se 
trou\e dans le recueil d^j6 citd, fi la m^mc page que cello du 
manlouan Bassanos, ct que nous rcproduirons ici : 

• 

Efiitophium Regis Gailorum, 
Galhrum jacel hie Hex : qui prantantibm ermis 

Preftonent Venerix erimina^ furta, j'oeox: 
Alfihonni victor : non vi, mom arte, srd atln't : 

Arripuit lurpem : turpior ipxe fngam. 

Da tumulum tumulu : noicas quo quixqite viator 

Qui tcmcl C9t natns : bii potuiste mori. 



IB 
Un airlre exemplatre de celte mSme Mtlion, 
Element dAponrvu d'ane partfe de ses dernien 
feoiileto, est annoncd sons son veritable litre, mais 
saos date^ dans la BibHolkeca Croflsima {u.^ 2783), 
u rtche eo lifres singaliers. 

D^an natre c6t6 , les bibliographes italieDs n'i- 
gDoraienl, 11 est ifrai, ni le Dom de raotenr, ni le 
liea de rimpression de notre reciieil, mais ils en 
connaissaieot si pen la date^ que le Quadrio(V. 70), 
saivi en ce point par Haym, a annoDc6 r^dilion 
de 1560 comme une r^impression de celle qai an* 
rait M faile, pen de temps avant, a Asli. Ainsi, 
r&lition originate des Opera joctmda se tronvait 
rapprochte par les nns de Tann^e 1560, tandis 
que d'aatres en feisaient remonter la date jusqn'^ 
1496. Tel *lait Tdtat dc la question lorsque M. Tosi, 
libraire de Milan, recommandable par ses connais- 
saoces bibliographiques, le m6me qui a fait r^cem- 
ment racqnisition de Timmense bibliol^ue de Ta- 
Tocat Reina, de Milan, entleboohenrdeseproenrer 
nn exemplaire complet do livre en question, por- 
tant, k la ftn, la date de i5dl. An moyen de cette 
dfeonrerte, il put )uger, avec certitude, que la 

n srrafi earieoi rfe rapproclftr de celte pidce soliriqne Ics 
trvis #}ttiapbet qu'uu autre llalirn, FttO^ilo Andretini de Forii 
a compotes A la looaoge du m^nc roi ^ et qoi foot partte 
d'aa opoMuie dc duoze fcoillcts pnblid par le rndme Fauslo 
KH19 ee litre: De obittt Caroti oclavi Depioratfo, etc. ParUiii 
pro Jah. Nicol/e, i305, in-4*, — Peur la macaroni d'Odasfi), 
vorri U noie particuli^rc que noos avoiis ptacdc 4 lu suite 
^ \a prcfcnie notice. 



1 



20 

pr^tendue Edition sans dale n'^lait autre chose quo 
celle de 1521, jusqu'alors fort mal connuo. Get e- 
xemplaire, peuU^lre noique, fnt bientdt acquis par 
M. Payne, iibraire de Londres, voyageant alors en 
Italie^ et par lui c^d6 k M. Henrott, bibliomane an- 
glais des plus ardents, lequel ne tarda pas h sue* 
comber sous le poids de ses acquisitions trop mul- 
tipli^, et fut oblige de livrer sa precieuse coilec- 
lion k rimpitoyable marteau d'an auctionaire de 
Londres. Mors, le Ir^s-ctlebre bibliophile Richard 
Heber, qui ^tail h la piste de toutes les curiosiles 
lilteraires, put ajouter celle^ci h son incompara- 
ble collection. Ce morceau, digne d'y Ogurer en 
premiere ligne, est peut-6lre sa derniere acqui- 
sition importante, car, peu de mois apr(!s Tavoir 
faite, il cessa de vivrc, et sa mort pr6matur6e II- 
vra, incontinent, h la chance incerlaine des cnch^res 
publiques Timmense tr^sor bibliographique que 
son insatiable curiosity avait rassembl6 avec tant 
de soin, h si grands frais, pendant plus de qua- 
rante ann^es cons6cutives, et dans toute I'Cnrope. 
Ce grand encannousofrril,^ notre tour, Toccasion 
de placer dans notre raodeste cabinet ce joyau, plus 
pr^cieux que brillant (1), que M. Crozet, jeunc 
Iibraire, toujours intr^pidesous le feu des enchires, 
Yenait d'enlever aux Anglais, apris une charge 
vaillamment soutenue par ses adversaires (i). 



(I) n esl aonoQce sous 4e d.** 21 Ue la qaatriime partie de 
la Dibiiotheca hrbcn'ana, 

(i) Lc cutuiogue de la biblioth^que Ue M RiclianI Ueber, 



57 

DoDDons m^intenant la description de ce volame 
csfienx: C'est no petit in-S^* de 197 feoillets non 
chiffr^; soas tes signalares a ii josqa'^ z, plus 

ptbUI de 1834 4 iS36 , sqos la direction de BIM. Payot et 
Fossy e^I^bres libraires de Londres, a paru rn douze parties^ 
dcstto^s i aotant de ventes sdpar^es. Les dix prrmiires par- 
ties et la dooxiine indiqaeot les livres imprimes, au nombre 
de Si,0&0 articles , et fonnant au rooins cent mille volomes. 
Dans la oozi^me, soot d^crtls 1,7i7 mannscrits, plus curieox 
les ons que lea aatres. Le resultat des douze ventes a donne 
00 total de plas de 57,000 livres sterling (environ 1,430,000 fr.), 
lomme ^normc , sans doute , mais infiirieure, cependaul , dc 
plus d'uo qoart 4 eelle qu'avait d^bours^e le propridtaire. A 
cette Enumeration des richesses littdraircs de M. Heber, il Taut 
ajoBlCT les qaaranle mllle volumes qu'il avalt laissds h Puris^ 
et asxqaels soot venues se rduiiir les acquisitions fuites prd- 
cedrmoieot par lui i Koreinberg i il faul aussi y joiodre quel- 
qaes milHers de volumes resli^s dans la Belgique, et qui ont 
ete veodos & Gand, en oclobre i833. Parmi les livres qui se 
troavaieni k Paris, figurait en premiere ligne unepartie con- 
siderable de hi bibliolhique du plus ddtcrmind bibliomane 
qoe la Fraoee ait jamais produit,^ de I'cstimable M- Ooulard, 
anden Dolaire. M. Heber en avait fait Tacquisitioo en i830f 
et il devait la faire transporlrr en Angleterre; mais comma 
il n'a pas en le temps d'exdcoter son desseiii, apr^ sa morr, 
ces menies livres ont did vendus A Paris et aox rehires pu- 
bliqaes , aiosi que les aulres livres qu'tl y avait laissds. Au 
resle , les trois rentes qui ont did faites ici pour le compie 
df sa soceession n'ajool^ront gu^re qo'une soixantuine de 
mille francs & la somme ci-dcssus* Aprds avoir doonS un a- 
per^a de cctte collectioo^ disons un mot de celui qui Pa for- 
isde. Bicbard Heber , dcoyer, naqoit k Londres , en 1774. Sa 
hmiile pateroelle dtait depnis pl&sleurs gdndrations eu pos- 
tcssion dp maooir de Uarton, donl il bdrita & la niort de son 
fcre, ainsi qae do domaine d'Hodn?!* Pou^ d'un esprit vifct 



28 

Z et t <le premier cahier, de sept feuUleta; le der- 
nier, de six, el tous les autres de hnit, cbacon), 
caraclires semi-gothiqaes. Le frontispice occape 
le recto du feuillet a ii, dont nons donoons ici 
la copie exacte, mais en caractferes rofflains et 
sans abri6valions. 

Animus gaudens clatem floriJam facit 
Sp!rilus Irislis exiccat ossa; Prouerb. 17. 

Opera Jocunda No. D. 

Johanis. Georgii Aliooi 

Aslensis Melro ma- 

charroaico Ma 

t6rno:etGalli 

CO compo 

sita. 

Couaucntura Uc ccctesia iuriti:u professor Asten. 

A(J Icctorcni. 



p^fl«^trftiil, il fit d« rapidcs progr^s daot ses Etudes, et il les 
termina avec succis 4 I'uoiversiltf d*Oxford. De retour & Lon- 
dres, il s'y^t bieoldt remarqoer par I'^l^gaoee de ses maoii- 
res , le cbarme d« sa conversation et I'^tendae de ses con* 
naissauces; ce qal lui procura d'iliostres amis, au nombre 
desqaels il pat compter sir Walter Scott et H. Canning. 
En 1S31 il eul I'bonnear de repr^senter raniversit^d'Oxford 
& la cbambre des communes , oA il obtint molns de soccis 
qoe dans les reunions du Boxburgh club. Sa carridre parle* 
mentaire termin^e, il pa^sa snr le continent, et apri^S ua s^ 
jour de plusieurs ana^s a Paris, il retoorna A Mndre^, oik 
il mourut en oclobre iS33. 



20 

Pcrlcgis bos tersas qttisqois Don sperne labores 

A«ct«rU: Testri si memor esl vilij 
Nee laeoii patris rUom: Don crimiiia: mores. 

Seoeci : sic Talivs : sic gravij ille Cato. 
Ccloces caUmos;.et ehHtam lolle Poetis 

Lingoam rade: latent crioaioa tiiDc hooiianm. 

Au Terso da m6me frootispice se lisent deox 
pieces latines; la premifere, en dix-huit vers, imi- 
tate: 

Eiusdem Bonauenlure ecclesiastici carmen. 

la secoode, en huit vers seulement^ ayant pour 
litre: 

Nicolaus faleius Tridinas^ in detraeiorem. 

Les deux feaillets saivants contiennent la lable 
des pieces de tout le volume; nous la reprodui- 
roDs icU poor nous dispenser d'enlrer dans de 
plus longs details an sujet de ce recoeil/ aussi 
vari£ que piquant. 

TABULA CONTENTORUM m OPERA. 

Taoola de quello se contene ne 
la presente ^ra. 

Et primo 

U pfDlogo de lauctore A. folio, v 

Una Madurronea contra queUa 
de messer Bassanu A. folio, vj 



50 

Comcdia de lliomo et de soy 
cinque sentimenti B. folio, rij 

Farsa dc Zohan Zauatero et de 
biatrix soa moglierc, ct del 
prctc ascoso sollo il grometto D. folio, j 

Farsa de doe vegle repolite quale 
volluano reprender le giouene g. folio, viij 

Farsa de la dona quale del franzoso 
se credia hauere la robba de veluto f. folio, j 

Farsa sopra el litigio de la robba 
de Nicolao spranga astesano b. folio, viij 

Farsa del marito et de la mogliere 
quali litligoreno insema per yn petto k. folio, vj 

Farsa de doe vegie le quale feccno 
aconciarc la lanterna ct el 
soffictto m. folio, iiij 

farsa de scbrina sposa quale fece 
d figliolo in cappo del meyse o. folio, j 

Farsa del bracbo et del nillaneyso 
inamorato in ast p. folio, vj 

Farsa del francioso allogiato a 
lliostaria del lombardo r. folio, vij 

Sententia in fauore de doe sorelle 
Spose contra el fornaro de prumello (i) t. fof j 

(i) Voici la consultation lalioe qui a doan^ liea 4 ccUff 
»entence« en vert astesani : 

•• Duaffus ioron'bui nupii$ duohut fratHhmt dum eo^Meremi 
pantm circa horat noetic^ Promiliit furnaiita tret cauahiot 



31 

Fortula de Ic done t. folio, iill 

Canlione doe per li frati de sanclo 
Augastino contra li disciplinati de Ast. t. fo. v 

too benedicile dns et uno reGciat t. fo. viij 

Scqaitano le oi>ere del 
dicto auctore in lingua galica 
SensaiaueBt les oeuures 
De lacteur en langue franciose v fo. j 

Et premiers. 

Lc recoeil que feirent les citoyens v. fo. ij 

dast a leur due dorleans a sa 
ioyeuse entree Auecq lemprin- 
se et conqueste de charier hu- 
tiesnie roy de france sur le roi- 
yaume de naplcs. et sa victoire 
De fouruoeuf 



f«Of ex tune exburtavil in tcrrh iub domo furni dummod* 
ftceaut se suppom' a narilii eo pretente H vtdtnte. 

m Euocaiit maritit, quih'bet eorum tuam ateendit; ai for- 
maring, qui numquam erediditnet hoe eueHiurum , eepii dieere 
eiedem quod forte fimqebant, ted noH pro verilaie eoibani* Una 
mutierum retpomdit, instpice, Fornariui atttimpla lueema in* 
tpexit oltrrcM ex eonjugibue quot vidil habere membrum in 
membrof et dolent de promintione arreptit tribut eaualotie 
di$ee$it, Tandemque conuentus in iudiefo hae exeeptione te 
turbulur teih'eet quod licet alter i eoniugum verilaie coitent ut 
Hderat, neteit tamen an alleri hoc fdeereni, RepUcatur quod 
potermi 9idtra el eoa ti toluittet. Tamdem de cauta iV« Jo% 
Qeorgiut Ationna eon^uliut, retpondit in teriplii uf infra 
Hquitmr, Et ila iudieatum fuit in loco per mtl^' eomitatttt 
tttmmti. » 



32 

La conqucsle de loys douziesme . 
Toy de france sur sa duchie de 
milan et la prinse du seigneur 
ludouicque x. folio, j 

Ditz que deuoit pronuncier vne 
pucelle dast au roy francois 
a son retour de la victoire de 
marignan y. folio, iij 

Dilz du marzocq de cremonne 
transporte en ast. y. folio, iij 

Uers composez sur les laiz des franco is en 
italye depuis la venue Dudit roy charles 
huiliesme. En chacune couple desquelz par 
lellres numerales se trouuera Ian que les 
choses y mentionnees sont aduenues y. folio, iiij 

Louange au raarcquiz de monferra 
sur sa conqueste dancise y. folio, iiij 

Le dit du singe y. folio, v 

Chappittre de liberie ^ y. folio v 

Louahgc a noslre damme en chant 
•Sur la natiuite et passion 
De nostre seigneur y. folio, viij 

Autre louange a nostre dame sur 
Lobsecro z folio, ij 

Autre louange a nostre dame sur 
Laue maris stclU s. folio v(iij) 

Autre louange a nostre dame sur 
Le salue regina s. folio 



55 

Umange a saiolc catberinc x. folio, v 

U cbaasoa des suyces siir 
la baUilie de marignan z. folio, viij 

la chansoR de la josne dame 
Marie au Tieillart iaJoux ^ folio, iij 

La ebaiison de la bergiere. ^ folio, iiij 

Aalre cbanson. % foiio. r 

Deux rondeaux damours eomposcz 
Par Bignifieations S'f<>lio. vlj 

Kondeaa en flameng. 
Replicqae en Italien sul le 
dit du singe. 

Le xolume ici d^rit parail se terminer aa recto 
da sixi^me feoillel du cahier z; mais an recto da 
feuillet suivant commencent Ics rondeaux d'a- 
moors, lesquels occapcnt sept feuillctSi suivis d'un 
huitidme, imprim^ seulement aa recto, ei oil so 
lit (ao bas de la traduction ilalienne du DU da 
Singe) la souscription suivante: 

tmpressum Agi per vtaQtstrum, Fran- 
titebum de silua Anno domiai, Milesi' 
mo quin^entetimo vt'getimoprimo 
dis, xij\ mentit MorciJ. 
Finis. 

* 

Le verso da m^e fenillct est tout blanc. 
L'impriaiear Frangois de Silm^ Id m6me, pro- 
bablemeDt, <iai est nomm6 Boalerus dans des fcrs 



latins places ad verso du litre de noire livre^ avail 
d'abord exerc^ h Turin, oili noos le iroovoos de 
i487 k i512; ii S6 transporla ensuite k Asli, et 
y imprima, en 1518 el 1519, deux Editions, lea 
seules que cite Panzer (Anrtales typogr.^ VI, pa- 
ge 130), article Asia. II retourna plus lard k Turin^ 
oh il imprima, k la dale du Iroisidme jour des 
calendes de seplembre 1521, nne apologie du mu- 
sicien GafTauri ou Gapbauri, par Barlhel. Philip^ 
pineus, pi^ce in-4^ qui se joint k des poteies de 
Mapheus Yegius, et autres, pubK^es k Milan, dans 
le couranl de la m^me ann^. (Voyez le deuxi^me 
catalogue de Cr^venna, tome 3, n.^ 4150.) Cepeo- 
danl, nous avons vu que noire Francois de Silva 
6tait encore k Asti, k la dale du xij mars 1521, 
vieux style; mais il pa rati quMI ne resta pa$ long- 
temps dans cette ville, puisqu'il imprima encore 
k Turin en 1523, date apr^ laquelle son nom ne 
figure plus sur aucnn livre. Ajoulons que deux 
fr6res, portant aussi le nom de de Sylva (Jean-Ange 
et Bernard), onl ^galemenl imprim6 k Turin de 
1516 k 1523. 



11. 



Opera mollo piacevole del No. M. Gio. Giorgio 
Arione astesano, novamenle, e con diligenza cor- 
reila, e rislampala con la sua tavola. In Venezia 
1560, in 8^ 

Tel est le litre, que donne le Quadrio (V. 70), 
de cette ^lition pea connue^ qu'il doit avoir cue 



sons les yeux, ei an sujet de laqnelle il s'axprime 
ainsi : 

a Questainna ristampa deU Opera qualera stata 
foc'anzi impressa in Asti, senza teruna alterazione^ 
qvanto alia sosianza. Ma essendo qttesio comico tras* 
corto eon Ungua troppo mordace^ irreligiosa ed oscena 
non par rimase il suo libro dalF inqnimione vie^ 
tato; ma fu egli siesso il comjwsitore e inquirito e 
carcerato. Come perb vi acea mollo bono eommisto col 
male J cosi alcuni euoi amici commiserando la perdila 
del vnOy e la disgrazia delPallro, oltennero ad 
amendtte la liberla a cotidizione, che Vautore togliesse 
iuUo cibj che v'aveta di male nelVOpera* Cosi tisci 
qvesta di nnoco correUa e rislampaia in Asti n 

lyapr^ ce qn'ajontele bibliographe ilallen, T^di- 
tion de 1560 conliendrait, ontre ia macaroni et 
les dix farces ironies dans les denx Miliond suivan- 
tes, les antres pitoes en patois astesan, que ren-> 
t^e celle de 4521; tontefois, avec des correc- 
tbns, saos lesquelles il eAt ^tg impossible de les 
riimprimer alors. 11 ne s'y tronve aucnne piice 
frao^ise. 



HI. 



L'Opgra piacerole di Georgto Alione asteggiano» 
di nnoTo correUa, et ristampata. In Asli, appresso 
\irgilio Zangrandi, 1601, con licenza de'superiori, 
petit in-8®. 

Cette seconde MiUon d'Asli est beanconp moins 
complete, et, par cons^nent^ moins prtoiense que 



56 

la premiere; cependant, c'est encore \m livrc assez 
rare et m6me d'un certain prix. 11 s'y Iroave 
sept feoillets pr^liminaires, lesquels conliennent 
I.® letilre; 2.° Ic privilege, ayant au verso lessix 
vers lalins de Bonaventure de Ecclesia (delta CUieaaJ^ 
qai se liseal sur le fronlispice de l*edilion de 1521, 
pias quatorze autres vers latins dum^meaulear, 
exlrails d'une pi^cededix-hait vers, apparteoant 
^galemenl k {'Edition de 1521; 3.^ lo stampatore al 
Popolo d'Asti, salulCy preface fort curiease^qnioc- 
cupe neof pages, cl dans laqueile l'6dileur, apr^s 
avoir donu^ des details 6lendus sur la disgrace 
ct la rehabilitation d'Alione, annpuce ainsi son 
edition: u Eccoui il voslro Alione ringiouenUOyte^ 
sfiio di panni nuoui alia moderna, riformato nella 
tifay et costumiy e finalmenle assai mulalo in me- 
glio da quel ch'egli era, prima. Et per leuarmi la 
mascherny senza parlarui piu in nuuoliy od in fi" 
gnra. Eccoui t opera piaceuole del toslro Alione 
tanlo da tutla V^sleggianay non che da toi soli 
desiderata la quale ho io nuouamente ristampala 
cl hor mando fvori per darui qualche ricrealione 
in questo prossimo Carneuale. Che libro appunto 
da Carneualey et non da altro tempOy il giudico to, 
per far rider e^ e dar gusto alle brigate. n AprSs 
qaot il cherche h prouver que, loin d'etre aussi 
frivoles qu'elles paraissent I'^lrc, les farces du 
po^le astesan pr^entent un sens all^gorique, une 
morale qu'on d^ouvre en les examioant altenti- 
vemeDt, et il donne pour exemple la farce de Vhuo- 
mo e suoi cinque sentUnenti, qu'il compare i Tapo- 



57 

logac d)^ membres et I'eslomac, si hcureusement 
imajrin^ jadis par Menenius Agrippa, ct, enfin, il 
termine ainsi : « Riceuete pur Vopera allegramenfe 
e tton mi torcefe il naso, biasimandota , perche ri 
mancliino molte di quelle antiche: che con molla ra- 
^ofie si sono iralasciate. Ma io non posso giA ren^ 
denii conlo cosi minute dt^gni cosa, come forse tor- 
resle; cantentateti che si dia alVingrosso. . • . » 
Aq verso do septi^me feoillel, se lil le prologue 
de I'aoteor, r^duil h Irois octaves ao lieu decinq, 
qui sent dans la premiere Edition. La inacaronte 
commence au huili^me, el en occupe neuf. Les 
farces qui viennent ensuite remplissenl deux cent 
vinpt-neuf pages chifTr^es. L'impression de celle 
edition a *16 faile avec si peu de soin, qu'a la 
pa?c !05, on a subsliluS S huil vers, qui auraiont dft 
y ^Ire plac6s, d'aulres vers, encore r^p(^l6s h la 
pa?e 106, ou est leur vMlable place. Pour rem- 
plir celle lacune, les huil vers omis onl ^16 ajou- 
I6s, S la fin du livre (page 229), 5 la suile d'un avis 
an lecleur sur les faules el omissions ^chapp^cs a 
rimprimeur, Icsquelles sont en parlie r^par^es 
dans deux pages dVrrala, inopriro^es d*un seul 
c6lHes deux derniers feuillets. II esl probable quo 
ces faules nc se relrouvenl plus dans la r^impres- 
Mon du m6me livre, failc ^ Turin, appvesso Sfcfano 
iknzolino^ 1628, pclil in-8^ conlehanl 2ii pages 
• de lexle, mais quo nous n'avons pas eu occasion 
de voir. 



58 

Kote sur la plus ancienne Macaronfe eonnue: 
i Voccasion de celle d'Alione. 

(Voir ci-dessuns, page 24). 

Tifi Odassi (en latin, Typhis Odaxius)^ n£ k 
Padooe, vers le milieu du XV« si^cle, et frtre de 
Louis Odassi, ^crivain aujourd'hui peu connn (1)» 
s'est rendu c^I^bre dans sa palrie pour avoir, le 
premier, compost un de ces po^mes burlesques, 
m616s de latin pur et dc mots vulgaires latinises, 
qui ont recu le nom de macaronies. Cette produc- 
tion, la seule que nous connaissions de lui, est une 
pi^ce d'environ sept cents vers, diviste en six 
chants, oi!i il s'est plu a tourner en ridicule cer- 
tains Padouans infatu^s de magie. Les plaisante- 
ries, un peu graveleuses, sem6es ^ profusion dans 
cette sa'tire, excil^rent vivement I'hilant^ des lec- 
tenrs, et le grand succ^s qu*obtint I'ouvrage dans 
sa nouveaut^ donna naissance k une foule d'imi- 
tations plus ou moins heureuses que nous n'avons 
plus; mais personne, en ce temps-IA, nesurpassa 
Odassi. tt tiemo tamen, dit un historien de Pa- 
doue (2), eo carminis genere, omnium judicicK lepi- 

(1) Tirabofdii (Storia delta Ittleratura Umtiana^ deuxi^nie 
^dit. de Modiiie, VI, prem pari, p 55, A U oole) cite plu* 
siriiri oiivrage« de Luuis Odassi* 

(2) BernardtHi Seardeonii d§ antiquitatt Krbi* Patavii ## 
elan's eivibus polav*ntt libri Iret ; rjHsdtm appendix de #e« 
pulehtis exterorum Pulaoti jaceniium. Basilcs, Epitcopius, 1560, 
in fol. p. 83S el 533. 



59 

iius usas est, neqm qui profundiores chachinnos 
excutiat quam Typhis; et le rndme liistorien no 
craint pas d'ajoaler: Merito ergo fsi conferre exem- 
plum Uceat) tantum huic nostra civi maccaroMBum 
carmen debei^ quanium heroicum Yirgilio, et Danti 
out PeirarchiB rernaculum (I), n Cependant, calte 
plaisanlerie, bardie et licencieuse, rencootlra plus 
d'QQ censeur; et i'auteur lui-m^me, devenu plus 
scrapaleux k la fin deses jours^ ordonna,sur son 
lit de mort (en i488?) qne son po^me fAt livr^ 
aai flammes, de pear que la lectare n'en devtnt 
trop poblique et n'occasionSt du scandale. Toutefois, 
celte sage pr^aution resta sans effet, s'il est vrai 
qne» comme rafiirme Fbistorien d^jk cil6, ce m£ine 
oposcnle ait ^l^ r^imprim^ plus de dix fois, et la 
a?ec d^lices dans toute I'ltalie. II est neanmoins 
assez probable que la grande macaronSe du Pseu- 
do-Merlin Cocaie, celte ing6nieuse plaisanterie, 
ou noire Rabelais a puis6 si libremcnt, et qui 
a en des Editions nombrenses (2), aura bientdt fait 

(f) Ce qae dit ici de noire Odassi, eo pro$e« le biograplie 
pedoaao, Foleago, daos uo acc^i d'orgueil poblique, n'avail 
pat craiol dc le dire de lui-ro^ine^ en vert, 1^ la do de sa 
troisUme macaroa^e. Voyez Herlini Cocaii Opera, ^dit. de 
if9S, p. 79. 

(t) La premiere esl celle de Venise , in oBdibug Atexandri 
PiffoniHi. Kai lanua, h d. xvm , pet. io-S" aloogd contenant 
4S feaillets pr^liaiinaires et 119 reuillels non cbifTr^f. lira- 
boacbi I'avait d'abord aanonc6e sous la date de 1519, dani 
■a grande bittoire de la liU^ralore ilalienac. IJ i'eat ensuile 
c4Mrrig^ dans la. deuxieme 'edition de oci ouvrage; mais , ue 
faulaol pas paraltrt s'^tre tronip^, il a donn^ U ioexaclement 



1 



40 

n^gligor riienrcux cssai du po5le padouan, car il 
s'cn osl k peine conserve quelques exemplaircs 
jusqu*^ nou^, el les bibliographes n'cn client, d'une 
mani^re cerlaine, qa'tine seule Wilion, celle qu'a 
d^crile le docle abb6 Morelli, dans la Bibliofbeca 
PinelUanay \\, p. 456, ou il dunne § celle pidce 
le lilresuppos^ de Carmen macarotiieum de Patarini$ 
qtiibusdam arte magica delusis, qui en cxprime net- 
temenl le sojel (l). Celle Milion in-4^ de dix feuil- 
Icls seuleraent, imprina^e en caracl()res semi-gollii- 
ques, vers la fin du XV« sitcle, parall bien 6lre 
la macaroni^e de fori rieille lettre don I a parlfi Ga- 
briel Naud6 dans son Mascarat (2), roais que, par 
orreur, il a qualiflde de Macaronea ariminensis. 
Comme ce savanl bibllolhfcaire cilail IS de rac- 
raoire, el que probablemenl il ne connaissait pas 
Odassi, il aura confondu I'invcnleur du genre 
macaronique avcc Gnarinns Capetlus Sarsinas, au- 
leur d'une aulrc po^me du mfime genre, effecli ve- 
la tlate de 1318, en ajoulaiit que le mois tie Janvier 15IS d^ 
prnil <le Tann^e 1519, iiou\e:iu i»iylc, ct que, par eon$<}qucnt, 
I'^dltion e»l fflTfChviineut de I5t0. 

(I) Panzer, aprCs avoir cite relle 61ition^ sous le m^nie li- 
tre, dans son Ionic IV, page ICO, n* 8S:', I'a iiidiqii^e de nou- 
veau, maii saus liire, dans $ou lume l\, pnjze 33 >, n* iHI b, 
rt it ne s'lsl pis apcr^u qu'il s'«tgi.«sail 1.^ du po6ine d'Oda- 
xiuf, d^j^ cild par lui. 

(?) Plus rkactemenl : Jvgrmrnt ih teul ee ^ut a #V impri-* 
ni^ eonlre le cardinal Mizariiiy tirpiiit h 6 Janvier juMqu*d la 
declaration du V arril 1019, in-4*, pages IZt el suivanlrs. 
Ce |it>sage curie.ix de Naud^ rsl b fotiree on onl puis* pre* 
squff tons eeux qui, drpuis iui^ oat par!^ dcs niae.trvn^f't 



mcnl imprime h Rimini on 1»26, et devenn au* 
jonrd'hui fori rare (1). M. Peignat,en parlant des 
vers macaroniques, dans ses Amusements philolo- 
giqves (2.* ^diiion,page H3), s'esl aperga de Fer- 
reur de Naad^; mais, en cherchant h I'^viler, il 
est tombi lai-m^me dans one autre m^prise: il a 
sappos6 que le Carmen macaronictm d'Odassi avail 
M iinprim6 vers 1490, a Rimini, viUe od, selon 
toole apparency I'art lypographiqae n'a pas M 
eierc^ avanl 152f; et il lui est 6chapp6 de dire 
qae celte macaronte, iraprim^e, selon lui, en lft90, 
ponvail bien n'6lre pas anltrieore k celle de Fo- 
lengo, qui comme on le salt, n*est venu au monde 
qu'en 1493. Au resle, M. Peignot n'csl pas leseut 
que les expressions ^uivoques de Naud6 aient 
indait en erreor, et il est, sans doutc, fort excu- 
sable d'avoir parl^ un pen l^g6rement d'un ou- 
vrage qu'il n'avail pas sous les yeux. Aprfes avoir 
indiqu^ la plus anciennc de toules les macaron^eSj 
W noas resle h rechercher la veritable significalioa 
dc ce mot; el c'est co que nous allons faire en peu 
de lignes: car, sans nous arrftler aux explications 

(l> CV»l on volume p^lU in-^* , dc 27 feoillcls en loot, 

•ya«l pour t!tre: Guartni Capelli SarsinaltM ilueharonea im 

Cafritjiwai Camago0e regem eomposila mitttum dtlnrinkilis ad 

iffenduM , ct cominruraiit par cei qoatre vers, qui servenl 

d'argumenl au pririnier livic: 

Vorlatur galafronti guerrwn, a matre Cabrinut 
\t geratj in barcam monlai cum genie pulita, 

Cabrinuit iolut remanef^ luen\fue nrgantur 
Sotdati^ frrtnr VhHomentB ad Icela Cubrinut^ 



43 

plas ou moios ing^nieuses, plas on moins conlra- 
dictoires qa'eo ont donn^es les pbilologues, et qae 
le doctear Genthe a r^uni^s dans son Histoire de 
la poSsie macaroniqnef pages 61 & 74, noos nous 
bornerons§ exposer iciun fail remarqaable,auqael 
personne, k ce qu'il paratt, n'avait encore fait aU 
tention. 

Le principal acteur de la macaron^e d^Odassi 
est UD fabricant de macaroni qui, d^s le d6but da 
po^e, est mis en sc^ne dans ces deox vers: 

En unui tm Padua nofut ipfcialt eu$»nu$ 
in maeharonea prineept Sonm atgue magiiter, 

Ce qui, selon nous expliqne sufQsamment et fa 
litre de Maeharonea, que porte cette fac^tie dans 
Tuition in-S^' qui est sous nos yenx, et le nom 
de macaronique, donn6 au genre de burlesque dont 
cette m£me fac6lie paratt avoir M le module. 
Cette explication n'a rien de contraire, d'ailleurs, 
k celle que Folengo, lui-m6me, nous a denote de 
la poteie macaronique, dans son Jpologeiica in 
sni excusalianem, morceau plac6 h la t6te de plu- 
sieurs Editions de ses oeuvres, et ou il s'est expri- 
m^ en ces termes: a Ars isla poeiiea, nuncupaiur 
maearonica^ a macaronibus derimia^ qui macarth 
nes sunt quoddam pulmenlum farindy casech botiro 
compaginalum, grossum^ rude et ruslicanum, idea 
macaronices nil nisi grassendinem ruditatemy et 
vocabulazzos debet in se continere. «> 

Terminons cette note par la description d'aoe 
Mition d'Odassi, rest6e jusqu'ici inconnne, et dont 



43 

Iteemplaire qae nous possMons se Iroare reiii 
arec le Gnarinus Capellm de 1526. C'est un petit 
m-80 de 16 feoillels non chifTr^, imprim^ en ca- 
ract^res ronds, et h vingt-trois lignes par page; 
le litre porie les seals mots: la MachcuroneOy divcc 
Boe Yip^nette grav^ en bois, ot est representee 
la jostlce assise, et ayant deax lions h ses pied$. 
An bas se liseot les deax lellres A. B., mono- 
gramme de rimprimenr nomm^ h la fin da livre 
dans UDe soascription ainsi congue: 



Jmpreiium Venetit'f per Alexandmrn 
de DindoHttm 



Cette Dillon in-8® n'a point de date; mais elle 
doit avoir para aa commencemenl da XVl*' si^le; 
c'est-i-dire quelqoes ann^es apr^s rin-4^ L'aateur 
n'y est nomme qae comme dans la premiere edi- 
tion, savoir, au premier vers da quatrain (tetrasii' 
eon) qui precede rintroduction,^et que voici: 

Sei muetor Tjphii leameuM atque parenzui, 

Ce m^me vers est rapporte , d'ane mani^re in- 

exacte, dans VEneyclopidie de Diderot et d'Alem- 

bert, k I'article Macaronique (edition in-folio, iX» 

page 7d6), o\x on le donne h tort poor le premier 

bexameire da poeme de Gaarinas Capeilas, d^a 

ciie. Par maltiear, ce passage de VEnqfclop^die^ 

plus faalif encore qae celai de Naade, a induit en 

errear F16gel (Ge$chich(e des BurleskmJ et son com- 



palriole le docteor Genlhe, aalenr de VHisioire 9e 
la poesie macaronique. Ce dernier reproduit aussi a 
la page 285 de Touvrage cll6. sous le nom de Gua- 
rino CapellOy riiexamdlre d'Odassi, que cetle fois 
il rend ainsi: 

Est auclor m Typhis Leonieus atque pabajiiiis, 

apr^s Tavoir donn6 correctement h la page 207 da 
m^me ouvrage. 

Voili comment unc erreur assez Ifgirc de Nau- 
d6 sVsl aggrav^e success! vement sous la plume 
de compilateurs inallenlifs, au poinl de d^naturcr 
cnlierement les fails, el de rendre indispensable 
le recours aux originaux pour relablir la v^ril6. 
C'est ainsi que les r^cils les plus inexacts sonl 
journellrraent adopl6s el reproduils, avec une con- 
flance sans borne, par des ^crivains, fori cslima- 
bles d'aiileurs, mais si faciles en fail de critique 
bibliographique, qu'A IVxcmpie du noble auleur 
dcs Analecia biblion (\), ils se conlenlenl de Irouvor 
rS-peu-pres, el de ne pas se Iromper loul seul?j. 

Dans rhisloire lilteraire, plus que dans loutc 
autre branche des sciences, il y a sans doule des 
pctils faits si peu imporlants, en eux*m^mes,qu'on 
penl fori bien les n^gliger sans inconv^nienl; roaU, 
quand on fait lant que dVn parlor, aa moins 



(1) Voir Ic DttUelin dm tibiiophihf public dies Tccbrner, 
i* ferity page S5 dtt Analteta* 



45 

buUil Ucher do le fairc avec exacliludc, et do do 
[^ reprodaire aajourd'hui de vieilles erreurs qui 
oot d^j^ Hb pins d'nne fois relevtes, et qa'an pea 
d'alteatioQ terail fac'ilemcnt 6viler. 



FIK DC 1«A. :iOTXCE. 



o(uuve0 ^e lacteur 
nt lauflue francobe* 



V 



s=s: 



Ice recoeit ^ue (ejg cifo^ens bast feireni z 
(eur (h£C borUans a sa ia^euse enfre ^uanf t( 
btsctnM oi ifa(ie fowc (empnitM be naple^* 
Aic^uel 1(5 jresenterenf un^ grant geant ac- 
armpgnie be ^uatre cenis WimeiS sauvatges 
tou6 armei be {eui((e;3 pur (e sert^ir a (a 
bide etnpriTi5e. 

Dico roy des roix* filz de vierge bonnouree 
Et ioas les sains de la cellesle gloirc 
Vueillent descendre de la ioyeuse entree 
De toy franc due en ceste ta contree 
Et toy prester faveur ^ace et victoire 
En (ous tes faiz. tant quil en soit memoire 
A toQsiours niais. £t qui mal te praticque 
Soit confonda comme einnemy publique 

Pour toy servir. nous et nostre pietaille 
Sommes yssuz de la forest obscure 
Armez de verd sans autre harnas ne maille 
Requerans' mars le grant dieu de bataille 
Et neptunus qui la mer prent en cure 
Que ebacun deulx a toy guidcr procure 
Pour acherer ta glorieuse eniprinse 
Svr les ytaalx qui desirent franchise 



BO 

(iT9m ei pelits aggravcz de soufTranee 
Tres disposez a noeuve seignoveyc 
Autre salut nesperent que de franco 
Pour reprimer lextreme oultrecuidancc 
De leurs tyrans et rebel Ic maflnye 
Quant ilz vcront ta haulte baronnyc 
Et desploycr ton estandart luisant 
Cliacun vicndra soy rendre obeyssant^ 

Nous tes subgetz. prince debonnaire 
Ne sorames pas instruiz de novcrerure 
Que ne saichons a ton droit satisfaire 
Nc revcrer dont bien nous doit desplaire 
Comme apparlient a loyal geniture 
Mays quoy que soit. vrais fraiicois de nature 
Nous trouveras aussi bons qua paris 
Ayans en coeur la francbe fleur de liz. 



PiMS. 



} 



. I ' 



Ice vo^^e e{ con^uesie ^e cWteftKuUtesme 
ro^ ^e France jsut (e x(^mime W Meaples* 
• et «a iricfoire be fournoue* 



Frans champions qui par succession 
Possession lenez*doeuvre belicque 
Dooilnatears sur toute nation 
Deffension pilier protection 
El mansion de la foy catholicque 
Notez iexplicque nng hault pas carolicqoe 
Sot litalicqne a Tostre honneur et gloirc 
Les baultains faiz sont dignes dc memoire 

Neapoli tains iadis feurent branlans 
Et rebellans a leur roy magnanime 
Du sang francois. si feurent appetians 
Roix oaliienans en siege eulx hostellans 
Sobgets pellans dont alphonse est Inltime 
Lui Ion intime en estre hoir legitime 
Charles Imitiesme et defTunct roy de france ^r 
DiniuMe acquest doobteuse ioyssance 



52 
Roy Charles done a qui ne fault tutem* 
Ne curateur emprend soy transporter 
Conlrc alphonslns en personel acteur 
Esperateur en la divine liaulleur 
Estre vicleur et naplcs emportcr 
Qui) doit porter en liltre et rapporlcr 
Non supporter qualplionsc yait acquest 
Bon appetit vault bien ung saulpicquet 

A celtti temp^ ung more ou ludovicque 

Par voyc oblicque a mi Ian gouverna 

Son nepveu due coniplainte en Ost publicque 

Pour lui sapplicque alphons mais lost galique, 

Sa virilicque emprinse destourna 

Trop sciourna car le mor sinclina 

Et tant donna quau roy sut grant mignon 

Gormant ne veult au trenchoir compaignon 

Au paravant aux gaulx eut compose 

Bien dispose dobeyr rcservant^ 

Silz passeront quit nesoit depose 

Ains sceur pose. Qui quen ait bien use 

Mon prince osc Orleans vint devant 

O lost suivant Jemprinse mist avant 

Bien tinl couvent au mor quoy quil lui gric?e 

II fault nagier selon que le vent Here 

Tost Tint apres &0S gaufx le souverain 
A puissant train en barbe de lempire 
Le mor traicta comme a cousin germain 
Qui moult humain se tint iuaquau derrain 
Doubtant le train dalphons quil ne lempire 
Trop a grant tire approiche el lui porte yre 
Si se retire aux gaulx pour y respoiidre 
Nest pas t^usieurs saison de brebts tondr« 



■ 53 
Des cstandars premiers fat Ic desploy 
Pi|r lost ^aploy. vers gennes a rappaHle 
Orleans fist illccq terrible expioy 
£t lei chapploy de sauldars ct peuploy 
Quen piteax ploy rcmaint toate alpbonsaillc 
Qui peat en saille Fredric passa par maille 
A pied sans maille et fregosin nous restc 
Sor madostrus chiet toasiours la bisscsle 

Le roy passa vers milan sans dcbatre 

El pour esbatre essaya son estoeq 

Sur florentins quil submist sans combatre 

Car a lembatre afin de les mieulx batre 

II fist ^bbatre a pise le marzocq 

Et print leur rocq sarsanne en moins dun cboeq 

Celine cocq et hicques la pamthere 

Qui pisse cler na besoing de clislerc 

Florence vouli Alphonse entretenir 

Gaulx courts tenir et pour gaulx se monstrer 

Si pleut au roy ce fort pas retenir 

Pour ladvenir et florentins pugnir 

Quao revenir ne peussent caleitrer 

Quoy qua lentrer pour sa grace impetrer 

Sans plus neutrer payerent la menestre 

Difficile est bien servir plus dan maislrc 

Puis passa lest sans offendrc a preudommc 
A franc viz dbomme. Alphons clias£e et porsuyt 
Mordan fut prins dassaull <^n moins dun sommc 
Et miz a sorame. Et don ferrant en somoie 
Qoon ne lassomme o son est qui le suyt 
Fut lors rcduit dedans romme ou sans bruyt 
Print saulfcoaduit du roy pour en sortir 
Foyte vault mieulx qualtandre el repcnlir 



u 

Damp pape honleux an roy list oureriare 

De sa dotare a miracle evident 

Chut ung grant mur a demonstrer liniure 

Qui le pariure et de nouv4el]e coniure 

A ce qui iure a franco estre accordant 

Et dabondant au roy faire entendant 

Lui cdtre aydant a romprc lalplionsec 

Soubz beau samblant coniure ont layde pensce 

Calhellan ful ce pape en coeur et mine 
De double mine et gaulx faint- assister 
Le roy sen part vers naples sachemine 
Alphons fulmine il muse il examfne 
Se par famine y pourra resister 
Vers laccoster fourraige fait gaster 
Pays fuster ny scet autre confort 
Caulelle vaille et non pet a la mort 

Francois se sont par le royaulme espars 
Ainsi que spars sans attendre a deman 
Duchiecz conlez ont prins villes et pares 
De toutes pars. la nul de ces langars 
Naplois faulx gars, y tient piet soir nemain 
Tout ItBur remain tira de main a main 
Vers saint germain pas aspre et merveilleux 
A tout perdre na que ung cop perilleux 

Alphonse illecq tantost fu confondu 

Mai deffendu ia feust il trepuissant 

A son chier Glz la couronne a tendu 

Plus atlendu ny a comme espcrdu 

De coeur perdu, tresor print en passant 

Nef cut chassant. La mer fut ravissant 

Naples laissant labroz pnille cl ctlabre 

Pour non ployer voit on choir maint gros abr« 



m 

Alphons party Marran plus nj converse 
Capua et verse onl to^t faU leur traictie 
Cayetle aprcs et naples la diverse 
A gaal\ adverse, de paour qaon nc Icnvcrse 
A face cnvcrse au roy onl appoinctie 
Et despot nclie. ferrand doiit iay pitie 
Car mal bailie sen tricque a pon de suyte 
Fast cur perdu, moutons sont tost en fujte 

Naples conquiz. Le roy Gst abordcr 
Et bombarder cbasteaux iosnes ct vieulx 
Maint prisonnier veissiez lors desbrider 
Sans plus darder cbacun vint saceorder 
El cMicorder au bon roy qui mieulx mienix 
Jiarons baillieiix restablis en leurs {icax 
Pes grans toulieux ont rabbaty Ihonneste 
Noel crye on tant q«il en vient la feste 

Nc tronverei en escript ancien 

De grecien de latin ne debrieu 

Que roy iamais ne prince terrien' 

Assirien rommain ne morien 

Ait acquiz rien condignc au neapolicu 

He sans tdnlieu trace tout litalicu 

I'ar ie nrilicd en si petit espacc 

Qui dieii trammet va tost et par tout passe 

^\ loing passer. Ne fut sans bardiesse 
Ne sans proesse alpbonse estre domptez 
Roy SI erueun si fier plain dc richessc 
Qui de ionesse en armcs cut addresse 
En cbampfi en presse en voisins trcsdoubtez 
Gens fort ntonlez ayanl ct de nom tclz 
Quentre ipertds sembloit quasi invincible 
A cocur vaillanl nest il riens impossible 



»6 
Nul nc presume alphonse estre surpriBS 
Son lui aprins lo regne ct quil souspire 
De cruaulte ny dolt estre reprins 
Le roy comprins. Bt saulcuns mal apprins 
Ont enlrcprtns snr son tresiustc empire 
Sil les empire on tie le doit despire 
Car dieu Ilnsplre en prenant son passaige 
On doit au fol monstrer quil nest pas satgc 

Quant le mor secut alphonse estre confuz 
II list grans feuz de ioye quant et quant 
Mais en secret fut le premier incluz 
Ou fut concluz roy et rocq estre excluz 
Dytaulx paluz comme il eust- double a tant 
De tout autant en avoir nonobstant 
Que foy constant feust en Tranche couronnc 
Ung franc est franc qui foy na foy ne donne 

La ligue GsL damp pape y conforma 
Qui disforma galicque intelligence 
Espaigne eu fut. saint marc la confer ma 
Saudars fcrma sts colTrcs ^esferma 
Tant quon ferma le pas a diligence 
Blale moseheance envie ouUrecuidanco 
A miz en dance itauix a fole empriaso 
Ona sou vent oy corner sans prinse 

Le vendredi ore bon iour bonne oeuvre 

Le mor dcseoeuvre au due orleannoy 

Quil ne veult plus quil porte la culeuvre 

Et que ast li oeuvre. ou que par guerre esmoeavre 

Len fera mocuvre et laissier milannoy 

Remettre harnoy. Repasscr daulphtnoy 

A grant annoy le soeuffre estre a ses^dicques 

Tous mandcmens ne sont pas iuridicques 



Surprios sans gens Ic bon due couraigcax 
Des oaltraigeux sa cite delTondi 
la feust ii tors de fievre iangoareux 
Homme pour culx se monstra fermc el preax 
Subside eotre eux de francc dessendi 
Riens ny perdi. Novaire on lui rendi 
Dun sault bardi sa.quesle advenlura 
A temps cmprend qui bonne adventure a 

Lorabars despilz Crop feustcs mal eontens 

Bien vous enlends que sans voire secours 

Le Roy bardi a pou de corobatans 

En si brief temps fnt naples conquestans 

Ou cincquanle ans cuidiez guerre avoir cours 

A ses retours usastes troinpatours 

l>e Toz faulz tours. Le bon roy pou si fonde 

Amy de dicu. La figue a tout le monde 

la ne laissa poui^ vous de retourner 
Ne de tourner son front conlre vos dens 
Naples ne voult sans guardc liabandonner 
Ains ordonner bon ost y seiourner 
Et ne amcner que buit mil liomnies aydans 
Gaulx tons ardans. de leur corps dedcndans 
Frapper- dedans vous tons vaille que vaille 
Bon cuisinier nesbahist de poulaille 

De naples part paisible ct resioy 

Ayant ioy du regne a sa plaisance 

A romme vint ou pen fut conioy 

Que sua nony fut damp pape ou fouy 

Non desfouy ditalicque aliance 

Pou dasseurance y prenez gent de francc 

En grant souffrance a miz romme et sa terre 

Mal va quant ders se meslent de la guerre 



88 

Lc roy drcssa son relour rcra savoye 
Prcnant sa voye au pas du premier amble 
Trop bien savoil que lallendiez en voye 
Mais quoy quil voye cu ricn iic se devoyc 
Dieu le convoye il passe oa bon liii semble 
Tesmoing pontramble ct thuschanelle ensemble 
<jui Icur ressamble il aura male estraine 
Cbicns riboteux nont pas la teste sainc 

Pontramble fut des suvices demolye 
Par sa folie avant les oppressa 
Ulecques sont les alpes dethrurye 
On ny cbarye harnoiz nartillerye 
Par industryc a fors bras tout passa 
Le roy deca vers fourneuf saddressa 
Bonne addresse a se gard qui lc traveille 
Le chicn dormant ne doit oq mettre en veiHe 

Petillan qui des Naples eut gaulx suiviz 
Tourna 4e viz. au l>esoing les trufant 
Vers vous tira ionant dylaulx euviz 
Puis ne le viz. trivouls eut raieuldre ad viz 
Gaulx asuiviz dont il est triumphant 
La vint bruyant sur eulx le mantthuant 
Premier fuyant quant senty leur pointure 
A ieu dhazart vault sens moins quaventure 

A fourneuf done armez com saint michault 
Vintes tout chault a course de roncins 
Sur le bon roy de france a qui pou chault 
De vostre assault la firent en ung sault 
Le soubresault voz Irippes et bacins 
Voz larrecifis remaindrent aux francins 
Et vous poucins remalntes aux escoufles 
Teiz espriviers ne preat on pas sans moufles 



"^1 



w 



Qaaiit escrlprez qoarez eu du bagaige 
Notes le gaige on gaulx sont satisfaiz 
Voz mameliiz albains ung ort mesnatge 
Leur personnage ont fait snr somine et paige 
Mais sur loultraige est clieu le pesant faiK 
Bottrreaox infaic. Voz gentz feorrent desfaiz 
Par Yos meffaiz apprinstes a gaalx craindre 
Qui trop embrace enlin peut mal estraindre 

la ne soit il usance a vous itaulx* 
Quen champs morlaulx on vous saicbe attrapper 
Cy loutesfoiz fyrent in leurs darranis saalx * 
Tous les plus baalx barons de vos consaulx 
En folz assaulx se firent decopper 
Cnidans tromper par leur fraulde et bapper 
Le roy sans per sans ce quon le desfye^ 
Fortune tourne et fol est qui sy fye 

Le roy victeur sen rint riens ne sesparme 
Plaisance et parme ung pou sen sentiront 
Laissant de tous la feste en grant Tuacarme 
En doeil en larme a dieu priant pour lamie 
Car plus alarme aux francois nc donront 
Saulfz passeront tout ce que passer ont 
la ne seront par tous traiz de frontiere 
Chat eschaulde resoingnc la chauldiere 

Lors pour purgier vestrc lionte et desconfort 
Et pour an fort moilstrer questes gran gens 
Vous vinstes tous ensemble a grant esfort 
Et foibte et fort vers novaire au renfort 
De Yostre fort, lllecques assiegeans 
Et mort iugeans le bon due dorleans 
Qui fut leans pour plus grant faix emprendre 
Le bon vouleir pour leffect doft on prendre 



Le vaillant due vous ofTry la bataillo 
De stocq dc taille el feussicz pour ung dix 
Garde le prct que de vestre parcq saille 
Dng qui lasaille. Ung pou fcustes sans faille 
En vers rappaille et fourneuf Irop hardiz 
Car des tardifz vault mieulx cstre lousdiz 
. Queslre enlourdiz navoir la pel houssee 
Coeur de putain vergoingnc a tost passce 

Tout quant que pent ou scet faire italye 
Ne qui saley au mor nont prins novairo 
QvLoy que la fain la peste et la boulye 
Lont nial bailye et de gens affoiblye 
la ne loublie. Aussi ne fait a taire 
Que part contraire honteuse a fait retraire 
Dont mainte paire ont mangte les vaultours 
Estradiotz ne gaignent pas tousiours 

Le temps pendant eut le roy tant marohic 
Et remarchie le pays adversairc 
Qui! Vint en ast ie chemin droit marchie 
Dont desmarchie nest ear lors bon marchie 
Sur le marchie de pain fut necessaire 
Pour satisfaire a lost. Ast eut a faire 
Tar tout laffaire iliecq fut descendn 
Larc ne peut pas tousiours eslre tendu 

Le roy se tint deux mois en ces quartiers 
£t voulentiers a quier pour la plus part 
Lost a verceil saecreut cntrementiers 
Darbalesticrs germains hacquebuliers 
Et fors routtiers de franco et daultre part 
Puis se depart le galicquo estandart 
Mieulx que plus tart pour itanix parabatre 
Fcr et fourment faul il de sarson batre 



61 
PoTrcs iombars carcnl belle vesardo 
Une iezarde eost lout miz en desroy 
Gros cl menuz ont pcur quon nc Ics arde 
Qui peut se garde ung seul grain de moustarde 
Leur retrogarde eusl estupe ce crey 
GanUhier geffroy par ville et par beffroy 
De grant elTroy qtji fuit qui caghebardes 
Dague de plomb ne vault cdntrc ballebardes 

Ambassadeurs morisques et raarquois 
Humbles et quois. Lors vindrent enqverir 
Sen la pitic du ^brispien roy franquois 
Italicquois en faisant les pourquofs 
En leurs requois pourronl grace acquerir 
Tant poarquerir scenrent tant requerir 
Et tant querir quon recent Icur ofTrande 
Car dieu ne TeuU du pccbeur que lamenrfc 

Humilite praticque et bons amiz 
Eulx entrcmlz vers le roy gracieux 
Ses inlercstz pay«s cy prins cy miz 
Emprunlz remiz grans dons faiz et trammiz 
Ont en paix miz le more ambicieux 
Itaulx foyreux de voir gaulx enlour eulx 
Sont trop eureux quon la prins a mercy 
Beau traictter a qui dargent est farsy 

Trop mieulx me pleust la paix en tons cndroie 
Son eust aux droix de mon prince eu regard 
Grant coulpe y ont envie et sainte croix. 
Quoy quil ce crois a rompre itauU destroiz 
Fut par ses roix aux frans bon contregard 
Se dieu le gard verrez a mon esgard 
Oq tempre ou tard sa cause en meilleurs fermes 
Eocor ne sont plantez tous les gros termes 



63 
Lombars couars vous estes deslongicz 
£t desrcngiez novairc acreu conseil 
Pour cent mil francs se sont gaulx deslogiez 
Bien Iio&tagiez Ic mor les a plegiez 
Et deschargiez de grant cure et traveil 
Dast et verceil sonssisse en cas pareil 
A lappareil de voslre discipline 
Bien commcncier nc vault qui ne periinc 

Ne dictes plus que sans voye esforcisque 
Nul roy francisque alphonse eust peu casser 
€aulx reviendront sur le mor qui confisquc 
Soubz nouveau flsque a tout ost radde et frisquc 
Pour la morisque a milan commencer 
Recompenser venise et franc passer 
Quau reppasser nait escluse qui tiengne 
Qui peut altendre il nest temps qui ne yiengnc 



FINIS. 



/ 



IcE conc^ueste )e Ut^h bou^iesme xo^ (te 
trance $iit (a chi^bie be Milan Avecq (a Tjfxxnu 
(h( seigneur Iu)at?ic^ue» 



Francois victcurs aux armes dellcguez 

Or sont les guez itauU a vous noloires 

Et ces loinbars a vos droiz sabiugucz 

Lays el ioguez confaz bistrologuez 

Tant qnalle^uez serez lears purgatoires 

Leurs dormitoires moulliers raulx et montoires 

Far Yos victoires (enez en abandon 

11 fault sooiTrir qai Veult estre preudoia 

Mars est francois el francs sont ses guidons 
De ses brandons est lauriflambe esprinse 
Soubz toy loys sur milanois godons 
Tirans bedons a qui tes roidz bourdons 
Et francs pedons ont loy galicque apprinse 
Icy comprinse en eat la iuste emprinse 
Da maur la prinse/et Icsforcisquc ouHraige 
Homme bultraigeui ne peut durer oultrc aage 



Or onl Jo/kibars con^rc moy dispute 

Et despite nous autres astesans 

Pour cc que avons suivy la maiestc 

Tdnt mole^tc mes sens des lautre este 

Quay apprcste contre iceulx mesdisans 

Lombars nuisans de noblesse abusans 

Les vers presens quen brecf vueil cy retraire 

Ou la dent deult faui il la langue iraire 

En ensuivant ma bonne intencion 
Sans fiction et pour loeuvre entamer 
Vouldray premiers metire a description 
Lextraction deuix la condition 
Et laction quilz ont deulx estimer 
Pour intimer quon ne doit presumer 
De gaulx blasmer sans garder a qui plaiso 
Par trop grater, chievre gist a malaise 

A Yous lombars saddresse ma parole 
Ce petit roolle ay voulu concepvoir 
Sur vostre cas atin quon le recolle 
En prainte en mosle. en note en proUiocolle 
A vostre escolle. en fault le double avoir 
Sy pourrez voir quytauix a dire. voir 
Pour loix savotf ne valent gent francoise^ 
Ung hereng sor nest pas une vendoise 

Tristes marris entez a froide lune 
Ou quant on icune estes et (elz vous vend 
La veste dicu portez qui ne fut que une 
Plus de rancune avez que de peccune 
Et foiz aucune a guise de convent 
Ftietes ladvent. et croy que bien sonvent 
Vivei du vent comme font les ploutiers 
A la toussains moins qnatUes qu^riviers 



n 



fi5 
Ou dailies sonl sciublcs tslre encharmcz 
laloax blasmcz. tous estes ad^^catz 
Et Toz nioullers dnt Icurs cons prcfumcz 
Tons atTamez. ragas plus eslimes 
Toas inthimeK en sonl ies prcdicas 
De ca trecas car daracs ne font cas 
De Tos ducatz slramoU dant ne pctrarduc 
:Sacz cl Hiarcbans cognoist on a ieur marque 

Forme d'slre lioms. roidos poor tout polaige 
Sont de tout aagc en vous recommandez 
Long ambuler cracbier rond par usaige 
Kl le visaige cnfle dc quoy iesraige 
Font lomme saige. a voz loix lentendez 
Tant que cuidez follastres inal guides 
Voz culz lardez valoir ung palriarcbe 
Tel est docteur qui na de pain en larche 

Tel rcpresente ang grant melchiscdeeq 
Et bic et bee ea son pontifical 
Qui na de fief la valeur dun rebecq 
Tous font Ulecq grant pompe de pain sccq 
A sobre becq et souffit a leslat 
Dun potestat ou daufre magistral 
Pou de castrat sept onccs dc vitellc 
Tout ce qui luyt nest pas or de coupelle 

Estrc cuidez gentilz phis que dardatns 
Et comme dains on vous tienl a rusticques 
Vous comparez voz gestcs aux rommai ns 
Si vallez moins que tons autres bumaiiis 
Car inbumains sout voz pccbicz anticqucs 
Musars cticques voz coeurs sent caynicqiics 
Mesclians inicqucs el de bastard conroy 
la ne fcrcz dun asne uug palofroy 

ALI0.%E 5 



Quant de troyens rouldrez estre nalifi 
Qui fugitifz Yindreiit en italye 
Cest deneas et de scs appentiz 
Pariure menliz one ne feurent gentilz 
Ainz sont clietifz per qui troie est falye 
En leur hoirye est toute foy perye 
£t tromperie reputee a louange 
Dur est osfer grenoilles de la fange 

Romme et rommains de la sont descenduz 
Brene ung des ducz gaulois les debella 
Pour leur orgueil. tost les eut confonduz 
Pilliez penduz. romme arse et dieux fonduz 
Leurs filz penduz. leurs feme^ Yiola 
Puis sen ralla. Milan de gaulx peupla 
Gaule droit la fist la terre nommer 
En beau iardia bon fruit doit on semcr 

Sautres rommains camil a reengendrez 
A ceulx ioindrcz haninz et pay sans 
Que gliotz et buas onl aussi desgendrez 
Puis se vouldrez tombars dont nom tauldres 
Ont engendrez vous autres mal plaisans 
Glouts de bcsans couars de gloire exemps 
Puis neuf cens ans du vieu tronc ny a fringe 
11 nest esbat tel que de cbat a singe 

Anx armes ont voz rommains satisfait 
Et Ires bien fait mais trop mieux estript 
Francois depuis rommain trosne ont desfait 
Lesquelz de fait tendans au bien parfait 
Ont miz effect a la loy ibesuxprist 
Quilz ont inscript Rommain los est prescript 
Car autecrist y regne et prent acquest 
Le coeur fait locnurc et non pas le cacquet 



<57 
tng grant iacint rostre honneur debaty 
Quant sembaty en iaqucs de la lande 
log nain francois qui franc le combaty 
En champ basty on si bien le baty 
Quil labbaty oultre plat sur la lande 
Les annes rende il la paye lamende 
Son on demande excusez sa folye 
Tel croit yengier sa honte qui lamplye 

Se cesar dit quen gaule il prospera 

Lon proufcra cc non avoir este 

Par ses effors ear gaule o lui tira 

Tel ly lira qui puis en souspira 

Gaulx ennpira soubz umbre damiste 

Quant cut mate par eulx ct reboutc 

Lost redouble dhelveces et saxons 

En trouble estang prent on les gros poissons 

Saxons desfaiz Cesar fut dilligent 
Intelligent a sa cupidite 
Par son barat praticque et par argent 
Devint regent du gaulois pcupte gent 
Et de tel gent veu la comodite 
A tribut prins et supped ite 
Lberedite de maint prince et baron 
Le bel embler fait lomme estre larron 

A soy du tout la gloire en attribue 
Ny contribue. ostun nallobrogaulx 
Dautres citcz le bon loz ambigue 
Qui poinle ague ont pour lui maintenuc 
Et foy tenue en ses guerres totaulx 
Car pou ditaulx cut au regard des gauTx 
Qui nulz egauiz curent en faiz hostillcs 
Ditz de Tanleur nc sont pas cvvangilles 



68 
Tant fist quil meut di|X rommains diiTereuce 
Sans reycrencc et contre eulx desplya 
Mais quant il vid les siens estre en balance 
A piet sans lance. II neut autre esperance 
Quen gent de france. Ausquelz shumilia 
Tant supplya promist et ralya 
Quil enlya romme et ses adversaircs 
Cest au besoing qnamiz sont neccessaires 

Gaulx lont forme premier imperateur 
Procurateur de la cliose publicque 
Auguste apres eut maint compediteur 
Gaulx a grant eur tint qui lont fait recteur 
Tributateur iusquc oultre mer salicque 
Gent dpnt galicque et non gent italicque 
Qui quen resplique ont miz laigle en valeur 
Tel fait lefTect dont autre prent lonneur 

Et si ne sont en gaule revenuz 

Des itaulx nulz trop ont eu coeurs failliz 

Puis que francois illecq sont advenui^ 

Dhector venuz. Au fer francs devcnuz 

Divins tenuz. De dieu roix establiz 

Car du c.iel ilz sur aulrcs anobliz 

Ampoule liz et lauriflambe licnnent 

Regnes sont vains fors ceulx qui de dieu viennent 

Gaulx ont chassie rommains hors de germaigne 
lusquen rommaigne. Apres fait recreans 
Saxons et ghots. petite et grant bretaigne 
Navarre esjiaigne en portant Icur ensaigne 
Ouftre mer maigne en barbc aux mescreans 
Destruit tyrans fidelles secourans 
Et non curans se latins nen font note 
De mauvaiz bccq norrcz ia belle note 



■'•■■■ M"i^^R9i^99^Bl^BR 



Qac fist cloviz que fist charles martel 
Bruit ironiortel pepin roy charlcmaine 
Maint phlen niaint loys maint chaiie itel 
Du frani hostel, maint due soubz leur mantel 
A paine autel eust qui la loy dieu maine 
Ne la rommaine eglen eust poil ne laine 
Sen francbe alaine elle neust eu recoeul 
Proeuve ne fault de ce quon voit a loeul 

Mainte^ fois ont rescoux iherusalera 

Tbir betlilem. Anthioce et surye 

Constantinois preserve du mal an 

Inyfz a len chassie iusqua milan 

Au noir pullen soit qui telle mesnye 

Par tyrannie ou tribut tient en lye 

En italie est la foy maigre et fade 

Dieu soeufire ung temps, puis vient la bastonnade 

Frans ont aussi roys lombars deschasse 
Et raddresse le siege appostolicque 
Lempire lors au dos leur fut troussc 
Puis font laisse. Germains lent ambrasse 
Et tant brasse quor le regne italicque 
Est au publique. Ignoble et magnificque 
Cbacun si ficque et la veult mettre a proye 
Dd cuir daultrui. taillc on large courroye 

Saint pierre en tient sa quote et davantaige 
Oaltre partaigc y ont naples venise 
Milan florenceet iennes qui loing naige 
Aatre lignaige y forge et prent dismaige 
Et quelque horamaige ont senc Itiquc et pysc 
Marquiz marquise et contes quant sy vise 
A leur devise y a plus que dc thieulcs 
Borgncs sont roys au pays des avcuglcs 



70 
Milan compete au roy loys present 
Son pere absent ladlz en fist querdlc 
Mais milan sol de villain tour usant 
Gaulx meprisant en iiavilx sabusant 
Fut conduisant en celle duchie belle 
le ne say quelle esforcisque sequelle 
France en appeUe encor ne labandonne 
Qui Yoit il vit qui soeuflTre nepardonne 

Milan tu vouiz prendre ung lombart aincois 

Quo ung bon francois. grant difference y a 

Franc estre peuz mal usas de ton choiz ' 

Or tappercoiz quelz gens sont esforcois 

£t bien concoips que lors fol sy fya 

Lon te lya. lombart tytalya 

Et tamplya de sel lourde mesure 

On doit tousiours cognoistre ains qnamour dare 

Francisque fut premier de sa maison 

Qui ce blason draconique usurpa 

Apres en eut galeas la thoison 

Qui ains saison.morut pou le prise on 

Centre raison nom de prince ocuppa 

Car tant liappa que ung des siens lattrappa 

Et decoppa. sa fin fut malcuree 

Maulx horns mal temps nont pas longue duree 

leban galeas fut puis due en tutelle 
Soubz la cautelle et regno en languiton 
De ludovic que le more ou appelle 
Qui gratte et pelle. A soy banniz appello 
Feaulx expelle. II a plume loyson 
Tant qua foison ducatz tient en prison 
Sans achoison ne dance il du grobiz 
Mal siet le loup a paistre les brebix 



71 
Plus eat de bruit que ung gtant conle vuarvicque 
Ce ludovicque esforcUqae fdrceur 
Aa roy loys lors due orleanicque 
Maint tour inieque a fait 80ubE ta croniquc 
Pour estre unique a milan possesseur 
La le tint sceur roy charles precesseur 
Son grant teuseur qui le creut comme ung ange 
Nul ne se doit fier de saint qui mange 

Pour ducatz cuide aux iliettx estre compaigns 
Anglois espaings conduire a son tournet 
Si Yult tenir paixet guerre en ses mains 
Roy des rororoains turcs hongre^^ et germajns 
Ne plus ne moins que souffler ou* cornel 
Mais encore nest son cas ferme on bien net 
Quil ne eongnoist sa fortune a venir 
Dieu toll le sens a ceuU quil reult pugnir 

Car Orleans qui regneou' royal tiltre 

Lui fera tistre orraais dautre fusee 

Par franco yront ses rieulx trails en sinistre 

Que tel ministre y est qui admin istre 

Per et salnistre a rompre sa vi^e 

Trop envoisee est sa praticque usee 

Et mal causee a tel roy ne peult nuire 

Apres laid temps voit ou beau soleil luyre 

Roy loys done trammel franc exercite 
Qui sexfrcite. a Milan subiuguer 
Le mor ne dort ains est tressollicite 
Son peiiple incite a tel guerre illicite 
11 mande il cite. II veult gaulx desbraguer 
Pour dirulguer sa force et mieulx fringuer 
Astrologuer fist son maistre ambrose 
Assez remain! de ceque horame propose 



72 
Sd boarsse ouvry fa cocurk'enf spcidacins 
Ficrs eflbrcins my testes stradiotz 
Ces squarce bragues. ces tout fer cds manciiu 
Ces tampestins ces aspres Bataillins 
Ces travaillins facendes caprioll 
Ces fracalos carcagnes manigotz 
Gotz et magotz. chacan sarme ct ferroje 
Tel qua fler nom nest pas filz de iancroyc 

Alixandrie eat garny tresfort pas 
Lui ny vint pas. remiz eqt lestendart 
Au lieutenant son bean fliz galcas 
Son.dextre bras qui de gauiz fist pon cas 
Plus en ce cas eat bruyt quantre et scent darl 
Maint vieu sauldart eut asprc a lance et darl 
Maint fier bedart et maint grant mamelucq 
Tel 6st bien noir qui nest pas Bcteebucq 

Par gaulz la roicbe eut le premier sals 
Cui tost falu tomber iambe levee 
Non autressi tantost fu revolu 
Tirer volu son dan si sen dolu 
En sang polu cbeut toute leur couvec 
La part saulvee a grant corde nouee 
Com gent dernee en ast fa mise a priz 
Dien se dclTend ung sol tant quil est prins 

Puis marchent ganlx vers tartonnc et valence 
Sans rompre lance on les snbiugtie et prend 
Alixandrins rebclles gens dolTense 
Feront deffense. Ilz ont la deffiance 
Mais leur fiance en galeas sc rend 
La <;bargc emprend. villains a guerre esprend 
Couars reprend ne craint trait nc foulgiere 
Combatre 6t perdre est cliosc a tons le|;»ere 



75 

Alixandrins a roncques et inaillons 
Par tourbeillons veissiez. la rosveillier 
Aineois rendront loyaulx bragnes baillons 
Boeofz agni lions qac soiiifrir bottti lions 
lears coullons sur leurs dones billier 
Aa batailler les veolent esinllier - 
Et descoHllifT quencoires ne sont sonlz 
Daroir iadiz mengie levesqoe aux choulz 

FoUe cite a dont ven lost galicqne 

Doeil basilicqne. et tres le villena 

Mais abbatu lenr fort citadellicque 

Leur chef bellicque ains que lassault duplicqne 

Sa virilicque emprinse abandonna 

Plus ny coma, vers monferra to^rna 

La machina la seigneur constantin 

Conbatre vaiiU trop mieulx que faire bustin 

OuTrir lui fait constantin ce passaige 
II nest pas saige en secret au mor ployc 
La demonstfa vers gaulx son bon couraige 
Trop fist oultraige au royal ordrc et gaige 
Honneur engaige et sa foy iaschc employe 
Tant quont le roye. itaulx euniz guerroye 
Plus ne ponrroye excuser telz consaulz • 
Touiours cnfin sent le mortier les auiz 

Monferrins lors: courrtirent comme pores 

Aux ponts et ports morisques desbraguer 

Au more belas durs feurent telz rappors 

Veu qua son corps nesperoit ndlz accords 

Misericords Ny vault plus alleguer 

Nastrologuer. Tresor sans proroguer 

Fist transfuguer. Au rommain roy sen tricque 

Mieulx vault fu>T questre en pourpoint de bricque 



7^ 

Party Ic more et prinse aliiandrie 

Ou il recuidrye a milan eontendy 

Qui veult qui non la francbe scignourye 

Mais quoy quon crie o qui quen pleurc ou rye 

Sans pillerye au franc roy se rendy 

La se foingdy le penple et vint hardy 

Tempre on tardy soy rendre obeyssant 

Lonneur aux roys ia grace au tout pui^ani 

Le fort chasleau f^t atquiz sans bombarde 

A la lombarde ung tour fut la conduit 

Or et quatrins rompirent layantgarde 

Se lascbe garde y fut ie ny prend garde 

Tel fort tel garde au franc roy trop mieulx duit 

Bicn fut instruit qui le rendy sans bruit 

Sanlcun en rnyt ou le porte a mal aise 

II peut mengier du sien tant quil sappaise 

Milan rendue et cesse le desroy 
Pleut au bon roy lui faire cest honneur 
Que dy venir en triumphant arroy 
Naint palefroy mainte dame en charroy 
A grant courroy lencontrent a bon eur 
Grant pardonneur fut Ce bening seigneur 
Moindrc et greigneur tous a sa grace evocqne 
Qui oingt rillain a poindre le provocque 

Bon ordre y mist. Aptes fist son retour 
Chastcl et tour garderont gaulx entre eulx 
Seigneur iebaniaqne y reste a grant pa^tour 
. Se garde^ autour. Milan veult faire ung tour 
Ains saint yiciour car pres tous sent moreux 
Mutins verreux. royaulx ny sont pas deux 
Le meirieur deulx en secret maiche ou groigne 
Nnllui ne peut eeler toux ne la roigne 



75 



Trois mois apres milan se rcbella 
Et rappella le more ct sa lignyc 
Pari gibelline a luy se propala 
Guelfe brania iehan iaques sen ala 
Gaulx trait de la par iorce a main garnye 
Folle maisuye y reste au more unye 
Qui la maynie et gaide a la moricquc 
Le yillain dra guerroye ou quil fabricque 

Gaulx done yssoE sans trop estre esbahix 
Ne poursoyz se tirent a mortere 
Pour recoeillir autres gaulx du pays 
Bytaulx hays. Par tout sont envahiz 
Robbes trahiz. Tartonne eut ung clistere 
Gaulx Tituiiere. Aux gaulx ruyne espere 
Si fault quappere ou marebe saint deniz 
Pour ung pecheur sont mil autres pugniz 

Le mor yenu tantost bon gent darme est 
Aux champs se met landsknechts fait avaler 
Le rommain roy ses bourgoings lui trammet 
A maint armet. yigeve on lui remet 
Assez promet. francois yeult affoler 
Mais i^de aler. et ses pas calculer 
Quau reeuler nait la place occuppeo 
On ne prent pas griffons a la pippee 

Tost eut remix ses bannieres au yent 

II marche ayant novaire fait touchier 

Gaulx qui la sont le yont entretenant 

Et pourmenant leur emprinse accordant 

En attendant la trimoille approchier 

Car sans machier quant fut temps de marchier 

Et de pineher Noyaire on lui fist rendre 

Reculer doit qui yeult long sault emprendre 



76 
Embuschier fist le more huit cens todisques 
Hallebardisques pour Novairc altrapper 
Mais trop cogneuz fcurent ses tours morisques 
€ar nos francisques a bons hacquebutisques 
Ces yoverlisques f«irent envelopper 
Et dccopper. A paine en reste ting per 
A ce soupper eut trop plus chair que pain 
On doit tousiours estlmer^le cpmpain 

Trimoille vint qui gaulx eut en bailye 

En Italy e et les eut ioings ensemble 

Novaire enclot. le mor la se ralye 

Bourgoings supplie. aux germains shumilye 

Mais gens faillye aura quoy quil assemble 

Ne que fier semble. II lui fault prendre autre amble 

Car chacun tremble et nul est qui pourvoye 

Cest tard cioz cnl quant pet a prins sa voye 

La fut le more an prime cognoissans 
Que pou de sens trop avant lent conduit 
Ses yoverlicx. ses bourgoingnons vantans 
Fuerent ce temps francois trop redoubtans 
Tard repentans quon les eut la reduit 
Lors il sans bruyt cuide eschapper de nuyt 
Mais guet lui nuyt. parlout est garde ou postc 
Au deslogicr fault il compter a loste 

Le more encloz usant tour de bretaigne 
Quon ne lattaigne illec se cache et veult 
Faire cntendant quil est en alemaigne 
Qui qui remaigne a guider son ensaigne 
Quon no le saigne accordera sil pent 
Son ost se doeult fam et peur entre eulx mcut 
Qui les promeut aquerir paix ou trieve 
Lumain parler beaucop vault et pou grieve 



77 
Car ic bon roy sa grace dcparUut 
Fut lors content que ceulx du nom bourgoing 
Sorlissent francs sans noise ct sans contempt 
A pou contant landskneclils yront a tanl 
A pie trotant ung hasten Wane ou poing 
Pas neurent soing lombars daler si loing 
Car en ung coing feurent miz en main fortes 
Bon tavernier a vin de maintes sortes 

Sen va qui peut. le mor vise a son point 
Se met enpoint landskinecht est devenu 
Dun grant germain print chaulses ct pourpoint 
Cuidant a point escbapper en ce point 
Mais Vint a point quaulcun la recognu 
Gris et chenu. gaulx Ion prins et tcnu 
Soit bien v.enu raison veult quil demeure 
Cens ans accreu tout se paye en une heurc 

Milan tantost nouvelle en eut certaine 
Sa ioyc haultaine en dolenr renversa 
Qui Cort ses bras qui des yeulx fait fonlainc 
Qui mort certaine attend qui rue enchaine 
La nuit prouchaine. Ascain ny conversa 
Sguelfe engrossa. tout gibellin Irousa 
Feuple laissa sans guide et sans peron 
Tousiours ne ril la femme du laron 

Moult a grant peur milan quon ne latterrc 
Car a grant errc approche le guidon 
De lost francois. mais le bon roy qui ne errc 
Ne veult sa terre ardoir ne reconqucrrc 
Par cruel guerre. Ains change yrc en pardon 
Maint bon preudom requcste en fist adonc 
Se garde done que plus on ny machine 
Aprcs syrop bailloh la medccine; 



1 



78 
Le pour mor dc inagicque a trop sccu 
Qui la deceu car on le maine en franco 
Paasant par ast. Beau prince bauU et corsu 
Pas neusl vouUu. en ast estre apperceu 
Ne illecq reeeu en pubblicque appareace 
Fiere presence eut sa magnificence 
Et grant Constance en tenir gravite 
On cognoist lomme en son advcrsile 

Telz motz eut dit des quil novaire obtint 
Ains quon le lint. Ast ne mescbapra ia 
A pasque y vueil mengier detourte nng qjaxni 
Ce veu convint accomplir. sy advint. 
Qua pasque y vint et la tourte y mangea 
Pas ne songex) sa boucbe au vray iugea 
Quung bon iuge a note que pour yessir 
Ou souhaidier ne fault du lit yssir 

Les roi iL lombars cbarlemaigne a finiz 
A saint deniz lultime desidier 
Fist moisne rendre. Or sont sforcoix liaiinls 
Des mesmes nydz. leurs tribulz infiniz 
A france uniz. plus n'y ont que playdler 
Leur kalleudier ne les peut plus aydier 
Ne leur cuidier. regir. mars ou neptune 
Estals mondains sont subgetz a fortune ^ 

Gennes aussi qui iadiz triumpba 
lusquen caplia. par sa rebellion 
Tant a grate, quor chante. Ela my fa 
Loys truffa. qui dung fort lestoffa 
Dont godeffa leur tour et mer lyon 
lusque ylion a france humilion 
Ung million paya pour eh taster 
Aux orgueilieux voit on dieu resister 



79 
Ung demelrin fut la decapitc 
DoDt cest pite. Trop sceut de leur maliere 
Paule leur daz. recteur de liberie 
Fut esquarte. aux portes depute 
Son chief porta sur une lance Jiaultierc 
Miroir frontiere aux genevoiz gent fiere 
Que plus naffiere user de leurs emprinses 
Avecq seigneurs nest bon mangier cerises 

Pour ce Yous tous lombsq's itallcns 

Sicilliens Marquetz ct florentins * 

Romnriains thoscains senois Bononiens 

Insubriens Manthois ferrariens 

Liguriens lucquois ct pisantins 

Fuyez hutins laissiez tyrans mastins 

Et leurs butins. Au roy vous ycnez rendre 

En temps et lieu fait il bon party prendre 

Gaulx honnourez leur bruit va iusque aux cieulx 

Voz vicieux ialouz corrigeront 

A voz moulllers seront plus gracieux 

Filles et fieulx feront qui vaiildront mieulx 

Que Toz ayeulx no vous car francs seront 

Loy francbe auront et franc nom porteront 

Par comple ront guelfes et gibellins 

Plus vault ung franc que ne font deux carlins , 

la par deux fois est passe le dangler 
Et de legier sans rompre autre muraille 
Mais sau roy fault pour vous roetlre en forgier 
Maille ou gorgicr. plus ny vault hostagier 
Maistre et bregicr dormirez sur la paiile 
Fyer ne vaille en grant tas de chiennaille 
II na que raille en tous quans que vous estes 
Tant chie ung bcuf com cent mil allouettes 



1 



Plaise aux lisans cxauser cy laclcur . 
Si] nest docteur lucan tulle ou virgille 
Au moins est il da franc liz sustcnleur 
Sindicateur de maint faulx invenleur 
Lombart mcnteur. Se la rime est debille 
Ung plus habiile y mette lappostille 
En meilleur slille. II est de tous metiers 
Maistres assez. ct pou de bons ouvriers 



FIMS. 



Bi^ que i^etrait jj^onunaet une jpucetle 
^st au To^ francois a jsen refottr (>e la la^ 



^i((e ))e inan|nan. 



Francois franc roy qhonnear guide el regente 
Ihx^sse tes yealz vers moy qui represente 
U cite da8t 4}ai te Tient humblenieni 
Regracicr. qumi betaille san^lante 
As expose la personme ei<^efite 
Poor restorer notre alfi^anchissemetit 
Tes ancesseurs toiisio«rs beuignemeiit 
Nous onl traicllcs. Ne la sir« auUemefit 
Espere en toy. M^s clefa cy tfe presento 
A demonstrtr qoe generalentenl 
Nes ciCoyem «t moy eoftsequamffleiU 
Arons en coeur dti lit la franche plante 



i|»'^V» o 



L. 



(e f ^on que rog (o^« fist atnener ie aemott- 
lie a (oste( )^e tnoni^^ (e tnaiistre tna(ekif<^ 
en aist apres (a kitailU ei victoire be panbin. 



Lc marzocq suys traitimiz ey dc eremonne 
A tcsmoigner que la franclte eouroiinc 
Lan mil cinq cens neuf. soobz loys doiaiesme 
A laignadel. en may le quatorziesme 
Contre vcnise oblint bairite victoirc 
Lonneur lorgueil larrogance et la gloire 
Du fier saint mace. Illecques trebucha 
Dalvian fut prins. peliUan dcsmdrclm 
Ses yieulx souldars. Albains et mameluz 
Gisent la frois. qiiinze milliers et plus 
Trivy carvaz crcmoiuic creme et brcsse 
Fcurent reieintz a milan leor maistressc 
Vinccncc apres. Aussi reronne et pade 
Fist le roy melt re es mains dc kimbassade 
Dc lempereur qui lors fut dc sa ligue 



83 
Damp pape ingrat qoi puis lui fist la figue 
Ferrare manle et leurs aatres consors 
Renrent leur lerre. et naplcs toos ses ports 
Poar tant o vous itaulx se mc crerez 
Centre francoiz ia plus ne fringuercz 
Car quant youldront nonobslant vos carlins 
Tous francs serez guelfes et gibellins 
Souliz le franc lis. qui regne et regnera 
Qui yeult sen rye. et pleurc qui pourra 



FINIS. 



=3= 



£n cimune c^mU "Ua vtx» qui jBensin- 
venl « fr<m»m par lecire^ nicm<ra(<«. Ian 
que U cWciS pienctotmeejs jsont avenues 



Charles franc roy passa luy et scs gauU 
Le moncenis en barbe des itaulx 

Mcccclxxxxiiii. 

Charles cest an passa les mons 
Et dechassa de naple alphons 

Mcccclxxxxiiii. 

A fonmoue ont lombars sentu 
Se francs ont deux couHons au cu 

Mcccclxxxxv. 

O vous itaulx notez cy yerrez Ian 

Que francois prindrent vostre due dc milan 

Mccccc. 

Calculez cy. vous trouyerez aux dois 
Quant roy loys embrida ienncvois 

Mcccccvii. 



L^& roy firafic a kignadel 
Cbassa saint marc pres au bordel 

Mcccccviiii. 

Delez ravene ce scet on 
Lcschecq et mat eat ian gippon 

HoeccciUi. 
Francs lez rarene ce scet on 
Foulerenl marc et ian gippon 

Mcccccxii 

Cy en ast Marrabois et snyces 
CesI an farsireni leurs pelices 

Mecccexv. 

L'of^oeil et pricques en cest an 
Laissa lost suyce a marignan 

Mcccccxv. 

Orgnoil el (rtppes en eesA aa 
Cfaierent svyces qlicv milai^ 

Mccecexv. 



85 



i^-^"*< 



Icouan^e au mar^uij )e monferra 
siux SOL con^uesfe i^ancise* 



Prince excellent. A louange eternellc 
Tu as conquix la tressuperbe ancise 
Oddon Baddon pere et filz dune prinse 
Cheaz en tes las et toute leur sequelle 

Oultraige orgueil. les a days a fin telle 
Non estimans ta proesse et yaillance 
Or sont leurs corps an rent qai les balance 
Lonneur a toy lexeniple a tout rebelle 

Ancise plus naura tour ne tournelle 
Quoy quelle feust desi fiere apparance 
Quantre seigneur. Ne exercite de f ranee 
Nont enireprins den taster la querelle 

O monferrins. puis que mars yous appelle 
I^issiez voz beufx; endossei la pancierc 
Et le suyvez. qnor mais yostre banniere 
Sera dressee a fame universelle 



FINIS. 



Ja ^it i>tt &\n^i 



Notez o vous inlelligens 

Usuriers mangent povres gens 

Puis sont mangicz les usuriers 

Des princes el leurs officiers 

Clercs mangent princes et gran$ maislres 

Et pnUins mangent clercs et prcbstres 

Ruffiens apres mangent putains 

Et taverniers mangeul rufHains 

Bellitres et mauvaiz paicurs 

Mangent liostes ct taverneurs 

Et Yoit on puis les mat payans 

Estrc mangiez par les scrgeans 

Et Ics scrgeans mangiez des poulz 

Et poulz da singe, si que nous 

Trourons cnfiii q(ie quoy quon brasse 

Tout par le tvA du singe passe. 



1 



Ci jse rejptk^ue en ifalien (e Mt bu jsin- 
je note cj Levant en {rancaij5. 



Note ben lag ista buga 
Gliusurer mangion la bfiga 
Si son pur gliusure ancour lour 
Mangia da y princi e supriour 
Princi da y prete son mangia 
£t putain niangion prete et fra 
Rufiayn apres mangion putain 
Et tavcrner niangion rufiayn 
Catif pagau pos au derrer 
Son coy chi mangion y taverne 
Et si saran y catif pagau 
Mangia da ysbirry et pellucau 
Eysbiry anfin mangia da y piogl 
Ey piogl dalsumle si cba logl 
Qui se descliiayra pry nosg vers 
Che sia per long o per travers 
AI mond ognun cbi mangia o romia 
Passa in fin prandel cul dla sumia. 



tCluq^tre be UWte* 



II nest esUt plus digne en lieu (errestre 
Que liberte. Ne pour vivre en miscre 
Qnaroir seigneur de qui faille serf estre 

Or que franc suys ia ne fault qoautre espero 
De par amour nautrement me loycr 
Se destinec a ee ne mest austere 

Le franc est fol sil se laisse ployer 

Pour or argent ne pour quelque promesse 

Car liberte rault mieulx quaulre loyer 

Nolloi ne peut aroir bien ne liesse 
Hors liberte. aincois vit a doleur 
Car senrilude est mere de tristesse 

Pour ce iadiE sopbonisbe en sa fleur 

Mort son cpoax plustot se dtsposa 

Boirc renin que prendre autre a seigneur 

E mucins bien demonstrer osa 

Que liberte de tons doit estre amee 

Qoant sa main desire a bmsler expost 



90 
O liberie, au iour dbuy cler semec 
Et chier vendue. On te iioit bien servir 
Car en lous lieux. souvenl es rcclamee 

Cathon vieillart plastot que sasscrvir 
De vouloir franc a la mort sassigna 
. En liberie voulanl vivre el morir 

Drulhus aussi puis que cesar re^^a 
Aalicippa sa morl en exemplaire 
Quen servitude vivre ne daigna 

Et hanibal trahy du grant faulsaire 
Voult senherber. ainsque vivre en lullelle 
Et serf de ceulx que serfz eut cuidie faire 

Dun grant villain ct pour cause autre telle 

Se flst tucr le fier metridates 

Centre rommains faisant guerre niortellc 

Sardanapal qui trouva les pastes 
Esleut pluslot sardoir et morir roy 
Queslre submiz a son serf arbates 

tng roy anglois surprins a Gerberoy 
Ains qua mercy des gaulx cstre en geolc 
8e suspendit au planchier dun )>e/froy 

Les Numanlins iadis gent cspaignole 
Mirent a'feu |>lustot queslre aux rommains 
Eur leurs enfans. eite raeuble et lydoie 

Et dido qui voult de ses propres mains 
Finer ses iours ains que sa cite belle 
Mellre ou dangier du roy des lusi tains 

Qui flst copper aux dames la mamelle 

En amazone. nc combalrc aux fors liorames 

Fors po«r garder Icur liberie fcmelle 



91 
Et noi francoif de qiii descend uz soaunes 
Ne sont ilz pas au fer francs derenuz 
En estirpant des tirans les grans sommes 

• 

A liberie sont aiitres parvenas 

A qui des mains elle est puis escliappeo 

Par )e deffiult des laches sorvenoz 

Le grant sopby ia mainUent a lespec 
Flamengs. aussi pour y vonloir entendre 
Par fois ont eu mainte teste coppee 

Sang et dueatz a saint marc fait espandre 
Pour raflGranchir ce quon iui eut tolu 
Et pour son reghe en libarte deffendre 

Se disrael les filz eussent volu 

A ieor dieu croire et liberte cognoslre 

ia roy ne rocq sur eux neussent esleu 

Ne voult pas iupiter roy faire ct malstre 

Sur raynes le serpent a demonstrer 

Que qui roy a. 11 Iui convient roy paistre 

Liege et dynant ingratz deulr rencontrer 
£n lil^rte et pour trop bault enquerre 
Sont ore exemps de plus recalcitrer 

Sa liberte scet retenir saint pierrc 
Et ses suppostz gouvefner gros et druz 
Que ia ne yeult que roy, naultre le ferrc 

Qui va fourre. qui porte les piedz nuz 

Qui plus qui moins a la teste pellade 

Et tant leur cbauH des rcz que des tonduz 

Plusieurs dentre eulx portent la cherigadc 
Et le btssacq. auxquelz pour lout potaige 
U Iruander mieulx que labour aggrade 



1 



Diogenes aias que payer louaige 
Dune maisen. ne servir atixandre 
En ung tonneaa faisoit son faabitaige 

• 

Aincois se voult ung picard lassier pendrc 

Que marier. na celie estre tenuz 

Qui leust saulve sil sy feust voln rendre 

Que vault aroir chasteaux ne revenue 
Sans liberte qui tout autre honnoeur passo 
Et de qui tons haultains l^ns sont veiiux 

Suyces pour tani ont ilz pas en laudaeo 
Deulz liberer des tributi et puissances 
Des empereurs sur quell se sont fait place 

Pour sa cite iadiz moult de vaillances 

Fist ung pommain qui seni contre bien nuiie 

Garda le pont non eraignant dars ne lanoes 

Et dedalns doubtant vye serviUe 

Fist sempener en tirant devers bise 

Et tant vola quil cheut de crete en aille 

Ung otsellet dedeas sa caige exquise 

la mais ne tend combien quil cbanle et picque 

Qua escapper et vivre en sa franchise 

Pour tant vous recteurs du bien pobHcquc 
Ne me blasmez. La libcAe sublime 
Car par elle est regy le pollarticque 

Et si vault tant que sung coeur magnanime 
La proeuve ung temps puis pert sa compaignie 
La mort souvent plus que le vivre estime 

Ne tant est servitude aspre ennemye 

A ses subictz. quaux autres en tons lieux 

Ne soit tant plus liberie doulce amye 



95 
£t se les sains et les anges des ciciilx 
Comme Ion dit. ne.sont en liberie 
Tant moins sont itz contens et glorieux 
Car qui nest franc nest en felicile 



FINIS. 



Icouan^^ ^ noisire batne en cWi isur (a 
hneur be* jk io»Ui an ci^ne attonjs Ken 



isoweni* 



Gtace soit rendue. A died de la stU 
Pour Iambic marie, mere dc iliesus 
Qui nasqui de vierge. sans corruption 
Et print chair humaine pour nostre raencon 
Et Kyriclcyson 

La viergc marie, navoit que quinie ans 
Quant fut mariee. les gentilz gallans 
La se presenterent* mais dieu fist adonc 
loseph le bon horome. choisir au baston 
Et Kyrideyson 

Gabriel larchangfe. la vierge trouva 
Seulelle en sa chambre. si la salua 
De toy vierge monde. eii brieuve saison 
Le sauveur du monde prendra nascion 
El Kyrieleyson 



d» 



Qdahi Ihumblc marie, lo mcs^igrc oy 
Fut moult Csbaliyc. si lui r<^pondy 
Vecy son anccUe. le ne congnois horn 
Sa Toulenle face, selon ton sermon 
Et Kytielcyson 

Ainsi que rosee. descent en la flenr 
On miroir la face, la pensee ou coeur 
La Toix en la chambre. par telle facon 
Print dicu en marie lincarnaliori 
Et 

loseph et marie, vont en belhleem 

Pour enx fa ire escripre. soubz octavien 

En poTfe habitacle. san feu nc cbarboit 

Voolt dieu plus tost natslre. qnen riche. matsoh 

Et 

Noble cbevaalcbee. descendy seens 
Trois roys qui oflTrirent. or mirrc et cncens 
Puis sen retournerent. en leilr region 
Herodes planterent. le mau?ais garcon 
Et 

Selon la coustume. dn temps ancieit 
Ibesu chrispt porterent. en iherusalem 
Pour loffrir au temple. la fut symeon 
Qui de coeur embrace, le donli enfancofi 
Et 

Le cruel berodes. quant il eut fatly 
Davoir la response, des trois rois ioly 
Par la terre envoye. sergens a foison 
Pour nouveHe enquerrc de lenfant ibeson 
Et 



96 
Sa fureur relourne. sur les innoccns 
II en fist occife. par mil et par cens 
De mort inhumaine. sans remission 
Ihesus pour neant quierent. ne le (rouvcron 
Et 

Car tumble marie, pour sauver lenfant 
Sen fuit en egipte. de coeur tresdolant 
loseph la convoye. neut autre guidon 
Les ydoles eheurent. dappol et damon 
Et 

Au relour degipte Tint en nazareth 
La rierge marie. Ihesus et iosepb 
Trente ans apres firent la division 
Car Ihesus approiche de sa passion 
Et 

Sa mere abandonne. le roy souverain 
Saint iehan le baptise, ou fleuve iourgdain 
Les appostres vindrent. a conyersion 
Qui puis exaulcerent. sa foy et son nom 
Et 

De ses beaux miracles, les pliarisiens 
Cayphas et .tribes, nc sont pas contcnj 
Centre lui machineni. la grant trahison 
Tout le peuple. raoeuvent ea sedition 
Et 

Ces iuyfs infames. lui firent honneur 
Le iour des olives, puis vint la doleur 
ludas vend son maistre. le traytre fellon 
En croix le pendirent. enlre deus larron 
Et 



97 



Sa mort accomplic. descend en enfer 
Les portes rompirent. maugre lucifer 
Ses amit eramaine de celle prison 
Adam nostre pere. et se» compaignon 
Et 

La tierce iournee. diecuresuscita 
Vint en galilee. la se demonstra 
Sa mere consoUe. marthc .et magdalon 
An iour qaaranticsme fist lassension 
Et 

Apres hii marie quatorze ans yesqut 
En dueil et tristesse. puis lame rendi 
Angles la porterent. en possession 
De la gloire haultaine. la la trouveron 
Et 

O vierge marie, quant viendra le ionr 
Quen ta .compaignie. serons a seiour 
Tu es la fontainc. de salutation 
Et de grace plaine. dominus tecum 
El Kyrieleyson. 



FINIS. 



ALmxE 



\ 



Auhe (oiutn^e a nostre ^atne isur (obse-- 
aa et aux la fencur be Wnj {ranc arcliieT 
btt ro^ par c^ jpassa* 



Obsccro te Marie cscoute moy 
Car devanl toy. est ma cause evocqnee 
Merc de dieu. l^rincesse colocquee 
Ou ciel la sus. deles ton fiiz Ibeson 

Qui souffry passiou 

Tu es aussi. mere des orphenins 
Tes yeulz benings. ont leur douke risee 
Sur tous afin. que soyes reclamee 
Car on ne peut. de paradiz le don 
Ayoir se par toy non 

Tous desolez. a toy sont recourrans 
Et les errans. de voye bien eurec 
Seront dressex. par toy yierge bonnouree 
lusques au port de consolation 

£t de remission 



90 



r 



Dieu enroya. Larchangic Gabriel 
Loisant. et bel. en ta chanibre parce 
Pour tannmicier. de Ibesucrist lentree 
Eo ies douiz flans et lincamalion 

Par salutation 

Ante partum virgo et in partu 
Post partum tu. Remains inviolee 
Sor tontcs fleurs. la rose immaculce 
Et le salut. In te speranlium 

De bonne intention 

lojeose fuz. quant dieu tins en tes bras 
Mais puis helas. par trop plus tourmentee 
Qoant to sentiz. la dure rapportee 
Qui! fot rendu. Par la grant trabison 

De iudas Ic fellon 

Poor nous sanver. fot dieu miz sur la croix 
Mats touttefoiz. la grace est dispensec 
Ao repentans. et loffens^ cassee 
De loos pecbiez. a la relation 

De toy flos virginum 

Qoi est cellui. qui pourroit exprimer 
Ton dueil amer. Ta piteuse encontrce 
Qoant ibesus viz. de la gent diffamee 
Traynner a mort. pour la redemption 

Dbumaine nation 

maria. Pour toules les doleurs 
loyes et pleurs. qoas eu de ta portec 
le te sopply. quil te plaisc ct agree 
Noos conforter. en toote affliction 

De tribulation 



1 



100 
Nos cnnemiz. lucifer et saihan 
Pourront a.tant. dormir la matinee 
Quant ilZ'Sauront. toy viergc estre inclinee 
Devant ihesus. £n intercession 

Pour noslre offension 

Concorde et paix nous faces impelrer 
Et penelrer noz coeurs dhumble pensce 
Tant que ppissons a porte deffermce 
Monter en la celeste region 

Quant de cy passeron 

A mon trespas. Donne moy ferme espoir 
Que puisse voir, ta face illuminee 
Puis au partir de lextremc lournee 
Du iugement. sil te plaist vierge adoncq 

Soyes tiostre guidon 

Demonstre enfin. que sommes tes cnfans 
Et nou deffens. de lobscure valee 
Que la ne soit. la povre ame avalee 
De tes servans qui par devotion 
Diront ceste dianson 



fims. 



Autre ioMStn^t a woisfre Bame but (e sat- 
vt xz^xnz ct sux h ietwut be Toule {(cur be 
noliUsse en ^ui man cocur Tej5S0Tf . 



Sa]?e regina mater 

misericordie 
A qui fist. lambassade 

larchangle gabriel 
Ta rcspondiz pucello 

par grant bmnilitc 
Vecy sa povr ancelle 

face sa volunlc 

Nocuf inois porta marie 

ihesQS nostrc saurear 
A lenfanlcr nent mie 

ne painc ne doleur 
Vicrge sest accouchec 

vierge esloit paravant 
Et vierge est demoarce 

apres Icnfantement 



102 



Adara le premier lioiniiie 

noCis mist en grant dangier 
Quant il mangea la pomme 

quil ne deyoit touchier 
Mais a ta bien venue 

naus a dieu rdchete 
Cest bien droit quon salue 

ta haullc maieste 

Tu es nostre esperance 

et nostre reconfort 
Car tu as la puissance 

de faire nostre accord 
Et de baillier quittance 

quant nous aurons fally 
Mais quayons repentance 

de coeur humble et marry 

A toy vierge sadre^ent, 

noz exclamations 
Noz regretz qui no cessent 

et noz orations 
Nous sommes enfans dere 

povres exillies 
Fay que nous ayons treve 

de purgier noz pechiez 

En ceste grant valee 

de larmes et de plour 
Soit ta grace monstrec 

se nous portes amour 
De ta misericorde 

vueilles enluminer 
Chascun qui se recorde 

qua toy fault retonrncr 



103 



Tu nous donras espacc 

de bien noas confesser 
Et de veoir ta face 

avaot le trespasser 
Donne nous aussi force 

conire tes ennemiz 
Afin que Ion sesforce 

dacquerir paradiz 

Et ihesus roy de gloir^ 

ton enfant precieux 
En signe de victoire 

fay nous roir de noz yeuiz 
Apres ceste misere 

Clemens. pya 
Recoy noslre priere 

yirgo maria 



FINIS. 



Autre Uumf^c a nosfrc iame «ur la U- 
tieuT be Yive (e pape et (e )>on rog {rancow. 



maria siella. sault oyes noz voix 
Humble puccllc. mere du roy dcs roix 
Qui sur la croix. dc Ion sang prccieux 
Kous fist la voye. dacqucrir part es ciculx 

A toy marie, vint gabriel disanl 
Ne te soussye. de toy sera naissant 
Le tout puissant. A quoy tu respond iz 
Yecy sa serve, soit fail ce que tu diz 

To vierge en somme. dieu le filz engendras 
Sans congnoistre liomme. vierge ten d^livras 
Vierge seras. vierge es et vierge fux 
Si es la porte. du paradiz la sus 

A ta louange. nous fist dieu racbeler 
Et par son ange. paix en terre apporter 
Si fault noter. que par son doulx salu 
Fut le nom dcve. en avtt revolu 



I0» 
Tu fuz adoDcqueSi commise a nous tenser ^ 
Plaisc toy doncqaes. entendre a dispenser 
Tiostre pcnser. a ta devotion 
Car dieu ne saulve. qua ta relation 

Monstre toy mere, de qui pour nous est ne 
Tant quil apperc. son throsne illumine 
Estre incline a toy vierge obcyr 
Et la priere de tes servans oyr 

Par ta clemence. tc plaise estre a genoulx 
Pour nostre offense, devant ton ihesu doulx 
Afin que nous, puissons estre records 
A ton excmple. destre misericords 

Nostre poursnite. si est iinablement 
En ta conduite. fay doncques tellemcnt 
Que sceurement. puissons droit voyager 
Soubz ton cnsaigne pour avccq toy logicr 

La par ta grace, serons tons assousiz 
Quant face a face, verrons ibesus ton filz 
Tu qui le Hz. Bicn en peus disposer. 
Te serve doncques. qui veult la resi>oser 

An loz du pcre. du filz du saint esprit 
Et de toy mere, soit nostre chant cscript 
Et de coeur dit. esperans quil vauldra' 
En cclle gloirc.- qui iamais ne fauldra 

Amen 






ILouan^e a mnd^ atKerine sur (a fe^ 
neur be Fautfe ^r^ent est boteur non ipa^' 
reide. 



Gaude gaude glorieuse pucellc 
Catherine, qui tant as solistenu 
Pour ton espoux. ihesu quas obtenu 
En paradiz. lieu de seconde ancelle 

De grece feuz. en ton temps la plus belle 
De quatorze ans. iille de puissant roy 
Mais tu laissas. son triumphant arroy 
Pour taccoster. a la liguc immortelle 

Tu surm6ntas. en doctrine et loqaelle 
Tous escoliers. datheoes a tes lours 
Si que tu fuz. et seras a tousiours 
De nostre foy. miroir et la chandelle 

Maxence empreur. en senty la nourelle 
Mander te fist, pour ses dieux adorer 
Mais quant la vins. bien lui sceuz remonstrer 
Son grant abuz. par raison naturellc 



107 
Pour respondre a. tes arguioeiis appelfo 
Philozophes. legistes advocalz 
Mais quant ce vint. a dispuier le cas 
Bien tost les euz. toarnez a ta qucrellc 

An coeor en eut. Maxence yrc mortclle 
Vengeance en print, car lous les fist ardoir 
Mais tu leur Hz. de dieu tel grace avoir 
Que Toulentiers. receureni la morl telle 

Pois Tint a toy. Le tyrant infidele 
Disant se tu. voulois abandonner 
Ihesos quil te. feroit puis couronncr 
En son palais. en la plus hauUe sclle 

• 

Refuz en Gz. si te tint a rebbellc 
Son inpiter. iura mars ct Bachus 
Qoil te feroit. en despit de ihesus 
Martirisier. dune guise aspre et felle 

Ta donlce chair qui tant fut blanche ct frelle 
A graux de fer. fist il lors descbirer 
Ce quen plaisir. pour dieu voulz endurer 

Non redoubtant. paine ou mort corporelle 

• 

Remise fox. en lobscure tournellc 

Par douzc iours. sans boire et sans mengier 

La Tint ihesus. pour ta pjaine allegier 

En demonstrant. quil teut prinse en tutelle 

Le faulx tyrant que lueifer harcelle 
Triste et marry, du miracle evident 
Par ses bonrreaux. te fist publicquement 
Noe amener. comme au bouchier laignelle 



108 
Et non saichant. nuHe mort plus eruelle 
Kaisoirs (renchans. en roues fist ancrer 
Ou mise fuz. mais langle y vinl entrer 
Qui decoppa. bourreau corde et vielle 

Des assistans. eheurent la pelle melle 
Troiz mil et pluz. que langle extermina 
Tu saulve fuz. Maxence en fulmina 
Ma la pour tant. sa fnreur ne rapelle 

Aienoperreiz. fist copper la mamelle 
La teste apres. pour ce quen la prison 
Toy visitant. la fiz proire en iheson 
Martire fut. et porfire avecq elle 

Autres plusieurs. a lexemple dicelle 
Vouldrent morir. Baptesme requerant 
Dleu les recent, dont le villain tyrant 
Guide enragier. mais son dueil en coeur cellc 

Seconde fois. te mist a la couppellc 
Pour tabuser. soubz umbre dc pite 
Nais tu lui diz. vaten vieu rassote 
Ihesus ay prins. qui mattend en sa celle 

Voyant enfin. que ny vault sa cautelle 
Ne ses tourmens. a toy faire branler 
Pen iours apres. il teufist decolcr 
Dieu le permist. pour te mettre a son eslc 

Sy fut le corps, prins dc' la damoisclle 
Et transporte. par angles sur le mont 
De sinay. scs relicques y sont 
Visitojis les. soyons de sa scquelle 



109 
Dieo qui donnas, sur ce mont la parcelle 
De la loy a. moyse ton bregicr 
Ta &i illecq. Catherine herbergier 
Tant quil en feust memoire universeile 

Octroye nous, a la priere dellc 
Qoao derrain iour. que de cy partirons 
Pdissons monter. se bien la ser?irons 
La sus aa mont de plaisance eternelle 



FINIS. 



Clianson beis su^ccs jsut (a Baiaitfe be Ma- 
n^gtiaii ef aux U, teneur be Yene^ au pout 
bes pierres BnijglieUnjs; et y^nUxB. 



Seignears oyez des soyces 
Qui tant font du grobiz 
Ilz ont laissie leurs lices 
Lears yaicbes et brebis 
Venans peres et filz 
Sar ie franc roy de franco 
Largent du crucifix 
Les mist eu ceste dance 

Ce fut quant pape iule 
Les fist ses protecteurs 
Les nommant par sa bullc 
Des princes domateurs 
De leglise recteurs 
Et de ia sainte ligue 
Lempirc et ses trompeurs 
Au roy firent la figue 



Ill 



Leor conductier sc €lame 
Cardinal de syon 
Qui fait bruyre se fame 
lusquau roont de syoa 
II a fait maint sermon 
Pour.unyr cos bellitreg 
Tant qua trouve facon 
Davoir chappel et mittret 

Par monferra passerenl 
En ast Tindrent apres 
Marraboys y trouverent 
Buvant notre vin fres 
Eux ensemble a grans tretz 
En emplirent leurs gaves 
Et pour lavoir plus prcs 
Concbirent en noz caves 

En la povre astesane 
Qoatre mois embuscba 
La gent marrabesane 
Maint bon homme y torcba 
Aui femmes nattaucba 
Montault scet de leur sUlle 
Car ung deulx embrocba 
Le core de la ville 

En la povre astesane 

A mangie maint poullet 

La gent marrabesane 

Et baillie maint souflet 

Piz est que ung sil vous plet 

Caballieros grant roaistre 

Par faulte de mulet 

Vint chevaucbier le prebstrc 



at 

Dast se parti rent suyccs 
Quant curcnt rasibus 
Embaurre leurs pellices 
De melons ct clibus 
Or feront ragibus 
Sur le roy qui savance 
£t feust il belgibus 
Trouver liront en franco 

My passer la montagne 
My macer monteniz 
My brusler la champagne 
My squarcer fior de liz 
My pigler san denyz 
My scacer roy francisque 
My Yoier qua paris 
Tout spreke a la todisque 

Vers pjemont et saluces 
Sadressent a grans flolz 
Garniz de poulz ct puces 
Mieuiz que de cavalofz 
Leurs labours et siflotz 
Par tout ont ouvcrture 
Pinerol iusqua los 
En senty la poincture 

Hz ont prins Ic passaigc 
Mais mal lont retenu 
Car maulgre leur visaige 
Fraficoiz lont obtcnu 
> Lc roy de ca vcnu 
Lcur fist telle vesarde 
Que bien cussent vollu 
Tourner a sauregardc 



Al,»^XTf 



IIS 

A Tillefranche vindrent 
Blarraboys ioindrc au pas 
Francois la les surprindrent 
A Iheure du repas 
Eschapper nen sceut pas 
Seigneur Prospre leur maistre 
Lui et ses sattrapas 
Payeront la menestre 

Snyces lors sesmayrent 
Si se sont deslogiez 
Saigement se retirent 
Tons ensemble arrengicz 
Comme cbiens enragiez 
Sur chiras se vengierent 
Francois les ont chargiez 
A milan se cachierent 

Soubz umbre de concorde 
Messaiges ont trammis 

r 

Au roy quil sc recorde 
Quilz feurent bon amiz 
Encor le seront ilz 
Se pour argent ne reste 
Si que tout fut remiz 
Et la peccune preste 

franc roy ne te fye 
De ces suyces faulx gars 
Car leur foy ie taffye 
Ne vault pas deux lyars 
En iouant de leurs ars 
Vng tour la praticquerent 
Ou milanois fringars 
Leur couraige monstrcrenf 



114 

Trenle mil youeriicques 
Oultre ceux de milan 
Vindrent traynnant leurs picqucs^ 
Tout droit a marignaa 
Cuidans seeretement 
Trouver gaulx en sarprinse 
Mais on a bien souvent 
Oy corner sans prinse 

Sur le franc roy sallirent 
Cornans comme vachiers 
Francois les recoeiUirent 
A guise de bouchiers 
Landsknects ayenturiers* 
Si bien les enlarderent 
Que le moins deulx entiers 
A milan relournerenl 

Vingt mil et davantaige 
De ces suyces mastins 
Sont remaiz en bostaige 
Au lour de ces bauUins 
Plus ne buvrons noz Tins 
Gaulx ont percie leurs trippes 
Au deable les quaitrins 
Quilz eurent en leurs gippes 

Pour leur doeil plus accroistro 
Deux mil deulx en fuyant 
Feurent ars en ung cloistre 
Cuidans estre a garant 
Pou feust le demourant 
Se le roy a sa gloire 
Eust este consentant 
De suyr le vicloirc 



115 



Leur cardinal seo tricque 
Qui remaint la sondan 
Plus ny vault sa praticque 
De preschier a miian 
Laissant maximian 
Deffendre la fortresse 
Mais he la tint pas Ian 
Car irop eut grande oppressc 

Comme saige abandonne 
Cbasteau penple et cite 
Da roy qui lui pardonne 
Sera bien appoincte 
Et par trop oiieulx traicte 
Quen celle brouderye 
Onltre monts est trote 
Vers franee. et tyre vyc 



FINIS. 



ttlian)5(m et complatttfc bunc josnc iiite 
mariec a ung vicitlarl iatoug. jsur (a tcneur 
ilc Mon pete wa bonne wat^ a ^ui la Bar- 
he gxm point- 



Venus a toy ie me complains 
Dun vieu mary quon ma donne 
Rudde iaioux roy des villains 
Au deable soit il comdampne 

Tousiours brocardc 

Que ie me farde 
Mais pacience marion 
Elas pour quoy se marie on 

Lc nez a roux. les yeulx coulans 
£t belle fourme de pourpoint 
II est trouse par my les flans 
Comme ung barril et bien en point 

Pour en brigade 

Faire gambade 
Et bragbes comme un ian gippon 
Mais il a myne dc chappon 



Quant couchiez sommes en effect 
Le repos cherche et ie ieu fuyt 
II poit et ronfle tout a fet 
Or advisez quel beau deduit 

Pour excusade 

Fait Ie malade 
le ne say sil a mal ou non 
Mai mariee cest moo nom 

Maudit soit qui premiers parla 
De malier a tel lionignart 
Se ie le fay passer par la 
On ne Ie praingne a male part 

Teste pdlade 

Et fille rade 
Ne sont dune complexion 
Mais ie pentir ny a saison 

Parlcr ne puis sans grant dangler 
A mondain prebstrc ne convers 
Car le yiilain croit dc iegier 
Et prend toute ciiose a revers 

Se quelque aubade 

La malinade 
Me font CCS gentilz compaignon 
lauray du groing et du gnon gnon 

Puis vcult savoir dc iour en iour 
Ce que ie file et dont il vient 
Sc seulement voy iusquau four 
La cause dire lui convicnt 
Mais quoyquii tarde 
Ie la lui garde 



117 



118 

Pour lui fairc ung lour dc brcton 
Monslrant qiril a sens de mouton 

Sil est ialoux il nc men chault 
La paix au lit fay quant ie veulx 
Plus brait et groingne et mains Jui vault 
Ie men riz entrc deux lincculx 

Que mal feu larde 

A la lombardc 
Me cuide tenir en prison 
Sit est cocu cest bien raison 

Fy fy de ceulx qui vent disant 
Que soubz ung ricbe bomme grison 
La ione fiUe est triumphant 
Car trop vault mieulx dun beau garson 

La doulce oeillade 

Questre babillade 
De soye, et de la chose non 
Qui tient en ioye une maison 

Filles pourtant sc me crerez 
Et que bon tem^ps vueilliez avoir 
A ces grisons ne vous ioindrez 
Pour argent ne pour autre avoir 

Car leur bugadc 

Trop est mausade 
Vive chair ione et vieu poisson 
Ccst Ie refrain de ma chanson 



IIMS, 



Cliaiwon bxme bergierc %vix la ieneut 5>e 
I3 T^eUfantanie* 



Lautre ionr cbevaulehoyc 
De paris a lyon 
Ic rcncontray bergiere 
Qui gardoit ses miDuton 
Bon iour bon iour la belle 
Bon iour le compagnon 
Ung baisfer lui demande 
La me dit pourquoy non 
Descendez sur Iberbette 
Sortez doulee cbanson 
Des oysolletz sauyaiges 
Autour de ccs buisson 
le massif empres ellc 
Ma teste en son giron 
Damours fut ma querclle 
Non de religion 
Puis lui diz ca la belle 
Montcz sur mon grison 



120 

Si vous menray csbalre 
lusqua la garnison. 
La vous feray grant chierc 
Si vous donray beau don 
Habiz aurez dc soye 
Escuz ne vous fauldront 
Respond i la bregicre 
Laissiez voslre sermon 
Mieulz aynie eslre veslue 
Du simple cottillon 
Et porter a la pluyc 
Beau mantellet de ioncq 
Qua la gendarmerye 
Me mettrc a labandon 
Mes parens et mon pere 
Mary bien me donront 
Qui soil bille pareille 
Bergiere a bergeron 
Gardant noz brebisettes 
Beaux capelletz ferons 
De ces plaisans flourettcs 
Chacune a son mignon 
Et saurons pou monnoye 
Au moins nous cbanterons 
A tant prins congie delle 
Disant or adieu dont 



FiyiS. 



Aufre clwuiwn. 



Qui Veult oyr belle chanson 
Dune filletle de lyon 
Qui damours fut requise 

A le boue 
Eh Tenant de leglise 
Mais elle en fut repr|nse 

A Ic boue 

Vug bon compain lui yoult donncr 
Cent florins pour la marier 
Mais quelle feust samye 

A le boue 
Prencz les ie vous prye 
De coeur les vous octrye 

A le boue 

A la m^re sen conscilla 
Qui dit que bien la gardera 
De ceste maladye 

A le boue 
11 pent bien dire pyc 
Car il ne laura mye 

A le boue 



122 

Les amoreux du temps present 
Font des promesses largement 
£t monstrent mayn garnye 

A Ic houc 
Mais folle est qui si fyc 
Trop couste la folye 

A le houe 

La fillete ne youIu pas 

Son conseil croire en cellui cas 

Car elle eut plus grant ioyo 

A le houe 
De gaignier la monnoy 
Cent florins de savoye 

A le Uoue 

Cent florins sont beaux et luisans 
SeUe eust fille vint et cincq ans 
Voire toute sa vye 

A le houe 
Toute sa filleryc ' 
Neo vauldroit la moiciye 

A le houe 



FIMS. 



/ 

3R<mbeau en {(amcnj. / 



Florens hauTVcel vriendl vuyt vcrcoren 
Van comdi nv dns Troech ghegaen 
Men seydc dat ghij vvuert ycrloren 
Florens hauTTcel vricndt vuy t vercoren 
En T>'iU y doch vp mij met sloren 
Al bebbie dit rondeel gedacn 
Florens hauyyecl yriendt yuyt ycrcoren 
Van comdi ni dus yroech gbegaen 



compose pav ^i$a\t{cMxon 



E(m^eau baTrumtis cotnpojKtf ^ar jsiignUication 



Amour fait moalt sargent detj se mesle 
Car mes cincq sens sont en trauail pour celle 
Be qui louange Ast ore est anoblie 
Cest noon escu enuers melancolie 
£t mon deport mon mire et ma tutelle 
Corps et viz a de figure immortelle 
Puis a franc coeur et loeul qui ne depelle 
Mon bon espoir ente de noubliemie 

Amour fait moult 

lay sceur acces Ters sa ronde mamelle 
Qnatouchier ose et me repais sur elle 
))Qn franc baisier au remain ie diz pye 
Us felle truffe et ioue a la ioupye 
De moy ne say sy ne la croy point telle 

Amour fait moult 



kuUi rondeau ^e mm^. 



Ce nest qnabuz damonrs et sa qnerclle 

Pcfnsez que cest folic universelle 

Antres servans et ie sommes pres las 

De ses faulx tours et mi mors en ses las 

£ dieux ie crois que raison ne sen mesle 

Attrapez seuz et nriz a la couppelle 

Dedens sa court si vins languir pour celle 

Qui or me trompe et par qui diz helas 

Cenestquabuz ie la cognois si nc 

Leuz pas pucelle force monnoie a 

Corde sa vielle et maint cocquart y 

Anvie a bourseaux platz ponree y r^nonce et re 

Metz telz solas aux nouTcauIx qui mieulx daiisent 

Au cbant dclle ce nest qtiabuz. 



Amour fail nimilt s.ir);t'iit dety it nifsle 



Oir aies cincq sens mihI en Irtiiail pour edie 



Ast ore est anohlie 



C«Bt mnn escii enaers raehncnlie 



Et ni(in (Ivporl iiiun 



Mire el mn Inlrllo 



Corps el ris > 4f 



Figure irauiorlalle 



Pais a franc coeur et loeal 



Hou bon M[Kiir «nt« dr noiiMieiBie 



Amour fnit iiintrll 



lay Meur aisucs , 



\CIS SB rotdr OMnMlIC 



^ualoucliier ute et me 



D«a fruc btUwr ka 



Kejiajn ie dis pye 



las »rJIe trirfft et 



law a h toHjtje 



He HKiy no say sy ne 



Iji nfijr iMtnt I rile 



Attiuur fait, moult 



r.c iiMl qtiii'uz dam>iir> 



Autrcs (it»*aiw rl 



le foinaiM pra Iw 



De kfls faulx tours 



El mi Diurs en sts las 



E ixmx ie cruik qiM 



. AtlrajieE seiii et 



Nil » ta coii|tpclla 



Si tins languir pourceHe 



Qyi or HM lri>in|)e 



F.t par q»i dii hflnti 



Et matnl cucquart j 



NuHc a bnursuaux plats 



I'ourec ; rignonct el re 



Mcti tuli solus 



Cc ncs( quabiit. 



ittadjacouea 



s 



MacWoneit contra tnadiarMeam Bas^ 
sani a^ spcctal)i(cm ®. Baftasarcm Lupum 



O (u qui Unquam quondam d'orjenlc v^nisscs, 
Oflcrrc munera ¥ocaris ffoniioc magi 
El dc cognomine spaYcnlas pccora campi. 
Quid agis, quid pcschas, quid liabc$ aut gaia ligare 
Quid nibli scribis quaiiler le regerc vales 
Istic Papie nee quali f route Irinmplias 
Cum sociis illis milaneysts seu lizadrinis 
Qui jam. jam voleiil rebeche excedere sensum. 
Ilic me lassastt 9olum defendere causam 
Gallurum contra cacaaangues hi Longobardi 
Ast habilantes. Nostris dormemlo sub umbris, 
Et qnibus bastat aiiimils Irufare maiores 
Vnde me trovant vcniuut in lurba ghignando. 
Cum certos versos qui sub colore Vitonum, 
Sen Biarronorum Savoyam circa manenles 
Ipsos Franxosos vilipendunl usque a la mcrda 
Uos bapiiianles magniiK^ ^nzaparolos 
^n cbiavorioos quod non soffrire debemus 
Cam nos Aslciises repulemur undique Gallos. 
Dicvnl tillerius qui dc Tapia venerunt, 



150 

Quod versus illos Codiceni lassando Digest! 

Sludes et peysas fcrrum iuRgendo a la cazza 

Tanquam Lombardus; hoc quod non credere possum. 

Guarda quid facias; sindicatores habebis. 

Pater et barba ^tui stent^at te facere vu bomuni 

Scio tibi dicere quo si te*fore t^gnoscent 

])e variveUis/aut) scbolas perdere tempus 

Certe dum veneris, aoi pro pecunia scribes 

Te forsan, forsan facient iiha ocba parere. 

Nota quod etiam si vis cereare sutilis, 

Nos arnlK) invenies Gallorum genuine natos, 

Et dicent gentes da San Damiane, trabucho, 

Seu cagapisti suis tremenare solentes. 

Hoc propter laudo similo^ accipere versos, 

Cum «carlapacio 4ibi storchiare moreUoin 

Tanquam coropositos animi passionc reversi. 

' Auiorem novimus alias fuere balutom 

Cum Savoyenghis gallicam sustioendo qnerdlam, 

Sed postquam sibi disciplinam seu staffiUttts 

In quandam staRa dederunt hit Savoyengbi 

Quos abbarraverat monstrando sc nigroauuitaiii 

Voltavit cartam sforzando dicere contra 

Non potens equnm cercavit batere sellara 

Et quamvis ipse sit /de lizadrica sorte 

Ex habiteycis tamen inscrib^re versus 

Cum Pemonteysis rolnit se ponere stronxum 

lit stronzi fecerant cum pomis quando dicdiafit 

Yagando in mari nos poma quoque natamos. 

Si me iuvare velis qui noscis quo pede lopiat 
Doo si non facimus caramellam ponere saceOy 
Et ut non tantura valeas tibi rompere zoebam , 
Hoc paucuro videas, quod in scorreuza notavl, 
Non per opprobrium ncc per concurrere doclis, • 



Scd propter pugnani pro patria capere tantum. 
Satis tu nosti me non ridisse poetas, 
Et si barl^rear per non intcndere regiam 
Fatigam notes, mcnsuram vade a la ccroa; 
Corrige si placet, snppleasquc, dcindc remanda. 
Scusare targam resistere contra braglfardos, 
£t frapatores, frapis qui vincere ponsant 
Lombardis qifcmqiiam noti decet macharonarc. 
Quod si bcycanl digitos tres ante nasellum, 
nil se comperiunt buscam qui quairere roluht 
Oculis altering, tral)es ascondcrc snis, 
Et at intendant nos ancba facere versus 
Et qaod in ipsis mangagna dare videlur 
Absque knicolis rolumus respitfere orinam 
Ipsonim lizadrnm forza est schiattare iavcllum 
£t bic in norma receptam scribcrc suam. 

Tanll sunt bodie lizadrelli sea polledroni 
Et zantillastri ; partem quod dens habebit, 
Et quod in brere, si non tcmpesta rai'escit, 
Sine candela besognabit ire cagatum. 
Vigioti septem, ycI ultra saepe videbis 
Ad urabram stantes fici sub arbore sicca 
Usi menare bores, terrasque arare celoyra, 
Et ferri saper aglium comedere mertsam 
(Snbtatellrgitiir la massa^ et quando volebis 
Ronchdre cerbora poteris trfginta pechionis 
Ex his zantilibus b^nara firmare dozenam; 
PominicSs tameii illos non esse putares 
Repatafolijsiassando pigna gonelli 
Cum garardinis da festa se repoliscunt, 
Et cum bonetts viridi de piga veluli, 
Per zentillomlnos volant se osteirdere graves. 
A^ice ram fiocant nobis bic rodere costas 



t»2 

Ad C5rnasalem monslrnnJo for:', parcnlcs 
More qiiistoiTico, pifrorutn gen^rc tanquam, 
Domi, qui pcius alibi, quam stare dicantur 
Habenl in patriis caiTsliam putaginarum 
I ( cum noslrabus pcnsant forbire musellum, 
Noctc per fangas vadnnt cercando amorosas. 
Doy fate a la fincslra, yolunt cantarc fasoli 
Super tagulum, irenicnlique voce caprixant, 
Plangunt ct huUuIant, volunt andarc a lioferno 
Cum boiia gratia velut mareadine caules 
Illos (u diccres caga straiisire de (iancho. 

Certa scrventa galoisa in rua carrera 
Fa&tidio mota cum ghinlernare venircnt 
Quando dormierat^ iinestrr.c AUda kvavit^ 
£t cum ncsciret alitcr scaciare gcneam 
Topinum captcns de pisso fecit aspergcs 
Dicens compagni parcatis, ite eum Deo 
Garacg sunt care, sufficit habere broetum, 
lordani vero valdorcliis esse crcdebant 
tbi anaorose reiiciunt cum ravetinis 
Compostc crude, vel cum zanzibrio dulci, 
Et quando vadunt ad feslas, uude baiialur 
Non appropioquant dami^ellis, guarda la gamba^ 
In pede remanent semper, a longe sUrati 
Trisli, smarriti. parent volt saoclo de luca 
Cum suis barbucijs bracbios in cruce tcncntes 
Perlighas si tanquam comedissont. O cavigioni^ 
Ilic bene accorzimus quod ex triginla denariis 
Tractatu jude non babent neque fucrunl 
In paradiso terrestri mordere pomum 
Si propter donas fugiunt, ut gente caslrata 
Nee osculare valent, vergogna semper accorat, 
Partibus in nostris. £t si quandoquc basabu&t 



155 

Pro parcnicILi »(>iiis serraliir in e\s 

Auric ulam semper quod basant prope copizuni 

Sed inler ipsos liomincs sc in hore basabunt 

Taoqiiam schiOoftJ quod, si sc rclro ba^sareol, 

I*i)sscb( iBorfcJosos ibi sc (rovare soenzujn. 

Hi hsbA dicere dc CaUis ad mala peius 

Casoncm salis hUchdiinus undo procodil 

1st quod Done prepric Lombardc dum cognovcrunt 

Uic ultra niontcs Gallorum gcsla amorosa 

lllos rccollgunt libentcr, atque dcsirant 

Et si nunc csmI licitam baratarc mariloa, 

quot vidcrcs com gallis ire solazum, 

Quos cum sola vice possont vlderc passando 

Vartlos ipsos diligunt, jit sathana crucem 

lilosqne facfunt arrabiarc dc iclosia,. 

Inde non roiror cum sit differentia magna 

Dc gallo ad asinum. Ccrte non'iuvat n\erc«« 

In domo eiaodi sieut est usama I'apiae. 

Ace fraociglioncs a la chiamare boiigla 

la sob scossale potaOeluor quia bene trovaiii 

Voveri raariti vix. mereni bib<^e fecem 

Cum semper &(iidea«i jpinam ficbare reboso; 

I'ndc dome ipse magiuun inleresse paitscunt 

Sic quot boc nomen-Loinbarflum quoquo se vertat. 

Inter feminabus abboritur usque ad bebreos*. 

Licet bic dicere de vcstintentis eorum 
El cum qua gratia Mediolani nunc babigliantur 
rostquam rex noster ibi innxit ad Segnoriam 
Volunt macbalui robas lassare a pigbonis 
Sen da rosieriis renovellando fazonem, 
Et contrafacere Franzesos cum la mascberpa 
Tanquani da nobilis, sed per sparmiarc quatrinos 
Rer^rsant Teteres^ tomporibos avi besavi, 



m 

Bloiigiiii, lurcke, caparroni, passa volanli, 
Ciuarnaclie, ct cetera (aciunt transire a la moda, . 
Et quando dieimus a la franzosa non esse 
Quia semper scarsas, miserasque in dorso cusi(as 
Scusanl m Gallis ab antiquo gente balorda 
Nuinquam fuisse mensuram ncque rasoncm 
Nee fozis suia. Ad quid tagliiicare velodini? 
l^t asgayrare pannum? Medium (enucre beati 
Non tanien opus est vesicas vendere nobis 
Invidia pereunt non dieitur prog sine labris, 
Quod si cum Gallis presumerent ire de pari, 
Brusaret certe Bernardus: Altro ci vole 
Fodras si portant habent ab extra praefilli, 
De pelle flne. Castronos semper ab infra, 
£t si pura quaernnt Gallorum sequere fosas, 
Deberent illos imitare quoque de verbo 
Non abusaro gentes contra vestire loqucUam, 
Sed qui vestiret asinujn de spoglia leonis 
Habet a patre quod nemo (ollerc >potest, 
Et qui tisqoe in India portaret vendere gattum, 
Idioma proprium^ Gnau gnau, est dicere semper. 
Lombard! pariter qua ghisa involrerc tendaat 
Brignoni nesciunt, mo mo relinquerfi «uunu 
Alu sunt plures qui vestLmenta refaeta, 
Bis, ter, qaarlerqae eambialem trare volentes 
De toto in totum tandem a la spagnola reducunt ^ 
Similes, ut mascbari portant danciare moriscam, 
Sed veteri veste nemo vestitur boneste« 
Collera v^luti caetera fustanei busti. 
Sunt zipparelli quos etreumcirca trapunxunt, 
Atque fortificant durare in vita de rttis, 
Gorgeriam semper a Tantiqua striogere c^llum, 
Lt pingues pareant, robosti atque bisinfies 



i:(S 



Ei spcrluccntcs canis teslicula (anquam 

Cum pugnalacijs vadnnt facendo bravosum. 

Praesumat nuRos pro bello taogere nasum; 

Sen per despresium dicere cacasangue ti renga. 
In bjeme tamen duici de tempra yidebis, 
Ij de frixano parte dc visa descendant, 
lllos qof facioni per stratas dncere canem, 
Valeni tunc melins borzachtni rescapinati 
Et felln bianchi, qnam spate neqae talocbe, 
Portando barbas propter scnsare pelizas 
Circa mostacinm, semper qnod frigore rnbmm 
Paret ot cuUtm baboyni, ant caro missata. 

Unam inter alios ridimns in santaugn^ino 
Katalibas festis meyneras facere volens 
In sgalocfaiare donas Oxns sabiatare d'amoris, 
Et spassegiare longrnn, krgas sconfiando maxillary 
Cum pannizello stracigando in medio templi 
Sed com pensaret grassum pargare caponem, 
Se resonando rolens spnlare rotundnm, 
Ecce snbijciens pulebram ex orruto pneflam, 
Qoare retlnttit, faciemqne roltando embescit, 
Et scarcagliacinm strangorarit eansa honestatis, 
Ke donas graTidas forsan stomiare fecisset. 
Lofflbardi rero zantili qaantum una perla 
Est magrram damnnm tarn grande babere foramen 
Bis in hebdomoda faciunt lai^are perrueham 
Pro Termenezo quod crueiflgere sollet 
Ad barbam radere savonetos et aqua nampha 
I'sant communiter ac se cum mille eareeijs 
Serrire faciunt usque in perluso de Fberbe, 
Respicere potes' per easam quomodo yivuni 
Pditi, ntttdiy cum scapulario semper 
Usque ragacif vadunt spasando caminos, 



Nee airagnalcs relro de porta vidcbis. 

1)0 Tordinario noR licet diccrc tihi, 
Vincit svbrictas, scand^igti ponderc canics 
Qiiatroncias cuilibci raro dc regula passaL. 
<;uni forccllino propter non ungerc piotas, 
Ossa si remanent potagia facerc servant 
Mcrcaris et lune, praeslanlquc dcinde vicinis. 
Lecardf tanien niangiant ofelle, busccha, 
Mt ad sasones lacbinbrocb, ravico a I'agliata 
Noselum ubiquc, macarroDi, oazamelati, 
Gnocbi, berlende, lecabonum cl fava menata. 
Inter Lombardos c^i semper vita beata . 
Lasagnas cliam dant pro imbialia quinquc 
rienam scutellam casei pojicndo sexinum. 
I'orros, quos virida pisses dc cauda vocanms 
Cum Stilc in mana faciunt scrossirc da pelrus. 
Kt in yvcroo de sero quando ccnatur^ 
l.umen de lumine grisolariim torcbia respleiidct 
Et super mensam candelabra testa matonis 
Cum pisoculis baculis duobus ad ignem. 

TrufabuDl postea Franciosos sorbcrc broda». 
El stulli viri nesciuut inlenderc casum. 
Quod tanta cassia scusal andarc de corpo. 
Ad quid Lombardi sorbirent tale synopum, 
Gorgcria impazat, capiunl tot namque supposlas 
Quod quando sallant balando (a mazacrocba 
Videbis plurimum caligis muzarc mencstram 
Dc pane melligbe sua est medicina stopandi 
Ilunc businellum cum facial plangerc gcatcs 
Quando tranoditur, el post grignarc cagando. 

Sed dimittamus ea per non ussire prcposium 
L'l parum dicam de potestate Pavcyso, 
Ac de largcssa talem quK reddii honorem, 



m 

Oua caii!i (rossio posset ubkiiie pricnri. 
(> niagnos sumplus ravanoriini plena liraciala 
l*orUbaiit semper niililes fornire palasuin, 
Straciando vcslcs ciladiiiis cdcre secum 
Et si coriUngcrat ipsum venire de foris 
l>c nocle semper tatiqiiam corrucha arrivabat 
El sine slrepilu, bagagia ne viderenlur, 
tiain solo famulo, cavallazum de Machabeis, 
£t mulam vetiilani postea qttam sero menabaot 
Bialeriajii bibere cnm sopravcste pillosa. 
Qua; |K)st sciisabat paramentum dominicale 
Balconis ponere pro statu faccre inonslram 
Nobtri passali qui cognovere nnturam 
Prosapic istorum deiiiceps dcHberarunt 
Ad hunc officlum Oallos eligere semper, 
Gentcm magnanimam civilali reddcre laudcs 
Et cum bancbetis faccre triumpbare putanas 
Non scarsiglonos vcnlrem qui strin^'crc sohint 
Ac misercriuin ponendo in corkina Icgunl, 
Lassando poslea nos Cives maIm(?g1ioratc»s, 
Vadunl pur ctiam doclores lali <!c .sorle 
Trombarc duxum, carasque faccre siias 
Versus Uononiani non est de pane lucrando, 
^iec pro LomtKirdis sunt ptsces in Astcsnna. 
llic in officio reniunt se vest ire dc novo. 
Mam quaies vidcris ; polerts tu scribcre tales 
Vix habent certe duai iungunt ipsi raspini 
Ongiam gratanJi, cum rcvcrcnlia culum 
Quia solam tunicnm porlant atqae lavczinos 
In capilc ct postca sub de tavolalio vullu, 
€iim sua matbolica pensanl valcrc Ja<;anein, 
Ino si indiginius cohortam prcslo vidcbis 
Sicci ul areughi |)0.sscs avischarc siiiTrino, 



158 

Ncc dragmani selves pressorio spremcre iusi 
Sic quod ut dubilo non eis, Deo (avenle, 
Numerus accipilrom poterit excedcre qaaglias 
Tunc oportebit studentes ire bordcUum 
Mangiare libros. Magistrum surgere ad scquum , 
Cum soleat famis lupum scaciare de boscbo, 
Et ad bisognum vetulam irotare necesse est j 
Nota dc iudice, qui cum fettina cognatis 
Per coHationem ieiunando cum Malabaylis, 
Trcs michas succidas absque zurlare spaxavit, 
Unde tale carmen nostri dixere poclae, 
ludex Lombardus bic Ast cum sola (ettina 
Cognali zuchari vidimus voydare canistrum. 
Quis frapam crederet istorum. poof. Maremagnum 
Nihil existimant ducatorum facere strages 
Da fornasariis numerant nugliaria semper 
Scd bene scimus, quod arrancbare lassarent, 
tnum da bergbcm anlequam spendere qaartum 
Et qaando voiunt sperforzum facere suum 
Et ad honores pansuci gerere pompam 
Inducunt sibi qnarletos impagliolaium, 
Et cum sofranati auri sputalocbe catheois 
Passant per urbes de Modena Pota parentes 
Super cavalis sbolzis, mulasque trotantes, 
Quibus aniucbi cocale seoi patcrnostri 
Ad cavalcantes faciunt venire culeram 
Saulant de bibere biavam sub cauda ministrant 
Assidua tussis generat da lyra corrczas, 
De fornimentis volo bic dcscribere copiam 
Trcdecim parochiis solito de more paysi, 
Desquaternatam Bernabovi tempore sella m 
Falcire faciunt, scilicet amborare de paglia 
Cum stortij^lionibus per pon cassarc variscum^ 



Craperias rubras, a la dcvisa sUfilo, 

ei pectorale ianam, centure caramdlale, 

Mille bizoys, cavigUctisque repa(and(K, 

Ac mzunentum dc carncrolio fcrruin 

SUlEa scnsare solet scarpis cazare bechinuiit, 

£i qualis abbas talis familia semper 

Ex quibos unus est in manu cum cavagneto 

Super bascheria sequitur sachagnaiulo magistriim. 

Ex istis quidam inagnilicus caput de squadra 
Maloro aspedu tonsus berrete pastclli 
Intos, et cedulam propter parere letrutum 
In urbe applicuit veslitus paniiis aricnti 
Com inagno statu famiglos de lippelopum, 
Et cum passasset platcas more civili 
Ad bccbariaoi videns magniOcus ilic 
Pendere nastronem brebtsle se approximando 
Et coram nobis mostrando se libcraleih 
Cam nnanibus proprijs cxpit tastare de. pcyso 
Qaaerens de precio, quasi veHet emere tolum, 
Sed dum concurrere Yider^t copia vuJgi, 
Tanqoam si nunquam gentcm de bonore vidisscnt, 
Et credens ipse rairarentur facere speysam 
Voltarit equum dicens cum fronte levata 
£1 nos soldali volumus manducere caroes. 

Ilic aliam vidimus soldatum vetulc mennis, 
Et fantusatum vulnera cui magna parebant 
Super morgniflea stropialum in altera gamba 
Tamen dum iuvenis valenthomum credo fuissc 
Ex bis qui pugnant spadazalis absque rudella 
Quatordcs vicibiis et in camisa dcscaici: 
Sed quia post mortem Cogloni Berlholomei 
Soldali italic! potuerunt ire a la sappa, 
Pauper sgraziatus vix cum iorueta remansit, 



460 

Caia ViUani cum frapis slru.^i pcHaln 

Non cum raniponjhus pioglus a (^iuza altacfiassc-t, 

J'H slringa hrncliijs gipponazum do Viilaiiuva 

Qualer quarleriji^ seguilando calce sulate 

I)c Monforrinis schiapate inira canaleni 

Cum bandcrola reCropcndenlc ad usque Zonogfluiii 

Kustici mombein longior camisa gondii 

Fa^alijs potefat poui sbamiaro colouibos, 

Tamen comparuit tanquam da f est a vcstilus 

lu sanfraucisco f rat re prcdicante dc zochris 

Quod anleclirislum veniel perscqucrc f^cnte^ 

Magna cum gucrra faciens ccrcare sodalcs 

Novos el velercs usque ad liospifalia ntarz;i 

llabens dinaros furiani pagare maniscum 

Audiens banc zorgnam pauper .salbelKus ill^ 

Auriculam sporsit bonam spcclando novellani 

HI quamvis frigore nasi caiHlelta cularet 

Alquc in zcrbinis manus scahlarc IlmktoI 

Hoc non obstante predica finila rosolvil 

Sic ranchczando dagnachi<ino sequcro fralrem 

.Scopcrlo capitc capani tirandoquc dixit 

O paler bone mcssias ille qua dies 

Has paries venerit nobis qui dare qualrinos 

llespondens fraler drxil mirando scaferlav 

Ft lu e\ illis eris najnque pb\lozf>rgtKi demoublrat 

l!unfuito interim facias saHarc niulanchara. 

Hie mu!li veniunl similes de suite brusutl, 

Sen malastruli tantuni j-i stribf»i^ poi-sem. 

He pinchiarolijs colcrisqu** sclnapa figlit'lis, 

Ofii vadunt furijs I.ugduni breve narrabo 

I'rofirie tu diccres hac est cavalcata dT.gyplo 

lanquam prima dies quaresyjue bi»n»* enuU 

^uul bcslurijs f;;KinIi dc lunae coyuoseuiit, 



let 

Et coDlra vciuant dicendo, ben venga maius, 
De sero saepe per paucum spendere dlcunt. 
Quod dolet stomachuni pro slracha, sive ieiunant, 
Sed hospiles quoniam cognoscant esse aflamatos. 
Ad praDdiam semper facereque panxa dc lupis 
Siatim diim iuogunt aotequam mcnsa paretur 
Dant panem et caseum coleram que in primis abarcat 
Ne postea ad cames habeani parere grifones 
Ad pagamentum smarriseit tola brigata, 
Grimazam propriam faciunt, ut nespore vulpes 
Quia si nos alij solita pro taxa muzamus 
Sex parpagliolas mafiolos solvere oportei, 
Et bene merito. mangiant quia mora crepantis 
Ampurte, et postea rostum cazare bissacham 
Cercanty si superat, da laronos surgere mensam 
Borsellum aperiunt quaeritur moneta legera 
Sen dayantagio quam so^irando reyoltant. 
El calculando per soldos^ vel per abacum 
Tanta est subtilitas, braghe quod cadere solent 
Nee pro bella cbiera petunt cbiambrere lyardos 
Sparmiare oportet propter taconare stivalos 
Unde ad recessum signale crucis a tergo 
Scavizacolum zu per montagna comendant. 

Ad boc, exemplum novam tibi dicere volo. 
Istonun quidam plenus maliciSy tanquam 
Unus quagiiaster acbiapatus qui bene fuit 
Sedebat ipse cum socijs qui comedebant 
Ad hostariam fingendo se ieiunare, 
Sed oya et pisces fecerant trotare salivara, 
Kaviole calide narisijs quoque fumabant 
Sic quod oportuit tandem rompire ieiunum 
Mordendo micham, quatuor spazando boconis 
Dommodo quod famulus ibat implere stagninum: 



163 

9<^ cum fccisset lioc actus bis, terqQe qualcrqu« 
Abseote famulo, credens satiare de pane 
£t sic sinipliciter passare in domino nostrtf 
Deprehcnsit famulus magistro qui rccitavit 
Et cum cavalo conlavit more conandi 
Qualordcs solidos non rebatendo una maglia, 
Seusabat se tamen brignonus vix comedisse 
Morsellum panis sola pro brbere vice. 
Kcspondens hospes dixit illi care fratclle 
Per te reslavit potcras nam si voluisscs 
Cenare ut alij, debesquc intendere stylum 
Pagare equaliter cenanli mense scdcnte 
Et cum roalcavalum brignonus facere credent 
I\ecalcitrarct menaciando fare soldatus. 
Hospes tunc nolens amplius contendere dixit 
Si tu soldatus eris, et ego varitus 
Volo quod sapias nos hospitcs plus guadagnare 
Tuis cum paribus sobrijs in edere paucum 
Quam cum zcnoyesis pedes qui de christo devorant 
Per hostariis domis lagliando suliie, 
' £t sic conclusive servando iure appellandi 
Pagare oportiiit tanquam si plene cenasset, 
Et cum besacijs spallas slringendo recessit. 

Hie alium vidimus se retrovare Lombardum 
Cum certis gailicis gend*armis ad hostariam. 
Qui Solent facere boglonum ct vivere lietl 
Pro parpagliolia quasi cenare sperabat: 
Sed cum montoni spalam portare vidisset 
Salsa pichetum, pastellos, gallinafrea, 
Pollaglia et c<£tera magno bastanda golye, 
Et quod vix quatuor erant in summa sogliardi 
Qui desbelabant cum grinfis absque coltello 
Cum quinque aposiolis piatello ascrose pescande 



ids 

Nolait comedere, nee ceiie spendcre ianlam^ 
Sed ivit cubitum de bon profaza pagando 
Ilospiti pro $cu9a dicens sibi h!j botigloni 
Pecbse scbifimn fostum mastrogliando da porcbi% 
Kespondit bospes non talia vendere nobis 
Quia satis notum est famem cantare Todeschos 
Bormire 14alJcos, ct illam piangere gallos. 
Dlios lombardos etiam vklisse recordor 
Hie ad iabernam volentes edere saltim 
Par OTum cailibet sic et passare casainum; 
Accidit nt anus primura ovnm cum scapellasset 
Illam troravit coeyzum cum pdastrino. 
£t cum Yocaret famutom pro facere greuzam^ 
Alter sagaeior dixit illi: Tace brignone, 
Sorbe, crede mtbt^ spagia trayondere cito 
Uospes si intendet nobis dedisse polastros 
Per cerium faciei cuilibet pagare tregrossos. 
llle tunc, timens in iantam cadere speysam 
OTum predictum coeyzum groglia pollastrum 
Com becbo et plumis oculos claudendo degluxit 
Et strangoravity famulus ne accorzere posset. 
El pro patadiiis in somma quinque scaparunt 
Kunc rerertaraur ad pinchiarole viagium 
Ke in quinque sollidos habeamus cadere penam^ 
Cum sunt Lugduni yaduni gabarando la fera, 
Hie tres, bic quatuor erubescunt dicere qui sunt, 
Palacia magna remirant alte bagliando 
Farei quod velini volanies prendere musclias. 
Cagant in ore picb stornelli et rondone sxpc 
Per appotbccas parlarc sufficit unus 
IHe qui melius Franzosi lingua decemit, 
Comyen o bon amy qui cortiau chi non quater de dcntra 
£t si spendebuoi yiginii quinque pechionos 



164 

Paret quod magnas habeant $petezare facendas 
Pueri per stratas scguitant a longc ciamando 
Traytres Lombard^ digitoque semper osteodunL 
Barberij solent piles rancbare de naso 
Vi sub cadregam faciant tirare garrelos 
Oculis angussia descendit virgo maria 
Hij tamen sufferunt non teropus est garrulandi 
Scd paternostrnm dicunt de symia ssepe. 

Fiaita fcria zu perfiocando tropellos 
Ciconic sicut ad Valentina revertunt 
Adieu loransa reniunt cantando mathei, 
Capellum biancum cuilibet cum pluma fasanis 
Ut gentes videant, quod usque in Franza fuerutit. 

Quidam Franzosus, volens tomare Parisum 
Cerium Milaneysnm scontravit extra vigliaBam 
Sine capello docheti testa bagnatum 
Et cum ignoraret Galiieus hie unde fulsset 
Dixit vulgariter: estes vous nfioglie mon amicus? 
lllc qui intelligit a la rebusa, respondit 
Sy sy mi che ho mogle Milani, et anca fiolos. 
Callus tunc cerncns Lombardum fore loquela 
Et reeordatus quod tempore guerre Salucis 
Alixandrini fecerant pagare menestram 
Scutumque sibi sgraGgnarant de gibesera, 
Sfodravit ensem dicens o bogerone c^gate 
Rendez moy sa mon escu. sy non a la morte spazatns. 
Pauper Milaneysus intendens sporzere culum 
Rubrica si in zero vellet respicere ianquam 
Dixit humiliter, se sucssinando pagure; 
Dee monsur, liabeat vestra scgnoria respcetum 
Quod non sum usalus ad illud, neque credebam 
De tali officio vos Callos facere casum. 
Impctuose Callus scutum agrezabat habere: 



465 

Fine final! Milaneysus male paratus 

Gonello iik testa revoluto calabragavit 

la quataor pedtbus, piantando, more scabelli, 

Vnde Franzosius stnpefactus tale miraglium 

Magna evm faria calzum levando sinistrum 

Illom pantoflea stravacavit gamba levala 

Ad magnam diabolum fy fy mandando pagliardum. 

Longobardi frapatores gens odiosa 

Per universum mangagnas noscite vestras, 

Dicalis prccor si scitis raiseula patrum 

TanUm saperbiam qualis origo ereavlt 

Dam Tullis dicere yos esse sanguine Troyc, 

£t a Romanis venisse qui dominarunt 

Per certum tempus, hoc vobis maxime nego; 

Estis quia certe tranta de coste yillani 

In merdariis semper pescbare querentes 

It scalabrones, sed yanum est perdere tempus. 

Si sicat ipsis creditis yos facere d'aufum 

Quum non sic vebis desuper sit gratia data , 

Constat historiis antiquis et fide dignis 

Quod GaHi senones et Anglici sob duce Breno 

Proyinciam yestram magna pro parte babitarunf, 

Quae pars est Gallia bactenns Cisalpina yocata; 

Sed ex Gerroania post mortem Gbristi yenere 

Barbarice gentes, at Hanni, Guandali, Gothi 

Et Longobardi partiales Gaelfi Gibelli, 

Qui tolam Italtam subsupra tarabascarunt. 

Tunc baratastis Gallorum nobile nomen 

Cum Longobardo talponi sequere cxemplum. 

Sic quod de Gallis yobis nunc memoria cessat; 

Capponi citius eritis cum yestri aratoni 

Circumlardati nihil mancare yidetur, 

NiM quod cocbas yeniens yos inflicet hasta. 



466 

Angleysos tamen nop sic obliare poteslis 

Retro cum cauda soleat vos poogere sepc, 

Et ubi palres archerii fore solebant, 

Vos scbioppeterii deventaslis seu canoniste, 

Si pax vel guerra est arcbibusi in ordine seniper, 

Et cum cazafrusti per lavorare scaglialum 

NuHus equiparel in londo jungcre brocbam, 

Ragacii ut tripodes facilis scasarc stapellum, 

Dt scarpas interim discant allaciare pedestres, 

Atque impenali Tolare cum scacavellis. 

Intelligenti pauca quantum est de cyrograpbi% 

Et bona vicia factores opera laudant 

Quod si per longum ve41em narrare legendam 

Non satisfaceret bibliam de millequatemis. 

Hoc solum mitto, satis est responsa Bassani 

Qui contra Galios dictavit macbaroncam. 

Concludunt ipsi nescire fine finali 

Si Mori, Turchi, ludei, Gogbi, Magogbi 

Estis aut Cingrii tandem batezarc volenlcs, 

Vos a Cayno canaglia nomine vocant. 

Unde conforto cum Gallis facere treguam 

Vel dominabus litem commiltcrc nostris, 

Quo: sunt de medio partes gratiose a scorantcs; 

Et contumaciam purgare si besognabit, 

Vcstra instnimenta portetis a bona cbicra, 

Ad portas ante non tabussando ghicbetum. 

Quia nolunl ipse done nostrc, si Galli minant; 

Ab uno latere vos contra fore minantes: 

Ncque scricemini quod si montagne passcti.% 

Et cum clistcTiis ibitis remuscbiarc gapbinos 

Fassinas venicnt ad nuptias ducere vcstras, 

FIXIS, 



//r 



BIBLIOTECA RARA 

PUBBLICATA DA G. DAELLI 

VOL. IX 

VITA 

PI 

FRANCGSCO FERRUGCI 



VITA 

DI 

FRANCESCO FERRUCCI 

SCniTTA 

Dl FILIPPO SISSETTI 

COLL'AQQlnNTA 

DELLA LETTERA DI DONATO GIANNOTTI 

A BENEDETTO VABCHI 

HSU TITi I sum UIONI DI BSD FIHIICa 

I COK UK lAOOlO 

deIjIjb sub lbttbrb 

U HtU DELtl aUERRt 



MILANO 

O. DAELLl e COMP. BDITOHI 



Proprietd letterMria G. DAELLI e a 



Tip. Orianolrofio de* Masehi. 



PREFAZIONE 



La rotta del Ferruccio^ scrivea Giambattista Ba- 
sin! al Yarchi, fu notabilissima e bella; tanto onore 
acquistb chi perde^ quanta o poco meno chi vinse. » 

Gano, cosi i Fiorentioi chiamavano il Busini, 
disse egregiamente che la rotta fa bella; ma pes- 
simamente che il vincitore n'avesse onore; perchfe 
lasciando stare ch'esso era parricida o scherano, 
la disfatta fa preparata da un tradimento di Ma* 
latesta , ottenuta per soverchianza di numero, e 
coronata degnamente dagli assassinj d'un Golonna 
e d'an Haramaldo. — Dicbfe, anche militarmen- 
te fa an vituperevole agaato, e Gano forse si ri* 
cordava d' Orlando. La rotta fa bella^ percbe la 
liberta mori con coraggio e come certa di risor- 
gere; la rotta fa bella^ perch^ fa il piu possente 
addentellato alia riscossa d'ltalia, e con la cam- 
pana di Gavinana suonarono a stormo contro i 
successori di Glemente YII e Carlo Y ilGuerrazzi 
e TAceglio. 



Vni PREFAZIOKS 

It Ferraccio ftnticipi veramente, come altrove 
dicemmo, gli eroici capitani della prima rivolazio* 
ne francese, per devozione alia patria, per animo 
grande, per ingegno abile non solo a vincere, ma 
ad organizzare la yittoria. Egli proYvedeva dili- 
gentemente al soBtestamento dei soldati, perche 
le guerre, diceva, $i perdono e si vincono per le 
vettovaglie; egli alle munizioni, facendo gettar pezzi 
d'artiglieria, e preparar polvere e palle; egli alle 
fortificazioni, facendo al bisogno Tingegner mili« 
tare, ed aveva assettato Empoli per modo che le 
donne lo pofevan guardar con le rocche; egli aUa 
salute dei soldati, e doveva spesso chiedere a gran 
preghi il medico a CeccottoTosinghi, commissario, 
che pareva non intendere che le ferite non pos- 
sono aspettare; egli al denaro, non dandogli la re- 
pubblica la metk di qnello che gli occorreva; ere- 
pando difatica straordinariamente, senza fidare gran 
fatto nella gratitudine popolana. E di fatto scri- 
veva ai Dieci il 16 marzo 1529: t Tutto farb per 
non uscire dal comandamento di Yostre Signorie, die 
sono cerio, d^uno scappuccio d*un dito^ quelle ver- 
rebbero a dimenticare ogni opera fatta da me innan^ 
zi. » Sentiva per altro doversi remunerare aU 
tamente i difensori della liberta, e il 5 febbrajo 
scriveva ai Dieci: t DelVavere dato il bastone al si' 
gnor Malatesta mi sono molto rallegrato; che, in ve- 
rita, la integra fede sua non merita/ca manco; e 
per le faticke durate e per lo essere fuori di casa 
sua^ e di necessita che cotesta Signoria lo ricompensi 



di qualche utUita ferpetm, che $*0$fenda ancara 
nei figliuoli suoi; a causa ekechiverra dopo di luit 
possa isperare fremio da quelle, serv&ndo bene e con 
fede, t E solo qaando sentl shonare a martello la 
campana di Gavinana e fa certo ch'eran giuntii 
Demici e il principe d'Orange in persona, s'ac- 
corse dell'inganno, ed esclamo: Ah traditare Ma- 
latestaf Uomo di fede antica e di abnegazione da^ 
santo: peritandosi di rifarsi con la taglia di lin 
commissario imperiale, fatto prigione, di quella 
pagata gik aNapoIi nel proprio riscatto; e scriveva 
aiDieci che fecero il sordo: ciVon si manchera a 
VV. SS, quando prima vedrb tempo di mandate si' 
euro il Commissario imperiale^ che io tengo qui pri* 
gione; ricordando a quelle, che fui prigione ancora io 
setto Napoli per servizio di VV. SS. epagai trecento 
Hnquanta ducati di taglia; ne ho mai trovato uomo 
che dica di volermi ricompensare ^ come saria stato 
giusto. E perchi io non sono uomo da piangere alii 
pie di persona, piu presto mi sono voluto stare con 
il danno ricevuto che patlarne.f Animo altero che 
rideta di quelli che vincono con le parole; ma* 
che Don sapeya che fosse perdere; onde il 14 
febbrajo 4529 scriveva ai Dieci: t Vostre Signorie 
non si maramglinor se prima non ho fatto loro nota 
la perdita di San Miniato; che ci hopreso tanto dispia'' 
eere, e tanto poco sono uso a perdere, che a gran 
fena mi sono messo a scriverlo adesso. » Seyero a 
A e a' suoi, epertanto fiero ai nemici. — II 13 
(iitobre 1529 soriveva ai Dieci: 



c Si f\A dire nonrotto U colonneUo delngnor Pirro, 
tna fracas$ato. — £ quelli tanti che aranno fossato 
il ffimo vaglio^ non passeraniio U seeondo, ferche 
li appiccherd per la gala; e pariicolarmente Mti li 
Sanesi» eke sento ce n'e alquantu Dal fatto della 
Loitra in qua ho giurato a Dio eke tuiti lisoldatif 
che non aivranno ammazzato li prigioni che e' pi* 
^lino, che io li appiocherb^ e cost atterrb loro. » E il 15: 

c £ iroviamci prigioni una ventina di Saneei, 
li maggiori ribaldi e struisiatari del no$tro paete; e 
fra Faltre loro virtU, si e trovato loro certe cords 
rinforzate, le quoH dicono, che tenevano per legare % 
coglioni a' Fiorentini, e come lo dicono^ lo hanno 
fnesso in aito. Olli fatti mettere di per se dagli altriy 
e se non li punisco questi gagliofji, Vostre Signorie 
non mi tenghino piii Francesco. » II 26, distin* 
gueiido giustamente i soldati e i ribelii, scriveva: 

c In fra li prigioni v*e uno gentile uamo napoletano 
e certi altri ricchi di Castel Fiorentino^ che sto fra 
due iappiccarli; chi certamente meritano maggior 
puniziane li sudditi nostri che sono contro alia cittA^ 
che li soldati che vengono a oppressors quella. i 

A queste scintilla che scattano dai carteggi 
dell'eroe, aggiungiamo le belle testimoDiaoze del 
Buaini - Gano nelle sue vivacissime e oBestissime 
lettere al Yarchi: 

•-£u veramente buono e valenky ed era a Gio. Ba- 
tista Sodmnl, come fu Terigi ad Orlando^ ni fm 
mai akuno m Signoria^ se nm egli^ in cw solo de- 
pend$s$i tutta la speranza e la salute H una coA 



PBIFAZIONB XI 

fatta eittA e W^ertA: e perdendo^ ferimmo^ e Hb 
avessi vinto^ aremmo vinto. — ...Tirar m im nomo 
1111090 $enza e&Mscer rawioni iue e diiusato e pe^ 
rieoloso: e pocki ovrMero pensato ch$ e* fwie per 
riuscirti tcde^ non essendo mai stato in guerraaltri' 
menti che come pagatore. OUre a cid^ Finvidia pub 
qualeosa neUe repMlicke^ e massime dove sono asc 
sat nobili, come era nella nostra^ che $degnavano, 
non cValtro^ di vedere uno d^ Cardncci gonfah- 
niere^ Michelagnolo de*Nove, un de'Ceio de* Giugni 
de'Dieci^ e costfatti; onde non pensorno troppo a 
conotcerlo^ ne ienza questa guerra sarMe mai co* 
nosciiUo; e coA si viveva quella vertU $epolUit per" 
chi sendo nnovo e povero^ i difficile poter eorgere^ 
te gi&, come allora la necessita non facessi altrui 
deligente m ritrovare i virtuoeit come fn allora. 
...Ebhe una patente dalla Signoria^ tanto ampla, che 
mai fn alcnno in una cittii libera che aveize t a'Vh 
torita che Me egli; perche poteva fare accordo eoi 
nhnici a suo modo, donare citta^ prometiere quahi' 
poglia eomma di denari cKe voleva, ed in somma 
tmtia la cittA e tulH i magi$irati unitamente, non 
aoevano altra speranza della sua liberazione, che 
nel comnUssario Ferruccio solo; e fn gran glories 
suoy che egli solo poteva^ e non altri, liberarla da 
qnello assedio; e lo poteva fare se i cieli nonsegK 
aUraversavano. Egli ammalb di febbre onde ritardb 
ym parecchi giorni; pure presa un poco di cassia 
e guarito, si mosse con Vesercito suo, che non fn 
fm di tremHa fanti utili^ e dugento cavalli capita* 



JU PREFAZIOKi: 

^nati dal n'jf. Giampaoh Orsino. -^Ho parlato ad ax- 
.saichediconochetnaisividdeunoesercito, benche pic- 
solo^ meglio guemito del suo di vettovaglie, d'ordinimi' 
atari, tU fuocki lavorati, dartiglierie minute aluochi 
.loro : talche, se per promessa duno detto il Bravotto 
da Pistoia, capo di Parte Cancelliera^ non avesse tenuta 
,la ma delta tnontagna^ e* passava ad ogni modo; e %e 
iMn it fu$$e perduto Empoli, tion vi era difficultd at- 
xuna* — .^ il Ferruccio vinceva^ non si era per 
far altro che gnello che sifece, che fu fare h dote ad 
una due sorelle cK egli amava, Egli era per etsere 
^emprs onoratissimo in tutte lecose; ne sipubpunt9 
calunniare^ perclU fu retto uomo, coraggioso ed ama- 
tore del be$u pubblico... Duolm che la ca$a sua e 
spenta^ come che wtn gran fatto nobile^ ma antica... 
E U Yarchi narrato il combattimento : Furono 
desiderati in questo confiitto^ U quale durb da di- 
£iannwe ot^e imjino passate le ventidue^ fra iuna 
parte e delValtrc^ d'intorno a duemila uominu I 
feriti furono in grandissi^o numero^ de quoXi ne 
morirono assail perche quasi tutti avevano piu fe- 
rite in diversi luoghi; e tra questi fu Guglielmo 
Frescoba^di molto lodato e molto adoperato dal Fer* 
fuccio^ il qual carico darchibusak e di piccate fu 
portato a Prato, e quivi^ contento di morire per ser* 
cigio deUa patria^ spirb; il che fecero molfaltri^ i 
fguali meritarono tutti egregia e sommissima lode: 
na sopra tutti gli altri fu d immortal gloria Fran- 
cesco di Niccolb Ferrucci, il quale, di privatissimo 
cittadino e di bassissimo sUUo^ venne a tant*alto e 



pREPAzioim xm 

pvbhlico grado^ ch' ugli feee tra lo spazio di pochi 
fnesi'tutte quelle prodezze in una guerra sola, eke 
fuh tra lo spazxo d* assaissmi anni fare un gene- 
rale esercitatissimo in nwlte^ e, quello cK e pm, 
avendo avuto solo per le sue virtii la maggiore au* 
torita e balia che avesse mai cittadino alcuno da 
repubhlica nessuna^ V adoperb cvcUissimamente, e sold 
in pro della patria sua^ e a beneficio di coloro i 
qnali conceduta gliele avevano.,. 

Bellissima la Yita che del nostro eroe scrisse 
il Sassetti, e ci sia lecito a questo proposito ri- 
portare le parole che Guido Cinelli ne dettava 
Delia Ricista Contemporanea di Torino (dicerabre 
1855), e che, appropriandoci, ripigliamo il nostro. 

Ai eontroversisti letterari appartiene Filippo 
Sassetti, fiorentino (nato il 26 settembre 1540, 
morto a Goa il settembre del 1588), per le sue 
risposte inedite alle censare del Gastravilla con- 
tro Dante e per la saa censura, altresi inedita, 
ieW Orlando Fwrioso di Lodovico Ariosto. Se non 
che meglio che le codtroyersie, le lezioni, e i di- 
scorsi accademici, lo onora la vita ch'egli detto 
dell'oUimo fiorentino, di Francesco Ferrucci, che 
fa pabblicata nella parte II del tomo lYdell'ilr- 
chivio Storico Italiano, e meglio che questa bio- 
grafia lo raccomandano all' universale dei lettori 
le sue Lettere, ora stampate dal Le Monnier. L'e- 
ditore, signor Marcocci, ha potuto condurle, tra 
edite e inedite, al numero di 115. Le prime nsei- 
rono nel volume III (parte IV) delle Prose Fioren- 



XIV PBEFaZIONB 

tine, vasto repertorio di orazioui, di lezioni, di 
cicalaie , di lettere, .ammassato col solo fine del- 
Teloquenza, siccome in quel tempo si diceva la 
parlatura forbita ed adorna. Pietro Giordani fa 
il primo a lodarle, Prospero Viani a smembrarle 
dalle Prose Piorentine e a stamparle a parte, e Fi- 
lippo Laigi Polidori a dare an'idea delle inedite 
Del discorso proemiale all' allegata parte delFAr- 
chivio Storico, ove ando minutamente discorrendo 
la vita e i viaggi del Sassetti. Ora il sig. Mircacci 
ha tratto dai manoscritti qaante ne pot^ raccorre, 
e non tralascio neppur quelle che favellando di 
sozzi amori, scemano pregio alia fama del Sassetti 
e dei suoi amici, e stremeranoo il corso ad nn 
libro, che senza tal difetto, andrebbe facilmente 
per le mani di tutti. 

II Sassetti, come Bernardo Davanzati, di cui 
pregiava il giudizio, comincio e fini col commer- 
cio. La sua breve vita fu smezzata dagli studi let- 
terari all'llniversitk di Pisa, e per le Accademie 
fiorentine. II suo buon ingegno maturato gik dalla 
pratica degli afari e del mondo, bevve piu avi* 
damente e piu copiosamente la scienza, e qaando 
si fu corroborato di qnegli stndj classici e filo* 
sofici, che non nocevano all'esercizio dei negozj^ 
come non nuoce ora il saper di greco ai nego* 
zianti di Londra e di Amburgo, egli si dovb ri* 
mettere al commercio, ma a quel grande com* 
mercio che le navigazioni portoghesi e spagnaole 
avevano, allargandolo ed agevolaodolo , involato 



agrttaliani. tngegno attivo e perspicace, 08senr6 
i costami degli uomini, gli aspetti della natura 
alio stesso tratto cli'egli mandava innaQii il sno 
traffico, ed egli scorse alcnni veri scientifici, che 
faroDO bene acceDDati dal sig. Decuppis in una 
letiera al Polidori. Non gik ch'egli, come afferma 
Ferudito fanese, si possa dire nno dei precorsori 
degli accademici del Ctwiento. AUro h Tosserva- 
xione institaita scieniificamente e con fine scien- 
tifico, altro h Fosservazione accidentale; vi corre 
quasi lo stesso divario che tra Tapplicazione di 
cristatli ad nn tabo fatto dai figli deH'ottico di 
Middelbargo al cannocchiale di Galileo. Se non che 
il Saseetti osservava e descrivea bene qnelloche 
di DOtevole gli cadeya sott'occbio, e le sue lei« 
tere sono riccbe di fatti e di belle avvertenxe. 
Ma egli scriveva trecent'anni fa, e a Yolerlo ben 
comprendere e a farsi giasto concetto delle sue 
relazioni, si vorrebbe, come altri notd, an comen* 
tario geograficO) etnografico, fisico, che manca al 
tntto nel libro del signor Marcucci, il quale si h 
ristretto ad uno spoglio filologico, assai facile a 
ehi abbia una certa pratica dei vocabolarj ed ha 
al tatto abbandonato I'essenziale, che sarebbe il 
eonfronto di quelle che Tien riferito dal Sassetti, 
con qaanio ne porge Terudizione o la scienza 
Boderna. 

Nob istaremo a ripetere il layoro gia largamente 
btto dal Polidori e diYenuto in gran parte inu- 
tile dopo* la pnbblicatione delle lettere inedite. 



XVI PBBFAZIONll* 

Solo ci piacerebbe poter ritrarre la Vite d^'Uni- 
versitk toscana al tempo che il Sassetti vi fu a 
studio, illustrando i luoghi non bene chkri delle 
sue lettere che vi alludono. IL Polidori rimanda 
al Fabbroni e al Valori nei Termini di mezzo rt- 
lievo; ma dallo storico deU'Accademia pisaua e 
dagli altri autori che possono dar lume intorno 
a questa materia^era piuttosto da cavare quanta 
poteya meglio solleticare ed appagare la curiositk 
erudita. Mon essendo questo studio di nostro as- 
snnto, citeremo senza piii alcuni passi, che ser- 
viranno altresi a dare un'idea del fare del Sas« 
setti. c Le fwstre scuole^ scriveva egli di Pisa il iti 
novembre 1K70, sono in ragionevole frequenza* B 
Verino e con 10 scolari^ non contando i legisti; il 
Buonamico con 12, tn 20, tn 16 secondo i giorni; il 
Caponsacco eon 4, in 5, in 3, massime al principio 
della lezione; il QuarantoUo pub dire come queWor 
mico: au^ Osoi;, contando Itit, com'e per quarantot' 
to. 3 Non solo la frequenza alle scuole era appe- 
na ragionevole, ma Tamore alio studio andava 
sempre piu svaporando: c Non sentii mai pttt, scri- 
ve egli di Pisa il 10 dicembre 1572, la men toglioM 
sorte di novizj per istudiare^ eke questa di questo awno: 
Valori, Buondelmontiy Strozzi^ e fanno un chiasso mi* 
rabile. » Di che la sufficienza degli studiaoti era 
sempre in calo — ed egli scriveVa da Ancooa 
iJ 19 luglio 1572, parlando di un comento sopra 
la Meteora di Aristbtele : t Mi pare Ae di comenti 
latini non sia il |)m bello fuora di qu^Hi eke to 



4 



P11BPAXI«RE XVII 

(Mi M fMt viBio^ $e bene 4kdH UudenU $colari e^ 
tarii temsfre ifuggito, ferehe tratiando la tmUeria eon 
una grandezza eke fa e con U ricoprire Varte delta 
logiea^ richiede un fantoccio un poco meglio eserei- 
tal0 eke oggi nan si costuma. » Certo le esquisi- 
tezze filosofiche non attra«vano troppo g^i animi. 
c Not, scriTeva egli di Pisa il 6 dicembre 1570, dio' 
mo per non diviso dritto a qnesta benedetta genera^ 
sfione^ ed ora siamo alle mani con Democriio^ era 
con quello insensato di PhUone.^ e si va dritto a sol- 
vere i loro amlli; i e il 21 maggio del 1572 sog- 
geUara cost: t E quanto alle fUosofiche astrattezze 
la sua mole vha poco andare di grazia^ e trattan 
gU amici co* qood est e si est, lasciando da banda 
i qaid e propter quod, che nel rinvenirsi sdno tanto 
difficili; e contentiamoci, volendo pure fare qualcosa, 
di risolvere i quisUi sino in certe came un po unwersa- 
lotte^ come fa messer Grazia/no di Zanni, che volendo 
rendere canto percke causa si trovasse in scena^ disss 
perchi egU vi era venuto. » Certo gradivano meglio 
le suDiaose cene, le musiche, gli sporehi glnochi 
c peggio che i giuochi. Noq mancavano pero le 
geotilezze della poesia, di cni erano g^iot^ anche 
i forestieri. 

Egli scriyeYa di Pisa il 6 dicembre del 1570: 
c Quando voi avete qualche bdla poesia, memento 
Dcsiri, perchi abbiamo qui certi amici nostri fore- 
siieri molto dediii al verso tosco^ e U faremmo cosa 
§rata^ se quaUosa alle volte mostrassimo loro. » For* 
qaesti erano forestieri deiraltre parti d' Italia, 



XVm PRRFAZIORB * 

come li chiama il Segni in an laogo delle sue 
storie, e forse erano stranieri, perch^ in qaeU'etk 
in cni prevaleva ancora la coltnra italiana, d'ol* 
tremonte e d'oltremare venivano ad apparare gen- 
tilezza e cortesia in Italia, e per nominarne uno 
tra mille, an principe di Yalacchia, secondo narra 
Stefano Gaazzi nei saoi Dialoghi^ amaya e colti- 
vava la poesia italiana. — E pare in Firenze con 
taita qaesta finezza di coUara e amore di poesia 
era parato strano cbe Lorenzo Giacomini avesse 
recitato in ana tragedia data in Ancona, onde il 
Sassetti gli scriveva di Pisa I'll marzo del 1S73: 
t Tornando alia tragedia^ Veture spetiacolo sollaZ'^ 
zevole al popolo, gid era cosa iohhrdbrio: onde disse 
Laberio: 

Ego bis tricennis annis actis sine nola 
Eques romanus ex tare egressas meo 
Pomnm revertar mimiu : nimiram hoc die 
Uno plus Tixi, mibl quam viyeDdom fait 

Ma cost doteva fortare ropinione di quei tempi; 
onde oggi nazioni nobili kanno giudieato cdtrimenti, 
se ben foche; e que$ie pare che abbiano piti Vanimo 
volto a sollazzare se stesee che gli spettatoru.... pik 
caro avrdfbono avuto mohi^ ed to per uno^ che voi 
non fo$te intervenuto in questo spettacolo, » Ma tor* 
niamo alia Vita, 

II manoscritto da cai fa tratta I'edizione del- 
VArchivio ha parecchie lacane e difetti; le ane 
indichiamo con pantini; degli altri noteremo al* 
cani. A pag. 42 dopo Annibale Bichi dee sapplirsi 
da Siena, e il Monzani crede anzi che il nome 



PSKAZIOXflT XIX 

fosse J&copo e non Annibale. A pag. 38 dopo il 

Corpo dee snpplirsi assai probabilmente di S, Ber* 

iMTdvM da Siena, A pag. 43 & notevole la lacuna 

della descrizione di Yolterra, ch'^ poi data piu 

gill a pag. 47. Da queste lacune appare che To- 

rigioale e imperfetto, piii che non faccia dalle 

sgramaticature che crediamo soverchio appontare. 

fl Passerini, che ha con Tasata espertezza fatto 

I'albero genealogico della famiglia Ferrucci, ha 

corretto parecchi errori commessi dalSassetti in 

questa vita. Egli prova contro il nostro antore 

che la dignita di 6onfaloniere fa dai Fermcci 

eonsegaita per la prima Yolta nel 1299 e qnella 

di Priore nel 1302; che nella prima metk del 

secolo decimoqnarto i Fermcci farono facolto* 

si commercianti e fecero parte della famosa 

ragione de' Bardi, allora la piu ricca di tutta 

I'Eoropa; che Leonardo di Francesco Ferruc* 

ei fa capitano del popolo di Pistoia nel 1413^ 

ed Antonio sno figlio ne fn podesta nel 14S7; 

che un Leonardo Ferrucci fu un buono stru- 

mento della guerra di Pisa, ma non fa questi 

Leonardo di Antonio, bensl Leonardo di Bindo, 

il quale durante la lotta coi Pisani, dopo la meta 

del secolo XIY, fu eletto commissario delle ga- 

lere della Repubblica, ed ebbe il vanto di toglie* 

re ai nemici I'isola del Giglio; che il Ferruc* 

ci, il quale presto utili ^errigi ad Antonio Gia- 

comini neir ultima guerra pisana, fu Simone, il 

fratello del nostro Francesco; che noli tro' 



vasi che Niccolo Ferrucoi monacasse alire figlie; 
oUre la Lisabetta, perciocch^laDianora marito a 
Gian Francesco Rucellai e la Tita a Donate Rod-^ 
dioelli, e di poi a Lamberto del Belfredelli; e che 
cio Don ostante gli rimasero non pochi de' beni 
ayiti; im queste oltre le case di Firenze, altre 
due case nel castello di Bibbiena, la villa detta 
la Tomba, con vari poderi nel Caseniino, con 
altro podere nel popolo di S. Giusto a Falgaoo; 
che il nostro Francesco nacque a di 14 agosto 
deU'anno 1489 in venerdi a ore 14, e fu baUez- 
zato il seguente di 15 ; che fa iratto potesia di 
Larciano nel 1519, ma non pote risedervi per essere 
a specchio; che tenne per altro la potesteria di 
Campi dal 1.^ giugno al 1.^ dicembre 1523; di 
poi quella di Radda e del Chianti dal 14 febbrajo 
1526 (stile fiorentino), a tutto il mese d' agosto 
1527; non essere esatto che risedesse a Greve; 
che mentre sedeya al goyerno del Chianti die il 
primo saggio di valore, ayendo con pochi annati 
respinto una incnrsione di soldati yenturieri, che 
militayano al soldo de' Senesi, e costrettili a de- 
positare gli oggetti riibati. 

Si proya poi dal Monzani, che fece la ricercatt 
a questo suono nelVArchivio Slorico del Yiessenx, 
che Tito Guiducci nOn era cagino del Ferruc- 
cio, ma suo zio materno; che il Ferrucci non 
fu riscattato dalla sua prigionia di Napoli da Aii* 
tonio da Gagliano, ma sibbene da Tommaso 
Cambi ; che non Piero , ma Niccolo ehiamavasi 



FREFASIOHO TXXI 

qaelVOrlandiai cbe per soprannome erm deito 
il Polio; ma che Piero era il suo frateUo, che fa 
poi immediatameiite chiamato a corrompere An- 
drea GiagnL — Sappiamo dal Monzaniche il Cat^ 
tivanza era il sopranDome di Bernardo Stroizi, 
ehe GiuBpagolo da Ceri era figliaolo di Renzo da 
Ceri, che Gaio era il soprannome di Dinozzo 
Lippi, e finalmente che il Ferruccio non pote 
pariire da Visa il 2 agosto, come afferma il Sa»* 
setti Yedendosi una sua lettera ai Dieci in data del 
1.® da Pescia. 

Alia vita scritta dal Sassetti accoppiamo la let- 
tera di Donate Giannotti a Benedetto Varehi sulla 
Vita e suite azioni di Frcmcesco Perrucei II Gian- 
notti, nato in Firenze il di 27 novembre 1492, 
mori esole a Yenezia nel 1572. Segretario dei 
Dieci nelF ultima lotta della liberta fiorentina, 
dissotterro, a dir cosi, la virtii sepolta del Ferruc- 
cio, e qnando il fato awerso d' Italia voile che 
tanto eroismo perisse per mano d'an Haramaldo, 
egli ne consacro la memoria nello stesso libro, che 
trattava della RepubbHca Fiarentina^ facendo tai> 
t'ona cosa della libertSt e del Ferruccio; donde 
la insse ai preghi del Varehi e a intercessione del 
Busini. II Giannotti fu il precursore de' nostri co* 
^ituzionali; e d'accordo in cio con altri politici 
italiani; di che parve ad uno storico piemontese 
£ar del costituzionalismp la dottrina nazionale. Se 
non che il concetto del governo misto e assai 
\ecchio, e nacque dopo la mala prova dei governi 



XX- PBJWASKWW ^ \ 

Tasi che Niccolo Ferrucci mor » ^ ^^^ ^ f 

oltre la Lisabetta.perciocchif ^^ ^''ttlUerfT 

Giao Francesco Raceliu e ' ^,8. ov© ^J 

d'melli, e di poi a Lambert/ irrebbo if" 

cio DOn ostante gli "ms/a . ^ S 

aviti; tra qaeste oltre '|| ^ 'oriosr "^ 

due case nel castello>| ^^ ^^j. 
la Tomba, con fW>Vi? 

altro podere nelWjf ^^3^ 

che il nogtro Fr/Lf -jui , „• 

dpubbUcane in itaijj 



,« I'esole patriota correr die- 
ana della sua repabblica, e di- 
erec; consola il vedere com'e- 
idea del monicipio alia graade 
noD attuabile al sno tempo, e 
nel nofltro col favore del pria- 
ion attnabile aUora per la diver- 
. di governo, e male adombnta 
irsitk degli elementi di popolo. 
iDcipio monarchioo fu baono ad 
I cos'i ad unificar municipj ; e 
cipj e noa Stati. Al priacipio 
rbato la uniScazione dlltalja, 
»aa)e ai di nostri; ma Don sari 
le sibbene di citU sorelle, cfae 
eome i pezzi di una macchina 
Sio. 
Hi e il Giaoaotti corre il dira* 



\ 









■"' ''"'"ccio traemmo . '' 
.^j;!P" """•*«' ««oipii. be, fatti,!, 
oltern..elBlt,„»chee8li8cris5edopo 
, del male, che lo fece meno proweduto » 
^rftere «li« dopp'« cospir«iione degli aasediaDti 
c doi di/enaori di Firenie a rovioar I' uomo che 
gorreVB. a di/enderia e aristorarne la fortuna. La 
prima fa gii pnbbiicata dall'Aieglio, e si riscon- 
tfs Delia coUeDoae che ne pabblicarooo i compi< 
latori dellMrcAiVw storico di Viesseax, che taota 
eradizione possro in serrigio della patria; oode- 
ch& turn sai to den chiamarll piuttosto grao dotti 
o gran cittadini. — N6 paia eccessivo queato epi- 
teto ai nostri di; si larghi di lodi ai cerretani della 
liberty e st scarsi a qaelU che confortaroDo col 
SDO calto le loro yeglie, e pngoaroao perl'Ualia 
BBi libri finchb doo si path soi csmpi, — Questi 
emditi Tanao al pari permente.esenon pereo- 
tasiasmo, carlo per profoodita a feconditk d'amore 
ai Goerrazzi, at D'Azeglio, ed a tutti quel nostri 
romwizieri c poeli che appareechiarono si valida- 
U oostro risorgimeato. 



XXU FBEFAZIONE 

puri; e dal misto si ripassa ai pari con per* 
petua Ticenda; il cbe avyiene per Timperfeita 
organizzazione deila democrazia; cbe, ove potesse 
conseguire il suo vero assetio, parrebbe il goyer* 
no miAto an espediente barbarico. 

II Giannotti siadio le dae piii gloriose repub- 
blicbe d' Italia; la fiorentina e la veneziana; Tuna 
cbe non dovea piu rinascere; I'altra cbe doYea 
meno onoratamente spegnersi per rinascere a bre* 
ve vita, come a ricattarsi della yiltk della mor- 
te, e fare cbe le memorie repubblicane in Italia 
fossero onorate. 

Commuoye il vedere Fesule patriota correr die* 
tro alia Fata Morgana della saa repubblica, e di- 
scutere le forme aeree; consola il yedere com'e- 
gli si levasse dalPidea del manicipio alia grande 
idea d' Italia; idea non attaabile al sao tempo, e 
adombrata appena nel nostro col favore del prin- 
cipio monarcbico; non attuabile allora per la diyer* 
sitk degli element! di goyerno, e male adombrata 
adesso per la diyersitk degli element! di popolo* 
Noteyole e cbe ilprincipio monarcbioo fu baono ad 
unificar Stati ; non cosi ad unificar manicipj ; e 
in Italia son manicipj e non Stati. Al prinoipio 
democratico e serbato la unificazione d' Italia, 
poco piu cbe personale ai dinostri; ma non sarii 
federazione; unione sibbene di cittk sorelle, che 
si connetteranno come i pezzi di una maccbina 
nel loro ingranaggio. 

Tra il Macbiayelli e il Giannotti corre il diva? 



PBEFAZI05£ XXJlt 

no che tra il necessario e il contingente. U Griaa- 
D9tti corre zoppicando dietro ai fatti, e non esce, 
81 pao dire, daU'esistente; ii Macbiayelli svisce- 
ra daU'esperienza mobile e transitoria il principio 
che senza accorgersene ha in grembo, e fonda le 
leggi della politica; tantochfe h il maestro delle 
oazioDi, e le rivoluzioni lo convalidano e ritalli* 
seoDo la sua fama. 

Dal carteggio del Ferraccio traemmo a saggio 
alcuoe lettere sopra uno de' suoi pia beifatti, la 
presa di Yolterra; e Taltima che egli scrisse dopo 
^arito del male, che lo fece meno provvedato a 
resistere alia doppia cospirazione degli assedianti 
e dei difensori di Firenze a rovinar V aomo che 
eorreva a difenderla e a ristorame la fortana. La 
prioia fa gik pnbblicata dall'Azeglio, e si riscou- 
ira nella collezione che ne pubbUcarono i compi- 
latori delV Archivio storico di Yiesseux, che tanta 
eradizione posero in senrigio della patria; onde« 
ch^ uon sai se devi chiamarli piuttosto gran dotti 
gran ciitadini. — Ne paia eccessivo questo epi- 
teto ai nostri di; si larghi di lodi ai cerretani della 
liberU^ e si scarsi a quelli che confortarono col 
sno calto le loro veglie, e pugnarono per T Italia 
sni libri fincbb non si potb sui campi. — Questi 
eraditi yanno al pari per mente , e se non per en« 
tasiasmo, certo per profondita e fecondit^ d'amore 
ai Gaerrazzi, ai D'Azeglio, ed a tatti quel nostri 
romanzieri e poeti che apparecchiarono si valida* 
mente il nostro risorgimento. 



XXVI PREFAMOHB 

II GiannoUi fa discepolo di quel Francesco da 

Diacceto, di cui il Yarcbi scriase la vita, da noi 

• 

jipabblicata presso il Sarioi}, e la filosofia piu che 
la credulitk ai frati lo fece forte nei servigi della 
repubblica e neU'esilio. Egli fa segretario de' Dieci, 
gik aboliti nel 1512 al ritorno de' Medici, e creati 
di naovo nella libertk rborgente. / Dieci, dice AUo 
YaoQucci, ii cui nome h un elogio, avevano n/ft- 
cio gravissimo: governare quasi tutte le ptu gravi 
faccende; negoziare co*principi e coUe repubblicke^ 
e dare udienza agli avAascuuhri; soldare i copitom, 
provveder le arm, regolare k guerre^ iwciwr com- 
missar^ agli eserciti^ spedire le ambascerie. 

Quesio posto era gia state tenuto dal Machia- 
vellL) che ne acquisto per eccellenza il nome di 
segretario fiorentiuo, e, ficcando ben gli occhiper 
h rami deU'albero, si vede assiso alFombra il Gian- 
notti. 



VITA 



01 



FRANCESCO FERRUCCI 

SCRITTA 

DA FILIPPO SASSETTI 



SamtH. 



VITA 



DI 



FRANCESCO FERRUCCI 



Niuna sentenza d cosl vera, come quella 6 che per 
lebocche di ciascuDO tutto il giomo risuona; che 
da uno inconyeniente cbe nasca, molti ne seguono* 
Fa gik lodevole costume appresso a^ Romani, che i 
cjttadinl di quella repubblica, lipeTi dalle fatiche 
della guerra, esercitassero nella patria i loro propri 
esercizj; e quelli abbandouando quantunque volte 
CMcsse mestiere , ritomassero a guerreggiare : nd 
era a Tile riputato negli eserciti ubbidire a colui che, 
tratto dallo aratolo, era eletto capitano generale; nd 
si sdegnavano g\i uominl valorosi, deponendo V im- 
perio, tomarsene a coltivare i suoi campi. Venue 
meno interamente questo costume allora che Otta* 
▼iano Augusto si strinse nelle mani 11 freno del go« 
remo del mondo: imperoccbd, essendo egli mal si- 
curo principe assoluto di quel popolo ferooe • che 
tanto a?eya stimato la liberty, per gettare un saldo 
fondamento dello imperio suo (conoscendo molte 
ToUe deslderare i popoli sommamente quelle che d 
cagione della rovina loro), corroppe con la dolcezia 
deirozio r animo de^cittadini romani cotantoferoce; 



4 VITA 

•^ nheTKH^mitt dalle f&tiefae della grtierrft, toise km> 
og^i speranza di mai plCi rivedere il volto della li- 
bertii, e priydgli di quella gloria ehe il mondo si 
ayeya fatto suggetto : la quale partendosl da loro 
trapassd a quelle genti che furono elette da lui per 
la fermezza dello imperlo. Da questo successe , in 
processodi tempo, che rimperio, dalle man! di coloro 
che per forza o per ingamio se Terano occupato, tra- 
passd a-persone per niuna propria yirtCidi tanto grado 
meritevoli; dispeiiBato dal mobile yolere degli eser- 
citibarbari, iie*qualierarimasta la potenza deirarmi. 
Da questo, indi a non molto, derivarono le innonda- 
zioni di quelle genti settentrionali , che per tanto 
tempo infamarono la proyincia d'ltalia: imperocchd, 
essendo yenuto meno in lei quel valore che due yolte 
sostenne V impeto de^ Galli, e che distrusse 1 Cimbri 
che yenirano ad occuparla ; e non essendo rimperio 
retto da uomini yalorosi, ma da flare sozze e abomi- 
nevoli, che di difenderla non ayeyano ne possanza 
ne sapere ne yolont& ; ella fu in gran parte oceapata 
da^Gotti, da^Vand^li o da'Longobardi:dalglogodei 
quali, ella finalmente il coUo sottrasse, non per la 
sua propria yirtu, ma con Tarmi de' Franzesl, la pri« 
ma e la seconda yolta^ f u da quella servitill liberata. 
Di maniera che lungo tempo yidero le cittik dUlaUit 
Tarmi de^ barbari solamente : le quail di poi, secondo 
)a yarietil degli accidenti, ora da questo principe 
e ora da quella repubblica richiamate, lasciaroao 
daila milizia loro, intenta alia mercede e non aliia 
gloria, aletmo piceiolo yest^io: dondeayyennedae, 
non combattendosi piii per la liberty o per la gnat-^ 
dezsa della patria, ma per il piceiolo stipendio di^e 
quindine'soldati yeniya; gli uomini oziosi solamente » 
o quelli che malcontent! dello stato loro deaiddrct« 
yano cose nuove^ V insegne della milizia si riyeaeti* 
yano. B fa questo mal costume ed 6 ancara coti o^- 
seryato, ehe appreaso a^soMati del seeolo presence 



DI FRAMCB0CO FEBRUCCI 5 

sarebbe in poca st^ma colui ebe, lasciata pur ora 
Parte cbe egli esercitava, alia guerra n'andasse; e 
da quella partendosi e airesercizio sao ritornando, 
come codardo sarebbe scbernito. Onde si d yeduto 
Paolo GioYio, storico moderno, per bocca di Fabri- 
zio Maram^do, gentiluomo uapoletano, uno de^eo- 
lonnelli degli eserciti imperiali, avere rinfacciato a 
Francesco Ferrucci, gentilnomo fiorentino» lo essere 
di mercatante divenuto generale degli eserciti; come 
infunia al Ferruccio recasse lo avere abbandonata 
la mercatura ;>er la liberty della patria, e virtuosa- 
mente nella guerra adoperando, avere ottenuto quel 
gradi cbe sono piii riputati nella milizia; ed a Fa- 
brizio fusse sommo onore, per ptcciolo stipendio, ser- 
vire ad altri, per occupare la liberta de' Fiorentini. 
If a percb6 tale fu riputato Francesco Ferrucci, cbe 
per lui solamente stimasse la Repubblica florentina 
di avere a conservare la propria liberty, io bo preso 
di scrivere le cose fatte da lui ; accioccb^ in quelle 
scorgrendo 1 lettori le quality e'costumi suoi, brighl- 
no di imitarlo in quelle parti cbe fecero lui, men* 
tre egli visse, famoso, e, morendo, lasciarono di un 
tal cittadino desiderio grandissimo nella patria. Ne 
doverra parere cosa da fame poca stima lo scrivere 
la Vita del Ferruccio, percbe Tazioni adoperate da 
lui siano tutte accadute in uno anno o poco pid : im- 
peroccbe, elle furono tali, cbe molti uomini famosi 
nell^arte della guerra banno tutto il tempo della 
vita loro bramato di mostrare al mondo la virtii loro 
per quella maniera cbe di mostrarla fu conceduto 
al Fearuccio. La vita del quale, riguardando le cose 
tnite da lui innanzi al tempo della guerra , potette 
essere argomento di quail dovessero riuscire Tope- 
re sue. 

La famiglia de* Ferrucci, tra quelle del secondo po- 
polo assai antica, ottenne la degnit^ del priorato 
Tanno 1299, e *1 primo Gonfaloniere di questa casa, 



6 VITA 

fu nel 1305. Non fumai di uomiiii molto abbondante^ 
e per questa cagione non molto ricca: se gih cid non 
le fusse avyenuto dal non avere gran fatto eserci- 
tato la mercatura. Gli abituri suoi nel Fondaccio , 
che riescono Lungarno, presso al ponte alia Carraia, 
dimostrano che 1 posseditori d'essi era uomini civili, 
ma di spiriti non molti grand! , mancando d* ogni 
burbanza e d'ogni superba grandezza; ritenendo, 
nondimeno, una certa mediocritil non lunile. Fon* 
darono nella chiesa del Carmine una cappella, yerso 
lasagrestia, allato a quella de'Soderini rozza,adorna 
di pitture, secondo que^tempi assai artiflciose: ecid 
fu Tanno 1345, allora che quel monasterio gittava 
btton odore per la santit& del beato Andrea de'Cor- 
8ini. Sono stati gli uomini de^ Ferrucci, ancora che 
non molti, virtuosi e ciyili; quasi ne^pochi fusse ri- 
stretto ilyaloreche in molti spandendosid^unastessa 
famiglia, e cagione di farla risplendere: e quindi d 
forse deriyato, che non siano essi conti al mondo al 
pari di molte altre che a lei non passano ayanti di 
quella nobilta che dal tempo procede. fi stata in casa 
loro tre yolte la degnitil del gonfalonerato ; e dei 
Priori sono stati flno a yentiquattro yolte; oltre alio 
ayerli adoperati la Repubblica secondo che le faeeya 
mestieri, o che disponeya la sorte : essendo stati com- 
messari di Pistoia Francesco e Lionardo ^ suo flglio 
del 1414 e del 1440; e Lionardo di Antonio fu buou 
strumento nella guerra di Pisa, onde fu Commes- 
sario Antonio Giacomini, 11 qu^le in Lionardo con- 
fldaya neirassenza sua la somma delle cose che erano 
state commesse alia cura sua. Ebbe Antonia Fer- 
rucci, oltre a Lionardo, di madonna Dianora Micbi, 
un altro flglio detto Niccold ; del quale, e di madonna 
Piera de'Guiducci, nacque Francesco, quelli del quale 
i mio intendimento scriyere al presente la yita, Tan* 
no 1489, addi 15 del mese d'agosto. Era Niccold po- 
vero cittadino ; intanto che, per far monache le sue 



DI FRANCB8C0 FEBBUCCI 7 

flgliuole, gli conTenisse yendere una particella del 
beni stabili, con i qnali soateneva la sua famiglia : 
e per questa eagione, fd Francesco suo flgliuolo in- 
diritto da Ini alPesercizio della mercatura; siccome 
anche n^la citt4 di Firenze sono destinati i giova- 
netti, come cbe ricchissimi siano. Imperocch^ , es* 
aando U paese stretto e non molto fertile, non si ri- 
eoglia per la maggior parte degli abitatori tanto che 
e* poasano Tivere dairuno anno alPaltro: che quando 
pure segoiase, mancherebbe ad ogni modo loro 11 
comodo di trattenersi e eopperire alle altre spese ne- 
ceasarie; e percid, conyebendosi troyare qualcbear- 
gomento ehe a queato disordine proyedesse, banno 
riyolto Tanimo i Fiorentini alia mercatura, accioe- 
eh^ i guadagni che quindi deriyano , possano loro 
satisfiare per proyedersi delle cose necessarie. Bgli 
Ail yero, che easendo innanzi al secondo popolo di 
Firenze diyisa la Cltt& in gentiluomini (che furono 
poi domandati i Grand!) e *n popolani ; i gentiluomini 
eaercitando la cayalleria, si sarebbefo sdegnati di 
tee U mereatante, sostenendo il grade loro con la 
linrza: la quale non esercitando contro a nemici co* 
muni, o in aeerescimento della Repubblica loro, per 
la diyiaione delle parti, riyolgeyano V arm! in loro 
ateasi e eontro a^n^seri popolani. I quali, flnalmenle, 
•eoaso il giogo di quella seryitil, preso il goyerno 
aaaoluto della Cittii, stabilirono, niuno potere ayere 
parte nel goyerno deHa Repubblica che alcuna art^ 
ncm esereitaaae; stimando cos! potersi mantenere 
dentro lo stato pacifico. B Uncora che questo 11 con* 
docesse a mancare d^ armi propie per difecla dello 
state loro, atimarono le ricchezze acquistafe da loro 
ayerli a difendere da ogni molestia che dagtUnimici 
di fuori poteaaero aye^e ; non sapendo che gli uomi- 
Bi fbrti, e che siano inaieme fedeli, con quali si di** 
fScndono gli stati e s'accrescono, non yendono a pie- 
dol pregio la yirtii loro* 



% TITA 

Ma tomaxido al proposiio iidetro, Francesco Fer- 
rucci fu da Niccold suo padre^ d^eti d'anni dod^, 
messo al basico di Rai&Mlk> Oirolami* dosde egli si 
iolse molto tempo innanzi ^he egU potmsse ragione- 
▼olmente per maturo discotrso diliberare di sd stedso. 
Imperocchd, d'6t& d'anni quindici , coiae da cosa in 
tutto contraria alia Datura saa, se ne parti, dod mo- 
lestia infinita del padre sao; 11 quale scorgendo ii 
suo picciok) potere da soatentare la fiamiglia sua, e 
la natura di Francesco inefainata alle tresdie e aVo- 
moriy e al couTersare oompagnevole con gli altri 
tianciulli, de'quali egli era 11 capo e la ehiocchia, fia^ 
cendosi le ragunate tutte quanta a casa sua, staTa 
di mala voglia; risoluto di ritirarsi alia villa, e 
cosi cessare spesa, e rimuOTere 11 flgliuolo dalle 
pratiche che lo traevauo fuori del cammino mo* 
atratogli da lui. Stette Franceseo al banco de' Qh 
rolami, in tutto, anni tre , daU* ct& de^ dodici flno 
a quella de^quindici: ne percid si dee riputare cbe 
nome di meroataate gli si eonvenga ; percl^d , oltre 
alio esservi stato costretto dalla TOlontti del padre» 
questo accadde in quel tempo ehe egli maneava an* 
cora del perfetto diacorso e dellaeleztone, dalla quate 
gli abiti derivano onde dascuno e dinominato. 

Bgli non e forse neceasario, nello scriTere le vita 
degli uomini, seguitare nella narrazione delle cosa 
la successions continova del tempo, come molti per 
avventura si sono imaginati;^on sendo il fine di chi 
le acriye fare conte le azioni dimostrandose le ea^ 
gi<mi loro, per la prudenza de'lettori, ma di sooprire 
i costumi di e<^ui del quale si scrive la vita; onde 
secondariamente vengono le azioni raecontate oome 
dimostratrici degli abiti dello animo nostro : i quidi 
molte volte si scorgono assai meglio ne'piccioli fatti 
B nei* domesticiy che sono modernamente tralascSati 
dalliscrittori dellevite, cbe dalle pubbliche azioni « die 
essi studiano di raccontare per graadezsa e laagaift* 



DI FBAHOMOer FXBBUCCI 

eenxa dd)e«|>ere loro. Cid yatiA wras me molio in con* 
eio, per non si aTeremolta contezza di eoee adoperate 
dMl Ferrnceio innangi che egli fiisae eletto Commee- 
sario generale dalle ge&ti florentine: peroochd, seb- 
beiie, qnanto era in lui, venuto gik in tempo che si 
fa TiTa la fona del dlscorso, e^ dimostrd sempre d'a- 
vare concetti trapassanti la condizione nella quale 
lo aTera poato la fortona; dello essere osserTate le 
me axioni e pensieri snoi non eraniente, avvenendo^ 
qaaeto de'gioTani potenti, che, non avendo ancora 
apiegato la forza deMoro pensieri, incitati dalle cose 
fitte da^li maggiori loro e dal ealdo delle ricchezzg, 
ftnno che ciascuno si riyolga a considerare e minu- 
taodeale notare i progressi loro, se e' dinno principio 
a ewe degne della stimazione loro. B non per quaato, 
avendo in Francescosopperito la natnrain quelle di che 
la fortiina gli era stata poco amorevole, si potranno 
raecontare di lui alcnne cose che ear anno argomento 
dellHtnimo suo; le quali se non furono considerate 
dal pobbiico, come adiyiene di quelle de^giovani ^rin* 
etpaU della Cittl^ furono ahneno notate dagli amici 
anoi. 1 qnali non fnrono pochi, nd di poca stima; 
sendo egli stato molto osseryante di questo vinoolo 
dell^amicizia: la quale egli osseryd sempre, non solo 
osaerrandone 1 precettl, foeendo le cose sue con gli 
amici comuni, ma eziandio non la violando con sorte 
verona d*ingiuria o di cosa mal fatta: delle quali 
egli fa aampre cosi inimico, che egli non dubitasse 
di tirarai addoeso inimicizie di moUa importanza per 
qoeata cagione. Imperocchd, essendo egli ancora gio- 
▼ana« sebbene aomo ftttto, fu una yolta invitato a 
cena da oerti amici snoi, doye per sorte era stato 
ehiamaito un capitano Cuio, 11 quale era al seryizio 
di Giulio cardinale de*Medici, che fu poi papa Cle- 
mente, al goyemo del quale era allora la citt& di 
mrenze. Era questo Cuio uno de'grandissimi brayi 
eke allora fusse nella proyincia di Toscana; il noma 






10 VITA 

del quale passd poscia in proverbio: imperocdid, 
quando si Toleya pel tempi passati ischemire aleuno 
obe facesse di braTO professione , se li domandaya 
se per sortefasse state Caio. Di questasiffatta bravura 
fecero allora molti professione, per la riputazione che 
aveva reso Giovanni de'Medici alia fanteria italiana; 
ma di questi, molti erano cotali sgherri, che non an- 
dando alia guerra mai, dimostravano Tanimo lore oon 
fare a coltellate con colui cbe avesse auto piii nome 
di feroce neirarmi ; con 11 bestemmiare Dio e la Ma- 
dre san^ aleuno rispetto; con ildispregio della re- 
l^ione, mangiando carneil venerdi eil sabbato; e con 
fare tali sporcherie, che movendo gli stomachi al- 
trui a rigettare cid che avessero preso, essi non se 
ne pigliando fastidio, dimostrassero la fortezza loro. 
E una di queste azioni, per sorta, fu quella che face 
perdere la pazienza al Ferruccio. Imperocche, mentre 
che i convitati intorno al fuoco si scaldavano, Cuio. 
senza che paresse suo fatto, preso un bicchier di 
vino' bianco e bevutoselo, andando in un canto , vi 
piscid dentro, per scherno di colaii a chi in sorte 
toccasse quel bicchiere, e rimesselo in tavola: il 
quale atto cosi sconcio non essendo state notato se 
non dal Ferruccio, non avendo egli riguardo se a 
lui poteva toccare quelle o ad un altro (che sapere 
non si poteva), accostatosi alia mensa e preso quel 
bicchiere si pieno di sporcizia, le battd nel vise ml 
capitano Cuio. Per la qual cesa , conturbaiasi tutta 
la compagnia, estimandosi dagli altri che la ca< 
gione non sapevano* avere il Ferruccio fatto eosa 
insolente a turbare la gente di quella compagnia 
lieta; tiratosi Francesco da banda, avendo mesao le 
man! suirarml, narrd come fusse passata la btaoerna 
onde egli si mosse a fare Tingiuriaal capitano Cuio; 
e rivolto a lui, gli ofTerse di mantenergli il carico 
fattogli con Tarmi del pari, quandunque gli placed- 
se. Ma fu la cesa quietata, con tutta la bravunt ^| 
Cuio; si che, intramettendosi gli amici^ la pace si fece. 



DI FRANCESCO FEBRUCCI 11 

Molto pifl veementemente si risentiva delle inglu- 
rie che fassero state fi&tte alai, le quali egU non misu- 
raya eosi con la regola diritta nel riputarle oome si 
conyerrebbe, ma come d^animo piii che ordinario, che 
le cose eziandio desiderate contano in luogo di pro- 
pie, e che a loro solamente si conyengono. Non sof- 
ferse d'ayere competitor e in una donna amata da lui, 
come che nobile fosse e di stirpe alia sua simile, se 
non forse maggiore. Bra il Ferruccio fortemente in*^ 
namorato in una sua yicina, gentildonna; nell'amore 
della quale conoorreva parimenti un altro eguale a 
lui ; la qual cosa reputandolasi egli ad ingiuria, e non 
yolendola sofferire, afftontato una sera il suo riyale, 
li did molte bastonate; per le quali lascid coluiTim- 
presa dell^amore al Ferruccio interamente, il quale 
ne acquistb nome di persona che yolesse che altri lo 
rispettasse. Incontrdgli un altro accidente da questo 
non dlssimile molto, incorrendoyi egli forse con mag- 
gior ragione che nel narrate di sopra ; perocehd, seb- 
bene le cose d^amore si fiinno fare piazza ad ogni 
altro rispetto, non d percid che non possano essere 
le bellezze d'alcuna donna oggetto a molti comune. 
Andaya, una sera di state , Frances(io Ferrucci a 
spasso dope cena, e *n compagnia sua , uscita per 
yentura di casa nella strada, era una femmlna detta 
la Sellaina. Ora, mentre che a diletto insieme ragio- 
nayano, soprayenendo lacopo de* Medici (detto per 
sopra nome Boccale); presa quella femmina, Pebbe, 
eosi nel mezzo della yia come si ritroyavano , ba- 
sciata. Alterossi deiratto il Ferruccio, e non ostante 
ehe la cosa fusse con un cittadino potente e di molto 
s^guito, gli disse che ay^ndo ayuto Tarmi eguali a 
lui, che e'non si sarebbe messo ad ofifenderlo di quella 
maniera. Per lo che, otferendoli lacopo d'aspettarlo 
se egli yoleya andare per esse, accettata r offerta, 
andd e tom6 incontinente '^ e yenuti alle armi, dope 
ayere alquanto menato le mani, rilevd Boccale una 



1$ VITA 

pieciola ferita sur una spaUa; e stringendosi addosso 
Tuno all'altro, yennero flnalmente alle gavigne, e 
Bifurono spartiti.Ayeya il Ferruccio data molta opera 
nella sua gioyinesza, e se ne conseryaya Tabito con 
rasercizio continoyo, alia 8crimia« giocando d' ogni 
sorte d'arme ; ma di spada e rotella e d'arme d'asta 
singolarmente. 

Questa lite ayyenutali con Boccale, die molto co- 
noseiuto era e riputato per la nobilti e per Taltre 
parti, fece creseere il coneetto che ayeyano gik le 
genti del Ferruecio ; il qaale egli andaya conferman- 
do col mostrare Tanimo suo intrepido quantutique 
yolte Toccasione li ae ne porge68e,maeziamdiocoii 
Taltre sue azioni. Imperocch^, 'sebbene egli non in* 
tendeya la lingua latina, e* cercaya in ogni modo di 
sapere delle cose fatte dagli antichi, leggendo le tra- 
duzionied oflseryando le cose appartenenti air arte 
della guerra, alia quale si scorgeya manifestunente 
egli ayere riyolto il pensiero; imperoccke, ritroyan- 
dosi la dove uomini fossero eke delle cose della mi- 
lizia ragionassero con fondamento, o per la esperienza 
delle cose yedute, o per ayere letto i fatti degli al- 
tri popoli, ei cercaya d'entraryi per acooncio modo. 
Ne li mancaya naturale inclinazione al ben proferere 
11 parere suo ; anzi lo diceya per maniera, eke agli 
ascoltanti poteya essere manifesto cbe egli opera vi 
ponesae. Per lo contrario, era impaziente, e non ei 
poteya fermare la doye fussero ciancioni, cbe di cose 
yane, sporcbe, o pure di cose grayi sanza fondamento 
ragionassero , donde, tantosto eke egli poteya , sol 
eke la compagnia offesa non ne restasse, se ne fug- 
giyi^ £ se tra gli amici di.simili cose accadessero , 
non era yago di riprendere o di garrire le cose nud 
dette; ma, con un cotal rise eke non andaya molto 
a dentro , dimostraya non essere quel propoaito 
secondo il gusto suo : mo^trando in ogni suo diaeorao, 
nulla tanto essergli a caore o tanto dolere, quanto 



DI FRAKCO09 FlfiRUCCI 18 

il tenpo «be si perde. Dicono eadNrstslosttopropio 
quen'osa del nogghigTULte qQaatmique yotta ad al- 
cuna cosa si aTYeniya obe nan fusee seeondo il gu*- 
8to sao; e come oke in hii non si scorgesw alciiae 
lotUgnd peoBiero, d nondimeno stato notato quel 
Tezto oome eosa datla quale venga ^el non sinoero. 
E DODdim^o, fa egU ripatato uomo aperto, ehe di* 
mostnisse nolle parole quello ^e egli aveva nell*a- 
Btmo; BOB meno amSco degli amid, cheagli inimiei 
inimieo soopertamente: con i qoaM, noBdimeno, de« 
ponendo gPiateressi particolari per cagione del piil>- 
bMeo, ritornd amioo. 

Dopo la lite che egil ebbe can Boeeale de^liCediei, 
eon il quale non fece eosi presto la paee, si rttird 11 
PBTTuccio in villa nel Casentino, tra il castelto di 
Poppi e di Bibbtenau Nel qnal luogo non istara ozioao, 
ma essendo agile della vita e ben disposto, era ish 
t«|ito al placere della caccia, eosi delle flere terre- 
sir! come degli nceelli, dilettandosi molto del fare 
▼olare; e percid nutricava sempre un astore, ciid piik 
Bon pokeTa per la poca rendita, ch6 avera a soate- 
oera la famiglia tutta. Bra in quel paese ripotato 
ntotto, 6 quasi auto per Tarbitro di tutte le diiferense 
Che tra gli uomini di quel paese nasceTano; i quali 
P^rteggtando tra loro, siceome la RoB&agna e gU 
ftttri paesi loro vieini, come qualclte disordiiie d*im* 
portanza era aecaduto, andavano amendue le parti 
^ hri; ed egH, per destro modo, insieaoe gli accon* 
^▼a, avendo ragionerole intelligenza ed una oerta 
^cora pratica delle cose del duello, acqaistata dalla 
sua ossenranza nel conversare tra gli uomini delia 
?uerra. Quindi derivava ohe la piCt parte del paese 
Tamava e rereriya: a c&e si aggiognevaaiaehelSiii- 
torit^ ehe da per se stessi ritenevano i dttadini nel 
^oatado; perd cbe, signoreggiando dascuno Tieen- 
deroimente nella Cittft , parera ehe e* ritenessavo 
fl^&pre parte di qnella grandesza ehe era in loro al* 



14 VITA 

cttna YOltaper disposizione della sorte. E nondimeno, 
come ce^paesi dove le parti sono e le dlyisioni de^li 
uomini, addiviene a coloro che non Ti sono interest 
sati per natura, alcuni gli portavano manco rispetto; 
per6 che, oonvenendo a ciascuno non, ii^teressato 
in loro controversie, e che tratti tra loro , dare la 
sentenza almeno nell'animo suo contro ad una delle 
parti, Taltra restandone offesa, sel coglie in odio. 
Quindi forse procedette, che alcuni del castello di 
Bibbiena, andati alia Tomba su quello del Ferruccio, 
ne presero certe lepre; e innanzi che se ne partis- 
sero, furono sopragiunti da lui: 11 quale rlcevendo 
quest'atto a dispregio suo ed a gran Yillania , cost 
come era armato d'una corsesca , capovolgendosela 
in mano, dette a uno de' principali di quella compa- 
gnia tanto quanto le braccia li rossero. E sapendo 
con quale ingenerazione egli avesse a fare, correndo 
contro agli inimici non una persona solamente, non 
un parentado intero, ma la parte tutta quanta ; aven* 
do chiamato certl seguaci suoi , aspettava il movi- 
mento di quelli di Bibbiena ; i quali tantosto in frotta 
(gente salvatica e dimal talento) andarono per affron- 
tare 11 Ferruceio e nuocerli: ma troy andolo ben pro- 
yeduto, si partirono senza ay ere tentato cosayeruna; 
ayendo conosciuto che 11 furore non ha dempre luogo, 
e massime doye si reggano le azioni con prudenza. 
Parr& forse ad alcuno gran merayiglia, che non si 
raccontino magistrati cheesercitassenella Ci|;t& cola I 
che ebbe tanta autoriti dalla sua Repubblica. fi il 
yero che non pare cosa yerisimile, che non si ayendo 
auto sperienza del giudizio e della prudenza di Fran- 
cesco, e' doyesse essere confldato in lui la somma 
delfe cose: e nondimeno, interyienequesto, che dove 
11 bisogno 6 grande, e a molte cose si conyiene pen- 
sare, come interyenne nella guerra alia RepubMica 
FkirenUna, di molti strumenti le fanno mestieri ; clie 
se, per yeatura, alcuno ne li riesce atto a quelle 



DI FRAKCfeflCKT FERHUCCI 15 ' 

efier^mo eh^gli fa da prima adoperato, si prende 

animo a darli cure maggiori, crescendo smnpre, fino 

a Che o i^imprudenza maaifesta di colui, o Tinfelice 

suocesso di qualche sua azione, non lo trae del con* 

cetto nel quale e^ fosase aV>co a poeo venuto^ In qtia- 

lunche modo la cosa si fass^t colore che hanno me- 

moria delle azioni del Ferruocio, dicono egli essere 

stato Podesti prima di Campi e poi di Greve : i quali 

ufl2j se si riguardano , si conosceri apertamente, 

non pot^e po'rgere occasione alcuna agli uflziali di 

mostrare in qualehe parte segno di giudizio o di pru- 

denza»sendoBpogliati delgiudiziodel criminale Tund 

e Taltro; esercitando Timperio il podest&nel far paga- 

re i debiti privati ; e quella parte delle rendite del Co- 

snine ehe 11 fussero comopiesse da*magistrati fiorenti- 

Hi, potendo egualmente dame la cura a si fatti mini- 

strl od a quegli che giudicano nelle cose crim^alL Que- 

sti Bono lecose fatte da Francesco flno air et& d'anni 

trentotto, consenratej:iella memoria di amici suoi : le 

quali possono fiacilmente essere argomento di quello 

che egli poscia diyenisse, potendosi scorgere flno a 

(foi nelle azioni raccontate di lui, giudizio e discorso, 

aaimo e forza, e bontii di mente, congiunta con vo- 

lonta di dimostrarsi. 

Segoitano da qui innanzi azioni piii gravi, e degne 
d^easere maggiormente considerate. Impercid che , 
• Mon do la Repubblica fiorentina, per la Tenuta in 
Firenze deiresercito della lega, dichiarata anch^essa 
nella confederazione che era tra il re di Francis , 
d^Inghiltera, de^Veneziani e del ponteflce , contro a 
Carlo, e mandando poi, sotto questo pretesto/cento 
einqusata cavalli e quattro mila fanti, dopo la presa 
(lil ponteflce, sotto Orazio Baglione, con V eserdto 
cbm Lautreoh conducera nel Regno ; il Ferruccio ot- 
tMBie d^andare... con Marco del Nero e Oiovan Bait- 
tistaSoderini, imbasciadori della Bepubblicaappressq 
aLinite«(^: inyitandoio a cid non pate Tamieizia 



' 16 VTPA 

grraxMl6 ohe era tre Itii e il Soderlno, mail dMiderto 
auto sempre di mandate ad effetto i pensieri dell*a* 
Almo suo Che all&milizia la traevano: per la eho, 
proYtsto d'arme e cavalli, si coadttMe eon le genti 
deTiorentini, dette le BanCLe Nere, satto Napoli. VM 
qual luogo ntillamena, esercitando Taflcia che egll 
aveva in quello esereito, cercaya d^acqaistareinsie* 
me nome e riputazlone, e seienia neli'arte militare : 
per la eke £&re, dicono egli esaere stato sottilisaimo 
ricercatare degli ordini della gruerra/ domandando 
ittstantemente della cagione di tutte leeoae chenttOTa 
alia Tista se grli rappresentavano^ Delkt quale eoMi 
siccome gli porse roceasione ampia eommoditft, cast 
gli fa facile il teatare la sorte nella guerra, per ri- 
portame fama: peracch6, militando tra queUa g«Biae 
che erano piU di tutte Paltre adoperate nello esercito, 
e sanza le quali di Puglia non si stimasse potere an- 
dare alia volta di Napoli, ogni giorno poteraessere 
nelle scaramucce alle man! co%gli inimici. Perd che, 
uscendo, per la difflUta de'viyeri» la cavalleria a oyai 
ora di Napoli, pareva che con molta gloria loro nen 
si potesse opporre altre genti agli Spagaaoli , cM 
le fiande Nere de' Fiorentini ; in una searamuctte 
delle quali, fa flnalmente fktto prigrione Fraaceaeo 
Ferrucci. B come che ci6 non possa aTYerani« Tori- 
simile d che e' seguisaepoco innanxi all'altinia roTl* 
ha dello esercito f ranzese. imperd <^e« essendo giuiite 
I'armata che di Francia porta va soocorso di gente e 
di daaari, e non potendo pigllare porto sansa eaaare 
assaltata dagii Spagnuoli ; Lautrech avera mandato, 
p«r sicurta del tutto nello sbarcare, 11 awrc^eed di 
Saluzzo, i Srizzeri e leBandaNere, awiando tenaasi 
la gente d'arme franzeae col mareheae, e dietro la 
fanteria prtdetta: tra la quale e la geate d'ari— , 
diiMoato un tiro d'archSboto, era Ugo de'P^ipoli^ tOm 
per la morte d" Oraaio BaglSane era rioiaata aspo 
deJOe ge&ti de'FloreBtini, con cinquanta arehJhtwiai L 



DI FRANCESCO FKBBUCCI 17 

Fu la gente d^arme assalita dalle genti useita di 
Napoli in gran numero; e, forzata, si mise in Tolta, 
percotendo nelia fanteria, che dietro gli oamainaYa; 
nel qoal tumulto fa fatto prigione Ugo da'Peppoli: 
col quale die fosse Francesco Ferrucci innansi alia 
bi||taglia, ranimo sue me lo fa verisimile; ma, in 
qoalunque mode, egli fa condotto prigione in Napoli. 
Altii hanno detto, essere state prigione di un Cala- 
Trese; altri, di soldati 6pagnaoli (de'qnali atevain 
costume di lamentarsi molto sorente, poichd fa 
ritomato in Firenze); altri dieono di Fabrizio Mara- 
maldo. Era Q Ferruccio povero cittadino; e eon gnm 
difficult^, a Tendere tutto quello che 11 toccava della 
rediti patema, si sarebbero messi insieme tanti de- 
nari, che fossero stati basteroli a pagare la taglia 
ehe gli imposero i vineitori. Onde affermarono i sttol, 
averli quelli da Gragliano, mercatanti Fiorentini, pre- 
gt^tili i denari del suo ricatto, ed esserne ancorade* 
bitore. Altri lianno detto, la nazione Piorentina di 
Napoli, tatta insieme, arere soyyenuto al bisogno 
del suo cittadino : n^ 6 maneato chi abbia detto 
(tanto Tolen^eri rimangono in luce piii del yero, 
hene speeso, le bugiel) che egli, il Ferruccio, si gin- 
casse i danari proyedatigli da altri per ricattarsi di 
seryitii: la qual cosa per cid non ardirei di negare. 
Crederei bene piii tosto, se cosi fosse fama, lui, in 
cambio di ayerli conyertiti in liberare sd, ayeme a 
qoesto effetto accomodate altri: non ay endoritratto 
eke egli fusse al giuoco inclinato, ma sanza cura 
yerona di sd stesso, quanto toccaya allMnteresse dei 
danari, Ik doye il bisogno degli amici lo ricercasse. 
La mandata che fecero iFiorentinidiquesta gente 
eoatro a Carlo, st come a loro fu in gran parte ca- 
gione di futnra calamity , cosi dette occasions al 
Perroccio di esercitarsi di nuoyo nella milizia ; e dope 
molti trayagli e gloria acquistata, partirsi di questa 
yits, portandone in ricompeosa Tesaere libero dn) 



18 VITA 

Tedere la patria ridotta in servitd di colui, contro 
al quale per difenderla, egli ▼! laJscid la vita. E an- 
oora Che queste cose siano note per le storie di quel 
tempi, e cbe forse rinstituto mio non comporti, per 
fare manifesti 1 costumi di Francesco Perrucci, im-« 
prendere a narrare cosi le cose di quella guerra; nondi- 
mono, per essere elle da alcuni scritte piolto somma* 
riamente, e da altri con poea fede, io ho stimato che 
non possa essere discaro 11 toccare questa materia 
con la presente occasione, con quella notizia che a 
me ne e peryenuta, sanza per6 mai discostarml dal 
fine che io mi sono proposto. 

Bssendo state Clemente, dopo che egli use! del 
Castello Santo Angiolo, dove egli stette guardato 
pi& mesi da^ministri di Cesare, neutrale tra i poten- 
tati della lega e Io imperadore Carlo; servendosi a 
ci6 della riputazione persa nella sua calamitit, e del 
mostrare di mancargli forze da potere fayorire o Tuna 
o Taltra parte; andd continovamente i progressi del- 
Puna e dell^altra parte osssryando, per poter gittarsi 
da quella parte che egli piii fayoreyole giudieasse 
a^isegni suoi. B conoscendo quelle che egli potesse 
stimare Taiuto de'Franzesi, intento quel re a bada- 
luccare solamente con Carlo per riayere i figli suoi, 
e non a fiarli guerra; e massime nel Amettere in Fi- 
renze la casa sua, essendosi egli presa quella Repub- 
blica in protezione ; riyolse Tanimo acconciarsi con 
Cesare. Onde Teffetto segul in Barzalona, della pace 
tra Cesare eU pontefice; e, oltre a molte condizionl 
accordate in quelle appuntamento , y i f u questa , che Ce- 
sare fusse tenuto a dare aiuto al pontefice per rimet- 
tere in Firenze la famiglia sua, con quella grandezza 
che per molti anni yi ayeva gi& tenuta. A questo 
effetto, si spinse innanzi dal regno di Napoli 11 prin- 
cipe d^Arange, di patria Guascone, allora con titolo 
di yicer6 e capitano di arme in Italia per sua mae- 
stri succedttto per la morte dlDonUgodlMoncada. 



m FRANOESOO FHBRUCCI 1^ 

DeUa venuta del quale ayendo inteso i Fiorestini , 

ed ayendo deliberate di difendersi.poich^glioratorl 

lore a Genoya non erano potuti convenire con Ce- 

sare, tTeyano mandate fuori pid Commessarii deUoro 

cittadini sopra le cose della Abbundanza, a cid ehe 

ridotti i Yiveri tutti quanti ne* luoghi forti , se ne po* 

tesselaCitt&preyalere ne^bisogni suoi, e tOrrea^ni* 

mici la comoditi deirusarli. Tra questi Commessari, 

fa spedito dalla Repubblica Francesco, e gli toced per 

florte la terra di Prato, in compagnia di Lorenzo So- 

derini; nella quale e' doyesse fare condurre tutte le 

Tettovaglle di quel contado, che non fussero flno 

iUora condotte in Fiorenza o quiyi, e quindi dispen- 

sarle per Tuso della terra, e secondo Tordine della 

B^ubblica. Ayeyano questi Commessari podesti as* 

soluta, comandando a questo efl^to a tutti 1 sudditi 

sottoposti alia terra ; ed ebbero da prima di proyisione 

flno a scudi due il giomo. And6 il Ferruccio a Prato, 

dove egli esercitd Tuflzio suo, eseguendo le commes- 

sioni de*Dieci della guerra sopra le cose alle quali 

egli era stato proposto da lore; e poche cose ne gli 

snceessero degne di memorie. Bbbeyi differenza con 

il capitano Niccold Strozzi, il quale in compagnia 

d'tltri era a guardia di quella terra: chd yenuti in* 

^me a parole, il Ferruccio, tratto fuori lo stocco, 

gli eorreya addosso per ammazzarsi seco ; come quelli 

cbe era impaziente, e massime doye si trattaya di 

quelle cose che erano nel concetto suo le maggiori. 

B p^cbd il raccontare donde yenisse il disparere 

loro, oltre alia narrazione della storia, molto yale a 

seoprire il costume di Francesco, egli si mi place di 

Mceontarlo. 

Bra, a sommossa del ponteflce, passato Ramazzoto 
da Scaricalasino nel dominioflorentino, connumero 
di tre mila masnadieri; e yenuto a Firenzuola e sac- 
cheggiatola, entraya piii a dentro nel Mugello , fa- 
cendo il somigliante. Contro airinsolenza di quelle 



1^ VITA 

gonti, ordiiiarono i.Di6Ci cbie andasse Otto daUon* 
tauto, che era in Prato allora per la Repubblica; ai 
quale ordinarono, che passando dal Trebbio, yilla dei 
Jdedici, dove era Maria sorella di lacopo Salviati e 
moglie di Giovanni de^Medici, con Cosimo suo flglio, 
prendesse la. donna detta e a Firenze la menasse, e 
a Cosimo picciolo fanciuUetto togliesse la vita. Andd 
Otto, e trovato Ramazzotto avere predato ed essersi 
fuggito, sanza fare quello che 11 era stato commesso 
delle cose del Trebbio, se ne ritornd in Prato: per 
lo che mal sadisCatta di lui la Repubblica, fiattolo 
pigliare a Prato, in Firenze il fece condurre. Ora, 
ragionandosi di questo fatto tra Niccold Strozzi el 
Ferrucci, e pigliando, ancora che modestamente, lo 
Strozzi la difesa del Montauto, quasi fusse per vA 
soldato opera indegna il fare prigione una donna e 
tdrre la vita a un fanciuUo; non potendo sofferire 
il Ferruccio che colui fusse difeso da un soldato flo- 
rentino, il quale aveva disprezzato la poverty del 
Commeesario della Repubblica; tiratosi indietro, e 
detto alcune parole soprastanti • posto mano alio 
stocco, tomava avanti per venire alie mani con lo 
Strozzi : e ne sarebbe seguito la morte dell^ uno di 
loro, se altri capitani e uomini di molto affare non 
si fussero inter posti in quella lite. La quale non 
ceasd perd del tutto, ma fu di mestiere che vi si in* 
terponosse Tautorit^ pubblica, come si raccontera. 
Bratrascorso il tempo sino a mezzo gennaio deH'an- 
no 1529, sanza che il principe d' Oranges, accampato 
da quella parte di Firenze che si dice d' Oltramo , 
avesse fatto progresso veruno memorabile. Per la 
qual cosa, avendo determinato Cesare di gratiflcare 
in cid al pontefice interamente, avendo accordato le 
cose di Lombardia e di Venezia, fece passare il mar- 
chese del Vasto alia volta di Toscana , con numero 
dl... fajiti, tra Todeschi eSpagnuoli e Italiani. Alia ye 
tiuta de*quali, diffldando i Fiorentini di potere guar- 



DI FSJLNCSSCO FSRBUCCI 21 

dare la terra di Prato, trattane la parte delle yetto- 
▼aglie Che poterono , ne rimossero le genti che vl 
eranodentro; e Francesco Ferruccio fu da loroman- 
dato Commessario d'Bmpoli, castello posto suirAmo, 
lontano qnindici miglia da Firenze, per la strada di« 
rittadi Pisa: luogo forte, e di non molta grandezza , 
e per le cose della guerra molto necessario ; perd che 
BOD solo per essere quello uno de^maggiori mercati 
di Toscana, e la terra abbondante, ma luogo d^onde 
eon meno difficult^ che d'altronde si poteyano man- 
dare yettoyaglie in Firei^ze, e impedire quelle che al 
campo quindi per quella strada passassero. Quale 
autoriti precisamente ayesse il Ferruccio essendo 
Commessario in Empoli, o con quante compagnie 
egli yi andasse, non pare*che sia manifesto, non si 
s^do ritroyata la sua condotta registrata ne* libri 
de*Dieci della guerra. Essendo, adunque, in Empoli 
non pretermetteya cosayeruna ches'aspettasse abuon 
Commessario, si per la conseryazione di quella terra 
eome per il bene essere della sua RepubbJlca ;!usando 
grande yigilanza per sapere i progress! e gli anda- 
menti de^nemici. Al quale effetto, teneyaAioriscoltee 
spie spendendo in cid senza risparmio yeruno: chd non 
solo si conyiene nolle azioni della guerra considerare 
e misurare le azioni propie con la propia potenza e 
con quella de^nimici, ma eercare di penetrare in qua- 
lonque modo dentro a^pensferi loro; donde risulta 
maggiore facility e sicurezza nelle propie delibera- 
tion!, togliendosi con quest! modi la potenza che ha 
sopra le azioni nostre la fortuna. La quale altro non 
6 ehe una eaglone non preyeduta da chi delibera, la 
quale fa sortire gli eyenti delle cose altramente di 
quello che s^erano gli uominilimaginati. 

Ayendo, dunc^ue, sentito il Ferruccio, come la terra 
di Castelflorentino si reggeya per i terrazzani a no- 
me degiUnimici, ayendo dentro un goyernatore spa- 
gnuolo; e sapendo quanto aiuto di yettoyaglia.andasse 



fiS VITA 

nello esercito di tutta la Valdelsa; deliberd di tOrre 
a^nimici la comoditit di quella terra; e aquestoeffetto, 
Ti mandd d^ Bmpoli cinque compagnie , sotto Fran- 
cesco della Brocca, c6rso ,. soldato esercitato.Airar- 
rivo delle quali» fecero 1 terrazzani resistenza; e indl 
a poco trattando di accordarsi , essendo noto V odio 
del Ferruccio contro agli Spagnuoli, il govematore 
epagnaolo che y'era dentro, passato sopra le mura, 
sifuggi a Oliveto, luogodeTuccl,nonmolto distante. 
Essendo le genti ritornate in Empoli senza danno ye- 
runo, e intendendo il Ferruccio , che Pirro da Ca- 
stello di Piero, che per i nimici era nel castello di 
Palaia, veniya alia yolta di Montopoli» castello delle 
Colline di Pisa , doye si troyayano due compagnie 
di fanti florentini ; mandd* a quella yolta Amico da 
Venafro, con cinquanta cayalli e quattro insegne. I 
quali trapassato Montopoli, si fermarono in aguato 
alle fontanelle di Marti e Serayallino ; e comparendo 
i nimici e trapassando le genti del Ferruccio, furono 
assaltati di dietro da loro, e tantosto messi in fuga, 
con perdita di ottanta fanti de'nimlci , tra presi emorti; 
e della banda del Ferruccio ne morirono da trenta. 
Tra i quali fu un Pirramo da Pietrasanta luogote- 
nente d'una delle compagnie spedite aquestofktto; 
quasi egli patisse la pena d^una scelleretezza com* 
messa nel yiaggio mentre egli andaya alia fazione ; 
perd che, trovato airotteria della Scala un ragazzo 
di bello aspetto, yedendo tutte le genti e sapendone 
ia cagione, si fermd asfogare la libidine in quel luogo. 
Non istettero molto le genti del Ferruccio, che ce- 
dettero a colui che era stato yinto la gloria acqui- 
stata : cosa che occorre tutto giorno nelle azioni della 
guerra, doye non si tratta della somma delle cose. 
Perocdie, tornando Pirro con grossa banda di ca- 
yalli, caccid del castello le genti de*Fiorentini, e fe- 
cene prigioni da trenta, de^quali si fece baratto con 
i prigioni fatti dalla gente del Ferruccio pochi giorni 
a^anti. 



1>T FRAKCESeO 7SRSUCCI S8 

RtUrtie iii Bmpoli lesue genti, il luogo nel quale 
e'si ritrovaTa, li poterera eontinoYamente occasione 
di essire alle mani oon gli inimici, e di scoprire Ta « 
nimo sno. Uaci egli steaso, un giomo, dietro ad una 
grossa banda di fanti, cimddttisi a Pontormo a sea- 
ramueciare con gli inimici, che faccTano 8c6rta a yet- 
toraglie che si conducevano al campo : nel quale ba- 
dalnceo ponendo diligente cura aciascuno de'soldati 
sooi e a^progressi loro, ebbe veduto due giovanetti 
fiorentini , di diciotto iti diciannoTe anni , che pure 
duegiomi avanti ayevano riceyuto danari da lui, por- 
tarsi yalorosamente : per lo che , tornati in Bmpoli 
amendue a salyamento, taoendo egli il pensiero suo 
fine a che tomasse il tempo di pagargli, nel passare 
alia baiica , fwm&tifli al ^cospetto di tutti i soldati 
e molto commendatigli , esortandogli nel seguitare 
nello adoperare yalorosamente , diede loro la paga 
doppia , con letizki marayi|rliosa di que^garzoni , e 
eon dimostrazione a tutte quelle genti quanto egli 
amisse gli uomini forti e yalorosi. Forse che da que- 
sto procedette la morte di que^gioyanetti ; perocchd 
•caramucciando altra yolta alia Torre de^Frescobaldl 
furono morti iyi ambidue : perocchd potendosi aggiu^ 
gnere £Milmente alle forze gioyanili animo e ardire 
ma non gik nel medesimo tempo altanto di prudenza, 
fiieillasima cosa 6 che 1 gioyani entrlno disayyedu- 
tamente in que^perigli, onde di f itrarsi non abbiano 
la possanza. £ non per quanto, si fatti strumenti 
Bono moHe yolte necessari nella guerra , 1& doye la 
prudenza e il discorso cede al bisogno e allaneces8it4. 

L^azioniched^flmpolifoceyail Ferrucdo rompendo 
il passo alle vettoraglie che andayano airesercitonon 
pure per quel cammino, ma per quelle della Yaldelsa 
e della Valdipesa ancora, doye egli sempre si mo- 
straya superiore, li ayeya nella Citt& date nome non 
piecolo appreaeo a ciascuno. Perd che colore che aye- 
yaao conosoiuto la y ita sua innanzi alia guerra, rico« 



i4 VTPA 

noscevano adesso a che fine fussero iBdiritti i pen- 
sieri suoi qaando egli, ne'temiii addietro , nell^armi 
9i esercitava , e delle coee della mllizia si bramosa- 
mente discorrera: gli altri si maravigliaTano, a per 
eid in sommo conto il tenevano ; come si fa quando 
tra le cose che- tutto il giorno si yeggono , una pre* 
ziosa insino a quel giorno non conosciata ne ritro- 
Tano. La non era minore lastima che faoeyano i sol* 
dati di lui : perd che, rioonoscendo egli, per quanto 
le sue forze si distendeyano, Topere degne di lode, do- 
nando eziandio le cose che erano per uso della per- 
sona sua, se gli rendea affezionati, amoreyoli e pronti 
in ogni fatto a sottomettere la yita in pericolo dells 
morte. Ma essendo coUerico e seyero , e impaziente 
di sua natura nelle cose che erano faori del yolere 
suo, gli teneya in timore, e gli faceya in ogni loro 
azione ayere innanzi gli effetti deir ira sua; proce- 
dendo egli ad ammazzar^ di sua mano chi ayesse bef- 
fato lui schernito i comandamenti snoi, e a fitre im» 
piccare sanza redenzione chi, nelle cose della guerra, 
ayesse a* band! e agli ordini da ae dati contrafE^tto. 
B con tutto questo, in picciol tempo si piegaya: e 
toltosi alcuno del cospetto suo nel primo impeto,con 
facility impetraya perdono. 

Bra intento il Ferruccio non pure a impedire e 
dare sinistro air esercito de^ nimici , ma eziamdio a 
soyyenire la Citta assediata, di munizione e di yet- 
toyaglie, piiX abbondantemente che egli potease. Per- 
chd, la settimana santa , messi insieme cento buoi , 
e molte sacca dl salnitro, con la scorta di... cayalU gH 
inyid yerso Fiorenza ; doye ilmedesimo giorno, ayeiido 
passato Arno, si condussono a salyam^to. Bgli d il 
yero, che in queste siflktte azioni mostra'che i Dieci 
della guerra desiderassero la deligenzia del Ferruc- 
cio : perocchd, non ostante che i cayalli eke acorgey ano 
la yettoVaglia, non ayessero per la strada alcuno 
impedimtnto , di cento buoi non se ne condnsaero 



m TRANCBMO FEBXT70CI 80 

ia Pirenze ehe sesoantasette, edsendo gli altri imbo* 
lati o rimasti perUstrada: cheTenneaderiyaredal 
non aT«r dato quegli che gli mandd, gli ordini.che 
ai rieercayano. B^pare che intervenga il piii delie YOlte, 
cite gli uomini che ardentemente desideranodimanda* 
re ad efbtto un loro pensiero con celeriti, Bianchino 
in qaeata parte del pensare partitamente a tatti i 
ineni che si convengono a condurre a perfexione 1 
disegni loro; e spexiahnente incontra questo, quando 
a qael buon^TOlere non 6 congiunta una lunga ape- 
rienxa, rieoprendo la bont& del fine le difficult^ che 
11 preoedono. 

Brasi di pochi giomi avanti perduta la Laatra, ca* 
stello posto nel piano, egualmente distante da Bmpoli 
a Firenze; la quale ai era tenuta per i Fiorentini in 
tnttaqaella guerra.peresser luogo atto per la sicurU 
dalle Tettovaglie che entravano in Pirenze. Perocchd^ 
aaaaltata dagli Spagnuoli e poi da'Tedeachi , e ayendo 
queMentro perduta la eperanza del soecorao di Pi« 
renze, mandatoyl, sotto Giorgio da Santa Croee, Otto 
da llontauto e Pasquino Cdrao, s'arrenderono a patti: 
tuttoche rompendo i Tedeschi la fede , ammazzassero 
tut^ i Boldati che y^erano dtntro , arriyando gik 11 
soecorao di Firenze, e tre compagnie di fanti che 
d^Empoli mandaya il Ferruccio ; ma yeduto come fusse 
il latto pasaato, se ne ritoruarono quegli yerao Fi- 
renze, e questi alia yolta d'Empoli. 

Ayeyano i Fiorentini, deliberati gi& di non accor* 
dare col pontefice, fermo di guardare aolamente la 
rOcca di Liyomo, la cittii di Piaa, la terra d'fimpoll 
e quella di Prato ; per potere , occupandosi le forze 
loro in pochi luoghi, ritirarne la parte maggiore alia 
ditea di Firenze : conaiglio buono, poichd o non po- 
tettero o non aeppero fare tali proyyedimenti nel 
principk) della guerra, che e'poteaaero tenere un eaer* 
eito is campagna a fronte a quello de'nemici ; che 
sarabbe stata ottima resoluzioae. Dope la quale, pare 



24 TTTA 

BOMMTUio ad«ao a oha fine f 
■ierl anoi quBiido egli, ne't^ 
Si eaerciUTa . e delle coee <j 
iD«nte discorrera: gli arte* 
ei6 in sommo oonto il ^'i% a 
tra le cow cho-tutto '^/1|4 
ziosa insioo a qnel 8^*^^^ 
▼ano. La non era minJ'. '^v 
dati di lul: pBr6 ohei 
le sue fonesidiatflj/j 
nando eziandio le | r 



■W i loog-hi Impff 



^- Per q. 
rdaTr 



uODdau 

•***<>«, « Bommo^ 

_ -*«**** di Voltert«-,e 

eonasua, se gU r?/ / ^oi^inessario , ritiratofli 

In ogni fatto a,/' -o*' oentro; venne in pen- 

morte. Ma esw/ " jre sforro di recuperate queUa 

dl sua naturr . aomm« dells eruerrs ci6 poc4> 

sue, ffli tenf' .uendo da quelia parte vettotagUa 

asioDe aye'' .entino. Onde alcuno potrebbe credere 

dendo egl' _, lUto detto, 1" interesae de' partlcolarl 

i in questa dcliberasione , che am 

ivendo, flno a principio dellagaem, 

iloniere la saa flgiiuola in qaeUa 

la cosa paBsasee intorno a cid, d«U- 
tttlni di ricuperare Volterra , desti- 

Ferruoci a queirHmpresa. Per U 
ordintfaFraDcesco zati, Comniea- 
3 facesse intendere al aipnor Cam- 
10, Che era qui con cinquanta ftnti, 
d'Arsoll e Muaacehino , condotMeri 
!gui8sero gli ordini di Pranceeco 
le mandarono patente di Commei- 

campagna delle genti da'Piorentlnl 
ndreaaiugniperCommeasariod'Bm- 
che Btease aaaente il Pernicdo lo 
Blla Tolta con cinque insegne di hn- 
Niccold StroKi, Nlccold da B%mL 
!0 Vorucola, SandHno Monaidi eto- 



J d^ " di qne'eondO'il'lft; ■J^'itennpo gll 

'-»W qnanto w i^'^^^elmtem, 

Mntanto, i,"",*'^T'""' 

^^ <» -Ire «^ '" '^' «"'S°olIe. el„„. 

, Z}'«^'" \ ''^ qu»Ii scaramuccJando, 
*' nmae e bi salvarono alia Torre de-Fre^ 
-., «^rado lucftto morto Niceold da Sassofer- 
, aw Ofl capitani; e quindi a salvamento acflBero 
^ gmpoli, dOTB dj poco erano giunti i cavatlf riman- 
j^ti <ji Firenie, che tI avevano scdrta la TettovagUa 
c Is moiiiiJaae che si dice dl sopra. Arriyate la Bm- 
poli le geaU sopraddette, apedi li Femiccto ■ Pisa , 
ordinsiido a Cammillo da Piombino, che con cinque- 
cento ftnti, de'qnali era colonnello, ai moyesBC, pren- 
ieado il ctmmino di Volterra, nel quale insieme 
eoBgiagneTe si dovevano. B infra tanto, dsto ripoao 
Mile eae genti. indi ad un giorno le rassegnd, c ne 
teee la mostra: netla quale dond un cavallo ed ana 
«i>ta ad un giovane aretino, inflammandolo a pro- 
!™ianii con r opere quella gloria , che la sua pre- 
^«aclaBcunoapromettergliel8Btringeva.Etav8ndo, 
ZMmdo rordine de' Dieci, consognato la Mrra d'Bm- 
Zm^ Andrea Giugni. di quellftBi parti a... dl giugno 
a ore di notte. Ayea aeoo il Ferruccio In tutto due 
1m. fenti compr6»ovi le cinque inaegne yenute di 
S^Mwe' cento oinquanta cavaUl; avendo ordtne 
^-meci d-andare eon quelle gentl di Ptea che alui 
^^rtMero con le compagnle che yenivano di Flrenie 
^^ZTnna di flUcUe d'Empoli: di maniera ehe, lo du- 



TTTA 

ehe succeda il grnardare solamente i laoghi impor* 
tantiasimi e la citti principale, sendo cosa di damio 
evidente 11 volere, dividendo le forze, oonserTare il 
tutto; perocche, mentre che ciascuno sitoelaogrori 
difende, tutto lo stato si trova vinto. Per questa ca- 
gione, lasciata Pistoiainsuabalia, guardavano Prato; 
e disperati di resistere alle genti cbe yeniyano di 
Lombardia, ne rimossero il Ferruccio e lo fermarono 
in Empoli. Nella quale deliberazione, con danno loro, 
non si fermarono : perocchd, essendosi, a sommossa 
d'Alessandro Yitelli, ribellata la citt& di Volterra; a 
Bartolo Tebaldi , cbe t' era Commessario , ritiratosi 
nella fortezza, e assedi&tovi dentro; yenne in pen- 
siero a' Fiorentini di fare sforzo di recuperare quella 
citt& , come cbe alia somma della guerra cid poco 
montasse, non yenendo da quella parte yettovagUa 
nel dominio florentino. Onde alcuno potrebbe eredere 
quello Che e stato detto, V interesse de' particolari 
ayere potuto piu in questa deliberazione , che non 
rutilit&comune;ayendo, flnoaprincipio della guerra, 
mandato il Oonfaloniere la sua flgliuola in quella 
rdcca. 

Ma,comunque la cosa passasse intomo a cid, deli- 
berarono i Fiorentini di ricuperare Volterra , desti- 
nando Francesco Ferrucci a quelPiimpresa. Per la 
qual cosa, diedero ordine> Francesco Zati, Commea- 
sario di Pisa, che facesse intendere al signor Cam- 
mille da Piombino, che era qui con cinquanta ftati, 
al signor Amico d'Arsoli e Musacchino , condottieri 
di cayalli , che seguissero gli ordini di Francesco 
Ferrucci; al quale mandarono patente di Commes- 
sario generale di campagna delle genti de'Fiorentini. 
B ayendo eletto Andrea Giugrni per Commessario d*Rm- 
poli nel tempo che stesse assente il Ferruccio , lo 
mandarono a quella yolta con cinque insegrne di fan- 
teria eletta, sotto Niccold Strozzi, Niccold da Sasso- 
ferrato, Francesco Verucola, Sandrino Monaldi e Ba- 



DI FRANCESCO FEXtSUOCI S7 

lordo dal Borgo ; con ordiBe al Ferruccip, the chia- 
zoati di Pisa di qae'condottieri,quelli cheli paressero, 
con qneste che andavano di Firenze, e due compagnie 
delle sue, andasae quanto prima a ricnperare Vol- 
terra: ordinandoli iutanto, che, per il bene della Re- 
pubblica, ponesse giu ogni sdegno cheegli avessecon 
il capitano Niccold Strozzi, per la differenza nata in 
Plato £ra loro, per la cagione detta di sopra. 

Partirono di Firenze le dettecompagnie, ed ascendo 
dalla strada maestra, per i colli di Marignolle, giun- 
sero in sulla Pesa; dove furono raggiante da una 
banda di cavalli leggier! , co*quali scaramucciando , 
paasaronoil flume e si salvarono alia Torre de'Fre- 
scobaldi, avendo lasciato morto Niccold da Sassofer- 
rato, ono de^capitani; e quindi a salvamento scesero 
in Empoli, dove di poco erano giunti i cavalli riman- 
dati di Firenze, che Ti avevano scdrta la vettovaglia 
e la munizione che si dice di sopra. Arriyate in Bm- 
poli le genti sopraddette, spedl il Ferruccio a Pisa , 
ordinando a Cammillo da Piombino, che con cinque- 
cento fanti, de^quali era colonnello, si movesse, pren- 
dendo il cammino di Volterra, nel quale insieme 
congiugnere si doyeyano. B infira tanto, dato riposo 
alle sue genti, indi ad un giorno le rassegnd, e ne 
fece la mostra: nella quale dond un cay alio ed una 
eelata ad un gioyane aretino, inflammandolo a pro- 
cacciarsi con V opere quella gloria , che la sua pre- 
senza ciascuno apromettergliele stringeya.Et avendo, 
seeondo Tordine de' Dieei, consegnato la terra d^Bm- 
poll a A9drea Giugni, di quella si parti a... di giugno 
a 3 ore di notte. Ayea seco 11 Ferruccio in tutto due 
mlla fanti, comprSsovi le cinque insegne yenute di 
Firenze, e cento cinquanta cayalli; avendo ordine 
da^ieci d*andare con quelle genti di Pisa che a lui 
paressero, con le compagnie che yeniyano di Firenze 
e con una di quelle d*Bmpoli: dimaniera che, io du- 
bito che gli non trt^sse di qnella terra pia gente di 



f^ VITA 

quella ehe i Dieci grli ayerano ordinato ; di cfae e 
stato imputato: ma quindi non aTvenne gik che Bm« 
poll si perdesse, come 6 stato scritto, sendo avre- 
nuto quel disordine per debolezza di animo di chi 
vi era superiore, o per altra cagione; e non per de- 
bolezza di forze. 

Camminando, adunque^ il Ferruccio tutta la notte, 
e poi la mattina appresso, si scontrd alio Spedaletto 
nel signor Cammillo da Piombino, che secondo Por- 
dine datoli, 11 Ferruccio seco congiugnere si doveya; 
e camminando 1 soldati in ordinanza, giunsero, s&nza 
trovare cosa che airandare loro fusse molesta, a ore 
22 del medesimo giorno , a'27 d' aprile , a Volterra. 
Nella quale erano rimasti, ess^ndosene partito Ales- 
sandro Vitelli, il capitano Giovan Battista Borghesi, 
con suo fratello, il Lanzino del Borgo, e altri capi- 
tani; che tutto erano cinque compagnie, delle quail 
per il ponteflce era Ck)mmessario Taddeo Guiducci; 
e seco erano Ruberto Aeciaioli e Giuliano SalTiati: 
ma questi due ultimi se ne erano partiti la sera da- 
Tanti, al comparire che fecero le genti del Ferruccio 
alle mura di Volterra. Uscirono fuori de* fanti che 
y'era alia guardia a scaramucciare eon loro; ma nos 
segui cosa di memento, perd che non fu reaistenza 
nessunache valesseaproibire al Ferruccio e sue genti 
lo entrare nella fortezza per la porta del soccorso. 

Brano i soldati stracchi del lungo cammlno fatto 
sanza pigliare punto di riposo: ma essendosi con- 
dotto il Commessario Tebaldo in termine, che Taltro 
giorno era costretto acconciarsi con gli inimici ; non 
yi fu con che rinfrescarsi , sendovi solamente una 
botticella di yino forte, e poco pane. Per lo che, yol- 
tatoai il Ferruccio alia sua gente, parlo, secoi^o si 
dice, in questa maniera: xMiliti, e'mi displace che 
ttla necessita mi costringa a menaryi a combattere 
« sanza che yoi abbiate alcun ristoro del disagio sof* 
« ferto ; ma togliendo laprontezzadeireffenderli,a'ai- 



DI FBANCSSOO FeRBUCCI ^9 

MiniCl Vanimo del difendersi, tosto si muteran;io gli 
••mfllEuuii loro nel rostro riposo.t B cosi detto , per- 
cU il trombetto che^ra andato a domandare la terra, 
ayoTa dal Borgbese auto rispoata, cbe Rli bisognaTii 
goadagnaraela; usei con lesue genti della fortezza, 
andando per la via di Sant' Antonio, affrontare 1 ba> 
siiODi fBUL da^Volterrani assediavano la rdcca. E la 
fprtezxa di Volterra da quella banda della citti che 
gttarda... Da questa uscendosi, si cala nella strada 
detta di SanV Antonio, la quale sbocea nella piazza 
di Volterra. Ora, essendosi ribellata la terra da^Fio- 
rentini, e ricoTute dentro le genti del campo nimico; 
Bartolo Tebaldi cbe y'era Commessario, ayendo pre* 
feduto gli umori de^cittadini, ebe tenevano stretta 
pratica eon Alessandro Vitelli, s^ era ritirato nella 
fortflzxa; e* Volterrani, ricevute dentro cinque inse^ 
gne, tra Spagnuoli ed altre genti, ve lo aveyano afr* 
sediato d^itro. B per yenire alia presa ayaocio dt 
quel easlello, ayeyano ottenuto dall'esercito, cbe.M. 
pezxi d'artiglieria cbe da Genoya yeniyano al campo, 
esaendo portati flno alia rOcca di Yada, si conduces- 
aero in Volterra per battere la fortezza. B a questo 
effetto, percbe la strada di Sant* Antonio, uscendosi 
della fortezza per yenire in piazza, discende, ayeyano 
alzata tre bastioni, cbe attrayersando la strada, guar- 
dayaao per petto la rOcca. L'uno, cbe era il maggiore, 
era di eoirta alia cbiesa di Sant' Antonio, e gli altri 
doe tra questo ela fortezza; e' qaali conyeniya spu- 
gnare Francesco Ferrucci, yolendoentrare nella oitti: 
la quale non ayeya auto per fine, sottraendosi dalla 
ubidienza de'Fiorentini, seryire al pontefice, ma di 
yalersi deiruno per liberarsi dairaltro, e da per se 
stessa da poi tdrsi ogni superiore; non sapendo ohe 
a qu^ti disegni raro o non mai corrispondono gli effet- 
ti; massimamente quando si adoperano quelle genti 
per liberarsi dal primo, cbe noD ayendo piu per nimico 
quest! cbe quegli,e per amico il guadagno solltmente. 



80 VITA 

non intendono per piccola cosa avere esposta la 
Yita a manifesto pericolo. Usci, per tanto, il Fernie- 
cio con le sue genti a dare Tassalto al bastione primo, 
il quale era difeso da quellidentroYalorosa]nente;6 
nel pigliarlo sarebbe stato molto maggiore il traya- 
glio, Che e^ non fti, non ostante le scale tratte di f6r- 
tezza e 1 Talore de^soldati, se nonfusse stata Toppor- 
tunita delle case alle quali terminavano i bastionL 
Peroccbe, mentre che i soldati a yicenda si sforzano 
di salire e gll inimici di impedirli, una parte de^ sol- 
dati del Ferruccio, entrati nelle case, dall*una e dal- 
raltra banda che erano conflno al bastione, saliti su le 
tetta, cominciarono a tirare sassi e embrici a dosso 
a^nimiei: i quali, facendo forza di salire le genti del 
Ferruccio ed essendo moiestati di sopra, comincia- 
rono a ritirarsi; e quelli di sotto instando sempre 
di salire, cominciarono a presentarsi sul bastione. 
E *1 primo che Ti facesee risplendere la sua bandiera, 
fa Talfiere di Niocold Strozsi, detto il Contadino ; al 
quale per certo doveva avere dato quel carico il suo 
giudixioso capitano per il yalore sc6rto in lui, enon 
perchd egli con le sue faculty potesse tratlenere 
buon numero de^soldati; come fa di mestiere nella 
presente milizia, sendo ci5 bastevole a eonsegiiire 
qualunche onorevol grado neiresercizlo della guemu 
Salito, adunque, il Contadino il primo sul bastione, 
che ^ la difficult^ maggiore, inoalciando gll altri lo 
stimolo e la facility per trovare la strada fatta, in- 
contanente si ritrassero inimiciagli altri, non aren- 
do riccYuto gran danno i Fiorentini. I quali air ac- 
quisto degli altri, e del terzo massimamente, pona- 
rono molto pid: primieramente, perchd guardandosi 
tutte le case dairuna e Taltra parte, non potevano 
i soldati, entrandovi dentro e salendo ad alto, com- 
battere con nimici col medesimo vantaggio che com- 
batterono U primo ; dove le case tra quel bastione 
e la r6cca non erano difese, come dal primo basUone 



DI FBANCBSOO FERBUCOI 81 

in giu additroiiTa. Non pure mancayano grli uomini 
del Fermecio di qoeato yanti^gioacombattereco'ni- 
ml<^: ma i Volterrani, consapevoli deMoro peecati, 
e timorosi della pena che soprast^ alle citt4ribellanti, 
e ehe si vagliono della cnidelti, indotteyi da coloro 
ohe le fumo rivolgere, perchd disperate di perdono 
og t i p ata T nente si preparino alia difesa, acerbamente 
oflSmdeyano le genti del Perruccio , traendo sassi 
dalle fineslre, embrici dai tetti, ed ogni altra sorte 
d^arme atta ad offendere. Agglugni, che sendo queeto 
l^timo baatione, alia perdita d'esso era persa an- 
eora la eittii; e per cid ivi era conddttasi tutta la 
genie a difenderlo che era in Yolterra; e U Ferruccio 
fiieeTa ogni sforzo per acqnistarlo. La qual eosa fi- 
nalmente gli successe, con la morte di molti de^sol* 
dati che erano drento, ede^capi principal!; tra'quali 
fa if fratello del capitano Giovambatista Borghesl, 
eon numero di... fanti, e con perdita di quattro in- 
segne, di cinque che ye ne erano dentro : e de* Fio- 
rartini furono morti da... Era, quando fu preso questo 
hasUone, la terza ora della notte ; e^ soldati, stanehi 
del eammino e poi della fatica della battaglia, non 
ayrabbero potuto soflterire tanta fatica, senza che il 
ealofo del giomo ayease dato luogo airombra della 
notle. Perd che, se bene nelle imprese incominciate, 
il parere di aversl a condurre al desiderato fine scema 
la fttlam che si riscontra nello arriyarci, sanza que- 
sto piijciolo alleggiamento non sarebbero proceduti 
tanto oltre, ayendp caminato un giorno ed una notte 
sanza prendere alcuno riposo o rinfrescamento di cibo. 
Dopo che le genti de'Fiorentini ebbero preso I'ul* 
timo bastione, e che 1 terrazzani, con Tayanzo dei 
soldati, s^erano ritirati sulla bocca della strada che 
mena in piazza, e qulyi con botti e legnami ed altri 
argomenti si fanno forti,peryietare,giustailpotere 
loro, Teatrata a'nimici nella terra ; yenne dal cielo 
una tempesta gr ossissima, con acqua copiosa : la quale 



32 VITA 

gingaendo addosso a^soldati del Ferraccio , stanehi 
t lassi della fiatica della polvere e del sadore , gli 
rese di maniera inabili ad ogni azione, che impossi- 
bile sarebbe state il farli muovere per minimo spa- 
zio dal laogo ove si ritroyaTono. Ma conoscendo 1 
eapitani di quanto momento fosse 11 segaitare la yII* 
toria, e^nsiernorirsi interamente della terra; e quanti 
poco yi restasse da fare per tenerla ; non cessavano 
di stimolarli e inanimirli a farli passare ayanti, mo> 
strando lore la gloria e rutilitli che s'aequistaya, e ^1 
danno e la yergroerna che si sarebbe rieevuta, se per 
non venire a capo di queirimpresa allora che i nimici 
erano battuti e vinti, si daya loro tempo di ripigliare 
animo e yigore. — Importare ogni momenta di tempo 
la contrariety degli eventipreparati : potere de'luoghi 
vicini mettere nuove genti in Volterra: e in ,mille 
modi, la mattina seguente potere essere difficili^ma 
quella impresa che ora ayeyano acquistata. -^ Ma 
del fiirli muovere tanto o quanto , non era niente : 
peroochd, dove sono in tutto mancate le forze, ranl- 
mo e U coraggio e vano. Per lo che, yedendo il ca- 
pitano Nlccold Strozzi non potere da per se ne con 
gli altri muovere i soldati, ricorse in fortezza, dove 
il Ferruccio s^era ritirato, se per sorte egli fuase a 
cid bastevole. Ck)rse il Ferruccio, si come era, sanza 
celata, per vedere di por fine a quella impresa; e 
nel paaeare, gettando i Volterrani sempre dalle fl- 
nestre embrici e sassi, trattasi il capitano Niccold 
8trozzi la celata di testa, il Ferrjiccio ne ricoperse: 
il quale arriyato alle sue genti, non potd, ne con 
preghi ne con minaccie o persuasioni, muoyerli di 
quivi unque mai. Perche, rivdltosi a* eapitani pr^ 
sent!, cognosciuta la viM che era ne^suoi, comandd 
che si desse ordine di guardare lo acquisto fatto: 
perche, certa cosa e, che se i nimici, come che po- 
ehi fussero rimasi, ayessero auto ardire d'assaltarli, 
tutti gli avrebbero ucci»i, che un solo non ne sareb- 



W FRANCESCO PEBRUCCI 83 

be rimasto; ma la perdita che essi avevan fatto (a 
clie segoita la perdita deiranimo , e Tarrivo della 
paura, che offusca il discorso) non lascid conoscere 
loro questa occasione. E dairaltra banda, fa miracolo 
diTino, che in si fatta maniera invillssero le genti 
del Ferruccio: perocche, se in qiiella notte si ten- 
tava rintero conqulsto di Volterra, nou e dubbio 
yeruno, che queUa antica citta conveniva sofferire 
Tultimo estermlnio suo ; non si potendo porre freno 
al farore de^soldati quando per forza e'si sono gua- 
dagnati quello che e' bramano continovamente, e per 
arricchiredelle prede e sfogare l»libidine. Aggiugni, 
che poteTacid per yentura tornare in gravissimo dan« 
no de'soldati medesimi: per6 ch^, per esperienza si 
e yeduto« i soldati intenti alia preda e al sacco delle 
citta doy^ e* sono entrati, essere stati essi la preda 
del yinti. Di che furono in Forli testimoni i Franzes>; 
del quale fatto cant6 Dante: 

La terra che fe' gik la Innga prova, 
E de' Pranzesi sanguinoso mucchio ; 

e resercito imperiale saccheggiando la trionfante 
citt& di Roma, non fu preda del campo della lega pi d 
per la dappocaggine de^ capi, che perchd ne^ fanti 
tedeaehi e spagnuoli non fusse tutto quel disordine 
che e basteyole a fare opprimere qualunque esercitoi 
per grande e giusto che egli si sia. 

Differ!, per tanto, Francesco Ferrucci ad assaltare 
Tultimo riparo de'Yolterrani, alia mattina seguente : 
e'nfra tanto, fece accendere molti lanternoni su' ba- 
stion! e per le case conquistate, e fare guardie suf- 
fizienti, perche i nimici non potessero offenderli ; e 'n 
questa guisa si trattennero fine alia mattina. La mat- 
tina seguente, sullo schiarire del giorno, facendo il 
Fermccio addomandare di nuoyo la terra, per non 
ayere a darla in preda ai soldati; e riportandone ri- 
sposta, che addomandaya tempo; datonelle trombe 
Sa$$€UU 3 



94 Vita 

e tamburi, sMnvid a combattere la chiesa di Sant^A- 
gostino, Che nellastrada dettaera guardatada venti 
Spagnuoli ; e certe altre case che danneggiavano le 
sue genti, nelle quali fece appiccare il faoco : e ay en* 
do ottenuto la chiesa, corsero le sue genti agli ulti* 
mi ripari fatti la notte tumultuariamente, e mentre 
che la sera dayantiai primi bastion! si combattevano; 
i quali erano in sulla bocca della strada donde si an- 
tra in piazza. Aveya 11 capitano Gioyambatista Bor« 
ghesl ritirato in questo luogo quattro pezzi d* arti- 
glierla yenuti di Genoya; i quali, andando le genii 
del Ferruccio ad as^ltarli, furono scaricati con poco 
danno loro, p^r la inesperienza dello adoperargli , 
mancando di bombardieri pratichi. Per lo che , po- 
tendosi quiyi fare piccola anzi niuna resistenza, e 
essendo appreso il fuoco in molte case da quella 
banda della citt& che la dicono Firenzuola, con ter* 
rore e spayento de'Volterrani, condottisi a quella 
miseria sanza alcuna speranza di apparenteutilita; 
deposta la proteryia, si arresero al Ferruccio, uscen- 
done Gioyambatista Borghesi con Tayanzo delle genti 
sue, che furono da cento fanti, essendo 11 resto morto 
in gran parte, e pochi prigioni; e Taddeo Guidncci, 
Commissario per il pontefice, si dette al Ferrnc^ 
cio prigione, del quale egli era cugino. Addomandd 
11 capitano Gioyambatista, ayanti la partita sua, di 
potere yedere il fratello morto la sera al bastione di 
Sant'Antonio: la qual cosa il Ferruccio nongli con- 
sent!, come sdegnoso che agli era; tutto che egli 
dicesse negargliele per non dare occasione di tumul* 
tuare a! Sanesi alia yeduta del morto: la qual cosa 
non poteya succedere, essendo rimasti poebi di nu- 
mero, e le sue genti yittoriose. Per lo che, si parti- 
rono quelle genti, uscendo per la porta che 6 dalla 
eontraria parte della citt&: di maniera che, entrando 
il Ferruccio in Volterra^ i soldati suoi non yidero 
de'nimici. 



DI FKAKCESdO FEItRUCCI 85 

KoA fa appena il Ferruccio passato dentro al rlparo, 
Che alia vista se gli ofTerse Buonincontro Incoutri 
volterrano, 11 quale in Empoli ayeva ficevuto danari 
dal Ferraccio per soldare gente: e, come son gli ani- 
mi voltabili ad ogni picciol yento, non mancando i 
pretest! da onestare le cose mal f^tte, sentendo come 
la sua citt& s'era rivolta dairubbidienza del Floren- 
tini a qaella del pontefice, t61to8i 1 danari per s6, 
non era altrimenti tomato al Ferruccio , nd riman- 
datoli i danari, come pareva che 11 dovere ricercasse; 
Tolendo seguitare la parte che seguitaya la sua cittii. 
Vedendolo, adunque, 11 Ferruccio, lo fece prendere, 
e dl presente impiccare alle flnestre della casa sua 
propria: cbS tal pena d stata da'capi data in puni- 
zionea'trufTatori delle paghe. Insignoritoti il Ferruc- 
cio della cittii di Volterra, come e consueto di farsl 
nelle citt^ disubbedienti, conforme airordine de* Die- 
ci, prese molti del cap! della ribellione; e Taddeo 
Guiducci, suo cugino, Commessario per Cletnente 
in Volterra, cbe se 11 era dato prigione , mandd In 
fortezza. Speditosi di questiaffari al pubblico appar- 
tenenti, primieramente distribui i soldati suoi per 
le case de* Volterrani, alloggiandoli, come si dice, a 
discrezione; e fatta diligente ricerca delle vettoya- 
glie che in Volterra si ritroyayano, conforme alio 
ordine che ayeya de' Dieci, ne messe nella fortezza 
quella maggiore quantity che possibile fusse; perd 
che r ordine suo era, dopo V avere munita la for- 
tezza, in Empoli ritornarsene. E mentre che queste 
cose da* suoi ad effetto si mettevano, ayeya egli co- 
manda^, che i Volterrani tutti, popolo e cittadini , 
disfacessero i bastion! che con tanta gola di royi- 
ntfre quella fortezza erano da tutti stati faiti: la 
qual cosa non pure non addiyenne, ma fu lo stru- 
mento di farii ritornare nella signoria de' Fiorentini* 
I quali non si vantino d'ayere riceuto questo comodo 
dalle fortezze; ayendo, due anni ayanti, sentito per 



36 VITA 

questo il danno maggiore Che mai sentire per loro 
si potesse. 

Aveva il Ferruccio commessione da'Dieci della guer- 
ra, non solo di fare che i Volterrani pagassero la fan- 
teria che egli vi aveva menata , ma di mettere in- 
sieme, per tutte quelle vie che possibile gli fusse , 
inaggior somma di numerata pecunia, che mettere 
si potesse ; della quale egli doveva servirsene a sol- 
dare mille fanti, e lo avanzo portar seco, per fame 
quelli effetti che dalla Repubblica li fusse ordinate. 
La quale stimando che egli le avesse aperta la via 
a ritenere la liberta, aveva in lui riposta ogni sua 
speranza; essendo il Ferruccio stato sommamente 
celebrato, inteso che si fu , lui avere combattendo 
racquistato Volterra: per lo che si movevano a po- 
sare sopra di lui il peso del liberare la CittH. Pe- 
pocchd , de' capi delle genti che erano in Firen- 
2e , poco si confldava : e per cid disegnando di 
fare, condotti a strettezza, quello che fatto da 
principio non ve 11 lasciava condurre ; essendo di> 
Tenuti dotti per le battiture, come de'Frigi gift si 
diceva; disegnavano di soldare la gente in tanto 
numero, che contrastando airesercito (nel quale 
11 maggior valore che si dimostrasse, era il difender- 
si ), potessero tenere almanco la Cittft abbondante di 
vettovaglia. Perocchd sebbene il numero delle genti, 
che era intorno a Firenze, era si grande che i Fioren- 
' tlni non arebbero mai potute mettere insieme tante, 
che fussero potute stare a petto ; conveniva loro ad ogni 
modo, volpndo proibire alle genti de'Fiorentini che 
si trovassero fuori, il portare vettovaglie in Firenze, 
che da qualche parte Tassedio si aprisse : dimaniera 
che, per uno verso o per Taltro, sarebbero entsati 
viveri nella Cittft. A questo effetto , fecero fermare 
in Pisa Giampagolo di Renzo da Ceri, dando ordine 
che facesse due mila fanti; altanti ne doveya fare 
Andrea Giugni, Commessario d'Empoli ; e miUe 11 Per- 



Dt FRANCESCO FEHRUCCI 87 

niecio ayanti la partita sua di Volterra: e a questo 
efTetto , doveva ragunare piik danari , cavandoli di 
quella eitti, che possibile gli fusse ; onde rlmasero, 
per vero dire, indietro pochi modi da mettere insieme 
pecunia, che egli non adoperasse. Per 6 clie, oltre 
alle imposlzioni poste a'cittadini tutll quanti di Vol- 
terra, spoglid i medesimi di tutti gli argent! sodl 
che potette appo loro ritrovare. B a questo, avendo 
prigione Niccold Gherardi volierrano, incolpato di te- 
nere pratiche e scrivere nel eampo nimico , per il 
quale delitto 11 Ferruccio voleva impiccarlo ; a per- 
suasione di Pagolo Cdrso, lo rese alia moglie, che con 
quattro flgliuoli se gli era inginocchiata, dandoli 
essasomma notabile d*argenti, che ella si troTava. 
Non pure privo i Volterrani degli argenti che essi 
aTerano per uso de^privati, ma di quello che ser- 
Tiva al pubblico, e che era consecrato al culto di- 
Tino. Onde, fra le altre cose molte , li fu portato 
daranti un frontale d^ ariento , dentro al quale era 
la testa di SanVettore. Questo si rimaneva cosisanza 
essere offeso, non si trovando chi le man! y1 mettesse; 
non ostante che i medesimi che ricusavano di farlo, 
ayessero nel medesimo modo guasti i caliei e le pa- 
tene e Taltre cose apparteneuti al sacriflzio dello 
altare. Cos! poco sono spesso conoscenti le persone 
delle azioni loro, non misurando le cose con 11 vero 
loro regolo; guardandosi anche i ladroni e quelli che 
alia strada ammazzano gli uomini per rubare loro 
miseria, di mangiare la carneM venerdi e 11 sabato, 
facendo professione di guardare ogni vigilia: cosa 
che stabene, e esecondoladisposizionedellalegge; 
e pad essere principio di maggior bene ; ma non per 
quanto , pare cosa fuori del verisimile , che chi di- 
spregia i comandamenti di Dio, faccia stima di quello 
degli uomini. Stayasi, adunque, il frontale intatto , 
non avendo ardire niuno di toccarlo, nd instando 
il Ferruccio che egli si disfacesse: ma uno nipote 



38 VITA 

del Commessario Tedaldi, d'eta d^anni trenta, prd* 
solo e apertolo, lo diede a'ministri. E e sopra oid 
da notare ( o fusse il dispregio che si mostrasse nel- 
Tanimo di coiui, ohe presentato da quel Santo nel 
cospetto divino , ne domandasse vendetta ; o fusse 
pure il caso che cosi portasse ) che 11 giorno mede- 
Bimo sentendosi pizzicare quel giovane sopra un tal- 
lone, nd potendo toUerare, trattosi la calza, fu to- 
duta una bollicella nera in quella parte; la quale 
oonsumd rodendo la carne, e finalmente la yita di 
colui.* II quale diede materia a'malevoli del Ferruccio 
di aggradire Timpiet^ sua per questo atto, ponendoyi 
tutto lo studio della eloquenza; essendosi contenti di 
raccontare , solamente per via di narrazione, che il 
principe d'Aranges, passando per TAquila, citt& del- 
FAbruzzi, suddita e arnica di Ceeare, ne arrappd la 
cassa d'argento dentro alia quale era il oorpo di S.... 
convertendola in uso suo: 1& dove il Ferruccio fu 
stretto per sovvenire alia patria ; nella necessity della 
quale (con Tesempio di Davitte che a' soldati diede a 
mangiare la vittima, mancandogli aitri argomenti), 
non e forse impio costume adoperare le cose desti- 
nate al culto divino. 

Ma tornando ora a nostra materia, il Ferruccio, eon 
quella maggiore soUecitezza che fusse possibile, at- 
tendeva a fare coniare monete di quegli argent! , 
valendosi in ci6 dell'opera d'un orefice fiorentino che 
era nel suo esercito, e di certi torselli e punzoni sta- 
till mandati a questo effetto di Firenze; ma perchd 
vi mancavano la maggior parte degliistrumentj prin- 
cipali, battd certe monete quadre, di valore di mezzo 
fiorino. Ora, mentre che egli e tutto in questo, con in- 
tendimento indi a non molto di tornarsene a Em- 
poll, succedette cosa che qui vi lungamente lo ritenne. 
Perd che , Fabrizio Maramaldo napoletano , che era 
Btato in pratica stretta di condursi a^soldi del pon- 
tefice con.... fanti, non essendone venuto alle condu- 



DI FRANCEBOO FCRRnCCI 

^ioiU , non essendo altra guerra in tutta Italia chQ 
quella. per trattenere le sue genti, si feee ayanti di 
Campagna di Roma; e sentendo la citU di Volterra 
esserestata raoquistata dal Ferruccio per quella ma- 
niera che di sopra si e raccontata, si volse a quella 
parte, se a sorte egli potesse, spogliandone i Fioren- 
tiDi , cosi fare : al pontefice cosa grata. Non andd 
a Volterra Fabrizio a prima giunta, ma si pos6 a Vil- 
lamagna, sei miglia discosto dallacitta . intorno a' 15 
d^ aprile : ma essendQsi nell^ esercito sentito , che il 
Ferruccio s^ era partite d' Bmpoli per andare alio ac- 
quisto di Volterra, incontanente fu disegnato di 
xnandare chi tentasse quella impresa, stimandola fa* 
cilitata molto per la partita del Commessario Fer« 
racci; e per cid , fu Y61to a quella parte Alessandro 
VitelU, che era alia guardia di Pistoia con tutte le 
genti, U quale si mosse per la Valdinievole yerso Fu- 
cecchio; e dair altra parte, v'andd dello esercito il 
marchese del Vasto, con.... Spagnuoli e sedici pezzi 
d'artiglierla in tutto. La qual cosa avendo intesa i Die- 
ci, ordinarono a Volterra al Ferruccio, che, con quella 
maggior prestezza che potesse, vi mandasse Niccold 
Strozzi con due compagnie : che non segui, essendosi 
gia il Maramaldo con le sue genti rappresentato 
ne'borghi di Volterra. La qual cosa sentitasi in Fi- 
renze, fu subito fatto intendere a'Commessari di Pisa, 
che Yi Yolgessero Giampaolo di Ceri, con e' due mila 
iatti da lui. 

Ma mentre chequesti ordini andayano inqua'nl^, 
rappresentatosi Tesercito allemurad'Bmpoli ; il quale 
battuto da Alessandro, ancora che con piccola utility, 
e dal marchese dalla banda d'Oltrarno, sanza che si 
yeuisse alio esperimento degli assalti; fu preso dal 
marchese, entrando gli Spagnuoli per la batteria 
&tta sanza che yeruno facesse loro resistenza, dosi- 
aando Andrea Giugni Commessario : il quale, lamat- 
tina medesii^a , ayeya negoziato con Gioyanni Ban- 



40 VITA 

dini, Che era nel campo. e'l giorno davanti, con Piero, 
detto 11 Polio , degli Orlandini. Scrissero i Dieci di 
Firenze al Ferruccio la perdita di Empoli, a'3 di mag-* 
gio ; e dicono cfd essere avvenuto per fraude d' al- 
cuno de^loro. 

Bsscndo il marchese spedito del fatto d' Empoli, si 
mosse con la gente che era quivi seco venuta per 
andare a Volterra, al primo di giugno ; dove era gik 
Fabrizio accampatosi alia porta di San Francesco, che 
e la porta donde a Pisa si viene, e con le genti lore 
avevano iiuelli del Ferruccio ftitte pidscaramuccie; 
e Fabrizio aveva dinanzi alia porta , per impedire 
quindi V uscita a^nimici , alzato un bastione, contro 
al quale dentro alle mura n^ avera fatto ftare un al- 
tro il Ferruccio, fatto rovinare una torre , che rovi- 
nando per i colpi deirartiglieria, poteva nuocere ai 
soldati che lo guardavano. Aveyasi creduto Fabrizio 
( indotto dal concetto smisurato che hanno i Napole- 
tani di sd stessi, e dallo avere conosciuto il Ferruccio 
nel campo di Lutrech sotto Napoli, dove e'fu prigione, 
soldato di nessuno nome e sanza carico), chearri- 
yando egli sotto le mura di Volterra, il Ferruccio do- 
vesse di presente mandarli le chiavi della citti, si 
comeegli imperiosamente per unsuo trombetto mandd 
a domandargliele; per il quale insieme erano man- 
dati a sollecitare e sollevare a cose nuo ve molti de^prin- 
cipali di Volterra, per lettere scritte dai loro parenti 
che erano con Fabrizio ; le quali trovate addosso al det- 
to tamburino, furono insieme con esso lui, presentate 
al Ferruccio. II quale rispose alia domanda di Fa- 
brizio , che la terra gli faceva mestiere guadagntr- 
sela; e al tamburino promesse di farlo impiccare, se 
sotto pretesto di domandare la terra , portasse piii 
lettere. La qual cosa non credendo Fabrizio , ma ri- 
mandandovelo , e eziandio a trattare, per mezzo di 
certi soldati partitisi da lui e andati in Volterra, df 
fare ammazzare il Ferruccio; essendo preso il tarn- 



DI FBAHCBSm FERRUCCI - 41 

boring, perordiB^del Fef rneeio fa implecato ; essendo 
noDdimeno iBpodestft sua il proibire ehe e^non-v^en- 
traaae* Per la qnal cosa sdegrnd meraTigrliosamente Fa- 
bmk> eoDiro al Fermccia, esaendosi mesao in cuore di 
inslgBorirsi ad ogm modo di Volterra, e per 11 contra* 
rio di difenderla il Ferraecio. II quale, in deriaione 
di f^Miio, dieono avere confltto per la pelle della 
schidna mia gatta neUe mura dalla parte di fuori , 
la quale con la sua voce maia maiu dilegrgiasse la fa- 
mgUt di Fabrizio (Maramaus) ; non sapendo che le fo- 
cezie elM mordono, laaclano cruda memoria diloro ; 
6 cbe eo*mimiei , piu combattendo che barlando si 
guadagaa. 

Ora, mentre che il fatto di Volterra passaya in que- 

sta maalera, el Vasto giunse conTesercito: che non 

potera esaere a Fabrizio piCt diacaro , stimando egli 

cbeoott potendo alia per fine il Ferruccio resisterli, 

sua toUa doresse essere la gloria d^ avere ripreso 

Volterra; dOTO per la giunta del marchese, superiore 

a loi di gente, di milizia e di grado nello esercito , 

qoaado egli avessero preso Volterra, non gli yeniva 

a loi tmllA, o picciola parte. Accostdssi il marehese 

alia citt& di Volterra da quella' parte che di Firenzo 

^ si arriya: ne'borghi della quale porta era 11 capi- 

tano RIecoId Strozzi, Francesco della Hdcca cdrso, e 

SaadriBO Monaldi, con tre compagnie di ftinti; le 

QQtli scaramHCCiarono con le genti del marehese 

baeaa pezza della notte , e finalmente si ritrassero 

in TolteTa, con morte di trenta deMoro; avendo 

mofto iBOlti de'nemici. Dilib^ross! alia giunta del 

marehese di aforzare Volterra ; e cosi ordinarono di 

dare la batterla dal munistero di Santo Lino, che d 

posto lungo le mura di Volterra, dalla parte di den- 

tro. Ma troyandosi il Ferruccio sproyyeduto di mu- 

nizioni , per ayerle Bartoldo Tedaldi Commessario 

della fortezza consumate ; e percid, sapendo che nella 

rOcca di Vada, guardata da'Fiorentini, era buona 



i% VITA 

quantity di Balnitro, pensd di maiidtre ft plgliarne 
aleani de'suoi cayalli. Ma non fa yero ehe il si^nor 
Amioo d' Arsoli, eh'era oapitano de'eavalli, si potesse 
disporre a commettere ad aleani di qae^capitani ebe 
pigliassero quest^ impresa ; stimando non potere es- 
sere cbe e' vi si condacessero , avendo il campo ni- 
mico cinta Volterra. Dairaltra banda, sforsando la 
necessity a tentare ogni pericolosa impresa, easendo 
ancho, ohe nel mettersi alia prova , molte cose rie- 
scono chA a'dappocbi si moslrano diffleillssiime; si 
risolTette 11 Ferraeeio di tentare ad ogni modo: e 
essendo fra'capitani de^eavalU il conte Ghermrdo 
della Qherardesca, giovane d'anni venticinqaet eon- 
dotto alii stipendj de*Fiorentini con sessantae&Talli, 
e Aniballe Bicbi da... capitani amendue di yak»e, con 
cento eavalli , 11 mandd alia torre di Yada; e con 
loro mandd Matteo Berardi, saa lancia spezvata, con 
ordine cbe e 'recassero in groppa un sacco di salnitro 
per ciascuno. Tenne il Feriaceio, nel mandarli foori, 
qaest'ordine. Sulle due ore della notte , mandando 
f uori della porta alia fortezza alcuni fanti, faoa dare 
airarme nel campo de^nimlci;e'ngrossaadoooatino- 
vamente le genti di deutro, fa tatto rasercito a ro- 
more; il quale trasse a qaeUa parte donde era nato 
lo stormo. Intanto, aperta la porta drtla contraria 
parte, uscirono le cento celate; le qnali quaato le 
gambe ne li portavano andando, tantoato si fdrono 
dilungati dalla yista delPesercito : il quale fees quie- 
tare 11 Ferruccio ritirando dentro le genti sue. Sen- 
titosi la mattina nello esercito, cbe di Volterra oraao 
nsciti i cento eavalli, del signer lacopo da Piombino, 
cbe eon died uomini a cayallo gli aveya la mattina 
incontrati ; si credette cbe , come inutili alia difeaa 
della terra, ne gli avesse il Ferruccio a Pisa riman- 
dati , donde , in compagnia del signer CanuniUo da 
Piombino, gli aveya il Commessario cbiamaii, Arri- 
yarono a Vada quelle genti, e toroarono indietro; ai 



DI FBANCsaCQ FERBUCCI 48 

Che intomo alia mezzanotte arrivarono presso Vol- 
terra, dove 11 Ferruccio aveva posto una scolta, che 
fece airarriTO loro il segno pattuito ; al quale 11 Com* 
niessarlo beffd Tesercito dl fuori nella stessa maniera 
che egll aveva fatto la sera davanti. Perd che» men- 
tre che nel campo si romoreggia dalla banda della 
fortezza, entrarono per la porta medeslma onde erano 
usciti i cento cavalli a salvamento, avendo fornito 
la bisognaper la quale essi erano parti tl; con somma 
lode di qneMue capitani , che dimostrarono 11 tanto 
propensare a*" pericoli soprastanti, tdrre , nelle cose 
della guerra, assai volte V occasione di imprese de- 
gne di lode. Perd che, tra le cose delle quail si dee 
fareragione nelle dellberazioni, non ha Tultimo luogo 
U potere essere Ingannatl i nlmlcU 

Maperchd molte volte occorrer^ faremenzione di 
vari siti di questa citt^, per plii chiarezza della sto- 
ria, non fia male cosi brievemente descriverla. £ 
posta Yolterra ec. . . , 

Piantate leartiglierle unamattlna,avanti glorno» aU2 
digiugno, un^ora, comlnciarono apercuotere le mura; 
le quail vecchle, antlohissime e dl mala materia, non 
fecero alcunareslstenza: dl maniera che, in quattor- 
dlcl cannonate , alio spuntare del sole , ne avevano 
messe in terra braccia clnquantasel. Perchd essendo 
apertura abbastanza, si rlstettero di piu battere ; e co- 
mlndarono a schierare la gente loro per venire a 
sforzare i riparl fattl dal capltano Morgante da Castl- 
glioni. II quale, mentre che lamuragUa cadevae Tar- 
tiglieria fioccava, essendo In sorte a lul venuto a 
guardare quella porta, cerod dl alzare un rlparo a^ncon- 
tro a quella rovlna , con plu masserlzie stratte dal 
mtmistero dl Santo Lino , che 1 Yolterrani per sal- 
varle vi avevano portate. 

Hentre , adunque , che questl rlpari si facevano , 
concedendo lo afforzarsi lo induglo del dare i nimici 



1 

44 VITA 

rassalto; mandd il marcbese del Vasto, per tentare 
Tanimo de' Volterrani a nuove cose, una grida : cbe 
nessuno ardisse offendere i cittadini di Volterra ne 
in persona nd in avere ; e dair altra banda , non si 
facesse prigione alcuno de^soldati , ma tutti si met- 
tessero a fil di spada. Ma il Ferruccio, per pensare 
dalla banda sua a tutte le soprastanti cose , aveva 
proibito a' Volterrani , per pubblico bando , V usclre 
il giorno di casa sotto pena della vita ; emesso leguar- 
die dovunque egli aveva giudicato fare di bisogno» e 
con Tavanzo delle sue genti in battaglia, stava aspet- 
tando rassalto e dmpito de^nimici. Eransi creduti 
il marcbese e Fabrizio, cbe uno cittadino creduto da 
loro sanza sperienza delle cose della guerra non do* 
vesse opporsi a due cavalier! di cosi gran nome : ma 
veduta la cosa passare in altra maniera, credevano 
fermamente , niuno contrasto dovere avere la gente 
Ibro nello sforzare la terra. Slcch^, credendo cbe co- 
lui al quale toccasse prima a presentare la battaglia, 
dovesse riportare la palma di quelle acquisto, quasi 
fttssero giuncbi i soldati cbe la difendevano, comin* 
ciarono acontendere tra loro, cbi prima dovesse spi- 
gnere avanti la gente sua; e dur6 questa loro diffe- 
renza dal salire del sole infino airora di vespro. Nel 
qual tempo , non perdendo il Ferruccio Toccasione, 
non cessava di raflbrzare il riparo: ma non avendo 
trovato que'signori modo di accordare la differenza 
loro, andandosene il giorno confusi insieme i soldati 
loro, divisero quelle esercito in tre parti; cbe tutto era 
cinquantacinque compagnie, delle quali ne spinsero 
dodiciadareil prime assalto. Rappresentatasi questa 
gente alia muraglia , passd la cosa d' altra maniera 
cbe i capi deir esercito non s^ erano avvisati ; per6 
cbe, avendo combattuto questa scbiera pid d^un^ora 
sanza fare alcuno acquisto, furono fatti ritirare , ri* 
man6ndovenemorti assai. Spinsero que^signori un^al- 
tra battaglia con diciotto insegne a dare rassalto st- 



DI FBAHCESOO FEBBUCOI 45 

condo; ma questa nonfece prova migliore che la 
prima s^ ayesse fatto. E addiviene 11 piu delle volte 
che dove i pocbi vagliono contromolti, se nel prime 
affroDto non si smagano gli animi de'soldati, ma re- 
slstono yalorosamente, bisognerannoforze inestima- 
bill a superare la yirtuloro.Ritrassesi questa scbiera, 
ayendoanch^essacombattuto un^orao poco piu , coq 
picciolodanno di quelUdentro,econmortalita de'loro. 
Mossesi flnalmente tutto quanto 11 resto deiresercito, 
con yentlcinque compagnle di soldati; i quali com- 
batterono ostinatamente fino alle ventitre ore: alia 
qual era, si ritird indietro Tesercito tutto, molto dan« 
neggiato dalle genti del Ferruccio ; essendoyl morti 
quattrocento soldati de^ loro , sanza che egli avesse 
riceyuto danno notabile, non yi sendo rimasti morti 
che qoaranta fanti : cosa che appena non si potevano 
imaginare 11 marchese e Fabrlzlo. I quail, flnalmente, 
ayendo conoscluto , al gludizio naturale e fortezza 
d^animo ogni plcciola ombra di sperienza giovare, 
disegnarono, con mlglior ordine e da piu bande , di 
tentare la spugnazione di quella terra. 

Ma 11 Commessarlo con ogni dlligenza attendeva a 
fortiflcarla e munirla; e la notte che succedette alia 
battaglia, alloggld dirimpetto alia apertura fatta 
da^ nlmici, a'quall erasugli occhi: e dato ordine di rl- 
parare da questo canto, era soprappreso da moltl pen- 
sieri, se 1 nlmici tornassero a combatterlo di nuovo, 
essendoli yenuta meno tutta la munizione da trarre. 
Brasi stretto Teserclto alle mura della citt& quanto 
egli poteya 11 piu ; e non per quanto, se bene s'aspet- 
taya che yolessero 11 marchese e Fabrizio tentare di 
sforzare la citti , non si yedea per eld fame alcuno 
moyimento; anzi pareva al Commessarlo, che in certa 
maniera e* dormissero : per lo che , egli disegnd di 
risvegliarli, con tenere Intanto la sua gente occupata 
eontinoyamente neiresercizi della guerra. E a que- 
gto effetto , ima notte , tlrato una tela alta quattro 



46 VITA 

braceia sulle mura nel dirimpetto dello esercito bi- 
mico, Yi mise dietro quattro sagri; e la mattina per 
tempo, ayendo udita messa, ritiratosi nello alloggia- 
mento suo , con i capi delle sue genti e con molti 
de^soldati piii valorosi, secondo il costume suo, man- 
gid con tutti. Ma tornando al proposito incominciato, 
dopo che il Ferruccio, con colore che sedevano alia 
sua mensa, ebbero mangiato, e'mostro lore, — i capi 
dello esercito nimico ayere sempre fatto piccolissima 
stima di loro ; dl qui essere venuto il procedere tanto 
lenti nel dare V assalto alia cittft il giorno che ten- 
tarono di sforzarla : ayere fino da principle mandato 
Fabrizio a domandarll Volterra, come se vili femmi- 
nelle fussero stati colore che la difendeyano : era 
essere ristretti sotto le mura, sanza prendersi di loro 
alcuno pensiero, mostrandosi quella sicurti neirescr- 
cito di fuori, che se e' fusse sotto le mura degli amici : 
non potersi cid sofferire sanza cstrema yergogna di 
ciascuno; e perd doyersi mostrare a^nimici rerrore 
lord ; essere loro quelli che ayeyano racquistato Vol- 
terra con la morte di quasi tutta la gente che v*era 
dentro; colore che Taveyalio pochi giorni ayautidi- 
fesa da uno esercito si potente, orgoglioso perletante 
yittorie acquistate dayanti che passasseinToscana: 
per cid non si conyenire lo starsi cos! rinchiusi, ab- 
bandonandosi nella pigrizia, die partoriya loro la con- 
fidenza de'nimici; doyere invitargli a yedere il vero 
segno del yalore loro. — Dopo questa persuasione , 
comandd il Ferruccio a"" suoi capitani , desiderosi di 
azzuffarsi con gli inimici, che scelti yenticinque fanti 
di ciascuna compagnia i piu eletti, n'andasscro alia 
porta fiorentina: doye essendosi ragunati da ducento 
uomini scelti , comparse il Commessario, il quale 
pubblicamente promise scudi yenticinque a ciascuu 
soldato che riportasse insegne degli inimici: e per 
contrario. proibi sotto pena delle forche 11 rubare 
cosa yeruna neiresercito : e avendo loro ordinate che 



DI FRAMCfiSCO FESBUCCI 47 

e^fii rltlrftftiero come egli di Bvtlle mura ftteera dare 
nellft tromba, gli inTid nel campo nimfco. II quale 
credendo piu allora ogni altra cosa ehe essere assa* 
liU da qvelli di dentro , non si preBderano di eid 
Tenuna oura: per lo che, assaltandoli le genti del 
Permeelo oon impeto maraTiglioso, molti n'uccisero 
ayanti ehe a*capi dello esercito fusse pervenuta la 
cagione di qael tomalto. B per cid f^tta testa la 
geate, si fece avanti il marehese per yendieare quello 
aflhmto ; che yedendo di sulle mura il Commessario, 
feee a^uoi il segno loro dato della trombetta; onde 
east eominciarono a ritirarsl. 

B peeta Volterra snr un poggio, Testremiti del qua- 
le 6 nnapianara, doye d la citt&, a guisa d^unamano; 
percbe essendo la terra su quella parte che risponde 
ana palma, il restante che alle dita si rassomiglia, 
Bono cinque collettt che egualmente sMunalzano, e tra 
Tono e Taltro d una piaceyole yalletta. Ritroyayasi 
4agente del Ferruccio in una delle spSagge predette e, 
per tomare dentro in Volterra, conyenlyano salire 
solrlleyato: e per cid il Marehese, presoil yantaggio 
del rito, andaya per tagliare loro la yiaal salire quel 
poeo dell^ erta ; si che ricalciandoli di dietro tutto 
rayamo dello esercito, e^ si ritroyassero in mezto, e 
si patissero supplizio della audacia loro. Ma yeg> 
gendo questo.il Commessario » tagliate le funi che 
teaeyaao tirata la cortlna che sulle mura toglieya 
alTeaercito la yista dei sagri a questo efl^tto piant&- 
tlyi,ftttillyolgereyersole genti del Marehese, fe'dare 
loro faoco, con morte e scompiglio dl queirordine : 
per lo ehe , le genti di dentro si ritrassero a salya- 
nento; ayendo lasciato prigione nello esercito illuo- 
gotenente di Goro da Monte Benichi , capitano degli 
sbanditi ; portandone con esso loro tre insegne di 
Spagnuoli, ayendo lasciati morti fanti nello 

OMfCltO. 

Usel, indi a non molto , a searamucciare con gli 



48 VITA ' 

inimiei Cammillo dft Piombino, eoa nnabantede^suoi 
soldati ; ma si ritrasse tantosto «6sendo stato tocco 
da una archil) asata nella coscia destra, delia .^aale 
indi a non molto si mori. Aleoni banao lasciato 
scritto, essere stato Cammillo ferito di dietro 4m un 
soldato per ordine del Ferruoeio, per isdegno preso 
seco deiressersi abbottinati i Cdrai che erano nel 
suo colonnello, non Yi provedendo eigrli come avrebbe 
il Ferruccio YOluto; e per aTere, oltre di ci6k af»to 
sospetto, cbe non volesse dare una porta alii i 
Quanto sia dello abbottini^mento de'COrsi, carta 
e, cbe e^non era seguito ancora« easendo cid ftTve- 
nuto quando V esercito si preparava a fare Uk se- 
condabatteria: deiraltra cagione cbe e stata aUegmta 
del volere quel signore tradire la terra, onde ai mo- 
vesse 11 Commessarlo a farlo ammazzare; non f^Temlo 
certezza veruna di questofatto, avendo fattone dUi- 
gente incbiesta ne'ragionamenti aTuti conooloro cte 
yi si trovarono presenti, e sapendosi^ dairaltro caat^ 
Francesco Ferrucci non avere mancato di officio to- 
runo verso il signer Cammillo in quel giorni iBAoire 
cbe e'visse ferito , Tanimo sMncbina a non credere 
cosa brutta di quel signore; e tanto piu, riguardaado 
la natura e Tautoritii di Francesco, il quale no^ es- 
$endo Commessario de'Dieci appresso ad un 9eiiera^ 
le, ma asaoluto egli Commissario generale di cam- 
pagna di tutte le genti de' Fiorentini, non arebbe 
per modo veruno preso quel verso di punire un mo> 
mo cbe 11 fusse stato suggetto xli fiallo cosi gnwt* 
Di cbe ci puote essere argomento quello cbe indi a 
pocbi giorni successe al conte Gberardo deUa Obe- 
rardesca, il quale fu per capitargli male tra le m»r 
ni, in questa maniera. 

Aveva Francesco , dopo cbe ebbe egli ae^oiatato 
Volterra , fatto pubblicare , cbe tutti i cittadiai cli« 
erano fuori per conto della revoluzione passata. poi 
tessero liberamente tomare aanza impedimento tc- 






DI FBAKCESCO FBRRUCCI 49 

mno, con ripigliare il possesso de^ suoi stessi beni ; 
perche i Dieci, d'ordine de'quali egli avea cid fatto, 
desiderayano che quella terra si mantenesse da per 8d 
stessa in devozioiie della Repubblica » e con meno 
costo che fosse lore possibile : a che giadieavano ot- 
timo istromento Tusare clemenza Tersoque^popoli. 
Tomaronne molti , e moltiin Volterra se ne troyavano 
cbe yolentieri sarebbero passati neiresercito di fuori : 
de'qoalj sebbene il Ferruccio si sarebbe potato as- 
sicorare con ritenerli prigioni, per man«) sdegno 
deli^uniyersale.che de^continovi supplisq oltreamodo 
si turba, si era contentato di proibire a'Volterrani 
rnscire della citti, alia pena della yita. Era in Vol- 
terra Flaminio Minusio, cugino per yentura del conte 
Gherardo da Castagneta, con il quale moltosi ritraeya; 
e per cid,essendo un giorno amendue alia presenza 
del Ferruccio, li chiese licenzia il conte per Flaminio 
di andare flno a Santo Andrea a cayallo , che era 
faori della porta. Diegliela Francesco, con che egli 
avyertisse, non colui se n'^andasse, come addiyenne ; 
perch^, usciti di Volterra, essendo Flaminio sur un 
bnon cayallo, datoli di sprone, se ne fuggi nel campo 
nimico. Tornd il conte dentro , e nel raccontare la 
sna sciagura a colui del quale aspettaya gastigo di- 
mostraya la propria innocenza. Sdegndssi il Commes- 
sario stranamente ; e tratto dalla coUera (che in un 
memento di lui s^insignoriya) , yoleya ammazzare il 
conte: e lo arebbe fatto, se ilsignor Amico d'Arsoli, 
e altri capitani che erano quiyi present!, non si fus- 
sero oppostiairira sua. Perchd essendoli yletato il 
gastigarlo , ydlto al conte in presenza degli uomini 
piu importanti, gli disse, che era certo, questo disor- 
dine essere accaduto per la dappocaggine sua , e 
non per la tristizia: che se altramente fusse stato , 
Tarebbe ad ogni modo fatto impiccare, come un ri- 
baldo; doye ora li bastaya notare la dappocaggine 
saa. Che se non ebbe rispetto il Ferruccio al conte 



50 TITA 

Gberardo, pure condottiero di cavalli a' soldi deUa 
Repubbllca, molto menolo arebbe auto a Cammilloda 
Piombino, colonnello di due compagnie solamente, 
signore saoza stato, e uomo chetra'soldati dique'tem* 
pi Don era molto riputato; 

Trapassd 11 tempo fino alii 10 di giugno nella ma- 
niera narrata di sopra, saoza che cosa seguisse de- 
gnadimemoria, oltre alle raccontate. E'nquel giorno 
si messe in cuore il marchese di tentare un' altra 
flata di sferzare Volterra; e consigliandosi del modo, 
fu proposto il minarla; quasi che quella muraglia 
non cedesse a^ colpi delle artiglierie con grande age- 
volezza : donde forse derivd il partito preso del bat- 
terla di nuovo in plu d'un lato ; si per diyidere le 
forze di quelli dentro nel difendere gli assalti ; e si 
per ispaventare maggiormente gli animi de^Volter- 
rani, e per ci6 yedere se potessero indnrsi a noviti 
veruna. Risolverono, per tanto , di battere Volterra 
da Santo Agnolo a Docciuola , che ^ da quella parte 
che guarda verso... e dalla parte di San Francesco, per 
la quale s^esce yenendo verso Firenze ; e '1 marchese 
elessedi sforzarladaSanto Agnolo, lasciando dallabat- 
teria di San Francesco la cura a Fabrizio. Venuta, 
adunque, la notte, si comineid nel campo a dare ordi- 
ne di piantare V artiglierie, e acconciare le poste per 
levare le difese. 

Bra , per ventura , alia guardia di Volterra dalla 
parte di Santo Ajigiolo il capitano Sperone del Borgo ; 
uomo che con molto valore aveva aggiunta molta 
sperienza: il quale, sentito il tnmnltuareche eranello 
esercito.eavvisandosicid che era, auto asdil sue lao- 
gotenente, conferito seco il pensiero suo, legato una 
fune ad un merlo, piano piano si cald giii per essa. 
Aveva la lingua spagnuola quasi naturale: per lo 
che, entrando tra gli inimici neiroscnrit&della notte, 
non poteva a cosa alcuno essere riconosciuto. Tnt- 
desi nel campo nimico ad ascoltare i dfsegni della 



» 



DI FBAKCBSOO FEBRUCCI 51 

fir>rza cho si doveva fare, e a consideraremiaatamente 
il aito dove Tartiglierie si piantavano: nella quale 
operamolto coai soldnti del campo a'affatieb. E qaan^ 
li parve avere il tutto 'umaiderato , tolto una ^J^wi- 
oiata di foglie ehe erano tyiirl in terra, torttd aotlo 
le mara, e scroll ato la sua fiu^, si face ritirare au; 
e*Dcantanente n^andd dal CommcKario, e preseiitdlli 
quelle foglie, per testimonio di tutto quk^to qaello 
Che eg*!! aveva nel campo veduto. 

Intanto ai era s^otito lo strepito medesimo daUa 
porta di San Francesco : per lo ehe , fu in piedi il 
Conmiesaario, ebe allora era nel letto, per dare or* 
dine a^ ripari che Caeerano di saestiere. Prese V as- 
sunto il capitano Sperone di rafforzare a Santo Agnolo; 
e dietro le murs^ dove Tartiglierie dovevano percuo- 
tere, lasciaBdo buono spa^io di piano, caydnnfosso 
il pi\i i^ofondo e largo che la brevity del tempo con* 
cedette; e dinanzi al fosso, oon la terra cavata, alzd 
una trincea fino al petto. E'nfra tanto, areva fiatto 
tdrre da^soldati delle case de^Volterranl molte botti 
v6te, e quelle condotte suUe mura; e confltto nolle 
doghe grandi auti che passaasero fuori, lo ayeva 
piena di sased , e poste in bilico su quella parte del 
muro che non poteva rovinare , adattate in guisa , 
che ogni picciolo fanciuUo poteva dare loro labalta; 
che doveva seguire al segno che ayeva dato il ca- 
pitano. Alia porta a San Francesco similmente s'af- 
forzavano con fbesa ed argine, e altri proyedimenti 
che in tali occasion! sono concessi ; non lasclando 
indtetro ii Ferruccio cosa yeruna che potesse fare 
alia difesa di quella terra. Non pure era il Ferruceio 
ansio deirevento del giorno future , per quelle che 
apporta seco la dubbiezza della guerra, ma era for- 
temente trayagliato dalla sedizione de'Cdrsi;iquali 
restando a essere pagati d'una paga, protestayano , 
per il capitano Francesco Scruccola capo loro » di 
non yolere combattere sanza essere pagatL Vinse il 



5J^ VITA 

Ferruccio, condotto a quel punto, la natura sua , 
non lasciando indietlro sorte di preghi per mantener- 
feM in offizio: ma niente giovava; che lo Scruccola, 
istan*o, pregando , e'n qiwlche parte deirautorita 
valendobi il Ferruccio . ^ rispose: — Al dispetto di 
Dio, che se noi non ^lamo pagati, noi non combat- 
teremo. — AIU ^ie, tanto fece il Commessario, che 
il Cdrso fu contentd di combattere nella difesa.Venne 
adunque , tosto , alii 21 di giugno, Tora nella quale 
i nimici cominciarono a batters le mura; le quali 
non feceno miglior prova che la prima volta fatto 
s'aveBsero, rovinandone ad ogni cannonata di grran 
brandelli. Mentre che la batteria seguitaya, andando 
il Ferruccio da San Francesco a Santo Agnolo , fu 
percosso e ferito in un ginocchio gray erne nte da un 
sassoschiappato del muro per forza d'una cannonata; 
si che , non potendo reggersi in i)iede , e Bentendo 
dolore grandissimo, fu di bisogno portarlo di peso 
in fortezza. 

In questo mezzo , avendo V artiglierie fatto tanta 
apertura quanto poteva bastare per entrare dentro, 
si mossero Tunc colonnello e Taltro, ciascuno dalla 
parte sua, a dare Tassalto alia terra : e le genti del 
Warchese principalmente s'crano presentate allaro-' 
yina ; doye non troyando alcuna difesa, erano scese 
nel fosso, e si sforzayano di salire sulla trincea, dope 
alia quale erano chinate le genti che aquella difesa 
erano comandate da Sperone dal Borgo. II quale, ve- 
duto g:\k due bandiere spagnuole rilucere sulla trin- 
cea; alzato uno sciugntoio, dette il segno a colore ebe 
(lovcvano fare royinare le botti.che erano sulle mura, 
picne di sassi ; le quali sospinte da coloro che ne ave- 
vano il carico, caddono appunto nel yano della bat- 
-tcria: e'nfragnendo molti Spagnuoli, si conficcarono 
in terra, e chiusero quel passo. Di maniera che, po- 
chi fanti a cid prima destinati, che tantosto yi corse- 
ro, tencyano il passo agrinimici ; rimanendo inchiuse 



« 
« 



e 
t 



DI FRANCESCO FEBRUCCI 53 

prigionc due insegne spagnuole, con moltl ftinti, che 
splntisi avanti erano stati i primi a montare su la 
trincea : di maniera che, poco potette fare Tesercito 
di fuori da quella band a. 

Ma mentre che a Santo Agnolo succedevano le cose 
felicemente per quelli dentro, d'altra maniera si go - 
vernavano le cose dalla batteria di San Francesco ; 
perd che le gentl di Fabrlzio si spinsero avanti ra- 
lorosamente , appunto quando il Ferrucclo ferito , 
da^suoi era portato in fortezza. Dove la piu parte lo 
segnirono ; come addiviene sempre in cosi fattl ac- 
cident!, ne^quali pud assai piu la curiosity delvedere 
e udire e ad ogni minimo atto intervenire per dire 
poi — io fui, io feci, io dissi, — che non pud il pro- 
pio debito di ciascuno, di non si partire deirordine 
della battaglia. Rimase, adunque, in quella parte a 
difendere Tassalto de'nimici il capitano Morgante da 
Castiglione eU capitano Michele... con le compagnie 
loro : i quali essendosi difesi yalorosamcnte, in com- 
pagnia di molti Volterrani che in quel giorno pre- 
Btarono a'Fiorentini opera forte, sforzatl dalle genti 
di Fabrizio, che con molto ardimento combattevano, 
cederano alia perflne, e si ritiravano. La qual eoaa 
essendo al Ferruccio referita, storpiato cosi come era 
si fece riportare , sulla seggiola stessa suUa quale 
era stato portato nella fortezza, alia batteria, e die- 
tro li tomarono tutti i soldati suoi ; tra'quali, Fran- 
c^co Seruccola, che la notte aveva nello abbottina- 
mento disonestamente bestemmlato, subito che fu ar- 
rivato, fu tocco da una archibusata nel petto , e di 
prcscnte mori. Comparito il Ferruccio su la batta- 
glia, tanto qtmnto crebbero di numero ed animo i 
soldati suoi, tanto ne inyilirono quegli del campo 
nimico; i quali ostinatamente mantenevano Tassalto, 
opponendosi animosamente quelli den tro; a^ quali di 
gift mancavano le munizioni da trarre.La qualcostk 
afeya preveduta il Ferruccio ; nd potendo a ci6 al-> 



54 TITA 

trimenti riparare, aveva fattoportaresulle mura delle 
caldaie piene d^olio ; e quivi facendole bollire, con i 
romaiuoli dal bucato lo faceya gettare addosso agrli 
inimici. I quali avendo combattuto sette ore conti* 
nove, disperati d'entrare inYolterra per forza, suUa 
sera si ritrassero : e prima era ristato di combattere 
11 marchese a Docciuola, veggendodi non potere da 
quella banda conseguire il desiderio suo. D^costdssi 
11 campo» per tanto» da Volterra con molta vergo^xva 
sua, e somma lode delle genii di Volterra , e del 
Commessario singolarmente : 11 quale ferita grave- 
mente, era stato suUa batteria sempre presenter da 
clie Yi fa rlportato , procedendo a tutto quello che 
ad ora ad ora aveva di consiglio ed aiuto mestiere; 
e (cbe fu gran maraviglia) non essendo morti de'suoi 
ma cbe venti soldati , e alcuni pocbi feriti ; quando 
di qaelli del campo se ne deskierayano meglio di otto- 
cento. Ritiratosi Tesercito, la sera stessa parti U mar* 
cbese, ricreduto e scontento del non avere acqnistato 
Volterra; e Tesercito si trattenne tanto, cbei nimici 
si medicaasero. 

Aveya il Ferruccio i^preaso di se, mandatiii dalla 
Signoria, Pagolo Cdrso, uomo di lunga sperienza, e 
ilcapitano Tomme Siciliano; i quali persoadtTano 
il Commessario, che pinte fuori le sua genti, aflf^on- 
tasse i nimici cbe dalla batteria si ritiravano, segui- 
tando lavittoria: al consiglio de^qualinon s^attenne 
il Ferruccio* Non si poteva £are progresso veruno, pi- 
gliando questo partito, sanza cavare fuori tutta, o 1« 
maggiore e migliore parte della geute di Volterra; la 
quale se i nimici erano stracchi del lungo combat- 
tere, molto piiidov^vano esaere essi stracchi, essendo 
alati meno a novero, e per cid piti speaso adoperati. 
Erano quelli di fuori tanto pid di numero, che fiac- 
cendo testa, occupandosene una parte contra) alle 
gtnti uscite fuori, Taltre potevano sanza contrasto 
passare in Volterra per le royine; e oltre a tutto 



DI FBAKCE8C0 FERKT7CCI $5 

^nesto , queir esercito aveva di gi& perduto , non 

ttendo acquistato quello per cbe egli si era mosso. 

iHiU'altro -canto, si poteva molto danneggiarlo se la 

sorte ayesse fattoli dare le reni, come poteva facil- 

ment« inter venire, e rubare gli alloggiamenti loro; 

,ma spegnerlo tuHo sarebbe statoimposaibile, quando 

ciascuno di quel dentro avesse ammazzato died di 

quelli di fuori: oltre a cbe, seguitarli lungamente non 

si sarebbe possuto. Sara adesso uflzio degli uomini 

periti dell'arte della guerra, eonsiderato il tutto, lo- 

<^ biasimare la resoluzione presa il Commeasa* 

rio, di contentarsi deUo avere proibito a'nimici Ten* 

tfarein Volterra. Discostdssi, indi a non molti giomi, 

I'esereito di faori, nel quale era entrata lamoria;e 

8i parti cbe 11 marcbese era tomato verso Fiorenza; 

e i^'tbrizio^parse le sue gentl per le colline di Pisa. 

Kiffltsero in una cbiesa vicina a Volterra sessanta 

f<eriti, quasi tuttispagnuoli; e comandando loro Nic- 

cold Neretti, soprannominato Babbone, cbe quindl si 

to^liessero, e non lo faccendo essi, e forse non po- 

tcndo, egli v^appicc6 fuoco, per fugglre il sospctto 

della moria: dove morirono tutti que'feriti* 

Tosto cbe in Firenze gianse la novella, cbe per 
▼it del eampo vi venne, il cittadino loro avere di- 
feso Volterra da due cosi gran capitani; non si po- 
trebbe stimare r allegrezza di tutti i Fiorentini, in- 
Dtlzando fino al cielo Francesco Ferrucei; entrando 
in ispo-anza cbe a lui oramaidovessetoccareat<)rre 
1* eitti di quella molest ta cbe per otto mesi conti^ 
AOYi r aveva cotanto travagliata^ H ancora cbe a ci6 
credere Tinvitasse Tardire di Francesco e'l valore 
delle sue genti, molta speranza nondimeno ve 11 faceva 
porre la necessitli nella quale ogni giorno gli riducea 
Tassedio, e la poca fede cbe avevano i magistrati 
nelle genti cbe erano nella citti: le quail erano go- 
Tenate da Malatesta Bagiioni , gi& divenuto so^ 
tpetto a' Fiorentini; sendo stata opinione comune cbe 



- 56 VITA 

se alii XVIII dl giugno egli fusse uscito ad assaltare 
ilcampo dalla porticciuola del Prato, cometraluie 
Stefano Colonna s' era convenuto , che dove qael 
giorno si ammazzarono no vecento fanti tedeschi , quasi 
del tutto si sarebbe spenta o messa in volta quella 
parte deir esercito ; al soccorso della quale non po-* 
tevano esser quegli d'Oltrarno si pronti, che i sol- 
dati Fiorentini non la spacclassero. Per questa ca- 
gione, adunque, ordinarono i Died al Ferruecio, che, 
poichd r esercito nimico s' era partito, fortificata Vol- 
terra in quella parte che egli giudicava bisognare, 
vettovagliando la fortezza abondantemente , a Pisa 
sen'andasse, congiugnendosi in quel luogocon Giltm- 
pagolo da Ceri; dove gli ordinerebbero quello che 
e' disegnassero che e'facesse. E avendoli per pi^ 
lettere replicato questo ordine, e a* Commessarii di 
Pisa scritto che eseguissero i comandamenti suoi; 
messo il Ferruccio nella rdcca di Volterra quella 
piu vettovaglia che e' potette, lasciatovi dentro Gio- 
vambattista Gondi, detto il Predicatore, aM5 di lu- 
glio si parti, a ore due di notte; avendolo i Dieci 
confermato e di nuovo eletto Commessario generale 
di campagna di tutte le loro genti ; e per la via delle 
Maremme venuto a Livorno, a Pisa se ne venne 
a' 17 detto. 

Avevano i Dieci ordinate a Piero Adovardo Giachi- 
notti, Commessario di Pisa, che ordinasse a Giam- 
pagolo da Ceri, che seguisse gli ordini del Ferruc- 
cio, che era di uscire in campagna; e alia guardia 
di quella citta ritenesse Mattias da Camerino , con 
sei cento fanti. Erasi il Ferruccio partite di Volterra 
senza avere contentato i soldati delle paghe guada- 
gnate, e promesse loro di pagarli in Pisa; dove il 
Commessario Giachinotti, e prima e allora , aveva 
con ogni rigorositiL cercato di strarre denari da^cit- 
tadini pisani, per contentare le genti di Giampagolo 
da Ceri; e perd non fu facile al Ferruccio, a prima 



DI FRANOESCO FBimUCCI 57 

gianta, potera di colpo pagare i suoi soldati: per lo 
cbe i Corsi, rozzi e impazienti, facendo testa, s' e- 
rano abbottinati, dando principio a disordine d'im- 
portaaza. E per riparare a questo disordine , corse 
Goro da Monte Benichi a sigrniflcarlo al Ferruccio , 
il quale alloggiava nella cbiesa di Santa Cater ina : 
11 quale movendosi sanza nulla in testa , in giub- 
bone, con le lunette di magUa solamente , corse \k 
do?e era il rumore di quelle geati; e messo mano 
alio stocco, n^ ammazzd tre, r uno dopo V altro , re- 
stando attonito tutto 11 resto ; e 'n quella maniera 
quietd quel tumulto. Ne' quail si suole giudicare 
atta tutta r autorita che pu6 ritrovarsi in uno capo 
d'uBo esercito, come sono le arm! e la compagnia: 
alle quali cose satisfece la risoluzione e V animo al- 
tiero del Ferruccio; il quale armandosi, con dareal 
fatto dilazione, poteva forse meno giovare a quel 
male, trovandolo avere preso piu piede. Pagati, poi, 
li suol soldati, e fatto rassegna di questi e di quelli 
di Giampagolo, si andava preparando per uscire in 
campagna, e tornando verso Firenze, tentare r estre- 
ma sorte della guerra, per liberare la patria; la quale 
stretta in guisa, che le cose sozze erano riputate de- 
licate TiTande e preziosi cibi. 

Non finiva di affrettare il Ferruccio a uscire fuori 
per soccorrerla; e perche la coaa se ne andava piii 
per la longa che non pareva loro verisimile , facen- 
do la necessity parereogni giorno un anno intero; e 
dubitando non derlvasse dallo essersi parti to 11 Fer- 
ruccio di Volterra non bene del suo ginocchio sani- 
cato; per cio, per ultimo, non potendo piu soste- 
nerai, ordinarono al Commessario Ferruccio, che non 
potendo andare egli, mandasse con tutta quella gen* 
te Giovambattista Corsini, detto lo Sporcaccino, o 
ehi altri a lui paresse a proposito ; nel quale case, 
davano a colui che mandasse, la medesima autorita* 
Bssendo presentata questa lettera al Ferruccio, dopo 



58 ^ vi*rA 

}6 averla letta e di poi ripi^ata, teneadola in mano. 
la prese da un lato coMenti, dicendo:-- Andiamo a 
morire. — Per lo che, messi in ordiae i preparamenti 
Che li facevano di mestiere e quasi in punto per par- 
tinii, and6 a visitare Taddeo Gaiducci, condotto in 
fortezza dalui;edolendo6i il Guiducci del riman^re 
q^ivi sanza speranza di vita, lo confortd U Ferrue- 
cio, dicendogrli: ^ avere di lui buona speranza: lui 
andare verso Fir^nze, e scorgrere )a naotte proprii 
evidentemente ; ma ftirlo vol«itieri in servizio della 
patria: la quale, sanza dubbio veruiio, per questo 
fMto aveva occasione di respirare, sapendone co^no- 
Bcere r occasione. — Poteva ragionevolmente parer« 
cosa dura a Francesco Ferruccio, con uno eolonnello 
di quattromila fanti e con quattrocento cavalii us<5ire 
in campagna, per andare a trovare TeseroiU) nimico, 
il quale lasciando assediata Fiorenza poteva oppor- 
glisi eon numero tanto maggiore, che 11 pessare di 
superarlo sarebbe stato giudizio i'uemo corrotto; 
andandosi a perdita manifesta , alia quale segiiitava 
incontanente il perdere i Fiorcntini qnella g-ucrra, 
non si mettendo a sbaraglio se non una parte delle 
fbrze loro : cosa da non si eleggere se non per co- 
loro che fussero stretti alP ultima necessity. Nella 
quale, nondimeno, coHdotti i Fiorentini , avevano « 
come diceva il Ferraccio, occasione di prolungarsi 
alquanto la vita; e, se non altro, correre col beneflzio 
del tempo. Perd che, tH^Ognando a contastarc le 
gehti del Ferruccio pit che la met* deir eser cito, e 
spezialmente la cavalleria tutta quanta; e trovandosi 
in Fiorenza sino a novemila uomfni da cambattere, 
gente scelta e valorosa; chi non vede essere stato 
in podestli dl chi aveva quelle genti in governo, di 
mandare per la mala via quel resto dello esercito 
che intorno alle mura rimaneva? Non fu preso queato 
partito, con carico del generale di dentro ; perroet* 
tendolo la Provvidenza divina, forse, per salute df i 



DI PBANCESCO FERiyaCCI 59 

FiorentiBi, eondottiei a tale, che V essere ad altri sot- 
toposti Bou poteva veruno tollerare, che non fusse 
egli stato 11 capo o a modo suo disposta la forma 
del goyerno. 

Ma tempo e di ripigliare 11 filo della narrazione in- 
cominciata. Avevano In Firenze eentito, che di campo 
s'erano mossi 11 princlpe d' Oranges, Pirro Colonna, 
Alessandro Vitelll e Plermaria de' Rossi e Fabrlzio 
Maramaldo, per andare incontrare 11 Ferruccio; e che 
tra loro erano rimasti di metterlo in mezzo, con ispe- 
ranza che dovesse loro auccedere, conoscendo il Fer- 
rnccio uomo volenteroso. Delle quaU cose fecero av- 
Tertito Francesco, slgnificandoli che alio effetto del 
metterlo in mezzo» s^allargava Fabrlzio con 11 suo 
colonnello; e perdd 11 rieordavano la prudenzia; 
commett^idoll che al Montale levasse duemlla pic- 
che e studiasse di spignere quella maggiore quan- 
tita di vettovaglia che fuss! posslbile. Con questl or- 
dlni della Repubblica , usci 11 Ferruceio dl Pisa a^ 
2 di agosto, portando aeco vettovaglia per tre giorni 
interl, sessanta trombe di fuoco lavorato £abbrlcate 
In Pisa, e dodicl smerlgll; avendo seco per guida 
del cammlno, mandatoli dal Dleci, uno da Monteea- 
tini, 11 quale aveva promesso di fare gran cose pas- 
sandosl su quello dlPistola. Erano neireserCitoGlam- 
pagolo da Ceri, Amico d^Arsoli, Alfonso suocuglno, 
Goro da Monte Benlchi, Augustloo da Gaeta, il Cat- 
tivanza delll Strozzi, e cinque compagnie dl Cdist; 
che tuttl facevano 11 numero dl quattromlla fiasti e 
quattrocento cavalll. E prendendo, a ore due dlnotte, 
la via di Lucca, giunti al Monte a San Giullano, gi- 
rarono al pie, e riuscirono nel contado di Lucoa; 
alia quale vennero poco dopo. 

Eranosi rltlrati in quella cittii molti de' cittadinl 
di Fiorenza, de^ piti nobili e piu ricchi, uscitisi della 
patria per aon partecipare delle sue calamitik, e non 
si accostatl alia parte del pontefice» per potere, eo- 



60 VITA 

munque sortisse il fine della guerra , essere liberi 
da ogni pregiudizio. Condottosi, adunque, il Ferruc- 
cio sotto Lucca, e sapendo non v' essere dentro chi 
potesse resisterli; dicono avere guardato verso le 
mura piu volte, parendoli che Tentrarvi dentro po- 
tesse rimuovere 11 campo di Firenze ; oltre a potersi 
valere in quella guerra di molti danari che se ne 
fussero potuti trarre. B flnalmente, avendo davanti 
agll occhi I comandamenti della patria , convertiti 
ultimamente in preghiere , si spinse avanti ; e la- 
sciando, al passare della Pescia, sulla mano stanca 
quella terra, prese la via che mena a Seravalle; e 
piegando sulla sinistra nel montare , cammind alia 
volta della montagna; e, a ore 23 al terzo giorno d^a- 
gosto, si condusse alia villa di Calamecche ; e quindi, 
la mattina seguente, a Santo Marcello , posto solla 
montagna di Pistoia, della parte Panciatica , e per- 
cid contrario alia parte del Ferruccio: il quale, en- 
tratovi dentro le sue genti, non ostante che egli fusse 
infetto di peste, fu saccheggiato e rubato. Solo si era 
tenuto iin prete che, salendo nella torre del campa- 
nile, souava a stormo le campane quanto e' poteva: 
che potette essere cagione di fare anticipare la ve- 
nuta del principe. 

Essendo in arme e a romore tutto il paese , non 
bene ancora giorno, a' 4 d'agosto; e rinfrescandosi 
un poco le sue genti : si sentirono a un tratto da Ga- 
finana le trombe de^ nimici, e quella terra in sdstessa 
dfvisa sonare a martello; per lo che , conosciuto 
quelU essere i nimici, e bisognare cercarsi Tacquisto 
de^ vantaggi concessi dal sito , si mossero le genti 
di Francesco, per vederese possibile fusse d'entrare 
in Gavinana, non ostante che grinimici gi& comin- 
ciassero a comparire. £ posto San Marcello nella 
montagna di Pistoia, sur uno colle, del quale seen- 
dendosi, si viene ad un fosaato che li dicono i xnon- 
tanini Rio Gonfienti. Da questo passandosi, si saglie 



DI PRANCESCO PEBBUCCI 61 

a GaTinana , posta sulla stiena d^ un monte altissi- 
mo, tra caatagneti ; e la via del detto Rio a Gavi- 
nana e erta, non per6 molto repente; erbosa , e ve- 
stita da cast4igni fronzuti. Erano, adunque , comin- 
ciati a comparire genti nimiche InGayinana; e'l prin- 
cipe d*Oranges, capo dello esercito. si faceva avanti; 
quando quelli del Ferruccio , calati di gi& sul Rio 
Gonflenti, scaramucciavano con 1 nimici, che di co- 
sta cercaTano tagliare loro lastradaalsalireTerta: 
nel quale primo afft'onto rimase morto Alessandro 
da Ceri, cogino di Giampagolo, che era andato avanti 
con la vanguardia. Mentre che P uno esercito e V al- 
tro era alle mani, quelle del Ferruccio per salirein 
GaTinana, e V altro per y ietargli la salita , non es- 
sendo ancora fuori di San Marcello tutte le genti 
de' Fiorentini ; uno stormo di montanini della parte 
Cancelliera, entrati in San Marcello , applcc6 fuoco 
in piu parti di quel castello ; 11 quale and6 di ma- 
niera impigliando , che sessanta fanti furono rin- 
chiusi dalla flamma in una stanza; donde non po- 
tendo uacire se non per la rottura d' una tavola, ve 
ne perirono piu di renti. 

Intanto il Ferruccio, in mezzo la battaglia, con le 
gepti sue acquistava deir erta, con piu certezza fe- 
rendo gli archibusi nel trarre alio insu, che non fa- 
ccrano scaricati alia china. Salendo , per tanto, fu- 
rono condotti davanti al Ferruccio alcuni fanti dei 
Bimici fatti prigioni ; a' quali domandd il Ferruccio 
partitamente della somma delle genti venuteli incon- 
tro; c 'ntese da loro esservi il principe con la gente 
<i*anne, settecento cavalli leggieri , e nove in dieci 
mila fanti, fra Spagnuoli e Tedeschl e ItaHani. Men- 
tre che egli sempre montava, venne da traverso uno 
de' suoi fanti con allegrezza, o con una cintura ricca 
in mano, gridando - vittoria. - Erasi fatto avanti il 
prmcipc d' Arailges per tenere indietro la sua caval- 
leria , che non si mettesse in quel luogo cosl male 



62 VITA 

atto a quella milizia ; e trovaadoal a fronte la genti 

del Ferruccio, fu ferito da <lue archibusate, e cadde 

morto; che trattoli quel soldato la cintura, laporto 

al Ferruccio con quella nuova: il quale, con parole 

animose, ma poco confldente nel volto , esortaya i 

suoi a seguitare la vittoria. Ma la gente d^armedel 

princIpe e cavalli leggier i, veduta la morte del si- 

gnore loro , messi in volta, dierono le reni a tattt 

briglia; na mai ristettero, si furono a Pistoia. In- 

tanto, Alessandro VitelU e Marzio Colonna , con \t 

squadre del fantl , venlyaAO di traverso la costa t 

pie di Qavinano , e danneggiavano la retrogaardia 

de' Fiorentini ; i quail pervenuti alia porta del ca- 

stello , Yi troTarouQ dentro Fabrizio Maramaldo. n 

quale essendosi allargrato tauto, che il Ferruccio li 

era passato avanti, seguitandolo, era giunto a Gala- 

mecche incontanente che '1 Ferruccio se n^ era par* 

tito; e- avendo inteso che egli era entrato in San 

MarcftUo dalla Tilla di Calamecche, per tragetti, con* 

dotto da uomini pratichi del paese , era entrato in 

Gayinana con la squadra delle sue genti, che erano 

Spagnuoli. I quali, volendo entrare dietro le gent^ 

del Ferruccio , a* opposono loro con tanta fartezza , 

che nel primo afifronto furono forzate a ritirarsi: e 

gia piegavano Ic bandiere, quando , comparendo 

Ferruccio e gli altri capi, si fece impeto maggiore 

di maaiera che cedendo quivi i nimtci, entrano dan^ 

trocombattendo le genti dei Fiorentini. E nellapriau 

fila erano il Ferruccio, Gioyampagolo da Ceri, 11 Cat 

tiyanza delli Strozzi , e gli altri uomini piu princi- 

pall di quello esercito , 1 quali in Gavinana eraiu 

fortemente combattuti dalli Spagnuoli. Ma le ^at 

d' Alessandro e di Marzio Colonna, in gran numero 

avendo sbaragliato quella parte de' nimici che n(^ 

erano ancora entrati nel castello, cM girandolo ceri 

eavano di salvarsi , erano entrate dentro, e xnesa^ 

in mezzo il Ferruccio: 11 quale, fattosi forte siir ui4 



Dr FRANCESCO PERRUCCI 63 

testa della Yla che mena in piazza, combattendo ia« 
sieme con i oominati di sopra, f uggeitdo tutto il sao 
esercito, ta fatto prigione. 

ScriTe Paolo Giovio, che neir usciredi SanMarcello, 
BcorgendoBi su per le oime di quelle alpi donne tn 
quantita, cariche di roba» che davano segno i nimici 
essere Ticini, era confortato il Ferruccio a pigliare 
quelle strade alpestri, aacora chedifflcili; e girando 
super la corona delVApennino, riuscire in Mugello« 
e calare a Scarperia, e quindi a Firenze venire : coda 
che coloro che haono cognizione di que^ monti/sanno 
essere impossiUilc.; convenendosi girare un paese 
grande, e andare sempre per luoghi dove non e se- 
guato alcuno sentiero: sanza che, sendo egli a San 
^cello e^ nimici a Gavinana, che 6 piu alto , piii 
tosto di hJl sarebbero state suir alpi le genU nimV- 
che. Ma, quando pure e* non avessero preso di con- 
trastare loro quel cammino, era piiH facile a loro Tan- 
dare aspettarli nel piano di Mugello , e quivi , con 
gran vantaggio, per rispetto della cavalleria » com- 
batterli. Ma a poche cose riguardando, facilmente si 
loda si riprende. 

Ma, tomando al proposito nostro, fu il Ferruccio 
btto prigione, insieme con Giampagolo da Ceri fe- 
rito in una gamba, e Amico d'Arsoli, comperato da 
Marzio Colonna per straogolarlo. Sono stati vari i 
pareri, di chi il Ferruccio si fusse prigione. Alcuni 
dicono di certi da Perugia e da Castello, che lo pre- 
sentarono ad Alessandro: altri hanno detto d'un 
soldata del Regno detto 8cannadio , che cercava di 
^Warlo, convenendo gia della taglia. In qualunqne 
modo la cosa s^andasse, e^ venne alle mani di Fabri- 
zio Maramaldo, il quale dicono averli parlato in que- 
sta mani era: — Tu non pensavi forse, quando in Vol- 
terra contro alia ragione delta guerra impiceasti il 
mio tamburino, d'avermi a capitare alle mani. — 
^*l Ferruccio averli rlsposto: — cosi apportare la 



64 VITA 

sorte della guerra: avere perso in quel giorno, vint^ 
altre volte; e percid, non essere vinta la sua Repub- 
blica. — Fattolo Fabrizio disarmare, li tlrd egli una 
pugnalata nella gola, e a sue genti il fece fornire 
d* ammazzare : che se combattcndo li fusse successo, 
non era forse morto alcuno fiorentino tanto glorioso. 
Dicono» non se li essere veduto useire di dpsso goc- 
ciola di sangue ; e cosi come era, fu poscia preso^ e 
sepolto lungo il muro della cbiesa di Gavinana. S 
era ragione, che il maggiore uomo che nella g-uerra 
avesse la Repubblica, avesse per sepoltura il monte 
Apennino. 

Cotale f u la fine del Ferruccio, vissuto anni quaranta- 
due, incognito piu del tempo a'suoi cittadini, conosciu- 
to quando le faceva di lui mestieri ; uomo di alia sta- 
tura, di faccia lunga, naso aquilino, occhi lagrimanti, 
colore vivo, lieto nelPaspetto, scarzo nolle membra, 
veloce nel moto, destro e sofferente della fatica ; in- 
sicme severe e di grande spirito ; animoso, modesto 
e piacevole. Ardeva nella coUera, e tantosto tornava 
in podesta di se stesso; si che i medcsimi crano da 
lui minacciati della morte, e in poca d'otta careg- 
giati con amorevolezza. Affezionato e grande osser- 
vatore della sua Repubblica, i cenni della quale gli 
erano espressi comandameni : liberale e poco di roba 
curante , non facendo egli alcuna differenza nel bi- 
sogno di coloro che erano seco neU'esercito, da^suoi 
propri. La mensa sua era a tanti quanti ve ne capie- 
vano; tenevala abondante quanto egli poteva il pi a: 
e per questo rispetto, si valeva deirautorit^ , man- 
dando in Volterra, e altrove dove e'sl trovava, alle 
case de' particular i per quelle chemancavaalui. Ma 
egli era nel vitto parco, e di qualunque cosa si satis 
feceva. Vegliava molto la notte , e con i capitani 
sovente ragionava di quello che fare si potesse ; come 
in uno assalto difendersi, o sforzare i nimici. Spen- 
dera nelle spie sanza misura, e a'trattati intead.eTm 



DI FBAMCB8C0 FEBBUGCI 65 

Yolentieri; e per questa maniera U siiccessero moUe 

cose. Non era dlligente nel tenere i conti di quello 

che gli passava per le mani : per lo che usava dire 

Che se la Repabblica non si fldava della sincerity sua, 

gli conyeniva saldare la raglone nelle Stinche. E per- 

chd alia grandezza e al concetto nel quale egli era 

Trenuto del popolo fiorentino, non sarebbero mancati 

glUnvidianti , forse si sarebbe egli il vero pronosti- 

cato; perocchd gli uomini ricchi e potenti di paren- 

tado e d^amicizie, che ne^pericoli spongono malvo- 

lentieri la vita loro, ridottole cose in tranquillo, sop- 

portano malvolentieri che uno che pssi reputano da 

meno di loro, sia sopra ogni altri onorato ; e percid 

Don restano d^urtarlo e di sbatterlo per ogni possi- 

bile modo ; e cessando gli altri, ricorrono al efaldo 

delle ragioni. Da questo procedette, che Antonio Gia- 

comini, vissuto, un'et^ ayanti^ne'piu pericolosi tempi 

che avesse la Repubblica, era egli sempre eletto 

Commessario, non trovando competitori ; e poi , ri- 

dotte le cose in buono stato, quando sanza pericolo 

si ayeva a prendere Pisa, Tonore che si conyeniya 

a lui in premio della yirtu sua, fu conceduto alle ric- 

chezze egrandezze delle famiglie. Non sarebbe, adun- 

qae, stato gran fatto , che al Ferruccio fusse inter- 

yenuto quello che gli sarebbe augurato. E a^costumi 

suoi ritomando, alle sue yirtu non mancarono de^yizi, 

dandoli il furore della coUera nome di crudele. Erali 

di poca riputazione il tenere appresso di se in gran 

conto gioyani sbarbati; a uno de^quali, nominato il... 

da Cascina, d^aspetto giocondo» teneya in mano i 

suoi danari : e con tutto questo, non si sa che somi- 

glianti persone 11 fussero cagione di mancare airufl- 

zio che egli esercitaya. Nel quale se temperante in 

questa parte dimostrato si fosse , poco in lui si po- 

teya desiderare ; vigilante , accorto , presto , da' aol- 

dati ridottato, ubbidito e amato singolarmente. 

FINE DBLL4 VITA DI FBRRUCCIO. 
8aum. 5 



SULLA VITA 

■ 

SULLE AZiONI DI FRANCESCO FERRUCCI 

LETTBRA A BENEDETTO VARCHI 
DONATO GIAlfNOTTI 



iii :.Hj 



\ - : 



t^ 



SULLA VITA 



SULLE AZlOm Dl FRANCESCO FERRUCCI 



VarcU mio anorando. 

lo tton vi so dire del Ferruccio il tempo dell^ na- 

tiviti: so bene ehe quando egli mori, egli ayeYa da 

qaarantacinque in cinquanta annL L* educazione e 

la Tita ch^egli tenne insino a ch^egli andd a Napoli, 

non fa molto dissimile a quella che fanno i piu : per- 

ehe non attese nd a lettere, ad a discipline dalle quali 

egli avesse a trarre quelle appetito della liberty e 

Tita civile ch'egli mostrd pol essere in lui; perehd 

egli stette a bottega, come fanno la maggior parte 

de^ostri, cosi nobili come ignobili. Nd apco in que* 

sto esercizio consumd molto tempo; perche dilettan* 

dosi della caccia, Yolentieri stava in .villa; la qu^le 

essendo lontana dalla citt& , gli toglieva di poterla 

frequentare: e percid si ritrasse dalla bottega. Di- 

lettoBsi ne^primi tempi della giovanezza sua conver- 

Mre con uomini maneschi , i quali erano chiamatij)ravi : 

siccome fu nei tempi suoi il Polio, il Came, Andrea 

Oiugni e simili. Ed ho sentito dire , che trovandoei 

lui trattoalla tavernacon Cuioeconaltri bravi g v^nne 

WL parole con Colo; le quali multiplicate, gli disseil 



70 901X1? A8I0NI - , ,,. , 

Ferruccio: Taci» poltrone^, che ti monstrerd ebe U 
tua spada d di paglia. Caio , sentendosi ingiuriare 
di questa sorte, venuto in coUera, rispose: — Ah pol- 
iron pennarolo, si che tu mi hravi, ahl — E cosi 
amenduni cacciarono i^anp alio fl|[)ade; ma gli altri 
Ti 8i messono di mezzo, e li diviseno ; e tim non molti 
giorni feceno far loro la pace. 

In somma, il Ferruccio si dilettd dell^armi assai, e 
ro UtMlta tlDmo tAn twi^buntfloaitt : ita non fu tf ' 
quella sorbe animosi che bravano gli osti , e squar- 
tano i Santi, e rompono le pentole e^piattelli, come 
Giano Strozzi; ma tenne piil gravity, e si dilettd di 
praticare con persone di riputazioneeriguardeToli: 
si come fii Oiovan Batista Soderini, uomo di singu- 
larissima Yirtii; col quale ebbe tanta domestichezza, 
ebe rade Yolte avveniva che Tuno fosse sanza Tal- 
tro yeduto. 

Visse, adunqne, il Ferruccio nel modo che abbiilmo 
detto; clod standosi ii piii del tempo in Casentino , 
dove aveva le su^ poi^ssibni, e convers<uido eon 
quelle persone che ho dette, in sino all^anno 1527. 
Nel qual tempo, 6»aieMo stato creato dalla Repub- 
bliea florehthiA Cominissriirio GiOTan Biltistft SM^rin! 
per conduce le g^ti florentine (le quali efano cinque 
mlllil faiitl e tre^ent6 (^tiVatli) a Monsignore di Lau^ 
trech» il qyU^ ttndafd a Nti^U eon Tesercito flran- 
lese per torre qu^l t^^fio, kM6 il ferruccio seco : e 
si Talse, tutto quel t^tupb 6lie durd Ttissedio di Na- 
pdll, dell'opera sua in tuttb Taa^a! miHtari ; Mile 
quail egll prese tanta esperienzia dotto 11 dt^tto Coni- 
mlBsario,ch*eglipotettefiarpoi quelle 6norat<^ proye 
che hoi racconteremo. 

Ifonsignbre di Lautrech si mori; e non itfpo motti 
giorni , r eserdto con che assediava Napoli r^st^lrto 
a' ^Vetno di quel matto del marchese di Saluszo, 
fd ii%\ 1526 rotto dagli imperiali sanza faticm al- 
euna, per esbere, per le frequenti morti e malattie. 






DI FBANbraCO FBRR17CCI 71 

in gran parte diminoito: dote furono rotte ancora 
le genti florentine, le quali si ehiamavano le Bande 
Nete. Per la quale rotta rimase prlglone e ferito Oib- 
Tan Batista Soderitii Commissario : ed il Ferruecio, 
esaendosl molti giorni innanzi ammalato, rimase an- 
eora luiprigione; e dopo alquanto tempo riscattatosi, 
si liberd, e totnd a Firenze. 

Ddpo la rotta dell* esereito di Lautrech a Napoli , 
il signor Renzo da Ceri, il quale poehi giomi innanzi 
era vennto' dl Francia con danari per rinfrescare di 
gente italiana 1* esereito (e gi& s^era transferito itt 
Abmzziper soldare gente>, inteso ch^egli ebbe la rotta 
de^Praa^esi , con qnella gente eh* aveva soldata , si 
ritra&se in Barletta col prindpe di Melfl ed altri , 
ed ocenpd quella terra. Ed usclto poi di Barlet- 
ta , foce alcune prede e dauni agli iiUperiali: onde 
cbe, parendogli quel luogo atto per fare testa e d& 
poter poi procedere piu oltre , persnase il re di Fran-- 
eia a mantenere quelle genti in quel luogo , ed ae^ 
crescerle tanto, che si facesse un esereito da potere 
oscirr fuori alia campagna e combattere con gli Im* 
perfali, se Toccasione se ne monstrasse; emassitna- 
mente i>erchd i Yinizlani tenevano Trani e Monopoli. 
Al re panre la cosa da* non dispf ^zz&re , e giudicd 
che bastasse tenere quella terra, accid che gli impe- 
riali avesseno nel Regno quella molestia , talchd non 
si potessono raddirizzare ad altre imprese insino a 
tanto ch^egli pervenisse a quello ch*egll desiderava, 
eioe alia pace, alia quale dopo tante mine s>ra tutto 
inelinato : e mentre che Lautrech YeHiYa a Napoli , 
sempre se ne tenne qualche pratica ; ma volse bene 
fare forza che i Fiorentini concbr resseno a quella spesa . 
S pet dare ordine a tutta questa cosa, mantf6 in Ita- 
lia il visconte di Turena, capitano de^^entiluomini: 
11 quale , poichd egli fu stato in Vlnegia per ragio- 
nare con quelli illustrissimi Signori del mod6 e de^ 
Vordine del fare e m^nteiiere quena testti, ne tenne 



78 8UUJE ASIOKf 

a f^reoze, dove pvl6 a qaelli Slgnori dellMtiliti e 

eommodoehe si traera nel mantenere ii si^nor Reazo 

in Barletta, ed acerescerli le tone ; ma ehe il re ri- 

mettera tatta questa cosa al giadicio ed alia pm- 

denxa di quelli Signori, e Toleva che qaella testa si 

fikcesseenon fiacesse seeondo che parera lore. Fa giw 

dicato che il re fiaeesse tanto onore a^Florentiiii , ac- 

cid che a^grlino consigliasseno ehe tale impresa A fa- 

eesse, ^lino ancora n^avesseno ayere in processo di 

tempo tutta la spesa, ed il careo deMis6rdini che 

potrebbeno nascere. Onde naeqne che eonsultata la 

cosa, fa risposto che alia Signoria di FireuEe non 

stava a consigliare o deliberare cosi &tta impresa , 

ma che il re deliberasse egli, ae la fosse da fare : e 

qnando deliberasse di &rla, ehe la Signoria concorreb- 

be a qaella pornonedella spesa che fosse conTencTole 

alio stato lore. Panre, flnalmente, a qaelli agenti del 

re che la impresa si facesse,. e che i Fiorentini con- 

oorresseno alia spesa per certa rata. B cosi bisognd 

mdlte TOlte mandare aomini e danari a Barletta , e 

r oltima mandata fu per le mani del FerroAio; il 

qaale fu mandate con sei milia dacati, tra danari e 

panni, a Pesaro, dov^erano i ricevitori per conto del 

signer Renzo: ma innanzi eh^egli consegnasse loro 

delta somma di danari, venne noova come Taccordo 

di Cambrai era concluso, ne^capitoli del quale si eon- 

teneva che Barletta si dovesse restituire alPimpera- 

dore. La qual nuova sentendo il Ferruccio , se ne 

tomd con le robe e danari a Firenze, fiutendosi beffe 

dell* impurtuniti de* ricevitori del signor Renzo, li 

quali n^arebbeno Yoluto portare quelli danari. 

Successe poi la guerra di Firenze; nel principio 
della quale, dopoRaffi&ello Girolami, fu mandate Com* 
mieeario in Valdichiana Tommaso Soderini. II quale 
avendo bisogno d^uno che lo servisse in molte azioni 
di guerra; come d pagare soldati , rassegnarli , ed 
altre cose; fu consigliato che menasse seco il Fer- 



DI FRAKOBSCO FBBSUOCI 73 

TueeiO'.ed egli, indotto da tali persuasioni.lo ricercd ; 
ed avTenga che al Ferruccio non par^sse che tal coea 
fosse secondo il grado suo, essehdo anch^egli noMM 
fiorentino, nondimeno, per fare servigio alia patria, 
non reeosd tale andata. Servissi il Commissaria di 
lui nelle sopraddette cose, ed in ogni altra che fosse 
d^importanxa; ed elli eseguiva tatte le commessioni 
con qaella diligenza e prontezza che si pud deside- 
rare. Successe pel Zanobi Bartolini a Tommaso So- 
derfni, 11 quale si servi deiropera sua in quel mode 
che avcTa fatto Tommaso; e, per Toccorrenze della 
guerra, lo mandd a Perugia al signor Malatesta Ba* 
glioni, e da lui fu mandate a Firenze: dove eseguile 
le commessioni di quel signbre, ritornd al Commis- 
sario, e poi a Perugia. Fu poi fatto successore di 
Zanobi Bartolini Anton Francesco degli Albizzi; al 
tempo del quale Malatesta s^ accordd con gli impe- 
riiOi, ed uscito di Perugia, ne venne con tutte le genti 
che aveva seco maadategli da' Fiorentini , e V altre 
di^erano in Valdichiana, eccetto due milia fanti che 
rlmaseno in Arezzoper guardare quella terra: li quali 
poi abbandonarono Arezzo, e ne venneno a Firenze. 
Dore il Ferruccio venne ancora egli con Malatesta: 
che fu nel mese d'ottobre 1529. 

Amministravansi le cose deUa guerra per consiglio 
di Malatesta e de'cittadini ch' erano preposti al go- 
verno, e non era adoperato il Ferruccio in cosa al- 
euna; ed elli si stava quieto , sanza intromettersi 
nelle fiaccende pubbliche, per non esser chiamato.Pure 
ay venne che, essendo Commissar io in Prato Lorenzo 
Soderini, 11 quale governava in mode la terra, che 
i soldati che v'erano alia guardia se n'erano insigno- 
riti; parve alii Dieci, per le molte querele che ave- 
vano del suo cattivo governo, di mandargli uno com- 
pagno, col quale di pari consenso reggesse la terra. 
B considerando eglino chi potesseno mandare, venne 
llnalmente, dopo molti altri, in considerazione il Fer- 




14 8lTLL« AXlOm 

t'uceio: il quale approvato da ciascano, si.transCeri 
Prato ; dove in maniera si portd , che egli ridusse i 
s^ldati air obbedienza ; e I'altre azioni di guerra am- 
ministrd di sorte, che molto facommendato.Ma venato 
poi in discordia con Taltro Commissar io, parve alii 
Dieci di levarli tutti dae: e cosi, incambio loro, fu 
creato Lottieri Gherardi per rordinario ; e bisognando 
mandare uno Commissar io in Empoli, vi mandarono 
il Ferruccio. 

Arriyato il Ferruccio in Bmpoli, la prima cosa alia 
^uale egli diligentemente attese , fu il fortiflcare la ter- 
ra in maniera che con poca guardiadi soldati la potea- 
it difendere da ogni moltitudine ed assai tempo. Per 
questo effetto spiand attorno i borghi, che la terra 
avea assai grandi e belli; fece bastion! ovunque bi- 
(N)gnaTa ; ed alcune molina ch^erano fuori, messe co* 
ripari dentro: la qual cosatrovando poi disutile nM 
procedere della guerra, li lascid di nuovo fuori, roi- 
nando i bastioni ; e tutte le yettovaglie di qualunqae 
sorte fece metter dentro. Nel governo della terra ai 
portd di sorte , che da tutti , cosi da^ soldati come 
da^terrazzani, era amato e temuto; perche non per- 
mettcTa a^ soldati che usasseno insolenza alcuna ; e 
quando in questa parte peccavano, li gastigava ae- 
Teramente. I soldati pagava bene , ristorando le fa- 
tiche loro coMebiti premj, a chi accr^seendo Io sti- 
pendio, ed a chi dando uno grade ed a chi an altro. 
* Era la guardia di quella terra dMntorno a ciaque- 
cento fanti, con alcuni pochi cavalli: tan to che, per 
pagarli, bisognava ogni mese d'intorno a due milia 
ducati. B perche la spesa che si faceva in Firenze 
era grande, e con difflcultii potevano provvedere 
fuori; perd detteno commissione al Ferruccio, the 
facesse una canova di tutte le vettovaglie (ciod g^rani, 
blade, vino ed olio), di sorte che di quella traesse 
tanti danari che potesse pagare le genti. La quale 
cosa egli esegui con tanta diligenza, che noii ebbe 



mai i»i& t^isogrno di dar nic^dstia a Pirenze. Ma men- 

tre ch^egli era occupato in qaestiipensieri fastidiosi* 

non mancava a quel che ricbiedeva: laonde , tran- 

scorrendo assai spesso i nimici per quel paese, man- 

dava spesso fuorl le sue genti a combattei^ e scara- 

mucciare; e quando avveniTa che i suoi TimaneTano 

al dl sotto, e quando al di sopra, si C0me d& la for- 

tuna della gu^rra. Ma perchd in tutti questi combat- 

timentl non successe cosa alcuna nttabile , perd 11 

lasceremo andare; e verremo a dire, conM essendosi 

11 Spagnaoli insignoriti di San Miniato al Tedesco , 

ne avevano lasciato alia guardia dMntorno adugento 

fanti, 11 quail andavano per 11 paese scorrendo, e fa- 

cevano moltl danni, e tenerano infestato 11 cammlno 

di Pisa : la qnal cosa era molto dannosa. Perdd 11 

Ferruccio deliberd levarsi quella molestia d* in su 

gli occhi, e slcurare il detto cammlno: perclocchd 1 

Piorentinl tenerano , loltra ad Bmpoli , Pontadera e 

Ca8Clna;e da Bn^li a Pisa, levato via quellMmpedl* 

mento di SanMiniato,era sicuroil cammlno. B per fare 

questo , usci egil con parte delle genti ch' ayeva in 

Sznpoll, ed andd a combattere detto castello. L' ad- 

salto fu gagliardo, e la difesa* non mlnore : pure il 

Ferruccio entrd per forza dentro; e taglid in pezzi 

qaelli die Taspettarono ; e cosi recuperd il castello, 

e Ti las^fd Giuliano Frescobaldi a guardia, con tanta 

^ente '6!i*era sufficiente a tenere quel luogo ; ed egli 

con la vlttoria, se ne tornd in Empoli. Ayendo poi 

inteBO Che il signor Pirro da Castel Piero doveva pas* 

sare , con un colonnello dl fanti , tra MontopoH e la 

Torre a San Romano , deliberate di tagliargli il passo 

e combattere seco, mando chiedere gento da Firenze 

per fare tale effetto, non avendo egli tante che po- 

tesse lasciar guardato Bmpoli, e fare quella fazione. 

It per ci6 fu dato ordine al Commissario di Prato , 

ei^ 6rli mandassi cinquecento fanti: 11 quail egli, ar- 

riYati che farono , mandd con altfi dl quelli d' Bm- 



76 BULLS Axiom 

poll a fare un'imboscata ia.quel luoero dova quel ai* 
gnore ayeva a- passare. La cosa fa ordinata dal Fer-> 
rucoio prudentemente, e gli esecutori usarono ogni 
diligenza che fu loro possibile : tanto che il signor 
Pirro detle neirimboscata; e , sanza ayere rimedio 
alcuno, ftt interamente rotto , con la morte di molti 
de^suoi. In questa rotta rimaseno prigioni sette suoi 
capitani , ed egli con fatica fuggi dalle mani de^ ni- 
mici. Avuta questa vittoria » le genti del Ferruccio 
se ne tomarono in Bmpoli, con grande allegrezza di 
ciascuno. 

Qik oominciava la citta a patire per mancamento di 
carne. La qual cosasentendo il Ferruccio, messe in or« 
dine cento buoi, e la notted^l venerdi gli invid verso 
Firenzecon una scortadi cento cinquanta f^nti, ed al* 
cuni cavaUi e buone guide; tal che la mattina se* 
guente arrivarono in Firenze a salyamento, con gran 
copia di salnitri, che ave va in aaechi distribuito a*£anti : 
la qual cosa empid d'allegrezza tutta la Cittii. 

Brain VolterraCommissarioBartolo Tedaldi, dove 
s'erano rifuggiti Ruberto Acciaiuoli e Taddeo Gui- 
ducci; i quali, veduta la dappocaggine del Commls- 
sario, operarono di sorte, che Volterra si ribell6 : e 
parendo il luogo di qualche importanza, deliberarono 
gli avyersarj di far pruova d' avere le forte^iie ; e , 
per questo efTetto, feceno venire di Oenova sei pezzi 
d'artiglieria grossa, con molte palle e munizione, e 
davano ordine di combatterle. La qual cosa intesa 
in Firenze, fu giudicato chefusse da fare opera ch^elle 
non si perdesseno: per ci6 mandarono al Ferruccio 
cinquecento fanti e centocinquanta cavalli ; ad a lui 
commesseno che , lasciato guardato Bmpoli sotto il 
governo d* Andrea Giugni mandatogli da loro, con 
quanta maggior prestezza potesse, si trasferiase a 
Volterra, efornisse le fortezze di quelle chebisognavm 
eritomassein Bmpoli conle genti. Partissi un eriorno 
il Ferruccio da mattina sanza avere conununlcato 



DI FBAM0B800 VEBBUOOI 77 

II difiegno 8U0 a persona; ed, alle ventidue ore, con 
t&nto silentio e prestezzaarrivd, che quelli ch^aveyauo 
occupato la terra non inteseno la yenuta sua , se 
non poi eh^egU fa nelle fortezze. Dove non trovd pure 
da potere rinfrescare le genti ch'aveYa menate: perd 
per non dar tempo a^nimici di mettere uella terra 
piii gente, Oelibero nseir fuori , e combatterla. Era 
nella terra Taddeo Guidacci Ck)mmi8sario del papa, 
e Giovan Batista Borghesi con trecento fanti , con 
tatti quelli deUa terra, i quali avevano prese Tarmi 
per difenderla dal Ferruccio. E prima, aveyano ftitto 
certi ripari contro quelli che delle fortezze uscisseno; 
dove avevano piantate Tartiglierie ch^ avevano con- 
dotte, e vi facevano le guardie continue. 11 Ferruc- 
cio, adunque, uscito fuori a ventitre ore, assaltd quelli 
ripari, dove trovd assai buonaresistenza: nondimeno 
li supero, con la morte dimolti de^suoi e de^nimici. 
I quali vedendosi vinti,cominciarono amuovere qual- 
che pratica d'accordo; la quale il Ferruccio non re- 
cuso: ma essendo gia venuta lanotte ed il combat* 
timento partito, fece il Ferruccio tirare le artiglierie 
ch* aveva tolto agli avrersarj , sotto le mura delle 
fortezze; poi conchiuse Taccordo co'Volterrani, con 
queste condizioni : — Che Volterra li fusse data a 
discrezione, e che alii soldati fusse concesso Tandar- 
sene. — In questo modo ebbe il Ferruccio la terra : 
dove rimase suo prigione Taddeo Guiducci. Ruberto 
Aeciaiuoli, tosto ch^egli intese il Ferruccio essere 
arrivato, se n^andd sublto ; e cosi si salvd. AlloggiO 
il Ferruccio le genti a discrezione, ordinando quelle 
che da* padroni degli alloggiamenti avesseno avere ; 
e mancandogli danari da pagare 1 soldati, dette or* 
dine a far monete degli argenti di Volterra. 

In questo tempo arrivd Fabrizio Maremaldo, con 
uno eolonnello di due milia fanti, il quale veniva per 
combattere le fortezze ; ma trovando la terra perduta 
si fermd tanto che dal principe d' Oranges venisso 



78 ftULLB AZIONI 

ordlne di quello eke s'ayesse a fare: dl mQdo che il 
Ferruocio, essendo questa gente fuori, Qon potette 
fornire le fortezze e tornarne iu Empoli : e mytsime 
perche, dopo la partita sua d'Bmpoli, il marchese 
del Guasto, con li Spagnuoli e molta gente itaU&na, 
e con artiglieria, era venuto a combattere Bmpoli: 
11 quale poi.per tradimento d' Andrea 04ugniePiero 
Orlandini , prese e saccbeggid. Dopo il qual sacco. 
11 marchesecondusse a Volterra tutta quella gente 
equella artiglieria; e congiuntosi con Fabrizio Ma* 
ramaldoy dette ordineafare la'batteria: la quale fu 
assai grande, non facendo'li muri resistenza alc\uuu 
La qual cosa vedendo il Ferruccio, con grandissima 
celerity fece fare il riparo dove la batteria si faceva, 
togliendo per cid tutte quelle masserizie e cose che 
de'luoghi vicini potette trarre; e cosi provedutosi 
e ordinate tutte le cose opportune per la difesa, aspet- 
tava Tassalto: il quale fu dato due volte dagU Spa- 
gnuoli animoso e grande; e quelli del Ferruccio si 
portorono si valentemente, che 11 nemici, saaza aver 
fatto frutto alcuno, vi lasciarono morti meg>llo che 
mille persone. In quest! combattimenti il Ferruccio 
fu percosso da un sasso di modo, che non potendo 
stare in pie, si face va portareinuna seggiola dovun- 
que bisognava; e cosi non toglieva la presenza sua 
a quelle azioni che la ricercavano. Finalmente git 
avversarj, vedendo nonpotere fare frutto alcuno^si 
levarono dalla terra, e se ne tornarono al campo. Il 
Ferruccio, ingrossato di gente, e lasciato buone ^uar* 
die in Volterra sotto il governo di Marco Strozzi e 
Giovan Batista Gondi, se n'andd per la via di Livomc 
a Pisa: dove entrando con tutta quella gente iu or* 
dinanza, Incontrato dalli Comissarii e da tutte le per 
sone di qualita ch' erano in quel luogo , dette unc 
magnifico spettaculo a tutta quella terra. 

Gia cominciava la Citt& a patire grandemente pe] 
mancamento di tutte le vettovagUe, ed anche ai c<^ 



Dt FRAN0I8GO FBBRUGGI 79 

minciava arere diffleullinelle pro visioni de*danari per 
pagare i sokKati: di modo che per tutta la Citti si 
gtava <H mala TogUa; e tutta la sperania ch'aYea di 
bene, era collocata nell^ aiuto del Ferruccio. Perehd 
ne* capitani ehe erano deatro (cioe nel signbr Mala« 
testa e nel signer Stefano) nen ayevano piii fldansa 
alcnna; giudicando che Tuno foss» eorrotto dal pa- 
pa; encm potendo Taltro disporreafare cosa alcuna 
ehe piieesse loro, per esser egli di natura poeo per* 
suasibile, e non si cnrando piu che la impresa si Tin- 
eesse, vMendo che la cosa era ridotta a termine che, 
Tine^ldosi, tutta la gloria era del. Ferruccio, e non 
sua: e pereid s''era unito con Malatesta per farlo 
nttl eapitare; 1& dove egli prima commendaYa il Fer- 
mcdo insino al cielo , e perseguitava Malatesta. I 
Fiorentini, adunque, sollecitaTsno il Ferruccio che 
ne andasse aFirenze con piu gente ch'egli potesse; 
e ranimo loro era o combattere con gli ayyersarj, 
o fore si che Tassedlo s^aprisse. Ma il Ferruccio s^in- 
fermd per li tanti^disagi sopportati: ma gusrito in 
capo di qnindici giomi, ed accresciuto di gente co* 
danari ch^avevano i mercatanti di Lione mandati a 
Pisa per opera e diligenza di Luigi Alamanni , con 
tremila fuiti e trecento cavalli, ecol signer Oiovan 
Paulo Orsino ch''era poco innanzi arrivato da Vine- 
giaa PLsa, si parti di Pisa; eper il Lucchese, e poi 
pel contado di Pescia, sail su alle montagne di Pi- 
stoia, tenendogli sempre dietro Fabrizio Maremaldo 
col suo colonnello ; col quale egli , per non perdere 
tempo, non volse combattere, non ostante ehe da 
molti fusse consigliato a combattere seco : ma egli 
affirettava tanto di essere a Firenze presto, sappien- 
do che la Citt& si trovava ingrande strettezza, ch'e- 
gW , sanza tener conto di lui , seguitd il cammino. 
M cosi Arrivato in su la montagna dettaa SanMarcello 
riposd alquanto i soldati, i quali s' erano tutti ba- 
CT^ati per un' acquis che nell' arrivare in quel luogo 



80 SULLB ASIOMI 

era piovuta ; e poi che alquanto ebbe qoivi dimorato, 
seguitd ii cammlno Terso Cayinana, lontano da San 
Marcello otto miglia, doTO g\k le genti del principe 
d' Oranges erano gi& arrivate; tal che Tuna parte 
e Taltra entrarono nel castello. 

II prineipe d'Oranges, avendo fhteso che i Fioren- 
tini soUecitaYano il Ferruceio a yenire a Firenze, 
perisd che f usee meglio incontrarlo e comtettere seoo 
dlscosto dalla Citt&, che ayer poi a combattere o<m 
tutti ; e poi giudicaya , se il Ferruceio arriyava a 
Firenze, ay ere a restringere il eampo insiei&e; onde 
si yeniya Tassedio a dissolyere: e percid deliberd 
d^andarli inoontro e combatterlo. B per potere me- 
nar seco assai gente sanza temere cheH campo ay esse 
ad essere assaltato da quelli di dentro , opero eon 
Malatestadisorte, oh'egli gli promesse, per una ee- 
doladisua mano, che il campo non sarebbe da quelli 
molestato. La quale cedola poi gli fu troyata nel 
petto; ma se ne yideno anco gli effstti: perche sti- 
molando i magistrati Malatesta, che facesse qualche 
opera per la quale tutto 11 campo non ne aiidasse in- 
contro al Ferruceio, egli non yolse mai f^re cosa al- 
cuna; affermando che il prineipe ayesse menato seco 
pochissima gente, e che il campo era benissimo for- 
nito, e che non si poteya fare cosa alcuna: concorren- 
do seco in questa opinione 11 signore Stefano. II che 
erafalsissimo: perche 11 prineipe ayeya menato seoo 
tutto il neryo dell^esercito, cq^l de^ Lanzi, come de- 
gritaliani e SpagnuoU, e tutta la cayalleria. 

Arrlyarono, adunque, quasi in un medesimo tem- 
po, Tuna parte e Taltra, a Cayinana; doye il Fer* 
ruccio, ordinate le genti 11 meglio che si potette per 
la breyit& del tempo e Tangustia del luogo, s^appLc- 
cd il fatto d'arme. La cayalleria de^nimici dette in 
uaa buona banda d'archibusieri; dalla quale fu in 
maniera rotta, che i cayalli si fuggirono sbandati 
tnsino a Pistoia, e detteno yoee che il prineipe f uaee 



DI FRAKOESCO l^E&ROOCt 81 

totto.Uprincipe, yedatolacayalleria rotta,8i messe 
quelli archibusieri, e vi rimase morto d^un^archibu* 
sata nel petto: ma la moltitudine degli avversarj, 
U quali aggiagnevano ad otto milia persone, fu ca« 
gione Che quelli del Ferruccio, circundati da ogni 
parte, non potetteno reggere, e cosi furono rotti. 
II Fermccio rimase prigione di Fabrizio Maremaldo: 
il quale, poi che Tebbe fatto disarmare, gli dette 
una pognalata nel viso, e poi comandd a' suoi dbe 
r ammazsasseno. 

Queato full fine di Franceseo Ferraccio: il quale, 
aanza dubblo, d stato ai tempi nostri uomo memora- 
bile, e degno d^eesere eelebrato da tutti quelli che 
hanno in odio la tirannide e sono amici alia liberti 
deUa patria loro, si come fu egli; per la quale egli, 
(rftratanti disagi e faticbe sopportate, messe final- 
mente la Yita. 



ri^E bKLLA LEtTRttA DI bONATO OIANMOTTI. 



S^ttHli, 



EiETTERE 



DI 



FRANCESCO FERRUCCI 



4 

L. 



BtitttnBQBHtABsnenBsme 



LETTEJRE 



bi 



FfiftRCESCO FERRU€CI 



AI SU^ORI DIECt DI GOV£RNO 

ibifw^M BowM. N«i turmsmmo qui alii xxVi, a ore 

ui, ei aTammom estrafe ndlla forteixaaoolpld^ar- 

ttglieria. Et qUando fommo tatti artirati arridoaao 

d^essa, IM aaltar drento tutte le ftoterie ^ et coal 

trar la sella a tutti i tevalii ; et a ono a uno li messi 

n^a etptadella, faeeado dare ord&iie subito di rlnf^e* 

soarli alqtiasto : aa non tnoTai oca efae^ A fifiemere 

tatta la fortes, aim tI si trord pid ehe sei barill 

di vino, con taiito patie^ eie ae toeed ua qiUfto per* 

mio, e turn pi&t eHe tl giaro a IMo, ohe ise to non 

aTessi avuto aterteotla dl far plf Uare a ogrfii nomo 

peiae pisf due dl, et eoM pottar meee dM eome dl 

scale, e 85 in 90 tfArrataoU, eon pioooat et altre coee 

^t faaao tnestlerl ai^pagaare una terra, e u«a soma 

di polvete fltte d'araMbtwt^ obe foUottoltir^itroTato 

mede cbe U vladtori mm rusafao etxitl vinti senza 

cMfbtitiere. Rittft^swti alquiui«6, ll feci mettere in 

bettagllat e feci aprire U^ porta di yerso la terra, 

ea^attdieia epingate U assaltal €a lff«4ati, et til tdHa 



S6 LETTBRB 

iMtft* SltfUVOtniTiiiton^ditriiieere, ehe a Tol6rTi 
passare, vi mori un 500 homini, fra r una parte e 
Taltra, de* piil segnialati che fossino nelle bande : 
n6 si mancd per questo di i^on le passare ; et passate 
Che ayemmo Iq prime,' 4Qniiao in un altro scontro 
di trinciere, et di nuov5 le'piglianuno, insieme con 
la piazza di Santo Austino, dove ayevon fatto il fon* 
damento loro. Et quel che ci ddtte piil molestia, fti 
ressere combattuti da tre lati, per ayer loro trafo. 
Irate le case di sorts passayan Tuna nell^altra, et of- 
fendeyon, seioa potere essefp ofp&si, le Ibrte de*ni- 
mici. Quali alquanto fecion temere le nostre Ainterie, 
per esser messe a ridosso di quella trinciera due 
cannoni su detta piazza ; et sparorno due yolte per 
uno, con qualche danno nostro. Vedendo io con li 
occhi questo, fui forzato a fare di quelle cose che 
non eron rof&zio niio;e cosi imbraccitti una rotella, 
dando coltellate a tutti quelli che tornayono a dreto: 
flnalmente saltai in su quel riparo con unaAesta di 
cavalleggieri armati di tutV arme, con una pieea in 
mano per uno, insieme con parecchie lance speszate 
che ho apresBO di me; etinsignoritici del riparo, co- 
minciammo a spingniereayanti,etguadagnammola 
piazza con rartiglierie; et con grande uccision di loro, 
togliendo loro due in8egnie;etyimor|uncapitaa[io: 
et cosi ci YOlgemmo a combattere easa per casa, 
tantoche cHnsignorimmo del tutto. Assalicei la notte, 
nd si potette andare pifiavanti ; et stayamo in modo 
tale, che nessun poteya stare piu in pid. 

Feci tlrare quella tanta artigUeria che ayenuno 
loro tolta sotto la fortezza, etmetterelesentinelle; 
et lasciai a guardia il signer Cammillo, et tre altri 
capitani. Cosi ci stammo insino a questa mattina; 
[doye di nuoyo riordinai le genti« et messe in batta* 
gUa per dare lo assalto, trovammo aveyon fotto iatta 
nolle bastioni, e attraversato le strade con certi pesxi 
d'arligUeria groita; nd per questo ai teMeyit» die 



DI FBAKCI8C0 I^RBUCCI 91 

uidaYO aUa volta d^essL Ma loro« impaariU delPavere 
preso parte della terra, e yedendone tanti morti per 
le strade, e di esserai fuggiti quelli tanti tristeregli 
che ci erono florentini, insieme con il gran Roberto 
AcciaiuoUf quel padre di tatti, accennomo di yolere 
parlamentare : et coal detti la fede al Commisaario 
Taddeo Gaiducci, e gli altri della terra, che yenis- 
sino a parlare con me. Yenendo, mi dimandarono 
quel che io desiderayo. Riapoai loro, che yoleyo la 
terra per 11 mia Signori , o per forza o per amore ; 
et che Toleyo che fosai rimeaao nel petto mio quel 
bene e quel male che ayeyo daffare alii Volterrani. 
Bt loro diieaono temporeggiare per poterne far con- 
siglio con 11 homini della terra; et che yerrebbono 
con pieno mandate. Non lo yolai fare, perchd yedeyo 
mi Yoleyono tenere a bada fine a tanto che il ,80c- 
eorso, che era per yia, compariaai : et ddtti lor tempo 
tanto che tornasaino dentro alle trincere ; con far 
loro intendere, che ae fra un quarto d'ora non tor- 
nayon con la reaoluzione di quel che ayeyo loro im- 
posto, che io farei proya d'acquiatare quel reato con 
Tarme in mano, come ho fatto aino a qui. Kt cosi 
80 n^andomo, et ai tornorono infra U tempo ; et di 
piii menoron con loro il capitano Gloyanbatiata Bor- 
ghesi, che era colonnello di tutti li altri capitani ; et 
arriyati amm^, ai buttorno in poter mio, e che li Vol- 
terrani in tutto et per tutto ai rimetteyono nella di- 
acrezion mia. Coai li aceptai, promettendo di aalyare 
U yita al Commiaaario et al colonnello, et a tutti li 
fanti pagati : et tanto 6 obaeryato ; et aubito li feci 
f passare per mezzo delle noatre bande. et metterli 
fuora della terra. Et perche Taddeo Guiducci mi pa- 
reya, ne' tempi che noi alamo, di troppa importanzia 
a lasciarlo, V ho ritenuto apreaao di me, con animo 
di non li far diapiacere niaauno, ayendoli date la fede , 
ma ei ancora ae r & guadagnato col fare qualcoaa: per6 
cbe m' e piaciutp* Ond^ priego Yoatre Signorie, che 






^i=St- 



S8 tEftuat 

lo vogliii perdmitird flfto a quel tunto che H lio inro* 
messb; chd, cotn^ di 6ot>ra d dettd, li deUi la lode 
mia di iioti lo fkir motit^. 

Og^ far6 dedcHption dl tutte rarme delli Voltar* 
rani, 6t ne U p^iverd del t\itto, accid mm le poBsino 
piii adopef are (iontra lor Signori. Ancora oggi si flna 
bando per vedere tutte le' portate de' forineuti, ehe 
inti^ndo ^e ii' e gran eopia, et ie farine et altre gra- 
scie. Rimetter6 in eipiadella, eon pid prestezta elia 
8i potri, tutte le artiglieri^ mandate da Andrea Dorla; 
Che pare che rabbi fatto a po^ta per rendelrei ii con- 
tra^mbio di quelle di Ruberto Puccf . Le artiglierie 
sotio dtie cannoni di 70 libbre per uno ; due eDlabrine^ 
Che riiai Viddi la pid beila aHiiglieria» et meglio oon- 
dotta; et un cannone et un sacro, con 800 paUe« con 
qualche po^o d! polvere e di salnltro* Et dotnani « 
Che saremo alii xtviii, manderd un trombetto alle 
Pomarancie e Honteoatini : et di quel che seguira, 
per la prima si darft di tutto ayviso. 

Quando patra il tempo a Voatre SignOrie, quelle 
mi daranno un cenno che io oayalchi per la TOlta 
della Maremma, a liberare Campiglia et Bibbona t% 
tutto il paeae. Se ne caccera quelli ladroni di strada 
che vi si sono aeoasati. Quando inteaderd la passata 
di Pabrizio per la volta di Pisa, non mancherd di 
mandare quelle forze che per me si potra a qmella 
volta; nd manchero di rimandareaBmpoliunabmn- 
da, acci6 si renda piii sicuro; ancorche ai truora as- 
settato di sorte, che le donne con ie rocche ki po- 
trien guardare. N6 altro occorre dite: salvo ehepre- 
gar quelle umilmente, che mi yogUn eonseryare la 
fede data al Quiduccio ; et questo yoglio Che sia tutto 
il premio della fatica mia. 

Li noml di quel tristeregli, usi solleyar popoli a 
partito saiyo, sono questi: Agniolo Capponi, Qio* 
yanni de* Rossi, Oiuliano Saiviati, et Leonardo Baon- 
delmontii et Ruberto Acciaiuoli, capo di tuttL N« 






m FftAHCBSco raRBircci dO 

altro mi oecorre, salvo cbea Vostre Signoriedi con- 
tiauo mi raecomando; le quale Iddlo mantenga* 

Di Volterra, alll 27 d'aprile, 1530. 

Frahcesoo Fsbbuoci General Commissar io. 



AI MBDESIMl 



Magmfid JkmwL Per la nostra delli xxvii si signi- 
fied a Vostre Signorie quanto era occorso di qua, e 
tomdssi a replicarlo alii xxviii per via d^Empoli; 
et per nan avere auto risposta, sar& con questa la 
triplicata. Siamoci ingegnati di ritirare li andamenti 
di coetoro; et troyiamo che, spugnato cli^egli ayes- 
sine la fortezsa, yolevono fare la massa qui de*fuo- 
ruscitit per essere sito forte et copioso di formento. 
Bt di gii avevono spedito un breye, come il papacon- 
stituiva Ruberto Acciaiuoli Commessario di questo 
luogo, et di tutta la Maremma; et in caso cbe il 
eampo s^ayessi allargare da Firenze, voleva ritirare 
quelle tante genti cbe facevano loro di biaogno per 
questi tre luogbi, Arezzo, Pistoia et qui ; et li paga- 
menti avevono a venire dal papa; et cbe il ritardare 
cbe aveva fatto Fabrizio Maramaa, era solo per aspet- 
tare la presa della fortezza di qui, per potersi valere 
di qaeste artiglierie, et per entrare con maggiore 
reputazione alia impresa di Pisa. Et per aver loro 
rotti questi disegni eol pigliare questo luogo, mi 
pare cbe e'sien volti al volerlo raqui8tare:etdigi& 
sono arrivati a Villamagna parte delle sue genti, 
con buona cavalleria: et vi s'aspettarartiglieriaca- 

6* 



90 tBTTBM 

Tata di Siena , con il restante delle genti sue. fit que- 
sto giorno mandai li cavalleggierl a riconoscerli, et 
attaccoronsi a scaramucciare, et ne rimase qualcuno 
deiruna parte e delPaltra; et se non fassi che si 
messe un temporale di pioggia si grando, che non 
vedevono Tun Taltro, li mettevono per la mala via, 
lo mi assicurerd della terra fra due giorni, di sorte 
che io non penso averla a perdere ; et yenga ohi 
Yuole : et se io avessi mille fanti piu , come sa- 
rebbe ragionevole, lo crederia far passare in quel di 
Lucca a sua forza. Qui c' e gran copia di formento, 
et troviamo che li avevano capitolato et fermo di 
dare 60 sacca di pan fatto la settimana al campo. 

Al prime di maggio 1530. 

Tenuta alii 2; et e comparso di poiduepezzi d^ar- 
tiglieria, con 11 restante delle genti, che sono sette 
bandiere di flanti ; et dicono, aspettar di campo !l co- 
lonnello di Sciarra Colonna et del Signor Marzio, con 
sei pezzi. Per ancora non sono arrivati. Staremo a 
vedere qual seguirii. Bt questa Tolta non bisogna 
che e^ pensino, che con lo spaventare loro et stare 
a Villamagna, abbino a fare andare li Volterrani a 
capitolare : cM chi vorr^ questa terra , bisogneri 
che la combatta; et venendo a combatterla, non du* 
bitiamo punto di non ay ere a dare conto di noi, come 
altre yolte abbiamo fatto. 

Nd altro occore dire a Vostre Signorie; alle quale 
di continup mi raccomando: che Iddio quelle conser- 
yi felice. 

Di Yolterra, alii 2 di maggio 1530. 

Francesco Ferrucci General Commissario. 



I 



PI FRAKC^c6 ttkanoct 91 



AI MEDESIMI 

M^rnfid DoMim. Per le Vostre Signorie de*xxx del 
pikssato et due del presente, intendiamo qaanto 
quelle ne dicono, et delli campanili etaltre coseno- 
ciTi alle fortezze: il che di gil era ia disegrno; et 
come prima si potri, si far&quanto ne commettono. 
Bt aecid che si possa pagare queste fiaiiterie, li Vol* 
terrani, per ordine nostro, hanno create xii aomini 
coo pieaa auetoriti, per provyederci et di danari et 
di tutto che fa di bisogno ; et hanno gi& messo in- 
fiieme de* denari, ma con diiBcult&, rispecto chebuona 
parte delli benistanti sono absenti: et noi non man* 
chiamo sanza rispetto solleeitargli, perehd provisti 
qnesti, non manchino d^ordinare gli altri da Yostre 
Signorie per via d*accatto domandati ; benchd, a quello 
che Voetre Signorie ne disegnano, sari difficile, et 
con loaghexza di tempo. Bt non mancheremo di ta- 
lerei del Monte della piet& ; nel quale intendiamo 
cssere poco fondamento, agendo ayantil>rrivodelle 
Vostre Signorie discorso non solo il Monte predetto, 
Ott ancora la canoTa, e U sale , et ognl altra cosa 
doBde si possa trame danari; et ci anderemo sfor* 
ztndo trarne pld che sari possibile. 

Nella cittadella et fortezze s' d mandate buona som- 
ott di Tino, fiarine, olio et legne; nd si manca di pro- 
Tederle di tntto il bisogno loro. Di pid ancora, yi si 
i&aaderanno qoelle arme leyate alii Yolterrani, che 
^indicheremo a proposito : et delle yettoyaglie si tro* 
^fOQo in Yolterra, se ne far& quelle che da Yostre 
Sgoorie ne ^ commesso« 

Qnanto alle robe de^ rebelli, cosi florentini come 
Mterrani, se ayessimo chi sona, si sarebbe meglio 



93 VffPK&R 

potato ricercarle ; et, potendo, le venderemo*, ben* 
chd con dif&cult& si faril, rispetto alia scarsita de^ 
danari. Li sail confessati sono tutti ne^ magazzini* 
Ne' luoghi loro et delli altri, troviamo che ne hanno 
Tenduto, nel tempo sono stato in cittadella , circa 
libbre 60 mila: benchd si ritrae avevon fatto una ca- 
noYa a Fig*gliine; della quale, per V absenzia di chi 
lo maneggid, per ancora non abbiamo poesuto ne 
dire H conti d'essi, nd in che si sieno convertiti 11 
danari. Far&ssi diligensa, etdi tutto si dar&adTiso. 
Alio porte si fSanno guardie diligentissimei nd si la- 
scia uscire cosa alcuna. 

Pagate che saranno queste fanterie, et si possa 
trarre da costoro li cinque in sei mila scudi per pa- 
gare 11 8000 fiantl da farsi, noi giudichiamo essere a 
proposito farli qua, per isbandare piii si pud il Ma- 
ramau, trovandosi lui vicino a qui miglia quattro ; 
dove s* intende che patisce; et con facility le genti 
sua si potrieno tirare alia yolta nostra. Bt alii capi- 
tani che sono in Bmpoli, si potr& far& intendere si 
trasferischino qui, per fame quello che Vostre Si- 
gnorie ne hanno ordinato. 

In fortexza non 6 numerate nd piii argento; che 
essendocene, ce ne sariamo valuti come delli altri, 
finch^ Ti sia RafllEbello Masini: il quale alle Vostre 
Signorie mi feeiono ricerearlo, et si aveva danari del 
pubblico ; che mi disse di no, et 4ia lui non possetti 
trarre cosa alcuna: et quando ero in cittadella, lui 
drsse trovarsl quattrocento scudi, ma che non ne 
Toleva servire. II che per ogni buon rispetto , non 
mi parse da grayamelo, Cacendo yista di non lo atere 
udito, riseryandolo a luogo et tempo. 

Di Yolterra, alii 6 di maggio 1530. 

Bartolo Tbdaldi. 
Francesco Ferrucci. 



m FBAN0E8CO FBBItUCCI 93 



AI MBDESIMI 

Questo griorno abbiamo la rostra e non ci 

occorre altro dire, se non che ci troviamo presso alia 
terra di Peseta a un miglio, e troviamo tutti li po- 
poll contrarl a noi: per6 non temlamo, ed a que- 
8t*ora marciamo alia volta di Castclveccbio, sperando 
dresser doman da sera al Montale, aucorche Fabrizio 
abbia fatta gran preparazione. Se li nimici faranuo 
sperienxa di noi, allora faremo vedere chi noi siamo, 
e c* ingegneremo tenervi avvisati de' progress! nostri 
giorno per giorno. Ne altro ho a dire alle Signorie 
Vostre, salvo che io mi trovo insulfatto,eguarito, 
Dio grazia: ed a quelle quanto pid posso mi racco* 
mando, ed altrettanto il signor Giampaolo. 

Dal paese di Pescia, il l.o di agosto 1530. 

Fbamcesco Ferrucci General Commissario. 



FINE DELLE LETTER B E DEL VOLUMETTO. 



INDIGE 

DEI NOMI PROPRI 



B 



INBLLE G6SE NOTABILI 



CONTENUTE NEL PRESENTS YOLUMETTO 



AccuioLi B. : e la presa di 

Volterra, 38, 76. 
Albiui(oecli): eFermccI, 73. 
ALAMAifNi Luigi: ^imercanti 

liooesi, 79. 
AQUiLA : e roraoges, S8. 
Amicizia: molto oaservata dal 

Femicci, 9. 
AasoLi (A. d'): e Tiinpresadi 

Volterra, 26; — e Marzio Co- 

lonna, 63. 
Adgosto, imp.: corruppe Ro- 
ma, 3. 
Baguonb : e le Bande nere, 1 5. 

-7- sospetto a'FioreDiini, 55. 
BoHde uere (le): erenncci, 16. 
BAifDim 6.: e Glugoi, 40. 
BarcelloDa (accordo di) ; e Ft- 

renze, 18. 
Barlrtta: e Renzo da Ceri,7l. 
BAiTOLiMi ZaDObi: e Femic- 

ci, 73. 
BsEAaDi: 800 losigoe valore, 

4i. 
Bibbibna: sua geote telTatica, 

u. 
BicHi: 000 valore, 4S. 
BiograOa: coma deye scriyer- 

5i| 6» 



Boaoo (B. DAL): e I'impresa di 

Voltena, 37. 
BORGO (L. DEL): e la presa di 

Volterra, 38. 
BoRGO (Sperone del): sno ya- 

lore, 50 e seg. 
BORGBEsi G. B.: e la presa di 

Volterra, 38; — sua risposta 

a Perrnccl, 39;— deye ar- 

reDdersi, 34. 
Brayi: e il capitano Gnlo,9, 69. 
Brocca (F. BELLA): proQde Ga- 

stelflorentino, 33. 
Carmint (A. del) in Fir.: ela 

cappella 6^i Ferroccl, 7. 
Gamerino (UatUas da): e Pisa, 

56. 
Gastello (Pirro da): e Ferrac- 

ci, 33, 76. 
Gastiglioob (H. da): sno ya- 

lore, 43. 
Geri (da): riceve ordine d*a8« 

soldare dne mlla (aoti, 37; 

— ad Empoli, 39; — (atto 
prigioDiero, 63; — - a Bar 
letta, 71. 

Glbmentb VII: sua politica, 18; 

— solda masDadieri contro 
Toscaiia« 19. 



. - — ^— . »—- ^ <► *- 



96 



Iin>ICE DEI NOHI PROPRI 



GOLONNA M.: e d'Arsoli, 03. 

GOLONNA S.: e BagtiODi, 76, 

CoiUadino (il), alflere dello 
Strozxi: suo valore, 30. 

CdrsI (I): e Fcrruccl, 51; — 
saccheggiano Pisa, 16. 

GoMiNi (A. DB*): e la cbiesa 
ddl Carmine in Fir., 6. 

CORsiNi (G. B.): e Perrocci, 57. 

Gnio: e Ferrucci, 9, 69. 

DocciOLA (march,): rlsta dal 
combattere, 54. 

Empoli : e Ferrucci , 31 ; •» 
presa dai Frances!, 39. 

FBaaacci : spregiato petchd 
mercatante, 5; — sua fa- 
miglia, 5 ; — messo ad un 
banco, 8; — vi rimane ire 
anni, 8; — molto osservan* 
te den'amiclzia, 9 ; — i« H 
capilano Cuio, 9; — non 
toflera rivale in amore , 
11; — e Jacopo de'Kedici, 
11;— valente netla scher- 
ma, IS; ^ siudioso delle 
cose opcfate dagli antlchl. 
It; — efttcace paflaiofe, 11; 

— suo flne sorfiso, 19; — 
schielto, 13; — va in villa 
net Casentlnd, 13; — cac- 
clatore, 13; — arbitro, 14; 
^ podest^, 15; — amba- 
sciatote ptesso a tautrectt, 
15; -^ sottllissimo ricerca- 
toit degli ordlnl di guerra, 
16; — ogni dl alle mani c6- 
gli inlmici, 16; — fattO pri- 
gione, 16; — riscattato, 17; 

— commessario in Prato, 19; 
— suaconlesacon N.Strozzi, 
19; >- commessario ad em- 
|)0li, SI ; — llbetale nello 
spendere, SI ; — e 1& presa 
di Casteitiorentino. SS; — e 
il fatto d'arme di MOntopoli, 
SS; ^6 quetto dl PoQtortm>, 
S3; — amato dai soldati,S4; 

— soyrieoa di fettotaglie 



i 



Pirenxe, S4; — e I'impresa 
di Volterra, 6 e tag. ; — 
batte moneta, 38; — va a 
Pisa, 56; — con pericolo 
manifesto della vita frenai 
Gdrsi saccheggiatori di Pisa, 
57 ; — profeta di sua morte, 
58; -^ Bue genetose parole, 
58; « e il combatUmento 
di Gavinana, 51, e seg. ; — 
sua gloriosa fine, 64; — sua 
Indole, 67; «-Bna vita rias- 
snnta da Giannotti ,70 eseg. ; 

— sue lettere, 85 e seg. 
Plorentini: dedid alia merca* 

tura, 7. 
Firbnzb: divisa in nobili e po« 

polani, 7; — deliberadifen- 

dersicontroGarloV, 19 e seg. 
PibbnzuOla: taccbeggiata, If. 
PORLl: saccbeggiata dal Frah- 

cesi, 33. 
Francesi: e Home, 4. 
Frbscobaloi: e il casiello di 

S. Miniato, 75. 
Gavinana: e la morte del Per 

rucci, 60 e seg. 
GtACOMim A.: e Ferrdcci, 6. 
GiAcBiNoTTi: coomiiesarlo a 

Pisa, 56. 
Giovio P.: e Perrocclj 5, 63. 
GiROLAMi R.: e Fcnucci, 8. 
GttJGiff A.: commissatlo ad Em- 
poll, ft; — vl si comporta 

vllmente, 89 , 77 ; —el 

BraVI, 70. 
Ghbrarobica: suo Instgneya* 

lore, 4S. 
GtfsRARDi t.: In ^ratOf 74. 
Gbbrardi N.: daila itiQglletl« 

scattato, 37. 
GoifDi: lasciato da' Fertued 

nella rocca dl Volterra, 86. 
Guerra: appresso I Romftni, 3; 

— si deve in essa spiait il 
pensiero de' nemlci, SI. 

Gefoucct: cottioHiteaHe pel pa- 
pa in Volterra, S8, 7^ ; -^ 



s\ 4a 9I rerroAel PTigtpfUBt 

34, 35. 
iNcoNTBi : dal FeimCQl f^to 

iiqplccai^j 35, 
Italia: e 1 B^rb^ii, 4 ; '-" • 

LA8TRA (LA): castelfQ ptWO al 

Piorentini, 35. 
Lautrbcb : e rimpresa di Na- 

poll, 70. 
Libertli : e Boma, 4. 
Lucca: e Ferrucci, 60* 
Maramaldo p.: e Giovio, 5; -* 

dicesi facesse prigione For- 

raeci DeirimpresadlNapoU, 

17; — muove conlro Vol- 
- terra, 39; — deriso dal Fer- 
rucci , 41; — ammaxza Fer- 

rncci, 01, 80. 
MAiACCHiNo: e I'impresa di 

Volterra, S6. 
Medici (Giov. DB*):e la tsxk^ 

ria ital., 10. 
MsDici (Ginlio OK*): e H cap. 

Giilo, 9. 
Medici (Jacopo db') : e Fer- 

mcci, 11. 
Melfl (principe di): e R. da 

Geri, 71. 
MUisia: e la mercatara, 5. 
MiNusio : fagge da Volterra nel 

campo nemicoy 49. 
MoNALDi S. : e rimpresa di 

Volterra, S6. 
MONTAnTO(Otto DA): e N. Slroz* 

^. 20;— e il castello La La- 

8tra, 63. 
MONTE Bbnicbi (6. DA): fatto 

prigione, 47. 
Nbrbtti N. : abbmccia vivi i 

feriti, 55. 
Nbro (M. del): e FerruccI, 15. 
Pasouino: e 6. da S. Groce, 

S4. 
Peppoli (U. db'): capode'Fio- 

rentini solto Napoli, 16. 
PiOMfiiNo (da): e I'impresa di 

Volterra, S6, S8, 48. 



P^ATp: e Ferroccl, 74,, 
Qomvii: loro lodevole costa- 

Romano (ImperQ); elBaroi&ri, 4. 
Hahaxzoto. masBA()iere: e Gie- 

Orange (principe 0'): e Piren- 
te, 18^ -^ e la citiK d'V 
qulla, 38; — a U One del 
Fermcci, 64, 80. 

Orlanoini (P. degli): e Gia- 
gni, 89, 78. 

Salviati G. : e la presa di 
Volterra, 38. 

Saluuo (march, di): e Lao- 
trech, 16; — quale fosse, 70. 

Santa Groce (G. da) : e Pa* 
sqnino C6rso, S5. 

Sassbtti p.: perchd dettd la 
yita del Ferraecio, 5. 

Sassoperrato N.: ePimpresa 
di Volterra, S6; -- mnore,S7. 

ScANNADio: e Fermcci, 63. 

ScRuccoLA P. : e la milizia 
cdrsa comandata dal Fer- 
mcci, 61; « sua morte, 53. 

Sbllaina (la): donna anata 
da Fermcci, 11. 

SqDERiNi G. B. : e Fermcci, 
13, 70. 

SoDERiNi Lorenzo: in Prato,73. 

SoDBRiNi Tommaso: e Fermc- 
ci, 7i. 

Spagnnoli (soldati): biasimatl 
da Fermcci, 17. 

STROZziGiano: quale fosse, 70. 

Strozzi N. : yiene a contesa 
col Fermcci, 19,87; «— ge- 
neroso gli salya la yita, 33. 

Tebaloi : assediato nella rocca 
di Volterra, 34, 28, 76. 

Tomm6, capitano: e la dlfes^ 
di Volterra, 34. 

Valore di due gioylnetti flo* 
rentini, 23; — deli'alflere di 
N. Stroui, 30 ; -^ di Mor- 
ganle di Castiglioni, 43; — 



98 



di BerardI* 4S; — di Bichi, 

48; — di Gherardesca, 4«. 
Vabchi: e la lett. di Giannotti 

a Ini, 99 e seg. 
Vasto (march, dkl): e Piren* 

ze, iO; — muoTe contro Em- 

poll, 39. 
Vbrucola f. : e IMmpresa di 

VQlterra, t6. 



aa>t<ni dsi nomt mopsi 

ViTBLLi. A. : e la Hbellione 
dl VoUeira, 36; — iniioTe 
contro Empoli, 89. 

Volwrba: presa e difesa dal 
FerrticcI, 28 e seg. 

Zati p. : 6 rimpresa dl VoN 
terra, M. 






INDICE 



DBLLE 

MATERIE GONTENUTE NEL PRESENTE 

VOLUMETTO 



Prefazione * pag. V 

Vita di Francesco Ferrucci scritta da 

FiLippo Sassetti. . • » 1 

Snlla vita e sulle azioni di Francesco 

Ferrucci, lettera a Benedetto Varchi 

di Donato Giannotti » 67 

idtkre di Francesco Ferrucci • . . • » 83 
i^ice dei fumi prapri e delle cote w>ta- 

^li cimtenmU inel volMmeito § 95 



WH. A M — 0. A E t ■ 1 C* — E I T B I. 1 

E'DIZIONE POPOLARE I 

troprietft letta raria dalli Edltori Q . DAEUI < 0. . 

DI VITXO'R HUGO * I 






Hnfittgi t •I'n'lieuirt'i'inaiii^ 
ifiuu. 1 nan i bh kam unl* 



.*>d* MnruilMl ■" 



■•"rnnA^ 



mtit di vltur aatd « ttnant 
luiluHt wffrt Mr BiBcaau d'lu 

1 I p»IM'frwUka: kK saMtt* ■« 

I OM ''afl* •> t* <*>nn ■illluw; 

I »r<»iR Auut, isdU ■i)'aj*iw) 

I gntminl iu ailUdl ri»Hri M 

I »lia iH pnufSe d*li. >it hun. 

< til> urn, •«[ (lUcU Hit !•■> 

MH'Hn. ■ 

!■ TlUai B«t* ■•*•■• lUf* I fl* P**< »>«k1*i>l HKialt: D nnariiM^ la rmH- 

mla i1«T«wt H w« iSl fw an n u ■ dilla lUani. tupnum* li TIlUr Hsn 

-"- '^™ aainealTinilunai akrl nil! .obu a ad hBtliilE 

l,Kcallg»e*auT»»M^ H»M.*d afiuil f«looU, la 

'*C'a$ilHa piMpa dalla M«HlaMTtiU>H ta^MriW. VMIdM* pWibn M^ 
•n UTmm nlaW lUii^U la U* aMI laabloal. "^ 



u JtM^a'aSiHiaupla 

tit U MsBlb a Ilia (Lud. 
l/ailiiHa jafcilp. da 
U ilaM nisW lUai^t 



Freuo: It. L. 1. 



BIBLIOTECA RARA . 

PUBBLICATA DA G. DAELLI 
Vol. U. 



LORENZINO DE'MEDICI 



TIPOGRAFIA BOZZA. 



ProprIot& lottoraria «..daelu • C. 



r/ 



lEDICI 



TI 



tilCCOIill 




ORl 



L F 

DA VS BBOHZO BSI8T 



LORENZINO DE' MEDICI 

SCRITTI E DOCUMBNTI 
•RJL r^K MJk rSUIA VOLTA BACGVI.TI 



MILANO 
G. DAELLI e COHP. GDITORI 



PEEFAZIONE 



La spada del Ferniccio non scampd da morte la Ubertk 
florentlna; il pugnale di Lorenzino oon la fece risorgere; 
ma nei loro nomi 3i conservarono vivi i principj della di- 
fesa e della rivendicazione della liberty contro la tirannide. 
11 Fsrruccio, col suo valore» e con la sua modestla civile, 
preflgur6 quel general! francesi della prima rivoluzione, 
usciti dal popolo e fedeli alia sua causa : Lorenzo nato di 
casa regnatrioe, e destinato a succedere al tiranno^ abor- 
rendo da on'ingiusta signoria, spense in lui le sue ragioni, 
e non se ne yant6: si dolse della infelicity del tempi e della 
Tilt^ degli uomini che lo condannarono a rifare 11 secondo 
e non il primo Bruto, ch'egli piii veramente emuld. 

Lorenzino, felice d'ingegno e di stile, uccise con la penna 
una seconda volta il Duca Alessandro. — Se ne lev! qualcbe 
storico prezzolato, come il Giovio, o qualcbe letterato delle 
polizie, i grandi scrittori lo esaltarona — II Yarcbi, sebbene 
scri yesse come a dettatura di Cosimo I, esita tra I'esecrazione 
e I'apoteosi ; ma si vede die pende all'apoteosi. — Lo descrlve 
eon amore, con quel suo tratteggiare minuto e incislvo, 
cbe anticipd il fare del Blanc e dei Micbelet RidestI gH 



yi PRBFAZIONB 

spirit! di libertit, la imagine di Lorenzino risorse neWEIrth 
ria vendicata deWAlfieri, nel FUippo Stroxzi del Niccoliniy 
i due traglci che piA s'intes^ro di tiranni e tiraimicidl — 
Risorse in un lavoro gioyanile del Revere, che, secondo 
alcuni, non fu mai piii si bene inspirato. 

II Giovio, il quale dice del duca Alessandro che dava spe- 
ranxa di riuscir un principe moUo tempercUo e dligerUe, e 
mette tra gli uccisori di lui anche il Freccia (ragazzo a 
cui il Yarchl afferma che Lorenzino mostr6 senza piii il 
corpo del duca morto) forse parendogli poco onor d'un 
principe I'esser ammazzato da soli due, come sarebbe an- 
che ai di nostri, se fosse ucciso da un solo medico, descrive 
cosi Lorenzino: — Lor^zo s'era fatto consapevole e mez- 
zano de'piaceri amorosi de'quali il Duca era insaziabile e 
vago fuor di modo, per poterlo con essi facilmerUe ingannare. 
Perch'egli era moUo ben fomUo di capestrerie d'ingegno erw- 
dito a fare ogni ruffianamento ; di maniera ch'e' solevaan^ 
che comporre di bei verri, i quaU erano ittromento di lut- 
swiOf e far commedie piacef)oU in lingua toscana e rappre- 
seniarU in iscena, talch'egU simulava di pigliare singolar 
dUetto di que$H studj, e percid non portaca amU allato, 
come facevano gU altri cortigiani; mosfraca d'aver paura 
del eangue e d'eeser in tuUo uotno disideroso di pace e di 
ripoeo, — Ed olhre cid con volto palHdo e con frorUe maUi^ 
conica,pa»$eggia0a solo, pochi$$i)mo e com pochi ragionando ; 
frequenUwa i luoghi soUtari e ripoeti della dttd e mosHxma 
si wanifeUi segni d'umore maUnconieo, ch'aicuni tadtamenie 
a^)evano commciato a farsi heffe di Int. — Akwd aUri piA 
accorti iospettaoano che neW animo iuo egU andaete disc- 
ffmindo e macchinando quakhe terrtbUe impresa, — E scop- 
piayano parecchi indizj del suo divisamento e ne gettava 
motti, onde II Ruscelli nelle note al Giovio alTenna che alia 
rappresentazione deliMridono Lorenzino dicesse che a quella 
oommedia voleva mandar presto dietro una flera tragedia, 
e il Pontanini sostiene che I'accenna nel Prologo delfilH- 
d$9io. 



PRBFiZlONE YII 

Nel terzo volume delle Storie del yarchi pubblicate dal 
yalente Gaetano Milanesi, presso il Le Monnier, 1857-58, fu 
aggiunta YApologia di Lorenzino, e al suo conto d la set- 
tima edizione, rivista e correlta da vari errori colFaiuto 
di dae copie manoscritte della fine del secolo XYI, che si 
trovano nel codice riccardiano segnato 2710, e di un*altra 
eopia posta in fine del manoscritto Poggi delle Storie del 
Yarchi. La sesta edizione sarebbe quella del Barbdra, nel 
volumetto delle Autobiografief che pure ha la data del 1859, 
rivista e corretta anch*essa sopra un codice riccardiano, a 
quanto dice la Prefazione. — Noi seguimmo questo testo, 
11 quale si scosta meno dalla lezione comune, che ci par piu 
viva e vibrata della nuova recensione del Milanesi. V Apo- 
logia h dettata come d'un fiato, e con queirenergia d'animo, 
che non sMnchina a raccogiiere i fiori rettorici, ma cala 
<^ome un fendente d'Orlando sul capo de' detrattori del 
Bruto. Toscano. — In questo impeto che , secondo il ri- 
cordo obbligato di tutti gli editori^ fece dal Giordani e dal 
Leopardi dar V esciusivo vanto dell' eloquenza in Italia 
aUo scritto di Lorenzino, in quest'impeto e foga di tra- 
boccante sdegno contro i codardi cbe non avean saputo 
spegnere la tirannide, spento il tiranno, son frequenti i 
tr&passi arditi, le forme elittiche, gli adombramenti piu 
'Che i regolati significamenti del pensiero. Ora la lezione del 
Milanesi ci sembra in parecchi luoghi impastoiata per voler 
«ssere phi esatta e chiara. — V'ha tuttavia, come da quel 
vftlentuomo era da aspettarsi, alcune buone varianti, che 
nof, senza toccare il testo, ponemmo in fine al volume. 

Plauto e Terenzio, dice il Ginguen^, imitavano Difilo, 
ApoUodoro 6 Menandro; e talora di due commedie ne trae- 
vano una. I nostri imitavano i latini, ma non sempre tra- 
fiformandoli come 1 latini facevano i greci. II Moli^re, ri- 
copi6 spesso gl'Italiani, e sebbene piil vicini di tempo e di 
costumi, gli trasform6. Prese Tarie e le cantd con fogge e 
parole francesi. — I nostri staytno sospesi tra il mondo che 
I ji svolgeva sotto al loro occhi, e gli esempj antichi; non 



YlU PRBFAZIOICI 

sapevano fondere la tradlzione e la vita. — Questa fusione 
riusd al divino ingegno del Machiavelli nella Mandragokk^ 
e in parte ad altri. — Lorenzino fu del piu felici. — II suo 
Aridosio, come not6 gi^ 11 Ginguend, esprime in parte gli 
Adelfi di Terenzio, e in parte la Mostellaria, o la Spiritel^ 
laria, per dirla col napoletano Angelio. — Ck)me negli Adelfi, 
cosi nelVAridosio due fratelli, di diyersa indole, all&vano 
due giovani con modi diversi ; e I'educazione indulgente e 
liberate riesce meglio cbe la severa ed arcigna. — Gome 
nella Mostellariay neWAridom si fa credere al yeccbio avaro 
ed esoso cbe la sua casa e infestata dagli spiriti, e si 
riesce ad allontanarlo. Teuropide toma quando il figlio gli 
ha plena la casa di gente cbe mangia e di femmine. -- 
Bussa con le mani e co'piedi; i servi passeggiano fuori 
— dentro nessuno gli risponde. — egli si volge a Tranione, 
lo scbiavo inventore perpetuo d'arzigogoli contro i yeccbi 
padroni, e ne esce il seguente dialogo: 

TR. Come, hoi tocco 

Tu questa casa? TE, PerchS rum Vawoa 

A toccar io? Se dicoH, che quasi 

Ho fracassato la porta hussando, , 

TR, L'hai tu toccata? TE, Io ti dico, che I' ho 

E toccata, e hussata. fR. Uht TE, Che cos'i? 
TR, Dio te'l perdoni, TE, Che donUn sard ? 
TR. Io non ti saprei dir che indegnitd, 

Che misfatto hoi commesso, TE, Per che causa? 
TR. Fuggi, per caritd, scostati via 

Da quella casa, Fuggi, fuggi qua 

Vicino a me, Toccasti tu la porta? 
TE. dome potea picchiar senza toccarla? 
TR. Tu hai morto. TE, Chi? TR. Tutta la tua famiglia. 
* TE, Ti venga, per cotegto mat augurio .... 
TR. Die'l voglia, che un peccalo di tat fatta 

Possa esser perdonafo a te, e a costoro. 
TE, Perchif che novitd improuvisa i questa^ 



PREFi2I01IB ' IX 

Che tu arrechi? TR. dio! se'l del ti guardi. 
Fa, che color si scoslino di It. 

TK ScostcUevu TR. Non toccate la casa. 
Toccaie meco la terra anche vol. 

TE, Per earUd, ii prego, parla, di'. 
I TR. Perehe son sette mesi, che nessuno 
Ha posto piede dentro a questa casa. 
Da che ne sgomherammo. TE. E perchi f parUK 

TR. Osserva un poco atlomo se vi fosse 
OU stesse a origliar qvuel che dkiamo. 

TE. Per ifUto i piazza franca. TR. Guarda attomo 
Un (Utro poco. TE. Non vi e alcuno, parla 
Su mo, TR. Questa i una casa detestabile. 

TE. Che^ cosa? io non intendo. TR. d si e 
Commesso da gran tempo anticamente 
Un misfattOj e Vahhiamo or noi scoperto. 

TE. Che misfattof chi Vha commesso? parla. 

TR. L'albergatore afferrb un certo tale, 
Che vi aveva albergato, e Vammazzd, 
Che fu, credo, coltU, da chi comprastila. 

TE. Vammazzbf TR. Lo rubd, e lo sotterro 
Qui nella casa stasia. TE. E voi da che 
Lo sospettate? TR. Ti dird: ascolta. 
Tomato a casa una sera tuo figUo, 
Dopo di aver cenato fuori, tutti 
Andammo a coricarci, e ci addormimmo. 
Per accidente i'nU era dimentico 
Di spegner la lu^cema; ed ecco che 
TiUto a un tratt§ egli alza un urlo aUissimo. 

TK OU maif mo flglio forse? TR. ZUto; sta 
A sentir ora. G dice, che gli era 
Comparso, mentre dormvaf quel morto. 
TE. Goi, mentre dormiva? TR. Si; ma senti 
Ora, ci dice che quel morto aveagli 
Detto cosu TE. In sogno? TR. Oh questa i Mlat 
GUel'avea a dtr mentre vegghiava, uno 



X - PRBFAZIORB 

Ucciso gid da sessant'anni add^tro f 
Oh, eerie volte sconciamente dm 
In eerte mellonaggini. TE. Non parlo. 
TR, Ecco qui quello, che colm gli disse, 
lo sono Diaponzio forestiere, 
Di paese Ionian di Id da mare, 
Abito qui: questa k la sede, che 
Mi fa assegnata, perchS non mi voile 
Ricevere PhUone in Acheronte, 
PoicM mi fu tolta la vita innanzi 
Tempo. Sotto la huona fede, fui 
Tradito, fiU da un ospHe ,qui ucciso, 
E poi nascosamente, senza darmi 
SepuUura, qui istesso sotterrommi 
Lo scellerato, per tormi i danari. 
Sgombera or tu di qui : questa d una casa 
Empia, e lo abitarvi i un'empietd, 
A malo stento ti potrei narrare 
In un. anno quel che fan qui gli spiriU. 
ZUto, %it TE. Deh, che i statot TR. Hointeso certo 
Romore cUVuscio. Uavesse mai urto 
Costui? TE. lo non ho piu goccia di sangue. 
Mi chiaman vivo in AcherOnte i morti. 

Demmo quasi intera questa scena, secondo la tradusse 
primamente TAngelio, percbd si compari con la scena degli 
spirit! neWAridosio. 

Nd solo Lorenzino attinse alia MosteUaria di Plauto, ma 
eziandio sAVAuluktria o allMcaro. — n suo Aridosio h il 
capro espiatorio dei peccati di tutti 1 personaggi; egli d 
spayentato con gli spiriti, rubato del suotesoro, truffato 
d'un aneUOy deluso dal flglio e befliato dal serva — Infine 
T\bk i daiaii e si consola. — 6 il vero protagonista e dk 
giostamente 11 titolo alia commedia. — Intorno a loi si 
STOlgODO gl'intrecci degli amori de'giovani; di Tiberiocbe 
juua Liria. fuiciulla presa nelle goene di MUano e CMa 



PaBFAZlOMB XI 

schiaya del Ruffo, e poi si trova esserfiglia di un Messer 
Alfonso, dabben uomo di Tortona; dl Erminio, che ama una 
giovane di monastero, non velata, e che onoratamente la 
sposa: se non clie eziandio in questo amore onesto si 
sente il capriccio di Lorenzino pei chiostri, ove dovea tanto 
impenrersare insieme a lui il duca Alessandro; di Cesare 
per la flglia di Aridosio. Lucido 6 bene il servo affrancato 
pei vizj de'suol signori e un po' padrone: Paulino il servo 
monello. — Le donne non ispiccano gran fatto: senelevi 
Mona Pasquina, che Paulino maltratta non senza spirito: 
e questi contrasti di attempate ancor dedite agli amori e 
di giovani che le schemiscono son frequenti nei nostri 
comici, e ve n'6 un esempio ancor piu vivo nella Pelle- 
grina di Girolamo Bargagli fra Targhetta servo e Yiolante 
albergatrice. — Sono battibecchi pieni di equivoci osceni, 
che, sebbene f rizzino, ora non si potrebbero tollerare. 

II Varchi, che pure introdusse una vecchia mezzana e 
una cortigiana nella sua Suocera, affermava che le piu di- 
soneste e le piu inutili composizioni che al suo tempo fos- 
sero nella lingua nostra erano le commedle, perciocch6 po- 
chissime eran quelle che non facessero non solo vergognar 
le donne , ma arrossire gli uomini , non del tutto immo- 
desti. « /n/ino ai piu vili ariefici, continua egli in quel 
plagnisteo che sotto il nome di proemio manda innanzi a 
queUa commedia, dico di quegli che non sap^ano, non che 
aUro, leggere, o quello che si fosse commedUa, si mettevano 
a famej e bastava lor I'animo non pur di fornirle e farle 
recitare, ma ancora di stamparle. » 

Anche per V Aridosio vale il giudizio che port6 11 Gin* 
guend della commedia nostra del 500. — « Outre le scandale 
des choses ei des mots elle donncUt trop a Vintrigue et irop 
peu aux caractires, quoique les ca/racteres y soient souvent 
mis en jeu par Vintrigue et contribuent mime quelquefois a 
lanouer et a la conduire; elle copiait servUement des for- 
mes et des ressorts d'action, qui n'avaient plus, dans le temps 
modeme, la mSme vraisemblance que che% hs anciens et 



XII PRBFAZIONI 

ne pouvaient plus par consequent produire les mSmes effets. • 
Dai document! che corredano il FILIPPO STROZZI, tra- 
gedia di G. B. Niccolini, nell'edizione florentina del 1847, 
abbiamo tratto tre lettere di Lorenzino, poflendo prima, 
senza badare alia data, queila a Francesco di Raffaello dei 
Medici, germe, a dir cosi, deW Apologia e che pertanto le 
fu premessa nell'edizione pisana del 1^18, ove poi ba la 
data del 5 febbraio 1536, e non del 5 febbraio 1537 come 
nella fiorentina da noi seguita; e pare la vera, essendo an- 
che nella ristampa che ne fu fatta nel terzo volume delle 
Slorie del Varchi nell'edizione del Milanesi. Quests lettere 
non ci paiono perfette di lezlone; ma non ci attentammo 
toccarle ; nd di lezione perfetta ^ certo la lettera di Filippo 
Strozzi a Lorenzino, che noi aggiungemmo all'altre, siccome 
queila che rischiara in alcun punto le azioni e grinteressi 
di liii. Per la prima diamo in fine alcune varianti tratte 
dalla detta edizione del Milanesi. Ricopiammo le note, in- 
vero di non grande rilievo, onde si studJ6 illustrarle Pie- 
tro Bigazzi, pi a valente indagatore che critico espositore 
di antichi scritti : ma benemerito coadiutore dei Niccolini 
e dei Libri. Di una lettera di Lorenzino alia Signoria 
parla il Cantti nelle sue belle Spigolature negli ArchivJ 
toscanif pubblicate nel fascicolo 76 (marzo 1860) della Rivi- 
sta contemporanea di Torino, e noi ne facciamo ricerca , 
per daria a suo tempo, nella nostra Bassegna retrospelHva, 
Da queste Spigolature abbiamo tolto U Racconto delta 
morte di Lorenzo de' Medici fatto dal capitano Francesco da 
Bihbona che la procurd ed effettudj supplendolo e rettifican- 
dolo con I'aiuto del testo che ne aveva pubblicato fin dal 
1846 Carlo Morbio nel sesto volume delle sue Storie dei 
Municipj itaUani, e che fu ignoto al Cantik. II testo del 
Morbio 6 piii reciso, ma'meno esatto dell'altro; se non che 
sono in tutti e due o manifesti errori, o meno felici va- 
rianti, e ne notammo alcune a pie'di pagina perdarun'i- 
dea del valore di essi test! che segnammo con le lettere M. 
6 C inlziali del casato dei lore pubblicatori, di varia faooa. 



PRBPAZIOIfB dim 

ma run e raltro dottissiuii, 11 Morbio singolarmente gen- 
tile, prodigo de' suoi libri e de' suoi studj e d'una cortesia 
pari al sapere. 

L'uccisore di Giuliano de'MedicI, Bernardo Bandini, in- 
Tanorifuggito a Ck)stantinopoli, era stato ucciso un anno dopo 
il fatto; 11 26 febbraio del 1548 Lorenzo fu ucciso a Ve- 
nezia dodici anni dopo la morte del Duca Alessandro (6 Gen* 
naio 1536). II tirannicida era uno spavento intoUerabile 
ai tiranni d'ltalia. Cesare stimolava pe* suoi oratori, pe'suoi 
goveraatori I'animo di Gosimo, gik troppo desto e pronto a 
vendetta — Era un morbo da spegnere e gli agent! del Duca 
ne cercavano Tanima con una fame da belve. II Bruto to- 
scano era un Giuda per essi ; un Giuda piu detestabile del- 
I'antico, perchS avea con le sue man! dato di piglio nel 
sangue, e se il suo nome ricorre dieci volte nelle loro let- 
tere dieci volte lochiamano Lorenzo traditore, Chiasso del 
traditore si nom6 la via fatta dairatterram^nto di una 
parte della casa di Lorenzino quando il Magistrate degli 
Otto di balia ne fece tagliare sedici braccia dal tetto ai 
fondamenti. E crescendo Tossequio e confermandosi Tabito 
del servire, un Lorenzo Ghihelllni compose II crudele e gra- 
ve lamento che fra se fa Lorenzino de' Medici ch' ammazzo 
ViUustrissimo duca Alessandro de' Medici j e stampatosi nel 
1543 si ristamp6 nel 1601 con una figura di diavolo incisa 
in legno, ch'esce di Lorenzino, secondo ci aflferma un bi- 
bliografo, volendo dimostrare essere 11 tirannicidio cosa in- 
female, e strazio di ravveduta coscienza. 

11 Gant(i trasse altri brani dagli ArclUvj toscani intomo 
airammazzamento di Lorenzo; e non bene concord!. —Se 
non cbe la relazione del Bibboni ci pare la piii autorevole; 
solo, tacendos! in questa quel che facesse Bebo, togliamo 
da un'informazione, che il Gantu trov6 in una lettera di 
Luca Martelli al Yarchi, in data del 1548, un passo che 
mette in rilievo Topera di quel meno avventuroso sicario. 
« Andarono a Venezia, e tentarono ammazzarlo piil volte 
ma non riusci loro, e perebd le spade erano vedute, e i pu- 



XtV ' PREFAZIOXB 

gnali doveva parer loro pericoloso quantunque fossero 
av>elefiati, si risolverono finalmente pigliare due pistolesi, 
pur awenelati. E perchd Lorenzino andava m una chiesa 

alia predica o alia messa assai fuor di mano, ove flni- 
vano due vie a guisa di triangolo, che stando dentro in 
chiesa amendue si vedevano, si risolverono che Ceccbino 
si fennasse fuori e Bebi in chiesa. E perch^ meglio gli riu- 
scisse e con minore sospetto, Cecchino si ferm6 facendo 
vista di comprare certe scarpe a un calzolaio, e tanto ivi 
si trattenne che Lorenzino pass6 in compagnia di Alessandro 
Soderini. E passato che fu, Cecchino and6 alia volla loro. 

1 quali voltatisi a Cecchino, Bebi in questo uscito di chiesa 
e andato alia volta di Lorenzino, tiratogli un colpo, gli 
divise la testa con quel pistolese, onde cadde morto di 
subito. E voltatosi al Soderino che aveva cacciato mano , 
Cecchino disse che non erano quivi per lui , ma facendo 
pure forza , restd ferito leggermente in una mano , della 
quale ferita ancorche piccola, perch^ awelenato il pugnale, 
se ne mori. » 

L'orazione del Molza contro Lorenzino per aver tagliato 
le teste a molte figure antiche dell'Arpo di Costantino e 
d'altri luoghi di Roma 6 piuriccad'ingiurieched*eloquenza; 
ma nel latino ritiene una venustit che disparve in gran 
parte nello stile affaticatoeambiziosodeltraduttore, Giulio 
Bernardino Tomitano. Scampate leforche, minacciateal nuovo 
Alcibiade mutilatore delle sacre erme. Lorenzo s'ebbe due 
band! pubblici, uno dai Caporioni, che non potesse stare 
in Roma mai piu, I'altro dal senatore, che chiunque I'uc- 
cidesse in Roma non solo esser non dovesse ponito ma pre- 
miato,epergiuntarinvettiva del Molza neirAccademla ro- 
mana. Senonchd, quandoegliebbeucciso il Duca Alessandro, 
il Molza, dice il Yarchi, pentendosi deli*orazione fattaglS 
contra e quasi ridicendosi, fece in onor suo questo bellis- 
simo epigramma: 



prbfaziouk xf 

Invimm ferro Laurens dum percuUt hostem. 
Quod premeret patrice libera colla swb; 
Te ne hie nunc, inqwt, paUar, qui ferre tyranno$ 
Vix oUm Bonus marmoreos potuif 

e raculeo fu ben reso dal Varchi cosi: 

Dunque ch'io soffra te qui vivo awisi 
Che i tiranni di marmo in Roma uceisif 

E negli archivj toscani ilCantikyide epitafl}, sonetti,«pi- 
grammi, a yituperio del defunto ed encomio dell'uccisore; 
tanto piaceva e place In Italia la conclusicme dl Lorenzino 
ehe i UranrU in qualunque modo e* s'ammazzino, siano hen 
morti, ^ 

CARLO TEOLL 



I / 



APOLOGIA 

M 

LORENZINO DE' MEDICI 



Un^tnz. de'MedUi 1 



APOLOGIA 



Se io ayessi a giustificare le mie azionf appresso di cch 
loTO i quali non sanno che cosa sia libertli, o tirannide, 
Io m'iDgegnerei di dimostrare e provare con ragioni , che 
molte sono, cbe gli uomini non debbono desiderare cosa 
piu del yiver politico, e in libertk per conseguenza; tro- 
yandosi la polizia piu rara e manco durabiie in ogni altra 
sorte di goyemo, che nelle repubbliche; e dimostrerei anr 
cora, com'essendo la tirannlde totalmente contraria al yiyer 
politico, che e* debbono parUnente odiarla sopra tutte le cose ; 
ecom'^li 6 tanto piu preyaluto altre yolte questa opinione, 
ehe quelli, che hanno liberata la loro patria dalla tiran- 
nide, sono stati reputati degni de' secondi onori dopo gli 
edificatori di quella. Ma ayendo a parlare a chi sa , e per 
ragione e per pratica, che la liberty S bene, e la tirannide 
^ male, presnpponendo questo uniyersale, parler6 pirtico- 
larmente della mia azione, non per domandarne premio 
o loda, ma per dimostrare che non solamente io ho fatto 
qnello a che d obbligato ogni buon cittadino, ma che io 
are! mancato ed alia patria ed a me medesimo^ se io non 
Tayessl fatto. 



4 LORERZINO DK' MEDICI 

E per comincjarmi dalle cose pid note, io dico cbe non. 
^ alcuno che dubltl, che il daca Alessandro (cbe si chia* 
mava de' Medici) non fosse tiranno della* nostra patria, se 
gi^ non son quelli che per fayorirlo, e per tener la parte 
sua, ne divenissero riccbi; i quali non potevano per6 es- 
sere tanto ignorantl nb tanto accecati dairutilit^ cbe noa 
conoscessero cb'egli era tiranno. Ma percbS ne tomava bene 
a loro in particolare, curandosi poco del pobblico, segui- 
tavano quella fortuna; i quali in yero erano uomini di 
poca qualltl^ ed in poco numero, tal cbe non possono in 
alcun modo contrappesare al resto del mondo, cbe lo re^ 
putava tiranno, nd alia veritii : perch^ essendo la cittk dS 
Firenze per antica possessione del suo popolo, ne seguita,, 
cbe tutti quelli cbe la comandano, cbe non sieno eletti dai 
popolo per comandarla, sien tiranni, come ba fatto la casa 
de'Medici, la quale ba ottenuta la superiority della nostra 
cittk per molti anni con consenso e partecipazicme della 
minor parte del popolo: ma con tutto questo ebbe ella mai 
autoritii, se non limitata, insino a tanto cbe dopo molte 
alterazloni e mutazioni di govemi venne papa Clemente,. 
con quella violenza cbe sa tutto 11 mondo, per privare dl 
liberty la sua patria, e fame questo Alessandro padrone; 
11 quale, giunto cbe fu in Firenze, percbd non si avesse a 
dubitare s' egli era tiranno, levata via ogni civiltk e ogai 
reliqoia e nome di repubblica, e come se fusse necessario 
per essere tiranno non esser men empio di Nerone, n^ meno 
odiatore degli uomini e lussurioso di Caligola, nd meno 
crudele di Falari, cerc6 di superare la scelleratezza dl tutti; 
percbd oltre alle crudeltk usate ne'cittadini, cbe non furono 
punto inferior! alle loro, e'superd nel far morire la madre 
I'empietk di Nerone, percbd Nerone lo fece per timore dello 
Stato e della vita sua, e per prevenira quello cbe dubitava 
che fosse fatto a bii; ma Alessandro commesse tale scelle- 
ratezza solo per mera crudeltk e inumanit^, come io dir6 
appresso. N6 fu punto inferiore a Caligola col vilipendere, 
liefliare e straziare i cittadini con gli adulteril e con l» , 



APOLOGIA 5 

violenze, con parole Yillane e con minacce, che sono agli 
uomini, che stiman V onore, pid dure a sopportare cbe la 
morte, con la quale al fine 11 perseguitaya. Super6 la cm- 
deltk di Falari di gran lunga, perch^ dove Falari punl con 
:giusta pena Perillo della crudele Invenzione per tormen- 
tare e far morire gli uomini miseramente nel Toro di bronzo, 
ai pud p^isare che Alessandro Tarebbe premiato, se fosse 
^tato al suo tempo, paich^ egli medesimo escogitava nuove 
sorti di tormentl e di morti, come murare gli uomini vivi 
in luoghi cost angusti, che non si potessero nd voltare, n^ 
mutare, ma si potevan dire murati insieme con le pietre 
e co*mattoni, e in tale stato gli faceva nutrire miseramente 
e allungare rinfelicit^ loro piii ch'era possibile, non si sa- 
ziando quel mostro con la morte sempllce de*suoi cittadlni; 
tal che i sett' anni, ch' egli visse in pnncipato, e per libi- 
dine, e per avarizia e crudeltk , e per empietk si posson 
eompararecon sett'altrl dl Nerone, di Caligola e di Falari, 
scegliendoli per tutta la vita loro i piu scellerati, a pro- 
porzione per6 della cittk e dell'imperio; perehd si trover^ 
in si poco tempo essere stati cacciati dalla patria loro tanti 
cittAdini, e perseguitati e morti poi moltissimi in esillo, 
tanti essere stati decapitati senza processo e senza causa, 
« solamente per yani sospetti e per parole di nessuna im- 
portanza, altri essere stati ayyelenati e morti di sua mano 
propria, da'sua satelliti, solamente per non ayere a yer- 
gognarsi di certi, che Tayeyano yeduto neUa fortuna in 
ch'egli era nato e alleyato; e si troyeranno in oltre essere 
state fatte tante estorsioni e prede, essere stati commessl 
tanti adulterii, e usate tante yiolenze, non solo nelle cose 
profane, ma nelle sacre ancora, ch*egli apparirli difficile 
a giudicare chi sia stato piii o scellerato ed empio il ti* 
ranno, o paziente e yile 11 popolo fiorentino, ayendo sop- 
portato tanti anni cosi gray! calamitk , essendo massime 
aUora piii certo il pericolo nello starsi , che nel mettersi 
eon qualche speranza a liberar la patria e assicurar la 
¥ita loro per Tayyenire. Per6 qaelli che si pensassero, che 



6 LORBNZIIIO DK'HEDia 

Alessandro non si dovesse chiamar tiranno, per essere- 
stato messo in Firenze daU'Imperatore, qual 6 opinions 
che abbia autoritk d'investire degli Stati chi gli pare, s'in* 
gannano, perch^ quando I'Imperatore abbia cotesta autorit^^ 
egli non Tha da fare senza giusta causa, e nel particolare 
di Firenze ei^li non lo poteva fare in nessun modo, essen- 
dosi ne'capitoli cbe fece col popolo fiorentino alia fine del- 
I'assedio del 1530 espressamente dichiarato ch'ei non po- 
tesse mettere quella citU sotto la servitCi de'Medici; oltre 
Che, quando ben rimperatore avesse avuto autoriU di 
farlo, e Tavesse fatto con tutte le ragioni e giustificazioni 
del mondo, tal ch' ei fusse stato plii legittimo principe 
Che non d il re di Francia, la sua vita dissoluta, la sua 
avarizia e la sua cnideltit lo ayrebbono fatto tiranno» 
U che si pu6 manifestamente conoscere per r esempio di 
lerone e di leronimo siracusani ; del quali V uno fu chia- 
mato re, e Taltro tiranno; perchd essendo lerone di quella 
santit^ di vita che testiflcano gli scrittori, fu amato men-» 
tre che e' yisse, e desiderato poi che fu morto da'suoi cit- 
tadini; ma leronimo suo figliuolo, che poteva parere pid 
confermato nello Stato, e piil legittimo mediante la succes- 
sione, fu per la sua trista vita cosi odiato dai medesimi 
cittadini, ch'e* visse e mori da tiranno; e quelli che Taomiaz* 
zomo furono lodati e celebrati; dove, s*eglino avessero 
morto il padre, sarebbono stati biasimati e reputati par- 
ricidi; si che i costumi son quelli che fanno di venire i 
principi tiranni contro a tutte le investiture, tutte le ra- 
gioni e succession! del mondo. Ma per non consumar piu 
parole in provar quello ch' d pi£i chiaro del sole, vengo a 
risponder a quelli che dicono , ancorch^ e* fusse tiranno, 
che io non lo dovevo ammazzare, essendo io suo servitore, 
del sangue suo, e fidandosi egli di me; i quali non vorrei 
che portassero altra pena d^rinvidia e malignity loro, se 
non che Dio gli facesse parent!, servidori e confident! del 
tiranno della patria loro, se non ^ cosa troppo empia de- 
jlderare tanto male ad una citt& per colpa di pochi; poich^ 



APOtOOIA 7 

cercano di oscurare la buona intenzione coa qttesto ea^ 
liumie, cbe quando le fussin vere, non arebbon esse forza 
alcana di farlo; e tanto piu, che io sostengo cbe io noa 
fui mai servitore di Alessandro, n^ egli era del miq i^an- 
gue, mio parente, e prover6 cbe ei non si fld6 mai di 
me YOlontariamcnte. In due modi si pu6 dire cbe uno sia 
servo servitore di un altro: o pigliando da lui premio 
per servirlo e per essergli fedele, o essendo suo sebiavo, 
percbd i sudditi ordinariamente non son compresi sotto 
questo nome di servo e di servitore. Che iq non fussi 
sebiavo di Aiessandro ^ cbiarissimo, si come d cbiaco an- 
cora (a cbi si cura di saperlo) cbe io, non solo non rice- 
vevo premio o stipendio alcuno, ma che io pagayo a liu 
la mia parte delle gravezze, come gU altri cittadini; e se 
egll credeva, cbe io fussi suo suddito o vassallo, perob'cgli 
poteva pill di me, e'dovette conbscere cb*ei s' ingannav* 
quando noi fummodei pari; si cbe io non fui mai ne po? 
tevo essere cbiamato suo servitore. Cbe egli non fiisse ) 
deUa casa dei Medici e mio parente, ^ manifesto, peicbe 
era nato di una donna d' iniimo e vilissimo stato , da 
Colle Veccbio, in su quel di Roma, cbe serviva i|i casa ^ 
il duca Lorenzo agli ultimi servizii della casa, eU era ma- 1 
ritata a un vetturale, e infln qui 6 manifestissimo. Dubi-i 
tasi, se il duca Lorenzo, in quel tempo cb'egli era fuoruf 
scito, ebbe cbe fare con questa serva; e s'egli accadde, ac- 
cadde non piu d'una volta; ma cbi 6 cosi imperiio del 
consenso degU uomini e della legge, cb'ei non sappia, cbe 
quando una donna ba marito e cb*ei sia dove lei, ancora 
cb'ella sia trista, e cb'ella esponga il corpo suo alia libi- 
dine di ognuno, cbe tutti i figliuoU cbe eUa fa, soa sem- 
pre giudicati e sono del marito , percb6 le leggi v^tiono 
conservar Vonestk quanto si pud? Se adunque quesia serva 
da CoUe Veccbio (della quale non si sa, per la sua nobill^, 
nd nome n6 cognome) era mariuta a un vetturale, e questo 
6 manifesto e noto a tutto il mondo, Aiessandro, secoado e le 
leggi umanee le divine, era flgliuolo di quel vetturale e non 



S LORENZINO 0E*NI01CI 

del duca Lorenzo; tantoch*egH non aveva meco altrointe- 
resse, de non che era flgliuolo di un vettarale di casa Medici. 
Ch*egU non si fldasse di roe, lo provo, perclid non voUe mat 
acconsentire cbe io portassi armJ, ma mi tenne sempre disar- 
mato, come faceva agli altri cittadini, i quali egli aveva tutti 
sospetti. Oltre a questo mai si fid6 meco solo, ancor che io 
fussi sempre sens'armi, ed egli armato, che del continao 
aveva seco tre o <}uattro de'suoi satelliti; n§ quella notte 
che fu Tultima, si sarebbe fldato, se non fusse stata la 
^renata sua libidine, che raccec6 e lo Sece mutare, contro 
a suo proposito, voglia. Ma come poteva egli essere, ch'egli 
si fldasse di me, se non si fl46 mai d'uomo del mondo? 
percfa^ non amd mai persona, e ordinariamente gli uomini 
non si posson fldare se non di quelli che amana E che 
e* non amasse mai persona, anzi ch'egli odiasse ognimo, si 
conosce poi ch'egli odi6 e perseguit6 con veleni, e sino 
alia morte, le cose piCi propinque e che gli dovevano esser 
piu care, cio6 la madre ed il cardinale Ippolito de'Medici, 
ch'era riputato suo cugino. Io non vorrei che la grandezza 
deUe scelleratezze vi facesse pensare che queste cose fus- 
sono finte da me per dargli carico, perch^ io son tanto 
lontano dairaverle Ante, che io le dico piik sempllcemente 
«be io posso, per non le fare piu incredibili di quelk) che 
elle sono per lor natura. Ma di questo c'^ inflniti testi- 
mooi, infinite esamine, la fama fresehissima, d'onde si sa 
per cerus che questo roostro, questo portento, fece av- 
velenare la propria madre, non per altra causa, se non 
che, vivendo, la faceva testimonianza della sua ignobilit^; 
perch^ ancorchd fusse stato molti anni in grandezza, egli 
raveva lasciata nella sua poverty e ne'suoi esercizii a 
lavorar la terra insin a tanto che quei«cittadini, che avean 
fkiggita dalla nostra citt^ la crudeltk e avarizia del tiranno 
insieme con quelli che da lui n'^^no stati caociati, volsero 
menare all'Imperatore a Napoli questa sua madre, per mo- 
strart a sua Maestk d'ond'era nato colui il quale ei com- 
portav* che comandasse Fhrenze. Allora Alessandro, non 



APOLOGIA 9 

scordatosi, per la vergogna, della pieUi e dell*amor debito | 
alia madre (quale egll non ebbe mai), ma per una sua | 
innata crudeltk e feriUi, commesse, che sua madre fusse f 
morta avanti cb'ella andasse alia presenza di Cesare; 11; 
€be quanto gli fusse difficile, si pu6 considerare, immagi- 
nandosi una povera veccbia cbe stava a fllare la lana, e , 
a pascer la pecore : e s*ella non sperava piu ben nessuno : 
da] suo figliuolo, almeno la non temeva cosa si inumana < 
e si orrenda; e se ei non fusse stato oltre al piii crudele .' 
il piu insensato uomo del mondo, ei poteva pure condurla i 
in qualcbe luogo segretamente, dove se non Tavesse voluta .. 
tener da madre^ la poteva tener almanco viva, e non vo- | 
ler all'ignobilit^ sua aggiungere tanto vituperio e cosi ne- i 
fanda seelleratezza. E per tornar al proposito io concludo, ^ 
cbe, poicbe lui non amo n^ sua madre, nd il cardinale 
de' Medici, n^ alcuno altro di quelli cbe gli erano pii^ 
congiunti, e' non am6 mai alcuno, e per conseguenza 
non si M6 mai di nessuno; percb^ come io bo detto, non 
ci |(k)ssiamo noi fidare di quelli cbe non amiamo, si cbe 
io non fui mai suo servitore, n^ parente, n^ egli mai si fid6 di 
me. Ma e'mi par bene, cbe quelli cbe per esser male infor- 
mati, per qualcb*altro rlspetto, dicono cb'io bo errato ad 
ammazzare Alessandro, allegandone le sopraddette ragioni, 
mostrino esser molto manco informati delle leggi ordinate 
contro e'tiranni, e delle azioni lodate fra gli uominl, cbe 
banno morto infino i propri fratelli per la llbertit della 
patria: cb^ se le leggi non solo permettono, ma astringono 
il flgliuok) ad accusare il padre in caso cbe ei cercbi di 
occupare la tirannide della sua patria, non era io tanto 
piu obbligato a cercar di iiberare la patria gi^ serva con 
la morte di uno, cbe quando ben fusse nato di casa mia 
(cbe non era), a loro modo, sarebbe stato bastardo, e Ion- 
tano cinque o sei gradi da me? E se Timoleone si trov6 
ad ammazzare il proprio fratelk) per liberar la patria, a 
ne fu tanto lodato e celebrato , cbe na d ancora , percb^ 
averanno questi malevoll autoritk di biasimarmi? Ma quanio 



40 LORERZINO DE* MEDICI 

all' ammazzare nnb che si fldl (il che io non dico di aver 
fatto), dico bene, che se^ io 1' avessi fatto, io non arei er- 
rato; e se io non avessi potutofare altrimenti, Tarei fatto. 
Io domando a questi tali, se la loro patria fusse oppressa 
da un tiranno, se Io chiamerebbono prima a combattere^ 
o se gli farebbono prima intendere che Io volessino am- 
mazzare, sapendo di aver ancor loro a morire, o vero, se- 
cercherebbono di ammazzarlo per tutte le vie, econ tutti 
gringanni, e tattl gli stratagenmii, purch*egli restasse morto^ 
e loro vivi ? Quanto a me, io penso che non piglierebbono 
briga di ammazzarlo n^ nell'un modo nb nell'altro; n6 si pu6^ 
credere altrimenti^ poiche biasimano chi ha preso quel 
modo ch'era piu da pigliare. Se questo consenso, e questa 
legge, che 6 fra gli uomini santissima, di non ingannare^ 
chi si fida, fusse levata via, io credo certo ch' e'sarebbo 
peggio essere uomo che bestia, perch^ gli uomini manche- 
rebbono principalmente della fede, dell' amicizia, del con- 
sorzio e della maggior parte delle qualitlt che ci fanno su- 
periori agli animali bruti , essendo nel resto una parte di 
loro e di piu forze di noi, e di piii vita, e maneo sottoposta 
ai casi e alle necessity umane. Ma non per questo vale la 
conseguenza, che questa fede e questa amicizia si abbia da 
osservare ancora coi tiranni, perch^ siccome loro perver- 
tono e confondono tutte le leggi e i buoni costumi, cosi gli 
uomini sono obbligati contro tutte le leggi e tutte Tusanze 
a cercar di levarli di terra, e quanto prima Io fanno, tanto- 
piu sono da lodare. Certo sarebbe una buona legge per i 
tiranni, questa che vol vorreste introdurre, ma cattiva per 
il mondo, che nessuno debba offendere il tiranno di quelli 
in cui egli si Ada, perchS fldandosi egli di ogni uno, non 
potrebbe per vigore di questa vostra legge esser offeso 
da persona, e non avrebbe bisogno di guardie o fortezze; 
si che io concludo che i tiranni In qualunque modo e^si 
ammazzino, sieno ben morti. 

Io vengo ora a rispondere a quelli che non dicono gik 
cbe io facessi errore d' ammazzare Alessandro, ma che io 



APOLOGIA 41 

errai bene nel modo del procedere dopo la morte; ai 
quali mi sark un poco piik difficile il rispondere, che 
agli altri; perchd Tevento pare che accompagni la loro 
opimone: dal quale loro si muovono totalmente, senza 
avere aitra considerazione, ancorchd gli uomini savi sieno 
cosi alieni dal giudicare le cose dagli eventi, che eglino 
usino lodare le buone e sayie operazioni, ancor che Teffetto 
sortisca tristo, e biasimare le triste, ancorchd lo sortiscana 
buono. lo voglio oltre a questo dimostrare, che io non po- 
tevo fare piu di quello che io feci; ma ancor se io tentava 
altro, che e' ne resaltava danno alia causa , ed a me bia- 
simo. Dico dunque che il fine mio era di liberare Firenze ; 
e r ammazzare Alessandro era il mezzo. Ma perchS io co- 
noscevo che questa era un'impresa la quale io non potevo 
condur solo, e comunicarlo non yolevo per il pericolo ma- 
nifesto che si corre in aUargare cose simili, e non tanto 
della vita, quanto del non le potere condurre a fine, io mi 
risolvetU a far da me fin che io potevo fare senza compa- 
gnia, e quando io non potevo far piQ cosa alcuna da me» 
allora allargarmi a domandare aiuto; il qual consiglio mi 
successe felicemente dno alia morte d' Alessandro, che in- 
5ino allora ero stato sufficiente a far quanto bisognava ; 
ma d' allora in qua cominciai ad avere bisogno d'aiuto^ 
perchd mi trovavo solo, senz'amici e confldenti, e non 
avevo altra arme che quella spada, con che io Tavevo 
morto. Bisognandomi dunque domandar aiuto, io non po- 
tevo piu convenientemente sperare in quelli di fuora, che 
hi quelli di Firenze; avendo visto con quanto ardore e con 
quanto animo loro cercavano di riavere la liberty loro, e 
per ii contrario con quanta pazienza e viltk quelli ch'erano 
in Firenze sopportavano la servitCk; e sapendo, che gli 
erano parte di quelli che nel MDXXX si erano trovati a 
difendere cosi virtuosamente la loro liberty, e che il restO' 
erano fuorusciti volontari; d'onde si poteva sperare piii in 
loio, che in quelli didentro: poichd quelli vivevano sotto 
la tirannide, e questi volevano esser pid tosto ribelll che 



• # 



42 LORENZIMO DB*m01CI 

servi; sapendo ancora, che i fuorusciti erano armati, e 
quel di dentro disarmatissimi ; in oltre tenendo per certo, 
che quel di fuora volessero tutti unitamente la liberU, e 
sapendo che in Firenze vi erano mescolati di queUi che 
Yolevano anco la tirannlde; il che si yedde poi che vale 
11 giudicare degli event! , che in tutta quella cittit in 
tanta occasione non fu chi si portasse, non dico da buon 
eittadino, ma da uomo, fuor che due o tre: e questi tali, 
che mi biasimano, par che cerchino da me ch'io aveva ad 
andar convocando per la cittk il popolo alia libertii, e mo- 
strar loro il tiranno raorto; e vogliono, che le parole aves- 
sero mosso quel popolo, 11 quale conoscono non essere stato 
mosso da' fatti. lo aveva dunque a levarmi in ispalla quel 
<x)rpo morto a uso di facchino , e andar gridando per Fi- 
renze come pazzo ? Dico solo, che Piero mio servitore, che 
nell' aiutarmelo ammazzare si era portato cosi animosa- 
mente , dopo il fatto , e poich* egli ebbe agio a pensare al 
pericolo che egli avea corso e che ancora poteva correre, 
era tanto avvilito, che di lui non potevo disegnare cosa 
alcuna. £ non ayevo io a pensare, sendo nel mezzo della 
guardia del tiranno, e si pu6 dire nella medesima casa dove 
erano tutti 1 sua servitori, e essendo la notte per sorte un 
lume di luna splendidissimo, d' avere a essere oppresso e 
morto prima che io avessi fatto tre passi fuor della porta? 
£ se io avessi levatogli la testa, ch^ quella si poteva celar 
sotto un mantello, dove avevo io a indirizzarmi^ essendo 
solo, e non conoscendo in Firenze alcuno, in che io confl- 
dassi che mi arebbe creduto? perch^ una testa tagliata si 
trasfigura tanto, che aggiunto il sospetto ordinario che 
hanno gli uomini di essere tentati o ingannati, e massime 
da me, che ero tenuto di mente contraria a quella ch' io 
avevo, potevo pensare di trovar prima uno che mi am- 
mazzasse, che uno «he mi credesse; e la morte mia in 
quel caso importava assai , per che avrebbe data reputa- 
zione alia parte contraria, e a qoelli che volevano la ti* 
rannide, potendo parere che con quel moto fusse in parte 



APOLOGIA 49 

la morte d' Alessandra vendieata; e cosl procedendo per 

quel verso, io potevo piQ nuocere alia causa, che giovare. 

Perd io fui di tanto contraria opinione a quella di costoro, 

che, non che Io pubblicassi la morte d' Alessandro, cereal 

di occultarla, e piu ch*io potetti, in quelFinstante, e portal 

meco la chiave dl quella stanza dov'egli era rimastomorto; 

come quello che arei voluto, se fusse stato possibile, che 

in on med^imo tempo si fusse sooperto che il tiranno era 

morto, e inteso che i fuonisciti s'erano mossi per venire 

a rlcuperare la liberty; e da me non rest6 che cost non 

fusse. Certi altri dicono, ch'io dovevo chiamare la guardia 

del tiranno, e mostrargtielo morto, e domandar loro che 

mi conservassero in quello stato come successore, e in 

somma damU loro in preda; e di poi^ quaado le cose 

fussero state in mio potere, che io avessi restituita la re- 

pubblica, come si convenira. Questi , che la discorrono 

per questo verso, almanco conoscono che nel popolo non 

era da confidare in conto alcuno; ma e'non conoscono gi^ 

che se quel soldati in quel primi moti, e ptr il dolore di 

veder li morto il suo signore, avessero morto me, come d 

v«risimile che egli arebbon fatto, che io arei perso insieme 

la vita e r onore; perchd ognuno arebbe creduto che io 

avessi voluto far tiranno me, e non liberare la patria; dal 

quale concetto, cosi come io sono stato sempre allenissimo 

nel mio pensiero, cosi mi sono ingegnato di tenere lontano 

gli animi degli altri. Si che nell'un modo, io arei nociuto 

alia causa, nell'altro all'onor mio. Ma io confesserei facil- 

mente d'aver errato, non avendo preso un di questi o si- 

mili partiti, se io non avessi avuto da sperare, che i fuo- 

rosciti non dovessero meco finir Topera che io avevo co- 

minciato; perchd avendoll io visti cosi frescamente a Na« 

poll venire con tanta reputazione e con tanto animo, e 

eosi unitamente a ridomandar la loro liberty in presenza 

del tiranno ch'era non solo vivo, ma genero deirimpera- 

tore, a Chi e' la domandavano; or non avevo io a tener 

per certo, che da poi ch'egli era morto, e che rimperatore 



44 LORENZIMO OE' MEDICI 

era in Spagna e non a NapoU, ch'egli avessero a raddop- 
piare e la potenza e Tanimo ch*io avevo yisto in loro, e 
Che dovessero venire a ripigliar la (liberU? Gerto e'nd 
parrebbe essere stato mallgno se io non avessi sperato 
questo da loro, e temerario s*io non avessi preso questo 
partite prima ch*alcun*altro. Io confesso, che non mi venne 
mai in considerazione, che Ck)simo de' Medici dovesse sue- 
cedere ad Alessandro; ma quando r avessi pensato e ere- 
duto, io non mi sarei governato altrimenti dopo la morte 
del tiranno, che come io feci; perch^ io non mi sarei ma! 
immaginato che gli uomini, che noi reputiamo savi, do- 
vessero preporre alia vera presente e certa gloria, la for- 
tuna incerta e la trista ambizione. Egli e altrettanta diffe- 
renza dal discorrere le cose e farle^ quanta n*6 dal discor- 
rere le cose dopo il fatto; per6 quelli che discorrono ora 
cosi facilmente quello che io doveva fore allora, se si fos- 
sero trovati sul fatto avrebbero un po* meglio considerate 
quanto era impossibile soUevare un popolo sbigottito ed 
avvilito, battuto, disarmato e diviso, che si trovava in 
corpo una guardia, e in capo una fortezza, che gli era di 
tanto maggiore spavento, quanto la cosa era piu nuova ed 
insolita in Flrenze; e tanto piil era a me difficile, ch'oltre 
al portare il nome de' Medici, era in concetto d'amatore 
della tirannide. E cosi quelli che discorrono le cose dopo 
il fatto, e veggono che le son mal successe, se mi aves- 
sino avuto a consigliar allora quando avessero visto da un 
lato tanta difflcolt^, daU'altro i fuorusciti con tanta repu- 
tazione, hi tanto numero, cosi ricchi, cosi uniti per la liberty, 
come tutto il mondo credeva, e che non avevano ostacolo 
alcuno al tomare in Firenze, poich^ il tiranno en levato 
via; io credo che sarebbono stati di contraria opinione a 
quella che ora sono. Ed insomma la cosa si riduce qui, 
che dove volevano che io 8(^0 e disarmato andassi sve- 
gliando e convocando 11 popolo alia liberta, e che io m'op- 
ponessi a quelli ch'eranodi contraria opinione, il che era 
impossibile, Io Io volevo fare in compagnia de'fuiHuscitiy 



APOLOGIA 45 

e col favore degli uomini del dominio, quali io sapevo che 
erano la maggior parte per noi; e se fussimo tornati alia 
volta di Firenze con quella celeritk e risoluzioni che 
si ricercava, noi non trovavamo fattoci contro provvedi- 
meiV) alcuno; n^ Telezione di Cosimo, che era cosi malfon- 
data e cosi fresca, ci poteva impedire o nuocere, Se adun- 
qae io avessi trovato i fuorusciti di quell'animo e di quella 
prontezza che ei dovevano essere, e che era per6 la mag- 
gior parte di loro, ma quelli che potevano manco, qnando 
e' non avessero avuto altre quality che essere fuorusciti, 
nessuno negherk che la cosa non fosse successa appunto 
com'io m*ero immaginato, e che si pu6 provare con molte 
ragioni che per n<Hi essere troppo lungo si lasciano, e per 
11 caso di Monte Murlo, perch^ dopo molti mesi ch* e' do- 
vevano, e dappoich*egli avevano lasciato acquistare gli av- 
versari, oltre alle forze, tanta riputazione quanto loro ne 
avevano perduta, succedev* egli di liberar Firenze, se la 
malignitlt e V inetta ambizione di pochi non avesse data 
agli aw^ersari quella vittoria, che lor medesimi non spe- 
ravan mai; i quali quando si veddero vincitori, non pote- 
vano ancor credere d'aver vinto, tanto che i fuorusciti 
persono un'impresa che da ogni uomo era giudicato che 
non si potesse perdere. Per6 chi non vorrk di nuovo giu- 
dicare second© gli eventi, conoscerk che essi allora areb- 
bono messo Firenze in liberta, se si fusslno saputi gover- 
nare; e tanto piu era la cosa certa, se dopo la morte di 
Alessandro immediatamente avessin fatto la me\k dello 
sforzo che feciono allora, e che noa feciono quando e* do- 
vevono perch6 ei non volsono; ch'altra raglone non se ne 
pu6 allegare. Ancora voglio confessare a quest! tali d' es- 
sermi mal govemato dopo la morte d' Alessandro, se loro 
confessano a me di aver fatto questo medesimo giudizio, 
in quello istante ch'eglino intesono ch'io 1* aveo morto, e 
che io era salvo; ma se feciono allora giudizio in contrario, 
e se parve loro che io avessi fatto assai ad ammazzarlo e 
salvarmi, e se giudicarono subito, essendo usciti fuori tanti 



46 LORENZINO DB'MEDIU 

cittadini cosi potenti e di tanta reputazione, che Firenze 
avesse riavuta la liberty, io non voglio concedere ora che 
si ridichino, n6 che pensino ch' io mi partissi di Firenze 
per poco anlmo, e per soperchio desiderlo di vivere: con- 
ciossiachd mi stimerebbono di troppo poco giudizio^ se vo- 
iessero che io avessi indugiato infino allora , a conoscere 
che quel che io trattavo, si trattava con pericolo: ma se 
considereranno tutto, e'conosceranno ch*io non pensai mai 
alia salute mia piu di quello ch*d ragienevole pensarvi, e 
s'io me ne andai poi a Costantinopoli, io Io feci quand' io 
yeddi le cose non solo andate a mal cammino, ma dispe- 
rate; e se la mala fortuna non m' avesse perseguitato in 
fin 1^, forse quel viaggio non sarebbe riuscito vano. Per 
tutte queste ragioni io posso piu presto vantarmi d* aver 
liberato Firenze, avendola lasciata senza tiranno, ':be non 
possono loro dire che io abbia mancato in conto alcuno; 
perch6 non solo io ho morto il tiranno, ma son andato io me- 
desimo ad esortare e sollecitare quelli che io sapevo che 
potevano, e pensavo che volessino far piu degli altri per 
la Uhertk della patria loro. E che colpa dunque S la mia, 
s'io non gli ho trovati di quella prontezza e di quell' ar- 
dore che avevano ad essere? che piu ne poss*io? Guar- 
disi in quello che ho potuto far senza I'aiuto d'altri, se io 
ho mancato; del resto non domandate dagli uomini se non 
quello ch'e'possono, e tenete per certo che se mi fosse state 
possibile, che tutti i cittadini di Firenze fussero di quel- 
ranimo verso la patria che dovrebbono, che cosi -com' io 
non ebbi rispetto per levar via il tiranno, ch*era il mezzo 
per conseguire il fine propostomi, mettere a manifesto pe- 
ricolo la vita mia , e lasciare in abbandono mia madre, 
mio fratello e le mie cose piu care, e mettere tutta la mia 
casa in quella rovina ch'ella si trova al presente, che per 
il fine istesso non mi sarebbe paruto fatica spargere il pro- 
prio sangue, e quelle de* miei insieme ; essendo certo che 
nd loro n6 io aremmo potuto flnire la vita nostra piu glo- 
rlosamente, che in servizio della patria. 



ARIDOSIO 



COMMEDIA 



DI 



LORENZINO DE' MEDICI 



Lorenz, de' Medici 2 



PROLOGO 



Se voi averete pazieniaj sarete speUatori di una nuova 
commedia iniitolata Aridosiaj da Aridosio detia (Aridosio 
clUamtito per essere piu arido che la pomice) della quale 
vi conforto a rum curarvi di saper Vautore, perch'egli h un 
eerto omkiatto, che non e nessun di voi che veggendolo 
nan Vavesse a noia, pensando che egli ahhia fatto una 
commedia. Dicono ch' egli i di spirito; to per me nol credo, 
e quando ei seppe, che io veniva a farvi VcprgomentOj m'tm- 
pose che io vi facessi una imhasciata a tutti, che se voi lo- 
derete questa sua commedia sarete causa che ce ne ahbia a 
fare delValtre; onde vi prega che voi la hiasmiate, accid U 
togUate questa fatica. Vedete che cervello e questo: gli aUri 
si affaticano in comporre , chieggono j e pregano di essere 
lodati, e quando e*non hanno altro rimedio si lodano da 
loroy e costui domanda di essere hiasmato, e questo dice 
che fa solo per non fare come i poeti, e a mio giudizio ha 
mUle ragioni, perch6 ha piu viso d' ogni altra cosa che di 
poeta. Per ora voi avete inteso di lui tutto quello chese ne 
pud dire. Resta che voi stiate a vedere questa sua commedia, 
e alia fine U) soddisfacciaU, poi che non viha a costare aUro 



so PROLOGO 

the parole, L'argomento va in istampa, perchi il mondoi 
stato sempre ad un modOj e egli dice che non i possihile a 
irovare piu cose nuove, si che hisogna facciate con le vec- 
chiCj e qtmndo bene se ne trovasse, molte volte le cose vec- 
ehie sono nUgliori delle nuove; le monete, le spade, le scul- 
ture, le gdlUne, ed ewi chi dice che le donne vecchie sono 
come le galline, Perd non ahhiate a sdegno, se altre volte, 
; avendo visto venire in scena un giovane innamorato , un 
vecchio avaro, un servo che la inganni, e simil cose, delle 
quaU non pud uscire chi vuol fare commedie, di nuovo U 
vedrete, e io per non vi fastidire con l'argomento, che lungo 
sarehbe^ me ne tornerd drento, e dird d'avervelo recitato, e 
voi se starete altenti , caverete il subbietto da mona Lu- 
crezia e Marcantonio, marito e moglie, che di qua vengono. 
A Dio. 



INTERLOCUTOR! 



MARCAOTONIO vecchio. 
Mona LUCREZIA sua moglie. 
L.UCIDO servo. 
TIBERIO giovane. 

LIVU schiaya del Ruflfo. 
BUFFO, 

CESARE giovane. 

ERMmo flgiiuoio adottivo di Marcantonio. 

ARIDOSIO vecchio fratello di Marcantonio. 

MONACA. 

OUCOMO prete. 
Shot MARIETTA. 
Mona PASQUINA serva. 
PAULINO ragazzo. 
Messer ALFONSO vecchio. 
BRIGA servo. 



ATTO PRIMO 



llMr«aB««Bl« e Mona LoereBl* sua moglie. 

MAR. Gerto d com*io ho detto, che la maggior parte dei 
costumi dei giovani, o buoni o cattivi cbe si siano, pro- 
cedono dai padri e madri loro, o da quelli che in luogo 
di padre o di madre li custodiscono. 

LUG. Egli d yero che i padri o fattori o i maestri lo pos- 
sano fare, ma le niadri no; perchd sendo donne, in questo 
come nelle altre cose del mondo hanno pochissima parte. 

MAR. ^ par talvolta si sono visti esempi in contrario, che 
le donne piii abbiano potuto ne' flgliuoli che i padri, e 
non solamente ne*flgliuoli, ma ancora ne* mariti lore; e 
per non ayere a cercare esempio piu discosto> ti devi ri- 
cordare come Aridosio mio fratello e io fummo alJevati 
in on medesimo tempo e dai medesimi padre e madre, 
e nel medesimo tempo pigliammo moglie, della quale 
egli ha ayuto Tiberio, Erminio e Cassandra, e nol ancora 
nessuna D'allora in qua esso cominci6 a diyentare avaro, 
e a posporre ogni piacere e ogni onore alio accumulare, 
tanto ch*egli ^ ridotto meschino come yedi. lo, Dio grazia, 
mi sono mantenuto con quello stile di yiyere che da mia 
madre mi fu lasciato, e di questa mutazione non si pu6 
allegare altre ragioni, e non si pu6 pensare che sia stato 
altro che la moglie, la quale tu sai quanto era meschina, 



2i ARIDOSIO 

perfida e da poco; e mai non ebbe Aridosio la maggior 
yentura, chc quando ella si mori, benche a lul paresse 
di fare grand issima perdita, perch6 gik s'era accomodate 
a'suoi costumi. 

LUC. Oh infelici donne le quali a detto vostro son causa 
di tutti i mali; e soIq allora fanno felici e'avventurate 
le case, quando inaspettatamente si muoiono. 

MAR. E che vuoi tu che sia stato causa di tanta muta- 
zione, e che di liberale Tabbia fatto miserissimo? perch6 
in lin a questo tempo sai come era vissuto; per6iorin- 
grazio la sorte che piii presto a lui che a me abbia 
mandato tan to male, la quale nelle cose del mondo pu6 il 
tutto; ch6 io mi ricordo nostro padre piu volte dubitare, se 
a me a lui te o lei doveva dare. Poi si risolvette in 
modo che io m'ho da lodare grandemente e egli da do- 
lere, e sebbene esso ha avuto tre flgliuoli , che certo 6 
gran felicity e io nessuno, egli volentieri ci ha dato Er- 
minio suo minore, e noi Io tegniamo, e come se fatto Io 
ayessimo Io amiamo, e plii forse, perch6 n6 tu n6 io di 
lui abbiamo avuto quel fastidii, che dei putti piccoli si 
hanno. 

LUC. Non dite cosi, ch6 quelli non son fastidii, ma secondo 
che io penso son cure da far passare 1 fastidii; pure io 
ringrazio Iddio, che dappoi che non gli ^ piaciuto, che 
io abbia ligliuoli , ha fatto che ci siamo imbattuti in 
nn giovane, qual ^ Erminio, al quale sebben noi ab- 
biamo a lasciare la roba nostra, e n^lla fede sua e 
al suo govemo ci abbiamo a rimettere, quando piu 
vecchi saremo, se r amor non m'inganna, mi pare di 
potere da lui sperare ogni bene; ma io ho paura, Mar- 
cantonio mio, che tu non gli lasci troppo la briglia in 
sul collo, e che poi a tua posta non Io possa ritenere, 
perch6 tu Io lasci senza pensieri e di studii e di fac- 
cende ; solo attende a' cavalli, a* cani o alf amore, onde 
mi dabito, che, passato questo fervore della sua gioventii, 
forte si «nbbia a pentire di avere invano consumato il 



ATTO PRIMO S5 

tempo, e forse si dorrk di te , che non gli prowedesti, 

quando potevi. 

MAR. lo mi maraviglio assai, e di te, e di tutti quelli 

cbe pensano che i flgliuoli si possano ritrarre dalle loro 

incliQazioni, o con busse, o con minaccie, perchd sappi 

certo che , se io volessi ad Erminio proibire tutti i suoi 

piaceri, farei peggio, ma bisogna col concedergli una 

cosa cbe importa poco, e che a lui sia a cuore, proibir- 

giiene un'altra, che importi assai, e cost avvezzarlo, che 

ei m' ubbedisea non per paura, ma per amore, perch6 

quelii che fanno bene per paura Io fanno tanto quanto 

e' pensano che si possa risapere; quando pensano di far 

male, nascosamente lo fanno: guarda Tiberio come suo 

padre gli ha le mani in capo continuamente , lo tiene 

in Tilla con la sorella, perch^ non ispenda, e percb^ non 

pratichi nella cittk, dove dice che son molte comoditk 

di far male. Nientedimanco son poche notti ch' ei non 

venga in Firenze, e pur questa ho inteso che ci d stato, 

e ha messo mezzo a rumore questa cittk per avere una 

schiava del Ruffo qui vicino a voi, e fa delle cose molto 

peggiori di Erminio, perch6 gli 6 necessario che la gio- 

rentu Tabbia 11 luogo suo. Se adunque questo i glovani 

hanno a fare., quanto 6 meglio awezzargli che non si 

abbiano a yergognare dai padri, ma da loro istessi fa- 

cendo cose brutte? Pensa perd Aridosio per tenerlo in 

villa, che non voglia spendere, e far le cose da giovane ? 

Io so ch* ei fa e V uno e r altro senza rispetto, e quel 

buon uomo con ogni estrema miseria attende a cumu- 

lare, lavora inflno alia terra di sua mano, e s*ei sapesse 

che venisse la notte io Firenze, o che egli spendesso 

pure un soldo, si darebbe al diavolo, e cosi vivono tutti 

malcontenti, inflno a quella povera figliuola, la quale 6 

gik grande da marito, che 6 disperata, perch^ per non 

si avere il padra a cavare di mano la dote, non le vuol 

dar marito, e trovasi contanti in un borsotto due mila 

ducati, li quali porta sempre seco, e ha una cura estrema, 



26 ABIDOSIO 

cbe io non gli vegga, percbd non fo mai altro che sgri- 
darlo, che lascia invecchiarsi in casa la mia nipote; egU 
mi risponde che b poyero, e che non le pu6 dar la dote. 
Credo che vorrebbe che io ne la dessi del mio, e quando 
si duol meco di Tiberio, e che Erminio Io svia, gli dico 
cbe gli dovrebbe dar moglie, ed ei mi risponde cbe bi- 
sogna considerare molto bene a questi tempi mettersi 
una bocca vantaggio in casa, cbe importa un mondo, e 
insomma non pensa ad altro cbe ad avanzare, e allora 
gli parrebbe bene , che r avesse fatto simile a' suoi co- 
stumi. 

LUC. Io non vorrei gik, cbe tu fossi strano verso Erminio 
com*d Aridosio verso Tiberio, ma vorrei bene li vietassi 
certe cose, come sarebbe a dire, io bo inteso, non so se 
si b il vero, ch'egli d innamorato di una monaca di 
Santa Osanna; parti egli che sia conveniente a far queste 
cose, le quali, e a Dio e agli uomini dispacciono? Sappi 
ch*ella gli dk gran carico, e a te cbe la comporti. 

HAR. Di questo non ne so alcuna cosa, e certo quando ei 
fosse vero non me ne parrebbe molto bene, e con ogni 
rimedio cercherei stomelo, bench^ alia gioventCi si com- 
portlno piu cose che tu forse non pensi, ma io ho caro 
che me n* abbia fatto awertito , percbd ne vogllo rilro- 
vare Tintero, e di poi piglierd quel partito, che meglio 
mi parrk, ed ecco appunto di qua il suo servo Lucido, 
che sa cid che ei pensa, e ci6 che ei sogna, ed egli molto 
meglio che alcuno altro me Io potrk dire. 

LUC. Te Io faresti bea prima dire a questa porta; tu non 
conosci Lucido, eh? 

MAR. Pur proverd, ma vattene in casa, cbe piu da te che 
da me si guardano, e poi ti ragguaglierd. 

LUC. Cosi far6. 



ATTO PRIMO 27 



Lb«I4« servo, e ll*reAB««Bl«. 



LU. Ei pare, che la fortuna sempre si diletU di far venir 
Toglia aglt uomini di quelle cose, che sono piu dlfflcili 
ad ottenersi. lo non credo, che in Firenze sia donna 
alcana, che non avesse di grazia far piacere ad Ermlnio, 
ed egli s'd innamorato di costei, la quale non che possa 
godere, ma bisogna che con mille rispetti le parii, ed 
6nne guasto, fracido morto, che altrq non pensa e non 
parla che la Fiammetta. 

MAR. £i parla da s^ di questo. 

LU. Adesso mi manda a vedere quel ch'ella fa: com' ell a 
sta; e raccomandasi a lei, e ogni giomo ho questa gita 
per amor di Dio e de'servi suoi. 

MAR. Lo YO'chiamare avanti che pigli altro viaggio. Lu- 
cido, Lucido. 

LU. Chi mi chiama? d Marcantonio. Che domandate ? 
.MAR. Che d d'Erminio, che iersera non tom6 a cena? 

LU. Gen6, e dormi con Tiberio in casa Aridosio. 

MAR. £ tu dove vai? a portare qualche imhasciata al 
monastero? 

LU. Che sapete vol di monastero? 

MAR. Sonne quel che tu. 

LU. A dirvi il vero mi mandavB a vedere se ella voleva 
niente. 

MAR. In verity, che Erminio in questo mi fa tortot perchd 
tu sai se io lo compiaccio, e piu presto lo aiuto nelle 
sue voglie e ne*suoi amori , che sono in qualche parte 
ragionevoli; ma questo ha troppo del disonesto; ei do- 
vrebbe pure aver rispetto all'onor suo, e mio; perch6 il 
carico 6 dato a me, che lo lascio fare; ei pare , che a 
Firenze ci manchino le donne da cavarsi le sue voglie, 
che si abbia andare inflno nei monasteri. 



2S ARIDOSIO 

LU. lo gli ho detto questo piu volte, ed egli parte sel co- 
Dosce; ma voi sapete Marcantonio, che Tamor non ha 
legge, ed ^ un gran tempo che le cominci6 a voler bene, 
ed ella 6 una bellissima figliuola, nobile e virtuosa, che 
forse se voi la vedeste gli avreste piil corapassione che 
non le avete, e siate certo, che prima saria possibile 
far diventare Erminio un altro uomo, che fargli lasciare 
questo amore, e vu6 dire piu avanti, che Y animo suo 
sarebbe di pigliarla per moglie. 

MAR. mat piCi sentli dire, che le monacbe si pigllassero 
per moglie. 

LU. la non 6 monaca, che ella non e ancora velata e 
non vorrebbe essere, ma la serk s'ella crepasse perchd 
ella ha una buona ereditli, e le monache r hanno adoc- 
chiata , e sebbene ella mettesse Tali mai potrebbe uscir 
del monastero; tal guardia le fanno. 

MAR. E non essendo monaca d cosa piu escusabile. Ma 
dimni; di chi d ella figliuola; 6 buona credits, di tu? 

LU. Ella ^ dci Ridolfi, e non ha nd padre, n^ madre, e le 
monache son sue tutrici, e ha bonissima eredita, se- 
condo ch' io intendo, e altro non vi so dire. 

MAR. Basta questo, conforta pure Erminio di levarsi da 
questa impresa, che non ^ nd utile n^ onorevole, e s'egli 
ha voglia di moglie, e delle belle e delle ricche non gli 
mancheranno. 

LU. Gli mancherk questa, che sopra tutte Valtre desidera. 

MAR. Io m'aweder6 se tu avrai fatto seco 11 debito tuo. 

LU. Lo far6 per obbedirvi, non perch'io speri di far fmtto. 

MAR. Voglio andare fino in piazza ; fa, com^io torno, sia la 
ordine 11 desinare. 

LU. Sarit fatto; o che padre dabbene d questo t io credo, 
che s'ei potesse, che di sua mano la caverebbe dal mo- 
nastero per metterla accanto ad Erminio. s*ei sapesse 
la pena che porta per costei n'avrebbe pid di lui dispia- 
cere, chd il poveretto teme di non vituperare lei, il roo- 
nisterio e s4 ad un tratto , perchS ella d di lui gravida 



ATTO PRIMO 29 

e si vicina al parto che ogni giorno, ogni ora 6 la 
sua, e modo non si pu6 trovare o di cavarla o di farla 
partorire segretamente, nd via che ^H ci possa ritrovar 
plCi luogo, e insomma bisogna beria, e Erminio mi dice 
ch'io pensi, e blsognava cbe pensasse egli a farlo in 
modo che non se ne avesse a pentire , ma guastando 
s'impara, e ringrazii Iddio che non ha a che fare con un 
padre come Aridosio;ma, or ch'io mi ricordo, Tiberio deve 
essere ancora qui intorno a Rufifo, e non si ricorda di 
tomare in villa, e se suo padre s'awede che non vi 
sia trotter^ qua gill per istordire tutti quanti; ecco ap- 
punto di qua Tiberio, che par che pensi ad ogni altra 
cosa, che airandarsene in villa. 

Tllkerto, Eivl*, RoflW, L.ael4«. 

TIB. Sazierommi io mai, anima mia, di vederti, parlarti 

e toccarti? 
LTV. Se tu non ti sazii resterk da te, perch'io son tua, e ' 

sempre sar6. 
RUF. Cotesto non dir tu, che mia sei, e non tua; allora 

ch'egli m'avrit dato i denari, sua sarai. 
TIB. Oh uomo nato per farmi morire ! 
RUF. Uomo nato per farmi morire sei tu , perch^ non mf 

dando i miei denari, mi fai morire, ch^ questa 6 la mia 

possessione e la mia bottega, senza la quale vivere non 

posso. 
TIB. Io ti dard, s' bai pazienza, quel che tu vuoi , ma la- 

sciami un po*stare in pace. 
RUF. Allora sarai tu sua ; ma in questo mentre ce ne an- 

dremo a casa; vieni Livia. 
LIV. Tiberio, io mi ti raccomando. 
LU. Guarda se sa fare Tarte questo scannauomini. 
TIB. Oh non pensar d'aver a usare tanta presunzione. 
RUF. Vorr6 vedere, chi mi vielerk che del mio non possa 

fare a mio modo. 



30 ARIDOSIO 

TIB. lo intendo di pagarti avanti che U parta da me. 

RUF. da che resta? 

TIB. Prow^go il resto de'danari. 

RUF. Oh, oh, io sto fresco, se si hanno ancora da proy- 

yedere i denari ; domattina yerrk per essa uno che m'ha 

dato rarra. 
LU. Io Don posso piu patire questo assassino; pu6 fare 

Iddio che tu parli si arrogantemente con un gioyane 

da bene? 
RUF. Che direstii, 8*io non gli ne yolessi vendere? 
LU. guarda RufTo, che non ci yenga yoglia di ayerla 

per forza e senza denari, chd tu sai bene che i tuoi pari 

non hanno ragione con gli uomini da bene. 
TIB. Ascolta Lucido; quand'io yolessi fare cotesto (che 

potrei) egli ayrebbe causa da dolersi ; ma io lo yoglio 

pagare fino a un quattrino. 
RUF. Se questo fosse noi non ayremmo a disputare. 
TIB. Tu hai d*ayer da me cinquanta scudi, non 6 cosi? 
RUF. Si, se tu yuoi Liyia. 
TIB. Mezzi te li d6 adesso, e il resto domane. 
RUF. Io gli yoglio tutti ora che n'ho bisogno. 
TIB. Io non credo che mai al mondo fosse il piu arrogante 

padrone di costuL 
RUF. Tiberio, abbi pazienza, cbi ha bisogno fa cost. 
LU. Gomportalo fino a stasera. 
RUF. Non posso. 
LIV. Eh Ruffo, per amor mio. 
RUF. L'hai troyato appunto per amor tuo. 
TIB. Orsi^, Ruffo, io ti prometto da yero gentiluomo che 

stasera a yentiquattro ore ayrai i tuoi denari. 
RUF. Chi m'assicura? 
TIB. Non t*ho io detto che mezzi te li dar6 adesso e mezzi 

stasera? 
RUF. Di quelli d* adesso sar6 in sicuro quando dati me li 

ayrai, ma di quell*altri? 
TIB. La mia fede. 



ATTO fRIlIO 31 

RUF. D*ogni altra cosa sono avrezzo a stare alia fede che 
de'denari. 

TIB. S'io non te 11 posso dare. 

KUF. Non dico che tumelidia; ma che tu mi lassi andare 
con costei. 

LU. E non s*ha egli a credere a un uomo da bene per due 
ore venticinque ducat i? 

RUF. Ififine io sono invecchiato In questa usanza. 

TIB. Ascolta, io ti do adesso guelli 25; se stasera non ti 
do 11 resto, vattene a mio padre che e in villa e dilli 
la cosa com*ella sta e se ti vien bene, dilli com^io ti ho 
tolta per forza (ch* io vorrei innanzi la febbre ch* egli 
avesse a sapere niente di questo) e richiedigli Livia; 
egli subito yerrk qua giu, e renderattela; tu sai come 
gli ^ fatto: se tu la rihai, 25 scudi sian tuoi, e se gran 
fatto non b, ella non sark peggiorata 25 scudi, e cosi 
sarai securo o d'essere pagato in tutto, o d' aver Livia 
e 25 scudi vantaggio che vuoi. 

RUF. A questo son io contento, ma non vogllo aspettare 
piu che insino a 20 ore. 

LIV. Sino a quanto tu vuoi, pur che tu mi ti levi dinanzi; 
t6, annoveragli. 

RUF. Gil annoverai poco fa; ma non ti doler di me; che 
se i danari non vengono io far6 con tuo padre quanto 
siamo rimasti d'accordo. 

TIB. Yatti con Dio, in malora, fa quel che ti place. 

RUF. Addio. 

LIV. Oh e' mi s'd levata una macina di sul cuore. 

TIB. E a me di su Tanima: or ti posso guardare e toccare 
senza che Ruffo mi tiri dairaltro canto. 

LU. Al trovar i denari ti voglio. 

TIB. Qualche cosa sark, Lucido, se si pensasse tanto alle 
cose non si farebbe mai nulla. Io so che tu m'aiuterai, 
6 penserai a qualche modo che noi 11 troviamo. 

LU. Io penser6 pur troppo, ma 11 caso sarebbe a pensare 
qualche cosa che riuscisse; ma dimmi, tunon ti ricordl 



32 ARIDOSIO 

tornare in villa; come pensi tu faria con tuo padre s'ei 
§' avvede che tu sii venuto in Firenze a tante brighe ? 
ci mancher^ questa avere a placare quella bestia, e in 
un medesimo tempo aver a trovar 25 scudi, e che tanto 
b possibile a far V uno e V altro, quanto tener il Ruffo, 
che passato le venti ore non vadl a gridare a tuo padre, 
e dicali, che tu lo hai sforzato, o toltoli costei, e la prima 
cosa te la torrk, e daragliene, e tu n*andrai bene, se 
non ti caccera via. 

TIB. Potrk egli mai fare ch' io non mi sia goduto Livia 
mia? 

LU. £' potra hen fare, che tu non la goda mai piu. 

TIB. Star6 pur seco un pezzo. Chi gode un tratto non 
istenta sempre: Lucido, io mi ti raccomando, pensa ta 
qualche cosa, che owii a tanti mall. Noi intanto ce ne 
andremo qui in casa, e aspetteremo Erminio, che ci ha 
detto di venir a desinare con esso noi. 



Eiael4« solo. 

Egli ^ ben vero, che non ^ cosa che faccia piu impazzar 
gli uomini, che r amore. Tiberio 6 cosi savio giovane, 
quanto sia in questa cittk, e adesso accecato non vede 
quello si faccia, perchd nascosamente di villa 6 venuto, 
e non si cura che lo sappia suo padre, e tanto e la 
rabbia di quel vecchio, che io credo lo direderk, s'ei 
sa che sia venuto, e a che fare, perchd n6 maggior ml- 
sero, nd maggior ipocrito fu mai, e non vuol che Tiberio 
guard! non che tocchi una donna, e lui d'un santo van- 
taggio oltre a questo gli ha impegnato se e gli amlci 
suoi, per far venticinque scudi, e piu ollre, n'ha pro- 
messo venticinque altri a venti ore, cosa che s'ei non gli 
ruba, non lo pu6 osservare in alcun modo, e parli di aver 
pensato ad ogni cosa, quando dice ch' io vi pensi ; ma 
se non fusse Erminio, che mi ha comandato ch'io serva 



ATTO PRIMO 33 

Tiberio, come lui proprio, io entrerei a panto in questo 
labirinto: per Dio la cosa torna bene: le faticbe e le 
brighe tocchino a me , e i piaceri a loro ; ma ecco di 
qua Erminio, che mi ba a fare un cappello, perch'io non 
bo fatta la sua arolKtsciata : dir6 di averla fatta, e le li- 
sposte SOD tutte ad un modo, cbe sta bene, e cbe si rae- 
comanda a lui; ma ei vien parlando; vogiio intendere 
quel cb'ei dice. 



ErmlBla giovane, Ei«el4« servo. 



ERM. Che pe?gior cosa mi poteva eg)i intervenire, sorte 
crudelet non credo ch*egli accada in cento anni ad uno, 
cbe alia prima volta ingravidi una donna. 

LU. Forse cbe paria o pensa mai ad altro. 

ERI^I. Ma quel cbe piu m' alfligge d, ch' io mi dubito cbe 
per il gran dolor del la vergogna la si faccia qaalcbe 
male; oh Dio tu solo puoi fare, cb*ella Io faccia secre- 
tamenta 

LU. Dio non ba altra faccenda^ cbe far la guardadonna 
alia Fiamm3tta. 

ERIf. Almanco non gli vol ssMo tanto bene, e pur quando 
io potessi non gliene volere, gliene vorrei in ogni modo; 
quel di, cb'io non bo i*uove di I- i, viver non posso, e 
ancora Lucido non 6 venuto, ed b due ore rh* io Io mandai. 

LU. Quaoto piu sto, peggio 6; cbe le bugie od ora o poi 
gli ho a dire; buon di, padrone. 

ERM. Tu mi tratti sernpre a questo modo; quell' amba- 
sciate, cbe tu sai chMo desiJero di saper prima cbe le 
altre, tu indugl a farmsle saper pill cbe tutte I'altre. 

LU. Voi saptite pur como son fatle ; innanzi ch* elle com- 
pariscano alia ruota, e che ahbian flnita la tisposta, gli 
e ser«; di poi vostro padre, Tiberio e il RuCfo al ritor- 
nare, m*hanno tenuto qui a bada tre ore. 
Lorenz. de' Medici 3 



34 ARIBOSIO 

ERM. Tuttavia ha^ ragione tu, ed io i\ torto; ma indugia 
un poco piu a dirrat com' ella sta. 

LU. Io ve lo far6 dir a Tiberio, quanto noi siam stati a 
combatter col Ruffo. 

ERM. Dimmi in malora, com*ella sta. 

LU. E chet ad un modo. 

ERM. Non t'lia ella detto, che tu mi dica cosa alcima ? 

LU. Si raccomanda a vol. 

ERM. £ non altro. 

LU. Non altrc. 

ERM. Gome sta ella di mala voglla? 

LU. Al solito. 

ERM. Queste sono nK)lto asciutte risposte. 

LU. Io ve le do, come V ba date a me. 

ERM. Dissefella, cb'io Tandassi a vedere? 

LU. Ella non m'ba detto altro. 

ERM. Ob Dio, la poverina debb'esser fuor di s^. 

LU. Fuor di te sei tu. 

ERM. Cb'bo io a far, Lucido? 

LU. Adesso ayete a desinare , e poi poiseremo a quel cbe 
s'ba da fare; io vi ricordo, cbe il darsi tanto dispiacere 
delle cose, non serve ad altro cbe a farci male. 

ERM. Io non posso fare altro: tu bai beldirtu, cben(»i ci 
bai passion nissuna. 

LU. Dunque credete voi, cbe le vostre passion! non sieno 
passione ancora a me; io vi giuro, cbe tutta questa notte 
non ho mai dormito per pensare a qualcbe via cbe vi 
hberi da tanta molestia, e vi content! , e ancora non mi 
dispero d! poter trovar qualcbe cosa di buona 

Wk. Dio il volesse. 

LU. Andiamo a desinare, cbe Tiberio v! aspetta. 

ERM. E dov'6 Tiberio? 

LU. Lk dentro con la sua bracciata, e fate conto, che adesso 
sono a! ferri. 

ERM. Ob infelice me: hit cbe non ba comoditk nissuna, e 
ch*ba un padre si ritroso, senza danari, senza pratiche. 



ATTO raiMO 35 

si gode i suoi amoii, e a roe, ch'bo tutte queste cose, e 
ogni uom propizio, mi mancano, con la speranza insieme 
di averli piu a godere. 

LU. Lassatela adesso passare, e desinate in pace; poi pen- 
seremo a qualche cosa; voi sapete che la fortuna aiuta 
i giovanL 

ERM. Tu bai una gran cura, che qaesto desinar non si 
freddi; per Tamor di Dio va e ordina; io son qui innanzi 
all'uscio; cbiamami. 

LU. Questo importa un po'piQ. 

ERM. lo vo meco medesimo spesso pensando, che neiramor 
sia di queste due piu infelice condizione, o I'amor senza 
esser amato, o amando, ed essendo amato, e desiderando 
una medesima cosa, esser proibito da muri, da ferri, e 
porte, e guardie; comMo provo con la Fiammetta mia, 
la qual so che non ha altro desiderio, che ritrovarsi 
meco, e al fine io mi risolvo, che la mia ^ piii infelice 
sorte; perch^, nonostante che ci sia il contentodi saper 
d* esser amato da chi io amo, egli d tanto il dispiacere , 
quando io considero, che fra lei e me non 6 altro che 
ci proibisca i nostri desiderj, che tanto di ferro, ch'io 
resto roorto, e vommi assimigliando a Tantalo, il qual 
stando in continua sete, con i labbri tocca un rivo di 
acqua fresca , nd perci6 ne mand6 mai giu una goccla , 
e cosi stando lo in continuo desiderio di ritrovarmi con 
Fiammetta mia, me gli accosto tanto, ch'ogni po'piu 
sarei contento, nd perci6 toccar n^ baciar la posso. Oh 
almanco fosse stata la comparazione simile in tutto, 
che cosi come Tantalo mai T acqua ha gustato, io mai 
lei avessi gustata, che adesso avrei moito minor dispia- 
cere t Vedi a quel ch'io son condottol a desiderare di non 
aver fatto quel che desiderai far pria piu che di vivere, 
non per levar in tutto, ma per scemar il 'mio dolore. 

LU. Venite a veder Erminio, se volete ridere. 

ERM. Che cosa mi farit ridere? bisogna ben che sia ,da 
ridere. 



36 ARIDOSIO 

LU. Tiberio e Livia, che stanno nel letto, e fanno le mag- 
gior bravate, che voi sentissi mai; lui vuole amroazzar 
suo pa^ie, se toraa di villa; lei 11 Ruffo, come yerit 
per ii resto del denari; e cosi infuriati dicon le piu belle 
cose del mondo, ma vi prometto, che si furieranno, se 
fanno a questo modo; ma venite dentro, ch'ogni coea e 
in ordine. 

ERM. Se sono in letto non si voglion ei levare? 

LU. Voglion desinar, cenar, e dormir 11. 

ERM. £ lor savi. 



ATTO SECONDO 



C^esare giovane, Lneli* seno. 

CCS. E' non d cosa al mondo, che dalla sorte proceda, della 

qual gli Qomini si possin piu dolere, che quella che dk 

suoi beni a chi non gli merita, come dir ricchezze, fl- 

gliuoli, saniU, bellezze e siroil cose; imperocchd prima 

la offende quelli che gli meritano, e in caso che ancor a 

lor ne dia, il paragoh non gli lassa lor parer buoni, e 

cosi gli uomini , veggendo che da tristi a buoni la for- 

tuna non fa differenza, non si curano di coltivar e levar 

J'animo loro, ma inclinati dove natmralmente il suo uso 

gli tira, cio^ al male, si precipitano, onde accade che 

pochi se ne trova dei buoni, e assai del tristi; e di qui 

si mettono gli stoiti a negare la proyyidenza di Dio di- 

4;endo che s'egli avesse proyyidenza e giustlzia insieme, 

non comporterebbe mai , che certi , che ne son indegni, 

abbondassin di tanti beni, e certi altri, che meritano, 

gli mancasse, e bench' io ne era altramente risoluto, que- 

.sta essere falsissima opinione, niente di manco quando 

U) considero quel mostro d'Aridosio, di quanti beni egli 

abbonda, al qual di buona ragione ayean a mancare 

tutti, non posso far non dubiti, o almanco non mi do- 

glia, tomandomi questo in mio pregiudizio^ che egli 6 

Jiccbissimo, e io no, e ha due figliuoU^ che son gioyani 



38 ARIDOSIO 

moltD da bene, e ha una flgliuola, se raroornon mMn- 
ganna, ch'^ la piu bella, la piu gentile, non dico di Fi- 
renze, ma di tutta Italia: dalFaltro canto, qual egli sia, 
se nol sapete, lo intenderete. Egli avaro, invidioso, ipo- 
crito, superbo, dappoco, bugiardo, iadro, senza fede, senza 
yergogna, senza amore, e insomma 6 un mostro ingene- 
rato da'vizj e dalla sciocchezza; la mia sorte ha vo- 
luto ch'io abbia ad esser sottoposto a tanto male, nd mi 
manchi, perch^ quattro anni sono ch'io incominciai a 
YOler bene a Cassandra sua figliuola, non pensando per6 
che questo nostro amore ayesse ad ayere si tristo effetto; 
ma andando crescendo, come fanno tutti gli amori ben 
collocati, mi condusse a tal grado, che poco piu accen- 
der mi potrk di quel ch' io era, rendendomi pur ella del 
continuo il cambio , n^ altro far poteva m6: che scriyer 
talyolta Tuno all' altro qualche lettera, pur con nwlto 
rispetto; essendo yenuto a termine, che yiyer piii senza 
lei non poteya, n^ troyando yia piu facile a soddisltare 
il desiderio mio, pensai di addimandarla per moglie, e 
conferito la cosa con mio padre, lod6 il parentado per 
ogni altro conto, che per il suocero ; ma considerando la 
yoglia ch* io n*ayea, e Taltre tutte buone parti, dellber^ 
fame parlare a persone d'autoriUi con Aridosio, pensando 
che la cosa doyesse ayer effetto; perchd era giudicato 
cosi da ogni uomo ; e cosi troyato , pur con fatica , chi 
yolesse negoziare tal cosa, e parlato seco, s'ebbe risposta, 
che il parentado gli piaceya : ma che era poyero, e che 
non aveya il modo a dar una dote conyeniente alia sua 
figliuola : e a me, questa che in sul principio mi pareya 
buona, mi diyent6 col tempo cattiyissima infra le mani, 
perchd io cerco lei, e non la dote, e lei ignuda, non che 
senza dote, mi bastaya : ma mio padre mi comand6, che 
senza mille ducati d'oro mai concludessi il parentado, 
facessi conto di non capitarli piu innanzi: ond'io per 
paura di lui fui forzato a chinar le spalle, e a cercar 
nuoye yie, perchd a farli dar mille ducati era tanto pos- 



ATTO SICORDO 39 

sibUe, quanto a farlo diventar uomo da bene: e eoA 
ritrovando altri modi, lo feci, credo, insospettire, e forae 

-^ anche per far piu masserizia , il buon uomo se n'aiid6 
in villa, e ewi gik stato piu d*un anno, dove mal con- 
tenta tien quella povera figliuola, credo a zappar la 
terra, cbe meriterebbe esser regina. 

LU. lo sar6 qui adesso. 

CES. La qual oggi mai per la miseria di suo padre, for- 
nir^ inutilmente la sua gioventu. 

LU. Cbi h questo, cbe cosi si scandalezza? 

CES. Gostui m'ayr^ udito. 

LU. Ahf ah I egli d il guasto di Cassandra: tu stai fresco. 

CES. Lucido, quant' 6 cbe sei qui? 

LU. £ on pezzo, e ho inteso quel che tu hai parlato.. 

CES. S'io non avessi voluto, che si fosse inteso, non Favrei 
detto. 

LU. lo mi burlo teco; adesso yengo : ma i ragionamenti 
del giovanl innamorati vanno in istampa, e perchMoBe 
avea sentiti degli altri, che come te innamorati erano, 
mi parea con verity poter dire d'aver sentito anco i tuoi. 

CES. I miei, Lucido, pur escono di stampa, perchd i miei 
mali sono estraordinari. 

LU. Oh cosi dicon tutti, ma ei mi sa male di non ayer 
tempo da badar teco, perchMo Vho da dir cosa molV> 
al proposito, e se tu m'aspetti qui, te la dir6, e staj<» 
poco. 

CES. Aspetter6 miU'anni, se m'hai da dir cosa di buono. 

LU. Lo intenderai, e adesso tomo a te. 

CES. Che domine pu6 esser questo che Lucido dir i^i 
yuole? Cosa appartenente a Cassandra bisogna che sia,' 
perchd sa bene, ch'altro amore non ho che il sup,, e 
anche cosa che importa debb*essere, ch^ non mi farebbe 
aspettar qui indamo; ma, matto chMo sono, anctti^ mi ya 
appiccando, quasi com'io non sapessi, quali sleno le po- 
yelle dei seryi: troy6 certi lor arzigogoli sofistichi, ebo 
hanno apparenza di yeri, e poi non reggono al martello; 



iO ARDOSIO 

ma I'udirlo, che mi nuoce? sempre d buono ascoltare 

sssai pareri, quando in te ^ rimessa la elezione. Ecco 

ch'egli b ritornato molto presto, e tutto sottosopra, se- 

condo che mi pare al voito. 
LU. Guarda, 8*io sapea, come la cosa avea ad andareYOh 

porero Tiberlo, ti converr^ pensare ad altro che il tra- 

stullarti con Liyia. 
GES. Tu sei tomato si presto t 
LU. Non d tanto presto, che non bisognasse piu; lo ti fo 

intendere, che Aridosio 6 in Firenze. 
GES. Volevi tu dir altro che questo? 
IS, Si, ma ho pid fretta adesso che dianzi. 
GES. Tu hai molte gran faccende? 
LU. Tiberio, oh Tiherio, oh Erminio uscite un po'qua. 
GES. Gbe fretta d questa: mi voglio tirar in questocanU)^ 

e star a vedere che C/Osa ella d. 



TIberi*, Lweld*, ErmlaU, <)«sare da parte. 



TIB. Ghi mi chiama? 

LU. Non ti diss' io che tuo padre verrebbe? 

TIB. MJo padre? 

LUG. Tuo padre yiene, e sark adesso adesso quL 

TIB. Mio padre? 

LU. Tuo padre. 

TIB. E Chi rha visto? 

LU. Io con quest'occhi. 

TIB. Ed egli ha yisto te? 

LU. No, ch'ero discosto. 

TIB. Io son rovinato, o Lucido. 

ERM. GSme abbiamo a fare? 

TIB. Dico cbe son rovinato, Lucido, se non mi aiuti. 

LU. Che vuoi ch'io faccia? 

TA. Qualche cosa di buono, Lucido mio. 



ATTO SECONDO it 

LU. Facci^ levar quel letto e quella tayola, e lasciam la 
casa come la stava prima, e mandiam via costei. 

TIB» Gostei, e perch6? 

L0. Vuoi tu, Che tuo padre la trovl qua? 

TIB. DoYe Yuoi tu ch'io la mandi cosi sola? 

LU. Dov'ella ^ usa a stare, e tu per un* altra via vattene 
in villa. 

TIB. Cosi scalzo? eh Lucido, trova un'altro modo, ch'io 
Don abbia a partinni da Livia mia. 

LU. Lo far6, se trovi un modo, che tuo padre non venga 
qui; se noi avessimo il tempo lungo, e fussimo tutti 
d'accordo, difficile sarebbe trovar rimedio a questo disor- 
dine; oh pensa, essendo mal d'accordo, e senza tempo. 

£RM. Tu fai sopra le spalle tue; se tuo padre ti trova qui^ 
come pensi tu che r abbia d'andare? 

LU. lo mi maraviglio ch' egli stia tanto, perch*egli era gi& 
dentro alia porta; b ben vero, che va appoggiandosi, e 
par che porti 1 frasconi. 

TIB. Non sarebbe meglio ch'io mi rinchiudessi con Livia, 
In una di queste camere, e non gli rispondessi mai? 

ERM. Oh bel disegno t non vorrebbe egli veder chi vi fosse? 

TIB. GIJ avrebbe forse paura ad entrar li? 

LU. Orsu, io v'intendo, state di buon animo ch'io ho ri- 
trovato nn rimedio, col quale, stando nel letto, medi- 
efaer6 tatti questi mail: vattene tu dentro con Livia; voi, 
Erminio, rimanete fuori. 

ERM. E che buona pensata d stata questa. 

LU. Ma chiudete questa porta col chiavistello, e con la 
stanga, e fate conto, che non sia nessuno in questa casa, 
6 s'egli d bussato, e fusse rovinata la porta, non rispon- 
dete niente, e non fate strepito per casa; abbiate insin 
cura che il letto non faccia rumore; daU'altro canto, 
quand' io mi spurgo, fate il maggior rumore che sia pos- 
sibile con la panca e con il letto, e gittate gid qualche 
tegolo, quando sentite brigate intomo all'uscio, e non 
nscite un iota di questa commissione, chd voi e me n>- 
vinereste ad un tratto. 



12 ARID0S10 

TIB. Non dabiUre, cosi foremo. 

ERM. Che diavol yaoi ta far Lucido? 

LU. Lo vedrete; ma 6 meglio ch*andiate a raggaagliar ogni 
cosa a MarcantonJo, acciocch^ bisognandoci poi Topra 
sua, lo possiamo adoperare; ed ecco a panto di ifua Ari- 
dosio; guardate cb'ei non vi vegga inUMno all'uscio, e 
io ancora mi vo' tirar qua dietro. 

ERM. Addio adanqne. 

GES. Per Diol ecco Aridosio; che cosa ba a esser quesU? 
io son disposto di stare infino al fine, ma in luogo ch*ei 
non mi vegga. 



M rl4*»l*, CcMire da parte, Ij«eM«« 



ARI. Dove diavol trover6 io questo sciagurato? io credo, cite 
ssLTk ito in cbiasso, con riverenzia parlando; ob povero 
Aridosio, guarda per cbi tu ti aflTaticbi, a cbi tu cerchi 
di lasciar tanta roba, ad uno, cbe ti tradisca ogni dl^ 
ogni ora ti dia nuove brigbe, e cbe desideri piu la morte 
tua cbe la propria vita. 

CES. Ei ci ^ degli altri, cbe cercon questo medesimo. 

ARI. Ma io me la porter6 prima meco alia fossa, cba lassar- 
gliene; mescbino a me, cbe questa mattina bo pensato 
di crepare affatto: fra la fatica del venire a pi6, che ml 
ba mezzo morto, e il dispiacer deiranimo, dubito di noa 
mi ammalare, e tutto per causa di quel presso cb^o 
non dissi: ma cbe indugio io d'entrar in casa, e poaar 
la borsa, cbe troppo mi pesa, e poi darmi alia cerca 
tanto, cbMo lo ritrovi per gastigarlo secondo ch'ei me- 
rita? ma voglio aprir Tuscio. 

GES. Per Dio, cb' egli ba la borsa seco. 

ARI. Abimd, cbe vuol dir questo; sarebb*egli mai guasto il 
serrame? a voltar in qua, ^ peggio; d par cbe sia messo 
11 cbiavisteUo di dentro; io so pur cbe Tiberio non ha 



ATTO SECONDO 43 

la chiave, ma temo, cbe non ci sia piu presto qualche 
ladro; bisogna un tratto che qua sien brigate. 
LU. Gbi ^ quel matto cbe tocca quella porta? 
ARI. Percb6 son io matto a toccar le cose mie? 
LU. Aridosio, perdonatemi , vol slate per certo a toccarli; 

discostatevi. 
ARI. Percbe vuol tu cb' io mi discosti ? 
LU. S'avete cara la yita, discostatevi. 
ARI. E percbd? 
LU. Vol Io potreste vedere, se troppo vl badate intomo; 

discostatevi dico. 
ARI. Yuoi tu dlr percbd? 
LU. Percbd cotesta casa 6 plena di dlavoll. (Lucido gi spwr- 

ga, e quel di com fanno rumore), 
ARL Oim^ cbe sento? cbe cosa d questa? come plena di 

diavoU? 
LU. Non gii avete sentiti? 
ARI. Si, bo. 

LU. E sentirete dell'aitre volte. 
ARI. £ cbi rba indiavolata, Lucido? 
LV, Questo non so io. 

ARI. Abim^ cbe ml ruberanno ci6 cb'io v* bo. 
LU. Se Bon rubano 1 ragnateli. 
ARI. Yi son pur gii usci, le flnestre e I'altre masserlzle. 
LU. Avete ragione, non ml ricordava dl questo. 
ARI. Bfe ne ricordav'io, cbe tocca a me. 
CES. Ancor non intend' io questa matassa. 
LU. Ob vol tremate; non abbiate paura, cbe non vi fa- 
ranno altrp male, se non cbe vol non potrete usar la 
casa vostra. 
ARI. Questo tl par niente? e se gll andassero ancbe in 
villa? ^ 

LU. Bisognerebbe cbe avessi pazienza. 
ARI. Bella discrezion la loro a tor la roba d'altri; almanco 
ne pagassen la pigione; ma per questa croce, cbe s'io 
dovessi metterol fuoco, cb'io ne gll vo cavare. 



44 IRIDOSIO 

LU. Voi gli giuDterete; non vi stann'eglino dentro per 

piacere. 
ARI. Tu dl anche il vero, e la casa arderebbe or ch^ io ri- 

penso; io gli vorrei pur ammazzare. 
LU. Se vi sentono, vi faranno qualche male scherzo; ei 

getton qui spesso tegoli, pietre e ci6 che trovano. 
ARI. Oh e'mi debbon guastar tutta la casa? 
LU. Pensate che non la racconciano; ecco un tegolo; di- 

scosUamoci che noi non abbiam qualche sassata. {Quel di 

casa gettan giu iegoli), 
€ES. Io comincio ad intender Tinganno. 
ARI. Oh Lucido, io ho la gran paura. 
LU. E voi avete ragione. 
ARI. Posson eglino trar qui? 
LU. Messer no. 
ARI. Quanf b che cominci6 questa maledizione, ch' io non 

ho mai saputo niente? 
LU. Non Io so, ma due noUi sono, ch* io ci passai, che fa- 

ceano un rumore, che parea che rovinassero allora il 

cielo. 
ARI. Non dir tanto che mi fai paura. 
LU. Certe volte dicon questi vicini, che suonano e che 

cantano, ma piu la nolte, e la maggior parte del tempo 

si stanno quieti. 
GES. Questa 6 la piu bella cosa ch' io vedessi maL 
ARL Come ho io a fare? non ^ bene mandarvi tanti^ che 

gli ammazzin tutti? 
LU. Parlate basso di simil cosa 
ARI. Tu di il vero. 
LU. E Chi yolete voi, che gli ammazzi? bisogna menar 

preti, frati, reliquie, e liar comandar loro che se ne 

vadano. 
ARI. Ed anderannosene? 
LU. Risolntamente. 

ARI* Vi potrian ritomare deli'altre volte. 
LU. Gotesto sL 



ATTO SSCONDO i5 

ARI. Ed io non istar6 a cotesto riscbio, che ti prometta 
Che come n'escano, subito la vo* vendere, s' io )a dovessl 
dar per manco due fiorini cb'ella non mi sta. 

LU. L'avranno peggiorata piu di venticinque ii spiriti. 

ARI. Oh Dio, non me io ricordare, cbe mi s'agghiaccia il 
sangue; io non ho per6 mai fatto cosa, ch*io meriti 
questo, ma per i peccati di Tiberio m'intervien tutto; 
doy'6 egli quel ribaldo? 

LU. Yoi Io tenete in villa, e domandatene me, che sto in 
Firenze. • 

ARI. Lo debbi ben sapere, che tu e Erminio me io sviate. 

LU. Guarda a quel che costui sta a pensare; par ch*egU 
abbia la casa plena d'angeli, non di diavoli. 

ARI. Pensa, pensa, che i mali portamenti di Tiberio mi fan 
crepar il cuore. Oim^, Lucido, di grazia non ti discostar 
da me. (Lucido si spurga ed elle [anno ru vore), 

LU. Oh vol non dovreste volermi appresso, che vi svio if 
flgliuolo. 

ARI. Egli h un modo di dire; so ben, ches'ei non volesse, 
non Io svierebbe persona; ma a cosa a cosa; chMo yo* 
glio prima cavarmi quest! diavoli di casa, e poi farema 
cento insieme: adesso me ne voglio andar a casa Mar- 
cantonio, e consigliarmi quel ch'io debba fare, ma che 
face' io della borsa ? 

LU. Che dite voi di borsa? 

ARI. Nulla, nullr. 

LU. Egli h forse Ik in casa quella borsa , dove avete due 
mila ducati. 

ART. E dove ho io due mila ducati? due mila flaschit 
bai trovato Tuomo che abbia due mila ducati: ma av* 
viati, Lucido, che lo verr6 a beiragio. 

CES. Veili se niega d'aver denari, I'avarone. 

LU. Venite pure a vostra comodlUi, che non mMncresce 
raspeltare. 

ARI. Va piir.e alle faccende tue, Lucido. 

LU. Per mia fe, ch*io non ho che fare. 



i6 ARIDOSIO 

ART. lo sono impacciato. Yattene, Lucido, ch*io 8tar6 on 
pezzo. 

LU. lo me n* andr6 poich^ voi volete esser s(do. lo ho 
paura che questo vecchio non ci vogUa far qualcbe 

' tradimento; ma io so pure che non d da tanto; me ne 
voglio andare a trovare Erminio, e farlo morire delle risa. 

ARI. Mi voglio ritirare in qua or che ioson solo.'oDiotIo 
son pur disgraziato: potevami egli accadere cosa peg- 
giore, che aver la casa piena di diavoli, a causa ch'io 
non potessi viporre questi denari? che ho io mai a far 
di questa borsa? Se io la porto meco, e che Marcantonio 
la vegga, io son rovinato, e dove la posso io lassare, 
ch'ella non mi stia a pericolo? 

CESi Questa potrebbe essere la mia ventura. 

ARI. Ma dappoi che nessuno mi vede, sar^ meglio che io 
la metta qua giii in questo fondo aotto questa lastra, 
dove altre volte r ho messa ,"* e fidatamente sempre ce 
r ho ritrovata : o fogna dabbene, quanto ti son io ob- 
bligato I 

CES. Obbligato le 8ar6 io, se ve la metti. 

ARI. Ma se la fosse trovata, una volta paga sempre: e se 
io la porto anche meco, non va ella a pericolo d' esser 
mbata, vedutami? 41 certo, che ^ quasi quel medesimo; 
perchd come si sa, che un mio pari abbia ducati, subito 
gli ^ fatto disegno addosso. 

CES. Nella fogna sta meglio. 

ARI. Che maladetti state voi diavoli, che non mi lassate 
por la borsa in casa mia. Ma meschino a me se mi sen- 
tonotChefard? Di qua e di lit son duri partiti: pure 6 
meglio nasconderla, e dappoi che la sorte dell'altre volte 
me r ha salvata, me la salverk anco adesso : ma non ti 
lassar trovare borsa mia, anima mia, speranza mia. 

CES. Diavol, che ce la metta mai piu. 

ARI. Cbe far6? orsu mettiamla; ma prima mi voglio guar- 
dare molto ben da tomo di qua e di ]k: oh Dio, mi par 
che sino ai sassi abbian gli occhi da vedermi, e la lin- 



ATTO SECONDO 47 

gua da ridlrlo. Fogna, io mi ti raccomando. Or su met- 
tiamla giu col nome di San Gresci. In manus tuas Do- 
mine^ commendo spiritum meum, 

€ES. £11'^ Unto gran cosa, ch'io non la credo^ s*io non la 
tocco. 

ARJ. Adesso yo' vedere se ei ci pare niente; niente affd : 
ma se qualcuno ci avesse a picchiare sopra, gli verrebbe 
forse voglia di vedere ci6 che sotto ci fosse; bisogna 
Che io ci dia spesso di volta, e che io non ci lasci fer- 
mar persona; adesso voglio andar dov'io aveva detto, e 
trovare qualche espediente, per cavar colorodicasa; me 
n'andr6 di qua, ch'io non voglio passar loro appresso. 

GES. Questa d pur gran cosa, e se io non sogno, che mi 
par pur di essere desto; questo 6 quel di che ha a por 
fine alle mie roiserie; ma che aspetto? che qualcuno 
yenga qui ad Impedirmi ; voglio anch'io vcder s' io son 
visto; e da chi? o Fogna Santa, che mi fai felice: oh 
guarda s'io ho trovato altro, che un fungo. Voi state 
pur meglio in mia mano: e forse ch'io gli ho a sciorre 
della moneta ; tutti d'oro sono. Oh fortuna, questa b troppo 
gran mutazione, perch^ dove io era disperato di aver 
mai a veder Cassandra mia , in un punto me Thai data 
in mano; ma per farli maggior dispetto voglio rimettere 
nella borsa dei sassi, acciocch'ella gli paia plena fin chd 
ei non la tocca, e racconciar che non ci paia niente : o 
Diol perch6 non ho io un capresto da metterci dentro; 
ma non mi vo' lassar vincer d'allegrezza, perchd dicono, 
cb'egli 6 cosi prudenza sapere sopportare una felicit4 
come una awersitk , bench' io sia certo di non aver 
Dial aver la maggiore, che se ben un altro di dieci mlla 
n' avessi trovati non mi varrebbono quanto questi ; ma 
ecco non so chi; non vo'che mi veda qua; ogni cosa 
sta bene, e non ci par niente. 



i8 ARIDOSIO 



Laeld* e Arii««U. 



LIT. Non yi date impaccio del prete, che io ve lo ho tro- 
vato, e tanto dabbene, che non potreste trovar meglio, 
e il raaggior cacciadiavoli non 6 in Toscana. 

ARI. Io ho scarico Tanimo dappoi che la lastra sta bene. 

LU. Che dite voi ? 

ARI. Dico che mi si leverk del]*animo una gran briga, se 
questi diavoli si roandan via; ma io ti ricordo, Lucido, 
che io son povero, e oltre al danno, che m* hanno fatto 
in casa, non vorrei avere a pagare a questo prete un 
occhio d'uoroo. 

LU. Non 'lubitate, ch*egli b persona che starebbe con- 
tento quando non gli deste niente. 

ARI. Io far6 bene a cotesto modo: ma come gli mandera 
egli via se gli hanno Kerrati gli usci, e le finestre. 

LU. Con orazioni, e scongiuri, le quali entrano per tutto, 
benchd slano serrati gli usci e le flnestre. 

ARI. Usciranno eglino per Tuscio, o per le finestre? 

LU. Bella domanda, possono uscir donde vogliono; ma 
bisogna, che facciano un segno pel quale voi conosciate, 
che ne siano usciti ; ma avviatevi verso San Ix>renzo, 
dov*6 quel prete mio amico^ e io vengo dietro, e mene- 
remlo qui subito, e caverenne le mani. In tanto doman- 
den*) Erminio, mio padrone, che vien di qua, se vuol 
nulla. 

ARI. Andiamo insi»me, Lucido. 

LU. Avviatevi, ch*io vengo adesso. 

ARI. No, io ti voglio aspetlare. 

LU. Guarda, che vecchio pazzo e questo; dianzi vo^se 
esser solo, adesso a mio dispetto vuol ch' io vada seco ; 
Io domanderd pur se vuol niente. 



ITTO SECORDO i9 



LaeM*, ErmlaU, ArMMl*. 



LU. Volete voi niente, padrone? 

ERM. Ob, LucidOy si voglio, ascolta. 

LU. Andate dov'io v'ho detto. 

ART. lo mi riposo intanto, e non lio fretta, e ho paura 

andar solo. Delia l)orsa lio paura. 
LU. Fate vol; cbe comandate, Erminio? 
ERM, E* si pensa a' casi d'ognuno, e a' miei niente. 
LU. Pensate ch'ioprocurie'fatti d*altri, e i vostri si get- 

tino dietro alle spalle? 
ART. Questo bisbigliare intorno alia borsa non mi place. 
LU. Non Yi diss* io cb' aveva trovato quasi un modo sta- 

notte, pel quale voi vi poteste contentare? 
ARL Cbe ! aveva egli trovato f 
ERM. Si, ma non mi avendo poi detto altro, pensai cbe 

fosse niente. 
LU. Io bo pensato cbe voi entriate in un forziero, e fin- 

gendo di voler mandar panni e altre robe , vi facciate 

portare fln in cella sua. 
ARI. e* mi batte il cuore , ma s* io veggio cbinarli, o 

far atto nessuno, io grider6. 
ERM. Orsu flnisci. 
LU. Poi uscire del forziero. 
ERM. E poi? 

LU. Son stato per dirvelo. 
ERM. Tu bai pensato ad ogni altra cosa, cbe a quelia cb'io 

voleva, cbe tu pensassi. 
ARI. Oh borsa mia, cbe pagberei averti in seno? 
LU. Io mi penso, cbe ii desiderio degl* innamorati sia il 

ritrovarsi con la dama, n6 penso cbe voi speriate che 

ella vi doni mille scudi. 
ARI. Meschino a me: che dic*egU di mille scudi? grido? 
Lorenx, de*Medici ^ 



50 ARIDOSIO 

ERM. Non ti ho io detto, che desidererei, che si trovasse im 

modo pel qual ella potesse uscir dal monasterio, per 

tanto che partorisset 
LU. Ho inteso , questo ancora si potii pensare: ma sark 

dilficil cosa, padrone ; togliete ii guanto, che vi h cascato. 
Am. Ohim^, che mi rubano, oh traditori, oh ladri. 
ERM. Che grida son queste? 
ARI. La lastra sta pur bena 
L9. Che avete voi, Aridosio 
ARI. Non, nulla, aveva paura. 
LU. Che dicevate voi di ladri? 

ARI. Aveva paura che i diavoli non mi rubassero in casa. 
ERM. Voi f arete impazzar questo vecchia 
LU. Io vorrei volentieri, ch'ei crepasse; a che 6 eibuono? 
ARL Quanto vogliam noi stare t 
LU. Adesso vengo ; non abbiate paura quando siete meea 
ERM. Dov'avete voi andare? 
LU. A trovare un prete, che voglia fare in modo, che noi 

gli caviam di mano venticinque scudi che s'hanno a 

dare a Ruffo. 
ERM. Come farai? 
LU. Lo saprete. 
ERM. Va adunque^ perchd m*d si grato quel cbe tu fai per 

TilMrio, come se tu lo facesst per me; e non ti scordar 

poi del fatto mio. 
LU. Mi maraviglio di voi. 
ARI. Andianne Lucido. 
LU. Io ne vengo, volete voi altro? 
l^M. No, io voglio andare infinoal monistero;addio,Arl- 

dosio. 
ARI. Chi e quello. 
LU. t Erminio. 

AM. Oh: addio Erminio; io non t'aveva conoscinto. 
BRM. Mi raccomando a voi; egli ^ in collera meco, perehd 

pensa, che io gli svii Tiberio , e ha fiitto vista di non 

mi conoscere. 



ATTO SECONDO 5f 

LU. Che guardate yoi, che non ne venite? 

ARI. No, nulla no, va pur \k, 

ERIL E poi non me ne euro, egli b on uomo da non lo 

Yolere, n^ per amico, nb per padre; ma che resto io di 

non bussare alia ruota? 



alia ruota, Erailal*, suor MarleMn. 



MON. Ave Maria, 

ERM. Io Yorrei, che vol mi chiamaste la Fiammetta. 

MON. Eir^ malata grave, e non yuole che nessun la vi- 
9iti: non so se io mi gli potrd fare rambasciata. 

ERM. Fategline in ogni modo, e se non pu6 venire, dite 
che mandi la maestra. 

MON. Orsd, io vo. 

ERM. Egli d ben vero quel che si dice, che chi un paio 
di guanti logora intorno a queste grate, ce ne logora 
anche sei dozzine; quante volte ho io annoverati questi 
/erri, e considerati quali si dimenino^ quali sieno im- 
piombati, e quai no, e so in qual vano si pu6 metter la 
mano a chius'occhi. 

S. MA. Chi m'ha fatto chiamare? o Erminio, che c'6? 

ERM. Male, suor Marietta mia, poi che la Fiammetta ha 
male. 

S» MA. Eirha avuto si gran dispiacere di non ti poter ve- 
nire a parlare, che non lo poteva aver magglore, e non 
6 venuta, perchd le monache non le vedano il corpo 
grosso ; non gik che le doglie la stringan tanto, ch'ella 
non fosse potuta venire. 

ERM. Che, ha doglie, eh? 

S. MA. Oh ella potrebbe ad ogni ora fare il bambino. 

ERM. Meschino a me. 

S. MA. La poverina si aiHigge tanto, che io non penso 
mai, ch'ella lo conduca a bene, e hamml detto che io ti 



52 AEIDOSIO 

djca da sua parte, die ta yada a trovare madmma Go- 
stanza sua zla, e che le (accia scrivere una iettera alia 
pnora, per la qoale la ricerchi, ebe dia licenza alia Fiam* 
metta di farsi portar a medicare a casa sua. 

EBM. Oh I la priora noa lo far^ 

S. MA. Eb, sopra la fade d'aoa donna dabbene saa zia, e 
in un caso com*d questo, si bene, percb^ pel monasterio 
si erede, cb'ella stia per morire; s'ella fosse mcmaca noa 
direi io cost, ma alle non velate qualcbe yolta si e con- 
cesso. 

ERM. n tentar non nuoce. 

S. MA. Fallo in ogni mode: fallo figliuol mio: e levaci 
cosi fotta pena dal cuore. 

ERM. Io la vorrei poter levar col proprio sangne, percbd 
io la leverei a vol, e a me ad un tratto. 

S. MA. Quanto piu presto fai quest' opera, Erminio mio, 
tanto d meglio. 

ERM. Io andr6 adesso, se yi pare. 

S MA Ya, che la paura mia d ch'ella non partorisca 
stasera. 

ERM. Dio ci aiuti. 

S. MA. Oh, tu Thai detto. Chi ha fede in lui non pu6 
far male. 

ERM. Io vo' a far questa faccenda. 

S. MA. Si; ma non dir alia sua zia ch'ella sia gravida. 

ERM. Oh, YOi dite le gran coset s' ell' ha a andare a casa 
sua, non s'ha ella a vedere? 

S. MA. Oh tu dl il vero, io non aveva pensato a cotesto; 
ma come farem not? 

ERM. Bisogna dirgliene. 

S. MA. Fa tu , digliene in modo onesto. 

ERM. Lassate fare a me; volete altro? 

S. MA. Ascolta; chi manderai tu che la porti? 

ERM. Oh vol pensate troppo in la: bisogna prima aver la 
licenza. 

S. MA. Ella s' aviii. 



ATTO SBCONDO 53 

ERM. Dioil YOglia. Raccomandatemi alia Fiammetta, e di- 
tele che non pianga^ e non s'affligga, poich^ il piangere 
e k) affliggersi altro non fa che farle male, e tenetela 
confortata, che no! troveremo ben qualche modo, che si 
consoli. 

S. MA. Ck)sl far6; ella mi disse bene che io te la racco- 
mandassi tanto tanto. 

ERM. E sarebbe come raccomandare me a me medesimo, 
8Uor Marietta mia. 

S. MA. Ascolta, mandaci un poco dl trebbiano da sclacquarle 
la bocca. 

ERM. Gosi far6; se vi manca altro fatemelo sapere. 

S. MA. Voiremmo rlsposta di questa cosa presto. 

ERM. Io TO Ik adesso. 

S. MA. Ya sano, che DIo ti benedica. 

ERM. Io son certo che questa norella non ha a fare nes- 
sun buon effetto, perch^ io credo, che la priora darebbe 
licenza prima a tutte le altre monache, che a lei; pur 
proverb per satisfare lora Questa ^ la piik corta. 



ATTO TERZO 



LU. Inflne i denari fanno ogni cosa; quand'ioebbi contato 
al prete, ci6 che io voleva da lui, subito si comfncid a 
fare scrupolo, dicendo che questo era un uccellare la 
religione, e poi quand'io li promisi due scudi, eirjmut6 
la cosa, con dire, che se io lo faceva a fine di bene, e 
per rimettere d*accordo il padre e il figliuolo, che fa- 
rebbe ogni cosa : si che bisogna giuntarlo piik due scud i, 
che glMnteressi hanno a correre sopra di lui questa volta : 
ma da poi che ho acconcia la cosa del prete,mi bisogna 
aguzzare lo ingegno come io abbia a fare il diavolo. £ 
che yoglio io anco pensare? Come io non sappiaquanto 
sia la sciocchezza dei vecchi, e massime del nostro? I 
putti farebbono oggi lor credere che gli asini volassero: 
e questo d il hello, che parendogli di esser savi vogliono 
consigliar altri, avendo i medesimi necessity di esser 
consigliati, e provano questo con dire, che fanno assai 
meno errori che i giovani; egli 6 ben vero, che fanno 
manco cose. Ma che bado io d' entrare in casa avanti 
che Aridosio e il prete arrivino qui ? Tic toe, tic toe, o 
di casa, o Ik, aprite, volete voi ch'io vi rovini questa 
porta? costoro sono morti o assordati, tic, toe, tic, toc> 

^ Tiberio apri, ch'io son Lucido. 



ATTO TBRZO 55 

TIB. A qaesto modo si I tu non ti dei ricordare ch^ io ti 
aveya piomesso di lassar rainar la porta, prima the 
aprire a nessuno? 

LU. Per Dio, che se tu osservi agli altri quel che tu prcH 
metti, come tu hat osservato questo a me, che tu ti pud 
pareggiare all'imperadore; ben hai tu cavate le tue 
voglief 

TIB. Non sai tu che 11 desiderio delle cose belle non si 
estingue mai? 

LU. Ecco qua tuo padre: entra dentro. 

TIB. Cbe yien egli a fare qua? 

LU. Non yerrk dentro, non dubitare. 



Aii4«»l«, ser I«e«Bi«, Laeld* che parla per gptriU. 



ART. Io son venuto innanzi per vedere se la lastra sta 
bene, ch'io non posso vivere se ad ogni poco non gli 
do un*occbiata: ma poi che non si vede nessuno, vogbo 
rivedere anche una volta la borsa cosi di fuori. lastra^t 
tu non sei peso dalle mie braccia; appunto nel modo, 
ch'io la messi si ritrova, nb la vogllo toccare altri- 
menti. Fogna mia dolce^ serbamela anco un* ora , ben- 
ch^ noi abbiamo ad esser qui in luogo, cbe io ti vedr^ 
semprel Ma ecco il prete, che m*ayrk visto chinato; per 
mia f§, che mi bisogna trovare una scusa. 

S. lAC Aridosio mi disse che sarebbe qui e non ce Io vedo. 

ARL Ah, ah, io I'ho trovato. Ser lacomo mi era chinato 
per ricorre un sasso. 

S. lAC Yoi siete qua: io non y'avea visto; che dite yoi 
dl sasso? 

ARL Ba che non m' ayeva yisto la riyolterd in qualche 
bel passa Bico che son yenuto passo passo. 

S. lAC Yoi avete &tto bene per non yi riscaldare, che yoi 
siete a cotesto modo sciorinata 



5S ARfDOSIO 

ARL Ghe volete voi far di quel lume? 

S. lAG. Egli e buono a mille cose. 

ARI. Dite a che, ser lacomo. 

S. lAC A far lume, ad accendere il fuoco e altre faccende. 

ARI. Eb, voi n on m'intendete ; dico se gli 6 buon per gli splriti. 

S. f Ad Per gli spirit! egli d pessimo e doloroso. 

AM. Oh perch6 Tavete voi portatof 

S' lAG. Per dar loro il mal anno e la mala Pasqaa. 

ARI. Ah, ah, io yi bo inteso; roi parlate troppo astuta- 
mente: che cosa avete yoi in quella secchia? 

S. lAG. Acqua. 

ARI. Pur per gli spiriti*? 

S. lAC. Oh YOi mi domandate delle gran cose. 

ARI. Non vi maravigliate , che io non bo mai yisto scon- 
giurare diayoli. 

S. lAG. Non stiamo piu a perder tempo, ayyiamoci in Ut. 

ARI. Oh quanto ci abbiamo noi accostare alia casa? 

S. lAG. Accanto alia porta. 

ARI. Non gik io, ch'io non to yenir tanto in Ik, 

S. I AG. Oh, perch^? 

ARI. Perch6 tirano giii tegoli, mattoni, ohimd, che mi gua- 
stano tutta la mia casa. 

S. lAG. Non dubitate , che mentre siete meco non yi fa* 
ranno dispiacere nessuno. 

ARI. Promettetemelo yoi? 

S. lAa Si, prometto. 

ARI. Alzate la f^. 

S. I AG. Per questa croce; accostiamoci adunque; qui sta 
bene. 

ARI. Oh Dio, non potreste yoi far questa cosa senza me? 

S. lAG. Bisogna che il padrone della casa sia presente, e 
ho bisogno che mi aiutiate in assai cose; pigliate questa 
candela in mano. Vedi uomo da tener candelei pareun 
moccolo in un candelliere: tenetela un po'piCi ritta cbe 
io non yoglio che mi ardiate la barba per questo. 

ARL Gercate come mi batte il cuore. 



ATTO TERZO 67 

S. lAG. lo vel credo senza giurare, chd queste cose fanno 

C06i: ma non abbiate paura mentre avete cotesto lame 

in mano: accostatevi piu in qna, piu ancora, an po'pii!^: 

OTSU, inglnocchiatevi: cbe vi guardate voi di dietro?. 

Tenete l^ qaesta candela, come voi I'avete a tenere ; voi 

mi parete balordo, cbe non badate voi a queilo cbe avete 

a fare? 
ARL E s'jo ho paara? 
S. lAC. A questo non ^ rimedio; dite il Pater nostro e 

VAve Maria, cbe io comincio a scongiurare. 
ARL Ave Maria, 

S. lAG. Ditela piano, cbe non mi diate impaccio. 
ARL Ob non mi sentiranno. 
S. lAC Basta, cbe sentano me: Hanc tua Penelope lento 

TiH mittit, Ulysse, Nil mihi rescribas ; at tamen ipse venL 
ARL Parlate in volgare, cbe non vi debbono intendere in 

latino. 
S. iA.G. Sark il meglio. di casa, o spiiiti maledetti, io vi 

comando da parte di Aridosio, cbe voi usciate di costk. 
ARI. Dite pur da vostra. 
S. lAC Attendete a dire VAve Maria, e lassate scongiurare 

a me. Io vi comando da parte mia , cbe son prete, cbe 

usciate di cost^ (Fanno rumore), 
ARI. Non pii!k, non piil, non piik, ser lacomo. 
S. lAC. volete cbe n*escano o no; a quest'altro scongiuro 

gli caccio via. Io vi comando da parte di San Giusto, 

che voi vi partiate di cotesta casa. 
LU. Noi non ci vogliamo partire. 
S. lAC. Vedi cbe rispondestl. 
ARL Ob mi si raccapricciono tutt'i capelli. 
S. lAC. Gotesta candela sark prima logora, cbe noi abbiamo 

flnito I'opera; tenetela su. Io vi comando spiriti maligni 

da parte 4i quel medesimo, cbe mi diciate per queilo 

cbe voi siat^ entrati costk entro. 
LU. Per la mis^a di Aridosio. 
ARL Pigliate un po' questa candela, cb*io bo bisogno di 

lare una faccenda. 



58 AEID0S10 

S. lAC. Badate costi, se volete: io ho piii briga di yoi, ehe 

dei diavoli. 
ARI. Io mi yergogno di farlo. 
S. lAC. Fatela costi; se voi vi partite un braccio di gi- 

Docchioni, io me D'andr6 con Dio, e lasser6 stare gli 

spiriti tanto che venga loro a noia. 
ARI. Oh, non vi adirate per questo. Io star6 tanto qaanto 

voi vorrete. 
S. lAG. Io vi comando da parte disanta Cristiana, che yoi 

usciate di costi. 
LU. Noi usciremo, noi usciremo. 
S. lAC. Or vedi, che la intendeste; che segno darete yoi^ 

pel quale noi possiamo conoscere, che ne siate usciti*? 
LU. Rovineremo questa casa. 
ARI. No, no, stiansi piii presto dentro. 
S. lAG. Non ci place questo segno, fatecene on altro. 
LU. Caveremo queiranello di dito ad Aridosio. 
ARI. Son dei maledetti; io ho i guanti; m'hanno vislo 

I'anello; non voglio cotesto, che non me Io renderebtono 

poi mai piu. 
S, lAG. M questo ci piace^ un altro bisogna. 
LU^ Entreremo addosso ad Aridosio. 
ARI. Addosso a me, io me ne maraviglio. 
S. lAG. Voi non avete turato tutt'i luoghi appunto; se vo- 

lessero vi entrerebbono addosso per tutta la persona, ma 

non dubitate, che senza mia licenza non si partirebbono 

di 11; state su ritto, e ripigliate la candela e vedete: on 
* di questi tre segni vi bisogna pigliare; eleggete qoal vi 

place. 
ARI. Nessuno non me ne place : fatevene dare un altro. 
S. lAC. Io non gli posso costringere a dare piii che tre 

segni. 
ARI. Non se ne possono eglino andare senza dar segni? 
S. lAC. E diranno d' andarsene e non se n' andranno. 
ARI. Stianyisi e yerrit forse loro a noia. 
S. lAG. Vol siate pur sempUce, che a posta d*un aneUo, 



ATTO TERZO 59 

Che val dieci scudi, vogliate perdere una casa che ne 
yal cinquecento. 
ARI. Dieci scudi? e'mi sta bene in piudi trenU, ed6 Tan- 
ticliiU nostra. 

S. lAC. Adunque non volete voi che si partano: io Fho 

intesa. 
ARI. Io voglio; ma.... 
S. lAC. E non si pu6 far altro, vi dico. 
ARL Ben, io voglio che siobblighinoarifarmitutt'idanni 

cbe m'hanno fatto in casa. 
S. lAC. Questo 6 ben ragioneyole, e lassatene il carico 

a me. 

AHl. Faran eglino male a me cavandomelo di dito? 
S. lAC. Niente. 

ARL Non si potrebbe metterlo in dito a voif 
S. L\C. No, che bisogna che sia cavato d'un dito della vo- 
stra mano. 

ARL Io non vorrei che mi sgrafflassero;comepotremonoi 

fare? 
S. lACL Potrebbesi tagliare la mano e gittarla 1^ che Io 

cavassero a lor beiragio. 
ARI. Gotesta pazzia non far6 io; ma mi chiuder6 ben gli 

occhi per non gli vedere. 
S. lAC. Aspettate; io vi legher6 questa berretta dinanzi 

agli occhi, che voi non vedrete, n^ sentirete nulla. 
ARI. Graffierannomi le mani? 
S. lAC. Appunto state voi a vostro mode. 
ARL Messer si. 

S. lAG. Tenete la candela da quest'altra mano. 
ARL Or bene. 
S. LAG. GMamogli io? 
ARL Fate voi. 
S. lAG. Noi siamo contenti che voi caviate V anello ad 

Aridosio, promettendoci sopra la fede vostra di rifare tutti 

i danni che cost^ entro voi aveste fatti. 
LU. Gosi promettiamo. 



60 ARIDOSIO 

S. lAC. Venite donque via, e non gli fate n6 male n6 
paura: non vi discostate Aridosio e non temete, che io 
son con voi; dite pure il qui habitat, e state di buona 
YOglia. Spirito, cava presto e vatti con Dio. 

ARI. Io ho paura che facciate come il Gonnella. 

S. lAG. Voi pensate assai ragionevolmente ; state sopra di 
voi, e andiamo in casa a ribenedirla con quest* acqua 
ma non vi levate la berretta dagli occhi , che sono an- 
cor qui intomo. 

ARI. Dite loro che se ne vadano affatto. 

S. lAC. Se n'andranno bene, venite pure in casa. 

ARI. Menatemi, chMo non percuota in qual cosa. 
S. LAC. Attaccatevi a me. 



Lael4«9 TIbert* e MAyrim. 



LU. Che vi feci? 
TIB. Quel che io non pensai mai; se tu sapessi il dispia* 

cere ch*io aveva quando sentiva la voce di Aridosio, 

aveva quasi piu paura di lui che ei di noi; mi trema- 

vano le ginocchia, che io non poteva stare ritto. 
LU. Oh gran disgrazia la tua, che non ti stesse ritto. 
TIB. Adesso si che mi place il parlare, ma allora ti pro- 

metto che non ne aveva voglia. 
LU. E che avevi paura, quando Lucido era presented 
TIB. E questo era quanto conforto aveva. 
Uy. E io, Lucido, benchS Tobbligo mio nulla rilievi, pore 

obbljgata ti sono, quant' esser possa donna ad noma 
LU. Obbligata hai tu da essere a costui, che ti ha liberata 

dalle mani di siffatto Ruffo, e di poi non t'ha fatto di- 

spiacere nessuno ch* io sappia. 
LTV. Dove Tobbligo d si grande, che le parole non bastino 

a signiflcarlo, ^ meglio tacersi, aspettando roccasione di 

dimostrarlo con fattL 



ATTO TERZO 61 

TIB. E non lo /arebbe appena il cielo, che non fossi quella 
nobile flgliuola che si stima. 

LU. E' sank buono a non perder tempo , perch6 credo che 
siano presso a venti ore, e il Raflb verrk prima d'un*ora 
a ricMedere i denari che non ci ha promesso. Credi che 
io cavert quindici scudi di questo rubino ? 

TIB. Io rho sempre sentito stimare Irenta. 

LU. Torneranno appunto, perch6 se n'ha a dare due al 
prete, e tre che ayanzino saranno del povero Lucido. 

TIB. Egli 6 ragionevole. 

LU. Io voglio adesso andarlo a vendere, che il Ruffo non 
6 uomo da voler gioie, 

TIB. E noi che farem, Lucido? 

LU. AQdateyene in casa Marcantonio, tanto che la cosa 
del Ruffo sia assettata; poive ne potrete andare in villa, 
e costei si potrk stare in casa quel tuo amico 11 vicino, 
e a tuo padre sark poca fatica a dare ad intendere che 
tu sia stato sempre lassu. 

TIB. Se ti pare. 

Lu. Si, togliete le chiavi della camera terrena d'Enninio, 
e serratevi dentro; io anderd a fare questa faccenda , 
ma udite, ch*io sento aprir la porta; andatevene di qua 
6 entrate per Fuscio di dietro. 



Ser I«eoBi« e Arl4«ttl«. 

S. lAC, Yenite slcuramente, che sono iti affatto. 

ARI. Affatto, affatto? 

S. lAC. Come v' ho io a dire ? 

ARI. Ringraziato sia Iddio ; o ogni modo e' doveyano es- 
sere un monte di poltroni a starsi tutto il di nel letto 
a yoltolare, e gli ayevano ancora mezza la tayola appa^ 
recchiata; ma che far6 io di quel letto, di quella tayola 
e di quelle masserizie che y'hanno portate? Dio me ne 
guardi ch*io adoperassi cose di diay.oli. 



62 ARnx>sio 

S. lAC Mandatemele a me che son ciurmato. 

ARI, E vol tocchereste mat queste cose? egli S meglio che 

io le faccia vendere. 
S. lAC. Avea trovato Tuomo. 
ARI. Mi pagheranno tutti i danni che m' hanno fatti in 

casa, e non avr6 d'andar dietro a lor promesse. 
S. lAG. E che danni v' hanno ei fatto? 
ARI. Rotta una pentoia , arsa una granata e della legna 

credo, ch'io non mi ricordo a punto quanti pezzi egli 

erano. 
S. lAG. Yoi siete valente a tenere a mente i pezzi deUa 

legna. 
ARI. Chi ^ poyero bisogna che faccia cosi. 
S. lAC. E a me non si vien niente della mia fatica? 
ARI. Obt Lucido m'ayeva detto cbe non volevate nulla. 
S. lAC. Egli ^ il vero ch'io dissi, che non voleva altro se 

non quello che piaceva a voi. 
ARI. cosi fanno gli uomini da bene; venitene stasera a 

cena meco per questo amore. 
S. lAG. Ck)testo non far6 io; che non yo'morir dl fama 
ARI. Cbe dite yoi? 
S. lAC. Dico cbe yi yerr6 molto yolentieri , che ho una 

gran fame. 
ARI. Oh ser lacomo, ogni troppo sta per nuocere; ei yi 

sark un Colombo, che ieri tolsi dl bocca alia faina, e 

del flnoccbio: non yi basta? 
S. lAC Si, si, o gli d roba d'ayanzo. 
ARL Ob yoi non sapete il ben ch'io yi yoglio? Yi gioro 

per questa croce , che s' io non ayessi dato quel ruUno 

agli spirit! , ch' io ye Io donerei , ed alia fd me ne sa 

peggio per amor mio cbe per yoslro. 
S. lAC Io rho per riceyuto. 
ARI. Lo fo perchd yoi yeggiate ch' io non son miserocome 

son tenuto : ma andateyi con Dio, non istate piii a dlsagio; 

a riyederci stasera. 
S. lAC A Dio dunque. 



ATTO TBRZO 63 

ARI. Mi raccomando. — Oh ehe fa sapere usare quattro pa- 
role a tempo; ma che indugio pih a cayar la mia borsa 
e riporla per poter trovar Tiberio? acciocchd io gli fao- 
cia patir la pena di quanti peccati egli fece mai a' suoi 
di? ma ecco appunto uno che rien di qua, che mi gua- 
sta il mio disegao: aspetterd che sia passato. 



Raff«, Arldi«»l«« 



RUF. Io ti so dire che avevano trovato il corribo ; dove 
m' haono a dare venticinque ducati, volevano con una 
doppia tirarne cinque de'mieit 

ARL Che dice egli di ducati. 

RUF. Far6 quello ch' io promisi lore , me n' andr6 ad Ari- 
dosio, che intendo b in Firenze, e dorrommi con lui, e son 
ceito che mi fark render Liyia o pagare il resto dei 
denari. 

ARI. Ghe diavolo dice di me e di denari? Dio m'aiuti. 

RUF. Ya poi tu e credi a persona senza pegno; nol far6 
mai: ma di questo ne sono io piil sicuro,che s*io avessi 
il pegno : anzi mi par di aver guadagnato quel venticin- 
qae ducati, e sebbene ella ha perduta la yerginitit, nes- 
8un non sa in quant'acqua si pesca. 

ARI. Costul m* intorbida la fantasia , e non intendo ogni 
cosa. 

RUF. II caso sarebbe ch*ella fusse flgliuola di chi &*b detto 
(ben ch'io n'ho perduta la speranza) : roa non so se quello 
cbe io yedo ]k 6 Aridosio o un che Io somigli ; egli 6 
pur desso: a tempo per mia f^ I'ho riconosciuto. 

ARI. Perch6? che yuoi tu dirmi? 

RUF. Cosa giusta e ragioneyole. 

ARI. Che non Io di? 

RUF. Questa mattina Tiberio yostro figliuolo yenne a casa 
mia, doye 6 stato piu yolte per yder comprar da me 



64 ABIDOSIO 

una fanciuUa, ch' io ho allevata da puttina, molto bella. 

ARI. Tu dl Tiberio? 

RUF. Tiberio dico io. 

ARI. Mio figliuolo? 

RUF. Penso sia yostro flglinolo; sua madre ne sapeva il certo; 
ma lassatemi dire; egli flno allora non aveva avuto 
comoditk di far altro, cb'andaria a vedere al monistero 
dove ell' era, perch6 non avea da darmi un soldo: ma 
questa mattina venne con animo delilierato d' averla 
ad ogni modo, e fatta ch'egli me Tebbe condurre a casa 
mia, cominci6 a pregarmi, ch'io gliene dessi, dicendo, 
che stasera mi darebbe i denari ; io che sapeva come le 
cose vanno delle prom^e , non volea star saldo a modo 
niuno. Finalmente quando ei vide, che per amore non 
la poteva avere; si volt6 alia forza, e cavommela di 
casa. 

ARI. Oim6 che sento io ? 

RUF. State pure a udire, e perch6 io gli andava dietro do- 
lendomi e rammaricandomi di si grantorto; eimidisse, 
chMo avessi pazienza sino a stasera che mi pagherebbe 
venticinque ducati come piii volte gli avea detto che ne 
voleva. 

ARI. Dov'^ egli, che Io voglio ammazzare? 

RUF. Adesso ch'io andava pur per vedere se mi voleva 
pagare, non ch'io ne avessi molta speranza, I'ho las- 
sato che mi voleva giuntare con un rubino falso, e darmi 
ad intendere che valeva trenta ducati, e deVe valere set 
carlini , ond* io vedendomi a simil partito , e sapendo 
quanto voi siete uomo da bene , e quanto vi dispiac- 
ciono le cose malfatte; son venuto a voi pregandovi che 
almanco mi facciate rendere la mia schiava; se vi pla- 
cer^ poi donarmi qualcosa, per quello ch'ella sia peg- 
giorata avendo perduta la verginitit, stark a voi e alia 
djscrezion vostra. 

ART. Ha fatto questo Io sciagurato, ah? 

RUF. Pensate voi, sono stati rinchiusi soli in casa vostra 
forse sei ore. 



ATTO TERZO 65 

ARI. Jn casa mia? • 

RUF. In casa vostra. 

ARI. E Chi te I'ha detto? 

RUF. lo so che ci veddi ordinare il desinare , ed hannoci 

desiaato Erminio ed egli. 
ARI. Qual dla casa mia? 
RUF. Quella li, 
ARI. lo noD so se tu vuoi la baia del fatto mio. So che in 

casa mia non pu6 essere stato. 
RUF. E perch^? 
ARI. Come perch§?r^ stata spiritata; e non v*d stato nes- 

suno un pezzo fa. 
RUF. Spiritata, mi piacque; io so che v' ho visto altro che 

spirit). • 

ARI. Tu dei aver cambiato V uscio; non so io che mi son 

trovato a cavargli? 
RUF. Orsii, sia come vol volete: pur che mi facciate ren- 

dere la mia schiava o venticinque ducati. 
ARI. Ch' io ti dia venticinque ducati ? io non gli ho quando 

te 11 volessi dare, ma la schiava ti prometto io hen cbe 

riavrai, e se sark possibile come gUene desti: o lo vo- 

glio conciare in modo che ne verrk compassione a te 

che ti ha offeso; ma dove lo potr6 io trovare? 
RUF. Fatel dire a Lucido, che ne tiene il governo, che era 

adesso in piazza che mi voleva dar quel rubino , che 

v'ho detto, per pagamento. 
ARI. Qual Lucido di tu? 
RUF. II medesimo che voi. 
ART. Lucido d' Erminio? 
RUF. Quello si. 

ARI. E che rubin ti voleva dare? 
RUF. Un rubino in tavola; io credo che fusse falso; avea 

assai bella mostra legato alia antica, scantonato un poco 

da una banda; dice che 6 anticx) di casa vostra. 
ARL Io non so sMo sogno o s'io son desto, alle cose che 

tu mi di; donde dice egli averlo avuto? 
Lorenz. de'Medici K 



^JT, lo ■OCL JO U:iti? ^ic*s?. 



ftjo nJ 6.J.3 ia tittj di c»^rlI; pettte dke molle cose 
cfce ton ?jSjor» siir*?. 



LscU*, ■■■• e 



U?. Gtiaria se g!i •? ca^-ito appunto i! present© solToscia 

BUF. lo Ti pr^fgo ch^ o->n mi fciscUte far toito. 

Uf. Ad^-vj ch 10 h3 i laairi in maro, bisogna far boon 

coore. 
ARL >'on dubitare. • 
LU. E acconciarmi il vi^o !>?ne; ioTi so dire Aridosio, cbe 

Toi siete capita to a buone mani. 
ARL Hai lu sealito q'jel che dice costuit 
LU. Mille volte I' ho s^ntito; nonsapele TOi ch*egli d paxso. 
RUF. Pazzo mi vorreste far voi, ma noQ ri liusciii, che 

siamo in luogo che si tien giastizia. 
LU. Taci cbe U daro i tuoi denari come U levi di qui. 
RUF. Kon vo* tacer se prima non me g!i daL Vedi in che 

modo mi vorrebbe levar da Aridosia 
ARL Ben che cosa e questa, Lucido? 
LU. Non v' ho io detto ch' egli 6 pazzo? 
ARL Che dice egli di Tiberio, di venticinqoe docati e di 

on nibin falso? Io non r intendo. 
LU. Una disgrazia, che gli 6 intervenuto, Tba fatto impax- 

zare, e non fa mai altro che parlar di qoeste cose. 
RUF. Guarda che sciocca astuzia 6 questa; am dir ch*io 

son pazzo, volenni torre il mio. 
ARL E' parla pur da savio e non da matto. 
LU. Non V* ho io detto che fa sempre co^? Buon uomo, 

adesflo non 6 tempo d* ascoltar le toe disgrazie. Toma 

nn'altra yolta, che Aridosio ti udirii , e ti farii far ra- 

gione; io non te li vo dare in sua presenza. 



ATTO TERZO 67 

RUF. Tu non mi sei per levare di qui , se prima tu noa 

mi dai, o i miei denari, o Livia. 
LU. Oh Che importuno pazzo 6 questo t quando s* appicca 

ad UQO ^ come la mignatta. 
ARI. E ne debbe pur essere qualcosa. 
LU. Yolete pur credere a parole di matti: tien [qui sotto 

la cappa, ch'el non veda. 
ARI. Ma dlte ben certe cose che sono impossibili. 
RUF. Gil voglio annoverare. 
LU. Di grazia che non veda. 
KUF. Che me ne euro? Mi basta che vi sian tuUi. 
ARI. Che bisbigliate vol costa? 
RUF. Or ch'io son pagato, non dico altro. 
LU. Gil ho dato certi quattrini ^e stia cheto; in tutto di 

non arebbe mai fatto a\tro verso. 
RUF. lo vo adesso ai banco , e quelli che non saranno 

buoni me li cambierete. 
LU. Gli e onesto, vattene in malora. 
ARI. £i dice pure che Tiberio 6 stato a diletto stamane 

con quella fanciuUa in casa mia. 
LU. Ah, ah, non vi diceva io ch'egli 6 fuor di s^. 
ARI. Ma deli'altre cose non so io che mi dire. 
LU. Oh sarebbe bella, che voi gli aveste a creder queste 

cosacce? Ma usciamo di questi ragionamenti ; la cosa 

dfigli spiriti d ita bene, come m*ha ragguagliato ser la- 

como. 
ARI. Si bene, ma hanno avuto il mio nibino miglior^; ma 

in ogni modo lo riaverd, so ben io perch^. 
LU. E io padrone non ho aver qualche mancia.t 
ARI. Zucchet io me ne vo in mance. 
LU. E al povero Lucido? 
ARI. Orsti, io son contento. 
LU. Che mi darete? 
ARI. Ci vo'pensar piu ad agio, ma perch' io son solo in 

casa, e sono ancor digiuno; vorrei un po'mangiare in 

casa Marcantonio; va innanzi, Lucido, e ordina da bere; 



6S ARIDOSIO 

tin poco di pane e una cipolfa mi basta, ch* io non sono 
ayyezzo con molte cirimonie. 

LU. In casa Marcantonio non si mangia cipolle. 

ART. Va, ordina di quello che vi 6. 

LU. Io vo ad ubbidirvi. 

ARI. Mi pareva mill' anni di tormelo dinanzi , per peter 
pigliar la mia borsa, e to* risparmiare questo pane, che 
ayea portato meco , e poi vo' ritrovare questa matassa, 
ch'io sto confuso quello cb'io m*abbia a credere. Orsu, 
non si vede persona; non yoglio perder tempo, cb6 que- 
sto importa troppo; fogna,tu ti sei portata bene; ohim^l 
Vb si leggieri, obimSf che vi 6 dentro? ohimd ch'io son 
mortot al ladro, al ladro, tenete ognun che fugge, ser- 
rate le porte, gli usci, I0 flnestre; meschino a metdoy*^ 
11 mio cuore? misero me dove ved'io, dove sono, a chi 
dico? mi raccomando, mi raccomando ch'io son morto; 
insegnatemi chi m' ha rubato la vita mia, Tanima mia; 
avess' io almanco un capestro da impiccarmi ; ell' S pur 
vota; Diot chi d state quel crudele che m'ha telto ad 
un tempo la vita, Tonore e'la roba; ohsciagurate a me 
che questo di m'ha fatto il piuinfelice uomo del mondo, 
e che ho io piu bisogno -di vivere, che ho perduto tutti 
i miei denari , quelli che si diligentemente aveva adu- 
nati, e ch'io amava piu che gli occhi prepri, quelli che 
io aveva accumulati fin col cavarmi il pan di bocca. 

LU. Che lamenti son questi si crudeli ? 

ARI. Avessi qui una ripa, che mi ci getterei. 

LU. Io so quel che tu hai. 

ABL Avessi un coltello che mi ammazzerei. 

LU. Io vo* vedere se dice il vero ; che volete voi far del 
coltello Aridosio? Eccolo. 

ARL Chi sei tu? 

LU. Son Lucido ; non mi vedete ? 

ARI. Tu m'hai rubati i miei denari ladroncello; rendimeli 
qua. 

LU. Io non se quello che vi vogliate dire. 



ATTO TBRZO 69 

ARI. lo SO ben che mi sono stati toUi. 

LU. Chi ve gli ha tolti ? 

ARI. S'io non gli troyo son deliberato d'ammazzarmif 

LU. Eh, non tanto male Aridosio. 

ARI. Non tanto male? Due mila ducati ho perduti. 

LU. Yenite adesso a mangiare; poi li farete bandire o in 

pergamo o all'altare; gli troverete in ogni modo. 
ARI. Ho Yoglia appunto di mangiare ; bisogna ch* io gli 

troTi ch'io muoia. 
LU. Leviamci di qui. ^ 

ARL Dove vuoi ch'io vada? Agli Otto? 
L\5. Buono. 

ARI. A far pigliare ognuno. 

LU. Meglio: qualche modo troverem noi ; non dubitate. 
ARI. Ahimd, ch'io non posso spiccare Tun piede dairaltro, 
ohim^ la mia borsat 

LU. £h Toi Tavete, e volete la baia del fatto mio. 
ARI. Si vota, si yota; oh borsa mia, tu eri pur plena! Lu- 

cido, aiutami, ch'io non mi reggo ritto. 
LU. Oh yoi siete a questo modo digiuna 
ARI. Io dico che d la borsa; oh borsa mia, oh borsa mia^ 

ohimdt 



ATTO QUARTO 



ErmlBl«9 Cesftre« 



ERM. Dove diavolo stavi tu, ch* e* non ti vedde? 

CES. In luogo, ch'io vedeva lui, edei non vedeva me, e 
guardossi attorno piii di cento volte. 

ERM. Oh Che bella festa. 

CES. Bellissima per me. 

ERM. Certo, che tu hai avuto una gran ventura, non per- 
chd abbia guadagnato due mila ducati , che volendo far 
r ufflcio dell* uom da bene , sei tenuto a restituirli , ma 
dico, che non ti poteva accadere cosa piu opportuna a 
farti conseguire il tuo desiderio di aver Cassandra di 
questa e in questo modo ; perchd s' ei sapesse che tu 
avessi 1 suoi denari,non si queterebbe mai fino a tanto 
che non gli riavesse, dove che a questo modo lo farem 
consentir a tutti quelli accordi che vorrem noi rivo- 
lendoli. 

CES. E* non lo sa altro che Marcantonio, Lucido e tu; per6 
awertiscili che tacciano. 

ERM. Lo far6, ed ecco appunto di qua mio padre: lassaci 
di grazia un poco soli. 

CES. Gosi far6; intanto andr6 a riveder quel denari che 
non son riposti a mio modo; addia 



ATTO QUARTO 71 



llareaMt#Ml«, Eratlnl*. 



UAR. ErmiDio mi disse di esser qui. 

ERM. T ho ubbidito, padre mio. 

MAR. Oh bene hai fatto t 

ERM. Che volete comandarmi ? 

MAR. Tu sai che sempre, bench' io potessi comandarti, U 
ho pregato, nd adesso voglio cominciare, ma ti voglio 
awertire. 

ERM. Oh Dio voglia che sia cosa ch*lo la possa fare, accid 
ch'ella non causi in me disubbidienza. 

MAR. Tu ti sei immaginato, credo, quello ch' io ti vo' dire: 
in modo parli. 

ERM. Penso mi vogiiate dire della mia monaca. 

MAR. L' hai trovata. 

ERM. Nella qual cosa conosco, padre mio, di errare gran- 
demente, e dall'altra banda m*avveggo di non poter fare 
altro: perchd quanto mi era facile sul principio il non 
eommettere questo errore, tanto adesso mi 6 difficile, 
anzi impossibile, il rimediarci; in tanti lacci mi trovo 
essere inviluppato : si che altra deliberazione non spero, 
e non voglio che la morte, perch^ come possMg non amar 
Chi mi ama? non desiderar chi mi desidera sopra tutte 
le cose del mondo ? e massimamente non essendo donna 
al mondo, nd mai, credo, ne sark che con lei di bel« 
lezza e di gentilezza si possa paragonare : per6, padre 
mio, vi prego che non vogliate opporyi alle mie ardenti 
liamme , le quali d impossibile , che da altra cosa che 
dal benefizio del tempo possano essere estinte : in tntte 
le altre cose i vostri comandamenti, i vostri prieghi mi 
saranno leggi fermissime; ma in questo, che noti 6 in 
forza mia V ubbidirvi, non veggo modo di potervi con* 
tentare. 



72 AKIDOSIO 

MAR. Figliuol mio, io ti ho per certo gran compassione, 
perchd bo provato anch'io che cosa sia Tessere inna- 
morato; niente di manco mi parrebbe di mancare dello 
offizio del buon padre s*io non ti dicessi il parer mio 
in questo. Tu sai cbe non d nessuno,persceIIeratoch'ei 
si sia, al quale non sia odioso Tusarecon monache; lascia* 
mo stare il peccato cite si commette appresso Iddio che 
^ grandissimo, e dichiamo che non ^ cosa che dispiaccia 
piu alia maggior parte degli uomini, che quando si yede 
qua alcuno, che cerca in qualche cosa particolare farsi 
differente dagli altri: si che quando tu non Tavessi mai 
a far per altro, questo doverebbe essere possente a fartene 
distorre, per non ti proyocare lo sdegno di Dio e degli 
uomini. Lasso stare ancora, che s'ingiuria chi y'ha le 
flgliuole e le sorelle, e che si ci portano mille pericoli 
andandovi. Per6, figliuol mio, muta questo tuo amore in 
un piu ragioneyole , del quale tu possa ottenere il desi- 
derato fine senza tanti pericoli: perchd, grazia di Dio, 
non b flgliuola in Firenze, che i suoi non te la dessero 
yolentieri; disponti adunque a yoler tor moglie, e a 
darmi questo contento, che oramai ne ^ tempo, e non 
mi dk noia la dote; mi basta solo che la ti piaccia , e che 
sia da bene, e a questo modo potrai far contento te e me 
ad un tempo. 

ERM. Contento non sar6 io mai senonhoFiammettamia; 
yi dico ben che le parole yostre hanno ayuto tanta forza 
in roe , che mi fanno pensare a quello ch' io non arei 
mai pensato, e yi prometto, per quella riyerenza ch'io 
yi porto, di sforzarmi con ogni mio potere di. fare in 
modo che yi contenti , pensando pur di troyare in yoi 
qualche compassione. 

MAR.*^Se tu pensi di ayer bisogno di compassione, io sto 
fresco. 

ERM. Volete da me quel ch'io non posso?* 

MAR. K^ da te, nd da nessuno yoglio rimpossiblle; ma 
proya , proya, figliuol mio, perchd quello che ti parrji 



ATTO QUARTO 73 

strano e dispiacevole sul principio, alia fine grato e pia- 
cevole ti sark , cb^ questa 6 la natura delle cose ben 
fatte; per6 lasciati consigliare, e pensacb'iobo piu spe- 
rienza di te e cbe solo ti dico questo pel ben cb* io ti 

YOgliO. 

ERM. Io far6 quel cb'io potr6. 



Arldi««l«, llareaMt#Ml«, EnnlMl*. 



ARI. Oim6t 

MAR. Cbi si lamenta? 

ARI. Oimdt 

ERM. Cbe diavolo 6 questo? Aridosio, per Dio, cbe si ranuna- 
rica dei due mila ducati t 

ARI. E' mi mancaya questo; ob flgliuol del diavolo , nato 
per farmi morire. 

ERM. Non dite niente di grazia cbe vol guasteresti il di- 
segno a Gesare. 

MAR. Io Io TOglio aiutare in quel cb'io posso. 

ARL In un medesimo di bo perduti due mila ducati , e 
8ono stato giuntato d' un rubino da Lucido, uccellato e 
svergognato; si cbe aitro non mi resta cbe morire: ob 
sorte, tu sei pur troppo crudele quando ti deliberi di far 
male ad uno t io non bo giammai offeso altro cbe me 
stesso. 

ERBL E*8i 6 awisto della burla degli spiriti. 

BfAR. infatti fu troppo crudele. 

ERM. E'non si poteva far altro. 

ARI. Quanto era meglio in sul principio lasciare andare 
ogni cosa, e se yoleva spendere, giocare, tener femmine, 
lasciar fs^re in malora: percbd in ogni modo le fa, e io 
mi tribulo, e ammazzo per cercar di lui, e rimediare ai 
saoi scandali; e bo perduto ii mio tesoro, senza il quale 
noQ mi d^ piik Tanimo di yivere. 



74 ARIDOSIO 

MAK. E'mi rincresce di lui; lo voglio un po* consolare. 

ERM. Ricordatevi che non gli avete a dir niente dei denari. 

MAR. Non dubitare; che hai tu che ti lament!? ecci nulla 
di nuovo? 

ARI. E che non ho io di ma'e? A raccoglierne quanti ne 
sonb al mondo, tutti sono in me. 

MAR. In verita che mi duole , e dei denari , e dei modi 
che tien Tiberio, poi che dispiacciono a te; ma a dire 
il vero, non sono sempre sconvenlenti all*eti sua. 

ARI. Tu hai sempre mai detto cosi , e sei stato causa di 
molti disordini, ch'egli ha fatti. 

MAR. Oh non mi dir vilianie, che io non ti parler6 piii. 

ARI. Tu e Erminio ne siete stati causa. 

ERM. Buon per lui se si fusse consigliato meco. 

ARI. Ma faccia egli; sMo ritrovo i miei denari, gli lascer6 
tento la briglia in sul collo, che gli putiri. 

MAR. II caso 6 a trovargli; tu fusti pazzo a metter duemila 
ducati in una fogna. 

ARI. Ognuno 6 savio dopo il fatto,da me infuori, che son 
sempre pazzo, sempre sto malcon tento, e duro fatica, e 
stento pel maggior nemico ch*io abbia al mondo; che 
patisco fin a Lucido mi venga a sbeffare, edarmi ad in- 
tendere, che la casa mia 6 spiritata, e cosl farmi tenere 
uno sciocco per tutto Firenze , fin a cavarmi Y anel di 
dito. 

MAR. Di questo do io il torto a te, che sii stato si sem- 
plice, che Tabbia creduto: e se egli avea bisogno di ven- 
* ticinque ducati e tu non glieli volevi dare, come aveva 

egli a fare? 

ARI. Venticinque ducati? io non voglio ch*egli abbia on 
soldo: della roba mia ne voglio esser padron io fin ch'io 
vivo: poi quando morr6, la lascer6 ad un altro. 

ERM. Egli SLYTk pur quelli a tuo dispetto. 

ARI. Ma infine, quandMo m'arricordo de'miei denari, io 
esco di cervello; e per la pena non posso-star ritto. Io 
voglio ora andare a farli bandire , ben che questi mi 
paiono pan caldi. 



ITTO QUARTO 75 

MAR. Va via, non perder tempa 

ARI. Poi voglio andare in casa, e pianger tanto, che a Dio 
6 al diavolo ne venga compassione. 

MAR. Ob cotesta 6 la via. 

ERM. Yedeste mai la maggior bestia? 

IIAR. Eh, elle son cose da far disperare ognuno. 

ERM. Ob Dio; ebbi pur la gran sorte, quando vl yenne 
YOglia dl tormi per figliuolo, e a lui di dannivit 

MAR Cbe fenciuUa 6 quella, di cbed InnamoratoTiberiot 

ERM. E una fanciulla cbe ba modi e aspetto di nobile: e 
colui, cbe glle Tha venduta, dice avere certissimi indi- 
zi cb' ella d nobiiissima di Tortona, e per padre e per 
madre; a' quali per le guerre di Milano fu rubata, e da 
un fante fu a costui venduta di eU di sei anni ; e da 
quel tempo in qua, r ba tenuta sempre in un monistero,. 
in fln cbe n'd yenuto tanto voglla a Tiberio cbe ba bi- 
sognato gllene dia 50 ducati: e pur oggi e yenuto un 
seryidore, cbe dice messer Alfonso, quello cbe pensano 
cbe sia suq padre, essere addietro. "Forse sar^ qui stasera 
o domattina, con animo, cbe se la sua Ugliuola si ritroya 
come egli presume per lo indizio, di ricomprarl^ ogni 
gran preglo, e rimenarsela a casa, in modo cbe quel 
Ruffo cbe r ayea, si morde le mani , parendoU in poco 
tempo ayer perduta una gran yentura. 

MAR. Orsu basta : io yoglio essere fin in piazza. 

ERM. Se yolete nulla yerr6 ancb'io. 

MAR. No, no, resta pur a tua comodita, e pensa di far 
quello ti bo detto, se bai caro tenernii contento. 

ERM. Mio padre; io y*bo promesso di far quel cb*io po- 
tr6. mia mala sorte, non era assai il dolore, cb' io bo, 
cbe ad ogni ora temo, cbe non partorisca, senza aggiu- 
gnermi quesraltrotOimS! Tampre e Taffetto mi lacerano 
con tanto dolore cbe appeoa lo posso sopportare. 



76 ARIDOSIO 



Mona PjMqnlaai ErailaU. 

M. P. lo vedo \k il mio padrone che ha la febbre calda. 
ERM. Oh Dio aiutacil 

M. P. Basterebbe, se fusse innamorato di me. 
ERM. Oim^, io sono udito. 

M. P. Io ti farei camminar cento miglia per ora alia tL 
ERM. r 6 quella pazza di mona Pasquina: che bisbigli tu? 
. M. P. Dico , ch* io trattava meglio i miei innamorati , che 

non fa la Fiammetta voi. 
ERM. Guarda chi vuol metier bocca nella Fiammetta mia? 

Echi fu innamorato di te, se non fu il boia? 
M. P. Qual boia? fate conto ch'io non ho quella cosa come 

raltre. 
ERM. Ma che fai tu qui a quest'ora? 
M. P. Dove mi avevi voi mandala? 
ERM. Tu sei gik stata a casa mona Gostanza. 
M. P. Che vl credete? Si trovano poche mone Pasquine. 
ERM. E. massime belle come te. 
M. P. S'io non son bella, miodanno; oh voi m'avetestraccat 

sempre mai mi state a dir mille ingiurie. 
ERM. Dov'd la lettera? 
M. P. Toglietela. 
ERM. Portala adesso allaPriora, poi va alia maestradella 

Fiammetta, e dille che ^ 1^ Priora ^ contenta, ti mandi 

subito a me, e io manderd chi la porti. 
M. P. Che porti chi? 
ERM. Dl.a questo modo, ella ti intenderk bene; diavok), 

che tu non tenga a mente t 
M. P. Io tengo benlssimo. 
ERM. Basta, va via, cammina. 
M. P. Uh, signore. 
ERM. Aspetta; io vo' che tu porti un' altra cosa. Paulino, 

• eh Paulino; non odl sciagurato? o Ul I 



ITTO QUARTO 77 



Pa«llB«, EraibiU, Pasqalaa. 



PAU. Signore. 

ERM. Sempre vuoi ch'io t*abbia a chiamar cento volte; © 
gran cosa questa. Va,trova quattro flaschi di trebbiano, 
e portateli fra voi due alia Fiammetta. 

PAU. Signorsi. 

ERM. Andate presto, ch*io desidero la risposta, che im- 
porta assaj. 

PAU. B6,-io ander6 pur adagio, ch'io ho trottato tutto 11 di. 

ERM. lo Y'aspetto in casa. 

M. P. Oim6, r6 pur una mala cosa Tesser serva; or ch'io 
sono stanca morta, mi convien andare a Santa Susanna, 
e pol forse ci ar6 a ritornare, e cosi fo ogni giorno. Al 
manco si facesse egli la festa di San Satumo, come si 
faceya al tempo antico , che concedeva , che per otto di 
le serve e i servidori diventavano padroni, e essi servi 
e servidori; a me toccherebbe ad esser mona Lucrezia, 
e vorrei star quegli otto di sempre nel letto con qual- 
che mio Innamorato. 

PAU. Mona Pasquina, togliete questi flaschi. 

M. P. Non hai tu le mani? 

PAU. E i piedi ho. 

M. P. Potrai tu adunque andare a portargli, che io ho al- 
tro da fare; non ti disse il padrone che gli portassi tu? 

PAU. Madonna no, ma che li portassimo fra noi due. 

M. P. Io ti so dire che tu sei cima : orsii, portane tre e io 
ne porterd uno,ch6 son vecchia. 

PAU. E' non ne sar^ altro : io gli ho portati fin qui*; por- 
tategli fin 1^ vol, e cosl fra noi due gli avrem portati. 

M. P. Alia croce di Dio, che se tu non gli por^, io ti far6 
dar delle staffilate, e dir6 che tu non gli abbia volsuti 
portare per andar a giuocare. 



78 ARIDOSIO 

PAU. E io dir6 quel che vol mi faceste I'altra notte, quando 
dormii con voi. 

M. P. E Che ti feci, ladroncellof 

PAU. Che mi toccavate voi ? 

M. P. Levamiti dinanzi sciagurato, che postu arrabbiare! 

PAU. Oh porta i fiaschi da te, scanfarda. 

M. P. Va poi, e fldati di questi morbetti: e'ridicono ogni 
cosa; io m'era messa bene, ti so dire: e pur bisogna 
qualche volta trastullarsi ; ma lasciami andare a portar 
queste cose , che son badata pur troppo , innanzi eh 
questi, che yengono di qua, che paiono smarriti, mi di- 
mandin la strada, e mi tengano anche un pezzo a parole. 



Messer A.ir«ns«, Brlg^a servo. 



M. A. Io poteva fare senza mandarti innanzi , poi che tu 
hai bisogno di guida; come si chiama la strada dove sta? 

BRI. Non Io so. 

M. A. Ed egli come ha nome? , 

BRI. Non me ne ricordo. 

M. A. Tu sei benissimo informato adunque. 

BRI. Io gli ho parlato, e sono stato in casa sua. Ma Fi- 
renze non e fatta come Tortona; che come io volto una 
strada son beir e smarrito. 

M. A. Tu hai pur parlato a quella, che dicono esser la mia 
flgUuola. 

BRI. Holle parlato: e dicono che d dessa al certo: e di 
questo state sicuro. 

M. A. Ha' la tu vista. 

BRL Io non V ho vista,, ma colui mi ha dati i segni : e dice 
che sempre d chiamata Livia, che d bianca, ha gli occhl 
neri , e belle cami , e quel contrassegno della margine 
appresso Pocchio, che non pu6 fallire; oltre di questo 
dice, che mai non ricorda altri, che messer Alfonso. 



ATTO QUARTO 79 

M. A. Djof questa e una gran grazia, e affermotti d'averla 
sempre tenuta in un monastero? 

BRI. Dice che non i' ha quasi mai vista, ma mi parve mal 
contento. 

M. A. Deve aver paura, ch'io non lo paghi a suo modo: 
ma s'io gli dovessi dar mezzo lo stato mio, lo yo' sod- 
disfare, s'io ritrovo esser vero, che Tabbia tenuta nel 
modo che dice: or va presto, e vedi se tu'l trovi, chd 
mi par mill* anni di vederia e abbracciarla. 

BRI. Aspettatemi, ch* io tomerd a voi, s* lo non mi smar- 
risco. 

M. A. Se Dio mi dk grazia, ch'io ritrovi la mia unica 11- 
gliuola, che abbia salvo V onore, siccome la persona,* mi 
reputo felice. Difficil cosa mi pare , che essendo gik di 
quindici anni , e in man di persone ,. che fan piu con to , 
del guadagno, che d*altra cosa, Tabbiano volsuta man- 
tenere tanto vergine. DalFaltro canto, s'elJ*6 stata in un 
monastero, come si dice, e*saria facile, che da donna da 
bene si fosse allevata, e cost mantenuta ; ma in qualunque 
modo si sia, io rendo grazie a Dio , che si lungo tempo 
se r abbia preservata fuor di casa sua, perche io abbia 
aver questo contento in ricompensa del dolore, ch' io ebbi 
quando la mi fu tolta di braccio. 

BRI. Slgnore, io ho ritrovata la casa, ed e qui presso* 

M. A. E un miracolo, ed egli d in casa? 

BRL E Ik che y'aspetta. Andiamo. 

Mona Pasqalna e Mareant^nto. 

M. P. Io voglio lasciar andar via coloro, che Erminio im- 
pazzerk deirallegrezza di aver avuto un si bel flgliuolo. 
Dicono ie monache che Tavrk per male ; io non r intendo 
questa cosa; gli domanderd pur la camicia per la buona 
nuova. Oh! gli 6d*unamonaca;e*sisia: io credo ch'elle 
mi dicono a quel modo per invidia, e fanno un rumore. 



80 ARIDOSIO 

UQ cicallo per quel monastero, che paiono uno sciamo 
di pecchie : ma che indugio io di andare a dirlo ad Er- 
minio ? Oh ecco di qua Marcantonio : non so s'io mi glielo 
dica. 

MAR. Quella mi par mona Pasquina. 

M. P. Ma elle mi dissono ch' io non lo dicessi se non ad 
Erminio. 

MAR. Mona Pasquina. 

M. P. Che farO? A saper I'ha. 

MAR. Siete sorda? 

M. P. Oh io vel dir6 poi. 

MAR. Che mi dirai? 

M. P. Che Erminio. 

MAR. Che ha fatto Erminio. 

M. P. Un flgliuolo... 

MAR. E di Chi? 

M. P. Delia sua monaca. 

MAR. Sia col malanno che Dio li dia : son helle cose queste. 

M. P. Oh Marcantonio, perdonatemi, elle m* ayevano detto 
chMo non dicessi nulla. 

MAR. Orsu , ^^attene in casa , cicalaccia , e fa che tu non 
parli con persona. 

M. P. Oh t ad Erminio t 

MAR. A lui manco. 

M. P. Risogna pur che provegga la balia e Taltre cose. 

MAR. Proveder6 ben io a quel che occorre. 

M. P. Se mi vede, bisogna pur ch* io gli dica qualche cosa. 

MAR. Non ti lasciar vedere. 

M. P. Oh yedi ch' io non gli potr6 dimandar la mancia. 

MAR. Oh Erminio, tu mi potevi pur dir ch*ella fusse gra- 
vida, e non yituperare te e il monastero. Orsa, ai ri- 
med] ; io sarei stato troppo felice, s'io non avessi avuta 
questa briga, ma bisogna pensarechei gioyani facciano 
talora dei disordini. Io yoglio andar qua in chiesa a 
parlar con la Priora, e intender6 i particolari della cosa, 
per poter pigliare poique*rimedj che migliori parranno. 



ATTO QUIN TO 



Messer Alf»B»«, RaflW. 



M. A. Tu pdlevi pur aver pazienza un di piu. 

RUF. E s' io era stato due mesi senza aver lettere, n^ im- 
basciata da voi, non yolevate chMo pensassi al caso mio? 
Siate certo, cb6 molto piu yolentieri a voi 1^ avrei do- 
nata, che ad altri veaduta. 

If. A. Donata? non saresti mai piu stato povero. 

KUF. Io fui sempre disgraziato. 

M. A. Disgraziato son io, che vengo fin da Tortona per 
yeder mia llgiiuola vituperata, e solo mi rdsta la spe- 
ranza contraria aquella ch* io avea dianzi; perchd 'com'io 
desiderava e sperava, che quella fusse la mia flgliuola, 
cosi adesio desidero, che ella non sia dessa; per6 che 
molto minor dispiacer mi sarebbe 11 mancarne, ancora 
che unica sia, che il ritrovarla a questo modo. 

RUF. Ch'eila sia dessa, non ve ne state in dubbio, se son 

veri i segnl che mi avete dati : ma sapete quel ch* io 

y' ho da dire, messer Alfonso^ che a maritar r avete, e 

che per tutto si vive ad un modo, e benchd da Tortona 

Lorenz. de'Medki 6 



t 



/ 



82 ARIDOSIO 

a Firenze sia gran differeoza , niente di manco costui 
n*d tanto innamorato, e suo padre h tanto avaro, che 
se voi sapete fare , e se non vi parra fatica il donargli 
una buona dote, gliene farete tor per moglie, e a lei 
tornerk molto meglio a esser maritata qua, dove d alle- 
vata, e a un de' primi della cittii. 

M. A. Se i denari avessero acconciar questa cosa, da me 
non mancherebbe. 

RUF. Quelli Ik possono acconciare, sopra di me. 

M. A. Dio il YOlessl f ma non lo posso credere, perchd come 
pu6 mai consentire un giovane da bene di volere ana 
per donna , con la quale abbia usato come con mere- 
trice? 

RUF. Oh non sa egli , ch* ell* ^ stata sempre in on mona- 
stero? e che il primo uomo, ch'eirabbia yisto, non che 
tocco,d stato esso? 

M. A. Se cosi 6, e potrebbe essere; i denari non hanno a 
guastare (se io ne avr6 tanti); ma veggiamola, accioc- 
che io mi certiflchi se 6 dessa o no. 
I RUF. Io la lasciai qui con Tiberio; busserd a yeder se ci 
sono. Tic toe, tic toe; oh di casa; io sento pur non so 
chi. 



Arld^sUy Raff* e messer h\t%n%: 



ARI. Chi 6 a? 

RUF. Amici. 

ARI. Chi vienc a disturbare i miei lament!? 

RUF. Aridosio, buone nuove. 

ARI. Chi 6 trovata? 

RUF. Trovala 6, i segni tulti si riscontrano. 

ARI. Oh ringraziato sia Iddio, io ho paura di non mi ye* 

nir meno per Pallegrezza. 
RUF. Vedele voi, che sark ci6 che voi vorreto. 



ATTO QUIRTO 83 

ARI. Pensal tu se mi 6 grato, e chi Tavea? 

RUF. Oh non sapele, ch' io 1' avev' io. 

ARI. Non io, ma che facevi tu delle cose mie? 

RUF. Imianzi ch'io la dessi a Tiberio era mia, e non vo- 
stra. 

ARI. Gil hai dati a Tiberio? tu te li fa rendefe, e dam- 
meli, tu li pagherai. 

RUF. Come me la posso far rendere, se io glie Fho libera- 
mente tenduta? 

ARI. Io non so tante cose ; io non ist6 forte a vostre ciance; 
tu hai trovato duemila ducati che son miei, e hai me li 
a dare^ se non per amor, per forza. 

RUF. Io non so quel che vi diciate. 

ARI. Si; si? Io so ben io: uomo da bene slate testimonio, 
come costui m'ha a dar duemila ducati. 

M. A. Io non posso esser testimonio di questo, se io non 
yedo e non odo altro. 

RUF. Io ho paura che costui non sia impazzato. 

ARI. Oh uomo sfacciato: ora mi dice che ha trovato due- 
mila ducati, che sa che io ho perduti, e che son mia, e 
poi dice di averli dati a Tiberio, per non me li avere a 
rendere: ma non ti verrk fatto: Til)erio 6 manceppato, 
e non ho che far seco. 

RUF. Deh Aridosio, noi siamo in equivoco; ch6 del due- 
mila ducati, che vol dite di aver perduti (che me ne sa 
male), questa 6 la prima parola ch' io ne so, e non dico 
di aver trovato vostri denari, ma che avevamo trovato 
il padre di Livia, che ^ quest' uomo da bene qui. 

M. A. Cosi penso. 

ARI. Che so io di Livia o non Livia? siate col malanno, 
che Dio vi dia a trambedue, che mi venite a romper la 
testa, e dire di buone nuove, se non avele trovato i 
miei denari. 

RUF. Noi parlavamo, credendo che vol doveste aver caro 
d'intendere, che il vostro Ugliuolo si fosse irapacciato 
con persone nobili e dabbene. 



84 ARIDOSIO 

ART. Or andate in malora tutti quanti e lasciatemi vivere. 
RUF. ascoltate, Aridosio, ascoltate : si , egli lia serrato 

I'uscio. 
M. A, lo ho paura Ruffo che tu non m'uccelii. lodicocbe 

tu mi meni a yeder la mia llgliuola, e tu mi meni ad 

un pazzo. 
RUF. lo non so che diavolo abbia oggi costui : anche poco 

fa mi disse di non so che spiriti: questo d 11 padre dl 

Tiberlo, di quello che ha la vostra figliuola. 
M. A. Per Dio, ch'egli d una gentil persona, ed essa ^ la 

dentro? 
RUF. Essendoyi 11 yecchio, non credo yi sia Tiberio; ma 

ecco di qua ; oh forse ci saprk dir doye siana 

RoflWy Li«eld« e messer Alfoas*. 

RUF. Saprestici tu insegnare doye sia Liyia e Tiberio t 

LU. Nel letto. 

M. A. Jo comincio a pentirmi di esser yenuto a Firenxe. 

LU. Che yuoi tu far di loro? tu sei pur pagato. 

RUF. Questo 6 il padre di Liyia e yorrebbe yederla. 

LU. Sia col buon anno: essa ancora ha desiderio di yeder 

lui, che ayeya Inteso che era yenuto, ma ella non yuole 

intender niente di tomar a Tortona , e Tiberio f^irebbe 

mille pazzie , se gliene ragionassi ; ma dice che a dl* 

spetto d*ognuno la yuole per moglie. 
M. A. Questa potrebbe forse essere la sua yentura , ma di 

grazia menaci doye sono, che io mi muoio di desiderio 

di yederla. 
LU. E son qui in casa Marcantonio : andiamo per questa 

strada, e entreremo per Tuscio di dietro. 



ATTO QUINTO 85 



firmlnio e Cesare* 

ERM. Non dubitare , ch' io far6 quello ufflzio con mlo pa- 
dre per te, ch* io desidererei che fosse fatto per me ; ma 
sta di buona voglia, che ti riuscira ci6 che tu vuoi. 

CES. Io ti prego che Io faccia in ogni modo e di buona 
sorte, perch^ io sono ridotto a termine, chMo non posso 
piu yivere, s' io non ottengo questo desiderio. 

ERM. Non piu, vatti con Dio,che io fimpromettod'averae 
parlato innanzi le ventiquattro ore. 

CES. Adesso debbono essere ventitrd, o piu. 

ERM. Io ti affermo le impromesse. 

CES. Mi ti raccomando, addio. 

ERM. E forse, chMo non dissi a mia posta, che ritomasse 
presto, e che io non glielo messi in fretta? Oh gran cosa 
la indiscrezione dei servidori: e* mi viene certe volte 
voglia di fare ogni cosa da me ; a bada di questo presso 
ch*io non dissi, io sto in un tormento grandissimo, ma 
egli d meglio, ch* io mi avvii in Ik per riscontrarlo. Oh 
la ecco, che esce di chiesa. 



MAr«ABi«Bl« e Vrailnl** 



MAR. E' mi par milFanni di trovare Ermlnio. 

ERM. E' mi pare, e non ml pare mio padre. 

MAR. Io non so s' io me li dico prima che la cosa sia ac- 

concia, o ch'eU'abbia partorito. 
ERM. Egli d esso. Che domine ha egli fatto in lit ? 
MAR. Dove Io troYer6 adesso? 
ERM. Voglio intendere che cosa sia questa. 
BIAR. Vo'vedere s*ei fosse in casa. 
ERM. Dio yi dia la buona sera. 



86 ARIDOSIO 

MAR. Oh Erminio, io ti cercaya, e ho da darti bonissime 

nuove. 
ERM. Dio il volesse. 
MAR. E forse migliori, che potessi avere, se poco fa mi 

disse II vero. 
ERM. Che ha avuto licenza Fiammetta d* ascir fuora del 

monastero? 
MAR. Meglio. 
ERM. Che non 6 grossa? 
MAR. Meglio ancora. 
ERM. E che meglio? Padre mio, non mi so imaglnare altro 

di meglio. 
MAR. Fiammetta ha fatto un bel putto. 
ERM. Oh miserol ma questa 6 Ja peggior nuoya ch'io po- 
tessi avere. 
MAR. Lasciami flnire, e percl^d ella non 6 ancora monaca, 

come sal, che non ha fatto professione, la priora \iiole 

che tu la pigli per moglie. 
ERM. Oh, vol volete la baia. 
MAR. Egli 6 quel ch'io ti dico, con questo, che mezza la 

eredlt^ sia tua, e mezza delle monache, che ti toccher^ 

in ogni modo cinque mila scudi. 
ERM. Questa mi par tanto gran cosa, ch*io duro fatica a 

crederla. 
MAR. Ah, ah, credi tu chMo volessi la burla di questa 

cosa, a questo modo? e plu \k ti dico, che quando tu 

non la volessi, ti forzerebbe a torla, che tu non te ne 

potresti difendere. 
ERM. Io credo le leggi; o Dio, padre mio, e chi d piii di 

me felice ? 
MAR. Pensa tu. 

ERM. E chi ha menato la pratica? 
MAR. Io, che come intesi lei aver partorito, subito me ne 

andal dalla priora , che la trovai phi superba che un 

toro; e Tho lasclata come un agnello, e abbiamo c<m* 

chiuso questa cosa. 



ATTO QUINTO 87 

ERM. Oh padre mio, quanto vi sono per ci6 obbligato, pitl 
che 86 m' aveste adottato un* altra volta. 

MAR. Manderemo domattina a levarla di \k, ch'ella vi sta 
a disagio. 

J^M. Oh Dio, che mutazione d questa in un puntot dove 
io era infelicissimo, e temeva di ora in ora di venir piii 
infelice. son diventato felicissimo, tanto ch'io non mu- 
lerei lo atato mio a quel d'un prlncipe. 

MAR. E* non 6 per6 d'awezzarsi a far simili disordini, per- 
chd se questo t' 6 ito bene, b slato tua sorte. 

ERM. Sorte no, ma sapere, e avvedimento vostro; per6 io 
vi son doppiamente obbligato, prima che mi avete libe- 
rato da un dolore e da un' angoscia maggiore che mai 
io avessi; secondo, che mi avete fatto un piaceree una 
grazia, che altri che Dlo, non me la pu6 far maggiore. 

MAR. Non tante parole, bada a goderti la Fiammctta, poi 
ch'ella ti piace tanto, e fa in modo che Fopera mia non 
t'abbia piil a profittare negli errori, che tu facessl, ma 
abbi a mente Tonore e la roba tua. 

ERM. M' ingegner6 con tutto il cuore, che la gioventQ non 
mi faccia piu declinare, come altre volte ha fatto, da 
qoella ferma e buona intenzione che io ho di portarmi 
bene, e fare la vogUa vostra. 

MAR. Tu sai bene se io so avere compassione a'giovani. 

ERM. Io lo so, chd rho provato assai volte, n6 voglio per6, 
padre mio, fare come oggi si usa , che quando uno d 
coDtento e fellce , non si rlcorda nb d* amici , n^ di pa- 
rent!: adesso ch'io ho quel ch'io voglio, e ch'io son 
beato, tanto piA mi vo'ricordare di quello ch* io ho pro- 
messo a Cesare, ii quale mi ha pregato graziosamente, 
ch'io vl preghi che vol operiate, ch'egll abbia questa 
mia sorella per mezzo di quest! denari, ch'egli ha tro- 
vati, e certamente ch'ei desidera cose ragionevoli. 

MAR. S' 61 mi dk in mano mi obbligo ch' ei 1' avr^ stasera. 

ERM. Ei gllen' ha da render la metk , 1' altra d a parte 
delta dota. 



88 ARIDOSIO 

MAR. Quest* 6 un altro parlare, ch'io non credo, che Ari- 

dosio ti voglia dare due mila scudi. 
ERM. Suo padre non vuole che la tolga con manco dou 

che quella. 
MAR. Qui sta il punto : tu sai che gli ^ piu fatica a ca^ 

vare denari d i mano ad Aridosio, che la clava ad Ercole; 

pur prover6 oggi che ho buona mano a far parentadi. 



Lioeldi«9 Ermtnto, M«re«Bl«Bl«« 



LU. E* pare, che la sorte voglia, che quando s*ha bisogno 
d'uno, e' non si trovi mai. 

ERM. Chi domine d colui che cerca di yoi? 

LIT. Non d in casa n6 in piazza. 

MAR. O chiamalo, d Lucido. 

ERM. Lucido. 

LU. Quello ^ Erminio. 

ERM. Dove guardi? noi siam qua. 

LU. Oh Erminio mio, e Marcantonio: voicercavo padrone. 

ERM. Che ci'6 di buono? 

LU. Bonissime novelle ci sono: quello che d venuto da 
Tortona, messer Alfonso, ^ il padre di Li via, e si sono 
riconosciuti e fatte amorevolezze grandissime, con tanta 
tenerezza, che non che essi non hanno potuto tener le 
lagrime, ma nd ancora quelli, che erano dattomo, e in 
ultimo messer Alfonso ha pregato Tiberio^ che dappoi 
ch'egli ha avuto la yerginit^ della figliuola, gli piaccia 
ancora torla per moglie; e gli ha promesso in dote sei 
mila scudi, in modo che Tiberio d quasi impazzito d'al* 
legrezza, e non ha altra paura, se non che la sciagara- 
taggine di suo padre non voglia che la tolga, e ha dlse- 
gnato darli duemila ducati della sua dote, acciocchS egli 
abbia a consentire, e per6 mi ha mandato qui a jure- 



ATTO QUinro S9 

garyi che vogliate essere con Aridosio, e disporlo a que- 
sta cosa. 

MAR. Se sta cosi, non bisogner^ troppo pregarlo, chd due 
inila ducati farebbono tor moglie a lui. 

LU. Ella sta come io ve la dico. 

MAR. Non si affatichi tanto con le promesse, cbe per manco 
mi obbligo farglielo fare, maTiberiodoyeva pur almanco 
venire in fin qua. 

liU. E*vorrebbe, che voi foste quello che movesse suo 
padre. 

ERM. Questo mi pare il dl de*parentadi. 

MAR. Quest' altro far&, che noi potrem servire Cesare; 
perchd ad Aridosio basta di trovare 'i suoi duemila du- 
cati , e mille basterk che gliene dia Tiberio , che servi- 
ranno per la dote di Cesare , e cosi si contenter^ 1' uno 
e raltro. 

ERM. Voi avete ben pensato: ma di grazia mandiam per 
Cesare, e parliamo a lui di questa cosa d* Aridosio, ac- 
clocchd noi possiamo fare a un tratto tre paia di nozze. 

MAR. Lucido, va, e di a Cesare che venga adesso qua , e 
che porti i duemila ducati. 

ERM. Ya via, che sark in casa. 

LU. Io vo. 

MAR. Egli d stato una gran sorte , trovar la flgliuola in 
capo a tanti anni. 

ERM. Gran sorte d Stata quella di Tiberio, che cayato che 
si ha le sue voglie, troya un che gli dk sei mlla ducati. 
Ma quale d stata maggior sorte della mia? In fine gli d 
meglio un'oncia di fortuna, che una libbra di sapienza. 

MAR. Tiberio ha paura che suo padre non yoglia;.* quando 
egli intenderk di sei mila ducati, gli parr^ un'ora mille 
anni. 

ERM. Io Io credo, per me, che benchd non abbiano a tor- 
nare in mano a lui, gli yuol pur gran bene; ma biso* 
gna prima ragionar di Cesare che di nulla. 

MAR. Cosi far6. 



90 AHtDOSIO 



Clc»ar«9 Laeld^y KtmIbI*^ M«reaBt«Bl«« 



GES. Dove di tu che sono? 

LU. Vedili U. 

ERM Ecco qua Gesare , noi vogliamo oggi darti la Cas- 
sandra per moglie. 

CES. lo non desidero altro; eccovi i denari d'Aridosio, e 
vi giuro, che in quanto a me io desidero lei e non la 
dote, ma io son necessitato a far la voglla di mio pa- 
dre, il quale mi ha comandato espressamente che senza 
mille ducati io non la pigli. 

MAR. Tutto abbiam pensato; andiamo> parlar conArido- 
sio, che senza lui non si pu6 far niente, e tu Gesare ya 
per tuo padre e menalo qui in casa mia, dove noi sa- 
remo tutti, e 11 concluderemo ogni cosa ad un tratto. 

CES. Gosi faremo; in questo mezzo mi vi raccomando. 

MAH. Non dubitare, lascia fare a me, e sta di buona vo- 
glia,e tu Lucido,ya, ordina; chd tutti ceneremo in casa 
mia. 

LU. Che ho io a rispondere a Tiberio ? 

MAR. Non altro, far6 ii bisogno. 

LU. Sar^ fatto. 

MAR. Erminio bussa quella porta. 

ERM. Tic toe, tic toe. 

MAR. Bussa forte. 



Arldl^sU, MMr«ABt«Bl«9 Ermlal^* 



ARI. Chi d? 

MAR. Apri, Aridosio. 

ARI. Che mi vieni a portar qualche cattiva novella? 



ATTO QUIRTO 91 

MAR. NoQ piti cattive nnove, Aridosio, sta di buona yo- 
glia, che i taoi duemila ducati son trovati. 

ART. Dl tu cbe i miei denari son trovati? 

MAR. Questo dico. 

ARI. Pur che io non sia uccellato come dianzi. 

HAR. E' son qui presso , e di qui a poco gli ayrai nelle 
manj. 

ART. Io non lo credo s' io non li vedo e non li tocco. 

MAR. Innanzi che tu gli abbia, ci hai da prometter due 
cose : r una di dar Cassandra tua figliuola a Gesare di 
Pogglo, e I'altra di lasciar torre una moglie a Tiberio 
con seimila ducati di dote. 

ARI. Io non bado, non penso a nulla se non a* miei de- 
nari ; infln che io non gli veggio almanco, ncn so quello 
che vi diciate. Io vi dico bene, che se voi mi fate ria- 
vere i miei denari far6 poi ci6 che voi vorrete. 

MAR. E cosi prometti? 

ARI. Cosi prometto. 

MAR. Se tu ne manchi poi, te li torrem per forza : t6, ecco 
i tuoi denari. 

ARI. Oh Dio, e'son pur dessi. Marcantonio mio, quanto 
ben ti voglio; io non ti potrd mai ristorare, se ben vi- 
vessi mill'anni. 

MAR. Tu mi ristorerai d'avanzo, se tu farai queste due 
cose. 

ARI. Tu mi hai reso la vita, Fonore, la roba e I'essere; 
che insieme con questa aveva perduto. 

MAR. Per6 ml del tu far queste grazie. 

ARI. E Chi gli avea rubati ? 

MAR. Lo intenderai poi: rispondi a questo. 

ARI. Io voglio prima annoverargli e poi ti rlsponder6. 

MAR. Che bisogna adesso annoverargli? 

ARI. E se ce ne mancasse? 

MAR. Non ve ne manca certo: e se ve ne mancherit, ti 
prometto di rifarteli del mio. 

ARL Fammi un poco di scritto e son contento. 



92 ARIDOSIO 

MAR. Quest' d pur cosa da starne alia fede. 

ART. Orsu, io me ne sto alia tua promessa; che di tu di 

seimila ducati? 
ERM. Guarda s' egli ha tenuto a mente questo. 
MAR. Dico che noi yogliamo la prima cosa che tu dia Cas- 
sandra tua figliuola per moglie a Cesare dl Poggio. 
ARI. Son contento. 
MAR. Dl poi, che tu lasci torre a Tlberlo una moglie, che 

gli dk seimila scudl di dote. 
ARI. Di questo io ho da pregar voi; come seimila ducati? 

e chi sark piu ricco di lui ? 
MAR. Egli d da Tortona ; che non dlca poi, io nol sapeya. 
ARI. Sia da casa del diavolo; seimila ducati eh? 
MAR. E Tlberio d contento di darti della sua dote mille 

scudl, 1 quail tu dia per dote a Cesare, acciocchd non 

ti abbla a cayare denari di mano. 
ARI. Questi mi paiano ben troppi a dirti 11 yero. 
MAR. Ti paion troppi, e oggl n'hal guadagnati otto mila. 
ARI. Come otto mila? 

BfAR. Due mila ne hai troyati tu e sei mila Tlberio. 
ARI. Orsu^ fa tu Marcantonio. 
MAR. Yoglio che gliell dia ad ogni modo. 
ARI. Noi faremo adunque due pala di nozze ad un tratto. 
MAR. Noi ne faremo pur fin in tre, che In questa sera ho 

dato moglie ad Erminio. 
ARI. E chl? 

BfAR. Te K) dir6 per la yia. 
ARI. Buon pro ti faccia, Erminio. 
ERM. E a yol che ayete guadagnato oggl tantl ducati. 
MAR. Andiamoadesso dentro a concludere afliatto questi pa- 

rentadi, e a dame notizia ai nostrl parent! che son tutti in 

casa mla. 
ERM. Fate che si mandi per Cassandra. 
ARL Ella ci sark domattina a buon' ora, e farolla venire a 

casa tua, dove si potran fare tutte tre le paia deUe nozze, 



r 



ATTO QUIRTO 93 

perchd la mia b tanto disagiata stanza , che non vi si po< 

trehbe nd ballare, n6 far cosa buona. 
MAR. lo V ho inteso, farem quello che tu vorrai; andiam pur 

l^adesso. 
ART. Andiamo. 
ERM. Voi udite, stasera non si banno a far le nozze; chd 

manca Cassandra e Fiammetta mia, si che pigliatevi per 

on gherone, e domandassera venite che si far^ allegra 

festa. 



LETTERE 



Dl 



LORENZINO DE' MEDICI 



liBTTEBB '^ 



Lorenso de'Medioi a Franoetoo de'Medioi. (4) 

Da poi Che io mi partii di Firenze^ io non ho mai scritto 
a persona, pensando (come in simili casi suole intrayyeuire) 
ch'a certi sia parato bene quello che ho fatto, ed a certi 
altri male; per6 giudicavo che con quelli a'quali ne paresse 
bene^ non accadesse giustiflcarmi; con queiraltri mi parve 
tempo perduto: perch^ non gli movendo il fatto, non 
potevo sperare di far frutto con le parole. Ma sapendo io 
qaanto bene vol mi volete, e quanto potete credere; che 
io ye ne yoglia, in qualunque modo la cosa yi sia referta, 
mi d parso di fanri intendere I'animo mio, perch^ yoi ab- 
biate questo contento di sapere ayere un amico , al quale j 
non paia d' ayer fatto niente , n^ portato alcim pericolo , 
rispetto a quelli ch'egli 6 pronto a portarein seryiziodella 
Patria, acci6 che yoi mi difendiate contro a quelli, ai qua- 

(i) Francesco di RafTaello de'Medioi cbbc prestante ingegno, molta acutezza 
di mente e varia erudizionc, secondo cbc ne attesta in raolti suoi scritti Pier 
Vettori, molto intrinseco di lui. Legato nci primi suoi anni con Lorenzo Medici, 
fa 8UO oompagno in Roma in quelle follic di piik che giovanilo bakianza, < 
trascinato forse per la troppa bontii sua ; si che faho giuoco altrui, convcnnegli j 
partirsi di ]k. Pur tuttavolta raantennesi ii^ fama di uomo sincero, e adomo di | 
grande ed elegante Iclteratura. 

Lorenz, de*Medici 7 



9^ LETTERS 

li pare Che io abbia fatto bene, ma mi sia govemato male, 
e mi danno di poco animo, e di poco giudizio. Perch^ se 
coQsidereranno bene, vedranno ph'io noa potevo far aliro 
di qaeiio ch'ho fatto; perche voi yi potrete imaginare, che 
dura cosa sla conferire con persona tali segreti; ma di 
quelle diligenze, che io potevo usare, non mancai di nes- 
suna; cioe d'intendere Fanimo di tutti quelli chemipare- 
vano d*importanza e che io tenevo certo, che non ayes- 
sino in tal caso a mancare alia Patria, massimamente 
che lasciandosi intendere si scopertamente allora che il 
Tiranno era yivo , non potevo credere che morto avessino 
a mancare a loro medesimi. 

Di averlo e non averlo fatto in tempo, noa mi par di 
parlame, perche queste son cose che bisogna farle quando 
si pu6, e non quando si vuole, ancorch^, disputandola, le 
ragioni son per me; perche il farlo innanzi o adesso, 
quando le cose di Cesare eiano in fiore, e ch'egli era in Ita- 
lia, e tomava vincitore d'Affrica, pareva il dare occasione 
a chi non voleva la liberty di volersi servire di questa 
paura, per coperta del suo mal animo: nel differire s*in- 
correva in pericoli iniiniti, o piuttosto nella rovina mani- 
festa del la citta, che sapete non si pensava ad altro che 
a por gravezze, e spendere senza profitto alcuno; e neii'a- 
ver eletto altro tempo, che il signore Alessandro Vitelli 
era fuora, mi pare aver data grand'occasione a quel citta- 
dini di pigliare la superiority della citt^ e di poter pen- 
sare di disporre il prefato signore per qualche verso. Circa 
air essermi fuggito , e il non aver chiamati i cittadini , e 
I'aver mancato di una certa diligenza dopo il fatto, scu- 
simi quello ch'e seguito dopo, che dimostra non solo che 
io non avrei giovato alia Patria in conto alcuno , ma vi 
averei messo la vita, la quale io riserbo pur salva per 
impiegarla un'altra volta in suo servizio, aacorchd io avessi 
in animo di farlo; ma il sangue, che mi osciva in quaotita 
straordinaria da una mano, che mi era stata morsa, mi 
fece temere^ che nell'andare attorno non si manifestasse 



Dl LORENZIRO DBMEDICI 99 

quello, Che bisognava tener segreto un pezzo, volendo for 
cosa buona. E cost mi risolvetti cTuscire fuori di Flrenze, 
dove io non mancai di quelle diligenze, cb*io potetti; ma 
la mia mala sorte volse che 11 primo,Messer SalvestroAl- 
dobrandlni a Bologna, ch'io scontrai, non ml credette, e cosi 
ebbi a perder tempo, e spingerml pii^ innanzi per trovar chi 
mi credesse. Di pol me ne andai alia Mlrandola per sollecitare 
se niente si facesse, e con qualcbe pericolo mi messi a pas- 
sare per luoghi sospetti, tenendo sempre ferma speranza, che 
la cosa non potesse cascare se non in piedl; perchS non 
mi pareva possibile, che dopo tanti mall non avessimo a 
pensare d'essere uniti, massime sapendo che i Gapi tende- 
vano a questo di vivere in modo che ognuno avesse 11 luo- 
go suo; e pareva, che spenta ogni sospezione di tirannide, 
questo ne avesse da succedere facilmente. E certo ne sue- 
cedeva se si fosse avuto fede Tuno alPaltro, e pensato che 
gli uomlni da bene voglion prima che tutte le altre cose 
11 bene della Patria loro, e non ricoprono i loro appetiti 
eon dire di far quello che fanno per non poter far meglio. 
Nondimeno io ho spe^ranza, che un de'meglio informati del 
vero s*abbia da per se stesso a medicar quest* ulcere in- 
nanzi ch'egli incancherisca, e ch'egli abbi bisogno di piii 
gagliardi rimedi; ch6 sapete, che medicine potenti, nel le- 
vare il trlsto, menano assai del buono; tanto che io sto 
in dubbio se io desidero piuttosto ilmale, chelamedicina; 
atteso la miseria in che ^ ridotta codesta povera cittk, e 
il suo dominio. Ma con tutte queste cose io non mi doglio 
della mia sorte, parendomi aver mostro al mondo, qual sia 
la mia fede, e alia mia patria in qualcbe modo satisfatto ; 
e non mi pare aver fatto troppa perdita sendo privo d'una 
patria dove si tiene si poco conto della libertk ; avendo pure 
questa satisfazione di sapere ch'ella non possa esser sottopo- 
sta piu a tii^nno. S'io av^si pensato, che questa lettera vi 
fusse per dar carico alcuno, vi potete tener per certo, che io 
non ve Faverei scritta; ma non mi pare intendere, che noi 
siamo in si tristo termine che non si possa parlare; imperd 



lihMvnMvm 



400 LETTERB 

letta Che Taverete, ardendola sarete sicuro ch'ella non vi 
possa nuocere; perchS e]la ayerii fatto il corso suo ogni volta 
che» sfogandomi, io vi abbia mostro quellafede cb'io ho in 
vol, ayendo per certo che ia queslo grado, che io sono, voi 
non abbiate a mancare aironor mio ; ami mi abbiate a 
difenderedOYunque saxk di bisogno, facendo larga fede d^*a- 
nimo mio, quale credo ch' abbiate conosciuto prima che 
adesso ; tale 6 stata l*amicizia nostra : e senz'altro dirvi dar6 
qui fine; certificandovi che in ogni evento voglio esser vostro^ 
come fin qui sono stato, ea voi, e a vostro padre mi racco- 
mando. 

Di Yenezia, li 5 febbrajo 1537. 



LorenBO de* Medioi a Fil^po Strotsi* in BologMu 

Noi aspettayamo iersera la resoluzione di quello che si 
ayesse a fare, quand'egli 6 arriyato un mandato del sig. 
conte de'Pepoli per intendere che somma di gente sia pos- 
sibile far qui (1), alia quale interrogazione non si pud ri- 
spondere assolutamente; perchd se yoi yi yorrete seryire 
di quelli capitani che ha appresso il sig. conte delta Mi- 
randola, e che ogni giomo se li yengono a offerire, farete 
in su di otto o diecimila f^nti , ma non yi yolendo yol 
seryire di questi cap! non si pu6 sapere appunto il nu- 
mero^ ma pensiamo che passerebbero 8 mila. Imper6 era 
necessario che yoi mandassi per qualche persona che ayessi 
yisto quel che fussi ben fare, e cosi la cosa sarebbe riso- 
luta in un tratto e con piil reputazione; perchS quel ca- 

(1) < Era FUippo con ordine degli Oratori Francesi partitosi di Yenezia, t 
trasferitosi a Bologna, nella qual citta diede oixline che si Cacessero 3 mila UnU, 
a'quali diedc per capo il conte Jeronimo 'de'PepoIi ; si percM essendo e^Ii 
amico de'Salviati era ben volto verso le cose di Firenie, si massimarorateper 
aver un luogo, cioe Castiglion de'Gatti, dove far U massa. — Yarclii , Storia, 
lib. XV. » 



Dl LORENZIRO DE'MBDia 401 

pitani e quel fantl , cbe sono stati trattenuti qui dal sig. 
caatB dieci dl, Yien loro a noia, che senton tutto il mondo 
sollevato, e non si posson piii ritenere. Eppur domattina 
si partono circa 4 mila fanti , a' qaali si era dato per ul- 
timo termine domattina, e se voi spacciassi subito a die- 
tro in poste quella risoluzione del si, sarebbe possibile 
che li ritenessimo. SiccbS in conclusione bisogna per tutti 
i rispetti far presto quel che si ba da fare, e bisogna man- 
dar subito i denari, perebd si sono intrattenuti tanto con 
le parole cbe non credon piii niente. 

Ancor cb' io sappia cbe 11 sig. conte scriverk di questo 
abbastanza , pure ne bo voluto scrivere ancb* io per mia 
satisfSEizione. E' son gi^ tre di cbe io non bo nuove da voi 
delle cose di Firenze ; pregovi non mancbiate di farmi in- 
tendere qualcbe nuova o buona o cattiya cbe la sia, ed a 
Toi mi raccoiiando. Yostro come fratello 

LORENZO DE*MEDia, 
DaUa Mirandola (1), all! t8 gennaio 1537. 



LorenBO de* Medio! a FUippo Stroui, in Bologna. 

Avendo inteso come Jacopo de' Medici b entrato nella 
dttadella di Pisa (8) ci ^parsoricordanri cbe sarebbe bene 

(1) La Minndola, situata tra Mantota e Modena, fii capitale e dtU forte d'uii 
piccolo State. E benchd ristretto, soflH continaa vicenda ora di stranieri , ora 
di legittimi padroni, neHe gare deU*Impero e deHa Francia , scesi mai semprt 
a strazio delle nostre tore ; sino a che fatto rapina del prime e venduto al 
daca di Modena nel 171i, fermd Taltemare delle sue oondizioiii politicbe. Nd 
aecolo dectmo aeato did gran hunediadallltaliapereisenrisafito aUabreoda 
GiaUo n, « per principi ilhiatri neUe leltere; ma diede pur anco miserabile 
tpettacolo di frtteme discordie, e di sangue ^ersato nelle famiglie dei tuoi 
eignorotti; Galeotto Pieo, principe per usurpata ragiooe, rioettava dentro la 
duk nel 37, come paniale della Francia, le armi di Ftanceaco ; e intanto sotto 
^letto pretesto ripararansi coU a maneggi i ftionucitt fiorentini, i quali tMi 
«icvi dai lospetU radunavano le genti asaoldate per Timpresa. 

(9) Due crano i Medici di questo Doa>e,unofigUodiCluartitiiiiodeUtKiieA 



402 LBTTBRB 

tentare di corromperlo; ch6 essendo de*nostri, e di assai 
buona mente, si potrebbe sperare con buona somma di 
denari condurlo alia voglia nostra. Avvisateci di grazia se 
1 2 mila spagnuoll sono in Empoli, come noi intendiamo; 
ed a V. S. mi raccomando. Vostro come figliuolo 

LORENZO DE'MEDICT. 
Dalla Mirandola, alli 24 gennaio 1537. 



Ftlippo Strossi a Lorenso de' Medici. 

Magnifico ed onorando messer Lorehzo. — Yoi mi scri- 
vesti a vostra partita di qui , a lungo ; ho difierito il ri- 
spondervi, aspettando potervi dire qualche cosa piu certa 
e resoluta dell' azioni e speranze nostre non far6 forse al 
presente. Ma trovandomi qui e partendo in fra duegiorni 
per Ferrara, mi 6 parso non mancare della presente, quale 
se non risponderk a tutte le parti necessarie della vostra, 
scusimi il non avere tale lettera appresso di me , cbe e 
I'estata in Bologna con altre mie scritture. Circa le cose 
private, voi mi raccomandate con tutto il core il vostro 
Giuliano, quale qui si trova col Zeffo, e ricercando come 
dispensa la vita sua, trovo attende alli studj, e che vive 
laudabilmen!e in ogni parte, passandosi il tempo in com- 
pagnia de'mlei flgli piccoli assai dolcemente. lo bo com- 
messo al Zeffo ch*e non gli lasci mancare niente, e cbe 
domandi al mio Francesco Dini tutto quello gli occorre 

<£ Sihrestro, Taltro di Luxtro di TolcMino delli linet di Giovenoo; e amboAM 
aeeondo il Hanni ml Senate FiorenHno, adopnti da Coainio ndle frccooda 
del ioo govemo. Pare che Loreuo aoceoni qui al saoondo, poich^ Tallra 
era io qaeato tempo a Bologna* mandato espressameole da Coeimo per ten* 
tare i fooruadti, e glneU il Varchi, piik per ragionare d'aoeordo che per ftrio; 
ed awiMva, agginnge il Cini, coo lettera io cifra quanto potera inveetigar da 
loro, lotio §fem di tr.iltar pace tra il tig. Cosimo ed eeti. 



Dl LORBNZIMO DE'mEDICI 103 

senza alcun rispetto, ed al Dlni che faccia quanto il Zeflo 
gli dice; e quanto al prevalersi del credito e in su 11 Sal- 
viati, e almanco della sua met^ , ne ho pari ato piu volte 
con Averardo, quale insieme col Calandro si sta in Bolo- 
gna per non essere maneggiato in Firenze, e lo trovo lar- 
gamente volto al fare per noi e lui ogni ufOcio debito ai 
buono e amorevole parente. Ma ^ persona timida come 
sapete, e non fa niente senza il pareredi Calandro, e per esser- 
gU stato detto a voce da Ottaviano e da Cosimo che non paghi 
niente del credito ha in mano cantante in li eredi di Pier 
Francesco, non si risolve al divlderlo, e pagare a Giuliano 
la sua metk, come io arei voluto; pure siamo restati In que- 
sto, che vostra madre prende la tutela di detto Giuliano, che 
non li pu6 essere negata, ed a lei come a tutrice sia poi 
pagata la porzione aspettante a Giuliano equandosaremo a 
questo vedremo d'aiutare la porzione detta il piusi potrii, 
mettendo in conto della parte vostra lo speso per vol, ac- 
cid^che la sua met^ resti maggiore si pu6. E nece^ario a 
fare questi atti , che vostra madre si conduca in Bologna 
o altrove fuori del dominio; e se gli e fatto intendere, ed 
essa non mancherit farlo come prima ahbia preso I'acqua 
di Porretta, quale per indisposizione prendeva circa 15 
giomi sono o 20 in quel munistero di Mugello, ove con le 
flgUuole si era ritirata (i). Come ella abbia preso la tutela 
del detto, sarei d'oppenlone che Giuliano prendessi li ordini 
ecclesiastici , e mai^re poi a ricognoscere la sua met^ 
del beni patriroonlali , o vostra madre (2) si faccia conse- 
gnare la sua dote, e cosi Insignorirsi delle cose che non 
poBsano essere negate; appresso fare in Roma quelli atti 
cbe saranno dagli jurisconsulti giudicati necessari , per le 



<1) L'mui Laudomia, che dWenuta \edova di Alamanno SahUti, spesd 
oel i539 Pietro Strozzi ; Taltra, Maddalena, che si congiunse in matrimonio 
neU^anno medesimo con Roberto firatello di Piero. 

(9) « Maria figlittoladiToinmaso Soderini, donna di rara prodenza c bonti. » 
— Varchi. 



404 LETTERB 

ragioni se gll cempetessero in la ereditk di papaQemente; 
il testamento del quale bo messo in potere di messer Sil- 
yestro Aldobrandini, e per quanto mi ha riferito, crede le 
ragioni di Giuliano siano buone. Procederassi in queste 
cose col coDsiglio del detto, la sufficiienza e amore del 
quale vi d notissima. In questo mezzo Averardo andri 
aiutando di qualche cosa il mese Glaiiano, a conto delli 
utili si faranno col credito ha in mano, cambiandolo a 
doppia prowisione, secondo il tempo passato. 

Quanto alP affinity intra noi ragionata non mi muter6 
mai d' oppenione, e la desidero sempre, non punto meno 
di voi; ^ ben vero che sendo Ruberto mio destinato piu 
fa da lui e da me alio ecclesiastico, non mi restano altri 
subietti capaci di donne che Piero e Yincenzo, quali soao 
in una prctfessione molto aliena, e quello che piu importa 
fuora d'ogni arbitrio, e disposizione mia. Nd ripigUate 
queste mie parole a senso che io mi yada ritirando, per- 
cM il giudizio vostro saria in tal parte falso, ma che solo 
siano da me dette per mostrarvi appunto come le cose 
stanno. Se la cittk nostra recupererkla sua libertk, Tuna e 
Faltro d*essi son certo lascerebbono rarmiesiripatriereb- 
bono meco insieme , nel quale caso son certo potrei di- 
sporre d*uno di essi. Ma stando fuoridi meed in su Farmi 
come al presente, non sendo intra noi molta unione, per 
spendere loro quello che non possano, ed a me non 
pare onesto ruinare gli altri miei flgli a loro instanzia,non 
so quanto me ne possa promettere. 

Circa il procurare qualche benefizio a Giuliano con que- 
stl oratori di qui , o mandare lui in Francia , non man- 
ch6r6 degli ufficj debiti; ma non sodo cose da fondani 
interamente le sue speranze , ed io ne so paiiare quanto 
UB altro. La stanza di Giuliano mi pare questa> o Padua 
per sicurtii, per costume e per vacare alii studj; e se io 
fussi di nuovo declarato ribelle come facihnente pu6 ac- 
cadere, perchd io non sono per avere rispetto alcuno per 



DI LORERZlIfO DE*MED1C1 106 

giovare alle patria mia, approverei in tal caso che Gia- 
llano si separassi da me (1), perchd non 11 fossino traya- 
gUati 11 beni e frutti, come a persona caduta in pregiudl- 
zio per commercio con 11 ribelli , ed io non mancherel 
porgere quetll aiuti che fussino necessarl secretamente. 
Bestaml a dire che domandando 11 ambasciatorl se ave- 
vano aato risposta dal re sopra le cose vostre, mi dicano 
la lettera principale ove il re trattaya dl ci6 essere perita, 
e clie per ana seconda oye si riferisce alia prima , tocca 
breye motto; onde possono fare giudizio che yoi siate in 
buona grazia appresso sua maestit, e me lo dicano dl sorte 
che lone presto loro fede; replicheremo e Io saprete per 
altre; et haec de privaUs satis, 

Qnantoalle pubbllche; siamo stati in Bologna slno a 
poehl giomi fa tatti Insieme, li tre reyerendissimi, Sal- 
viati, RidolA e Gaddl, Bartolomeo Yalori, Francesco e Fl- 
Uppo Yalori, Bertoldo Ck>rsini ed altri simill con U priore 
di Roma, Piero mio, Roberto ed io^ per muoyere I'armi 
parchd intendessimo che il re ingrossasse , o fussi per in- 
grossare in breye in Piemonte, parendo alia maggior parte, 
che possendo 11 Gesarei smembrare ima parte delle loro 
genti per Toscana, non si potesseper noi farecosabiKma; 
6 se ayessimo yisto opp<»1unit& di entrare in qoalche loco 
defensibile del dominio, tatti eramo resoluti al farlo, e cost 
si sono tentate piu pratiche in yano, senza essere scoperte. 

(i) Giuliano seguitd la (ortuna di Piero Strozsi fino alia battaglia di liar- 
dano nel 1554. Quindi posatosi in Roma a vita tranqnilla, ottemie da Coaimo 
pd booni nflSsj di IHo ly una penaione, con promeasa di votarti per&, coma 
isce, alio stato eccleaiastico; onde cessando in lid il ramo auiffiore di Pier 
Firancesco aeoiore, restassero i diacendaoti dell'allra linea, tnnquiUi poaaea- 
sori di Pireoxe. — Vedi LiUa. — Condottoai poi nel 61 in Franeia preaso Gat- 
terina, fn col (avore di lei fotto veecovo di Briers, e socceasivameote d'Aix, 
6 abate di S. Yittore di MarsigUa. 

Mori colmo d*onori e di ricchexze nel 15Si, dopo arere etiandio rivednta 
Firense, e ottemiladal G. D. Francesco la reatitnaioQe de*beni 49lla tm fi* 



406 LETTER E 

Ultimamente quelli del Bello ci promisero Castro-Caro, e 
preparando la cosa vennono a sospetto a 1 commlssario, e 
ne fece prendere uno; onde li consci presero rarmeayanti 
al^ tempo, e mandarono in Bologna a noi per soccorso. 
Spinsevisi subito dopo li 200 fuorusciti che Piero mio ha 
menati seco dl Pieraonte, ma non furono a tempo, percb^ 
il commissario accord6, che quelli del Bello se ne uscissino 
salvi con le loro robe e persone , e cosl ci scoprimmo in 
vano. II papa stimulato dalll Cesarei, sopra questa occa- 
sione ci ha fatto usare tali termini in Bologna , che noi 
giudicammo a proposito allargarci. Cos! Gaddo qui se ne 
venne dove ora si trova, Salviati si trasferi in sul Ferra- 
rese, Ridolfi and6 a Roma per medicare col papa, e riscal- 
dare Mascone (1) al contentarsi che noi movessuno Tarmi,. 
Bartolomeo Valori con Piero mio che era malato rest6 in 
Bologna. lo qui roe ne venni per disporre questi oratori 
alio spendere tutta la prowisione avevano avuta di Fran- 
cia in un mese, per fare un conato gagliardo, e vedere 
un tratto quelle mura della cittk in faccia. Mentre eravamo 
in su tale espedizione sono venule lettere dal Cavalcante, 
quali contengono la mente del re e di Toumon essere, che 
non sendo Tarmi roosse alia giunta delle sue lettere, che 
le si soprassedino ancora un mese o due, perch^ Sua Mae- 
stk, che si trova al presente in Piccardia con huono eser- 
cito, ha resoluto e dato ordine , perche da questa parte il 
suo regno non possa essere offeso, voltaretuttelesueforze 
in Italia; nel qual tempo pensa che Gesare sark ancora 
assalito da voi altri di costk. Onde sendo piu occupato, 
manco potrk provvedere alle cose nostre, ricordando che 
in questo mezzo noi stiamo insieme, a fine che al tempo 
detto la impresa si possa eseguire pih gagliarda che al 
presente. Tale resoluzione essendo venuta ieri, b parso a 
quest! signori che io vada subito a trovare Salviato, e 
chiamato Bartolomeo Valori , diamo ordine dove abbiamo 

(i) 11 ctrdinal di Macon*, de* G«y, wnbwdatore del re CristUuiitsiino al papa. 



DI LORBRZIRO DI*IIIDICI 407 

a soggiomare per mantenerci insieme^etenere ildidrento 
in timore, come insioo a qui si ^ fatto, e in spesa. Penso 
Che voi Yi awicinerete con l*apparato turcliesco a noi, se 
teriik per6 1' Italia come per molti si crede, e intendendo 
Che noi siamo in su Tarmi se arete commodity di venire! 
a trovare, non ne mancherete. Le cose di drento sono de- 
bill al pi^sibile, perchd non Yi sono denari, nd modo a 
fame, se non con violenze grandi. Del matrimonio di Go- 
simo non s'intende, per lettere di Spagnadelli 16 del pas- 
sato e 17 Che sono le piik fresche, ci sia cosa che rilievi; 
e li apparati di Gesare non s'intendono molto grandi. Di 
tatti 11 fuorusciti non 6 tomato in Fiorenza altri che Ri- 
naldo Gorsini che era a Napoli , ma molti delli di deniro 
sono con noi aderiti , onde la restituzione di Gosimo d 
rinscita vana cosa secondo.... per noi altri. II Yitello per- 
severa a tenere ogni cosa in potere suo , e quelli primi 
cittadini non pare siano in fede. 

In tale grado si stavano le cose nostre per le notizie 
mie. Ar6 caro sapere di yostr'essere, e se ho a fare niente 
per vol, desidero saperlo. . t 

Dio yi content!. Non voglio tacere che messer Luigi Ala- : / 

manni mi ha imposto vi faccia intendere, che 6 schiavo 

aUa yirtii yostra, e se le muse sue yagliano nulla ye ne 

sarit grato in quel modo pu6, che ha dedicato mille carte 

al nome yostro; in fretta 

Tutto yostro 

FILIPPO STROZZI 
Di Yenezia, alii 4 aprile itS37, . 



RiGCONTO DELIA lORTE 

DI 

LORENZINO DE' MEDICI 

tratto da una reiazione 

DEL CAPITAMO 

FRANCESCO BIBB01VI 

clxe I'-ucciso 



AMlllAZZiLllIENTO 



DC 



LORENZINO DE' MEDICI 



Tornando io d*Alemagna, dove era stato al soldo deirim- 
peratore, trovai in Vicenza (1) Bebo da Volterra che si trat- 
teneva in casa di M. Antonio da Roma gentiiuomo vicen- 
tino, perch6 aveva gran nimicizie (2), ed esso M. Antonio ebbe 
molto cara ia mia venuta e voile che io mi fermassi qulvi 
da lui. 

In questomentre,occorse(3) che un certo M. Francesco Ma- 
nente(4),pure gentiiuomo vicentino, aveva una grandeini- 
micizia con certi de* Guazzi e contro la casa de' Laschi lutti 
vicentini, ed era durata detta inimicizia parecchl anni, e 
v'erano nate molte morti d'uomini, tanto tra dl loro autori 
che tra i seguaci di ciascheduna parte; per6 questo M. Fran- 
cesco preg6 M. Antonio dove abitava che si contentasse 
conceder noi in quel gioroo; e per esser tanto suo amico 
non gli potette detto M. Antonio disdi>e, e cosi Bebo ed io 
andammo con detto gentiiuomo ad un villaggio che si 
chiama Gelsano, dove una parte e Taltra hanno i loro beni, 

(1) a Venecia. M. (2) aTera una graade inimicina. M. (3) accona. G. (4) Am- 
lento. M. 



442 AMMAZZAMEHTO 

e tuUi tenevano uomini in casa, talcb^ non era giorao che 
non si uscisse in campagna> e si faceva molti latU d'anne, 
e sempre n'usciva de' feriti e morti. 

Un giorao poi quelli della parte nostra si risolverono di 
assaltare la parte contraria in casa, dove ammazrammo 
due, ed il resto, ch'erano cinque, si racchiusero in una stanza 
terrena e quivi si fortificarono, onde noi portammo loro 
via tutti gli arcliibusi, e le altre armi, ed essi furono ne- 
cessitati a sgombrare la villa e si ritirarono in Vicenzay e 
non vi corse molto tempo cbe di una si grande inimicizla 
si fece un'amplissima pace. 

Bebo poi si ritir6 in Padova col Rettore dello studio 
cb*era milanese, dove dopo qualche tempo il medesimo 
Rettore se ne and6 a Milano e condusse seco Bebo. 

lo restai a Vicenza con M. Galeazzo della Seta, perch^ 
quantunque fosse seguita la pace, egli non si fidava, ed 
ivi stetti circa a dieci mesi, e poi bisogn6 ch'io tornassi 
da M. Antonio Roma, che erano sette fratelli, quali, volen- 
domi tutti gran bene, mi avevano offerto che io dovessi 
stare in vita mia al bene ed al male, come loro, con questo 
per6 ancora che, se fosse venuta occasione di guerra, e 
che lo vi fossi voluto andare, egli non mi avrebbono man- 
cato di venticinque scudi (1) ed armi e cavallo e toraatasem* 
pre cbe io fussi vissuto, ed in caso di non volere andare 
alia guerra, Tistesso trattamento. 

Occorse, che essendo Bebo, come si disse, in Milano, M. 
Francesco Yinta volterrano vi era ambasciadore per il 
Duca di Firenze: vide egli Bebo, e domandatoli ci6 che 
faceva in Milano, rispose ch'egli era cavaliere errante. 

Allora M. Francesco gli disse, che, essendo stato taDto 
tempo fuori dello Stato,< doveva procurare di toraare con 
buona grazia di Sua Eccellenza (2), e con buone parole co- 
mincid ad insinuargli il modo cosi alia lontana, che Bebo ri- 
maneva piuttosto confuse; ma venendo poi (3) alle strette gU 

(1) mi aTrebb«ro dato cioquanta scudi. M. (2) del Duca. M. (3) pick. C. 



DI LOREMZINO DE MEDICI 443 

disse, come viveva Lorenzino de* Medici, il quale aveva fatto 

il tanto noto tradimento, e che lui od altri doveva cercare 

dl fame vendetta : che se lui s'offeriva di mandare ad eflfetlo 

tal impresa, che lo manderebbe a parlare airistesso Duca. 

— Ed essendosi il medesimo Bebo offerto a tale impresa, 

lo mandd con sue lettere a Firenze, quale prescntatosi 

avanti al Duca, esso Tassicurd di ritornarlo in grazia, pur- 

ch^ seguisse la morte di detto Lorenzino, ed oltre a ci6 

gU avrebbe somministrato e lettere e denari per la sua si- 

cnrezza; per il quale elTetto ripiglid Bebo dicendoli, che 

aveva anco un compagno (1) a proposito tale, che non ci 

era altro simile a lui per tal negozio. 

Partitosi Bebo per Milano, mi venne a trovare a Viceoza 
e mi conferlquesto negozio (2) .Stetti un pezzo sopra pensiero 
irresoluto a che partito appigliarmi ; ma quando io loccai 
con mano ch'era volonti del medesimo Duca, io gli promessi, 
e ci demmo unitamente la fede della segretezza, e con questo 
ancora, che non dovessimo avere in tal negozio altra 
compagnia. Cosi concluso tra di noi raCTare andammo a 
Venezia per mettere in esecuzione il nostro disegno, c 
perchd io era pratichissimo di tutta la citt^ di Yenezia 
e vi avevo molti amici, inteso con bel modo ove abitava 
detto Lorenzino, quivi pigliammo un alloggiamenlo in quel 
vicinato, e sera e matlina andavamo vedendo come ci 
avessimo a governare. 

Ma perche Lorenzo non usclva mai del suo palazzo, non 
sapevamo come avessimo a fare, e stavamo assai confusi 
per rimpegno presone. Ma, come Dio voile, venne di Fran- 
cia Ruberto Strozzi, col capitano Cencio Uuasconi ed un 
suo cameriere, il quale si chiamava per soprannome (3) 
Spagnuoletto, ma era navarrese e mioamicissimo: ecosi 
come la nostra fortuna voUe, una mattina riscontrai dello 
Spagnuoletto ci congratulammo insieme, ci feciamo festa e 

(1) si fatto (2) Questo pcriodo mancava in C. e si c supplito con M. (3) Io 
Spagnolctlo. M. 

Lorenz. de^Medici 8 



414 AMMAZZANENTO 

molte carezze. CosI discorrendo mi disse ch'eglino erano 
Tenuti di Francia per andare a Roma. lo gli dissi che vo- 
levo inchinarmi, e baciar le mani a M. Roberto mio prin- 
oipalissimo padrone, ed esso mi rispose ch'erabene, avendo- 
mi esso M. Ruberto benissimo riconosciuto in Roma (i). Gosi 
andassimo insieme a casa di Lorenzo (dove era di stanza 
11 medesimo M. Ruberto Strozzi ed il capitano Gencio Gua- 
sconi) e mi abbattei che uscivano di casa M. Ruberto e 
Lorenzo: e per esservi con loro molti altri gentiluomini 
ed altre persone, io non potetti farmeli innanzi, e subito 
M. Ruberto e Lorenzo entrarono in gondola; e perchd era 
stato molto tempo che non aveva yeduto Lorenzo, e per 
essore egli anco yestito modestamente, nollo raffigurayo 
troppo bene, se non che pur mi pareva e non mi pareva, 
e in tal dTd)biezza (2) dissi a Spagnuoletto— Mi par di cono- 
scere quel gentiiuomo, e non mi ricordo doye io Tabbia 
Teduto — e M. Ruberto gli daya la mano diritta. Allora mi 
rispose Spagnuoletto. — Tu lo conosci molto bene, egli 6 
M. Lorenzo, ma non ne dir niente a persona; e'sifachia- 
mar M. Marco (3)^ perchd Ini ha gran sospetto, e non si sa 
che lui sia qui di stanza in Yenezia. » Io gli risposi, che 
! molto mi marayigliayo di lui, e se ayessi potuto aiatark), 
I Fayrei fatto molto yolentieri. Poi gli domandai doye anda- 
\ yano ed esso mi disse che andayano (4) a desinare da Mon- 
I ' signor Gioyanni della Casa, ch* era Legato in Yenezia pel 
/ Papa — Nollo lasciai fino a tanto che non ne ritrassl 
1 quanto ayeyo di bisogno. 

. Spagnuoletto accompagnato ch'ebbe 1 padroni, usci (8) Tor- 
dine del suo ritorno a casa, e cosi insieme ritomammo al 
palazzo del sopraddetto Lorenzo, doye che bisogn6 cbe io 
desinassi con esso lui. 
Yi era uno spenditore di Lorenzo, il quale era giistato 

(1) Maf Uo M : percht^ aveali detto Ruberto avenni conosctnto a Roma. (2) in 
aol dubbio. U. (3) If. Dario. U. (4) Lc parole ed e$to mi diite che andnoM 
maocavana in C. c le abbiamo svppliie da M. (5) ebbe. M. 



Dt LOBEHZINO DE'mIDICI 445 

eon Pietro Strozzi in Roma; che se Spagnuoletto mi fece 
festa, piil assai me ne fece lui, dove che allegramente rin- 
novammo I'amieizia vecchia, ed avanti che io mi partissi, 
discorrendo Ira di noi, seppi qualmente Pietro Strozzi dava * 
^ detto Lorenzo miUe cinquecento scudi di piatto l*anno, 
e tre compagni bravi e facinoroei pagati, ed ancora gli 
dava on palazzo, che pagava cinquanta scudi di pigione, 
ed egli ne prese uno a San Polo che ne pagava trecento, 
ed egli allora per quest'altura gli lev6 miUe scudi I'anno 
della prowisione. t ben vero che, parendo al medesimo 
Lorenzo, che, per avergli dimlnuita la prowisione annua 
Io volesse abbandonare, eglj molto se ne dolse, e perci6 
gli diede in compagnia Alessandro Soderini, che era ancor 
esso ribello; onde non poco mi rallegrai deUe avute noti- 
zie (l),che fnronodi gran conseguenza per il fattoche do- 
vevo fare. Seppi ancora quando tomava al nuovo palazzo, e 
mediante quel servitor, vecchio mio amico intrinseco che 
aveva nome Luca, sapevo (i) bonariamente quanto lui fa- 
eeva, e, per cosi dire, quante volte sputava. Seppi poi che il 
medesiDK) Lorenzino era ardentemente innamorato della 
bella Barozza, siccome tutti gli andamenti che faceva 
verso della medesima, e qui disegnai di fare il fatto^ come 
appresso si dirii. 

11 giovedi grasso di camevale, che fummo a 9 di feb- 
braio dell'anno 1547 ab ineamcUiQfne (3X detto Lorenzo fa- 
ceva maschere, vestito egli da zingara, con altri in forme 
varie a cavallo, dove si correvano lancie sulla piazza di 
Santo Spirito, ov'era concorso a tal festa una gran quan- 
tity di popolo, e pensando come potessimo mandare ad ef- 
fetto il negozio, non ci sort! mai I'intento, ma non per 
questo io mancavo della mia parte di fare in modo con 

(1) the ta assai il perrenirmi e che. G. (2) Sapevano. C : forso iapevamo, 
f3) Canttt aimota : ^ nolissiino che i Fiorentini c<»ninciavano Tanno al 25 mar- 
10 : e per^ il 1547 qui sopra indicato equivale al 46 4ell*^a comune. — M. ha 
94lebbraio. 



4 1 6 AMMiZZAM BNTO 

quel servidore, di sapere con bel modo quello che il jia* 
drone ogni giorno faceva e discorreva , a tal che per gli 
avvisi suoi io mi govemavo, ed ero certo che senza tall 
• awisi mal ci poteva riuscire (i). 

Avendo io tanto inoanzi (2) il negozio, presi amicizia d' uq 
calzolaio , comprando da lui ora una cosa , ora un' altra , 
siccbd io mi ero fatto suo amico familiare ed intrinseco, e 
questo facevo perchd la bottega del medesimo calzolaio 
scopriya tutta la piazza dl San Polo, e particolarmente U 
palazzo dl Lorenzo, dove che mattina e giorno di continuo 
mi trattenevo per buono spazio di tempo, e spesso facevo 
linta di dormire; ma sallo I(^dio se io dormivo, perchd 
coiranimo (3) stavo sempre desto. 

Occorse un giorno che io fui avvisato che Lorenzo era 
andato a desinare da Mons. Giovanni della Casa ; a tal nuova 
tutti allegrl andammo risoluti per fare il negozio, ed io 
salii francamente solo nel palazzo di detto M. Giovanni, e 
lasciai Bebo giu nella loggia, al quale dissi che stesse pre- 
parato per ogni occorrenza , ma trovammo che il detto 
M. Giovanni e Lorenzo erano di U andati a desinare a 
Murano, talch^ rimasimo colle trombe nel sacco. Per que- 
sto non si manc6 di fare ogni giorno le nostre diligenze: 
e perch6 Bebo non conosceva Lorenzo, un giorno gHelo 
feci conoscere, tomato che fu ad abitare alia piazza di 
San Polo. Dove per esser novizj in quel contorno, non do- 
vevano sapere le strade di quel vicinato, perchd una- mat- 
tina andarono per terra, per passare dinanzi alia sua in- 
namorata bella Barozza, fallirono la strada, e volendoan- 
dare ad un convento di frati, dov'ella andava alia messa, 
prcsero un*altra strada, quale gli condusse un gran pezzo 
in \k, ma non ha riuscita, dove che noi gli andammo die- 
tro per fare il fatto, ma non gli potemmo raggiungere, e 
eosl ce ne tornassimo indietro(i),tiIchegli riscontrassimo 

(1) il fatto aj^giungo M. (2) spinio il nc^jozio. M. (3) troppo stavo dcslo. M. 
'i) Eijlino che non eran possvti passare per quella strada tornarono in- 
dietro anch'essi agjfiungc M. 



^ 



DI LORBNZINO DB*MED!CI 447 

In luogo, dove Tarme che avevamo non erano a proposito 
per r eflSetto che avevamo disegnato, sicch^ bisogn6 prov- 
^edere altre armi piu adattate al c%so, immaginandoci 
die a]tra volta gli averebbamo abboccati ed incontrati 
nel medesimo luogo, come segui. 

Yenne che a' 26 di febbraio(l), la seconda domenica dl 
quaresima, essendo io andato (com*era il mio solito) a ve- 
dere ed investigare se Lorenzo dava ordine di andar fuora. 
tome altre volte era andato, entrai nella sopraddetta bot^ 
iegOL di calzolaio, ed ivi stetti un pezzo, a tal che Lorenzo 
si fece alia flnestra con uno sciugjitoio al collo e si petti- 
nava^ e vidi neli'istesso tempo entrare cd uscire uncerto 
Giovan Battista Martelli Piccino(2), cho stava alia guardia e 
a dlfesa di esso Lorenzo colla spada, e pensandomi iocho 
lai dovesse uscire fuori, camminai a casa perapprontarml 
e provvedermi d'armi necessarie, dove trovai Bebo ancora 
in letto che dormiva, lo feci subito levare, e venimmo alia 
solita guardia , dove vi e la chiesa di San Polo , ed ^ in 
capo alia piazza, dove loro avevano da passare. 

La detta chiesa d posta come in isola , ed ha due portc 
che sono addirimpetto Puna airaltra, a tal che messi Bebo 
alia porta davanti alia detta chiesa, e gli diss! che stesse 
lorte, e che mi guardasse spesso per osservare se mi ve- 
deva fuori della bottega , e vedendomi fuori di essa , che 
lui si awiasse innanzi , e che io lo seguiterei. 

Ora> come voile la nostra buona ventura, usci fuori il 
sopraddetto Giovan Battista Martelli, ed and6 innanzi un 
pezzo, dipoi usci Lorenzo, e poi usci Alessandro Soderini, 
6 andavano dietro Funo all'altro, come le grue, e quando 
Lorenzo f u dentro (3) alia sopraddetta chiesa di S. Polo, alzo 
la 8toiaocoltrone,ch'eraaU'uscio(4) dl detta chiesa, in modo 
che Bebo ch'era all'altro uscio lo vide, e vide me ancora 
«he ero uscito fuori di bottega , e ci ritrovammo insieme 

<f ) n 13 mano. M. (9) Piccino manca in H. <3) dietro. G. (4) usctolo. C. 



IIS AMIIAZZAIIBNTO 

per la strada, come eramo restati d'accordo, e dissemi ch9 
era in chiesa; e stando osservando r esito, vidi che uaclt 
Lorenzo di chiesa, e prese il suo cammino nella strada 
maestra, poi uscl Alessandro Soderini, ed io me n'andava 
dietro a tutti, e quando fummo al iuogo destinato, saltai 
innanzi ad Alessandro col pugnale in mano dicendo — 
State forte, Alessandro, e andatevi con Dio, che noi ncm 
siamo qua per vol. -* Lui allora mi si gett6 alia vita, e 
mi prese le braccia , e teneya sempre forte gridando. la 
che yidi arer fatto male in yolergli risparmiar la vita, 
mi sforzai quanto potetti per uscirgli dalle mani , e tro* 
Tandomi il pugnale alto, lo toccai, come Dio yolle, sopra 
di un ciglio^ d'onde col6 un poco di sangue. Egli allora 
molto in collera mi diede un'urtata tanto grande, che mi 
ebbe a far dare della schiena in terra , tanto pid che si 
sdrucciolaya per essere un poco pioyuta Gacci6 Alessan* 
dro mano alia spada, che Tayeya col fodero in mano, e 
mi tir6 alia yolta del mostaccio, e mi colse nel corsaletta 
della corazzina, e mi yalse ch'era di maglia doppia. 

Innanzi ch'io mi potessi mettere in amese, toccai Ire 
imbroccate (1), e se io ayeyo giaco, come corazzina, mi 
passaya (i) al certo, perch^ ero sotto misura. 

Alia quarta botta mi ero nfatto (3) assai di animo e di forze, 
onde me gli strinsi addosso , e gli tirai quattro coltellatft 
alia yolta della testa, e per essergli tanto appresso, egli 
non mi poteya piii colpire, ma yolendosi riparare col brac- 
cio e colla spada, pensando cosi di ripararsi bene, com» 
Dio yolle, io lo colsi nella congiuntura deUa mano, ap* 
presso la manica di maglia, e gli tagliai la manodi netto, 
e subito gli diedi un'altra ferita sulla testa che fu 1' ul- 
tima: allora mi chiese la yita per i'amor di Dio, ed io^ 
che ayeyo pena di quello che facesse (4) Bebo, lo lasciai nelle 
braccia di un gentUuomo yeneziano, che lo tenne, ch% 
non si gettasse in canale. 

(1) stooMte. M. (^ pMMn&o. M. (3) liitto. G. (4) fSece. C. 



Di LORBNZIIIO DB'MEDICI 149 

Nel YOltarmi trovai che Lorenzo era in ginocchioni, e si 
rizzava, onde io in collera gli tirai una gran coltellata 
sulla testa, e fattogliene due parti, lo dlstesi a'mlei piedi, 
nd piii si rizz6. 

Non vedevo dove Bebo si fosse andato , se non ehe vo- 

lendo partirmi di quivi, bisognava andare verso la chiesa 

di San Marcello, che vi d una piazzetta e quivi ritrovai 

Bebo, come un uomo insensato , al quale diss! con buone 

parole, che 11 dovere voleva che mi avesse soccorso, e vo- 

lendomi egli replieare, io gli dissi — Ora non ^ tempo, 

— e cosi tra di corsa e di buon passo, fummo in breve 

aliontanati dal luogo, dov'era seguito il fatto. Al traghetto 

di Santo Splrito, ci risolvemmo di gettare^ come feciamo, 

i pugnali In mare, perch'erano proibiti pena la galea, e fu 

un t^npo, che io mi pentii d'averlo gettato, ed essermene 

privato, perch6 essendoci io e Bebo separati, e rimasti d'ac- 

cordo dove cl avevamo a trovare, per essere io molto in- 

sanguinato, accid, se io per disgrazia fossi stato preso da- 

gli sblrri, egli avesse campo di salvarsi. 

Appena Bebo si fu separato da me, ed a caso voltan- 
domi vedo venirmi dietro da venti sblrri; io subito mi 
pensai che sapessero ogni cosa , e che venissero per cat- 
turarmi, che in verity allorami vidi perso; allora, piii pre- 
sto potei , allungai Ji passo ed entrai in una chiesa , e vi 
era accanto alia medesima una Gompagnia, ed una entrava 
neU'altra, e m'inginocchiai pregando, e caldamente racco- 
mandandomi a Dio per la mia salute e sal vezza; per6 trale 
preghiere stavo osservando, e vidi che tutta quella frotta 
pass6 avanti , se non che uno de* medesimi sbirri che en- 
tr6 in detta chiesa, ed io teneva Tocchio tanto teso, e in 
modo che vedevo di dietro come dinanzi , e allora avrei 
avuto caro il (i) pugnale, perchd non avrei guardato d'es- 
sere in chiesa ; conobbi per6 che nulla sapevano, ed io poi 
feci animo e mi risolvetti di passare pel mezzo di dettl 

(i) del. C. 



420 AMMAZZAMBNTO 

sbirri con ferma iatenzione di entrare nella chiesa di San 
Spirito , dove il padre maestro Andrea Yolterrano predi- 
cava, e (1) di quivi passare alFaltra porta, ma non ci fu mai 
modo n6 via per lo tanto gran popolo che vi era , sicch^ 
fui forzato a tomare indietro, ed uno di quei sbirri mi 
veone dietro un gran pezzo, tanto che mi trovai dove 
erano due strade: allora mi presi per compenso di mo- 
strare di averc smarrita la strada, e ritomai addietro, e 
questo pure mi seguitava, credendo io che avesse preso 
sospetto per avermi visto insanguinato. Allora preso arUmo 
mi voltai , e mentre coslui non se V aspettava , gii diedi 
cosi grande urtone,che gii feci dare della testa una grandis- 
si ma botta in terra (2), e poi la diedi a gambe (3), tanto che 
tutto affannato arrivai alia gabella delle farine e dipoi a 
San Marco, dove andai al mare, e feci venire una gondola, 
che mi levo al ponte (4) della Paglia, che riesce nell^ casa 
degli Altanesi (5), e quivi vidi uno colla spada, e perchg era 
in luogo dove 11 giorno sta la guardia degli sbirri, mi 
manc6 un poco Tanimo, a tal che bussai allora Tuscio di 
una puttana mia amica, la quale riconosciutomi , subito 
mi aperse. Ed in quello che io salgo, un amico mi dice 
che non stia quivi, e cosi mi risolvetti di partire e andai 
al mio viaggio, e senz*altro batticore e intoppo arrivai alia 
casa del conte Salici (6) da Ck>Ualto del Friuli, amicissimo 
ed intrinseco nostro, perch^ Bebo ed io gii avevamo fatto 
per lo passato di gran servizj. Bussai la porta, e Bebo su* 
bito mi aperse, e quando mi vide tutto imbrattato di san- 
gue , si fece maraviglia che io non fossi eapitato male e 
nelle forze delta giustizia, e ne dubit6 anco per essere io 
stato tanto ad arrivare. 

II conte non era in casa, ma per6 essendo conosciato da 
tutti di casa feci da padrone e me n* andai in cucina al 
f uoco, 6 con sapone e acqua feci diventar bigie le calzette (7) 

(1) quivi. G. (2) gii feci dare una gran testata in terra. M. (3) battel le gambe. 
M. (4) e mi pose offgiwtge U. (5) Albanesi. H. (6) Felice. M. (7) calxe. M. 



DI LORBNZIMO DE'HEDia 421 

ch'erano bianche. In questo mentre arrivd il conte, e Bebo 
se gii fece incontro, e da iui gli farono fatte gran carezze, 
e <limand6 di me: allora Bebo gli disse, che avevo dato 
malamente ad uno sbirro, per conto di una femmina, e che 
pensavo che assolutamente fosse morto; intanto mentre 
discorrevano di questo fatto, ancora io me gli presentai 
dayanti, mi accarezz6, e si ragion6 di yarie cose, e di- 
scorrendo si fece Tora di desinare; ma perchd veniva a 
desinare da Iui il primo medico di Yenezia) non voile che 
ci vedesse , e n5 tampoco voile che ci vedesse alcuno dei 
saoi servitori, e fece ordinare da desinare per noi di sopra 
in una camera , ed esso col suo segretario ci servirono a 
tavola, discorrendo e sbocconeggiando ancora loro. In que- 
sto venne il prefato medico, ed il conte and6 via, per es- 
sere a desinare coiristesso, e restd con noi il segretario. In 
quello che si lavavano (1) le mani per andare a tavola, viene 
un'imbasciata dalla madre di Lorenzo, cbe, se ci ^ 11 me- 
dico, vada subito a casa di lei, perch^ era stato ammaz- 
zato Lorenzo, e ferito a morte Alessandro Soderini. A tal 
nuova, subito and6 via il medico, e non stette quivi a 
desinare, ma il conte venne da noi, e ci cont6 Timba- 
sciata per filo e per segno con dimandarci s* eramo statl 
noi. Negammo da bel principio, ma per6 egli s' immagin6 
che fussimo stati noi, ed assai ci rincor6 con dirci che non 
dobitassimo, che in tutti 1 modi ci voleva salvare, ma che 
gli sapeva male che quel giorno doveva andare in consi- 
glio, e non sapeva a che ora uscirebbe: se ne andd egli a 
desinare e poi a riposarsi. 

Quando fu Tora di vespro, mi risolvetti, senza dire ad- 
dio a nessuno, di partirmene, e dissi a Bebo che mi se- 
gnitasse, e mi venisse lontano quanto mi vedeva : e se ve- 
deva ch* io fossi preso , egli si salvasse al meglio che po- 
tesse, e andammo via, non 82q)endo Bebo dove io volessi 
andare. 

(1) hTava. C. 



422 AMMAZZAMIRTO 

Andammo a casa di quella donna, dove prima stavamo 
di stanza, e feci ordinare da cena, ayendo pensiere di star 
quiyl per sentire qualche cosa del fatto per pigliare le 
nostre misure; ma in quel tempo vi comparsero due preti 
col flglluolo di quella donna, 1 quali preti mi conoscevano, 
e quivi ci ponemmo a ragionare di varie cose: di li a im 
poco, uno di quel preti and6 fuori, 11 perch6 ayendo preso 
io sospetto, dissi a quella donna che yoleyo andare a fare 
un senrizio, e che presto sarei tomato, e accennando Bebo 
lo condussi yia, e ce ne andammo al traghetto della Ifad- 
dalena, e montammo su una gondola con dirgli, ya forte, 
— - e cheandasse a S. Maria Zobenigo (1), e quando ml panre 
di essere nel mezzo del canale, dissi al barcarolo — But- 
taci a riya — e gli dledi pareccbi marcbetti , e gli sog- 
giunsi che aspettasse, che saremmo tomati. E glunti che 
fummo in terra appresso il palazzo dell' ambasciator di 
Spagna, dissi a Bebo che ayeyo intenzione che quiyi noi 
ci salyassimo. 

Piacque molto a Bebo il mio consiglio, e subito Tapproyd, 
e cosi andammo senza intoppo alcuno al palazzo di detto 
ambasciatore. 

Arriyati al detto palazzo, troyammo quiyi allMntomo 
circa quaranta Spagnuoli, tutti benissimo in ordine, quail 
ci fecero molte cortesie, come quelli che di gik ayeyano 
inteso il caso, e s'immaginayano che fussimo stati noi. Io, 
senza turbarmi e far eonto alcuno nd di loro, nd di loro 
aiccoglienze , dissi che ayeyo gran bisogno di parlare col- 
I'illustrissimo signor ambasciatore, ed uno di quel gentl- 
luomini mi rispose, che il signor ambasciatore non era in 
casa, ma che in breye tomerebbe; e cominciammoa pas- 
seggiare per detta corte, quasi da (2) un quarto d'ora; poi 
dissi: — - Signori, giacchd 11 signor ambasciatore non yiaie, 
noi andremo a f^ure una faccenda e tomeremo. — Non 
dissi gik questo per yoler partire, ma per non parer di 

(1) soDenioghi o soboniiif hi II. (9) per qoasi. II. 



r 1 

m 

DI LORBHZINO DR'mEDICI 4S3 

esser quelli cbe essi pensayano. Allora uno di quelli con 
molta franchezza ci disse — che se noi stavamo quivi a 
disagio in quella corte , che noi entrassimo in una bella 
camera , che era ivi appresso, e 11 ci assentassimo (I) con 
tutto nostro comodo — e da ci6 conobbi, che si pensayano 
che non ayessimo caro di esser yeduti. lo gli rispoei che 
non c'importaya d' esser yeduti, perch^ eramo uomini da 
bene e di onore, e poteyamo esser sempre yeduti in tutti 
I luoghi del mondo; allora ci(2) soggiunse: — Signori, io 
non dico questo; essendo loro (3) persone conosciute e 
onoratissime; ma sappiano che io ho preso Tardire di ci6 
pregarle, perch^ questa mattina 6 stato ammazzato Lo- 
renzo de' Medici e ferito a morte Alessandro Soderini , e 
questo ferito ha detto che gli aggressori sono stati due, 
uno che pu6 ayere yentotto anni e Taltro trentuno: uno 
con calze blanche e V altro uomo tozzo e formato , e per 
questo ho parlato in questa forma , e non doyete ayerlo 
per male. -* Io allora gli replicai , che non eramo quelli, 
ma per non esserci 11 signor ambasciatore ayeyamo caro 
di dire quattro parole al signor segretario, e dipoi sares* 
simo andati alle nostre faccende. 

Ci condussero subito dal segretario, e ci yennero dietro 
forse trenta Spagnuoli con grande allegrezza e festa, ed 
arriyati in camera del segretario, io cominciai a dire che 
eramo^uiyi per parlare al signor ambasciatore, quale per 
non troyarsi in palazzo, ayeyamo pregato lui a sentir quello 
che ayeyamo a dire al signor ambasciatore, e di poi sa- 
remmo andati al nostro yiaggio, ma innanzi che noi par- 
lassimo, ayeyamo caro che non ci fusse tanta gente. Onde 
subito 11 segretario diede licenza a tutti, e serr6 ben bene 
la camera, indi ci abbracci6 e ci baci6, senza che prima 
noi parlassimo, e poi disse, che noi parlassimo liberamento 
• senza sospetto alcuno. Allora io esposi tutto 11 caso se- 
gttito, e flnito che io ebbi di narrarlo, di nuoyoci abbracci6 

(1) Ti asptCtaMimo. M. (1) mi. C. (3) percbi •flino sono. C. 



484 AHHiZZAMBNTO 

e baci6, e con dirci che molto ci sUmava e reputava, p^- 
ch6 avevamo fatto quello che moiti altri avevano tentato, 
manon potato fare; e allora ci serr6 in camera, dicendoci 
che andava a trovare il signor ambasciatore, perch^ sapeva 
doy'era; ecosisi parti, e poco stette, che per una scala a 
chiocciola ci mend in camera del signor ambasciatore, dove 
dal medesimo ci fu fatto grandissima accoglienza, e dopo 
Tolle sapere di nuoyo com* era s^^ito il fatto; molto ci 
commendd e lod6, promettendocl d' impiegare tutta la forza 
ed il potere dell'lmperio persalvarci e mettercl sicori nelle 
man! del duca dl Firenze; e che questa mattina, quando fu 
fatto si nobile azione (i), subito ayeva spedito un corriere 
airimperatore medesimo, e che voleva spedime un altro con 
dirgli, che voi vi siete assicurati (2) e salvati nelle sue forze ; 
e questo dico, perch^ so benissimo, che questa nuoya gli 
sark molto cara e gradita, sicch^ di cosa alcuna non du- 
bitate, che spero di avere ordlni molto pressanti alia vo- 
stra salvezza. 

Non erano compiti dieci giorni, che se ne veddero gli ef- 
fetti, poich^ venne un corriere colla risposta, che il signor 
ambasciatore facesse tutto lo sforzo di salyarci, e procurasse 
di fare ogni possibil diligenza per mettercl salvi (H) in mano 
del Duca dl Firenze, come segui. 

£ per dire la somma diligenza che fece il medesimo si* 
gnore ambasciatore , ogni mattina faceya dire in Riaito, 
che quelli che aveyano ammazzato Lorenzo erano passati 
da Padoya il tal di ; V altro giomo faceya dire , 11 tal di 
furono yisti a Verona; altre tre yolte fece pubblicare es- 
sere stati yisti nel Friuli, e quando in un luogo e quando 
in un altro, e tutto faceya per oyyiare alle molte diligenze 
che faceyano i Fiorentini che teneyano con Lorenzino, ed 
altri ribelli, che dimoravano in gran copia in Yinegia, per 

(1) la stessa mtttina del fatto. M . (2) noi eramo assicurati. M. (d) tutto lo 
sfono ed ogni possibile diligenza per saWarci e roetterci Uberi nelle ma- 
ol, ecc. M. 



01 LORBlUIIiO DBMBDICl 4S5 

arerci nelle manl, avendo posto a tale effetto le guardie a 
tutu i passi, non guardando a veruna spesa, e di pid aye- 
vano quattro brigantini, che andavano per mare; vedendo 
ed osseryando tutte le gondole che passavano , e ci6 era 
molto ben noto a] nostro signore ambasciatore, che stava 
per noi molto avrertito. 

Ora udlte di grazia la gran diligenza che il signore amba- 
sciatore us6 per salvarci. Prese in affitto un bellissimo pa- 
lazzo faori della catena del passo di Marghera, ed ogni 
giomo vl andava con cinquanta Spagnuoli; e quando era 
in terra ferma pigliava le carrozze, e parte andavano a 
piedi, a tal che pareva un esercito , dove che qucgli che 
Ti erano stati messi alia guardia da'Fiorentini, andavano 
a vedere piu volte tal cosa, e videro sempre,che il signore 
ambasciatore, subito che quivi arrivava , si esercitava col 
bale8tro(i), e faceva cavalcare un bellissimo cavallo, tanto 
che assuefece (2) quella gente, che nessuno piil gli poneva 
mente. Onde avendo ridotto Taffare come desiderava, si rl- 
solvette di volerci cavare di Venezia, ed ordin6 che Tam- 
basciatore di Trento, ch'era il signor don Alberto Spagnuolo 
venisse in Venezia, dove gli conferi tutto il negozio, e gli 
diede tutti i rontrassegni di noi , ordinandogli per parte 
dell' Imperatore, come si aveva dagovernare circa a'nostrl 
cast per metterci sicuri e franchi da* luoghi di sospetto, e 
doveegliavevaa metterle poste e leno8trepo8ate(3), come 
appresso intenderete. Venne il giomo il quale a lui parve 
che fosse a proposito a cavarci da Venezia, e mand6 su in 
camera nostra il segretario , che fu il signore Ximenes, a 
dirci, d'ordine del signore ambasciatore, che ci mettessimo 
in punto per andare al nostro viaggio, e ci port6 una ca« 
sacca lunga flno ai piedi, con una spadina cinta con un 
cintolo, ed un berrettino ed un cappello, ch' eramo tutti e 
due vestiti alia biscaina, dipoi ci diede un paio di forbice, 

(1) subito che quivi arrivava rescrcito col bargcllo ei, occ. M. '2) assuefa- 
cessc. C. (3 per Ic nostre pas&ale. U. 



426 AMMiZZAMERTO 

acci6 noi ci tagliassimo la barba, a tale che, chi non ci 
aveya bene in pratica, non ci avrebbe tampoco riconosciuti 
vesUti in quella forma. Andammo poi giu in camera del 
signore ambasciatore, il quale di nuovo ci abbracci6 e ba- 
ci6, e fececi molte accoglienze, con istruirci del modo cb» 
aveya tramato, e cbe dovevamo tenere per salvarci, • 
dopo questo 8uo amorevole dlscorso ci pose avanti un 
sacchetto di 9cudi d' oro , dicendo cbe ne pigliassimo fino 
in cinquanta, percbd ci sarebbero bisognati, dovendo noi 
fare un lungbissimo viaggio, quail a sua instanza presamo 
con rendergli iniiniti ringraziaroenti. 

Uscimmo dunque (i) del palazzo e andammo a montare in 
una gondola di dodici persone cbe quivi erano all'ordiney 
e plena anco di soldati spagnuoli bene armati , cb' erano 
lino a settanta, e tutti si awiarono avanti, ed il signore 
ambasciatore per6 si pent! (2), e ci messe nella sua gondola; 
allora andammo piCi allegramente, ed arrivammo al porto 
di Ifargbera. Alio smontare di gondola usci prima il si- 
gnore ambasciatore per vedere cbi era quivi> dove vi erano 
da venticinquearcbibttsieri Italian! (3), messi a bella posta 
per guardia da'signori florentini, sospetti per tal conto(4)» 
e volendo essi veder noi, cbe eramo restati nella gondola, 
aspettando cbe la carrozza fosse air ordine, alcuni di loro 
si appressavano, ed accostavano alia nostra gondola per 
megllo osservarci. Allora il signore ambasciatore accortosi 
di tal cosa, venne quivi e disse a quel soldati —Cbe cosa 
pretendevano e cbe cosa cercavano , dicendo loro cbe si 
levassero di quivi, siccome puntualmente fecero; dipoi il 
signore ambasciatore venne a cavarci di gondola con dire!, 
se ancora tenevamo febbre,edi sua mano ci messe in car- 
rozza, e andammo al palazzo cb*egll avea preso in affltto, 
eon tutta la gente spagnuola innanzi , e quando fummo 

appresso al palazzo, tutti gl! Spagnuoli entrarono dentro, 

• • 

(1) finalmente. H. (3) si part). C. (3 50 archOmsieri Candiani o Candiotti* 
M. (4) che scmpre sospettavano per tal conto. M. 



DI LORBRZIRO DB'mIDICI 427 

e dalla porta del palazzo di per di dietro usci il capitano 
Yaleriano da Temi (1) ed il suo figlluolo con quattro cavalli 
da posta, che due per no! e due per loro : e di nuovo Tam- 
basciatore ci abbraccid, e ci diede la sua benedizione, con 
dire: Andate con quest! compagni, dove da loro sarete 
fedelmente guidati, e non pensate ad altro (i). 

Cosi rambasciatore rientr6 in palazzo, enoi montammo 
a cavailo posteggiando dalle ventun'ora (3) fino all'un ora di 
notte. Con quel medesimi cavalli arrivammo ad una villa, 
dove ci aspettavano altri quattro cavalli freschi , e senza 
mangiare, n^ bere, n6 dormire , cavalcammo fino che do- 
vevano essere sei ore di notte, fino ad un'altra villa, dove 
trovammo in ordine una buona cena e nuovi cavalli, e si 
fece poi il conto , che fino allora avevamo camminato da 
einquanta miglia. Mangiato che ebbamo senza punto dor- 
mire, di nuovo montanuno a cavailo, e con quelli facenuno 
quaranta miglia di cammino , innanzi che ci fermassimo , 
tanto che ci eramo dilungati ed allontanati da Vinegia da 
novanta miglia avanti che noi dormissimo. 

Giunti che fummo ad un castello, dove parlavano mezzo 
tedesco, ci posammo ad un' osteria, dove Toste ci rafflgur6 
per i contrass^ni mandatili dal slgnore ambasciatore, per 
qoei personaggi ch' eramo, e ci fece tante cortesie, e ci 
trattd in una forma, che piu non si poteva f^u^ a qualsi- 
voglia gran signore, e quivi stemmo la notte sicuri, e la 
mattina con nuovi cavalli ci partimmo di bonissima ora di 
mezza posta (4), tanto che senza mutar cavalli cavalcammo 
fino alle vent'ore , ed arrivammo a certe case , che v' era 
un massaiotto che ci aspettava, avendo cosi con precedenti 
lettere r ordine , e quivi ci rinfrescammo , e ci furon dati 
nuovi cavalli ed una guida, che ci men6 per piu sicurezza 
per tutte le strade incognito e non punto praticate, ed in 
due giomi ci condusse per le terre del re de'Romani, e di 

(i Termi. M. (3) pitk in U. M . (3) dalle due fino alia prima ora di oottt . 
M" '♦, di messa posta. C. 



428 AMMAZZAMENTO 

poi ci voltammo a Trento, dove arrivali scayalcammo ad 
una buona osteria, e di li a poco arrivarono due mandati 
dal signer Alberto (1), ambasciatore di quel luogo, con dirci 
ch' era mente del signor ambasciatore che fossimo da lui . 
e cosi prontamente obbedito, andammo ad Inchinarlo ed a 
baciargli la mano, com'era nostro debito, e pensando che 
egli nonavesse notizia di noi, n6 tampoco del caso seguito, 
che molto bene gli era noto, ci prese subito per la mano, 
dicendoci che molto bene ci conosceva ed era informato del 
fattoechequandosegui il caso era in Venezia, e che aper- 
suasione del signore ambasciatore nostro protettore si era 
quivi portato, onde con nostro slupore si ricevettero molte 
car«zze e cortesie, oflferendoci denaro ed ogni patrocinio. Noi 
umilmente lo ringraziammo e ritomammo alia nostra oste- 
ria, dove cenammo, e poi andammo a dormire, perchd ne 
avevamo gran bisogno per esser molto stanchi. 

La mattina levati che furamo, andammo nuovamente ad 
inchinare il signore ambasciatCTe, il quale, dopo diversi 
ragionamenti, ci diede una buona colazione: ci6 seguito, 
licenziammo la nostra guida ed il llgliuolo del capitano 
Valeriano, quali presero i loro vantaggi, quegli a'suoi luo- 
ghi, e questi a Vinegia, e subito comparsero quivi cinque 
cavalli di posta , perche V ambasciatore voile venire con 
noi in persona e farci compagnia Ono alle porte di Man- 
tova, e per meglio assicurarci da ogni pericolo, mandd 
avanti cinque bravi uomini alia Chiusa, dove stava la 
guardia de'Tedeschi, con ordine espresso che si fermassero 
quivi, e se avessero preso sospetto per noi, il che non ere- 
deva, che tosse per esser fatto impedimenlo loro, ave- 
vano a menar le mani, tanto che noi passassimo. Preso il 
nostro viaggio, ci fece mutar le poste di \k dall'Adige, e 
per sospetto facevamo le poste doppie; alia Onearrivammo 
sicuri a Mantova, alia qual cittk essendo noi vicini da 
mezzo miglio, V ambasciatore si licenzi6 da noi col dirci , 

( 1 ) Signor Duca Alberto. 



DI LORENZmO DEMKDICI 429 

Che andassimo a scavalcare airosteria del Moro> dove ci 
sarebbe stata fatta gran cortesia , come segul in effetto , 
poichd quando arrivammo, Toste subito ci conobbe, e non 
si potrebbe dire le carezze ch'egli ci fece. Andammo poi a 
baciar le mani al sig. cardinale di Mantova, il quale sapeva 
benissiiiM> chi noi eramo, e ci offerse denari e compagnia, 
Yolendoci dare per nostra sicurezza cinquanta cayalli fino 
a Piacenza, il che non volemoio ed umilmente lo ringra- 
ziammo; e tomati airosteria montammo a cavallo^ ed ar- 
rivammo la sera al tardi a Piacenza , dov' era il sig. don 
Diego di Mendozza, al quale andammo a baciar le mani, 
ed egll in veritlt ebbe molto caro di vederci , e ci offerse 
quanto ci faceva di bisogno. 

La mattina seguente ci partimmo e andammo a un ca- 
stello lontano da Piacenza trenta miglia : V altro giomo 
arrivammo al Borgo dl val di Taro, dov'6 una fortezza 
cbe si teneva per Timperatore, e vi era dentro il capitano 
FraBoesco Anguissola gentiluomo piacentino ; il quale 
fece ogni possibile sforzo, che noi andassimo in fortezza 
da Ini, il che non volemmo fare, ed inflnitamente lo rin- 
grazianmio , ma la mattina poi venne egli a buon* ora da 
Qol in persona , e ci condusse in fortezza , e ci fece ana 
colazione non da nostri pari , ma da gran signori. E per* 
cbd la sera a due ore arriv6 all* osteria dove noi aUog- 
giammo, un uomo di trent'anni a cavallo e bene armato dl 
giacoemanicheecoirarchibusolungo a ruota e duearcbi- 
bosetti piccoli o terzette, ed interrogato dairoste di dove ve- 
nisse , gli rispose che veniva V istesso giomo di Piacenza 
e se ne voleva andare a Pontremoli per suoi negozj , noi 
grandemente sospettammo, e tanto piii ch'egli si parti avanti 
giomo ; onde ne parlammo di ci6 al capitano di detta for- 
tezza, il quale sped! subito due soldati ben armati a cavallo, 
ordinando espressamente a loro cbe spronassero i cavalli, 
tanto che arrivassero quel tale, che di sopra abbiamo detto, 
e che volontario o sforzato lo conducessero in tutti i modi 
Lorenz. de' Medici 9 



432 AUDAZZAMBNTO 

a lui, e non volendo venire, o facendo loro resistenza , lo 
ammazzassero. 

Andarono subitamente quei soldati in diligenza, e n(Hi 
avevano cavalcato molto che lo raggiunsero, percbd cayal- 
cava piano, e senza rumore o resistenza alcana lo ric<Mi'- 
dussero al capitano, 11 quale lo fece mettere in prigione, e 
sentimmo che poi lo mand6 a Placenza a don Diego: qu^o 
che ne fosse non si^saputo. £ certo per6ch*egliera stalo 
mandato per farci dispiacere; ma la cosa pa8s6 bene, me- 
diante quel capitano. 

Gi partinuno dal Borgo, ed arrivammo la sera a Pontre- 
moti, dove era un castellano che ci fece assai cortesie e 
carezze. La mattina montammo a cavallo per le poste^col 
postiglione, e perche erano strade cattivissime, avemmo 
paura dl non entrare in Pisa la sera, tanto piCi che ii ca- 
pitano Yaleriano, ch'era sempre venuto con noi fine da 
Yenezia, era vecchio e molto stracco, perchS ayevamo ca- 
vaUeato i3 giomi di continuo : pigliammo partito di lasciarlo, 
eche se ne venisse verso Pisa con sno bell'agiOt come feoei, 
e cosl cominciammo a spronare i cavalll, ed entrammo in 
Pisa alle quattro di notte, e trovammoil Duca a tavola che 
ceoava. Si stimd bene quella sera di non dare incomodo 
per r audienza per V esser r ora tarda, e andammo a una 
locanda, dove si fece ordinare la cena, e poi a doimire, e 
la mattina andammo a udienza. 

Giunti che fummo davanti al signor Duca, ed omil- 
mmte baciandoU le mani, egli ci accolse con ana somma 
ooitesia, e voile di nuovo di nostra propria bocca,be&- 
ebd 11 sapesseper via di lettere, che io gli raccontassi come 
€ia seguito il fatta lo che non aveva altra ambtziooeche di 
nMdirlo, glieresposi meglio che potei, ed egli aU<Ha wfcAto 
ei oommendd e lodd^ dicendoci, che ci eravamo portati va- 
loro6amente,epostoil medesimo in ana viva memorial ob- 
MJgaiiiMii; dipoi ci assicurd per tutto il suo Stato, e d ri- 
meue in grazia di nostra contomacia, e con amplissime pa< 
teati e privilegi dichiarandoci molto affetti e benemeriti non 



DI LORKMZIUO DB'IIEDICI 431 

^lo alia sua persona, ma a tutta la saa casa, e dl ci6 ne 
promesse una inviolabile osservanzay come veramente segot 

Non manc6 p(4 il medesimo sig. Duca di graziard di al- 
eune pensioni e cariche per lo mantenimento delle nostre 
penoneyCheYeramentenonfurono poche, perchd potemmo 
TiYeretuttoil tempo di nostra vita splendidamentee semsa 
Teron pensiero. 

Bebo di 11 a non so chetemposenepassdaVolterrasua 
i)atria» e 11 flnl i saoi giomiy ed io rimasi in Firenz^ doT6 non 
Tolli pill saper niente di guerre, ma Tiyermene in santa pace« 



ORAZIONE 

DI 

FRANCESCO MARIA MOLZA 

COMTRO 

liOREliZIMO DE' MEDICI 



1MB 



CONTRO 



LORENZESTO DE' MEDICI 



Se alcuno di yoi, o Romani, si reca a niaravigUa, dbe 
io, il quale non peranco posi il piedo in luogo si aatore- 
YOle, mi accinga a parlare, spezialmente in questa Gittii, 
nella quale poco men che nata esser setubra I'eloquema 
stessa, questl non potit nemmeno flgurarsi I*atrocit& del 
delitto, la quale sotto la vostra disamina ora ne viene. 
Questa diveit) d si grande, o Romani, che sebbene piuc- 
cb'altra mai la voce e la lena d'un perfetto oratore som- 
mamente. e manifestamente richiegga, pure non potei 
porre silenzio al mio dire, avvegnach^ io abbia tanto solo 
di liacolt^ ad arringarequanto Tesercizio invero soarsissimo 
di dire, ed una tenue pratica di quasi tutte le cose, poleron 
somministrarmi. Imperciocch^, chi mai, quando vegga da 
perfldi sicarj oltraggiarsi la riputazione del popolo una 
yolta vincitor del mondo, nol sosterr^ di mai animo t non 
si turberk? non s'accenderk? Quindi, o Romani, ebbe presso 
di me tanto di potere Tenorroitk del fatto, di cui sono "per 
dire, che ho pensato di dover deporre ogni riguardo der 
lungo silenzio, del quale niuna cosa piCi mi tornava in 
acconcio^ e niuna a cui ml fossi maggiormente delermmato. 



4 36 0RA2I0NE 

Che se a' genitori dai quali fuinmo generati ed allevati, 
siamo spiati in forza della stessa natura a render una 
simil pariglia, quanto piu alia patria, la quale in s6 con- 
tiene tutte le affezioni di tutti, fa di mestieri cbe confes- 
siamo esser ci6 dovuto? Ma ora di luminosissima sede di 
tutto ii mondo qual cadavere ti scorgo io, o Roma, una 
volta regina delle cittk t Quanto yituperosamente negletta t 
quanto villanamente difformata t quanto d'ogni primiera 
dignitli spogliata I Tu se* quella dunque che dava rifugio 
alle straniere nazioni? L'ornamento dell'Italia? Rocca dei 
re d'onde tutti solevano chieder sussidiof ov*6 una Curia 
conse^rata alia maest^ deirordine amplissimo? dove un 
nobil campo per li comizj consolari? dove un Foro, flo- 
rido teatro di diligenti studj? dove gli stessi rostri tante 
volte celebrati dalla voce di grandi oratori? I^ / tutte 
queste cose, o Roraani, in quelle rovine e .^^^cjure le quali 
buona pezza fa coprirono tutta la repubbllca, le per- 
demmo per sempre, e le perdemmo in modo, cbe non 
gill in qualcbe parte sol danneggiate, ma del tutto tolte, 
e disfatte perirono, ed arsero. Quando dunque di si gran 
mole di ediflzj, di tanti sublimi portici, di tanto vasta e 
misurata spessezza di colonne, dalle quali per lo passato 
quest! medesimi rostri erano cinti, finalmente dairinnu^ 
merabil serie di templi, e di luogbi sacri, e di fabbricbe 
maestosissime, delle quali si per fare i sacrifizj, si per so- 
stenere la forza de'turbini e le ingiurie delle stagioni, 
era stato dicevole cbe ne facesse uso un popolo cbiaro pei 
trionfli delle riportate vittorie di tutte le nazioni, non esi- 
stendo, dico, di queste e pubblicbe e private opera niona 
dalla cui vista non solo non venga eccitato ed acceso 
Tanimo, e quell'oratorio foco di dire, ma anzi al primo 
sguardo venga abbattuto ed inflevolito. A vol , o Roman!, 
deesi convertir tutta la trattazione di causa siffatta; nei 
rostri occbi e nella vostra ragunanza e concorso d^ggio 
riporre tutta la speranza. Vol sarete per me il Foro, voi 
la Curia, voi i rostri. voi la grandezza dello Stato e del- 



CONTRO LORENZiNO DE*MBDICI "437 

r imperio; e farete anche in guisa che, mentre brevemente 
V' espongo tutto il fatto, m' udiate con attenzione e cortesia. 
Eyvi, come tutti vel sapete, o Romani, neirestremiti 
della via Sacra , la quale conduce al Monte Gelio , r arco 
alzato al chiarissimo ed invlttissimo imperatore Gostan- 
tino: lo che apertamente dimostra il nome di lui a 
grand! caratteri in esso scolpito. Questo vollero i nostri 
maggiori che fosse un monumento dedicate alia chiarissima 
e nobilisslma vittoria, ed un testimonio di yirtii, avendo 
cred'io in mira la posterita, onde coUa frequente vista di 
lui coloro i quali dopo di esso fossero collocati in amplis- 
simo grado di dignitit, venissero eccitati a regger la re- 
pubbllca, e con lui s' infiamroassero ad imitare i costumi 
di quelli, i nomi de'quali per le imprese loro valorose me- 
ritassero in singolar maniera d'essere sempre ricordatl. 
t)ur6 dunque flno a*nostri giomi quest'arco, del quale par- 
liamo, intatto ed incorrotto, e talmente a maraviglia con- 
nesso, che il muro flno ad ora non sofferse danno veruno. 
E conciossiacosachS siffatti omamenti degli altri impera- 
tori dairantichitli e dalla negligenza tanto consumati, che 
agli spettatori non possono apportar alcun vantaggio o 
piacere; non pertanto alia memoria di questo valoroso 
piincipe, perchd da grandi pericoli la repubblica avea li- 
berate, ci6 conceduto esser sembrava dagli Dei immortal!, 
che que' monument! che rlmanevano della virtu di esso, 
sembrassero non esposti air ingiurie degli uomini , n6 a 
quelle de' tempi. Imper6 flno ad ora non solamente rima- 
sero imboscati dagli spini e da! greppi; ma in questo re- 
centissimo torrente d' assassin!, da'rubamenti ed incendj 
de' quali le cose divine e le umane tutte sottomesse non d 
guar! vedute abbiamo, intatti, ned in alcuna parte danneg- 
giati, rimasero: d! maniera che non solamente da coloro 
ai quali 11 piii delle volte il nome vostro fu solito essere 
in odio ed awersione, o Romani, non trascurati, ma awi- 
satamente, ed a posta fatta esser conservati sembrassero^ 
Ora molte cose, tutto che in c!6 io non profess! gran co« 



438 oRAziem 

gnizione, e scoTpite, ed intagliate con somma maestria vi 
si scorgevano; roolte statue militari, aquile, non pochi 
schiaTi , e qaesti post! ne' ceppi : ed in oltre molte cose 
non tanto appartenenti alia guerra quanto atte agli nsi 
della citUt. Le quali tutte cose gli animi de*ferocilBaii)ari 
agevolmente avrebbero potato comnH>yere; tuttavia niuno 
troTossi, il quale cotanto ayessedicoraggioed'ardimento, 
e cotanto fosse a! nostro nome nemico, che queste cose di 
toccare osasse. Finalmente nella vostra cittk, o Romuii, 
non terroyyi lungamente sospesi, pur ora trovossi non to 
chi (immagtnatelo pure qualclie assassino, o siwero par- 
ricida) il quale pose mano a questo Tostro bellissimo e 
chiarissimo monumento , col quale i nostri maggiori delle 
cose operate la gloria e la ricordanza attestar yollero, le 
teste delle statue, le quali erano piCi eminenti, levd via: 
quelle poi le quali agiatamente non si poteyano staccare , 
le infranse e sminuzz6. Pur ben m'accorgo dalP unanime 
yostro mormorio, o Roman! , qual sia per essere il yostro 
giudizio. Pertanto io prendo pid di coraggio; a tal che piu 
temer non deyo, che per difendere la yostra dlgnitlt le 
parole mi manchino. Dir6 dunque liberamente quelle cose 
che giudico, e quelle ch'alla nobiltlt e grandezza del po- 
polo roroano appartenere io stimo. Quando yi ayr6 mo- 
strato a questa scelleratezza ed audacia yenime dietro pid 
mali di quello che ognuno pensa , ponderate tacitamente 
la grandezza del delitto. 

n primo che introducesse in questa citta, o Romani, U 
pubblico culto di Dio Onnipotente, e rendesse securo chi 
k) professasse, mettendo la repubblica nella cognizione e 
scienza della yera rellgione, fu Gostantino imperatore: al 
che non* yeggo qual cosa mai debba antiporsi. Ayyegnachd 
se quelFarte, die inyentd i rimedj pe'malori del corpo, 
ottenne per approyazione di tutti la maggioranza, quanto 
piii la religione, con la cui scorta ottenghiamo la sanitit 
deir anima, non 6 ella da ayersi in conto, e da venerarsi? 
E pure ayrebbe egli creduto di ayer fatto poco nell' ayere 



CONTRO LOREItZIHO DB'MBDICI 43^ 

fl primo agli uomini nostri aperto Tadito alia rellgione, 
86 non Tavesse lasciata aliora aUcor na^nte di cerU so- 
stegnl fornita, co'quali potesse alzarsf, e soUerarsi. E clie 
pid? Egli yoUe grandemente ornato con ogni sorta di be- 
nefizj, atteso il concetto in cui era di santltit, Silyestro, 
aomo nella condotta della vita e'ne'costumi ottimamente 
fondato, ch'era aliora 1* interprete della religione da esso 
rlcevuta, e in somma dopo quelle grandissime calamitii 
nelle quali era essa caduta per la barbarie de'principi, 
ebe il precedettero, fece si cbe fosse flnalmente proweduta 
d'abitazioni degne di sd, proteggendola colla somma au* 
toritit deirimpero, senza la quale appena avrebbe potuto 
essa mantenere diritto il suo corso. Ma a qual fine yi 
dico io tali cose? A nuiraltro inyero, se non percbd yeg- 
giate, o Romani» che questo predatore de'monumenti del 
quale trattiamo, questo pubblico rubatore della memorla 
dell'altrui lodi con malyagisslma maniera rub6, e nel di 
lui ladrocinio non solamente I'imperatoria maestli eTau- 
toritk del yostro nome si d scemata, ma ancora gli stessl 
Dei immortal! restarono profanati: eras! posto quel mo- 
numento ai grandissimi merit! della repubbllca ed alie 
prestantissime cose oprate, non che alia religione e a Dia 
ottimo massimo consecrato; sicche colul che non potd con- 
tenersi dall' offendere la gloria di si gran benefizio, si e 
macchiato anche coir empietk di yiolata religione. 

Di yero intesi, o Roman!, che in que* prim! tempi, nei 
quali per benefizio di Gostantino da! nascondigl! uscita 
questa stessa nostra religione com!nci6 a comparire alia 
luce, dappoichd pigUatoebbe piede intieramente, in quella 
stagione yi furono piu uomini di tal maniera animosi , 
cbe non si confidayano di doyer abbastanza piacere ai 
loro concittadin! che s'erano dati a Gristo, se non ayes- 
sero dato bruttamente 11 guasto ai monument! de' loro an- 
tenati, dalle massime de* quali erano apertamente discord! : 
quinci si yidero rubati gli omamenti della cittk, qulnci 
i sacri e profani ediiizj col foco e col ferro disfatti, syiati gll 



i40 ORAZIONE 

acquidoUi, profanati i templi, quinci i laqueati tetti, quinci 
i marmi, quinci i broozi spezzati e consunti : di maniera 
che non maggior danneggiamento alia repubblica le inn- 
zioni de'barbari, a mio awiso, abbiano apportato, cbie lo 
spirito di partito, e la dissomiglianza delle nostre opinioni 
e de'nostri riti religiosi: al cbe s' aggiunga la crudelUi 
ed 11 furore de' principi sotto il cui dominio gli uomini 
41 cristiano nome con vari tormenti erano stati lacerati. U 
percb6 essi pensavansi di perseguir le ingiurie , e vendK 
carsi di molto, se ne avessero in quale be modo oscurata 
I^ rimembranza: sembrami eziandio cbe a questa pazzia 
4esse qualcbe luogo lo stimar eglino giovar gran fatto e 
ad awalorare le forze della nuova religione, e ad indebo- 
lire le anticbe cerimonie, che convinta Tantica setta, ed 
in tutte le guise sconciamente sembrasse dileggiata. In 
quale densa caligine poi di mente uomini di goffo e stu* 
pido ingegno erano avvolti, quanto dair arti squisite d^li 
antichi erano lungi! Dei immortalil Nella lingua s'erain- 
sinuata la barbarie, tutta la purezza del dire offuscata ver- 
gognosamente era andata in disuso: trycidata la repub- 
blica, erano di squallidezza ricoperte tutte le cose, e spento 
quasi il nome romano, erano gik perite: ma, o Romani, 
sia pure stata questa una certa fatal disgrazia di quel 
tempi, perchd 11 mio dire non y'induca al pianto: doniamo 
alquanto airignorantaggine, e perdoniamo in oltre alio 
sdegno de'nostri maggiori: scusiamo ancora, se pur cost 
place agli Dei, una ruvida natura e stupidezza. Ma final- 
mente qual ragione gli uomini del nostro secolo rendereb- 
bero del loro furore e pazzia, dopochd Roma trovasl ridotta 
quasi al primiero suo lustro, dopochd fu sbandito il le- 
targo di quelle etk, cbe di sopra rammentammo^ di quale 
scusa faran'usof con qual volto difenderannosi t Diranno 
fprse cbe *1 senate od il popolo nel comandasse? Del cho 
cosa piu sconcia non puossi immaginare. piuttosto ri-» 
^ponderanno, eglino essere sempre stati amadori dell'anti- 
iiaglifi e delle nobilj statue ? Anzi se di cotali cose alcun 



J 



cohtro LORENziifo db'mboici 411 

gusto avessero avuto, da queste pareti avrebbero invero 
tenuto lungi le mani , dalle quali niente poteasi spiccare 
senza guastarne o danneggiarne Tartiflzio. lo, o Romania 
lallorclie per mio divertimento per di \k a caso passava, e 
mi si aflacciava la mirabil vista del vostro monumento , 
lio stimato che quelle teste di statue, che spiccate sembra- 
iranOy fosser cosi intonacate di argilla , il che da' dipingi- 
tori osservai alcuna volta esser solito farsi , per trame i 
lineamenti delle opere, de' quali servirsi nelle lor forme e- 
He* lore lavori, ed afflne di rappresentar le opere loro, per 
q^aanto pid potessero, sul modello di quelle. Ma com'io^ 
m' accostai piu presso, quanto grandemente ne fui com* 
mosso, quanto turbato, quanto eziandiospaventatot Qaesto 
solo fatto ridest6 la memoria della recente calamitk, onde 
el)be a crollar lo stato della repubblica, e la stessa reli- 
gione a tremar de' fondamenti. Quinci m'era avviso di 
ireder una seconda fiata quel giorno ehe test^ era stato di 
infausta luce a questa cittk, agli occhi mi si paravan di- 
nanzl il sangue e la strage de'cittadini, e gli abbrucia^ 
menti de' templi e delle case ; e tanto pii!i, quanto io ben 
yedea che cotesto malvagio sicario, qualunque si sia stato 
Goloi , che si turpemente si prese a schemo un tal dono 
del popolo romano, nient'altro ebbe in mira che lo stra- 
)[>azzo, che il furore, che in line il sommo vilipendio del 
nostro merito, della nostra gloria; onde parvemi pid spie- 
tato che la stessa barbarie, piili violento di qualunque 
stuolo di corsari , piu inferocito, e piu awerso di qualun- 
que nemico o domestico od esterno. Io tenni per verisi- 
mlle che tocche fossero da pentimento delle vostre miserie 
e de* vostri saccheggi lepiu rimote nazioni del mondo: ma 
come sosterrei poi , che la costui scelleraggine a vostra 
rovina non oltrepassi di gran lunga il loro furore? Quelle 
annate, e dalla vittoria grandemente animate, v'apporta* 
ron detrimento. Questi nato in mezzo 1' Italia, in tempo di 
pace e di tranquillity si diede a mettere il devastamento; 
quelle assoggettate per le vittorie de'nostrl maggiori; que- 



448 ORAZIONE 

sti non provocato da veruno affronto ; quelle lontane dalla 
dolcezza de' nostri costumi , questi imbevuto dalle nostre 
massime. A che trascorrer le cose tutte ad una ad una, o 
Romani? Date uno sguardo attento intorno intomo, e pa- 
ragonate questa dannosissima iiera con quelle nazioni: 
non dlrete che questi prese la cittk, e che quelle la con- 
servarono? scelleraggine prima d'ora inaudlta? mo- 
struositli da espiarsi co' pid solenni sagriflzj f Pjaccia al 
cielo ch'io faccia da profeta, o ch'io m'inganni nel mio 
pensare: tuttavia dird liberamente quel ch'io sento: cote- 
sto 8poj?llo sfacciato dei fregi della cittk praticato a vol e 
allarepubbUca non dall'armi d'estere nazioni, ma co'do- 
mestici ladronecci, sembra aver intimata una troppo grande 
roTlna alia religione della quale la nostra cittli dicesi , e 
stimasi capo, non che agli stessi sacerdoti, edal Ponteflce 
Massimo; e per ccmfessar il vero m' induco facilmente a 
credere, che costui, ch'ebbe Tardire d' immaginare si enorme 
scelleraggine sia s^tto un qualche scorndore od esplora* 
tore di recente mandato dallo spietatissimo Signore dei 
Turchi, da cui testd sentimmo mettersi insieme flotte con^ 
siderabilissime, ed ailestirsi uno sceltissimo esercito: tutta 
questa tragedia risguarda alia religione, alle divine cose, 
alle cerinKmie, a' sacrifizj : le quail tutte cose, se 1 nostri 
maggiori, mentre rendevano quella chiarissima testimo- 
nianza alia virtii d'un chiarissimo imperadore, prestavaoo 
onore anche alia religione; chi non confesserk essere esse 
state macchiate, profonate e violate? In un sol colpo vol 
vedete pertanto essere state impugnate due spade dal per- 
verse e sciaurato assassino. Tuna contro la maest& del 
popolo romano, I'altra contro il rispetto agli Dei ed alia 
religione. Che direte poi, se vi far6 vedere con riprove 
manifestissime, che nella depredazion di questo roonumento 
fu fatto Qltraggio aU'estimazione e ali'autoritk di due im- 
peratori? qua! termine flsserete voi finahnente a sifOatta 
audacia? qual marca d'infamia giudicherete mancar a 
questa scelleratezza? che mai credereste che costui 



L 



CONTRO LORENZINO DB'MBDICI 413 

avrebbe fatto nel sorbire 11 vostro sangue, nel trlturare 
le ossa, costui che nel distriiggere gli antichi monument! 
fa cotanto temerarlo, cotanto audace, cotanto al nome vo- 
stro nemico? Ma tu, dirk forse taluno, di cotai cosenefai 
pur gran caso? lo non bo peranco deciso quanto basta 
qual sia intorno a ci6 11 mlo sentimento : mi ricorda per6 
d'aver veduti non pocbi sifiTattamente dalla vaghezza ac- 
cesi di cotali cose, cbe fuor di modo e le sUmavano e ne 
andayano in cerca. Nd in veritli questo nostro d'anticaglie 
egregio investigatore, se stimato avesse esser quelle imma- 
gini una qualche cosa puerile non si sarebbe giammai ado- 
perato in guisa, che per quelle cadesse in cotanta indigna- 
aone degli uomini. Considerate, o Romani, come gliabbia 
io dato adito di porsi aUe difese , avendo trascorso per 
troppo desiderio di scusarmi: questi si confesserk studioso 
di cotali squisitezze: mostrerk che preso ed adescato dalle 
delizie di queste non ha potuto a nessun patto moderarsi : 
che ancora molti personaggi di grande nobiltk e di mint* 
bil saviezza lo stesso praticarono sovente : foracci vedere 
che grandissima quantity di statue da alcuni vien oggi 
raccolta, coU'esempio de' quail sosterrk a lui pure do« 
Tarsi perdonare. Ma se quelle cose nelle quail sfacciatlssi* 
mamente liai posto mano, avessi imvolate e rapite^ e ncm 
rayessi frahte, nb messe in pezzi, per lo meno tl saresti 
in tal maniera contenuto nel ladroneccio, che a noi del 
tao capriccio, e della smoderatezza tua i segni ne aresti 
lasciati , non per6 del furore e della pazzia. Di grazia os- 
s^yate, o Romani, questo monumento: per Dio le stesse 
pareti sembran piangere sulla nostra malayyeatura. Altre 
immagini, tagliate le teste, veggonsi soltanto tronche» al- 
tre in gran parte infrante e spezzate, le piu siflkttameBte 
minuzzate, che con istento alcun pezzo di esse possa rico- 
noscersi. Yerrk detto che costui abbia yohito mostrarci la 
Mttaglia di Ganne, non che proporci un quadro, che rap- 
presenti la auperbia e la stravaganza del f^tto : non so lo 
qoando quel sciaurato commetteya si gran misfatto, ,non 



4il ORAZIONL 

SO, se si credesse o dovergli mancar accusatore che per- 
seguisse I'audacia di lui, e che voi vi sosterreste si facil- 
mente un'ingiuria cotanto solenne. Pognam caso ch'e'sia- 
si iDgannato; oondimeno vilipendendo si indegnamente la 
memorla d'un valorosissimo e santissimo imperadore, non 
si lascid trasportare ad altri furti , s' attenne dai tern- 
pli; credd esser qualche cosa la maestk divina. Dei baoni r 
qua! uomo accuso mai t quanto traviato ! quanto scelleratot 
quanto bruttato d' ogni sorta di nefandigia f Nessuno piiH 
nemico alia religione, nessuno piu ardimentoso a violare 
i templi , nessuno a rovesciare ed atterrare gli altari piu 
accanito, dai quale nb i diritti de'sepolcri, che i nostri 
maggiori siffattamente doversi custodire decretarono, fu- 
rono securi ; ma in ogni maniera sbeffeggiati e sprezzati. 
Ma perch^ non istimiate, o Roman! , che da me sMnfinga 
qualche cosa per accusare, mentre a voi espongo breve^ 
mente una cosa non gik oscura , di grazia diligentemente 
considerate con quanto nero e detestabile assassinamento 
abbia egli chiusa la via a tutto questo genere di discolpa. 
Fuori della porta Trigemina ewi il templo di San Paolo 
da quello stesso Costantin magno fabbricato , certamente 
rispettabile e religioso, dagli occhi bensi e dalla quoti- 
diana veduta del popolo romano alquanto rimoto, niente- 
dimeno celebratissimo, nel quale sonvi di molte cose, che 
possono adescare gli occhi de' risguardanti. Portici bellis- 
simi , nb gik ruinosi , smisurate colonne , e tutte difette 
perpendicolarmente, recate col^ col maggiore stento e lun- 
ghezza di tempo. In oltre non pochl avanzl deU'antico 
intonacato; una fabbrica di yasta mole, ed egregiam^te 
lastrlcata. Fra gli altri ornamenti, che noti vi sono, ripu- 
tavasi che siccome ad accrescere il concorso deUe persone, 
cosi ad ampliflcare la dignitli del luogo avesse gran lorza 
quel sepolcro costrutto di pario marmo, non tuttavolta ifiii 
in largo esteso di quello che bastasse a potervi aver luogo 
le Muse. Di fatto queste ilgliuole , se ben mi ricordo , di 
GlQve e della Memoria , erano in virginal portamento e 



CONTRO LORBNZIMO DB'mBDICI 445 

vestilo scolpjte in quel labbricciuolo; e ognimo che qui 
venlva solea visitarle, come quelle che d'antica fattura e 
eon somma maestria erano lavorate. Perawenlura vol vi 
pensate esserne soltanto commosso il deslderib di costui; 
tuttayolta si guardavano dai custodi alquanto diligente- 
mente con cerli cancelli attorno tirati. Gome gitt6 gli oc- 
ciii sopra queste ii nostro elegantissimo e^dottissimo, poi- 
ehe avea giii deliberato la preda di tali cose tutte, incon- 
tanente, vinto dalla bellezza di quelle, malamente se n' ac- 
cese. Sembramigla costui aggirarsi, o Romani, tentarogni' 
strada , guardar dillgentemente intorno , non istimarsi 
uomOy se ne tornasse deluso I mostrar ai suoi ministri di 
sceUeraggini la malagevolezza della cosa, chiamatili a par- 
lamento, far awertiti quel prezzolati operai, i quali teme- 
Tano le leggl e i giudicl , esser superstizione da vecchie- 
rella se esservl alcana rellglone stimassero. Alia perflne 
ra£trenato alcun poco 11 furore , proruppe costui air atto: 
imperciocclie gik annottandosi, gik pensando lontani i cu- 
stodi del tempio , dk il segno : levate le sbarre a forza 
scuotono le porte, e vi fanno violenza. I custodi sentono 
il fatto, ma non a tempo: incontanente v'accorrono: chi 
di bastoniy cbi di pall di ferro armato; siccome quelli che 
Ventravano apparecchiati e deliberatamente. In questo 
mezzo avea gia incominciato a minacciar roina il sepolcro, 
quinci e quindi s* Innalzan le grlda. II nostro egregio im* 
peradore, finalmente da hastoni e da sassi quasi fatto in 
pezzi, si ritira dal tempio, tolte alquante teste alle Muse. 
M' ayyeggo che a diritto vi commovete, o Romani, ed a 
siflatta cattivezza inorrldite: piacesse a Dlo che da quel 
numero di Dee tolto aveste quella, che a formar le tra- 
gedie voUero i poeti che soprantendesse , aflinch^ della 
casa di lui avesse nuovo cominciamento, coU'approvazione 
di tutte le Muse , un' orrlhii tragedia. E questo sfacciatis- 
simo rubatore delle cose alia rellgione coasacrate, alle pa- 
reti del tempio, alle colonne, ed alle vostre statue ara por- 
tato guerra, Tarredo delle chiese e le suppellettili avrk 
Lorenz, de'Medid 10 



446 ORAz:oifE 

messo a sacco, gli altari avra rovesciati f nd alia memoria 
de'morti, ed agli stessi Numi, e alle stesse Dee non Pari 
perdonata ? e quelle cose co' pall di feiro ar^ tocche , le 
quali fu pur convenevole clie di coroneedi ghirlande cir- 
condate fossero , ed unte d* unguenti ? Impercioccjid che 
stard a ramme^iorar mai , che fuori della p<»rta Aurelia 
il tempio di Pancrazio da questo medesimo sceUerato la- 
drone, leyati tutti gli ornamenti, fa sfonnato? Quando )o 
stesso in mezzo del Foro, alia presenza del popolo romano 
della sua sfacciataggine e ladroneccio lasGi6 pur on etemo 
monamento. lo quando mi pongo innanzi agli occhl la 
sfacciatezza di colui pregna di tutto Todio, resuberante 
audacia, la sfrenata libidine, il plu delle TOlte soglio re- 
carmi a maraviglia, qual Divinity mai abbia preservata 
illesa dair impeto di colui la dorata statua equestre di 
Marco Aurelio, la quale d presso il tempio di (Mano; qual 
quella di Romolo fabbricatore di questa cittk in atto di 
succhiar le poppe della nutrice lupa; quale la statua di 
bronzo d* Ercole, e molte allre pure di metallo che si v^- 
gono nel Campidoglio, abbia conservato, quando perawen- 
tura non istimiate che costui non venga adescato da sii- 
fatta tempra di bronzo, o che ad esse statue la loro gran- 
dezza abbia jriovato: il che appunto sento essw avrenuto 
ai monument! dci due ottimi imperadori, Traiano cio^ ed 
Antonino, da' quali costui per la smisurata altezza deDe 
colonne non arebbe potuto spiccar cosa alcuna senza cbe 
maccfaine y' applicasse. Perdonate, o Romani, alia mia te- 
menza, perdonate, dirollo pure: se 1! toore di costui a 
guisa di alcun incendio coi vostri voti non decreterete do- 
versi spegnere, temo che nemmen queste cose, vivo rlma- 
ncndo costui , durare non possano. Cbe cosa finalmente- a 
voi pare doversi fare , non processato il delinquente, non 
denunziatone ii nome , non sentite le ragioni di lui t Pri- 
mieramente io son di parere che debbansi da voi confer- 
mar quelle cose che furon gi^ prese in Senate. Poscia \i 
intimo e v*awerto, o Romani, che v'aceordiate co'piu 



CONTnO LOHENZTNO DE'MEDICr 147 

uniformi sentimenti con queir amplissimo Ordine , per di- 
fender la comune dignity. Indi somraamente gli b da guar- 
darsi , che voi nel punire piu indulgent! non vi renda il 
non veder voi ancor preso il reo. Rettamenle pertanto e 
saplenteraente a cotesta cosa si provvide in pien Senato, 
quando egli stimO doversi decrelare intorno V altre cose .. 
fnnanzi che siasi fatto il decreto su tal materia. RECITO 
IL DECRETO. Adunque nel prime capo vedele stabilito che 
formisi il processo a'vasai, agli scultori, ed a tutti gli ar- 
tieri : ed a cosi fatto procesjso vollero, che Q. Lentulo prin- 
cipal personaggio della citt^ soprantendesse , la cui fe- 
deltk verso la repubblica, ed i cui sommi pregi d'ingegno 
e di virtu, penso che ad ognuno sieno cosi noti , che non 
abbiano di mestieri che alcuno ne faccia r elogio : nel se- 
condo poi fu decretato che sia leclto presso i magistrati 
jnquisirsi, e quegll nella cui casa abitano i malvagi 
gladiatori , fu giudicato operar contro la repubblica. Cosi 
purfuprovveduto cheacoloro, i quali avranno denunziato 
i rei, si diano i premj piu generosi a tenor della gran- 
dezza del delitto. Quinci vedete ogni adito alia cupidigia 
ed alJa pazzia chiuso ed occupato. Laonde quest' orrida 
fiera, che non alle leggiere vestigia di scelleraggini, ma ai 
ravvolgimenti di tutto il corpo perseguiamo, da' nascon- 
digli e dalle caveme son certo che prestissimamente dar^ 
ne* lacci. 

Ma in qualche luogo fuggirassi? Non pertanto il cam- 
mino 6 guardato qua e 1^ da molti presidj. Ma si sottrarr^ 
a! gastigo vivendo ritirato sotto la protezione di qualche 
personaggio autorevole- Niun giudico potersi trovare co- 
tanto alieno dal bene della Repubblica, che voglia che co- 
«toro sieno salvi. Niun, credetemi, un consiglio tanto per- 
nicioso a sd, ed alle sue fortune prenderii: niuno vorri 
jmpunita una cosi segnalata calamity de'nostrl tempi nata 
dalla scostumatezza , cresciuta colla forza , compiuta col- 
Todio, vorrk che resli impunita. Chi poi alPautoriti ed al 
comandD di tanto giusto, di tanto pio, e di tanto prudente 



4 48 ORAZIORB 

decreto del Senato chi non ubbidlrk? owero qual cosa da 
tanti stupri, da tanta ruffianeria, da adulter] contaminata 
potrassi ritrovare, che cotanla pestilenza non vomiti » e 
fuor non cacci? Ciie anzi per dir il vero ora le ruberie 
della religiona mi fu d*avviso poc*anzi non so di qiu4 
fumo olezzassero, le quali accostandovlsi piu di vicino non 
solo guardare, ma ancora di maneggiare a tutti la facoltli 
confido che sara per darsi. Le quali cose cosi essendo, yi- 
gorosamente imprendete questa causa. Assumete 11 patro- 
cinio delle pubbliclie lodi. Non vogliate comportare che i 
monumenti alzati alia virtu sieno in dileggiamento aqua- 
lunque malvagio e sciagurato. Fatevi finalmente i campioni 
delle cerimonie e gli acerrimi difensori de' riti religiosL 
Ricaperate, o Romani, i monumenti del senato, e del Po- 
polo Romano alzati al prestantissimo Imperadore: oppooe- 
tevi al furor del malvagi : soy venite la repubbliea, se mai 
foste alia difesa della Religione, se per decoro del popolo 
jTomano faceste schermo contro 11 capriccio de'pemiciosi 
cittadini flla memoria del yostri maggiori. Se il delitto di 
furto di pubblico denaro con forza, e ribalderia, con odio 
yergognosamente a yoi praticato in alcun tempo mai co* 
noandato avete doyersi gastigare; e se queste cose stesse 
in questa stagione yedeste abbattersi , le quali se non po- 
teyano durar per la natura per lo meno erano da conser- 
yarsi per ricordanza. Se la magnliicenza delle chiese, se 
del religiosl edifizj gll ornament! e de'templi yi dian pia- 
cere, innanzi a yoi un tal reo si fa yenire, n^ cui sup- 
plizio la malvagitk di tutte le furfanterie potete yoT pu* 
nire: il quale non la temenza de'giudici, non la riyerenza 
della religione, non la giustizia de'Numi, non la estima- 
zione degll uomlni potevano rallrenare. Egli e reo di lesa 
maest^, avvegnache i monumenti di vittorla del P. R. di 
rovinare e di appropriarsi ebbe ardinjento. Reo di furto 
pubblico perch^ de'nostri imperadori le statue pubblica- 
inente con pall di ferro di rovesciare non temette; e di 
empietk poichd viol6 i riti piu sacri, e d* inumaait^ per* 



COHTRO LORinzino db'medici 449 

chd in tante ruine della cittit vostra luogo di nuova cni- 
delt^ in qual maniera potesse ritrovare and6 sottilmente 
considerando; e di forseonatezza percbd non perdon6 alia 
rnemoria de'mortf. Or io voi appello, voi, o ceneri dei 
maggiori, per industrfa, e virtu de'quali airimperio Ro- 
mana una volta i regni della terra ubbidirono. Voi tem- 
pli di Paolo e di Pancrazlo, dagli omamenti de'quali tuttl 
la mano astennero, onde costui II portasse via, li nibasse, 
li rapisse. Voi AJtari, Focolari, Dei Penati violati con forza 
e furore da gente prezzolata: vol, Fi«lie di Giove, celibi, 
pure, e florenti d*una perpetua castjr<\ fautrici degl'lnge- 
gni, le quali credero che la crudeltA dt^irimpurissimo gla- 
<liatore, e la sfacciataggine degli occlii avete perseguitata 
con ogni sorta di maledizione, se col favor del vostro Nume 
eternate le gesta de' mortal!, costui ed i conipagni suoi , i 
quali le quasi consuraate reliqufe della gloria del P. R. 
tentano di rapire, di distruggere, di malmensCre, a' quali 
servono di solazzo i busti e le ceneri dei morti del P. R.; 
tramandateli alia posteriUi marcati a fuoco con note per- 
petue di loro scelleraggini : cacciatisi.in fuga e nel buio, 
fuora ne li traete, e dai nascondigli, ne'quali pensano di 
essere sicuri,'pure gli svelate, e questa pestifera pianta, 
acciocch^ piu lungamente noii serpa e trascorra, recidete 
per tempo. Jntanto voi, o Romani, ricordevoli delFantica 
virtude, e non dimentichi della presente. miseria condan- 
nate ai piQ ricercati supplicj questi empi parricidi, neroici 
della cose religiose, ladroni deiritalia a'quali questa chia- 
lissima cittli, che n'6 la sola casa della virtu, deirimpe- 
rio, e della dignitk non poteva essere oggetto d'odio; onde 
gli uooiini col vostro mezzo conciliatisi cogli Dei Immor- 
tali i quali con (I) moltlssime vision! e con vari segni di 
prodigi in questi giorni mi parvero minacciar non so qual 
ria sciagura, si volgano flnalmente, rnerc^ di voi, a dare 
speranze di piii tranquilla sorte. Ho detto. 

(1) In queftti giorni appmito il Tevcfw fnee nn^umpia inondazio)>e. 



VARTANTI ALL'APOLOGIA (1). 



Ph. 

3 cbe molte sono 

> ehe gtioomini 

4 De divenissero 

» bene a loro in particolare 
» che non sieno deiU 

> ma con tuUo qucsto 

» privarc di liberty la sua palria e faroe 
questo AlesMndro padrone 

> tale Bcelleratcsza 

> col viUpendcro 

5 deUa cnidele invenzione 
» nk voltare nd mutare 
^e per ayarizia e crudeltk 
9 vergognarsi di certi 

c e si troveranno 

6 mettere quella ciltii 
1 gU sciitkMi 

7 la boona inlensiono 
» ebbe che Dure 

» dove lei 

> • sono del marito 
Sagtialtridttadini 

» cooiro a suo prqKwito, ^oglia. 



cb& molle ce ne umo 

•ome gUnomim 

ne divenivano 

a beneficio loro particolare 

ehe non s<mo eletti 

nd con tutto questo 

privare di liberty la palria sua e fame 

tiranno questo Alcssandro 
tanta sccllerateua 
nel vilipendere 
del cnidele invento 
nd mutare nd muorere 
e per avarizia, cstorsione e cmdeltii 
Tcrgognarsi da certi 
Si troveranno 
rimettero quella eittk 
tutti gli scrittori 
la mia intenzioM 
^beafore 
doT*dlei 

e son sempre del marilo 
gU altri cUtdUni 
flontro a sua TogUa, proposito. 



(1) La letteia F indict Tediiioiie fioreotina del Le llonnier, tifaUoelliB*^ 
slnPrefuioM; VU la nostra. 



462 



tariauti 



Pair- 

9 ch*ella andasso a 
s ahneno 

> quando ben fusse nato 
ID clie lo volessino ammazzare 



> e i buoni costumi 

> e*8i ammazzino 
il comunicarlo 

« poich^ quelK vivevano sotto la ti- 
rannide o questi, 
a B non ayevo io a pensare 
» e essendo la noltc 

> oppresso e moiio 
» in cho io confidassi 

13 e piik ch*io potessi 

> tenere lontano'gli animi degli allri 

> chc i Aiorusciti non dovcsscro raeco 

finir I'opera 
44 Egli b altrettanta diilerenza dal di- 
scorrero le cose e farlc quanta ne 
d dal dlscorroi*e.le cose dopo il 
fatto 

> impossibilc 

> battuto 

15 e che si pu6 provarc 
» Msendo uscili fuori 



ch'ella venissc a 

aneo 

quando fiissestato 

o se eglino andcrebbero deliberati p€r 

anunazzarlo, aggiunge qui I'fi- 

dit. f.' 
e tutli i buoni costumi 
c*si ammazzino e si spenghino 
comunicarla 
perche qucsli vivevano sotio la tiraa- 

nide e quelli 
non avevo io a pensarc 
chc essendo la nottc 
o preso o morto 
in chi io confidassi 
il piilkch'iopolelti 
tenernc Imitani i pensieri degli altri 
che i fuonisciti dovessero rocco finir 

I'opera 
Egli b altrotlanta difTerenza dal discor- 

rere le cose al farle quanta ne £ 

dal discorrcrc le cose innanzi o 

dopo il fatto 
possibile 
sbattuto 

il che si pud provare 
essendo fiiori 



TAIUINTI 



46S 



VARIANTI ALLA I.« LETTERA. 



Pag. 

97panre 
9 Bperaro 
96 mi danno 

> Yi potrete imaginare 

> di arerlq e oon averlo 

99 Mesaer Salvestro Aldobrandini a 
Bologna 

> d'eesere 

> unde'inegUo 
1 infflano 

1 atteso la miseria 

> pidi a timmo 
airipotete - 

100 faoendo larga tode 
» in ogni erento 



parcva 

pensaro 

mi dannano 

vi potete imaginara 

di averlo o non averlo 

Led. f. espunge queste parole quoii 

glos$ema pattato net Utto, 
aessere 

on di meglio, forte on d), meglio 
menon con loro 
attesa la miseria 
a pitli tristo ttranno 
potete 

facendo largammite fede 
io questo ed in ogni erenlo 



ERRATA-CORRIGE AJLL'ARIDOSIO 



P»g, 26 Unea 16 SanrOtanna 


leggi Santa Sosanna 


a 57 a 15 ol tamen 


9 attamen 


1 68 » 15Ted* 


» vado 


» 80 13 Che Erminio. 


> Che Erminio.... 


» » > 14 Che ha falto Erminio. 


a Che ha fatto Erminio f 


a 83 a llbaimeU 


» Uaimeli 



INDICE 



Prefaxione Pag. v 

Apologia di Lorenzino ds'Medici - . . » i 

Aridosio, Commedia di Lorbnzino de'Medtci » i7 

Prologo » 49 

Atto Primo ' . . » 23 

Alto Secondo » 37 

Atto Terxo . .» « .54 

AtlQ Quarto > 70 

Atto Quinto » 81 

Ltttere di Lorenzino de'Medigi » % 

Racconto delta morte di Lorenzino de'Medtci , fat to dal capi- 

tano FavNCESco Bibbona che I'uccise » 109 

Orazione di Francesco M. Molza contro Lorenzin o de* Medici » 133 

Varianti • » 151 



• 



MILANO - G. DAELLI e C* — EDITOR I. 



raccoUa e pubblicata da G. DAELLI. 

t'Edilore tl propone di pulilicare in questa Raccolta scritU classicl e rarl delln nng^-^ 
o itraniera ktteratura, trascegiiendoti in modo cbe a poco a |>oco costituiwcano o«tS 
illustra/ione del secolo a cui uppartenttono ; corredandoli di appottti proeoii ch<' be 
addilino TimporUnza letteraria ed il newo colla ttoria pre^enle e pa^sata. Quelle 
Edizioni, popolari pel buon mercato, sono cundoite coila maggior diiigenza {*er 
cib che riguarda la scelu e la revlsione , e sono arriccbite di tavol«, noie, indit^ 
e dei rilrulU degli autori, o del perionaggi di cui traitauo. 



LORENZfNO DE' MEDICI. 
S,«Arldosloi con I'Apoiogia e te Le'tere 
def lo ste»so, con documenti cbe lo riguar- 
dano, econ prefazione e medaglie iuedile. 

PAOLO GIOVIO. 

Olaloco dt»ll0 loapreso mlllCarl ed 
anaorosei con prefa. iune e iiuie ei'un 
Tinilice dei nomi propri e delle cose uo- 
levoU; e col rilratto deiTauloie. 

LODOVICO DOLCE. 
INaloco d0ll« pltUir«i coil I'agiriiinta 
deile lettere di Tiziano a varii e dell'A- 
retiuo al Ticiano ; con prefazione e iii- 
dlce (lei nomi propri e delle co«e uoia- 
bili; e col rilruuo di TIdano. 

LEON BATTISTA ALBERTI. 
■escolMBBo d*«aiore. Qnesto volumelto 
CO tiene:-t. lla0<OMat»»e«»<« d'awto- 

vedi Ploliiio, tradolto dk A. M. Salvini; 
S. Due uovelle amoruze di L. D. Albert!: 
VBcatont/ila e In I»e</1«HZ ; 3. il nia- 
iogo clell'onoy^ defle cl«nt»e d> 
8. Uuazzo; 4. CalKaCa e JPIIetore. fraui- 
meuto d'una novella grec:. di Helcbiorre 
CezarotU; con proeulo ed il rilratto di 
1*. II. Alberts. 

ALESSANDRO PICCOLOMINI 

(to SUNIU litrtuU). 
^m Batfaeltet ov%er<» dialog* della 

Bella Cre«as« delle doauei ridoUo 
m miglior lezione, eon prueuiiu e note, 
e col rilratto del I'au tore. 

IMPRESS NAVALI. 

Qvesto volumelto, co'i pr. emio, co itlene : 
1. la Matn-amtone defl* ^attmoiUt 
tf < M.«ttanto di G. Uiedo ; 1 M,m in- 
«ene<6l0 At>MMMl« o la falliu inva- 
sion e deiringbiiterra nel 1S88, relazioni 
e dotumeotii con ritratto della re^luu 
Blisabelta. 

CRISTOFORO COLOMBO. 

fteltere aatecvafe edlte ed laeditei 

firm cui il testo «pagnuolo r^riMinio dellu 
Iettera«critu da Colombo nel lkJ9 »ulle 
Ualtf da lui scoperle, esutente nelia Di- 
Blloteca Ambrusiana, ed ora nuovamen « 
ffftltampafo; premetso un discono su Co- 
tVBbo di Ueaare Correntl; con proemio e 
•oil nove tavole. 



MORO e CAMPANELLA. 

I.*(7topla e la Citt* del ftole« aggfUA* 
lavi la Storia del reaaiie de^H Oreft 
narrala da itaspare Guzzi; con prefaxidu^ 
e note; ecoi ritratti di boroe CampauelUu 

ONOSANDRO PLATONICO. 

Deirottlmo eapiCaao g^mcvmM^ a del 
sao offficiot traduzione dal greco di Wm» 
bio Cuitt romano; con pioemio. 

GIUSEPPE AVERANI. 

Del lasao della meaaa preaao 1 R«» 
aaaai t con prefazione e cuu ritrattu deW 
I'autore. 

ANNIBAL CARO. 

cut Straeeioal, commedia; ed 11 Caaa. 
aieaia aopra la prlaaa ficat«» owja 
•apltalo della meheldei cOO* pr«>»- 
mlo ed il ritratto dell'aulore. * 

GIORDANO BRUNO. 

fill eralel tarorl e II C;aadelaja • eon» 

media ; con proemio, note e ritratto de&> 
I'autore. 9 

GIAN MARIA CECCHI. 

DIelilaraBlaae del proverMdl«aeaal 
e rAsslaoioa c6mmedia; c^funa le- 
xfone di L. Pia* cbl mi i>roTerbi toacini: e<i 
uno stud o suite coiumedie del Ceecnii 
con prefazione e ritratto deirautore. 

ERASMO DI ROTRRDAMO 

Blo^io della paBslai con proemio • 
nute; ed illusimto con •-0 inclsioni aui 
disegni originali d' Holbein. 

ANTON FRANCESCO DONI 

IVoveile e La SCaffaiola, commedia ^ • 
la Mala e la Cfciave, con proemlu, 
nute ed il ritratto deli'autore. Vol. t. 

FILIPPO SASSETTI 



irita di Praaeeaeo Ferraaeia* eoa 

proemio, uote ed II ritratto dei FemioeiOb 

CARDINAL BIBBIENA 

Ea c:aiaadra • commedia: agglantMl 
Ua* Avveatara aaioraea dl Fei^*- 
aavida d'Ara^oaa daea dl-Calakrla 

deilo stesso auiore ; cou proemio, note ed 
il ritratto dell'aulore. 



Kriiert imuib e faftii (mUU alU mm ft. HAKLU a a^* a Bkm, 



Frezzo: It. L. 4. 50. 



•t*' 



1 



>^ " 



( 



BIBLIOTECA RARA 

PUBBLICATA DA G. DAELLI 

Vol. V. 

RAGIONAMENTO 

SOPRA LE IMPRESE 



TIP. RBDAELLI. 



Propriela letteraria g. daiou. e c. 



i 



MONSIONOR PAOLO GIOVIO 



RAGIONAMENTO 

DJ MONSIGSOR 

PAOLO GIO VIO 

SePRA I MOTTI E DlSKGNl D'ARME E D'AMORE 
CHE COHUNEHENTE CIIIAUANO 

IMPmESE 



MILANO 

G, DAELLI c C O M P. EDITOHI 

U DCCC LXllt 



PREFAZIONE 



. Paolo Giovio e Pielro Areiino si mordevano con 
epigrammi^ ma si accordavano neW indole e nei 
coslumi, Erano naii libellisH^ Vuno yiii erudite 
e versato nelle corti scriveva slorie ^ Valtro cor- 
teggialo alia lontana, e maladetto sotto voce^ det- 
tava libelli in quella forma succinta e spedita^ 
che anlicipd , secondo noib assai bene Filarete 
Chasles^ il giornalismo de"* nostri tempi. Come i 
giornalisti^ essi avevano dumpm e due misure , 
e per valerci delle parole dello stesso Giovio^ due 
penne^ Tuna dT oro per gli amici^ Valtra di ferro 
per gli avversarj^ o come allrove disse^ vestiva 
gli uni di broccatOy gli allri di canovaccio o me- 
glio di cilicio : imperocchb il libellista eccede nella 
lode come nel biasimo^ ed d piii stomachevole 
quando si compone ai compri sorrisi chequando 
imprecay come in bocca al diavolo sta meglio la 
beslemmia che la lode de'' santi, Voro di Vespa- 
sianoj da qual siasi imposla uscisse^ non aveva 
cattivo odore ; T or(f de** libellisti ha come un lanfo 
di bordello. 



VIII PRBr AZIONB . 

Nei libelHsti il piii piacevole son le palinodie , 
non quelle ohe strappa lor la patira^ ma quelle 
a cin li trasporta il dispetlo di non redersi com- 
piaciuti o premiali dai potenti ai quali immola- 
rono eran presti ad immolare il vero, — Que- 
sti sfoghi lo vendicano^ e danno degni pittori ai 
vizj e alle reilii de'^grandi. Cosl Pelronio^ prima 
di morire^ mandd a Nerone T elenco delle turpi- ' 
tudini che questi credeva far celalo come le facer a 
impunilo. — Nel Giovio si troverebbero parecchie 
di queste rivendicazioni i^iteressate^ o piii spesso 
s" incontra quel ghigno onde i parassiti si ricai- 
tano delle genuflessioni che fanno ad acquislo dt 
favori e di grazie. 

Quando Paolo III nol voile trasferire al re- 
scovado di Como^ il Giovio la serbd in petto e scri- 
veva di Firenze ai 3 d'^oltobre del 1551 a M. Ga- 
leazzo Florimonte: Alia barba di papa Paolo mi 
Aorisce in capo la memoria viva, laudato Dio, seb- 
bene sono stroppiate le gambe ; talmenle ch'io spero 
vivere un pezzo dopamorle con lode ed onesto pia- 
cere di coloro che leggeranno le vigilie mie. 

VAretino riceveva collane d'^oro dai principle 
e cost il Giovio. Lo stesso vincitor delP America^ 
Fernando CorteZymando al Giovio uno smeraldo 
in forma di cuore, Leone X leggcva^ in presenza 
de'^suoi cortigiani^ ad alta voce alcuni brani delle 
Storie di lui^ e Clemente VII dava un beneficio 
a chi ne ricuperava i libri iti male nel sacco 
di Roma. Set perb andarono irreparabilmenle 
perduti e curiose son le parole onde il Giovio 
riempie questa lacuna. , 

Gli ultimi sei libri di qucsU prima Deca si per- 
deroDo nel sacco di Roma, ma nondimeno Pau- 



PREPAZIONB. IX 

tore, raenlre ch'^egli abbia vita, confidandosi ndla 
mcmoria sua, non si dispera che non possano ri- 
farsi dalPoriginalo dcllti prima bozza. Perciocchfe 
TErrera da Cordova e Antonio Garaboa Navarrese, 
capitano di fantt^ria, poichfe nel convenlo di Sanla 
Maria della Minerva, martoriati i frati, ebbero 
spiato tutti i secreli, ritrovarono una cassa fer- 
rata, dove Tautorc avea ascoso cento libbre d'^ar- 
gento lavorato e i libri d(»irislorie. Ma il Gamboa^ 
contento deirargcnto, gett6 i libri come inulil 
pfeda. D'*altra parte I'' Errera cbc non era punlo 
goffo d'^ingegno, ne raccolse una pnrte, quegli 
cio6 ch'^crano scritti in pergamena e coperti di 
cuoio rosso, e sprezz6 quei di caria. tal che strac- 
ciati furon dispcrsi, c adoperali a servigj brulti. 
E poi che gli ebbe raccoltl, gli porl6 alPautore 
in castello, per averne il premio, dove il papa, 
scongiuralo dalTautorc, rimerit6 quel dono con 
on beneflcio; il quale PErrera^ ess ondo morto un 
prete spagnuolo, dcsiderava grandemente d'^avere 
a casa sua. 

UfCaltra lacuna, ma rolortlaria^ t mile stdrie 
del Giovio^ agendo egli trapassaio tutto lo spazio 
di quel lagriraosissinio tempo che corse dalla 
morte di Leon X insino al sacco di Roma,^5?ip- 
plito con semplici sommarj i 4ibri XIX - X^IV, 
Egli 86 ne scusa nella dedica della seconda parte 
delle sue istorie a Cosimo de'' Medici in data di 
Pisa il \.^ maggio 1552^ ma con tal garbu- 
glio di stile che non mostra altro forse che la 
sua paura di non mettersi a pericolo ^ dicendo 
• pure una parte del vero. Egli come Fontenelle 
non rolera aprir la mano a mostrarlo^ ma ne 
lascid cader tra nn dito e I'altro un poco nelle 



X PRKFAZIONE. • 

vite di Leon Xydi Adriano VUdel cardinal Pom- 
peo Colonna^ del Marchese di Pescara^del gran 
capitano Consalvo^ e del duca Alfonso d'' Este ; 
rinlero lo sgomeniava^ e come prudente medico^ 
egli dice J lasciava le flslole incancherite a beneficio 
di nalura. Anzi egli qui rend^e a sb stesso una 
testimonianza conlraria al nostro giudizio. E ve- 
ramente di mio costume non fa mai scrivwe enco- 
mj, laudazioni false per acquistarrai la grazia d'^al- 
cuno, n6 alP incontro esercitar lo stile della satirica 
asprezza per farmi voler male, come sfacciata- 
menle veggiamo aver fatto alcuni altri. Tuttavta 
non ci ridiremo e concluderemo piuttosto che egli 
era tm Aretino pauroso , e anche V Aretino non 
dicea male che a man salva, 

II Giovio era andato a Firenze verso il seltembre 
del 1550 e vi mori agli 11 dicembre 1554. Cold scrisse 
queslo dialogo. cW ^ uno stillato^a dir cosl^ delle 
^ue St Tie e del suo Maseo. Confortato dal suo Do- 
menichi e'^si ricorda i gran personaggi che aveva o 
conoscitilo di persona^ o di opere e di fama^ per le 
loT*o imprese e i loro moili; studio ora abban- 
donatOy ma cost connesso alia storia da dovere al- 
meno ne"^ suoi principali lineamenti rivivere ^ e 
ch'' era^ in queWeta letterata^ un mezzo di rap- 
piccarsi alle tradkioni classiche, che tornavano 
a prevalere. 

\[ vescovo Giovio , dice Apostolo ZenOy fc stato 
veramente il primo ad aprir la stradaalParte di 
far rimpresc c a prescrivernc le regole, parte da 
alcuni accetlale, c parte da altri riproiiotte, e da 
moiti anche ampliate. Di queslo suo libro furon 
falle parecchie edizioniy e sei o selte ne annovera 
lo Zeno, La pritna^ assai scorrelta^ uscl in Roma 



PRBFAZIONE. XI* 



per cura di Monsignor Girolajno Fenaruolo nel 

1555. Laseconda 'assai ptit correlta^ per cura dl 
Gtrolamo Ruscelli^ presso Giordano Zilelli nel 

1556. Se non che Lodovico Domenichi^ non bene 
contenlo delV opera del VUerbese , ristampo con 
parecchie variazioni ed omissioni il Ragionamento 
del Giovio, soilo il titolo di Dialogo delle imprese 
mililari ed amorose, presso Gabriele Giolito nel 

1557. Parla lo Zeno di due edizioni del Rovillio^ 
di una di Domenico Giglio , e d*" un'' altra del 
Ziletti del 1560. // ragionamento e indiritto dul- 
tautore al magDanimo S. Co.simo de'^Medici, duca 
di Fiorenza. . 

Le importanti ^om la citata gid del Ruscelli^ 
la veneta del Giolito del i^^l procurata dallo slesso , 
Domenichiy e la lionese di Guglielmo Kovillio del 
1574. Questetre furono il fondamento delta nostra 
edizione ^ se non che avendo seguito quelta del Zi- 
letlo come pii^.completa^ ricorremmo per alcuni 
miglioramenti^emendazioni e varianti alValtre due, 
massime a quella del Domenichi^ che si vanta aver 
ritratlo la itua dallo stesso originate deWautore^ 
ma che non dee aterto scrupolosamente seguito^ 
se si bada ai mutamenti ingiustificabili fatti in pin 
luoghi. Ma le piU essenziali Varianti che poniamo 
in fondo al votumetto daranno un'' idea precisa 
delta qualitd e bontd di queste edizioni^ e ere- 
diamo de 11^ originate deWaulore^ del quale morto 
ciascuno fece un poco quel che gli piacque, 

^r^ Enciclopcdia italiana afferma contro al pa- 
rere di Apostolo Zeno^ che il Gio^io non fu il 
prima a Irattare quesla materia^ ma il primato 
apparliene al vero ittuslralore ^ e nel Giovio 
si trovano le piii picnc illustrazioni storiche ^ 



XII PRBrAZIO!tS. 

didaltiche^ critiche' delle imprese^ e il suo libro 
non fu agguaglialo nc abbuiald da altri. 

Le imprese, gallicamenie divise; sono un ramo 
deWAraldica^ ma il ramo pin diseccalo deW in- 
fermo tronco. — Quando rCera andazzo^ ciascuno 
ch'' era o si credea di conlo^ si slillava V inge- 
gno per trovarne o faceva capo a qualche let- 
teralo , come quel dappoco che andava a Giotto 
per r arme, Dai gran signori o capitani ai piu 
ineUi accademici . che cicalavano per le aule 
dP Italia^ tulli cercavano un corpo e Myraniitia 
dPimpresa^ e pin quelli il cut corpo e la cui anima 
non valea nulla, V^erano i maestri deWarle^ come 
il Taegio , i crilici come il Biralli , cl^ ne fece 
^mi antologia'riformando quelle che conlraffhce- 
vano alle norme accettate, II Padre Bouhours ne 
delld anch'^egli precelti; ma tulti-questi teorisli 
non si leggono piu. — Si legge il Giovio , per- 
ch^ egli avviva questa materia con le sue ricor- 
danze storiche ; perch^ il suo libro non e una 
pedanteria ^ percht efjli segui a dir cosl Slazio 
ch*" accenna le divise dei re clfassiser Tebe, ma 
per meglio conlrassegnarli , e facendoli spiccar 
pui per le loro azioni. 

II Giovio k veramenie poelico in quesla rasse- 
gna eroicomica^ — II suo c> un ballo a fogge e 
abbigliamenti storici ; in cui si riiede France- 
sco Ij ma non manca Triboulet. 

Deride il Giovio a ragione le imprese fondale 
sopra giuochi di parole'^ vezzo pii^ spagnolesco 
che de^rilaliani^ i quali lasciarono queste argnzie 
al Carafulla , le cui etimologie , come quella di 
vendo, erano pnr citate dal Davanzati, Cost il 
freddo giuoco sulla voce malva e altribuilo alia 



PRBPAZIONB. Xlll 

regina Isabella di Spagna nella Vila della Picara 
Giustina Diez pubblicata in Venezia presso il 
Barezzi nel 1624. La prudentissima regina D. Isa- 
bella, pregio ed onore dei due regni di Castiglia 
e di Spagna, desiderando di dar ad intendere al 
re D. Ferdinando sue marito che una strada, la 
quale egli in certo viaggip voleva fare, era tanto 
conlro il gusto di lei , quanlo poco convenevoie, 
rivoise gli occiii in una pianta di maiva, die 
nata frondeggiava nella via e cosi al re pari6 : 
Dicami in grazia, voslra maesta, sc la strada, ove 
allro non 6 che malva, le dovcsse parlarc in que- 
sla occasione,.che credeella che le direbbe ? Ri- 
spose il re dope ayer alquanlo p^nsato : lo per 
rae averei gusto che voi alia vostra proposla. si- 
gnora, deste soddisfazione. Allora la saggia regina 
cosi (lissc: Chiara cosa 6 che la strada, nella 
quale la sola raalva deve servir di lingua, non 
saprebbe in occorrenza tale dir altro a Vostra 
Macsla fuor che mal ra, Volse in quel punlo la 

briglia il re E qui tronchiamo il fasiidio di 

fjuesia cilazione. che facemmo solo per dar un 
esempio di pHi del contagio letlerario di Spagna. 
II Domenichi fu uno dei gran faccendieri let- 
terari del secolo XVL Spese Vingegno non me- 
diocre piu nel tradnrre che nel comporre di suo. 
Mori a cinqnanfanni (29 agosto 1564), e ^m la 
piramide che si veniva rizzando de'^suoi volumi 
era bene alta^ piramide^ che il tempo con le sne 
fredde ale ha quasi del tuUo spazzalo Allernb gli 
studj con gli amori^ e fu di quella Accademia 
piacentina degli Orlolani, che aveva a nume il 
Dio degli Orti e non sappiam che cosa ad inse- 
gna^^che il Domenichi tlimava piU che la ca- 



XIV PREPAZIONE. 

bezza deirimperatore. Non aveva gran devozione 
aWimpero^ i cui ministri gli avevano appiccato 
un fratello ai merli del Castello di Pavia^ il Doniy 
suo concitladino J di amico devoto faltoglisi ca- 
pital nemico^ si studiata di farlo finire come il 
fratello^ inandando a don Ferrante Gonzaga un 
soneiio che esso Domenichi avea scritto contra. 
P imperator Carlo V^ aggiungendo con ipocrisia 
rimastagli addosso dal convenlo: «« La prego bene 
a non li far dispiacere e pcrdonarli piutlosto sci^ 
sandolo appassionato che maligno. » 

// Domenichi incorse in piu grari dispiaceri 
per essere intinto delle nuove opinioni religiose, 
Q aver dato mano alia loro diffusione. Egli Ira- 
dusse e stampo in Firenze con la data di Basi-- 
lea 'la Nicomediana di Calvino ^ il qual libro ^ 
secondo il Poggiali^e quello scritto che porta per 
titolo: Johannis Calvini excusalio ad Nicodemitas 
seu Pseudo Nicodemus, qui de nimio rigore ejus 
conqueruntur. II destinato storrografo di Co- 
simo I , con lo stipendio di dugento scudiy fu 
condannalo aW abiura pubblica col libro appeso 
al collo^ e a died anni di carcere *per aver tra- 
sgredito alle leggi emanate in materia di stampa. 
Vinlercessione del Giovio lo liberd. 

I principj di quelle opinioni , che serpeggia- 
vano per tutta Italia^ gli si erano forse appiccali 
addosso fin da Piacenza^ dove secondo il Pog- 
giali, scoppiarono nel sesto decennio del sec. XVI, 
e furono atrocemente repressi. II valente storio- 
grafo cita alcuni ricordi curiosi. Anno 1538 die 
18 mart, in Templum Fratrum Praedicalorum Pla- 

i enliee, quidam sacerdos cognoraine quod cou- 

veisatus fueral cum Lulheranis, cum eis'come- 



^BBPAZIONE. XV 

derat et biberat, eisque auxilium prsebucral, cum 
fugerent^ neque eos accusaverat, coram pulpito 
a praDdio, staDs prope pulpitum, emiDentior 
aliis, csesus v^rgis, a L. Valerio Malvicino In- 
quisilore . . . Alter vero, qui vocabatur Joseph . . . 
et erat notarius, eodem modo perculsus^ multa 
mala qu8B fecerat manifestavit^ nempe mortariolDm 
{la Pila delCacqua benedelta ?) urina irapleverat, 
atque imagines, brachia et crura S. Rochi ense 
vulneraverat. Notevole d che-quesii ereticierano 
il piii procuratori e notai^ ma eziandio negli 
ordini piu bassi^ nonchb negli alii e nei letterati^ 
si andava spargendo il seme di Lutero^ e il Varchi 
ricorda che a Padova sino i ciabattini dispula- 
vano di religione, E secondo la velocitd del genio 
italiano si oltrepassava Lutero e nasceva Socino^ 
e lo Speroni si lamentOi che Vinflusso degli ebrei 
a Padova aduggiasse le credenze dei buoni cri- 
stiani. 

Noi citiamo quesli appunti come un eccila- 
menio alia sioria della riforma in Italia non 
ancor falta^ e ci pare che quelli che si affannano 
tanto inlorno al Savonarola non abbian trovato 
la vera vena. Ma a farla bene questa storia delle 
noslre eresie , bisogna aver Romd e i 'suoi ar- 
chivj, e con ragione il valente La Farina si duole 
nei suoi Comenlarj degli ultimi anni cheVarchivio 
del SanCUffizio a Roma^ venuto alle mani del 
popolo^ non sia stato^ menlre si poleva^ traspor- 
tafo in luogo sicuro, 

Jl Giovio e il Domenichi erano Allah e Mao- 
mello. LP tmo il piii scrivea latino^ P aliro met- 
leva il fiacco latino in buon toscano. Vuno gua- 
dagnava della fama, Valtro delta popolarita del- 



X\I PIBVAZIONB. 

Vamico. Riprova deWaffetto delVuno e delta de- 
vozione deWaltro e quesio dialogo^ dove il Dome- 
nichi d come un discepolo modeslo e ossequioso 
che interroga e ascotta^ interroga- nei rari inter- 
valli che gti concede rinessiccabil vena del maestro, 
e quasi indovinando dal suo sguardo che d in 
foia di continuare il suo discorso; ascolla con 
orecchi intenti e fede cieca. Questa non d piiA 
la forma dialogica di Plalone ^ d piuttosto f o- 
morfismo dei caiechisti, TuUavia anche noi so- 
migliamo al Domenichi^ ed ascoltiamo volentieri 
un vecchio facondo che ne profonde il tesoro delle 
sue ricordanze ^ e in virtu delle sue notizie ca- 
ralteristiche gli perdoniamo di aver visto in fac- 
cia senza orrore r introduttore degli slranieri 
in Italia^ Lodovico it Moro^ e adoraio senza ri- 
brezzo C ordinaiore della lirannide straniera in 



Italia, Cosimo de^ Mediei. 



Cahlo Teoli. 



RAGIONAMENTO DELL'IMPUESE 



Taata 6 ia cortesia di Voslra Eccellenza verso di 
me, ch'io mi tengo obbiigato a rendervi conto di tutto 
queirozio, che, in gran parte, a vostra amorevole esor- 
tazione, mi sono asarpato in quest! fieri e nolosi caidi 
del ihese d'agosto, nemico della veccliiaia. £ perci6, 
avcndo io tralasciata I'istoria, come fatica di gran peso, 
mi sono ito trastullando nel discorrere col virtuosis- 
simo e gentile M. Lodovico Domeniciii^ che a ci6 m'in- 
vitava, sopra I'invenzioni dell' imprese , che portano 
oggldi i gran signori. Di modo che essendomi riuscito 
questo picciol trattato, assai piacevole e giocondo, e 
non poco grave per Taltezza e variety de' soggetti, mi 
sono assicurato di mandarvelo, pensando che vi possa 
esser opportuno passatempo in cost fastidiosa stagione ; 
ed in ci6 ho imitato il nostro semplice ortolano, che 
spesse volte sopra la vostra tavola, ricca di varie e 
preziose vlvandc, s'arrischia di presentare un panie- 
rino de'suoi freschi flori di ramerino e di borrana, 
per servire a uno intermezzo d'una saporita insala- 
tuccia. Ha questo trattato molta simililudine con la di- 
versity di detti flori amcni e gratissimi al gusto; il 
Giovio. t 



2 DIALOGO 

4 

quale sarft ancor lanto piti grato a voi, valoroso si- 
gnore, quanto ch' egll 6 nato In casa voslra ; e I'argo- 
mento del presente discorso ba avuto principio in tal 
guisa; cbe usando meco famigliarmente M. Lodovico 
Domenichi^ per cagione di tradurre continaamente risto- 
rie nostre latine in volgar toscano, a baon proposito 
entr6 a ragionare della materia ed arte deirinvenzioni 
ed imprese, le qnali i gran signori e nobilissimi cava- 
lieri a'nostri tempi sogliono portare nelle sopravvesti, 
ftarde e bandiere , per significare parte de' loro gene- 
rosi pensieri : al cbe risposi io. 

Gio. II ragionare appunto di questo soggetto, ^ pro- 
prio un entrare in un gran pelago, e da non poterne 
cost tosto riuscire. 

DoM. Per grazia^ monsignore, essendo voi persona di 
facile^ ricordevole ed espedito ingegno^ siate contento 
toccarmene an sommario, massimamente poi cbe vi tro- 
vate scioperato dallo scrivere I'istoria in questi noios 
giorni, ne'quali assai stadia e guadagna cbi sta sano; ndf 
si possono piCi agevolmente trapassare, cbe con Ja pia- 
cevolezza del ragionare di simili amenissimi concetti , 
\ quali appartengono all' istoria , e parte ridacono a 
memoria gU aomini segnalati de' nostri tempi , cbe gi^ 
son passati all'altra vita, non senza lode loro. E qae- 
sto vi sar^ molto agevole, avendo voi gi^ fatto, per 
quel cbe io intendo, molte di queste imprese nella vo- 
stra piCi fresca eU a quei signori cbe ve ne richiesero. 

Gio. Qnesto far6 io volentieri, con patto, cbe voi 
interrogbiate a parte per parte ^ ed io vi rispondero 
amorevolmente e con desiderio cbe ne resti un dia- 
; logo , nel quale non intendo obbligarmi alia severity 
delle leggi dl questo scelto pariar toscano; percb^ io 
voglio In tutti i modi esser libero di parlare alia cor- 
tigiana^ senza essere scrupolosamente appuntato dalla 
vostra Accademia; ricordandomi d'aver anco altre voile 
scritlo in nostro volgare il llbro de* Signori de'Tur- 
rbi di casa (Htomaua, il qual libro fa molto ben letto 
•si inicjio (Ul graude impcralore Carlo V, 



D£LL'IMPR£S£. 3 

DoM. Ringraziovi inflnitamente di tale offerta^ ma di- 
temi prima, se il portare queste imprese fu costume 
antico. 

Gio. Non ^ panto da dubitare che gU antichi usarouo 
di portar cimieri^ ed ornamenti negli elmetU e negii scu- 
di ; perch^ si vede cliiaramente in Virgilio, quando fa ii 
catalogo delie genti, che vennero in favore di Turno 
contro i Troiani, nell'VlII dell'Eneide ; Anliarao ancora, 
come dice Pindaro, alia guerra di Tebe port6 un dra- 
gone nello sendo. Stazio scrive similmente di Capaneo 
e di Polinice, che quelii port6 Tidra e questi la sflnge. 
Leggesi eziandio in Platarco , che nella battaglia del 
Gimbri comparve la cavaileria loro moHo vistosa, si 
per Tarmi lucenti , si per la variety de' cimieri sopra 
le celate, che rappresentavano Tefflgie di flere selvag- 
gie in diverse maniere. Narra il medesimo autore, che 
Pompeo Hagno us6 gi^ per insegna an leone con ana 
spada nada in mano. Veggonsi ancora i riversi di molte 
medaglie, che roostrano significati in forma dell'im- 
prese modeme^ come appare in quelle di Tito Yespa- 
siano, dov' 6 on del5no involto in un'&ncora che vaole 
inferire^ fbstina lerts, sentenza, la quale Ottaviano 
Augaalo soleva molto spesso usare. Ma lasciando da 
canto questi esempi antichissimi , in eid ne fanno an- 
cora eongettura i famosi Paladini di Francia^ 1 quali^ 
per la verity , in gran parte non furono favolosi ; e 
veggiamo, per quel che gli scrittori accennano, che 
ciascuno di loro ebbe peculiare impresa ed i&segna^ 
come Orlando il quartiero^ Rinaldo il leone sbarrato > 
ii Danese lo scaglione, Salamone di Brettagna lo scac- 
chiero^ Oliviero il grifone^ Astolfo ii leopardo e Gano 
il falcone. II medesimo si legge de' Baroni della Tavola 
rotonda d'ArtCt, glorioso re d'lnghilterra. L*usarono si- 
milmente i celebrati nei iibri della lingua spagnuola^ 
Amadis dc Gaala, Primaleon, Palmerino e Tirante ii 
Bianco. Ora a questa et^ piil moderna, come di Fede- 
rico Barbarossa, al tempo del quale vennero in uso 
rinsegnc dcllc famiglie, cbiamate da uoi arme^ donate 



4 UIAL060 

da principi per merito deU'onorate imprese fatte Id 
gUeita> ad eftetto di aobilitare i valorosi cavalieri, ne 
natqiiei*o biszarrissime invenzioni nei cimieri e piUure 
negli scadi ; il che si vede in molte pitture a Fiorenza 
I in santa Maria novella. Ma a quest! nostri tempi dopo 
la vennta del re Carlo VIII e di Lodovieo XII in Ita- 
lia, ognano che segoitava la milizia^ imitando i capi- 
tani francesi^ cerc6 di adornarsi di belle e pompose 
imprese^ delle quali rilacevano i cavalieri appartati 
fcompagnia da compagnia con diverse livree; percioc- 
|ch6 ricamavano d'argento di martello dorato i saioni 
(e le sopravvesti; e nel petto e nella sebiena stavano 
M imprese de*capitani^ di modo che le mostre delle 
'genti d'arme facevano pomposissimo e ricchissimo spet- 
' tacolo, e nelle battaglie si conosceva Tardire e il por- 
^ tamento delle compagnie. 

DoM. lo m'avreggio ben, monsignore, che vol avete 
fresca memoria^ e per6 siate coutento ragioaarmi dl 
quelle totte cb' avete vedute; perchd so moito bene, 
che avete conosciuti e veduti in faecia tutti quel ca- 
pitani^ che sono contenuti e celebrati nella vostra isto- 
ria; o ragionevolmente avete dinanzi agli occhi la va- 
ghezza degli omamenti loro. 

Gio. Non mancher6 di ridurvi a mente tutte queste 
cose, che voi domandate , parendomi dl tomare un'al- 
tra volta giovane ; nel favellare delle quali tanto ml 
dilettava gi^ , che ben pareva vero pronostico , ch' io 
avessi a scriver I'lstoria loro. Ma prima ch' io venga a 
questi particolari, 6 necessario ch' io vi dica le condi- 
zioni universal!, cbe si ricercano a fare una perfetta 
impresa; il che forse ^ la pitl difficile, che possa es- 
^ere ben colta da un Ingegno perspicace e ricco d'in- 
venzioni« la quale nasce dalla notizia delle cose scritte 
dagll antichi. Sappiate adunque, M. Lodovieo mio, che 
)1nvenzione ovvero impresa, s'eila deve avere del buo- 
1)0, bisogna cb*abbia cinque condizioni: prima, giusta 
proporzione d*anima o di corpo; seconda, ch'ella noii 
»ia osf ura, di sorte ch' abbia mestiero della sibilla per 



DELL^IMPRBSK. 5 

iaterprete a volerla intendere, n^ Unto chiara ch'ogni ^ 
plebeo rintenda; terta, che sopratutto abbia bellavi-! 
su> la quale si fa riuscire molto allegra, entrandovi* 
stelle , soU^ lune , fuoeo , acqua , arborl verdeggianti , | 
islrumenti meccaoici, animali bizzarri ed ucceDi fan-; 
tastici; quarta^ non ricerca alcana forma umana; quin- ) 
ta, richiede il motto^ cbe d Tanima del corpo^ e vnole 1 
essefe eomunemente d'ana lingua diversa dair idioma j 
di oolui^ che fa Timpresa, percb^ 11 sentimento sia al- • 
quanto piti coperto. Yuole anco esser breve , ma non \ 
tanto cbe si faccia dubbioso; di sorte che di due oa 
tre parole quadra benissirao, eccetto se fosse in forma \ 
di verso^ o integro o spezzato. E per dichiarare quesle < 
condizioni diremo , che la sopraddetta anima e corpo 
s'intende per ii motto o per ii soggetto, e si stima che 
mancando o il soggetto all'anima^ o I'anima at soggetto, 
rimpresa non riesca perfetta: verblgrazia^ Gesare Bor- 
gia di Yalentinois, us6 un'anima senza corpo, dicendo 
AUT GiKSAR^ AUT NMiL, volcndo dire, che si voleva ca- 
var la maschera e far prova del la sua for tuna: onde 
essendo capitato male e ammazzato in Navarra, Fau- 
sto Maddalena Romano disse che il motto si verified 
per rultima parte alternativa con questo distico: 

Bfjfrqia Catar erat, facUs et nomine CcBior, { 
AutnUdl, out Casar, diwit; utrumqm fiiit, \ 

£ certamente in quelia sua grande e prospera for- 
tuna il motto fu argutissimo , e da generoso , s' egll 
avesse applicato un proporzionato soggetto, come fece 
suo fratello don Francesco dnca di Gandia, il quale 
aveva per impresa la montagna della Chimera, ovvero 
gli Acrocerauni, fulminata dal cielo, con le parole ad i 
imitazione d'Orazio , pbriunt summos fulmina months. • 
Siccome verified) con I'infeiice sua line, essendo scan- .' 
nato e gettato in Tevere da Gesare suo fratello. Per lo i 
contrario disdice eziandio un bei soggetto senza motto, 
come port6 Garlo di Borbone, contestabile di Francia, 



B DULOGO 

Che pinse di ricamo nella sopravveste della sua compa- 
gnia an cervo con I'ali. Ed io lo vidi nella giornata di 
Ghiaradadda ; volendo dire, che non bastando il coirer 
suo naturale velocissimo, sarebbe volato in ogni difficile 
e grave pericolo senza freno. La quale impresa per la 
bellezza del vago animale, riusci, ancor che pomposa, 
come cieca, non avendo motto alcuno^ che gli desse la- 
me ; il che diede materia di varia interpretazione^ come 
actttissimamente interpreto un geniiluomo francese chia- 
mato la Motta Augrugno, che and6 in Roma appresso 
il Papa quando venne Tacerba naova del Re cristia- 
nissimo sotto Pavia^ e ragionandosi della perfldia di 
Borbone , disse a papa Glemente : Borbone > ancorchd 
paia essere stato traditore del sao re e della patria, 
merita qualche scusa per aver detto molto avanti quel 
ch'ei pensava di fare^ poichd portava nella soprav- 
veste il cervo con I'ali^ volendo chiaramente dire, che 
aveva animo di faggire in Borgogna : al che (are non 
gli bastavano le gambe., se non avesse avuto anco Tali, 
e perci6 gli fu aggiunto il motto , cursum intsndimus 
ALis. Ebbe ancora questo medesimo difetto la bellissima 
impresa che port6 la signora Ippolita Fioramonda, mar- 
chesana di Scaldasole in Pavia, la quale air eta no- 
stra avanz6 di gran lunga ogni altra donna di bel- 
lezza^ leggiadria e creanza amorosa^ che spesso por- 
tava una gran veste di raso di color celeste, seminata 
a farfalle di ricamo d'oro, ma senza motto, volendo 
dire ed avvertire gli amanti che non si appressassero 
molto al suo fuoco, acciocch^ talora non intervenisse 
loro quel che sempre interviene alia farfalia, la quale 
per appressarsi airardente flamma, da s^ stessa si ab- 
brucia. Ed essendo dlmandata da Monsignor di Lesvi, 
bellissimo e valorosissimo cavaliere, il quale era al- 
lora scolare^ che gli esponesse questo signiflcato ; e' mi 
conviene, diss'ella, usare la medesima cortesia con quel 
gentiluomini che mi vengono a vedercy che solete usar 
voi con coloro , che cavalcano in vostra compagnia , 
perch6 solete mettere un sonaglio alia coda del vostro 



corsiero^ cbe per morbidezza e flerezza , trae di calcic 
come ano avvertimento che non si accostino, per lo 
pericolo delle gambe. Ma per questo non si riUr6 Mou- 
signer di Lesvi, perch* molVanni persever6 nell'amor 
suo, ed al fine sendo ferito a morte nella gioraata di 
Pavia, e riportato in easa della signora Marchesana^ 
pass6 di questa vita , non poco consolato , poicb* la- 
sci6 lo spirito estremo suo nelle braccia della sua cara, 
come diceva, signora e padrona. 

Cadde nel contrano difetto, il motto del eiarissimo 4 
jurisconsulto M. Qiasone del Maino , il quale pose il \ 
suo bellissiroo motto sopra la porta del suo palazzo \ 
(cbe ancora si vede senza corpo) cbe dice virtuti for- 
TUNA COMES, volendo signiflcare cbe la sua virtCi aveva 
avata bonissima sorte. 

Pn6 molto bene essere ancora una impresa vaga in 
vista per ie figure e per li colori cbe abbia corpo ed 
anima^ ma cbe per la debile proporzione del motto al 
soggetto di^enti oscura e ridicola^ come fu quella del 
duca Lorenzo de* Medici, il quale flnse ne'saioni delle 
lancie spezzate, e stendardi delle genti d'arme (come 
si vede oggi in pittura per tutta la casa) un albero di 
lauro in mezzo a due leoni, col nbtto che dice, ita 
BT VIRTUS, per significare che la virti^ come il lauro 
^ sempre verde. Ma nessuno poteva intendere^ quel che 
importassero quel due leoni; chi diceva cbe signiftca- 
vano la (ortezza e la clemenza, che favellavano insieme 
cost accozzati con le teste^ e chi I'interpretava in al- 
tro modo, di sorte cbe un M. Domizio da Cagli^ cap- 
pellano del cardinale de* Medici, che fu poi papa Gle- 
mente VII, il qual cardinale era venuto a Fiorenza 
per visitare il duca Lorenzo ammalato di quel male , 
del quale poi fra pochi mesi mori, s'assicuro, come 
desideroso d*intender V impresa, di dimandarne M. Fi- 
lippo Strozzi , invitato dair umanit.'i sua , dicendo : si- 
gnor Filippo, vol che sapete tante lettere, e oltre Tes- 
ser cognato. sietc anco comes omnium horarum, et par- 
iiceps consiiiorum del Duca, dicbiaratemi, vi prego, che 



B DIALOGO 

fanno quel due ieoni sotto questo aibero. 6iiard6 sot- 
t'occhi M. Filippo e squadrb ii ceffo del cappeliano^ 11 
quale ancorch^ bene togato, non sapeva lettere se non 
per le feste^ e come acuto^ salso e pronto ch'egli era : 
Non vi avvedete, dlsse^ cbe (anno la guardia al lauro 
per difenderlo dalla (uria di questi poeti^ cbe corrono 
al romore avendo udita la coronazione deir Abate dl 
Gaeta fatta in Roma, acciocchd non vengano a spogliiorlo 
di tutte le frondi per (arsi laureati? Replied il cappel- 
lano, come uomo cbe si dilettava di far qnalcbe so- 
netto, cbe andava in zoccoli per le rime; questa ^ 
malignity invidiosa; soggiongendo : cbe domine importa 
al duca Lorenzo cbe il buon papa Leone abbia corte- 
semente laureato I'abate BarabaUo, e fattolo trionfare 
su I'elefante? Di maniera cbe la cosa andd airorec- 
cbia del Carduiale e si prese una gran lesta di M. Do- 
mizio, come di poeta magro e cappellano di piccola 
levatura. 

£l inoltre da osservare cbe non ci sia intelletto di 
molta superbia e presunzione, bencbe abbia bel corpo 
e beiranima, percbd ella rende vano Tautore, come fu 
quella cbe port6 il gran cardinale di San Giorgio, Raf- 
fael Riario, 11 qu^le mise in mille luogbi del suo pa- 
lazzo un tlmone di galea con un motto di sopra cbe 
dice, BOG OPUS, quasi volesse dire, per fare questi ma- 
gniflcentissimi edlQcj e gloriose opere, m' ^ dl bisogno 
esser papa e governare 11 mondo ; la quale impresa 
riusci vanissima quando fu creato Leone, e dappoi c be 
essend'egli consapevole della congiura del cardinale 
Alfonso Petrucci, restb preso, convinto e spogliato delle 
facoltd, e conflnato a Napoli dove finl la sua vita. 

Non lascer6 di dirvi, cbe sarebbe troppo gran can- 
tafavola 11 voler tassar i difetti delle imprese> cbe son 
c^mparse a questo secolo, composte da scioccbl e por- 
I tate da cervelli vani, come fu quella di quel flero sol- 
I dato (per non dir ruffiano) Bastiano del Mancino, an- 
I corcbd a quel tempo fosse nome onorato fra spadac- 
* ciui, cbe us6 di portare nella berretta una picciola 



\ 



\ 



DRLL*IMPRBS£. 

suola di Scarpa con la letlera T in mezzo ^ ed una perla . 
grossa in ponta di detta suola , volendo che s* inten- * 
desse 11 noroe delta sua dama a questo modo . Mar- \ 
gherita te sola di cor amo. 

Un altro suo concorrente^ chiamato Panmolena, fece il 
medesimo^ ponendo oro di martello in cambio di cuoio. 
perch6 s'intendesse : Margherita U sola adoro, stimando 
che fosse maggiore efficacia d'amore Tadorare cha di 
cuore aroare. In questl simili trovati passd 11 segno \ 
M. Agostino Porco da Pavia^ Innamorato di madonna ; 
Blanc4i Paltiiilera^ 11 quale per dimostrare d'esser suo i 
fedel serro, port6 una piccola candela di cera bianca ' 
inserlata nel frontale del suo berrettone di searlatto, 
per signlAcare^ spezzando il nome della candela in tre . 
siUabe^ can, clo^ servo fedele della Bianca. Ma ancor I 
qnesta con pift spesa e magglor arguzia fu avanzata 
dalla medaglia del cayalier Casslo^ poeta bolognese^ 11 
qnale portava nella berretta in una grande agata, di 
mano del ^nlssimo maestro Giovanni da Castel Bolo- 
gnese, la dlscenslone dello Spirito Santo sopra i dodici 
apostoH; e domandato un glorno da papa Clemente, 
di ctti era familiarissimo ^ per qual dlvozlone portasse 
questa colomba dello Spirito Santo e le lingue ardenti 
sopra 11 capo degll apostolic rispose essendo io presente : 
Non per divozione, Padre santo, ma per esprlmere un 
mlo concetto d'amore , essendo io stato lungo tempo 
innamorato e tngratamente straziato da una gentildonna 
e forzato d'abbandonarla per non poter sopportar pid 
le beffe e lungagnole de'varii doni ch'io le soleva fare, 
ml flgurai la festa della Pentecoste, volendo inferire 
ch' Io me ne pentiva e che moUo m'era costato questo 
innamoramento : sopra la quale esposizione 11 Papa, 
ancorchd per altro severo, rise si largamente, che 
tralasci6 la c^na da mezza tavola. 

Diede In simlU scogli di ridicola impresa 11 gran 
cardinale di san Pietro in Vlncula, Galeotto dalla Ro- 
vere, 11 quale facendo diplngere in cancelleria la stanza 
della v61ta fatta a lunette, che guarda a levante, fece 



10 UtALOGO 

fare otto gran celatoni di stucco indorati aei cielo, so- 
spesi al ramo delta querela^ sua peculiare arme , come 
nipote di papa Giulio, acciocch^ s'intendesse gaUe oUo, 
Che concbiudevaoo il suo proprio nome, ma dicendo- 
gli M. Carlo Ariosto suo maestro di casa^ che ci sa- 
rebbono stati di quegli cbe avrebbono letto celate otto« 
fu cagione cbe il buon cardinale 11 quale aveva in 
casa pocbi svegliati ed eruditi ingegni , vi facesse di- 
piugere sotto otto galee cbe andavano a vela e remo 
per fuggire Tambiguit^ cbe aasceva fra le celate e le 
galee. E questa tal pittura oggidi ancora fa meravi- 
gliare e ridere spesso il signor Camerlengo^ Guido Asca- 
nio Sforza, cbe abita quella stanza come piti onorata. 
Furono ancora a quel tempi pia anticbi alcuni grand i, 
ai quali mancando I'invenzione di soggetti^ supplivano 
alia lor fantasia con motti^ cbe riescono goffi quando 
son troppo lungbi^ come fu il motto di Castruccio si- 
gnore di Lucca^ quando fu coronato Lodovico Bavaro 
imperatore, ed egli fatto Senatore romano, cbe allora 
era grandissima dignity : il quale coroparve in pub- 
blico in un manto cremisino con un motto di ricamo 
in petto cbe diceva : boli t comb dio vuolb, e di die- 
tro ne corrispondeva un altro, b'saba' qubl ghb dio 
vobba'. Questo medesimo vizio della lungbezza dei 
motti fu anco (bencb^ sopra assai bel soggetto d'ap- 
parenza di corpo ) in quello del signor Principe di Sa- 
lerno cbe ediQc6 in Napoli il superbo palazzo, por- 
tando sopra il cimiero deU'elmo un paio di coma, col 
motto cbe diceva: porto lb cobna cn'ooNi uomo lb 

VBDB^ B QUALCH'ALTRO LB PORTA CUB NOL CRBDB , VO- 

lendo tassare un certo ^ignore cbe intemperatamente 
sparlava dell'onor d'una dama, avendo esso bella mo- 
glie e di sospetta pudicizia. £ questa lungbezza d tanto 
pia dannata> quanto cbe il motto 6 nella natural lin- 
gua di cbl lo porta ; percb^ pare, come bo detto, che 
quadri meglio in parlare straniero. 

Don. Monsignore vol mi avete dato la vita con queste 
ridicole sciocchezze di lante imprese che m'avete narrate. 



DELL'llfPRESR. || 

Gio. Sar^ dunque tempo che noi toraiamo al propo- 
sito nostro, nameraodo quelle imprese ch'baiino del 
magnanimo^ del generoso e deiracuto> e, come si dice, 
del frizzante. 

E' mi pare che i gran principi per aver appresso di 
loro uomini d'eccellente ingegno e dottrina abbiano 
eoasegoito I'onor deirinvenzione , come soao stati fra 
gli altri Timperator Carlo V^ 11 cattolico re di Spagna 
ed 11 magnanimo papa Leone, percb^ in effetto I'im- 
peratore avanz6 di gran lunga la bella impresa , la 
quale port6 gi^ II valoroso suo bisavolo, il gran Carlo 
duca di Borgogna, e certamente mi pare che I'impresa 
sua delle colonne d'Ercole col motto del plus ultra, 
non solamente abbia superato di gravity e leggiadrla 
quella del focile deirarolo maleruo di Filippo suo pa- 
dre, ma ancora tutte I'altre che abbiano portate insino 
ad ora gli altri re e principi. 

Don. Per certo queste colonne col motto, considerata 
la buona fortuna del felice acquisto dell'India occiden- 
tale, 11 quale avanza ogui gloria degli antichi romani , 
soddisfa mirabilmente col soggetto alia vita e con Ta- 
oima agli intelletti che la considerano. 

Gio. Non ve ne maravigliate percbd Tinventor d'essa 
fu un molto eccellente uomo chiamato maestro Lnlgi 
Marliano milaneso, che fu medico di Sua-Maest^, e 
morl vescovo di Tuy, ed oltre I'altre virtCi fu gran ma- 
tematico, e queste simili imprese svegliate, illustri e 
nette non escono dalla bottega di gatte inguant^te^ ma 
d'argutissimi maestri. 

Don. E cosi 6 vero, ma ditemi di grazia che voleste 
dir vol, nominando il focile del duca di Borgogna ? Sia- 
temi, vi prego, monsignore, cortese e raccontatemi I'isto- 
ria di questa famosa invenzione con la quale s'ornano 
di gloriosa corona i valorosissimi cavalieri delTetk no- 
stra, i quali sono neU'onoratissimo coUegio deU'ordine 
del Tosone ampliato dairinvittissimo Carlo V. 

Gio. Questa, di che vol mi dimaudate d materia, molto 
intricata e poco intesa eziandio da quel signori che 



I i DIALOGO 

porUno quest! focili al collo, perch^ vi ^ ancora ap- 
piccato un vello d'un monton tosato , interpretato da 
alcanl il vello deH'oro di Giasone portato dagli Argo- 
naut! ; ed alcimi lo riferiscono alia Sacra Scrittura del 
Testamento veccbio, dlcendo ch'egli ^ !1 yello dl Ge- 
deone, 11 qaale signiflca fede inconrotta. Ma tornando 
al proposito del focile, dico, cbe il valoroso Carlo daca 
di Borgogna, che fa ferocissimo In arme, volse portare 
la pietra focaia col focile e con dae tronconi di le- 
gno Yolendo denotare ch'egli aveva il modo d'eccitare 
grande incendio di guerra, come fa il vero ; ma qaesto 
sao ardente vaiore ebbe tristissimo successo percb^, 
prendendo egli la gaerra contro Lorena e Sviszera, fu 
dopo le dae sconfltte di Morat e di Granson sbarat- 
tato e morto sopra Nansi la vigilia deU'epifanla, e que- 
sta impresa fa beffata da Renato ducadi Lorena, vin- 
citore di qaella giornata. al qaale essendo presentata 
ana bandiera con I'impresa del focile, disse : per certo 
qaesto sfortanato signore qaando ebbe blsogno di scal- 
dars! non ebbe tempo da operare ! focili. E ianto piOi 
fa acato qaesto detto, qaantocb^ qaeila terra era co- 
perta d! neve rosseggiante di sangae , e fa il maggior 
freddo cbe si ricordasse mai a memoHa d'aomo; di 
sorte che si vede nel daca Carlo che la ladra fortana 
non volse accompagnare la santa virtti In quelle tre 
sae altime giomate. 

Don. Per quel cb' io veggio, monsignore, parmi cbe 
vol abbiate incominciato a entrare, come avete pro- 
messo, nelle piti scelte imprese cbe portarono i gran 
re e principl di qaesta nostra eiA ; ond' io spero , che 
come si sono assottigliati gl' ingegni ed affinate le dot- 
trine da qaello ch'erano ne' tempi piOi veccbl e lontani 
dalla niemoria nostra , cosi I'imprese e rinvenzioni do- 
vranno riascir pit va:zhe e piti argute. Ma innansi cbe 
segultiate 11 ragionar de' modem! , per non lo dlmen- 
ticare, poich^ avete detto deli'ordine del Tosone, pre* 
govl a dichiararmi ancora eerie parole poste nel se- 
gno deirordlne dinghilterra. 



DKLL'lMI*U£bE. 13 

Gio. Di quel che mi domandate, per esser cosa an- 
tica d'intorno a dngento anni, questa fama solamente 
ne resta , che essendo qaell*ordine da Edoardo III, uomo 
di grao valore, instituito sotto la protezione di S. Gior- 
gio a cavallo con lo scudo bianco diviso da una croce 
rossa , il re, percti^ col raccorre da terra ana benda 
da legar calze avea data occasione di mormorar della 
dama di eui era quella benda, in francese detta gar- 
tier, volse, ad onore di essa dama, che i cavalieri del- 
I'ordine che sogliono esser ventisei al pi(i, portassero 
per insegna alia gamba, come fanno, il gartier, inscritto 
di qneste parole honni soit qui mal t pbnsb ; cio^ : 
disanorato sia chi mal vi ^pM$a. 

Ora tornando a'nostri tempi pia ricchi di dotti in- 
gegni dico, che questi re che noi abbiamo visti in 
gran parte trapassarono, per gloria delle faccende di 
gaerra e per bellezza degli ornamenti dell'imprese, quelle 
de'lor maggiori ; e cominciando da quella di Lodovico XII 
re di Francia, ella parve ad ogni uomo di singolare 
bellezza e di vista e di signiflcato. Perch^ fu a modello 
di quel bravo di natura e bellicoso re che non si stanc6 
mai per alcun travaglio di guerra con un animo sem- 
pre invitto, e per6 portava nelle sopr' arme . ehiamate 
Ottoni, de'suoi arcieri delta guardia, un istrice coro- 
nato, il qual suoie urtar chi gli d^ noja dappresso , e 
da lontano gli saetta, scotendo e lanciando Tacutissime 
spine. Per il che dimostrava che Tarme sue erano pronte 
e gagiiarde dappresso e da lontano, e benchd nella so- 
praweste non fosse motto alcuno , mi ricordo nondi- 
meno aver visto in piil luoghi questa impresa dipinta 
con un breve di sopra, cominus et eminus, il che qua- 
drava molto. Ho lasciato 1' impresa di Carlo YIII, per- 
ciocch^ ella non ebbe corpo e soggetto, ancorch^ ella 
avesse bellissimo motto d'anima dicendo: si dbus pro 
NOBIS, Quis CONTRA Nos? NcgU stcudardi e sopra i sa- 
joni degli arcieri della guardia non v'era poi altro die 
la lettera K con la corona di sopra, che voleva signi- 
flcare il nome proprio di Carlo. 



14 D1AL0G0 

Non fu men bella di quella di Lodovico Timpresa 
cbe port6 il successore e genero suo, Francesco I, il 
quale, come portava la giovanile eU sua, mut6 la fie- 
rezza dell'lmprese di guerra, neila dolcezza e giocon- 
diU amorosa ; e per signiflcare che ardeva per passioni 
d'amore« e tanto gli piacevano, che ardiva di dire che 
si nutriva in esse; onde portava la salamandra, che 
stando nelle fiamme non si consuma, col motto ita- 
liano che diceva , mi nutrisgo ; essendo propria quality 
di quell'animale, spargere dal corpo suo freddo umore 
sopra le brage, onde avviene ch'egli non teme la 
forza del fuoco , ma piuttosto lo tempera e spegne. £ 
fu hen vero, che quel generoso ed umanissimo re non 
(u mai senza amore, essendosi mostrato ardentissimo 
e liheralissimo conoscitore de' virtuosi , e d'animo in- 
domito contro la fortun«i» come la salamandra, in ogni 
caso de' successi di guerra^ e questa invenzione fu fab- 
hricata dal suo nohilissimo Ingegno. 

Non cede in alcuna parte alia suddetta, quella che 
di presente porta il flgliuolo successor suo, il magna- 
nimo re Enrico; il quale continua di portar Timpresa, 
che gi^ fece qnando era delflno , che d la luna ere- 
scente , col hravo motto pieno di grave sentimento , 
DONBG TOTUM iMPLBAT ORBEM : volcudo diuotaro ch'egli 
flnch^ non arrivava all'eredit^ del regno ^ non poteva 
mostrare il suo intero valore, siccome la luna non 
pu6 compitamente risplendere, se prima non arriva alia 
sua perfetta grandezza ; e di questo suo generoso pen- 
siero ha gi^ dato chiarissimo saggio con la ricupera- 
zione di Bologna ed altre molte imprese^ come ognuno 
sa in Italia. II perchd gli fu da me fatta a richiesta del 
signor Mortier, ambasciatore francese in Roma^ dopo la 
morte del re Francesco^ una luna plena di tulto tondo 
con un motto di sopra^ cum plena est fit muvla sous , 
per dimostrare ch'egli aveva tanto splcndore che 8*ag- 
guagliava al sole, facendo la uotte chiara come 11 giorno. 
Volse ancora questo re sotto quella impresa per onore 
di dama dar luogo al nome di Diana, la quale (u dagli 
antichi riputata la dea medesima che la luna. 



DEtL'lMPRKSK. 15 

DoM. Senza fallo queste tre imprese di questi Ire re 
francesi hanno, a mio parere, tutta quella grandezza 
cbe si ricerca^ si di soggetto e vista ^ come di spirito 
e signiflcato, e non so se gii argutissimi spagnuoli v'ag- 
giangeranno. 

Gio. Vol non v'ingannate certo , perch6 difflcil cosa 
^ il migliorare. Ma il re cattolico ne cav6 la macchia 
qaando porto ii nodo gordiano con la mano d'Ales- 
sandro Magno ; il quale con la scimitarra lo tagli6, non 
potendolo sciorre con le dita, col motto di sopra tanto 
MONTA. E acci6 intendiate il pensiero di quel prudente 
re, voi dovete aver letto in Q. Gurzio> come in Asia, 
nella citt^ di Gordio, era in un tempio 1* inestricabil 
nodo detto gordiano^ e Toracolo diceva, che cbi Tavesse 
saputo sciorre, sarebbe stato signore delFAsia. Perch^ 
arrivandoci Alessandro, n^ trovando capo da sciorlo, 
per fatal bizzarria e sdegno lo tagli6; et oraculum aut 
implevH^ aut elmit. 11 medesimo intervenne al re cat- 
tolico, il quale avendo litigiosa differenza sopra Tere- 
dit^ del regno di Gastiglia^ non trovando altra via per 
consegulre la ginstizia, con la spada in mano lo com- 
battd e lo vinse, di maniera cbe cosl bella impresa 
ebbe gran fama, e fu pari d'erudita leggladria a quella 
di Francia; e fu opinione d'alcuni^ cbe elia fosse tro- 
vata dal sottile ingegno d'Antonio di Nebrissa , uomo 
dottissimo in quel tempo ^ cbe egli risuscit6 le iettere 
latine in Ispagna. 

fila in veritii^ ancorcb^ molte imprese sieno riuscite 
eccellentissime dagli ingegni spagnuoli, come fu quella 
che port6 don Diego di Mendozza flgUuolo del cardi- 
nale , cavalier valoroso ed onorato nelle guerre del 
gran capitano Gonsalvo Ferrante, tuttavolta ce ne sono 
uscite dellA scioccbe e stroppiate, in quanto alle con- 
dizioni antedette che si ricbieggono in essa, come fu 
quella di quel eavaliere di casa Forres, ii quale scr- 
vendo a una damigella delta regina Isabella, che si 
chiamava Anna, e dubitando ch'ella non si maritasse 
in un altro cavalier piCi ricco di lui , il quale la ri- 



16 DIALOGO 

cercava per accasarsi con lei , volse avvisarla ch' eiia 
stesse costante neiramor suo verso di lui, e non con- 
sentisse a quel maritaggio, portando sul cimiero an 
anitroccolo, che in lingua spagnuola si chiama Anna- 
dino , il qual nome spezzandolo per le sillabe diceva : 

ANNA Dl' NO*. 

Fu ancora simile quella che us6 don Diego de Guz- 
man^ il quale avendo riportaio poco cortese cera dalla 
sua dama^ ed un certo rlbuffo, port6 In giostra per ci- 
miero un gran cesto di malva florita^ ad effetto di sl- 
gniflcare mal va il negosio d'amore. 

DoM. Qneste si che danno scacco alia candela bianca 
e a quella della Penteeoste ; ma suppUte a simile seioc- 
chezza coirimpresa di don Diego, la qual vol poco in- 
nanzi avete detto che fu bellissiroa. 

Gio. Si per certo e forse nnica tra quant' altre ne 
sono uscite non solo di Spagna, ma d'altronde; e fu, 
che avend'egli tentato il guado con la sua dama, e 
travati mail passl per poteria arrivare , occupato dal 
dolore e quasi disperato^ si pose una rnota con quei 
vasi che levano Tacqua e la gettano fuora , e perchd 
di punto in punto quasi la metit di essi si trova plena 
pigliando Tacqua , e TaHra vuota per gittarla fuora , 
nasceva da quei vasi un motto in questa guisa; los 

LLENOS, DE DOLOR, Y LOS VAZIOS, DE SPBRANZA. La quale 

fu stimata impresa di sottile invenzione e quasi unica 
vista, perch^ Tacqua e la ruota davano gran presenza 
di soggetto a chi la mirava, e inferiva che il suo do- 
lore era senza speranza di rimedio. 

Fu assai bella quella del signor Antonio da L.eya, 11 
quale essendo per la podagra portato in sedia, fece por- 
tare dal capitano, appuntato nelle barde del suo cor- 
siere capitanale, quando (u coronato in Bologna Carlo Y 
imperatore e restituito il ducato di llili^o a France- 
sco Sforza, questo motto: sic vos non vobis. E Tim- 
presa fu senza corpo, il quale se ci fosse stato non si 
sarebbe potuto dir meglio, perch^ voleva inferire come 
per vlrtti sua s'era acquistato e conservato lo Stato di 



DBLl/lMPRESB. i1 

Ifilano, e poi restitutio al duca dairimpcratore, avendo 
egli desiderato di tenerlo per s6 contro la forza di tutta 
la lega, com' egli aveva fatto per lo innanzi. E perch6 
s' ba da seguir Tordine della nobilt^, vi dir6 llmprese 
de' quattro re ultimi d'Aragona , e fra Taltre quel che 
volesse significare 11 libro aperto, che fu impresa del 
re Alfonso primo. 

Don. Che libro fu questo* monsignore f 

Gio. Ebbe questo re Alfonso per impresa un libro 
aperto, come v'bo detto, il quale non avendo anima di 
motto alcuno, molti restarono sospesi e dubbi del si- 
gniftcatOy e perchd egli fu re d'incomparabil virtti ^ si 
nel mestiere deirarmi, come nella notizia delle lettere 
e nella pratlca del civH govemo, chi diceva una cosa 
e cbi ne diceva an'altra, ma 11 piti degli uomini sti- 
maroab'* ch' ei volesse dire che la liberty fosse la pia 
preziosa cosa che potesse aver Tuomo, e percio esso 
come prudentissimo non prese mat moglie per non farsi 
servo per elezione. Alcuni dissero che egli port6 il H- 
bro^ denotando che la perfezione dell' intelletto umano 
consista nella cognizione delle scienze e dell'arti libe- 
ral!, delle quali sua maest^ fu molto studlosa. Ma tra- 
passando questo signiflcato del libro aperto, dico che 
il re Ferrante suo flgliuolo ebbe una bellissima impresa, 
la quale nacque dalla ribellione di Marino di Marciano 
duca di Sessa e principe di Rossano : il quale ancorch^ 
fosse cognato del re, s'accost6 nondimeno al duca Gio- 
vanni d'Angio e macchin6 d'ammazzar al parlamento 
il re suo signore. Ma per Tardire e franchezza del re 
refifetto non pot6 seguire d'ucciderio : Tistoria del qual 
caso sta scolpita di bronzo sopra la porta del Gastel 
Nuovo. Ed essendogli dopo alcun tempo venuto alle 
mani e posto prigione il detto Marino, si risolse di non 
farlo morire, dicendo non volersi imbrattare le mani 
nel sangue d'un suo parente, ancorch^ traditore ed 
ingrato, contro il parere di molti suoi amici partigiani 
e consiglieri. £ per dichiarare questo suo gene roso pen- 
siero di elemenza, flgurO un armellino circondato da 
Giwio. 1 



18 DIALOGO 

un riparo dl letame, con questo motto: halo iiori 
; QUAif FOBDARi, essciido la propria natura deirarmellino 
di patir prima la morte per fame e sete che imbrattarsi, 
cercando di fuggire di non passar p^ lo brutto , per 
non maccbiare il candore e la politezza della sua pre- 
ziosa pelle. 

Ne port6 ancora il re Alfonso II suo flgliuolo ana 
brava ma molto stravagante, come composta di sillabe 
di parole spagnuole, e fu, cbe approssimandosi sopra 
la guerra il giorno della battaglia di Campomorto so- 
pra Velletri, per esortare i saoi capitani e soldati, di- 
pinse in uno stendardo tre diademe di santi insieme, 
con un breve d'una parola in mezzo: valbr, signifi- 
cando cbe quel giorno era da mostrare 11 valore sopra 
tutti gli altri, pronnnziando alia spagnuola, Dia de mas 
valer, la quale impresa forse avrete vista dipinta nel- 
Tatrio del nostro Museo. 

Bella in vero fu quella del re Ferrandino suo fi- 
gliuolo, il quale avendo generosi e reali costumi di li- 
berality e di clemenza, per dimostrare che queste virtti 
vengono per natura e non per arte, dipinse una mon- 
tagna di diamanti» che nascono tutti a faccia come se 
fossero fatti con artificio della ruota e della mola, col 
motto cbe diceva : nature non artis opus. M fu men 
lodata quella del re Federico come zio carnale successo 
nel regno al nipote re Ferrandino, il quale troppo to- 
sto, sopra Tordine del trionfo d^Ua sua vittoria, per 
iniquiU delle Parche, in un soffio fu levato di questo 
mondo. Avendo 11 re Federico preso il possesso del 
regno, conquassato per la fresca guerra e contaminato 
dalla fazione angioina, per assicurare gli animi de'ba- 
roni della contraria parte , si fece per impresa un li- 
bro da conto legato in quella forma con le corregge e 
flbbie, che si vede appresso de* banchieri ponendovi 
per tltolo: mccccxgv, e figurando molte fiamme che 
nscivano fuora de' margini del libro serrato , con un 
motto tolto dalla Sacra Scrittura cbe diceva : rbcbdant 
VETERA, per palesare il nobile decreto deiranimo suo» 



r^ 



DlSLL'lMPRRSE. 49 

Che a tutli perdonava gli errori e i ])eccati di quel- 
I'anno, e ci6 fu proprio a imitazione degli antichi ate- 
niesi i qaali fecero lo statato deiramnistia, che signi- 
flca oblivione di tutto il passato, ancorchd al buon re 
Federico ci6 non giovasse molto , perchft fra cinque 
anni per la impensata cospirazione di Ferdinando re 
di Spagna con Lodovico XII di Francia, fu sforzato ab- 
bandonare il regno e lasciarlo a quel due re che se 
ravean diviso. 

Farono altri principi d' Italia e famosi capitani, cbe 
si dilettarono di mostrare i concetti loro con varie 
imprese e divise , fra le quali fu tenuta bella, a quel 
tempo che gli ingegni non erano cost aguzzati, quella 
di Francesco Sforza duca di Milano, che avendo preso 
possesso dello Stato per vigore deU'eredita della mo- 
glie, madonna Bianca Visconta, e con la forza del- 
Tarmi quietate le cose, fece di ricamo sopra la gior- 
nea militare un bravo veltro, o vogliamo dir levriere, 
assentato con le gambe di dietro ed innalzato coi pi6 
dinanzi sotto un pino col motto : quibtum nemo im- 
PUNK ljigesset : inferendo ch' egli non dava mdlestia 
ad alcuno^ ma era pronto a offendere e difendersi da 
Chi avesse avuto ardire di molestarlo. E lo mostr6 
contro i signori veneziani quando fece calare il re Re- 
nato di Provenza, per resistere alia cupidity che gli pa- 
reva che essi avessero di quello Stato. 

Alia bellezza delia detta leggiadra impresa, fece buon 
paragone la troppo oscura che usO Galeazzo suo figliuolo 
e successore , la quale fu un leone asscttato sopra 
on gran fuoco con un elmetto in testa, bella certo da 
vedere in pittura, ma riputata senza sale , perchd non 
ebbe anima di motto e per6 appena intesa dalFautore ; 
onde non m'estenderO a narrare i diversi interpreta- 
menti che facevano le brigate, i quali spesse volte riu- 
scivano vani e ridicoli. 

Ma fu ben molto erudita e bella in vista ancorch^ 
alquanto presuntuosa^ quella che ebbe il duca Lodo- 
vicOy suo fratello, senza motto , il quale, per opinione 



^ DIAIXKSO 

di pruden2a, fu tenuto un tempo arbitro delta pace e 
delta guerra d'ltalia, e percio port6 Talbero del gelso- 
moro per impresa, la quale, come dice Plinio, 6 ripatata 
sapientissima omnium arborum , perch^ fiorisce stand o 
per fuggire 11 gelo e le brine; e fa frutto prestissimo, 
mtendendo di dire, che con la saviezza sua conoscera 
i tempi (uturi, ma non conobbe gia che it cbiamar 
i Frances! in Italia, per isbattere il re Alfonso suo ca- 
pital nemico , fosse cagione della rovina sua. £ cosi 
divento favolosa e scbernita la sua prudenza, avendo 
linita la sua vita nella prigione della torre di Lioches 
in Francia, ad esempio della misera vanagloria umana. 
Facevasi eziandio cbiamar Moro per soprannoroe , e 
quando passava per le strade, s*udivano alzar le voci 
da'fanciulli e da'bottegai, Moro, Moro, e continuando 
in simil vanity, avendo fatto dipingere in castello I'lta- 
lia in forma di regina, che aveva indosso una veste 
d'oro ricamata a ritratti di citta che assomigliavano 
al vero, e dinanzi le stava uno scudier moro negro 
con una scopetta in mano : perchd dimandando Tarn- 
basciator florentino al duca a che serviva quel fante 
negro , rispose , che scopettava quella veste e le citta 
per nettarle d'ogni bruttura, volendo che s'intendesse 
il Moro esser arbitro dell'Italia, ed assettarla come gii 
pareva. Replic6 allora Tacuto florentino: avvertite, si- 
gnore, che questo servo maneggiando la scopetta, vien 
a tirarsi tutta la polvere addosso ; il che fu vero pro- 
nostico. Ed 6 da notare, che molti credono che Lodo- 
vico fosse chiamato Moro, perchd egli fosse bruno di 
came e di volto, in che s'ingannano, perch'egli fu pint- 
tosto d'una carnagione bianca e pallida che negra, come 
abbiamo veduto dappresso. 

Sopra tutti non solamente i principi dltalia, ma 
eziandio sopra quelii della casa de' Medici, suoi maggiori, 
ue trov6 una bellissima Giovanni cardinale de' Medici, il 
quale fu detto poi papa Leone, e fu dopo ch'esso per 
mano dellarmi spagnuole fu rimesso in Fiorenza, es- 
sendo stato dieciott'anni in esilio. L'impresa fu un giogo. 



DKLL'UIPB£SB. 21 

come portano i buol, e il motto diceva, suave, per signi- 
flcare di non essere ritomato a voler essere tiranno 
della patria, col vendicarsi deiringlorie fattegli da'suoi 
contrari e faziosi cittadini, prenunziandogli che il suo 
principato sarebbe stato clemente e soavc, col motto 
della Sacra Scrittoxa conforme all' abito sacerdotale 
cbe portava , cavato da quel cbe dice : Jugum meum 
suave est, el onus meum leve. E certamente quadrava 
molto alia natura sua, e fu tale invenzione del suo 
proprio sottile ed erudito ingegno, ancorcb^ paia che 
il detto giogo fosse prima del gran Cosimo, il quale, 
qoando fu richiamato dairesilio alia patria , flgnr6 in 
ana medaglia Fiorenza assettata sopra una sedia col 
giogo sotto 1 piedi , per dinotare quasi quel detto di 
Cicerone : Roma patrem patrioB Ciceronem Ubera dixit , 
e per la bellezza fu continuato il portarlo nel pontifi- 
cato di Leone, e merit6 d'essere stampato nelle mo- 
nete di Fiorenza. 

DoM. Piacemi molto questa impresa , e la giudico 
molto bella, ma di grazia non v'incresca raccontarnii 
ancora i'altre deir illustrissima casa de' Medici , e con 
esse toccar diffusamente il percb6 deirimprese, perch^ 
ristoria porta gran luce e dllettevol notizia a questo 
discorso. 

Gio. lo non posso andar pid alto de'tre diamantl 
cbe port6 il gran Cosimo , i quail voi vedete scolpiti 
nella camera dov' io dormo e studio , ma a dirvi il 
vero, con ogni diligenza cercando, noa potei mai tro- 
vare precisamente quel che volessero signiflcare, e ne 
stette sempre in dubbio papa Clemente , che dormiva 
ancor egli, in minor fortuna, in quella camera mede- 
siraa. & ben vero che diceva, che il magniflco Lorenzo 
s*aveva usurpato un d'essi con gran galante/ia, inser- 
tandovi dentro tre penne di tre dlversl colori, cio6: 
verde, bianco e rosso, volendo cbe s' intendesse , che 
Dio amando Aoriva in queste tre virtd ; Fides , Spes , 
Charilas, appropriate a quest! tre colori , la speranza 
verde > la fede Candida , la cariUi ardente cio6 rossa , 



32 DIALOGO 

coa SBiiP£R d'abbasso, la quale impresa ^ stata con- 
tinuata da tutti i successor! della casa, e Sua SantiU 
eziandio la port6 di rlcamo ne' saioni de' cavalli della 
guardia, di dietro per rovescio di detto giogo. 

Prese il magniflco Pietro, flgliuol diCosimo, per im- 
presa un (alcone, che aveva negli artigli un diamante, 
il quale 6 stato continuato da papa Leone, e da papa 
Clemente, pure col breve del 3emp£r, rivolto, accomo- 
dato ai titolo della religione cbe portano i papi, ancor 
che^ sia come ^ detto di sopra, cosa goffa a far imprese 
di sillabe e di parole : percb6 il magniflco Pietro voleva 
intendere che si debba fare ogni cosa amando Dio. E 
tanto piti ci6 viene a proposito , quanto cbe il dia- 
mante importa indomita fortezza contro fuoco e mar- 
tello, come miracolosamente il prefato magniflco fa 
saldo contro le congiure ed insidie di M. Luca Pitti. 

Us6 il magniflco Pietro, flgliuolo di Lorenzo, come 
giovane ed innamorato, i tronconi verdi incavalcati, i 
quali mostravano flamme, e vampi di fuoco intrinseco, 
per signiflcare che il suo ardor d'amore era incompa- 
rabile, poi cb'egli abbrueiava le legna verdi, e fu 
questa invenzione del dottissimo uomo M. Angelo Po- 
liziano, il quale gli fece ancor questo motto d' un verso 
latino: in viridi tbnbras exurit flamma medullas. 

II magniflco Giuliano suo fratello, uomo di bonis- 
sima natura, ed assai ingegnoso, che poi si cbiam6 duca 
di Nemours, avendo presa per moglie la zia del re di 
Francia, sorella del duca di Savoia, ed essendo fatto 
gonfaloniere della Gbiesa, per mostrare cbe la fortuna, 
la quale gli era stata contraria per tanti anni, si co- 
minciava a rivolgere in favor suo, fece un' anuna senza 
corpo in uno scudo triangolare, cio^ una parola di sei 
lettere che dicevaoLOvis, e leggendola al rovescio, si volg, 
come si vede intagllato in marmo alia chiavica traspon- 
tina, in Roma, e percb^ era giudicata di senso oscuro 
e leggier! , gli affezionati servitor! interpretavan le 
lettere a una a una facendo lor dire diversissimi senti- 
nienti, come facevano coloro nel conciiio di Basilea, cbe 



DELL*niPRESB. 33 

interpreUrono 11 nome di papa Felice, dicendo : FwHx 
id est faUus eremita, ludificator. 

E percb^ di sopra A stato ragionato deirimpresa di 
Lorenzo, non accade dir altro, se non dell'impresa di 
papa Clemente, che si vede dipinta in ogni luogo, e fu 
trovata da Domenlco Buoninsegni florentino, suo teso- 
riere , il quale volentierl ghiribizzava sopra i secreti 
delta natura, e ritroy6 che i raggi del sole trapassando 
per una palla di cristallo si fortiflcano talmente, ed uni- 
scono secondo la natura della prospettiva, che bruciano 
ogni oggetto , eccetto le cose candidissime. E yolendo 
papa Clemente mostrare al mondo, che il candore del- 
1' animo suo non si poteya offender dai maligni, n6 dalla 
forza, usd quest' impresa, quando i nemici suoi al tempo 
d'Adriano gli congiurarono contra per torgli la vita, e 
io Stato, e non ebbero allegrezza di condurre a fine la 
congiura, e veramente la vita ed il governo , ch* egll 
tenevain Fiorenza, non meritaya tanta crudelU, almeno 
di sangue, e Timpresa riusciva magniflca e ornatis- 
sima, perch^ v'entrayano quasi tutte le cose ch'hanno 
iilustre apparenza, e la fanno bella, come fu detto da 
prlncipio , cio^ la palla di cristallo, ed il sole , i raggi 
trapassanti, la flamma eccitata da essi, in un cartoccio 
bianco col motto : candor iiXiBSus. Ma con tutto questo 
sempre fu oscura a chi non sa la propriety styldetta, 
di sorte che bisognava, che noi altri servitori suoi Te- 
sponessimo ad ognuno, e rendessimo conto di quel che 
ayeva volutodireil Buoninsegni e di quel che sua santit^ 
disegnasse d'esprimere ; il che si dee fuggire in ogni im- 
presa, come ^ stato detto di sopra. E peggio fu, che 
essendo 11 motto scritto in un breve diviso, per sillabe, 
in quattro parole, cio^ ciCN dor h^lab sus, un M. Simone 
schiavone, cappellano di sua santit^, che non aveva tante 
lettere che potessero servire per uso di casa fuor della 
messa, tutto ammiratlvo mi domand6 quel chevolesse 
signiflcare 11 papa in quel breve, perchft non vedeva che 
gli fosse a proposito, ilte $m non volendo dir altro che . 
quel porcoj dicendo spesso, Ule vuol dir pur quello, e» 



ii DIALOGO 

SU8 vuole pur dir porco, come bo imparato a scuoli 
a Sebenico. La cosa and6 in gran risa, e passd sino a 
sua santiU, e diede avvertimento agli altri cbe non 
debbano spezzar le parole per lettere, per non faasare 
simili error! d' amflbologia appresso de'go£Q, i qaali 
presumono d'avere la lor parte di sapere, come si dic«, 
fin al flnoccbio. 

Quella ancora, clie fece il Molza a Ippolito cardinal dei 
Medici, fu bellissima di vita e di soggetto, bencb^ non 
compitamente intesa, se non da'dotti, praticbi, e ri- 
cordevoli del poema d'Orazio. Perciocchd volendo egli 
espriniere cbe donna Giulia Gonzaga avanzava di bel- 
lezza tutte Taltre donne, come sa I'eU nostra, ehe 
maggiormente V ba in venerazione per li suoi santi eo* 
stumi ed eccellente virttli, Agurb una cometa, deila quale, 
recita Plinio avere scritto Augusto, cbe in tempo de' 
giuocbi festivi da lui celebrati a Venere Genitrice, pocbi 
giorni appresso la morte di Giulio Cesare, appanre nella 
parte del cielo settentrionale per spa^io di sette giorni 
si cbiara ad ogni regione, cbe cominciava a vedersi 
un'ora innanzi il tramontar del sole. Per I'apparir 
deila quale Stella credette il volgo significarsi, ranima 
di Giulio Cesare esser ricevuta tra li dei immortali. E 
per questa cagione Tinsegna deila cometa essere stata 
posta ^opra il capo deila statua, cb*egli a Cesare padre 
adottivo dedic6 nel foro. Gome poi Orazio con queste 
parole : Micat inter omnes lulium $idu$ velut inter ignes 
Luna minores celebr6 Giulio Cesare, cosi il Blotoa, pi- 
gliandone inter omnbs per motto, cbe ben quadrava, 
volse onorar queirunica ed eccellentissima signora. E 
neir impresa essendo la flgura deila cometa, pare cb*ella 
fosse al cardinale ancora proBostico di morte dolorosa, 
dov'egli, forse con la spaventevole Stella minacciava 
ruina a cbi procurando male c^n fuorusciti florentini 
si era mosso per passare da Gaeta in Africa air impera- 
tore, cb*era a Tunisi, e per cammino in breve spazio, 
con dan no e lamento di moiti suoi, si morl in Itri , 
castello, il qual era in domioio deila suddetta signora 
doiuia Giu)ia Gonzaga. 



, DELL'UfPaBSR. 35 

Ebbe anco pbco ayanti un^altra impresa deireclissi, 
flgnrando la lona nell'ombra, cbe fa la terra intermedia, 
posta fra lei e il sole , con un motto cbe diceva : hhvc 
ALiQUANDO SLUCTABOR. Volendo infeHre ch*egli erapo- 
sto nelle tenebre di certi pensieri torbidi ed oscari, del 
quali deliberava uscir tosto, i quail pensieri, percbd fu- 
rono ingiusti e poco onesti a un tanto uomo, per non 
dipingerk) paxzo e nemico deila grandezza di casa sua, 
iasceremo di esplicare ii signiflcato dell* impresa, la quale 
sar^ per6 intesa da moiti, ch'banno memoria di lui. 

Dopo la morte del cardinale, il duca Alessandro avendo 
tolto per moglie, e fattone le nozze, madama Marghe- 
rita d' Austria flgliuola deir imperatore , e governando 
Fiorenza ccn egual giustizia grata ai cittadini , mass!- 
mamente ne' casi del dare e avere , e rltrovandosi ga- 
gliardo e potente della persona, desiderava farsi famoso 
per guerra, dicendo cbe per acquistar gloria e per la 
fazione imperiale sarebbe animosamente entrato in ogni 
difficile impresa, deliberando di vincere o di morire. 
Mi domandd dunque un giorno con istanza , ch' io gli 
volessi trovare una bell' impresa per le sopravveste d'ar- 
me secondo questo signiflcato: ed io gli elessi quel 
flero animale, cbe si cbiama rinoceronte , nemico ca- 
pitale deir elefante, il quale esseudo mandato a Roma, 
aecioccbd combattesse seco, da Emanuello re di Porto- 
gallo, essendo gi^ stato veduto in Provenza, dove scese 
in terra, s* affogd in mare per un' aspra fortuna , negli 
scogli poco sopra Porto Venere : n^ fu mai possibile 
cbe quella bestia si potesse salvare per esser incatenata, 
ancorcbd nuotasse mirabilmente , per I'asprezza degii 
altissimi scogli, cbe fa tutta quella costa. Per6 ne venne 
a Roma la sua vera efflgie, e grandezza; e ci6 fu del 
mese di febbraio, Tanno MDXV, con informazioni della 
natnra sua, la quale secoud6 Plinio, e siccome narrano 
i Portogbesi, ^ d'andare a trovare 1' elefante, assaltan- 
dolo, e percotendolo sotto la pancia, con quel duro e 
acuto corno cbe tiene sopra il naso ; n6 mai si parte 
dal oemico^ n^ dal combatUmenjtOi fin cbe npn r ba al- 



26 IHALOGO 

terrato e morto; il che il pia delle volte gli succede 
quando Telefante con la sua proboscide non rafferra 
per la gola, e lo strangola neir appressarsl. Feces! dun- 
qae la forma del detto rinoceronte in bellissimi rlcami, 
che servivano ancor per coperla di cavalli barberi, i 
quali corrono in Roma ed altrove il premio del palio, 
con un motto di sopra in lingua spagnuola : no bublvo 
SIN vBNCRR. lo uou fitomo indietix) senza vittoria, se* 
condo quel verso che dice : 

Bhinocerot nunquam vichu db hoste rediL 

E parve che quest' impresa gli piacesse tanto, che la 
fece intagliare di lavoro d'agimia nel corpo della sua 
corazza. 

DoM. Poich^ voi avete raccontate I'imprese di que- 
sti illustrissimi principi della casa de' Medici gi&morti, 
siate contento ancora di dir qualche cosa di quella 
che porta V eccellentissimo signor duca Gosimo , delle 
quali tante se ne veggono in palazzo dei detti Medici. 

Gio. Gerto che il giorno delle nozze sue io ne vidi 
molte fabbricate da gentili ingegni : sopra tutte una me 
ne piacque, per essere molto accomodata a sua eccel- 
lenza, la quale avendo per oroscopo ed ascendente sac 
il capricomo, che ebbe anche Augusto Gesare, come dice 
Svetonio, e per6 fece battere la moneta con tale ima- 
gine, mi parve questo bizzarre animale molto al pro- 
posito, massimamente, che Carlo Quinto imperatore, 
sotto la cui protezione fieri see il principato del prefato 
signor duca , ebbe ancor egii il medesimo ascendente. 
E parve cosa fatalc che il duca Gosimo, quel medesimo 
di di calende d'agosto, nel qual giorno Augusto consegni 
la vittoria centre Marcantonio e Gleopatra sopra I'a- 
ziaco promontorio, e quel giorno anch'egli sconflsse 
e prese i suol nemici a Monte Murlo. Ma a questo ca- 
pricomo, che porta sua ecceUenza, non avendo motto, 
acciocch^ T impresa sia compita, io ho aggiunta Ta- 
^ Aima d'un motto latino : vtdem fati viiitute ssQUKiroa; 



D£LL 1MPRKS£. H 

qaasi che voglia dire : io far6 con propria virtii forza 
di conseguire quel che mi promette r oroscopo. E cosi 
r ho fatto dipingere, figurando le stelle che entrano nel 
segno del capricorno, e nella camera dedicata all'Onore, 
la qaal vedeste al Museo, dove 6 ancora Taquila, che 
signiflca Giove, e V imperatore, che porge col becco una 
corona trionfale col motto che dice: iuppitrh mkren- 
TiBus opfkrt: pronosticando, che sua ecceilensa merita 
ogni glorioso premio per la sua vlrtCi. 

Ebbe un'altra impresa nel principio del suo princi- 
pato, dottamente trovata dal reverendo M. Pierfrancesco 
da Rivi, suo maggiordomo, e fuquelche dice Virgilio 
neir Eneida del ramo d' oro col motto : uno avulso non 
DSPiGiT ALTER, flguraudo uu ramo svelto daH'albero, 
in luogo del quale ne succede subito un altro ; volendo 
intendere che se bene era stata levata la vita al duca 
Alessandro , non mancava un altro ramo d' oro nella 
medesima stirpe. 

Don. Parmi, monsignore, che abbiate tocco abbastanza 
quel che ragionevolmente spetta alia casa de' Medici. 
Resta che parliate degli altri principi, e famosi capitani, 
i quali avete conosciuti al tempo vostro. 

Gio. FaroUo, e dico che gi^ voi con lo stuzzicarmi, 
mi farete ricordare di molte cose attenenti a questo 
proposito, e non mancher6 di fregarmi la coUottola, 
per servire al vostro desiderio, purch6 per 11 numero 
tante imprese non vi vengano a noia. 

Don. .Questa memoria hon d per venire si tosto a noia 
a persona che abbia giudizio, e che si diletti di genti- 
lezze erudite , per6 vi prego che non vi scusiate con 
si fiero ed estremo caldo, il quale, ancor che siamo a 
sedere, ed in luogo assai fresco, grandemenle vi fa sudare. 

Gio. E' mi par dunque di metter mano , se cost vi 
piace , alia bossola del gran capitani, i quali voi avete 
visti celebrati da me nell' istoH a. E mi par che Tonor 
di Roma meriti che si cominci da' Romani, perchd eglino 
in effetto hanno portato in s^ grandezza e graviU't di 
sc eiti capilani^ cone eredi dell* antica virtu della patria^ 



28 DIALOGD 

(ra* qaali a' mtei d) le due principali famiglie,e capi del- 
Tantica fazlone (ruelfa e (ifhibellina , cbe si chiamano 
Orsini e Golonnesi, n'hanno avuto an bel paio per 
ciascana: neU'arsina, Viiyinlo e Nicol6, conti di Piti- 
gliano : nella colonnese, Prospero e Fabrizio ; Virginio 
d'autoriU, ricrbezze, e concorso de' soldati, e splendor 
di casa, essendo stato capitano quasi di tutti 1 poten- 
tati d' Italia, venne al^colmo della grandezza, della quale 
cased poi nella yenuta del re Carlo, essendo stato preso 
col conte di PitiRliano a Nola da' Frances!, ingannati 
dalla promessa de' Nolani, e di Lui^ d'Arsio capitano de' 
Francesi,n^ prima furono liberati cbe nella furia del fatto 
d'arme del Taro, nel quale si sf^abellarono destramente delle 
mani di cbi gli guardava, cb'era intento ad altro. In questo 
tempo i signori Colonnesi, condotti dal cardinale Asca- 
nio Sforza, cbe nel principio servivano Francesi, essen- 
dosi poi fatto nuova^ lega fra i potentati d*Ruropa, ritor- 
narono al servizio del re Ferrandino, ma prima Prospero 
cbe Fabrizio, il quale poi(seguendo Tesempiodi Prospero) 
ancor si fece aragonese. Virginio fu invitato d'andare 
a servire il re Ferrandino con ofTerta di gran soldo, 
e ricompensa deH'onore e dello stato, cbe fu TufiScio 
del gran contestabile, dato al S. Fabrizio, e lo Stato di 
Abruzzo, d'Alba e di Tagliacozzo; ma giudicando egii 
cbe non ci fosse Tonor sno, come caparbio, si fece fran- 
cese, e rigett6 gli stipend] loro, ancor cbe in ci6 i me- 
desimi signori Ursini non approvassero quel suo con- 
siglio, poi cb'era tutto in pregiudizio della salute d'l- 
talia, la quale in quel tempo conspirava contra i Fran- 
cesi, dubitando di nonandare in servitA di quella po- 
tentissima nazione. Ma essendo indurato da una fatale 
ostinazione , and6 col seguito di molti capitani della 
fazion sua contra il re Ferrandino, dicendo a cbi lo 
consigliava, e fra gli altri agli uomini del papa, del duca 
Lodovico, e de* signori Veneziani, cbe gii proponevano, 
e mostravano i pericoli ne' quali si metteva, e i cbiarl 
premi cbe daU'altra parte se gli ofTerivano: lo son si- 
mijyQ al caniello, il quale per nalura, arrivando a ua 



obll'uiprssb. S9 

fonte chiaro, non beve di queiracqua se prima calpe- 
staadola uou la fa torbida. fi per questo porto ua ca- 
mello, cbe intorbidava ua fonte, inchinandosi per bere, 
con questo motto francese : il he plait l'£au troublb. Ma 
certo 11 sao tristo consiglio ebbe pessimo fine, percb^ 
superato in quella guerra, assediato in Atella, epreso, 
morl nella prigione di Gastel deir Ovo, e cosi porto la 
pena della sua perversa opinione, 

11 coute di PitigUano, assoldato da'signori Veneziani 
alia guerra di Lombardia, merito d'esser generale, ed 
ebbe per impresa 11 coUare di ferro , cbiamato in la- 
tino MiLLus , il qual 6 ripieno d' acute punte, come si 
vede al collo de' cani mastini de' pastor! , per difender- 
gli dal morso de' lupi. Yedesi oggidi la suddetta impresa 
in Roma nel palazzo di Nicosia, cbe 6 d' uno de' signori 
di casa Ursina, e nel mezzo del detto collare sta il 
motto Che dice: prius mori quam fidbm fallbrb. Vi 
sono anche due mani , cbe nel far vista di pigliar il 
collare, si trovano passate pel mezzo dalle punte cb'egli 
tia attorno, ed in mezzo sta la rosa. 

Alie nominate due imprese non cedevano punto, n6 
di beilezza, n6 di propneta di signiflcato, quelle de' due 
fratelli cugini Golonnesi, Prospero e Fabrizio, i quali in 
diversi tempi portarono diverse invenzioni, secondo le 
fantasie loro , parte militari e parte amorose : perch^ 
ciascun di loro insino all'estrema veccbiezza non si ver- 
gogn6 mai d'esser innamorato, massimamente Prospero, 
il quale avendo posto il pensiero in una nobilissima 
donna, della quale per coprire il favore cb'egli n'a- 
veva e per mostrare Tonest^, s'assicurb di menar seco 
per compagno un famigliar suo di bassa lega, il cbe fu 
molto Incautamente fatto, percioccb^ la donna sua, come 
generalmente quasi tutte le donne sono vagbe di cose 
nuove, s' innamoro del compagno, talmente cbe lo fece 
degno deiramor suo; di cbe avvedutosi Prospero, e 
sentendone dispiacere inflnito , si mise per impresa ii 
toro di Perillo ; cbe fu il primo a provare quella gran 
pena del fuoco acceso sotto il ventre del toro, nel quale 



30 . mAtXMiO 

egli fu posto dentro, per capriccio del tiranno Falari, 
e di donde usciva lamento di voce umana, e mlserabil 
muggito.E ci6 fece Prospero per inferire cb'egli mede- 
simo era stato cagione del mal suo, e ii motto era tale : 
iNGENio BXPBRioa FUNBRA DiGNA MBO. Fu quest'iny^n- 
zione del dottissimo poeta M. Gabriele Attilio, vescovo 
di Policastro. 

DoM. A me pare che Tanima di questa vaghissima in- 
venzione potesse esser piU bella, e qaadrerebbe forse 
meglio dicendo, spontb gontractum inbxplabilb malum. 

Gio. Cerlamente quella del signor Fabrisio pass6 il 
segno di bellezza, il quale, perseverando nelle parti fran- 
cesi, invitato a seguire il consenso d' Italia con gran 
premio, nel princlpio fece molta resistenza, e si pose 
per impresa sulla sopravveste un vaso antico pien di du- 
cati d'oro, con questo motto: samnitico non capttur 
AURO , significando cbe esso, come Fabrizio, era simile 
a queir antico romano, cbe da'Sanniti in lega con re 
Pirro non volse esser eorrotto, ancora con gran quan- 
tity d'oro; il qual motto e suggetto resta tanto pid ec- 
cellente, quanto d pi A ronforme all' antico, per il nome 
di Fabrizio, e Tu trovato da lui medesimo. Ne port6 an- 
cora un'altra assai accomodata, e fu la pietra del pa- 
ragone, con molte linee e vari saggi, col motto, fides 
HOG UNO, VIRTUSQUB PROBANTUR. Quasi Yolcssc dire, Che 
la virtA e fede sua si sarebbono conosciute al para- 
gone d'ogni altro. Fu portata da lui quest' impresa nella 
giornata di Ravenna, dove il valor suo fu da tutti cbia- 
ramente conosciuto , ancor ch'egli vi restasse ferito e 
prigione. 

Nella medesima guerra il signor Marcantonio Colonna, 
nipote carnal di Prospero, ch' era stato posto in presidio 
della difesa della citt^ di Ravenna, nelia quale si portd 
franchissimamente contra Timpeto della terribil bat- 
teria di monsignordl Foix, ebbe un'impresa, la quale di 
argutezza , a mio parere, avanza ogni altra , e fu un 
ramo di palma, attraversato con un ramo di cipresso, 
e il motto di sopra, il qual fu composto da Marcanto- 



DBLL'lMPaBSE. 31 

nio Casanova, poeta eccellente, che diceva: erit al- 
TsaA MERGES : volendo inferire, ch'egli andava alia guerra 
per riportarne vittoria o per morire , essendo la palma 
segno di vittoria , e il cipresso , funebre. Ebbe questo 
signore in sd tutti i doni , che la natura e la fortuna 
potessero dare ad uomo per farlo singolare. 

II medesimo Marcantonio ne porto un'altra alia guerra 
della Mirandola e di Bologna, nella quale era legato II 
cardinale di Pavia, che essendo di natura alle volte 
troppo strano ed imperioso, esso signore , come gene- 
roso ed altiero romano, non intendeva esser comandato, 
ma voleva far ogni debito di fazion militare da s6 stesso, 
tanto pill vegg^do che il detto cardinale usava incon- 
venienti modi col duca d'Urbino, per li quali fu poi 
da lul ucciso. Per dimostrar dunque Tanimo suo, fece 
rimpresa deU'aerone, che in tempo di pioggia vola 
tant'alto sopra le nuvole, che schifa Tacqua, che non 
gli venga addosso, ed altrimenti d usato di starsi sguaz- 
zando nelle paludi per natura, amando r acqua da basso, 
ma non quella che gli potesse cader sopra. L' impresa 
riuscl giocondissima di vista, perch^ oltre la vagbezza 
deli'uccello, chiamato in latino ilrei^a, v' era flguratoil 
sole sopra le nuvole , e Tuccello stava tra le nuvole , 
e il sole, nella region di mezzo, dove si generano le 
pioggie e le grandini. Da basso erano paludi con verdi 
glunchi ed altre verzure, che nascono in simil luoghi, 
ma sopra tutto era ornato d'un belli ssimo motto, co[ 
breve che girava intorno al coUo deir aerone : natura 
DiGTANTB FEROR. L' iuvenzioue non fu tutta del signor 
Marcantonio, ma fu aiutato dagringegni eruditi, de' quali 
egli faceva molto conto,ed onorava; e fra quegli fui 
ancor io un tempo, e de' famigliarissimi. 

Viemmene a mente un'altra, ch'egli pur us6, come 
quel che si dilettava molto di simili ingegnose imprese ; 
e se la mise alia guerra di Verona, la qual citt^ fu 
francamente difesa dalla virtd sua contra Timpetuosa 
forza di due campi, francese e veneziano. Figur6 dun- 
que una veste in mezzo il fuoco, la quale non ardeva. 



32 OlALOGO 

come quel che voleva, ch'eMa s'iotendesse fatu di quel 
iino dMndia, chiamato da Plinio a^estino, la natura 
del quale 6 , nettarst dalle macchie , e non consumarsi 
nel fuoco, ed aveva questo motto: skmper pkevigai. 
Quasi yolesse dire, cb'egli sarebbe stato costantissimo 
contra dgni forza di guerra de' nemici. 

Imit6 felicemente la prontezza deiriugegno del signor 
Marcantooio, 11 signor Muzio Colonna, cbe fu nipote 
del signor Fabrizio, il quale fu vaioroso e prudente ca- 
valiero, e merit6 d'aver la compagnia di cento ktnce, 
da papa Giulio li , e poi da papa Leone X , nei saioni 
e bandiere della qual compagnia fece fare una assal 
proporzionata impresa, cio6 una mano cbe abbru- 
ciaya nel fuoco d'un altare da sacrificio, e col motto; 
FoaTu FACRRs BT PATi ROMANUM EST : alludcndo al 8U0 
nome proprio, a similitudine di queir antico Muzio, cbe 
di segno indamo d'ammazzar Porsena re di Toscana, il 
quale volse cbe la mano cbe errd ne portasse la pena, 
ii cbe fu di tanta meravlglia, cbe come dice il poeta, 
Hanc spectare manum Porsena non potuit, Fu Tinvenzione 
di messer Otamira , uomo ietterato e servitore antico 
di casa Golonna. 

I signori Colonne^i ne portarono una , la quale ser- 
viva universalmente per tutto il ceppo, fatta in quello 
esterminio di papa Alessandro contra i Baroni romani, 
perch^ furono costretti tutti col cardinale Giovanni fug- 
girsi di Roma, e ricoverarono parte nel regno di Napoii, 
e parte in Sicilia; nel qual caso, parve cbe prendes- 
sero miglior partito, cbe non avevano fatto i signori 
Ursini, avendoeglino eletto di voler piuttosto perder la 
roba e lo Stato, cbe commetter la vita airarbitrio di 
sanguinosissimi tiranni. II ch^ non seppero far gli Ursini, 
i quali perci6 ne restarono disfatti, e miserabilmente 
strozzati. L'impresa fu, che essi volevano dire che an- 
cor cbe la fortuna gli perseguitasse e gli sbattesse, essi 
per6 restavano ancor vivi, e con speranza, cbe passata 
I'asprezza della burrasca, s'avessero a rilevare. Fu, dico, 
I I'impresa alquanti giuncbi in mezzo d'una palude tur- 



DSLL^UfPIIKSE. 33 

bata da venti, la natura de' quali ^ di piegarsi, ma non 
gi^ di romperei per V impeto dell' onde o de' venti. Era 
il motto: Flectimur non FaANGiiiUR undis. 

DoM. lo giudico, monsignore, che quest' invenzione^ e 
fosse di cbi si volesse, sia bellissima, e compita d'a- 
nima e di corpo. 

Gio. Ed io credo, anzi tengo per fermo, ch'ella uscisse 
dair ingegno di raesser lacopo Sannazzaro, poeta chia- 
rlssimo, e molto favorito del re Federico, dal quale fu- 
rono raceolti e stipendiati i Colonnesi, e dopo che esso 
re fa cacciato, s'accostarono al gran capilano. 

DoM. Poicli6 avete narrate V Imprese de* signorl ro- 
mani, mi parrebbe conveniente cbe voi narraste ancora 
1' imprese degii altri principi e capitanl d'ltalia, ed anco 
de' forestieri, se ve ne sovviene. 

Gio. Udite prima quella che port6 il signor Bartolo- 
meo Alviano, valoroso e vigilante, bencb^ poco felloe 
capitano : egli fu gran difensore della fazione ursina , 
difese valorosamente Bracciano contra la forza di papa 
Alessandro, e prese Viterbo, rovinando la parte Gatle* 
sea, in fay ore de' Maganzesi , dicendo che quegli erano 
ii pestifero veleno di quella citt^. Ed essendo stato 
morto il capo loro Giovan Gat to, fece fare per impresa 
nello stendardo suo I'animale chiamato Tunicorno, 
la proprieta del quale 6 contraria ad ogni veleno, fl- 
gurando una fontana circondata d'aspid^ botte ed altri 
serpenti , che vi fossero venuti a here , e V unicorno 
prima che vi bevesse vi cacciasse dentro il cor no per 
purgarla dal veleno, mescolandola, come 6 di* sua na- 
tura, ed aveva un motto al coUo: vbnbna pkllo. II 
detto stendardo si perd^ nella giornata di Vicenza, 
avendolo difeso un pezzo dalla furia de'nemici Marcan- 
tonio da Monte, Veronese, che lo tenne abbracciato, n^. 
mai lo lasci6 fin che non radde morto. 

Metter6 mano ora a quelli che hanno avanzato gli 

altri di fama e di gloria, fra i quali istimo il primo 

Francesco di Gonzaga, signor di Mantova, 11 quale 

tiusci famosissimo per la giornata del Taro e p(>r la 

Giovio, 3 



34 DULOOO 

vittoria della conquista del reame di Napoli per il re 
Ferrandino; essendo stato il detto marches e dt Man- 
tova calunniato appresso il senato veneziano, del quale 
egli era capitaao generale, da alcuni m align i ed invi- 
diosi, poich^ si fu chiarissimamente giustiiicato e pur- 
gato, us6 per impresa, come cosa che moito quadrava 
a suo proposilo, un cruciuolo al fuoco pieno di verghe 
d'oro, nel qual vaso si fa certa prova della finezza sua, 
con un l)el motto di sopra, tratto dalla Sacra Scrittura : 
pROBASTi MR DOMiNs, ET cooNOvisTi, voleudo intend ere 
ancora la segaente parola, cio^: sessionem meam, per- 
ch^ quel calunniatori avevano detto che il marchese 
in quella giornata aveva voluto sedere sopra due selle, 
cio6 servire i signori Yeneziani col flero combattere , 
e il signor Lodovico Sforza , suo cognato , col tempo - 
reggiar dopo la giornata, lasciando di seguitar i Fran- 
ces! mezzi rotti , nel qual caso esso non ebbe coipa , 
perch^ fu tutta del conte Gaiazzo, che si volse far 
grato alia casa di Francia, sapendo di non fame di- 
spiacere al duca Lodovico , che non desiderava veder 
totalmente vincitori i signori Yeneziani, acciocch^ di- 
sfatti i Francesi, vittoriosi non andassero per occupare 
lo stato di Milano, da lor desiderato flno al tempo del 
padre e del duca Filippo. 

Fra i chiarissimi capitani fu senza controversia di 
somma perizia e d'estrema riputazione il signor Gio- 
vanni Giacopo Trivulzio , il quale dapprincipio , come 
nemico del duca Lodovico Sforza, veggendolo incam- 
minato a occupar il ducato, ch'era legittimamente del 
nipote, si parti sdegnato, non potendo sodrire i modi 
d'esso signor Lodovico, ed accostossi col re d'Aragona, 
il quale allora s'era scope rto nemico dello Sforza, per 
la medesima cagione. £ vol^ndo inferire, che nel go- 
verno della patria sua, egli non era per cedere un 
punto a esso signor Lodovico , pcrtd per impresa un 
quadretto di marmo, con uno slil di ferro piantato in 
mezzo, opposto al sole, che era antica insegna di casa 
Trivulzia, con un motto: non cbdit umbra sou. Poi- 



chd girando il sole quanto si vuole, sempre quello stile 
rende la sua ombra. 

Alfonso duca di Ferrara , capitano di risoluta pro- 
dezza e mirabil costanza, quand' egli and6 alia batta- 
glia di Ravenna , port6 una palla di metallo plena di 
fuoco artiflciale , che svampava per eerie commissure, 
ed 6 di tale artiflcio che a luogo e tempo il fuoco 
terminato rompendosi farebbe gran fracasso di quegli 
che gli fossero incohtro, ma gli mancava 11 motto , il 
quale gli fu poi aggiunto dal famoso Ariosto, e fu : logo 
BT TEMPORE ; 6 fu poi conveitlto in lingua francese , 
per pia bellezza, dicendo : a lieu bt temps. MostroUo 
in quella giomata sanguinosa , pcrchd drizz6 di tal 
sorte rartiglicria che fece grandissima strage d'uomini. 

II duca dUrbino, poich^ per la morte di papa Leone, 
rlcaper6 il suo stato, essendosi insieme co* signori Ba- 
glioni riconcillato e collegato con Giulio cardinal de^e- 
dici, che governava allora lo stato di Fiorenza, fu con- 
dotto da quella repubblica per generale, ed avendomi 
M. Tommaso de' Manfred! , suo ambasciatore , ricercato 
chMo troyassi unMmpresa per lo stendardo e per le 
bandiere de'trombettl del duca, io gli feci una palma 
che aveva la clma plegata verso terra, per un gran 
peso di marmo che v'era attaccato, volendo esprimere 
quel che dice Plinio della palma, che il legno suo ^ 
di tal natura che ritorna al suo essere , ancorch^ sia 
depresso da qualslvoglia peso, vincendolo in spazio di 
tempo con Fitirarlo ad alto, col motto che diceva: in- 
CLiNATA RESURGiT, alludcudo alia virtti del duca , la 
quale non aveva potuto opprimere la furia della for- 
tuna contraria, bench6 per alcun tempo fosse abbas- 
sata. Placque molto a sua Eccellenza questa impresa , 
ed ordin6 che si facesse lo stendardo, ancorch^ per 
degna occorrenza non venisse a prendere il bastone 
del generale. 

DoM. Piacemi molto che siate entrato a narrar Tim* 
prese ch'avete fatto di vostro ingegno, sapendo che ce 
ne sono molte a'diversi signori, come ho veduto net 
Museo. 



36 DIALOGO 

Gio. Gertamente io n* ho fatte pareccbie a' miei giorni, 
ma mi vergogno a narrarrele tutte, perchft ce ne sono 
alcune ch^hanno i difetti che sogliono avere le cose 
umane,«attesoch6 come ho par detto da prmcipio , ii 
formar dell'imprese 6 quasi come una ventura d'uu 
capriccioso cervelio, e non 6 ia nostra maao col lango 
pensare trovar cosa degna del concetto e del padrone 
che ia vuoi portare , ed anco deir autore che la com- 
pone. Perch^ vi mette deli'onore, quando per aitro 
6 stimato ietteratp. Ed in effetto , aitro ^ il ben dire 
in narrare an concetto , ed aitro 6 esprimerlo con anima 
e corpo, che abbia del buono e niente delio sciocco. 
Ed a me, che n*ho fatte tante per altri, volendo tro- 
var an corpo di soggetto in corrispondenza deiranima 
del motto, ii qaale porto io , che ^ : fato pauD£NTiA 
MINOR, 6 intervenuto qael che awiene ai calzoiari , 1 
quali portano le scarpe rotte e sgarbate, facendole 
nuove a posta alia forma del pi6 d' altri. Perciocchd 
non ho potato mai trovar soggetto di cosa alcuna che 
mi soddisfaccia, come intervenne ancora a M. Glasone 
del Maino, come ho detto di sopra. Ma prima ch' io vi 
dica le mie, per modestia narrer6 par qaeile degli 
altri, acciocch^ le mie gli facciano baon paragone. 

DoM. Gaardate, par, monsignore, che forse non ne 
smacchiate qaalcana che vi paia zoppa. 

Gio. Certo no, perchd io non voglio ricordarmi se 
non delle belle , attesochd si 6 detto assai delle ridi- 
cole, e per continaare 11 proposito , dico che qaella 
del signer Ottaviano Fregoso alia gaerra di Bologna e 
di Modena , fa repatata ingegnosissima, ma alqaanto 
strava(;ante per la pittura, perch6 port6 ana gran fihsa 
delia lettera 0, negra in campo d'oro , nel lembo del- 
i'estremit^ delle barde, le qaali iettere per abbaco si- 
gniflcano nalla ; e qaando hanno ana lettera di namero 
avanti, (anno ana moltitadine qaasi infinita ; verbigra- 
zia facendovi an jota, signiflcher^ milioni di milioni. 
Era an breve di sopra ai lembo, che Io girava tatto, 
dicendo: hog pbr ss nihil est, sbd si mNacnif addidb- 



DBIX'mPRKSB. 37 

BIS MAxnfDM FiBT, signiflcando , che con ogni poco 
d'aiuto avrebbe ricuperato lo stato di Genova, il quale 
fu gi^ del signor Pietro suo padre, e vi fu ammazzato 
combattendo, essendo esso signor Ottaviano, come fuoru- 
scito, quasi niente appoggiato al duca d'Urbino, ma 
in assai espettazione d'esser rimesso in casa, come fu 
poi da papa Leone. £ ben vero che il motto d sover- 
chiamente lungo, ma la natura deir argutissimo sog- 
getto lo comporta molto bene. 

II signor Girolamo Adomo , il quale prendendo Ge- 
nova col braccio de' Cesariani, cacci6 il detto signor Ot- 
tavio Fregoso, per aver egll ceduto al ducato , facen- 
dosi egli francese, col nome di govematore, fu giovane 
di gran virta, e perci6 d'incomparabile espettazione, 
ma la morte gli ebbe i nvidia troppo presto. Esso, come 
giovane^ arditamente innamorato d'una gentildonna di 
beliezza e pudicizia rara, la quale lo conosceva, ed an- 
cor Vive, mi richiese ch'io gli facessi unMmpresa di 
questo tenore , che pensava e teneva per certo che 
I'acquisto dell'amor di costei avesse ad essere la con- 
tentezza e principio della felicity sua, o che non Tacqui- 
stando fosse per metter fine ai travagli che aveva sop- 
portati per I'addietro, si dl questo amore, come nel- 
I'imprese di guerra e prigionia, con affrettargli la morte ; 
il che udendo , mi sovvenne quello che scrive Giulio 
Obsequente De prodigiis, cio6 che il fulmine ha que- 
sta natura, che venemlo dopo i travagli e le disgrazie 
ci mette fine, e se viene nella buona fortuna , porta 
danni, rovine e morte. E cosi fu dipinto il fulmine di 
Giove in quel modo che si vede nelle medaglie anti- 
che, e con un breve intomo: bxpiabit aut obrubt. 
Piacquegli molto Timpresa, e fu lodata dal dottissimo 
M. Andrea Navagero, dlsegnata a colori dal chiarissimo 
M. Tiziano, e fatta di bellissimo ricamo ed intaglio del- 
I'eocellente Agnolo da Modena, ricamator veneziano , 
poco avanti che il detto signor Girolamo , per adem- 
pire Tultima parte del motto> passasse aU'altra vita in 
yenezia> ove risedea per ambasciator cesareo. 



38 DIALOOO 

Ma poich6 siamo entrati in menzione de' sigaori Ge- 
novesi, ve ne voglio nominar tre assai belle, ch'io feci 
a richiesta di .due signori della Flisca, Sinibaldo ed Ot- 
tobuono, ai quali fui moUo famigliare e grato; essi mi 
dimandarono ua'impresa cbe signiflcasse la vendetta 
da lor fatta della morte del conte Girolamo lor fra- 
tcllo , crudelmente ammazzato da' Fregosi per emula- 
zione dello stato ; e fa tale , che ne restarono spenti 
della vita i percussori, Zaccaria Fregoso, il signer Fre- 
gosino, ed 1 signori Lodovico e Guido. Laonde si rae- 
consolarono della perdita del fratello; dicendo ctie i 
nemici non si potevano vantare d'aver usato contro 
lui tanta crudelt^ : non essendo solito tra' Fregosi , 
Adorni e Fliscbi, insanguinarsi le mani del sangue dei 
contrari, ma solamente esser lecito di contendere del 
principato tra loro civilmente, ovvero a guerra aperu. 
lo feci lor dunque on eletante assaltato da un dragone, 
il quale attorcendosi alle gambe del nemico, suol met- 
tere il morso del veleno al ventre dell'elefante, per la 
qual ferita velenosa si muore; ma egli per natara co- 
noscendo il pericolo, gira tanto intomo che trova qual- 
che sasso o ceppo d'albero , dove appoggiatosi, tanto 
frega, che straccia ed ammazza il detto dragone. L'im- 
presa ha bella vista, per la variety di due animali ; ed 
il motto la fo chiarissima, dicendo in spagnuolo: no 
OS ALABBRBis : volcudo dire ai Fregosi , vol non avete 
a vantarvi d'aver commesso tanta empietdr nel sangue 
nostro. 

lo ne trovai un' altra ai medesimi signori Flischi so- 
pra questo proposito , che trattando essi d'accostarsi 
Hlle parti cesaree, e conglungersi coi signori Adorni 
dei quali sono molto affezionati, e i partigiani servidori, 
davan loro per avviso che non avessero fretta a ri- 
solversi a far questo, perchd le forze del re di Francia 
erano grandi. 11 signor Ottaviano Fregoso, con le spalle 
della parte, aveva molto ben fermato il piede nel go- 
verno ; era per difendersi gagliardamente, se gli move- 

vano guerra \u quegli ^rticoli di tempo. Al elie essi 



dbll'imprbsb. 39 

signori Fliscbi rispondevano che sapevauo molto bene 
il come e il quando di far simil cosa ; e cost sopra 
questa materia, mi dimandarono unlmpresa. Per il che 
subito mi ricordai di quel che scrive Plinio degli uc- 
celli chiamati alcionl, i quali per istinto natorale aspet- 
tano il solstizio del verno, come opportuno a loro , e 
sanno quando deve venir quella tranquilliU di mare , 
che snol venire ogni anno, e volgarmente d detta la 
state di S. Martino, nella quale stagione i predetti al- 
cioni ardiscono di far il nido , far I'uova , covarle ed 
averne flgliuoii a riva il mare, per il felice spazio con- 
cessit loro dalla detta bonaccia : laonde avviene che 
i giomi di tanta caima son chiamati alcionii. Feci dun- 
que dipingere una sereniUk di cielo e tranquillity di 
mare, con un nido in mezzo rilevato da prora e da 
poppa, con le teste di questi due uccelli prominent! da 
prora, essendo eglino di mirabil colore, azzurri, rossi, 
bianchi , verdi e gialli , con un motto sopra loro in 
lingua francese : nous savons bien lb tbmps : ciod, noi 
sappiamo bene il tempo di quando abbiamo a fare Tim- 
presa coniro gli avversari nostri. E cosl riusci loro 
felicemente lo rientrar in casa, e il vendicarsi de'ne- 
mici, con buono augurio degli uccelli alcioni. Vedevasi 
questa vaghissima impresa dipinta in molti luoghi del 
lor superbo palazzo di Viola , innanzi che per decreto 
pubblico fosse rovinato. 

Ne feci ancora un'altra , che forse ^ riuscita meglio 
delle sopraddette, al signor Sinibaldo Flisco, in mate- 
ria d'amore, il quale florisce meglio per la pace dopo 
la guerra. Amava questo signore una gentildonna, ed 
ella era incominciata ad entrare in gelosia , veggendo 
che il signor Sinibaldo andava molto intorno, all' usanza 
di Genova, burlando e trattenendosi con varie dame. 
Laonde glielo rinfacclava spesso , dolendosi della sua 
fede, di come poco nelta e leale ; e volendo egli giusti- 
ficarsi presso di lei, mi richiese dun' impresa a que- 
sto proposito. Ed io gli feci il bussolo della calamita, 
ftPP^Sg^Ato sopra una carta da uaTigare, col suo com- 



40 DIALOOO 

passo al legato, e di sopra il bussolo d'azzurro a s telle 
d'oro il ciel sereno, col motto che di.ceva : aspigit unam , 
significando, che sebbene sono molte bellissime stelle 
in cielo, una sola 6 guardata dalla calamita, cio^ fra 
tante, la sola Stella delta tramontana. E cosl si venne 
a giustiflcare con la sua dama , che da lui era amata 
fedelmente; e che quantonque egli andava vagheggiando 
delle altre, non era per effetto, ma per coprire il vero, 
con simulato amore. I/impresa parve anco piii bella 
per la vaga vista, e fu assai lodata da molti, e fra gli 
altri dal dottissimo M. Paolo Pansa suo segretarig. 

DoM. OrsO, monsignore , qui non bisogna governarsl 
con ordine, essendo questa cosa straordinaria ; segaite 
dunque quelle di mano in mano che vi cadono in memo- 
ria, cosi circa I'imprese d'amore, come di guerra, benchd 
Jo giudico meglio, che spediate quelle d'armi, per finir 
poi il ragionamento in dolcezza d'amore. 

Gio. Sovviemmene ana bella, che port6 gi^ il signor 
Giovanni Paolo Baglione, che fu persona di consiglio e 
valor militare , di bella presenza , e di molto cortese 
eloquenza secondo la lingua perugina, ma sopratatto 
molto astuto ; essendo riuscito come tiranno di Peru- 
gia e governatore deU'esercito veneziano, benchd poco 
li valesse esser avveduto e bene assettato nel seggio 
della sua patria : perchd papa Leone , ancorch^ di na^ 
tura clementissimo , provocato da infinite querele ed 
in ispecie da'medesimi capi della casa Bagliona, dato- 
gli salvocondotto d'andar a Roma, gli tagll6 la testa; 
e cosl venne vota e vanissima la sua impresa, la quale 
era un grifone d'argento in carapo rosso, e col motto: 

UNOOIBUS KT ROSTRO ATQUK ALIS ARMATUS IN HOSTBM; 

onde argutamente disse il signor Gentile Baglione : que- 
st'uccellaccio non ha avuto Tali per fuggire, come Tal- 
tre volte, la trappola che gli era stata tesa. 

Ricordomi d'una ch'io feci a Girolamo Mattel romano, 
capitan de' cavalli della guardia di papa Clemente, che 
fu uomo di risoluto ed alto pensiero ed animo delibe- 
rato, avendo con gran pazienza, perseveranza e dis9i* 



DBLL^IMPABSB. 4i 

muiaiione aspettato il tempo per ammazzare, come fece, 
Girolamo, nipote del cardinal della Valle, ad effetto di 
vendicar la morte di Palnzzo, suo fratello, che dal 
detto Girolamo fu crudelmente ammazzato, per cagione 
d'an litigio civile. Avendomi dunqne egli, per tornar 
aH'impresa, pregato ch'io gliene trovassi una signifl- 
cante che on valoroso cuore ha forza di smaltire ogni 
grave inginr^ col tempo, volendoregli porre sulla ban- 
diera, gli flgurai ono strozzo che inghiottiva nn chiodo 
di ferro, col motto: spiritus durissima coourr. Fa si 
lodata qnella sua notabil vendetta, che i nemici della 
Valle acc^ttarono la pace, per cancellar la briga tra le 
due easate, ed il papa Clemente gli perdon6 Tomicidio, 
6 lo fece capitano. 

Lo struzzo mi servi ancora per la diversity di sua 
natura, e per diverso effetto, a un'impresa, la qual io 
feci gi^ al mio signor marchese del Vasto , in quel 
tempo che il papa e Timperatore abboccati in Bologna 
ordinarono le cose d'ltalia; e si fece capitano della 
lega per difensione di tutti gli stati e conservazione 
della pace il signor Antonio da Leva, 11 qual grado pa- 
reva che appartenesse pifi al signor marchese per al- 
cune ragioni che al signor Antonio; ma papa Cle- 
mente offeso per U danni ricevuti negll alloggiamenti 
delle fanterie spagnuole nel piacentino e parmegiano, 
dove vivendo i soldatl a discrezione, nd rimediando il 
marchese alia troppa licenza militare, avevano misera- 
bilmente saccheggiato quasi tutto il paese, si volse ven« 
dicar con posporlo. Perch^ egli sdegnato si rammaric6 
molto di sua santit^ in questo modo : lo mi potrei pen- 
tire di non essere intervenuto al sacco di Roma, quando 
mi partii e abbandonai le genti, riflutando quel capi- 
tanato come buon italiano, per non esser presente al- 
ringiurie e danni che si preparavano al papa. E con- 
solandolo io, mi rlspose: S'io non sono stato aiutato 
a montar in alto per la bont^ mia , almen restando 
capo generale di questa invitta fanterla, non mi si po- 
tr^ ^rre che nelle f^zioni della guerra Aessun m'a- 



i% DIAI.0GO 

vanzi. £ perci6 m'astriDse a trovargli ua'impresa acco- 
modata a questo suo pensiero. Parvemi molto a pro- 
posito ano struzzo messo in corso , che , come dice 
Plioio, suol correndo farsi vela con Tali, per avan- 
zar ogni animale nel corso, poich6 avendogli la natura 
dato le penne, non si pu6 alzar a volo come gli altri uc- 
celli, e cos) glielo died! con questo motto: si subsum 

NON EFFEROR ALIS, CURSU SALTEM PRiBTERVEUOR OMNES ; 

e fu tanto pid grata, perchd aveva bellissima vista nel 
ricamo, ch'era di rlUevo nella sopravvesle e barde. 

II medesimo uccello diedi anche proporzionatamente 
per impresa al signor conte Pietro Navarro, quando, 
per la capitolazione della pace, fu liberato dalla pri- 
gione di Castelnuovo , e venne a Roma , che allora 
presi seco stretta famigliarit^ per I'informazioni ch* io 
desiderava da lui in servizio deiristoria da scriversi 
per me. Nel che mi soddisfece molto cortesemente, es- 
sendo egli bramoso di gloria; ed avendomi egli contaia 
tutte le vittorie e le disgrazie sue, mi richiese poi d'una 
impresa sopra certi soggetti, che in ettetto noh mi pia- 
cevano molto; ond'io gli replicai: A me par, signore, 
che non dobbiate uscir del proprio per cercar i'appel- 
lativo, perch^ avendovi io fatto glorioso inventore di 
quel mirabile e stupeudo artiflzio delle mine nell'isto- 
rie mie, che vi faranno immortale, in quel luogo dove 
miracolosamente faceste volare per I'aria il castel del- 
r6vo a Napoli, non vorrei che vi partiste da questo^ 
come da cosa che v' ha portato estremo onore e pe- 
culiar rlputazione. Onde egli confessando esser vero , 
tornd a dirmi : guardate voi se in esso trovaste alcun 
proposito , ch* io ne saro contento. Io , perchd alcuni 
scrivono che Io struzzo non cova le sue ova , seden- 
dovi sopra come gli altri uccelli, ma guardandoli con 
raggi efficacissimi del lume degli occhi, flgurai Io struzzo 
. maschio e la femmina , che miravano flssamente I'ova 
loro, uscendo lor dagli occhi raggi sopra le dette ova, 
e il motto era questo : diversa ah alus virtutr va- 
UMUS, esprimendo la sua unicalodee perizia deiria- 



DELL'mPBSSK. 43 

venzione di quel macchinamenti sotterranei, che con 
la violenza del fuoco sono agguagliati all'effetto deile 
furie inferaali. Piacque assaissimo Timpresa al conte 
Pietro, ed accettoUa. 

DoM. Certamente , monsignore , qaesti vostri struzzi 
con la loro proprieU mi par che abbiano servito a 
pennello in queste tre diversissiibe imprese, e non son 
certo se potrete migliorare in quell'aUre che vi restano 
a dire ; fate voi ; ei sar^ possibile che smacchiate Taltre 
che conterete fatte da altri belli ingegni. 

Gio. lo non sono si arrogante, che mi presuma , n^ 
in quesU>> n6 in altro, di far si bene da potere avan- 
zare, ma neanche agguagliare i'invenzioni degli altri 
ingegni, come fu qaella che port6 gi& il gran mar- 
chese di Pescara, la prima volta ch'egli fa capitano ge- 
nerale di tatti i cavalli ieggieri, la quale fa ben veduta 
da' nemici nel fatto d'arroe di R'wenna, nel qaale esso 
marchese per difendere la bandiera sua fu gravemente fe- 
rito, e poi, trovato fra morti, fatto prigione dai Francesi. 

DoM. Dite, monsignore, che portava egU nella ban- 
diera e sopravvesta? 

Gio. Un targone spartano col motto : aut cum hog , 
AUT IN Hoc^ quale la magnanima donna porse al fl- 
gliuolo , che andava alia battaglia di Mantinea , vo- j 
lendo intendere, che il flgliuolo si deliberasse di com- ^ 
battere si valorosamente , che riportasse vittoria , o 1 
morendo come generoso e deg.iO del nome spartano , \ 
fosse riportato morto nel targone a casa, come era an- ' 
cora antica usanza de'Greci, notata eziandio da Virgilio : ] 

Jmpositum scuto referunt Pallanta frequentes \ 

il che anche si comprende dalle parole di quel famoso 
Epaminonda tebano, che essendo stato nella batta- 
glia ferito a morte e riportato da' suoi soldati, domand6 
con grande istanza se il suo scndo era salvo, ed es- 
sendogli risposto di si, morendo dimostr6 segno d'alle- 
grezza. Fa la detta in venzione de^l nobile poeta M. Pie-' 
tro Gra^ina. 



44 DLALOGO 

Si SOD dilettati roolto di questo imprese militaii ed 
amorose i capitani francesi, fra'qnali 6 stato fra i piCi 
segnalati , e .-che abbiano meritato titolo di generale, 
monslgnore della Tramoglia, che yittorioso nella gior- 
nata di sant' Albino di Brettagna , dove rest6 prlgione 
il duca d'Orliens, che fa poi re Lodovico, us6 per Im- 
presa una raota con qucsto motto: sans point sortir 
DB l'ornibrb^ per significar ch' egli camminava per cam- 
min dritto.nel servir il suo re senza lasciarsi deviare 
da alcuD interesse. E fn capitano d'estrema autorit^, il 
qaal vecchio di anni settanta, combattendo, mori ono- 
ratamente nel cospettodel suo re, quando fa soperato 
e preso nella giomata di Pavia. 

Fa ancora de' primi capitani che venissero in Italia, 
nobilissimo e bellissimo, Luigi di Luzimburg, della stirpe 
deirimperatore Arrigo, il quale mori a Buonconvento. 
E n'avete vista la sepoltura nel duomo di Pisa. Fu co- 
stui cbiamato monsignore de Ligni , quello a cui s' ar- 
rese il duca Lodovico Sforza, quando fu tradito dagli 
Svizzeri a Novara, aspettando da lui e per intercession 
sua qualche alleggerimento della calamity. Egli (per tor- 
nare) ebbe per impresa un Sol d' oro in campo di vel- 
luto azzurro, ch'era circondato da folte nuvole, col 
motto di sopra : obstantu nxtbila solvbt : inferendo che 
avendo egli avuto molte avversit^ dappoich6 fu tagliata 
la testa a suo padre^ gran contestabile di Francia , spe- 
rava col valor suo, ad uso del sole, che con la virtti 
del caldo dissolve le nuvole , vincere ogni contrario 
alia sua virtti , nd per6 ebbe tempo di farlo , perchd 
mori troppo tosto. 

Successe a questi govematori in Lombardia Carlo 
d'Ambaosa, cbiamato per le dignity dell' officio della 
corte reale, gran maestro e signore di Chaumont. Egli 
fu di dolce natura, e molto dedito agli amori ; ancorch^ 
in viso dimostrasse d'esser rubesto, e con parole col- 
leriche paresse fiero e brusco, pure si dimentlcava 
molto con le donne dilettandosi di feste, banchetti, daoze, 
e commedie , la qual vita non fu molto lodata dal re 



DKLL'niPBBSB. iH 

LodoTico, percbd si troy6 moUo occapato In dimili pia- 
ceri, in tempo che doveva soccorrere la Mirandola, op- 
pognata e presa da papa Giulio. Portava il detto cava- 
liere un'impresa d'un uomo salvatico con una mazza 
verde in mano, la quale si vedeva ricamata ne'saioni 
della sua compagnia, e di sopra era un breve con un 
verso latino : mitem animum agrbsti sub tbgminb sbrvo ; 
volendo signiflcare, per assicurare e conciiiarsi le dame, 
cbe non era cost brusco come pareva. 

Parve la sopraddetta invenzione a molti bella, ed una 
ne port6 a mio giudizio belli ssima Giovan Francesco 
Sanseverino , conte di Gaiazzo, 11 quale per emulaxione 
di suo fratello Galeazzo> nella passata de'francesi in 
Italia, si parti dal duca Lodovico, ed accostossi con 
detti francesi , con qualcbe carico deir onor suo , per- 
ciocch^ tal partenza fu molto sospetta. Yedevasi Tim- 
presa ricamata ne' saioni delle cento lance, ch'egli aveva 
ottenute dal re, e ci6 era un travaglio che usano 1 mare- 
scalcbi per ferrar cavalli bizzarri e calcitrosi, con que- 
8to motto francese : pour domptbr folib : per dinotare , 
che domerebbe alcun suo nemico, di cosi fatta natura. 

Fu eziandio presso i francesi di nota virta e famoso 
capitano Eberard Stuardo, nato del sangue reale di Sco'^ 
zla, chiamato monsignor d'Obegnl. Usava questo signore, 
come parente del re -Jacob lY, un leone rampante, rosso, 
in campo d'argento^ con molte flbbie seminate ne'rica- 
mi de' saioni e sopravveste , e dipinte negli stendardi col 
motto latino; distantia iungit, significando ch'egli era 
il mezzo da tenere uniti il re di Scozia ed il re di Fran- 
cia, per far giusto contrappeso alle forze del re d'ln- 
ghilterra, nemico naturale de'francesi e scozzesi. 

Doii. Parmi, monslgnore, che voi torniate ai nostri ita- 
liani , almeno a quelli, come si dice, della seconda bus- 
sola , poich^ avete nominati da principio quel grandi , 
alia gloria de' quail oggidi pochi possono presumere di 
poter arrivare, parendomi che i stgnori Golonnesi ed 
Ursini non abbiano piti a quest! giorni del loro ceppo 
Chi canmiini per le lor pedate nell'esercizio dell' arte mi- 



a DtALOQO 

litare, e blsogiier^ ben che sudino qnei principl che tot- 
ranno agguagliarsi alia fama di Francesco Gonzaga^ d*AI> 
fonso da Este, di Gio. Giacopo Trivulzio, e del signori 
regnicoli, de'quali altre volte uscirono famosi capitani, 
mi pare che vadano declinando, perch^ gli onori e k 
digniu che si danno della milizia^ gi^ molti anni, soao 
poste in mano a gente forestiera. E se il signer Fer- 
rante Sanseverino, principe di Salerno, ornato di molte 
virtti, non suscita V onor del regno, poco veggo da po- 
tere sperare negli altri principi. 

Gio. Vol dite 11 vero, messer Lodovico mio, e ben lo 
mostr6 egli nella gionuta di Ceresola, perchd essendo 
chiaro, cbe^ con la prudenza sua ritirandosi onestissima- 
mente, fece in gran parte vana la vittoria francese, si 
pu6 dire che conservasse lo stato di Milano e del Pie- 
monte alia maest^ Cesarea, che non fu poca lode in tante 
disgrazie. 

DoM. Ditemiy monsignore; porta questo principe al- 
cnn'impresa; parmi quasi che non gli debba mancare, 
essendo ancora per altro galantissimo cavaliere. 

Gio. Non veramenle, oh* io sappia, perchft certo la di- 
pingeremmo, come onoratamente I'ho diplnto nell'isto- 
rie , al detto luogo della Ceresola. Ma io non ho mai 
veduto sua bandiera, n^ impresa amorosa che abbia; 
di che mi meraviglio avendo in casa il facondo poeta 
messer Bernardo Tasso. £: ancora nel regno il signor duca 
d'Amalfl, di casa Piccolomini, gentile ed ardito cavaliere, 
e sopra tutto ottimo cavalcatore, e conoscitore de' ca- 
valli aspri e coraggiosi. Egli esortato in mia presenza 
dal signor marchese del Vasto suo cognato a levarsi dalle 
delizie di Siena, essendo egli allora governatore di quella 
repubblica, ed a girsene seco alia guerra del Piemoate , 
gli rispose, che lo spirto era pronto e la came non 
inferma, ma che poteva dire quella parola delVevan- 
gelio : Nemo nos conduxit, Allora 11 signor marchese Io 
fece generale di tutti i cavalli leggieri nella guerra del 
Piemonte , dove il duca, irtnanzi che partisse , mi do- 
mand6 un' impresa per lo stendardo; e per avergli 



DBLt'ntPRBSB. 47 

detto SI marchese, che ire cose convenirano a tal ca- 
pitano, ciod ardire , liberalita e vigilanza, risposMo: 
non gli ricordate signore n6 la liberality, n6 Tardire, 
avendo Tuno e Taltro imparato da voi, n6 anche la 
vigilanza, perch^ egli ha da natara di levarsi tostQ dal 
luogo ove dorme (sopra che si rise un poco), ma la 
yigilaoza che voglio dir io, comprende ogni cura che 
si prende per non esser colto airimprovviso, e per 
peter coglier altri. Feclgli dunqne per Impresa una grii, 
da mettere nello stendardo, col pi^ manco alza to, con 
un ciottolo fra Tunghie, rimedio contra il sonno, come 
scrive Plinio di questi uccelli mararigliosamente av- 
▼eduti, e col breve intorno che dice : oppicium natura 

DOCET. 

DoM. Ditemi, monsignore, fra gli altri signori regnicoli 
pid antichi di questo, non ce ne fu alcuno che portasse 
qualche bella impresa? 

Gio. Ce ne sono stati certo, ma io non mi ricordo se 
non di due, I'una d*Andrea di Capua duca di Termoli, 
che fu d'eslremo valor militare, e Taltra di Tommaso 
Caraflfa, conte di Matalone. II duca nel flore deir eU sua, 
essendo stato creato capitano generate di papa Giulio, 
mori a Civita Gastellana, con qualche sospetto di veleno 
che li fu dato forse da chi gli portava invidia di tanlo 
onore. Usava per impresa questo signore un mazzo di 
corsesche da lanciare, volendo dire che non gli man- 
cherebbono armi da lanciare, per non lasciarsi acco- 
stare i nemici. Era il motto: portibus non deerunt. 

II conte di Matalone, che fu generale del re Ferran- 
dino, ebbe per impresa una statera , con questo motto 
tratto dall Evangelio : HOC pac, kt vives. La quale im- 
presa mi parse troppo larga, perch^ la statera importa 
il pesar moUe cose, £ fu motteggiata da monsignore di 
Persi, fratello di monsignore d'Aligre, che rompendo 
il campo Aragonese a Eboli, guadagn6 lo stendardo del 
generale e disse : Par ma foi, que mon ennemi n*a pas faict 
ce qu'il a escrit a I'entour de son Peson, pource que iln'n 
pas bien pete ses forces avec les nUennes, 



its OtALOOO 

£ poichd siamo entrati ne' napoletani^ non mancberd 
di dire , cbe sebbene i principi, quasi degeuerando da 
loro maggioriy non vanno alia guerra, io penso cbe sia 
percb^ non sono lor date le digniU ed i gradi, secondo 
cbe converrebbe, essendo passate le dignita in mano 
de' forestieri ; ma non ci mancano per6 uomini della se- 
conda classe, nobili e valorosi, i quali per yirtCi aspi- 
rano agli onor grandi , fra i qaali di presente 6 il si- 
gnor Gio. Battista Gastaldo, cbiarissimo per mille belle 
e frescbe prove, quando maestro di campo del gran 
Carlo V, avendo acquistato molta laude nellMmprese 
d'Alemagna, s'ba guadagnato onor d'esser luogote- 
nente e capitano generale del re de'Romani neirim- 
presa di Transilvania contra Turcbi e Yalaccbi. Esso 
CastaldOy a quel tempo cbe bolliva la guerra in Pie- 
monte contra i Frances!, non volendosi rltrovare in 
essa, percb6 gli pareva cbe il signor marcbese del Vasto 
avesse distribuito tutti gli onori a persone manco pe- 
rite neirarte militare di lai, come sdegnato stava in 
Ozio a Milano, e diceva cbe il signor marcbese faceva 
cose quasi fuor di natura, e da far maravigliare le 
genti del suo giudizio stravagante , e consolandolo io 
Con Vive ragioni, egli mi disse: fatemi un'impresa sopra 
questo concetto. Ed io feci il monte Etna di Sicilia , 
il quale in cima arde con gittar flamme di (uoco, e 
poco pill basso 6 carico di neve, e non molto di lon- 
tano da essa si vede la vastit^ delle pietre arse, ed al 
basso amenissimo paese coltivato e frugifero , con un 
motto cbe diceva: natura maiora fagit; alludendo alia 
stravaganza del signor marcbese, in compartire gli onori 
del campo, percb^ in ci6 quel dolcissimo signore voleva 
compiacere a molte persone, cbe per vari interessi gli 
potevano comandare, e cosi sforzato, riportava faccia 
di non perfetto giudizio , percb^ si scordava d' un an- 
tico, leale e valoroso servitore, com' era esso signor 
Castaldo. E questo Etna dipinto ba maravigliosa va- 
gbezza, per la variety delle parli sue, siccome avete 
visto in flgura nel nostro Griptoportico, ore sono I'al- 
tre degli anticbi padroni. 



dbll'imprbsb. 49 

DoM. Adunque, monsignore, voi non dovele mancare 
di dirmi quali sono V altre imprese, che avete fatto di- 
pingere nelle case vostre. 

Gio. Evvi frar altre quella dell' eccellentissima e non 

mai abbastanza lodata, la stgnora marchesa di Pescara, 

Vittoria Colonna, alia memoria della quale io tengoin- 

fiaito obbligo, come ho moslrato al mondo con la vita 

defl'invittissimo sao consorte, il signor marchese di 

Pescara. Essa signora, ancora che tenesse vita, secondo la 

vita cristiana, pudica e mortiflcata, e fosse pia, e li- 

berale verso ognuno, non le raancarono per6 invidiosi 

e maligni che le davano molestia, e disturbavano i suoi 

altissimi concetti. Ma si consolava che quel tali, credendo 

nuocere a lei, nocevano a s6 stessi, e fu pid che vero 

per raolte ragioni che ora non accade dire ; il perchd 

io feci certi scogli in mezzo il mar turbato , che gli 

batte con I'onde procellose, con un motto di soprache 

diceva^ conantu frangerb prangunt; quasi volesse 

dire, che gli scogli della sua fermissima virtd ribatte- 

vano indietro le furie del mare, con romperle, e risol- 

versi in schiuma, e tiene quest' impresa vaga vista , e 

per6 r ho fatta accuratamente dipingere nella casa nostra. 

E poich6 siamo entrati nelle donne, ve ne dirO un'al- t 
tra ch'io feci alia elegantissima signora marchesa del * 
Vasto, donna Maria d'Aragona, dicendo essa, che sic- . 
come teneva singolar conto deironor della pudicizia, ; 
non solamente Io voleva conservare con la persona sua, 
ma ancora aver cura che le sue donne, donzelle e ma- 
ritate, per Irascuraggine non Io perdessero. E percl6 te- 
neva una disciplina nella casa , molte proporzionata a 
levare ogni occasione d* uominl e di donne, che potes- 
sero pensare di macchiarsi dell'onore e deH'onestv^. E 
cosi le feci T impresa, che voi avete vista, e lodata nel- j 
Tatrio del museo, la quale impresa 6 due mazzi di mi- j 
glio maturo legato Tun all'altro, con un motto che di- j 
ceva: servari bt servarb meum est; perch6 il miglio 
di natura sua, non solamente conserva s6 stesso da 
corruzione, ma ancora mantiene 1' altre cose che gli 

Giovio. ^ 



50 DIALOGO 

stanno appresso^ cbe non si corrompono, siccome 6 ii 
reubarbaro e la canfora, le quali cose preziose si ten- 
gono alle scatole piene di miglio , alle bottegbe d^ 
speziali, acci6 cb'elle non si guastino. 

DoM. Mi place cbe slate disceso da' capitani sino alie 
donne. II cbe 6 comportablle, poicbd queste due farono 
mogli di due singolari capitani. 

Gio. Da questo mi vengo ricordando d'unabellissima 
gentil donna, amata da Odetto da Foix, cblamato mon- 
signor di Lautrec, la quale gli diceva motteggiando cb'e- 
gli era ben nobile e valente, ma cb' era troppo saperbo, 
com' era forse vero, perch6 essendo egli corleggiato ogni 
mattina da nobilissimi, e riccbissimi signoH feadatari 
dello Stato, non levando la berretta, appena degnava di 
guardargli in viso, il cbe faceva scandalizzare ed am- 
mutinare tutta la nobilta di Milano. La qual cosa fu ca- 
gione cbe pigliasse partito dl portare un'impresa al 
proposito in cambio delta vacca rossa cofi sonagli, come 
antica insegna della casa di Foix. II cbe fu un largo ca- 
mino d'una fornace cbe ardeva, con un gran fuoco 
dentro: per le bocche usciva fuora molta nebbla di 
fumo con un motto cbe diceva: dov'e gran fuogo i 
GRAN FUHo; volcudo Intcndcre e rlspondere alia dama, 
cbe dov'6 gran nobilti e gran valor d*animo, quivi 
ancora nasce gran fumo di superbia. Onde 6 necessario 
cbe i grandi si guardino di far cosa, cbe possa essere 
tassata dalle brigate, come fu quella del signor Teodoro 
Trivulzio, 11 quale avendo lungamente militato co' Frau- 
cesi e con gli Aragonesi nel regno di Napoli, era sti- 
mato prudente e riservato capitano, piA per parlar poco 
ne' consign, cbe per combatter molto nelle fazioni, il 
quale portando per impresa cinque spicbe di grano 
senza piti, e senza motto alcuno, essendo tenuto poco 
liberale verso le sue genti d'arme e di poca cortesia, 
nel trattamento delle paghe, venne taUnente in faslidio 
ai signori Veneziani , de' quali egli era generate , cbe 
pcnsarono di volerlo cambiare al signor Marcaatonio 
Colonna, e diede ancbe materia d'esser burlevolmenie 



dell'impbssb. 



51 



calanniatoa messer Andrea Gritti provveditoredei campo 
dopo il fatto d' arme della Bicocca , il quale disse: que- 
sto Qostro generate va molto malfornito di vettovaglia; 
perch^ non porta provvisione di piu di cinque spiche di gra- 
no. Al cbe rispose messer Viola, che portava il suo guidone, 
ttomo valente e faceto, nobile milanese, dicendo: non 
ve ne maravigliate, signor provveditore, perchd il no- 
stro capitano vive a minuto, e d^ a credenza, e pagasi 
poi a contanti. Ora queste spiche del signor Teodoro 
mi riducono a memoria I'impresa ch'io feci al signor 
marchese del Yasto , quando dopo la morte del si- 
gnore Antonio da Leva fu creato capitano generale di 
Carlo y Imperatore, dicendo egli che appena eran finite 
le fatiche ch'egli aveva durate per esser capitano della 
fanteria, che gli eranata materia di maggior travaglio, 
essendo vero che il generale tiene soverchio peso so- 
pra le spalle. Gli feci dunque in conformity del suo 
pensiero, due covoni di spiche di gran maturo, con un 
motto che girava le barde e fimbrle della sopravvesta, 
e circondava I'impresa nello stendardo: il qual motto 
diceva: finiunt pariter, hbnovantqub laborbs vo- 
lendo io esprimere, che appena era raccolto il grano, che 
nasceva occasion necessaria di seminarlo per un'altra 
messe, e venlva a rinnovare le fatiche degli aratori, e 
tanto pill conviene al soggetto del signor marchese » 
quanto che i manipoli delle spiche del grano , furono 
gi^ gloriosa impresa guadagnata in battaglia di don Ro- 
derico d'Avalos, bisavolo suo, gran contestabile di Ga- 
stiglia; e questa tale invenzione ha bellissima apparenza, 
come Tavete vista in molti luoghi del Museo, e perci6 
la continu6 sempre fino alia sua morte, come niente 
superba e molto conforme alia virtti sua , e de' suoi 
maggiori. 

Ne port6 ancora il predetto signor marchese una bella 
in materia amorosa, che gli fu trovata da messer An- 
tonio Epicuro, letterato uomo neir accademia napolitana, 
la quale fu il tempio di Giunone Lacinia, il quale so- 
stenuto da colonne aveva un altare in mezzo, col fuoco 



Hi DUtOCkO 

r acceso , ctie per nessun vento si spegneva mai, aacor- 

: cM il tempio fosse d'ogn'intorno aperto per gli spazi 

I degrintercolonni. Volendo dire d'una dama sua che 

* ^ lungo tempo egli aveva amata, e dolevasi aliora d*es- 

sere abbandonata da lui, com'ella in ci6 s'lngannava 

e dolevasi a torto di lui, percti^ il fuoco dell* amor sue 

era eterno e inesUnguibile, come quello dell'altare del 

tempio di Giunone Lacinia, e servl per motto Tinscri- 

; ' zione d'esso tempio, che girava per il fregio dell'ar- 

' I chitrave posto sopra le colonne: iunoni lacinls dica- 

' ) TUM. £ quest' impresa ebbe bella presenza, aocorcb^ 

- \ avesse bisogno di qualche letterato, che dichiarasse Ti- 

\ • storia a coloro che non sanno pitl che tanto. 

Fu ancora un poco ampollosa T impresa del signor 
Luigi Gonzaga, chiamato per la bravura Rodomonte : il 
quale il di che Carlo Quinto imperatore fece Teatrata 
in Mantova, port6 una sopravveste di raso turchino, 
fatta a quadretti, i quali alternati a due a due, 1' uno 
mostrava uno scorpione hcamato, e I'altro un breve 
che diceva: qui vivbns l^edit morte medbtur, essendo 
la propriety dello scorpione di medicare U veleno 
quando egli ^ ammazzato, e poslo sopra la piaga; vo- 
lendo che s' intendesse che egli avrebbe ammazzato chi 
presumesse d' offenderlo, rivalendosi del danno dell' of- 
fesa con la morte del nemico. 

Ebbene un'altra il medesimo signor Luigi di Gonzaga, 
che fu molto pid bella, e ci6 fu che essendo egli venuto 
CO' soldati imperiali air assalto di Roma , fra la porta 
Aurelia e la Settimiana , dopo gi^ preso il borgo di 
S. Pietro per 1' ardire de' soldati di quella bandiera, e 
jniserabilmente saccheggiata Roma dai Tedeschi , Spa- 
gnuoli ed Italiani, che aderivano alia parte Cesarea, egli 
diceva che il soldato deve avere per scopo la fama, o 
. buona trista ch'ella si sia, quasi dicendo che la presa 
di Roma e la rovina, ancorch^ fosse abominevole ad 
ogni buon italiano, pensava nondimeno che gli dovesse 
dar fama e riputazlone, e per questo s'invent6 1* im- 
presa del tempio di Diana Efesia, il qus^ essendo ab- 



DBLL^niPIIBSB. f(3 

brnciato da un uomo desideroso di f^ma, n6 curandosi 
ch'ella fosse pessima ed empia, per aver distrutto la 
pill bella cosa del mondo, gli fa fatto da' Greet un di- 
spetto che non si nominasse mai il nome di lui, come 
scelleratissimo ed abominevole; il motto suo diceva: 

^ALTERUTRA GLARESGERB FAMA. II qual mOttO gli fU poi 

messo da me, e fa approvato, e lodato da lai e da al. 
tri, avendone esso posto an altro, che non ci pareva 

COSl vivo, Ci06 : SIVE BONUM, SIVE HALUH, VAWi EST, 

Ne feci ancor io ana, oh'aveva deiraltiero, al signor 
marchese del Vasto, ancorch6 fosse d'onesto proposito, 
perch6 dicendo sua signoria ch'erano moltl nel campo 
sao , i quali per gli circoli e negli alloggiamenti pre- 
suntuosamente dicevano: il signor marchese potrebbe 
fare una grossa incamiciata , o an assalto a an forte , 
o combattere a bandiere spiegate alia prima occasione, 
o espugnare il tal castello , mostrando moito sapere e 
raolto ardire con le parole , e tassando quasi il capi- 
tano per cessante , e ch' egli diceva che questi tali , 
quando instavano i pericoli, e bisognava che mostras- 
sero prodezza e menassero le mani , tacevano e non 
comparlvano al bisogno, quando esso si trovava con la 
spada in mano; per esprimere questo suo concetto io 
dipinsi quell* istrumen to meccanico, il quale ha molti 
martelli ed una ruota, che fa grande strepito, e si mette 
sopra i campanili al tempo delle tenebre ne* giorni santi, 
per dar segno degli uffici sacri in cambio delle campane, 
le quali in quel tempo per comune instituto, a rive- 
renza della morte di Cristo, non suonano, e in luogo 
d'esse supplisce al bisogno Io strepito che fa questo 
tale istrumento, il quale in verita ha una bizzarra pre- 
senza; e il motto suo dice: cum grepitat, soxora si- 
lent, cio6, quando 6 il vero bisogno, e che il sig. mar- 
chese fulminando con Tarmi entra nei pericoli, i bravi 
e le toghe lunghe de' consiglieri cagliano di timore , e 
non rispondono alle bravure fatte a parole. 

Non Iascer6 di ragionarvi dello stendardo del conte 
di SantaAore, oavaliero ardito e generoso, il quale Io 



S4 DIALOGO 

port6 nella battaglia della Servia , e fa tutto seminato 
di mele cotogne, la quale fa V antica arme del sao va- 
lorosissimo capitano Sforza da Cotignola, per linea di- 
ritta arcavolo suo , e tra quesle cologne scorreva un 
breve con queste parole : fragrantia durant, hbrgulba 
COLLSCTA MAND, volcndo signiflcare che le mele colo- 
gne colle da quel valorosissimo capilano durano ancora ' 
gillando buono odore, alludendo ad Ercole, cbe simili 
frulli colse negli orli delle Esperidi. II campo dello 
stendardo era rosso, e le mele d'oro. 

Una bizzarra impresa inalber6gi^, per signiflcare I'a- 
nimo suo, quel valenle capilano borgognone che ser- 
viva i Frances!, chiamalo monsignor de Gruer, fratello 
del famoso Anlonio Basseio, dello Baili de Digeon. Es- 
sendo queslo Gruer innamoralo d'una dama, alquanto > 
rnslica e restia, per avere anco un marilo simile a lei, 
ma sopraluUo avaro ; nel mostrar desiderio dl volergli 
compiacere , gli mellevano laglia di cose difficili ; per 
esprimere, ch'era per far ogni cosa in soddisfazione 
deirappelilo loro, fece fare nella sopravvesle sua, e 
nelle barde di lutli gli uomini d'arme della sua com- 
pagnia, una femmina salvalica pelosissima del luUo, ec- 
cello che nel viso, la quale si lirava dielro per lo naso 
con una corda un bufalo, ed appresso gli veniva un uomo 
pur peloso con un gran basione verde broncolulo in 
mano, signiflcanle il marl to della dama, quasi che sfor- 
zasse il bufalo a camminare,ed il mollo si leggeva: 
MENATKMi B Nox tbmbte; Yolcndo infcrire, che sarebbe 
ito paciflcamenle dove essi avessero volulo, perch^ per 
sua disgrazia si trovava attaccato per lo naso. Faceva' 
quello animalaccio un bel vedere , accompagnato da 
quelle due flguracce, e fu comporlala la forma deiruomo, 
essendo piuUoslo moslruosa che umana. 

Fu un gran signore , noslro padrone , innamoralo 
d'una dama, la quale per propria inconiinenza non si 
contenlava de'favori del nobilissimo amanle^ e prati- 
candole in casa un giovane di nazione plebea, ma per 
allro assai disposlo della persona e non brulto di volto. 



DBLL'UfPRBSB. 55 

sl fattamente di lui s'invagbi, ch'ellai come si dice, 
ne meaava smanie , e per altimo indegQamente lo ri- 
pat6 degno del sao amore. Venne assai tosto la cosa 
all'orecchie di quel sigaore , forse palesandosi per 86 
stessa la donaa per gr iacoasiderati e poco onesti modi 
snoi , di cbe egli estremissimameBte si scandalizx6 , 6 
comandommi (cbe ben comandarmi con ogni sicart^ 
poteva) cb'io gli facessi aa'impresa deU'lnfrascritto te- 
nore: cb'egli veramente si teneva beato, essendo nel 
possesso di cotanto bene, ma accortosi poi d'esser fatto 
compagno di persona si vile , 11 pareva che da un 
sommo bene, fosse ridotto in estrema miseria e dispia- 
cere. lo sopra qnesto soggetto feci dipingergU un carro 
trionfale tirato da quattro cavalli biancbi , e sopra vi 
era un imperator trionfante , con uno scbiavo negro 
dietrogli, cbe sopra il capo gli teneva la laurea airan- 
iica romana, essendo lor costume per ammorzar la su- 
perbia e vanagloria deir imperatore , di mettergli ap- 
presso quello scbiavo. Era di sopra il motto, tolto da 
Giovenale, cio6 : skrvus gurru portatur bodbm , vo- 
lendo dire ; ben cb' io abbia il favore da questa gen- 
tildonna, non mi aggrada per6, essendomi comune con 
si ignobile ed infimo servo. L'impresa ebbe bellissima 
vista in pittura , ed a quel gentilissirao signore gran- 
demente soddisfeci; la feci poi scolpire in una meda- 
glia d'oro, e fu anco tollerata Tetfigie deiruomo da cbi 
ft scrupoloso compositor delFamprese, essendo in abito 
straordinario. 

DoM. Questa certo mi piace, perch6 Tanima del verso 
di Giovenale le di la vita. Ma ditemi , monslgnore , i 
signori cardinali, coi quali avete si lungamente prati- 
cato, soglion eglino portare imprese? 

Gio. Si veramente, quando essi son principi nobili , 
come fu il cardinale Ascanio , il quale avendo messo 
ogni suo sforzo Jn conclave , per far creare papa Fe- 
derico Borgia, che si cbiam6 Alessandro VI, non stette 
motto cbe negll effettl grandi lo trov6 non solo in- 
gratOy ma capital nemico ; perchd, per opera del detto. 



1 



56 DUL060 

e per li perversl disegni suoi, fu scacciato dai Fran- 
ces! il duca Lodovico da Milano, e senza pun to intra- 
lasciare Todio, non rest6 mai di persegnitar casa Sfor- 
zesca, fincbd non furon traditi, spogliati dello Stato, e 
condotti prigioni in Francia. In questo proposito fece 
fare monsignor Ascanio per impresa I'ecUssi del sole , 
il quale si fa per interposisione della luna tra esso e 
)a terra, voiendo intendere , che siccome il sole noo 
risplendeva sopra la terra, per Tinginria ed ingratitu- 
dine della luna, la quale da sd non avendo luce alcuna, 
tutta quella che ba la riceve dal sole, e neireclisse la 
leva al benefattor suo, come ingratissima ; cosl papa 
Alessandro Taveva pagato d'un sommo beneflcio rice- 
vuto con grandissiroa ingratitudine. II motto diceva: 

TOTUM ADIMIT, QUO INGRATA REFULGET. 

DoM. Certo questo papa Alessandro fu un terribile e 
pestifero mostro , quasi per tutta la nobilt^ d'ltalia, si 
come bo visto nella vostra istoria , e mi maraviglio 
manco di tanta ingratitudine verso monsignor Ascanio, 
che fu per un gran tempo I'onor della corte romana, 
avendo alcuni papi successor! a lui seguite le mede- 
sime pedate , il che chiarissimamente appare discor- 
rendo sopra le vite de* pontefici , che son venuti poi. 

Gio. L'inv^nzione fu attribuita a M. Bartolomeo Sa- 
Mceto, nipote del chiarissimo iurisconsulto bolognese, 
ch'era ambasciatore del detto cardinale appresso i) 
duca Lodovico. Us6 il detto monsignore , innansi il 
tempo delle sue rovine , certe nuvole illuminate dal 
sole, quasi in forma di far I'arco baleno, come si vede 
sopra la porta di santa Maria della Consolazione in 
Roma , ma perch^ ella ^ senza anima , ognuno la in- 
terpreta a suo modo, e per diritto e per rovescio. 

Ippolito da Este, cardinale di Ferrara , zio del me- 
desimo, che ha 11 medesimo nome, ebbe per impresa 
un falcone, che sosteneva con gli artigli i contrappesi 
d'un orologlo, come si vede dipinto sulla porta del 
palco delle Terme di Diocleziano, e non vi mise motto, 
perch^ voleva intendere, che lo spezzar la parola del 



DBLL^niPRSSB. 57 

falcone , che faceva le sue cose a tempo ; e viene ad 
avere queUa medesima menda il falcone, che ha il dia- 
mante della casa de' Medici, ed oltre a quel falcone, 
port6 ancora per impresa amorosa un camello ingi- 
nocchiato carico d' una gran soma, con un motto che 
diceva : non sutfro has db lo que puedo, volendo dire 
alia dama sua : non mi date pid grayezza di tormento, 
di quel che posso sopportare , essendo la natura del 
camello, che spontaneamente sUnchina a terra per la- 
sciarsi caricare, e quando si sente addosso peso ahba- 
stanza, col levarsi signlflca non poterne sopportar pid. 

Dopo la morte d'Ascanlo e del cardinale San Giorgio, 
furono successiyamente il cardinale Lodovico d'Ara- 
gona e Sigismondo Gonzaga, i quail pentendosi d'aver 
creato papa Leone, I'uno, che fu Aragona , port6 una 
tayoletta bianca, con un breve che la girava attomo 
dicendo : melior fortuna notabit, come si vede in pi a 
luoghi nella sala della rocca di Nepi. Ed il Gonzaga 
porl6 un coccodrillo, con un motto che diceva: cro- 
GODiLi LAGRiMiS, parolc passatc in proverbio, per signi- 
flcare la simulazione di coloro che hanno belle appa- 
renze d'amore, e neirintrinseco hanno il veleno del- 
Todio di male affetto. 

Sono poi stati duo luminaria magna della corte ro- 
mana, due giovani I'un dietro aU'altro, Ippolito de' Me- 
dici ed Alessandro Famese ; e perch^ di quello abbiamo 
narrato la sua impresa peculiare dello inter omnes , 
della cometa, e quella deireclissi della luna, narreremo 
• ora quelle del cardinal Famese , che sono state tre , 
cio^, un dardo che Terisce il bersaglio , con un motto 
greco che diceva : B A A A' O T TQ 2, che voleva dire in 
suo linguaggio, che bisogna dare in carta, e fu inveuzione 
del poeta Molza modenese, il quale fu molto amato e lar- 
gamente beneflcato, cosl dai prefati Medici, come da que- 
sto Famese. La seconda'fu una, che gli feci io, secondo 
la richiesta sua, come si vede nelle superbe e ricche 
portiere di ricamo. E fu dicendo sua signoria reveren- 
dissima, nei prim! anni del suo cardinalato, che non 



88 DIALOGO 

era ancor risoluto quali imprese dovesse portare , e 
cb*io ne dovessi trovar una, coaforme a quanto mi di- 
ceva, YolBndo dire che prosperandolo Dio e la for- 
tuna negli occulti desiderj suoi , che al suo tempo gli 
paleserebbe con una ctiiara impresa. Ed io gli feci per- 
ci6 UQ fcartiglio bianco con on breve attomo cbe di- 
ceva : votis subscribent fata sbgundis. Percb^ si come 
11 motto fu giudicato al proposito, cosi la pittura ba 
bella apparenza, secondo cbe avete potnto vedere al 
Museo, alia sala dedicata alia Yirtd. Ultimamente quando 
da papa Paolo III fu mandato Legato in Alemagna, col 
flore de' soidati d'ltalia, in a^ato di Carlo Y imperatore, 
per domare la perversity de' tedescbi, fatti in gran parte 
lateranl e ribelli alia cesarea maestk , gli feci per im- 
presa il fulmine trisulco, che ^ la vera arme di Glove 
quando vaol castlgare Tarroganza e poca religione de- 
gli aomini, come fece al tempo de'giganti, col motto 
cbe diceva: roc uno iupiter ultor, assimigliando le 
scomunicbe al fulmine, il papa a Giove. E cosi come si 
vede in buona parte, per questi aiuti cbe nel principio 
della guerra f urono moito opportuni, Carlo V con somma 
gloria riusci vittorioso ed invittissimo. 

M. Andrea Gritti, proweditore alia guerra de' aignori 
Veneziani, fu di cbiarissima fama dal principio alia fine 
della guerra.. cbe dur6 otto anni , e perci6 merit6 per 
il suo franco valore d'esser creato principe e doge deila 
sua repubblica. in quel tempo, cbe per sua virta si 
ricuperd Padova, e la difese dall'impeto di Massimiliano 
imperatore, cbe aveva seco tutte le nazioni d'Europa, . 
port6 una magaanima impresa, cbe fu invenzione di 
M. Giovanni Cotta, celebratissimo poeta Veronese, e fu 
il cieio cx)l zodiaco e suoi segni, sostenuto dalle spalle 
d'Atlante, come flgurano i poeti, cbe sta inginoccbiato 
con la gamba sinistra e con le mani abbraccia il cielo, 
con un breve che riesce sottovia: sustinet nrc fati- 
scrr , ancorcbd esso signore, come modesto, non Io por- 
tasse in pubblico per fuggir Tinvidia, bencbd gli pia- 
cesse moito, e fosse ben lodato da ognuno , ed ancor* 



DBLL'lllPRBSB. tf9 

cb^ Atlante abbia forma umana , pur si pa6 toUerare 
per esser cosa favolosa. 

Non merita d'esser passata con sileuzio la signora f 
Isabella, marcbesana di Mantova, cbe sempre iu,per wl 
Buoi onorati costami, magniflcentissima , ed in diver si! 
tempi della vita sua ebbe varii affronti di fortuna, il 
quaii gli diedero occasione di fare piU d'un' impresa, e " 
fra I'altre accadde che per sovercbio amore, cbe por-^^ 
tava ii flgliuolo sao, il daca Federico, ad una gentil- i 
donna , alia quale egli voltava tutti gli onori e favori, > 
essa re8t6 come degradata e poco stimata, talmente che 
la delta innamorata del duca cavalcava superbamente ! 
accompagnata per la cittii dalla turba di tutti i gen* . 
tiluomini, cbe erano soli ti accompagnare lei;edi sorte - 
che non restarono in s ua compagnia se non uno o 
due nobili vecchi , che mai non la volsero abbando- 
nare ; per lo quale affronto e ssa signora marcbesa fece 
dipingere nel si^ palazzo suburbano, chiamato Porto, 
e nella corte veccbia, una bella impresa a questo pro- 
posito, cbe fu il candelabro fat to in triangolo, il quale 
ne' divini ufQcj oggidi s'usa pe r le chiese la settimana -, 
santa, nel qual candelabro mis. teriosamente ad uno ad 
uno si levano i lumi da ' sacerdoti , flnchd un solo vi . 
resta in cima, a signiflcazione che il lume della fede ' 
non pu6 perire in tutto, al la quale manc6 il motto, ed ; 
io che fui gran servitore della detta signora ve Tag- 
giunsi ed 6 questo : sufficit unum in tbnbbris , allu- i 
dendo a quel di Yirgilio, unum pro mMltis. Port6 si- 
milmente questa nobilissima signora per impresa un 
mazzo di polizze bianche, le quali si traggono dall'urna 
della sorte, volgarmente detta il lotto, volendo signi- 
ficare cbe aveva tentato molti rimedj, e tutti gli erano 
riusciti vani , ma pur a 11a fine rest6 vittoriosa contro . 
i suoi emuli, tornando nella sua grandezza di prima; ' 
e port6 per impresa il numero 27, volendo inferire 
come le sette, le quali gli erano state fatte contra , 
erano tutte restate vinte e superate da lei, II qual motto 
aacorcbd abbia di quel vizio detto per innanzi , par 



60 DULOOO 

nondimeao toUerabUe in ana donna e cos) gran si- 
gnora. 

K\ figliuolo primogenito del signor marchese del Va- 
sto erede del name e dello state del marchese di Pe- 
scara, nel quale si yede espresso segno di chiara v^irtd, 
per correre alia fama e gloria del zio, del padre ed al- 
tri suoi maggiori, andando esso in Spagna a servire il 
re Filippo, gli feci per impresa il gran stipite del lauro 
della casa d'AyalcM, nel quale si veggono troncati al- 
cuni pltl grossi rami, e fra essi si vede nato un dritto 
e gagliardo rampollo, il quale va crescendo molto in 
alto , con on motto che dice : triumphali r stipite 
SUR6BNS , ALTA PETIT , c vieu tauto pia al proposito , 
quanto che il lauro 6 dedicato ai trionfi. 

Non lascerd di contarvi una, cb'io feci Tanno pas- 
sato al signor Andrea Hgliuolo dell* eccellentisslmo si- 
gnor don Ferrante Gonzaga, 11 quale, come giovanetto 
d'indole e speranza di sommo valore, avendo ottenuto 
la condotta d*una compagnia di cavalli, mi ricerc6 del- 
I'impresa per lo stendardo, ed io alludendo a quel di 
Virgllio, Parma inglorius alba, gli feci uno scudo, ov- 
vera brocchiere rotondo col campo bianco, cb'aveva 
intorno un fregio , il quale aveva dentro quattro pic- 
cioli tondi in quattro canti, legati insieme con quat- 
tro festoni d'alloro; nci primo v'era il cruciolo deiroro 
afflnato, del magnanimo signor marcbese Francesco col 
suo motto: probasti me domikb, 11 qual marchese fu 
suo avolo paterno; nel secondo monte Olimpo, con 
I'altre della fede del duca Federico suo zio; nel terzo 
quella deiravolo materno, Andrea di Capua, duca di 
Termoli, ch*era, come di sopra bo detto, un mazzo di 
partigiane da lanciare, col motto cbe diceva: fortibus 
NON deerunt; nel quarto era il cartiglio del signor sac 
padre, senza corpo, c*o<>, nec spe nec metu. e glrava 
per I'estremit^ nel campo bianco dello scudo intra I'al- 
loro uu breve d'oro , cbe diceva : virtutis troph^ea 
NOViE NON DE6BNER ADDET , volcudo dire ch' cgH nou 
tralignerii da'suoi maggiori, ma aggiunger^ qualche sua 



DBLL'IMPRBSB. 04 

gloriosa e pecaliare impresa. E questa invenzioue feee 
vago vedere nello stendardo eol suo oaesto e mode- 
rau> aigiiiflcato. 

DoM^fi possibile, monsigaore, che qoesti vecchi ca- 
pitani e principi non portassero qualche arguta im- 
presa? Par che questi signori, ed io ispecie quegU di 
Miiano, per un gran tempo non sapessero uscir di sem- 
previvi, di baratti, morsi, muraglie, streglie, scopette 
e si mil trame, con poca vivezza di moUi, e forse troppo 
arrogante significato. 

Gio. Egli ^ yero , ma pure ce ne sono stall alcaoi , 
cbe banno avuto del buono e deir elegante , come fu 
quella di Galeazzo Visconte > che edified il castello , il 
parco e il ponte di Pavia, opera pari alia grandezza 
de' Romani. Esso port6 il tizzone affocato, con secchie 
d'acqua attaccate, volendo dire cb'esso portaya Ja 
guerra e la pace, poi che con I'acqua si spegne il 
fuoco; vero 6 che gli manc6 il motto. 

Ma quella del conte Nicola da Campobasso , a me- 1 
moria de' nostri padri ebbe soggetto ed anima, il quale, 
stando al soldo col gran duca Carlo di Borgogna, non 
si cur6 d'acquistar fama di notabil perikiia, per ven- 
dicarsi d'una privata ingiuria, e ci6 fu perch^ per un 
dispiacere in una consulta di guerra dal duca signor 
suo sovercbiamente coUerico rilevd una grossa cefTata, 
la quale mai non si pot^ dimenticare, riservandola 
nelk) sdegnato petto all^ccasione di poterla vendicare, 
e cosi fece dopo un gran tempo, alia giornata di Nansl, 
nella quale ayvis6 Renato duca di Lorena , cbe non 
dubitasse d'assaltare il duca con gli Svizzeri: perchd 
egli con le sue genti d'arme non si sarebbe mosso a 
dargli aiuto, ma si starebbe a yedere, e in quel con- 
serto rest6 fracassato e morto il duca , ed esso conte ] 
Cola addrizz6 la sua bandiera yerso Jrancia, accostan- ' 
dosL al re Luigi, e port6 poi nella bandiera ^ua ligu- 
rato un gran pezzo di marmo d'una anticbit^ , rotto 
per mezzo dalla forza d;un flco salyatico , il quale col i 
tempo porta royina, ficcandosi per le fissure e com- 



6i DULOGO 

missure con lenta violenza, e sopra vi porta 11 mouo, 
tolto da Maniale, che diceva: ingsntu mahmora fih- 
DiT GAPRiriGus, 6 fu reputata qaesta impresa non solo 
belia di vista, ma molto esemplare ai principi, c^e noo 
debbano per coUera villaneggiare i seryitori , massi- 
mamente nobili e d'importanza. 

DoM. Qaesta fa una gran vendetta, ma ignominlosi, 
e mi parve quasi simile a quella del prete Rlnaldo da 
Modena cappellano, sottomastro di casa, e altre Tolte 
cameriere di Cristoforo Eboracense, cardinale d'Inghil- 
terra, 11 quale avendo ricevuto alcune volte sopra lln- 
giurie di parole di fiere bastonate dal cardinale, ch'era 
capriccioso e gagliardo di cervello, per vendicarseoe 
crudelmente rawelen6 ed ammazzd; e confessando poi 
11 delitto , fu squartato al tempo di Leone in Romi. 
Basta cbe non si deve giocar dl mano in nessun caso 
con uomo fatto , percb^ bisogna ammazsare o lascUr 
stare di battere, perciocch^ alia fine ogni uomo offeso 
pensa alia vendetta per onor suo. 

Gio. Sono alcuni grandi, che nelle imprese loro se- 
guono la conformity o del nome o dell'arme loro, come 
fece il gran Mattia Gorvino, re d'Ungberia, il quale port6 
il corvo per impresa, uccello di forsa, ingegno e vi- 
vacity singolare, e cbi port6 I'arme propria, come fa 
il signor Giovanni Schiepusense fatto re d'Ungheria per 
favore di Solimano, signore de'Turchi, e per affezione 
d'alcuni baroni del regno coronato In Alba regale. Esse 
port6 per impresa una lupa con le poppe piene , che 
fu ancora Tarme del padre , ma egli vi aggiunse il 
motto composto con convenevole arguzia dal signor 
Stefano Broderico gran cancelltere del regno , che di- 
ceva: SUA ALiENAQUB PI6N0RA NCJTRTr , voleudo dire 
che riceveva in grazia quegli ancora che gli erano stati 
conirari. 

lo m'era quasi scordato di dirvi una che ne port6 
il sig. Francesco Maria della Rovere duca d'Urbino, 
dappoich^ con le sue mani ammazzd il cardinale di 
Pavia In Ravenna per vendicare I'importantissime in- 



DBLL'UfPBBSB. 63 

giurie, che da lui aveva ricevuto. E f a un leone ram- 
pante, di color natarale in campo rosso, con uno stocco 
in mano, e con un breve, cbe diceva: non obbst gb- 
Nsaoso IN PEGTORB VIRTUS , fu inventato a similita- 
dine di quello che port6 Pompeo, come narra Plutarco, 
dal conte Baldassare Gastiglione, il quale intervenne 
col daca alia morte del detto cardinale , ancorchd il 
daca non volesse far molta mostra di questa impresa, 
per faggir Todio e Tinvidia de' cardinal!. 

II signore Stefano Colonna, valoroso e magnanimo ca- 
pitano generale del duca Gosimo, portando per impresa 
la sirena, antico cimiero di casa Colonna, mi richiese 
alia domestica, come compare cb'io gli era, ch'io gli 
volessi ia^re un motto per appropriarsi per impresa la 
detta sirena, ^omune a sua casa, e cosi conforman- 
domi col suo generoso pensiero gli feci, contbmnit 
TUTA PBOGBLLAs, volcndo dire, ch'egli sprezzava rawer- 
sitii , come confidatosi nel valor suo , nel modo che 
quella col suo nuotare supera ogni tempesta. 

Feci ancora per rovescio d'una medaglia, che pu6 
servire per rlcami ed alire pitture air eccellentissima 
signora duchessa di Fiorenza, una pavona in faccia, 
la quale con Tali alquanto alzate, copre i suoi pavon- 
cini, tre alia destra e tre alia sinistra, con un motto 
che dice : cum pudorb l^bta FOBCUNorrAS, alludendo alia 
natura deU'uccello, il quale perGi6 6 dedicato a Giu- 
none regina del cielo secondo I'opinione de'gentili. 

DoM. Ditemiy monsignore, poich^ avete numerato, di- 
scendendo dal sommo al basso , quasi tutti i famosi 
principi , capitani e cardinali , ecci nessun' altra sorte 
d'uomini ch'abbia portato imprese? 

Gio. Ge ne sono, e fra gli altri alcuni letterati a mio 
giadizio della prima classe, cio6 M. Giacopo Sannaz- 
zaro , il quale essendo fleramente innamorato , e sti- 
mando che ci6 gli fosse onore, con allegare il Boccac- ^* 
cio che lod6 Guido Cavalcanti, Dante e M. Cino da Pi- ; 
stoia, sempre innamorati sino airestrema vecchiezza, 
stette sempre in aspettazione d'essere ricompensato in 



J 



64 DUU>60 

t amore, come gli avvenne, e port6 per impresa an*urna 

.' plena di pietruzze nere > con una sola bianca, coa un 
motto Che diceva: jsquabit nigras Candida sola oiks, 

; volendo intendere che quel giorno che sarebbe fatto 

• degno deiramor della sua dama, avrebbe coutrappesato 
a quegli cbe in vita sua aveva sempre negri e disav- 

! veuhirati. E questo alludeva ali'usanza degli antichi, i 
quali solevano segnare ognuno il successo delle gior- 
nate loro buone e cattive con le pietruzze nere e bian- 

' che, che al fine dell'anno , annoverandole , facevano 
il conto, secondo quelle che gli avanzavano, se Tanno 
gli era stato prospero o infelice. Questa impresa fu 
bella, e domandandomene esso parere, gli dissi ch'era 
belli ssi ma, ma alquanto sconvenevole, perch^ Turne de- 
gli antichi solevano essere o di terra o di metallo, e percid 
non si poteva Qgurare che dentro vi fossero molte pie- 
truzze negre ed una sola bianca, per non poter essere 
trasparente. Aliora egli urbanissimamente rispose : egli 
6 vero quel che dite; ma a quel tempo, I'urna mia fu 
di vetro grosso, per lo quale potevano molto bene tra- 

I sparire dette pietruzze, e cosi con gran riso gittammo 

I il motto e I'argnta risposta in risa. 

Fece una bella impresa M. Lodovico Ariosto Cacendo 
ii vaso delle pecchie, alle quali I'ingrato villano fa 11 
fumo e Tammazza per cavare il mele e la cera , col 
motto di sopra che diceva : pro bono malum, volendo 
forse che s'intendesse com'egli era stato maltrattato da 
qualche suo padrone, come si cava dalle sue satire. 

Erasmo Roterodamo, nato nell'estrema isola d*01anda, 
aU'et^ nostra fu si ricco di dottrina, ed ebbe si fe- 
condo ingegno, che avanz6 ogni altro letterato , come 
si vede per I'inflnite sue opere , per la quale autoht^ 
di dottrina port6 per impresa un Dio Termine, di si- 
gniflcato alquanto altiero, volendo in(erire che non ce- 
deva a nessun altro scrittore, come auche il Dio Ter- 
roine, non volendo cedere a Giove in C^tolio come 
scrive Varrone , ed il suo motto che fu questo : vbl 
lovi GBDxaB NBSGiT. Fu Erasmo amicissimo di Tom- 



drll'iupbbse* 65 

maso Moro inglese , uomo di pari celebriU d'ingegno, 
•al quale domandando Erasmo, qaal sentenza gli pareva 
-cbe stesse bene da mettere sopra la porta dello stu- 
-dio scrittoio sao , argutamente rispose , che vi sa- 
rebbe proprlamente convenuta rimmagine d'Apelle, il 
-finale dipingesse, e, maravigliandosi di ci6 Erasmo, re- 
plied 11 Moro ; percbd no ? poicb^ esso Apelle disse : 
iruLLA DISS snfB LiNBA ; il qual precetto ^ da vol molto 
l>ene osservato, poicb^ scrivendo fate stupire 11 moudo 
delle Yostre innumerabili opere. 

Port6 ancora 11 dottissimo M. Andrea Alciato , no- 
Tellamente psssato a miglior vita , 11 caduceo di Mer- 
furio, col corno della divizia della capra amaltea, vo- 
lendo signiflcare , che con la copia delle dottrine , e 
€on la facolt^ delle baone lettere delle quali si flgura 
Bfercurio padrone, aveva acquistato degno premio alle 
sue faticbe; ma in vero questa bella impresa aveva 
l)isogno d'on'anima. 

DoM. E vol, monsignore , che valete quel che valete, 
e sarete forse stimato piCi dopo morte che ora, perchd 
tx>n la moite yostra estinguerete Tinvidia, e la vera 
gloria viene a chi la merita dopo la morte , portaste 
mai nessona impresa che abbia corpo? Perciocch^ as- 
sai avete detto sopra dell'anima, che voi portate senza 
soggetto delFATO pbuobntia minor, come si vede e nelle 
case vostre e nel Museo, in ogni ornamento d*apparato 
Yostro di casa. 

Gio. Certo io ho desiderato molto trovame il sog- 
getto che abbia del buono, ma non Tho mai trovato, 
ancor ch'io abbia conosciuto per prova che il motto 
d pi til che verissimo. Perch^ chi pensa con ogni dili- 
genza mondana trovare schermo alia fortuna che viene 
dal cielo (chd cosi vuol intendere il fato, che non ^ 
altro che volont^ divina, la quale ha pid forza che la 
virta e solerzia umana) s'ingani^ molto. £: ben vero 
che in mia gioventCi, essendo io preso d'amore in Pavia, 
lui necessitato per non far peggio a prendere un par- 
ti to dannoso per salvar la vita, e volendo most rare la 
GUn>io. * ' » 



B6 DIALOOO 

necessiU cbe mi sforz6, feci qaeil'aniinale che in latino 
8i chlama Fiber PonticuSj e castoro in Tolgaire, il qmile 
per faggir delle mani de' cacciatori, conoscendo d'esser 
perseguitaio per conto de'testicoli che haano molta 
virt(t4n medicina, da s^ stesso, non potendo fnggine, 
«e gli cava co'denti e gH las^la ai (^tcciatori; come 
narra Gioyenale: con un motto di sopra ctie dicera 
in greco: ANATKH, cbe vuol dire neoesaiU, alia qnale, 
siceome scrive Luciano , obbediscono gH nominl e 
gli Dei. 

Ultimamente ho fatto un'impresa a richiesta di M. Ca- 
millo Giordani, iureconsalto, dicendo egli che stava nel- 
I'animo suo ambiguo e sospeso di prendere nn certo 
partitOi e che per risolversi n'aspettava parere e con- 
snlto dall'oracolo. E coal feci la afinge degli Bgizj, che 
ftroole interpretare gli enigmi e le cose astmse , col 
tempo, il qnale 6 signiflcato per un serpenie, che sin- 
ghiottisce la coda, col motto che dice nrcsftTA Aimn 

IMBCRBTA RB80LVBT. 

Portane ancora una al proposito suo il caralier Bac- 
cio Bandinelli, molto eccellente statuario florentino, II 
quale per sua virtii e famose opere 6 riusoito e noMle 
e ricco , e gratissimo al principe , il signor duca Go- 
8imo. La quale impresa 6 una grossa massa di flnis- 
simo cristallo, il quale pende da una asprissima balza 
di montagna, con un motto che 6\ce: bx glagib cai- 
8TALLUS BVASi , tcstimouio della sua molta modestia e 
preziosa Tirtti. E questa impresa ^ inyensione di M. Giu- 
lio Giovio, mio coadiutore e nipote. 

Hanne similmente fatta una per s^ medesimo il detto 
mio nipote M. GiuUo , con la quale s' inaugura accre- 
scimento, come merita il suo letterato ingegno; flgu- 
rando un albero innestato con un motto tedesco, che 
dice wAifN ooTT WILL, che vuol dire, quandoBio vorrA, 
questo mio nesto s'apprenderii e florirft. 

DoM. Se non fosse presunzione io vi direi, monsignore , 
una ch'io ho fatta per me, aneorch^ Fimprese si conren- 
gano a pcrsonc di maggior pregio, che non sono to. 



raLL'lMPBBSB. 67 

Gio. E pwchft Hon stanno elleno bene a voit Ditela 
IHire sicuraHiente, che insino ad ora vi assolvo d'ogni 
bi^simo di presanzione, cbe peroi6 ne poteste incorrerew 

DoM. Assiearato dunqae dairautoriU e favor yostro, 
dico cbe volendo io signiflcare un mio concetto assai 
modesto bo fatlo questa impresa, ed ^ cbe non po- 
tendo io stare nella patria mia Piaoenza , con quella 
tranquillity e contentezza d'animo cb' io vorrei, mi bo 
eletto per seconda patria questa floridissima Fiorenza, 
ore io spero prosperare sotto questo liberale e glndi- 
zioso principe. £ cosi bo figurato un albero di pesco> 
cartco di frutti : il quale albero non ba feliciUt nel suo 
terreno natio , per esser velenoso , ma trapiantato poi 
in terreno lontano e fertile, prende felice miglioramento, 
con un motto cbe dice : translata proficit arbos. 

Gio. Questa vostra impresa^ Domenicbi mio , ancof * 
cbd sia ingegnosa e discreta, mi dispiaee per due cony. 

Don. Di grazia, monsignore, siate contento dire percbd. 

Gio. L'uno 6 percbd, se ben mi ricorda, elia d gil^ 
stata inyenzione di M. Andrea Alciato negli Embhmi 
suoi ; Taltro percb6 non convien molto a voi, cbe gia 
non siete voi pianta velenosa, e tale cbe non aveste 
potuto volendo far ancor frutto nel vostro natio ter- 
reno; siccb6, se fai'ete a mio senno, ve ne provvede- 
rete d'un'altra cbe piti vi si confaccia. 

D0¥. Orsil dunque avendo vol fatte tante imprese ad 
altri, non mi volete essere cortese d'una delle vostre 
vivissime ed argute? Perchd in verity ne ancbe io mi 
soddifaccio molto della mia del pesco. 

Gio. Si veramente voglio, e non gi^ per pagare con^ 
si poca cosa la gran fatica cbe durate nel tradurre le 
mie istorie. E sara forse questa piCi conveniente all'ono- 
rato proposito vostro, percbd, nell'adoperarvi voi tanto 
con ringegno nelle buone iettere, voi vi assomiglierete 
al vomero dell'aratro, il quale per il lungo uso diventa 
Instro e forbito, come se fosse d'argento, e per6 farete 
un vomero con un motto cbe dice : lokgo splrndrsgit 
15 usu. 



i^ 



08 .DIALi^GO 

DoM. Yerameate ch* io m* affatlco volentieri , e soo^ 
tuttavia per esercitarmi flnch^ vivo con speransa di 
acquistar qualche splendore di fama ; e in questo aK 
meno iiniter6 vostra signoria reverendissima , che col 
continuo studio s'6 fatta immortale, la qual cosa non 
succede per6 a molti. Ma perch^ io non son solo a ser- 
virvi, non volete voi fare anche un favore a M. Neri 
Rampuccio da Volterra, che cosi gentilmente Irascrive 
le cose vostre, e Io merita per ci6, e per Io sao ge- 
neroso ardire , il quale ha nuovamente ammazzato il 
suo nemico, dal quale aveva ricevuto la inespiabile e 
gravissiraa ingiuria? 

Gio. Io aveva gi^ pensato a questo > ed ho compia- 
ciuto> dicendogli che aggiunga airarme sua, che ^ aa 
grifon negro in campo d'oro, un pugnale in mano al 
detto grifone, e che vi metta questo motto: vel cum 

PERICULO DECUS TUBRl. 

DoM. Avreste voi , monsignore , da raccontarmi pii^ 
qualch'altra bella impresa, perch6 io non vorrei gia 
che questa festa cosi tosto finisse. 

Gio. Yeramente non me ne sovvlene piti nessuna, la- 
quale abbia del buono, n^ voglio, come io sono nsato 
di dire, guastare la coda al fagiano, accozzando cor- 
niole con rubini , plasme con smeraldi, e beriili con 
diamanti ; e ben vi dovrebbono bastar queste ch* io vi 
ho raccontate, e dovete ancora aver compassione all'etit 
mia, nella quale la memoria suol patir difetto , ancor- 
ch6 si no ad ora, la Dio grazia, io non Io senta. 

DoM. Io conosco, monsignore, che voi avete fatto pia 
del dovere, e so che chl vedrk in iscritto quel che voi 
di questa materia avete ragionato, dir^ che ve ne sono- 
infinite d'altre belle, ma voi potrete scusarvi e dire, 
come avete detto nel libro degli Elogi degli tiomini fa- 
most in arme, frescamente pubblicato^ che se pure se 
ne sono tralasciate, cio non 6 stato colpa vostra, ma- 
per difetto di non aver ritrovato i ritratti in gran parte 
per cagione di chi non s* 6 curato di mandarli al Mu- 
seo, a quella bella compagnia di tanti erol. £ gi^ m' t- 



dbll'imprbsk. 69 

caplUto alle mani un romagnolo , il quale si lamenta 
v.he negli Elogi non ha ritrovato il cavalier della Volpe, 
il quale fu si gran valente uomo al servizio dei poten- 
tissimi signori Veneziani per Tonor d'ltalia, ma io I'ho 
consolato, dicendogli, cli'io era certo che 11 signor ca- 
valiere non s'avea fatto ritrarre, per essere alquanto de- 
forme di volto , essendogii ouoratamente stato cavato 
ufi occhio in battaglia, e che gli avrei procurato ri- 
compensa in qnesto trattato deir iroprese. Li diinandai 
dnnque s'egli aveva portato alcuna impresa. Gome, dis- 
8'egli , non si sa che portava la volpe, che mostrava 
i denti nella bandiera con un motto che dicevf : simul 
A8TU ET DBNTiBus UXOR? voleudo dire che non biso- 
gnava scherzar seco, perchd si sarebbe difeso in tutti 
i modi. 

Gio. 11 cavaliere fu valente e vigilante, e neH'istoria 
nostra non passa senza lode ; e per questo 11 senato 
Tsneziano gU fece dopo la' morte sua una bella statua 
di legno dorata in santa Marina di Venezia. 

lo non voglio gia tacermi per Tultiroa impresa di 
Giovanni Ghiuchiera albanese, chiamato il cavalier fa- 
moso sulle guerre, il quale ne port6 una faceta e ri- 
dicolosa, a chi la mirava , simile alia predetta. Port6 
costui nella sua bandiera, per mostrare Tardita natura 
sua yalorosa neU'esercizio dei cavalleggieri, un feroce 
lupo, che aveva nelle gambe una pecora presa e mezza 
insangutnata nel coUo, in atto con la testa rivolta ad- 
dietro verso due grossl cani di pastori, che lo seguono 
per torgli la preda, de*quali due Tuno piti vicino vol- 
tava anch' egli la testa indietro a vedere se gli altri 
cani venivano a soccorrerlo, temendo d'assaltare si 
terribil neroico. £ M. Giovanni Antonio Musettola gli 
fece questo motto latino: pavknt ovbs, timbnt canes, 
iNTREPmus MANBO. Di questa impresa molto si motteg- 
glava e rideva il signor marchese del Vasto , veggen- 
dola spiegata, ma a dire il vero della bussola de' con- 
dottier! ce ne sono tanti, che affogherebbono ogni di- 
iigente e laborioso scrittore, il quale pensasse di voUr 



70 DIALOGO 

fermarsi in ogni passo dove apparis^ qualche valore 
« prodezza di fame so soldato. 

DOM. lo vidi qoesti giorni passati sopra la tavoJa 
dello studio di vostra signoria il libro o quaderno dei 
suoi mettoriali, ed ayendolo tolto in mano, vidi per 
entro, tra I'altre cose, cbe su in cima d'una carta erano 
notate sei tra lettere e sillabe , puntate tra loro , cbe 
me ie ricordo molto bene, perch6 io vi fantastical un 
pezzo attorno , e non le potei mai intendere. Ed es- 
sendo vostra signoria in sala con molti gentiluomini , 
io non volli domandargliene allora, e poi cbe furono 
partiti^ me Io dimenticai, essendomi dappoi fermato 
poco ancor io. Onde ora cbe me lo ricordo , la prego 
cbe me le dicbiari, tanto pid essendo elle in materia 
d'imprese, cb6 sotto a loro era uno scbizzo di disegno 
con alcune lettere ed atcune parole. 

Gio. Voi, cbe allora, e tant' altre volte, avete veduto 
quel miei fogli o quaderni, cbe voi gli cbiamiate , di mie 
memorie, avete ben visto cbe son quasi tutti pieni di pa- 
role cosl mozze ed appuntate per lettere o per sillabe, 
bastandomi cbe servano a me solo, cbe le vengo di volta 
in voita notando per miei ricordi. P6r6 se non mi spe- 
cificate quali fossero le lettere , e quale il disegno , e 
le parole dell'impresa , io non ve lo sapr6 dichiarare 
altramente, essendovene , come bo detto , molte altre 
con imprese e scbizzi di disegno e senza. 

DoM. Ben dice vostra signoria. Le lettere erano qae- 
ste, e cosi puntate , cbe col dito le verr6 notando su 
questa mano, e vostra signoria I'intender^ molto bene. 

Gio. si far6; fate pure, e ditele con la lingua. 

DoM. Un' N , un ed un B tutte insieme, e puntata 
i'ultima: poi un I ed un pur insieme, e col panto 
in u timo : poi MAT. e B. SEN, e YEN. ed il disegno 
era un sole, e sotto a quello una pianta d'un'erba, cbe 
per esser mai disegnata , non s intendeva. Ma vostra 
signoria vi avea scritto in greco otiCcuov, ed eranvipo i 
notate P. I. ed S. B., lettere sole e puntate, ed un motto 
d'attorno cbe diceva : dum volvitur ists. 



DBLL'IIIPRBSB. 71 

Gio. k> v'intesi sabito che mi speeiflcaste le prime 
lettere, ma vi lio lasciato finire, godendo di far prov^ 
della vostra miraeolosa memoria. Le lettere in cima 
della carta erano per mio memoriale, e dicono NohiUs 
Joanni$ Matthai Bembi ^ Senatoris Vetieti , del quale 6 
quella impresa, che voi avete or deita e divisata come 
elia stia. L'erba, come dalla parola greca, cbe raolto 
ben Ti siete ricordato, potrete ay^r compreso, ^ qoella 
cbe comunemente per tutto cbiamano Sempretiva, Le 
quattro lettere puntate^ cbe le stan sotto, sono le prime 
del nome e cognome mio, e di quel di Sebastian Mun- 
stero. Ora, messer Lodovico mio, io, ancorcb^ ne sif 
chiarissimo da gi^ molto tempo, tuttavia vorrei vedere 
anco in qnesto, se in voi si rende falsa quell'opinione 
di coloro, cbe dicono cbe cbi ba gran memoria non 
ba gran giudizio. Per6 vedete ora voi , se sapete dar 
la sua esposizione alia detta impresa. 

DoM. Ella mi pare in s6 stessa cosi Anita, e con tutte 
le parti cbe a beila e leggiadra invenzione si ricercano, 
cbe non ne converria assottigliar molto la grossezza 
deiringegno mio per interpretarla. Parmi adunque pri- 
mieramente , cbe quel cbiarissimo e nobilissimo gen- 
tiluomo abbia con quell' impresa voluto parlare non 
meno a %h stesso ed ai suoi flgUuoli e discendenti, cbe 
al mondo. 

Gio. Voi cominciate gi^ molto bene ad entrar per la 
via. Perciocch^ questa impresa intendo cbe quel gen- 
tiluomo ba fatta dipingere sopra la facciata o il fron- 
tispizio della casa sua in Venezia. Cb6 cbi non ba quel 
disegno, o quella intenzione cbe voi avete detto pur 
ora, par cbe si contenti di far I'imprese sue o sopra 
medaglie, o sopra stendardi, o portiere, o altre cose 
siflatte, cbe non sono da durar se non a certi tempi, 
e da vedersi ad alcune occasioni, e non da molti. Bfa 
seguite I'esposizione. 

DoM. Quel nomi cosl appuntati, cio6, 11 nome e co- 
gnome di V. S. e quello di Sebastian Munstero, credo 
jo cbe sien quivi collocati da lui per rispetto cbe Tuno 



73 DIALOGO 

e Valtro di vol ha fatta onoratissima menzione dello 
splendor suo nelle sue istorie. 

Gio. Questo conyiene a forza che cosi si pigli e non 
altrimenti. 

DoM. L'erba poi che non si secca mai n^ per sole 
n^ per orobra, e cosi in greco come in latino , come 
ancora in lingua nostra, ha nome di Sempreviva , mo- 
stra col nome e conila propriety e natura sua Tin ten- 
zione deli'autore, e con le parole che le stanno sotto, 
DUM voLvrruH iSTE, vuol inferire, che, finch* il sole si 
aggirerit intorno ai poli, sar^ sempre viva la memoria 
e Tobbligazione che egli e tutta la casa sua avranno 
all'amorevolezza ed alia bont^ di V. S. e del detto Man- 
stero, che sebben ban fatto menzione di lui per dire 
il vero nelle loro istorie, niente di meno un animo gen- 
tile e grato e veramente nobile non pu6 mancar d*ag- 
gradirlo, e di riconoscerlo per favore. Perch* io, mon-. 
slgnore, tengo per cosa certa, che chi non mostra di 
aver caro di perpetuare 11 suo nome e la gloria sua 
con la memoria delle cose gloriosamente da lui ope- 
rate , non far& ancor mai cosa alcuna degna di gloria 
e d'onore, se non forse a caso, o per forza. Siccome 
chi non ha caro d'arrivare ad una citt^, o altro luogo, 
non si movers mai per andarvi, e non vi ander^ n* 
arriver^ mai.^se non a caso ancor esso o per aver fal- 
lata la via, o per esservl mandato, o trascinato, o por- 
tato a forza. 

Gio. Yerissimo per certo * tutto quelto che ora dite. 
E per questo vedete che 1 vili e plebei, siccome non 
fanno mai cosa onorata se non per errore o a forza, 
come avete detto, cosi ancora si curan tanto deironore 
e della gloria, quanto i porci delle gioie e dell'oro. ifa 
io vengo ben ora considerando, che voi,messer Lodo- 
viro a questa impresa di quel gentiluomo avete dato 
molto migliore , e piCi convenevole esposizione , che 
quella che io le dava. Perciocch* io interpretava, ch'ei 
volesse con essa inferire cbe il Munstero ed io , ^on 
aver fatta vera testimonianza del valor suo, abbiamo 



i^k. 



dsll'imprbsb. is 

fatto Che esso e la casa sua saranno sempre vivi nel 
cospetto di tuUi i secoli, e sarli sempre vivo lo splen* 
dor suo, e chiaro come il sole , fla che il sole girl il 
mondo. Ma per certo mi place ora molto piti questa in* 
terpretazione vostra, cio6 che egli non per sua gloria, 
ma per sua modestia, e per gran bontli e gratitudine 
deir animo suo> abbia fatta tale impresa sopra la sua 
casa, per moslrare, come voi avete benissimo detto, che 
egli e tutta la casa sua, serbando eternamente viva la 
memoria dell'amorevolezza di ciascun di noi, che, seb* 
ben abbiam fatto per dire il vero, e per aggiungere 
splendore agli scritti nostri, nondimeno esso per sua 
modestia e gratitudine voglia riconoscerlo a servigio ed 
a favore, con quella ingenua e veramente degna con- 
siderazione, che voi avete spiegata di sopra , ciod cher 
Chi non si mostra d'aver cara la gloria e ronore> non 
possii d'animo e di fatti esser se non vile e disonorato. 
Ch6 gli uominf, veramente nobili non si hanno gi^ a 
muovere a far le cose onorate e buone per solo fine* 
d'acquistarne gloria, ma per far quello che si conviene 
a loro. Ma hanno ben poi da aver caro, e riconoscerne 
obbligo a Dio, che dairaverle essi fatte felicemente ne 
segua loro Tonore e la gloria, e siccome dagli effetti 
d* esse e dair esempio ne conseguono contentezza ed 
utile i presenti ed i poster! . 

DoM. Cosi 6, monsignor, certamente. Ed in quanto allar 
esposizione, che V. S. dice, ch'essa dava air impresa , 
non mi par che fosse se non belli ssima ancor essa, per 
le ragioni che V. S. ed io abbiamo pur ora dette, della 
contentezza che ogni persona onorata deve aver della 
perpetuity del suo nome e della sua gloria. 

Gio. Di questo hanno ragionato a lungo e scritto mol* 
tissimi grandi uomini come sapete, antichi e moderni. 
£ si hanno nolle istorie inflniti esempi di famosissime 
e valorosissime persone, che con gli effetti hanno mo- 
strato di cosi portare opinione, e di cosl giudicare come 
noi diciamo. 

DoM. Questa impresa del Bembo , quanto io piil Id' 



74 OlMJOGO 

Tengo eoQSiderando > pid mi si viene scoprendo arUft- 
ciosa e leggiadra. Percioccb^ ia quanto all' interprets- 
zione, allora sono veramente belle e vaghe IMmpreae^ 
quando possono aver pit d' una espDsizione , purch^ 
ciascuna le quadri e le si convenga bene , e cbe cia- 
scuna sia di buon sentimento, e non di tristo. Accioe- 
cb^ pigliandosi o Tuna o Taitra inter pretazione, per 86 
sola, o Tuna e Taltra insleme, venga sempre a resur 
bene e vagamente edificato I'animo di cbi I'interpreta 
di cbi I'ascoita, siccome ed unite insieme e disgiunte 
tra loro vengono a far pienamente 1' una e r altra di 
queste due .esposizioni cbe noi abbiamo gia date a 
questa. 

Gio. £ cbe diremmo poi vol, ed io, se per avventora 
quel gentiluomo cbe I'ba (atta, le desse poi qualcb'altra 
interpretazione in tutto diversa dall'una e dall'altra di 
queste diie? 

DoM. S'eila fosse buona e le convenisse leggiadramente 
loderemmo poi tanto pid e Timpresa e Tautore insieme. 
E per certo, siccome in un bellissimo palazzo, ehe si 
mostri tutto di parte in parte a cbi vuol vederlo, sem- 
pre i padroni si riserban cbiusa qualcbe stanza con al- 
cune cose a sua voglia, da non pubblicarsl o mostrarti 
se non a cbi a lui piace, o a cbi pare cbe si conTen- 
gano, cosi giudico cbe nelle imprese sia cosa tanto 
piti vaga e tanto piti comoda all'autore quanto avendo 
ella una o piti esposizioni e sentimenti da mostrare a 
tutti, n*abbia ancor poi qualcb' altro mistico e recon- 
dito, cbe serva a s^ stesso o a cbi egli vuole. E que- 
sta intenzione si vede cbe banno avuto non solamente 
gii scritti de'poeti> e de'Hiosofl, e principaUnente de'pla- 
tonici, ma ancor le sacre e divine lettere. 

Gio. Ben dite. Ma non so se ancor avete avvertito 
I'altre bellezze di questa impresa, pur con questo fine 
di sentimento vario, cio6 cbe Terba col nome e con 
la natura sua serve doppiamente alFintenzione deirau- 
tore, e questo voi toccaste di sopra ; ed ii sole poi cbe 
pur doppiamente accomoda, I'uno, col girar suo a tener 



dbll'imprbsbI 71!^ 

interprelate le parole: Dum volvUur , Taltro con lo 
8plendore, a dar esposizione al tatto, cosi nell'altra ri- 
ferirsl al Monstero ed a me, che quel gran gentiluomo 
ci voglia descrivere per illustri e splendenti nel co- 
spetlo del mondo , come riferendosi a lai stesso , che 
per gli scritti nostri sia fatto tanto piti chiaro. E que- 
sto non viene ad essere fuor di modestia, poi che tal 
cbiarezza e splendor sao moffira di riconoscere dalla 
penna nostra. 

Don. Bellissima e artiflciosissima ella riesce per certo 
in ogni sua parte. E ben mostra esser nata da quel 
gran gentiluomo, del quale ho udito dire a piti d'uno, 
e principalmente da gentilnoroini veneziani stessi, che 
cost di valore e altezza d'animo, come di acutezza d'in- 
gegncnon cede a persona che oggi vira. 

Gio. Di questa ultima parte io non vi replicher6 al- 
tro. Ma delia prima, clod deiraltezza deiranimo, io ho 
in punto piti d'nna notabilissima testimonianza da met- 
tere nelle mie istorie, e principalmente quella quando 
dopo la molta prudenza usata da lui e molta modestia 
per tener quieto e in pace Barbarossa, che volea Gat- 
taro, il qual esso Tavea in governo, essendo flnalmente 
astretto a venir all'armi, non solameote difese la terra 
con resistere agl'impeti de'nemici, ma usci fuori con 
tal ordine e con tanto valore , che gli fece ritrar su- 
bito, e r aver a grazia di far 1' amico con lui , e pre- 
sentarlo, e fargli un mondo di favori e d'accarezzamenti. 
Ma perchd ^ gi^ tempo di venir gente che c*interrompa, 
vedete se vi resta che dir altro intorno a questo sog- 
getto deirimprese. 

DoM. Per ora non voglio piCi fastidir V. S., ch^ avremo 
tempo a ragionarne altre volte, piacendo a Dio. 



HNB. 



AGGIUNTE 

AL 

riALOGO DELLE IMPRESE 

TRATTE DALLE EDIZIONI GIA' GITATE 
DEL GIOLITO E DEL ROYILLIO 



AggitiiUa 1." tralU dairedizione del Rovillio, da riferirsi alia 
pag. 33 della nostra, avanti al paragrafo cbe comincia : 
Mettero mano ecc, ecc. 

Al medesimo signor Liviano fu trovata una arguta 
impresa dal Gotta yeronese, suo poeta , dopo la detta 
rotta di Vicenza, della quale dicevano che fu potissima 
cagione il provveditore M. Andrea Loredaao , il quale, 
nel punto che si ritiravano i nemici cesariani, corse 
armato in corazzina di velluto cremisino al padiglione 
del generale. E trovandolo con molti capitani a una 
tavola che consuUavano di quanto s'avesse a fare, co- 
mincld a rinfacciargli la vilt^ e la tardanza loro; per- 
ch^ essi dicevano ch'a'nimici che fuggono si doyreh- 
hero fare i ponti d' oro ; ed egli pure instaya che non 
se gli lasciassero scappar dalle mani; atteso che eran 



78 AGGIDNTE AL DIALOGO 

roUi i Yeneziani, e il liOredano, restando morto , pag6 
la pHna della sua temeriU. Allora il Gotta esortd il 
8U0 signore, che , in cambio dell' Unitoriio , cbe s'era 
perduto nella giornata, portasse per insegna ua'oca in 
mezzo d' alquanti cigni , coq an breve legato al collo , 
cbe dice : Obstrbpuit intbr olorbs, per inferire ch'ella 
6 cosa impropria cb' on senator togato voglia prender 
presunzione di giudicare ne' casi di guerra tra' capitani. 
Riflut6 tale impresa il Liviano, ancorcb^ molto la lo- 
dasse, per non morder 11 Loredano, morto miserabil- 
mente, e per non trattarlo da oca. 

Aggiunta 1* tratta dalle due citite edizioni, da riferirsi alia 
pag..5l della nostra, avanti al paragrafo cbe comlncia : 
Ne portd ancora il predello S, Marchese. 

Ne port6 ancora un'altra poco avanti molto bella, 
trovata da M. Guaitieri Gorbetta, senatore miianese, 
uomo dottiMimo nelle buone letlere , ad un proposito 
che voleva dire esso signor marcbese cbe desiderava 
venire, siccom' era vcnuto, capitan generale, per poter 
roostrare interamente il suo valore, senza cbe si co- 
municasse la laude al soprastante capitano> dicendo 
mostrare al mondo quanto sapesse e valesse neir arte 
milttare. Figurd dunque es o M. Guaitieri le sfere del 
quattro elemenli s^parati, con un motto di sopra, cbe 
diceva : Discretis sua virtus adbst , volendo intender 
cbe gli element! nel luogo loro banno la sua peculiar 
bvirttl. 11 cbe non confesserebbe un fliosofo, pereb^ il 
fuoco nella sua propria sfera non cuoce n^ abbrucia , 
ma solamente quan<regli ^ legato con la mistura de- 
gli altri elementi. E pereb^ ebhe bella apparenza di 
quelle quattro sfere fii tollerata e fatta a ptltura nelle 
bandlere de' trpmbetti. 



DELLE IJdPRESB. 79 

Aggiuiita 3.*tralla dali'edizione del RovilUo e da riferirsi 
alia pag. 68 delta nostra dopo il paragrsfo che finises 
Lmgo splendesrit in usu, 

Port6 ancora il cavalier Gastellano di Beccaria , il 
quale ^ il vero onore del|a generosa ospitalit^ ed ele- 
gaDza di tuUa la Valtellina , una impresa piU comoda 
ai 8U0 proposito onestissimo , cbe scelta di vaga flgu* 
razione. Amando esso una signora ^ergine con dise- 
gno di pigliarla per moglie , pose in ana medaglia di 
oro ed in un cameo la testa del re David col delto 
del suo salnio: SACiTTifi tu^ infixes sunt mihi e nel 
rovescio i'ardente monte d' Etna , per signiflcare ardor 
naturale e legittimo di puro amore , col motto attorno 
in tergo , che diceva : Cos! abrupfa il vbllo di mo- 
NELLO. £ questa fu invenzione del beir ingegno di 
M. Luigi Raimondi. 



fiNE OELLE AgGIUNTE. 



VARIANTI E CORREZfONI 

AL 

DIALOGO DELLE IMPR£SE 

TRATTE DALLE BOIUONI DEL GlOUTO DEL 4587 
E DEL ROVILUO DEL 1874 (*) 



1 vostra 
f intermezzo 

• ameni 

3 appuDlo 

• facile ri<*ordeYOle ed espe- 

dito fngeano 

• e con desiderio clie ne resU 
an d iaioffo.nel qnale non in- 
tendo obbligarmi alia ecc 

4 ridurvi 
6 Lesvi 

8 e dappoi clie 
I van I 

* • Porco 

9 Paltiniera 

• della 
I Cassio 

> lungagnole * 

10 at raoK) 

I di sogflretti 

• B qnalcli'altro le porta che 

Dol erede 

11 materno di- Pilipposoo pa- 

dre 



nostra. G. 
intermeuo 
ameni alia viata. R« 
appuntatamente. R. 
facile memoria ecc. 

parcli^ non mi obbligliiate 
alia ecc, 

ridurmi 

Lescu — e cosi pol, a pag. 7. 

e dopo, che 

busi 

Porco 

Patiniera 

de la 

Casio 

longole (coH in tutte) 

ai rami. B. 

de'soggetti 

altri le porta che non se le 

crede. R. 
qwtU paroU mancano 



C) La Mlera G- indUa Vedizione del GioUto: ta R. redizione 
del RaviUio, Dwe n<m i tegno, ^inUnde ehe qiuiU du$ iditUnU 
eoneordano. Dove i tm oiteritco. iHnUnde eke la varteU Verrore 
i della nottra ediMime, 



^^ 



VARIANTI 



H Vita 

• corona 

12 quel la terra 

• Ma innauzi ecc, fino a vi 

pensa 
Ora lornando ecc, clio 

13 quest! re. 
U Ml nutrisoo 

» Volse ancora questo re /iwo 

a luna 
16 si pose 

• Dai<^pitano,appuntato 

48 Pordine 

• fuora de' margini 

49 Quietate le cose 



20 )a quale 

• stando 

M di seiiso oscuro 
2i QueUa ancora cbe fece il 
Molza, ecc 

26 lo strangola 

• Paziaco promoQtorio 

27 de Revi 
^i rigettd 

29 Teau trouble * 
31 ornato 
37 Ollavio Fregoso 
« Agnolo da Modena 

• per ambasciator cesareo * 

38'straccia 
» c i pariigiani 

• era per oifendersl 

40 datogli salvo condotto d'an- 
dar a Roma. 

• vola 

43 fate vol 

• smaechiate 

• Tebano • 

44 per tornare 

• rubesto 

• si dimenticava 

45 brusco 

• e dei signoii regnicoll 

• il mezzo 

• che usano 
4G impresa 

■ facoodo ^ 
47 levarsl tosto dal laogo 



vista 

colon na- 

quel di la terra 

manca 

Vcrameute questi uoslri re 

Nutrisco ed estinguo. R. 
manea 

si prese. 

Dai capitano, pun to. 6. 

Torlo • 

fuora de'fogli per le margin I 

quietate le cose e fatta la 

mirabil fortezza di Porta 

Glovia. 
la quale, planta. R. 
tardi. R. 
di peso oscuro 
Tutta la descrizione di gue- 

sVimpnsa 6 abbreviata. 
non lo strangola 
Fa. p. oggi la Prevesa. R. 
de* Ricci 
acccu6. R. forse daW errato 

ricetK^ del G. 
la trouble 
ornata 

Oitaviano Fregoso 
Agnolo di Madonna 
per sopr* ambasciator cesareo 

{cosi in tulle) 
schiaccia 
e pariigiani 
ed era ecc 
Adescandolo ad andar a Roin^ 

busa 

fatte da vol. R. 

smaccaste. R. 

Spartano {coil in tulU) 

per tornare at proposito. R. 

robusto 

si dimesticava 

brutto 

e di signori regniooli 

il mezzo e la fibbia. R* 

che usavano 

impresa? 

fecondo 

levarsi innauzi giorno per an- 
dar a caccia o per levarsi 
dal luogo. R. 



B C0RRBZI0N1. 



83 



47 Qii*. mon ennemi 

48 faccia 

49 risolversi 

M Messer Viola 
» di don Roderico 

54 Servia 

• nel mostrar desiderlo 

55 Federigo 

56 2io del medesimo 

• Che lo spezzar 
87 a tempo 

• che ha il diamante 
» della cometa 

58 alia sala 

» ed invittisslmo 

59 alia quale 

60 ovvera * 

» Taltre delta fede 

61 dispiacere 

62 Marziale (X. 2.) 

• Vi porta 
64 ognuno 

» scouvenevole 
» risa 

• non volendo 

• un Dio Terralne • 

• che fa queslo 
66 Portane 

» Cristallus 

68 Ma perchS /Ino a Tuem 

69 lacermi 

70 lo vi li a luita la pag, 75. 



mon ennemi. R. 
taccia 
risolverle 

Messer Cesare Viola 
da don Roderico 
Scrivia 

e che nel ecc. R. 
Roderigo 
zio del moderno 
con lo spezzar 
a tempo, ciod fa con tempo 
col diamante 

delta Stella di Venere in for- 
ma di cometa. 
nella sala R. 

e parimenteinyittlssimoAn- 

gusto. R. 
alia quale impresa. R. 
ovvero 

Taltare della fede 
disparere 
Glovenale. G. 
Vi pond 
ognanno. R. 

Ereternaturale 
uria. R. 
non volse 
un Termlne 
fu questo. R. 
Porionne 
Crystallus 
manea 
tacervi 

Tulta quesV ultima parte 
manca nelle due edizioni 
del Giolito e del RooilUo. 



FINE DELLE VABIANTI. 



INDJCE DEI NOMI PROPRI 

• B DELLE 

COSE NOTABILI GONTENUTE 

Ml PRBSENTE VOLUME 



Acrocerauni (motiti): e Fran- 
cesco Dorgia, !j. 

Aborni (gli): i Pioscliii 38. 

Adorno u. : sua impr., 37. 

Adriano : e Clem. VII, 23. 

Aerone : e M. Colonna, 31. 

Agnolo, ricamalore : e Pimpr. 
di G. Adorno, 37. 

Af^osto: nemicodella vecchia- 
la, I. 

Alciato: sua impr., 65, 67. 

Alcioni (gli): e i Picschi, 39. 

ALEssANDRo: 6 \\ nodo gor- 
diano, IK. 

Ales^ndro VI : pestifero mo- 
st ro, 56. 

Alfonso I d*Ar. : sua impr. 17. 

Alfonso II d^Ar.: suo motto, 
48: - e Lodovico il Moro, tO. 

Alfonso, duca di Ferrara: sua 
impr., 35. 

Alviano B.: sua impr. 33, 75. 

Ama|.fi (duca d'): sua impr., 

Amianto : e M. Colonna , 32. 
Anfiarao: sua impr., 3. 
ANGid (G. d'): e M. di Mar- 

ciano, 17. 
Anitroccolo: e fl cjw. Porres, 

16. 
Apelle: motto preso da lui, 

65. 
Aragona (Lod. (V): sua imp., 

57. 



Aragona (Mar ia d*) : sua impr^ 
49. 

Ariosto G. : e G. dalla Rovere, 
10. 

Ariosto L.: sua impr., 64. 

Arme : quando ne principi6 
Puso, 3. 

Arsio (Luigi d*): e Virginio 
Orsini, 28. 

Artu' : e ibar. dellaTav. rot.,5. 

AsTOLFo: sua impr.,3. 

Allaiite, milo: e A. Gritti. 58. 

Attilio Gabrielc: e P. Colon- 
na, 30. 

^VGusTo: suo motto, 3. . 

AvALos (Roderico d') : sua Im- 
pr., 81 . 

Baglione G. p.: sua impr.. 40. 

Banoinelli B. : sua imp , 66. 

Baraballo (al)ate): V. Gaeta 
(ab. oi) 

Barb AROssA : e gli stemmi gen- 
til., 3. 

Beccaria: sua impr., 76. 

Bembo 6. M. : sua Impr., 70 
e seg. 

Borgia C: sua impr. 5. 

Bracciano: e Alviano, 33. 

Broderico S.: e G. Schiepu- 
sense, 62. " 

6u6ninsegni: e Clem. VII, 23. 

Bussola : e S. Fieschi, 39. 

Cagli (Dom. da): e L. de' Me- 
dici, 7. 



86 



INDICB DEI NOMI PROPRI 



• Camcllo: o VIr. Orslni,i8; — 

e Ipp. d'Esto, 36. 

Gampobasso (Nicola oa) sua 
irapr., 61. 

Caraponlorio (ball, dl): e Al- 
fonso ii d'Ar., 48. 

Mandela: e A. For<^o, 9. 

Capaneo: sua impr., 3 

Canricorno: e Cosimo de' Me- 
dici, 26. 

Capua (Andrea di): sua im- 
pr., 4/. 

Carafpa T.: sua impr., 47. 

Carlo V : e Giovio, 2; - sua 
impr, H; — e Paolo 111, 58. 

Carlo-ViU: in Ii., 4; — suo 
motto. 13. 

Carlo ai Borbone: sua im- 
pr., 6. 

Carlo, duca dl Borgogna.-sua 
impr., 14 e seg. 

Casio (cav.): sua impr., 9. 

Castaldo G. B. ; sua impr., 48. 

Castiglione B.: e p. M.della 
Rovere, 63. 

Castoro: e Giovio, 66. 

CASTRUcciot suo mollo, 10. 

Ceresola (giornata di): e F. 
Sanseverino, 4ii. 

Ccrvo: e Carlo di Borbone, 6. 

Chacmont (Carlo di): sua im- 
pr., 44. 

Chiuchiera G.: sua imprH69. 

Cicerone: suo detlo, 21. 

Cinjbri : loro cavalleria. 3 ^ 

Cipresso: e M. Colonna, 31. 

Clements Vll: e il cav. Ca- 
sio, 9; — 6 le impr. medicee, 
24 ; — suo mollo , 22 ; — sua 
impr., 23. 

Coccodrlllo: e Gonzaga. b7. 

C01.0NNA Fabrizlo: suoi mol- 
li , 29. 

• Colonna Marcanlonio: sue im- 

pr., 29 — e T. Trivulxlo, 50. 
Colonna Muzio: suo motto, 32. 
Colonna Prospero : sua im- 
pr., 29. 

Colonna Sief ,sua impr. 63. 
Colonna Viit. ^sua impr. 49. 
Colonnesi (i): e A. Sforza, ti;— 

loro impr.. 32. 
GoRViNo M. : sua impr., 62. 
Corvo: e M. Corvmo 62. 



Cotta G,: e A. GritU , 58; — 
e Liviano, 75. 

Crislallo: e B. Bandinelli, 6d. 

Danese (il): sua impr..^ i- 

Delflno: e Tito Vespasiano, 3. 

Diamanle: e le impr. medi- 
cee, 22. * 

Diana Efesia (tempio di): e L. 
Gonzaga, S2. 

DoiiENiCHi L.: e le impr.» 4; 

— e le storie del Giovio, %; 

— sua impr., 67. 

Dragone : ,e Anflarao, 3. 

Eberard Stuardo : sua im- 
pr. 45. 

Eboracense Crist. : avvele- 
nato, 02. 

Edoardo HI: e Tord. della 
giarrettiera, 43. 

Elefante: e il rinoceronie, 33; 
- e i Fieschi. 38. 

Emanuello di Port.: riuoce- 
rontc da lui mandato a Bo- 
ma, 35. 

Enrico II: suo motto, 44. 

Epaiiinonda : e II suo scu- 
do, 43. 
^ Epicuro A.: e il march, del 
Vasto, m. 

EuASMO, sua impr.. 65- 

Ercole ( colonne d' ) : e Car- 
lo V, 44. 

Este (Ipp. da): sue Impr , 36. 

Etna, monte: e G. B. Castal- 
do, 48. 

Falcone : e Ipp. da Estfe, 56; — 
e P. de'MtcTicl. 22. 

Fama: e il soldato, 52. 

Farfalle: e I. Fioramonda, 7. 

Farnese a : sua impr., 59. 

Federico, re d*Ar.: sao mot- 
to, 49. 

Ferdinando, re di Spagna : e 
Luigi XII, 49. ^ 

Ferrandino, re d'Ar. : suo 
motto, 48. 

Ferrante ConsaWo: e D. di 
Mendozza, 15. 

Ferrante. w d*Ar. : sua im- 
pr., 47. 

FiEscHi (i): loro Impr., 58. 

Fieschi Sinibaldo: sua im- 
pr., 39. 

FiLirpo II: sui InriprM 45 



R DBLLB COSB NOTABlLI. 



•«7 



FioRAMONDA Ipp. . sua impr^ 6. 
KiHENZE : sue pill., ij — sue 

monete 21. 
FiRENZB (duchessa di): sua 

impr., 63. 

FlISCHI. V. FlESCHI. 

Foix (inonsig. di): e Raven- 
na, 30 

Forgo A. ; sua impr, 9 

Fortuna: ladra, 13. 

Francesco I: sua impr., 14. 

Francesco, duca di Candia: 
sua impr., 5. 

FRfiGosi 0): e i Fieschi , 38. 

Faeuoso Ottaviano: sua im- 
pr., 36. 

Fulmine : e G. Adorno, 37 ; — 
e A. Farnese, 58. 

Gaeta (abate di); sua incoro- 
naz. in Roma, 8. 

Galea (timouo di): e R. Ria- 
rio, 8. 

Gano: sua impr.» 3 

Gatto Giovanni : e B. Alvia- 
no, 33. 

Gedeo>e: suo vello, H, 

Gclsomoro: e Plinio, 20. 

Ghiaradadda (bait, di): e Carlo 
di Dorbone, 6 

Giogo : e le impr. de'Medici, 21 . 

GiORDA.Ni G.:sua impr. 66. 

Giovenale: motto da lui tol- 
to, 35. 

Giovio : 6 Cosimo, 1; — sua sto- 
ria de' Turchi, 2; — ed En- 
rico II, 14; — e Alessandro 
do' Medici, 25; —e il duca 
di Urbino,25; — sue impr.. 
36. 66; — imprese da lui 
invent., 37 e seg.: — suo 
Tnuseo, 68 ; — suoi Elog , 63 : 
— e G. M. Bembo, 70. 

Giovio Giuiio: sua impr., 66. 

Giarreitiera (ord. della);<n^<. 
The order op tub Gartbr: 
suo motto, 13. 

Giasone: e it vello d'oro. 12, 

Giunonc Lacinia (tcmpio di): 
e il march, del Vasto, 5'. 

Go.nzaga Andrea: sua impr., 60. 

GoNZAGA Francesco: sua im- 
presa, 33. 

GoNZAGA Giulia: e Ipp. de' Me- 
dici 28. ^ 



i GoNZAGA Isabella: sue im pr.. 59. 

GoNZAGA L. : sue impr., 62. 

GoNZAGA Sig.: sua imp. 57. 

GoRDf : e il nodo goruiano, 1 5. 

Grano (spiche di): ed il mar- 
ch, del Vasto, 51. 

Gravina p.: ed il march, di 
Pescara, 49. 

Gritti a. : e F. Trivulzio, 51 ; 
— sua impr.. 38. 

Gru: e il duca d'Amalfl, 46. 

Gruer (monsig. de) sua im- 
pr.. 54. 

GuALTiERi CoRBETTA : impr., 
in v. da lui, 76. 

Guzman (Diego di): sua im- 
pr., 16. 

Idra: e Gapaneo, 3. 

Imprese: e gli antichi« 3; -> 
quali debbono essere, 4. 

Isirico: e Luigi XII, 13. 

Lauro: e i« de^MedicI, 7. 

Lautrec (monsig. di): sua im- 
pr., 50. 

Leone X: e Tabate di Gaeta, 
8; -- magnanimo, 11 ; — sue 
impr. 21 , 22 ; — e Baglione, 40. 

Leone: v. Pompco, 3: — e L. 
de'Medici, 7 ; — e F. M. dclla 
Rovere, 62. 

Lescu (mons. w): e 1- Fiora- 
monda, 6. 

Leva (A. da) :V. Leyva (A. de). 

LrviANO. V. Alviano. 

LoDovico Xll: v.: Luigi XII. 

LoDovico, imp.: e Gaslruccio, 
10. 

LoREDANo : e la rotta,di Vi- 
cenza 75 * 

Leyva (A. de): suo motto, 16. 

Luciano: e la necessity, 66. 

Luigi XII: in It., 4; — sua ira- 
presa, 13 ; — e Ferd. di Spa- 
gna, 19. 

Luna: ed Enrico II, 14. 

Lnpa: e G. Schiepusense. 62. 

LussEMouRGO (Luigi m): sua 
impr., 44. 

Maddalena Fauslo : c Bor- 
gia, 5. 
Maino (G. DEL): suo motto, 7, 31. 
Malva: e D. de Guzman, 16. 
Mancino (Bast, del): sua im- • 
pr. 9. 



gg INDICB DEI 

Manpredi (T. de*): e Giovlo, 35- 
Marciano (Marino da): e Per- 

ranle. re d'Ar., *7. 
Maria Novella (ch. di S.) in 

Fir. : sue pill , 4. 
Marina (chiesadiS.)di Yen.: 

e il cav. della Volpe,69. 
Marliano L.: e Carlo V, II. 
Massduliano, imp.: e A. Gnl- 

li, 58. 
Mattei G.: sua im|»r., 40. 
Medici (Aless. de') : suaimpr., 

Medici (Cosimo de*) il vecchio: 
sua impr., 54. ^. , 

Medici (Cosimo de'): eGiovio, 
4 ; — sue impr., 26. 

Medici (Giu.s. DE'):suomoUo, 
ft 

Medici (Ipp* de*) : suo mollo, 

Medici (Lorenzo de'): suo mot- 
to, 7. 
Medici (Pielro de'): sua imfr., 

Mele cologne : e U conie di 

Santaflore, 54. 
Mendozza (Diego di) : sua im- 

pr., 19, 16. 
Molza: e 1pp. de'MedicI, 24; — 

e il card. Farnese, 57. 
Monte (M.da): suo valore,33. 
MoRO T. : e Brasmo, 65. 
MoRTiER : e Giovio, 14. 
MoTTA AuGRUGNo: 6 Carlo di 

Borbone, 6. 
MuNSTERO : e Berabo, 70. 
Mdsettola : e G. Cbiuchiera« - 

69. * 

Navaoero : e Timpr. di G. A- 

dorno, 37. 
Navarro P.: sua impr., 43. 
Nebrissa (A. DI) : e Filippo II, 

15. 
NeccssiUi: e Luciano, 66. 
Nola: e Virg. Orsini. 28. 
0B8EQmENTEG.:e ii rulmine,37. 
Oliviero : sua impr., 3. 
Orlando : sua impr., 3. 
Orsini: e i Coloniiesi, 32. 
Orsini Niccol6: sua impr., 29. 
Orsini Virginio: sua impr. 29. 
Otamira : e i Colonnesi , 32. 
Padova: e A. GriUi, 58, 



NOMI PROPEl 

Palma: e M. Colonna,30; — e il 

ducad^Urbino, 35. 
Paltiniera Bianca: e Forco, 9. 
Panmolena: sua imp., 9. 
Pansa: e S. Fieschi, 40. 
Paolo II: e Carlo V. 
Paragone (pielra del): e F. Co- 

lonna, 30. ... 
Patiniera. V. Palliniera. 
Pavia(card.di): cM.ColODn3i,3l- 
Pavia: sue cosiruzioni, 60. 
Pavone: e la duchessa ai Fi- 

renze, 63. 
Peccbie: e L. Ariosto, 64., 
Perugia: e Baglione, 4a 
Pescara (marcn. di) sua impr. 

*3. 00. 
Pesco: e L. Domenicni, 67. 
Petrucci (card.): sua congiu- 

ra, 8. 
PiNDAAo: e Anflarao, 3. 
PiTTi Luca: e Pielro de'M©-' 

dici, 21. 
Plinio : e il gelsomoro, 20; •-- 

e i rinoceronli , 65 ; — ;e U 

nalma. 35;— e gll alcioiii; 

89; — e lo siruzzo, 4«. 
Plctarco : e i Cimbn , 3 ; — e 

Pompeo, 3. . « _x 
Poitiers (Diana di): e Enrico 

PoLiNicE:sua impr., 3. 
PoLiziANo : e Pielro de' Medi- 

ci, <2. 
Pompeo : sua impr. , 3. 
PoRCo Agosiino. V. Forco. 
Porres (cav. di casa): sua imp., 

Raihondi Luigi: imp. my. da 

lui, 76. 
Rampoccio : e Giovio, 68. - 
Ravenna (giornata di), e F. Co- 

lonna, 80 ^ , ^ 

Ravenna: e M. Colonna, 30. 
Renato. duca dl Lorena: e 

Carlo di Borgogna, 12. 
Renato di Provenza: e F. Sfor- 

za, 10. 
Revi (DA.) V. Ricci (da). 
RiARio R.: sua impr., 8. 
Ricci (P. F. da): e Cosimo de' 

Medici, 27. 
RiNALDo, prete: suo iradi- 

raenio, 62. 



RiNALDO : sua impr. , 3. 

RinoceroD te : e A . ae*Meaici, i5. 

RovERE (F. M- della): sua im- 
pr^ 63. 

RovERB (Galeotto dalla): sua 

impr., 9. 
Salamandra: e Francescol.li. 

Salamone di Brett. : saa im- 
pr. S. 

Saiemo (prtn. di): suo motto, 
iO. * 

Saliceto B.: e a. Srorza,56. 

Sannazzaro I : e Pimpr, del 
Golonnesi, 33; — sua impr.i 
03. 

Sanseverino F.:e la giornata 
di Ceresola, id. 

Sanseverino G. F.:e la gior- 
nata del Taro, 3i : — sua im- 
pr. 45. 

Santafiore (conte di); sua 
impr., 53. 

ScBvoLA Mnzio: e Muzio Co- 
lonna, S3. 

Schiepusbnse G. : sua impr. , 
63. 

Scudo : e il march, di Pesca- 
ra, 43. 

Semprevivat erbia: e Bembo, 
73. 

Sflnge: e Polinice, 3; — e C. 
Giordan i. 66. 

Sforza A8canio:e i Colonnesi, 
38; — sue impr., 55. 

Sforza Francesco: suo motto, 
19. 

Sforza G. A. , e G. dalla Roye- 
re, <o. 

Sforza Galeazzo: sue impr., 
19. 

Sforza Lodovico: sua impr., 
19; — cagion di sua ruina, 
30. 

SiMONB, schiavone : e Clem. , 
vnr, 33. 

Sirena : e S. Colonna, 63. 

Sole (eclissi del): e Ascanio 
Sforza, 56. 



B DELLS C08B NOTABILI. S9 

Stazio : e Capaneo, 3. 
Stemmi : quando ne comin- 

ci6 r uso, 3. 
Strozzi F.: e il motto di L. 

de* Medici, 7. 
Struzzo: eG. Mattel, 41 — ell 
march, del Yasto, 4i;— e P. 
Navarro, 43. 
Taro (giornata del) : e V. Or- 
sinl, 38; ~ e F. Gonzaga, 33. 
Tasso Bernardo: e F. sanse- 
verino, 46. 
Tavola rotonda (bar. della): 

loro impr., 3. 
Termine (Dio); ed Ertsmo , 67. 
Tito Vespasiamo: sua impr., 3. 
TiziANo: erimpr. di G. Adorno, 

37. 
Tosone (cav. del) : e Carlo di 

Borgogna, H. 
Tramoglia (monsig- della): sua 

impr. « 44. 
Trivulzio G. G. : sua Impr. , 

34. 
Trivulzio Teodoro : sua impr., 

sa 

TuRNo : c Virgilio, 3. 
Urbino (duca di): e il card. 

di Pavia, 31; — sua impr., 

35. 
Valtellina : e Beccaria, 76. 
Vasto (march, del): sue im- 
pr. 41, Ml 76. 
Verona (guerra di) : e M. Go- 

lonna. 31. 
yicentSL (giornata di): e Al- 

viano, 33 ; — e Loredano, 75. 
Viola: e F. Trivulzio, 51. 
ViRGiLio : e le impr. antirlie, 3. 
ViscoNTi Bianca: « F. Sforza, 

19. 
ViscoNTi Galeazzo: sua im- 

presa, 61. 
ViTERBO : e Alviano. 3Sw 
Volpe : e il cav. della Volpe, 

69. 
Volpe (rav. della) e gli Elog, 

di Giovio, 49. • 



FINB DELL'INDICB DBI NOMl PROPRI B COSE NOTABILI. 



INDICE 



DELLE 



MATERIB CONTENUTE NEL PRESENTE VOLUNETTO 



Phefazione. . . ^ Pag. vii 

Dialogo delle Imprese di monsignore 

Paolo Giovio •99 3 

Aggiunte al Dialogo delle Imprese tratte 
dalle edizioni del Giolito e del 
ROVILLIO w 77 

Variantie Correzionial Dialogo delle Im- 
prese Iralte dalle edizioni del Giolito 
del 1557 e del Rovillio del 1574 . w 81 

Indice dei nomi propri e delle cose nota- 

labili contennte nel presetUe volnmeUo , » 85 



. i 



.J 



. r > 



WIILANO - G. OAELLI c C* - C I T O R f . 



raceolla e pubblicata da G. DAELLL * 

L'Editore si propone di puhlicare In quests Raccolta teritti classic! e rarl detl» B|Hlft 
Btraniera letteratura, trasc«giieDdoli in modo che a poeo a poco cosUtui»rM«^av 
IHustra/ione del secolo a cui u ppartenit ooo ; corredandoU dl apposiU proemi tkmm' 
addiUno rimportanza letteraria «d 11 ncMo colla storia presenle e pa^Batn. QtMMi 
Edizioni, popoiari pel buon mercato, sono cundotte colla mafrg'or dillffenu mT 
clb clie riguarda la scelU e la reviniooe , e sono arriccliUe di Uvole, oote, laoi 
• del rilruiU degli autori, o del penouaggi 41 cui tralUuo. 



LORENZINO DE' MEDICI. 
i:.*Arido«l«t con I'Apologia e le Le tere 
dello ste»so, con documftnti cbe In riguar- 
daou, ecuo prefazione e medaglie iuedite. 

PAOLO GIOVIO. 

DIalvCo dell« latpr«s« aallliarl «d 

•■aorosai coil prefa lone e iwie ecun 
Tiodice del nomt propri e delle eose no- 
levoli; e eol ritralto detTautoie. 

LODOVICO DOLGB. 

Dlaloc* dclte pl*i«rai con rinlnaU 
delle letlere dl Tiziauo a varll «Ooll'A- 
retino al Titiano ; con prefaiioae e in- 
dice del no ml propri delle cose nota- 
blll; e col rilratte 4i Thimwt, 

LEON BATTISn ALBERTt, 

■e 4*«aaore« Questo volumelto 
itieue: 1. Mmgtonmm»mntm <!'•••»•• 
di PloUno, tradotto da A. M. Salvini; 
S. Due novelle amo»«»se di L. B. Albert!: 
VEemtom/iUi e la MMfirm ; 3. il JNo- 
<oya <teU*onore cfftlle Amnnm di 
S. Uuazzu; 4. CmUi0^m9W*i9*•r«, frani- ] 
mento d'una ooYeli^greca di ||elcbiotrei 
Cesarotti; con proequo ed U ritratio di' 
• t. B. Albert!. 

ALESSANDRO PICCOLOMINt 

(k Sitrilta litnuto). 

* 0«lte Cr«aMB« dcll« d«Ma«f ridoilu 
M niiglior lezione, con pruemlo e note , 
« coi ritratto deirautore. 

IMPRESS NAVALI. 

Cuesto volunietio, con proeniio, co.itiene : 
I. la Kmt^amt9*hB amilm ^mitmgUa 
A< E^jpanta di O. Oiedo , S. M.m Mtt- 
weno<ble AjitmrnOm o la fallila invu- 
lioiie deiriDgliiUerra nel 1S88, relazieni 
« (locumeuti: Cou ritratUi della xo^Ium 
Blisubetta. '^ 

CRISTOFORO COLOMBO. 

A.«ttc»e ■■it«crAf« cdlft« cd laedltef 
ftra cul II teslo tpagnuolo r^rissinio dellu 
letlera scrtlta du Colombo nel 14 (S »ullt! 
iKole da lui scuperle, esistenle nella 01- 
blioteca Ambrusiaua, ed ora nuovamen e 
rittaiupatu; preuiesso un discorso su Co> 
lombo dl cesare Gorrenll; con proeato e 
eon novo tavole. 



MORO « CAMPANELLA. 

I.*UC«pla e la CittA dd Sol« t 
Uvi la Siorte del rhmmmm d«^i 

narrate da Gaspare Goszi; con pr«fksi«w| 
e note; e col ritrotU di Moro e Campan«tl^ 

ONOSANDRO PLATONICO. 

D«U*oiilaao««plt«ao ceaerale • d«| 
■ao otflelo • tradttzlone del greco di ff^ 
bio Cotti romano; con pioemio. 

GIUSEPPE AVERANI. 

Dal lasaa delta aaeaaa preaaa I Be* 
aaaai • con preftal«n6 « con rilnUo del« 
Taulore. 

ANNfBAL CARD. 

fill ■ftraeeieai* eommedia; ed tl C eaa- 
■aeate sepra la prlaaa Aeat«i» ■— la 
eapltele della rieheJd*! c9B pr««- 

mlo ed fl ritratto deirantore. 

GIORDANO BRUNO. 

CUI erelei f avert e U C^aadelafe. eOw 

media ; con proemi«, note e riir«tto del- 
I'MUlore. 

GIAN MARIA CECCIH. 

DiektaraBleae del preverfct teTaat 
e I'Aeslaete* comnedia{ cen una le- 
xione di L. Fia chi sui proverbi toecani: eJ 
nno stud o sulle comMiedie del Ceccal; 
C9U prebtlone e ritratto deirantore 

ERASMO Dl ROTERDAMO 

KI*Cte del a paaalat con pro em 'e • 

p«'te; ed illostruto coh *0 Incisioul »U 
disegiii origioali d'Bolbcln. 

ANTON FRANCESCO DONI 

IVevelle e Le Stalalele. eovmedia, e l« 
Mala e la Ciilave . dicerie; con pre»> 
uiu, ttute eJ 1 1 ritratto deh'aiitore. ^1. i, ■ 

FILIPPO SASSETTI 

Vlia dt Fraaceaee rerra«ele. cot 

proemio, note «d II ritratto del Dirruccle. 

CARDINAL BIBBIENA 

La Caiaadra • eommedia: aggiOBtari 
Ua* A'TveaCara aatereMi d| FevdJ* 
aaade d* Ara^eaa daea dl CalakHa 

dello stesso autore ; cou proemio, note ed 
il ritratto deil' autore. 



Piriiete iamU • uglia r«Uli aUi fidiliri S. ftilOU # C** « IiIm, 



Prezzo! It. L. 1. 



BIBLIOTECA RARA 

PUBBLICATA DA G. DAKLLI 



TRIBUS IMPOSTORIBUS 




Propriety letteraria — G. OAEIXI e C. 



TIP. GUGLIELIilKl. 



DE 



TRIBIIS IMPOSTORIBIS 



(M D IIC) 



TESTO LATINO COLLAZIONATO SULL' ESEMPLARK 

DEL 

IN3CJL DE LJL VALLliERK 

ORA ESISTENTE 

NELLA BIBLIOTECA IHPERIALE DI PARIOL 

CON L*AGGIUNTA 

DELLE VARIANT! DI PARECCHI MANOSCRITTI 

E DI UNA NOTIZIA FILOLOOICA E BIBLIOGRAFICA 

DI 
FILO!»!liE8TO WL «IO¥A]%G. 




MILANO 

G. DAELLI e C. EDITORI 



MDCCCLXIT. 



AVVERTENZA 

DBGLF EDITORI 



Eoeo, noi ristampiamo come una curiosita 
e senza temer di eccitare altro sentimento 
che la curiositji im libro che fece fremere il 
medio evo, e che parve un attentate satanico 
tremendo ed inespiabile. II medio eve ridea 
alia novella dei tre anelli ; i tre fratelli cre- 
deyano ciascuno che il sue fosse il yero; ma 
non aveyano gli altri due per falsi assolu- 
tamente. — Ora V autore dei Tre Impoitori 
dicbiaraya ch'eran falsi tutti e tre, speszava 



vl 

le Tavole della legge, abbatteva la cro- 
ce, bruciava il Corano, e Fuman genere pa- 
rea restar senza Dio. II libro non esisteya 
o non si trovava e vedea mai ; bastava il 
titolo a spaventar le coscienze^ e a rinnovar 
nelle menti le tenebre e gli orrori del caos. 

Questo Bgomento si pralung6 pel secoli^ e 
la storia di questo libro, narrata cosl minu- 
tamente da Filomneste Juniore, fa Teffetto di 
un ghigno mefistofelico a traverso le preci 
e le estasi dei fedeli. Incerto il libro, incerto 
r autore, ma V atterrita imaginazione popo- 
lare e la stolta sapienza sacerdotale si com- 
moveano contro questi wn^orf dell' intelligen- 
za, e perseguitavano e percotevano a ten- 
toni. Quel titolo era pi{i pericoloso cbe tutti 
i dubbj e le disputazioni dei filosofi, e potea 
piu facilmente penetrare il duro cranio delta 
plebe. 

Noi demmo il testo tale e quale, e faoemmo 
tradurre le illustrazioni, si piene, cbe non ore- 
diamo vi sia troppo da aggiungere. Solo no- 
teremo non esser precisamente vero che di 
Fausto, o Bastiano Faosto da Longiano (ca- 
stello tra Cosena e Rimini) non si possano 



vii 

trovar aotizie (come si afferma a pag. xiv). ^ 
Nan si sa V appunto della nascita e della 
morte, ma si conoscono gli stadj^ i viaggi, 
le opere^ e che nelle cose della fede era 
zojppo, secondo not6 gilL il Muzio. II Tira- 
boschi ne parla a lungo. Cos! h inesatto che 
il Mantovani scrivesse la vita di Cardano 
(come si afferma a pag. LXiv); egli tra- 
dusse in italiano le notizie che quel fa- 
moso scienziato e visionario lasci6 di s^. 
Ora tocca ai Kenan lo scandolezzare i cre- 



1 A pag* 45 si cita un brano del Fausto, che i ri 
portato dal TiraboecM ne* eeguenti termini: u Ho co- 
minciato un'altra fatica, la quale eintitolata: Tern- 
pio di verild, una fantastica faccenda. Sara divisa 
forse in trenta libri. Ivi si legger& la distruzione 
di tutte le sette, altamente ripetendole da gli primi 
principj loro: le bugle degli istorici, le verita del 
poeti, ed in quest! tratterassi della facultade rettorica 
e della poetica, ove sono introdotti Cicerone ed al- 
tri a mostrare gli difetti loro; Virgilio, cosi gli 
Yolgari e gli comentatori ancora. Vol sentirete gli 
yitupeij di Cesare, d'Alessandro e d'Ottaviano; le 
lodi di Falari, di Nerone e di Sardanapalo; Ayicenna 
vi manifestera 1 suoi error! e Ptolomeo gli suoi in 
astrologla; ed io introduce un astrologo a com- 
ponerc una nuova astrologia contraria a quella d9- 
gli altri, ec. 



• • • 

▼III 

denti. L'autore dei Tre Impoatari, fosse an- 
che un Imperatore, aveva il far rotto del 
demonio del medio evo , che era loico^ ma 
non gentiluomo. II tomawack del selvaggio 
h faor di moda; torna meglio on sottil ve- 
leno locusteo o una fina lama d'acciaio, che 
fugga,. le indagini degli Orfila, o le sanzioni 
dei Troplong. Noi non facciam vedere che la 
prima fessura dello schifo che, vinta la 
tempesta; credeva scorrer sicuro suI lago di 
Tiberiade. 




DE TRIBUS IMPOSTORlBllS 



NOTIZIA BIBLIOGRAFICA 

IMTOKNO All LIBBO 

DE TRIBUS IMl^OSTORIBUS 



I. 



In sul cominciare del secolo XVII , la liberty de ) 
pensiero per si lungra pezza compressa, in conse^ 
guenza delle controversie religiose corse tra catto-. 
lici eriformati, si ridestd; e alcuni animosi oltre^ 
passarono ben anco il limite di cosi fatte contese, 
Quando Giordano Bruno e il Vanini (1) esposero 
in opere scritte con meditata oscuriU temerarie as«> 
serzioni , che scontarono colla vita, era gi^ passato 
un buon pezzo dacche Rabelais aveva messo in beffa, 
sotto un velo anzi che no trasparente, cid che sino 
a quel punto era stato oggetto della piil profonda 
venerazione. (8) 

Teofilo Viaud e i suoi seguaci si mostrarono poco 
meno che a yisiera alzata; cid che il padre GarassQ 



— IT — 

uella sua Doctrine Cwnieuse chiama: n apprenUft de Va- 
thiisme^ mroolez en cette maudite cmfirerie qui s'appelie 
la CONFRiRIB DBS BOUTSILLBS, (3) 

Appunto allora ne' dotti circoli si diffusero delle 
voci intorno ad un libro, del quale non si parlava 
che con terrore; la cui mira, dicevasi, era di provare 
che 11 genere umano fu successiyamente ingannato 
da tre impostori. Quindi 11 titolo De tribns Imposto- 
ribus dato a quest*opera, vero capolavoro d*enipieta, 
che nessuno ayeva mat veduta , e nondimeno dava 
luogo a dicerie sconnesse e vaghe che correvano sul 
suo conto. 

Uno fra 1 primi a fame espressa menzione fu un 
monaco spagnuolo dell'ordine del Carmelitani, Ge- 
ronymo de la Madre de Dios. In un libro pubbli- 
cato a Brusselles nel 1611 col 11 titolo di: Diez la- 
mentaciones del miseraUle estado de los Atheistas il re- 
verendo padre si dichiara in quest! sens! : Uno desfa 
Secta {de los Atheistas libertinos) compuso un lidro in- 
titulado : De los tres Enganadorbs del Mundo : 
MoYSBN, Christo y Mahoma, Que no se lo dexaron tm- 
primir en Alemanna, el anno pasado de 1610. 

Nel corso del secolo XVll, e nel principio del XVIII, 
un numero grande d* autorl continud a parlare del 
libro De tribus Impostoribus; niuno perd che asse- 
risse d* averlo veduto ; ma i piii ripetevano dd che 
se ne diceva dsUr universale , aggiungendovi alia 
volte circostanze non molto verisimili. Piit tardo 
critici piiH giudiziosi manifestarono il dubbio che 
forse non si trattasse d'un libro imaginario. Un let- 
terato inf^epmoso, la memoria del quale e rimasta 
oara agli amicl del buoni studj, Bernardo de La Mon- 
po^e autor^ dei fnnu J i(oei borgognoni^ in appog- 



ffio di quest' altima opinione, pose in campo diversi 
argromenti esposti in una sua dissertazione. Codesto 
scritto trovd oppositori, ma, mentre i dotti discu- 
tevano, I*opera per se, restd invisibile. 

In questo mezzo Tavevano cercata con vivo ar- 
dore. Si voile che un diplomatico svedese, Salvius, 
fosse arrivato a porvi su le mani; si aggiunse chc 
la regrina Cristina si sia trattenuta dal richiedernelo 
mentre viveva, ma come tosto riseppe la morte del 
suo antico plenipotenziario, abbia mandato Bourde- 
lot, suo primo medico, a pregare la vedova di appa- 
gare la sua curiosita. Ma n'ebbe in risposta che Tin- 
fermo, preso da rimorso, la vigilia della sua morte 
Tavea fatta abbruciare dinanzi ai proprii occhi (Me- 
nagiana^ t. IV. ). 

Prima di La Monnoye, Gabriele Naude, del quale e 
noto Tamore pei libri, e che per fermo nulla avrebbe 
lasciato intentato per aggiungere anche quosto alia 
ricca biblioteca che stava formando pel cardinalc 
Mazzarino , scrisse : r> Non mi venne mai veduto il 
libro De tribm Impostoridus; credo che non sia mai 
stato stampato , e repute menzogna tutto cid che 
ne fu detto «. Grozio (App. ad Comment, de Antichrist o, 
p. 133 ) s'accorda in simile sentenza. 

Un teologo di ardite idee per Vet^ in cui visse, il 
primo fra 1 cattolici (almeno crediamo) a venire in 
sospetto che il Pentateuco fosse poi veramente opera 
di Mose, Riccardo Simon, prete deir Oratorio, nelle 
sue Lettere scelte ( Rotterdam n02 1. 1 pp. 166 e 202) pa- 
lesa I'opinione, che il Liber de tribus Impostoribus non 
abbia mai esistito; le false voci diffuse sul suo conto, 
derivano dalla malignity che cercava di diffamare 
un personaggio che si voleva screditare. 



Anche Bayle s'attenne a codesta'opinione; in una 
nota apposta airarticolo ch'egli consacra airAretino 
( Diz. isL ) dice : <* £: molto probabile che codesto 
libro non abbia mai esistito; il signor de La Mon- 
noye ha dimostrato con argomenti assai forti che 
esso e puro sogno. II padre Mersenne (in GencHm^ 
pag. 1830 ) ha detto che uno de' suoi amici, il quale 
aveva letto il libro in discorso, y'avea riconosciuto 
lo stile deirAretino. Le son tutte baje ^, 

Avremo piu sotto occasione di parlare di qual- 
cuno degli scrittori che hanno fatta menzione del 
Liber de tridus Impostoribus e che V hanno attribuito 
a questo o a quel personaggio; alle quali si pos- 
sono aggiungere anco altre testimonianze. Un fllo- 
sofo francese venuto a domiciliarsi in Italia , gli 
scritti del quale improntati d'uno scetticismo poco 
celato , suscitarono vive ire fra i teologhi , Claudio 
di Beauregard, (Beringaldo) nel suo Circolus Pisa- 
7iHS^ (4) pag. 230 (Patavii, 1661) parlando dei miracoli 
di Mose attribuiti ad arte magica, s*esprime: »» Tot 
Hri sancti et Christus ipse Mosen secuti satis eum tin- 
dicant ah hoc calumnia qtUdquid affectus contra liber 
impins De tribus Impostoribus omnia refimdens in 
Damonem potentiorem cujus ope magi alii aliis videnhir 
prastantiores quo etiam refertnr illud flctum a Boccac- 
cio de tribus annulis. n 

Un gesuita che si segnald per gran vastit^ di dot- 
trina , per fecondita inesauribile e per un* indipen- 
denza di spiriti rara nella sua Compagnia , Teo- 
fllo Raynaud (5) da parte sua dichiard {in ffopoplot, 
sez. II, p. 250): « Opusde Tribus magnis impostoribus* 
Mose, Christo, Mahomete, ewitiale fuisse Wechelio, in- 
signi alios typographo. Sed e^us Ubri pestifero attactu 



- va — 



funditus everso, referunt, quod legeruntjkie digni testes, 
mihi incestare ocuios tarn infcmda scriptionis lectione 
ad ingens scelus videtur perHnere. » 

Niente s'e potato rinvenire che potesse convalidare 
il fatto che Wechel abbia stampato alcun che di si- 
mile ; ed e possibiie che Raynaud abbia avuto sott'oc- 
chio un'opera d'Antonio Cornelius un tempo stimata, 
dove s'incontrano alcune idee poco ortodosse : Bxac- 
tissima infantium in limbo clausorum querela adversus di^ 
vinum judicium. Wechel appose il suo nome al volume 
stampato ncl 1531 ; pel quale rimandiamo il lettore a 
Bayle (art. Wechel), aDavide Clement (Bidlioth^que 
cwrieuse, t. VII, p. 302) a Schaelhorn, {Amanitates 
litteraria^ t. V, p. 287 ). 

Florimondo de Raymond (cioe il gesuita Richeom- 
me) parla egli pure con isdegno dellibro del quale 
ci occupiamo, intomo alia cui esistenza egli non nu- 
tre il menomo dubbio : u Nefandus ille libellus in Ger- 
mania excusus horribili titulo inscriptus , ex ipsis in- 
femis faucibus libellum hunc eructatum, no7i argumen- 
turn solwn, sed titulus ostendit r> (Nel trattato De Ori- 
gine haresium, lib. II, cap. 16), Egli aggiunge d*a- 
verlo veduto nella sua infanzia in mano a Pietro 
Ramus ( si veda la dissertazione di La Monnoye ) ; 
ma cosi fatti asserti sono avuti per pochissimo de-> 
gni di fede. 

Nel 1581, un dottore partigiano sfegatato della 
Lega, Gilberto Genebrard , parld , in termini a dir 
vero piuttosto vaghi, del libellus^ quasi che girasse 
palesemente. Disputando con un riformato(Lamberto 
Daneau) egli si esprime cosi, avendo di mira 1 cat- 
tolici. n Non Blandratum , non Aldatmt, non OcMnum, 
ad Mdhometismmt impulerunt; non Vallcum ad Athei^ 



smi proftsiumem ind%xermt[(S); nanalium ^nendam ad 
spargendtm libelhim De tribm Impostoribus, quorum se- 
cundus esset Christus Dominus , duo alU MoiUes et 
Mahom§te8, pellexerunt. « 



II. 

Ipotesi intorno airAutore. 

Egli era non poco malagevole Tesprimersi chiara- 
mente circa Tesistenza d'un libro, del quale non si 
conosceva che 11 titolo accompagnato da qualche in- 
certo romore; era cosa impossibile Tadditare Tautore 
d*uno scritto, contro 11 quale si sarebbe scatenata 
grave tempesta. Le congetture pertanto andarono 
di buon passo ; e i bibliografl, i letterati, che s' oc- 
cuparono del libro di cui parliamo , mandarono in- 
nanzi alcuni nomi senza poi giustiflcare le loro as- 
serzioni ; e si attaccarono ai personaggi che sin dai 
primordj del medio cvo si segnalarono per principj 
irreligiosi, piuttosto rari in quell'eti. 

L*imperatore Federigo Barbarossa morto nel 1190, 
e il primo che si presenta in ordine cronologico: i 
suoi litigi colla corte di Roma, 1 suoi costumi poco 
castigati, fecero nascer del dubbj suUa purezza della 
sua fede. II filosofo arabo Averroe o Ibn Roschd , 
morto nel 1193 did luogo a sospetti pel sentimenti 
ostili cui si dice nutrisse tanto contro Tislamismo, 
quanto contro le dottrine di Moise , e la fede cri- 
Btiana* Secondo il signor Renan, che ha pubblicato 



— IX — 

iutomo air averroisino un iibro notevolissimo « la 
filosofia di Averroe, interpretazione piuttosto libera 
delle dottrine d*Aristotile, e interpretata a sua volta 
iu modo aucora piii libero« si ridusse a questo : Ne- 
gazione del soprannaturale, del miraccli, degli an- 
geli , dei demonj , dell* intervento divino ; splega- 
zione delle religioni e delle credenze morali mediante 
Vimpostura. 

Non tutti i nostri lettori potendo procurarsi il 
dotto lavoro del signor Renan, pensiamo di far loro 
cosa gradita recando qui alcune linee , dove que- 
st' abile critico parla coUa sua usata lucidita in- 
torno airargomento che forma Toggetto della pre- 
sente notizia. 

*» Non senza un certo fondamento Topinione pub- 

blica attribui ad Averroe la formola dei tre im- 

postori. A queir etk i diversi culti si rawicina- 

r6no, non gik per la loro comune origine celeste, 

ma per le loro pretese impossibility. Questo pen- 

siero che quasi come sogno affannoso perseguitd 

il secolo XHI , fu perd frutto degli studj arabi ed 

efifetto delle tendenze della corte degli Hohenstau- 

fen. Esso scoppid senza nome d' autore , senza che 

persona osasse confessarlo; esso e, per cosi dire, 

la tentazione, il S&tana nascosto in fondo al cuore di 

quel secolo. Avuto dagli uni in conto di bestemmia, 

dagli altri in conto di calunnia, la parola d'ordine dei 

tre impostori, fra le mani de'monaci mendicant! di- 

venne un arme terribile sempre pronta per rovinare i 

loro nemici. Si voleva diffamare qualcuno faceiidolo 

passare per un nuovo Giuda? egli aveadetto che vi 

erano stati tre impostori . . . . e tale imputazione lo 

bollava come un marchio d'infamla .... Per scuo- 



tere yieppiii V imaginazione popolare, delUt formoh 
si fece un libro. Allorch^ le opere di Pietro il vene- 
rabile, e di Roberto de Ratines intorno al Corano, 
la crociata, 1 libri di polemica scritti dai Domenicani, 
diedero una idea piii esatta dell* islamismo , Mao- 
metto apparve qual fondatore d'un eulto monotei- 
stico, e si arrivd a questa conclusione, che al mondo 
si danno tre religioni, fondate su principj analoghi, 
tutte e tre perd intrammischiate di favole. Questo fu 
il pensiero che si tradusse neir opinione de' vulghi 
mediante la bestemmia dei Tre Impostari, L* Italia 
come la Francia partecipd a questo grande vacilla- 
mento delle coscienze. L'anticliit& pagana v^avea la- 
sciato un pericoloso germe di rivolta contro il cristia- 
nesimo. In sul cominciare del secolo.XI, 8*udi certo 
Vilgard , maestro di scuola a Ravenna , dicbiarare 
che il vero era quanto dicevano i poeti antichi, e 
che convenia credere a quest! anziche ai misted 
cristiani. Giil nel 1115, a Firenze si trovaya una 
setta d'Epicur^i abbastanza forte per cagionare san- 
guinosi tumulti. Arnaldo da Brescia trasformava in 
moti poUtici la rivolta fllosofica e religiosa. Arualdo 
di Villanuova passava per I'adepto d'una setta pita- 
gorica diffusa in tutta Italia. II poema delia Discesa 
di San Paolo allHnfemo parla con terrore d'una so- 
cietli secreta cbe aveva giurato la distruzione del cri- 
stianesimo. n 

Si pose in campo 11 nome deir imperator Fede- 
rico II, morto nel 1250, fondandosi sulla imputa- 
zione di Gregorio IX, che accusava questo monarca 
d'aver sostenuto che tre impostori abusarono suc- 
cessivamente della credulity del genere umano (7). 
Si pretendeva che Topera non Tavesse mica scritta 



— itr — 

lo stesso imperatore, mail suo cancelliere Pier delle 
Vigrne(8). Quest'opinione dopo esser girata come vago 
rumore, verso ii cominciamento del secolo XVIII ri- 
sorse e fu sostenuta e discussa in una disserta- 
zione senza nome d*autore, che noi ripubbliehiamo 
pi\i giiX, Nondimeno si tiene che sia destituita di 
fondamento ; e noi aggiungeremo che Federico re- 
spinse con gran forza Taccusa che il papa gli lan- 
cid contro, la gravit|i della quale potea veramente 
far paura. Intomo a cid si pud consultare le JSpi^ 
stole Petri de Vineis (lib. I, ch. XXXI) ristampate piu 
volte {Haganoa, 1539; Basilea, 1566; Amderga, 1609; 
Basilea, 1740, 2, vol. in 8.) Notiamo pure che Timpe- 
ratore non fu il solo al quale s'addossasse I'accusa 
pronunciata dal ponteflce. Un autore del secolo XIII, 
( Tommaso de Cantimpr6, nella Storia letteraria 
della Francia, t. XIX p. 477, gll consacrd una noti- 
zia) , neir opera allegorica e mistica da lui intito- 
lata Liber de proprietatibtts apum^ sostiene che a Pa- 
rigri esisteva un professore, che ai suoi discepoli iir^ 
segnava che Mose , Cristo e Maomctto furono tre 
impostori. Noi dubitiamo grandemente che un pro- 
fessore , anche nutrendo simili sentimenti , abbia 
portata Taudacia flno al segno di manifestarsi a| 
suoi discepoli; il castigo sarebbe stato esemplare* 

Un monaco napoletano, un audace pensatore, Tom- 
maso Campanella, fu sospettato d'aver composto il 
trattato de' tre Impostori, Bgli voile giustificarsi al- 
legando che il libro era gia stampato trent'anni (9) 
prima della sua nascita ( cioe nel 15!^ ) ; ma que- 
st' asserto e esso poi veramente degno di fede? 
Nulla troviamo che valga a provarlo. Guglielmo Po- 
stelnel 154'^ parld d*un trattato de tribusprophetis^ che 



— XII — 

attribuiva a Servct; e su lui stesso cadde il so- 
spetto ehe avesse scritta quell'opera; egrli a]ineno 
ne avea ripetuti alcuui pensieri in uno degli scritti 
da lui dati alia luce : De orbis ^ccncordia^ (10) open 
d'un genio inquieto ma potente, analizzata con cars 
nel Dizionario delle scienze filosofiche (1S51, t. VI, 
p. 183). Si son messi in campo i nomi del Machia- 
Telli, di Rabelais, d'Erasmo « di Stefano Dolet, ab- 
bruciato a Parigi nel 1546; di Giordano Bruno, ab- 
bruciato a Roma nel 1601 ; di Oiulio Cesare Vanini, 
abbruciato a Tolosa nel 1616, ma queste confuse at- 
testazioni mancano d'ogni apparenza di prova. 

Altri scrittori, facendo risalire a piu secoli ad- 
dietro la composizione di questo celebre trattato, 
lo posero a carico del Boccaccio, autore la cui or- 
todossia non e immacolata (11). 

II Campanella pensava che il vero autore di co- 
desto libro non fosse forse quel Poggio , il quale, 
se bene secretario. del papa , era poco devoto , e 
molto libero in questo particolare, come lo prova 
la raccolta di Facetics stampata col suo nome; ma 
il Campanella par che non abbia fatto gran caso di 
questa opinione, stante che TErnst nelle sue Obser- 
tatUmes mria asserisce che a Roma il monaco cala- 
brese gr indicd Mureto come autore del libro in 
discorso; ora cid non s*accorda per nulla colla 
stampa del libro che avrebbe dovuto precorrere 
di trent'anni la nascita del Campanella; il Mu- 
reto, nato nel 1526, nel 1538 non aveva che dodici 
anni. Altri pronuncid il nome d'Ochino cappuccino, 
il quale, volte le spalle al cattolicismo, abbraccid i 
principj della riforma; ma con tutto il suo perse- 
guitare con sillogismi e sarcasm! la chiesa da lui 



desertata, TOcbino non negd mai i dogmi fonda- 
mental! del cristianesimo. Sicche anche quest' opi- 
nione, che non troviamo se non in ano scrittore del 
secolo XVII (12), ci pare destituitadi fondamento. Al- 
trettanto dlciamo rispetto airAretino. II troppo 
celebre autore del Bagionamenti e dei SonetH lussu- 
riosi spinse la licenza a un seg:no flpo allora senza 
esempio. Ma egli era incapace d*alcuna idea flloso- 
flca profonda , e, cercando sopra ogui altra cosa di 
Tiver tranquillo e di far danaro, adoperd quellapenna 
che aveva vergate le awenture della Nanna e della 
Pippa a scrivere libri di devozione (13). 

II fllosofo italiano Pomponaccio , morto nel 1524 , 
flgura fra gli autori ai quail fu attribuita senza al- 
cuna prova r opera che forma il soggetto del pre- 
sente scritto. fi noto che codesto ardito pensatore 
si mostrd favorevole al materialismo e ostile alia 
chiesa. Le sue opere a Venezia furono abbruciate; 
ma rautore dovette allUndulgenza di Leon X, e alia 
protezione di alcuni cardinal! il piacere d! morire 
in pace. Dei divers! pass! de'suo! scritti che hanno 
provocate le ire de'suo! coetanei, non ne trascrive- 
remo che unotoltodal Tractatus de inmortalitate ant" 
ma (1534, in-12, p. 121): » Ad quartum, in quo dice- 
datur quod fere totum Mniverswn esse deceptwn , cum 
amnes leges ponant^ antmam intmortalem esse. Ad quod 
dicitur^ qik>d si totum nihil sit, quam sua partes, veluti 
multi existimant, quum nullus sit homo^ qui non deci- 
piatwr^ ut dixit Plato in de Republican non est peccatum 
illud concedere^ imno necesse est^ concedere aut quod 
totus wundus decipitur aut saltern nuUorpars, supposito, 
quod sint tantum tres leges, scilicet Christi, Mopsis et 
Mahometis, Aut igitur omnes sunt falsa, et sic totus mun- 



— xrr — 

dMS estdeceptut, ani saltern d%m eanm, et sic inaiorpan 
est decepta. y> 

Si parld eziandio d* un amico dell' Aretino , di 
Fausto da Longiano, che s'era proposto di scrivere 
col titolo II Tempio della veritd un libro molto ar- 
dito , molto eterodosso, come annunzia egli stesso 
in una lettera da lui diretta al celebre satirico . 
stampata nel suo cai1;eggio* Un passo di questa 
lettera si trova nella dissertazione di La Mon- 
noye che noi ripubblichiamo. Anco ponendo che 
detta opera sia stata scritta , si comprende come 
ragioni di gran peso debbano aver impedito la pub- 
blicazione del Tempio della veritd. Noi abbiamo inu- 
tilmente cercato di procurarci qualche indizio in- 
tomo a codesto Fausto. Longiano e una cittaduzza 
appartenente agli antichi stati romani, presso Forli. 

Fu menzionato il nome del Cardano; quest*uomo 
tanto erudito quauto bizzarre, 1 cui scritti presen- 
tano uno strano miscuglio di scetticismo e di cre- 
dulity, piuttosto frequente a trovarsi nel secolo XVI, 
non temette di comparare fra loro paganesimo, giu- 
daismo, maomettanesimo e cristianesimo, e dope 
averli messi a riscontro, senza poi palesare in quale 
credenza abbia fede, termina col dire : i* His igitur 
arbitrio victoriiB relictis; «* lasciando cosi decidere 
al caso a qual religione spetti la palma. E pero 
vero: piil tardo raddolci questo passo; ma s'era 
gik attirato, segnatamente da parte dello Scaligero, 
la taccia di ateo (14). 

Si pose Tocchio su Pietro de la Ramee o Ramus, 
celebre pei suoi attacchi contro Aristotele, il quale 
fu aocusato d* irreligione a cagrione dell' ardimento 



— XV — 

con cui die addosso alia veecbia filosofla che spa- 
dronava nelle scuole (15). 

Un cappuccino , il padre Foly , nel terzo Tolume 
delle sue Conferences 9ur les mystdres sostiene che 
un ugonotto, Nicola Bernaud, nel 1612 fu scomuni- 
cato , per aver compodto uno scritto De tribvs Jm- 
postoriHs. Si trattava di Nicola Bernaud de Crests 
al quale s*attribui un' opera curiosa , il Cabinet du 
roy de France, dans lequel il y a trots pierres pr6^ 
cieuses^ 1581, e si tiene eziandio per autore del Mi- 
roir des Francois, 1582, libro che aspira a riforme, il 
cui compimento si fece attender due secoli (16), e che 
non si sono nemmen tutte incarnate nei fatti, poiche 
r autore domanda 11 matrimonlo del preti e la riu- 
nione del Belgio alia Francia. Alchimista e viaggia- 
tore infaticabile , Bernaud (la vita del quale e po- 
chissimo conosciuta) era uomo d'audaci propositi; 
non per questo v' 6 ragione di dubitare di quanto il 
cappuccino asseri sul conto suo* 

Lo scrittore piA modemo, di cui parve doversite- 
ner conto, e Milton, morto nel 1674; ma non si pud 
pensare sul serio ad affermare che T autore del Pa- 
radiso perduto abbia composto un'opera intorno alia 
quale si disputava molto prima della sua nascita, e 
che sarebbe stata in perfetto dissenso coi suoi prin- 
cipj, ne'quali dominaya il puritanesimo repubbli- 
cano fondato suUa lettura della Bibbia. 

Fra gli scrittori tenuti in conto di liberi pensatori, 
ed ai quali si avrebbe pur potuto attribuire il Li- 
ber de tribus Impostoribvi ^ non abbiamo incontrato 
Bonaventura Des P^riers; d noto che questo aseetico 
scrittore si tolse la vita nel verno fra il 1542 e 
1543 , dopo aver fatto stampare nel 1337 il Cymd4h 



— XVI — 

lum vmrndi^ libro che tosto fu proeessato dal Parl»- 
mento come contenente di grandi abusi ed eresie. 
£ inutile ripetere che lo stampatore Morin fu in- 
carcerato e tenuto in gran poverty « detenu en gnmde 
pauvret^; ^ che Tedizione originale fu distrutta con 
tanta cura , che non se ne conosce piii che una o 
due copie. 

Di fresco il Cymbalwm mundi ebbe due edizioni 
nuove rivedute I'uua da Paolo Lacroix (Parigi^ Gos- 
selin, 1841) Taltra da Luigi Lacour (nel I. tpmo delle 
opere di Bonawentura Des Periers, Jannet, 1856). 
Eligio Johanneau scoperse la chiave dei nomi degli 
interlocutor! nascosti sotto il velo deiranagranuna. 

» Massime nel secondo dialogo, dice il signor La- 
croix, Tautore mette in burla tutte le credenze pro- 
fessate al suo tempo; il Cristo gi& da lui trasfor- 
mato in un briccone, qui e apertamente proclamato 
tale ; Lutero, corifeo della riforma, non e rappresen- 
tato in modo meno satirico : cattolici e protestanti 
son messi in mazzo; Des Periers si burla del pari 
e degli uni e degli altri. » La Monnoye aveva indo- 
vinata Tallegoria ed aveva espresso il suo pensiero 
con tutta quella chiarezza, di cui gli fu datofar uso : 
tt S'e* m*e lecito esprimere il mio sospetto, dird che 
in questo scritto si pretende sberteggiare colui che 
scendendo dal cielo ci portd la verity etema; dird 
che il seguito del discorso di Trigabus t Tempio ed 
esagerato dileggio di quanto codesta veriti^ ha ope- 
rato. n 

Noi non abbiamo bisogno d'insistere intorno a cid ; 
e evidente che se il libro De tribus Impoitoribus fu 
reaimente stampato nel 1538, come sostiene il Cam- 
panelist «i potrebbe con qualche verosimiglianza ad- 



— 5cvii — 

dossHrlo a Des Periers , il quale v* avrebbe syolt'a 
con maggior precialone la tesi da lui velata a dise- 
gno nel Cymhalum mundi, che, agli occhi de' miopi, 
poteva passare per una beffa lanciata contro 11 pa- 
ganesimo. In quel racconti figuravano Mercuric, Cu- 
pido ed altre parecchie divinltil mitologriche ; parti- 
colare che si trova eziandio nella famosa opera di 
Giordano Bruno e che s'intende assai facilmente* 1 
colpi assestati a Glove e a Saturno , avevano ben 
piii alta la mira. 



Opinioni di alcuni Critici moderni 
interne al libro De tribua Impostoribtts. 

Uno degli scrittori che maneggid con gran for- 
tuna tuttl 1 mezzi della lingua francese, un bibllo- 
fllo appassionato, Carlo Nodier nolle sue Qitestions 
de liUdrattwe Ugale (1828), riepilogd giudizlosamente 
cid che si sa, o piuttosto cid che non si sa, ri- 
guardo al famoso e irreperibile trattatQ ch*d Tog- 
getto delle nostre ricerche: 

n Per secoli di questo libro non esistette che 11 
solo titolo; una parola uscita dalle labbra d'un 
principe celebre ne pote fornire Tidea ; ma nessuna 
penna avrebbe osato vergarlo in un*eti, nella quale 
simile ardimento sarebbe stato troppo pericoloso. 
Fondandosi sulle voci che s'erano sparse in una certa 

I>e Urilms Impostmb%$% % 



— xvm — 

chtSBo di letterati, gli si attribui una re«lt4 impose 
sibile; si andd tant*oltre da nominare perflno grli 
stampatori che dovevano averlo pubblicato, i quali 
per avventura diedero qualche appiglio a cosi fatta 
accusa, e perch^ increduli e perche persone abili; 
i Wechtel fra gli altri; ma cid avveDne senza che 
poi si potesse flancheggiare tale opinione con auto- 
ritA di qualche riiievo. Che pensare quindi degrli 
esemplari di questo trattato presentemente cono- 
sciuti, la data dei quali s'accorda abbastanza bene 
col tempo, nel quale, secondo tutte le ipotesi, do- 
vette apparlre? Questa scoperta forse non distrugge 
i ragionameuti pid speciosi, e resta egli ancora 
qualche cosa a dire contro Tesistenza d'un libro, 
11 titolo del quale e ripetuto in piu cataloghi di so- 
guito? 

n Codesto problema csige una doppia soluzione: 
nU esisto, un trattato De tribus Impostoribus, i cui 
esemplari sono estremameute rari ; no , il trattato 
De tribus Impostoribus, che occupd i bibliologhi del 
secolo XVII, non esiste. *» 

II Nodier aggiunge d*ayer posseduto nella sua in- 
fonzia un esemplare di codesto libro, in tutto con- 
forme alia dcscrizione che si dk di quelli che si sono 
veduti in vendita: era un piccolo in-S di 46 pagino 
e due di frontispizio stampato in sant*Agostino ro^ 
mano, su carta pochissimo consistente, vecchia, bru- 
na, e forse ingiallita; portava, senz* altro contras- 
segno, ranno 1598 , che alcuni bibliografl , conside* 
rando la forma moderna del caratteri, ritennero 
posto in luogo del 1698. Pud darsi che non sia state 
stampato ne in quelle ne in questo, comeche a quel 
tempo non mancassero ragioni atte a consigliare tale 



dostitozione. La regina r'ristina di Svezia alcuni 
anni prima aveva offerto trentamila lire a colui che 
fiapesse procurargliene una copla, e questo era un 
motivo forte abbastanza per mettere alia prova Tin- 
dustria dagli editor!. In appresso la liberta del pen- 
sare, e in certi paesi quella della stampa, giunsero al 
eolmo. L'Olanda e la Germania rigurgitavano di 
audaci fuorusciti, ai quail tal opera sarebbe parsa 
un trastullo, e allora lo stamparla non avrebbe 
offerto punto maggiori ostacoli di quello che le ar- 
dite teorie di Hobbes e di Spinosa. 

A ogni modo e cosa indubitabile che il trattato 
De tribus Tmpostoribus, non fu mai dato alia regina 
Cristina; ed e dlfQcile il credere che se fosse stato 
stampato sin d' allora nel minor numero di copie 
possibile, non ne sia pervenuto alcun sentore a La 
Monnoye, la cui dissertazione dev'essere stata pub- 
blicata soltanto qualche anno appresso. 

Eppoi, come spiegare che questo libro sia sfuggito 
alle ricerche dei dotti e laboriosi bibliografl del se- 
colo XVIII, di Prospero Marchand, di Sallengre, di 
Davide Clement, di Bauer, di Vogt, di De Bure e dl 
tant*altri, e che non si sia trovato in nessuna di 
quelle grandi e rare biblioteche , di cui noi posse-^ 
diamo i cataloghi? 

In Germania si ritiene per cosa certa, e si assert 
in diverse opere {\^ Bibliotheca historic litteraria se-- 
Itcta di Jugler, t. Ill, p. 1665), che il volume di 46 pa- 
gine che porta la data del mdho, f u stampato nel 1753 
a spese e per cura d*un libraio di Vienna, Straube ; 
egli ne vendette alcune copie al prezzo di 20 e piil 
monete d'oro, e per questo fu gettato e detenuto a 
Itmgo neUe prigioni di Brunswicl^. 



Se I'edizione che si suppone appartenere al se* 
colo XVI esisteva realmente; se si potesse attribuirla 
ad Dolet, a Enrico Stefano od anche a Postel, allora 
al pregio d* una straordinaria raritii unirebbe anco 
altri vantaggi, particolarmente questo, di manife- 
starci i sentiment! d'uno scrittore yalente , e di ri- 
solvere una molto celebre questione di bibliografla. 

II marchese Du Roure ^Analecta Hblion, 1. 1, p. 422), 
analizza lo scritto datato del 1598 in una copia fatta 
da un laborioso bibliografo, Tabate Mercier di Saint- 
Leger, copia da lui posseduta. Egli opina cbe La 
Monnoye dopo aver confutato senza fiatica cid che 
Arpe sostenevafondato suU' autorit& d*un aneddoto 
puerile, sia andato tropp*oltre negando Tesistenza 
d*un trattato De tribus /mpo«(m^«# anteriore al 1716. 
«i Per quanto grande 'si fosse Tastio di Federico II 
contro la potenza pontiflcale, e ridicolo Tattribuire, 
vuoi a questo imperatore, vuoi anche al suo cancel- 
liore, un*opera che mente umana non avrebbe po- 
tuto concepire nel 1230; opera del resto, nella quale 
la mano moderna si palesa in ogni frase. A ogni 
modo converrii pure concedere che un tal llbro ha 
potuto esister verso il 1553, come ce ne assicurano 
Guglielmo Postel e il gesuita Richeomme conosciuto 
col nome di Florimondo de Remond. Come mai il 
inondo erudit,o avrebbe potuto ingannarsi flno al se- 
gno da cercare dovunque Tautore d*un libro che non 
fosse mai esistito, d* attribuirlo successivamente al 
Boccaccio, a Servet, al Poggio, all'Aretino e a tanti 
altri? che? Tanto fracasso per nulla! Tanto fumo 
senza focol Cid non e mica possibilel 

II signor Renouard, possessore d'un esemplare, di 
cui parleremo nel seguente paragrafo, nel Catalogue 



d$ la Hbliothigue d'm amateur (1818, 1. 1, p. 19), con- 
sacra una liingra nota a questo trattato. Dopo aver 
rifiutato la storiella troppo leggennente ammessa 
nel Dictionnaire des anonymeSy appoggiandosi alia quale 
rabate Mercier di Saint-Leger avrebbe fabbricato 
questo libro, egli aggiunge : u E molto probabile che 
questo libro sia uscito fuori o, come vuole la sua 
data, nel 1596, o, cid ch'lo credo, nel corso del secolo 
seguente. Del resto, questo gioiello tanto prezioso, 
questo libeUo di venti luigi, non va considerate che 
qual rarity bibliografica. £ una lunga argomenta* 
zione scritta in latino piuttosto cattivo, nella quale 
si Yuol provare che Mose e Maometto, e massime il 
prime, furono insigni impostori , che i libri degli 
Ebrei non sono d' ispirazione divina , anche per te- 
stimonianza di san Paolo, del quale si riferiscono 
diversi passi. Quanto a Gesii Cristo, ch' e 11 terzo, a 
cui allude 11 titolo del libro, se ne dice ben poco; 
sembra che Tautore abbia avuto paura. Una frase 
biasima le pie frodi di colore che hanno fondato la 
religione Cristiana sulle ruine del giudaismo, e an- 
che questa frase sembra imbrogliata a bello studio. 
Dairaltro canto si attesta un gran rispetto per Te- 
vangelo. Inflne questa e 1' opera d' un uomo , che 
avrebbe certo finite sul rogo, dove avesse confessato 
d'esser Tautore di questo libro, ma che professa il 
deismo, e non e ne piii ne meno empio di molti 
i quali a'nostri di, in materia di religione, si ere- 
done le persoue meno censurabili del mondo. 

Convien rimpiangere che, senza dubbio tratte- 
nuto dalle esigenze dei conflni che s*era assegnati, 
I'oracolo della bibliografia, Tautore del Manuel du Li- 
Iftaire non abbia consacrato al trattato in discorso 



che un breve articolo, dove rigetta Taneddoto gik 
combattuto dal signor Renouard, pur senza toccare 
con cid le altre question! che gli si presentavano. 
Speriamo che neila quinta edizione del Jifanmle, 
alia cui pubblicazione ora si sta attendendo , il si- 
gnor G. C. Brunet concederli due o tre colonne alia 
discussiono d'un punto oscuro della scienza del li* 
bri; niuno pu6 chiurirlo meglio di lui. 



IV. 

Opera oggi esistenti e intitolate 
Dei tre Impostor i. 



1. OPERE in lingua ?iATINA. 

Ncl Manuel du libraire e registrata un*edizioue col 
millesimo MDIIC (1598), in piccolo 8, di 46 pagine; 
e osserva che con certezza non se ne conpsce che 
tre esemplari : quelle registrato nel catalogo d'un ce- 
lebre amatore olandese, Crevenna, la cui biblioteca 
fu venduta nel 1790 (I':) ; quello che nel 1784 (18) alia 
vendita dei libri del duca de la Valliere, fu pagato 
474 lire (somma straordinaria in quel tempo, nel 
quale i libri rari erano ben lontani daU'avcre il va- 
lore che hanno acquistato piu tardi ) ; infine Tesem- 
plare del si^or Renouard: quest' ultimo, notato 



— xxin — 

nel Catalogo della biblioteca di questo amatore (1818, 
4 vol. in-8), t. I, p. 118, figura come comperato nel 
1812 nella vendita del libri del professore AUamand 
che in fronte a quel volume scrisse d* averlo rice-i- 
vuto in dono a Rotterdam nel 1762 (19). 

Secondo Barbier (Dictionnaire des anonymes) e se- 
condo il Manuale del libraio, questa edizione fu stam- 
pata a Vienna nel 1753 da P. Straube. Aggiungono 
che questo tipografo come testo si servi di qual^ 
cuno dei manoscritti che giravano da lungo tem- 
po; poiche nel 1716 uno di essi fu comperato pel 
principe Eugenio di Savoia al prezzo di 80 imperiali 
alia vendita della biblioteca di Federico Mayer a Ber-> 
lino. Prospero Marchand, che nota questo particolare 
nel suo Dictionnaire historigue (1724) riferisce le prime 
parole del manoscritto, e son quelle che si leggono 
nel volume datato il 1598. 

Si disse che la biblioteca di Dresda possedesse un 
quarto esemplare, ma secondo Topera di M. Falken- 
stein (Beschreihimg der KOniglichen Gfentlichen BibliO' 
thek zu Dresden 1839 p. 50*3) non si tratta che della 
ristampa senza luogo ne data, fatta a Giessen nel 
1792 (dal libraio Krieger), della quale non andd at- 
torno che un numero assai scarso di copie, Tintera 
edizione essendo stata sequestrata e messa sottosug- 
gello in una sala dell*universit& di Giessen dove se- 
condo Falkenstein si trova tuttora. Questa edizione 
a ogni modo conta 64 pagine ; si distingue dunque 
a prima vista da quella che n* ha 46. 

II testo latino, dopo una trentina d*anni (nel 1833) 
fu di nuovo pubblicato in Germania; un laborioso 
scrittore, il dottore F. G. Genthe, al quale, fra le altre 
lotte opcre, dobbiamo un curioso saggio intorno allf^ 



— XXIV — 

poesia macaronica (20), lo fece ristampare a Lvpslm, 
usando di due manoscritti diversi, e lo corredd di 
una notizia, della quale ci siamo senriti, ma aggriun- 
gendovi non poche cose. A questo testo deiredizione 
del 1833 per mala sorte mandano le tre ultime pa- 
gine dell*edizione del 1598, ohe neiredizioue presente 
abbiamo integralmente restituite. Nel J846 un altro 
bibliografo che dimora generalmente in Zurigo, il si- 
gnor Emilio Weller di bel nuovo diede f uori il testo la- 
tino, e rarricchi d'una traduzione tedesca. Pigliando 
perd la cosa da un lato diverso de*8uoi predecessori, 11 
signor Weller stima che il volume datato del 1596 ab- 
bia realmente veduta la luce in queiranno, L*edizioQe 
non gli e parsa per nulla moderna, e pensa che que- 
sta stampa abbia preceduto 1 manoscritti che si sono 
divulgati piiH tardi , un de' quali ba servito alia n- 
stampa fatta da Straube, la quale sequestrata con 
gran diligenza e divenuta irreperibile. 

Ecco dunque per lo meno quattro edizioni succes-* 
siramente pubblicate dalle tipografle tedesche, ba- 
tave ejvetiche, d*un lavoro che forse non e nem- 
manco il trattato, a cui hanno accennato gli scrittori 
del secolo XVII, ma che perd non e indegno d'es- 
sere conosciuto. Le edizioni recenti, essendo po- 
chissimo divulgate in Francia, e accompagnate da 
schiarimenti in lingua conosciuta da pochi, pel no- 
stro pubblico d come se non esistessero. 

Molti critici (fra gli altri i signori Genthc e Wel- 
ler) tengono per indubitato che il testo latino, 
quale d stampato, possa essere state scritto nel se- 
colo XVI, ma la scorrezione dello stile e il difetto 
di nesso fllosofico nelle idee sono motivi bastanti 
per istabilire ch'esso a ogni mode non e uscito dalla 



penna di nessuno degli scrittori, 11 cui nome fa messo 
in campo (21). Si pud credere che sia lavoro d'un 
uomo che aveva studiata la storia e aveva viaggiato, 
condotto poscia alio scetticismo dalle dispute reli- 
giose, che presero le mosse dalla riforma. Egli pose 
in carta le sue idee per proprio uso. II secolo XVI 
produsse gran numero di codesti liberi pensatori, 
che si chiamavano Lucianisti fmirwrn ejusmodi homi- 
mm fuisse freguentiam qui Lucianista dicti sunt eo quod 
omnes religiones derideant; cosi s'esprime Florimondo 
de Remond). Pud darsi che I'opera andando attomo 
manoscritta, sia stata alterata e interpolata; e con- 
Yien notare che vi si fa menzione di sant'Ignazio, il 
quale non fu canonizzato che nel 1622 rAn vero ere- 
dmdum est quia bancs foeminunculae Franciscum, IgnO' 
tium, Damimcum et similes tanto cultu prosequmtur.,J. 
Una lunga tirata contro la religione mosaica al pa- 
rere di Genthe, e un frammento appiccicatovi in se- 
guito, e che hon ha a che fare col rimanente. 

Verso il principio del secolo XVIII i giudizj sin a 
quel tempo assai titubanti rispetto al libro De tri- 
bus Impostoribus cominciarono a farsi pii!l precisi. 

Pier Federico Arpe, che nel Yi\2 aveva pubblicato 
un* apologia del Vanini, nel 1716 diede alia luce una 
risposta alia dissertazione del La Monnoye^ e s*an- 
nunzid come possessore deiropera che menava tanto 
rumore. 

Egli racconta che nel 1706, trovandosi presso un 
libraio a Francoforte sul Meno, v' incontrd un uffl- 
ciale tedesco che voleva vendere un libro italiano 
fXo Spaccio delta Bestia trionfante di Giordano Bruno) 
e due manoscritti latini, di cui s'era impadronito nel 
a ccheg^io di Monaco dopolabattaglia di Hochstett; 



— XXVI — 

domandaya 500 risdalleri (circa 2000 lire italiane). 
Arpe, avendo fatto ubbriacare que8t*ufflciale, ottenne 
a prestanza uno de* due manoscritti, il fiamoso trat- 
tato De trilms Impostoridus. Arpe gli promise con Sa- 
cramento, che non sarebbe ricopiato ; ma stimd tran- 
sigere colla propria coscienza pigliando il partito 
di tradurlo; fatta questa versione in fretta e in 
furia con Taiuto d* un amico, rese all'uffloiale il ma- 
noscritto che fu, coi due altri volumi , venduto per 
500 risdalleri (il prezzo richiesto) a un principe della 
casa di Sassonia. 

Arpe in appresso feoe un cenno intomo a questo 
libro, secondo lui, diviso in sei capitoli ; anche la sua 
pretesa traduzionc fu poscia stampata ; ma essa non 
ha alcun riscontro ne per Testensione, ne per la di- 
visione, ne per la sostanza coU* opera latina che 
Arpe per fermo non ha tampoco veduta. Del resto 
di questo Tedesco non si conosce verun'opera scritta 
in francese, di maniera che non d la piii certa cosa 
del mondo che appartenga propriamente a lui la 
dissertazione francese pubblicata col suo nome. Noi 
a ogni modo la ripubblichiamo come uno degli atti 
di questo processo letterario , e v' aggiungiamo la 
replica con cui La Monuoye la confutd. 



2. OpERB in lingua francese ED IN ALl'RE LINOUE. 

In francese esiste un opera intitolata : Traits de$ 
trais Imposteurs; fu ristampata piii volte e con tutto 
cid non si trova troppo facilmente. Ma in sostanza 
questo libro non e altro che quelle che andava at- 
torno manoscritto nel principio del secolo XVII I co^ 



titolo di Esprit de Spinasa; il quale, lavoro d'autor^ 
rimasto ignoto, subi diverse modiflcazioni ; stampato 
nel 1719 airAja, secondo Prospero Marchand fiction- 
naire historique^ t. I, p. 325) fu in gran parte abbru- 
ciato ; il Manuel du Lidraire intorno a cid d& rag- 
gualio che sarebbe superfluo trascrivere. Un*altra 
compilazione fu fatta verso il -1*720; stampata a 
Rotterdam, presso Michele Bohm 1721 in 60 pagine 
in^. coUa data di Francoforte, La sola differenza 
cbe y*abbia fra questa e il libro descritto da Arpe e 
che gli otto capitoli deWEsprit furono ridotti a sei ; 
e quelli che dapprima portavano 1 numeri 3, 4 e 5 
ne formano un solo. 

Alcunl librai, cercando di trar profltto dalla ce- 
celebrity del titolo, sul frontisplzio posero : Trattato 
del ire ImpostotH (22). Sembra per altro che siasi 
fatto qualche mutamento anche al manoscritto. Al- 
cuni passi tolti di peso dalle opere di Charron e 
dalle Considerations di Naude sur Us coups d'EtaU 
furono introdotti nei capitoli III e IV. L*edizione 
datata il CICDCCXIX senza indicazione di luogo 
(Olanda) e un piccolo in-8 di 200 pagine preceduto 
da una notizia intorno a Spinosa e da un elenco 
de*suoi scritti. Di fronte si trova un ritr^tto del 
fllosofo colla seguente quartina: 

Si, faute d'lm pinceau Jldelle, 

Du fameuw Spinosa Von n'a pas peint Us traiU, 

La sagesse itant immorUlU, 

Les ecrits ne mourront jamais, 

Quest*edizione e molto rara; ma al tempo in cui i 
Ubri cosi detti filosoflci s^ moltiplicavano sotto ^ 



penna del barone d* Holbach, dl Naigeon e del loro 
amid, le ristampe si successero rapidamente. Noi 
ne abbiamo veduta una collMndicazione di Trerdw 
1768, senza luogo, 1T75 (Olanda) e l'i76 (Germania), 
152 pagine: Amsterdam (Svizzera?) 1776, di 138 pa- 
gine. Ne esiste anche una piii antica che fa parte, 
col titolo : De V Imposture sacerdotale, d'una raccolta 
di scritti yari pubblicati nel 1767 in un yolume in-8. 
Un'altra edizione datata del 1796 fu data alia luce 
da Mercier de Compiegne ; preceduta da una ristampa 
fatta nel 1793, epoca poco notevole nella storia del- 
Tarte tipografica in Francia. 

Una traduzione tedesca, additata come rara, porta 
11 titolo di Spinosa II, Oder Subiroth Supim. Bom , bei 
der Wittwe Bona Spes, 5770. 

Abbiamo sott'occhio una traduzione inglese pub- 
blicata a Dundee nel 1844, J Myles in 12, intitolata: 
The Three Impostors (96 pag.)- In calce ad una dis- 
sertazione di 25 pagine, la quale nulla insegna che 
gi& non si sapesse, si trova una traduzione della BS- 
ponse d Za Monnoye e Testratto dello Jf^moires litU- 
raires (airAja 1716). II preambolo della traduzione 
anonima e molto breve ; lo rechiamo in italiano come 
qui appresso: 

ff II traduttore di questo trattatello stima neces- 
sario dire una parola circa 1' oggetto da lui avuto 
in mira colla presente pubblicazione. Essa non e 
gi& fatta allUntento di difendere lo scetticismo, o 
di propagare Tincreduliti: ma unicamente a flnedi 
Bostenere i diritti del giudizio individuale. Nessun 
ente umano e in condizione di leggere nell'uman 
cuore, e di decidere con giustizia della fede o della 
condotta da* suoi simili ; e gli attributi della diTi- 



nit& sono tanto al di sopra della nostra debile ra- 
gione,|che per comprenderli converrebbe che Tuomo 
diventasse egli stesso un Dio. Ne deriva che ogni 
biasimo severo delle azioni e delle opinioni altrui 
dev'essere messo da banda, ed ognuno deve porsi 
in istato di poter dichiarare con un nmano, nobile 
filosofo: 

H<mo sum, hiimani nihil a me aliemm puto. » 

II traduttore ha traslatate in inglese le note che 
accompagnano il testo francese (correggendo, per 
modo d* esempio, la parola cananico dove si tratta 
d'un rabbino) e v'aggiunse quattro o cinque bre- 
yissime citazioni, tolte da Tito Livio, Bolingbroke e 
Volney. Questa traduzione inglese dell'edizione fran- 
cese d'Amsterdam, 1776, fu ristampata nel 1846, a 
Nuova York, da G. Vale, 3, Franklin-Square. 

Riepilogando, dalla traduzione tedesca (e incom- 
pleta) del signor Em. Weller infuori, noi non 
conosciamo in veruna lingrua, nessuna vera tradu- 
zione del trattatello latino De tribus Impostoribus, di 
cui ripubblichiamo il testo in tutta la sua integrity* 



w 

Opere aventi titolo simile a quello del Liber 
de tribus Impostoribtts* 

U gTido di cui godeva il libro di cui favelliamo, 
il mistero che lo velava, dovette facilmente spin- 
gere qualche scrittore a poi-re in fronte ai suoi la- 
▼ori UQ titolo che in certo qiial modo rammentasse 
un'opera che si cercava dovunque senza trovarla. 
Era un mezzo di stimolare la curiositii e di conci- 
liarsi un poco di attenzione; il che non si sarebbe 
ottenuto dove Topera si fosse pubblicata con on ti- 
tolo insignificante. Quest* 6 il motivo per cui ap« 
parve; Vinceniii Panurgi Spistola ad CL tirum Jooft- 
nem Baptistam Morinum Dr, Med. etc. De tribus Impo- 
sUnibus, Parisus apud MattAaum BouUette, 1644, in-r2; 
1654, in-4. 

L'autore di questo libro fu lo stesso G. B. Morin, 
e i tre impostor! sono Gassendi> Naude e Bemier 
che s*erano burlati dei suoi sogui astrologici. 

Uno scritto intitolato : De tribus Nebulonibns ap* 
parve in Olanda composto da un Olandese. I tre 
nebulones erano Masaniello, Cromwello e Mazarino. 
Pare che il cardinale, a dispetto della indifferenza 
sincera o simulata ch*egli ostentava riguardo ai libri 
scritti contfo di lui, abbia trovato il mezzo di spe- 
gnere interamente questa edizione; pare eziandio 
che i bibliografl non abbiano conosciuta quest*o- 
pera, e non cl venne fatto trorarla in nessun ca- 
talogo. 



Kel 1697 a Londra fu dato aUa luce un libro in*^ 
intitolato: BUtary of the three late famous Impostort. 
Questi tre personaggi erano due individui che vo- 
levano spacciarsi per principi ottomani, e Sabbathi 
Levi per terzo, che, nel 1666 voile rappresentare f ra 
i Giudei deirOriente la parte di Messia (23). 

Codesto libro fu tradotto in tedesco : Amburgo 1669 
in-8; una edizione uuova, con una prefazione di 
Martino Schmizel vide la luce nel 1739. Ne esiste 
altresi una traduzione francese (Paris, Robinet 1673, 
in-12), e quella istoria si trova per intero anclie 
neiropera di G. B. de Rocoles , les Imposteurs in- 
signes (Amsterdam, Wolfgang 1683, in-12). 

Nel 1680, uno scrittor danese pubblicd il Lider de 
tribus magnis Jmpostorilnis Oumpe Sduardo Herbert de 
Cherbwry (24), Thoma Eobbes et Benedicto de SpinosaJ, 
Kiloni apud Bichelium. Questo scritto, dirizzato con- 
tro tre impugnatori della rivelazione, fu ristampato 
con qualche aggiunta da un figliuolo delPautore ad 
Amburgo nel 1700, e tradotto in tedesco da un pa- 
store luterano, Michele Born» 

Giovanni Decker In un capitolo d' una delle sue 
opere ^e scriptis adespotis, sect. XIX), raccostd Cam- 
panella, Hobbes e Spinosa, intitolando le sue conside- 
razioni sul loro conto : De tribus maximis hujus seculi 
philosophis, e vi pose in fronte quest'epigrafe presa 
da Orazio (Od., 1. I, 3). 

Nil mortaliMis arduum est 
Coelwn, ipsun petimus stultitia, negue 

Per nostrum patimur scelus 
Iraeunda Jovem ponere fulmina (25). 



— XULtt — 

Biversi altri flcrlttori, come sarebbe dire G. E. Ur- 
sine, de Severin Lintrup e de Letdecker, net loro 
scritti si piccarono di unire in un mazzo tre perso- 
naggi. F. E. Kettner nella sua DissertaUo de duobui 
Impostoridus, B. Spinoza etB. Beckero (26) Lipsiae 1691, 
in-4, stette pago a due. 

II signor Graesse fa menzione anco d'un* opera 
pubblicata a Londra e intitolata Us Trots Imposteun; 
si tratta di Maometto, d'Ignazio Loiola, e di Giorgio 
Fox fondatore della setta dei quaccheri. 



VL 

Testimonianze del bibliografi rispetto al libro 
De trihus Impostorihus, 

11 signor Genthe annovera novantun* autori di- 
versi che parlarono del Trattato de' tre Jmpostori ; 
ma questa lista potrebbe essere yieppi(!i accresciuta; 
il bibliografo tedesco, a quanto sembra poco versato 
nfe'libri francesi, non ha citato ne G. C. Brunet, 
nd A. A. Renouard ; a questi tennero dietro Du Roure, 
Qu6rard fSupercheries litUraires, 1, 371),!rautore ano- 
nimo d' una lettera inserita nel Bulletin des Arts 
(1846, t. V, p. 99), e d'un'altra lettera pubblicata nel 
Journal de VamaXewr de Litres (Paris, Jannet, N. del 
1 agosto 1849). Non ci venne fatto di procurarcl tra 
speciali dissertazioni di cui parla il siguor Genthe : 
Emmanuele Weber: Programma de trihus Impostor i- 



■ ■~ * 1 - 



— XXXUI — 

dns, ccCm Giessen 1713; G. Cr. Haremberg: D0 secta 
non timenUum Deum , exhibens originem famosi dicterii 
ac commentitior. script, de tribus Impostoribus, Bruns- 
wigae I'TSQ, in-8; G. M. Mehling, Das erste Schlimme 
Buck, Oder Abhandlmg von dcr Schrift de tribus Impo- 
storidus, Chemnitz 1764, in-8. fi noto quanto sia dif- 
ficile il procacciarsi molto tempo dopo la pubblica- 
zione, e lontano dal luogo dov*hanno veduta la luce 
simili opuscoli accademici usciti dalle university. 
Manco male, del resto: perocche non sappiamo se 
essi potrebbero poi dar qualche utile informazione. 
Del libro di cui parliamo e fatto cenno anche in un 
periodico inglese : The Blackwood Magazine, t. VIII, 
p. d06. 

Avevamo Tlntenzione di trascrivero a parte a parte 
relenco fatto da Genthe, e di recare i pass! degli 
autori ch* egli addita ; ma rinunziammo a questa 
idea, poichd le notizie che que* libri, per la piu 

■ 

parte dimenticati, somministrano intorno al trattato 
de tri6us Impost<mdus non meritano di venir ripe- 
tute. Citeremo a ogni modo, come adatti a essere 
consultati da coloro che volessero conoscere cI6 
che fu scritto su questo soggetto: 

B. G. Struve, De doctis Impostoribus dissertatio, Je- 
na nC3; ibid. 1706, § 9-23, ristampato ma scorret- 
tamente neir Oudini Commentt. de Scriptt. Bcclesiast,, 
t. III. — loh. Fricdr. Mayer, Prof, in Disputt. de Co- 
tnitiis Tadoriticis, cf, Placcius de Anonym,, pp. 185-188 
seqq. ristampato separatamente, Grcifswald 1702, 
in-4. — Christ. Thomasius, Obsertat, Halenses ad 
rem Litt,, t. I, odservat, VII, p. 78 seqq. — Vincenzo 
Placcius, Theatr. Anonymor., cap. II, N. 89; p. 184 seqq. 
Calmet, DicUonn.de la Bible, art, Jmposteurs. — Oior- 

De tribus Impostoribus. 3 



— XXXIV — 

nale del Letterati, puddlicato in Firenze per i mesi d'a- 
prile, maggio e giugno^ mdccxlii. — Job. Godof. 
Schmutger, Dissertatio de Friderici IL in rem Zitte- 
raricm meritis, — Observations upon the report of the 
horrid Blasphemy of the three grand Impostors, By 
some ajflrm*d to have been of late years uttered and 
published in print. ( vid. Catal. Msstor. Angliae, 
t. II, p. 213). — lugement de M, Maturin Teissier la 
Croze, MbliotMcaire et antiguaire du roi de Prusse 
et memdre de VAcad. roy, d Berlin, sur le traits : De 
tridus Impostoridus. — Bidlioth, Reimann. ffildesheim^ 
1731, in-8, p. 930. — Morhof, Polyhist. litt., t. I, 
cap. VIII. — Heumanni, Conspectus Reipubl. lit- 
ter,, cap. VI, § 33. — Bidlioth. JJfendachiana, t. in, 
p. 681. — Kochii Odservatt. miscell.^ t. II, p. 364. — 
Bierlingii, Pyrrhon. hist., cap. V, p. 256. — Fabricii, 
Scriptt. de veritat. Relig, Christ.^ cap. XXII, p. 4'75. — 
Annal. Acad, Julia, semestr, II. — Coleri, Antholog.^ 
p. 196. — A.nt. Maria Gratianus, in pit. Card. Com- 
mendoni, t. II, p. 9. — loh. Dekherus, de Scriptt. ade- 
spotis, p. 119. — Sam. Maresius, De lohmina Papissa. 
— Naudceana , p. 129. — Mulleri, Atheismus devictus. 
Prol., cap. II, pag. 19. — Melch. Adam, in Vit. Cal- 
tini, p. 41. — Spizelius, de Atheismo , p. 15 e 18. — 
Tentzelii, Bidlioth, curiosa, etc.^ p. 491, ann. 1704. — 
Histoire des Outrages des Sirans, fevr. 1694, p. 278. — 
Aubort Miraei, Bidlioth. eccles., p. 226. — Hebhen- 
streit, de tariis Christianor. nominib., cap. I, p. 80. — 
Odservatt. Ha lenses , t. X, observ. 9, p. 218; t. IV, 
p. 261, observ. 20. — Reimanui, Introductio in ffistar. 
lltt., t. Ill, p. 246. — Ittigii. Diss, de Postelo, 1700, § 26, 
p. :34. — Olearii, Diss, de Vanino. 



— XXXV — 

VII. 

Degli scritti di alcuni autori ai quali si 
attribul il libro De tribus Impostorihus. 

Dicemmo che Servet, Giordano Bruno , Vanini ed 
altrl ancora, furono additati, ma senza verosiml-, 
glianza e senza fondamento, come autori di questo 
celebre trattato che sfuggiva a ogni ricerca. Tali 
asserzioni s'appoggiavano alle opinioni poco orto- 
dosse manifestate da codesti scrittori, segnatamente 
dai tre che abbiamo pur ora mentovati, vittime del- 
r inf oUeranza , il cui regno era ancora in vigore in 
tutta Europa. In universale, gli scritti che gli con- 
dussero al rogo sono pochissimo noti ; non sara dun- 
que inutile il fame qui un cenno. 

Cominciamo da Michele Servet. La condanna che 

10 colpi a Ginevra lo rese oggetto d* attenzione 
al tutto particolare. La relazione del suo processo, 
cogli atti che Tappogglano, si trova nelle MSmoires 
de la Society d*hisioire et d'archMogie de Oenite, t. Ill, 
pp. 1-158. Non e nostro pensiero di parlare della 
vita di queiruomo celebre. Moltissimi scrittori, se 
ne sono occupati. Si vedano le M^moires de d*Artu 
gny, t. II ; VHistoire de France d*Enrico Martin, t. IX, 
p. 606; VHistoire de Calvin d'Audin t. II, pp.25S-324; 

11 Bulletin de la Soci^t^ de Vhistoire du pi'otestantisme 
francais, luglio 1S53 e maggio 1858. 

La sua vita scritta in tedesco da Mosheim 1748, 
in-4, e molto prolissa. Reputata e Topera tedesca 
dl Trechsel: GH Antitrinitari protestanti prima di So- 



— XXXVI — 

ciMO. Idbroprimo. 8enet (Heidelberg 1839). Segnalato 
dall' JMrff^mm fran^it come notevole, e uno Studio 
intomo al processo di Scrttt di E. Schase (Strasbor- 
go 1853, in-F). 

II piii celebre scritto di Servet e quello che porta 
per titolo : Christianimi restitutio 1553, in-*8, di T34 p. 
Stampato a Vienna presso Baldassare Amollet, fu 
dato alle fiamme, e non furono salvate che sole due 
tre copie. Una di queste, che aveva appartenuto tl 
dottore inglese Mead ed all* archeologo francese de 
Boze, 8i trova nella biblioteca imperiale ; e contiene 
diverse pagiue abbruciacchiate. Questa copia era 
quella di Colladon, uno degli accusatori di Servet, 
il quale sottosegnd le proposizioni piil ardite. (Si 
veda un articolo di M. Flourens nel Journal dcs Sth 
tants, aprile 1854, p. 198). 

Per somministrare un* idea del sistema esposto in 
questo volume, che accese tante collere, ci serviremo 
deiranalisi che Emilio Saisset inseri nel Dictionnaire 
des sciences philosophiques (tomo VI). Servet piglia 
le mosse dal punto, che Dio, considerato nella pro- 
fondita della sua essenza increata, e assolutameute 
invisibile; egli e perfettamente uno, perfettamente 
semplice, si semplice e si uno che, a pigliarlo in se, 
non e ne intelligenza, nd spirito, nd amore. Pertanto 
fra un tale Iddio, raccolto in se medesimo nella sua 
inalterabile semplicit&, e Tonda delle esistenze mo- 
bill, divise, mutevoli, abbisogna un legame, un 
mediatore. Codesto mediatore, codesto legame, sono 
le idee, tipi eterni delle cose. 

Le idee non sono punto separate da Dio, se bene 
ne sieno distinte. Esse sono la irradiazione etema 
di Dio. Cid che |e idee sono alle cose^ Dio lo ^ alle 



idee per sd stesse. Le cbse trovano la loro eSsenzA 
e la loro unit& nelle idee : le idee trovano la loro 
essenza e la loro nrnXk in Dio. Dio, per se invisibile, 
8i divide nelle idee: le idee si dividono nelle cose. 
Dio (per usare del linguaggio di Servet, che qui 
ricorda a un tratto Plotino e Spinosa) Dio e Tunitft 
assoluta che uniflca tutto, Tessenza pura che tutto es- 
senzia (essentia essentium, Christ, Best. lih. IV, p. 125). 

Riepilogando , v* ha tre mondt , a un tempo di- 
stinti ed uniti: al sommo, Dio, assolutamente sem- 
plice, Ineffabile; nel mezzo I'eterno e invisibile lume 
delle idee; al basso di questa scala infinita s*agitano 
gli esscri. Gli esseri sono contenuti nelle idee; le 
idee son contenute in Dio ; Dio e tutto, tutto e Dio ; 
tutto si lega, tutto si compenetra; legge suprema 
deiresistenza d TunitS. universale. L'uniti, 1* armo- 
nia , la consustanziallt^ di tutti gli esseri : ecco il 
principio che sedusse Servet, non meno che Bruno, 
Spinosa, Schelling e tant* altri nobili ingegni. 

Servet alia sua metaflsica penteistica aggiungeva 
una teologia sostanzialmente contraria al cristiane*' 
simo. Volendo essere a un tempo cristiano e pantei- 
6ta, egli imagind la teoria d* un Cristo ideale che 
non 6 Dio , che non e nemmanco uomo , ma un 
mediatore fra I'uomo e Dio ; e I'idea centrale, il tipo 
dei tipi, TAdamo celeste modello deirumanit^, e per 
conseguenza di tutti gli esseri. Per la chiesa, il Cri- 
sto e Dio, pel panteismo, il Cristo non e che un uomo, 
una parte della natura. Servet fra la Divinitft, san- 
tuario inaccessibile dell* eternita e deir immobilita 
assoluta, e la natura rcgione del mo to, della divi- 
sibne e del tempo, coUoca un mondo iutermedio, 



— XXXVIU — 

quello delle idee, e del Cristo fa il centro del mondo 
ideale. Di manicra Che egli crede correggere il Cristo 
ed il panteismo, correggendoli e temperandoli l*un 
I'altro. II Cristo e il lume di Die, la sua piu perfetta 
manifestazione, la sua imagine piu pura; tutto emana 
da lui , tutto ritorna in lui ; egli e la causa, il mo- 
dello, 11 fine di tutti gli esseri; tutto s* unifica in 
lui, ed egli tutto unifica in Dio. 

Servet svolge quest* idea con vero entusiasmo ; e 
il perno di tutta la sua dottrina. Con essa pretende 
di ricondurre il cristianesimo alia sua primitiva pu- 
rezza, spiegando tutti i dogmi, riducendoli ad armo- 
nia con un panteismo appurato, colle tradizioni di 
tutti i popoli, i simboli tutti, le massime di tutti i 
sapient!. £ vero per6 che codesta teoria del Cristo 
distrugge totalmente il dogma dell* incarnazione , 
come la sua dottrina sull' indivisibilita assoluta di 
Dio distrugge il dogma della Trinitii, come 11 suo 
concetto d'un mondo intelligibile, che emana da Dio 
per una legge necessaria, distrugge di pianta il 
dogma della creazione. Rifiutando I'ldea d*una tras- 
missione del peccato originale ereditario, Servet 
abolisce il battesimo del neonati; egli non ricono- 
see la necessity, della grazia per salvarsi, ne quella 
della fedc nelle promesse di Gesu Cristo ; di maniera 
che egli salva i maomettani, i pagani, e tutti coloro 
che saran vissuti secondo la legge di natura. I prin- 
cipj di Servet non restittUvano gia il cristianesimo , 
com* egli si confldava, ma lo distruggevano intera- 
mente. Avviluppato per profondita e sottigliczza di 
concetti, cosi fatto sistema non ha trovato un solo 
proselite; ma la sincerita della fede di Servet, la 
nobilta del suo entusiasmo, Taltezza e originalita 



— XIL — 

delle sue idee , non potrebbero esser poste in forse 
senza ingiustizia. 

Yeniamo a Giordano Bruno. I due volumi gik da 
noi mentovati, dal signer Bartholmess consacrati a 
codesto fllosofo, mi dispensano dal parlarne partita- 
mente. Diremo soltanto che se n' d eziandio fatta 
parola nelVEistaire des sciences matMmatiques en Ita- 
lic del signor Libri; neir opera del signer Cousin 
intomo a Vanini ; neWHistoire de France di Enrico 
Martin, torn. XIII, e va discorrendo. Fra i numerosL 
scritti di questo audace pensatore, quelle che s'at- 
tiro le maggiori coUere fu lo Spaccio de la Bestia 
trionfante^ proposto da Gioce, e^ectuato dal consiglio, 
rivelalo da Mercwrio , Parigi 15b4 in-S. Questo raris- 
simo volume nelle pubbliche vendite del secolo scorso 
si facea pagare dalle 600 alle 1000 lire italiane (27) ; 
e tuttoche il prezzo dci libri di questa fatta sia di 
molto diminuito , questo ( unite perd a tre altri 
scritti di Bruno ) alia vendita Dunn Gardner a 
Londra nel 1854 fu alzato a 20 lire st. 15 sc. Esse 
poi fu ristampato neir edizione delle opere italiane 
di Bruno, pubblicata da Ad. Wagner ( Lipsia 1829, 
2 vol. in-8) , e.ne vien fatta parola ti€[V Histoire de 
la litt^ratwre italienne di Ginguene, torn. VII , nella 
Litter atwre of Ewrope di Hallam , tom. II. ecc. Si d 
quasi sempre parlato di questo libro enigmatico ed 
oscuro senz' averlo veduto , e spesso ne fu alterato 
il titolo, mettendo Specchio in luogo di Spaccio, L'o- 
pera di Bartholmess ne offre una lunga analisi, che 
daremo per sommi capi. 

Si tratta della cacciata della bestia (parola presa 
coUettivamente per indicare tutto il regno animale), 
cioe degli animal! collocati dalla mitologia e daU 



— XL — 

1* astronomia iiella volta celeste ; la credeAza allora 
si divulgata, che gli astri influissero sui destini e 
le volont^ degli uomini, e combattuta senza riserbo. 
Bruno a nomi spregevoli o insignificanti , nell' an- 
noverare le costellazioni, vuol sostituire i nomi delle 
quality e dei meriti degni della stima c deir am- 
mirazione degli uomini. Seguendo questo ragiona- 
mento, Tautore frammischia airallegoria la satira; 
la metafora si confonde coll* allusione. Di mano in 
mano che ciascuna virtii chiamata a subentrare ai 
vizj del cielo e inaugurata, essa apprende da Giove 
cid che deve fare e cid che deve cansare. Nell'iTpi- 
stola espUcatoria diretta a sir Filippo Sydney, Bruno 
dichiara d*aver nello Spaccio seminato a larga mano 
i principj della sua fllosofla morale , senza temere 
le rughe e il superciglio degli ipocriti, il dente e il 
naso degli scioli , la lima ed il sibilo dei pedanti. 
Fa notare che sarebbe ingiustizia T attribuirgli le 
opinion! che mette in bocca a personaggi che si 
esprimono senza riserva.Certe digrcssioni,nelle quali 
Tambizione e la cupidigia sono segnate adito,non 
senza ragione, quali cause delle guerre che affligge- 
vano I'Europa, certi attacchi contro i monaci, alcune 
insinuazioni oscure, ma al ccrto poco ortodosse, ecco 
cid che si trova in molti luoghi di codesti dialoghi, 
che flniscono quando, sendosi mutato il nome a tutte 
le costellazioni ( air aquila subentra la magnani- 
mity, al toro la longanimita, al cancro la conver- 
sione), Giove invita gli Dei a desinare. 

Faremo pure un brevissimo cenno di altre opera 
di Bruno, ancora molto riccrcate dai bibliografl, ma 
di poco peso , dove si guard! no rispetto alia storia 
dello spirito umano. 



La Cahata del cdvallo Pegis^o (Parigi, 1565) e unO 
scritto bizzarro per metii set io , per metii giocoso^ 
nel quale Tironia y*d profusa aribocco. Erasmo aveva 
fatto Telogio della pazzia: Bruno scrisse il panegi^ 
Tico deirignoranza, della scempiaggine, dell*asinita, 
ma frammischiando a tutto cid le dottrine della ca- 
bala rabbinica« Vien posto in iscena un personaggib 
chlamato Onorio ; in forza della metempsicosi esso 
passd per istati molto diversi.Primieramentefuasino 
al servizio d*un giardiniere ; in seguito si trasformd 
nelcavallo Pegaseo; indi passd nel corpo d'Aristotile; 
e 1& delird, pid che non abbia fatto lo stesso dellrio. 
Bulla natura dei principj, sulla sostanza delle cose. 

In altra opera in forma dl dialogo: La cena delle 
ceneri, 1581, Bruno, procedendo Galileo, impugna Ti- 
dea deirimmobilit^ della terra; precorrendo di due 
secoli e mezzo le idee intorno alia plurality dei 
mondi, che di fresco ban suscitato vive controversie 
in Inghilterra, sostiene esistere gran quantity d'al* 
tri pianeti di forma e materia pari alia terra, ani* 
mali sterminati, intellettmli, il cui insieme costi- 
tuisce un solo essere vivente formato dalla intera 
creazione. Codesti elevati concetti , cui la moderna 
fllosofla ha ripigliati e svolti , erano nuovi troppo, 
troppo arditi perche non urtassero Tignoranza ap- 
poggiata a dispotica autoriti. Si confutd perento- 
rlamehte il fliosofo napoletano col condurlo al rogo. 

II Vanini cMntratterra poco. Si 6 smesso al tutto di 
leggere VAmphitheatrum atema providentia e il trat* 
tato De adnUrandis natura regina deaque martaliim, 
II signoT Rousseiet nelle (Suvres philosophiques de Fa- 
nini (Parigi, Gosselin 1842), reed una completa 
Tersione deU* A^fiteatro ; della geconda opera non 



— • XLll — 

traslatd in francese se non la parte piii curiosa; 
scopo della quale e lo spiegare tutti i secret! della 
natura, fra cui convien porre anche i fatti avnti 
in conto di miracoli. Le tre prime parti non sono 
che un trattato di flsica peripatetica pochissimo in- 
teressante, comeche contenga alcune ardite idee. Se 
non che (osserva il traduttore) solo nel quarto li- 
bro , avente per oggetto la Religione dei Pagani , il 
Vanini spiega tutta la sua vena e la sua audacia. 
Dietro questo titolo se ne nasconde manifestamente 
un altro (cid ch'avea fatto Bonavventura Des Periers 
nel Cymbalum mundi), « Annoverando fra i fatti na- 
turali 1 miracoli ^ gli oracoli , in una parola d'ogni 
ragione prodigi, e perfino il dono delle favelle im- 
partito agli apostoli, egli passa in rassegna tutte le 
credenze; le discute con un'ironia, ch'e un distin- 
tivo particolare del suo carattere ; e finisce col con- 
cludere che la vera religione e la legge naturale 
che Dio ha scolpita nel cuore di ogni uomo. Le im- 
posture dei preti son tutt* altro che passate in si- 
lenzio; e le istituzioni che ne derivano, ai suoi oc- 
chl non sono che devote frodi. » 

Fra gli autori, ai quali s'avrebbe potato attribuire 
il trattato De tribus Jmpostoribus, nel tempo in cui le 
congetture erano in voga, a nostro credere si lascio 
da parte Giovanni Bodin , audace scrittore molto 
superiore all* eta in cui visse. E ben vero che nella 
sua Ddmonomanie des sorciers pubblicata nel 15S0, 
ristampata pid volte (23), e tradotta in piu lingue, 
inseri sul serio i piCi assurdi racconti del mondo; 
ma il suo Unitersa nature theatrum, (Lione 1593) e 
scritto sotto r ispirazione d' un panteismo mal si- 
mulator e morendo lascid manoscritta un*opera an- 



: 



— XLIII — 

cora pill ardita, cui nessuno oso pubblicare. II Col- 
loquium heptaplomeros ci presenta sette interlocutori : 
un Cattolico , un Luterano , un Calvinista , un Pa- 
gano, un Ebreo, un Maomettano, un Deista. In mezzo 
a una discussione lunga e imbrogliata, rinzeppata di 
erudizione pedantesca, ejntarsiatadi forme straniere, 
brilla r idea della tolleranza religiosa, tutte le reli- 
gioni essendo sorelle, e intendendosi a mezzo della 
morale. 

Nel 1841, un dotto tedesco, G. E. Quhrauer pub- 
blicd a Berlino una notizia intorno a quest'opera; 
un anno prima un altro tedesco , Vogel , ne formd 
argomentQ di due articoli stampati in un giornale 
bibliograflco di Lipsia (il Serapeum), Oltre a un*ana- 
lisi deir Heptaplomeros, il Guhrauer diede alia luce 
due estratti, uno in tedesco, Taltro in latino, accom- 
pagnati da una notizia bibliografica. Un periodico 
che piCl non yive, la Bevue de bibliographie analytique^ 
diede ragguaglio di questo lavoro (1842 p. 749). Noi 
veramente non sapremmo far di meglio che riman- 
dare il lettore al notevole libro di E. Baudrillart : 
Boiin et son temps (Parigi 1853 in-8). La parte che 
riguarda il Colloquium occupa il cap. V, p. 190-221. 
L* originalitiL di quest*opera consiste nel conciliare 
che fa con una credula superstizione V esame piu 
libero, la critica pid audace col giudizio intorno alle 
credenze esistenti piu severo che dar si possa. Tre 
fra gli interlocutori, un Ebreo, un Mussulmano, un 
fllosofo impugnano acremente il cristlanesimo ; ai 
loro ragionamenti inframmettono espressioni irri- 
verenti, che Baudrillart non voile citare, nemmeno 
in latino, e Tinterlocutore cattolico difende la fede 
con argomenti molto ma molto fiacchi. Un deismo 



ardente, forma la sostanza di quest'opera tunto €^ii- 
troversa e si poco nota; per tutto esala un vivo 
sentimetito dclla dignit§, morale dciruomo, e vi si 
mescolano inqualiflcabili sogni. 

II trattato dei Tre Impostori c' induce in modo al 
tutto naturale a parlare dei due impostori o piut- 
tosto dei due mentecatti, che a Parigi si spacciavano 
come Messia, come Figliuoli deiruomo (29): furono 
ambidue condannati a morte, anziche chiusi, come 
meritavano, in \\n mianicomio. 

II primo di questi sfortunati fu Goflfredo Vallee: 
nacque ad Orleans, ed aveva appena vent^anniquando 
fece stampare , nel 1572 , un opyscolo di due fogli, 
intitolato la Beatitude des Chrestiens ou U FUo de la 
foy; e un tessuto di stravaganze, a cui si mescolano 
invettive contro Roma e contro TautoriU in mate- 
ria religiosa. II Parlamento di Parigi condannd Val- 
ine ad essere abbruciato yivo come ateo. II decreto 
e contenuto dagli Archives curieuses de I'Histoire de 
France, t. VIII. (Si yegg. M^moif^s de literature di 
Sallengre t. II; Nouteaux M^moires di d'Artigny, 
t. 11, p. 278; V Analecta-Biblim di Du Roure, t. II, 
p. 81 ; il Bulletin du bibliophile di Techener, 10 serie 
p. 612-623 ecc). 

Simone Morin d piii conosciuto. MIchelef, sella 
sua ffistoire du rigne de Louis J/r, gli consacrd al- 
cune pagine, che trovano numerosi lettori; questo 
visionario pretendeva che vi fossero tre regni : quello 
di Dio padre; il regno della legge, che finisce col- 
Tincamazione del Figlio; quello del Figllo, il regno 
della grazia, che finisce nel 1650; quello dello Spinto 
Santo, 11 regno della gloria, 11 regno di Simon Mo* 
rinmedeaimo, durante il quale, Dio govema le anime 



— XLV — 

per vie interior! senza bisogno del xninistero del 
preti. Egli pigliava le mosse da questo principio per 
chiedere che Luigi XIV gli cedesso la corona. In 
codesta stravaganza si voile vedere un crimenlese; 
Morin fu abbruciato nel 166?. I Pensieri, stampati 
nel 1647, formano un volume rarissimo, 11 cut prezzo. 
arriva dalle 50 alle 106 lire ; fu ristampato verso 
11 1740, In mezzo a un inintelligibile garbuglio, si 
pud notaro qua e It qualcbe squarcio eloquente, 
qualche bel verso, fra gli altri questo: 

Tu sais Men que Vamour change en lui ce qu'il aime. 

Si veggano le M^moires di d* Artigny , t. Ill , 
p. 249-313; il Bulletin du bibliophile^ 1843, p. 31, ecc. 

Un dotto bibliografo tedesco , il dottor Graesse , 
nelV Utoria letteraria unitersale (in tedesco t. VII, 
p. 772) fa parola come fosse stata scritta ad Halle 
nel 1587, d*un' opera ispirata da dottrine deiste ed 
anticristiane, intitolata Origo el fundamenta religianis 
chrifdana^ e rimanda a lUgen: Zeitschrift fikr . . . 
( Qiomale di teologia istorica^ VI, 2, 192). 

Nell'opera d'un avvocato borgognone, Claudio Gil- 
bert, si trovano violenti attacchi contro il giudaismo 
e il cristianesimo: ffistoire de Calejava, ou risle dee 
homines raisonnables^ avec le parallile de leur morale et 
du chrislianisme ; Dijon, 1700, in-12. Benche lo stam- 
patore v'abbia omesso alcuni squarci, tutta Tedi- 
zione fu in progresso di tempo abbruciata dallo 
stesso autore ; si dice che non se ne sia salvata che 
una sola copia, che nel 1784 si vendeva nella biblio- 
teca del duca de La Valliere per 120 lire. Si veda il 
JHctiimHOire d^s anonjfmes di Barbier, n, 7665 ^he cUft 



— XLVI — 

Papillon e Mercier di Saint-Leger. Codesto libno 
scritto in forma di dialogo e pochissimo conoficiuto. 
Di Claudio Gilbert non e fatta menzione ne nella 
Biographie uniterselle pubblicata dai fratelli Michaod, 
ne nella seconda edizione di questa grand'opera, ne 
nella Biographie g^n^rale data in luce da Didot, sotto 
la direzione dl Hoefer. 

Chiudiamo questa rivista dei vari scritti etero- 
dossi notando, che verso la fine del secolo XVII, 
un altro individuo, il cui cervello era alquanto scorn* 
pigliato, un impiegato della camera del conti G. P. 
Parisot, pubblicd un libro piuttosto oscuro , intito- 
lato: la Foy d^voiUe par la raison^ 1631, in-8. Grazie 
al progress! della toUeranza, rispetto airautore s'ac- 
contentarono dMmprigionarlo; non fu abbniciato 
che il libro. Fattosi rarissimo, e dair altro canto 
poco rlcercatq; vi si trova una spiegazione molto 
oscura della dottrina del Verbo divino ( il Logos ) , 
quale e esposta nel Vangelo di san Giovanni. Pari- 
sot s' avvisd scoprire nella natura i tre element! 
della Trinity : il sale , generatore delle cose , corri- 
sponde al Padre; !1 mercurio per la sua eccessiva 
fluidity rappresenta il Figliuolo diffuso in tutto Tu- 
niverso; il zolfo che ha la proprieti di congiun- 
gere , d' unire il sale al mercurio , flgura evident^- 
mente lo Spirito Santo, sacro legame delle due prime 
persone della Trinitft. Sarebbe veramente inutile 
analizzare le fantasticherie di Parisot; curioso e 
r osservare che, stimandosi strettamente ortodosso, 
egli dedicd il suo libro al papa, indirizzandogli una 
lettera plena di reverenza e di sommissione. II cardl- 
nale Casanata non si prese per certo la cui^ di leg- 
gere la Fede svelata mediante la ragione; e in una 



— XLVU — 

risposta datata il giomo 4 delle calende d'aprile 1680, 
sua Emiaenza rispose che V opera fu letta a Roma 
con diletto, e ch'era degna di lode. 



vni, 

Di alcirne opere che misero in campo 

una tesi simile a quella che si pretese trovare 

nel libro De trihus Impostorihus. 

fi noto che da un secolo in qwk le opere irreli- 
giose, che hanno attaccate le basi d'ogni dottrina 
rivelata, si sono moltiplicate. Noi non ce ne occupe- 
remo : vogliamo solamente far cenno intorno a tre 
o quattro lavori non molto divulgati, ostili ai le- 
gislatori dcgli Israeliti e dei Cristiani. 

Questo non e il luogo d' esaminar 11 quesito : se 
Mose fu ispirato, s*egli fu Tautore del Pentateuco; 
questione vivamente agitata nelle seuole della Ger- 
niania. Noi ci accontenteremo di far menzione, fra 
gli scritti ch'han messa in dubbio* la realty istorica 
dei racconti contenuti nei primi libri della Bibbia, 
deU'opera d*Adriano Beverland olan^ese: Peccattm 
originale philologice elucudratum, stampata pid volte 
in Olanda ; in francese ve n* ha diverse traduzioni, 
piuttosto imitazioni, circa le quali si pud consul- 
tare il Dictiofmaire des Anonymes di Barbier ed una 
uota deU'edizionc fatta da Leschevin nel 1807 del Chef- 



— XLYIII — 

d'autre d'm ^(mnu, t. II, p, 459. "k inutile rammeii- 
tare che secondo Beverland 11 porno (30) e la voluttl 
11 serpente la concupiscenza d'oude son nate le male 
inclinazioni della razza umana ; nell*albero fatale soi 
flgurati gli organi della generazione. Quest*opiiiion^ 
non era nuova ; Tavevano gik messa in campo alcunj 
dottori ebrei, segnatamente Rabbi Zahira (veggr. Nork 
Braminen und RabMnen, 1836, citato da Rosenbaum, 
Geschichte dcr Lnstseuche, 1.48). Di questi giomi uno 
scrittore che si stima molto oriodosso, 11 signor Gui- 
raud, nella sua Philosophic catholique de VHistoirt 
(1841, t. II) manifestd quest* opinione: u II frutto 
deiralbero proibito prepard e inizid cid che noi 
chiamiamo peccato originale, ma i sensi lo consu- 
marono; e Teffetto fu la moltiplicazione materiale 
della specie. >» Secondo 1 Catari o Manichei del me- 
dio evo, il porno proibito era I'unione dei due primi 
uomini ; il principio del male aveva posto Adamo ed 
Bva nel suo falso paradiso, vietando loro di gustare 
il frutto deir albero della scienza, il quale non eit 
che la concupiscenza carnale, di cui egli stesso sve- 
glid gli appetiti, seducendo Eva sotto forma di 
serpente; cosi, mediante Tunione dei sessi, arrivd t 
propagare il genere umano (si veda Matter, Hishirt 
du gnostidsme t. Ill; Schmidt Histoire des Aldigeoii 
opera notevole, di cui il signor Mignet fece un cenno 
nel Jowrnal des Savants ISSSl). Certl settari dei primi 
secoli, fra gli altri gli Arcontici, vennero in campo 
coiropinione che Satana avesse avuto commercio 
carnale con Eva, commercio, il cui frutto fu Caino 
(si veda Santo Epifanio Haeres^ XL)\ similmente giu- 
dicarono alcuni rabbini ; un passo di Rabbi Eliezer 
(in Pirke, p. 4':) fu tradotto cosi: « Accedit ad ^am 



•^ XLIX — 

Bt eqpitabat terpens, et gravida facta est ex Caino. » Dove 
si TOglia scartabellare il Talmud, nei cinque vo- 
lumi in foglio della Bibliotheca rabbinica di Giulio 
Bartolocci (Roma 1(J75-1694) sMncontreranno parec- 
chie altre simili asserzioni. Non istaremo a fermar- 
vici; solo aggiungeremo esistere diverse opere,oggi 
piuttosto rare, che hanno rinnovata la tesi esposta 
neiri^te^ de rhonme. Tall sono: VSclaircessement swr U 
f^cM orlginel par le chevalier de C. (Vedl VAnn^e lit^ 
Uraire 1*755, t. IV, p. 139), e un libro tedesco VAU 
bero della Scienza considerato da un occhio Jllosojlco, 
Berlino (Erfurt), 1760 in-8. Conchiuderemo osser- 
vando che Adelung, il quale nella Istoria della pa> 
zia umana (in tedesco 1. 1, p. 20-41) consacrd una no- 
tizia a Beverland, dice che un esemplare del Pecca* 
turn originale con copiose aggiunte scritte a mano 
per una nuova edizione, esisteva nella bibliot-eca del 
conte di Bunau (oggi unita a quella di Dresda). 
Per ultimo ci sia permesso di por qui due linee che 
troviamo in un libro al di d'oggi affatto dimenti- 
cato : tt Un improvvisatore fiorentino, parlando d'Eva, 
manifesto la propria opinione con un sol verso assai 
hello: 

LUngamh il serpe ch*era grosso e Imgo, 

e v'aggiunse un gesto espressivo, con cui risolsfe 
questa controversia »». Memorial d'un mondain (scrltto 
dal conte di Lamberg), Londra 1776, in-8, 1. 1, p. 12. 
II divin mandato di Gesii, la verita delPEvangclo 
ebbero fra i loro antagonisti Carlo Blount nato nel 
1655, die termind la vita uccidendosi nel 1693 ; co- 
stal fu una del primi e pi(i arditi liberi pensatori 

De tribus Impostaribus. 4 



dell*Ingliilterra. No* suoi Oracoli delta ragione (pub- 
blicati dopo la sua morte), impugna la GenesU il 
racconto della caduta dell' uomo , la dottrina delle 
pene future. — Anche gli altri suoi scritti sono poco 
ortodossi. Neir^wim^ nmndi^ o Relazione storica deUt 
opinimi degli antichi intomo alV anima umaua dopo 
la morte, 1679, inculca 11 materialismo ; nella sua 
Grande i la Diana degli Efesj , o delVOrigine d^ll'i" 
dolatria, 1680, col pretcsto di combattere Tidolatria, 
impugna le dottrine della Bibbia. I suoi scritti fu- 
rono raccolti sotto il titolo di Opere diverse fl^iscel-- 
laneons Worksj Londra 1695in-12; mail pi(i famoso, 
quello che deve chiamare la nostra attenzione, e 
la sua traduzione del due primi libri della vita di 
ApoUonio Tianeo scritta da Filostrato, 1680, in fo- 
glio , corredata di note dirette contro il cristiane- 
simo; questo libro, sequestrato, suscito una furiosa 
tempesta. £ noto chc Filostrato, nel secolo terzo, 
scrisse la vita d 'ApoUonio, filosofo al quale i pagani 
attribuirono miracoli che contrappqsero a quelli 
di Cristo. L'intenzione che ispiro questo libro era 
d' indebolire 1' autorita deU'Evangelo, opponendogli 
i pretesi prodigj fatti da Apollonio. Filostrato di- 
pinge questo personaggio come un essere sopranna- 
turale, e quasi come un Dio. Benche fondata sopra 
element! istorici, codesta leggenda non e che una 
composizione ideale, nella quale predomina I'idea di 
far spiccare 1' eccellenza delle dottrine pittagoriche 
(si veda un articolo di E. Miller nel Journal des Sa- 
vants 1849 p. 621 e segg.). 

Le note di Blount si trovano nella traduzione 
francese (fatta da Castillon) dell'opera di Filostrato, 
Berlino 1774, o Amsterdam 1779, 4 vol. in-8. piccolo. 



»-- LI -» 

I>et Itb'rd di 6i F. Baur: Apotlontus eon Tyaha unA 
CkristM (Tubinga 1B32, in-8) non conosciamo che 11 
titolo. 

Qui potremmo pure far cenno intorno a diverse 
opera di G. Toland, il Telradymus^ Londra 1720, in 
8; il Pantheisticon, Cosmopoli (Londini), 1720 in-8, e 
sovrattutto il Nazarenus, or Jewish, gentile and maho- 
metan chrUtianity^ Londra 1718, in 8. opera di XXV e 
48 pag. nella quale si disputa molto intorno a qual- 
cuno degli Kvangeli apocrifi (dei quali non restano 
piii che rari frammenti), e intorno agli scritti di 
san Barnaba: in essa si ripete la dottrina degli 
Ebioniti (31). 

Nel BibliograpMsches Lexicon d' Ebert con un ri- 
cbiamo agli Archiveh zur neuem Oeschichte di Ber- 
nouilli , troviamo indicata un*opera italiana che non 
ci venne mai veduta: Politica e religione tromte in" 
sieme nella persona di QiesU Cristo. Nicopoli (Vienna) 
170(5-7, 4 vol. in-8; quest *opera per fermo molto rrfra 
d di G. B. Commazxi; fu sequestrata; Gesii Cristo 
vi d rappresentato come un impostore politico. 

Alia fine del libro nella pag. 3 degli scritti giusti- 
flcativi si troveranno i nomi di molti altri increduli! 
il francescano Scot, Jeannin de Solcia ecc, venuti 
in fama per la loro empieti. 

II secondo punto della tesi che ispird il trat- 
tato De tribus Impostoribus, f u svolto con molta f ran- 
chezza, specialmente in alcuni libri compostl da 
Bbrei ;. ma codcste opere scritte in lingua ebraica 
Bono tanto meno conosciute, in quanto questi^ 
non volendo dare un pretesto a crudeli persecuzioni, 
procurarono per lunga pezza di tenerle nascoste 
coUa maggior cura del mondo. Un celebre italianOf 



(j. B. Rossi , consacrd loro un volume di 128 pft- 
grine, in Francia abbastanza raro; Bibtiotheca Jttdeica 
anti-ehrUtiana, Parma, 1800 in-8. 

Un libro di questa fatta conosciuto da alcnni 
dotti e 11 Liber Toldos Jeschu. Non si sa Tepoca in 
cai fu scritto ; ma verso la fine del secolo XIII nn 
domenicano, Raimondo Martino, lo inseri in latino 
in una polemica da lui scritta contro gli Bbrei (Pv- 
gio Fidei)* Similmente ne usarono 11 certosino Por- 
chet e altri avversari della religione mosaica. Lu- 
tero lo fece traslatare dal latino in tedesco. II teste 
obraico, ignorato per secoli, fu flnalmente trovato da 
Sebastiano Munster, e Buxtorfio(nel suo Lexicon Tal- 
mudicum ) promise di pubblicarlo ; ma non ne fece 
nulla. Finalmente un dotto tedesco G. C. Wagenseil, 
inseri questo testo nella coUezione di scritti anti- 
cristiani pubblicati da Giudei, a cui imparti 11 ti- 
tolo di Tela ignea Satana; usci ad Altdprf nel 16S1, 
2 Vv)l/in-4. 

L*opera in discorso nella detta raccolta consta di 
24 pagine di S colonne cadauna, il testo ebreo e la 
traduzione latina; Teditore v'aggiunse una cofi/uta- 
tio die prende la pag. 25 alia 45, ne risparmia in- 
giuric al libro da lui ristampato (32). 

II Liber Toldos Jeschu comincia con questi sensi: 
Anno sexcentesimo septuagesimo prima quarti millena- 
rii, in diebus Jannaei regis quem alias Alexandrum fo- 
cantf hostibus Israelis ingens obvenit calamtas. Prodiit 
enim quidam ganeo^ vir nequam^ nulliusque frugis , ex 
Irunco succiso tribus Jud<B ctU nomen Josephus Pm^- 
dera. . . . 

Secondo I'autore ebreo, Jeschu essendosi intra* 
dotto furtivamente nel tempio, penetrd nel Sanct« 



r 



— LUI — 

sanctorum, T'apprese 11 nome ineffabile del Signore 
scolpito Bovr'una pietra, lo scrisse sopra un pezzo 
di pergamena, che, dopo essersi fatto un tnglio, 
ascose nelle proprie carni; in virtd della irresistibile 
potenza di questo nome egli operd i maggiori mi- 
racoli che si fossero veduti mai, guari i lebbrosi, rl- 
suscitd i morti. Egli esegui cosi fatti prodigi in pre- 
senza della regina Elena, ed essa si dichiard sua 
protettrice. Fra i miracoli che gll sono attribuiti ve 
n*ha di ridicoli, quale 6 quelle d'essersi assise sopra 
una macina di molino che somuotava alle acquc 
del Giordano. Giuda poi si sacriflca per la causa dei 
Giudei; anch'egll impara il nome ineffabile del Si- 
gnore , 6 contrappone i propri ai miracoli dl Je- 
schu; questi ha la peggio ed e lapidato; dopo la sua 
morte lo si vuol appendere ad una croce ; ma tuttl i 
legni si rompono, avendoli egli stregati. Giuda su- 
pera anche questa difficolt^. II corpo di Jeschu 6 po- 
scia per sua cura sepolto sotto un ruscello del 
quale s*e sviato il corso ; i discepoli, non trovandolo 
piii, sostengono ch* e salito al cielo ; la regina si 
turba, ma la cosa si spiega all'istante : Dehinc Juda : 
u Veni, ostendam Ubi virum quern quarts; ego enim il- 
ium noihum subduxi ex sepulchro, quippe terebar ne 
forte impia ipsius caterva eum ex tumulo sw fwraretw, 
itaque ilium in horto meo condidi, et superinduxi amnem 
aquarum, » Ad unum igitur omnes conjluunt, eumque 
Cauda equina alligatum , protrahunt, eumque ante Be- 
ffinam ilium abjecissent, ajunt: a Bcce tibi hominem de 
quo afflrmateras eum in aetJiera ascendisse, » 

VHistoria Jeschuae Nazarem fu ristampata a Leida 
nel n05, in lingua ebrea e latina, con note d'un al- 
tro dottOt G. G. Huldrich^ il quale^ seguendo le orme 



— LIV — 

di Wagenaeil, copre il libro che conuneiita di titoli 
oltraggiosi. Crediamo che poscia, e coa mire diverse 
da quelle che ispirarono quest! vecchi eruditi« il li- 
bro in discorso sia stato ristampato due o tre altre 
volte; abbiamo tenuto nota d*una Eistoria de Jeschua 
Nazareno pubblicata nel 1793, in-8. 

Rispetto alle imposture di Maometto, non fara ma- 
raviglia il veder gli autori cristiani del medio evo 
scatenarsi contro di lui. I racconti da loro spacciati 
intorno al fondatore deir islamismo talvolta sono 
d* un* assurdita straordinaria: per gli uni Maometto 
d TAnticristo; altri fa di lui un cardinale; tutti s'ac- 
cordano nell'incolparlo d'una quantitii di misfatti e 
d*eccessi. Qui baster^ mentovare 11 Roman de Maho- 
met, poema composto nel secolo XIII da un trova- 
tore, Alessandro Dupont, pubblicatu a Parigi nel 
1831 da Francesco Michel, con note, fra le quali si 
trovano pur quelle d*un dottissimo orientalista, il 
signor Reinaud. 



FINE DELLA KOTIZIA BIBLIOGBAFICA. 




NOTE 



r 



'I ■ I ■■ 1 1 M P 



NOTi! 



(1) Per veritii Hon 6 questo il luogo piu acconcio 
a parlare di codesti due tanto notevoli pensatori. 
Quant'e al primo si potr& consultare il dotto lavoro 
del signor Bartholmess, Giordano Bruno (Parigi, 1^6, 
2 vol. in-S); quanto al Vanini un lavoro del signor 
Cousin pubblicato nella Revu^ des Beux-Mondes^ 1 di- 
cembre 1843, e ristampato in principio ai Fragments 
de philosophic carUsienne^ 1845. Un articolo si trova 
pure nella Encyclopedic nouvellc (incompiuto) scritto 
dai signori Leroux e G. Reynaud. Aggiungiamo 
ancora che in un*opera importante di Maurizio Car- 
riere, la quale non essendo stata tradotta, in Fran- 
cia e pressoche sconosciuta ("Die philosophischc Wcl- 
tanschamg dcr Reformationszeity Stuttgart, 1847, in-8, 
pag. 635-S21) si trova un magniflco giudizio in<^ 
tomo al Bruno e al Vanlo^ 



1 



— LVIII — 

X^ L^ardlmento dl Kabelals d gflk nolo; ma tm 
fatto curiosissimo , non avvertito che da poco in 
qua, e che nelle edizioni original! della immortals 
sua satira (edizioni delle quali non resta al pid se 
non una o due copie che si pagano tant' oro) quel* 
l*audacia era ancora maggiore ; e parve necessario di 
raddolcirla alquanto, vuoi alio stesso mastro Fran* 
cesco, vuoi ai suoi editori. Eccone un esempio : il te- 
sto originale del capitolo 23 del libro secondo di- 
ceva: u Pantagruel ebbe notizia che suo padre Gar- 
gantua era stato trasportato ncl paese delle fate 
da Morgana, come altravolta lo furono Enoch ed 
Eiia. n Codesto paragonare ai racconti delle fate, 
due fatti recati dall'Antico Testamento suscitd de- 
gli scrupoli, e le ristampe piii recenti, al patriarca 
antidiluviano e al profeta, sostituirono due eroi 
delle epopee cavalleresche, Ogiero ed Arturo. La 
nuova Iczione non poteva offendere anima viva: da 
allora in pol fu sempre ripetuta tal quale (fra le al- 
tre si veda Tedizlone Variorum di 9 vol. in-8» t. Ill 
p. 522). 

Un bibliofilo di Bordeaux, 11 signer Gustavo Bra- 
net, fu 11 prime, a nostro credere, a scgnare Tantica 
e notevole variante in una Notizia intomo a un* edi- 
zione sconosciuta del Pantagruel. II dotto autore del 
Manuale dtl Libraio nelle sue Eecherches sur Us ^di' 
tions originales de Rabelais (Paris, 1852), non mancd 
di fare osservare, pag. 89, che gli eroi della Tavola 
Rotonda non furono sostituiti ai due eroi della Bib- 
bia, che cominciando daU'edizione del 1538 in poi. Ci 
fa meraviglia il non trovare se non la lezione corretta 
nella bellisslma ediiione di Rabelais, pubblicata dai 
ngnori Burgaud des Marets e Rathery, Vorifi^ F^ 



— LIX — 

Didot 1857 (t. I, p. 845) ; nel Rabelais (t. I, p. S66) 
che il signor Jannet voleva inserire nella Bidliothd-^ 
que elzMrienne, del quale disgraziatamente non 6 
comparso che il primo volume (nel 1858), tal va- 
riante e notata. 

(3) Ci richiamiamo alia notizia intorno a Teofllo, 
che occupa 136 pagine nel I volume delle (Eutres 
di codesto scrittore, pubblicate da Alleaume nella 
BidliothiQtte elz^tiricnne, 1856, 2 vol, in 18. 

(4) Notiamo di fuga che il catalogo compilato a 
Londra per la vendita d'una parte della biblioteca 
del signor Libri (1860, n. 968), nota che Beauregard 
nel Circulus PiiOMUS 1643, (e quindi prima delle fa- 
mose esperienze di Pascal) accennd airinvenzione del 
barometro e alia sua applicazione alia misura della 
altezza dei monti; ma, esaminata la cosa, si trovd 
che il passo che aveva glustamente attirata V at- 
tenzione e che comincia cosi: Compertwn enim est 
Aquam, ... si trovava bensi nella seconda edizione 
del Circulus , pubblicata nel 1661 , ma mancava in 
quella del 1643. 

(5) Le opere di Raynaud pubblicate a Lione nel 
1665 e anni segg. pigliano fiO volumi in foglio, e con- 
tengono un centinaio di fatti diversi ; e ve n* ha di 
curiosi^ come: De triplici eunuchismo; Be Sanctis me" 
retricibus; Be sotria alterius sexi frequentatiane per 
sacros et religiosos homines, 

(6) Si tratta di Goffredo Vallee, del quale faremo 
cenno pid sotto. Rispetto a Giorgio Blandrata e a 
Giampaolo Alciati, quest! due italiani abbracciarono 
le dottrine del Socino, e cercarono rifugio in fondo 
alia Germania ; per6 non e ancora provato ch*e* non 
^ §ien fatti magniiettani. 



(7) Trascriyiamo un passo dl Voltaire fSnai 9ur 
les moewrs et sur V esprit des naUonsj^ comeche per 
fermo gi& noto alia piii parte del nostri lettori : 
tt La Sardegna era ancora argomento di guerra fira 
rimpero ed 11 sacerdozio, e quindi dl scomuniche, 
Limperatore nel 1238 sMmpadroni dl tutta Tisola; 
allora Gregorlo IX aocusd pubblicamente Federico II 
d*incredulit&. — Noi abblamo la prova (dic'egli, nella 
sua clrcolare del 1 lugllo 1239) che rimperatore so- 
stiene pubblicamente ohe 11 mondo fu Ingannato 
da tre impostor 1: Mos^, Gesii Cristo e Maometto; 
ma egll pone Gesii Cristo molto sotto agli altri, 
perocche dice: quelli vissero ricolml di gloria, ma 
questl non f u che un uomo della feccia del yolgo 
che predicava a gente simili a se. L'imperatore (ag- 
giunge) pretende che un Dio unlco e creatore non 
possa essere nato da donna, e molto meno da una 
verglne. — Appunto, fondandosi su questa lettera di 
papa Gregorlo IX, a quel tempi si credette che vi 
fosse un libro intitolato De tribus Impostaribus: si . 
cercd questo libro di secolo in secolo , ma non fa 
mai trovato. *» Agglungiamo che la lettera di Gre- 
gorlo IX si trova nella CollecUo canciliorum, edita 
dal padi Labbe, torn. XIII, col. 11(77 e seg. Si vegga 
I'opera ijiportante di de Cherrier: Histoirede la lutie 
des papes et des empereurs de la maison de Souabe, 
2 ediz. tom. II, pag. 396. 

(9f^) Q'lk si sa come quest*uomo di Stato fosse poco 
scrupoloso. Egli fu accusato d'aver tentato d'avvele- 
nare rimperatore ; questl gli fece strappare gli oc- 
chl, e il cancelliere in un impeto di disperazione, si 
spaced la testa contro 11 muro della prigione. II sui- 
cldio allora era caso quasi senza esempio. Ecco ii 



^uali sens! Federico 8* espresso rispetto airaccusii 
di cui era accagionato: « Inseruit falsus GhrisH fi- 
carius fabulis suis nos christiaws fldei religionem recte 
non colere ac diadsse tribus seductoribns w/mdvm esse 
decepttm, gw>d absit de nostris labiis processisse cum 
manifeste caufiteamtir, unicum DeiflUtm esse,,, »» Non 
ostante cosi fatte proteste, pare che Federico fosse 
ben poco credente; alcuni scrittori di quel tempo 
attestano cli'egli non comparve a Gerusalemme se 
non per burlarsi apertamente del cristianesimo. 

(9) «* Deinde accusartmt me quod composuerim librum 
Be tribus Impostoribus, qui tamen invenitur typis exeu- 
sus atmos triginta ante ortum meum ex utero matris, *» Si 
trovano alcuni particolari intorno al Campanella in 
Brucker Eist, crit. philosophiw, t. V, p. 106-144, nella 
Sloria delta Filosofia di Buhle (trad, francese, t. II, 
p. 749-T70), nel IHctionnaire des sciences philosophiques, 
t. I, p. 421-424; neir-Se*^ des sciences math^matiques 
en Itatie, del signor Libri, t. IV, p. 149. II signor Pie- 
tro Leroux gli ha consacrato un articolo notevole 
neWSnctfclopedie noutelle, 

(10) Postel fuunvisionario, malestravaganze che 
cgli spaccia, le chlmere dietro alle quali egli corre, 
non tolgono che si debba riconoscero in lui straor- 
dinaria erudizione ed una mente sommamente in- 
vest! gatrice ed ardita. In altro secolo sarebbe stato 
un grand* uomo. Nodier ha potuto dire che Leibni- 
zio non fu piii dotto, ne Bacone piu universale di 
lui. Egli indovind il mesmerismo. e adinostri sivi- 
dero parccchie sue idee ripetute colic modificazioni 
che [^necessariamente porta seco il corso dei secoli. 
L*apostolato. della donna, predlcato di poi dal Sansi- 
moniani, fu una delle sue pid vive preoccupazioni. 



— LXU — 

(11) L*ftutof6 anonimo (si sa perd cli*d il signoi* Al^ 
gernon Herbert) d'un libro inglese, dotto e para- 
dossico, Nimrod, a discourse on certain passages of 
History and Fable (Londra, lS28-dO, 4 vol. in-8), fa os- 
servare come le tre prime novelle del Decamerone 
insegrnino sentimenti poco ortodossi. La terza, nolla 
quale ai racconta la storia dci tre anelli, parve 80- 
spetta; del resto nel medio evo era poco diffusa; 
si trova neile Oesta RovMmonm^QK^, 89, nel Novel-- 
Uno antico pag. 72. Lessing si servi di questa leg- 
genda nel suo dramma Natan il saggio, uno dei ca- 
polavori del teatpo tedesco. L* idea fondamentale 
del racconto par che sia d'origine ebraica ( si yeda 
un curioso articolo di Michele Nicolas nella Corre- 
spondance littSraire, 5 juillet IBS'?). Aggiungiamo che 
un* altra opera del Boccaccio, la Genealogia deomm d 
zeppa di particolari che non si trovah che li, e sem'> 
brano derivare dalle dottrine dei gnostici. 

(12) D*Ochlno parld un'Inglese, Tommaso Browne 
nella Religio medici, sez. 19. Quest* opera stampata 
per la prima volta nel 1642 ebbe due numerose edi- 
zioni ; la migliore d quella di Londra 1733, coUa vita 
dell*autore scritta dal dottore Johnson. 

Di questo libro esistono diverse traduzioni latine e 
una francese (per N. Lefebvre), 1663, la quale non 
e che un viluppo di controsensi dilavati in uno stilo 
illeggibile. Intorno a Browne si pud consultare la 
Mdinbwrgh Meview, ottobre 1836 ; la Eeme des Dew 
Mondes, aprile 1858 ; VAnalecta biblion del signer Da 
Roure, t. II, p. 196. 

(13) Se TAretino non avesse scritto altre opere 
che la Passions di Giesh, il Qenesi e V^knmanitd di 
Qhristo ecc. il suo nome sarebbe da lunga pezza di* 



-*- ijtiir — 

menticato. tl stgnor E. de la Oournerie nelPanticH 
Betme eitropdeme^ t. Ill, p. 297, pubblicd un articolo 
intomo a queste opere devote tradotte in francese. 
Una di dette yersioni porta un titolo, che oggi sem- 
bra Btrano anzi che no : La Passion de J^sus-Christ, 
ffivement descrite par U divin Bngin de Pierre Aretin 
(Lyon 1539). Sintendo gia che engin qui si piglia 
nel signiflcato di genio, talcnto, ingegno. Fid tardo 
questa parola si us6 ^i altro significato, come prova 
una Mazarinade curiosissima: Imprecation contre VSn-- 
gin de Mazarin 161f . Fin quando acriveva pel con- 
yenti, TAretino si ricordava un poco delle opere 
che componeva per altri luoghi. Nel suo libro in- 
tomo al Genesi, delle bellezze d*£ya traccia un 
ritratto, che nel testo ebraico non si troya: Odc-^ 

ravano le sue chiome di nettare e d' ambrosia 

Blla con le ireccie giU per le spalle: non dava cura 
delle mammelle posts nello ebumeo del suo petto co* 
me gioie della divina natura. (Si veda: II Oenesi di 
m. Pietro Aretino, con la visione di Noi nella quale 
vede i misterj del Testamento antico $ del nuovo, Ditiso 
in tre libri. Stampato in Venezia. MDXLV. Parte Ir 
pag. 8). 

La indulgente morale deirautore lo porta anche 
a scusare la condotta di Loth e delle sue flgliuole. 
(lb. parte II, pag. 51). 

(14) L'edizione delle Opera Gardani^ Lione 1663^ 10 
vol. in foglio contiene 222 opere diverse. Tutti gli sto- 
rici dclla filosofia fecero giusta estimazione di que- 
st' uomo di geiiio, ma pazzericcio. Naigeon gli con- 
sacrd un articolo hqU: Bncyclop^die m^thodique fDict. 
de philosophies t, II, p. 878-940) ; Franck ne fece og- 
getto d' una memoria letta nel 1844 all* accademia. 






delle scienze marali e politiche. Gringleni se ne oe^ 
cuparono anch* essi. Noi additeremo un articolo della 
Retrospective Bevietv, t. I, p. 94-112; un altro nel 
London Quarterly Review, ottobre 1854; la sua Tita fu 
scritta da Crosley (1836, 2 vol. in-8.) e da Morlaj 
(1854, 2 vol. iii8.).G. Mantovani ne pubblicd una in 
italiano, Milano 1821, in-8. Humboldt giudico alcune 
idee del Cardano degne d'essere citate, (Cosmos, t. II). 

(15) Si veda Tarticolo di Ram^ nel t. V, del J^ie- 
tionmire des sciences philosopkiques^ p. 409-35$ e il libro 
del signor Carlo Waddington, Ramits^ sa vie^ ses Merits 
et ses opifiiofis, (Paris, 1855). II signor Renan parlo 
di questo lavoro nel Journal des Dibats^ 5 giugno 
1855. Brucker, nella sua Historia critica pkilosophie, 
t. V, p. 548 non lascia nulla a desiderare. 11 signor 
Bartbolmdss, or ha molto (in una lettera pubblicata 
nel Journal delV Instruction publique, 21 gennaio 184Q 
manifestd I'intenzione di dare un*edizione delle opere 
complete di Ramus; la sua morte prematura lo 
impedi di mandare ad effetto questo disegno. Chiu* 
diamo osservando che il signor Feugere consaerd a 
Ramus una notizia che si trova a p. 379-395 del 
libro di questo scrittore: les Femmes pontes au sei- 
ziime siicle* 

(16) Si veda il Conservateur, agosto 1757, p. 220- 
237. Delisle de Sales ci ragguaglid diflfusamente in- 
torno a codesto scritto nel suo libro intitolato: 
Malesherbes, 1803 p. 202-247. Si consulti anche Leber, 
Btat de la presse, p. 61. 

(17) Sombra che quest*esemplare non sia stato ven- 
duto, sia perche non si trovava airincauto ; sia pcr- 
chd venne ritirato. Non si sa dove sia andato a fl- 
pire^ 



— LXV — 

(18) Quest'esemplare, comperato per la Bibliotcca 
del re, vi si trova anco al presente, e noi qui ri- 
stampiamo appunto il suo testo rettiflcato con al- 
cune variant! dell' edizione di Lipsia, che mettia- 
mo fra parentesi angolari. Detto esemplare di 21 
linee per pagina, e esattamente conforme alia de- 
scrizlone, che fa il Nodier , v. p. XVIII. di questa 
notizia. 

(19) Nel 1854 alia vendita dei libri del signor Re- 
nouard, il volume in discorso fu stimato 140 lire ita- 
liane (n. 186 del catalogo). II marchese Du Roure 
(bibllografo alcuna volta poco accurato) sostlene a 
torto cbe Tesemplare di La Valliere sia quello clie 
poscia passd uel gabinetto Renouard. 

(20) II signor Raynouard parld di quest'opera nel 
Journal des Samnts^ dicembre 1831, e il signor G. C. Bru- 
net, nella prefazione della sua edizione delle (Eutres 
franpaises d'Alione d'Asti, sostiene che, non ostante 

alcuni errorl ed omissioni, questo e un libro curioso 
che mancava alia storia letteraria. Del resto fu ec- 
clissato dairopera ben piu estesa di 0. Delepierre; 
Macaroneana, 1855, in-8. 

(21) Gli scrittori moderni che meglio maneggiarono 
la lingua latina, il Facciolati, Ruhnkenius, Wytten- 
bach stanno di lunga mano al disotto del Mureto. Non 
8i pud dunque fermarsi nemmeno un istante alia 
idea, che questo si elegante scrittore abbia avuta 
la menoma parte nel libellus che noi ristampiamo. 
Nuove osservazioni si potrebbero aggiungere anche 
agli altri nomi che furono messi in campo, ma il 
porle qui sarebbe aflfatto inutile. 

(22) Fra le malizie di questo genere si notd la 
truffa doppiamente criminosa , che si pretende sia 

Hm Uibus Itnjoostoribus. 5 



— LXVI — 

8tata realmente commessa da un Inglese, che aveva 
unite nello stesso volume il Pentateuco di Mose in 
lingua ebraica, i quattro Evangelisti e gli Atti de- 
gli Apostoli in greco, e TAlcorano di Maometto in 
latino, non avendolo potuto trovare nella lingua ori- 
ginale dello stesso formato degli altri, in-8; v'ag- 
giunse una piccola prefazione ed il titolo Idbri de 
tribtn Impostoribus. 

(23) La Biographie wiiterselU consacro a questo 
personaggio un dififuso articolo. Si veda il t. XXXIX, 
p. 412-418. Vi rimandiamo i nostri lettori. Esiste pure 
una storia (in tedesco) del falso messia, Sabbathai 
Zebhi, per C. Anton 1'752, in -4. 

(24) Gli scritti di questo nobleman inglese lo fe- 
ecro riguardare a buon dritto com* uno dei primi 
difensori del deismo. I suoi trattati dc Veritatc 1624, 
de Causis errorum (sine loco), 1656, sono notevoli per 
diversi rispetti, 

(25) G\h nulla e omai difficile 
A* figli della terra : 
Osiam ebbri dUnsania 

Al cielo ancor far guerra; 

Ne i nostri insulti cessano, 
Ne cessano ognor nuove 
Vendicatrici folgori 
Armar la destra a Giove. 

(Trad, di T. Gargallo) 
(23) L*olandese Bekker, morto nel 1698, autore del 
Belooverde wirild (il mondo stregato) libro che im- 
pugna le opinioni allora ammessc rispetto al potere 
dei demonj e dei sortilegi , fcco sorgere una vio- 
lenta tempesta. 



"•■r"' 



— Lxrn — 

(27) Ne possiede un esemplare la biblioteca Ma"> 
zarino. 

(28) Rispetto a quest'opera si veda un artScolo del 
signor de Puymaigre nella Retue d'Austraste 1840. 

(29) II catalogo della biblioteca di Carlo Nodiep, 
1829, n. 66, el svela I'esistenia d*un libro stampato 
aParigi verso il 1887 intitolato: AwertUsement tM^ 
table et assure au nom de Dieu, E Topera d'un illumi« 
nato che si dice Fils de rhomme, e che promette di 
risuscitare in tre giorni, dopo essersi fatto yettare 
neir acque di Marsiglia legato a una gran pietra 
con catena di ferro. 

(90) Usando di questa parola ci conformiamo a un 
uso volgare, che perd crediamo inesatto. La tradu- 
zione del signer Cahen, che rasenta assai da vicino 
11 testo ebraico, non adopera altro che la parola fhitto 
{/hUto delValbero che i in mezzo al ffiardino).LK Y\x\- 
gata non usa che le espressioni lignum e fructus, 

(31) Si sa che questi settarj contemporanei agliapo«> 
stoli, in Gesii Cristo non vedevano che un uomo « 
la cui nascita nulla aveva di soprannaturale. Essl 
possedevano un evaugelo che per fermo era interes- 
sante, ma non ne resta che appena qualche traccia, 
che da parte Semler fu oggetto d*una dissertazio- 
ne spociale. Halle 1777, in-4. 

(32) Nel solo preambolo c* incontriamo in frasi di 
questo conio : u Jmpietatis , maledicentia , impostura^ 
que ultima quasi aggestus cumulus . . . cacatus a Sqx 
tana liber, n 

FINE PEU^iLE NQTE^ 



DE TRIBUS IMPOSTORIBCS 



DE TRIBUS INP0ST0RI6US 




BUM esse, eum colendum esse, multi 
disputant , antequam et quid sit 
Deu8, et quid sit esse, quatenus hoc 
corporibus et spiritibus , ut eorum fert di- 
stinctio , commune est , et quid sit colere 
Deum, intelligant. Interim cultum Dei ad 
mensuram cultus fastuosorum hominum sesti- 
mant. 

Quid sit Deus describunt secundum con- 
fessionem susb ignorantiae: nam, quomodo dif- 
ferat ab aliis rebus, per negationem justo- 
rum conceptuum efferant, necesse est. Esso 



4 Dfi TBIBUS 

infinitum Ens, id est; cnjus fines ignorisint^ 
comprehendere nequeunt. Esse Creatorem 
coeli et terrarum aiunt^ et, quis sit ejus Crea- 
tor^ non dicunt^ quia nesciant, quia non com- 
prehendunt. 

Alii; ipsom sui principium diennt; et a nnllo, 
nisi a se^ esse contendunt; itidem ii dioentes 
quid; quod non intelligunt. NoU; aiunt; capi- 
mus ejus principium; ergo non dator. (Cur 
non ita: non capimus ipsum Deum; ergo non 
datur.) Atque h»c est ignoranti^ prima re- 
gula. 

Non datur processus in infinitum. Cur non? 
Quia intellectus humanus in aliquo subsbtere 
debet. Cur debet? Quia solet; quia non potest 
sibi aliquid ultra sues fines imaginari^ quasi 
vero sequatur; ego non capio infinitum; ergo 
non datur. 

Et tamen ; uti experientia notum ; inter 
Messise Sectaries aliqui processus infinites di- 
vinarum; sive proprietatum; sive personarnm, 
de quarum finitionibus lis tamen adhuc est, 
et sic omnino dari processus in infinitum sta- 
tuunt. Ab infinito enim generatur Filius: ab 
infinite spiratur Spiritus Sanctus. 

In infinitum generatur, proceditur. Si enim 
coepissent; aut si desinerent semel generatio 



^*— • - -- ^ - .. 



IhpostobIbus 5 

ista^ spiratio^ setemitatis conceptus violaretar. 
Quod si etiam in hoc cum istis convenias, 
quod hominum procreatio non possit in infi- 
nitum extendi, quod tamen propter finitum 
suum intellectum ita concludunt; nondum jam 
constabit an non et suo modo ali» inter su- 
peros generationeS; eseque tanto numero fue- 
rint; ac hominum in terra, et quis ex tanto 
numero pro Deo prsecipuo recipiendus? Nam 
et Mediatores Deos dari omnia religio con- 
cedit, quamvis non omnes sub sequalibus 
terminis. Unde illud principium: Ens supra 
hominem, per naturam suam elevatum, debere 
esse Unum, labefactari videtur. Atque inde 
' ex diversitate Deorum progeneratorum di- 
versitates religionum et varietatem cultuum 
postmodum ortas dici poterit: quibus potissi* 
mum Ethnicorum nititur devotio. 

Quod autem objicitur de c^dibus aut con- 
cubitu Deorum paganorum, prseterquam quod 
hsBc mystice intelligenda, sapientissimi Ethni- 
corum jam dudum ostendere, similia in aliis 
reperiuntur; strages tot gentium per Mosen 
et Josuam Dei jussu perpetrataa; sacrificium 
humanum etiam Deus Israelis Abrahamo in^ 
junxerat. Effect us non secutus in casu extraor- 
dinario. Nil autem jubere poterat, aut aerio 



6 D£ TBtBUS 

juberi ab Abrahamo credi poterat, quod pror- 
sus et per se Dei naturse adversum foisset 
Mahomet in prsemium suse superstitionis to- 
turn orbem pollicetur. Et Christiani passim 
de strage suorum inimicorum, et subjugatione 
hostium Ecclesise vaticinantar; quae sane non 
exigua fuit, ex quo Christiani ad remrn pn- 
blicarum gubernacula sederunt. Nonne poly- 
gamia per Mahometem y Mosen y et ut pars 
disputat, in Novo Testamento etiam concessa? 
Nonne Deus Spiritus Sanctus peculiari con- 
junetione ex virgine desponsata^ Filium Dei 
progeneravit? 

QusB reliqua de ridiculis idolis; de abosu 
cultus Ethnicis objiciuntur ^ tanti non sunt, 
ut nee paria reliquis Sectariis objici queant: 
[quos] tamen abusus a Ministris potius, quam 
Principibus, a Discipulis magis quam Magi- 
stvis religionum provenissO; facili iabore mon- 
strari potest. 

Cseterum, ut ad priora redeam, hoc Ens, 
quod intellectus processum terminat, alii Na- 
turam vocant, alii Deum. Aliqui in his con- 
veniunt, alii differunt. Quidam mundos ab 
fieternitate somniant^ et rerum connexionem 
Deum vocant; quidam Ens separatum, quod 
nee videri nee intelligi potest, quamvis et 



iMPOSTOBIBUS 7 

apud ho8 contradictiones non infrequentes 
sint, Deum volunt. Religionem, quatenns con- 
cernit cultum, alii in metu invisibiliiim po- 
tentiani; alii in amore ponunt. Quod si po- 
tentes invisibiles falsi sint, idololatra efficitui*^ 
una pars mutuo ab altera^ prout sua cuique 
principia. 

Amorem ex benevolentia nasci volunt, et 

gratitudinem referunt, cum tamen ex sym- 

pathia humorum potissimum oriatur; et ini- 

micorum benefacta odium gravius maximum 

stimulent, licet id hypocritarum nemo con- 

fiteri ausit. At quisnam amorem ex beneyo- 

lentia ejus emanare statuat, qui homini leo- 

nis, ursi et aliarum ferociarum bestiarum 

particulas indidit, ut naturam contrariam in- 

clinationi creatoris indueret? Qui, non igno- 

rans debilitatem humansB naturae, arborem 

ipsis posuerit, unde certe norat reatum ipsos 

hausturos, sibi et omnibus suis successoribus 

(uti quidam volunt) exitialem. Et hi tamen, 

quasi insigni beneficio, ad cultum vel gratia* 

turn actionem teneantur, sc. Hoc Ithacus ve- 

lit, etc. Arripe mortalia arma, e. g. ensem, 

Bi certissima prsescientia tibi constet (quam 

tamen et alii, quoad contingentia, in Deo non 

dari adstruunt), hoc ipso eum, cui ob ocu- 



8 DE tRIBUg 

los ponis^ arrepturum, seque et soam prog^e- 
niem omnem miseranda morte interemturam : 
cui adhuc aliqua humanitatis gatta supereri^ 
horrebit talia perpetrare. Accipe, inqnam^ gla- 
diam, qui e. g. pater e&, qui amicus es; et si 
pater eS; si amicus genuinuS; objice amico vel 
Hberis cum jussu, ne incurrant; citra oxnnem 
dubitationem tamen ot incursum vel miseraii' 
dam stragem suorum^ eorumque adhuc inno- 
centium, daturum providens. Cogita, qui pater 
es, an ejusmodi facturus esses? Quid est lu- 
dibrium prohibitioni afFerre, si hoc non est? 
Et tamen Deus hsec prsecepisse debuit. 

Hunc ex benefacto suo colendum esse ro- 
lunt; quia, aiunt, si Deus est, col end us est. 
Simili mode uti inde coUigunt: Magnus Mo- 
gol est, ergo colendus. Colunt etiam eum sui; 
sed cur? Ut nempe impotenti ejus et omnium 
Magnatum fastui satisiiat, nil ultra. Colitor 
enim potissimum ob metum potentise visibilis 
(bine morte ejus exolescit), spemque dein 
remuneratlonis. Eadem ratio in cultu paren* 
tum et aliorum capitum obtinet. Et quoniam 
potentise invisibiles graviores et majores ha- 
bentur visibilibus, ergo etiam magis colen- 
das esse volunt. Atque hi, Deus ob amorem 
colendus, inquiunt. At quis amor innocentes 
posteros, ob unius certo provisum, et proin 



IMPOSTORIBUS 9 

et prseordinatum lapsum ( prseordinationem 
concedendo ad minimum), objicere- reatui in- 
finite? Sed redimendos, inquis. At quomodo? 
Pater unum Filium miserise addicet extre- 
jnsd, ut alteram cruciatibus baud minoribus 
tradat propter prioris redemtionem. 
Nil tam leve noverunt Barbari, 
At cur amandus, cur colendus Deus est? 
Quia creavit Ad quid? tu laberemur; quia 
certo prsescivit lapsuros, et medium propo- 
Buit pomi vetiti, sine quo labi non poterant ! 
Et tamen, colendum esse, quia ab eo omnia 
dependent in fieri, addunt tamen alii in esse 
quoque et conservari 

Quem in finem colendus Deus est ? An 
ipse cultus indigus aut cultu placatur? Ita 
quidem est: parentes et benefac tores colun- 
tur apud nos. Sed quid hie cultus est? So- 
cietas humana mutusB indigentise prospicit, et 
cultus est ob opinionem potentise nobis sub- 
veniendi majoris et propioris. Subvenire vult 
alteri nemo sine mutuo adjumento su» quo- 
que indigentise. Agnitio beneficii et gratia vo- 
catur, qu» majorem recognitionem sui bene- 
ficii postulat, utque exin celebretur, alter ei 
ad manus yelut pedissequa sit, ut claritatem 
^tiam et suspicionem magnificentise apud alios 



10 DE TBIBUS 

sosoitet. Scilicet opinio aliomm de nostra po- 
tentia subveniendi particulari yel commoni 
indigentisB^ nos titillat, cristas pavonis inatar 
erigity unde et magniiicentia inter virtates 
est. Ast, quis non videt imperfeotionem no* 
strse natursd? Deam autem omnium perfeotis* 
simum indigere aliqua re^ quis dixerit? Velle 
autem ejusmodi; si perfeotus sit, et jam in 
se satis contentus et honoratuS; citra onines 
extra eum honores^ quis dixerit^ nisi qui in- 
digere earn? Desiderium honoris, imperfectio- 
nis et impotentisB signum prsebet. 

Consensom omnium gentium hoc in passa 
urgent aliqui, qui vel solos populares suos 
vix omnes allocuti, vel tres aut quataor li« 
bros de testimonio universi agentes inspe- 
xerunt; quatenus vero autori de moribus uni- 
versi constet, non perpendentes. At nee boni 
illi auctores omnes norunt. Nota tamen de 
cttltUy fundamentum in ipso Deo et operibos 
ejus, non in solo alicujus societatis aliquo 
interesse habente, hie qwestionem esse. Nam 
ex nsu id esse, potissimum imperantium et 
divitnm in republica, ut exteriorem aliquam 
religionis rationem habeant, ad emoUiendam 
ferocitatem populi, nemo est, qui non in- 
telligat. 



IMPOSTORIBUS 11 

Cseterum de priori ratione sollicituS; quia 

in principali religionis christianse sede^ Ita-* 

lia, tot LibertinoSy et ut quid gravius dicam, 

tot Atheos latere oredat, et si crediderit, 

qui dicaty consensum omnium gentium esse: 

Deum e$8e, Eum colendum e8$e? Scilicet^ quia 

saniores tamen id dicunt. Quinam saniores? 

Summus Pontifex, Augures et Auspices ve- 

terum, Cicero, Csesar, Principes, et his adh»- 

rentes Sacerdotes, etc. Unde vero constat, 

quod sic dicant et statuant, uti dicunt, et 

non ob interesse suum talia prse se ferant? 

Hi nempe ad gubernacula rerum sedent, et 

reditus ex populi credulitate, summam in* 

yisibilium potentiam et vindictam minati, 

suamque quandoque cum bis intimiorem col- 

lationem et nexum ementiti, pro sua luxuria 

idoneos vel excedentes sibi acquirunt. Sa- 

cerdotes enim talia docere, mirum non est, 

quia hsdc ratio vitse ipsorum sustentandse est. 

Et hsec sunt ea saniorum dictamina. 

Dependeat hoc universum a directione primi 
moventis, at vero id dependentia prima erit. 
Quid enim impedit, quo minus talis primus 
DEI ordo fuerit, ut omnia, cursu semel pr»- 
stituto, irent usque ad terminum prsefixum, 
si quem preefigere voluit? Nee nova cura, de- 




12 DE TRIBUS 

pendentia vel sustentatione jam opus 
Bed ipsis ab initio caique virium gatis 
giri potuit. Et cur non fecisse autumaiidus! 
Nee enim visitare eum omnia elementa d 
universi partes, sicut Medicus segrotum^ ere- 
dendum est. 

Quid ergo de conscientise testimonio di- 
cendum, et undo illi animi metus ex male 
factis, si non constaret nobis speculatorem 
et vindicem desuper adstare, cui ista displi- 
ceant; utpote cultui ejus omnino contraria? 
Non jam animus est; naturam boni tcI mab', 
nee pericula prcBJudiciorum et plorimi timoris 
vanitates, ex prseconceptis opinionibus orinn- 
das; altius perseqni: id tantum] dico, inde 
hsBC ortum ducere, quia nempe omnia male- 
facta nituntur in con'uptione et oonversione 
harmoni» subveniendi mutuse indigentias, qu« 
genus humanum sustentat; et quia opinio de 
eo, qui promovere magis quam adjuvare in- 
digentiam istam velit; odiosum eum rcddii 
Unde contingit, ut ipse timeat, ne vel aver- 
sionem aliorum et contemtum incurrat, vel 
sequalem denegationem subveniendi indigen- 
tise suae; vel amittat potentiam suam insuper 
tum aliis, tum sibi succurrendi, quatenus nem- 
pe spoliationem potentisB nocendi a reliqnis 
metuere debet. 



im^stor!bus 13 

Atqui ita agere^ aiunt y eos , qui non ha- 
"bent lumen Scripturse S.; Becundum naturale 
lumen^ pro conscientise suse dictaminO; quod 
certo arguat, indisse deum intellectui com- 
muni hominum , scintillas suse cognitionis 
et voluntatis aliquas, secundum quas agentes^ 
recte fecisse dicendi sint. Et qusenam ratio 
horum colendi DEUM dictaminum esse queat, 
8i non hsBC sit? Cseterum, num bestiae secun- 
dum ductum rationis agant, multis rationi- 
bus disputatur , nee jam decisum est , quod 
tamen non moveo. Quis tibi dixit , quod 
id non fiat, aut quod politum brutum rudi 
homini et sylvestri quandoque intellectu et 
facultate dijudic^ndi non praestet? Ut autem, 
quod res est, dicam, plurima otiosorum ho- 
minum pars , qui ex cogitationibus rerum 
Bubtiliorum et communem captum exceden- 
tium vacarunt, ut suo fastui satisfacerent 
atque utilitati, multas subtiles regulas exco- 
gitarunt, quibus nee Thyrsis nee Alexis, cura 
sua pastorali et rustica impediti vacare po- 
torunt. Unde hi fidem otiosis speculantibus 
habuere, quasi sapientioribus, adde et aptio- 
ribus ad imponendum insipidis« Hinc , bone 
Alexi! abi Panes, Sylvanos, Satirosque, Dia* 
nas; etc. cole, isti enim magni Philosophi 

J)< tribus ImpostoribuSk Q 



14 DE TRIBUi^ 

tibi communicationem somnii Pompilliani &- 
cierit, et concubitus cum Nympha ^geria 
narrarO; et hoc ipso ad istorum cultum ad- 
Btringerc volent, proque mercede sui operis, 
et reconciliatione et favore illarum invisibi- 
liutn potentiarum sacrificia succumque gregb 
et sudorem tuum pro sua sustentatione desi- 
derabunt. Et bine, quia Titius Panem, Ale- 
xis Faunos, Roma Martes, Atbense ignotos 
Decs coluere, credendum est; bonos istos ho- 
mines qusedam ex lumine naturse cognovisse; 
quia otiosa speculantium inventa et attributa 
erant, ne quid inclementius in aliorum reh- 
giones dicam. 

Et cur hsec ratio non etiam dictitavit abe^ 
rare eos in cultu, signaque et lapides tan- 
quam Deorum suorum habi taenia ridicule co- 
lore? At vero credendum est, quia bonse fo- 
miniculsB Franciscura, Ignatium, Dominicum, 
et similes tanto cultu prosequantur , dictare 
i*ationem ad minimum Sanctorum hominum 
aliquem esse colendum, et istos ex lumine 
faaturse perspicere cultum alicujus potentis 
fiuperioris jam non visibilis. Cum tamen haec 
sint commenta otiosorum nostrorum Sacerdo- 
tum pro suse sustentationis lautiori incre- 
mento. 



IMP0ST0B3US 15 

Ergone dbvs non est? Esto, sit; ergo co- 
lendus? Sed hoc non sequitar; quia cultum de- 
siderat. Sed desiderat, quoad cordi inscripsit. 
Quid turn amplius? Sequemur ergo naturse no- 
strse ductum. At is agnoscitur imperfectusesse: 
in quibus ? Sufficit enim ad societatem homi- 
numsic satis tranquillecolendam. Nee enim alii 
Religiosi reyelationem seouti felicius vitam 
transigunt. At magis est^ quod de nobis exi- 
git DEUS^ imprimis cognitionem DEI exactio- 
rem. Sed tamen, qui id spondes^ cujuscunque 
religionis siS; non pr»stas. Quid enim DEUS 
sit, in reyelatione qualicunque obscurius longe 
est; quam antea. Et quomodo conceptibus 
inteliectus id clarius sistes^ quod omnem in- 
tellectum terminat? Quid tibi videtur de his? 
Deum nemo novit unquam^ item, oculus non 
vidit; item; habitat in luce inaccessibili; item; 
post reyelationem adhuc in senigmate? At; 
quanta senigmatis claritas sit; cuique notum 
credo. Varum; unde tibi id constat; DEUM 
ista exigere? An ex desiderio inteliectus ; 
terminos sui captus superandi, et omnia per- 
fectiuS; quam facit; concipiendi; an aliunde? 
Ex speciali revelatione? Quis eS; qui hoc 
dicis? Bone deus! quanta reyelationum far- 
rago 1 Oracula ethnicorum prodis? H»c jam 



16 l>fi tBIBUS 

risit antiqttitas. Sacerdotum tuomm testuBo- 
nia? Sacerdotes tfbi offero contradictorioi 
Pugnetis invioem: sed, quia jadex erit? qm 
controversise finis? Mosis, Prophetarom^ Apo- 
Btolorum Bcripta profers? Opponit se tibi Ai- 
coranns; qui hsec corrupta dicit ex novissimi 
reyelatione; et autor ejas divinis miracub 
Be gloriatar corraptelas et altercationes Cliri- 
Btianorum gladio Becuisse; mti Moses Ethni- 
corum. Vi enim Mahomet, vi et Moses Palc- 
Btinam Bubjugayit; uterque magnis miracnlii 
ittstructus. Et Sectarii istoram^ nt et Veds 
et Brachmannormn ante MCCC retro secok 
obstant collectanea, ut de Sinensibus nil di- 
cam. Tu, qui in angulo Europse hie delite- 
BciS; ista negligis, negas; quidem bene, vi- 
deas ipse. Eadem facilitate enim isti tua ne- 
gant. Et quid non miraculorum supercBset 
ad convincendos orbis incolas, si mnndum ex 
Scorpionis ovo conditum et progenitum ter- 
ramque Tauri capiti impositam, et renun 
prima fundamenta ex prioribus III Vedae li- 
bris couBtarent; nisi invidus aliquis Deonun 
filius hsec III prima yolumina furatus esset! 
Nostri id riderent, et apud eos novum hoc 
stabiliendse religionis 8U» argumentum foret, 
no9 tamen, nisi in cerebro Sacerdotum aao- 



IMPOSTOBIBUS 17 

rum fimdanientam habeiiB. Et undo alias 

profecta tot immeiiBa de Diis Ethnicorum vo- 

lumina et mendacioriim plaustra? Sapientius 

Jiloses, qui artibus primo .^Igyptiorum excol* 

tu8^ id est, astrorum et Magise caltu, dein 

armorum ferocia; Palestinae regolos sedibus 

extrusit, et specie coUoquii Pompiliani fiden- 

tern rebus suis exercitum ia otiosorum ho- 

minum possessiones advexit: scilicet, ut ipse 

esset Dux Magnus et (rater ejus Saoerdos 

Maximus, ut ipse Princeps et Dictator ali- 

quando populi esset. Alii per yias dulciores 

et delinimenta populi sub proferenda sancti- 

tate, horresco reliqua proferre et eorum 

Sectarii per pia fraudes , in occultioribus 

conyenticulis , primo imperitam paganorum 

plebem, dein et ob vim pullulantis nov» re? 

ligionis , timentes de se et odiosos principes 

' populi occuparunt. Tandem alius belli stu- 

diosuB ferociores Asiae populos, a Christia-r 

norum Imperatoribus male habitos, fictis mi-. 

raculis ad se adscivit; sub promiesione tot 

beneficiorum et victoriarum; exemplo Mosis, 

discordes et otiosos Asise Principes subjuga- 

vit, et per acinacem religionem suam stabi- 

livit. Prior Ethnicismi, alter Judaismi, ter- 

tios utriusque corrector habitus, quis Maho- 



18 DB TEIBU8 

metis, quia Mahometismi futunu sit^ 
dam est. 

Scilicet, eo credolitas hominam fraadlboi' 
Bubjecta est; cujus abusns sub specie alicajos 
utilitatis merito ihpostuba vocatur. Hajv 
in genere naturam et species hie latias eyot 
vere, nimis et longum foret et t»dio6iim. 
Cieteram id nobis observandum , quod con 
cessa etiam naturali religione et debito cnltv 
divine, quatenus per naturam dictari diciior. 
jam omnis novse religionis Princeps ixpo- 
STUBJE suspectus sit; potissimum, com, quants 
in religione aliqua propaganda fraudes in* 
tervenerint, in aprico omnibas sit, et ex dictis 
et dioendis obvium. 

Manet id ergo secundum oppositum prias 
immutabile: Beligionem et cultum DEI $&- 
cundum dictamen luminia naturalis consenta- 
neum et veritati et cequitati esse. Qui vero 
aliud quid circa religionem statuere volt, 
vel novum, vel dissonum, idque autoritate 
superior is invisibilis potestatis, suam refor- 
mandi potestatem evidenter producat , - ne- 
cesse est, nisi ab omnibus impostor haberi 
velit, qui omnium sententise adversatur, non 
sub concluso ex naturali ratione, non sub 
revelationis specialis auctoritate* Insuper sit 



IMPOSTORIBUS 19 

ejusmodi vitse ac morum probus, qui a moU 
titudine dignus credf possit, quern tarn sum- 
mum et Sanctum numen in suam conversa- 
tionem recipiat, cui nil placuit impuri quid- 
quam; nee id solum propria confessio aut 
vita sic satis sancte ante acta^ aut miracula 
aliqua^ id est Actionea extraordinariae pro- 
bare poterunt; nam et id magis artificiosis 
et deceptoribus hominum, mendacibus, hypo- 
critis commune est, qui ex istis rebus com- 
modum aut gloriam aucupantur; nee etiam 
id attendendum, eo vesanise quosdam pro^ 
cessisse , ut sponte mortem appeterent , quo 
contemnere omnia et sincere orederentur, 
uti varii apud philosophos veteres. Nee etiam 
credendum peculiaribus eos divinis viribus 
suffultos fuisse, in eo, quod ex inani imagi- 
natione et yana aureorum montium persua- 
sione propter defectum judicii perpetrarunt. 
Hi enim nee rem satis judicarunt, nee veri 
Doctores; quos ut probe discernas, dixi non 
solum proprium eorum testimonium suflScere, 
sed et ipsos inter se et alios testes cum ipsis 
conferre opus est, eosque tum notes et fami- 
liares, tum ignotos, tum amicos et inimicos: 
atque dein coUectis omnium testimoniis, tum 
cujusc^ue Doctoris de se ipso^ tum aliorum 



30 DB TBIBU3 

veritatem rei penetrare. Et si testes ipsi no- 
bis iguoti sint; testes de testibus^ et sic porro 
consulendi eruut, Adjecto insuper examine 
de sua judicandi facultate; an capax sis, 
falsum talibus vol aliis circumstantiis , nu> 
xime vero similibus involutum, a vero discer^ 
nere , addita inquisitione y unde eas notas 
hauseris veritatis dignoscendse; coUato adhuc 
aliorum judicio , quid hi ex tali demonstra- 
tione vel testin^onio colligant. Atque hinc 
^olligere licebit, an verus revelationia divinx 
voluntatis nuncius sit, qui id prse se fert, et 
an dictamen ejus presso pede sequendum sit. 
At, ne hinc in circulum incidamus, omniiK) 
Qavendum est. 

Cumque primarum religionum ea sit na- 
tura, ut una aliam prsesupponat , ut Mosis 
Paganismum, Messise Judaismum^ Mahumedis 
Christianismixm , nee semper aut quoad om- 
nia, sed certis solum in partibus posterior 
priorem rejiciat, quoad reliqua etiam in priori 
se fundet, ut Messias faciunt et Mahomet; 
opus erit non solum vel postremam, vel me- 
diam vel priorem, sed omnes et singulas ac- 
curate perlustrare, praecipue cum in quavis 
secta imposturae arguantur, ut veteres a 
Messia, qui legem corruperint, Christiani a 



DIPOSTOBIBUS 31 

MahometOy qui corruperintEyangeliom. Quoad 

hos nil mirum, cum et OhriBtianorum Secta 

altera alteram corrupti textus N* T. arguat; 

ut constare queat^ an et hic; qui imitandns 

proponitui', ver» religionis ductor sit, et qua- 

tenus ii, qui se prsesuppositos dicunt, audiendi 

sint. Nulla enim in examine Secta prseter- 

mittenda est , sed omnia conferenda , citra 

qualecunque praejudiciimi. Nam, si unica prse- 

termittatur, ea forsan ipsa est, quae yerior 

est. Ita , qui Mosen sequitur , veritatem se- 

cutua erit, etiam secundum Cristianos; caete- 

rum in eo solo non debebat subsistere , sed 

et yeritatem Christianae religionis indagare. 

Omnes equidem Doctores secum esse una* 

quaeque Secta asserit, et quaelibet se id ex- 

pertam, et quotidie adhuc experiri, nee dari 

alios meliores. Adeo ut yel omnibus creden- 

dum, quod ridiculum, yel nulli, quod est se- 

curius, usque dum yera sit yia cognita, ne 

tamen ulla in collatione praetereatur. 

Non obstat quod ut cognoscatur, bis duo 
esse quatuor, omnes mathematicos congre- 
gare. Res enim non est eadem , quia nemo 
est yisus, qui dubitayerit an bis duo quatuor 
sint, cmn e contrario religiones nee in fine, 
nee in pxincipiis , nee in mediia concordent. 



2^ PB TBIBUS 

Fonamus sio, ignorare me reetam saUate 

viam, seqaor interim Brachmannos vel Alco- 

ri^nam; nonae Moses et reliqui dicent: Et 

quid mali tibi a nobis profeotom est^ quod 

ita rejiciamor^ meliores interim et veriores? 

Quid respondebimus? Credidi Mahameto yel 

Gymnosophistis y in quorum doctrina xiatus, 

educatus sum^ et unde inteliezi^ tuam et se- 

quentem Christianorum Religionem jam da- 

dum abolitam et corruptam esse vel corrnp- 

trices esse. Non ne reponent^ nescire se qoic- 

quam de illis^ et illos de vero salutis ducta; 

quodque sciant, esse^ quod corruptores sint, 

et impoatores, fictis miraculis et mendaciis 

populum delinientes. Nee ita simpliciter fi- 

dem adhibendam uni hominum vel sectae, re- 

jectb citra omne vel debitum examen reli- 

quis omnibus. Eodem enim jure dicere ^thio- 

pem, qui non sortitus est de suis terris^ non 

dari alterius quam nigri coloris sub sole 

homines. 

PrsBterea et id in examine Sectarum reli- 
quarum attendi debet^ ut par in omnium in- 
quisitione diligentia adhibeatur^ nee altera 
ingenti opera illustrata^ reliqu» vix levi bra- 
chio tangantur, statim ob unam vel alteram 
positionem primo intuitu iniauam visam^ aat 



IMPOSTOBIBUS 23 

fSftmsa maloB do prinoipe ejus seotte rtimores 
a tergo rejectis reliquis. Neo enim oonfestim 
pro dogmate yel indubitato testimonio haben< 
dtun^ quod vagabundorum primus quisque de 
adversa religione adserueri't Eodem nempe 
jure primitus communi fama et sola nominis 
recensionO; Christiana religio borrori aliis 
erat^ aliis ludibrio: apud hoS; quod Asini 
caput colerent, apud illos; quod Deus suos 
comederent ac biberent, etc.; ut Cbristianum 
esse^ id demum capitalem DEi et hominum 
inimicum esse reputaretur: cum tamen ejus- 
modi narrata vel male intellecta^ vel egregia 
mendacia essent. Quce inde confirmabantur, 
partimque orta erant, quod hostes illius re- 
ligionis vel plane non, vel non recte cum 
ipsis Christianis^ et ex his, scientioribus con- 
ferrent, verum prime idiotiB vel desertori, aut 
inimico ejus crediderint. Cumque ita propo- 
sita examinis ratio tantae difficultatis sit res, 
quid de infantibus dicemuS; quid de fceminis, 
quid de maxima plebis parte? Exclusi jam 
erant a securitate de sua religione omnes 
infantes^ et fosminarum maxima pars^ cui et 
ea quoque^ quae clarissime, quam fieri potest^ 
ex principiis alicujus religionis deducuntur^ 
tenebrae sunt. £t ex earum mode vivendi 



34 DS TBIBUS 

probe eonspicis non habere ipsas; nisi per- 
paucissiiQAB eximas^ tarn exactam &cult£Ltem 
penetrandi ejusmodi mysteria. Ut nihil de 
infinitate minuti populi aut rasticorum dioam, 
quibus alimentorum suonim qusesitio pro sum* 
ma rationis est; reliqua bona fide vel adsu- 
munt; vel rejiciunt. Ita scilicet minimae orbis 
parti superest; quae omnes religiones ponde- 
ret; Buam exacte conferat^ rationes veritatis 
vel fraudiS; in quibus nempe minutiis decipi 
posset, probe discernat; sed potior numerus 
aliorum fidem, ut plurimum rerum sacrarum 
Professorum, quorum scientia et judicandi in 
sacris facultas notoria habetur, sequitur. 

Idque in quayis religione, quod patissimum 
faciunt ii, qui legere et scribere nequeunt, 
aut quod legant non habent. Notandum au- 
tem erat quod hie non sufficiat, religionis 
alicujus Dootores judicio et experientia pro-, 
fessa satis accuratis poUere, ut vera a falsis 
discemere queant; sed et reliquis certo cer-r 
tius, et judicio non minus accurate id con- 
stare debet, insuper, habere illos verum a 
false discernendi non mode facultateni; [sed] 
et [manifestandi] yoluntatem. Certi qnippe 
adprime esse debemus, nee falli nee fallere 
eum yelle; qui ejusmodi scientiam et volon- 
latem profitetur* 



niPosTORiBUs 25 

£t qitalem hie inter tot diversissimos etiam 
unius Beetae palmatiae Doctores eleetionem 
faciemns? Qnando enim soeios et eollegas 
intuemur^ qui in plnribus sententiis discon- 
veninnt; caeteroquin amicissimi; alternter dis- 
sentiens id faeiet propter aliqnem defectum, 
vel quod rem non recte intelligat; atque ita 
facultate judieandi car eat; vel quod cedere 
nolit; et ita voluntatem vera fatendi non ha- 
beat. At, licet hoc in articulis secundariis 
contingeret, tamen hi suspecti redduntur 
etiam quoad reliqua; in utroque quippe ve^ 
ritas una est^ et qui una in parte ab ea^ vel 
ex defectu judieandi , vel ex voluntate de- 
pravata recedit, ejus rei etiam in reli^^is 
suspectuS; atque id merito, redditur. Qcrare, 
ut judicare possis de habilitate vel ingenui- 
tate alicujus Do^^toris in religione, primo 
aequo habilis sis ; ac ille necesse est , alias 
enim facillime imponere tibi poterit: et ille 
praeterea; si tibi non omnino sit notus, testi- 
monio aliorum indigebit, et hi rursus alio- 
rum, quod in infinitum tendit, nee solum 
veritatis; scilicet docuisse talia ipsxmi, sed et 
ingenuitatis; citra fraudem id fecisse. Et de 
testibus ingenuitatis et dictorum itidem ratio 
omnino habenda erit. Quern vero hie termi*^ 



niim {k>nes? Nee id satis est^ apnd alios talis 
jam dispntata esse; quam bene etiam id fac- 
tnm sit y videndum. Commnnes namque de- 
monstrationes; quae publicantor, nee certae 
nee evidentes sunt, et res dabias probant 
per alias saepe magis dabias; adeo, at exem- 
plo eoram, qui eirculum currant, ad termi- 
num semper redeas, a quo currere incepistL 
Ut constet, aliquem vero religionis Docto- 
rem aut Impostorem esse, opus est vel pro- 
pria nostra experientia, quae nobis eirca m 
magnos Beligionis Judaieae^ Christianae et 
Mabomedanae Prineipes non eontigit; ntpote 
et remotissimos et pridem diu ante nos mor- 
tuos; vel aliena^ quam si quis nobis comma- 
nicet; testimonium vocamus. Superest adhac 
media Tia^ videlicet eognoscendi aliquem per 
scripta sua, quam testimonium proprixrai ali' 
cujus de se ipso vocare liceat. Atque ejus- 
modi quid de Cbristo non superest. De Mose, 
an quid supersit; dubitatur. De Mabomede 
superest Coranus. Testimonia aliorum sunt 
vel amicorum vel inimLCorum, nee datur in- 
ter hoc tertium, secundum tritum illud: Qui 
non est mecum, contra me est. Quod pro- 
prium alicujus de se testimonium attinet, 
Mahomedea in scriptia suis aequo divina sibi 



IMPOSTORIBUS 2t 

Bomit et attribuity quam Moses et alins qui- 
-vis. Quoad reliqaa; amici Mahomedis et Se- 
ctatores ejus aequo id de se ipso scripsernnt; 
ac Seetatores reliquorum de suis. Inimici 
reliquorum aeque male de ipsis; ac horum 
amici de isto. De caetero testimonia alicujus 
de se ipsO; ad faciendam fidem indubitatam, 
nimis fragilia sunt et nullius momenti , nisi 
ad confundendum forte auditorem incogitan^ 
tern. Amicorum asserta ejusdem &rinae sunt; 
quippe qui uno ore idem cum suo loquuntur. 
Nee inimici contra aliquem audiendi sunt, 
propter interesse concurrens. Jam yero is 
non obstantibuS| quilibet alicujus ex tribus 
socius; omne imposturae adversarii sui fun- 
damentum, et omne veritatis sui principium 
ex ejusmodi levibus rationibus sumunt, qui 
non nisi propria gloria, vol amicorum asser- 
tis; vel inimicorum obtrectationibus confir* 
mantur. Nihilominus tamen indubie Mahome^ 
des apud Nostrates pro impostore habetur* 
Sed unde? Non ex proprio , non ex amico^ 
rum, sed inimicorum testimonio. Ergo con-* 
trario apud Mahometanos pro Sanctissimo 
Propheta. Sed unde? Ex [propria partim, 
partim ex ] propria potissimum amicorum at- 
testations Qui Mosen vel pro impostore, vel 



28 BB TRIBUfl 

pro sancto doctore kabent, eodem modo pro- 
cedaut. Atqne adeo aeqnalis ratio est , tast 
quoad accosationemy quam delineattonem im- 
posturae in Mahomede atqne in reliquis, etsi 
nihilominns hi pro Sanctis^ ille pro nebnlon^ 
contra justitiae debitum haberentnr. SchoJa- 
stico igitur more iirmisBime sic concladitor: 
In quoBcnnqne cadit aequalis ratio^ quoad 
declinationem vel accnsationem imposta- 
rae cnm Mahomede, eorum relatio in 
eandem classem cam ipsa jnstitia. 
Atqai ex. gr« in Mosen cadit aeqnalis ra- 
tio. Ergo 
Exigenda justitia pariter cum Mahomede 
est, nee pro impostore habendus. 
Minor probatus (1) quoad declinationem im- 
posturae: banc fieri per superius dicta tcstimo- 
nia, tum Mahomedis de se ipso, tum Mosis de 
se ipso bene scribentis, tum amicorum cujusli- 
bet de suo principe, atque hinc jure seqoi 
necesse est. 
I. Quam vim probandi amici Mosis habent 
in excusatione ejus, cam vim et Maho- 
medis amici habere debent ab impo- 
stura. 
— Atqui vim liberandi per testimonia sua 
favorabilia [amici Mosis habent], etc. Ergo, etc. 



IMPOSTORIBUS 29 

U. Et qnam ad banc finem habent libri 
IMosis, eandem quoque babebit Coranus. 

Atqui. Ergo. 
-Adde et hoc, quod Maselmanni ex ipsis N. T. 
libris (quamvis secundum ipsos quoad reliqua 
xnultum corruptis) varia etiam pro suo Mano- 
mede argumenta aesumant; et praecipue prae- 
dicationem illam Christi de futuro paracleto 
tunc venisse volunt, et corruptionem Cbri- 
stianorum [detexisse], novumque fcedus in- 
8tituisse. Et licet Coranus accusetur alias 
multarum ineptiarum et fabulosarum , immo 
impiarum relationum , haec tamen omnia 
sensu spirituali vel aliis modis explicari et 
[ leniri J posse , cum quoad residua nil nisi 
profundam sanctitatem et exactam morum 
regulam, potissimum autem sobrietatem et 
abstinentiam a vino inculcent. Et quod objici 
solet, vina esse dona Dei, responsionem ac- 
cipere posse , talia etiam esse venena , nee 
tamen baurienda. Quod [additur] insuper con- 
Buetum, quasi Coranus nimiam carnalitatem 
spiret,et vitam aeternam(carnalibus)corporeis 
voluptatibus impleat, concessa praeterea tarn 
indistincte polygamia; tanti non esse, ut de- 
struere eam possit, cum et [Moses] polyga- 
miam concesserit, et in N. T. vita aeterna 
convivia admittat, e. g.: Accumbetis cum 
Abrahamo, Isaaco, etc. Item non gustabo vi- 
num, nisi in regno patris mei. De Cantico 
Salomonis nihil esse , quod addatur, quippe 
ista omnia [ bono ] et spirituali sensu expli- 
cata, nil mali continere dicuntur, uti [et] hoc 

De tribus Impostoribus. 7 



30 DE TRIBU8 

pacto dictiiB Coranus. Et bi contra verba 
Corani nimis rigorosi snmus, contra Mosis 
et aliormn scripta eodem rigore nti debemns. 
Quae antem pro declinanda impostnra ex 
ipso Mose argiunenta exponuntm*, ea non vi- 
dentur justi et necessarii ponder is. 

I. Commercia Mosis divina nituntur pro- 
prio ipsius vol amicorum testimonio^ nee 
proinde amplius quid valere possnnt; 
quam similia argumenta Muselmannornm 
de coUoquio Mahomedis cum Gabriele: 
et quod majus est^ baec Mosis commer- 
cia ex ipso Mose (si omnia Mosis sunt, 
quae vulgo feruntur esse) suspicionem 
imposturae accipere, uti infra dicendmn. 
IL Sanctimoniam vero ipsius non esse fa- 
cile adsequendam, nemo facile vel ad 
minimum jure dicere poterit, cui summa 
et gravissima Mosis crimina cognita sint 
Talia autem sunt. 

a) Latrociuium , quod non nisi amici 
ejus excusaverint; sed hos non esse ju- 
stos rerum censores, nee officere locum 
favorabilem Litcae in Actis Apostolorum^ 
nam et de hujus testis ingenuitate et 
veracitate litem superesse. 

b) [ Suscitationem ] rebellioms; nam 
eam a Deo ortam esse non probari^ 
immo contrarium liquere posse^ quod is 
alibi citetur interdicere resistentiam con- 
tra Tyrannos. 

c) BeUa, ut ut vocentur, contra prae- 
ceptum ipsius Mosis V et Vn^ caedes; 



IMPOStORIBUS 31 

violentas rapinas^ etc., eodem pacto, 
atque Pontifex in Indiis, vel Manomed 
in suis finibus specioso Dei titulo abusi, 
suis ditionibus veteres possessores eje- 
cerunt. Moses occidebat plurimos; atque 
[internecionem] dabat, ut sibi et suis se- 
curitatem assereret. 

d) Doctrinam de ablatione rerum alie- 
narum sub simulatione mutui. 

e) Obligationem erga Deum, qua Moses 
volebat mori aetemum pro populo suo, 
utpote quae petitio a Deo desideret ta^ 
lia^ quae essentiam ejus destruunt. Vid. 
Exod., XXXn, 31, 32. 

f) Neglectum praecepti divini de [Cir- 
cumcisione], Exod., IV, 24, 25, 26. Et 
tandem 

g) Primarium Mosis yitium, summam 
et crassam incredulitatem ejus, qui tanta 
miracula vi Dei perpetrasse legitur, et 
tamen propter lubricam suam fidem, ab 
ipso Deo graviter et cum comminatione 
poenae redargui. Vid. Numer. XX, 12. 

Quantum ad probationem alterius argumenti 
scilicet accusationem imposturae attinet, dici 
potest: Mahomedem esse impostorem, nobis 
non constat experientia propria, ut supra 
monitum, sed testimonio non amicorum suo- 
rum sed inimicorum. Tales autem sunt omnes 
non-Mahomedani ob dictum: Qui non est 
mecum, etc, Atqui hinc inde concluditur: 
Quamcunque yim testimonium inimicorum 
in causa onius habet, illam etiam ha- 



32 DE TRIBUS 

bere debet in causa alterios. Alias eri* 
mus iniqui^ uniun ex testimonio inimi^ 
corum condemnaiido y altenim non: quo 
facto omnis justitia corruet. 

Atqui testimonium inimicorum in causa 
Mahomedis banc vim habet^ ut Mabomed 
pro impostore babeatur. Ergo, etc. 

Dico ulterius non solum suspiciones de 
impostura Mosis ex alienis, sed et ex 
domesticis argumentis peti posse: quo 
ipso tarn per proprium quam per alie- 
num successorum tamen suorum, testi- 
monium argui posset. Quamvis etiam 
adbuc lis supersit: 

I. an libri, qui dicuntur Mosis esse j sint 
ejusdem, 

II. vel compilatorum, 

in. yel Esdrae in specie; et 

IV. An Samaritana, an 

V. genuina bebraica lingua scripti? Et si 
boc non sit, an 

VI. Lingua ista a nobis intelligi possit. 
Quae omnia multis impugnari possent, 
etpraecipue demonstrari potest per priora 
capita Geneseos, linguam istam a nobis 
recte explicari non posse. Nolle me ta- 
men istis occupari profiteer, sed xxt' av- 
OpwTTov argumentari volo. 

1. A testimonio Mosis proprio, et quidem 
a) De vita sua et moribus, quam su- 
pra expendimus, quaeque si Mabomedi 
(propter vim bellicam prae primis con- 
tra innocentes adbibitam) aliquantum 



n 



IMPOSTORIBUS 33 

aequipoUet, nee in reliquis omnino ablu- 
dere videtur. 

p) De auetoritate doctrinae suae. At- 
que hue pertinent superius de commerciis 
Mosis divinis monita, de quibus ille qui- 
dem gloriatur, sed, ut videtur, nimis li- 
beraliter. 
Quicunque enim tale commercium cum Deo 
venditat, quale esse nequit, illius com- 
mercium suspectum jure est, 
Atqui Moses. Ergo. 
Probatur, quia gloriatur, se vidisse id, de 
quo in V. et N. T. postea saepius dicitur, 
quod oculus nullus viderit, scilicet, ut loqui 
amant, Deum a facie ad faciem.^o(2.,XXXn, 
11; Numer., XII, 8. 

Sic vidit Deum 1) in sua propria forma, 
non sub imagine vel in somnio. 2 ) A facie 
ad faciem, ut amicus amicum, cum os contra 
OS loquitur. Quaecunque autem visio. 1) Est 
talis, qualis amicorimi a facie ad faciem, ore 
ad OS coUoquentium. 2 ) Qualis dicitur bea- 
torum in altera vita, ilia proprie dicta et 
praecisa Dei visio est: Atqni Moses, Ergo, etc. 
Minor probatur ex locis supra adductis et 
dicto Apostoli: tunc vero de facie ad fa- 
ciem , etc. , eademque est oppositio in locis 
Mosis, atque in Apostoli loco. Et tamen cer- 
tissimum est apud Christianos , Deum nemi- 
nem nnqnam videre in hac vita posse. Atque 
insnper Exod,, XXXIII, 20, expresse additur: 
Faciem meam videre non poteritis. Haec verba 
Dens Mosi objicit, atqne expresse contra- 



34 DB TRIBUS 

dicnnt locis prioribus allegatis nt adeo aliter 

haec excusari non possint , qaam si dicas 

haec ab inconsiderato compilatore addita 

6886^ quo ipso totum illad dabium reddetnr. 

•y) De doctrina ipsa Mosis, quod sit vel le- 

galis , vel evangelica , inter leges quas 

brevitatis causa non jam omnes per- 

stringere licet. Eminet Decalogus, qui 

speciali Dei opus et pactum in monte 

Horeb vocatur. 

Ceterum prius a Mose excogitatus videtnr, 

quam a Deo scriptus^ quia haec praecepta 

in re ipsa non spirant perfectionem Dei. 

Cum 1) aut superflua sint^ scilicet tria ilia po- 

steriora^ argumento dictorum Cliri8tiMatth.V. 

jam ad priora pertinentia, et 9 a 10 non est 

dividendum^ yet et dividendum, item erit X: 

2) aut sunt defectuosa: nam ubi non concu- 

pisces habere Decs alienos, non concupisces 

maledicere Deo^ non concupisces Sabbatha 

yiolare, non concupisces laedere parentes et 

similia? Et an ne praesumendum Deum mi- 

nores concupiscehtias de yiolatione domus, 

agri^ yel bonorum proximi prohibiturum in 

specie^ et tam singmari et extraordinario or- 

dine, non yero majores? Doctrinam Mosis 

eyangelicam^ quod attinet, [ipsam] satis lu- 

bricam et fragilem notam yenturi magni Pro- 

phetae yel Messiae statuit Deut.XVin, 21. 22. 

quia haec nota suspendit fidem prophetiae ad 

magnum tempus. Sequitur yi hujus dicti 

Christum yaticinatum excidium Hierosolymi- 

tanum. hactenus non haberi debere pro pro- 



IMPOSTOBIBUS 35 

pheta gennino^ qaatenas hoc nondnm imple« 

turn esset ( neque Danielem , antequam ejus 

impleta sunt vaticinia ). Atque adeo , qui a 

tempore Christi ad excidium usque interea 

temporis Judaei vixerunt, eos non posse in- 

culpari , quod in eum non crediderint , cum 

tamen et Paulus iis anathema dicat^ qui 

Christo non adhaeserint ante excidium. 

Quaecunque ergo nota ad longum tempus 

relinquit libertatem securam credendi in 

Messiam y yel non credendi , ilia a Deo 

profioisci non potuit^ sed merito suspecta 

habetur. Atqui data nota^ etc. Ergo^ etc, 

Non obstat; quae dicuntur de impletis aliis 

yaticiniis. Nam haeo est ilia specialissima et 

genuina magni illius Prophetae nota^ ut im« 

pleantur ea, quae praedixerit. Unde per re» 

rum naturam ante pro tali propheta haberi 

non potuit. 

Alterum absurdum , quod ex hoc loco se^ 
qui videtuTy est sequens: quod haec nota, 
quae tamen omnium Prophetarum divinum cri- 
terium esse debebat, in quibusdam Prophetis. 
scilicet indefinite [aliquid praedicentibus, vel 
definite] quidem, sed per verba moralem la- 
titudinem admittentia (qualia sunt: mox, cito, 
propinquC; etc.) plane non possit ulla ratione 
locum invenire, e. g. praedixerunt multi diem 
universi extremum y et Petrus instare diem 
ilium ait , ergo hactenus y donee advenerit , 
pro vero propheta haberi non poterit. Ita 
enim expresse requirit Moses loco citato* 



36 DE TRIBUS 

8) De historiis Mosis. Quod si Coranizs ar- 
gnatnr mnltarnm fabalarnni^ sane in Genesi 
raulta aderint curioso lectori snspicionem mo- 
tura. Uti creatio hominis ex gleba terrae, 
inspiratio halitus, Eva ex costa viri facta ^ 
Berpentes locuti et seducentes homines sa- 

Eientissimos y et qnos non latebat serpentem 
abitari a patre mendacii^ pomi esns capitalis 
toti orbi [qnod] uninn ex attribntis Dei (qnae 
tamen identificantnr cnm ejus essentia ) sci- 
licet clementiam faciat finitam, nti restitutio 
lapsornm faciet iram Dei^ et sic ipsnm Deom 
finitnm; ira enim Dei est ipse Deus; homi- 
nes 800 et 900 annornm, iter bestiarnm in 
area Noae , tnrris Babelis , oonfnsio lingna- 
mm^ etc. Haec et mille alia [inspicienti] li- 
bertine, non possnnt non [videri] similia fa- 
bnlis, Rabbinoram potissimnm, quia et gens 
Judaica ad fabalas pronissima est: nee om- 
nino disconvenientia loqui Ovidios , [ Vedas] 
Sinensium, et Indorum Bramines, qui pnlchram 
filiam, ex ovo natam mnndnm peperisse et 
similia fabnlantnr. In specie autem Moses 
impingere videtnr, qnod Denm sibi contradi- 
centem stiterit: scilicet omnia bona erant, 
et tamen non erat bonnm, Adamnm esse so- 
lum. Unde sequitur, qnod aliqoid extra Ada- 
mum fuerit, quod non erat bonum, atque 
adeo bonitati Adami nocere poterat, quum 
tamen et ipsa solitude Adae esset opus Dei, 
quia ille non solum essentiarum, sed et qua- 
litatum bonitatem creaverat; bona enimerant 
omnia in ea qualitate, in qua Deus ea crea- 
verat, 



IMPOSTORIBUS 



37 



Argmnentor 

Quicquid a Deo est concreatum opns^ id 
non potest non esse bonum, 
Atqui solitudo Adami, etc. Ergo, etc. 

I) Qui stadium genealogiarum V. T. af- 
fectant, multas difficultates in Mose inveninnt. 
Jam non omnes proponemus : hoo^ unico sal- 
tern exempto, quod Paulus, I Tim. 1, 4, do- 
cuerit, genealogias esse inutiles, et earum 
studium infructuosum, immo cavendum. Cui 
ergo Usui tot actu distinctae, immo toties re- 
petitae Mosis genealogiae? et suspicionis sin- 
gulare exemplum ad mininum corruptelae vel 
compilatorum inadvertentiae, in uxoribus Esa- 
yi et earum diversa enarratione adesse. 



UXORES ESAVI. 



Genes. XXVI, 
34. 

Judith, filla Be- 
rith HethitsB. 

Basmath, fllia E- 
lon HethitsB. 



Genes. XXVIII, 
9. 

Mahalaad , filia 
Ismaelis, sorer 
"Nabajoth, quae 
ultra duasprio- 
res illis addi- 
tur. 



Genes. XXXVI, 
2. 

ADA.flliaElonHe- 

thltSB. 

Ahalibama c. I. 
Basmath, filia I- 

smaelis, soror 

Nabajoth. 



Quod Ada est Genes. XXXVI., id Basmath 
dicitur Genes. XXVI., scilicet filia Elonis He- 
thitae; et quod Basmath est Genes. XXXVI., 
id Mahalaad dicitur Genes. XXVIII. , sci- 
licet soror Nabajoth: cum tamen Mahalaad 
loco dicto Genes. XXVIII., dicatur esse ducta 
post Juditham et Basmatham Genes. XXVI., 



88 DB TBIBU8 

praecedenti nominatas. Harum conciliationem 
nondnm video; atqne haec et similia aagent 
snspicionem^ scripta Mosis^ quae habemas, a 
compilatoribus esse constrncta^ et quondam 
in scribendo errores irrepsisse. 

Uitimum tandem, quod in Mose argni po- 
test, est nimia ilia taatologia et inntilis re- 
petitio y eaqne semper variata , quasi ex di- 
yersis autoribus diversa loca congesta sint 
II) Ut et aliorum testimonio Moses suspi- 
cione arguatur, nee inimicorum tantom, 
sed et eorum qui se ejus successores et as- 
seclas aperte professi sunt. Atque ea esse 

1) Petri, Act. xv, 10, leges Mosis ju- 
gum insupportabile vocantis, atque proin 
aut Dens erit tyrannus, quod absit, aut 
Petrus loquitur falsa, aut leges Mosis 
non sunt divinae. 

2) Pauli semper de legibus Mosis ab- 
jecte loquentis, quod non faceret, si 
eas pro divinis haberet. Sic, Gal. iv. 
eas Yocat: 

a) Captivitatem, v. 3, 4. Quis autem 
leges Dei ita vocaverit? 

6) Miserabilia praecepta, y. 9. 

c) V. 30. Scribit: Abige ancillam cum 
filio suo Hagar. Anoilla est testamentum 
de Monte Sinai, quod est lex Mosis, se- 
cundum V. 24. Quis autem toleraret 
istam locutionem: Expelle legem Dei 
una cum filiis suis et sectatoribus; quam- 
vis ipse Paulus, quae hie et capite se- 
quenti Gal. y. 2, 3^ asserit^ non served 



IMPOSTORIBUS 89 

Timothenm circum ducendo, Act. xvi. 2. 

£) Legem litteram mortnam vocat, et 

quae non alia sapersant praedicata II 

Cor. III. 6, 10 seq. Item quod non ha- 

beat claritatem dignam aestimatn^ v. 10. 

Qnis haec de sanctissima Dei lege diceret^ 

si aeqne divina ac est Evangelinmy aeqna-. 

lem claritatem habei*e debet^ etc.? 

Testimonia eorum^ qui extra Ecclesiam 
Judaicam yel Christianam sunt. 



TANTUM ! 




41 



SCRITTI GIUSTIFICATIVI<^\ 



mm MORNO AL MnATO 
DE TRIBUS IMPOSTORIBUS 



Da lunga pezza si disputa se vi sia stato veramente 
un libro stampato col titolo: De tribus Impostoribus. 

II signor de La Monnoye, venuto a notizia che un 
dotto della Germania (^) voleva pubblicare una dis- 
sertazione per provare che fu realmente stampato 
un libro intitolato : 2>^ tribus Impostoribus, scrisse ad 



(1) Eccetto r ultimo, i seguenti scritti giustifica- 
tivi si trovano aggiunti a diverse edizioni del Traits 
des trqis Imposteurs (francese) ; libro il quale (come 
M osserva nella Notizia) non e per nulla aflftttto la 
Jraduzione der.Xe^^r d<; tribus Impostoribus. 

(2) Daniele Giorgio Morhof, morto il 80 giugno 1091 
»:;uz'aver mantenuto parola. 



42 BORITTt 

un suo amico UBa lettera, colla quale intendeva pro- 
vare il contrario : questa lettera fu comunicata dal si- 
gnor Bayle al signer Basnage de Bauval che nel feb- 
braio del 1694 ne diede un estratto nella sua Istors 
delle opere dei dotti. In appresso , il signor de U 
Monnoye scrisse intorno a questa materia una dis- 
sertazione pid diffusa in un*altra lettera del 16 giugu 
1712 da Parigi, diretta al signor presidente Bouhiez; 
nella quale egli assicura che si trovera una bre^ 
storia quasi completa di quel famoso libercolo. 

In primo luogo egli rigetta 1* opinione di colon 
che attribuiscono codesto scritto alPimperatore Fe- 
derico I. Questa falsa accusa derivd da un passo di 
Grozio neirappendice al trattato De Antichristo, ch« 
suona come qui appresso : 

Librum de tribus Impostoribus absit ut Papa tribuam 
aut Papa oppugnatoribus ; jam olim ifdnUH Fredetid 
Barbarossa Imperatoris fanum sparserant libri U' 
lis, quasi jussu ipsius scripti, sed ab eo ten^ore, nem 
est qui viderit; quare fabulam esse arbitror. Citaziooe 
riportata da Colomiez nelle Melanges historiques ^^ 
Ma contiene due errori, egli aggiunge: I, non fi 
giii Federico I Barbarossa che altri spacci6 come an- 
tore di questo libro , ma Federico II , suo nipote, 
come appare dalle lettere di Pier delle Vigne suo 
segretario e cancelliere, e da Matteo Paris, i quali 
riferiscono che fu accusato d'aver sostenuto che il 
mondo fu ingannato da tre impostori; ma non gik di 
aver composto un libro con questo titolo. Oltraceid 
quest' imperatore neg6 gagliardamente d* aver mai 
detto tal cosa. Egli abbomin6 la bestemmia, che 
gli avevano apposta, dichiarandola atroce calun- 
nia ; di sorte che Lipsio ed altri scrittori lo condan- 



GIUSTHlOATm 43 

narono a torto senza avere abbastanza esaminate le 
sue difese. 

Averroe, quasi un secolo prima, s*era beffato delle 
tre religioni, ed avea detto che (1) la religione giu- 
daica era una legge da bimbi, la crUtiana una legge 
impossibiUy e la maomettana una legge da porci. 

In appresso parecchi scrissero con grande liberta 
intorno alio stesso soggetto. 

In Tommaso de Catimpre si legge che un cotal 
maestro Simone de Tournay, diceva che tre sedut- 
tori, Mose, Gesd Cristo e Maometto, colle loro dot- 
trine avevano infatuate il genere umano. Cestui e 
probabilmente quel maestro Simone de Tournay, 
del quale Matteo Paris racconta un' altra empietii; 
quelle stesso che Polidoro Virgilio chiama de Tur- 
wai, nomi entrambi corrotti. 

Fra i manoscritti della biblioteca del signer abate 
Colbert, comperata dal re nel 1732, se ne trova uno 
che porta il numero 2071, scritto da Alvaro Pelage, 
francescano spagnuolo, vescovo di Salves ed Algarve, 
conosciuto pei suoi libri De Planctu Scclesim ; rife- 
risce come un tale , chiamato Scotus , cordigliere e 
domenicano, tenuto prigione a Lisbona per diverse 
empieta, avesse parimente tacciati d' impostura Mose, 
Cristo e Maometto, dicendo che il prime ingannd gli 
Ebrei, il secondo 1 Cristiani, ed il terzo i Saraceni. 
Dissemnavit iste impius hareticus in Eispania ( sono 
parole d'Alvaro Pelage) Quod tres deceptores fuerunt 
in mundo , scilicet Moi'ses qui deceperat Judaos , et 
Chriitus qui deceperat christianos et Mahometus qui de^ 
cepit Sarracenos. 

(1) Apud Nevizanum I, Sylv® nupt. 2, n. 121. 



-^ . -i 



44 SCBITTI 

II buon Gabriele Barlette, in un sermone di sant*An* 
drea fa dire a Porfirio cid che segue: Bt sic falsa 
est Porphyrii sententia^ qui dixit tres fuisse ffarru la- 
tores qui totum mundum ad se converterunt ; primus 
fuit MoXses in populo judai'co^ secundus Mahometus. 
tertius Christus. Bella cronologia, che mette Criato 
e Porfirio dopo Maometto! 

I manoscritti del Vaticano, citati da Odorico Ral- 
noldo, tomo 19 degli Annali ecclesiastici, fanno men* 
zione d'un Giovannino de Solcia, canonico di Berga- 
mo, dottore in diritto civile e canonico, nel decreto 
di Pio II chiamato latinamente Javinus de Solda^ 
condannato il 14 novembre 1459 per aver sostenuto 
Tempietli, che Mose, Cristo e Maometto aveTano 
governato il mondo a loro capriccio : mundum pro 
suarum libito volv/ntatum rexisse. Giau Luigi Vivaldo 
de Mondovi, che scrisse nel 1506, del quale, fra le 
altre opere, venne fino a noi un trattato De duode- 
dmpersecntiotdbusEcclesiCB Dei^ nel capitolo della sesU 
persecuzione, dice come vi fossero alcuni, i quali osa- 
yano disputare quale sia stato piCl seguito fra i legis- 
latori, Cristo, Mose o Maometto : Qui in qumstionen 
vertere prasumunt^ dicentes: Quis in hocmundo majo- 
rem gentium aut populorum sequelam habuit, an Ckri- 
stus, an MoXses^ an Mahometus? 

Arminio Ristwyk olandese, abbruciato all* Ala nel 
1512, si burlava della religione ebrea e della cristiana: 
non si dice che dicesse della maomettana; ma un 
uomo che trattava da impostori Mose e GesCi Cristo, 
poteva avere miglior opinione di Maometto? 

Similmente si deve pensare deirautore sconosciuto 
delle empietii contro Gesd Cristo, trovate a Ginevra 
nel 1547 fra le carte di un mentovato Gruet. Un ita- 



GlUSTIPICATIVI 45 

liano, chiamato Fausto da Longiano, imprese a scri- 
vere un* opera intitolatail Tempio delta veritd^ nella 
quale pretendeva niente meno che di distruggere 
tutte le religioni. — Ho posto mano (cosi egli) a 
un' altr' opera iutitolata // Tempio della Veritdy con- 
cetto bizzarro che forse dividerd in trenta libri ; in 
essa si distruggono tutte le sette, la ebrea, la cri- 
stiana e la musulmana, come anco le altre religioni; 
pigliando tutte queste cose dalla prima loro scaturi- 
gine. — Ma fra le lettere dirette dall'Aretino a que- 
sto Fausto, non se ne trova pur una, dove s'accenni 
a quest* opera ; pud darsi che non sia mai stata 
condotta a fine , e quando lo fosse , e fosse uscita 
alia luee, era fur.se bon altra da quella di cui si 
tratta e di cui si pretende vi sia una traduzione 
tedesca , stampata in foglio , della quale rimangono 
ancora alcuni esemplari nelle biblioteche della Ger- 
mania. Claudio Beauregard, in latino Berigardus, 
professore di filosofla, prima a Parigi, indi a Pisa, 
e finalmente a Padova, cita o indica un passo del 
libro Dei tre Impostor i, iiol quale i miracoli da Mose 
fatti in Egitto, sono attribuiti alia superiorita del 
suo demonio , sopra quello dei magi di Faraone. 
Giordano Bruno , abbruciato a Roma il 17 febbraio 
1600, fu accusato d'avcr asserto qualche cosa di si- 
mile. Ma dairaver Beauregard e Bruno messo fuori 
simili sogni, e stimato opportune citarli come tratti 
dal libro dei tre Impostori , si potra inferire con 
certezza che essi poi abbiano letto questo libro? 
Essi senza dubbio ce Tavrebbero fatto conoscere 
meglio, e avrebbero detto se era manoscritto o stam- 
pato, in qual luogo, e di chegrandezza. 

de tfibttS ImpostoHhus. 8 



46 SOBITTI 

Tentzelius, sulla fede d*uno dei suoi amici, pretesoj 
testimonio di veduta, fa la descrizione del libro, s] 
ciflcando perflno 11 numero (otto) dei fogrli o qua- 
derni; e.nel terzo capitolo, volendo provare cIk' 
rambizione dei legislatori e Tunica fonte di tuttc 
le religion!, adduce ad esempio Mose, Cristo e Mao- 
metto. Struvius suirautoritH di Tentzelius riferis<?f 
lo stesso particolare, e nulla trovandovi cui la fin- 
zione non possa inventare, non parve punto pic 
disposto a credere alia esistenza del libro. 

II giornalista di Lipsia ne' suoi Acta eruditarum dd 
mese di gennaio 1709, p. 3o e 37, pubblica un estratto 
di lettera, della quale ecco il senso: Trovandomi m 
Sassonia, nel gabinetto di JIf*** mi venne veduto il li- 
bro dei tre Impostori, S un volume latino inS, senzA 
indizio ni del nome dello stampatore , nS del tempo im 
cui fu stampato il libro , che dai caratteri par fatio 
in Germania; ebbi un ^elVadoperare tutti gli imagina- 
bill pretesti per ottenere il permesso di leggerlo per 
intero; il padrone del libro ^ uamo di specchiata pieta, 
non ci voile mat a^cconsentire , e seppt perfino che «« 
celebre pro/essore di Wirtemberg per averlo gli of- 
ferse una grossa somma. Sssendomi recato non molto 
dopo a Norimberga , intrattenendomi un giomo in- 
torno a questo libro col signor Andrea Mylhdorp, uotm 
venerando per etd e per dottrina, mi con/essb di buona 
fede d' averlo letto, e d'aurlo avuto inprestito dal mi- 
nistro Wlfer; dal modOy ond'egli mi descrisse la cosa, 
giudicai che era un escmplare affatto simile al precc- 
dente; dal che conclusi che fosse fuor di dubbio il libido 
in discorso; nessun'altro che non sia in-^^ e di si tec- 
ckia data, pub essere il vero. L'autore di questo libro 
avrebbe potuto e dovuto somministrarci maggiori 



6HU8T1PICAT1VI 47 

Bchiarimenti ; poiche non basta il dire ho veduto, 
bisogna far vedere e dimostrare che si e veduto; 
diversamente cid non avri maggior autenticiti d'un : 
udii a dire ; al che, da ultimo, si riducono tutti jg\i 
autori fin qui nominati. 

II primo che abbia parlato del libro come esistente 
nel 1543, fu Guglielmo Postel nel suo trattato della 
conformity del Corano coUe dottrine dei luterani o 
degli evangelici, ch* egli chiama An^vangHistes^ e si 
sforza di rendere invise, tentando di dimostrare co» 
me il luteranesimo conduca diritto all'ateismo: in 
prova cita tre o quattro libri composti, a suo dire, da 
atei, ch*egli dice essere stati tra i primi settarj del 
preteso nuovo evangelo. Id arguit ne/arius tractatvB 
Villanovani De tribus Prophetis^ Cymbalwn mundi, Pan^ 
tagruelus et Novue insulae, qmnm autores erant aneran- 
gelistartm antesignani* Questo Villanovanus^ cui Postel 
dice autore del libro Dei (re Impostori, d Michele 
Serveto, flgliuolo d*un notaio, il quale, nato nel 1509 
a Villanova nell'Aragona, assunse il nome di Villa" 
novanus nella prefazione che prepose alia Bibbia da 
lui fatta stampare a Li one nel It42 presso Ugo de la 
Porte; in Francia prese ilnome di Villeneuve, sotto 
il quale fu processato, dopo che fece stampare nel 
1553 a Vienna nel Delflnato, lo stesso anno della sua 
morte, il libro intitolato Christianism restitutio^ li- 
bro divenuto rarissimo per la cura, con cui a Ginevra 
ne furono raccolte le copie per darle al fuoco; ma 
in nessun catologo dei libri di Serveto non ci vien 
fatto trovare il libro De tribus Impostoribus, Nessuno 
dei difensori del partito degli Ugonotti, che scris- 
sero contro Serveto , non Calvino , non Beza, non 
Alessandro Moro t per q^uanto lore inxportasse dit 



giustiflcare il suo suppiizio e di eonvincerlo d'aver 
Comtiosto questo libro, ebbe ad accusarlo di cid. 
f dstel ei gesuita fa il primo a far tanto Benza ap- 
pog-griarsi a teruna autoriti. 

Florlmondo de Remond, consigliere al Parlamento 
dl Bordeaul, scrlsse positivamente d'arer reduto 
detto libro stampato. Ecco le sue parole : m Qiaeopc 
Curio nella sua cronologia deiranno 1556, dice che ii 
Paiatinato si riempiva di eerti irrisori della religionf 
detti Lucianisti, i quali avevano in conto di favola 
1 libri santi, massime quelli del grande legislatore di 
Dio, Mose: non si e perflao veduto un libro scritto 
in Germania, benche stampato altrove, nel tempo 
appunto che r eresia faceva le sue maggnori proTe, 
seminare questa dottrina formulata col titolo DHirt 
Imposiori ecc; burlandosi di tre religioni, cbe sole 
riconoscono il vero Dio, la ebrea, la cristiana e li 
maomettana? il solo titolo mostra qual fosse il secolo 
cbe lo vide nascere e che ardi produrre libro si em- 
pio. lo non ne avrei tampoco parlato, se Oslo e 
G6nebrard non Tavessero fatto prima di me. Mi ri- 
cordo che nella mia iufanzia ne Tidi una copia nel 
coUegio di Presle, fra le mani di Ramus, uomo ab- 
bastanza notevole pel suo eminente sapere; egli 
imbroglid la sua mente fra le investigazioni dei se- 
creti della religione, ch*egli indagava fllosoflcamente. 
Questo cattivo libro si faceva passare di mano in 
mano fra i piii dotti desiderosi di vederlo. « 

O cieca curiosititl Tutti conoscono Florimondo 
de R^mond per un autore di poca vaglia, del quale 
comunemente si dicevano tre cose notevoli: Aedijlca- 
bat sine pecunia, judicadat si$te conscientia, scnbeM 
sine scientia* & noto eziandio eh' egli sorente prestd 



^ 61TJSTIFICATIVI 49 

ii suo liome ai padre Richeaume gesuita, il quale 
(il suo essendo odiatlssimo dai protestanti) si co- 
priva del nome del consigliere di Bordeaux. Ma 
86 Oslo e Genebrard ne parlassero con franchezza 
pari a quella di Florimondo di Remond , vi e ra- 
gione di dubitare: ecco ci6 che ne dice Genebrard 
a pagina 39 della sua risposta a Lamberto Danau, 
stampata in-8 a Parigi nel 1581 : Non Blandratum, 
non Alciatum, non Ochinum^ ad mahometismum impule- 
runt: non Valleum ad atheismi pro/essionem induxe- 
runt : non alium quemdam ad spargendum libellum De 
tribus ImpostoribuB^ quorum secundus esset Christus 
Dorninus^ duo alii Moises et Mahometes, pellexerunt. 
Ma cosi e egli abbastaoza specificate quest* empio 
libro, e G6nebrard, dice egli forse d'averlo veduto? 
e sarebbe egli possibile che, se fosse realmente esi- 
stito, oggi non se ne possa avere piii certa notizia? 
Ben si sa quante menzogne si sieno sparse in tutti 
i tempi intorno a diversi libri, cui non si e mai po- 
tuto trovare, benchd molti abbiano attestato d^averli 
yeduti, e persino palesato il luogo dove furono loro 
comunicati. 

Si sostenne che il libro Dei tre Impostori si tro- 
vasse nella biblioteca del signer Salvius plenipoten- 
ziario di Svevia a Munster; che la regina Cristina 
non abbia volute richiedemelo mentre viveva; ma 
come prima riseppe la sua morte, abbia mandato 
il sigDor Bourdelot suo prime medico a pregare 
la vedova di soddisfare alia sua curiosita; se non 
che questa rispose che V infermo , preso da rimorsi 
la vigilia della sua morte, aveva fatto gettare quel 
libro sul fuoco nella propria stanza. In quel torno 
Cristina fece cercare con cura 11 Colloquium hepta- 



So SORITfl 

plomeres di Bodino , manoscritto allora rarissinio: 
dopo lunghe ricerche arrivd finalmente a troTarlo: P 
ma per quanto desiderio abbia avuto di vederc il 
libro De tribus Impostoridus, per quante ricerche nf 
abbia fatte in tutte le biblioteche d*Suropa, e^t 
mori senza aver potuto disseppellirlo. Non si po- 
trebbe concludere ch' esso non esisteva? Senza di 
Che le cure della regina Cristina avrebbero infalli- 
bilmente scoperto un libro, che Postel dichiara es- 
sere comparso nel 1543, e Florimondo de Remond nd 
1556. Altri in seguito hanno assegnate altre epoche. 
Nel 1654GiambattistaMorino, celebre medico ema- 
tematico, sotto il nome di Vincenzo Panurgio, scrisse 
una lettera che diresse a s6 medesimo : VincentH Pit- 
nurgii epistola de tribus ImpostcHbus, ad clarissimtm 
virum Joannem-Baptistam Morinum medicum, I tre im- 
postori, a cui allude, sono Gassendi, Naude e Bemier, 
cui con questo titolo vuol rendere odiosi. Cristiano 
Kortholt nel 1680 diede il titolo De tribus Imposto- 
ribu9 al suo libro contro Herbert, Hobbes e Spinosa, 
e nclla sua prefazione dice che s'era veduto il vero 
trattato del tre Impostori fru le mani d'un libraio di 
Basilea: a tal segno s'abusd di questo titolo contro 
i propri avversarj, e a tal segno domind la credu- 
lity de* semidotti, i quali vengono pigliati dalPappa- 
renza, senza altra disamina. Poiche, posto che questo 
libro sia veramente esistito, e possibile che nessuno 
rabbia confutato, come del resto si fece col libro dei 
Preadamitl di de La Peyr6re» cogli scritti di Spinosa, 
coUa stessa opera di Bodiuo? 11 Colloquium heptaplo- 
meres^ benche manoscritto, fu perd confutato. II li- 
bro De tribus Impostoribus meritava maggior grazia? 
Donde deriva che non fu censurato e messo all*in- 



GIUSTIPICATIVI 51 

dico? Perchd non fu abbruciato dalla mano del car- 
neflce? I libri contro i buoni costumi qualche volta 
sono toUerati, ma quelli che attaccano si gagliarda- 
mente il fondamento della religione, non restano 
mai impuniti. Florimondo de Remond che asserisce 
d'aver veduto quel libro, affettd di dire che allora 
era fanciullo, et& idonea a scrivere i racconti delle 
fate; egli cita Ramus morto trent'anni prima, e 
che, conseguen^emente, non poteva piCl convincerlo 
di menzogna; cita Osius e Genebrard,ma con pa- 
role vaghe, senza indicare il passo delle loro opere. 
Dice che si faceva passar di mano in mano questo li- 
bro, che invece si sarebbe dovuto tcner sotto chiave. 
Si pud opporre eziandio questo passo di Tommaso 
Browne, del quale seguono qui appresso le parole, 
parte I, sezione 19 del suo libro intitolato : Religio 
mecUci, tradotto dairinglese in latino da Giovanni 
Merrivheater: Monstrum illud hominis^ diis inferis a 
secretis scelus, nefarii illius tractatus de trilms Tmpo- 
storilms author quantumtis ab omvi religione alienuSy 
adeo ut nee judaus, nee turca, nee christianus fuerit, 
plane tamen atheus non erat. Dal che s* inferira che 
bisognava aver veduto il libro per giudicar cosi del- 
I'autore. Ma Browne non parla in tal modo, se non 
perche Bernardino Ochino, il quale, secondo lui, co- 
me nota con un asterisco, fu autore di questo libro, 
era piuttosto deista che ateo, ed ogni deista piii 
provveduto di spirito che di lettere e capace di con- 
cepire ed eseguire pari disegno. Moltkius, nella sua 
nota a questo passo di Browne, non afferma gia, e 
con ragione, che questo libro sia di Ochino, poiche 
si vuole che sia stato composto in latino, e Ochino 
non iscrisse che in italiano: inoltre, dove si fosse 



53 SOBim 

nutrito il sospetto.ch'egli avesse aynto mano im si- 
mile scritto, i suoi nemici, che hauno fatto tanto fr»- : 
casso per alcuni suoi dialoghi che toccarono la Tri- 
nitit 6 la poligamia, non gli avrebbero mai perdo- 
nato il libro Dei tre impostori. Ma come accordan 
Browne e Genebrard che trattano Ochino da mao- 
mettano, e dicono che non fu settario ne di Mose 
ne di Gesii Cristo, ue di Maometto ? Quante contrt- 
dizioni! 

Naude, per un ridicolo disprezzo, credette che 
questo trattato Dei tre Impostori fosse d'Arnaldo ds 
Villanova scrittore grossolano e barbaro; Ernstiu5 
dichiara d*aver udito, trovandosi a Roma, dalla bocca 
, del Campanella, che fu opera del Mureto, scrittore 
molto castigato e molto buon latinista, posteriore di 
piii che due secoli ad Amaldo di Villanova ; ma con- 
vien dire che Ernstius sMnganni, e che il Campa- 
nella abbia mutato parere, poiche nella prefazione 
del suo AtJieismus triumphatus, e ancora piu espressa- 
mente nella questione De genttlismo non retinendOt 
egli dice che Topera era provenuta dalla Germania, 
bisogner& supporre che solo I'edizione fosse di Ger- 
mania, ma che la composizione era del Mureto; il che 
e pienamente contrario a quanto dice di sopra Flori- 
mondo di Remond, che, cioe , il libro fu scritto in 
Germania, benche stampato altrove: ma il Mureto 
fu accusato a torto , e non dovrebbe aver tampoco 
bisogno d'apologia. Si argomentd della sua religione 
dai suoi costumi. Gli Ugonotti stizziti contro colore 
che, avendo appoggiate le loro dottrine , le abban- 
donarono poi irrevocabilmente, non lo risparmiarono 
mica all' occasione ; Beza, nella sua storia ecclesia- 
stica, gli appone due colpe, la seconda delle quali d 



GIUSTIPICATIVI 58 

I'ateismo. Giuseppe Scaligero, irritato contro di lui 
per una quistioncella d*erudizione, non gli resemag- 
giore giustizia. II Mureto, diss'egli maliziosamente, 
sarebbe il miglior cristiano del mondo, dove cre- 
desse in Dio si bene come persuade che bisogna 
crederci : di qui derivarono i cattivi sentimenti sorti 
contro il Mureto, in luogo d*aver riguardo alia pietii 
esemplare di cui diede ediflcanti prove negli ultimi 
anni della sua vita ; e si pensO d'offuscarla cinquan- 
t*anni dopo la sua morte, per un sospetto ignoto ai 
Buoi nemici piii dichiarati, e dal quale e cosa certa 
che non fu preso di mira mentre visse. 

Compilatori idioti, privi d*ogni princjpio di crl- 
tica, involsero nella medesima accusa il primo che 
loro si presentasse segnato dal menomo indizio: uno 
Stefano Dolet d*Orleans, un Francesco Pucci di Fi- 
renze, un Giovanni Milton di Londra, un Merula, falso 
maomettano; v*han perflno mescolato Pietro Aretino, 
senza considerare ch' egli era ignorantissimo, senza 
studio, digiuno di lettere, e che non conosceva che 
la lingua materna ; ma perche n'udirono parlare co- 
me di scrittore molto ardito e licenzioso, si pensarono 
di farlo autore di questo libro. Per la stessa ragiona 
si accusa il Poggio ed altri ; si risale fino al Boccac- 
cio, per fermo a cagione della terza novella del De- 
camerone, dove e riferita la parabola dei tre anelli, 
della quale si serve per fare una molto dannosa ap- 
plicazione alia religione giudaica, alia cristiana ed 
alia maomettana, quasi voglia insinuare che si pud 
abbracciare indiflferentemente una delle tre, non sa- 
pendo a quale concedere la preferenza. Non si 
dimenticd nemmeno il Machiavello e Rabelais no- 
minati da Decker ; e V Olandese , che tradusse in 



54 SCRITTI 

francese il libro della Religione del medico Browne, 1 1 
nelle sue note al capitolo 20, oltre al Machiavello 
nomina anco Erasmo. 

Ck)n minore stranezza si potrebbe uniryi il Pom- 
ponaccio e 11 Cardano. II Pomponaccio nel capitolo 
14 del suo trattato ^QWImmortalUd delVamnut^ ragrio- 
nando da semplice filosofo, e prescindendo dalle 
credenze cattoliche, alle quali sul flnire del suo li- 
bro protesta solennemente di sottoporsi , ardi di- 
chiarare che la dottrina deirimmortalit& dell'anima 
fu introdotta da tutti i fondatori di religion! per te- 
nersi i popoli soggetti; per la qual cosa o tutto il 
mondo o la piu gran parte fu pigliato a gabbo : poi- 
che, aggiunge, lo suppongo che non si dieno che tre 
religion!, quella di Cristo, di Mose e quella di Mao- 
metto; ora se tutte e tre sono false, ne viene che 
tutto il mondo fu ingannato. Scandaloso ragiona- 
mento, 11 quale, non ostante tutte le precauzioni del 
Pomponaccio, porse occasione a Giacomo Charpentier 
di gridare : Quid vel hoc sola duHtatione in Christiana 
9C0la cogitari potest permdosius? Cardano fa peggio 
ancora nell*undecimo dei suo! libri intorno alia Sot- 
tilitd; egli mette succintamente a confronto fra loro 
le quattro religion! maggiori, e dopo averle fatto 
disputare Tuna contro Taltra, senza dichiararsi per 
nessuna, finisce improvrisamente in questo modo: 
^ic igitur arbitrio victorim relictis; che viene a dire 
che lascia al caso il decidere della vittoria; parole 
che nella seconda edizione corresse egli stesso. Cid 
perd non tolse che tre anni appresso non fosse acer- 
bissimamente rampogoato da Giulio Scaligero a ca- 
gione del terribile sense che conteneva questo passo, 
e delllndifferenza che mostrava nel Cardano, trat- 



aiUStlPlCATIVI 56 

tandosi della vittoria che ayesse a riportare, sia per 
la forza della ragione, sia per la forza dell'armi, una 
delle quattro religion! quale si fosse. 

L*ultiino articolo della Naudaeana^ che 6 un tes- 
suto di error! e d! falsita, contiene qualche confusa 
investigazione riguardante il libro DH tre Impostori, 
Vi si dice che Ramus Tattribuisce a Postel, cosa 
che non si trova in verun luogo degl! scritti di Ra- 
mus ; comeche Postel avcsse di strane vision!, e che 
Enrico Stefano asserisse d^averlo udito dire che 
delle tre religion! , ebrea , cristiana e maomettana, 
si potrebbe rimpastarne una buona ; non per questo 
non si trova in nessuna delle sue opere impugnata 
la missione di Mose, ne la divinitii di Gesu Cristo^ e 
non ha nemmeno ardito sostenere in termini pre- 
cis! che quella religiosa ospitaliera veneziana, che 
egli chiama sua madre Oiovanna, sarebbe la reden- 
trice delle donne, come Cristo fu il redentore degl! 
uomini. Soltanto, dopo aver detto che neiruomo 
animus e la parte mascolina, amma la femminina, 
ebbe la pazzia d*aggiungere, che, queste due parti, 
sendo state corrotte dal peccato, sua madre Gio- 
vanna rimedierebbe alia femminile, come Gesi Cri- 
sto aveva rimediato alia maschile. II libro, nel quale 
spaccia cos! fatte stranezze, fu stampato in-16 a Pa- 
rigi, ranno 1553 col titolo di Trois merveilleuses, 
Victoires desfemmes e non s*d fatto si raro che non si 
possa trovarlo ancora facilmente ; similmente quindi 
si dovrebbe vedere anche quelle ch*egli avesse pub- 
blicato intorno a! tre Impostori, dove fosse veramente 
giunto a tale estremo d'empiet^. Egli ne fu si lon- 
tano, che gik dair anno 1543 dichiard apertamente 
che Topera era di Michele Serveto ; e per vendicarsi 



5S 8CRITT1 

degU Ugonotti suoi calanniatori, non si feee 
polo di sorta di accusarli, in una lettera scritta: 
Masius nel 1563, d^aver essi stessi fatto stam] 
qaesto libro a Caen, ne/arimm illud trmm Jmp&stkA 
rwm commentum ten Uber contra Christumi^ Mbism d\ 
MMkomeUm Cudam nuper ad ilUs qui Bvamgelio CAr-{ 
tiim u addictistimot proJUentur typis e^pcutus est: 
nello stesso capitolo della Namdmana si paxla di cert« 
Barnaud con parole si confuse, che non si compreiMk 
verbo , se gii altri non abbia letto on piccolo li- 
bro intitolato Le Magot g/nevois; e un inS di 96 p. 
stampato nell'anno 1613 senza loco ; anche il nome 
dell*autore manca; e potrebbe ben essere Bnrico de 
Sponde, poscia vescoTo di Pamiers; eg-li dice die 
in quel torno un medico, chiamato Bamaud, con- 
▼into d*arianesimo, lo fu pure d' arere scritto il li- 
bra De triHs Iw^Mioribus^ che allora sarebbe £ 
data molto fresca. Cid che v'ha di piii ragionevole ia 
questo stesso articolo della Namdeana , e che si fit 
dire a Naude, uomo di stenninata esperienza in ma- 
teria di libri, ch* egli non aveva mai veduto il libro 
dei tre Impostori, ch*egli non lo credeva stampato. 
e che aveva in conto di favola tutto che si spac- 
ciaYa intorno a simile argomento. 

A queste schiera si pud aggiungere ancora il ia- 
moso ateo Giulio Cesare Vanini abbruciato a Tolosa 
nel 1619 col nome di Lucilio Vanino , accusato d*a- 
▼er alcuni anni prima del suo supplizio divulgato 
in Francia quel libro malvagio. 

Se v*ha scrittori follemente creduli, uomini desti- 
tuiti del senso comune che possono ammettere tali 
straneixe, ed assicurare che codesto libro si rendesse 
a quel tempo pubblicamente in diversi luoghi d*Bu- 



' OHJBTIFIOATIVI si 

ropa, gli esemplari non dovrebbero essere tanto rari, 
' ed uno solo basterebbe a risolvere la questione ; ma 
^Tion se ne vede alcuno, ne di questo ne di quelli 
' clie si dicono stampati, vuoi da Cristiano Wechel 
* a Parigi verso la metii del secolo XVI, vuoi dal no- 
' minato Nachtegral airAia nel 1614 o 1615. II padre 
' Teofilo Raynaud disse che il primo, di ricco che era 

- cadde, per punizioue divina, in estrema poverty. 
*' Mullerus dice clie 11 secondo fu cacciato dall'Aia 

- i^oniiniosamente. Ma Bayle nel suo JHuonario al 
' nome Wechel rigettd foudatamente la favola spac- 
^ ciata intorno a questo stampatore. Rispetto a Nach- 
^ tegal, Spitzelius riferisce che questo uomo nativo 
' d'Alchinar, fu cacciato non per aver pubblicato il 
" libro dei tre Impostori , ma per aver proferito al- 
^ cune bestemmie di simil «genere. Finalmente si 
' legga con attenzione e pazienza cid che dice Vin- 
' cenzo Placcius neiredizione in foglio della sua estesa 
^ opera J>e Anonymis et Pseudonyms; Cristiano Kor- 
' tholt nel suo libro De tribus Impostoribus ^ rive- 

duto dal suo figliuolo Sebastiano; e infine ci6 che 
' dice Struvio neiredizione del 1706, della disserta- 
zione De doctis Impostoribus ; nulla si trovera nolle 
ricerche di questi scrittori che dimostri che questo 
libro abbia esistito; fa maraviglia che Struvius, il 
quale, nulla ostante le prove piu speciose che Tent- 
zelius gli avcva potuto somministrare intorno ad esse 
libro, s*era sempre tenuto fermo in sul niego, si sia 
poscia indotto a credere che esista, fondandosi sulla 
piu frivola ragione che dar si possa. 

Essendogli capitata fra mano una prefazione aned- 
dotica deir Atheismns triumphatus, ci trovd che Tau- 
torc, per iscolparsi del delitto ond' era imputato di 



58 SCRITTI 

aver composto 11 libro De tribrts Tmpostoribus^ rispose 
che questo libro aveva veduta la luce trent'anni pri- 
ma della sua nascita. Mirabile a dirsil quests ri- 
sposta fondata suU* aria, a Struvius parte si dimo- 
strativa, che non ebbe piii dubbj intonio all'esi- 
stenza del libro, concludendo ch'era cosa certa, non 
essendo piii Iccito d^ignorare il tempo deU'edizione, 
la quale, avendo preceduto di trent' anni la nascita 
del Campanella, avvenuta nel 1568, cadeva appunto 
nel 1538. Di la, spiugendo le scoperte pifi oltre, 
si determind di tenere 11 Boccaccio per autore del 
trattato, per una cattiva interpretazione del libro 
del Campanella, il quale nel capitolo II, n. 6 del- 
VAtheismus triumphattis, s*esprime in questi sensi: 
ffinc Boccaccius in fabellis tmptis prabare contendU 
non posse discerni inter legem Christie MoXsis et Mako- 
metis ^ quia eadem signa ha bent uti tres annuli conn- 
miles. Ma il Campanella con cid intese di dire che il 
Boccaccio fosse Tautore del libro 2)^ Iribus Imposto- 
ribus? Ben lontano da cid, rispondendo del re- 
sto a questa obbiezioue degli atei, dice d'avervi sod- 
disfatto altrimenti, contra Boccaccium et librum de tri- 
bus Tmpostoribus ; e Struvius al parag. 9 della sua 
dissertazione De doctis Impostoribus^ cita egli stesso 
il passo d*£rnstius, ove asserisce il Campanella 
avergli detto che questo libro era del Mureto; ma il 
Mureto nacque nel 1526 , e il libro essendo state 
stampato nel 1588, il Mureto non poteva avere che 
dodici anni, etft nella quale non si potr& mai am- 
mettere cho sia stato capace di comporre un tal 
libro. Convien dunque concludere che il trattato de 
tribus Impostoribus, scritto in latino e stampato in 
Germania, non esiste mai. Non si die mai libro stam- 



61 



RISPOSTA 



ALLA DISSERTAZIONE DEL SIGNOR DE LA MONNOYE 

INTORNO AL TRATTATO 

DEI TRE IMPOSTORI 



Una specie di dissertazione piuttosto inconclu- 
dente, la quale si trova in fine alia nuova edizione 
della Menagiam^ che si pubblica in questo paese, mi 
porge occaslone di pigliare la penna per dare al 
pubblico contezza d'un fatto, intorno al quale pare 
che tutti gli eruditi vogliano esercitare la critica, 
e insieme per discolpare molti uomini valenti, fra 
i quali non pochi eziandio dotati di segnalat'a vlN 
tii, cui taluno si studid di far passare per autori 
del libro che forma il soggetto di detta disserta- 
zione attfibuita al signor de La Monnoye: ib non 
dubito che codesto libro non sia gi& fra le vbstre 
mani! come vedete intendo parlaredel picdolO frat^ 
tato Di tHH^ mp)itoHbiiM. V autore della disj^er- 



62 RISPOSTA ALLA -DISSESTAUONB 

tazione sostiene che esso non esiste , e s' indiistria 



di proyare la sua opinione con congetture , 
addurre Yeruna prova atta a colpire un animo abi- 
tuato a non sopportare che si voglia dargliela ad 
intendere. lo non Imprenderd a confutare punto 
per punto questa dissertazione, che nulla contiene 
che non sia stato gik detto in una dissertazione la- 
tina, De doctis Impostoridut , di Burchard Gottheflae 
Struve, stampata per la seconda volta a GenoTi 
presso Miiller nel 1706, veduta dairautore, dacche la 
cita. lo possedo uno spediente ben piii sicuro per 
confutare la dissertazione del signor de La Monnoje, 
manifestandogli d'aver vcduto mHs oculis il famoso 
libricciuolo De tridus ImpostoribuSy e che ho qui nel 
mio studio. Paleserd a vol, signore, ed al pubblico il 
modo onde venni a capo di scoprirlo e di esami- 
narlo, e ve ne dard un breve e fedele transunto. 

Trovandomi nel 1706 a Francoforte sul Meno , un 
di ero nella bottega d'uno dei librai meglio prowe- 
duti di librl d*ogni genera, insieme a un Ebreo e ad 
un ami CO chiamato Frecht, allora studente di teologia. 
Stavamo esaminaudo i cataloghi del libraio, quando 
vedemmo entrarc nella bottega una specie di ufl9ciale 
tedesco, il quale, rivoltosi al libraio, gli disse in 
lingua tedesca , che se voleva concludere quel loro 
aflTare, bene , diversamente sarebbe andato in cerca 
d'altro compratore. Frecht, al quale Tufficiale era 
g\k noto, lo salutd e rinnovd la conoscenza; 11 che 
porse occasione all*amico di chiedere al soldato, 
che si chiamava Trawsendorff, che affare avesse 
dere col libraio. Trawsendorff gli rispo^e che posse- 
deva due manosoritti e un libro antichissimo , coi 
qtialiVolBTa procacoiarsi im piocdo peeulio'pef Ut 



DEL Sli^KOR DE LA MONNOTB 69 

prossima campagna, e che il libraio la stiraccliiaya 

per 50 risdalleri, non volendone sborsare che 450 per 

quest! tre libri ; egli ne domandava 500. Si grossa 

somma per due manoscrittie an libricciattolo eocitd la 

curiosita di Frecht, che chiese all'amioo suo se non 

si potessero vedere le cose ch'ei yoleya spacciare a 

si caro prezzo. Trawsendorff trasse subito di tasca 

un pacchetto di pergamena legato con un cordoncino 

di seta, Taperse, e ne tolse i tre libri. Entrammo nel 

magazzino del libraio per esaminarli pid libera" 

mente^ e il primo che Frecht aperse fu lo stam« 

pato, che portava un titolo italiano scritto a mano, 

in luogo del titolo vero che era stato laoerato, 

Questo titolo era SpeccMo delta Bestia tria^fantCy la 

cui stampanon pareva guari antica; io ritengo che 

sia la stessa di cui Toland pubblicd una tradu^ 

zione inglese, or ha qualche anno, gli esemplari 

della quale si son venduti a si caro prezzo. II se- 

condo , un yecchio manoscritto latino di scrittura 

piuttosto intralciata, non portava verun titolo ; ma in 

cima alia prima pagina, a caratteri abbastanza grandi, 

stava scritto; Othoni illustrissimo amico meo caris^ 

simo F, L 8. D,, e V opera cominciava con una let-. 

tera, della quale ecco le prime llnee : Quod de tridutt 

famosUsinUs nationum deceptoribus in ordinem jussn 

meo digessit doctissimus ille vir, quorum sermonem d& 

ilia re in museo meo habuisti exscriH curati, atque cOr. 

dicem ilium stylo eque vero ac puro scriptum ad t& 

quampHmum mitto; etenim, etc. L'altro manoscritto 

era pure latino e senza titolo, e cominciava con que- 

ste parole, che sono mi pare, di Cicerone, nel primo 

libro De natura Deorum: Qui vero Deos esse diaerunt 

tanta snni in nrteHit tt dlssefuUme emtitnH^ nt 



64 RI8P0STA ALLA DIS8EBTAZI0NE 

eonm molestwn sit anmmerare sentential al' 

terum fieri potest prof ecto , ut earvm nulla; alterius 
certe nan potest, ut plus una vera sit, 

Frecht, dopo aver in tal guisa sfogliati in fretta e 
in furia i tre libri, si fennd al secondo, di cui 
ayeva spesse volte udito parlare, e intomo al quale 
aveva letto tante stone diverse; e senza piii cu- 
rarsi degli altri due , tird in disparte Trawsendorff, 
e gli disse tshe troverebbe dovunque clu sarebbe di- 
sposto a comperar quel tre libri. Non si parld piil 
del libro italiano« e quanto all'altro concludemmo 
leggicchiando qua e \k qualcbe frase, cbe conteneva 
un sistema d*ateismo. Poiche il libraio tenne fenno 
alia prima offerta , e non voile accordarsi coll' uffi- 
ciale, noi uscimmo e ci riducemmo nell'abitazione di 
Frecbt, il quale, avendo le sue mire, fece portare del 
vino , e , pregato Trawsendorff a palesarci in che 
maniera quei tre libri fassero caduti in sue mani, lo 
inducemmo a vuotare tanti bicchieri che v*aunegd 
la ragione, e Frecbt ottenne senza molta fatica che 
gli lasciasse il manoscritto Be tridus famosissimis 
Deceptoridus ; non senza vincolarci con esecrablle 
giuramento che non lo avremmo copiato. A tal 
condizione ne divenimmo possessori dalle dieci ore 
della sera del venerdi, sino alia sera della domenica; 
giorno in cui Trawsendorfif sarebbe tomato a ripi- 
gliarlo e a vuotare alcuni flaschi di quel vinetto che 
gli era andato tanto a sangue. 

Poiche io non era mono smanioso di Frecht di co- 
noscere codesto libro, ci mettemmo tosto a leggerlo, 
deliberati di non dormire flno alia domenica. II libro 
era dunque moltq voluminoso, domanderete voi? 
Niente ftflRitto : era un in-8. grandOi di dieci fogli,£enza 



D£t SIGfrNOR>E LA kOKNOYS 65 

la lettera posta in principio;mascrittoconcarattere 
cosi minuto e zeppo di tante abbreviature « senza 
punti , ne virgole , che arrivammo a gran fatiua a 
deciferarne la prima pagina in capo a due ore; ma 
poi la lettura si fece di mano in mano pid agevole; 
allora mi venne in mente di proporre al mio amico 
Frecht uno spediente, che sapeva alquanto d'equi- 
voco gesuitico, per procurarci una copia del celebre 
trattato senza violare il giuramento fatto ad mentem 
interrogantis ; era presumibile che Trawsendorff, esi- 
gendo che non si copiasse 11 suo libro, intendeva che 
non fosse trascritto ; di sorte che la mia scappatoia 
consisteva nel fame una traduzione: Frecht dopo 
qualche esitanza y*acconsenti , e ci ponemmo tosto 
all' opera. II sabato verso la meszanotte il libro 
era cosa nostra. Jo passai quindi a limare quella 
frettolosa traduzione, e ne prendemmo ciascuno 
una copia, concertando di non fai*ne parte ad ani- 
ma nata. Quanto a Trawsendorff, s* ebbe i suoi 500 
risdalleri dal libraio che lo compemva per conto di un 
principe della casa di Sassonia, il quale riseppe come 
questo manoscritto fu involato dalla biblioteca di 
Monaco, allorche, dopo la sconfitta dei Frances! e 
dei Bavaresi a Hochstet, gli Alcmanni s'impadro- 
nirono di questa cittiL, dove Trawsendorff, com'egli 
stesso ci raccontd, essendo entrato d*appartamento 
in appartamento sino alia biblioteca di S. A. eletto- 
rale, cadutogli sott' occhio quel pacchetto di perga- 
mena, e quel cordone di seta gialla, non seppe re- 
sistere alia tentazione di cacciarselo in tasca, so- 
spettando che potesse contenere qualche oggetto 
prezioso; n^ s'ingannava. 
Per compiere la storia della scoperta di codesto 



66 filSPOSTA ALLA DI8SEftTA2l<n!lB 

Iibrb, r^stano a dinri le congetture fattc da Preclit e 
da mb intomo alia sua origine. Anzitutto ei trovmm- 
mo d'accordo nel ritenere che qneW illustrissimo 
Othofd, al quale ^ dedicate, non fosse altri che Ottone 
rillustre duca di Baviera, flgliolo di Lodovico I , e 
nepote di Ottone il grande, conte di Schiren e di "Wi- 
telspach, al quale Timperatore Federico Barbarossa 
ayeva ceduta la Bay iera in grniderdone della sua fedel- 
t&, togliendola a Enrico il Leone per punire la costal 
ingratitudine. Ora, questo Ottone rillustre, successe 
a suo padre Lodoyico I nel 1290, durante 11 re^no 
deir imperatore Federico II, nipote di Federico Bar- 
barossa, nel tempo in cui questo imperatore si era 
guastato affatto coUa corte romana, al suo ritomo 
da Gerusalemme; 11 che ci fece congetturare che il 
monogramma F. I. S. D. che seguiya 1* amico wnto 
earistimo signiflcasse Fredericus Tmperator salmUm 
dicit : congetture, dalle quali ci panre doyer inferire 
che il trattato De trtbus In^ostoribus fu composto 
dopo I'anno 1230 , per ordine di questo imperatore , 
aizzato contro la religione dai cattiyi trattamenti 
riceyuti dal suo capo, allora Gregorio IX, dal quale 
fu scomunicato prima di partire per terra Santa, e 
lo perseguitd flno in Siria, doye a forza dMntrighi 
indusse Tesercito ad ammutinarglisi. Questo principe 
suo ritorno assedid il papa in Roma e diede il gua- 
sto alle proyincie dattomo; in appresso conchiuae 
con lui una pace che non durd a lungo, ma fu seguita 
da si yiolenta animosity fra rimperatore ed il sommo 
ponteflce, che non si spense se non colla morte di 
quest'ultimo, che mori di dolore nel yeder Federico 
trionfare del yani suoi fulminl, e smascherare i yia^j 
del santo padre nel yersi satirici che fece diyulgare 



per tutto> in Oermania, in Italia ed in Francia. Ma 
non ci venne fatto di scoprire chi poi fosse quel da^ 
etisHtms vir^ con cui Ottone s'era intrattenuto in- 
torno a quella materia nel gabinetto reale, e pro- 
babilmente in coropagnia dell' imperatore ; se gia 
non Bi dica ohe sia stato il famoso Pier delle 
Vigne, secretario, o come altri vogliono, cancel- 
Here di Federico II. II cestui trattato De Potestate 
imptriaU e le Spistolm d fan conoscere quanto 
grande fosse la sua erudizione « lo zelo cbe aveva 
per gli interessi del sue signore , e V astio che 1' a- 
nimava ccmtro Oragorio IX , gli ecclesiastici e le 
chiese del suo tempo. Egli e pero vero che in una 
delle sue epistole si studia di scolpare 11 suo signore^ 
accusato sin d'allora d*esser Tautore di codesto 
libro; ma eid potrebbe appoggiare la nostra con- 
gettura , e far credere che egli forse non abbia pa- 
troeinato Federico, perche non fosse posta a suo 
earieo opera si scandalosa; e forse egli stesso ci 
avrebbe tolto ogni pretesto di fare si mill suppo- 
Bizioni, confessando la yerit&, se^ quando Federico^ 
sospettando che avesse cospirato contro la sua vita^ 
lo c6ndannd ad esser accecato ed abbandonato 
in man dei Pisani suoi acerrimi nemici, la di- 
sperazione non avesse accelerata la sua morte in 
un'infame prigione , dove non poteva comuuicara 
eon anima al mondo* Ed ecco distruttetuttele false 
accuse contro Averroe, il Boccaccio, Dolet, TAretino, 
Serveto, POchino, Postel, il Pomponaccio, il Campa- 
nella, il Poggio, il Pulci, il Mureto, il Vanini, Milton, 
ediyersi altri; e risulta che il libro fu compostoda 
on dottd di prima levatura, alia corte e per ordine 
deE'imperatore Federico. Ri^petto al sostenere che 



18 BI8P06TA ALLA DISfiBRTAUONE 

si fe00 cli*e880 fu anche stampato, parmi poter 
eluarare che ci6 Jkdu e molto probabUe, poielie m 
pud Credere focilmente cUe Federico, circondato ^>- 
m*era per tutto da nemici« nou avra voluto diyulgruro 
UB tal libro^ che a questi avrebbe o^erto uua beUa 
oocasione di propalare la sua irreligiosita; e pud 
darai che nou ne sia esistito mai altro che Tori^- 
nale, e questa cop. a mandata a Ottoue di Bavieim. 

E cid, parmi, puo bastare, quanto si e alia sco- 
perta del libro, e al tempo in cui fa scritto: or eceo 
ci6 che contiene. 

Easo e dlviso in set libri o capitoll, ognuno dei 
quali e suddiviso in divcrsi paragrafl; 11 primo e»- 
pitolo ha per titolo: Di DiOy o contiene 8ei para^rafi, 
dove Tautore per farsi conoscere spoglio da qualsi- 
sia pregiudizio d*educazioue o di pailito, mostra 
che, 8c bene gli uomini abbiano iuteresse affatto 
peculiare di conoscere il Yero, non per tanto e' noB 
si pascono che d' opinion! o d* imaginazioni , e che 
dandosi persone cui torni 11 conto d' intrattenerli 
in cid, vi restauo invesehiati, avvegnache possaoo 
f aoilmente scuoterne il giogo, non facendo che pic- 
colissimo uso di loro ragione. Indi passa alio* idee 
che abbiamo della divinita , e prova che le recano 
ingiuria, come quelle che fanno di Dio Tessere il 
piUk spaventoso ed imperfetto che dar si possa; 
so la prunde coll' ignoranza del popoli , o piuttosto 
coUa loro goifa credulita, che prestafedeallevisioni 
di profeti e d' apostoli, del quali fa un ritratto con- 
forme all'idea ch'egli se n' e formato. 

II secoudo capitolo tratta delle ragioni chehaimo 
apiuto gli uomini a flgurarsi un Dio: e divieo in 
undioi paragraft, nei quuli si proTa che daUMgno- 



DSL SIONOR DB LA MOKMOTS <^ 

r*Ma dalle eause fisicbe , derivd una natural teitta 

alta Viata di mille terribili easi , la quale fece ) a- 

i neefii IMdea che esista qualche potenza invisibile: 

tema e sospetto, dice Tautore, di cui i sagaci p »U- 

ticl seppoto far uso a norma dei propri flni^ e 

r diedero Yoga airopiniose di detta esistenza, con- 

i fermata da altri che ci trovavano il loro tor- 

naconto, e radicatasi negli animi i)er la stol- 

tezza della moUltudine aempre ammiratrice Oello 

straordinario , del sublime e del meravi^lioso. Pol 

efiamina qual sia la natura di Dto, e atterra la yoI- 

; gare opinione delle cause flnali come contrarie alia 

Sana fisiea: flnalmente mostra come T nomo non 

L fi'abbia formata questa o quella idea della divi<: 

, Bltft se non dopo aver giudicato cid che e per- 

I fezione, bene, male, virta^ vizio; giudizlo fatto 

dairimaginazione, e spesso 11 piu falso che sia ; doude 

pol derivarono le false idee che ci formiamo e con* 

serviamo intorno alia diviniU. Nel decimo para(^*rafo 

l*autor6 spiega a modo suo cio che e Dio, e ne d^ 

una nozione conforme al sistema dei panteisti, di* 

cendo che la parola Dio ci rappresenta un ente 

inflnito, uno degli attributi del quale ^ d'essere nnv^ 

sostanza eatesa, e per consegruenza eterna e infliiita; 

neirundecimo volge in beffa Topinione Tolgare, cha 

8i flgura Iddio in tutto simile ai re della terra; e pas* 

sando ai libri sacri ne parla in un modo molto svan? 

taggioso. 

11 terzo capitok) ha per titolo ci6 che signidca 

la parola religrione, come.e perche ne sorse suUa 

• terra numero si grande. Questo capitolo conta vcn« 

litre paragrafl. Net primi nove Tautore esamina To- 

vltiM delto religion! e oon eaempj e ragicmamenti 



BfSPOATA AtX«A DISSBRTA2I0HK 

iita>)ili8ce che, ben lontane dall* essere divine , wmo 
snzl tutte opera della politica: nel decimo paragrafo 
preiende svelare IMmpostura di Mose, mostrando cbi 
egli fu, e quale fu 11 modo da lul adoperato per fon- 
dare la religione giudaica: neir undecimo esamina 
le imposture di alcuni uomini politici, come Numa 
e A^essandro. Nel dodicesimo passa a Gesu Cristo, 
del quale esamina i natali : nel tredicesimo e seguenti 
1 aria intorno alia sua politica: nel diciassettesinoo e 
In quello che segue, esamina la sua morale, che non 
trova molto pid pura di quella di molti antichi fllo^ 
sofl: nel decimonono esamina se la fama che ottenne 
dopo la morte, abbia contribuito a deiflearlo; e 
fiinalmente nel ventesimo secondo e nel yentesimo 
terzo parla dell* impostura di Maometto , del quale 
non dice giran cose, perche non si troyano tanti 
ayvocati della sua dottrina come di qu^la degli al* 
tri due. 

11 quarto capitolo contlene yeriti sensibili e ma- 
Siifeste, e non conta che sei paragrafi, doye rautore 
dimostracid che e Dio, e qualisonoisaoiattribiLti: 
e rigetta la credenza d*una yita ayyenire e dell'esi- 
atenza degli spirit!. 

II quinto capitolo tratta deiranima; 6 diyiso in 
sette paragrafi, nei quali, espostaropinioneyolgarei 
rautore reca quella dei fllosofl deirantichit&, come 
h,v he quella di Cattesio ; finalmente dimostra qual 
isia la natura deH'anima secondo 11 suo siatema. 

II sesto ed ultimo capitolo ha sette paragrafi; nei 
<iuttli si fia parola degli spiriti chlamati d^moni, e si 
rhiarisce Torigine e la ^siti deH'opinione yolgmr« 
f irca la loro esistenza. 

Kcoo Fanalisi del fiunoao libro in dSseoiso : l*«rrti 
'j>otnta lare pi(l per disteio • piu parMtameate ; ma. 



BEL SIGKOR DEi LA MONNOYE! ^l 

oltre all'essere questa lettera g\k di sovercliio pro- 
lissa, ho creduto che tanto basti per farlo conoscere 
e far vedere che si trova effettivamente in mia mano. 
Mille altre ragioni che voi comprenderete di leg-^ 
geri , m' impedirono di stendermi quanto avrei po- 
tuto ; giacche est modus in rebus. 

Pertanto, se bene questo libro possa essere stam- 
pato anche subito (preceduto da una prefazione, nella 
quale ho tessuta la sua storia, e la storia della ma- 
niera in cui fu scoperto, con alcune congetture in- 
torno alia sua origine, oltre a parecchie annotazioni 
che potrebbero essergli apposte in fine ) non per 
questo credo che saHi mai fatto di pubblica ra- 
gione ; se gih gli uomini non abbandonino a un tratto 
le solite opinioni e imaginazioni, com'hanno lasciato 
andare in disuso i collari, i polpacci flnti e le altre 
yecchie foggie. Quanto a me, non voglio espormi alio 
stiletto teologico, che temo quanto fra Paolo temeva 
lo stylum romanum^ per dare a qualche dotto il pia- 
cere di leggere questo piccolo trattato ; pure al letto 
di morte non sard tanto superstizioso da farlo gettare 
alle flamme , come si vuole abbia fatto Salvius, ple- 
nipotenziario di Svezia alia pace di Munster: coloro 
che verranno dopo di me, ne faranno tutto che loro 
piaceri, senza che cid abbia a conturbare menoma- 
mente la pace del mio sepolcro. In questo mezzo 
prima di scendervi, io mi dichiaro, o signore, con 
sentita stima, vostro obbidientissimo servitore, 

J« li* R« L* 

Di Leida, addi 1 gennaio 1716. 

Questa lettera fu scritta da Pietro Federico Arpe 
di Kiel, nell'Holstein, autore dell'Apologie de Vamid^ 
stampata a Rotterdam in-8. nel 1*712. 



73 



COPIA 

deirarticolo IX, del torn. I, parte seconda, delle Mi- 
mcnres de littdrature, stampate aU'Aja, presso Kn- 
rico del Sauzet, lllC. 

Oggimai non si pud pid dubitare ch^Cnoii esista 
un trattato J)e tribus Jmpostoribus^ dappoiche ve 
n'ha diverse copie manoscritte. Ma posto anche che 11 
signor de La Monnoye Tavesse veduto, quale lo pre- 
senta Testratto che ne sonuninistra 11 signor Arpe 
n«lla lettera stampata a Leida 11 1 gennaio 1716, di- 
viso parimente in sei capitoli, cogli stessi titoli, con- 
tenente la stessa materia, egli si sarebbe pur sempre 
lagnato della supposizione di questo libro, che si 
vorrebbe falsamente attribuire a Pier delle Vigne se- 
cretario e cancelliere deir imperatore Federico II. 
Questg critico giudizioso ha gia fatto conoscere la 
differenza che passa fra lo stile gotico delle epistole 
dl Pier delle Vigne, e quello usato nella lettera che 
si §nge indirizzata al duca di Baviera, Ottone Til- 
lustre , quando gli f u mandato detto libro. Ma alle 
sue cognizioni non sarebbe sf uggita un* annotazioue 
ben piii importante. II trattato Dei tre Impottori e 
scritto e pensato secondo il metodo ed i principj 
della nuova filosofia , i quail non prevalsero che 
yerso %. meta del secolo XVII, dopo che i G^iesio, 
i 0aiiencU, 1 Bemier e alcuni altrl si spiegaroao con 
rttgionamenti piQi glusti e piU chlarl, oh« nen ab- 
bUno fatto gli antichi fllosofl, 1 quail affettarono 
XBlsterlosa oscuritii, volendo che 1 loro secret! non 
t^pritsero che agli Iniziati, L*autore deU*op«ra^ si 



DELLE Ml^MOIRES DE LITT^RATUBE '73 

lasci6 perflno scappare di bocca 11 nome di Carte- 
sio , nel quinto capitolo , dove impugna i ragiona- 
menti di questo grand' uomo circa aU'esistenza del- 
I'anima. Ora, ne Pier delle Vigne, ne alcun altro di 
quell