Skip to main content

Full text of "Pietro Perugino"

See other formats


IPlSlll 



® 



ko/ 



JT 




l'EHlCIA, l'ilirnza ilrl Cambio. 



PIETRO PERUGINO. Autoritratto 

1500 






UMBERTO GNOLI 



PIETRO PERUGINO 



^ GOD °fy 




CLAUDIO ARGENTIERI 

EDIZIONI D'ARTE 
SPOLETO 



Edizione di 1000 esemplari numerati 



N.-216 







") 2 



/V^r 






In occasione del quarto centenario della morte di PIETRO PERUGINO, 
dò alla luce questo breve scritto che riassume tutte le notizie pervenute a noi sul 
Vannucci e ne studia concisamente le opere principali. 

Nell'appendice, oltre alla bibliografia generale, ho redatto un elenco delle 
pitture e dei disegni del Maestro, sparsi nelle collezioni pubbliche e private 
d'Europa e d'America. 

Di ogni opera ho fornito tutte quelle indicazioni che possono giovare allo stu- 
dioso : un sunto dei documenti d'archivio, la provenienza, i passaggi di proprietà, 
restauri, bibliografia speciale, attribuzioni. Di quest'ultime ho tenuto conto solo 
se proposte da critici d'arte autorevoli, esprimendo anche il mio giudizio. 

Vuole la nuovissima Italia che si renda onore grande a chi fu grande, a 
chi con indefessa e tenace volontà seppe aggiungere nuove forme armoniose 
all'edificio sacro dell'arte nostra, a chi, anche oltre i confini della patria, glori- 
ficò il nome nostro in luce di bellezza. 

E Perugia, in nome dell'Italia tutta, si appresta a commemorare degnamente 
il grande Artefice, l'interprete della sua anima, il poeta dei suoi orizzonti lumi- 
nosi, il rivelatore di un mondo incantato. 

Valga questo mio scritto quale devote omaggio alla memoria del granile 
Maestro. 



I DOCUMENTI 



Pietro di Cristoforo . Vannucci da Castel della Pieve " d' anni settantotto finì 
il corso della vita sua „ e, siccome morì nel febbraio 1523, così, accettando la 
data del biografo aretino che ebbe domestichezza con vari scolari del maestro, 
quali Bitte Caporali e Dono Doni, possiamo fissare al 1445 l'anno della sua nascita. 
Recentemente il Bombe propose l'anno 1452, solo perchè Giovanni Santi lasciò 
scritto che Leonardo da Vinci e il Perugino erano " par d' etate „. 

Accettiamo la data del Vasari anche perchè sappiamo che nel 1460 Pietro era 
già assente da Castel della Pieve, mentre v'era rimasto il padre e i suoi fratelli Gio- 
vanni e Francesco: ed è più probabile che la famiglia avesse mandato lontano da casa 
ad apprendere un'arte un ragazzo quindicenne che non un bambino di dieci anni. 

Dal Catasto di Castel della Pieve risulta che la famiglia Vannucci, le cui origini 
risalgono al XIII secolo, godeva di una modesta agiatezza. La loro casa era nella 
piazza attigua a quelle delle più cospicue del Castello e non già presso l'Oratorio 
dei Bianchi; interamente ricostruita, conserva però gli antichi confini, sì che è age- 
vole individuarla. Cristoforo, il padre del nostro maestro, morì verso il 1467, 
lasciando tre figli, Pietro, Francesco e Giovanni. 

Non sappiamo chi fossero i primi maestri di Pietro, né è il caso di perdersi in 
vane congetture, perchè non solo ci fanno difetto i documenti d' archivio, ma anche 
le opere della sua gioventù. In quel tempo v'erano due fratelli che esercitavano a 
Castel della Pieve l' arte della pittura : Egidio e Francesco figli del pittore senese 
Niccolò di Bonifacio. Di Francesco conosciamo un affresco in Pacciano, del 1449 : è 
una grande Crocefissione, ma una meschina pittura, arcaica e paesana. 



Adolfo Venturi, seguendo la tradizione vasariana, pensa che fosse educato in 
Arezzo da Piero della Francesca ; ma, senza disconoscere tutta l' influenza che il grande 
maestro esercitò su di lui, osserviamo che la prima opera certa, il S. Sebastiano di 
Cerqueto del 1478, mostra una diretta derivazione fiorentina e non aretina. Tuttavia 
è probabile che una decina d'anni innanzi fosse nella bottega di Piero dal Borgo. 

Nel 1466, 1467 e 1469 Pietro di Cristoforo è a Castello della Pieve e paga l' im- 
posta del vino : fu detto che per ciò non era necessaria la sua presenza, ma il fatto 
che nel 1465 e nel 1468 l'imposta non è pagata da lui, mostra che solo in questi 
due anni era assente. Nel 1472 lo troviamo a Firenze inscritto come maestro nella 
matricola dell'arte dei pittori di quella città. 

Ecco un sunto in ordine cronologico di tutte le altre notizie che lo riguardano: 

^475 È in Perugia, e dipinge a fresco ** certe figure in la sala grande 
del Palazzo „. Perdute. 

1478 Presso Perugia, a Cerqueto, in tempo di peste, affresca un S. Seba- 
stiano fra S. Pietro e S. Rocco, e una processione o gruppo di devoti: 
quest'ultima è perduta, S. Sebastiano si conserva in buono stato, dei 
santi laterali restano solo poche traccie. 

1479 Probabilmente in quest'anno dipinse a Roma nell'abside di S. Pietro 
una Madonna in gloria, distrutta. 

1480 A Roma, lavora le storie delle pareti d'entrata e d'altare della Cap- 
pella Sistina. 

1481 27 ottobre. Allogazione delle storie delle pareti lunghe della Sistina a 
Pietro da Castel della Pieve, Cosimo Rosselli, Sandro Botticelli e Dome- 
nico Ghirlandaio. 

1482 17 gennaio. Sono collaudate le prime quattro storie della Sistina, allo- 
gate l'anno innanzi : quasi certamente era finita la Consegna delle chiavi. 
Le decorazioni pittoriche della Cappella si protrassero fino all'ago- 
sto 1483 ; 5 ottobre, è a Firenze, dove si obbliga di affrescare la parete 
del gran salone del Palazzo della Signoria volta verso la Piazza, ma il 
30 dicembre dello stesso anno la commissione è affidata a Filippino Lippi. 

1483 Prima di quest' anno aveva eseguito due ritratti di Costanzo Sforza 
(^ 1483). I dipinti eseguiti alla corte di Pesaro sono così ricordati 
in un inventario dell'anno 1500 che si conserva alla Oliveriana : 

La testa del III. S. Constantio Sfortia de ma' del perusino in duy 
occhi (cioè di faccia). 

La testa del III. S. M. Constantio in profilo armato di man del 
perusino. 

La testa di Christo de man del Perusino. 

10 



Questi quadri insieme ad altri del Mantegna, Amico Aspertini, Forte 
da Bologna, Boccaccino e Ruggiero da Bruges, andarono distrutti dal 
fuoco: solo si salvarono la testa di Cristo del Perugino, un ritratto di 
Francesco Sforza di mano di Francesco da Cotignola, e un Crocifisso di 
Ruggiero. Ma anche di queste pitture si ignora la sorte. 

28 novembre. E a Perugia, ed i Priori gli allogano la tavola della Cap- 1483 
pella, già iniziata da Pietro di Galeotto. Il 31 dicembre, essendosi 
allontanato da Perugia, gli è tolta questa commissione ed affidata a 
Sante di Apollonio. 

Fa parte del Consiglio di Castel della Pieve ; 14 settembre e 20 novem- 1484 
bre è in Roma, dove in società con Antoniazzo romano eseguisce vari 
lavori secondari. 

Fino al maggio è ancora a Roma; 28 luglio, è a Perugia, dove i Priori 1485 
gli allogano di nuovo la tavola per la loro Cappella, e gli pagano 
12 fiorini; 12 agosto, un maestro di legname è pagato per aver rifatto 
la detta tavola, e averla portata il giorno seguente in casa d Pietro 
Perugino; 25 dicembre, riceve la cittadinanza perugina; circa in questo 
tempo s' inscrisse all' arte dei pittori in Perugia. 

18 luglio. È in Assisi, e lavora in S. Francesco; dicembre, è a Fi- I486 
renze e prende parte ad una rissa. 

10 luglio, è condannato ad una ammenda in conseguenza della rissa 1487 
suddetta. 

21 agosto, a Fano, dov'è ricordato come testimonio in un atto. In 1488 
questo anno s'impegna di eseguire per S. Domenico di Fiesole una 
tavola ordinatagli da Cornelia Martini. Forse è di qviesto anno l'Annun- 
ciazione di S. Maria Nuova a Fano, la cui data ora non è più leggibile. 

25 febbraio. È in Perugia, e acquista grano dall'Arte del Cambio; 1489 
6 marzo, in Firenze per i fratelli Bernardo e Filippo Nasi dipinge 
la Visione di S. Bernardo (ora a Monaco) per la chiesa di Cestello ; 
27 maggio e 26 luglio è a Fano come risulta da docc. orvietani; 
agosto, gli Orvietani mandano a cercarlo a Castel della Pieve. Va a 
Orvieto per affrescare la Cappella Nova del Duomo: è registrata una 
-pesa di libbre 8 e soldi 10 per l'albergo del pittore in Orvieto; 
29-30 dicembre, i soprastanti del Duomo di Orvieto decidono di 
affidargli la pittura della Cappella Nova: "Magister Petrus Perusinus 
famosissimus pictor in tota Italia ut apparet exeperientia in palatio 
apostolico Rome etc. „. Il Perugino nei due giorni suddetti prende 
parte all'adunanza dei Soprastanti, ed accetta di dipingere la Cappella. 

11 



1490 5 marzo, è a Perugia e rilascia una quietanza alla Camera Apostolica 
per pitture eseguite alla Cappella Sistina; 13 aprile, in Orvieto un alber- 
gatore riceve un fiorino e 70 soldi per averlo ospitato ; 14 maggio, è 
a Roma e gli Orvietani mandano a cercarlo; 22 settembre, trovasi in 
Orvieto dov' è pagato per acquisto di ultramare ; 30 settembre riceve 
in Orvieto 10 ducati come primo pagamento per le pitture nella 
Cappella Nuova ; 5 ottobre, parte da Orvieto dove era col suo aiuto 
Andrea da Assisi detto l'Ingegno, e va a Firenze; là riceve lettere 
di rimprovero dal Vescovo e dal Magistrato di Orvieto. 

1491 •* gennaio, Firenze. Fa parte della commissione dei giudici per i disegni 
della facciata del Duomo; 15 gennaio, il Camerlengo dell'Opera del 
Duomo di Orvieto riceve l'incarico di far dipingere la Cappella Nuova 
o dal Perugino o da Antoniazzo Aquili; 12 febbraio, gli Orvietani man- 
dano a cercarlo ; 28 aprile, è tornato in Orvieto, rilascia quietanza per 
10 ducati e promette di restare tutto il mese di maggio, ma tre giorni 
dopo, il 1° maggio, già era partito, e in attesa del suo prossimo ritorno 
si preparano danari per le opere inerenti alla decorazione della Cappella 
Nuova. In quel tempo era a Roma a' servigi del Cardinale della Rovere, 
per il quale dipinse il trittico Albani, datato 1491. 

1492 2 giugno. Alle insistenti richieste del Magistrato e Priori di Orvieto 
così risponde il cardinale Giuliano della Rovere : " Noi avemo alli ser- 
vitù nostri Maestro Pietro perugino pintore lo quale fra alcuni mesi 
ha ad finire alchune opere che ha prencipiate in casa nostra ,,. 

1493 28 marzo, il Camerlengo dell'Opera del Duomo di Orvieto afferma che 
il Perugino ha restituito i 10 ducati ricevuti per dipingere la Cappella 
Nuova ; maggio-giugno è fra i Priori di Castel della Pieve ; 1° settembre, 
sposa a Fiesole Clara Fancelli che gli portò 500 fiorini d'oro in dote; 
20 novembre, in Firenze da Pietro di Dionisio Pucci e dalla moglie 
Giovanna riceve l'ordinazione di dipingere per la sala capitolare di 
Cestello (S. M. Madd. dei Pazzi) un affresco con la Crocefissione, per 
55 ducati d'oro. In detto anno data la tavola con la Madonna fra 
S. Sebastiano e il Battista per San Domenico di Fiesole (Uffizi), e 
quella ordinatagli da Don Giovanni di Cristoforo da Terreno, ora a 
Vienna. 

1494 10 aprile, Firenze. Asserisce di aver ricevuto dal suocero 500 fiorini 
di dote, parte in denaro, e parte in vestiario e biancheria ; 18 aprile, 
in una lettera di Luca Fancelli al Marchese di Mantova si ricorda il 
matrimonio del Perugino ; 23 maggio, la Signoria di Lucca invita il 

12 



Maestro a incominciare nel duomo il lavoro da lui accettato, e gli 
partecipa che il pittore lucchese Antonio Corso che l' aveva offeso e 
calunniato è stato richiamato all' ordine. Di questa pittura non si ha 
altra notizia ; da Lvicca proviene la tavola del Perugino ora a Chantilly ; 
luglio, Firenze, firma il ritratto di Francesco dell' Opere, ora agli 
Uffizi; 14 agosto, Venezia, i provveditori al sale rimangono d'accordo 
con Pietro Perugino sul prezzo di un quadro che aveva tolto a dipin- 
gere nella sala del Gran Consiglio di Palazzo Ducale, per 400 ducati 
d' oro ; 14 ottobre, Perugia : a nome del Perugino (assente) Bartolomeo 
Caporali riceve cinque fiorini e mezzo per la pittura di una tavoletta 
con la Pietà (Gali, di Perugia 248 ) da porsi sopra la pala d' altare 
della cappella dei Priori in Palazzo : il danaro fu ritirato da Berto 
di Giovanni ; 30 ottobre, ha fatto ritorno a Firenze, e compra una 
casa in Borgo Pinti per 400 fiorini. In quest'anno data la tavola di 
Cremona. 

22 febbraio. La compagnia di S. Giuseppe riceve dal Magistrato di 1495 
Perugia 15 fiorini di sussidio per una tavola d'altare da farsi nella 
cappella di S. Giuseppe al Duomo (ora a Caen); nello stesso giorno 
i Priori decidono di elargire 15 ducati ai frati di S. Agostino per la 
pala dell'aitar maggiore della loro chiesa; 6 marzo, è a Perugia, ed 
accetta per la terza volta l' incarico di dipingere la tavola per la cap- 
pella dei Priori, per 100 ducati d' oro ; 8 marzo, i Benedettini di 
San Pietro gli allogano la grande pala per l' aitar maggiore della loro 
chiesa : al contratto sono testimoni i suoi discepoli Eusebio da 
S. Giorgio e Giovanni Francesco Ciambella detto il Fantasia. Doveva 
dipingere nella tavola centrale 1' Ascensione con i 12 Apostoli, nella 
lunetta l'Eterno, alcune storie nella predella ecc., il tutto per 500 
ducati d'oro larghi; 18 ottobre, Antonio di Nicola Valenti da Castel 
della Pieve lascia 50 fiorini per una tavola, con il Battesimo di 
Cristo (dipinta dal Perugino), già posta nella sua cappella. Data la 
Pietà per Santa Chiara, ora a Pitti. Alla fine dell'anno si trovava a 
Venezia. 

18 gennaio, Perugia. Riceve 50 ducati per la tavola dell'Ascensione 1496 
in S. Pietro; 26 gennaio, i giurati del Cambio di Perugia decidono 
di allogargli la decorazione della loro residenza ; 30 gennaio, Perugia, 
è testimonio ad un contratto; Firenze, 20 aprile, conduce a termine la 
Crocefissione nella sala capitolare di Cestello (S. M. Madd. de' Pazzi); 
20 aprile, i Priori di Perugia elargiscono ai disciplinati di S. Maria 



13 



Novella un sussidio di 10 fiorini per una tavola d'altare (dipinta poi 
dal Perugino); 30 aprile è a Perugia e riceve 68 ducati per l'Ascen- 
sione di S. Pietro ; 6 maggio, nomina da Perugia un procuratore che 
lo rappresenti a Firenze; 15 maggio, i Priori di Perugia elargiscono un 
sussidio di 15 fiorini alla fraternità di S. Maria Novella per il 
gonfalone da farsi dal Perugino ; 8 giugno, Ludovico il Moro duca 
di Milano scrive al suo ambasciatore a Venezia, l' arcivescovo Arcimboldi. 
perchè inviti il Perugino a recarsi a Milano per dipingere nel suo 
castello : 14 giugno, l'arcivescovo Arcimboldi risponde al duca di Milano 
che Pietro da sei mesi aveva lasciato Venezia, ed ignorava dove si 
trovasse; 10 settembre, dal monastero di S. Pietro di Perugia riceve 
50 ducati per la tavola dell'Ascensione; 24 settembre, Perugia, altro 
pagamento come sopra; 10 ottobre, i monaci della Certosa di Pavia 
fanno premura per l' esecuzione del contratto stipulato col Perugino 
e Filippino Lippi: il maestro di legname che aveva preparato la tavola 
risponde da Firenze che i suddetti pittori vogliono prima un acconto; 
20 novembre, Perugia, riceve 50 ducati per l'ancona di S. Pietro: 
dai pagamenti ricevuti fino a questo giorno risulta che la tavola cen- 
trale con l'Ascensione (ora a Lione) era finita; 24 novembre, presente 
il maestro di vetri Neri di Monte, i monaci di San Pietro di Perugia 
gli allogano la cassa o ornamento della tavola dell'Ascensione : per 
altri 60 ducati d'oro il maestro doveva dipingervi varie figure, profeti, 
ornati ecc. In quest'anno aveva acquistato a Firenze un terreno per 
costruirvi una casa. E nel secondo semestre di quest'anno ha un 
processo per il pagamento del gonfalone da lui dipinto per la fraternità 
di S. Maria Novella in San Bernardino. 
1497 19 gennaio. Con i pittori Benozzo, Rosselli e Filippino stima in Fi- 
renze la pittura di A. Baldovinetti nella chiesa di S. Trinità; 28 marzo, 
Ludovico il Moro scrive a Guido e Rodolfo Baglioni pregandoli d'inter- 
porsi col Perugino, acciò voglia recarsi a Milano, dove sarebbe ben 
ricevuto; 20 aprile, Firenze, prima di lasciare questa città, nomina 
suoi procuratori Giovanni di Nicolò Cantis da Perugia, e il pittore 
Giovanni di Bartolomeo alias Rocco, forse quel Rocco Zoppo ricordato 
dal Vasari fra gli aiuti del Vannucci ; 3 maggio, i Priori di Perugia 
elargiscono 10 fiorini alla fraternità di S. Maria Novella per il gonfa- 
lone cominciato dal Perugino e non ancora finito ; 9 novembre, Ludo- 
vico il Moro scrive per la seconda volta a Guido e Rodolfo Baglioni 
pregandoli di far valere la loro influenza sul Perugino, acciò si rechi 

14 



a Milano. Fano, data la tavola di S. Maria Nuova con la Madonna 
e santi. (Erroneamente il Bombe, Geschichte, 363, registra nel 1497 
due pagamenti al Perugino per l' ancona di S. Pietro. In quest' anno 
non è ricordato a Perugia da alcun documento, e deve ritenersi lo 
passasse parte a Firenze e parte a Fano). 

3 marzo; il magistrato di Perugia elargisce altri sei fiorini per il gon- 1498 
fedone di S. Maria Novella, già finito dal Perugino; 21 aprile, la detta 
fraternità gli paga dieci fiorini per il gonfalone ; 19 maggio, Perugia, 
il Monastero di S. Pietro paga al maestro e suoi aiuti 50 ducati d'oro 
larghi per la tavola dell'Ascensione, ed altri 50 il 26 maggio; 26 giu- 
gno, Firenze, è chiamato a consulto, con altri maestri, circa il modo 
più conveniente di restaurare la lanterna della cupola di S. M. del 
Fiore, anche " Perusinus pictor Florentiae degens,,; 29 giugno, avendo 
il Perugino scritto ad Orvieto per riaprire le trattative per la pittura 
della Cappella Nuova, i Soprastanti del Duomo decidono di mandare 
a lui per conoscere le sue condizioni ; 4 settembre, Firenze, compra per 
150 fiorini d'oro una casa cominciata a fabbricare in via Pinti. 

25 febbraio, Perugia, riceve grano dal Collegio del Cambio, dove certo 1499 
in quel tempo già lavorava; 2 marzo, Perugia, s'impegna di dipingere 
per la cappella di Bernardino di Giovanni nella chiesa di S. Francesco 
una tavola con la Resurrezione di Cristo per la somma di 50 fiorini : 
nel muro sopra 1' altare doveva dipingervi un padiglione e, da un lato, 
un S. Rocco. Questa figura è perduta, la tavola è in Vaticano ; 8 marzo, 
i Soprastanti del Duomo di Orvieto non avendo ancora ricevuto risposta 
dal maestro decidono di riscrivergli per affidargli il noto lavoro ; e il 
3 aprile i Soprastanti prendono visione della risposta del Perugino, 
così concepita: non volere o non potere attualmente venire in Orvieto 
per condurre a termine la pittura della Cappella Nova; 6 aprile, dal 
monastero di S. Pietro di Perugia riceve 120 ducati per l'ancona del- 
l'Ascensione ; 1 1 aprile, la Compagnia di S. Giuseppe di Perugia deli- 
bera di affidargli la tavola per la cappella del S. Anello in Duomo 
(ora a Caen), tanto più che il maestro trovavasi allora a Perugia; 14 aprile, 
altro sussidio alla fraternità di S. Maria Novella per il gonfalone del 
Perugino (ora nella Gali, di Perugia) ; 1° maggio, Ludovico il Moro scrive 
al suo agente in Firenze acciò prefigga un termine al Perugino e a 
Filippino per le tavole loro ordinate dalla Certosa di Pavia; 12 maggio, 
Perugia, la fraternità di S. Francesco gli paga 4 fiorini e 60 soldi 
per un drappellone con S. Francesco e quattro disciplinati (ora nella 



Gali, di Perugia) ; altri pagamenti per la stessa pittura il 7 aprile e 
17 maggio; in questo lavoro era suo aiuto Giovanni Francesco Ciam- 
bella, detto il Fantasia, che con lui collaborò all'ancona di S. Pietro 
ed alla decorazione del Cambio, che appunto allora si eseguiva ; 1° set- 
tembre, sotto questa data è di nuovo inscritto all'arte de' pittori di 
Firenze ; 3 settembre, la fraternità di S. Maria Novella di Perugia spende 
10 fiorini per adattare il luogo dove mettere il dipinto eseguito dal 
Perugino. 

1500 23 aprile, dai monaci di S. Pietro di Perugia riceve 120 ducati e 
rilascia quietanza finale per il pagamento dell' ancona dell' Ascensione. 
Lo stesso giorno acquista con quel denaro un terreno a Castel della 
Pieve; 15 settembre, Baccio d'Agnolo prende a fare la cornice e gli 
intagli per la tavola dell'Annunziata a Firenze; 22 settembre, Isabella 
d'Este Gonzaga scrive a Giovanna da Montefeltro in Sinigaglia pre- 
gandola di far pratiche per ottenerle un quadro del Perugino per il 
suo studio; risponde Giovanna il 2 ottobre ad Isabella che Pietro 
" è homo difficile ad indurlo „ ma che le farà avere una risposta; 
4 novembre, la Compagnia di S. Giuseppe ottiene dal Comune un 
sussidio per la tavola dello Sposalizio ; 7 novembre, in una lettera 
a suo padre Mariano, Agostino Chigi ricorda il Perugino come " il meglio 
Mastro d' Italia „ ; 8 dicembre, Angelo di Tommaso Conti da Perugia 
nel suo testamento lascia una somma acciò il Perugino dipinga per 
la chiesa di S. Maria degli Angeli una tavola con la Sacra Famiglia 
(ora a Marsiglia) da porsi nella cappella di S. Anna. 

Nell'anno 1500 il Perugino data la decorazione dell'Udienza del 
Cambio, che in quell'anno doveva essere interamente finita; data un 
quadro dipinto per la cappella di ser Bernardino di ser Angelo nella 
chiesa di S. Agostino a Perugia (la tavola con la Madonna e quattro 
santi nella Gali, di Perugia, la predella con la Cena in quella di Berlino). 
Pure in detto anno data la grande pala di Vallombrosa, ora agli Uffizi. 

1 501 È Priore a Perugia per il primo bimestre; 1° gennaio, prende in affitto 
due botteghe in Piazza del Sopramuro, nel palazzo delle Scuole : fino 
a quest'anno non aveva avuto bottega in Perugia ; 6 marzo, paga al 
monastero di S. Pietro in Perugia 9 fiorini, resto del prezzo di una casa 
da lui acquistata ; 27 marzo, Baccio d'Agnolo, che aveva ultimato la 
tavola e gli ornati per l'aitar maggiore dell'Annunziata di Firenze, viene 
a Perugia, forse chiamatovi da Pietro, il quale si obbliga di dare i 
disegni per il coro di S. Agostino, ed entra mallevadore per Baccio 

16 



della esecuzione del coro stesso; 27 agosto, V intarsiatore e fabbricante 
di istrumenti musicali Lorenzo da Pavia scrive da Venezia ad Isabella 
Gonzaga consigliandola di servirsi dell'opera del Perugino; 13 dicembre, 
Castel della Pieve, cede a' suoi nepoti Giacomo ed Angelo 30 fiorini 
quale parte loro spettante dell'eredità paterna, e lo stesso giorno vende 
un terreno. 

24 febbraio. Castel della Pieve, i suddetti nepoti gli rilasciano quie- 1502 
tanza per la detta somma; 11 marzo, Perugia, riceve dall'Udienza 
del Cambio 174 fiorini e 7 soldi per gli affreschi della sala del- 
l'Udienza; 4 aprile e 7 maggio, altri pagamenti per detta ragione; 
4 agosto, Siena, i Chigi gli ordinano una tavola d'altare per la loro cap- 
pella in S. Agostino; 10 settembre, Perugia, si obbliga di dipingere 
per l'aitar maggiore della chiesa di S. Francesco al Monte una tavola 
a due faccie, da un lato la Crocefissione, dall' altro la coronazione 
della Vergine (ora nella Gali, di Perugia); 11 settembre, gli muore una 
figlia a Firenze; 12 settembre, da Perugia, nomina suo procuratore in 
Firenze il notaio ser Giovanni de Romene; 15 settembre, Isabella 
Gonzaga scrive da Mantova a Francesco Malatesta in Firenze perchè 
interponga i suoi buoni uffici col Perugino acciò voglia dipingere per 
il suo studiolo un quadro con figure piccole; 23 settembre, il Mala- 
testa le risponde che il Vannucci trovasi a Siena, ma che e' è poco da 
sperare perchè " è homo longo e quasi mai non finisse opera chel 
comensa, tanto è la longhezza sua „ . La consiglia perciò di rivolgersi 
a Filippino Lippi, il quale però sul momento non potrebbe servirla, 
o a Sandro Botticelli, disposto ad esaudire subito i suoi desideri ; 
1° ottobre, Perugia, il maestro si obbliga di consegnare i disegni per 
gli stalli del coro di S. Agostino, che Baccio d'Agnolo deve intagliare ; 
3 ottobre, il Collegio del Cambio fa un pagamento in grano al garzone 
del Perugino, Roberto da Montevarchi; 5 ottobre. Firenze, Francesco 
Malatesta scrive da Firenze a Isabella Gonzaga che il Perugino trovasi 
ancora a Siena ; 24 ottobre, il Malatesta scrive ad Isabella di aver 
parlato col Perugino che è disposto a servirla ed attende la misura 
del quadro ed il soggetto ; 22 novembre, Isabella Gonzaga scrive a 
Vincenzo Bolzano a Firenze perchè tratti col Perugino, gli dia le misure 
ed il soggetto del quadro da farsi su tela, certa che il maestro vorrà 
fare opera tale da stare vicina a quella del Mantegna ; 23 dicembre, 
la marchesa Isabella invia al Malatesta 25 ducati perchè li dia al 
Perugino. 

17 



In quest'anno il maestro fa un contratto con il Capitolo di S. Ago- 
stino di Perugia per la pala d'altare di quella chiesa, per la somma 
di 500 ducati ; ma, a quanto si sa, non vi pose mano che dieci anni 
più tardi. 
1503 19 gennaio, Firenze, Francesco Malatesta scrive alla marchesa Isabella 
di aver stipulato col Perugino il contratto per il quadro da lei desi- 
derato, per la somma di 100 ducati. Sul contratto è detto che la 
tela doveva rappresentare una battaglia di Castità contro Lascivia, cioè 
Pallade e Diana combattere virilmente contro Venere e Amore, e segue 
una minuta descrizione del quadro, del quale del resto la marchesa 
aveva inviato uno schizzo: si obbligava di finirlo nel prossimo giugno. 
Firenze, 24 gennaio, il Perugino scrive alla marchesa Gonzaga dicendo di 
aver eseguito il disegno del quadro, ma che, per le proporzioni da darsi 
alle figure, necessita che gli invii la grandezza delle altre storie dello 
studiolo. Mantova, 26 gennaio, la marchesa scrive lagnandosi con il 
Malatesta perchè invece di consegnare al Perugino 25 ducati inviati 
quale arra, glie ne aveva dati solo 20. Mantova, 3 aprile, Francesco 
Malatesta non essendo più a Firenze, la marchesa Gonzaga scrive a 
suo fratello Gian Francesco, pregandolo di darle notizie del quadro, e 
di spronare il Perugino a finirlo nel tempo stabilito. Mantova, 10 giugno, 
la marchesa scrive ad Angelo del Tovaglia a Firenze, lagnandosi del 
Perugino che non aveva finito il quadro, e che s' era assentato da 
Firenze. Firenze, 23 ottobre, il Tovaglia scrive alla marchesa che il 
Perugino è tornato a Firenze, che è andato a vederlo, ma che ancora 
non ha cominciato il suo quadro. Firenze, 23 ottobre, anche Gian Fran- 
cesco Malatesta scrive in detto giorno alla Gonzaga avvertendola che 
il maestro è tornato dai bagni, che lo ha sollecitato, e ha dato spe- 
ranza di eseguire il quadro in un mese. Firenze, 7 novembre, lo 
stesso Malatesta scrive alla marchesa che egli quotidianamente invia 
alla casa del Perugino per sollecitarlo, ma che questi è molto tardo, 
e ha solo tirato la tela e preparato il disegno. Firenze, 14 novembre, 
Angelo del Tovaglia assicura la marchesa di essersi recato più fiate 
ad importunare il Perugino che ancora non ha fatto nulla, ma pro- 
mette mirabilia. Perugia, 23 novembre, dipinge armi papali in Palazzo 
e sulle cinque porte della città. Perugia, 2 dicembre, riceve dal Collegio 
del Cambio fiorini 4,80, e per lui li riscuote Roberto da Montevarchi. 
Firenze, 10 dicembre, il Perugino torna a chiedere alla marchesa Gonzaga 
le dimensioni delle figure degli altri quadri del suo studiolo. Firenze, 

18 



23 dicembre, riceve il 4 per cento sulla dote di sua moglie Chiara 
Fancelli. Perugia, 26 dicembre, per testamento, Paride Petrini lascia 
cinque fiorini a Pietro di Cristoforo, o ad altro maestro che finirà la 
tavola dello Sposalizio per la Cappella di S. Giuseppe in Duomo. 

Perugia, 1° gennaio, si ricordano le due botteghe tolte a pigione da lui 1504 
fin dal 1501, e per le quali deve ancora pagare soldi 80. Perugia, 
9 gennaio, il Collegio del Cambio gli paga fi. 1,40, e per lui riscuote 
il suo garzone Montevarchi. Mantova, 12 gennaio, la marchesa Gonzaga 
manda al Perugino a Firenze la misura delle figure dei quadri del Man- 
tegna del suo studiolo. Firenze, 24 gennaio, a mezzo di Marcantonio 
Gattego il maestro insiste per avere dalla marchesa maggiori chiari- 
menti sull'altezza delle figure. Firenze, 25 gennaio, con altri artisti è 
chiamato a esprimere il suo parere sul luogo dove deve sorgere il David 
di Michelangelo. Mantova, 19 febbraio, la marchesa Isabella scrive al 
Perugino mandandogli di nuovo le misure richieste. Perugia, 20 feb- 
braio, il Vannucci scrive ai Disciplinati di Castel della Pieve d'essere 
disposto ad eseguire l'affresco (il Presepio) per il loro oratorio per 
100 fiorini anziché 200 quale sarebbe il suo vero prezzo. Perugia, 
1° marzo, torna a scrivere ai Disciplinati di Castel della Pieve calando 
25 fiorini sul prezzo proposto ; e gli mandino la mula e verrà svibito 
a dipingere. Lo stesso giorno il Collegio del Cambio paga per lui fi. 5,60 
in acconto delle botteghe che il maestro aveva in Sopramuro. Mantova, 
11 aprile, la marchesa Gonzaga scrive al Tovaglia a Firenze d'essere 
stanca di attendere il quadro del Perugino : se non è a buon punto, 
sì da finirlo entro un mese, lo costringa a restituire i 20 ducati ricevuti. 
Mantova, 16 aprile, la marchesa torna a scrivere al Tovaglia quanto 
sopra : gli manda la lettera a mezzo di Lorenzo Leonbruno, che si reca a 
Firenze per apprendere la pittura dal Perugino o da altro maestro. E lo 
stesso giorno scrive a maestro Pietro che il Leonbruno " intesa la optima 
vostra fama „ viene per apprendere da lui la pittura ; glie lo raccomanda, 
e, quanto al quadro, gli ripete quel che ha scritto al Tovaglia. Firenze, 

24 aprile : " Pietro Perugino penctore in Firenza „ scrive alla marchesa 
che da carnevale fino all'ottava di Pasqua è stato malato (ma il 1° marzo 
prometteva di recarsi a Castel della Pieve per otto giorni ! ) e che fra 
due mesi e mezzo avrebbe consegnato il quadro. Firenze, 16 agosto, 
Pietro torna a scrivere alla marchesa, assicurandola che presto manderà 
il quadro. Mantova, 31 ottobre, la marchesa Gonzaga scrive al Perugino 
sollecitandolo. Firenze, 1 7 novembre, Agostino Stroza scrive alla marchesa 



19 



che, per essere stato il Perugino assente da Firenze fino a mezzo no- 
vembre, non ha potuto vederlo prima d'ora; ha emendato e corretto 
il disegno, ma non ha cominciato la pittura; Firenze, 29 dicembre, 
Luigi Ciocca scrive alla marchesa di Mantova di essere stato anche 
in quel giorno in casa del Perugino, e di andarvi spesso anche perchè 
vi bazzicavano delle belle ragazze. Critica il disegno, perchè vi sono 
" certe Faune femine che hanno le gambe molto male proporzionate et 
brute et non vole esser corredo come sei fosse lotto o altro supremo 
pictore, che se non havessi havuto respecto a quelle belle fanciulle glie 
haveria dicto un caricho de villanie „. Nel 1504 data l'affresco del 
Presepio nella confraternita dei Battuti di Castel della Pieve. 
1505 Mantova, 9 gennaio. La marchesa Isabella ringrazia il Ciocca delle sue 
lettere, e nello stesso giorno scrive anche ad Agostino Stroza a Firenze, 
perchè veda il quadro, e glie ne dia un giudizio; Firenze, 21 gen- 
naio, il Ciocca scrive alla marchesa che il quadro è cominciato ed è 
stato migliorato il disegno, e che " el povero maestro non vive se non 
de le fatiche sue „ e per ciò farà bene mandargli danaro ; Firenze, 
22 gennaio, il Ciocca scrive alla Marchesa di essersi di nuovo recato 
dal Perugino, e che anche il Salaino scolaro di Leonardo ha visto il 
quadro e ne ha " laudato molto la fantasia „. Firenze, 22 gennaio, 
anche Agostino Stroza scrive ad Isabella di essersi recato dal Perugino, e 
riferisce il giudizio del Salaino, sul maestro, " non essere suo mestiere 
di far figure picole in perfectione „ ; il quadro era dipinto quasi a metà, 
e il Maestro vi attendeva alacremente; Mantova, 1° febbraio, la marchesa 
risponde allo Stroza; Perugia, 15 febbraio, deve avere fi. 3,25 dall'Ospe- 
dale della Misericordia; Mantova, 19 febbraio, Isabella scrive allo Stroza 
di aver saputo come il Perugino non si attenga allo schizzo ed istru- 
zioni inviategli, fornite dal mantovano Paride Ceresaro, e abbia fatto 
la Venere nuda anziché vestita : lo prega di sorvegliarlo e riferirle. 
Firenze, 22 febbraio, Agostino Stroza scrive alla Gonzaga che da due 
settimane il Perugino è partito da Firenze né sa dove sia andato (forse 
a Panicale). Firenze, 1° marzo, Luigi Ciocca alla marchesa di Mantova : 
il Perugino è partito, ma alla moglie e ai garzoni ha fatto sapere che 
tornerà fra sei giorni, lo chiama, come sempre, " il nostro patriarca peru- 
sino „ e dice che è " vecchio et grasso et homo maturissimo „. Mantova, 
3 marzo, la Gonzaga scrive allo Stroza. Firenze, 10 marzo, lo Stroza 
scrive alla marchesa che il Perugino partito al principio di quaresima, 
non è ancora tornato. Firenze, 15 marzo, il Ciocca scrive alla marchesa 

20 



che il nostro patriarca non è tornato, e di aver officiato Gian Paolo 
Baglioni per farlo venire a Firenze. Firenze, 22 marzo, lo Stroza scrive 
alla Gonzaga che il maestro non è tornato : si dice sia andato a Perugia 
per una causa per il recupero di certo denaro, come pure v' era andato 
4 mesi l'estate passata. Firenze, 31 marzo, il Ciocca scrive che il Peru- 
gino non è tornato. Firenze, 24 aprile, il Ciocca annuncia alla marchesa 
di aver avuto quella mattina stessa la visita del patriarca perugino, 
che dice di finire il quadro fra 15 giorni. Mantova, 8 maggio, la 
marchesa scrive al Tovaglia di anticipare denaro al Perugino, e assi- 
curarlo che appena finito il lavoro sarà pagato integralmente. Firenze, 
22 maggio, il Tovaglia scrive alla marchesa Gonzaga di essere stato dal 
Perugino, ma di non avergli dato il denaro. Mantova, 1° giugno, la mar- 
chesa scrive al Tovaglia che manderà il denaro. Mantova, 7 giugno, la 
marchesa scrive al Perugino, mandandogli 80 ducati. Firenze, 9 giugno, 
Francesco Malatesta avvisa la marchesa di avere appreso dal Perugino 
che il quadro è compiuto, e può farlo ritirare. Firenze, 14 giugno, il Pe- 
rugino scrive alla marchesa accusando ricevuta degli 80 ducati, avverten- 
dola che il quadro ha dipinto a tempera, avendo saputo che così erano 
anche quelli del Mantegna. Firenze, giugno, il Perugino, Lorenzo di 
Credi e Giovanni delle Corniole giudicano la testa di mosaico fatta in 
concorrenza da Monte di Giovanni e Davide Ghirlandaio per la cappella 
di San Zanobi nel Duomo Fiorentino. Mantova, 30 giugno, la marchesa 
Gonzaga scrive al Perugino di aver ricevuto il quadro, di esserne sod- 
disfatta e per disegno e per colore; ma che non le sembra condotto 
con tale diligenza da stare a confronto con quelli del Mantegna : ed 
altrettanto 1' 8 giugno scrive al Tovaglia. Firenze, 5 agosto, gli Operai 
della chiesa dei Servi (Annunziata) allogano al Perugino la tavola con 
la Discesa dalla Croce (oggi agli Uffizi) già cominciata da Filippino 
Lippi, il quale ne ebbe 50 ducati, e 150 il Perugino. Firenze, 9 aprile, 
riceve fl. 30 in acconto per la suddetta tavola. Firenze, 10 agosto, il 
maestro scrive alla marchesa Isabella d' essere dolente di non aver 
saputo prima che il Mantegna aveva colorito ad olio i suoi quadri 
perchè con questa tecnica anche lui avrebbe potuto fare cosa più deli- 
cata. Perugia, 18 settembre, il maestro deve avere fl. 5 dall'Ospedale 
della Misericordia. Firenze, 18 ottobre, deve dare alla Compagnia dei 
pittori 4 denari per quote dell' anno, e 7 soldi per la festa. Il nome 
del Perugino, dopo quest'anno, non figura più nei libri di quella Com- 
pagnia. Perugia, 31 ottobre, nomina un suo procuratore. Panicale, data 



21 



e firma l'affresco di S. Sebastiano nella chiesa omonima: A. d. M. D. v. 

PETRUS DE CASTRO PLERIS. 

1506 Perugia, 1° gennaio, paga il fitto delle sue botteghe. Firenze, 9 gennaio, 
la tavola della Discesa dalla Croce per l' Annunziata era finita. Fran- 
cesco di Niccolò pittore riceve fi. 240 per le dorature. Castello della 
Pieve, 20 gennaio, dà procura a suo cognato di rappresentarlo in un 
processo. Perugia, 14 febbraio, deve avere fi. 1,50 dall'Ospedale della 
Misericordia. Perugia, 5 marzo, è creditore del Comune di Perugia per 
il bimestre del suo Priorato del 1501. 13 giugno, riceve 112 ducati 
d'oro per la Crocefissione della cappella Chigi in Sant' Agostino di 
Siena, ed altri 25 ne riceve il 10 agosto per la stessa ragione. Pe- 
rugia, 14 settembre, è ricordato. 

1507 Perugia, 9 gennaio, deve avere fi. 1,60 dall' Ospedale della Misericordia. 
Castel della Pieve, 29 marzo, la fraternità dei Disciplinati dà al 
Perugino una casa, invece dei residui fl. 25 dovutigli per la pittura 
del Presepio. Castel della Pieve, 12 aprile, gli è allogata la tavola per 
l'aitar maggiore della chiesa di S. Gervasio : la compì nel 1513. Castel 
della Pieve, 16 aprile, nomina due a rappresentarlo in giustizia. Perugia, 
20 aprile, deve avere libbre 8 dall' Ospedale della Misericordia, e lo 
stesso giorno allo stesso Ospedale paga la pigione a mezzo del suo 
garzone Francesco Spongia; Perugia, 2 giugno, presta alla comunità 
di Panicale 14 drappelloni in seta da lui dipinti con figure. Perugia, 
7 giugno, si obbliga di dipingere una Madonna di Loreto fra S. Gero- 
lamo e S. Francesco, per la chiesa di S. Maria Nuova. (Passò nella 
collezione Penna, e ora alla Galleria Nazionale di Londra). Perugia, 
12 giugno, ricorre contro il Magistrato di Panicale per ottenere fl. 11, 
residuo della pittura del S. Sebastiano, e fl. 5 per i 14 drappelloni. 
Perugia, 15 giugno, rilascia quietanza finale di 350 ducati d'oro per le 
pitture dell'udienza del Cambio. Perugia, 7 luglio, il tribunale del 
Cambio gli dà ragione sul ricorso contro la comunità di Panicale. 
Perugia, 1° settembre, rilascia ricevuta di fl. 1 1 al sindaco di Panicale, per 
il S. Sebastiano. Perugia, 27 ottobre, ottiene altra sentenza per essere 
pagato dei 14 drappelloni. Firenze, 4 novembre, nomina Baccio d'Agnolo 
suo procuratore per ogni controversia con i frati de' Servi sul prezzo 
delle tavole dipinte per il loro altare maggiore. Montone. Con la data 
«li quest' anno v' era a S. Francesco di Montone una tavola già ritenuta del 
Perugino, rappresentante la Vergine fra i SS. Giovanni Battista ed Evange- 
lista, Gregorio e Francesco, con predella, ma è opera di Berto di Giovanni. 

22 



Cordano, 29 aprile, Niccolò d'Angelino lascia per testamento un ducato 1508 
acciò sia dipinta la tavola dell' aitar maggiore nella chiesa di S. Maria di 
Cordano. Si ritiene che in quest'anno dipingesse la stanza dell'Incendio 
in Vaticano. 

Forse era ancora a Roma; in Perugia nessun documento lo ricorda 1509 
presente, solo si fa menzione di lui nel gennaio e dicembre, per lo sti- 
pendio del svio Priorato del 1501 non ancora riscosso, e, pure nel 
dicembre, per un credito di 20 libbre che aveva dall' Ospedale della 
Misericordia. 

Firenze, 6 aprile, dalla chiesa dei Servi riceve tre fiorini d' oro, altri 1510 
due n' ebbe a maggio e 14 libbre a luglio. Siena, 5 settembre, i pittori 
Gerolamo di Benvenuto, Benvenuto di Giovanni del Guasta, Giacomo 
Pacchiarotti, Girolamo Genga da Urbino, e Girolamo di Giovanni del 
Pacchia emettono un lodo sulla tavola con la Natività dipinta dal Peru- 
gino per la cappella de' Vieri in S. Francesco. Questa tavola bruciò 
nel 1655. 10 settembre, muore in Firenze suo figlio Cristofano. Firenze, 
settembre, dalla chiesa dei Servi dell' Annunziata riceve 2 fiorini d' oro. 

Firenze, 8 febbraio, dalla stessa chiesa riceve 3 fiorini d' oro ; altre 21 151 
libbre riceve in aprile. Perugia, 11 maggio, scrive promettendo di recarsi 
a dipingere a Gaiche, presso Perugia (non so se questa lettera sia 
autentica). 

Perugia, 30 marzo, scrive a] Priore di S. Agostino in Perugia perchè 1512 
gli mandi certo grano. Perugia, 18 giugno, i frati di S. Agostino gli 
allogano la tavola dell' aitar maggiore per 500 ducati d' oro. Perugia, 
24 novembre, Giovanni Battista detto Bastone s' impegna di lavorare 
la " cassa ,, per la tavola di S. Agostino su disegno del Perugino. Perugia, 
11 dicembre, vende una casa avuta dalla chiesa di S. Agostino quale 
pagamento parziale della tavola d' altare, e compra due poderi che affitta 
nello stesso giorno. Perugia, 18 dicembre, la chiesa di S. Maria di Cor- 
ciano gli alloga una tavola d' altare con predella, (tuttora ivi esistente) 
che il Perugino doveva dipingere a somiglianza di quella fatta da Raf- 
faello per Leandra di Simone degli Oddi (Coronazione ora in Vaticano, ■ 
già in S. Francesco di Perugia). Perugia, 30 dicembre, i Priori allo- 
gano a Mariotto di Marco orafo una navicella d' argento per la loro 
mensa da eseguirsi secondo il disegno dato dal Perugino, presente al 
contratto. Reca la data 1512 una sua tela, fatta fare per voto dal capitano 
Maraglia da Perugia per la chiesa dei Minori a Bettona : il Maraglia 
era stato fatto prigioniero dai francesi 1' 11 febbraio di detto anno. La 

23 



tela, alquanto posteriore, si conserva nella Galleria di Bettona. Dall' ar- 
chivio dell'Ospedale della Misericordia risulta che in quest'anno il Pe- 
rugino teneva ancora due le botteghe in affitto in Piazza del Sopramuro. 

1513 Perugia, 18 maggio, compra due poderi. Perugia, 3 dicembre, gli è 
allogato un affresco per decorare la facciata di S. Martino in Campo 
presso Perugia (perduto). Perugia, 17 dicembre, rende all'Ospedale 
della Misericordia la chiave della bottega. Data la tavola dell' altare 
maggiore del Duomo di Città della Pieve. 

1514 24 agosto, riceve quietanza di 200 fiorini per i due poderi comprati 
l'anno innanzi. Perugia, 31 agosto, affitta un terreno. 

1515 Castel della Pieve, 8 gennaio, dà pieni poteri ad Angelo giardiniere 
a Firenze di riscuotere il reddito della dote di sua moglie Chiara Fan- 
celli. Venezia, 13 maggio, il Tiziano si offre di eseguire i dipinti allo- 
gati al Perugino nel 1494 per 200 ducati, e cioè per la metà del prezzo, 
ma domanda taluni privilegi. Perugia, 18 giugno, è testimonio a due 
contratti. Perugia, 21 luglio, restituisce due poderi. Firenze, 30 luglio, 
acquista una sepoltura nella chiesa dell' Annunziata. 

2516 Perugia, 26 gennaio, ricordato per affitto di terreni. Perugia, 18 giugno, 
dalla chiesa di S. Agostino riceve in conto 6 ducati per l'ancona. 
Perugia, 2 dicembre, rilascia quietanza per certo grano. 

1517 Castel della Pieve, 1" aprile, è multato per non aver preso parte alla 
seduta del Consiglio Maggiore, di cui era membro. Perugia, 16 giugno, 
è estratto Camerlengo della Corporazione dei pittori per il secondo 
semestre di detto anno. Perugia, 10 ottobre, ha un processo. Perugia, 
9 dicembre, ricordato. Perugia, 17 dicembre, si obbliga di fare per 
Andreana Signorelli vedova Graziani una tavola con la trasfigurazione 
di Cristo, San Pietro, Mosè, S. Giovanni e S. Giacomo, a seconda delle 
istruzioni dategli da un frate servita. (La tavola è ora nella Gali. Naz. 
di Perugia). Città della Pieve, in quest'anno data un affresco con la 
Discesa dalla Croce in quella chiesa dei Servi. 

1518 Perugia, 7 settembre, rilascia quietanza per la pittura del quadro ese- 
guito per la Graziani. Perugia, 27 settembre, rilascia quietanza di 7 du- 
cati a fra Pietro da Castello Minore Osservante per un quadro esegui- 
togli ; il soggetto dipinto non è specificato. Perugia, 26 novembre, i Priori 
ordinano un portale in pietra per la sala grande del palazzo, da eseguirsi 
su disegno del Perugino. Perugia, 30 dicembre, è ricordato per una cessione 
di danaro. Perugia, in quest'anno data la tavola per la chiesa di S. Fran- 
cesco col martirio di S. Sebastiano, ora nella Galleria Naz. di Perugia. 

24 



Perugia, sotto l'affresco di Raffaello di S. Severo dipinge sei figure 1521 
di santi. Perugia, 13 marzo, gli sono allogati due affreschi per la chiesa 
di S. Maria Maggiore di Spello: già sei giorni innanzi da Spello avevano 
mandato a cercarlo. Spello, dalla chiesa di S. Maria il Perugino 
riceve una soma di grano il 26 marzo, e lo troviamo lì ricordato quasi 
quotidianamente fino al 25 aprile, giorno in cui data e sottoscrive 
l'affresco con la Madonna fra San Biagio e Santa Caterina. Cortona, 
22 maggio, i priori di questa città scrivono al cardinale Passerini di non 
inviare ne il Perugino né altri pittori a stimare la tavola dipinta da 
Luca Signorelli per S. Maria della Pieve. Spello, 31 maggio, è ricor- 
dato per una cena con lo scultore Rocco da Vicenza, ed a Spello è 
ricordato l'ultima volta nell'll giugno. Perugia, 7 giugno, il Perugino 
ha un processo con la chiesa di S. Agostino, e vuole che due pittori 
stahiliscano il valore dell'ancona da lui dipinta. Trevi, settembre, in 
questo mese era a Trevi; probabilmente allora dipinse l'affresco del- 
l'Adorazione dei Magi in S. Maria delle Lacrime. Perugia, 23 set- 
tembre, il termine per la consegna dell' ancona di S. Agostino è rinviato 
alla fine di novembre. Perugia, 30 novembre, il rappresentante della 
chiesa di S. Agostino e quello del Perugino rinviano al Natale la con- 
segna di detta ancona. 

Perugia, data l'affresco del Monastero di Sant'Agnese. Data una 1522 
Madonna col Bambino a Fontignano. 

Fontignano, dipinge un Presepio, e muore di peste fra il febbraio 1523 
e marzo. 20 ottobre, Castel della Pieve, è ricordata la casa degli 
eredi del Perugino. Firenze, 4 novembre, in un atto riguardante i figli 
e l' eredità del Perugino, risulta che il maestro era morto da 9 mesi. 
Presenti all'atto erano la moglie e i figli Giovanni Battista e Fran- 
cesco maggiorenni, Michelangelo di circa 10 anni, e le figlie Paola e 
Giulia, di 15 e 10 anni circa. 

Firenze, 22 gennaio (in stile fiorentino 1523). I tre figli del Perugino 1524 
debbono avere da un tale 100 fiorini. Perugia, 12 luglio, i frati di S. Ago- 
stino stipulano un istrumento dal quale risulta che i figli del Maestro 
intentano un processo per il pagamento dell'ancona, che però non era 
stata ultimata del tutto. Firenze, 6 ottobre, Chiara Fancelli scrive alla 
marchesa Gonzaga offrendole un quadro con Marte e Venere sorpresi 
da Vulcano, dipinto dal suo defunto marito (perduto); la marchesa 
le risponde rifiutandolo. Perugia, 30 dicembre, atto di transazione fra 
i figli del Perugino e i frati di S. Agostino. 



25 






1525 18 agosto, Perugia, Giambattista anche a nome degli altri figli del 
Perugino viene ad un accomodamento coi frati di S. Agostino. 

1541 21 maggio, Chiara Fancelli, vedova del Perugino, muore in Firenze 
ed è sepolta all' Annunziata. 



26 



LE OPERE 



È probabile, che, dopo il 1465, il Perugino con Luca Signorelli si 
recasse in Arezzo alla scuola di Piero della Francesca. Così crede il Vasari, 
che in Arezzo ricordava sue pitture in S. Agostino e in S. Caterina, e così 
anche oggi opina, fra gli altri, il Venturi. Poco dopo "venne Pietro in 
Fiorenza, con animo di farsi eccellente: e bene gli venne fatto, concio- 
siachè al suo tempo le cose della maniera sua furono tenute in pregio 
grandissimo,,. Prosegue il Vasari: "Studiò sotto la disciplina di Andrea 
Verrocchio; e le prime sue figure furono fuori della Porta al Prato, in 
S. Martino, alle monache, oggi ruinato 'per la guerra. Ed in Camaldoli 
un S. Girolamo in muro, allora molto stimato dai Fiorentini e con lode 
messo innanzi, per aver fatto quel Santo vecchio, magro ed asciutto, con 
gli occhi fisso nel Crocifisso, e tanto consumato, che pareva una notomia „. 
Questa vivace descrizione che lo storico aretino fa della figura del S. Giro- 
lamo, avvalora 1' opinione che il nostro Pietro fosse veramente alla scuola 
del Verrocchio, ove avrà avuto a compagni Botticelli, Filippino Lippi, 
il Ghirlandaio, Leonardo da Vinci e Lorenzo di Credi. E in Firenze il 
giovane pittore umbro " fece della notte giorno, e con grandissimo fervore 
continuamente attese allo studio della sua professione ; ed avendo fatto 
1* abito in quello, nessuno altro piacere conobbe, che di affaticarsi sempre 
in quel!' arte e sempre dipignere ,,. 



27 



Nel 1472, già maestro, s' inscrisse alla corporazione fiorentina dei pittori. 
Le sue opere di quel tempo ci sono sconosciute: quelle ricordate dal 
Vasari in Arezzo, e in San Martino e a Cama Idoli in Firenze, non ci 
pervennero, così pure l' affresco eseguito nel salone del Palazzo Comu- 
nale di Perugia nel 1475 ; perdute le vetrate di San Giusto, e i primi 
lavori eseguiti a Roma nell' abside di San Pietro e alla Sistina. Sappiamo 
solo che i contemporanei e, più tardi, il Vasari, lodarono sopratutto il 
Perugino per queste sue prime opere, di cui ci resta solo qualche riflesso 
in alcuni disegni, ove s' intravede ancora la grandiosità luminosa di Piero 
della Francesca. La prima sua opera certa è il S. Sebastiano dipinto a 
Cerqueto presso Perugia nel 1478, all'età di circa trentatre anni: "In 
essa — scrive il Venturi — vedesi ancora lo studio delle opere pollaiole- 
sche, nella forza del chiaroscuro, nel serpeggiare del drappo sui fianchi, 
nell' arrotondarsi dei contorni „. Ma l'arte fiorentina qui acquista mag- 
gior serenità e profondità di sentimento, e le forme scultorie del santo 
che fissa in alto lo sguardo doloroso accennano alla molle grazia ed al 
sentimentalismo che più tardi illanguidiranno le figure del Maestro. 

Di poco anteriore a questo mutilo affresco, e forse del 1475 quando 
Pietro soggiornò a Perugia, ritengo la tavola dell'Adorazione dei Magi, 
già in Santa Maria Nuova ed ora nella Galleria Nazionale di Perugia, 
ricordata dal Vasari, e dove nell'ultima figura a sinistra il Perugino si 
ritrasse trentenne. È la più antica pittura umbra eseguita ad olio. La 
personalità del Maestro non è fissata: il grande albero al centro del pae- 
saggio è una reminiscenza di Piero dal Borgo; le mani di San Giuseppe 
hanno la durezza di quelle di Luca Signorelli ; le figure, drappeggiate 
plasticamente, sono fiorentine, ma ingentilite. Il Maestro guarda ancora 
attorno a sé, studia i suoi grandi contemporanei, si affatica in problemi 
di tecnica, s'indugia in virtuosità di luci e di ombre, come nel profondo 
partito di pieghe della Vergine assisa, ma si muove nobilmente nel- 
V orbita della pittura toscana, senza aver trovato se stesso, quasi non 
osando manifestare l'originalità del suo genio. 

Alla giovinezza del Maestro è stato attribuito un gruppo di pitture 
che hanno fra loro innegabili affinità, ma che per la nostra ignoranza di 
opere certe di Pietro di Cristoforo anteriori al 1478 non è possibile ascri- 
vere a lui con sicurezza. Tralascio l'assunzione della Vergine, ora nella 
Galleria di Borgo San Sepolcro, che si distacca da questo gruppo e nulla 
induce a ritenerla opera sua, e ricordo solo due santi nell' Oratorio dei Pel- 
legrini o di S. Antonio in Assisi, la predella del Louvre con la Pietà e mira- 

28 



coli di S. Gerolamo (n. 1415), una Pietà fra la Maddalena e San Girolamo 
dipinta su tela nella Galleria di Perugia (n. 220) e, infine, 1' unica opera da- 
tata, 1473, cioè le otto tavole con miracoli di S. Bernardino (n. 222-229) 
pure nella Galleria di Perugia. I rapporti fra questi piccoli capolavori e 
F arte del Perugino e, sopratutto, del Pintoricchio, sono evidenti, ma 
mancano alcuni anelli per poterli saldare alla catena delle loro opere 
certe; né sappiamo dire se i due maestri ora ricordati attingessero e 
s' inspirassero a questi quadretti, o se essi stessi ancor giovani fissassero 
su queste tavole i primi meravigliosi germi della loro arte. Data l' indole di 
questo lavoro, non possiamo che accennare a questo attraente problema, e 
ricordare le opere sicure e caratteristiche di Pietro Vannucci. 

Nel 1479-1481, quando cioè il Venturi ritiene che il P. si recasse 
a Loreto ad affrescarvi in compagnia di Luca Signorelli, doveva invece 
essere a Roma e dipingere la mezza cupola dell' abside di San Pietro 
ed iniziare la decorazione della Cappella Sistina. Per queste pitture non 
abbiamo che l'allogazione dell'ottobre 1481, fatta a Pietro di Cristoforo 
e ad altri pittori fiorentini, per sole dieci storie dell' Antico e Nuovo Testa- 
mento : le altre sei doveva averle già condotte a termine il Perugino con i 
suoi aiuti. Nella parete d' altare aveva dipinto un' Assunzione lodata da Sigi- 
smondo dei Conti che la dice eseguita con tale arte da sembrare che Maria 
si sollevasse da terra per volare in cielo. Ai lati aveva affrescato il Ritro- 
vamento di Mosè e la Nascita di Cristo, le prime storie dei due cieli, distrutte 
da Michelangelo quando affrescò in quella parete il Giudizio Universale. 

Oggi, del nostro Maestro, rimane solo la Circoncisione dei figli di Mosè 
e il Battesimo di Cristo, con larga collaborazione del Pintoricchio, e 
la Consegna delle chiavi. Questo affresco grandeggia solenne fra tutti 
per la monumentalità e la chiarezza della composizione. Sapiente distri- 
buzione dei personaggi, intensità di colorito, abilità tecnica nel dipingere 
con rapida e sicura pennellata in affresco, nobiltà, varietà di tipi, profon- 
dità di tratti, modellato largo e potente. Il maestro migliorerà col tempo 
F armonia fra le figure ed il fondo e 1' architettura, curerà maggiormente le 
attitudini dei singoli personaggi, ma con "la Consegna delle Chiavi — 
come scrive il Venturi — la pittura italiana segnava un gran passo 
nell' ammodernarsi dell' arte „. 

Nel Battesimo ritroviamo ancora la mano di Pietro, sebbene larga- 
mente aiutato dal Pintoricchio, mentre la Circoncisione dei figli di Mosè 
appare quasi del tutto eseguita da quest' ultimo, forse con la collaborazione 
di Pier Matteo da Amelia. 



29 



Lasciati i suoi scolari ed aiuti alla Sistina, Pietro andò a Firenze, 
e di lì probabilmente a Pesaro dove eseguì due ritratti di Costanzo Sforza 
()$< 1483) l'uno di profilo e l'altro di fronte; ritratti poche decine d'anni 
dopo distrutti da un incendio, mentre si salvò una testa di Cristo pure 
dipinta per i Signori di Pesaro. Ed è probabile che poi facesse ritorno 
a Roma per lavorare alla Sistina, che fu inaugurata nell'estate del 1483. 
Dopo quest' anno lavorò a Perugia, a Castel della Pieve, di nuovo a Roma, 
a Firenze e in Assisi. 

Per la chiesa di Cestello i fratelli Nasi nel 1488 gli allogarono la 
tavola con la Visione di San Bernardo (ora a Monaco), finita di dipin- 
gere l'anno seguente. Il Gronau non accetta questa data, fornitaci da 
fonte sicura, e ritiene il quadro della Pinacoteca di Monaco posteriore al 
1493. La giovanile freschezza di questa tavola, e i richiami all' affresco 
della Consegna delle chiavi, specie nella testa barbuta dietro il fondatore 
de' Cistercensi, non contrastano con la data 1489. Qui per la prima volta 
il Maestro dispose le figure sotto un portico con arcate sorrette da pilastri 
quadri in pietra serena. Il Vasari descrive un suo affresco per i Gesuiti 
a Firenze : "e vi fece una prospettiva bellissima che sfuggiva, la quale 
fu molto lodata, e meritatamente, perchè ne faceva Pietro professione 
particolare „. 

La composizione è perfettamente equilibrata, tre figure a destra e 
tre a sinistra, e, nel centro, sotto una fuga d'archi, un incantevole e 
limpido paesaggio umbro, del tutto simile a quello della seconda tavoletta 
dei Miracoli di San Bernardino, nella Galleria di Perugia. 

Tutte le figure, di nobili proporzioni, sono lumeggiate sapientemente, 
il colorito è caldo e robusto, l' aria circola, e paesaggio, architettura e 
Santi si fondono in una composizione armoniosa, pervasa da un profondo 
sentimento di religiosa pace. 

. Poco dopo in Roma, per il cardinale della Rovere eseguisce una pala 
d' altare, a forma di polittico, con la Natività, l' Annunciazione, la Croce- 
fissione e Santi. Anche qui ripete il portico in prospettiva, e tutte le 
figure di queste scene le ritroveremo o separate o riunite nelle sue opere 
posteriori, e probabilmente la Natività e la Crocefissione derivano da 
quelle affrescate nella Cappella Sistina. Il polittico è firmato e datato 1491 : 
per la delicatezza e P armonia del colorito, per le forme idealizzate e fio- 
renti di gioventù, anche quest' opera è fra le sue migliori. 

Di poco anteriore è il trittico di Pietroburgo con il Crocefisso fra 
Maria e S. Girolamo, S. Giovanni e la Maddalena, già attribuito a Raf- 

30 



faello, ma che sappiamo donato nel 1496 da Bartolomeo vescovo di Cagli 
alla Chiesa dei Domenicani di S. Gemignano. La forma delle figure inso- 
litamente allungate, e, sopratutto, lo sviluppo e, direi, la preponderanza 
del paesaggio, non hanno riscontro nelle altre opere del maestro, che quasi 
sempre si serve di una molle linea di colline leggermente ondulata e 
depressa al centro, con un cielo chiaro all' orizzonte, radi alberelli di 
poca fronda, e campisce in verde olivo il terreno del primo piano, privo 
di piante e di arbusti. Dipingendo questo piccolo trittico ricordò i suoi 
compagni di lavoro alla Sistina, Pintoricchio e Luca da Cortona, l' uno 
per il paesaggio, e l'altro per le proporzioni delle figure. 

Anche anteriore alla Crocefissione dell' Eremitaggio è quella di S. Maria 
della Calza, ora agli Uffizi, eseguita in collaborazione col Signorelli, cui 
si debbono il S. Gerolamo e la Maddalena. 

Nel 1492 rimase a Roma ai servizi del cardinale Giuliano della 
Rovere, ma, dopo l' elezione di Alessandro VI, che a lui preferì il Pinto- 
ricchio, se ne tornò a Firenze, dove V attendevano importanti ordinazioni. 
Per S. Domenico di Fiesole condusse a termine nel 1493 la Vergine fra 
il Battista e S. Sebastiano (Uffizi), tavola lodata dal Vasari. Le figure, al- 
quanto gracili, ma pur vigorose di disegno e di un modellato morbido e 
sicuro, hanno ormai raggiunto il tipo cui aspirava il Vannucci. Piena di 
grazia è la giovane Vergine, bene aggruppata col Putto paffutello, volto 
verso il Battista che ha un manto panneggiato largamente. La stessa 
Vergine lo stesso anno ripetè nella tavola del Hofmuseum di Vienna, 
di cui si ignora la provenienza : le relazioni stilistiche fra le due opere 
sono evidenti, ma quest' ultima è meno felice e nella composizione e 
nella scelta dei tipi. 

Con l'anno 1493 coincide anche la sua maggiore attività per i Ge- 
suati di S. Giusto, la cui chiesa e monastero andarono demoliti nel 1529 
prima dell' assedio di Firenze. Il Vasari descrive gli affreschi distrutti : 
" fece in un muro del primo chiostro una Natività coi Magi, di minuta 
maniera, che fu da lui con vaghezza e pulitezza grande a perfetta fine 
condotta : dove era un numero infinito di teste variate e ritratti di natu- 
rale non pochi; fra i quali era la testa di Andrea Verrocchio suo maestro. 
Nel medesimo cortile fece un fregio sopra gli archi delle colonne, con 
teste quanto il vivo, molto ben condotte; delle quali era una quella del 
detto priore, tanto viva e di buona maniera lavorata, che fu giudicata da 
peritissimi artefici la miglior cosa che mai facesse Pietro. Al quale fu fatto 
fare nell'altro chiostro, sopra la porta che andava in refettorio, una storia, 



31 



quando Papa Bonifazio conferma l' abito al beato Giovanni Colombino ; 
nella quale ritrasse otto di detti frati, e vi fece una prospettiva bellissima 
che sfuggiva... sotto a questa, in un'altra storia, cominciava la Natività 
di Cristo con alcuni Angeli e pastori, lavorata con freschissimo colorito : 
e sopra la porta del detto oratorio fece in un arco tre mezze figure : la 
Nostra Donna, San Girolamo ed il Beato Giovanni ; con sì bella maniera 
che fu stimata delle migliori opere che mai Pietro lavorasse in muro „. 

Oggi non restano che le tavole dipinte per i Gesuati e descritte dal 
Vasari, e cioè l' Orazione nell' Orto, la Crocefissione, e la Pietà. 

Il Cristo morto è sostenuto da Maria, da Giuseppe d'Arimatea e dalla 
Maddalena, mentre ai lati stanno ritti in piedi Giovanni e Nicodemo : 
nel fondo una fuga d' archi sorretti da pilastri, in rigorosa prospettiva. 
La simmetrica disposizione delle figure non manca di grandiosità; in 
ogni testa è impresso un vario e profondo sentimento di pietà e di dolore, 
ogni figura ha l' attitudine che le conviene. Padrone della matita e della 
tavolozza, disegna e colorisce con sicurezza stupenda. Non mancano remi- 
niscenze di grandi contemporanei: la Maddalena che contempla le piaghe 
dei piedi di Cristo, ricorda il Signorelli; il panneggio alquanto greve delle 
vesti richiama il Pollaiolo, ma il Perugino pur mostrandosi studioso dei 
grandi maestri del tempo, nulla sacrifica della sua personalità, e crea 
un capolavoro. 

Di un' altra Pietà simile a questa, con le figure invertite, abbiamo 
memoria in una stampa che conservasi presso il Duca d' Orléans, ma 
1' originale è perduto. Altra Pietà affrescò in S. Pier Maggiore a Firenze 
e appena un'ombra se ne conserva nella cappella di Palazzo Albizzi. 
Appartiene a questo periodo 1' inspirata figura del S. Sebastiano passato 
dalla Collezione Sciarra al Louvre ; il San Sebastiano della Borghese è 
una replica del maestro, ma tarda e debole. 

In Firenze nel luglio 1494 eseguì il vigoroso ritratto di Francesco 
delle Opere, fratello di Giovanni delle Corniole, e circa dello stesso tempo 
è l' altro forte ritratto della Borghese, già ascritto a Raffaello. Neil' agosto 
del 1494 Pietro va a Venezia dove, se nulla conclude per la decorazione 
della sala del Gran Consiglio di Palazzo Ducale, sembra però che vi ese- 
guisse un Miracolo della Croce per la scuola di San Giovanni Evangelista, 
quadro distrutto dal fuoco (Cavalcaselle, IX, 206). 

E in Cremona lo stesso anno dipinse a olio una Madonna col Bam- 
bino fra S. Giacomo e S. Agostino, quadro che, pur fra i ritocchi e le 
rovine, mostra e bellezza di forme e solidità di colorito forse avvivato 

32 



in seguito alla sua visita alla città della laguna. Alla fine di ottobre è 
di nuovo a Firenze e mette mano alla grande Pietà per le monache di 
S. Chiara (Pitti) datata 1495. 

" Lavorò alle donne di Santa Chiara — scrive il Vasari — in una 
tavola un Cristo morto con sì vago colorito e nuovo, che fece credere 
agli artefici d' avere a essere meraviglioso ed eccellente. Veggonsi in queste 
opere alcune bellissime teste di vecchi, e similmente certe Marie che, restate 
di piagnere, considerano il morto con ammirazione ed amore straordinario : 
oltreché vi fece un paese che fu tenuto allora bellissimo per non si essere 
veduto il vero modo di fargli, come si è veduto poi. Dicesi che Francesco 
del Pugliese volle dare alle dette monache tre volte tanti danari quanti 
elle avevano pagato a Pietro, e farne far loro una simile a quella di mano 
propria del medesimo ; e che elle non vollono acconsentire, perchè Pietro 
disse che non credeva poter quella paragonare „. E non si apponeva male, 
che, più tardi, mai riunì in una sola opera tanti pregi quanti se ne ammi- 
rano in questa Pietà. Padrone del soggetto, infonde ai personaggi la 
passione, l'atteggiamento, lo spirito che loro si conviene: smagliante il 
colorito, giuste le luci, misurata e disinvolta la composizione. 

" Le figure di questa tavola — così il Cavalcasela — preconizzano 
quella splendida pittura del XVI secolo che è la Pietà di Fra Bartolomeo 
a Pitti, nella cui maggiore spontaneità e nel cui più intenso sentimento 
si rintraccia una felice impronta derivata dal Perugino ,,. 

Questo quadro accrebbe ancora la fama già grande del grande Maestro : 
in tutta Italia si disputavano le sue opere, e i principi facevano a gara 
per averne. Il Perugino moltiplica febbrilmente la sua attività : la tavola 
di Santa Chiara è datata 1495, nello stesso anno rinnova il contratto e 
conduce a termine la tavola per la Cappella dei Priori di Perugia; mette 
mano alla grandiosa Ascensione per i monaci di San Pietro, (Lione) e la 
finisce l'anno seguente, all' infuori degli ornati dell'incorniciatura; il solenne 
affresco di Cestello (S. M. Maddalena dei Pazzi) ordinatogli nel 1493, è 
scoperto il 20 aprile 1496. Oltre queste opere, altre, non datate, appartengono 
a questo periodo. 

Alla fine del '400 un anonimo scrive : " El perusino maestro singolare 
et maxime in muro. Le sue cose hano aria angelica et molto dolce „. Era 
giunto all' apogeo della sua arte : ricco, onorato, sovraccarico di lavoro, co- 
mincia ad esaurirsi per lo sforzo tenace e lotta per conquistare il pri- 
mato nell' arte della pittura, e, quasi avesse coscienza di non poter far me- 
glio e perfezionarsi e tentare altre vie, si riposa sugli allori conquistati. 



33 



intento a procacciarsi lucrose commissioni. Egli non crea più : i vecchi 
disegni servono per i nuovi quadri ; i garzoni ed aiuti da cui era circon- 
dato, i giovani che da ogni parte d' Italia accorrevano alla sua bottega, rove- 
sciano i cartoni, ingrandiscono i suoi schizzi, li riportano sul muro fresco 
o sull' imprimitura delle tavole, e collaborano largamente alla sua pro- 
duzione. Numerosi documenti di questo tempo ci attestano che era repu- 
tato il miglior pittore che fosse allora : ma altri astri luminosi sorgevano al- 
l' orizzonte, facendo impallidire la gloria del Maestro perugino, e il mag- 
giore di tutti Raffaello Sanzio, veniva nella sua bottega ad apprendervi l'arte. 
Egli lo istruì, amorosamente, ma chiuso nelle sue visioni, nelle sue for- 
mule, nel tempo passato, non ne intuì il genio, e mai lo comprese. Il mera- 
viglioso, affannoso movimento di ricerche nel campo dell'arte da questo 
tempo in poi, lo lascia indifferente, neppure lo sfiora: la nuova genera- 
zione, Raffaello, Michelangelo, Tiziano, Sebastiano del Piombo, fra Bar- 
tolomeo, il Sodoma, Andrea del Sarto, egli li ignora completamente. Per un 
quarto di secolo dipingerà ancora, senza posa, attingendo esclusivamente a 
se stesso, al suo periodo glorioso. Il Cinquecento sboccia, fiorisce, irrompe, 
travolge la vecchia arte : ma il Perugino non si muove più nel tempo, 
getta l' ancora e la corrente nuova lo sorpassa. 

Se le pitture eseguite a San Pietro di Perugia, a Fano, Sinigallia, 
Pavia, Vallombrosa, nelP Udienza del Cambio recassero una data anteriore 
di una decina d' anni, certo s' imporrebbero maggiormente alla nostra am- 
mirazione. Ritmo piacevole di forme, forza plastica, colorito robusto ed 
armonioso, composizione chiara ed equilibrata e tecnica sapiente, ma anche 
un sentimento convenzionale di grazia e di languore, una uniformità di 
tipi e di espressione, un ripetersi di figure che già ci sono note. 

In questo momento la sua arte ci interessa sopratutto per quello che 
Raffaello ne desunse. 

Il lavoro di maggior mole di questo periodo è la decorazione del- 
l' Udienza del Cambio, cominciata nel 1498 e finita nel 1500 come indica 
la data appostavi sulla parete destra : in un registro di quel tempo un 
giurato del Cambio lasciò scritta questa terzina : 

Pietro perugino e' ogni altro vinse 

nella pictura quivi designò 

di propria mano et con ingegno pinse. 

Il Vasari dice che si servì come aiuto di Andrea di Aloigi detto 
l' Ingegno, i documenti di archivio ricordano Gian Francesco detto il 

34 



Fantasia e Roberto da Montevarchi ; è probabile che, trovandosi allora 
il Sanzio a Perugia, anche egli servisse al Maestro da garzone. 

Com' è noto, tutta la campata di destra dov' è inscritta la data M D, con 
F Eterno, le Sibille e i Profeti fu attribuita recentemente a Raffaello : 
l'ipotesi è assurda. Contrastano nettamente i documenti, la cronologia e 
F esame stilistico dell' affresco. Non è dubbio, come scriveva in cattivi versi 
il giurato del Cambio che fu presente ai lavori, che il Perugino "quivi 
designò di propria mano „ dalla volta, colorita in parte da scolari, a tutte 
le figure delle pareti, dove, le teste almeno, sono anche eseguite di sua mano. 

Quel che s'impone sopratutto alla nostra ammirazione in questa sala 
del Cambio, è l'insieme organico e armonioso dell'ambiente e della deco- 
razione, il tutto in meraviglioso stato di conservazione. Ogni parte dà valore 
alle altre, e pittura, scultura e architettura si fondono mirabilmente. Il 
programma pittorico fu concepito dal Maturanzio : gli Eroi e i Sapienti 
dell' antichità, le Sibille e i Profeti che predicono il Cristianesimo, e il loro 
avvento figurato dalla Natività, simbolo dell'incarnazione, e dalla Trasfi- 
gurazione che afferma il riscatto. Ma se F umanista provinciale dettò i 
soggetti secondo lo spirito neo-platonico di Marsilio Ficino, Pietro non 
li intese, ed ai guerrieri del mondo classico, allineati come se le colon- 
nette di un polittico dovessero incorniciarli, diede la stessa espressione 
di languida santità che alle figure religiose. 

Dicemmo che verso il 1495 era giunto all'apogeo della sua arte: ma 
sui primi anni del nuovo secolo giunse all'apogeo della sua fama. 

Agostino Chigi il 7 novembre 1500 scrive a suo padre Mariano: 
"Sopra la cappella vostra ho visto l'intenzione vostra... che voi dite aver 
parlato a Mastro Pietro Perugino, vi dico, che volendo fare di sua mano, 
Lui è il meglio Mastro d' Italia. E questo che si chiama Patorichio è 
stato suo discepolo, il quale al presente non è qui, altri Mastri non ci sono 
che vagliano „. Così il Magnifico mecenate, in Roma, giudicava il pittore 
Perugino; e due anni dopo gli affidava il quadro per la sua cappella in 
S. Agostino a Siena, per l'enorme somma di duecento ducati d'oro. 

Lo stesso anno Isabella Gonzaga scrive da Mantova a Giovanna da 
Montefeltro perchè faccia pratiche col Perugino per ottenere un quadro 
di sua mano per lo studiolo e Giovanna risponde : " ho mandato a procurar 
che la sia servita, benché quello homo è difficile ad indurlo,,. E l'anno 
seguente Lorenzo da Pavia scrive da Venezia alla marchesa di Mantova 
consigliandola di servirsi dell' opera di lui : " Se la Signoria vostra a mezo 
a Fiorenza pò fare fare un quadro dal Perosino el quale è eccellente 



35 



maestro „. La marchesa accetta il consiglio e scrive l' anno seguente a 
Firenze a Francesco Malatesta : " desiderando nui havere nel camarino 
nostro picture ad historia de li excellenti pictori che sono al presente in 
Italia fra quali il Perusino è famoso, volemo che tu sii cum lui ecc. „. 

L' umanista Maturanzio lo dice : " uomo singulare de quella arte in 
quel tempo per tutto l' universo mondo „. 

Accennammo già agli infruttuosi e ripetuti tentativi del duca di Milano 
per averlo alla sua corte, ed alle lettere spedite a tal fine a Venezia 
ed ai Baglioni di Perugia. Ma in Firenze, ne' cenacoli dei pittori, l'opera 
di Pietro cominciava ad essere criticata aspramente per il monotono ripe- 
tersi delle figure. Michelangelo, come narra il Vasari, disse al Vannucci 
in pubblico "ch'egli era goffo nell'arte,, e quando fu scoperta la tavola 
dell' Assunzione dell' Annunziata " fu da tutti i nuovi artefici assai biasi- 
mata e particolarmente perchè si era Pietro servito di quelle figure che 
altre volte era usato mettere in opera : dove tentandolo gli amici suoi 
dicevano che affaticato non s'era, e che aveva tralasciato il buon modo 
dell' operare o per avarizia o per non perder tempo. Ai quali Pietro rispon- 
deva : Io ho messo in opera le figure altre volte lodate da voi e che vi sono 
infinitamente piaciute : se ora vi dispiacciono e non le lodate che ne posso 
fare io ? „. E il Maestro " vedendosi occultare la grandezza di quel nome 
che con sì grande principio per tutto aveva acquistato „ pensava ormai 
di lasciare la riva dell'Arno per Perugia, dove infatti il 1° gennaio 1501 
prese in affitto due botteghe sotto il Palazzo delle Scuole, in piazza Pic- 
cola o del Sopramuro. Tuttavia nei primi anni del nuovo secolo alternò 
la sua dimora fra Perugia e Firenze dove lo chiamavano i suoi affari 
privati e numerose commissioni. 

La grande pala con l'Assunzione per i monaci di Vallombrosa, ora 
agli Uffizi, datata 1500, sebbene in parte composta di cartoni già usati, 
è grandiosa nell' insieme e ricca di pregi. Il Maestro possiede in sommo 
grado il sentimento del bello e la facoltà di esprimerlo : il tipo solenne 
dell' Eterno rivaleggia — come scrive il Cavalcasela — con quelli poste- 
riori di Raffaello, la figura della Vergine che apre gli occhi al cielo per 
contemplarlo è una delle più belle per forma, per fattezze, per atteg- 
giamento di quelle condotte dal Perugino; e i quattro santi che si vedono 
nel primo piano sono invenzioni di figure isolate veramente magnifiche. 
Nei due ritratti di monaci, già uniti alla tavola, mostra di possedere una 
sicura larghezza di disegno. 

Dopo quest'opera il colorito del Perugino tende a diventare più chiaro 

36 



e trasparente: l'ultramare, il giallo, il rosso si smorzano e illanguidiscono 
pur mantenendo una meravigliosa armonia cromatica. Il primo esempio 
lo abbiamo nella tavola doppia per S. Francesco al Monte con il Croce- 
fisso e l'Assunzione dipinta nel 1502, ed ora nella Galleria di Perugia 
e lo Sposalizio, già nel Duomo di Perugia ed ora nel museo di Caen. Non 
più lo smalto sonoro delle tavole fiorentine, ma un colorito leggero lim- 
pido, un succedersi di mezzi toni che si richiamano e si fondono quasi 
che non della tecnica ad olio da lui preferita, ma di succhi d' erba si 
fosse servito. Carni rosate, cieli chiari che imbiancano all'orizzonte, verdi 
teneri nelle colline : le figure talvolta anche difettose nel disegno quando 
la collaborazione degli aiuti più si appalesa, hanno pur sempre una squi- 
sita soavità di sentimento, e l'aria circola e avvolge paese e persone in 
una vaporosa serenità. Per il suo castello nativo affrescò nel 1504 una 
grande Adorazione dei Magi nella fraternità dei disciplinati. L' insieme 
è buono, ma la collaborazione soffoca l'opera del maestro : così pure l' altro 
grande affresco dell'anno seguente per l'oratorio di S. Sebastiano in Pani- 
cale, di un' insolita intonazione giallognola, accusa la fretta e qua e là 
la mano inesperta di un aiuto, ma la figura principale, colorita con rara 
semplicità di mezzi e il paesaggio largo ed arioso sono mirabili. 

In questo tempo di quando in quando tornava a Firenze dove senza 
voglia e ad intervalli lavorava al pannello Lotta fra amore e castità, 
per Isabella Gonzaga. E riuscì cosa assai meschina, e con lui se ne 
dolse la marchesa: "quando fusse stato finito cum magior diligentia... 
seria stato magior honore vostro et più nostra satisfazione „. Il pittore 
di Santi e di Madonne soavi non seppe interpretare la " fantasia „ della 
marchesa, si trovò a disagio e nella tecnica a tempera usata per uniformarsi 
al Mantegna, e nel soggetto sì diverso da quelli del suo repertorio pittorico 
e nella poca pratica nel dipingere piccole figure. Pure in quel tempo a 
Firenze nel completare la Deposizione cominciata da Filippino Lippi per 
i Servi dell'Annunziata, ritrovò nella perfezione tecnica, nella larghezza 
del tocco, nella profondità del colorito qualche accento degno del suo 
miglior periodo. Ma non così nell' Assunta dipinta per la stessa chiesa, per 
cui si ebbe le beffe dei suoi amici per essersi valso di vecchi disegni, 
ed anche di aiuti. 

La Madonna fra S. Girolamo e S. Francesco, già nel Palazzo Penna 
a Perugia, ora a Londra, sembra invece eseguita tutta di sua mano con 
pennello scorrevole e colorito caldo e vivace. 

Con mano stanca nel 1508 circa decorò in Vaticano la volta della 



37 



sala oggi detta dell'Incendio di Borgo. A Roma trovò il Bazzi, il Peruzzi, 
il giovane Sansovino; e con Luca Signorelli, Pintoricchio e Giambattista 
Caporali fu a cena in casa di Bramante; a Roma ritrovava Michelangelo 
• che il 10 maggio 1508 dava principio alla pittura della volta della Sistina, 
Raffaello da Urbino incaricato di rinnovare la decorazione delle stanze in 
Vaticano! Il Maestro, maturo d'anni, sentì con amarezza che ormai 
sopravviveva a se stesso e che la fama e la gloria erano per le giovani 
nuove energie che sbocciavano alla corte di Giulio II. E se ne tornò a 
Perugia. Da qui si recò ancora a Siena e a Firenze, e, dopo il 1512, 
non lasciò più l' Umbria. 

È triste seguirlo in questi ultimi anni : anche a Perugia vedeva i suoi 
discepoli, Berto di Giovanni, lo Spagna, il Caporali, Giannicola di 
Paolo allontanarsi dai suoi insegnamenti per seguire Raffaello, il Sodoma, 
Andrea del Sarto. I documenti di archivio seguitano a ricordarlo con 
titoli pomposi : pittore celeberrimo, famosissimo, insigne, ma ormai la 
sua stella tramonta, 1' arte diviene mestiere e, chiuso nell' immobilità della 
sua fantasia, sordo ai richiami dei nuovi genii, percorre a ritroso la strada 
già fatta, sempre più debole e stanco. Il disegno perde di forza, trascura 
la diligenza dei particolari, il colore si fa più leggero e trasparente, ma 
pur sempre, fino all' ultimo, conserva una gradevole armonia di tinte. 

In Perugia stessa le migliori commissioni sono accaparrate dai suoi 
scolari : e il maestro vaga per i paesi vicini, a Castel della Pieve, a 
Montefalco, a Trevi, a Spello. 

Nel 1521, i camaldolesi di San Severo di Perugia, perduta la speranza 
con la morte del Sanzio di aver compiuto da lui l'affresco cominciato 
nel 1505, affidarono a Pietro la pittura della parte inferiore di quella pa- 
rete. Vi allineò sei santi, ai lati di una nicchia, figure imbambolate, 
floscie, stanche. 

Scrive il Venturi che Pietro, levando gli occhi in su si avvide della gran- 
dezza annunciata da quell' affresco del giovane che era stato suo scolaro e 
s' accorse come Raffaello avesse acceso di novello fulgore l' arte appresa 
dal Maestro del Cambio. No, il vecchio maestro non sentì nulla, non si accorse 
di nulla. Non una reminiscenza, non un accenno raffaellesco anima quella 
meschina teoria di santi, vecchi cartoni voltati e rivoltati, la consueta posa 
estatica con un piede a terra e 1' altro un po' sollevato, i consueti tipi, le 
solite pieghe dei manti che cadono a diagonale, una povertà desolante. 

Il Perugino, dopo il Cambio, guardò sempre e unicamente indietro alla 
propria arte : mai attorno, mai innanzi a sé. 

38 



La morte lo colse ottantenne, sulle palcature della chiesuola di Fon- 
tignano, dove con mano tremante ripeteva per l'ultima volta la sua vecchia 
formula del Presepio. 

La prima pittura certa del nostro Maestro, il S. Sebastiano di Cerqueto 
fu eseguita in tempo di peste. In occasione della peste del 1523 fu chia- 
mato a decorare la chiesa di Fontignano dove ai lati della Natività aveva 
dipinto i santi protettori contro il terribile morbo, Rocco e Sebastiano. 
E la figura di questo santo, bello come un Efebo, ripetè costantemente 
ogni volta che la morìa gettava il terrore e la desolazione in questa ridente 
regione. Ma la crudele malattia, che pure gli valse innumerevoli com- 
missioni da quelli che, scampati, scioglievano il voto al santo protettore 
non risparmiò il vegliardo che morì tristemente nel solitario villaggio, 
dove fu sepolto senza onori in un campo, sotto una quercia. 

Pietro di Cristoforo aprì nuove strade alla pittura italiana, l' arricchì 
di nuove forme, e, con l'assidua ricerca del bello, schiuse la via al Sanzio 
e a gran parte delle generazioni a venire. Verso il 1500 è il maestro 
che tiene il campo, e tutte le scuole d'Italia, Piemonte, Lombardia, Veneto, 
Emilia, Toscana, Marche, Umbria, Lazio e pur la Sicilia risentirono più 
o meno profondamente la sua influenza. I suoi tipi, le sue composizioni, 
passarono i confini, e li troviamo non solo nelle officine dei tessitori 
di Fiandra, ma, come fu dimostrato recentemente, fin anco nei miniatori 
persiani. 

Lavoratore tenace, instancabile, sostenuto da una volontà ferrea, animato 
da vasta ambizione e, più tardi, da desiderio di lucro, la lunga vita dedicò 
tutta e soltanto all' arte sua. 

Tecnico prodigioso, infonde alla sua opera intensità e vibrazioni cro- 
matiche calde e luminose : alla composizione apporta chiarezza ed equi- 
librio mirabili. Figure, paesaggi, prospettive, tutto avvolge d'aria e di luce, 
tutto armonizza fra terra e cielo, tutto prende parte all'azione. Fu poeta 
lirico e non drammatico: non in lui la preponderanza per la plastica 
dei toscani, ma l' espressione spirituale ; non lo studio della natura vista 
a traverso la realtà, ma forme elaborate nell' interno raccoglimento delle 
sue visioni. 

Prese da Firenze la saldezza costruttiva del disegno, la virtuosità della 
tecnica, i sapienti giuochi di luci e di ombre, ma nulla sacrificò del suo 
sentimento schiettamente umbro. 

Creatore del paesaggio a grandi linee ondulate, apportò all'arte figure 
nuove per grazia e bellezza, espressioni nuove per raccoglimento o fervore 

39 



religioso, languidezza o serenità ultra terrena. Tale fu il Perugino negli 
anni suoi gloriosi. 

Poi, stanco, si ritira dalla lotta, torna alle dolci colline native, con la 
fantasia ormai inaridita, lontano da studi e da ardue elaborazioni. Cir- 
condato da aiuti, la sua arte trasforma in mestiere, e si ripete, e si 
ripete e si ripete, spinto ormai da una sola molla, quella del lucro. 

Non questa figura di vecchio ombroso e caparbio sfruttatore di se 
stesso e del suo genio, a noi può interessare, ma il giovane che, lasciato 
il suo villaggio, armato di volontà e di sana ambizione, va alla ricerca dei 
grandi maestri per divenire grande alla sua volta, va in Arezzo ad 
apprendere i saldi principi della prospettiva, va a Firenze dal Verrocchio 
ad apprendere il fermo disegno e la plastica, va solo, sconosciuto, senza 
mezzi di fortuna nella ricca città dell'Arno, nuovo fra maestri famosi, 
ed emerge, nella impari ed aspra lotta, spronato dall' emulazione. A 
noi interessa l' uomo che sulle palcature della Sistina, in concorrenza 
col fiore degli ingegni toscani, vinse una superba battaglia. 



40 



BIBLIOGRAFIA 



Bartoli. Elogio di P. Perugino. Perugia, 1855. 

Berenson B. Central italian painters of the renaissance. London, 1909. 

Berenson B. The study and criticism of italian art. II, 1 segg. 

Bertini-Calosso. L' Orfeo ed Euridice attribuiti al Perugino. Per Nozze Fedele-De Fabri- 
tiis. Napoli, 1908, 221. 

Bolletti. Notizie istoriche di Città della Pieve. 1830, 291 e App., 16. 

Bombe W. Di alcune opere del Perugino. In " Augusta Perusia „ 1908, 81. 

Bombe W. Perugino. Des Meisters Cemàlde. Stuttgart. 1914. 

Bombe W. Geschichte der peruginer Malerei. Berlin, 1912. 

Bonacci Brunamonti A. P. Perugino. In " Rivista Contemporanea „ 1889, fase. 2. 

Borghini R. Il Riposo. Firenze, 1584. 

Braghirolli W. Notizie e documenti inediti intorno a P. Vannucci, in " Giorn. d' erudi- 
zione artistica „ 1873, 73 e segg. 

Broussolle J. C. La jeunesse du Perugia. Paris, 1901. 

Broussolle J. C. Pèlerinages ombriens. Paris, 1896. 

Cantalamessa G. P. P. dal 1495 al 1503. In " Arte e Storia „ II, 191. 

Cantalamessa G. Il P. e Raffaello. In " Italia Artistica „ I, 775, II, 199. 

Canuti F. La casa che fu di Pietro Vannucci in Città della Pieve. In " Boll, di St. Patria 
per l'Umbria „ 1905, 35. 

Crowe and Cavalcaseli^. A history of painting in Italy. Voi. V, ed. by T. Borenius. 
London, Murray, 1914, 283. 

Ferri N. Disegni del P. per il cenacolo di Foligno. In " Misceli. d'Arte „ 1903. 

Ferri N. Di due disegni sconosciuti del Perugino. In " Rivista d'Arte „ 1907, 151. 

Fischel O. Die Zeichnungen der Lmbrer. Berlin, Grote, 1917. 

Fischel O. Pietro P. (per il quarto centenario della morte). In " Kunstchronique u. Kunst- 
markt,, Mai, 1923. 

Galletti G. Lo stile di P. P. e l'indirizzo dell'arte moderna. Bologna, 1887. 

Gaye G. Carteggio inedito di artisti. Firenze, 1839-1840. 

Gnoli U. La storia della pittura perugina (documenti). In " Rass. d'Arte,, 1914, 252. 

"Giornale di erudizione artistica,, 1872, 121, 130; 1874, 53, 177. 



41 



Gnoli U. Raffaello, il Cambio di Perugia e i Profeti di Nantes. In " Rassegna d' Arte „ 

1913, 75. 
Gnoli U. L'arte italiana in alcune gallerie francesi di provincia. In " Rass. d' Arte „ 1908, 

191, 192, 204. 
Gnoli U. L'arte Umbra alla Mostra di Perugia. Bergamo, 1908. 
Gnoli U. La pittura Umbra alla mostra del Burlington Club. In " Rass. d'Arte Umbra „ 

1910, 49. 
Gnoli U. La cittadinanza perugina a P. Vannucci. In " Rass. d'Arte „ 1918, 120. 
Gronau. Raffael. Des Meisters Gemàlde. Stuttgart, 1909. 
Gronau G. P. Perugino a Venezia. In " Rass. d' Arte „ IX, 132. 
Hutton E. Perugino. London, Dukwort. 
Jacobsen E. Umbrische Malerei. Strassburg, 1914. 
Jubinal A. Pérugin, sa vie et ses ceuvres. 1867. 
Knapp F. Perugino, collezione Knachfuss. Leipzig, 1907. 
Lange C. Zu Peruginos Iugendentwicklung. Leipzig, 1885. 
Lanzi Luigi. Storia pittorica d'Italia. Bassano, 1809. 
"L'Arte,, XIII, fase. 2. 

Lermolieff. Perugino oder Raphael. In " Zeitschrift f. bild. Kunst. „ 1882, 8. 
Lermolieff. Raphael Iugendentwicklung. In " Rep. f. Kunstwiss. „ 1882, 147. 
Manari. In " Apologetico „ 1866, p. 440 e segg. 
Manzoni L. In "Bollettino Umbro,, 1898, 511. 
Mariotti. Lettere pittoriche perugine. Perugia, 1788. 
Mezzanotte A. Della vita e delle opere di P. Vannucci. Perugia, 1836. 
Morelli. Della pittura italiana. Milano, 1897. 

Orsini. Vita e Elogio dell'egregio pittore Perugino e degli scolari di esso. Perugia, 1804. 
Pascoli. I. Vite dei pittori perugini. Roma, 1732. 
Passavant. Raphael von Urbino. Leipzig, 1839. 
Patricolo A. Nuove indagini relative allo studiolo di Isabella d' Este a Mantova. In 

"Rass. d'Arte,, 1901, 37. 
Perkins F. M. La pittura all' Esposizione d' arte antica di Perugia. " Rassegna d' Arte „ 

1907, 117. 
Phillips C. Perugino. In " Portfolio „ London, 1893. 
Robinson. A criticai account of the Drawings of Michael Angelo and Raffaello in the 

University Galleries Oxford. Oxford, 1870. 
Rosini. Storia della pittura italiana. Pisa, 1847. 

Scalvanti O. Arte a Bettona. Per Nozze Pompilj-Aganoor. Perugia, 1901. 
Siepi. Descrizione di Perugia. Perugia, 1822. 
Sillani T. P. Vannucci detto il Perugino. Torino, 1915. 

Siren O. Dessins et tableaux... dans les collections Suèdes. Stockbolm, 1902. 
Steinmann E. Die Sixtinische Kapelle. Miinchen, 1901. 
Venturi A. Studi sull'Arte Umbra del 400. In "L'Arte,, XII. 
Venturi A. Signorelli, Perugino e Pier d'Antonio Dei a Loreto. In "L'Arte,, 1911. 
Venturi A. L'arte giovanile del Perugino. In "L'Arte,, 1911. 
Vermigligli G. B. Di uno scritto autografo di P. Perugino. Perugia, 1820. 
Vermiglioli G. B. Due scritti autografi del pittore P. P. scoperti nella sua patria nel 1835. 

Perugia, Baduel. 
Vermiglioli G. B. Memorie di B. Pintoricchio. Perugia, 1837. 
Wickhoff F. Uber einige Zeichnungen des Pintoricchio. In " Zeitscbrift f. bild. Kunst. „ 

1884, 56. 
Williamson G. C. Pietro Vannucci called Perugino. " London, Boll. „ 1908. 

42 



APPENDICE 



ELENCO DEI DIPINTI 



ALNWICK CASTLE. Coli. Northumberland. S. Caterina e S. Maria Egiziaca. 

Erroneamente il Cavalcasela (IX, 240) scrive che questi due quadretti provengono dalla 
chiesa di S. Fortunato di Perugia: erano invece nella Coli. Borgia-Montemelini, dove li vide 
l'Orsini (Guida di Perugia, 1784, 134). Passarono poi al Pai. Camuccini a Roma. 

Li ricorda anche il Passavant che li attribuisce a Raffaello : la quale attribuzione accetta 
anche il Cavalcasela?, mentre il Berenson li annovera fra le opere di Pietro. 

Questi quadretti mi sono sconosciuti. 

ALTEMBURG. Lindenau Museum, 114-115. S. Elena e S. Antonio da Padova. 

Provengono dalla SS. Annunziata di Firenze, dov'erano ai lati della Deposizione dalla 
Croce e dell' Assunta ; li ricorda il Vasari (III, 586, n.) in numero di sei. Altri due sono 
ora a Meiningen ; degli altri si ignora la sorte. Su disegni del Perugino questi santi furono 
probabilmente eseguiti da quel Francesco di Niccolò pittore, che nel 1506, 9 gennaio, rice- 
vette dai Serviti 240 fiorini per sua fatica e per avere messo tutto V oro a detta tavola. 
Anche un tal Giuliano di Bartolomeo, che fino al 1511 seguita a riscuotere piccole somme 
a nome del Perugino dai Serviti dell' Annunziata, pare avesse parte a questo lavoro. 

lSCOLI PICENO. Palazzo Odoardi (già nel). Madonna in trono fra S. Giovanni Bat- 
tista e S. Gregorio, S. Giovanni Evangelista e S. Francesco. 1507. 

Attribuitagli dall' Orsini ed Eastlake, ricordata dal Milanesi (Vasari, III 587 n.) e William- 
son, 133. Era sull'altare maggiore di S. Francesco a Montone; fu acquistata dal Vescovo di 
Perugia Odoardi, che l'inviò ad Ascoli nel 1787. Trovasi ora a Buckingham Palace, mentre 
la predella con la Nascita di Maria, lo Sposalizio e l'Assunta è alla Brera, 483, sotto il 
nome di Eusebio da S. Giorgio. 

Anche il Vasari (III, 587) alluse forse a questo quadro quando scrisse che Pietro " lavorò 
similmente al Montone „. Ma è opera certa di Berto di Giovanni, al quale venne allogata nel 
1506 e la compì l'anno seguente. 
Orsini. Vita di Pietro, 208; Id. Guida d'Ascoli. 71. 



45 



ASSISI. S. Maria degli Angeli. Crocefissione. Annunciazione. Affresco. 

Trovasi dietro la cappellina della Porziuncola : la Crocefissione fu in parte demolita nel 1700. 
Il Castellani la restaurò nel 1830, e ridipinse quasi del tutto la Annunciazione, ai lati del- 
l'absidiola. Scrive il Vasari che Pietro lavorò "particolarmente in Ascesi a Santa Maria degli 
Angeli „. Questo affresco però non è di sua mano, ma di un seguace, con influenza anche 
del Pintoricchio, del 1500 circa. 
Mazzara S. M. Un capolavoro ignorato di Bernardo Pintoricchio. In "Oriente Serafico „ agosto, 1914. 

BALTIMORA. Coli. Mrs. Iacobs. Madonna in trono fra i santi Sebastiano e Gio. Bat- 
tista, S. Pietro e S. Rocco. 

Si dice provenga da Roma, galleria del Cardinale di Lucca. Lo vidi presso C. Sedelmayer 
a Parigi. È opera di Giannicola di Paolo, verso il 1510. 
Bombe. Perugino. Stuttgart, 1914, 205 e 254. 

BERGAMO. Coli. Lochis. Presepio. 

Lavoro eseguito mettendo insieme vari elementi perugineschi. 

BERLINO. Museo K. Friederich, 138. Madonna, Bambino, S. Giovanni e due Angeli. 
Tondo. 

Non è esposto, e credo si trovi ora nel Provinzialmuseum di Bonn. Dalla fotografia sembra 
opera eseguita in gran parte dal Perugino verso il 1490. Una copia, forse del secolo scorso, 
trovasi nella Galleria di Verona. 

— Museo K. Friederich, 146 A. La cena. Predella. 

Dalla chiesa di S. Agostino di Perugia, altare di S. Tomaso da Villanova. Formava la 
predella del quadro con la Madonna fra S. Tomaso da Villanova e S. Bernardino, S. Gero- 
lamo e S. Sebastiano, ora nella Galleria a Perugia. Il committente e l' anno sono ricordati 
in questa predella: hoc opvs fecit fieri ser bernardinus ser angeli — anno salvtis md. 

È lo stesso disegno del Cenacolo di Foligno (S. Onofrio) a Firenze, e, come quello, è 
eseguito su disegno del Maestro, ma da un allievo, forse da Mariano di ser Eustezio. Fu 
acquistato a Francoforte nel 1883. 
Orsini. Guida di Perugia, 1784, 137-138. 

BETTONA. Galleria. S. Antonio da Padova e Bartolomeo di Pietro da Muraglia. 

BOTO DE MARAGLIA DA PEROGA QVANDO FO PREGIONE DE FRANCIOS CHE FO ADI XI DE FEBRAIO 
MDXII. PETRVS PINXIT DE CASTRO PLEBIS. 

Già in S. Antonio, poi in S. Crispolto di Bettona, e da pochi anni nella Galleria di quella 
città. Gian Paolo Baglioni, comandante le soldatesche Venete, 1* 11 febbraio 1512 fu sconfitto 
al di là del Po, presso la torre di Magnano, da Gaston de Foix. Insieme al capitano Maraglia, 
rimasero prigionieri altri perugini, fra cui Bald. Signorelli. La data dunque non indica l' ese- 
cuzione della tela, che del resto, dallo stile, deve ritenersi di poco posteriore. 
Scalvanti O. L'Arte a Bettona, 1901 ; Briganti F. Bettona. In "Aperusen „ 1922, 218; "Athenaeum „ agosto 1890. 

— Galleria. Madonna della Misericordia, S. Manno, S. Gerolamo e donatori. 

Era in una cappella, ora distrutta. Passò alla chiesa di S. Antonio e da lì, or son pochi 
anni, alla Galleria. Eseguita dal Perugino verso il 1520, con aiuti. 

— S. Maria. S. Anna, la Vergine col Bambino, S. Crispolto e S. Antonio da Padova. Tela. 

Stendardino da processione, fatto in occasione di peste. Dall' alto l' Eterno scaglia le saette 
raccolte da S. Anna nel manto aperto, col qual protegge il paese. E indubbiamente opera 

46 



di mano del Perugino, della fine del XV secolo, e, se ancora non gli fu attribuita, lo si 
deve all'erronea applicazione di un documento, in base al quale il Bianconi ritenne fosse 
eseguita da tal Ciancio del Pintoricchio, che nel 1518 dipinse una Madonna delle Grazie 
per quella chiesa. Fra l' altro il dipinto non rappresenta una Madonna delle Grazie, bene 
individuata nell'iconografia umbra, e in vecchi documenti questa tela è sempre chiamata 
"Gonfalone di S. Anna,,. Ma, ripeto, i caratteri stilistici dimostrano che è opera del Perugino. 
Bianconi G. Arte e Storia. 1890, fase. 22-23. 

BOLOGNA. Pinacoteca, 197. Madonna e quattro santi, petrvs pervsinvs pinxit. 

Proviene dalla chiesa di S. Giovanni in Monte a Bologna. Eseguita verso il 1496, ricor- 
data dal Vasari. 

— S. Martino Maggiore, Assunzione. 

Già attribuita al Perugino, all' Aspertini, al Chiodarolo, ma di L. Costa, che nel 1506 rice- 
vette il pagamento per una tavola di questa chiesa, probabilmente per l'Assunzione, inspirata 
da opere di Pietro Vannucci, al quale sopratutto è attribuita nelle vecchie guide di quella città. 
Malaguzzi Valeri. L' Architettura a Bologna nel Rinascimento. 

— S. Petronio. S. Antonio da Padova e Annunciazione. Vetrata. 

Nella Cappella di S. Antonio, parte superiore delle finestre, forse resti di una grande vetrata. 
Attribuitagli giustamente dal Fischel (Die Zeichnungen der Umbrer, 100). Verso il 1490, ese- 
guita forse nell' officina dei Gesuati a Firenze. 

BORDEAUX. Musée. Madonna in trono fra S. Agostino e S. Gerolamo. 

Lavoro di bottega. Il Williamson, 127, dice che proviene dalla chiesa di S. Agostino di Pe- 
rugia; L'Orsini (Guida, 138) ricorda in quella chiesa un quadro la cui descrizione corrisponde, 
ma scrive che vi era annotato l'anno 1471. Quello del Museo di Bordeaux è della fine del 
XV secolo. 

BORGO S. SEPOLCRO. Duomo. Ascensione. 

Scrive il Vasari " all'abate Simone de' Graziani, al Borgo S. Sepolcro, una tavola grande, 

la quale fece in Fiorenza, che fu portata in San Gilio del Borgo, sulle spalle de' facchini „. 

E una ripetizione dell'Ascensione per San Pietro di Perugia (ora a Lione) e tutti riconoscono 

che, nell' eseguirla, il Perugino si valse largamente di aiuti. Il Giglioli la crede di mano di 

Gerino da Pistoia: noi solo ammettiamo che fosse il collaboratore di Pietro; e certo non 

possiamo condividere l' opinione del Williamson (42) che la ritiene superiore alla tavola di 

Lione, della quale non è che una debole replica. 

Giglioli H. O. Pitture inedite di Gerino da Pistoia a Sansepolcro. In " Bull. Storico Pistoiese „ 1915, 
XVII, fase. 2. 

BRUXELLES. Galerie, 477. Madonna col Bambino e S. Giovannino. Tondo. 

Già nella Coli. Conti a Firenze. Venduto nel 1850 a P. Vellati in Roma, nel 1862 passò 
nella R. Galleria del Belgio. Opera di un seguace. 

CAEN, Musée. Sposalizio. 

Dalla cappella di S. Giuseppe del Duomo di Perugia. Inviata a Parigi al tempo della inva- 
sione francese, fu spedita a Caen nel 1804, e lì trovasi tuttora. Fin dal 1486 il Comune elar- 
giva 200 fiorini per il quadro della cappella di S. Giuseppe o del S. Anello che fu ordinato 
al Pintoricchio nel 1489. Questi non l'eseguì e nell'aprile 1499 fu affidato al Perugino. Da 
un testamento del 1503, sappiamo che Pietro l'aveva cominciato e non finito. Raffaello, che 
allora trovavasi a Perugia si valse del disegno del Perugino per lo Sposalizio eseguito 

47 



nel 1504 a Città di Castello (ora alla Brera). Certo era finita nel 1506, nel qual anno la 

Compagnia di S. Giuseppe era in debito ancora di fiorini 1,50 per la pittura della tavola. 

Il Berenson lo credette eseguito dallo Spagna: ed è probabile che il Perugino si valesse 

del suo aiuto. 

Manzoni L. / quadri dello Sposalizio di Perugino e Raffaello in "Boll, di St. Patria per l' Umbria „ 1898, 501. 

Locan M. Le Sposalizio du Musée de Coen in "Gazette des Beaux Arts„ 1896, 273. 

Buret. Le Perugia du Musée de Caen, in " Bull, de la Société de Beaux Arts de Caen „ 1882. 

Engerand F. Le sposalizio du Perugia au Musée de Caea. In " Revue de l' Art ancien et moderne „ 1899, VI. 

CAEN. Musée, 35. S. Gerolamo, petrvs pervsinvs pinxit. 

Williamson, 127, crede facesse parte della grande ancona di S. Agostino di Perugia, ma 
a torto, che il S. Gerolamo (insieme alla Maddalena) facente parte di quella pala si conserva 
nella Gali, di Perugia. 

Malgrado la firma è da ritenersi lavoro di bottega, verso il 1520. Cfr. col S. Gerolamo 
dello Hofmuseum di Vienna. Ed è rovinato e guasto da restauri. 



B" 



CANTIANO. Collegiata. Madonna col Bambino e S. Giovannino. Tondo. 

Reca meraviglia che lo Knapp e il Williamson registrino fra le opere del Perugino questa 
debole tavola di un marchigiano," che imita con mano incerta e colorito sordo il Perugino. 

Il Mezzanotte (Commentari, 156) dice che una dama romana, Aurora Capizucchi de Kuis, 
lo donò ad Antonio de Fabj, che lo fece mettere nella chiesa di Cantiano. 
Bombe. Perugino, Stuttgart, 1914, 208, con riprod. 

CHANTILLY. Musée Conde, 15. Madonna fra S. Pietro e S. Gerolamo. 

Proviene dalla chiesa di S. Girolamo in Lucca; passò nella Coli. Northwich e in quella 
del Duca di Aumale. Della fine del XV sec, con collaborazione, ma in gran parte di mano 
del Vannucci. Come dicemmo, il Perugino dipingeva nel Duomo di Lucca nel 1494. Il Trenta 
ricorda fra le migliori pitture di Lucca una tavola del Perugino nella soppressa chiesa di 
San Piercigoli, ma non ne indica il soggetto. Trattasi forse di questa di Chantilly. 
Gruyer F. A. Musée Condé. Notice des Peintures. Paris, 1899, 26. 
Trenta F. Guida del forestiere per la città di Lucca. Lucca, 1820, 24 e 120. 

CHESTERFIELD. Coli. G. R. Sittwel. La Vergine, S. Giovanni e la Maddalena (?) 
che adorano il Bambino. 

Dicesi che una monaca di Perugia lo vendesse: il Sittwell l'acquistò a Parigi il secolo 
scorso. Può ritenersi dipinta interamente dalla mano del Perugino, verso il 1500. 

Attualmente a New York, Coli. Pierpont Morgan. 
Williamson, 126; Perkins, Un dipinto inedito del Perugino "in Rase. d'Arte „ 1910, 18, con riprod. 

CITTÀ DELLA PIEVE. S. Pietro. S. Antonio Abate fra S. Marcello e S. Paolo Ere- 
mita. Affresco staccato. 

Già nella chiesa di S. Antonio; danneggiato dal terremoto del 1860, fu staccato e portato 
in S. Agostino, poi in S. Pietro. Il Perugino lo eseguì servendosi largamente di un aiuto, che 
si riconosce in tutte le opere del Maestro fatte per Castel della Pieve dopo il 1510, e che pro- 
babilmente è Giacomo di Guglielmo da Castel della Pieve. A Monteleone, lì presso, v' è una 
grande tavola d' altare, con la Madonna fra S. Pietro e S. Paolo, attribuita dal Guardabassi al 
Perugino, ma certo di un suo scolaro, con forme larghe e squadrate, specie nelle faccie. Queste 
forme si ritrovano in quasi «tutte le figure peruginesche di quella città, e ritengo che il quadro 
di Monteleone del 1520 circa, sia interamente di mano di Giacomo di Guglielmo, e che questi 
abbia largamente collaborato all'affresco di S. Antonio abate, eseguito pure verso il 1520. 

48 



CITTÀ DELLA PIEVE. Duomo. Madonna in gloria fra i SS. Gervasio, Protasio, 

Pietro e Paolo, petrvs christofori vannvtii de castro plebis pinxit mdxiii 

Già nell' aitar maggiore, ora nella tribuna. Gli fu ordinata dal Priore e canonici del Duomo 
il 14 aprile 1507, per il prezzo di 120 fiorini. Specie nelle figure dei santi v 1 è una larga 
collaborazione di un aiuto, forse Giacomo di Guglielmo da Castel della Pieve. Vedi quanto 
si è detto per l'affresco in S. Pietro della stessa città. 
Bolletti. Notizie isteriche di Città della Pieve. 1830, 364. 

— Duomo. Madonna in trono fra i santi Giovanni Battista e Evangelista, il B. Gia- 
como da Castel della Pieve e S. Pietro Martire. 

Giustamente ricordata dal Williamson fra le opere del Maestro, mentre il Bombe (Peru- 
gino, 256) non lo ritiene per opera del Vannucci. Del quale a mio parere sono tutto il disegno 
e parte dell'esecuzione, specie la Vergine e il Putto: il resto fu eseguito da un aiuto, forse 
Giannicola di Paolo. V'è lo stemma del committente, con una fascia e onde. 

— Duomo, Battesimo. 

Questa tavola fu dipinta poco prima del 1495. Nel testamento del 18 ottobre di detto 
anno di Antonio di Niccolò Valenti, è già ricordata la sua cappella nella chiesa di S. Gervasio 
e Protasio " in loco signiato cum figura Angeli in pede ipsius ecclesie cum tabula pietà cum 
figura Salvatoris et cum figura Johannis Batiste ipsum Salvatorem batizantis „. Probabil- 
mente il Perugino ebbe come aiuto Giannicola di Paolo. 
Bombe. Perugino, 254. 

— S. Maria de' Servi. Deposizione della Croce, L'Eterno, Apostoli, qvesta hopera 

FERO DEPENGERE LA CONPAGNIA DELLA S[tellJA COSSI DICTA IN LANNO DNI MDXVTI. PETR... 

Affresco. 

Anche in questo affresco si rivela la mano dell'aiuto, autore della tavola di Monteleone, 
e sono sue le ultime tre figure grosse e tozze a destra della Deposizione, e l'Eterno sopra la 
nicchia che racchiude la statua della Madonna. Questo aiuto, dalle forme slargate, e che 
dipinge capelli fulvi, è probabilmente Giacomo di Guglielmo. Bello il gruppo della Maria 
svenuta, eseguito con franchezza e tocchi risolutivi, di mano del Maestro. Una copia di 
questa Deposizione, di Francesco Libertini, è nel Museo Civico di Bassano Veneto. Come è 
noto, il Perugino nel 1508 circa si fece fare in Roma da Jacopo Sansa vino un bozzetto in 
cera per una Deposizione dalla Croce. 
Lupattelli. In "L' Umbria „ 1898; Vasari-Milanesi, VII, 490. 

— S. Maria dei Bianchi. Presepio. Affresco. A. D. mdiiii. 

Il 16 febbraio 1835, eseguendosi alcuni lavori in quella fraternità, furono rinvenuti alcuni 
vasi, contenenti ancora resti di colore, e un cilindro di stagno con due lettere autografe 
del Perugino, l'una del 20 febbraio e l'altra del 1° marzo 1504, dirette dal Maestro al Sindaco 
della fraternità. Egli scrive che per questo affresco occorrerebbero 200 fiorini, ma, come 
paesano, si contenta di 100, di cui 25 subito, gli altri in tre anni. Nella seconda dice che è 
pronto a venire e gli mandino la mula; è disposto a calare sul prezzo altri 25 fiorini. Il 
29 marzo 1507 ebbe dalla fraternità l'ultimo pagamento di 25 fiorini, e, invece del denaro, 
una casa. 
Bolletti. Appendice alle notizie sloriche di Città della Pieve. 1841, 16; — Mezzanotte, 299. 

VORCIANO. S. Maria. L'Assunzione e predella. 
La tavola centrale è sull' aitar maggiore, i due pannelli con il Presepio e l'Annuncia- 
zione in sacrestia: il terzo, che doveva completare la predella, manca. 

49 



Ordinato al Perugino il 18 dicembre 1512, e doveva ricopiare l' Assunzione che Raffaello 
aveva dipinta per la cappella di Leandra degli Oddi nella chiesa di S. Francesco (ora in Vaticano). 
È strano come il Maestro accettasse di copiare un dipinto del suo scolaro: ma poi, nell' ese- 
guirlo, non si attenne al contratto, ma riprodusse il proprio consueto schema dell' Assun- 
zione. In questo lavoro è manifesto il largo concorso di suoi scolari. 

CREMONA. S. Agostino. Madonna fra S. Giacomo e S. Agostino, petrvs pervsinvs 

PINXIT. MCCCCLXXXXHII. 

Sull'altare della famiglia Roncadelli, dove anche lo ricorda l' Anonimo (Morelli, 35). Fu 
trasportato in Francia al tempo dell'invasione, e restituito. 

DRESDA. Galleria. 38. S. Crispino. 

Piccolo pannello, attribuitogli dal Williamson, 181. Non del Maestro, ma di un rozzo sco- 
laro, vicino a Francesco Melanzio. 

Era nella coli. Steinla nel 1857, ora nei magazzini della Galleria di Dresda. 

FANO. S. M. Nuova. Annunciazione. 

L'iscrizione sulla base posta al centro è quasi illeggibile e finisce: MCCCC....HI petrvs de 
C....TRO pl.... ritengo eseguita nel 1488. 

— S. Maria Nuova. Madonna in trono fra sei Santi; lunetta e predella. 

DVRANTES PHAN . AD INTEMERATE VIRGINIS LAVDEM TERCENTVM AVREIS ATQV. HVIVS TEMPLI 
BONOR. CENTVM SVPERADDITIS HANC SOLERTI CVRA FIERI DEMANDAVIT. MATTEO DE MARTINOTIIS 
FIDEICOMMISSARIO PROCVRANTE. MCCCC 97. PETRVS PERUSINVS PINXIT. 

Come avverte l'iscrizione, questa tavola costò 400 fiorini d'oro, di cui 300 dati da Du- 
rante da Fano. Sulla lunetta vi è rappresentata la Pietà, con Giuseppe d' Arimatea, Niccodemo, 
Maria e S. Giovanni. I santi attorno alla Vergine sono Giovanni Evangelista, Francesco, un 
vescovo, Pietro, Paolo e la Maddalena. Nella predella la Nascita di Maria, l' Annunciazione, 
lo Sposalizio, la Presentazione al Tempio e l' Assunzione. Il Venturi attribuì questa predella, 
che conta fra le più nobili produzioni del Perugino, a Andrea da Assisi. Il Durand-Gréville, 
malgrado la data, a Raffaello, il quale però la copiò nella predella del Vaticano, detta i 
" Misteri „. 

Durand-Gréville. Raphael à V Exposition de Pérouse. In «Augusta Perusia„ 1907, 108. 
Vasari-Milanesi. HI, 604. 

FIESOLE. Duomo. S. Sebastiano. Affresco. 
Di un debole seguace del Perugino. 

FIRENZE. Accademia, 78. Crocefisso fra la Vergine e S. Gerolamo. 

Proviene dal Convento di S. Girolamo delle Poverine in Firenze. Ora è esposto a S. Maria 
Maddalena dei Pazzi. Eseguito verso il 1497. 

— Palazzo Albizzi. Pietà. Affresco staccato. 

Dalla chiesa di S. Pier Maggiore: staccato e portato a Palazzo Albizzi nel 1784. Ricordato 
e lodato dal Vasari per l'eccellenza della tecnica. Molto deperito. Fu inciso nel 1787 da Gio- 
vanni Ottoviani. Non può essere un' opera primitiva, come è stato ritenuto basandosi non sullo 
stile ma sulla data dell'esilio del presunto committente, ma sembra eseguita fra il 1480-1490. 
Bertini-Calosso. La pietà del P. nel Palazzo Albizzi a Firenze. In "Boll, della Soc. Filologica Romana „ 
Roma, 1906, Vili. 

50 



FIRENZE, Pitti, 219. Il Bambino adorato dalla Vergine e S. Giovannino. 

Replica, del 1500 circa, del centro del polittico della Certosa di Pavia (1499, ora a Londra). 
Altri soggetti simili a Nancy e nella coli. Lichtenstein a Vienna. 

— Pitti, 42. Maddalena. 

Ricordata nell'inventario della villa di Poggio Imperiale, nel 1654. Sul petto della santa 
si legge : s. maria madalena. Ultima decade del XV secolo ; una replica a Roma, Galleria 
Borghese. 

FIRENZE. Pitti, 140. Ritratto di donna, detto la Monaca. 

L'acquistò Ferdinando III dal marchese Niccolini : già attribuita a Leonardo, poi à Pier 
di Cosimo. Morelli lo ritenne opera del Perugino. 

— Pitti, 164. Compianto sul Cristo morto, petrvs pervsinvs a. d. mcccc-lxxxxv. 

Già nella chiesa di S. Chiara : entrò nella Galleria Pitti nel 1831. Lodato dal Vasari. 
Disegni per questa tavola negli Uffizi (254, 411, 412) e a Oxford. 
Robinson. A criticai account of the Drawings ecc. Oxford, 155. 

— Uffizi, 8375-6. Ritratti di Don Biagio Milanesi e Don Baldassarre, monaci Val- 

lombrosiani. 

Dal monastero di Vallombrosa. Il ritratto del generale dell' Ordine e del monaco Baldas- 
sarre facevano parte della predella dell'Assunzione, datata 1500, ora agli Uffizi. 

— Uffizi, 8365. Orazione nell'orto. 

Dipinta per la chiesa di S. Giusto alle mura. Distrutto il convento dei Gesuati nel 1529, 
gli affreschi del Perugino andarono perduti, e le tavole passarono nella Chiesa di S. Giovan- 
nino della Calza. È opera eseguita fra il 1490-1495. 

— Uffizi, 8370. Discesa dalla Croce. 

Proviene dall'altar maggiore dell'Annunziata. Cominciata da Filippino Lippi nel 1503, e 
lasciata incompleta alla sua morte (aprile 1504), ne fu affidato il compimento al Perugino il 
5 agosto 1505, ed eseguì tutta la parte inferiore, fra cui il meraviglioso gruppo della Ver- 
gine che sviene fra le braccia delle Marie. Il Vasari e' informa che tanto Andrea del Sarto 
quanto il Franciabigio ricopiarono questa Deposizione dalla Croce, che fu dipinta a spese 
di Iacopo Federighi, cavaliere di Malta. Pure al Perugino fu ordinato di dipingere nel 
rovescio di questa tavola un' Assunta, ora nella Cappella Rabatta ai Servi. Per la Discesa 
dalla Croce il Perugino si ebbe 200 fiorini d'oro, e il suo aiuto Francesco di Niccolò, che 
mise a oro tutta la cornice e dipinse forse le sei tavole con santi ora disperse in varie colle- 
zioni, ne ebbe 240. Cfr. Altemburg, Museo Lindenau. 

■ Uffizi, 3254. Crocefisso e cinque Santi. 

Dalla chiesa della Calza. Eseguito probabilmente in collaborazione con Luca Signorelli, 
il cui stile si rivela specialmente nella Maddalena e nel S. Gerolamo. Opera del 1485 circa* 
proveniente forse da S. Giusto de' Gesuati. 

■ Uffizi, 1435. Madonna fra S. Sebastiano e il Battista, petrvs pervsinvs pinxit.. 

AN. MCCCC-LXXXXIII. 

Era a S. Domenico di Fiesole, nella cappella Martini. Fu ordinato da Cornelia Salviati, 
vedova del patrizio veneto Martini, il cui stemma orna ancora la cappella, dove e' è un copia 

51 



moderna del dipinto. Passò poi nel 1645 in juspatronato della famiglia Guadagni, e nel 1786 

la tavola fu portata agli Uffizi. 

Ferretti. La chiesa di S. Domenico di Fiesole. Firenze, 1901. 

FIRENZE. Uffizi, 1474. Ritratto di giovane. 

— Uffizi, 8365. Pietà e quattro santi. 

Da S. Giusto de' Gesuati, passò nel 1529 a S. Giovannino della Calza, donde la tolse 
Maria Maddalena d'Austria moglie di Cosimo II per portarla a Poggio a Caiano, dando una 
copia alla chiesa della Calza, forse quella conservata nella Galleria Orléans (Vasari-Milanesi, IH, 
573). Requisita dai francesi, emigrò a Parigi nel 1799. Al ritorno fu posta nella Galleria Pitti, 
poi all'Accademia (56) e recentemente agli Uffizi. Ricordata dal Vasari. Dipinta verso il 1495. 
Richa. Chiese fiorentine, IX, 103. 

FIRENZE, Uffizi, 1700. Ritratto di Francesco delle Opere. 

Nel rovescio del quadro, di mano del Maestro, v'è scritto: " 1494 de luglo. Pietro perugino 
pinse Franco del Opre „. Francesco, fratello di Giovanni delle Corniole, aveva allora 43 anni ; 
morì a Venezia nel 1496. 

Proviene dal Guardaroba Mediceo. 
Vermigligli. Bernardino Pintoricchio, 1837, 264. 

— Uffizi, 8366. Assunzione, petrvs pervsinvs pinxit a. d. mccccc. 

Dal monastero di Vallombrosa. Passata recentemente agli Uffizi dall'Accademia. Ricordata 
dal Vasari. 

I santi rappresentati nella parte inferiore del quadro sono Bernardo degli Uberti, Gio- 
vanni Gualberto, Benedetto e l'Arcangelo Michele. 

— SS. Annunziata. Assunzione. 

Già nell' aitar maggiore, ora nella Capp. Rabatta. È il rovescio della tavola con la Discesa 
dalla Croce, ora agli Uffizi. Gli fu allogata nel 1506, da fra Zaccaria, per la somma di 86 
fiorini d' oro, L. 4 e s. 16. Nel novembre dell' anno seguente il Maestro nomina suo procu- 
ratore Baccio d'Agnolo perchè venga ad un compromesso con i Serviti per il pagamento di 
questa tavola. Ma i pagamenti sono registrati dal maggio 1510 all'aprile 1511 e per lui 
riscuote un tal Giuliano di Bartolomeo, forse il suo aiuto, che, contrariamente all' altra tavola 
della Deposizione, questa si appalesa per opera debole e d' un suo seguace. Il Vasari ci narra 
i commenti malevoli che suscitò in Firenze questa pittura, per essersi il Maestro servito di 
vecchi cartoni : sicché i Serviti girarono la tavola, ed esposero verso il pubblico la Discesa 
dalla Croce e l'Assunta verso, il Coro. 

Le figure di santi che la fiancheggiavano sono ad Altemburg e Meiningen. 

— SS. Annunziata. Madonna e quattro santi. 

Su cartoni del Perugino, ma eseguita da uno scolaro, forse lo stesso che dipinse i santi 
attorno al quadro dell'aitar Maggiore dell'Annunziata, ora a Meiningen ed Altemburg. È una 
copia della Madonna e i quattro protettori di Perugia, ora alla Vaticana, solo che qui sono 
sostituiti altri santi, ma negli stessi atteggiamenti. 

— S. Croce. S. Antonio da Padova. Affresco. 

Nella Cappella Medicea. Del 1515 circa, opera d' un seguace, su cartone del Maestro. 

— S. Francesco al Monte. Stimmate di S. Francesco - U Eterno - S. Antonio. Vetrata. 

Attribuito da O. Fischel. Nella finestra dell' abside con le Stimmate, trovo qualche relazione 
con la Visione di S. Bernardo (Monaco) ma il disegno trito e la mancanza di chiarezza nella 



52 



composizione mi lasciano dubbioso. Su cartone del Perugino è la finestra in fondo alla nave 
destra, con lo stemma Peruzzi sostenuto da due grifi e l' Eterno. La finestra con S. Antonio 
da varii anni è stata rimossa dalla chiesa, sì che non posso esprimere alcun giudizio. 

FIRENZE. S. M. Maddalena de' Pazzi. Crocefissione. Affresco. 

Ecco quanto leggesi nel Memoriale di I. Signorini su questo affresco : 
" 1493. Quest'anno si cominciò a dipingere il Capitolo di Cestello da Piero della Pieve 
a Castello, Pittore eccellente, detto il Perugino, che dipinse tutta la facciata di esso, ch'erano 
tre lunette... Quale fece fare Dionisio Pucci e Giovanna sua moglie, che spesero due. 55 d'oro. 
La quale fu finita li 20 aprile 1496 „. 

Nella stessa sala Capitolare, parete sinistra, v'è un affresco con San Bernardo e il Croce- 
fisso, dipinto pure a quel tempo, ma da un aiuto del Perugino. 
Fabriczy. Memorie di S. M. M. dei Pazzi. In " L'Arte „ 1906, 255. 

— S. Onofrio. La santa cena. Affresco. 

Scoperto nel 1845. Fu attribuito, fra gli altri, a Raffaello, del quale si riconobbe anche 
il ritratto in uno degli Apostoli, e la firma sul manto di S. Tommaso con la data mdv. Ma 
trattasi di lettere e geroglifici ornamentali, che ciascuno può interpretare a suo talento. Fu 
poi attribuito al Perugino, al quafe certamente appartiene la composizione e che probabil- 
mente assunse il lavoro, affidandolo poi a' suoi allievi, e specialmente a Giannicola di Paolo. 
E opera degli ultimi anni del XV secolo. Mentre, per numerosi documenti, possiamo seguire di 
continuo la operosità di Giannicola in Perugia, non lo troviamo ricordato una sola volta negli 
anni 1497-1498. La stessa cena datata 1500, in una predella (ora a Berlino) di un quadro 
del Perugino. Anche per quella il Maestro fornì il disegno, e uno scolaro eseguì. 

Schmarsow. Das Abendmahl in St. Onofrio zu Florenz. In "Jahrbuch der kgl. preuss. Kunstsatum. „ 1884, 207. 
Ferri N. Disegni del Perugino per il Cenacolo di Fuligno. In "Miscellanea d'Arte,, 1908, 121. 

— S. Spirito. Pentecoste - Madonna col Bambino. Vetrate. 

Tanto la grande finestra circolare della facciata, con la discesa dello Spirito Santo, 

come la Madonna in trono della finestrella dell'abside, sono eseguite su cartoni del Mae- 
stro, verso il 1490. 

Fischel O. Die Zeichnungen der Umbrer. 1917, 23. 

FOLIGNO. Nunziatella. Battesimo di Cristo e L' Eterno. Affresco. 

Nel fregio sotto la lunetta v' è scritto deo et beato ioanni battistae sacrvm pietate 
ioannis baptiste... e frammenti della data, che fu interpretata mdvii. Certo è che una copia 
di questo affresco nella chiesa dell'Annunziata a Camerino reca la data del maggio 1508. 

FRANCOFORTE. Istituto Staedel, 640. Adorazione del Bambino. 

Replica dell'Adorazione di Londra e di Pitti, non del Perugino. Entrata nel Museo nel 
1904, con l'eredità P. H. Mumm. 

Benkard E. A. Peruginos Anbetung des Kindes im Staedelschen Institut. In "Zeitschrift f. bild. Kunst. „ 
giugno, 1911. 

— Istituto Staedel, 649. Madonna col Bambino e S. Giovannino. 

Tavola acquistata a Monaco nel 1832. Cfr. con la tavola simile della Borghese e di 
Monaco. Questa data dai primi anni del 1500, come dimostrano i Putti, del tutto simili 
alla tavola di Marsiglia. 

GOSFORD HOUSE (Scozia), coli. Wemyss. Madonna col Bambino e S. Giovannino. 
Attribuitagli dal Berenson, e dal Cavalcasela ritenuta per opera di un imitatore del Peru- 
gino. Mi è sconosciuta. 

53 



GRENOBLE. Musée, 450. S. Irene (o Apollonia) e S. Sebastiano. 

Faceva parte della grande ancona doppia di S. Agostino di Perugia, dalla parte del Coro. 
In quest'opera, eseguita dal 1512-1523, il Maestro si valse largamente de' suoi aiuti. 

MANCHESTER. Galleria. Madonna col Bambino e due angeli. Tondo. 
Imitazione dal Perugino. Proviene dalla collezione Northwich. 

HANOVER. Provinzialmuseum, 554. Busto di uomo. 

Attribuito dal Berenson: mi è noto solo per fotografia. 

LIONE. Musée, 18. Ritratto di giovane. 
Attribuitogli dal Berenson. 

— Musée, 58. L'Ascensione. 

Proviene dall'altar maggiore di S. Pietro di Perugia, la cui ancona fu allogata al Perugino 
l'8 marzo 1495 per 500 ducati; e condotta a termine nel maggio 1498. Requisita nel 1797 dai 
francesi, Pio VII nel 1816 donò questa tavola alla città di Lione. Le altre parti di questa 
ancona si conservano a Parigi (S. Gervais), a Rouen la predella, a Nantes due profeti e 
vari Santi nella Pinacoteca vaticana e nella sacrestia di S. Pietro a Perugia. 

Gnoli U. Raffaello, il Cambio e i Profeti di Nantes. In "Rass. d'Arte,, 1913, 82. 
Manari. In " Apologetico „ 1865, 441. 

— Musée, 59. S. Giacomo e S. Ercolano. 

Parti della grande ancona dell'aitar maggiore di S. Agostino di Perugia (1512-1523). Quasi 
interamente di mano del Perugino. 

LONDRA. Gali. Nazionale, 288. Vergine che adora il Bambino, S. Michele, Raffaele 
e Tobiolo. Trittico firmato petrvs pervsinvs pinxit. 

Proviene dalla Certosa di Pavia, ove resta ancora l'Eterno. Nel 1784 fu assegnato alla 
Brera. Acquistato dalla famiglia Melzi nel 1786, passò a Londra nel 1856. Rifatto il sesto 
tondo delle tre tavole. 

Fin dall' estate 1496 Lodovico il Moro richiese l' opera del Perugino, credendo si trovasse 
a Venezia, ma n'era partito da sei mesi. In questo tempo gli era stato richiesto il quadro 
per la Certosa: un altro doveva farne Filippino Lippi. Nel 1499 il dipinto era ultimato. 

Malaguzzi -Valeri. Perugino e la Certosa di Pavia. In " Rep. f. Kunstw. ,, 1903, 372. 

Magenta. Certosa di Pavia. 1897. 

Beltrami. Certosa di Pavia. 1895. 

Fumi. Pietro Perugino e il quadro della capp. della Certosa di Pavia. (Documenti). In " Boll, di Storia Patria 

per l'Umbria,, 1908, 97. 

— Gali. Nazionale, 181. Vergine col B. e S. Giovanni, petrvs pervsinvs (inscritto in 

oro sul manto). 

Proviene da Perugia, dove l'acquistò Mr. Beckford. Nel 1841 passò alla Gali. Naz. di 
Londra. Forse eseguita fra il 1485-90. 

— Gali. Nazionale, 1441. Adorazione di Pastori. Affresco. 

Proviene dalla chiesa di Fontignano, ed il Perugino lo dipingeva nel 1523, quando fu 
colto dalla peste e morì. 

Fu distaccato nel 1843 ; poi rimase nella bottega di A. Morettini in Perugia fino al 1862, 
nel quale anno l'acquistò W. B. Spence di Firenze, che lo rivendette al South Kensington 
Museum. Dal 1895 è alla Gali, di Londra. Le figure di S. Rocco e S. Sebastiano, già ai lati 

54 



di questo affresco, si dice fossero acquistate dal Conte Della Porta di Gubbio ; si ignora ove 
trovinsi attualmente. Nella chiesa di Fontignano resta una Madonna col Bambino, di mano 
del Maestro, datata del 1522 illustrata da 
Vavasour Eldbr. Un affresco inedito di P. Perugino. In "Rasa. d'Arte,, 1909, 121. 

LONDRA. Gali. Nazionale, 1075. Vergine incoronata fra S. Girolamo e S. Francesco. 

Proviene dalla chiesa di S. Maria Nuova de' Servi in Perugia, per la quale era stata ordinata 
al Perugino dagli eredi di Giovanni Schiavone, maestro di legname, il 7 giugno 1507. Passò 
poi in iuspatronato alla famiglia Cecconi nel 1557, poi Crispolti, poi Della Penna, la quale 
nel 1822 trasportò il dipinto nel proprio palazzo lasciando in chiesa la cornice (ora nella 
R. Galleria). Nel 1879 dal barone Della Penna fu venduta alla Gali, di Londra. Della pre- 
della non si hanno notizie. 
Della Penna F. Il quadro del Perugino nella Gali. Penna. Perugia, 1379. 

— Gali. Nazionale, 1431. Battesimo di Cristo. 

Pannello di predella, probabilmente di un quadro del Perugino, al quale appartiene il 
disegno, non l'esecuzione. La Gali, di Londra l'acquistò a Roma, nel 1894, da Godfrey 
Kopp. È una copia fedele del Battesimo di Rouen, già a S. Pietro a Perugia (1496). 
Durand-Gréville. Le Baptéme de la National Gallery. In "Bull, de l'Art ancien et moderne „ 1907, 70. 

— Coli. Lord Aldenham. Vergine col Bambino. 

Attribuitogli dal Williamson, 126: mi è sconosciuta. 

— Coli. Lord Battersea. Surrey House. Testa di Santa. 

Non del Perugino: forse di Giannicola, inspirata dalla testa di S. Apollonia dell'ancona 
della Pinacoteca di Bologna. 

— Coli. L. Hardy. Santa orante. 

Non del Perugino, ma di uno scolaro con qualche influenza del Pintoricchio. 

— Coli. Holford. Madonna col Bambino. 

Sul disegno stesso della Madonna e quattro Santi del Vaticano. Già nella Dorchester 
House. 

Gnoli U. In "Rass. d'Arte Umbra „ 1910, 50. 
Burlington Fine Arts Club. " Catalogue of pictures of the Umbrian School „ 1910, 22. 

— Coli. Holford. Pietà, le Marie e S. Giovanni. 

Attribuita dal Venturi al Perugino ; dal Berenson ad Antonio da Viterbo, dal Fry e dal 
Phillips al Pintoricchio, dallo Gnoli a Mariano di Ser Austerio. Le carni sono azzurro-verdine 
nei toni freddi, e rosee nei caldi, come mai usò il Perugino, del quale è forse il disegno, 
non l'esecuzione. 

Gnoli U. In "Rass. d'Arte Umbra ,,1919, 49. 

"Catalogue of pictures of the Umbrian School,,. F. A. Burlington Club. 1910, 41. 

Venturi, VII, II, 515. 

— Coli. Lord Taunton (già). Cristo sul sepolcro. Firmato : sepvlcrvm christi. petrvs 

PERVSINVS PINXIT. 

Già a Venezia: poi a Stoke Park. Il Cavalcasene lo vide presso Lord Taunton, che più non 
lo possiede. Si crede sia ora nella coli. E. Stanley, di Quantock Lodge, Bridgewater. 
Crowe e Cavalcaselle. Ed. Borenius-Murrey, London, V, 364. 

55 



LONDRA. Coli. Kenneth Muir Mackenzie. Testa della Vergine. 
Attribuitogli ila M. Berenson: mi è sconosciuta. 

— Coli. H. Y. Thompson. S. Sebastiano. Miniatura, petrvs prvsinvs pinxit. 

Nella casa Albani fino al 1809. Poi, acquistato da Mr. Denistoune, passò nella collezione 
di Lord Ashburnam, poi Thompson. A me noto solo per fotografia, dalla quale, malgrado 
la firma, non si direbbe di sua mano. Uno studio per questo S. Sebastiano in un angolo del 
disegno 83 degli Uffizi, d'un seguace del Perugino. 

WnxiAMSON. 115 segg. 

— Coli. Lord Wantage. S. Sebastiano e S. Girolamo. 

Due pannelli, a torto creduti uniti alla Madonna Holford. Dell'ultimo decennio del XV secolo. 

Gnou U. In "Rass. d'Arte Umbra „ 1910, 49. 
Fry R. In "Burlington Magazine„ 1910, 268. 

— Coli. F. A. White. Queen' s Gate. Resurrezione. 

Pannello di predella : le altre quattro parti sono ora nella Coli. Ryerson di Chicago. Già 
nella Coli. Barker, ove lo vide il Cavalcasela, poi nella Dudley, ed ora a New York. Appar- 
teneva certo ad un quadro del Perugino, che per l' esecuzione della predella si giovò della 
mano d' un suo aiuto come dimostra il colore rossiccio e denso sul volto dei soldati dormienti, 
e la debole espressione del Redentore. Pannelli con soggetto simile trovansi nelle Gallerie 
di Monaco, Rouen, Perugia, Vaticano. 

Gnoli U. In » Rass. d'Arte Umbra „ 1910, 50. 

"Catalogne of pictures of the Umbrian School„. Burlington F. A. Club. 1910, 24. 

B. B. A painting by Perugino, in "Bull, of the Metropolitan Museum„ 1911, giugno. 

— Coli. F. A. White. Quattro nudi maschili. Su tela. 

Già nelle Coli. Bardini e T. Gibson Carmicael. Simili alle figure dell'Apollo e Marsia del 
Louvre, eseguito verso il 1505. Il Fischel crede sia un frammento del quadro Vulcano copre 
con la rete Venere e Marte, che la vedova del Perugino, Clara Fancelli, offrì nel 1524 a 
Isabella d' Este. 

Gnoli U. In "Rass. d'Arte Umbra,, 1910, 51. 

" Catalogue of pictures of the Umbrian School. „ Burlington F. A. Club. 1910, 36. 
Fischel O. Die Zeichnungen der Umbrer. Berlin, 1917, 70. 
Luzio A. Isabella a" Este e il Sacco di Roma. 1908, 11. 

MARSIGLIA. Musée, 331. La Sacra Famiglia, petrvs de chastro plebis pinxit. 

Angelo Conti da Perugia, nel suo testamento del dicembre 1500, ordinò questo dipinto al 
Perugino, per la propria cappella dedicata a S. Anna nella chiesa S. M. degli Angeli, detta anche 
S. Anna e S. Maria dei Fossi. Nel 1790 passò nella chiesa della Misericordia, dove poco dopo 
fu requisita dai francesi. 

Un disegno per questa tavola trovasi presso il Duca di Northumberland, ad Alnwick 
Castle. Una vecchia copia nei magazzini della Galleria di Perugia. 

Una copia dei due Putti a piede del trono, forse di Giannicola di Paolo, erroneamente 
ascritta a Raffaello, trovavasi nella sacristia di S. Pietro a Perugia donde fu trafugata nel 1916. 

MEININGEN. Palazzo Ducale. S. Giovanni Batt. e S. Lucia. 

Provengono dalla SS. Annunziata di Firenze, come gli altri due santi in Altemburg. Il Mila- 
nesi (Vasari, III, 586, n. 2) scrive che nel 1878 erano ancora a Firenze presso i fratelli 
Metzger. 

Sono eseguiti da uno scolaro, forse da Francesco di Niccolò : Cfr. Altemburg. 

56 



MILANO. Poldi Pezzoli. Vergine col Bambino e due Angeli. 

Buon lavoro di bottega, forse della stessa mano della Madonna col Bambino della Gal- 
leria di Napoli, n. 11. 
Durand-Gréville. Un Raphael inconnu.au Musée Poldi-Pezzoli. In "Rass. d'Arte,, 1907, 170. 

MODENA. Galleria. Madonna col Bambino e due Angeli musicanti. 

Molto restaurato : allo stato attuale non mi sembra possibile un sicuro giudizio. Il Fischel lo 
ritiene del Perugino giovane. 

Bomre. Perugino. 254. 

Fischel. Die Zeichnungen der Umbrer. 49. 

MONACO. Alt. Pinakothek, 526. La Vergine fra S. Giovanni e S. Agostino in ado- 
razione del Bambino. 
Questa tavola da Venezia passò a Londra: poi in possesso di Henry di Parigi che nel 1815 
la rivendette per 18.000 fr. a G. v. Dillis. 

Cfr. con il soggetto analogo, a Chesterfield ; ma la tavola di Monaco sembra alquanto 
anteriore, del 1495 circa. 

Nel Cat. di Monaco il santo a destra è detto S. Nicola, ma essendo vestito con abiti 
episcopali sopra tunica nerastra con cinta di cuoio, deve essere identificato con S. Agostino. 

— Alt. Pinakothek, 1034. Visione di S. Bernardo. 

Proviene dalla cappella fondata dai Nasi nel 1488 in S. Maria Maddalena dei Pazzi a 
Firenze. Acquistato nel 1829 da casa Capponi per il re Ludovico I di Baviera. Ignazio 
Signorini (circa 1650) nelle Memorie del Monastero di Settimo edite dal Fabriczy, dice che 
il Perugino lo eseguì nel 1489 e noi accettiamo questa data anziché quella del 1494 
proposta dal Gronau. Eseguita interamente di mano del Maestro, è fra i suoi capolavori. 

Fabriczy. In "L'Arte,, 1906, 255. 

Gronau. Peruginos Sankt Bernhard in der alten Pinakothek. In " Miinchener Jahrbuch der bild. Kunst. „ 

1909, I, 46. 

- Alt. Pinakothek, 1071. Madonna col Bambino. 

Acquistata a Firenze nel 1831 per Ludovico I di Baviera, dal quale la comprò lo Stato 
nel 1850. Molto restaurata e deperita. Eseguita a Firenze, verso il 1500, con aiuto di bottega. 

- Alt. Pinakothek, 1037-1038. Il Battesimo e la Resurrezione di Cristo. 

Frammenti di predella. Provengono dalla successione Inghirami di Volterra : nel 1818 
furono acquistati, come lavoro giovanile di Baffaello, per il principe ereditario di Baviera. 
Nello scudo del soldato dormiente a destra della Resurrezione, si legge rafal sansivs. 

E un volgare lavoro della bottega del Perugino, inspirato alla predella dell'Ascensione 
di S. Pietro, ora a Rouen. 

Rumhor. hai. Forschungen. Ili, 40. 
Gronau. Rafael. 1909, 252. 

MONTEFALCO. S. Francesco. Presepio, Eterno, Annunciazione. Affresco. 

Opera eseguita verso il 1515, con la collaborazione di Francesco Melanzio da Montefalco, 
come risulta anche da un antico scritto ; la composizione del Presepio è quella consueta del 
Cambio e di S. Francesco al Monte (ora nella Galleria di Perugia). 
Orsini. Vita di P. P. 206. 

57 



NANCY. Mu9ée, La Vergine, il Bambino, S. Giovanni e due Angeli. 

Apparteneva, al tempo di Luigi XVI, alla collezione Brissac: nel 1803 passò alla Galleria 
di Nancy. La firma è appena leggibile, e più non si legge la data 1515, indicata dal Knapp. 
Il quadro, con evidente influenza di Leonardo da Vinci, specialmente dalla Vergine delle 
Roccie, malgrado la data fornitaci dallo Knapp, deve essere stato eseguito non più tardi 
del 1505. 
De Ris. Les musées des province*. 1859, I, 315. 

NANTES. Museo. 117-118. Il Profeta Geremia e il Profeta Isaia. Tondi. 

Facevano parte della grande ancona dipinta per S. Pietro a Perugia, allogatagli 1' 8 marzo 
1495. Questi tondi erano nella grande incorniciatura o cassa, per la quale stipulò il contratto 
il 24 novembre 1496 : cum certis figuris profetarum sicut discriptum et designatimi est. Tutta 
l'ancona era finita nel maggio 1498. Disegni di questi due profeti si trovano nel Libro dei 
disegni di Venezia. Ve n' è ricordo in antico volume ms. della biblioteca di S. Pietro a Perugia : 
Memorie degli Abbati. L'ancona fu rimossa nel 1591, e questi tondi appesi ai lati della porta 
principale. Requisiti dai francesi nel 1797, furono inviati a Parigi, nel 1809 passarono a Nantes. 
Copia di mano del Savorelli restò nella chiesa di S. Pietro a Perugia. Il Venturi (Storia 
dell'Arte Italiana, VII, 2°, 816) li attribuì a Raffaello. 
Gnoli U. Raffaello, il Cambio e i Profeti di Nantes. In " Rass. d'Arte „ 1913, 75. 
Nicolle M. Musée de Nantes. Catalogue. 1913, 53. 

NAPOLI. Duomo. Assunzione. 

È probabile che il cardinale Oliviero Caraffa (*r 1506) ordinasse al Perugino questo 
quadro per ornarne la sua cappella, ma deve ritenersi che il Maestro affidasse quasi intera- 
mente alla sua bottega il compito di eseguirlo. Del resto il quadro è molto guasto e ridipinto, 
specie nella parte inferiore, sì che male può giudicarsi. 

— Galleria, 11. Madonna col Bambino e piccole figure. 

Non è del Perugino, ma di un seguace, forse lo stesso autore della Madonna Poldi-Pezzoli 
a Milano. 

NEW YORK. Coli. Pierpont Morgan, vedi: Chesterfield. 

— Metropolitan Museum. Natività, Battesimo, Cristo e la Samaritana, Noli me tangere. 

Formavano la predella di un quadro del Perugino, insieme al pannello con la Resurre- 
zione della Coli. F. A. White. Già nella Coli. Barker, poi Dudley, poi Ryerson. Su disegno 
del Vannucci, eseguiti con aiuti. Sono a tempera su tela. Cfr. per la bibliografia : Londra, 
Coli. White. 

PANICALE. S. Sebastiano. Martirio di S. Sebastiano. Affresco, petrvs de castro... plebi 

PINXIT D. M. D. V. 

In ottimo stato di conservazione: il Maestro si valse anche dell'aiuto di un discepolo, 
forse G. B. Caporali. 

— S. Sebastiano. Madonna in gloria, S. Agostino e la Maddalena. Affresco staccato. 
Dalla chiesa di S. Agostino, ha sofferto nello stacco. Di mano del Perugino, verso il 1490. 

PARIGI. Louvre, 1566 A. San Sebastiano. 

Proviene dalla Galleria del Principe Maffeo Sciarra di Roma, che lo vendette per 150.000 fr. 
nel 1896 al Louvre. Una ripetizione nella Galleria Borghese; una vecchia copia in casa 

58 



Gallenga a Perugia. Del tutto simile al S. Sebastiano del quadro degli Uffizi (già S. Dome- 
nico di Fiesole) del 1493, ma forse alquanto più tardo. 

PARIGI. Louvre, 1509. Apollo e Marsia. 

Ricordato la prima volta alla vendita F. Barnard, Londra, 1787 (?). Vendita T. Emerson. 
Nel 1835 faceva parte della Coli. Duroveray a Londra. Sotto il nome di Mantegna fu venduto 
dalla casa Christie nel 1850 a Morris Moore, dal quale l'acquistò il Louvre per 200.000 fr. 
nel 1883. 

Noto a lungo col nome di Raffaello di Morris Moore. Attribuito a Timoteo Viti dal 
Passavant, a L. Costa dal Mùndler. L'attribuzione al Perugino — per noi certa — fu pro- 
posta per prima dal Morelli, e sostenuta dal Berenson, Frizzoni, Venturi, Gnoli ecc. 
Seymour de Ricci. Description des peintures du Louvre. Paris, 1913, 1, 136, e ivi la bibliografia. 

— Louvre, 1564. Vergine col Bambino, S. Rosa e S. Caterina. Tondo. 

Già nel Palazzo Corsini a Roma; acquistato nel 1817 da Lapeyrière ; venduto per 17.000 fr. 
nel 1825 ad un antiquario, che lo rivendette a Guglielmo II di Olanda ; acquistato dal 
Louvre per 25.000 fiorini nel 1850. Eseguito verso il 1490. 

— Louvre, 1565. Madonna fra S. Caterina e il Battista. 

Acquistato dal Louvre nel 1821 da M. de Scitiveaux. Il Battista, nel cat. del Louvre, è 
scambiato per S. Giuseppe. Eseguito verso il 1495. Cfr. il quadro simile dello Hofmuseum di 
Vienna. 
Seymour de Ricci. Description des peintures du Louvre. 1913, 152. 

— Louvre, 1566. San Paolo. 
Faceva parte della grande ancona dell'aitar maggiore di S. Agostino a Perugia (1512-1523). 

Requisito dai francesi nel 1797. 

Gnoli U. In "Rassegna d'Arte Umbra„ 1921, 62. 
Iacobsen. In "Rep. f. Kunstw.,, 1902, 280. 
Mundler. Essai d'une analyse critique. 161. 

- Louvre, 1567. Combattimento di amore e castità. 

Dipinto nel 1505 per lo studiolo d'Isabella Gonzaga. Verso il 1627 passò in Francia nel 
Castello di Richelieu, nel 1801 al Louvre, con gli altri quadri dello studiolo. Dalla lunga cor- 
rispondenza relativa a questo, edita dal Braghirolli, apprendiamo che il Perugino lo dipinse 
di sua mano, ma contro voglia. Il Venturi lo crede eseguito da Andrea da Assisi, del quale 
però non conosciamo alcuna pittura. 
Braghirolli W. Notizie e documenti inediti intorno a P. Vannucci. In "Giorn. d'erudizione,, 1873, 73 e segg. 

— Saint Gervais. L'Eterno in gloria. 
Lunetta della grande ancona dipinta dal Perugino fra il 1495-1498 per l'aitar maggiore dei 

monaci cassinesi di S. Pietro a Perugia. Requisito dai francesi nel 1797. Cfr. Lione, Nantes ecc. 

PAVIA. Certosa. L'Eterno Padre. 

Sormontava il trittico ora alla Gali. Naz. di Londra, 288. Vedi ivi la bibliogr. Alla Certosa 
il trittico di Londra è sostituito da una copia del 1586, ed affiancato da due pannelli del Bor- 
gognone. 

PERUGIA. Galleria, 349. S. Francesco e Disciplinati. Dipinto su seta. 

Dalla confraternita di S. Francesco di Perugia, per la quale l' eseguì il Perugino (con l' aiuto 
del Fantasia) nel maggio 1499, come da docc. da me rinvenuti. Dipinto su taffetà rosso, la 



59 



figura di S. Francesco fu ripassata ad olio nel XVI secolo. I Disciplinati sono del tutto 
simili a quelli della Madonna dei Battuti di S. Pietro Martire, del 1497, pure nella Galleria 
di Perugia. 

PERUGIA. Galleria, 200 e 263. Coronazione della Vergine e Crocefissione. 

Tavola doppia, dall' aitar maggiore di S. Francesco al Monte. Il Crocefisso di ignoto autore 
è in rilievo, modellato sapientemente. Il dipinto fu allogato al Perugino il 10 settembre 1502, 
per il prezzo di 120 fiorini. Sulla predella v'era una Pietà, S. Bernardino da Siena e S. Ber- 
nardino da Feltre, andati perduti. Il Perugino in quest'opera si valse largamente de' suoi 
aiuti, e di vecchi cartoni. 

— Galleria, 241. Beato Giacomo della Marca. Tela. 

Proviene dalla fraternità di S. Gerolamo, dov'è descritto nell'inventario del 1532, e non 
in quello del 1517. Fu eseguito poco dopo quest'ultima data. Il B. Giacomo fondò quella 
fraternità il 24 gennaio 1445. Alla fine del XVIII secolo questo stendardo servì come tenda 
per finestra. 

— Galleria, 280. 17 Battista fra S. Francesca e S. Gerolamo, S. Sebastiano e S. Antonio 
di Padova. 

Proviene dalla chiesa di S. Francesco al Prato, terzo altare a destra. Dei primi anni al 1500. 

— Galleria, 262. Madonna fra due Santi. 

Proviene dalla cucina del Palazzo dei Priori. È opera di bottega. 
Bombe. Perugino, 256. 

— Galleria, 325. Crocefisso. Affresco staccato. 

Proviene dalla Confraternita di S. Domenico, ed è stato più volte attribuito al Perugino. 
È opera di Giannicola di Paolo, eseguito nel 1501, come da docc. da me rinvenuti. 
Gnoli U. Giannicola di Paolo. In "Riv. d'Arte,, 1918, fase. 1-4. 

— Galleria, 242. S. Gerolamo penitente. Tela. 

Proviene dal Sodalizio di S. Martino in Perugia. Pittura tarda ma di mano del Maestro. 

— Galleria, 266. Trasfigurazione e predella. 

Da S. Maria Nuova, ove nel 1784 era sopra la porta laterale della chiesa, ma originariamente 
nella cappella Graziani. E fu dipinto per una Andreana Graziani nata Signorelli, che gliela 
ordinò nel 1517, e l'ultimo pagamento è del settembre 1518. Delle cinque figure del quadro, il 
contratto ne nomina solo quattro : Mosè, S. Pietro, S. Giovanni e S. Giacomo Apostolo. Nella 
predella v'è l'Annunciazione, la Natività e il Battesimo di Cristo. Ricordata dal Vasari. Vol- 
garmente restaurata nel 1794. 

— Galleria, 239. Martirio di S. Sebastiano. A. d. mdxviii. 

Dalla chiesa di S. Francesco, cappella Martinelli. Opera fiacca e stanca, in gran parte di 
aiuti. La testa del S. Sebastiano interamente ridipinta nel secolo scorso. 

— Galleria, 248. Pietà. 

Sormontava la tavola con la Madonna e i quattro Protettori di Perugia (ora alla Pinacoteca 
Vaticana) ma la cui cornice originale è rimasta nella Galleria. Questa tavoletta ha una lunga 
storia, che riassumo. Pietro di Galeotto nel 1480 cominciò questa pala, e la lasciò imperfetta 
alla sua morte avvenuta nel maggio 1483. Nel novembre dello stesso anno fu affidata al 
Perugino, che nel timpano doveva rappresentare la Madonna con i dieci Priori sotto il 
manto: ma il maestro partì da Perugia, ed allora i Priori il 31 decembre 1483 passarono 



60 



l'allogazione a Sante di Apollonio, con l'obbligo di condurre a termine entro 15 giorni la 
tavoletta del timpano co' loro ritratti. 

E questa fu subito fatta, mentre la tavola centrale fino al 1491 rimase in casa degli eredi 
di Pietro di Galeotto. Il timpano dipinto da Sante trovavasi — non sappiamo perchè — 
presso il pittore Bartolomeo Caporali dalla cui casa il 5 ottobre 1493 fu portato al " Palazzo 
un certo quadro dipinto per le mani già da maestro Sante qual va sopra la tavola dell'altare „ 
e il Perugino doveva cancellare la Madonna con i Priori, e dipingervi una Pietà, e il 
14 ottobre 1494 era già dipinta: "A maestro Pietro da Castel della Pieve et per esso M. Barto- 
lomeo Caporali depintore fl. 5 s. 50 sonno per resto de la monta de la depintura da uno 
quadretto qual dipinsi già più tempo sonno sante dapolonia depintore de commissione del 
dicto m. Pietro, giudicato et arbitrato così per M.° Benedetto e m.° fiorenzo... levò Ruberto 
da Giovanni,,. L'anno seguente il Perugino riprendeva il lavoro della tavola centrale. Questa 
Pietà fu dal Venturi attribuita a Raffaello. 

PERUGIA. Galleria, 238-261. Presepio, Battesimo ed altri frammenti dell'ancona di 
S. Agostino. 

I frati di S. Agostino fin dal 1495 avevano deciso — sull' esempio dei Benedettini di S. Pie- 
tro — di far eseguire una grandiosa ancona per l' aitar maggiore. A tal fine nel febbraio 
ebbero il primo sussidio dal Comune, e nell'aprile allogarono al maestro di legname Mattia 
di Tommaso da Reggio la fattura della tavola e suoi ornamenti e colonne, larga oltre 7 metri 
e alta più di 10 senza contare il fastigio. Nel 1502 fu affidata al Perugino la pittura per il 
prezzo di 500 ducati, ma passarono 10 anni senza che vi mettesse mano. Rinnovarono il 
contratto nel novembre del 1512, e Pietro mette mano al lavoro. Nel 1516 il pittore riceve un 
pagamento; nel 1521 quasi tutto il lavoro era finito, e si decide di farlo stimare. Ma quando 
nel 1523 il Perugino morì, non era ancora del tutto ultimato. Nel 1680 fu rimossa la grande 
ancona, distrutta la cornice, e appese le singole tavole nelle pareti della chiesa : molte emigra- 
rono all'estero, altre, rimaste a Perugia, si conservano nella R. Galleria. Di tutte le tavole 
che componevano l' ancona diamo qui un elenco, desumendolo dal Bombe. 

Diritto, verso la chiesa : Battesimo di Cristo (nel centro), Perugia, Galleria ; S. Giovanni 
Evangelista e S. Agostino (alla destra), Toulouse, Musée ; S. Giacomo e S. Ercolano (a sinistra), 
Lione, Museo; S. Matteo e S. Marco (sopra le figure suddette), Perugia, Galleria; L' Eterno in 
gloria (in alto), Perugia, Galleria; Daniele e David (tondi ai lati dell'Eterno), Perugia, Galleria; 
S. Lorenzo, S. Costanzo, S. Ludovico e S. Gerolamo (mezze figure, nella base), Perugia, Galleria. 
' Nel centro della base: un ciborio, perduto; ed ai lati due pannelli con l'Adorazione dei 
Magi e la Presentazione al Tempio, Perugia, Galleria. 

Rovescio, verso il coro: Presepio (al centro), Perugia, Galleria ; S. Sebastiano e S. Irene 
(a destra), Grenoble; S. Girolamo e la Maddalena (a sinistra), Perugia; S. Luca e S. Giovanni 
Evangelista (sopra le figure suddette), Perugia, Galleria; Pietà (in alto), Perugia, S. Pietro, 
(altare a sinistra) ; S. Paolo e altro santo, Parigi, Louvre ; S. Monaca, S. Nicola da Tolen- 
tino, S. Lucia, S. Caterina (mezze figure, sulla base), Perugia, Galleria; Predicazione di 
S. Giovanni, le Nozze di Cana (predella), Perugia, Galleria; L'Angelo Annunziarne, Peru- 
gia, e l'Annunziata (bruciato all'assedio di Strasburgo) erano in alto dalla parte del coro, 
non so esattamente dove. 

La mano del Maestro si riconosce specialmente nell'Eterno e nella Pietà, che coronavano 
l' ancona, e che dovettero essere dipinte per prime, e anche nelle due grandi tavole centrali 
con il Presepio e il Battesimo di colorito biondo e chiaro, tocco facile e scorrevole e sulle 
tavole di Lione e di Tolosa. Tutto il resto, su disegno del Perugino, fu eseguito in gran 
parte dagli allievi. Le figure degli Evangelisti furono aggiunte dopo la sua morte, da altra 
mano. Era questa una delle più grandi pitture su tavola eseguite in Italia in quel tempo. 
Giappesi G. Libro dei ricordi o Diversorum. Ms. del convento di S. Agostino di Perugia. 



61 



PERUGIA. Galleria, 220. Pietà fra S. Gerolamo e la Maddalena, Tela. 

Proviene dal Convento del Farneto presso Perugia. Già attribuita a Fiorenzo di Lorenzo, 
ma probabilmente del Perugino, prima del 1480. 

— Galleria, 278. La Vergine, S. Francesco, S. Bernardino e confrati. In tela. 

Gonfalone di S. Maria Novella, la quale Confraternita ricevette sussidi dal Comune per 
queste pitture nel 1496-1498. Nel secondo semestre 1496 il maestro cita i Priori della 
fraternità al pagamento di cinque fiorini, quale resto dovutogli per questa pittura, che però 
l' anno seguente non era ancora del tutto finita, e sembra l' ultimasse al principio del 1498, 
certo prima del marzo. I Disciplinati di S. Maria Novella avevano il loro oratorio in S. Ber- 
nardino. Questo gonfalone fu restaurato da T. Romero nel 1789. 

— Galleria, 270. Vergine col Bambino e confrati di S. Pietro martire. 

Proviene dalla confraternita di S. Pietro martire. Tavola eseguita verso la fine del XV 
secolo. Il Milanesi (Vasari, III, 604) la confonde col gonfalone di S. Maria Novella, del 1498 : 
quello, ora nella Galleria di Perugia, è su tela, questa su tavola ed è fra le migliori tavole 
eseguite dal Vannucci a Perugia. Il Venturi la ritiene, in parte, del Maestro della Madonna 
Diotallevi (St. dell' Arte Ital. VII, II, 742). 

— Galleria, magazzino 69, D. S. Pietro martire, due angeli e due confrati oranti. 
Stendardino in seta. 

Proviene dalla Confraternita di S. Pietro martire: molto ridipinto. Dei primi anni del 
XVI secolo. Lo rinvenni recentemente nei magazzini della Congregazione di Carità di Perugia. 

— Galleria, 279. Madonna fra S. Tommaso di Villanova, Bernardino, Girolamo e 
Sebastiano. 

Dalla chiesa di S. Agostino, altare di S. Tomaso di Villanova, fatta dipingere nel 1500 dal 
notaio Ser Bernardino di Angelo. La predella, datata, rappresenta la Cena, trovasi a Berlino. 
Alcuni hanno voluto riconoscervi la collaborazione di Raffaello. La cornice che ora la 
racchiude è quella della tavola ora nella Galleria Vaticana e già nella cappella dei Priori di 
Perugia, pure dipinta dal Perugino. 

Adolfo Venturi la riunisce in un piccolo gruppo di opere dello sconosciuto maestro che 
avrebbe anche eseguito la Madonna Diotallevi (attribuita a Raffaello) della Galleria di Berlino, 
con la quale ha innegabili affinità. Noi riteniamo il disegno del Perugino, e l' esecuzione di un 
maestro che ci è sconosciuto. Mentre la predella, pure condotta su disegno del Vannucci, 
fu eseguita da altra mano, probabilmente da Mariano di ser Eusterio. Cfr. Berlino. 
Venturi A. Storia dell'Arte Italiana. VII, II, 743. 

— Galleria, 180. Adorazione dei Magi. 

Dalla chiesa di S. Maria Nuova, dove la vide il Vasari. Attribuita a Fiorenzo di Lorenzo 
dal Cavalcaselle, Lermolieff, Burkhardt, Frizzoni e Berenson. Al Perugino dal Vasari, Orsini, 
Passavant, Mezzanotte, Brousolle, Schmarsow e Venturi. Ed è opera sua giovanile, di carattere 
fiorentino, eseguita forse verso il 1475. È certo il più antico quadro di Perugia dipinto ad 
olio : a sinistra vi è l' autoritratto del maestro, poco più che trentenne. 

Broussolle. La jeunesse du Perugia. 1901, 394. 

— Galleria, 358. Adorazione dei pastori. Affresco staccato. 

Da una cappella a sinistra del Chiostro di S. Francesco al Monte. Eseguito per un Erco- 
lani da Panicale, di cui v'era lo stemma. Il Vasari ricorda in questa chiesa due cappelle 
affrescate dal Maestro, una con la storia dei Magi, l' altra con il Martirio dei frati Francescani , 



62 



gli affreschi esistevano ancora al tempo dell'Orsini (Guida, 1784, 161). Furono tutti staccati 
poco dopo il 1860 : nel 1895 questa Adorazione di Pastori (insieme ad altro affresco con le 
stimmate di S. Francesco dalla scuola del Perugino, e che era sopra la porta della chiesa) 
passò alla Galleria di Perugia. I frammenti dell' Adorazione dei Magi, ed il ritratto di 
fra Michele Lombardo fondatore del Monte di Pietà, furono venduti da tal Antonio Calde- 
roni, e se ne ignora la sorte. I resti dell' affresco con i francescani martirizzati per ordine 
del Soldano di Babilonia, pare fossero distrutti. 

PERUGIA. S. Agnese. Madonna delle Grazie, S. Antonio da Padova e S. Antonio 
abate, mdxxii. petrvs pinsit. 

Nella cappella interna di detto monastero. Sotto le figure laterali dei Santi vi sono inscritti 
i nomi delle religiose che li fecero dipingere: Eufragia ed Eustacchia: e il Maestro le 
ritrasse a' piedi della Madonna. 

Il Mezzanotte, 164, scrive : " iu altra cappella, nei terreni fondi del monastero, è pure nella 
volta un Padre eterno di mano del Perugino „. Non credo che esista più. 

— Cambio. Affreschi della Sala dell'Udienza. 

Il 26 gennaio 1496 fu decisa la decorazione della sala, dopo che Domenico del Tasso vi 
aveva fatto le spalliere e il bancone, e d'affidarla al Perugino. Il contratto non ci è pervenuto, 
ma sappiamo che il prezzo era di 350 ducati d'oro con pagamento entro dieci anni. S'era 
pensato prima di allogargli una tavola, e ve n' è ricordo in un doc. del 1498, che dimostra 
che in quell' anno la decorazione a fresco era già stata iniziata " la quale tavola era stata 
fatta per pengnere ne la udienza che da poi fo fatta in muro „. Dice il Vasari che ebbe per 
aiuto Andrea da Assisi, detto l'Ingegno, e i docc, ricordano Francesco Ciambella detto Fan- 
tasia e Roberto da Montevarchi. La data anno salvt. m. d. posta sul pilastro a sinistra, 
indica evidentemente la fine del lavoro. I pagamenti si protrassero fino al 1507. Il Maturanzio 
gli fornì i soggetti e gli epitaffi, e probabilmente dettò la scritta laudativa sotto V autoritratto 
del Perugino. 

PETRVS PERVSINVS EGREGIVS 

PICTOR 

PERDITA SI FVERIT PINGENDI HIC RETTVLIT ARTEM 

SI NVMQVAM INVENTA EST HACTENVS IPSE DEDIT 

E un cambista annotava in versi su un registro dell'anno 1500: 

Pietro Perugino e' ogni altro vinse 

nella pictura quivi designò 

di propria mano et con ingegno pinse. 

A. Venturi ritiene che tutta la parete destra con l' Eterno, le Sibille e i Profeti sia stata 
concepita ed eseguita da Raffaello : l' ipotesi non è sostenibile. 
Marchesi. Il Cambio di Perugia. Prato, 1853. 

Rossi A. Storia artistica del Cambio di Perugia. In "Giorn. d' erud. artistica,, gennaio 1874. 
Venturi A. Storia dell'Arte Italiana. VII, parte II, 826. 
Gnou U. Raffaello, il Cambio e i Profeti di Nantes. In " Rass. d' Arte „ aprile 1913. 

— Convento della B. Colomba. Cristo crucigero. Tela. 

Attribuito al Perugino dal Bombe e da altri. Ve n'è ricordo nel 1497, e circa allora fu 
dipinto da Giovanni Spagna: una replica in Stafford House, presso il Duca di Sutherland 
pure dello Spagna. 

— Duomo. Madonna fra S. Sebastiano, S. Rocco e la Maddalena. 
Affresco staccato. 

Lavoro di bottega. Proviene dalla Parrocchia di S. Martino in Colle. 



63 



PERUGIA. S. Pietro. S. Costanzo, S. Ercolano, S. Sebastiano, S. Mauro, S. Pietro abate. 

Facevano parte della grande ancona dipinta dal Perugino per San Pietro fra il 1495-1498, 
e la cui tavola centrale è a Lione, mentre le altre tavolette coi Santi Benedetto, Placido e 
Flavia sono alla Vaticana. Ora però nella sacrestia di S. Pietro resta solo il quadretto con 
S. Ercolano, gli altri furono rubati nel 1916. 

— S. Pietro. Pietà. 

Faceva parte della grande ancona dipinta dal Perugino nel 1512-1523 per l'aitar maggiore 
di S. Agostino, di cui il coronamento, con l' Eterno Padre, che trovasi ora nella R. Galleria 
di Perugia. Eseguita verso il 1512. 

« 

— S. Severo. S. Scolastica, S. Gerolamo, S. Giov. Evangelista, S. Gregorio, S. Boni- 

fazio, e S. Marta. Affresco, petrvs de castro plebis pervsinvs... pinxit a. d. m. d. xxi. 

Raffaello nel 1505 aveva affrescato la parte superiore della parete d'altare di questa cap- 
pella. I monaci camaldolesi attesero invano che P Urbinate la conducesse a termine e, dopo 
la sua morte, ne allogarono il compimento al Perugino, già vecchio e stanco. 

— Pai. E. Ranieri. Annunciazione. 

Ricordata in casa Ranieri fin dal 1742. Il fondo architettonico è ripreso dal primo dei 
" Miracoli di S. Bernardino „ del 1473. (Galleria di Perugia). 

Lupattelli A. Di una Annunciazione alla Mostra di Perugia. In " Ras9. d'Arte „ 1908, p. 90. 
Scalvanti O. La tavola dell' Annunciazione di casa Ranieri. In " Augusta Perusia „ 1907. 
Gnoli U. L'Arte Umbra alla Mostra di Perugia. 1908. 

— (presso) Cerqueto. S. Sebastiano. 

V'erano ai lati S. Pietro e S. Rocco, di cui restano visibili pochi frammenti. Sappiamo 
che vi era anche un gruppo di devoti o processione, e probabilmente la Maddalena cui 
era dedicata la cappella. La scritta sottoposta (ora distrutta) ricopiata nel 1678, può così 
ricostruirsi : 

" El popul de Cerqueto a fatto fare 

questa cappella ad Maria Maddalena 

perchè da peste riuscì liberare 

cavandoli di angoscie di tal pena 

così gli piaccia ovunque operare 

che mo' e sempre ne abbia ad scampare 

e tutti quelli che in lei han devotione 

ad laudem dei dican questo sermone. 

Petrus Perusinus, pinxit. M.CCCC.LXX. Vili. „ 

Verso il 1700 1' affresco che trovavasi a sinistra dell'ingresso, fu staccato dal muro segan- 
dolo, e posto entro un telaio di legno nel secondo altare a destra. In tale occasione fu 
trascritta solo la firma del Perugino e la data. 

Forse del Perugino, ma alquanto più tarda, è l' edicola o Maestà di S. Lucia presso Cer- 
queto. L'affresco centrale, Madonna fra due Sante, è quasi perduto (fu staccato?), mentre 
intatta è la volta, a finti lacunari, e due monocromati, V uno rappresentante un sacrificio, 
l'altro Porsénna. 

Orsini B. Vita di P. Perugino. 1804, 202. 

Cbistofani G. La più antica opera autentica del Perugino. In "Augusta Perusia „ 1908, 59. 

64 



PERUGIA, (presso) Fontignano. Madonna col Bambino. 

Per questa chiesa il Perugino nel 1523 dipinse l'Adorazione dei Pastori, ora a Londra, e 
un S. Sebastiano e S. Rocco. Resta solo questo affresco con la Madonna, datato 1522, 
certo su cartone del P., simile alla Vergine Maria di Spello del 1521, in parte eseguito 
da un aiuto. 
Vavasour-Elder. Un affresco inedito di P. Perugino. In "Rass. d'Arte,, 1909, 121. 

PIETROBURGO. Erniitage, 1666. Crocefisso fra Maria e S. Giovanni, S. Gerolamo 
e la Maddalena. 

Bartolomeo Bartoli, Vescovo di Cagli e confessore di Alessandro VI, morto nel 1497, 
lo donò alla chiesa di S. Domenico di S. Gemignano. Nell'invasione francese, passò nelle mani 
di un privato, e fu sostituito con una copia. Poi il trittico fu acquistato dal chirurgo Buzzi 
che, fattolo restaurare dal Fabre, lo rivendette al Galitzine nella cui galleria in Roma rimase 
fino al 1862, poi passò nel loro palazzo a Mosca, finché nel 1886 fu comprato dall' Ermitage, 
dove venne attribuito a Raffaello. Ivi il dipinto fu trasportato su tela, e restaurato dal 
pittore T. Romanoff. È certamente opera del Perugino, verso il 1485. 
Coppi. Annali di S. Gemignano. Firenze, 1695, II, 80. 
Rosmi. IV, 21 e 27. 

Harck. F. In " Repertorium. f. Kunstw. „ 1896, 417. 
Vavasour-Elder. In "Augusta Perugia,, 1908, 103. 
Gronau. Raffael. 252. 
Somof. Ermitage imperiai: Catalogue. St. Petersbourg. 1908, 108. 

— Ermitage. S. Sebastiano, petrvs pervsinvs pinxit. 

Entrato a far parte nel 1908 della Galleria russa : già a Roma, nella Coli. Wolkonski. 
Liphart E. In " Revue de l'Art Chrétien „ 1911, Sep.-Octobre. 
"Monatschr. f. Kunstw.,, 1909, 165. 
Wei.ner. L'Esposizione di quadri antichi a Pietroburgo. In "L'Arte,, XII, fase. IH. 

— Ermitage, 7. Ritratto d'uomo. 

Mi è sconosciuto l'originale. 
Liphart E. Imperatorskii Ermitaj. Priobrietenia i perevieshi. In "Starié Gody,, gennaio 1910. 
Somof. Ermitage imperiai: Catalogue. St. Petersbourg. 1909, 133. 

— Coli. Stroganoff. Madonna. 

Attribuitagli dal Berenson. Il Cavalcasele la crede opera di Eusebio da S. Giorgio o Gerino 
da Pistoia. Mi è sconosciuta. 

— Coli. Kotchoubei'. Pietà. 

Mi è sconosciuta. Attribuitagli dal 
Liphart E. In Staryé Gody. Gennaio 1912. 

ROMA. Villa Albani. Presepio, Crocefissione e Santi. Petrus de perusia pinxit mcccc 
vini primo. 

Eseguito a Roma, per il cardinale Giuliano della Rovere, nel 1491. 

— Galleria Borghese. Ritratto virile. 

Attribuito già ad Holbein, poi a Raffaello e al Perugino. Dopo il recente restauro, non mi 
sembra possa più discutersi sull' attribuzione di questo meraviglioso ritratto a Pietro Vannucci, 
eseguito verso il 1495. 

Frizzoni. Il ritrattino di Raffaello nella Gali. Borghese. In "Rass. d'Arte,, 1, 1912. 
"L'Arte,, 1912, 70. 



65 



ROMA. Galleria Borghese. Madonna col Bambino. 

In gran parte è opera di bottega, su cartone del Maestro. 

— Galleria Borghese. Maddalena. 

Debole replica di quella degli Uffizi. 

— Galleria Borghese. S. Sebastiano. 

Ne ignoro la provenienza. Cfr. il S. Sebastiano del Louvre, di cui quello Borghese è una 
modesta replica. 

— Cappella Sistina. Consegna delle chiavi. Affresco. 

Ordinatogli nell'ottobre 1481, e collaudato nel gennaio 1482. Gli altri due affreschi con il 
Battesimo e il viaggio di Mosè furono eseguiti in gran parte dal Pintoricchio, nel 1482-1483. 
Gnoli D. Contratto per gli affreschi nelle pareti laterali della Cappella Sistina. In " Arch. St. dell'Arte „ 
1893, 128. 
Steinmann. Sixtinischer Kapelle. Mùnchen, 1901. 

— Vaticano. Stanza dell'Incendio di Borgo. Quattro tondi nella volta. Affresco. 

Eseguito verso il 1508. 

Paliard. Le plafond du Pérugin à la galle de V Incendie du Bourg. In " Chronique des Arts „ 1884, 31. 

— Galleria Vaticana. Madonna fra i Santi Ercolano, Costanzo e Ludovico, petrus 

DE CHASTRO PLERIS PINXIT. 

La storia di questa tavola fu narrata a proposito della Pietà della Galleria di Perugia. 
Aggiungiamo che il Maestro non si valse della tavola già cominciata da Pietro di Galeotto, 
ma nel luglio 1485 ne fu ordinata un'altra e la preparò il maestro di legname Tommaso 
di Pietro, e nell'agosto di detto anno fu portata in casa del Perugino, il quale poco dopo, forse 
a causa della peste, si allontanò da Perugia. Gli venne allogata di nuovo nel marzo 1495, col 
termine di sei mesi. Sequestrata dai francesi, fu ritenuta in Vaticano allorché fu restituita nel 
1816. Cfr. la tavola di Fano, quella di Senigallia e quella all'Annunziata di Firenze. 

— Vaticano. S. Benedetto, S. Placido e S. Flavia. 

Parti della grande ancona dipinta per S. Pietro di Perugia fra il 1495-1498: gli altri 
quadretti con figure di santi, analoghi a questi, nella sacrestia di S. Pietro a Perugia. 

— Vaticano. Resurrezione. 

Nella chiesa di S. Francesco di Perugia: demaniata dai francesi, e rimasta in Vaticano 
dopo la restituzione del 1816. Tavola allogatagli il 2 marzo 1499 da Bernardino di Giovanni 
da Corneto: oltre al Cristo risorto e guerrieri dormienti, doveva dipingere a fresco un 
padiglione o baldacchino e un S. Rocco, perduto. Si volle riconoscere in questo quadro 
anche la mano di Raffaello, negli angeli e nei soldati, ed è probabile che il Perugino 
affidasse al suo giovane aiuto qualche parte dell'esecuzione. 

— Museo di Palazzo Venezia. Testa di giovane. Affresco staccato. 

Acquistato in Perugia dalla signora H. Hertz. Non si comprende l'importanza data dallo 
Knapp a questo debole frammento, ora anzi attribuito a Raffaello; è opera di uno scolare 
del valore di Tiberio da Assisi. 

ROUEN. Musée. Adorazione dei Magi, Battesimo, Resurrezione. 

Questi pannelli formavano la predella della grande ancona con l'Ascensione (ora a Lione) 
già nelP aitar maggiore di S. Pietro in Perugia, cominciata nel 1495 e ultimata nel 1498. 

66 



L' esecuzione di questa predella è in gran parte opera di Eusebio di S. Giorgio, che con 
Giovanni Francesco Ciambella detto il Fantasia, erano aiuti del Perugino in quest'opera. 
Una copia antica del Battesimo trovasi alla Nat. Gallery di Londra, 1431. Il Durand-Gré- 
ville, confondendo come sempre Eusebio da S. Giorgio con Raffaello, l'attribuì in parte a 
quest' ultimo. 

Durand-Gréville. In "Augusta Perugia „ 1907, 111; e in "Bull, des Musées de France„ 1908,10; id. in 

"Chronique des Arts „ 1908, 157. 
Nicolle. A propos du Baptéme du Christ du Musée de Rouen. In "Chronique des Arts,, 1908, 184. 

SENIGALLIA. S. Maria delle Grazie. Madonna in trono e sei Santi. 

Ripetizione della Madonna e i quattro Santi protettori di Perugia (Vaticano) e quella di 
Fano, con aiuti di bottega. Fine del XV secolo. 

SIENA. S. Agostino. Crocefissione. 

Vedemmo già la lettera del 7 novembre 1500 scritta da Agostino Chigi a suo padre 
Mariano, che poi nell'agosto 1502 affidò la pittura di questo lavoro al Perugino per il prezzo 
di 200 ducati, ma il Maestro non vi pose mano che qualche anno più tardi, e i pagamenti 
ebbero luogo nel giugno e agosto 1506. Fabio Chigi (poi Alessandro VII) ne' suoi commentarli 
ricorda questo dipinto, ma erroneamente sotto l'anno 1500. 
Cugjjoni. Agostino Chigi il Magnifico, 77; id. in " Arch. della Società romana di Storia Patria „ II, 481. 

SPELLO. S. Maria. Pietà fra S. Giovanni e la Maddalena. Affresco. Petrus de 

CHASTRO PLEBIS PINXIT A. D. MDXXI. 

Questo affresco, come l' altro che gli fa riscontro con la Vergine fra S. Biagio e S. Cate- 
rina, furono allogati a Giannicola di Paolo nel 1520. Non sappiamo perchè non li eseguisse, 
e il 13 marzo dell'anno seguente si obbliga di eseguirli il Perugino entro due mesi, tutti di 
sua mano, e per il prezzo di 25 ducati. Mise subito mano al lavoro, anzi, sebbene il con- 
tratto porti la data del 13, il Perugino era già a Spello il 7 marzo. Il 25 aprile era finito 
l'affresco con S. Biagio, e un mese dopo anche la Pietà, ed il Perugino se ne partì da 
Spello il 31 maggio, dopo un pranzo al quale assistette anche lo scultore Rocco da Vicenza. 

Urbini G. Due affreschi del Perugino. In "Arte e Storia,, 1894, 37; id. Le opere d'arte di Spello. In 
"Arch. storico dell'Arte,, 1896. 

— S. Maria. Vergine in trono fra S. Biagio e S. Caterina d'Alessandria. Affresco. 

A. D. MDXXI. DIE. XXV. APRILIS. 

Vedi quanto si è detto per l'affresco precedente. 

STRASBOURG. Galleria (già in). Vergine Annunziata. Tondo. 

Faceva parte dell'ancona per l'aitar maggiore di S. Agostino di Perugia (1512-1523). Bruciò 
nell'assedio di Strasbourg del 1870. Ne resta una copia ad olio in una casa privata di 
Strasbourg, ed una stampa del Bein del 1842. Il tondo con l'Angelo annunziante è nella 
R. Galleria di Perugia. 

STUTTGART. Museum. Adorazione del Bambino. Tondo. 

Attribuitogli, ma non del Perugino e non umbro, sebbene con influenza del nostro 
Maestro e di Raffaello, e sebbene porti la firma falsa Petrus perusinus. 

TARBES. Musée. S. Lorenzo. 

Pannello con figura a grandezza naturale: m' è sconosciuto. Attribuito da Williamson, 131. 



67 



TARBES. Musée. Madonna col Bambino. 

Piccolo pannello. M'è sconosciuto. Attribuito da Williamson, 131. 

TERNI. Coli, privata (già in). Madonna col Bambino. 

Ignoro ove trovisi attualmente. Rappresentava la Madonna a mezza figura, col Bambino 
ritto sulle ginocchia, e due teste di serafini. Riproduceva la Madonna e quattro Santi del 
Vaticano. Nel rovescio v'era scritto: " Questo quadro la fatto maestro Pietro de Castello 
della Pieve anco Perugino e l'ornamento l'ha fatto Antonio Todesco M... „. 

TOLOSA. Musée. S. Giovanni Evangelista e S. Agostino. 

Parte della grande ancona dell'aitar maggiore di S. Agostino di Perugia (1512-1523). Eseguito 
dalla mano del Perugino. 
Schneideh R. Un Pérugin au Musée de Toulouse. In " Augusta Perusia „ 1906. 

TREVI. S. Maria delle Lacrime. Adorazione dei Magi. Affresco, petrvs. de castro 

FLEBIS. PINXIT. M. 

Il Perugino ripetè la composizione dell'Adorazione affrescata nel 1504 a Città della Pieve, 
semplificandola. Sappiamo da documenti che il Perugino era a Trevi per questo lavoro 
nel 1521. 

VALENCIENNES. Musée. Quadro. 

In questo Museo un quadro a me sconosciuto è attribuito al Perugino da 
Peltzer R. A. Reisebriefe eie. In " Blatter fùr Geinaldekunde „ 1912, 103. 

WEIMAR. Castello. Il Battista. 

Ricordato da A. Venturi come lavoro della bottega del Perugino. Mi è sconosciuto. 
Venturi. "Storia dell'Arte Italiana „ VII, II, 567. 

— Castello. S. Agostino e quattro confrati. 

Se ne ignora la provenienza. Il Bombe crede fosse nella fraternità di S. Agostino, ma né 
l'Archivio, che è intatto, né le antiche guide ricordano questo quadro, che evidentemente fu 
eseguito dal Perugino verso il 1500. Proprio in quell' anno invece la confraternita di S. Ago- 
stino di Perugia ordinava al Pintoricchio uno stendardo, con lo stesso soggetto (ora nella 
Galleria di Perugia) evidentemente inspirato da questo di Weimar. 

VENEZIA. Ca' ó" oro. Coli. Franchetti. Madonna e Angelo adoranti il Bambino. Tondo. 
Simile a quello della Galleria Lichtenstein di Vienna : è lavoro di bottega. 

VERONA. Museo, 34. Madonna, Bambino, S. Giovannino e due Angeli. Tondo. 
Copia libera del tondo di Berlino, 138. 

— Museo, 95. Adorazione dei Magi. 

Copia libera, forse del secolo scorso, dell'Adorazione del 1504 di Città della Pieve. 

VIENNA. Akademie der bild. Kùnste. Battesimo e l'Eterno. 

Attribuito al Perugino, ma non suo e probabilmente moderno. Già al Belvedere, III, 19. 

— Hofmuseum. Madonna col B., S. Caterina e S. Agnese (?). petrvs pervsinvs pinxit. 

Altra replica al Louvre, 1565, ove S. Agnese (?) è sostituita dal Battista. Lo stesso sog- 
getto, di mano del Perugino e di scolari, nelle Gallerie di Monaco, Francoforte, Pitti, 
Borghese, Perugia. 

68 



VIENNA. Hofmuseum. Madonna col B. fra i Santi Gerolamo, Pietro, Battista e Paolo. 

PRESBITER - IOHANNES - CHRISTOFORI DETERRENO FIERI - FECIT MCCCCLXXXXIII. 

Se ne ignora la provenienza, ma quasi con certezza era in una chiesa fiorentina. Fu acqui- 
stato per i Musei di Vienna nel 1796. 

— Hofmuseum. Battesimo e S. Gerolamo. 

Due tavolette verso il 1490. Già nella collezione dell'Arciduca Sigismondo a Innsbruck. 

- Coli. Engelhart. Madonna col Bambino. 

Proviene dalla collezione von Markhofschen. Porta inscritta falsamente la firma di Raffaello, 
ma è lavoro della bottega del Perugino. 
Frimmel T. " Lexikon der Wiener Gemàldesammlungen „ 1913, I, 310. 

— Galleria Lichtenstein. Natività. Tondo. Firmato: Petrus perrusinus p. 

Replica, in parte eseguita da aiuti, della Natività di Pitti, di Londra e Nancy. Eseguita 
verso il 1500. 

— Coli. Harrach. Vergine col Bambino, la Maddalena e un santo: Petrus peruginvs 
fec. m. d. vili. Tondo. 

Il Cavalcaselle, IX, 291, dice che è una imitazione della maniera del Perugino, con firma 
falsa. Non l'ho visto. 



69 



ELENCO DEI DISEGNI 



BAYONNE. Musée. Arciere. 

Carboncino. Dalla Coli. Bonnat. Studio per l' arciere a sinistra del Martirio di S. Sebastiano 
per Panicale del 1505. 

— Gabinetto delle Stampe. Angelo con mani incrociate. 

Punta di metallo e biacca. È l' angelo a sinistra della Creazione di Adamo dello stendardino 
di Raffaello di Città di Castello. Attribuito al Perugino, ma forse di Berto di Giovanni. 

— Gabinetto delle Stampe. Gióvane seduto. 

Dalla Coli. Beckerat. Studio per una delle guardie della Resurrezione in Vaticano 
(già S. Francesco di Perugia). Il disegno è ripassato ed alterato, sì da non lasciarsi giudicare. 

— Gabinetto delle Stampe, 464. S. Sebastiano. 

Carboncino. Del Perugino, verso il 1510. Non è per alcuno dei S. Sebastiano del Maestro 
a noi pervenuto. Lo troviamo adoperato come Cristo alla Colonna in un quadro della Galleria 
Cook a Richmond, di un imitatore del Perugino forse del Bachiacca. Fischel, Die Zeichnungen 
der Umbrer, 156. ('). 

— Gabinetto delle Stampe, 469. David. 

Copia dal Cambio. 

— Gabinetto delle Stampe, 2000. Santo Vescovo. 

Dalla Coli. Beckerat. Forse per una vetrata : traccia di una nicchia che racchiudeva il Santo. 
Simile al S. Agostino di Weimar, ma anteriore. Fischel, 99. 



(*) La maggior parte dei disegni qui ricordati sono riprodotti nell'opera del Fischel, della quale mi sono 
giovato per la redazione di questo elenco. 



71 



BAYONNE. Gabinetto delle Stampe. Ladrone crocefisso. 

Dalla Coli. Conestabile in Perugia, dove trovavasi anche l' altro ladrone, che ignorasi dove 
sia ora. Di mano del Maestro, periodo di S. Giusto. 

DUSSELDORF. Akademie. Studi di teste, di un soldato ecc. e nel rovescio : Vecchio 
barbuto circondato da giovani. 
Schizzi forse eseguiti per gli affreschi dei Cesuati, e specialmente per un' Epifania. Fischel, 95. 

FERRARA. Galleria. Pastore genuflesso. 

Copia dal Perugino, per una Natività perduta, del tempo di S. Giusto. Fischel, 101. 

FIRENZE. Uffizi 56. Madonna seduta e Madonna stante e, al rovescio, Uomo seduto. 
Il Fischel, 99, lo ritiene del periodo di S. Giusto. 

— Uffizi, 83. S. Bernardo. 

Carta filigranata : ancora in un disco : in uso a Perugia ne' primi del '500. Copia di uno 
studio del Perugino per il S. Bernardo della Galleria di Monaco. In un angolo, a sinistra, 
un contorto S. Sebastiano legato ad un albero, studio per il S. Sebastiano della " Ore Albani „ 
della Coli. Thompson a Londra. 

— Uffizi, 85. Mano con bastone: due gambe. 

Carboncino. Il diritto, ov' è una mano che tiene un bastone, porta scritto pietro perusino, 
e forse è suo, dei primi del 1500. Al rovescio, studio per due gambe, d'altra mano. 

— Uffizi, 88. Sei Apostoli. 

Lavoro di bottega : copiato probabilmente da uno studio del Maestro per l'Ascensione di 
Lione o Borgo S. Sepolcro. Che è copia da disegno lo dimostra il fatto che S. Pietro 
v' è rappresentato imberbe : ritoccato e in parte ripassato. 

— Uffizi, 91. Orazione nelV Orto. 

Di mano del Perugino, verso il 149Q. Non risponde ad alcun dipinto del Maestro con 
questo soggetto pervenuto fino a noi. Le forti lumeggiature fanno supporre che questo fosse 
un primo pensiero per un affresco. Il tocco sicuro, franco, vivace, avvicinano questo disegno 
a quello di Dusseldorf. 

— Uffizi, 93. Pastore col capretto in collo. 

Punta di metallo, rilevato in biacca, contorni traforati. Del tempo di S. Giusto, forse per 
l'Adorazione dei Magi di quella chiesa, distrutta. Ma questa è una fedele copia, che servì 
forse per un Presepio di una predella, con caratteri pintoricchieschi. Fischel, 101, n. 32. 

— Uffizi, 108. S. Antonio da Padova in atto di leggere. 

Disegno a punta di piombo. Attr. a Raffaello. Il Fischel, 100, lo ritiene del tempo di 
S. Giusto : forse per la finestra della cappella di S. Antonio in S. Petronio a Bologna. 

— Uffizi, 205. Giovane nudo. 

Punta d'argento. Studio di modello. Il Fischel, 102, crede possa essere per un S. Rocco. 
Di mano del Maestro, verso il 1490. Da confrontarsi con il S. Ansano della Cappella di 
Pellegrini ad Assisi. 

— Uffizi, 277. Giovane nudo orante. 

A penna. Studio per S. Gerolamo : alquanto raffaellesco, ma da un disegno del Perugino. 

72 



FIRENZE. Uffizi, 399. Sibilla Libica. 

Schizzo a penna, per la Sibilla Libica del Cambio di Perugia. Di mano del maestro. 

— Uffizi, 401 e 90. Il profeta Mosè. 

Il primo, a penna, ricopiato dall'affresco del Cambio; il n. 90, della stessa mano del 
Pericle n. 1310, riproduce insieme Isaia e Mosè, ed è copia da un disegno del Perugino 
per il Cambio. 

— Uffizi, 402. Venere e Amore. 

Punta di metallo e bistro. Copia dalla volta del Cambio. 

— Uffizi, 403. Tre Apostoli. 

Bistro e biacca su carta tinta. Da uno studio del maestro per l'Ascensione di Lione o 
quella di Borgo San Sepolcro. 

— Uffizi, 400. Pericle. 

Copia del Cambio di Perugia, disegno a penna. Lo stesso soggetto al u. 1310 nella stessa 
raccolta, migliore, forse da un disegno del Perugino. Al rovescio, Crocefisso, punta d' argento, 
da quello di S. M. Maddalena dei Pazzi. 

— Uffizi, 415. Socrate. 

Copia del Cambio. 

— Uffizi. Daniele. 

Copia del Cambio. 

— Uffizi, 405. Cinque Apostoli che guardano in alto. 

Disegno a penna. Dal Perugino, non di sua mano. Il Fischel, 100, ritiene possa essere uno 
studio per una vetrata. Il tipo di carta, a filigrana con un disco e un' ancora, era in uso a 
Perugia verso l'anno 1500. 

— Uffizi. 416. Testa di giovane glabro con berretto. 

Il Fischel lo ritiene del tempo della Sistina : una testa simile nell'affresco col Viaggio di Mosè. 

— Uffizi, 417. Madonna stante. 

E un'accurata copia dell'affresco della Crocefissione di S. Maria Maddalena dei Pazzi a 
Firenze. 

— I ffizì, 531. Giovane nudo con un vaso sulla testa. 

Matita nera e biacca. Verso la fine del XV secolo. Per una composizione mitologica, perduta. 

— Uffizi, 1300 f. La temperanza. 

Bistro, biacca e rosa acquarellato, qua e là ripassato. Buona copia del tempo, dalla Tem- 
peranza del Cambio. 

— Uffizi, 1304. Crocefisso e Vergine. 

Studio per una Crocefissione, del 1500, di scuola perugina. 

— Uffizi 1305 f. Angelo che suona la viola. 

Di un seguace, ma derivato da un disegno del Perugino, per un angelo musicante della 
Ascensione di Lione, il primo in alto a sinistra. 



73 



FIRENZE. Uffizi, 1306. Furio Camillo e Numa Pompilio. 

Copia grossolana e pesante degli affreschi del Cambio di Perugia. 

— Uffizi, 1308. Madonna e la Maddalena genuflessa. 

Punta d'argento. Dalla Crocefissione di S. Agostino a Siena, forse lucidato su altro disegno 
del maestro da inesperto seguace. 

— Uffizi, 1309 f. Angelo stante con una fascia ed altro volante. 

Attribuito al Perugino. Disegno eseguito con grande accuratezza, probabilmente dallo Spa- 
gna, per la gloria di un dipinto che non ci è pervenuto. 

— Uffizi, 1313. Testa di giovane con lunghi capelli. 

Disegno pennelleggiato, rilevato a biacca. Lo rivendica al Perugino il Fischel, 101, n. 31. 
Con luci forti, forse per un affresco, verso il 1490. 

— Uffizi, 1317 f. Apostolo visto di dosso. 

Studio per il penultimo Apostolo a sinistra dell'Ascensione di Lione. Il Perugino lo ripetè, 
con leggere varianti, nella vetrata di S. Spirito a Firenze, con la Discesa dello Spirito Santo : 
nell' Assunta dell'Annunziata e a Borgo S. Sepolcro. Disegno accurato, con tratti netti e 
sicuri, di mano del maestro. 

— Uffizi, 1320 f. Angelo con giglio. 

L'Angelo è in piedi, col giglio sulla sinistra. Nelle Annunciazioni del Perugino a noi per- 
venute, l'Arcangelo Gabriele è sempre genuflesso : lo troviamo stante in Annunciazioni di 
seguaci. Disegno di mano del maestro, dopo il Cambio. 

Il Fischel, 219, l'attribuisce allo Spagna. 

— Uffizi, 1322 f. Balestriere. 

Uomo in atto di caricare la balestra, studio di mano del Perugino per il primo arciere a 
destra del martirio di S. Sebastiano di Panicale del 1505. Ripetuto, insieme ad altro balestriere, 
in un disegno di Chantilly di mano di un seguace : altro arciere per lo stesso affresco a Oxford, 
Christ Church: altro, di mano del Perugino, nel Museo di Bayonne. 

— Uffizi, 1435. Testa di frate. 

Contorni traforati, servì da cartone. Di sua mano, verso il 1490. 

— Uffizi, 126. Giovane nudo. 

Punta di metallo, bistro, biacca. Nella posizione del David di Verrocchio, forse per una 
composizione mitologica; fine del XV secolo. Fischel, 103, n. 38. 

— Uffizi, 1763. Apostolo Simone e Taddeo. 

Studio per il Cenacolo di Foligno, ma di mano di Giannicola di Paolo. 

— Uffizi, 1912 f. Tre soldati dormienti. 

Copia del gruppo di guardie addormentate della Resurrezione nella predella di Rouen, 
con leggere varianti : disegno accurato, forse» di Eusebio da San Giorgio. 

— Coli. H. Home. S. Giacomo della Marca. 

Disegno a penna, lavato, quadrettato. Della scuola del Perugino, dalla tela rappresen- 
tante detto santo nella Galleria di Perugia. 

74 



FRANCOFORTE, Istituto Staedel. Pittaco. 

Copia dal Cambio. A destra, studio di panneggiamento di altre figure. Altra copia simile 
nella Galleria di Arezzo. 

LILLE. Coli. Wicar, 291. S. Luca Evangelista. 
Fine del XV secolo. Fischel, 85. 

LONDRA. British Museum. Santa genuflessa. 

Il disegno mi è sconosciuto; lo ricorda il Williamson, 124. 

OXFORD. Christ Church. Deposizione di Cristo. 

Disegno a penna per la Deposizione Pitti: così il Williamson, 124, mi è sconosciuto. 

LONDRA. British Museum. Madonna col Bambino. 

Questo disegno mi è sconosciuto: lo ricorda Williamson, 124. 

— British Museum. Raffaele e Tobiolo. 

Copia dal trittico della Nazionale di Londra. Il Fischel, 122, crede possa essere di mano 
di Tiberio da Assisi. 

— British Museum. attr. all' Ingegno. Testa imberbe di profilo. 

Sembra uno studio per il Davide del Cambio. Il nome di Andrea da Assisi non è in 
carattere del tempo. Fischel, 119. 

— British Museum. Testa di vecchio con lunga barba. 

Pennelleggiato, lapis e biacca. Qualche somiglianza col S. Giacomo della tavola di Cremona. 

— British Museum, Voi. 87. Ritratto di giovanetto. 

Punta d'argento attribuita al Ghirlandaio. 11 Fischel, 112, lo ritiene del periodo medio 
del Perugino. 

— British Museum. Orfeo nudo, seduto. 

Prelude all'Apollo e Marsia del Louvre. Già attribuito a Timoteo della Vite. Fischel, 92. 

— British Museum. Adorazione dei magi. 

Schizzo per un affresco di S. Giusto, distrutto. Proviene dalla Coli. Reynolds. Già attribuito 
a Fiorenzo di Lorenzo. 

— British Museum. Testa d'uomo con barba corta. 

Punta d' argento, dalla Coli. Malcolm, dov' era attribuito allo Spagna. Studio per una testa 
di Apostolo, a destra della Ascensione di Lione. Fischel, 129. 

— Coli. Bonn. Uomo stante, volto a sinistra. 

Punta di metallo. Già nella Coli. Conestabile, poi Heseltine. Il Fischel, 153, lo ritiene per 
una donna dello Sposalizio di Caen. Il disegno è interamente ripassato. 

— Coli. Heseltine (già). Adorazione dei Magi. 

Matita, l' architettura rilevata a penna. Studio per l' affresco dell' Adorazione di Città della 
Pieve, del 1504. Proviene dalla Coli. Conestabile di Perugia. 



75 



LONDRA. Coli. Heseltine (già nella). Due confrati genuflessi. 

Punta di metallo, due disegni già nella Coli. Conestabile di Perugia, poi Heseltine. Ignoro 
ove trovinsi attualmente. Studio per uno de' dipinti per una fraternità, quale quello di 
Weimar, o la Madonna dei Battuti o il S. Francesco della Galleria di Perugia. 

— Coli. F. Murray. Giovane orante. 

Carboncino. Già nella Coli. Conestabile di Perugia e Robinson. Studio per un confrate, come 
nella Madonna dei Battuti o nello stendardino di S. Francesco nella Galleria di Perugia. 

— Coli. Oppenheimer. Giovane con la destra sul fianco. 

Punta di metallo. Studio per il giovane re a sinistra dell' Adorazione dei Magi di Città 
della Pieve, 1504. Proviene dalla Coli. Conestabile di Perugia. Fischel, 155. 

— Coli. Oppenheimer. Apollo. 

Punta d' argento. Dalla Coli. Conestabile e Heseltine: ritoccato. Di mano del Maestro ma tardo. 

OXFORD. Ashmolean Museum, 16. Studio per Arcangelo Raffaele e Tobia. 

Punta di metallo e biacca. Studio per il pannello destro del trittico di Pavia (Londra). 
Di mano del Maestro. Proviene dalla Coli. Wicar e Lawrence. 

Lo stesso gruppo in un disegno del British Museum, ma copia di scolaro: forse di Tibe- 
rio d'Assisi, secondo il Fischel, 122. 

— Ashmolean Museum. Vergine, Putto e S. Giovannino su una sella. 

Punta di metallo su carta con un disco racchiudente una bilancia in filigrana, in uso 
a Perugia verso il 1500. Attribuito a Raffaello, ma secondo il Fischel, 130, assai vicino, a 
Pietro di Cristoforo. 

— Ashmolean Museum, 12. Studi per guardie del Sepolcro. 

Non si conosce per qual composizione abbiano servito queste figure. Attribuito a Raffaello e 
a Perugino. Ma forse di Eusebio da S. Giorgio. Provengono dalla Coli, duca d'Alba e Lawrence. 

— Ashmolean Museum, 17. S. Gerolamo e veduta di Perugia. 

A penna, su carta con un disco e chiavi papali in filigrana: la trovo in uso a Perugia 
nel 1510. La veduta è quella del quartiere di S. Angelo, con la porta e chiesa omonima 
e quella di S. Agostino. Il primo piano con torri e ponti è fantastico. La stessa veduta 
del borgo S. Angelo di Perugia presa da Piazza delle Prome, si ritrova nel libro di disegni 
di Venezia, a. e. 42 r. 

La figura del santo è meschina, ripresa forse da altro disegno. Sul rovescio una Madonna 
lattante, raffaellesca, e un paesaggio. 

Ashmolean Museum, 15. Giovane recante una coppa e giovane con bastone. 

Carboncino. La filigrana, una corona entro un disco, è sconosciuta a Perugia, per quanto 
mi consta. Studi per Re Magi, di una Adorazione sconosciuta: corretto a penna, di mano 
del Perugino. 

— Ashmolean Museum, 8. Battista. 

Carboncino. Già attribuito a Raffaello, ma del Perugino. Tondo. 

— Galleria dell' Universtà, 7. Adorazione dei Pastori. 

Attribuito a Raffaello, ma più vicino al Perugino; confr. con la Natività del Cambio. 

Sidney Colwin. Drawing by old Master in the University Galleries and the Library of Christ Church 
Oxford. Londra, II. Fronde. 

76 



OXFORD. Galleria dell' Università. Giovane col liuto : al rovescio una oinocoe. 

Il giovane, disegnato a lapis, fu ripassato a penna : nel rovescio il vaso antico, disegnato 
con cura, lo si ritrova secondo il Fischel, 146, sulla predella della grande ancona di 
S. Agostino, con le nozze di Cana, nella Gali, di Perugia, dove però non ha riscontro. Ma 
certo il disegno appartiene al 1515 circa. 

— Galleria dell' Università, 20. Samaritana al pozzo. 

Carboncino, poi ripassato a penna. È la composizione di una scena della predella, già nella 
coli. Barker, poi Ryerson, ed ora al Metropolitan Museum di Nuova York. 

— Università, 3. Vecchio stante poggiato al bastone. 

Studio per un S. Giuseppe per un Presepio. Il Fischel lo ritiene una copia antica da 
uno studio del Perugino. Nella tavoletta della Gali. Pitti con l'Adorazione dei Magi e lo 
stemma di casa Vitelli, si ritrova questa figura. 

- Christ Church. Testa di Giuseppe d'Arimatea. 

Frammenti di cartone, carbone, traforato. Per il Giuseppe della Pietà di Palazzo Pitti. 
Sicuramente di sua mano. 

Al Louvre, 4383, la stessa testa, ma ricopiata dal quadro, da un aiuto del Maestro. 
Agli Uffizi altri disegni da questo quadro. Fischel, 107. 

PARIGI. Louvre, 4378. Pietà. 

Studio del Perugino per una Pietà perduta. 

- Louvre. Testa d'uomo glabro con berretto. 

Già attribuito al Credi, Ghirlandaio, Filippino. Il Fischel lo ritiene del Perugino, del tempo 
della Sistina. 

- Louvre, 7049. Giovane nudo genuflesso. 

Penna. Al rovescio lottatori e guerrieri, di scuola fiorentina. Il giovane è uno studio per 
la trasfigurazione del Cambio, di un aiuto del Perugino. 

- Louvre, 365. Battesimo di Cristo. 
Penna e biacca. Studio per una predella, nella maniera del Perugino. 

- Louvre, 2288. San Gerolamo appoggiato al bastone. 

Dalla Coli. Duchàtel. l'unta d' argento, carta verdina, rilevato a biacca. Attribuito al Signo- 
relli, dal quale è inspirato, ma sembra di mano di Pietro. Cfr. col S. Gerolamo della Croci- 
fissione della Calza agli Uffizi, e quello del trittico di Pietroburgo. 

- Louvre, 3889. Marina con vari bastimenti, due dei quali immergono nell'acqua 
una palla con una donna. 

Schizzo a penna. Soggetto non decifrabile, forse di una scena mitologica. Attribuito a 
Raffaello, e dal Fischel al Perugino, che lo compara con un affresco della Galleria di 
Perugia di Giannicola di Paolo. 

- Louvre, 332. Testa di Vergine. / 

Punta di metallo rilevato in bianco e traforato. Molto simile alla Madonna fra S. Girolamo 
e S. Pietro a Chantilly. Fine del XV sec. Il disegno per il S. Girolamo di questo quadro 
è stato pubblicato dalla Vasari Society. 



77 



PARIGI. Coli. L. Bonnat. Testa di giovane. 

Carboncino. Studio per la testa del S. Giovanni della Crocefissione a di S. M. M. dei Pazzi, 
finito nel 1496. 

— Coli. L. Bonnat. Battesimo di Cristo. 

Carboncino. Schizzo per il Battesimo della pala di S. Agostino della Galleria di Perugia. 

— Coli. L. Bonnat. Studio di un uomo con mantello. 

Carboncino. Studio per una Adorazione dei Magi, a noi sconosciuti. Si ritrova nell' Epifania 
di S. Gerolamo presso Spello, di un seguace del Perugino; adoperato per un'pastore. Fischel, 153. 

— Coli. Bonnat. Monaco con libro nella sinistra. 

Carboncino. Verso il 1500. Nella stessa Coli, pure di mano del Perugino, altra figura di 
frate che tiene un libro con ambo le mani. 

ROMA. Gali. Corsini, Voi. 157. Studio di piedi e capigliatura. 

Attribuito a Lor. di Credi. Punta di metallo e biacca. Per l' affresco della Crocefissione di 
S. M. Maddalena dei Pazzi, secondo il Fischel, 107, ma a me non sembra del Perugino. 

— Biblioteca Vaticana,. fondo Barberini, codice Grimaldi. Vergine in gloria, S. Pietro. 
S. Paolo, S. Antonio da Padova, Sisto IV, Pietà. 

Schizzo a penna del '600 da un affresco che decorava l'abside di S. Pietro a Roma, 
distrutto sotto Paolo V. Di quest'opera restano alcuni frammenti, che ignorasi dove siano 
attualmente, e, per facilitarne la ricerca, esponiamo quanto ne sappiamo. Il Grimaldi nel 
citato codice, così scrive su questa cappella: "In facie habebat apsidem picturis ornatam, 
in cuius curvitate erat imago deiparae Virginis ulnis filium gestantis in corona angelorum 
sedentis, a destris eius princips apostolorum offerens Sixtum IV ad vivum expressum manibus 
supplicem, pluviale indutum, nudato capite, cum thiara tribus coronis ad pedes, genibus 
flexis, Iesu Christo benedicenti, ac sanctus Paulus et sanctus Antonius Patavinus in iuvenili 
aetate lilium gestans. Supra caput deiparae duo angeli hinc inde, alter fidibus seu testudine, 
alter lyra sonantes : opus Petri de Perusia egregii pictoris... ... 

Lo Schmarsow, malgrado la testimonianza del Grimaldi, riteneva che questo affresco, 
eseguito nel 1479, fosse opera di Melozzo da Forlì. Ma la sua opinione è insostenibile. 
Il Perugino stesso, forse l'anno seguente, nel 1480, ripeteva nella Assunta della Cappella Sistina 
(di cui rimane un disegno all'Albertina) il gruppo con S. Pietro che, posando la chiave sulla 
spalla di Sisto IV genuflesso, con la tiara a terra, lo raccomanda alla Vergine ; in atteggia- 
mento uguale è quello del disegno Grimaldi. Così nell' uno e nell' altro affresco la Vergine 
è racchiusa da una mandorla a teste di serafini, ed attorniata da Angeli musicanti. Inoltre, 
questa composizione ebbe un' eco nella scuola perugina, oltre al rilievo, additato dal Fischel, 
del monumento di Pio IH a S. Andrea della Valle, dove ritroviamo il Papa raccomandato da 
S. Pietro e il Putto nella stessa mossa di quello dell'abside di S. Pietro, il gruppo della 
Vergine con il Bambino che pare quasi svincolarsi dalle braccia della Madre per benedire ed 
accogliere il protetto, lo ritroviamo nella Madonna di Foligno di Raffaello e nella tavola dello 
Spagna (1516) in S. Francesco a Assisi. 

L'Orsini, nella vita del Perugino, 1806, ricorda frammenti di questo affresco vaticano nella 
Villa Negroni alle Terme, distrutta per farvi il collegio Massimo : un frammento della Ma- 
donna apparteneva al Cardinal Borghese : come dicemmo, e dell' uno e dell' altro s' ignora 

78 



la sorte, ma pur sarebbe assai interessante il rintracciarli, poiché ci fornirebbero l'esempio 
più antico dell'arte del Perugino, subito dopo il S. Sebastiano di Cerqueto. 

Muntz E. Recherches sur l'oeuvre archéologique de F. Grimaldi, 1877. 
Stkinmann E. Sixtinische Kapelle, 607. 
Schmarsow. Melozzo da Forlì. 
Fischel. 33. 

STOCCOLMA. Museo. Studio per un Angelo e braccia. 

Punta di metallo. Schizzo per l'angelo della Madonna di Pavia (Londra) o quella Pitti. 

TORINO. Biblioteca Reale, 6. Giovane che suona il liuto. 

Studio per un angelo musicante, verso il 1480, forse per la gloria dell'Assunzione della 
Sistina. Fischel, 87. 

Biblioteca Reale. Giovane nudo e uomo con berretto orientale e vestiario a pieghe. 

Disegno per due figure del Battesimo di Cristo alla Sistina. Nel quadretto di S. Bernar- 
dino con il miracolo del cieco sordo-muto, nella Galleria di Perugia, vi è a sinistra la 
figura di un paggio nello stesso atteggiamento del giovane nudo di questo disegno, che era 
attribuito al Pintoricchio, e fu rivendicato al Perugino dal Fischel, 87-92. 

VENEZIA. Accademia, 401. Angelo genuflesso e Angelo stante. 

Schizzo a penna, ritratto dal Battesimo del Perugino per la Nunziatella di Foligno. 

• Accademia. Apollo e Mursia. 

Punta di metallo, rilevato a biacca. Per il noto quadro del Louvre. Bitenuto un falso da 
Lermolieff, " Berlin „ 39, ma di mano del Perugino. 

Accademia. Testa di Vergine e mani. 

Carboncino. Molto simile alla Madonna della Natività del Cambio. Di mano del Maestro. 

VIENNA. Albertina, 4861. Assunzione. 

Non di mano del Perugino, ma di uno scolaro, ripreso da una composizione del Maestro, 
certo anteriore al 1484, poiché v' è ritratto Sisto IV. Si ritiene possa essere del Perugino 
nella parete d'altare della Sistina distrutta da Michelangelo. 

- Albertina, 34. Pietà con Maria, S. Gerolamo e il Battista. 

Matita, ripassato a penna. Il Fischel, 100, lo ritiene del tempo di S. Giusto. Il paesaggio 
è nuovo e sviluppato, come nel polittico Albani. Una vecchia copia è agli Uffizi, 1440, con 
la scritta: " l'hebbe da un Pittore Piero del Borgo S. Sepolchro ecc. „. Altra antica copia 
nel British Museum, Voi. 74, non numerato. 

— Albertina, 17616. Due pastori adoranti. 

Punta di metallo, bistro e biacca. Copia da un affresco perduto della Nascita di Cristo, 
del tempo di S. Giusto. Il pastore genuflesso trovasi anche in altro disegno a Ferrara. 

WEIMAR. Castello. Discepoli dormienti. 

Il Fischel, 41 e 95, ritiene questo disegno di mano del Perugino, del miglior periodo, per 
un'Orazione nell'Orto, perduta. 



79 



WILTON HOUSE. Coli. Pembroke. Mercurio. 
Copia della volta del Cambio. Fischel, 119. 

WINDSOR. Uomo in armatura. 

Punta di metallo. Studio per l'Arcangelo Michele del polittico di Pavia (Londra), nella 
stessa po9a del S. Giorgio di Orsanmichele di Donatello. Lo ripetè con leggere varianti nel 
Lucio Licinio del Cambio, e l'Arcangelo della pala di Vallombrosa. 






— Studio per la Consegna delle chiavi. 
Attribuitogli dal Williamson, 125: m'è sconosciuto. 

— 12744. Testa di Madonna, vista di tre quarti. 

Punta di piombo e biacca. Studio per la Madonna di S. Sebastiano e il Battista in S. Dome- 
nico di Fiesole, 1493 (Uffizi). 

— Discepoli dormienti. 

Due al diritto e uno al rovescio del loglio. La figura di Pietro si ritrova nella Orazione 
dell'Orto, che è in fondo alla Cena di Foligno, in Firenze. Questo disegno è copia accu- 
rata di un dipinto perduto del Perugino. 



80 



TAVOLE 






Tavola I. 







PERUGIA, Galleria. 



ADORAZIONE DEI MAGI 

1475 circa 



Tavola II. 




CERQUETO, Parrocchia. 



S. SEBASTIANO 

1478 



Tavola III. 




CEKQUETO, Parrocchia. 



S. SEBASTIANO. Particolare 

1478 



Tavola IV. 










K 
U 

fa 

W T 

•< - 

z 

o 

w 

O 





Tavola V. 




ROMA, Cappella Sistina. 



CONSEGNA DELLE CHIAVI. Particolare 

1481-1482 



Tavola VI. 




FIRENZE, Uffizi. 



CROCEFISSIONE E SANTI 

1485 circa 






Tavola VII. 




H 

< 

ÙJ o 

W 

y 

o 



o 
B 

H 



Tavola Vili. 




MONACO, Pinacoteca. 



VISIONE DI S. BERNARDO 

1489 



Tavola IX. 




MONACO, Pinacoteca. 



VISIONE DI S. BERNARDO. Particolare 

1489 



Tavola X. 




o 
u 

H - 

hJ 
O 
fi 



Tavola XI. 




ROMA, Galleria Borghese. 



RITRATTO 

1490-1495 



Tavola XII. 




PERUGIA, Palazzo Ranieri. 



ANNUNCIAZIONE 

1490-1495 



Tavola XIII. 




FIRENZE, S. Spirito. 



DISCESA DELLO SPIRITO SANTO. Vetrata 

1190-1495 



Tavola XIV. 




I 



FIRENZE, Uffizi. 



MADONNA E SANTI 

1493 



Tavola XV. 




FIRENZE, Uffizi. 



RITRATTO DI FRANCESCO DELLE OPERE 

1494 



Tavola XVI. 




PERUGIA, Galleria. 



PIETÀ 

1494 






Tavola XVII. 




H 
< 

C/3 

W 
- 

O 

55 
c/i 
i— i 

w 
u 

O 

ed 



O 



E 



Tavola XVIII. 







FIKENZE, S. Maria Maddalena dei Pazzi. 



CROCEFISSIONE. Particolare 
1493-1496 






Tavola XIX. 







FIRENZE, Pitti. 



COMPIANTO SUL CRISTO MORTO 

1495 






Tavola XX. 




FIRENZE, Uffizi. 



PIETÀ E SANTI 

1495 circa 



Tavola XXI. 




SACRA CONVERSAZIONE 

1495 



Tavola XXII. 




MOXACO, Pinacoteca. 



MADONNA, S. GIOVANNI e S. AGOSTINO 

1495 circa 



Tavola XXIII 




O 
H 
H 
- 
Q 
w 

« 



c/i 

d 

Q 

l-H 

c/i 



Tavola XXIV. 




BOLOGNA, Galleria. 



MADONNA IN GLORIA E SANTI 

1496 circa 



Tavola XXV. 




HETTONA. S. Maria. 



GONFALONE 

1496 circa 



Tavola XXVI. 




PERUGIA, Galleria. 



MADONNA DI S. PIETRO MARTIRE 

1498 



Tavola XXVII. 




WEIMAK, Castello. 



S. AGOSTINO E CONFRATI 

1498 circa 



Tavola XXVIII. 




H 

O 
> 

- 
- 
W 
Q 

W 

O 
N 

« 
O 

u 

H 
Q 



Tavola XXIX. 




- 
- 
- 

2 

w 
i— i 

H 
W 
fa 
O 

« 

Oh 



Tavola XXX. 




PERUGIA, Cambio. 



PROFETI E SIBILLE. Particolare 

1498-1500 



Tavola XXXI. 




< 
N 

< 

w 

Oh 

S s 
w S 

H - 

CO 

N 

N 
W 
H 

O 

fa 



Tavola XXXII. 




PERUGIA, Cambio. 



GLI EROI. Particolare 

1498-1500 



Tavola XXXIII. 




ROMA, Vaticano. 



RESURREZIONE 

1499 



Tavola XXXIV. 




PERUGIA, Galleria. 



S. FRANCESCO E CONFRATI (Ridipinto) 
1499 



Tavola XXXV. 




> 

Uh 

I— I 

o 2 
u 

H 
H 

s 



E 
5 



Tavola XXXVI. 




FIRENZE, Uffizi. 



L'ASSUNTA DI VALLOMBROSA. Particolare 

1500 






Tavola XXXVII. 




FIRENZE, Uffizi. 



L'ASSUNTA DI VALLOMBROSA. Particolare 

1500 



Tavola XXXVIH, 




FIRENZE, Uffizi. 



RITRATTO DI DON BALDASSARRE 

1500 



Tavola XXXIX. 




MARSIGLIA, Museo. 



LA SACRA FAMIGLIA 

1501 circa 



Tavola XL, 




PERUGIA, Clleria. 



CORONAZIONE DELLA VERGINE E APOSTOLI 

1503 



Tavola XLI. 




FIRENZE, Uffizi. 



DISCESA DALLA CROCE 

1505 



Tavola XLII. 




O 

— 

Vi 

■— 

H 
H 

CS 



Tavola XLIII. 




PERUGIA, Galleria. 



IL BATTISTA E SANTI 

1508 circa 



Tavola XLIV. 




SI 



Tavola XLV. 




PERUGIA, Galleria. 



IL BATTESIMO 

1514 circa 



Tavola XLVI. 




MONTEFALCO, S. Francesco. 



PRESEPIO E ANNUNCIAZIONE. Particolare 
1515 circa 



Tavola XLVII. 




MOiNTEFALCO, S. Francesco. 



PRESEPIO E ANNUNCIAZIONE. Particolare 

1515 circa 



Tavola XLVIII. 




- 

o 

l-H 

N 

w 
1= 

Ti 
H 

a; 






Tavola XLIX. 




TREVI, S. Maria delle Lacrime. 



ADORAZIONE DEI MAGI. Particolare 

1521 



Tavola L. 




SPELLO, S. M»ria Maggiore. 



PIETÀ E SANTI 

1521 



Tavola LI. 




K 

O 
H 

CTI 

< 

ss « 
— ^ 

q a 

w 3 

£ a 
o 

N 
< 

o 

Q 



INDICI 



INDICE DEL TESTO 

Prefazione Pag. 7 

I Documenti „ 9 

Le Opere • „ 27 

Bibliografia „ 41 

Appendice „ 43 

Elenco dei Dipinti „ 45 

Elenco dei Disegni „ 71 



INDICE DELLE TAVOLE 







, II 


S. Sebastiano (Particolare) .... 
Consegna delle chiavi (Particol.) . 


, HI 

, iv 

, v 
, vi 




, VII 




, VIII 


Visione di S.Bernardo (Particol.) 


, ix 

, x 


Ritratto 


, XI 


Annunciazione 


, XII 


Discesa dello Spirito S. (Vetrata) , 


, XIII 




, XIV 


Ritratto di Francesco delle Opere , 


, XV 


Pietà 


, XVI 




, XVII 


Crocefissione (Particolare) .... 
Compianto sul Cristo morto . . 


, XVIII 
, XIX 
, XX 




, XXI 


Madonna, S. Giov. e S. Agostino 


, XXII 


S. Placido, S. Flavia, S. Benedetto 


„ XXIII 


Madonna in gloria e Santi . . . 


„ XXIV 




, XXV 


Madonna di S. Pietro martire . 


„ XXVI 




, XXVII 



Decoraz. della volta (Cambio) 

Profeti e Sibille 

Profeti e Sibille (Particolare) 
Fortezza e Temperanza . . . 
Gli Eroi (Particolare) .... 

Resurrezione 

S. Frane, e confrati ( Ridip. ) 

Trittico di Pavia 

L'Assunta di Vallombrosa 

(Particolare) 

L'Assunta di Vallombrosa 

(Particolare) 

Ritratto di Don Baldassarre. 

La sacra Famiglia 

Coronazione della Vergine e 

Apostoli 

Discesa dalla Croce 

Battesimo 

Il Battista e Santi 

Pietà 

Il Battesimo 

Presepio e Annuncia/. (Part.) 
Presepio e Annunciaz. (Part.) 

Resurrezione 

Adorazione dei Magi 

Pietà e Santi 

Adorazione dei Pastori. . . . 



Tav. 



XXVIII 

XXIX 

XXX 

XXXI 

XXXII 

XXXIII 

XXXIV 

XXXV 

XXXVI 

XXXVII 

XXXVIII 

XXXIX 

XL 

XLI 

XLII 

XLIII 

XLIV 

XLV 

XLVI 

XLVII 

XLVIII 

XLIX 

L 

LI 



CLICHÉS E TIPI DEGLI STABILIMENTI POLIGRAFICI RIUNITI 
IN BOLOGNA 

FINITO DI STAMPARE 
IL GIORNO XV SETTEMBRE MCMXXIII 



MAY 4 1976 

^?K OF TORO^ 



«INDINO SECT. DEC22igm 



PLEASE DO NOT REMOVE 
CARDS OR SLIPS FROM THIS POCKET 

UNIVERSITY OF TORONTO LIBRARY 



* :.T5ì*~ r " ■ 



ND 

623 

P4G5 



Gnoli, Umberto 
Pietro Perugino 



H&