(navigation image)
Home American Libraries | Canadian Libraries | Universal Library | Community Texts | Project Gutenberg | Children's Library | Biodiversity Heritage Library | Additional Collections
Search: Advanced Search
Anonymous User (login or join us)
Upload
See other formats

Full text of "Raccolta completa delle commedie, Volume 20"

This is a digitai copy of a book that was preserved for generations on library shelves before it was carefully scanned by Google as part of a project 
to make the world's books discoverable online. 

It has survived long enough for the copyright to expire and the book to enter the public domain. A public domain book is one that was never subject 
to copyright or whose legai copyright term has expired. Whether a book is in the public domain may vary country to country. Public domain books 
are our gateways to the past, representing a wealth of history, culture and knowledge that's often difficult to discover. 

Marks, notations and other marginalia present in the originai volume will appear in this file - a reminder of this book's long journey from the 
publisher to a library and finally to you. 

Usage guidelines 

Google is proud to partner with libraries to digitize public domain materials and make them widely accessible. Public domain books belong to the 
public and we are merely their custodians. Nevertheless, this work is expensive, so in order to keep providing this resource, we bave taken steps to 
prevent abuse by commercial parties, including placing technical restrictions on automated querying. 

We also ask that you: 

+ Make non- commercial use of the file s We designed Google Book Search for use by individuals, and we request that you use these files for 
personal, non-commercial purposes. 

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort to Google's system: If you are conducting research on machine 
translation, optical character recognition or other areas where access to a large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the 
use of public domain materials for these purposes and may be able to help. 

+ Maintain attribution The Google "watermark" you see on each file is essential for informing people about this project and helping them find 
additional materials through Google Book Search. Please do not remove it. 

+ Keep it legai Whatever your use, remember that you are responsible for ensuring that what you are doing is legai. Do not assume that just 
because we believe a book is in the public domain for users in the United States, that the work is also in the public domain for users in other 
countries. Whether a book is stili in copyright varies from country to country, and we can't offer guidance on whether any specific use of 
any specific book is allowed. Please do not assume that a book's appearance in Google Book Search means it can be used in any manner 
any where in the world. Copyright infringement liability can be quite severe. 

About Google Book Search 

Google's mission is to organize the world's Information and to make it universally accessible and useful. Google Book Search helps readers 
discover the world's books while helping authors and publishers reach new audiences. You can search through the full text of this book on the web 

at http : //books . google . com/| 



<^-'^fol7C^,) 



)y Google 



)y Google 



J 



)y Google 



RACCOLTA 

COMPLETA 

DELLE COMMEDIE 

DI 

CARLO GOLDONI 



TOMO ZX. 



VENEZIA 



LIBA AIO-C4iCO« RATO 
MOCCCXXlXf 



y Google 



K^ C C < -; : 'P (2 0) 



HARVARD 
lUNlVER^" 



ITY 






V -e 



■*, "- - ..} 



,, Google 



LE BARUFFE 

CHIOZZOTTE 
COMMEDIA 

DI TRE ATTI IN PR084 

Rdppréteniala per la prima polla ut Fen^zia 
tanno l'jSo, 



».• Ì9. 



)y Google 



PERSONAGGI 



Panm TONI (ANTONIO) padrone di Torio* 

na peschereccia. 
Madonna PASQUA, moglie di paron TONI. 
LOGIBTA fanciulla, sorella di paron TONI. 
TITA-NANB (GIAMBATTISTA) gÌ4fvine pò- 

scaiore. 
BBPO ( GIUSEPPA ) giovine, fraielle di pa* 

dron TONI. 
Paron FORTUNATO pescatore. . 
Madonna LIBERA moglie di panm FOA« 

TONATO. 
0R8ETA (dÌASOLINA) fanciulla , sorella 

di madonna LIBBRA. 
CHECA (FRANCESCA) altra fanciulla, se^ 

rella di madonna LIBBRA* 
Paron TICBNZO pescatore. 
TOFOLO (GRISTOFOLO) òattellajo. 
ISIDORO coadiutore del cancelliere aiminaU' 
Mi GOMANDADOR cioè il messo ilei criminale 
CANOCHIA giovine , che pende zucca ar» 

rostita, 
UOMINI della tartana di paron TONL 
SERVITORE del coadiutore. 



La scena si rt^fpresenta in Chìovui. 



)y Google 



)y Google 



Im. D^ CliMa: ^OMitd te ■f*MiiaBca a ffnire? 
eh* Oh! né ii^AiiMinca na brazzo. 
Xi. {a Chec.) Ti laorì oiollo puoco, fia mìa. 
eh. Oh! quaata xe ohe go tto merlo tu ito 

balon (a)r 
JÀ, Una eateaMoa. 
C%. Ben! (b) ana tateoMiiaf 
Lì. Deitrighete (e), ae ti ?aol la carpeU (d). 
Im, Oe, Gheea, che carpata te fatta f 
eh» Una oarpeta nioTa de Oaliman. 
tu. Baatenof Te metitta io doosalon (e)ì 
eh* Io donzelon? No ao miga cosmi che fogia 

dire. 
Or, Oh che pendola (/)! No tt te, chÀ co Ana 

pota xe grande, se ghe fa el doo^eloo, e che 

co h ga el denselon, za segno, che i set (jg) 

\ hi fuol narice? 
Ch. {a lÀberd) de, sorda. 
ÌÀ, Pia miaP 
Ch, Ma tolea martdare? 
lÀ, Aspeta ohe fogna mìo marìo* 
Ch, Dona Pasqoa: mio cagna Fortunato do xeio 

andà a pescare co paron Toni? 
J»tf. Si, no lo sastu chsf el ate in tal^tiM col 

mìo paron QC) e co Bepe suo fradeloP 
Ch, No ghe xe anca Tita Nane co lori? 
i«. (a Cìtec^ Si ben : cosse roressista dìrat 

Gessa preteoderàvistu da Tita Nanef 

(a) Cuscino, (b> Oh! cosa dite 7 (o)Spìdciad, 
(d) Gonnella (e) Dicesi, che una figlia è in don» 

zelon, quando è in età da marito^ e si 

peste con qualche differenza da Quelle 

che non lo sono, (f) Sciocca. 
(g) Cioè i suoi genitori, o parentà. (h) El mio 

paron o patron qid vuol dir mio marito. 



)y Google 



7 

Ch. Mi? gnente, 

Im, No ti sa ohe xe do ani o]^| m! ghe parlo f 
B che col fìen io tera, el W he prometto 
de darme el legno? 

eh. (Malignala calia! la i voi Coti per eia). 

Or» Via, via, Laoieta, no star a baeilaTe (a). 
ATanti che Ghaca mia toréla se martde, m'ho 
da sMaridare mi, m*ho dà maridare (jb). Co 
▼egmrik ia tera Bepe te fradelo, el me spose- 
rà mi, e te Tita*Ifaiie vera, ti t« poderà spo- 
sare anca ti. Per mia sortta gh^^ tempo. 

eh» (a Ors.) Oh! to siors, no ?ores« mai che 
me imiridasse. 

Li. Tati Ut; tendi al to laortere. 

eh. Se fatte vÌTa mia dona mare (e)*.... 

LL Tati, che te trago al balon in coste (d). 

eh, (Si, t), me vogio marSdare, se credette de 
a?er da tbre un éà quei squartai (e) che 
▼a a granzi) (/). 



(a) Jton ci pelare, 

(b) Questa ripetizione pixiosa è eanume al 
popolo^ òasso. 

(e) Le gend òasse dicoJUf al padre: mlsiieif 
pire, ed alla madre: dona mare. 

(d) n cascino nelle costole si direbbe in io* 

scarto t Taci, ohe ti getto qaetto cntoiao 
io faccia. 

(e) Qtti sigilla birbanti, Onosi, miserabili. 

(f) In quelle pahidi vi è una quantità prò* 

digiosa di granchi, che J^n sono buoni 
a mancare; ma li prendéfm e li pestano^ 
e ne fanno esca per pigliare i pesci. 
Andare a granchi ^intende di qo^wisè^ 
raòili, che vanno a raccogliere di toh 



Digitized by VjOOQlC 



SCENA IL 

Toroto e deUe, /km cakoohìa^ 

£». Ot boiKlt, Tofolo. 

To, Bood), LucieU. 

Or. Sior maintra (a), coita Minio nu altre? 

To, Sé irarè paz«osia» ve saladerò aaca tu akre^ 

eh, (Anca Tofolo me pUferavc} (b), 

Pa. Cosaci, poto? Ho laorÀ anooo (c)f 

To. Ho laorà fin adatto. So ttk col batolo toto 

marina (d) a oargar de leoochi : i ho portai 

a Broudolo (e) al oorìer da Forare, e ho 

ehiap^ (/) la xornada. 
Lu, Ne paghtu goeotef 
To, S) ben; comandi. 
eh, (a Orsetta piano) Uh 1 ttnti ohe tltzst- 

da (^)? 
To. Atpetè. (chiama) Oe! cophe barnohe (A). 

granchi, cK è il più viUt ^ U pia pope* 
ro de'me^deH* 

(a) Babbuino, 

(b) idi piacerebbe, (e) 2Vb;t laporate ogei? 

(d) ^7z/ litorale, che divide il mare {Utile pa* 
àidit epvi una fila di case, che formano 
un villaggio, e chiamasi Sotto Marine. 

(e) Altro villaggio, tre miglia distante da 

Chiozza, per dove possono varj corrimi 
che non corrono, perchè vanno per acgua» 

(f) Ho guadagnato la mia giornata. 

(g) Oh! sentite che sfacciata? 

(Il) Zucche gialle, arrostite nel forno, e che 
si vendono a Chiozza, tagliate in pezzi, 
ed a buon mercato. 



)y Google 



Ca. (con una iopola, con sopra vatj pezzi di 

zucca frolla cotta) GoomimU, paron. 
To. LaM^ feder. 

Ca. Adesso ; Turè, b zé rtfgnaa fora do forno. 
To, (le offerisce uu pezzo di zucca) Voloa 

Lacieu f 
Lu. Sì beo, oh (fHQ. 
To. E fu, dona Paé(|o«, ?olea ? 
Pa, De diana! la me piase tanto la taoa bara* 

oat demeoa un fMzzò. 
To, Tolè. No la magne. LuciaU ? 
Lu. La scota. A speto cha U sa gìasat. 
eh, Oe, bara (a) Canochia. 
Co, So qaa. 

Ca. Damena anca a mi no bassa (^). 
To. So qua mi; ta la pagarò mi. 
C&. Sior no, no fogio. 
To. Mo per ooata? 
eh. Perche no m% degno. 
To. S*ha degna Lnciata. 
eh. Sì sì, LucJata xe dagnefol^ h «e degna da 

luto. 
Lu. Goss'À, slora ? Ve ne afan per mal, prclii 

ao stada la prì|n> uù? 
eh. Mi co TU, Sfora, no ma o* impasto (e). E 

mi no togo (d) gnanu daniasuo, 
Xff. E mi cossa toghio (e)? 



(a) Come se dicesse messere, o cosa simile. 

(b) Cioè un beszo, cK è la metà di un soldo. 
(e) Tfon tratto^ non parlo. 

(d) Non prendo. 

(e) Cosa prendo? 



,y Google 



Ch* Siorn •), n^ tolto anca S trìgofi (a) dal pn- 

to domab (^) de bara Losco (e). 
2fXf. Mi, baslara f 
Pa. A nioiite« 
MA* A maotOf a làoiita. 
Oi. Gh*i DÌsstto che Togìa altro? 
To, Ande a buon viazo. 
Ca. Zuca baruca, baruca calda, (gridamdo parte) 

SCENA lU. 

/ suddtd faoT di canochu. 

To. {piano fra loro) Arecordefe, eìora Gheca, 
ohe m'avè dito, che de ni no ve degne. 

eh, Aodi Tia oha no ra tendo (oQ. 

2b. B s), mare de diana <e), gavoa cpalohe bo- 
na intenzion. 

CK De costa? 

To, Mio santolo (f) me voi metter snso peo- 

* u (^). a «ò 4an a tragheto Qt) anca mi me 
foi mafidare. 

(a) Sono una specie di fratd marini che si 
troPemo nelle paludi, ed hanno tre punte 
acutissime ; si fanno òoUire, si tagliano 
col coltello , ed hanno dentro una polpa 
simile quasi a quella della castagna. 

(y) Giovane da maritare. 

(e) Di messer Losco ^ nome o soprannome 
supposto, (d) Non ui bado. 

(le) Mare di diana ! Esclamazione come se di- 
cesse : corpo di bacco ! ec. 

(f) Patrino. 

(g) Barca coperta da condur passeggieri. 
(h) 'Luogo dove si trovano simili barche. 



)y Google 



Il 

To. Ma TU avi dito ohe no ?« lUgoà. 

eh. Ohi ho dito de b imoo, »o ho MÌga dito 

dtt va. 
Id, Oe, oe; d'fgo ; Como x« iti ptrkri F 
jr<>. Tari! Tardo a Uoraro. 
Li. Ande ?ìa de Ui, ▼« digo^ 
2V. Cossa Te fatzo? ToU ; aodarò via. (^i Jì^ 
^/a « pa bel bello éaliaUra parta) 
eh. (piano) Sia malignaao! 
Or, Mo via, cara sorela, te e1 la volatta , t a?i 

che ptito eh» el z^; Bo ^ha la foretaì dare? 
Im, (jnano) Gotta dttea, cugoà? La te mate 
' auto a bttoii'ora (d), 
Pa. {a Lucìeta) Sa ti ta?ettt dw rabìa ohe la 

me fai 
£«. (Var^ éhe fatto (ò) 1 ¥ira eoohSete (c)1 

La regio far desperare). 
Toi Siadi^heve a piao, dona Patqna. 
Pa, Oh! no me sfadigo, oo, £0; no fedi the 

mtfeset» grotìKeP Bl ice marie» ém dieta eoidi. 
To, S TQ, LucietaP 
te. Oh! et mio T% da treoiaa 
To, E co heflo ohe al xe ! 
La, Ve ffmtk^ì 

To. Mo co pulito! mo eari qaei deofini {d)\ 
lat, y«gtiì qua; teoteveé 

To, (Olvf qaa too pia alla bonazxa) (e), (sióde) 
eh, (a Orseia facendole osservare Tofolo vici- 
' no a LactÈta) Oé cotto ditea ì 

(a) Comincia per teikpo ad €tpèr deUe pre» 
iensioni. 

(b) Guardau che malagrazia ! 
(e) M&ta esclamazione* 

(d) Dita graziose. (e) qui sta wie^^ 



)y Google 



Or, {a Choc!) Lassa ohe i Ciem , bo tt a' loi- 
pazxar*. 

To, (a Lue ptMno) Se tHt^ <^a% Me battole* 
rati ? 

Zat, (a To/oto piano) Ob etie omIo I 

Or, (a Lìòera, accennando Lue.) Gessa diseaT 

To, Dona Pasqaa, folea tabaeof 

Pa, Xelo boo? 

T<», SI x« de qaelo d« Malamooo (a). 

Pa, Demena aoa prt«a. 

To. Voleatiera. 

eh, ($e Tit»>NatM lo sa, po?anta ebif) 

To B TU, Lacieta, gha oa volaa ? 

Ltt. De qua, sì ben (ò), (accenna Cheea) (Per 
far despato » tvAU). 

To, (a Lac, piano) Mo che ochì baroni (e) ! 

Li^ (a Tqfifio piano) Oh giaslo t no i xa Bi- 
ga qaeb da Ghaca. 

To. (a Lue jHtUto) Ghif Gbaoa? Gnanea ni 
■lente (d). 

ÌM, {a Tqfoio accennando 0ieea com deristO' 
ne) YardÀ, oo bebi che la xe! 

To. Vara ohioa (e)! {a Lncieta piano) 

eh, (Aooa sì cbe i parla de mi) ? 

Ln, (a Tqfoio piano) If o la Te piase ? 

To, la Lac. piano) Mede, (fi 

Lu. (a Tqfoio sorridendo) I ghe dìse pnÌBe« 

(a) Piceiola ciuà aniicOt non lontana da Chiox- 
za, dove in quei tempo ei pendeva del 
buon tabacco, (b) Lo stesso che si» 
(a) Occhi /urbi, (é) Non ci penso nemmeno* 
(e) Esclamatione negatiaa e di sprezzo, 
if) Vuol dir oo, come £ antico ioscanot aui oo, 
(g) Sicotiiaa, 



)y Google 



f3 

To. (a Lue. sorridendo e guardando Ckecà) 

PhìimU i ghe dÌM ì 
eh, {forte verso To/olo e Lue,) 0«, dìgo; no 

•o aliga orba, Tar4. fja ▼olan féoireP , 
To^ {forte imkanda quelli che vendono la pai* 

na, cioè la ricotta) Paioa fretca, puioa (a). 
dk. {s* alza) Coma ze alo parlare ? Gossa za 

alo pnhiara (^)f 
Or, (a CSteca e s* alza) No te . n' ìmpaisara. 
Li. (a Ors. e Checa alzandosi) Taodi a tao- 

rare. 
Or, Che al te Tarda alo fior Tolab marmoti- 

«a (e). 
To. Gota* A ato manBOtioaP 
Or. Sior •); crede a che noi tapìenio cbe i fé 

dUe Tofolo maraiotioa ? 
Lu. Yar^ ehe taati! rari che bela pradeosìa! 
Or, Eh ! n; cara aìora Lucieta Panohiana {d). 
Lu. Goata X9 ata Paoobiana ? TendÀ a ta, aìora 

Orsata Megìoto (e). 
Li. Ko sta a ttrapaiaar aia «orata «fae maro 

de diami •«. 
Po. {sbalza) Porti ritpatto a mia aagoli. 
Li. Bh, tati, dona Pafqaa Fertora (/). 

Ca) Lmiia quelli che vendono la ricotta. 
(b) Verbo immaginato a piacere, come se di* 

cesse rioettare, per dire: cba maoiera è 

qoe«ta ? A me rieottioa P 
(o) Soprannome di Ttfolo. 

(d) Soprannome di Lueieta che significa pa* 
rabolana. . 

(e) Soprannome di Osetta. Meggiotto si dice 

ad «if pane di farina grossa, mescolato 
con farina di miglio» 

(f) PadaiU, soprasutoms di Pas<fiia. 



)y Google 



i4 

Pa, Tmì m iKnMi Lib«ra Galosio («>. i 

Te. Se no foMÌ dona, tfto^ao de. tto'iMigu* •} 

ri» (^) ^ 
X/. Vegnirk el mio paro*, 
db. Vegoirìi TSta-ffaoe. Ghe voi «dotare taUOg 

gbe voi «oatare. 
Im, Cootighe. Gotta n'importa? 
Or. Ghe el vegoa pareo Toni Gaoestro (c).m 
£». Sì, al, ohe el ?egoa pareo Fortuoato Bar- 

oolo (d).^ 
Or, Oh che temporale (e)\ 
Lu» Oh ohe tniào (/>! 
Pa. Oh che biatabuoTa \{g) ! 
Or, Oh che atramaolo (À)| 

SCENA ly. 

Paron vicvNzo e detti, 

VL Olh, Olà f aito, done. Gotia diavolo gaveu ì 
Lu, Oe, vegol qua, paroo Vicenao. 
Or* Oe, tenti paron Viceoao Latagoa (i). 
yi, Quieteve, che xe arivà io sto ponto b tar* 
Una de paron Tooi. 

(a) Cappone male accomodato che in parte è 
ancora gaUo; sopramumte di lÀbera. 

<b) CocomerOi^ 

(e) Sopramnom» di TonL 

(<i) Pesce di tal mnne, sopranneme di Por* 
tunatOk 

(«) (0 (8> (Ik) 3ì»^e ^utsU quattro esdéh 
mozioni sign^ano lo stesso^ quasi : oh 
che baruflfa! 

(i) Soprannome di P^cenzo; latagna è un 
pezzo di pasta larga sotdle che si 
mangiai amie si -mangiano i macch9renk 



)y Google 



)y Google 



16 

Vi, I« rio (a) iA meOt no i ghe può v«sinrt. 

I xk lìgai a Vigo {ò), 8e toU' giMote, vago a 

ì«d«rt , •• i ga <l«l patte , a té i %h% d' ha, 

ghe Bt VOI comprare par anndarlo a Teodefe 

a Poeta IiOUgo. (e) 
tu. {a Vie.) Oc, DO gha òM goente. 
Li* Oa, paroQ Viceozo, no ghe eletti aiga a 

contare. 
ri. Che cade, {d) 
Or. No ghe etetti a dire... 
Wl. Mo no tt^ a baoilare. (e) {parte) 

Li. Via, no femo che i oottri ooMOi a*ebia da 

trofare io baraTa. 
Pa. Oh! mi pretto la me monta, e pretto lame 

patta. 
Lu. Gheca, xetta io ool«ra? 
eh. No ti ea far altro, che far defpeti. 
Or. A monta a monte. Semio amighe? 
Lu. No voleu che lo tiemo? 
Or. Dame un bato, Lacieta. 
Lu. Tio, riteere. (si òaciuno) 

Or. Àaoa ti Gheca. 
eh. (No go beo etomegb.) 
Lu. Vie, mata. 

eh. Via, che ti zi dopia co la le oeole. (/) 
Lu. Mi f Ob ti me cogaotti poco. Vico qae, df 

me no baio. 
eh, Tiò, (g) Varda ben, oo^me nùnchionare. 

(a) Canale della città. | 

(b) Luogo dove comincia la città di Cfdozza. 
(e) Crosso pillaggiot àuiga t Adige, sul tetri' 

tono padovano, 
(è) Kon dubitate. (e) JVofi ci pensate, 
(0 doppia come la cipolle^ cioè fiata, 
(g) Prendi. 



)y Google 



»7 
Pa, Tiò et to baloo, € aodemo in (A, {a) oh« * 
pò aDdar«ttio in tartana. 

{piglia lo scagno col cuscino e parte) 
Li. Paté, andamo aaoa no, che ii andarémo a 
iooontrare. {parte col suo scagno) 

Or, No vedo Fora da vederlo al mio caro Bepe. 
{parte col suo scagno) 
Lu» Bondì, Gheca. {prende il suo scagno) 

eh. Bondì. Vogieme ben. 

{prende il suo scagno^ e parte) 
Lu. No t'iod abitare. 

(prende il suo scagno e parte) 

SGENA V. 

Veduta del canale con varie òarcfte pescareccie, 
fra le quali la tartana di paron Toni, 

Paron wowtvnkrò, bbpo, tita nane, e altri mio» 
mini nella tartana^ e paron tomi in terrai 
poi paron ticinzo. 

Ton. Via, da bravi, a bel baio, neti io tara q^el 

peate. 
VL Beo vegoao, paroo Toni.' 
Ton. Schiao {b)^ parco Viceozo. 
Vi. Gom'ela andada ? 
Ton. Eh! no se podemo deaconteotare. 
Vi. Coaaa gavea io tartana? 
To. Gavemo ao poco de tutto, ga verno. 
Vi. Me dareu quatro cai (e) de afogip 



(a) In casa. 

(b) Schiava, saiuio amithevùU* 
{o) Quattro canestri di sogliole. 

i^ Baruffe Chioa. n.* 69 



)y Google 



. T<?, Pare (<i) 8Ì. 

Vi, Me darea quatro cai de barboni? (^} 

Ton, Pare %\. 

Vi, Boseghe (e) ghe n'avea? 

Ton, Ma^o ^^ dìaoa^ ghe o*a remo da onci gran» 
de, che U pare, oo buo re<peto, {d) I«ogit« 
de maozo la para. 

V'i- E rombi ? 

Ton, Ghe o*aemo aie, (e) ghe D*aemo, co è eJ 
fondi d'uoa barila. 

Vi. Se porlo veder ato pessa? 

Ton. Ande in tarlala , ghe xe paròn Fortanato ; 
aranti che lo spartimo (/) fevelo moatraro. 

Vi. Andarò a rade, aa ae podamo giustare. 

Ton. Ande a piao. Oe, deghe man a paroa Vi* 
ceozo. 

Vi, (Gran boai omeni, ohe x\ i p.esoaori f ) 

{va in tarianà) 

Ton, Magari Io podesimo vendo tnto a bordo el 
peste che lo venderia volentiara. Sa andamo 
io man de sti bazarioti {g) no i viiol dar gnau* 
te; i vuol tutto per lori, Na altri, povarazsi» ; 
andamo a riachìara la vita in mare, e ati n»ar» | 
canti ool baretoo de vaindo (A) i «e fa riohi ' 
00 lo nostra fadighc. 1 

(a) Quasi compare, i 

(b) Triglie, (o) Specie di cefali grossi 
(d) Con buon rispetto, 
j(e) Ne abbiamo sei ; grandi come il/ondo df 

un barile. 

(f) Ap€tnd che lo dipidiamo, 

(g) Pescivendoli, 
(b) Beretta di pòluto^ che portano erdimtrìéh 

mente quelli che comprano il pesce pe^ 
TWendcrlQf a differenza dà'fmcatori, cìm 



)y Google 



)y Google 



SCENA VI. 
PASQUA, luetiTA e deiti, 

Pa, (a Toni) Pàron? (a) 

Ton, Oh mngwM! (ò) 

Zu. (a Toni) Frad«lo! 

Ton. BoBch, Lacieta. 

Lu. Bondl, Bepe. 

Be, Srasta bao, torela ? 

La, Mi, sì. E ti? 

Be, Bao, bati. E ▼«, cagali, ttaa bao? ^ 

Pa. {a Toni) Sì, fio. Aireo fatto boo Tiaio ? 

Tcn» Gossa parlea da viazo? Co aamo in terra . 
oo aa recordamo pia de qnal oha a*ha pataao 
in «are. Co aa paaca (o), sa fa bon TÌaao, • 
co aa ohiapa (d) no aa gha pania a riachlar 
la Tiia. Avemo portìi del pes^e, e sanio alia- 
grì, e senno tutti oootaoli. 

Pa. Vìa, ria, manco mal. Sea stai in porto ? 

Ton. Sì, ben, semo stai a Senegagia. (e) 

Zu. Oe, m'araa portìi gnenta? 

Ton. Sì. t'ho poriii do. (/> pera da caka fguar- 
da {g\ e no fazseleto da colo. 

Im. Oh! caro al mio caro fradelo; el ma rol 
beo mio fradelo. 

Po. B a mi sior m'areo portìi gnente? 

Ton. Anca a vu t'ho portaa da farte un colo- 
Io (h), e una reatina. 

Pa. De co$«a? 

(a) Marito, (b) Moglie . (e) Qui intende 
quando ai trota molto pesco . (d) Quando 
risplende. 

(e) Siniga^lia: ({) Due. (g> Bosse. (h) Unn 
gonnella e un giubboncino. 



)y Google 



ai 
Ton, Vedati. 
J^a. Mo de cossi ? 
Ton, Vedari, t* dìgo, redari. 
Lu, [a Bepo) R ti ob'attu portai gomita ? 
i^tf. Vara, chioi? Cotta tntia, che mi te porte? 

Mi ho compra Taiiflo pf r la nofissa. (a) 
tu. Xelo hdo? 

Be. Velo qua eh! {le mostra taiiello)'V»n,(ò) 
Lu, Oh co belo oho al zi? Per calia (e) «to 

anelo? 
Be, Per costa mo ghe disiu eulìa? 
Lu, Se ti sa?es8i cossa che la o'ha fatto? Dor 
maodighe alla ougoà; quela fratcooa {d) da 
Ortetta, a qoel' altra scagatzera («) de Che- 
ca comaodo che le n'ha strapazsao. Oh ! cos« 
sa che le n'ha. dito 1 
Pa. B dona Libera n*aU dito pacco? Ne po- 
dcfala mahtttBare più dp quelo che la n' ha 
malmeoao? 
T4fU. Goss'À Goss'é aHi? 
Be, Costa tA incesso? 
Lu, Gocote. Lengoa cattire. Leogua da tcoa« 

giwi. 
Ptt, Semo Hi su la porta, che Uoremo col oo^ 

atro babn... 
£•» Nu no ae n* impasiamo m» 
Pa. Se saresti! causa quel baron de Tofolé 

Bffarmotina. 
Wu, Le ga zeluzia do quel bel togato. 
Be, Co%%% \ la ha parla co Tofolo Macmot(na ? 
Lu, Sm Te piase. 

Ton, Oh ria, no regnt adesso a meter suso sto 
palo, a a far nascere da Ja cnstion. . 

(•) Per la mia sposa, ( b) Guarda, 

(a) CoUi^ (d) Ragftzxaccia, (e) ImpertìfteKte, 



)y Google 



ti 

Im. Uh te savessej {ci) ^ 

Pa. Tati, tati, Lucieta, cha debolo' toramo <I« 

mezo nu. 
Be, Con chi pariavalo Marmoiinaf 
Lu. Con tute. 
Be. Aoaa eoo Ornala? 
Lu, Me par da a). 
B0. Sangue de diana! 

To». Ohi ria, feaimola, «ha no ▼ogio auasari... 
Be^ No, Orteta 00 Ui vogio altro; e M^armotioa, 

corpo de nna balena, el me l'ha da pagare. 
Tote. Anemo, andemo a casa. 
Im, Tita-Nane do?e zelo? 
Ton, (con isdegno) El ze in tartaoa. 
Lu. AtiDAoco lo Toria saludare. 
Ton. Andemo a casa, ve digo. 
Lu, Via, che presta ga?ea? 
ffVi/r. Poderi far de manoo de regnire qua a Hit* 

turare. 
Lu. Vedeu, ougoii ? AraTino dito de no parhirer 
Pa. B ohi ze ttada la prima a aohitare (è) ? 
Lu, Oh! mi eots'ogio dico? 
Pa, E mi cott'ogio parla? 
Be. Afe dito tanto, che aè fuNè qui Orieta, 

ghe daria un tchiafazzo in tei movo. Da calia 

no voi altro. Vogio vender l'andò. 
Lu, Damele a mi, damalo. 
Be. £1 diafolo ohe re porta. 
Lu. Oh ohe bestia! 
Ton. To dano, ti meriti pezo. A oata, te drgo. 

Subito a casa. 
£ir. Vare che tatti! Costa tongio? La vottra 

matterà? Sì, ti, no Vindubitè, ohe co va no 

ghe Togio tiare. Co vedarò Tita-Naoa, ghe lo 

(a) Se sapeste, (b) dcabvv. \ j 



)y Google 



»3 

dirò. O ch9 el me tposa iabito, o péf dian* 

d« dia, vogio andar pia tosto a servire, (parte) 

Pa. Mo gari de i gran tiri da mato. 

Ton, (fa mostra di troierie dare) Volea aiogar. 

cha deboto... 
Pa* Mo ohe omeoi! mo ohe omeni maligoazìì 

(parte.) 
Ton, Mo, che dooe! mo ohe dona da pestare 
.co fa i granai fa) per indare a pescare! 

(parte.) 

SCENA VII. 

POBTUIIATO, TITA-NANB, TICINZO, chc SCendoftÓ 

daUa tartana^ con uomini carichi di canestjri» 

Tié Gassa diavolo xe st)i qael snssnro? 

Fi. Gnente, fradelo, no saTen? D«»oa Pasqua 

Fersora la ze una dona ohe éempke cria. 
TL Con obi eriavelaP 
^L Goo so marie. 
Ti» Lucieta ghe gierelaP 
Pt. Me par de s) ohe la ghe fnsse anca eia. 
Ti* Sia maledio. Giera là aoto prora a stivara 

al passe: no ho goanca podeslo vegnire in tera. 
J^ii Oh che caro TitaoNane ! Area paara de no 

▼ederla la vostra novizza? 
2^ Se savessi! mnoro de vogìa. 
Fo, Parò laenxo. (parla presto, e chiama paro» 

Vicenzo,) 
TL Cosi'è, paron Fortanarb? 
Fo, Questo ze oto {ò) posse. Quato (e) cai 

(a) Pedi la nota alla pagina 7, letterina, Jl^e) 

(V) Il uostroé 

(0) Quattro, v 



)y Google 



fogl, do eaì liabooi, tU, ti«, tit bofeghe, • tm 

cao baacolf {a), 
rL CoiM? 

Fo. E un «ao baacole. 
yì* No T^iotando miga. 
Ti. No ìotaQdÀf Qaftrp cai de tfogi, do. /cai 

da barboQÌ, aie boseghe, a no cao de. baacola. 
VL (fil parla in taoa carta maniara...) 
Fu. Maadè a caaa o peate» regniò pò ai a lo i 

bezzi. 
Vi, Mifiiar a), co ?olè i Tottri bezzi, fcgn), 

che i aark parechiai. 
Fo, Na peaa abaco* 
VL Come? 
Fo, Tabaco, Ubaco. 

yi. Ho oapio. Voientìera. (gli dà tabacco) 

Fo. Ho parto a acatoa io mare, e io tartatm 

gh*i paochi e to tabaoo. A Senegagia e no 

conprao un poooo ; ma no xa e nostro . da 

Ghioza. Tabaco Ubaco da Senegagia, e Ubaco, 

e pare balini cbiopo. 
Vi. Gempatime, paron Fortunato, mi no Vin» 

tendo ana npaladeta. 
Fo. Oh bela, bela, bela! no intendi? Bela! no 

parlo mia foeto, patio ohiozzoto, parlo. 
Vi. Ho cap)o. A rifederae, paron Fortunato. ; 
Fo. Sioìa, pao'Izenzo. 
Vi. Schiaro, Tiu-Nane. 
TL Paron, re aaludo. 
Vi, Pitti, andemo. Porti quel peiae con mi; 

(Mo Caro quel parco Fortunato! SI parla 

che al cooiola.) (parte) 

((BÌ) Baracole pesce più piccùtlo della rama^ 
ma della stessa specie^ 



)y Google 



SCENA yilL 

rOlTUNàTO e TITVN&NK. 

2^ Volta che- Budemo, paroo Fortaoa^? 

Fo.. Pet^. {iruende di dir ttspeUè) 

TL Costa Tolea, cho. asp«teino? 

Fo. P«i*. 

TL Peti, petè, «osta ghe xe da aspetare? 

Fo. I ha a potare i fera de ato passe e da a 

laioa. Paté. . , 

2V. (caricandolo) Paterno. 
Fo. Coss*è to baiare f Gois'è lo eiara cots'^ 

tt> sigare? 
Ti. Ohi Usi, p^roB Fortnoato. Xa qua vostra 

mugiera co so sorela Orseta, e oo so sórsla 

Chechioa. 
Fo. (con allegrìd) Oh, oh oiìa mogiere, mia 

mugieref 

SCSHAIX 

LiBifts, OMiva» GHIC4 e deui, 

LL (a Fortunato) Patron, costa fea che m» 

Tegoi a casa? 
Fo. Apeto e posse, apato. Ossa fata aogWa'?. 

Tatù beo, oiagiere? 
Lì. Stago bea, fio: e va sten beo? 
Fo, Togo beo, tago. {saluta) Cogah, saodo : 

aaodo Cheea, saado. 
Or. Siorìa, cogoli. 
eh. Cugoà, bandì liorla. 
Or. Sior Tita^Naoa goaoea? 
TL Patrooe. 



)y Google 



CA. 8t& motto ala larga, iior. Cotta gavia pan* 

ra? Che Locieta re ^ga roba? 
TL Gotta fata Lucìata? Sula ben? 
Or, Eh! la tta ben, t\ qneh cara cogia. 
Ti. Gote* 4, no sk pia amighe ? 
Or. (ironico) Oh! • ooma oha temo amigha! 
eh, (con iromà) La ne toI Unto beo} 
lÀ, Via, paU, tate. Avemo ^onà tnto: atemo 

dito de oo parlare, e 'no vogio che le potia 

dire de ma de tì, e de qua a de & (a) che 

vegoimo a tegolare. 
^o* Oa, mugiere, ho potao de a faina da aoto* 

Tento, de a farina e togo taco (b) e faemo 

a poenta, (e) petfaemo. 
Zi, Bravo! mth porta dela farina de torgo tnr* 

*oo? Go ben a caro datteno. 
Wo, B ho potao... 

TL (a Lio.) VoraTe che me diietti... 
Fo, (a Tìi.) Latte parlare i omcni, lattA par* 

lare. 
TL (a For.) Gero ra, quieteve un pocheto. 
Fo, Yorave che me ditettì, cotta ghe ze ita 

con Laciela. • 

U, (con malizia) Gneote. 
Ti Gaente! 

Or, {urtando Lìbera) Gnente vìe, gneote. 
eh, {urtando Ors.) Xe megio cuti, gneote. 
Fo, (vergo la tartana) Oe, putti poti ìa tera 

e aaco faina. 

(a) Da «a de t) e de qua e de Ik. Frase stra* 

pagantissima e significa, che non possa» 
no dire eli noi che abbiamo parlato, 

(b) Grano di Turchia, 

(o) Dalla farina di questo grano, o granone 
si fa la polenta. 



)y Google 



Ti* Mot ^* ^^^^ ereatarei sa gh*À «fa ^lalcoM 

ca, disalo. Mi no TOgìo che* siè oamighe. So 

cba WQ altra s^ bona sante. So ohe anca Lu« 

ciata la xm tioa perla. 
£{. Oh oaro! 
Or. Oh che parta! 
Ckt Oh oc palicarìa (à)\ 
Ti. Cosse podeo' dire de iqoclhi pota? 
Or. Gtieote^ 

€h. DomaodégheTo H Marmotina. 
2rV. Chi «lo sto Marmotina? 
Li. Mo via, paté, tas^. GoSsa diavolo gaveu th^ 

«o ?e podi taseotare {ò)? 
Ti. B chi elo sto Marmotina? 
Or. No lo cognoss^ Tofolo Marmotioa ? 
eh. Quel batiflante, no lo cognocci ( {stendo* 
no di tttrtànà col pesée e tìfi sacct^ 
Po. (a Tiì.). Aodeno, aodemo, el posse e • 

faioSé 
TL (a Fùt.y Ih ! sia maledeto. Gossa gh* iofre* 

lo con Lnì^ta ? 
eh. m se ghe senta dareote. 
Or» fil ?ol imparare • laorere a mazzate. 
eh, El ghe paga la xuoa baraca. 
Zi. B pò sto baron, per causa soa el ne atra* 

pazta. 
Ti, Mo me la disi beo grandonazza ! 
Fa, (edle dontte) A casa, a casa, a caia. 
lÀ. {a Tit,) Oe, el n' ha manazxk (e) fiali 
eh. Bl m' ha dito Pninetai 
Or, Tato per causa de la tostrci. perla. 
TV. {affanno^) Dot* elo f Dote stàio, dofe sire* 

lo? Doto lo podara?Ìo trotare? 

(a) PreMiota. ' (b) Che non potete tacere^ ' 
(e) EÌU ! ci ha fino minaeciattft - 



)y Google 



s9 

Or, 0« d sta <Ì« CSM in oftk (a) d« la eor^ 
na, sotto al sotto portago ia foadì per sbo* 
oar ia osaale. 

Lì. El sta ia easa do bara Tribolo. (^) 

Ch, E «1 bat«lo «1 lo ga io rio (e) d« paisà» 
so (if), io fasta a la pascaria, arsola al i»ata- 
lo dsl Chaco Bodolo. 

Tu A mi, lassi far a mi ; sa lo trovo , lo Ugio 
in feto 00 fa P asiao {e). 

eh. Eh! ss lo ?otè troiara, lo UroTari da Luoists. 

Ti. Da Laoista f 

Or, Si, data vostra Dovissa» 

TV. No; oo la zs più la mia noTÌsza. La TOgio 
lascars, la togio impiaatara ; a qnsl galioto do 
Marmotina, saagaa ds diaoa, ohs lo Togio soa*- 
nsro, {parte) 

Fo. Aoemo, a ossa ?• digo; aadsmo a «asa, 
aodsmo. 

Li, Sì, oDdemo, barattaora (/*) aodtmo. 

Fo, Gosfs seu egnua a dire?. Coesa a«a egqua 
a fsra P Gessa sea egnas a tegolare {g) ? A 
farà preoipitars a faraf .Mas a diana! Sa 
nassa gaente, gocnte , se nasse e ogio mscarf 
el muso, ogio maoare, a ogio, fae stae in lato, a 
ogio; io leto io leto, maleetonazze, io Iato, (parte) 

Li, TolÀ saso (h) ! Anoa mio mario me manaz- 
sa (i). Par oatua de va altre petazse (k) me 

(a) Nelia strada, (b) Soprannome supposto, 

(e) Canale interno della città, 

(d) S* intende il ptdazxo del 'pubbUco Rap^ 
presentante, (•) Sorta di pesce. 

(f) Che parla presto^ come la ruota del fruì" 

Ione che in Veneziano si dice buratta, 

(g) A pettegoleggiare (k) Ecco fuL 

(>) ilfi minaccia, (k) Bagazzaccie, imprudenU^ 



)y Google 



•9 
:io«Ci« t«mpr» • Uort 4« omsm • n^, n* lo- 
ca. Mo cotta diavolo soo f Mo cht Uogtui 
(•tea ? . Ave promesso dt no parlare , e pò 
▼egpì a dire, a pò vegiA a fare. Mara de Ira- 
oolo eha me toU far detporare. (porte) 

Or, Seotistnf 

eh» Oh, cotta gatta paarat 

Or. Mi? goanta. 

eh. Se Lucieta perderà al nomaOi to daoo. 

Or. Mi lo go intanto. 

eh. E mi ma. lo ta? arò troTtra. 

Or. O che tpatami! . ■ 

eh. Oh cha travagi.' 

Or. Gnanoa in menta! 

eh. Goanpa in li baal dal nato ! {partono) ' 

SCEtlA X/ 
Strada cqn casct come nella prima scena. 

. rowoto,. poi Bipo. 

To. Sì ben, ho fato male, ho fato male, ho fa- 
to male. Co Luoieta no me oa dovava impas- 
sare. La ze noviaza, co eia no me n' ho da 
impazzare. Ghaca xe ancora donzela ; un de 
•ti zoroì i la mettarh io donzelon , e co eia 
poeto fare T amore. La te n' ha avao per ina- 
la. La ga raton, te la te n'ha avuo per nul- 
le. Xf fegno cbt la me voi ben, xe aegook 
$• la podette vedi almanco ! Sa ghe pódette 
un paoco parlere» la vorìa paseotare (a). Xe 
vagoà paron Fortanato; t) ben che no la ga 

(a) La porrei pacificare* 

Digitized by VjOOQIC 



3o 

•1 doDuloD , gh« la podarìa domandare. F«« 
' porta xt a«rada ; no so, •« ì gha aia in catn, e 

t« no i ghe sia io cata. {si accòsta idia casa) 
Be. {uscendo dalla sua casa) Velo qua quel 

farbazto. 
To. Sa podetM, forava on pnoeo fpiooare. 

{si accosta di più) 
Be. 0\h I olà ! sìor Marmotina^ 
To. Goss*& sto MaànBotina? 
Be. Cavate {a). 

To, Vara, ohioat Gareta ! Goss'i ato oavete^ 
Be» Tosta sogara che te dago tante peae {6) 

quante che ti te ghe ne può portare? 
To Ghe impasto (e) re daghio? 
Be, Gessa fasto quaf 
To» Fazzo qael che fogio^ faazo. 
Be. E mi qua no vogio ohe . ti ghe slaghe* 
To, E mi ghe vogio mo stare. Ghe vogio star€« 

.ghe Togio. 
Be. Va tia, te digo* 
To, Mede {d). 

B: Va ?ia, che te dago una sberla (e). 
To, Mare de diana fé trarò nna pierada. 

{raccoglie delle pietre) 
Be, {mette mano a un coltello) A mi, galioto P 
To, Lessema stare, lasaeme. 
Be. Gairete, te digo. 
To% No me fogìo cavare gnente, no me fogio 

oafare. 
Be, Va fia che te sbnso (/). 
To, {con un sasso) Sta da lonzi che te (^) 

spacco la testa. 

(a) Levati di gm. (b) Catci. (e) Che fastidiò 

vi do ? (d) No. (e) Uno schiaffo, 
(f) Che ti do unaJSaita. {^y Sta lontana. > 



)y Google 



Be, Tìrein«, >• ti ^a cèor. 
To. (n-a dei sassi e Beppa tenta cacciarci 
soito.) 

SC?NA XL 

Paron towì esce di casa, poi rientra e subito 
tóma a sortire; poi pasqua e luqbta. 

Ton. Cosca xe sta cagnara (a)? 

To. (dra un sasso a paron toìd.) 

Ton. Agiato: i m'ha dà uoa pierk! Aspsta, 
galiotto, ch« m cha ti ftM la paghe, (entra 

in casa) 

To» Mi no faxzo gnanta a ni ss un, no facto. Ges- 
sa me Yognìu a insolaotara ? (prendendo sassi) 

Be. BCati xo qnale plora. 

To» Mati wU qael cortelo. 

Ton. (esce con un pistoiese) Via, ohe te ta« 
gio a tochi. 

Po, (trattenendo paron Toni) Paron, fermerei 

Lu. (trattenendo paron Toni) Fradeì, fermeve^ 

Be, Lo Tolemo mazzare. 

Im. (trattiene Bepo) Vìa atrambazzo (ò) Ter* 
mite. 

To. (minacciando coi saséi) 8tè iodrio cha te 
copo. 

Lu. (gridando*) Zenta. 

Pa. (gridando) Creatore. 



(e) Sumrro. 

(b) imprudente^ precipitosa. 



)y Google 



32 

SCENA XII 

Paron fortuhato, iìbika, ousita, cAkoa, 
Uomini che portano pesce e /orina e detd, 

Fo. GomVla? Gom*«la? Forti, forti, con»' «la? 

Or, Oal oastioB. 

eh, Cattioof Povarttft ni. (corre in ca^a) 

Li, locpiritai, fermeve. 

£e, (alle donne) Per caosa fottra. 

Or, Chi? Costa? 

Li, Me Baravegio de sto parlare. 

Lu. S), sì, va altre tegoi tenzoo. (a) 

Pa, Su ai, m altre sé sente da preoìpitare. 

Or, Senti, che sproposita? 

LL Seoiì, ohe leogue! 

Be, Ve lo mazzero su la porta. 

Or. Chi? 

Be, Qnel fnrbaizo de Marmotioa. 

To, {tira de* sassi) Via, che mi ne son Mar- 

motina. 
Pa, (spingeitdo Toni) Paron, in casa. 
Lu, {spingendo Bepo ) In casa, fradelo, in casa. 
Ton, àik ferma. 
Pa, Io casa, ve digo, in casa. 

{lo fa entrare in casa con lei) 
Be, {a Lue.) Lsiseme stare. 
Ltt. Va drente, te digo, mato ; ta drente. 

{lo fa entrare con lei. Serrano la porta) 
To. Baroni, sassini, vegoì fuora, sa gavÀ co- 

ragio. 
Or, {a Tqfolo) Va in malora. 
LL {lo spinge via) Vate a far squartare. 
To, Coss'i 'sto spensere ? Costa xè sto parlare! 

{a) Tenete mano. 



)y Google 



Fé, Va iti Tt ìa, ch« dejboto, se te iii«to • m% 
• torno, te fazzo egei faora • Ji/ael« p« a 
Itooca. 

,To. Ve porto raspato, v« porto, perche sé .¥<• 
ch'io, a parchi %k cngoìi da Ghechioa. Matti 
baroni, sti cani, saagaa da diana, m» la ha 
da pagare. {verso la porta di Toni) 

SGENA XIIL 

Tira MAMt con pìstoUte e detti. 

Ti (contro Trfolo sbattendo il pistoiese per 
terrà) Vardeta che te sbaso. 

To, Agiuto. (si ritira alla pòrta) 

Po. Saldi. Femava. (^o ferma) 

Li. No a\ (a) 

Or. Tegnilo. 

Ti, (si sforma contro Trfolo) Lassarne anda- 
re, lassarne. 

To, Agiato, (dà neUa porta, che si apre, e 
cade dentro. X 

Fo, Tita-Nane, TitfNane, Tita-Naoa. 

(tenendolo, e tìrandoU) 

LL Menalo io casa, aenelo. (aFortunato) 

Ti. (sforzandosi) No gha fogìo teguire. 

Fo, Ti ga beo da agnire. 

(lo tira in casa per forza) 

Li. 0& che tremazso? 

òr. Oh che baticaore! 

Fa, (cacciando di casa TofoU) Va ?ìa de qua. 

Lu, (cacciando Tofolo) Va in malo^. 

Fa. ècarcavalo. (ìt) (^<^) 

X». Scavessa colo. (pia, e serra la porta) 

(a) Non fate, (ò) Precipizio^ 



)y Google 



H 

Tu. Costa dJMQ, oreatnra f (a Li, Or.^ e Che) 
Ed. To dno. (pia) 

Or. Magari p«so. (p^) 

To, Saogoe de diaoa, cha li foi qaaralara. (a) 

(parie) 



(a) Intende voler andm^ al erimùude a dar 
una querela contro gueUi che ì^ hanno qf" 
feso o insultato ; solita pendetta di quei 
popolo minuto» 



)y Google 



ATTO SECONDO 

SCEN/k PRIMA. 

Cancelleria Criminale» 

isiooKO al topolino scripendot poi tofoio, 

pòi il COMftlfO&DOlt . 

Is. (i^tm ecritfendo.) 

To, Laftrisiiino sio caocellìer*. 

Is. Mi noD too el amo«)tier ; ton •! oo^or. 

To, Lavtrisfìifio aie cogitore, 

l9. Gosfla fasta ? 

To. L'abia da aavara, cha no liaroo, lartrAM* 
mo, m'ha fata impatto (a), a al m'ho maoas- 
zao col cortefo, a el ma volara darà, e pò do« 
pò x& ?egoa no altra caoagia, lastt'ifflimo ... 

U. Siattti maladato ! Lassa «tar quel liittrisaìmo. 

To, Mi DO, aio oogttora, la ma staga a aeotire: 
« oasi, oomaodo, (k) oh*a gha diaaTa, mi aa 
gh« fazso gtieota, a i ma dito, cha i ma ?ool 
ainazzare. 

U, Tioo qukt aspeta. 

{prende un foglio per iscrìvere'j 

To, Soo qn^, lattritaimo. (Maledii! I ma U ga 
da pagare.) 

Is, Chi aatn ti? 

To, So batelanta, Instriatimo. 

U, Goasa gastu noma f 

(«) Mi ha insidiato, (è) Cerne, 

Digitized by VjOQQlC 



36 

To. Tofolo. 

Is, El oognome? 

To. Zavata. 

Is, Ah 1 DO ti xk Soarpi, (a) li xh Ztfatt. 

Td. Zavata, In st risai uko. 

Is, Da dova xaata? 

To. So ohioxioto, da Ghìoaza. 

Is, Asta pidra? 

2*0. Mio pare, lastrissimo, al xÀimortoia Quur«« 

Is. Goasa gafetalo ooiba? ; 

To, Toni ZaTata, Baracuoe. (ò) 

Is, E ti gasta oissaD aoranome? 

To. Mi DO, Instriaaiino. 

Is, Xi ìo^posaibila, oha oao ti gh'aliì aoea li el 

to aoraooma. 
To, Che aoraoome ?aorla ekt gh*abia P 
Is. Dime oaro ti: no xaala ttà aooora, me (Mir, 

io caooelleriaP 
To. 6io ai, una Yolta ma aon TagoA a asamiiiare 
Is, Me par, ae no m'iogaoo, d'aferte fato citar 

col nome Ile Tofolo Maraotioa. 
To, Mi so ZMtata, no ao Marmotina. Chi n*!» 

messo ato aome, xè slao una oarogna, luttria- 

aimo. 
Is, D«boto la dago ao laatrisstmo aalla oopa» 
To. li'abìa la bootà de compatire. 
Is. Chi zi quei ohe Vha maoazdi f 
To, ParoQ Toni Ganeatro, a ao fradelo, Bepa 



(a) Moltissimi chiozxotd sono della fùmigliéi 
Scarpa ; quelli prijtcipalmenie che p^nno 
a vendere gli eròaggi a Fenezia, non si 
conoscono con altro nome, 

(A) Soprannome, 



)y Google 



Gotp«tom; (a) pò dopo TSta-Nano MoIe« 

lo. (ò) 
Is. GaT«?«lì ■ •?»« ? 
To, Mar« d« diana st i gb* q» afava ! Bapa 

Goapatopi gateira uà oortalo da ptf caore . 

ParoB Tool xk Tagooo foora con oo apadoo 

da tagiara la lesta al toro, e Tita-Naoa ga^ 

fava uoa sgaaa da <|aala oha i lieo «oto po< 

pe io tartaoa. 
i>. rhai dà? Tliai fariof 
To. Mada. I m'ha fato panra. 
Is, Par cosso t'hai maoaxsk? Par oossa ta fo« 

bfali dar? 
To, Per goeata. 

If. Ataù crUif 6h« xa atk- parole? 
r<t». Mi no go dito goato. 
Is. Xesta seanpk? Tastu difeso? Coma xela 

fonia ? 
To. Mi ao sta £i^.aaas) ^.fradeli, digo, — ma 

f ofó flMsaare, masseoia, digo. 
I*. Ma ooma zela £oia ? 
To. Xa arrifao della bqooa oraatore, a Ij ha 

fati dasoietare, a i m'ha salvao la rita. 

Is. Chi xe sta sta creatura? 

To. Paroo Fortunato GaTicohio, a ao qiagiera 

doooa Libera Craloixo, a co cagna Orsetto 

Mogioto, a un'altra so cagna Gbeeha Puioeta. 

Is. (Sì, s), la cognosao tulia cuslia. Gheoa. tra la 

(a) Softrannome di Bepe, e significa un pescet 

9alato,chepiendifuorìt in òarile, mena 

stimato deltaringa. 
if») Soprannome di Tita^Tfane, ed è il nome 

di un altro pesce , simiU al mfiriff^o^ 

ma piccolo. 



)y Google 



38 ^ 

•Itre z« no boa toeheto.) (a) (#mf^) Qhn 

giera feltri preseDtì? 
To, Ch« giera donna Paiqoa Fars«ra, a Laoia- 

ta Panohimà. 
Jf. (Oh aooa qnatu to ahi la xÀ.) (seripé) 

Gatta altro da dir? 
To. Mi no, lustrittimo. 
Is. Pasta nitcnna Utanta aUa giMtkia ? 
T0. De coisa? 

Is, Donandisto, ohe 1 aia condannai io goante ? 
To, Luatritsimo s). 
Js, In ootaa? 
To, In galia, Instriaiino. 
Jè, Ti sa le forche, pezzo da asano. 
To, Mi, sior? Per coesa? 
Ir. Vie, via ptmpalago. (ò) Basta cast, ho ior«« 

so tntto. {scrive un piccolo fogUo) 

To. (N'o Torafo, che i me tegoiste enea lori a 

querelare, perchè go trato de le pieraa. Ma 

ohe i ?egne pura; mi so sta al prima a ?e* 

giiira, e chi è 'i primo, porta ?ia la baodiaraw) 
is. (Suona U campanello.) 
Co. Lustrissima. 

Is. {sbalza) Ande a citar sti testimoo}. 
Co. Laslrissimo s), la sark seririda. 
To. Lostriscimo, me TAoeomando. 
Is. Bond), Marmotiaa. 
To. Zavate, per servirla. 
Is. 8ì, Zavata, senxa slola, sansa tornerà, senn 

setto, a senza modulo. (parte) 

To, Kl ma voi ben el sio cogitore. (al Com, 

ndemdo.) 



(à) Un buon boeeoacìiuh Una beila fanemllap 
(b) Babìdno» 



)y Google 



C^ 8ì, ìB« n'aoorso. Xtli per tu fttì tesbmooj? 

7o. Sio «ì, s'io com^odadora. 

Co. Ve prema oha i sia ciui? 

Tor Ma preme aaguro, sio comaodadora. 

Cq. Me pagherà a da baver? 

To, Volentiara, sio oomandadore. 

Co. Ma mi DO so miga do?a oh^ ì siaga. 

To. Ve l'insegnerò mi, sio comaodadore. 

Co. Bravo sior Marmotina. 

Sn?. Sien maladatQ, sio oomandadore. (partono) 

SGENA II. 

Strada^ conte netta prima scen^ dett atto primo, 

PAAQDà e luciiTà tsiiomo daUa loro casa, 
portando le loro sedie di pagUa^ i loro sca» 
gni, e i loro cuscini^ e si mettano a lavo» 
rare merlettL 

Zv. Ab «0 fato ami Lata coa^a quale petaaze? (a) 

Andare a dire a Tita*Naoe, che Marmotina 

m'à Tegno a parlare? 
Pa. S ti atto fato ben a dire al to fradal quelo 

ohe ti ga dito? 
lu. E fo, siora? No av^ dito gnaate, siora? 
Pa. 8t, beo; ho parie aoea mi, a ho fato mal 

a parlare. 
^ Malignasse 1 avea zara anca mi de no dire* 
Pa, La za così, cugnb, crederne, la «a «usi. Na 

altra femeae, ae no pariamo, orepemo. 
««• Oa, no voleva parlare, e no m'ho podesto 

'«S*^>''e. Me vegnira la parola ala baca, pro- 

earava a ioghiotire, a ma aofegar». Da una 

W Pettegole. 

Digitized by VjOOQlC 



4o 

reohU i me clUtra : tasi: da qncVallIra i disa- 

▼a: parla. Oa« ho terk la rechia del tasi, • 

ho «largii la rachia dal parla, e ho parla fioa 

cha ho podesto. 
Po. Ma detpiaaa, ohe i ooitrì omani ì ha a?uo 

da pracipìtare. 
Zm, Eh guanfca. Tofob xe an nartafo, no aar^ 

goante. 
Po* Bepa voi lìoaosiar Oraata. 
Im, Beo; al gha no troverà ao'altra. A Gbioxxa 

no gh'i oaraatìa de pute. 
Pa» No, no ; de quaranta mila aneme, che aemo, 

mi credo, che ghe ne sia trenta mila de dona. 
J[tU. E quante, che ghe ne xe da maridare I 
Po, Per questo, fedistii? me despiase, che sa 

Tila-Nana la Ussa, ti stenterà a trovarghena 

un'altro. 
£b. Cosse gh*ogio fato mi a Tita-NaneP 
Pa. Gnente non ti ga fato, ma quale petagola 

f ha messo suso. 
Xff. Ss el ma volesse ben noi ghe creda rave. 
Pa, No sastu, ohe al xe zeloso? 
Jm, De coesa ? No sa può goanea parlare ? No 

se può ridere? No se se può divertire? I 

omenista diase mesi in mare; e nu altre a- 

vemo da star qua mnfe mufe (d) a taaiba* 

scare {b) co sta malignacxe mazzoohe {e) ? 
Pa. Oc, tasi, Usi; al xe qua Tita-Nane. 
lai. Oh! el ga la amara, {d) Me n'acorzo, col 

ga la amara, 
Pa» No gha atar a far el muson (e). 

(a) Melancomche. 

(b) Annojarsi loporando per forza* 

(e) Mazzette, colle quali lavorano i merletti» 
(ó) È in collera, (e) // grugno^ 



)y Google 



4« 

ha. Se el me lo farà elo , gh« U farò anca mi. 

Pa. Gh« tuslu beo? i 

£u. Mi s). 

Pa. Molighe (a), se ri ghe toI ben. 

Jjtu Mi OD, Tare. 

P^ Mo via, no butare test»rcla (3). 

Zi/. Oh! pi 11 tosto crepare. 

Pa. Mo che paia morgnona! (e) 

SCENA HI. :'■ 

TITA-NANE « </e/ie. il 

ih 

7i. (La toria licenziare: ma no so come fare.) li 

Pa, {a hoc. piano) Vard ejo un poco. |!!| 

Zia. (a Pas. piano) Eh! eh 4 ho da Tarderà il |'|ì 

mio merlo mi, ho da Tardare. j^ n 

Pa, (Ghe pestaraTe la testa sa quel baio».) t I 

2V. (N^o la me Tarda gnaoca. No la me ga gna«* 

ca in meote.) 
Pa. Siaria, Tita-Nàoe. 
TL Sioria. 

Pa. (a Lue. piano) Siìaàlto, 
Lu. (a Pasqua piano) Figurefe, se fo^o •$• 

aer la prima mi! 
Ti. Grao premara de laorare! 
P a. Cessa disen? Semio dooe de gerbo, fio? 
Ti» Su, al: co sa puoi, ae fa ben a spessegare (dy 

perchè co Tieo dei zoTeni a sentàrse areote 

OQ «e poi laorare. 

(a) Cedi; comincia tà m parlare^ fagli buona 
ciera, 

(b) Non esser osdnatà, 
(o) Puntigliosa, 
ffi) Far presto^ sollecitare, 

lie Baffudfs Chioz. 0.*" 39^ 9r 



)y Google 



Im, (tossisce con cancatara^ 

Pfl. (a Lue. piano) Molìght. 

Lu. (Made.) 

Ti, Dona Pasqaa, te pMse la zac« barncaf 

Po, Vark vede! Per oosm me lo domtodcuf 

Ti. Perche go la boca. 

Lu, {sputa forte.) 

Ti. Grao cataro, patrona! 

Lu. {lavorando senza alzar gli occhi) La sa* 

ca me fa apaare. 
Ti. (con isdegno) Casi t'aTefsela lofegk (a). 
Lu. (come sopra)' Fo»§u crepare chi me t«oI 

male. 
Ti, (Orsa r ho dita, e la togio fare). Dona Pa* 

«qua, parlo co tu, che tè dona (ò), a tq v^ho 

domanda vòstra cugok Lacietai e a ▼« ve digo 

che la licenzio. 
Pa. Var4, che sesti! Per cossa? 
Ti. Pef cossa, per cossa ... 
Zu. {s'afza per andar via.) 
Pa. DoT^ vasiu? 

Im. Bg'^Te che vogio. (pa in casa^ e a suo 

tempo ritoma.) 
*Pa. (a Ttt.) No »ih a badare ai petegoleui. 
Ti, So tato, e o^e maravegio de ?u, e ina mi* 

rfvegio de eia. 
Pa. Mo se la ve voi Unto ben! 
Ti. Se la me volesse beo, no la me foItaraTa 

le gpale. 
Pa. Povarazza! La larU andada a pìanzere« la 

«ara andada. 
TL Per M -amanaer? Per Marmotioa^ 
Pa. Mo OD, TNa-lllaoe, mo no, che la va fol 

(a) Affogata* 

iy) Qui intende attetupata e di giudizio. 



)y Google 



45 

Unto beo, clit eo Iaf«^tdtnMl«rla mare, gJie 
«ien VangoMs. Co Tien suto dei tampiNrali, 
la xe netza mata ; b •• atresìsss per «ausa 
vostra. La se Uw suso la notai la va al bal« 
eoo a Tardar el tempo. La ve xa persa •drio, 
no la Tarda per altri ochi, ohe per i Totirt. 

TL E perchè mo no dirme goaaoa naa boaa 
parola ? 

Po, Non la puoi, la ga paura; la ze preprta- 
- * mente iagropé (a). 

2V. No go raton furai de lamentacme de tela? 

Pa, Ve ooBterò mi, come ohe la xe .sta. 

TL Sior no ; Toi che eia mei diga, a che la con- 
fessa, a che le me domanda pacdoa. 

Pa. Ghe perd onere» ? 

TL Chi saf PodaraTe etser de al. DoTè xela 
andk? 

Pa» Vela qua, vela qoa che la viemr 

ZéU, ToU aior le Tostre acarpe, {e Tostre cortle- 

le (6), e la Toatra seodalioa (e) che m'ava dà. 

{getta tutto in terrai 

Pa, Oh poTarela mi ! xestu mata ? (raccoglie 
la roba e la mette sitila seggiola) 

2pÈ. A mi sto -afronto ? 

Im, No m'oTea Keenzikf ToU la TOttra roba 
' e petarela (d), , . ^ 

TL Se parie co marmotìoa, lo mazserò. 

Lu. Oh TÌTa diana ! m'avè lieenMà, « ma Vores*- 
ai anca mo comandare f 

Ti, V ho Ucensik per colà , t' ho ItceaxSu: 

(a) // dolore le toglie ilrespiro, 

(b) dfastri, 

(a) Altra specie di nastro pia fiae^ » * 
(d) ruol dire, tenetela : Ja$0Be éfuel-ché^^ 
lete^ ma t es flessione è ing/airioea* 



)y Google 



Pa. Mt atNiTegio aaca eh* credit eho Ikk 
citta •« To^ia taeara con qual aqaarlao («J. 

X». So bruttj fo povai^ta, io tato qùtl ohe fo- 
li ; ma goaooa e» un baielaott oo ma gha 
taeo (^). 

2V'. Par costa va lo faa «aiitar iraota ? Par eoa* 
•a tolaa b anca liaroca ? 

1m. Vare che casi! 

Po. Vare cha gran orìmival»! 

Ti. Mi co fazzo Tamore, no rogio cha oitfon 
possa dira. £ la fbgio coisl, la Togio. Mar» 
de diana! A Tita-Nana aessnn gha l'ha fat» 
tagnira (e). Nissan gha la farà portara (d)* 

Zm, (si asciuga gii occhi) Vare là cha apos- 
zeta (e)! 

Ti. Mi so ofcao, savana s» oaio. B no so w» 
palalo, safaa ? 

Lu. (pianga mosìremdo di non vcUr pìau^ 
gert.) 

Pa. (a Lue.) Gossa gaatit ? 

Xk. Gatota. (jdoBgendQ dà una spìnta a don" 

na Pas^uay 

Po, Ti |»aBsiP 

Im, Da rabia , da rabia chn b acanarafs c^W 
Mia man. 

Ti. Via, digo ! {accostandosi a Imdeta) Gotsa 
xa slo fifaM (/)? 

X«. AodA in malora. 

(a) Fagahondot hirbanUt. 

(b) Non mi attacco, cioè non faccio aftamore» 
(ed) Tutte due tftteste frasi significano egual- 
mente: nessuno ha fatto e nessaoo farà tara- 
to, o aoTarolkariè. 

(a) Delicato, jn^tendente^ 
iO PiMg^re^ ' 



)y Google 



f^ (a donna Pasqua) SSendÀ, tWaf 

Pa. Mo DO gh*aU rasoo ? Sé s4 pezò ^od oao. 

Ti, Tòlea siogara che 'me tago.a tror la o«« 

naie? 
Pa. Via mato ! / 
Zm, (come sopra piangendo) Lassi ohe et fe4 

§•, Ims*. 
Po, Via, frascooa. 

Ti {inUncFondosi) 60 totesto Beo, g« fdesto^ 
P4L (a TU,) E adesso 00 piò? ' 

Ti. Cosse Tolea? Se 00 la me vuole. 
Pa, Cosse dishi/ Laeieta ? 
Lu, Lasseme stare lasseme. 
Pa, (a Lttcieta) Tiò le to scarpe, tiò la to Wf 

dele, tiò la to xendslina. 
Za. No vogio gneote, no togìo. 
Po, (m. Luc^ Vieo qua senti. 
liti, Lassene stare. 
Pa, Dighe uoa parola. 
Lu. No. 

Pa, Vago! qua TIia-Naoe. 
Ti. Made. 

Ptf. (a Tit) Mo Tie. 
3^ No Togio. 
Pm, Dehoto ?« oiando tatti do a far iqtiattartf 

SCENA IV.' 

il O0M4NI>4O0Rle B dtUL 

Co. (a Pasqua) Scu tu dpna Pasqua, oiiigier 

de paroq Tooi Canestro? 
Pa, Bifissierd ; cosse comande u ì 
Co. (a Pasqua) S «jaela xeta Luoieta sorela- 

de paron Tooif 
Po* Sior al: coesa Torcssi da ela?> 



)y Google 



46 

Là. (Oh pof«reta mi! CoMa ?nprlo «1 oonan* 

«bdor ? 
Co, y« eito per orckna ciechi «oinaB<!a,.cha an* 

de sabito a palazzo in cancalaria a esaini- 

«arra. 
Pa. 9tt cessa? 
Co, Mi uo so altro. Ande a obadì; pana diesa 

ducati, sft no gh'aod^, 
Pa, {a Lue. piano) Per la eustion. , 
Lu. {piano fra loro) Oh mi no ghe foglo «n» 

dare. 
Pa, Oh btsognerà ben che gh'.aodemo« 
Co. (a Pus.) Xela qaela la casa à» paron Vi« 

censo P 
Pa. Siors), qnela. 
Co, No ocor altro. La porta xe amta, andarò 

de suso. (entra in casa) 

SCMA V. 

P48QU4, tUCllTA e TIT4*ir4MB. 

Pa. Area sentio, Tita-Nane? 

TL Ho sentio; quel furbazzo de MarmotuHi 

m*a?erà qilerelaò. Bisogna che mn vaga ara*, 

tirare (a). 
Pa. E mio mano?. . . 
Zu. E i me fradeli. 
Pa, Oh porarete na t Ta Ut, va «Ha 'ri?a (è), va 

a rade, se ti li catti (e), vali a aTÌsare. Mi 

andarò a cercare parati Vioenzo, a mio oompa- 



(a) A mettermi in àiogo sicuro, 

(h) Alla riva del canale che si è veduto, 

(e) Se li trt^L 



)y Google 



47 
rt dolore, (a) andarò dalla lustrUsIma (^). 
aodtrò da s)or caTaliera. (e) Povareta mi , la 
mia roba, al mio oro (d)^ la mia pov«ra 
o« (e) la mia povera ca! (parte) 

SCENA VI. ^ 

IVaWTA. e T1T&-M&MB . 

TL Vedéu fiora per causa Tostra. 

Za. Mi ì Cosa' ogio fato ? Per causa mia ? 

Ti. Perche no gate giudizio : perchè sé uua 

frasca. 
léU. Va in malora; strambazzo (/). 
Ti. Aoderò via bandio; ti sarà contenta. 
liU, Bandio ti aoderk? Vie qua {g). Per cossa 

bandio. 
Ti, Ma se ho d' andare, te i m'ha da bandire, 

Marmotina Io voi mazsure. 
Im, Zestn malo? 
Ti. {a Lucieta minacciandola) £ ti e ti, ti 

mei' ha da pagare. 
léU. Mi? Che colpa ghe n'ogio? 
TL Yardate da nn disperao. Tardate. 
Lu. Oe, oe, tì«o el comandadore. 



(a) // dottore nùo compare. 

(b) Intende da una gentildonna dèi paese, 
sua protettrice. 

• (e) Un cavaliere suo prolettore. 
(d) Quasi tutte le donne di coiai genere in 
Chiozza hanno de* pendenti e delle sma- 
nielie d'oro. (e) Casa^ 
(f) Collerico impertinente. 
U) ^w» gua. 



lyGoogte 



4^ . • . 

Ti. Povarelo mi! PreUo cbe no i m% v«4e, cì\g 
DO i me Tazza chiapare (a). (parteji 

Lù . Cao, sasaiD, el ra ? ia, el me manazza. (ò) 
Xelo questo el ben che el me rode I Mo 
che omenil Mo che zeote ! No, no me Togìo 
più mandare. Più tosto me TOgto andar a ne- 
gare (e). (pé^te) 
SGENA TU. 

Xl conuNOiDOAB esce di casa, e paron 

FORTUNATO. 

Co, Mo, caro pareo Fortanato, %k omo, savi 

Goasa che za ate cosse. 
"Bo* Mi a saso {d) no & so mai stao a suso. 

Ganceiaìa mai stao mi in cfincelaìa. 
Co. No ghe sé mai sta io cancelarial 
"Fo, 5i6 no, slò 00, so mai stao. 
Co. Un* altra Tolta no diri più cussi. 
■ Vo. % pe coesa ga a andà mia mngiere ? 
Co. Per esaminarse. 
F(0. Le cugnae ance ? 
Co. Anca eie. 
"Fo, Anca e paté a audare? É pute, anca e 

potè (e)? ' 

Co, No vale co so sorela maridada ? Gossa ghiaia 

paura? 
"Fo. E pianse e ha paura, oo le tuo andare. 
Co. Se no le gh*anderli , sarh pexo per eie. Mi 

(a) Prendere e mettere in prigiove, 
(h) Minaccia. 

(o) GetUfT in àanale, affof;are, 
(Uy Là sopra, cioè al palazzo. 
(e) Le fanciulle ancona deg^ionó andare, de f^ 
glono esifire esaminati!? 



)y Google 



bo fato %\ aio dtUto. Farò la riferta clit tè 
oiui, « penttghe tq. (parte) 

Fo. BUogn aodarat lN«0||na; iNCOgna andare; 
moglere (a), mugìert, inttito «I oiotoato (ò) 
magisre. Gugnk, Orttta a aiaeoato; cbgai 
Checca e oiazo«to ; bUogaa andare. (fèrt§ per» 
so la scema) Bi$o§ou^ biiogaa andare. Ma* 
Uiio, a barafe, barom farliaul Vi apato (e), 
IrigbeTe (//), cotta feu ? Dona feoMoa naia- 
dio, «laledio, peto. Va fagnio a peinban (e) 
▼a Tègoio a pttabara. (emira in cofa) 

SGENA yUI. 

Cancelleria. 

isiDOiio e panni Tickirzo. 

JTL La ^•^•t lattritMoié, la t% une cotta da 

gaente. 
Js. Mi no ?a dìgo, che la tla tiaa gran cotta. 

|4a gfao za timdoletma (/), gba za la nomina 

óm teatìiBonj, xé'ineeà el procatto.la gitittì- 

sin. ba d*a?tr al io lago« 
pri. Gradala «m, luatrittiato/ oba aoUi «ha za 

(ft) ParèaM sua maglie^ dit* è in casa. 

\ì$y Una specie di manto di tela bianca che 
pettOMo le ChioKXQtte sai eapo e sul dos* 
so, come ié FlemnioMs portano U menda* 
rie, cioè nn simile manto di séta nera. 

(e) Presto. 

^d) Spicdatepi. 

(a) ^ Battere: minaccia sua moglie, che se 
non fa presto, le dark deUe busse^ ^ 

{ff I veneziani si servono del termmé^ «da** 



y Google 



5o 

regna a qaertUrt, ita ìooorata? Vk% Usto 
' ÉDoa «lo de le pierac. 

Ir. Tanto negio. Ga la fornaatoa dal prooaM» 
«UTéramo la Terìtlu 

Fi. l^ <1Ì8* l«itriafiao; iio la 99 podarare gin- 
itera? 

Js, Va dirò: la gha faaia la paia (a) jie ahi 
3^a ofefo, 'aaira la apaca dal prooasso, la sa 

' podaraTa gì astar. 

/%*. Via lastrìisimò, la ma oognossa, sa ^aa mi, 

' ia.ma «arda iQ^., , . ■■ 

Is, Va dirò, paron Vicanzo. V'ho dito che la 
ae podarara gì ostar, parchi fin adtsso dal co- . 
atituto dtl' indolente (b) no ghe za gran eoa* 
aa. Ma no so quél che. posaa dir i testìmooi: 
,a almanco ghe ne Toi esaminar qaalcheduaó. 
Se no gha sark dela cosse di pia, ohe no ghà 
aia ruie (e) rechie, che la barafa no aia 
atada preneditada, che no ^ha sia prepotenti, 
pregiudizi d«l terzo, o cosse de sta natu^a^, 

• ni anzi darò man.a L'agidstamento. Ma .i||i 
per altro no voi arbitrar. Son cogitor (d% e 
no son caaoeliar, « ho» da. render conto al 
mio principal. El cancellar xe a Vencaia ; óm 

" «n momaato a T^hco al a' aspala. RI ladarii 
al processeto ; ghe parlari va, ghe parlerò an- 
ca mi; e mi tttilft no. ma oa fien, • bo £he 

lenza per dogliai»a, c^* è la querela ilei' 
la parie offesa e pj^giutdicata. Tutd san^ 
not che indolenza sìffn^a. tutto il con^ 
trono; ma tuso autorizza i termùuL 

(aVlia pace. 

(b) DogHoTtte, guerelantCé 

(e) Contese meccbit* 

(td) Coadiutore. , 



)y Google 



6« 
' ne vogio. SoD gatantomo, ne ittteresf» ?oIen« 
tiera per tati; so podarò farro del ben, ra 
' farò dei ben. 

Ti. Eia parla da qael signor che la ze; e mi 
so qael ohe avaro da fere. 

ts. Per mi, re digo, no Togio goente. 

TL Via, an pesse, un bel passe. 

Is, Oh! fina un pessa, sì ben. Perche go la to« 
la (a), ma anca a mi ma piaso far le mia 
ragoleta (b). 

'Tu Oh lo so, ohe fio cogitoro al xe do boii 
gnstOi siò cogitore. 

Is» Cosse Toloa farf Sa laora: bisogna anca 
doTortirse. 

TL E gha piase i nìmoleti (e) a siò cogitorò. 

Is, Orsù, bisogna oha rada a spedir (^ un 
omo. Stè qna. So fien zeoto, diseghè òhe a- 
desso torno. Disogha ale dona» che k Tega» 
• osamioarse, che oo le gh*abia paura, che 
eoo bon con tnti, e co le dona son una pasta 
de aarzapao. {fctrté) 

$ G B N A IX. 

ViCBltZO solo. 

Sih al, e! tM no galaotomo, ma io casa mta noi 
^e bazzega. Dale mie do ne noi TÌeo a far 

{•) Ho la tavola, cioè mangio alla taoola 4^1 
canctìUtfre^ o del pubblico rappresentane 
te (b) S^amxj, ' ' ^ ' 

^e) GB fdacdono quelle che portano% nìi^<h 
ietto. 

|[d) QbI t^intende ad esanànare un màmoi 
mOi o cosdtmre un reo^ 



)y Google 



ti 

c^regheta (a). St'i sìori data peroca (^), co 
un altri petoaori iio i glie sta lieo. O per 
diana! vele qua (e) c^e le te ▼*!& a èsamt- 
' nere. ÀT«va paura, che no le ghe Totessa ve- 
gnlre. Le ga no omo eoo eie, Ahi al, el xa 
paron Fortunato. Vcgn), Tegnìj creatore, che 

DO gWè QJSSUO. 

SCENA X 

PASQ.UA, tUClKT4, llBBAf, ORSBTA, CHECA, ttttte 

in nìnzoUttOy paron fortunato, e detto. 

eh. Dove semio {d)ì 

Or. Doto apdemio? 

Li. Oh povareta mi! No ghe so mai Tfgnaa in 

sto liogo. 
To. {saluta paron VicéHzo) Parò Izeiuo, siorìa, 

parò Izenzo. 
Ti. (salutandoìó) Paron Foirtunato'. 
Tu. Me' trema le gambe, me trema* 
Pa. £ mi? Oh ch« spasemo cha me sento! 
Fo. {a Vicenza) Doe xelò e siò canoeliere? 
Vi. Noi ghe xe, el ze a Venezia el sior oaaoe- 

li<re. Ve Tegnirk a esaminare el siò cogilore. 
Li. (a Ors. pianot urtandola^ facendo- vedere 

che lo conoscono molto) Oe^ el oogitore 1 
Or. {a Óieca, piano ^ urtandola 'e rìdendo.) 

Oe, quel IiMtrisùmo iospititao (e)t 

(a) Cioè conversazione. 

(b) Que^i signori <^e portan parrucca* 
(e) Eccole (jui. 

(d) Dope siamo? Che àicgo i queste? 
(0 Q«« t^uol dire (Sterro, brìllanté. 



)y Google 



63 
Pa. (a Lue. piano con piacere) Attu »Mtio? 
. Ne «saminerà el cocitore. 
Lu, {a Pasq. piano) Ohi go da caro (a). AI- 

«laooo io cogoostemo. 
Pa, (a Lue» piano) Sì, el ze booazzo. 
Ltt, (a Pasq, piano) V arecordea, che Vhk 

compra da n a sia brazsa d« merlo da Creola 

«oidi, e el ne Tha pagk tra lire^ 

SGENA XI. 

isiDOAO à detd, 

Is, GMsa fea qua? 

Tutte le donne. Luatrisaimo, laatriaaìmo. 

Is, Goaia volen? Che ve esamina tati io luaa 

volta? A ode in aala, aapetè; ve chiamerò una 

alla Tolta* 
Pa. Prima so. 
Lu. Prima on. 
Or. Semo regona pernia oa. 
Is. Mi 00 fazzo torto a oisauo: Tt chiamerò per 

ordeoe, come che troTarò i nomi aeriti io pro- 

cesfo. Gheoa ze la prima. Ghe Checa reata, 

« va altre aod^ fora. 
Pa, Mo sa, aegoro, la zi zoraatta. (parte) 
Itu, No La^ta miga. Bisogoa essere fortunae. 

{parie) 
Is, (Grao dooa! Le voi dir certo. La voi dir» 

ae le credesse de dir la verità.) 
Wo, Aodenio faoa, aodemo fu«a {b) aodeoM». 

{forte) 



(a) Ci ho placete. 

(b) Andiamo ^rL 



)y Google 



Or. 0«, fio oogìcort; no U oe fisia star qnt 
tr« ora, che gaTemo da farà, gaTamo. (parte) 

Is» SU t^i va distrigharò presto. 

Li* (a Isidoro) Oe, gha la raoooiando tale f El 
▼arda bao cha la xè aaa porara inocente. 

Ir. Io Iti loghi 00 gha xe parìoolo da sta coasa. 

Li. (El xa Ubto iogalbaoio (a), ohe ma fido 
poìoo.) (parte) 

SCENA XIL 

tiÌDOAO e CHtCa, poi il COMàNDADOmi. 

ts, Vegol qoa, £», aentave qaa. (siede) 

eh. Eh! fior no, atago beo io pia. 

Js. SantaTa, no ra vogio rader io pie. 

eh. Qoel che la comanda. (siede) 

ts. Coasa garaa nome? 

eh» Go nome Checa. 

Js, El cognome P 

eh» Schiautina. 

Is. Gateo nissoo toranomef 

C^. Oh gìasto soraoomef 

Is. No i Te disc Puinatta f . 

Ck. (s'ingrogna) Oh! «erto, «oca alo ma fol 
minchiooare. 

ts. Via, sa aè balla, aie anca bona, Responda- 
me : aerea per coaaa che sii chiamnda qan 
a asaminarraP 

eh, Sior ai, per una bartifa. 

Is. Contame come la xe stada. 

CA. Mi no ao gnente, che mi nò gha giara. An* 
darà a ea co mia aorala Libera, a co mia 
forala Oraata, • co mio angoli 'Fortnoato; • 
gha giera parco Toni, • ^pt Coapetooi, • 

(«) Ross9^ ingaUmtMUQ^ 



)y Google 



65. 
TUa-Nan», ohe i ghe vorefi dar« a Tofolo 
Marmotioa, a alo gha Irava da la piare. 

J^. Par coMa mo gha ToleTieli dar a Tofolo 
Mermotioa? 

eh. Parchi TitihOlaae fa Paoiara co Lueial» 
Paoohìaoa, a Maraotìna gha zh aadao a par- 
lare, a al ga pagao la caca' baraoa. 

Is. Beas ho eapio, basu costì. Quanti ani 
garea («) ? 

eh. £1 tuo! ia?ar anca i ani 1 

Is, Siora il; tolti obi «a eaaBiaa, ha da dir t 
ao aoi^ e in fondo dalftiaoia sa sorire i a* 
«i. B così qpanti gba n'avaa? 

eh. Oh ! mi no ma li scoodo i mi ani . Di4i« 
aata Canii. , 

Is. ZoHT d*arer dito la rerith (b), 

eh. De cossa? 

Is. Zorè, che totto qoal che afi dito nel fOitr« 
esame, sro la vanta. 

Ch. Sior si, sarò ohe ho dito la ?erit&« 

Is, SI vostro esame za fioio. 

Ch, Posso andar via donoaf 

ii. No, fermava oo pooheto. Coma ateo àù m^ 
cosi? 

C&. Oh! mi no ghe n'ho morosi^ 

Is No disi liosie. 

(a) Ifella pratica criminale dello staio Fenet& 
è ordinato, che prima di dar il giuramen' 
io ai testimoni, si domandi la loro età, qf' 
fine di vedere se sono in eia dL ^nrare^ 
. Ciò si pratica ancora perso di quelli che 
mostrano età pro^eiUu ' ^ ^ 

(h) La ytolfar £iurar& di oper detto U^ perita 
rapporto atta baruffa, ma Checàa crede 
la voglia far giurare circa aiffetà\- \ i 



)y Google 



56 

eh, Ogìo da inrataf 

Is. No, adesso do ari pUi da tarar ; im le ba- 
lie 00 .età Imo, a dirle. Qaami laoroai gaTea ? 

eh. Oh mi ! oìei uo me tooI^ perchè eoo povareta. 

Ir, Yoleu, che ?« faasa aver oca dota f 

eh. Magari (a). 

Jj. Se gaftftsi la .dota, ve naridaressi? 

eh. Mi iì, lostriflaiiiiQ, che me marìdarie. 

Is. Gaffa oìssiin per le man ? 

eh. Chi Torlo che gh'aliia? . 

Is. Gavaa oitsaii, che te vaga a geoio? 

eh. Bl me fa Tergogotre. 

Ir. No Te vergogi^, semo ioli; parlarne con lì* 
bertJi. '^ 

eh. Titta-Nane, se lo podesse aTere. mi io chio- 
rsTe {ò). 

Is. No zelo el moroso de Locieta ? 

CA. El la ga liceoaili. 

Is. Se el Tha licenziada, podamo veder, te al ro 
Toiesse» 

eh. De quanto sarala la dota^ 

Is. De cinquanta dacati. (e) 

eh. Oh sorsi t cento ma ne d^ mio engoli. Al* 

, tri cinquanta ne ho m^ssi da banda col mio 
Ì»alon (d), IMS credo, cba Lncìeta no ghe na 
dkighe tanti. 

Ir. VÌ4eu ohe ghe fasta parlar a Tito-Nane? 

eh. Magari, lastrìssimo. 

(a> mo PoUsse! 

(k) h0 pr^nì^i per marita, 

(0 FÌ9onfmùldssime dotiMf<miftzione, che 
the SI dispensamo mUefiinehUU: i/uelle 
di 6ò J9»òa/ì sono ddle «ùgiiorit rigmrdo 
a tpueUa sorta di gente, 

(d) C/od.tol ano laroro. 



)y Google 



Is, Bov« xelo ? ■% 

eh. El xe relirà. 
Is., Dove ? 
eh, Ghel dirò io luna reohia , cha no vona cita 

qualcuo me sentisse. {gU parla alC orecchia} 
Is, Ho inteso. Lo mandarò a chiamar. Ghe par* 

laro mi, e lasse far a mi. Àodè, pata, ainl^, 

cha no i diga, se me capi (a)! 

(suona il campanella) 
eh. Uh! caro lastrissimo benedeto.' 
Co, La comandi. 
Is. Che vegoa Orseta. 
eo. Subito. 

Zr. Va asTerò dir. Ve Tegnirò a troTar. 
eh. Lusiassimo sì. (s'alza) (Magari, cha gha 

la fassa feder a Lucieta! magari 1} 

SCENA xin. 

OASETà e detdt poi il cojuxoadojib. 

Or, {piano a Checa) Tanto ti ìA stada; Coi* 

sa t'alo esaminh ? 
eh. {piano a Orseta e parte) Oh sorela! cha 

bel esame, che ho fatto! Te coùtarò tatto. 
Is. Yegnì qaa, sente?e. 

Or. Sior s). (siede confianchezzay 

Zr. (Oh la xè pia fraooa distia!) Gossa gav^M 

oome? 
Or. Orseta ScJ^aptioa. 
Is, Deta? 

Or. Goss'è ato 'data ? 
Zr. '0avea soranome ? 
Or, Ghe soranome Torlo, eh' abla ì 

(a) Che non si mormori di uoi* , , . •\ 

Digitized by VjOOQlC 



«1 

Ir. Ho ve diteli Ì9 toranoaM Megìoto? 

On Io T«rìtM, Itittrissimo, che t« no fassft d(H 

fa che too, ghe foraT* pet«nMr« qiiela pe- 

rac». (a) 
J^. Oe partò ton riipéto. 
Or, Goua za tto Megìoto? I megìotì a Ghioz* 

sa x« fati col temolei, « cola farina sala ; e 

mi no ton n& sala, uè del color dei megioti. 
Is, Via, no TB scaldè, parona, tUe qoetio oo ze 

logo da far scene. Respoodeme a mi. SaveiT 

la «ansa per la qual th Tegoua a esamioarfef 
Or. Sior 00. 

Is, Ve lo podea imagioar? 
Or, Sior no. 

Is, Saveu gnente de una certa barata? 
Or, So e non so. 
Is, Via, oonteme quel die savi. 
Or, Che el m*iotèroga, che respooderò. 
Is. (Gustia x& de qaele che fa deveoiar mali i 

poteri cogitori.) Gogoossen Tofolo Zatata ? 
Or, Sior no. 
Is, Tofolo Marnfotioa? 
Or. Sior sì. 

Is, Saveo, ohe nifsan ghe volesse dar ? 
Or. Mi no posso saver riotenzion che gh'abia Ia 

sente. 
Is, (Oh che dreta! (^)) Aveu visto oissnn eoa 

de le arme oontra de elo ? 
Or, Sior si. 
Is, Ghi gierili ? 
Or. No m*areoordo. 
Is, Se i nomioerò. Te i arecordereu ?^ 

(a) Cioè vorrebbe stracciargli la parrucca^ per 

vendicarsi del soprannome, 

(b) Furba, accorta,. 



)y Google 



Or, Se U • iieiiiiu«r1i glie respoodérà* 

Is, (Sitila maUdtu! Tia me tuo! far star qa« 

fio sta tara.) Gba giara Tìta-Naoa Molata ì. 
Or, Sior «ì. 

J^. 6ha giara paron Toni Gaaedtro?. 
Or, Sior •!. 

Is. Gha giara Bapo Gof paloni? 
Or. Sior al. 

Xr. Brava, tiara Megioto. 
Or, El diga ; gaio nif tao toraoome alo ? 
Is. {scripendo) Via TÌa, maoco chiacole. 
Or, Oh! gha lo malard mi: al tior cogiterà 

gìauao (a), 
Is. Tofolo Marmotioa alo Irato dala pitraat 
Or, Sior ti, al gha n'ha irato. (Magari in la la 

tetta dal cogitora.) 
Is, Cotta ditta ? 
Or. Goania, parlò da mia potta. ICo posso gnan« 

ea parlare? 
Is, Par cotta xa nata tta contata ? 
Or. Cotta vorlo che tapia f ' 
Is. (Oh con dahoto ttufo!) StTen gneole, che 

Tita*Nana gavetta salntta de Tofolo Marmotinar 
Or, Sior t), par Laciata Panohiana. 
Is. Saven gnanta^ ohe Tita-Nane a bla licankik 

Lnoieta Panohiana? 
Or, Sior a), ho tantio, adir che el laga licenzia» 
Is, (Chaea ha dito la varitli. Vadarò da farghe 

tto ben.) Oh via, daboto %h dattrigada (é). 

Qoanti ani gavea? 
Or. Oh ca de dia {c)\ Anca i ani el tcioI la- 

▼ereP 

(a) Agghiaeciaio, cioè non ricco, 

(b) (hr ora siete sjnccìata. 

(«) Zsdamazione di manwigiioi ^ 



)y Google 



U» Sìora •), Met i aoì* 

Qr, El lì ha da iorÌTeraf 

ts* I ho da acrìver. 

Or, Ben ; chi» el icrWa m» cUtoOTe (a) 

If. (Scrìve) Zcurè d* attr dito (a «ariili. 

Or, Ho da sarata ? 

Xf . Znr^ d' a?er dito la Terìik. 

Or» Ghe dirò ; co ho da xurara, Terameota gha 

D^ho Tootiqaatro {b) 
ts. Mi «0 T9 digo cha suri de i. ani , che a 

TU altre dona ato saramento noi ae poi dar. 

Ve digo, che zari che quel ^he are dito in 

te Tegame, ze la veritli. 
Or, Oh sior •), zaro. 
Jj. (suona il campanello,) 
Co, Chi rorla? 
Js, Dona Libera» 

Co, La terrò. (parte) 

Or. (Vara. Anca i ani ae ga da dira 1) (s'alza) 

SCENA XIY. 

DoTUUi liBSAA tf detdt poi il comàndaoor. 

Zi* (ad Orseta piano fra loro) Taata destrìgh ? 
Òr, Oe , aeoti. vAoea ì ani che fa ga , el vuol 

aarere. 
Li. Burlistu? 

Or, E bisogna zunire. (parie) 

id, (VarÀ che ioghi (e)! s'ha da dire \ ao ani 

e a* ha da tarare ? 9o beo quel $he farò mi. 

(a) Dicìannoffe, 

(b) Anche" ella crede dover giurare circa Petà 
e confessa di avere venUguatir^ onnL 

(e) Guardate ehò UUe cote» 



)y Google 



Oh! ■ mi au no li vogio dir», • no vogi^' 
sarare.) 
Is, O TÌa, vagoì qua, sentore. 
LL {non risponde.) 

Is. Oe digo, Tegia qaa, teaUTt. (facendole cen^ 

no che sieda) 
LL {va a sedere,) 
Is. Chi f ea f 
LL (non risponde.) 
Is, (urtandola) Rispood^i chi «eaf 
Li. 8ior? 
Is, GIÙ feaf 
LL Cotsa disefa f 
Is, (forte) Sea sorda? 
Li, Ghe seoto poco. 

Is. (Sugo fresco)! Cossa gafea nome? 
Li. Fuse (a)? 
Is, Bl vostro oome. 
LL La diga an pU'ooo pi& forte. 
Is. £h! che no vogio dereatar mato. (suona 

il campanello) 
Cd, La oofàsodì. 

Ir. Che Tega* drènto qoelT omo. 
Co. Subito. (parte) 

fi. (a Ubera) Aód& a boa riaao. 
£f.Sior? 

ts, Ande via dS qua. (spingendola perchè se 

ne vada) 
; li. (Oh! Tho soipolada pulito S I faé mi oo 
, ghe li togio dire.) 0?<"'^«) 



i 



W Cosa dice? Questo piace Mozzetto, è ve- 
neziano e sintiie al f»f4it-U j^a/tc^^Ci "l 



)y Google 



SCENA XV. 
isiDOftO poi paron poktumato, 

poi il C0HAMIIA1K>ltl« 

Is. SVà mìstier xe belo, cWil, decoroso, anca 
alila; ma dele Tolta le ;eo cose da dcTanUr 
mali. 

Fo» TU timo (a) tìò oogiUMre, lìssìmo. 

Is. Chi seu? 

Fo, Fort a nato Aìchio. 

Is, Parie schìeto, se voU che t' intenda. Càpls* 
so per descrizione : paron Fortunato Gavicchio. 
Saven per cosse che siè $ità a esaminar ve ? 

F9. Siò sì, siò. 

Js, Via donca ; disi per eossa che *k vegnù^^ 

Fo, $0 egnv, perche me ha dito e comandadore. 

Is. Bella da galantooio I So auoa mì« che se ^e- 
gnu, perchè ve 1* ha dito el oomaodador. S%- 
▼ea goente de no» «erta barufa ? 

Fo. Siò sì, aio. 

Is, Via diseme, come che la ze stadi. 

Fo, V ha a saere, che anono so egoà da mare, 
• so rìvao a ego co a tatana; e xe egnùo mìa 
mngiere, e a cvgnk Orseta, e a cngnk Checa. 

Is. Se- no parU pia schieto, im M> ve capisso. 

Fo, Siò sì, siò. Andando a c;a cq mìa mugicre, 
e oo mio cugnh, ho iato parò Tooi, ho isto, 
'« bara Bepe htf tato, « Tita-Nane Moelò, o 
Tofolo Maotioa; • parò Toni iife, a spada;' e 
Bepe elida, alda, o otefo ; e Maotìna tufe, tu- 
fo pierae; & «gnao Tita-flane, £ egnòo Tita- 
Nane; lago^ lago, co paosso, lago. Tìa, mola, 
baaoa. Maotìua i caeaoi e mi do so alo, M'halji 
capio? 

{*) Fuol dirs illustrissima^ 



)y Google 



«3 
Xf. Goaooa una paroh. 
Fo. Mi pao cbjozzoto, utifSifDO. pe ch« pacaé 

x«la, utissimo? 
Is. Mi son feneziao; ma no ▼• capif so qoa ma* 

ledetà. 
Fo. Omaodela e tona a dia? 
Is. Gossa? 

Po. Gomandela, e tona a dtreF a difef a dire? 
Is. Va io malora, va io maloraj va io malor*. 
Fo, {partendo) TisKÌmo. 
Is» Papagk maledetto 1 
Fo, {allontanandosi) Tiuùna. 
Xf. Se ei fusse ao proceaso da premara « pova* 

retto mi! 
Wo, Sìò eogitore, tiaaimo. (^Ua porta e parte.) 
Is, El diavolo che U porta* (suona il campa" 

Mito.) 
Co, Soo a aervirla. 
le, LiceozìÀ quella donna t naaodela ?ia, che la 

vaga via, che no toì ieotlr aUro» 
Co, Sabitow 

SCENA a:VL 

isii>oio,/70i^muA e tvQvak^pol il comandìdomu 

Is, Biaogoa dar io ìmpazìenxe per foi'ia. 
Pa. (con calare) Per eosta ne maodelo Tiaf 
Im, Per coiia no oe vorlo efamìoarèf 
Is, Perchè soo st4ifo« 
Pa. S), si, eareto, tavtmo tato. 
tot. L'ha aeotio quele ohe ga pr^mastOi 'i Of| 
altre temo scoazze. (a), . 

(a) a tratta, come se fossimo le inanòndiàiM. 
del ppp^o: non d considera per nien^a» 



)y Google 



Is, La CeoiONo^ 

Lu. PuineU •! l'ha tegnoa più d' un' ora. 

Pa, E Megioto quanto gho xela stada ? 

Lu. Ma mi audaremo da chi t*ba d'andare, (a) 

Pa. £ se faremo fare giuslìùa. 

Is. No «afa goente. Scnil. 

Pa, Coesa voravelo diref 

Lu. Cosca na Toravelo iufenoclùara? 

Is» Vu altre «4 pnrie interessada; no pod4 seri 

vir per testimonio. ,. . 

Lu. No xe vero gneate, no xe ?ero goenle. ffs 

seme interes<ià, uo ze vero gnente. 
Pa. È anca nu Tolemo testimoniare. 
Js. Fenile una Tolta. 
Pa. E se fare/no sentire. 
£«. E savaremo parlare. 
Is, Sìeu maledete. 
Co, Lustrìssimo. 
/y. Cossa gh'è ? 

Cà, Xe vagnù el 1 nitrissimo sior canceUer. ^ 
Pa Oh! giusto elo. * ^* 

La, Jiod temo da. «lo. 
Is, Ande, dove diavolo che Tot&. Bestie, diavoli, 

satanassi. (parte) 

Pa. Mare de diana ^cheghe U faremo tegoire. {6) 

{parìe) 
Ì4^ Vi*^ oo«^Ì0to (e), che g^e )9^ hl^^^, PP«"- 

ure. (d\ ipctHt) 

(a) Intende dire^ ehe ricorreranno per farsi 

render giustizia, 
(hy Per Bacco gUe la faremo vedere. 
(«) yit>a oocckietto è quasi lo stesso ek^ /wi 

Bacco p cose simili. . ^ ■ w-, 
(d) Ci doterà render ragione^ 



)y Google 



ATTO TERZO 



SCENA ?^IMX 

Strada con case, come nelle altre scene, 
BBPO sole. 

sSo m'Importa; db9 i mi chiape, te | ai«?4i 
«hiapare (a), Àndaròin presoo: do m'ioipoi't^ 
goente; ma mi retirà uo gho rogio più «tare. Ma 
muoro contento, sa a Orteta no gha dago una 
slepa (6). E a Marmotìna glie rQgio«agiare una 
rechia, se credesse d* andare in galia, sa ore* 
desse. La porta ze sera de custie» xe serk 
anca da mi, ze terk. Locieu e mia cngok lo 
sarà andaa a parlare par mi e per mio fr^<* 
delo Topi; e cujitie le sarà andae a parlare 
per Mafmotina. Sento zen te, sento. Me par^ 
sempre d*aver i zafi alla sohina (e). Zito, 
che TÌÀ (d) Orsete. Vie, vie {e), ohe te tq« 
gio giasUre. ' 

SCENA IL 

tiBKii, OMcvà e catch eoe maj^eleto stdft 
spalle, e dcttOk 

li (aneràsamente) Bepel 
Or, £1 mio caro Bepe! 

(a) Che mi prendine, se mi vogliono prendere,^ 
Ih) Schiaffo. 

(e) Schiena^ (4) Fiene, (i) ^en^ fieni. 
Le Barasi^ Chiox. n.* 3^ i 



Digitizedby Google 



Be. In maÌDra, ia (a)l 

Or, Con chi la' gasta t 

Ci. A chi io malora? 

Se, In malora quante cb« ti, 

eh, (a Bepo) T«gh« ti io malorxegi. (^) 

Or. ( a Checa ) TatK (a £tf^) Goìm ti* aT«iBio 

faro? 
i76. Ti sarh contenta, aodarò in presoo ; ma 

aranti oh* a ghe vaghe .^ 
Or. No» no t'ind abitare. No f ark goente. 
Xì. Paron Vioeoso la dito casa), ch*a no'^se clasM 

a travagìare, ohe la costa sarà giattìi. 
eh. B pò garemo per na el cogitore. 
Or. Se pad saTore con ohi ti la ga almanco f 
Be. Con fi la go, 
Or. Co mi P 
Be, Sì, eoo ti. 
Or* Gossa t*ogìo fatoP 
Be, Gossa te vasta a impazare eo Marmotioa ? 

Perche ghe parliitaP P^r catta te tianlo a 

calare ? , 

Or, Mi? 
Be, TI. 

Or. Ghi te l'ha dito ? 
Be, Mia cagna a mìa tor^ ma l'ha dito. 
Or, Bastare! 
JéL Busiare? 
eh. Oh che basTare! 
Or, El xe regnè a parinna con Gheoa. 
li. E pò el xe andao. a tn i j ifii a da lo aoralt. 
Or, E el ga pagao la zuca. JSb|^' 
eh. Basta dire che Tiiii ff iiiiifwltiiiniUu Iia« 

pietà. ' * 

(a) Tia. (L) I^ stesso che in nudata^ 

fleito pia mod^stamenfc^ ' 



)y Google 



«7 
Me, V ha fie«»sìK. mui .torela? P«f .^jotta P 

C^. Per amora de Marmotioa.. 
Or. E mi cosia go^ìo da iotrare? . , 
.£e, (a Orsetà) ;Mermoèim <no ze.Tegi»^.a pir« 
Ura co ti ? L'i» pArW cO Lucieu ? Tita- 
Naoe. l' ba Jiaeozik ? 
Or, Sì, can, no ti ni credi, barca? No>li era- 
«Il alla to povera Orseta.oha te »ol tanto bmn 
^oha bo Cito tanti piaaù. per ti; chamedi- 
acooiflio (a) per cauta toa? 
,JBe. G>asa doooa.aa TÌaala a dire quelle ^pa- 

tazze f 
Xi. Per.acaregsrM.1^ Ja„oe aartga^na. 
CA. Na no ghe fano goeate, a,ete<le oe ?aol 

male. 
Be. (in Olia minacciosa) . Gba le vegoa a .vk% 

che le vegoa. 
Or, Zito che la zf «oa. 
lÀ. Taf* . 
C%. No gba disi gneote» 

SCEIXA m. 

rASQUA e lucitTA col ninxoleUo suO» 
spalle e .dotU* 

Za. (aBepo)Co-'k? 

Pa, (a Bepo) Costa fasta qna ì 

Be. {con isdegno): Co$a9 me seu Tegnue a dire? 

Lu, Seoli. 

Po, Vii qaa, seoti. 

Be. Cotta v'andeu a ioveotaèe ? .. . 

Za. (con affanno) Mo vìe qoa prtsto* 

Po, Pretto, povarelo li! 



)y Google 



Be. (s^seeosta e U pr&ndómò ÌMmezmù ) Coi» 

s'À? Gofsa gli*4 da dìoto? 
X». Va »ie. 

Pa. Vate a redfare (intanto Is altre tre fiondi 
ne si coifokoli ninzolett^) 
Se. Mo fa la m'ha dito cba no xie ^aanta. 
£». No ta fidare, 
Po. La ta voi aatatoar*. 
2». Sama ataa a palasso a bo i n* b» stumoft 

Tolesto atcoltara. 
j^. Eia i la ga ricatatta, a «u altra ì V h« ctt« 

zao ria. 
Lu, E Orzata za tiada déntro più do un' ora 
' odI aogltora. 
Pa. Ti x« procets2i, 

Im. Ti xa io oatura. * 

Pa. Vata a ratirara. 
Be, (a Orasela) Gomoodi^ («)? A au ▼« (ò) 

se sassìna i oonani ? 
Or, Co«a*4 »ik ? ' ^^ - 

Be* Tegniroia qua par farma praoìpitare f 
Or, Chi r ha dito? 
Xu. L* ho dito mi, 1' ho dito. 
pa, i! aavtfìiio tato, safAmo* 
Lu. (a Bepo) Va via. 
Pa, la Bepo) Va »ia. 
Be,(a Orseia) Vago via... ma ma Vvinh da pi^ 

gare. 

SGENA IV. 

Paràn tomi « detti, 

Po. MarWI 
fo. Fradalo! 

(■) Come ? (b) /« ^ttMf/iK moment. 



)y Google 



Lu. 19o ▼• iMti t^arè^ 

ToJi. Tm^, tas^, non abi4 paura, laa^. Xa vagou^ 

• trofarma paron Viceazti, e al m' ha dito cha 
~ l'ha parla co sior caooaìiera, oha tato za acoi 

modao, dia •• può canùnara. v 

Or. Saotià? 
LL To Ta^apiìo dito? 

eh, Semìo oa le baaiare (a)ì . ^ 

Or. Sesio nu eha ve toI aassWiara. 
Be. (a Pas^a e Lucieta) Coua v'IoiaBia^f 

Oàaia V*a»dea • ioTaataraf , < 

3CENA y. 

p4UH>n Vtcuao e dettL 

Ór. Telo qaa paron Vioenzo. Ko za giostk In* 

to, paron Viceoto^ 
yL N» za ginatii goenta. 
Or. Coma ^uo xa gì nata gnenta f 
J^. No gh'i caso cha qael mnaso natioSb (b)^ 
da llarmodoa To'gia dar kpaaa {fi)^^ Ì0og% 
b pasa f » aa poi ginatara. 
Ptf. Oa saotiuf , . , , 

£s. Ifo fa Togio dito? \ « 

Pa No glia cradi goaote. 
£m. Ho x^ ^kiath gMota.. 
Po. No va fide a camìnara. 
£0. AndaTa èobit» « radrara* 



(a) Bugiarde. 

(b) ^ «/ice per proverbio : ottioato coma nn 

mulo, come un musso che tmolj^ir a»* 
#«0; (0) BJJmtà M (sUar la puce* 



)y Google 



SCENA Vt 

Pa, Oh f Tìta-Naoe, cdtsa fea qn» f ' 
7c. Fazso qaelo cha vogio, fazzo. 
Pa. (Oh ! no 4a ghe xe gnancora past^.) 
Za. (a Tito) No gati paura dei xafi f 
Ti. (tf Lucieta con isdegno) No go paura de " 
goettl». So stao ' dal cogitora; al m'^ha mao« '^ 
dao a chiamare, e al W ha dito cTie camine 
quanto cho Togio, e che no sraghe più a ba- 
cilare (a). (a paron Ficenzo) 

Or, (a Luc.'S Parli mo adesso, «e gate fià da 
parlare « Ni* ve Togio dito che* gafemo per 
ou el cogitore? 

SCENA Vii.- 

COMAMDMXkRB e dctd, 

C&»' Pafon T»i Caoaalro, Bepo Gotpetoni a Ti- 

ta-Nana Mol«to , vegnì sabito a palazzo eou 

mi da sior caocelier. 
Pa. Oh poTareta mi ! 
Tal. Semo sastinai. 
Pa. (a Orseta) Cha fondamento ghe xe io tela 

vostre parole ? 
tu. (a Orseta) Da^^ cotta ■• te podea fidai* da 

quel pauchiaoa del cogitora? 



(a) Che non ci ffemsi, eh io nm ahìna panra. 



)y Google 



SCENA vnr. 

itiDofto e detti. 

Za, (pedendo Isidoro) (Uht) 

ts* Chi k che me feroricse? 

Or, {accennando Ludeta) Vela & (a),1attris« 
Simo. Bili no fo gneote. 

Xm. Goffa Torli da i noftri omeoì? Coffa ghe 
▼orli faref 

1>. Goeute ; . eha i vegna eoo mi, a che no i 
gh'abia paura da goeote. 3od galantomo. Me 
aoo impegoà de gttif tarla, e fior ctiooelier te 
remata in mi. Ande, paroo Vicanzo» and^ a 
cercar Bdarmotìoe, a fò de tato per menarlo 
da mi ; e fa noi voi vegnir par amor , dite- 
ghe ohe lo farò vegnir mi par forza. 

J^, Sior fi ; fO qua, co f e Irata de far del ben« 
Vago fnbito. Bepe, paroo Toni, Tego) co mi^ 
che v'ho da parlare. 

Ton» So co fu, compare. Gò ao co mi, fo fe- 
guro (^). (parie) 

TL (Oe, mi no me flootano (e) dal cogitore.) 

Be, Orfeta, a revederee. 

Or, {Bepo) Zeftu io colera? 

Be, Via, che cade (d)? A monte, a monte. Se 
parleremo, (parte con paton Tohi, e paron 

Ficenzo) 



(a) Eccola IL 

(bS Sono con poi, amicot andiamo^ quando 

sono con poi, eon sicuro* 
(e) Jfan mi allontano» 
(d) Cho serpe? 



)y Google 



àCEN A EC. 

{sfl>ORO, CHKCA, lUClETà, PàSQUà TITà-N4NK. 

eh. (a Isidoro piano sempre) La diga, luttrjs* 

timo? 
Is. Cosa' è, fia? 
Cfi. Gh*aIo pariti f 
Zf. Go parla. 
eh, Gois'alo dito? 

Js. Per dirtela, noi in^ha dito o& %\ né uo. Ma 
' ine par, che i duséoto ducati ào gbe daspiasa. 
eh. Me racotuaodo. 
Is. Lasse far a mi. .^ùr a/ft> <£f partire) Tia 

audemo, Tita-Nane. 
T/. So qua con età. 
Lu. (« Tit.) Gnatica, patrbo? Goadca (a) ud 

•trazzo de saludor 
Pa. (a Tit) Che creanza gateuf 
Ti. {con disprezzo) Paftoùe. 
Is. {a Tit.) Via, saludè Chechintf. 
Ti. (con ottona graziai Lucietà Siàaiàa) Ba* 

la pntR, ve ialndo. 
eh, Sioria, Tita-Naoe. 
Ti. (Go gnsto, che la magoa l'agio Luoieta, go 

guato; me TOgio refare.) {parte) 

'1^: l(àtica ^ueéto per mi ze un dltertiméntó.) 

{ptà-.) 
SCENA X 

LUCUTA, GHBCA, PASQUA LIBBRA. 

Tai. (piano a Pàsg.) Aveu aeotlo ootia cheti 
ga dito? Bela puta ci ga dito. 

(a) NemmeMO, ^ 



)y Google 



Ì>4L (pUatù a Lmù,) ìfà'^m «mm fdit« »id^ 

• pensare? 
2^. {canct^tdola for^ che ^entam^ f) flaf 

•ìori« Tito-Nane, fioria Tìta-Naa«. 
C^ Goss'è, iiora, me b^rIea? 
òr. Dighe, che k te ^ardd eia. ^ 
li. Che la ga el so bel da tasdM'e. 
X». Afif Oh de mi ghe ze.pnóeo dadÌM;.tli& 

cative aziòn tau mo ghe ne so fare. 
PtL (m Lue.) Vm, casi, no té u'impasswé (a). 
• Ho sesto, ohi la ze ? TasL 
eh. Cosse semie (ò)f 
Or* (a I4b:) Cosse voressi dire? 
Jd. {a Ors.) Via; chi ha più gibdÌBl», «l ^ 

pere (e). 
lai. Oh le savia Sibilai le paté che ga giudi- 

aio, perone, le lassa star i ootìzsì, a no le ya 

a robara i mereiL 
Or, A va cosse ve robemio? 
Zm. Tite^Nene xe mio novisao. 
eh. Tita-Nane v'he liceosià. 
Pa, No ze vero gnentOé ; 

X2. Tnu U contrà (d) l'ha tanliQ* 
I^a, Vie, che sé ana petegola. 
Or. Tasi Ik dona siramba. (e) ' 

•X«. Seni!, ohe sbi^nh (/)! 
Xri. (con ironia^ e coUereC) Sentì, che Leh putti 
£ir. Mogio (^) de to sorohi. 

^s) "Non d meschiare con esse tare», 
(h) Che cosa mante? 
(e) Properbio, 

(d) Tutta la strada dctfe sema. 

(e) ISpropositata» 
<f ) Sfrenata, 



)y Google 



7< 

Lu, Povera sporca! 

On (s" tofO^ìUino^in' zuffa) Go«e parlittti ? 

Pa, VoUa «og«r« ohe t« peluloF (ò) * 

li. Chi? 

Or, Mara de diana! che té afiiselo (e), ?anr. 

Idi. Oh cIm gianduMat (d) 

O0. (lèda mila nrnm) Pari» beo, parla. • 

Lu, {alza le nuud per dare) Oel 

lÀ, isfwt^endù Pasqua) Tmt» in tt, o«! 

Pa, {spingendo Ubera) Cosa* i^ «lo eponze {é)ì 

Or. Oe, oe! [si mette a dare^ e tutte si danna 

f gridando,) 

T«CO«, oa! 

Padron foktumato « dette, 

Fo. Feraiefe, ferveva dooe, dooa fermavé. 

(Le donne seguono fidarsi^ gridando sem* 

pre; Fortunato in mezzo, finché gU riesce 

di separarle^ e caécià. le sue in casaC) 

LL Ti ga rateo. (entra) 

^. Ti ma Tha da pagara^ (entra) 

Or. Te Toì oavara la peu (/), Tira.' (entra) 

(a) Di pronunciare il mio nome, - ^ 

(b) Quanto volete giocare ch'io vi do delle 
iusse? 

(0) Ti flageUo, cioè ti do tòMte busse cheti 
faccio in pezzi. 

(d) Diavolo, cioè donna taltìtHii 

(e) Che cos'è questo spingere? 

(f) Ti vaglio strappare 'icapelU, la patta «*- 

sendo i capelli della donnt^ divisi fu 



)y Google 



?4 

Po. MaUdeUl •« no me Aiva {a) inale a tro 
bnzzo, t« volttva collare (6) per tera. {entra} 

Im, e va, tat^ tìor carogoo (e), se no gha 
lare far gìndìzio a oalìe, te trarò s'ula tetta 
OD de qaei piterì che spazza. {entra) 

Wo. Ande là, poh! maledìe! dooe, done, «empre 
baaftf, tempre chìk {d), Dise Jbe e (e) pro- 
Terbio; dona dano, donamaliDO, melano, daoo, 
malaDO. {entra in casay 

SGBNA ZÌI. 

Camera in una casa particolare, 

ISIOOAO e TlTA-VAlfl. 

Is. Vegli) 00 mi, non abU kngizioo, qaa no le* 
mo a palazzo, qna no aemo^ io eancekivit 
8emo io eata dì on galaotnomo, de un va- 
aezian, che TÌeo a Chlozisa do (/) volte al« 
Fano, e co qol ghe xe elo el me lasaa lo' 
abja>e a mi, e adeeso de tta caia foo pron 
mi, e qua 8*ha da far sta paae, scheda gìnstar 
tatti i petegolezzi, perche mi sob amigo d'i 
amici, a a vu altri chiozzoti ve vogio beo. 

Ti. Pe so grazia, siò cogitore. 

/f. Vegnì qna, za che semo soli... 

due trecce, ed annodad in fotma rótón" 

da sopra del capo, 
(a) Faceta, 
(h) Stendere, 
(o) Carogna, declinato per. abuso, e detto per, 

disprezzo, 
(d) Gridano, 

Dice bene il pope^io. 

Lue. 



)y Google 



ti 



1( 

^. Doftt x«1i ttì altri? 

Is, Paroo Vie«o2o xe uaA ft ctroar MarmotiM^^i 
« e1 Hgairii qns, eh« za al la dote che Y ha da 
vegnir» Pirou Toni V ho inaodk da mi io cau« 
celarla a chiamar al mio iervitor, perchè voi 
che sìsìlemo Sta paté con Un per de fiaa che- 
ti (a), fi Bepo, co vo da dir la veriiii^ et xk 
aodk a chSdmar doba Libera e paron Fortu* 
vato. 
la, B te Marmotina no Tolessa vegoiref 
ly. Se noi torrJi Vegnir, lo farò portar. Oraà, 
xa che tem/> toli, respondema a ton (ò) aulV 
proposito che v'ho parlai. Chechioa ve piatela f 
La Tolau? 
Ti. Co go da dira la giusta veritae, la ma' pia« 
te puoca, a fasto conto de no la Tolare. ^ 
/j^ Come ! no m' ave miga ditor cassi stamatioap 
TL Costa gogio dito ? 

Js. M' ave dito : uo so, soii mezzo Impegoli. M* 
avi domanda, «osta che la ga de delta. Mi 
V* ho anca di'o, che la gavsva dusentoi e passa 
(e) ducati. M'ha pan» éha la dota *Te corno- ■ . 
da, m*ha parso che la puta Tè pìasa. Gossa me 
acambìeu adestó le carte là manf 
TL Lnttria«imo, mi no ghe actfiaiiiogoente, la- 
atrissimo. L' abia da saere dia a Lncieta, lo**^ 
atristimo, xe do ani che- ghe fatzo Tamor», '^ 
• me sota rostizzao (</) e ho fato qaal ctielio 
lato per zelusia, e per amore, e la gd ticen- 
sili. Ma la gh'abia da saere, luatriisimo, che a 
linciata gha vogio ben, ghe vogio; e co uoon 

'(a) Due fiaschi di buon mmo, 

(b) Mispoxdeiemi a .tuono, 

(e) Dugejf$f} e- pia, 

{d) Sono andato in oliera» ^^ 



)y Google 



' mo xe Insiizao noi sa' <]à«Io di' a So ^gbe. 
Sumatioft Laci«ta Tatarafe ttazza, e zk un 
puoco (a) go totetto dtre ikiértélo} ina co 
She penso, mare de diaoat laitr}f«iino, no la 
■ poiso laisare, e ghe Toglo beo, ghe togro. La 
m'ha affrootao, lago licenzia: ma ma acbìopa 
al CQÓr (ò). ^. 

Is» Ph baia da galantomo ! B mi ho mandi a 
chiamar dona Libera e paron Fortunato, par 
parlarglie de sto negozio, a domaodarghè Gfaé^ 
9» p«r va. 
Mi, (con dispiacere) Grazie, Instrtstbio. 
Is-, No la Totò donoa P - 
TV. (come sopra) Grazia alla ao bootae; 
Ism' Sì o no ? 

Ti. Co bo (e) rispetto, mi no« lustrittimo. 
Is. Aodave a far squartar (d) che no me n*im< 

porta. 
Ti. Comaodo parleb {e\ lostrìssioso ? So po- 
sarono, so AB pofaro pescaora, tua so ga^ 
laotomo, lustrìssimo. 
- Js. Me deepiase, perchè gavarave gasto de ma^ 

ridar quela pata« 
y 2V. LustrissimOk la me eompatìtsa, sa no gha 
' la#4e etfroato, ^ Torafo dir» do parole, gha 
▼orava dire» - ' t 

Is. Dite par : còsta me vorasst dir? 
Ti, Cto lusUissMDO, la prego, no la sa nUbt» 
per mala. 

(a) E poto fa. 

(b) Ui crepa il emim, i> - ^ 
(a>Bifoii/>,e fuitmolilirei^n stiépanmssiaiia. > 
ià) Andate al diavole. ^ 
!•) Come paria? 



)y Google 



ìs: !fo, ao me n'arare per mal. ( Son o arioso 

de sentir coisa che el ga io testa de dirme). 
TL Mi parlo eo tnto e respeto. Baso dote che 

zapa e alò qogitore (a) , ma se m* avesse da 

mandare, oo Toria che uo lustrissimo gavesse 

tanta premura per mia mugier. 
Is, Oh ohe caro Tita-Nane! ti me fa rìder, da 

galantomo. Per oossa creditta chegh'abla sta 

premura per ^aela pula? 
Ji, (ironico) Che cade (ò) ? Àfin de ben , uB» 

de ben, che cade ? 
Is» Son nn zovene onesto, e non aon eapaoe^ 
Ti. Eh TÌa, che cade ? 
Is. (Oh che galioto!) 

SGENA XIIL 

Paron vici^zo e detd, poi Toroio. 

F'L So qaa, lastrissimo. Fioahoeiite Tho per- 
suaso a Tegnire. 
Is. Dof'elo? 

yi. El xe de fuora ; che Io chiame ? 
Is. Chlamelo. 

F'i, Tofolo, vegoì a nu (e). 
To. So qua, pare, (d) (a Isidoro sghttandolo) 
^ Tissimo (e). 
Xf. Vien avanti. 

(a) Bacio in terra, cioè i piedi del signor eoa* 

éUutore. 

(b) Che serp^ 7 A buon fine^ senza maUzUh 
(e) FeTiite a noi» cioè vemte qua, 

(d) Padre ; termine d amicizia ^ perso i jjfù 
vecchj d et€u 

(e) lUustrissimo. 



)y Google 



To, {salutiamolo ancéray r^ailrltdlino tid' oo» 

Xc Dioutt no poca» par cotta no fatta dar la 
pata a quei tre omeni coi qoali li ga ' abà 
•tamatioa queU contesa? 
To. Perchè, lottrlssimo, i me T09I amazcare. 
Dr. Co i te domanda la paté, no i te vaol mazzar.' 
T0. t za galioti (a)i luttritsiaio. 
Ti, (a Tofolo^ minacciandolo acciò parli con 

rispetto) Olà, olà ! 
is*' (a Tita) Qaìetera . E ti parla beo , o ta ' 

farò andar io Iqo oameroto {b), 
To. Quel che la oomaoda, lattristimo. 
Zr. Satta, che p^r le pieraa che ti ga trato , ti 
meriti anca ti d'etter procestk, e che ttanta 
k maliaia co la. ^tial li xe--?egnà a qaarelart 
ti tara condaiÀ io la le tpete? 
To Mi ao povaròmo, lattriatimo ; mi no petto 
•pendere, (a n:. e Tita) Vegoi qna, maz- 
aeme; to poTa^omOi maszeme. 
Is» ( Cott& el par templice, ma el ga ao fondo 

de malizia de oata del diavolo. ) 
^ì.. Daghe la pate^ a la xe Tenia. 
To, Vogio attera tegaro da la mia vita. 
I Is» Ben, a nù te fero atticarar. Tite*rfanf 1 me 
dea parola a mi de no molettarlo? 
TV. 'ftfi ti, lottrittimo. Basta, ^he el latta ttara 
Lnctèta, e che noi hazz«ga per qoele contrae. 
To. Mi,, fradelo, Lucieta 00 la go gnanoa ^ in 
a no iiro (e) colà (d) par eUi no zir^. 



(e) Olii vuol dire òriccom, 

(b) Prigione a//* oscuro, 

(e) Non giro, cioè non vado in pi£contonà, 

(d) Colà è ben detto in toscano ; i reneiiar 



)y Google 



9# 

Ì9. Pm fM tlriflB aoMtf 

To, LiutrìtMiBO, anc« mi to da marìclart. 

I2r* Blo ria ^ saio (u). Obi gatto da qoela baoM 

To» Imitritsima ..4 

JP7. OrtataP 

To. Made ('^;. 

Ir. Gbaea farai? 

To, (ridendo) Ab, ah! brata, kiitfÌMmiO| bravo! 

Tr. Ti jca no btttìar»t (e) 

T<0. Par costa buaiaroP 

2V. Perehi Gheca m^ba-dìto, a dona Libera a 
Oriata m^ha dito, chati t*ha aaotao daLacìc* 
ta, a che ti ga pagaa da mareoda. (d) 

^o. Per fare detpelo Yho lito. 

Ti. A chi? 

fftf (a Viia^ Quietava. Bitta daiftao, «bo U 
ghe voi bea a Checa f 

To. Mi •), da poto (e). 

Is. La toréitiihi per miigter? 

To. Mare de dìtoa sa la cbioraTaP (/) 

Is. £ «la «IO te vorala? 

To. Vara cbio è (g). Per cessa no m'averaTeb 
da volere ? La m'ha dito de la parole, la m'ha 
ditcs che no la posso mo goaooa dira* So (h) 



ni dicono là, ed i Cìùoztoiii senza sofm* 

re U toscano dicono colà, 
(a) 2)4 pariti. 
<b) No. 
(«) Tu sei un bugiardo. 

(d) Percolazione. 

(e) in fede di gicpine onesto. 

(f) Capperi ! se la prenderei. 

(g) Oh guardale Mia domanda! 
Sb)^iw. • 



)y Google 



*or«la m'ha descazxao (à\ Ja réfto... è eb ^iretò 
peou a Vigo {b) la podfrò tnantegoire. 
/*. (Mo el «trave g'mtto a proposito pw Che* 
china.) ■ ■ ' . 

SCESA XIV. 

Paron toni, uà servitore con fiaschi e dettì^ 

Ton. Xe qaa el ••rntor, lastrìtsìmo. 
Ts.^ Braro. Meli 2oso (c) quei fiaschi, « tv de lii 
io cu«ÌM, e Tarda- ib q^iol armer«to, cfìégh^^ 
dei goti, (d) {serpuore parte) 

Ton. (piano) Com'ela, paron Viceozo? 
F'i. Beo, Leo. S'ha scoferto d«llé cose... Andarli 

tato ileo. 
Is. Tofolo, allegramente, ohe'fòi che femo st» 

matrimonio. 
To. Magari, lustrissnno ? 
Ton. Ola Tofolo, con chi? 
ts. Conp Ghechioa. 

Ton. £ mio fradelo Bepè spoiark Orseta, 
is. BraTi. E Tita-Naoe sposarà Lucieta. 
Ti, Se la Tegoirli co le bone, pnè essere ' chf 

mr la spose. ■ • ■* 

Is. A monte tutto. No ga da esser pantiglt. 

A remo da far sta nozse, e vegnì qua ^tuti, e 
* tf)|9o8e%« qvm, Pl^orederò mi i confetì (e), e 

ceoaremo, e faremo un featio, e stareitoo alegri. 

U) Scacciaio. 

{h) E quando Offro una Peata ; barca dhe ser- 
ve al trasporto dépasseggieri} a Vigo, cioè 
al luogo doveri trattengono talipeote, 

(e) Già. 

(d) Bicchieri,' 

(e) / dolci che si usano in4f€casione diffàzt^ 



)y Google 



To. Parò Toni, *riegrL 

fon, AU«grì, parò Vicenzo. 

F<. Allegri 

Is. Via, Tita-NatM, anca tn aUegri. 

7*L So qua, so qaa, do me caro. («) 

Is, Via, fa pace. 

To. {abbraccia Toni) Paté. 

Ton, (abbraccia Tofolo) Paté. 

To, {abbraccia Tita) Ainigo. 

TL {abbraccia TofoLo) Amigo. 

To. {abbraccia Vicenzo) Parò Vioenzo. 

Vi* Amici, amici. 

SCENA XV. 

nipo e detd, 

To, ( salta ed abbraccia Bepo ) Amigo, paia^ 
parante, amigo. 

B0. Fermete. Oh ohe atrepiti! Oh che ciiataxi! 
Fradelo, no Te poaao fenir de dire. 

Is. Cosa'À ata? 

Se. (parla delle donne) Le ha criao, le a' ha 
dao, le s'ha petufao. 

Xf. Chi? 

Be, Mia tngnk Pasqaa, Lnoìeta» dona Libera, 
Checa, Orteta. So andao per andare, come 
m'ha dito e «io cogitore. No le m'ha volesto in 
cà, DO le m'ha tolesto. Orseta m'ha «erao el 
baloon in tei ma<o. Laoieta nò toI più Tita* 
Nane. Le «ria, che le s'arerze {b)^ e ho pau* 
ra che le se vogis tornar a dare. 



(a) Son qm ancor io; non mi ritiro, 
(h) Gridano a crepare* 



)y Google 



^Ti, Saogat d« dUntl eom'tTaf favg^ àà dian 

2Vif. Yogio andar a attenderà nua mngiér. 

^tf. 8t daremo, te dartiao, faremo oattioD, •• 
dartmo. (parte) 

P^. FermeTe, fermefe : oo' sta*^ a praaipìtàré. 

(parte) 

^V.'Cbe i (Mie stare Oheca, oel ohe i U lassa 

slare. (parte) 

Ms, Siea maUdeti, sien malèdèti, sieii oMilsdéti t 

(paru) 
SCBNà XVI. 

Strada con case^ come olire volte, 

■.uciiTà e oaaaTà atte finestre delle loro case^ 
donna pasqus di dentro* 

Zm. Goss'A ? No ti voi |N& mio fradelo ? No 13 

ze gosaoa degoa de aTsrlo. 
€}r. Oh I gbe tooI paooo a Uorart de magio* 
Lu. Chi troTenstoì 
Or, Halo. (a) 
léU. Ghe manoarafa pnooo che bo te fassa la 



Or. No se salo che ti xe nua' sboch (b) ì 
Zm, Sì se fosse eofk ti. (e) 
Or, Tasi ss, ohe son una pota da bea. ' 
Lu, Se tale ti fossi, tale tS operaressL 
Or, Via, sossarante. 

(aj Temane di dispreMMo, che non ei^nijica 

niente. 
(b) Sboccata, 
(o) Come sei tm. 



)y Google 



9k 

La, (Ula hmmk (a).' 

I^a. {di dentro chiamandola forU) LdOMta 

TIMI drtato, LoeMiSi. 
tu. Ti gh*aDdark fU vi de sia ooiilrli (Jb). 
Or, a»if 
Lu. Tu 

Pa. (di dentro) htteUt»? 
Br. (si batte nel gomito) Ghiò (e), Ttni. 
Xif. Va al meo. (tf) («i ritirmy 

Or, PoT«ra aporca (e)! eoo chi credistn aver 

da lira? Bfi cì, cha ma Baridarò; mm ti? 

no ti (roterà uissno cha te Togia. Uh! qaaf 

pof aro detgrazià cha ta voIafa,«l «lava fresco; 

al giara coazk co la ceolele (/). Noi te t<À 

piò, fA (g). Tira-fibac, na, tè, noi tè toF pie, vk 

£«. (£ar77<i al balcone) BAI do me n'importa, 

' <ebe caca ea al ma telasse, mi no lo tagiou - 

Or, La tolpe'.iiOD tool certose (h)* 

Lu, Si, i\, el sposark potila sporca (i) da to 

aorela. 
Or. Oe! parla beo. 
Pa, (di dentro) LaaiaCa. 
Lu, A mi, se gha oa togior b« na n' amaaca. . 



(a) Gatta, cioè tropa, e gui vuol dire : donna 

the ama Se bantffe, e le cagiona* 

(b) Di questa strada* 
(e) Tieni : ehi ! 

(d) Fa aldiapolo, 

(e) Povera sudiciuola. 

(0 Accomodato colla cipolletta ; frase che si" 

gn^m ro§nnatQ, precipitato^ malconcio* 
(g) Fedi o sappia, 
(b) Proverbio, 
i}) Quella sudiciuola. 



)y Google 



Or. £h } !• so oKe ti ga el protf tereè 
Im. Tati, sa. oh» te farò desdire. 
I Po. (<2i. àthtro) Lacieu, Lvwieta ì 

Or, (burlandosi di Luàeta) Oh dkm paaral 

Lu, Te farò Tegnire Vangotsa. 

Or^ Marameo, sqnaqQtra, naraiiMo. (a) 

Lu, Vago via, perchè no me degno. (*« rìdra) 

^r. Va ria, nm v^, no to far soaUra. (^) 

(w riàra^ 
Tot, {U^na chiamandola col ^uo soprannomt} 

Megioto. 
Or. {torna e fa io stesso) Pa««huM. 
Lu, Tufe. (e) -- {si rìdra) 

Or, Malagrazia. (si ritira) 

Lu, (torna e dice Qon ironia e disprezzo) Mo 
^fhe bela zogia I 

Or. (toma e elice con ironia e dispresta) 
Me ehm boooleto da rioaal (d} 

SCENA xvir. 

TiTA^VÀiri, poi TONI e, BfipQ e de^M . 

Ti, (a tate,) <!ots'&? Goaft aita dito dei fa< 
/ ti nài? 
Lu, Va ia malora. Va a parlara oofi Gbaoa.. 

(parte) 
Or, (a Tito) No gha tend<^ oha.Ia xa |iaa mata, 

(a) Imita la quaglia ; segno di negazione e di 

disprezzo^ usitato dal tfasso popolo,, 
(il) Won tifare scorgere, non ti far tratture da 
I pazxa» 

' (e) Termine di disprezzo, 
{à) Bocciuolo di rosa^ con ironia e p€r\ dis* ' 
f^ezxo, . ^ 



)y Google 



«6 
' T<Nf. (a Ors,) Che nraodo ze qi|«to da «Ir» 

paaiartF 
Or» (a Toni) YU, che m^ toUi.<zeol« eatlva* 
J2tf. OrMU, Orieuf 

Or. Vate a far tquart^e. i^porit, 

Ton» (a Tito) £ ti do stara più a Tagaira pa 

casa, che do te fogio. 
Be. {a Tiia) E do liazzagara, qua olm (a),. che 

DO te foleiDO. 
^i^Giasto. ma par i^oeslo, mo gli« vogio te* 

gnire. ^ . • 

Be. Se a MarmotÌDa gbe l'ho prometeo (&)» t 

ti« mare de diana, te k darò, ^9t».^emtra àt 

cma) 
Ti Chiò ato 4;aDelao (e), {fa un atto di iti* 

sprezzo) 
JTon, Id Uftona da on oo gha ttpre a Tvgoire; 

provadite de parco, che mi ne provedeeò et 

omo. (entra in casa) 

SCENà ZVUL 
xiTà-tf 4NS, pm poron viccnzo, p<A rof oio, 

poi ISIPOJIO. 

TL Corpo de noa gagiai|dra(<f)! qualahadoona 
l'ha da pagwa. 

^a> In ^u^sdxontOFHÙ 

(b) Prometae, promesse. 

^9) Per fare un caoalao, cKèmi. attojdi dispnezUt 
scuotono la mano dritta, lasciata pende 
re come morta, ^fannoL che M dito indhs 
balia sul dito medio, e chi ha più^ forza 
nella mano^ fa sfintir d* atHfonifiggio U 
suono, 

{à)lHunatartatu$€k 



)y Google 



H 

Fi. Tit»9tii«, oom? «la? 

Ti P«to de diana! peto de dUnalJkrme TorSi arme. 

ITf. ^a vìa, mato. No tUr a precipitare. - 

TL Vogìò farme picare (a) , ma aTaoti, saogae 

de diana , gha ne togio colegara (6) tre o 

qaatro. 
To. So qua. Come zefaif 
Ti. Arme, fora arme* 
To, Mi DO to'gneDte. ^corre pia, e Rincontra 

tnolentemente con Isidoro urtandosi, ed Isi* 

doro dà una spinta a Tofolo , e lo getta in 

terra) 
Is. Ah bestia! 
2*#. Ajnto. 

Js. (à Tofolo) Con ehi hi gatto. 
7<t>' (alzandosi) I me ^ol dare. 
J^. Chi i che le tuoi dare? 
To. Tita-Nane. 
TL No za vero goente. 
Is. (a TÈ/.) Va ria de qaa inbito. 
^. Noi ia ga co alo, lattrifiimo; el la ga ca 

Bepo e 00 paron Toni. 
Js, (a Tit.) Va tia de qaa, te digo. 
p^i, (a Tit.) Via andemo, eogoè obedirt, oo« 

«•*• («) 

Is. (a Ficenxo piano) Meaelo tia, paron Vi* 
censo, e legnilo con ra, e trattegoÌTe tolto el 
portego (d) in piazza, dal Barbier o dal Mar* 
sartto, {e) che te toro, te ghe tarh bitognt, 
▼• BBandarò po' a chiaoMre. 

^a) Vàglio famùimfnecare, 

(b) Stender per terra^ ammazzare, 

(o) Conpiene, 

(d) Sotto le arcate. 

(e) Piccioli o papero veniihrt di mercU 



)y Google 



yi. StkA <Ah9éim, fostriiflaio. (a Tiia) AiKl«ai#« 

Ti. N» vogio fegnire. 

yi. AodeoBO 00 mi, oo te dubitare. So oaio, &o 
falaoiomo, nk (a) 90 mi, non te dnbiiare. 

Js. Via, ya «oa «lo, e fa quel che le dite pa- 
ron Vioeozo; e abi paaieasa, e aspeta, cba 
poi esser ohe ti sii oootento , e «he te fazsa 
dar quanta foditfazioo che ti voi. 

Ti* Me raoomaado a eia, luftristimo. So poTaro- 
mo, so galaotomo, siò cogitore ; me racoman- 
do a eJa, sJ6 cogitore, lustrissimo. {parte) 

SGENA XIX. 

isioojKO e TorOLO. 

Xr. (Mi so cossa ghe vorla per giustarli. Un 
peszo de legno ghe Toria. Ma averaTe perao 
el dererlimcnto.) Vien qoai Tofolo.. 

To. Tissimo. 

i>. Vusta ohe pai^lemo a sta puU, .e cjbe tede* 
mo, se se poi coooluder sto maridozzo (^) ? 

To. Magari, lustritsimo! ma bisogoa parlar» eo 
dona Libera sq sorala, e co so cagna parò 
i^ortanato. 

Ijf. parali io casa ala sente? 

Toé No %0t lustrissimo. Adesso, se la fuù ohe 
obiame ? ... 

It* Aodfi^o dreoto pìutosto. 

T<h Mi io ca no ghe posso vegnìre. 

/r. Perchè no glie pustu Tegnir ? 

^a» A Chiosza, lusUissÌAo, ao puto dooaalo (^ 

{^) Vieni. 

(b> Termiìte scherzoso che significa anuriUggi^^ 

i^) fifoifj^^ 4^ maritare. ^ " . , 



)y Google 



' noi §he pub ftndwreì dova ghe ite de fó*puttt 

da nutfidare. 
Jl. E por to, che tre to eltri ce fa ooDlIoiia» 

neote l'amor. 
To. Io ttrk (a)» lastrifsinio, te fé Tamore, e pò 

la te fa domandare, e co la s'ha domanda, se 

pò* andere. '* 

Is, Ghiamemole io strada doni». ' 
To, Olh (6) parò Fortunato ghe sen ? Deoa L^ 

bere, olà ? 

SCENA XX. 
Donna Liaaaà e deUi, pnfì paron roRTUNATO. 

Is. (Ehi 00 sta sorda oo me ne regio impaz^ 

xar. ) 
Li. Coss' ^ ? Coesa vasta ? 
To. Qoa k sìò oog>tore<.. 
Xi. Lastrissimo, cosse coaraodelo ? 
Is, Com'ela ? No sé pia sorda ? 
Li. Oh ! lastrissimo oo. Gaveva noe flusstOB. So 

varìe. * ' 

Ir. Cast) presto? 
Li. Da no mooMiito all'altro. 
Is. Aooa sì, che gieri deventada eorda per no 
• dir... ^ 

Po. {ad Isidoro) Tissimo. 
Is» Ho gusto, che sia qua anca compare bara* 

taora (e). Soo qoa per dirve, se jnaridaressi 

Chechioa. 
12. Magari, lastrissimo T Me le deslrigheria Tt% 

lentiera (d). 

(a) In istradila, (b) Zhi! {t) t^ pada p^toj 
(d) Mi ietterei poUnikri tjaesCmbàrmao. 
La Baruffe Qùoz., o.*' 39. 6 



,y Google 



Vo. M5, ntìstfiDO, go proiB€MO c«rto ucntj. {a) 
Li, E «Uri cioananta ghe li •Tardino •anai. {b) 
U. B mi ghe farò aver ooa grazia da altri ciò* 

quanta. 
Id, Siala benedeto ! gfa'alo qualcbe partio? 
U. {accenna Trfbló) Var^è: ve piatalo quel 

partio P 
Fo. Tofao? Tofao? Cara baur», cata banfa. (e) 
To. Mi nd dago impazzo a nitsuD, oo i ma la«* 

•a stare ... 
JÀ. Con ao pò de batalo, come T ala da man- 

tegoire ? 
To. No metarogìo auso peota, no meterogio? 
Id» E doT« la saimrastu, te no ti ga o^ tato tk 

ckP(J) 
Wo» La otta sMoara i batelo la oomzti m dor* 

mira? 
7o. Va pod& tagDire i eanto d notti, ve pod^ ta« 

gnire, a farme te tpete a mi e a mia mngiere. 
Ì>. Sì ben; noi dite mali el ga pie gindixie cHa 

oo oradeTa* Podi per qaalahc tempo tegoirlo 

lo casa. 
Zi. Mo per qoanto, lastritsimof 
Is» A conto da sti cento dnoatF, per quanto vo* 

ratiistn, ohe i te fasbe la tptta ? 
To, No so; almanco aie anni. 
Fo, Pufeta! pnfeta! tìeannif pufeta! 
Js, Ti voressi ben spender poco^ 
To, Che lo fazza ala, Inttrissimo, 
Js. (a Liòera) Vi; par un ano re comoda? 
Li» (a Fortunato) Cossa ditea paron ? 

(a) Cento ducati, (b) Raccolti, (e) Tofolo? To* 
folo? Che tropa^ che promove le baruffe. 

(d) Proverbio^ che spiega lo stato di un no» 
nw povero* 



)y Google 



^o, (a Liber€L)Sk fa, parooa; parooa, fò tu, 

parooa. \ 

^o. Mi tUgo • taito, lottrisiiino. 
Is, {a lÀberd) Chiama la puta. Seòtimo cosft 

che la difc. 
lÀ. 0«, Gfieoa f 
Fo. (cMamafirte) Gbeca, Ghaca? 

SGENA XXL 

GHBCA e detti, 

eh» So qnai coita Tolea? 

Zi» No usa? 

eh, £h! bo lentìo tato« 

Fa. Bava ! a la a pionara, bava ! (a) 

Ijt, (a Chcca) E catì com «liaaa ? 

CA. (a Isidoro) La scoto una parola. 

JCr. Soo qua« 

C^l. Ipiana a Isidoro) Da Tit»>NaM 00 ghe iti 

aperansa ? 
/r* (a CA€C« piano) Si aìia dito un de 00 tain 

to fato (^). 
To» (con Udegtto) (Aoeaia rccclua al glie parla?) 
eh, (a Isidoro piaao) Mo per cotcaf 
Is, (a Checa piano) Pereliè al xe ioamotk de 

Lucìtto. 
To, Luttritflinio slò «ogUore. 
Js, Gessa gh*À? 

Toé Vorave santire anoa ni, Toraft« 
Xr. Via, destrìgbeve. (a Checa) Lo volea • 00 

lo voleo? 

(a) Bropa ! È stata a spionare, cioè ad ascoh 

tare, 

(b) Un no grande, doè assoli^» 



)y Google 



9^ 

eh. (a lÀhera) Gosu discu, torelU ì {a Portu- 

nato) Gossa dis«u, cugnè? 
Lì. {a Checa) Cossa diftu tìP Lo futtu ^a)ì 
eh. Perehi oo ? 

To. {giubilando) Oh cara la ma vaole, oh oaral 
Ts. Fioli (3), co gh'iotro mi io' te la oo«a«, mi 

no vogto bruì lunghi {e) . tDastrighemose , e 

maridefa. 

SCENA xxn. 

0JK8BT4 e detd. 

Or, Gomaodo? Gheoa t'ha da marìdara avaaó 
é* mi? Mi che xe tre aoì, che so in dea* 
•eloo , no m* afard goancora da mtrldare ; • 
custia, ohe ze la minora , s' ha da sposare a- 
▼aoti da la magiore? 

Fo. Si bè, si bÀ, e ga rasooi sì bè. 

eh. Gastn invidia f maridete. Chi te tien, che 
no ti te maridi? 

^o. Siò sì , sìò s) ; maridete , se ti (e tuo aa- 
ridare. 

£i. (a Or seta) Ti Io gareTÌ al uomio. Per ces- 
sa lo xestu andh a desgnstare? t 

Fo. {a Orseta) Ah! per cossa? | 

ts, (a Libera) No gierelo Bepo el so noTizso? 

Li, Sior s), Bepo. 

JPo, Bepo. 

I^, Aspeti. (alla sUa casa) Bepo gha zelo ia 
casa? 

Be, So qua, lostrissìmo. 

(a) Lo puoi? 

(b) Figliuoli, 

{e) Brodi lunghi, pefdiia di tempo. 



,y Google 



ts. VéT cossa Mtt «ojk la colera con Orseta? 
Be. Mi, lastrÌMimo ? L' 4 stada eia, ehe m* ha 

ttrapazzao; Vh stada eia, che m^ha desoaziao* 
Is. (a Oretta) Sentii, siora? 
Or. No sala, che la coUra orba (e), ohe no se 

aa dele rolte qnel che se diga? 
Is. (a Bepo) Seotiu ? No la ze più io colera^ 
Be. Anca mi soo nno, che presto me la lasso 

passare. 
Is, Yia doDca; la ut giostada. (a Orsttd) Se 

no ToU , che Ghecft se manda prima de Yti , 

• TU deghe la man a Bépo avanlì de eia. 
Or. (A làcera) Gessa disea, sorela? 
Iti. A mi ti me domaodi f 
Fo. {eccita con allegria Orseta a ntarìiarsl) 

Pala beh, OrseU. Pala bela, fala bela. 

SGENA XXIIL 

ivciiTA e deltié 

Lu. (a Bep.) Cornei poooo de boitf sìdr omo 

seoxa repataùoD} avtressi tanto ardire da spo« 

sere colia, che n'ha strapasziif 
Is. (Magio da galantomo!) 
Or. {a Lucieta con collera) Cossa t^ sM 

colia ? 
£i. Oe, no se femo in iriss«re. (4) 
Po. Olà ; olà, oBl 
Be. Mi no 40 coasa dira, mi no «o cofM fttra) 

mi me toì mandare. 

(a) Jccieea. 

(b) Questa frase strettamente vorrebbe Mtét 

non ci strappiamo le aisoere » « non ci oa« 
▼iamo il cttore, ma ordinariamente signU 
ficai 000 mi profO€ata< 



,y Google 



94 

Ltt, Bfi prioM m'ho da miricbr»; • fin efae 

ghe fo ni io .c^, altre ougbà so ghe n*ha da 

▼«golrf. 
Is, {a Bep!) Mo peroh^ oo h marid«a ? 
B0. Perchè Tita-NaDa la gh'ha liceozUi. 
Is. Va &, Tofolo; fa io piazza aoto el portego» 

dal barbier; dighe a paroo Vìcenso eho el 

TegDa qua, e che el mena qua TiU*Nane^ e 

che i Teglia tabito. 
3V>. Tiitimo eì. Checa, vegao fi, fegoo. (j>€irt9) 
Lu. (Co Checa za oovizza co Marmoùna, mi d^ 

Tita-Haoe no go più zelugia.) 
Ms. Ghe ze caso, dona, done, ohe no dìgo af* 

tro, che ntgiè far pese, che TOgiè tornar a et* 

aer amighe? 
Ztèt Se eie no ga gaeote co mi, mi no go goea- 

te co eie. 
Is, (a Lio» Ors. e Che.) Gosu diiea? 
Or, Mi da là a là (a) no gh'è altro. 
LL Mi? co no ton tirada per i cavei, 90 parlo noi 

co nifsun. 
Is, E Tn, Checa? 
eh. De diana! A mi me piate stare in paté 

eo tati. 
Is, Via doooa pacificherei balere. 
Or. Mm ti. 
Lu, 80 qua* 



(a) Da un momènio alt altr». 



)y Google 



4 SCENA XXIV. 

PASQU4 e detd, 

\ Pa. Gotfii? «Offa fatta? ti To'fihr paté? eoa 
I onsrie? Co sta sante? 

Jf. Oh! fègnirca fa adeeso a romper le aoa« 

tol« {a)ì 
Pa, Ma maraTegio; le m'ha etrapazx^. 
ts. QnieteTe anca tu, feoimola. 
Pa, No me togio qaietere ; me dìole ancora eia 

bresso. No me rogio qaietere. 
Or, (Magari ràTettìo etruptà !) 

SGENA XXy. 

Paron tomi e deuL 

Js. 0«, paroQ 1*001. 

Ton, Lastrisjimo. 

Zr. Se DO fare far gìadizìo a Tottra mogier... 

Ton. Ho seotio, ho seotio, lattritsìmo, ho tea* 

tio. (a Ptu.) Animo» fa paté. 
Pa, No Togio. 

Ton» (minacciandola) Fa paté. 
Pa, No, no vogb. 
Ton, {tira fuori un legno) Fa paae te digo ; 

fa paté. 
Pa. {mordfieata ^^ aecosuC) S\ t), mano, farò 

paté. 
Po. Oh bato I oh bato ! oh co ba? o ! 
Li. Yìk qna Patqua. 

(e) A seccarci} A guastare quel che si è 
fatto? 



,y Google 



g6 

pa. So qu«. (à^ ethòracciana) 

J^Aooa fo, pnl». {mUe s" abbracciano e si 

òacìano) 
ts, Braw • fita; • ebe ki «Jan fin che la «« 
rompe. 

SGENA OLTMà. 

Parom tkxiixi) , tbta-iiìki, toiolo e deiii , p» 

SUVITOJKI. 

ri. Semo qaa, tostrUsimo. 

Is» Oh ! vegid qu». Tita-Naoe «desfo xe «1 tmm* 

pò, ch« mi f« fa»M cognosMr, «e re toì beo, 

e che vu fé cOgoofltMr, che si omo. 
f7..Go taoto dito anca mi a Tita-Naoe, che 

ei me par messo a segno; e go speranza, 

ohe el farìi tnto qnelo ch« Tuole el Idstrisii* 

mo siò eogìliire. 
ts. Via dooca , mandi a monte tato. Tomi a« 

migo de tali, e disponera a sposar Lncietak ^ 
Ti. Mi, lastrissimo? No la «poso, gnanca se i 

me piahe. 
Is. Oh beU! 
Lu, (Mo no zelo «osia da pestarlo co {a) fa 

•1 bacala!) 
Pa* (a TU.) 0% senti t ta ti oredossi che t'a* 

▼esse da tocare Cheoa, tara ih: Tha s'ha da 

sposare co Tofolo* 
Fo. E mi cento acati dago« 
Ti. Mi no gha ne pMsa» che lo fa ipoce co 

chi la foole. 



ts. (a TU.) E perchè no ▼oka ptà Lueìeia? 
Ti. Perchè la m'ha dito: fa io malor*! la m1i 
dito. 

(a) Come, 



,y Google 



9l 

Im, Oh, tara v^! a • mi cofsa no m'astu dito? 

ts. Orsù ehi rol, toI: e chi do voi, to dauo. 
Va altri m boo conto, Checa e Tofolo, date 
U man. 

To. So qaa. 

Ch, So qna aoea mi. 

Or. Sior DO, fermev», oh« ni*ho da maridar 
prima mi. 

Is. Aoimo Bepo, da bran». 

Be. Ot, mi DO me farò pregare. 

Lu. (a Bepo) Sior oo, te do me marido mi, 
DO ti f ha da maridar gnaooa ti. 

p0, E la ga raton Lnoteta. 

Ton. E mi eosta togio? Mi do go da intrare? 
A mi no t'ha da parlare? 

Is. Volea, ehe Te le diga? And^ al diarolo 
quanti ohe sé, ohe son slufo. (in atto di 

partire.) 

eh. (a Isidoro) Via, ohe noi tega. 

Fo. (a Isidoro) Titsimo. (a) 

Or. (a Isidoro) Che el se ferma. 

Fo. (a Indoro JÌBrmandolo) Tissimo. 

Id. (a Isidoro) Che et gh'abìa pazeozia. 

far. (a Lue.) Per oaasa Tostra tati i altri tork 
de mezso. 

La. Via, lastrissimo, ohe noi me mortifica pia 
daraotaxo. Per oaosa mia n» fogìo ohe toga 
de mezo nisson. Se son mi la «atiTa» sarò 
mi la desfortunSi. Kol me taol Tita-Hanef 
Pasenaia. Gessa gV ogio fato? Se ho dito 
qoaloossa, el m'ha dito de peso alo. Ma mi 
ghe TOgio ben, e go perdona, e se alo no me 
tuoi perdonare, ze segno ohe noi me tol beo. 

(piange) 

(a) lUmstrissimo, 



,y Google 



9^ 

Pa, (con passione) Luci^U? 

Or, \a TiiO'Nàne) 0«, k 

t4» (a TitOflfanfi) La piaos*. 

eh. {a Tita-TSané) La me fa peoao* 

Ti. (MaladioI 8« do ma tergogoa^ta?) 

Id, {a Tùa-Nane) Mo ria ^ punibile che 

gh'abìÀ fto cuor? pQvaraxaa! Vwd^ «a do 

la farara moT«r i salti? 
TL (a Lue. rusdcamcnte) Qotia gh'atto? 
La. (piangendo) Goeptf. 
Ti. (a XéUcieta) Via, aniino. 
Im. Cosca TQctu? 
TL GostU sto fifare? (a) 
Lu, (a Ti^a^yane con passiona) Gao, lastia. 
Ti. (con imperio) TasL 
létt. Ti m« vQol lassare? 
Tf Ma farastu pi^ df^psrare? 
lu. No, 

Ti. Ma voratlQ bau? 
Lu. Sì. 
Ti. Paroo Tonit dona Pasqaa» Uutrissìmo co 

bona licsDsia. (a Lue») Ua^mfi I9 mao. 
Zu. (gU dà la mano) Ti^ 
Ti. (sempre ruvido) Ti j^a mi» muglerò. 
Is. Oh bela ! (al servitore) oe, Sansoga ? 
^e« (AiistrissMiio, 

Ì>. Va subito a fur quel i^a t'ho 4ìto« 
iSe. Sabito. (parte) 

Is. h, tu, Bapqu SotQ tu. (b) 
^e* Mi ? La ^arda eoo «he f^oilìiae. Psron For* 

tqoato, dona Libane lus^rissìmo co so booD 

grasia, (dà la «uuzo a Ors.) Mario e mu« 

giare. 

(a) Piangere, 

(b) A poi, Beppo; tocca a poi. 



)y Google 



9à 

Or. (a Chscd) Oh odésfx) mo , mandète anca 

ti, che DO me a* importa. 
/«. Tofolo, ohi h do tokaf (a) 
To. Mi prtm« baroa (ò). Parò Fortaoato»\foiia 

Libera, laftristttmo, ce so bone licoósià. {dà 
la mano a Checa.\ 
Cft. (a Isidoro) Oe, 
Is, SoD galaokomo, ve 
CÀ. (« r</o/oj Tiò I 
To. Mngiere. 
eh, Mario. 
To» E viva. 
^0. E TÌTa at«graita«ot 

griogola. (e) 
Se» (a /^/.) XÀ qaa tati co la comanda. 
Is. Novizzi alagraoieDttt. V'ho pareohih un poco 

da riofrosuo; go no per do «onadori; vegnì 

eoo mi, che roi che se deaeri imo. Aodemo, 

che baleremo qaatro furlaoe. {d) 
Or. Qua, qua baiamo, qua. 
Is. Sì beo, dove che volè. Animo, porte fitora 

dele careghe. Fé vegoir avanti quei sooadort; 

o ti, Sansuga, ra al casin, e porta qua quel 

rinfresco. 

(a) A chi tocca? Frase presa da tjue^betrca» 
jaoU che sono ai Traghoiti, cioè ai posd 
delle barche che si noteggiemo ; dove il 
primo, a ad appartiene U carico, si dice 
esser di volta. 

(b) Io sono la prima òarta; cioè kooea a me, 
seguitfìndo il senso della mek^ora som 
praddetta. 

(e) Soo in gringola, cioè in allegrìa, 
(d) La Furlana è una danza q due, che si 
usa per lo Stato Veneto, ^ 



)y Google 



lOO 

Ltf. Sìor ti, hfLÌemOt dettrtloiOM, sa che «eai« 
noflzai; ma h feoU, lattrÌMiMO, ^he ToraT« 
dire do paroUte. Mi ght toa oliligìi d« qual 
cha rba fato per oì, e «omi tU altre oofis- 
se le ghe z« obligae : ma me dea piata che el 
ze forteto (a), e col va via de sto liogo, no 
vonve.ohtf el parlaasa da oa, e che aodaaae 
faora la oomiaa, che le Chiossote xe baro- 
fante; perchè quel che l'ha vieto e aeatjo, 
xa ttli no.acideote. Semo dooe da beo, e «emo 
dooe onorate: ma temo allegre, e volemo «tare 
alicsgré, e volemo baiare, e Tolemo saltare. B 
volemo che tuli posta dire: e viva le Ghios« 
sote, e viva le Ghioszote. 



(a) Forestiere. 



)y Google 



IMERCANTI 

COMMEDIA 

DI TRB ATTI IN PROSA 

BappreseniaUt per ìk /nimavoka in Venezia 
nel carnwalt deltanno 1765. 



il.' 40. 



)y Google 



PERSONAGGI 



PANCRAZIO mercante in Venezia. 

GIACINTO suo figliuolo, 

Monsieur RAINMBRB mercante olandese, 
ospite di PANCRAZIO. 

Madandgeila GIANNINA nipote di mmms» 
RAINMBRE. 

BEATRICE I^Uuola ài PANCRAZIO. 

fililo amico di GIACINTO.) 

// dottor MALA ZUCCA medico aparo* 

CORALLINA cameriera ài BEATRICE. 

FACCENDA servitore di PANCRAZIO. 

FASQOINO servitore di PANCRAZIO. 

J*rimo giovine di PANCRAZIO. 

Secondo giovine di PANCRAZIO. 

Terso giovine di PANCRAZIO. 

Servitore di PANCRAZIO che parla» 

Servitori di mons, RAINMERE che non par- 
lano. 



La scena si rappnsemta in Fenezim, 



,y Google 



ATTO PRIMO 



SCENA PRIMA. 

Stanza di negozio in casa di Pancrazio^ . con 
suoi banchi e scrìUur$^ e par) giotumi che 
stanno scrìvendo, 

PAMCftiZiO e GIOTAIII. 

Po. ( X rt Ietterà dì eambio oggi sc»4oiiA • 
oooTÌeoe pagarU» Ma |>agarle eoo «he ? D^ 
nari nallo «crìgoo noa c« ne «ooo« La rolia 
o««vieo« tosteaerU per rìpnUMOoe, OJ^ poT^ 
ra Panoraaioi sìasio io roviaa, «iano io pre- 
cipisio; a perc|»à? per cagiooa di quaUo a«ia« 
gurato di aio figliuolo.) {ad un giofiìng) K* 
veto estratto il cooto correata eoo .k Coart* 
•pondeati di Litoroo f ^ 

È GL S^ «igOOTjB, r io oMralta . 

Pa. Como ttitoK)? 

1 GL SUa davo qoaitreaiìla peise. 

Po. (Una bagatiallo!) {md altro giopine) E ?oi 
avete fatto il eooto eoo qnelK ^ tiieoe? 

s GL hyko ioit6i # rfUio^M HdMto 4> uh^ 
lir« torneai. 
, Po. ( Meglio! ) (ad altra gioffine) E eoa U 
Gornaaoia, voi, eoiBO ataamof 

3 GL Con tremila f orini i» pareggia il oonto. 

Po. (Va beoittioio!) Ho capito tutto; non oo- 
corr* altro. I eooti di Goitaiitiaopoli a di tot* 
to il Letaote gli ho Catti io. Io quella piazze 



)y Google 



«OQ creditore di molto e con no giro galdu 
^ IÌN!Ìtmenttt gli altri conti. (Conviene dir cosi 
per ripataziooe, acciò i giovani non mi credao 
fallito. Pur troppo ho de' debiti p«r ogni luo< 
go, e non to come tirar innanzi.) 

8GBN il II. 

PACCBHDA e deuL 

JFa, Signore, vi fon due giofani che dimandano 

di lei. 
Pa, Chi sono? 
JFa, Uno i il primo giotìoe del negoziò Lanz- 

man; l'altrOi il cattiere di moniienr Stiisson. 
Po, (Saranno venuti per riscnotere le lettele di 

cambio.) V hanno detto ohe oota vogliono ì 
Fa, A me non han detto nalla. Ma ho aeotito da 
* loro stessi, mentre parlavano, certe cose che... 

non vorrei che qaesti giowint mi adissero. 
Pa. Andate tntti tre al Banco Giro (a), fatevi 
- vedere, de alcano cerca di me, ditegli che 

fra poco vi sarò anch'io. Sé vi sono persone 

ohe abbiano da riscnotere, dite loro che alla 

mia venuta soddisferò tatti, e se vi sono di 

quelli che abbiano da pagare, riscuotete \ì 

danaro. Ho un piccolo afibre, mi spiccio, e 

▼eogo subito. 
1 Ci, {piano al secondo giopìne} Ho paura 

che il nostro principale in vece di ?enire al 

Banco, voglie andare a Ferrara. 
^ Ci. (piano tdtédtro giovine) Eppure k un 

uomo di garbo; ma isao figlio lo ha rovinato. 

(a) luogo in Venezia, situato in Biaito, do- 
ve si radunano tfc 



)y Google 



5 

5 GL ( QnaoU pajrì per iroW troppo li«n»'al 

figliuoli rofinano la famiglia!) (portone i 

tre gitHfOMi) 

SCENA la 

FAOCtNDi e PAMCIIAZIO. 

Pa* Ora dite quel cbo folevate diron. 

|!Vi. Ho teotito, come diceva, quei due gìofaoi 
parlar sotto voce, e dire che dabiieoo del pa- 
lmento; che la ragiooo d» vossignoria A in 
pericolo a che tengono ordine, non ricevendo 
il denaro, dì protestare. 

Pa. Ah, FaccemU» son rovinato! 

F/i. Che mi tocca a sapere ! Senio gelarmi 11 
sangue oell'udir ui parole. Ma come mai, 
caro signor padrone, oome ridarsi in questo 
suto? 

Po. Gansa quello sciagurato di Giacinto mio fi- 
glio. L*ho messo in piaasa, gli ho fatto ore* 
dito, gli ho dato denari da trafficare, ed egU 
ha latto cento spropositi a per copnr lui, ho 
dovuto andar io in rovina. 

Fa* Ma perchè dar a lui il maneggio f perthi 
fiderei tanto di nn giovinotto? 

Pa, Sperava che vedendosi io messo a tanti ono- 
rati mercanti, impegaato in negosi , ia trafiU 

. chi, con lettere, con effari, si assodasse, hadas« 
se al serio, e lasciando le male pratiche, si 
mattesae al punto di fare onerella casa e a 
lui medesimo. Mi sono ingannato, cooT^nKO di 
aver peasato male; ha fatto p«g jo , si ^ ro- 
vinato del tutto, ed ha seco precipitato il sua 
povero genitore. 

Fa, Qui cooTÌene pensare al rioiedio. 



)y Google 



6 

Ba* Non saprei dove gettarint ; fon Inori ài nn 
medMimo. 

'Ba, Mi senti; ha mai confidato nulla a moa- 
sieur Rainmere, a questo olandese cli« a 
trova alloggiato in casa saa? 

P<|. Vi dirò: voleva dirgli qualche cosa, ma p<r 
tre ragioni mi sono trattenuto. Per la pri- 
na, sono a lai debitore di sette in ottocee- 
to d acati ; per la seconda, voi sapete che om* 
damigella Giannina, saa nipote, ha qualche io- 
clinaziooe per mio figlio, e avendo eUa di do- 
te seimila lire aterline che, poco più poco me- 

- D0| fanno la somma di quarantamila ducati, se • 
me riuscisse di fare un tal matrimonio, spe- 
rerei di rimettermi in piedi. Per questo pro- 
curo di tenermi in riputazione coli' amico; 
ma so sono costretto • render pubbliche le 
mie indigenze , ho perduto , posso dire , ogni 
speransa di risorgimento, ho perduto ogni 
cosa. 

Fa. Dunque per queste ragioni... 

Po* Ve . n* è un' altra. Monsieur Rainmore hi 

> qualche premura per Beatrice mia figlia. A 
un uomo ricco, come loi, potrei sperar di 
darla con poca dote* Ma se a lui scopro le 
mie piaghe, tutte le mie speranze svaniscono, 
perdo il credito, e precipito i miei figliuoli. 

Wtu Bili perdoni, il credito lo perde, se in oggi 
BOI» paga le cambiali, se i creditori prinoipia- 
oo a sequestrare gli effetti. 

Pa. Pur troppo i Tero. Penso, rifletto, e non 
so a qnal partito appigliarmi. 

Ba. Qoei giovani aspettano; ohe cosa ho loro 
da dire? 

Pa. Se sono venuti per riscuotere le lettere, di- 
te loro, che questa mattina li tedrò a RiaK 



,y Google 



7 
to, cbe iii*«tt«D^o al baoco, ohe farò loro 
nn giro, oppuBa lì pagherò io eontaott, cfome 



Po* Sì tìgoora , e dirò , oba dicano In ohe ino* 
nata li TÓgliono ; anghori , zeochioi , doppie , 
quel che vogliono. Quando ti è in pericolo dì 
fallire si procura tostenerci , e se non crede 
ano, crede P altro, e si acquista tempo finché 
si paò. (parte) 

SCENA I?. 

PANCmAZlO, /M» FACCBIIDA. 

Po, Io sono stato sempre un uomo onoralo , e 
tale sarò fino ohe irivrò. Ho de* debiti non pò- 
ohi, ma ho de*crediti e de'oapìtali. Se gVinte- 
ressi andranno male, cederò ogni cosa, resterò 
in oaoiioia, ma non sarò capace di un' impo< 
stara. 

Fa. Sono aodati fia. 

Pa, Che hanno detto? 

Fa, Che T attenderanno al Banco Giro. 

Pa. Voglia il cielo ohe tì possa andare. 

Fa. Signor padrone, spero, che la sorte questa 
mattina lo voglia consolare. 

Po. In quel maniera? 

Fa. Si ricorda vossignoria, ohe jeri le feci un 
piccolo discorso di quel medico, che aveva de- 
siderio d'impiegar duemila ducati al sette 
per cento ? 

Po. Me ne ricordo, e mi sovviene ancora di 
avervi risposto, che il sette per cento non si 
pouva dare, che il sei alla mercantile si la* 
soia oorrere, ma non più. 

Fa. Kh, caro signor padrone, quando si ha bi- 
logoo, si paga anche l'otto, e anche il diaci. 



,y Google 



Po,' S coti n f » in rtmot pf& pmU, e cost 
htt faU» mio figlio ; ed t» per liberarle da si- 
mili aggravi ho pagato in contaoti, • son ri- 
■laato icoperto. Ma sa non avesti fatto cosi, 
non avrei nenmen» cedere sul focolare. 

Fa*. Egli è 9Uf io sala il signor dottore; ^ ve- 

BtUo io persoqa ad offiirirlf. L* ascolti, gitardi 

sa per il sei per ««ota> f noi lasciare il dena- 

. ro« « se può si approfitti di questa occasiotie, 

che nel suo caso non può estere più necessaria. 

Pa. Faccenda caro, a prender questi denari ho 
le mie difficohìi. Se per mia disgrazia i miei 
creditori mi stringessero per i pagamenti, e 
^limani fossi costretto a ritirarmi, questo po« 
vero galantuomo, che ora mi dà il suo dena- 
ro, domani lo avreL4ift perduto, ed io avendo- 
lo in tal guisa tradito, divertebbe U mie fal- 
limento criminale; ed oltse le mie sostanze, 
perderei anche la riputazione. Fallire per di- 
sgrazia, merita compatimento ; fallire per ma- 
lizia, i un delitto da assassini di strada. 

Fa. Non vuole nemmeno udirlo? 

Va, Fate, che venga, gli parlerò. Se si conten- 
lerk dell' onesto , supplicherò moosieur Rain* 
mere che li prenda per me. Così il dotto- 
re non li perderà , ed io me ne varrò , se 
vedrò che possano servirmi a rimaner io pie* 
diy eoo la speransa di rimettermi, e di rime- 
diare al disordine in cui ora sodo. 

Fa. Ma come mai un uomo di tanta onestà, di 
tanta prudenza, sì è ridono in istata di dover 
fallire ? 

Pa. Disgrazie sopra disgrasie. Fallimenti deVor- 
ritpoodenti , perdita di roba in mare , e poi 
mio figlio, qJueUo Boiagurato di mio figlio, sso* 
sa amore, senza ripiUazioot. 



)y Google 



Va. ((*of«ro mio padrone! & iéràmèute degiK^ 
dì fiomptttstooé.) ' ' (partey 

SCEMà y. 

PàNCRAZlO, poi il doUOt MAUZOCCi. 

Pa. Tremo qnaodo penso ehe ho da parlare di 
queste cose a monsienr Rainmere. L'nbdio 
più onorato di questo mondo, il pia buon o- 
landese eh' io abbia mai oonoscioto, nomo sin* 
oero, dì un ottimo cuore. Ho timore ohe-'si' 
seandaleisi di me, che mi perda la stima , e 
che mi abbaudotii. Andrò òOn delioatesiea,' e 

' se Tedrò in Ini qualche mutazione ,' mi rego- 
lerò oon prudenza. 

Do, Sertitor di ▼ossignorìa, signor Panerazio. 

Pa, Fo riferràsa al signor dottor Ma]aznoo9« 

Do, Son Tenuto a inoomodarvi. 

Po. Mi comandi, in ohe posso serrirlaP 

Do, Il fostro servitore Faccenda n ha c^tlo 
nulla? 

Pa, Nfi ha detto che vossignoria vorrebbe iin* 
piegare duemila ducati; i egli Terof 

Do, B serissimo. In tanti anni che faccio la 
professione del mediab ecco quanto ho ava^ 
zato « e l'ho avanzato a forza di risparmiare. 
Son ormai Vecchio, e in vece che l'etk mi 
faccia oiohipliear le faccènde, queste mi van- 
no anzi mancando, peroh4 il mondo è pieno 
d' impostori ; e chi opera secondo le buone 
regole di Galeno non A pia stimato. Pazienza ! 
Ho questi duemila ducati , vorrei impiegarli, 
e vorrei che la rendita mi bastasse per vivere. 

Pa, Vuol far un vitalizio? 

Do, No, oon voglio perdere il capitale. 



)y Google 



io 

Pa, Dunqae coma torvIiIm fare ? Daenila f]a« 
cali, «• gr infette in depotiii o io ««usi, U 
renderaooo il qaattro o il oioqae per cento. 

Bo, Bh, i censi non son titnri. Vorrei impie- 
gerii senza pericolo, e vorrei il sette per cento. 

Po. Sera difficila che ritrovi U tette con la si- 
ca rezza. 

Do. Mi banno detto, che I meraanti li prendo* 
no al sette, e anche all' otto . per ceoto. 

Pa. Quando ne banno bisogno, paò darsi. 

Do. Vói non ne avete bisogno? 

Pn, Noo ne bo bisogno ; ma per servirle, el sei 
per cento potrebbe darsi che li prendessi. 

Do. Il sei è poco; almeno al sei e messo. 

Po. Basta ; si trattenga qui un momento, se non 
ha premura, tanto che vada a fare certi conti 
con ano da'miai corjrispoadeati, a |omo da lei« 

Do^ Soo qui; non parto se non tornate. 

Pa. Vengo subito^ (Voglio prima parlare coT* 
V olandese , e poi qualche cosa risolverò. ) li 
denaro lo ha seco ì 

Do, Sì, r ho ^ qui in tanto oro. Lo porto sem- 
pre meeo, per paura ohe ne lo rubino. 

Pa. Stimo assai, che porli indosso quel peso. 

00. Lo porto volentieri. L'oro è un peso cbo 
non incomoda niente afiatto. 

Pa* (Povero dottor» I mi fa compasnooe. Se fos* 
si un uomo senza coscienza gli farei perdere 
in on momento quello che par tanti aooi ha 
procurato di avanzare.) 



)y Google 



SCENA n. 

Il dottor MALtzucci solò. 

Glisli darò al sei e mezzo per non tenerli pivi 
io tasca ; ma quando troverò di darli al set« 
te, li lererò al signor Pancrazio , e li darò 
a olii ne a?rk più bisogno. Intanto eh* egti 
torna foglio contarli. Jersera mi parte clie ci 
foesero dae zecchini di piò.' Non terrei per-, 
derli, se fosse la veritò. {tira fnoiì la borsa 
versa H danaro sul tava&na, e si pone a 
contare.) Oh che hell*orol Oh ohe bei zec- 
chini 1 E pofe gli ho fatti tatti a tre o fjuat- 
tro lire alla tolta. Tanti medici , che ne san- 
no meno di me , hanno per paga zecchini e 
doppie; ed io povero sfortaoato non ho mai 
potato avere piò di on <kicato , e ho dovuto 
contentarmi fino di treota soldi. Eppure ho 
fatto due mila durati a forza di mangiar po- 
co, bavere acqua, a Urar qualche incerto da- 
gli speziali. 

SCENA VII. 

cueunro, utio e detto. 

Ci. Venite qui, amico» che vedreilio se v' 4 il 
cassiere. 

Do, {copre col manéeUo i denari sai tavoUno) 

Le. Io ogni nnniera bisogna ritrovare questi 
trenta zecchini. Caro Giacinto , siete nell' im- 
pegno. 

GL L*i troveremo senz'altro. Mi dispiace che 
non vi aia il Mssiere. (a Le/iV) Chi diavolo 
è colui.' 



,y Google 



ttc. Qo^gH h QD medico. Lo conosco, 

CL {al dottore) Fo riverenza a Totsigoorìa. 

Z)o. Serritor sao. 

Ci, (scherzando) Mi dica, signore, ha ella ort« 

•no rimedio per i caUi ì 
Oo. Perche no? Se diceste davvero, ho an se* 

g;reto mirabile. 
Ci. (a Lelio deridendolo) Sentite, che passo di 

uomo! Ha il secreto per i calli. 
Le» Caro amico, non ci perdiamo io barsellette. 

.Pensate a trovare trenta zecchini, che ti vo« 

gKooo per l'abito che avete promesso al/a 

Victnosa. 
Qi, Se avessi la chiamo dello scrigno, C troverei 

s obito. Aspettiamo che venga il cassiere. 
Le* Basta ; pensate a mantenere la vostra parola. 
Gif {a Lelio) Son curioso di sapere , ohe cosa 

fa ^uel dottore appoggiato sopra del tavolino. 
Do. ( Vorrei che venisse il signor Pancrazio. ) 
CU*, (joldoitore) Mi di<?a, signore, comanda nulla? 
Do. Sto aspettando il s|io signor padre. 
CL Se vuole alcuna cosa dal negozio, posso ser* 

virla ancor io. 
Do, h* interesse per cui son ^ai, ho da trattar* 

lo col principale. 
Ql» £d io chi «onof 2^0» <ono principale quao* 

lo lo i mio padre ? Non sa vossignoria , che 

io piazza Qiaoioto Arotusi ha la sua ragione 

cantante, e che faccio i primi negoz) di que* 

sta città ? Se elfa i qui per affari di negozio, 

può parlare con me. 
Do. Vi dirò, signore, ho questi duemila ducati 

da impiegare , e trattava di farlo col vostro 

signor padre. 
Ci. (a Lelio piano) £hi, guarda ; zecchini * 
JLe. (Vcirebbero a tempo.) ^ ^ 



,y Google 



i5 

GL {al dùttùre) Che «Ho* -mìo ptdra ? 
Do» Non mi torrtbbe dar altro, «he il sei per 
cento;* ma io per meno del cel.te ooo glieli 
potso fidare. 
CL Se vuole il fette per cento, lo darò io. 
Do, Ma Toi, sigoore, siete figlb di famiglia. 
Ci, Piglio di famiglia? Un mereante ohe iv%U 
fica del suo, indipeodente dal padre, se gli 
dice figlio di famiglia ì Che dite, sigoor Le- 
lio? Sentite che sorta di bestialitii. 
Ite* Qael sigoore è compatibile. Uo medico oo^ 
ha obbligo di sapere le regole mercantili , • 
molto meoo di oonoscere turti i mercanti. 
Do, È Terìsiimo; io non so più di così. Conó- 
sco il sigoor Pancrasio, • ooo conosco altri. 
GL E me non mi conosce ? 
Do, So che siete soo tiglio. 
Gì, e non sa piente di più ? ^ 

Do, Non so di più. 

Oi, {a Lelio) Caro amico, Snf ormatelo roi. 
£c. Vossignoria sappia, che il sigoor Giacfot^f 

oegosia del san ... 
Gì. Che ha nel banco trenta mila d acati. Dite* 

gli tatto. 
I*e, Il sigoor Giacinto non i figlio di famìglia..^ 
Gì. Perche tiene la sua firma a parte , e che 
sia il ^ero , prendete , fategli vedere questo ' 
lettera di cambio, queste. aoe»ttasioni« 
Ite. Ecco qai , guardate : Al signor Giacinti^ 
JretMsi, Fènexìa. Vedete? Accetto ad uso 
ec. Giacinto Aretusi. Lettere da lui pagate. 
Do. É verissimo, ma ... 

Ci, B pos« resti servita, signore. Qaesto h ih 

mio banoo^ e qaeAo è di mìo padre. Osservi 

cove tono intitolati qoesti libri: cassa Gèo' 

cinto Aretusi^ giornale, Uàròmìaestrot^aMa 

I Mercanti o." 40 a 

Digitized by VjOO^lC 



«4 

conti, regisirot copia JiUere, Non gli lo 

' Tederà latte queste cote per volere i suoi de- 
nari ; non ne ho lù«egoo , e non ne so che 
fare. Fo per giastificare quel che ho detto, 
e per farle Vedere, ohe sene Un uomo» e ohe 
non sono no ragasso. 

Do. Signore, vi prego, non fi riscaldate. Ho pia> 
cere di estere iUuitiinato , e coootoere in. toi 
un nercente di credito, indipendente dal pe* 
dre. Ansi se aiai... 

Gì, Vóto mi parlale di denaro, ohe non ne foglio, 

léC. ( a Giacinto piano ) Non ve h lasoiate 
scappare. 

Gì, (piano a LeUó) Lasciatemi fare la mia prò- 
fessione, come fa f«ttn. 

Do, Mi dispiace, che il signor Pancrazio» non 
▼iene, ed io ho ana tìsita che mi premo. 

Ci. Qaanto gli Toleva dar mio padre di frutto? 

Do, lì sei per cento. 

Gì, Eh, lo compatisco* Qnando trova i merlotti, 

- - fi prende. Non dico per dir male di mio pa- 
dre, ma tutti questi mercanti vecchj fanno co- 
si; .stanno sol piede antioo. Tanto vogliono 
pagare sopra il denaro che preudooo adesso, 
che gli effetti mercantili si ieodouo di più, 
quanto pagavano già trenta o quaranl'anni fa, 
ohe ai vendevano meno. 

Do, Oggi potrebbero dare qualche cosa di pia. 

Oi, A me, qnando mi i premuto, per fare quel* 
ohe buon negosio, ho pagato sino Toilo per 
•eoto. 

Le» E anche il d'eoi, 

GL Nei' no, amico, non tono mai f t^to in quo» 
sto caso. L* otto s), ma il dieci mai. 

Do, Dunque vossignoria non avrebbe diflLcokli 
di pagare l'otto per cento? 



)y Google 



Il 



ih 

Gii Se JM avftù 'Ksogno, ma non ne ho bisogna^ 
Le Ma ì denari ù mere ao ti profitrano tempre 
il doppio. 

^ <?<. Se ho lo torìgno pieno, ohe non ne to cko 
• ftire. 

Do. Caro eigoore» potrebbe da un moneoto -aU 
I' r altro feoirglt V occatiooe di t«rTÌrtetie* 

( I/t, Qoante volto arriftoo d«i cmì , ohe ooo si 

' pr« vedono? 

Do, {a LeUo) La prego, sigoo^ ,• mettt ella u« 
I oa LoQua parola per me. 

2^« (a Giacmtó) Vìa , fioalmente k an medico, 
di oui potiecte on giorno «vere «uehe bì«^oo. 
Do, Io veritk la servirò oon tutto il caore. 
Gì, Di doppie e di ftlippi sono pieno 'd« per 
tatto. Se vi fosse una partita di xeochini, fer« 
se l'orse la prenderei 'per ispedirli in Co* 
suntinopoli. 
Do, Per r appnotp tono tanti zeooliÌBÌ«< Tutd di 
I Feaesia. Due mila ducati in tanti xecciMni* 

Le. {a Giacinto) Volete di piùf Ecco il vo« 

stro o«so. 
Ci, (0/ dottóre) A quanto per cento ì 
Do, Almeno, almeno all' otto. • 
Gì, Air otto pòi... 

Le, Via, vorrete far torto a questo gilantaomo ? 
Vorrete profittare per il bisogno oVegli hn 
d* impiegare il di Ini denaro f fate co» lui 
quello ohe avete fatto cogli altri. Dategli fol- 
to per' cento, e facciamo la cosa finita^ 
GL lioB so die dire. -Siele tanto mio amico, 
ohe non posso dirn di no* £4 pctndefb al- 
l' otto per cenici 
Do. Sia riograsiato il èielo. 
Gì, Il denaro «dove lo ha? < 
Do, Ecvolo qoi* So Tuole cde lo oontìaBR>»* 



,y Google 



i6 

CL h. contarlo ti sta molto. Venga qui , pestai 

1 molo a marco. 

Do, Che k questo marco? 

Ci. Pesiamolo -tatto ad ao tratto, cbe tornerli il 

conto anche e lei. 
Do. Se mi tornerà il conto lo Tedremo. 
Ci. Lasci fare a me. Due mila daoati hanno ad 
essere cinquecento e sassantaqaattro zecchini; 
Do. Meno sei lire. 

Gì. E\ irDro, cinquecento settaotre, e quattordi- 
ci. Sa fare i conti iieoe tossignoria. 
Do. Li ho contati taote volte. 
GL Subito li paso, (va al banco a pesare li 

zecchini) 
he. (piano a Giacinto) Se fossi ia toi li pren* 

derei senza pesare. 
Ci. (piano a Lelio) Questa sono cose, cbe vi 

vogliono per colorir la faccenda. 
Do. (La sorte mi ha voluto ajutare, Ho guadai' 

guato dal sei all' otto per cento quaranta du- 
> cali aU' aono. Io cento visite non guadagno 

tanto.) 
Ci. Prenda, signore, quattro zecchini di più. 
Do. Di più ? Cha ajiibia fallato a contare f 
Ci. Il peso porta cosi. Questo è denari suo. 

Son un galantuomo, noo voglio quello che non 
, i.mio. 
Do. Oh oooratissimo signor Giacinto. Voi siete 

il primo galantDomo del mondo. 
Ci. Ora gli faccio il suo riscontro. E quanto 

più presto verrh a prendere i suoi denari , mi 

farà più piacere. 
Do. Sì signore, da qui a qualche anno. 
£c Oh via, ora non i tempo di discorrere di 

queste cote, (a Giacinto) Fatagli b sua cau» 

aiooe. 



)y Google 



*7 
CL Pretto gliela fo. (pa a scrivere al 

banco) 

Xff. {al donare) (fon potetats oapiuure ia mani 

migliori. 

. Do. È ▼«rissimo. La sorta mi ha (aforito. 1 

JLe* {al dottore) Yì coosigUerei partire, prima 

che Teoisse il signor Pancrazio. ' 
Do. Perchè ? A ozi vorrei dirgli eha non mi oo« 

corre altro da lui. 
Le, (al dottore) Se quel vecchio avaro sa, che 
suo figliuolo ha preso denari all'otto per cea« 
to, A capace di sconsigliarlo. 
Do, Il signor Giaciuto negozia del suo. 
Le. E^ vero , ma alle volle si lascia coosigliat 

da suo padre. 
Do. Presto dunque. ( a Giacinto ) Avete finito 
. signore ? 

CL Ho finito. Legga se va bene. 
Do. {Legge borbottando) Ym Lenissiaio. 
Ci, Venga ogni sei mesi, che avrà i suoi fr utti 

puntuali. 
Do. Non occorr' altro. Signore, U riverisco • la 

ringrazio. 
Ci, Ringrazi il signor Lelio. ^^ 

Do, {a Lelio) Vi sono tante obbligato. ' 
Le. Quando posso far del bene agli amici, lo 

Co volentièri. 
Do, Che siate tntti due benedetti. ( Fortuna, ti 
ringrazio; ho impieg«ti bene li miei denari. 
Soo contentissimo.) {parte} 



,y Google 



i8 

S€ENA Vttt. . 

OUCUfTO e LUlO« 

Ci. QvMtQ dottore i il pia bravo medico 4d j 

moodo. ^ ' 

Le. PerchA? 
a. P«rohÀ o«ii questo recipe ha rimediato eh 

mie piaghe. ^ 

Le. Io fi ho fatto il mezzano. Voglio la sei^ 

««ria. 
Ci. Tutto quel ohe folete. Siete padrone di 

tutto. 
Le, Prettaiemi ▼eeti zeechioi. 
Ci. Volentieri. Sapete chi sono. Per §U amici 

darei anche la camìcia* Prendete, questi sono 

Tenti zecchini. 
Le. E i trenta per Tabito db dare alla tìrinoàa? 
Ci. Volete li dia a ?oi? Volete andar ?oi a fa« 

re la spesa ? 
Le, Si, se volete, vi servirò io^ Comprerò -quel 

drappo che avete scelto, e lo porterò a ma* 

dama in nome vostro. 
Ci, Bravissimo ; mi farete piacere ; prendete , 

questi sono li trenta zecchini, e ditele, ohe 

mi voglia bene. 
Le. È obbligata a volervene. Voi l'avete levata 

dalle miserie, ed avete fatta la ina fortuna. 
Ci. B farò ancor di più, se avrà giudizio. 
Le. La sposerete? 
Cri. , Sposarla poi no. 
Le, V'aspetto al caffi. 
Ci. Sì, ci rivedremo. 
Le. (Povero gonzo! Egli «pende, ed io mi di* 

?erto al(tt di lui spalle.) (porle} 



)y Google 



19 



Co. 

I 
Gì 

Co. 

ai 

• I 

Co 



Gì 
Co 



,y Google 



ao 

Ci. E avcatte 'bokd cnore <K tradire il ?o«tr0 
Giacinto? 

Co. Io non ho iiitogno delU fostro parole. Vo* 
glio i miei denari. 

Ci, So pò ré, che ana folta averate deli' «inore 
per me. 

Co, Bella manièra per farsi amare! Neouneeo 
darmi il fratto de' poveri miei denari. 

Ci, Via, siate baont, e ve li dirò. 

Co, E nn pésso, che mi dite: fé li darò; wn 
non si vedono venir avanti. 

Ci, Volete il fratto o volete il capitale f 

Co, Voglio tutto quel ohe a^ viene. 

Ci, Via, che cosa fi viene? 

Cd, Cento è cinquanta dùcati di capitale, e trenta 
de'frattL 

Ci, Non volete altro f 

Co, Questo e non altro. 

Ci. Certo, certo, non volete altro? 

Co. Signor no, non vdglio altro. 

Ci, Eh furba, furba. 

Co, Perche mi dita cori? 

Ci. Perchè m'hei rapito il onore. 

Co. Eh, che non ho bifogq^ di sanoate. Vogfia 
i miei denari. 

GL Sì, cara, ve li darò. 

Co. Tanti annii che servo in qoesta casa, mi 9^ 
no avansata canto cinquanta ducati a forse di 
stenti e di fatiolie, e con tante belle promee- 
se me li levale <' dalle meni, e mi assassinate 
nosì? Sono nns^ povera donna, li voglio, lo dirò 
al padrone, rioorrerò alla ginstisia. Sia aiale- 
detto quando vi ho creduto, quando ve li ho 
dati, quando vi ho conosci ato* 

GL (con pezzo) Corallina? 

Co, Il djavolo alio vi porti. 



,y Google 



CL (fa suonar le monete neUa òorsàì Seotité 
qiMftto taono? 

Co, Oh ({uMtì saeobiiù! Signor padront, avanti 
denari 1 

Ci, Credete ohe v'abbia mangiato i voatri ^at« 
trini? Sono qai in qaesta borsa, e ogni anno 
vi voleva mettere il frutto, o ogni anno col 
fratto de' Cratti al anmeaterebbe il capitale^; « 
«deiio vi h dì capitale cento e ottanta ducati^ 
e questi ve ne frutterebbero diciotto, e Tanno 
ventaro di pia, ed ogni anno sempre cresce* 
rabba la somma; cosicché, io pochi anni, con 
cento e cinquanta d acati, si daplicherebbe il 
capitele, e vi formereste la dote^ Ma già che 
volete i vostri denari, ve gli sjiorso, ve li do. 
(mostra di voler leuar i denari dalfa bat^ 
seu) Non ne vo'pià saper nulla. 

Co, Fermate on poco, fermate. Non siate così 
furioso. Ho detto che voleva i miei denari» 
supposto ^he non aii voleste pagar i, fratti. 

CL Non so niente, (come sopra) Vedo che^uoo 
vi fidate, ed io vi vogfio soddisfare*. 

Co. Ditemi io grazia, io quanti anni direrreb- 

. - baro. qiiattroci^itoP 

Ci. Nella mie mani, m'impegno, io pochissimo 
tempo. 

Co. Ma pure? 

Ci, In tre o, quattro anni al piA. 

C0. Datemi, a ae fossero adeuo trecento, nel ma» 
desimo tempo diverrebbero seicento? . 

CL Goo la stessa regola, non v'è dtritibio* 

Co, Sentite in confidenza. Ho prestati cento • 
cinquanta ducali anche a| vostro fignor .padrai 
ma non mi paga altro che il sei per. t^ento. 

Ci, Fate una cosa, procurate che ve li rtuA»^ • 
venite da me, che vi daj^^ il di^cv 

a* 



,y Google 



Co. Sono qoui in iftato di tatìo. 

Ci. Ma poi u« giorno o l'altro tomerala d» 

capo «on Tolera i fostirt danari, > «aa ri jEìde^ 

rate, mi farata audar io eollera, onda i me* 

glie eh' io Te n dia adaaao. 
Co. No, «aro aigaor <]iùieiato, li Mogft. Mi fao« 

eia quaata earitk. 
Ci. Via, per farvi piacere, U tarrò. 
Cu, E gli porterà qne|ti altri, quando il tigaor 

Paaorasio ma li aTrk restttaitt. 
Ci, Ma aopra tatto, badate che ooo ai aappia; 

■OH parkte con aesfuao, boii Io dita uemmaoo 

ai Toatrì «opgniotl. Neppure al Tosiro atoorosor 
Co. Oh, io amanti noi né ho. 
Ci, l&hf ti conosco. 
Co. No» davvero. 
Ci» Vuoi far all'amore con me? 
Co. Oh, col padrone non m'impiccio. 
CL Vien qai, fammi aaa finezza. 
Co. Oh certo! chi vi paoaata ch'io sia? Non 
' fo finezze a nessuno io. 
Ci. .Dammi solamente hi mano in segno d'ami- 

cista. 
^. Nemmeno^ nemmeno; Le mtni ognuno le 

tenga a^^. 
CL Siete molto delicala. La mano si pvrge sen- 
za malizia. 
CSOi Io sono così; neppnra «m dito* 
Ci. Nemmeno nn dito? se mi pot-gete nn dito, 

vi regalo due zecchini. 
Co. Oh, e), mi darete dna zecchini per porgervi 

nn dito! 
Ci. Ve K do da giilantuomo. 
Co. Mi fsta venir da ridere. 
CL {li Uva dalla borsa) Eccoti qui ; due zeo« 

chini per un dito. 



)y Google 



Co, Qua! dito vorreste? 

Ci, Mi Lasta andie il è'Ao migoòfo* 

Co.' Due ^«echini R tattate via. 

Ci. Batta, mi rimetterò alla Tòstfa dltCKTatezzi/ 

Co. Che zeocbioi sono? 

Ci. (gli&ii fa' Pedere) Xìl Veo9t!é, 

Co. {prendendolo pet la maho) Oh ìBOàie sete 
belli! ■ 

Ci. Volete ohe vi |M>rga 3 dìto?^ ' 

C<7. Se mi afetrf data la mano. ' 

Ci. E vero, e non me «'èra adco^o. 

Cd. Via, datemi li Keuohioi. 

Ci. Volentieri. Sono qui. Qnesfi dote ' seceMni 
too vostri. Li metto nelfa borsate vi frutte- 
ranno ancor èssi il dleoi f>er c^nto, è aifdrli 
il frutto sopra il capitale. Animc^, CotalRnit' 
allegra jnente, e quando àvaf e biso'g,no di der» 
nato, venite da me. (J>arté) 

SCENA n, '^ 

\ COMLlilSTA, poi PÀSQtmiò. 

Co. Questi due zecohini ini disjìiace ohe vadaoa 
io quella borsa; ma pazienza, in pochi anni a* 
vrò' fatto un bel capitate. Se posso aver i de« 
nari dal signor Aiocrazìo, felice me! Mi deve 
anche non so quanti mesi di salariot voglio 
anirK tutti, é tutti darli al éignor Giacinto 
al dieci per cento. 

Pas. Corallina, ti vorrai dire due parole. 

Co. S), il mio caro Pasquino, son qui cHe ti a* 
scolto. 

Pai, Quando ^ensì «he faooiaiBO questo matri* 
monio ? 

Co, Presto. r 



)y Google 



«4 

Pa, Ma qaaodof 

Co. Da qui a tre o quattro «biù. 

Pa, Sei matta ? Perche thoì aspettar taoto ? 

Co, Per oagion della dote. 

Pa. Non r hai la taa dote ? 

Co, U ho, À fero ; aia iotanto ai va auoteoMUMlo. 

Pa, S' aameoterii dopo il natriinoDio. 

Co, No, allora quel ch'À fatto À faUo. 

Pa, Ma doT* 4 4a ta» dote ? . 

Co, Zitto, non si ha da sapere. 

Po, Neoimeo' io 1' ho da sapere f 

Coi Signor no. 

Po. Ma se ho da esser tao marito ? 

Co, M» non lo sei ancore. 

Pa, Corallina, ho paura ahe fi sìa dell' ioibro^o. 

Co, Che imbroglio? 

Po, Voglio sapere dofa 4 la tua dote. 

Co, Te lo dirò, ma non lo dir a nessuno* 

Pa, Non dubitare ohe non parlo. 

Co, È nelle mani del signor Giacinto» 

Pa, £ si fa aumentando ? 

Co, Sì, mi paga il dieci per «ento, fa il frotta 
•opra il capitale ; in poco tempo si raddap» 
pìerà ; ma guarda non b dir a nessuno. 

pa. Non f' & pericolo. Ma non si potrebbe ma- 
ritarsi, a lasciar che la dote crescesse? 

Co, Girtamenie ohe si potrebbe» 

POi Pensa e risolfì. 

Co, Ma di quel che t'ho detto, zitto. 

Pa, Zitto. 

Co. (Se sapessi come far entrar in quella borsa 
degli altri zecchini ! Basta m' ingegnerò.) 

(parte) 



,y Google 



BCSNA Xllu r ' 

PftSQVINO, pòi Mocnis^» • , > 

Po, Per «Uro te Imi ^ ■otretcfii la ^te 4i 

OH* 'Moglie, i' he dft tacere éaept lo. 
Fa, Amico, ho tedato «he ptrUvi. «ee Gorellf- 
oa; ?a inaanst ^aetto ttatrioMeie ? 

Po. 11 mairimuiio riflMoe ia jirtgo ^^ 9$$iom 
deUe dote. 

-^o. Coinè della dote? Non ti eapìaoe. 

Po, Ti dirò itt ooofidenza, ma aoe di« iMNito a 
neesuoo. 

Fa. Oh, Doa t'à dubbio. 

Fa. Cerallioa ha dato dei depari al «gnor Gia« 
oioto, ed egli le paga il dieei per oeoto, e ta 
il capitale iopra Ù Irutto deUa dote. 

Fa, (Ho inteso, ataono freachì.) E non legaì-* 
rà questo matrimooio , «e il fignoe Giacinto 
non reude queati denari a GecaUioal 

Pa. Tu Tedi bene, A la dote. 

Fa. Amioos t' auguro baona- £ortn»a» 

Po, Obbligato. Starno tutti io caaa, atareaio al- 
legri. Caro Faeoenda» ii piago, non lo dire a 
nesfuao* . 

Fa. Non parlo, non dubitare. , 

Po. à una gran bella ooaa la aegretetaa, {parte) 

Fa, Vado a dirle al signor Paocrasio. (parley 

SCENA XIU. 

Camera in casa di Pancrazio, 

VAMcmazio, ed un giovine. 

Po. Dite a monaleur Rainmere, se ?uol favori- 
re di Tenire a beiere il tè i e poi guardate 



)y Google 



%s 

M ri Imm f(4 ip^ mtdim ; m vi 4, eh» a^ 

8p«ui no poco, o che ntorai dopo pranzo. 
Gì. Stk «enit*. (/forte) 

Po* Non SODO olaì ctalo in tanti impioef, in tan* 
ti affanni. Si tnctn M mar atnto « àdk mn 
vtpatawMMb il Mincio cbn f reato pretto' ho 
ùnf 99fn t ««oii^ eortenti, mi ,fa aeoperto 
di dieoifluln duonli. Fioatiaento nen 4 una 

' gran e a^ ua » ; «n iHò* non «itante^ te non pa- 
go qa«<te lettere^ vaono in protetto^ mi maa« 
e» il eredito e per poco dovrò fallirà. Con* 

' Tinae rì««4i«rn, •• ai puè; Eeeo qui V olan« 
desa ; egli mi può ajatare, ma agU' h nnmo 
dehoato, nh ao come eoolanermì» 

SCÈtXk XIV. 

]lioasiettt Kumiixt # dettog pm un Giomii. 

Ao. Baon giorno ciguor Fanoniaio. • 

Poi Baon gierno, montieur' Raioraere. Perohà 

•al cappello e col kaitonof 
Ra. Andava fnéri di caca. 
Po, Coal a buon'crn? A ohe fare? 
Ra* A Aimar» «aa.piplk cnl capkann Gorbrech* 
Pa, Non volete prima Lcfcr il li ? 
Ra. Sì, beviamo il lè« 
Po. €hi è drlh ? 

Ci, Signorer ... 

Pa, Dite che portino il tk. 
Ci. lì medico, signore, è andato via. 
Po* Bapn riaggio» Che portino il tè. 
CL Sarà servito. (parie) 

Po. Monsiear'RainaMre, sncKamo an poco. 
Ra. Obbligato (sedotto) 

Pa, Per qael ohe senkO} spere che Don andr*»* 

to TÀA così j;)cesto. 



)y Google 



«7 
Bit hmàth eoi mjjkìim^ C«tlifftefc il mmB te». 

taro. 
Po, Noa vorrei die fenitM quel gioriM» lìft.^Oi 

eira oompegni» où^ otrÌMÌae. 
Ra. Bene oMi§eile,^ 

Po, Qaeett tre mesi ehe fi tieit degealo' di^^ 
re io aie eeea, mi eeeo tembretà tre>gio#ek 
Ha. BeM «Wiligel». 

Po. DoTreste''fli#' ifm tallo qveete ieiferee^ 
Ho. Non poieo. 
Po. Madaengelle GieooÌBe , foetre aipoie, €Ì> eie 

«eketìeri e Ventxie.' 
Ra, Mie nipote A più itelieoe ehe oleedeeè. . 
Po. È nate io Oleo^, «e de feooinlle fkaone 
ooodotu io Italia. Pere eooearre qd oerto omi 
eo cha, oo certo serio nobile e greeioeo, ekè 
non A eerettaee ooil Orclinano in quctle eei^ 
etra porti. 
Rm, Mia oìpote elodie ▼ohetìerì. 
Po* So ehm e Milano, dorè h elale ^eiodìct 
enei, ere l'idolo deJ'paete; e e Wmmajìa, io 
qneeti pochi mesi, ai A fetit É«feMre. 
Ra, Beoe obbligeto. 

Ptf. Le i^lete eoedvrre in Okade t ■ 
Ba. Farò- tutte quella ehe piece e Imi 
Pa, Le dovreata maritare in -Vanesie. - 
ilo. Le meriterò dove a lei pieotiii di eteere 

•aritele. 
Po. Volete che le trofiemo oa partita a pro« 

poaito? 
Al Biaogoerebbe Iroffare an merito che- pSaoee* 
«t a M, d'une (eaùglie che pieoaeae 'e me. 
Po. Caro amico, dateon license che fi perii eoa 

liberti. La- mie ceae n dia piaeerebbe f 
ita. Oh, tigaor Pencrazto I 
Po. Vi dagoeraate di caaa miaf 



,y Google 



s6 

Ho. Mt lata ooovt. 

Pa» Mio figlio vi piacereblM? 

Ma. Qaotto ba <U piattr*» m «m aipote. 

Po. E ia piftoetto • Im, voi mfmIo contento f 

Ba, Perdooftto... non carei contento* 

J*a, No? Par qool otjgione? 

Ma Pardooato. 

Pa. Dunque non iatimata la mìa caM. 

Ma, Mi oMravigUo. La 4aJreì a tei. 

Pa. E a mio figlio no? 

Ma. No. 

Pa» Ma perche a me al, e a lui no f 

Ma, Perdonate. 

Pa, Ditemi almeno il perche. 

Ma, Voi siete ,oneat* uomo. 

Pa, E. mio figlio ? ... 

Ma. Perdonate, non k puntuale» 

Pa. Coma lo potete dire? 

Ma, Ho prestato a lui cento seccbmig e non me 

gli ha restituiti. 
Pa, (Ah disgrasiatol) Se egli non Te gli he re- 
stituiti, fé gli ffestituirò io. Vi fidate di mef 
Ma. Sì. 
Pa» B se vi risohete di concedere voetra nipo* 

te a mio figlio, la dote la rìoeferei 10. e ne 

sarei io il debitore. 
Mèi, Certamente. • 

Pa, Dunque folata che facciamo quatto aaitri- 

monio ì 
Ma. Perdonate. 
Pa. Ho capito. Non avete di me.qnalla fede 

«he dite d'avere. Non mi credete queU'nomo 

onesto che sono. Voi mi adulate. 
Ma, Siguorci ?oi non' mi conoscete* 



)y Google 



*9 

siATffORB eon il tè e detd, 

Pa. BeTÌtmo il tò. 

Ra. Ben obbligato. {bepono il tè 

Pa. Noo a?rei mai oredato oh« •?•«(« di ni 
così peoo coocetto. 

Ra. (òependo) SI, anzi tutto. 

Pa. La fostra dota farebbe sioun. 

Bà. Siouriisima. 

Pa. E la giovine aon ìstarebbo bone 7 

Ra, No; perdonate. 

Pa. Ma perohi ooP 

Ha. Voatro figlio non i puntoale. 

Pa, É giovine, il matrimonio lo atsodera* • 

Ra, Prima ai atcodi, poi si mariti. ; 

Pa. Finalmente son io oha la chieda* 

JU Per ohi? 

Pa. Per mio figlio. 

Ha. Perdonate. 

P€u E ae la chiedeati per ne, me la daraike] 

Ra, S), con tutto il onore. 

Pa^ Bitogoerebbe poi vedere, wà ella foaae eoa 



Ra. Lo sposo ha da piacere a lei. 

Pa. Dunque non faremo niente. 

Ra- {bevendo) Buon tò, buon tè. 

Pa, Ho capito, montieur, voi mi bariate. 

Ra, Io ? Mi maraviglio. 

Pa. Compatitemi, non mi pare di ritrovare ii 

voi quella amictsia che ni avete protestati 
Ra. Provatemi. 
Pa. Io fon' nomo che par gli amici darer 

eangue. Voi non credo fareste lo stesso per n< 
Ra, Provatemi. 



)y Google 



3o 

Pa, Se vi metterò «11% pfWpi» Irò? ereie de* pre« 

tetti per disimpegnarTÌ. 
ii/i. Voi mi oflFeadHe. fimky cpea^^eti b mia sio« 

oerità. 
Pa. Per -iiUbifire on negosio ipi preme di trcK 

f ACe dieeimila danati. Atretle diÌBboltà- di ler^ 

mi. il preftùko? 
Ba, Quando gli vorrecte? . 
Po. Questa matliii» a mea^a giomOb 
Ito» DieponebNie. 
Pa» Mi darete dieeimiia ducati io praetito^ e ut* 

gharete. -di <Um f^atra aipota per BKiglia al 

mio figlio? 
JRo* Voi siete oneato, ?oi aiata pootualté ▼<!» 

Aiate oooratQt 
Po. 9 mio figUo?^ 
12<k.PitrdoBa<a4Ù. ■ . 

P<^ (Aii, pur. troppo ha r#gio«a| por troppQ 

dica le feritii !) 
Ba, l. diaci mila dooali ?e li aerif ar4 lo Baaat 

Giro. 
Po, 8ea«ita, aas forra» che lo faoaata per p«B» 

tiglio e poi ... 
Ma* Voi non mi conoacataa 
Po, PiA feoalo.^ 

Ra, Non altra ; ?a gU soriverò ia Baooo. (s^mlMa) 
Po, Vi pagherò il sai per oanto; siete aootaa* 

to f . {$i aha) 

Ho. Non parlo. 

Po. Monsiear Rainmer^ foi aiata aa gal«D|«o» 
> mo, voi siate un vero amico. 
Ba, Per farmi orederf buon amico , noa sape* 

va che vi bisognasse una prova di diecioMia 



Po, Goaie ? siete forse pentito ? 

Ba. Ve gli ecrivacò in Banco, , ^ i^^tt^ 



,y Google 



3i 

MMCftàKlO «o/b. 

Ncm so «h* dire , con confato , 'sono stordito , 
so» fuori di BM nédetiaio. Non saporn coms 
iHtroduraii a ohi^Jergli qaetto d«aaro, e «atMal- 
snoate l'ho pr««o in parola, • mi gìr«ffà i die- 
cimila ducati. Gos qaeati aaldarò la mio pia* 
ghs I • por r avf aoìre laverò il naocggìo a 
nio figlio, a la caia aodranoo con .pìè rego* 
la, con pia diratioBa* Ab, se mio figlio ti mu- 
tasse, se mio figlio si assodasse, se potassi ri* 
durre f olandese a questo matnrnooio, iolìoe 
nk%ì feTica la nastra casa I Voglio andar da 
mio figlio, a voglio sino pregarlo sba proeurt 
di sMtlersi in grasin della giovaBe,* farsi lian 
volerà da suo aio. Bcaoto mio figlio. Giaelato. 
oaooha, viso qui, t'ho da pariais. Brava ! io 
veoa di vanirsi mi volta la «palla... Ti trot»rò| 
ti arrìvarò. (psrte) 

SCENA XVU. 

MàOàMlGBttà «làNMIMà COM Un HÙTÙ ift 
méflQ •€ «tSTJllCB^ 

Be* Voi, madamigella, studiata sampra. 

Aio. i<aggo assai volenlierÌ4 

Be, Che libro i quello? 

Ma, La Spettatrice, 

he* Che cosa vsol dira la Spaltatrìcof una dosfe 

•a che aspettai . . - 
Afa. Oh, perdonatemi; non vorrei sentirvi parlar 

eoA. S;»é££a<rws, roaaarvirtnsa. Uaa filosofe*. 

•e ohe osserva la aaìcmi •^maoe, ^ masfcioa lo 



,y Google 



5a 

|WMÌQoi, • ngìOMi.«0ii baoo crìtario «oppisi 

vari •Mtemi del nostro teoolo. 
Be. Come volaK oh'><> iottmK c*rt« pMr«le, oIm 

Iraiiuo per n* deHarabioo? criterio! che Taol 

dire criterio ? 
Jfo. Vnpl dire, difceroimeoio per dietiogiMre il 

leltp del vero, il buco dal cattiro, il bea« 

dal male. 
Be. Criterio tark parola olandese* 
Ma, No, amica, è parola di cui ti terTono gP 

ìtaliaui. 
Be, Non l'ho mai teotita in vita mia. 
Ma, Vi compatisco; rostro padre non fi arra 

permes«o di studiare. 
Be, Lo studio che mi ha fatto fare, consisto 

neUa rocca, nell'ago e nel ricamo. 
Ma. Povero donne! Ci tradiscono i nostri padri 

medesimi ; essi c'impediscono di studiare, ibu^ 

d«ti sulla falsissìma prevenzione che lo studia 

non sia per noi. Credono che l'intelletto del* 

le fanciulle non sia disposto alle soiense, • 

talora tioleotano allo studio un maschio cha 

inclinerebbe al lavoro; • condannano alla roc« 

oa nna figlia, che avrebbe tutta 1' abilità per 

diventare sapiente* 
Be^ Dite la verità, cara amica; se mio padre, 

mi avesse fatto studiare, sarei riuscita assai 

meglio. di nùo fratello. 
Ma. U signor Giaoipto ha sortito bellissimi do*- 

ni dalla natura. 
Be, E quali aon questi doni? 
dia. Quelli ohe cogli occhi si veggono. Un bel* 

l'aspetto, un'aria brillanU, un primo abbordo - 

ohe ferma. 
Be, Yi piace dunque mio fratello? Che d, che 
I? 



)y Google 



35 
^Ma, Forse ii« sarà ìonmoìraeìr, •« a fronde di 

quelle oo0« che io lui mi piecoiooo, oòo oe 

•veste ehretUnte che n^ ^icpitfcdond. 
Be, B quali aono le cose ohe io lui vi dìspìae* 

eioQO f 
iUiez. Quelle òhe de noa mala edacazione derivano. 
Se. Noftro padre lo ha seinpre bene edueatof. 
Mfa, M«otre il padre lo educava beoe, le male 

pratiche lo edocaTaoo male. 
Be. Bcoolo ch'egli vieo^. 
Afa. Peeeaio! Uo giovine di quelb aorta aeox» 

una dramma di buona filosofia. 

scEriA xvni. 

«laaNTo e dette, 

ì 

Ci. Padroniatiaa; le tono terfidoretto. 

Ma. Padrooìetima e aarvidoretto ! Qoeite loòo 
caricature. 

Ci. Oh, io guanto alle oarieatare, ciaaohaduno 
ne ha la sua parte. 

Be. (piano a Giacinto) Abbiate giudizio. 

Ma. Spiegatevi; ma credete voi caricata f 

Gì. Una donna lutto il giorno coi libri in maflO*... 

Ma. E peggio atiai veder un giovine colle car- 
te in mano da giuoco. ' 

Be. (a Giacinto) Sentite ? Vostro danno. 

Ci, Vossignoria parla con una gran libertà. 

Ma. Parlo come mi avete insegnato voi. 

GL È molto, che una sapiente dèlia sua sorte' 
si degni d'imparare da me. 

Ma. Da' cattivi maestri s'impara il male per 
forse, 

CL Eppure eoo lotto ohe mi ditpreaxa, oh dà' 
piaeera. 



,y Google 



3* 

Md^ Hi folod 4«<pMi«8r0tls, s». foste mm |poco 

. pi4 Migi<uwfolew > , . 

fi«. Via, ftiau baoui tatti du«. Si ved* ohe •• 

«(f4tA del genio, va noo vi Mpeto far inteiulerc. 
(Voleste il cielo ohe tegaisse un tal matri- 
mooto.) 

Ma, (a Già.) Sapete voi, che cosa sia «more ? 

Gì, Non so se m'iogaoni ; ma mi para di sa- 
perlo. 

Ma, Come Io sapete? 

Gì» Perfih4 ho latto alT amore tutto il tempo 
della fita mìa* 

Ma, Voi non sapete onlla. Amore ossee dsITloref- 
letto. 

GL Ed io dioo, che ai|iore ossoe dalla fo- 
lontli. 

Ma. Prima di amare, bisogna conoscere se la 
persona merita di esaere amata. 

GL Per me, quando mi cof risponde, merita 
sempre. 

Ma. Questo k l'amor delle bestie. 

Gì. Io rado alle corte. Se mi mole sod qui. 

Ma» Noo so ohe fare di voi. Non posso amare 
un irragionevole, nao ohe eoo distingue le fi* 
oaase del vero aorare da quelle della viKssi« 
ma compiaoeojui* (parie) 

Be. Vostro danno. Per causa dalla vostra inso* 
lenza perderete quaraotaoùb dneati di dote, 
ed uea sposa bella, gioviae e virtuosa. 

(pan^gy 

GL Dalla baUesza e della vbtù oon m'ie^u; 
mi dispiace per K quaraora noia docati; aaa 
aone ees) di natura. Noo posso dissimulare. 
Stimo piÀ una giovane, ohe mi dica: ti vo- 
glio bene, che non & uoa dì queste spula 
seutaoze. Che imporla n me, che la 



,y Google 



sappia pwUr€ laiUo? A m& bmm ch'aM^a 
NDpMato a compitare qaasie dua laita^ Jv *i ^^ 
Per BM aUora h la isaggHir filosofessa del 
mondo. iF^tf^) 



,y Google 



ATTO SECONDO 

SCENA PRIMA 

Stradii, 
LUIO S0I9, 







h patto malecletto! Non ho sedato no* b«* 
•lia sioiiU • Giacinto. Si può «entire di peg« 
§iof Metterci a ginocare con tre o quattro 
bricoooi, • perdere io meoo di uo'oroi dae* 
nila dacati, ohe ha oarpito di mano • qqol 
povero medico! Maneo naie, che gli ho ca* 
vati di «otto ciqqaanto teoohini, prima che ai 
aia posto a gìuocare. S* io tardava due oro, 
aodavaoo ancora qaetti. Coi) gheo« avessi le^ 
' vati di pia. GiacchA gli ha da coaaumar mala- 
monto, è meglio ohe ne dia ad un galanrao- 
mo, ad un amico, ad no nomo civile, che a- 
véndo poca entrata, e poca vaJootà di far bene, 
ha bisogno di qualche incerto por poter go- 
derà il bel mondo. 

SCENA II. 

U dottor uktkzvcck e detti. 

Dd. Oh padrone mìo, ho piacere di rivederla. 

IjS. Serviror devotissimo, signor dottore. 

Do. Mi sono stordito, 'due ore sono, quando 



)y Google 



«Iki mi ha grasUto, di dom^tndwU il tuo oo- 
. me, cQsooma et patria. 

Le. Ha forse da comandarmi qaalcb^akra oosaf 

Do, No signore, ma quando ricevo qualche fi* 
oezza, ho piacere di aver memoria di chi mi 
h% favorito. 

le. (Questa mi pare una fitruvagaa^i^) 

jDa» FaTorisoa dirmi il suo nome; lo mett<rò 
nel mio taccuino. 

Le. Ma io non intendo, ch'ella iibbia inooo •!• 
cqna obbligazione. ,' . 

Do» So il mio doTere; la prego, (col taccuino 
m manof e penna.} 

If^, ^Eppnro non m» ne ^.) 

Da. Il sa9 oomef 

he. Fabrizio. 

Bo, (scrwe) Il oogoooia? 

Le. Malmeoati, 

Do, (scrivendo nel taccuino) Il pa«fte.7 

Le. Fossambruno. 

^ 3ignor Fabrizio Mabnenati di Fossaiqbfa* 
no, mi faccia restituire i duemila ducsti* jpha 
mi ha ocHrpiti il signor Giacinto, 9 Tosfigporia 
sarà chiamato io giudizio^ come mez^qo^^i 
una pot«ntis«laia truffa. *■ 

Le. {l\ diaTolo^ ma l'ha detto.) Ghf f^^'ài 
truffa? 

Do. Si signore, il signor Giacinto .mi hi| .trttf<i« 
fato, a voi siate d' accordo. 

£& Io f mi mairavigUa di foi. Sono un noma 
d'onore, e il sigoor Giacinto è un mercanta 
onorato. 

Do. Che mercante ? B' un fallito^ h pieno di de* 

bili, aoo ha più un soldo di capitale. Ginooa 

da disperato e ora io questo punto eb^ ae^ 

parliamo, è in una biscaccìa a perdere i .poTs*^ 

/ Mercanti, n.' f^o, 3 



)y Google 



1^ miti ^eoaH che mi costaao tanti «adori, 
che ho fatto Unte rigilie per avanzarvieli, ch« 
erano l'unica mia speranza-, runico costeota-i 
metifo della mia Tecebiaja. Povero me ! Sono 
assaisinato. 

JiC. Ma perchè non andata a ritrovarlo «ulbi 
Ijisoacoia dove dite oh*egK è; e non gli lerate 
il denaro ? 

J^^. Se lapeui dov'^, non tarderei un momei»- 
Co. Ma non m' hanno volnto dir dare sia qae- 
Kto maledetto ridotH). Voi se lo sapete, dit^ 
melo per carità. 

£e. Volentieri, ve Io dirò. Andate per questa 
strada, troverete un ponte, già del ponte vi 
è una fondamenta (a). Io fondo della fotida* 
menta troverete no* altra strada ; a mezzo di 
essa volutevi a mano dritta, e andate fiochi 
trovate aoa piazzetta, in essa vedrete un sot- 
to portico; passatelo, salite quel ponte e do* 
pò andate giù per la fondamenta. 

Do, Piano, piano, che non ipi ricordo pia oien* 
te affatto. 

%e. Vedete qatsta strada ì ... 

Do. Come si chiama il biscacciere ? 

Xe. Àsdrubale Tagliaborse^ 

Do. Vado subito. 

J^e, (Va, Ta <^e ti ho ingegnato a dovere.) 

Do. Meschino me! Lo troverò questo Taglia- 
borse ì 

Le. Domandatene ad an tal. Pancrazio Spaccatssta... 

Do, Oh ohe nomi t Oh che gente ! Poveri i miei 
denari ! Se non lo (rovo, pi penserete voi, signor 
Fabrizio Malmenati, ci penserete voi. (parie) 

(a) Fondamenta dicesi in Vena^ia ad una 
stnada tango il cariale. 



,y Google 



SCENA iir. 

I.ILtO, |W «Udiir^ 

Le» Ora elM hai 3 mìo nome ed il ajo isognb* 
mt, «lai fr«ioo. Bilanco mftle che ho sospet-" 
Uto U fero. Povero ditvolo, mì fa compatsio- 
se ; ma ni aocbo per questo gli renderei i> 
oioqnaata aecchioi ohe ho avoti d^ Giaeinto. 

CL S^oor Lelio, di f*i aadava in traocia^ 

IiCt A neh* io doterà venire in traccia dì tqì, 

CL Gli ho perdati tttid. 

Zie. BraTieaiiDo. 

CL Sono aenaa qo ioldo, ed ho bif ogoo- di igako. 

he. A questo propoeito |defo darvi «oa hn^na 
naova. 

CL Dite. 

Ite. U iBedìoo vi oeroai e vuole indletfo i'^||a^ 
mila davali. 

CL Eh nià^ lo fato per famu dire. 

Le. Se gìaDgevate qui dae minati prima, l' avre* 
ate vedalo, e l'avreete goduto. Ma «a volet^ 
siete aocora a tempo. Aodato 0Ìù dì quel pofH 
to che lo troverete. 

CL Che eota i «aitato io capo a colai ? h d»* 
T«ooto passo f 

£«• B^ etato informato dello stato vostro. Ha ' 
aapato che i aaoi denari erano sul haaco 
d' una biseaooia, e fa il diavolo contro di -voi 
e contro di me. 

CL Se questo, vecchio non avrà giadizio, la av^ 

massaro. 
Le. Voi volete precipitarvi. 
CL Non voglio che questi stiocchi lu laociaifi». 

pardere la riputazione. 
Le, U medico vorrà il sao denaro. 



,y Google 



Gì. Ch* fida <!fe ma^ité^ é ^ lo facoia «Ma 



£9. ^BaoUiioiOt II* lo* fe4r^. f Uni» <iìrd. 

I?À filoB fi i bisogne ; un mio ftnùoo dom lia 

rem furc^ii«Ae-fig«M. 
£#. Vuol* olio io glÌMio ronda ooaio $ ha pr^so 

io nota il MÌd nomo od il mìo oagaonte.- 
Ci. AtoU patirà?' Guardalo aio ooa dubitata. 

.Vodtto qoaaro- ftitaP— So adoporarlo. IR poi 

cìm jerTof ooa 4Ì«aafli f» aggtaftta - ogni ooc«» 
Le. n|a ffl denari nati no ay«to-pi4. 
CL Sé non ne ho, no airrò^ GoraUiii»- ha pro^ 

measo di darmi altri cento e cin^aanla duca* . 
,^ B ^i ho fallo ilo akfO nagoùo di foraaag- 

gi%,di fiioigaglia,^ ool raapìro di mesi sai al . 

pagamento, e ancor di questo, esitandolo^ naa- 

▼ero almeno an eentimno di Filippi. 
Le,. JBopno ; ^aògeremo^dU baan formaggio. Vo 

lo Caro fender io. 
tfi Ma oonfieoa ehtèo fli* dia per aaparr» dia« 

'Oi aeHohiai. 
Le* Gli arota promeaai ? 
Ct* Gli ho prometei. 

Le. (Quando avete promesso, bisogna darli. 
Ci. Bèi Aon D« bo ano» €2arQ aoùeo, proslataiiieK. • 
Le. lof Koo ho no soldo. 
Ck V ho pur dato questa mattina fanti zèofefa»- . 
m per foi^ a trenta par l' abiu della fir» 
;titoaaP I . 

Le. Bene; gli ho spesi. 
0f L'abito doT^i? 
Le0 li'ba afoto chi l'afefa d'avere. 
GL Almeno dovefala lasoiamìelo federe^ 
Le* Dofeva portaeri 4' abita aeèla' bisca f 
GL Voglio andar ora dalla cantatrica w fedara 

se 1' abito la va a genio. 



,y Google 



dervi la guftitóaóo». 
CL Gaarotsiode t àmàrh wféim Wui» Ma^ CM» 

aaòeo, pre«taUmii voi qoictt «««ti EacshiiM. &« 

p«te por* oh« qua odo .m ho ««oli , f« i^ìm» 

•enpra dati* 
Le, A «eh' io, se uà avessi, Mt «a datela ■ . 
Ci. Gli«.aiat# ùttm da'v^^ sca^hìmt 
Xe* Glia avata fatto t#i dai daenila dnaati? 
CL JAgli ha fìnaoalì* 
JLe. Ed io gli bo apaav 
«d'..Iagagiiiattacì par ^—t9 (WtMggta^ 
Xe. Noo aapraL 
CL Guardala aa. avata- qsafclia •mé^ daimpa« 

gnarai per (li amai si fa diaciti^ ... 
« X«k Io «ati i»a oiaqta. 
CL Caro amico, dob aMaUband^nata^ 
Le. Cha cosa posso farà par toìT • 
CL Sono aassa danari. 
Lfi. 'Oofiffaia tu a l aa ii ar di giooaMrak Qf^ieì 

SCKlfà IV. 

' - ■ i 

^'..Qoaata4«l bal^Qogfarta eha mì Ìm d«M» 
dofaTaia Irabseiar di j^iuoOaré. 17ir«nno^ {lar* 

. la ift lai .ftttaa l 'jjp aoico ^sbé «ma «o Itt 
mangiati tanti ? Ci parlaremo. Ma iataait «o* 
oo saaiar «|uaili4iri, «loo ao .dova battena il 



fio. {passegifiead4>) (DiaaiaAi dntaa ì Ho da* 

te la aùa f»aroU) 
^ ÌQ;^<^ "^ polrdUia aiutaro. 
Aa (iitagaa* oadar» A Aaaeo €ito. Ho* ^ala 

li Bit parola.) 



,y Google 



4^ 

JRa (Lo guarda e U derìde,)' 
Gì, CooM» T« portÀ rè, «lotifà ? 
-Ho. {Sorrido s nom rì^pomU-) 
GL lo cto naUétìaio. 
||t4t, Gh« mala arate 2 
CL Noo ho danari. 

tUu Sìgoore, qnasu 4 la sottra labile. 
Oi. Perchè la mia aalala? 
Atf. Il perchè voi mi diapaosarete di dirlo. 
GL Ditelo che mi fate piacere, 
fia. Perdonate; perchè qaaado non airela dea»» 

ro, carata mano vuioto. 
-^ Chi aono iof Uà malgofeniol 
Ha, Perdonato. 
GL Ho bisogno di denari per fare li &ló nei. 

e non per f ettarfi via. 
iSo. Bene. 
QL Ho ctomprato nna parata di lorinaggio di 

Sinigaglia, • vi poaao rì^paca il Ireota par 

canto di utile, 
Ma, Bene. 
GL Avrai neceislt^ di doganto daoali ; pOMO 

aperare che noaaè nM li preatif 
Stf. Aspetutew {metta le mani m tasea"^ 

• GL ( Fìnalineata è aUoggiata in casa nactra, aaa 

mi dirà di no.) 
Ho. {f^U mostra vm foglio) Farofitab f onotoeta 

qneato oarattore? 
Cri. Signor a); qoeata 4 aoa mia lettera di aam» 

b!o per cento lecchini che m' avete praatati ; 

avete timore che non ve gli diaf 
ila. Quando avrato pageti qaatti« ma ne thiede* 

rete dagli altri. ( rimatte il figlio in tasca) 
Gin {con dispreazo) «he «trg éignor iten* 

deae ! 



)y Google 



43 

I .ikéu (Lo guarda , hras ea Métiie senza pOtlaTj?,) 

Gì, Quettro meti ch*À io oasa «»ostr«, e non «ì 
, può »Ter0 un SArTÌào. 
> . J^o. Ti pagherò T incomodo dì quattro m«dL 
_ 6i. Ma la casa nostra non i una locanda. 

ÌUl B^ Taro ; in una locanda «1 ap«nde mattOi 

CL I oaoto aacohloi va gli ronderò. 

Ha. Dovevate aTermelj resii 

GL 8on nn galantuomo. 

1U« Vi A alcuno che noa crede. 

GL Chi è che non lo erede .^ 

Ba. La piana. 

I?i. Mi maraviglio di voi. 

Ha, Ed io niente di vói. 

Gì, Che vorreste dire? 
I .J^. Perdonate. 

. GL Via, tiamo amici ; non voglio averla per ma« 
le. Siete più vecchio, di me, potete esser mìo 
j padre. Vi amo e vi rispetto , ed ho per voi 

é quella filma che meritate, 

ÈtL Bene obbligato* 
^CL Mi siete amico? Mi folete haoef 
^ Ma, (con riperenzd) O signore «é. 

CL Datemi un bacid. 
f ,Ra, Bene obbligato. 
P (si dqnHp un baciai 

GL Ehi, Oli presUte quésti dng<uto ducati? 
P Ba* Ho, perdonate^ 

GL Mi sike amico? 
^ Bd. Si, amie*. 

Gìi^ non ni volete prestara dugeoto ducati t 

Bo.'^No, perdonate. 
^ GL Andate, che siete un lengarOj 

j Ba, (lo guarda bruscamente») 

^ CL iSk guardate? Credete dì farmi paura?. 

Ai. (lo guarda come s<ff>ra.) 



,y Google 



eie VUoe a mattar il èoitro, è non ti può a- 

Tflr» «• Mrniio. 
JU. (smania per la sdena, movendo U&astont.) 
Ci» Che c'^, signore, mi fareste qualehe mffram^ 
tfff 800 uomo di darri toddiifazione, a -ì<b« 
parate a trattare con gli ttomiiii detta mia 
aorta. B qnaodo né galantuomo ti domanda 
dugeoto ducati io pfettito, noo gC areta a dir 
di no. MoQfliò, ci siamo iotesì. (parte) 

SCENA V. 

SftlNMB&B e poi FiCCENDA. 

Ba, Gioreotù scorretta, mal edooaU, ignorante! 

i^a, Signore, il padrone k a Rialto, che Pai- 
tende. Mi mandara in traccia di lei, pregan- 
dola di laioiarsi redcre, che gli preme astais* 



B{L (passeggiando) (RimpTorerif cemerlt)i? 

impertinenze?) 
F4. B b bottega del cafl[%, sigaore, Sn un cà« 

merino. Non si rnol lasciar radere, se ella 

noo va a consolarlo. 
JR«. (Il figlio fa disonore al padre, e<| il padre 

ai rorinerii per il figlio.) 
Fa, M*ha capito? 
Ra, (come sopra) Ho inteso. 
Fa, E pi& presto, che anderk m sòllerarto... 
Ra, Dì al tuo padrone, che tomi a casa, che 
' i^tìn TaspaUo. (parte) 



)y Google 



» ♦ 

Fa. Che mal tuoi din <]tie«tfe novitlif É fèrie 
pentito di I^Srare iil uùtì pa^lreee i diecimila 

' duoeti die %Hh» premesfo? i pare «n ae- 
■10- poDtnal^ elìe U conto èéìa tv» parola, 
guanto ^lle eoe fitti. Che éitk -H pof«ro m« 
(uor Peooraaief piangete dall' nUe^ezu, ver- 
nmdomi oeme trae prov^ensa del eiekk l'e- 

- eìi»isiooe di ^etto geloolaomo, e ore ee gli 

' ^rto ^«ete rffpofto, che ittlt dii^ f i fere- 
■Mote eforCnoato. Tntte le cose famo oude 
per Ini, ho timore eeoz^ altro... 

"Pa. Che lai, 'Faccende, ehe non fieiii m^f Kù 
trovate I*elatfd«se! 

fa. L*ho frotato; 

#\f. 'Che dice? nane e Rialto f 

F^ Un momeeto le era qnf, e«l ora è toriato 
e casa. 

Pa, Ma non gli hai detto, che eon {Mremom lo 
etera attendendo? 

f^a. Glie l'ho detto, e mi ha risposto... 

Pa Chef B 4or«e pentito? 

Fa. Ha detto, the vostfigooria veda a catà fa* 
hito, che Teapetta. 

Fa. A che farr a cataf I denari ha detto di 
ginrmeK ik Benco. 8ta a ^dere, che éi ^ 
pentito. Faccende, ae quatto è Tcro, iiono pre- 
cipitato. 

Fa. Vada a caia per sentire che cosa dice. 

Fa, Ma te a Riatto m'attendono, e i creditori 
•ono <& colle lettere netie mani. I miei nemi- 
ci stanno con tanto d'occhi. I giorani avrà» 



,y Google 



■0 d«tto €&€ nd<s « itt DOQ m* fedooo, ^ 
ranno oh* ton fallito. 

Ta. Caro «Igoore, non pnò ottergli iopraggian. 
to qualche affare, eb« grinpaditoa il poter 
portarti làf 

JPa. Bitogoerabbo avvitarli. 

FiL Andrò io, ritroverò oa -pralMto. 

Wa, Eh, Faeoanda nìo, quatto nottro oMatiero 
è delicato aataL QacAlo che ci tiaae in piedi 
k la feda, il credito^ ropbiona» Tanti e tanti 
hanno pia debiti di me» e tutti loro credono, 

. perche la fortuna gli ajota, e ai mantengono 
a fona di apparenxa. Ma quando no uomo 

. principia a dar indietro^ quando prioeipia a 
laancar di credito» tutti gli cono addotto, 
tutti cercano di rovinarlo, tutti attendono di 
godere la bella aoenaì capete perche? per io» 
vidia del bene degli altri, e per amor del 

Jiroprìo iotereite, perchè la torta ti divida 
ira di loro, e il precipiaio dì vn povar'nqoM 
. accreiea i loro utili,: moltiplichi loro le cor^ 

rìipondenae, e dia fomento e patcolo alla loro 

maledetta . ambinone» 
Fa» Signor padrone, ora non è tempo uh dì 

perderti di animo, ni di formare rifletti to^ 

le vicende del mondo. Vada a aeatira che 

«oca dice montienr Rainmere. 
Po* Che ti pare, caro Faccenda? che eota ti 

ha detto f Aome ha parlato ToUndeaef 
Fa, Mi pare nn poco turbato, oaa non tara nieote. 
J*a, Hai veduto mio figlio? 
Fa, Signor no, non Tho veduta. 
Pa. Va a Rialto. 
JFa. E che coca dirò? 

J^a. Che mi at^andana.*. ma pai fa uop potca* 
. ai venire? 



)y Google 



Vi, 

Pm É mtgìioi cìi« ^r qneita nitfttiQa fi licanzi. 

Pa. Ma U Iettare ch« tcadono in qaetffa gior- 

- mta? 

Ftf. Se ftoadooo oggi, ci ^ tempo tatto il gioroo. 

Pa. Si ooftamo pagare U mittlna a Rialto, al 
fiancOi 

Fa* Mattina i]f seVa, qdaiKlo sì paga, basta.' 

Pa. Ta pnrei gik i tardi. L' ora di Rialto 4 
quasi passata. Per qaelta mattìoa non saremo 
pii a tempo. Procura di dar delle baone pa- 
role, ohe pagherò... 

SGENA Vii. 

ti dottor uàLMzycck e detà. 

bà. Signor Paricratio riveritissimo. 

Pa, Schiavo, signor dotttor carissimo. Compatì* 
eoa se l'ho fatta aspettare; e mi dispiace, che 
non mi posso nemmeno adesso trattenere.* 

Do. Uoa' parola, signore. 

Fa. (piano a Pancrazio) Prenda intanto que- 
sti dae mila ducati. 

I>9.^(a Pancrazio) Uoa parola^ padron mio* 

Pa. Dica, ma presto, ohe ho qualche premura. 

Do, Sigoore, i due mila ducatr^. 

Pa. I due mila ducaci, per servirla, li prende^ 
, rò lo. 

Do. Li prenderete toi?* 

Pa, Li prenderò io. 

Do, Quanto mi darete? 

Pa, U sei per cento. 

Do, Non posso Darlo, ìkki (Nmio ^alf otto teobrsf 

' al tm. 

Fa, (pùmo a Pan,) (Faciliti cita im ha bit«< 

fUO.) 

Digitized by VjOOQlC 



Pà. (phMO' 4 Faeeenda) Non* wwté^ oKé ^«^ 
tto pof«ro ▼eechio It pérdtM*. 

Pa, (jHono a Pancrazio) Le con lì i9i;i«ite-^ 
ranio. lotanto ooa ^àec^ dot olìki duoatì^ii 
può &r tacer ^aaléheditiao. > 

Do. (Per assicnrtrli, mi coorerrìi perderò ^«ol* 
che cdia.) 

Pm. AMoltf» etgócfe- dottore, eioo il oolle le do» 
rò. ma oieote di pia. 

Do. Via, mi coBtoDio del tette. 

Po. Che moneto sono? 

Do. Noo lo tapete? Zecchini. 

Pa. Andiamo a coniar il denaro, e gli farò b 
scritte. 

Do. lì dtintTO h bello o contato. Io ti do que- 
sta carta, e voi me ne darete un* altro di vo- 
stra mano. 

Pa. Ma il soldo dov^ èf 

Do, Dooaodalelo a vostro figlio. 

Pa. 4 >nio figlio? Come «' entro mio iiglio ? 

Do. Oh beUal Qaesta è la eoa rioevuta. k Ivi 
ho doto i due mila ducati ottWo per cento... 

Pa, A Ini f ... 

Do, Si, a voi che sieto il capo di COM, mb he 
difficoltà di lasciaili.al setto. 

Pa* Oh povero me! Faccenda... 

Fa, Un uegofeio baooo^ signor padroao. 

Pa* Dunque voi avete dato a mio figlio duo mi- 
la ducati? 

Do, Non lo sapevate? 

Pa. Non lo sapeva, uè lo soglio s ap ore , • %e« 
ciò il conto di non saperlo. 

D<f. Bisognerìi bene che lo sipplai% o se bod vi 
chiamerete voi debitore di questa somaaa,' la- 
ro i miei pfttsl, % Mtffo §%\m mdik prf» 
gionc. 



,y Google 



Pa. la pn(WM.*aM ficJCó ? Voi mirft^tt^ ^ én- 
dar» io berlina. ITm» '««ocàfO'vivro, <i^6 |«r 
un n^e ìUeoito, per gnadigèare an {ter ^éo- 
to dì pi^ mi etete imiiMto di fMdrole, e fli 
•veU dati m op gioviae che «egozk , ^ Ter», 
. AH >fi «al m— te io «wa ha •aotosa «aè padre 
VITO. Se glieli aTéte dati sottro danne; meri* 
Ute di penlerli. Maledelli toMi «[velli dela 
vioelM torte, che facendo maree aeroccftn, 
precipkaiio la- gioRreotè. 

JFa. (Bravo da galantaomo I Ha parlato . da- pac 
ano. ) 

«Aiti Se oea mi 'p*S«'« 90ìè altra «ooDeta -ehe eoo 

. qseata, ora vado a fami fa>re •gtu^tnia. 

(mas ira di undm^nne) 

JZ<BU FermaieTi , uoibo aeoza osare » senca co* 
acìeoza. 

Fa. (a PancroMiù piéOto) Xttaei che vada. Gho 
cosa pnò fare? 

Po. (piano m Faccenda) Ah Faccenda» mìo ^ 
glio non merita che io lo aaaiste, ma è finaW 
meale mio figlie. 

iDo. fièlMoe, che cosa mi dite? 

Pa. Meritereate di perder ttttto. 

Do. Ma non perderò Mento. "* 

Pm» Avaro, iMara)o, 

Do. Non VQgHo altri atrapassi. Andrò «Ha gin* 
etisia. fin aUodi pardr^ 

Pa. Venite qui. 

Do. Che volete f 

Po, Vi contenute, che di quelT obbliga midbitn 
mi io debitore? 

Do. Si, eoa eontoolo. 

Pa. Con un patto parò che riduciamo il cem^ 
bie dall' otto al tei per cento. 

Do. Oh qaetto poi no. Sino al fette mi conUnto* 



,y Google 



Po, n Mtté. BOB ?• lo fft^ cbrtf^ 

'. Do, B wn noD faroflio bìobU* 

. ifVi. Pardoroto il denaro. 

1 Do. Ci pao«arà voatro ffUo. 

,Ftf. E par TanU daeati predpiKareta no nomo? 

Do, B voi pftr Tanti dooati bob aolforoto la rf« 
paUMÌooe a no figlinolo f 

. Po, È una brSoconata, vna iogi«attiia. 

fio. Sohìairo aao. (in aUa di partìré\ 

Po, FermataTi. Vi raodarò il Toatra danaro. 

-J>0* Sì, datamelo* 

Po, Tanita domani cha va lo raodérò. 

^Do.. Si, ftoroarò doaiam. Adi fate aoobe voi con- 
patfion^ tornerò domani. Maaantita, o i|miai 
danari, o il aatte par canto, o TOf tro figlio pri- 

-^ giona. Il cielo ti dia vita e aalnle. {parto) 

«GENA VnL 

«ANOAàClO poi FAOCIMBt. 

Pa. Potar' uomo I da una parto mi fa piatii. 
Fa. La fa pìtOi ? B f nomo pia finto cbe TtaS« 

al mondo. 
Pa. Parchi dici eh' à fiato ? 
Fa» Non sente ? B^ medico^ e le aagBrB fcaooa 

aaldtt. 
Pa, Mi augura vita e saluta, acciò bob muoia 

prima di pagarlo. 
Fa, E Tuole addossarsi Tossigoorie qnast' altro 
•f debito? 
Pa, O aahrar tutto o perder tutto. B se mical- 

To io, voglio anche salTare il mio figliar 
Fa^ B poiv 



)y Google 



aCEKà IX 

coRUum^ €o« mendaU e dtuL 

Cùm Oh, ngoor ptdroiM». 

JVi. CIm fate m questa ort Coon di caM?..- 

Co. Veoifa in cerea di lei. 

Po. Vi è qualche BOfitlir 

Co, Ho premura di dirle oiui «Ma. 

Po. Per parte di ehi? 

Co. Per parte mia. 

Pa e ooo potete aspettare a parlarmi a casa f 

Co, Vorrei ohe mi reatitoitle i mieiceato eùn- 

quanta duetti. 
Po, Per qnal ragione? Non vi pago il voitro 

prò pantaaltt? 
Co. Compatitemi, non ve II laacio » ae non mi 

date il dieci per capto. 
Po, n dieci per cento? con chi credete parla* 
■ re ? «hi vi ha pof te in oepo simile heetiaJità f 
Co, Ho trovato ohi me lo dì. 
Pa, Chi k quelito disperato, che vi vaol dare if 

dieci per cento? 
Ce. Non posso dirlo» signore. 
Fa. Glielo dirò io; è il ngaor Giacinto, tuo de« 

goissimo figlio. 
Ptf. Miofigfio? 

Va, Signor sì, e tempo fa Corallina medesima 
' ne ha dati m lai • altri eeako e cinqiaanta al 
. medesimo prezzo. 
Po. Oh povero mei «empre ptfgio. • 
Co. {a Vaocet^) Come diarolo favete aspatoi 
P<** Bisgrvaiatal vai a. dar denari a mio figBo? 
ancor tu per avarixìa proottri il pteotpizie 
dalla nia.dasa? BAa^ laati, qnesta ftlu il»»r 



,y Google 



U cadt sopra dt te. I taoì dtotrì gli fiat peri 
fiuti ; te gli ha mtm^^ p«Bza, senza cervello 
che tei. Tao danno, maledetto interesse f ed 
■0 misééo Ilo Hk hoàété it da»oo • Jn vergo- 
gna! ah, figlio sciagurato I Maledetto giuoco I 
questo me V ha rosinato, oM b ha póe^ipità* 
to.^: i^^ÒHà) 

SCBQIA X. 

VàCCUTDà e tOltAtUNA. 

C». Ma voi eooie favate siapalof 

FéL Padrona, vado ^ Rieko ... 

Cd. Ditemi, come avete saputo eh* io ahhta dati 

questi danaio «1 padron giofioe t 
Fa, Vuole, che glielo dicaf 
ۈ. 6!, mi farete piacere. 
Fa. Me Tha detto Patqnitio. 
Co, Pasquino? ... 

Fa Signora s), il «iio «aro, il ano sposo. Bob* 

ne, donne, che sì aHaccaoo sempre al peggio. 
Co. Ma sentite... 
Fa* Padrona, vado a Rialto. (parte) 

coftàuiHA sola, 

PasqOMO. dkgfasiato 1 Xfba ^tenDo pregalo che 
■OD dica niente a nessuno, e subito lo ha 
detto a quel chiaeoiiavoae di Faooendal tue 

^ k psgfaerii. Lo voglio far penlire.^ vero, dio 
aneor io aveva promesso ik non parlare, o ho 
parlato; «la i nal m ento» Vkm detti» ad fino,ebe 

* Ila da 'ossors mio taraffito, efl «gli 'lo ti • dì* 



)y Google 



.... -^ 

re a Faeeeitda ? àke ' la pA^hetò, Ma ora clie 
ci peogo, U padrona mi dìc% che i tnìei 
danari gli hù perdui^ì, cha - il padroncino me 
- gli *a mangiati f non TOrret ctie foste la te- 
rirh. ^h uQn pnò en&ere; aa gli lio Tefloti 
nella liorsa dne Ore tono; la tì ha iott- 
si dentro fioohe Ir due Sectihioì del dito mi- 
gm)le. tparte) 

SCENA XII. 

Camera in casa di Pancrazio, 

Madamigelia ^ìkvmivh e BBitatcs. 

Ma» Così è, amica, voglio prorarmi* 

Be. Farete nn' opera portentosa. 

Ma, Credo, che nel signpr Giacinto n sia un 
fondo -fonono, e che tatto .limate proTenga dai 
pregiudizi chei s) sono nel di lui spirito if* 
^ Atnuati. Qaest! ti possono Àdlménte dislrng« 
gare, quando raomo riducasi ad ascoltare uo 
' linguaggio nnOTOi ohe abbia fona di acttota* 
te la ragione^ a di cporincera la'Tolontà, ' 

Be. Mio fratello avrebbe a toI una obbligazio- 
ne ben grande, se arrivaste a correggerlo; ad 
ilfcidiiaarloj e favrebbe -a inoi tutta qaest» no« 
atra povera casa afflitta e disordtmfta per sua 
■cagione. 

Ma, Non *i c^i ip c^ss ? 

Be. St, è io eaia da, un'ora in qua ; passeggia 
solo, i turbato, e qoaldie voHa sospira. 

Ma, jfChi sa, che lo non abbia fatta qnìilcbe 
impressvooe nel 4i ^ol animo!) Amica, con 
. qoalcha pretesto mandatelo qui chi me ^ Ora, 
èhe non' èf in casa nù» lip* pofso prèAd^mi 
qaalche poco di libertà. 



)y Google 



44 

S^^.Proeitrarò di ouuiclaclo. Ma ditemi, iiMd«« 

«ligeUa, fOttFO sio Tool «gli amnogliarti. ? 
Ma, Credo che Io farà, qaand*io tarò allogata. 
,Be. Una toIu parerà eh* egli aresM delia bootà 
, ^ per me. 

,Maj S\ i vero; ha della jtima di voL 
.Be. Basta... non dico altro. 
,3ia. V'intendo; e credetemi^ che anche per qite« 

età parte vi tarò aimca* 
Be, (con allegria) Ora ?i mando cabito mio 

fratoUd. 
Ma, Fatelo con buona grada. 
Be, (Oh, nonsienr Rainmere sarebbe, per mm 
unii bella fortuna 1) {parte) 

, SCENA tilt. 

. Madamselta GUNNÙrf seta. 

, Eppur» è Tero.. Lo provo io medesina.^ Amore 
^ «n non so che superiore al nostro inteUeN 

. , to, a viooitor delle nostre forze. Per quanta 
resistenza voglia fare ad una passione, ohe mi 
trasporta ad -amare aao che non lo merìmt 
«000 quasi forzata ad arrendermi, a ad as- 
•oggeture la mia ragione ad un piacer pemi- 
sioso. Che forza i questa? di attrazioife? di 
simpatia? o di destino? Qnal filosofo ma la 
aaprebbe spiegare? Ma la dottrina ^ inutile, 

,. dove l'effetto' c^pviooe. Io Tamo, a Unto V^ta. 
11 ^noscerlo indegno d'amore qoYi opra eh' 
io lo abbandoni, ma che lo desideri degno d'es- 
sere amato. Al desiderio tiair voglio. T opera 
mia; e ie mi riesce cambiargli il cuore, pò- 

^ . trò dir con ragione. Che il di lui ono^9 sia 
mio^ i andrò gbriosa di tale inquieta, ($& 



,y Google 



• idi qnal Mor foni f9 otiito istiert, *ddilK par 
■•Uira, BÙ fi folciiero Mggftttftr*» E«eolo il 
mio nemico. Chi lo tooI TÌiHiere, oootìaim Im^* 

. tM>lo, doT« «i pnò cr«d«r« men 4Ueto. Aoebé 
l'adoUxioiM pad esser leudevole,. quando I0O" 
de ad ooasto fine. 

SCENA XIV. 

GuciMTO e detta* 

CL fk elle obe mi domande? 
Ma» Chi v'he detta, ebe siete demandale? 
.OL Mìa flofelle. 

Ma. Tostre sorella i bizzarra datvero. La pre« 

mare ohe etate meoo, è eua; dorrei par&ffi 

per nne sae oominUsione, e mi dispiacerebbe 

ebe mi credeste al ardiu d'aterti per cento 

mio incomodato. 

Ci, Signora ... Mi maraviglio «. Io non so* far oe- 

^ ciaMHiie». e ore per dtrg4ieU. ne bo. poeliisai- 

. . ma voglie. Son qui, che oosa mi comanda f 

• Ma, Non volete sedere f 

t CL Se il discorso è Unigo, ho un ei£ure di pra« 
mora, lo aentbrò an*altra. volu; se i corto, 
. tanto sto anche, in. piedi. 
Ma. Se non volete jsedec. voi| peRDeUate, che 
. aiedaio. 
CL Si accomodi pare. 
Ma, Ora tirerò innao«i naa tedia» 
CL Si accomodi. 

Jfo (Questa saa iopiviltli me lo dovrebbe ren- 
der odioso, oprare ancora lo compatù|ce.) 

i.(pafi€rla'Sedia) 
CL (Sé aoa avessi par la leste la maledizione 
del gi^oeo, ma dirertirM un pdcbeno.) 



)y Google 



Ufii. (dilofliano) A%nQtiQmAik^Wià im dira» 
t« oemniMO «o« -matma tirnsflìnao qmtf.gt* 

-6J. Oh «I, «oaipatMea; noo vi attT» badate. La 
- ' «erf ire io. , <;>or«i egli la ^edià) 

Ma. Siete poco avvano a trattali aolla dansa. 
GL Dirò. Sio'ora ho iempra praticato eoo par^ 

80Q« di coofidfasa* 8og|e«ooe oon na ho vo* 

luto mai. 
Ma. Avete fatto «a. graK torto a ? oi medaelino. 
GL Parche ? 
Ma» Il vostro merito non dof^ra porlerfl alla 

cofivavaaciom ÌBdagoe -di ;ioi. 
GL Crede ella cha io sia aa gtoTÌoo 4ika ma^ 
^ riti ^ualcfaa oosaf 
-Jlfa. 6|, b «redo «oo feadamaeto» 
'^f. OraB{a,'^raai«, aigoara, KtaiBio. 
Ma» Le jroatr* aaahili 'qoidiili potrabbare l^rvi 

onore, sa voi le taaesta W mafgior rìpcita» 
' ^000.' . . 

• €L Sigoonaa gaiitata, roì mi «dfilata, bm 4aom 

«f aio. &• miì avete atodifto ì libri dalk filo- 
sofia, io ho studiato • q natii del nlondo, é ne 
^ «o taaio «he basta per eondarn alla ioa«|« 

vai, eliaci dalla Toatra aort«b 
Ma. Questo libro del moodo fi Itti tasagatto a 
' <lìipressar ^oi' aadaaimo ? . . 
GL Mi ha insegnato a ooooicera ^«ade^ mi 

tìoq data la boria. . ; . 
Ma, Credete diniqae «h^ ni btiifi t 
GL B come ! 
"Afa. Ditemi, Vi' cardata mài odia apeoohkiF' 
GL Qualche volta,- qoaodo mi |ieikitio. 

* Ma. Lo apaacMo vi dirà che siete brottisaiaHV 
^<^. No aipoora, ^^tMÌodo Ja «pecohia aNatn» il 

oatDféla, aoa aaoo di um saaataoto. - -^ 



)y Google 



• ,-4^- 

Ma, Gli ocolit ▼ostri vi ^rronoo 'itapettM, 
Gì: Non .'npni ', ini p«r«', m ^ ho da dir qa«l 

t«h' io 'smatMf ohe «ieno pssMftnlì. 
Ma. Che dite della lontra Crontaf 
6i. lo «sa dovrei dirlo, ma la oda «ria aóo 4^ 

dr viUaiNK 
Ma. Signor Giacinto, begli oeohi, bdla fronte, 

bel labro, e non sarete amabile?' 
Gì. Signora... mi la arrostire. 
Ma, Vi burfo, aH? 
Ci, Non so ohe dira ... 
Ma, Vi ha insegnato bene il vostro libro dal 

mondo ? ^ 
GL Gonfetio anch' io che- alle Tolte si falla. 
Ma, Sapete che cosa- vi ha iasagnato qinssto vo« 

stiro bel libro del mondo f , 
Gì. Ghe cosa dunque t ' 
ilfo. A 'trattar male eolla persone *eirili% 
Gì, Perchè signora f- 

Ma. Parvi una civiltà, una bnoaa ^axia^ folla* 
^rare «he «né. faueiulfa per eavsa vostra- saf» 

fra il disagio di favellarvi io piedi? 
Ci. Perchè aon si accomoda? * 

Min I miei libri , che aon aoaa del Tòslra oaln.. 

tivo mondo, m'insegnano di non sedere ^aaa* 

do stia ìd i^edi chi mi deva ascoltare^ 
CL Donqae eoofcrrh ohe «oda ancor* io. 
Ma^ Gasi fareste, w «vatCa meglio atodiato. • 
Ci» Quando aoa v^ è« altro male, vi rimedio •«• 

bito. 
Ma. (Gran giro mi ooorien fare per ^iiDgeM> 

-al' ponto ^ io mi tono prefisso.) 
Ci, Ecco qui la sedia. 
Mr. Sedata. 

Ci, Mi maraviglio. Teooa a lei.' 
JMÌ0. Efl^ta di vostra «eoiiltkxai isiedt) 



)y Google 



8S 

CL ObìiCgo della mia «er?it&. 

M0, Oh, signor CrMcmtOi qaatti ttraSni, qa«st« ^ 

bnon* grasie, BOo le aTala studiate odi vostro 

libro. ' ■ • , 

CL No stgagra» sono cose che imparo da lei» 
Ma, Dnnqae confessate ohe sin' ora aTete a? nte 

,delle cattile lesioni^ 
CL Sark così. 

Ma. (Va cedendo; spero bene.) 
CL Ma che cosa ha da comandarim ? 
Ma, Deggio parlarTi per ooninissione di fostni 

corolla. ".' , 
CL Che Tool da me mia sorella? 
Ma. Ella è iookaorata. 
CL Ho piacere. S'accomodi. 
Ma, Ma 1* amaote, per dirla, non i degno di lei, 
GL Con ohi fa 1' umore f 
Ma, Vi dirò ; il di lei genio la porta ad aoM- 

re una persona che non merita l'amor suo* 
CL Che fuol dire? 
Ma, Un gioTÌne nato civile, se vogliamo^ ma che 

ha massime vili. 
CL Oh fa male mia sorella. 
Jllia. Accordate anche voi che fa torto aUa na- 
scita che la detnrpaf 
CL Non v' ha dubbio, 
Ma. Sappiate di più che codesto giovino da lei 

amato, i on giuooatore ohe consuma oeUe bt- 

aeane il tempo, il denaro e la salate mede-' 

eima. 
CL peggio. Starebbe fresca! 
Ma. Ah ! che dite ? Un giuocator di questa S0K« 

te ^ un bel fior di virtù? 
CL II giuoco, il giuoco ... Basta, tiriamo innaosL- 
Ma, Oh che poca «itonsideraziQpe ha questa to- 

Mk$ foreUa! Il di lei fuminte è rotìoatd^ ikO 



,y Google 



predpUaU U otta m ora&ale/ in hste, io di- ' 
v«rtimeotì, la compagnia' di ^ente trista, io ce* 
M diiooorate, o «ospette. 

CL Coma ! È diveouu pazza? Con questa sor- 
ta dì gaote fa all'amore? Voglio dirla Tani. 
mo mio. Voglio che mi senta.» 

Ma, Fermatevi; oon tanto ciUdo. Sapete chi ^ 
la persona TÌaiosa ohe ama Tostra sorella?. 

OL Chi i qoesto miiarabile aomo? 

Bla. Il signor Giacinto. 

Ci. Io? 

Ma, 51, Toi. Gaardaterl io quello specchio, in' 
cai i Tizi • le TirtA ai distiogaono.' Quardat» 
tèvi in qaello specchio ohe tì ho posto dtoan- - 
zi agli occhi e coposcereta Toi stesso. Se na 
oristallo sincero tÌ assicara che siete aipabi*' 
la, nn ragionamento veridico ti convinca che 
noo siete degno d* amore. Poveri doni di na- 
tara in voi traditi da an ingratissimo abaso ! 
Infelioi le grazie del vostro volto, detarpilte 
dal voftro costume! Misero quel padre che 
a Toi diede la vita! Infelice colei che iogia« 
ataoMDto ni ama I 

QL Ah sì, mi riconosco pur troppo. Voi dite 
la verità, a ne arrostisco. Madamigella, voi 
m* obbligata... Vqi m' Intenerite ... Son qai ... 
aooo tatto vostro. Intendo qaal & la sorella 
che mi ama. 

Ma. (s'alza^ Andata che non eo che farà di vcj. 

Ci. Soo indegno della vostra bontà? 

Afia. Non avete studiato altro libro che qaelfo^ 

del mondo pessimo. 
Ci, S vero, ma... son giovine, sono ancora in 

tempo di fare de*nuo?i stad). 
Ma. Sarete voi disposto a prendare delle aaiglla*' 
ri laaiooi? 



,y Google 



t0- 

62. su cara; «otto aiM^ fna^^ ^ ^9^« 
' , imparerai » poco t.efiipo. 
Ma, Coma ata il tostro cuofa?, 
^ n mìo onora ^ di aoa. patta ooil teoM» 

«he ai lafoia regolara eoo aomma facili^». 
Ma. Vi aooojaDO i miei difCQrfi? 
GL kozi mi 4aQ0O piacerò, 
ilfo. Sedete, ^ - , v 

t?#. Volemieri. ^ {siedtmo) 

Ma. Ascoltatemi. \ 

6L (si accosta bene) Soo qui. ^ - 

Ma. Non n, acfostate iaiito. {si SC(>stò^ Lm pa« 

rote ci aèqtono anche io qualche distoosa. 
ài. Ma <»»e op«r«ao meglio, quando fono aoste- 

nute dalle iiaioiv. 
Ma. QueaU i ooa lesione del vostro libro. 
GL Via, noli divo altro. Vi aacoUerò. come yo- 

^•^•- ... • I f-^ 

Ma. Vo* darvi la pnipa lezione, la quale lare 

onore o aie, ae la aaprò dire; f^rà onora a 

Tol, ae la aapreto aseeliare. 
Gì. Soo qui» vi ascolto eoo ti^to il cuore. 
Ma. Caro signor Giacinto ... 
GL (La lezione prinoipia heoe.) 
Ma. L* uomo che non conosce iè stesse ... 

SCENA XV. 

Moasieur auìtmsiib e dette. 

Ma. iaUa^osi) Mio zio ... 
Gì. Moosieur, la reverisco. 
JB«» Servitore obbligato. 

GL Compatisca, se do incommodo a «adamisalla** 
Ma. Bene obbligato, (a dladamì^la) Aodaio 
sella vostra camera. 



,y Google 



6« 
Ma. Stgvoca... 

a, K fHéna d'i «oìdoze.. ^ 

ita. Obb1nf«to. {a Mad. con 4iu6oriià) In ct« 

nera. 
'ìlffl. Vado, signore, (fa una riverenza a Già.) 
CL (puoi diale braccio) Comanda che io la 

serva? 
Ra. (lo trdtdenA ironicamente) Non ifoporta^ 

UGO importa. 
Ci. Il mio dovere... 
Ra, Bene obbligato. 

Ma, (Aoehe mio zio ha poco studiato qaell« 
^ morale moderna, che aoisca cotanto beo» la 

società ed il decoro.) (parte) 

SCENA XVI. 

MONSiEUR R4IMMBRK, e GIACINTO. 

Ci. Che belle massime s'imparano dalla di lai 

nipote! 
Ba. Io ne sono contento. 
Ci, Ma perche, signoret farla andar via? 
Ba. Vi avrk incomodato bastantemente. 
CL Ansi m'insegnava delle bellissime cose. 
Btf. Mia nipote non & nata per fare, la maastra 

alla gioventù. 
CL Ragionando sempre s'impara. 
Ba, Hon vorrei che ella imparasse da voi. 
CL Che paò imparare da me? 
Its. Perdonatemi. A non conoscere né la civiltà 

wk l'onore. 
GL Come parlate? 
Ba. Vi dico in casa quello che non vi doveva 

dir snlla strada» 
CL Io sono on nomo iocÌTÌla? « 

/ Mercanti, n," ^^ 4 



,y Google 



i9 

Ma- Con me »«» *99f txtaU U civilMu 
Oi. lo Doo co»os(M Ifoooc»? 

^/. Ora capisco il foodameiito d«'bei distM^r^i 
di HMilafld^eUa. Yti 9**veto pooto io Misere* 
dito eoo voitra nipote. Mi li« «Ut tÌr«pi«zato 
con buona maniera, ma mi ha strapasxato» 
(elisa A? f^oee) Da 1« ha f«$#f to t«Uio, da 
voi DOO Toglio goffrir ooUa. 

JRa. Io ooo parlerà con tcù» a« voi bok park- 
rate eoo me* 

fiL (fòrte) E mi maraviglio da* (atti voMri- 

Iji^. Noo aixata ia «eoe. 

SGBNA XYÌL 

WkccKHDk e defti, 

,^. Sigaorìt che cosa c'è? 
Ci. Coi galaaiuomioi «oe fi tratta coti- 
ca, (a monsieur Raìnmere) Signore, il aigfiov 

Pancrazio è qui. che vorrei»!^ ptrlara ooa V.fj. 
Ma. Dtugli, che or 4M'a io a mia oipote c« me 

andremo di oaaa. 
^i£. Ma parehè, cigaore? 
f^ Pefich4 auo ligUa è «a passOf (parte) 

scsiCA zvm. 

«lAOttfffo e BkccmiQh» 

OL (puoi segualo) A me pazzo? # bm? ..f 
' Fa, Si fermL É ^ui il suo tigaor padra, 
* Ci. logioriarmil la va^ia mortilleara. 

^a, (alla scena) Venga, «igoor padroaa. Veda 
éìiQ figlio. 



,y Google 



Ci. Twm mW Y^^? » «agU» uh* io parta. 
Lo ritrovaK^ il aie«oc oIaad«se„.l9 ritrotar^ 

■ f ■>'... (/Hwie:) 

8GENA XIX. 

9Amcttàiào g& corre dietro fino dentro la scena, 
e detto. 

Fa, Sì farai, aieolti. Qoaato gìoTÌna ? noi aiMfa 
il lao precipizio. 

. {torna Pancrazùì^ 

Pa. Seellaratol ti gìungtrò. Si & chi tuo in ca« 
mara. Che è «tato Faccenda? 

Fa. Noo so oleata. Strepiti graodi. Monslanc 
«uola aodarsaoa di questa casa. 

Pa, Per qual cagiooe? 

Fa. Par causa del di lei figGuolo. 

Pa, Oh povero me! montiaor ftainuiero dof'.Af 

Fa. Gli parli, ma presto. 

Po, DofB sarà? 

Fa, Io camera. Aodiamo, ooo perda tempoi 

Pa, Sì andiamo... Ma priaM Toglio parlare a 
mio figlio. Voglio seotire che cosa ò slato, a* 
Taoti di presaotarmi a monsiaur Raioaierea 
per sapere come ho da cooteqarmi. 

Fa.' Ma so il sigoor Giacinto si h chiuso io oa* 
mera? 

Pa. Va ta, procura di farlo aprire, digli che 
gli parlerò eoo amore. 

Fa, Farò quello che poirò. In Tecith, signor 
padrooe, ho 9 cuore aiHitto per causa sua. 

(parie.} 

Pa. Ah figlio indegno! figlio disgraziato! po- 
veri padri! poveri padri ! chi si augura de' fi- 



,y Google 



«4 . . 

glìuoli lì specchi in mCf Gli! eli ha buoui^ 
ringrazi ti ciik», e chi ne ha «A* coltivi, può 
dir d'a?er no trafagUo che supera tutti i 
traTagli del mondo. O^''^) 



,y Google 



65 

ATTO TERZO 



SCENA PRIMA. 

Camera gùn htitòf iap(Jino e òaulL 

Monsiear XAtviiiKB, e das sennlarL Mansieat 
BAiNMKRB va hvondo dal burò parj sacchet» 
ti di monete t e li mette in un baide^ men». 
tre due servitori ripongono in un edtrù 
baule i di lui pestiti ! tutto facendo senza 
parlare. Poi madamigella giannìna. 

Ma. Signor sio,.iiii i peroMigo? 

Ra, (con un sacchetto in mano) Chi com fo« 

lete? 
Ha* Vorrei, te ni permettete, dirti U mìo sen*- 

timento eolia risolniioae ohe siete per fare. 

iti. La' risoluzione è fatte; andiamo « Livorno. 

(mette il sacchetto nel baule.} 

Ma* Partir da Venezia oosì repQBtioemoiite, 

panai ohe eia un afirodtQ al padrone di qna« 

9ta caia. 
Ho. Ne ho ricevuti dei peggiori. (p<s al burò per 

un sacchetto) 
Ma, Arate parlato col aignor Paoorasio? 
Ha. Non l'ho vedalo, (porta il sacchetto nel 

baule,) 
Ma. Vorrebbe la convenienti che gli parlaste. 
Ra, Andate nella vostra camera. 
Ma, Ma... signore... 
Ra. Apdate a far della vostra roba quello ohe 

qn\ ai fa della mia. (torna al barò) 



)y Google 



Ma, MenCN M pàribi fe^oBt 'ttiltf iì tìpongdao 
nti bauH Rispetto gli ordioì sottri. 

'Reu Beo». {ripone un sacchetto nel baule) 

Ma* yorr«i soltanto, cYm ti eo«piac«sto di k- 
scisrnii dire due p«rol«. 

Ka, {sì ferma iut ascoltarla) Parlate. 

Ma. Bramerei sapere prima di tatto, per qnal 

. dispiaecrs volete aUbnUiwrTr da qveste casa. 

JRtf. Mi hanno insultato. 

Ma. Ma chi T^lur iasdlato? il sisaor Vnannòf 

Ha. Net i tao 6«lioola. 

Ma. Qoal colpa ha if padre naIU deMeaae del 

figlio ^ 

JUu Tatti tono nella medesima casa^ K«« aof* 

frirei altre ia^iutria stasa naeblimenta* 
Ma, Finalmente il signor Giacinto i gtotiBC, 

merita qualche oompatioieale. 
Ma, {pokandosi a khy KgU \ m ftagm^ 
Ma» Le paxzie della giotentà si correggono. 
JRa, Gaia t«tia ìà> rmian fiUno&i diTéraetu pi» 

sa peggio di ltfti« sa io nea m proeaedaesi. 

(paalimé:^ 

JfiCr Sa amora si pa4 dif« pMuia, pochi saran* 

•w i sav), signor aio. 
Ba, (cammimamia con um saceh€étù> Pena U 

ùaule) Non so compatirTÌ. 
JlfA. Eppure Tei a» davrset« wpntii ptt di 

ogni altro. 
Ba. {voltandosi sol saceheHom wmmtyVtrdìB 
Mrn* Slgnoee^ fi démosdo perdeoew^ 
Bfr Parche? parUte. 
MOé Perohi céa tntta 1» TMtfa amtarilh, so 

che amate anehv^Toi. 
Ha. lof 

Ma. Si signora, pardonatemi. Voi amate. 
Ha Còme potete... {corra a mettere H 900- 



,y Google 



^1 

tlutto heì haute pò» torna) come potete toi 

dirlo? j^ 

Ma, Amoi^e ntni sì ptiò tenere aaseosro'. 
tià. Credete yoì che io ami uiadadiigellft B«à« 

iricfe? 
^tf. Lo credo con londameuto. 
Ba. Se io ramassi, amareì ona figliuola qlid 

merita esser amatr. 

{va verso Ù buri) 
Ma, Ed io... 
Ra. (voltandosi, potila cà Òurè) R voi^ ame* 

reste uo pazzo. 
Ma. L* amore mio sarà sempre pi^. TÌrtuosd 

del vostro. 
Ha. (voltandosi, stando al Òarò) Pwthhì 
J^. Perchè io amo eoo oosMinea uno ohe se^ 

condo voi* non Io merka, e voi abLandonate 

per OD puntigli» uDa persona degna deir>*. 

mor Tostro. 
jRtf. ti mio abbandonameot» non le fa alctina 

ingiaria ... (prende il soocketta) 

Hia. Ma la morti^ea, e là fa piangere. 
Tta. {col sacche^ in mano si ftmut) VUm^ 

madamigella Beatrice? 
2lfitf. S}, fa compassione. 
ilit». Pefrchè^ piange? 
Jd€U Per quella ragion istéssa, per cai io filati^ 

gerei, te lasciasse il di lei fratello. 
Bia. Beatrice non ha per me queiP amore, tlia 

Toi aTSte per codesto discolo malcreato; (s'in^ 

cammina vers» U baule.) 

Ma. Io non so, che si pianga* per ima persona 

che non si amai 
Ho^. (con tuono compassionevole) Piaogef 
Ma. 6ì; per toL 
Ma. (senma parlare va leniamentfi al òatJé, 



)y Google 



6d 
poi si ifoùa.) Plang^Kk per le disgrazie delb 
sna casa. 

Aia. A me ha confidato «1 motivo delle tue lagrime. 

Ra. Credete ohe ella le versi per me? 

Ma. GerUmeote. 

Ra. Voi mi adulate, (ripone il sacchetto nel 

beude.) 

Ma. {accenna 'di vederla in Lontano) Eccola! 
La ledete? 

Ra, Kon mi pare che pianga. 

Ma. Ha gli occhi rossi. Il timóre suol tratte* 
nere le lagrime. 

Rai Osservate. Ella vi chiama. 

Ma, Mi permettete che io la faccia venir qai? 

Ra. Cerca di vof| non cerca di me. Andate. 
(va al baule^ voltandosi dalt altra parte ^ 

Ma. Mi fa cenno, che vorrebbe parlarvi. 

Ra, (voltandosi) Nipote, toi vi prendete apu* 
so di me. 

Ma. Perdonatemi; non ardirei di farlo. Amioti 
volete me o il signore zio? 

Ra. (si votuiy eiome per rossore.) 

Ma. Desidererebbe parlare con voi. 

Ra. Con me? 

Ma. Sì signore, se non volete atcolurfa, nnii^ 
anche questo agli altri favori] di uno ohe ina- 
strava d'amarla. 

Ra. Fatela venire. (va a chiudere il burò) 

Ma. (Chi sa I S* egli avesse compassione della 
sorella, potrei anch*io aver tempo di guada- 
gnare il fratello.) (parte) 

Ra. (Chiuso ilburò^ va per chiudere il bauiet 
ai servitori che partono.) Chi, partite. L'a- 
mo, ma non ho mai detto d' aitarla. Queste 
donne conoscono troppo bene i movimenti de* 
jli 09c)ù. (chiude ii baule) Eccola. 



,y Google 



?5 1 

8GEKA II. 

BB4T*1CI e ikfinsUiPt lAÌHMBKE. 

Be, (inchhtadosi) MonaUor. - 

Ba, (con bocca ridenU) Madamigella. 

Be. Perdonate F ardire. 

Ba, Mi fate onore. 

Be, SoD qni tenuta.» 

Ba, Perdonate. {(fa per due sedie) 

Be» (Madamigella Giannina mi ha bene istruita, ) 

ma non eo se vi riuscirò) 

Ba, AccomodateTi. ^ 

Be, Anche voi. 

Ba. {con un risetto s'inchina, e siede.) 

Be, Moniienr, sono venata ad augnrarn un 

haon TÌaggio. 
Ba, {con iwerenza gioviale) Ben obbligato^ ; 1 

Be, Possibile, che ci vogliate abbandouarft sì ! 

prestof V ì 

Ha. Vi ho dato no Incomodo di quattro masi. 
Be, Yì sarete annejatoi . . 

■Ha. No, madamigella, ìo^ oi stava assai foloetierì. 
Be. Ma dunque perchè partire? . ; 

Ba, Perdonate. < 

Be. Forte per le leggerezze di mìo fratello? 
Ba, Ijo ane leggerezze pesano medito a «hi sente 

VODOW* 

Be. Mio. fcatdlo sark la rovina di questa casa. 

Ba, Mm ne dispiace infinitamente. 

Be, Mio padre*" è fnor di sa atesso. ... 

Ba. U signor Paocrasio è onest'nomo. 

Be. Povero veoohio! Piange amaraments, 

Ba, Me ne dispiace infinitamente. 

H«. Mio fratello comincia a coooioere i suoi di» 

Digitized by VjOOQlC 



•ordini, e ti tèrgo^na di t^ medeciiao, e piaii^ 

gè tfnitameBte • tao padr». 
JRa. Padre baobo di ao figliiiolo cattivo. 
Be. Io poi aon» la piA oflltti» ék tntiL. 
Ba, Voi? p«rohtt? 

Be. Ho troppe coso alw mr taroMntMu». 
Ba. E quali looo, aadMngalla^ 
Be. Il padre, 
ita. Bene. 
Be. II fratello. 

Bè. £*• casa. 

JRo. Giuitameote. 

Be, £ un* altra eosa, che oon •rdìtoo* d» dsM. 

Ba. Se ODO ardite dirla, crederà cbei «òn lì 

conToaga, ni io v'importoneaòt par aapart» 
Be, Gertaneate sartie pooo cunooo di ,quatta 

cose che ooo vi premono. 
Ba. Se si' tratta M vostso bene^ qnoato* 4 qua! 

^e mi preme. 
Be. Eh, moDsieur Rainmere, voi sapete far» dei 
- «aiDplimo^ii 
Ba. No, madamigella, noir ne so: farti. Mtaao» la 

vtnklb 
Be» Per f|uestO) póMli^ amaaa hf ^rerilk, eapisoo 

che non ti carato di persona- al maa di fot- 

'ata nostra faaiiigli» 
JIa Ftrofa4 ptasaa» qvietft»^ 
Be. Perchè volete partire. Perchè partendo ooo 

•vflt» rigaardo di roviomia «oa oassv d' oasi* 

dere un vecaimir • diu . (m eopm gift tìteki 

col fazzóiettat) 
Ra. {con premmm) Seguitato» 
Be. ((mme sopmf) PatdboateaM. 



)y Google 



scBSTÀ ni. 

FAcceMDà e deid. 

Pa. (dì dentro) Si può fenire? 

Ha. Ghe vuoi? 

Fa. PerdoDÌ; il mio podvotmH. Lt- padroooidsi f 

compatiioa... 
Be, Chtf coca tonasti dire? 
JRa. Niente^ tiguora.é. 
Sa. Che vuoi? 
fa. (parlando d Beatrice) K nio ptdroMe da« 

ifd#rar parlare a V. S. se a» paò ..< 
Ba, Dove vi i la %)ifiolB, puè ventre aodie il 

padre liberamente^ 
Pa, 0«Df9ahiio. {parte) 

Be* (m ahéi^ Signore, io partirdr. 
Ba. Fdteté reatara. 

Be, Non ho per mìo padre cosi pdoo tltpMto^ 
JRa. (Buotta figliaola!) 
Be, Vi prego di non ineerpretari aioìstramènte le 

mie parola. 
JRa. Io non penso ffiafe èì chi mi fa l'onore «U 



!?«. Io 000 ho detto di antarti^ 

Biz. Ma 16 capiico... 

i^. Beco mio padre. Ti sono serva. 

Ha. Voatro servitore, madamigelle. 

Jle. (Ali fortnna^ non W ioga miare f ) (patte) 



)y Google 



SCENA IV. 

MonsieUlf RàUiNSRB^ poi PàNCRAZiO. 

Ha. In questa casa tulli non somìgliauo a ma- 
damigella Beatrice. Ella ha delle massinia .^ 
Signor Pancrazio, rostro tertUpre obbligato. 

Pa, Monsieur, oompatitemi se fe»go a distur- 
barvi. 

Ka* Mi fate onora. 

Pa, Mi date lioeriza che sieda? 

Ha, S), acoomodatsTi : Io farò ancor i9, {siedono) 

Pck, (Non so come principiare. ) 

Pia» Volete fumare una pipa? 

Pa. Vi ringrazio. Amnti desinare non famo, • 
poi non sono qui, caro amico, per conversa- 
zione, ma per discorrere con serìeiiu Oh «ie- 
lo! Si tratta di assai, donatemi oa quarto ti* 
ora per caritìi. 

Ho* Parlate quanto vi piace. Voi meritate di es- 
sere ascoltato» 

Pa, Monsieàr, coayìene levarsi la maschere, e 
parlare schietto. Questa mattina m'avete pro- 
messo dieci mila ducati, mi avAe promesso 
veoiroaeli a scrivere nel Banco Giro. V'ho.^at- 
teso, uè vi ho veduto. I dieci mila ducati, 
che avete promesso fidarmi al sei per "ìcenta, 
ve gli ho chiesti in una 'maniera bktarjVj 
senza mostrar d'averne gran bisogno. Caro 
amico, vi parlo adesso con altro )ingaag|$ìo, 
vi mostro le mie pieghe, vi apro il mio cuo- 
re, e mi getto nelle vdstre braccia. Tre lette- 
re di cambio, che scadono in questo giorno, 
mAlono in pericolo la mia fede, il mio ere- 
dito, Tesser mio. Voi solo mi potete aiutare; 



,y Google 



8^, TOÌ mi poute aiutare, 8«i»za vostro pancone 
e senza tema di perderli, ao» eoo tutta la si« 
onrezza di ricuperare in meoo di un anno il 
cambio ed il capitale. Vedrete il mio l»ilan* 
ciò» Ho de crediti buoni, ho dei capi viti in, 

. negozio. Sono piji tosto in aTTantaggio, ma sa* 

. pete, che non si ^alliso^ tante vplte per ritro* 
varsi al di sotto, ma per cagione di qualche 
creditore indiscreto, che senza carità Tuole il 
denaro nel momento istesso ch*ei lo domancla, 
e precipita in tal guisa un uomo d'onore. Io 
sono in questo caso ; tì esi^bisoo,. i miei libri, 
il mio negozio, le mie chiavi de' magazùni, e 
▼i chiedo i dieci mila ducati che promessi mi 
avete, per salvezsa delia mìa povera casa, per 
b riputazione del mio povero, nome. Caro 
monsiear Rainmere, mio figlio, quel disgra- 
siato di mio figlio vi ha disgustato, vi ha of- 
feso; a se potessi scancellar col mio sangue 
le vostre offese, tutto ve lo darei per muover* 
vi a compassione. Un figlio traditore, dopo 
avermi consumato tanto, e averodi, si può 4ire, 
precipitato, mi priverà ancora di quell'unico ami* 
oo ohe mi restava per conforto delle mie 
estreme necessità ? L'avrei ucciso colle mio 
mani, se dopo i flagelli di questa vita non mi 
spaventassero quelli dell'altra. Separate, vi pre- 
go, il padre dal figlio. Lasciate a me casti* 
gar quell'ingrato, e voi movetevi a pietà di 
un povero padre, che in voi unicamente confida. 

Ha. {^alza) Datemi la vostra mano. 

Pa, Eccola. {si prendono la mano') 

JRa. Giuratemi sol vostro onore di non celarmi 
la verità. 

Pa. Ve lo giuro sul onor mio ,.. 

Ba. Jk.ndkmf^» Io vi, voglio ajutare. (ip^^y. 



)y Google 



SCSHA V, 

P4itcft&zto soia. 

Gtie sia beiW(iSBlfo! tiono teram^te d^ onore. 
Baoo amico, raro amioo. Cauto sì; ma tia* 
vero. Vero meroanto , specchio d«^ galantno- 
, miai* Buoni p«r sS stessi, buooi perforo ami* 
ci, che anìscooo perfettainrate all'onesto inte- 
resse k ginstttiej la mocferazione e la eariiSi. 

(parte) 
SCm& VI. 

Camera. 

«lictitro e wkcantti, 

GL {Con uno sMe alta mano, che pool ferirsi.) 
Va* 9i fermit signt>re .«. Nbv ikecni ... PWr amor 

del cielo non dia in qneste disperaaioni. 
Ci, (jafciami andavo. 
Fa, Ma che tooI' fare ? 
Oi. Voglio ammatzarmL 
Fa. Si fermi. 

Gì. Son disperato. {si scioglie da Pacùendd) 
fa. Ajato, gente.- 
GL Va dk mio padre, e digli che sark soddis* 

fatto. 
Va» Ajato. 

SClSRA VÉL 

mtidandgdia cunMura e tUitéL 

Ma. Che À <)aesto? 

<iL Ah, nadinngelli, aiidWe Via p«r earitlr^ 



,y Google 



Md* O ééùì quttto fl^v... 

Ci, Si' fall nccidwe, signora. 

Jlfii. G«iim4 a» gìovim della votCra loita 7 ... 

GL r^o MI toroMoUte. 

jlfo. (con axUarìtà) Bst«aì fiiello stilè* 

Ci. Vi prego. M 

Jlftf. Indiscreto, locivIU! voglio* qnil ferro. 

Ci. Ah! {getta il ferro, e pud p^Urdr^^ 

Ma» {con aatorità) Fermatevi. 

Ci, (Si fetta a sedere senta pariare, e si cua* 

prt U voUa col fazzoletto,) 
Fa, (Gran forza hanno le donne sopra g& nxt^ 

mini ! Armano e disarmano quando vqgUono.)? 
(prende io SiOe di tetra e purief 

scBNAi wa. 

Madamigella GiknmHh è ciiciicroi 

Ma. Vargognat la disparazioiia ^ mi a#i»tlfr dallW 
igooranta. Ora^ pfinorpioi m Dradm ehi sieta 
pazio davvero. 

CL Ma làsoiatemi alava;, Ita niM[k<a pmnifk kA 
sooo» pfà dit ««9 itila. 

' Ma, Awcaltatamii 

GL Son qvSi Noo posav star m ^dì; 

Ma. Fosio^ sapierai la cawsa^ Arfki VK>éiMi dlspir»^ 
zìone? 

a. Afio padre m'b» detto eota eha m^haimo af 
territo. NeB> eradava^ oh» laoaaar fosae «n ula 
atater. lloa> credeva^ ohe i miei* disordini fos- 
s«r9 gratili' a qii««to aegaa; Ro> v>ediM> le bo« 
atra piagh< ho Teduto vo'poveto vaoahìo, che 
m^ha dMO lassare, per aagionemla'S» prteipi- 
zio, i» rovina»- ìhn dispei^siane;' ed* io hò> da 
ftfiiraiBreoa qttesti ovobi^'it ttdo -pifero f^aito* 



)y Google 



^0 

re fallito, spóglklo, in pneSòM' peT ^i#oii i 
Non ho oaor dì soffrirlo, ton dicperalo. 

Ma. FeriiMt«TÌ. Aspettate cV io parla, a f«l« 
poi tnkto qaal oha folata» 

Ci. Via, partite. 

Ma. Voglio priaa parlare. 

GL Pacete. 

Ma, Sedete. 

CL Tatto quei die tolate. (siede) 

Ma. Ascoltatemi. 

GL Suo qui. 

Ma. Appressatati. 

CL Le parole si sentono ano he in distanit. !•' 
a?ete detto toì stessa. 

Ma. Volesse il cielo, che s'imprimessero nel fO« 
stro caore tntte le nùe parole, 

CL Arete finito 7 

Ma. Non ho ancor principiato. 

CL Mi TÌen freddo. 

Ma, (s'aceosia .a lui) Ma osto signor Giacinto. 

CL (Ora mi vien caldo.) 

Ma. Questa ?ostra disperasiooa ^aflfattoirrag^* 
aeToie. Se ella dipendìi dai dispiaceri che cono- 
scete aver dati al vostro poterò padre, volete eg- 
ginngere alle Sne disgraaie.la piji. dolorosa di 
Uilte, col aegrìfisio di voi medesimo ? Se ama- 
te il genitore, cercale di consolarlo ;. se . siete 
pentito d'averlo oltraggiato, Cite ohe il vostro 
peat i ma nt o medichi le «uè piaghe, o non le 
inasprite coi vostri passi trasporti. Un reo, 
che si vani privar di vita,, mosQra non essere 
capace di peotimeato, ma piuttosto fa credere 
che amando le colpe, voglia nrorice [anii.che 
abbandonarle. Tutti i mali hanno il. lorQ ri- 
medio, fuor ohe la morte. Le disgrazia di 



,y Google 



vostro padrtt non uranoo poi ii^riiii«aialù|i^ 
l'ho veduto andar con mio zio nel «no atudìo, 
dopo essere stati per qualche tempo seduti 
insieme. Il signor Pancrazio ^ uomo d'onore, 
è un mercante di credito; mio zio ò buon 
amico. Vedrete, che le cose di casa vostra 
prenderanno miglior sistema. Rimediato a que- 
sta parte del vostro rammarico, vi resterii il 
rossore di essere un figlio ingrato, ma fioalmen* 
te non sarete voi il solo figliuolo discolo» che 
abbia dissipato, speso, scialacquato, e malme^ 
nato a capriccio i giorni bellissimi della gio- 
ventù. Chi invecchia nei vizii k detestabile, 
ina chi cade, nell'età vosNra, fervida troppo e 
troppo solleticata dalle occasioni, ò compatibile. 
Il momento in cui vi pentite, soascella tutta 
le colpe andate, e due lagrime di tenerezza, 
che voi versiate a piedi di Mostro padre, com" 
pensano tutte quelle ch'agli ha versate per 
voi. Fatevi animo dunque, lasciate a noi la 
Qura degl'interessi, pensate solo a voi stessOt 
e dalla cognizione del male prendete regola 
per l'avvenire. 
Ci. Madamigella. (si getta a^di lei piedi) 

Ma. Alzatevi, che non ho finito di ragionare. 
GL Che mai potete dire di più? 
ilfa. Ditemi prima qual impressione abbia fatto 

nel vostro animo il mio ragionamento. . 
Ci' Che volete, ch'io dica? Mi sento intenerire, 

sono convinto, sono stordito. 
Ma. Chiederete perdono a vostro padse? 
Gì. S), altro non bramo. 
Ma. Parlate più di morire ? {con tenerezza) 



)y Google 



i 



'if' 1^0 cara. 

Jlfa. Cara mi dite? 

CL Sì, se mi «late I» vita* 

Ma. Promettetemi di far buon ttso de* miei con« 
sigli. 

Ci. Lo prometto, fo gfuro. 

Ma. Così mi basta. 

Ci Vi basta? 

Ma, SX mi basta cqsI. 

CL E ODO mi cbiedete altro ? 

Ma. Gbe possSo domandarvi di ptii? 

Ci. Non mi domandate il cuore ? 

Ma. STon conviene a me ricerctirlo. 

Ci. È verOi tocca a me il darvefo; è fatto vo* 
atro. 

Ma. Non Io accetto per ora. 

Ci. Perchè? 

JUa. Sai ponto ohe io vi fo un benefiaio, boo 
esigo la ricompensa. Il dono del vostro cuore 
potrebbe ora essere una mercede involontaria, 
pensateci. Vi lascio in li bertir di disporre di 
▼oi medesimo. (parte) 

SGENA IX, 

G44CIVTO solo, 

Sara un barbaro, se lie negaslii affatto. Che mat« 
sima! che divcorso! che boon amore! Mti 
non fono io degno di ottenerla. Soo zio non 
me raccorderà. Mio padre* non vorrh cVio 
la prenda ; ed ella, quantunque paja che ab« 
Lia per me dell' amore, non si fiderà, non mi 
crederà, si scorderà di me. Ah, temo di n^ 
cadere nella mia nera disperasiooe. (parie) 



,y Google 






MMCRàZIO e vtoetiiM. 

Pn. Hoo ni pafrltf« d« mìo fi^rio;^ »» ingMtO. 

Wa» Mi 0r«<!B| eh' è pemko, 

Pa. Noo lark vero , fing«»k * ^ «no teMp^n*''^ 

Jfa Cli« fn»!* 4i^ piò P Si ^?a ■imbmm«C4 

Pa. Si volerà privar di- fìt» f 

Ftf. Signor f) , f ho tronito< con tm» ttìlo aU» 



Pa. Ah.» do¥# iS trova?... 

Fa. Si rermi ; è amvots oMKlaflngan» GìaBiMMt 
ha faUo che getti vìa il ferro^ • mm ir alato 
aliirtf. V «MÌeoro, avgnoro, oM povlStaA cuore. 

jp^ Il ciel lo Teglia. Caro Facoeoda, 4oVi?. 
Parchi ooB viene dal soo poterò padre che lo 
ama tanto ? . Io slosaO' aodrò a ritrovarlo ... 

Fa. Sì iftan per un monento, mentre n tono 
delle- Ultre wmfA, 

PoL Bttotte o catifvo?' 

Fa, Nella strada vi tono aette o otto peraeoa 
che aspettaoo. Vi oooo* ^cmS Ire giovani dli 
q,ve«»» mattiÌM ooi^ 1» IcHepe di «aml^ a r'S 
ti medico de' duemila ducati. 

Pa. Anche colui ^ OH ho pur daCCiB' «ha fogna 
domani. 

Fa. Avrà inteso mormorare io {^aÉna , ed ha 
anticipato. Vi è dellf altra, garto; Certa i'aeois 
toite che noo conosco; non so oba dira; ho 
patirà di qtialcK» d^agmìai 

Pa. Che vi sieno i birri ? 

Fa. ICoo créd^«el; 

Pa. Qualche ministro per aequaatrafo 7 



)y Google 



\' 



fa* Po5 «Sfere/ T«ii^o éKiàsA la porta deOa 
scaletta, a dico a tutti eh' è a pramo. 

Po, In caea mia non ai aono più adite di que^ 
cte cote! 

"Fa, Ma che ha detto mootienr Baiiiiiiere f 

Pa» Siamo itati nello tcrittO)o losieine, ha Teda* 
to i coati, non gli ho oelato bulla. Farro con- 
tento, ed ^ andato via aeoza dirmi nulla, 

Va, Poaaibile che T abbandoni ? 

Pa. Non co ohe dire; mi racoomaado al eielo^ 
e lascio operare a lui. 

"Ba, Tuole che vada io da monsieur? 

Ptf. Sì, caro Faccenda, lounto andrò .io da, mio 
figlio. {va per andarsene^ 

V0».M\ ^rmi che viaoel' olandese. 

Ph^ PSirtt, f»arti. 

JFo. Vado a dar delle parole a qaei che aspet* 
'taoó. iptàig^ 

SCENA XL 

pANCftizio, poi monsieur BAiHMtas con un 
uomo che porta un sacchetto in ispalla* 

Piu Ha un uomo con lui. Chi mai ò? 

jRa. Metti il. (t uomo pane il sacchetto sul 

(UwoK^o) 

Pa* {con allegrezza) Monaieur Bainmere. 

jRa. Quelli aono seimila ducati. 

Pa: Seimila ? ... 

Ba, {gli dà un foglio) E quattromila vai que- 
sta lettera. 

Pa, Che siate beaedetto! Lasciate ohe vi dia 
un bacio. 

Ho. Bene obbligato, {si dann^ i dua soliti òaci) 

Pa, Voi mi date la vita, mi data lo spirito, ni 



,y Google 



8f 

rioootate il suDgtra ohe dalle, mie dìfgrdssMi 

priocipiava a gaastarsi. 
Ha, Fateim la lettera di eémbio, tempo due aiH 

ni, eolf ioterétse ad oso di piazza. 
Pa. Subito ve la fo. 
JRa. (gli dà Una carta) V ho fatta io, solto- 

scriretela. 
Pa, (vuol sottascrìperla) Sabito. 
JRo. Leggetela. Non si negozia coti 
Pa, Di voi mi fidoJ 
Bn, Tatti gli ttomìoi possono errare. 
Pa. Va benissimo, e la sottoscrivo, (sottoscrwé) 

Prendete; cjie siate mille volte benedettii. 
Ra. Voi mi dovete settecento ducati, 
Po. E* vero. 

Ho. B voctro figlinolo mi deve cento secchioi» 
Pa, y e rissimo. 
Ba, Per queste due partite mi dovete oooside* 

rare un creditor come gli altri. 
Pa. £ vi pagherò prima di tutti. 
Ba. Io poi so il mio dovere per f incomodo di 

quattro mesi. 
Pa. Mi maraviglio. Yì ho da dare una buona 

nuova. 
Ba. Consolatemi. 
Pa. Mio figlio è pentito d' ogni cosa. Piange, 

sospira, mi domanda perdono. 
Ba, Gli eredeuP 
Pa, Sì voleva fino ammazzare. 
Ba, Voglia il oielo che il suo pentimento non 

sia una disperazione. 
Pa, Caro signor Rainmere, sono a pregarvi di 

no' altra grazia. Ora lo manderò da voi a 

chiedere scusa del suo mal procedere, a fare 

no atto del suo dovere. Accettatelo , ascoltan i 

telo e perdonategli per amor mio. 



,y Google 



8» 

Ma» 9e sali pcBlilo 4Ìwrv«to, Vaamr^ mom arno 

•no padre. . . 

Ptf. Ora lo Malirete. Se ù ««tiintate, preo^ 

questi damali» • vado a.fo§as« ì w^fiU^H éoka 

mi toroMDUoo. 
Ma, Voi siala il padroaa. 
Fa. E fi porterò il fostro atere. . 
Ma, NoD ne dulMto» 
Pa, Io noo posso portare a» tal .peifk Ehi, iski 

4 di Ui? 

SCENA XJl. . 

SAGCBIia^ « ^</i» 

Fa, SìfBora. 

Po, A)atami. 

Fa, Che roU h quesU? ... 

Pa, Denari. 

Fa, Denari? . ; 

Pa» Su oaro.Faeceoda; aodiamp apasaro, . ^ 

Pa, Sia ringraziato il cielo. Ho tanto piacere^ 
coma ae ei traitasea di ma stesso. . . 

Po, Andiamo, andiamo. Non so dova ai sia per 
la ooneolaaione. (pt^f^J 

Fa, 1 danari pesano, ma • debiti pesano moho 
pi^ (pari» col.sacch^m) 

Ma, Non si può far sertisio di miaer peso« ol- 
tre quello di praslar il 4aaaffo> quaado i- ai- 



,y Google 



9»^ 
SCENA TCnt 
MmdamtfgMt «itMiiuu, bsìtmcb e monsieur 

«UNMUB. 



Ma, Signor zio. 

J|0. Nipote ... {salutando gendbnente Beofrìce) 

Ma^ (a Rainmere) Seoto, che non partirett piJi 
co«ì prMto. 

Ba. No, la parteoca h lospeca. 

Be, Ed i» ho aeatito con giabilo, che la fostra 
imooa amicizia abbia coosolaio mio jpadre. 

Sa, |j'ho fatto per lui, (ridente) e Tho fatto 
ancora per toi. 

Be. Per me, signore? 

Ma. Gara arnica* non ve l'ho datto , che nua 
aio fi «maf 

fUi» Mia nipote non saol dire delle biigie. 

fie^ Non pOMO «rededo, se voi volete partire». 

Ma, Io no» parto per ora. 

Ma, Prima di partire potrebbe ancora sposarvi. 

Be. Cam aaùoa, voi mi adulate. 

Ma, Nipote, mi lodereste voi se prendessi ai9< 
glief 

Ma, Sigaare, vi parlerò con eioceritli. Vi loderei 
più se non la prendeste; ma avendovi sentito 
^re piÀ volte , che volete farlo per dare un 
maschio alla ca&a, amerei che lo faceste piut- 
tosto con Beatrice, che con un'altra. 

Be, (Oh, cara amicai) 

Ba, (a madamigella Giannina) V %imio mtkU 
to (|aesta vosua amÌ4M?. 

Ma. &, t amo assai. 
Ba, Swpk interesse f 



,y Google 



64 

JMtf. Che ioieresse posio avere cop lei ? 

JRtf. Won ramereste per ragion di wo fratello? 

Ma^ Pa^ afiicbe llarfK 

"Ra. Eh donne! vi conosco. ** • " ' 

^^. Sle«é lb*b« In l'Ofctrtlfmrt*, 

>^4S. Cléte adoraliik. 

Ci.. Mdóilieiiìr, tì cTilédb i^nftftià ..k '' 
«a: Batta éwi. Ik^rrosrftfcb per* ^^rtft v«*ra. 
<?i'Ma se' n ho offééfe^, lèscifcte^ ch«;#'ii«iiUÌ 

9 taio* p^iiii»«tìt©. • * ; ' - . ' '', 

Ite. Lo voglio credert tÉéiti p4è.* ^'*' '• '' • 
Òi. Vi dhiedo «rtjfii ..1 ' ' • • .** ^' " 
- HaTITùii altr*. (Ri *àCÌfey'T*o(ùlei ' ' 'r? * 
6/.* (Veramente uomo dì buon ciiof^| «omo da 

bene!) '^ ' •' ^ -^^5'^' 

afa. signor Glatìnt*/ mi Rallegro "*6rf^oiS«^ - 
<5i» Ep^nre , con tatto qtiestò^ udn ^rfno^^iicoc 
' ^còùtónto. * ' '^ ' •" 

Xfé. Che vi manca per contentarvi ?" ^'' 
Ci. Il meglio. 
Ma, Che vaol dtre^ 

i^tf. Non lo capite F^GK manca una aposa. 
'Ma. Che <è Ik trtfvi.' ^'' . . - ^^ ' 

Ci. Per me l' avrei* fltWvata, ma ella non va ole 

il mìo onore. 
JlSà. a livètfe beo* pellàio r * ^ 
CL Pia che ci penso, più la-4esid«to% • 
Ma. Che dite, signor zio f ' ' >- . 

Ra. Qoesto giovine t étato cMtWft Ora ai dice 

che eia diventato baQoOi AfetiB ^o« coraig^o 

di fidarri ^ lai f < * . 



)y Google 



N- 



86 
Afd^ Sì, mi fi4er6» #• ooo «iini jMiitpeniabilo 

Ci. Qual hi «ignMr», ^«lette «oadi»OM f 

JCk. Che teugbiate a Livorno, • potoia io Ofao« 
én eoo ooff, aoeiooohè abbandouaodo le prail- 
cba, lo ooMOÙiot e le oceotiooi cb» ini càrcon* 
dono, pottiate aoeora cambiar il cuore. 

GL Per me 'Tango oocho nette Indie. Con una 

eoapagma di qneata aorta ? con un zio dt ai 

^ baco cuore f ai diapiacarà laaoiar aio padre, 

f mm 9«ando si tratta dalli ala fortuna, anche 

aio padre cara oontanto, e sono dàtpoato a 

.partire in <|oeito momento^ ce ooconrok 

Mat Che dite, ai^or siof 

JIa. Il peocier voetro non mi diapìaoe. Venga 
«o# noi; so non nuacirà bene, lo rlawnderè 
in IlBilia. 

Métf S ae carii aio cpocof 

Bm, W oaooerò in ItaKa' con lai. 

CL Koo vi sarà guaito perioelo. Soa quS, vengo 
via con- voi, m si§nor aio, cella aia cara 
sfosa. (P!/^^) 

aCMM. XV. 



#«. Vd io r aa t t r è fu« 
kfc (y W < wHp )No. 
Mt. Ma .« dnnqne .^ 
JRff. Toi «errale in Olnnda 
Ja Davvem? 
.|l«. Se ^ofirele... 
Mtth Oh, «anrk, venlL 
JWi Vli« ^wpnn, aarrìL ' 
/ \a§cfumiL n.* 4o. 



aio Icnt^? 



)y Google 



86 

- MNciiiuOt «Manlio € datti 

»'..».; 1 . ... 

^VlK. 1^Jglìtl,iii, tolto. quAUft dM f noi. . 

Ai; fiigflor FraoruM.^. 

P<r^ Mio ii«lMi m' bft 4tUo tolto*. . . 

l^aro andrò in Okadii eoa lui. 

P«. Tu? COMtf 

£e. CoUe DOS»» di mooiitar Rainiiicre. 

P«. Dtei da??Mro? 

Ba. Se TI ooMtoBMfte. 

Ptf. Perche non devo «ontenlannì ? UBtlortun^ 
dì quatto iotta forrosu ch« to aoo Tappror 
fasci? 

Ba. A vostra figlia qaioto dareta di dotis? 

PcL La dote, ehs hi afuto soa jBadve, è stat» 
sedici «ila ducati. Qaesti li darò awoor a lai, 
QM eoo tt» poeo di ^vipo. 

Ba, II deoavo di mia nipotó lo teogo io. S*eiU. 
À opotentai dei sedioioiila duoati larsuu) ìin 
giro e dna «ootratti. 

Pa. Ed lo a lei fti assicaracd sopra i miei ef- 
fetti. 

Afo. Le disposbioni di due uomtoi, qj^aU toi 
liete, aoo podno ossero ds ne che approvete. 

CL Monsieur Raiomere e mìo padre sooo due 
pecsooe oha oi amaaa foramexite. Io saoo rio- 
grato, chiedo all' «00 e air altro perdono». 

Po. Tatto 4 aocomodato. Figlio» Usoio ohe tu 
parta. Mi atreppi il vuor*, ma il oiel .rol^se, 
idie prima d'ore t'avessi allootaoato. Qoa^do 
i figliuoli noo riesoooo beoe aSilla loro patriot 
coovieo farli mutar cielo. Le pratiche li ro- 
vina oo^ le occasioiii li preoipitaiio, e le faeili* 



)y Google 



«7 
\ÌL del padre, che il -rìoRdia, .dà loro 3 modo 

di far d«l male. Padri, apecchuitefi iome;ia- 
TigUate iOpra la condotte do' voiiri figliaoli, 
poiché il troppo jimore li rofioa, e clit sa te- 
nere, i enoì figlinoli io dovefo, in «oggesìottt, 
ìa buon» regole, 4 felice, i lertanetas e (jMle 
in aaa fooohìesBi ilttaggior beot» il onggior 
«ootioto bIib: éu Ji pofia »el tanmifh 



)y Google 



)y Google 



RACCOLTA 

COMPLETA 

DEI.LS COMMEDIE 

PI 
CARLO GOLPONI 



TOMO XZI. 



VENEZIA 

tirOGftiPià DI GIUtKPPI 4!fT0MKLlI IO. 

LIB«àlO-CALCOGm4PO 

MDOGCXXIX« 



)y Google 



)y Google 



I.*AVVOCATO 

VENEZIANO 

COMMEDIA 

0,l TRE ATTI IN PROSA. 

BapprMeaiata per la prima colta in FeJiezia 
ael cdauvale dell anno 1769. 



n.* 4» 

Digitized by VjOOQIC 



PERSONAGGI. 



ALBERTO GASABQICI oppocato veneziano. 

Il dottora ^ALAN2t)Nl avvocato bolognese, 

ROSAURA stM ni/mté» 

Conte OtTkTUO, 

LELIO amica <P ALBERTO. 

BEATRICE vedovBr amica S BOS^URA. 

BXiORINBO figlio del fu Anselmo Aretusi, 

cUenU di ALBERTO. 
COLOMBINA, «m^a di BEATRICE. 
ARLECCHINO 9€tv9 di BEATRICE. 
// GIUDICE. 
// NQTARO. 
Um lettore che legge le scritture prèsene 

éate in ca/tsa secondo lo stile veneto^ 
Vn MESSO della Curia^ detto comandador. 
Un SEftVrrOR dì LELIO. 
Dtt£ sollecitatori^ che non parlane' 



ta scena si rappresenta in BnvigOt città 
dello Stato Veneto. 



)y Google 



ATTO PRIMO 



6GBNA PaiMà 

'iéUtamfootm in easb di Leliùt con 
géUfoimotSerìtturet ealanu^ ^ una iMbaiy 
^ ghiera sul itwo&tto medesìMo^ 

AXSKBTO in pesi9 'da eamerà e parrtuxa;die 
sia al iopoSno scrìpendo e gaardandó Ub^ 
« acrìUure, fw uuo. 

*>11. i^X« pur inpoitiliil* ebe «I nuo afertacio 
▼c»gia iooontnr sto ponto (a). Lo. rofoo xe e- 
vSdoota, lo difpoto so obiaro o l'ortioolo co do 
lo lofo decito. 

JCtf. ffigoor AlBorto cho fato voi eoo tanto ato- 
diarof Prendata ao pooo di raapiro; divarti- 
l«iri ao poco. Noo Todaio oha H aol inunootoS 
Sono qaattr'ora aho aiate ol tovolioo. 

'AL Coro OBÙgo, ao ma ?oU beo, laaaaao «ta* 
dior; ato eaaao lo me prono infioitoinaoto. 

£«. 8000 otto gioroi oho noo ai lo altro «bo 
porfaffo di quatto oanta» Uo aomo dal Toatro 
aoporo • dal tottro tpirìto do?rdbbo o quetto 
ora ottoTBo piooomaoto io pottotto. 

'AL ( ^ aUa ) Vo dirò, tior Lafioi la «onto do 
ooBtagQoiiBO 00 la ta atodio nioi oboataosa. 
Qnoadb ao troto do nh ponto (^) do ffoaoa. 
biaogoo fMBprab par abjor9 obo al tb » da^ 

(a) Pma> i lo ateato cbe artìcolo. 
{» ArtìcAo Uga^ 



)y Google 



Mr àéféàtoi UfogM ftvffeder i 4liM S9 
V aferftrio, aranrte a difesa • a ofesa ; • us 
•Tooato, oha ha par m u ti ai a al poato d'ooor, 
DO aa coolaota mai da *•• atasso; a vagli» • 
•oda par aNieorar 9 i a tar easa dal so oUanta, 
par meCar f aoiao lo qaiata a par amantioar 

* ai asb dal pfoprìo 4ratfo. 

b. 9ùm masiinia da par «attfo «^ ooo lio «ha 
dira io cootraaior SaU h r a w a f a ^ flia 49po l?ap- 
plicasiooa mi dooasta il oootaato di godere la 

" 'mistra- aanaisaiaM aaafs r i aai oaa. .8» oha a»au 
•ttoar foì df Inioa §90^ o alla «acMÌooi ho 
aparimaotato io Vauaaia a MiUa EraaUi (a) la 
proDlassa dal vostro S[^to, lepido, ameoo a 
aaviaoMOta gioooso. 

4UL fil^ aa#» matgé % soa aaaa ni ooio da laan- 
do ( ■» piaaa Falagrìa} 90 gho son gha s^go, 

' • «i ao inìipi BO «a aitiao» Bla adasao apo a 
Rovigo par tratar aaa cansa • m par stsf io 
viiagiataBa. Tn a4 sta qaala oho par no ^ 
•• da basa aniciaia m'aà proanrè sta causa; 
ynt 8TÀ Moto f pers«aso sior Fiorillo » va« 
larsa da la laia datola ativiUi io ano causa 
da laala naarcé, a la fidaodoaa da la vostra 
B M Wis i s , EOO oslaiita ah» io sta està da ^otì- 
go gha aia aogati dagid a aapaoì, al m'Iui iato 
iragda 01» da ¥éoaaia a posta, a la so confi- . 
danaa aa tota ripòsta . io «!« Xa aacassario 
noo solo cha aplico • la aaoso 000 assidoitì^ 
■M oha nw oootagoa ia lei pasaa aoi^ serietà, 
par àoradilar la sua parsooo bo V aaiaio del 
giadioa» aho xa no capo oaaeoiialisainio i «ha 
oooaa favaaato a che iavoriasa al Alieola, 

(a) Lungo U /bama BrmUa somo le^pià beUe 
pUleggiatare dei VeneMiam. 



)y Google 



1 

3e, Sa il ho propotio a ttgaot Fitriiifio , ho 
gnrtfteso di ntare mi alto di baoMi omieìcia 
con tatti da«. Con foi, proeurtodoTt qaélt'o- 
nesto prdltto oM iMiìlcramio 1» vostre firti- 
oh« ; con lai| ponendolo nello mani dì lui ov- 
• ▼oealo dotU>, onesto e liDooro, come voi siete. 

Jtt Doto TOTA «ttev; ooetto e tìncero me taiito 
d'eeser. 

Le. Ma qnetta farà almeno non terrete per un 
pooo alla roorertanone ? 

JtL Domaa •• tròta la canu ; oo eredo de pò» 
dar fégoir. 

Xe. dono Sn impegno di eoodmiri, • spero oho 
non mi farete scomparire. 

ML Ma dofof Da ehif 

Z4' In OMa ddla signora Beatrice, di qoella Te- 
dora, di eoi ti ho parlato pi& folte. Ella tie« 
ne eooTersazione ano folta la seuimaaa ; ata- 
aera ci aspetta, e ii eupplieo di ?enlr meco. 

Al* Ma fio a ohe oraf 

tte. Vi starete fin ohe T'aggrada. 

Ah Fio do ore n'impegno, ma gnente de più. 

tjé. Mi contento. Vi troTerete nna conrersaziooe 
ohe forse non tì dispiacerà. 

Al. Tratada {d) che abia sta c«iusa, se godere- 
mo qaatro sorol sema rìsajrve. 

Le. Strepito grande fa questa eansa in questo 
paese; non si parla d'aflro. 

AL Questo za no magior stoolo a la mia a- 
teozioo. 

Le. Ditemi, afete mai fednto la cliente aTver- 
sariaf 

AL L'ho fhta difersa folte. Squasi ogni somo 

(a) Traiiar la causa è la stesso ehe disputa' 
re, secondo lo stile veneto. 



)y Google 



b f»do al btIcoD. L'ho kwoiitftda p«r Urmdmé 
, Un «n h M ferina a dìtoorer eoi medico olle 
gUre io mia oompagoia; l'ho ooosiderada ooo 
qoalche atenzioo, e ho forma de eia ao otimo 
ooooeto. 
Le, Noo è aiM balla regastef 
Jl» Bela da omo d'ooor» bela, d'alia hainria 

oon ordinaria. 
Le, Vi piace danqaef 
AL La cosa baie le piate a tatti. 
Le» Giuoco io, che pia folantiari dal sigoor JF7o- 

rindo, difaoderaste la eigoora Rosaura. 

M, Ve dirò : ritpato al piasar de tratar al clieii- 

ta, sigaro che trataHa più folantiera aiora Ro« 

eaara del fior Ploriodo ; ma rìspeto el me* 

. rito de la oaasa. defando più Tokntiera chi ha 

pia raaoo. 
Le, Forerà gioTeoe ! Se perde qaeata causa, ce- 
sta miserabile afiittto* 
AL ConftsMO el Taro ohe la me la pedi, (a) La 
ga ao idea cassi dolca, un fiso cussi ben fa- 
to, una maniera cussi gentil, un certo patati* 
co missià con uà poco de furbeto ohe ze 
giusto quel caratare che me poi. 
Le, Volete il ano ritratto f 
AL Lo Tedria volentiera. 

Le, Secolo, (gli fa vedere il ritratto in un pie . 
colo rame)ìl pittore mio amico ne ha fatto une 
par il conte Otuvio che defe essere suo spo- 
so; io ho desiderato d*aTerne una copi% ed 
egli mi ha compiaciuto. 
AL Vh belo; el ghesomegia assae; Vh ben di- 
segna ; ■ colori no i poi esser pia TÌTi. Vardi 

(a) Mi muore a compassione. 



)y Google 



g 
qneì ocbì ; tsrd4 qùek boca, e] xe un ritrato 
che pirla. Amigo, te tté prÌTe>étsi? 

£tf. Se lo volete, siete indròné. 

JtL Me fò-uoa finezza, die Tagi^dissO iiiflnha- 
mente. 

X«, Mk, parliamoci schietto. IIO0 torr^ ohe foste 
tonamorato della vostra avversaria. 

jìL lok me piase, ma 00 sod ìnamork. 

Xe. B avrete oaor di soatenere una oaasa oèl>- 
tro ane bella ragazza che vi piace? 

<4i» P«rohè P Parleria anca conira de mi med^^ 



o, quando lo richiedesse e! ponto d^bnor. 

Ztf. Badate bene. 

AL Via, via, no me f% sto torto. Ho me credi 
«•pace da sacrificar il decoro ajfle frascherie. 

2e. E ae la signóra Rosaara sarh presente alla 
trattazioo della causa, come aoderk ? 

jÌL La. vardarò con tuta P indiferenza. 1S1 caler 
dela dFspata non amete distrazion. Co l'avo* 

. fiato ze io rènga {a), ze impiega lutto forno. 
I oohi xe attenti a osservar i movimenti del 
ghidice per arguir dgf segni esterni dovepen* 
de r animo suo. Le rechie le sta 10 atenzioo 
per f éotir fé V aversario brontola, co te par» 
la, per rilavar, dove et fonda. 1^ obielo, e for* 
lifiear la dìsputa, dove la se poi preveder tol- 
li de mira oon mazor vigor. La mente tuta 
4ef0 eaetr reooUa «eia tessitura d' un bnoo 

. ^liscorso che sia chiaro, breve e oònviocent», 
distribuido in tre asseozialissime partir oara- 
tiva, ohe ÌMfprma; iftaon, che |krova ; epitój^o, 
ohe pereuada. La mea p la vita (ó% luto de* 

(•) la renga, in arringa. 
(b) Costnme di quasi tutti fjli avuocàtl vene 
ti nel color della dispula. 



)y Google 



IO 

▼0 Mier* io moto e So atioo | ptfdiA fettéodoa 
sene Tat oeato noo solo de b raton, ou da b pai* 
tìoa del olienta latto al se abaodooa ai orafi* 
meoti de la natura; a la faaoMota, poh qaal «I 
parla, ferra per magiormanta impruBtr ne Fant- 
ino di chi fascolta, a per mottrar coFintrepidei* 
xa, eoi spirito a ool vigor, la sioaraszii deTaoiiBO 
preparii a la rittoria* 

X«. Non so, oooia il dòtor Balantoni vostro av- 
versario Sotaodark guasta maniera di dispaia^ 
re. BgR ^ boTognese, a ?oi vanasiano: • Bo- 
logna si scriTa, a noo si parla. 

M, Beoissimoi la al sorifefì^ a mi parlare. t»ix 
za primo, a mi son saeondo. Gha «1 faglia 
oola so soritara d'alegasion, stadiada, rafisai 
a corata qoaoto che al fol» mi gha responde» 
rò a rimprofiso. Maniera partioolar da no al^ 
tri avocati venati, cha imita al stil e 'I oosto» 
me dei antichi oratori romani 

£o. Veramente i; ana cosa marafigKoaa a fo^ 
prendente adire gliaomini parlare all' improf- 
fiso in atta maniera d forte a si elegante^ cha 
far meglio noo si potrehba sorif endo. B qoeU 
la lepidesza frammischiata con tanta grana 
nelle cose pi^ saria, sansa ponto pregiodicara 
alla gravità della dispata, non iocaotaoo^ non 
iaaamorano f 

AL Quando la za nichiade con artiisio, dite con 
nataralessa , sansa ofender b modestb o la 
aariih, b x& tobrabUl 

Ite. Certo i ana cosa, di cai tatli I forestieri 
ne parlano con ammirasione e con marafiglio. 

AL Ma, caro amigo, tropo tempo m*avè fato 
perder iaatilmeote. Ve prego bsseme stadlìir. 

te, Vb, stadbte*^ e poi andremo* dalla signora 
Beatrice. Poco manca alb sera. 



)y Google 



Il 
"AL Su ttora BMarìoe U Te bUì aolto n\\\ cuor. 
Xe. È una floniMi tutta spirito. 
wtfi. No la atark IqiD ood vtu 
£0. Parchi? 

AL Perchè to, che tu si no uomo tato CQme. 
Zr0b Bene, il di lei spirito correggeria la mia 



AL Se e! spirito moderaste la caroe, felice el 
mondo. El mal xe, che la caroe fa far a so 
modo el spirito. 

Tic, Voi siete ditentato molto morale. Da qaan« 
do io qua tì siete dato allo spìrito? 

AL Dopo che la caroe m*ha fato mal. 

Xe. Quando i così, tì compatisco. Vi lascio nel- 
la Tostra liberili. Andrò a federe,' come sta 
Flamminia mìa sorella. 

AL Referila da parte mia. Diseghe che ghe au- 
guro bona salnte. 

Le* Lo farò senz'altro. A rivederci sta stt9.{parié) 

SCENA II 

atBKRTO solo . 

Aoemo a tavolin ; fenimo de far el somario del* 
le rason. Mq gran bel ritrato! mo el gran 
bel TÌseto! no ho mai visto un viso omogeneo 
al mio cuor, come questo. Ho vorave che sto 
ritrato^ me deverdsse dala mia aplicasion . 
Via, via, metemolo qua io sta scatola, e nolo 
vardemo pie. (pone il tkraUo nella tabao 
cìdera che sta sul tavolino) Co sarà finia 
la causa, podarò dafeitìrme ool ritrato, e an- 
ca furai co l'originai La sarave bela che fus- 
ae vegnù A Rovigo a vadagnar una causa, e a 
perder el cuoi! Sh^ che no TOgio abadar a 



)y Google 



12' ... ^ :-•.•' 

•te ragaazade. Ànimo, , aoimo, (l«fnoghe Jr^iito, 
• lafor«iiio. {scrh^ndo) Xtadonasiion ^00 /iua 
in tempo de mancanMa del fiolL^ 

SCENA m 

Va nasnoMifL pd U saddet0pai wnurDQ, 

Se. Ulottrittimo. 

Se, Il tìgoor Floriodo Aretail. 

AL Patroq. 

Se. (Prtgo il fli«lo dm guidagoi questa «aa^a, 
clm anoh'io arri la inaooia* Noi altri tarato* 
ri degli aTfócali faovtaao pia conto dalla omb* 
«• cha dal «Oano). (j^arte) 

AL L'ha fato I»«d a fagoir. Daramo TidMaMi pe- 
oalada al daiagao aa la naatra .oauaa, 

FL SarfOk aigoor Alinteto. 

AL Sarvitor obUgaiia4ÌBip» |aa st eonoda. 

FL Kqooom a darla iooomodo. (siede) 

AL kaù l'atpetara aoa anaiati. La fa?orista; la 
?egoa araote da aii. Incootreramo la fatora (a), 

WL Coioa fi aggrada. , Arata aapn^ «^ il si«* 
dioa 000 può domaKiBa . aaooll»r la caotaf 

AL Stiuvatina tal tardi aon ata a palaa«o^a|iv6" 
OM aoerdh od gindiaa a «o rararaai;io,da tra* 
tarla dopo disaari Qaasta xa la iftofa», 1^ fa- 
forìssa da 0Qiiipa9oar9a4^0Q Caolpo a aogarir- 
me^ aa «vataakiaaèi <|fial ^oaaa da aaaaojùal/Oela 
wiraliaa dai fati» «al'ioadioa dai tampi, o pela 
oitaiioo dala oaftat M mcòile sigmr Jf»sl' 

<a) Ùkiamam mL nóme tUfiMna vtAspecie 
disommewio eha $i fy 4é./ktti 0. dfiffe 
ragioni. 

Digitized by VjOOQlC 



^0m Jf'emsi poA-e M ìwòiU signor Fio* 
\ rindo^ yha maridà co la moMe signora dr* 

1 S0iwa JUnzoBÌ ne tmHo 1714. Fede de m^ 

gfimoid^ froe* acofi^ i ^ndoteds ducati 
cin^uemile.Contrato marni cui» ricevuUit a 0^2. 
ffmt ùuo k^%kt il signor Ansiamo Aretu$i, non 
attendo jUgUuoli dopo diese ani di matrimo- 
9fi% ha preso per tua fi^ <fdotìpa, deità 
éHilgttrmMte fia fonema, la signora Ro- 
satirtt, figlia del signor Pellegrino ^aUn- 
goni, mercante òolognesct negosiante in fio* 
t/igo, Mestalo che gjuts^fica a cor, 5. 
Ifel A736» el doto tignar Ansdnuà fa dona- 
Ktim de tutto el sua a la deta tignerà ^o- 
sutura. Contratta de donazion a carte 4- 
Ifel 1728, dal signor Amtelmo Arttush e si» 
finora Ortentia Jugaliy nasce il nobile si» 
gnor Florindo loro figlio legitimo, e nùXu» 
rmle^ Fed^ della nasdia a cor. 7^ 
.ÌVtf/-t744» pasta da questa aPalSra pila -la 
' signora Ortensia^ moglie: del signor Ansel- 
mo, e eoi suo ics tomento lascia erede dela 
tua date il signor Florindo tao figlio. Te» 
siamenta, in atti, ec. a cor. 8. 
ÌV«/ A74B1 ed 94 dtavrilt mortensa testamene 
io el nobile signor Anselmo AretusL Fede 
della marte a cor, la. 
Adi 8 magio susseguente, la ignora Resaur 
ra Salanaoni fa sentenziar (a) -« legge la 
donauon del fa Ajuelmo Aretusi per t efeto 
d euedar al possesso de tud i óenl liberi 
de rason del medesieèo, • Domanda . auer- 
earìa, # e. i6. 

(a) ferraio alto leg«l«f con cui si prlactpia «»a 
cau&a. : I 

VAyff. Fenez, b.* /Ji » 



)y Google 



^4 

Ji TtoòiU signor Viorindo àr^u$K <iotnfi figlio 
legUima € naturah del sudeto sig/MP ^19. 
seìmo, si pons ali interdetOt (a) doman- 
dando taggio della donazion. Domanda no* 
stra, a car. %t^ 
'Produzion aversaria d^un testamento del Jk 
Agapito AretusU che istituisce un fideìco* 
misso ascendente a favor dela linea Are* 
tusiy perificà in ancuo nela persona del si" 
gnor Plorindo^ a e. 16. 
F/. Signor Alberto , 10 000 cipitco perche la 
parte arrertaria abbia prodotto questo testa- 
mento ohe sta a fsTor nlo. 6a aa mio asooii* 
dente ha fatto a» fidecommisso a mio favore, 
molto meno Tanrersaria può pretendere nel* 
V ereditai di mio padre. 
AL Mo ghe dirò mi, per cosse che i fha prò* 
doto . Loro i domanda i beni liberi s e una 
rason de domandarli xe fondada sa te miseria 
dela fiola adotiTa, oltrn al fondamento dela 
donazion. I dise: ou domandemo i beni libe- 
ri; per el fio legitimo e nstaral ghe resta i 
fideioomissi, ghe resta la dote materna. Se la 
perde, noi se riduce a pessima condizioo; sa 
perde la dona, la resta senza gnente a ito 
mondo. 
FU Ghe dite ?oi sopra di questo obietto f 
Al- Questo xe un obieto previsto, arguido da la 
carte aversarie; ae i me lo farkio causa, ghe 
responderò per le rime. A eia io tanto ghe 
digo, che soto sto cielo la pietk poi moltissi- 
mo, ma quando no se trata del pregiudìsio 
del terzo. Dai tribunali se profonde le grazie, 
ma la giustizia va sempre avanti de la com^ 

{a) Cootradiaìon ali* atto suddetto. 



)y Google 



i5 

pastioo. B qti«l diftnaor, clia te Aà» d« la di* 
spula pftUtica a comìsaraDre, noi poi sperar 
- goente, sa no V è astistido da la rasoo. 

FL E circa il merito della donaiione , che oe 
dita? 

Al Qua! che sempre gò dito*. La sar2| te* 
giada senz'altro. 

FL Daoqne voi sostenete, che na nomo non pos- 
sa donare il s no ? 

jiL Mi, la me perdona, no sostegno sta bestia* 
lità. L'omo poi donar , ma per donar a un 
terzo, noi poi privar i so fioi. 

FL Quando ha donato non a?eTa figliuoli. 

jiL Giusto per questo , co la sopraTenieoza dei 
fioli se rende nulla la donazion* 

FL Dunque sempre più. vi confermate nella srcn« 
rezza che abbiamo ragione. 

jil, la quanto a mi digo, ohe de la rasoé gha 
ne avapza» 

Fi» Sentite; se guadagno la causa, ne avrò pia- 
cere , perchè si tratta di ventimila ducati io 
circa; ma poi sarò anche contento per vede- 
re umiliata quella superba di Rosaura che 

/retendeva diventare oontessa. 
Povereta ! eia no la ghe n' ha colpa. 
J^ £ quel bravo avfocato bolognese suo zio, 
che i venuto apposta da Bologna per trattar 
questa causa, si fera onore. 
jiL La senta. Tnti i avocati i venze da le cau- 
se e i ghe ne perde; a ogni volta che se 
trata una causa, uno ha da perder, e 
Feltro ha da venzer; e pur tanto sark dolo 
• e onesto quel che veoze, come quel che per- 
de. Co se trau de ponti (a) de rason^ ghe 

(a) drdcoU l€SfU, 

Digitized by VjOOQlC 



1^ 

3M ^ ilécùter per \itta |Niité « per 1* altra. 
De 1». folta se «covra a te rileva da queU 
cassa oha ao s'ha capn^ d)a ao t'ka pra* 
^isto. Bisagoa star loataai àm U aaoaa da s»ft- 
DÌfesta ta^histizia, da i lati fabi, da la calo- 

* nie , da ta invaanodr; da ratto , eo ' ga fogo 
ropioioaf ohi studia, $e sfadiga a a* lasagna, 
no ga altro debito, e nttsuo; za ratpoaaa- 
Lile de la ?itoria. 

pt' Eppure gK avtaraarf eaotaoo gUr il trionfa. 
' Quella impartiaenta di Rosaora ai ha detto 
jeri sera no non so che di voi , che ni ' ha 
aceeso di coHeri. 

Jl De on f Coesa gh' ala dito, cara ala ? 

Fi. Non ve lo voglio <Kra. 

uiL Kh! via, la me lo diga, sa mi gheprometo 
recever luto con Sodfferenze. 

Pi. Semita che bella maniera dì parisre! Sisoor 
Florìndo, mi disse, avere fatto veoini ao avvo- 
cato de Venesis, per trattare la vostra causa. 
L* avete scTelto motte beHo ; era megKo che 
lo soaglìeste bravo, bnperiinftotel vedrai chi 
i il BÌ^or Alberto Gasabooi. 

M. (con bocca ridente) V ha dito , che l' ha 
scìeito na avocato belo? ' 

PL 8), e non bravo. Non vi conosca ancora colai. 

Al. Certo, che sa la ma cogoossesta, no l'ave- 
rave dito sta bestiaKtli che èon belo. 

FL V avete mai veduta Rosanra ì 

Al. L^ ho vista al belaon. 

Fi, Dicono che sia belb. A me non piace per 
nianta. Voi che ne dite? 

AL Lassamo andar sta fradnra, e leodemo a 
quel ehe imporla', k^ me lassa iinir sto a«» 
marieto da le rason, e pò son con ela.^ 

{si mette a scrwéte.) 



)y Google 



WL Fate pota. Mi ^K S^eosa^ 4eK« prandt iràa 
presa dal TOttro Uliacoo ? . 

JL iscdifcndQ.SPnza.guartUmWloHada.) lai 
f • «erra. 

li;, ( Prende la ecaiola^ w'è il ritraUo di 

Mosaura f ofxre^ la Pedo, e ^aUet,) (Goomi 

«h« Tadol lì signor Alberto ha \i ritratto di 

. Hosaiira f 8a^ebl>a inai di essia irragliìto, Po* 

• co fa, quaado Ja trattai da superba, aioitrò 
• «1» .eoéipaMioiiarla ; gli doaaodù se V arefii 

TsdotÉ» QOB ai ha «ieUo d' areca U sao ritrai^ 
. to» Gli. ho chiesto ,. sa gli p*e ballai ed «gli 
ha malato discorso. Gò «li Inatte in gi^m so« 
spstto; mh rorrai^ iOh* agli ai iradisse» 19<% 
un uoao onorato aoii ^ capace di tradire ; te 

• obi m'aasiciira, cha il aigikoc Alberto sia tJk» 
le ? tXom lo conosBO cha per relazioa deU* a« 

. BÌco Lelio» Oifflè, in .qoal . coafosioae ipi trcH 
voi Bommui s'ha da trattar la causa, se la 
■ lascio carrara, sob pieoo di soipetti ; se.la so- 
. apaodp, mi carico 4i spese, di oispiAcarit d*in- 
, comodi • Io 00» s6 che risohera.) 
JL iiélxa) Hq fanio luto, , . 

FL Graa buon labaooci. a? et^ lignoc j^berlo! 
JL De qoftlo ala tolto?. ISA tapi I9 go in 

• acarsala. . . » 
J«t Ho proso, dì i^oasto, il quale ioTft^o di dar- 
mi piacerai mi ha oÈasa gli eco^ uoa po^o. 

AL Kl sark da quel sutilo, da t^fA aha^la 

pianar* 
Ut Si» qnaaté | né tcbaooa che 4111^ (et piaBga« 

re^ a mi «arafi|li« ^oha [toi le taaghiatc sul 



JLho t^DQ per divertirmi 4*^ Tafifioi^a 2 al 
me serva per scarioaiw 

9i Badau chd qm» vi carichi tropf#» 



)y Google 



it9 

AL ^o6«te «fiito. U latta ired«r... (Oiai, «o«s* 
▼•dio? £1 rìtrtto de liora Rotaara?) 

Vi. Signor Alberto, fatilo è il ritratto dtOa mia 
aTTersaria . 

JlL 8ior •!« al xe «1 ritrato da tiora Rotanra* 

PL Chi cuttoditca U ritrato mostra d'amare 
V originale. 

AL La ma pardoM^ la dita mal. Mi ma dilato 

' de mìoiatare; ae la Tegmrli a Vaaeata, la ve* 
darà io cata oiia ana pioola galena de ritra- 
tl, tati de «ente che oo oognotto, de dono 
ohe «o ao chi le aia, B qaetto Fandarà ooi 

- altri a la madealma condiatun. 

n Ti para quatto ira ritratta da gdltria? 

AL El ga al to marito; Vh ^beo ditegnà. La 
oaroagion no poi etter pia natoraL SI pano- 
giamento <e molto viro. La varda qnele pie- 
ghe. La Tarda coma bm ategiada quala tetta 
« quela man. Io quei qaatro tochi do chiara 
acaro, che forma una tpeasie di architetara 

^ io pioob, se ghe vado el maettro. Bl za uà 
bel ritrato. Sior Lelia lo gaveva, Tho vitto» 
d m* ha piatto, el me l'ha doak, a al terTirii 
per eratoer al tramerò dei mii ritrati. 

WL Amico, parliamoci con libarci. Anch' io ton 
nomo di mondo, o ao benittimo, che ai dan* 
DO di quegli actalti da' qaaK V nomo pii tag- 

• gio non ti aa diftodere. Se il ?olto delle ti^ 

< gaera Roaanra ateate latto qnakhe imprettio* 
■e nel fottre cuore, malgrado ancora della 
vottra virtà , fi eompaiirel iofioitameate, par« 
t\A la nottra mtaevabila umanità per lo pia 
à toggetu a soccombere. Solo tì pregherei 
ti confidarmelo , a avelarmi odia sottra ìmII« 
aincerità qoett' arcano , e «i prometto da no- 
nio d' oatra , che aa vt aantita^qaalcha riptt< 



)y Google 



gnants nel difcad«nm oonlfo Rofturt, vi k- . 
sowrò nella ▼ditta pkaif flnia lib«rth, vi 4i« 
•penserò dall* i npefoo in eoi nete; e'aejtoii 
vw9éein di offendere la f oetra delkatecsa , tì 
«•ibireì tutto il prtuo delle toitte latishe, e 
4i più Emioni» per «oiinarTi • eonfidaraù la 
▼erìtàu 
M. Sior Fforìado, v' ho laiili dir, v' ho la^sV 
afogar eenza ioteroaper, eenza dcieoderine; 
rfdMto ohe avi femo, brateoMute parlare ni. 
Che la nostra umanità aia fragile no lo nego; 
éb» tiD omo savio f prudente ae possa ina* 
iporar^ ve l'aoordo; bui ohe un omo d'ooor 
•a lassa portar via da noe eieea passion, eoV 
pregindisia del ino decoro^ de la so esUmi« 
aioq, l*i dificila più de qael che cred^, e se 
in tal materia ghe se sta e ghe xa dei oat'f 
vi esempi, Alberto oo xe capace de teguitar- 
li. El d abitar che vu ft de la mìa onestar 
da la mia UÓBt sa per mi una gravissima ofe- 
aa; ma no sotf in grado da rasantirmene,' 
perché el mio reseotimeoto in alo caso el pò- 
daria «ntentiear le vostra parole. Son ^aa 
per defeoder la vostra caosa, eoo qaa per 
tratarta. X«a tratarò per rimpegno d'ooor pia 
«he per qcwl vii interesse ohe malam e n te . e 
fore de tempo av4 avndo ardir d' of etirm a> 
Tederò con che calore oon che enor, conche 
animo sostenirò la vostra difesa. Conaaserò 
alora chi son, va pentirò d'avarma ofeso con 
an indegno aoapeto, a imparar! a pensar magia 
dei omeoi odmù, dei avocati ooorati. (parte) 
K II signor Alberto si scalda molto^ ma ha 
cagione ; no noma di delicata tapatasiooa non 
può eoSure un'ombra che lo pregiudichi. Io 
mi sono UmqìaKp traspocuiro un p«9o troppo 



)y Google 



2«- 

daSi painoae. Bfc £«BMef 6fi tc^ò 3 ri* 
' tralò JR Boflartf% ««I taraCao, • inm Ho ^ 
sMp«ltar«? n 9Q9pm9 è flMho Lea fàmdkto, 
E tatto qad nUa M aigaar Albttiti» *éa 
poIreLbe aMcre proADifo dai lispiaoar« di 
^^à^rn tcap ferte f ffo^ «aa ma ▼agiUr tvqotf- 
lare. Doanm si traltatà .la cauta, a 9àr% f^ 
aita. ^ éc li eatisÉ n pard«, «teaa arf larett 
dal c*p9^ thè raVffoeaia boi» mlalifcia tradiro 
pv TatoHra le Mlene édt Mi^tr§Èrìa. (parte) 

' SCKSklV. 

Camera di ctmv e rs eAì< me in casa di «utAi» 
ce, rvjt topolini da gbu>eó, seSe^ battio e 
guitte, h gnah cose mal disposM, vengono 
poste in ardirne ila eoimàWMà e axicocsono. 

Col, Ae'iiBO spiecianiOei ; c'appratta fora dalli 

ooiiverianoaé.- 
Jr. A ni no a'ìnlporta da Tara da la conrir- 

éazioa; fiiè pttm€ qnéìn 09 la eèaa. 
Cól Ta BOB peaù èha a maogiare» ad ff ne 

iacea a far qaelld cbe dovreitì ftir ta. 
jir. Cara Còloiobìna, aon ono da podeite re* 

far; te ti ti «fadighi la mk pntt^ ai ma- 

gnarò la toa. 
CoL Oriè, ora non 4 tenpò di baftelle^. Bìto» 
' gas fefeiettera io ordioa qttfettl ' iévoCih e qua* 

•ta aedie, e praparara le carte, perch^ eoo» 

«tei, questa aera vi tai% cdafSTUMddbe. 
Jr. A la cooTersBzioQ cotta fai delle eartef 
Coi. Oli bclt*! ^aooano e ]gìoocaoO di grotto. 

fletto tutti aAiici qoallì «IVb vengoooio quatta 

otta, na vorrebbero (tonerai ipogUlrc f uod 

.^oa'Tttilro* 



)y Google 



làr. La tMÌg Uk etw I jpo^AM* li ffdJMM, • 
«Im b .r«étMM io oateit*. 

CoL Ob «ott vi 4 Mrieolo} U |)«4fMMi non p«t« 
dt mal O pir ioruina, o par ooBtMMtoM, p 
f er canplii&aiilo^ aa TÌaaa tìrat ta fwrda »•■ 



paaa. 

Ur. la a 



atà aiaflSéri ?oria sagar ««ca m» 

QoL Ma quatto priTiIagio è aolo par Jè doBBe. 

. Gli oaiBtot pardans • rolla di collo, tf a ho 

▼adati paraechi ia guaita eait roviaar ti. Veti. 

gODO a conTartaaionat a fi travaao la «Mifora ; 

▼eogoóa allafrìi è partono dicparatì, 
'Ar, Ho tanti aooa mi qaabka volta a ba<taauar.M 
Col, Ecco la padrona. (^ s* affretta JteW €uxom»' 

dare guanio occorre) Fratto, la aadifl. 

SCENA V. 

BUTAici e dettL 

Be» E quando la fioirata? Tasto fi viiola ad 
• aaeomodara quattro t«dia? 
Ar. Colombina no la fausta mai» < 
tal» Se non fotti iol Gottoi non 4 buono a 
nolla. (regolande àna sedia poeta da Ar» 
(eechino) Quatta tadia qoi. . 
Ar. (la scompone) Siora no, It vh qaa« 
Col Ì^Qm VA bona. {iafwUUedme era^ Ik 

voglio qoiv 
Ar. Ti k un' ig 
CoL Sai nn. 
. Ar. Sott al diavoto eha ta carta. 

(getta tem raUia la sedia in Xprm) 
Col. ÈL tua quati* affronto f 

{ntgetsamga verse Jàrie^hind) 
Se. Sieka pasti ( 



)y Google 



(geUa in terra mriciifa ^edU^ 
#0. k ohi clioo? T^OMnir), così mi ulibìditet 

Vt ctcoerò Mitnaibi di osm. 
iki, (rìmeUe mna sedia) Coa ooltù bob « può 

TÌfere. 
Ar, {rimette M altra sMa) Gafit fé ioiati^ 

natsada. 
€b^ (piio/rnii«l<»r2^/ierMJfé£ri0)Seoo0roaf'iot 
j!#r. Latta ttar, ehe toeoa «mi. 
CoL Tacca B «^ 

Ifr. Tocca a mi* ' . {si sente jUcehiare) 

Be. Fiechìaoo. 
CoL Vado io. 
Ar, Toca a ai. 
CS0^ Tocca B me. 

(partono tutti e due, e lasciano la sedia 

in terra) 
Be, Tocca a mt, . tocca a me, e la acdia bob 

ai 4 lavata. Gran paziMza vi ? noie con cotto- 

ro. L*ora t*afaoaa, a la coBTaràaxiooa quatta 

•era ritarda. Se bob giaoco alo io peaci Gun 

M dirartimaoto è il giaocaral 

SCENA VI. 

^ ios4VkA, U dottor balanzoni e detta, 

Be. Beo ▼CBBU le aigaora Roaanra, 

Ro. Reo trovata la cigoora Beatrice. 

Se, Serva diveùttima tigoor dottore* 

Do. Le faccio umifituoia riverenza. 

Ko. Sono venuta a ricevere le vottre grazie. 

Be, Mi avete fatto un OBor «ingoiare. Spero 

che avremo nna knoaa cooveraazione. Favorite; 

•QOOOMldMvU. Si$BOf dottore « t'accomodi. 

iBaj^fftra sieda) 



)y Google 



Do. Se la mi Sk fiocoui litogoè tW io Tada 
I per an affar* IndìspeDiabiU. Ho aecompagiia* 
k fa wùÌm BÌpotf, par altro io non jpua raatars 

« godara delle aoe grasia. 
f Be. Mi dispiace lòfiDÌtameota* Ma qaando al- & 
apiooiato èoroi; ood oi prin daDft Ma eoo* 
I Taraasioiie. 

2>o. Toroerd più presto eh'io potrd. La rìogra* 
aio della bontk fili^alla dimostra per «a sua 
l>QOo aerfitore. 
B€» Anzi mio padrona. Dloa, signor dottore^ 
speriamo bene oiroa h eaaM dalla aìgnord 
Roaaara ? 
Do. Spererei ehe dofesie anelar bene» 
Be, La di lai tirtà può tatto promettere^ 
Do. Farò cartameote tatto qacìldlehe io potrò. 
I Be, B poi 1* amore ch^ella ba per h nipote^ 
maggiormente Fimpegoerk a porvi tatto lo 
atadio 
Do. È Teriasimo, l'amo teneramente. Ella è fi- 
glia d' OD mio fratello. Sono tenato a posta 
da Bologna, ed ho abbandonato i miei interes- 
éi, eoo tanto pragtodisio del mio stadio, per 
Tenire ad assistitra questa buona ragaaza* 
Be, Veramante la signora Rosaara lo marita. 
Do* Orsùj ti^oora Beatrioa, i rÌTaderla é riVe^ 

rirla. 
Èe, Serra aaa. 

Bo. Tomi presto, signor aio. 

Do. Sl« tornerò presto ; Tsdo ad open/re par ?o% 

vado a portare #1 giadioa la mia scrittura di 

allegaaione. Voglio dare una toccatina sul pan- 

I to della donaatona, per aentire com'egli 1aio« 

; uade ; per poter questa notte trovar dalle alCro 

regioni, delle altre dottrine» aa iion bastaasero 

I qatUìi ght bó ritrérato fio' ora. Fercb4èogla« 



)y Google 



mò Sy» aot «Itif èàtHtt: M^a toUìkM 
SGBIIÀ Vii 

Me. Go« ai^ patm ite ptrnnre il litiaè» 

i7o. Eh! signort Beatrìoei, mio.nd aptra «oftoi 
. mt h aftco poihiÉIUM. 

JKe. Ptrchir 

Bo. Perche eoo qnanti fNirlo ^i questo Ctuta» 
tutti mi tit^òoo cIm ^'4 da temere. 

Be. Temere ei deve tempre. Bfe «i éere «ned 
éperere. Vof trft mo «a quel cÌm ai dito ; è mi 
, «amo di garba. 

Bà^ Sii è faro ; mio aia aa qoaloha eoaa, ma «od 
h pretioo detto etile di qoesti paesi. Sgli ilia 
cdo queste eoa aUegezioai, eoa qaeale ave ia* 
formaziooi« ed io ao ohe il giadice dob f he 
velato, a tiOo lo tuole eKoltare, me gli ha 
. fette dire «dia k eoe ragiooi le aaotiri So eao- 
tradditorio, il gtorao deUa traliaaioiia ddla 
oetisa. 

Be. Domani ferk spiccare la saa TÌrtJi. 

Bo. il signor Floi^indo ai è provveduto d'oso 
de' migliori avvocati di Venezia , ed 4 qtfestd 
qnello che mi fé pia paaira. 

B€, Mi vien detlo^ che questo signor avvocala^ 
oltre, f essere eccellente «ella eoa profesifiaaei 
sta poi un noma pieno di boone maasera, a 
di una amenissima conversasionat 

Jlo. Agginagete, a» uomo bea falto^ eoo vpa i- 
dea ohe colpisce, e eoo noa Irina the ^ 
^anta» . . 



)y Google 



Bè, L*»i%M Tèfutòt , • 

Ba. ^ riiOTedato. . 

Be. li no bell'aonio danqa*?. 

Bo, Di btltèti^ noti né o'inteiHio, mi ie ra« 
▼ei«l • ^giudJMr io, lo jireftrWel a<l ogni altro» 

Be, Gli STet* mai piirbto? 

Ho. ViM ffolt«, Bra egli «o1 me^M). lo^ ohede^ 
si<f«^T« Poòc)ist<OM di sentirlo di«eorr«r«, mi 
ferrati eolia «Mrira é ohiédarè aluedie^, t'^ra 
tempo di principiare la pnrga. Qael gratìo« 
aisàitne ▼tfiietiaiko evitò pnKtÉoieace net pro- 
posito delle piirga, e mi he deite U pia bél« 
lo e frisxsnti eote del moodo. Cara amii0R , 
eonfeiso il i^ro, da qnet giorno in ^ua pen* 
eo pifc all' affocato evteVflério, di qtuì dl^ to 
peofieia Inia propria eaosa. 

Bc, Questa k no'atrentore bellifiitoia. Se si pò* 
teste credere di' egli eresie deNa stima (tee 
▼oi, potreste molto eomproaMiterfi ilei caso 
in etti. siete. 

Bo, Dopo di qnel ineootro mi tia sefotetò eon 
no poso pia di d&ttenzlooe, 'e spero noto essere 
gli iflrdiffiireiite. <}i6 non ostante, erédetemi, 

' niente spero^ 

Be, A buon conto, stessere ferrìi qui «Ha «oa« 
terseziooe. 

lU/ DefTero ì 

Be. Seos' altro. 

Mo. Oh ! mescMna me I 

Be. Dovreste anzi aveiree -pieeeNw 

Ao. Mi ei gela il teogae ielamente e peeskrvi. 

Be. Più bella oeoasione di questa non potete a- 
^•re. 

Bo. Per amor del cielo, non mi fate Aire otta 
caliiTa figura* 

Be» Noe tono gìh noa ragaua* Ho afmo nari- 



)y Google 



lo • io U TÌf«r dal modlo. Sapttaf c1i« ¥i fii» 

aeinpre foluto btQ9, e defidero fvdeffri <|aie« 

!• e ooDtttnta. ' 
Ho. Ctni «mìoè, qaioto ▼■ aoo ItouHil 
Cd^ Signora padrona, è qai il tigno* tfonC^ O^ 

tavio» che forrebbe riferirla* 
Be, Veoga pare, è padrone. 
Col» (So alla oonrersaxiooe ooo viene' di aiegUo. 

^aeeto eignor eoate ae ha poohi da pordore. > 

(parie} 
A». Qnaoco ni annoja quatto aìgoor eonte f 
Be» Vi aoBoja? Nob ha egli da «itera voaCro 

epoto? 
Bo, Si, il mio tignor no mi ha fatto quatto bel 

aerviaio. Mi ha latto promettere ad ano» per 

«ui non ho nh inolinatiooe, nA aiaore. 
Be, Ila perche FaTete fatto^f 
BO0 Per necetiitii. Mio tio & T aoioa pertooa 

che io abbia al mondo da potermi fidiare ; e* 

gli mi minaociara di abbandonarmi, ee aoo 

lo feeoTa. 
Be» B il conte vì.vqoI bene? 
Ma. Mi fa qualche finesse, ma non mostra gran 

patfiooe. Io credo eh' egli faccia «IT amore ai 

feotimila d acati della mia eredith. 
Be. Dicono che sia nobile, ma di poehe fortoae* 
Bo, E qael eh* 4 peggio, dicono che eia no (to- 
mo che viro di prepoteose. 
Be, Siete ben pasta te lo preode^ìw- 
Bó» Ma come ho da làraP 
Bà, Io, io n iotegoerd il modo di libertrtene; 

n» eccolo. 
Ho. Guardate, te cott ^atUa cera hroica nooft 

paara f 



)y Google 



acENà villi 

a conte OTTàviOt e dute, poi,otìi.onum* 

Cp» Serntore uaulUiìiiio di lor signore. 

{le donne si alzano^ 
Be, SertM, signor conto» 
Cà, Sìgàora Eosaara, ho riverlio ancor UL 
Ro, Ed io lei. 

COé Non ho intaso oha mi abbia favorito* 
Bo». Questa sera avrii ingrossato 1* adito» 
Ce. O io ho iogcossato F udito, o ella ha assot* 

tigUata la vooa. 
Eo, (piano a Beatrice) Che bella graziettal 
Bé* {piano a Bosaitrài È un umore enrioso* 
Co, Come sta, sigoora Beatrioe? Sia bene? 
Be, Bèoissimo per aarTÌrla. 
Co, (a Bosaura) B elle, oha ha , «ha mi pare 

acoìgUata ? 
Bo. Che vuol ohe io abbia? Penso alla mia causa, 
Cok Per dirle* questa Tostra causa credo «oglia 

andar molto male. 
Be. Perchè, signor conte? Il signor dottore «a 

della siguora Rosa ora spera bene. 
Co, Che eoaa ea quell'animale di quel dottore? 
Bo. Signor conte, parli con rispetto del mio^ sio^ 
Ce, Fo umilissima .merenza al signor zio ; 

ma vi dioo» che se baderete a lui, perderete 

la cause, o resterete una miserabile. 
Bo. Perchè dite questo? 
Co, Basta; questa causa la finirò io É venuto 

questo signor Tenexieno, ha messo tutti in 

•oggeziene, U treoiar tutti, vuol vincer tutti. 

^ol portar via la causa, vuole abbattere gli 

•TTjMfACfft T«4 90oqiuiy«C9 UpMie*, ma nie»^ 



)y Google 



*» -. .. 

te, ooD do* dalle «>• pinll nr ia|itogii« olle 

domallSna tt m toma pmr ta pMU aYtoasM. 
Jto. E poif 

C^. E poi la ea<ite «ar4 Ami*. 
Ro. Nao ▼! «aranoo altri difaMOcI dal ugnot 

Fiorì ndd f 
to. Ohi atrlk T ardirà d' intrapreodara qneata 

canta l'afrk da fora eòn «M| 
no, SÌgnoIr «ónta , in qttaatì pa«ai noa ai «atiw 

prepoteoio. 
Coi Che coi* tòno qavita prépottaiaf la noi» 

fa prepotente. Mi ftMtio glnatitli da na SM» 
' desino pcf riepartniare ìe tpaaa d4* tnli^ntli. 
Cb/1 Signora, k qui il fignor LiKo oal tisPOre 

*^Bnrooattt tett«xiliad. 
Se, Oh ! braTiatimi. Ho piaoart. »l lifo eh* 

passino. 
CoL (* tniia eootanta'.^^IItma^atto dovrabba «- 

•ero no bnoo pdHaatrO per dargli «na pelati* 

ne col giaooo.) ^ (P"^) 

Me, Caro iigoor coatt , ti prég«, ••' cnaa nna 

non promorate diteoral alia abbiano a ^atnr^ 

bare la con?arsaiione. 
€ó, 9i signora, aarli aertita. 
Ro, (piano a BeatHce fra forv) Tifalo daea^ 

pò a pie. 
Be, PerchAf 
Bo^ Nod lo so 



)y Google 



SCENA UC. 

AiBBVro oèstko In abito d$ gaim, imo e dee* 
ti. S* incoiìtrano,\si salutane con reciproche 
rwerenMe e fUaftJie ptùiia di i>ispet$^, pCi . 
tome teg»e» 

AL La perdoni, Miidldoiia (a)» TanSir «ha me 
- «Oli praa« <i« reitirgha « dar ^ prattnt» itt* 

comodo, anittilh dal aSor Leli» , che di* ha aia« 

^Sbnirìi de la 9o booti • de b ao gteiUnta. 
^. n figoor Lelio mi h* fatto uo over aìego^ 

lare « daodeiBi il fantoffiìo di toooteere im 

aoffs«tto di taoto eaerito. 
Ah La aapteoo «oapaoder, rif nardo a ai^lt tropo 
. faf orar ole prevansioo, percbi aareodo da «o 

jnerìtarlai la ne ferrtrio de rbs^or. 
Be, Lo di lei oodef ^ ooo fa che Moresoare 

il frogia 4elta di lei tirtè. 
Ale Taaerò, oo perchè mo luiinga ^% nerltar le 

atte lodi» ma per oMÌooraria del mìo riapato. 
he. La prego di oooomodarii. 
AL Per attor del eielo, aignori, h aitppKoo, oo 

le atia io diiagio per mi. 

(Tutd mèddnù, Aìb^to vicinò a Beatri€§t 

Lelio picèno ad Alberto, dMaàrajfoP' 

te Mosattra^ e presse Bosattra il conte, 

te. (piano ad Alberto) Che ne dite? A ano 

belle ooarerèoxioDe f 
AL (piano a hdio) Aoiigo, me f atA fata. 8o 

credeva gbe ioata Mora iHot ahrà , tio i^he far 

gnifa. 

(aj 'fermine di gàlanieri€kt cm Ctu 4i ^^^' 
Muo le denne dpifi, 



)y Google 



Sa 

£«. {pìaHù fra loro) BiflraleU con qaelf indlf- 
fereost con cui la airwMte d^ftati al giu-> 

[il^. altro Kt «1 tribaiHif» «Itro wé U. cnnitf 

•azioo. 
Ifo. (a jRtf^òsm f^MUio) Anùet , die t?«te éb« 

mi par0t« sorpresa? 
J{o. (Pagherei itoo libbra di saogua a non es- 
ser qui.) 
Co* Signora Rosanra^ qaalche Tolta fsTorisca an* 

oor me» Io non soo qni per far aomero. 
Bo. Ohe mi comanda, signor conta F Vuol die 

gli oanti una oansonetta ì 
Co, (Impertioente! quando sarai ima soglie le 

scooterù tutte.) 
'Al* (a Lelio piamo^fra loro) Chi elo qoel si» 

gnor ? 
Le» È il conte Ottavio, quello ohe de?e essere 

sposo della signora Bosanra. 
AL Caro amigo, non me dovevi menar qua. 
Le. Se mi parlavate chiaro, non vi conduceva. 
Be» Signor Lelio, come sta la signora Flamima 

vostra sorella? 
^Xe. Su un poco megCoh tX eoofue le Imi latto. 

bene. 
Be. Doqiatóna foglio ventre a vederla. 
£«. Le farete une finesse peróoolare. 
Be. {piano a Bostmra fra loro} Volete venire 

ancora voi? ^' 

Ho. Dove abita il tigaoc Alberto? 
Ba. St 

Bo, Oh dio! non so. 
Be. Signor Siwocato. 
jìL La comandi f 
Be, Goaosce questa u^ra? 
AL Me par de averla vist% e refenda qualche 



)y Google 



5^. 
▼olii, aia non ho V ovor cit conoieorla precU 



Be, QoefU & U tìgnon Rosaura Balaosom, di 

lai avvariaria. 
AL (si alza) Cara zaniìldona» ma riacratoa infi* 
DiUmeota ób trovarme in necesfìik da dover* 
gho assor avariano; ma la aa ooosob, ohe a* 
▼endome aTeriarìo mi, al za un capo d* avao- 
tagio per ala, parchi la mìa ioaiificieoxa darh 
maaor rifatto al marito da la ao raaoo« 
Ho. La riograùo infioitamanta par al gaotila a« 
•praaaione,- ma il mio aoarao mariio^ « U mia 
caoaa diiarvaatagiofa bau maritavano un dt- 
feofore aì degno. ( 2Con ao quel che io mi 
dica.) 
JL (a Lelio a siede) {Lz m*ha copli.) 
Se. Domani dunque ai trattarti queata «ansa 2 
Ai. La corra par doa»an. 
Be. Sarebbe una temerità il chiedergli ooma la 

incenda. 
Al. Se oo Tintendetae a faior del mio oliente^ 

certo ohe no m'aepooaraTa a traturla. 
Be. Dunque la signora Boaanra sta mala. 
AL La aignora Rosaura ao poi atar maL 
Be. 89 perde l'eredità di Anselmo Aratoai, ohe 

la rimana? 
AL Ghe retta, na capital do merito, cha so xm 

togato ni a disputa nh a giudizi. 
Bo. (con tenerezza) Ilaignor affocato mi burla* 
AL No aon eaaa) temerario. 
Ho. (piano Jra loro) Beatrice bob posao pia. 
Be. Pasianta, pazienta, cha andrà bene. 
Co. (Qaasta cara Rataara, ni para cfie gnar* 
di oon troppa attamoone il aigacr faaeaiano^^ 
La finirò io.) Signor atiocatok 
AL PattoB mio raftiito^ 



)y Google 



Co. (io chiama a se) Udì pwoki io gta^. - 
AL {a Lelio jnanp fra loro) D« ch« ptt»è «9^ 

lo quel tiorf 
£e. Credo sia roalagool«^ 
AL El g& dttl poledrm dvlfA Marcia 
Co, Farorìacef 

^Z 3on da ehi. (Mal TOgio godar sto aior vt» 
magDolo.) (y o&d e ^li pm fnchto) 

Ito. (Cha maoieracoa ha il coste <! ) 
AL (plano fra Ìoro) Cdttt comtiidaK aìp 

patron f 
C^ A che ora vi levata la fDattìoa f 
AL 9«goàdo; ma pa^ al pie o tersa fon aMipro 

in pie. 
Co. Domattina, subito che aiata aliato, vanito al 
oaflf^, che ti ho da parlare. Me venite aelo» •. 
con segretezze. 
AL Veramente, domatine go no poeheto d' ofaiv 

No la podarie mo ahi favorir a ette ? 
Co, No, non pofso. L'affare è geloso*- Yoaìto* 

che vi tolrnerk conto. 
AL S9 Vk per qualche causa, le aapia. che van 

go via, e no me posse impegnar. 
Co. Non & cenfa; ft no effere che davo pfeioe» 

re pl& e voi che a me. • 
AL Basta, vedrò de vegnìr. 
Co. Del vedrò non di! oon€aiito; Mi ovete da dat 

parola di venire. 
AL Ghe dago parete, Tègoirò. 
Co, Non oceorr altro: 

AL {V ò al p(è b*l molo del «oodo. So poaso» 
domatìot vói devertlrtiie oot soeanOtfela). 

(totna al 9m posto) 
Be, Signot Alberto, al dilette di gittoeetef 
Al Qualche volta, co go tampo. Però pei dt- 
vectimsoto, no mei per viriog - 



)y Google 



e . ... ^ 

Be* Sa si vqoIq divertire, ci Uneh grexia. 

AL Per «sbedlrla (arò luto queio che la ootnao- 
cU. Ma sior Lefio la «b« • do ore bisogna 
ehe me retira. 

Bo. Il iigiior Alberta ha 4a ritirarai per pensfr. 
re contro di me. 

AL La me mortifica ccm j^aton, ma ghe prole- 
aio, cba aampre do peo«o contro de eia, 

i70. Può darsi ; ma in mio favore no certamentp. 

^JL (dopò aver guardato Bosajara patetica» 
nunte) A che zogo eomandela che U s«rva? 

Ro. {piano a Beatrice) Sentite come muta di- 
scorso a lampo f 



Co, Signora Rosanra, col suo bello spirito pro« 
ponga ella il giuoco che a\ha da (are. " / 
Ko. Anzi ella, che è Unto gentile nelle ooover- 
saziooi. 
I Co. (Fraschetta! se non fossero i ventimila scu* 
di« non b guarderei.) ~ 

Le. (piano ad Màerto) Que* due sposi non sì 
possono vedere. 
I A!, (A lo par che la ghe ìnzenda (a), e par 

mi la saria tanto, aucaro.) 
I Be. Siamo io cinque; a che giuoco possiamo 
ginooare? . 
Co, $« giuochìamo a trasette, colla signora Ro« 
I «altra non ci voglio stare, 

fitf. Parche? 

Co. Perchè non aa teaere lo carU.io mano. 
^0. Obbligata alle sue fines&e. 
I 0> U parb schietto. Facciitmo cosh Io a Usi* 

Roora Beatrice. • 
I ^t' (IJrlma io.) 

^0- L'avvocato eoo Leljo. 



(•) Por che gli riesca amara^ 



)y Google 



34 

AL (El pirli eoo an imperni cht ti ptr K» 

^0. E U ngoora Eotaon boa iia 4la giaocu-e? 

Co. Se non o« sa. 

«a. (fl/ Colite) Senlite, io bob so gioocara ; mm 
Toi sapate poco il trattare. 

Co. Verrò a fCBola da là. 

AL La lassa che la aoga, che mi. se la sa eoo- 
tenta, 1* assisterò. 

"Rù. Voi ooo dovete assistere la Tostra aTrersaria. 

AL Ma ooo la me mortifica più. V abia aa po- 
co de conpassion. 

JRo. Non posso ater compassiona per toi, se voi 
ooo r arate per ma. 

AL (Sia maledeto, quando son tegnA qua!) 

Le. (L'amico i agiuto. Mi dispiace esserne io 
la esgiooe). 

Be. Orsù, per gioocar hilii, ginochiamo alla bas- 
sotta. Il signor Alberto ci faforirà di fare un 
piooolo banco. 

'AL Volenticra ; la servirò eome la comande. 

Be, Chi i di là? (tfengono servitori). Tirate 
avanti quei Ufolino, ed accostate le sedie. (/ 
servitori eseguiscono) Portate doe mazzi di 
carta baoae, ed on mazzo della tecchie.^ Se- 
diamo. Qua il sigoor Alberto , qua la signo- 
ra Bo4Bura, e qaa io. Lk il signor Lelio, 

Co. {fHÒno a Bùsanra) E qua io ì 

Be, Lèi, se fuole. 

€o. Perderò senz'altro. 

^o* Perchè? 

Co, Perchè qaando giaoco, le donne flcioe mi 
fanno cattivo angnriOk 

So. E toi andate dall' altra patte | chi vi 
tieoe? 



)y Google 



Co. (con ironia) Oh! voglio f tare pretio humn 

Oftrìstkna «IsnoM tpost. 
Bo. ( Mi fa f«oìre U vomito^ 
Co. (NoD la posto T«der«}. 
M* Eccola serrida d* nn poco dì moaede* La tm 

defertifta. 
Co. Che baoco i ^aallp ? Gradata dì gìuoear col* 

la aarvaf 
AL Quaranta o cioqaaota ìitm ^a banco, per 
ao piccolo difcrtimaoto^ m» par, che qoo sia 
iocoovanienta* 
Co, Se noo vi i oro, non matto. 
Jl. Bao, per servirla, motarò da Toro. 

(capa una òorsa, e pone delt oroin banca) 
Be. Eh! noo vogliamo... 
Co, Lasci fare. Oh! qaeala h balla. VogTìanio 

giuocara coma vogamo noi. 
Be, (È pieno di buona maniera gneaCo signoff 

coate). 
jiL Quatta xa trenta sacchioa ; gba battali f 
Co. Fata bnono aulla parola f 
jìL La venza questi, e gha pensaramo* (Soo l« 

tei impcigoo, bisogna starghe). 
Le. (Mi dispiace averlo condotto qm). 
Al, Ho Ugiii, le metn, 

Be. Asso, oo filippo; metta, metta, signor LaCo* 
Le, Due a tre Ùre. 

Co. Fante a nn secchino. ^ 

Be, E voi, signor» Rosanra, non giaooataE 
Bo, No, perderei certamente. 
Be, Perchè dita, che perdereste f 
Bo. Perchè il signor avvocato è venato • Bovi* 

CO per farmi perdere. 
AL Pezi«Bsa ; In ma toffoenta «he la ga raaon. 
i^' Io ?t tormento da ««herao. • voi mi *Hf 
•wuu de itroj 



)y Google 



Co. ktnm^i %\ gjttoe» ^ «#« •! |koe« ?• 

AL Soo <]ua, tufùio. Amo» òa • fwits. (jtagtia) 

Fante ha Tftdagtìli. Eoe u» aeohtii. Da hm . ivh 

dagnà, eea Ire lire. Almo f«dagoai eoo iiii.l^po. 
Co» MmooUn la corto.. .... 

JL {mescola le carte) Coinè la ooflMM«|a» 
X>>, Losoiate vedere, le .voglio lai a o ìor e ««oli*i« 
AL Patroo, b se comoda^ i^a Beatrice) Btso- 

go9, cbe ei aio otcioo o xo§er oon dei fft 

rabuti. 
Be, E^ UQ cooto che costa fòco, (jfiuto fra dare) 
AL Elo coote, coolio o cootodio ? 
Co. (dà le carie ad Aló^ Tooole. Fioto • do* 

lecchÌQÙ . . . ' . 

Be. Asso o doe filippi. . 
ZtCk Dite cioquè lire. ... 
AL (a Bm.) e oUoft ìoDmU? 
Bo. Io ifoo fiuodo eoo obi. ao indoro e. «ìooo^ 

(|uando vuole. 
Be.'ZUÌ via« mettete. 
£o. Quattro a due lire. 
AL rio U «resce la posU? 
Bo. Noo posAO ^ÌMOCor dì pie. 
urf/. Perchè ? ^ 
Ro» Perchè domaui io gToùo foatro. oas^ iniaof 

falcile. 
Co, Oh ! che gi accoro arrabbiato !' BTqd b ini- 

soe ^ai. (Alberto taglie^ 

AL Subito. Faoto'fao perso, (tìjm i du» soccft*- 

ni) Goo.so bona graoio* 
Co, Maledetta mano ; non dà an* oeoooda. 
At. (con »omà) &1 .90 aasoo. JCe ^oOttco o <««p 

que ore che zoghemo* 
Co. Fo faoie. 

AL^ I9i altro, 00 .ra altro. Do, Hro. (lira le 
cinqife lire di JM») 



)y Google 



J5»; Quèftlfi ttolCa tìràte tutto. " 

M. (^gartrdmndo Ra^attrd) Mcguri, sKt lintf 

•twto! 
jRb. Ch« «oi« (tHidegiMrtf U dì bwono ? 
M. Vadagoarafft •! ponto, • chi lo nitit. 
Bo. Il pAoto fai poé'o, e ohi lo metto vai mono. 
AL Chi Io meta Tal an le»oro. 
Bo. 9« foit^ vero, non lo stretto aomico. 
Ji. {si lascia cud^r U carts di mano e paga 

U due donne) Oh ! mo xe oatok le carte. Uo 

perto, bh/Qiàm ohe paga. Eoo do felipi, e da 
lire. 
^e. Sioto no tagfialoro aclorabilo/ ' 
Ro. Qaoaio «ara tagliato io mio faToro; o doAiut 

tagliaroto contro di me. 
Al. S'ala gnanoora sfogli f 

Ho. Staterà mi «fogo io, e domani vt tfoghereta n»i« 
Al. {smaniose) (Boboto (a) noa poaao pi& re* 

tister.) 
Co. B così, «ho facciamo f Ho da perderò if- 

mìo danaro con questo boi gatto ? 
M. Se no la voi aogar, nisaao la aforaa. 
Co. Voglio giaocaro. AoimOi presto. Fante ■ utr 
* lecchino. 
M. Vorla misatar? 

Co. Se volessi mesoolaro, m«sùo1omi{ tagliato. 
AL Bla xo tuia foria, o im^ tato flema. Via,- 

sentildone, ohe le meta.^ 
^e. Che cosa abbiano da mettare?' 
^f' Che le meta al beavo. 
'?, ti*oro mi h paura. 
•^ Tirerò via foro. Latto afe itechin per «I 

«ior conte. 
^' 4sio al banca. ^Àèksrk» taglié\ 

(«) «re^; . . ^ 

L'iiHf, fsntt.i n.' 4» * 



)y Google 



Al, Fmtts b» vtosa od^ ito atoliM Uf\ m%nL> 
pagoia • sraiMro. M«i«iboU qwi goto «lo om. 
d«lier (fi). Asso ha fadagdi: toa abaaoii. no 

Cd. I mei da« stoohiolf ' 

AL M« cÌMpia«« ; ma mi DOD tagio diro. 

Ci>. Beir aziona ! 

JJtf. Via, f ia, aigoor f^iott, ao poco di coavamooxi. 

Cq, (Si scalda, paroM ra hw par W.) * 

Ztf. (K un giotaaa gaiiaroto a oitila.) 

4f. Coiw dixela aiora Roaaora? Siora Baatrico 

mha abaocà. 
Ho, B ▼ci domani abaoaliarilU m«« , . 
M* (No Ja ma laiaa «tar ao momaoto.) 

SCENA X 

iiOBMTPo cdetU. 

Wl Sarfitor nmiGctimo a lor algooci. .( tuiii Iù 
salutano^ (Il signor Alberto ftoioo a Bosaa- 
ra ? Gresoe il mio sospetto.) 

^§, Molto tardi signor Florindo ! 

FL Mb, chi ha degli intaressi non pa^praoder* 
SI molto dircrtimento. 

Be. Il signor AJbsrto oì ha farol>ito. 

FI. Il signor Alberto poò farlo* parchi non oi 
pensa coma ci penso io. 

Al. Signor Florindo, eh io pablieo pretendo 
mortificarme, e mi in pablieo bisogna che 
me defeoda. La dise che mi no penso ai ao 
interessi, come la pensa eia ; e mi ghe digo, 
che ghe penso assae pia de eia; perohi un* 
w*. che mi ghe ps^a, fai j^h del so pansac 

(b) Pone U due Meschini ^^ U candélUfm. 

Digitized by VjOOQlC 



ti ch« pretendi che l*aToc«l9 non abia da 
peniar a altro, che a la so eausa. I crede 
che rinteleto de i'«Bo sia limita a segno, che 
noi possa pensar, che a una cosa sola. E si- 
come la so psssion no fa che tegnirli Opre»- 
•i, e fiocoladi tra Ja speranza e'i timor; i 
voria,.cbe l'avocato no tasse mai altro che 
consolarli, ffn altri che avemo una moltito- 
dine de afari sai tavolin, bisogna che a tuli 
distribaimo el nostro tempo e 'I nostro iate- 
lelo;* e se qualche Tolta no respìressimo con 
un poco de soliero e de de?ertimento, la nò- 
atra profession derentarave no suplìsio, e ìm 
nostra aplicazìon ssrare una malatia. Basta 
ohe quando s'aplica a quila tal cossa, se ghe 
«plica de cuor, con tato el spirito, con tato 
l'omo; e che ne la gran zornada, quando se 
Irata de la deoision de la causa, se fazsa co- 

. goosser al cliente, al giudice, e al mondo ta- 
to, ohe messe su aoa balanza le fadighe da 
una banda, e la mercede da faltra, pesa pia 
de tato Toro, e de tato l'arzeoto i onorati 
sadori de un avocato. 

Be. Viva il signor Alberto. 

Xtf. Amico, state cogli occhi chiusi. Arate un no- 
mo, che per la virt^ por hi eloquenza e per 
l'onoratezza, si k raso Tenerabile, ed è la deli- 
zia del fenato foro. 

Co, (piano a Rosawa) Sentite, coma parla il 
▼ostro avvocato avversario ? ]V|fi io lo far6 
mutar frase. « 

Ho. (M'innamora, e mi fa tremare.) 

Fi. Io non pretendo volervi a tutte l'ora, e per 
me solo applicato; ma, aignoc Alberto, inten« 
-«iiamooi senza (turlart. 



)y Google 



4o 

M. Noo go su %lXCì\\ à% capir clii no parla. 

7/. CoQ grazia di qaesti^signori, fi dirò ana paròla. 

Al. Con p«rmi<sion. {si alza dal suo posi» 
e va vicino a Florindo) La diga. 

K {parlando piano fra loro) Prima ti frt>vo 
col ritratto, ad ora ooirorigiotle; che roFeCo 
ch« io posta pensare di foif 

Al. L'ha da pensar, che son an omd onorato. 

FL Tatto va bene. Ma io non posso sofTrire dì 
Tedervi fìeino alla mia avversaria. 

'AL Co Vh cnisì, vogio contentarla. Andemoria» 

FL Qoi non ci dbvevate venire. 

AL Da omo d'onor, che no s aveva ehe la gho 
dovesse esser. 

FL Quando Tavete veduta, dovevate partire. 

AL Qh ? questo pò ito. No son capace né ' de 
increanze, né de afetasìon : sa mostrasse aver 
sngizioo del cliente aversario, me deehiarirave 
per mi omo de poco spirito. E pò mi «Itri 
avocati no semo nemici dei nostri aversari. 
Se dispaia la rason de la Causa, e no e! me- 
rito de la persona ; e tanti e tanti i magna, 
i beve, e i sta in bonissima conversezion con 
qaele istesse persone, contra le quali con tu< 
to el spirito i se dispone a parlar. La verìcii 
xe una sola. Con questa d'avanti i ochi tro 
se poi fatar. El vostro sospeto deriva- da de- 
bolezza de fantasia; e la mia f anchezza di^ 
pende da la robustezza de Tanimo, indiferen- 
te a le teotazion, e «aldo a forte nei onor*^i 
iro(»>gnì de la mia profession. {scostandosi da 
Florindo) Z^^otìldonne riverite ; do ore le xe 
poco lontane. Ho adempio al mio debito. le 
prego de despensarme. 

Se. Prenda pnre il tuo comodo. Non voglio es- 
ser càusa che ai rammarichi, il signor Florifido.. 



)y Google 



44 

AL\u fi«a.) La tnplicQ fontar fioeoiBQclo. Gha 

rendo iofioiu grazia (Ì*a?«rme degok da la t» 

aiquiaiui cooTersasioo. E te mai la me or** 

. àtM% capace de poderla obbedir, la prego <H 

oorarme dei io oomaodi. 

Be, Ella & piano di gentilezza e di cortesia. 

AL (aRosaura) Signora, ghe soo nmilittimo 
serfitor. 

Bo. (Non roglio nh rispondergli ni mirarle.) 

AL (a RosaUra) Signora, Tho revarida. 

Rjo, (Gradale!) 

AL Goaoo9 (a) ì Pazienta t ( Che pena che qm 
teca a profar I Ma gqeute ; penar, tormentar, 
morir; ma ohe no a'iotaca i'ooor.) (parte) 

FL Signora Beatrice, padroni, son strTÌtore ai 
tatti. (Bppara non mi posto lerar dal capo 
che il signor Alberto ami Rosaara. Le doaoe 
baotto aTTÌlito ì primi eroi della terra ; non 
sarebbe marafiglia che una donna finoesse il 
cuore d'Alberto.) (/>«rte) 

Ze, Signore mie, se mi permettono, non TogUo 
lasciare l'amico. 

Be» ServitaTÌ con liliertii. Riverits la signora Fhn 

. minia. 

£i0. Son serf o a tatti. (Florindo ha delle gelosio 
rispetto al aignor Alberto; ad io ne [fui U 
cagione. Eppure 4 fero in tutte la cose, pri- 
ma di farle, bisogna consigliarsi colla prudeo* 
«• per prefedere le consegaeoze.) (parte) 

^ La coofersazione 4 finita, serfitor tuo. 

Be, Va fia, aignor conte? 

Co. Che cosa ho da fare qui? 

Be, Vi 4 b aposa» 

Co. La mia signora iposa« qaaoto mano mi fot 



)y Google 



4a'* • 

de, pi& mi faol beo* ; (a Rosaura) noo 4 «gli 
?«rof 

Ho. Io non eoDtraddìco ouil. 

Co. (Già ha da fioire i laoi gìomì «opra d*uaa 
montagna!) Scbiafo iao. (norie) 

Be. Andiamo nella mia oamtraì che aspetteremo 
fottro aio. 

Mo. C^ra amica, sono Io on mare di confusioni. 

Be, Il signor Alberto pare di toì innamonito. 

Bo, Ma se dooraoi mi parla contro, ho perdu- 
ta la eaata. 

Be. Voglio che domatóoa andiamo a rìtrorare 
la signora Flsmioia, a se ci riesce di parlerà 
al signore Alberto, può etiere ohe si tolti a 
rostro favore. 

Ba. Io Tbo per impossiiile. 

Be, Eh! amore fa fare delle belle cose. 

Mù Sì, ma io non son quella che lo possa ia« 
namorare a tsl segno. 

Be, Via, TÌa, non dite cost ; avete dae occhi cAe 

^ incantano; s'io fossi un uomo «' assicnro, 
che mi fareste precipitare. (jpattt^ 

So. L'amica scherza, ed io ho il enore afflitto. 
Domani si decide dell'esser mio; ma pure qne« 
sta non i la maggior delle mie paastoni. Dae 
oggetti, uno d'amore, l'altro di sdegno, codh 
Battono a ▼iceoda il mio onore. Amo Alberto^ 
odio il conte. Ma, ho dio! dovrò perdere 
quello che adoro, dorrò sposare quello che 
abborriscof Miserabile coadizion della doo« 
Da! Naoqui per penare, vivo per piangere, a 
morirò per non poter pi& resistere. ADietto, 
9h caro Alberto! Sei pur tago, aei pur gra- 
zioso ! Mi piaci ancorché nemico, ti amo beo* 
ehk tu mi voglia miserabile, e ti amerei, se 
tu mi Toleisi ancor morta. ^ (P^^f 



)y Google 



45 
ATTO SECONDO 

SCBN4 PRIMJL 

CkrMo. Strada^ 

U eoiiTt, pei AUiRTO Pe9^ pia 
crdinarìamente. 

Co. t^a«ito tigoor «TToiNito nén faTorìfoe. Sa 
BOB TMiw, ■!« la paghvrli. E cfìi qoarto d'orti 
che ta aapttto. Ormai do bbUo laipaitS«os«. 
Bìb aaaolo. OaBNoina anoha di buon passo. 
L* amico mi cooosse. Ha soggtnona di mfr. 

'AL Séftitor (alligato ; l'ogìo lata asptiar ? 

Co, Ho poeo. 

AL Ita eompatitsa • Ho car^ K b a rarma d^ 
nùt Floriado, cbo ia ogni forma el fdeTB ? «- 
goìr eoo mi La m'ha dito che fogna aolo. • 
solo SOB vegnè. 

Co, Afeta fatto bent. Toglki pailarn segratf 



M. Torh. «ho «udemo si oaft, doro chs kt 

n^ htf dito giarseraf 
Co, No, al «affa fi i sempre qi:ilalobedano. Qni 

io ^«esta strada femota sramo pia kioad di 

reaur sott. 
'AL Dofe ohe la foL (Che al aie f elesse far ooa 

qoaleha balada (a)? Da muso a màso ao[go 

paura.) 

<a) Só t WFnh k rkk. -^ 



)y Google 



C#. U(lit«... Ma prmw mr «vtlc • pr«H«tt«rt 
di non parlar» eoa ehi cha ìm di' inailo oIm 
ora SODO p«r dirti. 

^. La scgr«tasaa a la fada xa do eireoatanaA 
nactttarictiaia ai afoeati, e nn altri •• !••• 
strassimo aacrificar piA . tosto cha svelar uà 
arcano eoo pregiodizio d% chi na 1* ha coofidh. 

CV». Ciò non mi .Imata ; ginrpita tdi non porlara. 

jil. I omeDÌ onesti oo i ha bisogno d« su ramami. 

€o. Gli oomioi ooeati ooo tioasaoo di giurara, 
quando non hanno in^aBsioo di tradire. 

jtL Via, par contaotaria, aaro da ooo parlar. 

^o. Datemi la mano. 

M. Eccola. 

Co. Oh LroTo! Ora trafamanta ▼! spiccio. Cre- 
do cha voi sapete «fesara io legato con prò* 
messa di matrimonio colla aigoora Rosaara. 

Si/, Lo so benissimo. 

Co. Donqaa compreodarata da oiÒ, che la di 
lai eausa divaota mia propria, vanendomi as* 
«agnato io dote U valor della dooasione fatra» 

. la dal di lai padre adottivo, consistaota ia 

,, ventimila ducati. 

^Al. £ verissimo: la eansa l*iBtarefsa infinite- 
mente. " 

€0, Io non voglio esaminare, aa la signora Ro« 
aaura abbia torto 9 abbia ragione ; aa la dn- 
naxione si sostenga o 000 ai eostengc parchi 
queste sono cose imbrogliate e fastidiose, tr.o{i^ 
pò contrarie al mio tamparamento, ma bra* 
merei che voi mi faceste un piacere. 

I4L La diga por sa* Se se poderh farlo, lo fa»- 
rò vola oliera. 

'€é. Comparitami, aa vi do del voi Con gli aini« 

ci parlo con libertà. 
M» Ile maravegio; non abado § ila picele noaaew 



)y Google 



4? 

) €o. TonrettclM a ano n^iuinlp «UuiidoiPMtd 1« 
dife«« dì qaeftto oini«. 
^i. Ma, cura ila, ooms vorla cbe laiza ? X« im- 
, postibilt. La causa za istruida da mi. Mi 

i ghe na sod io posgasso. Ancao (a) la s*ha 

I . da trattar. El prineipal ha sposo i ao beas^ 

I tntto e] mondo aspela sia disputa , mi no 

I ao iredar el modo de poderme esentar. 

, C0, U modo si trova qaando si mole. Vi sog- 
, gerirò io qualche meazo termine. Potete dira 

a! vostro cliente, che arate Iota stamane una 
aarta ooa più vista» ohe n fa temere dell'esi- 
to; che avete scoperto alciioe ragioni deir av- 
versario, la qoali meritano maggior tempo a 
I maggior riflesso ; che la causa ha mutato a* 

apattOk a vii nn qualche mancamento neiroc* 
dine, che conviene regolarlo, che vi vuol tem- 
po. Intanto si sospende b trattazione; tra- 
monta r appuntemento. Voi andate a Venezia. 
^ Il cliente si stanca, viene a patti, ed io fo Ta- 

re l'aggiustamento a mio modo. 
'^l. Belissimi mezzi termini, espedienti futili • 
spiritosi, ma no per i avocati onerati. Lezer 
I carte da novo, scovrir ohieti, trovar desordi- 

ni el sorno che s' ha d' andar in renga, le X9 
^ cosse prodore o da una gran ignoranza, o da 

I una gran malizia, indegne de chi xe arlevadi 

^ 4e] foro. 

I Co, Facciamo còsi; fingetevi ammalato. Dite che 
f ooD potate trattar la oiuta ; troveremo na 

medico che accorderai che avete la febbre, a 
^ dir^ che per guarire h necessaria 1* aria nati- 

va. Andrete a Venezia CQn reputazione, ed 
• io vi sarò obbligato, 

W^#a«' . ^^ 



)y Google 



'AL Xé imaììU cln U me leabi per «lo Yerciv 
|Mirch& so fatte vero ch« fattt pm»!^, ^o^n- 
do la malatia do fosse grare, e avesse li ben 
la Kn^aa da poaer parlar, me farìa eoodiir 
al tribaoal per tratar la mia cauta. 

Co. Ortà, TI eompatitco; tante fatiche che avete 
fate, oon devono ' aodara teoxa mensede. Se 
vincete la caos», il signor Florindo rk fmrk 
an regalo, al pia al pid di oin^anta stecchi» 
niv ed io, se ve n* andate, ve ne do ceoio. 

'M Caro sior conte ... 

Co. £ non crediate già ch^io vi voglia promet- 
tere,' per non mantenere. Qoetti seno ceotp 
Mcchioi, e sono per voi, solo che traslatoìate 
di sostenere questa cansa. 

Jt. Sior conte caro, bisogna che la creda che 
nu altri avocati no vedemo mai bezzi, che no 
aaptemo cotta che tia cento zechioi. Mo b»* 
sogna che la sapìa che ou a Venezia, cento 
cechini ì ne fa tanta specie , quanto poi he 
cento Ure io ti so paesi. Nu ao femo capital 
■ 4p l'oro, mi del oonceto. 

Co. Cento tecchini al merito vdsitro, e alla qnf 
lith del favore che vi domando, saranno pò* 
clà ; ma io non posso fare di |m&, e vi atti- 
eure ehe questi mi costano qnaD^he sforzo. 
Ma sentite, se voi mi promettete d'abbando- 
nar questa causa, vi farò un obMigo di dna 
mila, e anco di tre mila ducati, da pagarveK 
subito che avrò conseguita la doto di cui sì 

'" fratta. 

'JL Ni tre mite, o4 dieso mile, né cento mite 
no xe capaci de ferma far nn'azion cativa. 

Co. Dtniqne siote risolato di foler trauar tue- 
sts causa? 

•4/, EUioliitÌMÌin<H 



)y Google 



u 

Co» K^ f'usporfa ài f«cler rldotUi • nii'tstre' 

■M miterui una porara iBoeiblIa Inoooflotef. 
^jiL Fisti jus, ^ pereat mun4us. 
Co. Non fate contro deHe mìe praaiara f 
jL Non poiso tradir «1 ano olìeato per fodfi^ 

•farla. 
Co, La offirte bob lerfOno? 
u^iL Niente afato. 
Co. {hruseamenie) ^ Orsù, te tolto quatto non 

aerra , troterò b la maniera di farri Cura a 

mio modo* 
'M. Biiela datieno ? 
Co. (alierato) Ditemi ; aapeta ci» tono 7 
AL Non ho 1* onor de conoscerlAi fa non per If 

confarsision de giereera. 
Co, Io cono il conte di Ripa fiorita. 
JL Me ne ralegro infinitamente. 
Co, Sono ano che negl* incontri •1' i tapato ca« 

tare de' bei caprìcci. 
Jl Lodo al fto bei epirìlo. 
Co» (minaccioso) B tì afvifo che ce bob mi 

vorrete compiacer «olle boooe» Io farete c^IIa 

cattive. 
"Ai» Come tarare a dir? La te tpiega. 
Co. Voglio dire che te noa kralatciereta di pt« 

trocinar qoetta canta, te non partirete adti* 

«o fobito da Rovigo^ ti caecarS la tpada nei 

fianchi. 
Ai, La me casterii la tpada Bai fianchi ? 
Co. Sì tigoor^ vi aamitmarò. 
AL humo BMaserk ? Con chi credala de parUrP 

Con an martnfo f Go» no obio cha concepit* 

aa tiaMT per le to balade (a)? No la bm co* 

|Bttte« patron» Paotala «ho a ?enaiia qnai afa» 

Digitized by VjOOQlC 



pocte la (i) fetta, ■• sApia Btaitiat la «p^Ji? 

'jt0. Eh ! et f uol« ahro ah* balla parol* ! Sa 
nieklo nanOk vi laro ttanara. 

jìL La fa prova, a TadrvoM» chi treoM pt^ 

Cà, Ma Boo mi degno di eacciar mano allm spa- 
de eonlro di noe eha non i eapaoa di «tar* 
OH a fronte. Voglio adoprara il Baarone. 

W/1 A mi al bastoo ? flneiie mano) GataCar m» 
degno, fora qnela spada. 

'Co. Ti pentirai d'avermi provocato. 

*jiL Se morirò, morirò da par mio. 

Co, Gka vuol dir da par tao? 

>/. Da omo d* onor, da omo de spirito, àn vero 
veoeziao. 

Co, Pretendi farmi paura eoo dire che sei ▼)•- 
Deziaoo? Non ti stimo, non lì temo; à noa 
Ilo soggetione di te, ni di xento de' pari tooìL 

[il. Costi ti parli? Via, toco da temerario. 

(si battono) 

SCENA It 

vieaiitoo con spada aNa mano in difesa 
<f ALBERTO, e detti 

Ft. (sifiapponé) Alto, alto. 

Al. Goeote, sior Florindo. Lassarne terouoar. 

Cé^, (Ahf mi dispiaoa ohe sia pabbCeato H aio 

tentativo !} 
FI. Signor Alberto, qnes^a giornata % destloata 

per voi « combattere coUà voce a non ooQft 

spada. 
'JiL Son boB per Fano e per T altro. 

(b) Testa , jf dice alla toga, the partasi da*. 

g& af^pcad. 



)y Google 



f9 

^L $ì pub uper«» «idioti mm 1* MfiOB* Mtt 
To«tc% coUtrttt 

60. (S«i quesu» colpa m' «pd^ fallilo, no leataf^ 
quakoa altro.) 

'^ (Ho zark do no parlar con chi eho aio del- 
l'iodesoa propotizion cho m'ha fato «I «oolOé 
No {tisogoa roiDpar «1 saramaoto.) 

WL E qualche graodt arcano la Totlra alteralo* 
PO? Noo ti può fapere? Non sì po6 rapprt- 
aeotaro a uii comuDo amico? Ciò mi medtf 
ffignor Al&erto, io an gran tospetto. 

Co. (Ora mi tcuopre tens* altro.) 

AL (Eoolo qua coi so sospeti ; biiogna ditioga- 
narJo.) Sior Florindo, vo dirò mi. Qoa al aior 
coote m' ha provocii, m* ha tira a cimasto, • 
no m' ho pod«alo tegnir. 

JPf. Ma con quali termioi, con quali iogiorla n 
ha provocato ? 

Co. Ort&i non ho soggezione di pnbhlioare io 
stafso la verità, giacche b debolezza del si* 
gnor Alberto bob aa tacerla^ Io ho detto m 
lui ... 

'JlL Zito, patron, la me lassa parlar a mi. Toc» 
a mi a giustificarme, o no tooa a eia. Sapi^, 
sior Florindo , ohe ato paron ha avudo Tardir» 
la temeritli, de parlar cpn poco rispeto dei ?e« 
Beziani. Mi eho per la mia patria sparzerava 
el mio sangue, me farava cavar el cuor, no 
posso tolerar una parola, un acanto, che ten- 
da a minprer la so gloria. 

Co- Mi, maraviglio di voi; io non ho detfo ... 

Al Basu cussi; la sa cossa che X)k dito. Le •• 
che ho zurh de 00 publicar quello che la- 
m'ha dito. La tesa, e la se consola che l'ha 
da far con un galantuomo, che sa maotegoìr 
la parolaie tratar ben auoa voi so propri nemici. 



)y Google 



Sé 

Co. (H rifvego non ^ «i^».) 

M. Sior Floriodo, vado • casa a f crarmcr ' ia 
tncxzlr, a- nceognamie «erìamattla, e preparar^ 
ne per la dìsputa che dovrò far* Se m'avè 
vitto 6oragio«o co la spada a la mao, tue veda* 
ri'iotri^do nel trìbanal; i onwni d'ooor e 
de valot i ha da esser prepaAidi, e diapoati 
a l*noo e a Tahro etercixio, per te a tesn» per 
i so abici, per la so patria , che va praferida 
a ogal impegno, a ogni interesse, a a la ?ita 
istessa. {parte) 

SCENA in. 

FioaiNoo ed il conte. 

F/. Atpetaté, son con foi... 

Co. Signor Florìndo? 

n Che nù comandate f 

Co. Una parola in grazia. 

PL Eccomi, TI prego a non trattenermi. 

Co. Oggi dunque si tratterà questa causa? 

Vi. Oggi senz'altro. 

Co. Amico, il vostro aTvocato ti tradisce. 

FL Come potete voi dirlo? Alberto ^ nn noiBff 
d* onore. 

Co. Si, k un «tomo d" onore, ma femore fa pre- 
cipitare gli uomini pia saggi ed onesti.. 

PL È innamoralo il signor Alberto? 

Co. È innamorato, perduto e pazzo della signora 
Rosaura. 

Fi. (Ah, ch*io non mi sono ingannato!) 

Co. (Se «gli Io crede, non si fiderà che traldf 
la sua causa.) 

FI. Ma come cidi sapete? 

Co. Ne sono certissimo. So quel che pssia fra 
toroj e so che la sigerà peatrice nansfgiV 
questo trattato, 



)y Google 



5t 

FL Dì qiial trtttato tiilend«t« f 

Co» Bi fir perder» a voi U oauya, per giia(l»« 
gnarii la grazia dalla tignori Roaaara. 

M (ah scellerato!) 

C[>. Perohi credale, cVio abbia meifo mano af« 
la spada contro di colai f Ti ha dato ad in- 
tendere dalle fandonie. Inacqua la contesa, per- 
che arendo io scoperto le sne fattucohìeriei 
l'ho trattato da ribaldo, da traditore. 

n Ma, caro sior conte, te Rosanra Ttnce la 
causa, deve sposar voi: come dunque Si signor 
Alberto ha da impegnarsi di farla vincere, 
acciò sia sposa d' un altro ? Se le vuoi bene 
he da desiderare tutto il contrario. 

Co, Eh , amico, voi vedete poco lontano. Intho* 
to gli preme che Rosaura sia ricca, che Ro« 
saura gli sia grata, e poi non gli mancheraii" 
no cabale per toglierla a me e farla sua. 

FI. Voi mi ponete in un laberinto di òoofosioni, 
di agitazioni, di smanie. Non so quel oh* io 
debba credere. 

Co. Dubitate forse di mia pnntaalitli? 

F/. Non dubito di voi; ma mi pare di far ntf 
gran torto al signor Alberto. 

Co, E voi lasciatelo fare. Ve ne aocorgefeto 
quando non vi sark pi& rimedio. 

PI Possibile ch'ei mi tradisca f 

Co, Te r assicuro. 

Pi (E me lo confermano il ritratto, la cOBTar* 
saaione, e le eoe parole.) 

^. Che risolvete di faref 

Ph Ci penserò. 

Co. ( Con' un si gran sospetto noti farV correre 
la cauta. Avrò tempo da maneggiarmi, e V av^ 
ìocato se n'anderit.) (parte} 



)y Google 



si,oi|]ii>a sola» 

Punqoe Alberto mMogsBiui? Parla eoo tanta •• 
nergia dell'onore, vanta eoo tanto fatto la il« 

. libatezM dell*aoinio, «ostenta oon tanta fora 

. la sua sincerità, la sua fede, e poi si laaeia 
così faoilmenta subornare ? si dà così TÌfmenta 
in preda ad ona cieca passione? Anima vìlo, 

. cuor bugierdo, labbro mendace! ... Ma oho^ 
fo? .... Coodanno. a dirittura il mio dilèo- 
aere col fondamento delle asserzioni d' un sao 
e mio nemico? Non potrebbe egli tesserali 

^ jqoell* ingenuo, ohe mi figura ordito dal mio 
avvocalo ? Certo che al, e con moko maggior 

. fondamento posso temere il coma più deire- 
mico Alberto. Dunque sì lasci ogni rio so* 
apetro, e si tratti le causa ... Ma oh dio! E* 
ae fosse vero, che Alberto fosse colla mia av- 
versaria centro di me coogiurato? Ieri Io vi* 
di col ritratto sul tavolino. Si turbò, si eoa* 
fuse, e addusse dei mendicati pretesti, h» gè: 
ra Io ritrovo alla conversaaiioue fra Rosaura e 
.Beatrice, ed ora il conte mi fa sospettare e 
dell'una e dell' altra. Questi sospetti uniti in- 
aieme formano quasi una certa prova d«lla 
reità dell'animo del mio avvocato. Che firòP 

, Che risolvo? Sospenderò la causa. B poi ri« 
cominciarla da capo ? Orsù, voglio ritrovare 
l'amico Lelio. Ve' fargli la confidenza ... Ma 
no. Lelio difenderà un avvocato da lui propo- 
atomi : e chi sa che Lelio non sia d'accordo? 

. Anch'agli k della conversazione. Non so che 
dire, oon so ohe pensare, non ao che risolve* 
ra. Qaattr*Qi^ maneaoo incora al nesso gitr* 



)y Google 



mOt • pili ài olto ftlhi trjtlaiMHM Jén« Mqm;, 
Ci penierù sarMaieDlc, mi «ootiglMrò eoa om 
919990, m quand' altro mh mi fimanga» far6 
■ ii»« riiolttsiona da di«perato. (par^y 

SCENA V. 

Camera d* Alberto in casa di teliot 
con tavolino • scritture, 

ALBERTO, senMa spada e senta cappello, pas* 
seggiando con un foglio in mano, in mod»^ 
ili studiar la causa, poi un serpiu^t^. 

Al. Sa T«d« chiara T iDìeozIeo d^Aosakno ki* 
retasi. L* ha fato la doDasioo io tampo uhm 

' no l'aveva fioJi. Sa Vavesia aTndo fioU no 
Ta varia fata: donoa per la tepraTauianaa dal ma* 
«Ohio xa nula la donazioo. Mo al padra naturai 
riiadada eosta fadt al padr* adottifo^ l'è tta- 
da pregiadicada oa» beni pataroi. Sa' qaest» 
xo i' oblato, al sa ritolTe eoo soma faciliti .. 

Se. Jl.Iustrissimo. 

AL Coss'i, amigo? 

Se, L' iJIastrissima signora Flaminia, mìa pi« 

< drooa, aapplìea voasigooria illastrtssima, s» 

Telasse oompiaearsi di passara nella sua carne* 

, «••, ohe avrebbe da dirgli tma cosa di premura. 

AL Cossa fala stamatina la vostra padrona f 

Se, Sta mpglio di molto; Sta notte noo ha afa* 
ta fabbro. 

•«• Ho gosto da galanlomo. Son a tervìrla; 
iBa, diseme» caro i^acehìo (a), gh'4 rnssim io 
«•aera da «la? 

(») taro vecchio, si dice anche ad un f/o»^ 
^ ger anwimit 



,y Google 



54 

St. Iffuitrìiiioto %\ vi fom» dtte ttgoórt, ▼•mkle 
• f«r« ani tifhft «Ila padrona. 

'AL CM «k «te «la iiguara ? 

Sé. Una b signora Asatnoa, a 1* altra là tigiaóni 
Roiaora. 

'ul/1 ( Siora Beairìoa o iiora RoMara P) Stati, •• 
nigO) dìzagha a la vottra padrona, oha |» «a 
compatissa, cha ion.drio a atadiar-U cauta » 
a che no poito ▼agoir. 

Se* Dirò qnd chìe alla mi comanda. 

ji21 dior Lelio, fostro patron, ghe nlof 

Se, lUattriaaimo no; k fuori di cata* 

AL (Tanto peso.) Diieghe, Che no la poti a %9KyìlFm^ 

jSé» Illuf triftimo «). 

AL Ser4 qtiela porta. 

Se, Sarà servita. (parte e thhtde la poridf 

AL Gotta tal dir tto negozio f Xé oto dt tho 
aob q«a io età easa ; non ho mai titto età 
do tignoré vegnir a far viiìta a etora Flamion, 
benché la aia etada tato eto tempo io lato a* 
. melada. La f ien atamatiaa , dopo la oooterta- 
Sion da gìersera ; le ma fa chiamar. Io pa 
voi parlar f Qaa ghe ze qoalaba mistero, ^o» 
ra Rotaora t'4 acorta ohe go per ala qoalcha 
inaUnesioo, a la vian farli a taotarmè, co la 
aperanaa de trioorar de la mia ooatansa. Ma 
la a'ingana, te la creda de orbarme cola so 
helesia. 60 per altro cha in Cele bataglia a* 
aorota sa vanta piÀ fÌMildienta fugando che 
combatendo; onda fogo l'ocasion de ve^rl%' 
per assfoorarina de la vittoria. Tomemo a nn. 
8a la donazìon fosse fata dei eoli beni acqui* 
atadi del dooator, se poderia disputar, sa da 
quali al podeva o noi podava despoocr *.. 



)y Google 



sé 
stmkrt 

BiàTMCi a dentro Batta aUa porta deità 
camera é detto. 

Al Chi ^ ni ì 

B0. (di deiOro) FàTofiiee, sigiìor Àlbtrtof 

AL (Oh maledetto ei <9i«volol 1« x« qai.) 

Be» {come sopra) Si oooUnta, eh* io la rÌTtrìicft 

par DB momento? 
Al, Padrona, ton a terrirlt. (La za »}ora Bea* 
trtoe ; quel* altra , oome puta (a), poi esier, 
«ha DO r ardiiea Tegnir. Goo questa poito lì* 
beramente parlar.) {f^P^li 

SCENA VII. 

BBàTRlCC, KOfàURA, <( dottO^ pòi U SI*VtTO«tJ 

Be, È molto circospetto il flgoor Alberto. 

AL La perdoni, giera drio a certe carte. (Xe 

qua aooa al* altra. Oh po?artto mi!) 
fio, lì signor Alberto avrb saputo che ci era 

io, e per questo aTrb fato serrar là porta. 
M, Per dirghe la veritli, me figurata de veder 

atamttioa in sta casa tute le persone dd mon- 
do, fora de eia. 
ilo. Non crediate gìb eh' io aia teouta per «oL 

Son Tenuta a vedere la signora Flaminia». 
M, Da questo gfae ne son certo; e me stnpis^ 

so, come la se sia degnada de ?egtiir^ in te 

U mia camera. 
Ib; Vi kob Tenuta per compiacere là signora 

Beatrice. . 

(a) Fanciulla, 



,y Google 



Jk {a Beatrice) la ootia W post' Io servir? 

Be» S« vi do inoomodo, vado ?m. 

JJL La veda go'i snmari per iftan. 

Be, Non T avete aocora studiata qoesta gran 

oaaia ? 
AL Questo xe el corno del gran couflito. 
Bo> Qqesto À il giorno, io cai il eignor All>ef* 
lo avrà la gloria di vedermi piangere amara* 
. mente. 

Be> Povcrioa! s«rcbbe ona onideltà troppo bar* 
bara, (ad AUftrto) Direi che avete uo cnoro 
da tigre. 
'Al. Ble venode per tormeotarme ? 
Be» No, DO andiamo sabito. Vedo T icooglìmen* 
to che voi oi fate. Non ci esibite nemmea 
da sedera ? Non oredea, ohe gli ' aomìni nr^ 
toosi fossero Demìoi del viver civile. 
^Al. No pensava ohe le te volesse trategoir. 
Be^ Ho una coea da dirvi. Ye l'ho da dir oo« 

sì in piedi? 
Al La servirò come la comanda. GM i da là 2^ 
Se, Illustrissimo. 
Ah TirÀ avanti una earega« 
12o.. Ed io starò in piedif 
Al» ( No so dove che gh' abili la lesta ,) {al 

tenntort) Tireghene do. 
Bt* E voi non volete sedera? 
AL (jdtfiratQ al HrvUore) Tiregheoe tre» qua* 

Irò, sie. 
Beé No, no, basta tra. Siete molto collerloo» si* 

gnor Alberto. 
Al La oompatisia. Stamttioa son fora de mlr 
Me, Sedete là, signora Eosaara; io sedarò qui^ 

a il signor Alberto nel meszo. 
*Àl' i^* ^«n «ior Floriodo atago da fritsr.) (pia^ 
Bó al SfirvàP^) Senti qoel «orenq Sa fegnissa 



)y Google 



«7- 

•t tTor Ftorìndo, • thè ghn fuise qa« ste d» 

B«ntildooe, avtnti da farlo paisar, atiseme. 
Be. (piana al servitore) Ehi ! ci siamo intesi ; 

qnaodo ri fó eeono, chiamatemi; vi sarà U 

maocia. 
Se. (piano & Beatrice, parte e poi torna) Sara 

•errita. 
Be. Vìa, sedere, signor «TTOcato. (lo fa sedére 

in mezzo) 
Bo, Sa fi dà fastidio la mia ficinanza, mi tira» 

rò pia io qua. 
M. Mo no, la staga par salda. (Me vien caldo er 

frado tato In una volta.) (a Beatr.) B cussi 

eossa m* ala da comandar ? 
Be. Io non intendo di comandare, ma di pfe# 

garfi. 
Él. In qnel ohe posso, sarò pronto a servirla. 
Be, Vi prego per quella povera sventurata. 
AL Mo cara ala, cossa ghe posso far ì 
Be, Tutto potete, se di lei vi movete a pietà. 
AL Più che ghe penso e manco me vedo in sta^' 

io de poder far goente per eia. 
Be. Dite ; che siete ostinato nel volerla vedera 

precipitata. 
Bo. Eh ! via, signora Beatrice, non gettate invano 

il tempo e la latice. Il signor Alberto ha dek 

lavfersione per me, ed è snperfluo spererà 

•jato da una persona che mi odia. 
AL Cfo, siora Rosaora, no la odio, no go de l'a^ 

▼«raion per eia ; ma eoo in necessità de defen* 

<ler el so aversario. 
£^- P«srch& siate in questa necessità ? 
Al. Perchè, per mia disgrazia l'ho cognossA a» 
▼»o»i de siora Rosaura, e me son impegna 
<)« defeoderlo, prima da arar visto le belezza 
<*« PaTersarla. 



)y Google 



6» 

Be. Baoqnt tt pnaa «rttl« «tte» la aigiMira 

Bosaora, afrtato difefv lei t non U tigaor 

Florìndo ? 

'^£ Oh questo pò no. 9oo 4 potaìbile che wA 

defenda chi bo too persnato ehe gh*abia ra- 

. aen. Se §• trataase del «io pia strato paran- 
te, de mi madetimo, parleria aohiato, e per 
luto l'oro del mondo e per qaalanqne pa8« 
aioo DO me OMtaraTa mai a difender ohi ga 
torto, co hi speransa de (ar valer i sofismi, le 
mtchioe e le ioTeosioa. 

JBo. Eh! dite pia tosto ohe, non avreste iatrapro^ 
so a difendermi per l'aotipaiia che aireate 
avuta colla cliente. 

'^L Sa me fosse lecito dirghe toto« la podaria 
assicurarse, che anzi noe violentissima simpa* 

. tja me trasporta a ramirasion del ao mo- 
ritOj e a la compassion del so stato. 

Ba, Sa aveste compsssione di me, non procure- 
reste di rovinarmi. 

AL S9 fasce in mio arbitrio al renderla felice 
• contenta, lo forava con tatto el caor. 

Bc, (Il discorso mi pare bene inoltrato). Eh! 
eh! {si spurga^ il servitore intende U c^m» 
HO, ed entra) 

JSe, (a Beatrice) Signora, la mia padrona la pre- 
ga di venir da lei per un momento, che le he 
da dira nna parola di somma premara. 

Be, {S' alza ed il servitore parte) Vengo subito. 

Bo. (a Beatrice alzandosi) Se portile voi, vea* 
go anch' io. 

Be. No, no, amica : trattenetevi qni per no me- 

, meuto, che subito torno. 

Bo. Farò come volete. 

fle. Sigoof Alberto, ora sono da voi. 

Al, Siora Beatrice, per amor ^tl cielo» ' V abia 



)y Google 



^ Wif^ lU mi* No la mt mmU in iiiìo«mii)|| a 
dr preoipiuiriDe ^ o de oomtttr ana nuda 
«teanza. 

i9e. Vi lamantata di me. perohè fi lascio eoa 
una bella ragasaa? Uo atfronto simile dagli 
oomroi della vostim atli si prende par ao« 
baooa fortuna. (parie) 

SCENA vm 

. aiBIBTO e J^ptAURA* 

I^Z. (PortQoa de'marioerìt ohe fol dir teo^actii 

de mar.) 
Bo, Signor Alberto, le tì riocreica di restar 

meco, partirò sobito per compiacervi, ma sap« 

piate, «he io sono incapace di porre a ciachìo 
. la T04tra e la mia virtù. 
AL Coaaì credo, cossi argomento de la so mode* 

stia, cussi ma persoiide quei* aria nobile, «faa 

•pira dolcamente dal so bel viso. 
Bo» Giaccbè U sorte ci ha fatto restar soli..* • 
AL Sia sorte o sia artefisio, noo implica gnau* 

te afato. 
:fio. Artificio di chi? 
4L De ao*emiga de cuor, iotaressada per ì so 

vantagi. 
Bo. Se maliziosa credete la mia condotta, Dar- 

tirò per disingannarvi (^s* ma) 

Al- No, la resta por. Mo, lassk scampar sta pa- 
, rola, par una specie de vanità de far cognos* 

ser, «he sol libi» dal mondo ho lato qosl- 
. che carta anca mi. 
Bo, Io oon ao che vi dite. Parlerò, ae vi «Cio* 

tentata; partirò. — no Tioipobate. 
Al La parla; no* iooogoita Corsa at obljga 
. 4* accioUarbi, 



)y Google 



4è 

Mo, GUtM h *>rte, lìceva, '^^«i H fatfo r^Hn 
•dK, vorrei pr^gtrn ft-noli «i iM§«r* um grèsM. 

'il/. Ifo la perda al tempo a domavdamw ìdt 
tralaiiar la difesa de «ior Floriotlo, p9téhk 
tDto xe batk Tia. 

JRo. No, oon h queeto, eWò> to^Iv»- diiedervì. 
Ma ana eeoiplioe ▼aritìi, che a voi eoata ^ 
co, e per me può ralera meltiiiino. 

AL Co no se tratta de ofeoder la deiicaCeiu 
de ToDOr mio, la pitia ttm ìibH(k, e la co ooof 
prometa de tuta la mia •ìoeerìtìi. 

Ho. Vorrei che aveite la Bootò di dirmt, «• lo 
frequenti volte che ?oi paaiate sotto le mia 
finestre, sia stato mero aueìdente^ oppara de^ 
8Ìd«rio di rivedermi ; se gV ÌBohÌDÌ cbo di voi- 
u in volta voi mi facevate, erano pari etti di 
civtlt&, oppure effetti di qnilohe pieaola inoli* 
oazione ; se le #iezz« e le diohia'raaioni fìitsé» 
mi jeri sera sono stati anieameiit^ effetti di 
mera galanteria, oppttre espressioni ad affarti 
di un cuor parziale, dì tfn cotfra che abfc«a 
per me concepita qualche cortese stima, qoal» 
che generosa passione . Io somma, sa le 
sono presso di voi una indiflfei^olo pef son», o 
se posso lusingarmi di aver aterìtato, «e aoa*. 
il vostro amore, almeno la vostra pietà* 

Jl Siort Eosaara, me son tmp^gnk de retpon* 
der sinceramente, onde nOn posto aascoader- 
ghe la mia inolinatiOn. Par tropo dal pfim» 
di che l'ho visU, mesonsentio a ferir >al«aar» 
£. quando passava sotto le so finastfe, e-qtum* 
do cercava V ocasion de vederla, giara nn 'in- 
fermo ohe andava cercando qnalobe ristoro al 
so mal. Me, di dio! -f>a scarsesaa dot liatsa« 
mo, io coofroafo de la profondile im loping*/ 
Bo fava che maiaronate intarla; t ma asce* 



)y Google 



6i 
«ce?a «l koroianto, d« Tato da procacianae «1 
■ «•■Mclio, GUf s«ra, . «h dio ! giersef a in eh? 
tmaoi«, in oba anguaùe me soa troTà ! qneì 
ao rimprofari i gìera lami acati stili cha ma 
trapaasava e) cuor. Quela ochiade, miste do 
adagad e de tenerezza, la ma «trenzeva el peto 
« «egno de ao poder respirar. Vederne in gra- 
do de dorar eomparir namigo in publico da 
nna che adoro in privato, l'è una specie de no* 
4ra tomaoto, nai pi6 prova dai omeni, mai 
pivi iotentli dai demoni, mai più figura da la 
crudeltà dei tirani* . 

Ro, Dunque mi amate? 

Ji. Co la maggior teoerazsa dal mor» 

Ro. Questa mi basU. Faccia ora di me (a sor* 
te il peggio che far ne può ; sofìfrìrò tutto 
senza lagnarmi, se cerili sono dpi vostro amora* 

JL>Sit cara siora Rosaura; ma la sicqrezzadel 
mio amor no poi gneote ooatribnir al deside- 
rio dai so vaatagi. La vede, soo na l« dura ce- 
stitadon de dover far quanto pQSio, per ren- 
darla miserabile; e me pianse el cuor, e se 
me giaaza el sangue, oo penso, che '1 detrito 
da la mia onestà voi che buca da banda tuta 
la baie speranze de la mia passion* 

Bo. Vi compatisco pi& di quello che figurar vi 
possiate ; e benché abbia mostrato d* avere a 
sdttgoo la vostra eroica costanza, 1' ho intiera- 
mente approvata ; a tanto più , vi trovo degno 
dell'amor mio, quanto più vi vedo impegnato 
a preferir l'onore all'amore. Sa foste condì* 
•ceso ad abbandooaro il cliente per compia* 
carmi, avrei goduto di mia fortuna, ma non 
"auei avuta stima p«l vostro merito ; e aman- 
do V effetto del tradimento, avrei temuto U tra- 
ditore medesimo. . 

Vdvu, Venez. o.** 4* 4 



)y Google 



62 . .... 

Al. Bei sentimenti^ degol di «n ftQÌmo Lttlo «o- 
me X» el suo! Quanto pia m^ inamor a sta beh 
virtù, de quel bel viso, e de quei bei eolii! 
6iora Ro«aura, per amor delcielo, do la tor- 
menta più el mio povero ouor. 

Htf . M' iutimate voi la partenza ? 

Al. Ghe raoomaodo la mia reputaxioo. Sto no- 
stro coloquio pieo d' eroisoio, pteo d« linn, 
sa el cielo, come el vegotrà interpreta da chi 
DO sente la frase eitraordinaria de le vostre 
parole. 

Ho. Una sola cosa vi dioo, e parto immediata- 
mente. 

Al. L'ascólto con impazienza. 

fio. Vi amo e vi amerò finch'io viva. 

Al. E la me vorà amar» dopo che per causa 
mia la sarà infelice f 

"Re. Vi amerò appunto per questo, perche resa 
mi avrà infelice la vostra virtù. 

Al. Un amor de sta sorte merita una magior 
' ricompensa. 

Ro. Soo nata misera, e morirò sventurata* 

Al. Voria consolarla, ma no so come far. 

Ro. (Destino perverso, sorte crudele!) {fdan^é) 

Al. (La teuerezza me oprime el cuor.) 

"" SGENA IX. 

BB4TBICB e detti, 

Be. Eccomi a voi. 

AL (Manco mal; Vh vegouda a tempo.) 

he. Che vuol dire, vi veggio tutti due tui^bati 

e sospesi.'' Rosaura, pare che Abhiftle U U* 

grime agli occhi. 
Hu. Cara amica, partiamo. 



)y Google 



Be. ^ik me n'aocorgo. Qdefto tigoor avvocalo, 
iodurko come un marmo, & iofletsibiU alle 
• vostre preghiere, alle vostre ^lacrime. Vuok 
trattar la caasa, noo è «gli vero? Tuoi difen- 
dere il «ignor Floriode, e precipilare la pove* 
ra signora Roiaara? Ma che? ^emmeno mi 
rispoodate? E questa tutta la vostra civiltà?, 
Che oe dite, Rosaara, è un beiroomo il signor 
Alberto? Ma neiDmeii voi parlate? Cos'è (Que- 
sta novità? Siete due statue? Io non vi oa« 
pisoo. Volete ohe ve la dica, mi parete due 
pazzi, e per non impazzire con voi vi do il 
Luoo giorno, e me ne vado per ì (atti ''miei. 

(parte) 
SCENA X. 

A0SAUA4 ed AEBBRTO. 

Bo. Signor Alberto, abbiate compassione ' di me. 
jìL La sa in che impegno che son. 
Mo. Non dico, che abbiate compassione della 
mia roba, ma che abbi»te compassione di me. 
jìL Come? in che maniera? 
Mo^ Vogliatemi bene. (parte) 

SCENA XI. 

ALBERTO, poi FtORIMDO ed il SERVITORE. 

M, Oimè! no posso più. Oh dio! el mio cuor! 

Omsè! non posso più respirar. (si getta a 

sedere) 
Se, {a Florindo trattenendolo) Aspetti che lo 

avvisi, e poi eotreXà. 
FL Voglio passare. (sulla porta) 

Se* Ma <|QesUi poi .^. 



)y Google 



Ti. {entra a far%a, Àlberlù s'almt) Ta >l 
diavolo. 

M» S«rTO, «lor Floriodo. (El fluì vista, «I Tha 
rocooirada!) 

F/. PatroB mia riverito. (Potso vociar di più? 
Aoaanra nella sua camera à patteggiare il 
presso del tradimento?) 

'M. Cosa' 4, fior Florindo? costa voqI dir? Gbe 
fa spezie aver visto siora Eosaura in te la oùa 
oaoMra? La sepia ... 

171 Alle corte, signor Alberto^ mi favorisca la 
mie sorittare, 

AL Qu|ile spritare? 

F/. Tatto quello che eHa ha di mio. I prooes* 
«i i contratti, le copie, le scritture» i sommari; 
mi favorisca ogni cosa. 

'Al. M*imagioo che la burla. 

FL Ah! sì, non mi ricordava. Prima di ritira- 
re le mie scritture , ho da pagare il mio de- 
bito. Favorisca di dirmi quanto le ho da da* 
re per tutto quello che si è comptaoiuta faM 
per me. 

AL Me maravegiOj sior Floriodo; mi na pa* 
tttìsso mercede su le mie fadigbe. Quando avr^ 
tratk la causa, la fark tuto quelo che la vorà. 

FL No, no, non v'i bisogno che vossignoria 
s'iocomodi. La causa non si disputa più. 

AL No? perchè? 

FL Mi foglio accomodare, non voglio arrischia* 
re il certo per 1* incerto, si eooteoti di darmi 
. le mie carte. 

AL Sior Florindo , no la trota n4 con un sor* 
do, nÀ con un orbo. Gapisso benissimo da che 
dipende sta novità. L'afer visto vegoir fora 
de la mia camera la so aversaria aoredita quel 
aospeto, che V aveva coocepido oootr^ de mi ; 



)y Google 



' fiia n d fndse tta prcgMU ai nostri clisoor^ 
si f avaria aba motÌTO da consoìarse, radendo 
a €h« gitido arìva la mìa onestà e la tuia 
fede. 

M^ Soù pertaaio dì tutto, ma Voglio le mie 
ourté indietro ; Aia la cau<a non si tratterà più. 

^l. Le carta iodrio? La causa qod si traterà più? 
A un omo de la mia itorte se gha fa sto bo« 
con de afroDtof 

Pi. Di me non tì potete dolere; tì ho avvisato 
p«r t«»iiipo; ooo solo non vi siete corretto, ma 
avete fatto peggio; vostro danno. 

j4i. Ah! pur tropo nasse a sto mondo de quei 
casi, de quei acrdenti^ dai quali Tomo no se 
poi defendeV, a l'aoioio più ilibato^ più giu- 
sta, comparisse in figura de reo. Tal soo mi^ 
▼a lo auro, ve lo protesto. Varia apareoze sa 
unisse a ferme creder colpevole, ma soo ino' 
cent«, ma soa onesto, ma son Alberto^ son un 
omo civil, che no degenera da la so condizlon* 

M,' Potrete voi negarmi d*aver della passionai 
deir amore per la signora RosauraP 

Al, No ; tanto stimo la verità, che nO la posso 
negar. Amo liora Rosaura^ come mi medesimo; 
Fano con tutto el cuor. Ma che per questof 
Ma credereSsi capace da tradii: el cliente, per 
lavorir dna donna cha ma voi beo? No, signor 
Fiori odo , morirò più tosto che cometer noa 
simile iniquità. 

PI. Io vi ripetere a questo passo quello $ho 
un'altra volta vi ho detto. 8e volete bene, vi 
compatisco. Ma non conviene che vi arrischia* 
te a parlare contro una persona che amate.^ 

^^ Se el mio amor verso sta creatura Yussé 
^sto avanti che ma fosse impegpà eoo vù, per 
tote Taro dei mondo non aVarava àsetà sia 



)y Google 



ÌS6 

canta contrade eia. Ma fé nato io no tem* 
pò, che xM giara impegak; in un tempo, che 
DO ne posso sotrar da Piippegno, senta machia 
de la mia reputasion. 

Fi» Ma se io re ne assolTO, non vi basta? 8ft 
aoQ pronto pagarvi tutte le vostre mercedi, 
non siete contento? 

^AL No me basta, no son contento. I bexzt no 
li stimo, d'nna caasa no fasso conto, me pre- 
me el mio decoro, la mia fama, la mia esti* 
mazion. Gessa diria Venezia de mi, ae Cornas- 
se là senza aver tratà qaela causa, per Ja qaal 
tati sa che soa vegnudo a Rovigo? La verità 
se sa presto, e per quanto la vostra onesta 
procurasse celarla, le male lengue se farìa g!o« 
ria de pnblioarla. Se diria per le piazze, per 
le botegbe, per i mezzai (a), per ì tribunali s 
Alberto xh vegna a Venezia senza tratar la so 
causa. Perchè ? Perchè el a* ha inamorà d« la 
bela aversaria; el so cliffnte, difidando de ìm 
so onoratezza, de la so pootaalirk, el ga lé^ 
le carte, el l'ha cazzk via. J^erooor, bela 
gloria che me saria acquista a vegnir a Ro? 
irigo! sior Florindo, no sark mai vero che 
parta da sto paese senza tratar sta causa, ohe 
me sta tanto sul cuor. 

FL Basta, per oggi noti si tratterk pi^ ; per l'atr- 
venire ci penseremo. 

jiL Come I No la se traterk pia ? No zela de* 
putada per anono dopo disnar? 

2^/. Io sono andato dal signor giudice a levar 
V ordine , e 1' ho pregato di far notificare la 
sospensione ali* avvocato avversario^ 

^AL h* alo maodada a notificar ? 

(a) U mezza vuol dfre lo stìtdiù^ . .v 



)y Google 



«7r 
SL Non et èra U messo , mA prima del met^o 

giorno sarh notifìoala. 

*AL Ah ! sior Fioriodo, za che gh' k. tempo, re* 

mediemo a sto gran dìsordioe , impedimo «ta 

sospensioQ , lassemo corer la Iratoxion de la 

causa. Per an sospeto, per un puntiglio, per 

un' idea iosassisteote e vaoa, no sa precipite- 

IDO luti do io t' una volta , no f«mo rider i 

nostri Damici. 

FL Taot' À , ho risoluto così. I miei non sono 

«aspetti Tanì. Ma ho in mia maoo la sicurez- 

10 che mi volete tradire. 

AL Oimi I Cossa sentio ? Oh , che stocada al 

mio cuor ! Se in altra ocasion me vegnìi^o 

fata uo* ofesa de sta natura , farave tornar la 

parola in gola a chi avesse arudo fa temerità 

de pronoDsiarla ; ma in sta oontìogenxa, in sto 

slato nel qnal ma trovo, bisogna che ve pre« 

' ga, che ve suplioa a dirme con qual fonda* 

mento me podò cre'der no traditor. , 

FL Tutte le apparense vi dimostrano tale , ma 
poi il signor Conte istesso mi assiciu'a» cho 
avete patteggiato con la signora Rosanra di 
precipitar la mia causa, per acquistarvi la. di 
lei grazia. é 

àL Ah infame ! ah scelerato ! Se un zummento 
no me impedisse parlar, ve faria inaridir, ra« 
presentandove con che massime, con che pro<« 
geli qneranema neg>^ ha tenta de sedurrne- 
E vn vorè, sior Florinda^ creder a In ch« ve 
xe Bemigo,*più tosto che a mi che soo el^vo» 
Siro avocato? 
FL Per non far torto a nessuno, sospenderò di 

creder tatto, ma la causa non si trattarli. 
AL Se no se trate sta causa, son rovinìi. 
FL Ma io vi parlo schietto. Non voglio arri- 



)y Google 



6Ì 

tohtanu di perderla, cob quetU dubbi che 
ho o«lla mente. 
JL No Te dalikè, so la perderemo. Sta toIu 
Ja cauta xe unto chiara, che ve proHeio pie« 
nissìma la TitorS*. 
FI. E se ti perde? 

M. Se la <e perde per tanta nia, me etehiato 

' mi de pagar tate le spete del primo giudisio, e 

de l'apelaùon. Soo pronto a Carta uu obligo, e 

' Tégnì qaa, ohe Te lo fasto sabito, se teU. Se 

de l' obligo ao Te fidA, Te darò io pegno tato 

qnelo che go. Le epese de la cauta do ae 

poi estender a tanto, ma n'importa, Te dare 

. anche la camita, te darò el caor, parche a« 

aalTa el mio decoro, la mia repntasioa. Caro 

aior Florindo, omo onesto, omo da ben. abiò 

' compassion de mi. Soo <|iia a pregarTe che 

' me lass4 tratar sta cauta, che me lasse riaar* 

' .cir quela machia che Inacidente, ma pi4 la 

maJisia d' un impostor, ha impressa su l' ono* 

rata mia fronu. L' unico patrimonio de Tomo 

onesto xe Foaor; l'onor ze el capital pia 

considerabile de TATocato. Pi4 se stima un 

omo onesto, che un omo doto. No me leTè 

sto bel tesoro, custodio con tanto salo ne l' a- 

' Dima ; andè dal giudice, retratè la sospenaioa, 

' lakè che cera la aauta, fideTo de mi, orede- 

' me a mi, che piò tosto moriria nnle Tolte, 

che sporcar con azion indegne la nut Baseita, 

•1 mio decoro. Ve prego, Tt sapUoO| ?# seos* 

suro. 



)y Google 



% 



S e B N A XII. 

I.IUO e deui 



ff. (ah! ti, mi sento portato « credergli S%* 
fhhe troppo fcélItiNito, ee ìaaA trediite.) 

£0. Amico, che avete, cfn tùì parete asiat me- 
sto ? Che 4 ^iè che tanto ti preme, che ab- 
biate ■ chiedere eoa tanta IWrza, eoo ^1 gran , 
cflhyre? 

■jtL Ve dirò; giera qat, «he me parechiaTft ah 
diipata. Me iigtfrava de esser dàTaoti al giù* 

' dice, e InfertorA ne la coochisioa de la rea- 
ga, domandam ^ostizh a hi raioo^ a la verità. 

ttC. Qaefto 4 troppo, perdonatemi Bit ogoa gQai« 
darsi* da certe caricata re. 

jtl Bravo, i£xè beo, lo so anca mi Ma a logor 
a tempo biiOgna valerse dei messi termini. S 
ata folta la oiia dispaia giéra d*uii certo te» 
iior, che bisognava terminarla cusiì. 

fté Signor Alberto, la vostra disputa taon mi 
dispiace. Vado a confermare al gindice la 
trattanone per oggi. 

'AL Sia ringratik el cielo. Ho Tedo f ora de IW 
eogoosoer al mondo chi eoo. 

Le, Tutti saano che siete an bravo oratore. 

AL Eh! ami^tf-, spero far cognosser una eossii, 
che preme più. 

Le, Io non v'intendo. 

FL V intendo io « a tanto basta. Dopo pramo, 

sarò da Yoi. 
AL Songio sigaro? 
Ft. Sicurissimo. 

AL Sie« benedetto, {gti dà un bacio ) ToU , 
che te lo dago do caor. 

y 



,, Google 



FL (S% il (Mrat« mS ha ingiBMto, dm oc reiH 
derk conto.) {parte) 

SCENA XUI. 

AlBIRTO e tBtI#. 

£«. Amico, ora ch« tUmo tolt, mi roglìo sgra- 
iraro di no peto cho ho «allo stomaco. Per 
Rovigo ti A sparsa la toco, che vo> stata in- 
namorato della signora Rosaivra, e ciò mi di* 
spiace iofinitamente ; mentre, se ciò fosse, io 

' sarei; la cagione , per avervi condotto in ooo« 
vérsazione con lei. 

^AL Veramente aavèt che mi t* ho pregV de las- 
sarme a casa, e va a forse m'avÀ Tolesto o- 
Lligar de vegnir eoo vn. Ye arava confida 
avanti, che me piaseva siora Rosaara, ma sic- 
come non aveva parik longameote con eia, e 
non aveva scoverto el so cuor; giera in nno 
stato da poderla tratar con indifereasa. Ve 
confesso la verirk; la conversasiott de gierse- 
ra, el coloqnio ^e stamatina m' hano fenio in- 
tieramente d^ioamorar. 

J^e^ Dnnqae come andare la cacisa ? 

Al* Bemsstiuo, se pia se al cielo. 

Le, La tratterete con tntto l'impegno ■ favor 
del vostro cliente? 

Al. La saria bela! Soo qaa per quelo. 

Le. E parlerete contro la vostra bella ? 

AL Sfnza una imagiuabile dificolth. 

Le, Ma si ,pnò far qaesta cosa ? Sì può agire 
contro uaa persona che si ama? 

Al. Se poi benissimo. 

Le, Come ? Caro amico, spiegatemi il modo con 
cni ciò si pnò* fare , perchè io non ne S4)a 
persuaso. , 



)y Google 



1< 

jìL V« lo tpì«garò io. ^ nlBoìeré ! iIioHIiimmio 
- 1» • fisicamente. Moraltutnte , rispeto a mi , 
contìderando e) mio dover, no me latso rego- 
lar da r afato, ma da la prudenza, e trovan- 
dome In an impegno, dal qnal no me posso 
sotrar senta smaco e senea pericolo de la mia 
rìpntasion) faxso che la virtji trionfa del senso 
inrerìer. Fisicamente ▼» digo^ che xe diversa 
Je passion de l'omo; che operando una,. Tal" 
tra cede ; che piena la fantasia d* una forte 
impression Terso no ogeto, no ghe resta logo 
per jriAeter sora d' an altro. Altro xe operar 
per acidente, altro xe operar per miitier» Sa 
mi no fosse avocato, no savaria e no podaria 
parlar oontra una persona che amo ; ma fa- 
cendolo per profession , parlo per uio e > per 
cosiamo, e monto in renga per far el mia de* 
bito, senza rifleter a le mie passion. 

Ite, Bellissimo à il vostro sistema ; non so però, 
se venga comunemente abbracciato. 

Ai. Tuli i omeni d' ooor se regola in sta ma^ 
niera. Quando ted4 un avocato in renga, dixÀ 
pur francamente : quel' orator xe tanto tra- 
sformk ne la persona del so oliente, che Tè 
incapace d' una minidia distrazìoo. ; 

Le, Ammirerò con sentimento di giubbilo questa 
vostra magnanima azione. 

jtL No gavarò goeote de merito a far el mìo dovere 

Le. Mi dispiace, per altro infinitamente aver da- 
to motivo al vostro cuore di qualche pena. 
Credetemi, l'ho fatto innocentemente, e ve ne 
chiedo scusa di cuore. 

AL Se in tute 1' operazion se vedesM le conse- 
guenze , l' omo no faleria cussi spesso* 

Le. Non mi mortificate d' avvantaggio. Ne provo . 
una pena non ordinaria. 



)y Google 



•7» 

Al, Ma! rè cntsì. Ckk non eoBf«rta 4 ••lv«<^ 

. go; chi eonrerM precipita^ Ftlice «1 sMMMla, 
•« te us«s«« per luto «i« 1« OMtU « saTÌe 

- ooovtrtasìoii, oeinpost* «U sento ^ota, funden* 

' le e À% fteseo eguali Qoeste x« qaala ohe 
rande proto ai omvnì, decoro a le ciilà, boa 
asempio a la coteotù. Da i|ttette T«ea fera ^aei 
gran omeoi, pieni de bone maestme a de do« 
bina , nati a poctti per el poJblieo e privato 
Imu. si studio no pronta tanto, quante Tuso 
de la oaette e dote ooaTertaxion^ Studiando 
te ÌMpara ooo fatica e con pena; eonvertando 
te ioipera con facilità e con. piacer, perchè 
unendote <}utl util^ diddt tanto comeodk da 

> Clraso, l'omo te ittruisoe ne l'ato aMdetimo 
che «1 se diverte. Ma le mattnia de hona e- 
ducaaion le mi ha trasporta a aegno che pia 
non ine reoecdava de la ana causa. Cas^ qcian- 

.• do Iratevò la mia catua, saie trmportk intie- 
ramente in qnela, a dopo , soleva da la^ gran 

• ama, che requirU -Èoinm hominerni^ pel eéaer 

che me lassa aletap da raatori che ze U pie 

ferte, le pi^ TÌoleota passion de la nostra mi- 

. serabiltt nmaaitìi. (parte) 

iie. U signor Aibtrte ha &tto ptè profitto so- 
pra il mìo spirile con ^eate quattro paaOle 
che non avrebbero Istie dieci maestri uniti 
insieine. Più volentieri si ode un aonco» di 'un 
precettare; e più faotlmeats s'insinasno le eor^ 
rexiooi amorose, di quello feociano le strepi- 

e • toiie^ Questo i quello che si guadagna a pra- 
ticar cogli uomini dotti; seaipra s* impara quab 
che cosa di bnoooi \parte) 



)y Google 



;75 
5C1SNAXIV. 

tCafnera della eonvé/UMnUme in casa di Betf» 
tréce, con tavolila e candellieri, il tvttQ in 

. coìiffitso, rimasto così dop^ la €om*er9WO' 
ne della sera innanzi. 

COLOMBINA ed AAllOCHmO. 

Col, Eisoo qoì, tìamo tempre alle meéetìme. 0ie 
ieri sera in ^tia ooo bai fatto nnUa; Le ae^» 

• ' i taTolioi, i oaadellter% le eaiste^ tutte i» oenfuio. 

jir. A ti, che te piate la paclitia , parche noo 
t'>^ -ve§tt4 in tetta da comodar, de Bétar, de 
éeauigar e de no vegitìrme a teear f 

Col Peuo d' aoioialaocio f Ho da dir iuUo io ? 

jir. Mi Ja mi» parte Ja £paao in ««isioa. 

Cól, Via dunque, praodi quei eaodeiUeri,c vagli 

m ripulire. 
■jir. Bea, mi neterò i eaedtlieri e ti ti l'ara et- retto» 

Col, Io raccoglierò le carte, (j' accostane tt/td 
due al topolino) 

Ar, Olà! {abut, un eandeUiere-e pi tropa sotto 
i.dae Meeehimi laseiad da Alùerto) 

CoL (se me accorge) Ghe eoea e'4f 

Jr, {& miei naecondere} Mienie. 

CoL Hai trovati dei deoMÌ ; toi^ • metèr. 

Jr. Chi trova, trovai fuetta l'è roba mia^ 
•CoL Due seodùoi? Ueo per «ao. 

Ar, De quetti ne ti gke ne magni. L'è- reli» mia. 

Col, Non è verob Le maoee e ^lette cote ti 
tpartitoooo fra la tervìté* > ' 

Ar, BAi IM> ao de tanto tpnriir. Chi trova, trova. 

Col, Lo dirò alla padrona. 

Ar, Dilo a oitt Ci voi. 8(f ^ setcbini i k mii. 



)y Google 



C^ Non h ««ro. Toccano instk per «M. La tc 

chrcmo. 
'^r. Sì, !• veclrenio. 
CoL Voglio il imo secebÌBO, te credeisi di fare 

trae lite» « ■ 

Jì'^ No te lo dago, so oredeMe de faroM ìttpScar. 

SCENA XV. 

Il dottore Bktànzoni e detti- 

jyo, Ghf è qui ? VI i mìa nipote ? 
Col, Signor no; è ntoita di casa eolia i^ìa pa- 
drona. Non sono ancora ritornate. \ 
Do. V ora s' avance. Abinamo da pranzare ; do- 
po desinare corre la oaasa» e questa 'ùgaora 
non -si vede. 

Col. {ad Arlecchino) /M\ dai il omo zecchioa? 

jir. Signora no. 

CoL Sei un ladro. 

Jr. Son on galani' ono« Sei te Tegiitsse, te lo 
daria. 

CoL Mi tocca assolutamente. Aspetta. Signor doN 
tore, ella ohe 4 avvocatoi fìivorìsca decidere jì« 
oa contesa che torte fra di noi. 

Ar. La favoritsa dir la so opinion, ma sena paga* 

Do, Dite pare; m'imoMgino che sarh cosa di 
gran riìisTo! FratUnto verrà Rosaura. 

CoL Sappia, signor dottore». 

Ar. Lessema parlar a »i. La sepia, sior avoca* 
to, che sti do sechiot ti mii. 

CoL Non k vero» toccano OMtà per uno. 

Ar. Non è varo niente. 

Do* Parlate uno alla, volta, se volete ohe So v' lo- 

, tenda. 

Co. Arlecchino ha travati dae soethiol sotto na 



)y Google 



.... '* 

candelfìere . Sono stiiì fasciali da un Hig1ia«^ 

tore par Oiaiioia delia aerfitù ; dunque aoao 
matli per uno. t 

jir. Noo k varo. Chi trova^ trora. 
CoL Noi facciamo tntte le ooie dalla casa Inaia* 

me, a anche TatUe deve essere a met^. .> 
jtr, Noif e varo che femo le cosse assieme, per* 

ch& mi dormo nel mio leto, e Colombina 

nel ano. 
Coi, Dica, signor- dottore, ohi ha ragione ? 
jir. Qneì zecchini no. eli mii ? 
Do» Via, da baoni amici , da baoni compagni i 

ano per tino. 
CoL (ad Arlecchino) Sentì f , 
Ar, No ghe stago. 
Col. L'ha detto an dottore, 
Ar, Li k ao ignorante. 
Ho, Temerario! 

SCENA XVL 

// conte OTTAYio « detti. 

Co. Ghe cosa o' A ? si grida ? 
Do, Quel temerario mi ha perduto il rispetta 
Co, Briccona ! noo lo conosci ? 
Ar. El dise che sti do aeoohini ohe go trovli sot- 
to el candeUer, li ho da spartir con Colombiof^ 
Co. Lascia vedere quei due seochioi. 
Ar, Eccoli qaa, li ho trofadi mi. ; 

Col. Sono metà per noo. 
Co, Questi SOBOÌ due seoohlai che aveva io je- 

rì aera; sono miei, a viai altri andate al dif 

volo. 
Ar, Come!... 
Col, L'ho caro; n^ tn» ni So* 



)y Google 



Do, Bceo téraSoati U Ktc^ 

Ar. Bìùr contai, i ma ào itodnaL 

Co, Sé parC, ti Imitooo. 

Jr, Maledttu GotonbtMl ! {lèr «taui to* % «hi 

• ti me k pagarìL (fwrte) 
Col Sì, ho pìteere cha non K atrlna o»lui, Sì- 
' gnór conta, kn' iaunagùio cba li wrrà preti par 

* alarli a mC. 

Co. Eh ! non mi seccate. 

CoL (SpiAatataccio ì Faono ^tì cotkoro. Vaoéè 
alla oooTersaziotti par iicroeetrai « giuooaao 
par tie|ono.) (parte) 

scftiiA xni. 

J/ C072/» OVtkYlO -e il OOWORt* 

2)o. (Questo signor conte k dì Baono aloniM».) 

Co. Dot' è la signora Rosaura ? 

Do» Non lo so. E^ foori con la signora Bealrioe, 
e sono ^ai ancor io che l'aspetto. 

Co. Ebbene, corre oggi la causa? 

Do, Sì signore, senz'altro. 

Co. Ave?a iutese dire, che era rimasta sospesa* 

Do. Lo stesse aveva sentito anch' ro ; ma pei il 
notare, due ore sono« mandomini ad avrerli* 
re che la cansa corre. 

^. (Dunque Ftorindo non ha abbaiato alle ade 
parole.) Che cosa sperata voi di questa cfcosa f 

Do, Io sp^ro liene^ ma l'esito è peMpie •^^•'* 
to; Tol«^ra parlar col giudice, ed egli pfha- 
tamente non ha Toluto asooltamn. 

Co. Credete Yoi che prema <|Qeeta causa aUa si- 
gnora Rosaura? 

Do. Certamente le deve prem«rc« Si tratta di 
tutto. 



)y Google 



77 
Co. Eh! so io ch« eoga It pf0liM. 
i>o. Che «Mft ? 
Co. Ci burli tutti. 
Do. Goine? 

SCEKA XVIU. 

BUTAiCB, tiOSkvnke.deUi, 

Be. Rìf«fitco lor signori. 

Co, Schiafo tuo. 

J>o. ileo tornita la -mia aigoora nipote. Mi pafé 

oIm aia tempo di andare a casa. 
KOk Caro sior zio , ^fatemi il piacere , per oggi 

lascìatent a pranso colla signora Beatrice. 
i)o. Signora no ceftaoiente. ^Oggl si tratta la 

causa, a foi «tate a venire con me al tribu- 
nale. 
jRd. Io ? Che ha da fare al tribunale ? Campa* 
' titemi, non ci voglio venire. 
Co» Eh ! si, andate, che le voitra bellezxe farao* 

Ito più M vostro avfocato. 
^O. Io non ispero nessun vantaggio dalla pr»* 

senza di mia nipote, ma questo « lo stile ^ 

questo foro. I elianti, quando possono, devono 

persooalmenta iotarvenire. 
JR0. Con qual frante volete che io sostenga in 
. pubblico la presenza del giudice, a gU occhi 

de' cireostanti ? le non sono avvesza. 
•Co* Poverina! Temete la\pr«senza d«l giudice, 

gli sguardi de* circostanti ? Ti consoleranoo 

gli occhi delPavvàeato avversario. 
Bo, (STaociatel) 

Do, Comef Vi è qualcha novità? 
Ca. Ohi ai signora, la vostra cliente, la vostr* 

nipote eoBgiura centro di vai; contri» 41 na» a 
. contro di sé nedetimab 



)y Google 



1» 

Do. Ma p«rcMf 

Co. Perche è ianamorata del ▼«nètiano. 

Do. (a Rosaura) E^ «gli »ero? 

Co. N'oli la vedetf ? Gol ano sìleoio approva l& 
mia parole. Io n oontìgJiOi aigoor dottore, d'an- 
dare avantf al giudice, rappresentare qneito 
fatto, di Dui «le sarò io testimooio, a aospen- 
d<re la traitazioo dalla canta. (O per una 
▼ia o per 1* altra voglio veder ae mi rieae* 
di coglier tempo.) 

Do, Dirò, signor conte: ae vado dal giudice co» 
questa ciarla , ho timore di farmi ridicolo. 
8ia par la cliente innamorata, sa vuole, del 
suo avversario, le ragioni le ho da dire io, 
la causa la maueggìo io^ onde con so bon» 
grazia, la causa ha da andare innanzi. 

Co, Siate un nomo poco prudente. Andate, trai* 
fatela , perdetela ; ma vi protesto che se R<^ 
ranra rimana spogliata, se non ha i ventimila 
ducati, straccio il contratto, annullo l'impe^ 
gno, e non k degna di essere mia consorte. 

Ito» (Ora princìpio a desiderare di perder la 
causa, e di rimaner miserabile.) 

Be. (al Dottore) Povera signora Rosaura! la 
volete sagrificare. Il conte non la può vedere 

Do. Quanti matrimoni «i son fatti senza amore, 
e senza inclinazione; eppure col tempo ai sono 
accomodati. Ilon è una balla cosa il diventa- 
re contessa? 

Jlo. La pace del cuore vai più de* titoli e della 
ricchezze. Se vinco la causa, «e sposo il eoo* 
te, vedrete, signor zio, il miserabile frutto del- 
le mie fortune. Stare con nn marito che s*odia? 
Vedersi tutto dì d'intorno un oggetto ohe si 
abborrisce ? Averlo da ubbidire ^ da aoiaroa 



)y Google 



da aocirezzare? E ana pfoa che non v'ha 
la 8Ìiiiil« iielT iof erno.' Pdvtra donne ! Se al- 
onoa mi seatics« di quelle cbe dieo io, pian- 
gertlibero meco per compassione, consigliere li- 
bero t padri, i coQgitintì deHe ftofere figlie, a 
non disporre tiranqicanente di loro, a non 
aagrifieare il onore di uoa fanoìnlla all' ido- 
lo délf amBiaiona o dell'interesse. 0^^^) 

Do, Quando si tratta dì dispaiare rarticolo del- 
la libertà, le donne na san più dai dottori f 
ma non ei sarà nessun giadìca che dia lor^; 
ragione, non essendo giusto di preferir qna 
▼ana passiona al decoro e all'utile delle l'è- 
miglie. (parte) 

Be, Chi sente lei, ha ragione; chi sente Ini, non 
ha torto. È vero, che tatto le sentante in 
quatto proposito Uscirebbero contro di noi; 
. Ma perchè? Perche i giudici sono nomini; 
«he se potassero giudicare le donne, ah 1 s\ 
lentirebbaro di bei giadizii • laTore del no* 
stro sesso. (P,^^^X 



)y Google 



ATTO TERZO 

SCENA PRIMA. 



Càmera dei Giudice ecn tré tm^cUni^ 
e P4BÌ9 sedie. 

ftlBNiTo in nhito nera* Uh SxjUecitaiore con 

• delie scritture. Un Servitore ed ferré^uolo 

• deiVapifocaio aulòraeciOf che rtsia indietro^ 
' vioxtNDO e LIUO. 

PL \9 twsti ii«$tri avtef tari aBCOP bob si ▼•deno, 
At Xé «dcora boa ora. La wrda, tiali ora aitato. 
Le, Mt disp1ac«} cha tioii ttbbiara volalo desiaara. 
Ai. Co (tarfo <fop« pranta, tto tnasno ttaì. 
^. Eaco gli aTTersari* 
AL Metamosa al nostro logo. { ognuna prende 

il suo posto) Sior Lalio, comodeTa dota cha 

▼aU. 
Zée. Sto 901 ad ammUrara la sottra jìrtÀ. 

(si pone in disparte) 

SCENA n. 

B dottor BitàNzoNi con delle scritture, xo» 
sAuaà coi peio su gli occhia vestita modesta* 
mente, un Sollecitata^ e detti. « 

i^Si saiutano tutti fra di loro. Bosaura non 
guarda Alòerlo, nò Alberto Uosattra. Il 
Dottore dà ad essa la mano, e la. fa se» 



)y Google 



etere su la banca, poi sigde eoi sito SoU 
leiitahtre al fianco.^ 

tHDt VENQOìfQ 

U Giuùics in toga^ il notiro, il QomandadoP 
ed il Lettore, 

(tutd^ s'alzano) 

(Il Giudice va a sedere pel mezzo. Il Nota" 
ro da Mina parte. Il Comandador in piedi 
dietro al Giudice, Il Lettore in piedi pres- 
so il tavolino del Giudice, dalla parte del 
dottor Balanzoni,) 

Gi, {Suona il campanello,) 

Do. {e* alza) Siamo qui, ittiiitrisditto 'Signore, 
per definire le causa Balanzoni e Areiasi. 
Vossignoria ìHastrìssiiiia non havolato leggere 
la mia «crittnra di allegazione ; comandi daà« 
qne ; che cosa ho da fare ? 

GL Non ho Tolato leggero la Vostra sorìttara 
di allegasiooe in questa causa, perehà io, se- 
condo il nostro stile, noo^ ricevo informasroni 
private. Le Tostre ragioni le avete a dire i» 
contraddittorio. 

Do, Le mie ragioni sono lotte registrate in (^ne* 
sta scrittura: se vossignoria illustrissima la 
Ttrol leggera .... 

Gì Noti basta, che io la legga; l'ha da sentir 
il vostro avversario. Se valete, vi è qni il 
lettore che la leggerli. 

Do. Se si óentente, la leggerò io. 

Gì, Fato quel che vi aggrada. ' 

(// lettore va dalt altra partCt e si ppnea 
- sedere indhtrù.)^ ... - - » 



)y Google 



Btt 

ili Dottore siede. ^ lesela striituFa di ed- 
legazione. Alberto cma sua 'penn^ da In-- 
pis va facendo le sue annotazioni. Rosomi» 
ra^ con gli occhi óassi, mai guarda Alberto^ 
né egli mai Rosaura) 

Do. {Legge.) 

R0VIGEEN51S DONATlONiS 

PRO 

DOMINA ROSAURA BALANZONI 

CONTRA 

f 

DQMlNVia FLORINDUM ARETLSl 

Illustrissimo signore. 

lue è vetro, ooom è verissimo in )ur«, cbe 
unusguisgue rei suae sii moderai^ et or» 
ùiter^ oodtt ogauoo delle su« facoltà poss» a 
suo Uleoto disporre, vero sarà e ioconttasta- 

^ bile, ohe il fa signor Ads^ioo Areiusi, padre 
del sigoor Floriodo avversario in causa, avrà 

^, potato beneficare colla sua donazione la pò- 

. vera ed iofelica Rosaura Balanzoni, che col 
mezzo della mia insufficienza chiede al tribù- 

. nal di vossignoria illustrissima della doDazio- 
ve medesima la plenaria confermazione, pre* 
via la confermazione della aeoteiiza a legge, 
giastameute a nostro fayora |ironauciata. 

CTeiranno l^%^x il fu siguor Anselmo Aretosi, 

^.,. pregò il fu Pellegrino Balanzoni padre di que- 
sta infelice, che a lui 1^ 4;oacede«&c pecfigHa 



)y Google 



63 

** «doulH, giacche dopo 4i«òi Ami von^liTeva &<■ 
yiaf proU alonaa dal suo matriiiMinio. P«1I«- 

' griao Balanzoni »v«fa tro figtie, -é per condì- 

' aoendere alla istanze di Antelmo si privò di 

' qaesta, per contentare T amico; onda eccola 
passau dalla podestà del padre legittimo a 
naturale, a quella del padre adottivo: Quia 
per adopdonem acguiriiur patria potestas. 

Per prezzo , o sia rimunerazione di avergli il 
padre naturale ceduta la propria figlia , e ia 
tal maniera ooosoliito il di lui dolore per la 
privazione di prole, fece una donazione alla 
figlia adottiva di tutti i suoi beni liberi, a- 
soendenti alla somm* di ventimila ducati, ri« 
serbandosi da testare mille ducati par la va- 

' lidità della donazione. Se morto fosse il pa- 
dre adottivo senza figliuoli del suo matrimonio 
nati, non vi sarebbe ohi contendesse alla doua« 

( taria i beni liberi del donatore, ma essendo nato 
due anni dopo, il signor Flortodo avversario, 

' egli impugna la donazione, la pretende nulla, 
e di niun valore, e ne domanda revocazione, 
o sia taglio. Beco l'articolo legale : se si SO' 
Stenga la donazione a favore della donata^ 

' zia, non ostante ia sopravenienza del figlio 
maschio del donatore. A prima yista pare, 
che io abbia' a temere 'la deijisione alla mìa 
oliente contraria, fondandoci gli avversari sul 
testo : Per superuenieniiam Uberorum revw 
catur donatio, Lege:Si anquam^ Codice de re' 
pocandis donaùonibus. Ma esaminando minu- 
tameote- il contratto delia donazione, le circo- 
stanze e le conseguenze, spero di otteo«re dall<t 
sapienza del giudice favorevole la semenza. 

Varie ragioni, iuae fortissime e convincenti, m 

^ iiidttcooa ad assictirarmi della vittvcia^ 



)y Google 



la doHMMtt^i d« •«» « »""■» «'*°* |»t»«ii 
iMioi MUii di aatrioMmo iti dooaletc, «pa- 
ni vttr mai «fato figlinoli; onde si poUa per- 
tnader r»gìoo«fol«ieola di ooo più ooniagoir- 
M. Co» qaa«t« fede il padre tuo «•tarele si 
h privato dtìIU ava tener» fig»»», • «•«>»• *» 
previa donaaieuo non glie V avrebbe cooceaaa. 

Ma piA forte; per ceata di q ietta donazione 
il padre naturale ha collocalo le altre due fi- 
glie decentemeate, n* di quatta ha fatto man- 
«ione. Ha loro dittrìbuìlo le tue aoitanze. ed 
•fidatosi che la terza fossa provTeduta coi 
beni dal donatore. 4 morto tenza lasciare al- 
cun banchi minimo provfadi mento . onde se 
Rosaura perde la causa, resta miserabile ai- 
falto, desiituta di ogni «occorso, senza dote, 
tenza casa e senza alimenti. 

Atf incontro il signor Floriodo avforsario, se 
perde, cerna perderà senz'altro, ì veniimila du- 
cati gli resta la dote materna, consistente m 
du^ti cinqoemile, gli restano i fideicommiSM 
ascendentali, che ammontano a più di treoiamila 
ducati, come si giuitifica nel processo che a- 
vrh vossignoria illuatrissima basUntemcnie os- 

servato* . 

Tutte le ragioni detto finora, eavata daBe nsoera 
della causa e daHe veriià deifaiti provati, potreb- 
bero bastare per iadur l'animo del sapientissi- 
mo giudice a pronunciare il favorefole decreto ; 
nn siccome noi altri jurisconsulti eruòescimur 
sine lege loqui, e gridano le leggi: tfUidqmd 
dicitur, probari dabet, mi ditpongo a pro- 
Tare colle BUtorifk quanto fin ora ho allegato. 

Eia dooazieoe si sostiene, pcrohii Donado pet^ 
fecta rw^oeafi non potesl. Clarìus m para' 



)y Google 



85' 
ffràphò doHalio questione pHmàt TÙthierò Mr* • 
do. Né osta l*obbielto ptr sti)>efVehÌ6niÌam li- 
éeroriun reuocatttr doncUio, P«rch*& ciò s'iti- 
U0<ie, quando la dooazìooa 4 falla jilt*esfraa99, 
oon quando V faità il figHuòYoV tege: Si io^ 
tai Codice de inojficiosisdonathmbus. Sed 
■ sic esit che la presente dodazìona k stata fat* 
ta alla fig^à adottifi. gaae per etdoptionem 
aéquipàratar filiù tegilimo, et natarail ; er^ix 
la donazione boi! I raro^oabllé. 
Ma peF ultimo mi sono riSerbato il pì& fori a 
argomento per MbbaCter tuEté (a ragióni délf a* 
▼ersarìo. La donftzìone, di cui sf trattat hén* 
ctò abbia aspetto di donazione Inter vhòs^ 
•Ila però, riguardo aHVffetto di esser rerifiòa- 
bile» tantum post mortem donatario, k pi^ 
toito una dooazione cauSa ntorti^t ut liabe" 
tur ex hoc titulo de donaiiortìòus causa nt^r" 
iis. La donazione àausa mòrtis hdòét t^i/n te- 
stamenti, Lege secund'a in 0étbó tegatmn^ 
digesds de dote praelegàta. ' Ergo té non ii 
soitenesse come doaazioae, si sosterrebbe ai 
^rigore di testamento. È rero, dire mcns ha* 
nùkls est ambutatoria u^qué ad utdmum 
' pitae exitum^ mi appuhro per questo, pero1t4 
morendo il donatore non ha revocata la do* 
I nazione, ha inleso che quelle sia f ultima sua 
; - Tolonth, la quale si deve attendere ed osserv ara« 
' CoòvlàJo adunque, elle la donazione non è re- 
vocabile, che la doitatarìa merita tutta la com- 
I " passione, e che unita questa alla giuitizia n^ 
Ì*aaiaio di vossignoria illustrìssims, mi fs, cu* 
' me diceva a principio, esser sicuro della ^it" 

^ toria. (/a una ri*fef^hza at giudice, 

* rAlherto ** edza, ia alcune càrt9 ài Lettore 
^ che 5' alza 'é si accosta al trif^unale) * 
V ìvu. Venez., a." \i ^ 



)y Google 



( Rosaara alza gli occhi, e ved^fteìn ' j^lBer' 
to in Atto di parlare, fa un atto di dispe- 

, razione, e si asciuga gli occhi m>2 Jax%o- 

letto. ) 
( Alberto la vede incontrandosi a caso cogB 
occhi nel di lei volto. Fa ancK egli un at* 
to d^ ammirazione. Poi mostra eli racco- 

. gliersi, e principia la disputa.^ 
AL Grau aparato de dotrlne, gran eleganza dt 
termini ha messo io campo e| mio rererito 

. aversario; ma me se permeta de dir, grao di- 
sputa confusa, grao 6arhì argomenti, o per 

.-dir megio, sofismi. Respooderò col mio ve- 
neto stil, segondo la pratica del uostro foro, 
che ral.a dir, col nostro nativo idioma, che 

. equivai, oe la forza dei t<>rmini e de Fespres- 
•ion, ai più colti e ai più politi, del mondo. 
R'*sponderò co la leze ala mio, co la leza 
del nostro statuto, che eqiiival a tato el co- 
dice, e a tati i digesti d^ Ginstiniao, perche 
fonda sul ius do natara^ dal qaal son deri- 
vade Iute le legi del mondo. No lasserò de 
re$ponder a le dotrine de Tarersario, perche 

. me sia ignoti quei testi o quei autori legaK 

. dai qi^ali dotamente el le ha prese, perche 
ancfi nu altri, e prima da cou^gnir la laurea 

^ dolorai, e dopo ancora, versemo sul jus oomuo, 
per esser anca de quelo intieramente infor- 

,. mn.di; a f^er sentir le varie opinion dei do- 
lori su le naa^sime de la giurispru^lenza. Ma 
lasserò da parte qnele che sia testo impe- 
riai/ perche av«mo 'el nostra veneto '.testo, abon- 
daote, chiaro e istrutivo ; e in mancanza de que* 

. lo, in qualche caso tra i oasi incoiti che 
son possibili al mondo, dal statuto o qoo pra- 
tisti, ooQ àicm^ la rasoa naturai zi base 



)y Google 



iondanMilUl, salaqoal riposa io qtùetf Ta- 
\ \ D imo del sapieotUsimo Gladice; 8?emo I casi 
' s«suulìa ì casi gìodicadi, le legi particolari 

^ , d«ì magistrati, T aqni^k la poodierazion delle 
, circostanze, tolte cosse, che fai iofioitamente 
' più de tutte le dottrioe dai autori legati. 

' Queste per el più le serfe per intorbidar la 

' materia, per stirachiar la rason, e per angu- 

stiar V animo del giudice, al qua], non afen- 
' do più arbitrio de giudicar, el se liga, el se 

' sogeta ale opinion dei dolori, che xe stadi 

omeoi .come lof e che poi aver deciso cussi 
per qualche privata passìon. perdoni el Giudi- 
ce, se tropo luogameota ho deserta da la 
eansa, credendo necessario giustifìcarme , a 
fronte d'un aversario seguace del jus comuo, 
e giustissima cossa credendo, dar qualche ri- 
salto al veneto foro, el qual xè respetà da 
tuto el resto del mondo, avendo avudo più 
volte la preferenza d' ogni altro foro d'Euro- 
pa per decider cause tra prjocipi e tra so- 
vrani. 
Son qua, son a la causa, e incontro de fronte la 
^ disputa de l' aversario. Sta bsla disputa fata 
da mio compare Balanzoipi con tato el so co- 
modo, senza scaldarse el sangue, e senza sfa* 
digar la memoria, la stimo infinitamente; ma 
per dir la veritk quel che più stimo • con- 
sidero in sta disputa, o sia alegazion de l' a- 
vrtrsario, xk T artificio col qual ¥ ha cercii de 
confonder la causa, de oscurar el ponto, a- 
ciò che DO r intenda ni el Giudice uh V avo- 
cato. Ma l' avocato 1* ha inteso; e el Giudice 

*• {il Dottore si va scuotendo) 

f Coti'i compare? Mcdì la tasta? M' impegno, 



)y Google 



B8 ^ 

ctie in sta catiia no glie ti* at&'aD fil èé tato (a). 
h, mr. Coss'ela ara gran eama? Qual elo $f 
gran ponto de raaon ? Xelo db ponto noto ? un 
ponto che no aia alai sta deciso ? Et xo aa 
ponto, del qtia] g Venezia un precìpianle •• 
▼ergogneria da parlargheoé io accademia (6}* 
Lia tenta, • In me giudici tu ata veriiìk, di- 
peodento da un* uliica carta, che el mio rere- 
rito tior Balanzùm non ha atùdo ooragio dn 
leier, • che mi a ao tempo ghe lesero. Elaior 
Anselmo Aratati, padre del mio clieote, dios*an« 
ni l'è sta maridà senz'aver prole, e ei ehié» 
taà detgrosi» quel ctie tanti e t%oti cbiamara- 
▼é Torta otf; ef desiderava dei fiòti, per aver 
xlei iravagi. L'ha 'rovi on amigo che gaveva 
una desgrazia più grande de la Ioa, perchè el 
gaveva tre fie (c)^ che ghe dava da sospirar. 
£1 gha n' ha dòmandli oda per ila de an^ma (dQ, , 
• lo ghe l*ha dada votenderìssimo, e el ghe 
favarave dee tuia tre, te T avesse podesto. 
Aoselibo tot in casa tta picola bambina 
de l'età de tre ani, el s' inamora in qntfi veii 
ioooenti che xe propri de qael'etii, e do ani 
dopo el se determina a Targhe aoa donazioa 
general de Cutr i te beni. Ma la tenta co» 
che prudenza, con che cautela, e con che 
preambolo salutar Tomo' savio e prudente ha 
fato tta douazion; e qua la me permeta, ohe 

(a) Non avétó un principio di ragione* 

(b) In Wene&ia si accostumano le accade" 
mie, nelle quaU Ut giouentà si estrcUa 
nelt arringate. 

(é) Piti do anema : figlia pfir afftUo, o sia ad* 
dottit^a. 



)y Google 



«9 
primi eie tratmr el poolo, prìou cU eontidertr 

. 1 obietl de r •v.'rMrio, ght lesa quela earUg 

che xe la base fondsmenta) d« la caos», queU 

dooasioQ chf ha oiDe9f o. forsì non shte quare, 

de lezer el mio aTersarìp, e che 1q mìa iofe* 

Dujtà xe io impegno de farghe prima de tuko 

cQusiderar. Anemo, «ìor leior ; chiaro, adatio 

a pulito. Gootraio de doDazian a carta 4> ^ 

gala atomo. Afaoti. 

Le, Addi a4 novembre 1736. Ropìgo, 

(Legge caricato nel naso), 

4L ifg, un atto d' ammirazione sentendolo é*» 

fittolo) BraTo, ftior sgoapfo {a\ tire de loego. 

tfe. Considerando il nobile signor Anselmo 

Jretusi^ che in dieci <^nnl di matrimonim 

,non ha avuto fi^Uuoli,.» 

41, GoDciderando, ohe io dieci anni di uuurlmo* 

, DÌO ooD ha avuto figliuoli. Via apo^ da braro. 

te. E temendo morire... 

Al. £ temendo morire... 

i^e. Sema sapere a chi lasciare le sue fcn 

. coUà... 

Al. E temendo morire, senza sapere a ehi la^ 

, sciare le sue facoltà ; aoemo, compara sgusAfa. 

Le, Avendo preso per figlia «T anima'*» 

4I' Per figlia d* aoìma... La ^a d'anema voi 

, portar na I* eredità a quelo che «e fio dal 

corpo ? Bela da galaotomo I Avanti, 

te. La signora ... (non sa rilevare la parola^ 

, che seguey 

Al. Via avanti. 

Le. La signora... 

AL {lo carica) La signora ..« Tireà atanU, a |ae 

! »o mi? . . , . 

(a) S^nau^ si dice chi parla ed nas0* . 

Digitized by VjOOQlC 



90 

Le. ta signora ... Jtosaara Paleazzom. 

AL Cossa diarolo dixeu f O quei voi^i 'ocKia« 
li fa scaro, o tu no «ave lezer, compare), (prèn' 
de esso i fogli) Lass^ feder • mi. Compa- 
goeme CO 1* ochio, se digo ben. 

Avendo presa per figlia <f anima la signora 
' Rosaura Balanzoni^ a qiula ha fato^ e fa 
donazione di tutd i suoi òeni liberi, presèn- 
ti e futurit mobili e si^bili^ (rende i fògli 
al Let.) Tegnì «aldo, basta cuss). 

^1 doDQtor porlo spiegar più chiaraoieute la so 
iotrtDcioo? Ghe riocresce oon aver fioi, eldu* 
bita de morir senta eredi, per qaetto al dona 
i so. Seni a la fia d'anepia; ma «a al gaveva' 
fioi, noi dcoafa; ma se el gavera fioì, sarà 
refocada la douazion. Mo ! oo V ha reTOcad«« 
Se ool l'ha revooada lu, Tha rerocada la le- 

' ze. Cossa dixe la ieze ? Ghe se el padre do* 
Daodo, prftgiudioa a h rasoo dei fioi, no tegoa 
la dooasion. Sta dqnazion pregìudichela a la ra- 
•oa del fio del dooator ? Uoa bagatala ! La Io 
despogia afato da luti i beni paterni. Mo ! Di* 
za Tafocato a?ersarìo: el ga i fideicomissi 
ascendentali, el ze aliunde provisto. Qaesti no 
ze beni paterni; questi ool |i riconosce dal 
padre, ma da la madre e dai antenati. I ben» 
paterni ze i beni liberi, nei quali i fiolj^ i ga 
el gius, de la l^gitima, e el padre ««nza giusta 

* causa no li poi desredar. Ma come sto boa 
padre foleva desredar no so fio, se el se ra- 
maricava non afeodo fioi, • se el desidaraTS 
un erede ? A fronte de una lege cussi chia- 
ra, cussi giusta, cussi onesta, cussi naturaJ , 
no so ootsa che se possa dir in contrario. 
Epnr ze sta dito. £1 doto arocatp araf^ano 
ha 4ito. Ma cossa alo ditof Tata cosse fora 



)y Google 



SI 

det ponto. El fede persa la saTP, el se buia 

io mar, el se taca ora a un albero, ora al ti* 

I moa, ma an per de onde lo rebalta, lo buta 

( a fondi, Bsaminemo Lievemente i obieti, e ri- 

I solvemoH, no per la necessità de la causa, ma 

per el debito de l'afocato. 
' Prima de tuto el dize : la donazidn se sostìeo/ 
perchè no la ze revocabile. Questo k Tistes- 
ao che dir: mi son qua, perchè no son là. 
Ma perchè songio <jua ? Perchè do eia revo- 
cabile ? Sedlimo ste beTe rason. Compatìme, 
compare Balanzoni, ma sta volta Tamor del 
•angue t' ha fato oibar. La ze vostra nez- 
sa (<3i), ve compatisse. El dize: quando el dooa- 
tor ha fato sta doni^zion, giara dodes'ani ch'el 
giera maridà, fin alora no Taveva abù fioi, on« 
de el se podeva persuader de non averghena 
piò. Vardè se questa ze una rasoo da dir a 
no Giodice de sta sorte! Quanti ani aveva la 
siora Ortensia Aretusi, quando Anselmo so 
marlo ha fato sta donazion? Vardè, sior Le»* 
tor caro, a carte oto tergo. 
Ite. {Guarda a carte otto, e legge). 

Fede della morte della signora Ortensia 
Jretusi... 
'AL No, no, oto tergo. 
"Le, Fede della morte... 
ÀI Tergo, tergo. 

"Le. (Lo guarda, e ride con modestia). 
Al. Ah! non savè cessa che vuol dir tergo f E 
si a muso lo dovaressi saver. Vardè da drio 
ale carte oto. (Oh olia bravo feter!) 
» Ze. Fede come nelt anno 1726... 
\ AL Che xe Tano da la donazìoa. 

i (a) Kfpote^ 



)y Google 



ir. La signora OrtemÌM, m^gUe dei signor 
Anselmo Aretifsi^ at^tpa^,^ 

Al- Aveva. 

ir Anni,.. 

Ài. An-.... 

he. Trentadue.,, 

A]i TrpntoHgt... 

te^ Ed era in ^uel tempo... 

Al' Basta cassi, ch« me fé v<!gnìr mal. L»m |a- 

* vera 32 ani, e so marlo desperava de aT«r 
pia fioi ? No r aveva miga sera boterà p«r 
dir che do ghe giara più capital. Oh ! che 
caro sior dotor Balaosooi ! ^enti più belm ; 

J eoo sta fede, el padre della signora averse- 
ne ha concesso so 6a a PAretusi, altrimaoti 
noi ghe l'averave dada« Perchè no a* alo fis^o 
far una pìezaria (a) de la stpra Ortensia dt 
far divorzio fla; $o cpario? Ma bisogna cha sia 
pieznria o eia, o qnalchedon altro ghe Tabia 
^ fata, perchè su sta feda V ha, oolocà, le tltrt 
do fi^, a qi)ele el ga dà tuto, a questa i|ol 
Vhk con«ìderada per gnenta. L' è morto san* 
za gnente, e eia no la ga gqente. Da sto fata 
, raversario dessume una rason, che s* abia da 
laudar (^6) la donazion, perchè una povera 
pura no abia da restar afato d^pogi^Ja. Xa 
iteti che la sia vestida, ma se per vestirla e/a| 
s' ha da spogiar un altro, più tosto che la 
r«sta una, che la troverà qualchedan che la 
. iTtfStirà. La resta senza casa e senza aIimeBlt?(do 
no ghiaia el sior zio, che ze fr^idalo del padre» a 
che xe obligà in caso de biiogno a socorer t so 
navodi? Dopo cha 1* avocato aversaria ha dit* 

(a) Mallevadoria. ('b) Termine del fora 
veneto, €hé significa coj\fermar. 



)y Google 



lo ttcì htU oouv «1 9^^* uapègiÀ ^e provar- 
ìm |ut«, perche i giarìf consulti de la so sorta 
•• vergogna parlar seoza i testi a la man. Ma 
el s' ha ridoto a pro?argh«na una sola, e sa* 
ria atk osegìo per ìù, che no 1' avesse prova- 
da, perchè la so prova, prova contro de lik 
medesimo. £1 dize; non osta Tobieto de la 
. «opraveoieoza d«i ioi, perehi^ questa opera 
quando la donasion xe fata a T estraneo, no 
quando r è fata a quaich' altro fioL La fia a* 
dotira ae paragona al fiol legitimo a naturai, 
■^rgo la donazion no xe revocabile. Falso ar. 
^omento, falsissima conseguenza. £1 fio adotà* 
vo se considera come legitimo e naturai, qaan« 
do manca el legitimo a natiiral. Co i xe in 
confronto, al fio per elesion ceda al £o per 
natura, ma de più ae se tratassa de do fioi 
logitimi a naturali, a el padre eresse dona a 
uno par privar l'altro, no tegnirave la dona* 
Sion* Più ancora, sa al padre avesse dona a 
un unico &o legitimo e nataral, a dopo § ha 
I oasaasse uao o pia fioi, sarave revocada. U 

p donasion « dooca mollo pia la ta revocada nel 

t caso nostro, nel qoal ae trala da oseloder un 

} fio, a fronte d* una straikiera. Ecco ì gran o« 

fi • bietì, aeoo le teribili prova. Tute cosse, cha 
\ tao vai niente, aosse indegne de la grevitii d«| 

,t Giudice che ne ascolta) a mi, cha son rinfi- 

li ma dei loti i avocati, arossisso squasi a par* 

^ Urghena lungamente j achaper^ vegno a Tul- 

pi timo obieto, salva per ultimo da Taversario, 

1^ perche eredudo el più forte, ma che in quan- 

to a mi lo moto a masKO coi altri. <E1 dàse: 
u farmave. cha sa la dooafion me scantina (a) 

(a) Traòaliu, 

Digitized by VjOOQlC 



coite dooazioo. Té fark bani^u (a% # ^è fl©- 
nazloo ve la farò Paventar testaifienló« fi ^^at 
el me fa fa dittiozioii lé^l da la donazio'n t uh 
ter 9W0S et Causa mortisi «- perche la cfotoa- 
lana no podere coosegair l'erto de la deoa- 
sioo, ae DOQ dopo la morte del dobator ' el 
dii*: la xenoa dooMioo cÒusa mortìs\ la do- 
nazioo causa mords habet vim testamen-' 
d, onde no avendo fatto el donator alrro te«U- 
mento^ questa se deve coosiderar per el «o te- 
ttamento. Fio^ adèsso el mio reveHdo ^rwrsB' 
rio; adesso mo a mi, epervegnìr ale carte, 
eoo un dilema re sbrigo. Toleti, che H eia 
donazion, o voleo, che et sìa testamento? Se 
r 4 dooazFon, I' è invalida ; se F & testamento, 
noi tieo. Forti a sto argomento, dai filosofi 
chiama cornuto, e rardevene ben, che el ve 
investe da tute le bande. Se Pè dooazioo, 
Vi invalida, perche per la sopravenieota dei Boi 
se revoca la donazion. Se Ti testameolo, noi 
tieo, perchè quel testamento che no conside- 
ra i fioi, che li priva de l'ereditk e de la le- 
gitima, i xe testamenti ipso jure nulli, e i xe 
nuli per le nostre venete Icgi, e i xè nuli 
parlate le legi del' jus coman. Onde do- 
nazion, invalida, testamento, do tien; qaeèta z« 
una tenacat da dove no se se cava, scosa per- 
der el matador. Ma el matador I' ave perso, 
e mi la causa V ho vadagnada. L* ho vada- 
gnada, perche so con chi parlo; l'ho vadagna- 
da, perché so de che parlo. Parlo cOo un 
Giudice che intende e che sa; parlo d'noa 
materia più chiara de la luse del sol. Da 
utt unica oarta diptude la disputa, la cootro- 

(a) Scambietti, 

Digitized by VjOOQlC 



9« 
▼eriU> e1 giodìsio. Sta carta x« iavali<fo, I» 

ta taggìada (a), el giadice la tagiarà; parchi 

la donàzion non anssiste, ni come donazione 

ui come testamento; perchè un fiol legitimo 

e naturai, non ha da esser priva de Tereditii 

paterna a fronte de una straniera; pprcliV in 

ato caso, dota se trata de la Tariti .^ i^ ^^ 

giustizia, non ha d'aTer lego la e . 

parche se l*a»er«aria resterà miser* .', ».:•*' 

colpa del padre de natura, no del padre à'»-^ 

mor, dal qaal senza debito, e con daao del 

fiol che dafendo, V è stada mantenuda a ou< 

atodida per tanti ani; a io aocuo (ò)^ quel 

che ha fato Anselmo Ar^tusi per cariti, lo 

poi far a lo farìi l'avocato Balanzoni per o» 

bligo a per dover; e sarà efeto de la giaskìzia 

tagiar la donàzion ; previa la revooazìon de la 

tal qual sentenza a lega avarsaria, in tato e pei^ 

tato a teoor de la nostra domanda, oompatiodo 

r iosuficienza d^ V avocato ohe malamente ha 

parla. 

( •5' inchina^ e va dietro al tribunale, dove vi 
è il servitore che gli mette il ferajuolo , 
ed il cappello^ e col fazzoletto coprendosi 
la bocca parte col servitore, ) ti 

// Giudice suona il campanello. Tutti si alza- 
no fuorché esso Giudice ed il Nùtaro, 

Com. Signori, tutti vadano fuori. 

{Tutti faJcendo riverenza al Giudice sHncam' 
minano. Il Dottore dà mano a Hosaura^ 
che si asciuga gli occhi. ) . '^ 

Do. {a Ros.) Non piangatet, che vi k ancora spe- 
ranza. 

(a) Termine del foro veneto^ che significa an» 
nuUare o revocare. (h) In oggi. 



)y Google 



9S 

JVd. Sp«rM}M faBfrl tea» pr«€Ì|>^**< 

{parte col Dottore e col SolUcite^tore) 
Le ( a Fiorindo, ) Qm m ditt? Si 4 portato 

beo«? 
FiL Non pt te« dir di piùu (pip*te com Lelio) 
• // Giudica deiÈa sotto voce la.seotsSiMA al 

Notaro, il ^uale scrive: intanto si tirano 

in disparte il Lettore ed il Commandador a 

discorrere insieme, 
Com. Gomt «a, tìgoor Agapito? Fate il Ietterò 

è non sapete kggere? 
Le, Vi dirò; qatlU povera ragaxu mi facon» 

tanta pietà «he ni casca vtiKh le lagtkne, a 

non ci vedeva. 
Com, Io avrei pia g olito, che le viaeease il signor 

Florlodo. 
U. Petotó? 
€om* Perchè da lai potrei sperare nna tnaocia 

angliore. 
Le, Ma che dite di ^ael bravo avvocato veoe- 

aiano ? Grand' aomo di garbo ! B sì qoaado 

lo dico io! ..* 
Com, Cerio, & hravissime. Ma a Veoezia ae ho 

aeotiii tanti e tanti più bravi di lai. 
Le, Si ab? Oh se posso, voglio andare a fare 

il lettore a Veoesia. 
Com. Se non sapete che cosa voglia dir tergo. 
Le. E voi volete iDStur la lingua Aojt ooa ti 
- toci-e. 

(// Giudice suona U campamUo) 
Com. (va alia porta) Deairo le parti .^ 



)y Google 



i 



acENf m. 

J^ ooTTOM col SUO SoUecitatore, noiurpa, tvMOr 
ed il Sollecitatore di ilbbkto e delti. 

{ Veng^n^^ egmna dalla sua paràe,. e .#' i/»« 
fihinano al Giudice. ) 

No, ( iSi 42ÌjEa, e legge la senteìma, ) V lUw 
, strissimo signwìt -. . . 

Do. La s applico. La ooo stia a incomodar fi a 

■Itggera il preambolo t la lafortsoa di (asel 
. seotira l'«niiBa delU aanitnifa. 

JVb/. Omissis, etc. Consideratis consìderandist 
ótc. Decretò e sentenziò^ e decretando e 
sentenziando^ taglia^ revocò e dichiarò nul» 
' la la donazione fatta dal Ju- domino Jn^ 
eeimo àretusi a favore di domina Bosau' 
va Balanzoniy annullando la sentenza a 
Ugge pronunziata a favore della medesi* 

' ma, in tutto ^ per tatto a tenore della^ 
domanda i interdetto di D, FÌorindo Are* 

. tusi, condannando D. Bùsaara perdente neU 
le spese, ec. ec* sic ee, erdiuandct ee. re* 

' lassando t ^ec- 

Fi (a Lelio) L* abbiamo vinta. 

Le. Mi raUegco .con.Toi. 

Da Condanoarmi poi nella spesa ... 

CL Se non vi piace, appellatevi. {s^ alzUt é 

yurte) 

Do. ObbligalJfiiimo aUa sua graùe • lataoto eh» 
mi beva questo siroppo. ÀDdtamo pare. Io 
noD ne vo* saper altro. (parte c<d Sotie* 

citatore) 

Fi. Signor Notaro, fark graaia di farmi subito, 
cavare la copia della teatenat 



)y Google 



Tfo, Sar^ fervlt*. 

Fi (gii puoi dare dei denaro) Faforìsca. 

Jfo. (io ricusa in maniera di tnderio) Mi ma« 
rariglio. 

FL (glie io mette in mano) Eh vìa! 

JSo, Come comanda. (io prende, e parte 

guardandolo) 

Com, (a Florindo) Illiittrissiiiio, mi rallegro con 
lei. Sodo il comandador per aertirla. 

Le. (a Fiorindo) Ed io il lettora ai snoi co- 
maodi. 

FL Sì, buona gente, v'ho capito, (dà ia man» 
eia a tu^ due) Tenete, boTete V acquante |^er 
amor mìo. 

Xie. Obbligatìfsìmo a tossignoria illnstrìssima. 

Com, Viva mille anni fostignoria illustristima. 

Fi» (a LeL) Andiamo a troTare il signor Al- 
berto. 

Le, Amico, si & meritata una buona paga. 

Fi. Trenta zecchini vi pare saranno abbastanza? 

Le. \j azione eroica che ha fatto, ne merita cen- 
to; Toi m'intendete, senza che io parli. 

FL E' vjero,.. gli voglio dare-^ora subito cinquanta 
zecchini» e . poi a suo tempo vedrà chi souo. 

Le% Non mi credeva, che un nomo foste capa- 
ce di tanta virtii. (parte) 

Fi, Se trovo quell'indegno dei conte, lo vo' trat- 
tar come merita. {parte) 

Com, Quanto vi ha dato? 

Le. Un ducato. (lo mostìra) 

Com. Ed a me mezzo f Maledetto! A me mezzo 
ducato, che son quell'uomo ch« sono, e un du- 
cato a colai che non -su nemmeno che cosa 
sta tergo. (parte) 

Le. Grand' asinaccio! Si vuol metter con mei Si 
Tud mettere con no lettore? Sono tlftto io 



,y Google 



9^ 
•1i« gli ho f«tto gaadagnar la taiifa. Ho aoa 
maoTara di laggera così bella cha H Giudice* 
«apisc« sabito il merito della ragione, (parte) 

SCENA IV. 

Camera di Beatrice. 

BBàTBiCB e COLOMBINA. 

Be. Gredemi, Colombina, che io sono Impaziente 
di sapere ? esito di questa causa ; amo la 

' aignora Rosaura, e mi dispiacerebbe iofioita" 
mente vederla aftiitta. Ho mandato Arlecchino, 
perche senta chi ha vinto o chi ha perso , e 
me ne porti subito la relazione. 

Col, Àrete veramente mandato un soggetto di 
garbo. Intenderà male, a riporterà peggio. 

Be» Eccolo. 

SCENA V, * 

ARiBcCHiNO € dette, 

Ar, Son qaa ; alegramente. 

§e. Chi ha vinto f 

Ar, Non lo so. 

Be, Se non lo sai^ perchè dici allegramente^? 

Ar, Perchè • palazzo ho sentido • dir, che i ha 
viuto la causa. 

Be. Ma chi Tha finta? 

Ar, Se ghe digo, che no lo so. 

Coh Non I*ho detto io. che è ano sciocco? 

Be, Asinaccio! Ti mando per sapere chi h« vin- 
to, ritornì, e non lo sai ! 

Ar, Savt cÙ crtdo che abia vinto? I avocati. 



,y Google 



Col, An4 tinto nio flcì da« ftvvocatl. • .,_ 

Jfr. Sior do; i afrk vioto luti do, p^rcbt 1.?** 
fk stadi pagadi Ulti do. ^ 

^/l Srf óo boflfone. 

^0. Ed io uoD posao sapere come iì« la cosa. 
(si sente a picchiare) È atato picchiato. [Co- 
lombina, va a vedere. 

CoL Vado subito. Se la signora Rosaara ha TÌo« 
to, mi dark la mancia, j 

jir. La spartiremo metà per uo. 

Col» Sì, corno hai spartiti li due zecchioi* jCpartffX 

Èe. Che ^osa dice di due zecchini? 

jtr. Ghe dirò mi. La sapia che i do s^echini .,,.• 
alcome el candelier del sior coote Ottavio ... 

' anzi per la seotenzn del signor dottor ^^laa- 
zoni, i ho trovadi mi, e Colombina per amor 
de le faceoda de casa... Ma no, la sapiaj cha 
mi 800 omo onorato, che el caudel^er l'era sul 
tavolin, e cussi... 

Be. Va al diavolo, aciocco. 

Ar, Servitor umilissimo* (parte) 

SCENA. VI. 

BEATRICI, poi àLBBKTO, Ì7tdÌ C0I.0IMIKA. 

Be. Costui non sa mai quel che diavol M «lica^ 

Ma ecco il signor Alberto. 
^h Ghe domando scusa^ se me fon. preso 1' ar« 

drr d* incomodarla. 
Be. E bene, come k andate la cenea? ; 

jil. La causa l*ho guadagnada, ma ho perso elouor. 
Be. E la povera sigpora Rosa.ura Ka perduta la 
.. '«t» ? 

M. E la povere tioni Roseare l^a perso la lite* 

\'9ospira\ 



)y Google 



'1Q%\ 

Be, Si. fato comt il coccodrillo, «ho uccido o poi 

l>inigo. 
Al, So lo ?od«MO quo dentro, oo la diravo cum). 

Soa qaa da «la, xa cho la go tooto amor por 

•ìora Roaauro, o tanta boDtk par mi; soo qua 

a pregarla eoo tuta lo tìscoro, eoo tuko ol ouor, 

a raprofentarghe el mio rìoeraaciiQento, o asil* 

curarla dal mio dolor. 
Bc» Io AOn ho difficoltà di farlo; ma quest*ufB« 

ciò «aroUia piò grato alla sigoora Rota ora, a^ 

lo facMtt da roi. 
Al. Lo Tods ben, a mi oo me xe lecito dò aiH 

darla a tcovar a casa. No ghe aon mai sta; 

por n'ssuu titolo mo posto tor noa tal libartìi. 
Be, Tratteoeteti qui. Può essere ohe ella Teuga 

• sfogar meco le sue passioni. 
At El eie! volesse cho la Tegnisse. Chi sa? So 

la ga per mi qaell'isteosa beota cho la mo« 

Strava d'ater, go uo progeto da farghe, cha 

m# Iniiogo la podark risarcir. 
CoL Stgoora padrooa, & qui la sigaora Rosanna 

che vorrebbe riverirla. 
AL La fortuoa me favorisse» 
Be. Dille che k padróoa. 
CoL (Povorioal è molto maliocaaica ! Causa qBe« 

sto sìguor veoeztaao!) {parte) 

Be. Eccola, signor Alberto. 
AL Oiml! Che sudor frodo i Tremo tute. Per 

amor del cielo, la lassa che me scooda per 

no pécheto; voi sentir come cho la peasa 

de mi. 
Be. Vedete ; Io questa camera non vi è altra por* 

t% che quolle da dove sa uscite, incontrate per 

r appunto la signora Rosaura. Sentitola, cho 

sale la scale. 

M. Se la mt.aMalu eoa colera, dubito à% mar 



)y Google 



^09 

rir sa !• bota. La prtgo, fa lassa che ma 
•concia sul pargolo (a), che ma sera dseato, 
ohe senta con. che caldo Ja concepisse el sbo- 
tiro de ia so desgrazia. Cara eia, oo la ghe 
diga gnsDte. La me fazza sto piaser. 

Be. Fata ciò che vi aggrada; doo parlerò» 

M. Fortuna, te ringrazio; sentirò senza esser 
visto , e prenderò regola dai efeti de la so pas- 
aion, (va sul poggiolo ^ e si serra di deniro,) 

Be* Grand' amore ha il signor Alberto per Ro- 
•aara; e ha avuto cuore di farle contro? Io 
non la so capire. 

s c K N A va 

BOSiURA , BE4TRICB ed ALBERTO ttOSCOStO* 

Be. Gara amica, quanto me ne dispiace. 

JRo. L' avete aaputa la nuova ? 

Be. Pur troppo, Via , consolatevi. Sara quello 
che il cielo vorrà. La sorte vi assisterà per 
qualche altra parte. 

Bo. Eh I cara Beatrice, per me è finite. La can- 
ea è perduta; mio zio, che ha da supplire alle 
apese di questa, non ne vuol saper altro, non 
si vuole appellare. 

Be. E il conte, ohe dirà? 

Re, U conte si è dichiarato pubblicamente che, 

- su perdo la lite, non mi vuol pia. 

He. Vostro zio vorrà condurvi geco a Bologna. 

Ro. Pensate ! Mi ha detto a lettere cubitali che 
non vuol saper nulla di me, ohe h povero an« 
ch'esso, ohe ha la sua famiglia in Bologaa, e 
ehe non può soccorrermi. 

' ì Suipoggioio» sia terrazzine. 



,y Google 



to3^ 
' Bé, SiOcK^ danqne, elio rUotrett di faref 
I jRo. Qualche cosa sar^ di me. Il cielo ta ohe 
l' ci souo ; il cielo mi assisterà. 

f Be» Il signor Alberto mostra avere per voi del» 
la parzialitk • dell' amore. 
Bo. Oh ! cara amica ! Il signor Alberto se ne 
( andrà fra poco a Venezia, e nou sì ricorde- 

! rà più di me. Barbaro, inumano ! Se V aveste 

sentito come parlava ! Pareva che io fossi la 
saa più crudele nemica. 
Bc. Mi avete detto però più vofte, che conside- 
rando il suo impegno, eravate costretta a com« 
parirlo. 
Bo. Non credeva che parlar dovesse con tanto 
calore; la sua disputa mi ha atterrito. Le suo 
parole mi hanno strappato il cuore. Mi sono 
lusingata che egli mi amasse, ma non è vero* 
Contro chi si ama non si inveisce a tal segno. 
Poteva difendere il suo cliente, ma non met- 
tere in derisione me, la mia causa, ed il mio 
difensore. OimÀ ! Che fiero caldo mi oppri- 
me! Amica, fatemi portare un bicchier d'ae* 
qua fresca. 
* Be. Sobito. Vado io stesso a prenderla. Fata 
una fiDsa; se avete caldo, andate sul terrazzino 
a prendere un poco d'aria. (Vo* lasciar cha 
la natura operi.). (parte) 

SCENA Vili. 

AOaàVAà, pM AI.BBftTO. 

Bo* Non dica male. Aprirò il terrazaioo; e pren- 
I darò un poco d'aria, {apre e vede AlbeHp.^ 

Oimè ! questo è un tradimento. 
AL No, siora Ro^aura, non son qua per tradi^ 

la» ma par consolanla, sa posso. 



,y Google 



Jtò. Sftrk una ^onso^ìziont compngaa a c|««I^ 
che mi avete data n«l tribunale. 

AX, Mo DO «ala al mio impegno? Non ala apro- 
vk eia ìstes9a con tanto mnrilo, le giufta pr«« 
mora d«l mio onor» de la mia eslimazioo f 

Jip. Sono miaarabile per causa tostra. 

Al. Chi fa el mal ha da procurar el remedlo. 
Per causa mìa la xe ridoU io sto stato, e mi 
son aoa prontissimo a remadiarghe. 

jRo. Oh dio ! Ma com« ? 

Al. Eia ha perso pn stato comodo, no mariar 
nobile ; mi ghe oferisso uà stato medio<}r«« 
nn consorte civil. 

Ao. E chi è mai questo, che abbassare ai yo* 
glia alle nozze d'una infelice f 

Ah Mi, fiora Rosaura, mi, che cenosctodo el 
so merito, la so bontà, i so boni costami, Fa- 
mor che la ga per mi, saraTo un ingrato, 
un barbaro, un xenza cuor, se no cercasse 
de reparar co la mia man ì dani che ga 
cagioaà la mia lengua. i 

"J^O. Cari danni, dolci pene, perdite fortnoate, 
se mi rendono la più felice, la più fortanata 
donna di questa terra. Ma, oh dio ! toi mt 
lusingate, voi me lo dite per acquietare i tu- 
multi della mia passione. 

Al. Ghe lo digo de cuor , ghe Io ijigo de varo 
amor, e pef prova de la verità, confermo la 
mia promessa col suramesto, e ghe oferisso 
la man. 
jRo. Oh dolcissima umido t T« Bea mi fuggirai 
certamente. Tu mi la mia speranza, il mi« re^ 
fugio, fuoica ^a coosolasiooe. Ti stringo, ti 
adoro, a te mi racoomnndo ; abbi pietà di qne* 
ata povera sventuri^ta. {lo dtnt per la Titano^ 
Al. S), cara^ s)^ coloqa mia ..^ 



)y Google 



10$ 

S G E N A ir 

ttATRtcc con un serpo, che porta un bicchiere 
d^ acqua ^ e deuL 

"Bo* Brafi, bravissimi. Ma na rallegro infinita- 
meote. Bosaora , vi ho portalo uo biccUiaro 
d'acqiiat ma ora re ne rorrà ana sacohia par 
ammorzar* il nuoro calore. 

Ho. Amica, non to dove io mi sìa. 

B€. 19*00 Io sapete? Ve lo dirò io. Io compa« 
gnia di un bai pezzo di gioviaotto, cha ti 
farà passare la maliaconia de la lite. 

Al' La za arante an omo d'onor, che co Tamor 
più ilibato del mondo cerca de coosolar una 
povera giovine, pieua'de virtù e de marito, e 
circondada da spasemi a da deigrazits. 

Be. Siate benedetto. Avete uo cuore adurabìle. 
Ehi ! dite, la volete sposare ? 

jiL Sa eia se degna, la stimerò mia fortuna. 

Be. S* si degna ? Capperi, se si degnerà ! (Mi 
degnerai aoch*ii>.) 

SCENA X. 

LBùo, FLOMNoo e detti, 

JLe. Con permissione della signora Beatrice, (ad 
Alberto) Amico, vi abbiamo rioeriiato da per 
lutto, e non vi abbiamo trovato ; abbiamo sa- 
puto ohe eravate qui, e ci siamo preti la li« 
bertk di qui venire per abbracciarvi, a eoa* 
solarci con voi della eroica aziona che avelà 
fatta. 

Al. Coesa dixela, ttor Florindo ? Ala piò felo^ 
sìa dt vadei'Oia viciu « U so aver sana f 



,y Google 



to5 

^l No» caro signor Alberto; aozì vi chiedo 
fcusa de' mìei troppo 'ingtasti sospetti. Voi 
siste il più illibsto, il più prodeate«. il .pi^ 
ssggio nomo del mondo; da toì ricooosco la 
mia rittoria ; molto dovrei fare per rioompen- 
sare le vostra virtaosa fatiche, ma vi prego 
per ora degnarvi di accettare per .una capar- 
ra delle mie obBligazioni questi cinquanta s^e« 
chini che vi oflferisco. (glipreseiUa una borsa) 

AL Sior Floriodo amatìsiimo, non è per super- 
bia, BÀ per avarizia che ricuso la geoerosa 
oferta che la me fa; perchè X omo de qua- 
lunque profession et sia, noi s'ha da vergo- 
gnar de ricever e1 premio de le so fsdiglie, 
e riguardo al mio merito, cinquanta aachìnì i 

* ze anca tropi; la prego però de despeosarme 
da racf!tarli, e permeterme che U recusa, sen- 
za ofenderla, e senza disgustarla. La rason, 
perche no li aceto, xe ragionevole e g;iusta. 
La mia^ disputa, per un ponto d'onor, ha ri- 
doto in miaeria la povera siora Bosaura, e no 
voi. che se creda, che abia sacrifica a la mer- 
cede Tamor che aveva per eia. 

TL Sentimenti eroici e sublimi, degni d*ao uo- 
mo del vostro merito, e della vostra virtù. 

AL La diga d'un avocato onorato. 

"Eh Ma vi prego a non lasciarmi col rossore 
di Vedermi ingrato e sconoscente con voi. 

AL La fede che l'ha avudo in mi, non ostaola 
tute quele false aparenze che me voleva far 
creder reo, xe una mercede che ricompensa 
ogni mia fadiga. 

"FL Giacché ricusate questo denaro, fatemi aa 
piacere; ve Io domando per grazia, par fioes- 
xa ; degaatevi di accattare questo piccolo anel- 
lo per una memoria dalla mia gratitudiost 



,y Google 



Val meno dei cioqaaata xecchìnì, tal poiché 
volete cos), non riè usate ÌI dono, ae riouiaU 
la ricompensa. 

Al. Orso, DO roglo con no' afatada oslioazioa 
confonder la virtù co rincinltk. Aceto l'anelo 
che la me dona, a la varda che bel' uso che 
ghe ne fazzo : qua a la so presenza lo melo 
in deo a la mia novìzza (a). 

Le. Come ! è vostra sposa ì 

Fi. Rosaura vostra consorte? 

AL Sior sì, patron sì. Mia sposa, mia consorte. 
Eia aveva bisogno d'uno che rimediasse a la 
so disgrazie, mi aveva bisogno d' una che as- 
sicurasse la quiete e el decoro de la mia 
famegia, e se fazzo el bilanzo del so merito, 
e del mio stato, trovò aver mi vadagnà mol» 
tisiiimo piti de età. 

Le. Me ne rallegro infinitamente . Faremo la 
nozze io casa mia, se vi compiacete. 

AL Aceto le vostre grazie, e za, che el sior 
Florindo m'ha dà l'anelo, se el se degna, lo 

' prego d'esser compare de l'anelo {b) de mia 
mugier. (e) 

FL Molto volentieri accetto l'onore che voi mi 
fate. Signora Rosaura, signora comare, vi chie- 
do scusa se vi sono stato nemico; in avve- 
nire vi sarò buon servitore e compare. 

Ho, Gradisco infinitamente le vostre generose 
espresitioiii . Compatisco la cagione che vi 
rendeva di me avversario, e mi sarà d'onors 
la vostra cortese amicizia. 

(a) Sposa. 

(b) Costume dello Stato Veneto di chiamar 
compare dell anello chi serve per tesdmo^ 
TUO a^li sponsali, (e) Moglie^ 



,y Google 



tot 

•he TÌ iia Qo bacKK (le dà mn bmcio ) Mi 

fato piangerò dall'allegrexsa. 
fitf. Ma ti volita ah» &kt^ì 
Be. Si & protaatato, cb« ••' Rosaarft psrd* • la 

Iit0, Bon la f«ol pia. ' 

lirf/. fio SÉ pai parò coui^lndar tto fnatrìaoBÌ9, 

se 00 se sfrazia el contrito «kl ooota. Vogio 

cha fame la ooisa come ehè ta, 
Fi. Il contralto dal conta lo ronpnrò lo, p«r^ 

daè gli - romperò 4160 baóa la tasta. làde^nol 

mpoatora! òaloooiatora I bugiardo! 

SCENA XT. 

- // DOTTO«B 9€siiBj da Campala e dttti: 

Bo. SarriCor d^ lor albori. 

Ro. Sig.aor zio, da campagoaf 

Do, Signora si, vado a Bologna. Ho tapattt cFta 

• siala qui, a ioA vaontò a vederti. 

R0, Ed io, cha farò io Rovigo senza di voi? 

Coma volete ch'io viva f 
Do. Cara lu mia figliaola, mi ti tpezxa tt cuo* 
■ téy ma non io che cosa farvi. Sou povar* no* 
- mo ancor io. Sparava ancVio sali' asiro della 

liie^ ma siamo remasti delusi. 
Ro* Coosohievi, cha H cielo mi ha provveduto. 
Do, Sì? In ohe modo? 
Bo. Sono «posa dèi signor Alberto. 
Do. Dita da v«ro. la iu'.t rag.axa ? 
JL Sior si, xe la verità. La sarìi mia mugi^r, 

sa el sìor datore Balanzuui te degna da afO 
" tona tr imo nio. 
De. An«i ne piovo tutta la con^olaziona. Nun 

ppttfva «vaca uoa jiuuvd |>iù fatica di '|uestj. 



,y Google 



^- ^SgoAr MvoniOt U Éxtò zio aémrofo e tir vi- 
fora obbli^to. 

'Ai. E mi la ▼enero, come imo bajcba (a), mio 
patron» e podar'» dir mio maestro ...« i- 

Do. Ora «o che mi burla. , ^ 

^/!. Me deipiase, ohe per conclader alo ma^rn 
monio aarà necais^rio far reoupù^r Ugaloeo- 
te al fior coota la ao preteosìoo. 

Do. GoBsolatevij che le ha rinuoziate* 

Fi Oome! Dot' è il coste? 

Do. E riloriMito alla «uè montagiit, e pnma' 'di 
partire, eoo un monte di tillanie mi» hai resti- 
tuita la scrittura stracciata ; ed eccola qui. 

'jtL Co Vk cussi, podemo sposarse quando Tolemo. 

ilo. Io dipendo dai rostri toleri. 

Be, Animo, animo, chi ha tempo non aspetti 
tempo. 

AL Eoo, che a la presenza del so sior aio, .4«1 
aiur compare, e de sior Lelio ghe dago la 
iniio* 

jRo. Ed io faccetto, • prometto di essere fostra 
sposa. 

'Ai, Siora Bosaura, mia cara sposa* mia dileta 
mugier, adesso xe el tempo de meter in pra"* 
tioa anela bela virtù che fio al presente l'ha 
ooltifà. Eia passa dal stato felice de la liber« 
tk a quelo laborioso del matrimonio. Mi ghe 
Toi beo, sempre ghe se rorò; in casa mia 
apero che goente ghe mancare. La meno 
io una gran oiik, dove abonda le riohexze, i 
apatsi, i dirertimenti. Ma giusto per questo» 
la se prepara de meler io opera tutta la so 
▼irta. De famor del aiario no la se ne abusa} 
del stato comodo no la se insuperbisse ; i spa8« 

(a) Zio, 

VApp. Tenez. n«* 4> ^ 



,y Google 



Ilo 
ti e ì diferdoenti U i ftog» OM moiierazìoir. 
Perche ramor m coltiva oo l'attKMr, 1« fmOMgle 
te cooiarfa co la prudenza, i dÌTartiuMDÙ dar» 
co ì xa discreti. La cotnpatitia, te catti tubi-r 
to, • a prima vista , gha fazso una spacia 
da anonizion , perphè te tatti i maridi (at* 
•e tta lixioD a la tpoM al dì da le nozze, 
ae vedarara ioaooo matrioMBÌ odioti, manco 
famegia precipiuda, manco femena dascredìta- 
de. Perchè no gbe xe cotta ohe renna pi ji 
la magier, 4]iunito la coadìscendeiusa de) poe» 
tniiO Biarior 



)y Google 



,y Google 



,y Google 



,y Google 



ri. yioMét'a kit Mei, m^a- cara. . 



// Amkaàinr^e.S.yic.f. 



,y Google 



D.'42 



)y Google 



FERSQNAGGL 



// marcf^SB FLORINDO feudatario di Mom^ 

Uifosco. 
%ti. marchesa BEATRICE sua madre. 
PANTALONE impresario delie rendite delia 

giurisdizione» * 
ROSAURA figlia orfana ed erede legittima 

di Mon^osco, 
ITARDO ) 

CE;G€0 ( depmtad d^lla em m miifi . 
MBNGONE ) 

l^^^^}^'^^ i sindaci della cmumtà. 
MARGONE 5 **'"*^* "^"^ «iwiWM**», 

GIANNINA ^S^&aiif NARDO, 

GHITTA moglie di CECCO. 

OLIVUTTA figlia di P^SQV^lQT^On 

Vn CANCELLIERE. 

Vn NOTARO. 

ARLECCHINO serpo della commità, 

Vn serpitore di PANTALONE. 

|7ff VILLANO che parla. 

Servitori del marchese che non parlai^ 

.YILLANI che non parlarlo. 



X4 Scena si rappresenta injtfonttfofca. 



)y Google 



ATTO PRIMO 



8CKNÀ PRIMA 
Camera della comuaità con sedie antiche, 

sf4SD0| che siede nel msMo con ^ubj^ouei 
berretta bianca, cappello e scarp^ grosse. 

> CBcoo con /oMMpletto al collo , scarpe da 
caccia» berreUa nera e cappello bordato» 
MiMCOiiK con capellatura <, e cappello di 
paglia, gMba grossoUm e pantqfoU, tuJh 
ti sedendo. 



Jfa. doao da* or« di tole, a i ùodact ora ti 
fedoDo. 

Ce. Pasaailotlto & andato ooUa carretta ^ por- 
tara del tioo al nwdioqw 

Me. S Maroooa l'ho feduto io a raccogtiaro 
dalla rapa. 

Jfa, Sodo baitie. Non aaono 3 loro doterà. So- 
no i tlndaci dalla. ea«Wloit)^ a fanno aapetur 
•oì che akmo i deputati. 

Ce» kb par venir, 4]oi atamattioa, bo tralafcìato 
di andar a cacoia. 

Me, Ed io ho mandato uno in luogo mìo a fan« 
darà la lagna. 

Jfa. Oh! quando io aoDO deputato, non manco» 
la^io tutto par tenir i]ui. Sette robe sono 
atato in 4]ueeta oarioa. Ah! ohe ne dite? Non 
i uoa bella cosa sedera sa questi seggiolofii?. 
Ce. Oggi arriverà il signor marchesa j toccherà 
a noi a fargli il comp limento. 



,y Google 



4 

Ufo, ToetìnA a m%, dM iDtto il fiik tatfctt. 

Gr. Gredamo che il ngoor ntrolitte « f«^ 
ttCOOglieoM f 

JSTa. Si lo T«dr€te. Se h baooo, eoine «no p«. 
dre, ci farà delle carene. le ào eonoecìufto 
il inarchete Tecchio. Mi voleva on gran bene; 
«ao^ e^^ v«BÌ¥a a Meatefaeeo, Tardata 
• ritrovare; gli baciava la mano; oh oMttev». 
le ttani tiklie «fAUe^ e i»i (eeem dar da ben 
re ael^bicahiere col quale beveva egli eteaso. 

C». A aie per altro è itat» detto, ohe qaacto ci- 
gnor morcbaiiiio 4 tm capo evavtato ohe ma 
ha giudisio. 

ifo. It aitai giovaM. Goaviea oeiBpttiib* 

SGS9A II. 

AlLBCCHtNO e dettL 

^dr, {eoi cappello in capo) Siona» 

Ifà, Gtvati il cippello* 

Ar, A ohi? 

Ifa, A noi. 

Jr, Bfr via! Soo anivadi .{. 

No, Givati il cappello, dico. 

Jir. Mo per cotta m* boi da ctvar al capUb ? 

Viocootro vinti volte al sono, e ne me io 

eftto mei, e adett toU che mei cave ? ^ 

Ha» Ora tiamo io carica; tiamo in éepattatone. 

Cavati il cappello. 
'jir. Oh! mati maledea. Tolì ; «aie eaterò el 

capalo. .. < , 

ÌFa. Ohe cote tuolf 
Ar. 1 ^ qna i cidièti de fa coommIìH^. 
Ce. Che dia?olo tlicif, 



)y Google 



, «k* M diMOM i cìoMti eb* i tol ▼•goir in 

oomoditìi. 
JSa* Oh ! bestia che tei 1 Vorrai dire i siodAoi 

«Ielle ftomaaitii. Che tee|hìtoo. 
'At. 6i«r eL 

Mt. Yeremeoto abbiano fatto no beU^aeqaieto 
- • prendere per umiio di ooì««ne quesi' asino 

bergamasco. 
Ar. Certo, disi bea. Io «lo peese dei asini no 

gbe ne aiance. (parte) 

Ifa. Temerecio! 
Mg. Boceli. 

Ce, Abbiamo da levare* ia piedi? 
Jfm. OU>ò. 

JUtf. Abbiamo da eavaroi il oeppello ? 
J!f0. CKbò« 

SGENA HI. 

niQUAiOTTO e MAicoNi vcsiàd da cottiadmi, 
e deiiL 

Pas, Bondì Tostignoria. 
Ma* Saluto Tossignorte. 
Jf<t.. Sedete, (/f due neàeno con caricatura) 

Già sapete che II marehtse Hidolfo è morto... 
Ma. Mata a 'oei. 

ma, {a MeMgoma) Ed ora il nostro padrone è 
• il mareheso Florindo... 
Ce. (a Fssfmalotto) Ti eoao neoeUi m oempegna? 
Poe. Un oMado. 
Ma. Badate a me. Il marohese Florindo defO 

▼enira a prendere 11 possesso... 
Ca. {a Mareome) Qaanlo vale il fiati? 
Méf^ Dieci oarliaL 



)y Google 



'6 

Tfà. AtooltfttffiiL B 06^ defe mAc9 «on htimtì» 
«Im I« sigooni oMrclMM B«itviee sm OMdra»» 

Ce. {a Pasqualotto) Lodole fé pe tono? 

Pas, Assai. 

ISfa, Tolettt lacere? Yelete etooltare? E eoslla 
marchete madre ed il marchesino iglio ti •• 
spettano... 

7de, (a Marcane) Io ne ho ma botte da feD« 
dare. 

jHTa. {forte) Sì aspettaeo... 

Ida. {a Mengont) Lo coniprerò io. 

Ma. (più forte e con rabbia) 8i eepetlaoo og- 
gi. Oh! corpo del diavolo) Qaesta i no» io» 
eoltoza. Quando parlano i depatati, « ascolta* * 
no. E mi meraYÌgKo di voi altri doe, che sie- 
te deputati, come eoo !•«.. 

'Ce. (fa segno di silenzio ai sindaci) Zitto. . 

Jfa. Ch» non fate portar rispetto atta carica ... 

Ce. (fa lo stesso) Zitto. 

Ifa, Oggi Terranno il marchese e la maroheea» 
e bisogna pensare a far loro onora. 

Ce. Bisogna pensar* di far onore a noi e al 
nostro paese. 

Hftf. Bisogna regalarli. 

Tfa. Quello che preme 4 questo. Bisogna m«l« 
tarsi all' ordine, incontrarli e complimentarli. 

Pàs, Io non me o' intendo. 

ìda. Per quattro parole ben dette eoa qua io. 

afa, k parlare al marchese tocca a me. Ytk ,«l> 
tri mi verrete dietro e io parlerò; ma chi f«« 
rk il complimento alla signora marchesa? 

Ce. Non vi è meglio dì Ghitta mb moglie. Pare 
una dottoressa. Tatto il giorno «te a diaptita- 
re col medico. 

'JVo. Dove Usciate Giannina mia figlia che insegna al 
notare il levante, il ponente e il messogiocso?. 



)y Google 



l 

Me. Aneh« Olitétta mìa figTia si ftrebbe ooore4 
9n leggere e sorÌYare; ha noa aMBÉork obs 
f« AtniMOoìare. 
Jl£a. Ma atoohateml. Vi i il aìgnor Pantalone é 
▼i ^ la aigoora Rosaura che san di lettere^ 
noo potrebbero essi far per noi le nostre par-< 
tì col signor marehwioo e eolia signora mar'> 
chesa f 

Na. Chi? Pantabos? 

Ce» Un forestiere? 

JHe, Perche ha piti détiari di noi, sarìi più ^ 
▼ile, sark più virtaoso? 

ya, 1 denari coma f li ha fatti f 

Ce. Sono tanti anni che dk ao tanto.!' anno at 
marchese, ed esfo riscuote tatto, e araosa, e 

'' sì fa ricco. 

Jftft ^nGhe noi ci fareoHBO rS«ohi io questa ma« 



^Pas, Un forestiere mangia quello che dovrem^t 

. mo mangiar noie 
2déL La signoffi Rossara per altro è nostm 

paesana. 
Jfa. S), A vero, ma ha delle ideacoe in testa di 

essere an4 signora, e pare che non si degni 

delle nostre donne. 
Ma. Varamente k nata di sangue nobile^ e do' 

▼rebbe esser ella l'erede di questo marchesato^ 
'Ce. Se i suoi l'hanno venduto, ora ella non ci 

entra più. 
Mtit Non c'entra perehi il ricco mangia il pò* 

▼srot per altro ci dovrebbe entrare. 
Me. BasU, Rosaahi sta in essa con Pantalone i 

sono genti, che non hanno ohe far con noi. 

Hanno da comparire le nostre donne. 
H^a. Non ocoorr' altro. Signori deputati , signori 

siodacii cosi faremo* 



,y Google 



8 

Ce. S% DM «' h altro ,d< dàtt , m me m mi<M 

«Ila owoM* 
Afip. B io aodrò a lir tnisuraM il mìo craoo. 

SCENA IV. 

AuiocnNO « éeiiL 

Ar. (col eaprpelh in testa) Sori ... 
Tutù. Cavati il cappello, cavati il cappello. 
Ar. ig*tta via ii atppelio) Iht aia aaledelo. 

El «ior marchese i*è poott louta». 
Ma* Aodiano. {iutd #' àlzama e pogUono pccrm 

lire) Aspettata. Tocca a «ne andare iananxi. 
{jMirte con $nwità) 
Pas, {vuole andare) 

Ce. Aspettata. Tocca » a«. (fa h stessa) 

Me. Ora tocca a ne. (fa lo stesso) 

Pas. (a Mareonet) A chi tocca di aei due? 
ilfo. Io SODO il siodaco più Toechiou Tocca a ma, 
Ar, Sior si, loca a lu. 

Pas. Io sono stato siodaco quattro volta • voi da.a. 
Ar, L'i vara, toca a fu. 
Xa, Ma qnasu ^olta ci sono cotrato prima di voi. 
Ar, El ga rason. 
Poe. On^i maodiamo a 'ch'iamara i deputati a 

. faremo dtcidèire a ehi tocca.. ' 
Jlfa« Benissimo ; (ad ArUcdduo) fa a chiama* 

re messer Nardo. 
Ut. Subito. (Eco un impegna d^oaor tra al fior 

de la Dobihii.) {parte) 

Pas, Non vogUo pmgiodtcarmi. 
Ma, Nemmaa io certaaaente. 
Pas, Siamo aaùci, om ia questa coaa voglio ao- 

steoere la digi^tà. 
Ma. Vada tutto, ma non ai faccia filià. 



)y Google 



«oeità y. 

NARDO e dettì. 

Na, Che cosa e' è? Che com Toletef 

Pas. Signor deputato, a chi loco» di noi ad «n^ 
dare innanzi? 

Na. A chi tocca la preminenza f 

Ala. Ifon saprei. Bisognerà cooTocare U ceniuie* 

Pas, Voi potete decidere. 

Ma, lo mi rimetta a voi. 

Ha, L'ora h tarda; vìeoe SI marchese, facciamo 
così, per questa folta^ senza pregiudizio, pur- 
ché la cosa non passi per oso e per abuso, 
andate tutti due in una volta , uno di qua e 
uno di là. 

Pas, Benissimo. 

Ma, Son contento. 

JBfa, Via, andate, 

Pas, Vado. ' (/a gualche passc^ 

Ma, Vado. (fa gli stessi passi delt aUrò^ 

Pas, Gran deputato! gran testa! 

Ma. Grand'aomo per decfdere ! (partono osseiy 
pandosi per non essere soperchiati) 

3fa, Voglio andare a ritrovare il noterò, p f»X^ 
scrivere So libro questa ipia decisione ad per» 
petttos rei memoriarunL (pane) 

SCENA VI. 

Camera nobile ih. èasa di Pantalone. 
ràMTAiOMB tf AOsàvaa, fMK i^ saayiToai. 

Pa. Mo via, coesa se vorlar affisar per questo?^ 
61ie voi paaieoia. Bisogna uniforasarse al ver 



)y Google 



lo 

Ito. Dite baot; aa It* ii& difgniia i troppo 
grande. 

P«. Xe terob b fo desgrazM se gmide. Lo po- 
daria esf er el^ patrona de sto liogo. La pò. 
^rìa e la dovana esser eia marchesa de Moo- 
tefosco, e 00 la xe gneote, e^^a ze una povero 
signora, ma a sta cessa pensarghe e oo pen» 
aarghe xe Tistesso; piaazer e desperarao do 
giofa. La ze nata io sto stato e gbe voi pa* 



JRo. Mi era quasi accomodata a soffrire; ma <h 

n che sento accostarsi a questo laogo il laar* 

chese Florìodo, mi si risvegliano alla memo* 
, rie le perdite mie dolorose, ed il rossora mi 

opprime* 
P(0. El sior marchese Florìndo oo ghe n' ho 

nessuna colpa. Lo l'ha eredità sto marchesa* 

IO da so sior para. 
Bo. Ed a ano padre lo ha veodato il mio. Ahi 

il mio genitore mi ha tradita. 
Pa» Co The venda, noi gaveva fiui. EI s*lia pò 

toma a maridar s«gvetamente, e la xe nata ab. 
ilo. Dunque io potrei ricuperar ogni cosa. 
Po, Bisogna veder se le donne xe dùamada. 
JRd. Si, lo sono. Me lo ha detto il ootajo» 
Pa.yorla far una litef 
ila. Perche oof 
Po. Con quei beasi? Goo quei messi f Geo qoal 

foodamento ? 
Mo, Noo trov^ giostisia f Hon troverò chi nù 

assista? Chi nù soccorra? Voi, signor Peata- 

looe, ohe eoo taota boatk mi teoele io caso 

vostra, mi trattate e mi aoMtt come usa fighe, 

■ù abbandonerate? 
Po, Nok siora Rosaura, no digo d* abaodooaila , 

ma bisogoa pensarghe suso. 8o^sior )pare^ per 



,y Google 



ttt 

mttl govèrno e ptfr illda regola, riti poco «t é*' 
tolta rhtf Yttiul& tatto. £ta la xe nàta iie iim^ 
ti <lopo la so morte, e co 1'^ morto, no! ea« 
▼età goailaa che to mogier foiie gravia. Xtf- 
morta dopo aaOa to fiora mars, e la ze rettada 
orfana, papila e miserabile. Sior marchesa Ri- 
dalfe, pare del marchéiio Plorìodo, mosto m 

" pieUi de la so desgra^ia, e1 l'ha fati arlefmr, 
«1 r ha fata educar, e co ton vegoà mi apal- 
tador de le rendite de tto lìogo, el om V ha 
raoooMadada, e el m*ha fato no onesto atse^ 
gatmeoto per la so persona. Xe morto el mar* 
ehese Ridolfo, e sabito la marchesa Beatrice^ 
mare e latrice del marchesìo, m' ha serito e 
m' ha racoamodà la to persona. ■ Con senta 

. dhe prooede con sta onestìi , no me par clm 
a' abia da impizsar una lite. I Tégoirii , gha 
parleremo, proeareremo de megiorar ^la so 

' coadisìen. Vedaremo de legarla con proprietà. 
Poi esser che i ghe dega una bona dote. La 

' massima jet de raoomandarse, co sa tt trota in 

< ■s w t s ità, perchè co la bona maniera e co la bo- 
na condota te (a tato; te par bon, no te ritchia 
gaeote, e te fa a rìsego de Tadagoar assae. 

Bo. Caro signor Pantalone, ?i» dite bene; ma il 
comandare è ana bella cosa. Qaalanqae steto 
ohe dar nu possano, m» wtik mai tanto qaan* 

• ta il titolo di marchasa, qaanto il dominio di 
qoasta benché piccola giarisdisione. 

Po, SI mondo xa pien de desgraaie. L^abia pa- 
sieoaa, la te rassegna, e la penti a Tirer qoief* 

' ta, penhè el più bel feudo, b pia bela ri- 
ctitssa xe la quiete de f animo ; e ^i sa con- 
tentaraa xe lioo. 

Bo. Vai m'indorata la piUehr; ma io che doTtf 

* ia|hi«iiwla| taoto l^imaro «ha 9A dà p«tt)ito 



,y Google 



Pa. Qmm «q wmaIh far ?, 

Ao. NiQot» ; |q»^aU^ pi«Dgfrc» I»ì«u^ei|ii i^Uttè. 
. no c^leifa. 

P4. M« dcspìaie che «u ^ajn^ f sto f!av«Ger i 
tmh fi »lQ,.r in €aj% mi». pi»rchi «1 pat,^ 
rè mtsso dircMjìi. 1^0 morava cita (essìaiQ ti;«- 
n*. Poco i poi star « Mifar. La pragv, Tabia 
«H poqo da paneou* La x^ por .pna pma 
prudfBU; la ta sapia cooiagiòc. 

JRo. FarJ^ latti gfì-sforzì oha mai potr6. 

Ss. % arrlfato il tìgaor iparchof e., 

Fa. Sì f Aooa la mve f 

Se. Aooor alla. (patie) 

Pa VfgoQ «alHto. Sìora Rotaora» pcndcnsa» « la 
iMfa operar a mi. {p4xrley 

Mo. Utero U pru^eoia «ino « ao certo segno, 
ma non foglio dissimular con viltà V ìngioatì' 
sia che io ao^ìro, QMesta ginriadìziona h mia, 
quatti heni «oqo miei» e af non trovare chi 
mi aaaitta . aaprò ìq «««m, condurmi aHa 
corte, eaporra i| mio cato* a domanderò gìn- 

SCENA vn. 

Atra cain^ra m^Ue. 
%a mnrthes0 Bs^taica. U marchesa tlxnUim», 

iVi, Ecalenzo, xa grande Tonar eha rtcofO» d»- 
gnaadota re«e|aosa Toatfe da aerfiraa da la 
jma povera can, Aroaaitio eognoftcendo eha 
1 aloao oo tara corisponden^ «1 «« «arilo. 

#*. faradiacd. aignor Paotatew, le cortaai eaprrt- 
•low foMMj gmtg mi rias^i iofimtowentafttt. 



)y Google 



comodo, ebt toUlo èofMre pw nel B«Ua 
▼ottra cMa; «d Msiciinilovi^ cha obbUghtroto 
iempra pi^ a dltiwguarvi ad amarri, ma ma* 
dtaima, ad il marchMÌno mìo fifgl«ò. 

Po. {a Fio.) Servitor amilUsìmo da V. EcalaBza. 

FL (con s&stàmUezaa toccandosi il capjteUoy 
Rìverìaoab 

Pa. (Catpiu! la gha fnma a sto fior mareheaa.) 

£«• Iffarokasiao^ qaeslo è il tigoor Paatatoae 
da' BiiOgBoai, maroanta oiioratitctmo vaoaaiaBO, 
si qaala dal marcbaia vostro padra abba m 
affitto le rtndita di questo Toetro paese, e eoo 
tntta pootaalità ad etattszxa eorrispose mai 
' tempro agP impegni suoi, laoeado onora cotta 
savia condotta sua a ohi lo ha qui collocato. 

Pa. Grasie a la bòntli da vostra ecelenza. (a F/o- 
rindo) 6on sta boo ser«ltor f«del ed osse- 
quioso de sua eoeleoza P^^**» o spero che an* 
cIm vostra ecelenza sa degnerii de tolerarme. 

JU. Poco può tardare a raggiungerci SI canoaU 
liara ad il notaroi *per dare il possesso del 

e fendo sd nrarcbasioo. Fale avvisare la camuoi« 
tk, acciò tutti sieno pronti per dare il giura'- 
tnaalo dal vftsmUaggid. 

Pa, Eoeleoza sì; la sarà servida. 

ÉL Diteoii, signor Pantalone,' quante persona v| 
saranno io Mosufosco? 

Ai.- El\|^aasa xa pioolo ecelenza; al lark set^ 
o otocsiiit* anima. 

FL Ho siòlito dira, eha vi siano de la baie do- 
M I ^ egli varof 

Pa. Par tntto gbo na xe da belo a do brute. 

Bè. (Kcco i suoi disaorai; doone). Favorite, sì- 
gnov PiBot»lone; lo sanno quelU dalla comnniv 
là, ehm oggi ^dovevamo noi arrivare ? 

Pa. Eoahaia slj i ho avìcmIì mi, a ao^ dm a 



,y Google 



i4 , 

#^ha uoio, e i ▼égbìrii a dnlìarfe, e è reoo^ 
goofftr el so patron. 

FL .y«rraooo anoora la doooeP 

Be» Come o'anrran le donne? S% ferraiiiio, non 
▼erranoo da voi. 

FL (S* non varranno da me, andrò io da loroé) 

Po, (El x% da bon gotto. Ma daipiaie da quel- 
la puta ohe go in caia.) 

i^. Sono qui i deputati, e i aìodaot dalla ooma« 
nitk, par inchinarti a tua eooellansa. (parte) 

Po, Statela, ecelenta? xa qua la comnnitii io oor* 
pò per inchinarla. 

Be, (a Panlalone) IntroducatelL 

Po, Subito la aerTO. {porte) 

SCENA vm. 

BlàTMCt, FLOSINDO, pM PàMTAlOMI^ 
buU il aiAVXTOAB. 

Btf. Poiaibilti Floriodo rmio, |cbe non TOgliaté 

principiare a far da nomof 
FL Domandar aa vi aono donna, 4 nna fìceroa 

indi£Ferente. 
Be. Ora non h tempo di baneUatte. MaltetaTÌ 

io tarìatÌL 
Ft Obi per terietìi non dubitate. Con quatti 

tangheri non mi renderò familiare. 
Be, Serietk vi dico; ma non roitìohessa. Trat» 

tateli con amore, (a Pantalone che arripà) 

Ebbene, ohe fanno che non vengono? 
Pa. 6he dirò, eceleoxa; i m'ha dito, ohe i vor^ 

ria preteatarae prima a aua ecaleosa el aioc 

maroheae, e ohe pò i aarà da voatra eeelenzOé 
Be, Ehi dite loro. Ohe vengano tanta tanta for« 

maUtà, ohe aiamo qui tutti due, e che fitpar« 

■gùei«9oo una viaita e un conpUmeoto. 



)y Google 



1« 

Po. Gbt lo dlr^. |><tfl0, pd iornay 

VL Gh« dovrò dire a ooftorof 

Béu ftitpondeto ooD cortetia a quello che ti dì-* 
ranno. Poco eapranuo dire, e con poco rispon- 
derete. E poi yì tarò ancor io. (Mal ora si 
conosce la mala edocasione che gfi ha data tao 
padre.) {a Pantalone^ che torna) Ebbene? ' 

P«. Eoeleosa, i ze intrigadi, i ze desperiù. I dK 
«e, die i ha atndSà no complimento per el aìor 
marchese» che co gh' intra la mare, i se con- 
fonde, no ì sa pia cosse dir; onde i la prega, 
i la ioplica a fiirghe sta grazia, de bssar- 
che i Cazza el so complimento senza sta aag* 
gision. 

Be. La cosa è verataente ridicola, ma G jod« 
disfarò. Andiamo in an'akra camera, é voi, 
amrchesiaoi, riceveteli con giodisio. - ATvertite 
che sarò dietro la porta a sentirvi. (/"rie) 

Po* Chi no vede, no erode. I xa intrigai morti; 

' no i sa da che parte principiar; a -che bocoa 
de eaperbia, che i ga, co i xe vestidi da fe« 
au! (P^'Y 

FL Mi dispiace a trovarmi imbaranato con co* 
•toro. Io non tono affeszo a ^atti imbrogli 
Ehi! 

Se. Comandi, eccellenza, 

PL Da sedere, (il Sertfiiore $U dà una sediOf 
é parte) Non li tratterò male, ma foglio mi« 
alenerà il mio grado. (siedef 



)y Google 



•GENA ne 

KAlDOb C«CCO, MIMCOWf, PASQUALOTTO, MAKCOir% 

iiud pesdd con caricatura^ si opanxano ad 
uno ad uno, fanno tre riverenze al makchb- 
SI, il ^uaie li guarda attentamente^ e ride 
senza muopersL 

(Cs. At«I« ii«4ttto^ copM rkUf (4 Mengofta 
piano fra ipro) 

2MB0U Sofoe èhm A mol bine . 

Ce. Ifon TOrifi cbo «I barlaM** 

ACt. Oh! par« a to^ cbt tÌMio figure <la bar- 
be*? 

'Tfa. Zitto, (ttttd fanno silenzio^ e Florìmio ri" 

de) JBo0iiU«titkfi«io siioffr iaapcbt«ìoo, fero^ 

«tratto dtUa bcdb grazia e dtUa 4iShb«iMSSÌ* 

99^ La Doatra aatioa a sabiU eomauitii, bau- 

: oM aia <U MaatafoacQ, «Una iUwaùaata dai 

raggi dflU toaira aU^fuaa. (sputa» si pavo^ 

. neggiot e gli mkiifanma^ segni ianmàro' 

• ziooe, Flmndo ride) Ucè^ qui roaarato cor» 

p^ dalla nostra antica a nobile comuniUu Io 

sono di aaaa U atmbra priacìfriitB, a qttB^ 

dna i miai laterali compagni, a gli altri daa, 

oha non hanno che fare con noi, ma suao ut- 

tacesti a noi, Teagono, aecallentisaimo aignar 

. anvchasa, * prostergarii « toì. (^P^t^} 

Fi, Gradisca.,, 

Sfa, (con riverenza) Eceallensa, non bo finito. 

FI Via, finite. (gli altri bUbigUano) 

JSa. Zitto. ( Tntd fanno silenzio) Ecco le pe- 
corelle dalla mostra giarisdiziooe, le qaali vi 
pregano di farle tosare con caritli. 

FL ( Si alza. ) Non posso piA. 

Jfa, Voi, qnal Giove benefico, ci gioverete, e ti 
sole della vostra bontà rischiarirì» la tenebre di 



)y Google 



Montefotco. (FUrimU passeggia, e Thtd» 

2U PA dieire parlando, e iuiti per ordine 
^ vanno seguitando, ) Eccoci ad offerire 
ed obbligar^ tostra eocelleiiw^, sigoor maiw 
«keèiiio .Pférindó. la nostra awfitA, ttonrt, 
«liéN^a tpazHMÌtk délP animo rostro magoifi* 
w... (gtuirdando in faccia i compagni che 
appiaudiscono, e Florindo sentire pmseg^ 
già) acceuerà con ampolbtilii di rìeoooicei». 
«a... iFlorindo s' iÉCcoua aUa porit^ con 
inÉpaùenzOy ) le pecore della vo«tra antica 
e nobile comunitli .,. 
PL AVetn finito? 

7B(a. Ecoellenaa no ; e preforiveodo .o 
FL (La finirò io) (approsinuatdosi aUa portaS 
Ifa: La serie d/taoi «oanadattieiiti ..* 
F^SobiaTo di lor aignori. (entra e cala la 

jtfa. TrOTerk la noi quella abbidiensa ... 

Ce. (a Ifardo) Entrate.. 

Jftf. Ifon importa. Lagnale ooofeaderk i ladditi 
delle meno antioha e nobili oonanitk. Ho delta. 
Ce. Il fine non l'Iia fentito. 
Na* Non importa. 

Me. Perchè partite atanti «ha Abbiate finito? 
No. Potitìoa. Per non impegnarti a mpoodere» 
Ce. Oh io rado a tpogìiarmi, « nid# tHaimcm 
Ita. Ah ! mi aoa ^rtato batta ? 
Ce, Beoittimo^ 
Uè. Brato. 

SGENA r. 

La marckesa MiTitici e dettL 

'Be. (Florindo non tao! aftr prodaiiiH. CSorreg^ 
gef ò IO. ) Signori miei ... 



,y Google 



JDe> (a Mtmlo) L» mut^mM. 

^a, Noo iono ali'ordiiM. AmÌmiiiow t^^^r Hpìb* 

Se» F«nft«ton. 

Va, Eccellenza, noo jwao alTordiMu Un'dbn 

. volta. ( a>n rwerenxa, f^frte ) 

Se, Afa Motite. (a C^eco.) 

Ce^ Io non sono il prianpalt, eeoellenia. (par$e^ 

Se. Io con la marchtia madre «^ 

Jde» 9cl in tOQ la parta laterale, eceaBansa. 

{parie.) 
Be, 8on qoa io »• 
Ma. A ma non toeca. Tocca al deputalo di 

mesto. (parte. ) 

Be. Siete molto rifcaldati. 
Pas* Noi. non ci rìscaldiaiiio. Noi noo siamo dei 

tre. , ( pane ) 

9e. Io non li capisco, mi sembrano fanti pasà. 

3 CE N A M. 
Altra camera 

nOMUOO e JM>SàUX4r 

n Venite qai, non foggite. 

Bo» Signore, non fuggirò se parlerete modèsta* 



Fi. Vi compatisco. Siete avTessa fra'villani.. 

Ba. Ninno di qaesti nJlani mi ha parlato eoo 

sì poco rispetto. 
FL Gepperi! voi siete ben restila; costoro tÌ 

rispelteranoe come nna signora. 
^a, Non rippettipo. il oiio abitoi mg il ipio «•; 

stume. 



,y Google 



a 

Jfi.. S)? Me ne mllegro. Ba ohi atett impara» 

questa balle maffimaf 
Ho. La ho ereditate dal taogoa. 
FL Siate dnuqua di saogae nobile? 
Mo. Sì tignore, quanto U tosrro. 
PI, Quanto il mio? Sapete voi ohi «eoo ? 
Bo, Lo io« lo io. 
FI, Sapete foì, che io sono il macfibaie di Moo« 

tefotco? 
Ho. Così non lo eapeitL 
FI E Toi obi ^flte? 
Eo. A ino tempo mi darò a oonotoere. 
Fi Io teritk mi fate compassione. Una giovane 

bella e diainn>lta, star qni sopra ana monta» 

^na, senza godere il mondo, senza an pooo dì 

conversazione, è varamente un peeoato. 
B.0, Pooo di ciò mi cale. Mi basterebbe, si* 

gnore ... 
FL S), )o so, ri basterebbe poter fare do pooo 

all'amore. Fra questi fiUani non vi sarà ohi 

vi piaoóìa 
Ro, Voi non mi oapito. 
jP/. Si, vi capisco. Ho oompissione di voi, e sOn 

«pii per consolarvi. 
Ho. Ah! Io volesse il cielo! 
Fi' Non dite niente a mia madre, e vi consolerò. 
JRo. Come? 
Pi Farete alTamor con ma. Fino ohe io starò 

qui in Montefosco, sarò tatto vost^ro. 
Bo. Signore, vi riverisco. 
Fi Fermatevi. 
JRo. Lasciatemi andare. 

Fi NonlGte voi che siete di sangne nobile?. 
Bo. Sì, e me ne vanto. 
Fi Se oosì i, dovreste oompiaoervi oha^im ca% 

valiara fi amasie. 



)y Google 



UsM dif«rtameiit€. 
FI CoM» forroi» db* i» p w r i M a ì? laiefMitsa^ 
A». 8« fin dn MB fe fap«le» !»<& v«^« «i 



f92L Asp9tt«l«« Mi p i ^ wrt n darri mI genio. 

Siti* il »ia tesoro; siete l'idolo mio. Ali! 

eÌM ■• dit«r Vo b«M coilf 
Ba. Sioocherie, adalatiou, monzogoe. 
Fi. Oraé, ^rWò alfiua mio. Ramava, aoii elfi 

.«••o. Q*>**do foglio, si deo nkbidiro, e ék 

chi abbidir bmi mi tnola» mf ne fo leader 

•oato. 
Mb. GredolMB, cho «imm en par ^eato t& la- 

Nlo.-trMMro. ' 
FL NoD ìateodo di Cinri iremara; voglio ftrn 

ridarò a gimbilaro. Vaaita qui. dfttemi li «Or 

atra mano. 
Jtor» Mi mManglìo di fOi. ijugB^^^'ì 

MJFfMofaatta. ,4«fg?iieA<20£(t) 

SCBNàXIL 

£a marchesa Bt^Tsict, # ^«fi^ /idi wf 



Ji;. Cha «oaa o' &? 

fio. Signora^ difaadatami dalla laéoleDaa di fO- 

atro figfio. 
Be, ( a Florìitdo) Ah .oiarehaae ! 
Fi. Gredetemi, tigoora, «ha io ooo le ho fatto 

'impertioeoza alcana. 
Se. Vi oaooaoo; sarebbe tempo di matar co- 

atume. 
J& Io ieharxa^ mi diiarlo. (a MQSaura ) Dito 
^ io Tostra cofoitBMf ohe ooao vi ho. latto E 



)y Google 



SI 

Be, Nìeottf, ttgaori». Vi SBpfliG* t nàt ìkqxM* 

tmimu 
Be. {a Plorùulo) Sapata foi chi ^ qoMlh g(o* 

mef 
WL Io aott l« CQBOMO. Vf do eh' 4 am balla gii* 

▼ioa, a DOD IO altro. 
Be. Danqoa i« aoo Ja oaBoaaata, pareh^ noo la 

rispettata ? 
FL Vi dico che 000 b ho pèrduto il rUpatt<L 
Bc. Offa; aooid In avvaaira iri portiaia eoo atur 

dttaraaaaAta, vi dirò chi aUa è, a ^uala Irat- 

rameoto da toi aiiga. 
Fi. Asooltarò folantieri. 
Be» Seppiata daoqaa.^ 
Se. (« Beatrice} Baodlaata, ^alcuoa donaa di 

Montefotoo forrebbaro riverirla. 
FL (Doooa !) 
Be. Baoa. Si tralMagiao na poeo, or ora •mò 

da Itro. (seiviicre pa^tB») Sappiata eh* ali* 

h figlia dc9 ttarahoaa SJraaia, il quala ita tadH 

pò... 
Fi Sigoora, ma lo ditata pét. Con rosn-a per* 

miuioaa. (Donaa 1 Doatfaf) {parU aUegrù) 

acsuA xm* 

La marchesa aftàTMCB^ e A^Mvaa* 

Be. (Cha apnrito ititttflaraMe !) 
ilo» Sigoorp, VOI daàqaa aii atoo^atftf Vi «oso 
nota Ja mia disgrasia? 
^ J3^ Sì, a fi compatitco moltitttno. 

Ro. La voatra oompaaaioaa mi può lar falica. 
Be. Sì, Rotaarat procurerò gioTarvi ; vi mrò pro- 
tettrice, sa BBoderata saraano la vostra mira. 
Bo» Mi getterò Dalla vostre braMÌit 

// FcttdaiariOf n.* 4* * 



)y Google 



«a 

9e, lodinerMta foi ad ob ritiro? 

Ho. Tradirti me tt«tra se n dioMtS di A 

B€. GoDsidtrar dofet* k» ttoto to«tro. 

JRo, P«Dso «Uà condìsione de'nuei natali 

Al Siate atreua fin dalla cana « •oflfrire i toni 
della fortaaa. 

JRo. Ma ho aenipra sparato di vaodiearlL 

Be, Comef 

J{o. U cielo mi darli ! nteui. 

£e» Non ti gettate nelle mie braccia f 

-Bo, Si, e mi latiogo che ▼ci sarete il aMxio 
per cai potrò ottenere giastizia. 

'Be. Farete danqoe a mio modof 

Bo, Sino ad un certo segno. 

Be, S sMo n abbandonassi, a chi ricorrereste ?. 

JBo. Al cielo* 

Be, n cielo, t* o&e la mia assistenza. 

GRo. Se sarà vero^ si scol^erìi, 

Be, Dabitate di mef 

Xo. Non m'avete ancora assioorata di nolls^ 

Be. Bi coUocarri. 

'Bo, 9on basta, signora mia, 

Be, B che Torreste di piò f 

3Ì0* Vorrei che rifletteste che figlia sono di an 
marchese di Mootefosco ; che le femmine bob 
aono esclase dalla snocessione; che il feudo 
è mal vendnto ; ohe io non sono contente del- 
la mia sorte ; che tutto farò, faorchi oscam- 
re il mio sàngue, e dopo ciò tronte il modo, 
•e «ia- possibile^ di assisterà» e di consolar^ 
mi. {E^^o 



)y Google 



a5 

SCENA ny. 

BlàTMGI sola,' 

Gotte! mi metto in apprenittone. Vero è tatto ci6 
eh' elk dice, BUa paò far guerra a mio figlio 
pel potaeff o di Montefoaco, ed egli iotooto la 
^ovoea eolle iofoleose. Beata, eì pemerò te- 
riameote. Amo mio figlio ; amo la rarità e la 
£Ìiutiaìa; e per talfare i diritti di ambi qae- 
ati affetti, prenderò oonwi dalla prodanxa. 



)y Google 



ATTO SECONDO 

S€fiNA PRIMA. 

Jl^w camém. 

Il marcàese vu>*uioO| poi oiivafr** 

FL Y «nitf, belle giOTani, in questa camera, cJbe 

staremo meglio, con pia libertSi. 
OL (in caricatura) Eccomi a godere le grazie 

di vostra occelleaza. (con un inchino) 

FL Oh! grasiosissima. Come vi chiamate? 
01. Olivetta, ai comandi di vostra eooeneoza. 
FL Quest'abito mi piace assai. 
OL Ai comandi di vostra eccellenza. 
FL Voi siete bellissima 
OL Ai comandi di vostra eccellenza. 
FL Benissimo. Saprò approfittarmi delle vostre 

grazie. Ma dove 'sono qaeste altre signore ? 

( alla porta. ) Favorite, venite avanti. 

SCENA II. 

<ri4NNiNA in caricatura, e detti. 

Ci, (inchinandosi) Son qui per ubbidire vo<tra 

eccellenza. 
FL Come avete nome? 
Ci. Xxiannina, per obbedire vostra eccellenza. 
. Fi' Siete bella, siete graziosa. 
Ci, Per abbidir^ Toirn e«o«UeasQ. 



)y Google 



«4 

PI, Avet# Jue Lelfi oocliì, qm^ Ul» IbooM. 
Gt. Per ubbidire vostra ediwlkosa. 
Fi. Cortesissime gionnotte, io «on cootoatliciflM 
' di ^tieft^ mìo mavcfaMalo; «o» lo «ambieMi 

eoa un re di oóroaiv Mft ecco &*«ltra mU 

liella saddita. 

SCENA m. 

CHiTTA in eaHfiotora, e thtti, 

eh Bcoellena, air onore di riverirla. 

ìY, Volete voi partire ? / 

eh, EccelleDze oo, vengo ansi ad •Dorarla. 

PL Oh cara! vi aevo obbligato. Che noae th 

vete? 
eh, GhiKa, per ■•ahieaemi a'oeiuM di reaira •« 
- celle'aza^ 

Fi. Ma voi parkte elegaoteaeotel 
^h. 8ar» h»m ferlQMta ;ae potrà gieriaamt di 

essere, quale eoo ttmo il rispetto mi dico di 

vostra eccellenza» 
Wi. ( Ha inparato a memoria la ohSum «f ima 

lettera. ) SioohÀ i«i siete le pnooipali aigoora 

di Mootefosoo? 
a.l^ padre h il depniato maggiore, per eh- 

bidire vostra eccelleoza. 
M Ed il mio h odo dei tre, ai eomaodi di 

vostra eoeellenaa. 
FL Me ne rallegro. ( m ChiUa ) R voi, ùgaora 

mia, cM aietef 
eh. Sodo ... fifo (o per dire ... Vostaa eoeetteaaa 

lo donuadi... Sooe T idolo di Meoteioeco. 
FL Cavo il ano ideletto, «e io vi lifirò na M- 

crifizio, lo accetterete? 
eh. Sacrifizio f Di chef - . 



)y Google 



i>8^ 

Ci. E a ne, «igooraf 

OLKmme? 

FI Ce n'è par tntta^ ee ii*4 p# Infto. Vi fv* 

«^ m rìtrovara^ AapttlMa. (oa Olmeàta^^ Do- 

▼a state di eaaa? 
OL Dlrimpatto alla footana oiaggìore, per qIiIn' 

dire Totfra acallaesiw 
FL ( C^a un taccuino, e eerwe) IXrimpetta 

auafoate* (< Giannivn,^ B foir 
Ci Qoaodo uscita di oaaa, fa tana porta • Imb- 

da dritta, ai cooModi di Tottra eataUeii»*. 
FL GiaDoioa (scrìpe) la t$f%a porta a' òantU 

dritta. <a Ghitta) E voi? 
Ck. In quel bel easioo, sopra quella, belbi col- 
lina, dooModata dofe abita la Gbitta. 
n Ètl casino^ òeOa coUina, la Mia 

Ghitta. Non oooorre altro, vi verrò a titro- 



OL Ma vostra eeoelleosa non m daguetà di wk 

FL Aasi sì, sarà tutto vostro. 

OL Ohi eeoelleosa... 

FL Ors&, Jasciano le cerimoaie. Fra mn, e»* 

gasse .Bo^a, trattiamoci con confideosa. 
CL Ohi eccellenza ... 
A Orsù, tanta ecoaUaosa mt^oooia, rnUttniocì 

con libertà. 
{&, li signor marehesino i qb giovane sonai 

o«rinu>nic. Laseiamo andare, e parliaoM «Hi 

nostra nsansa» 
FL Bravissimai sansa soggezione. 
CL Benedetto! mi sentiva crepare. 
OL Non siamo avvesse a tltc^^giare. 
FL Basta che mi vogliate beoe^ e noo vogfia 

altro. 
Gì. Oh cooM h canno I 



,y Google 



•7 
OA Oh come i gratìoiot 
Co, Oh come * bellino 1 
pL Staremo in enegrìa, eanteremo, balleremo* 
Gh* Ma b tìsnora naroheM? 
PL Non dìrk niente. 
Chf Sarà buona come In'if 
Ol, Ci forrii b«ne come lai? 

SCENA IV. . 

La mardUsa bb&tkici e deui 

Be. Eccomi, lignore mìe. 

eh, (le vanno incontro allegramente setma 

inchiuarsi^ alt uso loro. ) Oh ! «ignora mar- 
chesa? 
Ci. Bene venata^ 
Ol. Me ne rattegro. 
Ci Sta bene? 
Be. Olà, che oonfidtoza & c[aatta9 Con chi cf 

dete ?oi di parlare? 
Uh. Boaellenza ... Il signor marchesioo ci ha 

detto /«. che non fuolé tante cerimonie.^ 
Be. Il marcheaino aeherxa. Voi sapete chi sono* 
Fi. Compatite, signora madre, sono di buon 

cnore. 
Be. (« Fl4frìnda) Voi andate. Questa visita 

viene a me. 
Pi. Nnn oocorr' altro., ( Esse . fanno la TÌaita a - 

mia madre, ed io una alla folta andrò a vi« 

sitarle tutte. ) (parte. ) 



)y Google 



a8' 

SGBlf A V. 

ìéa marchesa BK&rittei, ciàiiiiniA ouim« 
ouvKTTA poi an SIXVICOlll. 

Gh. (Ora tono no peeoìmbro^lUNi. ) 
OL La madre è più sotleoata del figlk». 

( piano a Gimnnìna) 
CL Perchè tiaino donne; «e fossimo noaiiw, 

chi sa F 
Be. ( Mio figlio non fuole usar prudenza. ) 
Gk. Eccellenza .... 
£e. Chi À di b ? 
Se, ( Fa riverenza^ ) 
Be. Da sedere. ( il servitore 'distri^aisee ^uat' 

tro sedie, parte poi tornai ) Sedete, i^seg* 

gono) » Vi siete incomodate • keroriwaii. 
eh. Per ubbidire vostra e.cceUensa^ 
Ci, Ai oomandì di vosèra eeòtlkaca* 
OL Serva umilissima di fostra cooillama. 
Be. Siete fascinile o mavkete f 
Gh. Maritate^ per ol^idire vostra «eeeOefisau 
GL Ai comandi di vostra ecceNeon. 
OL Sern amifissiiDa di tesira eoc^Uaia« 
Be. Sono qai i vostri mariti ? 
Gì Io aooo la moefie del «etoptioSsM, «dio 

montagna a raccoglier l' erbe. 
Olf II mio 4 il chirurgo, ed è andato a Hepoli 

a cavar sangue a un cavallo. 
CK n mio h qui, e fa il c«ccia|pre. ' 
Be, Ma compatitemi : voi sarete del basso rango. 
Gk, ( con vanità.) Bccellensa sì. 
GL Che cosa voi dir del basso rango f (pia^ 
no a Ghuuu ) 
Gh, Tuoi dire, che noi non siamo della monta- 



,y Google 



•9 
gé«, tM del paete pìA biiio. •-« CoeeUeitt^ «I, 
•ionio del iMtso rango. 
ITe Ci tonaiparol depfeitatr d^Hèi eottnaitii? 
Gì, Ecoollcoza sì; mio padre è quel di messo. 
Ol» Il nio % quello dalla patte siotsira. ' 
Gh, B il aaio & quello dalla parte dritta. 
Be» Duo^foo voi •ieto le più nobili del paese, 
eh* BooelleaBa •\\ siamo q«èlle del basso raogo. 
Be* (Sono Teramento godibili). Vi xio^nuaio del- 
l' inoomoda che ti siete preso. 
Oh* Per ubbidire vostra eceellens»» . ^ ^ 
Gì. Ai comsndi di vostra ecoelleosa. 
Ol. Serva nmilissima di vostra ècceUeexa. 
Be^ Chi i di là? 

eh. Chi è di Fa. ^ntlt•^ Ii»parato. {àr Ciam' 

mna pì4no) 
Be. {ed serv, che parte e pei torna)ÌJtk oioooxilata. 
Ci. Che cosa ha detto? (« Chitta piatto^ 

Gk. La cioooòkla^ 
Gì. Por ohe lare? 
Gk. IgBOvaiite t Par hava. 
OL Che cosa h» doti»? (« CianÈÙna piano) 
Gì. Ci Ttiel dar da baio. 
Oi. H» aoto, barò volentieri. 
Be. (Bella oiviltii! parlaBO ir» di loro.) Bbbéae 

raccoMHrteoH qualche èo^. 
Gh. Il lioo* •DeóUaoKa^ quanto vale a Napoli? 
Be. Io Bou no ho cognizione. 
GL Che volete toì che sua eocolleesa sappia di 
qneile coso? Uo«. marchesa non fila come fac- 
ciamo noi. Blla farh dal pizzi, ricamerh, farà 
dello acuftik Non à taro, oocelleosa f 
Be. Sìf branssima* Eooo la cioccolata. 

(U^ervkare^ e^ poria guattrù' chic- 
éhene-di cioccoiaUt, ne dà una oHa 
fiarcheea.) 

9 * 



)y Google 



96 

Ci, Che ro^ 4 qnelkT (à Ch^a pùm] 

eh. GiocooUta. 

CL Così nera? Ehi! oioooolata nera! '(ad 0£ 

paia pioMl 

VL Io non a* ho mai Lavata. (fZ serpìtm 

né d^ ima a mt^> 

Ck. Alla protp«rìtÌi di vostra «eceltanx*. (tt 

t accosta nàia hocco, sente che scotta^ e U 

riiira} Ehi! scotta. (piano a Gianmna^i 

ne pa àetfendù] 

Ci. Scotta, noti la foglio, (ad OlipeUa piam] 

Ol, N«miiieiio io. 

Ci. (chiama il servitore^, e gli dà la chiccht 

ra) Chi h di Ikp 
OL (fa lo stesso) Chi k di fìi? 
eh* (Non posso .più.) (come f altre) Tonati 

cbìÀdtlkP - ^ 

Be, Che, non ti piace? 
eh» Eccellenza, non ho più seta. 
Be, (Io Terltli è da rìdere. Vado Roaamra it 
quella oamera.) (ai servitore) Ehi! DI aU 
aignora Rosanra cha venga qui. 
Gh. Avete sentito? Ha faUo chianrara R#sann 
(a Giannina piam 
Ci, Stiamo al nostro posto. 
Gh. La aarebbe Isella ! SiaoM del basto wmm^ 
GL Sa viao Rosanra, non vi movata. (ad Oì 

petÈa pian 
* OL Oh! non dubitate. 

SCENA VI. 

K0S4URA, flette, poi il SEITITORK. 

Jio. Cha mi comanda vostra eeceHana«f 
Be. Venite qui, cara Rosaaca, ho ^«oara d 
varvi in compagnia. 



,y Google 



BOi Mi fa troppo (mòT9,%eù%ll&fit9L^co^t4pefWtÈa) 
' {Le tre danne fra di loro la bttrianó} 

. Be. {pianando fra loro piano) Bbi! ooo <|ae« 
' tte donne è una commedia. 

^ Bo, Eppure hanno la loro parto dì «aporbia* 
' Be. Sedete» RoMura. Ehi) porta qui noa «edia« 
^ ito. Voatra eooellenza h piena di bootlii 

{Le tre donne la burlano) 
{Il servitore mette una sedia vicina 
a Ghitta dalla parte di Beatrice^ 
e le donne si fanno cenni fica lo* 
ro» Ghitta passa dalla sua sedia 
a quella mossa per Rosaura, e 
cosi le altre due avanzano una 
sedioi e per Basaura vi resta tui* 
tima.) 
BO0 Ha Todiito, eocallonuif 
Be. Che tuo! dire, tigoore mie? Non ti plaee« 

oe?a il posto io onì erarate? 
CL {a Ghitta piano) Riepondete toL 
Gh, Bìròf eooellenza... Siooome... il rispetto della 
▼idnansa mi obbliga... oosl aon più lioìna • 
rì?,erìrla« 
Ci {verso Olipotia, piano) Brafa. . 
01, Ha risposto bene* 

Ho. Queste signore non si degnano ohe lo stia 
sopra di loro« Tede, eecellenxa, come mi sbef- 
fano? (le tre donno ridono forte^ 
Be, Che maniera impropsia h la sottra f Goti 

perdete il rispetto ad una dama mia pari?^ , 
Ch, Booellenia, non lo facoiamo per lei* 
Cu Non ridiamo di leì« eceeOensa. 
01 Oh! oecelleoM... . 

Be. Gapieeo, che siete scìoocherelk* o ^i ooifipa* 
Hseo. Atete però della superbia» the all'ossee 
Toslro non conviene. 



,y Google 



Sa 

eh* B«c«1Ibox9* Bot mao d«t ìtàèm mtogo.;.. 

^ff. Venite qoi, RoMura ; È9à9U mila maUm sedit. 
QiMttti a tot ti convìane^ eh* tifile nata ali- 
le, (si aha) 

li«* Reodo.grtzie e^eoeeneDtft foitre. 

Ci. (a Ghitia tà OìivtUa pkM) AodkuMo vk 

Cb, Si, ft), Mulbmo. ' («i Mxaasi) 

Me. (Che feoninme tein«riirìet) . 

'401^. Ehioellenit, noi tìame vtoate per nmiliarci 
elle ^raedexta fostra, noe per. itre onore ed 
-«•H#, ehè Bel oetiro paese oen conte nipote, 
%t^% èì TOtlfe eocelleoze. ijHO'ié) 

CL Serre di vottre eccellentt. {porie) 

01» S«rvB di Tostra ecctllee^. ipùHe) 

SCENA Vlt 
i03àURi^ ta mi^rchesà bb&teicb, ;>^ f&oiiiido< 

Be, Io retto attonita, come dar ai pot^ io co* 
aloro tfote . lameritìi. Ma appanto la Uitterilà 
procède dall' ignoranaa. Io (iur^ conoeoère a 

f* quatta iiqpartioeoti il loro devere. Farò loro 
conoacere ohi tono io, chi aieta Toi. 

Ho, Ah! tigoore nereheae, mirate a qael grado 
di disperazione mi pc/rta il dotùeo. S qui doirò 
?i?er«? E qui dovrò redenni aaorificatti? $i- 
gnore marcbeie, abbiate pietà di nw. 

Be. (Veremente merita compattione ?) Peoeerò al 
modo di rendervi coófolate. 

JR(K Eh! tigoore, ae le perole l>aslÉtaer», tatti 
gFiufelici atrebbero coatolatt. Chi ttve fra ffi 
egi e le morbidezze, nen crede agli effenql di 
chi laogoifoe penando, e chi travati oalloeeto 
io gredo dt nobìlth graadièiM, I19B car% «ea 
atoolie, e tpeato ancora ditpreaga chi i nato 
nobile, ed è sfortunato. 



,y Google 



33 
Be. (P«rU io 8i««^i «^« "» aorprende.) 
FL Po«ta ▼•nUe? mi è p«roi«sto? 
jBtf. VèQÌU ; pfrcl»^ tal cù^^^ 
JPZ. Quindo fedo dooae^ ho sempre timof e ; ho 

tempre eoggezioDe. 
J^ Qae»do pee^ ci wno io, qoo qaaodo le tre* 

ir«te sole. . j 

F^ Chi tente foi, eccelleolisciimi sigoore madre, 
cred^B che 'io tU il meggìor ducolo d» fue- 
tto m^mé^ V^» »«» f**« "" ^*^ caretiere. 
Cara «goora, non Io credete, lo $ono un ? e- 
neratore della belle»», che «^ irelUre le doli- 
ne con rìipeitQ e con cWUtà. 

no. Perdonatemi, eìgoore, toì non m e^ele fa^lo 
creder coel, quando... 

Fi Oh ! aUor» non ti «QnpeceTa^ ma ora che eo 

. «hi foj à^^ «.OH n Ugnerete di me. Signora 
madre, questa è una «lamina. Me n<? ha in- 
formalo il 8if»w PiMJlalone. 

,06. Si, i wu nobile, »» «fortunata* 

FL Per amor del cielp non V a^jhandopele. ooo- 
corriamola. U f ogiiia fare U tua (briiu». 

Ho. Signore, queeto bene lo yero daUa fignora 
narcheea.- 

JP/. Eh! la eignora marchete bo|i n può fare 
il bea«« che »i fifh il rigwr matcheee .... w, 
io, cara, lo itedretn. . 

J^ Rotaiura, rUìre»efi, «e H conlentatc. ,ilo da 
parlare col marcheeino. 

B^ Ubbiditovi. (Chi #« 1 può et lere che U mio 
dettlDe el c^fgi') ,(P^^^) 



)y Google 



H 

BGBffA vm* 

La mùrehesa biatrìcb, il mOtchéSfi vtovan» 
pei a cunriTOiii. 

Be» ttadato « me con un poed dì serieUi (^^i 

mette sul serio). Sap«t« fol chi tu qaella 

giofaoe ? 
FL Sì s'igoorf, lo ao. 
Be* Sapete toì eh' ella aia la legU^aia crede di 

queftto marehetftto? 
FL Cornei l'erede non tono io? 
Be, Sì, voi r. avete ereditato de TOftro padrt* 
FL Daoqae à mio. 
Be, Ma il marchese Toatro padre, lo ha oonprt* 

to dal padre della iofelioe Roaanre. 
FL Chi ha fenduto, ÌUk ▼eodoto^ e ohi ha oeoH . 

prato, ha comprato» 
Be, Sentenza Teramente da nomo letterato « di . 

garbo I II padre di Rosanra lo ha fondato, • 

non lo poterà fendere. 
FL Se non lo aresae potato feodere oon ftt» 

freBbe fenduto. 
Be» Bella ragione! Quante oOM ti fanno ohe oon. 

ài potrebbero fare? 
FL Bastar, aia com' esser ai • foglia. La. cosa h 

fatta, e quel ohe i fatto à fatto. 
Be. Non sapete foi ch'ella potrebbe riocHrrere^ 

domandare giostìsia ed essere risarcita ? 
FL Sì, sì, feda in città; si metta a lidgare. 

Senza denari» aeoia proteaiooe« otterrà ^al« 

che cosa. 
Be. Banque fondate la ragione fostra toUa saa 

miseria, sulla sua iofelioitk? 
Fi. B foi, signora madre prudentissima, mi con* 

sigiierestè renderle a patti il nurcheMto. e per« 



)y Google 



55 

dare il denaro e I» fJoriidinoiM? Um gW 

risdìziode che non la darei pel doppio di qoel 

ohe mi ootta? (Ttiito le dono*, mia ! } « . 
Be. Vi farebbe no tioMdlo faoile ed oneato^ te 

▼oi acconsentiste. 
IPL Stfg^riteloi e Id faròi? 
Be, Go|tie Yt gradìaiDO 1* aspetto di Rosaura?. 
FL Mi piace, è bella e graàosissiiiia. 
Be, Àggiangete, che elle è savia e modeita^ 
1^ £^' verif Simo. (Aaolie troppo). 
Be* Inclinereste toì a aposarlaf 
FL A. sposarla ? 
Be, Sì, ella & nobile qoanto ▼ot. 
FL La nobiltà va bene, ma mi diipiaoerabba di 

perdere la mia liberUk. 
Be, Un giorno o T altro dovrete ammogliarri* 
Fi. Sì, ma piA tardi ohe potrò. 
Be. Eppure le donne nen ti difpiaeotono» 
FL (scherzoso) S^ Terissimo. 
Be, E perche non tolete aooonpagnènrl eon n- 

oa donna ? 
FL La donna non mi fa paiurai mi U paQfi il 

nome di moglie... 
Be, Orsà^, cootien risolvere. O determiaarvf di 

sposare Rosaara, o oodtì^d prenderò qnalobo 

altro espediente. 
FL Aspettate che io la pratichi no poco « ohe 

io m'innamori, e forse la sposerò. 
Be, Sa, certamente di toì mi potrei fidare» O 

sposatela, e statele beo lontano. 
FL Ci penserò. 
Se. Ud nomo della eomtfnitli con altri Tillani^ 

Torrebbero inofainarsi a eoa eooallensa padrone* 
FL Che cosa Terranno ootlorot 
Se, Credo che Tengoooa pi«feotaro« TOati» ec-- 

celleim d«i ttg^ ^ 



)y Google 



9L Ohi venutilo, f^agftpOi* 

S^. (I r«f«li piacciono a tutti) (parte) 

Be, Ricévutoli voi clM io ìobkoto pftrlor^ col si* 
goor Paotaloa», por rw^diuro a «joti diioyxK- 
ni oho io provodo. (PoToro figlio! So noo a- 
▼esio la mia asiistoaao^ aiidfobbo proattfi^aio 
ia ptrdiaìoa«w)i (partt) 

Fi, Mb ohnIipo vorrebbo oho io proadossi me* 
gUo por caftigoroii; aui fiochi posaok no cor- 
to. Ho una ginrtodiaiaao ' ovo kulU lo dopoo 
■li corrono distra ; tftr«ì hon pasao so mi le- 
gasti. 

8 C S N A IZ. 

AuaeatfHrO' eon quattri piifani che portoMo 
salami^ proscìutd: fiaschi di vinOt/orma^ 
gio e frméd^ e deito. 

sJr, (fa wipereMMa) (No lo^ so ne rsoordor^el 
«omplioMoto oho m* ha insegnk «ossor Nar* 
ilo. (a uu pilUmo piane) ^f orisacb 

FL Gidantnomo, tì saluto. . 

JA SoIsBsa M. Qà8niaa«|ao ToUifasion dtUadO- 
stea nobile oomodilli ... 

FI {sempre piano ad Arlecchino) Cooiaoì^li. 

Jr. y<rso la graadossa do TOstta solonaa. (a/ 
vUlano piéMoy Hai dit grandosaa f 

'FL Su, grandssaa, 

Jr. 8oa qua in noflio do %nA a rogolar fotlm 



FL A rogalaro. 

M (Gbo m sia malodotio.) 

Jr, A prsseatargbo salami o porsnti, tot» roba 

dsl pamalada do voslra aolsma. . 
FI Dol marchoiato di toflfa ooMUtats, 



)y Google 



3t 

jfr. K tHi e fratì % fettt^W ^e W woU dì 

caàii di TOttr» zelenn. 
F/L (Oh oh« Uitia!) CU HÌf . 
.^ No temo sei, temo cinque, aelcott* 
Fi, Sei di qoMto peete ? 
Ar. Qattro de «19 C«e9« e mi ;ber|funMlift qIm 

fa oiaqact* 
Ft Sei bergftVMiMO e tei ^Qnto ifi qntm pie«t? 
wtfr. Zeleoi» «)< D«i JHtrgMnatchì^chf y.è d* 

per tute. 
19^: Qaftfil* k ehe f et qva f 
iEr. Che eoo qua , tara meeso quarto 4* o^ in 

etrc» 
Fi Sciocco! ffon dico in qoeiUi cambra « dico 

io quefto paese. 
Jr, Sarà dopo ohe tott vegiiado. 
Fi Ho capita e c|i9 «ow W in Mfuitafaifo? 
Jr, El neetier che la fa apca eia. . 
Fi Come f Ch9 «eitier him^ wf 
Jtr, Magnar, hever e non far goente. 
Fi Ta mangi « b«f| # nqn fiM n^Ua? 
Ar. Zelenu sì. Vago a apasso co |i pagfre • 

no faazo goente." 
FI (Cosini k il più bel buffone del vf pd#.> 
^ Ma b diga, zelenta, eW Q^a £neaM £pr iMir 
' qua inoomiedadi ati pnverì otnaqi? 
FI Che ti tenga In rabbia! Dor^n a flìrittvfa 

CQiMlarli dal maestro di caaa. Vaa neceaaario 

che io Todeaai qaetti e|M|nisiti fegaUf Andale 

dfl maestro di caaa egli n regaMu 

(>arAM«a ^ uomini ce r#g^> 
^. El regaleci f Aapetiè, fegoo anca «ù. 



,y Google 



sa 

sema X. 

noftiNDo Mucciimo# 

JFl Dot» nàì 

Jr, 4 ntarìr «1 noMlro d« oim. 

F/l Che oota moi tn dal oMestro dì 6aM? 

itfr. No s«lo do qnelo che regah? 

F^ So Tooi otMr regolato, ti ngtlorò io. 

Jr Ben; taoto mo fa da un, come da F alter. 

FL Dìbibì no pooo. Ci aooo balle doooo io quo- 
ato poeto? 

'Ar, Bh I onta), oaMÌ ; ma do mlga Me, corno lo 
bergamofohe. 

M No f. perche r 

jtr. Perchè gho maooa ol goato. 

Fi, GoBoaci ta ano oorta OliTottoS 

Ar, 8ior ai. 

FL Udo tal Giaonìmi U coaotoi?. 

Ar. Sior ti. \ 

FI. B lo bella Ghi^, tal obi aìoS 

'Ar. Sbe tà. 

Fi. 8oi dove aUaoo di coso ?. 

Ar. Ohi ao lo sO» 

FL GondfMnmi da «é§9à 

Ar. La favoriaaa. Per ohi m*hala piador seloBsal! 

FL Che ceto vorread dire? . « 

'Ar, MV oOB ao bona greda, no bafoTABoIIo (a)^ 

FL Io aooo il padrooo di q.aeato poeto; qooo- 
dò eomaodo, Toglio ettaro abbidiio. Ti io o- 
Bor;, ao ti omototto aUo mio oonfideozo. Vo« 
glio ohe tu mi guidi da ^aaate doime« e o« 
■00 lo farai, ti farò romper le brocoio. 

Ar. Ma olauMOo <« 

(a) Fuol dire non [accio il mezxaiiQ^ 



)y Google 



Ft, Sogniim per tnì» tÈtgàm (pon^ 

Ar* A Moolefofltio sto boMoelD dt flMWcliMéf 

Ma torno » BeirgMM. 0?M^) 

SGEUA n. 

ITtf. 0nii^, i^or PMfiliMM^ ■rMongfiito mh 
cor voi • lar qaeftó initrw a o M S ot 

TtL C«rM ohe iiii som* o l'altro tio pota pél 
trotar qnolcbodan che la OMoa a Napoli , olia 
la iolrodnga>a la eorta^ e gha lana rtttìtaic 
<|aelo oIm per giatfliia no sa gha poi lafar^ 

^. Quando trattasi di (paftina» ao aodiaio4a« 
cidera contro di iM mada^va, a aa on om* 
triflionio poò mattara io ataara la nottlra pM«a 
Bon cralaoeierò di proenrarlow Spiaoaaii «ha 
il narohatino non ni para inclinato a fiwia. 

Pa* B por la ma ptrmata dia gha di|a, «al vada 
la dona^ al par al gala da laìadona C h aaa. •■ 

Be, A Taro ; par quatto in NapoU non Jo laauo 
nai tolo; O viana aaeoi o lo osando col pra^ 

- «attori^ o con un bnon caoiarìarai o con qoah 
ohe atretto coogìanto dalla famiglia. 

Pa. La fa baniMlno. I pati i aa lacaa aodic 
coli manco cha sa pol^ e più tardi cha aa pol^ 
parche co i Ta coli, i fa da la amicisie, aia* 
tnighi xa qoali cha li tira a praaipitar. 

Be, Fioche stiamo in Moatafosco, mi para di 
viVer qoiaia. Qainon ci tono danna, «jia poa» 
sano ianffiiorarlo» 

P^'Cart acalenaa^' gha dir^: dota glia ^m da 
1* aoqna gha xe- dal ^^€^9%- «ogia 4ir,. dota gha 
za femsna, gha xe perìcolo. Sta nostre dpoa 
che no xe OTeaze a tader- focasimii, so capita 



,y Google 



«0 

IMI )riot b VA % 9«i0 «HW <)• I* «llr* per fff 

gkt 4t le finesse. I p^ le tìeo «effie^ i «•- 

rit le biitona, aia eie, co le poi, no le ghe 

mete tctXà, 
-Be. Baoqae enofce queste vìllene si dtletteiio di 

fere iri»'«Mfft? 
Pa, S eoBier 
Mèi X non kwm ngoMNlo af«rl« ooo pocvonei 

nobili^ 
A^ ami '•Ipm le ee o* glerU* e le «vede 4^ 
f ler oMOff e U «età» «o^ le, f e Fanior «oo im 
• eeteSer. 

Be» 9u»qj^ U «ia«(ihe»eo ««^ qui i ìe pe- 
. fie^l»? 

Air Mi «t ghfl lefMe |b iìgurt^ 
\Ptfh Felemì il piM«M, sif«Qr PaHelooe, 4«k« • 

mio églìÀ che fea§« q«i« Va' M«ola4ene » se 



J\ii Le serfQ swVitew La le Iten , «e le poi, i| 

ttrenser sta mìmìo* Le s«lr% fa dUe c^ |iro- 

4 9mAm, le ce«r« a le v«cse (a), (jKir^ì 

fiCENà xa 

I?À No» n sarli eeieaiio. del «oetiO' ptrtotedo 
che poeea lagoersi di mi tei seetiMMiio. Fef 
molitlUi, eHe è di seegve nobile qm^ta il no- 
stro. Suo pedre, marchese di M<Mkt€et««» ffoe 

> madre, dama peTere» saa 4» aalieliiseima evm» 
Giroa la dote, non h ppaa dola il pofsaaae pa- 

|(a) ha capra e i capali^ 



)y Google 



4* 

^v«rtio Aio «Mito ¥ki eoatprtfta p^r ,p(lcd%M 
Pm, Bec«itefltti ««ree, ocrtftì ttoo It^ ttoiù 
Be. Dorè pnè e«i«v«? 

Po. I m* ha dte<» «hi» VA ìiimHi ftfrft ci« «MM. 
^e. Qoa chi? 
P«. Con tiB vihm béi'gÉflMMeo oha f* • pÉMMlar 

^ (»Ìttgor# 0til «èitfaft.* 
Be* Fratto, fatelo cercata. 
Pa. H^amtÉék, eCèttfat»,- dtt ptt» tutt^. El pa«M 

x« piccolo ; i lo troterà, e et téguitài 
Be» Mi tuoi far disperare. 
Po, yUn 'aiora fttMifiiraì la gha diga ^«i<|teoiai* 

Seotimo, ac ala ìttcKoaiM a «IO itiali^otilo^ 
Be» GooTÌco farlo con arte per noa Iftai&gaifft 



•GENA XÙh 

RQuvtuL e detU» 

Bo, Signora oMithata, le in Montc fa éco non' et 

posso più stare, 
Be. Parche? ^ 
Bo. Ho seotlto qatste feittilHtttt iiifp^tibéiilt Cin^ 

tare ana caosooe cetotrodi uè. Mi dicottO cftn* 

taodo cento improperi, cento ioipertitienxe. 
Pa. £h! cara €#, «tcré «trainteao ; non ht» nuit 

aentSo che ste^ dtfoe ^sapiii ciurtar et* aorte 

de caozou. 
BxK ht-htt ««otfEe io, ora, in questa pnbto. Umi 

canzone napolitana, fatm Contro di ine. 
Be.^ttMm iojtoléoti^ gittto^ al uidò, àie la pa« 

gherauuo. Se lo aapiii il marchetioo oitìo ^gUo« 

fdrk I suoi giastf riseiftiAteàti; 
Ro, Oh 1 il iigoor «MfolMaiiu» b tl^ 



)y Google 



~ , È MMh'«glì b «Mt dì. " 



Sck B MMh'«glì i 

ch'egli 1» c i ai ami f «mu^ «Uom^ •ansi oc»- 

00 che «gli M tùi ttaito f««u>r«i» 
'A?. Non è poMibilts i^m^mmxéim* , 
3io« ShI no iignora. Kob a'iaguHMi. I| vostra 

fitfdtiio «orrìipoikU ••»» h foMln ili Giani 

nina. Ho iatoto caatare, • mi ioaa aooQiUba> 

Qaaado mi hapoo Ttdota» hanno carnato' |^ 
. lort«^ • il aigaoc auiohesiao Itfoafa da m»ftf 

atro di aappalla*^ 
'P€u Sonavalo la tpioalta? 
ih* fii^oor Paatalm, andata aabito.^..4|ia ili 

Miai* Dita a mio ù^ ^bù fapga ^nL 
^Pa, Vago aobito. 
B0. Andata» andati^ «hìB ti larii ana^atrofatta^aii" 

Cora par foi 
iVk 6a qaala aporelM la caotark ooatrQ da mi» 

da galantaomo, gha laro la iMtada. (parie) 

8€S]f A XÌY. 
'Za man^a aumcii « «asavaa* 

Be» Rotanra mia» io fi amo, • vi «tino ftk dì 

qaallo cha ?i paosata. 
Bo. 8% aarìi taro^ ai faddL 
Be. Diffidata di maf 
JK#. No aigoora» tamo dalla pia iovla» 
Bó. Noi aiamo aPTaata autoff» dalla aa^tn (pr- 

taaa. 
JI9. Vi vaola qnalcha favoravola prio<^pio par 

oooparara aUa propria lalicitil* 
4h* 9iù a io oa'ofola, non .forcai capormi 

ad «a rifiuto. 
fio. Sa oonoacatflb «ba l'ofiarta aia di ma dagoa, 

af|iciuita\ì ^flllg BÙ|.iaia«6naiioae| 



)y Google 



43 

Be. àiw n fOfHo ^OMm oom dega» JtH» Vo- 
tini Mseili, maggiof» a«Bo stelo TOftro, «d a- 
Bìfome « dMUwr) del.vostto wamo g«otKOM. 

J{0. Voi mi ooMolate, 

Be. Vi vogfio o&iro uno cpoio. 

Bo, Va beoi^kimou 

Be. Va ptrtito nobUa, 

129. Meglio «ftcora. 

Be. Orsa ... mio figlio. 

Bo, Signora, egli caute la oanzonalte cooCro di 
me, a tei mi dite della faTola par dÌTariirmt. 
Serva di fostra aocelleosa» (parte) 

Be, Vanito qui, atcoltote. Ho fatto mala a parla- 
re ora che ha oella oraocbia la oaoiooette; ma 
M Floriodo la trattefli, coma merite, ai soor- 
derk di tiiUo, amerà lo sposo» a riconosoark io 
me DOD solo uba saocara, ma una madre, «d 
naa iMBefalkrìoa, (^^) 

SCENA XV. 

Campagna eoo celUiit e casa laterale» 

CICCO alta oaceia co/farchiòagia. 

Non so sa sia vaoato il signor marchesa a piaa- 
dar possaiso del paese o delle donne. Si h sa- 
biio oaoeiato in oasa di (Haonioa, a Ik con O- 
Hvetta cantano, s(»alano, é sa la godono. Mas- 
ser Nardo a nMSsar Mangona qui non ci so- 
no, non sanno niente, ma qaando varranno f^ 
avviserò io. Se il signor marohesa avrà ardi- 
re di andare da Ghitte mia moglie, l'avrà • 
dìsGOfrer «on me. E6€oIO| vogUo fitirarmi. 



)y Google 



44 

#tMim>Oi tìkntkt^M, t deità mué0SÉ0k 

H (a Panialoné) Omé*^ ti «mim» «ràf VofCt 

•odar* ilefc ni p«r« • fÙMié. 

Po. 80 «ora midra l'atptilik 

K Ditele che non m'avete trovate. 

Po. Gbe dirà qnei che la oeilMtMh. - 

F/1 Dìtedu, aapete voi dove iia la imn^ gJMtil* 

P^K. CoMa torli da "Glihttf f • r 

#Ìl ?6gGo aadara a trovar!*. 

Pa. E a utili ale domanda dova la ataf 

ti, Sit a voi. Ti domiado wm ngran ooaaf 

Po. La me p«fdooa, sior mavoUasOb la ■e'Im la 
tua boa eooodb. - r 

M Mi |trtt|i« ¥iih«r ^MAta ||lofÌM. Mm aMlàn 
Doa aaprk ohe voi où abbiate iueogaaio èKan^ 

Pa. Sior aMrolieee, ao ao oosaa dir. Bla la v^ 
nero e la reapéto; la xt ttlo pe r o a » •' ao ma 
loooa a mi a darghe iatnaioa, avardmeai% oaa* 
aagl; iba |iér' ìa «ala «di;- par famor ^t^fm* 
to a Ui ao oaae» eceleoM, la aae peraaete eba 
gha diga, è fa atipHoo da ataoltarma. Tatd i 
omeoi do alo moàdo». 

yi, NoD vogBo aeecarmi, 

PiL Sertitor «uiiitistiùio dèvoatra eaalteft 

sÓna Jtfn. 

PI, Qneatò vecehb di Pi W l I a a a , •• «omo è t^ 

io, tu qitaodo ia qaaodo viaa fuori oolla sue 
lìrata Sk Stneca» da Giatrooe, La f iaveatli aoa 

Digitized by VjOOQlC 



ama la moralith. Ora psgfawrfti noo ipiido, «a 
troTassi la casa di Gh'itta. {capa U taccuino^ 
Bel easinpr Òelia coUùm; awaftAa ad esser 
qaelta; mi provarò, (vuoi salire la collina) 

Cei -Beceilaasa, «l^or marchesa. 

FL Galantaomo, ohe -cosa Tole&i* 

Ce, L* onore d' ìochinarla. ' ; 

FL Non altro? 

Ce* Mi 0O0OSC9, acoeHaoca» stgaor marclièse? ' 

FL Hoa «ni para. 

Ce. Sfom «i ricorda dei dapaMti della nobile an* 
tioa comunità? Io sano uno dei Kttaralt. 

Pi. Sì, st» ora vi conosco. 

Ce* B aeno aérvitorè obbligato di -vostra ecsef- 
lenza, signor marehaaa. 

FL (Costui mi farà il servigio.) Bìtami, galan« 
taoaK», a a paia voi dova sta di casa una oér»^^ 
iaxObiltae . . ■■:*•■ 

Ce.^ìùmf . 

FL^ la aapataf v 

Ce. la* SO4 ^' 

■Fi. Quandi» b aapeta, conducstani «Uà sua «aia. 

C^.AUa sua jeasa ? 

Fi. Sì, alla sua casa. 

Ce. A cba fare, accellenza, slgAor marchese ? 

^l. Voi non avete a cercare i fatti miei. 

Ce. Sa, eocalhìnza, che Ghìtta è mia moglie ? 

FL Ma Aa rallegro ; ho piacere , vi sarò buon 

amico; andiamola a ritrovare. 
Ce. (alliero) Ma, che vuole da . mia moglie ? 

.Parli con me. 
I^L Volete che va la dica, figoor .damatalo late* 

rale, ohe mi parete un bell'impertinente ? 
C^e. Dft mia> maglia .oo»\4»T si vii» . 
FL Vi-farÀ.fomptI: U bi«OQÌa* r 
Ce, Eccelleosa» zitto, io §^^X9^0Xt^^4k•^ ni^scioo 
// FeudùtarÌQ n* 4^ ^ 



)y Google 



4^ 

ci seotA: so adoperar lo «cMop^eMo. S«rNl 
nailistìmo di vostra eocell«iisft, 
F/. Siete no tenerarip. 

Ce. Zitto, -favorisca ; ne ho ammatsati ^oattit 
Servitore obbligatissimo di vostra «coeUema. 
FI. Così parlate al marchese di MootefÌMeof 
Ce, Seota, senta. Quattro o cinque per B»e sea 
lo steiso. Ossequiosissimo di vostra aooe ft sa i s 
Vi. (Son solo; costui mi potrebbe precìpilan.) 
Ce. Comanda che io la serva? Vuol d i te i li r a 

alla caccia ? Vciol che andiaQia nel htmmo ì 
Fi. No, 00, amico ; nel basco doo «s rado. 
Ce. La servirò a casa. 
Fi. Da vostra moglie? 
Ce. Là non ci si va. 

Fi» Noo ci aodarò; ma aarìi paggio par voi 
Ginro al cialo, me la pagherete. 
{par$e (;uardandosi indietro per paure ^ 
Cecco^ che gi»oca colio sehicpptij 
Ce. Che cosa ti creda il signor marebese, cbt 
fra le rendite del ano marchesato vi eoirìa» 
anche le nostra donne? Se non «vrà gladixio 
avrà che fare con questo schioppo* (/MTtf) 

SCENA XVIIl, 

Camerone prìjfio della comunità. 

HàRDO, MBIIGONB, PàSQI7M.0TT0 e MAIMONS 

in abito da campagna. 

^a. Ah! Che cosa dite? Mi soo porlato Ims*^ 
Me. Beoistimo. 
Pa^. Da par vostro. 
JUa. Avete parlato da maattro di casa. 
ffa. Bisogoark peosara di dargli qtnlclia magoi 
à9P divartimeino» 



,y Google 



47 

ilfe. Io direi, che gli potremmo fare la caccia del- 
l' orgo. 

Pas, B* giovane, avr^ paura. PipUosto iìicciamo 
tirare il Collo all'oca. 

McL Sì, a cavallo dei somari. 

Na. ft meglio poi la corsa nei saocbir 

Me. Non sarebbe meglio naa fesla de ballo? 

Sa. Bisognerà vedare, sVgli sa ballar alla no- 
stra nsanza. 

Pas, Non sarebbe anche cattivo oq gioo^o di 
palla. 

Ka, Basta, convocheremo la comunitìi, p ci ^nt 
siglieremo. 

Me. Ecco Cecco. 

Ma. Àoch'egli dirà la sua. 

SGECiA XIX. 

CECCO collo schioppo e detti. 

Jfa. Ma ve 1* ho detto tante, volte, ohe io cot 

munita non Veniate collo schioppetto. 
Co. Oh, queste non lo lascia. 
3fe. Stiamo qui pensando quel divertimento po« 

tremmo dare al signor marcfaflfe. 
C6. Ve lo dirò io. 
Jfa. Via, da brato. 

Ce.- Una mezza dozzina delle nostre donne. 
Nk, Come? 

Ce. Fa il grazioso colle nostre femmine. Si cac", 
«ia appresso di tutte, le incanta, e non dicQ 
altro. 
Jfa, Da ohi k atatò? 
Ce, Ba vaatra figlia. 
Bm. B9 mia «glia ? 
Ce. Mi, (a Mtngoms) é anoM dalla fMtra, 



)y Google 



48 

Me, AbcIm da OUteHa ? 

Ce, £ foleTa andare da Gbltta, ma eoo tui-Ctf 
lo #i«iplidiepto Tho persuaso » desi^Ure. 

Me. Altro che la caccia d«U*or8ol . 

Ma. Altro che il collo dell'oca! 

iVa. Qui. si tratta dell'onore e delta riputauost 

Ce. Mioecoia, strapazza, fa il prepotanu. 

mUi* Subito al rimedio. 

Me, Che cosa pensereste di fare? 

Na. Bisogna far consiglio sulla malefia. 

Ma, Direi... 
. Na. Facciamo coiDum(2i. 

Pas. Ecco 4]ui, non ci siamo tutti ? 

Ce. Schioppetto, schioppetto. 

Na. No, politica; aspettate. Massari, aerventi, 
portate i seggioloni. Non ck nessuno ì Ce fi 
[wrtereaiO da noi. ( ognuno va a prendere U 
sua sediay e la tira innanzifi tutù sipoii^<if 
no a sedere). 

Ce. Non si poteva discorrere sensa questa se- 
diaoce? 

Ha. Signor no. Quando si traila di cose gn» 
di, bisogua sedere, e queste sedie, pare cb 
suggeriscano i buoni coosigli. 

Me. In fatti sono avvezxe da tanti aooi a ses 
tir consigliare, che ne saprao più di aoi. 

Na. {sputa, si compone, e tutù fanno siU^ 
zio) Nobile ed aulica cornuuilà, avaodu ih 
peuetrato per mezzo d*uno de'oostri cari»»'» 
laterali, che il aiguor mascbesino carelli d'u 
feudare le nostre donne nel. marohaaato, lit«< 
gna pensare a difendere le posseasiou^ del » 
«tre onore, e le valli della nostra cip utazioo 
E però peasale, cousigliatSf e parlata, -o illusi 
membri della nostra nobile a antica. Gpmanii 

Ce. Io dirai dabobntatc, ptt ooo isn^oara 



,y Google 



49 
lu iipese, ne io compltmenti, d! dargli an ar- 
chìbngiaia; ed io mi esebisco di farfo inno* 
toe di tutta la nobile ed antica oomonità. 

Me, No , amatistioio mio laterale eon^agno « 
non è eoa» da farsi ; mettere le mani nel aaw* 
gue del notiro feudatario? piuttosto direi, 
rassegnandomi sempre, che andassimo di not« 
te tempo a dargli fuoco ella casa. 

Ma, No, non va bene. Potrebbero abbrnoiarsi 
tanti altri, oho sono in ei^s»^ e ohe non na 
hanno colpa. 

Pas. A me pare, che sarebbe meglio fare a 
lai qnello ohe ai fa ai nostri «gnelli, cjaao* 
do togliamo farli direntaf castroni. 

JV/z. Ho inteso. Ora tocca a parlare a me. Prì* 
ma di metter mano al sangue, al fuoco^ al ta« 
glio, tediamo ae colia politica si può ottone* 
re fintento. Andiamo tutti dalla marchesa ma* 
. dre. Quel che non fark uno, farli Féltro. Andrò 
io in prima, che sono il deputato, di iiia2zo, 
, e poscia i laterali. Se non firemo niente col- 
la madre, procareremo di farlo col figlio; te 
non terranno Je buone o le catltte, adepre* 
remo il fuoco, gli schioppi, ed il coltello, pec 
aaltezsa della nostra nobile ed antioa oomitnità* 

Xe. Bratissimol 

JUa. Dite bene. 

Pas. L'epproto. 

Ce, Fate pare, ma vedrete che ci rorrli lo^.flehiop* 
patto. 

JBfa. Andiamo. Tita la nostra comoaitk. (parte) 

Ce, Vita l'onorato schioppetto. {parte) 

Me, Per ktat le macchie della riputasSone, tool 
esser fuoco . {parte) 

Pas, Ed io dico, che dicendogli la boria degli 
«gualli, le nostre donne saran sicara. {parte} 



)y Google 



6a 



ATTO TERZO 



SCENA PRIMA 
Camera^, 
la marchesa SMTitng e msmpb». 

^«mUs Hig«ainrìi «II» è proprift'<lttl «méto «•- 
r«ttef«, ed io ■!« trsvciwla eguale Maverità; Cf 
«Moioet ambedae la aiMchtra, e ■ ■■■■ vìguer* 
di trattiaoso la nottni . caosa* 

H0, Signova» DO» MM abaanè dalia libaatii «ha m 
coacedate ; parlerò aa a' iacoraggSte a parlali. 

Be* Quali «ono la Yostra fNMtaÉbioM ì 

JB0. QtiaUr cha ni vangom UpinMa dal aangae, 
: a anteatiaate daia aogmtiaea di ma ateaaai. 

£«» Avete dnoqua fatalo dt riaarrcra a aaa 
Maestà? ' 

1Ì0. Srian di pa aaaaUnii al tarraao, ha émf» 
aàto di ricorrere a no akra giodkaw 

Be. A qual tribaiiale? 

Bù. A qnaUo dd vottro eoora. Voi aiata pia, m* 
la gi^ta» aascatla daoM^ aoa a apai a «ha paa- 
•ar DobiXaieate , a il nodo eoo coi owoo «S 
diportate^ aataotioa la boatà foatta. Voi coaa* 
toate la nia ragiooa , a voi aoo «oli • ifiritti 
che io tarbo aa «faaata Mrra» Gapae* non ^ 
credo di volami oppretM eoo iagiiiatasÌB, aa- 
zi voi nédaìiaui e a rate ilnio avvoaaia, la nia 
proTeaioDa^ k aMft'dtfcaa. Sa- io apfiaae aaa 



,y Google 



conosoessrU tostm fitta, nffa vi aperti il mio 
oaore sì fatilmeote, ««préi anoh*io dissimula- 
re, fìngere, e Insiogarvi. Vi conosco, di toì mi 
fido. Vi parlo col cuor salle labbra, e chiedo 
a Toi medeeima giustizia, risarcimento, con- 
•iglio. ^ 

0«. Ora, ohe a me dinanzi avete trattata la vo« 
stra causa, volete cbe io pronnnzt la mia sen- 
tenza ? 

Ito. Proanoibtelai Gón impazienza l'attendo. 

Ba. Voi «iete l'erede dèi marchesato di Monte* 
losco. 

J|0. E vostro figlio».. 

Be. Non paò ritenerlo senza taccia d'usurpatore. 

Ho. Dunque poss' io sperare di oonsegnirb f 

Btf. Un giudice senza, ibrse non può assicurarvi 
di pia. 

Ho. L'autorità defla madre non potrà eostri|tge« 
re il figlio? 

Be, S), n prometto di farlo. Florindo non è fudt 
di tutela* Posto disporlo , posso* costringerlo 
al «no dovere. Non tralasoìerò mez^o afe^ao 
. per illuminarlo della ragione, e della gioita» 
sia; m quando T ambizione lo rendesse restìo» 
saprò volere» saprò minacciare. Rosaura, ve 
lo prometto» Voi sarete la marchesa di JE^Ìoo- 
(«fosco. 

Ma. Oh dio! mi consolate, mi colmate di ginlh* 

bilo, e di conforto. 
Be. Dopo averv'io assicurata netta vostra felici^ 
ti^ posso sperare da voi gratitudine e ricote^ 
|»ensa? 
Ib. Vr deggio la vita stessa ; comandatemi, e vi 

ubbidirò. - 
Be. Sposatafi al marehesino mio figlio; 
Ho. l!^n ho cuor di resistere. Troppi sono gli 



,y Google 



6a 
obbliglil «tMÌ ttrsor U g«n<roto ' amor %o»lroL 
Disponete del mi» oiior«, della mU niMié, di 
me. medesima. ASMroeieflfitl» ntitdre y Meo ai 
tostri piedi I' umUtt^ !ro«tra figlie.. 

^e. Sì, cara, sarete la tsia defiziat la mU aniea, 

. (a ìnia perfetta eoosolaùone. 

jRo. Ma oh dìol dii-ni aisìcara eheil «MrclM» 
ùao Fiarindo aoo<wseiita alle mie oozxe ? 

Be, Vi amerai, perchè siete amabile ; vi 8|ioser3L 
petfchÀ siete nobile ; apprezzerà la rigaardeta- 

.. le àotfs; atcolterà i BÓei coasigU ; riapeiterìii 
il mìo comaodo. ^ 

JRd. Deh I «an fata ohe T ambizione» -» fiote> 
resa» sieao ipronobi delle mie nozse. iSe a- 
more a me non V unisce , pfensiamo ad altra 
Trovisi un espediente pia onesto... 

Be, No, Rosaura, altro mezzo non trovo par ren- 
der voi contenta, senza tradirà 41 «mo medesi» 
ino sangue. 

Bo, Né io posso rendermi sconoscente alla vo» 
atra bontìi. Disponete di me a piacer vostro, 
e voglia il cielo che il cuore del £gUo imiti la 
virtù della madre. (parie.) 

S G fi N k n. 

La marohesa bb&trigk, pantaiokb, poi U 

SBRVITOM. 

Pa. Servitore umilissimo de vostra eoeleoza. 

Be, Dov' è il marohesino ? 

Pa. Eoeleoza mi no so cessa dir. Et xe dove 

che lo porta la so alegria, la' so zoventà « si 

so capricio. 
Be. Non 1* avete voi ritrovato? 
Pa. Ecelenza s), i' ho trova da Gianina. 



,y Google 



63 

Be* GK iveto detto lii* io lo ««re««i? 

Pa, Ghe Y bo dito Mgaro^ 

JBd. Noo Urderà « ventre. 

Pa. Ho p«dra che adecto noi veglia. 

Be. Per qvta\ ragione f 

Pa, Ecelenza, luto el paef e mormora. L' ìngulta 
, tute le dono. I omeoi de montagna i xe piò 
seloii de ^«eli de ie oìtà. NaM^à qualche 
ìooonvoaieote. 

Btf. Presto... cbe si cerehi... ohe sì ritrovi. 

Ss. I deputati della «omuoitii vorrebbero passar 
da vostra eccellenza. 

Be, (ai sertfiiore che parie, ) lotroduoetelì. Sì- 

. goor Pantalone, aodale «ubìto, vi prego, a rin« 

. tracciare mio figlio ; o per amore o per forza 

fate ohe a me sia condotto. Comando io fi« 

naimente, e voglio che mi ubbidisca. 

Pa. La servo subito. (Povarelo elo, se noi ga- 
▼esse um mare de sto cuor , • de ato ta- 
lenta) (parte) 

SCENA ni. 

MAiDo^ G^ccò e MurcONB, in aòito ili earieaiu* 

ra, « BB&TJUCB. 

JStf* Mwù qui .d^ Innaasi a , vostra eooellensa ì de- 
. potati di questa nobile antica comnnitìi. Sic- 
come non sappiamo V uso della cittk . siamo 
venuti a pnagarvi, che ci diciate, ce fra di voi 
sia lecito tenlare le mogli altrni, e vivere con 
prepoteasa. 
Qe. Che domanda impertineBte i codesta f 
Na. Ma f8voi;isc8, eccellensa. E^ lecito o noa k 

lecito? 
Be. Afì mavatiglio di voL . 

5* 



,y Google 



H 

Ctf. E' koHo o BM 4 J9«k*? 

Be, Pfr«h4 a me lo oliìedete? 

Me» E} kcito o noo è kcito? 

Be* I delitti tona, da per tutte «fateti* Le di«/^ 
neitìi, le tofercbierie sobo oolpe teferenuot* 
piiaite» 

if«. Becelleos», il tigaor mercheeiao.^ perdoni, 
•o beaÌMÌmo, ohe uerkas odionim paritur. 

Ce, Lo dirò io. Il ligoor marchetioo «a a ces- 
oie di doane, eooie ooi aadiaflM a eaooia di 
fiere. S'Uapoeta qui, s'iaipoeta ti, perlai aoa. 
vi h oaoòa rieertata. 

Mir. R guai a ohi park ! Noi eiaoM ftaó arTec* 
si col oMrehete RidolCb, che ei trattava ooom 
fratelli. Quello era no tigaor haOBof Qoello 
ara ao priooipe da lene! aia ^ueeto «igea r 
inarohesioo »• 

Be, Olìit oome parlate? 

Me. Perdoni, ecoalleosa, aoo f aeoia per àÈ^mà^ 
re «no figliuolo. 

He* Otth andate, e sarli oùo petMÌero di car> 
reggere il maroheslao. 

Jfa, Tornaodo al ooitro proposito, ecco qui da 
foi hi aostra aobile eattea ooawuìtk, a dira 
a vostra eooellenza, ohe ae fra di voi non so- 
no leciti i furti, il signor narchesioo Florìndo 
ha da restituire il marchesato aUa signora 
Rosaora. 

Be. Voi come ci entrste? 

Ce* Ci eatriaiBUS perchè oi etitanemo.. 

Me. E senpiama quel ohe sappiaaM. 

Jftf. Zitto; ksoiate parlare a io. Io, ohe «oso U 
deputa della nostra nobile aotioa oomonitli,' 
veago/ a dire a vostra eooelleaia , ohe voglia* 
mo, che sia padrona e feudataria la. aignora 
Rosaora I e andreiao «• ffapoli, -a oandorc^* 



)y Google 



no anche lei, e porterenio «jàattrmì « e roba , 
e andremo alla Corte coi suoi recaprii, e (t^ 
remo che ella moslrì tatto ; e io «ooo il de- 
patato di messo della nobile antica comnniià. 

Ce» B qnando qoesto non basti, ci sarii di peg« 
|io, 6 sono il ^deputato laterale destro. 

( parte. ) 

ilfo. E se aodrii dalle nostre donne, la passe- 

rk male assai. E sono il deputato a sinistra. 

(parie.) 
SCENA 17. 

La marchesa biatbicb 

Oim^ ! creso* il pericolo. Mio figlio & precipi* 
tato. Altri non vi i che Rosaura, che possa 
•▼itare il precipisio ohe gli sovrasta. Ahi s^, 
sono ora costretu di domandare • lei qael- 
Taiuto che io medesima le aveva offerto. Vo*. 
gfia M oieto oh* ella mi aSQolti, e che mi se- 
condi, o per gratitudine o pe^ bontà, (parte J} 

SCENA V. 

Campagna remoia. 

riOMMoo da contadÌHo^ e AittccuMO. 

FL Aodiamo, aodfamo; io quasi* abito non sar^ 
coooaoinlo. ^ 

Jr. Sior, se i va cogoosse, i ré dark forzo (a). 

FL Cosi vestito non mi poCranoo qonof oere. Gon^ 
ducimi da Ghitta. 

(a) Vuoi dir bastonate * 



,y Google 



Jr, Sior, BO Yorria ci««r baitontdo p«r ««»Y«r- 
tazieo. 

P/. ùiuro al cielo, TOglio etsere abbìdUo, o ti 
romperò la testa. 

lAr* E mi griderò, e va farò oognosfar. 

FI. Zitto, noo ti far aantire. Tieui qua«l« mo- 
neta. 

utfh Oy fiochi parlerà io stt> lingaaso, t'in* 
teoderò. 

FL È loDtaoa la casa di Ghitta? Per questa 
parte non oÌ to andare. 

'Jr, Pasta qaell' albero alto, se fa no pochetÌD 
de talida, e ghe seno sabito. 

FL Via, andiamo. 

Jr, E par el 6or me dise che l'abia da sor 
ceder ... 

F/. Che cosa? 

Jr. Ghe abiemo da èsser bastonadi. 

Fi. Basta, io ogni caso mi darò poi a cooosoe- 
re, e mi porteranno rispetto. 

Jr. Se » porterà rispetto a tu, oo i Io porterà 
miga A mi. 

FI Via, presto, andiamo. 

Jr, Andemo pur. 

Fi. Sento gente 

Jr, Ajttto. (si nasconde,) 

FL Doto tai P 

Jr. (nascosto.) Soo qaa. 

Fi, Niente, niente, h una donna. 

Jr, L'è una donna? Oh! son qcui, gneote paomu 

PZ. Chi sarà col^i ? 

Jr, La me par... 

FI. Para a me... 

Jr, Ghitta. 

Fi Sì, è Ghitta. La sortemi 4 faTorevoI*. Iv que- 
sto luogo vmoto potrò discorre re con libùtà. 



)y Google 



^r. GoaModela altro da ni? 
2«^/. Aggirati qui d^ìnlorùo, a affitami Sé afott» 
, no aopraggiange. 

uir. La «ar& servila. (partendo») 

JRL Hai capito f 
, jir. Se aitano sopraghinge. Ho capido. 

{si ritira) 

^ 1^/. Con costóro, per qnel io Tedo, ci vuol giudi* 

zìo. Portano lo schioppo. Ma io col tempo Ie« 

vero, a tnlti le armi. Colle donne roglió con* 

tersare ; non ho altro dÌTertimento. 

* SCENA VI. 

GWTTA e tleUO, poi AKLIOCttNO 

FL {le passa vicino) Vo' Tedere, se mi oooostfe. 
eh. (Oh! il bel coniadiaello ! Chi mai sarkf 

Io non V ho più veduto. ) , 
FL{ripassa) Non mi oooosce. 
Gh, Mi pare e noti mi pare. 
FL {la saluta da.villano) Bondl a Tossignorla*. 
Gh. Non credo già d' iugaonannL.. signore... 
Fi' Signore chi? 
eh. Signor marohaia. 
FL Zitto. 
Oh. Come! Così? 
FL Per non esser conosciuto. 

Gh, Oh heUa ! Doto andata ? 

Fi. Vanita da Toi, cara. 

eh. Oh ! non Io credo. 

Ar, Sopragiaoge. 

K. Chi? 

Jr. Un pastor con dafla pagore. 

F/1 Eh! non importa. Ta ria. 

ifr. ( Àdait'adaaao f opragiaoge un legno. ) 

i^i ritìra^ poi toma!) 



,y Google 



56 

F/. Si Mri«a«Dt«. Io vtona • ritrovarvi. 0e 

derafa di vedervi. 
Ch^ Ed io bramava di veder voi, ma per u 

cosa di gran premura. 
pi. Ohi beilo ioooBtro. Eceomi qoi. 
Gk» oppiate, tignore, che poco fa la vostra sigooi 

madr^ mi ha bravato moUÌMÌnio, che noe voa 

le, che vi riceva io casa, e non ruote che i< 

parli con voi, e se non la nbbidisoo, ha det 

to chi mi fark fare qualche coaa di hratto. 
FL Non dubitate, che ci verrò segretameore, 

che oassuD lo «aficà. 
Gh., Ma ! noo vorrei... 
FL Vedete? Io questa thalo nessaoo mi faò 

conoscere. 
Jr. Sopragiuoge..* 
F/. Chif 

Ar, Un asino che va pascolando. 
FL Va via, impertinente. 
Ar^ Non m*hala dito, se sopragiunge? 
FL (gii dà un calcio,) Va ai diavolo. 
Ar, (si riùrà) È sopragiuoto. 
FL Andiamo a casa vostra ? 
Gh, Ho paura di mio marito. 
FL È quello che fa il cacciatore? Ohe va collo 

sohiopetto ? 
eh. Appunto quello. 
FL Per dirveb, aoch* io lo vedo mal volentieri. 

Sarà meglio che non aodiamo alla vostra casa. 
Gk. Non vorrei che egli passasse di qui. 
FL Se passerà, non mi conoscerli. 



,y Google 



69 

8CBNA ni 

ctoco col bastone, in distangn, e detti, 

Jtf, {Vorrebbe aprìserWtenndo, ma Cecco mi- 
nacciandolo lo fa parUrey (Se fopragìang», 
a mi Doo giooge.) ^ (parte} 

FL Io ▼«»glio diTMtinni fioohi fon giOTao«, • fo- 
glio ftar« alUgrtflieftle, a (fisptito di chi doo 
▼Qolf. Di qoi 000 Vado pia vit. Mi piMM qoe« 
. sto pMtc ; e roi priocipalmenio mi piatite at- 
•aitsÌBio. 

Ce, (Chi diavolo Ì cottni f ) 

GA. Sì, caro aigoor marehetioo .*• 

fi. %\vtOi noo mi nomioate. 

Ce. (Oh ouiltdettof Ti ho conosciuto.) 

Gh. Io sarò sempre cooteata, se «!••• 

Ce. {Si avanza e la fa partire) 

Gh. Oh ! doaattioa fortatemi del latta ohe vo- 
glio fanoi uoa sappi. Addio peoorajó. (parte) 

Fi (Ci sooo.) 

Ce. Bhi ! peoorsjof 

Fi. Signor? 

Ce. Ghe cosa faceti qai eoo mi« móglie? 

FL Mi domaodava dtl lattea 

Ce. Eh! pezzo di briccooo; iadsgool 

FL Vi dice... Ti giuro... 

Ce. Bhl villano naladetto, ù romperò le ossa. 

(lo bastona) 

FL FermaCevi. 

Ce. Tè, tiUanaocto, tè. (come sopra) 

FL Fermate?!, sono il marchese. 

Ce» Che marchese ? Sei un tillano, sei un pe« 
corano. (come sopra) 

Ft. Ajato, sono il marchese Florindo. 



)y Google 



Ce, Non 4 fero. Sei on pecoraio, (ctme sifpra) 
FI. Oimi ! Ajuto, Doo posto ptA. (a^ sopra 

on scisso) 

Ce. (Qaesta Tolta hai provato il bastone, uo'aU 

tra volta ci Ark lo schioppetto.) {parté^ 

Fi» Oh ! ine iofelice. Io strapazzato, ìo bastonato f 

SCENA vni. 

La marchesa beìtbicb, pantìkoiib, 
AAiEccHiNo, serpi^ e detto. 

Ar. Eaolo Ki, vestìdo da paesan. {jaccennando 
Fhrindù a Beatrice) 

Be. Ah! scioccherello. 

Ar. {a Florindó) Sopragìangooo. ' (narte'S 

FI. (Oìm&! mia madre.) ' ^^^^^ 

Be. Che fate qui da voi solof 

FL I^hW 

Be. Oh dìo! Che avete F 

Fa. Cosse ze ste, Eoelenza ? 

FL Soo caduto. 

Be. Come? 

Fa. S' ala fato mal f 

FL Sdraccìolal nello scendere dalla coIìmui. Oh 
dio ! La spalla, il braccio ! 

Be. Deh! signor l^antalone, assistetelo. 

Fa, Son qua, ecelenza, aodemo^ a casa. Sii ome* 
ni.ghe dark man; mi son vechio. 

Fi. Lasciatemi riposar qai ancora un poco. 

i7tf. Eh l^^lorindo , Floriodo, non so dì dofe 
siate voi sdrucciolato. So beo che da per tutto 
▼i aprite dei precipizi, vi fabbricate i pericoli, 
vi esponete ai disastri. Misero voi. te non «▼«. 
ate una madre amorosa, una madre svegliata 
pel vostro bei|«. Sapete roi che siete tìoìbo 



)y Google 



^1 

a perdere questa glarìsdizlooi, non per altro 
ohe per la vostra mala ooodotM f 

Fi. Lo so che quella indegna di Rosauta tentQ 
di roTÌuarmi. 

Be. No; parlate don rispetto di una giovane cba 
mal conoscete. ^Teste voi tanta yìrtà^ quanta 
ne ha lei. 

FL Oimè! il mio Braccio! 

Be. Ma siete toì veramente caduto? 

Fi. Sì, TI dico. ; . 

Pa, Che ghe sia caso^ qaalcossa adossQ?.» 

Fi. (irato) Ghe vorreste mi fosse addosso oadutof 

Pa. Goente, zeleoza. (Qualche mangaoelo,) 

17?. Io sonò chi sono, e ninno avrà ardire d'of- 
(endermi. (Il mio decoro vuole che, io taccia 
e che dissimuli.) 

Be. Ma perchè vestito io abitò villereccio?' 

FL P«r passatempo. ^ ^ 

Pa. Bravo, el s' ha devertio, 

FL (si alza) Che intendete voi dire ? 

Pa. Ghe per divertimento se fa de tuto. 

Be. Via ritiriamoci in casa, riposerete sul Ietto. 

Pa. Deghe man a so zelenza. (serpi da^nà 
braccio a Florindò) 

"Fi. (Mai piA ' mi arrischio. Le donne altrui non 
la guardo mai più.) (parte^ 

Be. Povero figlio ! L* amo teneramente, ma 1* a« 
mor mio non mi rende cieca. Gonosco i suoi 
difetti, e ne procuro la correzione. Veggo i 
suoi pericoli, e cercp di rimediarli. Amore • 
prudenza sono due guide infallibili ad una 
madre che ama, che conosce, a non si lascia 
adulare dalla passione. (parte) 

Pa. Mi ghe zogherìa che il sior marchese ha scofr 
so el primo tributo del feudo in tante mòne* 
de de lagno. (parte) 



,y Google 



6» 

SCRNi IX 
Camera in casa di Pantalotie. 

MàBOO, OKOCO, MAHOONB C VILLANI. 

Ha, Non T» 4 altro rimedia Se il m«r«li«M 

Floriado ha ttdipo dì Tendicarsi, aiamo -loui 

frìtti Bastonarlo? Dia? olo ! 
Ce, Bh! gioro a Bacco, ho il mio tchìoppatto; 

BOtt ho paara* 
jRfo. Zitto. Ora non toso io eaaa d*4 il omt- 

chef») ni la marcheta, né Pantalone ; «abito 

che Viano abbasso Rosaara, prendiamola ia 

owsso, portiamola a Napoli, e facciamola di* 

ventare marchesa. 
dia. Cha oosa £i cha non ^iena questa ragouaf 

h^ ho para mandato a dira, cha la^ ootnuaith 

4 in sala che 1* aspetta. 
JI4. Non vorrai che venisse il marchette. 
Ce* Cha avete paura ? Soo qna collo schioppetto» 
3fo« (a Nardo) Kcco Rosaura. 
Jfa. Presto, facciamole oaore, a ptrliaiB* dm oa* 

maoitk. 
Ce, Viva Bosaara. 
Ma, Tiva la marchaèina. 
Tuid Kvfiva. 

SCEIVA X 

KOf AUSA e deUL 

Ro, Oimè ! ' quai gridi ? qua! soUevasiooi son 

qoestef 
Jfo. Viva la oiarohesina Rosaura. 



,y Google 



«3 

Ce. Toì fletè la nostra padroea. 

Màt 'Voi la oo«tra aMircfa««a. 

JRo» Gradiaeo il fostro amoro, ma foi non ave* 
te fantori^à dì hnài sottra signora. 

Tfa. Yi ooddarreiDO a Napoli; vi faremo rioonO" 
•cere, vi faremo SuTOstire. 

Ho. Una •) YÌoteot& risol aziono, in laogo di por- 
tarmi «1 titolo di màrcheia, mi potrebbe ooaia* 
re la vita ; a voi in premio di nna aoUevasio- 
ae aareete aaveramenta puniti» Giaate topo le 
vostra diira. gìatla la ragione che mi asaiste; 
ma le vostre passioni prifata distruggerebbe- 
ro r Opera buona, e vi farebbero rei di im 
delitto. 

JCv. Lasciata il pensiero a noi; vanita a Napoli, 
e non dabìtate. 

3lta. Avremo denari. 

Ita, Avremo pl'Otirsione. 

'Ce, E poi lo schioppetto, 

Mùé (Ah I non fia msi •ero, ohe lo paghi d* So- 
gratitudine il M cuora della marcbeaa Bea» 
trioe). 

Ka Via, andiamo. 

Ce» Or ora vi prendo per nù braceio. 

JRo. Non mi oserete violeaza. 

Ma. Presto, andiamo. Vieu ganta. 

Ce, Gente ?^ (s* imposta collo schioppo) 

Ifa, Non oi facoiamo criminali. 

Ce, Viva la oiarcbasina Rosaura. 

SCENA KI 

La MAMCHisà BSATBicB « detd. 

Be. Amtal, che noficii ì ohe strepito? ohe ÌR>1- 
levazione? 



)y Google 



64 

Ro. Sìgoora, il Toctrò figlinolo ha irritato gli mn- 
mi di qaeste genti. La vostra bontà fi oo' 
deri, li G^DSuli. 

Be. NoQ crediate già che le vos'ra -minaeca ar- 

, l-ivioo a spaTeDtarmi, gante ruttioa^ ^ente i«- 
discreta! A voi non tocca gtùdijare aa i di- 

. ritti di chi vi è destinao in sigoorc. Là'urdk 

. voitro sarà noto alla Corte, e Ja vostra tene* 
rità sarh giustamente punita. 

J^a. (Mi fa un poco di paura). 

Ma. (Questa volta per aggiustarla bisogDerà ven- 
dete tre quattro campi). 

Ro. Signora mia, sodo mortificata cho per jona 
cagione abbiate a soffrire.... 

Be. Rosaora^ s), sarete contenta*; fidatevi dai te- 
merari, e dichiaratevi mia oemica... ' 

Mo, Deh I ascoltatemi... 

Be, Non mi aspettava da voi an aimite tratta* 
mento, ma^ fia per vostro paggio. Se ricusate 
la aia amicizia, proverete il mio adagao. , (U 
tale stato k necessario lo spaventarla)* 
Ro. rVoo crediate che io... 

Ce. Noi siamo che la vogliamo» 
JSTa, La nobile antica comunità. 

SCENA xn 
PANTAiONB e detd. 

Pan. Eoelanza. 

Be. Dov' h mio figlio ? 

Pan. Eceleoza, zè arivi e! eanceliar col noda- 
ro, a con tuta la coi'te, a avanti che vegna not- 
t^, i se voi distrigar. I voi dar al 'poasesao 
del feudo al sior marchese, parchi al cano^ 
lier ha da torncr a Napoli. 



,y Google 



iS5 

' Bè, Vado per esserci anch' io presente. 

Bo. Signora, fi seguirò... 

Be. Restate coi vostri protettori* Voi non arele 
bisogno di me; io non mi curo di vói. (La 
mortifico con dolore, ma ciò è necessario per 
atterrirU). , {parte) 

Po. M' inchino amilmente alla magnifica co- 
munità, {parte) 

SCENA xni 

BOSAUHA, NàROO, CECCO 6 MàRCONB. 

JRo. (Misera! ohe farò?) .* , 

Na. Avete udito ? Il cancelliere ed il botaroi 
Ma. Avete inteso? La corte. 
Ce. Non importa. Andiamo dal cancelliere, \an- 

diamo dal notare. (« Bci5««ra) Venite con noi. 
Na. Si, venite. Vi faremo conoscere, diremo le 

vostre ragioni, e il possesso non si darà. 
Ma. Giàcchi ci siamo, andiamo. 
Ce. Via, non vi fate pregare. 
B.0, Precedetemi, che io verrò. 
JV^. Andiamo subito. Vita la nostra nobife* ed 

antica comunità. {parte} 

Ce. Viva Rosaura. {parte) 

Ma. Viva la nostra vera legittima mar»ih«sina. 

{parte) 

SCENA XIV 

B0SAUA4 sola. 

Oimè ! che punto è questo ? che risolvo ? che fo? 
No, non fia mai vero, che a tal prezzo com- 
|}ri la mia fortuna. Soo DataDobtU{« L)«i:cob* 



)y Google 



servarsi talei non basta cl^e mi procnri «a 
dofliioio, ma 4 neoesaario eh* le eziooi mi 
frodano degna della protezioue del cielOb à^ 
r amore delle genti oneste, e del soocoreo di 
chi mi paò fare falics. (parte) 

BCBJXàXV 

Coriiie nel paiaxza antico dt^ marchesi; 
topolino e sedie. 

Il marchese flobuido, la marchesa bsatjucc» 
^ ^ tAVTAioNK, c&MCBLutaf, ROTAxo, e oltrL 

Co, Escallania, qaesto k luogo a proposito per 
oonferirle il possesio. 

Pa» Qaesto xa el palano aotigo de'oiarch^ 
ds tdùnUbscO, 

Co, In questo oortile faremo tatto. SiaoM ▼icini 
alla campagna, di dove prenderemo le terre, 
poi entreremo nelU camere, nelle sale, aprire- 
mo gli usci, chiuderemo le fineftre, fieremo 
tutte le formalità solite. Intanto stendiamo Tee* 
to. Signor notaro, ledete. Siedano, ecceMeose. 
( tatti siedono ) 

PL (|4ncor mi risento di quei maledetti colpì,) 

Co, Ma dove sono i deputati? non si trovaoo? 
non si vedono? sono pi^re avvisatL 

Po. Veli qoa ohe i fino, lattrissimo sior cap- 
ccllier. 

fie. Ora mi aspetto qualche ardito pasco d« 
quelli a^d•ci. NU sapr<> rimediarci. 



,y Google 



(^1 

SCENA XVI. 

NARDO, CBCCO, MàRGOMB € detd, 

Jfa. Signor cancelliere, ecco qui la nobile ed ao« 
(ica comunità, la quale Vi dice, vi protesta ed 
arciprotetta, che se darete il postesso al ai* 
ooor marchese sarà mal dato. 

FL Come? Che ardire è questo? 

Ca, (a Florindo) Si acquieti ... 

Be, Temerari! 

Ca. ( a Beatrice che stia gaieta ) Fa?orìsea, 
(a Nardo) Con qual fondamento Yenite voi a 
protestare contro il possesso che son per da- 
re al signor marchese? 

JTa. Perchè vi è la signora Rosanra, figlia dÀ. 
fu marchese Ercole di Mentefosco. 

FL Eh ! non gli badate. 

Ca. (a Florindo ehe stia guieto) Sì conienti, 
signor marchese. E dorè trovasi questa Ro^ 
saura ? 

]Sa. E* qui da poi. 

Ce, La difendiamp noì^ 

ma. La proteggiamo noi* 

Ca. Qualche cosa mi è polo di qaesU «iovaoe^ 
E* necessario che io la Teda, che seco parli. 
Ho qualche ordine segreto in tale proposilo, 
Dubito che coprerrli diferire il possesso. 

Fa. (El sior caocelier el voi. veder de monzar 
la piegora, fin eh' el poi (a). ) 

Ft Signora madre, parlata, dita, late, aou mi 
lasciate pregiudicare, 

Be. Signor oanoelljere^ a voi toooa T esaminar 

fa) Fuol cercar, di guadagnare dipiù, 

Digitized by VjOOQlC 



6Q 

qiiMta causi; ti oonsuim ffìmtb atte di poc- 
•«••0. Scrifete. 

Cte. Signora, n ubbidisco. S«s<>o<' »otaro scrive- 
te : Dando il vero atluale e corporale pos» 
'sessp... 

J^a. Siguór caocelliere, favorisca «li scrivere il 
proleslò della ngstra nobifa ed antica coma* 
•ita, io nome della marchesa Rosa ara. 

Ca. Beo Tolentiei-i. (al Jhtaro) Scrivate. 

Be, Eh ! ooo badate ... 

Ca. Perdooi, non lo posso evitare. 

^a. (El voi magnar ^at do bande.) 

Oa. La comuidtk tU Monte/osco in nome od- 
ia signora RoSaura,^, 

SSBNA ULTIMA. 

X0S4UR4 e deid. 

Ro. {al cancelliere) S«goor«, non ho &isogoo 
che si parli o si tigisca per me. Io sono Ro* 
saura ; io sono la figlia del marchese di Meo- 
refosco. Io sono T unica e Tara erede dì «mae- 
stà giurisdisioiie. AsoCiltate le mie istanza e 
scrivete. 

n. (al t.aneéUiere) Voi bob dovete abbadara... 

Ca. Perdoni. Noo posso negare di ascoltarla e 
di «crii^re. 

Fa. (Più che se scrive, piiir sa vadagna.) 

Ca. Dite, signora, quel che intendete che si scriva. 

Ro. Scrìvete dunqne: {dettando al TSotaro) 
Rosaura. figlia del Ju marchese Ercole di 
Monty/òScOf rinunzia a. ìjualun^ue istanza 
facesse in'sao fapo^ la' comunità di Mon^ 
tt^osco, non intendendo voler procedere per 
'tra contro il marche9eBl(rratdo; protèsta»- 



,y Google 



'dosi che la fa per f^ràdtudiHe ai làttei 

mcevuti dgUa marchesa Bemincm* 
Be, (Io rimango sorpresa !) . . 

FL (B^ utta giovane generoM l) 
JVa. (Or* ttiaoio fretohU).. 
Mùt, (QueaflEi volu Tanno U oasei i oaiiifi« fé 

pecore, e quanto abbiamo. ) 
Ce. (Ho paura oha Io.a0>»ioppèHo non -gion.) 
€a. Otti ci paò progcadiro più francamenCB aU4 

terminaùooe dell' aUfO pofltestorioi 
Be. Prima di seguitare un tal. attoj .pfendeta «il 

Coglio, e sorÌTeia>paE oMu ^ 

Cà, (al Nataro) Pxeslo ro alfero foglio* 
J^a. (Z» qntb^carU i ghe la pa^ i^en.) 
Me. Florindo mio^ se oredeto obe «oatra madre 

abbia dell' amore per voi, giudiohtrete altre- 

a), ebe io non pAfia valere cha il vostfo mag4 

gior vantaggio. 
pi. ^ &n voi mi. aitalo,' ed in voi mi Don^ 

fido4 
Be. Siete diiposlo a séoondare «m mio disegoel! 
FL Vi ^ufo eieoa aUndkaMa* . , 
Be. NoMro, sataiveto» 
Ca. (al,JSokiM^ Sorivetei 
Be. Il marchese Flonndo , pfùmc^ di .fiféfi^ 

dere per sua sposa la marchesùia Basau^à^. 
Co. Gba ne dioo il siga«r miurtfbaaa f 
FL Si, lo pvom^ttot ' lo gìoro». >o lo UA^ •i té 

signora Rosaara si degoerk di aoottHurmi^ 
C(Z. E oba dice la signora Hosaoraf^ 
Bo. Scrivete^ 
Cdb (al Ifatara) dotifiMA 
Pa. ^ ohe la va^.) 
Ho. idettamdo) Accetto t ojfetUt, è pràmeiì0k 

essere spasa jàel^kar^sinp Fl(^nd^A > 
Co. (al ]!f$fars) SoHt«te,. : ^ , . \. 
// Feadatafio^ «u* 4^ H 



,y Google 



Po. (1/ «adaraf* drlo fio d^niu, e cooM^cWd 

scrìro larga!) 
Co. Tutti quMti aUi, 9«i«ita p r o tetf , qiiacu 

promUsioai si;ct«aileniaoo n ip focaia l«^ak. 

Per ora tariiiionmo V aUo del ^oaaeflvo. 
IKi. €^ signor cMceUitffa , CMncìt€% scrivan 

anche par noi. 
C(L ?oleokiari. {al Ihtara) Sonfilè. 
Ma. h9 povaia oMmmitìi di Moatafeioo doom* 

da perdono al atgnor marahate, pmtnttna^n 
- ai atar latte qaallo «ha ha i^to^ pec^rà m» 

coceHaoxa 3 aignor sarekafa fatava diitapic 

ra Tautoriik del aaa oomanda aopra le i 



sioDÌ del noatrt oooro< Siaaa <|QÌ a^moì pie£. 

fi. Sii InnBO ragioae. Easi aeoe deKaati d* oeo- 
re, ed io mi aoi» aarTerohiamaaie eatasa. ¥af 
Iìkò da MoateCoino^ aoo ovreta a- tonar» ili 
me; ma quando anche tì rimanga, tm rleor^ 
' darò di una hwcUt che fa akra rrraairinq po- 
trebbe costare la vita al temerario che ardi 
di f«rla. 

No, Viva il nostro padrona, (a Marcorue Cac« 
co piano) Ah f «ooo un gran pofitioo. 

Afa. Bravo ! — Viva il- stgoor marshaae. 

C)S. Viva, viva. (Si rieordedk di me.) 

Co, Qneat'atio di umiliaslooe detta oomaniA, 
ed il perdono del Fendataria aona com che 
Insogna siano aegislrste. Notare^ scrivete. 

Po* (8a a'acoroerà al sior matahese ce aadi 
scrito.) 

Be, Figlio, Rosanra mia, Tauo e lUhra avei« 
latta un'azione degna di voi. IKih! auteoticHi 
r amore ciò che vi ha consigliato di W k 



Ft, Roaaura, vi protesto che ho per voi siion, 
Teoerasione e rispettai Compatite ak«iM sm 



,y Google 



1t 

CiofaDÌU fuUts. SoD reco oaato, «oo reto »?• 
tortilo <U' idmì p«rìooli) da*ii4ei difattrL Ama- 
temi, ▼• M f appUoo, ed M«ÌGtuniteYÌ del mìo 
cuore. 

Mo. Qoesto ^ qaal clie io desidero pia del poi* 
eeeso;di qé&ìm giurisdiiioiM. Marchete Bea« 
irice» mie amoroiisaima madre, vadete se ho 
oonfideto nel voslro cuore e oeUe Toetre booti. 

Btf. Si, Roseora, sieu saggia, siete aaMbite, eie- 
te geaerosa e pradeote. Confidai tutte nel to« 
etro belf aoimo , e con pena mi aforsai e 
rìmproTerer? i. Flortndo , date lode alla mìa 
condotta, ed apprendete e meglio conosoere il 
▼ostro grado ed a meglio sostenerlo. Signor 
caneelliere, ooetentateri differire a domani la 
• conaamaaione di tali atti. Andiamo a celebrar 
qveate oosse, da me con ceatela promosie, e 
felicemente eseguite; merci delle quali Floriodo, 
eensa togliere nulla a Rosanra. sark paeific»* 
mente il marchese di MoutefoNC. 



,y Google 



,y Google 



Ì30MMEDIE 

(0atio (Éolbom 



i JZi.,,mntM ^- 



Deuena 



,y Google 



,y Google 



RACCOLTA 

COMPLETA 

DELLE COMMEDIE 

DI 

CARLO GOLDONI 



TOMO luniL 



VENEZIA 

nrocKAfiA m «lutim amtònuii id. 
UBAàJo-càioociuro 



,y Google 



,y Google 



L U O M O 

PRUDENTE 

COMMEDIA 

JU TRE ATTI IN PROSA 



•■.* 45, 

Digitized by VjOOQiC 



PERSONAGGL 



PANTALONE DB'BISOGNOSI, mercante p»- 

nezianot uomo prudeiUe. 
BEATRICE sjia seconda moglie. 
OTTÀTIO ) 
BOSAOflA ) ^'^ fiéUmli del primo Uu». 

DIANA vedopo, amante di OTTAVIO. 
LELIO capdler serpefùe di BBATEICE. 
FLORINDO, amante di ROj^AtTRA. 
Jl GIUDICE criminale della città^ 
BRIGHELLA > , - . j. ^^.^^ 

ARLECCHINO ^^^^^ ^^ '^ ^^^^' 
COLO»»I»A ) ^^*^- 
NOTAIO ) 
BARGELLO > tutti parlano. 
Un CUOCO J 
Birri. 
Quattro bravi. 



ha scena si rappresenta in Sorrento^ primei' 
poto del regna di Hafioli. 



,y Google 



ATTO PRIMO 



SGENA PRIMA. 

JToiie. Camera dì bbatI(ICs, con tre iopolini é 
sedie, candelHeri con candele accese^ e sei 
tazze di tè. 

BtATRiQB m sedere ìd tavolino difnezto. lbìio 
a sedere accanto di lei. dianì a sedere al 
toff olino a patte sinistra. oTtAVio a' sedere 
presso di, lei. koékvnk a sedere altapolinà 
a parte driua, rLOKiNDo accanto tU' l^ ; 
tutti bevendo il tè. 

Me, OìgBOr I«e1lo, MsagHìala come h grasiOM 

qqesto tè. 
£tf. Noo può essere che grazioso c\ò ohe ii\^ 

a» dispensalo da nm mano, che è tutta grazia; 
Be* Voi sempre qiì mortificate con espressioni 

di troppa booUl. ' 
Itf. Il vostro merito eccede quahinqae Jode^ 

Poh! che. peccato! Uo reochio di 8essapt*aD« 

■i ho da possedere tanta bellezza nel fiore 

degli anni «noi! 
Be, Ah BOB mi ritoccate s) crudelmente I9 

pi^e. 
Ite. Il signor 'Pantalone non meritara nna secon- 
' da'OM>glto lA-vagf e^l'grazióta. 
Be. Qaietatevì, vi dico, e beVtote i^ tè, prima 

che si raffreddi, (iikantà gli altri quattro 

parlano piano fra di loro) 

Ot Ah ! sifuoia Dirana, voi mt mìortificnte a ta* 



)y Google 



6 

gioM. Sar^Uy* omm tenipo cV lo ^i maoit- 
ntffi la ptirola chs già ?i dredi, « vi rsodts- 
ci mia Sf^osa; ma, mio padra non taok ia 
Taruo conto acconsentirà a<^ On tal natrimoato. 
Dr. Ma qaal 4 laragbna per cui il aignor 

Pantalone ti oppone alle noatre nozaa ? 
Oi, Io credo sia rintaretta. M! dùae, giorni 
•000, che aveva 'par me «w partito • d' nnn fi* 
glia di iin bnOn marcante con aeatanta mila 
ducali di dote, a voi, beochè siate nata «e^ 
tildooaa, 9 aiate stato moglìa di no ooìoiuiatfo» 
non vi considera, perchè non avete uom ricca dotet 
J)L Ma voi che pensata di fare? 
Oi. Sposarvi a dispetto di mio padra» — cht 
' qaMido dovessi rovinare la casa. La «igoara 
Beatrice mù matrigoa k già dalla mia, «eoa* 
triboirà molto a nostro vantaggio. 
.Di, (tf Beattìce) Amica, il signor Ottavi^ wà 
consok, dice che voi saratf per noi* £' eg)l 
vero? 
Be. Certo, è ginstizia. 
JP/. Ma, signora Rosaura, almeno un' o^chiaH 

baoigOa per carità. 
jRo. Siete curioso! Fra tanta gente io nai ver 

■gognò. 
^L Possiamo andar e paisig^are naI corridore, 
ilo. Certo, da solo a sola I bella cosa, aigaorìao! 
FL Ma non vi accomoda n& aola, «è in com- 
pagnia; come abbiamo dunque dae<aotaBertiF 
Ho. Questo tè non * mi piace niente* Maogiarei 

pia volentieri una sappa nel latte. 
TL A. proposito ^ Ma, cara^ Rosànra, naa mi 

volete voi benaf 
Bù, Uh ! sitti^ che non vi senUno. 
Be. Signor Florìndo, che fate là con quella sci- 
mamta? siete bade di cattivo gusttf. 



)y Google 



Ho. (La tigoora tpuUi farttast.)- 
^l. Io ho ratto il mio piaow», qnanj» goBO 
pretto la signora Rotaara. 

I Se, Eh, ohe as gioTant della tottra corto non 

I deve perdere il tempo, ooiì iantilmMite. Noa 
▼edeto ohe figura rìdiooJa? marita ella le 
▼oatre atteozìooi ? Yeoito qni, Teoito ani, oba 
starete allegro. 

1 ito. (La sìgòora Beatrice mi h TeiMMato m^ 

1 trigoa ; doo mi paò fodere.) 

I Fi, (a Beatrice) Ma, tigoora, ?oi nato bene ao* 

I compagoata. 

I Be. Eh Teoite, ohe faremo la ooBteraaziooe in 
terzo. 

, Le. Sì, sì, amioo, venito aoohe voi a goderà 

I deir amabile oompagnia della aigoora Beatrìoa^ 

I Tft* Ma io • • • 

Be* Ma voi, padron mio, vi abuaato de&a mi» 

f toffereDia. 

( n Perdonate, sodo ià voi. Qriamo a BMoara) 
(Rosaara, per non disgastarla, oonvieaeeh'ift^ 
vada. Vogliatemi bene.) {papìcinoa Beatrice) 

t JRtf. (piangendo} (Pazìeosa ! doq mi lasoia atara 
no momento di pace! povera madre I dova 
aai? tanto beoa ohe mi voleva I tanto caraa- 
se ohe mi faoeva f ed ora ho da essero atra- 

i paszata dalla matrigna f pasiaosal lo vogTio 

f dire a mio padre.) 

I Be, Goardatt, le vostra iaoamorata pSaogo «omo 

, on bambolo. Che ti vanga la rabbia. 8e h» 

» 



figlia vara, U bastonerai «orna 

Bo, Manco male ohe bob Io sobb • • • 
B^' Zitto Ih, pettegola. 
Bo, f Uh povera me, la gran bestiaceia !) 
Ot, (a Diana) Ho inteso tqtto. Kon d 



dobilBle 



)y Google 



t 

A AMlt. k paciMrò ». Le gi^e già mm 
uiJwlt, • i doe tagfi ^ abito 4MaM ^ 

. «VPilV* «MB. 

Ai. Ma MS fwrcS, ch« vMtr« padre . . . 
4H-€k»'mm pwlró? db* ■■• p«dnf Som 
|ij d fn i n *m i^mmm lai La roba f ba bi|» 



BCMBk n. 



Br. epa lieeasa de iti do leali pM epS , atcm 

» b i<aga< da dir aaa porob a la pAtroaa. 

'Be* Qaétto 4 if aorta dotto aok anoro. IAaè| 

cfao vooif 
91 (/alu^ fb ai tt, ga io a to o i iio^ |>afIota aaa 

libertà. 

(MfiiAAy ^'accosta verso Bosamra) 
Br, (a Beatrice) La «apia cbo ia sto poato k 
i arile d poCroa da b ealapagol^ onde aoa Ih» 

• «Modi d'aviaario, aciò !a ao regola eoa prò* 
daoxa. 

Be. Oh éif ti étrh h pMaeia p^ coat bella 

• BBova I Cho iaiporta a me ohe sia vonnto 

• OMO aurito ? o la, cbe oosa mei dire eoa qaa« 
ata prodeosa eho on snggeriscl? 

Jr. Pigo aM • . . h ne perdooa . . . sa ao gha 
parosie proprio da farse (rotar in coavaraai» 
zioD • . .' Ja MO acaéa, «edela. 

Be. Va via di qua patniaote, temetario cba tei* 
Iffoo ho bisogao dei taoi coasigH, a noo mi 
preodo soggaxiooa di ira vecohio paaao. 

Br. (imim^imemtc) Ma piaie^ la lodo, la fa 
bea, la par boe> 



)y Google 



9 
. Be, Signor FbrM^, IWtonMt, veog« ni suo 
' potto. 

1^ EMomi. p«r aUbitlim. 
£e. Voi «Tate noo «pirito saperiórài SieM degna 

di gomroira mi impero, non -che nna oasa. 

Beato il mondo, «e ttitta la donne focsero 

del Toetro temperamento. 
Br,(s*€U»oiia al taffo&no iU OUapio, eparhia 

a lai sotto voce) Sior Ottavio. 
Ot eha aaaif che o'èf 
Br. V & vagni& so tior padre, 
^t B per quatto f cha importa a me? 
Br» 8a ai la trora qua oo la siora Diana, no so 
- aoma al la inlenderii.* 
Ot. U intenda oome f noie. 9e non Tolova' veder 

re, doveva atare in campagna. 
Br. (Così la va dite, e viva al buon etoàiego.) 

(pa òèL Mio PKÌno aBosmtrtt, t le pària 

aotto voce) Siora Rosaura, X avito anca eia, 

a pò la fazza quel cfaa la voi, è vegnA sQ 



ilo. Mio padre (sfalsa)} oh me meschina! 

Noa voglia eha mi vegga in conversarne 

cogli nomini. {pfwte) 

Br, (Qaesta veradN«ta l'è ona pota de gin- 

. disio ! 'Almanco le mostra da aver no |poco 

da svgitian a per rispeio da so parr.) 
Be» Guardata qnella sciocca. K' foggila al nonio 

d» stoa padre, come sa avene sentito noiaina» 

re il diavoV>* 
Le. Eccolo cha viene. Dobbiamo partire f 
Be. Mi maraviglia di voL 
FL Eh sari maglio ah' io vada. 
Be. Hestata, vi dioo^ 
Di*. Signor Ottavio, non vorrei cba naseeasa 

qnakhe scoacerto. 

a * 



)y Google 



16 

ÙL Non TI moTtU, «aa ^i oiAytté. 

Br. (FìgureTe in ch« tmanie, che darìi qadpo* 

Tttro Techìo veder U éo casa defebteda oov- 

U'iiuidìà (a). 

SCENA UL 
piKTiit.OKB| pe^/ifd £^ campagna, e deuL 

Pa. (Si ferma ìin poco suUa porta ad tesser- 

parct poi con disineoltupa j' opoaza^ Oh ! 

patroni riveriti ! oh che bella oonversa^oui ! 

fior L^io, sior FloriodOf servi ter «iimli^m^. 

{Lelio e Florìndo si vogliono alzana 0Bea* 

irìce gli trattiene.) 
Br^ Non »i movete. 
Le. {a Pantalone) Perdoni, ae prefalaodoim. 

della sua gentilezze, venni in di lei aaaaiisa a 

godere di quelle grazie che dispenaa geoaro- 

samente la saa casa. 
Po, Patron, me maravegio, do gha «sa Iiisogao 

de ate dichiarazion. 
PI, (a Pantalone) Io ooo roatora mi trovo ■ 

incomodare la signora Beàtricec 
Pa, Anzi eia fa armpre grazia. 
Le, (a Beatrice) E* compito il signor Pabtalone. 
Be. (piano a Lelio) Eh oca lo conoacai» qael 

vecchio furbo. 
Pa. Oh, siorn Diana; aooa da la za qua? anca 

eia la se degna de onorar la mia casa f 
DL La bopfli della signora Beatrice mi ha dato 

coroggio di venirle a far Qna visita. 
Pa. Beatrice fa el so. debito, disiingnando al 

merito de siora Dianai t, mio fio fa bien a. 

(a) Tr'fffùdio, 



)y Google 



1/ 

impiegar le to aUtizion per ~ nna zeotildona 

cnttf) garbata. (Ah cagadòDao (a)]) 
J)L (jud OUapìo pUmo) Sentite con che dolce 

maniera ci tratta! 
OL (piano à Diana) Oh se eajl^ste qnant'i 

gatto! Non me ne fido punto. 
Pa. Siora magiér {ò)y cussi sngsìegada? 6oan« 

ca un strazze de ben vegniio (e) al povero 

Pantalon? coesa V hogie fato ? Savi pur 

che sé le mie care raise (flf), - che Te TOgio 

tanto ben (m^ ben, ma ben). 
Se. Oh, oh quante cerimoòie ! Chi mi accarezza 

pia di quel che suoTr, o* ini ha gabbato» o 

che jgabbar mi vuole. Fareste meglio andarvi a 

spogliare, e andarvene a letto, che sarete stanco. 
Pa. (si accosta) Gara fia (e), vedo che me 

votò ben anca vn, se ve preme la mia salute;^ 

vegnt qrta, t'ochetnose la man. 
Se, Eh via, àndiite, che questi signori vi dis* 

pensano. 
Le. (a Pantalone) Oh sì, vada pure a suo 

comodo. 
FL (a Pantalone) Per amor del cielo non istia 

in disagio per noi. 
Po, Donca per obedirle, no mai per mancanza 

de respeto, me senterò su sta carega (/*), 

e goderò aiica mi de Ta so conversasioo. (sie» 

de tìoue prima era seduta Rosaura) 

Be, (Che ti venga la rabbia ! Credeva che Si 

ne andasse, e si mette a sedere.) 

(/!> Tìisgraziato. (h) Ètoglie. 
ìc) Ben pCTUtto, (d) Care Discere, 
(e) Cara figlia ; termine di tenepezta, che si 
usa con tutte te donne di confidens^a,. 
Sedia. 



)y Google 



Pa. Ma tt» àtk tasM da |À.f»r oU b a l a ^aw io? 
eh$ gha gìert au sta c4Mg^a^ 

Bff. Chi o' ara ? e' ara la toatrc ai^pMiM fi^iao- 
> la io c(Hiv«ravÌ90« afiicciataat ola -c«^ alni, 
coli* amanto vioioo, a qtu^pdo n ^ «mtito 
vanirà^ la modestinft se a' 4 faggka. 

Pa. Via, Tiat fia mia, no panai jai«| 4% ^«^ 
pjov«ra pau ^a) . Gofoosio 1» 8< IntMMama, 
e PO U za capaaa da ^rta co«% . ' . . 

^tf. Gospatto ! Mi (arata dira . « .> «««> , tMNè 
la mia aùoni soao criticate, a colei pqàtoc^ 
tare sotto f opra . U casa, cba U «atto baac 
Si fede U TQ«tra troppa pvsiaUtii; aii^^vttti 
sarà la rovioa di casa voitras 

Pa. Q^irh rasoD (^), disi |iev« ^ rènedie- 
ramo. La metarò fora de casa. ,i.> 

Be, Oh asiolutamante o lai, o io. 
*Pih % cast)» siora Diana, corno aa la paaaria? 
Stala lien f Brighèla , fama dar al Ù» {1^ 
ghella parte) (a BUma) Qoaado sa t^aaefa 
a far Dovizza (e) ? 

Dì. Eh, 'sigoara io sono aaa povera* vadpT» am 
trovo chi mi voglia^ 

Pa. Se no la xe ric^ de bozzi, la xi ricca è 
nobiltà e de belesza • Manca partii 43hm l 
gavarà • Ma costa gesta , Ottavio , èhm i 
me par {d) iomosonà? - Gesta mal? Gasi) 
bisogno de beasi ? zasta iaamo rli ? 

Ol ( Chi non lo conosca ahi ) 

Po. No ti respondi? ho intaso. La di^, »ior 
Diana, cessa gh' alo mio fiof 

Di. Che foletf eh' ip sappia da' Ditti tao»? 

(a) Ragazza, (hj Avete ragioiu. 
{it)\Spo9a (d) Adirato, 



)y Google 



»5 
pa. loÙM 6ir di« belb éonim amorrir 

Sok & leti' uoiBo ooDsigUera e «corta. 
Le. Anco patta il sìgaor Pantalone? 
Pa. Un poco de tuto, a gnenta da ,ben. Vogìp 
' se le te coDtenta racitarghe carta ota?a tA 
I lode dal buon ga»to del d) d'aocno. 
B€. (pmna m Lelia e PlorìnéUf) Egli sta qui per 

farci iraibbia. Io non ne posso piA. 
Le. (piafto a Bemtrìce) Partirò, sa t* aggrada. 
Be. Sarà maglio. 
WL (Pantalone h un |;eloso di buonissima gnt- 

aia. ) • 

Pa, Coma? cussi presto la me priva de la so 

grazia ? 
Ite. Io altro tempo sentirò con piacere là rpslre 

ouave; ora, %% m\ date licenza» debbo partire. 
Ba. Patron de oomodarsa come che la yol, de 

star, de ao^r a de tornar (e da and arsa a 

far zirandonar). Anca ala, sior Florindo? 
Pi. Se ve Da contentate. (Di. e OH, si aliano) 
PÒ* Aoea aMm Diana fa tia? No la Voi restar 

a cena con mif 
Di. ObblfgatÌMima alia sue grazia. 
Pa. Gh'ala la carezza f 
Di, Non signore, sono a piedi. 
Pa, E la Tol andar ouss) soli col sarntor f. Tor- 
. If cba la «arra mi'*? 
Di, Oh, non permetterai mai simfl cosa. 
Pa. Ob, TJa dooea, la servirìi sti zantilomeni. 
Ot. {con serieia caricata) La signora Ftaoa 
. aon ha bisogaìo di 'naasono: poicbè la roglia 

aarvir io. 
Pa. Ob si Ima. disA beo, «o ga?efa pensb (Oh 

cbe fio (a) I ) ( « ÙUopio ) AndÀ , ma 

(a) Per meufora^ eh brhconei 



,y Google 



•4 

tórnh presto, ch« atanó che ttga m l«to t^ht 

da parlar. 
Oi. Quello che mi volete dire staicera, bm b 

direte demaoi. 
Po. No Te basta compagoar siora Diana m ea> 

sa ? la compagnea anca a la camera ? Feo de 

bracier e da «amarier? no la se d' abia per 

mal, che lo digo per rider., ; 

Di.( piano etti Oli.) Gran fecehìetto gioTÌak! 
Ot (piano a Diana) Gran vecchio laa&aioso, 

volete dire. 
Le. Signor Panulone, • buon riverirla. 
Po» Presto, lose tors» (a) , Brighella» Atlaoelùs, 

Golombifls. 

SCENA IV. 

BiiGHBXxA, éon torcia acéesa^ poi ^tuMceaao, 
Colombina e deid, 

Pa. E sii altri dove xeli? Arlecchis, digo, €•• 

lombioa, xeli in leto costorif 
Be. Non sono a letto, no ; ora feraoBO. {li chiama) 

Arlecchino, Colombina,? 
Co. Che cosa comanda ? 
Ar, Soq qoa, siora parona, soo qua. 
£«. Andate a prender dei lami per servir quei 

signori. 
Co. Subito la ssrvoi (parie) 

Jr, Tado a rota de colo. {parie) 

Pa, (Mi {ò) chiamo, e no i vieo: àu chieaM, 

i viea. Mi comando, e lori gaente; eia oomaa- 

da, e se fa tutto^ Ho inteso, basii coesi.) 



(a) Lumi, (b) Io 



)y Google 



i5 
Ce. (toma con candela accesa) ficcomi col 

lame. 
jir, (joma con una torcia,) Sm qaa ooUòrzo. 
X«. Signori, la felice notte, (parte servito da 

Brighella) 
F^ Scasino V incomodo (parte con Arlecchino) 
IpL Signora Beatrice, vi son ttrVa; lerva tigoor 

Panlalone. 
Pa, La reTeristo, patrona, la reVeritso. 
Be. Voglio accompagnarri. 
Di, Non f * iooomodate. 
Be. PermetteUmi * 

DL Io casa vostra siete padrona. 
(Parie serpita ili braccio da Ottavio, accom^ 

pagnata da Beatrice, con Colomòina, che 

precede col lume.) 

SCENA V. 

ràimioiri solo» 

!«■ magier io meno da do amazzai (a) la ^o« 
manda, la fa a la dtsfa,.a mi no gh'iotro per 
gnente. El fio mena in caia la machina, (ò) e 
el la f «1 a ao modo. Lafia anca eia se va 
d^mestegando («); a soomenxa a piaserghe 
l'odor del sesso masoolin. I servitori no i 
me obfdisse, e no i me stima aa figo; itago 
veramente ben, che no posso star magio. 
Coesa me giova aver dei beszi « de la roha, 
esser nn d«i primi mercanti, aoreditit per 
tota r Baropa, se io casa nò go la mia qoie* 

(a) Per meta/ora, due ganimedi. 

(h) Per metafora , cisibea. , 

(e) Accostumando. 



)y Google 



1? 

ce, «• pintMto^ OM troTor ctrvoiMiè ài ' tuli 
Demicì, qaanti xe qoeli che magna al màù 
pani Ma fn«ate; tetta, gindiaio « patiedka. 
Gol lempei «pefo de Miperar tate ete avtf* 
eitìi, e far cogoosser al moodo che la pra* 
deoza de rome cupera ugni eontferia Jwnuuk. 

SCENA yi. 

BBICHlLLà « detàO, 



I 



Br. {Tien lento lento senta furiare, murari- 
aliandosi.) 

P4k, Gpfis.^, ootsa gaain? ptfroki zeato 9vt9%\ ith 
^ooalÌ9 <«}? coua x« ata^ paila, gamiia, ba- 
ia fopra. 

Br. Che la aignora Beatrice ae dìvertisaa in mn- 
20 a do ciaibei so me itnpisto, perche f i 
r ultima moda; che et fior Ottavio oondnga i 
oontrabandì in ^Baa^ oo tua faszo nMra?egìaf 
perchè P è aolito de i fioi de famejgìa, quanido 
Dh« i paU ma me htnpiaao, ine inaraTeBio^ ma 
Utraee^olo e me dìanmano. vedendo el mor 
Pf ntalon. dke eoo tanta paoaa, «okà taaia indii 
fnreoza e qniete d' anemo aoporte a« i ochi 
la ìoaolenze ^ ana mngitr aroganie, • <le un 
fio dcfoliedien», a «I pernaeta, ohe io caaa 
eoa ae lira atocae a tnt' andar a qnal emor, 
ohe 009 tanto celo e pramara rhti pcooarà 
fin adaaao de delànder col aondo de Inibii da&« 
oata prodenza. 

Po* ^Garo Brighela, aarTÌtar fedel, a qaaai fio (h\ 

• per el ben che te veggio, perchè fin da pie- 
colo, t' ho arieii in easa mia, aia pia9« al 

(a) Beso stando. (b) 9iglÌ9. 



)y Google 



caldo c^« ti M 8eo(ì p«c e) omo ooor, fedo 
«I to zelo^ e siioio la liUt là vo. la qual' ti 
me pvli • ('oo tato qaesko p«rò la«M che f.e 
dig*i ^^^ sicooie ti xè oasiuo (a) un^ omo ' 
Qrdaoarlo, no ti xè i3a|Mice de altro cba de 
paofif ri .ordeoari« ' Gr«di«ta Pantaloo uato 
orbo, oh« noi veda e aol oogoossa, o lo ore- 
distu d' Boemo «Mto vii » che noi gh' abia 
ooragìo de far Teodeta ? Ti me cogoosii pur. 
Ti sa pur ohi <oo, « fo <o maoar le mao co 
biaogoa, e sa go stomego de oiméatarme 
, i|ìbei| obe soo veohio* Ma, caro . Biighalav 
l'ooer zè una maroaosia lauto delioata, €ha 
chi tropo la maoiaa, b spòrca. Sa ave««e 
•oomeosà a rimproverar la mugter a stra- 
paaaar el fio, se avesse scazza de casa quei 
• canapioli (^), se avesse dà i so litoK a qua- 
Ja «porca de Diaoa, io casa mia oasoevfi una 
revoluztoo, uo strepito; nn fracasso tal che 
tuta la vicinaoza se saria solevada, e la ri- 
putazioo de casa Bisognosi aodava io* borda- 
lo. Quei do serbinoti sirattdo per la ciÀ, e 
ooouodo l' istorio 4 so modo, m' avarave me- 
na per boca. Tutto el paese avarave dito : 
io casa de PaotaloB zè oassuo questo e que- 
sto, per el poco giudizio dal fio, per la poca 
reputazion della mogier , e Paolabé su i 
,v«DioU (c)ì e Paotaloo fato OMteria ridicola 
de le coaversazioo. Dise el proverbio : oo te 
.mater io testa quel ohe li ga sott» % pii. 
Quel che z4 o^to ia oasa mia, fio adeaso ois- 
,suo lo sa. Ho remedià ooa pofiticok «e soo 
oooteguù eop prudaoaa» « darò ttato (<^}ii^ 

(a^ Haio* (b) Giovìnaatri» 

(e) yaUa^U^ (4) 9(trò regola^ - ' 



)y Google 



1« 

tato col tampok Brìgheb» ol fioser a t«a|M 
• diifimulur qaaato giova, aè la v^ra vM 
delT omo «atìo • pradtota. Ti penaa a atf 
virma eoo fedeliài che io qaaoto a mi go a^ 
rito^ go caor, go giudìzio da dafender al mio 
ooor al par da chi sa sia. Cp^^) 

SCENA VII. 



Rtato da tasso. Uo orna da sta sorta Vi qm 
prodigio dal mondo. Cogoosso adaaso la aài 
temaritè, par la qoal ma losiogava d'esser 
no omo de garbo, a vedo cha soo oa eoed ; 
a dirò qutl che ho seotto dir tanta Tolta t 
L'omo seaza prudenza taoto vai, 
Quaoto vai* la maoesrra teoza sai. (/mrté) 

SGB£VÀ VIIL 

S0gue notte. Camera di biìtaici eam 
tavolino e lumi. 

BIATBICa e COLOMBINA. 

Co. Cosi è, sì sigaora, l' ho seotita co* miai prò* 
.pri orecchi ■ quella pettegola di vostra figliastra 
dir mala di voi. Ne ha dette tante 1 Cantata, 
> coma un rosignuolo di maggio. Gli ha riporr 
tato tutta le parole, cha avata detto ooétro 
di lui, a oltra al vero ha aggiunta aacwa 
.molto dal suo. Sa 1' avasta veduta, c a rn e ^ vi 
linrlava bena* Contraflfacava tutti i vostri ga* 
tti, tutta le vostra maniere, la vostra vaca 
a si torosva di qua, a si volUTt dì Ih, Mi 



)y Google 



• 19 
vftoWt TogKa dì pigliarla per ^uei oapeDì mal 
pettinati, e sa quel vito p|tetico darl« uim 
doEcioa di schiaffi spiritosi. 

Be» Basta, basta, Colombina ; non no posso piA« 
dento oh» la rabbia mi rodo, la collera mi 
dirora. Voglio che costei ma la paghi ; Toglie 
a tutto costo metterla in disgrazia di quei 
babbeo di suo padre. La invenzione che ab- 
biamo trovata per farla credere di mal costui 
ma ptéi ohe non ^, sark ottima e opportuna, 
a spero riuscirli, coma abbiamo fra di noi 
- «oneertato. Chiamami Arlecchino. Facciamo, 
ch^ egli vada subito a ritrovar il signor. Lelio 
• il signor FJorindo, • con bel modo faccia* 
«mlE venira questa notte qui in casa. Tu ese* 
guirai quanto abbiamo stabilito, a sa la oosa 
riesce, secondo il disegno, mi leverà -dinanzi 
•gK pochi questa impertinente ohe mi per* 
segQÌta. 

Co» B por» è fero, bìisognt guardarsi dai nasi 
dritti, sji dai colli torti. Ora ohiamo Arlao- 
diiDO.' (parte) 

SCENA IX. 



Ib mmi mia ? ogSo poter faro qnd^p che voglio* 
Ho prese un vecchio; che per altro non mi 
farebbe mancato qn giovinotto di buona gra^ 
zie. Beoeh4 aia nata povera e ordinaria, aveva 
pia eoBaoci io aola^ «he latte insieme le re- 
fiMte del ficioato, 



,y Google 



SCIQf A x. 

COtOMBIKà, AIUOCVUI» d€i$mt 

i^d. Seotì, ikrieechìoo,- ta.dtfì ««^Ara itno*!! 

. eatioD ile* nobili, doTe fogfiovo trofart» il' »• 

^or Lefio e il fignor Florìod»; gU W A 

coodurre io disparte ambidae, ed hai a 4ir 

loro, che dopo le qaattro si poróoo a. qoMia 

Q^a, che la porta ne sarà soechÌMa* Ma^ 

' da beàe, e apri bea PoreocKto, «, «oa £t 

dalle kae. QaesU ambasciata la devi lar làn 

separatamente. Al sij^aor Lelio dirai .^aa tift^ 

. Vito k mio, e che io t aspetto per asdar sea* 

^ lui a prender il fresco. Al signor FIériada 

dirai poi, che P invita la ligqora ftosMira|ier 

discorrer seco con libertà de' suoi ^omm-ì. 

41» (Si va contorcendo, dinotando la ^^^fmw^ 
né cfu gli recano tahte parole.) ' ^ 

Éc» Hai capite? Eseguirai -paataalkMf^a? . 

41. (Dice di siO \ 

Be» Via, come dirai F 

Qui Arlecchino imirogàa imito ii discorso, 
confonde i quattro nomi di Leàm, Fiorando, 
Beairico e Rosaura; ella g& m ^uaicke 
cosa replicando, ed egli; si pa ora rime*' 
tendo t ora confondendo. Fin atmem i» mtMira 
di apet ben capitale parie»' 

se^fTA 2:1. 

KàTucB e cokomùcAi pn nityiiÉW 

Co: Arlècohidflf, non ti ptifr óegare, ohe ••• «i 

sciocco, ma poi & dltrettaoto grama». 
Se, iC serfe eoo fedele, e per«iò Ja iaffit» 



)y Google 



31 

p^ ( Voi (a) ^Tw, le Tolpe «e cot-gU. 
Ma irowrò mi el in«*> 4* ^r ««ja»' V* *? 
•ìora «tmemr». Proverò con una ioteazioii de 
moodaila iu campagna, e se do aèrvirà. la 
•cazserò co l« brnte.) ^ ^ 

C5). (iiitfJM « Beatrice) Ecco qnal feoobio twif 

co di TOttro marito. 
^. (p«>»o a Colomòina) Non crepa mai qae- 

9t aDtigagU». ^. » . , . . 

Pa.?o9»\o ragnir? Biaiurbio qualche negozio 

d' ìmportansa ? . . , 

Me. Mi diitarbaia certo; appunto adeiso fol^fa 
- Mdarawoe a letto. 
Pa. Sewu «ano ? 

.9a Seofte «wia. Mi. duole il capo. 

P^ No «iven, che (» chi va a leto .••»«/«. 

M tata la nota se remena (e)? (ridente) ^^ 

col remenarve «coferiiri el povero Penlaloo, 

e la gramo f echio se sfredirk (d)* 

Me. Eh, che i| gramo teochio non si raffredderà, 

poiché voglio dormir sola. 
Pa. ^è ben; megio (e) soli che mal compagnat: 
ffon m' importa, go gasto che «te beo, e co 
•^ contenta tu son contento anca mi. 
Co* Vbo Sèmpre detto che il signor Paiitalo»» 

h un agmo di garbo. 
Po. Madona Colombioa, go una nativa nova d» 
• darve. La gastalda (/) vostra sìora mare (g), 
oon (h) riverenza parlando, sta mal « Unto 

la) Properòio. (b) Proverbio, (o) Si rimescala. 

S) &• raffredderà, (e) Prof^eròio. 

(f) Miogtìe del custode della eaw di campa- 
gna, (g) Madre. , „ . 

(h) Ironia rispetto altoper daio delia ttgflO' 
ra àila maire di Cclornhina» 

lé\U<^inQ prudente, n.* 4^* ^ 



,y Google 



sa] «be fufti no Vanrìrerii • ilom» de 
•era." 

Co. Povera vtechia ! SI f e<!ef a oIm foleTa tf«ai|»a> 
r« poco. 

Po. No ve despìase che k mora? 

Co. Mi dispiace; ma abbiamo da morir tDtti. 

Pa. Domalìua col mio oalesao andare m trovarla, 
perche la desidera avanti de murir da darte 
un abrazzo. . 

He. No, ve, Golombioa, non aodara. 

Pa. La «arava bela che la fia negaa«e a la m»- 
ra sta cooigUzÌod. 

Co, Eh cousidero, che anzi ^U farebbe dì mag- 
gior dolore! £^ meglio ch'io noo vada. 

Pa. Basta, se no ti voi andar, lassa atar. Ma 
to sorela Liseta sta con tanto de echi a a- 
spetar che la mora, per portar via' i ìmzxì, e 
tata la roba de casa. (Provarò st'altro sootixaro.) 

Co. rr ha molta della roba mia madre? 

Pa. Gancaro! La gavarà i so do a tre onU 
ducati al so comando. 

C0,{mo$tra di piangere) Uh povera madre noi, 
' e dei^e oaorire? 

Pa. Nò ghe xe più rimedio. 

Co. % mia sorelbi Lisetto porterìa «ìa tatto? 

Pa Infalibilmente. 

Co. Uh povera madre miai ohe dolore preme- 
rebbe -se non mi vedesse I oh voglio lodarla 
a ritrovare senz'altro. 
' Pa. (La medesina ha fato operasion.) 

Se, E mi vuoi lasciare qui sòia ? 

Co. Ma signora padrona, si tratta delh madre. 
Io le voglio tutto il bene, la natura deve far 
il suo ^etto. Non voglio che si dica che Fho 
laaaìata morire tenaa ved«rla. (piange) Oh 
^oveiina! oh porera madre mia! 



)y Google 



ft5 
F«. (Tarai òosM olw ze U dose, ▼«<)&!) 
fltf. (/»ia/io a Colom.) Basta, w f noi andare «oa 
mi oppongo, ma ricordali qvel ohe t'h© 4eU 
lo circa £elio e Flortodo eoo Eotaara. 
Co. (piano) W» iignpra sì; qaaato ai Urìi »to»i 
sera, ed io parùrò domani. GaQohero, dae 
mila duetti! Oh cara la mia mamma! Liset- 
ta tool lutto? wDgo, Tengo , mamma BÙtp 
vengo. 

SCEWA xn. 

BEàròci « Mmràumi 

Po, Siora' magier carissima, aa ohe aemo qua 
soli, e che nessun ne fenie, «vanti jih^ mid& 
a dormir voràve, ae ve contente, ditve quattri 
parole. . ' 

Be, Dite pure.. E ohi vi tiene «he non parliate? 

Pa. Vegoì qua, seotemese un poco, e pvlemo 
d' amor e d* eeordo. 

Se, Oh, io nOn sono stanca. Potete parlar in 
piedi. 

Po. No, no, ^ogio che se sentemo, e t^ ne va 
incomodò, tirerò mi le oareghe (a) (^piorta le 
sedie e siede) Via, seoteve, fia mia, « no tne 
fa andar in colera. 

Se» (Io non so* di che «more sia la bestti; con* 
viene secondarlo) (siede). Eccomi, siete of»nten* 

IO? 

Pa. Sì hen; cussi me piase: obedienza, rasstgna- 
aioo. khA pazienza se ve sarò Un poch«^ (fa- 
stidioso, e respondeme • teo (ò}. 

fr) Sedie. 

(b) A proftosito, * 



,y Google 



#4 

Ar. IKte paro, eh* io f* Medito. (IfMpMo mia 
groQ t«eatara.) 

'i^a. Qaftdti ani zo ohe ti aùo moiitc? 

9o. Soranoo orauù tro anni. 

iPa* Doooa va raoordarè qual ohe giarì «taaci 
ohe fa sposaste. 

Mò, Me oa rìeordo certo.* era ana poTara giovane» 
ma dabbaoe e ooorata. Che vorreste dir per eiò? 

Po. Dota BO me n'avè dà. 

Be, Vi aiate contentato così. 

Pa, Nobiltìi io casa oo me o' avi port2u 

Be, Soo figlia di gente onorata, e tanto basta. 

Al. Ve recordea quali ze stai i nostri pati, 
qaando v* Iho tiolto (a)? 

Bc Oh troppe eose mi avete dette. Io tatto 
oob me le ricordo. 

Ba, Oh beo, se no ve le recordi, ve le tornerò 
m meter io meoBoria. Me psr anca a mi, che ^ 
ve le sii desmaotagae, e per questo sta sera . 
tomemo a farla lition. Savi che mi oo m'ho 
maridk ne par vogia de mogier, ne parchi 
faste ioamork de le vostre belezze. Son resta 
tedoo con ooa fia alquanto semplizzana, e po- 
co bona per governar una casa; mio fio Iha 
•ampre visto iooliuà piutosto a desfar cha a 
fir> a iaamork de le frascha, e de le spasmo- 
le (^); onde per tirar avanti la casa, aver oa 
pooo da governo, ' e tegnir in dover la servi- 
tal ton sta obligk a m'tridarme. Noo ho oer« 
oh «dota, parchi no ghe n'ho bisogno. Noo ho 
«eitoh nobiltà, parchi no voi sugesioo; ho 
pfoeurh de aver, uoa pota de casv savia) mo* 
dttta e povareta, parchi oogootsendcl da mi 



(Ani 



ho preso cioè vi ho sposato^ 
$uperòietie. 



,y Google 



•a 

la so lorttina, tanto pie b fati« oi)tt|iicb ■ 
respttarm*, obedlrme e ;ro1erme beo M'ha 
parso che va fossi giusto a proposito p«r «1 
mio bisogna* Ssven cnss^ W iar, • t«Dt% 
m» parevi bona • savia» ch« m' ha parso de 
tooar el oiel «ci deo (a) quando cha «* ho 
sposk. SavÀ cha v'ho dito alora, cba la casa 
mia no ve saria manca gnente, • credo ebe 
DO ve possii lamentar; ma savè anca» ohe 
Vho dito, che in casa mia no, vogio oonver- 
tasion, che no vogio visite, ohe no vogio a* 
micitia de aoveatà; M'svi promesso de fado^ 
me l'ave xurk; v'ho credeste, ma adesso ve* 
do tato el contrario. Casa mia xe devsntada 
an redato (^), la porta xe sempre spalanca* 
da, chi va, e chi viso. Circa a le mode s& 
deventada la pia vola (e) de Franse: se spen- 
de a la generose, te trata a la grande; a 
qael ch'i peso, el marie no ae considera an 
^S^» •• gl>« perde el respeto, noi se pbediss^ 
e el se rodasi^ a sta do estrema oeoessiik, o 
de soffrir eoo rossor el vostro contegno, Q da 
precipitar la famegia per remediarghe. Consida* 
rè se cosa se poi dorar. Verdi va, ae sta 
fita la posso far. Beatrice, ho parla, tooa 
adesso a responder a va. 
Be. Vi risponderò in poche perolej che circa 
al rispettarvi non ho preteso di perdervi il 
rispetto, ma vi ho sempre considerato pea 
quello che siete. In quanto al vestire, se. non 
▼i piace cos), porterò quello ohe mi (acotei 

(e) Coldiioi 'pr^er&io, 
(b) BidoUo, 

(e) £a hamhocciat che vien di Francia im lit^ 
Ha per la moda dei pestire. 



,y Google 



tmit^ fittili c«tt* «ofTilt: OH Ift <|aMit<r|»oi 
«Ut oontTmùfsm, bob «rido eh» priliB<ÌNit«, 
ch'io ibbia • iatMMhiro^ 
Ps^ N9 fogio ohi «Uvtotfr tiiioi^ «• ghft <• 
«kro nido d« eoaTCnan Sa pratiga tU le 
aitti^ha, ••' fa toa •!« » la eooradìi ; ^aalthe 
volta aaea • qiialah» («atio. Sb saga, ta «•• 
asj •• ita" alagraAiala oaoxaoi» da par aoo, 
luti aMHriì' a magiar ; ma volar praliaar iti 
caga- ubalo, ali catoaaMiftì, iti aparohi^ aha 
?a par la piassa a par la botagha a. vaataraa 
d* quel dia sa, a da (|iial aha ao za; alar 
la- af« co la ora i* uoa oaraga aoBliai aaaaa 
lav gMBia^ parlar ia racfaia^ aoipìrar, a «aitar 
r adir eooM <pirìt«« Biatiioa aava, do aia 
bea,, ao par boa, a» —. paal, oo 9é davi, a 

BO fOgiOk 

Be* iKia^a t par qwd ab' ioi tifelo , ? oS fiata 
galoiOi 

Fm, tfot li Mia, DO tav ailoiav Ha va fasto 
ito tari» da aradarw aapaaa ^ mot Zelaaia 
voi dir iOipeio, a ahi aoipata aa .dagao d?M« 
aar tmdio. Parl« per «piai che vado; digo 
p«r quel ohe itnlo« Bl' aiooda sa oaanpoito 
pia da tiBta cativa» aha d* saata boBOr iacil« 
manta ia orada pie al bnI eha al bt a. Chi 
•a al voiiro ooatogBO, ao cradarii ohe aii 
ijneb dooa oaoraia aha iiv Qoahi «anta ohe 
pratiehÀ ga poco boa boom, a- dìaa al pro- 
verbio: vQita iwar ohi V hì varda ohi al 
pralioa* Oa<k adatao no ve( paH» da morio. 
va parb da para ; latsè ita imicisie ^ mai (a> 
ooBvariizioo , Ugni «b^ akro itll^ eh» iftrh 
magio per va. 



,y Google 



. *7' 

Be* Io VI voglio portare CQo Ktiertb, ne vi «»• 
glio aduUre. Tutto farò, ma lasciar le mie 
conTersazìoni k impoMÌbile. 

Po. Lassar le vostro oo»vers«ztoa za impossi- 
bile? Adesso DO ve parlo pia da pare, ma 
da marie; {s^aUà) Beatrice, o pensa a moar 
▼ita, o pareohieve a muar aria. Se ve abosè 
de la liberta, savarò el modo da meterte io 

. angidoD. Yliar fato pAtrona de la mia casa, 
de le mie sostaose, del mio cuor, ma no del 
mio onor, e no sarà mai vero, che vogia ao- 
portar» obe ai^ dona 'mata se meta aoto- i 
pie la rSpntazió^ de easa Bisognosi. O rasol- 
veve de far^ a moda mio, o Te Imtò morir 
serada tra qaatro muri. {p^f^i^X 

Be. Ah giuro al cielo! Io serrata fra quattro 
mura ? Io lasciar le- oonversasioni ? Io dipen- 
dere dai capeteci d'on* Tecchio pasao? No^ 
DO» SMià mai vero ; e aa tu mediti di farmi 
morire £ra qoatlr» mura, può etséra che 
prima a me rieaea- dH hxé mofira per le 
mie man?. - .> (parte) 

SGBNA Zat • 

Se^ue notte» 

XkoMTa con due porte in prospetto, con 
portiera^ ed una sedia atftmti 

coLOMBiNà conducendo per mano rLonuroo 
€dL^ oscuro. 

Fi, Dumjae m'assicnrì che Arlecchino non ha 

errato P 
Co. Ha fatto l'ambasciata paotiialmente. 



,y Google 



«8 

FL Me h U ngoora RoMMTt, oh* ai*iovii« mm 

io qoMU ooltef 
Ctf. Sì tisqore, per fappottlo. 
J^ Ma da ma ob« vcìolaf 
C^. Oh, lo taprvta da lei I 
FI, E la aisttora Beatriea ehe dirà ? 
Co. Essa OOP oe ai oi^ ; «ha io lo niapaMt 

guai a nel 
FI, Noo forrei che MMeeata qoaloho aoaadab. 
Co, Veaite «eco, a oon dabitate. 
Fi. Ma tu mi porrai in qaalolia proeipina 
€ó. Eh per Tappaotol Qui a mooMoU terrà 

la •igoora Rosaara ; ma awariita di osa ìho- 

Lrirvi oo»l «obito, Uaciata prima ebo vada a 
tuo tao padre. Quando aera tempo Vonì* 
•arò io. 
FL Ma dova davo oafeondermi? 
Cd, Qui, dietro^ quatta portiera. 

(lo Conduce ad una delle due porte) 
FL Per amor del cielo, non mi tradire. 
Co, Uh aiata pur pnsiUanimol Gli aiMmti de- 
vono easera coraggioai oeUe «Tveotaro noior^ 
ae. dento gente, Deeooodetevi qui. 
FL Amore, asaistimi nell'impegno in eni aooa 
^si nasconde sotto la porta) 
Co, Oh Tool utw balla 1 finora l*affare va boi 
ne; attendiamo il resto. Ma dimnttiaa foglia 
^ar da mia madre; canchero, due aila 
aoudi ! mìa aorella non mt la fioon • 



)y Google 



SCBRà TEPfi 

nota 17114 col lame- e sme€ùolatoÌo, « iUito» 

Bo. Colombina? 

Coi Signor». 

Mo. Qaetto torà non fi cena? 

Co. Oh ti, nitro che cenare) Vogtro padm hm 

. gridato con k inoglia; staterà non ti cena. 

How Se egli ha gridato, non ho gridato io. Mi 

«aoto faoM, • foglio nMogiare. 
Cd. Eppure non doTreste ater iaoie. 
Mo. Perchè P 

Co. Perchè «lete inoanorata. 
Bo, Qaanto a qae«to poi T amore non mi le?* 

.ponto r appetito. 
Óf, Ma se Tedeate il tottro, eignor Flortado, la* 

acierete qualunque lauta menta P 
^0. Oh qaetto poi noi faceto più conto di ana 

vivanda' che mi piace, di qaanti Florìndì vi 

■ . tono. (Florindo. fa de* mod é^ ajimàrart^ 

Co. Ma gli volete poi bene «1 tigoor Floriodof 

Bo. Ortà non mi rom^pere il capo eoo aimifi 

.diaconi. Vammi a pigliare qualche ceta da 

cena, che ia qui sedendo ti atpetto. (siede.') 
Co. Ora vado a tervirn. ( puoi smoccolare . a 

lume, è lo spegne.) Oh diamine! mi ti & 

apento. Atpettate che vado a riaccenderlo. 
Be. Fa pretto, che ho paura a tiare al bojo. 
Co. Vengo tubilo. ( Povera bambina ! ) (parte^ 

e lascia il lunié in terra, spento.) 
Bo. Gntrdate che tgoajata! lateiarmi qui all'o* 

aoaro a pericolo eh io vagga qualche fantatauk 

Dime) tolo a penta rio mi tento venir Ired* 

do. Parmi teoiir non to ohe. Oh povera mei 

Che tarH aaiP 



,y Google 



c<MOMni* iéfteìtdo per mam t^io aitoàtarot 
e detd. 

Ite, DaBìtava che qaeOo tciocoo d' kAmsMà» 
aT^fe equivocato. 

€k, {èólto poeé) No^ no, ha d«lto bebé. £« » 
gnéra Btatrìoe afpanto Vaspattarau Tratteoe- 
tenr ^ qaesta eaoiera aiooa poco , fiaoh^ 9 
Te^hìò va a ktto, • or on Terrea 

le. Ma qóV dove ao«>f 

Co. Siate «tic, e aipeiiate. {parte) (Om la «pi- 
glia À aaOa rete, eòvviene •ooprirle.)f 

£ew Io iK trovo oel boirimbaraaio^ Qaoste «lei* 
■a mi ToglioDo precipitare. 

3Ì0. Bppnre panni ^ aantir gante. Io trevo àà 
capo a piedi; 

Ze« B qnaoto- dani qdeMi faewMift f 

Bo* B Goloartiiii» «oo neoe. 

Ze, Veib .f«oir M luma* SttA b tigoore Ber 



11». Qneata aarli Goiofl 

£#. OÌM^, Paotaloael doro ai^aMOiMlo? (cmre 

per irwar luogo da edarsi, mtm neUa st' 
' dia doim sta Rofsaara, e tasca addosso U 

meiesima^y 
|{or Ài«to, miMrioeffdial 

SGBBii XVL 
tuMivaat coi tmtSr s detd., 

Pm, Bh che no k» poaao «rader ... olii (a) ! eD^ 
^ À eto D0goào ? ( vetle LeUo tncitto a Bf 



(a) Olà, 

Digitized by VjOOQlC 



<wra, Lelio s^ alza, e gli fa una rìperen»a) 

S«rvitor defotrtshno. Bra?a sìora fia, pulito. 

Con tutu la TOstra modestia lo gavevi in tra- 

▼erta (ò) V amigo. 
Ko, Ma io, signor padra, non ne so nulla. 
Pa. Non ne «o oalla ? Oh che mozzioà moazaiil 

é ta. sior Lelio? adesso ho capio. Fioxen de 

▼egnir per Pasqnin, e regoivì per Marroiio. 
Le* Signore, qnesto è un accideota impensato* 
Pa» liO so aoca mi , che no aspetta?i d' estarv 

•coirerto. Orsù, qaa no gh'è tempo da perd«r« 

I rimproreri sarare inutili., el mal za iato. 

Bisogna pensar al remedio. Deve la man, spO« 

•OTe, e in sta maniera tutte le' cose anderà « 

to segno. 
Le. Oh, signore, perdonatemi... 
Po* Coss' è sto perdonatemi ? Me maravegio dei 

fatti Tostri,. o spose mia fia, (mette mano) o 

ce sto cortelò ve scanerò co fa un porco. 
Le, (Sono nel bell'impegno.) 
Pa. An^mò, Resa ara, deghe fa man. 
Ho. Oh, io non lo voglio assolutamente. 
Pa. No ti Io vuol f Ah desgraziada ! do ti lo 

vuol ? e ti gieri de note abrazsada con «Jo ? 

Presto, no perdemo tempo, o rapare al mio 

onor co le vostre nozze , o laverò le maohie 

col vostro Sàngue. 
Le, ( Fingerò di sposarla per liberarmi da no 

tale habroglio.) Giacché volete, eccomi pronto 

• darle la destra. 
Pa. (minaccia Rosaura) Pretto ubidiaii, ole 

«gargato (a). 
Bo. Ah povara me ! lo sposerò, lo tpoferò. So- 

eo la mano* 

(a) Grembiale, (b) 7^* scannò» 



,y Google 



5a 

Be. Ecco» cli« IO ta i poto ... ($see Pionado) 

FL, Adagio uà poco, «ignori mici... 

Pa. Comuodot no* altro? oossa feu ^aa sitr? 

Fi* Qui Tenoi invitato dalla sigoora Rotaara. 

Pa. (a Uosaura) A do a la volu P 

Ho. Vi giuro, noa na so nalla io oosoieosa onif. 

Pa. (Oh adesso si, che la prad«Dxa de Paata- 

loo ha sqiiasi perso la tramontana*) 
FL Signor Faotalon«, confesso che la eitoazioiic 

io citi mi trovate, merita ì rostri rimproveri, 
' ed i rigori del rostro sdegno , ma amore sta 

il difensore della mia causa. Amo la sigoen 

B«saiira , e se non isdegnate di arermi per 

genero, ve la domando io consorte. 
Pa. Cossa dize sior Lelio. 
ItC. Io gliela cedo con tutto il caore. 
Pa. B rn la tiolè, siben che sior Lelio ^an 

qua a brazzad^i («)? 
Fi. Ciò poco m* imporlìi. Uo aocidentv non cor 

clade. 
Pa. (Oh al ze de bon stomego) (a Bosaan) 
. E ti cotsa dista? 
Bo. Io direi... ma mi rergogoo... 
Pa. Ali ti te vergogni ah 1 desgraziada, a da » 

la rol^a, e ti te rergognif 
JRo, Il cielo mi castighi, te ne sapera noUa. 
Pa. Via, anemo, dì sa qoel ti rol dir. 
Mo. Direi che te aressi a maritarmi ... ob ai 

rergogno davvero! 
iPa. (La me fa ana ribia che la masarìa. ) Mi 

fenissila una rolti. 
Ho. Quando aressi a marìtarmS, prenderai U ti* 

gitgr Florindo. 
Pa (Manco mal ohe la l'ha dita.) OrtA hoi» 

(a) AòòracciatOi^pvse òurlepole. 



)y Google 



53 

iMO l«*o, 9fac Florluao, ^onutfM» dUcor4re- 

mo. . 
Jp/. Dunqo* parlìri^ ... ^ 

P<i. No, DO, no la •• U psMA co sta difuifOltn- 

ra, Qottla ze la camera de mìo fio, ohe . x« 
. per «Mtera no Tieo; Ik ghe ze ao leto, qutsift 

3ce ana luse, (prende il candelltere che opepa 

Rosaara.) La taga a xepoiar, e domatìoa aa 

parleremo. 
FL Ma «ignoro... 
Pa. Manco chiacole (a), lat faga, ae np la voi 

che ae aoaldemo el taogna. 
FL Per nbbidirn andrò dora v'aggrada. ^ 
Ro, Signor padre, ho d'andare ancor io con 

Ini? 
Pa. Sentì la povera tergogooaat E U gavaraisi 

unto bon atomego? 
Ho. Credeva ... baftta, mi rimetto. 
Po* Sior Fiorindo, za tardi, la resta servìda. 
FL Vi abbiditoo. Addio, signora Roteare, entra 
» in camera) 
Ro, Serva, signor Florindo. (Qaanto & bellino!) 
Fa. (serra Flarindo in camera colie cMopì) 

Qaesta za fattiu à vu, siora, in t^^la vostra 

camera. 
Ro. Senza cena? 

Pa. Anemo, digo, wo m» (t andar in colera ^ 
Ro, Senta lume? 

Po. TiolÀ sto poco de mocolo. (tira fuori un 
. poco di cerino) 
Ro, Mi io ho paura M. 
Pa. Feoimola« and^, a dormir, siora nfafodia (^)« 

che adess' adesso ... 
i^ Yado.vado; ooo mi agridatai che oott mi 

(a) Ckiacchere. (h) F/cmmatìea. 



,y Google 




3« 
tm ffe^bn i Mtnmm ( eaCr» iteifé 

Po. (la serra eoUt chiopi) ^ 

* rtfk eoo pia c^isodo. 

Le. Si^oar Pastalobo, io a» oe posso 

l^r. ¥• dirò, DO merìteresM che ▼• fosso mmdar 
fito eo la foflr« gambe ; om che vo fssoo por» 
lar via io qoscro. No lo fuso, poro h ^ go vt> 
SOSTO ooiaoè ìu peto, e amo il ' 
oooie mi medesinio ; «osi io tooe do 
mal, eoms oierit^, ve vogio dar no ot 
lo da amigo e da frtfJelo earoal L'o 
to X» qoeito; mia mogier e mia fio- ao Ib 
fard^, B^ poeo oA tropo; io casa oaio so gW 
•te pia a tegoìr ; e «ora tpto , del caso , efcs 
X9 ^ socesso sto sera , verdi do no parlar 
co oistan. Se ve trovi » Roghi dorè ghe m 
dooe de casa Bisognosi, fioxi de oo cogaoo* 
serie, e lire de loogO; perohè se ovarè ardir 
de aeottarve a casa mia, vs oooftdo eoo segre» 
tessa, ie 1*00 *soalio de la scala ghe xe oo trabo- 
cheto, che letaodo no eerto fero, che so mi, se 
vollero sofossora, e ve precipiterà io Tao per- 

- so d* ohiodi o de rasadori ; e so do vegoarè 
io casa mia, ma carceri de trovarve io altri 
lioghi 00 mia mngier o co mia fie , se ga« 
▼•ri wd'w de parTer de sto acideote, go <fie<- 
•e zeohini io scasala da farfo dar ooe sdhio- 
petadas io tela scheno, senza che sapii da Che 
b«oda li regaa. Ve lo digo eoo flema, senta 
andar in ooleni ; prevalevo dilf avito, e rego^ 
lare 00 k vostra pradenxs. ' 

Le, Signor Pantalone, vi ringrano infiairtmeoto 

' dell' sviiisa ; me ne sapròprarders. Snlla tea* 
la il trabocchetto... 

Pa, B toso el posto de chia^ 



)y Google 



35 

Zte. Dio^ aaccbìiH hr lata „i 

Pa* Per farre dar tinti tetùo^atado. 

t,e, Olibligatitsimo alle tue grazie. 

Po. Patron mio rìrentistimo. 

Le, Eepdo grazio alla tua cortetia. 

Po. B^ debito de b mia terfitù. 

Zc. EH» i troppo geotilo» 

Pa* Pazzo giuftizia al to merito. 

£«. Afro momoria d«Uii tao grazie. 

Po, E mi no me detmelUagarò de termla. 

%e» Ci tiamo inteti. 

piu I^ m' ha copia. 

Ite, BUa non ha parlato ad nn tordo. 

Pom E «la no r h» da far con no orbò» 

Xe. Signor Paotalono, la riverìtoo. 

pm* SMtf LeUo« gho tou terntor. 

J^tf, (Trabooohetto! aUa. larga. ìAm par troppo ^ 
Taro ; latte le donno tonQ trabooohtttl) (parte) 

Po. Togio andargho drio. No torafo che pat* 
«andò par camora de mia magiari d trab» 
«atte 000 ebu (^'^) 



,y Google 



ATTO SECONDO 



SCENA PRIMA. 

Chrno. 

Segue la •tessa eternerà con dot parte 
chiuse* 

BB4TJIICB e COLOBIBnrA. 

Be, yJntìo danqne i il bell'esito che himo 

arnto le nostre ìnreDzroui f Rotaura per •*• 

siìgo or ore sarà maritata col signor WkmM 
Co.'Gosì è} quel politteone di rostro 

seosa pnnto scaldarsi il ianigue, l*ba 

data così. 
Be, Oh questa poi ooii la pocso tollaroro I Ci n 

della mm ripotasiooo, cht colei tronfi ad a» 

ta mia. 
Co. Il signor Pantalone ha serrato il siginor FW 

riodo io quelle camere, e stamattina, Icfeis 

che sarli, ooocloderà senz'altro questo morri 

mooìo. 
Be, E assai che non si sia ancora alzato. 
Co, E stanco dal riaggio ; per altro agli si ala 

sempre di buon mattino. 
Be. E Florindo sposerà Rosanra senso d>r not 

la a me, a sensa averne il mio assenso f 
Co. Oh la farli seoz' altro t 
Be, Se gli potessi parlare non Io farebbe. Ses» 

pessi in che modo aprir quella camera, ai 

darebbe V anhno di aturbar ogni cosa. 
Co, Il modo di sprirk è faoile ; sapete p«r« ée^ 



)y Google 



tati» U •kìttn a (|attte oaoMrt m* •imill; ool« 
la vostra ai può aprfra anche qaasta. IVti ^ beo 
▼ero, ohe non mi per daeeete che daa doane 
eprano la oemera di an a omo ohe può eiiap 
re enoore e letto, il oìtl ae In ^al positara. 

Be» Fa eoa);' batti all'atoio', chiama Floriedoi 
domanda s* egli k lavato. Se dice di . sì, di- 
gli che k c^ gli fool parlare, e apri; eccoti 
la mia chiave. 

C0i.rlloo mi dispaio»; così farò, (paaila canta» 
radi Flormdo) 

Be. Fa presto, prima che il vecchio si levi. 

Co. Sigeor Floriodo. {batte) 

SGENA IL 

nonMDO di dentro, e detie, 

PL Chi kf chi mi chiama f 

C^. Siete levato f 

fL Sono lavato t vaatito, ed aspetto di ascir di 

prigioat^ 
Co. So ooa vi & di distarbo, vi 4 persooa che 

vi vorrebbe parlerà. 
FL Ma ao boo posso uscire. 
C9. Ora vi epro. (^apre f uscio e Flarindo 

esce) 
WL (a Colombina) Dov* k la signora Rosa ara ? 
Be- Cercate la signora Rosanra ? eh ! mi mani- 

viglio di voi. Siete un uomo incivilo. Avela 

oommessa oa^atiooe troppo indegna. 
FL Ma, signora, 1* aflEva k già aocomod<iRK II s}> 

gnor Péoulont si contenta... 
Be> Se te ne cootent» il signor Panfedona, non 

ape ne cooleoto io. Chel io danqae non j0on« 

lo par aoUa io quatta caaaf asma mia sapo* 



)y Google 



s« . . . 

te gf laono i mUtrìtoooì ? e roi afets ptf me 

sì poòo rispetto r 
TL It oceatìooe, netf» qnitle mi «ooo rìiroTsio » 
Bff. St, •), v'inteado; Torreite tcntarri, on poc* 

servona la TOstre teate, se ooit ttà d»t« om 

ben giufta toddisfMiooe. 
VL Signora, conandate; tono pronto m IW tvttt 

per coaipro?arTÌ il ritp«tto che profeto ab 

foatra partona. 
'B#. Io guasto ptinto d'ovete aodarTatie di «f 

sa mia. 
FL Senza eonclndere il matrimonio f ... 
Be, Differitelo ad altro tempo. Vi- «T^iaef^ ii 

quando mi parrà ohe si faccia. 
Fi. Ma la signora Roaura ? ... 
Be, Sila dipende dal mio volere. 
FL e il signor Fantlalònef 
Be» Sarà mia cura il far con esso fa Tostrt 

giasiificazioni. 
FL Almeno dar un addio alla- sposa v*. 
Bé, Qaetto' è b^ppo. Non m\ mettete al pi» 

to di mortiftoarri ambedoe. 
FL IMQ par troppo amara ... 
Be. Mi par troppo ardire il vostro. 
FL Perdonate. 
Be. Partite. 
FL Vi abbidisco. (Oh fenuntoa distm^gitrìee da 

miei oonteoti!) (parie) 

SCENA ni. 

BKATIUCB e COIOMBUra. 

Be. Tedi sa mi 4 riaccilo di farlo pardraf 
Co. Certo che in questa maniera sarebbe parti- 
to. Pareva lo vofoste sballare dalle ihieatra. 



)y Google 



Be. Ms, it«1W o«QtìoiM- con^VB farti rispettare 

temere. 
Co. OrsÀ, signora padrona, l'ora h tarda; i tea« 

pò che io vada a rivedere mia madre. 
Be* Gara Colombina, non abbaudooarmi. 
Co. E folate che io perda Qoa •) bella ereditk? 
JBe» Chi battio ora che oiò aia varo e non eia 

do' ioTeòfioDe di.qaal vecchio maliaoso -per 

cacciarti di caga ? 
Co. Sfatele che non mi pare la penaiate male? 

Mi» madre 4 stata qai che son pachi giorni» 

Elle non h Unto ricca, e Vostro marito non mi 

può vedere. Sarà meglio ohe io prima me n*as« 

aienri ; oe domanderò a qualche contadino, e 

se non h vero, voglio ohe mi sente quel fol^ 

pone di vostro marito. 
Be> Ho sentito ohiader V <^o <^^'o •oritto)e. Il 

.t^eohio è levato^ e non tarderà a venire ìm Uf 

la.*IUtiriamooi» ma prima toma a terrara qpeì« 

la camera. 
Co^ Sly sl> Doo oi fcociamQ federe ; che ttoo.ab* 

Jbia a pensar male. Eccola serrata, ed ecco le 

efaiavt 
Be. Oh oome vaol raitar di stacco ooo ritroe 

fendo Floriado io casa! 
Ga. Con tutta la sua poGtioa , questa folta glia. 

r abbiamo ficcata. 
Aè« E Rosanra vuol mangiar l'agKo daffero. 
Cu, Suo danno! Che crepi quella baochettonac* 

eia malisiosal 
Be, Ecco gente, andiamo. (parte) 

Co. Oh, noi altre donne ne sappiamo una cer^ 

ka pia del diafolo. iji^Bl'^). 



,y Google 



(0 

SCENA 1?. 

Z« ora che vaga • Kbtrar tiS potéri prttomOTi 
Ho tloiigli no pooheto la mia or« aolita da 
' kraroia per la iirachassa dal viaxo, e xe um 
poco tardi, a al aior Floriado ma aspatarli «oa 
baticaor a paara. Dixe al protarbio: tatto al 
mal 000 TÌao per nciocer. El bravo chimico 
ta dal Talao oatar l*aDtidoto, e l'omo politico 
ta dal mal cavar el beo. Coati mi da no de* 
aordena apero catar no ordeoe, e maridaado 
mia fia, liberarme dal mator apio chegh*abia 
io ti ochi. Co ate do righe da aeritara cbo 
ho fato, ae concladerk el matrimooìo tra aior 
Floriodo e Rosaara, a co qtieat* altra sparo 
do ritirar mio fio a spoaar la fia del aior Pao- 
craùoi rioa da aeitaota mila daoati. So cho 
qoal pmo de oMto^ aooocalio (a) per aio* 
ra Diana, troverà da le Mìfiooltl^ ma spera e* 
sta alzadara d'iozegno tirarlo in rade, aaDaa 
che el ae o'acorsa, e ae non eltro far che qne* 
la petegola te desgnata. Scomeosemo da ali 
do disperai ; ma prima vogio aaotir Roaaora; 
^ogio un poco che la me diga come x^ aodà 
el oegodo de gieraera e come ghe intrava 
;qael cagadonao (à) de aior Lelio, (apra eoi* 
ta chioifé) Roaaora, sesta levada f zaata fo« 
atia ? Viao ftiora, che te vogio parlar. 



(a) Incaaiato* 

(b) Disgraziaifi* 



,y Google 



4» 
SCENA y, 
«ouuAA e9Ct daOa camera e deUo, 

Rd. Ecoomi, lignor pikdra ; che mi eoniandat« ? 

Pa. Fia mia, quel ohe ze flt»j xe sta, e ooo te 
TOgìo rì/Dpro?erar mi falò (a) ohe podava dir 
qaiodaie, ma ohe furai te farà fadagnar la 
partia. Vogio da ti colameote laver come ze 
aodk cto negozio, e come qoa in camara eoo 
ti a' ha trova aior Fioriudo e sior Lelio. 

Ro. Credetemi, ooo oe ao nulla, da faooiolla o* 
oorata. 

Pa. Gotaa faviatu io sta camera? 

Bo. Aspettava che Colombina mi portasse la etn». 

Pa» Ma sior Lelio gerelo una piatansa? 

Mo, Io ooo r afeva Toduto. 

Pa. Come oo TaTevistu visto, se el te giara tao* 
to ficin? 

Mo. NoQ l'ho veduto, perche era all'oscuro. 

Pa, Ma perchè star a scuro f 

Bo, Colombina spense, il lume, e andò io eaoi« 
na a riaccenderlo. 

Pa* Ah, ahi Colombina ha stnà la lo se e la 
giara àndada a impizsarla (ò)? Bo capio ta- 
to.. Quela desgraziada, qoela ruoola (e) male* 
dia ze atada quela ob« t'ha meoà in oamera 

(a) Un fato che podepa dir ^idndese^ Jila» 
desi per metafora al giuoco del paUongroSm 
cot^ nel guaU ogni fauo conia quindici per 
gli avuersarL 

(hS Accenderla. 

(e) Erba amara odorosa , che si mangia in 
insalata, metaforicamente puoi dir meszani^ 



,y Google 



I do preteod«oti. F19 mìa,' basta ... (ILa xt in- 
Dooaata, Io credo « lo toeo co aiap.) Ma za 
ohe l'acideote Ita port^ cu«sl, bbo^iMi ma* 
formarse e «potar «ior Florindó. 

Ro, Oh, qaetta cosa dob mi dispiace nieote* 

Pa, Dooca ti ghe toI bea a sior fWiodo t 

jRo. 8« devo dire la Tarila, oon gli voglio male. 

Pa, O via, manco mal Aooito ti sai^ cooteota. 
Ma averti a esser una bona mngier» comis 
che ti zÀ «tada una bona fia. L' amor so 
coltiva co la confidenza , e se no mario e 
una magier scomeoza a viver desperai, .pre- 
sto pretto i deventa iiemioi. Se ti ghe voi 
beo, ti ha da cercar de secondar le so in- 

*. olioazion. Se alte vnol alegra, è ti mostra 
alegria ; se ti ghe piati malinconica, e ti so- 
spirando, ma solamente per elo, lalo mnofer 
m compassion. Se el te mena ai divertimaati, 
vaghe, ma 00 modestia ; se el te tieo in cosa, 
sfaghe C9 rattegnazioo. Se Ti zeloto tehiva (a), 
tuta le ocation de darghe totpeto^ ae el 
•6 fida, no te abutar de la so bontk. Se tk 
generoso, procura de regolaclo; se i*è «varoy 
|irocnra de ilnminarlo; e sera luto, se el 
cria, se el te dk causa de orlar, essi ti (^ 
la prioaa a tater ; se por ze possibile ehe 
una dona sia la prima a sbastar la ose. 

JRo. Vi ringrazio dì qnetti buoni avverkiaentL 
Cercherò dì valermene. Ma il signor Florio- 
do che fa f Dorme ancora ? 

Pa. Cfo ao; la camera 00 f ho goancora averta, 
atpeta, che adetso, te el xe leva, voi che te 
concluda su do pie sto oiairimooio. (pa per 

afTÌrc) 

(a) Ft^gL (b) Sii tu, 

Digitized by VjOOQlC 



43 

Jìo. (Voleste il oìelo ! Non redo l' ora di sentir- 
mi chiamare signora «posa.) 
P(2. Sior Florindo, xela io lato ? (a Rosaura.) 
Noi risponde, adesso andarò a veder se el 

dorme. (entra) 

jRo, S), ftì, fate prestino. Che rabbia avrà la si* 

gnora Beatrice! E ora non potrà farmi la 

padrona adesso. 
Pa» (Esce cojtfuso, e guarda, i 

tro e fiiorif e osserva bene 
JRo. (Mi par confuso; che sarà 

signor padre, che fa il signor 
Pa, Eh sì, adesso, adesso, (tor, 
Ro. Io non capisco questa sua 

glio darmi animo; voglio ai 

Che Wà mai ? Finalmente k m 
entrare, Pantalon esce 
Pa. Dove andeu, sfazzada? 
Ro, Non mi dite nulla ... andava a veder io ... 
Pa. TU» abiè ardir d' entrar in quela camera ; 

sior Florindo no xe gnancora vostro marie 
Ro, Ma almeno ditemi che cosa fa ? É egli io 

letto ? 
Pa, Siora si, e\ xh io leto; ghe dol un poco 

la testa, e el voi dormir. Aodi io te la vo« 

etra camera ; anemo. 
Rot Siete in collera? 
Pa. Auemo, abidì, se no volè ohe vaga in co* 

lera. 
Ro. Subito, eccomi v'ubbidisco; il ciel mi guardi 

di disgustarvi ! ( Ah , che io lascio gli occhi 

sa quella porta, ed il cuore non si parte da 

quella camera.) (entra nella sua stanza) 



,y Google 



SCENA n 

WAMTkiqjÈsm 

GoiDfl anca Florìodo me tra<IuM f fbrbano^ mJk 
goo ! oasil el ■!« miiUMi da fede ? al me dows* 
da la lU, a pò al aoampa par oo spoaarla? Ma » 
me alo fato a «campar de camera ? la porte (ie* 
ra serada. Per de dentro oo se «rerze ; t m 
a*aTerzis(ie, dopo oo sa pool serar aeosa tìàtn, 
Oh poferetQ mi ! Adesso scomenso a trem*, 
la mìa repatazioo [scomeosa a pericolar. Mi 
gntote, forti, coragio; troferò ator Fiorine 
lo oarcherò mi, lo farò cercar da Bnf^ 
a ao poco co le bone, a ao poco oo le fili*<i 
r obligherò a maolegoir la parola. Vaga li «^ 
aa e i copi, ma ohe se salva la reputaùoo. 
(porle lasciando aperta la p^ 

SCENA TIL 

mos4UB4 ^ola, pei ailbochuio 

ilo. Mio padre se n'4 andato, ed io ooo posfi * 
meno di ooa tornare io questa sala. Ob <J 
potessi entrar io qiiella camera, qaaòtò m(^ 
oooteota! Ma la modestia non lo pera«0i 
Eppure, chi sa! fòr«e il mio Florindo fl 
brama e mi sospira, ad a me òoo coorÌM 
ooiuolarlo per ora. 1 

jir, Siora Rosaura , oo le lagrime ai oahi i^ 

■ ralegro del vostro matrimqoió. 

Ho. Lo sai ancora tu che sono sposa, Af , 

Ar. Mo aodè là che avi fat' una gran bestisl* 

So. Per «he causa ho fiito male ì 



)y Google 



45 

•. Sa afffTÌ pazi^nn gera per tu an parti do 

molto iD«jo de qnésto. 

9. Qaal «ra questo miglior ptrtito? 

r. Vttertte «posada mi. 

7. Pazao ohe cai! ooo lasci ntiftì le tua tcioc- 

«herìe. 
r. Cosa' h ste «cioofiene ? Dìgh* da boa e noq 

bario. 

9, Ortfù, te mi tuoi bene, fammi uà piacere. 
Sntra I) nella niia camera, dote stli il sigaor 
Plorìodo nel letto, e fagli per me un'amba- 
sdata. 

r. Per farre veder oh* a ?e toi beo, lo farò: 
xa per iar amba^sade son fai' a poita. 

o. DigH che maudo a veder cuàie sta, e desi- 
dero di ràderlo. 

r, Goora sì (entra ndla camera dcp'eraFL) 

o. Almeno mi faoeese dire che entrassi; dicen- 
dolo egli, non farei male. 

y. (esce senzn parlare) 

)o. B bene Arlecchino, che t'ha detto il signor 
Florindo ì 

'r. Niente afato. 

10. Ma sta b«foe? 

fr. Credo ohe noi ttaga o& bea né mal. 

\o. Ma gli hai fatta V ambaioiata F 

fr, Onora ti 

{o. Ed egli che t*ha detto? 

fr. Niente afato. 

lo. Va lìi, torni, • dimandagli se gli duole il 

capo, 
ir, Onora al. ( PO, e poi toraa, e dice) L» 

team no la ghe dol. 
ffo* Digfi dùnque perche bon si lera. ^ 
4r, Goora al. (uà, e poi iornat e dice ) Vh 

Z9 leth. 

ft Uomo ffwUnti^ n,* ^S. 3 



)y Google 



46 

Bo. ]HgH perchè non vita* a w^dmaaL 

Jr, Goora sì. (pa, e poi tornai e dm:^) Bl i 

▼ede poco. 
Ho. Caro Arlecchino, digli che sa a» Ttiol bn 

si lasci da ma vedare. 
Ar. Gnora sì. (pa, e poi tórno, e tUcé) Ada 

al Tteo. 
Ho. Digli che solleciti e feoga prasto. 
Ar, Goora sì. (va^e dice dentro^ SI visa, 

TÌeo, el se veste a sabito el ▼ieo. 
jRo. Oh me felice ! Sento che il ooor« mi bl 

sa io petto dall* allegraxza. Arlecchioo, w 

o Doo fieoe? 
Ar, (dentro) Eoolo. (fi vede alzgr ia paròma 
Bo» Ècco il mio raro Bene. 
Ar. (Esce pestito con giubba e parroocMt < /' 
delle ywerenxe a Bo$aira 
Ito. fih, scimusito indrisoreto ! che fu» 

gli «biti d'Ouafio mio fratello f II aigoorKr 

riodo dof'èf 
Ar, Patrona cora^ cereheld tu • parchi a aa « 

me dk l'anemo de trotàrlo. Ma in ; 

sua soo qaa mi, e m* atebiss' mi» 
Bo, Come! non vi 4 Floriado? 
Ar. Gnora no. 
Mo. Eh ! ta m* inganni, 
Ar, Noi gh'è io cosciensa mìa. 
Ro, Non posso pia; modestia abbi pasì< 

{entra in camera di FIotìmìa 
Ar, La no gh' è certe. L' è oodà vie, el f ^ 

impianuda. Chi sa, che no la me toge m\ 

(Rosaura ettt 

Mo. Ah me iof^licel ah ma meschina* eh Fb 

lindo traditore! 'ah harbare! ah ipn^wi 

mi ha lasciata, mi ha tradite, «a v'è fnfgiM 
^r. No va desperi, soo qua ni. 



)y Google 



47 
Ho. Ho Aièir tedtlYó !l mlb povero padre cne«to 
« coufuso. Siamo assassinali. Ah Florindo cru- 
dele I queste sodo le promesse? «on queeti i 
- giarameotiP Ahimè ! (piange) mi tento morirei 
Hr» Siora padroooÌDa, do piaoz) che ma fé j^ìaa* 

Ber ftnoa mi. 
Jto. Mi manca il respiro, mi si osoura la lae^g 
mi sento la morte nel seno ; ma giacché dero 
morire, voglio spirare almeno su quel mede- 
simo letU> su cui quel disleaTe ha riposato 
la scorsa notte, 
j^. Eh, no fò sto spropesit ! 
Ro. S), voglio morire, e se non basta ad ucci* 
• dermi il debre, mi darò la morte colla mie 
mani. (entra in camera come sopra) 

Ar. Uh, uh, ohe smanie, che desperaziool (af« 
serva alla porta) La s' ha bntà sul lato , la 
pianse, la sa despera. L*à cussi desperada, 
no ghe ne voi saver alter, e za ohe so outsì 
beo vestido, voi andar a veder se trovo la 
me fortcrna. Le done ba<)ta ohe le ve<la un 
befabìt, subit le se inamora. Basta che i 
abia el lormat su la velada, sa in oà no gh'è 
pan, non importa. (porle) 

SQBN4 VUL 

nOKiNDO e BJUGHBILA. 

Br, E 00 omo de la so sorto se lassa far pan* 

ra da una dona? 
9t Ma che doveva io fare ? Beatrioe è la -pa* 

drona di ^asa, mi ha scacciato còme nn brìc« 

'oooe, ed io doveva' restarmene così maltrattatof 
Mr. Memaravégior el patron Ti al sior Pan* 

taio». El oif ha dito cho tt h Uoto la con* 



,y Google 



40 

dogt in caM|^ e al voi in tati i modi ohe M 

conci oda sto matrimooio* 
H, B qoMto è quello cha io decidaro. 
ir. Dooca la torna io ta la so oannera. L'aspa- 

ta ai sior Paotaloo. No la ce latta tadar da 

sìora Beatrice, a a mooMoti tut<^ taHi oomodà. 
WL Si, Brighella, farò MiMo per ottaaaro Roaa«^ 
' ra. Io quella canora altaoderò il tigoor Pao- 

talooe. 
Br, La vaga presto, ohe TÌeo tiora Baatrioe. 
PL Vado tabito. {entra nella camera dwe è 

Bxfamtra) 
Br. VardÀ a che tegoo arifa la petakuiaa d« 

ona nugier catival no la Tarda, per i «o caf- 

prioi, a ^eoif^tar la repalacian de la aasab 

SCENA IX. 

. BUTJUC» « BMGHKLU» 

^«. Sooo qui il bel toggcttiaol Qaetl» 4 il eoo- 

. gigltere iotimo del tigaor Pantalone. QwfA 

i il uottro direttore, il nottro maattro dì ca* 

«e, anzi il oottro padrone. 

Br, No to che motiTo T abia de parlar con 

mi co «ti teutii|ietilì, ré de darme tti tìtoli 

e tti rimproveri. Soo «erfitor dì casa, tervo 

tuli con fedeltà, e io quarant* aai che ter»© 

al «ior Paolalon non ho mai abù da la ona 

parola stprta; mi a eia ghe porlo tato eira* 

tpeto, ma non posso tofrir de teotirma ©a- 

,ricar di titoli che- non* mèrito, e aster aatfo 

a la berlina tenza raton. 

Be. Sentita come aha la ?oaa oodetto tamararàoF 

Br. Anca temerario la me dite. Siora Beatrice^ 

4^a port^^ fe#ptt9{ |>w«b4 la rt ni^iac. dal 



,y Google 



%9 

■no pAtrOD, da ritto, •• no ooniideraMe altro 

ohe 'la to nasoita, ghe reft|foBclei^ìa de trionfo. 

F«. Ah petulaiite, arro){aDte, llacciator Non so 

obi mi tenga cbo non ti dia qualche ooaa nel 

TISO. 

ir. t»n gho penaerìi ben a farlo, perche pò «a» 
la f> no Tarderò de precipkaraie. 

SCBNA X 

F&iffTàtOMt e tUtti, noBiirDo e aosiuaà di 
quando in quando si fanno veder dietro la 
portiera. 

Fa Coet'A? oote*& staP costa jce tto jnttoroP 

Be. Beco fi, il rottro dUettistimo tcrvitore, [la 
trottra spia, il vostro ftieztano, aka la voce,' o 
aka le mani, a mi perde il ritpetto; ed io ho 
da soffrire qnesto oltraggio ? E voi comporta- 
to ohe nn serritoracoìo maltratti vostra moglie? 
(piange) Oh cielo, a oh* stato tono ridott»! 

Br. (sotto POCO fi Paniatone che non gli ba- 
da) V amigo f^^, 

Pa. Cornei; Brighela ha ahno tanto ardir do 
perder d reepato a mia mngter ? un tervitov 
Im Io temoritaa de tcambiar parola co h to 
patrona? 

Br. Ma bisogna che la sipìa ... 

Pd. Tati, impertinente, atenaszo; per qaal^ Se 
aia raton. Ber ^lal ter sia ttrapasso. ohe hi 
te aveste lato, do ti dovevi mai aztardarte da 
«bar k ote, e de r«becarta, come se no gho 
fotte diferensa da eia a ti 

Br, B aveia de tofrir, teoza parlar? (piano d 

Panialone) L' amigo fé drente ... 
Po* SÌM »\ avevi da tofrir. Chi mangia al plui 



)y Google 



6o 

d« «Itri hi eia 8p(nr ; • ^ao^o so m ìhA. jo 
no te poi tofrir, s« domanda licefju, ^0 «%v« 
a far ì fati sci, ma 00 ce rtsponde, 00 ce fìi 
•I bel umor. 

Br. (pianò) La tenta, gh^ dlgo clie». 

Pa, Fìoalmante la se mia mugìar, • ^9p9 ekm 
ÌM sia respetada qaaoto mi e pia de mL E 
▼a, sior toco de petalante, and^ s abito ria do 
tta casa. 

Br, Come ! 00 a^rvitor de la mìa aorte, ohe per 

. qaarant' ani 1* h» aer? ida eoo tanta fedeltà .^ 

Pa. Se m* arÀ aarvio con fedeltà , vf^ fato al 
debito vostro, e mi v' lio paga poott»aliiMnte ; 
o se Te reato qualcoaaa de salario, faremo i 
conti, e ▼« salderò, (gli dà Maia iorsio) In- 
tanto tote sti Teniicinqoe ducati a oooto, e an* 
di a far ) fati vostri. 1, 

Sr, La prego de compatimento^.. 

Pa. N'o ghe compitiaento che tagoa ; and4 ^th 
aubito. ToU sti &«szS, o ve li trago in lei 
muso. 

^r. Beo ! co la rol casa), eassl sia : .'iogo 1 Ttan» 
ticinqiie ducati, a m« la bato. Pazié<izti I (Quea 
sto r k un castigo che no me dispias^, e i|B« 
tanto i amici i se direrte a quatro ochì-) 

SCElUSa 

MHTA^OKt « minici^ 

Be, (Gran prodieìo^ «ho mio marito abbi« OM* 
ciato di' casa Brighella per amor mio I ) 

Po, Veden, fia mia, .come te fa e castigar i ter*. 
Titori che do gè risp^ per i so perooì? Ioh 
pari, perchè Te foglio ben, perche fessa iti- 



,y Google 



\ 



6t 

ttt da m, v'iio A sta foddìifastoo. Dova* 
rtni ao adesso anca Ta far l'Jgtesso verso 
da mi, « licensiar da sta casa Colombina a 
Ariaohio, oha eoo tanta tamaritli i trata co mi, 
coma sa fossa al gastaldo, e no i ma considera 
par qoal oha son. 

Be, Quanto a qpasto poi. Colombina a Arlaqcht*' 
DO fanno il mio sarrisio ; a voi non so cha 
abbiano perduto il rispetto, e non mi sento di 
Kcensiarli. 

Pa. Benissimo; imparerò a mie spese. Un'altra 
volta me savarò regolar. Ma Colombina a Ar- 
laehin ... 

Be. Ma Colombina a arlecchino ci staranno a 
▼ostro dispetto. Già vi eravate ingegnato di 
fingere la malattia della cattalda pef far par> 
lir Colombina, ma si è scoperto il varo, a sia« 
ta restato doloso. 

'J^a. Fia mia, no me vogiò scaldar al saogna. 
Qqasto xa ao nagosio dal qual gha ne par- 
leremo a so tempo. 

B€» Oh via, mutiamo discorso. Mi rallegro, si- 
gnor Pamtaloiie,'ofae avete fatta sposa la vostra 
fiflioola. 

Pa- (No la sa gnante che Pamigo se t'ha batua.) 
Cosse trolaa far ? xa magio cnstt L'aodark 
fora da casa, a va sar& lìbera de sto intrigo. 

Me» (ìidendp) Avete fatti gli abiti a qaesta 
eposa? 

Pa* Ho ordeok al bisogno per far le cosse pa* 
lite. 

Bs» B quando seguiranno questi sponsali? 
pa. Oh presto, presto! 

B^ Quanto mi vien da ridare. 
Ba^ Perche va vien da /idar ? (Stè a veder che 
le »m tuto.) 



,y Google 



2a 

Bè. B i! fa uo mainiuooio \p cai«i, 4ttat* du 
io 11* sappia nuUa f Brafo, cosi mi |na<e. 

Pa. L' ocasiou ha porta out»«ì. iUograsi^ qmb 
tiesi^razlada d« la vostra uauMsrWra. « pcvgkt 
el cielo che la «« fini^ta. 

Bc. £ voi credeu che quanto Ì>fl outriiBOW 
debba seguire f 

Pa. Lo credo «tji^qro. 

Be^ Quanto T'iogannate^ Audate, andate a at 
rer «dietro al signor sposo*^ Se la vostra figliaili 
non ha altro marito tuoI iorecohiMre faocidb- 

Pué DoDca savè la baronada cha al oa' Im latfl^ 
e ve oe ride ? 

Be. Lo so, e me ne rido, perchè io eoop qn4- 
Ja che ha fatto partire il signor FJoriade, «t 
avrà più ardir di tornarci, oè si ariischicrà 
più di trattare uo tal matriinonio. 

Pa. Beatrice, qua scomeosè a tocarma òm 
che me dio). IX o cerchi^ i^o cì^^ d^ pam* 
guitar anela povera puta, e par chtf abà av 
biziou de strapaszar Tonor do sta povera ca* 
sa. Me maravegio però de «ior Flortodo, sha 

, ascoltando va più de mi, tradissa in sta ma- 
niera una puta idocente, a on omo da ook 
come eoo mi 

Be. Eh, questi sooo scherzi deUa . gìoveaiA ! 

Pa. Queste le ze baronae, <}he marita una aoiùo- 
petada. Sior Floriodo ha 4a s|»oi«r mia fii. 
o el se farà cogoosser per un omo ìofaiM^ 

SGENA XII. 

FtoaiNDO e ROSAUKs escon di camera^ e detù, 

yLi Floriodo è un uomo oporàto, ed 4 
te di Rosa ora. 



)y Google 



65 

Pa: Cmm! 

Be. Gh« T«do ! 

Pa. Sk>r FlorÌDcJo, va se mano de mia fia? 

jpf. Si signore, ella ne ha avuta le fede. 

Pa» (a Rosaura) Fia mia, ti xè noTÌsza de sior 
Florindo P 

B.0. Signor at, l'abbiamo aggiustata fra di noi, 

Pa, Siora Beatrice, cossa diseu? (biirlandosi 
di Beatrice) No se poi far un matrimonio 
sansa de tu. Siòr Florindo oo ararli pl& ar* 
dir de meter i pie in sta casa. Se Bosaa- 
rft noa sposa altri che Florindo la se voi in« 
Teobtar fancialla. Ehi questi sono scherzi 
de la giorentù. Ab, ah, ah, quanto me fian da 
rider 1 

Be* (La rabbia mi divora, sento ch« la bile mi 
affoga. Voglio partire per non dargli piacere 
colle mie smanie.) Sempre non riderete. Se 
Don mi vendico, mi fulmini il cielO| mi stra- 
ieioi anr demone nell'inferno. {parte) 

SGsif A xm. 

PàlTTiLOllS, ROSSUllA e nOSlNDO. 

Pa, £1 oiel ghe fazsa la grazia. Sior Florindo, 
cossa xe sta metamorfosi? ora mi vedete^ o» 
ra non mi vedete. 

WL Già dalla signora Beatrice avete inteso come 
•ODO Stato costretto ad nsoire. Brighella poi 
mi ha illamio alo e qui ricondotto. Per celar* 
n^ da vostra moglie rientrai io questa stanza» 
ova piangente e quasi morta trovai la mia ca- 
ra Rosaura. La consolai colla mia presenza, 
la presi per la mano, e stavamo sotto quella 
poi^ticra ad aspettare il momenro fortunato 



,y Google 



H 

p«r prcMoUrot a ▼ot, •tnoi Fo^dso Mpttt* 
dèìh flisooni Beatri««. 

WU>. Pardoiiateni, se ho tratgr«<)ito il voatro oo* 
maodo. Uo accesso dì amorosa di. dolora ni 
ha trasportata in q nella camera, ove aTrai ter* 
mioato dì ▼Irere se ooo giooge?a Florìnda. 

Po. Orsa, non parlemo altro, th marie, a wam» 
gìe'r. $!or Florindo.DO la creda che ma vo* . 
già prevaler de sta eoagiantnra par naridar 
mia 6a senza doti), come fa tant^ pari a Uste 
mare a( dt d* sdouo ; go destìoà sia oaila di^ 
catì, e qoesta xe la so carta da dota. Mila 
ghe ne darò a la mai» per far «pialcha spasa, 
che ghe toI per far el sposalisio, a cieqtia 
mile gha'na darò quando la n'a?arà dito 
dota la li voi segarar. 

jF2. (Quésto h tatto effetto della vostra boo^ 
Io no'o lo merito e non lo cerco. 

Pa, Qnesto ze no ato de giusUzìa. Mta.fieM 
ze Dàstarda, e ze dover che la gb'abm la sa 
dota» 

JR0* Sijoor padre, se ma lo permettete^ ▼ogtia 
oondiirre il signor Florìndo a Tederà la mia 
oagoolioa, che Jia partorito V altro ^iaroo tra 
cagnolini che pa)oo dipinti. 

Pa, SU, A, manelo a veder qoel che ti voi; fa* 
ghe veder tato, che 1* è paron. 

Ft Danqua eoo sua licansa, signor saooero. • 

PéL Sior tenero, la aa comoda. 

FL Ah, che di ma non v'è nomo pi4 contaalo 
nel mondo ^ (parie) 

Ho. (Voglio più bene aFbrindo, che non voglio 
a mio padre, e ancor pia cha non volava ft 
aia madre. Povatioo f mi, i^ tanta, carena» f > 

(parte) 



)y Google 



SCEN4 XIV. 

FANTAIOin e pei OTtèYlO, 

Pa. A ftder «ti do noTizà me le rtgfegìa a h 

jiMaorra qnei tempi antighi, qnaodo anca mi 

con mìa mngier Pandora... Qnelala giara aoa 

dona de garbo. Sia maledb quando ho tioI« 

to OQftia. Ma co l'i fata» bisogna lodarla. 
Ot^ (ptnsaso passa davanti a Pantalone, si 
I cava il cappello, e non parla) 

Pa. (La Inna a fato il tondo), Compiei «ior fio ? 

aampra imnsonli, sempre oo la cagie re? oltae f 

ai mi omo molto biibatioo {a). 
Ot. Ma, bisogna esserlo per forza. Un aomo, 

che noo ha il suo bisogno, si Tergogna di 

comparire fra gli altri. 
Pa. No gavi el vostro bisogno? cossa ?a man* . 
j oa ? trenta ducati al mesa da butar fia, no i 
' Te baita? 

Ot. Non mi Saltano, signor no, non mi bastano. 
Po» Via, via, no me magni; se no i ve batta 

orasseremo la dosa ; ve ne darò dei altri. (Voi 

diiaperlo co le bona). 
Ot, Cospetto I cospetto I ootae ho da far io nel* 

V impegno in coi sono f 
Po. Io che impegno sea 7 Via, S9 la xe cosso 

lecita, e che se possa, ve agtuterò mi. 
Ot» Ho bisogno di cento dop^e. Sono in impe* 

gno di prestarle ad an amicOi • non posso 
I lare di meno. 

Pa. O amigo o amiga, o Improftar o donar, le 
cento dopia re la davo aù.^ 

(a) Jceigliaio 

Digitized by VjOOQlC 



ss 

Ot. Eh. mi burlftU volf 

Po. Tanto xe faro «h« pò ve burlo, qntotocb 
ÌD tto fluoiBCDto v« posso cootolor. Io slaktc 
M no gh'è oento dopi*, om §1» xo mi1« il** 
aiti» che tao parechlai per dar • aior Flon>- 
do, inarìo de mia fia, « foati^ «ag»à,a foU* 
' da dota; guasti ve li dagoafo; senive à»^ 
canto dopla peraoplir arimpegoo, e dclrt^ 
faremo i oonti co lo voatre mesate. Se a oodmii 
ói. (prende la borsa) Cootentìssinio (Cb«i^ 

vit^ k q avita? mio padre laol «sor ire.) 
P<i. Gust), come che te diteva, £o mio, ho ■>■ 
rida to aorela co aior Floriodo, citadio dt k* 
na casa, e de mediocre fortuna. Ohe ^^ 
mila dacaki, ii|ile subito, acinqao «oUe colai 
li aver^ aegurai. P«r i cinque mile biii|M 
che ii prometa^ e bisogna che anoii ti te iifi^ 
sorÌTÌ, aciò, in caso de Ja mia morte, ao i 
jpossA dnbi^r che maocn U dot*. 
O/. Ma io sono figlio di famiglia, coma ^ 
obbligarmi f Potreste emanciparmi, e aUir*-- 
Po* Siben che spn mercante, ghe 09 ao uà p^ 
co anca de lege. Quando al fio de lamsgi*** 
obliga a U presenza del pace, f * iotoi^de sU^ 
pare ghe daga facoltà de obligtnie,, • Tatf' 
gaslon sussiste, coma te el (usse emancipi. 
OL Farò come volete. 

Pa. Olà. Da soriur. («K^i portano UnnJ^ 
e da scriperc) Via, sottoscrivi ste do csrti 
de dota, tute do compagne; upa.per •ior.Flo' 
nodo, e una per su. 
Ol (Non vorrei mi facesse qualche cayallflta!) 
Lasciate prima eh' io 1%, lagga s^ lo ho ^ 
sottoscrivere... 
Pa» Siben, gavè rasoo. Lezi pur ; sodisfeve. 
(dà il contratto di wmMi) 



)y Google 



Ot, {legge piano)' 

Fa, (£h cagadoDio! pupìfi ^dfltso te la fico). 
Oi. 3ta t>eoe, ecco ch'io mi sottoscriTO. Io Ot* 
tapio. Bisognosi qff^tTM e progetto quanto 
sopra^ ed in Jede mano propria, 
P^ Ee Visteti m que«t.'aIi|Mi qoiQpagna. 

(jgU dq y,^ altro foglio) 
0(, BéDÌsiìnfO, Jo Qu^^fo Bisognosi ec, (/a 
come Sopra* ^aff^ptp cA(( Ottavio si .sot' 
loscrì^e^ Pantata^e cqlh pmm opera, ch'egli 
non l^gga), . 

.Pa, (Oh adesso s^on co.at^ntpj^ Bisogncrk pò 
• che ti pepsi a' maridarte 901*9 ti. 
OL Eh, per me v' i tefD{:(Q. P^Uamo d' altro, 
Sig^ooj padre, sa vi couteptatf, vi ò ia aignoia 
Diaua che vorrebbe dirvi uoa. pafola. Sm vi 
par* di accoi'da^I^ quettf grazia, ora la ù» ve- 
utre, (Giacché, la luiia è buooa to' teutar la 
mia sorte). 
Po. Perchè no voress'i che T ascoltasse? Sóngio 
(ju^Iche preocjpe da no n^e . degnar ? assi ìm 
me dì ooor ; dise^hfi p^r che Ja vegha. 
Ol Vado dunque a introdurla... (jfuol partire) 
Pn, Oe disiè, <9veu gQent«,vq coss^ che la vogia? 
Ot, ha 80 e noQ Jo fo, ^a h^ttA poaso dirvi, 
che se io quello che lei richiederà vi è bìto* 
giio del mio assenso, di, questo ne sarate si* 
curo. (I^a signora Diana, ette ha <Ullo spirito, 
•clterrà forse più di :4ueUo potrei ottooere io 
se parlassi/. E poi ella è dooo^, e da mio pa- 
dre esìgerà più riguardo») (parte) 



,y Google 



6a 

SGENA IT. 

rAKTàiowB ffoi mua, 

Po* Za t' ho espio, mo eho la Ttgiia cho la mm- 
darò Tia eooteota. Sta carta, ita •otosprizioo 
oarpida, so anca 911, che no la {lol impedir 
ohe mio fio •• marida con ohi el toI la; mM 
spero che hi senrìrìi per meter ile le disseo- 
sioo tra Ottavio e siora Diane* E a mi por 
adesso aie basta cassi*- Xe hen ftro però cho 
per aver el mio intento, sta volta no me son 
cervio de la pr a densa, ma d* an scaltro ripie- 
go, che me fa poco onor. Me vergogno (i* a* 
▼erlo feto, no la xe più da omo prudente, 
no la ze degna de mi ; ma f amor del pare 
qualche volta trasporta; e se se trova in certe 
oeasion ^ dofej abaadonandose a le passioo, 
le pradenia non ^ha tempo de ilominar. Ho 
Torave che gnanea Taria savesse el modo che 
ho tegnà per carpir sta sotoserizion. Me no 
eervivò con ceateìa ; farò che mio fio no lo 
diga e msson, perchè no forate mai, che qa«I- 
Chedon de qneK che me crede omo savio, to« 
lesse in sto foto esempio da mi , e imparasse 
m Talerse de te finsion,'la qoal in ogni teikipo, 
in ogni ooanon dare esser aboria, condanada, 
tome die Peborisso e la condono anca mi. 
El cielo favorisse la mia intenaion, perchè ve* 
gnindo sta patrona in casa ima, meto sobito io 
opera el mio disogno» 
DL Signor Paotaboe, ▼eramento parrli strano 
eh' io venga in casa vostra • parlarvi di un 
affare, che doteve esler diversamente traitato, 
ma la bonlh cine jerì ho scoperta In voi ver- 



,y Google 



•o èì BM, e lo ilito tn cui preraoteatcnte ni 
trovo, mi oEbCgano ■ far qaMto patto* 

Fa Se la m* af«M« dagnìi d* un to comando, sa- 
rava f«goà fio a casa a servirla, ma sa cht la 
s' ha d«goà de vegoirme a onorar, la parla par 
lib«ramaota, ohe ma (wò gloria da ubidirla, 
per qaaoto $• astaodari le mia foraa. 

Dì. Qui liisogòa levarsi la maiohara, a svalara • 
ogni arcano* Il signor Ottavio, vostro figliuolo, 
mostra di essere di ma invaghito, e mi ha da- 
ta la feda di sposo, lo non voleva accettare 
ima tale ofierta, sansa prima assionraran del* 
vostro assenso, ad egli mi fa sperare, che voi 
non siate par opporvi alle nostra oozse L' af- ^ 
lare però i delioato ; e tnttocchi lo sia ve- 
dova, oiò nonostante non voglio pi& a laogo 
tollerare la frequenza delle sue vicita, sen^ 
una concIntioDv Ecco il motivo per eoi vi 
do il preeeara incomodo; desidero sapere la 
vostra intensione sopra di ciò, a alla bnooa 
diaposisione, che in voi spero di ritrovare, ag- 
giungo le mie preghiere per il desiderio ohe 
tengo di unirmi in parentado con una si de* 
goa e rispettata famiglia* 

"Po, Siora Diana, ella me fa pia onor che no 
merito, e no me stimarava degno d^aver per 
niora una sentildona de tanta stima. 6he di* 
f o ben, che mio fio degenera dal so sangue 
trattando con ala cussi mal ,/ e tioleodQge 
spasso d* una persona che merita tutta la 
veoerasioa o al respeto. 

Dì. Come ! si prende spasso di 0M ? ooo che 
fondaoBeoto lo dite? 

Pa, La perdona V interogasioa impropria ; sala 
lecer f 

Di' So leggere .al cacto. 



,y Google 



Pa. <!ospoìhI4 •! «Mrat«r« òm «lo tt» f 

Dì. ho coooscQ. 

f<x. DoDoa U Uu\ giatto «DOfitf Ottm k 
«otoscrito el oontcato co la fi* d« fior Pn 
crazie AretQtl l«a Tarda t OtUuda BisoffM 
prometto sposar la signora MiciOtcm Jn 
tusi -.. e per dotOf e a nome di dote éaeà 
sessanta miUa, iLegge qua e iày e faaadi 
accompagnar Dianm cM •cà»] 

Di. Dan^ap Ouavio così où tra(iÌ40«k ani likr 
oUce così? 

Fa* Ma despìase tofinUamaota : naé no gbì 
più rimedio. IjI^ fasza che l' arertioBaoto gk 
aerT|i per V i^Tegnir. Coi fioì do famegis m 
la ae ne impazza. Lastriaaimiv lioaaio aÀnirk 
10 altro ? (La madatioa ha mto qo* ebai 
operazipQ.) 

Di. Ah, per aipor del cìalo^ signor Paotalone^ 

Fa, Co so booa grazia ; bisogna cba taga ■ 
metà. (Ingiqti •!# pilota , a ioipara a far som 
la zoT«Dtù.) (^patì^ì 

5CENA XVL 

piàHA /ipi OTTAVIO, 

Jìì. Chi iotese ma} pl^ barbaro tradìmaoto ? X 
lo. fcellerato, per maggior mio acoroo, ai 
manda a farmi deridere da suo padre? 

Ot. E bene, come aod^ la faoceoda ? 

J}L Come andò, eh? coma per l'appunto dea* 
deravà la tua perfidi». Sarai cooteoto or ob« 
mi hai STergognata io iaccìa del tuo medesi- 
mo genitore. 

Oii Come? che dite? 

Hi. Ma perohà non dirmtala tu, scallerafD? 



)y Google 



6i 
p«rck& upii •yelirmi ^IV ttt« Ix^ca il segre- 
to ch« avevi nel cuora? Parche fanD«Io' sa- 
per da tuo padre? 

Ol jVla io rimaogo attooìto. Cb« v* ha detto 
tnio padre ? 

Di. Va, sposa la aigaora Eleooora, preoditi la 
pìngue dote dì sfusanta mila ducali, ma noo 
ti lusingare ohe io lasciar voglia ioveodicati i 
coiei torti. 

OL Signora Diana, ve T ho detto ; aio padre 4 
un rocchio furbo; vi arra dato ad iotendera 
lucciole per lanterna. 

Dì. Ancor fingi ? ancor vi schernisci ? Io co- 
nosco il too carattere ; pur troppo hai tu 
sottoscrìtta in un foglio la tua £>rtana e la 
mia morte. 

Ot. Ma di che foglio parlate? si può sapere? 

DL Lo devo ripetere p^ir mio rossore, ^ e per 
tuo contento ? Lessi il contratta nnsiale da 
te sottoscritto colla «infiora £lop«ora Aratnsi. 

Ot. Dov' h questo contratto ? 

DL Tuo padre Teveva, a Jfha tattafla nella 
mani* \S 

Ot^ E quando l' ho io sottoscritto f 

DL Oggi, barbaro, oggi, tu fhai firmato. 

Oi. Eh, che sbagliate! Poc'anat ho sotkoccrilto 
il contratto odiala di m,ia forsJla. col aìgoo» 
FJuriodo. 

Dì. Inventami del|e iavole ; MO leggara, e Oon»* 
SCO il tuo carattere. Dfte U scrittura t Otla- 
TÌo Bisognosi promette sposare la signora Eleo- 
nora Àretusi ; e sotto vi i di toa mano: Io 
Ottavio Bisognosi affermo e prometto quanto 
sopra, ed iu fede mano propria. 

Ot. Ali, mio padre mi ha iraditol qoel foglio 
ch'io cred/i simile atl* altro... io aou lo let* 



,y Google 



« ... ae è« £dai ... ah dorè arnrt U 
d'4iD nomo! Diana ima, tiamo •otrambi tra- 
diti ; io SODO ÌDD00«otf. Mio padre, prefal«»- 
dott della nia bnoaa fede, ha carpita £ra»- 
doUntemeate la mia aottosariziooe. 

Di Eb« dà ad intendere limili soiooclfteiie a 
de' bambini, non alìe donna mie parL Sai aa 
bugiardo, aei no ioganoatore. 

Oi> Ma oradetemi ... 

Vi No, che noo ti Togfio pia credore. IG W 
iagaonata abbaataosa. Ma avrò «neor io o»' 
rfggio bastante per iteordarmi 4i te, te la 
l^avsti d'abbandonarmi. 

Ot, S4otite, Diana... W giaron* 

Di- Taoi, spargiaro, non irritar lo sdegno dai 
cielo. Ti lascio per mai più rifederti. (;Mrte) 

SCBNA XVIL 

omno poi BnTRici. 

OV. J'armotafi #•• (pa per éeguùia. Beatrice 

iù chiama^ 
Be, Signor Ottavio, trattenete^, non vi lasciata 

trasportare dal dolore. 6ik intesi il tutto, a 

dico che Toatro padre k nna fiera erndele. 
Oi* Signora Beatrice, mio padre vaol la mis 

morte. 
9e* Sarebbe maglio ad asso 11 morire, qael 

vecchio pauo disumanato. 
Oì, Crepasse pure in questo momento! 
Be, Sta a voi il rendervi felice. 
Ot. Gpme? 

Ve. Accelerando la morte a quel barbaro, 
uà, Ahi che ani ditef Eia natura abborrisci 

9iiae«'.i^le«ialo. 



)y Google 



63 
f#. Ib «mo. ptrò la ofltor» non parla • farore 
del figliaoù • d«lla mogK*. Egli na hnagna 
' • disooiaoaroi, Biaatr« eolia eoa eraileltk to- 
^ gUa la vita ad entrambi. 
'^i; Par troppo agli ci vaol latti morti ; a ooa 

* vagg^ altro rioiedio per noi cht pravaoirlo, 
' Ma non avrai caore di farlo* 

^he. E' avrei baa io pacato eaora; mi l»attareb* 
ba il rostro aooeorte. (É giaota a segno la 
nua passiona per Lelio, il mio oidio par qaol 

* ▼«cobio iosaaaato, che m'impedisea ogni mia 
' falicilii, ohe fon già risolatt ad agni pia atreea 
« sDisfatto.) 

ìt. {Dopò aver pass*ggiaiù un poco pen* 

sapido) (i^b «OB«i«aa risatvtrai* La mm di- 

'^ aperasiaoe 4 alT catramo.) (« Btntr.) K coom 

^ potremo aaagair le nostra Tcodttte? 

9«« Provfodetami d' aa baao velenoi e a die la» 

aeiata la oara. 
OK Ab aigaora Beetnea» imilmaoté agli è a ma 

p«4f*, a voi oMnloI 

B&, .(f^ gib fatta il gran paaao; mi sobo eeoper» 

^ la. a ae oba lo ridaco all' «flètto io tono par- 

I; data.) Non merita qaetti dolci nomi nn ber* 

'' l»aro padre, oa marito erodale. Egli vaol fe^ 

" eidió di tatti noi, e noi colle omn alla cinto- 

^ la aspattetemo ch'agli trionfi colla nostra mor- 

i taf Alla fina ha vissuto abbastanxa; sa gli ^ 

possono aaeoreiara pochi momenti di vita, e noi 

▼i guadagniamo la nostra qniate e i noatri 

aaateoti. Io mi libero da una così toroientosa 

catana, a voi divenendo T assolato padron di 

•oi stesso^ f di tutte la ricehesae di questua* 

varissiam racchìo» pate»a sposarvi la signora 

Diana» e g^re saeo felici i giemi tutti di 

vostra tita, AhrioMnii vi coovarrb abbamloiMlf» 



)y Google 



pcceipUariì • qMnr« dalb disperwiot. Aw 
if foi 9ue4to Cttort? 

O/. A quMta orribile ìé— mw fK»««o iLiit>w> 

, Piftoa pvla al nii» ^nwe eoo laR^iw fmm 
del padre. Tutto ti fiiccM per «olvar k >« 
Tito o il aio .«aere. Aueadeteaù, èhm 0OI w> 
leoo ira poobì momoBli riuraou (/«t*^ 

it4. Ed io BOP lordopò m porlo bb •per». M^ 
Joratif tino veoehio, ioito i* bai dm pagv ■■ 
no pqoto. PrifaroN dalle auo o b mi lu mìiw ' 
mÌDacciar di «arnu-oM tra ^oaitro aK>ra,p(» 
bir a Lelio rha pia dod Blatta p»4 ìb patiti 
4;a«a? a* q«ol Lolio, cb' 4 f bbìco BBior bìi, 
•eosa di cai afSoIntaBMOte bob potrai ?ìatf^ 
nuriur Rofann à mio di i p a tf , fcafliigginBÌi 
ridersi, boriasi di ve? sa Ba Im §iaraUii>- 
delta, aaprd bsB aneha «legaifla. Cba ai si^ 
disfi, dia flii teBdichi, e poi bb aaadtt add» 
^p i^oba il noado. amo matriwuaii, km 
solo per ioleresse eoa ^Basto m wmm aeapit 
odiosissimo Taocbio, bob pOftea rosoicB «hiiA 

. no fooestisfiad» fioa. 

SCENA ZYIIL 

Conile in casa di Pamtaiome 

ooioMinu pai àtLiccasNo 

Co. Eppora quel vaetlmeoio dal wào padrtit 
Bii aveva gabbata^ sa la .padrona bob aii if 
oeva aprir gli ocóbi.- Blia aiadra ala BMlt* br 
se, od io ara aaa passa % iMoiaraB levar & 
casa «OB sì bel praleato. À Imb fwo pii^ 
dia il vcccbio BOB bù pn^ tmàm*, a bmi «I 



)y Google 



65 
Itfftiierii- ouì aver pao«; 0D(I« te mi TÌeoft oc* 
cafioD* dì marìiarmi lo foglio ftHre, e allora 
uscirò di OASft eoo ripatasioDe. Vi sarebbe 
Arlecchino, che non ni dispiace; è ao |)ocO 
sciocco, OM per la moglie non ò male che il 
marito sia sciocco. Bccolo apponto, ed & re- 
stilo cogli abiti del signor pttavio; qualouoa 

' delle sue solite galanterie. ^ còme sta bene! 

4r. Largo, largo al fior della nobihà. 

^Co, Buon giorno, Arlecchino. 

Ar. (con sussiego) Addio, bella aittella. 

^Ca. Che fool dira cha stai co^ sassiegato me* 

• co? 

Jr^ La nobiltii noa ^ abbassa aotlè femmtoe cu* 

' oioaoti. 

'Cb. Ghel sei dlTeotato nobile? 

^Jr. Non vedi l'abito? 

^Co. L'abito non fa il aobile. 

Jr, Eppur al dì d' oggi basca no bel abito per 

' arar del lastrissimo. 

'C«. Hai ragione. Donane di me non ti degni? 

Jr» No certo. 

Co. E pur so che tu mi foleti bene. 

Jr. E te ne foria ancora se non fusse cata- 

Co. E se io fossi indamat», mi .Terresti allora 

bene? 
Jr. Sigaro; te ameria qnanto la pupilla degli 

Circhi miei. 
Co. Illostrisèimo signore, sì coolenti d'aspettare 

un pochino, pochino. (Voglio secondar il di 

lui umore')* 
Jr. Aadale, andate, balbi ragSss», che noi ti a- 

apeMiamo. ( fino che torna Cdambina, ^ 

Itcddmo fedeìU bt^onerw, affeUando e a* 



)y Google 



66 
, gi^mdoJfi, P9Ì toma Ctdomifùta^ cm^ imàarh 

no € dfffiada dama) 
Co» Gafaiiere, ■«roi ai*toch*M«. 
^. Bslla dama, ■ voi mi prostro. 
. C^. Va cavaliere imi» itia ben« •«««» la étm», 
Àr. NÀ la dama ita beo tensa dal eavatiera. 
Co. Dunqua •« v* ovmpiaoeta ..» 
Jir. Duoque te ti degaata ». 
Cd. Io v'offro la mia de«tra. 
Ar, Ed io la mia ÙBiatrff, 

SGENA XU. 

rAffTAXoNs in disparte che ass€nm^ e dm 

Co, E ooo la oMao vi coesacro il bm* ««ore. 

Ar, E ooo la mia vi dooo la «oratala. 

Co, Gol lacìo d' Imeneo le nostra sobilla ti mi* 

giuogano. 
Jtr. Per far raxxa di oobili bìrbaatallù 
Pa.(Fa cenno da sé che vuol àurlarù, e pof 

Ce» Ah, eh* io pieno d* amore ! 

Ar, Ah, uh* io spirito dalla faoMt 

Co* Venga nel mio feado, che potrìi laaiufi. 

Afm E qua! « U vostro feudo f 

Co, La cucioa* 

Ar, Questo è uà marohesato, eke yal pia d'uà 

regno. 
Co, Gola troverà i suoi aadditì. 
Ar* E chi sono| li sudditi P 
Co, Alesso, friuo, ragù, arrosto, stupito. 
Ar* Io mi mangio in un giorno il marehesilo. 
Ba* {Torna con ^fuattro uamimi, ai qaaà «r- 
, ,diaa con ceruU oiò che d^eene faro^ e te^ 

Sta in disparte* I ^uattre uemùii^é' anuif 



)y Google 



e due Arlecchino* J^si porreèòero patiart^ 
ma gU uomini H minacciano, e. Ù fanno 
star cJied, e li ledano datiamo gli abiti 
da cavaUere e da dama sempre sentta 
parlare, e Pantalone se ne ride, poi mei' 
tono in capo a Colombina un %endide, 4 
addosso od Arlecchino uno straccio difkr^ 
re^uolo, danno loro mano uno per parie, e 
li conducono pia, sempre alla mutola^ Co* 
iombina da una parte, e Arlecchino dal* 
t altra. 
Co. Addio cavaliere, (perso Arlecchino partendo) 
Ar, kdéìoéàm%(jteìla Stessa maniera, e sospi* 

randa) 
Pa* Sertli bea io qaei OMgasMiii fina a tMatM- 
ra, che pò U mandaramo do?e che i ha 
d' andar* 

SCENA XX. 



FarbazziJ 9% poi far de pezsof a poeo • la 
folta loro giara i paroni, • mi al aerritor. 
Che i staga aoeao io caponera; domao i man- 
darò in tao* altro paaae. A poeo a la Tolta 
poi etaar che a« rìetn da dar regola a al» 
oaTe eombataa da la borasca de tante ooo« 
trarietè. Col giudizio, coi ripieghi, eoi beni 
e 00 la prodeosa, «pero auptrar le tenpeelo 
d'aoa eattita mogier, al veoto d'oo caligo 
fio, i aeogi d'aoa paaaioMi aerffità, e arivaMio 
al porto de la paso « da fai quieta, oontar con 
gloria i perìcoli, • raoocdaroM «on Rubilo 
da la paaaaa dai^raaic* 



)y Google 



ATTO TERZO 



SGBNA PRIMA. 

Cutina con finestra in casa di P/attaioae* 
OBH fiioca aceesù e pori^ penioie ai fi- 
colare, TatfòlÙM ^<f» i^ iomio ed tm cm- 
€hiajo, 

cuoco che lavùreiy poi MAtiMCt con vtuj fo^i 
in mono, 

Be* {di dentro)' J\.r\é9cì£wi, QQÌoùìhtaa, Arfec 
ohinof (esce) Non si teotooo doìi si troTnnò; 
«h ! aMoLiUamente i cosi; Il v«cchio me gli ha 
fatti ipartre. Gìafo al cielo, l'avrai finita uaa 
volta, vecchìaccio indegno. Questo ?eleno ai 
libererà dalla tua lormentesa calooa. Ma Co- 
lombloii DOa o* i, « nOu «o pone mi far*. Co* 
•tni mi dà «ogg*>zioae ... or l'ho p'ìosaia beo-. 
Così si faccia. EHiì, cuoco. 

Ckt. lUattrissima. 

Be. Avete molto ch« faref 

Ot. S' immagiui, soo solo. 

Be. Aoch'io sou sola, per grttia d«l Tosfro ti- 
gnor padrone che ha Heenziata ttafcta'U corti- 
tò, ed ho bitogpo di far ricapitare qattti due 
fògli. 

Gt. Ma io non pono; f«da beo», ho le peaioh 

al fuoco. 
Be. Bisogna andurri a«soTu|0neii««. 
Cu. £ se If fivaode aitderói^o ^ «ale f 



)y Google 



«9 

9e. TacU «1 c|it?ot<y lotto, wm qaesto s*ba da fart» 

Ca, Il ^drooe griderìu 

Be» La padrona sod' io» 

Cu. B il cUsiuara chi lo (àÀf 

Be. Il boia che l'appiecbi. Va e porta qarftì vi* 
glifltti, a noa replicare. 

Osi. Gomaodi chi può, ubbidisca chi deve» Al johi 
vanno, iilnatritaioia f 

Be. Qneato va al signor Lelio Aneelmi, e questo 
aHa aìgtfora Diana Ardenti. Recali subita, e lat* 
ti dare la risposta» 

Q$, Sark pootaalmente servita. Ma la saj^pltco 
far dar un'occhiata alle pentole •••,( Oh ma- 
ledetta !) 

Be. Che vi A io quelle pentole? 

Cu. Io questa oiiv^ragà di polli nUa francese. Io 
questa un peazo di carne pasticciata. ' In qua* 
sta dell* erbe per nnaaoppn sante ^ in questa 
qusttro maccharoni psr la servitù, ^ in qoesta 
kpanatelU per il signor Pantalone. 

Be. IWon dubitare» che se eapiterii aknnn» farò 
assistere alla cucina. 

Co. Me noa pibtrebba OMUsdar questi due ?i« 
gIiettÌM. 

Be. Ànimo, non pia parole. 
Ck, Vado subito. (Uh^ chi| diavolaccio è eoatei!) 

(parte) 

SCElUa IL 

ÈMkVMJiCM^ poi OTTAT19. 

Be. Può darsi che il veleno produca colla *inor» 

ta di Pantalone qualche disordine, perci^ vo* 

glio. procurare di avere io casa qnalclm cmn- 

pagnia; mentre^ in tali casi noO àjuta 'l' altro. 

L' Uomo prudente^ u* 4^* 4 



,y Google 



70 
Ma già ch« ìb quel p«otoiÌQO ti i K pMMtol' 
la éi PaotaloD», qaeÙ* tarb a propoaito p« 
farà l'oparanoDe. Beco io questa poca pol««- 
re U mia vandatta. {va , al focolare e mOU 
il veleno nella pentola ) Mangiala oba buoi 
prò li faccia. Nao avrebba da andar troppe 
in luogo V affatto di quealo Telano , poiebÀ ii 
dote À molto caricata. 

Òt, (affannato) Sigoora Beatrice. 

"^Be. Che vi.i di duoto? 

Ot, Avete rìeaTate da quella donna il foglio » 
giUato col telano? 

Be. Certo, V ho atato. 

Ot. Datamelo, datemelo. 

Be. Parchi f 

Ot, Datemelo, • noo paaaata altro. 

Be. È gik metto in opera. 

Ot, Come f L' ha l»ef oto mio padre ? 

Bm. No, ma è in una di quelle pentola ohe t»' 

^7no al fooeo; 

Ot. Io quale f 

Be. Io uoa di quella. 

Ot. Le butterò tutte toaaopra. Ab, ohe il rMir* 
ao mi rode il onore! Sento un' isquiatadioe 
ohe mi tormenta. 'La natura ioorridiu di eo- 
si atroce delitto, mi rimprovera già di parricida. 

Be. (Oimi, aono perduta 1 Bitogoa iogaooarlo.) 

Ot. Ho gii persuasa la aignora Diana della mia 
innooensa; o sa mio padre npo approta le 
noatre nosae, noi la faremo taosa di lui ; banche 
m'abbia egli fatto sottoscriver quel foglio, uà 
matrimonio sacralo tronca qualunque promes- 
sa. Non fia mai vero, che io cooperi alla mof 
' Jta di chi mi. ha data la vili. 

Be. Avete ragiona, anch'io ne oomiooiava a t^h 
tir della pena , ?oi sieic figlio, a ti aentìte 



)y Google 



71 
muovere pel nome ò\ padre; aotth'io final* 
mente' ton moglie, e il vostro .e«empio mi rit- 
▼eglia Tamor del copcorte. Credetemi, lo fa" 

' ceva più per voi, ohe per me. (S* egli k rìcon« 
ciliato ooir Diana, pia non onrà le sua vao- 
dette, io non voglio trascurare le mie.) 

'Ot, Qual À dunque la pentola io cui boUt il 
veleno ? 

Be. S), oaro OttaTto, figlio veramente amoroso 
e prudente, (va ai focolare & prende uri altra 
pentola ed un cucchiajó) Eccovi in qaest^erbe, 
destinate per una' zuppa da darsi al povero 
Pantalone, Tarsenico che mi avete mandato. 
Gettatele giù da quella finestra nel fiume,^ e sì 
disperda con esse la memoria del nostro er- 
rore. . ( Purché 1* efiistto succeda , accada poi 
ciò che vuole.) 

Ot. Vaso indegno, ricolmo d^niquitk, Tatti a Sep- 
pellire nelle acque, ansi nel fondo d'ahisso. 

{getta la pentola dalla finestra) 

Be. (Povere erb« uon hanno colpa veruna!)^ 

^/. Ora sono contenro. 

Be, Deh, in un perpetuo silenzio si nasconda il 
tentativo. 

i)t. Ci va egualmente dalla mia che della vo- 
stra saUezz.V Or che ho salvato mio padre, 
torno più li^to dalla mia sposa. (parte) 

Be. ^\% che 1 hai varamente salvato. Povero stol* 
tol e tu pensavi ch« ti volessi dire la verità ? 
Se non rolevì che tuo padre morisse; non mi 
dovevi provvedere il veleno; che. quando una 
donna disperata ha Tarme io mano di >vendi« 
carsi, morirebbe pintlosto, ohe tralasciare di 
farlo. , 0?ar/e) 



,y Google 



, . . . SCENA IH. 

KosàUKà con un cane in hracàom 

Q «l>«Tptodi§io! U Mgnora Beatrirs in caoìoa, 
f iatprDO U peateU! «aq danno. Mio p^dre 
Ifta licMivalo Colombina per cagion sna.; ^ic« 
§^ ora da *K Ma gran discorci iaceva qui 
9ùm mio frataUo. Mi par«, che abbia gettata 
una pentola dalla finestra; oh che paui! Ma 
non t'^ nemmeno il ouaco? Vorrei dare an 

„ poco 4i pappa •Ihi aia cagnoiina* Adeato, 
adesso, piccina, aspetta, guarderò io ae c'À 
Bolla par te* {pa al focUare) Oh, ecco ap- 
punto deUa pap{>a; sarà di mio padre. Koo 
imiioria. Uu^ poco ne darò a P-rlina, e poi un 
poco ancora a Moschina tua sorella, aai ì 
Vieni, cara, riwu (Zepa un poco' di ponatel- 
la dotta pentola con un cucchù^o, e la 
mette in tm tondini in terra vicino al fuco' 
, laref pM mette in terra Perlina acciò vada 
a mangiare^ ed essa^ dopo an7tasat€Lla, fugge 
4erUro-€dle scene. Rosaura rientra nella sce^ 
ma per ripigliar la cagna Jhggita, e ne por- 
. tia fuori un altra simile a quella^ ma di le^ 
gito, dipinta come Perlina, e ai essa somi» 
gUaniissimat la quale dal popolo viene 
creduta Perlinay e la pone vicino al ton- 
dino deUa pinatella, come fosse la pritma 
cagna ; poi dice.) O ?ia mangia, che ora va* 
do a prender Moscbina ■; quanto bene, eh* io 
voglio a queste bestiolinel Ma più però al mio 
f posino. (^ parte ) 

La finta cngnuola, essendo snodata^ e raC' 
comandata a varj fili *orditi al di so- 
pr^ del teatro e ai laterali di esso, si fa 
giuocare come se il veleno in lei operas» 



,y Google 



7B 
«e . Si ped€ a fare coTttordmefid , tùl* 
ii e capitomòoli, e fincdmtnte la si twU 
stesa in terra, cptne morta» Bosaura toma 
colla medesima cagna €U prima, che si finge 
sia Moschina, sorella, e simile a PerÙna. ) 
Cara là mia Mosohioa, M«KaBio a juao^iara 
la pappa 0(d1à torelliDa. Ma che Tee» ^ Pac^ 
liaa, ch« imi ttoo maiigia , ft tdrajatat ' pae 
morta I O ne ioftliee. che tara mai f ParKÌNi 
dico. Noo si muove. Édnra, darà; ohtqaaaUi 
robadoia ha rigaiiata f povan ma \ ParKna 
mi». (Intanto che le va intorno taglia i Ji& 
che la reggono, e la tira opantL) È mxniì»^ 
A morta, teos'altro è morta* Pofara Perliaa i 
Perlina mia t eimè, ehe dolora chlo proiol 
oimÀ DOD posso pia! 

SCENA lY. 

riOKiiioa e deità. 

VL Sposa, che avete f eba mai v'^ aooadalo-d} 

.mala? Parchi gridate al htuì 
Ko*.kh, caro Florindo, mirate là la olia Perii* 

oa morta coti ia un tratto. 
FL Me ae dispiace ; ma poi ooo mi para . alia 

una bestia esiga taeto- dolore* 
Ho. Eh, dite beae voi Wtri uooùoaoct ohe a- 

▼età il caor darò* 
VL Bla aTeva mala f come h morU ? 
Bom Era aaoa, sanisìoM* Le ho dato a maagiara 

di qaalh pappa,, ad i e abito morta* 
&. Guardate come vieo aera; pare avvelemits* 
Bo. Certo; altro che veleoo ooo poò essere sUto* 
FL Ossarfiamo qnesta paoateUa. (c^f^erpia à//Oi»» 

dino) Vi h dalla polvere crtsralliaav Di dove 

Vikiiut prasaf 



,y Google 



74 

Bo. Dfe qatlb pentola 

PL Vediamola un poeo« Capperi! vadati foi 
qatlla tpama? qoftUo 4 Taleoo. 

iZo. (manda dentro la cagna pervi) ft ri nuMH 
oò poco non oe mangiasse anco Mosolkioa« 
VaDoe, vaoda, cara, che l'odore ooo ti facesse 
morire* 

Fi» E per chi deve servire questo pancotto ? 

jRo* E^ solito mangiarlo mio padre* 

PL Dov'è il ctxocof 

S<9* Io non lo »o. Questa mattioa non ai ved^* 

FL ( Qui vi 4 qualche tradimento.) Ma ohi a^ 
tende al Cuoou? oessaooP 

Mo, Poco fa vidi la sonora Beatrice che vi at- 
tendava, e mi parve ponesse ' del sala nella 
pentole* 

Fi, Buono t 

Ito. B eoo asm fi era Ottavio iaìo fratello^. 

FL MegKo ! 

Mo. B fra di loro pareva ohe oofitandeaiero. 

FL Ah indegni I 

Bo» E Ottavio gettò aòa pentola dalla fioettra* . 

FL Ah traditori! 

Mo» Ma perchè di^e loro simili iogiorief 

FL Perchè, ehP semplice, che siete! Beatriov 
€d Ottavio volevano avvelenare il signor Pan- 
talone,' e se quella povera bestia non lo scopri- 
va, vostro padre innanzi sera moriva* 

Móf Misera me I che sento ! povero genTtorv I 
Mi vien da piaogers iolo nel figurarmelo. 

FL Ma ststa cheta, e non parlate a nessuno. La* 
sciata qui questa cagna, e qui questa pentola. 
Ora io rimedierò al tutto. (Tacere un simil 
fatto sorebbe un fomentare le loro perfide ini- 
quità. Chi risparmia i rai, sagrifio* gl'inno* 
centi) {pfrtc) 



,y Google 



75 
SCENA y. 

XOIAUKA, poi eiLMTAlONC 

Ho. Bceo I), povttrìoa f ehi ae TaTeste mai éet» 
to, che doTftffe eoe) miceramante morire! mi 
tanto ftrpppare il etiora. 
Pa, Fia mìa, eocta fasta io oiitint? 
Bp. (piangendo corrt aà ahbratdar Pantalo* 
ne ) Ah, oaro padre, siate tìvo, m ? ivrete per 
prodigio del cielo. 
Pa. Perchè P ootsa ri ala? 
JUh Riconoscete la vita da quella bestiolìoa. 
Pa. Perlina se morta P 

Ho. Sì, me ne dispiace, ma pii& sarei afflitta, se 
foste morto voi io di lei Teca,, mio caro. papk. 
Po. Ma cosse gh*iotrio mi con noe cagna 9 
Bo» Se non moriva essa» dovei^le morir voi. 
Po. Mi no t'intendo. 
Bù, Blla A morta di veleno. ' 
Pa. S per qnastol 
JU>. U veleno è in quella pentola... 
Pa. Avanti mo. 

Bo. Io quella pentola vi k npa panatalVa... 
Pa. B cussi f 

Bù. Quella papatella era destinata per voi. 

Po» Ateo ! ricn qua, fia mia, di* pian, che oissna 

ne senta. Come xalo sto negozio? cosse sa* 

stu? come lo sastu? 

Bo» Beco il testimonio di qael che io dico. P«r« 

lina À morta. La signora B«atrioa e Ottavio 

mio fratello sodo stetì i carnefici di quella po« 

vera svcuturata, e lo volevano essere di voi. 

Po, Via , no poi esser. Ti «e mai a. La cagna 

•are morta per altre canaa. Varda ben a, no 



)y Google 



■0 parlar. Varila ben • so dir gaente « aós' 
' ina. Che fé ti parli, te depfoo de fia. 
1^. Io Boa parlerò a BMsaao; aa ^nallo cht 

fi dieo 4 In ferità. * - 

Po, He se vero gaeale. So on «he lao xo varo 

gaaato. 
'^Ao. Eppnr qaeala velta v' lagaaaata ••* 
Po» ÀaefflOa aadè via de qaa^ cl«s questo «^ if 

ttogo per yir. 
Ilb. La mia povera eagaa... 
Fa, La cagaa laaaeta qoa. 
Ito. La vorrei.,* 

Po. No me fa andar ia colera, aadi via. 
Boé Ubbidhoo. (Aaderò o piaogér con lib«rtk) 

SGBNà VL 

ràntkìoHM 

Oran providenia del tielo, che ataitte l' toOcea* 
ca ! Sii de traditori i ne volava morto, e eoi 
aaerifiaio d* od* 1»eitiÉ ei eiel me salva la vi* 
ta. Par tropo vedo dal color a da Gì bava 
de ata povere eegoa, che la se aK>rta da relea, 
e qaela ze la solita piigoatela de la mi« pa* 
nade. Ah, Beatrìee erndell Ah, Otavio dea- 
umaok! eofsa ve falò sto povero veohie? 
Perehi no aspetar che la morte naturai, dM 
poco poi Urdar a vegair a trovarlo, ve lo lofa 
dai oohi seasa la machia da aa tfadìmeote f 
Povero Peataloa! aaa magier -solevada dal 
laago^ uà fio ak'Ievii tto tanto amor , tao do 
coaglurai a prooararme la morte ! e perchè f 
La mugier per larse ridìcola co la coovertr 
sioBj al io per precSpitarse col matrifflooio. ^ 



)y Google 



V ... ... 11 

potarli timanita! V omo s* fabrioa <!o fo po^ 
sta i precipui, • «1 compro oo le imbuita U 
so proprio rovioo. Cosso hogio do far in ^§ìm 
caio f User xe mal ; parlar xe peso. Se ta- 
so ghe filo fi lasso, ^o parlo tuio el taooioi 
lo sa. Tassodo xe io pericolo la mia vita; 
parlando pericola la repataàoa de la ^•éu 
Prudeota e cootegitt. Orsa, qua bisogoa aio* 
gar de testa. R«medìarghe, aia sansa strepito, 
Qael che ho fato.. de C^tlombiaa e de Arie- 
diio, farò de Beatrice. La farò serar'in tao 
liogo, che goanca t aria lo savarà, e oo man* 
cara pretesti per farla creder o in vita • 
amalada. Mio fio lo maodarò in Lerante, e mo 
libererò in sta maniera da do nemici senza 
aacrificarli, e senaa pabKcar i desordeni do 
la mia casa. Sta pignata, sto piato • ata ca* 
gna bisogna farli sperir, a ciò no s* tbia un 
. «omo da trofar el teatimooior de le so inde* 
gnitk e da lo mio vergogne.- Mani tropo bo» 
ni, pari tropo amorosi, specfaiefe in mi» «f con- 
sideri, che qnaiido I*obio se marida, al •• 
fabrica da la iroHe un lasso co le ao man, a 
quando ^ha MMse.uo fio, per al più ghe nas« 

(parie) 



sGENà ra. 

Camera con varie parte e tatfclÌHo . 

BB4XMCS e LIUO. 

Be* Ma tomte, di chi ar attf panra ? 

Xff. Eh, signora mia, mi ricordo del oompli- 

mauto dal signor Paoialooe. Mi tofticne del 

Uaboecheuo. 

Digitized by VjOOQlC 



78 

Be, Ptr libertni da •ìoiiIa nulkieoiiui , vi ho 
coodetto io sUfM § a poc 1a soaIo. 

£«, E cIm dus aomioi dtlh sohìoppttuto, oooio 
■odrii? 

B^. Non dttbìute. Vi gìnro sall'onor mìo, ohe 
.PanUloott fra poco oon sarà |liù in ictato ai 
■di c9Biaadar«i nk di ▼eDdicarti. 

Xe, M' af6do alle ?ostr« paraU , ooae fooì al 
voftro biglietto^ e per ubbidirTi ,- 

Be» Ditemi, sigóor Lelio, e parlaiemi con libar- 
Ui; arate voi verameoto affetto per ma? Sde- 
gnereste voi l'oecasiona di oisec mio sposo? 

Xe. Signora, tieta maritata. 

Be, E se fossi vedova? 

Le, Mi farei gloria d' aspirare alle vostra oosui. 

Be» Vien gente. Ritiratevi in quella camera. 

Le. Io sono in ouriosìtìi di sapere par qoal ca* 
gione mi avete ordinato di qiri venire* 

Be RitirateTi, dico, e saprete ogni cosa. 

Le. Vi ubbidisco. (Che laberinto è mai questo!) 
{entra in una camera') 

SIENA VJtlI. 

BBiTKICB, poi DlàNA. 

Se. Spero passar piih feUeemante i mìei giorni 

col signor Lelio. Egli h giovane a di buon gu* 

atc. 
0ì. Signora Beatrice, eccomi a rìoeTora ì Toatri 

comandi 
Be. Siate la ben venata, signora Diana; non vi 

bo incomodata per me, ma per il signor Qt* 

tavio. 
2)f, Che posso fare per lai? 
Be. Presto avrà bisogno di voi.- 



,y Google 



79 
JDc* Per qoal oa^ne f 
Be. 6ao -padre sta maU; fa morifse, Toì ^gli 

ratoiogheretta la lagrima. 
, Di. Lo farai volantiari. 
Be, Grado anch'io, oha non vi dispìaearabba I9 

morta di Pantalone. 
Di, Garto, oVai m*À namico, ou fiaalmanta è 

padre d' Ottavio. 
Be. Bone, liana o'inUndiamo* Favorita ritirarci 

io qnafta camera, cha Or ora aono oon toì. 
Dì. E Ottavio dov*Àr 
Be, Paò tardar pooo a vanirà. 
Dù Attenderò danqua la voatra greiie. 
Be» Non mancherò a miei doveri. 
Df. Amora, a te mi racoomaodo. ^ntra neU^ 

altra camera) 

SCENA IX. 

BBATRIGI, poi OTTAYIO. 

Be» La pretensa di Diana gioverà molto par te- 

ear in fraop Ottavio quand'egli vedrà morire 

tao padre. 
Ot. {tméato) (Eppure ooii tono ancor quieto; 

il cuore mi prafagitoe qualche einistro.) 
Be, Cha avete, f igaoc Ottavio, ohe mi tembraUi 

aotpeaof 
Ot. Ho incontrato mio padre, ohe scendeva le 

aoale. Mi guardò torvo, non mi dìtea parola, 

a pareva gli asoicce il pianto dagli occhi. 
Be, E bene; cha perciò? 
Oì. Non vorrai a vette penetrato qnaUo cha ti 

tramava contro di lui. 
Be. Non lo tappiamo che voi '%à io. Io certi»» 

mente non ho parlalo» Se voi non ravette fatto#«« 



)y Google 



8a 

ÒL Gwardìoii il Mot 8« dubitar potAftM th% 

od ti crslÉitt, ni dartt la oMrt» ooUa aie 

mani. 
'Be. S«ofU« quanta {ante tale la foàlef 
Ot, Certo, questo ^an gran rooiora. 
Be, Chi eooo coloro f 
OL Noa li conotdo. 
Be. S*avtosaoo. 
t)L Che vai aaràf 

SCENA X. 

Btait, BAICIU.0, NOTUo w^detd, 

I bini fermano Ottano^ gH iepano la ^pada, 
Il bargello ferma Beatrice. I due si ia* 
gnoKo deltajfronio, il bargello li fa tacere 
con buona griuùa, Jt notajo dice al bar- 

fello, che à condmca in prigione, ed egà 
iscia a Ini quattro birri per farle neces* 
sarte per^msizionL Bargello e Sirri con» 
drtcono pia Beatrice e OUapio. Tfottjjo' dice 
ai birri che facciano diligenza per trovare 
vn cane morto di veleno^ e una pentola di 
pan cotta, e tutd partono per eseguire. 

SCtVk XL 

fiBuo da ana camera, e mkHt 9alt olirà* 

Le. Che nàW 

DL Che iutefi! 

Ze. Voi qui? 

BL Tt»i io quotta caaaf 



,y Google 



.ai' 

he. Io oì fono 'per ibU disgrafia. 

Di, Ed io par mia laala vaatorai 

Le, Avete Teduto? 

Di. Par troppo. Pofero Ottavio! di lui ohe 

•ark? 
Le, Mate awaì, a paggio par la «ignora Beatrica. 
Di. Colui fcf tito di baro, oha 4i«.sa di Tekao f 
Le. Dubito volettaro tuonarla al povero Pania* 

Iona. Carta parole mi ha dette la tìgoora ^ca» 

triee* 
DL Disse a me pur qualche cosa, che mi fa 

dubitare. Ma noi ia questa casa aon ci stia- 



Le. Certo cha vaoeado sorpresi, potremmo ca« 
darà in sospetto di complici. 

DL Dunque partiamo ... ma tant» gneote. 

We, Dubito che sia Pautalooo. 

Di. Ilon ci lasciamo vedaca. 

Le» filitiriameai oalla nostra camere. 

Di. Partiremo ia miglior coagiuatura. {entrain 

camera) 

Le, Ora sì, che sé mi vedesse sarebbe iJ tem- 
po di usar I* ordiguo del trabocchetto, (entra 
nella smm camera) 

SCBNà XIL 

FàMTàlOMt 

Come! t cefi ia casal Beatrica ligadat mio fio 
in presoul Dooca xe sU parli, douca sa *sa 
da la giustizia qoel cha eoo tanto celo procu- 
rava de scooder! Povera là mia reputazioni 
povera la mia casa! adesso sì che scomenzo^ 
a perder la carta dd oavegar, a la hQssola 
plA 00 ma serfe* Perder la mugier ao sarà* 



,y Google 



8i 

▼• giMDte, aoii «I Mirava per mi un gran vs* 
«lagno el perder nna coesa onttì cativa. Por* 
d«r na fio •aravo poco, perchè finalmento por- 
■ léaraire uo^ aicario, no traditor ; dei b«za dq 
me id^orta ; come cha i sa vegnui i poi an- 
dar, e el cielo che me li ha dai, me li poi anca 
tior. La TÌta poco la stimo. Ho vivesto aba- 
stanza, e la morte de poco le me poi miti<- 
chionar. Ah, l'ooor za qaelo ohe me sta atil 
ranema! l'Onor ze qnd tesoro che no ga 
prezao, che ?ÌTe anca dopo la morte, e che 
. pareo ana volta se stenta a racaperar. Questa 
ze la gran perdita che adesso me fa savariar. 
Questo io le le mie desgraaie ze el tormen« 
to più grande. Cosse dirà el mondo de mi? 
come se parlerà de la mia famegia? in ohe 
atima sarogio tegnù ? Xe Vero ehe mi no aon 
complice dei deliti de la mogier e dal fio ; ma 
el fio e la mugier le ze do persone tanto ta* 
\oae al mar io, che per forza bisogna che l'ano 
Mrtecipi de l' onor e del disooor dei altri. 
Se mia mngier ze infamada, l'infamia casca 
sera de mi; se mio fio ze coodanli, mi ho 
da aofrir i desordeni de la condaoa. Cosse doo- 
ea ogio da far? Viver in mezzo a tanti ros- 
sori ? a un omo che «tima la repntasioa, co* 
me mi, ze impossibile. Darma la morte co lo 
mie man? me tiorava el dolor, ma oraeeeravo 
r infamia de la mia case. Donca . coesa resolvio 
. de far? Prndeoza, che ti m'ha sempre assi* 
stio in te le mie desgrszie, no ù ga gnento 
da sagerirme in tuo easo de tanta importan* 
sa ? ti me abandoni sai pia belo ? Ànemo, 
adesso ze tempo de far oognosser al' mondo 
che la prudenza ze la medesina uni versai dei 
animi traTagiai, a iche oo la prndensa 1' orna 



,y Google 



83i 
poi sopertr taX9U oo«trarI«t2i dal dettili. Si, 
H «eoto, U iotanda, ti me iooo^gifsi» ti am 
dh sDtino» ti me dà cparoosa. iSibao, al par- 
tio DO me daspiate «.. »t podaraye muargha 
la carte io mao ... al oan 1 ho boia via ... la 
pìgoata X9 aidada .». maooa él corpo dtl da« 
lite ... mi aon V ofato ... La giustiaià no pò* 
darà ooDdeoar.*. so qaal ohe digo... la pia- 
ga za' fresca, al remedio tfrà ancora a tem- 
po. ParUrò, pregare, apeodarò, pianaarò, M9 
bisogna sparsero tato e| saogua, par che sa 
«alfa ToDor. . (jktrle) 

SGENà XIII. 

Cortile con due porte terróne, o siano 
magaxzinL 

. MOTAJo e birrL . 

Jiou appare non si (rotano ni qaasto eaae , ìA 
questa pentola. La signora Rosaora ed il si* 
gnor Florindo asseriseooo ohe dovofano osse- 
re nella eaoina. Saranno stati nascosti. Fac- 
ciamo ogni diUgenxa par ritrofarK. BatUte 
già Queste porte. (Birri òuttano già una poiy 
ta, dalla quale esce Cdombifia*) 

SCENA XIV. 

coioMBUfà e dettL 

Co, Buona gante, il cielo vi benedioai che mi 

afete hberata da quella carcere. 
JVb. Chi vi ha serrata Ih detro ? 
Co, Grido iian stati corti briccoai iodegoi £ 



)y Google 



birri ; chi oob ci A ti mùnàò peggior S»tt 
di fittila, ma qoMli idneoo «odo gtlaatuosit^ 
ni, che mi haooo libarata. 

Mfi, (ai birri) SigcHnri ^bntnoniìni , il conipK* 
mento è tutto sottro, {a Còlamàinù) Afa per- 
che fi haano rinterr*!* f 

Ce. Per Balla. Che venga la rabbia à guanti btr- 
ri wì sono. Credetemi, te ne Irovasfi ono, W 
Torrei trucidare coUe mie mani. 

JBh. (^Costei forte uprà qaakhe cota del vele- 
no.) Legatela, e conducetela a corte. Frattao- - 
lo io andrò a visitare queste stanza, (entra 
nella stanza terrena, e i birri legano Colom* 

bina) 

Co* Come! ancor voi mi legale? non aaresta 
g& ••• Oh me meschina! sentite, se' ho dello 
male dei birri, ho inteso dire di quei cattivi* 
Ma dove mi conducete? ah povera Colombi» 
na! Fin* ora colle mie bellette mi j>Ìuscl di 

^ legare, ed ora ^m conviene esser legata. 
{parte con due birri^ e ^li altri restano) 

SGENA XV. 

il HOTAio dalla detta stanza, poi 
AKLBccHixo, bini, 

«Zfo. Qai non vi 4 nutls^ Buttale già quest'al- 
tro uscio. ( J buri buttano già ( uscio del* 
r altra stampa terrena^ ed esce ArUcchino 
tutto lasso e cadente, t birri lo reggono^ 
ed egli si va appoggiando ad essi^ e or0 
casca di gua, e ora di lìu 

Sfif, Animo, amico^ che cosa avete? 

Jtrm Fame* 

Mo, Chi siete? 



,y Google 



8& 
Ar. Fame. 

ifo. Che noiBt •v«te? 
An FaiiM. 

jyb. t!hi vi ha serrato IV déntro? 
Ar, Fame. 
Ufo. Coctaì non vuol park|r«. L«galeIo bcoe • 

ooudaectelo a corte. 
4t. (Gridémdo fame^ fame^ si lascia dai bir* 

ri strascinar via.) 
No, Mi par« aoo sciocco; dubitò che poco ri 

sarà da ricafare rapporto al Vdoefisio di cui 

si tratta. {parìe) 

SCENà IVI. 

Saia del Giudice con iavolino, con sopra da 
scriperCt ed un processo^ e due sedie. 

Il GiyDiGB a sedere, poi Hkotlsù, 

CL Qaasti rei sono troppo ottinati ; noa voglio* 
no coofafsare, e se qod ritsca al notalo di 
rìofenire ir corpo del delitto, la oaasa si tuoI 
render dlftoìl«. Ma eccolo appaato che viene. 
(entra ii Mòtajo) Ebbene, signor notaio, ave- 
te ritrovato il cane morto, e la pentohi avvo- 
IcnataP 

JTo. Fu' vana o^ni otta diligeosa ; nulla di cì6 
si i potato rinvenire* Trovai x^nti in dno 
stanze terréne un servitore, tè u6n servs 
di Pantalone; credendoli intesi del fatto li feci 
arrestare, ma costituiti poi eoo ogni actara* 
tezsa, ed esaminati altresì la signora Rosaum 
ed il signor Flo.rindo, trovai che Pantaloua 
gli aveva Catti colk rinserrare per eastigo del- 
la loro insoleoia, prima che fossa oomnsesso 



,y Google 



V atteoUto del feoefisio dì cnì sì tratta ; on« 
da li faet aciogliara a lÌMOftiara. 

Ci, Ma •«nsfe il corpo del delitto, oone Tarre* 

mo io chiaro della rarìÀ per procedere coa- 

tro de'rejf Voi vedete, che oon ti tratta di 

. aa. delitto di fatto transeunte ma permanente». 

Jfo, %• V. S. acoeUeotisiinia mi dìi Kceosa, di- 
rò eitera neoetfario di Tenira al confronto» 
La tigaora «Rotaara e il signor Florindo 
proteataoo, che mantarraono io faccia a Bea» 
(vice a ad Ottavio quanto hanno deposto ; ondo 
fecoiamoli vanir tatti 'quattro, che . foraa 
un tal aaparimanto gioTarìi contro la loro o« 
atinaiioac* Darò io loro alcuni interrogatori 
cha mi comprometto di ffrli oonfeanra aen* 
■a tormenti. 

Cu Approvo il vostro parare. Così si faeeta. So- 
dato, {JSotajo siede, e suona il campanello) 

8GCN4 ZVU. 

B4ft«iuo e iUtti^* 

Sa, Gha comanda V. 5. accaUeatit^niaf 
Ci* Conducete qui Beatrice ed Ottavio detenuti 
per veneiizio, ed ahresi fata introdurre Ro- 
aaura Bisognosi, e Florindo suo maritO| ehia« 
mati a corte come teitimooi. 
Sa, Sarìi ubbidita. (parte') 

Ci, U caso è molto grate. Una moglie ed un 
Aglio tentar di avvelenare il marito ed il pa- 
dre! che iniquità! Voglio dare nnterribilo 
esempio, voglio usare lutti i rigori della già* 
etisia. 

* Ma specialmente hisogna cqn setèriià puni- 
re Beatrice, accie queste mogli cattive impa- 



,y Google 



.87 
rioo a erattar.baoA \ lor'a liariCi» Io oggi io- 
no tasto •rroganti, oh« non §\ po& vlvwAf 

8CEN4 XVUI. 

BB4TBÌCS ed OTTAVIO alla parte dritta con birri 

'e BIkBGILtO, aOftiUlA, FIOIIHOO oUà 

einistrOi e detti. 

Ci* 8igoor Florìihlo, rottioasioat ,di qQestì in* 
qaUiti, oh» negano le loro oolpe« impegna la 
voitra enettk • toctanara in faccia loro qaan« 
to arete d«pQSto. Ora»! dovr^ renerò al caa« 
frooto. (olii due rei) E aa f oì avrete la te- 
marttk di negare, tapranao i tomenti, ttrap- 
parvi di boooa, vostro malgrado, la verMà. Si* 
gnor Botojo, foritete. . 

SCENA XIX, 

BaNTàioHie detti 

ffa. Sior luttrisimo , la prego aoipabdar per no 
momento, a dagoirte da atoolteraa anca mi. 

Ci, Parlata pure, oh* io non riooeo atooltarrt* 
Volete aeiar aolof 

POf Eh, no importa, oha gha eia tato al mondo ! 
Me ttapisso, eha in tona oaai a, a io tan prò* 
catto, dove mi compari tto l'ofato, ta vaga a» 
faatì tanze atoolterm«..Xe vero ohe el dalito 
da vanefiiio ze d«lito pablioo, e par la pit* 
Mioa vendete te prooede ex éfficio, ma za 
anta vero, ,oha do^va le trata da 1* ingiuria o 
dei dano, là parte ofeta t*ha de eicollar. 

CL {piano al Notn^) Mi pare ohe. non dico 



)y Google 



Jh. (jfuaié ed Giudice) E*v«ro« aia n è s«at« 
*prc tstnpo. 

Cri. (id JHotafo) Per Io pia, to{ alti^ oo(»j ni«f« 
lete il carra eventi a bdn'ù (tf Pantalóne) B 
ben», che intendete dire perciòf 

Bo. Inteikl# de dir ohe fé' foraui uè proc«s«« 
ieginMO e ' deeerdenà ; che le Aden querela 
dada contra mie tnàgier • aàin fio ofende ' la 
repetezioo de mi e de le mia caM, e intendo' 

' 'che no f e proceda pia avaoti. 

^ Toi pretendete troppo, eigoov Peataloae. 

' tà eeonsB non eS pf ctoaie calonnioea, tnangfe 

' l'aoeatatem, k persone oneeta. 

Ptf« Cotta me parltle de pretonnoo F In - teine 
canta de tta torte, ghe fol altro die pretiin- 
sion. Fati i toI et^er, prore e tettimooi^ a 
eiben che non $on orna legai, no eoik pwò 
tanto indrio co le torìttare {a) , ohe no 
tepié anca aai, che io crimìoal prima da 
luto t* ha de cercar el corpo dd delilo* 
Dov* eb tto vèlen, chfe te dite parecliSli per 
mi da mia nrogìer e mio fio? Dot* eia qaa- 

* la* lagnala, ^oTe in fece M mio alimento ho» 

* giva ié) la mia morte f'DoVè qati cm, che 
' se critde-clie eia morto io toca aue, é òhe 

m'ebia talvà la vita co 1t to morte f Qne* 
stfr t dovaraVe attér ^ foadameoti de la ma* 

* cbiaa de ito pnstetco, a tenza de ^netti la 
'^ fahrtea no tta inpi^, ansi la precipita a la 

* te dettmse. Blh fta ' che te trata de «oa 
cauta, che xh tuta mia , vogib mi tuplir a le 

' mtneanfee d«l fisco, e togio mi prèienltr ia 
òfttio quel corpo del detifO, che fin adtt* 

^e) BtiÉer ignorantei 
<h) 94dliffà. 



,y Google 



85 
•o no t' ha trotli. La ItiforWta, tnof Wfiwt 
I de User la d^scrézìov dal rao, che Sf ,dìte 

i inorto in ▼•aa mì)à de velea. . 

Jfp. Descrwe un cane dèlia taU statura^ dei 
f tal colore, ed tali e tali ccfitrassegni. co» 
* me sarà stata veduto dagli spettatori, 
t Pa, Su cagna, cl^a no fa trota, tto corpo da 
i (ielito eba manca, el x& ÌD tjS la nùe oiaiiy 

lo go mi, a r ho fato porUr qoa per 
I lume e detirtgano da la gì nf tuia • . Di qna 

i {ohiama un suo servitore, da cui riceve la 

cagna pi^a) Eoola qaa vìva a aaoa ; la 
I coofroau la atatara, i colori • la machia , ì 

I acideott , ei pelo, la raohia a al naao. Qae* 

i ata ze la cagna che fa credeva moria, ma 

I oo xh Taro- Qualche acidaota l'arerà ftra- 

mortia, a T umasa i^ooraosa, credendo a em« 
pra el omI, peofaodo sempre al peao, ha fa* 
I lo creder a la aemplioa de mia fia a al ^oo- 

cu de Florhido, che la fotte morta, a morta 
6é Teleo. (// giudice ed il notajo osseroo' 
no la cagna, e con cenni approvano esser 
quella) Mancando donca al corpo dal delit<^ 
manca tute là prafansioa'. Ma come prof a* 
mer mai 9» podava, cba un» mogiar «alatftf 
velenar «hi mario, che mi fio voleaia aooa va* 
leoar so pare ? aoa magiar, par la qoal ho 
abuo tanto amor a raapato; no fio, par el 
qaal ho abao tanta teaarezia e patabn ? 
No, che no i xi capaci ò% un Iradimanto 
comI eriidel. Mia mugiar zi al apeehto ^ 
r oneatii ; mio fio l' efempio de rubidienza • 
£1 ciel m* ha dà una mogier, che no marito « 
no fio che me randa aontolasìoo. La m|B 
famegia x^ tempra auda baaadia dà la pata ; 
1« mia casa zè sempra alada V aUtaxioa 6m 



)y Google 



90 

l'aiiior. Ma} tra é% no ne xe patii itva cati- 
va parola ; mai da ró do iaoG«Dti ho abae 
no datgutto. Mia magitr ataota a aaaiatariM 
eoo oarith, mio fio iriipegaii a aarrirBie ooa 

^ fedellii. Mi ho sempra pi<oonrà da oooleotar- 
li • I ho tratai oo da marcante, mn da aan- 
tildmo ; mai go fato manoar , no dirò al 

' aò bisogno, ma quanto i fareva detiderar. 
Dooca par ohe motifo te pool creder mal^ 
' che i ma Tolette velenarf Quando ao tmt 
de pratilmar un deli'o , bitogoa etaminar, sa 
ghe giara rasoo da cometario. Nh mi meri- 
tava da lori sta crodellà, né lori i gietia ca> 

' paci di concapirle. {Beatrice e Oitopio tf*ù- 
teneriscono e piangono} La i varda in vite 
fior giudica,' per carità ; la teda, aa 'qaak 
idea le ze capace de tradimenti, I pianse, pò* 
▼arati, i pianse dal dolor d^ seotirte casti a 
placiiar (a) ; i piante per el dolor del maria, 
» d*uo para aflito a apatsionà, per veder 
nna magi^r inocente , nn fio tenxa colpa la 

' ' figura de rei legai, « presentai in fazza deli 
giuatitia. No, cari, oo pianse, passerà tto ao* 
▼olezzo, (ò) che maoazsa \jc) lampeata, ter* 
nerà.el tol deb nostra pa^e. Vegnì qaa, la* 
ti ohe Te arrazza , che ve ttranza al pelo 
ili tegno de quale sicurezra che go dal vo* 
atro amor, del beo che va vogio a de la spe- 
ranza de -vederve pretto fuora de ati perìcoli 
•eoza machia da la neutra repo^azion. 

(aòòraccia ora Cuno ora t olirò 
piangendo) 

(a) AccMisar in pubblico» 

(b) Siioola pregna ^ acqua* 
(o> Miinacda. 



)y Google 



5* 

C^ (jAano ai JVoIà/o^Qimì oitorftla eloqueiNM 
han mai iTratàanif . 

No. (al Giudice, come sopra) BUogo« Far for- 
ca per noa arreadersi. 

Bo. Ah mio adorato oooiorka , eccomi ohe pen- 
tita .- 

Pa, (la tira un poco lontana dal tribunaU, 
e ù parla sotto voce) Zito» anema mia, aito.' 
no parlar; questo txb ze liogo da acute e da 

. paoumeott. Se il oieto ve inapira qualche boa 
seotimeoto per mi, tritegoilo anca no poco : 
a casa poderi afogarfe, e consolar ato povera 
Tachio, che fé voi tanto ben. 

Be. (rimettendosi) (Mi sento scoppiar il cnora) 

Ot Ah caro padre, -ae fai eedotto.. 

Pa, (fa lo stesso come ha fatto con Beatrl' 
ce) Tasi, e no parlar in sto liogo. Ifo aco- 
verzifflo i petolooi senza proposilo (a), Ifo 
maooark tempo de gepelir in te le lagrema 
ogni cativa memoria. Da ti no vogio altre scn- 
se che nbidienza e respelo. 

Ci, (al Noterò piano) Guardate come sono Cotti 
inteneriti ! 

JSo, (al Giudice piano) Quasi quasi farehbon 
piangere anche me. 

Bo. (a Florindo piano) Io resto stordita ! . 

Fi, (a Bosaura come sopra) Vostro padre k 
un grand' nomo. Noi abbiamo fatto il male, 
ed egli vi ha rimediato. 

Pa» Sior giudica^ mancando el corpo del deli- 
- io, a mancando ogni preaunaion, no crede 
che la gaverà difieoltii de dishiararli inó- 
oenti, e liberarli da sta miaerie. 



j(a) J mancamenti, 

Digitized by VjOOQlC 



9* 

CL Sìg9*r Flonudo, vot ebe per iMerto . sdo 
delia nt« di vostro «aocero foste Paooii* 
9»ìoé9 del reaeBzio« che dita ia oottfroDto 
dell' arrìoga del sigoor PaaUlooe? 

Hf Dioo che troppo facile fui a preetar fede 
ad ooa vaoa appateosa qualificata dalle tlla- 
.^aoi di RoMciffa.aia oeoeorte, oade, in quait» 
to a me, mi ritratto dalla qaerela» eooTÌoto 
dell* eTÌdeoza io oootrarb, « pentito d* a«er 
•agionata aoa tal fttsftsioDft ad una faflaigrie 
che' non la merita. 

Ci, E voi, aigoora Rosaara, 6on qual foodaoMB- 
to avete cooforaMta la dtpotisioo^ del eignor 
Floriodo f 

Bù. Non mi ooafoadeta* I foatrì termini io ooa 
%t inteado. 

CL Perchè atate detto, che la eagaa ara marta? 

Bo. Perchè ooo credeva che foeee viva. 

Ci, Ma perchè non aveva ad ceter vita? 

Mo, Perchè credeva che fosie amrta. 

CL Mia ora è morta o viva ? 

Bo, La morta è morta, e la i«va è vìva. 

Fa. Ah , caro tior Giudice, no la daga maser 
tormento a an povero pare eoi toree apaeeo 
d* una fia eemplice» e eeosa el chiare lnnie*de 
Ja raton. No eeotela el fondamento de quale 
bela riepoete? I«a credeva morU , la crede>' 
va viva, la moru è oaerta, e' la viva i vi* 
va ? Su ito bai principio e' ha fonda el dieeor- 
a e da eior Florindo , co sto bel (badeoMato 
Tè vegoù a deonnaiac. Ma bitegaa sentirle, 
ma bieogna atooltaraM. A mi, ae i fu&ee rei, 
complirave che a fusto castigai, a om «leverà** 
▼e premer de meter in siguro la mia vita ia* 
sidÌQ<ia , e pereeguitada ; ma mi eoo quele 
ohe nega la denunzia, checouviace al deuua* 



iBySoogle 



. 93 

sUnle» eh» prota uon tM«r véro' «1 déiìp^ • 

mi «on qatlo, che MOozendo • U rasoo pi&~ 

•oda • pia vare, le lagrania pia Qaàde a pHEi 

vita, eavaa dal fondo del cuor, prottr2| ai piÀ 

da «(• tribubai, doitiaDdo a giuttUia a pietà; 

gìiittizia per do poveri ioooanti altamente a- 

«(!•«• ; pteU per ub povero vechio ferìo bm k* 

I parte pia delicata che xe f ooor. I#a giiisiìzia 

I li aacolva, la pietà me cooaola» a «e la gin- 

I . «tizia doveife ancora soipeoder la grazia » U 

. pietà aia quale ohe me oooceda un'anùoipata 

i con«olazioo. 

1 Cu Sigoor Pantalone, alzatevi e consolatevi. La 
■Dancasaa del corpo drl delitto, la deftcenza di 
I prove, la ritrattazione dei denui^Kiaoti rendo* 

. no Anoca nolle U proceaec e fanno sperare la 
I libera asiolnziooe degl'imputati* Ì beo vero 

però cRe il fiaoo petrebbe pattare a diligenza 
maggiori, speoialmente circa alla vita, ai co- 
* stomi e al domettioo loro contegno, ma in gm* 
aie della vottra difesa , della vostra tenerezza, 
della vottni bontà, ^tando queir arbitrio che 
a me deono le leggi, liberamente gli assolvo. 
Se tonti innocenti, lo merirano per »h tte^^i, 
te tono rei, lo merita il dokistimo foftro cuo« 
re. Sicuro ohe a« mieo fottero rei, farà mag- 
gior colpo nelPamiBO loro la vottra piel^, di 
queHo lìir polesiero i rigori della giustizia. 
Signor PaaUhrae, ve lo ridico, consolatevi che 
sono atteltui. 
Pa. Oim4 ... no potto parlar . . Sior giudice , . 

Fioi vegnl qua... me stfhiupa «1 cuor. 
Ba* Bccellentissìàio'tignor giudice, ohi mi paga le 

mie cattare? 
Ci. Qnanda il r«o resta ataoluto, à nulla la eat- 
tura ed il procefso. 

V tìfomo prudtnie^ a.* ^5 6 



)y Google 



94 .. 

No* Aoeba io ho toritto^ td bo li(ìoato», e vi ho 
rimeffo k cartt. 

Ba* Ma So iDlendo , che ti proceda coi rigori 
del fitoo. 

Pa. Via, fior bareiolo , baU ptà bon cho «avA 
cbo mi foo geUiitoaio. 

Ba» Tolti dicono cesar gaUmtaomini cotte paro* 
|e, na i fatti poi noo corrispondono. 

Pa* ( T* ho capto. ) Ma mi son galantomo pia 
dei altri ; e che sia la veriik, passando f»ei ia 
sala de sto palasto, bo visto a lucer in tara 
a ho trova ato relogio. L*ho cogoossuo che 
V è vostro, r ho tioho su a senxa Ladi^ al va- 
.lor a ala perfeilon, onoratamente lo reatitoii* 
so al so vero patronv 

Ba, È vero, questo è il mio orologio. L'aveva 
perduto* Vi ringrazio d' avermelo restituito. 
Signor giudice, il signor PaoUlone è un gaho- 
tuouo, b'f60goa prestargli fede. Assolva pare 
la di lui moglie e il suo figliuolo, che quanto 
a me volentieri gli dono le mìe catture, {parte) 

Ifo. (piano al Cmdìce) Questa bella frase del 
signor Pantalone mi pone in qualche sospetto. 

OL (al Nòtafo) Quello che ho taUo, ho fatto, e 
non mi pento di averlo fatto. 

Ho. Pasiensa ! mi dispiace la carta ••• (parte) 

Pa. Aodemo, no perderne più tempo. Sior gin* 
dice, no so cosse dir. Ei ciel la benediaaa, el 
cielo la defenda da ogni desgrazla. (E sne var- 
da mi de aver bisoguo mai de sta sorte de 
grazie.) {parie) 

Be. (Fra il dolore, il rossore ed il pentimento, 
mi sento balzar il cuor nel seno.) Signor i^ia- 
dice, rendo grazie alla vostra pietà. (porle) 

CI (Eppure colei non le credo tante innocente. 
Oh doaojs senza giudizio?) 



,y Google 



96 
O/. (Povero ptdnl Poteva far Ìì pi& par mI- 
▼Ormi?) Signor gìadÌM, • voi n'ìoohioo. 

CL àflnte o rispetuto il vostro gtoìtoro, che ben 
lo inorila. 

Ot. (Qaetto rimprovero ni fa treioare,) (parte) 

Mo. (Ora a), che atò freaca 1 Beatrice mi vorrà 
morta, e mio padre mi maogerk vìva.) Signor 
giudice, volete altro da me f 

GL No , DO, andate pare. Abbiate nn pooo di 
pmilenxa. 

ilo. 11 oioto mi liberi dalle vostre mani, (parte) 

^L Non vorrei , aigoor gindice, ohe la mia de* 
nansia sembraise una calaonia. 

Cu Per qaaau volta vi fiaaaa bene, no'altra vol- 
ta penaateoi meglio. 

9L (Se vengo pia qai aopra, mi al rompa Toa- 
ao del collo.) {p^urte) 

CL Molto malagevole impegno i quello del gia- 
4iea ! Dover sempre imprimer timore e dover 
aontire tolto giorno doterai , piangere e aospi- 
rara ! lo sono eoosolatiaaimo quando poaao as- 
solvere e far bene, talendomi del sentimento 
di quel poeta: 

dindioe, che pietoso assolve i rei, 

£gufll si fa nello demensa ai Del (pa^) 

SGENA XX. 

Cornerà di Pantalone con due porte, 

I.SUe e DlAìTl. 

£e* Vi dieo, signora Diana, obe giù per quella 
scala io non voglio andare, e non oi dovete an« 
dar aemmen voi. 

Vi. Qoeato 4 nn voalro vano sospetto. Aoeorcb^ 
fsaM vere, ohe nella aoalai che dite, vi fo«feil 



)y Google 



9« 

trftboeclifttto, or» p^ f uppuoto Pantaleim an^ 

Iftvato V orclfgoo. Bh ti* • . 

Ze. li elio •c«o«tftr che io feoi , Untai èal bdltt 
còl pied* ciascun gradioo, e tentii cha il ^|«nii- 
to voleva mancaroii di «otto i ptcdt, §a dea •• 
i*a pretemito, e non ni ritirava per ttnpo. 

Di. Vi dieo cha ^«e«la ^ apprantioae* 

Le. Io non voglio «rritolkiar la vita. 

Di. Che dttnqua ? dobbiamo stara ^«i ctama* 
mante ? 

Le. Aspettiamo la sera, a col làvor dalla ta^abia 
scenderemo dalla fiaasira. 

Di. (ridendo) Bel pensiere! 

Le. Opporiono, mia sigoova. 

Di. Sento gente. 

Le. Torobma t aaseoinlaroi. (entra nella stUk 

etitnerd) 

Di. Per esser uomo, è pia vila di ma. (entra 

nella sua) 

8CBNA XXI. 

P4MTAL0N1. 

Ah cielo, ab cielo, ta rSograno eoe tato el 
cuor ! Me xe riossio finalmente da salvar la 
mia reputasìon. Tuli ehi m* ineootra sa ralegra 
con mi, e persaasi cha Beatrice e Ottavio fns* 
ser inocenti, i oompilisea la so desgrana a • 
ga invidia de la mia. Certuna. Ma par, se ao 
me iogaoo, de aver intenerio quei cuori da aas« 
so. Ah, se fossa vero, no gha sarava a sM 
mondo un omo piò felice da mi! 



)y Google 



97 

SCENA XXII. 

BBàTJtiCK e detto. 

Be. (iì* inginocchia {dia dritta e parla pian* 
gendo) Ecco a' mostri pieii, o mio adoralo 
coDSortA, una moglie ingrata « crudele, inde* 
glia del Tosfro amore. Ooofesso che acciecara 
dalle furiose pastioni, ho avuto la empierà di 
procurare la TOftra morte, ma ora, pentita di 
onore; conriota e intenerita del Tostro amore 
e della vostra pietà, vi chiedo nmilm'tnte per- 
dono, e vi supplico di noo negarmi la grazia che 
io vi posta baciar la mano. 

SCENA xxnr. 

OTTAVIO e detti, 

Oi. (s' inginocchia dalt altra parte pure pian* 
gendo) Amorosissimo mio genitore, ecoovi di« 
nanzi agli occhi un figliò traditore , inumanO) 
degno dell'odio vostro e di mille morti. Con- 
fesso di aver eooperato alla vostra mortai ao« 
corohi tardi e fuor di tempo abbia tentato 
di ripararla. Ed ora avendo iri odio me «tes^ 
ao, vi cMado pietii, e vi supplico « vi scon- 
giuro a -coiieederiÉii il prezioso dono d'impri- 

• mern uà bacio su quella anno adorata. 

Pa. (dà una mano tz ciascheduno di essi 
piangendo) Tiolè, tiol^, cuor mio, vissWre. 
mie, le ve ve su, lasse che ve abjrazza ^ che ve 
atrqoola, («r) cha va basa. No pariamo più 

(a) Stringere. 



)y Google 



W>0 

iCSlf A tXVt 
iti«RUiy pM ooioimirA, jw Aittoconro « <i^^k^ 

Br. Za «ho la difl|Mrtt ho laatio k gran» ohe 
i an pireoi f'hji degoà de finroM, eoa tuta 
aai^ l*a|»ii», • ghe pròaMto •«rvità f«d«]^ 
felpato ioiatabila a obadiaaaa £o alla morte. 

Po* Caro Brigheia, ta Togìo b«o. 

Co. Signor padrone, ocootì dioasù la foatra p<h 
tara cameriera, che per ^%i9€% ttata imperti« 
l»e«te aTela con ragion castigata. Da qaia?ao- 
ti vadrete che io farò ubbrdieate come ana 
oagaolina, e acciò non vi socoedano pi& dis^ 
grafie fi farò tempre la pappa>coUe mie mani. 

Pa» Se ti garark gindizio, «arii magio per ti. 

Jir. Sior patron, son qua ai fottrì piedi ; mi re 
compatissa ?a, m compatima mi, a quel che 
ò età. è atfi. 

Pa. Za fo, che da ti no ae poi afer de megio. 
Gonpatisto la to alooagtne, é batta che ti vi 
fcdeL 

SGElfA XXVIL 

Di' Giacche Tedo ginbilar tati io an mar di 
contenti, mi azzardo anche io'^di presentaroM 
al iignor Pantalone. 

Pa. Come gh'intrela eia? Qome xela faaf . 

Di Venni iavitata dalla signora Beatrica» 

J9tf. i vero, prima che fossi arrestala. 

Ot. Signora Diana, Tot mi vedete cambiato par ope- 
ra detJó iTisceralo amor di mio padre ; sappiala 



)y Google 



che il «IO oambUaiAiito 4 iimf«rMK « dit 

mi trovo oottr«ito • ngrìficare all' ubbidMDsa 

giaraU al aio gioito»*, anobe l-Moore ohe ap 

veva par voi. 
Di. Paùtiixal Goolacto non ettor degaa di of 

taato liffM, o toaipatìtoo lo fiato io cui vi 

trovata. 
Pa. ah caro fio f (B par qnah itotaraaaa ma fa 

pacii). 

SCENA ULTIMA 

utuo e dud. 

Le, Giacché la torto Imi faco a parte dei vostri 
coatoBti, M>0 voglio lateiar dà oooMlarin ao» 
voi, mio vMiaratiiaiiDo tignar Pantaltaa« 

PtL Aaoa ala! ooma f 

Le, A«Qk*io (ai qai chiamalo dalla aignoraBea* 
trioe. 

Be, Par troppo 4 vero» ma ora oomioMO ad ab* 
borrire il mio pattato ooatumo. 

Pa, ( Me despiace che ala seste Iw iaa|i# tatO| 
o no vorave ohe i parbtaa; bitogoa obbligar* 
li.) Sior Lelio e tiora Diana, in tegno de qne- 
la ttima che fasto de lori, ghe vorave propo* 
' ner an mio pantier, ma vorave mo anca, che^ 
B te degna^ ò% acetar et ibio bon cuor, 
tema remproverarme da tropo arcfir. 

!>/• Io dipenderò dai vostri volari. 

Le. Serò pronto, eteca toro de* vottri comandi. 

Po, 8iora Diana, me fogo la libertà de oferir* 
ghe tie mite doeati, acid la te trova na ma- 
rio adatb a la to condaif»n; e te fior Lelio xè 
contento , pre^rò tiora Diana , che a alo, co 
la dota, hi ghe daga la Man e alcaor. Cotta 



)y Google 



Di Io MB coBtMta. (altro non cercava cko £ 
awrifami.) 

2<. Ed io IBI ehuinio feKeo. (Sm mìb àattA 
Boo ai Irovaao cot) facilmente.) 

Pa» Aaea qnatU ze fata. kd^§to ti che eoo t^ 
raoraote conteoto; ma aìoooM a tto mondo do 
ee poi dar uo omo contento, cussi me aspeto 
B noneoti la morte. No m^ioiperta; morire 
▼oleodera co la cootolaxioo d*aTer redoto de 
OBB magier capriciosa. una compagoa amoni 
a^ de ao fio toavezso (a), un agnolo abidied^ 
te; de sobU discola, pertooo tavie e da bea. 
8b dito a gloria do la veritk, questa xe tota 
opera de la prndeaaa^ la qoal, com» «alamiia 
fedele Tokandose aempre a la- traaBOBlBMB del 
paolo de ooor e de la giuftisia, aooB in te 
l'alto Bur dei troTagi iàtegoa d bon -oocfaier 
B schÌTar i scogi de le disgraale, • trotBr al 
porto de k vera felicitli. 



(a; Disatto. 



FINI 



)y Google 



)y Google 



)y Google 



)y Google 



m:j8ifpfna, càc' ^^tthrem» àntL di' me dne /" averne 

da, nuétw 
OT.Ct ^enferemo* 

71 rKàff'i^t.^.Jc.dr. 



)y Google 



IL TUTORE 

COMMEDIA 

DI TRE ATTI IH PROSA 



jtappteSejiUUa per Im prima volta in FtMzìa 
ntl c^rn^dlé delt anno iiSu 



45 t 

Digitized by VjOOQlC 



P ERSONAGGl 



PAlfTALÒNE de Bùo%nosi , tutore di RO- 

SAUR4. 
OTTAViO zio a ROSÀURA, e ^mUriore di 

PANTALONE, uomo dolo alla pottrmerU 
ROSAURA ìdpotB di OTTAVIO, e figSa di 

BEATRICE di lui sorella. 
BEATRICE vedofHi Mtadrs di ROSAURA, 

Mtella di OTTAVIO, donna pana e am- 

Ifiziosa, 
ULIO figliuolo di PANTALONE, di^coio. 
FLORINDO cittadino Péronese, amarUe di 
» ROSAURA. 

tCORAI «UNA €ameriera di BBATftiOS. 

Un altro servitore if OTTAVIO. 
TIRITOFOLO. anato di PANTALONE. 
SerpUori 

Uomini \ che non parlano. 

J>ae Gondolieri 



Ut scena si rappresenta bt Venezia. 



)y Google 



ATTO PRIMO 



BdBHA msAk 

Camera di Mo^àmrtt. * * ' * 

BosimiA cotiàLÉ»k Òhe lapoNmo, 

Co. \9xi%%ìm t«l« i noko fioa; non fi 4 deb* 

bio ch'alia vi MortitM U earttì. 
ilo. Il tignar Paoulone mi mol bcMity tea P Ita 

cooiprala di gtoio. 
Co. GartaoMota k nm balla fortoM f9t M 

oba aiata aaosa padra, «far oa totora tante 



ito. B^ ama «ava a# feiii la tkm igfioolli. 
Co, AU'iiMoiitro il tfgoor Ottarrio vattro sìo^, 

«ha dorrabba avara par voi anaggiar pMAu« 

rai naa ci pania. B uà rioRroba, osioto, cbtf 

nan farabba nai attU». 
JBo. B por mio padra lo ha laidato ttHora dai* 

tamaota al algaor Banlaloiia. 
Co. Bd agli kiaia far tutta • bili Sa aapattat^, 

«ha voftro ti* vi maffilit folata af pattare uri 

passo. 
JÌa la lar^ t«Mo qniUa «ha «4 dlrk II sigoo» 

Pèatalona. 
C9. Oh aha bttana ragasti I la- v«rhà sief** una 

ooaa rara, ffoo parata mai fijH^ di voatra 

madra. Blla è stata una taatofina liiAtarra. Po« 

vare aon marito I f ha latto morit disparar». 
Bo. Mi dieaoo ch'io somigRo a mio padia. 



)y Google 



4 

Cd. 8^ ara booao, bm «■ pMo troppo.- Faceva 
pU a modo degli altri che a modo tao. 

9o, E anch'io fo coti 

Co, Fate co^ tempre? 

So. Sempre. 

Co, ( ridendo ) Qoaad' 4 coti, ttar)i medito con 
Toi ehi taprk meglio chiedere. 

lio. Io non ti oapiioo. 

SCENA It 

BBàTKici mascherala e deUe^ 

Be. Roteare, Tolete leoire con me? 

JU>, Doto, tigaora? 

Be. A tpasto. 

fio. A ipatto ? 

Be, S), no poco ia matoheia. Faremo ona pas- 
teggiata per la mercerìa, aodremo a bere un 
oe6, e poi toraeremo a cete. 

So. A qaett* ora ? Io voloTa terminar t^vùà 



Se, Eh, le finirete poi. Ho de fare ima ipeta 
in mercerie, e col lueneficio della maicbata 
roglio. andare da me. 

€o, (Che bel comodo 4 la matchera!) 

Be, Via andiapOk ohe vi pagherò on bel. goG^ 

Co, (Ora tcommetto che dice di ti.) 

Ko. Un golii? di qaali? 

Be, Di quelli coi fiori, d'argento s alTobime aodt* 

"Bo, Oh vengo, vengo. 

Co. (Se Tho detto io !) 

Be, Corallina ? 

<^o. Signore, 

Be, Va a prendere il ubana, la haatta ed il 
cappello. 



)y Google 



& 

'C$, 81 MMM. ^1i thè hvttm Mi^tt) 

^^koaé ponte) 
Bo, Hd da Ttnir* oot)? 
Be, Sì, ttoke beoif timo | eoi «sbarro ogni eota 

serve. Che naf obera oomoda è qoestal che, 

bella libftf^l 
Ho. EhiI signora miclre, il goli^ lo voglio to» 

lor di rose. 
J?e. Sì, sì, mHor di roaa. Ha stài beat ael «oleff 

di tmk \ ti la penr fìé LeMa. 
Ho. Me poi veoianio a «aea ««bilo. 
Be. Perche sobito? 
ila Mi preme finire la «iìdÌm ohb fio prfv 

cìpiato. 
Be. Se non la finirai ogfl^, le finirai .domani 

Senti, voglio ohe aodiamo e fere «ma burta 

•I signor Floriodo. 
Bo. Al signor Florindo ? come f 
Be» Voglio, che andiamo al oeifò dove pratioa^ 

«he gli ^Moiamo dette iasoleose, e lo Aioeia* 

mo ftrologare chi sismo seou scoprirei. 
He. Oh helb ! ei eonoeeerh. 
Be. Oibi^, non ha pratica nel coaoscer le ma- 

sehere. le sì, qnende ho vedute noe masehew 

re nna voha, la oonosco in conte. 
JRk Bene, verrò dove volete. 
Be, Oh te troveestmo qnei pesco dì fiefiol 

vorrei che lo facessimo disperare. 
Jio. Ohhellal 

SGENA lU. 

ooMtuifs con tabarro^ bamUa, cappello e 
maschera e dette. 

Co, Ecco da mascherare b signorine. 
Be» Via, presto, mettile il tabarro. 



)y Google 



Co. Subito. (me$t9 II tabarro a Boeaurd) (Oh 
la tigoor* BUidr« b fark udì donnina di garbo!) 

SCfiHÀ IV. 

ii4aiTAL0iiB di dentro^ e detim* < 

!|>tf. Chi h qaa ? te poi vegnlr? 

fia {a CoraUJ^na) Oh ! le? a U tabarro. 

Be, Eh via, pazia. Vanga, signor Pantaloaa. 

Po, (esce) Sarvitar obitgatissipio. 

Ba, Serto tua. 

Po, Como voldirf onisl a bon ora io maaohera? 

Be, Andiamo a far delle speie. 

Pa. Spase necatsarie? 

Be. Ifeoafsarìsaipae» - 

Pa, Par aiora Roianraf 

Be. Anche per lai. 

pa^ Se a aiora Rosaara ghe biaogaa qiialoosta, 

» aoo qaa • sodisfarla mi in tato quel ohe- ze 

giusto. 
Be. Oh si, che ti verremo a aecóor per ogai 
. piecola cote. 
Pél. Secarme? no, la veda. El mio oblìgo za 

de servirla. 
C0* Caro signor Panulone, noi altro donno ^ 
biamo bisogno di certe cose che gli uomini 
non l'hanno da sapore. 
Pa. Vu, siora, no ve impazzi dove che 00 ve 

loca. 
Co. Oh per non impaociarmì andrò via. (Vec- 
chio fastidioso!) . (flOrU) 



)y Google 



SCEHA V. 

MVl^Umi, BIATKICB € KOUUM. 

Po, ^or» BMtrìcs. circi le cpcsde caprìcio- 
•« che folaM* far siora Rotaora, pMp più, 

- poco manco, bacarìi eonr, ma no ma par na* 
cetano cha la vaga eia io peraooa. 

Be* Oh, signor •), h oacaitarto. Vogliamo veder 
noi, "Togliamo aodditfaroi. 

'Fa. Beo ; se fa ? «igoir el mereante a essa. Cos- 

• sa disala, siora Rosaora ? 

Mo. Par w aooo contentissima. 

Pa. Seotelaf eia la xe contenta. Ym^' da ma* 
re savia e prudente (a), la ghe daga sto boo 
esempio^ la resta in casa e la se lasua servir. 

Me» (Sarà maglio che io mi metta a finir la mia 
manica.) (pa €i cucire) 

Be, ftgnor Pantalone carissimo, omo marito è 
fliortOr • non ho altri ohe mi comaodioo. Io 
casa mia voglio fare a modo mio, e non ho 
bisogno di esser corretta. 

Pa, Benissimo ; eia fazza quel che la vol^ mi no ' 
ghe penso. Ma ata pota la za stada raeo« 
maodada a mi da so pare; mi son el so ta- 
ter, e mi ho da invigilar per i so interessi, 
per el se credito e per la so edueasioo. 

Be» Circa agV interessi ve I* scordo, per il resto 
tocca a me^ che sono saa madre. 

Pa, jBara siora Beatrice, non la me (essa parlar. 

Be, Che «osa vorreste diraf 

Pa, La compatisss, sa nissan ne sente, (la tira 
fuori in disparte) Ghe locarave a ala, sa 
la ga vesso un poco più de prudeosa. 

(o) ìSadre, 



,y Google 



m. Io évLmfm toBd UÈ^tAÈàlbèf Vita n MM 
ifì« aiMÌio BOB on ha omì detto taatou 

Ptf. Sari* sia mt|iO «Ilo «1 %\m 9 m m m dUo. 

Be» Como tana staro BMgfio? 

Pà, ^ el gho r avéfta dito, la s'afliraTa ò^raMw 

Be. (Mìb) Mi Biéraviglio di vat. 

Po. Vadala ? aa la garaaaé pr^aata, oa T aK 
serale la vota (a). Eia sa Iri fià ómI da 
qaul aha f ha paaao Ut mi. 

^tf. Ma ...io oha bui. potala Hi coadiiaaa ra f 

Al. Gara eia ... ìb caalo eo«tt« Qua aa taial* 
sofaatà ia eata «éata rigttiirdo cba ^km x« 
noa pnta; qaa té tiaa eaaTtraasiafl^ a a« fi 
^atè cha la pala gha aia^ Sa iéèè a te M* 
%%^ a mi to éoata olia aa tad«« a tni aa ooaaa 
cIm tm taatk Lk pota za da bana iadoYa, la za 
aMidattà a ob poca mi laga {è^\ a qoaalo pa* 
ala xt baa, cba par altro so atoraÉiadr» gba 
darave dai h%ì aaèBipi .*. botta, laibana aadan 
BAa la dìg% ètra da, oo«ta xa ala aadar ia 
BMtofaara ,da tota la oraf Aaea la aaatÌBaia 
naschera ? Do doaa tob^ la ta ^ta (e) «a 
al so tabàrtalo, a via. Che èaooato bà da fai^ 
taar là canta da eia? Yorb ftr da la spcac? 
O se manda, a aa là vegabr a aaaa, a aa ta 
la^ compagnar, sa aa va aola^ Le doaee sola 
' no la sta beo, no la flar boo. I amtoi ^m i 
Ttde le dopo sale, i disa aba .ti va a aor* 
oar compagnia. I óra, i tenia, % ae- asabiase, 
i la iooatzay a pa i la vcaaa {d) ; a taala da 
Ite patrone che ta fora da tata, caa «aa aw* 
éffhèra iodifefaata) le toma a aaaa eoa mM 
maschera de pooa rìpntiUioab 

(a) Voce, (b) Rustica, (e) Si mettono. 
(d) Insistono e poi ia vincono. 



)y Google 



9 

Be^ ObUìgitissìmi deHa tua tecoatnra. Hosfto- 
ra, andiamo. 

Ho. (si al»^) Che dita, signor Pantalone ? Va- 
do non vado ? 

Sa. Che premura gaveu d'andar? 

Bo* Mi Tuol comprare un goli^, 

Po, Un goli^ I De che aorte ? 

Be, (Oh ohe uomo fastidioso ! Taol saper, tutto.) 

Ro. ilo goIi4 color di rosa coi fiori d' argento. 

Po, Via, ancuo (a) dopo disoar Te lo porterò mi. 

Ao. Oh quand*À cos), signora madre, non Ten- 
go altrimenti, Tado a terminar la mia manica. 

Se, Come ? così obbedisci la madre f 

Bo, Ma s*... 

Pa- Orsa, qua, ipo no posso taser . $e trata de 
massima, ae trata de una falsa ednoaiion» 
Coss'À sto confonder el debito deTobedien- 
xa con quelo de la modestia? I fioi i ha da 
obedir so pare e so mare co i ghe comanda 
cosse lecite, cosse bone. Se i genitori xe ma ti, 
poTeri quei fioli che per malizia o per sempli- 
citii lì obedisse. Ija se toI menare in mascara, 
la se Tol Tiziar a nn catÌT0 costarne, a perche con* 
•egiada dal so 'tutor la resiste, se dirà che la 
desobadisse ao mare? (a Rosaurà) Sìy'ù}. 
ate cosse mi to fazzo coragio a farlo , e ia 
fazza del cielo e iu fazza del mondo soste- 
gnirò che la Tostra no re dianbidieaza , ma 
prudenza e tirtA ohe a longo tiazo (ò) farh 
▼ergognar chi no cognosse el debito d' una 
mare, chi no distingue el pericolo di una na. 
Be. Orsi4 andate a farà* il pipante in ca#a to- 
atra. 

(a) 0§g^ dopo ffranzù» fh) A tms^ andare. 



)y Google 



IO 

Pfi, Vegno qnt, e pnio e me toaMo, perohi g9 

dtbifo de invigilar tn sta pota; 
Be* l^oi non siete il folo tarort dì Rotàttm ; ti 

è II signor Ottavio, mìo fratello e suo iìo, che 

k tutore teftamentét-io t^oto quanto aìets Yoi. 
Pa. Xe vero, ma le tià omo, che no gh' abada, 

che ksta corer, che la'sgd far. E te laistfMa 

far a elo, tate le aodaria a p^eoìpizid. 
Be, Mio frittelo non h tm bafordo. 
Pa, L* è oa aite tte gartn», m« i^ol fot far gnetita. 
Be> Che cola ht da fere ? 
Pai V ha dtf ht qoelo, che fiizco éncfl te!. 
Be. Vc^ non siete buono ad altro» ohe ma ìa> 

fastidir le peMOae. 
Po* Oh vorla che ghe diga? con* ehi no vogìa 

pfè àtvt d« far; Li #éb«rò « h rtespeto,mÉ 

hi talj» farftve petdtfr là ^asienztf. Siora Ee« 

■aura xè soto ìà mia fatela, pentirò tei a la* 

%ht\É (b) fi a cffié h a« meridé. 
I^e. Gottb«^f fàrMte a m« qaékta ìligìariaf ni 

liHrérfestè I* o^itf fi^lhi«la F «Giuro al eìélol 

tttL" alitt figlinola ,.i 
Pa. Le ptttè n« la iè teéM Ib maltecra tata 

el zo^dL 
l^e. A me 00 itiTrontò iiiiÉìlef 
Pa. k le fi* (») se cjhe dh bokiS éifttepi. 
Be. Oh cielo { levarmi \à mìa figliuole ! R'osaarai 

and#reste da me lontaokf 
Ho. Oh io h la niTa mimica, e non éò ahrn. 
Be, {a Paniaione) Giulrti al cielo! ▼• tao pea- 
• tireste. 
Pa. (Gante, ceola.) 
Bff. Parlare, Heorréirò, tftidr^ i)l« Kln<t!sia. 



i^) A collocarla, (b) PigSuéte. 



)y Google 



SGE8A VL 
COBALUMÀ e dttd. 

Co. Signora, è venuto il «igojor Flocigdo {Mr 

riverirla. 
Be. Vengo, (si Uva il jcappeflo e lo dà a 

Corallina^ Oh questa non me la fat|a ^«rto. 
Pa» (Canta, canta.) ^ 

Be. {dà la hauta a CorfifUm^ Ip f bo /atta, 

io f ho da ountodi/e. . . 
Pa, (^, una bona custocUa 1) 
Be. (si leva il taharro, e lo dà a Corallina; 

cava uno specchio^ fi s^afiC(moda il toppe) Il 

signor tutore te ne prende più di quello ,ohe 

gli conviene. 
Pa. (Vardl la fantolina t (a) ) 
Be. Rosaura, aodiawo. fj^s,aurja s^ flha^ e la» 
scui il lavoro) 
Pa, Toìh, vien yente, e s^bÌM> a la pota : an- 
diamo. 
Se. Quando ci sono io, ci può eMera aacora 

«Ila. * 
Pa. (a Beatrice) Se la me perniete, go da dir 

do parole, « pò la la«so v^gnir. 
Be, Via palrlate, spicciat<;la. 
Fa. Ben, ghe parìarò anua ^lo so praiiensa. La 

diga, cara signora ]^osAara... 
Co. {a Beatrice) Siora , il signor Fi<>rM>de »* 

apetta. 
B«. Roiaura, prendetevi ]a jMstra^^saCoainra, e 

^i feoite. ^ {parte) 



(a) La bambina.. 



)y Google 



SCESk TII. 

9AIITàL0NI« lOlllAURà é C0ft4LUNA. 

Jb. (In* vtritk ci aodertì voIentMrì.'^ 
Ce. {pone la r^ba sui topaliao) (Povera ragax- 
sal ti tvaU mortre a non poter andar ancor 
olla.) 
Pa, SUum Rotanro, go da far ana propo»uo% 
sa Yoria^ha ghA faste anca so «ior zio, perche 
• aiioa la «1 xe tutor come mi, e slben che po- 
co el t« ne ioenra, go « caro che in cerU 
cosse el che sia. Goralina, cara fia, andè a 
chiamar sior Otavid, • ditegbe che ton qaa 
che raspato. 
Co, Oh il tiguor Ottavio tara ancora a lotto. • 
Po. Xe deboto (a) mezzo zoroo : e pò eoo s(k 
chi do co ton Tegnà qaa. El giara in lets^ 
Vho fato dfitmissiir (i)^ el m*ha dilo j^ 
el to vestiva, el sarà wstio; disegh« che ef 
favoriata de vagnir qaa. 
Co. Vado, ma non credete eh' egli Tongft sì presto. 
Pa. Ghe toI tanto a vettirteP 
Co^ Per luì TI vogliono delle ore, non la finisse 
mai. Tira fuori un braccio, sente aria, e lo 
torna a cacciar sotto. Poi s'alza a sedere $«1 
latto, e sta mezz' ora ad ^iffibbiarst il giubbo- 
ne. Si mette la vette da camera, e poi sta H 
a guardare i qnadri, a contare i travicelli, a 
contar i vetri delle finestre, a scherzar col 
gatto, « p^de un'ora di tempo teoza far men- 
te. Sì mette una calzetta, e poi prende il U- 
baooo^ Se aa mette un* altra, • poi fischiando 

(t) Oi^ età. (b) Svernare, 



)y Google 



*5 

taoM wi* arietta. Uà quarto è' ora vi meit4 

fra lo •oaodere 4al Ietto, e mettersi li calzoi- 

ni. Poi si getta sulla poltrona, prende la pt* 

pa, sta & sino l'ora del praoau; e questa ^ 

la viu ohe suol far tutte le mattine. 

Po. Bl ae no omo de garbo, i fati soi i aoda- 

rà pulito. FigareTO ohe bou tutor ! Feoie sto 

aerTiaio, disegha se elpol, «he el vegoa qua; 

' ae no, vegoirò mi da elo. 

' £è. Oh, eoa Ta bene 1 Se egli non terrà da toì, 

' foi andrete da lui. (purtc) 



SCECf A TUL 



PAMTAIONI e EO«àl»a. 



Pa» Diseme» eara siora Rosaura, aTeu pia gusto 

a star sola, o a star io compagoia ? 
jRo. Oh, io sto piò Tolentieri in oompagniat 
Po» Se ve meresse io oo liogo (a), dove ght 
sce de k altre paté anderessi volaotiera ? .^.^«jì 
Bo, Si signore, voleotierisaiaiQ. 
Pa. Se soga (ò), se se diverte. 
Bo. Oh! gioocherò, mi <levartir5. 
Po. Ma a le to ore sa lexe, ae laora, se fa del 

ben. 
Bo. Lavorerò, leggerei, farò )lel bene. 

Pa, No ve maocark al vostra jbisogoo. 

Ro. Benissimo. 

Po, I ve vorh beo, • va ùak mila finesse. 

ito. Davvero? 

Po, Sì, eara fia, gh'audaroo voleotieia? 

Bo. Volaolieriasima. 



(a) In un iaogo, (b) i^ giuaca. 
Il Tutore^ u^ 46 



,y Google 



«4 

Ba, (La x« «im patta da oNnàpaii.) No va ^ 

•piacerìi andar tìa à% caca vostra f 
Bo. Signor no. 

Po. Va riooresoerii baiar vostra aiora mara? 
Ro, Un peoo. 

Po, La Ta Tegnirìi a trovar , la vadari. 
Ho. Si ? avrò pìacara. 
Pa, Vagnirò a trovarva anca an. 
J{o. Avrò piacerà. 

Po, Vegnirà a trovarva la vostra amigha. 
UO' ^arrà anche il signor Floriodo? 
Pa, Sior Florindo? coesa gh* intra aior Fb 

riodo) 
Ro. Dicava ... perchè vieaa qai 
PtL. Omeni no gha n'ha da vegnìr. 
Ro. Oh ! non importa. Mi divertirò colla ^oaae. 
Pa, Che premura gaveu da sto sior Florindef 
ito. niente* 
P«. (No la V orava matev in malista.) La paM 

sta co la pota, a \ omeni coi omcoij 
Jlo. La signora madre sta sempre oogU noflin'i 

e mai ooUa donne. 
Pa, (Eco qoa, lo fie tol saio qnel €h» ^ W 

segna la mare, (a) ) Se vostra sior» mare tra- 

u coi omeni, la xa stada marìdada, a la lo 

poi far. 
JHo. Oh ! i vero, k vero. Io starò colle ragaiae. 
Pa, Oh! tto caro aior Otavio no a« vede* 



(a) Le figUuoU apprendono qudahe tìk9ò$9m' 
no loro ie madri. 



,y Google 



SCWk IX. 

OQIAUIHA « ihUL 

^Pa. B CQflil Tiealo o od mnlo? 

"Cd, Ho fatto aia iatica tarrilttlo a lavarlo ààU 

la saa poltrcoa. Ora ?i«Be. 
P(a. Mo noa gran poluonenal 
Co. (piano a Ro^aurd) Sigoara Roaaor», vaan 

te eoo me, ohe la aigoora madre ti aapaita. 
Sto. Yeogo. 

Po, Gosa*é? dofaaadanf 
Mo. Vado ... 
Co. E^ fonata la aorta che la ba da profar art 

Luato. 
Ho. (a Corallina) E' fonata la aarta^ . •* \ 
Co. Sì, la sarta, andiamo. (Oh che goocohatUf) 
Ho. (a Corallina) Ma che batto mi ha da 

provare? , 

Co. Il busto color di roaa, «olla gnaraiuona. 

(pianoaRosaura) (Gol ^roliao cho fi por*» 

ti.) *^ 

So. Aadiamo* Io non ao onlla* 
Po. Cornei no la sa gaentel chi gbe lo fa sto 

basto f ^ 

Co. Soa madre, soa madre; s^, aoa madro. 

(parie conducendo Rasaard) 
Po. Basta, no me fido gnaooa de sta cameriera. 

La tìt«rò fia da qua, la meterò io logo sega- 

w ... Oh manco m»l, se qua el aioc OUfio..« 

Via, bel belo, sansa pressa (a). 



(a) Fretta. 

Digitized by VjOOQIC 



i6 

SGBNAX. 

OTTàvio in veste da camera, berretta e 
pianeliót a passo a passo» e detto» 

ut* GK n^ ▼08'^ ^^ '^ signor Pantalone t'io- 
coBodi; too qua io. Qaattro pMii pi^ qiMU 
tro patsi meoo, odo m'imporu* Noo guardo 
a inoonodarini, quando ai tratta del tigaor Paa- 
talona, 

Po* Caro sior Otano, me dispiaso d«l Tostra 
deitarbo; «aravo Togoà oh, ma <i«K>dM avoiiio 
da parlar oo la pata ..* 

Ot, Ma peroh4 atiamo io pìadi? aadiaoM («Aia* 
ma) BhiP 

Pa, Via, a« ao glie xo aeàaiia, n' ioiporia, Uo- 

kmoae aoa oarega (a^ « aoBtaoM>te. {prende 

la sedia per sé) 

Ot. (chiama) BhiP 

Pa* Avou biaogoo de gneato? 

€24 Ho bieogao della aodia. Io non vogfio do- 
rar questa fatica, 

Pa* Sé no volè iar va, farò OM. (gli dà una 
' Comodavo. sedii^ 

Ot» Vi rìograAÌo. (siede) 

Po» Sior Otavio caro, no sono eòlaghi no la 
latola da voatra noxsa (b), Vorave «ho #a 
faasimo «oor, cho arecordaodosa da l*impogao 
ohe avaao tolto ... 

Ol ichiama) £lii? 

Pa. Gmo ve kiisogaa? 

Ot, Su questa seggiola io oon ci posso atarc. 

(a) Seggiola, (b) Nipote. 

Digitized by VjOOQlC 



n 

SCKNA ZL 
Un tiATiTORB e detti * 

Se, Signore, ha ohmmatoP 

Ot, Fattoli portara b mìa poltrona. 

Se. Sì «ignora. ^ (parte) 

Pa. Caro fior Otavio, fa ^piasa oMlto i vostri 
oomodi.. 

OL Oh, io ai, Tah I Foglio goder pift ohe polso, 
€ non ho altro bene, • ooo godo akro cha 
la afùa comoditii. Questa sedia dora mi ain- 
macoa, oon riverenza, il di dietro. 

Po. Non so cosse dir, |tato se nn aveisarse. 
Ma tomamo al nostro proposito. Sta pota, 
come che diseva, xa granda e vistosa. Io en- 
ea pratica de la soveotà... 

Ot {Si va Hmeseolando 9uUa seggiola) 

Pa, Goss'è, cessa gavenf 

Ot, Ma su qnastt seggiola non ci posso staro. 

Po. Ma cosso gha zef dei chiodi, dei spioif 

Ot. Via, via, parlate. Ti scaldata per poco. Io 
non vado mai io collera. 

Pa, A la corte; sta pota in casa no la sta ben. 

Ot. Vi i sva imdre» (rimeseoùmdòsi) 

Po. So mora tian conversasSou* 

Ot. Conversasiena di chi? 

Pa, Oh betel Vo sevi cfu praóca in sta casaf. 

OL Io non ci abbado. Sento gente andare in- 
nansi e indietro, ma non m'incomodo daBn 
mia poltrona per vedaro chi sia. 

Pa. Compare^ aa an bel omo* 

Ci, Biio cognato i morto, od io eoo vivo. 

Po, Per coesa mo creden (he el sia morto f 

Ot. Perchè si bva?a dal lètto a buod^bro. pt^ 



,y Google 



chi anJars qnalche volta tn oqUera; pereliè 

•i preodeTa di quaì fnitidj che non mi vogGa 

prender io. 
'Fa* Ma tosUQ ctigoà v'hala^sk tutor dd so 

satigaa io mia compagnie, e bisogna penaar- 

ghe. 
Ot. Oh 01 peoaerémo. ficco la mìa poltrona. 

( due servitori portano una polirono^ e pa^ 
• ^iono^ OUapio ^mede^.Oth parlata, oha vi •- 

•colto oca comodo, {si va accomodando o- 

ra da ttna parte ora dalt altra) 
|\iL Maooo mal. Mi crederia necessario da mr 

ter.iSla paU io t'ao cetiro fin cba gba fisa 

ocasioo de mari4art«^ Cossa diaoa? 
Ol. Sì, «lottiamola, 
pA. Go onoa dà qaalebo motlfo, a pajr ohe la 

.sìa contenta. 
Ot. Buono, {prende il taha^ee^ eonfiemme) 
Pa. Bisogna, ohe peasemo tea da no, dova da 

fatemo da meter. 
tu. Ci pansaremo. (dà tahacco a PaBtUdem] 
Pa. Graaie, no gha ne togo. (a) 
4)t, Io (|nando ooD preodo tabacco, dorato. 
Pa. Mo caro va, ae no Ca^à del moto^ cnpa^ 
Ct» Mìo -cognato, ohe faoaTa del moto, è wfp 

to prima di me. Voi fate del moto 2^ 
Pa. B come! 

Ot. Creperete avanti dà me. 
^<9. Oraù, laasamo sta fredora^ a pariamo tal 

•odo. Gavea gnanla va in vista per logtf 

sta putaf 
Vt Io? non ao «muMoa obi atta di qua a £ 

Hi della mia casa. 
Poi, Dvoc^ tnvavò mi« , 

<a) Jfop ne ffpemlo. 



,y Google 



1^ 

Ot. Sy •) trovate toì. 

J>a- Costa credea che se possa dar a l'ano? 

Ot, Io non so far conti. 

JPa. No sarè far oonti? Mo ohi spende io casa 
vostra? 

é>L Brighella. 

Pa, E chi ghe rifeda • conti? 

Ot. Mia sorella. 

Pa, £ tra la sorela e el serntor ì Temanderlk 
in rovina. 

Ot. Eh, che lioo mi voglio ammalare per qae* 
•te cose. 

Pa. (Manco mal, che la roba de ita papila la 
fnanizo mi. (a)) Orrù, sa che vti no voli 
intrigarle, farò mi. La meterò in t*tio liogOg 
Aove ohe la starà ben; la sarà ben tratada, 
• se spenderà poco, e saremo iSgnri che la 
gavarìi nn'otima edncazion. 

Oì, {Si Pa ùddormentando^ 

Pa. Penseremo pò a mandarla. Me ce nik fato 
qualche rioerca 9 ma no trovo gnente a pro- 
posito. Intanto Ce necesario, che anca vq dh 
r assenso per meter stU puta in retiro, e pet 
passarghe la so dozeoa* e qaelo che bisogna. 
Ah I coesa disea ? ve par , che parla b<>n ? 
Oh siesta maledeto f el dorme. Sior Ottavio^, 

Ot' (sì sveglia con jlemmd) Chi è ? 

Pa. Avea seniìo cossa, che ho dito? 

Ot. Niente affatto. 

Pa. Donca cosse faremio? 

Ot. Quello che fate voi, & beo fatto. 

Pa. Orsa , dome el testamento de vostro oo« 
gnà {b)t acciò possa servirme, e farò mi ^el 
ohe podarò senza disttirbarve. 

(a) ha maxe^fffio io. (b) Ugnato. 



,y Google 



do 

Ol Vho IO 3 testamento di mìo cognato ? 

Pa. Sior sì. L' altr* sbrao fé V ho lassa, perdii 
coosideressi qael paolo del fideoomousto per 
la liba ohe a'ha da far. 

OL Io noo me ne ricordo. 

Po, L' aferi leto polito I 

OL Quando leggo doe righe mi fien sonno. 

Pa, DoDoa vegoimelo a dar, e dastrìghamose 

Ot, Io noo ao dote aia. 

Po. L'avare messo in tei fottro boro. 

Oi. Bene, prendetelo. 

Pa. No volè regnir a darmelo ? 

Ot, Sto tanto bene, non m* incomodate. 

Pa. Oh caro I via, deme la chiare, e lo loro m 

O/. é aperto. 

Pa. ÉI barò averto? 

Ot. Sì, aperto, io non ferro mai. 

Pa. Dove Cegnia i vostri beasi t 

Ot. Tatti in tasca. 

Pa. E non se fa conti f 

Ot* Mai conti. 

Po. Co no gha na za pii&, i conti ze feti. 

Ot. Così per V appnata. 

Pa. Bravo. {$' alÈa) Vagò a tor el laataMM. 

Ot. SI. andata. 

Pa. E no aavè gnaote ohi pratica da vostra sonU 

Ot. Io no. ' 

Po. Lassi far f 

OL Ci penai alta. {si pa addormenlBmèi) 

Po. Va par mo, che an omo civil, oome cheti 
▼a, abia da far ata vita coad poltrona, stesi 
abadar a la casa, senza saver chi va e «Jù 
▼ien ? — Tolè, el a* iadormensa. Zooco (a)» 
tangaro maledato. {gridando partt) 

(a) Ceppo. 



,y Google 



Ól. O Cara qne«ta poHconat Si ita pnr Ì>en«f 
Ma panni ch« sartblM ora d* aodare a pfan- 
so. Ehi, chi é dì Ikf 

SCENA XII. 

BKicHBUà, AkiiGcmNO e defio, pei un 
auro servitore, 

Ar, Sior, 

Br, Cessa *comaDde1af 

Ot, Si mangia o noo %\ 'mangia? 

Ar, Presto, el patron fol magnar. 

Br. El oogo ha messo su adesso la manesttn^ 

Da qna mezz'orata l*" andare in taVoIa. 
Ol. Non la finite mai. 
Ar* I/è qaal oha digo anca mi, non sa magna 

mai. 
Ol Arlecchino, coma stai d' appetito f 
Ar, Benissimo per serrirla. 
Br. (gli mostra un fogUo) Volela intanto^ che 

demo nna reTiitta a ato contarelo? 
Ot, Andata da mia f oreUa. Che minestra b' 4 ?, 
Br. RisL 

Oi, Ah ! Arlecchino, ti piace il riso f 
Ar, Ma piasal no tanto come la polenta, ma 

poco manco* 
Ot. Oh| baòna eh quella polenUoa ì 
Ar. Oh cara ! 
Ot. Che nnotl nel bnUrro. 
Ar. Oh ?ita mia! 
Qt. Carica di formaggio. 
Ar. Ah che non posso più ! 
Ot. (ride) Ah, ab, ah. Arlecchino ra in deliquio 

per la polenta. 
Br. Sior padroo, ghe fol dai denari. 

a* 



)y Google 



ba 

Ot. (Bidè) Arkcohioo léne Toglb far mainar 

aoa peotola piena, 
yr. Oh, magari! 

Br, Ala inteso, che ghe voi denari? 
Oi. Sì, ho inteso, (ad ^lecchino) Ti piacoio^ 

no i capponi? 
'jir. Corpo, dti diavolo I i ctponi P oh beneded ! 
Vi. Voglio che ne mangiamo ano tanto fatto, 

Detk per uno. Mezzo tti, mezzo to. (ride) A 

te gli ossi, a me la carne. 
^Ar» M' al tolt per on oao^ o per oo gato ? 
ce. XRide,) 

Br, Me favonssela «ti denari? 
,Ot, Ehi Brighella, an cappone ; mezzo a lai, 

mezzo a me ; io la carne, Arlecchino le ossa. 

(ìide /arte) 
ùét, (Eh se sarò minchioo, me danno.) 
Br» Ma la favorissft de veder la polizza» 
£>L Non mi romper il capo. Ehi, Arlecchino, ti 

piacciano le torte? 
Va Slor si. 
Di' Te ne Togfìo dar aoa cotta al sole, (ride) 

Cot.ta al sole. 
^r. Volela veder. 
t)t. Gotta al «ole. 
Br. (Oh che fredure da ragazzo, da scempio, 

da habniu.) 
t)t. (ad Arlecchino) Cotta al sole» 
Ar. (òurlandolo) Cota al sole, cola al 'sole. 
t)i, Asioaocio, mi burli ? 
Ar, Coss'À sto esinacro? sangae de aii! 
Ot. Zitto, non andar in collera. Koo mi far 

alterare per amor del cielo. Brighella, Éhe cosa 

vuoi ? 
Br, O che la veda sto conto delle spese, oche 

la me daga dei deniri^ e tireremo «fanl^ 



)y Google 



ft5. 

Ot. Eccoli nna clopfiiìa» «Unamo lonwiii. (nd^ 

Gotta •! «Jl«» 
^r. No te burla t poteri servilon. 
O^. Zitto; OD fiappone. mezzo tu e mezzo io* 

(rffl?tf) 
J?r. Caro sìor la «e perde con quel marlufo. 
Ot. Mi dWerto assai. Arlecchino mi fa rideae. 

Sei il mio buffone non 4 vero f 
^r. Mi bufFon? me marafeio dei fati toslri. 
Ot, Zitto, non mi far agitare. 
Se, Quando comanda, i in tavola. 
a» Oh buono, buono. Àodiamo| alBatami. Colta 

al iole, cotta al sole. {^^ «^) 

SGENA xin. 

Camera di Beatrice» 

MàTMGB e n.ORIVI'O. 

3e. Caro aignor Florìodo, vói sieta pieno di bno^ 
ne grazie. ^ . 

Fi. Voi aiate la atesiabonlìi,e perciò mi toiirit^ 

Se. Di grazia, accomodatevi un poco. . 

FL L*ora i larda, signora, non vorrei esservi 
di soverchio incomodo. (Non si vede la signo- 
ra Rosaura.) 

£e* Per me k presto. Io non pranzo che due 6 
tre ore dopo il mezzo giorno. Mio fratclb 
▼uol mangiar presto, e mangia solo; io qoast* 
casa ognuno la fa a suo modo. 

F/. Così va benissimo, uno non dà soggezione aF- 
l'altro. La signora Rosaura pranzerà con voi T 

Be. Oh si sa! Ella k la mia compagnia, } 

FL Sarà alla Uvt)^eWa la a«goor# Rowim» «««t 
ad assettarsi. 



)y Google 



s4 

JBe, Oh ! h «isettata eh' i nn paxxo. BUa V alza 
due o tre ora prime ài me, 

JH Sì vede eh' è une gio»ane di garbo. 

Be. Non dico perchè sia mia figlia, ma, ri a«eì- 
curo, è lina gioja. 

FL Degna figlia di una t) degna madre. 

Be. Siete troppo obbUgaote. (gli fa una rip€' 

renza) 

FI. (Se Rosanra non si vede io me uà posso 
andare.) 

Be. Vie, acoomodateTÌ, sedete. 

Fi. Io verità k tardi. ( guarda l orologio ) A 
casa mi aspetteranno. 

Be. Mezza ora non incomodi. Tenetemi un po- 
co di compagnia. 

FI, Verrò dopo pranzo, 

Be. Aspettate; non volete nemmeno dare il baco 
giorno a Rosanra P Ehi, Gorallioa f 

SCENA XIV. 

coiàLUNàtf detti. 

'Co. Signora? 

Be. Di' a Rosaura, pbe venga qui subito. H si- 
gnor Florindo la vuol salutare. 
Co. Sì signora. (Mal Se vuol mantener la eoo- 
versazione ci vaol rejato della figliuola.) (pm) 
Be. Caro signor Florindo, non abbiate tanta fret- 
l^'ta di partire. 
^/L Quando si tratta di compiacervi resterà. 

{siede) 
Be. Oh così mi piace. Siete un uomo adorahilf. 

(siede) 
Fi, (Guarda perso la ecena.) 
Be. Che cosa guardate ? 



)y Google 



... ; ■ . «5 

Fi. Gitardiva ... mi pareva ài veder gnalchèduno. 
Be. Badate « me. Coma stolto dicìcisbae? 
Fi. Oh, io Don oe ho oertamente. 
Be. Eh! sa il cielo cjuaDté ne avete. ' 
Fi. No davvero, e vi dirò la ragione. Ì5opo Jo 

disposizione di prender moglie, e non voglio 

perdere il credito. 
Be, Via, da bra,vo, quando mangiamo qaestj cod« 

feltif 
Fi. Se non trovo nessuna che mi voglia. 
JBe. Non trovate nessuna ? Eh furbetto ! 
PL Ma è cos) i io non la trovo. 
Be. Eh ae fosse vero ohe non V ateste trovata..* 
FL Da uomo d* onore, non la ho trovata» 
Be. Sentite ... Su tal proposito si potrebba di* 

acorrere. (Questo sarebbe un buon necQziet* 

to per me.) 
FL (Se parlasse di sua figlia/ ci aggiusteremmo 

presto.) 
Be. Per esempio, ohe coda vi gradirebbe? 
FL Circa a ohe signora ? 
Ba, Che so io ? a dote, a condizione, a etSi. 
FL Ecco la signora Rosaura. 

SCENA XV. 

RosAtma e detti, 

Bo. Che mi comanda f 

Be. Oh, sietjB venuta a sturbarci. 

Ho, Bene, signora, io torno Via. (£^ àttodi par^ 

FI. No, signora, non partite, (^aoch.& per grazia 
della vostra signora madre, ho V onore di ri* 
verirvì. 

Ro, Obbtigatissima ; le Sòn saWa. 



)y Google 



ne 

ÌÈe. ▲▼«!« fiotta la rottra annioa? 

ÉtOi Sìgoora ook 

Be. Potete aodara a fiourla. 

&U>. kndrò. Serra saa. 

F£ Orsù, io vedo chea questa ora fa mìa digi- 
ta 4 a lor signore d^iDComodo. (si alza) Par« 
tirò per lasciarle io libertà. 

Be. Fermatefi ho da parlarvi. 

TL Ma sa per me fate partire la signora Ro« 
fa ara, io non TOglio certamente commetterà 
qaetta mata creanza. Ho troppo rispetto per 
ohi dipende da Toi. S'ella non resta, io parto. 

Be* Via, quando & così, Rosaura^ restate* 

1^0. Obbedisco. 

FL {offre la sua sedia a Bosùttrd) Favorite, 
accomodaten. 

Be* (a Florindo) No, no, qui dorate star voi, 

FL Come comandate. Ecco, signora, un' altra se- 
gioia. {Fa a prender una sedia, ut dà a 
itosaura the siede, è Florindo resta nel 

mezzo) 

JRo. (Che gìoTioe compito ! Mi piace tanto.) 

Be» Signor Florindo, tornando al nostro propo- 
aito, di che condixiooe Torreste che fossa la 
▼ostro sposa f 

FL Dirò, signora •.. 

So, Si fa sposo il signor Florindo? 

Fi. Mi farei sposo, se trovassi chi mi volesse. 

l?o. Eh, troverà. 

Sff. Oh, troverà, troverìl. Badate a me. M'imma- 
gino la vorrete di condizione egnala alla to* 
atra. 

FL Si signora, io non voglio nk alzarmi, né ab* 
bassarmi. 

Be, Bravissimo. 

FI {yittso Bosaura) Ma fé non la trovo. 



)y Google 



^7 
jRo. Chi cerca trota. 

Be. {a Florindo) Eh badate a m». Gifca la 
dote? 

Ho. (a Beatrice) Mìa madre Ila aTato dodin 
mila ducati di dote, non è vero? 

Be. Bisogoa vedere come andrà la lite del fi- 
deoommigso . (piaTto a Florindo) Della mia 
dote aooo padrona io. Sentite, io ho avuta 
otto mila ducati. Ma ohe! ho sempre maneg- 
giato io ; ho il morto e nessun lo sa. 

FL {perso Rosaura) La dote, come diceva, non 
h il primo oggetto delle mie ricerche. Mi 
premerebbe trovare una sposa cha mi volesse 
bene, ohe fosse dì mio genio* 

Bo. Eh la troverà. 

Be. Oh se la troverà! Asooltatemi. fa Flófindo) 
Ragazza non la vorrete. 

Fi Oh ragazza! come ragazza? Ti sono della 
ragazze grandi, e delle ragazza piccole. 

Be. Voglio dire .». (Non vorrei „.) Pe* esempio^ 
di che età la vorreste? 

FL Eh, che so io? (pers$ Bosaurà) Così... 

SCENAXVI. 

coiuuiNA e detti. ' 

Co. Sigoora, il signor Lelio Bisognosi. 
Be. Oh venga, venga. Metti una sedia. 
Co. Subita» (puoi metter la sedia presso 

Beatrice} 
Be. No, tto« méttila Qa quell'altra parte. 
Co. Vicino alla signorina f 
Be. Sì. 
FL (OnotiB mi diiipiace. Lelio è no impertjii«B* 



)y Google 



%8 

Co, (Ho lolefo; & una oradre di«ereta; tuo] far 
le porti giukttt oollfl figli noia. Uno per ana.) 

(«a) 
110. Sifoni* niadré, io me ne potrà andare. 
SjP.Eh v», reiUte, soiocolierelUi. 

SGENà xvn. 

tnio e detd. 

J>, S>rTitor anilièsiiBo di ter signore: «Bne» 
n riterìsco. (Ftarindo lo salata) 

Ho* Sèrra. 

Be. Vira il signor I>Ko, favorìte» sedete. 
£«. 3on ben fortnoato a ritrorar questa sedia 
' vacante vicino a questa bèlla fancinlla. 
Be. V ho fatta metter io quella sedia. 
£e. Oh, molto teoato aHe grazie della sigoon 

Beatrice. (Questo sarebbe mi bnen bocoonci* 

no per me; quattordici mila ducati di dote.) 
Be, Sigoor Florìodo, tiratevi in qua. (si scosti 

un poco) Torniamo al nostro discorso* 
TL (Questo signor LelfO, non vorrei... basta...) 
Le, Signora Rosanra, quando vi fate spoaaf 
Ro, Non troTO nessuno, che mi voglia. 
Pi. Eh, troverà. 
Le* Eh troverk, froterk. 
Be, Sì, sì troverk. (a Ptorindó) Venite qni, 

parlate con m<>w 
M. Ma devo voltar la solutoa alla signora Re* 

sanraf 
Be. Eh, non abbiate questi riguardi. BHi ptfh 

ool signor Lelio. 
FL (Quésto è quel oh' io poa vorrei.) 
2^«* (Oh se mtb padre Tolesse, potrebbe farsk 

mia fortuna!) 



,y Google 



SCENA XVIII. 
ìPàHTàLOiift e detti. 

Pa, (di déntro) Gos grtzìa, te poi regnìrP 

JBe, Questo veoebio mi secce. 

Le, (#' alzay Ecco, so mi vede qui, è cipice 
di sgridarmi. 

Pa. Patrone riverite. Sior Fiori odo, serntdr suo* 
(a Ze/ìo) Oe, (Jua ti ze bone lena? (/e <Un» 
Ite s* alzano e lo salutano) 

Le, Son venuto a riterìre la signora Baatrica, 

Pa, B a sta ora ti vieo a far visite? Mi xe 
un' ora che ho disnìi, e ho dis%à solo, per- 
chè el sior fio DO s'ha degna da favorinne. 

Le, Oh, vi dirò ... 

Pa» Zito, zito che pò la disoorefeemo. A.la dicah 
eie (a\ patrone? 

Be* Vo signore, è ancora presto. 

Pa* (perso Bosaara) Xe ancora pretto? 

Mo. Ella dice, che k presto, ma io mangersf. 

Pa, Anca sior Floriodo ze de quei che va ter* 
di? 

PL Noo fono del piib solleciti, ma V ora vera* 
mente è passata. Signore mie, con loro per- 
missione. Padroni, vi sono schievoi (Mi fpi^ 
gherò col signor Pentalone.) 

Be» Ricordatevi, che ooo abbiamo lepminaèo il 
nostro discorso. 

pi. Lo finiremo poi» 

Be, Dopo praoio. (p^^'^y 

Pi, Sì signora, verrò dopo pranto. (parte) 

{*) Hanno ptwmzaio. 



,y Google 



30 

SCENA xd: 

PANTAIOIIK; BtàTU(3, HOSàUR^ C LIUO 

Po, (GoDTértasìoii teguro, e k puta io tn«zz<K 

Ho paura, che la se o« serra per osel (a) da 

racliiaikio.) 
Le* Signore aie, y\ leverò T incomodo. 
Po. Fermeve, aior, che v' ho da parlar. 
tàC. Beoissìmo. (Egli i il aao latore, te me la 

dette, oh la bella cnta!) 
P#. Siora Rotaura f avuo qaa in pratenxa de 

so siom mare, che ho trova el liogo da me- 

terla, che )a se atpetada e che quanto prima 

Tegnirk U mia gondola a levarla, e la neae» 

remo dove che l*ha d'andar» 
Btf. Benistimo ••• andrò dove mi eondarranno* 
Po» Gotta ditela» siora Beatrice? Gh* ala nieiite 

in contrario! 
Be. (E^ meglio eh* Ìo la lasci aodire.) Gbe d^ 

sa dica mio fratello f 
Po. La ZM contento. 
Be» Bene, se egli ti oonteitu, sobo eotiteota an* 

cor io. 
^Om Manco ma^ ootiA faremo le «»ste d'amor 

e d' acordo. 
Ho. Signora medre, nm vefrete • vedete B 
Be^ Si. tì« varrò. 

ftm Gondnrrete il tigntvr F/orindof 
flè. Via,,fia, fraschetta, va a finir la Mn manìoa. 

ipttftt) 
Bo. E non ti parla di mangiare. 
Pa. federe, fia mia, che sarà tota oooUota. 

(a) Uccella. 



,y Google 



Mo. Ohi id ifei o(Aìt«iito <fì tatto. ^ 

Fa. Brafa sieu banedeta. Sa segniUrè entri, a 
sto mondo sar^ felice. Beato quelo dia ve to- 
«arà. No va dubttè, ^a mia, si^ bona, a al 
cielo ve assisterà. A. so tempo ve farò uotìi- 
sa (a), se vorè, e sta certa, cbe averzi- 
rò (é) beo i ochj, e do ve darò ne no spazza- 
ta (e) ne un scavezza colo, ma un palo sodoj 
che ve possa mantegoir da par vostro, e ohe 
ve vogia beo. 

Ho. Grazie, signor Pantalonoi (Oh te mi denà 
il signor Florindo, lo prenderei taoto volon- 
tieri! (fMTte) 

BCEJSk WL 

AMnrà]boiffe e mudw 

9%» dior fio, #00 qna da eia* 

Ce. Eocoffli a' vostri comandi (Bisogot imbo- 
nirlo.) 

Fa. Volea peniar m naar vita, o volea che mi 
pensa a ferva maar paese? 

Ctf. Signor padre, vi domando perdono dei di- 
•piaceri che finora vi ho dato. Conosco che 
ho fatto male. Ne sono pentita, e mi Todrela 
intieramente cangiato. 

Po* Dista daseno o celo on dal lo aoliti pro- 
ponimenti f 

Zie* Dico davvero, a lo vedrete. 

Po. Bl cielo vogia, che ti dighi là verilk, e.ptie 
ti pensi nna volta al fin ; che co lon morto 
mi, ti poi deveotar mi8er«bile, latrae gha oa 

(a) Sposa, (b) JpriS. 
(o) i^n cac€aiÒ€Uo* 



,y Google 



xé poche; bfiS vo gli0 »' ho, • M ^ n' *• 
TMf«, I l«BÌtM protto. Ti no ti m far gv^oti^ 
8« no ti ginrh gS«dìsio, ti nrk ao pltoeo. 

Xtf. Par troppo dito hi verità. Coooioo mnébm 
io, cho b iortniMi noo ai ha fioora laolto 
MfiAtito, o cho dalP iodattilo mio poco pooso 
tpt rort. Toia tiguor padr«b potroito farmi £•• 

' lieo. 

PSt CoBof 10 cho maaiata» 

r«. Domloaii por «Miglio U ngoora Roeann. 

Pa^ Siora Roranraf 

Le- 81, ha qaattordici mShi dooati di dote. So* 
rtbbo Ui oottra fortnoa. 

Po* Tooo do diogratiàl adtffo capifoo hi raeoo 
porche ti vite tÌo ftosodo la gata aorta: So' 
no pendtOt pi demando perdono^ mi vedre» 
U eamfpato. Ti toresti che u daiao età 
puta por aogier, no aiga per ti so anao. 
va por i qnatordeie aile duoad, por aagnar* 
gho la dota, per dtitr merla io poohisorni, • 
pò* Ittsarla ooa aisorabile e deiporada. Coa 
cho onor, eoo cho ootcieou, eoo che stojDo* 
go ao la ntnsto a domaodorf Grodista, the 
no •■pio ol to proceder, Io to belo rirtà f 
A pia de aie potè ti ha proaetfo, e ti lo ha 
tata impiaotae, e a tate, farbasao, ti ga aa> 
gnk qualeoia. To piaeo Io tgoaldriiielè, o 
ti ghe n*ha aaa per tati i caotooi. So tuto^ 
toco d' Sofeae ; so i iogreta che patta tra ti e 
aio comparo ohirorgo. Soo to pare, xe voro^ 
e eoo totor do Rotaarai e poderia, io Tolette, 
tirarme la dota io caia, e dartelo per aa* 
gier* Ma ton no oao d* ooor, oo voi preci- 
piur noe pnta, per aegiorar la aia oan» per 
oootoatar un aio fio, no fio acaveso, an fio 
rtlattii. Ti aioghi, ti fa a rosteria, d fa ti 



)y Google 



33 
buio, ti ^ pieo d« dooe; ti porti via qael 
che ti poi a to pare; ti ga diete TÌzj, oo 
più belo de V altro, e ti me domaodi Roftaa- 
ra per mugierf B ti me dk da ioteoder, 
che da iiD memeoto a fahro ti t* ha cambia ? 
No te credo, no te ascolto ; maa vita, e ere* 
darò; tendi al sodo, e te abadarò. Ma se 
ti seguiti sta oarìera, do» solo no te toì ma- 
ndar, ma te soazzarò, te manderò io Levante, 
te savarò castigar ; e ti imparare a to spese, 
ohe la fortuna oo gh' è per i baroni ; cha 
el cielo non assiste, do proTede a ehi ga 
massime indegne, a chi deturpa el so sangue 
e la propria reputazioo. (parte) 

Ze. Ah ! mio padre mi vuol rovinar del tutto. 
Egli potrebbe con questo matrimonio rimet- 
termi, e non lo vuole; » mi vuol -vedere pre* 
cipitato. Perdere quattordici mila ducati di 
dotef Questa ò una perfidia, è una vendet- 
ta, che fa mio padre contro di me. Ma, giu- 
ro al cielo, DOD sono un ^balordo. Troverò 
io la maniera d'averla senza di lui. O col 
mezzo della madre, o eoo qualche ingaono, 
giuro che Tavrò; • se mi riesca d'averla 
sena* opera di mio padre, io vprrò maneggia- 
re la doto^ e si pentirà di non averoù accor- 
data una sì giusta, una d onesta loddisia* 

. aiooa. 



)y Google 



ATTO SEGONÌX> 



seme. PBJMA. 

BSATMQB e tmkmk, 

Aa, t^ ignora madre, che eosa avete che siete 
maliooooioQ ? ▲ laYoIa non avetd mancato 
niente. 

'Be. Lasciatemi stiure. Ho qaalche cosa per U 
capo. 

3?a Siete io collera? 

Be. (Ha detto di tornare Florlùdo.) 

JRo. Siete in collera con mef 

Be, Eh, frascherie! (Se auk premura, ritor» 

l{o. S'io Tado io ridra Terrete spesso à tro^ 

▼armi f 
Be. Senti, ti lascio andare perche ho qualche 

cos' altro da pensare, del resto il signor Paa« 

talone non mi leverebbe la mia figliuolav 
iRo. Se non volete ch'io vada, resterò. 
Be, No, va pare, ma assicurati che poco oi 

starei. 
Bo, Perchè poco? 
Be. Se prendo marito, ti voglio con me, caschi 

il mondo. 
3Ì0. Oh mamma mia ! Volete maritarvi f 
Be, Può essere di sì. 
Po. Fate prestoj Oà che gusto! arrò il mio 

papà* 



)y Google 



39 

Bt, B poi «aliifeo iMrìkerò aocora le. 

Ro, Auohe me t 

Be. Sì. Avrai piacerà ài eaaet apoM I 

Jlo. Signora si. 

Be» B voglio io maritarti. Il eigoov totorf vada 
a comandare al ano figliuolo. Quattordici mila 
ducati di dote non •'hanno a gettar via mai 
lamente. 

Ho. Signora madre. 

Be, Che cosa vaoi f 

Bo, Mi darete il signor Floriodo P 

Be. Che Floriodo ? che parli tu di Florlado l 
Bgli non è per te. Florindo è giovine serio, 
fosteoulo; non vuole ana fraschetta ; vuole 
aoa donna posata, una donna di garbo. Guar- 
date che pretensioni! 

Do. Io non dico altro. 

Be. U signor Florindo f Fa cH* io non ti tettta 
più nominarlo. 

Ro. Non dubitate, non lo nomino pia. 

Be. Guardate la graziosa! Tutti quelli ohe ^ 
de gli vorrebbe per sé. 

Bo. Tutti no, quello colo ... 

Be. Zitto lì. 

Bo. Non parlo. 

8CBffA n. 

GOMàiuiTà e dette. 

Co. Signora, A qui il signor Lelio. . 

Be. Venga, è padrone. 

Co. (Oh! Ella non dica mai di no.) (fiUttrié) 

Ro. Partirò, signora. 

Be. JHo^ restau. 

Ro. M« non vorrei m» 



,y Google 



se 

Bm. Fate luMna c«ff« al éignor Ij«1ìo« 
Ho. Signora si. 

SGENA m. 

uuo, coiAUiiu e dette. 

Ite. M' lochino a lor tignpre. 

Be. S«r«a, signor Lefio. 

jRo. (sostenuta) La riveriaoo. 

Xe. Signora ^dsaura; che oosè vi ho faUo, che 
mi guardate ai bruscameute ? 

Be. Via» sansa creaaaa» trattatalo ooo civitlà. 

Bo. Mi perdoni. Serva umilissima. Cuma staf 
sta Lane? pos«o servirla? mi comandi. 

Xe. Oh oompitissima! 

Bo^ (piano a Beatrice) Basta ? 

Be» (Che sciopoherella 1^ 

Co. (Che booni raggerà per far tatto quello 
ohe vogUooo I ooa par casa ce uè vorrebbe ) 

Le. Sonore mie, vengo a riferirvi per ordine dì 
mio padre. Egli si ritrova presentemente da 
qnelle signore, ooUa quali ha destiaato dì 
mettere in aduoaziooe la signora Rosa ara. 
Esse bramano di vederla e eonoscarla |>rima 
dì formare il contratto, e mio padre ha pro- 
messo di dar loro questa soddisfazione, ffoo 
ha potuto venire in persona a prendere ed 
accompagnare la signora Rosaura, onde ha 
mandato me colla gondola a pregarla di venir 
meco. 

Be. Con vo! la fanciulla ? 

Zie. Oh signora, non dicasi, che vanga sola. Si 
spera ohe l'accompagnerà la sua genitrioe. 

Be. Io vefrei ... mm ... aspetto visile .«. non mi 
eoa viene partir di casa. 



)y Google 



37 

€c* (Gapptrl!. premono le visite! PìÀ tosto 4«o^ 
sa paoe, che senza cooversaziooe.) 

Le* Signora, se vi è d' incomodo, non h neces- 
sario che V aocompagoata voi stessa. Credo che 
per ogni onesto riguardo potrà bastare la ca« 
merlerà. 

Co. Ma io dalle bocche strette oì vado mal vo- 
lentieri. 

Le. Se la padrona comanderà, bisognerà anelarvi. 

Be» Voi, Rosea ra, che oosa dite? 

Rq. Per me, mettetemi allesso, mettetemi arrosto, 
son qui. 

Be, {a Lelio) Dov'è la gondola? 

Le. Alla vostra riva. 

Be. Che gondola è ? 

Le. La gondola di casa nostra. 

Be* Non ^o^ non vorrei errare.. 

Le. Ma che risolviamo? .Dovrò dire a mio pa- 
dre, che la signora Rosaara non ha volato ve- 
uire, o ohe voi non avete voluto che ella venga? 

Be* Aspettate. Corallina, va dal signor Ottavio 
mio fratello, digli quello che ha detto il signor 
Lelio ; e se crede ben fatto, che vada Aosau- 
ra, e che tu I* accompagni. 

Co. Sì signora. (Prego il cielo oh* egli dica di 
no.) ... (Pj^^). 

SCENA IV . 

BB&TRICB RQS&UR& C LfeXlO. ^ 

Be. (a J^osaura) Ma voi« che oosa dite? 

Be, io resto, se volete ; io vado, se comandate^ 

Le, La sigoofra Rosaura è buona assai. 

Be. Oh, À ana pasta di zucchero. 

Le, Mi consolo infinitameatt 60u Toi. , (a Basd* 



,, Google 



30 

unì) Siete adoraMI*. U cielo ti ha coknato dt 

cose baone* . . 

Se. Via, ritpoinfetegli. 
Ho. Grazie. 

Be: Oh che ImI garbo! 
Bo. Gli repdo iofioiriissime grafìe. Se posto aer* 

virla/mì cotaandi. (con una riperenzu) 

Ite. E venuneote turta compita. 
Be. Ha poco api rito, ma sì farìi. 
Le, Nel laogo, or' io ta conduco, avrk occasiooe 

di fanì spiritosa e prudente. 

SCENA V 

cGAAttiMA e deità, 

Be. B bene, dke cosa ha detto f 

Co. Gìk vt lo potato immaginare. Ha deCtO di si 

Be» Come di ti ? 

Co, Che Tada, e òhe io 1* accompagni. 

Be: (a Bosaura)'BBù%,§9 Tolete andare, andalf* 

Ró. Anderò. 

Le, Sollecitiamo, perchè ci aspettano. 

Ro, Sou pronta. 

Le. {le offre la mano) Lasciata che vi stm. 

Bo. Aspettate, ch'io mi rada a mettere il sen- 

dale. 
Le, (come sopra) Ma frattanto... 
Ro, (gli dà la mano) Obbligatissìma. 
Be» Via ao poco di disinroltura, un poco di 

brio. 
Le, Oh imparerà. 

Ro, Imparerò, imparerò. (parte con Lelio) 

Co. (Se taole imparar bène, obu ha da partirà 

di questa casa). 
Be, £ ta non yai f 



)y Google 



h 

Co. VaJ». 

Be. PffMio, «bo li iMcìffr «oli. 

Co. (Cffoo ei ftbbadft la madre, figurarsi S6 ci 
Taglio ébbavkir ito!) (/wr/<?) 

Be* Verameu:» MH è nfat fallo, ch'alKi sti« uà 
poco lootan^ sio tasto ch'abbia fatto scoper- 
ta d^ir iocirntttrotté di' FJoriadó. Oggi lo farò 
parlar«4 rilav«td U sno senttmeino. S« ha déU 
l' latlioAzio»* per itoe, coibe spero, oou roglio 
che Hòsaura mi starbt, se poi a^rà premura 
di lei ••• ooo so ••• penserò quello che éf^ 
tré £arc« 

SCENA VI. 
BK1CH1U.& e detta, 

Br. GoB permissioo da rusustrissima. 

Be. Che oosa vuoi, Brighella ? 

tìn Soa Ìm* de padroò... 

B€, Dimmi, è pariha Rosaora eoo Corallina ? 

Br, Si signore. Le ho ritte montar io barca eul 
sior Lelio. Anzi per dirghda,, me soo un po- 
co maravegiii, che la iassè aoidar do pule eoa 
quel zoveooto. 

Be. È figlio del sigaor Pantalone ; è f gfio ilei 
tutore. 

Br. Ma el ga poco boo nome per la cita. 

Be. V ha mandato tuo padre. 

Br, Lo sala de seguro, che V abia manda so pa« 
dre ? Mi to, che tra pare e -àtA ghe . pa»&a 
poco bona corispondensa. 

Be, Tu mi metti in confusione* Sdoo partiti f. 

£r. Oh a st* ora i sarà fora del rio. 

Bè. Ho mandato a chiettert k mio fratello il di 

* lui palare. 

Btt Apuoto soo sta dal so sioc fradeb per Ut 



,y(Soogle 



ali oontì, « no ^W k rune<lìo cIm «1 K foja 
far. Mi aoD ao omo ooOiroto, ho gaato d« lir 
ooDOaaer la mia postualìii^ onda ae la a« ooa* 
taautta, la pregarla da fnumali ala ì esali. 

!?#• (Mi ata aal coora Roaacura.) 

Br, Comandala faroM ata grasiaf 

Be» Dà qui, ▼ediamoli. Cha coala aooo? 

Br. La apaaa quotidiana de an maae. 

Be» È troppo lunga qaesla faoaaada. (Povara ma, 
ae Roaaara fosse iogaooaU f) 

Br, Se la comanda lexarò mi. 

Bc* Orsù, mi preme che andiate aohilo » tede* 
re di Rosaanu 

Br, DoTeP 

Be, FateTÌ dire da Ottavio il luogo do? *ella de- 
ve eaaere andata. Pretto, non pendete tempo. 

Br. Ma la aou? 

Be, La nou la vedremo poi* 

Br. La guarda. Ho avndo 3o laofaini; ho speto 
6^7 lire, reato credìtor d« lire 97. 

Be. Via andate, che vi saranno bonificate. 

Br, Volala, che.straaiamo el coato? 

Be. Sì, atracoiàtelo. 

Br. (straccia la nota) Soa oraditor d«« S7 lire. 

Be. Andata, e tornate praatow 

Br. Vado anbito. (Oh ohe bella eossa ! che coa« 
ti ! che dolce ^peod^r ! ohe grasìoto magnarf) 

Be. (Per bacco! Costui mi matte in agiiasiona. Ma 
fiiulmente ho cbiesto consiglio a mio fratello. ) 

Br. Signora „. 

Be. Non andate ? 

Br, L*è qua el sior Paotaloo à^^itosf^Otì. 

Be. Venga, veaga, e voi aspettate ia sala* 

Br. (Ma el conto l'è straazk.) (parie) 

Be. Il signor Pantalone f Mi mette in maggior^ 
sospetto^ 



)y Google 



4i 

SGENA VII. 

PANTAiONi e detfn, 

Pa, Son qaa... 

Be» Le avete Tednte? 

Pa. Chi P 

B€. Rosaortt e CoralliM ? 

Pa, Mi no. 

Be, Nof 

Pa. No tefuro. 

^#, Perchè non le arete aspettate? 

Pa. Dove? 

Be. Da quelle «ignora. 

Pa, Da quale sigoore? 

J9#. Oh me infelice I ah tignor Paotatooe, to^ 

atro figlio mi ha aatasthiata. 
Pm, Come f cosarlo' fato f 
Be, (con affanno) Otmè...E' vernilo io notae 

vostro •.. £^ i^eonto colla goDdola ... Ha detto 

ohe f oi aspettate mia figlia ... E Tha condolia 

via colla serva. 
Pa. (Ah, foco de defgraxibt) Zito, oo la se 

afana. El la avara coodote al retiro. 
Be. Le avete voi mandate a pigliare? 
Pa, Sio^a sii mi le ho mandae 'a tor. 
Be, Oimkt respiro. 
Pa, (Oh povareto mi! Quel sasin Tha menada 

via. Ma bisogna che veda de coverzer a, da 

remediar.) 
Be» Perchè non mi avete detto alla prima, cha 

favate mandala a prendere f 
Pa, Perchè do credeva che la ftisse gnancora 

alidada. 
Be, E" aadala ; • voi perchè non i*afatc aspettala? 



)y Google 



4» 

Pa. QoaBlo Mrk che k x« asdad* ? 

1^0. Ùa qaarto cTeff». ■ 

Pa Coa ehi jmU? 

^. Coo CoralUya. 

Po, E U Imm andar èo pala da «|aeU Mrtc 

con OB loco 09- xOTenastro ? 
Be. È Tenuto per parla n>tiriw 
Pa. ( alterato ) Perche no zela aodacia da ft 

ao fia? 
Btf. Ma che ? vi 4 qualche pericolo ì 
Pa. Parteole o no pericolo, la mare i»< ha da 
lassar andar io au BBaoiera hi fia. I«a «a la 
la eamariera ? le camariafe^ Mn aa, dia le la 
l*ÌBteBdt co la parooe. Xe vegnA mia io? 4 
xa nn aorana. e dei zovaai ao sa sa fida^ 
(Oh bestia »aU taasa aarwelo I) 
M0* Ho fatto ^biadar coafìglia a aia Cralaia 
Po. li'ha tolto coBsagìo da uà omo da garbo. 
Be Ma tot «ni ponata io ^a^ìA gvaodi. &■ 
▼orrei m. Sigaov Pani^laiia, itadala «nlnlo ; h 
Tostro figliarlo anii asdìr d*iasaKuiarflBÌ » già* 
ro al ciato, mp la ptghaaà. 
Pa, Zito. No sarà goante. La pota aath III dk» 
la m'aspetartl. Plgo iolaoieata par U baM 
regok. Como dùrb qnala bona areatoro co It 
vedarà do paté eoo oo soreooto? Giadiiiay 
siora Beatrica, gindvio. Vago iuUtA. (Qk 
poTareto mil do«« strali? data oodorÒK ? 
Ah ifliàiDa! ab ttadiloi'!. costa oaorfiH fato?) 

Be* Manco male, che non fi sono ^ngaoni ; p> 
se ooo foste, vero' ohe il signor Positalooi 
avesse maadata a levar mìa £gUa, o «he Le- 
lio me l'avene rapila, mitara me! Che awi 
sarebbe ? E vero, doveva andar io. Ma oapat- 
lo ti st^poar ' Florio^ Che raol diro, ohe 



)y Google 



. 4' 

ancor non vitne f L'ora i tarda ; fono ìmpa- 
siente di rìT«derlo. Voglio aodare ad atleti* 
darlo alla finestra. (parte) 

SCENà Vili. 

Camera di Ottopìo. Letto disfatto^ Uwota 
piccola apparecchìqla. 

QTtàYiO sulla poltrona presso la tatfoU^ che 
bepe, ed àuiccaiNO. 

jir, Sìor padroo, elo cootaoto che dtiparaol^a ?. 

Ot. Eh , ri 4 tempo, aparecohleraL 

Ar. La soo tre ota io ponto cha rottigootrui la 
se • urola* 

Ct. A tarola non a*in?aoehia, 

Jr. Volala intanto ohe gha (azza al lato? 

Ot, Or ora voglio andare a ripoaara un pOQOb 
Lo farai questa lera. 

jtr. Par mi manco fadiga« a pivi aaniftlu 

Pt. S), dici banf, mano cha ai fatica ti •!• 
pia aani. 

jir. Bla no Toria, ohe i difatta, ohe aoo «m 
poltroo, cha no Toi far goanta. 

Ot' A me batti, che ta abbadi in cociMi ohe 
ajuti il caoco, acciò la mattina ai abrighi 
pretto, cha tii attento a portarmi la mattiM 
la cappa al letto, ed apparec£hiar la taTola, a 
far camminare U mia poltrona: quatta tono 
cote che mi pramooo, alle quali togUo che 
ta abbadj con attenzione^ con dil'ft^oM. Btfi 
hai capito f (kepe) 

'Ar, Siof %\ ho oapido. 

OL Oh non voglio bever altro. 

Jr* Volela che poHa via f 



,y Google 



Oi. Ho, fatela R; spiii|ì avaatl qn«su poltrooa . 
Ar» (Ho aooa da menar b earSola.) 

(fa correr avanti la poUrona) 
Ot. Oh CMt OD pooo di aoto fa bana. Vaoini 

a prender la naia pipa. 
'Ar, Sior a). L' aspetta che ditperaahia. 
^/. Eh, non importa.' La tavola appareochiaCa 

non dk fastìdio a netsano. Va a praadara la 

pipa. 
'Ar, Vado, t'ior &, (Oh che poltroni) {parie) 
Ot, Bel gatto f Maogiarai bere, dormire, fama- 

ft alar a tedere, a noo far nìeulal e non 

far niente! 

SCBIfÀ IX. 

PANTALONE € dcttO* 

Pa. (affannùtò) Siàr OttaTÌo, re reverisco. 
Ot, Servo, signor Panulooe. Che o'è, che n 

vedo affannato? 
Pa. Go premnra de parlarve» ma cha sia- 

suo senta. 
Ot Oh' siete qni senipra colla vostra premqn. 

Vot morirete presto. 
Pa. Eh, compare, sa Irata de onor. Laiai cba 

«era sta porta. 
Ot. No, non la serrate. 
Pa. Perchè?. * 
Ot. Perchè aspetto la pipa. 
Pa. Eh, altro ohe pipa, {yuol chiuder ttucìo) 
Ot. Lasciatela aperta. Di che avete paura? 
Pa. Via, quél che votò. Sapiè, sior Otarie cara, 

che vostra nassa (a) xa sladsi mcoada ?ìa. 

(a) Mpofe. 



)y Google 



45 

Pa, E no •« aa dava che U a». 

Oi. Oh!. 

Pm* Qaala cara Tostra iorela l*ha latsada an- 
dar 00 la oanericra. 

Ot, Oh! 

Pa, E per acaaarie la* diae «ha tu ^av^ dli 
ooosegio 

SCENA Z. 

AitiiOQHiNO coUa pipa, e detti. 

OU Dk qua la mìa pipa, (si mette a fumare) 
Pa, (ad Arlecchini^ Vìa, tior , aodA TÌa, che 

aremo da dascorer. 
Ar. Dìfcori par; cossa m'importa a mìf 
pa. Ma «u ao«f^avè da esser. 
Ar, FA eODk che no ghe aia. 
Pa. Sior Orario, le aqdar vìa costà. 
OL Oh! 
Pa, Orsù; «a cba redo che oo V importa, che 

no gavè fio de reputazion, ?ago vìa ... 
Ot* Aspettate, siate no poco pia flemmatieo; 

siete tropjio fariofo, morirete presto. 
Pa, Co Tolè ohe parla, no voi costà pretente. 
OL {ad Arlecchino) Va m, 
Ar, Ho da -dasparechiarf 
Ot. Va Tìo. 

Ar, Ho da far el leto t 
Oi. Va Yìa. 

Pa, E co sta flama ghel diti? 
Ot. Non voglio alterarmi. 
P^ Me dea lioenta che el manda via mi? 
Ot» 8), fate ver. 

Pa. Vk TÌiv ^* vi't V* VÌA* (^ e^lcitfi coccia via ) 

3* 



)y Google 



Ot (ride) Bravo, eo» 2o doo l'iTrei £rtte. 
Po, If o P p«rohi ? 

OL P«r |;rtiura di flogtrim una gamba. (^Sgae 

aftaman) 
Pa» 8ìor OtiTÌo, qna bìaogna teatediai^liA. Sa> 
pi4, « lo digo còlè lagrime ai ochi, ch« Lelia 
mio fio in lato «ta ìoi^rtk. 
Ot. {fumando) Oh! 

Pa. Spero ohe no ghe sark gnente del mal, per- 
chè gbe ze h cànarteffa, • pò no gfa« dare- 
mo tempo. Ho mandk sabho ì mu barcarolf 
a f edeh a cercar , e bo «Mfeidli *lir« qoaire 
persone, aciò i me sapia dir da che baoda i 
ze andai, dOt« cba i «e poi frovar; Ai Iiìmh 
glia che acca na te déMd Ito tfNM atoraa 
Pretto, fior Otavio, Teilive, ttoiemo IWa de 
eas#. * ? 

Ot, Aspettate eh' io finisca di It^ar qoeata pipak 
Pa. Eh, che no ghe ze ttmpo da perder. Ao^ 

mo, dettri^heve, restife. 
Ot. Avete la goodoUf 

i^ Sì bau, go la gondola, ^ro vo aademe. 
Ot, Che. coca diee mia corcHa? 
Pm. A eia DO go dito gnente che ono fio Im 
fato la b*rofiadii. Ve prego, caro amigo, aaea 
vn^ ae pàdcmo^ aaliramo la tepotaztoa è*t la po- 
ta, e la TÌta de <]uel povero desgraeili. Il« 
TÌ8, destrigheve per caritli. 
Ot* Ecco, la pipa è finita; sarete contento. 
Po. Sia ringrazia el cielo.. Via, ¥etti?e. 
Ot. (chiama) Ehi f 
Pa. Via, Yolen c&e re agSgtfl mi.? 
Ot. Oil/Ò. (chiama^ Ehi ? 



,y Google 



4^ 

SCENA XI 

sftifrpBiLà c detti. 

Sr, SSgvor. ^ ^ 
O/. Mi voglio reajtìre. 

i?r. (Oh che miracolo I) Volala Utarsa la manf 
O/: Eh oon importa. 
Br. (V h 4o mesi cha sol ae le Uva,) 
^. Dov'è ArlaeohtB»? 
^r. L'i aodii fìa Lroototaodo , • no «o 4oTa 

•1 aia. 
. Ot, Ta aolo non mi potrai vaslire* 
Pa, Mo ria dtwtrigheTe. Goaaa gba voi a fattìr- 

▼€ f ve agiotarò aaca mi. 
Bì*. Mt DO go pratica. La pardona ; dova lìanla 

la scarpe? 
Ot. Saranno sotto al latto. 
Pa. (a Brighella) Presto, caro va, che preme. 
Bt. (porta scarpe péceJue affiMiUe) Eie qae^ 

alef . . 

Ot S), queste. 

Br. Come, a' ha da far a metterle ì 
Ot, Oh io non la tiro mai co le acarpe-; , pati- 
eco de*ca1li. {ei mette le scarpe à pianta) 
Pa* Glissi faremo piÀ presto. 
Br. Votela la reUda P 
Pa. Oibò; meteve su e1 labaro. 
Ot. S), dite hena. Il tabarro^ ^ 

Bp. Do?' slot . . ^ 

Ot Sari sul lette. 

Br. El ubero per coverta, {lo va a prenda^) 
Pa. Vi», levcve anso. 

Ot ( Brighella viene ó>l tahafro ) Aspo(tat0« 
{a Hifighdla) Dammi mano. 



)y Google 



48 

Br. 8oa qnt. 

Ot. (a Pantùhné) AbcIm voi. 
Po. Oh «ha pasiMst I (Ot^anù ìH leva e fi 
nummo U Uièarro) 
Br, YoUÌM ÌM ^nnom f 
Ol Quanto ni cpiace • levtnm k omi htrrtl* 

u ! SI, daBini la parroM*. 
Br. Dot' «la f 

Ot. lo BOB lo SO. 

Po. ToU, adcsfeo no sa troTark la pamea. 
Ol Aspatta .« crtdo sia cadala diatro la aaggetta. 
Br. k profomarta. {la va a preadere) 

Ol, {a Pantalone) È tanto tha ooo V adopero ! 
Pa. (Deboto no poéfo pìii. Ma se Vago m wik 

«oste no «a parta ptii da caea.) 
Br. ( porta la parrucca tmita arraffata ) Ho 

trova la paroca. 
Ot. Oh, bravo! 

Br. Volala cba gbe daga aoa patanada ? 
Ot. Eh, non importa. 
Pa. {con /uria) Deairìghaaoac. 
Ot. Siata un'uomo molto furioso. 
Pa. E va moho flematico. {intanto Btighetìd 

gli Upa la berretta e gli mette la parruece) 
Br. El capalo dov' alo P 
Ol E^ D, fra il capaxzala ed il nart, 
Br. Una bela capelitra! 
Ol Ma guarda bene che dentro vi sono dsUe 

mela. ' 
Br, Dove volala che la meta? 
Ol Sotto il capezzale, {a Pantalone) La ^^ 

tina mi diverto* 
Pa. Oh che pazienza! 
Br. {gli dà un cappello straccio) La togt •■ 

capalo. 
Pa, Oh, fodeaìof 



)y Google 



49 
Ot (a ]^gheiy) ÌJé aSi teMob. 
Br. Dov'ebf 
-Ok Salla poltrona. 
Br» (gli dà la aoàtold) La toga. 
p€u Aodeno. 

Ot, (a Brighella) Il faiiolatto. 
Pa, Oh povareto mi! 
Br, Dot* alo? 

Ot. (se lo trova In seno) L'ho qm, l'ho qok 
Pa. Xala fania f andamio ? 
Ol Non andate in collera. Poco pìih^ poco omoo, 

•on qui; quanto ci ho messo a fesUrmi? iin 

naxzo quarta d*ora. 
Pa, Sia ringrazia al aialo; andamo una Toka. 
Br, Signori, gh' & uno ohe domanda al sìor Pan- 

taloB. 
Pa. Chi xelof 
Br. Bli no lo oognosso. 
Po. Felo vegnir avaorit 

Br, Subito. (^^) 

Pa, Chi mai poi esser questo? Chi %%^ ehe noi 

sia qualcun che me porta la niota di ater 

trova Tostra nassa f 
Ot, Può •%%%{%. (si€de filila poltrona) 

SGENA Xa. 

TiBROFOio e détti. 

Ti, Signor Pantalone, gfi ho ritr^fati. 

Fa. (ad Ottavio) Oe| d li ha tro? al ( a Tifi* 

Ufido) Dove? 
Ti, A CfsttUò. 

Po, (ad Ottatfio) Oé. a Gaalallo i za. 
OL Ih» in oapo al monda. 
Ptu Io gondok Itmo pc«tto. 



,y Google 



Ot. Ho piar» iMmnulXituafi^A.tàféec^f 
Pa. (a Tiritqfolo) Gooteme, eome \ «««o trortì? 
3V. Ho preso ooa gondola, sono «nilato • «orto 

Gereaodo, e gli ho voJw^ MKwtUM. 
Pa. Io cMa da ohi xeli ? 
Ti, SoBO... 
Pa. Andemo, aodamo, che ■• oontavi par ttr»> 

da. Presto, sior OtteTÌo, aodemo* 
^ Oh I 9kmm Malo Imw. 4}otate«u. 
Pa. Via, tofò; aodemo aolnio^ Più che si tarda , 

pie «reso* al pericolo» 
Ol Soo qol 

Po, Mo via eoo quala Tostra maUdata flema. 
Ot Mi esdona i aalsovl 
Po» Sh, andava • £ur sìradonar, tìer omo da 

staco. So dove che i ze. I troverò mi. Ande« 

mo, compara Tiritofolo, andemo. (pia con 31) 
Ot, (torna a sedere) Gba noaio furioso & qual 

Pantalone! Sa dova sono, gli ha trovati, poco 
' «iè, poco mane, noa vi ara tanta Iretu. Ehi, 

chUdiIhr 

SCBNà XUL 

BBàTSlCI, OTTàViO, e poi Un SBRVtTOltt. 

Be. Chiamate? 

Ot. 8), dove sMi» colovof 

Be. Io non so. Che ha il signor Paiitalooa, che 

f ho vednto andar via ciscaldMo? 
Ut, E' matto. .... 
Be. Avete gridato insieme? 
Ot Oh, io non grido mai. 
Be. E voi 4)h8 fatis còl tabarnp «d il cappidlo^ 
Ot. Voleva appunto ohe «•• lo a«i«ssefo. 
Be, Ma paraliè va 1» «if la ^inàssaf 



)y Google 



et 

Ot. AVttm ^ attuare con PaoUlont. 

Be. A f«r che? 

t)t k' int the, eh P « «ensér» dì quAh brìcoif 

Célia dì ^ttt-a Agfta. 
i?tf. Come? Non i eHa da qaeHe gìovan» <«re 

déve esaer collocAta P 
Ot. Sì, collocata ! Lelio ve ¥ ha ficoiita. 
£e. Oh cielo ! <;he dite ? Lelio ni ha inganna-- 

ta ? ano padre non f fia mandata a prende* 

re ? Oim<^ ! che earli mai ? 
Ot. Offa, 00» Teolte qnl eoilv TOttre smanie a 

farmi serrar il cuore. 
Be. (pUtftge) Ah OtlarioI ah fralBRo mìci aiom 

rovinati I 
Ot Via, non piangete. L* hanno ritrotata. 
B«» L* hanno ritrovata? 
Oi. S\. L* hanno ritrovata a Gattello. 
Be. Oh cielo! dove? Insegnatemi dove. Andrò 

a ricercarla. 
Ot. Non vln furiate, A andato il signor Pantalone. 
Èe» K Tot, perche non ci siete andato? 
Ot. Perche mi cascano i calspni. 
Be. Eh, nomo da poco, aensa ripatatiooe. 
Ot. Io? 
Be. Sì, voi ; ho mandato • chiedere H vostro pa* 

rere per disimpegoarmi con LeKo, e voi avtin 

d^ito che vada. 
Ot Bisognava mettermi in sotpetto che Lelio 

mi potesse ìngam.are, e allora avrei detto di itd. 
Be. Siete un passo. 
Ot Ehi, avete, fatto crepare vostro marito » m 

con me non fare niente. 
Be. Portif la mia flgKaola? che cola tarli di lei? 
Ot. Ch« cosa ToTete che aia? niente. 
Se. (a Beatrice) Signora, è il lignor Flormdp. 

ch# Torrebbo riverirla. O'vzrf/) 



,y Google 



Bó. Véogo. ^ OkwU) 

OL Bbf qiMBilo il tntti di fintai mm torelb 

^ IflSto oome un gatto. Noo ii ricorda pà dì 

«oa figlìaoU. Oh, io andrò • rìpotaro no po« 

00, (9i oppia persù il lem t H chiude) 

SCENA UV. 

Camtra di Beatrice 

U4TUCB e noaiNDo. 

Be, Oh bravo! Siete etato un nono di parole^ 

PL Quando prometto noo manoo. 

Be, Stdiamo» 

PL Mi aon presa la libertk di portarn quattro 
dolci del mìo paeia. 

Be. Oh obbligatissima ! troppo compito. 

Fi Dov' i la figoora Rotaora f Vorrei aver To- 
wore di dame qua tiro anche a lei. 

Be. Glieli darò io qaaodo tornerà. Noo è hi caia* 

Pi. Noo i in caia f è andata a apaif o ? 

Be, È andata a farà uoa viaita. 

PL Senza di voi? 

BC' i eolla cameriera, 

PL Signora, perdonatemi, fo per istruirmi 
del costume. Al mio paese non si usa man- 
dar le ragazze a far visita oolla cameriera. 

Be. Oh nemmeno qui Ma è andata eoi ano tu* 
toro. 

PL Gol sigoor Ottavio P 

Be, No, co] signor Pantalone* 

Fi lì signor Pantalone] Vha ritrovato in goa* 
dola con un altro uomo, ora ohe ven&va qui. 
Gpn luì non vi eran donne. 

Be, Si, erano io ,ttn' altra^ondolti ma or» sono 



)y Google 



53 
tutti ituìeine. Orsili, parliamo d'altro. Qatato 
matiioa erarate di buon naiore, e ovaia dttto 
d«llt cose che mi hanno dato placare. 

Pi, (Ho paura, che la signora BeatHoe me la 
TOglra nascondere. Sarà io casa, e non torrli 
eh' io la veda.) 

Be, Ecco, e poi diranno di noi altre donpe che 
siamo volubili. Stamane eravate di un umore, 
oggi siete di uo altro. 

FL Ho mangiato malissimo. 

Be, Perchè? 

FL Non lo so nemmen'io. 

Be, Sarete innamorato. 

FU Chi sa f pnò anrhe estera di s). 

Be, Ti conosco negli occhi. 

FL Ah» tn amore non ho mai avnto fortuna. 

Be, Non direi» sempre cosi. 

Fi, Chi sa? Ho paura di sL 

Be, Se vi confidaste eoo mt, forte, forte n Irò* 
verette contento. 

Fh Oh, signora mia, non mi devo prender con toi 
qnesta liberta. 

Be, Oh bella t Se lo vi dico di farlo, non dove^ 
avere rigaardL Già nettano ci tante, la oota 
resta fra voi • ma« 

Fi, Signora... voi avete una figliuola da marito. 

Be, È vero. Quetto vnol dire, che mi tono ma- 
ritata assai giovine. 

FL Favoritemi in grazia, volete maritare la signo- 
ra Rosaaraf 

Be, A questo per ora io non pento. Il tuo tu- 
tore la vaol mettere in un ritiro fioche la ca- 
piti una btidiia ocoatioue. Rotaura & atta! ra- 
gatta, par lei vi à tempo. 

F^L (L*ho detto, Q netta non è la ttrada, con* 
vien eh* io parli col tigaer Pantalone.) 



)y Google 



44 

Je. Or»i oha quMta €glUio|f sark io ritiro, sarò 

cola, ceoui ioibsratti. Mi parrà di estere OD^al- 

tra ralla fanciulla. 
M, (J* alza) Signora Beatrice, ae mi date lice» 

fa« n lererò Tintoaiotio. 
He, Volete partir sì presto ? 
1^^ Oeggio Afidarfi alla piazza; ao amico mi a* 

«pptta, 
Be. Un airiieo o nn' amica ? 
PL Vi assicuro ohe non ho amiche. 
Be. Certo, certo? 
FL Certissimo. 
Btf. In nessun Iqogo f 
Pi. Io oesfu^ lifogo. 
Be. I^emmeuo in qu<esjta caia? 
Fi. Qfl) poi •«* ho delle p^drogie eb^ io Tenero^ 
Se. siete diveòato rosso* 
TL Sarh per rispetto.. 
J9ft Sedftf no fAco, 900 partit* 1^ pretto. 
pL Permettetemi, tornerò qaesta aera. 
Be^ ^««b »' «iptM^ ; pif iMMj manoatc. 
FI, (Qaesta sera vedrò f idolo mio.) Servo dif^ 
$C0 i^4dio Florindio. 

ffL (C|i« bu^mi s^o«Ara sarffabe quaeta per me!) 

(jmrté) 

3CBNA Xy^ 

Mirale* 

Che Imo» 9ifrfto per me aareMia Fiwtodot tt^ 
nerk queste sera ; oeo ^ seoaa aajstero kfo* 
fmfneèsa. Ma ^he saia di Roeaairs .' ah &• 
glinola mia, dove seif misera me J Se ooo h 
iravaiio, 9» poto la ricoiulucopo a càea, «cm di* 
speraita. ffoo ho .all|d obe fQ#ai* ubica %Iia 



,y Google 



* 64 
Quanti ilèntì, qiiantt fatiche vi vorrADttò prì* 
•sa cha« C0019 questa, lo n* abUa no' altra I 

(parie) 

SCENA XVI 
damiera nelU casa troysta da LeUa a CaèìeUo* 

&MLM 6 420aàIUVà. 

Oo* DitacDÌ no poco, aigaor Lelio, ohe eaaa à 
qaeita dova uoì atàoiof Alla paclronetaa, cha 
i sempRoai potata darà ad ìnteodare tuto qmìl 

■ ch<« Telata; na io non a rado ai faoilmeDtc). 
Dova aoM) qaeste «iiffiora del ritiro? Dota 
•eoo la fanoialla io «duoasiooa? Dot' 4 il si- 
gnor Paataloaa olia ol «epatla^a ì 

he. Corallina mia, ho fatto trattenere RoMfira 
aoll* altra aaaiera ooHa padiHMia di qnaata Qé- 
aa per aver lit>ert)i di parlar eoo vot« «ha aie« 
te ona f ioTÌoa di propaaite, che avate pia dU 

' a^arnimaaito dalla jioatri padrona. 

Co. Parlata pare, (Mi atpatto qaaloha bella aeena.). 

£e» la poohe parole. Qaaata k naa oaaa «fi par^ 
aona mia dipendenti. Casa onerata, di poaera 
jna onesta •gante. Io «eae loraghite detta sW 
gnora Rotaara, la d elidere per vaglia. 

Co. Oh poter del mondo t eha aalona h qtiatuf 

«he «radimeB«e iaCamef c|^e inganno I eha iaW 

qakà ! oeiì ai aaaataUiatoo dna povere daana ? 

qu«lla povera innocenla pracipitaU par tempre, 

.ed ie infamata eoi eitoto d( meseanaf 

Ctf. Zitto..» 

Co. Che «Ito ì siate un tradfeere, siete ' oh inde- 
gno. N^n mi sarei «ai fignrata i/tf easa s«bì- 
K». Netsuao pu^ Intsccarè in ben «nnioAi paf^ 
te la mia riptitaidote. 



)y Google 



66 

JCtf. Ila sitto*** 

Cu. Fegfio dire P anìnio ano. Vogfio ehc ci OMt* 

data ìd libertà. Toglio coadur via la pa^roai. 

Toglio toroara a caia. Dir tutto a vostra pa- 
dre per farTÌ castigar tona mtriiata. 
Xe. Non vi riuscirk di farlo. Siate Dalle mia aiaBi. 
C(L Gradata voi di farmi paara f Gioro al ciala^ 

BOB m! coDOscate baoa* Cane aeaxa legge, aao* 

za ripatazioot. Bella cosa eh P condar vìa usa 

povera ragazza ionoceata ? 
Le. Ma io la TogUo sposare. 
Ceu Parchi no» dirlo a vostro padre? 
Le. GlieV ho detto, a ne 1* ha iiagata. 
Co. 8e te l'ha oegata, saprk olie noo la laaiìUh 

te; siete no discolo, no Tagaboodo, 
Le, Via, Corallina, ascoltatemi, che sarii meglio 

par Toi. 
Oh Non voglio ascoltar alante. Las ciataBi and» 

re, o joUeverò il violaato^ 
Le. Corallina, questi sono zecchini, aseollalamL 
Co, (si va calmando) Via, ch« cosa mi aolsia 

dire r 
Lem Io sono innamorato delia signora Hosaara. 
.CO0 Bene, e cosìf 
Le, .Un giorioe, ohe aam ana raf azza par ispo* 

serie, coamiette alcun maocamenta? 
Co. Che spropositi I signor no. 
Le.. S% il padre nega al figfio una sposa feam 

ragione, il £gKo non ha aiotivo di andar ia 

coUara? 
Co, Amore ••• cartanianta .•• scalda il saagoe. 
Le. Quanti hanno fatto delle pazzie par amore? 
Co, Ah! ne ho fatte anch'io qualchedaaa. 
Zie, Deh, Corallina, compatatemL 
Co* Yì oompetisfo, dm queste non aono azioni di 

farsi. Coodur ria una ragassa ^^^oa ^ inganno ? 



)y Google 



eoo tradimento? e m«U«r in p«ricoIo la mia 

riputazione ! oh, questa non ve la perdooo^ 
%€» Goralfioa mia, compatitemi. TeotCe qneetl 

dieci zecchini, godeteli per amor mio, ad ab« 

biata compassione di me. 
Co. Oh amora fa far le gran cote I 
Le, Via, teneteli. 
Co. ( li prende ) Che s>, che gli atate tohi a 

▼ostro padre? 
Le. Egli non m9 ne dk, ed io me oa piglio. Ga« 

ra Corallina, pare a te ch'io ooo aia degno 

della signora Rosaura? 
Co. Io non dico qoeato. Siete di agaal oondi- 

lée, È Toro, che ho goduto il mondo finora,, ma 

i gio*aoi col matrimonio si assodano. 
Co> Sì, abbiamo degli tsemp) ohe molti sì sono 

assodati. 
Le» Veniamo al fatto. 
Co. Oh qui sta il punto. 
Le. Io era innamorato della signora Roaaora; 

mio padre mi mette io disperazione d'aterla; 

ohe cosa doTeva io fare? 
Co, Ah! basta, 4 fatta, bisogna rimediarci. 
Le. Se io la sposo, h rimediato ad ogni cosa. 
po. Avete detto nulla alla signora Rosaura? 
Le. No, non ho a? uto coraggio. Cara iloralUoa^ 

diglielo tu. 
Co. Sapete eh* ella fi voglia bene ? 
Le. Veramente io ooo lo so. 
Co. B T'innamorata solo da roi. 
Le. Così è, sono innamorato. 
Co» Di lei o de* quattordici mila ducati ì 
Le. E se buseaasi i quattordici mila duoatti 

credi tu, che non Tt fio swebba UD migfiajo 

per CorftlliDa .*^^ 



)y Google 



i 



io 

Ro. Cóme ! ooo ti ctpUco; 

Co, O tapolto fra quattro mura, o sposa de! sU 

gnor Lelio. 
Ro, Sepolta ? oh, puUtotto «posa. 
Co. Volete oh* io lo ohiatni f 
Ra. Ah!^. sa si potassa... 
Co. Che cosa? 

Ro. Sa si trovassa il signor Fiorìodo. . 
Co. Qui 000 c'i altro rimedio. Di qui aoo ai esc^: 

o il signor Lelio o nessuno ; o sposa o deairo. 
Ra, Ta V ho detto : piuttosto sposa. 
Co* Lo chumo ? 

Ro, S), ma parla tii ; non mi far vergognare. 
Co. Eh, in due parola ci spicciami* (chiama) 

Signor Lelio? 

SCENA XVIIL 
Lsuo e dette. 

Le» (piofla a CoraUina} Bravissima, ho semita 
tutta. 

Co. Signor Lelio, giacche avete avuto la car'oa 
di scoprirci ogni cosa, se vi sentite di «occor- 
rere questa povera sfortunata, e sposarla, ella è 
pronta a darvi la mano. 

Le. Non so che dire ; sarò fortunato, ta potrò 
assicurare la ina e lamia felicità. 

Ro. (Piange.) 

Co. Via, rispondetegli. 

Le. La conxpatiseo, & confusa, si ralsereoerk 

Ce. Lo volete per vostro sposo ? (Ro^aura piaa^ 
gè.) Dite si a no. 

Ro. (mestamente) Sì. 

Co,. E voi, signor Lefìo^ rolete per vostra sposa 
k tiéQora liosaura ? 



)y Google 



il 

£e. Sì oerUmeota. 

Co, Vi», dateTÌ 1» mano. 

Le* £ao0la» mia cara. 

SCENA XIX. 

PftMTALOMt, viaiTOvoLo, Uomini e dcuL 

Pà. AlKH alto. 

Co. Ah, signor Paoulooe ! a)aUtaet, aìamo tra- 
dita» tiamo aatasaiuate. , 

Le. Gome!... 

Pa. Ta«i là. Omeoi, oonpagaele io barca. Ade$- 
f« vegao anca mi. Aodtè io barca) pule, pova* 
TOKza! aad4 là, cara, andò là. 

Le. (ÀK ««.lardava na momaoto!) 

Ho. àigrtor Pant»ioae, »i pre^o par oaritìi..- 

Pdé 6)» fia mìa, «), aodè là, parleremo. 

fio. Mi rotate mattare ift quel ritiro ?... 

pa. Si, te mat«rò dora ohe rote. 

B.9. Ma par carità.» 

Pa, Ande ^. «o ma f« andar in coUra. 

Ho* Pbwra mal Ora vado • aeppallirmi p«r asm- 
pr«. (parte^ 

Co. Beco H , foitfo figlb r ba fatta bella. Po- 
vera la signora Rosaural ^ io noa fvssi «ia< 
ta ooraggiesa • onorata ... 

Le, Bh, non la eradeta... 

Po, Tesi, -furbasEO. \^ 

Co. (Oh, son sieUra oba crederà a ma pi^ cha 
• lui.) (Z»^'*) 



Digitized by VjOOQlC 



62 

SCENA XX. 

«AMTALOMB e UUO* 

Pa. Toco d' iofame ! toeo àt dMgnsUi ! MStu 
per cotsa che too resta iodrio? per cosce 
che me soo femà io sta camere? Ti crede* 
r& per criarte« per manazzarte per riinproTe- 
rarte de le to ioiqaità. No; sto mesiier l'ho 
fato abastansa, «oo stufo de farlo, e io do pa- 
role me sbrigo. Questa ze i* ahimè volta che 
ti Tedi to pare. Ya, che el cielo te benediga. 
Areoordete de qael che ti m* ha fato passar. 
S*el cielo te dark desgrazie, se ti palirk, se 
ti pianzerìi, arecordete de to pare e di : ades* 
so sconto le Jagrame e i patimenti che go fa- 
to sofirir. No te voi più rimproverar, do te 
Toi più dir gnsnte; el ze fià (a) butà TÌa, 
al ze tempo perso. I gropi ze vegoui al pe- 
teiie e uo ghe pie rimedio. Adesso ti dirà ia 
tei to cuor: cosse sarà de mi? Ooeote a qael 
vhe ti meriti, ma taoto che basterà a casttgtf^ 
te. Menar via una pota? sassioar una mia 
pupila? Ah questo me paua el cuor! fio 
indegno, fio desgrazià! Vame lontati dai ochi, 
come te mando lontan dal caor. Ah , volesse 
el cielo che te podesse alootanar anca da la 
memoria, {piange) Ma por tropo ti sarà fia 
che vivo el mio tormento, el mio rossor, la 
mia desperazioo, la mia morte» 

Le, Ah, caro padre ... 

Pa. Via farbazzo ; indegno da nominar el noma 
de pare. (P^^) 

Le, Oh me infelice! cba 09M sarà di me? an- 

Digitized by VjOOQlC 



65 
drò lontano cU mio padr«? doTt? come?. 
Mil^B tiùiori mi «fsalgooo. Oh donne! oh d«u« 
ne! E queUf indegna di GoraUina mi ha man* 
giato i denari, e poi ancora m'insulta? ah, 
eh* Io son disperato I Tadasi iacootro ad ogni 
avverso dtttioo. (porle) 



Digitized by VjOOQlC 



64 

ATTO TERZO 



SCENA PRIMA. 

Strada con canale e casa^ opb aòUa Rasaura. 
Condola che arripo, da dove sbarcano 

PAMTALOIIIa BOtàVRà O CORAIUNA. 

Pa. (a Rosaura) iXod4 Ik, fi« {a) , aod& da 
fottra sióra mare, (ai òarcamoii, e si fir- 
ma a parlare con uno di essi) E va akrì 
andava a ligar al campo (à), (gondoia via) 

Ro. (a Corallina) Siamo a ct$a? 

Co, Sì; ooo vedete? 

JRo. Sia ringraziato il oielo. Temefa di andare ia 
quel brutto luogo. 

Co. Non ve l' ha detto io gondola il aigoor Paa* 
telone che vi oonducera a caaaf 

Ro, Non gli credeva. (entra in casa) 

Co. ^ Sin* ora è andata bene. Non so quel che 
euccederà poi. ) (entra in casa) 

Pa, Aodemo a sentir se eiora Beatrioe sa gamie. 

(puoi entrare) 



(*) ^^'^* per espressione amorosa* 
(b) PioMctta^ 



,y Google 



65 
SCEIVA II. 
noiniDo e purmavi. 

Pi, Signor Paofalooe, la nTerìtoo dWoiaoMote. 

Pa, S«rTÌtor waAhtAmoì 

Pi Vorrei pregarri di mia gnizta. 

Pm, h» eoMMdi. In eott* potsio ttorrirk T 

PL Voi siete il tutore della signora Eosaorl. 

Pa, Per serTirla. 

PL Perdonate, te a troppo ni aranzo. Sareste 
▼oi in dttpetixiooe di nariurla? 

Pa» Peroh4 ne ? Volesse el ci^ ohe glie t«pi« 
latte nna bona lortuoa. La puta xe in un^e- 
ik ditcreta. De bontà no ghe ste forti la to 
«ompagna. La ga de dota qnatordese ibile dm 
«ati; la za de l»on parentli ; ehi la tolette no 
feria oativo negozio. (Magari ohe el la Tolet- 
te elo I to ohi f è ; ghe la daria €0n . tanto 
«le cuor.) 

PL (Qoi bisogna larsi eoraggìo.) Signor Penta* 
Ione, io sono uno ebo nOo ha amici di oen6« 
densa, pereli4 tiro a me stesso e poco prèti* 
00. Le cose mìe le faccio da m», qatndo pos* 
so, ondo mi prendo T ardire di chiederri ì* 
stesso la eignora Rotanra in contorte. 

Po. (Oh cielo, te ringrasiol) 

PL Potete voi compromettervi cb*etta tia per 
aderire f 

Po» No la diga altro, caro sior Floriado. So ehi 
la ze, soo informa d« la io netcito e del sta- 
to de la so cete. Ho cognottA to «or paro 
a so sior barba (a), sentilomeoi veronesi de 

(.) Zio. 



,, Google 



tata ttìint é <I« Ioli Mktk Ateto con tato 
•I ooDtonto la riehìtotUi ohe h hm fa de ttt 
pota, a qna tn 4» pi«^ <ia ■ f ilaotoiiio, da (mm 
d*ooor^ gha f^oiMlo-oba la •uk to magiar. 
FL Potata voi compromatlanf»- ddb saa to* 

!'«. Me ppM* aoitepf n— i ir ^ «0 qaal ehe digo, 
«ognoafo la l^oMà iderk^palas # pé, el «m- 
riie^ 4«^ai«r FlonodD on Ma beea Wteni da 
rMa«iaiMlaz<iMi« ■ . ^ « 

71 Voi mi eantoltfa;. Cfedalam^ tl^*W feoio It* 



Pa. La Sfata, |Mr egot lym^ rigoardo «n^er^ a 
.4lìcW(« l«'p»t%a'glM(fod2rò«eei e té aia- 

ra mare... ..l 

F/. X M la.vadra noot^olaatalF 
^41, .01^ oispe. la flMSa ne ne vide. Che lo £rò 

per rìip«^«a. «o.xa «oatoole lapnloi lima 

oof to «bè jìa fato hrtOk • - 
F/1 S tup »of 
Pa. Et lo saMrìi, al fa tato qoal aho dtgo ni 

fdm U. Mota, aioa.FJorìiidOj la^ s'araeorda, IM 
.f.oh* ,t,e«o Ofoms • oo 'OtBiO' paUli ; ae la pa* 

ta sa contsotv 00 troTemo radagbì (a)» ao •• 



fL Sotto ao aomo ■d^oopora 1 afa aoo éopaoa di 



Po. Me data parola} 
Fil Vi do paròla. 
POi Vago sabile. 



(a) Imhrogli. 



,y Google 



^7 
S G E r A III. 

LEuo e detti. 

Le, Ab, iìgnor padre... 

Po, Via, loco de dasgrasìk, fia galioto^ barOdi 
no ne tegoir piti davanti. Ma «enti, fm^bazzo, 
per ^0 anoera ti spaaizzerii (a) sa sttt' pie- 
re (i), {entra in casa di Rosaurà) 

VL Signor Lelio, convieo credere ohe abbiate 
fatta qualche coaa di brutto « rostro- padre 4 
poiché n 8oac(lia si brosoameote. ' 

Zie, Mi odia, ooq mi può vedere. 

FL Ma diavolo! Dirvi gakolto, disgradato, so* 
00 cose ohe fanno ioorridwe; 

Ite. E eco i titoli con oai mi ooora. 

F/- Avete inteso, ohe ha detto, olie per poco 
passeggierete ancor queste' pietre? 

Le, Certamente io dubito ch'ai mi voglia far 
catturare. 

VL Ma che mai gli avete fitto ? ■ 

Le. Niente; non v«o] compaiire la gioventù. 

WL Via; posso io acoomodare queste dissen* 
•ioni ì 

Ze, Caro signor Florfndo, Tolete voi adoperarvi 
per me? vi sarò eternamente tenuto. 

n Vostro padre ha della hoirilk per me. 'Con- 
fidatemi il niotivo del suo dispiacere, e lascia* 
temi operare. 

Ze Vi dirò. Io sono innamorato della signora 
Rosaura. 

FL ( Buono I ) B cesi ? fin qui non vi 4 male. 

Zie. Ho -svelato 1* amor mio a mio padre, e T ho 
pregato di darla a me per oonsorte. 

(a) Pass60geraL (!») Pistre. 



)y Google 



6Ò 

FI. Kà egli ohe cesa lia detro? 

Le. Me rha btrb»r»ateiite negata. 

Pt (Pensiona è nn uovo taTÌo a cUbbeoa.) 
Ma ohe avete laUe, che Taglia • disgasiarlo f 

1/9. Ecco io che contista il nùo gran delitto. 
Non aa|ievi eome fare a parlar eolla «ignora 
Rotaara, per rilèvjHr daUa aua boeea, ae po- 
teva «parare, ob'eUa fotae di me contenta, 
fissando poscia in ao^atesso, ohe «e la fan- 
cialla mi toUva, il latore non V avrebbe po- 
Idt* ia^tedire» 

FL Ebbene, olia k iMondato ? (Mi pone in una 
estrema onrioniii*) 

Ze* Eeoo in ch« eonaiste Ja mm gran colpa. 
Col pretesto, che mio padre volesse farla ve* 
dere a oerle -aifoore, sono andato io a pren* 

' dere in noe gondola la signora Rossa re, o 
noita alla ana eàaMriara l' ho ooadotta inaaa 

- tes4 « 43astello. 

Fi. (Oimèl che sento ! ) 

Le, Ditemi, è <|iiesto un deKtto si grande, «ho 
meriti l' indigaadone di mio padre f 

FL (Rosanra i statario balia di aosinif) 

Le, Mio padre & venato, mi ha ritrovato n dì* 
scorrere «olla rafasaa, ha messo sossopra il 
vicinato, e ehi sente Ini, pare ch'io abbia as« 

. ' «astinalo messo mondo. 

Fi (Ah, 1^ onor mia enala che io im dima- 
pegni!) 

L^, Eocovi tutta Ustoria. Caro amioo, parlala 
voi a mio padre ; ditegli, ohe fioalmeata Ra- 
aanra non i aaa prinoipeesa ; ehe non dove- 
va negmrmela, e ohe il ano saagoe ha da 
prevaùr» alle «ne Intela. 

Fi. (Ci paaserò, non voglio che la passione snS 
aooiechi.) 



)y Google 



Ze, Gho con ni rispondcile? 

M, Gbe tortro padre » ragion vi mdtratti^clM 
r ardir Voatro tawrita aMair pmiito, a oha da 
ma Doa ìipariita ioM6rM. (périe) 

SOmHk IV. 



Ora ai cba ho trovato no baoa madiatore ! 
Sta a Tederà, cba Floriado ha qoaldiè pra* 
taiiiioBa aopra la aÌgoo#a Bosaura; m eo«t 
fossa, fmTrtì Ama baili f Ah, se potasi! par- 
lara eolla slgnova Beairieal Con tutto ^oel 
ohe le ho fatto, spererai loadagoarla. BUa 4 
portata p^r la glo^aaitA; ^ttaotnnqiia n casa 
fi sia mio padra, erad« toegBo arrtsebiam) 
e ritestara U mia fortaoa. (eatim itt casa) 

8GENà V. 

GctifMra* 

BiATRict è c^taktsnn. 

Be, VieB qoi, GoraHÌM, aia tanio «ha Rdssnra 

si spoglia, narrami ooaaJa <«oat- 4 aàdatai. 
Co, Oh che imbrogio ! Non fi f eleva i^tri che 

io a nsdroa con «nera. 
Be, litlio dnnqiia A iDoamerilD di Rotanrà? 
Cb. O di lai o deOn dola. 
Be, Indegno I temerario I Far ao* asion aimita 

ad ona casa onorata f Che eosa hi d«tto a 

Rosaora f 
Co. Ha principiato • dirb balle parek, a farfii 

dtgli fcbanatti. 

A* 



,y Google 



70 

Co, Ed ella •,. Io tapelt «Mn*^ fatta; s'acco- 
moda facìlmeoto. Ma fot sabìto* tocate, 
iMfti quegli oodn, già-^naUe inank Oh, se 
non ara iol 

Be. Manco mala ; ta s«i itM gloria» di garrbo* 
La ha parlato di BatHoiottiof 

Co. E aoma 1 

Be» E Bosaora ohe dtcera ? 

Co. Oh, elja dioa pvssto di d. ' 

'■^ S&ocìatelUI < 

Co, Ma io! zitto lì; non a! parìa di queste 
cote ; l'ha da sapere is si^ra madre* Ba- 
sta, ho. gridato taotOt ohe nii sono iafisniBBai» 
il singaa 

Be. E a Lelio non hai detto nella P 

60. Se ho detto ? se b» detto f Forrù che mi 
aveste sentita. GK voleva fine mettere le meni 
sai viso. Volete sentire che cosa ha fatto qoel 
temerario ? 

Be, Indegno! che ha fatto f 

Co. Uoa cosa ohe mi la venir I rossori sni 
viso. 

'Bo. Oimi I oh» cosa A stato ? 

Co. Ha avoto 1* ardire di offernrmi dei denUri. 
A una. donna della mia sorta p 

iSe.'Petnlantii! E tnf 

Co, Ed io, figaralevi, g^eoe ho dette tante. A 
me denari? Non farei noe mala azione per 
eeoto mila zeedtioi. 

Be, Brava Corallina! Goniervati sempre cos). 

Co. Oh a), signora, denari io non prendo. (Sa 
sono pochi. ) 

Be, Ecco Bosanrn. 

Co. Poverina! Consolata; i mortificata. 

Be, Sì, la compatisco, i innocentissmia. 



)y Google 



SCENA vr. 

X084U11A e dèlie, 

"Ro» SérTB, tigooni madre. 
Be, Vfeo qoi,' la mia figlinola, lascia eh' io ti 
dia an baoio. Porerìna! Hai passato un gran 
pericolo. 
Ho» Arate lapnto che eoaa mi ToIeTano fare ? 
Be. 8), l*ho aapnto, manco male che ri ara ooit 

te Corallina. 
Bo, Oh, se non era Gorallhia, porera me f 
Co, (a Beatrice) Sentite P se non èra io I 
Be* (a Bosaara) Yedi ? Impara, non bisogna 

fidarsi degli nomini. 
Bo. Io non arrei mai cradnte, che nn uomo 

dabbene mi rolesse assassinare. 
Be» Mal il oitlo ti ha assistita. 
Bo» Corallina mi ha iUnmraato. Se non era elb! 
Co, Se non era io! 
Be» Per l'atrenira ti saprai regolare. 
Bo, Oh, non esco più di questa casa. 
Be. Il signor Pantalone ti metterà in an bnon 

ritiro. 
Bo, Oh, il signor Pantalone non mi corbella. 
Be, Perche? 

Bo, Oh, non me fa fa pia. 
Be. Egli non ne ha colpa. 
Bo. Sì. sì, non no ha colpa f Se non era Cora!- 

Kna, so io dora mi metterà. 
Co, Basta! la cosa 4 andata bene, non na par- 
liamo più. 
Bo. Io sto bene dorè sono, odia mia cara 



,y Google 



Be, Ma in ritiro dorete andare. 



'7* 
ito. Signora madre, tinte d*aceerdo mnefae ¥0Ì 

eoi sigoor PsiinIom? 
Be. CertasMnlc, paMÌémo ài conocrto. 
Ro. Ah! ma Tba detto CoraDioa. 
C0. Oh, io 000 fallo mai ! (L* aquÌTOOO noo può 

aaaer p^ bello.) 
Me. Dooqoe non forraata andare iori^of 
Do. Sigoora no. 
Be, Ma perchè? 
ila. Perchè ••. tarò maltrattala .*. mi chiodaca» 

no (ira quattro mofa.*. {piange) noo vedrè 

pie nettano ... 
Be. Eh, via... 
Ce* Oh, vi dirò, aignora mia. Il aignor Lelia 

ha dette ce^e cettai ehe V hanno iiili|Barita. 

{a Bosaura) Noo è verof 
*3«. Signora a). 

Co. Ed egli la volava apotare, JBfoo è. varo? 
Bo. Sigoora tt 
i9e« Bao^ bene ; la discorreremo. 

SCERA VIL 

T4HT4I.0NI e dette* . 

Po* Patrone reverite. Siora Bottnrf, con , te 
bona grada, ho da dir un non to che a te 
aiora mare; la favorista de retirarte par aa 
poeheto. 

Mo, Ah, caro tìgnor Paoulone per carità ... 

Po. Cotta vorla? 

Bo. Non mi attatsinate* 

Po. Mi tattioarla? 

Bo. l^ dftnrro non ci voglio andate. 

Po. Duve dentro ? 

Bo. Io quel brutto ririro* 



)y Google 



t5 
ifVf. No, DO, no ?• Cullili. 
Mo. Vih toste ••• 
Piu Pia tosto cossaF 

Ho. Mi msritsrò. (P^rid) 

Po. EX ripiego oo zs ootifo. Goralfioo «ade ? ia. 
Co. Si potrtbbs dirb con no pooo 4»<«ni^ 
Pa, Vb, dtttrìghere* 

C9. Aodate tti, oho avets un lisi fgtto! So oon 
ori io! {parie) 

8GBNA TIIL 

p*iiTAi,oiii e nATuici. 

Po» Sion B««tric0, go da parlar. 

Be» Che dite ab, di quello scaUorolo di logtro 

figKo ì 
Ptu Cosa forla che digaf Soa iporlifioii, aon 

ooofaso. Ma quel forliasao o| gasock qael 

che ti merita. 
Be, Il suo catiigo noo gioverà alla ripatasiooo 

della aia figliuola. 
Pa. Siora Beatrìea, el cielo ha provisto. Za un 

quarto d'ora siora Rosaura me sa stado do- 

maodada per mngier. 
Be. Se si saprà X accidente occorso, non la vor- 

raooo pia. 
Po, Chi me r ha domaodada no sa goaoto» étaa- 

sera ^1 b sposa ; I* 4 (brastter ; ati qualro 

soroi che el sta a Vanesia noi se lassa solo. 

Bl mtoa via la magiar, no se ne porle «lai 

piò. Finalmente tosaa za età ? ohiaoolo • Oo 

altro. 
Be. SI, in gratis di Corallina. 
Po. Son sfh da sior Ottavio. A ti' ora 1* ho tro- 
va in lato, daspogià co fa an porcaio; |o 



,y Google 



7* 
dito (Qt«, e ri coBl«ntì«*iiBO/ tneì ad<»sso d 

M TAfte, • «1 fi«o da «la • dìtcorer ds tto 

neccio. 
Be. Ma chi h qacito foratti«re, che tqoI mia 

igliaf 
Po, £1 tìor Florindo Alatoti. 
Be. Floriodo? 
Pa. Glauca e^o. 

Be, Io dubito ohe prendiate aLagHo. 
Po, Gha abaglio hojo da prender? 
Be, Vi ha chiatto varatnaote Bosaara? 
Po. Mi no go fia. Chi m'oTCfalo da doman- 
dar? 
Be, Potava parlarvi di qualche altra persona. 
Po» B mi gha digo, ohe a mi, come tator da 

aiora Roaaan^ al me T ha domaodada per 

magier. 
Be. Perche «oo dirlo a me? 
Po. Mi no' so ^neate; el me l'ha diro a mi. 
Be. E un asino, non ha oreansa, non gli voglio 

dare la mia figliuola. 
Pa. La me perdona. L* ooaslon xe bona» el par* 

tio me piase, sìor Otavìo za contento, bisogna 

che la se conteota anoa eia. 
Be. (chiama) Corallina? 

SCENA IX. 

coRAixiNA e detti. 

Co. Signora. 

Be. Di a mio Trattilo c^e venga qui subito. 
Co. $ì aiguora. 

Be. Ma vi ha specificato il nome di RosaurH? 
Pa. Mo se gha digo de sì. E pò a mi, de chi 
diavolo me avevelo da parlar ^ 



,y Google 



75 

Be: (Mftleiléttof) {à €àraììhm, cherkOimd) Eb^ 
b«0fl; vìerf«'iinó fratello} ' 

Co, Ha deth» ohe 8Ì vette. 

Be. Qaaodo 4 vestito, TeDga tnbito. 

Co, Oh, TÌ k tempo. (parté^ 

Pti, Intento ohe fior Ottavio tè velte, inderò • 
•ori ver ana leteraj •« la me permete. 

Be, Si, ai, andate. 

Pà, (Voi andar a dir do parole a «ioiti Rofan- 
ra, avanti che ghe parla so mare.) (ptirte) 

Me» Bravo, eigoor Plorìndo, Bravo f tSllenaeoioI 
Parla eoo me, e non mi dice niente? Mi per* 
ta t dolci, acoarezta la madre, per fare alti 
l'amore oolla figlinola f No, non vo'ehè'tr 
l'abbia. Pantalone pnò dire... ma iton vorrei 
che q nètto vecchio, col preteato della lettera 
svolgeste Rosaura. Voglio' andar a vèdero« 
passerò di qna io <}aest' altra camera,' e atooN 
tarò. {apre un uscio, da dope esce 

SGBNà X 

xiLio e detta 

Le. Deh, signora mia ... 

Be, Come! indegno, temerario! che fato qni? 

Xe. Zitto per pietà. 

Be, Siete venato per rapirmi nuovamente la mia 

figlinola ? 
Ze. No signora; son qni per giastificarmi. 
Be. Chiamerò vostro padre. 
Le, (y inginocchia e le tiene le pesti) Ah 

per pietà, per carità ! - 
Be, Siate no atssssino. 
Le, Sono un amante della vostra figlinola. 
Be. Se volete la mia figlinola, perche non cliìe* 

derla a me? 



)y Google 



Xib Tobia Mtioamiri priva Mt amor avo. 
Be. Siete aa mentìtort. Cbiuiierò Tostro paJre. 
Le, tfùn fata alrepito per V anoff dì f oetra &• 

^ Abt olle per eaiua ▼ostra la n^a povera fi- 
glia è pre^adioau! Pur troppo ai «aprii, por 
troppa la genti parlano ! Ah f oellerato !J Che 
cota avete voi fatto alla mia figlia? 

£<• meote, signora aùe; le ho parlato, a bob 
altro. 

Se. Per oagioaa di qaella baona ragaaza di Q»« 
raUÌBa: per, altro *^ 

£e. Gertaibeote, Corallina è ona ragassa boo« 
maiiau, al ,^ coateolala di ììbq^ zeóchini per 
farmi porger la mano. 

Be. Ooom! GoraUioa ha arato dieiji zecchiai? 

Le. Sì aigoora, va lo giuro fulf ouor mio. 

Be. CoraUioa? 

SGENA XI. 
coRàixiiià e deuL 

Co, Signora ... {tesile Lelio) Uh! (corre rài) 

Le, Vedete f Fugge per vergogna. 

Be. Ab disgranata! ora crederò che sia inee- 
ceote liosauraf ora crederò alla vostra me- 
desila P ora mi fiderò che non sia assasinata? 

Le, Signora, ve lo giuro. , . 

Be. Siete un perfido. 

Le. Gredeieffi. 

Be. Mi avete tradita.. 

Le, Uditemi, signore mia. Tant'è vero eh* ie 
sono innocente verso la vostra figlinola, che 
potrei lenza scrupolo sposarmi con voi. 

Be. (placidamente) Sposarvi con me? 

Digitized by VjOOQlC 



«... 77 

liC S) Signora, ve lo prototto. 

Be, Siete un dUcoIo, uno soapettrato. Per altro 
qaesta sarebbe le via per rendere la riputa- 
zione a mia figlia. 

Ise. Deh, eignora mie... 

Be. Beco vostro padre. 

"Le. Lasciatemi nascondere. (Aodie qnesta lia ot- 
to o dteei mila dacati.) (entra ntUa stanza 

di fnima) 

Be. Indegno) Sposami! Basta .#• 

SGBNA XII. 
pàNTAtoiii e detta. 

Pa. B cassi f sto sior Ottavio no s* ha gMoco- 

ra visto f 
Be, Avete termi6sta la lettera? 
Pa. Siora sì. 

Be E Bosaora rovaio voduta? 
Pa, L'ho visto. 

Bé» Le avete detto nalla dal signor Floriodo? 
Pa. 60 dito qvalcossa. 
Be. Gii DO r imna^Mv». Mi piaea il pretesto 

della lettera. 
Pa, Qnalootso bisogoav» éha gho 4ias«fa. 
Be, Ebbene, che cosa ho olla detto f 
Pa, Go propoato sior Floriodo ^r oirkv • •* 

la ha fatto bochio; o Tha dito do s). 
Be, Ma vi ho da astore ancoro io. 
Po, Segaro, ohe la gho torà. 



,y Google 



78 

SGSNAXIIL 

BRiGHBUU.' e detd. 

Br. 9ior Paintalon, P è' dooModk. 

Pa. Chi me tol? 

Br. El fior Florìodo Aretatì. 

Pa. Diseghe ehe el resta sorTÌdo. (a Éeatricé) 

Se contentela ? 
Be. Si, 7eog», h» pite^re di federlo. (Gli dtr^ 

gatto.) 
Pa. Felo TegBÌr, e po'andè- da aìor Otavio, e 

dÌMgha che rat^temo. 
Br, La aark servida. {parte) 

Po. Va panìo megio de qaetCo, mi no aararia 

dota andarlo a cercar. 
Se. {con ironia) S), booool 
Pa. Costa gba trovala de naif 
Be. Niaote. (Florìodo ooo ha creanza; chi non 

ìstima la madra, oon merita la figlinola.) 
Po» Bl xe vagna a tempo» no te lo laatano 



SCEI7AXIV. 
Biismuà e éeid, pei flosindo. 

Ar. (a Pantalone) Sior Florìodo, Torìa parlar* 
ghe da solo a sola, «i'aspeta in sala. 

Po* Dlseghe ohe el vegna qua , che el me hv 
xa sta fioezsa. Sior Otavio, rìenlo? 

Br, L*ha dito, ch'el se veste. (parie) 

Pa. No sta tanto a veslirse una novisaa. (a) 

Be, (Che caro Lelio! sposarmi?) 

(a) Unfl eposa. 



)y Google 



19 
JP/. ServUor amìlitiiBO dr lor tìgoort. 
JPét* L* fiforÌM», I* vegoa avanti. 
Bem (sospirando nel peder Plonndo) (Ah bric- 

«ooal) 
^i. Io ooo ardiva anmzarnii; taote pUk «ha vt 

^ qui la aisnora Beatrice. 
Bét. La do •oggeùoiw, padroo mia? 
J^a* Za tiora Beatrica sa luto. La sa mare »i 

morosa, a la xe contenta... 
Be.Mì naaraviglio di »oi; non i varo non tona 

contenta,* mia figlhi non gliela Toglie dare. 
Pa, Sa no la ghe la »ol dar eia, gho la darft 

mi, e gha la darà sior Otavio. Oe, ehi ^ de 

SCBNA XV. 

àiit«acHUio e detd* 

■ i 

Ur. Slor. . „ . 

Pa, Diseghe a sior OtaTio, eh* al •• flattriga, 

ohe al fegaa subito. 
*^r. (parie e pM rìioma) Sior a). 
Se. No, non gliela toglio dare^ ^ 
PL Signora, non n riscaldata ; io san qai va* 

nato ... 
Pa. Mi sop al so tutor. A mi ma loca ttian* 
darla, al lesfamMito parla dùaro, me toca ■ 
mi (ad Arlecchino che PornaìE ooasì tienU)? 
*Ar» Bl se veste» 
Po. El la easte? 

Jr^ SI se veste. O^le) 

Pa. £1 a* averh po' vestìo» 
Bé. Che caro tignar Fterindol 
FL Signora mia, torno a dirvi, non vi riscaldate. 
Son venato par dira al aignor Pantalone; a dW 



,y Google 



8o 

oo a fM «tlk» tltèto t«ip«f cbe la qv«*U 
• OM li tìgoora RoMora r—ìM arila ana fi> 

l?e. lloo Te P4io detto, signor Paatalooa? Avete 
prMO al>pslfa. 

Pa. Conio, petron? no m'ala denwinA • in 
ftiora Roeanra per mv^erf 

FL A virUenBo. 

PéU B adofso eoeia ne dtfriaf 

F/. Die», oW vi riagracio d'aTOfmala a c cor da le , 
na non anno in grado di marìtarmi. 

JBe. ( A pantitc del torto th» ni lacera.) 

Ptf. Ma narategic. ff areoordeln d* arerav 
promasfo io parola d'ooor? •' arecordela, cln 
go dito, che no camo potei, che la parola x« 
cortaf 

F/*-8l eigoora, tatto mi ricordo, ma lio dà 
motÌTÌ par ritirarmi da nn tal impegno. 

Be • (Mi parata impossibile.} 

Po. B le farì^ che le parota de rioni Beattise 
glia lessa maacar. al so dOTtr f nna mare at 
da respelar, xe vero, ne in sto ceto k sa 
cosse ehe go dita. I latori diapoqe -« CA 
è de là? 

SGBNà XVI. 

BKieBnià e detd, 

Br. 8Sor. 

Po. Mo Tìa, alo rior Otario, par «mor del risk 
Br. dabito. (parte poi tarnt) 

FL Signore, Tenere la signore Beatrice, me 1m 
dei motiri pia forti par aasermi dì ciò pentita, 
i^ Che molirir La d^f 
n Ho dri riguardi e parlerà. 



,y Google 



8i 

Be- Eh, ria parlate^ Non abbiate soggezioue, 

pt* Duuqua diffl... 

Pa. (a Brighella che torna) Xelo qua f 

Br. Bl «e reate. (parte) 

Po* (Dh, sielo naledato ool sarà teatio!) ( a 
Piorindo) E cukjbì? 

Pi, Bucò, giaoohÀ mi ebbligaU • parkre, aoa 
eaaeira di aio dacoro sposara uoa i^oùaa 
oba 99a ioganoo À aUta daUa pr^dprìa casa 
infoiata. 

Po, (Oh dio! coma lo salo?) 

Se. {Kh non è -peotiio per oauaa miai) 

Po* Caro sior FJorìado» chi v'ha ooolà sta 
fandonia ? • 

pL Vostro figlio madasinio. 

p€L Ah iofama 1 ah desgrasià ! quando ? come? 

plt 8i raooomaodò a no aindesinao, parctiè io 
fossi presso dì voi madialkora dal rostro perdo- 
on. Mi nMontò ravrenturn, ad oltre quante 
mi ha detto, bo nM>tÌTo di dubitare asaaipiù. 

Pa. Ne, sìm Florindo, ve rasaicuro aù, Bosau- 
ra xa onesta, Rosanra xa ioocente. 

Pi, Questa è una siourtii die' voi non an poto* 
te fare. 

Se. Ecco, signor PamaWna, par causa di vostro 
figlio Rosaara è pr«cipitaia. 

Pa. Ab. ohe sempre pia create -bi naia colera 
centra da quel dasgrazìb! a), l'acuserò mi a 
la giustizia: farò, obe el sia castiga. Povera 
pu^ 1 ab ! sior Floffindo, no faiModonè. 

pi, àti 'ù ciak» quanto Tamo, m» Tonof mio lo 
f raieriaco «U'amoro. 



,y Google 



S G B R A X¥IL - 
IBUO e detd. 

Le. Sigtoor Florindo ... 

Po, Ah infaiiM ! «h «c«l«nrto I Qiw ti «•? 

£e. Atooltateou, signor p^ke, Mc^luiteaii, óe«or 

. Floriodo. Io «OD •«od r«<^ ohe di no compli- 
co teototÌTO. La signora Rosaara 4 innoooote^ 
e p€r proTa della vorìÀ', o per rìsarcimeoio 
di qaalaaqiio Mcooma macchia posoa io ave 
re inferita al deooro di ^eou «oesttt lancio^ 
la, son pronto a dar la mano d» «ipooo alla 
signor* Beatrice. — ' ' • 

Po. (Oh che galioUrf) 

FI. Non luogo, oh*'oiò non potott»- «ontribtiW 
alla ripotasiooesdflIU figliiioln. ^ 

Po, (Io tuo caso simile hieogoa rischiar tato») 
Gessa dise siora Beatrice? 

Be, Ah ! voi mi Terreste far fsre tom gran P^ 
grifizio ... 

Ftf..Ghi èdeUi? «^ 

SCENA rmi^ 

ARitecuNO e deid, 

'Ar. Sior. 

Pa. Saliito, sattito, che vOgsMi site Otavio. 

Ar. Sabito. {parte poi riiona) 

Pa. Siora Beatrice, qua se (rata- d'ooor, se tra* 
la del so saogiie, e se trala del mio. Mi soa 
offeso da ao fio; ma considerando che l'ha 
falà per amor, soo pronto a desmentegaroM 
ogni cessa, (piano a Iteliol Eh farhauo^ li 



,y Google 



83 
in« n'ha fato de baie! Bast». — Lelio ohe giera 
ioamorà de siora Rotaura, par aalrarghe Tooor 
el •« tsebUte, el fa el sacrifizio de apotar la 
mare... 

BCé E Io chiamate un aagrifizio? 

Pa. Basta, fogio dir... el pensa de megiorarl 
Toca a ala de coronar V opera, salvar el de- 
coro de la so casa, d' una ao fia, d'eia Aiede- 
sioia, e ooosolar . taota zeota co aoa sola parola. 

Ar. (ritornando) Soo qua. 

Pa. Cosso dise sior Otariof 

Ar, El se veste. 

Pa. Diseghe da parto mia, che el te fessa ?«• 
stir dal diarolo. 

jir* La sarii servida. (parie)^ 

Po* E cussi, siora Beatrice? 

Be. Ah, À unto grande T amoro ohe ho per la 
mia figliuola, che per lai sod pronta a sagrì- 
ficarmi. Signor Lelio? 

£cr. Signora. 

Be. Vi sposerò. 

Pa. Cosso dise sior Florindof 

Pi. Che se la signora Beatrice TÌeoa spotata dal 
Mguor Lelio, io non ho difficoltà a dar la ma- 
no alla signora Rosaura. 

Pa, Presto, dot'i siora Rosaora? 

SCENA ZIX. 

K08AUKA e dettì. 

Bùi, Eccomi, eccomi 

Po. Vegol qua, fia mia. Sior Florindo to desi* 

dora per mugieri come che za v'ho dito. Se a 

contenta ? 
Bn^ Signor %\ 



)y Google 



H 

Pa* Vcfla Rk» la fa bochìo, e la diM òe «ì. Vi 

fior FlorìiMlo^ U gho dag» la oiao. 
Fi. Goti «ubilo? n 

Ptf. O la ghe daga la maa, o la aieto io ritiro. H 
Ro. Ah DO, per amor del cielo ! No io quel ti* 

àrù per oaritk. 
Po, Ma oossa credaa, «Im al eia alo nitro? 
Bo* BAi ha <letto GoraUtoa eh*è eoa) bratto, che 

atarò, male, «he «arò «epolta. Oh cielo! tre* 

mo tntta. 
Pa, Coralina Tha dito? 6tb éesgvaaiada ! 
Le, Sì signore, quella buona ragaua ohe 

ha mangiato dieci cecchini. 
Pa. Ah sassina ! dofe zela G&ralioa ? j 

fio* Signore, non è pia io casa. Ha prete la 

sua roba, e ae n' è andata. 
Pa. Pef coesa ? 

Ilo. Ha detto, che a» ne anda?a per causa mìa. 
Be. Si ^ trofata scoperta, ed à ^gita. 
Po. Boo Tiaao. Via, sior Florindo, lauto fa, eoa* 

cludemo. Vela qua la so cara sposa. 
Fi. (Oh cielo !) & il signor Ottatio ? 
Pa. EUae veste. 
Fi. Via, le dìarò la mano. Ma prima la dim vo 

atro figlio aHa signora Beatrice. 
Le. Per me sonprontu. (Non vi Tolem altro pei 

rimediare ai miei' disordini.) 
ile. Ah Bosaura ! guarda se ti voglio bene. 
Ro. Che cosa fate signora madre? 
Be. Io mi marito per te. 
Bo. Ed io mi mariterò per voi, 
Be. (Floriodo ingrato!) 
Le. Signora, ecco la mano. 
Pa» (Un orbo, che ha trovlt no ferra d» cuTaiU 

lo.) Sior Florindo, a eia. 
t^ Si. Eccovi, Rosauca, hi naao. 



,y Google 



!>" 



a5 

Pa. (a Rosaura) Via, anca »u. 
Ho. Eccola. 

Pa. Brava. I aiatrniOBÌ xa Tati. Sia ringrazisi el 
cielo. Leliei |pa*Ia djscarrareioQ. 

SCENA ULTIMA 

OTTAVIO, BKIGHILlà AKIICCHINÒ e deUt, 

<y/. Eccomi, ecoooiL Ho fatto pretto? . 

Po* Bravo! 

Ar. El «'ha vtsiido» 

Pa, Sior OtBno, zm fato tato. 

Ot. Sì? ho gasto. Posso toroare a lotto.. 

Pa, Aapet^ aior porco. GoaipatìaM, me h raUa. 

OL Eh, dite pare; io noo l'ho pw male. 

Po, Sior Flonado ha sposa aiora Rosaara. 

OL Oh! 

Pa. S mio fio ha sposti vostra sorela. 

Òt. Oh! 

Po* B vu restari solo. 

Ot Non me n'importa meato» 

Pa, Bravo, nva laflema. 

91. Sigoor Panialoae, giacche avete atnto tanto 
amore par la signora Rosaura, vi prego, do* 
rendo io andare alla mia patria, compiacervi 
di segaitar il maneggio de' suoi beni. 

Pa. Volentiera, con tato el cuor. 

he. Caro padre, ti sapplioo rimettermi nelVamor 
vostro, ed or ohe s«no ammogliato, non mi 
abbandonate colla vostra direzione. 

Po. St, se ti gavarà giudizio, te aerò pare a* 
moroso, sarò to economo, te farò el tator. 

Ot. Oh, sa voleste fare questo benefisio anche 
a me! 

Po, Siben. Va ghe n' avi bifogoo più dei altri. 
Il Tutore^ n.' 4^. 

Digitized by VjOOQlC 



86 

Lo tgA Te]«oti«ni. Mamxtirb mila Totlfaro-' 
b». ?e aMotifoerò, • no paiiMfà a guanto. 

OL OK cielo ti ringpacio. 

Br, (ad Owwio) Siw padroo, ^^e domando la 
■Ma booaa lioanca, no go pie fo^a da servir. 
Vaga a cavarme la livrea. Om»^) 

Ot Ehi^ la mia doppia. 

Pa. Coste ta «orna cNi ai sta. El ga panni 
da mi« 

Ar, E a mi chi me daf)i da magnar? 

Pa. Bfli te oa darò. 

Ar. fi on magnare. 

Ot, Signora aorella, siale maritala f 

Be. Per far bene a Rosaara. 

pL iride) fi foi, inpoto f 

Mo, Per Itsr bene a me. 

Ot, (f(dé) andiamo ■ eana. 

Po, Oasà, aodeyno a far le sontnra de dota. Fi- 
nalmente tvto XB giusta, tnro xs f«nio. Lelia, 
spero oba col matrimonio li mnerà vita. Te 
perdono tato. Siora Rosaors ze ben logtda, e 
ho adempio al mio debite, e ho supera tato, 
e ho sempre osservii qnala ginsósia, qnel'at» 
teodon, qoela fedeltìi, (|aela oooiatezza che ze 
neoasseria in nn omo onesto, che ha tolto rim» 
pegno d' esser, e che deve esser «n bon tutor 



)y Google 



,y Google 



Digitized by VjOOQlC 



,y Google 



,y Google