(navigation image)
Home American Libraries | Canadian Libraries | Universal Library | Community Texts | Project Gutenberg | Children's Library | Biodiversity Heritage Library | Additional Collections
Search: Advanced Search
Anonymous User (login or join us)
Upload
See other formats

Full text of "Relatio translationis corporis Sancti Geminiani (M.XC.IX-M. C. VI)"

Google 



This is a digital copy of a book that was prcscrvod for gcncrations on library shclvcs bcforc it was carcfully scanncd by Googlc as part of a projcct 

to make the world's books discoverablc onlinc. 

It has survived long enough for the copyright to cxpirc and thc book to cntcr thc public domain. A public domain book is one that was never subjcct 

to copyright or whose legal copyright term has expircd. Whcthcr a book is in thc public domain may vary country to country. Public domain books 

are our gateways to the past, representing a wealth of history, cultuie and knowledge that's often difficult to discovcr. 

Marks, notations and other maiginalia present in the original volume will appear in this flle - a reminder of this book's long journcy from thc 

publishcr to a library and fmally to you. 

Usage guidelines 

Googlc is proud to partncr with libraries to digitize public domain materials and make them widely accessible. Public domain books belong to thc 
public and wc arc mcrcly thcir custodians. Nevertheless, this work is expensive, so in order to keep providing tliis resource, we liave taken stcps to 
prcvcnt abusc by commcrcial partics, including placing lcchnical rcstrictions on automatcd qucrying. 
Wc also ask that you: 

+ Make non-commercial use ofthefiles Wc dcsigncd Googlc Book Scarch for usc by individuals, and wc rcqucst that you usc thcsc filcs for 
personal, non-commercial purposes. 

+ Refrainfivm automated querying Do nol send aulomatcd qucrics of any sort to Googlc's systcm: If you arc conducting rcscarch on machinc 
translation, optical character recognition or other areas where access to a laige amount of tcxt is hclpful, plcasc contact us. Wc cncouragc thc 
use of public domain materials for these purposes and may be able to help. 

+ Maintain attributionTht GoogXt "watermark" you see on each flle is essential for informingpcoplcabout thisprojcct and hclping thcm lind 
additional materials through Google Book Search. Please do not remove it. 

+ Keep it legal Whatcvcr your usc, rcmember that you are lesponsible for ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just 
bccausc wc bclicvc a book is in thc public domain for users in the United States, that the work is also in the public domain for users in other 
countrics. Whcthcr a book is still in copyright varies from country to country, and wc can'l offer guidance on whether any speciflc usc of 
any speciflc book is allowed. Please do not assume that a book's appearancc in Googlc Book Scarch mcans it can bc uscd in any manncr 
anywhere in the world. Copyright infringement liabili^ can be quite severe. 

About Google Book Search 

Googlc's mission is to organizc thc world's information and to makc it univcrsally acccssiblc and uscful. Googlc Book Scarch hclps rcadcrs 
discovcr thc world's books whilc hclping authors and publishcrs rcach ncw audicnccs. You can scarch through thc full icxi of ihis book on thc wcb 

at |http://books.qooqle.com/| 



Google 



Informazioni su questo libro 



Si tratta della copia digitale di un libro chc pcr gcncrazioni t stato conservata negli scafrali di una bibliotcca prima di csscrc digitalizzato da Googlc 

ncirambito del progetto volto a rendcrc disponibili onlinc i libri di tutto il mondo. 

Ha sopravvissuto abbastanza per non esseie piti protetto dai diritti di copyriglit e diventare di pubblico dominio. Un libro di pubblico dominio t 

un libro clie non h mai stato protetto dal copyriglit o i cui termini legali di copyriglit sono scaduti. La classificazione di un libro come di pubblico 

dominio pu6 variare da paese a paese. I libri di pubblico dominio sono Tanello di congiunzione con il passato, rapprcscnlano un palrimonio slorico, 

culturale e di conoscenza spesso difflcile da scoprire. 

Commenti, note e altre annotazioni a margine presenti nel volume originalc compariranno in qucsto lilc. comc tcstimonianza dcl lungo viaggio 

pcrcorso dal libro, daireditore originale alla biblioteca, per giungere flno a tc. 

Linee guide per l'utilizzo 

Google h orgoglioso di essere il partner delle bibliotcchc pcr digitalizzarc i materiali di pubblico dominio e renderli universalmente disponibili. 
I libri di pubblico dominio appartengono al pubblico c noi nc siamo solamcntc i custodi. TUttavia questo lavoro h oneroso, pertanto, per potcr 
continuare ad offrire questo servizio abbiamo prcso alcunc iniziativc pcr impcdirc Futilizzo illecito da partc di soggctti commcrciali, comprcsa 
rimposizione di restrizioni sulFinvio di qucry automatizzatc. 
Inoltrc ti chiediamo di: 

+ NonfareunusocommercialediquesiifileAbbiamoconcepiloGooglcRiccrcnLihn pcr Fusodapartcdci singoli utcnti privati c ti chicdiamo 
di utilizzare questi flle per uso personale e non a flni commerciali. 

+ Non inviare query auiomaiizzaie Non inviare a Google query automatizzate di alcun tipo. Se stai effettuando delle ricerche nel campo dclla 
traduzione automatica, del riconoscimento ottico dei caratteri (OCR) o in altri campi dove necessiti di utilizzare grandi quantit^ di tcsto. ti 
invitiamo a contattarci. Incoraggiamo Fuso dei materiali di pubblico dominio per questi scopi e potremmo esserti di aiuto. 

+ Conserva lafiligrana La "flligrana" (watermark) di Google che compare in ciascun flle t csscnzialc pcr informarc gli u tcnti su qucsto progctto 
c aiutarli a trovare materiali aggiuntivi tramite Google Ricerca Libri. Non rimuoverla. 

+ Fanne un uso legale Indipcndcntcmcntc dalFudlizzo che ne farai, ricordati che h tua responsabilit^ acceitati di fame un uso l^alc. Non 
dare per scontato chc, poichd un libro t di pubblico dominio per gli utenti degli Stati Uniti, sia di pubblico dominio anche per gli utcnti di 
altri paesi. I criteri che stabiliscono se un libro h protetto da copyright variano da Paese a Paese e non possiamo offrire indicazioni sc un 
determinato uso del libro h consentito. Non dare per scontato che poich^ un libro compare in Google Ricerca Libri cid signiflchi chc puf) 
essere utilizzato in qualsiasi modo e in qualsiasi Paese del mondo. Le sanzioni per le violazioni del copyright possono essere molto sevcrc. 

Inforniazioni su Google Ricerca Libri 

La missione di Google h oiganizzare lc informazioni a livello mondiale e renderle universalmente accessibili e fmibili. Google Ricerca Libri aiuta 
i lettori a scoprire i libri di tutto il mondo e consente ad autori ed edito ri di raggiungerc un pubblico piCi ampio. Puoi cfrcttuarc una riccrca sul Wcb 
neirintero testo di questo libro da lhttp: //books.qoogle.coml 



31?aruarl3 CoUrgr libraro 




BnillllT WITH 



HEXRY LILLIE PIERCE 

OF BCJSTON 



RERUM ITALICARUM 



SCRIPTORES 



l 



RERUM ITALICARUM 



SCRIPTORES 



V 

f 

» ■ 






k 
i 



:t 






STORICI ITALIA 



dal cinquecento al miUecinquecento 

ORDINATA 

L A. MURATORI 

+ + + 

NUQVA BDIZIONB RIVBDUTA AMPLIATA E CQRRBTi-A 
CON LA DIKBZKmS 

GIOSUE CARDUCCl s VnTORlO FIORINI 

♦ ♦ 

TOMO SESTO 



M^l 




cittA di castello 

CQI TIPI DBLLA CASA BDITRICB S. LAPI 



[tdl e-os.1.4- 



{ 



\ 



BOUaD «»< 22 >»" 



[U 7mi0 5u/0 della edUlonc origtuk hi la trata tiposnfica 
Hbdiolani, MDCCXXV. £• Tyfogrt^kia Soeittala PaJtUUa^ 
im R*fia Oiria. Sa/tri»ram /«M/r«te]. 



EM1N."° AC REV.«° PRINCIPI 

G I B E R T O 

S. R. E. CARDINALI 

BORROMAEO 

EPISCOPO NOVARIENSI 

MAJORUM BXEBfPLO 
AD BCCLB8IASTICAS DI6NITATBS INSTITUTO 

MORUM INNOCBNTIA 

BFFUSA IN PAUPBRBS LIBBRALITATB 

ATQUB AMORB IN LITBRAS PROBATI8SIMO 

PALATINI SOCII MEDIOLANENSES 

ACCBPTORUM BBNBFICIORUM MBMORBS 

TOMUM HUNC RERUM ITALICARUM 

PBRPBTUUM ORATI ANIMI PI6NUS 
D. D. D. 



est Deus Optimus Maximus tribuat et coUectio nostra in vulgus integra quamprimum 
exeat, re ipsa quisque comperiet a vero nos non abludere, si talia constanti animo 
pronundamus. Signati namque Ambrosiano nomine tot codices enumerantur, ut in 
nostram uitro sententiam literatos omnes viros cessuros esse non dubitemus. Sed 
ditro ipsi nos debitum cuique suum libenti animo persolvamus. Patuerunt etiam et ! 
aliae amplissimae Bibliothecae, principum et doctorum hominum beneficentia et prae- 
cipue Estensis, unde multa etiam et pretiosissima in coUectionem nostram contulimus. 
Horum in numero sunt Caffarorum Annales, ne magistrum Boncompagnum et Radul- 
phum mediolanensem hic memorem^ quos in hoc tomo publici juris fecimus, nomi- 
nique tuo dicatos voluimus, ut numerum Ambrosianorum codicum augeant et veluti 1( 
exotici flores, agrum felicissimum tuum exoment ; hos igitur, princbps EidiNBNnssiBffiy 
aliunde conquisitos non sine animi jucunditate perleges; eximias enim Januensis in- 
clytae Reipublicae fortunas continent et fortia gesta illustrium viromm tam in finitin)os 
Pisanos populos, quorum simul Annales recudimus, quam in dissitas longe regiones et 
gentes, quousque imperium suum armis et consilio protelarunt« Succedunt hts patriae i! 
Mediolanenses historiae, quae gesta Friderici Aenobarbi continent| et immanem fbe- 
damque hujus urbis cladem a variis eorum temporum scriptoribus expressam* Epo- 
cha sane; quam alAorreant memoria calamitatum Insubres tui; sed non est sine jucun- 
ditate moeror, cum animadvertimus hinc ftdsse laetiora et veluti e suo rogo renascen- 
tem urbem in hanc demum amplitudinem venisse, ut principum suorum gloria, civium 2 
fbrtitudine, atque industria, aedifidorum elegantia et soliditate, plures alias post se reH- 
querit, ac avitum ferme decus post varios casus recuperaverit, unde sibi aetemitatem 
eam juremerito poUiceri possit, quam aliae vel a praesenti fastu ac superbia, vel ab 
inanibus auguriis ominabantur. Ast ego cum haec mente contemplor, statim occurrit 
felix nobilissimae familiae tuae in hanc urbem migratio, non exigua novarum fortn- 3 
naram pars et omamentum; cum ea siquidem virtutes omnes huc translatas et feiid 
germine propagatas nemo infidabitur, cum gesta majorum tuomm percurrat: nuUa 
quippe laus domi forisque comparata ctarius enituit, quam quae Borromaborum no- 
mina comitatur. Quod si paulo altius historias repetamus, ex Patavina dominatione, 
ob quam n^iaiores tui constanti fama celebrantur, praedarum etiam renovatae urbis de- 9 
cus accrescet, quae viros incl^^os fortunae impetu jactatos Aetruriae invidit, atlecto- 
sque in gremium accepit et perpetuo fovit latitudine d^mastiamm, ad Verbanum prae- 
cipue lacum, honestatos, ut partitam fiiisse cum Borromaeis imperium propemodum 



videatur. Qoid si Romam ipsam divinarum, atque humanarum rerum dominam a per- 

petds in tuos illecebris et largitionibus amantissimam Borromabi nominis argumenter? 

Qaid si frequentes eximias cognationes cum tuis in medium proferam, quibus tot Summi 

Pontifices, Sixtus nempe IV, Julius II, Pius IV, Urbanus VIII, Lmocentius XI et no- 

S vissime Clemens XI, vetera familiae tuae decora lucidius illustrarunt ? Quid si sin- 

» 
gula sacerdotia, episcopales insulas et cardinalitiam dignitatem enumerem, qua tu quin- 

tos inter tuos donatus es? Quid si dvilia et bellica munera, quae Borromabi per 

universam fere Europam feliciter gesserunt ? Omnium vice sit amplissimum illud, quo 

excellentissimus comes Carolus frater tuus Cabsaris procurator, sive imperialis vi- 

10 cariusy ut vocant, per universam Italiam inter S. R. L benefidarios jus dicit, ea pru- 
dentiae ac justitiae laude, qua regnum Neapolitanum felicissime rexit. Amplissimae 
qmdem hae dignitates, quarum vix aliae in privata fortuna eminentiores, id sibi, cum 
in Borromaborum familiam concesserint, praecipuum nanciscuntur, ut fastui licet obno- 
xiae, cum gentilitia humilitate conjungantur, per quam nemini periculosae aut invi- 

.5 dae comperiuntur. Id namque tribuendum sanctitatis ac morum disciplinae praestan- 
tissimo exemplo a familia tua petito D. scilicet Carolo, cujus ut sortem in cardi- 
naUtia et archiepiscopali aequiparas dignitate, ita tu, princbps bminentissimb, virtutes 
imitaris, largitione perpetua in pauperes et ecclesiasticae disciplinae integritate, qua No- 
variensem Ecclesiam bonorum omnium plausu, atque admiratione regis et exomas. 

tO Sed afiis haec materia laudationum, vel nobis etiam in aliud tempus differatur; inte- 
rim acdpe devotum obsequii nostri pignus, ac Palatinos sodos, meque tibi addictis- 
simum, qua soles humanitate prosequere : crescent cnim animus et vires adversus opus 
mole magnum et inter domesticos lares tuos obortum, quo sit omnibus carius, nobi- 



// sesto volume delP edizione palatina conteneva: 



Pbtri Diaconi monachi ac bibliothecarli sacri cassi- 
nensis Archisterii de viris illustribus cassinensibus, 
bpusculum ex celeberrima Biblioiheca barberina de- 
promtum, notisque illustratum, studio et opera yoan' 
nis Baptistae Mari romani Sancti Angeli in Foro 
piscium canonici. p. i 

AcTA Translationis corporis sancti GenUniani episcopi 
mutinensis, quae facta est anno MCVI ab auctore 
synchrono conscripta. Nunc primum prodeunt ex 
mss. codicibus Bibliothecae estensis, . . . p. 85 

Chronica Varia Pisana a Ferdinando Ughello jam evul- 
gata, in praesenti autem editione a multis mendis 
expurgata. Accedit Breviarium Pisanae Historiae 
ab eodem editum, nunc vero ope ms. codicis lucen- 
sis emaculatum et auctum P* 97 

ViTAB quatuor priorum abbatum cavensium Alj^heriif 
Leonis, Petri, atque Constabilis, auctore anonymo f ere 
aequali nunc primum editae p. 199 

Caffari, eiusque contikuatorum Annales Genuenses ab 
anno MC ad annum usque MCCXCin e mss. codi- 
cibus nunc primum in lucem prodeunt . . p. 241 

Brbvis Historia liberationis Messanae a Saracenorum 
iugo per comitem Rogerium Normannum factae an- 
no MLX a clariss. viro Stephano Baluxio iam evul- 
gaca ••«..•••.•..•« p. 009 

Ottonis frisingbnsis bpiscopi, eiusque continuatoris 
Radevici libri de gestis Friderici I Imperatoris ad 



fidem mss. codicum Bibliotheeae caesareae vit 
nenais nunc primum castigati | 

Ottonis db Sancto Blasio Chronicon, quod et A 
dix ad libros Ottonis frisingensis episcopi, ei 
continuatoris Radevici de rebus gestis Fride 
Imjperatoris Augusti ad annum usque MCCIX 
tinuata ad fidem ms. codicis Bibiiothecae caei 
vindobonensis nunc primum castigatum . . { 

Epistula Burchardi notarii imperatoris ad Nic^ 
Sigebergensium abbatem de victoria Fridetici 
peratoris Augusti et txcidid mediolanensi . p 

LiBBR de obsidione Anconae a copiis Friderici I . 
ratoris anno MCLXXII peracta, eiusque urbis 
ratione, auctore magistro Boncompagno flore 
nunc primum prodit ex ms. codice Philij^pi u 
lati bonoftiensis p 

HisTORiA rerum Laudensium Ottonis et Acerbi Mo 
ex duobus mss. Bibliothecae ambrosianae una 
Felicis Osii codice nunc primum edita, et notis 
petuis, illustrata a viris clarissimis yoseph At 
Saxio eidem Bibliothecae praefecto, nec non a 
mo monacho ordinis sancti Benedicti . . • p 

SiRE Raul, sive Radulphi mediolanensis auctoris 
chroni de rebus gestis Friderid I in Italia com 
tarius nunc primum editus ex ms. codice B 
theeae braydensis PP, Societatis yesu . • p^ 

Indbx Rerum, et nominum p. 






RERUM ITALICARUM SCRIPTORES 

RACCOLTA 

OEGLI 

STORICI ITALIANI 

dai dnquecento al millecinquecento 

ORDINATA 

L A MURATORI 

+ + + 

NUOVA BDIZtOIfB RIVSDUTA AStPLIATA B CORRBTTA 
CON LA DIRBZIONB 

GIOSUE CARDUCCI e vnTORIO FlORINl 

• ■ 

TOMO VI - Pahte I 

(relatio TRANSLATIONIS corporis 
&ANCn GEHINIANl) 




crrrA di castello 

COl TIPI DBLLA CASA BDITRICB S. LAPI 



o 



RELATIO 



TRANSLATIONIS 



CORPORIS 



Sancti Geminiani 



(M.XC.IX-M.aVI) 



A CURA 

DI 



GIULIO BERTONI 



Seguono in Appendice: 

lO CarwUna Mutineniia dal cod. O. I. 4 deU'Archi- 
Tio capitolare; a* Iicrixioni pi& anticlie del Duomo 
di Modena; 3® Docomento dd lecolo X concemente 
ii Duomo preetittente ali'attiiaie. Offerta annua di 
un palio a tan Geminiano; 4^ Minlature dd cod. ca- 
pitolare contenente la Relatio, 



nt 



cittA di castello 

COI TtPI DBLLA CASA BDtTRICB S, LAPt 



propribtA lbttbraria 



INTRODUZIONE 



LA RdoHo sive descripHo de innavaHone ecclesie sancH Geminiani mmiinen^ 
sis presulis ac de translaiione vel revelaHone seu etiam consecratione eius 
beoHssimi corporisj pubblicata dal Muratori nel tomo VI della sua rac- 

colta^, h una cronachetta preziosissima concemente 1'origine del duomo di Modena e 

5 abbracda un settennio di storia: dal 1099 al 1106. Tocca adunque di cose e di 

avvenimenti importanti cosl per il rispetto storico come per quello dell'arte, ed fe, 

possiam dire senza» tema d'essere contradetti, una narrazione gustosissima dei lavori e 

delle cure spese intorno alla celeberrima Cattedrale modenese. Documenti dawero 

di generale interesse questi come la RekMo: nei quali 1'occhio del critico pu6 tal- 

10 volta sorprendere o intravedere la veritk per via di un accostamento felice o di una 

fortunata interpretazione, e sui quali h sempre bene adoprata ogni industria di studioso. 

Ha la RelaHo la notevole prerogativa d'essere contemporanea agli awenimenti; 

e tanta h la sua freschezza, tanta h la solidit^ della narrazione, che la critica concorde 

non ha posto mai in dubbio ch'essa non si debba a un testimonio oculare e per di 

15 piii informatissimo dei lavori del Duomo. Se intomo a ci6 alcuni dubbi rimanessero 

ancora, le pagine che seguono varranno, se non m* inganno molto, a dissiparli del tutto. 

La Relatio col suo racconto della deliberazione presa dalla cittadinanza mode- 
ncsc di (abbricare una nuova chiesa per custodirvi le reliquie di san Geminiano e 
20 con la sua copia di notizie spettanti ai lavori preparatori, non h chi non veda a 
quante discussioni possa offiire materia e quante questioni sollevi di capitale impor- 
tanza per il Duomo di Modena. Ma perchb gli studi possano giovarsi, come con- 
vicne, di un sl prezioso documento, si richiede anzi tutto che siano squarciate quelle 
tcncbre che ancora possono avvolgere il suo testo, e che sia indagato come, quando 



» /?/?. //. 55., tomo VI, pp. 87-89. 



vm 



INTRODUZIONE 



e da chi esso sia stato composto, mettendone in maggior rilievo il valore e fissan- 
done criticamente la fbrma definitiva. Certo, qualora manchino i dati piii necessari, 
non si potrk in via generale, raggiungere appieno lo scopo ; tdsl tal volta esaminando 
bene il problema sotto molti a^etti e interrogando il documento e quasi sottoponen- 
dolo a un minutissimo processo, si ottiene di strappargli quel segreto, che esso tiene 5 
in sh custodito. Del resto, tutti sanno che trarre conciusioni da un monumento sto- 
rico o letterario, il cui testo non sia bene fissato, h un risico grave. E tutti sanno 
quanto giovi, quando il caso si presenti, tener conto di tutti quegli atti o qnei docu- 
menti che meglio e piti possono valere alla illustrazione e alla migliore intelligenza 
del testo. E a me appunto, dopo la JtelaHo, h parso conveniente pubblicare, quasi 10 
a complemento della preziosa scrittura modenese, una serie di poesie e di iscrizioniy 
che concemono o i tempi ai quali la Relalio spetta, o i luoghi, che la Relaiio descrive. 
Cosl lo studioso gradirk di leggere, nuovamente coUazionati col ms. originale, il famoso 
inno delle scolte e i versi celebranti san Geminiano e il vescovo Leodoino^, scritti 
l'uno e gli altri prima della fondazione della Cattedrale, e insieme vedrk volentieri 15 
riprodotte le piti antiche iscrizioni del Duomo, delle quali alcune paiono doversi attri- 
buire, come vedremo, all^autore stesso della RelaHo^. Infine sark prezzo dell^opera 
rimettere in luce, come a completare il nostro studio, tutti i piti vetusti documenti 
spettanti a san Geminiano e al suo culto^ 

Comindamo adunque dalPesame della RelatiOj e prescindendo daile edizioni del 20 
Muratori e del Bortolotti *, ^tcciamoci com' h naturale dallo studio dei manoscritti. Dob- 
biam subito dire che un^indagine critica dei codid, contenenti la Relaiio, non h stata 
ancor tentata da nessuno. II Mwatori, a cui premeva sopra tutto di far conoscere in 
qualche modo la scrittura ancora inedita, non si diede pensiero di ricercare i rap- 
porti fra i manoscritti che conosceva, e si accontent6 a pubblicare il testo sul mano- 25 
scritto estense che piii gli era comodo: il codice italiano 1124, quello ciofe che porta 
nella lista che faremo seguire il n. 4. H Cavedoni, che della Relatio riconobbe il 
grande valore nella sua vita di san Geminiano *, ricorse al testo offerto dal codice del 
Capitolo di Modena, come a quello che gli pareva piii importante per la sua vetusth. 
II Bortolotti diede il testo del codice capitolare e a pife di pagina releg6 le varianti dd 30 
codici estensi, senza prima studiare il valore di questi codid e i loro rapporti. Grave 
rischio anche questo. Occorre egli ch'io dica che riuscendo a dimostrare, a ragion 
d'esempio, che un codice h copia d'un altro anteriore, h evidente che toma perfetta- 



^ Cavedonz, Aimone camomco maestro di scmola in 
Messaggeret 1856, n. 1354. 

^ Sono documenti, quali la istituzione di una con- 
fraternita per il Duomo preesistente e l'offerta di un 
palio a san Geminiano, giil editi dal Bortolotti, o^* 
Ht, nella nota seguente, pp. 101-104, 122-124, 125-127. 
Le Vite di sam GeminiaMo, di cui una parte pubblic6 U 
Muratori nella sua raccolta (tomo n, parte n, p. 687 sg.) 
col titolo Mutinonsi dvitatis docriftio, saranno edite in 
questa nuoTa ristampa muratoriana a cura del prof. Au- 



gusto Gaudenzi. 

^ P. BoRTOLOTTi, Antiche vite di sa» GtwUmasto vo- 
scovo e frotettore di Modena in Montmu di Storia ^ria 
deiie frov. moden., '^ Serie deiie cromacke ^ tomo XIV, 
£asc. I, Modena, 1886. 15 

^ C. Campori, Leodoino vescovo di Modena in Me- 
morie ^atrie, storicke e biograficke, Modena, 1881. 

^ C. CAVEi>oia, Cenni storid intomo alla vita, ai 
miraeoH ed al enito del giorioso san Geminiano, Modena, 
1856, p. 27 sgg. ao 



diare minutamente i testi nelle loro reciproche relazioni prima di riprodurli tutti j 
5 intero. E cosl noi vedremo che le varianti date dal Bortolotti nel suo lavoro su 
vite di san Geminiano vengono a costituire per gran parte un inutile ingombro. 

Nel nostro esame dei codici della Relatio terremo, quando d sia possibile, W 
dine cronologico, e incominceremo perci6 dal piii antico di essi, dal celebre cod: 
capitoiare noto gik al Muratori, ma da lui trascurato nelia sua edizione: 

10 I. Archivio capitolare di Modena ^. Cod. O. II. ii. — ]& uno splendido mar 

scritto su pergamena di cc. 278 di cm. 31X21 recante sul dorso P intestazione : 11% 

Fund. Eccl. Cathed. Mutin. nec non etc. H primo quintemo h tutto occupato da 

^ RelatiOy la quale incomincia a c. 2r, poichfe il recto del foglio 1° fe bianco e il s 

versq h occupato dalla miniatura prima rappresentante i primi lavori per i fondame 

15 del Duomo. La Relatio finisce a c. 8. Segue una carta bianca, e poi abbiamo la 
miniatura. Per la descrizione di queste due interessantissime miniature ci accont( 
tiamo di rimandare alP illustrazione che ne ha data il Cavedoni nella sua ben nota v 
del Santo e che per comodo dei lettori, seguendo Pesempio del Bortolotti^, noi pi 
riproduciamo insieme con le miniature nell'Appendite. Di piii aggiungeremo i 

20 qualche notizia a mo' di complemento. 

Alla Relatio fa seguito nel nostro codice un quademo scritto nel secolo XIV, do 
il quale incomincia il vero e proprio manoscritto, o per meglio dire la parte che do 
costituire il vero codice capitolare O. II. 11, perchfe h certo che la RelatiOj aggiui 
dopo, come h dimostrato dal fatto che la numerazione nel codice incomincia do 

25 il fascicolo contenente appunto la Relatio^ non era considerata quale parte costit 
tiva del prezioso ms. H quale h una raccolta, come attesta la rubrica delPindii 
^ instrumentomm et iurium spectantium ad fabricam Sancti Geminiani „. In esso s 
biamo la riproduzione di molti documenti che si leggono nel cod. Privilegia del 12 
fetto scrivere dal massaro della fabbrica di San Geminiano, Ubaldino, al copista Bs 

30 tolomeo Spadari e conservato dalParchivio del Capitoio ®. Insieme a questi docume: 



^ Della Ubert^ che mi f u conceasa di esaminare il 
codice a mio agio e di prenderne la fotografia delle due 
miniatnre qui riprodotte, io debbo rendere grazie al 
cliiar.mo. vicario mons. don A. Dondi illustratore e stu- 
5 dioso del Duomo modenese. Per maggiore chiarezza, 
faccio seguire le seguenti notizie circa il modo com'^ 
atato costituito il ms. miscellaneo capitolare : 

I. II codice s*apre col quinterno, aggiunto in se- 
guito, contenente la ReitUio, 
lo 3. Segue un duemo, che conserva, in copia del 

secolo Xrv, un atto del 1303 circa un benefizio di San 
Serero. 

3. Viene poscia la parte principale della collet- 



tanea, la copia cio^ degli strumenti e degU atti spetta 
alla fabbrica di San Greminiano scritti dal Brunetta c 
l'anao 1271 al 1378 (cc. 1-363). 

4. Infine (cc. 263-378) si lianno copie di altri 
cumenti dovute a mani divcrse dei secoll XIII ez e X 

Mentre ogni carta della Relatio contiene 3i Ui: 
ognuna deUe quaU ^ lunga circa cm. i3, le restanti ca 
dei ms. comprendono soltanto linee 30. 

* Vite di sam Geminiano, p. 49 sgg. L'opera di 
Bortolotti h inserita nei Monum, di Storia Patria d 
j^rov* modem,, " Serie delle cronache „, tomo XTV, fasc 
Modena, z886. 

3 Reca sui dorso il titolo : Privilegia et stat 



X INTRODUZIONE 



va congiunto un nucleo d'altri scritti tutti di mano del notaio Niccol6 Brunetta, al quale 
si deve cosl la maggior parte del nostro codice capitolare O. U. 11, poich^ una serie 
di nuovi documentiy coi quali si chiude il ms., spetta indubbiamente ad altra mano. 

Niccol6 Brunetta si sottoscrive cosl a c. xxviij r: ^ Ozo Nicholaus de Bruneta 
^ imperiali auctoritate notarius onmia haec suprascripta que continentur in hoc qua- 5 
^ terno extraxi et exemplavi de quodam libro scripto manu suprascripti Bartholomei 
^ notarii. £t suo signo et nomine et aliorum notariorum qui sua signa et nomina in 
^ ipso libro scripta inveni sicut in ipso libro vidi et cognovi et in hoc libro bona fide 
^ scripsi, et auctoritate domini Melchioris de Presulis judids comunis Mutine, tempore 
^ regiminis domini Nicholay de Bazaleriis Mutin. pot., predicta exemplavi et publicavi 10 
** ad hoc ut robur obtineant perpetue firmitatis et uti possint in quolibet fbro et loco 
^ quem admodum ipsa autentica uti possent. Exemplata fuerunt hec per me notarium 
^ currentibus annis Domini miilesimo ducentesimo septuagesimo primo indictione quar- 
** tadedma „ . 

Chi ben consideri e facda le prove opportune, non pu6 restare molto dubitoso 15 
circa 1'amanuense della Relatio. La somiglianza della sua scrittura con quella del 
Brunetta h tale e tanta che sorprende non poco ch'essa non sia saltata agli occhi a 
quanti prima d*ora si sono acdnti allo studio della RelcUio. Non solo la fbrma delle 
lettere caratteristiche h identica, ma ^ identica persino la leggera pendenza della scrit- 
tura, come si pu6 facilmente osservare trasportando un lucido di una parola sopra la 20 
forma che la stessa parola presenta in altra parte del codice dovuto alla stessa mano 
del Brunetta. Ne consegue che il codice del Capitolo deve ascriversi alla seconda 
metk del secolo XIII e non pu6 essere ritenuto anteriore, come dubitava il Cavedoni. 
Questa osservazione h di grande importanza, in quanto che per essa resta sin d'ora 
stabilito che il piii antico ms. della Relatio h posteriore di drca un secolo e mezzo 25 
agli awenimenti; mentre chi componeva la nostra preziosa scrittura era contempo- 
raneo a questi. In un secolo e mezzo e piti a quanti rimaneggiamenti pu6 andare 
soggetta una scrittural 

Questo ms. h scritto diligentissimamente, con lettere alte dai 3 ai 4 mm., ed h 
inoltre punteggiato. Per dare un'idea della punteggiatura, riprodurr6 diplomatica- 30 
mente i primi periodi: " Quia fratres karissimi de vita et moribus, de transitu et mi- 
^ raculis sanctissimi ac semper venerandi patris nostri gloriosique confessoris Christi 
^ Greminiani mutinensis Ecclesie presulis iam multa audivimus. et antiquorum relatione 
** atque librorum testificatione experta cognovimusl satis dignum duximus! ut que no- 
^ stris temporibus de eius benefitiis uidimus' ad presentium et futurorum memoriam 35 
^ semper veneranda prout superna dictaverit clementia litteris intexeremus. ne si forte 
^ silentio tegerentur inde gravius iudicaremur ^ . 

II testo capitolare fe stato riprodotto dal Bortolotti^ e in generale la stampa h 



FaMr. 1357, e non ha alcuna segnatura. Non figura In- Dondi, // dMcmo di Modena^ Modena, 1S86. 
&tti neppure nellMndice dei codici capitolari dato dal ^ Vita di san GeminianOi cit., p. iii sgg. 



scritto dapprima manus, ma dallo stesso amanuense la prima gamba di nfu poi espunta 
5 e fii segnato un apice diacritico suUa seconda, ricavandone cosl il comparativo di 
fnagnus; ci6 che il Bortolotti non ha avvertito. Per essere minuziosi forse troppo, 
sia notato che inchoationem a p. 113, 1. 7 ^ scritto nel cod. con Vh e nella stessa li- 
nea sollempnitate con due //; nichil col c a p. 114, I. 2; relliguias con due // a 
p. 115, I. 28. Sia tolta anche Perronea virgola dopo ^/^e a p. 112, 1. 14. Sono del 
10 resto sviste assai leggere, che ognuno perdonerk ben volontieri al diligente Bortolotti. 

II. Cod. est. lat. n. 388. Segnat. vecchia: VI. F. 3; segnat. nuova: a. F. 3, 4. — 
Questo codice contiene gli Annales veteres mtdinenses di Alessandro Tassoni seniore 
ed h autografo del secolo XVI. II ms. h descritto da L. Vischi nella prefazione alla 
stampa delle cronache del Tassoni, del Da Morano e di G. da Bazzano ^. Dal prin- 

15 cipio sino al 1488 una mano sola scrisse via via una serie di notizie lasciando tra 
1'una e Taltra degli spazi bianchi che la stessa mano mir5 piii tardi a colmare con 
1'inesrzione di nuove notizie. I due momenti sono facilmente riconoscibili per la dif- 
ferenza d' inchiostro. Due altri possessori del ms. aggiunsero qua e Ik qualche linea : 
Tuno pu6 fbrse identificarsi, a giudicare per lo meno dalla scrittura e anche dal ca- 

20 rattere delle aggiunte, con il famoso cantore della Secchia, Paltro h piii tardo, degli 
ultimi anni del secolo XVII. U secondo inchiostro della prima mano giunge fino 
all'an. 1536; le successive notizie sono stese con inchiostro nero sbiadito; " Taccu- 
** ratezza e la sicurezza vanno scemando ed a poco a poco si giunge a forme, le 
** quali manifestano la mano pesante e incerta del settuagenario ^^ 

25 Questo ms. presenta molto interesse per lo studioso perchfe alla c. 4 conserva, 

dovuta alla prima mano, non gik la Helatio, quale h data dal ms. del Capitolo, ma una 
spede di compendio. Incomincia : ^ Cum septingenti quinquaginta anni et amplius 
" transiissent, quod pater noster Greminianus e vivis migravit, Ecclesia in qua corpus 
" suiun a sancto Severo undecimo Ravennatis Ecclesie archiepiscopo honorifice re- 

30 ** conditum est . • . . „ . Giova notare che la Relatio nella cronaca tassoniana h in uno 
stridente contrasto con il genere delle notizie, tra le quali h intercalata, in quanto 
che essa, molto meno arida nella narrazione, si presenta quale un vero e proprio 
componimento letterario per sfe stante e a forza introdotto nella serie degli avvenimenti. 

III. Cod. lat. n. 7go (= Ital. n. S7^* Segnat. vecchia : X. D. 3 1 ; segnat. nuova : 
35 a. N. 7, 23. — iSi un ms. cartaceo, del secolo XVI scritto dal Fordroli, e conte- 

nente nella sua prima parte sino a c. 134 la cronaca della cittk di Modena di Fran- 



^ Vischi-Sandonnimi-Rasblli, Cronache modenesi denesi, ** Serie delle cronache „, tomo XV, Modena, 
di A/essandro Tassoni, Giovami da Bazzano e Bonifaxio 1888, p. xui. 
da Moremo in Momm, di Storia Patria delle frov. mo^ * O^. cit., p. xm. 



Xn INTRODUZIONE 



cesco Panini, e nella seconda una copia del codice precedente di Alessandro Tassoni 
seniore. Vi h ricopiato quindi a cc. 144-146 la RelatiOy nella redazione compen- 
diata dei Tassoni; ma nei margini una mano del secolo XVI ex. ha aggiunto qna e 
Ik qualche parola tratta evidentemente o dal codice dell'archivio del Capitolo o da 
una delle sue copie estensi. Comunque, lo studioso pu6 presdndere del tutto da 5 
questo ms., per quanto spetta alle questioni, cui pu6 dare occasione la Relatio. 

rV. Cod. ital. 1124. Segnat. vecchia: X. B. 9; segnat. nuova: a. K. 6, 4. — 
In seguito a im esemplare a stampa della vita di san Geminiano edita dal Varesani 
nel 1581 in Modena^, leggesi, di mano del secolo XVII, la RelaHo^ che comprende 
quattro carte. II Bortolotti ha scritto che il presente ms. dipende " probabihnente „ 10 
da quello del Capitolo, ma non s' h curato di risolvere la questione. Un esame qualche 
poco minuzioso del testo ofierto da questo codice, basterk a mutare la probabilitk 
in assoluta certezza: ch^ infatti si tratta di una copia tratta direttamente dal testo 
capitolare. Basta infatti iermar 1'occhio sulle abbreviazioni, per avvertire che il co- 
pista del secolo XVII s'^ industriato di riprodurre persino le abbreviazioni del ms. che 15 
aveva tra mano. £ ci6 ^ abbastanza singolare, data l'etk avanzata alla quale appar- 
tiene la copia. 

Raccolgo i tratti piii caratteristici in prova della mia affermazione: 

1 . In capo alla copia si leggono le seguenti linee : An. d.n.ce incarnat. D^ N. 
lesu X. mill.^ X. C VI III sub die X. Cal. lun. incepta estfossio JundamenH hmius 20 
f^ Mut. Ecclesie. — Eodeni anno V Id. lun. ceptum est cementari fundam.*^ pre- 
fate Ecclesie Mutin. 

£ in fine: Anno d.n.ce Incarnationis mUl.^ C. VI facta est translatio corporis 
patroni n.ri Beatiss."^ Geminiani. Eodem anno VIII Idus Octobris dedicatum et con^ 
secratum Jidt corpus et altare ejusdem S.'^' Confessoris. 25 

Orbene (l'osservazione fe gik del Bortolotti), queste linee riproducono la scritta 
posta sulle due grandi miniature, di che va fregiato il codice capitolare. £ come le 
due miniature sono poste l'una in principio 1'altra in fine della RelatiOy cosl le scritte 
sono qui riprodotte a capo e in calce della nostra copia. 

2. ^ da notare che il copista non s'^ accorto della correzione di manus in maius 30 
nel cod. 7, della quale abbiamo gik toccato, e ha scritto senz'altro: fundamentum po^ 
nere manus in latitudine et longiiudine. 

3. II codice del Capitolo ha per errore dell^amanuense : Sic sic Hague (Uvina 
subvehente dextera.... H Bortolotti giustamente ha soppresso imo dei due ^ (p. 113). 
La nostra copia del secolo XVII riproduce invece tal quale 1'errore dell'originale. 35 

Si pu6 dunque prescindere anche da questo ms. per la stampa della Relatio. In- 
sieme al codice h legato im fascicoletto che contiene ima versione italiana della /Pe/o^ 



^ SoMcii Gtmimami efiscofi mmtinemMs vOa, eiusdtm lum Gadaldlnum. La data 1581 h data in fine alla pre- 
iodetatis itistm novissime reformaia, Mutinae. Apud Pau- fazione. 



V. Cod. est. lat. n. lo^g. Segnat. vecchia: IV. F, 25; segnat. nuova: a. J. 5, 6. — 
5 !^ un codice cartaceo di non poca importanza in quanto contiene la cronaca di Bonifacio 

da Morano. S'apre con la Relatio scritta, come tutto il ms., da una mano del se- 
colo XVII che pu5 forse identificarsi con quella del Carandini, cancelliere del Co- 
mune. Questo ms. non potfe essere conosciuto dal Muratori, come pens5 il Bortolotti 
(p. 28), perchfe esso fu acquistato nella prima metk del secolo XIX per PEstense dal 

10 Preposto Ottavio del fu avv. Besini. Nfe si pu5 pensare che il Muratori ne abbia 
avuto conoscenza indirettamente, perchfe il grande storico nella sua introduzione di- 
chiara d^essersi servito di un ms. estense. 

La Relatio qui contenuta dipende direttamente dal codice capitolare, Per con- 
vincersene, basta fissar Pocchio nella prima carta, 1. 3 dal basso, suUa paroia migraum^ 

15 che sta per migrauit e che h un fallo di lettura dovuto all'abbreviazione del codice 
del Capitolo migrau. II Cavedoni collazion5 il 13 marzo 1856 la Relatio con il 
ms. del Capitolo e segn5 in margine il risultato della coUazione. Si tratta di diver- 
genze appena avvertibiU. 

VI. Cod. delVArch. com. in Modena. — E una copia della Relatio del cod. Ca- 
20 pitolare dovuto a Grio. Battista Spaccini, autore di una ben nota cronaca modenese 

che va dal 1588 al 1636. SuUo Spacdni si veda Tiraboschi, Bibl. moden.y V ^ 136, 
ove.fe da correggersi la data del testamento, che risulta essere 11 luglio 1636. 

VII. Cod. delVArch. Boschetti in Arch. di Stato in Modena: X. XIII. 36 (cc. 203- 
212). — fi un codice del secolo XVIII^ imparentato per il suo contenuto col ms. 

25 Rangoni in Vienna n. 6180. Si confironti Tdbulae codicum^ IV, 286; se non che 
nel ms. Rangoni manca la Relatio] ma in compenso vi si trovano altre scritture. La 
Relatio del ms. Boschetti h copiata dal cod. Capitolare. 

VIII. Cod. delVArch. com. di Modena. — La Relatio fe in testa a un ms. di cro- 
nache modenesi ch'fe copia recente di un cod. bolog. (Universitaria) 577 dovuto a 

30 G. M. Barbieri ^ Anche in questo ms. la Relatio dipende dal codice del Capitolo. 



^ Si veda su questo ms. U mio libro: Gio. Maria 
Barbieri e gli $iudi romanMi nei secoio XVI f Modena, 190^» 
p. 4, nota 4* 

* Vxschi-Sandonninz-Rasblli, of. cit,, p. xxvi. n 
5 codice di Bologna reca U n. 577 ed h siato messo in- 
sieme da G, M. Barbieri; ma non h di suo pugno, se 
non ae in qualche aggiunta. Non ispiacersl ch'io ofira 
qui la tavola di quel che contiene il codice di Bologna 
e die intieme io indiclii quali sono state le parti rico- 
10 piate nel ms. dell'ardiiTio di Modena. n codice di Bo- 



logna misura mm. 315X^1^ cd h di carte 258. Reca 
sul dorso : Cromaca di Modena sino al 1^46» Contiene : 
I. Relatio sive descriptio de innOYatione 
ecclesie S. Geminiani (copiata nel cod. modene- 
se); 3. Cronaca di Bonifacio da Morano (oc. 5- 
iia), copiata); 3. Note di storia modenese 1099- 
1453 (cc. ii3-i3o);4. id«, id. 11 88- 1497 (cc. 121-125); 

5. Cronaca romana sino aJ 1313 (cc. 126-133); 

6. Copia de una cronica ritrovata nel Ca- 
stello de S.^o Cesario in certi antiquissimi 



XIV INTRODUZIONE 



Abbiamo in£itti tnaius per manus; esatta lettura della parola gik discussa del codice 
del Capitolo che ci dimostra la perizia ben nota del Barbieri in fatto di antiche scrit- 
ture, e anche la restante parte della ReJatio h la riproduzione del testo capitolare. 
La conclusione, a cui conduce adunque l'esame dei mss. della Relatio^ h la se- 
guente. Noi abbiamo a fare con due redazioni della stessa operetta, l'una piii breve 5 
rappresentata dalla cronaca del Tassoni seniore, l'altra maggiore tramandataci dal co- 
dice dell'Archivio capitolare e dagli altri che ne dipendono. Vediamo di scoprirae le 
relazioni e i rapporti e anche il grado di parentela, se cosl possiamo esprimerd, dato 
che sia esistito un originale ond*esse, per una via o per un'altra siano provenute. I 
criteri, che dobbiamo tenere presenti in questo nostro esame, ne sono oflEerti dalla 10 
qualitk degli avvenimenti narrati, dal loro numero, e dal modo come sono esposti. 
Noi abbiamo adunque due testi che trattano il medesimo argomento: imo di essi d 
h conservato in un codice del secolo XV, l'altro in un manoscritto del secolo XIIL 
I casi che si possono presentare per quanto spetta alle loro relazioni sono qui registrati: 

1) O i due testi sono l'uno indipendente dall'altro. 15 

2) O l'imo h copia delPaltro. 

3) O l'uno proviene dalPaltro per via di soppressioni, o secondo i casi di 
aggiunte. 

4) O Tuno e l'altro dipendono da un solo originale; ma passando di copia 

in copia per opera degli amanuensi si sono venuti sfbrmando sl da presentare ormai 20 
due fisonomie distinte. I casi 2 e 3 sono stati implicitamente risolti nelle note dedi- 
cate qui sopra alla descrizione e all'esame dei vart manoscritti. Restano i casi 1 e 4, 
dei quali il primo ven^ subito eliminato, se il lettore vorrk dare un occhiata alle due 
redazioni 4^1 testo, che per comoditk del lettore pubblico in colonna. 

Per risolvere il quesito, giova volgere gli occhi sopra una scrittura, la cui compo- 25 
sizione varrk forse a illuminard im poco: la Vita (U san Geminiano nelle sue diverse 
redazioni. 

Si ponga in£itti mente, per istabilire im confronto non privo d'interesse, alle due 
redazioni nelle quali d h pervenuta la vita di san Geminiano. II Mombrizio, i Bol- 
landisti, ii Muratori e il Cavedoni avevano edita e illustrata una sola delle due re- 30 
dazioni, non awertendo l'altra, piii breve, su cui pose gli occhi per primo il Bor- 
tolotti. A questo* diligente erudito spetta il merito di aver riconosduto il valore 
della seconda vita di san Geminiano meno estesa della vulgata, e di averla data alle 



libri scritti a penna e fu detta Cronaca 15 1 1 (cc. 170-309); 12. Cronaca di Modena 1465- xo 

ritrorata et accopiata nell'an. 1523 (cc. 134 1547, copiata (cc. 310-258). Seguono 14 carte bianche, 

153); 7* Notiile del 1289 e del 1293 (c. 153); poi 5 pagine di note spettanti a Bologna (fine del se- 

8. Privilefio di Giov. Re di Boemia a Guido colo XVn e principio del XVm). Forse alhiae aque- 

5 Pio, 23 aprile 1331 (oc. 1S4-159); 9. Qui comen- sto manoacritto il Slgonio, quando tra le fonti che gU 

la la legenda e la Yita del glorlosissimo serrirono per i suoi De regmo Ttaliae Libri v^mH (in 15 

Sancto Geminlano (cc. 160-169); ^o. Note di O^a Omitfa, Mediolanly lilX^CXXXn, tomo H, indez 

mano di G. M. Barbieri e di altri (cc 169-170); chronol.) reglstr6 una cronaca manoscritta ddla citti di 

XI. Estratto da una cronaca di Parma X036- Modena *apud Joannem Marlam Barberium,,. 



INRODUZIONE 



XV 



stampe nella sua pregiata opera sul celeberrimo vescovo di Modena. Rapidamente, 
a p. 3| il Bortolotti ha istituito un raffironto tra le due vite e ha osservato &ciknente 
che l'ossatura h ia medesima. La redazione piii estesa segue ^ orma per orma , ie 
tracce della vita piii breve. Soltanto vi si avverte qua e Ik l'aggiunta di nuove no- 
5 tizie, le quali sono bensi intercalate studiosamente neirordito, ma non lo guastano, 
n^ lo scompongono. Dopo un sommario esame delle parti, onde risulta Tossatura 
delle due biografie, il Bortolotti conclude (p. 4) ; ^ Or chi per poco consideri queste 
^ due vite, e insieme le raffi-onti, non pu6 restare in forse sulle mutue relazioni loro 
^ e sulla loro etk relativa. L'una pende senza &II0 dall'altra; e quella che sull'altra 

10 ^ modellasi evidentemente h la piii estesa^. Uno degli argomenti, di che si vale il 
Bortolotti per convalidare questa sua conclusione, consiste in ci6 : che mal si saprebbe 
comprendere come mancassero, sia pure in fbrma stringatissima, alla redazione piii breve 
notizie importantissime siilla vita del Santo che si leggono nella redazione maggiore, 
se quella fbsse un compendio di questa. L'argomento del Bortolotti pu6 fare im- 

iS pressione e nel maggior numero dei casi h senza fallo giusto; ma h evidente che non 
pu6 sempre reggere e proprio nel suo caso specifico non mi pare fbndato. Guai poi 
se lo volessimo applicare alla nostra RelatiOy con speranza di ricavame aiuto per 
una soluzione tale da appagardl Ch^ quanto a questo, non si potrebbe dimenticare 
la spedale condizione che il Tassoni era im cronista, e come tale aveva il dovere di 

20 sfrondare, di abbreviare, di tagliare e si trovava dunque nella necessitk di trascu- 
rare anche notizie di qualche rilievo per dare un carattere unifbrme e organico alla 
sua cronaca. £ del resto, nella stessa vita di san Greminiano non pu6 essere acca- 
duto che im piii tardo rimaneggiatore per questa o quella cagione abbia soppresso 
dd passi interi degni di osservazione e di studio ? La cosa non avrebbe nuUa di stra- 

25 ordinario. 

Per altri &tti sai^ utile il nostro raffi-onto con le vite di san Geminiano. II Bor- 
tolotti, fermando la sua attenzione e industriandosi da par suo intomo alla vita piii 
estesa, h giunto a dimostrare ch'essa h passata per vari stadi e s'^ venuta, diremo 
cosl, rimpolpando per via di aggiunte successive ^. Essa s' h venuta sviluppando attra- 

30 verso a tre fesi, rappresentate anche distintamente dalla tradizione manoscritta. Alla 
prima fase risponde l'edizione del Mombrizio ^, alla seconda quella del Bollando ^ alla 
terza quella del Bortolotti stesso. La vita piii estesa originaria, quale h data dalla 
stampa del Mombrizio, non tard6 ad essere, per cosl dire, impinguata dall'aggiunta 
di un'appendice, che fu pubblicata indipendentemente dal Muratori sotto il nome di De^ 

35 scriptio Urhis^. 

Secondo le conclusioni del Bortolotti, la Descriptio consta di due parti composte 
in due diversi momenti e non pu6 dirsi in nessun modo opera dell'autore della vita 



' PresdndUmo qul dal considerare, ci6 che 11 Bor- 
tolotU tottleae, se cio^ la vlta pii^ estesa sla anteriore 
o pocttriore alla vita plft breve. 



* B. MoMBRlTius, SamcimttriuM, I, togUo 333. 

' Acia Sane/; JtLa,^ tomo II, fogli 1096-1110 e 1160. 5 

< /?/?. //. SS,, tomo II, parte II, p. 687. 



XVI 



INTRODUZIONE 



di san Greminiano \ come credette il Muratori K Cos), con Taggiunta della Descripiio, 
la vita pass6 dal primo al secondo stadio. H Bortolotti ha poi awertito che la vita 
ebbe infine altre cure, e ha opinato che un Vescovo modenese forse dov^ por mano 
alla biografia per renderia piii piena e definitiva \ H nuovo emendatore avrebbe lavo- 
rato, secondo il Bortolotti (p. 1 5), non dopo la fine del secolo XI ; poich^ non avrebbe 5 
egli tralasdato in caso diverso di toccare o delia fbndazione del Duomo o della Tra- 
slazione del Santo. £ l'argomento, tuttoch^ congetturale, non h privo di seduzione; 
ma non h taie da poter essere accettato senza molte riserve, come vedremo. 

£) interessante per noi osservare che codesto nuovo ed ultimo emendatore ha 
premesso alla vita un prologo, gik edito dal Cavedoni \ nei quale si rivolge ai frabres 10 
harissimi e ha fatto drca una quindidna di ritocchi concementi piuttosto la forma 
che la sostanza. 

Ora, h da ricordare che la RelaUo incominda nel codice capitolare predsamente 
con un'apostrofe ai fratres karissimi, e confrontata con ia redazione tramandatad dalla 
cronaca del Tassoni mostra in piii luoglii alcuna maggiore pretesa stilistica e qualche 15 
aSettazione di fbrma. Per di piii il modo stesso del periodare e, direi quasi, la maniera 
di concepire ricordano assai l'emendatore della vita del Santo. Basti infatti un esempio : 



Rblatio, Prologo. 

. . • • satis dlgnum daximus, et que nottris tempo- 
ribus de ejus beneficiis vidimus, ad presentium et futu- 
rorum memoriam semper veneranda, pro ut superna 
dictaTerit dementia litteris intezeremus. 



* BORTaLOTTZ, of, cU.^ pp. 7-xo. 

* Antiq, iial., tomo ni, coL 674. Pare che il Mu- 
ratori fosse tratto in inganno se lio ben yisto, dal f atto 
die l*estratto mandatogU dal codice del Campagnola co- 

5 minciaTa: ^uoMiam bonus Dominms et in aetemmM mise^ 
rieordia eims, opere ^eHum est itmoieseere, mentre la De- 
seri^Ho incomincia O^e preHum e cl6 clie precede so- 
no le ultime parole della Vita di sam Gewtiniamo, Cos\ 
il Muratori non s^avride del distacco fra la Vita e l'ag- 

10 glunta^ 

' Come appalesa lo stile, dice 11 Bortolotti, o^. 
dt,, p. X X * pare che f osae un yescovo quello che rimise 
«mano al lavoro;,. Vi premise un prologo, che toma 
utile ripubblicare : 'Nostri officii, fratres karlssimi, est 

15 'pld>i Christi prerogatira nobis commissae ostendere 
' qualiter beatissimi patroni nostri ac glorlosissimi pon- 
'tifids Geminiani glorificatus est exltus. Quia apud 
' nos ores proprias sua intercessione hactenns sdmus a 
' morsu Demonum salyatas, operae pretium est, ut in die 

20 ' natalis ejus sit nostrae letitiae principatus. Nam licet 
' omnium Sanctorum solemnltatum christianorum sit ani- 
' mua particeps, nobis tamen proprle ac peculiarius in pa- 
^' tris nostri Geminlani festiTitate letandum est, cuius pa- 
" trociniisgloriamur. Quia nostra ei fidentius persolvimus 

35 '^ Tota, qul eius sacras rdlqulas nostrls domidlils vene- 



Vita n, Prologo. 

.... Nos ipsos, quamYls inmeritos, dus predbus 
sacris credimus adiuvandos, qui ut helietes ct indigni 
pauca de vita dus presumimus intimare, quae Testria 
sine dubio devotis credimus animis pladtura. QuamTis 
omnia quae egit in conversatione Td miracuiis non Ta- 
lemus ezplere, tamen in quantum domlno opitulante 
possumus enarrare studemus. 



20 



35 



'ramur. Quicquid tamen a nobis eius impenditnr 
' Tituti ad laudem sul nostrique referatur auctoxis. Nam- 

* que dcTotlonem nostram ille non deserit, cuius uos re- 
'Terentia congregaTit. Nos ipsos, quamTis inmeritos, 

' dus precibus sacris credlmus adiuTandos, qui ut liebe- 30 

* tes et indigni pauca de Tita dus presumlmus intimare, 
' quae Testris dne dubio dcTotls credimus animua placi- 
" tura. QuamTis omnia, quae ^t in couTersatlone Td 
' miracuUs non Talemus ezplere, tamen in quantum do- 

" mino opitulante possumus enarrare studemus ,, Attac- 55 
cato posda col mezzo di un igitur 11 prologo alla Vita, 
fece qua e Ik una quindicina circa di ritoochi e Infine 
aggiunse la «eguente apostrof e : * Igitur, fratres karissi- 
/* mi, letemur et iocimdemur in domino, qui nobis im- 
" mensa suae pietatis dementia per beatissimum Gemi- 40 

* nlanum tanta est dlgnatus impendere beneficia. Conce- 

* dat ut eius cuius letamur festiTitate, irradiemur ezem- 
' plis et culus gaudemus merltis sublcTemur preddiis. 

* Annuatque nobis inmensa dlTinltas ut mundo corde 

" castoque corpore, et ad supemonim dTium festlTitatem 45 
''feliciter perTcnire mereamur. Prestante Domino no- 

* stro Jesu Christo, qui cum Patre et Spiritu Sancto TlTit 
' et regnat £>eus et nunc et semper et In secula secnlorum. 
'Ameu;,. Cf. Bohtolotti, 0/. rit,, pp. ii-xa^ep. X04. 

^ Comm' Storici cit, p. 14 1. $0 



ritenersi codesto emendatore qaale autore della Relatio? II Bortolotti giunge, come 
5 abbiam detto, fino alla fine del secolo XI, e con ci5 noi ci troveremmo dinanzi ad un 
contemporaneo agli awenimenti narrati nella Reiatio. Ma si osservi che l'argomento, 
usato dal Bortolotti per fissare una cronologia alPultimo stadio della vita, h soltanto 
congetturale, come qui sopra h stato osservato, e non si dimentichi che se ammettiamo 
che ii Vescovo, che ha ritoccato la vita, sia anche rautore della redazione maggiore 

10 della Relatioy si comprende assai bene che nella vita egH non abbia fatto cenno nfe 
della fbndazione del Duomo n^ della traslazione del Santo. Infatti delPuna e delPaltra 
cosa egli sapeva esistere un' apposita narrazione, ch'egli proponevasi di ritoccare. Al- 
lora i termini cronologici del Bortolotti verrebbero a cadere e si potrebbe discen- 
dere anche sino alla metk, e forse dopo, del secolo XII col nostro Vescovo, in quanto 

15 che al secolo XII appartiene il piii antico lezionario contenente la vita nel suo terzo 
stadio. 

Ma per ora sospendiamo il giudizio, e indaghiamo invece piii da vicino i rapporti 
che intercedono tra la redazione della Relatio data dal ms. del Capitolo e la reda- 
zione piii stringata della cronaca Tassoni. Le supposizioni che si possono fare sono 

20 due: o la narrazione del Tassoni dipende dal codice Capitolare o dipende da un'altra 
fonte. Nel primo caso la narrazione del Tassoni non avrebbe nessun valore, nel se- 
condo caso ognun vede quanta importanza essa rivestirebbe. 

Ragion vuole che si incominci dalPosservare se nella redazione piii breve del 
Tassoni abbiamo notizie nuove, le quali non possano essere state attinte alla redazione 

25 maggiore oflferta dal codice del Capitolo. Dobbiamo subito spazzar via un ingombro, 
per non incespicarvi strada facendo. La redazione Tassoni, laddove si discorre del- 
1'architetto, a cui si fe' ricorso per i lavori del Duomo, aggiunge il nome della fa- 
miglia, alla quale egli sarebbe appartenuto: 

Rbdazionb Tassoni. Rbdazionb dbl cod. I. 

30 et »fiq<^ffm Del gratia InYentus est vlr quidam nomlne Donante qulppe Dei misericordia, inventus est vir 

Lanfranclius de Facio, alias dictus Romengardus, mira- quidam, nomine Lanfrancus mirabllis artifex, mirificus 
bUs e^ficator. edificator. 

La stampa del Tassoni, che noi abbiamo gik citata, reca certamente utilitk agli 
studi nel suo complesso; ma talvolta gli editori hanno trascurato di distinguere nella 
33 cronaca la parte che spetta ad una mano, da quella che, spettando ad altra mano, fe 
aggiunta seriore. Due diverse scritture, quando si avvicendino regolarmente in un 
manoscritto, stanno nella maggior parte dei casi a denotare anche due diverse fonti. 
Ora, se gettiamo gli occhi sul ms. originale del Tassoni, ci avvediamo facilmente che 
le parole de Facio, alias dictt4s Romengardus, sono state aggiunte dopo sul rigo e 

T. VI, p. 1 ^ B. ' 



xvm 



INTRODUZIONE 



non hanno dunque nessun valore nel caso nostro K Ma vi sono altri argomenti, che 
richiamano la nostra attenzione. 

Si ponga mente al carattere dei passi che mancano alla redazione dh\ Tassoni. 
Si troverk ch'essi hanno tutta Paria d'essere brani aggiunti con Tintendimento di ren- 
dere piii piena la scrittura e di abbellirla quasi con alcuni fiori rettorici. 5 

Manca infatti il prologo nel quale nulla si dice all' infiiori che 1'autore parlerk di 
san Greminiano per tramandame il ricordo alla posterioritk, onde questa non abbia a 
rimproverare di dimenticanza le etk passate. Piii avariti, nella redazione Tassoni non 
h traccia nessuna di una invocazione a Cristo, della quale la Relatio pu6 far senza 
senza danno, anzi con vantaggio in quanto che viene a turbare il seguito degli av- 10 
venimenti. Eccola : ** Tibi, Christe, omnium cordium intimus perscrutator, onmium 
^ bonorum primus inventor, onmium gaudiorum summus largitor, tibi quam profimdi 
" cordis maiores possumus grates, laudesque referrimus; qui tanti, ut credimus et vere 
" confidimus, sepe prefati patris nostri precibus exoratus huius operis precipuus estas 
" auctor et inventor. Non enim ulla mortalium scientia, nuUa illius quod a te solo 15 
" factum est posset providere astutia. Totum ergo quod actum est, totum quod est 
^ venturum, tue ammirabili maiestati referrimus, tue gratie imputamus. Quid plura ? „ 
E piii oltre ancora la redazione Tassoni manca di un altro brano ch'fe una vera e 
propria interpolazione in fbrma sempre di invocazione: " Quod certe, Pater carissime, 
^ non nostris adscribimus meritis, non enim tantis sumus digni benefitiis, sed illius te 20 
** credimus excitatum precibus, cuius ex intimo corde servitium semper adimplere ni- 
** timur ^, 

Se noi ci &cciamo a considerare lo stile di questi due brani e lo confrontiamo 
con quello del prologo, troviamo che in tutti i casi h innegabile una certa somiglianza 
che pu5 ferli credere opera dello stesso autore. La fi-ase h gonfia e pomposa; il con- 25 
tenuto si risolve in una vera e propria invocazione fatta con tono solenne e quasi 
direnmio da predicatore. Ci pare adunque anmiissibile che questi brani siano dovuti 
allo stesso Vescovo, al quale ha pensato il Bortolotti come alPautore delle ultime ag- 



^ Ndla cronaca dl san Cesario (croaachetta mo- 

deneae edita da P. Balan e C. Boschetti, Modena, 1869) 

sl legge (p. 9): 'Hora U Modonesi fecero troTare un 

" valente maestro per nome Lanfranco de Facij et de 

5 ' Romengardi jy. Ma i codici di questa cronaca dicono 

* de Facij chiamato altramente (o detto, o alias) de Ro- 

* mengardi , , il che si fii credere die l*aggiunta nd ms. 
del Tassoni derivi sen2*altro dalla cronaca detta di san 
Cesario, 11 cui compilatore ebbe forse tra mano 1 do- 

10 cumenti senriti al Tassonl, se si deye giudicare dai rap- 
porti Teramente singolari che intercedono fra i due nella 
narrazione della fondazione del Duomo. Ecco ci6 che 
racconta la cronaca di san Cesario : '^ Dell'anno X085 nel 

* X099 essendo statoU popolo di Modona con la Chiesa 
X5 'Chatedrale plcolina gran tempo deUl)erorono di edifi- 

'carne una grande e bella a honore della Vergine Ma- 
' ria e di san Geminiano di pietre Tiye attaccata alla 



"torre, et che detta torre senrisse per suo Campanille, 
' et con l*ajuto deUa Contessa Matilde yI si diede quella 
'forma e magnificenza che si richiedcTa un cosi nobile 3o 
'^ Campanille. Hora 11 Modonesi fecero troTare un Ta- 
" lente mastro per nome Lanfranco de Facij et de Ro- 
'mengardl quale acdntosi all*opera prlncipi5 a fare U 
^ fondamenti con gran concorso di populo et condotto le 
" pietre Tive, le principlarono a tagiiare e laTorare ^ 35 
" queste come molti TOgUono che f ossero tolte di Cadia- 
'^ na e che senrissero al templo di Diana, che era chla- 
* mato Casa di Diana che corotto Ck Diana) et per detta 
'^fabrlca il populo pagaTa un certo che delle cose, die 
*si TendeTano, e questo dur6 tanto che detta fabrica 
' fu perfedonata, che fu f omita dd anno 1 106 ,. Se- 
guoao qui alcune notide sulla traslaaione dd corpo di 
san Geminlano che s*accordano con quanto gii ai sa 
per altra Tia. 



30 



mani del Tassoni. E una congettura; ma come tenerci dal presentarla al pubblico 
5 degli eruditi, quando il nostro sospetto vien giustificato sempre piti, se osserviamo che 
in generale i brani scritti, a parer nostro, dal Vescovo, o da qualche altro ecclesiastico 
erudito del secolo XII, non si legano perfettamente con la narrazione e lasciano anche 
intravvedere qualche commessura? 

Raccogliendo ora le vele, ci pare di non andar molto lungi dal vero, presentando 
10 ii seguente schema per fissare graficamente la via di formazione della nostra Relatio ^: 



o 



X 



COD. CAPITOLARE (n. I) 



Cronaca di Tassoni sbxiorb (n. II) 



CoD. n. III 



CoD. Di G. M; 
Barbikri (n. VIU) 



coD. n. rv 

(Sec. xvn) 



COD. n. VI 
(Sec. xvn) 



CoD. n, V 

(Sec.XVn) COD. BOSCHETTI 

(Sec. xvni) 



CoD. Arch. Comunalb 



Riteniamo anche noi probabile 1' attribuzione del testo originario e genuino C 
deila Relatio al canonico Aimone, il cui nome fe registrato con onore dagli storic: 
della Cattedrale di Modena. AUe notizie radunate su questo " magischola „ dal Ti- 
15 raboschi e dal Cavedoni sark bene aggiungerne qualche altra desunta da docimient 
esistenti nelParchivio capitolare. E non sark vana fatica, quando Aimone trovasi ce- 
lebrato quale autore per lo meno di un' iscrizione concernente Porigine del duomo d 
Modena^. Tre volte si trova ricordato Aimone in una Instrumentorum collectio ai 

anno 1071 ad annum 1293. Nel 1106 egli si sottoscrive quale ^ Aimo magister sco 

* 

20 " larum ^ in un atto, col quale venivano cedute dalla Chiesa di Modena alcune terr( 
" in loco prade „ ad Alberto, Ariberto e Giovanni chierico fratelli (c. llSt;); ne 
1110, il 28 febbraio, Aimone canonico, Alberto, Guido e Maurizio e Giovanni pret 
concedono certo territorio in villa Albareto " in loco ^ese „ ad Allegretto, Pietro 
Giovanni e Mastino figli di Leone di Albareto, (c. 102 r;), infine nel settembre de 



^ Con O Indico Poriginale della Relatio perduto e 
con X l'eseniplare rimaneggiato, onde proviene il co- 
dice del Capitolo, il quale h senza dubbio una copia. 
& doTuto infatti alla mano di un calligrafo, il Bru- 



netta, che ha commesso qua e 14 qualche scambio c 
lettera presto corretto da lul medesimo o da chi ha di 
ligentemente fatto i riscontri opportuni. 

^ Si veda la nostra A p p e n d 1 c e II, n. 3. 



XX 



INTRODUZIONE 



/ 



medesimo anno 1 1 1 ^ concessere Albertus archidiaconus et Guido prepositus et Aimo 
^ magister scholarum una per consilium et consensu ceterorum frattum canonicorum 
** Petro filio q. Petri clerici de urbe Mutina accipienti pro se filia sua Berta „ una 
** terra in Pradella ** ubi dicitur campo d'olivo ^ (c. 113 r)K 

Un passo della ReloHo merita attenta considerazione. D Bortolotti ha fermato 
giustamente Tocchio sul principio della nostra preziosa scrittura e s'^ domandato a 
quali fbnti storiche potessero alludere le parole : ^ iam multa audivimus, et antiquorum 
" relatione atque librorum iesiificcUione experta cognovimus ^ e piii oltre : ^ teste scrp- 
^ ptura, septingentorum quinquaginta et eo amplius annorum transierunt curricula, quod 
^ ipse predictus pater noster Greminianus de hac presenti vita gloriosus migravit ad 
" Dominum „. Bene il Bortolotti ha pensato che Tautore volesse riferirsi a qualche 
fonte storica di molto interesse ; ma quando s' h trattato di determinare codesta fbnte, 
egli ha espressi molti dubbi e non ha risolto la questione. 

Incominciamo anzitutto dall'osservare che l'autore dapprima parla in generale di 
relazioni e di libri sopra san Greminiano senza scendere a particolari, cosicch^ h le- 
cito pensare ch'egli avesse presenti le vite del Santo, quali ci sono state tramandate 
nei piii antichi manoscritti. Poscia prosegue venendo a ima notizia di carattere piii 
particolareggiato drca il tempo passato tra la morte di san Greminiano e i lavori per 
la nuova Chiesa, e afferma che teste scriptura erano trascorsi settecento e piii anni; 
** preziosa notizia cronologica — dice il Bortolotti — che non raccogliesi nfe dalle 
** Vite del Santo nh dal Pontijicale di Agnello „. E si domanda quale potfe essere 
la scrittura, di cui si servi 1'autore della Relatio. Mi industrier5, come posso, di 
sunteggiare il pensiero del Bortolotti e posda procurerb di dimostrare com'egli non 
sia giunto a sicure conclusioni per aver edificato sopra ima ' falsa base. Ecco qua : 



^ Non dispiaccia ch*io raocolga qui qualche altra 
notlzia concemente i ' magiacholae j, del clero di Mo- 
dena. Attingo alla stessa coUecHo: 

X150, pridie kal« april. Stsico magiater scolarum, c. loof. 
5 X 171, 13 kal. febr. ^/<^«r/iff presb. et magister scolarum, 

c. 73 r. 
XX 50, pridie kal. aprii. Sigi^o maglster scolarum, c loor. 
X171, 13 kal. febr. Albertus presb. et magister scolarum, 

c 73 r. 
xo X171, 6 kal. octob. Aibertus presb. et magister scolarum, 

c ifov, 
XI 82, 6 kal. aprii. Aibertus presb. et magister scolarumi 

c x7Sf. 
X183, 13 ^^ ^o^' ^' All>ertus dei gratia sancte muti- 
15 nensis ecdesie Tcnerab. maior scolarum, c xiSt^. 

1190, 2 kal. lun. d. Alberti eiusdem ecdesie (mut.) ma- 

giscole, c. 109 r. 
1197, 7 kaJL apiil. All>ertus presb. et magiscola, c 1649. 
XI 98, nonas mart. Canonicorum consensu dom. sdiicet 
20 Alberti magiscole .... magister Girardi .... et ma* 

gister Me^iuUanl, c. 88 r. 
1199, II kal. dec d. Albcrto magiscola canonico, c. 114 r. 
X200, Arlotus magischola, ia cod. Cap. O. II, ix, c. 2i6r. 



1220, kaL sept, can . • . . d. imedimiliimi magi»eoi€f .... ma- 

gister girardi, magister iohannis, magister pande- 

campi, c 69. 
1203, 13 ez. octob. d. presb. Mtdiolaxo magiscole^ c. i X3 r. 
12 12, 10 octob. Teste ad im atto nn Rodulfmms mu»gi' 

$cola^ c 88r. 
12x4, 6 giugno d. Medims viilamms ecd. maioria mut. 

magiscola, c. 89 r. 
12 14, 13 ex sept. d. Medio vtiamo magister scolanun, 

c. 114 r. 
1223, 6 ex mart. d. Medii viiami magister scolarum, cc 

89r-i28r. 
i337i 13 ^ decemb. d. Aibertlno ma^ter scolamm 

c 73 V. 
1230, 10 ez luiio d. Albertum magister scolarum, c. 162 v. 
1231, II ez iulio d. Albertum magister scolarum, c 127 1*. 
1233, II ex sept. d. Albertum magister scolarum, c 99 v, 
1278, d. Petrus de Baioaria canonicus, c 1609. 

1283, d. Petrus de Baioaria canonicus, c 152 r. 

1284, d. Petrus de Baioaria canonicus, c 152 9. 

1284, 4 ex aprii. d. Petrus Baioaria magister scolarum, 

c 122 r. 
1286, 4 lu^o d. Petrus de Baioaria magister scolarum, 

c 137 r. 



INTRODUZIONE XXI 



il Bortolotti comincia con 1'escludere che questa notizia cronologica, il cui interesse 
h grandissinio per lo studio deila biografia di san (jeminiano, possa essere stata de- 
sunta da im'altra vita del Santo diversa (o piii antica o piii recente) di quelle che 
noi possediamo, sia perch^ ammettendo che si trattasse di una biografia perduta piii 

5 antica, non si spiegherebbe bene per quali ragioni una notizia cosl importante fosse 
stata trascurata dai biografi posteriori, sia perchfe ammettendo invece che si trattasse 
di una vita posteriore alle altre, dovremmo rivolgerci troppi quesiti di troppo ardua 
soiuzione : perchfe codesta biografia meno vetusta sarebbe andata perduta ? donde avrebbe 
tolto la determinazione cronoiogica che ci interessa? 

E allora ii Bortolotti chiede (p. 31): " S'avrk a pensare a qualche fbnte lette- 

^ raria ora perduta? £ fors'anche a qualche epigrafica memoria della vecchia basilica, 
^ che and6 allora distrutta? o potrebbe a sorte trattarsi non d'una espressa data tra- 
^ mandata ab antico, ma d' un mero computo interpretativo dedotto da qualche fatto 
• gik noto? ^ E qui indulgendo a quest'ultima congettura ricorda che Agnello offre 

: 5 un dato cronologico per la vita di san Severo nella menzione del concilio di Sardica 
assegnato all'an. 348 e osserva che lo stesso Agnello narra subito dopo la venuta 
di san Severo a Modena per i funerali di san Geminiano. Di qui h tratto a sup- 
porre che la narrazione immediata dei due fatti abbia contribuito a farli considerare 
sincroni o quasi. Per tal modo correrebbero dalla morte del Santo ai lavori della 

tO fondazione del Duomo quei settecento cinquanta e piii anni, di cui si parlava sopnu 

II Bortolotti ha ragionato troppo sottilmente e la sua stessa sottigliezza V ha tratto 

in errore. Noi dobbiamo qui riferirci alle nostre conclusioni sulla formazione della 

Relatio e ricordare che essa consta di un prologo aggiunto da im vescovo modenese 

e del testo vero e proprio, dovuto con molta probabilitk ad Aimone contemporaneo 

15 agli awenimenti, ma ritoccato in seguito dal vescovo del secolo X. Orbene, gli ac- 
cenni a fonti storiche si trovano nel prologo e sono dunque dovuti al vescovo emen- 
datore della vita maggiore di san Greminiano. Con ci5 si spiega assai bene com'egli 
si sia riferito con le prime vaghe allusioni a libri sopra il Santo protettore di Modena 
alle vite di san Geminiano; ma resta sempre a dimostrarsi dove abbia trovata quella 

K) scrittura che stava a testimoniare che i lavori del Duomo furono incomindati sette- 
centodnquanta anni dopo la morte del Santo. La soluzione del quesito non d pare 
diffidle : 1'autore del prologo trov5 la notizia nella stessa Relatio originale ch'egli an- 
dava ritoccando e che incomindava per 1'appunto, come ne attesta la cronaca del 
Tassoni: ^Cum septtngenti quinquaginta anni et amplius transiissent ^. 

}5 II rimaneggiatore s'era proposto di cavare dalla scrittura che aveva tra mano 

un'altra operetta di forma piii letteraria e alludendo alla frase iniziale cum septin^ 
genti, ecc, egli, che ben conosceva le vite di san Geminiano* e ben sapeva che la no- 



' Se pure etia iscrizione ci b stata cooiervata nella che Bozaiino l*abbia ritoccata; ma mi par poco proba- 
forma datale da Aimone. Alcuno potrebbe tospettare bile. Non dico imposiibile, si badi. 



XXn INTRODUZIONE 



tizia era nuova, senti il bisogno di aggiungere teste scriptura, quella scrittura cio^ che 
aveva sott^occhio, la Relatio originale in altre parole, dovuta al canonico Aimone. 
Se non m^inganno, la soiuzione dei quesito h suggerita dunque dalle stesse premesse 
da noi avanzate. Non ispiacda ora l^gere la Relatio nei due testi del Tassoni e 
dei codice capitolare; e fadlmente si avrk a notare una bella e cara vivadtk, che tien 5 
desto 1'interesse del lettore daiia prima all'ultima linea. Se il testo, come h presu- 
mibile, fu opera di Aimone, al quale devesi anche riscrizione che pubblichiamo sotto il 
n. 3 neirappendice II, convien riconoscere che il nostro magiscola non era privo di certa 
sua arte nell'uso della lingua e nella disposizione della materia, che aveva a trattare. 

Friburgo (STiatera) 1906. 

GiULio Bertoni. 



IN ACTA 

tRanslationis sancti geminiani 

PRAEFATIO LUDOVICI ANTONII MURATORII 




D Historiam temporum, ac praecipue Ecclesiasticam, spectant solemnia illa Christiani Populi Acf 
quibus sacra Corpora Sanctorum de uno in alterum Templum, aut locum transferebantur. Ejusmo 
Transiationes ingentis Populorum concursu, et splendidissimo apparatu olim peragi consuever 
et etiamnum peraguntur; quare iilarum descriptio literis plerumque consignabatur, ut rei magn 
ficentisslmae, et festivissimae diei memoria ad posteros quoque transmitteretur. Itaque gratissimum mihi accid 
reperire, neque inutile Lectoribus fuerit accipere Acta Translationis unius, et quidem celeberrimae, quae Mutin^ 

lo peracta est ante Annos sexcentos et ultra. Anno, inquam, 1106 Mutinensis Populus, eorumque Episcopus Do( 
transferendum statuerunt Corpus Sancti Geminiani suae olim Civitatls Episcopi et Patroni, quem praecipua t 
neratione colebant et colunt. Inclioata jam fuerat in hunc finem Anno 1099 Basilica noya, hoc est eadem, qu: 
adhuc spectandam se praebet ad Mutinense forum, ingenti marmonun congerie structa. Itaque ex antiqua Bas 
lica, dudum minante ruinam, translata simt in novam sacra Beati Viri Lipsana, incredibili populorum confluen 

15 turba, finitimis Episcopis iiluc accitis, ipsaque comitissa Mathilde, celebri eonun temponun Heroina, praesent 
sua pii spectaculi magnlficentiam augente. Id actum pridie Kalendas Majas Anno, ut ajebam, 1106, quem die 
Mutinenses festum Yoluerunt, et adhuc quotannis religiosa devotione celebrant, praetermisso tantum equorum cur 
ac bravio postremis liisce annis. Restabat consecrandum Altare, sub quo recondendum erat sacrum pignus ; exor 
quoque est acris controversia, cupientibus Episcopis Arcam aperiri, Civibus Ycro contra obsistentibus. Consul 

30 Mathiidis respondit, adventiurum Mutinam eodem Anno Paschalem IL Summum Pontificem, ejusque sententia 
exspectandam* Promissis respondit effectus; nam quum octobri mense Paschalis Mutinam pervenisset, VIII Idi 
ejus Mensis idem Pontifex solennissima pompa, immani populo spectante, Altare dedicavit, et Sancti Greminia] 
Corpus omnibus conspiciendum exhibult. 

Bn ergo utriusque splendididissimi, simulque piissimi spectaculi narrationem, quam ex duobus MSti Codicibi 

35 Estensis Bibliothecae decerpsi. Ipsam quoque complectitur in membranis descriptam Ardiivum CapituU Canon 
corum Mutinensium. Quod vero piurimi faciendum, Historiola haec Auctorem habet, Anonymum sane, sed q 
rebus interfuit, et eodem tempore scripsit. Gratulor autem Patriae meae, quod tempestate illa Scriptorem haberc 
non barbarum ac ferreum, quales plerique tunc erant, sed satis elegantem, et comta ac liberali oratione utentei 
ita ut delectatione legentem facile afficiat. Animadvertas autem Yelim, ab eo scribi, Sedem A^ostoHcam koc im Ant 

30 venturam esse in Itatiam, Prima fronte haec videntur innuere Pontificem Romanum ex Galiis reversurum, qi: 
revera Anno 1106 progressus est Pascalis II. Verum Italiam non alio sensu Auctor heic memoravit, quam qt 
post Augustiun, et Constantinum Magnum Scriptores consueverunt strictiori significatione eam appellare Itaiii 
partem, quae nunc fere comprehenditur appellatione Langohardiae, sed tunc latius exciu^rebat, et certe ab Urbe < 
Suburbicariis Regionibus distinguebatur. Donizo in Vita Mathildis lib. n, cap. XVII, describit Adventum Papi 

35 Paschalis in Longobardiam. Pro Longobardia Scriptor hujus Translationis usus est vocabulo Italiae, Fuit autei 
Mutinae idem Pontifex VIII Idus octobris Anno xio6, tum Guardastalium, sive Guastallam perrexit, ubi XI Ka 
novembris Synodtun perquam ceiebrem habuit. Inde^ hoc est e Guastalla: 

Pius Pafa discedens ad memoratam 
Advenit Parmam^ faciens ibi quaecumque rogarant: 
40 Nam sacravit ibi Tem/ium Ciristi Genitrias. 



XXIV IN ACTA TRANSLATIONIS SANCTI GEMINIANI, ECC. 

Haec Donizo loco supra laudato, qui Parmensis quidem Templi dedicationem recensuit ; quae Tero Mutinae gesta 
fuerant coram Comitissa Matilde, prorsus neglezit. Atque hinc inteUigas: emendatione aliqua indigere, quae 
Clariss. Mabiilonius scripsit in Annal. Benedictin. ad Annum 1106, n. i. Pasckalis Pontifex (ita iUe) eo in itimere 
Parwute Bemardmm cardimaiem im demortm Bpiscopi loeaim imsHtuU, Muitmam inde frofectms, Samcii Gemumiami Efi" 
scopi soiemmi TramslaHomi imterfmii, Prius Mutinam, quam Parmam Paschalis adivit; neque Translationi interfuit, 5 
aed quidem Dedicationi Arae Sancti Geminianl. Ignoscendum illi tamen, quod Sigonium sequutus fuerit, qui ne 
ipae quidem liaec satis accurate commemoravit. 

Narrationi Translationis hujus subdidi pauca quaedam Additamenta ad Matliiidia Comitissae Vitam spectan- 
tia. L^ebantur et ipaa in utroque Codice Estensi ; neque contemnenda yidentur, quamquam ^o praestare nolint. 
certo fundamento niti quae Auctor ilie, (quisquis fuerit, a pracedente tamen diYersus) refert de loco, ubi postre- 10 
mum diem clausit Comltissa Mathiidis. Im ComUtatm Mmtimemsi im iocOf qmi vocatmr Bomdemmm de Diacomo dicitur 
illa extremo fato sublata. Donizo Bomdemmm tantummodo appellat. Atqui is iocus Bomdemmm de Romchore appel- 
latur in tabulis, quas adfert Bacchinius in Hist. Monasterii Padoiiron. p. 194, Append. Ceturum ex Historia Tran- 
slationis Sancti Geminiani educi possc videtur, Mathildem titulo Comitissae Mutinensibus praefuisse. Saltem in 
liac Urbe ingens e]ua auctoritas inde elucet. iS 



RELATIO TRANSLATIONIS CORPORIS 



SANCTI GEMINIANI 



T. VI, p. I ^ I. 



A, = Testo della Rclatio sccondo la cronaca di AUssanJro Tassoni seniore, Bibl. Est. lat., ii« 388, c. 4 

B. = Testo della Rclatio secondo il codice deWArch. capitolare di Afodena, O. II, 11. 



A. 



B. 



Incipit relatio sive descriptio de in 
novatione Ecclesie sancti Gemi 
niani mutinensis presulis ac di 
translatione vel revelatione sei 
etiam consecratione eius beatis 
simi corporis a domno Paschal 
sancte romane Sedis summo Pon 
tifice diligenter celebrata. 



10 Decessit beatus Geminianus episcopus 

mutinensis in anno 349 et sepultus fuit in ec- 
clesia cathedrali veteri Mutine in quadam ar- 
cha magna \ 



15 



20 



Cum septingenti quinquaginta 

anni et amplius transiissent quod pater noster 

Greminianus e vivis migravit, ecclesia in qua 

25 corpus suum a sancto Severo undecimo Ra- 



Quia, fratres karissimi, de vita et mori 
buSy de transitu et miraculis sanctissimi a< 
semper venerandi patris nostri, gloriosiqu< 
confessoris Christi Geminianiy mutinensis ec 
clesie presulis, iam multa audivimus, et anti 
quorum relatione atque librorum testification< 
experta cognovimus, satis dignum duximus, u 
que nostris temporibus de ejus benefitiis vidi- 
muSy ad presentium et futurorum memorian 
semper veneranda, pro ut supema dictaveri' 
clementia litteris intexeremus: ne si forte si- 
lentio tegerentur, inde gravius iudicaremur. 

lam vero quia, teste scriptura, septingen- 
torum quinquaginta et eo amplius annorun: 
transierunt curricula, quod ipse predictus pa- 
ter noster Geminianus de hac presenti vits 



' Seguono due altre notiziole che si posson leggere 
nella stampa del Tassoni cit., p. i, col. i. La seconda 
di esse, cancellata da alcune righe trasrersali, dice : ^ De 
^ anno 367 Gueifi mutinenses expulsi a Gibellinis cepe- 
** runt ecclesiam cum burgo cittanove prope Mutinam 
'^ circa quatuor miliaria : et ibi castrametati sunt per 
^ unum mensem et auxilio Societatis Anglorum in nocte 



^ Sancti lo. Baptiste : intrarunt civitatem : expulsis gi» 
^ bellinis ;,. Si comprende per quale ragione siano statc 
cancellate queste linee. La notizia deve appartencre noc 
gi4 all'an. 367, ma all'an. 1367 e pu6 essere stata collo- 
cata qui per errore. La ^' Socictas Anglorum ;, dev< 
identificarsi con una compagnla di rentura. 



RELATIO TRANSLATIONIS CORPORIS 



venatis ecclesie archiepiscopo honorifice re- 
conditum est, longo annorum situ et multa etate 
confecta crebris scisuris multisque imis a fun- 
damentis videbatur minitare ruinam. 



Quo ter- 
rore permotti ordo clericorum et universus 
populus consulunt quid agendum. 

Tandem uni- 
versorum una vox unus clamor tota urbe perso- 
nuit: jam rehedificari jam renovari, jam subli- 
mari debere tanti taUsque patris nostri Eccle- 
siam. 



Quod quidem consilium, postquam ad 
aures Matildis egregie comitisse pervenit, quis 
fari possit quanto exhillarata gaudio quanta- 
que in laude sit firmatal 



Anno itaque 1099 ab incolis prefate urbis 
quesitum est ubi tanti operis designator, ubi 
talis structure aedhificator invenire possit, et 
tandem Dei gratia inventus est vir quidam no- 
mine Lanfranchus ^ mirabilis aedificator. 



gloriosus migravit ad Dominnm, ecclesia siqui- 
dem, in qua venerandum corpus ejus a beatis- 
simo Severo undecimo sancte Ravennatis ec- 
clesiae archiepiscopo honorifice et decenter 
reconditum est, licet quibusdam videretor au- 5 
cta et innovata crementis, tamen, longo an- 
norum situ et multorum etate confecta viro- 
rum, crebris scissuris multisque rimis a fun- 
damentis quodammodo videbatur, non solum 
insistentibus verum etiam intrantibus seu exeun- 10 
tibus, inferre ruinam. Quo terrore permoti 
non tantum ordo clericorum, sed et universus 
quoque eiusdem ecclesie populus inter se vi- 
cissim conferre cepenmt, quid consulendnm, 
quidve sit inde agendum. Tandem, divina IS 
disponente providentia unito consilio non mo- 
do clericorum (quia tunc temporis prefata 
quidem ecclesia sine pastorali cura agebatur), 
sed et civium, universarumque plebinm pre- 
latorum, seu etiam cunctorum eiusdem eccle- 20 
sie militum, una vox eademque voluntas, unos 
clamor idemque amor, totius turbe perBonuit: 
iam renovari, iam rehedificari, iam sublimari 
debere tanti talisque patris nostri eccleaiam. 
Quod quidem consilium ubi ad aures Mathildis, 23 
Dei gratia egregie comitisse, pervenit, quis 
f ari possit quanto qualique gaudio exiUarata, 
quanta in laude firmata, quantis amminicoliB 
sit obstinata. Tibi, Christe, omnium cordinm 
intimus perscrutator, omnium bonorum primus 30 
inventor, omnium gaudiorum summus laigitor, 
tibi quam profundi cordis maiores posBamus 
grates, laudesque ref errimus, qui tanti, ut cre- 
dimus et vere confidimus, sepe pref ati patris 
nostri precibus exoratus huius operis precipaus 33 
estas auctor et inventor. Non enim uUa mor- 
talium scientia, nulla illius quod a te solo 
factum est posset providere astutia. Totum 
ergo quod actum est, totum quod est venturum, 
tue ammirabili majestati referrimus, tue gratie 40 
imputamus. 

Quid plura ? Anno itaque dominice incar- 
nationis millesimo nonagesimo nono ab incoUs 
pref ate urbis quesitum est ubi tanti operis de- 
signator, ubi talis structure edificator invemri 45 
possit. Donante quippe Dei misesicordia in- 
ventus est vir quidam, nomine Lanfrancus mi- 



* Sul rigo h scritto, d'altra znano: de Fado aiias naca detta di san Ceaarlo. Cf. p. xvm, nota i. 
dicims Rowtengardms, Queata notizla derira dalla Cro- 



5 Sancti et etiam beate Marie semper virginis, 
nec non et sancti patris nostri Greminianiy sub 
die decimo kalendas iunii. 



10 



octavo decimo die 
15 post inchoationem fossionis in solemnitatem 
sanctorum Primi et Feliciani, cum laudibus, 
hymnis et canticis, cum cereis et lampadibus, 
cum Evangeliorum, cum omni honore et lau- 
de reverende processionis. 
20 



Sic itaque, divina siiccurrente dextera» 

25 f undamentorum f abrica jam usque ad superiora 

provecta, dum tale opus in longum protendi- 

tur, populus timere cepit ne deffectu lapidum, 

quia modicus erat apparatus, talis Ecclesia re- 

maneret imperfecta. Quis queat immensa tua 

30 Deus numerare beneficia P Ecce, ubi nunquam 

ab aliquo auditum fuerat, mentes hominum 

persuadens terram facis effodi, mirar marmo- 

rum lapidum que congeries ex moltitudine mi- 

sericordiarum tuarum dignaris ostendere, quae 

35 ad periSciendum opus inceptum videatur posse 

sufficere. 



40 



Erigitur itaque diversi operis ma- 
45 china, effodiuntur marmora insignia, sculpun- 
tur arte mirifica, sublevantur et construuntur 
magno cum labore et artificum industria. 

Cre- 

scunt ergo parietes, crescit edificium, lauda- 

50 tur et extollitur, summe Deus, tuum ineffabille 



tis et unigeniti Filii eius Domini nostri lesu 
Christi et Spiritus Sancti, seu etiam ad hono- 
rem beate Marie semper virginis, nec non et 
sancti patris nostri Geminiani, fundamentum 
ponere maius in latitudine et longitudine, sub 
die decimo kalendarum iunii, per indictionem 
septimam, epacta autem vigesima sesta, luna 
quoque vigesima nona, feria secunda post 
ascensionem Domini nostri lesu Christi ad celos. 
Quod quidem fundamentum cementari ceptum 
est eodem anno, eodemque mense, sicut supra 
dictum est, quinta idus iunii, octavo decimo 
videlicet die post inchoationem fossionis, in so- 
lempnitate siquidem sanctorum Primi et Feli- 
ciani, cum laudibus, ymnis et cantibus, cum 
cereis et lampadibus cum Evangeliorum testi- 
bus et crucibus, cum multitudine virorum et 
mulierum, cum omni honore et laude reverende 
processionis. 

Sic itaque, divina subvehente dextera fun- 
damentorum fabrica iam usque ad superiora 
provecta, dum tantum ac tale opus in longum 
protenditur, multorum mentibus timor incuti- 
tur, ne defectu lapidum, quia modicus erat 
apparatus, remaneret in vacuum. Quis, Deus 
immense, tua queat numerare beneficia? Cuius 
redundans facundia, cuius exuberans eloquen- 
tia tua possit narrare magnalia? Ecce, ubi 
nunquam visum, nunquam cogitatum, nunquam 
ab aliquo auditum fuerat, mentes hominum 
persuadens terram f acis effodere ; miras lapi- 
dum, marmorumque congeries ex moWtudine 
misericordiarum tuarum dignaris ostendere; 
que quidem ad perficiendum ceptum opus vi- 
deantur satis posse sufiScere. Quod certe, pa- 
ter sanctissime, non nostris adscribimus meri- 
tis, non enim tantis sumus digni beneficitiis, 
sed illius te credimus excitatum precibus cuius 
ex intimo corde servitiimi semper adimplere 
nitimur. Erigitur itaque diversi operis machi- 
na; effodiuntur marmora insignia, sculpuntur 
ac poliuntur arte mirifica ; sublevantur et con- 
struuntur magno cum labore et artificum astu- 
tia. Crescunt ergo parietes, crescit edifitium; 
laudatur et extoIUtur, summe Deus, tuum inef- 
fabile benefitium. 



24. Nel cod, Sic sic 



RELATIO TRANSLATIONIS CORPORIS 



beneficiiim; et iam, divina favente clementia, 
ad hoc prolatum est opuSy artificis studio et 
vigilantia, ut idem proponat se nichil amplius 
f acturum, nisi piius sanctissimi patris nostri 
Geminiani corpus de loco, in quo tunc aderat» 
transferretur. 

Oritur itaque magna moesticia, 
diversa profertur quorundam in comune sen- 
entia: alii quidem clamant hoc temere non 
esset fadendum: alii vero affirmant, non in 
posterum esse diff erendum ; tandem illius vicit 
sentencia, quem ad hoc proposuerat divina pro- 
videntia. Anno igitur 1106, gubemante dom- 
no Dodone episcopo Ecclesiam mutinensem, 
datur huius translationis kalendarum Maiarum 
terminus, omnium cordibus gratissimus. Mit- 
titur itaque circum quaque, et per totam pa- 
rochiam fit apparatus, fit inestimabille gaudium. 
Mittitur autem non solum ad provindales ci- 
vitates, sed etiam ad adiacentes : 



cogitur ma- 
ximum Episcoporum consilium et Monacho- 
rum, Clericorum et Abbatum, fitque AClitum 
congregatio, fitque Populi utriusque sexus con- 
ventus, qualis nec nostris temporibus, nec antea 
visus est. NuUus enim locus, nuUa platea, nuUa 
domus, nullus porticus nullum atrium magnum 
vel parvum a conventu populorum poterat 
inveniri vacuum. Adest etiam ad hoc specta- 
culum princeps Mathildis cum suo exercitu, 
omnes unanimiter prestolantes sancti Patris 
translationem cum gaudio. Sed quia infinita 
populorum undique turba confluxerat, visum 
est impossibile tanto operi manum imponere. 
Queritur ergo spaciosus camporum locus ubi 
turba conveniat, quatenus tantorum presulum 
monitis et doctrinis reffecta inde unusquisque 
cum letida et gaudio redeat. Pergunt itaque 
omnes ad divina pocula ; disseminatur denique 
inter astantes devotissima episcoporum predi- 
catio, fitque ad honorem et laudem tanti pa- 
tris nostri Geminiani peccatorum remissio ; fit 
et criminum absolutio: sic quidem inde redeunt 
magno cum tripudio. lam vero, quia diei hora 
excreverat, et tanta turba eos drcumsepserat, 
differtur in posterum praefati patris nostri 
Geminiani translatio, que quidem gloriosissime 
facta est pridie kalendas maij, administrante 
Domino. 



. lam iamque tua, Criste, favente demen- 
tia, ad hoc prolatum est opus summo cum stn- 
dio ac vigilantia, ut primus et maximus tand 
operis artif ex hoc proponat et asserat, se nidiil 
amplius facturum nisi sanctissimum gloiiosi 5 
patris nostri Geminiani corpus de loco» in quo 
tunc aderat trasferreretur ad alia. Oiitiir de- 
nique multis maxima mestitia; diversa qnonm- 
dam in commune profertur sententia. Alii 
quidem clamant hoc non esse temere fBciear 10 
dum; alii vero affirmant non in posterom esse 
differendum. Tandem illius vindt sententiam 
quem ad hoc proposuerat divina providentia. 
Anno igitur dominice incamationiB iam miUe- 
simo centesimo sexto, gubemante domno Do- 15 
done, Dd gratia venerabili episcopo, Matinen- 
sium ecclesiam, datur huius translatioDis cer- 
tissimus kalendarum maiarum terminns, om- 
nium cordibus gratissimus. ^Gttitnr itaque 
drcumquaque, et per totam parochiam fit ap- 20 
paratus maximus, fit inextimabile gandinm* 
Mittitur autem non solum ad comprovintiales 
dvitates, sed etiam adiacentes. 

Congeritur namque maximum episoopo- 
rum condlium, clericorum, abbatum et mo- 25 
nachorum; fitque congregatio militnm, fit et 
conventus populorum utriusque sexos; qualiB 
nec nostris temporibus antea visus est» nec 
alicuius memorie prius habetur inaertiim* Nnl- 
lus enim locus, nuUa platea, nulla ctomns, nnlla 30 
porticus, nullum atrium, saltim vel modicQniy a 
conventu populorum poterat inveniri ▼aconm. 
Adest etiam ad hoc spectaculum princeps 
Mathildis cum suo exerdtu, omnes unanimiter 
prestolantes tanti Patris translationem et le- 35 
velationem, cum gaudio. Sed quia, nt dizi- 
mus, infinita populorum undique turba conflo- 
xerat visum est diffidle, et omnino impoaaifaile, 
tanto operi manum imponere. Qaeritnr eigo 
spadosus camporum locus ubi turba cooveniat; 40 
quatenus, tantorum presulum monitiB et doctri- 
nis refecta, inde unusquisque cum gaudio et 
letitia redeat Pergunt itaque pontificeSy per- 
git et populua ad divine propinationis procala 
suscipiendum devotissimus. Disseminator de- 45 
nique inter astantes episcoporum predicatio; 
fitque ad laudem et honorem tanti patiiano- 
stri Geminiani peccatorum renussio; fit et cii- 
minum absolutio: sic quidem inde redeunt 
maximo cum tripudio. lam vero quia diei 50 
hora excreverat, et tantarum turbarum afl9uen- 
tia eos circumsepserat, differtur in postemm 



SANCTI GEMINIANI 



De altarifl quoque prelibati sanctiflaimi cor- 
5 poris conaecratione, inter episcopoa aiquidem et 
Mutinenainm cives, non modica fit altercatio; 
quia presules eius reliquias relevare cupiunt» 
cives autem et omnis popolus hec ex toto re- 
nuunt. Queritur ergo prindpis Mathildia sen- 

10 tentia, que quidem, aicuti decuit et ut prede- 
stinatum fuerat, ipso quoque iam disponente, 
aedem pronuntiavit apostolicam expectandam, 
denuntians hoc anno venturam esse in Italiam. 
Hoc itaque suscepto conailio, et populi quievit 

15 aedido, presulum quoque et dvium sedata est 
altercatio. 

Interea, divina misericordia romane 
Eccleaie presul iam iam properat ad Italiam. 
Cuius quidem adventus dum inter nos vere in- 

20 notuit, o quante letide, quantique gaudij nostris 
cordibus supervenerunt. Preparatur denique 
apparatus copiosus, expectatur pastor gloriosus. 
Adest itaque cum episcoporum, cardinalium, 
abbatum, monachorum, ceterorumque clerico- 

25 rum et laicorum maxima turba Pontifex Pa- 
scalis. Adest et princeps Mathildis cum ma- 
gno exerdtu, magnaque cum reverentia, huit 
tante talique rei adhibens diligentiam. Con- 
fertur ergo ante Pontificem inter episcopos, 

30 cardinales dericos, seu populum de altaris de- 
dicatione; confertur ex de sancti corporis re- 
velatione, quorum quidem sentencia, prout 
voluntas est hominum, dividitur in plurima: 
tandem, reperto consdlio, de ordine militum, 

35 seu dvium, iurdurando poscunt plures aflir- 
mare custodire et salvare, ne in revelatione 
aliquis temerarius tanti Patris reliquias presu- 
mat violare. lurant ergo de ordine militum 
sex viri, iurant et de civibus bis senni. Le- 

40 vatur ergo lapis et mensa superposita, magna 
cum reverentia ; invenitur et alia subterposita 
mutta cum diligentia : sic itaque multorum fuit 
una sententia : non amplius perscrutandas esse 
reliquias. Sed ne alicui infido, aut cordis ce- 

45 dtate obscurato aliqua remaneret dubitatio» 

divina quidem, ut credimus, operante clemen- 

tia, quorum prius adverse fuerunt voluntates, 

iam in unum conveniunt amorem, ad unum 

redeunt favorem. 
50 

Quid multa? fadente Do- 



prefati patris nostri translatio: que quidem 
gloriosissime f acta est pridie kalendarum maia- 
rum, amministrante Domino. 

De altaris quoque prelibati santissimi cor- 
poris consecratione, inter episcopos siquidem 
et Mutinensium cives non modica fit alterca- 
tio; quia presules eius relliquias revelare cu- 
piunt, dves autem et omnis populus hoc ex 
toto renuunt. Queritur ergo prindpis Mathil- 
dis sententia ; que quidem, sicut decuit, et ut 
predestinatum fuerat, ipso quoque, ut credimus 
iam disponente, sedem prenotavit expectan- 
dum apostolicam: denuntians hoc in anno ven- 
turam esse in Italiam. Hoc itaque suscepto 
consiliO) et populorum quievit seditio, presu- 
lum quoque et civium sedata est altercatio. 

Interea, divina operante misericordia, san- 
cte romane Sedis presol iam iam gradatim et 
obstinate properat ad Italiam. Cuius quidem 
adventus dum inter nos vere innotuit, o o 
quante letitie, quantique gaudii notum nostris 
cordibus imposuit I Preparatur denique appa- 
ratus copiosus; expectatur pastor gloriosus. 
Adest itaque cum episcoporum cardinalium- 
que, abbatum, monachorum, ceterorumque de- 
ricorum, seu laicorum [maxima turba], vene- 
rabilis sancte romane Sedis Pascalis episcopus. 
Magno exerdtu adest et princeps Mathildis, 
summa cum reverentia huic tanto talique rei 
adhibens diligentiam. Confertur ergo, ante 
apostolicum, inter episcopos, cardinales et cle- 
ricos, seu populum, de altaris dedicatione; 
confertur et de sancti corporis revelatione. 
Quorum quidem sententia, pro ut voluntas est 
hominum, dividitur in plurima. Tandem, re- 
perto consiliOy de ordine militum, sive dvium, 
iure iurando poscunt plures afibmare, custodi- 
re et salvare, ne in revelatione aliquis teme- 
rarius tanti Patris reliquias presumat violare. 
lurant ergo de ordine militum sex viri, iurant 
et de civibus bis seni. Levatur ergo lapis et 
mensa superposita, magna cimi reverentia; 
invenitur et alia supterposita multa cum dili- 
gentia. Sic itaque multorum una fuit senten- 
tia ; non amplius esse perscrutandas relliquias. 
Sed, ne alicui infido, aut cordis cecitate obscu- 
rato, aliqua remaneret dubitatio, divina qui- 
dem, ut credimus, operante clementia, quo- 
rum prius adverse fuerant voluntates, iam in 
unum conveniunt amorem, ad unum redeunt 
favorem. 

Quid multa? Faciente domno apostolico 



8 



RELATIO TRANSLATIONIS CORPORIS SANCTI GEMINIANI 



mino Pontifice sermonem ad populom, ac pro- 
pinante divina misteria et omnium remiagionem 
f aciente peccatorum, ac se benivolum mentibus 
cunctorum reddente, orantibus atque psallen- 
tibus episcopiSy cardinalibus, clericis et layds, 
mirra cum reverentia et iuratorum cuttodia, 
detegitur, revellatur et intuetur beatinimum 
corpus sanctiBsimi patris nofitri Geminiani per 
manus BoniaenioriB Regini Epiacopi atque Lan- 
franchi Architecti, multis cum lacrimis et 
precibus. 

O quanta exultatio quantusque suavitatiB 
odor, quanta fragrantia inde emanavitl Omnes 
inde manus protendunt ad coelum, omnes gra- 
tias agunt Salvatori, qui tanti Patris reliquias 
usque ad nostrum tempus servare dignatus est 
conditas et inviolatas. 

Expleto itaque sermo- 
ne Pontificis, vertitur ad tumulum, sanctumque 
corpus integrum et iUibatum conspidtur. Sum- 
mus Pontifex, ut videt, letus et gaudens effi- 
citur. Cuius quidem viaionis gratia exhilaratus, 
altare, quod ipsa die consecrare decreverat, 
ut a populo videatur usque ad alium diem de- 
tectum, sed et diligenter custoditum, officiis 
divinis et noctunninalibus frequentatum, ser- 
vare collaudat. Frequentatur itaque ab innu- 
merabili populo, videtur, laudatur, benedidtur, 
ut pro ipsis apud Dominum intercedat, depre- 
catur. Accessit autem et princeps Mathildis 
dona ferrens ingentia, aurum, argentum, pal- 
lia insignia. Sed et donnus Dodo Episcopus 
calicem argenteum cum patera obtulit aureis 
insignibus intus forisque mirabiliter decora- 
tum, hec predpiens et dicens: ut nec sibi, 
nec alicui unquam liceat aliqua occasione 
ipsum ab eius officio removere. Transacto de- 
nique die et nocte visionis dedicatur atque 
consecratur altare beatissimi Geminiani a re- 
verendiBsimo Sedis apostolice pontifice Pa- 
schali cum frequentia cardinalium, episcopo- 
rum, clericorum, abbatum, monachorum, lay- 
corum et feminarum cum omni honore et re- 
verentia, cum summa offidorum diligentia oc- 
tavo idus octobris: Fit preterea ibi magna 
peccatorum remissio, dilatatur et extenditur 
apostolica benedictio. 



sermonem ad populum, ac propinante divina 
misteria cordibus omnium, remissionemque fa- 
dente peccatorum, ac se benivolum reddente 
mentibus cunctorum, orantibus atque psallen- 
tibus episcopis, cardinalibus, clerids et laids, 5 
mira cum reverentia, et iuratorum ctutodia, 
detegitur, revelatur et intuetur beatiasimum 
corpus sanctissimi patiis nostri Greminiani, per 
manus Bonisenioris Regini episcopi atque Lan- 
franchi architectoris, multis cum lacrimis et 10 
predbus. O quanta exultatio, quantus suavi- 
tatis odor, quanta fragrantia inde emanavitl 
Omnes enim manus protendunt ad celum, 
omnes gratias ref erunt Salvatori et sanctorum 
omnium Conditori; qui tanti Patris nostri rel- 15 
liquias usque ad nostrum tempus servare di- 
gnatus est conditas et inviolatas. 

Expleto itaque sermone Pontifids, venitur 
ad tumulum; sanctum corpus int^rum et iUi- 
batum aspidtur. Summus Pontifex, ut videt, 20 
letus et gaudens effidtur. Cuius quidem vi- 
sionis gratia exillaratus, quem ipsa die conse- 
crarei, disposuerat, causa videndi a populo, 
usque ad alium diem detectum, sed et diligen- 
ter custoditum, offitiis diumis et noctumalibus 25 
frequentatum, servare coUaudat. Frequenta- 
tur itaque ab innumerabili populo, videtur, 
laudatur, bene didtur, et pro ipaLs apud Do- 
minum intercedat deprecatur. Accessit autem 
et princeps Mattilda dona ferens ingentia: 30 
aurum, aigentum, paUia insignia, Sed et dom- 
nus Dodo venerabilis pontifex calicem aigen- 
teum cum pathena ei obtuUt optimum aureis 
signis intus forisque mirabUiter decoratum; 
hoc precq>iens et dicens : ut nec sibi, nec aU- 35 
cui, unquam Uceat aUqua occaaione ipsum ab 
dus offitio removere. Transacta denique iam 
die nocteque concesse visionis dedic^atur atque 
consecratur sanctum corpus et altare beatis- 
simi Geminiani a reverentissimo sancte romane 40 
sedis apostoUco PaschaU cum frequentia car- 
dinaUum, episcoporum, dericorum, abbatum, 
monachorum, laicorum et feminarum, cum 
omni honore et reverentia, cum summa offitio- 
rum diligentia, octava idus octubris. J^it pre- 45 
terea magna peccatorum remissio; dUatatur et 
extenditur apostoUca benedictia 



APPENDICI 



Appendicb L 



CARMINA MUTINENSIA 



10 



25 



JO 



35 



O tu, qui servafl armis ista moenia, 
Noli dormire, moneo, aed vigila. 
Dum Hector vigil extitit in Troia, 
Non eam cepit fraudulenta Greda: 
Prima quiete dormiente Troia, 
Laxavit Synon fallax clauatra perfida. 
Per funem lapsa ocultata agmina 
Invadunt urbem et incendunt Pergama. 
Uigili voce ams anser canc^da 
Fugavit Gallos ex arce Romulea': 
Pro qua virtute facta est argentea 
Et a Romanis adorata ut dea. 
Nos adoremus celsa Christi numina; 
Dli canora demus nostra iubila: 
niius magna fisi sub custodia 
Haec vigilantes iubilemus carmina. 
Divina, mundi rex Christe, custodia 
Sub tua serva haec castra vigilia: 
Te vigilante nulla nocet fortia 
Qui cuncta fugas procul arma bellica. 
Tu cinge nostra haec, Christe, munimina 
Defendens ea tua forti lancea. 
Sancta Maria, mater Christi splendida. 



> Rlpubblico (Ul Codice deU*ArchiTio del Capitolo 
in Modena O. I. 4 (secolo IX) i tetti, dati dal Traubb, 
M&n, G^rm, Hist* (PoP/ae iat, aevi caroiiMt, III, 703), 
iniiitendo in particolare sulle mani dei vari copisti. 
5 Confido che questa ristampa giorerA un poco aila mi- 
giiore conoscenxa di qucsti preziosissimi testi modenesi. 
Intomo all* inno delle scoite, si cf. A. Rbstori, // camto 
dri soiiaH di Modema, in Riv, musicaie italiana, VI (1899) 
P- 743» F* NovATl, Vinjlmsso dei fcnsiero iat., ecc, 

10 Milano, 1899, p. 33 e Novati, Le Origini, Miiano, Val- 
iardly p. 155. Si veda anche Traubb, Das modmseser Ued 
' o tu pti $ervas , . . .; In Nemes Arckiv der Geseii. /. 9, 
d. GesekiektsJ^,, XXVU (1901), p. 333. Gii altri compo- 
nlmentl sono l'epigra£e di Leodolno tcscoto appartenen- 

15 te agU ultimi anni del secolo IX (Bortolotti, of. dt,, 
p. 40), e due redBBioni dl un Inno a san Gemlnlano 



(Traubb, op, cit,, p. 706). Come si vcdri dalla stampa 
dic noi offirlamo al pubblico studloso, queste due reda- 
zioni deil* inno a san Geminiano vanno considerate non 
gi& come due componlmenti che stiano di per s^, ma ^ 
comc un*aggiunta alI*lnno delle scolte. CI6 rlsuita da 
un accurato esame delie particoiaritik gra6clie del codlce 
capitolare che contiene questi celebrl monumenti. 

* Dopo ia parola. /?Miai/M sl iegge d*altra mano: 
Bims ciangore Marcms consmi Mamiims Bmdtms frimms vir 35 
beiio egregims, ai quali due yersi £an segulto 1 seguentl 
scritti dal medesimo amanuense con un richlamo al 
basso dcUa carta: 

Umbeme gaiimm iam in smmmo /ositmm 

/ctmm im prtce/s detmrhat miserrimmm. 30 

Avis kaec vigU saims viris pimrima 

Cm^oiimis, $ed GaiHs meqmisrima. 



12 



APPENDICE 



Haec cum lohanne teothocos^ impetra, 
Quorum hic sancta venerantur pignora 
Et quibus ista simt sacrata limina; 
Quo duce vitrix est in bello dextera 
Et sine ipso nihil valent iacula: 
Fortis iuventus virtus audax bellica 
Vestra per muros audiantur carmina. 
Et sit in armis altema vigilia 
Ne fraus hostilis haec invadat moenia 
Resultet Hecco : ^ comes, eia, vigila I ^ 
Per muros *eia^, dicat Hecco, *vigilal^' 



10 



^ Alia stessa mano del nostro secondo copista, che 

ha scritto 1 Tersi riportati nella nota precedente, h do- 

vuta la parola teotkocos scritta sopra una rasura, e alia 

stessa mano h pur doTuta la seguente epigrafe concer- 

5 nente LfCodoino scritta due fogli dopo i' inno delle scolte : 

Dum premeret patriam rabies miserabUis istam 
Nec non et omnigenum populatio mazima rerum 
Leudoinus sancta motinensis pr^ul in aula 
His tumulum portis et erectis aggere Tallis 
lo Firmavit positis circum latitantibus armis 
Non contra dominos erectus corda serenos 
Sed cires proprios cupiens defendere tectos. 

[t. 4. Sopra yaliis h seritto dalla stessa maMC, au 
devesi tutto il comfommemto, fossis — ▼. 6. erectus sofra: 

15 inflatus vel tume&ctus — v. 7. cives so^a h scritto : vel 
famulos]. 

' Sia ricordata anclie la seguente notizia concer- 
nente l*an. 88 z, ciie si legge nel codice in altro luogo. 
* vij kl. aug. per indidonem quartadecimam. feria uii 

30 'luna XXV pocuimus fundamenta in capella. quam in 
^ tumuio uallis munito fecimus in liabrica : in honore. 
' sancti saluatoris. et sanctae Mariae et sancti lolumni. 
' sacranda. tempore domni Karoii. tercii Imperatoris. 
' anno imperii. eius. secundo „, H Tiralx>sclii, Dinom, 

35 iopogr* stor. degU staH estensi, Modena, 1834, I, p. i, 
lia riferito questa notizla alla Cliiesa pievana di Abrica, 
oggi Verica, nel Frignano. II Traubs, op, cit,, p. 704, 
avverte che anclie nell*inno alle scolte sono ricordati 
Cristo, Maria e san Giovanni insieme e leggt /aMca, 

30 in luogo di habrica, gli dato correttamente dailo Hin- 
scHius, DecretalesPseudo^Isidorittmae, Lipslae, 1863, p. xix. 
In un recentisslmo lavoro F. Patetta, Nota sopra alcmme 
iserisnomi mtedievaU dolia regiome mtodemese e sopra i ' Car^ 
' muma mmtimemsia g, in Jlfem. della R. Accad, di Saemse, 

35 Lottere odArtiim Modema, serie m, vol. VI (1905)1 p* 53 HXSr 
ddPestratto, pensa che 11 tummlms valiis mmmitms sia U tmmm' 
Ims difeso dal vaUi ricordato nell*epigrafe di Leodoino. 
Alla stessa Verica, speclalmente per la ragione addotta dal 
Traul>ey 11 Patetta vuol rif erire anche 11 canto delle scolte. 

40 lo non ne sono convinto. Confesso che credo anche poco 
che in Habrica sl debl>a riconoscere ' Verica „ ; f orse im 
hoMca \loca\ con 1'acc. per TabL, significa : all'aperto, o 
f orse habrica sta per fabrica, con /- = M 

Un altro posaessore o studioso del ms. intorno 

45 allo stesso tempo scrisse accanto alla 1. aa, del nostro 
celebre inno queste tre parole: Rsq. duo folia. Chi 



ricerchi 11 codice, troveri infatti dopo due fogli un com- 
ponimento vergato dalla stessa mano, cul si deve la 
frase Req{uire) dmofoiia, Si tratta di alcuni versi scritti 
con 1' intendimento palese dl f ame un*aggiunta all^ inno 50 
delle scolte. 

Comfessor Christi, pie dei fammle, 

Gemtimiame, emoramdo smf^lica 

Ut hoc ftageliam, qmod meremmr mnseri, 

Celormm regis evadamms graUa, 55 

Nam doctms eras Attile temforihms 

Portas famdemdo Uherare smbditos. 

Nmmc te rogamtms, licet servi fessimu 

Ab Umgerormm mos defemdas iacmUs. 

Patromi smmumi, emorate imgiter 60 

Servis fro vestris imj^ioramtes domtimmm. 

Questa medesima pregiiiera h ripetuta subito dopo 
nella stessa carta con qualche variante: 

£t hoc melius. 

Comfessor Ckristi fie Dei famuie 65 

Gofmimiame, suffiicamdo optimu 

Ut hec fiagella, que mteremuar sedmla, 

Regis ce/ormm evadamws gratia* 

Nam doctms eras Attiie smp temfore 

Portas fam de mdo [iiberare\ smbdHos. 70 

Nmmc te rogamms, ut eadem spede 

Ab Umgerormm mos defemdas jacmiis, 

Patromi smmmi de ceiesH patria, 

A Christo mohis fetite soiatia 

Ab ipso 75 

La pergamcna ^ tagliata. Resta cosl incomplcta ia 
preghiera. 

Debbo ^re soltanto un'aggiunta a propoaito del- 
1' iscrixione : Dmm fremteret, che secondo U Bortolotti 
(p. 40) riguarderebl>e il permesso ottenuto dal Tescovo So 
Leodoino di elevare munizioni e di fortificare dl mura 
la citti. Forse essa iscrizione fu composta per easere 
affissa, se anche non lo fu, ai muri deUa Chiesa 
contencva lc reliquie del Santo protettore, prlma ch'i 
fossero trasportate nel nuovo edifido, ch' h 1'attuale ma- 85 
gnifica cattedralc. Ma in veritik, il testo ddl'epigra£e, 
cosk com' ^, pu& lasciar modo, pamii, a fare altre e di- 
verse supposizloni. II Patetta, ad es., pensa che in r«- 
hies si deve riconoscere l'epiteto dato a Guido da Spo- 
leto, of. dt^ p. 53. n 'tumulOjp poi sari ci6 che h ^ 
detto la ^tomba„ in P. de' Crescensl, cio^ la motta. 



Appendice II. 



ISCRIZIONI SUL DUOMO DI MODENA^ 



1. 

Presso la porta principale del Duomo: 

5 DUM GEMINI CANCER CURSUM CONSENDIT OVANTES, 

IDIBUS IN QUINTIS JUNII SUP TEMPORE MENSIS, 
MILLE DEI CARNIS MONOS CENTUM MINUS ANNIS, 
ISTA DOMUS CLARI FUNDATUR GEMINIANI, 
INTER SCULTORES QUANTO SIS DIGNUS HONORE, 
10 CLARET SCULTURA NUNC, WILI6ELME, TUA *. 

2. 

Neirarchitrave della porta minore del Duomo, detta dei Princifij i 
merig gio: 

SCANDIT EQUUM LAETUS DUM TENDIT AD AEQUORA PRAESUL. 
15 PASTOR PRAECLARUS MARE TRANSIT GEMINIANUS. 

PRINCIPIS HIC NATAM DAT, PULSO DAEMONE, SANAM. 
DONA CAPIT REGIS, CALICBM CUM CODICE LEGIS. 
DUM REDIT, EN CONTRA SIBI CURRIT CONTIO CUNCTA. 
POST REDITUM FORTIS PERSOLVIT DBBITA MORTIS. 

30 3. 

Nel muro esterno verso levante: 

MARMORIBUS SCULPTIS DOMUS HAEC MICAT UNDIQUE PULCHRIS, 
QUA CORPUS SANCTI REQUIESCIT GEMINIANI, 
qUEM PLENUM LAUDIS TERRARUM CELEBRAT ORBIS; 
25 NOSQUE MAGIS, QUOS PASCIT, ALIT VESTITQUE, MINISTRI. 

QUI PETIT HIC, VERAM MEMBRIS ANIMAEQUE MEDBLAM 

CONSB^UITUR^y RECTA redit hinque salute recepta. 

INGENIO CLARUS LANFRANCUS, DOCTUS ET APTUS 
EST OPERIS PRINCEPS HUIUS, RECTORQUE MAGISTER 



^ Per queste iscrizioni rimando al libro dl C. Ci- ' S' io non mi inganno, nei laroro citat 

POLLA, Per ia storia (Plialia e dei suoi conquistaiorii nota precedente h dimostrato, se troppo non pi 

Bologna, 18951 P* ^^4) ® ^ ^S* la-^oro : GU studi di che questa iscrizione non va toccata nel suo tes 

grammatica e ia Hnascenza a Modena in Atti e Mem, nUni (y. i) pu6 cssere usato come indeclinabile, < 

5 deiia /?. Deput* di St, Patria per ie Provincie modenesi, dere essere una grafia a royescio, come si dice, pei 

icrie 5*, vol. IV (1905), pp, 156-160. ^ Cf. Gii studi di gramm. cit., p. 156, nota 



H08 UnUSS FACTO VBRSU8 COICPOSUIT AIMO. 

BOZAL.INUS MASSARIUS JBBONIANI HOC OPUS FIBRJ FBCIT '• 



4. 



5 



Iscrizione commemorante la consacrazione della Chiesa (sul lato a mez- 
zogiorno): 

t ANNO DOMINI M.C.LXXXIIII, INDICTIONB II, nil IDUS lULIAS CUM SANCTUS PAPA LUCIUS III 
MUTINAM VENIRBT, BT CUM BO X CARDINALBS, THBODINUS PORTUBNSIS, TBBALDUS HOSTIBNSIS, 10 
BPISCOPI ; JOANNBS S. MARCI, LABORANS S. MARIAB TRANSTIBBRIM, PANDULFUS SS. APOSTOLORUM, 
UBBRTUS S. LAURBNTII IN DAMASO, PRBSBYTBRI CARDINALBS; ARDICIO S. THBODORI, 6RATIANUS 
SS. COSMAB BT DAMIANI, 60FRBDUS S. MARIAB IN VIA LATA, ALBINUS S. MARIAB NOVAB, DIA* 
CONI CARDINALBS; BT ALII, DONNUS SCILICBT OIRARDUS RAVBNNENSIS ARCHIBPISCOPUS , ALBB- 
RICUS RBGINUSy JOHANNB8 BONONIBNSIS, BT JOSBPH ACRIBNSIS BPISCOPI; PRBCIBUS DONNI 6IRARDI 15 
RAVBNNBNSIS ARCHIBPISCOPI, DONNI ARDICIONIS MUTINBNSIS BPISCOPI, DONNI BONIFACII PRAB- 
POSITI BT CANONICORUM BT CONSULUM ALBBRTI DB SAVINIANO, BONACURSI, JACOBI DB OORZANO, 
ROLANDI BOIAMONTIS, BT RBCTORUM LOMBARDIAB, MARCHIAB BT ROBfANDIOLAB, DICTUS DONNUS 
PAPA BCCLBSIAM BBATI 6BMINIANI, IPSIUS SACRO CORPORB OSTBNSO, CONSBCRAVIT, BT XL DIBRUM 
POBNAM DB CRIMINALIBUS, DB QUIBUS CONFBSSI FUBRINT, BT QUARTAM PARTBM VBNALIUM, SIN- 20 
6ULIS ANNIS IN PERPBTUUM OMNIBUS, QUI BI IN FBSTO IPSIUS HONORBM BXHIBUERINT, REMISIT. 
II IDUS JULIAS DIB SABBATHI CUM DICTUS DONNUS PAPA IN MATUTINIS PBR PORTAM CITTANO- 
VAB DB URBB EXIRBT, SANCTIFICAVIT BAM DICBNS: BBNBDICTA SIT HAEC CIVITAS AB OMNIPO- 
TENTI DEO PATRE, FILIO BT SPIRITU SANCTO, BT A BBATA MARIA SBMPBR VIR6INB, ET A BEATO 
PBTRO APOSTOLO, BT A BEATO OBMINIANO: AU6BAT BAM DBUS, BT CRESCBRB BT MULTIPLICARB 25 
BAM FACIAT. BT CUM BSSBT IN CAPITE PONTIS DE FRBDO, BT VIDBRBT DUO MILLIA HOMINUM BT 
PLUS CUM CBRBIS ACCBNSIS PRABCBDBNTIUM SB BT SUBSBQUBNTIUM, DIXIT: 6RATIAS A6IMUS VOBIS 
DB HONORE, QUBM NOBIS TAM MA6NANIMITBR BXHIBUISTIS : BT SI6NANS BOS DIXIT : BBNBDICTA 
8IT TBRRA, IN QUA STATIS, BT BBNBDICTI SITIS VOS BT HBRBDBS VBSTRI IN PBRPBTUUM*.t 



^ Reputo inutUe Biportare i pochi nomi che si leg- 
gono sul celebre arcliiTolto della porta della Pescheria, 
iilustrata dal FdRSTiR, Zeitsekriftf, roman^ Pkiloh, XXH, 
343 c da B. Colfi, Di una recente interpretaxione data 
5 aiie sculture deiV arckivolto neila ^orta settenirionaie dei 
Duomo jii Modena in Aiti e mem, della Defut. di St, 
Patria per ie ^ov» moden. e ^armensi, serie 4^, voL IX 
(1899), p. 133 sgg. £) forza per6 riconoscere che ii 
FSrater lia ragione quando afferma clie Burmaitus col B 

10 e non coi D h necessario leggere nel prezioao monumento. 
In TeritA non si intende come ii Colfi (pp. 163-5) abbia 
potuto affermare cos\ categoricamente che si hia a fare 
con un D. A me, e non a me soltanto, h parso chia- 
rissimo un B iniziale. 

15 * A titolo di complemento, giudidiiamo opportuno 

riportare la seguente nota del CaTedoni, Cenni cit., 
p* 95 : ^ Questo insigne monumento troTasi riportato In 
** fac-simile dai Vandelli (Meditazioni sulia vita di san Ge- 
^ nUniano, p. 23o). L*autore degli Annaies Vetcrcs Muiin, 

30 " (/?/?. //. SS.i XI, coi. 54) lo riporta quasi per intero; 
^ ma un amanuense, con falsa interpunzione e con ia 
^ giunta di im f/ Tcrso la fine ne guast6 il buon costrutto 
^ed il senso, leggendo: renUsit secundo idus juiii die 
^ sabbaii; et quum dictus PaM in matutinis, ecc. In imo 



'^ dei due codici estensi seguito dal Muratori, troTasi 35 
'questa falsa iezione, ma nelTaltro leggesi in seguito: 
" secundo idus juiii die sabbaii cum dictus Paj^a, ecc. E 
''credo che questa faisa iezione fosse cagione di graTC 
^ abbagiio al Tiraboschi {Mem. stor,, 11, 3) Ik doTC scriTe 
''che il sommo pontefice Lucio III a' i3 di iuglio, in 30 
** giorno di sabbato, consecr6 la Cattedrale, e concedet- 
' te in quel giorno e in perpetuo le consuete indulgenze. 
''L^anno 1184, che fu bisestiie, corrcTsno le lettere Do- 
** minicali A G (Art de verif ies Dates, I, 34), e percid 
^ il giorno 13 luglio cadcTa in gioTcdl e non in sabbato» 35 
'^ln sabbato bens\ cadde ii d\ 14 del mese stesao, nel 
^ quaie papa Lucio III psrt) da Modena (e non gik in 
^giomo dl domenica, come non bene suppose ii/ Tira- 
** boschi) STTiandosl di buon mattino Tcrso Carpi, otc 
^ pot^ consecrare quella chiesa nella susseguente dome- 40 
''nica. Del resto, che in Modena i'anno 1184 si rego- 
^ lasse il calendario giusta le lettere Dominicaii A G si 
^ raccogiie anche da un documento di detto anno (Cod. 

* difiom,, n. DXXX), nel quale leggesi, che ii d\ 19 d'aprile 

* (X/f/ kai. mai) cadcTa in gioTcdi „, li CaTcdoni non ^^ 
ha compiuto nessuna ricerca intorno ai personaggi li- 
cordati neiia nostra iapide. Quaiche cosa possiamo dlr 
noi qui in nota. Intomo ad un Alberto daSaTignano- 



APPENDICE 



15 



5. 
Sulla porta laterale a sinistra della facciata occidentale ': 

LUX BGO SUM MUNDI, VIA VBRAX, VITA PERBNNIS. 

6. 

Presso la porta principale verso ovest': 

HIC PREMITy HIC PLORAT; 6EMIT HIC NIBflS, ISTB LABORAT. 

A lato alla figura di Abele: 

PRIMUS ABBL IU8STUS DBFBRT PLALCABILB {stc) MUNUS. 

Nel libro tenuto aperto da Cristo: 
Qui SBQUiTUR MB NON AMBU [la^ ifi tcnebris\. 

7. 
Sulla Torre della Ghirlandina': 

M c 8 vini 

Q* III DOM* 

ISTl' TURRIS t 

t FUIT FACTA ARBOR* 

Nel muro presso Taltare a destra del coro^: 

NON LUCBM CBRNIS: TAMBN HIC NON LUX BfBNTB RBFULGBT. 



si Toda un atto dd 1 143 riporUto dal Tiraboschi, AUm. berto riconUto nel nottro documento sari U fi^o luo, 
j/#r. 9i4dem, cit, 'cod. diplom. ,, n. 371 ; ma forte l'Ai- come apparlri dal teguente alberox 

VZCBCOMIS DB SAvnaANO 

I 



AUUOtTUS Z143 



OuxMicus 1143 



AZJUOITUS 

II84 (n* 580) 

Z188 (n. 568) 



Odbuous 
zz88 (568) 



JOHAHmB 



BaSTIAMO 



S Per Jacopo da Ganano ti conaulti il /?tf^« Priv, 

nell'arcliiTio comunaie dl Modena, n. 35 (zi88); n. 55 
(zi88); n. 79 (6 lettembre 1197) e ii He^r. amt. n. i. Di 
pi& ii codice dipiomatico modeneae del Tiral>otchi. Per 
Roiandino Baiamonti si reda ii Re/jf, Priv. nn. zo (i 185); 

o 15 (1173); a6 (1171); 37 (1171); 30 1171); 41 ("70; 46 

("88); 53 ("73); 76(1173); 80(1180); 107 (1183); »54 
(1183); 156 (1193). Si Teda anche neii*arciiiTio eitense dl 
Stato una pergam., tra quelie di San Pietro, che porta ia 
data xz Kal. Jun. 1193. Cf. Carrbri, In AHi e mem. della 

S Dt^i, (ii Si, Pmtria /^ /« pvv, modem,, lerie V, Toi. II. 
» LMtcrixione h sopra un iibro tenuto dalReden- 
tore. Duc angeii in bassorllleTO. 

' L*iseris. h sopra un bassoriiicTO rappresentante 
Al>eie e Caino offerenti l'uno uno agneiio, i'altro un £a- 

o scetto di spidie a Dio. l>ebbo ai prof. Patetta la lettura 
piarmi In luogo dl forttU, come lui ii Cavbdohz, DicJUa' 
rmsimmd di cimqme ba$sirilicvi bihiidf cke ormamo iafacdata 
dtiia metropoUiama tii Afodemm, In MeMMaggere, n. 1383 (an. 
1856). Rimando a questo opuscoio per altre informazloni. 



' L'iscriaione troTasi ail'estemo, a consldereTOie 35 
alteasa, f ra 11 secondo e terso piano della torre. lo stes- 
so ne ho tratto un calco che mi permette di dare l'iscri- 
sione con sufliciente esattesia. Da una lettera scritta 
da G. M. Barbieri al Sigonio e conscnrata neil'archiTio 
dei coliegio di San (}arlo, oltre che dal codice uniTcr- 30 
sale bolognese dl cronache modenesi n. 577 (copla par- 
xiaie Te nlia neii'arcliiTio comanale in Modena), si rac- 
cogile un'altra Iscrislone del secolo VIII die leggeTasl nd 
secolo XVI nelia torre nelle stanxe dei torrcsani e che ora 
ho iuTano cercata : ofms com$trmmit temfore dm. Domderii 35 
reg. ^er) imdictiomem XIL Infine sia rammentato un 
frammento icTato dai paTlmento dd Duomo : tUte emmc^ 
tis, illustrato dal Bortoiottl. 

^ Sopra un bassorllieTo rappresentante Crlsto l>e- 
nedicente. ATom r dato una • sensa spranghetta orlx- 40 
xontale di sopra; 1 di kic h soTraposto ad k, L'lscri- 
sione signifidieri: 'non scorgi la luce: eppure cssa ri- 
fulge qui e non ndla mente umanajp. 



Appbndicb m. 



1. 



FRATERNITA MODENESE PER LA ILLUMINAZIONE DEL DUOMO 

PREESISTENTE ALLATTUALE*. 



5 In nomine Domini nostri Jesu Christi. Indpit nomina vironim hac mulienim, qui pro 

Dei timore et Christi amore dederunt singuli denarios pro redemptione animarum suarum in 
luminaria ad inluminandam eccleaiam Dei; ut eorum animas inluminet Deus in sanctum Pa- 
radisum: et ipsi omni anno, Deo auxiliante, hoc facere similiter promittunt 

Petro . Johane . Lanfranco . Mirabilia • Adhelberto • Rustico • Bonumtempore . Rolando . 

10 Azo . Ardingo . Johanne . Andrea . Euerardo . Aliualdo . Tanfreda • lohanne • Vualterio • Johan- 
ne • Benedicto . Liuzo • Johane • Andrea • Eurado . Vualberto • Martino • Johanne . Alberto . 
Amezo • Ugefredo • Petro • Enrico • Ezolo . Crescenzio • Petro • Restano . Domminico . Raine- 
ro • Rodulfo . Johanne • Petro . Ugo • Geminiano . Vuineuuiso . Giso . Johanne . Martino . Pe- 
tro . Martino . Lanfrancho . Geminiano • Domminico • Fredulfo . Lamperto . Johanne . Vuarim- 

15 baldo . Giraldo . Alberto • Stephano • Alberto . Petro • Constando . Ingelberto . Bonero . Johan- 
ne • Anrado • Andrea . Grimezo • Johanne . Liuzo . Agebrando • Rainero • Martino . Segnoreto 

• Liuto . Urso *• 

Ermentruda • Officia . Alboara • Offida . Benza • Immilia • Ermengarda • Maria . Buiga • Cri- 

stina • Teuza • Maria • Regeza • Richilda • Alberga • Indelberga . Gisla • Maria . Vuinesa • Riu- 

truda . Ita . Ingelberga • Boneza • Richilda . Tethelberga . Maria • Vualimbexga . Roga • Maria 

• Martha • Regenza • Cristina . Columba • Susanna . Raina • Imma • Berta • Auria . Angela • 
Oliva • Benza • Tebeiga • Liuta . Maria *. 



' E un docninento del secolo X, consenrato nel 
codice capitoUre O. II. 7, che ci di conto di un certo 
numero di fedell ascritti ad una pia fratemita fondata 
con lo icopo di mantenere illuminato il Duomo con la 

; spesa di un danaro per testa. 11 documento, giiedito 
dal Muratori, Antiq. iial.t HI, col. 733, fu ristampato dal 
Bortolotti, of» cii., p. 133. Qui si pubblica mlg^iorato. 
NeUo stesso codice h scritto ai margini delle varie carte 
quel necrologio interessantissimo che fn stampato dal 

> Muratorl prima, dal Bortolotti poi (p. 117). N^ l'uno 
n^ l'altro tengono dlstinte le rarie mani che hanno 
acritto il nome dei morti. Da una coUazione delle pri- 
me linee, ml risulta che parecchie correzionl si potreb- 
bero fare al teato del Bortolotti, 11 quale del resto ha 

; gii dato prora di una noteyole perizla diplomatlca rlu- 
scendo a leggere quasi per intero un documento dl tanta 
dliBcoUik. Per es., nella linea 3, in iuogo di Gmnicr, ..da 
tl pu6 lcggere senz'altro: Gunteruda (Guntruda); nella 
1. 4 leggerel Aiaria d€ framdo e non .... Adeframdu», 

\ NeUa 1. 5 In luogo dl Vmtmisa, sl legga l/rta. Anche 
ha dimenticato II Bortolotti di registrarc alcune note 



del secolo X che leggonsi qua e li nel ms. e che hanno 
una importanza ragguarderolissima per la storla del 
costume. Attestano che glA alcunl TescoTl, come quello 
dl Modena, sin dal secolo X areyano Incominclato a '5 
portar neUe cose deUa Chiesa quella austeritik serera, 
che sari pol propugnata con tanto ardore da Grcigo- 
rlo VIL Rlproduco i seguenti due paul, dorutl a due 
manl distinte : * Ejo Andrea presbiter promltto coram 
" Deo et omnibus sanctls et tibi Guarlno eplscopo quod 3^ 
" carnis comlstlonem non ^iam et sl fecero .... ono- 

* rls mel et beneficlum ecclesie perdam 9. £ sotto : * Ab 

* hac hora in antea promltto ego Johannes archlpresbl- 

* ter tibi Vuarlno episcopo quod diebus Tlte meae cum 
'muliere alterlus adulterium non fsciam nec cum inU- 35 

* cita meretrice fomlcacionem ct si fecero mc Ipsum 
'confirmo in perlcuium «. Intorno al rescoTO Guarlno 
si Tedano I due attl riprodottl dal Tlraboschl, A/hn^ 
rie iioricke wtodtm*^ I, cod. DlpL, p. 167-9. 

* Nel codice segue uno spaslo bianco, costltulto 40 
da un*abrasione dl 6 righe. 
' Altro spazio bianco. 



T. VI, p. X — , 3. 



18 APPENDICE 



Ideoque omnes quod supra memorauimus, uel qui in antea, Deo auxiliante, in hanc fra- 
temitate se coniuncxerit, fadat eos Dominus una nobiscum insimul in hoc seculo talibus 
operibus operare, ut remissionem onmium peccatorum nostrorum apud Deum inuenire ualea- 
mus et, sua misericordia, in libro uite cum omnibus fidelibus christianis scripti esse merea- 
mur. Et ut tenebrosa et orrenda tormenta possimus euadere, ubi cemimus magnum esse 3 
periculum; et ad requiem tendere, ubi gaudium esse sdmus sempit^mum. Et tribuat nobis 
Christus Filius Dd uiui per intementu eiusdemque Grenitrids uirginis Mariae habeatissimi 
potroni {sic) nostri sancti Geminiani, et onmium sanctorum merita nostrorum ueniam delicto- 
mm. Vt cum Dei adiutorio ascendere mereamur ad supema coelomm et partem aliquam 
et societatem habere in congregatione sanctomm ad epulas beatomm inter conuiuia angelo- 10 
rum, ubi requiesscent animae iustomm in lucis candore et mellifluo uemantis floris odore. 

Ibi uident daritatem Dei, et lux permanet indefidens et uita ^ in qua idem ipse 

• • . . et spiritu sancto [Am]en« 



2. 
OFFERTA ANNUA DI UN PALIO A SAN GEMINIANO». 13 



In Christi nomine millesimo CCL VIII tempore dominomm Ugolini Caurezi et Aramodi ' 
pot. mut. concordauit consilium Mutine de offerendo uno purpuro singulis annis ad festom 
Beati Geminiani, siue uno palio cum quatuor cereis. 

In predicto millesimo oblatum fuit unum purpumm tempore dominomm praedict. 

Millesimo CCLVnil oblatum fuit unum purpumm tempore domini Guidonis de Preda- 20 



sancta \ 



Millesimo CCLX oblatum f uit unum purpujum tempore domini Pagani de Predasancta '. 
Item in predicto millesimo oblatum fuit unum palium sine auro per scovatores de Bononia. 
Millesimo CCLXI oblatum unum purpumm tempore domini Scurte de Porta '• 
MiUesimo CCLXII oblatum fuit unum purpumm tempore domini Alberti de CazanimidB \ 25 



^ La pergamenA h tagllata. DQU, Amm, BoU^yt., tomo III, parte II, p. 349; SARTlt Ik 

* Questo documento, conservato nel codlce del Ca-^* clari» ArchygytHnaaii bonomemsis frofe$a»rihmM a smecmUXI '5 

pitolo O. m. I : {BibUa Sacra), fu edito dal Bortolotti, ms^ ad saecmlmm XlVt Bononiae, X769-X77a. Si Teda 

of, cit.t p. 133. La nota degU offerenti ha principlo ancheneU*Arch. di Reggio, iU3r#^T#JM oivft^ie», (deC- 

5 col 1358 e finisce col X383. Vi figura un palio donato Xx^ anche: Ubro detta Pace tU CosimmMd^ pp. 305-3x9. 
da Gr^rio X nel X376, e nel X368 Tediamo offerto un ^ Un documento che riguarda il Predmsanta di 

' baldachinum . . . quod habuit Commune pro Ipso do- Milano l^^gesi in Archirio del Comune In Mode- 3^ 

'nando uxori domni Regis Karoli „. Ginstamente il na, Reg; Previlegiormm^, n. 334. Mor^ seoondo gll ifa- 

Bortolotti (p. 39) suppone che questo baldacdiino sia males Veromemses de Bomtamo editi dal ClpoUa, Veneds, 

xo stato preparato quando pensavaal che Carlo d'Angi6 X890, p. 410, neU*anno X363. 

dovesse passare per Modena. Piik sotto il Bortolotti ' C£. ndl*Arch. dd Comune di Modena il 

ossenra che laddoye nel 1383 il Ckromicom MmHmemse del Reg. am/., n. 335. 15 

Bazzano 'ci d^ per podesti Guidotto de Arcixaganis, « Fu di Parma. Beg, ant,, n. 339. Fu dl nooro 

* U codice nostro corregge de Archidiaconis „. Ma re- podesti di Modena nel primo semestre dei xa^i ; Vicario 

15 ramente qui non dobbiamo redere una correzione. Ar* per Re di Sicilia a Firense nel X378. Cf. An6, SUrim 

dmhgamis deve essere stata la forma volgare di AreJki' di Parmta, tomo IV, p. 38. Fn podestik di Lodi ad 

diacomis con dj SYoItosi per #, rappresentato da », col X38x. Cf. Villanova, Storia di Lodi, PladoTa, 1657, 4* 

digradamento del e intervocalico e con una colorazione parte m. 
diyersa della vocale atona postonica. ^ Sopra Alberto dei Caccianemici di Bok>giia fl 

ao ' Ugolino dei Lambertini detto Caprecio e Ari- dott. £. P. Vicini dell*ArcliiTio del comnne in Modena 

mondi dei Carbonesi figlio di Bemardo. Cf. TAcoli, che ha pronto un suo lavoro sui podesti dl Modena, 

Memi, stor, di Reggio, parte II, p. 348 sgg.; Dolfi, Cro- mi comunica le seguenti notizie. Fu chlanmto AJberto 4$ 

nologia deUe famiglie mobili di Bglogma, p. 436; Sayio- delle iniquitik (GiULim, Mem.stor. di Milatso, parte VII, 



20 



RELATIO TRANSLATIONIS CORPORIS 



Item eodem millesimo datom foit mmm palimn per dominnm papam Gn^oriimi X. 

In millesimo CX^LXXVH tempore domini Johannis de Piacarola ^ potestatis Mutine obla- 
tom foit unum baldachinum. Item in eodem millesimo oblate fuerunt decem libre mut. per 
fregnanenaes, quaa habuit secriBta pro uno Baldachino vendito dictiB fregnanenaibus per 
dictum secristam. 3 

In millesimo CCLXXVIIII oblatum f uit unum Baldachinum tempore domini Gferardi Mar- 
tinelli * potestatis et domini Gilioli de Marano CapitaneL 

In millesimo CCLXXVHI oblatum fuit unum Baldachinum deauratum cum figuris sancte 
Marie tempore domini Alberti de Aaenellia' potestatis Mutine. 

In millesimo CCLXXX oblatum fuit unum Baldachinum deauratum, tempore domini 10 
Antonij de Rogerjs^ potestatia Mutine. 

In milleaimo CCLXXXI oblatum fuit unum Baldachinum deauratum tempore domini 
Belvilani de Paxe' potestatis Mutine. 

In millesimo CCLXXXII oblatum fuit unum baldachinum deauratum tempore domini 
Qerigatij * potestatis Mutine. 13 

In millesimo CCLXXXIII oblatum fuit unum Baldachinum deauratum tempore domi- 
norum Guidocti de Archidiaconis ^ et Guidoni de Coregia * capitanei Mutine. 



^ Di Cremona, Memoriali^ 1277, n. 303. Fu capi- 
tano del popolo in Parma nel 1375 ^ podcttA di Reggio 
nel 1376 (/?/?. //. 55., tomo VIII, 1139). Capltano 
della Massa dei Guclfi a Firenze nel 1376 (Pecori, SHh- 
5 ria della terra di Gemimano, Firenze, 1853, doc. 33. In- 
fine fu capitano del popolo a Bologna (Muzzi, Anm»^ 

H, I5S-9)- 

* Arch. notarile in Modena, Memoriali, 137$, 
n. 138. Cf. anche Gozzadini, Torri, dt,^ doc. n. 94. 



' Arch. notarile* MewMriaiit X379i n- 3X75* 

^ Fu di Parma. Cf. Mamoriaii, laSo, n. 3160 e 
nell'Arch. del Comune Re^g» amt.^ n« 503. 

^ Bolog^ese. Memoriaii, 1281, toL I, n. 343. 

^ Qerigaccio da Monsellce. QL Mamoriaiif 1183, 
n« 3839, e Re^. ami., n. 590. 

"^ Fu di Cremona. MamoriaA\ 1383, n« 3566 e Ro^. 
ami,, n. 614. 

' Arch. del Comune, J?i^. tmt^ n. 387. 



10 



Appbndicb IV. 



NOTA SULLE MINIATURE DEL CODICE CAPITOLARE 



Una descrizione minutiflaima delle due splendide miniature del codice capitolare della 
Relatio^ qui riprodotte, h gik stata data dal Cavedoni ^ con tanta e tale esattezza, che il Bor- 
5 tolotti credette opportuno di riportarla parola per parola ad illustrazione dei due disegni, 
di che om6 11 suo pregevole lavoro sulle Vlte dl san Greminlano *• In veritk, oggidi un critico 
d'arte potrebbe facilmente approfondlre Tesame delle due miniature e studiarle sotto puntl 
dl vlsta non pure intraveduti dal Cavedoni; ma h certo che quella parte della descrizlone 
cavedoniana dedicata alla pura e sempllce indicazione delle figure, d^li abbigllamenti, del 

10 colore delle vestl e dei capelliy ecc. potrebbe difBcilmente essere superata, per quanto spetta 
alla esattezza delle osservazioni e alla laboriosa ricerca dl ognl piii piccolo particolare. La 
descrlzione del Cavedoni non h dunque opera critica; n^ lo stesso autore s'^ industriato di 
darle un simile carattere. Egli s'^ tenuto pago a mettere in evidenza del fatti, lasdando 
ad altri di fare accostamenti, dl presentare congetture, di studiare insomma 11 posto che spetta 

IS al nostri dlsegni nella storia artistica deiretk, cui appartengono. 

E siccome non giova rlfare ci6 che h ben fatto, cosl d h parso prezzo deiropera riportare 
per dlsteso la sempllce descrizlone oggettiva del Cavedonl, permettendod di f ar seguire alcune 
nostre osservazioni, le quali, sia sublto detto, non possono avere, n^ hanno, nessuna pretesa. 



'Ciatcuno dei detti due quadretti rlene chluio 
20 ' ^ intorno ed ornato da una vaga cornicetta fatta 

* come a ricamo con fili gialli, clie s* intersecano a guiia 

* di rete e con puntinl d'argento nel mexzo dei rani 
'delle maglie; il quale ornamento lembra fatto ad imi- 
" tazione di quello dei paliio, o drappo ricamato ad oro 

25 " e perlei clie neU^ultimo quadretto vedesi arroito attor- 
' no al lacro corpo di san Gemlniano riposto entro la 
' sua arca sepolcrale. Ciaacuno dcl rldetti due quadretti 

* \ diriso in due compartimentii sopra ognuno de* quali 
' leggesi un* iacrixione die ne spiega U subbietto rappre- 

30 'sentato; e sopra ie figure prlncipali sono scritti I loro 

* nomi entro i quattro compartimentL Codeste rose 

* miniature mi sembrano moito pregeTolif in riguardo a* 



' tempi in che furono eseguite, segnatamente per la l)eUa 
'simmetria dei gnippi deUe figure, e molto istruttlri 

* altresl rispetto ai costumi ed al Teatire de' nostri mag- 35 
^ giori . . • ; onde mette a bene darne una minuta e dUi- 
''gente descrixione, non clie ii ditegno a contorni del- 
«i*uitimo quadrettino, zWh il piik importante dl tuttl, 

* mettendone esso sott*occ)iio la forma dci deposito e 
*dei sacro corpo del santo i^rotettor nostro nel modo ^^ 
'stesso in che fu risto e yenerato dagU ari nostri. 

QUADRO I. 

<* Amo D^mimicae IncarnatiomM Domimi mosiri Iktm CM* 
" Ui miiiesimo XC. VIIIJ. Imd. VIJ. smb dit doeimtm 



^ Catsdomi, Gm^ a^ricif cit, pp. ia7-x36. 



* BOHTOLOTTXv Of. cit., p. 49 Bgg. 



22 



RELATIO TRANSLATIONIS CORPORIS 



10 



15 



20 



25 



30 



35 



* Kal, lun, imcefta est fosno fundamenH kuius mo- 
^ serae Beclesiae MuHuensis ^ 

* LanfrancMS arckitector Oferarii. 

' Lanfranco architetto barbato *, restito di tunlca 
rossa, che giunge fin quasi alia clayicola, e di manto 
cemleo listato come d'argento ag^ orli, e sparso di 
fiordlini pnre d*argento, che ^ lascia scoyerta la 
spalla destra, con lunghi calzoni neri sotto la tunica, 
e con in capo una calotta cerulea fomita nel sommo 
di un fiocchetto a guisa di fiammella sbattuta. Egli 
stassi dignitosamente su due piedi tenendo nella destra 
un corto e grosso bastoncelio di color rerde, fatto a 
guisa di claTa, appoggiato alla spalla, e stende la sini- 
stra verso qnattro operai che sono dinanzi a lui tutti 
intesi al laroro dell^escarazione, yestiti di tunidie suc- 
cinte, che aggiungono a pena al ginocdiio, e di brache 
lunghe attilate, che pare coprano anche il piede: due 
luuino il capo coyerto da ampio cappuccio ceruleo, 
altro da calotta, ed altro h a capo nudo e mostra la 
cliioma scarmigliata. Sono tutti sbarbati, tranne sol 
uno, che ha lunga barba, e si distingue dagli altri per 
essere fomito di stivaletti, e inoperoso con la sua 
▼anga nella sinistra appoggiata alla spalla, e con la 
destra anaiosamente stesa verso Lan£ranco. Quello che 
h a capo nudo stassi intento a scavare con la ranga il 
terreno; e gii altri due portano via i ciottoli del sel- 
ciato, smossi ed ammonticdiiati ivi presso ; e mostrano 
fare grande fatica, reggendosi con la sinistra ad un 
bastoncello. Notevole si h l'ordegno dd quale si ser- 
▼ono per qud trasporto, cio^ un certo come scrannello 
con f unicelle intreodate a rete ricolmo di dottoli, die 
essi portano dietro le spalle sospeso per mezzo di due 
correggie che girano attomo al loro petto. 

* Di retro a Lanfranco h un grnppo di sei persone 
tutte sbarbate e a capo scoverto, che sembrano citta- 
dini accorsi a Tedere il lavoro dcll'escayazione ; e paio- 
no yestite di breve timica, tranne la pi6 vicina a Lan- 



^ Ho creduto bcne di porre per disteso alcune delle 

voci compendiate nella scrittura dd codice conforme 

all*usanza di que* tempi a maggior comodo di ogni di- 

voto lettore; e parimentc di supplire i dittongiii per lo 

5 pii^ scritti con vocale semplice. 

* La barba di Lanfranco h corta ed arricciata e 
di color castagno ; s\ che a primo aspetto altri potrebbe 
trarne argomento per reputare tedesco di nazione qud 
bravo architetto; ma vuolsi avvertire che di color ca- 

lo stagnino sono non pure tutte le barbe ma tutte le chiome 
altresl, che veggonsi nelle miniature del codice. Pare 
piuttosto potersi arguire dai riscontro ddle figure di 
tutti e quattro i qnadretti che nd secolo XII portassero 
la barba sole le persone che avevano preminenza sopra 

15 aitre in qualche comunanza, siccome 1'arciiitetto Lan- 
franco, 11 capo degli scavatori nel primo quadretto e 
Tabate mitrato nd terzo. I vescovi tutti slMurlMiti ne 
aocertano che niuno dd dero secolare nudriva a que' 



* firanco, clie h decorosamente vestlta di tnnica iung» fin 
'quasi alla ciavlcola dd piede, e di manto che le vela 

' aml>e le spalle, e pu6 tenersi per donna, e fora'anche 40 
*per la mogiiera sua. 

QuADRO n. 

* Bodem anmo V idus lumi coeftum est coetmentari funda' 

* menium fraefatae Bcdesiae MuHn. 

" Lan/rancus, Artificesy O^rar ii . 43 

' Lanfranco architetto nello stesso vestire e atteg- 
giamento stante presso i muratori e manovmli, che 
itanno costraendo le prime fondamenta della naova 
cliiesa di san Geminiano. Tre sono i moratori (orft- 
fiee£)^ die vestiti di breve tunica soccinta (di color 50 
verde, rosso e turchino) e di bradie iunglie e strette, 
col capo scoverto, e tutti sbarl>ati od imbeibi, tengono 
dascuno il suo martello in una mano e nell'altni nn 
grosso mattone di coior rossicdo sbiavito ; ed 11 primo, 
piik vidno a Lanfranco, si diina in atto di mettere a 53 
posto ii suo mattone nd fbndamento, dd qnale soqo 
di giil compiuti due corsi di que* mattoni; ed c^^ co- 
minda il terso. Intanto, di retro ai tre mnratori 
praggiungono due manovali (operarH)^ vestiti comV 
che piegano dascuno la testa e 1 coUo sotto U grave 60 
peso di una conca, di forma quasi tonda, ricoliiia di 
un carico di que' grossi e grandi mattonl*. 

QuADRO m. 

* Anno Dominicae InearmOionis miiieHmo 'CVJ fridie 

' Kai. Mfdj facia e$t trasloHo paironi n^siri hemH»- 63 
^ simi Geminiani, 

' MaiHdis comitissa. 

'Matiide vestita di iungyt tunica di color rosso 

* f omita di strasdco, e di manto di oolor Ymrde^ clie le 

' vela anche il capo, stante con la sinistra appogglata 70 
' ad un iNistone di colore cemleo foraito nella sommiti 

tempi la bari>a. La tunica poi si mantenne in aso al- 
meno fino ai primi anni dd seoolo XIV; poidi^ nel llbro jo 
ddle Prowigioni e Riforme fatte dal comune di Modena 
nell'anno 1306, e ne' susseguenti, l^Egesi la aapplica dei- 
l'arciprete dd Duomo ai Comune stesso, con la qoak 
chlede, che, conforme alI'uso consueto, sl oomplacda dl 
dare al custode della chiesa di san Geminiano nd di 25 
della sua festa, unum restitum, seu tuniemm, et mmnm ta- 
barrum, ad konorem et revereniiam beati Gemtimami (At' 
ckiv, commun, Ruhr, Provis, et Reform,, fol, 153 rmeio, 
die 13 febr. ann. 1307). 

3 La base de' f ondamenti di essa (bmsiiieaU coi^ in 30 
detta nota 11 Cavedoni, consiste di una costrusione dt 
mattoni e ciottoU alta quattro bracday alla qoale aono 
sovrapposti tre corsi di pietroni marmorel lunghi brac- 
cia tre, larghi due e grossi once died (vedi Modemm a 
tre epocke, p. 48). 35 



fm.\ntiymati'< ■ 




.iigSik ^ ' » wJfc*i<^it*g«g-i»'''~""^j''"°"*^ ^-- 







r • 



i- I .4. ".*■ • 



■ ) 



> . 1 



. ■ .L . i ■ ■ -1 . . . ■ ■ . . tf 

. :■■ . » i' ' ' .. ■ .U . -11 ■ "■ . . ■!, ■S^ ' . .;, • 

' V ' .1 . i ?; ; ■ » . '1 ■.■'■ . ' .. . ■■••;;. 

1 • ■* ■•?. .•".• ■. .". I'.- .;•.■! t-.». I . ; ■■ . .- 

i i-i.'. •:■.:• in ■..■;! ■ r,'r.-. •, ..i " . \.'! . . ;• ■ 



1 



. '•.:.}*•'■ i '.- Cv. .: .•:. i':v; ■. 



. t .1 



I» I •* 



.■ I 



-■ ■•■; ;il:i"» 1. '■■■t- 1 -:■ 



. ■.;*•.< ■- .li 
. s.-c» . : . • I. ■■: 
.' ■ ' ;• :■ .:. ■ 



\i;.ti'. 1 'i. li. ":!■ .lii '1 . •• i'»**!* ■':■■■,■;. 
. .:•. .J ii •■.>..: .» T. .■ .fc ' \ .' :■- :. ■-. .:■■ 

I.. ' - : » • •*. '"i • ■ 

ft • r. li ".i ^ i ■ ■ . . t r« I j . .i .. !■ 

■ . ru^M^' •.■"i.^ ■ «w^. •.. ' »1 . ■■ •■ .. 

• :or:.I;': l\ ■*'•.,!.■• .> - : .if:.i, :if' .j j. 
... I 

.L" fj'. r.ll r, ■■ .1. ■..;■'. ■.•'"?.•■>.'»■ 1 I .*;t (.- ..* 

. ^ .u t i.rtv. lyi 1 ii ■ .' ._,.*'•'■•':•: ''.■• f" 

•-■.;■! ■: v:.- *■■««■» i...» «■ ■.»■!»: ■■.■•■- ■ .• 

:r '■^^.■•. !• V .•.■•" . •.. . ■ * 1 . : :. : • 

.:'r',^.-- I. .•.;:: -.;«:i - .-. ..Jf'. 1.-. :....•. ■» .. 

. ■ "1. .'t.i •■C: "■.. ■ . ": I '.r. •.■•. S'? ■ ',,■''".« •*.■■■ 

•■:'.••. - ;r 
.c.il Soi. *:'■.*.: ■. ;■- ".Is ■;< iii ;.t i, i' ■ 
»•■'.'• s';ii .Mal !!.■.:.• . - ;.irl; .c'i •. .^ •• 
• »'i '. I.rir' ■ ^ ■.. ■ s j!' • . 

.- '-7.1 -ii * :-i iL ••rTi . ■■■■;.' 



• .L J I ^^iM'".!^.*.! i ■ .■: ' .•■■..' r 



1 1 ■■■• 
■ i' :. 



■'f 



. Ki 



:■■■.»,' «»a M -■ ■. 
. '■• ■.! *.'.' .. 

« . ■ t f ■ 



.■:•.. . 



r • I 



f ■ '.■ ■. .-■ .■ . .' 



, I 

I 



1 • I ■ I ■ 



t I 



1 . 



. ■ ■ ' • 



■r 



I n '. iT . . ■ ; 



I * 
I 



■.. : ? :. 

y ■:• :• ■ ■ ■'■ 

•■« .• ;■ I r 
■ .';> .' ■■■ •» 

■'.•/■'' '■• 





JBH^^H 




^^^^^^H 


TO.y^' 


^l^^P^ 



SANCTI GEMINIANI 



23 



Q 



10 



di grouo pome ^i che le rietce^all^altena del petto, con 
U dettra aperta e atesa Tenio tre TeicoTi, che le stanno 
dlnanzif e rerso i quaii ella per rirerenza piega dolce- 
mente il capo, in atto di tenere discono con eito loro ; 
nno de' quali stende anch'egli la deatra veno la Prln- 
clpetuu I tre Tetcoyi sono tutti tbarbati e rettiti 
pontificalmente di camice, di lunga tunioella e di ca- 
tula, o tia planeta intera, tolierata al dlnanzi, con pa« 
ttorale nella tinittra e con in capo una mitra molto 
depretta, omata di un giro di perle, o di gemme, 
rerto l'orlo inferiore, e fornita di due lunghe Infule 
ricadentl dietro le tpalle. Dl retro ai retcoTi redeti 
un gruppo di quattro monacl tbarbati anch'etti e rati 
11 capo, tranne ta coronadericale, preceduti da un ab- 
bate barbato e rettito di mantello di colore nero, che 
tembra tenere In nmno la tua mitra di color dl rosa 
pi& elerata di quella dei tre retcoTi*. 

* Pretto la contetta Matilde, un po' pi& indietro, 
ttanti due donne riccamente rettlte con certe come 
berrette in capo fomlte di toggolo e finienti nel som- 
mo In due punte; le quaU taranno probabilmente due 
dame della tua oorte. Di retro a quette h un gruppo 
dl cinque pertone; cl6 tono due uomlni imberbi o 
tbarbati, una donna, e due altri uomini barbatl, uno 
de* quali parrebbe Lanfranco ardiitetto, avendo In 
capo quella calotta cerulea fomita del tuo fiocchetto, 
e con la dettra reggendoti ad un battone di color verde 
e biforcuto nella tommiti, finiente cio^ in f orma d' T. 

* La contetta Matilde (e parimente le tue dame, i 



'che paiono indltio di lavoro a ricamo. II tuolo, in 

' sul quale stansl i yescori, la contessa Matilde, e Taltre 35 

'figure dl questo quadro, mostra essere erboso ed al- 
' quanto Ineguale ; onde probabilmente pu6 credersi rap- 

'presentato 11 momento nel qiude qmaerittir spaticsui 

' camforum locus, come leggesi nella relazione della tra- 

' slazione del corpo del Santo. ^^ 

QUADRO IV. 

' Bodem anno VIIJ. idus Octubris dedicaiur et consecraiur 
' corpus et aitare i^sius Confessoris, 

'^ Matiidis, Lanfrancus, lapis monumentif 

' Ep. reginus, Dodo eps, mut, 45 

* Monumentum 
* Custodes monumenti, 

" Grande arca quadrangolare di forma sempllce, 
^ assai lunga e stretta, entro la quale, di gik scoperchiata, 50 
" appare il sacro corpo di san Geminlano tutto inrolto 
'entro un palUo, o sia fino drappo, probabilmente di 
'^seta, ornato a ricamo, o testura che dir sl debba, dl 
'fili d'oro intersecantisi a guisa di rete con puntini 
'd'argento nel mezzo di ciascuna maglla^. II sacro 
^corpo, che n'esce ail'impari quasi dell'orlo superiore 
" della grande arca, probabilmente vuol credere sostenuto 
'da un feretro appositamente fatto e riposto entro 
^ l'arca medeslma. Questa nel fianco suo visibile a si- 
* nistra del riguardante, e nella parte sua interna che 
' riesce di prospetto, h colorlta di ceruleo e omata di 



55 



60 



tckotI, l'alMte e Lanfituico neril altrt tre qnadri) ha * un filo di giobettini argentei, che Terisimilmente figu- 
ii manto listato agli orli con filettini d'argento', e ..''reranno perle o gemme preziose. L'orIo anteriore del- 
sparso nel meiBo di certi come fiorellini pure d'argen-^1 ' 1'arca sembra indicare, ch'ella sia di marmo o d'altra 
to formati datre globettini ditpottl a triangolo, •'•^'K^^plctra; e sar^ questa Varca magna, nella quale fu da 65 



^ La prindpetta Matllde manc6 di ylta nell'anno 
1 1 15 in eti di 69 anni (Muratori, RR, IL SS., tomo V, 
P* 337) * ^ <^he nel xio6 allor ch'eUa interrenne alla tra- 
tiazione di tan Geminiano, contara 60 anni dell'eti sua, 

5 e non doTera arere blsogno del tottegno dei bastone 
per ragion di recchiezsa. Pare adunque, che il suo ba- 
stone fomito di grotto pomo nella tommiti tla tegno 
dittintlTO della sua antoritik e signoria sopra queste con- 
trade. Del retto la particolarltil del coiore ceruleo, con 

KO filettlno d'argento, dato al battone di Matilde farorir 
tembra i^opinione deU'attlnenza di quella celebre prin- 
cipesta con la cata d^Ette, che mantiene per suo dlstin- 
tiro gl'indlcati due colori. II pomo del bastone di Ma- 
tilde h pur esto di c<^ore ceruleo; onde non resta luogo 

15 a tospettare che non tia melagrana, attributo che forte 
non le fu dato che in tempi attal potterlori. Del re- 
tto nelle miniature del codice capitolare Matilde com- 
parisce quaie rien detta da Donlzzone (Zi3. // smb init.) 
JkilariM jm/rr fmde, plafBsda qmoqmt menie, £ giOTa pur 

to ricordare que' tplendidi Tertl del Tatto, intomo alla 
taggia e Talorota donoa (Germs, iib,, XVI, p. 78) : 
S^a sfhiH mascki il nobil volto, 
Mutra vigw fA eke viril lo sgmardo. 



Nel codice Tatlcano di Donizzone Matilde Tcdesi 
parlmente Tclata 11 capo, e talora con alto pileo in for- 35 
ma di cono tronco, e con ramo fronduto nella destra. 

* Nel codlce di Donizzone l'abate Ugo di Clunj, 
sedente da lato alla contessa Matilde, ba In capo la mi- 
tra di forma assal elevata e simile a quella del nostro 
codlce; ma in quello 1'abate Ugo h senza barba. 30 

' Per slmile modo ne' bassirilleTi incastrati nella 
parete della cappella del SS. Sacramento in Duomo le 
Jimbrie delle tunicke deiie varie figure sono dcrate (BoR- 
GHl, // Duomo, p. 7S). 

^ Ne' sepolcri de martiri di Roma santa troTansi 35 
di soTcnte gli aTanzi de' drappi contestl a oro (BoL- 
DETTI, Cimit,, p. 300; cf. Memorie di Relig., serie 3*, 
tomo Vin, p. 34, nota 10). San Qirolamo ( Vita sancti 
Pauli primi erem., § 17) ne attesta, che i ricciil de' suol 
tempi mortuos in serico et auratis vestibus obvolvebant ; ^q 
e la piet^ de' fedeli si studiaTa di fare altrettanto in 
onore delle sacre spoglic mortali de' martiri e degli al- 
tri Santi. II ridetto drappo ricopre anche 11 Tolto del 
Santo, forse in riguardo al sudario, o sia sciugatolo, clie 
ricopriTa la faccia del SalTatore {Bvang. yoann,, XX, 7; ^^ 
cf. XI, 44). 



24 



RELATIO TRANSLATIONIS CX)RPORIS 



10 



'prima riposto il Santo, a dettm dell'Aiionimo etteaie 
" {Ms,, VI, F, 3): cio^ un sarco£^;o antlco di forma 
'sempUce e disadoma (cf« Malmusi, Mnteo lapidario, 
' p. 9, n. 8 ; Cavbdoni, Marwd mod., p. 1 10). Per simile 
5 ' modo 11 corpo dl san Genesio vescoro dl Breacello si 
'rinrenne nel secolo X riposto entro un sttrcofhagmm, 
' qnod qnidem intra destmctae ecclesiae mmrmm erat in" 
' sertum ei tenacisumo caemento insimul compactmm (Afp6, 

* nimstrax, di mn ant, piombo, p. 54). H coperciilo del- 
' l'arca del nostro Santo (lafis monmmtenti), mostra essere 
' fatto di marmo verdognolo maccliiato e cosperso di 

* spessi specchiettl lucidi come d*argento. 

' Lan^imco arcliitetto, col solito suo restire e con 

*la sua calotta in capo, e M vescovo di Reggio Buon- 

15 ' signore, vestito pontificalmente sono in atto di avere 

* con aml>e le loro mani sollevato ii suddetto grande co- 
^ perchio di marmo, ch'egUno lasciano lentamente calare 
' a terra dalla parte dinanzi del monumento. Lanfranco 

* pare tenere 11 posto piCi degno, poichi sta presso il 
''capo di san Greminiano, e riesce cosl aila destra di 
" Buonsignore vescovo di Reggio. 

^ La contessa Matilde (segulta da due de' suoi, cio^ 
'da una dama e da un uomo sbarbato, e come pare 

* d*etk avanzata) vestita come sopra, e velata 11 capo, 
' riverente si accosta al monumento, dalla parte dl Lan- 
'franco, sostenendo con ambe le mani un rlcco pallio, 

* o sia un fino drappo ricamato in oro a guisa di rete 
' con crocettine nei vani delle maglie, per farae devota 
'^ offi^rta al depo^ito del Santo K 



20 



25 



' Dl retro a Buontignore vescovo di Reggio vedcsi 30 
'Dodone vescovo di Modena in abiti poQtificaii, che, 
' seguito da dne sacerdoti o clierici, al aocoata al mo- 
' numento per ofierire anch'egli un callce, con aopra la 
** sna patena, ch'ef^i aene nella destra alxatm e alquanto 
' protesa. Questo calice mostra esaere d^argento dortto, 35 
'e di forma aasai semplioe con la coppa emlaferica 
'quaai a guisa delle odierne pissidi sacre. 

'Al dinanzi dd monumento, sopra un piano al- 

* quanto pi& iMuno, stansi le guardie del deposito del 

' Santo {cmstodes monmmentt), cio^ sei militi, e dodici cit- 40 
' tadini di Modena armatl, che con solenne giuramento 
'eransi obbligati a custodlre il sacro pegno dd oorpo 
'di san Geminiano. I sei militi stansi nel meiao ag- 

* gruppati insieme a tre a tre in atto di vivo diacorso 

* fra loro. Sono essi vestiti di lun^ brache attillate 43 
' e di tunica che giunge a mesao la coacia ed ^ atretfa 

* dal cinto al disopra de' lombi ; e aono armati di grandi 

* e larg^e spade, di picche e di scudo di forma aemlo- 
' vale con doppla imbracciatura. Hanno tutti il capo 

" protetto dalla celata ; due semlmno vestiti a ferro al 50 
' disotto della tunica, ed uno dl essl, che stende la de- 
' stra, pare avere anche la mano e tutto 11 braccio rive- 
' stito di ferro o d^acdaro che dir si dei>ba. I dodki clt- 
' tadini, distrlbuiti anch*essi in due drappelli, ael di qoa 

* e sei di lA dai miiltl, sono parimente armati di grandi 55 
' spade e dl picche, ma con vestlre alquanto dlveno, se- 

' gnatamente riguardo alla celata che h tond^ggiante^ lad- 
' dove quella dei milltl pare di forma quaai cUindrica ^ 



Sin qui assai bene il Cavedoni. Resta ora che noi completiamo la sua desciizione, 
industriandoci di mettere in rilievo altri particolari, per venire poi a un apprezzamento com- 60 
plessivo delle due miniature. II nostro artista non possiede una forte tavolozza, n& ha un'aii- 
stocratica maniera di colorire; ond'^ che le nostre due tavole hanno piii tosto raspetto di 
due buoni disegni, che di due miniature. L'artista ^ contoma a penna le sue figure, con 
^ una linea unif orme giallo di terra ; n^ d'altra tinta son gli stessi occhi e le bocche. Den- 
^' tro poi que' contomi egli applica, nh sempre appropriatamente, agli abiti, strumenti, ac- 65 
"cessorii, la varietk dei colori; e nelle mani e ne' volti tien luogo d'incamato il naturale 
^gialliccio della pergamena% . Gik il Bortolotti (pp. 129-131) ha procurato una descrizione 
. dei colori impiegati dal nostro artista. Noi pure tenteremo di supplire un poco per quanto 
concerae le principali figure, alla mancanza di due tavole cromolitografiche per le nostre 
miniature, coi seguenti cenni descrittivi. II reticolato, entro cui si inquadrano le aostre quattro 70 
miniature, b di color giallo-terrigno su f ondo giallognolo con punti bianchi. Si direbbe che 
Tartista abbia avuto presente qualche evangeliario e ne abbia imitato il sistema di omamen- 
tazione \ II reticolato ^ fiancheggiato da due listoni, azzurro quello all'estemo, verde quello 
all'intemo; Tuno e Taltro sfumati. 



^ Questo pallio o sia drappo verisimUmente avri 
servlto per involgervi entro U corpo del Santo dopo che 
si fosse svolto U palUo antico nel quale era esso awolto. 
Per simUe modo nell* invenzione del corpo di san Gene- 
5 sio 1 cherlci gloriosi Viri reiiqmias in Pallio smsdfientes 
in feretro praeparato honorificc recondnnt {AvFb, Illustr, di 



un a$a. ^ombo^ p« 56). Donixzone pol ne attesfa {Lib. 11, 
sub init,) che Matilde rlcevette in dono da Alesaio I 
Comneno fallia cmm gemmis, cio^ pallU omati dl g<nnme. 

* BORTOLOTTI, O^, cU., p. [l38]. 

^ La cornice deUe nostre minlature ha Infattl qual- 
cosa di pii^ arcaico che non le figure. 



10 



SANCn GEMINIANI 



25 



Lanfranco, rarchitetto, nell' intenzione dell^artista h un ritratto, poich^ & aempre figu- 
rato nei quadretti primo, secondo e quarto con la stessa fisonomia. Di piii l^artista ha im- 
pi^ato aempre gli stesai colori, e cioi razzurro per il berretto, per i capelli e per la barba 
il giallo-terra, il rosao-lacca per la tunica, razzurro per il manto punteggiato e orlato di 
i bianco, il nero per i calzari, il verde per il bastone che h tenuto in aegno di comando nella 
mano destra* 

La contessa MatUde nei quadretti terzo e quarto h diaegnata con una gentilezza non 
comune a quei tempi. La teata grazioeamente ripiegata ^ un particolare che attesta nel no- 
fltro disegnatore piil di qualche pretesa. La Contessa ha il manto verde, Tabito rosso-lacca, 
i calzari neri, il bastone azzurro. II palio che ha nelle mani nel quadretto quarto h giallo 
a rete giallo-terra. 

II vescovo di Reggio e di Modena nel quadretto quarto hanno entrambi la capigliatura 
color rosso-terra, la mitra e Tinfula color giallo, il primo ha la pianeta rosso-lacca, il se- 
condo azzurra. II calice ^ giallOy e il colorito delle mani h dato dal giallognolo della per- 
gamena* 

Gli operai * in tunica breve, mentre Lanfranco ^ rivestito della tunica lunga, presentano 
nella loro fiaonomia dei tratti curioai che fanno pensare alle famose satire rivolte ai villani 



) 



^ Per 1* indicazione del colori adoperati nelle figure 

tecondArie, ti reda il Bortolotti, <»/• cit,, pp. 1 38-131. 

Ecco la deacrizione del Bortolotti: 

I numeri indicano le figure, e le tigle vanno inter- 

5 pretate cosl : a, azzurro ; — b, bianco ; — C, ciiettiino ; 

— g, giallognolo; — n, nero; — rl, rosto lacca; — rt, 
ro»o terra ; — tg, terra gialia ; — v, rerde. E poi : k, 
barba: — ^, berretto; — ^, brache; — c, capigllatura; 

— c/, calxari; c/, cappucdo; — ^, gambe; m, mantello; 
;o — /1 picdi; — /, tunica. 



c, rt; /, V; ^, g: conca o yassoio, rl; mattoni come i 
gii descritti. — N. 6, c, rt; /, rl; ^,/, e conca a; mat- 
toni come sopra. y 

QUADRO III. 





QUADRO I. 


I 2 


3 


4 5 


67 9 II 




8 10 



I 12 13 

33 ^> 7 S 9 10 II 



4 5 



14 15 16 



I, a, 3; tf, rt — N. 4, c, rt; /, rl; m, a; c/, n. — N. s, 
c, rt; /, a; ^, g. — N. 6, c, rt; /, g. — N. 7, LanfraM' 
co. — N. 8, c, rt; /, v; g, /, v; ranga rt. — N. 9, *, rt; 

15 f^» A 'i^ ^to, V intorno ai rolto; /, c/, g; ^, rl; vanga 
rt, con lama a. — N. 10; b€, color pergamena; c, rt; 
/, rl; g, P, V; bastone, g; gerla, con cinghia, g; fusto 
V ; rete, tg ed entroTi zoUe pari a quelle del suolo. II 
Caredoni crcdettc di rarrisaryi dci ciottoli; ma se tali 

jo fossero, non rl si sarebbero potuto usare le ranghe. — 
N. II, r/, a; /, v; g,f, n; bastone, rt; gerla, con fu- 
sto, rt, cinghia e rete come l*a]tra. 

QUADRO II. 




N.» 1-3, 5, teste chercute; c, rt; c/, a la prima figura; 
/, c; cl, n l*ultima. — N. 4, c, h, rt; /, n listata e pun- 
teggiata in b; c/, rt: manica stretta, g, nelle mani mi- 
trap) rl, orlata di b. — N. 6, c, rt; mitra g, con orlo 3 
V, a puntini b e benda ricadente V; pianeta g; camice 
V, oriato di b; cl, n; pastoraie a con globo rl e punti 
b nel mezzo 5 mano e braccio igrnudi. — N. 7. c, rt; ml- 
tra g, con lista eguale in aito, e rl a punti t) intorno la 
fronte; pianeta rl; camice a, a filetti e punti b; cl, rt; 4 
maniche strctte g; mani ignude; pastorale g, con globo 
V e puntale a. — N. 8; mltra g listata in v a puntini 
b. — N. 9, Matiidis ccmitiua; m, v; abito rl; ci, n; ba- 
stone a. — N.' 10, 11 ; acconciaturc del capo, color pcr- 
gamena; m, a, /, g, la prima figura; m, v, /, rl, ia se- 4 
conda. — N." 12, 13; c, rt. N. 14; c, b, rt; /, rl; m, a; 
listato e punteggiato di b; c/, n. — N. 15; ht, a; h, rt; 
^» g; <^» rt; bastone v. — N. 16; b, a, listato e puntcg- 
glato ia b; M, v, iistato in b; /, rl; cl, n. 

QvADRo r\'. # 



N. I, Lamframco, — N. 2, c, rt; /, v; g, n; mar- 

J5 teilo a, con manico g. -- N. 3, <:, rt; /, rl; marteilo 

come il preccdente, mattone pari agli altri. — N. 4. r, 

rt, /, a; ^, rl; martello e mattone come ai n. 3. — N. 5, 



I 2 



7 8 



10 II 12 



" ^5 ,0 ,^ ,^ ai 22 

13 14 i^> 17 ^ *^ *^ 23 24 25 a^. 



26 



RELATIO TRANSLATIONIS CORPORIS SANCTI GEMINIANI 



nell*et2t di mezzo. ' Non gik che rardsta abbia avuto V intendimento di satireggiaTe gli operai 
da lui tratteggiati con molta cura; ma h certo ch'^li ha mirato ad ottenere iin forte di- 
stacco tra i rappresentanti del dero e i lavoratorL Neli'atteggiamento dei primi ai awerte 
una compostezza e un contegno che accordandosi con la aerenitit della fisonomia dlumo Tim- 
pressione austera dell'autorevolezza; mentre nei secondi ai rileva fadlmente piii d'una esa- 5 
gerazione, che qualche volta proietta suUa figura il ridicolo. Co^ o la bocca sproporzionata, 
o il naso mal fatto o i capelli incomposti tradiscono Tintenzione dell^artiata. 

Codesta creazione di contrasti e la dispoaizione aempre regolare e armonica delle figore 
nei singoli quadretti servono a dimostrare nel nostro dis^natore un ingegno artistico note- 
vole e un^ideazione tutt'altro che meschina. Anche la scelta dei colori h aggraziata, e ba- 10 
sterebbe osservare, per convincersene, la figura di Matilde nel quadro terzo, coA garbata e 
gentile sotto il suo verde manto, cinta dal rosso suo abita Che Tartista abbia inteso a qual- 
che allegoria nell'uso dei colori, non oserei affermare, per quanto questa contessa 



soi^ verde manio 

vestita d$ color di fiamma viva 



15 



lO 



possa farlo supporre. Invece mi par certo che non sia piii ledto credere col Cavedoni che 
le nostre miniature possano essere anteriori al secolo XIII. Troppa h la grazia di alcune 
figure, troppa h la bontk del disegno e la f orza deUa rappresentazione. Noi non dobbiamo 
toglierd dal secolo XIII e possiamo invece congetturare, con molte riserve, che i due di- 
segni siano copia di altri dovuti forsi ad Aimone, il contemporaneo narratore d^li aweni- 20 
menti celebrati nella Relatio. Sono tanti i rapporti che le due miniature hanno col testo sia 
nell'insieme, sia nd particolari, che vien facilmente il sospetto che allo scrittore stesso della 
Relatio si debba la prima idea dd disegno. Su questo disegno poi furono modellate le no- 
stre miniature, le quali alla lor volta paiono essere piuttosto opere di disegnatore e di cal- 
ligrafo che di miniatore. E allora, perch^ non si potrebbe pensare addirittura al Brunettaf 25 
Sono congetture ardite, che affacdamo qui in fondo al nostro lavoro, senza alcuna pretesa. 
Certamente sarebbe da augurarsi che un critico d'arte ben preparato compiesse finalmente, e 
di propositOy uno studio definitivo suUe due nostre splendide miniature. 



Intestatura, eodem anno, vUJ* Idi^, oc/uB{ri)s de- 
dicatur et e{on)secratmr corf(\ia) et alta{r)e iXs)/ (us) c(oii)- 
fessoris. Rappresentasi Tapertura dell*arca sepolcrale e 
la ricognizione del Santo. 

II moMumeMtmm, rossiccio nell*orlo superiore, h a 
con puntini b, nell' intemo e nella minore delle due f ac- 
cie esterne, e colore cartapecora nella maggiore. H sa- 
cro corpo h ayvolto in im palio g, retlcolato in tg con 
punto b in ogni scacco. II laj^s momum{tn)ti h V, ma- 
rezzato in b. 

N.* I, a, i;, rt; a la prima, g la seconda. — N. 3, 
Matkildis\ come nel quadro precedente. II drappo, o 
palio, che tiene fra le mani ^ g, a rete tg e crocettine 
eguali in ogni quadrello. — N. 4, Lanframcms: soliti co- 
15 lori. — N. 5, ^(iscopu)* regimusx c, rt; mitra ed In- 
fule g, con lista a a punti b intorno la fronte; pianeta 
rl; /, V, entrambe punteggiate In b ; mani nude. — N. 6, 
dodo E/{iBcopu)s ^/'«/(inensls) ; c, rt; mltra ed infula 



come le precedenti ; pianeta a, llstata e punteggiata in 
b ; camice e calice g ; mano nuda. — N.^ 7, 8, c, rt; /, 10 
V il secondo. 

Seguono i Cmstodes MomMmte{n)ti. — N.^ 9, 12, ar- 
mature C; ^, g; asta v, con lancia tg. — N.^ 10^ 11, 13, 
14, armature g; spade, con foderi n, impugnatura g; 
^, C; asta g, con ferro a. — N. 15, celata v. — N. 16, ^S 
celata a; cotta d^arme v; cingolo e aottopposta arma- 
tura g; spada nuda, color pergamena, con impugnatura 
g. — N. 17, celata e armatura g: cotta soTrapposta ri; 
asta rl, con ferro a. — N. iS, cotta rl, sopra armatnra 
c; celata, cingolo, gambiere e impugnatura della spada 30 
g; fodero n. — N. 19, celata e cotta v; scudo rl; gam- 
biere c; spada come la precedente. — N. ao, celata a. — 
N. 21, celata C. — N. 22, celata g. — N.* »3, 24, celate, 
armatiu-e, gambuli g ; lancia g, in asta V. — N. 25, ce- 
lata c. — N. 26, celata e armatura g; gambiere a. 35 



INDICI 



AWERTENZE PER GU INDia 



Le indlcaiionl in CAimttere itmdo rimandano al tetto della crontca, qaelle In canttere €#r- 
nv0 aOe Tarianti o alle note HhiatfatiTef qaeHe compreee fra virs^oUtU aHe prefiaaioni 
o aHe appendici. Le notlsle die ii contesto dei dlioorao permette di riferire a nn 
dato peraonaggio, lebbene qoeato non ala nomlnato eapreaaamente, ai troreimnno aotto 
Q nome del peraonagglo ateaio, ma dlatinte daHe altre per caratteri apazieggiati. 

II punto eaclamatlTO (!) indica le lesioni o Tarlanti errate. 

n nnmero in carattere fik gramde Indica Im fmgina^ qneflo In carattere fB^ fieoolo la riga, 

NeIl'INDICE ALPABETICX) DEI NOBH E DELLE MATERIE, accanto a daacon nome, 
ridotto aHa forma Italiana pift comone neH^oao modemo, aono poate £ra parenteal quadre 
tutte le altre forme aotto le quall eaao figura nei teato e che per ragloni ortografidie, 
di dlaletto o dl ilngua aono dlTerw da qnella preaodta« DI qneate dlTerM forme figu- 
rano al ioro poato alfalietloo ndi*Indice e eon richlamo alla forma itallana preacelta 
aoltanto qoelle neUe cul friMU quaaro leitere d riacontra quakhe differena daHe pri- 
me quattro lettere ddla fiorma preacelta. 

NeU*INDICE CR0N0L06IC0 al tien conto soltanto dei fatH fosteriori aila nasdia di Crisio. 
Claacuna data, qndnnque ala lo atile aecondo cnl h compntata nd teato pnbbllcato, ai 
troTa ricondotta neU^indlce allo atile comnne o dd Calendario romano; ma aocanto ad 
eaaa fra parented rotomde, h regiatrata anche quale figura nd testo. 

Con Msieriseo sono aegnate le daie cke si fossouo desumere dal eouiesio del diseorso, aebbene 
non siano eapreaaamente dichiarate nd teato deUa cronaca. 

Fra parentesi quadre aono poate le date errtUe con ridiiamo aUa data Tera, la quale a aua 
Tolta ha nn richlamo alla daia errata. 



Tavola dette frindfaU abbr&oiaxiam che 5^ incanirano negU indid 



ab. 


abate 


geu. 


generale, generali 


au. 


anno 


imf. 


impero, imperatore 


ardv. 


arclTescovo 


leg. 


legato, legati 


b. 


battaglia 


marcJk. 


nuirchese, marchesi 


caf. 


capitano, capltani 


m. 


moglie 


card. 


cardlnale 


moum 


monastero 


cav. 


caTaliere, caTalieri 


ms. 


manoscritto 


ck. 


cliiesa, dilese 


n. 


nato 


e. 


dtt^ 


or. 


ordine religioso o caTall. 


eod. 


codice 


/. 


padre 


com. 


comune, comunl 


i^- 


papa o papato 


^f. 


confronta 


fod. 


podesti 


cousac. 


consacrato, consacrata 


fof. 


popolo 


cous. 


console, consoll 


fr. 


presso 


eouv. 


conTento 


fred. 


predetta,predetto,predettl 


cor. 


coronato 


ric. 


ricordato, ricordatl 


J. 


del, deUo, della, deUe, dei 


see. 


aecolo 


eL 


eletto, eletti 


V. 


Tcdl, Tedasi 


/. 


fiume, fiuml 


vese. 


vescoTo 


frauc. 


francese 


t 


morte, morto, muore 


fr- 


frate, frati 







[Abele-Angid] 



INDICE ALFABETICO 



'Abblb raflSgurato in un bauorilieTO d. duomo di Mo- 

dena, 15, 7-St /^-jo ,. 
Abuca [HmMed] v. Veriea, 
Acu V, Gimseffe veseavo di Aeri (am, iiS^)* 
'Adblbbbto [Adhelbertol nome di persona sottoscritta 

nell'atto d. Pratemita d« duomo dl Modena ed. nel- 

TApp. in, 17, 9,. 
ADBFRASfDiTS V. Mttfia de Prando. 
Adbblbbrto V. AdelbertOn 
'Aducarz Forbsb [FloresiMS de FloretUid\ di Firenie, pod. 

dl Modena (an. 1^75), 19, 34-35; esmie da Firemee dopo 

Mo m i^ ^ erHf se^se w 
'AoBioiAxnx) nome di persona sottoscritta nell'atto d. 

Fratemita d. duomo di Modena ed. nell*App. ni, 

17, U,. 
'AoxTBLLO, suo Powtijkaie ric, XX, 31 ; parla di san Se- 

TerOy XXI, \i'^^w 
'AzooifZ (PARTB db|olz) a Modema, 19^ 44 »• 
' AiMONB [Aimo magieier »ooiarumi[ eamomico e wuueiro di 

semoia, VI 11, /-a; autore dell* iscrizione d. duomo 

dl Modena ed. neli'App. n, n. 3; XIX, 16-18; XXII, 

7-8; XXI, /-a; 14, 4; intenriene ad un atto di ces- 

sione (an. xzo6), XIX, 19-31; cede un terreno in 

TiUa Albareto (an. xiio), 31-34; concede nell'a. 11 10 

a Pletro di Modena una terra in Pradella, XX, 1-4; 

autore prol>abile d. Reimiio originale, XXI, 34-35; 

XXn, 6-9; autore probabile d. miniature originali 

d. cod. capltolare, 26, 30-319. 
* Albakbto, Tilla pr. Modena, XIX, 33 9 ; «. Loome di A. 
"Albbboa nome di persona sottoscritta neIl'atto d. 

Fraternita d. duomo di Modena ed. nell'App. m, 

17, 19 ,. 
'Albbbjco vbsc. di Rbooio [Aibericus reginus\ accom- 

pagna a Modena pp. Lucio III (an. 1184), 14, 15;^ 
' A LBBBTXiro [Aibertimms msagiUer scolarmmi\y doemmsmmti 

cke io rigrmardamo, XX, s6 ,. 
Albbbto 9. Ca c e iame muci A, Asimeiii A. 
'Albbkto, 17« llf /Jf//^; nomi di altrettante persone 

che hanoo sottoscrltto l'atto d. Frateraita d. duo- 

mo di Modena ed« nelPApp. III j,. 
'Albbbto acqnista dalla Ch, dl Modena una pezsa di 

terra in Prada (an. 1106), XIX, 19-21; cede un ter- 

rltorio in Tilla Albareto (an. zxxo), 33-34 1,. 



'Albbrto arcidlacono, concede a Pietro di Pietro chie- 
rico una terra in Pradella (an. 11 10), XX, 1-4 ;,. 

'Albbrto [Aibertms ^esbiter et magister scoiarum, ca- 
momicus']^ documtemti che io riguardamo {an, iiyi)^ XX, 
S, 89 /0; {am. iiSj), /«; (an. 1183)^ i4'iS\ (am. 1190), 
i6% {am. 1197)9 18 \ {an. 1198), so\ {an. iigg)^ ss ^. 

"Albbrto [Aibertus magister scoiarum] documemti che io 
riguardamo {an. 1230)^ XX, 38 \ {an. I2ji), 39 i {am. 

'Albbrto di Albbrto da Savzonano [Aihertus de Sa- 

vimiano] console, ric. in una iscrizione d. duomo di 

Modena (an. 1184), 14, 17; motisie gemeaiogiche di 

iui e d. sua /amigUa {am. ii^s^iiSS)^ 16, i-j ,. 
'Albbrto dz Viscontb da Savzonano, si ri' 

/erisee a imi um atto deiPam. 1142, 14, 48-16, j; no- 

tisie ge$teqiogiche, 4 j,. 
*Ax.BZNO CARD. [Aibimus Samctae Mariae Novae diacomus 

card.] accompagna a Modena pp. Lucio m (an. 

1184), 14, 13,. 
'Alboara nome di persona sottoscritta nell'atto d. 

Fraternita d. duomo di Modena ed. nell'App. III, 

17, 18;,. 
Albssandrxa (podbstX) V. Marchesimo da Ricadoma {an. 

126S). 
Albsszo I V. Commemo A. 
'AuTALDO nome di persona sottoscritta nell'atto d. 

Fraternita d. duomo di Modena ed« nell'App. III, 

17, 10 ,. 
'Allborbtto dz Lbonb di Albarbto acquista una pezza 

di terra in Albareto (an. mo), XIX, 31-349. 
'Ambzo nome di persona sottoscritta nell*atto d. Fra- 

ternita d. duomo di Modenaed. nell'App. ni, 17, 13 ^. 
'Ammirato Scipionb cit., 19^ ss „. 
'Andrba, 17, 10, 11, 16; nomi di altrettante persone che 

hanno sottoscritto i*atto d. Fraternita d. duomo di 

Modena ed, nell'App. III ;,. 
'Andrba [Amdrea ^esbiter] frete a Modena mei sec. X, 

17, SQ-sSn. 
'Andrba da Marano [Andrea de Marano] pod. di Mo- 

dena (an. 1373), 19, 17-18 ;,. 
'Angbla nome dl persona sottoscritta neli'atto d«Fra- 

ternitad. duomodi Modenaed. nell'App. III, 17|31 „. 
AN016 (Carlo di) V. Carlo d*Amgib. 



30 



INDICE ALFABETICO 



[Anglomm Sodetas-Bortolotti] 



Anolorum Socibtas, aimia i Gnelfi modenen aim' 

^adronirsi di Citth mova^ 5, 7i '^'iS» 
'Annalbs vbronbnsbs db Romano dt., 18, 

Annalbs vbtbrbs mutinbnsbs V. Tassomi AUssamdro 

semiore, 
'Anraoo nome di persona sottoscritta nell*atto d. Fra- 

ternita d. duomo di Modena ed. nelPApp. m, 17« Uj». 
Ansaldo V. Lavamdari A, 

Apostoli (card. dbi SS.) v. Pamdolfo eard. (am, 1184). 
Aramodus V. Carbomesi Arnmomdi. 
Archidiaconis (db) V, Arcidiacomi, 
Archivi V. Modema (arehivi)^ Reggio (arekivio), 
'Arcidiaconi Guidotto [Gmidoctus de ArcMdiaeomis o 

de Arcimagamis] di Cremona, pod. di Modena (an. 

1283), 20, 17, /6-/7; i8, //-*¥,. 
Arcixaganis (db) V* Arckidiacomi. 
"Ardinoo nome dl persona sottoscrltta nell*atto d. Fra- 

temita d. duomo di Modena ed« nell'App. m, 17» 19 „. 
'Ardizzonb vbsc. di Modbna [Ardido mmtimemsis episco^ 

pns\ intenriene alla consacrazione d. duomo di Mo- 

dena (an. 1184), 14, 16 j,. 
'^Ardizzonb card. [Ardido Samcti Tkeodori diacomus car* 

dimaUs] accompagna a Modena pp. Lucio HI (an. 

H84), i4, 12.. 
'^Aribbrto aquista una pezza di terra in Prada nel 11 06, 

XIX, 19-31 9. 
Arimondi V. Carbomesi A, 
'Arloto [Arlotus mMgisckola] documemto che io com^ 

ceme (an, ijoo), JOC, ss n» 
Arx romulba V, Cam^dogiio. 
AsBNBLUS (db) V* Admelii, 
^AsiNBLU Albbrto [AJbertus de Asenellis] pod. di Mo- 

dena (an. 1279), 20, 8-9, /o^,. 
'Attila, ric, im um amtico carmte modemese, 12, sb, 6g „. 
'AuRiA nome dl peraona sottoscritta nell'atto d. Frater- 

nita d. duomo di Modena ed. nell'App. III, 17, 31 „, 
Azo V* Ammo. 
'Azzo [Axo\ nome di persona sottoscritta nelPatto d. 

Fraternita d. duomo dl Modena ed. nell*App. ni' 

17. w^. 

'Bacchini, storico, cit, XXIV, 13 „. 

' Bacblubri Nicol6 [Nicolams de Bataleriis] di Boiogna, 

/u umo d. difensori d. castelio di PinmusMSO (am. ijS9)j 

19, 4i'4S\ fod. di Modema (am, iaS^% es^ee', di Paem^ 

sa (am. iMjSt iJfS^\ 4e-4S\ cap. o podesti a Modena 

(an. 1271), 19, 16; X, 10^,. 
' Baffoli Giacomo [ yaeobus Baffoli] di Parma, pod. a 

Modena (an. 1263), 19, 1, /7-/8 „. 
' Baiamonti Rolandino [Roiamdus Bdamoms] ric. in una 

iscrizione d. an. 1 184, 14, 18 ; mctide di iui, 15, tfis n* 
Baioaria V. Pietro di B. 
* B arba, suo uso mei sec. XII, 22, b-ig „. 
'Barbibri Gio. Maria cultore di studl storici, copia 

un cod. di cronache modenesl, XIII, 39-30; j-7; sue 

mote, XIV, 7-8 ; suo ms, adoperato dai Sigonio, ms^iS ; 

dh notida di una iscridone d* Torre Garisenda, 15, 

ao', dt., XIV, s „. 
'Bassoli(I) errore di iettnra d. Bortolotti im luogo di 

'Baflbli, 19, /«„5 v. Baffoli Giacomo. 
Bazalbrhs (db) r. Baceiiieri. 
Bazzano V. Giovamd da B. 



BblvilaiIo V. Pad B, 

'Bbnbdicto nome di pertona sottoscritta iiell*atto d« 
FratenUta d. duomo di Modena ed. nell'App« m, 

17» 11,. 
' Bbnza, 17, 18, 33; nomi di altrettante persone che 

hanno sottoscritto Tatto d. Fratemlta d. duomo di 

Modena ed. nelPApp. m „. 
Bbrnardo V» Carbomed B. 

* Bbrnardo (card.) posto da pp. Pasquale n nel resco- 

vado di Parma (sec X-XI in.), XXIV, 4 „. 
'BBRTAnome di penona tottoscritta neU*atto d. Fra- 

temita d. duomodi Modena ed« nell*App. m, 17, 31 j^ 
'Bbrta figlia di Pietro da Modena (an. 11 10), XX,^,. 
" Bbsini Ottavio aoquista per la biblioteca eatense un 

un cod. d. cronaca di Bonif acio da Morano, Xm, 10 ,. 
'Bbstiario da %Ky\Q^KTXo[BeMdario de SetviMim- 

mo] mctide gemeaiogieke, 15, s w 
Bibliotbchb V. Boiogma (bibOoteca delP Umiversiiik), Mo- 

dema (bibHoteca estemse), Vtemma (bdbHoieeay 
BoBMiA V. Giovamu di B. 
BoiAMONS V. Baiamomti. 

* BoLLANDiSTi edltori d. plA lunga redazione d. Vita di 

sam Gemimiamo, XIV, 39; XV, 31, s m* 
BoLooNA [Bomamia] : ' (bibliotbca dbllHjmivbrsitX >«»> 
siede um mts. comiemente mm esiratto da mma erom m ca di 
Parma, XIV, 9-/0; e un ms. (n. 577), che h de- 
scritto, di cronache e note storlche modenesl, bolo- 
gnesi ecc, Xm, 29^% XIII, fXIVf /««; v. Cesa- 
do (sam). 

— (CAFITANI DBL POPOLo) V. GiovoMMi da PaMcaroia. 

— (cittX) * ojpsrta a Batdfado VIII (am. IM^\ 19, //- 
16 f,^ r. Geremtd, Scovatori* 

— (CITTADINI NOTABHJ) V. AMime/H Aiberto, BaeeHien 
Nicoih, Cacdanemid Aiberto, Cac dam mm id Vemedeo, 
Carbomed Arimondi, GaUmMd Gsddaelerio, GeUbasd 
Maiteo, Lambertim UgoUmo, Marckesimm da Ricmdona, 
Pad Beivilamo, Samaritami Lasmbertimo. 

— (vBSCOVi) V. Giovamni vescovo (am, 1184). 
'BoNACORSo [Bomacmrsus], ric. In un*i«crisione d. duo- 

mo di Modena (an. 1184), 14, 17 «. 
BoNDBNO V. Diaeomo (Bomdemo de), Romchcre(Bomdamo de)^ 
'BoNBRO nome di persona sottoscritta nell*atto d. Fra- 

ternita d. duomo dl Modena ed. nell*App. 111« 17, is ,. 
** BoNBZA nome di persona sottoscritta nelPatto d. Fra- 

temlta d. duomo di Modena ed« neU'App. m, 17t so^. 

* BoNiFAClo preposto d. duomo di Modena, ric. In una 

iscrizione d. 1184, 14, 16-17 ,,. 

* BoNiPACio DA MoRANO, cronista dl Modena, XI, 14, 

t'4', Xm, 5-§, /5-/6; 19, s8 „. 

'BoNiPAzio VIII, Alberto Caedamemdd gH effre Bo' 
logma (am. i^gi), 19, t4'ib j^ 

BoNiSBNioR V. Buomdgmore. 

BoNUMTBMPORB V. Buontemfo. 

'BoRTOLOTTi P., cultore d. storia modeneae, pubblica 
alcuni documenti antichi relativi al diiomo di Mo- 
dena ed alla vita di san Geminlano, Vm, 10-19, s^\ 
sua ed. d. Vita di sam Gemimiamo e d. Reiddo, 31, 
ts'ts', suoi criterii nel preparare l'ed. d. Raiaiio, 
Vm, 30-IX, 6; X, 38-XI, 10; 8uo gludizlo sul cod. est. 
ital. n. 1x24, Xn, 10-35; suo errore intorao al cod. 
est. lat. n. 1079, Xm, 8-9; determina i rapportl fra 
le diverse redazioni d. Vita, XIV, 39-XVII, 16;jsa 
ofimiome suiia^oriih d, redadomi, XV, /-j; sua opl- 



[Botehetti-Citetiiia] 



INDICE ALFABETICO 



31 



nione sulla IhscriftiOf XV, 36-37; crede che un Tesc, 
modenete abbU ampUata la VHa, XVI, 3-8, //-49; 
fMhca ii doamemio d. Fraiermiia modomcse^er Piiim- 
mtimaHomtd. dmomtOf i6^6^\emm amOco Necroiogrio 
d. catiodraio di Jkfodema, io; osservaMiomi e corre- 
siomi smiiesio da hU daio d. Neeroiogio, ri'j9\ ri- 
produce la descriaione d, Cavedonl d. miniature d. 
cod. capitolare d. Jleiaiio, 21, 4-6; sue osservazioni 
au quette mlnlature, 24, 64-67 ; indica 1 colorl ado- 
perati dal miniatore, 25, 1-26, 35; cit., Vm, 31; 
DC, 13, j»-#j; ii, /j; i2, r^o; i5, j*; 18j j, 9i // »• 

' B06CHBTTZ, archiyio Boschetti nell'ArchiTio estense di 
SUto, xm, 33-37 „. 

«B08CHBTTZ C. eit^ XVIII, j,. 

' BozALZiro \BoMaiimms mtassarims]^ figura in fondo a una 
iscrizione sul duomo di Modena, 14, 5; XXI, s n* 

Brbobxo V. Gemesio (sam). 

'BsuirsTTA Nzocol6, notaio, di suamano h scritta la 
ReiaHo nel cod. capitolare O. II. zi, e la maggior 
parte d. documenti che questo contiene, X, 1*38; 
come ti aottoscriTe, 3-14; potrebbe easere 11 diiegna- 
tore d. miniatura d. cod., 26, 35 9. 

BuomzoNORB VBSC. DZ Rbgoio [Bomisemior] interviene 
all'apertura delParca che racchiude il corpo di san 
Geminiano (an. 1106), 8, 9; '24, 14-18, 31 „. 

'BvoBmstFO [Bommmtiem^ore] nome di persona sotto- 
aeritto neU*atto d. Fraternita d. duomo di Modena 
ed. neU'App. m, 17i 9 „. 

'BuKOA nome di persona sottoscritta nell*atto d. Fra- 
temita d. duomo di Modena ed. neU*App. m, 17, 18 „, 

' BUKMALTUS cod e mom Dmrmtaiims deve iegrgersi nei" 
rarMooHo d. ^oria seiiemtriomaie d. duomo di Mo^ 
14^ B'M4w 



'CACCZAmacz Albbrto [A&erims de Camamimicis] di 
Boiogma, 18^ 47\ fod, di Bavemma (am, rM4g\ di Todi 
^emmimSi)^ di Miiamo (««. /^^^), di Modema {am, I2S4' 
'»S^% ^ Ifaoia (am. 12^8 e fjdi), 19, 1-7 \ pod. di 
Modena (an. Z36a), 18, 35; di Mantova (am. 1264), i^> 
«; dl Modena (an« Z366), 7-8, /o; di Pistoia (am, 1270% 
di Piacemta (am. I2fjs\ 'o^^e; deito *'Aiberto d. imi^ 
qmiik^^ 18^ So^Si^ ^fre Boiogma a Bomifaeio VIII 
(am. /J97), 19, /#-/d ,. 

' Cacczavbmzcz Vbkbtzco [ VemeticMS de Caramimucis] 
dl Bologna cap. d. pop. di Modena (an. Z373), 19, 

30-31, e^-SOw' 
'Cadzaka, sma etimoiogia secomdo Pamtore d. Cromaca 

di oem Cesano, XVIII, ss-sS .. 
' C Aiiro rajjigmraio im mm bassoriiievo sui duomu> di Mo^ 

dema, 16, ti^so ^. 
'Calanchz Gzovak Paolo assessore d, /od, di Modena 

moi 1268, 19, S7 •• 
'Campaonola, (cod. dbl), XVI, s^e n* 
' Campzdoolzo [arm rommiea] ric. nel canto d. scolte, 11, 

13, a#, j^y. 
' Campo d*Olivo, terra in Pradella, XX, 4 „. 
CAarossA v. MatUde di C. 
Capkbcio V. lAumbertimi Ugoiino. 
'Cabaitdzni cancelliere d. com. di Modena (sec. XVII) 

probabUe scrittore d. cod. lat. 1079 d. biblioteca 

estense, Xm, 7^,. 
'Cabbonbsz Ajumohdz [Aramodms] di Bologna pod. a Mo- 

dena (an. Z358), 18, \%\Jigiio di Bermardo ss^SS »• 



Carbonbsz Bbrnardo rie. 18, s6, 

Carlo (archzvzo dz S.) V. Modema (areUvi), 

' C ARLo m [Karoims 11/], imp. (am. 88 f) ric, 12, ss-se »• 

'Carlo d'Anoz6 [Karoims rem] fa ofierta a san Gremi- 
niano un baldacdiino quod habuit Comune 
pro ipso donando uxoris regis Caroli 
(an. Z368), 19, 11-13; 18, 6-/0 ,; v. SicHia (re di). 

" Carmzna mutinbnsza ripubblicati di sul cod. deU'ar- 
chivio capitolare di Modena, 11-12,,. 

' C A R P z, Lmdo III ff, vi si reca a comsacrarme ia ckiesa 
(am, 118 4), 14, so-er^. 

'Carrbrz cit,, 16, t4'iS j9* 

Caurbzius v. LantberHmi Ugoiimo, 

' Cavbdonz Cblbstzno, si vale per l'ed. d. Reiaiio d. 
cod. capitolare, VIII, 37-39, tS-so; sua descrisione d. 
miniature d. cod« capitolare, 21-26; IX, 17-18; sua 
oplnione errata intomo aUa data d. cod. capitolare, 
X, 33-33; coUaziona 11 cod. est. lat n. 1079, Xm, 
16-18; ed. d. pii^ lunga redazione d. VHadisa» Go' 
mim'amo, XIV, 30; sma mota smiia daia d, comsacra" 
siome d. duomo, 14, tS'47\ cit., XVI, 10; 16, st'S4w ^cc. 

Cazanbmicis (db) V, Caccianemici, 

^Cbsario (cronaca di s ak) mu. d. biBiioteca dei' 
PUmiversith di Boiogma, XIII, so-XIV, s; sma ed,, 
XVIII, i's; riporta iinome di famigUa deiParckiieiio 
d, duomo di Modema, S'S4 n* 

Chibsa di san Gbbczniano V, Modema (dmomto), 

' Chibsa ravbnnatb, notizia, XI, 39 ; suo vesc. Severo, 

39,. 

Christus V, Cristo, 

^CzPOLLA Carlo di,, 13, fs; 18, S7 9* 

Cittanova (Boroo iii)[bmrgms Cittamove]fr. Mo' 

dema, 8, j. 
' CiTTANOVA (poRTA Di), uc csco Lucio m partcndo da 

Modena, 14, 33-339. 
' Clerioaccio da Monselicb [d, Cierigatims] pod. a Mo- 

dena (an. 1383), 20, 14-15, /¥-/i«. 
Cluny V. Ugo di Ciumy, 

'COLFI B. di., 14, 4'i4 tf 

^ CoLUMBA nome di persona sottoscritta neU*atto d. Fra- 
temita d. duomo di Modena ed. neU*App. m, 1 7, 31 j^. 

'CoMMBNO Albssio I regaia mm faiiio a Maiiide 
di Canossa, 24, S-g „. 

' Conpratbrnita modbkbsb pbr l' illuminazionb del 
DUOMO preesistente aU*attuale, 17-18; VIII, j-#; 17, 

'^CoNSTANCio nome di persona sottoscritta neU*atto d. 
Fraternita d. duomo di Modena ed. nell*App. 111, 

17,15,. 
CoRBOiA V, Correggio. 
CoRRBOOlo V, Guido da C, 
CosMA B Dabciano (card. dbi SS.) V, Grasiano carti, 

(an. 1184). 
'CosTANZA (PACE Di), iibro d, pace di C, comser» 

vato nelParchivio d. com, di Reggio, 18% SS w 
Crbmona V. Arcidiacomi Guidotto, Giovammi da Pescaroia, 
Crbscbnzi (db*) V, Piero d^ C, 
'Crbscbnzio nome di persona sottoscritta nell'atto d. 

Fraternita d. duomo dl Modena ed. nell'App. III, 

17. 13,. 
''Cristina, 17, 18 e 31; nomi di aitrettante persone che 
hanno sottoscritto l'atto d. Fraternita d. duomo di 
ed. neli*App. m,. 



Pmnmm (erom. di)^ Roma {crmm. di). 



#f 



' DsKumo civiTJkTXs MimirKMSis, h un^aggliiiiU alU 
Viia di sam Gtmimimma, XV, 11-XVI, 3, m-n^ mrk 
€4m irm ff^ VIITt ftt ^ 

'Dbizdbrzo rtf d, Lonf^mbardi^ ric. im mrf UcrUiomc ckt 
ir0vmvm»i mclim Torrc di Modcmm^ i5, SJ*S^ w 

* DiACOMo (BoMDBiro de)^ luogo dove •arebbt morU k 

conteMB MaUkle, XXTV, 11 „. 
DoDOMB VBsa Di MoDBMA [Dodo] parteelpB al tratporto 

d. corpo dl lan Gemlniano 6, la-u m, 15-U ^; ' XXm, 

10 9 ; aU*apertura dell'arca di tan GemlnUno e alla 

contacraslone d, suo alUre, 8, ai-J3; '23, 45 j,; 
•24, 2*^ 
' DoMMiMico, 17, 12 e U; noml di altrettante pertone 

che hanno sottotcritto l'atto d. FratemlU d« duomo 

di Modena ed« nell*App. III „. 
' DoMZzoMB [Dcmisc] autore d. Vi/a di Matilde, cit, XXm, 

34; XXIV, l-ia; ii3, iS, m4, J7i 24, t ». 
DvOMO Di MoDBNA V. Modcma {dmomo). 
DUKMALTUS 9. Bmrmolims, 

Eliazabus 9. LaxMori LoMxaro, 

' Emrico nome di pertona sottoscritta nelPatto d, Fra 
terniUd. duomo di Modena ed. nen*App. III, 17, 11 »* 

• Ermemoarda nome di pertona tottotcrltU nell'atto d* 

Fraternita d. duomo di Modena ed. nell'App, III' 

17, is ,. : 

' Ermbmtruda nome di pertona tottotcritU nell'atto d 
FratemiU d, duomo di Modena ed. nell'App. m, 

17, U». 
^Ettorb [Hedor] clt. nel canto d. scolte, 11, Sj,. 
•EuRAOO nome di pertona tottotcritU nell'atto d, Fra* 

temita d. duomo di Modena ed. nelPApp. m, 17, 11* 
*^ EvERARDo nome di pertona tottotcritU nell'atto d. Fra- 

ternita d« duomo di Modena ed. neU'App. m, 1 7« 10 ,. 
'EzoLO nome di pertona tottotcritU nell'atto d. Fra- 

terniU d. duomo di Modena ed. nell'App. III, 17, 12 ^,. 

•Fabbri (statuti dbi) di Modema cod, d. soc, XIII 

ric, 19, S4'a6 „, 
Fabbrica di san Gbminiamo 9. Modoma (Dmomto), 
Fabro 9. Lambortazxi F, 
Facio (db) 9. Lanfranco de Facii, 
Fabmza (podbstX) 9. BacslUori Nicoih (am, r^SS» i^S^\ 
^Fbdbrico II IMP. ric, 19, 4S n» 
Fbliciamo (sam), 5, Ita, 18-19 ^. 
Firbmzb (capitami dblla massa guelfa) 9. Giovanmi 

da Pescaroia (an, 1276)» 

— (CAPITAMI DEL POPOLo) 9. Monaido de* Monaidescki 
(an» 1270), 

— (CITTADIMI NOTEVOLi) 9. Adtmari Forete, 

— (viCARi) 9. Scuria di Porta vicario del re di Sidiia 
(am, J27S), 

Florbsius 9. Forese, 

^ Forciroli tcrittore d. cod. ett. lat. 790, XI, 35 ^^ 
FoRBSB 9. Adimari F, 

FoRii (cAPiTANi dbl popolo) 9. Samaritami Lamhertino 
(am, 12S6), 



»«.w, nomv oi penoiia lottotcrittB AtiFittoi! 

PrateraiU d. doomo di Mode&a ed« ocirApp, Q 

17, u^ 
PRBOMAiTBirsBS V» FH^ntmesi. 
Prbgmahum V, FHgmmmo. 
' PRiOMAmi [Flrejyumomsos], offix>no lO Ubbre modeiMl 

per II colto dl san GeminUno (an. 1277), 20, 04,^ 
Friomaito [I^egrmmtmm] 9. Gmidimo dm Momimestcoio^ f¥ 

ricm* 
'FuMi L. dUt 19, at^, 

'Oadaldimo Paolo ed. (sec, XVI), JCII9 Sw 
'Galli ric. nel canto d. scolte, 11, 13, oo^»* 
" Galluzzi Guidaclouo [Gmidaclerims de Gmllmfiii\ A 
Bologna pod. di Modena(an. 1265), 19, 5-e, j#^, 
'Galluzzi Mattbo [Maikems de GaImeUs\ dl B<^0fn 

pod. di Modena (an. 1274), 19, 22-33, s' n* 
Garzaito [Gommmo] 9. Giacomo dm Gmrxmtto, 
'Gaudbmbi Kvqvsto ric, VIII, to-MM ,,. 
'Gbmimiamo, 17, 13 e u; nomi dl altrettante persoae 
che hanno sottoscritto l'atto d. FrateraiU d. duoiM 
di Modena ed. nell'App. lli 9. 
Gbminiamo (sam), t (an. 349), 3, 10-11«, U-u^; 'XI, 
28 ,; ^ sepolto, con l'intervento di san Severo, aeUt 
cattedrale di Modena preesistente all'attuale, 3, 11- 
4, 4 ; ' XI, 29-30 „ ; « XXI, 17 , ; i Modenesi dellberaao 
di costrulre una nuova chiesa per custodirae le refi- 
quie, 4, 1-18; 'VII, 18-22»; si ditputa ae debbad 
tratportarne 11 corpo neUa nuova chieta prima che 
tia finita e ti dellbera di tratporUrlo non oltre il 
i» maggio 1106, 6, 1-14; 'XXm, 10-11 ,,; si compieU 
cerlmonia d. tratUzione (30 aprile 1106), 6, 14-7, 3; 
' Xn, 23-24 9 ; « XXm, 15-U , ; ' e quetto giorao reita 
fettivo, 10-18 9; natee controvertU te debbasi scoprlr- 
ne 11 corpo e ti richiede 11 parere d. contessa Matilde, 
7, 3-10; 'XXIII, 18-30 ,; Pasquale n fa aprire Pumt 
ove h racchiuso II corpo d. santo e lo espone tl 
pop., 7, 28-8, 17; 'XXm, 20-23 ,; la conteasa Bft- 
tilde e 11 vet& Dodone con grande moltitudine si rect- 
no a venerame le rellqule, 8, 18-37 ; consacrazione d. 
suo alUre, 37-47; ' XXIII, 22,; 'Xn, 34-35 j,; 'Lu- 
cio m ne espone 11 corpo al pop. (an. 1184), 1^> 
19 9 ; 'i ric. nelle itcrizioni d. duomo, 13, 8, 14-19, 
22-27; 14, 5, 19, 25 „; "invocaio im mm Imtto, 12, 44' 
TS ny '<*^ cl ^ ricordaia ia leg^gemda di Aitila^ S^^w\ 
'antichl documenti che ti riferitcono al Santo, Vm, 
13-19 „ ; ' documento dell'oflerta di un palio al Santo, 
18-20; Vm, 4-6;,; 'le due redazioni d. Vita disam 
Gemumamo, XIV, 28-32 ;,;'// Muratori me^hhlich una 
parte coi Htolo Mutinentit civitatis detcriptio, K///, 
7^9 j9 ; ^ la ka fmhhUcato emiramsbe per imtiero il Bor- 
tolotti, VIII, ta-rs „ ; ' /e rifmhhUckerh U Gaudemxi, 
iO'tM 9 ; ' etame d. due redazioni, loro rapporti e 
e loro formazione, XIV, 25-XVII, 16 ;, ; ' un vesc. mo- 
denete ha ampliata U prima redazione, XVI, 3-8;,; 
' e vi ha premetto un prologo, 9-12 9 ; ' cf. f ra questo 
prologo e quello d. Relatio^ i3-25j,; ' l'autore d. re- 
dazione pii^ ampia d. Vita h il medetimo d. reda- 
zione pii^ ampia d. Reiatio, XVII, 1-16 ^,; *^Vita d. 
tanto tcritta dal Cavedoni, Vm, 27-29, /^-20; IX, 17, 



xv^ 




12. 



T *i 



iJL> 



ntlVAff. II ^ 

1; e^felU 
'jQxoTAaryi mrdfrtU di 

'GiOTJUoa ciiierico, acqoita ael izo6 

terrm in Pnida, XIX, l^il ,. 
G20TAMI mmfuUr m^ C^ di Jis 

d cmmrmf9 {am. I^JOS JOC, jj ^ 
GlOiTAJna prete, cede odjl tcrrM, ia Albareto (an. itio), 

XIX« 31-34^ 
GtoT A2Qa CAKDw [ y<iii— i't SMMcii Mmrd cmrd^ froHter] 

mecompMg^M Lucio m a Modena (an. 11S4), 14. u ^ 
GXOTAHVX OA Bazzaxo cronistm. XI, 14. /-# : 2^, /^-/#. 

GxOTASna OA PBSCAKOUk [y^immm^s de Pi3cmfU\ di 

Crmm^ma caf. d. /#/. » Parma (am. i^J}, fod, di 

Rc£gi0 (am. iJjdyt caf» d, Jdasta ^meifa im Ftremse 

{mm, I2j6) cmfii. d. fof. im Bs/egma 20, /-7; pod. di 

Modena (an. 1377), 3-3 .. 
GlOTANXi DA Savioxano [yskammcs da Savimia' 

ma] motixie gcmealcgickey 15, 4 9. 
GZOTAXKI Di BosMiA (r r) smo frtvi/c^io a Gmida 

Pia, cofia ms. in mm cad. dclP Umiversii^ di Bologma 

to ^prile 1331), XIV, 4-5 »- 
GloTAzrsa di Lsons di Albareto, acquitta una peiia 

di terra in Albareto (an. iiio), XIX, 21-24 j,. 
GZ0TA2fin VBSC. Di BoLOGNA [ yokammes homomiemsts efi- 

seofms] interviene alla conaacrazioae d. duomo di 

Modena (an. 11S4), 14, 15 j,. 
piOTAN Paolo f . Calamcki G. P, 
GXRALOO nome di persona sottoscritta neli*atto d. Frater- 

nita del duomo dl Modena ed. neil*App. III, 17, 15 ,. 
rZRARDO V. Martinelli G. 
GXRARDO, magister scolarumt nella Ck, <ii Mod^na ric. 

im mn docmmento (an. irgS), XX, ao\ (an, i2So\ ss »• 
GXRARDO ARCiv. Di Ravekna [Girardms ravennensis efi' 







i^ 4iiMi^^ 4i 



B(C>att«^ 4. FM^ 

4m Nt^^eviMa 




L«c»^ UI a M^hJkna 



izSit^ 14. iJ ^ 




T5 T^ t- 

't *cc>MKp«4:M L«ci^ Ul a M^»d^ 
*(^LBdou> X ?A»A.* o£re i&it |^U^ a mupi Vt<mi«itiiVk 

»ax. • « ^ • ^ ^Nix « . A «s. .5^ » 

* ^=w>»-«^ aoa» £ per«Mba »^ttc4cntta sieU^alt» d. rtR* 
^ i^vn»» ^ M>ie»a ed. ;m»\\|^ UL 1 T ^ l» ^« 

^ GcAiABTXo actoae ^ perMOR v^ttOMitta neU atto d» 
Fr%tsr3s:R d. ^sMio £ M«>^ieaa e>Jt. neU^Vpjv UL 
17. i:,- 

* GcAZXXBRuJL ndae £ perMAR Mtt\Mcritta nell^ath» d« 

FrarerAita d. diioo»o d; Motdena ed« nf4i\Vp|v Ul» 

''GrJCXRRio aow di pertoM tottoecritta n^iVto d 
FrAremUa d. dnomo di Modena ed. ntU\\p|i. Ul» 

17. Wr- 

* GvARimALDo nome di pertona tottotcritta neU*atto 

d. Fratemita d. duomo di Modena ed, neliWpp, lU, 

17,14-15^ 
'GUARIXO [Gmarimms, Vmarimi^s] r#fi\ Ji .\Memt ($e%\ 
X mt). 17. jo^ j/, jy-JV». 

' GCASTALLA C, ric. XXIII. Jt-Jl «. 

G u B L FI modemfrsi im iite coi GkiSeiismi 1« MoJem» (<!•• 

' GUGLIELMO [ mHjiyimims] tcuitorc, 13> 10 ,. 
Glidaclbrio r. Gailmssi G. 

* GuioiNo DA Mo^rrBCUCou [Gmdimo de Momie^mcko/*0] 

nei Frignano ofifre un paiiio a tan Ivtminitno, 1*^ 

lt-20,. 

' GviDO ccde certo territorio In viiia Aibtreto («n. 1 1 u»), 

XI.\, 21-24,. 
' GuxDO prepotto, concede a Pietro d« Modena una ttri t 

in Pradella (an. iiio), .\X, 1-4 ^^ 
'GuiDO i)A CoRRBGOlo [GmiJo de Con^ia] ctp, d. pop. 

di Modena (an. iaS3)» ^» i^-i^ '^ •• 
'GuiDO DA Spolbto, ckiamato rtblti, /:/, #^-^ •• 

'GUIDONB DA PRKDAtANTA [Gmido </# iV^J«tM«<-/<f | lll 

Modena (an. 1250), 18, JO-ait f am, is^f, s^f m* 
GuiDOTTO r. ArciJiacomi G, 

* GiTXNKviso nome dl pertona tottoicrltta iii*ii*all«» «I. 

Fraternita d. duomo di Modrna td* ntli*App. Itl. 

17, U». 
'^GuiKitA nome di prrsuna lottoicrltto ntU*tlto d. rit- 

ternlta d. duoino dl Modena ed. neil*App. IIM7, If •• 
"GuKTKRULA (/*««/r«>/«i| moms cks iogg^ti •#/ A^#f 9 *• 

iogio dei/a catte*lra/4 di MoJontt, /7, tf*»9 ^, 
GuxTRUDA r. Gnmtcrm/a. 



T. VI, p. I — 3. 



34 



INDICE ALFABETICO 



[Habrica-lffaiia) 



Habrica r. Ahrica, 

HscTOR V. Eitare. 

HosTlSNSis CARD. V, OsHemse eardinaU. 

' ImcA nome di persona sottotcrltta nett*atto d. Frater- 
nita d. duomo di Modena ed. neU'App. m, 17i 31 ,. 

' Tm^^ta nome dl persona sottoscritta nell'atto d. Fra- 
ternita d. duomo ed. nell'App. III, 17« 18 «. 

Imola (podbstX) V, CacdaMemici Alberto {am, imS8 e /j6/). 

' Indblberoa nome di persona sottoscritta nell'atto d. 
Fraternita d. duomo di Modena ed« neil'App. m, 

'Inoblbbroa nome di persona sottoscritta nell'atto d. 

Fraternita d. duomo di Modena ed. ndl'App. m, 

17, 20^. 
'Inoklbbrto nome di persona sottoicritta nell'atto d. 

Fraternita d. duomo di Modena ed. nell'App. IU» 

17, 15,. 
^Inno dbllb scoltb ed. dal Traube e ripubblicato di 

sul cod. capitolare di Modena, 11-12; lly 7-/j, j/-j>; 

12, /-j, /7-j/; Vm, U,. 

'Inno di san GKMindAiifOfSMe dMeredaMiomied,dal 
Traabe e ripubblicaie di sul cod. cafitolare di Afo* 
dema, 11, tb^S\ 12, 4''77 n* 

'^ Ita, nome di persona sottoscritta neU'atto d. Frater- 
nita d. duomo di Modena ed« in App. m, 17| 30 ^. 

'Italia, nome usato sul senso di Longobardia, XXm, 

ZKQQiao, Jacobus, Jacopo e Jacopino v, Giacomo, 
Jbsi (podbstX) V. Marckesimo da Ricadoma {am. 1270), 
Johannb e JoHANNBS V, Giovommi, 
JosBPH V* Giusef^e» 

EjoiOLUS V. Cario dPAngib, Cario III im^aiore. 

^ Laborantb card. [Laborams Samcte Maria TramsHberim 
fresbiter cardima/is] accompagna Lucio m a Mo- 
dena (an. 1184), 14, 11 ,. 

'Lambbrtazzi Fabro /0^. di Modema (am, I2S4' 

r^SSy^ ^9, 4-7 n- 

' Lambbrtini Ugolino dbtto Caprbcio [ UgoHmus Camro' 
giusl di Hologna pod. di Modena (an. 1258), 18, 
16, 25,. 

Lambbrtino V. Samaritami L. 

* Labcpbrto nome di persona sottoscritta neU'atto d.Fra- 
ternita d. duomo dl Modena ed. neU'App. m, 17, U ,,. 

'Lanfranco, 17, 9, e U; nomi di altrettante persone 
clie hanno sottoscritto l'atto d. Fraternita d. duomo 
di Modena ed. App* m ,. 

Lanfranco de' Facii o db' Rombngardi \Lamframeus 
de Fado alias Romemgardms\ gli \ affidata la costm- 
zione d. nuoro duomo di Modena, 4, 4§a, 47 3; in- 
terviene aU'apertura deli^arca che racchiude il corpo 
di san Geminiano, 8, 9-10 ; '^ descritto mentre so- 
praintende al lavoro, quale h rappresentato nella mi- 
niatura del cod. capitolare, 22, 3-41, 45-48, 55, 6-J9; 
23, 25-28. 44; 24, 13-14, 18-21; 25, 1-6, /J, S4\ 26, 14 n\ 
^ h ric. neU'i8crizione sul muro di lerante d. duomo, 

13, 28-14, 3j,; 1' indicazione d. suo cognome h ag- 
giunta nella cronaca Tassoni, 4, r-j; 'XYII, 26- 
XVIII, 2 ^ ; ' probabUmente l'aggiunta deriva dalle 
cronache di san Cesario, XVm, 1-34 „, 



Langobardia V. Lomhardia, 

'Layamdari Ansaldo di Piaeemta^ fosL di M^ 

dema{am. im73\ M #«-¥9,. 
'Lazzari Lazzaro dbi RusTicnBLLi [d, Bliasums» ds 

Fisiorio] di Pistoia, pod. di Modena (an. 1376X 1% 

26-2f, ss-Sbj,, 

* Lbodoino [Lemdpimms] retc. di Modena, Tersi che lo 

celebrano, Vm, 14; sua sfigrafe^ 11, is-sj*, 12^ s-sb, 

S7i 78-91; cit., Vm, 16-17 ,. 
' Lbonb di Albarbto, / smoi figU acqmssiama cmria itr" 

riiorio im viila Albareio {am, irio), IJC, js 9* 
Lbodoinus 9. Leodoimo, 

* LiOEFRBDO nome di persona sottoscritta neU'atto d. Fra- 

ternita d. duomo di Modena ed. nelI'App. III, 17* 12^ 
'LiUTA nome di persona sottoscritta nell'atto d. Fra- 

temita d. duomo di Modcna ed. nell'App. m, 17*23,. 
' LiUTO nome di pertona sottotcritta neU'atto d« Frater- 

nita d. duomo di Modena ed. nelPApp. m, 17* 17^ 
' Liuzo, 17* 11« 16; nomi di altrettante peraone che han- 

no tottoscritto l'atto d. Fratemita d. duomo di Mo- 

dena ed. neU'App. m,. 
LoDi (podestX) V, Scmrta di Poria (am. isSi). 

* LoMBARDZA [Lomgobardiaf L&mgobardiUf Lombardia} i 

suoi rettori assistono alla consacraalone d. daomo 
di Modena (an« 1184), 14, 18 j^; v, liaila, 

LoNOOBARDZ V, Desiderio re, 

LoNOOBARDiA V, Lomibardia. 

LoRBNZo IN Damaso (card. di Saw) V, Uberio ctardm (««. 

1194^ 
' Luczo m PAPA sua vemita a Modena e sua coimcra* 
zione d. duomo (12 lugUo 1184), 14, 9-10, ls-19, j»-ji; 
parte da Modena e la benedice, 22-^, s^s7 g* 

'Habzllon autore d. Amm, Bemod,^ tua opinione cor- 

retta XXIV, 3-7 ,. 
Maoiscolab o Maoistri scolarum dblla C& di Modb- 

NA V, Modema {Cbiesa)» 
'Malacria cap. d. pop. di Modena (an. 1272), 19* Uj^. 
" Manlzo (Marco) dt, mei camio dL scoiio, ll^ oo-abg, 
Mantova (podbstI) V. CacciamemUd Aiborio {sm, 1:^64), 
Marano V, Amdrea da M,, Giiioio da M. 
^Marca [Mareiia] i suoi rettori assistono alla conaa- 

cradone d. duomo di Modena (an. 1184)* 14, 18 ,• 
' Marchbsino da Ricadona [Marcksmimms de Ritimdoma] 

di Bologna pod. di Modena (an. 1267)* 19* 9-10, jt-js; 

fu di farte geremea e si ado^b fer la ^adJSemtiomo 

d, Romagme {am, roS4)% ^Q-So ; ^od. di Aioosemdria 

{am. 1268) e yesi {am. fsp>), so^S' »• 
Marco (card. di San) V, Giovamm' card. {am» 1184), 
Marco Manlio V. Mamiio Mdrco» 
'Maria, 17, 18, 19, 19 ''^, 20, 20^% 22; nomi di altret- 

tante persone che hanno sottoscritto l*atto d. Frater- 

nita d. duomo di Modena ed. neU'App. III ^^ 
' Maria (santa) madre di Cristo, cit. nel canto d. ocolte, 

1 1, 35; capelia eretta im smo omoro {am* 88 r), 12 f m,09g. 

* Maria db Prando cosi deve ieggerd o mom A do^raw' 

dus mel Necroiogio delia catiedraie di Modoma, 

17, ig »• 
Maria in Transtibbrim (card. di Santa) 9. Laboramte 

card, {am, 1184). 
Maria in via Lata (card. di Santa) V, Gojfrodo card, 

{am* 1184). 
Maria nova (card. dz Santa) V, Aibimo card. {am. 1184^ 



(iUrtlia-Modeiw] 



INDICE ALFABETICO 



35 



'BCartsa nomedi penona sottotcritta nell'atto d, Fra- 

temita d. duomo dl Modena ed. nell'App. III, 17, 31,. 

' BCartinxllx Gkraroo pod, di Modena (an. 1278), 20, 

'Martiko, 17, II, 13, 14, 1§; nomi di altrettante che 
hanno aottoscritto l'atto d. Fraternlta d. duomo di 
Modena ed. nelPApp, III ,. 

'BIastxvo dz Lbokb dz Albarbto acquista una terra 
(aa. IX 10), XIX, 31-349. 

Matzldb dx Canossa [Priitceps o ComiHssa Matkildis o 
Maihiida\ h consultata ae debba scoprirBi il corpo 
di tan Geminiano, 7, 9-16; 'XXIII, 19-30 ,; appro- 
TB la deliberaaione d. Modenesi di costruire un nuo- 
TO duomo, 4, 35-39 ; * aimia ia fahbrica d, dmcmo, 
JCVII/, sg „\ parteclpa alla cerimonia d. traslazione 
d« corpo di aan Geminiano, 6, 33; interviene allo 
scoprimento d. corpo di san Geminlano ed alla 
conaacraBione d. suo altare (8 ottobre 1 106) ed offre 
doni, 7, 36-38 ; 8, 30-33; " XXIII, 15-16 «; ' documenti 
relatiTi ad essa pubbiicati dal Muratori, XXIV, 8-15 ,; 
'h descritta quale troyasi rappresentata nelle mi- 
niature d. cod. capitolare, 22, 67-23, 17 ; 23, 39-30, 35, 
/-j6, a8\ 24, 33-39; 25, 7-11, 43\ 26, 11, /j^; '5«a f 
{am. ttis\ ^3y /-j; v. Diacomo {Bondomo de) DomiMsome. 

' MAURZ2IO cede certo territorio in Albareto (an. 1 1 10), 
XIX, 31-34 jy. 

BIbdiolani r. Mesimiiam, 

Mbdxuixanz tr. MesimiiaMi. 

MSDIUS VXLLANUS V. Megiuiiami, 

MsDXVlLLANi 9. MeMimiiami, 

'Mbziullanz [Mefimiiami, Mediviiiami, Medioiamo, Me- 
dius viiianus, Medio viiamo, Medii viiami] mta^iscoia 
ric, im daemmenti che io concernomo {an, ff^^ XX, j/; 
{oM, f20s\ S7^ {an. f^f^), so-js; {an. f22o), ss\ {an. 
f223), 34 .. 

MZLANO (podbstX) v. Aiherio de Cacciamemici {an, f2S2), 

— CITTADXNX notbvolz) V, Gmido da Predasania, 

* MzRABZLZA nome di pertona sottoscritta nell'atto d. Fra- 
temita d. duomo di Modena ed. neirApp. III, 17, 9 „• 

MODBNA (ARCHXVZ) - BOSCHBTTX 9. di StatO - " CAPITO- 

LARB, vi si conserva il cod. O. II, ii, che con- 
tiene la Reiatio, IX, 10; 'XXUI, 35-36; cd i Car- 
mina mmUmomsia, 11, 1-3; vi si conserva la Imstrm^ 
mtemtormm coiieciio ah an, loyt adam. t^gs, XIX, 18-19; 
e U cod. Priviiegia, IX, 37-30, j/; ne sono tratie notisie 
imtomo ai magiscoiae, XfX, 14-'^^ XX, 1-47 ; con- 
serva nei cod. O. //. 7, ii docmmento reiativo aiia 
Praiemita fer /' iilmmimaxiome d. dmomo, 1 7, /- j ; e mei 
cOii. O, III, I, la mota d, offerte </. paliio a sam Ge- 
miniano, 18y S'S n ' " comunalb vi si conservano due 
copie d. Reiaiio, XUI, 19-33; XUI, 30-XIV, 3; e un 
ms. di cronache modenesi, XIII, 38-30; 16, S0'S^» 
documenti cit., 18, \9 /assim „ - ' dcl collbozo dx 
San Carlo, conserva mma iettera di G. M. Barhieri, 
15tS0, - * notarxle, documenti cit., 18, 19 ^assim„ - 
* DX Stato, vi si conserva nel fondo Boscketti una co- 
pia d. Reiatio, XIII, 33-37 ^ 

— (assessorb dbl^podbstX) v, Caiancki Gio. Paoio, 

— * (bxbuotbca estbnsb) vi si conservano vari codicl 
d. ReiaHo, loro descrizlone, XI, ll-XIII, 18;ilcod. 
lat. 388 contiene l*autografo degll Annaies vegeres 
mmtimemses di A. Tassoni, XI, 13-13 „\ 9. Besimi Otiavio, 

— (CANCELLZBRB DBL comunb) V, Caramdimi, 



MoDBNA (CAPZTANZ DBL POPOLo) 9. Bocsiiieri Nicoih {am. 
f27f), Maiacria {am, t2j2), Caccianemici Vonetico {an, 
t27S), Giiioio da Maramo {an, f^yS), Gmido da Cor- 
roggio {am, f28s), 

— ' (chibsa) cede alcune sue terre In Prada con atto d. 
1106, XIX, 19-31; notisfie intorno ai smoi magistri 
sckoiarmm dal ffSo ai fsSd, XIX, 14-16', XX, 
t'4T » ; V, Geminiano {san), Modena {dmomo), Modema 
{vescovi). 

— * (czttX) ofTerte d. pallio a san Geminlano fatte dal 
com. (an. 1358-1283), 18-20 ^,; v. Aigoni,Angih {Car- 
io /T), Cittamova, DeserifHo mrhis^ Fahri, Fredo, Gkir- 
landima, Geminiamo {sam)^ Geremei, Gktheiiimi modomosi, 
Gmeifi modemesi, Immo deile scolte, Lmcio III, MmUme, 

— (CZTTADXNO) 9. Pietro da Modema, 

— '(cronachb) ms. di cronache raodenesi nella bibiio- 
teca deirUniversiti di Bologna (n. 577) e neirar- 
chivio comunale di Modena, XIII, 38-30; ifi, jo-j^; 
XIV, iT'i8; Cromaca di Modema {am, f46S'fS47)% 
XIV, /0; Note di Storia modemese dai fogg ai f4S2 e 
dai tf88 ai f^gy ms. noiP Universith di Boiogna, XIII, 
i6'i7*y XIV, s 9'; V, Bomi/acio da Moramo, Descriftio 
Urhis Mmtime, Giovamni da Baxsamo, Panimi Fran» 
cesco, Spacdni G. O., Tassoni Aiessandro soniore. 

— (oiuoxcx DBL comunb) V, Presmii Meickiorre. 

— (duomo) nell'antica cattedrale preesistente airattuale 
i sepolto san Geminiano, 3, 10-13; minaccia rovina, 
3, 34 a-4, ia; 3, 5-15 ^; ' si dellbera dl edificare una 
nuova cattedrale, VII, 17-33 j,; ia contessa Matilde 
approva la deliberaxione, 4, 35-39; si cominciano a 
scavare le fossa per le fondamenta (33 maggio 10C9), 
5, 1-13; 'XII, 19-31 j^; si cominciano a costruire le 
fondamenta (9 giugno 1199), 5, 13-14; 'XII, 31-33 ;,; 
' XXin, 18-33 „ ; miracoloso ritrovamento di marmi 
per condurlo a compimento, 5, 34-50; 'sua fonda- 
zione ric, VIII, 15; IX, 11-13, 14-15; XII, 19-33; XXIII, 
10-33 ,; 'congetture d. Bortolotti sulla data d. sua 
fondazione, XXI, 10-34 ^, ; ' como mo i doseritta ia/on' 
daxiome nelia cronaca di san Cesario, XVIII, is^is^; 
"antiche sue iscrizioni, 13-15; XIX, 17-18^; •nomi 
cke si ieggono smit* arckivoito d, forta d, Pescheria, 
14, t'i4n\ " documento relativo ad una confraternita 
per 1* illuminazione d. duomo, 17-18; VII/, 3^4; 17, 
t'S9m\ ^ offerta d. pallio, 18-20 ^,; 'raccolta d. docu- 
menti relativi alla fabbrica del duomo contenuta nel 
cod. O. II. II deirarchivio eapitolare e nei Prtvi- 
iegia, IX, 36, io-ih'!, IX, 36-X, 3; IX, 10-16^; * consa- 
crazione dell*an. 1184, 14 »; " f rammento d. suo pa- 
vimento, 15, 36-38 9 ; " Parcifrete d, dmomo ckiedomma 
tmmica ed mm taharro fer ii cmstodo deiia ck. il gior- 
mo deiia festa di san Gemimiano {fj febbraio fS07\ 
22, sj-ss»; V. Bomifacio prefosto, Gemimiamo (m«), 
Gkirlamdima, Necroiogio deiia cattedraie di Modoma, 
Operai del dmomo. 

— • (p o D B s T X) // dott. F, L, Vicimi ka promto mm iavoro 
smi fod. di Modema, 18, o^^jo » ; 9. Baceitieri Nicoio 
{am, f2S2 e j^jt }), Samaritani Lamhortino (am, t2S4^ 
t268), Lamhertaxgi Fahio {am. f2S4f f^SS)* Caccia" 
memici Aiherto («*. t2S4'f2SS» f^^9 f^)t Carho- 
mesi Arimsomdi (an. fSSS), Lambertimi Ugoiino {am. 
f2S8), Gmido do Predasamta {an. f2S9)% Pagamo da 
Predasanta {an, f26o), Scmrta di Poria {am. f26t, 
f27f)^ Bafoii Giacomo {am f26$), Monaidoochi Monai- 



36 



INDICE ALFABEnCO 



[Ifotaui-Po&fllleale) 



dc (am* /Jd4)» Gailmxxi GmidaeUrio (am. Ij6s)f Mar^ 
cJMmc da Ricadoma (am, ia6ff\ Ramgomi yaefimo (<r«. 
I2&9)^ Amdrea da Afaramo (am. ij7m\ Lavamderi Am- 
saido (am. imys), Galiuszi Maiteo (am. /^^), Adimiari 
Foreae (am. tMJs)^ Lastari LoMsaro d^ RmiHehelii 
(am. IM76\ Giovammi da Pescaroia (am. irji)^ Marti' 
melU Gerardo (an, isjS)^ AdmeiH Aiberio (mm, /-»79)» 
Rmggeri Aniomio (am. laSo)^ Pad Beiviiamo (am. 1281)% 
Cierigaccio da Momseltce (am. 1282)^ Areidiacomi 
GuidoUo (am. 1283). 
MoDBNA (PONTB f. FTedo (pomte), 

— (STATUTO) tr. Fobbri (statmto dei). 

— TORRB V. Gkiriamdima» 

— '(vBSCoyi) gi^ mei sec. X avevamo eomimeiato a 
fortare nella loro ek. nma severa amsteriiif i7,Me^n\ 
V, Aimome, Ardiexome, Dodone, Gmarimo^ Leodoimo. 

' MoMBiuzio edit. d. piii lunga redasione d. Vita di sam 
Gemamiamo, XIV, 39 ; XV, 31, 33 ,. 

MoNALDBSCHi V. Monaido dei M.f Raifttero dei M., Ste^ 
famo dei M, 

'MoNALDO DBi MoNALDBSCHi \Momaidm$ de Urkovoteri] 
iiglio dl Ralniero di Ste£ano da Onrieto, pod. di 
Modena (an. 1264), 19, 3-4; ca^. d. fof. ad Orvieto 
(an. 1268) * a Firemte (am i27o\ ig-es w 

MoNSBUCB V. Cierigaecio da M. 

MONTAPBRTI (rOTTA Dl) ric, iP, ^J. 

MoNTBCUCOLO [MomteggmucAoiims] v. Gmidimo da J/. 

MoRANO V. Bomifacio da M, 

'MuRATORi LoDOVico Antonio, pubbUca la Reiatio 
tramsiationis corforis sancti Geminiam, VH, 3-4 ; sua 
ed. d. Vita di san Gemimiamo, Vm, 31, 33-27, 7-9« 
Xm, 3; XIV, 30; non conobbe il cod. eat. lat. n. 1079, 
Xni, 8-12; pubblica la Deweriftio Urhis Mmtime, XV, 
34-35; aua opinione 8ull'autore di essa, XVI, 1, s-to-y 
sua prefazione alla Reiatio, XXIII-XXIV; fmbbiUa ii 
docmmiento d. FVatermiia mufdemese fer P iiimmUmaxiome 
d. dmomOy 16 f j-d; e ii Necroiogio d. eattedraie 
di Modema, to-ts ^% 

'Nbcrologio dblla cattbdralb dz Modb- 
N A , scritto smi margimi di mm cod. delP arekivio ca^ 
fitoiare di Modema da varie mami, 16 , 4-9; ed» dai 
Mmratori e dai Bortoiotti, 9-/^; ei correggomo alemmi 
difetti d. ioro eJ., is^ao; e j/ rifortamo due fassi tm^ 
fortamti omessi, so-jg „. 

Nzcol6 [Nicoiams] v. Baceiiieri N. 

'Odbrzco da Savzonano [Odericms de Saxfiniamo] 

motiMie geneaiogicke (am. 1142), 16, 4 »' 
'Odbrico da Savzonano [Odericms de Savimiamo] 

motitie gemeaiogicke (am. 1188), 16, s »• 
' Ofpzcza nome di persona sottoacritta nell*atto d. Frater- 

nita d. duomo di Modena ed. nell'App. IH, 1 7, 18, 18 ^^,,. 
^ Olzva nome di peraona sottoscritta nell*atto d. Frater- 

nita d. duomo di Modena ed. nell*App. ni, 17, 32 ,. 
'Opbraz d. Duomo, 22, 14-33, 49-63,. 
Orvzbto (capitanz dbl fopolo) V. MomaJdo Momaide^ 

scki (an. 1268). 
OsTZENSB CARD. V. Tobaido card. (am* 1184)» 

Pacb V. Pad. 

" Pacz Bbvzlano [Beiviianms de Pate] di Boiogna, pod. 
di Modena (an. 1281), 20, 13-13, 13 w 



' Paoano dz Prbdasamta [Pmgmmma de Prmdaammeim] pod. 

di ModenR (am 1960), 18, 32, j9-#o ^ 
' Pallzo offerto a lan Geminiano, nota d. offerfe dil- 

l*an. 1358 airan. 1283, IZ-TXS \ frobabihmemte eertite 

ad awoigere ii e&rfo di smm GemtimiamOf 28% 33HS\ 

24, /-7; aua detcriilone, 23, 49-59 ; 24, 2S-39; 26% n-ii^ 

faliio ojferto da Aiessio Commemo a MaHUo M Ce- 

mossa, 24, r^ ^; v. Gregorio X. 
'Pandrcampi, magister scoiarmm meHa Gi. di M$ieM 

((om. 1220)^ XX, as'»b „. 
'Pandolfo (card.) [Pamdmifms Sametormm A/ootoi»nm 

^eMter eardimaHs] accompagna Laelo III a Mo- 

dena (an. Z184), 14, U 9. 
' Paninz Frahcbsco croniata di Modena (aec. XVI) oopii 

d. aua cronacanel mt. eat. lat. n« 790, XI, SO-XH, l^ 
Parica (capitanz dbl popolo) V. Gi&vammi da Peseersk 

(am. 127:0. 

— " (cittX), Paaqnale II va a ParniB (an. 1106), 
XXm, 32-39 „. 

— (czTTADiNZ notbvou) V. Bofoii G i a comO f Rmggeri 
Amtomio, Scmrta di Porta. 

— ' (cronachb): SstratU da mma cromesca 4i Parmm (a 
1036-1 Sti) ms. d. MOoteca deiP UmivartiA di Bolf 
gma, X/V, o-f 9* 

— (vBSCOVo) V. Bormardo (eard.), 

PAsquALB II papa va in Lombardla (an. zzo6)t 7, iT-si; 
** XXIII, 30-35 9 ; va a Modena, dedlca l'altare d. dno- 
mo a aan Gemlniano ed etpone al pop. 11 eorpo d. 
aanto (8 aprile 1106), 3, 7; 7, 33-8, 47 ^,; «XXm, 
21-33, 35-36»; "" XXIV, 3-7 „; 'va al SbiododiGei- 
atalla (aa ottobre 1106), XXHI, 30-37 ^,; «qnindii 
Parma, XXIII, 37-XXIV, 5 ,; v. Bermardo (amrd.). 

' P A T BT TA F., sma o^miome smicamto d. seolte, 12, jt-^j; 
dt., 88; 16, oo-si tf. 

" Pbroamo (rocca di) in Troia rlc. nell* iniio d. Kolte, 
11, ao,. 

Pbscarola V. Giovammi da P. 

Pbschbrza (porta dblla) V. Modema {dmomta). 

• Pbtro, 17, 9, 13, 13 ^% 13, 14, 15 ; nomi di altrettante 
persone che lianno oottoacritto 1'atto d« Fratendta 
d. duomo di Modena ed. neli'App. 111«. 

Pbtrus V. Pietro. 

PZACBNZA (ciTTADZNZ NOTBVOU) f*. Lovamdem Amomiie. 

— (podbstX) t*. Cacdamemud AJberto («■• ZJ/J). 
'PZBRO (db*) Crrscrixzi ckiamta^tomsba 9 ia^wui- 

ta 9, 12, 90^1 „. 
PzBTRASANTA V. Predosamta. 
" PiBTRo apoatolo, ric. 14, 25 1,. 
PZBTRO DB Crbscbnzz V. CroscomH P. 
'PzBTRO DZ BkiOKVLiK[Petrm2 Baioariat^ de Baise' 

ria, camonicms, magister scoiarmmi] doc mmtemt i eke io ri' 

cordamo (am. 12789 1283, 1284, 1286) XX, 4/-^ ,. 
'PzBTRO Dz Lbonb dz Albarbto acquiota ima penadi 

terra in Albareto (an. 1160) XIX, 21-349. 
'PzBTRO Dz PiBTRO DA MoDBNA chieHco, aoquiita unt 

terra in Pradella, XX, 3-4 „. 
Pzo GuzDO V. Giovamni di Boemtia. 
PzscAROLA V. Pescaroia. 
P18TOZA (czTTADZNZ NOTBVoLz) V. LaxMori LaMMaTO de 

Rustickeiii. 

— (podbstX) V. Cacdanemtici Aiberto (am. 1270). 
"PZUMAZZO, sua difesa (an. 1239), 19, eS 9* 
PONTZFZCALB DI AONBLLO 9. Agmoiio. 



" Pradella, terra pr. Modena, XX, 4 „, 

Prando 7. Afaria de Prando% 

Prbdasanta V. Guidone da P^, Pagano da P. 

'Prbsulz Mblchiorrb [Melchior de Pr^uU] giudice d. 

com. di Modena ric, X, 9 „, 
Prxmo (san), ric, 5, iba, 16-18^. 

^Raina nome di persona sottoscritta neli'atto d. Fra- 

ternita d. duomo di Modena ed. nell' App. III, 17| 21 „, 
'Rainbro, 17, 13 e 16; nomi di altrettante persone che 

hanno sottoscritto l'atto d, Fratemita d, duomo di 

Modena ed. nell'App. III „. 
Rainibro db' • Monaldbschi V, Monald0scki Monaido, 
^Ranbi(I) ieitura errata d, Bortoiotti fer Rangoni, 

iP, 40 n\ V» Rangoni Jacopino, 
^Ranooni, ms. a Vienna, XIII, li „, 
* Ranooni Jacopino \Jacobinu9 Rangoni\ pod. di Mo- 

dena (an. 1269), 1% 13-U, 40 „, 
Ravbnna (chibsa di) V, Chiesa ravennate. 

— (podbstX) V* Caccianemici Alberto {an, 124^). 

— VESCOVi) V, Girardo arciv, {an, 1184), 
^Rbgbnza nome di persona sottoscritta nell'atto d. Fra- 

ternita d. duomo di Modena ed. nell^App. III, 17» 21 „, 
^ Rbgbza nome di persona sottoscritta nell'atto d. Fra- 

ternita d. duomo di Modena ed. nell'App. III, 17, 19 „, 
^Rbggio d'Emilia (archivio di Stato) documenti cit,, 

i^, S^'SS n"} V, Costanxa (pace dt), 

— (podbstX) V, Giovanni da Pescaroia {an, 1276), 

— (vBSCOvi) V, Bonsignore {an, 1106), Aiberico {an, 1184). 
RsLATio siVB dbscriptio de innovatione ecciesiae sancti 

Geminiani mutinensis presulis ac de trasiaiione vel rtf- 
veiatione seu etiam consecratione eius beatissimi cor^ 
^oris (an. 1099-1106) testo secondo la cronaca d. 
Tassoni, 3-8 a; secondo 11 cod. capitolare, 3-8 d; 
^ sua importanza storica, VII, 1-11 ,, : '^ ne h autore 
un testimone oculare d. fatti, 12-16 ,,; ^necessit^ di 
studiarne criticamente 11 contenuto e la forma, in 
confronto coi documenti contemporanei, 33- VIII, 19 „\ 
^ l'autore d. Reiatio h anche autore di alcune iscri- 
zioni d. duonio, 16 ^,; ^ ed. d, Reiatio, 20-IX, 6 ^; ''de- 
scrizione ed esame d. codd. che la contengono, 10- 
XIV, 13;,; "versione d. Relatio, XIII, 1-3^; « vi 
sono due redazioni d. Reiatio, XIV, 4-8 „\ * d. rap- 
porti che esistono fra le due redazioni, XIV, 8 sgg. „ ; 
* confronto fra 11 suo prologo e quello d. Vita, XVI9 
13-25 „ ; ^ Tautore d. Reiatio h Temendatore d. Vita 
pj6 estesa, XVIII, 1-16;,; " e probabllmente h un 
vesc. di Modena, 27 -XIX, 8;,; ''il testo origlnario h 
attribuito al canonlco Aimone, XIX, 12-14 j,. 

'Rbstano nome di persona sottoscritta nell'atto d. Fra- 
ternita d.duomo di Modena ed.nell'App. III, 17, 12 ^. 

RlCADONA V, Marchesino da R, 

'RiCHiLDA, 17, 19, 20; nomi di due persone che hanno 
sottoscritto l'atto d. Fraternita d. duomo di Mo- 
dena ed. neil'App. III „, 

* RlUTRUDA nome di persona sottoscrltta nell'atto d. Fra- 

ternita d. duomo di Modena ed. nelPApp. III, 17, 19 ^. 

* RoDOLFO [Rodui/uus magiscoia] ric, in documenti {an, 

I2J2\ XX, s8„. 



RoGBRJs (db) V, Ruggeri, 

^ RuGGERi Antonio [Antontus de Rogerjs] di Parma 

pod. di Modena (an. laSo), 20, 10-11, Mi'ta„, 
^ RoLANDO nome di persona sottoscritta neli'atto d. Fra- 

ternitad. duomo di Modena ed. neli'App. m, 17, 9;,; 

V* Roiandino. 
RoLANDiNO [Roiandus] v, Baiamonti R, 
^RoMA (cronache) Cronaca romana sino ai 

^S^S* »»*• ^» bibiioteca deiV Universith di Boiogna, 

XIII, i8„. 
^RoMANi, cit. nel canto d. scolte, 11, 24;,. 
RoMANO V, Annaies Veronenses, 
^ RoMAGNA [Romandioia] 1 suoi rettori assistono alla 

consacrazione d. duomo di Modena (an. 1184), 14, 

18 ; Marchesino da Ricadona tenta ^acijicarla {an, 1234)'* 

i9, sg^so p, 
RoMANDlOLA V, Romagna, 
RoMBNGARDUS V, Lanfranco architetto, 
RoMULBA ARX V, Cam^idogHo. 
^Ronchorb (Bondbno db), luogo dove sarebbe morta 

Matilde dl Canossa, XXIV, 13 ;,. 
RusTiCHBLLi V. Lazzari Lazzaro, * 
^ RusTico nome di persona sottoscritta nell'atto d. Fra- 

temita d. duomo di Modenaed. neli'App. III, 17, 9;,. 

"Salvatorb (san), capelia eretta in suo onore {an, 
88/)j 12, aa „, 

* Samaritani Lambbrtino [Lambertinus de Samaritana] 

di Boiogna, fod, di Modena {an, 12 34)^ 19^ S8; «a/. 

d, /(?/. a Forii {an. 12^6)^ 38-39; pod. di Modena 

(an. 1368), 19, 11-12;,. 
''Sardica (concilio Di) (an. 348) ric, XXI, 15 j^. 
Savignano [Saviniano] v, Aiberto da S,, Bestiatio da S,^ 

Giovanni da S,, Oderico da S», Visconte da S, 
*^ ScovATORi [Scovatores de Bononia] di Boiogna, olTrono 

un palio a san Geminiano (an. 1260), 23 „, 

* ScuRTA Di PoRTA [Scurta de Porta] di Parma, pod. dj 

Modena (an. 1261), 18, 24; e di nuovo (an. 1271) 
19, 15; iS, 4i'42\ vicario d, re di Sidiia a Firenxt 
{an^ 1278) e pod, di Lodi {an, 1281), 49^45 n* 
^ Sbgnorbto nome di persona sottoscritta nell'atto d 
Fraternita d. duomo di Modena ed. nell'App. III 

17, 16;,. 

Sbvbro (san) arciv. di Ravenna, depone nella tombf 
il corpo di san Geminiano, 3, 25-4, 5 ; ' XT, 29-30 ;, 
«suaandataa Modena, XI, 29 e XXI, 15-17;,; *^ do- 
cumento d, IS02, speciante ai suo cuito, IX, to-is „. 

^SlciLiA (rb di) [Cario I d^Angib] manda Scurta di 
Porta suo vicario a Firenze {an, /278), 18^ 4Z »• 

S1G190 V, Sizizo. 

* SiGONio Carlo storico, ebbe nn cod, di G, M, Barbiert 

XIV, iS'fS', trae in errore 11 MabUlon, XXIV, 6-7 
cit., 15, ag „, 
'SiNONB [Synon] cit. nel canto d. scolte, 11, 8 ,,. 

* Sizizo [Sizico, Sigizo] magister scoiarum, documenti ch 

io riguardano {an. iiSo), XX, 4, /»• 
SociBTAS Anglorum V, Angiorum Societas, 

* Spaccini Giovan Battista cronista modenese e ama 

nuense d. Reiatio, XIII, 20-22 ;,. 



*9tbfako [Sitfi4Mo] nome di pertona tottotcritU nel- 
l'atto d. Fraternita d. duomo di Modena td. nell*App* 
UI, 17, 15,. 

Stefaxo db' Monaloksciii t>. Momald» dt^ MomaldtMcku 

STBPRAiro 9* Siefamc. 

'^SuDARZo, ric, 2By sj'^»* 

' SusAiTNA nome di pertona tottotcritta nell'atto d. Fra- 
temita d. duomo di Modena ed. nelPApp. III, 47, 31 ,. 

Synon V, Sinome. 

"Tanfrkda nome di pcrsona sottoscritta nell'atto d. 

Fraternlta d. duomo di Modena ed. nell'App. III, 

17, 10 .. 
'^Tasso ToRquATO /<v/a eH.f 23^ i^ms »• 
Tassonx Albssanoro sbnzorb cronista, Reiaiio, quale 

si legge nella sua cronaca, 3a-8a,* 'autografo ed 

edizione d. suoi Ammaits veL mmiim,, XI, 13 ^; 'copia 

dell'autografo, XII, 1-6 ,,; 'ci conserva la pl& antica 

ed. d. Relatio, XV, I8.:5; XVI, 15; XVII, 17-XIX, 13 -, 

XXII, ^ „\ " motizie eke vi $i leggono, d, /-/j; riporta 

P iscrizione suiia consacraxione #/• t/momo, 14^ *^^4w 
" Tassonz Albssandro cantore d. Seechia, XI, 30,,. 
'^ Tbbaldo card. \Tehaidms hosHemsis e^i$eofus cmrd,\ ac- 

compagna Lucio III a Modena (an. 1184), 14, 10 «. 
"Tbbbroa nome dl peniona sottoscrltta nell'atto d. 

Fraternita d. duomo di Modena ed. nelPApp. III, 

17, 32 ^. 
^Tbodzno card. \Tkcodimms ^rtuemsis efiscofms card.] 

accompagna Lucio III a Modena (an. 1184), 14, 10 ^. 
Tbodoro (card. dz San) V. ArdisMome cardimaie («■• /184)' 
'Tbthblbbroa nome di pertona sottoscritta neli'atto 

d. Fraternita d. duomo dl Modena ed. ne]l'App. III, 

17, 20^. 
' Tbuza nome di persona sottoscritta nell*atto d. Fra- 

temita d. duomodi Modena ed. nell'App. III, 17, 19;,. 
Thbodorus V. Teodoro. 
Thbooznus V. Teodimo. 
" T z R A B o s c II z Girolamo, smoi errori correiH, 14^07' 

4o\ cit., XIII, Mi'ss; 12, se; 15, /; 17, s8\ 19, ss «• 
ToDZ (podbstX) 9. Cacciamemuci Aiberto (am. TMJi). 



'TvviCAfMmomsomeisor, XII-XIV, 22, 19-09 ; 2B, SfSS r 

* Ubau>zno massaro d. Fabbrica di san Geminiano fascri- 

▼ere nel 1957 il cod. d. Priviiegim, IX, st-JO;,. 
'Ubbrto card* \Uhertms SmmeH LttmremHi im Dasmoss 
froMbiter card.] accompagna Lucio IH a Modent 

(an. iz84)i 1*» "j». 
" Ugo nome dl persona sottoscrltta neiratto d. Frater- 

nita d« duomo dl Modena ed. nelPApp. IH, 17, 13«. 
"Uoo DZ Cluny ahaio, 23, m7'So„. 
Uoolino V. Lam^hertimi U. 
Unobrz r. Umgkeri. 
''Unohbri [ Umgeri] ric. in mm eanmo mtodomese d. sec X, 

12, S9, 7M„. 

Unni V, Umgheri. 
Urbs vbtus r. Orxneto. 

" Ursa, corretiome dm farsi nei Hecroiogio m t od eat s e 
im immgo di VmimiMa, 17, «0 ,. 

* Urso nome di persona sottoscritta nell'atto d. Frater- 

nita d. duomo di Modena ed. nell'App. ni, 17, 17,. 

* Varbsani ed. di una Vita di sam Gemimiamo (an. 1581), 

XII, 8-9, i'4 »' 
Vbrona V. Ammaies veronemses. 

** Vbrzca [Hakriem] iorra d Frigmamo, 12, m^-es w 
"ViscoNTB DA S AVZGNANO [ Vicocomes de Savimiaao\ 

motitie gemeaiogicke, 15, i „• 
" ViBNNA (bibuotbca) ms. RAugoni n. 6z8o cit., XIH, 25 ,. 
VuALZMBBR(}A V. GumHmherga, 
Vualbbrto r. Gma&erto* 
VuALTBRZO V. Gmoiterio. 
VuARZMBALDO V. Gmarimthoido. 
VuARZNUS V. Gmarimo voseovo, 
VuzNBSA 9. Gmimesa. 
VuZNBVZSO V» GmimoviMO. 
VuzNiSA T». Uroa, 

WzLiOBLMUS V» GugHelmo Mcuitore. 

^ Zb8A \iocuM f«f#] in ▼illa Albareto, XIX, 23 ^. 



INDICE CRONOLOGICO 



N 



" 348 - Concllio di Sardica, XXI, 15-16 ,. 

349 - t di san Geminiano e sua sepoltura nella catte- 
drale di Modena preesistente all*attuale, 3, 10- 
Ua; *'dopo il concilio di Sardica (an. 348), 
san Severo muove alla volta di Modena per 
presenziare ai funerali di san Geminiano, XXI, 

15-17 ;,. 

[367 giugno 24 - / Gueifi di Modena tolgono ai Ghi- 
bellini il borgo di Citianova fr, Modena, 3, ^-9] ; 
V. 13^7 gi^g^o 24. 

*'759 - Affartiene a quest*anno un^ iscrizione, che legge^ 
vasi nella torre di Modena e che ora invano si 
ricerca, nella quale h parola di //«'opus costruito 
a tomfo di Desiderio, 15^ 27-36 „. [Quesf^/ifj po- 
trebbe essere una torre preesistente alPattuale 
e sulla quale la Ghirlandina fu forse costruita, 
ovvero anche, con maggiore probabilit^, qualche 
altro ediiizio, la cui lapide concernente la sua 
fondazlone, sia stata impiegata, con altro antico 
materiale, alla costruzione della Ghirlandina]. 

^ 881 luglio 26 - FondazionM di una cafella in ''habrica „ 
in onore di santa Maria, di san Saivatore e di 
san Giovanni, 12y '7^43 n- 

* ^ 892 - Data d» comfosizione, secondo il Traube, d, canto 
d, scolte modenesi, 11, n. / „» 

*' 900-924 - Data d, comfosizione, secondo ii Muratori 
e aitri, d, canto d» scoite modenesi, 11, n, i, 

' Sec. X - Documento riguardante V illuminazione del- 
l'antica cattedrale modenese, preesistente all'at- 
tuale e contenente Tarca, ove riposava il corpo 
di san Geminiano, 17-18; i7, *'S ^. 

** Sec. X. ' li vesc, di Modena, come anche aiiri vesc», 1«- 
comindano a fortare neiia Chiesa queiia severa 
austerith che verrh foi frofugnata da Grego- 
rio VII, 16 y 20^28 „, 

^ Sec. X - Si rinviene il corpo di san Genesio vesc. di 
Brescello, 24, 4-9^. 

^ 1071-1293 - Instrumentorum eoiiectio ab an. 1071 ad 
i2gs conservata nelParchivio capitolare di Mo- 
dena, XIX, 18-19 „, 

1085-1099 - / cittadini di Modena trovano che Vantica 
cattedraie l trofpo ficcoia, XVIII, is-^J* 

1099 - I Modenesi pensano di fondare una nuova cat 



tedrale e ne affidano la costruzione a Lanfranco, 

4, 42-47; *f XXIII, 12-13^. 

1099 maggio' 23 - Si incominciano a scavare le fossa 
per le fondamenta d. nuovo duomo di Modena, 

5, 1-13; *XII, 19-31,,. 

1099 giugno 9 - Si cominciano a costruire le fonda- 
menta d. duomo di Modena, 5, 14-23; ^XII, 21- 
22;,; «13, 5-10^; «14, 1-3«. 

«1106 - Atto di cessione fatto dalla Ch. di Modena di 
alcune terre in ioco fradae, XX, 19-21 „, 

1106 aprile 30 - Avanzati i lavori d. nuovo duomo di 
Modena, vi si trasporta il corpo di san Gemi- 
niano, presente la conteasa Matilde, 6, 1-7, 2; 
« XII, 23-24 „; « XXIII, 10-12, 16-17 « ; «22, 64-66 „, 

1106 Ottobre - Pasquale n va a Modena e con lui h la 
contessa Matilde di Canossa e si delibera di 
aprire l'arca che racchiude il corpo di san Ge- 
miniano, 7, 19-8, 37; « XXm, 18-23 ,,. 

1106 ottobre 8 - Pasquale II consacra l*altare di san 
Geminiano, 8, 37-47 ; « XH, 24-25 „ ; « XXm, 18-25, 

29-37 ;,. 

«1106 Ottobre 22 - Pasquale II intervlene al Sinodo 
di Guastalla, XXIII, 36-37 „, 

«1106 - Pasquale II va a Parma, vi consacra la chiesa 
dedicata alla Vergine e vi lascia vesc. il card. 
Bernardo, XXIII, 38-XXIV, 7 „, 

«1106 - Forse in questo medesimo anno si mette mano 
all'erezione d. torre detta d. Ghirlandina. Ci6 
pare si debba desumere da una lapide, che si 
legge tuttora sotto la cornice che divide U se- 
condo dal terzo piano, 15, 12 ;,. 

«1110 febbraio 28 - Atto di cessione fatto da Almone 
canonico, Alberto, Guido, Maurizio e Giovanni 
prete di un territorio in Villa Albareto ad Al- 
legretto, Pietro, Giovanni, Mastino di Leone 
d'Albareto, XX, 22-24 „. 

«1110 settembre - Atto di cessione fatto dairarcidia- 
cono Alberto e dal preposto Guido ad Aimone 
magister schoiarum d. Ch. di Modena a Pietro di 
Pietro di una terra in Pradella, XIX, 24-XX, 4 „, 

«1109 - Spetta a quest*anno 11 primo documento riguar- 
dante Aimone, canonico e magiscoia, XIX, 27 „, 

«1115 - t Matiide di Canossa, 23, i-j „, 



di Modena^ XXt s% i w 
1171 ottobre 26 • Aib^rto magister •coUnim d, Ck, di 
Modemaf XX» lo. 

1182 nuuxo 27 - Albtrto magUter tcoUnim d, Ck. di 

ModoMOf XX, la. 

1183 Ottobre 21 - Aiborto magitter tcoUrum d. Ck. di 

Modonaf XX, i4'is »• 
'1184 luglio 12 - Consacraiione d. duomo di Mode- 
na, gU terminato, per pp. Luclo III, 14, f*a9, 

" 1184 iuglio 14 - Ludo m parte da Modena e ra a 

Carpi, 14, M 23, 3S'4i »• 
«^ 1184 luglio 15 - iMdo III comoaera la Ck di Cmr/i, 

14, ^-#/9. 
'1190 maggio 31 - Alborto magister •colarum d. Ck. 

di Modoua, XX, 16-17 „. 
'1197 marzo 20 - Aiborto magister acoiarum d. Ck. 

di Modona, XX, 18». 
" 1198 marso 7 - Aiborto, Gorardo, MoHaiiam magl- 

stri scolanim d, Ck. di Modoma, XX, /9-«/ »• 
' 1199 novembre 21 - Alborto magUter tcolarum d. 

Ck. di Modoma, XX, aa ». 
' 1200 - Arloto magister tcolarum d. Ck. di Modona, 

XX, 03 »• 
'1203 Ottobre 13 - Mesiuilami magUter acoUrum d. 

Ck. di Modona, XX, a? ». 
' 1212 ottobre 10 - Rodoljo magUter acoUrum d. Ck. 

di Modona, XX, ai-Mq ». 
' 1214 giugno 6 - MoumUani magister tcoUrum d. Ck. 

di Modema, XX, 30-31 ,. 
' 1214 settembre 13 - Menmiiam magiater •coUrum 

d. Ck. di Modoma, XX, ja. 
' 1220 agOStO - MoMimiiani, Girardo, Giovamni, Pam- 

doeamt/i nuUEittii scoiarum d. Ck. di Modoma, 

XX, 04-a6 f,. 
' 1223 nuuxo 6 - Momimliami magister acoUrum d. Ck. 

di Modoma, XX, 34-3S» 

' 1227 dicembre 13 - Aibertimo magUter tcoUrum d. 

Ck. di Modema, XX, 36. 
' 1230 lugiio 10 - Aiberto magitter acoUrum d. Ck. 

di Modoma, XX, si »- 
' 1231 lugUo 11 - Aiberto magister tcoUrum d. Ck. 

di Modoma, XX, 30 »> 
' 1233 settembre 11 - Aiborto magister sooUrum d. 

Ck. di Modema, XX, 40. 
' 1239 - PimnmazMo difeaa dai BoiogmoU comiro i Modo- 

mesi e Fedorico II, 19, 4i'43 »• 
' 1249 - Aiborto Cacciamemid /od. di Ravomma, 19, i ,. 
' 1251 - Alberio CacdamowUci fod. di Todi, 19, j. 
' 1252 - JVicoib BaceiUeri pod, di Modoma per ia /arto 

degii Aigomi, 19, 43-44 ». 
'1252 - Aiberto CacciamemUci pod. di Miiamo, 19, 3-4 n- 
' 1254 - Lambertimo Sanuiritami pod. di Modoma, 19, j««. 
' 1254 agOSto 6 - Alborto Caeciamemud com Fabro Lam- 

bertazsi % nomimato fod. di Modoma, 19, S-b „, 
'1254 - Marekesimo da Ricadona oi adopora a fadficare 

ia Romagma, 19, 08-30 „. 
' 1255 - Ceaoa ia podeoteria di Aiborto Cacdamemici e 

di Fabro Lambertazxi in Modoma, 19, b^ ». 



'1257 

'1258 
'1258 

'1259 
'1260 
'1261 
'1262 
'1263 
'1263 
M264 

'1264 
'12j5 
'1266 

•1267 

'1268 

'1268 

'1268 

'1268 



'1269 
'1270 
•1270 

'1270 
'1271 



'1272 

'1273 

'1273 

'1274 
'1275 
'1275 

'1275 

'1276 

'1276 

'1276 

'1276 

'1277 



• n Mataaro Ubaldino £a acriTore il cod. iVW> 
iegim che contlene I doeumenti reUtiTi «lia lil>- 
brlca d. duomo dl Modena, IX, 27-30; ab^ Sr 

- Aiborto Cacdamomdd fod. di Jmtmia, 19, 7w 

- Ugolino Lambertinl e Arimondi di Bernifdo 
Carboneal, pod. dl Modena, 18, Hjp* 

- Guldo da Predasanta, pod. dl Modena, 18, so-ai,. 

- Pagano da Predaaanta, pod. dl Modena, 18,si^ 

- Scurta dl Porta, pod. di Modena, 18, u». 

- Aiberto CaccUnemici pod« di Imola, 19, 7 9. 

- GUcomo Baffoll pod. dl Modena, 19, l^. 

- t Gmido da Prodaaamia, 18, j6-j« „. 

- Monaido de' Monaldeaclil pod. dl Modena, 19, 

1-4». 

- Aiborto CaedamomUd fod. di Mamtova, 19, 1 r 

- Guidaclerlo Gailuui pod« di Modena, 19, s-*^ 

- Alberto CaccUnemlci pod. di Modena, 19, 
7-t, /Ojp. 

- Mareheaino da Rlcadona pod. dl Modena, 19, 
f-io,. 

• Mommido d^ Mommidoscki cap. d. ^op. ad Or- 
vieto, 19, mo-at ». 

- Marekedmo da Ricadoma, ^d. di Aloosamdrio, 

19, 31 ». 

- Lambertino Samaritani pod. di Modena, 19, 
11-13 ^ 

- U com. di Modena offre a San GomlnUno 11& 
baldacclilno preparato quando ai credeva ciie 
Carlo d*Angl6 doTeate paasare per Modena, 19, 
11-13; 18, 6-11 ». 

- lacopino Rangoni pod. dl Modena, 19, 13-14«. 

- Aiborto Caeeimmom$id /od. di Pistoia, 19, lo-ng. 

- Momaido de' Mommideseki caf. d. fof. a Fireif 
so, 19, oi-oj ^ 

- Mmrekosimo dm Ricadonm ^od. di lod, 19,30r 

- ScurU di Porta, pod. e Nicol6 Bacellieri c«p. 
d. pop. [o pod. Q)l in Modena, 19, is; 18, 41-4^* 
X, 10-14 9. 

- Andrea da Marano pod. e MalacrU cap. d. 
pop. in Modena, 19, 17-18 j,. 

- Guido da Montecucoli offre a San Geminiano 
un baldacchino, 19, 19-30 ,. 

- Ansaldo Lavandari pod. e Venetico Caccia- 
nemicl cap* d. pop. in Modena, 19, 30-31, oS-sor 

- Matteo Galiuui pod. di Modena, 19, 33-3a, 51 .. 

- Aiberto CacdanenUd fod. di Piacemsa, 19, i»r 

- Giovammi da Pescaroia eaf. d. fof. a Panma, 

- Foreae Adimari, pod di Modena, 19, 34-25, 

s^-ss »• 

- Lazzaro Lazzari dei Rustlcheilt pod. di Mo- 

dena, 19, 3*-37, ss-Sk „• 

- Giovammi da Pescaroia ^d. di Reggio, 20^ 

- Giovamm da Peaearola eaf. doiia Massa Gnei- 
fa a Firense, 20, 3'4 „' 

- Gregorio X offre un pallio a tan Geminiaoo. 

20, 1, j-6 ^. 

- Giorannl da PescaroU pod* di Modena, 20, 3-^ «, 



at Moaena, yL/L, 41 f,, 
' 1278 - Gerardo Martinelli pod. e Glliolo da Marano 

cap. d. pop* in Modena, 20, 6-7 ^y. 
• 1278 - Scuria di Porta, vicario d. f di Siciiia a Fi- 

renzcf 18^ 4^-43 »• 
" 1279 - Alberto Asinelli pod. dl Modena, 20, 8-9 ^. 
^ 1280 - Antonio Ruggeri pod. di Modena, 20, 10-11;,. 
^ 1281 - Scurta di Porta fod, di Lodi, 18, 42-43. 
^1281 - BeWilano Paci pod. di Modena, 20, 12-13 „• 
^ 1282 - Clerigaccio da Monselice pod. di Modena, 20, 

U-15 ;,. 

^ 1283 - Guidotto Arcidiaconi pod. e Guido da Cor- 
reggio cap. d. pop. a Modena, 20, 16-17; 18, 

11-24 ;,. 



^ 1286 - Pietro da Baioaria magister scolarum d, Ch, 

di Modena, XX, 46 „» 
1293 - Instrumeniorum collectio ah a, loyi ad lagj; v. 

loyi-iagis» 
* 1297 - Albcrto Caccianemid offre a Bonifado VIII 

Bologna, 19, /#-/6;^. 
^ 1307 febbraio 13 - Supplica delPard^rete d, duomo 

di Modena afavore d. custode d» ckiesa, 22, 23'2g„. 
^1331 aprile 23 - Privilegio di Giovanni re di Boemia 

a Guido Pio, XIV, 4-5 n* 
1367 giugno 24-7 Guelfi di Modena tolgono ai Ghi- 

hellini il horgo di Cittamova pr, Modena\ v» [36^9 

giugno 24], 3, iO"!». 



INDICE GENERALE 



PRBFAZIONI: 

iMTRODUzion dl GiuLio Bbrtoni pag. V 

Prsfaziokk dl L. A. Muratori ^, XXm 

RELATIO TRANSLATIONIS CORPORIS SANCTI GEMINIANI .... i 

I 

APPENDICI: 

L CaRMINA ICUTINBMSIA ••«• , II 

n. ISCRIZIONI ST7L DUOMO DI MODBNA 9 I3 

nL I. Pratbrnita modsnbsb pbr la illuminazionb dbl duomo prbbsi- 

STBNTB ALL*ATTUALB j, I7 

3. Offbrta annua di un palio a 8AN Gbminiano f, 18 

IV. NoTB SULLB miniaturb del codicb capitolarb {com du€ iavoie). 

INDICI : 

Indice alfabetico ,, 29 

Indice cronologico ,, 39 



Cominciato a stamfare nel marzo dclTanno 1907. 
Finito di stamfare ncl lugUo delVanno 1907. 



\ 



COMITA"' 



/~^ r^t r> < 



DrDTTM rTALICARUM SCRIPTORES 



1 , * ■** ' 



1 c> A T^ /^ n t 



.'i»'/.'i "'p r/L'5i 



lo/tJirr 



S. M. MAR^^i-irfT^v ni sAvni,; 



ConL G«njA MELZi tl^EK 



o\cx::lA-Mii.>jtai. 



ALBICINI insrcl.. 
DELU nobile G"ir>. . 

. Mrr.A-;,.. - ^ 



^ CaplliuiD BARTOLINI 1 



.SO 



H F:ez2c. ^^ i noa abboojui. DIECl LJKE S^ 







■ 


A FINE \S INCURREO IF THIS BOOK 15 
'SOT RETURNED TO THE UHRARY ON 
OR BEFORE THE LAST DATE STAMPED 
BCLOW. 


L 




' H37l?ff 
























K .— ' 




j 


i