Skip to main content

Full text of "Rivista di filologia e di istruzione classica"

See other formats


RIVISTA 



DI 



FILOLOGIA 



E DI 



ISTRUZIONE ) CLASSICA 



DIRETTORE 
ETTORE STAMPINI 



A. 2Sr I>T O Xll-il 




TORINO 
ERMANNO LOESCHER 

1913 



Torino — Vincenzo Bona, Tip. di S. M. e RR. Principi. 



INDICE GENERALE 

DEL VOLUME XLI (Anno 1913) 



Fasc. L 

Varia. II. — Carlo Oreste Zuretti ....... Pag. 1 

Latino e greco in America. — Emilio Bodrero ...... 14 

Arte e mimesi in Grecia. — Achille Cosattini ,33 

Sopra il termine estremo della storia di Posidonio di Apamea. — Emilio 

Pozzi ,58 

Un capitolo di Tacito sul fato {Annali, VI, 22 >. — Carlo Pascal . , 68 
Sul Ludus de morte Claudii. — Vincenzo Ussani . . . ,74 

'EnavoQ&cùzéa koI ènavoQ&ibfAata. I. Note e questioni Bacchilidee. — 

Umberto Mancuso ........... 81 

Sulla composizione del libro I di Lucrezio. — Umberto Moricca . , 106 
Epimetro a Lucrezio II 801 sgg. — Ettore Bignone . . . . , 121 

1861-1911. Casa Editrice Ermanno Loescher (Ved. Loescher) Torino. — 

La Direzione ............ 123 

Recensioni: Arth. S. Hunt, The Oxyrhynchus Papyri. Part. IX. — 

Giuseppe Fraccaroli .......... 124 

Irene Nye, Sentence Connection illustrated chiefly from Livy. 

— Achille Beltrami ......... , 128 

— — I. The Language in american education. II. Reform in grammatical 

nomenclature (From the proceedings of the Michigan Schoolmasters' 
Club). — W. Windelband, Geschichte der antiken Philosophie. 

— Philostratus. In honour of Apollonius of Tyana. Translated by 

I. S. P h i I i m r e. — Emilio Bodrero ...... 130 

— — Fr. Guglielmino, Arte e artifizio nel dramma greco. — 

E. Kornemann und P. M. Meyer, Griechische Papyri. Band I, 
Heft 3. — Ni e. Terzaghi, L'educazione in Grecia. — Domenico 
Bassi ,136 

— — J. L. Heiberg, Pauli Aeginetae libri tertii interpretatio latina 

antiqua. — Fr. Egleston Robbins, The Hexaemeral Litera- 
ture. — Dietrich Mùlder, Die liias und ihre Quellen. — 
J. E. Weiss-Liebersdorf, Sancti Diadochi Episcopi Photi- 
censis De perfectione spirituali. — Achille Cosattini . . , 140 

Ed. Hermann, Die Nebensatze in den griechischen Dialektin- 

schriften. — Ed. Stemplinger, Das Plagiat in der griechischen 
Literatur. — Carlo Oreste Zuretti ....... 147 

— — C. Zander, Eurythmia vel compositio i-ythmica prosae antiquae : 

I. Eurythmia Demosthenis. — G. Attilio Piovano . . . , 152 

— — Delos. Exploration Archéologique. — A. Furtwaengler und 

H. L. U r 1 i e h s , Denkmàler griechischer und romischer Skulptur. 

— Bruckmanns Wandbilder alter Plastik. Erlàuternde Texte. — 
Ad. Zippelius, Priene. — Giulio Emanuele Rizzo . . , 156 

(Euvres d' Borace. Satyres publiées par P. Lejay. — Massimo 

Lknchantin de Gubernatis . . . . . . . . ,160 



Note bibliografiche : P. S t e n g e 1 , Opferbràuche der Griechen ; A n t. 
Cassarà, I luoghi Esiodei intorno alla " creazione della donna , 
(Domenico Bassi). — AI2XIA0T APAMATA 2SìiZ0MENA x. x.À. 
èKÒLÒó^sva iìTiò N. Wecklein. Tó/^os tqItos ; E d w. C a p p s , Fours 
plays of Menander ; Maur. Croiset, Ménandre , L'arbitrage ; 
F. Warren Wright, Studies in Menander ; F. W. Schneide■win- 
A. Nauck-Ew. Bruhn, Sophokles. Konig Oedipus (Carlo Oreste 
ZuRETTi) ; A n s. Di Bella, La commedia di Menandro (X.), • Pag- 164 

Rassegna di pubblicazioni periodiche : Classical Philology. VII. 1912. 3 e 4. 

— The Classical Review. XXVI. 1912. 5 e 6. — The Classical Quarterly. 
VI. 1912. 3 e 4. — Harvard Studies in Classical Philology. XXIII. 
1912. — The American Journal of Philology. XXXIII. 1912. 2 e 3 (130 
e 131). — Revue de l'Instruction publique en Belgique. LV. 1912. 
3 e 4. — Le Musée Belge. XVI. 1912. 3. — Mnemosyne. XL. 1912. 

3 e 4. — Eranos. XL 1911. 3 e 4. XII. 1-4. — Domenico Bassi , 169 

Pubblicazioni ricevute dalla Direzione ........ 187 

Notizie necrologiche : Emilio Pozzi. Vigilio De Inama. — La Direzione „ 191 

Fasc. il 

L'officina dei Papiri Ercolanesi nella Biblioteca Nazionale di Napoli. 

Lettera aperta al Direttore della Rivista. — Domenico Bassi . Pag. 193 
Musica e poesia romana dalle origini ad Augusto. — Massimo Lenchantin 

DE Gxjbernatis ........... 202 

Di un luogo della vita Perenti in Donato (f Vallegius in actione ait). — 

Aurelio-Giuseppe Amatucci ........ j, 223 

Per la fortuna di Lucrezio e dell'epicureismo nel medio evo. — Ettore 

BlGNONE ............. 230 

Emendazione dAVHerahles di Euripide 495. — J. E. Harry . . , 263 
La formazione delle parole in Palladio Rutilio Tauro Emiliano. — 

Lorenzo Dalmasso ........... 264 

De Codice Cavensi inedito " Vitae Alexandri Magni , Leonis Archipresby- 

teri. Accedunt animadversiones criticae in editionem Landgraf. — 

Feanciscus Stabile ........... 281 

Di un luogo corrotto dell' " Octavius ,. — Pier Luigi Ciceri . , 291 

Sehema di un trattato di papirologia greca di testi letterari a proposito 

di una recente pubblicazione. — Domenico Bassi . . . „ 294 

Recensioni: P. Perrson, Beitràge zur indoge rmaniachen Wortforschung. 

— Oreste Nazari ........... 304 

— — Fr. Niccolai, Pier Vettori. — Remigio Sabbadini . . „ 316 

— — Cristina Tosato, Studio sulla grammatica e lingua delle 

XIX Declamazioni Maggiori Pseudoquintilianee. — Adolfo Gandiglio „ 318 

R. von Pohlmann, Geschichte der sozialen Frage und des 

Sozialismus in der antiken Welt. — Corrado Barbagallo . , 322 

— — H. Ehrlich, Untersuchungen iiber die Natur der griechischen 

Betonung. — Achille Cosattini . . . . . . . ^ 324 

— — E. Norden, Agnostos Theos. — I. Friediaender, Die Cha- 

dhirlegende und der Alexanderroman. — A. B. Drachmann, 
Diodor's Romische Annalen bis 302 a. Chr. — Arth. Ludwich, 
Musaios. Hero und Leandros. — Camillo Cessi . . . . „ 325 

P. L u n d e r s t e d t , De C. Maecenatis fragmentis. — F r i d. 

Lammert, De Hieronymo Donati discipulo. — Ettore Bignone „ 344 

D. Bassi, Mitologia Greca e Romana. — Carolina Lanzani „ 847 



Note bibliografiche : A r t b. Rosenberg, Untersucbungen zur ròmischen 
Zenturienverfassung ; Ernst Rei singer, Kretische Vasenmalerei ; 
S. E. Stout, The Governors of Moesia (Vincenzo Costanzi). — Ed. 
Meyer, Histoire de l'antiquité 1 (Emilio Bodrero). — R. Reit- 
zen Stein, Das Milrchen von Amor und Psycbe bei Apuleius ; 
A n t. Gas sarà, Platone. Ione. Traduz. ; Io. Sajdak, De codi- 
cibus graecis in Monte Casino ; Rob. Friderici, De librorum 
antiquorum capitum divisione (Domenico Bassi). — Otm. Schissel 
von Fleschenberg, Novellenkranze Lukians ; G i o v. Capo- 
villa, Aeschylea ; J o s. Edw. Harry, Studies in Sophocles (Carlo 
Oreste Zuretti). — Georg. Goetz, M. Terenti Varronis Rerum 
rust. libri; Alfr. Klotz, P. Papini Stati Silvae ; Car. Hosius, 
Sex. Propertii Eleg. ; W i 1. P. M u s t a r d , The eclogues of Baptista 
Mantuanus (M. L.) Pag. 350 

Rassegna di pubblicazioni periodiche : Transactions and Proceedings of the 
American Philological Association. XLII. 1911. — The Classical Quar- 
terly. VII. 1913. 1. — The Classical Review. XXVI. 1912. 7 e 8. XXVII. 
1913. 1. — The American Journal of Philology. XXXIII. 1912. 4(132). 
Classical Philology. Vili. 1913. 1. — Byzantinische Zeitschrift. XXI. 
1912. 1-4- — Revue des études anciennes. XIV. 1912. 4. — Le Musée 
Belge. XVI. 1912. 4. — Mnemosyne. XLI. 1913. 1. — Revue de l'In- 
struction publique en Belgique. LV. 1912. 5 e 6. — Bulletin de cor- 
respondance hellénique. XXXVI. 1912. 1-4. — Domenico Bassi . „ 359 

Pubblicazioni ricevute dalla Direzione ....-..„ 376 



Fasc. III. 

L'epitafio di Allia Potestas. — Massimo Lenchantin de Gubernatis . Pag. 385 
La formazione delle parole in Palladio Rutilio Tauro Emiliano {Continua- 
zione e fine). — Lorenzo Dalmasso ....... 401 

La lettera di Donato a L. Munazio. — Remigio Sabbadini . . , 425 
Papiri Ercolanesi disegnati. — Domenico Bassi ...... 427 

Orazio, Od. I 27, 19: " Quanta laborahas Charybdi ^. — Pietro Rasi „ 465 
Arturo Graf. — E. S ,468 

Recensioni : Otto Rossbach, Castrogiovanni, das alte Henna in Si- 
zilien. — Matt. Gelzer, Die Nobilitàt der ròmischen Republik. — 
Georg Wissowa, Religion und Kultus der Romer. — Carolina 
Lanzani ............. 469 

— — Thomas Stangl, Ciceronis Orationum Scholiastae. Volumen II. 
— Sigfr. Lindstam, Georgii Lacapeni Epistolae X priores. — 
Ein. Lofstedt, Philologischer Kommentar zur Peregrinatio 
Aetheriae. — Concetto Marchesi ....... 474 

— — Barth. Nogara, Bibliothecae Apostolicae Vaticanae Codices 

manuscripti recensiti. Codices Vaticani latini. Tomus III. — Michele 
Cerrati ............. 480 

— — René Pichon, Les sources de Lucain. — Herm. Peter, 

Wahrheit und Kunst, Geschichtschreibung und Plagiat im klassischen 
Altertum. — A. Gercke-E. Norden, Einleitung in die Alter- 
turaswissenschaft. I Band. Zweite Auflage. — Massimo Lenchantin de 
Gubernatis ........... ^ 485 

— — C. Pascal, Le credenze d'oltretomba nelle opere letterarie del- 

l'antichità classica. — Domenico Bassi ....... 492 



Note bibliografiche: P. C a u e r , Grammatica militans ; The classical papers 

of Mortimer Lamson Earle with a memoir (Domenico Bassi) Pag. 496 

Rassegna di pubblicazioni periodiche : The Classical Re vie w. XXVII. 1913. 2. 
— The Classical Quarterly. VII. 1913. 2. — The American Journal of 
Philology. XXXIV. 1913. 1 (133). — The Journal of Philology. XXXII. 
1913. 64. - Le Musée Belge. XVII. 1913. 1. — Revue de l'Instruction 
publique en Belgique. LVI. 1913. 1. — Revue des études anciennes. 
XV. 1913. 1 e 2. — Mnemosyne. XLI. 1913. 2. — Domenico Bassi , 498 

Pubblicazioni ricevute dalla Direzione ........ 508 



Fasc. IV. 

Spirito giudaico e specialmente essenico della Silloge Pseudofocilidea. — 

Arnaldo Beltrami .......... Pag. 513 

Un nuovo codice delle Epistole morali di Seneca. — Achille Beltrami „ 549 
Per la critica di Asconio. — Augusto Mancini ...... 579 

Ortografia e Morfologia. — Luigi Valmaggi ...... 587 

Il capitolo De Nilo fliimine nel De natura rerum di Isidoro. — Pier 

Luigi Ciceri ........... ^ 601 

Recensioni: Vigilio Inama, Omero nell'età Micenea. — E. Belzner, 
Die Komposition der Odyssee. — Ad. Roemer, Aristarchs Athetesen 
in der Homerkritik. — Em. Thomas, Studien zur lateinischen und 
griechischen Sprachgeschichte. — Curt. Wachsmuth et 0. Hense, 
Ioannis Stobaei Anthologium, Voi. V. — Carlo Oreste Zuretti „ 608 

— — A. G. Amatucci, Storia della letteratura romana. I Dalle ori- 

gini all'Età ciceroniana. — M. Lenchantin De Gubernatis, 
Appunti sull'ellenismo nella poesia arcaica latina. — Achille Beltrami , 615 
Wilh. Schonack, Der Horaz-Unterricht. — Concetto Marchesi „ 619 

— — Cam. Cessi, La poesia ellenistica. — G. Attilio Piovano . „ 620 

Note bibliografiche: Arth. Ludwich, Apolinarii Metaphrasis Psalmo- 
rum ; Guil. Gemoll, Xenophontis Institutio Cyri, Ed. maior, Ed. 
minor (Achille Cosattini). — Th. Zielinski, Cicero im Wandel 
der Jahrhunderte (M. L.) ,622 

Rassegna di pubblicazioni periodiche : Classical Philology. Vili. 1913. 2. — 
The Classical Review. XXVII. 1913. 3-5. - Mnemosyne. XLI. 1913. 3. 
— Le Musée Belge. XVII. 1913. 2 e 3. — Revue des études anciennes. 
XV. 1913. 3. - Domenico Bassi 624 

Pubblicazioni ricevute dalla Direzione ........ 635 

Cenno necrologico ............ 640 



ELENCO DEI COLLABORATORI 



Dr. Aurelio-Giuseppe Amatucci, Professore di Lettere greche e latine nel 
R. Liceo Vittorio Emanuele, e Libero Docente di Letteratura latina 
nella R. Università di Napoli. 

„ Corrado Babbaqallo, Professore di Storia nel R. Istituto tecnico Carlo 
Cattaneo di Milano, e Libero Docente di Antichità greche e romane 
nella R. Università di Roma. 

„ Domenico Bassi, Bibliotecario Direttore dell'Officina dei Papiri Ercolanesi 
presso la Biblioteca Nazionale di Napoli. 

, Achille Beltrami, Professore straordinario di Letteratura latina nella 
R. Università di Messina. 

, Arnaldo Beltrami, Professore di Lettere greche e latine nel R. Liceo 
Galvani, e Libero Docente di Letteratura greca nella R. Università di 
Bologna. 

, Ettore BiGNONE, Professore di Lettere greche e latine nel R. Liceo Ales- 
sandro Manzoni di Milano. 

, Emilio BoDHERO, Roma. 

„ Michele Cerrati, Scrittore della Biblioteca Vaticana, Roma. 

, Camillo Cessi, Professore ordinario di Letteratura greca nella R. Univer- 
sità di Catania. 

, Pier Luigi Ciceri, Professore nel R. Ginnasio Superiore Giulio di Alcamo. 

, Achille CosATTiNi, Professore di Lettere greche e latine nel R. Liceo 
Torquato Tasso, e Libero Docente di Letteratura greca nella R. Uni- 
versità di Roma. 

, Vincenzo Costanzi, Professore ordinario di Storia antica nella R. Università 
di Pisa. 

, Lorenzo Dalmasso, Professore di Lettere greche e latine nel R. Liceo 
Mario Pagano di Campobasso. 

, Giuseppe Fraccaboli, Milano. 

, Adolfo Gandiglio, Professore nel R. Ginnasio Superiore Guido Nolfi di Fano. 

, J. E, Harry, Professore di Greco, e Decano di The Graduate School, Uni- 
versità di Cincinnati. 

, Carolina Lanzani, Professoressa nel R. Ginnasio Giuseppe Parini di Milano, 
e Libera Docente di Storia antica nella R. Università di Pavia. 



Dr. Massimo Lenchantin De Gubernatis, Professore nel R. Ginnasio Superiore 
Camillo Cavour, e Libero Docente di Letteratura latina nella R. Uni- 
versità di Torino. 

, Augusto Mancini, Professore ordinario di Grammatica greca e latina nella 
R. Università di Pisa. 

, Umberto Mancuso, Professore nel R. Ginnasio Giuseppe Parini di Milano. 

, Concetto Marchesi, Professore di Lettere greche e latine nel R. Liceo 
Galileo Galilei di Pisa. 

, Umberto Moricca, Biblioteca Nazionale Vittorio Emanuele di Roma. 

„ Oreste Nazari, Professore ordinario di Sanscrito;, e Incaricato di Storia 
comparata delle Lingue classiche e neo-latine nella R. Università di 
Palermo. 

, Carlo Pascal, Professore ordinario di Letteratura latina nella R. Università 
di Pavia. 

, Giuliano Attilio Piovano, Professore nel R. Ginnasio Superiore Vittorio 
Emanuele di Aosta. 

„ t Emilio Pozzi, Roma. 

, Pietro Rasi, Professore ordinario di Grammatica greca e latina nella 
R. Università di Padova. 

„ Giulio Emanuele Rizzo, Professore ordinario di Archeologia nella R. Uni- 
versità di Torino. 

, Remigio Sabbadini, Professore ordinario di Letteratura latina nella R. Ac- 
cademia scientifico-letteraria di Milano. 

„ Francesco Stabile, Professore di Lettere greche e latine nel Liceo pareg- 
giato di Cava dei Tirreni (Salerno). 

, Ettore Stampini, Professore ordinario di Letteratura latina nella R. Uni- 
versità di Torino. 

, Vincenzo Ussani, Professore ordinario di Letteratura latina nella R. Univer- 
sità di Palermo. 

, Luigi Valmaggi, Professore ordinario di Grammatica greca e latina nella 
R. Università di Torino. 

, Carlo Oreste Zuretti, Professore ordinario di Letteratura greca nella 
R. Università di Palermo. 



VARIA. — II. 

{Vd. voi. XXXIV (1906), p. 13 sgg.) 



1. 

Callin., I, 15 (Bergk FLGS II, p. 5). 

Invece di eQ%Exai dei mss. il Bergk congetturò EqyExai 
(i. e. EiQyszai). Altra congettura aveva proposto il Meineke, 
cioè EÌj^exai, e nell'apparato critico del Fick, die Sprachform 
d. altion. und aitati. Lijrik, in Bezzenberger Beitràge 13, p. 188 
è registrato anche l'emendamento anÉQXExai assegnandolo al 
Bergk. Non ho adesso a mia disposizione il volume dei B. B. ; 
ma ha ragione il Hofifmann, die Gr. Dialekte, 3 Bd., p. 119 
nel dichiarare " Bergks Vermutung è'Qysxai (EÌqyExai) ist nicht 
erforderlich „. Anche altri mantiene EQ^Etai, che va conser- 
vato, che al più può indurre a pensare ad oi%Exai, dacché 
tpvyùv ... oi%E%aL ci richiamerebbe ad oi^i^xai cpEvyoìv di d-, 356, 
che, date le insistenti reminiscenze omeriche di Gallino, è al- 
meno notevole come riscontro. 

2. 

Alcman. 38 (Bergk FLGS III, p. 51) e Longo Sofista, II, 4-6. 

Il fr. 38 di Alcmane è sembrato difficile; né la ingegnosa 
ed artificiosa interpretazione del Michelangeli riesce soddisfa- 
cente a tutti. Forse la via da prendersi é un'altra^ e ci può 
essere indicata da un capitoletto di Longo Sofista. 

In Dafni e Cloe II, 4-6 il vecchio Filila racconta una mo- 

Rivista di filologia, ecc., XLI. 1 



— 2 — 

nelleria di Eros. Sentiamo dal vecchio che cosa gli capita 
nel suo giardino: " Nell'entrarvi oggi, sul mezzogiorno, sotto 
i melograni e le mortelle mi vien veduto un fanciullo, che 
teneva bacche di mirto e melegranate: bianco come latte, 
biondo come fuoco, nitido come lavato da poco; era nudo, 
era solo, giocava come se vendemmiasse un giardino suo. Io 
dunque mi mossi per pigliarlo, temendo che per monelleria 
spezzasse rami di mirti e di melograni; ma lui agilmente e 
facilmente mi sfuggiva, or correndo sotto i rosai, ora appiat- 
tandosi fra i papaveri, quasi pernice di nido 5, 4 (Mi dice 

Eros:) Vengo al tuo giardino e mi diletto de' fiori e degli 
alberi, e mi bagno nelle fonti. Perciò sono belli i fiori e gli 
alberi bagnati da' miei lavacri. E bada che non si spezzi nes- 
suna pianta, né si colga frutto, ne si calpesti radice di fiore, 

né si turbi fonte alcuna 6, 1. Dette queste parole balzò, 

come usignuolo di nido, alle mortelle e, di ramo in ramo, tra 
le foglie salì alla cima. Vidi di lui anche le ali sulle spalle „ 

Eros dunque approfitta d'esser solo (4, 1) per folleggiare, 
e chi lo vede teme faccia guasti alle piante. È una scenetta 
di sapore Alessandrino; basterà ricordare l'Europa e l'Amor 
aratore, e taluni versi (80 sgg.) dell' Epitafio di Adone, del- 
l'Amor fuggitioo, del ladro di favi di Teocrito, Mosco e Bione, 
e richiamarci a talune Anacreontee, dacché di derivazioni 
Alessandrine ce ne sono molte in Dafni e Cloe. Ma gli Ales- 
sandrini prendevano da' più antichi e rifacevano parecchi mo- 
tivi. Sicché nessuna meraviglia se anche altri, alla loro scuola, 
facesse il medesimo. 

Anche nel frammento di Alcmane c'è Amore che approfitta 
d'essere solo — non c'è Afrodita, non c'è la mamma — per 
sbizzarrirsi, e tra i fiori di ciperetto può fare dei guasti. Non 
si tratta di un giardino come quello di Filita, pieno di rose, 
gigli, giacinti, viole, papaveri, pere selvatiche e pomi, viti, 
fichi, melograni e mortelle (3, 4-5). 

Certamente, a mettercisi di buona voglia, sarebbe non im- 
possibile un'interpretazione simbolica degli alberi, dei frutti, 
de' fiori e delle fonti che Eros dice espressamente non voler 
danneggiati, potendosi le sue parole riferire simbolicamente 
a Dafni e Cloe, che il dio ricorda poco prima, ed ai loro con- 



— 3 



giunti ; ed anche in Alcmane il ciperetto potrebbe intendersi 
simbolicamente : ma come ? Anche però con una interpreta- 
zione simbolica, riesce semplice e naturale vedere in Alcmane 
un antecedente di motivo ripreso dall'arte posteriore. 



3. 

LoNGO Sofista, I, 24 e Mirèio. 

Continuiamo con Longo. Quando l'amore di Dafni e Cloe 
è più fresco e ingenuo che mai, succede alla fanciulla un ca- 
setto ameno, raccontato nel capitolo 24 del primo libro. Cloe 
dorme e Dafni amorosamente la vigila, bramoso di baciarla ; 
ma non la bacia per non svegliarla, e impreca contro le cicale, 
che non la lasceranno dormire col loro strillare (per puÈya 
fjXovvTEc, non basta " frinire „), e contro i capri, che fanno 
chiasso cozzando colle corna. Ed ecco una cicala, cercando di 
sfuggire ad una rondine, cade nel seno di Cloe, e la rondine, 
inseguendo la preda, sfiora coll'ali la guancia della fanciulla. 
Cloe, con un grido, si desta ; ma si rassicura vedendo il riso di 
Dafni, e chiude gli occhi tuttora assonnati. Ma la cicala dal seno 
di Cloe frinisce, quasi ad esprimerle i suoi ringraziamenti ; e 
Cloe dà un altro grido, e Dafni ride ; e poi introduce le mani 
nel petto di lei e ne trae quella brava cicala, che neppure 
taceva nella mano di lui. E Cloe, al vederla, la prende, la 
bacia e se la ripone in seno. 

E innocente malizia e innocente civetteria. Che il motivo 
fosse ignoto al Mistral, dati i suoi studi classici, potrebbe 
anche darsi, sebbene la versione dell'Amyot, che tanto a ra- 
gione piaceva al Giordani, nel suo bel vecchio francese poteva 
essere stata letta anche dal poeta provenzale. Se però Vin- 
cenzo e Mirella formano una coppia di amanti famosi ormai 
non meno di Dafni e Cloe, Paolo e Virginia, Ermanno e Do- 
rotea (1), non conosco siasi avvicinato il nostro capitoletto 



(1) Mirèio, poème proven9al de F. Mistral, édition par E. Koscwitz., 
Marburg, 1900, p. xxviii. 



— 4 - 

al gustoso incidente del libro II di Mirèio, che si mette in 
seno gli uccellini, i quali la graffiano; e Mirèio piange e si 
fa liberare da Vincenzo (1). 

Il poeta provenzale si ispirò direttamente alla natura, e 
da fatti e persone reali partì per la creazione de' suoi per- 
sonaggi, e ce ne accerta egli medesimo nella sua autobiografia. 
Perciò il quadretto della sfrondatura e degli uccellini può 
essere originale nel Mistral. Ma anche le cose originali si ras- 
somigliano più spesso che non si creda ; se poi il Mistral prese 
uno spunto dal romanzetto greco, seppe essere signore e so- 
vrano e fare interamente sua la pubblica materia del- 
l'antico sofista, così come fece per taluni tratti dell'arte del 
grande Omero (2), di cui si proclamò scolare: e ne venne 
comunque quel grazioso episodio, che meritava la bella statua 
del Truphème, così cara allo stesso Mistral. 

Indubbiamente Longo Sofista sarebbe lieto e fiero di un tal 
frutto di poesia provenzale : d'altronde Longo è artista felice. 



4. 

Xenoph., commentar., Ili, 11. 

Nei Memorabili Senofontei, al capitolo 11 del libro III, c'è 
una conversazione veramente notevole sia per l'argomento, 
sia per i personaggi; dacché parrebbe che Socrate insegni 
all'etera Teódote l'arte di procurarsi e mantenersi gli amici. 
Socrate maestro di lenocinlo a chi fa professione e merci- 
monio della bellezza e della persona? Ci sarebbe di che giu- 
dicare strano il colloquio e contradicente alla figura morale 
di Socrate, quale Senofonte ce la presenta costantemente; 
salvo, al pili, a cercare la spiegazione tentando di conciliare 
il colloquio stesso colle tendenze speculative e colle ricerche 
filosofiche di Socrate, delle quali Senofonte meno si preoccupò 



(1) Mirèio, II, 253 sgg. 

(2) Ed. cit., p. XXXI. 



— 5 — 

le quali eccedevano la sua mentalità. E sarebbe spiegazione 
ingegnosa, non però necessaria: cbè il colloquio non è strano. 
Non sarà male riassumerlo. Uno de' compagni informa So- 
crate della indicibile bellezza di Teódote, e Socrate si decide 
subito ad andare a vedere, e lo seguono gli amici, fra i quali 
Apollodoro e Antistene. Entrano nella casa di Teódote, e vi 
trovano ricchezza e lusso: e c'era la madre, non umilmente 
vestita, e ancelle eleganti — di più un pittore ritraeva la bella 
donna, che posava, Socrate e gli amici la rimirano: e quando 
il pittore smette, Socrate propone una questione paradossale, 
se cioè debbano Socrate e gli amici essere obbligati a Teó- 
dote, perchè ella concesse loro la contemplazione delle sue 
bellezze, o debba essere invece Teódote obbligata a coloro che 
l'hanno contemplata. Socrate tende a risolvere la questione 
nel secondo senso, dacché la base del suo ragionamento è che 
obbligato dev'essere chi abbia il vantaggio dall'altro; ed egli 
e gli amici recheranno a Teódote il vantaggio di desiderarla 
e di farle la reclame. — Se è così, dice Teódote trasecolata, 
sta a vedere che toccherebbe a me ringraziarvi. Ma l'etera 
non crede sia cosi, anzi. E Socrate ragiona subito anche con 
lei. E dopo averla indotta a dichiarare che il lusso e la ric- 
chezza, in che ella vive, non si debbono al reddito di poderi 
o di case o di opifici, che l'etera possegga, sì bene alla libe- 
ralità degli amici di lei, irretiti dalla bellezza e dalla voluttà, 
Socrate fra la meraviglia e l'ironia della bella donna, le si 
propone maestro delle arti che attirano e conservano gli amici, 
che le sono necessarii. E fra la meraviglia crescente e la de- 
crescente ironia dell'etera dimostra che pili della bellezza 
della persona valgono i mezzi e le doti dell'anima, che si 
debbono variamente usare per trattenere, incitare, moderare, 
confortare gli amici, per non ingenerare sazietà, per mante- 
nere vivo ed accrescere il desiderio. E la donna, ironica per 
l'ultima volta, domanda a Socrate perchè non cooperi egli a 
procurarle questi amici; cioè ironicamente dichiara al filosofo 
che egli saprebbe farle da mezzano. Ma qui il dialogo pro- 
cede rapido e serrato alla chiusa, e si innalza ed assume il 
suo carattere esplicitamente; che Socrate finge di accettare, 
alla condizione che la donna riesca a persuaderlo all'impresa. 



E la donna dichiara, vinta oramai, di non saperci riuscire, a 
persuaderlo, e gli si offre pregandolo di tornare spesso da lei: 
e Socrate rifiuta, e la donna riprega e dopo schermaglia finis- 
sima finisce col proporre di andare lei da Socrate ; e Socrate 
finamente e garbatamente e in modo definitivo rifiuta. 

Socrate nella casa di un'etera? e vi conduce gli amici — 
quegli amici che gli avversari lo accusavano di corrompere? 
Che almeno questa volta avessero ragione gli avversari del 
filosofo? E non è strano questo sTaigmòg Àóyog di Socrate, 
che usa, lui, linguaggio ed espressioni di etera ? E non è im- 
morale anche la presenza della madre di Teódote? 

Non così deve giudicarsi, che la conversazione fra Socrate 
e Teódote è morale e rientra nella difesa, per esemplificazione, 
che Senofonte si assunse, ne' Memorabili, della moralità del- 
l'opera compiuta da Socrate. Nel riferire il colloquio Seno- 
fonte non si è dimenticato ne dello scopo suo né della figura 
del grande maestro. La dimostrazione è agevole: la luce viene 
dal Convito Senofonteo. 

Anzi tutto anche nel colloquio con Teódote l'altezza mo- 
rale di Socrate è tanta da innalzare a sé l'etera, non da ab- 
bassarsi a lei; e Socrate poteva impunemente frequentare 
qualunque compagnia e trattare qualunque argomento, né so- 
lamente per ispirito di ricerca o per amore di discussione, ma 
anche allo scopo di elevare altrui, per quanto collocato in 
basso socialmente o intellettualmente o moralmente. Oltre 
che in questo colloquio, anche altrove Socrate affronta temi 
scabrosi quanto mai; ma si eleva. E se per VèQCJtr/còg Àóyog 
del Fedro platonico sa giungere alla immortalità dell'anima, 
ed alla teoria delle idee innalzandosi dalla discussione sul- 
l'amore omosessuale, potremmo dire che Socrate purifica l'am- 
biente, le persone, gli argomenti. Non per nulla fu parago- 
nato a Cristo: e Cristo raccoglieva il chicco del grano nel 
fimo, sollevava le adultere e convertiva un'etera facendone 
una santa. Ma Teódote non era la Maddalena; o almeno ri- 
mase quale era la Maddalena prima della conversione. Non 
era tuttavia senza pregi dello spirito; e ciò tanto piìi potremmo 
dire, se lei e non altra accompagnò Alcibiade nelle avventure 
e nei pericoli del secondo esilio, e lei e non altra sepellì pie- 



tosamento il cadavere del bellissimo ed infelice amico, vittima 
dell'insidia Persiana. Ma se non fu lei a compiere il pietoso 
ufficio, e la bellezza di quell'atto non si può riguardare come 
frutto remoto di un seme di bene che la conversazione di So- 
crate avesse gettato nell'animo di lei, in lei è palese un signo- 
rile ritegno di parole. Che il suo linguaggio è sempre casti- 
gatissimo, anche quando finamente propone a Socrate di farle 
da mezzano: è invece Socrate quegli che usa il linguaggio, 
diciamo tecnico, delle etere — ma non mai tale linguaggio fu 
usato con maggiore elevatezza morale. 

Alla castigatezza della parola si univa in Teódote una ri- 
serva ed un pudore — anche un pudore, nell'etera, la quale 
posa dinnanzi ai pittori (quella seduta alla quale interven- 
nero Socrate e gli amici non fu l'unica, che la sua bellezza 
invitava i pittori a ritrarla), mostrando però di sé unicamente 
quanto era bello mostrare. Lei, bellissima, non aveva da te- 
mere mostrando senza velo tutta la sua bellezza: il suo ritegno 
è quindi tanto piìi notevole, se viene messo in rapporto colla 
sua professione e colle esigenze e colle abitudini che l'arte e 
gli artisti hanno sempre avuto colle modelle — con quelle 
abitudini che in proposito vigevano anche nella Grecia, dove 
una famosa Afrodite ignuda fu modellata sulle forme com- 
pletamente svelate di sette donne bellissime concesse all'uopo 
per pubblica deliberazione. 

Ed aveva ancora altre doti la bella Teódote. Non per nulla 
Socrate si intrattiene con lei sulle doti dell'anima, e queste, 
meglio della bellezza, dichiara idonee per procurarsi e con- 
servarsi gli amici. Invero nel dialogo Teódote si rivela fine, 
arguta, spiritosa, garbata, intellettuale, per modo che il con- 
versare con lei doveva essere una festa degli occhi e dello 
spirito; e Socrate doveva ripensare alle conversazioni con 
Aspasia. 

Perciò egli discute a quel modo con arguzia e finezza non 
solamente, ma con cortesia e senza dispregio dell'etera. Ne 
dispregio doveva sentire Senofonte il quale — non toccando 
affatto della moglie che avrebbe avuta in Atene e neppure 
della conversazione di lei con Aspasia, presente Senofonte me- 
desimo — non poteva dimenticare che la guerra in Asia gli 



— 8 — 

aveva data a compagna un yvvaiov, che fu la madre de' suoi 
figli. Se poi veramente Senofonte rammentava anche le con- 
versazioni di Aspasia, anche per questo era idoneo a ripro- 
durre il dialogo di Socrate e Teódote. Ma di tale situazione 
qual partito avrebbe tratto Platone ! Avrebbe creato uno de' 
suoi meravigliosi dialoghi mimici, di sapore Sofroneo, pieni di 
azione e di vita, non già solamente schematici, come in gran 
parte è il nostro capitoletto Senofonteo. Il quale però è arti- 
sticamente felice almeno nella chiusa, nel riprodurre cioè la 
fine schermaglia fra Teódote e Socrate: fra i due quella lotta 
di arguzia e di cortesia è bellissima, e Socrate riesce a non 
essere arcigno sottraendosi ad un frutto della sua vittoria, 
rifiutando la dedizione della donna bellissima, che farebbe per 
lui povero quanto non farebbe per nessun altro, anche ricchis- 
simo. Qui veramente si dimostra la ingenua maestria di Seno- 
fonte nel riprodurre Vìjd-oc, ed anche, talora, il ndd-oc, fem- 
minile: — ci si mette poche volte, il buon Senofonte, ma sa 
riuscirci. 

Qui dunque rivela sé stesso ; ma non unicamente per questo, 
che i particolari sulla caccia (§ 7), per esempio, appaiono subito 
intimamente personali e proprii dell'autore del Kvvìjyrjtiìióg : 
per di più egli non si allontana dalla linea costante del pen- 
siero esposto altre volte a proposito dell'amicizia. In quel 
trattato de aniicitia che ci viene offerto nei Memorahili stessi 
al libro II, la base è pur sempre l'utilità che si ritrae dagli 
amici, e tale utilità per l'appunto è la ragione che spiega come 
ognuno debba adoperarsi colla massima cura allo scopo di pro- 
curarsi e mantenersi gli amici. È precisamente questa la tesi, 
diremmo, del dialogo fra Socrate e Teódote. Ma data questa 
conformità e questa coerenza di pensiero praticamente filoso- 
fico, la stranezza del colloquio dovrebbe consistere, se mai, 
in altro. Ma neppure in altro c'è. 

La presenza della madre, figura certamente troppo equi- 
voca, ha il suo riscontro nel padre di Autolieo nel Convito 
Senofonteo ; e non si può dire che quel padre ignori i senti- 
menti di Calila e le voglie dei commensali, che rimirano il 
fanciullo bellissimo. Tuttavia il padre di Autolieo non è mez- 
zano, né Autolieo è professionista, per dir così, della sua bel- 



— 9 — 

lezza. Nulla di meno a noi fa specie la presenza, al banchetto 
di Calila, di un padre sciente e compiacente, di un padre della 
nuova scuola, avrebbe detto Aristofane, che nelle Nubi pone fra 
gli eccessi della corruzione, la quale verrà dalla nuova filosofia, 
anche questo che i padri esaltino ed offrano all'amore omo- 
sessuale la bellezza de' figliuoli. La caricatura del comico, 
parrebbe dal Convito Senofonteo, era stata raggiunta dalla 
realtà, nella quale pur troppo neppure era strana una figura 
come la madre di Teódote, alla quale però non viene dato ri- 
lievo, ne vien fatta fare una bella figura. In ciò avremmo avuto 
dello strano : la stranezza ci sarebbe se cotesta figura venisse 
esaltata — è invece relegata nello sfondo della casa e delle 
ancelle, e non turba la natura e la finalità del dialogo. E il 
dialogo è finamente morale, anche dal punto di vista della 
morale pratica: anzi è finamente e audacemente morale, se 
altro vi si esalta a preferenza della bellezza fisica e lo si 
esalta a chi per l'appunto da questa bellezza ricavava gli agi 
ond'era circondata. Era una lezione per l'etera ed anche per 
gli amici di Socrate; e lezione tanto piti notevole nell'am- 
biente dove la bellezza dominava sovrana, dove etere come 
Teódote non erano rare e non facevano scandalo. E neppur 
ciò va dimenticato nel giudicare del dialogo. 

Il dialogo in realtà è l'esaltazione dei pregi dell'anima: di 
qui il trapasso all'esaltazione della virtìi non era ne lontano 
ne disagevole. E Socrate vi ha dato, implicitamente, piìi che 
l'avviamento, comportandosi veramente, secondo una sua 
espressione, da ruffiano della virtù. L'espressione è veramente 
di Socrate, e la si trova nel Convito Senofonteo, in quel punto 
nel quale la letizia del banchetto dà una tinta paradossale 
ai pensieri ed alle parole dei commensali, talché questi espri- 
mono la verità in forma siffatta da sembrare tutt'opposta alla 
verità. Onde, fra gli altri paradossi, Antistene poverissimo, 
vanta come suo pregio massimo la ricchezza — e intende la 
ricchezza dell'anima; e Socrate si vanta del suo ruffianesimo, 
reputando sua dote precipua questa di essere ruffiano della 
virtù. Il suo vanto nel Convito resta solamente in potenza ; 
lo vediamo in atto nel capitoletto dei Memorahili. 

Perciò non è strano che il dialogo con Teódote si riferisca 



— io- 
ne' Commentarli e vi si mostri Teódote così bella, la quale 
non riesce a sottrarsi al fascino che emana da Socrate, così 
brutto, ed a lui si arrende vinta sì, ma innalzata a concetti 
così profondamente contrari a quelli sui quali si basava la 
sua vita di etera. 

Non strano adunque è il colloquio con Teódote ; morale in- 
vece e coerente colle dottrine di Socrate, ed ancora coerente 
coi Memorabili e compreso nei limiti e nei caratteri dell'espo- 
sizione Senofontea. Per di più è una splendida pagina della 
vita vissuta di Atene. 



Menandr,, Georg., 87. 

Un altro frammento del Contadino (rEOìQyóg) è contenuto 
nel papiro contradistinto col numero 100 nel primo volume 
dei Papiri Greci e Latini pubblicati dalla Società Italiana per 
la ricerca di papiri greci e latini in Egitto. Pur troppo però, 
dato Io stato frammentario dei versi, si ricava molto poco. 
Ma un punto (dovrei dire — due punti) ha richiamata l'atten- 
zione dell'editore del papiro, che cioè il papiro fiorentino, 
segnando due punti alla chiusa del v. 86, indica un altro perso- 
naggio pel V, 87, al quale dovrebbe parlare Filina, l'appassio- 
nata consigliera di Mirrine. Resta sempre la difficoltà di 
supplire l'inizio del v. 87, secondo le esigenze della metrica 
e dello spazio, se a principio del rigo il papiro manca di un 
tre lettere. Non però è mutato il momento psicologico della 
scena. 

Dato e non concesso che Mirrine sapesse che Edia (?) è 
figlia di Cleenéto, Filina potrebbe ignorarlo, e perciò sarebbe 
naturale in lei una domanda su di un punto vitale de' segreti 
che Mirrine s'è accinta a svelarle: perciò sarebbe naturale 
che volesse sapere di chi è figlia Edia, 

Filina ha sentito da Davo che Cleenéto vuole sposare Edia, 
e non si turba, anzi si meraviglia del turbamento di Mirrine, 
e colla sua domanda mette il dito sulla piaga. Il matrimonio 



— li- 
di Edia esigeva che si mettesse in chiaro subito (che Gorgia 
e Cleenéto verranno subito dalla campagna per ritornarvi su- 
bito) lo stato civile della ragazza, si dichiarasse cioè chi ne 
era il padre, se uomo libero e cittadino, perchè altrimenti si 
sarebbero frapposte, ancor più in Atene che fuori di Atene, 
difficoltà legali e reali. 

La proposta di Cleenéto parrebbe uno scampo insperato, di 
fronte al presunto tradimento del giovanotto, che aveva avuto 
relazione con la ragazza; ma la proposta cadeva nel vuoto, 
se lo stato civile di Edia non fosse stato soddisfacente e 
chiaro. Anzi questa era una necessità per qualunque matri- 
monio con uomo libero, anche perciò col giovanotto. Ma si 
trattasse del giovanotto o del vecchio, s'aveva l'acqua alla 
gola oramai, e la paternità della ragazza doveva venir fuori, 
chiara e provata. Dunque chi è il padre di Edia? Problema 
fondamentale, anzi iniziale, la cui soluzione era necessaria ed 
immediata. 

Che la paternità fosse ignota a Filina, è senz'altro agevole 
ad ammettersi; ma la situazione della commedia rende neces- 
sario che essa fosse ignota anche a Mirrine, appunto perchè 
" è in pensiero per le condizioni della figliuola rispetto ai due 
pretendenti „. Se il giovanotto non può, o non vuole — cre- 
dono le donne — sposare la ragazza e l'abbandona, il matri- 
monio col vecchio appare come una salvezza sia per quanto 
riguarda la ragazza, sia per quanto riguarda la miseria di 
Mirrine. Perciò Cleenéto non è scartato come pretendente, E 
se non è scartato, vuol dire che Mirrine non lo crede padre 
della ragazza, perchè altrimenti non penserebbe ai due pre- 
tendenti, il giovanotto e il vecchio, bensì ad uno solo, od a 
nessuno, oramai. Mirrine non poteva pensare scientemente 
all'incesto della figliuola col padre. 

C'è altro a rincalzo. Gorgia, fratello di Edia, è ad opra 
presso Cleenéto, e Mirrine, sua madre, non l'ignora. Data la 
miseria in che versa, avrebbe, sapendo che Gorgia è figlio di 
Cleenéto, taciuta la cosa o non avrebbe parlato per averne 
gli aiuti necessarii? E necessarii, sia per la miseria, sia per 
rimediare al guaio della figliuola? Almeno questa seconda ra- 
gione avrebbe vinta l'esitazione di ogni madre. A lei invece 



— 12 - 

era accaduto qualcosa di simile a quanto vediamo per Tibeo 
nel Genio {"HQcog): V èjiiiQonoc,, ignaro, aveva allogato i due 
gemelli presso coloro che erano i loro genitori e l'ignoravano. 
Così Gorgia è ad opra presso il padre suo, e non ne san nulla 
ne il padre, ne la madre, ne il figlio. La cosa verrà in chiaro 
mediante il riconoscimento, reso possibile dalla venuta di Clee- 
néto in città : Cleenéto, inaspettatamente per tutti, riconoscerà 
fra gli oggetti di Mirrine e di Edia qualche cosa che gli era 
appartenuto al tempo di una sua avventura giovanile, simile a 
quella di Carisio neW Arbitro i^EniTQÉnovts^. Intanto, si dice, 
il sangue non è acqua : Gorgia si comporta verso Cleenéto in 
modo diverso da' servi, dai veri servi : egli agisce come 
persona di buona razza. Inoltre si comporta nella malattia 
di Cleenéto come se il vecchio gli fosse padre (vd. v. 59). 
Quando Davo racconta questo particolare. Mirrine si limita a 
fare l'elogio del figlio quando ha sentito tutti i particolari 
di quelle cure, ed è un elogio di una madre per il figlio che 
si è portato bene. Ma non c'è altro in quell'elogio, sebbene 
nel cenno al v. 59 ci sia una battuta di preparazione al rico- 
noscimento, come al v. 87 Gorgia tratta come padre chi gli 
è veramente padre. 

Chi parla al fr. 2 = 94 se non è Cleenéto, è persona come 
Egione, il consigliere di Sostrata negli Adelphoe di Terenzio. 



Oeazio giudicato colle parole di Orazio. 

In Quintiliano si trova digniis ut, ma in parole che l'autore 
cita da altri riportandone in conseguenza anche la costruzione 
sintattica: sicché quest'uso non a Quintiliano, ma ad altri si 
deve attribuire. Parimenti non si deve assegnare a Quinti- 
liano l'uso di dignus coll'infinito. L'esempio che in lui si ri- 
scontra è ben noto, Inst. or. X, 1, 96 : at lyricorum idem Horatius 
fere solus legi dignus. Nella prosa dell'età imperiale non man- 
cano esempì di dignus ecc. coll'infinito attivo e passivo, e si 



— is- 
pessono vedere nel Draeger (1) e nel Riemann-Goelzer (2); 
ma non ad essi si collega la sintassi del passo citato, si bene 
proprio ad Orazio, dal quale Quintiliano desunse e riportò 
deliberatamente la costruzione, anzi tutta l'espressione. 

Per quanto Orazio fosse ammirato ed amato da Quintiliano, 
che spesso lo cita, esisteva nulla di meno fra i due un dis- 
senso a proposito di Lucilio, che Quintiliano difende espres- 
samente dal noto giudizio del Venosino, citandone ed impu- 
gnandone le parole nel paragrafo 94 del citato capitolo. 

Quintiliano mostra così di avere presente la satira quarta, 
libro I, di Orazio ; ma non aveva dimenticato quello che contro 
Lucilio aveva detto Orazio nella satira decima del medesimo 
libro; e lo dimostra parlando subito dopo di Orazio. Questi 
al V. 72 della satira decima diceva: 

saepe stilimi vertas, iterum quae digna legi sint 
scripturus 

con locuzione che ha valore e portata tecnica e non soltanto 
di litote: il medesimo vale per Inst. or. X, 1, 96, dove legi 
dignus corrisponde a legendus per lo meno. Sicché al para- 
grafo 94 il nome di Orazio viene esplicitamente unito al 
nome di Lucilio; ed al paragrafo 96 i due poeti sono ancora 
presenti entrambi ed associati nella mente del critico, che si 
vale di quelle parole che Orazio aveva usato tornando sulla 
polemica Luciliana. Cosi Orazio viene giudicato colle stesse 
sue parole, ed è un giudizio lusinghiero: ma erano le parole 
che egli aveva adoperato tornando alla critica di Lucilio. Se 
non si trattasse di Quintiliano, e questi non facesse profes- 
sione di prediligere Orazio, si penserebbe ad una piccola ma- 
lignità letteraria. 

C. 0. ZURETTI. 



(1) Draeger, Hist. Syntax d. l. Spr., W, pp. 331 sgg. 

(2) Riemann-Goelzer, Gramm. comp. da Grec et du Latin - Syntax, 
pp. 640 e 655. 



14 



LATINO E GRECO IN AMERICA 



Recentemente si è letta su i giornali una curiosa notizia. 
In un paese dell'America Occidentale del Nord, è stata tro- 
vata una strana ed indecifrabile inscrizione. Nessuno rìesciva 
a leggerla ed a darne una spiegazione, fin che per puro caso 
il monumento fu veduto da un agente consolare di Grecia, 
il quale riconobbe che l'epigrafe era ellenica, ed affermò che 
probabilmente era dovuta ad una colonia di soldati d'Ales- 
sandro sperdutisi nel Pacifico al tempo della spedizione nelle 
Indie e dopo fortunoso errore approdati con le loro navi su 
le coste del Messico o della California, Nelle vene americane 
scorrerebbe dunque qualche stilla di sangue ellenico e la ci- 
viltà dell'Atlantide avrebbe press' a poco la stessa origine 
storica di quella di Roma o di Marsiglia, della Magna Grecia 
dell'Egitto alessandrino. 

E manifesto che, se non è falsa la notizia, è falsa Tinscri- 
zione, pure che quell'agente consolare di Grecia è o un 
impostore od uno che non sa il greco. Qualunque di tali ma- 
levole ipotesi sia la vera, resta però un fatto assai impor- 
tante, ed è questo accenno al desiderio del formarsi di una 
leggenda per la quale anche le stirpi americane vengano ri- 
connesse genealogicamente al gran ceppo mediterraneo e ad 
un'origine classica come derivanti anch'esse in qualche modo 
dal 'puro sangue dell'umanità. Sotto un aspetto meccanico 
la leggenda non è diversa da quella più antica per la quale, 
avendo i primi arditi missionari della Compagnia di Gesìi 
ritrovato fra i popoli vergini dell'America la croce come sim- 



— 15 — 

bolo religioso (ed era, dicesi, la rosa dei venti, egualmente 
rintracciata anche presso civiltà antichissime del mondo an- 
tico), affermarono doversi determinare da tale trovamento la 
predicazione del Cristianesimo nel Nuovo Mondo, al tempo 
del suo primo stabilimento per opera di un apostolo che so- 
stennero non poter essere che San Tomaso. 

A tale desiderio d'antichità di razza e di vetustà civile, 
caratteristico dell'associazione umana_, e che rappresenta come 
l'aspirazione ad una garanzia sicura nella proiezione dell'in- 
dividuo, si trova una corrispondenza nel complesso materiale 
su la discussione relativa a tutta la disciplina dello studio 
dell'antichità classica, in qualunque sua manifestazione. Poiché 
il bisogno di ricongiungersi, se non dinasticamente, al meno 
intellettualmente a questo passato, sembra avere il suo ri- 
scontro nel generico riconoscimento di un'efficacia molteplice 
dell'assimilazione spirituale di quella civiltà, per ragguaglio 
perenne con un'epoca sotto ogni aspetto esemplare in cui si 
compì un intiero ciclo di perfetto svolgimento etnico, politico 
e sociale. Ed è fenomeno unico nella storia del mondo quello 
del perpetuarsi di un'utilità continuamente attuale degli spì- 
riti classici, non solo per esaudimento di curiosità quanto alla 
cultura, o per esercizio di indagine e di critica quanto alla 
scienza, o per sodisfacimento di desideri estetici, od in fine 
per riprova genealogica di elementi del presente, ma anche 
a dirittura per un reale servigio che l'antichità seguita a 
renderci per gli usi piti immediati della vita moderna, come 
se ogni uomo del tempo nostro abbia a sentirsi più diretta- 
mente e reverentemente congiunto, per tutti gli elementi piìi 
puri della propria personalità interiore, a quella remota ci- 
viltà, che non ai propri antenati. E come sarebbe attraente 
rintracciare il sentiero ideale dell'etimologia onde dal roman- 
ticismo si risale a Roma, così sarebbe assai utile l'indagare 
tutti i significati che nella storia e nelle varie culture, ciò 
è nel tempo e nello spazio , ha assunto la parola classico, 
parola che denota sempre un altissimo grado di perfezione. 

Di questa sollecitudine per il classicismo, in una civiltà 
che nel pregiudizio contemporaneo sembra doverne essere piti 
d'ogni altra esente, è documento insigne un recente libro 



— 16 — 

sul latino ed il greco nell'educazione nord-americana (1), libro 
assai diligente e ben compilato, di cui forse, più cbe il largo 
riassunto che segue, sarebbe necessario il pubblico italiano 
avesse una divulgata traduzione. Il libro contiene quattro 
capitoli introduttivi (pp. 1-82), tre di Francis W.Kelsey, com- 
pilatore dell'opera, ed uno di R. M. Wenley, dell'Università 
di Michigan ; seguono sette symposia o inchieste e discorsi su 
i vari argomenti connessi con quello principale, e ciò è su 
le applicazioni a vari rami dell'attività umana dello studio 
delle lingue classiche: i vari articoli e le varie discussioni 
tendono a porre in evidenza, sotto differenti aspetti, la giusta 
ragione degli studi classici e furon pubblicati su la Scìiool 
Review e su la Educational Review, come preparazione e ma- 
teriale per vari congressi d'insegnanti; i si/mposia circa la 
medicina e l'ingegneria furono anche tradotti in tedesco e 
pubblicati dal von Arnim. 

Il primo capitolo analizza la presente condizione del latino 
e del greco nell'instruzione nord-americana. Gli studenti di 
scuola media inscritti in latino sono andati sempre crescendo, 
sì che da 100.144 nel 1889-90 (33,62 «/o) risultano nel 1909-10 
al numero di 405.502 (49,59%); gl'inscritti in greco in vece 
nel 1889-90 furono 12.869. nel 1897-98 furono 24.994, ma 
nel 1909-10 erano solo 10.739; a questa sproporzione tra il 
latino ed il greco il Kelsey trova però alcuni temperamenti 
tali da giustificarla ed anche da renderla meno grave di quanto 
sembri. Tali cifre sono illustrate da raffronti con quelle della 
popolazione e con le statistiche dell'insegnamento superiore, 
SI da precisar la portata dell'influenza e del posto tenuti 
genericamente dagli studi classici nell'instruzione americana. 
Il secondo capitolo ascende a determinare il valore del latino 
e del greco, quali strumenti educativi ; questo capitolo si 
suddivide in un preambolo ed in vari brevi riparti ciascun 
dei quali sviluppa uno dei fini effettivi di tale studio, e pre- 
cisamente : 



(1) Latin and GreeJc in American Education. Witli symposia on the 
value of humanistic studies. Edited by Francis W. Kelsey. New Yoi-k, 
The Macmillan Company, 1911. Di pp. x-396. 



1. esercitare le qualità essenziali del metodo scientifico : 
osservazione, comparazione, generalizzazione; 

2. rendere chiaramente intelligibile il linguaggio e svi- 
luppare la facoltà dell'espressione ; 

3. porre la mente in contatto con la letteratura nelle 
forme elementari; 

4. dare la conoscenza intima della civiltà originaria; 

5. coltivare l'imaginazione construttiva; 

6. render chiari gl'ideali morali e stimolare un retto e 
sicuro tenore di vita; 

7. procacciare mezzi di ricreazione. 

Il terzo capitolo espone la parte che il latino ed il greco 
hanno nei corsi di studio americani ed in qual modo siano 
utilizzati come strumenti d'educazione. Per prima cosa il 
Kelsey espone i dati comparativi circa il latino ed il greco 
nei programmi secondari di Germania e di Francia; dopo di 
che esamina i difetti dell'insegnamento e dell'organizzazione, 
nella proporzione e nello sviluppo degli studi a gli Stati Uniti, 
mostrando molti pericoli e molte incertezze nella soluzione, 
quale è attuata al presente, del problema educativo. Onde 
basandosi solo su le deficienze derivanti dalla scarsa cura 
per gli studi classici, propone che lo studio del latino sia 
incominciato molto prima che ora non accada, che sia modi- 
ficato il sistema facoltativo di molti instituti superiori sì da 
porre il maggior numero di studenti in contatto con gli studi 
classici nei primi anni del loro corso d'instruzione, ed in fine 
che, per render sicura l'efficacia degli studi classici nella pre- 
parazione per gli studi professionali, siano resi il latino ed 
il greco titoli di preferenza per l'ammissione alle scuole pro- 
fessionali titoli necessari nei corsi misti letterario-profes- 
sionali. La parte introduttiva si chiude con un quarto capitolo 
in cui il Wenley espone la natura dei culture sttidies, espres- 
sione che nella dottrina scolastica nord-americana ha preso 
il significato ristretto di studi latini e greci : tale brillantis- 
sima esposizione esamina la questione sotto vari aspetti, teo- 
rici e pratici, pedagogici e intellettuali, psicologici e morali, 
sociali e politici, con simpatico brio mostrando come lo studio 
dei classici resti sempre la base di una superiore educazione, 

Rivista di filologia, ecc. XLI. 3 



— 18 — 

e con opportuni esempi illustrando l'efficacia spirituale di 
tali studi. 

I symposia che seguono svolgono il tema del valore degli 
studi umanistici e particolarmente classici, prima (I a V, 
pp. 83-259) come preparazione allo studio della medicina, 
dell'ingegneria, della giurisprudenza, della teologia ed all'e- 
sercizio degli affari ; poi (VI e VII, pp. 260 a 396) in rela- 
zione alla nuova educazione ed alla dottrina della disciplina 
formale. Per la medicina primo scende in campo' il Vaughan, 
decano della facoltà medico-chirurgica di Michigan esprimendo 
avviso entusiasticamente favorevole al valore degli studi classici 
e concludendo che il giovane il quale abbia avuto la più larga 
comprensione che possa essergli data dallo studio dei classici 
sarà sempre il piìi valente nella medicina sperimentale e pra- 
tica in grazia della cultura e della prudenza apprese dai savi 
di Grecia e di Roma. Al Vaughan risponde il de Nancrède, 
professore di chirurgia, per chiarire alcuni concetti circa la 
terminologia medica, che è coniata sul latino e sul greco. 
Lo Hinsdale, decano del collegio omeopatico, reca anch'egli 
eccellenti argomenti in favore della tesi affermativa, sotto 
aspetti più generali, massime per l'azione di raffinamento 
intellettuale che deriva dagli studi classici, e riassume tutti 
gli argomenti. 

Per l'ingegneria il Sadler, professore d'ingegneria marina, 
espone prima il quadro dell'importanza nella vita moderna 
dell'ingegnere che di questa è quasi il tipo rappresentativo : 
tale quadro però è presentato in modo da preparare l'uditorio 
a riconoscere anche qui l'importanza dello studio dei classici, 
il quale, come mezzo per inculcare idee di esattezza, è facile 
princeps, oltre di che serve di eccellente complemento este- 
tico della vita. Il Patterson, professore di elettrotecnica, con- 
ferma la tesi del Sadler per altri rispetti, sopra tutto per il 
valore pedagogico e per la necessità che l'ingegnere sia a 
dentro nella vita universa del suo tempo, avendone tutti gli 
strumenti e tutte le qualità. Segue il Williams, professore 
d'ingegneria civile, idraulica e sanitaria^ che si fonda su la 
famosa definizione data dell'ingegneria da Tomaso Tregold, 
ed adottata dal corpo degl'Ingegneri Civili d'Inghilterra: 



- 19 — 

" L'ingegneria civile è l'arte di convergere le grandi sorgenti 
" di forza della natura ad uso e disponibilità dell'uomo „. 
Per ciò se lo scienziato conosce il perchè e l'artista il come, 
l'ingegnere deve conoscere ambedue: esaminata la posizione 
del latino e del greco in quelli studi , il Williams espone a 
dirittura un programma d'insegnamento per la scuola media, 
fondato essenzialmente su la necessità dell'unione di studi 
tecnici a prevalente maggioranza di studi letterari. Il Davis, 
decano della facoltà, formula in fine in otto proposizioni le 
idee accertate e correnti su l'educazione dei collegi. 

Quanto alla giurisprudenza, Merritt Starr e Lynden Evans 
del foro di Chicago, lo Hutchins, decano della facoltà, il 
Davock e lo Spalding, del foro di Detroit, sostengono, com'è 
naturale, la necessità della conoscenza perfetta del latino ed 
anche, cosa piìi notevole, del greco. È strano come gli scrit- 
tori di questa parte del libro non tanto confermino l'utilità degli 
studi classici per ragioni storiche ed in genere per l'appro- 
priazione sicura dei testi del diritto romano che è sempre la 
base fondamentale del diritto mondiale e la gloriosa norma uni- 
versale e perenne della convivenza giuridica e sociale, quanto, 
anch'essi, solo per ragioni pedagogiche e pratiche, in altre 
parole per la miglior formazione dell'uomo di leggi, anzi a 
dirittura dell'avvocato esercente. Dopo alcune osservazioni 
conclusive dell'on. Levi L, Barbour, del foro di Detroit, reg- 
gente dell'Università, segue il capitolo relativo alla teologia, 
nel quale colloborano il Douglas Mackenzie, presidente del 
seminario teologico di Hartford, il rev. A. J. Nock, della 
chiesa di San Giuseppe a Detroit, il Black del seminario teo- 
logico di Nuova York, il compilatore Kelsey con importanti 
notizie statistiche, e l'Angeli, dell'università di Michigan, 
che, riassumendo gli argomenti dei precedenti scrittori, so- 
stiene la necessità dell'insegnamento del greco per il sacer- 
dozio ed in genere per gli studi teologici. Questa parte inte- 
ressa mediocremente noi Italiani che in realtà dobbiam però 
riconoscere appartenere più alla Chiesa che alla scuola il 
merito della salvezza del latino per una divulgata per quanto 
superficialissima conoscenza popolare. Di ciò avrò a dire 
meglio in seguito ; ora, proseguendo l'esame del volume ame- 



— 20 — 

ricano, ci troviamo di fronte al capitolo più importante del- 
l'opera, quello relativo al valore della cultura umanistica e 
specialmente classica per la preparazione dell'uomo d'affari, 
commerciante, industriale, ecc. 

Alla più vasta trattazione precedono tre lettere: una del- 
l'ambasciatore inglese James Bryce che con molta eleganza 
e chiarezza esprime il suo avviso pienamente favorevole, 
affermando che non solo lo storico deve conoscere il passato, 
non solo il filosofo e l'uomo di stato debbono indagar nel 
futuro e sforzarsi di divinarlo riassumendo il passato, ma che 
la letteratura e la storia del mondo antico sono utili a tutti 
e per ciò anche a gli uomini d'affari , per comprendere il 
mondo contemporaneo e discernervi i cambiamenti che vi si 
verificano. Un'altra lettera, veramente bellissima, è del signor 
James Loeb, già della ditta Kuhn, Loeb & C.° di Nuova York: 
egli condanna una civiltà che abbia per iscopo il Successo 
(scritto con il segno del dollaro) ed in cui su la porta delle 
scuole è scritto: " Guadagna denaro „ in luogo di yvùd^i 
aavTÓv , e cita alcune parole di un discorso di Woodrow 
Wilson (l'attuale candidato alla Presidenza degli Stati Uniti) 
il quale ebbe a proclamare la superiorità civile spettante solo 
a chi dimostri di possedere la compiuta educazione intellet- 
tuale. Il Loeb soggiunge un aforisma che vorremmo a gran 
voce ripetere a tutti i feticisti della pratica : " Business cannot 
he taught theoretically „, la materia degli affari non s'impara 
teoricamente: quindi condanna le scuole pratiche, le scuole 
di affari, quali persino la dotta e gloriosa università di Harvard 
hanno instituite, e conclude ponendo gli studi classici come 
una necessità spirituale non solo per la formazione dell'uomo 
moderno, ma per la constituzione di una vita interiore e per 
riempire genialmente gli ozi di una ben conquistata ricchezza. 
La terza lettera è del signor William Sloane, presidente della 
ditta W. and J. Sloane di New York, il quale partendo dal 
principio che l'uomo d'affari americano è come il negoziante 
del vecchio mondo, e deve esser pronto a servire il suo tempo 
e la sua generazione in una gran variet^^ di attitudini, con- 
ferma l'animazione, la diversione, la quadratura che danno 
sotto tale aspetto gli studi classici. 



— 21 — 

La seconda parte è più ampia : s'inizia con la risposta del- 
l'on. John Foster, il quale espone con molti esempi l'utilità 
degli studi classici in ispecie per l'attitudine esegetica occor- 
rente negli affari politici. Segue Charles R. Williams editore 
del giornale Indianapolis Netvs, il quale si studia di porre in 
evidenza in modo speciale il raffinamento di linguaggio e per 
ciò di idee e conseguentemente il progresso spirituale, che 
derivano dagli studi classici, in questo senso invocando la 
riforma dei collegi. Segue il signor Harvey W. Wiley, capo 
dell'ufficio di chimica di Washington, discorrendo del valore 
degli studi di greco e di latino come preparazione a quelli 
delle scienze: egli ha fatto un'inchiesta per suo conto, in- 
viando un questionario in proposito a cento notabilità scien- 
tifiche degli Stati Uniti e ne ebbe 35 risposte, di cui 14 fa- 
vorevoli, 17 contrarie e 4 favorevoli al latino e non al greco. 
Con molta diligenza però egli classifica le varie risposte se- 
condo i nove quesiti proposti, all'ultimo dei quali riporta in- 
tegralmente quindici risposte, tutte di professori universitari; 
da tali analisi risulta assai spostata la prima proporzione dei 
voti, pur se gli scienziati insistano di preferenza su la ne- 
cessità della conoscenza delle lingue moderne per l'appjropria- 
zione della letteratura scientifica, tanto piìi che, dato il modo 
in cui erano espressi i quesiti, data una relativa esclusione 
del preciso quesito circa il contributo formativo pedagogico 
degli studi classici, dato in fine il campo in cui l'inchiesta 
si svolgeva, è confortante che le risposte favorevoli siano 
giunte in così gran numero, ed alcune di queste veramente 
decisive, sì da far concludere al Wiley che sarebbe un grave 
errore, come risulta dal complesso della sua inchiesta, il tran- 
scurare negli studi superiori americani l'insegnamento clas- 
sico. Il simposio è concluso dall'on. James Brown Scott, re- 
ferendario al Dipartimento di Stato a Washington, con un 
saggio su i classici e la vita moderna, in cui si esalta l'im- 
portanza del Greco per la formazione del carattere filosofico 
e quella del latino per la compiuta coltura giuridica. 

Gli ultimi due gruppi sono d'indole piìi teorica. Il primo 
riguarda le relazioni tra i classici e la nuova educazione, e 
s'apre con un saggio di Edoardo Kennard Rand della Harvard 



— 22 — 

University, in cui è rapidamente tratteggiata una storia del- 
l'educazione classica nella vita europea, da questo dimostran- 
dosi la necessita letteraria di tener desto lo studio dei clas- 
sici: è importante osservare che anche dalla lontana America, 
per bocca del Kennard, ci viene un precetto come il seguente : 
" Io considero il metodo critico dello storico come indispen- 
" sabile, ma tale metodo è veramente imperfetto se non è 
" fondato sul valore etico e fantastico „. Segue il Wenley 
che con il suo stile imaginoso e brillante sostiene l'obbliga- 
torietà degli studi classici considerando la condizione attuale 
dell'Università e ricercando i mezzi piìi acconci per miglio- 
rarla. In fine lo Shorey, dell'università di Chicago, con un'e- 
sposizione largamente annotata della sua conferenza, esamina 
il posto che hanno i classici nella cultura, nel pensiero, nel- 
l'educazione spirituale del tempo nostro, accennando alla ne- 
cessità indispensabile del latino ed alla facoltativa utilità del 
greco che però offre compiacenze ben grandi in proporzione 
allo sforzo relativamente tenue che richiede per l'integrazione 
di un serio programma di studi. L'ultimo gruppo ha carat- 
tere più strettamente pedagogico e presentando il problema 
della esplicazione della disciplina formale di fronte alla psi- 
cologia contemporanea, chiarisce prima, con un saggio del- 
l'Angeli, il valore di certe discipline nella formazione determi- 
nata dalla scuola, poi, con uno di W. B. Pillbury dell'università 
di Michigan, gli effetti dell'esercizio mnemonico, e da ultimo 
con uno di Charles H. Judd, dell'università di Chicago, la re- 
lazione di uno speciale esercizio con l'intelligenza generale. 
Ma quest'ultima parte ha un carattere piti universale e teo- 
retico, si che non è il caso di renderne conto per ora in 
questa sede. 

* 

* * 

La lunga e necessariamente sommaria esposizione che pre- 
cede rende a pena una pallida idea dell'importanza molte- 
plice di questo libro, in vero notevole, anche perchè sembra 
riveli nell'ordinamento degli studi secondari nord-americani 
talune piaghe che esso ha in comune anche con il nostro e 



— 23 — 

che corrispondono alla generale crisi dell'instruzione che sta 
traversando il mondo moderno. Il libro è una battaglia, o 
diciamo meglio, la degna preparazione ad una battaglia, ma 
per quanto grande sia la sua importanza negli Stati Uniti, 
esso è forse anche più importante per noi Italiani che pare 
non vi siamo nominati mai. Poiché, a parte una certa enfasi 
che qua e là potrebbe renderne monotona la lettura, ma che 
però è compensata dall'abondanza e dalla serietà dei docu- 
menti e dei dati che il libro presenta, posson farsi però molte 
osservazioni indirette, tali da far scaturire da quest'opera 
un inaspettato ammaestramento. Esso ci viene, osserviamolo 
subito, dall'America seria e che lavora e pensa, non dall'A- 
merica stravagante della leggenda o da quella della stampa 
gialla e degli arrivisti o da quella degl'inventori di rarità e 
di primati; giudicar da costoro una nazione, è come ritener 
l'Italia il solito paese dei banditi e dei tenori, o la Germania 
quello dei bevitori di birra e dei sottufficiali. Ve in vece 
un'America più vera e maggiore, che dà il contenuto più 
reale a quella non comune civiltà, ed è anche l'America di 
Poe e di Longfellow, di Emerson e di William James, di 
Whitman e di Sargent, un paese che studia ed opera, che 
conosce l'arte e la vita. I nostri feticisti della pratica ci por- 
tano sempre avanti l'esempio dell'America ove, dicono essi, si 
diventa ricchi e per ciò, seguitano, felici, senza studi sopra 
tutto classici: che direbbero ora essi se leggessero questo 
libro? Nel quale sembra a me d'intraveder le prime luci 
d'un'aurora di nuova civiltà^ dopo la fervidamente operosa 
lotta or mai secolare di quel nobile paese per assestarsi ed 
ordinarsi, a traverso giganteschi travagli, e guerre, rivolu- 
zioni, crisi, feconde di progresso già pronto per uno sviluppo 
nazionale dello spirito. L'America vuol ricongiungersi in ogni 
senso alle origini della civiltà europea, di cui vuol adattarsi 
tutte le discipline: formatasi dalla rivoluzione, provatasi ad 
ogni esperimento di libertà, essa si sente matura per sce- 
gliere il suo assetto in ogni campo generale ed a traverso 
la crisi politica, economica, sociale, s'avvia ora alle crisi su- 
periori della civiltà, quella religiosa e quella scolastica, in 
tutte riconstituendo con caratteri propri le forme della vecchia 



— 24 — 

Europa, sino a rintracciar nello studio dei classici il fattore 
educativo piìi possente per la construzione spirituale dell'uomo. 
È notevole dunque, che la giovane America, portata ge- 
neralmente ad esempio persino retorico di modernità da co- 
loro che la modernità fanno consistere nel più brutale ed 
ignorante egoismo, e che per ciò non dimostrano di conoscere 
altro che la patria di Eoosewelt, ed anche questa a traverso 
i più balordi pregiudizi, la giovane America esige gli studi 
classici come obbligo intellettuale per il ceto medio e supe- 
riore. Si soggiunga che recentissimamente un voto dei pre- 
sidenti delle camere di commercio francesi chiedeva al go- 
verno la restituzione degli studi classici ai programmi delle 
scuole commerciali; è inutile portar l'esempio della Germania 
la quale di tali studi è giunta a far persino un monopolio (1). 
E da noi, al contrario, si tende con ogni potere a scalzarne 
l'autorità e se ne discute come di un lusso residuo di bar- 
barie, come se si trattasse dei sacrifici umani o delFanello al 
naso. Mi permetto di riportar qui alcune parole che ebbi a 
scrivere or non è molto a proposito di un bel volume del 
Calò, chiaro pedagogista e strenuo difensore della cultura 
classica: " Parrebbe a chi non conoscesse tale questione che 
solo il discuterne sia in Italia follia: in vece la base classica 
della nostra scuola media è argomento d'avversione accanita 
che non può esser che dolorosa per chi voglia considerare la 
scuola come elemento vitale di tutto quanto lo sviluppo del 
nostro paese. Così che con senso di stupore sfiduciato e tri- 
stissimo si seppe anni or sono che un convegno di capi d'in- 
stituto aveva dichiarato opportuna la soppressione dell'inse- 
gnamento del latino dai programmi di tutte le nostre scuole 
secondarie. Ma già, ai deliri logici corrispondono i deliri 
pratici e vi son taluni' che veramente, a forza di logica e di 
pratica combinate insieme ci ridurrebbero di nuovo allo stato 
di natura, ma non senza però decretare il congruo aumento 



(1) Uno degli ultimi scritti di Henry Poincaré [Humanistische Bildung 
und exacte Wissenschaft), pubblicato nella Deutsche Sevue, dimostra la 
necessità per uno scienziato, ed ai fini delle sue ricerche, di avere una 
solida cultura classica. 



di stipendio per i riduttori. Là dove l'esperienza e la medi- 
tazione dovrebbero far sentire come specialmente per l'Italia 
la cultura classica, sotto ogni aspetto pedagogico, nazionale, 
sociale e pratico, sia necessità imprescindibile della nostra 
educazione. Bisognerebbe ricordare a chi l'avversa, che lord 
Gladstone fu studiosissimo dei Greci, che lord Granville volle 
morire facendosi leggere Omero dal suo segretario, che lord 
Cromer, il generale che ha acquistato l'Egitto all'Inghilterra 
con le opere della guerra e della pace, reca con sé sotto la 
tenda i classici latini, che lord Milner, il fondatore della co- 
lonia del Capo, fu docente universitario di discipline clas- 
siche, che lo stesso sir Rennel Rodd, l'attuale ambasciatore 
inglese a Roma, è un finissimo ellenista. Ma già, per quei capi 
d'instituto e per coloro che li sostengono l'Italia dovrebbe 
essere un vasto Belgio, ove mangiare e bere a sazietà „. 

Dunque Francia, Germania, Inghilterra, e adesso anche 
l'America, del latino e del greco fanno poderoso strumento 
di civiltà: non potrà negarsi che sian queste le nazioni ove 
il benessere è più progredito ed ove la pratica riporta i mag- 
giori trionfi. Ora sino a pochi anni or sono, noi avremmo 
potuto rispondere ai professori dell'università di Michigan, 
che, se bene dell'Italia nel loro libro non abbian tenuto alcun 
conto, pure l'Italia aveva la gloria di affermare che, eccet- 
tuata una parte degli studenti d'ingegneria, da noi nessuno 
studente poteva entrare all'università per conseguirvi un ti- 
tolo anche inferiore, senza aver superato un difficile esame 
di latino e di greco. Potevamo anche vantarci di possedere 
scienziati insigni in discipline anche matematiche, ed in pari 
tempo valentissimi in studi greci: per dire i due primi che 
vengono in mente, il Messedaglia, professore di statistica e 
d'economia, studioso dell'astronomia omerica, lo Schiaparelli, 
astronomo sommo, ed interprete, con sicurezza da provetto 
filologo, dei testi tolemaici. Potevamo anche soggiungere che 
non solo con l'instituto del Cattolicismo, con il largo studio 
del diritto romano conservato e divulgato al mondo dall'uni- 
versità medioevale, con la gloria dell'Umanesimo e del Ri- 
nascimento, con l'opera di storici e di filologi che vanno dal 
Baronio al Muratori, dal Mai al Comparetti, avevamo prò- 



— 26 — 

seguito la realtà dello spirito classico, ma che tutta la nostra 
letteratura, da Dante al Carducci, tutta la nostra storia, dalla 
prima resistenza ai barbari sino al Risorgimento, s'erano 
svolte tenacemente su le tracce della nostra tradizione latina. 
Oggi credo non converrebbe più abbandonarsi a tale atto 
di iattanza : alcune delle affermazioni ora espresse rimangon 
vere e per sempre, ma a punto per ciò non sarebbe prudente 
ripeterle insieme con la prima che disgraziatamente non è 
più vera e s'avvia ad esser sempre meno vera con l'andar 
del tempo, sì che il gloriarci di una tradizione classica ap- 
parirebbe ridicolo quando si soggiungesse che oggi all'uni- 
versità ed in genere allo studio superiore chiunque può ac- 
cedere con ben scarso ed anche con nessun corredo di studi 
classici. In fatti da noi è accaduto un caso strano e ciò è 
che alla pubblica instruzione provvede il ministero che da 
essa si denomina, alla pari con gli altri, sì che è venuta a 
crearsi una quantità di duplicazioni di studi, indipendenti dal 
nucleo centrale ove si è per di più verificata la reazione alla 
classicità, di cui manifestamente quelle duplicazioni erano 
la prima espressione. L'instruzione pubblica è da noi in re- 
gime di concorrenza e mentre lo stato moderno, per la 
forza che gli è necessaria, ha abolito per quanto è possibile 
ogni partizione ed ogni frazione dei poteri pubblici, questi 
raggruppando in amplissime e saldissime formule corrispon- 
denti alle sue essenziali funzioni, per l'instruzione in vece ha 
lasciato un po' che tutti facessero e, salvo qualche cautela 
politica, ha irreparabilmente disgregato l'unità culturale che 
era necessaria da noi più che altrove. Quando noi diciamo 
giustizia, lavori pubblici, privative, noi vediamo subito un'or- 
ganizzazione unica, rigorosamente unita, senza usurpazioni; 
quando diciamo instruzione, noi imaginiamo in vece subito 
qualche cosa ih cui tutti posson metter bocca, non solo, ma 
anche, disgraziatamente, operare, onde chi volesse conoscer 
le condizioni dell'instruzione media in Italia, dovrebbe .rivol- 
gersi al ministero competente tanto come a tutte le altre am- 
ministrazioni. Da noi in fatti oltre alle università abbiamo il 
ginnasio e il liceo, con la nuova varietà del liceo moderno, 
la scuola tecnica e l'instituto tecnico con le sezioni di fisico- 



— 27 — 

matematica, ragioneria, agrimensura e industria, l'instituto 
nautico, le scuole complementari e le normali con i corsi ma- 
gistrali presso i ginnasi, e le scuole pedagogiche presso le 
università; le scuole di belle arti ed i licei e conservatori 
musicali. Abbiamo poi scuole agrarie primarie, le scuole 
agrarie pratiche e speciali, stazioni ed instituti superiori d'a- 
gricoltura, scuole minerarie, forestali, medie di commercio ed 
università ed instituti superiori di commercio, scuole primarie 
industriali e d'arte applicata all'industria, instituti professio- 
nali e industriali, musei industriali superiori e scuole d'elet- 
trotecnica. Non basta: vi son le scuole ed i collegi militari, 
l'academia navale, la scuola di guerra, vi son le scuole ita- 
liane all'estero, la scuola dei tabacchi, quella di polizia scien- 
titìca, quella dell'arte della medaglia, le scuole medie e l'in- 
stituto superiore postale e telegrafico, e poi le università 
libere, le facoltà staccate, gl'instituti di magistero, i convitti 
nazionali, i corsi di perfezionamento, la scuola navale supe- 
riore, gl'instituti superiori, e poi asili di beneficenza e di cor- 
rezione, collegi e scuole private, e fondazioni, posti e borse 
di studio, scuole e corsi speciali d'ogni sorta, a parte ancora 
da tutti gli enti che provvedono all'instruzione primaria. 

Chi dunque ha mai asseverato che in Italia l'instruzione è 
transcurata? Può anzi dirsi che da noi l'instruzione e la be- 
neficenza assorbano da sé sole tanta spesa quanto la difesa 
nazionale e forse più. D'altra parte, con così vivace e svariata 
attività educativa, come mai abbiamo ancora una così note- 
vole percentuale di analfabeti? Accertiamo in tanto che anche 
da noi tutto il problema dell'instruzione attraversa una crisi 
che va dalle questioni relative alla scuola primaria (avoca- 
zione allo stato, crisi magistrale, difficoltà finanziarie, edi- 
fici, ecc.) a quelle relative all'instruzione superiore ed alla 
riforma delle università: tra i due gruppi si colloca il pro- 
blema più complesso, quello della scuola media, che a ben 
guardare è stato il meno curato di tutti. Tutte le questioni 
dell'instruzione sono così strettamente collegate fra loro, che 
è difficile cercar di risolverne una senza intaccar le altre, in 
quanto è arduo collegar la scuola elementare e quella popo- 
lare con la scuola media ; in quanto si tende a far sì che il 



— 28 — 

corso della scuola media dia da se solo un titolo professio- 
nale; in quanto l'università è fucina d'insegnanti e la pro- 
fessione è troppo umile per rappresentare complemento ed 
esplicazione a studi gravi e severi come son quelli delle fa- 
coltà universitarie. Onde, a parte quella riforma dell'univer- 
sità che dovrebbe fra altro tendere a sfollare gl'instituti su- 
periori da coloro che aspirano a titoli professionali di grado 
inferiore per ricondurli ad una perfezionata scuola media 
(maestri, ed abilitati a certi insegnamenti nelle scuole medie 
di primo grado, notai e procuratori, farmacisti, ostetriche, 
agrimensori, periti industriali, agenti di campagna, ragionieri, 
disegnatori architetti, segretari comunali ed impiegati minori, 
capitani marittimi, periti, ecc. ecc.) ; a parte la riforma della 
scuola primaria che dovrebbe tendere a sfollare la scuola 
media da coloro che possono appagarsi di un titolo elemen- 
tare, come, p. es., la licenza tecnica; convien pensare alla ri- 
forma della scuola secondaria, in base, a me sembra, a questi 
principii fondamentali : unificarla, da tutte le sue troppe fra- 
zioni, e porre le norme che nessuno possa conseguire una 
licenza professionale senza aver sostenuto un esame minore 
di latino e senza dimostrar di conoscere il francese, e che 
nessuno possa accedere all'università, in qualsiasi facoltà, e 
conseguirvi titolo dottorale, se non abbia regolarmente supe- 
rata la prova di latino e di greco del baccalaureato. 

Tali esigenze parranno assurde, oggi che al consiglio su- 
periore del Ministero dell'Instruzione Pubblica corrisponde 
un consiglio superiore dell'insegnamento professionale al Mi- 
nistero d'Agricoltura, oggi che con l'esperimento del ginnasio 
e del liceo moderno si è creata una nuova frazione di scuola 
media, non favorevole certo a gli studi classici. Si osserva 
però che da noi lo Stato è un poco l'importuno per eccesso 
di buon cuore, ed ancora, che esso ha transportato la diffi- 
denza a cui inspira la sua amministrazione anche ad altre 
funzioni tra cui quella dell'instruzione, nella quale ha voluto 
assumersi tutti gl'incarichi, credendo d'aver tutte le respon- 
sabilità, come se le iniziative individuali e le cure familiari non 
esistessero in alcun modo. In tal guisa si è ridotta la scuola 
media nazionale un variopinto frastaglio, con separazioni 



— 29 - 

insuperabili, per le quali l'alunno sin dalle fasce dovrebbe 
conoscer la propria inclinazione e sino alla più tarda età sop- 
portar le conseguenze della scelta infantile, propria od im- 
posta dai suoi. Son state per ciò create tutte le innumere- 
voli varietà delle nostre scuole medie, di cui piìi sopra ho 
dato un elenco certamente incompiuto, pensando troppo alla 
pratica e troppo poco allo scopo più vero e più intimo della 
scuola, cedendo troppo a certe richieste e troppo poco cer- 
cando di attuare i fini nazionali della scuola, facendo troppo 
consistere il problema dell'insegnamento in una questione di 
stipendi che doveva in vece essere implicita, e troppo poco 
guardando a gli scopi dell'insegnamento. 

Ora tutte le materie d'insegnamento non si classificano se- 
condo una speciale categoria d'importanza, ma hanno ciascuna 
una parte più o meno grande dell'importanza corrispondente 
ad ogni categoria. Lo Stato ha interesse a provveder l'inse- 
gnamento di certe materie, ma anche ha l'obbligo di armo- 
nizzarle: vi son materie d'importanza politica, che lo Stato 
ha interesse siano insegnate perchè ogni cittadino deve co- 
noscerle, come la storia o la letteratura, altre perchè ser- 
vono a formare lo spirito ed a dargli disciplina e ginnastica, 
come studi classici, filosofia, matematiche, altre perchè danno 
strumenti di conoscenza e di lotta, come grammatica, arit- 
metica, francese, altre ancora quasi per lusso di civiltà ed 
indice di progresso, come la storia dell'arte, altre per neces- 
sità di cultura, come le scienze. Ma in pari tempo ciascuna 
di queste materie trova la sua ragione didattica anche nelle 
altre categorie, sì che tutte hanno importanza proporziona- 
tamente nazionale e politica, pedagogica e strumentale, civile 
e culturale e via dicendo : ma si tratta di armonizzarle 
in modo che le varie ragioni d'importanza si fondano in un 
equilibrio di risultati. E giova oltre a ciò osservare che la 
storia insegnata nella scuola tecnica non ha nessuna ragione 
d'essere diversa da quella insegnata nel ginnasio, nella scuola 
complementare, in quella commerciale, in quella militare, e 
via di seguito, e così pure le altre materie generali. 

La scuola media unica potrebbe basarsi su gl'insegnamenti 
dell'italiano, latino, storia e geografia, scienze fisiche e na- 



— 30 — 

turali, francese, elementi di filosofia e diritto, matematica: 
per ottenere l'ammissione all'università converrebbe aggiun- 
gere il greco e per ogni diploma professionale le corrispon- 
denti materie speciali, sia contemporanee al corso unico, sia 
pure in uno o due anni dopo la licenza. Creare una di queste 
scuole con tutti i corsi, per ciascuno dei centri di una de- 
terminata importanza, e crearne molte altre, del primo grado 
in centri minori, attuando in pari tempo la riforma della 
scuola primaria e quella dell'Università, sarebbe semplificare 
e sveltire questa manifestazione così importante della vita 
nazionale. E nulla è così complicato da noi come la legisla- 
zione della pubblica instruzione: la più difficile partita a scacchi 
diventa un giro-tondo da ragazzi in confronto ad una que- 
stione di classi aggiunte, o di transferimento, o d'insegna- 
mento ad un capo d'instituto. Ciò, credo, specialmente perchè 
le leggi dell' instruzione son state compilate sopra tutto dai 
professori, nei quali è eccessivamente sviluppata l'attività 
logica, sì che si son voluti prevedere tutti i casi; in secondo 
luogo credo che su questa legislazione abbia influito uno spi- 
rito socialista che, in vece di esplicare le norme per una fun- 
zione elettissima, sembra abbia voluto dettarne la tariffa. Ram- 
mentiamo che Gabrio Casati, cui si deve la legge più nobile 
e liberale che possa desiderarsi per disciplinare l'instruzione 
pubblica di una nazione, non era un professore. 

Qualunque questione si riferisca all'instruzione, implica da 
noi l'esame di tutto quanto il problema, sì che per riferire 
ad una rivista italiana il contenuto di un'opera americana 
su gli studi classici, quasi involontariamente si deve assur- 
gere a dirittura alla critica delle instituzioni e dei principii 
supremi. L'occasione non sarà perduta se da una rivista, che 
s'intitola alla filologia ed all'instruzione classica, verrà ancora 
una volta una parola di difesa per quella che a noi appare 
la principale necessità della nostra cultura. È doloroso che 
da noi vi possano essere uomini che esercitano professioni 
assai importanti della vita nazionale^ come ufficiali dell'eser- 
cito, impiegati, ragionieri, maestri, i quali non si sono mai ac- 
costati con lo spirito alla vita, al pensiero, alla parola dei 
classici. Vien fatto di pensare allora che fosse ben più civile 



— 31 — 

l'ordinamento della cultura cattolica, per il quale solo poteva 
liberamente appropriarsi la parola di Dio, chi conoscesse il 
latino ; gli altri restassero pure in soggezione a chi aveva la 
facoltà d'interpretare i Vangeli: non è questa una raffinata 
formula di civiltà, che poneva come premio alla cultura il 
colloquio diretto con la rivelazione divina? Non si risolve tale 
intolleranza alla traduzione della Bibbia in un potente stru- 
mento per ordinar la gerarchia della società in base ai diritti 
dello studio e dell'intelletto? E vorremo noi, spiriti liberi, 
democratici e moderni, esser da meno, quando dobbiam veri- 
ficare che alla Chiesa e al Diritto^ le due sole essenze di valore 
universale ed ambedue romane che ancora rimangano al mondo, 
si deve la continuità pratica dello spirito classico, e vorremo 
noi, nella patria dell'Umanesimo e del Risorgimento, cui si deve 
la continuità di cultura dello spirito classico, cancellare una 
tradizione cosi gloriosa e tenace? 

Ma non è solo una tradizione : chi legga il volume che ho 
pili sopra riassunto, sa che essa corrisponde ad una vera uti- 
lità pratica della civiltà più matura e progredita. In quel 
volume si trovano gli argomenti più persuasivi d'indole gene- 
rale e pedagogica, per la difesa del latino e del greco, insieme 
con gli argomenti più pratici ed evidenti per tale difesa in 
una nazione forte e laboriosa. A tutte queste ragioni, che noi 
possiamo far nostre per la più gran parte, potrebbero aggiun- 
gersi quelle di tanti strenui nostri difensori della cultura 
classica, i quali in nome dei più sacri diritti dello spirito e 
per la dignità della scuola hanno proclamato la necessità di 
conservare il carattere classico a tutta la nostra scuola media. 
L'instruzione, non v'ha dubbio, attraversa una crisi in tutto 
il mondo moderno : la nostra civiltà, inspirata al dominio della 
nozione la quale più che non mai ha oggi un potere sociale 
come un tempo la forza o la nobiltà dei natali, passa per un 
lungo terremoto d'assestamento in cui tutti i valori debbon 
nuovamente proporzionarsi. Il progresso intellettuale del nostro 
tempo esige un addestramento intellettuale più generale ed 
intenso, oggi che l'intelletto è più che mai strumento di vita 
e di lotta per un gran numero d'uomini. 

Ora noi non per feticismo monopolistico verso le discipline 



— 32 — 

che amorosamente coltiviamo, non per semplice ed irrazionale 
rispetto ad una tradizione letteraria e storica, non per esa- 
gerato ed eccessivamente raffinato desiderio estetico, non in 
fine per volgare imitazione desideriamo che fulcro della nostra 
scuola rimanga la cultura classica e s'afforzi, ma noi riteniamo 
che lo studio del latino e del greco sotto ogni aspetto rappre- 
senti nella cultura italiana una permanente necessità, quale uti- 
lità reale. E ciò come materia d'insegnamento, per il vigoroso 
contributo pedagogico che reca all'educazione, come strumento 
d'ammaestramento per la sua luminosa portata morale, come 
esercizio mentale, come arricchimento dell'intelletto, come svi- 
luppo pratico, come consolazione in fine e dignità di spirito. 
Non crediamo che la scuola debba fornire alla gioventù solo 
ciò che è materialmente e direttamente utile; perchè, allora, 
la scuola media non reca anche nel suo programma l'inse- 
gnamento della medicina? Non crediamo ne pure che la scuola 
debba dare al giovane una compiuta enciclopedia dello sci- 
bile: perchè, allora, essa omette l'insegnamento delle leggi? 
Ma crediam fermamente che chiunque abbia un giorno vis- 
suto con l'antichità classica, ne serbi per tutta la vita un 
incancellabile, anche se inconsapevole, benefico influsso, e ci 
sembra oltre a ciò non conveniente all'interesse ed alla di- 
gnità di un paese civile che, come il nostro, degli spiriti clas- 
sici dovrebbe essere il più legittimo e geloso depositario, il 
rinunciare a questo elemento così vitale ed efficace della sua 
educazione, che l'esempio di una fra le nazioni più pratiche 
e progredite, come gli Stati Uniti d'America, ci dimostra or- 
degno perfetto di civiltà e di benessere. 

Emilio Bodrero. 



- 33 



ARTE E MIMESI IN GRECIA 



I. 



Nel secondo e terzo capitolo del Laocoonte, il Lessing as- 
serisce che l'arte antica si proponeva, come unico scopo degno, 
la bellezza perfetta, ed ogni altro elemento che, nello ster- 
minato campo in cui esercitava la sua attività, ad esso non 
conducesse, eliminava, o col non trattarlo o col trattarlo 
solamente in via affatto subordinata. Particolare caratteri- 
stico dell'arte moderna sarebbe invece l'avere essa esteso i 
propri domini, proponendosi per uniche leggi la verità e l'ef- 
ficacia dell'espressione. Come è noto, il Lessing, che pubblicò 
il Laocoonte nel 1766, si moveva nell'ambito delle teorie 
estetiche del Winckelmann, la cui Storia dell'arte greca 
usciva appunto nel 1764. Ivi si sostiene che l'arte è una, 
immutabile^ come uno, immutabile è il bello ; l'individualità 
dell'artista non conta, né deve la persona sua mettersi in- 
nanzi, tra noi e l'oggetto della nostra contemplazione. Tutte 
le arti hanno un ideale comune e un metodo comune ; di- 
versi sono i mezzi con cui lo raggiungono ; tutte ci danno 
soltanto allegorie del bello. Esso consiste " in una forma 
che non è particolare al tale o tal altro personaggio e 
non esprime una situazione dell'anima o un movimento 
della passione, cose le quali mescolerebbero alla bellezza 
tratti ad essa estranei e ne romperebbero l'unità ,. Il Win- 
ckelmann, creando una parola nuova per la sua nuova idea, 
dice che il bello sta nella indeterminazione (die Unbezeich- 
nung). Ma la celebre formula con cui l'archeologo tedesco 

Rivista di filologia, ecc., XLJ. B 



— 34 — 

designava la bellezza classica, " nobile semplicità e tranquilla 
grandiosità „ (edle Einfalt und stille Gròsze), formula che ebbe 
tanta fortuna da determinare il concetto, che si ebbe, d'arte 
greca, è unilaterale e deriva dall'essersi elevata a dignità di 
canone artistico generale quella che potè essere idea inspira- 
trice in un periodo, e non lungo, della storia, trascurando una 
parte della realtà. La Grecia infatti ai suoi entusiasti ammira- 
tori appariva allora come un paese incantato e ideale sotto un 
sorriso perenne di cielo. A tale concetto s'ispirò lo Schiller 
per cantare i suoi " Dei della Grecia „ (1788), creature di 
sogno che governano un mondo tutt'affatto diverso dal nostro. 
L'attenzione tutta rivolta alla grande età attica ed ai suoi 
capilavori, Tammirazione incondizionata che per essi ognuno 
sentiva, facevano sì, che da quelli l'ideale d'arte greca fosse 
derivato. — Ogni secolo, si sa, contempla del poliedro che 
è per noi il mondo antico quella faccia che si presenta piìi 
conforme al suo spirito e più affine all'abito intellettuale da 
lui acquistato. L'età nostra rivolse con particolare simpatia 
la propria attenzione a quel periodo dello svolgimento arti- 
stico della Grecia in cui l'ideale norma del Lessing e del 
Winckelmann trova meno sicura applicazione, e studia con 
crescente cura l'ellenismo. Non sono molti anni, un erudito (1) 
dotato di fervida fantasia ricostruttrice perseguì gli sforzi 
degli artisti che sulle scene greche modellarono l'arte loro 
sulla realtà. Più recentemente un critico acuto, che è consi- 
derato tra i più profondi conoscitori del mondo greco, scrisse 



(1) Hermann Reich. Der Mimus. Ein litterar-entwickelungsgeschicht- 
liclier Versuch. Erster Band : I Theil : Theorie des Mimus. II Theil : 
Entwickelungsgeschichte des Mimus, Berlin, 1903. — Per l'apprezza- 
mento di questo ponderoso e importante lavoro leggansi le recensioni 
del Korte nei Neue Jahrbiicher, 1903 (XI, 359), del Herzog nella Beì'l. 
philolog. Wochenschrift, 1904, col. 1089, la mia in questa Rivista, 1904, 
p. 128-184, e quella di Fr. Skutsch nelle Studien sur vergleichender Lit- 
teraturgeschichte, herausgegehen von Max Koch, VII, 1 [1907, Berlin, 
Duncker], p. 122-133. Vedasi anche: Crusius, Ueber das phantnstiscììe im 
Mimus nei Neue Jahrbiicher del 1910, p. 813 e segg. ; Romagnoli, Musica 
e poesia nell'antica Grecia, Bari, 1911 [p. 143 e segg.]. Cfr. ancora Hermes, 
XL (1906), p. 276 seg. 



— 35 — 

una storia letteraria greca (1), nella quale all'età ellenistica, 
che aveva un'arte tanto diversa della classica, e, possiamo 
ben dire, d'un valore meno universale, si fa una parte forse 
pili cospicua che alla stessa letteratura classica. Tutto ciò 
attesta l'interesse crescente per un periodo che le maravi- 
gliose scoperte recenti ci fanno sempre meno imperfetta- 
mente conoscere e che ha tanti punti di contatto col nostro. 
Infatti le nostre intime simpatie sono, più che per le grandi 
età storiche, le quali ci si presentano come imponenti costru- 
zioni in tutte le parti compiute e perfette, per quelle in cui 
si cercano nuove vie e si aprono nuovi orizzonti, e quindi 
particolarmente per quell'età ellenistica che apparisce d'una 
varietà sempre più complessa. In essa e per essa infatti la 
vita greca si trasforma, e dalle civiltà antiche evolventisi con 
nuovi aspetti ed urtantisi incessantemente dovevano uscire 
nuove forme di vita e di pensiero (2). Onde sentiamo, in vii'tù 
di un misterioso legame, che ogni ricerca tendente ad inda- 
gare il divenire storico d'un fatto di quell'età, porta a noi 
una qualche luce a chiarire il mondo delle nostre idee, del- 
l'arte nostra. 

Un problema non facile si presenta all'osservatore. Come 
mai la poesia, che si modella più da vicino sulla realtà, ha, 
se non la sua prima origine, almeno i suoi più cospicui rap- 
presentanti letterari appunto in un tempo che per il prezioso, 
il ricercato ed il difficile aveva una singolare predilezione, 
e tra artisti che per i loro studi, le loro amicizie e la loro 
vita nei centri della più intensa vita cittadina, dovevano 
sentirsi meno portati alla contemplazione di ciò che è sem- 
plice e naturale ? Fu detto che la letteratura alessandrina è 



(1) Wilamowitz, Die griechische Literatur des Altertums (in Die Kidtur 
ier Gegenwart, pubblicata da P. Hinneberg, I, 8), Leipzig, II Afl., 1907. 

(2) Julius Kaerst, Geschichte des hellenistischen Zeitalters. I Bd. Die 
Grundlegung des Hellenismus, Leipzig, Teubner, 1901 ; II Bd. IHalfte: 
Das Wesen des Hellenismus, Leipzig, Teubner, 1909 ; Paul Wendland, 
Die hellenistisch-romische Kiiltur in ihren Beziehungen zu Judentum und 
Christentum, Tùbingen, 1907. 



— 36 - 

erudita o popolare (ved. Reich, p. 325). Stanno i due ter- 
mini in posizione antitetica ? 

Giova anzitutto prendere a considerare in quale concetto 
tradizionalmente fosse tenuta l'arte in Grecia e come questo 
venisse, via via con l'andare del tempo, mutandosi e mo- 
dificandosi. — Secondo che Esiodo narra, le Muse stesse 
non disdegnarono di insegnare il bel canto al poeta degli 
umili, mentre egli alle falde dell'Elicona verdeggiante faceva 
pascolare il proprio gregge : le Olimpiadi figlie dell'egioco 
Zeus a lui spirarono in cuore una divina aura di canti rim- 
proverando ai pastori maligni, dediti soltanto al sodisfaci- 
mento dei bisogni materiali, di non saper apprezzare giusta- 
mente la poesia. " Noi sappiamo „ esse dissero " dir molte 
cose false alle vere simiglianti, ma sappiamo ancora, quando 
vogliamo, parlare il vero „ (1). Il popolo greco infatti con- 
cepiva la poesia come arte di finzione; però ad essa dava un 
nome che viene da tcoiéo) " faccio, creo „, non da nqdaoùi 
" faccio, eseguisco „, che dà invece " pratica». Sono con ciò 
designati i due poli : dell'attività creatrice che rivela fantasmi 
e forme, e dell'attività esecutrice, che adatta l'opera al con- 
seguimento d'un determinato fine proposto. Secondo l'opinione 
comune, il poeta è un ispirato per la cui bocca parlano le 
MusO; e la poesia è furore divino (2). Poeta è solo colui che 
ha in petto un animo ardente di sacro entusiasmo; quante 
cose egli scriva animato da quel sacro soffio, dice Democrito, 
sono molto belle ; e il pensare cose belle non è di mente 
umana, ma divina (3). L'artista rapito dall'afflato divino che 



(1) Hesiod., Theog., v. 26-28 Rz. : 

TTOi/iéveg ày^avÀoi, v,ai^ èXéy%ea, yuavégeg olov, 
'^ófiev tpeiòea noÀÀà Àéyeiv érv/ioiaiv ófiota, 
XòfA,ev ó', £^r' é&éÀùìfiev, àÀrj&éa yrjQvaaa&ai,. 

(2) Aristotele, Rhet., Ili, 7, pag. 1408'^ 19 : ev&eov // 71011^015. 

(3) Democrito, fr. 18 (in Diels, Versokratiker\ p. 412) : TtoiTjitjg de 
àaaa fièv àv yQdcpj] [aet' èv&ovaiaafiov y.al Ieqov nvEv^avo£y naÀà xd^va 
èaviv. — fr. 112 (D. pag. 425) : d-eiov vov rò àel vi, óiaÀoyì^ea&ai kuÀóv. 
Cfr. ivi anche i fr. 21 e 119. Confronta anche : Cicer., de natura deor., II, 
46, 194; de oratore, II, 194; de dirin., I, 38, 80, e Orazio, Epist., Il, 3, 295 
e 408-411. A tale proposito vedasi : Michaelis, De auctoribus quos Ho- 



— 37 — 

a lui viene dall'alto è l'inconscio medium che trasmette in 
chi lo ascolta quella forza d'attrazione che su lui stesso si 
esercita dal di fuori. A quel modo che il magnete, dice 
Platone, attira un anello di inerte ferro, e fa che quello 
abbia a sua volta la forza di attirarne un altro, e quello un 
altro ancora, e poi un altro e un altro, cosi il poeta: egli è 
posseduto da una forza operosa la quale trascina lui e gli 
altri, è il primo anello, che, attratto, attrae (1). Non sempre 
perciò il poeta è conscio dei fini dell'arte sua, e neppure dei 
mezzi che essa adopera per conseguirli. In questo senso sono 
da interpretarsi gli aneddoti che si riferiscono allo stato di 
ebbrezza durante il quale Eschilo avrebbe composto le sue 
tragedie, i quali risalgono, come a fonte prima, al peripate- 
tico Camaleonte: il poeta tragico è invasato dal dio della 
tragedia, che è Dioniso, il dio del vino. Sofocle, il poeta 
dell'arte che sa le sue vie, a lui avrebbe detto, secondo un 
grazioso e significativo aneddoto: " o Eschilo, anche se tu 
canti a dovere, non canti già perchè tu sia consapevole del- 
l'arte tua „ (2). 

Il vate non è guidato da scienza {èmaTfj^ir]) che lo porti 
a chiara e distinta conoscenza di concetti, ma semplicemente 
mosso dalla sua naturale disposizione {g)vGig) (3). Talvolta, 



ratius in libro de arte poetica secutus esse videatur, p. 12. 11 Viola, L'arte 
poetica di Orazio (Napoli, Pierro, 1906), voi. Il, p. 359 seg., crede che 
Orazio fraintendesse Democrito, e pone a confronto la sentenza (Diels, 
fr. 242) : TtÀéoveg è§ daK^aios àya&ol yivovxat ^ ano cpvaiog. Ma non 
sembra che Democrito dicesse ciò dei poeti. 

(1) Platone, Ione, p. 536 A-B; 533 D, E. — Cfr. Symposio, p. 196 E, 
Menane, p. 99 C. 

(2) Ateneo, X, pag. 428 F: f^ed'vcjv yovv è'yQatpe rag TQay({}6cas. Alò 
xal 2!oq)oy.Àì'is aùzcp fi£/.iq>ófievos è'Àeyev 5vi ' & Aia^vÀe, eì xal rà 
òéovra noielg, àÀÀ^ ovv oùy. elSws ye Tioietg', «hg lazoQsl XafiaiÀécjv èv 
tifi neQÌ Ala^vÀcv. Vedansi gli autori ed i passi citati da Fr. Scholl 
nell'edizione dei Sette a Tebe di Fr. Ritschl (Lipsia, 1875), a p. 14-16 
sotto : De Aeschyli ebrietate. 

(3) Platone, Apol., p. 22 C ; non m'è riuscito di vedere la memoria 
del Dilthey, Ueber die Einbildungskraft des Dichters, citata nell'ediz. del- 
l'Apologia platonica dallo Schanz (p. 140, col. 2). 



— 38 — 

SÌ, raggiunge il vero con l'aiuto delle Chariti e delle Muse (1), 
ma, senza essere pienamente cosciente di quello che dice 
{Efig)Qù)v), dà libero corso alla vena fluente della sua ispira- 
zione, come una fonte che lasci sgorgare senza impedimento 
l'acqua su dal suo intimo zampillante ; e poiché l'arte è imi- 
tazione, creando, come fa, caratteri tra loro contrari, il poeta 
è sovente costretto a contraddirsi, ne sa quanto di vero sia 
in quello che dice, o quale di due caratteri sia quello che più 
corrisponde a verità (2). L'oggetto deirimitazione poetica è 
l'apparenza e non l'essenza delle cose, il mondo del fenomeno 
e non quello delle cose che esistono di per se; per ciò al 
poeta è data la facoltà di rappresentare due caratteri, due 
situazioni, due modi di vedere le cose, l'uno all'altro opposti, 
ne può ritenersi responsabile della verità di quanto dice. 
L'arte sua si rivolge a quella facoltà priva di ragione (3) 
che è in noi e si fa guidare dalle parvenze mutevoli e vane, 
non già allo spirito razionale dell'anima nostra al quale piace 
un linguaggio simile a quello che esso stesso detta, fermo, 
semplice e sincero. 

Ond'è che al dire di Platone può senza danno ascoltare le 
finzioni dei poeti solamente chi possieda, come contravveleno, 
la conoscenza del vero ; altrimenti l'arte di imitazione, in ge- 
nerale, e in particolare la poesia tragica, che ne è la specie più 
cospicua, riesce corruttrice (4). Nell'ordine della realtà, per lui, 



(1) Platone, Leggi, pag. 682 A : d-elov yÙQ odv dìj kuI tò tiolt^tixòv 
èv&ovaiaaTiKÒv ov yévog h^v(fiòovv noÀÀùtv tiòv aaz' àÀrj&eiav yiyvo- 
fAévùìv §vv Tiai Xdgiai koI Movaaig ècpàTivezai éKccavoTe. 

(2) Platone, Leggi, p. 719 C : noirjTrjg, ónótav èv T(p zQÌJtoòi irjs Mo^atjS 
nad-ì^ritat,, zóze odx eficpQCDV èazlv, olov oh ngr^vri zig zò èmòv ^elv ézoi- 
fiù)g èà ■ nal zfjg zé^vrjg ovarjg f.ii{A,rjaecùg àvayyid^ezai évavzioìg àÀÀ^Àoig 
àv&QMTiovg Ttoicòv óiazi&sfiévovg èvavzt'a Àéyeiv avzto noÀÀdyug, olóe 
de oijz^ et zavza oiiz^ et d'azera àÀrjd-fi zùtv Àeyof^^évcov. 

(3) Essa è chiamata in Platone, Bepubbl., p. 605 A : zò àyavaKzr^iiy.óv 
Te xai TtoiKiÀov -^S-og e le è contrapposto zò ÀoyiaziKÓv. 

(4) Platone, Repubhl., p. 595 B : ^iìg f*hv nQÒg v{A.àg etQTid&ai (od ydg 
[lov yiazeQsìze TiQÒg zovg z-^g zQayipòìag 7ioiì]zàg %a.\ zovg àÀÀovg anavzag 
zovg /A^iftìjziKovg) À.ù)litj eoinev eIvul zT/g zòjv àyiovóvziov óiavolag, daoi 
fiìj k^ovoL (pdQfiaKov zò eiòévai aòzà ola zvyxdvet, orza. 



— 39 — 

l'imitatore occupa il terzo posto. Prima, per usare l'esempio 
di Platone, è l'idea di letto, poi la costruzione materiale di 
un letto per mano di un artefice; in terzo luogo viene l'im- 
magine che l'arte ritrae di esso prendendola da oggetti ma- 
teriali che le servono da modello. E quello che è detto del 
pittore può analogamente dirsi del poeta tragico, che mette 
sulla scena i potenti della terra. Prima è l'idea di re, secondo 
viene il tale re, terza è l'immagine poetica d'un re. Ogni imi- 
tazione adunque deve considerarsi arte d'inganno (1), il cui 
intento è di produrre l'illusione della realtà, ancorché vero e 
buono sia l'oggetto che si propone. Ma può anche darsi che 
essa si proponga un oggetto cattivo ed imiti il falso: co- 
munque sia, non ha grande valore, oppure è addirittura fallace 
e riprovevole. Anche per tali ragioni il più grande dei poeti 
filosofi non voleva la poesia nella sua repubblica ideale. Imi- 
tazione di imitazione, l'arte, che, secondo la frase dantesca, 
a Dio quasi è nipote (2), è, nel suo concetto, d'una dignità 
molto inferiore alla dialettica, che conduce per mezzo della 
ragione a contemplare l'eterno attraverso il mutevole e ad 
intendere il lungo e difficile linguaggio dei fatti (3). 

Ma, oltre che finzione, poesia è altra cosa ancora, e poeta 
vale pure profeta e veggente. Soltanto l'anima sua e l'anima 
di colui che sa veracemente amare hanno l'ali (4) per salire 
alle sfere sublimi dove stanno le idee pure, onde può dirsi 
che egli sia in grado di percorrere la via che conduce alla 
verità: la lingua comune chiamerà infatti aoq)óg il poeta, e 
ao(pia l'arte sua. Sentendosi sollevato fuori di se il poeta 
potrà dire alla sua divina inspiratrice : " Pronuncia, o Musa, 
il tuo oracolo ; io sarò il tuo profeta „ (5). A tale altezza il 



(1) Vedasi tutto il passo Repubbl., p. 598 D-607 A. 

(2) Dante, Inferno, XI, 105. 

(3) Platone, Politico, p. 278 D : vàg tùv n^ay^idioìv fnaKQag v,al f*ìf 
^aòtovg avÀÀa^ds. 

(4) Platone, Fedro, p. 248 E -249 A: elg !*èv . . . .zadròv, 6&ev iJKei ij 
tlfv^ij éKciaTT] . ... od ... . TtteQovtat .... nÀrjv -fj zov q)iÀocroq)7jaavTos àSó- 
À(og ^ naióe^aazrjaavTog fieià q>iÀo<jo<piag. 

(5) Pindaro, framm. 127 : fi^avieveo, Molaa, n^oq>azeva(a ó' èyò. 



1 



40 



poeta non è più solamente l'artista, ma anche il sapiente, o 
meglio l'arte sua è scienza e visione celeste, per la quale 
egli vede 

Legato con amore in un volume 

Ciò che per l'universo si squaderna (1). 

Poeta e dialettico raggiungono una medesima intuizione ; 
Platone infatti proclama quest'ultimo capace per suo ingegno 
di scorgere l'uno ed il molteplice (2). 

La concezione popolare del poeta fu sublimata da Platone, 
il quale ad essa diede una profondità di contenuto che prima 
non aveva. L'artista divenuto imitatore d'un mondo ultra- 
terreno ritrae con la sua mimesi le idee eterne alla parte- 
cipazione delle quali ogni cosa deve la propria esistenza : 
l'anima sua non più si ciba, come le altre, di opinioni (3). 
Ma a fare ciò non gli basta l'arte; possiamo ripetere la pa- 
rola di Pindaro : ogni eccellenza viene dagli Dei, e ogni cosa 
* senza Dio „ non mette conto che sia detta (4). 

L'intuizione platonica presenta due aspetti, come quelita 
che coll'unico nome di poeta designa tanto il profeta, quanto 
l'imitatore, tanto il rivelatore degli eterni veri, quanto colui 
che ritrae le verità contingenti. 

L'uomo solo ha la facoltà d'intendere secondo quello che 
chiamasi idea, la quale procede da pluralità di sensazioni 
ad unità dal nostro raziocinio concepita; ma, tra gli uomini, 
tale ricordo è vivo solo nel filosofo, la cui anima quindi può 
giustamente dirsi che sola abbia ali per sollevarsi sopra il 
mondo delle parvenze (5). Se nella vita troviamo uno di 



(1) Dante, Paradiso, XXXIII, v. 86-87. 

(2) Platone, Fedro, p. 266 B : óvvavòv eig Sv %ai è/il noÀÀà necpv- 
XÓ&' ÓQàv. 

(3) Platone, Fedro, p. 248 B : ndoai Se (al ìpvxal) ^Qoq)^ Soiaatfj 

XQùJVTaC. 

(4) Pindaro, Olimpia, IX, v. 106, 111-12 : tò de cpvà v.Qdziatov a7iav....\ 
Svev de d'EOv aeaiya/A^évov | od axaiótegov XQW' ^>^^(^^ov. 

(5) Platone, Fedro, p. 249 C : òtò oh ótnaicog fióvrj menomai ^ xov 
q>iÀoaóq)ov diavola. Cfr. nota 4, pag. prec Sono pienamente dell'opinione 



— 41 — 

questi esseri privilegiati, lo dobbiamo seguire come un Dio (1); 
ma sembrerebbe che non minore ammirazione noi dovessimo 
al poeta: anch'egli, a tratti, come lo porta l'ispirazione, viene 
a contatto con l'idea immutabile e la svela all'uomo. 

Ma appunto la saltuarietà e la mancanza di consapevolezza 
nell'ispirazione fa si, che, in ordine di dignità, il filosofo oc- 
cupi il primo posto, sesto venga il poeta (2). Il bisogno di 
giungere a concetti chiari e precisi non permette a Platone 
d'apprezzare molto quella elaborazione, in gran parte inconscia, 
che avviene nei penetrali più riposti dell'anima, e dalla quale 
scaturiscono come da viva sorgente le più geniali intuizioni 
della poesia. Di qui si spiega come egli possa, andando contro 
al suo stesso concetto di poeta, esigere che un artista, il 
quale voglia meritare tale nome, debba esercitare l'arte sua 
con piena coscienza di ciò che canta (3), 

Il concetto popolare di poeta = veggente, portato da Pla- 
tone alle sue ultime conseguenze, veniva in tale modo quasi 
a negare se stesso, isterilendosi in un assolutismo assorto 
nella contemplazione dell'ultra sensibile. 

Ben più fecondo di progresso artistico e di geniali appli- 
cazioni fu il movimento che ebbe impulso da Aristotele. Anche 
per lui ogni specie di poesia è in generale mimesi (4), ma se 
rimane identica la parola, mutato è il concetto che essa 
esprime. Come è noto, per Platone il vero non è in noi e 



del Teichmiiller, Literarische Fehden, I, p. 65 sgg., che Platone nel Fedro 
abbia lo scopo di trattare della dignità della rettorica e dimostrare che 
la vera eloquenza è la dialettica, e che la sua scuola è la sede del vero 
amore e della sapienza. 

(1) Platone, Fedro, p. 266 B : tovtov Sióko) Kaiómad'e f^ez^ t^viov 
&axe &eolo. 

(2) Platone, Fedro, p. 277 A; p. 248 E : iKirj 7ioirjTi',iòg 1} rwv jicqI 
fit/A-rjffiv Tig àÀÀog àQfióaei. 

(3) Platone, Repubblica, p. 598 E : àvdyKrj yÙQ tòv àyad-òv noiìjTrjv, 
£Ì fiéÀÀet TteQÌ a)v àv TtoiPj jca/lw^ Tioirjaeiv elòóta àga tioieIv, ì) firj 
olóv re elvai jioieXv. Sull'elemento della inconsapevolezza come origine 
d'ogni cosa bella e buona, vedasi Fedro, p. 244 A : rà iiéyiaza xùtv 
àya&ùv fjfiTv yiyvezat Sta fA,aviag. 

(4) Aristotele, Poetica, p. 1447 A, 13 segg. 



-42 — 

neppure nelle cose del mondo da cui siamo circondati, che 
rispecchiano pallidamente le idee, le quali stanno fuori di esse, 
benché di quelle partecipino, tanto che partecipazione e pre- 
senza {fiéds^ig e naQovaia) sono le parole con cui è indicato 
il principio che alla materia dà l'esistenza sua (1). Per Aristo- 
tele invece l'idea è immanente, e ciò che veramente esiste è l'in- 
dividuo; e gli individui del mondo reale tanto maggiore realtà 
possiedono, quanto più hanno trasformato in atto ciò che, in 
potenza, contenevano in sé (2). L'arte, che, di sua natura, è 
imitatrice, riprodurrà i vari gradi per cui, come ora diremmo, 
si obbiettiva la forma, quella che Platone chiamava idea. 
Materia e forma non sono in opposizione, come erano ma- 
teria e idea, ma si completano l'una nell'altra; la materia 
anzi aspira alla forma e ad essa tende e la desidera, come 
la femmina il maschio (3). Per tale modo l'obbietto dell'arte 
rimane sempre il medesimo, cioè risalire attraverso il con- 
tingente a ciò che è immutabilmente vero, ma il magistero 
dell'arte che quello ritrae acquista novella dignità e valore 
nuovo. Non diremo piìi con Platone, che il poeta quando ri- 
produce la" svariata e spesso confusa serie delle realtà con- 
tingenti si rivolga al principio irragionevole che é nell'anima 
nostra, ma ammireremo, in ogni particella di ciò che esiste 
e l'arte ritrae, quell'anima delle cose che per esso a noi si 
rivela. 

L'arte é animata di nuova vita e il pensatore ne considera 
con animo pacato il lento divenire storico. Ogni essere su- 
bisce una evoluzione, che è il passaggio dalla potenzialità 
all'attualità, di cui è capace; anche l'arte compie questo pro- 
cesso di individuazione, cercando ogni genere letterario di 
passare, esso pure, dalla potenza all'atto attraverso una serie 
di tentativi (4) per giungere a quell'assetto definitivo che è 



(1) Aristotele, Metafisica, I, 6, p. 987 A, 29 segg. ; cfr. Platone, Fedone, 
p. 100 D. 

(2) Aristotele, Metafìsica, Vili, 6, p. 1045 A, 12 segg. ; p. 1045 B, 17 e segg. 

(3) Aristotele, Fisica, A 9, p. 192 a, 22-23. 

(4) Si confronti Aristotele, Poetica, p. 1459 B, 32 : rà oh ^évQov lò 
ilQOì'ìKÒv ànò nelgag '^Qftoiiev. 



- 43 — 

più conforme alla propria indole. Aristotele, ad esempio, sa 
che la tragedia ebbe nel corso dei secoli molti mutamenti e 
quindi si fermò in un tipo stabile, poi che ebbe raggiunto 
quello stato che la sua natura richiedeva (1). A tale specie di 
poesia che più non è riproduzione di una copia, ma sì rap- 
presentazione di ciò che costituisce la più compiuta delle 
realtà, l'individuo, compete nella gerarchia delle arti un posto 
ben più alto di quello che secondo le teorie platoniche lo fosse 
assegnato. Essa è qualche cosa di più elevato e filosofico della 
storia, dice Aristotele in una pagina famosa della sua Poetica: 
la storia ci dirà quello che il tale o il tale altro operò o disse 
in tale o tale altra contingenza determinata, la poesia ci dirà 
come ad una persona dotata d'una determinata indole accadde 
di dire o fare secondo le regole della verisimiglianza o della 
necessità (2). 

Memorabili parole rivelatrici d'un intuito maraviglioso, ma 
derivanti esse stesse da una concezione dell'arte che ne con- 
sidera un lato solo, e di quello soltanto tiene conto. Secondo 
Aristotele, la poesia deve darci e porci sotto gli occhi al vivo 
azioni, e per mezzo di quelle esprimere sentimenti ed affetti : 
ma questi, di per sé, non sono mai considerati oggetto di una 
trattazione artistica. Due soli generi letterari, quasi esclusi- 
vamente, egli prende a considerare, l'epica e la drammatica; 
della lirica non tiene conto. Anche nella tragedia, principio, 
per così dire, e anima, egli considera il fatto, e cosa di tutte 
più importante riguarda l'azione (3). 

Aristotele dà importanza quasi esclusiva a siffatta parte, 
perchè egli non vede cosa più vera dell'atto che rivela 
l'indole individuale di chi lo compie. L'ispirazione artistica 
non viene al poeta da un mondo superiore al terreno, nò 
da quello egli deriva i suoi modelli, sibbene da una fa- 



(1) Aristotele, Poetica, p. 1449 A, 13-15: TtoÀÀàs fieza^oÀùg fieva^a- 
Àovaa ij TQayciìóìa ènavaazo, ènei ea^e tÌ]v éavTrjg (pvatv. 

(2) Aristotele, Poetica, p. 1451 B, 5 segg. : òiò kuI (pL^oaofpoìteQov nai 
anovòaLÓTSQOv Tiotr^aig lazoQiag èaziv Kté. 

(3) Vedasi, per tutto ciò che è qui solamente accennato, Gomperz, 
Griechische Denker, 1-2, III, p. 320, ed i passi d'Aristotele ivi citati a p. 438. 



— 44 — 

colta che egli solo possiede, o che egli possiede in grado 
più eminente degli altri, per la quale gli è possibile di intuire 
la realtà. Noi diremmo che essa è materiata di osservazione 
che sa cogliere i particolari caratteristici; ma può anche es- 
sere non pienamente cosciente di se stessa, ed in tale caso 
sarà lecito chiamarla una specie di " invasamento „. La poesia 
infatti, dice il filosofo, o è opera di chi ha un felice dono di 
natura, o di chi è come preso da poetico furore. L'artista 
della prima specie sa immedesimarsi nei più opposti caratteri 
e nelle più varie situazioni, e dando forma oggettiva a quello 
che in se medesimo sente è capace di piegarsi in varie guise 
(è svTcÀaaTog). Egli sa cogliere le somiglianze tra vari ordini 
di fatti e di concetti, e segno della sua sixpvta e quindi l'es- 
sere particolarmente felice nel trovare ed usare le metafore, 
che si riducono precisamente ad un ravvicinamento di cose 
disparate. I poeti della seconda specie sono piuttosto capaci 
di uscire fuori di se stessi (sono ènataii'Aoi), ed hanno spe- 
ciale attitudine a creare persone e caratteri come per una 
forma d'intuizione (1). 

Format enim natura prius nos intus ad omnem 
fortunarum habitum: iuvat aut iinpellit ad iram, 
aut ad humum maerore gravi deducit et angit; 
post effert animi motus interprete lingua (2). 

Sono versi che possono riferirsi all'attività del poeta crea- 
tore ed imitatore ad un medesimo tempo. 



(1) Aristotele, Poetica, p. 1455 A, 32-34 : Si' 3 eìxpvovg t) Tioit^zin^ 
èaiiv, ^ fA,avi,y.ov. Tovvcov yÙQ ol fièv evnXaatot, ol 6h èKaiaiLnoL Seguo 
l'interpretazione e la lezione del Tyrwhitt, che corregge così V è^era- 
OTiKoì della tradizione comune. Vedasi, oltre il Gomperz, che accetta la 
correzione, anche S. H. Butcher, Aristotle's Theory of Poetry and fine Art 
(London, Macmillan) e dello stesso autore le Hartmrd Lectures on Greek 
Subjects (London, Macmillan, 1904), p. 146. — Per lo e{>q)vtag arjfA^eìov vedi 
Aristotele, Poetica, p. 1459 A, 7-9 : tioÀv óè fiéyiaiov zò fiezacpoQiKÒv 
elvai. Móvov yÙQ zovzo oijze tzuq" dÀÀov ^azi Àa^elv, eécpvias ve arjfielóv 
èazi. Tò yàQ eh /.lezafpéQeiv, zò Sfioiov d'eco^eìv èazi. Rhetorica, 111, 11 : 
«al èv (piÀoao(pLa zò dfioiov, nal èv jzoÀv òi,é%ovai, d'eoìQelv eiiazó^ov. 
Cfr. Schopenhauer, Parerga und Paralipomena, Zweiter Band, § 289. 

(2) Orazio, Epistole, 11, 3, 108-111. 



- 45 - 

L'imitazione è connaturata con l'uomo, allo stesso modo 
che a tutti è naturale il goderne (1). Anche quello che è pe- 
noso a vedersi, quando venga ritratto con felice accuratezza, 
riesce piacevole. Aristotele trova la ragione di ciò nel suo 
intellettualismo. Una è la sete di sapere che asseta il filosofo 
e gli uomini tutti; il filosofo la appaga ragionando sulle 
azioni e sui fatti, e da quelli derivando^ per congettura, 
quale sia la natura di ciò che vede in azione; i piìi degli 
uomini questo sodisfacimento sentono nella contemplazione o 
di casi già loro occorsi o di nuove forme e colori nuovi. Ma 
tanto l'uno quanto gli altri hanno questo in comune, che la 
radice del loro sentimento estetico è ridotta a desiderio di sa- 
pere appagato: il problema estetico è risolto riconducendolo al 
più alto dei sentimenti disinteressati (2). Di esso infatti, come 
pure della vita dedita alla serena contemplazione del vero, 
nessun inno più caldo d'entusiasmo fu mai scritto dopo quello 
di Aristotele {Etica Nicomachea, X, 8). La più pura, la più 
sicura delle felicità consiste nell'esercizio dell'intelligenza, la 
quale, all'infuori d'ogni scopo utilitario, mira al sapere per 
il sapere, intendendosi con questa parola la conoscenza del 
reale in tutte le sue forme. Il bello infatti non è limitato a 
ciò che è degno di lode e quindi per se desiderabile, ma si 
estende anche a ciò che è semplicemente buono, purché pia- 
cevole (3). 



(1) Aristotele, Poetica, p. 1448 B, 6-9 : ro ze yÙQ f^i/ieìa&ai avfiq)VTov 
TOtg àvd-QùiTioLg xaì rò ^aiQeiv zolg fiifi/jf^aai Tidvzag. 

(2) Aristotele. Poetica, p. 1448 B, 14 segg. : 6ià yÙQ zovzo %aiQovai, 
tàg eluóvag ÓQÙJvzeg, òzi aviA,(ialvEi d-eoìQovvzag /^avd'dveiv nal ovÀÀo- 
yi^ead-at, zi ixaazov ■ otov, dzt, oizog éneìvog. Rettorica, p. 1371 B, 4-10 : 
ènei oh zò ^avd-dveiv f^óìi aal zò d'avftd^eiv, ìial za zoidde àvdynr] fjòéa 
etvat olov zó zs /^ifitjziKÓv, aianeQ y^acpiatj xaì àvÒQiavzoTioiia Kaì TtoiTj- 
ziKri, %al Tiàv 8 àv ev f4,efiif.irj^£vov fj nàv f] fiìj ijòh aùvò zò fiefiiftrj- 
[lévov ' ov yÙQ ènl zovzq) y^aiQEi, àÀÀà avÀÀoyiffftóg èazLV, 5zi zovzo 
éKsìvo, &aze f^avd'dveiv zi avfi^aivei. Leggasi, sulla questione qui ac- 
cennata, la nota, al passo, del Cope, The Ehetoric of Aristotle. Cam- 
bridge, 1877 segg. (voi. I, p. 217-218). 

(3) Aristotele, Rettorica, p. 1366 A, 33-34 : KaÀòv fièv oiv ^.azt, S àv 
òl aizò alQBzòv ov éjiaivezòv ^, ^ ò àv àya&òv dv ^óv ^, 8zi àyad'óv 
(Cope, voi. I, p. 159). 



— 46 — 

L'interessamento per tntto quanto è schiettamente ed evi- 
dentemente imitato dal vero, è tanto grande che sopraffa per- 
fino le preoccupazioni del moralista; sì che si ammette, che 
perfino possano produrre un sentimento estetico le imitazioni 
perfette dei più ignobili animali e anche dei cadaveri (1). 

Ogni cosa che esiste in natura contiene alcunché degno 
della nostra ammirazione, poiché in ogni cosa é una bellezza 
nativa (à)g èv dnaaiv òviog (pvaiìtov nai naXov, de pari, anim., 
A, 5, p. 645 a, 15-18) per chi é animato da vero spirito 
filosofico. 

La teoria estetica, come suole accadere, veniva a dare 
sanzione e giustificazione a quello che le arti rappresentative 
già attuavano : la speculazione filosofica confermava la pra- 
tica di quello stadio al quale erano giunte pittura e scultura 
per loro interna evoluzione. Dopo la grandiosità di Fidia le 
cui statue respirano un'aura di maestà divina, dopo la com- 
postezza e la finitezza d'esecuzione di Policleto, si ha l'arte 
della scuola neo-attica del quarto secolo, che più al vivo 
ritrae la passione ed il movimento, creando tipi d'un natu- 
ralismo pieno di vita, nei quali s'esprime la genialità di 
Scopa e di Prassitele. Analogamente, nella pittura, a Poli- 
gnoto succedono Zeusi e Parrasio. Nel quarto secolo Pausia 
fa fiorire la pittura di genere ed adopera quel processo di 
encausto che tanto doveva essere adatto a far risaltare i 
particolari nei suoi quadri: la tenuità del soggetto è com- 
pensata dai pregi d'una osservazione felice e d'una esecuzione 
magistrale. Apelle e Protogene elevano a dignità d'arte il 
ritratto, che é la glorificazione dell'individuo ed ha valenti 
cultori in tutto il periodo ellenistico. 

Anche per Aristotele il poeta è un buon ritrattista, e, 
come quello, pur dipingendo ritratti somiglianti agli originali, 
deve raffigurare i suoi personaggi più in bello, creando tipi 



(1) Aristotele, Poetica, p. 1448 B, 10-12 : à yÙQ aùzà ÀvnriQ&g ÓQÙ/^ev, 
»o?;fajv tàg einóvag zàg ^idÀiara ì/KQifitùf.iévag %aÌQO^ev d'ecoQovvzeg ' 
olov O'rjQtùìv T£ f4,0Qq>àg tùìv àiifiOidi(at> aal veHQÙtv. 



— 47 - 

imperituri (1). Siamo ben lungi dalle speculazioni di Platone 
e ci troviamo in un campo assai vicino a quello che occuperà 
l'arte delle età successive alla classica. La poesia non ha per 
oggetto il dare immagine delle verità eterne, ma un campo 
senza confine le si apre dinanzi. Infatti l'imitazione poetica è 
di tre specie, secondo che mira a ritrarre le cose in se, come 
erano e sono; o le cose come è detto, e sembra, che siano; 
0, infine, così come dovrebbero essere (2). La preoccupazione 
etica per cui Platone ha riprovato con severo giudizio, ben- 
ché a malincuore, la grande arte di Omero, non è più norma 
decisiva per giudicare delle opere d'arte. Nella morale, sì, 
l'intenzione è tutto, tanto che lodiamo e biasimiamo altrui 
guardando, piuttosto che alle sue azioni, ai propositi per i 
quali ha agito; ma in arte non diamo importanza se non 
all'esecuzione (3). Di qui, ad affermare l'indifferenza dell'ar- 
tista di fronte al contenuto etico dei caratteri che ritrae^ è 
breve il passo, e fu fatto. La definizione del mimo che ci è 
data da Diomede (4), il quale ci conserva tanta parte di 
sapere peripatetico, non prende in considerazione il valore 
morale del contenuto dell'opera d'arte, ne ad essa propone 
uno scopo diverso dall'imitazione pura e semplice: mimus 
est sermonis cuiuslibet (et) motus sine reverentia vel facto- 
rum (et honestorum) et turpium cum lascivia imitatio, a 
Graecis ita definitus: filfióg èaii fii/irjaig ^iov xd ts ovyxE- 
X(OQi]fi£va xal àavyx(ÓQ7]Ta neqiéxoìv (5). — Poiché l'opera 
dell'artista non deve essere tendenziosa, ma solamente mirare 
alla verità, il principale pregio di essa consisterà nel non com- 
mettere alcuna di quelle inconseguenze che turbano ed annul- 



li) Aristotele, Poetica, p. 1454 B, 9 segg. — Cfr. p. 1460 B, 33-35 e 
1461 B, 12 segg. 

(2) Ai-istotele, Poetica, p. 1460 B, 9-14 : àvdy/,ifi ^uif,i£Ìa&at, vQicJv optmv 
lòv àQid-^óv, iv TI àec ' f) yÒQ ola fjv, Tj eaxLv ' ì] olà <paat, Kal Soneì ' 
1j ola elvat Sei. 

(3) Ciò risulta dal confronto dei due passi, Rettorica, p. 1874 B, 13 seg., 
e Poetica, p. 1460 B, 16 ^^gg. 

(4) In Kaibel, Comicorum graecorum fragmenta. Berlin, 1899, p. 60-61. 

(5) Vedasi al proposito, Reich, Mimus, p. 50. 



— 48 — 

lano l'illusione. Però bisogna badare, soggiunge Aristotele, 
che quello che la logica comune chiama errore non solo è 
giustificabile, ma raccomandabile ancora, quando riesca a 
rendere piìi efficace la rappresentazione artistica. Qui entra 
infatti un elemento imponderabile e irrazionale {dZoyov è 
appunto la parola del filosofo), per il quale si ammette, in 
qualche parte, l'inverosimile (1). Infatti lo stesso concetto 
di giustezza o esattezza {ÒQd-ÓTf]g) ha valore diverso quando 
è riferito alla scienza politica e quand'è riferito all'arte 
poetica (2). Di due sorte sono gli errori della poesia: gli 
uni dell'arte in se, o essenziali, gli altri accidentali e deri- 
vanti dalla manchevole esecuzione. Se, poniamo, un artista 
propone un giusto oggetto alla sua imitazione, ma non riesce 
nell'intento di ritrarlo, ciò può essere per incapacità dell'arte 
a conseguire quello che l'artista vorrebbe, e in tale caso 
l'errore è dell'arte, ossia essenziale; se errato è l'oggetto 
proposto all'imitazione (come quando, ad esempio, un pittore 
prenda a dipingere un cavallo che getta in avanti ad un 
tempo tutte due le zampe dalla parte destra), l'errore è, sì^ 
particolare a ciascuna singola arte, ma sempre accidentale (3), 
uno di quelli, insomma, che ben si potrebbero dire dovuti 
ad insufficienza di conoscenze tecniche. Non solo dunque 
l'arte ha un valore in se, indipendentemente dal suo conte- 
nuto morale, ma ancora gli errori dell'attività artistica vanno 



(1) Aristotele, Poetica, p. 1460 A, 14 segg. 

(2) Aristotele, Poetica, p. 1460 B, 14-15 : ovx ■>) aizrj ÒQ&ózrig èavl tris 
TtoÀuiK'fjg Hai Tfjg TcoirjTiìi^g cioè àÀÀrjg zé%vrig Kal noirjTiKìlg. 

(3) Aristotele, Poetica, p. 1460 B, 16 segg. : aii^g Sé zfjg 7ioi.r]ziKfjg 
óizzìj ^ àfiaQzCa ' ■^ [lev yaQ y.ad'^ aòzìjv, ->; 6è Kazà avfi^£^r]ìióg. El f^hv 
yÙQ nQoelXezo fiifii^aaa&ai àòvvafilav, avzPjg ij àfiuQzCa, el òe Sia zò 
TiQoeÀsad'at /aÌ] ÒQd'òig, àÀÀà zòv Innov af^icpoì za óe^ià TiQO^e^ÀTjxóza 
fj zò ìia&^ éxdazì^v zéxvrjv à//i,dQTi]f*a . . . . oò y.ad-'' éavzrjv. Il testo è ge- 
neralmente corretto, ammettendo una lacuna tra fiifn^aaa&ai ed àóv- 
vafiiav, per l'impossibilità d'unire le due parole. Per la questione vedasi 
Gomperz, Zu Philodems Bilchern von der Musik. Wien, 1885, p. 26 nota. 
Il Gomperz scrive : /^i/A^^aaa&ai {à^d'iòg, ànézvye 6è 6l) àòvvafilav, il 
Christ : f*if*rjaaad'at {àSvvaza (5t') àóvvafA^tav avxqg, {aizijg) fj àfiaQzia. 
Heinsio correggeva xar' àdvva/^iav a^r^j, altri altrimente. 



— 49 — 

giudicati con un criterio intrinseco, indipendente da quello 
che serve a giudicare le altre cose, e tratto dal seno dell'arte 
stessa. La poesia, che pure è imitazione, non è riproduzione 
del reale in tutti i suoi particolari, ma selezione dei più 
significativi dell'idea, la quale per essi a noi diventa sensibile. 
L'artista deliberatamente trascura quelli che non servono a 
metterla in rilievo, o anzi la oscurano. — Ogni arte ha le 
sue leggi. L'esempio che Aristotele adduce per la poesia è 
particolarmente significativo nella sua semplicità. 

Nel canto XXII dell'Iliade, i due eroi omerici, Achille ed 
Ettore, sono sotto le mura di Troia, l'uno di fronte all'altro 
nell'estremo cimento. Noi non vediamo altro che le due figure 
che giganteggiano ed occupano tutto il campo: ogni altra 
cosa è sparita. I Troiani stanno fermi e nessuno di loro pensa 
di accorrere in aiuto ad Ettore ; l'eroe troiano dapprima vor- 
rebbe sfuggire al duello mortale in cui sa che dovrà soccombere. 
Tutto ciò, osserva il filosofo, se fosse posto sulla scena sa- 
rebbe ridicolo, mentre non è nell'epopea, la quale più della 
tragedia ammette VdÀoyov, e ciò perchè in essa non abbiamo 
attori sotto i nostri occhi, ma i fatti ci sono narrati (1). 
Non dunque la realtà ci è data dall'opera d'arte: ma un 
cantuccio della realtà veduto attraverso gli occhi d'un artista, 
e da lui ritratto coi mezzi speciali che l'arte sua gli fornisce. — 

Tali precedenti teorici servono mirabilmente a far ragione 
dell'arte che più strettamente chiamiamo mimetica e della sua 
dignità. Infatti gli scrittori del periodo ellenistico non erano 
più, come nel passato, gli interpreti immediati e geniali dei 
bisogni estetici, morali o intellettuali dei loro concittadini o 
connazionali, ma prima d'ogni altra cosa letterati vissuti tra 
i libri, che da quelli attingevano la ispirazione, rivolgendosi a 
persone fornite di cultura formata sui libri. Sen/a, dubbio, 
per uomini che vivamente s'appassionavano a questioni lette- 
rarie e con aspre polemiche combattevano per il trionfo 



(1) Aristotele, Poetica, p. 1460 A, 15-17 : tu tieqì trjv "EnroQog óìcù^iv 
ini a)ir]viis ovza, ysÀoìa àv q)aveÌ7j ' ol f*èv, éatàìteg %al ov ótÓKOvveg, 
ó 6è, àvavevcjv ' èv oh toìg ^jtsoi Àav&dvei. 

Rivista di filologia, ecc., XLI. 4 



- 50 — 

d'una teoria, le speculazioni estetiche di Aristotele e dei suoi 
seguaci devono avere avuto un grande peso. Anche da altra 
parte sappiamo dell'influenza esercitata dai Peripatetici su 
tutta l'età ellenistica. Fu rilevato (1), che Demetrio Falereo, il 
fondatore della biblioteca alessandrina del Museo, era peri- 
patetico, e che Callimaco studiò in Atene alla scuola di 
Praxiphanes, discepolo di Teofrasto. Ma, constato e concesso 
ciò, l'attribuire, come qualcuno fece, alla diffusione delle teorie 
aristoteliche la fioritura del mimo e dell'idillio è un'esage- 
razione senza fondamento e senza necessità (2). Se l'età 
alessandrina ha una caratteristica saliente, essa è appunto 
la tendenza generale che porta all'affermazione dell'indi- 
viduo. Col sorgere e coll'accentuarsi dell'individualismo ci 
spieghiamo come andasse distrutta la continuità della storia 
greca e come le JióÀeig fossero sostituite dalle monarchie, 
ne solamente il governo venisse mutandosi, ma ancora tutta 
la vita cittadina. Un medesimo spirito trasforma infatti 
la filosofia, crea la tecnica delle arti belle e delle scienze, 
impronta di se ogni cosa, dall'industria alla religione, finché 
culmina colla creazione dell'uomo-dio e del culto del mo- 
narca (3). 

Se tuttavia cercasi di fissare l'origine storica dei due 
generi che piìi direttamente si modellano sulla realtà (mimo 
e idillio) non sarà facile venire a conclusioni positive e sicure. 
I piti antichi scrittori di mimi, Sofrone e suo figlio Senarco 
(sec. V-IV), sono per noi poco piìi di due nomi, ed i fram- 
menti che ne possediamo non bastano a darci una sufficiente 



(1) Reich, Mimus, p. 298. 

(2) La questione delle relazioni tra poesia e filosofia in questa età fu 
trattata recentemente e ridotta alla sua vera, cioè non esageratamente 
grande, importanza da Max Pohlenz, Die hellenistische Poesie und die 
Philosophie in XÙQiTeg Fr. Leo zum sechzigsten Geburtstag dargebracht. 
Berlin, 1911; vedansi le pag. 76-112. 

(.3) È l'idea che informa il libro, un po' nebuloso ed astratto, ma 
acuto e pieno d'idee giuste, del Kaerst (op. cit.) ; vedasi specialmente 
nel volume secondo (Lipsia, 1909) il V libro: Die hellenistische Kultur, 
p. 83-107. 



- 5i - 

idea delle opere perdute (1). Gli scolii di Teocrito all'idillio 
Il e XV ci dicono che le 0aQfiaiiEVTQiai hanno un personaggio 
derivante da un mimo di Sofrone, probabilmente da quello 
intitolato " Le donne che fanno uscire la luna „ (2), e l'idillio 
SvQttìiovoiai sarebbe imitazione del mimo di Sofrone: " Le 
donne che vanno a vedere le feste istmiche „ (3); si conget- 
turò con verisimiglianza che anche l'idillio XIV di Teocrito, 
Kvvioxag è'QOìg, sia imitato dallo stesso autore (4). È pro- 
babile, che Sofrone, non sappiamo in quale misura, ma forse 
non piccola, abbia fornito il modello anche per quella parte 
degli altri idilli di Teocrito che riproduce scene della vita. 
Possiamo dunque fissare sulla base di antiche testimonianze, 
che dovette esistere per il genere mimetico una tradizione 
letteraria, senza per questo poterla più precisamente deter- 
minare. Nel che ci conferma anche la considerazione, che 
pure Eronda deriva da quei due primi mimografi tutta una 
serie di detti d'uso proverbiale (5), e anche di situazioni, 
figure e scene simiglianti (6). Naturalmente, d'un genere 
letterario che nell'età classica era tenuto in poca considera- 
zione non possiamo aspettarci di veder tramandate le origini, 
le quali, dato il suo contenuto reale, non offrivano nemmeno 
il campo alla fantasia erudita per una ricostruzione che le 
magnificasse con l'elemento favoloso, il che invece avvenne 
per l'idillio. 

Gli antichi eruditi ne stabiliscono variamente i primordi. 
La questione fu trattata con acume sottile dal Reitzen- 



(1) Sono raccolti nel volume citato (nota 4 a p.47) del Kaibel, p. 152-182. 
Per la datazione leggasi ivi, pag. 152 nota 1. — Vedi gU Scìwlia in 
Theocritum (Parigi, 1878), pag. 18, col. P, 88, col. 1'. 

(2) Vedi Kaibel, op. cit., p. 154-155, n. 2-9. 

(3) Vedi Kaibel, op. cit., p. 155, n. 10. 

(4) Un'intima relazione suppose il Wilamowitz ; vedi Kaibel, op. cit., 
n. 171 a p. 180; cfr. n. 145 a p. 176-177. 

(5) Crusiua, Untersuchungen zu den Mimiamhen des Herondas (Leipzig, 
1892), p. 187; cfr. ivi pp. 6, 11, 20, 25, 49 segg., 51, 78, 81, 90, 115, 
129, 157, 163. 

(6) Id. ibid., p. 187, cfr. pp. 25, 50 e seg., 78, 97. 

(7) Ved. Kaibel, op. cit., pp. 56-57, 97-124. 



- 52 — 

Stein (1), la cui costruzione è attraente, ma non sempre 
persuasiva, basata, come è, sopra una serie d'ipotesi. Gli 
autori che parlano dell'origine dell'idillio bucolico sono: 
Diodoro IV, 84; Partenio 29; Eliano V. H. X, 18; 
Pseudo-Servio a Virg. Egl. V, 20; scolio a Teocrito 
{IleQÌ Tov noi) xal Jiòjg stgéd-rj tà ^ovìioZixd), che risale, 
probabilmente, a Teone; Diomede, de poematibus VII. 
— Secondo un aspetto della tradizione antica, la poesia 
bucolica sarebbe originariamente in istretta relazione con 
cerimonie religiose. Lo scolio dei manoscritti di Teocrito dà 
a questo proposito una triplice versione: " 1) Dicesi che i 
cauti bucolici siano stati inventati a Sparta, e che quindi 
abbiano avuto straordinaria fortuna. Mentre ancora duravano 
le guerre Persiane e tutta la Grecia era invasa dal terrore, 
si istituì una festa in onore di Artemide venerata nella città 
di Caryai. Ora avvenne che le vergini [le quali dovevano 
cantare le lodi della Dea] vstavano nascoste per lo scompiglio 
causato dalla guerra; per ciò alcuni campagnuoli entrarono 
essi nel tempio e innalzarono inni alla Divinità {ti]v "Aqts/iiv 
'dfivr]aav). Questa loro poesia di nuovo genere riuscì ottima, 
sì che l'uso rimase e fu conservato. 2) Altri dicono che le 
feste Bucoliche furono celebrate da prima nella città di 
Tyndari in Sicilia, e ciò avvenne così. Quando Oreste portò 
via dalla scitica Tauride la statua di Artemide, ricevette un 
oracolo che gli ingiungeva di fare un'abluzione purificatrice 
"nei sette fiumi che fluiscono da un'unica sorgente „. Reca- 
tosi egli a Reggio, in Italia, si purificò della sozzura con- 
tratta, bagnandosi nei fiumi cosiddetti " intersecanti il piano „ 
{òiaxóiQoig), e poi si recò a Tyndari in Sicilia. Quelli del 
paese che solevano con canti loro propri inneggiare alla Dea, 
trasmisero a lui la loro invenzione. 3) Ma il racconto vero 
è il seguente. Una volta in Siracusa scoppiò una rivolu- 
zione e molti cittadini vi trovarono la morte; la concordia 
ritornò più tardi tra il popolo e si credette che la pacifica- 
zione degli animi fosse opera di Artemide. I campagnuoli 



(1) Reitzenstein, Epigramm und Skolion. Giessen, 1893 ; aull'origine 
della bucolica vedansi le pp. 193-263. 



53 — 

portando ad essa doni per tale beneficio, lieti, innalzarono 
canti alla Dea coi carmi rustici ad essi soliti e così a poco 
a poco si stabilì l'uso che durò anche in séguito „. 

.Secondo un'altra tradizione, VevQerì^g del genere sarebbe 
Daphnis, personaggio mitico che è messo in rapporto con 
Artemis e con Ermete, di cui ora lo si fa figlio, ora amato. 
Di lui, narra la leggenda, s'innamorò una ninfa, la quale 
poi, tradita per altra donna, si vendicò dell'amante infedele 
accecandolo. " Daphnis, dotato di eccellente ingegno poetico, 
trovò il ^ovxoZixòv 7ioÌT]fia, il canto che fino ad oggi an- 
cora è in voga {xvyxccvei dia^évov èv ànoòo%fi). Raccon- 
tano che egli accompagnasse Artemide nella caccia e a lei 
servisse riuscendole accetto ; e grandemente la divertiva con 
la zampogna e con la melodia bucolica „ (Diodoro). Si sa, che 
la casta Artemide aveva un culto che molti punti di contatto 
presentava con quello che gli Orfici tributavano a Dioniso, 
e ricorre subito alla nostra mente il personaggio di Ippolito 
nella tragedia di Euripide. Il riavvicinamento apparisce giu- 
stificato quando si pensi alla leggenda della morte di lui 
quale è cantata da Teocrito nell'idillio I, 65 e segg. — Daphnis 
è anche messo in relazione con Pan. La leggenda ora fa che 
a lui Daphnis morente tramandi la sua zampogna, come a suc- 
cessore (Teocrito I, 121-129), ora invece che Pan gli insegni 
l'arte del canto e sia suo maestro (Ps.-Servio a Virg. Egl. V, 20): 
nel che si volle scorgere designata come patria della poesia 
bucolica ora la Sicilia ora l'Arcadia. Virgilio sa ancora 
(Egl. V 29-31), che l'f^^ST^g del genere ha avuto una parte 
nell'introduzione del culto bacchico: 

Daphnis et Armenias curru subiungere tigris 
Instituit, Daphnis thiasos inducere Bacchi 
Et foliis lentas intexere mollibus hastas. 

In origine Daphnis dovette essere la figurazione mitica 
d'un adoratore di Dyoniso-Artemis, e come tale chiamato 
^ovìióÀog, nome che davasi ad una specie di sacerdoti, che 
trovansi piìi volte ricordati (1). 



(1) Vedasi per tutto ciò : Gruppe, Griechische Mythologie und Religions- 
geschichte (nello Handbiich di I. Mùller), pp. 964-965 e note ivi. 



— 54 — 

Tra le due versioni sopra ricordate può scorgersi una 
qualche relazione, in quanto secondo ambedue si fa derivare 
la poesia bucolica da feste in onore della medesima Dea, o 
della Artemis di Caryai, o dell'Artemis Phakelitis di Reggio, 
infine dell'Artemis Lyaia di Siracusa (1). Con tutto ciò va 
notato, che, per quanto in Diodoro non manchino tratti mitici 
nel carattere di Daphnis, esso è tuttavia un vero e proprio 
pastore " che possedeva armenti numerosissimi di bovi e si 
prendeva di essi grande cura „ {^oùv àyéZag jia/inlrjd-ElQ 
HEKxrifiÉvov Tovxùìv JioiEÌad-ai 7ioÀZr]v èjiifiÉZeiav). 

Il Reitzenstein, ravvicinando la tradizione degli scolii a 
quella di Diodoro, crede di poter concludere, che la poesia 
bucolica altro non sia se non un canto di carattere sacro ; i 
pastori reali, per lui, piìi non esistono, e in loro vece sono 
subentrati i pastori-sacerdoti. In Kos sarebbe esistita una 
società di natura religiosa i cui componenti uniformandosi 
ad una pratica del culto avrebbero assunto la maschera dei 
^ovHÓÀoi. Durante i banchetti sociali, prima in quelli del 
culto, poi anche all'infuori di tale occasione, costoro avreb- 
bero tenuto gare poetiche nelle quali l'arte loro assecondava 
la tendenza generale del tempo ad ammirare e pregiare con 
un sentimento nostalgico la vita semplice e naturale dei 
campi. Gli idilli di Teocrito sarebbero, chi ben guardi, ar- 
tistici yQl<poi, 0, noi diremmo, poesie a chiave, tramate di 
illusioni a scrittori amici dell'autore ed a fatti della vita 
contemporanea. In conclusione si avrebbe, press'a poco, una 
specie di Arcadia, sui generis, e Kos ne sarebbe stato un 
serbatoio. 

Può darsi benissimo che l'origine della poesia bucolica sia 
stata sacra come quella di quasi tutti i generi letterari greci ; ma 
sta il fatto, che a noi non è dato scorgere come da principii 
di tale genere, cioè da canti liturgici (2), sia derivata la 



(1) Id. ibid., pp. 167, 367, 965 nota 4 e 1432 nota 3. 

(2) Dionis. ars gramm., Ili, p. 487 K., est et alia opinio, circum pagos 
et oppida solitos fuisse pastores composito cantu pecorum ac frugum 
hominumque prò ventura atque inde in hunc diem manere nomen et 
ritum bucolicorum. 



— 55 — 

poesia profana dì Teocrito, nella quale l'elemento liturgico 
non ha valore essenziale, si che per intendere a dovere l'opera 
d'arte non è necessario ritenere, che sia destinata al culto, 
benché questo si pretenda da alcuni per l'Idillio XXVI [Bdxxai) 
e anche per il XVIII {'EÀévrjg èmd-aÀdfiiog) (1). Reminiscenze 
di canti religiosi si hanno probabilmente anche altrove, come 
nell'idillio I, 65 segg. e nell'idillio VII, 82 segg. ; ma tro- 
vansi in poesie che, certissimo, non erano destinate al culto. 
La storia della commedia ci presenta una stretta analogia : non 
è dubbio che essa abbia una certa dipendenza dall'inno fallofo- 
rico, ma i suoi tipi ed i suoi motivi comici sono connessi con 
quelli della farsa popolare (2) : dai due elementi insieme fusi 
risulta la commedia attica. Qualche cosa di simile deve essere 
accaduto anche per il mimo: ammettiamo l'esistenza di canti 
sacri, ma anche l'esistenza d'una poesia pastorale semplice 
e primitiva. Essa appare verosimile, e in se, per le abitudini 
che in tutti i paesi ingenera la vita pastorale coi suoi lunghi 
ozi, e perchè già in Omero vediamo pastori che si dilettano 
a suonare la zampogna {2, 526 cfr. 569). I canti bucolici 
della poesia d'arte saranno elaborazione letteraria ed ulte- 
riore sviluppo di quella parte dei carmi pastorali in cui si 
cantava la bellezza della donna amata, o la si pregava di 
corrispondere all'affetto suscitato, o si ricordavano i vanti e 
le gare dei pastori e gli incidenti della loro semplice vita (3). 
Il pensare a yQìtpoi sarebbe giustificato solo quando ciò 
fosse necessario a chiarire un punto oscuro oppure a dare 
pieno valore ad una allusione; ma anche là dove il Reitzen- 
stein è riuscito a rendere non al tutto improbabile un'inter- 
pretazione con riferimento a persone ed a fatti dell'età elle- 



(1) Maas, Hermes del 1891, p. 178 segg.; Kaibel, Theokrits 'EUvris 
Ì7iid'aÀdfiiog nel Hermes del 1892, pp. 255-259. Vedasi per la questione : 
Ph. E. Legrand, Étude sur Théocrite (Paris, Fontemoing, 1898), pp. 83 
e segg., 101 seg. 

(2) Romagnoli, Origine ed elementi della commedia d'Aristofane, negli 
Studi ital. di filol. class., voi. XIII (Firenze, 1905), pp. 83-268. 

(3) Helm, Theocrit und die bukolische Dichtung, nei Nette Jahrbiicher 
del 1896, pp. 457-472. 



— 56 — 

nistica, essa rimane sempre qualche cosa di esteriore all'opera 
d'arte e di forzato. 

Basti considerar qualche esempio. Nel quarto idillio di 
Teocrito, a Batto mentre insegue un vitello s'è conficcata 
una spina in un piede; egli s'è fermato per farsela togliere 
da un compagno, e Coridone gli dice: Quando sali sul monte, 
non andare scalzo, o Batto, poiché sul monte frondeggiano 
pruni e macchie di spini. Tutto ciò a noi pare molto sem- 
plice: la scena che precede questi versi ricorda la nota e 
graziosa statua ellenistica del giovinetto che si estrae il 
pruno dal piede ferito. Orbene, secondo il R. (p, 240), Batto 
altri non è che Callimaco in persona, fatto rappresentante, 
in letteratura, del molle canto ionico, e Coridone (= Teocrito?) 
gli vuol dire che il canto pastorale è per lui un affare spi- 
noso : meglio che non ci si provi. — Nel decimo idillio s'in- 
contrano due mietitori, Funo, Batto, innamorato e melanco- 
nico, l'altro, Milone, un tipo di contadino rozzo, che non 
capisce la sentimentalità del compagno, il quale lavora svo- 
gliato; e gli domanda : Lavorator bovaro, che cosa t'è occorso, 
infelice ? né il tuo solco sai fare, dritto come prima facevi, 
ne più, insieme al vicino, procedi, ma resti indietro come 
pecora al gregge, se il piede una spina le punse. Natural- 
mente, a chi si è messo sulla strada di trovare da per 
tutto allusioni, si presenta subito il pensiero che anche qui 
Batto sia Callimaco, e la spina sia quella tale spina del- 
l'idillio quarto. Ogni dubbio poi per lui si dilegua quando 
legge i versi che chiudono l'idillio e ne dovrebbero essere la 
chiave. Ai patetici versi d'amore con cui Batto aveva sfogato 
la sua passione per la graziosa Bombica, Milone ha fatto 
seguire un canto realistico quale bene s'addice a veri lavo- 
ratori, e conclude : Tale canto conviene cantare a coloro che 
faticano al sole, ma, bovaro, il tuo amore di fame nutrito bi- 
sogna raccontarlo alla mamma allorché, al mattino, nel letto 
sta sveglia. L'amore di Batto è detto Àifii]QÓg perchè le sue 
brame non sono mai sazie, o forse perchè rende allampanato e 
infelice il povero contadino? o forse ancora perchè è per donna 
magra, che sembra il ritratto della fame, una vera locusta 
come dice Milone ? Sono tutte, parrebbe, ragioni plausibili, ma 



- 57 - 

l'interprete vuole trovare una ragione piìi chiara e convin- 
cente. In un epigramma a noi giunto (Antologia Palatina 
XII, 150) Callimaco ha detto, che all'amore infelice è rimedio 

10 sfogo del canto, ma che, d'altra parte, anche la fame 
aveva questo di buono, di èxìiójixEiv xàv (piZójiaióa vóaov. 

11 primo à'ìi due rimedi, il canto, Batto l'aveva sperimentato ; 
alla fame, secondo rimedio, dovrebbe far allusione la chiusa 
dell'idillio. 

Chi può dire dove dobbiamo arrestarci nella caccia alle 
allusioni ? Ci sarà lecito trovarle anche là dove i pastori par- 
lano da veri rozzi campagnuoli con uno spirito, per noi, gros- 
solano e sgarbato ? Neiridillio quinto. Cornata e Lacone con- 
tendono tra loro ciascuno vantando i loro meriti poetici, ma 
sarà difficile interpretare le loro parole come echi d'una po- 
lemica letteraria. Quando mai, domanda Lacone (v. 39), ho im- 
parato da te qualche cosa di bello ? E Comata glie lo dice su- 
bito (v. 41): àviK' ènvyit,óv tv, tv ó' dÀyseg. Dobbiamo vedere 
anche qui due letterati che si scambiano delle frecciate ? 
Vorrà dire che si permettevano un'aristofanesca libertà, come 
quella mala lingua di Enrico Heine si permetteva col Platen. 

Non si vuole certamente negare che allusioni ad amici e 
ad avversari non vi possano essere negli idilli (come sono 
nelle egloghe virgiliane) : qualche volta le scorgiamo perfino 
noi; ma, quando ci sono, il poeta le fa notare chiaramente, 
ne ci sfuggono. Così l'idillio settimo fino da principio fa 
scorgere la nota personale che in esso dominerà (v. 1) e 
lascia scorgere a bello studio (v. 13-14) che in esso non 
dobbiamo cercare veri pastori: ragione di piìi per non cer- 
care allusioni se non là dove ci è indicato di cercarle. 

Ma, fosse anche data per dimostrata l'origine dell'idillio da 
un canto religioso e la sua trasformazione successiva in 
poesia allegorico-satirico-letteraria, tutto ciò non ci chiari- 
rebbe l'arte degli idilli, e, per interpretarli, noi saremmo 
sempre obbligati a riferirci agli idilli stessi. 

(Seguiterà). Achille Cosattini. 

Roma, gennaio 1912. 



58 — 



SOPRA IL TERMINE ESTREMO 
DELLA STORIA DI POSIDONIO DI APAMEA 



Un articolo di Suida {IIoGSióójviog 'AZs^avÓQEvg), conte- 
nente una singolare confusione, consueta del resto in questo 
autore, di personaggi omonimi e delle loro opere, ha molto 
fuorviato gli studiosi che hanno fatto oggetto delle loro in- 
dagini l'insigne opera storica, sventuratamente perduta, che 
il grande filosofo e storico di Apamea (e. 134- e. 50 a. C) 
aveva scritto in cinquantadue libri in continuazione dell'opera 
di Polibio, a cominciare dal 146 a. C, e giungendo fino ai 
suoi tempi. 

L'articolo è il seguente : Uoaeióojviog 'AÀs^avÓQEvg, 
(piXóaocpog Szoìinòg, (lad^rjxìjg Z^vcovog %ov KiTiéoìg. "Eyqaxpev 
'loTOQiav TÌ]v fiexà HoÀv ^lov èv ^i^Xioig v ^' EOìg 
Tov TioÀéfiov Tov KvQfjva'Cyiov a al IlTOÀSfiaiov ' 
xal MeMxag QfjtoQixdg ' 'Tnod-éosig elg Arj/toad^évi]v. Kal 
olfiai lavxa /làÀÀov Uogeiócoviov elvai tov 'OX^ionoXhov. 

La confusione non potrebbe essere piti piena. La grande 
opera storica in continuazione di Polibio è distaccata dal suo 
vero autore (al quale Suida dedica un articolo a parte, s. v. 
n. 'AnafiEvg ex 2vQÌag ^ Pódfog, coli' indicazione ge- 
nerica "EyqaìpE noÀÀd), e attribuita ad un altro filosofo stoico, 
Posidonio di Alessandria, allievo di Zenone di Cizio, il grande 
caposcuola della Stoa, morto nel 262/1), come ci viene confer- 
mato da Diogene Laerzio (VII, 38 Zeno), e posta tra le sue 
opere, o almeno tra quelle che Suida ritiene tali. Riguardo 
a quella come a queste, viene da ultimo espresso il dubbio, 
che esse spettino a Posidonio di Olbiopoli od Olbia, sofista 



- 59 — 

e storico, intorno al quale abbiamo un terzo articolo di Suida 
stesso (s. V. 77. 'OÀ^io7ioÀi%i]g), in cui il compilatore gli 
ha equamente concesso un'altra delle opere di Posidonio di 
Apamea, HsqI %qv òkeuvov xal xòjv nm avxóv, e che pro- 
babilmente è una stessa persona collo storico del re Perseo 
di Macedonia (179-168 a. C.) (F.H.G., Ili, p. 172 e segg. ; 
Susemihl, Gesch. der griech. Lite., u. s. w., I, p. 642). Il fatto 
pili grave però è che, esaminata più da vicino la data che 
in Suida viene attribuita al termine della Storia di Posidonio, 
essa sfugge a qualsiasi tentativo di interpretazione. almeno, 
è sfuggita finora. 

Carlo Miiller, nei Prolegomena ai frammenti di Posidonio 
(F. H. G., Ili, p. 250); riteneva che la determinazione del limite 
estremo dell'opera di Posidonio in Suida, nel testo a noi per- 
venuto, fosse corrotta, e ciò perchè noi non conosciamo nessun 
avvenimento che possa essere denominato nólefioc, Kvqi]- 
vai'xóg, da considerarsi come termine estremo della grande 
opera di Posidonio, ne siamo autorizzati, da quanto ci è noto 
(pressoché nulla) del filosofo Alessandrino suo omonimo, a 
ritenere che egli abbia scritto un'opera storica, un' indicazione 
riferentesi alla quale Suida avrebbe riferito alla Storia del 
filosofo di Apamea. La corruzione era veduta dal Miiller nella 
parola jioZéfio), ed egli proponeva la correzione del passo così : 
é'wg n%oÀ£fialov lov KvQì]vaì'}tov {xaì IlTOÀsfiaiov), inten- 
dendo quest'ultimo inciso come una postilla errata; ovvero, 
per chi trovasse la correzione troppo ardita, ne presentava 
un'altra : Ecog "Anitovog xov KvQì]vaiHov xov xal UxoÀEfiaiov, 
intendendo riferirsi nell'uno e nell'altro caso a Tolemeo 
Apione, re di Cirene, che morendo nel 96 a. C. lasciò erede 
del suo stato il popolo romano. La correzione del Miiller 
altera irremediabilmente il testo di Suida, non solo, ma offre 
difficoltà filologiche gravissime {KvQr]val'}cóg in luogo di Kv- 
Qfjvalog, come epiteto di persona) e rende necessaria un'ipo- 
tesi, che noi vedremo essere perfettamente inutile, quando il 
passo di Suida sia inteso a dovere. E cioè che la Storia di 
Posidonio. che in 52 libri giungeva fino al 96 a. C, avesse 
una continuazione, affatto ignota d'altra parte^ nella quale 
sarebbero stati contenuti i frammenti 40 e 41 di Posidonio 



— 60 — 

(ed, Miiller), il primo dei quali si riferisce alla morte di 
C. Mario il vecchio, avvenuta nel gennaio 86, e il secondo 
al tiranno Atenione, che diresse la resistenza di Atene contro 
Siila nel celebre assedio degli anni 87-6 a. C, e la narrazione 
delle gesta di Pompeo, di cui Strabene (XI, p. 491 e seg., 
fr. 89 Posid.) ci informa che Posidonio aveva parlato na- 
QaXóyog. Una tale ipotesi quindi ha trovato assai scarso 
consenso (1). 

Del pari insostenibile è l'ipotesi dell'Unger (" Philologus „, 
N. F., IX (1896), p. 79 e segg.). Egli segue l'idea del Muller, 
intendendo che l'inciso di Snida si riferisca alla Storia di 
Posidonio di Apamea, ma tenta una soluzione della difficoltà, 
che non importi la correzione gravissima del testo, avanzata 
da quello studioso. Egli pensa che l'espressione di Suida circa 
il nóXe^ioQ, KvQTjvai'ìióg sì riferisca a un episodio della prima 
guerra mitridatica. E noto (Plut., Lite, 2 e segg. ; App., 
Mithr., 33) che Siila nell'inverno 87-86, mentre era occupato 
nell'assedio di Atene, diede incarico al proprio legato L. Licinio 
LucuUo di recarsi presso i vari Stati alleati in Oriente, onde 
ottenere i loro contingenti per costituire una flotta che po- 
tesse esser contrapposta a quella, con cui gli ammiragli di 
Mitridate tenevano il dominio del mare. In questa occasione, 
come sappiamo da Plutarco (ibid., 3), egli passò a Cirene, 
che trovò agitata da una rivoluzione intestina, e intervenne 
pacificando le parti avverse. Ma in questo fatto, di cui ab- 
biamo da altre fonti notizie più particolareggiate (Plut., De 
mulìer. amore 19 (Aretapìiila) ; Polyaen., Vili, 38; FI. loseph., 
Antiq., XIV, 7, 2), noi non possiamo ravvisare il nóXe^ioc, 
KvQi]vaiKÓg di Suida. Esso ebbe il carattere d'una rivoluzione 
{aTccaig), e come tale lo troviamo designato dalle fonti, an- 
corché ad esso si connettano ostilità colle popolazioni libiche 
(il Ai^vaòg nóÀEfiog, che ha cura di mettere in rilievo l'Unger). 
Di più l'inciso xaì IIxoXEixaiov, che ritroviamo in Suida, resta 
in questo modo senza spiegazione ; perchè l'opinione del- 



(1) Essa è stata, eh' io mi sappia, accettata unicamente dal Mùllenhof, 
Deutsche Alter tumskunde, II (1870), p. 128. 



— 61 — 

l'Unger, che l'inciso stesso si riferisca alla visita che Lucullo, 
lasciata Cirene, fece in Alessandria al re Tolemeo Vili La- 
thyros, per sollecitarne soccorsi, è sicuramente insostenibile. 
Rifiutati i poco saldi fondamenti, su cui l'Unger ha edificato 
la propria congettura, cadono anche le conclusioni che egli 
aveva creduto di doverne trarre, e cioè che l'opera di Posi- 
donio di Apamea terminasse coll'anno 86 a. C, mentre le im- 
prese di Pompeo, di cui fa cenno Strabene nel noto passo, 
sarebbero state trattate dallo storico in un'opera a parte, 
benché queste conclusioni abbiano permesso all'Unger di in- 
terpretare la pertinenza all'opera di Posidonio dei fram- 
menti 40 e 41, senza ricorrere al pericoloso espediente adot- 
tato dal Miiller. E così pure cade una illazione, che, benché 
non espressa dall'Unger, deriva logicamente dalla sua con- 
gettura, che cioè l'opera di Posidonio sia rimasta incompiuta 
per la morte dell'autore, opinione la quale non è contraddetta 
espressamente da alcuna fonte, ma, data anche l'ampiezza 
della vita del filosofo e storico, appare poco credibile. Poiché 
nessuno, io penso, vorrà credere che un fatto cosi secondario, 
come la spedizione di Lucullo nell'anno 86, a mezzo della 
guerra mitridatica, possa aver costituito il limite estremo 
prestabilito d'una grande opera storica, come quella di Po- 
sidonio. Questi concetti ho creduto necessario ribadire, perchè 
l'essere stata l'opinione dell'Unger accolta senz'altro dal Christ 
{Gesch. der griecli. Litteratur^, p. 590), minaccia di ottenerle 
un valore canonico. 

L'insuccesso delle due ipotesi del Miiller e dell'Unger, che 
hanno tentato di interpretare il passo di Snida, riferendo la 
determinazione del limite estremo alla Storia di Posidonio 
di Apamea, deve renderci convinti che nel passo del compi- 
latore bizantino è avvenuta una confusione ancora maggiore 
di quanto a prima vista era dato presumere, e cioè che T in- 
ciso é'cog Tov jioÀéfiov xov KvQfjvatxov xal IltoÀsfiaiov non 
si riferisce alla 'loToqla i} fiexà UoÀv^iov é'v ^i^Àioig v^' 
del filosofo di Apamea. Questo aveva già affermato per primo 
lo Scheppig [De Posidonio Apamensi, Halle, 1869, p. 24), se- 
guito dall'Arnold (" Fleckeisen's Jahrbiicher „, Suppl. Bd. XIII 
[1884], p. 149), dal Wachsmuth {Einleitung, p. 651 n. 4) e 



- 62 — 

dal Susemihl (op. cit., II, p. 139 n. 192), il quale ha pensato 

che l'inciso ecog IIxoXEfiaiov, attribuito da Snida alla 

'laxoQia fj fiExà HoÀv^iov dovesse essere trasportato nell'ar- 
ticolo seguente, e connesso colla menzione dei Ai^vìtà èv 
^i^Àioig la, attribuiti da Suida a Posidonio Olbiopolita. Ed 
è sul terreno di questa ipotesi, a torto scartata dall 'Unger, 
che deve muovere una ulteriore più compiuta ricerca. È in- 
fatti certo (contro la prima impressione che se ne avrebbe, 
constatato l'errore di Suida) che non possiamo pensare ad 
un'opera storica (presunta) di Posidonio di Alessandria, che 
Suida avrebbe confuso con quella dell'Apamense, sia perchè 
noi dovremmo quest'opera crearcela con una congettura, 
mentre nulla ce ne dicono le fonti, come pure data l'impro- 
babilità di una tale attività letteraria nella prima scuola 
stoica. Per queste ragioni credo risulti evidente che l'inciso 
di Suida si riferisce ad un'opera di Posidonio di Olbia, opi- 
nione che trova una singolare conferma nella frase che tro- 
viamo poco oltre nella stessa biografia : Kal olfiai xavxa 
fiàÀÀov IIoGEiòùìviov Eivai Tov 'OX^ionoUxov, poiché è chiaro 
che questa non si riferisce unicamente alle Meàéxui QrjxoQiy.al 
e alle 'Tnod-éoEig EÌg A7]fioad-évi]v, ma anche alla 'laxoqia : 
ciò che viene confermato dall'esistenza d'una glossa antica 
all'articolo HoXv^iog di Suida : 'laxéov Se oxi óiaòéxExai xijv 
UoZv^iov laxoqiav TLogeiÒùìvioc, 'OÀ^iojioÀixrjg aoq)iaxfjg. 

Resta ora, su questa nuova base, a determinarsi il valore 
dell'inciso é'wg xov jioÀéfxov xov KvQTjva'ÌKOv Kal IIxoÀEfiaiov, 
riferito all'opera Ai^vvm ev ^i^Xioig la di Posidonio Olbio- 
polita, non intendendo, collo Scheppig e seguaci, che l'inciso 
sia stato trasportato da un articolo all'altro per errore ma- 
teriale di Suida ; ma che, come risulta da quanto è stato 
esposto più sopra, Suida, attribuendo la continuazione della 
Storia di Polibio a Posidonio Olbiopolita, abbia connesso con 
quest'ultima un'indicazione riferentesi originariamente ai ^i- 
§vyA dello stesso autore. Ora l'aggiunta y,al (eojc,) IIxoXe- 
(laiov, che troviamo in Suida, ci vieta di pensare alla guerra 
con cui Tolemeo di Lago sottomise Cirene nel 322/1 a. C, 
0, p. e., alle ostilità di Maga contro Tolemeo Filadelfo nel 
274 a. C, perchè essa indica che l'opera di Posidonio ginn- 



— 63 — 

geva fino alla narrazione d'una guerra Cirenaica in stretta 
connessione colla susseguente assunzione al trono d'un sovrano 
egiziano (Tolomeo), mentre tale non è il caso per la guerra 
ricordata. La soluzione è, a mio parere, la seguente. È no- 
tissimo, nella storia degli avvenimenti greci del sec. ITI a. C, 
l'episodio, per molte parti oscuro, della spedizione di Demetrio 
il Bello, fratello minore di Antigono Gonata di Macedonia, 
circa il 250 a. C, a Cirene, dove la regina Apama, vedova 
del re Maga, lo aveva chiamato alla successione nel regno, 
mediante le sue nozze colla principessa ereditaria Berenice, 
rompendo gli accordi intervenuti tra il defunto sovrano e 
Tolomeo II Filadelfo, per cui Cirene, alla morte di Maga, 
doveva ritornare in diretto possesso dell'Egitto, mediante il 
matrimonio tra Berenice e il principe ereditario egiziano, il 
futuro Tolomeo III Evergete (fonti e cronologia presso Beloch, 
op. cit., IIP, p. 620 ; IIP, p. 133). È un fatto indubbio che, 
la spedizione di Demetrio il Bello, assai diversa da un'avven- 
tura amorosa, quale si compiace di rappresentarcela la tradi- 
zione a noi pervenuta, impersonata particolarmente da Giu- 
stino (XXVI, 3) che nel suo riassunto ha particolare riguardo 
alla cronaca scandalosa, e ci rappresenta i fatti, come il poeta 
aulico Callimaco, secondo la versione egiziana, affatto sfavo- 
revole a Demetrio, che era seguita dalla sua fonte prima, fu 
una mossa politica e militare di prim'ordine, per mezzo della 
quale la coalizione anti-egiziana, che per opera della Mace- 
donia occupava le Cicladi (a. 253 circa, battaglia di Cos), e 
per mano dei Seleucidi, appoggiati dai Rodii, s'impadroniva 
della Ionia, poteva assalire l'Egitto nel cuore stesso dei suoi 
domini (1). E per quanto ci manchi una attestazione esplicita 
delle fonti (dato il loro stato non se ne potrebbe trarre alcun 
argomento ex-silentio), possiamo ritenere con certezza che la 



(1) Circa l'opinione, secondo la quale la spedizione di Demetrio il Bello 
costituisce un episodio della seconda guerra di Siria, mi si permetta 
di rimandare, oltreché all'articolo ben noto del De Sanctis, che fu il 
primo a manifestarla {Questioni politiche e riforme sociali. Saggio su 
trent'anni di storia greca [258-228 a. C], in " Riv. internaz. di Scienze 



— 64 — 

guerra vi fu, e che Demetrio assalì in questo tempo l'Egitto 
nelle stesse condizioni e cogli stessi intenti di Maga, quando 
nel 274 a. C, come alleato di Antioco I, durante la prima 
guerra di Siria, invase l'Egitto, giungendo fino a Paretonio. 
È noto che Demetrio il Bello morì tragicamente, vittima di 
una congiura di palazzo, di cui era a capo la stessa princi- 
pessa Berenice, che mal sopportava di dover rinunziare alla 
corona d'un grande stato, come l'Egitto, per regnare sulla 
piccola Cirene, 

Ora la testimonianza contemporanea del poeta Callimaco, 
di cui ci è giunta nel carme LXVI di Catullo una versione 
dell'elegia su " La chioma di Berenice „, ci assicura, per un 
lato, che la grande spedizione di Tolomeo III Evergete in 
Asia, nel 246, contro Laodice e Seleuco II Callinico di Siria, 
che sappiamo essere stata compiuta da questo sovrano al- 
l'inizio del suo regno, fu di poco posteriore al suo matrimonio 
con Berenice (vv. 11-12; 15); per l'altro che un rapporto 
strettissimo, e logico e cronologico, trascorse tra l'assassinio 
di Demetrio il Bello e il matrimonio stesso (vv. 27-28. Anne 
bonum oblita's facinus, quo regiiim adepta's Coniugium, quo 
non fortius ausit alis ?). Questa situazione risponde piena- 
mente alla frase di Suida, e noi dobbiamo ritenere che i 
Ai^vxd di Posidonio Olbiopolita fossero condotti appunto 
ecog %ov 7ioàé/j,ov tov KvQi]vaiKov zal IlTOÀs/iaiov, e cioè 
fino alla spedizione di Demetrio il Bello, e alla sua guerra 
contro Tolomeo II Filadelfo, per chiudersi colla catastrofe di 
Demetrio, e l'assunzione al trono di Tolomeo III Evergete 
nel 247/6 a. C. Conclusione questa, a mio parere, quanto mai 
opportuna per un'opera di Ai^vzd, in quanto colla morte di 
Demetrio il Bello veniva a terminare la vivace resistenza 
che lo spirito autonomista di Cirene aveva offerto alla potenza 



sociali „, fase. XIII-XIV [1894], p. 5 dell'estr.), al mio recentissimo 
studio : Le battaglie di Cos e di Andro e la politica marittima di Antigono 
Gonata, nelle " Memorie della Reale Accademia delle Scienze di Torino ,, 
voi. LXIII, p. 319 estr., studio in cui l'opinione del De Sanctis è ri- 
presa, modificando la cronologia della guerra stabilita dal Beloch. 



- 65 — 

accentratrice dei Lagidi, e che, dopo la prima conquista fat- 
tane da Tolomeo di Lago, s'era impersonata successivamente 
in Ofela (313-309 a. C), Maga (274-252 ?), Demetrio (252 P-249 ?), 
sotto i quali il paese aveva avuto un governo a sé, molto 
spesso con attitudine ostile all'Egitto, intercalato a brevis- 
simi tratti di più diretta dominazione egiziana ; e coll'assun- 
zione al trono di Tolomeo III Evergete, erede, mediante il 
matrimonio con Berenice, dei diritti della casa reale di Cirene, 
incominciava la incorporazione definitiva del paese nel regno 
Egiziano, di cui Cirene fece parte integrale fino all'a. 116 a. C. 
in cui se ne separò per sempre (eccettuata la breve parentesi 
164-146 a. C. in cui formò un regno separato sotto Tolomeo 
Fiscone [Evergete II]), finche nell'anno 96 fu da Tolomeo 
Apione lasciata per testamento ai Romani, che infine la ri- 
dussero sotto il proprio dominio diretto nell'a. 74. 

Non è mia intenzione, ora, di passare dal lato negativo 
della mia ricerca a quello positivo, e cioè dalla dimostrazione 
che l'inciso di Snida non si riferisce alla Storia di Posidonio 
di Apamea, alla determinazione del limite estremo di que- 
st'ultima, ciò che non potrei fare qui coll'ampiezza dovuta. 
Mi basterà per ora accennare che, per me, propenderei ad 
accettare come termine di essa la morte di Siila (78 a. C), 
un fatto storico d'un' importanza di prim'ordine, e quindi pie- 
namente adatto a chiudere la grande opera storica di Posi- 
donio. Tanto piìi che dei 52 libri di cui era composta, il 47** 
(fr. 37) conteneva una caratteristica del re Tolomeo IX Ales- 
sandro (che regnò dal 107 all' 89 a. C.) e il 49° (fr. 38) un 
accenno al lusso di Apicio, che fu causa dell'esiglio di P. Ru- 
tilio Rufo nell'anno 93 a. C. ; cosicché, benché non sia possi- 
bile stabilire esattamente la connessione di questi frammenti, 
dobbiamo pensare che l'opera di Posidonio non oltrepassasse 
certamente la data da noi proposta. Né mi pare che l'Arnold 
(art. cit., p. 104 e segg.) abbia portato argomenti troppo va- 
lidi a sostegno della sua opinione, che Posidonio chiudesse 
l'opera sua colla dittatura di Siila (fine dell'a. 82) ; mentre 
m'accordo con questo studioso e col Susemihl nel ritenere, 
fino a prova contraria, che l'accenno ricordato di Strabene, 
intorno alla parzialità di Posidonio per Pompeo, si riferisse 

Rivista di filologia, ecc., XLI. 5 



— 66 — 

al racconto della sua azione durante la guerra civile Sillana (1). 
È pressoché superfluo, infatti, ricordare come Diodoro, che ha 
seguito, per il periodo seguente a quello trattato da Polibio, 
la Storia di Posidonio, glorifichi (XXXVIIl-IX, fr. 9-10) l'azione 
spiegata dal giovane Pompeo nell'anno 83 a. C. nel Piceno 
in favore di Siila, e come con lui si accordino pienamente 
tutte le nostre fonti (vedi questa tradizione esposta più am- 
piamente, seppure, come io credo, in modo corrotto, da Plut., 
Pomp., 6-7). E tracce d'una particolare esaltazione di Pompeo 
possono ritrovarsi nel racconto della campagna militare del- 
l'anno 82 in Italia ; mentre evidentissima è l'apologia del 
generale romano nella narrazione della sua spedizione in Si- 
cilia sulla fine dell'anno 82 contro il console Carbone e il 
pretore M. Perperna, e in Africa sul principio dell'anno se- 
guente contro Cn. Domizio Enobarbo e il re di Numidia Jarba, 
e del suo successivo trionfo (particolarmente in Plut., Pomp., 
10 e segg.). 

Ma io non intendo affatto di entrare nella disamina, che 
verterebbe su ben piìi ampio campo, ricercando le relazioni 
delle varie fonti tra di loro e in rapporto colla grande opera 
di Posidonio (2) ; e sarò pago del risultato della mia ricerca, 



(1) Che realmente dall'espressione di Strabene nel passo ricordato, 
secondo la quale Posidonio si mostrò parziale nella sua Storia, <piÀog 
JIofiTii^iq) yeyovòg, xiò axQatevaavxi èn\ zovg "I^tjQag v.al tovg ^AÀ^a- 
voòg f^éxQt ^fjg éq)' éndisQa d-aÀdTvr]g, rfjg re Kaaniag nal T'^g KoÀ^m^g, 
8Ì debba dedurre che, o nella sua opera principale, o in una speciale 
intorno a Pompeo, egli narrasse la spedizione di quest'ultimo contro 
Mitridate e il riordinamento dell'Oriente (66-63 a. C), non oserei asse- 
rire in mancanza di altra prova, perchè potrebbe benissimo trattarsi di 
un'osservazione incidentale di Strabone, e affatto indipendente. 

(2) Cfr. per questa parte, oltre allo studio citato dell'Arnold, H. Peter, 
Die Quellen Plutarchs in den Biographien der Romer, Halle, 1865; Busolt, 
Q nelle nkritische Beitrclge zur Geschichte der romischen Revoluti onszeit 
C Fleckeisens Jahrbucher „, voi. 141 (1890), p. 321 e segg., 405 e segg.), 
dove mi pare che l'influenza di Posidonio, veduta esattamente nelle 
linee generali, sia erroneamente seguita nei particolari ; Maurenbrecher, 
Prolegomena, in C. Sallustii Crispi Historiarum Fragmenta (Lipsia, 1891); 
SchvFarz, Appianus (Pauly-Wissowa, IP (1895), p. 222 e segg.) ; e parti- 
colarmente la magnifica memoria di E. Meyer, Untersuchungen zur Gè- 



_ 67 - 

ove sia riuscito ad eliminare definitivamente un dato che 
finora è sempre stato d'ostacolo alla ricerca sul termine 
estremo della Storia del filosofo di Apamea. 

Emilio Pozzi. 



achichte der Gracchen (Halle, 1894), le cui osservazioni sono fondamentali, 
benché vertano su un periodo di tempo limitato ; E. Kornemann, " Woch. 
f. Klassische Philol. „, 1897, p. 207 e segg. ; Zur Geschichte der Grac- 
ehemeit, "Elio,, Beiheft, 1 (Lipsia, 1903). 



UN CAPITOLO DI TACITO SUL FATO 

{Annali, VI, 22). 



Tacito ha qua e là lungo il corso degli Annali e delle Storie 
frequenti accenni alle questioni circa il fato, il caso e la 
fortuna (1). Eran problemi che attraevano irresistibilmente 
la sua attenzione, ed egli vi ritornava con sollecita insistenza, 
quasi per iscrutare addentro il mistero della storia umana 
e dei suoi varii eventi. Ma in un luogo degli Annali, a 
proposito dell'indovino Thrasyllus (2), Tacito si diffonde più 
del solito a parlare del fato, ed occupa un intero capitolo 
ad esporre le soluzioni tentate dalle varie scuole filosofiche 
su tale questione. E il capitolo 22° del libro VI degli Annali ; 
col quale capitolo è da mettere a riscontro un passo delle 
Historiae Naturales di Plinio (3) sul medesimo argomento. 

Nel passo Tacitiano i due principali riferimenti, delle opi- 
nioni che egli riporta, alle due scuole filosofiche, l'epicurea 
e la stoica, sono evidenti, e già dichiarati più volte. Pur 
tuttavia di tutto il passo discorreremo brevemente, per qualche 
richiamo o osservazione che ci si presenta opportuna, su cia- 
scuna parte di esso. 

Tacito comincia dal ricordare l'opinione di coloro, che 
credono gli dèi interamente indifferenti alle sorti umane : 



(1) Cfr., ad es., Ann., Ili, 18; IV, 20; Ann., 1, 55; Hist., IV, 26, ecc. 
Vedi il nostro articolo in Atene e Roma, ottobre 1912. 

(2) Famoso grammatico, medico ed indovino (Svetonio, Tib., 14; Dione, 
LV, 11 ; Scoi, di Giovenale a VI, 576, ecc.). Cfr. C. F. Hermann, De 
Thrasyllo grammatico et mathematico, Gotting., 1852. 

(3) N. k, lì, § 22 sg. 



— 69 — 

* miiltis insitam opinionem non initia nostri, non finem, non 
denique homines, dis curae : ideo creberrime tristia in honos, 
laeta apud deteriores esse „. Sono questi, come tutti sanno, 
gli Epicurei, che attribuivano agli dèi l' imperturbabilità se- 
rena ed eterna (1). Ma è da considerare la ragione addotta 
da Tacito, per la quale gli Epicurei giustificherebbero questa 
loro opinione : " ideo creberrime tristia in bonos, laeta apud 
deteriores esse „. Epicuro pensava che gli dèi trarrebbero una 
vita molto infelice, se dovessero pensare a distribuire ciascun 
giorno agli uomini il bene ed il male. Ed Orazio fedelmente 
ripetè, che se avviene qualche cosa fuori dell'ordine comune, 
non sono gli dèi che si prendono la briga di mandarla givi 
dal cielo {Sat., I, 5, 101) : 

deos didici securum agore aevum, 
Nec si quid miri faciat natura, deos id 
Tristes ex alto caeli demittere tecto, 

Cfr. molti passi in Usener, Epicurea, p. 241 sgg. 

La ragione esposta da Tacito anche risale ad Epicuro 
(cfr. Latt., Div. List., Ili, 17, 8), ed era stata già adottata 
dalla tragedia, nella quale era comune il lamento circa le 
ingiustizie e le colpe degli uomini, e la illazione che gli 
dèi non si curassero delle umane sorti. Conserviamo un 
frammento di Ennio^ della tragedia Telamo, certamente di 
ispirazione greca, nel quale è espressa la medesima argo- 
mentazione, che nel passo Tacitiano (2) : 

Ego deum genus esse semper dixi et dicam caelitum, 
Sed eos non curare opinor quid agat humanum genus, 
Nani si curent bene bonis sit, male malis, quod nunc abest. 



(1) Cfr. Epicuro presso Laerzio Diog., X, 139; Lucrezio, II, 1093; 
V, 82 ; Cicerone, In Pis., 25, 69 ; Orazio, Sai., l, 5 in fine ; Lattanzio, 
De ira dei, II, 7, ecc. V. il mio lavoro, La venerazione degli dèi in Epi- 
curo (in questa Rivista, XXXIV, fase. 2°, 1906, p. 6-7 dell'estr.); Guyau, 
La morale d'Épicure (Paris, Alcan, 1886'), p. 171-180 ; Picavet, De Epi- 
curo novae religionis auctore (Parisiis, 1888), p. 89 sgg. 

(2) Presso Cicerone, De Divinatione, II, 50, 104, e De Nat. Deorum, 
III, 32, 79. 



— 70 — 



Non altrimenti l'Antigone di Accio prorompeva nella escla- 
mazione dolorosa : " No, non governano gli dèi, no, il su- 
premo re degli dèi non si cura degli uomini ! „ (1). 



* 
* * 



Il passo di Tacito continua : " Contra alii fatum quidem 
congruere rebus putant, sed non e vagis stellis, verum apud 
principia et nexus naturalium causarum : ac tamen electionem 
vitae nobis relinquunt, quam uhi elegeris, certum imminentium 
ordinem „. Qui tutti gl'interpreti giustamente vedono signi- 
ficata la scuoia stoica. Tale scuola infatti insegnava l'ordine 
fatale ed immutabile degli eventi nella natura universale e 
quindi anche nella vita umana. Ma quelV electionem vitae nobis 
relinquunt come si può collegarlo alla scuola stoica ? 

Si potrebbe pensare che fosse accennato qui non ad una 
dottrina stoica, bensì ad una dottrina platonica, esposta in 
forma mitica nel X della Repubblica (617 sgg.). Si tratta ivi 
della famosa favola di Er Armeno. Fra le altre miracolose 
cose da lui viste, fu anche la reincarnazione delle anime. Un 
araldo, dopo averle disposte tutte in ordine, trasse dalle gi- 
nocchia di una delle Moire, Lachesi, le sorti e gli esempii 
delle varie vite, e presentandole alle anime che dovevano 
tornare al mondo : " anime fuggitive, disse, comincia per 
voi altro corso mortale di vita. Voi stesse sceglierete il vostro 
genio. Chi prima trarrà la sua sorte, prima sceglierà la vita 
in cui debba necessariamente rimanere. La colpa è di chi sceglie : 
dio è senza colpa „ (2). Dopo ciò l'araldo scagliò le sorti, ove 
eran contenuti tutti i generi di vita. Il primo cui toccò la 
sorte, scelse la massima signoria, e tosto se ne pentì. Poiché 
tutti ebbero scelto, l'altra Moira, Cleto, volse il fuso per 



(1) Presso Macrobio, Sai., VI, 1, 59 : 

iam iam neque di regunt, 
Neque profecto deum supremus rex iam curat homiaibus ! 

(lezione del Ribbeck, Trng. frgm?, p. 178). 

(2) 817 E : ahla éÀof*évov ' &eòg àvahiog. 



— 71 — 

ratificare la sorte da ciascuno scelta, ed Atropo, la terza 
Moira, rese poi immutabili gli stami di Cloto (1). 

Si ha dunque qui, sotto enunciazione mitica, una dottrina, 
nella quale si trovano insieme la necessità degli eventi umani 
e la libera elezione. Purtuttavia non è possibile credere che 
Tacito ad essa alluda. Ed anzitutto, la definizione, che Tacito 
dà, del fato, come nexus naturalium causarum, e specifica- 
mente stoica (2) ; si aggiunge che le parole seguenti : " neque 
mala vel bona quae vulgiis putet; multos qui conflictari adversis 
videantur, beatos, ac plerosque, quamquam magnas per opes, mi- 
serrimos, si illi gravem fortunam constanter tolerent, hi prospera 
inconsulte utantur ,, queste parole dunque sono dette eviden- 
temente secondo il pensiero stoico. La verità è che Tacito 
espone genuina dottrina stoica, e che in questa, oltre alla 
ferrea necessità del fato, era anche la libertà del volere. 
Crisippo aveva tentato di conciliare l'una cosa e l'altra, me- 
diante la dottrina della doppia specie di cause, della quale 
c'informa Cicerone, De fato, 41 sg. Alcune cause sono prin- 
cipali, altre accessorie [adiiwantes et proximae). Ogni fatto 
ha la sua causa ; ma se la causa non è in nostra potestà, 
è però in nostra potestà il desiderio (adpetitus). La nostra 
inclinazione verso un oggetto {auyxatdd'eaig , adsensio) è 
mossa dalla immagine di esso {(pavxaoiay visum). Il visum dà 



(1) Rep., X, 16, 620 D : ènsidi] 6' oiv ndaas rag tpvxàg Tovg ^ìov$ 
flQij(r&at, SiaTiEQ èÀu^ov, èv zd^Ei TtQoaiévai Trgòg rrjv Ady^eatv. éxeivijv 
d' èxdatq), bp etÀevo óaifiova, tovvov (pvÀana ^v/A^néf^necv tov ^tov v.al 
àTtoTCÀt^QcùTÌjv Tùiv alQs&évtùìv . hv nQòjrov fièp àyeiv aitrjv Jigòg tìjv 
KÀùìd'ò) i)7iò Ttjv èneìvrjg %ElQd le aal èniaTQOcpìiv zijg tov àr^dìiTOv 
óivtjg, KVQovvza ^v Xa%ò)v stÀeto fioÌQav. zavttjg S' ècparpdfievov ai&ig 
ènì TÌjv ifjg 'Atqótiov dyeiv v^aiv, àfi£Td(JTQoq)a za éjiiHÀCtìad'évta 
Tiotovvza. 

(2) Diogene, VII, 149 (di Crisippo e Zenone): è'azi d^ el/na^fiévi] aliia 
T&v òvzcov slQo^évì] ì) Àóyog aad'' 8v ó nóofiog Sie^dyezac. Seneca, De 
Benef., IV, 7 : " cum fatum nihil aliud sit quam series implexa causarum, 
ille (se. Deus) est prima omnium causa, ex qua cetera pendent „. Cicerone, 
De Div., I, 55, 125 (secondo Posidonio) : " Fieri igitur omnia fato ratio 
cogit fateri. Fatum autem id appello, quod Graeci el^iaQfievrjv, id est or- 
dinem seriemque causarum, cum causae causa neza rem ex se gignat „. 



— 72 — 

l'impulso all'azione ; ma una volta ricevuta la spinta, l'anima 
agisce da se, per propria natura. Ed anche la spinta non 
dipende solo dal visum esterno, che la dà, bensì anche dalla 
qualità dell'animo che la riceve. 

Aulo Gelilo {N. Att., VII [VI], 2, 11) così traduce il pen- 
siero di Crisippo : " Sicut, inquit (Chnjsippus), lapidem cylin- 
drmn si per spatia terrae prona atque derupta iacias, causa 
quidem ei et initium praecipitantiae fueris, mox tamen Uh 
praeceps volvitur, non quia tu id iam facis, sed quoniam ita 
sese modus eius et formae voluhilitas habet ; sic ordo et ratio 
et necessitas fati genera ipsa et principia causarmn movet, itn- 
petus vero consiliorum mentiumque nostrarum actionesque ipsas 
voluntas cuiusque propria et animorum ingenia moderantur „. 

Dopo ciò Aulo Gelilo cita alcune parole testuali greche di 
Crisippo, che attribuiscono a ciascuno la colpa dei proprii 
errori e dei proprii danni (1), 

Procediamo oltre. Tacito dice che secondo costoro, cioè gli 
Stoici, il fatum non è e vagis stellis. Il Nipperdey nota che, 
a dir vero, secondo alcuni Stoici, vi era qualche influsso dei 
pianeti sugli uomini, e rimanda a Zeller, 111, 1, 318 {^= 3^ ed., 
IH, 1, 341, 1 ; 344, 3). Credo opportuno dire qualche cosa 
di più preciso su questa teoria. 

Una sètta di filosofi, chiamati Genetìiliaci o Chaldaei, pre- 
sumeva conoscere appunto dall'osservazione delle stelle il 
corso degli eventi umani. Di ciò ne informa Aulo Gellio 
{Notti Att.^ XIV, 1), che riassume anche un lungo discorso 
del filosofo Favorino contro i Genetliaci. Altre informazioni 
ne dà Cicerone, nel libro II De Divinatione : egli ha però solo 
il nome Chaldaei, non quello di Genethliaci. " Ad Chaldaeorum 
monstra venianms „, dice Cicerone (ivi, 42, § 87) ; ed intende 
per monstra appunto le assurde teorie, che facevano dipen- 
dere le sorti umane dagl'influssi dei pianeti. Contro tali dot- 
trine Cicerone si arma di grandi autorità : Eudosso, discepolo 
di Platone, e di primato incontestabile nell'astrologia, lasciò 



(1) V. Trendelenburg, Hist. Beitr., II, p. 162 sg. ; 0. Heine, Sfoiconim 
de fato doctr. Nurnburgi, 1859 ; Ritter et Preller, Hist. Phil.\ 484 a, b, 
512 b. 



— 73 — 

scritto che non bisogna credere ai Caldei, quando presumono 
di argomentare dal giorno natale la vita di ciascun uomo. 
E Panezio, dice Cicerone, cita due sommi astrologi, Anchialo 
e Cassandre, contrarli a tal genere di divinazioni. Ed un fa- 
miliare di Panezio, Scylax, di Alicarnasso, ripudiò tutta questa 
dottrina dei Caldei. Ma, aggiunge Cicerone (ivi, 43, 90), anche 
uno stoico. Diogene (e cioè Diogene di Seleucia), fece qualche 
concessione a questa dottrina : e che cioè dalla posizione e 
congiunzione degli astri nel giorno natale si potessero pre- 
dire il carattere e l'inclinazione di ciascuno, non altro. Cice- 
rone non si rassegna, e mette fuori tutta un'argomentazione, 
per confutare tale opinione, argomentazione che, a dir vero, 
vale quanto l'opinione stessa. Ad ogni modo risulta da tutto 
questo, che la dottrina dei Caldei o Grenetliaci era stata ac- 
cettata da una parte degli Stoici. Tra gli Stoici romani essa 
doveva esser comune. Sua ventura ha ciascun dal dì che nasce ! 

Lo stoico Persio, per dire cose gentili al suo maestro di 
filosofia stoica, Cornuto, fa le ipotesi delle varie costellazioni, 
che han potuto presiedere al nascere di entrambi, per con- 
chiuderne che, di qualunque costellazione si tratti, un astro 
solo v'è, che accorda i loro destini (1). 

Per conchiudere, nel famoso passo sul fato del libro VI 
(cap. 22) Tacito contrappone le due dottrine : l'epicurea e la 
stoica. Espone esattamente il dogma della prima, adottando 
però un'argomentazione che è forse dovuta alla tradizione 
poetica ed alla osservazione popolare. Quanto alla dottrina 
stoica, espone precisamente il pensiero di Crisippo, escludendo 
le concessioni che Diogene di Seleucia aveva fatto alle dot- 
trine dei Genethliaci. 

Carlo Pascal. 



(1) Sat., V, 47 segg. Cfr. anche Orazio, II, 17, 17: 
" Seu Libra seu me Scorpius aspicit 
Formidolosus, pars violentior 
Natalis horae, seu tyrannus 
Hesperiae Capricornus undae 

Utrumque nostrum incredibili modo 
Consentit astrum ..... 



- 74 - 



SUL LUDUS DE MORTE CLAUDII 



IX. Tandem lovi venifc in mentem privatis intra curiara 
morantibus sententiam dicere nec disputare. 

Grià il Faber suppose la caduta di * licere ' collocato ori- 
ginariamente dopo ' disputare '. Il Haase corresse ' sententiam 
dicere no?i licere nec disputare ' e il Buecheler, seguito dal 
Ball, per ottenere una collocazione di parole più semplice e 
piti conforme alla maniera facile dell'autore, ' non licere sen- 
tentiam dicere nec disputare ', più tardi ' senatorihus non licere 
sententiam dicere nec disputare '. Per questa via alla inser- 
zione del semplice ' non licere ' preferirei quella di ' non 
decere ', per la maggior somiglianza grafica di * decere ' con 
' dicere ' che meglio spiegherebbe il salto dell'amanuense. 

Ma se noi ci rifacciamo con la immaginazione a tali errori 
quali potevano occorrere nella mente e sotto la mano di chi 
copiasse da una scrittura anteriore al sec. X, altre somiglianze 
grafiche ci saltano agli occhi, le quali ci inducono ad esclu- 
dere una lacuna e a riconoscere piuttosto una corruzione nel 
testo presente : ' disputare ' = ' dis fas esse ' (1). La frase 
' sententiam dicere nec dis fas esse ' è il soggetto di ' venit 
in mentem \ onde il senso generale risulta : ' si ricordò che 
neanche agli dei è permesso di, ecc.'. ' Nec ' per ' ne-quidem ' 
non è estraneo all'uso di Seneca. Cfr. Krebs-Schmalz, Anti- 
harharus IV pag. 134. 



(1) Questa emendazione può ricordare quella antica del Haupt : * sen- 
tentiam dicere nefas putari ,. Se non che il passivo ' nefas putari ' ur- 
tava contro difficoltà contro le quali la mia emendazione non urta. 



— 75 — 

IX. homo quantumvis vafer. 

Cosi le edizioni, tramandandosi una correzione del Renano: 
il codice di San Gallo : ' quantum uia sua fert '. 

Ora è vero che ' uafer ' pare non fosse parola famigliare 
all'amanuense, il quale anche al capo sesto (' Herculi minime 
vafro ') scrisse ' fabro ' per ' vafro \ il che fa pensare alla 
possibilità di un errore. Ma in realtà la esperienza nel 
giure di Giano, la quale si vorrebbe vedere significata nel 
' vafer ', è chiaramente espressa poco appresso : ' is multa 
diserte, quod in foro vivebat (1), dixit ' ; e nel 'quantum 
via sua fert ' del codice di San Gallo mi pare non ci sia 
proprio nulla da mutare, contenendovisi, mi sembra, una 
critica di quella interpretazione allegorica la quale scor- 
geva nella figura bifronte di Giano un simbolo della co- 
noscenza del passato e del futuro. Sì, dice Seneca ; egli 
vede davanti a se e dietro di se, ma fin dove la strada svolta, 
fin dove lo consente la via dove è collocato (quantum via 
sua fert). E lo OKòJfifia appare perfettamente conforme a 
quella critica della tradizione religiosa che forma uno dei 
caratteri distintivi di questo Ludiis di fronte ai Kqóvia del 
pio imperatore Giuliano. 

IX. iam famam (Fama : Haase) mimum fecistis (fecisti 
cod. Sang. Haase Ball). 

Qui i sospetti che il testo solleverebbe da se sono accre- 
sciuti dal noto confronto di Cicerone, Ad Att. I, 16, 13 : 
* Videsne consulatum illum nostrum quem Curio antea àjvo- 
d^éoìoiv vocabat, si hic factus erit, fabam (il Medie. XLIX, 
18 famam) mimum futurum ? „ L'affinità tra i due passi è 
così stretta che o il ' famam ' di Seneca o il ' fabam ' di 
Cicerone paiono corruzione l'uno dell'altro. E i critici si sono 
pronunciati nel senso che il ' fabam ' di Cicerone, come dif- 



(1) ' vivebat ' è del Buecheler. I codici ' uiuat ' o ' iuuat '. 



— 76 — 

ficilior, rappresenti una tradizione genuina, sicché sarebbe 
da restituire anche in Seneca (1). Il Buecheler ammise col 
Lambino che la fava, la cui insignificanza era proverbiale, 
prestasse il soggetto e fornisse il titolo a un antico mimo, 
e questo ' mimus Faba ' fosse passato poi su la bocca del 
popolo a indicare un argomento insignificante e ridevole. Il 
Ribbeck, nella seconda edizione dei suoi Comicorum fragmenta, 
lanciò l'ipotesi che l'argomento di questo mimo fosse il tanto 
deriso dogma pitagoreo della trasmigrazione delle anime col 
conseguente precetto della astinenza dalla fava. Il Birt citò 
la 0a7iì] di Sopatro e ponendo nel linguaggio di Giano il 
seguente àQoijQì]c, y.aqnóc, eguale a ' faba ' ne volle inferire 
che Giano esprima nell'Apocolocintosi il pensiero che tutti i 
mangiatori di fava debbano essere esclusi dall'Olimpo, allu- 
dendo ai personaggi del 'mimus Faba' e a quelli come Claudio 
simili a loro. 

Ma io penso all'affinità ideologica che passa tra mimo e 
prestidigitazione, fùfioc, e d-av^ia, filfioi jiÀdpoi yEÀojtojioiol 
d-avfiaTonoioi d'aviiaxovqyoi (Cfr. Ateneo, I, 19 e? -20 è). E 
penso alle parole del Reich [Ber Mimus, I, pag. 370) : " Co- 
stante si trova in Greco l'unione dei concetti mimo e presti- 
giatore (Jongleur) „. Non mi sembra dunque impossibile che 
cosi nel testo di Cicerone ' fabam ' come in quello di Seneca 
' famam ' si abbiano a vedere erronee trascrizioni e corru- 
zioni del greco d-avfia, adoperato nel significato di ' illusione ', 
* giuoco di prestigio ', e alterato successivamente in thauma, 
fauma^ onde da un lato faua e faha, dall'altro fama. Nelle 
lettere di Cicerone una parola greca di più o di meno non 
guasta. Quanto a Seneca, la mescolanza del Greco e del Latino 
è una caratteristica della Menippea, anzi della satira in genere 



(1) Parlo, s'intende, tenendomi su le generali. Il Klotz esitò tra le 
due scritture, stampando nel 1864 ' Famam ', nel 1869 ' fabam '. 11 We- 
senberg, pur ritenendo la scriptura incertissima , stampò ' Famam '. 
L'Otto in Die SprichwUrter tcnd sprichwSrtlichen Redensarten der Romei', 

pag. 223, ha ritenuto che il ' fabam ' di Cicerone sia nato da un faba = 
fama. Ne correzioni a Cicerone sono mancate: 'fabulam', 'fatuum', 
'fabae (hilum)', ' Laberi mimura ', ecc. 



— 77 — 

fino ad Orazio che per sue ragioni artistiche credette di elimi- 
nare quello che pure era un uso del linguaggio parlato. Pos- 
siamo aggiungere che dal Placidus codicis Parisini [C. Gì. Lat., 
Y, 156, 11) pare si possa inferire che l'uso di &avfia fosse pe- 
netrato nel linguaggio corrente latino, se pure è giusta la 
correzione di ' thaumata ' proposta dal Goetz (ivi, VII, 334) 
al ' tauromata ' della tradizione. 

Se entriamo in quest'ordine di idee, tanto in Cicerone quanto 
in Seneca ' d-av^ia mimum ' formano una congeries : in Cice- 
rone ' d^avf,ia mimum futurum ' = ' diventerà un giuoco di 
prestigio una farsa ' ; in Seneca ' d-avfia mimum fecistis (fe- 
cisti) ' := * ne avete fatto (ne hai fatto) un giuoco di prestigio 
una farsa '. 

XI. tristionias assarionem. 

È la lezione del codice di S. Gallo e della prima mano di 
quello di Valenciennes. Le lezioni o correzioni o corruzioni 
degli altri manoscritti non gettano maggior luce sul passo, 
il quale, come fu ben notato dal Buecheler, deve contenere 
qualche cosa che debba sonare contrasto col seguente ' no- 
biles tamen '. Su l'analogia di maniere petroniane nelle quali 
' dupunduarius ' o ' sestertiarius ' attribuiti a persone ricor- 
rono nel senso di ' insignificante ' ' di nessun conto ' il Bue- 
cheler pensò a sostituire ' tris homines assarios ' sebbene la 
soverchia artificiosità dell'ipotesi lo trattenesse dall'accettarla 
nei suoi testi. Doveva farla sua invece il Ball. 

Se noi sapessimo qualcosa del modo con cui Claudio arrivò 
a sbrigarsi dei tre personaggi prima citati, ' Crassum Magnum 
Scriboniam *, l'enigma del passo potrebbe essere affrontato 
e forse risolto diversamente. Ma allo stato delle cose mi pare 
di dover far appello alla analogia di quel cavaliere romano 
il quale tratto al tribunale di Claudio " satis constat, cum 
scorta meritoria citari adversus se et audiri prò testimonio 
videret, graphium et libellos . . . cum magna stultitiae et 
saevitiae exprobratione iecisse in faciem eius , (Svetonio, 
Claud., 15). E da questa analogia mi pare sia lecito muovere 
a un'altra emendazione del passo : ' testimoniis assariorum '. 



— 78 - 

Dei codici il Guelferbitano, che però è posteriore all'inven- 
zione della stampa, ha ° tristimoniam '. 

XIII. medius erat in hac turba Mnester pantomimus qiiem 
Claudius decoris causa minorem fecerat ad Messalinara. 

La prima stampa invece di ' ad ' pose ' nec non ' e quelle 
che vennero dopo con una lezione conflata lessero ' nec non ad ' 
unendo queste parole alle seguenti : " nec non ad Messalinam 
cito rumor percrebuit Claudium venisse „. In questo caso 
' minorem fecerat ' che sta da sé significherebbe ' aveva de- 
capitato ' e ' decoris causa ' sarebbe ironia a significare ' per 
amore dell'armonia ' che veniva turbata nella persona di 
Mnester dalla statura troppo grande. Ma " percrebuit ad ' non 
parve soverchiamente latino al Buecheler che preferi inter- 
pungere dopo ' Messalinam ' correggendo il testo nella forma 
' monitorem fecerat Messalinae ' e felicitandosi che la sua 
correzione coincidesse con una varia lectio del codex Curiotiis: 
' et minorem et monitorem '. Se non che questa emendazione, 
per felice che sia, urta contro il fatto che, in questo modo, 
fra le vittime di Claudio che muovono incontro al crudele 
imperatore, viene proprio a mancare... Messalina, la quale 
pur tra quelle doveva avere principalissimo posto (cfr. le pa- 
role di Augusto al principio del cap. XI). 

L'emendazione del Buecheler non fu accolta dal Ball, il 
quale si limitò a modificare l'interpunzione tradizionale: 
* minorem fecerat. Ad Messalinam — cito rumor percrebuit 
Claudium venisse — convolanti primi omnium liberti, etc. „. 
Cosi nella sua ricostruzione del testo non si ha già un gruppo 
che muova subito incontro a Claudio, le vittime di Narcisso, 
guidate da lui, alle quali gli altri si aggiungano a mano a mano 
dopo. Invece le vittime di Narcisso si recano da Messalina, 
e a casa, per così dire, di questa formano unico corteo con 
tutti gli altri giustiziati da Claudio per recarsi incontro a lui. 
Non si può dire che la spiegazione non sia ingegnosa ; ma... 
Messalina doveva far parte della prima turba, cioè di coloro 
' quos Narcissus duci iusserat' (cfr. Tacito, Ann., XI, 37). 

Credo che la soluzione della difficoltà vada cercata in un 



— 79 — 

emendamento ' mitiorem ' per ' minorera '. In realtà noi sap- 
piamo da Tacito (XI, 36) e da Dione (LX, 22) che il panto- 
mimo si mostrò ' saevus ' da principio con l'imperatrice e 
non volle condiscendere al suo pericoloso amore, finche ne 
ebbe grottescamente l'ordino da Claudio stesso. Da allora 
egli si abbandonò a lei, divenne ' mitior ' secondo il linguaggio 
erotico latino e a farlo ' mitior ' (mitiorem fecerat) l' impe- 
ratore sciagurato si indusse per la bellezza di lui di cui l'im- 
peratrice era pazzamente invaghita : ' decoris causa '. Queste 
parole ricordano un altro passo di Dione (LX, 28) : daov yàq 
èxeivrj (= MeaoaÀivr]) óià xò xdÀÀog, togovtov xcp òrjfico 
olà x^iv xé^vr^v ì^qeohev. 

Restano a risanare le parole ' ad Messalinam '. Per me par 
naturale, come ho già detto, che la imperatrice debba esser 
compresa nel primo nucleo di coloro che si fanno incontro 
a Claudio, le vittime cioè di Narcisso. In questo caso mi pare 
che l'emendazione più probabile di ' ad Messalinam ' sia ' cum 
Messalina', onde risulti: " Medius erat in hac cantantium 
turba Mnester pantomimuS; quem Claudius decoris causa mi- 
tiorem fecerat, cum Messalina „, Qualcuno che non comprese 
bene il riferimento di quel ' cum ', cioè ' Mnester cum Mes- 
salina medius erat ' dovè intendere ' mitiorem cum Messalina ' 
e glossare il 'cum' con un 'ad' che poi finì, come tante 
altre volte, per cacciare il ' cum ' dal testo. 

XIII. Celer Asinius. 

A proposito della fine di questo personaggio e ad illustrazione 
del passo si seguita ad annotare nei commenti che egli potè 
trovarsi coinvolto nella cospirazione di Asinio Gallo, suo fra- 
tello, contro il principe, e abbia quindi espiato con la vita la 
partecipazione vera o sospetta alla congiura : il che da taluno 
fu esteso anche a Lupo. Or questa è un'ipotesi che non ha 
nessun fondamento, chi pensi al ridicolo nel quale naufragò 
la congiura di Asinio Gallo, il quale, lui stesso, ovk djiéd-ave 
ÓÈ dÀÀ' v7i£Qù)QÌad^f], aixiov ÒE iGcog [.lEv zal ekeìvcó 8zi 
firjTE axQaxEVfia nQonaQaanEvdaag fii^xE xQ^ficcxa Jiqoad-Qoiaag, 
dÀÀ' tn àvoiag noÀXfjg, wg nal éxovaioìv xùv ^Pcofiaicov óià 



— 80 — 

TÒ yévog ^q^cop, èd-qaavvExo " tò òe óf] nXeìaxov 8ti xal ofii- 
xQÓxarog xal òvaEiòÉGTaxoc, o)v, yiàx xovxov xaxacpQovij&Eig, 
yéXoìxa /.làÀÀov f} xivóvvov axpÀEv (Dione, LX, 27). 

La condanna di Lupo appare poi rinfacciata a Suillio in 
un luogo di Tacito {Ami., XIIL 43), dove non è parola di 
Celere. 

Vincenzo Ussani. 



81 — 



'EjiavoQd-cjTÉa acci ènav oQd-ój f( axa. 

I. 
NOTE E QUESTIONI BACCHILIDEE 



: Man mano che se ne ripete la lettura, cresce 
la persuasione del lavoro ingente che resta 
ancora da fare. Ferve, e ferverà ancora per 
lungo tempo questo lavoro >. 

(PiccoLOMiNi in Rendicc. dei Line, VII 
p. 162 sg.). 



Fra i testi novamente scoperti, Bacchilide è senza dubbio quello che 
ha più tentato a tentare. E si capisce : nel vecchio grande scrigno della 
poesia pindarica c'è sempre qualche gemma che possa, bene o male, 
incastonarsi là dove il volume del minor poeta di Geo ci presenta un 
vuoto o un guasto. 

Ma non è meraviglia che, come suole avvenire in ogni genere di studi 
estremamente arduo e pericoloso, l'opera industre della critica conget- 
turale, proponendosi sempre ex fumo dare liicem, n'abbia talvolta — o 
ci pare — cavato fuori degli speciosa miracula (v. ad es. il passo X 
115-23). In questi difficili casi non sapremmo deplorare abbastanza, alla 
prima lettura, l'influsso soverchio delle opinioni altrui sulla nostra 
propria, e il metodo di chi si propone di studiare le lacune e le cor- 
ruttele dell'originale cominciando precisamente dalle integrazioni o cor- 
rezioni dei moderni. 

Noi, accingendoci — con ogni modesta e doverosa cautela — all'esame 
dei più famosi, ormai, ' punti critici ' bacchilidei, ci siamo industriati 
non di portare un nuovo ipotetico contributo alla già grave mole del 
materiale critico, ma piuttosto — tenendo sempre presente Vitiios del 
poeta — di chiedere la soluzione degli ' enigmi ' a una spregiudicata 

Rivista di /lloiogia, ecc., XLI. 6 



— 82 — 

analisi del contesto e a una scrupolosa ricostituzione grafica del testo. 
E poiché, per questa via conservatrice e non ricca di sorprese, ci è pur 
accaduto di arrivare talora a conclusioni, comunque siano, diverse dalle 
altrui, le esponiamo qui, quale esiguo saggio, in quella forma e con 
quegli argomenti che le han fatte balenare e apparire ai nostri occhi 
come pili probabili, se non sicure addirittura. A ciò non abbiamo saputo 
rinunziare nemmeno a proposito del passo III 21-22, ove trovammo bensì 
la nostra lezione già in parte formulata da altri, ma con una troppo 
diversa interpretazione e, soprattutto, senza il sostegno di quelle ragioni 
che (sia detto non per amore delle cose nostre, ma degli studi bacchilidei) 
ce la fanno sembrare, piuttosto che una variante, un'ovvia restituzione. 



1. — Bacchyl., Ili 21-22 (facsim. col. 3). 

Dopo l'invocazione a Clio e l'accenno alla corsa trionfale 
presso l'Alfeo, dopo aver introdotto gli Achei (v. 9 Àfaòg 
'AxaiòJvJ Kenyon, Àfaòg ànsiQùJv] Blass, cet.) e cantata la po- 
tenza e liberalità di lerone, il poeta, con rapido trapasso 
a quello che più propriamente è il tema dell'ode, descrive lo 
splendore delle feste e de' sacrifizi celebrati al tempio e al 
bosco di Febo, per la consacrazione di preziosi àvad^rjfAaTa^ 
forse gli ex-voto mandati a Delfi dai Dinomenidi dopo le loro 
vittorie sui barbari Cartaginesi e Tirreni. La prima parte del- 
l'epinicio, che così prelude già, vagamente, al mito della mi- 
racolosa salvazione di Creso, chiudesi con una formula d'invito 
a onorare il dio 

HI 21 : 

0eON0[V -7-]NTIC 

ArAAIZe0a3rAPAPICTON["]ABON. 

Questa la lez. originaria {A) del papiro, che — tranne il 
primo emistichio di sicura integrazione: d-EÓv, d^sóv T/g [Palmer] 
(cfr. Diagoras fr. 1,1 [PLG Bergk, IIP p. 562] &eóg, &£Òg 
jiQÒ jiavTÒg EQyov xxÀ., Eurip. Her. f. 112; Horat. epod. 
XIV 6; Stat. Theb., I 553; e Blass, Nachlese zu B. in Hermes, 
XXXVI, 1901, p. 272 sg., Taccone n. ad l.) — ojffre non poche 
difficoltà nò può reggersi, ad ogni modo ; e tale apparve già 



— 83 — 

all'antico lettore e revisore (1) jP il quale liberamente cor- 
resse : 

5 CJ 

ArAAIZeOCOrAPAPICTOK . AB0N 

Gli edd. moderni, a eccezione del Kenyon seguito dal no- 
stro Festa, accolgono unanimi VdQiaiog òÀ^cov (2). Ora, a noi 
pare che qui la lez. dei critici conservatori {^eóv, d-eóv 
zig I dyÀal'^éio) yaQ, cìqiotov òà^ov) non valga molto più di 
quella sostituita da A^, e siano da rifiutarsi entrambe. In- 
fatti nel primo caso il ydg ha una posizione forzata, se non 
impossibile addirittura (il Kenyon neWed. princ. citava Soph. 
Phil., 1450-1, e si può anche cfr. Pind. paean. VI 54, Eurip. 
Her. f. 138 [Wilam. ad l.]), e ì'écQiazov dÀ(Sov un senso peggio 
che peregrino, poiché non soltanto il sostantivo òÀ^og trovasi 
usato al v. 92 della stessa ode nell'accezione diversa e co- 
mune (cf. fr. 24 Blass = 36 Bergk = 20 Jebb), ma non so 
se trovisi mai così, apposto a persona umana o divina (3). Del 
resto non istaremo noi a spender troppe parole per convin- 
cere di falso una lezione davanti alla quale uomini come il 
Wilamowitz hanno riconosciuto [Gott. gelehrte Anz., 1898, 
p. 128) che " ist die Correctur dqioxog òÀ^cjv einzig moglich „. 



(1) Non sarà inutile ricordare qui che A^, cercando di raddrizzare il 
senso, corregge spesso a sproposito, come mostra, non foss'altro:, la me- 
trica; e che, invece, lascia passare errori di metro e di senso. Questa 
constatazione fa escludere ch'egli si sobbarcasse a una continua opera 
di collazione fra il testo a noi giunto e l'altro a lui accessibile (quello 
che gli permetteva di colmar le lacune del nostro); ma, ciò supposto, 
bisogna concludere che questo non era certo migliore dell'archetipo ri- 
prodotto dall'amanuense A (cfr. Jebb introd., p. 134-5) e che, quindi, 
una lez. ricostruita sur uno spiegabile errore dell'apografo superstite va 
preferita, in generale, a una variante attinta — più di due secoli dopo — 
da A^ al suo fons deterior. Tanto più fondata apparirà siffatta regola 
nel breve corso delle presenti note. 

(2) Il Kenyon ied. princ, p. 19), affermando che " the reading of the 
reviser does not seem capable of a satisfactory sense „, propose tut- 
tavia in nota, come " possible and not unattractive ,, àgiazos SÀfi(p, 
accolto, fra noi, dal Romagnoli. 

(3) Considerare àgcarov oÀ(ìov come apposizione a tutta la sentenza 
precedente, piuttosto che al &£Óv (Kenyon, ad L), è ben difficile. 



— 84 - 

Ma il male si è che ydQia'i:og òÀ^cov (1) non salva il yccQ 
e che, quindi, all'arbitrio di A^ deve aggiungersi ancora^ per 
il resto del verso, quello dei moderni. I quali dalla strana 
forma imperativa àyZai'^éd-co (il Kenyon rimandava ad ÒJivi.- 
éd-ù) T«s Trt^iàg òtifii Ka vvvdtai della grande iscriz. di Gor- 
tina, Vili 32) hanno voluto ricavare il cardine della frase 
seg. yàq dqiOTOc, oà^mv. Cosi il Crusius [Philol. LVII, 1898, 
p. 153), con una libertà che non ha esempi (2), iinaginò la 
crasi -d-oxC-io) ò, leggendo: àyÀail,éx(o, 8(g) yàq dQiaiog 
òX^oìv. La congettura, approvata dai più (spec. dallo Headlam 
in Class. Rev. XIV, 1900, p. 11 e ap. Blass in Hermes 1901, 
p. 273; da Guglielmo Schafer nella sua dissertaz. inaug. de 
terfio Bacch. carin., Erlangae 1901) nella forma datale dal 
Blass 

d-., d-. T. / dyXait,éto), ò yàg d^iatog òX^cov 

è rimasta nella massima parte delle edizioni, fino siile piii 
recenti, del Jebb e del Taccone. 

Varianti piìi o meno lontane sono quelle di Th. Reinach : 
d-. d-. T. dyÀai'^ed-' (b yÙQ dQiarog òX^oiv ; dal Thomas [Class. 
Eev. XII, p. 78) : 5". &. x. / dyXait,ed'' ' og yàq dqiaiog oÀ^ùìv 
che lo Jurenka dà come sua così : d-. d-. i. / àyÀat^Ed-' ■ dg 
yÙQ dqiGTog oÀ^og (cfr. ' aperite aliquis ', ' aliqnis nuntiate ' 
di Terenzio e di Plauto) ; e del Pearson (CI. Rev. XII, p. 74-5) : 
dsòv d'EÓr [vel d-éZiov) rig / dyXdi'^e, aojg yÙQ dgioiog òÀ^og. 
Anche più liberamente fu proposto dal Marindin dyÀdi^e, 
d^Ecp yàq dqiaiog òX^cov, e dal Butcher dyXdit,E, ómtoq' dgi- 
a%ov òX^oìv (3). 

Fra tanto pullulare d'ipotesi, non è strano che la via per 
giungere alla lez. più semplice sia stata intravista dal Platt 



(1) = rò d-eòv àyÀat^eiv Jebb. 11 p 1 u r. di oÀ^o£ non occorre- 
rebbe, si badi, altrove ohe in un framm. sofocleo (297 Nauck'-'). 

(2) " Eine kuhne Augenblickskrase „ la riconosce del resto egli stesso ; 
ne gli esempi addotti dal Blass^ (p. 37) son tali da giustificarla, come 
ammette il Jebb (p. 256 e 83) ; cfr. Schone in Leipziger Studicn, 1899, 
p. 238. 

(3) Cfr. Zuretti in questa Riv., XXVI, 1898, p. 144. 



— 85 — 

{CI. R. XII, p. 58 : " Looks like àyÀai^e^' tp tkxq' dgiaiog 
òX^Mv . . . Porhaps àyXmt,e, lO) nuQ^ dqiaiog òà^oìv „) e dal 
Tyrrell [CI. R. XII, p. 80 : d-eòi^ d-éÀovxsg / àyÀa'i^ed-' (5 jkxq 
[= in the (jift ofj dgiarog òl^ojv), e battuta dallo Housman 
prima (1), dal Richards poi (2): i quali ultimi, tuttavia, pure 
intuendo la lez. vera, invece di provarne la genuinità, a noi 
evidente, ne infirmarono il peso e col presentarla in forma 
ipotetica e col darle un'interpretazione forzata : cosicché nes- 
suno degli editori di Bacc-h. l'ha accolta. Noi che (non è gran 
merito) eravamo giunti da soli alia soluzione dell'enigma, spe- 
riamo di poter dimostrare che gli editori hanno avuto torio. 
Anzitutto la lez. da cui dobbiamo prender le mosse è, na- 
turalmente, quella di A : 

d-EÓv, d-feójv Tig 
àyXa'i^éd'ùy TAP àQLOtov [òjÀ^ov. 

Infatti chi abbia studiato, anche superficialmente, il testo 
bacchi lideo sa che le ' correzioni ' di A^ valgono spesso assai 
meno di quelle moderne. 

Ora, per cominciare dal minor male, è chiaro che àyÀai- 
^éd-o) deve considerarsi: o come una forma solitaria d'impe- 
rativo dorico (Kenyon); o come grafia errata per -^éT(o{3); sep- 
pure non sarà piìi semplice pensare alla facile omissione di im 
sigma (ArAAIZ€(C>06O),il che ci condurrebbe a un medio transi- 
tivo àyla'iL,£ad-ù) legittimato — oltre che dalle numerose ana- 
logie — - dall'omerico K 331 [oé (pr]fii dtaf^ijrsQsg àyÀa'ielad'ai) 
e da Semon. Amorg. 7,70 Bergk (oaTig loiovioig &vfiòp dyXat- 



(1) Lo Housman propose TtaQ' àQtaxov (senza commento) già néìVAthe- 
naeum, n. 3661 (25 dee. 1897), p. 887 ; più tardi scriveva in CI. ReiK 
XII, p. 69 : àyÀaC^éTù) nccQ' aQiatov òX^ov " in the hour of his prime 
prosperiti/ „. This is just what Croesus did, and had his reward in the 
day of trouble. 

(2) CI. Rev. XII, p. 76 : d'sóv zig àyÀai^eTù) naQ' uqkjtoi' gÀjSov " either 
at time of or on account of „ (Pind. 01. II 71). Il Richards ammetteva 
anche nàg (= nàQsativ) àqiaxog oÀjìcov. 

(3) Non è invero difficile ammettere lo scambio, se si pensi ai fre- 
quenti trascorsi di A e, p. es., a KPH per XPH di V 164. 



— 86 — 

^exai), e perfettamente consentito qui dal metro (- ^ 

V. 18 {npióaiódÀTCOv, 64 c5 fisyaivrjzì). 

Ma, qualunque possa sembrare la miglior lez. di questo 
verbo, poiché essa non avrà, infine, altra importanza che for- 
male, veniamo al senso del passo. Il poeta ha parlato nei 
vv. precedd. del gran numero di vittime (15 ^qvsi [iev hqà 
^ovd'VTOig èoQialg) e di ospiti {^Qvovai (piXo^Eviac, dyviai, 
cfr. fr. 4, 16-17 Bl. = 3, 12 Jebb), dei luccicanti aurei tripodi 
collocati dinanzi al tempio (ÀdfiTrei ó' tnò fiaQ/i(aQvyalg ò 
XQvaòg I {ttpióaiódÀTOìv tqijióócùv OTad-évtcov) (1) come testi- 
monio di quella ' turrita ricchezza ' (13 jivQyoìd-évxa nXovxov) 
che il generoso tiranno di Siracusa sdegna fAeÀafKpaQsi Kqvmeiv 
aHÓto). Adunque, poiché tutto quanto precede parla dell'opulenza 
di lerone e dei magnifici preziosi doni da lui consacrati in Delfi, 
noi non possiamo intendere òX^ov del v. 22 altrimenti che 
nel suo valore, genuino e fondamentale, di nXovioc, (2), a cui 



(1) Da un epigramma simonideo o pseudosimonideo (141 Bergk) e da 
Diodoro (XI 26 [Timeo]) risultava che i Dinomenidi avessero consacrato 
in Delfi un unico tripode ; Ateneo ci parlava invece (VI 231 e - 232 e 
[Fania, Teopompo]) di due ; ma, com'è noto, gli scavi della Scuola fran- 
cese a Delfi, contemporaneamente alla pubblicazione di Bacchilide, met- 
tevano allo scoperto i plinti di quattro tiùpodi, due maggiori con epi- 
grafe e due minori anepigrafi, i quali ultimi si suppone fossero eretti 
da Gelone per i due fratelli pivi giovani Polizelo e Trasibulo (Homolle), 
da lerone per se stesso (Blass) ovvero per i fratelli (Taccone) insieme 
con il suo proprio, e probabilmente dopo la battaglia di Cuma (Jebb). — 
Basti qui aver rilevato il pieno accordo di Bacchilide con le scoperte 
archeologiche, rimandando per il resto a : Homolle, in Bull, de corr. 
hellén. XXI, 1897, p. 588 sgg., e nei Mélanges Wcil, p. 207 sgg. ; Weil, 
in Journ. des sav. 1898, p. 45 ; Blass^, p. i.viii sgg. ; Jebb, p. 452 sgg. ; 
Taccone, p. 21 sgg. (= Sulla guest, dei trip, ecc., in Atti della R. Acc. 
di Torino XLI, 1906, p. 795 sgg.). 

(2) Omero, com'è noto, accoppia oÀiSog e TtÀomog (òÀi^qj le TiXovvqì te). 
Di Pindaro basti citare Nem. V 19, XI 13 , Isthm. V 12'' Schroder, e 
spec. Nem. Vili 17 sgg. : 

avv &e(ì» yuQ loi (pvrev&etg 

o À ^ o s àv&QÓjTcoiat 7taQ/^ovù)T£Qog • 

8a7ieQ ■Kol KivvQav e^Qios ti Xovx (fi novxia è'v noie Kv7iQ<fi. 

Nella stessa ode III di Bacchil. ricordiamo oÀ^ov ccv&sa (v. 92 sgg.); e 
nÀoviùìv 5(5' aQLOiog in un fr. euripideo che citeremo tosto. 



— 87 - 

ci richiama, in qualche modo, anche il verbo àyÀat^eiv su- 
scitando alla mente l'idea di fasto e di splendore. In tal senso 
è evidente che l'accusativo dQiorop òÀ^ov può men che mai 
attaccarsi, in apposizione, a d-eóv, e che vuol esser retto da 
una preposizione nascosta nel TAP il quale, d'altra parte, 
come quinta parola difficilmente si mantiene intatto (1); tanto 
difficilmente che, per sua colpa, già il lettore antico sentì 
bisogno di ' correggere ' VdQiUTOv òÀ^ov, ormai incomprensi- 
bile, in aQiaiog òÀ^ov (2). 

La lez. TTAP per FAR non è certo di quelle che più esigano 
un corredo di documentazioni paleografiche ; ma appunto perchè 
noi abbiamo osato, fin da principio, chiamarla un'ovvia resti- 
zione e tale ci lusinghiamo che abbia da apparire ad altri, 
la ' restituzione ' di passi controversi come questo è cosa 
troppo importante perchè non ci si consenta uno scrupolo 
anche eccessivo. Si noti, adunque, non soltanto, con le parole 
del Jebb (p. 127), " that the scribe habitually worked in a 
mechanical manner, merely transcribing the letters which he 
seemed to see before him, without regard for the senso „ (3), 
ma che simile al nostro è lo scambio delle lettere T e TT in 
Vili 36 {llKXag per TTAiag), che in casi graficamente identici 
al nostro viene omesso uno iota (I 55 tVEiac, per vV\EÌa(^, e 
XVII 34 aiQaJfKv per aiQaT\/\v); e che persino la 'corre- 
zione ' di oÀ^ov in òÀ^cjv ha un riscontro nell'altra di 'OXv^niov, 
metricamente sicuro in V 179 e mutato dallo stesso A^ in 
'OÀvfimoìv, a sproposito. 

Concludendo, la lezione e il senso del tanto discusso luogo 
bacchilideo tornano alla loro genuina semplicità nella forma : 

d- e óv , d'EÓv zig 
àyXa'Ct,é{a)d'(x> (?) naq' dQiaxov òX§ov 



(1) L'esempio cit. di Soph. Philoct., 1450-1 , è solitario e alquanto 
diverso. 

(2) Cfr. Eurip., fr. 137 Nauckl 

(3) Le sue stesse correzioni (A^), pochissime e insignificanti, mostrano 
che A non sottopose il suo scritto a revisione. 



" Iddio, iddio si festeggi, qui presso questa rara, preziosa 
ricchezza (tripodi, vittime, ecc.) „. Ma, come oggi i Dinome- 
nidi, così un giorno anche Creso fece al santuario doni re- 
gali e n'ebbe in cambio il miracoloso salvamento ; ond'è che 
il poeta, con la libera formula ènEi noie zai... (v. 23), passa 
al mito senz'altro. 

Riscontri lirici all'espressione ttccq' dgiaTov òX§ov si pre- 
sentano in quantità. Ci si consenta solo che ricordiamo, di 

Pindaro : Nem. V 10 sg. nàq ^oìiiòv oTavreg, IX 49 d-aQ- 

oaXéa oh Jiagà yiQaiìjQa cpcùvà yivEiai, paean. VI 16-17 òfi- 
(paXòv naqà oziÓEvxa — di Bacchilide IX 29 sg. Zrjvòg 
Jiag' àyvòv j (ìoìfióv (cfr. XII 58) e sim., ma specialmente 
quei versi del secondo ditirambo ove parlasi di un altro coro 
e d'un altro canto innalzato ad Apollo delfico : 

Ilvd-i "AjioÀÀov, 

xóoa xoQol AeXcp&v 

GÒv ìieÀdófioav Jiaq' àyaxÀéa vaóv (XV 10-12). 



« 
* * 



Non sarà privo di interesse piìi generale l'aggiunger qui, 
a mo' à'excursus, alcuni begli esempi che ci è venuto fatto 
di raccoglier dal testo dei lirici, sul caso di lez. vulgata FAP 
corrotta da un originario TTAP a cui finalmente è stato, dalla 
critica moderna, concesso (o dovrebb'essere) il postliminium. 

I. Nel 1. a' della silloge teognidea, al v. 1208, gli edd., 
dal Camerario allo Hudson-Williams, restituiscono concorde- 
mente, com'è necessario, 

àQyaÀéog (1) naQEÙv, zaì rpiÀog evi" àv àn^g 

laddove tutti i codd., senza eccezione, danno àqyaXéog yàq 
èù)v. 



(1) àQTiaÀi'og è uno dei soliti arbitrari ' scripsi ' del Bergk. 



— 89 — 

II. In Pinci. Nem. VII 33 la lez. dei mss. è tot yàq fiéyav 
òfKpaÀóv — (liwÀov ;^5-o*'(5gj. Il ydg non conviene al metro 
clie richiede v^ ^ ; ma forse nessuno avrebbe proposto la sem- 
plice restituzione di jiuQd (cfr. ora il già cit. paean. VI 16-17 
Xd^ovòc, òfiq)aÀòv naqà axiàevra), se questa non fosse stata 
suggerita all'acumo dello Hermann dagli scoliasti antichi i 
quali spiegano [Sch. cet. m Pimi. Xeni. VII 17 ed. Abel, 
p, 211): TÒ Ó£ 8Zop xoiomov ■ è'/,ioÀe nagà fiéyav òficpaÀòv 
Evqvy.óXnov x^oi^óg y.cÀ. (1). Il jiaQd dello Hermann è, anche 
qui, qualcosa piìi che una congettura : non c'è bisogno di ag- 
giungere che fu approvato da quasi tutti i numerosi editori 
moderni di Pindaro, fino al Christ e allo Schroder, il quale 
ultimo nella sua piìi recente editio minor (19G8) ben fa ad 
abbandonare la lez. toi tcoxe già preferita noiVed. mai. (1900). 

III. Il quarto voi. dei papiri d'Ossirinco ha pubblicato un 
framm. (n. 694) del tredicesimo idillio teocriteo. Al v. 31 (31) 
dove la lez. concorde dei mss., naturalmente accolta da tutti 
i vecchi edd., era: 

Àeifiùv ydq acpiv s'xeito, f.iéya oti^dósaaiv òveiaq 

il pap. ([I sec. d. Cr.) ci dà 

.... Gcpiv na[qéìi£ixo] . . . 

Ci duole che il Wilamowitz nella seconda ediz. oxoniense 
(1911) dei Bucolici (p. 37) dia ancora la preferenza al ydq 
a(piv è'Ksno dei codd. (cfr. Textgesch. dei' griech. BukoL, p. 17); 
poiché non ci sembra diffìcile vedere che appunto lo aq)iv 
jiaQÉxEiTO serba la forma genuina e originaria. Infatti allor- 
quando, per una facile svista, si passò dalla lez. Àeijuop ocpiv 
WkPé'AEixo all'altra ÀEifioji' ocfiv VIKPexelxo, si senti tosto il 
bisogno di portare il ydq al suo posto piìi naturale di seconda 
parola, invertendo : ÀEifiùv ydq o(piv exeixo... Lo scambio di 



(1) Cfr. Wilamowitz, Pind. VII nem. Ged., in Sitzungsber. der Preuss. 
Akad., 1908, p. 335. 



— 90 — 

TTAP e TAP; che nel passo bacchilideo da noi studiato co- 
strinse A^ a un mutamento di desinenze, importò qui un'al- 
terazione nell'ordine delle parole. Questo tenue fatto baste- 
rebbe da solo a stabilire che, nella storia del testo teocriteo, 
fra la redazione rappresentata dal papiro egizio e quella che 
sta a fondamento dei nostri codd., vi è l'opera di almeno un 
revisore della stoffa di A"' (v. Wilamowitz, Textgesch., p. 5, 
16 e 106-29). Possano i nuovi papiri sottrarci sempre più 
all'arbitrio di codesta critica postalessandrina, mettendoci in 
grado di veder meglio come e quanto essa si esercitava. 



2. — Bacchyl., V 121-2 (facsim. col. 9). 

La trattazione del mito di Meleagro, che forma il grosso 
— ben centoventi versi (56-175) — di questo bellissimo fra 
gli epinici bacchilidei, si può senza difficoltà considerar divisa 
in tre parti: la prima, nell'ambito di una sola strofe {àvT. ^'), 
è come una piccola introduzione, poiché Eracle disceso all'Ade 
fa, nella nostra ode, piuttosto da spettatore (o, meglio, da 
interlocutore) che da attore, e il poeta ritrae in lui il piìi 
audace degli uomini il quale, alla narrazione del pietoso dramma 
dei Portaonidi, bagna il ciglio, per la prima e unica volta (v.l56); 
la seconda (71-120) e la terza parte (121-175) ci ritraggono, 
attraverso il racconto di Meleagro, codesto dramma in due 
scene, cioè nei due momenti dell'ira e della vendetta di Ar- 
temis: caccia al cinghiale calidonio, morte del figliuolo d'Altea. 

Or è appunto del principio di quest'ultima parte che inten- 
diamo occuparci, perchè disgraziatamente i vv. 119-123 ci son 
giunti acefali. Quanto ai 119-20, collegandosi essi senza dubbio 
al xEÓvù)v àóeÀ(p€à)v che precede, le integrazioni dell'editore 
principe : [ovg téjxev èv fieyaQoig (1) / fnaiQÒjg AX&aia 



(1) Il Wilamowitz, seguito dallo Jurenka e dagli editori italiani, pre- 
ferisce leggere L^v réjaev (scil. ^AyéÀaov) ; ben s'intende, a ogni modo, 
che la lez. odg non ci obbliga a fare dell'arcade Anceo un fratello di 
Meleagro I 



- 91 — 

TiEQixÀEiTolaiv Oìvéog • se non sono sicure, si posson dire sicu- 
ramente prossime al vero (1). Non cosi per i due vv, 121-2, 
iniziali della quarta strofe, ove il papiro ci dà 

V 121 : 

[--]AGCePfMOIP'OAOA 

[.- ."".JC-OYrAPnUjAAIOPCjON 

(la soppressione del -v era voluta dal metro). 
Il Kenyon integrò 



[tovg ò' òjÀeae iiolq' òXoà 
[TÀdfiopaJg ■ ov ydq no) òa 



yCCQ Jlù) ÒatcpQùJV XTÀ,. 



{[xàÀavaJg Herwerden) credendosi in diritto d'introdurre il 
dattilo ciclico {zÀdfiovag), invece del trocheo voluto dal metro 
(cfr. vv. 2, 17, 42, 82, 97, 137, 162, 177), per l'ampiezza 
dello spazio. — Gli altri editori hanno avuto, secondo noi, 
il torto di staccarsi dal Kenyon — come avviene — più 
nella forma che nella sostanza. Il Blass^, infatti, restituendo 
col Ludwich il trocheo, leggeva [vvv ó' ojjÀeae /zoIq' òZoà / 
[ndvxajg • Così [nÀevvaJg lo Housman, il Jebb {[tojv ò' ò]~ 
Àeas ... col Blass^) (2), lo Juronka, il Christ {[dÀÀ' wjÀeoE...), 
il Richards {[nqòg ò' ó'jjÀsae...), il Taccone, il Desrousseaux, 
Th. Reinach {. . fjiÀéovaJg). L'emendamento che il nostro 
Festa ha introdotto " a suo rischio, facendo tesoro di una 
osservazione del Wilamowitz „ (3) : [ovò' è'ajx£^£ ^oIq' òÀoà / 



(1) Al TtaiQÓg potrebbe anche sostituirsi un qualificativo di 'AÀd'aia, 
ma non ne vale la pena, ove il senso non ci guadagni. 

(2) L'interpretazione del Jebb {CI. Rev. XII, p. 123, ed. p. 283 " but 
deadly fate destroyed more than these „), che più si allontana da quella 
comune, non è neppur essa soddisfacente, perchè la vera nuova vittima 
dell'ira di Artemia è Meleagro. e Ificlo e Afarete avv ciÀÀoig (vv. 127-9) 
sono, per così dire, strumento di quell'ira e cadono per il cieco furore 
di Ares (130). 

(3) Goti. gel. Anzeigen 1898. p. 130: " V 121-22 kanu ich nicht er- 
gànzen, aber gefordert wird ein anderer Sinu, niimlich, dass die Moira 
noch nicht fertig war ,. 



- 92 — 

[x^TQaJg ■ è, a parer mio, inaccettabile, sia perchè impo- 
verisce il senso del passo (" ne rattenne la parca funesta 
le mani, poiché non ancora l'avversa cacciatrice figlia di 
Latona sedò l'ira „ è tutt'uno), sia specialmente perchè altera 
VfóJÀsae che può dirsi sicuro (sicurissimo, ad ogni modo^ -sas) ; 
ragione, quest'ultima, per la quale è da ripudiarsi, quan- 
tunque meno libera, la lezione del Platt : [^olg ó' è'fijjisae kjà. 
Quasi tutte, del resto, hanno per noi un peccato d'origine: 
ed è di voler premettere o accompagnare al verbo, come 
oggetto, un pronome o nome plur. riferito alle vittime della 
prima persecuzione di Artemis, cioè alle vittime del cinghiale 
nominate innanzi (115 sgg.). Laddove nei nostri due versi, a 
capo della nuova strofe e della seconda parte del racconto 
mitico, si parla già, senza dubbio, di una nuova persecuzione 
della parca (1), chiaramente spiegata dalle parole: ov ydg 
noi òa'icpQOJV [navoEv] yòXov àyqoiéqa Aa%ovc, d^vydirjQ. 
Non v'ha neppur bisogno di confrontare, nella stessa ode, 
ovnco (43) ' neque adhuc ', ov yccQ (53-4) ' neque enim ' per 
vedere che la formula ydq tcoì conserva, anche nel nostro 
luogo, tutta la sua forza ; esclude, cioè, il senso in cui si suole 
integrare la lacuna precedente. — Siamo dinanzi a un poeta 
lirico, è vero, ed è vero che la lirica non è vincolata sempre 
a procedere secondo le norme della più rigorosa successione 
logica ; ma, vivaddio, non è detto nemmeno ch'essa debba sot- 
trarsi di regola a codeste norme. Tra l'espressione: " Artemis 
irata mandò un terribile cinghiale che uccise Anceo e il mi- 
gliore de' miei fratelli Agelao „, e l'altra: " ...poiché non an- 
cora l'ostile figlia di Latona aveva posto fine all'ira sua „, 
può trovar luogo soltanto questo terzo pensiero : " la parca 
funesta colpi una nuova vittima „, cioè " uccise anche me „. 
Non parla Meleagro. infatti, in tutto quanto segue, di sé stesso, 
narrando come, nella lotta contro i Cureti, egli venisse mi- 
seramente a morte per la crudele vendetta della madre? 



(1) Sull'andamento dei pensiero cfr., al proposito, anche Preuss de 
fab. ap. Bacch. (Regim., 1902), p. 24. Per il trapasso, citiamo Antonin. 
Liber. tuetam., IT, 3 : "A^iefiig Sé, ìtieì iòv Icqòv avv enTEivav, è'ii fiàÀÀov 



- 93 - 

Fissato quale debba essere il significato del passo, il sup- 
plemento alla lacuna si riduce a un esei-cizio di facile abilità; 
e invero c'è da scegliere fra dieci e piìi modi diversi, de: 
quali ciascuno potrebbe aspirare all'onore di essere la lezione 
genuina, poiché tutti convengono nel senso fondamentale. 
Così p. es.: 

[à pi a)jÀE(7E /ìioìq' òÀoà vel /« ò' óJjÀsaf: f.io7Q' òÀoà 

fò' autiji^ ■ od yciQ no) òatcpQoìv yaÀ. [fi avxijc, • %rA. 

ci ricordano che l'articolo, quando è usato da Bacchilide, vien 
di regola separato dal suo sostantivo (cfr, p. es. nella nostra 
ode i vv. 180-1 e 182-4) e richiamano alla mente XIV 57 sgg, 
à ò' . . . . "T^Qic, .... aviic, d' èc, ^adhv néfinEi q)d-ÓQOv .... v.aì 
có?,£a(T€r ... — 

[xai ò' ójjÀeae fi. ò. vel [ìid^cbjÀeaE fi. ò. vel fy-ai fi mJàege fi. ò. 

[fi avtijg ■ [fi avTiJg ■ [ò' adiijc, ■ 

fan riscontro ad I 119, V 31, 97, XII 221, XVI 29, 58 (1) — 

[àÀÀ' ÒJÀEGE fi. Ò. 

[fi' aÒTiJc, • a V 103, XVI 33 (àXXà Kdfié...) — 

e finalmente 



(,1) Un senso efficace si avrebbe pure leggendo : [acil fi ìùJÀeaE ftolQ 
òÀoàj ffiaTQÓ/s' — qualora la licenza metrica, die si permise primo 
il Kenyon, sembrasse tollerabile — supplendo al secondo verso : fóaC- 
fiovojg (cfr. d-eov fiolga di Pind- 01. Il 23, ed Eurip. Hel., 211-12) che 
fa pensare all' implacato demone dei Plistenidi, il cui influsso grava 
come incubo per tutta l'Orestea di Eschilo, e piìi all'episodio i^indarico 
{Pyth. Ili 31 sgg.) di Coronide, ove pure trattasi di vendetta eseguita 
da Artemis per mezzo dell'avverso demone [Safficov 1'teqo£ v. 84) ; [Sva- 
fA,oQoJg che darebbe uno di quei giochi di parole {fiolga óvaftOQog, cfr. 
XVI 14 fióaoE r' 'EqI^oìo) non discari ai pili gravi poeti greci ; favfirpv- 
Tojg che ricorre anche in Pindaro {Isthm. IH 14) e renderebbe in modo 
forse non antipoetico l'imagine del tizzone a cui è connaturata l'esi- 
stenza dell'eroe (cfr. v. 141 sgg. ònvftoQov j cpiTQÒv . . . ròv òri / fiolg' èné- 
KÀcjaev core j ^oàg 8qov àfisvégag efifiev) ; e sim. 



— 94 — 

f^vd-' àjÀsae /ioIq' òÀoà 
[fi' avTiJg ■ od ydq . . . ktà. 

merita forse la preferenza su tutte le integrazioni accennate 
e possibili, oltre che per il numero delle lettere e per la non 
inefficace semplicità della frase, per il notevole parallelismo 
con quanto segue, a distanza di qualche verso (127-9): è'vd'' 
èyò) .... "IfpiyiXov xatéxravov ...... ov yàQ ìiaQ%EQÓd'V(ioc, 

"AQfjg XTÀ. (1). 

* 

* * 

Se — dopo aver messo in rilievo che con la strofe quarta, 
nei due versi da noi integrati, comincia la seconda parte del 
mito — il nostro sguardo si allarga ad abbracciare e scru- 
tare la distribuzione della materia e la strut- 
tura generale di quest'ode bacchilidea (fra le superstiti 
la pili vasta e più completa), ci vien fatto di constatare ch'essa 
è composta con una tale regolarità e corrispondenza di parti, 
che certo non può esser casuale. E, non perchè abbiamo so- 
verchia fede negli schemi — ove, troppo spesso, si fa apparire 
all'occhio ciò che non appare altrimenti al pensiero ■ — ma 
perchè, in questo caso, lo schema è Bacchilide che ce lo forma, 
ecco come risulta organato il nostro epinicio: 



(1) Sarà caso, ma delle otto volte che l'avv. è'v&a ricorre in Bacch. 
quattro sono precisamente nella nostra ode (vv. 63, 107, 127, 182). Non 
pensiamo davvero alla famigerata teoria degli Stichìvurter, male appli- 
cata alle elegie teognidee, e, peggio, persino alle odi di Pindaro, ma 
la lez. ^vd-' &Àeas riceve pure qualche conforto dalla frequenza, a breve 
distanza, di espressioni come éWa òvatavcav ^qotójv 'ìpv%àg èòdr] . . . , 
^v&a nÀTjfivQcùv a&évei ÒQ'/^ovg èTténetQev . . ., è'vd-' (temporale) éy<h tioà- 
Àolg ahv àÀÀoig "Icpt,y,Zov 'naTémavov . . . , ^vd-' ó nÀeevvòg noaal vt- 
ndaag (ÌQÓf,i(p .... usate costantemente a introdurre una nuova scena o 
una nuova imagine ; cfr., nell'ultima parte dell'ode X, iv&ev àneaav- 
ftevat . ,. (v. 82), ivd-ev %QÓa viìffdf^evog . . . (97), ^p&ev àQtj'icpiÀoig . . . (113). 
— Quanto all' évd"' aSrig e superfluo richiamare le formule parallele, 
come l'omerica ^v&a ó' ^jisiza. 




95 — 



(A) OTQ.àvt.a Introduzione generale all'ode: il sovrano e il poeta. 

(è') èji.a -]^ aiQ. ^' Attualità: la vittoria olimpica. 

(e*) àvT. ^' Introduzione al mito di Meleagro : 
■/.atd^aais di Eracle. 

/ èji. §' -\- GZQ. àvz. èn. y Mito : prima fase del- 

(B) <^ /\ (Ti '' l / / / l'ii'a di Artemis (cin- 
\ \ / / / ghiaie calidonio). 

\{r)l / / / 

f j OTQ. àvx. èn. ò' -\-oxQ. e Mito: seconda fase del- 
I f l'ira di A. (morte di 

Meleagro). 
(è^) àvx. e -\- èn. e' Attualità: ripresa e commiato. 



Trapassi : 

[h^) V. 31 xèig vvv v.al éuol fivgia Ttdvxa aéÀev&og 

(e*) „ 56 [aal fidv txJox^ éQsixpLTivÀav / [Tialò' àvìy.]axov Àéyovaiv .... 

2 (| „ 71 xòi> ó' (bg iSev 'AÀ-AfiTJviog S-av}taaxòg fJQcog . . . . 
( „ 121 [evd'' cùJÀeas fcoÌQ òÀoà / /,«' adxijg .... 

{b^) „ 176 Àev/tcóÀepe KccXAiÓTta, / axàaov Binoùr^zov &Qua .... 

Il mito (C), come avviene nelle più vaste odi pindariche 
(ricordiamo specialmente la quarta Pitica) (1), è, per così dire, 
un'ode nell'ode (2), con una sua propria introduzione (c^ è ri- 



(1) " In Bacch. la sua importanza storica di base è piìi manifesta „, 
dice Io Zanghieri {St. su B., Heidelberg, 1905, p. 56) studiando (meglio 
che S. Rossi in Riv. di St. Ant. VII, p. 472 sgg.) la composizione del- 
l'epinicio bacchilideo. 

(2) Studiando l'opera di Stesicoro e la sua importanza nella tradizione 
lirica dorica, mi son convinto che codesta indipendenza formale (e, ta- 
lora, anche sostanziale) in cui viene a trovarsi il mito nell'ambito del- 
l'epinicio pindarico e bacchilideo, sia effetto non già della sopravvivenza 
del vófiog arcaico e delle sue parti, alla quale non credo, ma bensì del- 
l'evoluzione stessa della melica corale e dell'influsso che, sulla sua strut- 
tura, esercitava nel quinto secolo l'ode di tipo stesicoreo. Infatti l' Ime- 
rese, epici carminis onera lyra siistinens, aveva composto canti d'indole 
schiettamente obbiettiva e di forma narrativa : tale non poteva più es- 
sere l'epinicio del V sec, per le circostanze stesse che lo determinavano; 
esso ci resulta dunque da una specie d'innesto della forma antica — 
onde proveniva — sulle esigenze nuove a cui rispondono, normalmente. 



— 9ò — 

spetto a c^ quel che A a B; e, come B risulta di due parti 
ugnali e in corrispondenza chiastica, così c^ è bipartito, con 
un nucleo centrale di due sistemi completi). 

L'unità formale dell'ode, che verrebbe indebolita dalla co- 
stante coincidenza fra le triadi sLrofiche e le diverse parti 
della materia poetica, è invece saldamente serbata per il 
fatto che queste non cominciano, di regola, con una nuova 
nEQmonrj : tranne in un solo caso — precisamente quello del 
passo da noi studiato, dove però la stretta continuità di pen- 
siero fa assai meno, e quasi non fa punto, avvertire il distacco. 

Ma intendiamoci bene: noi, come non ci sapremmo asso- 
ciare alle teorie emanate, più o meno ingegnosamente, intorno 
alla struttura nemica delle odi pindariche o, peggio, intorno 
a una regolare corrispondenza fra pensiero e periodo strofico, 
così neppure mancheremmo di rispetto a Pindaro e Bacchi- 
lide fino al punto d'imaginarci ch'essi, nel compor l'ode, la- 
vorassero, per dir cosi, sul canovaccio, applicando uno schema 
minutamente fissato a priori; no, tuttavia è innegabile che 
l'epinicio presente (e non vogliamo dire, per ora, l'epinicio 
in generale) è distribuito, di fatto, nelle sue singole parti con 
tanto regolare simmetria da mostrarci fino a che punto l'ar- 
tista antico obbediva — se non a norme preconcette, il che in- 
vero non è da escludersi — almeno a quello spirito di euritmia 
e a quel senso della misura e della proporzione, che non sol- 
tanto compenetra tutte le manifestazioni della piìi severa arte 
greca (dell'arte dorica in ispecie), ma nella poesia strofica e 
musicata diventa un'esigenza tecnica addirittura (*). 



l'esordio e la chiusa (attualità); mentre il corpo del carme è costituito, 
per lo più, dal mito : un'ode, come ai)biam detto, nell'ode. — Mi si 
perdoni di aver accennato soltanto a un'idea che non è qui concesso svi- 
luppar più ampiamente, e di rimandare alla mia Lirica class, greca ecc., 
I (Pisa, 1912), cap. Ili, § 23 [p. 272 sgg.J. 

(*) Queste pagine erano scritte quando lessi le dotte e acute osserva- 
zioni critiche dello Schwartz Zu Dcikchyl. (in Hermes XXXIX, 1904, 
p. 630 sgg.), di cui l'ignoranza tanto più mi sarebbe apparsa deplorevole 
in quanto che l'illustre prof", di Friburgo mostra di intendere come anche 
a me par giusto il nostro passo e, colmando la lacuna nel modo seguente 
(p. 632) : /»««/*' iùjksae i^olq ÓÀoà / [naiQÓJs ' oi yaQ tiìù ktÀ. m'offre, 
se non altro, il nuovo conforto di una autorevole opinione. 



— 97 — 



3. — Bacchyl., X [xr Ken.] 115-23 (facsim. col. 22). 

Esposto il mito delle Pretidi, le folli giovinette guarite per 
intercessione di Artemis, il poeta, con l'ultimo epodo (113 sgg.), 
si volge alla dea, rammentando com'ella scortasse a Meta- 
ponto, città patria del pitionica qui celebrato, Alessidamo, i 
bellicosi Achei (1). Sappiamo infatti che, per effetto della loca- 
lizzazione dei miti greci (e del ciclo troiano in ispecie) sulle 
terre d'Occidente, a Metaponto celebravansi feste in onore dei 
Nelìdi e attribuivasi la fondazione della città ai Pilii di Nestore; 
il culto di Diana a Metaponto (espressamente cit. da Igino, 
fah. 186) è, almeno, presupposto da un'offerta olimpica dei 
Metapontini (Paus., VI 19, 11) e da una moneta del British 
Museum {Itali/, n° 263). Nessuna meraviglia dunque che Bac- 
chilide, dopo aver cantato uno dei più famosi miracoli della 
SóìTEiqa, concluda l'ode dicendo che la città italiota (2) sorse 



(1) Benché la designazione àQrjiq)iÀoig àvÓQsaaiv 'Axaiotg possa avere 
un senso meno ristretto, cfr. Strab. VI, p. 264, 15 : 'E^fjg 6' èatl Me- 
zanóviiov . . . UvàCùìv 5e Àé-yetat, KTiafia tùv é§ ^lÀiov JiÀevadvzoiv 
(M'ezà NéOTOQog . . . arjfAEÌov oh Tioiovvzai r^g UTiaecog tòv tòJv NrjÀeiócòv 
évayiafióv . . . ^AvTÌoxog Sé (priaiv èxÀEiq)d'évTa tòv tóttov èjiOL'/.fiaai zwv 
^A)^ai(jjv Tivag ^eiajiefiq>d'éviag vnò z<jjv èv ^v^cìqeì 'Axaiiòv nzÀ., e lo 
pseudo-Scimno vv. 327-9 {Geogr. Gì'. Min., Mtìller, I p. 209) : 5j.ioqov 
oh zovzotg éazl zò Mezanóvziov. I zavzag ^Ay^aiovg ìk HeÀonovvi^aov 
Kziaat, I àtpiKOfiévovg Àéyovai ndaag zàg TióÀeig. 

(2) Ai due difetti metrici del v. 114 si è rimediato semplicemente con 
le aggiunte : àvSgeaaiv {èg) InjcozQÓcpov nóÀiv (r') 'A%aiolg — la prima 
delle quali, in posizione tautometrica col v. 72, del Jebb (Housman 
avÓQeaat, nQÓg, Jurenka èv (= èg), Festa a,**'), la seconda del Blass^ 
(Ludwich nóÀLvò', Jebb nóÀia^i, Schwartz l7i7zozQÓ(povg 7tóÀ£t,g). — Lo 
Hense [Zìi BaJcch. XI in Rhein. Mus. LUI;, 1898, p. 321), riprendendo, senza 
accorgersene, una congettura ripetutamente emanata dallo Housman 
(in Athenaeum, 25 dee. 1897, p. 887, e in CI. Rev. XII, p. 72), osava 
leggere, assai pedestremente, noiav per nóXiv per la bella ragione che 
Artemis non poteva seguire gli Achei a una città che doveva ancora 
esser fondata (!); e %òiQav il Wilamowitz, in base alla stessa conside- 
razione. 

Eivisla di filologia, ecc., XLI. 7 



— 98 — 

proprio sotto i suoi auspizi e che la dea vi ha un lucus presso 
le belle acque del Kasas (Basento) (1), 

I nula 115-23, separati da una axiyfi^ alla fine del 117, 
non presentano né lacune né incertezze di trascrizione: 

X 115 CYNAeTYXAI 

NAieiCMeTAnONTIONU) 
XPYC€AAGCnOINAAAU)N • 

AACocTeToiiMepoeN 

KACANnAPeYYAPONnPOrO 

120 NoieccAMeNoinpiAMorenixpoNcoi 

BOYAAICieecONMAKAPCON 
nePCANnOAINGYKTIMeNAN 
123 XAAKOOCOPAKWNMeTATPGlAAN 

ma, senza dubbio, corrotta è quivi la lez. ; e già il revisore 

antico, A^, tentando di racconciare alla meglio il periodo, senza 

6 
per altro riuscirci, sentì il bisogno di sostituire ènei (€TTI) 

ad ènt (120). Ma — lasciando stare che i casi di iotacismo 
(e specialmente lo scambio di i per ei) sono estremamente 
rari nel papiro bacchìlideo — diciamo subito che il costrutto 
èjil XQÓvc^ è sicuramente documentato (2) ed ha, sulla corre- 
zione di A^, i vantaggi della lectio jprior e della difficilior, a 
un tempo (3). 

Però non sapremmo essere ugualmente conservatori rispetto 



(1) Cfr. Diels De Casa fiumine Metapontino, in Hermes XXXIII, 1898, 
p. 334-5. 

(2) In Omero èn i^/^avi xi^òe N 284, T 110, éjt" ^^iiavi K 48, T 229, 
/? 284, /* 105, ecc. (cfr. Soph. Oed. Col., 688), ènl vvml 529, Esiodo 
ècp' ijf4,éQ)j, ènl vvxTi Op. 102, e nella tarda prosa (Diod., Plut.). 

(8) Non abbiamo bisogno di soggiungere che conservando (come ben 
fece il nostro Festa) Vèjil %QÓv(>), il tióÀiv eòmifA^évav del v. 122 non 
resta in aria, perchè è chiaro che con la disposizione di parole nQidfA,oi 
ènl XQÓvq) . . . Tiégaav TióÀtv eòy,xif4^Évav il genit. iniziale specifica insieme 
XQÓvip e TióÀov. I riscontri epici, lirici, drammatici, a IlQidfAoio tcóÀiv 
sono, naturalmente, innumerevoli. 



— go- 
al participio èaadfiEvoi dello stesso v. 120, il quale è contro 
la sintassi (1) e contro il metro: e, come alla prima diffi- 
coltà non si rimedia senza sforzo (2), così la seconda [-voi 
éaaa-) non si risolve col confronto, che solo è calzante, di 
III 64 fieyaivr]%£ 'Iéqùìv, ove può esserci corruttela (Wila- 
mowitz, Platt, Housman, Crusius^ Ludwich, Herwerden). 

Il Kenyon, riconoscendo per primo l'impossibilità di èaod- 
fiEvoi, presentava una " excellent emendation „ del Palmer 
suo collaboratore: 

dÀaog té tot 1[ieqóev (yé xoi i. Herwerden) 

Kdoav naq' evvóqov nqóyo- 

voi Eooav èfioi, IlQid/iioi' ènEÌ %q6vc^ ìità. 

* qua coniectura — nota opportunamente il Blass^, p. 101 — 
neque hiatus vitiosus tollitur (3), et activa forma inducitur 
prò legitima media, et de Bacchylide ipso confìnguntur quae 
omni firmamento careant „. Infatti questo accenno improv- 
viso del poeta (4) a' suoi antenati distruttori di Troia non 
può non apparire, checche se ne dica, peggio che strano. 
L'aver Pindaro, tebano, chiamati gli Egidi, tebani (cfr. Isthm. 
VII 15 AiyEÌòai aéd-Ev è'xyovoi, (ò fidaaiQa &r}^a)), èfiol 
jiaTÉQsg nella Pyth. V 76, non è davvero un argomento per 
indurci ad arricchire la così oscura biografia di Bacchilide 
con questo curioso df.to che il Nostro si considerasse discen- 
dente dei fondatori di Metaponto, anche se ci è detto da Plu- 



(1) Il Festa, che giustamente lo preferisce alle congetture dei moderni, 
ammette * 1' éaadfievot detto in modo non insolito in luogo di oì elaavro „ 
(p. 68-9). Certo il costrutto àZaog zot . . . TiQÓyovoi éaadfievoi . . . néQaav 
jióÀiv . . . non è soddisfacente, ne elimina la difficoltà dello iato. 

(2) 11 Piccolomini (in At. e R. I, col. 5 n. 1, e in Rendicc. dei Line. 
VII, p. 162-3) proponeva di sottintendere al sogg. TiQÓyovoi un verbo 
vaiovai desumendolo dal valsK^ del 116 ; e lo Jurenka di sottintendere, 
al partic. éaad(A,evoi, eiaiv = Saaavzo (p. 81 ; cfr., per lo iato, p. 111). 

(3) Vi ha posto riparo il Jebb mutando éaaav in &saoav (nzlaav 
Thomas ; il Reinach, invertendo, d'éaav ol aol nQÓyovov). Ma si veda 
quel che ne dice egli stesso a p. 482 della sua ed. 

(4) Il poeta, e non il coro, parla in nome proprio anche al v. 24 (gpaaa>). 



— 100 — 

tarco {De exil., 605 C-D) ch'egli passò parte del suo esilio (?) 
nel Peloponneso (1) ; ne crediamo che l'espressione nqóyovoi 
èfioi possa alludere, con significato meno speciale, alla nobile 
origine ionica dell'usignuolo di Geo (2). 

L'emendamento jiqoyóvoìv èaaafiévcov proposto (3) dal Wila- 
mowitz, e adottato dal Blass e da altri, è, col sottinteso di 
EGTiv ad àÀGog té toi {' duriuscule ' [v. Herwerden in Mne- 
mosyne XXVII p. 21]), chiaro sì, ma troppo libero; né ve- 
desi come potrebbe aver dato luogo all'oscuro jiqóyovoi èa- 
aàfisvoi. — Con non minore libertà e in base a una presunta 
esigenza metrica (4), il Platt mutò nqóyovoi in un nqò yovvoT, 
non soltanto strano per il senso (5), ma tale da esigere, a sua 
volta, nuove alterazioni, come queste messe avanti successi- 
vamente dallo Housman: 

...TiQÒ yov-jvoV Eooav è'fisv... vel xdjiEvaav evvòqov jiqò 

yov-jvol' éaadfj,£voi . . . 



(1) L'attendibilità del passo di Plutarco è oppugnata dal Festa, 
p. XXX sgg. 

(2) " Bakchylides sagt lediglieli, dass er Nestoride oder Nelide sei, 
d. h. dass er zum ke'ischen Adel gehore „ Crusius in Philologus LVII, 
1898, p. 179; cfr. Jebb, in Mèi. Weil p. 227-8, in CI. Rev. XII, p. 126-7, 
e a p. 483 dell'ed. ove — " ^orj&cóv r^ Àóyq) ÒQcpavt^ ovtt „ - cita, 
accanto a Mimnermo fr. 9 (e 10), Timoteo vv. 246-8. 

(3) Quasi dicevamo imposto : " es ist ofiFenbar uQoyóvcov éaaaf^évuiv 
zu schreiben , Goti. gel. Anz., 1. e. — Fantastica su questa congettura 
il Meiser, mythol. Unters. zu Bacch. (Mùnchen, 1904), p. 23. 

(4) Ammettendo la avvacpeta tra il settimo e l'ottavo verso dell'epodo, 
si ha l'equivalenza : vv. 35-6 -rot ^qotwv \\ a- = 77-8 -Ttec xdfiov || éÀ-, 
119-20 -Qov TiQÓyoWvoi,, che è ovvia; escludendo la avvacpeia, l'ultima 
sillaba del nd^iov potendosi riguardare come ancipite, si sarebbe tratti 
a restituire alla fine del 119, in luogo di - ^ ^, la misura - >-' - (oltre 
a quelli citati nel testo, ricordiamo i tentativi navQÓy^oìv dello Headlam, 
nQ07idn\^n(x)v vel JiaÀai\[(ì>v del Jebb). Noi non vediamo, malgrado le 
obbiezioni del Jebb (p. 481-2), perchè la continuità ritmica fra i due 
membri dell'epodo s'abbia a negare ; e, ammessa che sia, il Kaf^ov del 
V. 77 legittima perfettamente il TiQoyo- del 119. 

(5) Cfr. Jebb, in CI. Rev. XII, p. 127 (non è una spiegazione quella 
del Platt ibid., p. 214), e a p. 482 dell'ed. 



- 101 — 

Quella presentata, dopo ripentimenti e con titubanze, dal 
Jebb: ;^^ò va-jol' éoaafiévoìv . . . può considerarsi solo come 
una variante, sintatticamente dura, della lez, del Platt. 

E non migliori — benché tutte più o meno ingegnose — 
sono le seguenti, del Richards: . . . nqoà-lyov èoadiiEvoi . . . — 
del Bury (notevole per fedeltà) : . . . jióqov / oi eoodfiEvoi . . . 
— dello Schwartz, che rifa l'intero passo (113 sgg.) : è'v&ev 
xaì àQì]iq)iÀoig ! dvÒQEOoiv (èg) ijiJioTQÓcpovg jióÀeig 'Axaiolg j 
ianeo • avv de xv%a \ vaieig Meianóvxiov, & / xqvoéa òéanoiva, 
Xaàìv I dZaog yé xoi 1(ieqóev j Kdaav naq' eìjvòqov Jiqoyó-l- 
voi{g d-') EGoafiEvoìP, IlQidi^ioi èuEÌ XQ^^^'? I ^ovÀalai dsoìv 
fiaadQMv j néqaav nóÀiv xxÀ. 

Noi, partendo dal testo tradizionale, osserviamo come, allo 
schiarirsi del passo, giovi anzitutto (1) il semplice trasporto 
dell'interpunzione dal v. 117 al 119: 

avv ÓÈ %v%a 
va'iEig MExaTióvTiov , d> 
XQvaéa òéojioiva ZaòJv, 
àXaog xé xoi IfiEQÓEv (2) 
Kdaav nao e-ìjvòqov • 

Ciò posto, rispettando 1' etù xQÓvco del pap., ci limitiamo 
a risolvere quell'apparente participio 6CCAMGN0I, ragione e 
principio di tutte le difficoltà, in una maniera che, se non 
per altro, si raccomanda subito per la sua eccezionale sem- 
plicità : eCCA(N)M€NOI (3) è'aaav fiÈv oi (4). Dunque 



(1) Cfr. Fraccaroli in questa Rh\, 1899, p. 552. 

(2) Tol è qui, più probabilmente, particella affermativa {lucumqiie sane 
amoenum) ; non si potrebbe escluderne, tuttavia, il valore pronominale 
(cfr. in V 84 ovTOt déog oppure ov toi òéog ?). 

(3) Non sarà fuor di luogo rammentare che il nostro amanuense di- 
menticava spesso il -V finale dei verbi (I 175 evfiaQel per -elv, V 16 
alvei per -elv, 33 vi^vel per -elv); o, altre volte, lo aggiungeva a spro- 
posito, — La caduta di N davanti a M si spiega egualmente bene o per 
aplografia o supponendo, nell'originale, GCCAMGNOI. 

(4) La forma ^aaav per rlaav, documentata in Alceo (fr. 91 Bergk) e 



— 102 — 

n QÓyov 01 eaoav fièv oì , UQiàfioi' è ni XQÓvco, 
^ ov XaÌGi d-E(bv fiaxagoìv nÉQoav nóXiv svxTifié- 
vav: i progenitori (cioè i fondatori di Metaponto, àQ?]Tg)iÀoi 
dvÒQEc, 'Axaioi) erano coloro stessi i quali, al tempo di Priamo, 
ne avean distrutta la ben fondata città, ecc. 

Se non prendiamo abbaglio, la sola obbiezione che, quanto 
al senso, si può fare alla nuova lez., è quella appunto di una 
scorrevolezza quasi prosastica ; ma qui ci si offrono, nel campo 
della lirica (1), numerosi ed efficaci riscontri, come p. es. : 
Pind. 01. II 9 sgg. (degli avi di Terone e fondatori d'Agri- 
gento) . . . xafióvxeg oì JioÀXà d-vfico / Isqòv è'axov oììirjfia no- 
lafiov, SinsUac, t è'aav j òg)d'aÀfióg . . . , IX 53 sgg. (dei padri 
de' Locresi Opunzii) . . . xeivoìv 6' è'aaav j x(^Àycd(mid£g éfié- 
XEQOL nqóyovoi, / dq%àd^Ev k%X., Istìim. V 34 sgg. (cfr. Pyth. 
I 54, Nem. VII 35) . . . (gli Eacidi) xoì xal avv fidxaig j òìg 
TtóÀiv Tqùìùìv è'jiQa&ov, anófisvoi / 'HQaxZéi tiqóteqov, / xal 
avv 'AxQEióaig — Bacchyl. XII 114 sgg. (i Troiani) oì nqìv 
fiEv . . . l 'IXiov d^afjTÒv àazv / oè XeTjiov, àxv^ófiEvoi . . / . . 
[mjàaaov ò^EÌav fidxav. 

Quanto al metro, conservando l'ordine delle parole nel pap., 
avremmo per il v. 120 lo schema 



\^ — vy — 



corrispondente a quello dei vv. 36 {èn. a') e 78 {èn. /?') 



— w v-/ — 



con la equivalenza nel numero totale dei tempi. 

Ma rimarrebbe, come nel testo e nelle meno arbitrarie le- 



in Pindaro (01. IX 53 Christ), è arbitrariamente (Hoftmann Gr. Dial. 
II, p. 470 ; Meister gr. Dial., I 134) ripudiata da taluni editori ; cfr. 
Pind. Nem. IX 17, Theocr. XII 15. Bacchilide non può fornircene altri 
esempi per la semplice ragione che la 3* p. pi. dell' impf. non vi ricorre 
mai (cfr., ad ogni modo, m IX 48 il dorico elfi,ev usato per il normale 
^fifiev anche i/^iievai). — Quanto al fiév fuor di correlazione, v. spec. 
I 140, III 63, IX 47, XVI 1, XVIIl 87. 

(1) E, naturalmente, anche fuori ; ricordiamo, a caso, Z 421-22 : oì 
Sé fioi éjiTÙ naalyvTjToi è'aav èv fieydQoiaiv, / ol fièv Ttdvveg l<^ v,lov 
^fiazi "Aidog eXaoì. 



— 103 — 

zioni dei moderni, lo iato, tanto meno tollerabile in quanto 
che con eooav vien soppressa ogni aspirazione iniziale [è'aaav 
del Palmer non ci par forse, per ragioni già accennate, pre- 
feribile). Ora, la soluzione da noi proposta offre appunto questo 
nuovo vantaggio che, con una di quelle piccole inversioni a 
cui, in più altri e sanissimi luoghi bacchilidei (1), si deve ne- 
cessariamente ricorrere per ristabilire il metro, elimina anche 
lo iato. Così, per concludere, 

TlQÓy 0- 

voi (lev è'aaav oi', UQidfiOL è ni xQÓvco, 

restituisce allo schema metrico del v. 120 (2) questa interes- 
sante regolarità 



4. — Bacchyl., XVI [XVII K.] 53 (facsim. col. 34). 

Alla grave intimazione di Teseo (vv. 20-46) Minos sdegna 
dapprima di rispondere Jirettamente, e chiede al padre un 
chiaro segno della sua nobilissima origine: 

XVI 53 ZeYnAT6PAK0YC0N. einePM [.":'.-] À (3) 
0OINICCAAeYKa)AeNOCCOITeK[€] htL 

L'integrazione, sovrabbondante anche per il senso, [fi àXa- 
^é(og] del Palmer (ap. Kenyon) era soltanto una congettura 
provvisoria; oggi, sull'esempio del Blass e del Festa, si suol 



(1) Basti rimandare al Jebb, p. 130, num. 5. 

(2) Cfr., per il ditrocheo, il principio dei vv. 18, 60 (str.) e hi fine 
dei 33, 39, 81 (ep.). 

(3) " A vestige of the last letter remains in the left margin of 
col. XXXV : it cannot have been C, but may bave been A ,. Jebb, p. 381. 



— 104 — 

leggere: f.i[£ xovQja (1). È forse possibile proporre qualcosa 
di pili bacchilideo. 

L'espressione 0oivi}iog KÓQa dei vv. 31-2 infirma, anzitutto, 
meglio che non legittimi, [y.ovqja 0oivioaa di qui. E, ad ogni 
modo, facciamo notare, col Taccone (p. 164-5), come, nel nostro 
passo, l'altero Cretese chiami la madre del suo avversario 
TQOi^fjvia Ald-qa (58-9) semplicemente, ma onori invece la 
propria con l'epiteto di ÀEVKÙÀsvog che s'accompagna in ge- 
nerale al nome delle più illustri eroine e delle dee. All'in- 
contro l'eroe attico, nel suo discorso fermo ma non irrive- 
rente, aveva accennato ad Europa come alla xsòvà 0oiviHog 
èQaxibvvixog y.óqa (29-32), e alla madre sua propria. Etra, sol- 
tanto come alla ITnd^éog d-vymrjQ (34). Il parallelo non può 
esser davvero casuale (2), perchè tende a lumeggiare quel 
contrasto che domina tutta l'azione del poemetto, fra la mo- 
destia, che ci desta ammirazione e simpatia, di Teseo e la 
tracotanza odiosa di Minos. Ciò posto, se Teseo usa (con tratto, 
per dir cosi, cavalleresco) due epiteti per l'eroina fenicia, 
un'espressione certo non meno solenne, riguardo a lei, dob- 
biamo aspettarci dal re di Creta; ed alle parole ^oiviaaa 
ÀsvHùJÀsi'og andrà premesso un altro aggettivo. Si può ricor- 
rere addirittura al asóvd di Teseo; ma, sia perchè esso non 
ci sembra abbastanza colorito sul labbro dell'orgoglioso Minos, 
sia perchè è improbabile ch'egli riprenda, a distanza di pochi 
versi, l'epiteto adoperato da Teseo, preferiamo leggere: 

Zev nàiEQ, aKovaov • elnEQ fife aefivjà 
Ooiviaaa ÀEvxòÀevog aol xéxfs] . . . ktà. 

Questa integrazione ha, sulle varianti possibili, una ben 
maggiore probabilità. Infatti già da altri (Jebb, p. 62) fu no- 
tata la predilezione che mostra Bacchilide per l'accoppiamento 



(1) ffie vvfKpJa Jurenka duhitanter. 

(2) Con non meno fiaX&a%à (pcovà, Giasone, nella quarta Pitica di 
Pindaro, a Pelia che gli ha rivolto la sprezzante domanda (v. 98 sg.) : 
Kal Tig àvd-QÓ}7t(iìv ae %a^ai,yEvé(jùv noÀiàg j è^avrjKev yaavQÓg ; risponde 
(138) : Hai Iloaetòàvog IletQaCov , , . 



- 105 — 

di ae/.ivóg con altri epiteti (come ^oaijiig, ÀEvxóÀevog) ai quali, 
come aventi senso più speciale, suol precedere. Si ricordi, oltre 
a X 52 {oEfivov Aiòc, evqv^ìo) e XII 195 {aefivà fieydd-vfiog 
'Ad^dva), il luogo della stessa nostra ode XVI 110 sg. osfivàv 
^oòjTiiv 'A(i(piTQÌTav, ma più specialmente quello di V 99 
aefivdg...'AQTéfiiòog ÀsvìccoÀévov che — se si pensi al 
convenzionalismo grande (già per influsso dell'epica e della 
tradizione corale) nella fraseologia e, in ispecie, nell'epitetare 
dei lirici del V sec. — può sembrare un confronto decisivo. 

Firenze, maggio 1912. 

(Continuerà). Umberto Mancuso. 



/ 



106 - 



SULLA COMPOSIZIONE DEL LIBRO I DI LUCREZIO 



Nulla è più caratteristico, nel metodo di critica oggi seguito intomo 
ai testi dell'antica letteratura, che le ipotesi e le affermazioni, basate 
per la maggior parte o su falsi presupposti, dominanti da secoli nei 
dotti, riguardo all'opera di alcuni autori, o su interpretazioni erronee di 
peregrini studiosi, ritenute come certe ed infallibili, perchè un difetto 
di pazienza negli altri, che succedono in consimili occupazioni, ha loro 
impedita ogni possibilità di sottoporre a sottile, rigorosa, intransigente 
analisi le questioni accettate per assolutamente risolte. Si studia insomma 
un testo col metodo dell'algebra o della geometria : dato un teorema, 
che si ritenga unico e certo, se ne ritraggono serie illimitate di corol- 
lari e di definizioni. Se non che in matematica l'esattezza è proprietà 
universalmente nota, e si può ben edificare un sistema di verità secon- 
darie sul fondamento di un principio indiscusso e indiscutibile: non 
però così nel dominio delle trattazioni filologiche, specie se dubbie e 
soggette a varietà di vedute, ove non è possibile alcun dogma, e tutto 
ha solo sembianza di verità probabile; tutto deve ristudiarsi e ricorreg- 
gersi a seconda del mutar dei metodi di ricerca, del risultato ultimo di 
essi, dei gusti e delle scuole. 

Ho già fatto recentemente e, credo, esaurientemente notare in un mio 
piccolo studio (1) come l'opinione del Mewaldt, che il libro III di Lu- 
crezio sia stato composto dopo il IV, e che il proemio di quest'ultimo 
sia evidentemente inopportuno, non possa in alcun modo sorreggersi. 
Nondimeno il Lackenbacher (2), a proposito della composizione del libro I 
di Lucrezio, stima poter confermare di più larghe prove Vassennafa, se- 
condo lui, ricca di conclusioni ed esattamente chiara dimostrazione del 
Mewaldt. 



(1) Questioni Lucreziane, in * Classici e Neolatini ,, anno 8°, N° 1, gen- 
naio-aprile, 1912. 

(2) Hans Lackenbacher, Zur Composition von Buch I des Lucrez, 1. in 
Wiener Studien. Zweiundreissigster Jahrgang 1910, zweites Heft. pa- 
gine 208-212. 



- 107 — 

Il Lackenbacher, dando principio alla enumerazione delle prove in fa- 
vore dell'argomento accennato, osserva che nei versi 1023 sgg. (1) del 
libro II : 

nunc animiim nobis adhibe etc. 



accidere et nova se species ostendere rerum 

in der dem Liicrez eigentihnlichen Weise der Beginn eines neuen Abschnittes 
gekennzeichnet ivird, ove si tratterà dell'esistenza di molti mondi. 
Che se il primo argomento è così dichiarato (v. 1048 sgg.) : 

Principio nobis in cunctas undique partis 
et latere ex utroque supra supterque per omne 
nulla est finis; uti docui, res ipsaque per se 
vociferatur, et elucet natura profundi; 

le parole * uti docui „ non possono alludere che all'ultimo brano del 
primo libro, nel quale dev'esser dimostrata la finità o l'infinità del tutto, 
come i versi 954 sgg. mostrano luminosamente chiaro: 

item quod inane repertumst 

constet an immensum pliteat vasteque profundum, 

e donde appunto comincia la serie delle prove : 

omne quod est, igitur, nulla regione viarum 
finitumst etc. etc. 

Fa pertanto gran meraviglia al Lackenbacher il leggere nel lib. I i 
versi 951 sgg. 

sed quoniam docui solidissima material 

corpora perpetuo volitare invicta per aevom, etc. 

dai quali si arguisce che del movimento dei solidissima materiai corpora, 
ossia degli atomi, dev'essersi già parlato, mentre una rassegna dei 
vv. 1. 950 non ne dà, secondo lui, notizia di sorta. 

Dal che segue che nWuti docili del v. 951 seg. non può darsi che una 
sola risposta: " Il tutto, a cominciare dal v. 951, non era originaria- 
mente destinato al posto, dove ora si legge, ma ad uno che succedeva 



(1) I versi di Lucrezio son da me citati secondo l'edizione del Giussani. 



— 108 — 

alla dimostrazione del movimento degli atomi; e poiché di esso trattasi 
precisamente nel lib. II vv. 62-332, dovevano originariamente i versi I, 
951 e sgg. esser collocati nel lib. II dopo il 332 ,. E sebbene per il 
critico tedesco rimanga tuttavia indeciso se immediatamente o no dopo 
il 332, ad ogni modo devono quelli in origine aver avuto il loro posto 
prima del v. 1050 del li libro: weil mit den in diesem Verse stehenden 
Worten " uti docui „ auf die in ihnen entwickelten Lehrsàtze verwiesen 
tvird, etc. 

Potrebbe a prima vista riuscire sorprendente l'osservazione del Lacken- 
bacher, il quale pone a confronto il verbo volitare di l, 952, verbo ca- 
ratteristico in Lucrezio per designare il movimento degli atomi, con 
l'altro di II, 1054-55. 

seminaque innumero numero summaque profunda 
multimodis volitent aeterno percita motu. 

Ma a chi ben consideri, come vedremo in seguito, non può ne deve 
una coincidenza essenzialmente fortuita di luoghi e di parole persuadere 
che lo spostamento di parti intere di libri, per la regolarità del poema 
e il bisogno di evitare certe contraddizioni, credute reali, ma, in effetto, 
soltanto apparenti, sia necessità inevitabile addirittura. 

Ne considerevole importanza ha del pari la controprova che il L. si 
studia di ritrovare nella famosa lettera di Epicuro ad Erodoto, ove, nello 
svolgimento della dottrina, professata dalla scuola epicurea, alla teoria 
del moto atomico segue quella dell'infinità dei mondi: Al paragr. 43 
(pg. 8. 1 Us.) si legge infatti : " mvovvzal re avve%(ì)£ al àiofioi tòv 
alcòva „, con una dissertazione sulla forma e le conseguenze di tali mo- 
vimenti; e al paragr. 45 (pg. 9-4 Us.): " àÀÀà aal xóafiot, ajieiQol elaiv ,. 
Ma vogliamo noi credere che Lucrezio ha dato alla propria materia l'or- 
dine stesso, che Epicuro agli argomenti appena, può dirsi, accennati nella 
lettera ad Erodoto? Vogliamo proprio credere che quella lettera, sia essa 
anche stata fonte primaria d'ispirazione al nostro poeta, il che stento a 
credere, (e utilissimo lavoro a questo proposito, non senza porgere gran 
lume alla quistione, potrebb'esser forse l'indagine delle sorgenti lette- 
rarie, anzi e soprattutto scientifiche, del poema latino); vogliamo cre- 
dere, dico, che quella lettera fosse di continuo sotto gli occhi di Lu- 
crezio, sì da divenirne una guida indispensabile per un regolare e 
progressivo svolgimento del sistema? 

Qual dissesto o disquilibrio alla compagine della materia e del poema 
può provenire dalla trattazione sul moto degli atomi, messa innanzi a 
quella sull'infinità dei mondi ? 

Qual dissesto o disquilibrio, se non quello che alcuni critici, come 



— 109 - 

il L., vogliono vederci, sol y)erchè la disposizione dei principii filosofici 
nell'opera lucreziana è diversa ed opposta a quella datane dall'epistola 
epicurea? Ne certo è senza ragione che a me sembra più grandiosa, più 
logica, più metodica la forma e l'ordine, con cui si presenta in Lucrezio 
l'insieme, poeticamente grezzo e massiccio, del sistema. Epicuro era 
senz'altro un filosofo, grande quanto volete, ma esclusivamente filosofo; 
e in una lettera, che per giunta è solo un brevissimo compendio della 
sua dottrina, a lui poco importava il partire dal moto atomico piuttosto 
che dall'infinità dei mondi; o, meglio ancora, alni, come filosofo, è più 
naturale che nella successione delle idee si sia presentata per prima 
quella delle parti, ossia degli ciTOfioi, che sono il fondamento incorrut- 
tibile di tutti gli esseri, di tutte le cose, di tutti i mondi : alla sua qua- 
lità di scienziato insomma è più conforme ch'egli abbia seguito una 
specie d'induzione, sollevandosi dagli elementi ai corpi, dal semplice al 
composto, dal particolare al generale. 

Per Lucrezio invece la considerazione cambia sotto ogni rispetto. Egli 
è un filosofo grande e profondo anch'esso ; ma essenzialmente è un poeta. 
Al vigoroso pensiero, non è dubbio, si è offerto fin da principio lo spet- 
tacolo immensurabile dei mondi infiniti, e cii-colanti in danza perpetua 
nell'infinità dello spazio: * che sono, egli si è domandato con l'ingenuità 
infantile dei poeti primitivi, che sono tutti questi astri viaggianti, così \ 
soli, così sospesi nell'aria? che sono tanti esseri, tante vite, tanti mi- 
steri? „. Ma dal poeta sorge il filosofo, come ad Omero è succeduto 
Anassagora; e alla grazia innocente e curiosa dell'anima, che si domanda 
la ragione delle cose, soggiunge la forza del raziocinio, che spiega la 
composizione dei mondi come effetto dell'unità compaginata ed orga- 
nica degli atomi, vibranti in perenne concitazione di movimenti. Senza 
omettere d'altra parte che a Lucrezio non certo isfuggiva che, in tal 
modo e con tal distribuzione di principii, avrebbe dato al libro primo, 
conforme alla maniera seguita per gli altri, e sicuro di una normale e 
conseguente logicità nella trattazione del contenuto scientifico, un finale 
maraviglioso e degnissimo del più alto poeta. Con ciò tuttavia mi preme 
far sopra ogni cosa notare com'io non intenda nell'autore latino distin- 
guere due personalità separate e indipendenti l'una dall'altra: un Lu- 
cretius philosophus e un Lucretius poeta, come falsamente osserva il cri- 
tico tedesco, nel volere ad ogni costo attribuire al secondo la responsabilità 
e la colpa della collocazione, di cui sopra ho discorso, senz'altra ragione 
che l'esigenza d'un finale magnifico per il libro primo, come, in seguito, 
per gli altri. 

L'impiego infallibile delle chiuse ornamentali e possenti non è fatto 
nuovo in Lucrezio, come neppui-e in Virgilio, di cui è nota nelle Geor- 
giche la cura di scegliere alla fine di ogni libro, quasi ubbidendo a una 



— HO — 

regola fissa, dei quadri smaglianti di colori, delle descrizioni pompose, 
degli episodii tenerissimi. Ma non si può da questo dedurre che l'esi- 
stenza di due individualità distinte e contrarie per natura, scienza ed 
arte, e il predominio dell'una sull'altra abbiano determinato nel poema 
un accoppiamento di parti contradittorie, a cui si mosse quistione. Le 
qualità di poeta e di filosofo non si disgiungono in Lucrezio, come in 
nessun altro artista di tal genere, ma si compenetrano a vicenda, si 
confondono insieme, in modo che lo sceverarle perfettamente divenga 
opera oltremodo ardua e infruttuosa : la vita del pensiero è complesso 
di ragione e di sentimento, di spirito e di materia, di contemplazione 
obbiettiva ed estetica, come di riflessione soggettiva ed intrinseca: e di 
questa varietà multiforme di atteggiamenti e di movenze dell'idea, è 
sede laboriosa la mente dello scrittore. Rendersi dunque conto della 
disposizione tecnica della materia è rendersi conto di tutto Lucrezio 
nella sua duplice personalità di filosofo e di artista. E poiché il secondo 
quanto al libro primo, come abbiam visto, è soddisfatto, non rimane 
che il primo, del quale noi cercheremo, contrariamente alle prove del L., 
una più esatta giustificazione. 

Rinnovando infatti con maggiore sottigliezza che non abbia fatto il 
critico tedesco l'esame delle singole parti, componenti i varii temi fon- 
damentali del libro primo, si può giungere a risultato che assolutamente 
condanna come incerta e non vera l'affermazione della mancanza com- 
pleta, in quel libro, di cenno che si riferisca a movimento di atomi. 

Già fin dal v. 265 il poeta dà principio all'esposizione del moto dei 
corpi, dopo aver detto che non v'è cosa generata dal nulla e nel nulla 
destinata a dissolversi; vv. 269 sgg. 

accipe praeterea quae corpora tute necessest 
confiteare esse in rebus nec posse videri, 

a cui seguono brani bellissimi di poesia descrittiva sulla potenza indo- 
mabile dell'aria, che sferza il mare, rovescia le navi, disperde le nubi 
in un movimento furioso di tutta la sua massa: vv. 277 sgg. 

sunt igitur venti, nimirum, corpora cacca, 

quae mare, quae terras, quae denique nubila caeli 

verrunt, etc. : 

descrizioni sulla potenza dell'acqua che precipita dalle alte montagne, 
abbattendo in rovinoso trabocco selve, ponti, rocce e quanto resista al- 
l'impeto tremendo. L'anello al dito, per l'uso quotidiano, a lungo andare 
si logora, la goccia incava la pietra, il vomere si assottiglia nei campi, 
le vie si consumano, senza che l'occhio giunga a scorgere quanta parte 
di materia si perda, e quale essa sia e dove essa vada: vv. 324 seg. 



— Ili — 

nulla potest oculorum acies contenta tueri; 
nec porro quaecunaque aevo macieque senescunt, 
nec, mare quae inpendent, vesco sale saxa peresa 
quid quoque amittant in tempore cernere possis. 

È dunque nella vita delle cose un ricambio perenne, un tumulto in- 
cessante di materia tenuissima, invisibile, imponderabile : v. 328 

corporibus caecis igitur natura gerit res. 

E s'intende naturalmente parlare d'atomi e non di corpi, come noi li 
pensiamo, ossia risultati organici e compatti di elementi primi : n'è 
prova il V. 248 e seg. (1) 

haud igitur redit ad nilum res ulla, sed omnes 
discidio redeunt in corpora materiai. 

Così il poeta ci dà fin d'ora la definizione degli atomi, che sono enti 
invisibili e corporei: invisibili, perchè noi sentiamo gli odori (vv. 298-99) 
e non distinguiamo la materia atta ad impressionarci le narici, perchè 
.non riusciamo a cogliere con gli occhi ne il caldo, ne il freddo, ne le 
voci (vv. 300-301); corporei, perchè ff^.rniti d'altra natura non sarebbero 
capaci di eccitare in alcun modo i nostri sensi : v. 304 

tangere enim et tangi, nisi corpus, nulla potest res. 

Di movimento di corpi e quindi di atomi si parla inoltre a proposito 
del vuoto che si avvicenda con la materia, 

quod si non esset, nulla ratione moveri 
res possent (vv. 385-36): 

si muovono infatti in vario modo attraverso i mari, le terre, i cieli 
molte cose, che non si moverebbero, se mancasse addirittura il vuoto : 
vv. 340 sgg. 

at nunc per maria ac terras sublimaque caeli 
multa modis multis varia ratione moveri 
cernimus ante oculos; quae, si non esset inane, 
non tam sollicito motu privata carerent, etc. 



(1) Potrei citarne altri dallo stesso luogo: per brevità me ne astengo. 



— 112 — 

Ma poiché a tal punto si potrebbe obbiettare che, per il significato 
di solido e di vuoto, il poeta non vuole qui riferirsi ad atomi, se gli 
esempii da lui addotti son l'acqua che stilla attraverso i sassi, il cibo 
che si distribuisce nel corpo degli animali e simili, io richiamo l'atten- 
zione sui versi immediatamente seguenti, 355-56, dove non può inten- 
dersi che d'atomi, e dove anche occorre il verbo transvolitare, dal Lacken- 
bacber notato, secondo abbiam visto, come caratteristico in Lucrezio per 
designare moto d'atomi appunto: son le voci (1) insomma che passano 
attraverso le mura delle case, e il freddo rigido che s'insinua per le 
ossa : vv. 354-55 

Inter saepta meant voces et clausa domorum 
transvolitant ; rigidum permanat frigus ad ossa. 

Parimenti, pur tacendo del brano 370-397, ove è una densa esposizione 
della meccanica dei corpora e delVinane, nei versi 420 e sgg. è un con- 
tinuo richiamo alla teoria dei corpi, intesi in parte (2) come atomi, 

nel vuoto : 

nam corpora sunt, et inane, 

haec in quo sita sunt et qua diversa moventur, 

idea che si ripete poco più appresso al v. 427-28 

haut usquam sita corpora possent 
esse ncque omnino quoquam diversa meare. 



(1) Si ricordi che al v. 301 è detto nec voces cernere suenius, fra tanti 
altri esempi di simil genere: e ciò per concluderne che non può trat- 
tarsi che d'atomi: v. 328. 

corporibus caecis igitur natura gerit res. 

(2) Ho detto in parte, perchè, come risulta dai vv. 483-84 

corpora sunt poiTO partim primordia rerum 
partim concilio quae Constant principiorum, 

corpi possono essere così gli atomi come gli aggregati di atomi. E poiché, 
a schiarimento degli uni e degli altri, qui si ripetono in sintesi gli stes- 
sissimi esempii, detti innanzi, della voce che passa le pareti, del freddo 
e del caldo che penetra attraverso il metallo e simili, io mi confermo 
nell'opinione che nel luogo 329-69, parlando della materia e del vuoto, 
e arrecandone delle prove, il poeta, desideroso di riferirsi al duplice con- 
cetto dei corpora, abbia voluto coi fatti dell'acqua stillante attraverso 
il sasso nelle spelonche, del cibo che si scompone nel corpo animale, ecc. 
(vv. 348-53) alludere ai corpi risultanti da aggregati di atomi ; e coi fatti 
delle voci che corrono attraverso le pareti delle case, e del freddo che 
permanat ad ossa (vv. 354-55) alludere infine al secondo genere di corpi, 
ossia corpi semplici e solidi: atomi insomma. 



— 113 - 

Ne qui si arresta la serie dei luoghi, contenenti l'argomento dei moti 
atomici, a cui l'autore si è riferito col docui del v. 951. Che se gli ar- 
gomenti sono soltanto secondarli e fuggevoli, e non costituiscono una 
trattazione a se, come nel libro li, tuttavia son di tal numero ed impor- 
tanza, a principio dt4 poema, che ben l'autore può essersi a loro richia- 
mato, come a cosa di cui con sufficiente brevità s'è discorso. Non man- 
cano infatti qua e là dei luoghi, che, rapidamente e .sufficientemente, 
svolgano il concetto del moto continuo degli atomi, riassunto nel v. 952 

corpora perpetuo volitare invicta per aevom, 

col quale non dubito di mettere a riscontro i vv. 528-30: 

haec [corpora] neque dissolui plagis extrinsecus icta 
possunt, nec porro penitus penetrata retexi 
nec ratione queunt alia temptata labare, etc; 

motivo ripreso in seguito dal v. 583 

innumerabilibus plagis vexata per aevom. 

Notevole è intanto come il per aevom dà. questo verso riecheggi l'iden- 
tica frase dell'altro 952. 

Ancora: di connessioni atomiche, di pesi, di urti, di agglomeramenti, 
di moti, onde il tutto si genera, discorrono i vv. 630 sgg., preludendo 
alla materia del libro li 

iam nil ex illis eadem reparare valeret 
propterea quia, quae nullis sunt partibus aucta, 
non possunt ea quae debet genitalis babere 
materies, varios conexus pondera plagas 
concursus motus, per quae res quaeque geruntur. 

D'altra parte gli atomi conservano sempre la medesima natura, e solo 
con l'aggiungersi e col sottrarsi, col tramutare ordine e positura gene- 
rano la infinita diversità dei corpi. Se così è, non può dirsi che allusione 
a movimenti atomici e, soprattutto, alla loro tecnica, non si contenga 
nei vv. 675 sgg. 

nunc igitur quoniam certissima corpora quaedam 
sunt, quae conservant naturam semper eandem, 
quorum abitu aut adita mutatoque ordine mutant 
naturam res et convertunt corpora sese etc, 
Rivista di filologia, ecc., XLJ. 8 



- 114 — 

concetti questi che insieme con gli altri dei vv. 630 sgg. ricompaiono, 
coi medesimi termini, dopo la confutazione della teoria di Eraclito, nel- 
l'affermazione finale della dottrina epicurea, contenuta nei versi 684-89. 
Può intanto essere utile, per ultimo, osservare la grande insistenza 
con cui Lucrezio ritorna sul concetto della necessità di conoscere quale 
sia la disposizione degli atomi, e quali movimenti essi imprimano e ri- 
cevano fra loro: v. 817 sgg. 

atque eadem magni refert primordia saepe 
cum quibus et quali positura contineantur 
et quos inter se dent motus accipiantque; 

coi quali si confrontino i vv. 820-29 e i vv. 907-910. 

Dal fin qui detto si ricava che a movimenti atomici non mancano nel 
I libro frequentissime allusioni; anzi se ne discorre, per quanto indiret- 
tamente, con vivo interesse, come di soggetto che vuol essere dapprima 
accennato e preparato in modo, che non riesca in seguito strano ed im- 
provviso al pensiero di chi legge. 

Ma questo poco importerebbe : che non al movimento dei corpora 
prima, cosa che il Lackenbacher non ha saputo notare, ha Lucrezio pen- 
sato di riportarsi col v. 951 sg. 

sed quoniam docui solidissima material 

corpora perpetuo volitare invicta per aevom, etc. 

L'argomento, già precedentemente trattato, e che il poeta vuol qui 
ricordare, perchè, in virtù di simil richiamo, sia messo in grado di muo- 
vere alla trattazione della finità o infinità del mondo, è senz'altro quello 
della solidissima consistenza materiale degli atomi, come fan prova tre 
circostanze, molto accortamente riassunte nei due versi citati: solidis- 
sima, invicta e perpetuo per aevom, delle quali le due ultime dipendono 
con diretto rapporto dalla prima e ne sono efficacissima spiegazione e 
complemento. E sì che di siffatte qualità atomiche {solidità, incorrutti- 
bilità ed eternità) si è molto a lungo discusso nelle teorie precedenti, 
ove, con ben ribattuta ostinatezza, ritorna anche a brevissimi intervalli 
l'aggettivo solidus, quasi prema grandemente al poeta che tale concetto 
non s'abbia mai a dimenticare. Infatti si leggono parecchi versi e gruppi 
di versi, che, per migliore intelligenza, trascriverò qui sotto per intero : 

vv. 485-86 sed quae sunt rerum primordia, nulla potest vis 
stinguere : nani solido vincunt ea corpore demum. 

vv. 487-88 etsi difficile esse videtur credere quicquam 
in rebus solido reperiri corpore posse 



- 115 - 

V. 497 usque adeo in rebus solidi nil esse videtur 

V. 499 paucis dum versibus expediamus 

esse ea quae solido atque aeterno carpare constent, 
semina. 

V. 510 sunt igitur solida ac sine inani corpora prima 

V. 512 materiem circum solidam constare necessest 

V. 515 si non, quod cohibet, solidum constare relinquas 

V. 518 sg. materica igitur, solido quae corpore constat, 
esse aetertia potest, cum cetera dissoluantur 

V. 548 sunt igitur solida primordia simplicitate 

V. 565 Huc accedit uti, solidissima materiai 

corpora cum Constant, etc. 

V. 574 sunt igitur solida pollentia simplicitate, 

che si ripete con lieve modificazione di pollentia in primordia al v. 609- 

V. 612 sed magis aeterna pollentm simplicitate 

V. 627 illa quoque esse tibi solida atque aeterna fatendum 

e molti altri che non vai la pena citare, sebbene tuttavia importantis- 
simi, perchè in gran parte spiegano il concetto della solidità ed eternità 
degli atomi, senza il concorso di qualunque specifico aggettivo. 

Essendo dunque certo che il poeta si è con somma diligenza curato 
della precisione, chiarezza e sovranità assoluta del principio nella ma- 
teria da svolgere, riesce ora di gran lunga piìi facilmente spiegabile il 
gruppo dei versi in questione : 

sed quoniam docui solidissima materiai 
corpora perpetuo volitare invicta per aevom. 

L'idea del movimento atomico non ha qui un'importanza fondamen- 
tale e dominante, come vorrebbe il Lackenbacher; tanto piìi se si con- 
sideri che un unico termine, il volitare, starebbe a rappresentarla. Essa 
invece è solo del tutto secondaria e di nessun conto, come nei brani che 
abbiamo già di sopra osservati. Non resta perciò come argomento essen- 
ziale, a cui Lucrezio avrebbe voluto riferirsi, che quello delle proprietà 
atomiche indissociabili e indispensabili pCr la ricostruzione delle cose. 
Il volitare conserva in tal caso un significato che, per quanto sempre 
immaginoso e rappresentativo, come tutto lo stile lucreziano, anche nelle 
pili riposte particolarità, è nondimeno relativamente fievole: voglio cioè 



r 



- H6 — 

dire non forte, mobile, pieno di colorito e di fantastico disordine, come, 
ad es., nei vv. 1054-55 del libr. II 

seminaque innumero numero siimmaque profunda 
multimodis volitent aeterno percita motu, etc. 

Il volitare ha dunque per me il valore di esse, di esistere, ma di esi- 
stere, col significato intensivo della qualità propria degli atomi, ch'è 
quella del movimento; e interpreterei:" ma poiché ti ho insegnato che 
i corpora material si agitano, così dotati come sono d'insuperabile soli- 
dità, e infrangibili perennemente nel tempo, ecc. „. Ne v'ha dubbio che 
così debba intendersi. E tanto più sembrerà vera e solida la mia affer- 
mazione, quanto maggior riguardo si vorrà dare alla circostanza, che, 
dal concetto della corporea eternità degli atomi, volgesi il poeta a 
discutere della finità o infinità del tutto: " se gli elementi primi e pog- 
gianti a base dell'intero universo son così compatti, indissolubili, per- 
petui, vediamo se siano o no soggetti ad aver qualche fine: e poiché 
abbiam parlato dello spazio, in cui si generano i corpi, parimente inda- 
ghiamo se il tutto, nella molteplicità delle cose create, abbia anch'esso 
un limite, o accenni a una profondità senza termine, — a una desolata 
solitudine, ben s'esprime il Giussani, — per la quale si va, si va senza 
trovar mai riposo, senza trovax-ne mai la fine ,. 

Dal che chiarissimamente si vede come le due quistioni vengano da 
naturai vincolo ribadite insieme, sì che la seconda permani spontanea 
dalla prima per immediata e legittima filiazione di concetti. 

Dallo studio degli attributi e delle vicende, inerenti agli individui 
primi, semplici ed essenziali, si passa, col metodo medesimo, alla storia 
e all'indi'.gine scientifica di tutto ch'è risultato delle svariatissime com- 
binazioni di quelli. Gran meraviglia intanto mi giunge dalla facilità con 
cui il Giussani, così dotto per altro e miiuzioso esaminatore del testo 
e delle controversie lucreziane, si è lasciato cogliere in inganno dal voli- 
tare, a cui egli mostra d'aver dato nel contesto dei due versi la mede- 
sima importanza che il Lackenbacher, significando in nota com'esso 
* veramente non è fra le cose già dimostrate ,. 

Ma tuttavia non gli va tolto l'onore di aver soggiunto subito dopo: 
" È un'altra di quelle anticipazioni, quasi inevitabili, alle quali s'è già 
accennato. Vedremo qui sotto, del resto, che questa anticipazione è pui-e 
implicita in una delle prove (984 sg.) ,. 

Infatti, lasciando da parte le pretese anticipazioni di cui altrove pos- 
sono incontrarsi evidentissimi esempi, ma non già qui, secondo quel 
che ho dimostrato, il brano 984-997 è utilissimo argomento che di moti 
atomici siasi precedentemente discorso, poiché ivi se ne tratta come di 
cosa, a cui sembra si sia divenuti da tempo in discreta famigliarità. Se 



— 117 — 

l'universo fosse limitato, gli atomi, per esso erranti, si sarebbero nel- 
l'infinito ordine d'anni depositati tutti al fondo; ogni lor moto si sa- 
rebbe acquietato nella sterile inerzia, e la vita e le cose universe non 
avrebbero più ragione e possibilità d'esistenza. E se il Lackenbacher 
obbietta che il luogo in parola partecipa dello squarcio, ch'egli vorrebbe 
fosse trasportato dopo il 382, o, ad ogni modo, prima del 1048 del se- 
condo libro, io faccio notare che esso al nuovo posto non sarebbe che 
aft'atto strambo e bizzarro, (poiché della finità o infinità dei mondi si 
parla unicamente nel primo libro) se, come abbiara detto, lo squarcio 
di poesia che ne contiene la disputa, è d'intimo e di molto saldo legame 
congiunto con la precedente parte di materia, riconosciuta dallo stesso 
Lackenbacher come appartenente al libro primo. E questa sia nuova 
prova a conferma di ciò che sostengo. 

A maggior dilucidazione intanto della tesi in parola son ben lieto di 
riferire qui l'opinione del Creech, che con la mia perfettamente s'ac- 
corda. Quel critico infatti nella sua Interpretatio (1) del testo lucreziano, 
così spiega il v. 951: " Quoniam vero supra demonstravi corpora esse 
quaedam perfecte solida et aeterna, iam Videamus an sint numero finita 
vel infinita, etc. „, e, nel commento al medesimo testo, annota sotto le 
parole sed quoniam docui: " Corpora esse, eaque perfecte solida et in- 
dissolubilia. Inane etiani multis argumentis affirmaverat; ex iis vero 
Universum constare, nectertiumesse rerum genusdocuerat Lucretius, etc.,. 

Resta dunque definitivamente aiìermato che il volitare nel caso nostro 
non ha ne vuol avere significato altro che quello di esse, e che il poeta 
intende in ogni modo rinfrescare alla memoria di chi ha letto fino al 
V. 951 ciò che si è conchiuso e fissato nell'anteriore trattazione sulle 
qualità degli atomi e non sul movimento di essi soltanto. 

Il tutto dal V. 951 è collocato al posto che gli conviene, e quivi 
l'avrebbe Lucrezio senz'alcun dubbio mantenuto nella revisione finale 
del poema. Poiché al v. 62 sgg. del libro secondo: 

Nunc age, quo motu genitalia material 
corpora res varias gignant genitasque resoluant, 
et qua vi facere id cogantur, quaeque sit ollis 
reddita mobilitas magnum per inane meandi, 
expediam: tu te dictis praebere memento; 



(1) T. Lucretii Cari. De rerum natura... cum notis integris Dionysii 
Lambini, Oberti Gifanii, etc, etc. — Lugduni Batavorura apud Jansso- 
nios van der Aa MDCCXXV. — Cito il Creech, non tanto per quel che 
in generale può valere oggi, nel complesso, la sua critica, ma per met- 
tere in rilievo che, più che da molti critici modernissimi, alcuni passi 



- H8 — 

troviamo espressa dal poeta l'intenzione determinata di discutere ora 
per la prima volta, in maniera compiuta e sistematica, un soggetto 
nuovo, il movimento degli atomi: l'intenzione insomma di consacrare a 
siffatta materia un capitolo apposito ed esclusivo per buona parte del 
secondo libro. E invero il metodo d'esposizione procede, per questo lato 
della dottrina, in tutto conforme alle regole osservate in dispute di qual- 
sivoglia altro genere e natura: alla teoria seguono costantemente gli 
esempii. 

Dal verso 62 al 141 del secondo libro infatti il poeta si sofferma nella 
contemplazione ideale del principio relativo alla meccanica atomica; e 
solo al V. 142 sgg. col solito nucleo di ripresa 

Nunc quae raobilitas sit reddita materiai 
corporibus, paucis licet bine cognoscei-e, Memmi 

egli ritorna sul medesimo tema, per discendere dall'astratto al concreto, 
per verificare la teoria con la realtà del fenomeno. 

La congettura del Laclrenbacber è in tal modo pienamente scalzata e 
distrutta fin dalle sue radici : ne prova alcuna può esserci mai, sempre 
che nostro proposito sia quello di spiegare Lucrezio con Lucrezio, a so- 
stegno della piti che falsa opinione del Mewaldt, per riguardo al proemio 
del libro IV, di cui non sarà inutile ch'io ora aggiunga, a quel che ho 
detto nel mio primo studio, altre brevissime considerazioni. 

Se il Lachmann ha creduto che i 25 versi, perchè al libro IV non 
mancasse un proemio, siano stati ivi trasportati dal libro primo per 
opera di Cicerone, che da una sua epistola al fratello è noto aver egli 
letto i poemata di Lucrezio (non sappiamo se tutti o soltanto i primi), 
quand'essi correvano manoscritti, non senza ragione il Purmann (1) crede 
che sia stato proprio Lucrezio a trasportarveli dal libro primo. Alla 
qual congettura il Brieger acutamente soggiunge: " aptissime autem prò 
ilio qua constet compia figura, quod est in 1. I, hic ac persentis utilitatem 
scripsit, nam utilitatis in initio libri mentionem fieri conveniebat ,. 
Piacemi intanto notare che un elettissimo ingegno (di cui qui non occorre 
far nome), e a me congiunto per massima stima ed affetto, mi ha osser- 
vato un giorno, che su tal soggetto si discuteva, come il brano 922-950 
gli dia impressione di cosa posticcia e forzata in quel luogo. In altri 
termini egli sente per finissima potenza intuitiva d'orecchio che il passo 



furono rettamente interpretati da lui e da altri nostri dottissimi uma- 
nisti, di cui i moderni, specie i tedeschi e gl'inglesi, si sono appro- 
priate ricostruzioni e correzioni, già da tempo proposte ed eseguite- 
li) Jahrbucher f. Mass. Philol., LXVll, p. 664 sgg. 



— 119 - 

citato sia stato da qualche interpolatore introdotto in modo che ai due 
capi, al principio e alla fine dello spazio contenente la bellissima apo- 
strofe, si osservi ancora la spezzatura, come di due estremità di un filo, 
rotto da un corpo cacciatosi nel suo mezzo. E i due capi verrebbero ad 
essere appunto il nunc age del v. 921 e l'altro nunc age del 953. L'os- 
servazione è acutissima, e poiché potrebb'essere oggetto d'obbiezione da 
parte di qualche critico, che avesse la fortuna d'intuirla, io ne discorro 
e la discuto come contrasto, mossomi di ragione pubblica. Varie diffi- 
coltà pertanto sorgerebbero da un'ipotesi di quel genere. Poiché anzi- 
tutto non si sa che interesse avrebbe avuto l'interpolatore di tradurre 
dal libro IV nel 1 la serie dei 25 versi, mentre è più sostenibile il con- 
trario, per la mancanza d'un proemio nel libro IV. In secondo luogo, 
per collegare il nuovo brano coi versi precedenti e seguenti, avrebbe 
dovuto l'interpolatore aggiungere al ntinc age del v. 921 il quod super 
est, cognosce et clarius nudi insieme coi versi 922-25, e infine i vv. 951-52. 
Ne basta: se si considerano le seguenti notevoli modificazioni tra i 25 
versi del I e del IV libro (I. 936 s ed, IV. 1 L nam ; I. 949 perspicis, IV. 24 
■percipis; I. 950 qua constet compia figura, l/V. 25 ac persentis utilitatem), 
per quanto gl'interpolatori siano stati alle volte soliti di servirsi, per 
Lucrezio e per altri testi, delle libertà e delle riforme piìi stravaganti, 
è più facile riconoscere in esse l'opera diretta dell'autore. 

Tanto più che il qua constet compia figura e Vac persentis utilitatem., 
stando all'affermazione del Giussani, sono di schietto sapore lucreziano; 
tanto più in ultimo che i vv. 951-62, oltre a serbare anch'essi tracce 
profonde dello stile di quel poeta, mostran la sicurezza disinvolta e spi- 
gliata di chi, padrone della sua materia, riassume fatti e principii che 
sa d'aver trattato: e ciò con tale perizia, che non appaia esservi con 
gli argomenti successivi contraddizione di sorta, ma colleganza intima 
e tenace, come abbiamo di sopra osservato. 

Noto intanto di sfuggita che la lacuna posta dal Brieger dopo il v. 915, 
lacuna che potrebbe servire di gran sostegno a chi affermasse l'opinione 
teste confutata, non si appoggia ad alcun valido argomento. Il poeta é 
per passare, come sapientemente ha visto il Giussani, a un più alto 
suono del canto, a nuova grandiosità di soggetti, onde il clarius audi e 
il contrasto di esso con Vobscura del verso seguente. Se dunque in ma- 
teria nuova e degna di più elevata intonazione è per addentrarsi il 
poeta, nessuna meraviglia che vi s'intercali, come raggio tra tenebre, 
dopo lunga e tediosa esposizione di teorie scientifiche, un brano, che 
attinga, per altezza d'immagini e di locuzione, le vette purissime della 
poesia: " Ora che io m'innalzo a più superbe ed a più ardue visioni, 
orgoglioso di toccar io per primo le intatte sorgenti delle Pieridi, e di 
cingere le tempia con corone di gloria, segui attento, o Memmio, l'in- 



— 120 - 

tricata materia del mio sistema filosofico, che io adornerò per te di dol- 
cezze poetiche, con l'inganno del medico che sparge di miele gli orli 
del vaso, affinchè il fanciullo beva V amar uni ahsintìd laticem con van- 
taggio della sua salute „. Ecco il senso che serba nel libro I il brano 
discusso dei 25 versi. 

Esso è in posto convenientissimo. Virgilio (tolgo le notizie dal Gius- 
sani) li ha letti qui, poiché anch'egli ha un'imitazione (1) che abbraccia 
gran parte di questi versi. Nonio d'altra parte li cita spessissimo, e 
sempre come appartenenti al libro IV ; sicché fin da antico, anzi per 
fermo fino dalla prima pubblicazione del poema, si leggevano così nel I 
come nel IV. 

Lucrezio stesso per certo, compiacendosi dei suoi splendidi versi, li 
ha ripetuti una seconda volta, come pel nam reluti pueri, che ripete in 
tre proemi, e sembra quasi sicuro che, nella definitiva correzione del 
poema, non avrebbe egli tolto il brano dall'uno o dall'altro posto. Per 
la qual cosa, ripeto col Giussani (2), poiché Lucrezio Vaveva codesta sin- 
golarità del frequente ripetersi, con che criterio possiamo noi assegnarvi un 
limite ? 

Umberto Mokicca. 
Roma, agosto 1912. 



(1) Georg. ITI, 289; Aetu IX, 197. 

(2) Chi volesse più ampie spiegazioni in proposito legga la dottissima 
nota del Giussani ai vv. 921-50 a pp. 119-20 del suo Commento al libro I. 



— 121 — 



EPIMETRO A LUCREZIO II 801 sgg. 



Altra volta (1) ebbi ad occuparmi di questi versi, proponendo del v. 804 
una correzione, che ora veggo ricevere una fortunata conferma da un 
passo di S. Gerolamo, buon lettore di Lucrezio (2), e da un altro di 
Diogene Laerzio. 

Ecco i versi : 

piuma columbarum quo pacto in sole videtur, 
quae sita cervicemst circum collumque coronati 
namque alias fit uti claro sit rubra/pyropo, 
interdum quodam f sensu fit uti videatur 
inter caeruleum [mss. forse preferibile a curalium Wkld.] 
[viridis miscere zmaragdos. 

Vobelo proviene dal Brieger, che irrefutabilmente osserva (prol. p. XLVl) : 
" non quodam sensu, ut id, de quo Lucretius IV 430 sqq. dicit, sed quodam 
luminis ictu „ e appunto quodam f:ensu sarebbe insostenibile qui ove il 
poeta vuole provare che i colori mutano per una reale mutazione degli 
oggetti colorati, mutando cioè la loro posizione e l'angolo dei raggi lu- 
minosi (che nella fisica epicurea producono i moti atomici) e perciò anche 
la varia disposizione degli atomi dalla quale dipende il colore. Quodam 
sensu e dunque una inetta correzione del passo, desunta dall'uguale 
fine dell'esametro in IV 448, ed originata certo da qualche lectio diffì- 
cilior non compresa da un lettore- 
Escluso dunque escensu del Bockemiiller, che non può soddisfare e 
non soddisfece nessuno, proposi t^ersu o vorsu, col confronto di Nerone 
ap. Baehr., Fr. poet. Rom. p. 368, 2 : 

colla Cytheriacae splendent agitata columbae... 



(1) In questa Rivista, Anno XXXV, p. 100 sg. 

(2) È noto che S. Gerolamo non solo fu lettore di Lucrezio ma anche 
del suo commentatore. Cfr. Hieronyra. in Ruf. I 16 (II p. 410 Mign.): " puto 
quod puer legeris Aspri... commentarios... et aliorum in alios, Plautum 
videlicet, Lucretium, Flaccum... , 



— 122 — 

e di Seneca : 

Natur. quaesti. I 5, 6: "ut ait Nero Caesar disertissime : colla... co- 
lumbae: et variis coloribus pavonum cervix, quotiens aliquo deflectitur, 
nitet: — numquid ergo dicemus specula eiusmodi plumas, quarum omnia 
inclinatio in colores novos transit?,. 

Già osservai che flexu sarebbe convenuto altrettanto bene per il senso, 
ma non avrebbe avuto il vantaggio della lecito diffìcilior. 

Ora, ad alcuni anni di distanza convenendo ancora in questa mia pro- 
posta, mi piace vedere che essa riceve, come ho detto, una conferma da 
un passo di S. Gerolamo: 

Hieron. e. Ioann. Hierosol. 35 Migne XXIII p. 405 : " Scilicet nunc mihi 
philosophandum est incertos esse sensus nostros et maxime visum, Car- 
neades aliquis ab inferis excitandus, ut proferat verum : remum in aqua 
fractum videri, porticus longius angustiores, rotundos procul turrium 
angulos, columbarum colla ad singulas conversiones colorem mutantia „. 

Tutti gli esempi che ricorda Gerolamo sono in Lucrezio, della colomba 
abbiamo già citato il passo, per il remo vedi IV, 446 sgg. ; per i portici 
ibid. 428 sgg. ; per la torre ibid. 354 sgg. Ma ciò che più importa è 
che per l'esempio del collo della colomba l'espressione di S. Gerolamo 
ad singulas conversiones corrisponde precisamente alla correzione quodam 
vorsu da me proposta, ed è anche l'espressione propria. Il colore delle 
piume nel collo della colomba svaria appunto al frequente rigirarsi che 
essa fa con quell'atto caratteristico del collo che a tutti è notò. È na- 
turale poi che Lucrezio, indicando una particolare mutazione di colore, 
dica quodam vorsu, mentre S. Gerolamo che le presenta tutte dice ad 
singulas conversiones ; ma l'espressione è identica e tradisce la fonte di 
S. Gerolamo, ed accerta la lezione vera del verso di Lucrezio. 

Ma vi è di piìi. Questa medesima espressione è usata in Diogene 
Laerzio IX 86 : * S te ifjg neQiaieQàs TQaxrjÀos (se. è'ffrt àZZolos), Ttagà 
tijv a T Qocpriv ^. IlaQÙ tìjv ar^ocp^v corrisponde anch'esso perfetta- 
mente a quodam vorsu : e dunque ormai anche piìi certa la correzione, 
convenendo essa anche all'espressione che Lucrezio, con tutta probabi- 
lità, trovò nel suo testo greco. Per vorsu gik citai Plaut. Stich., v. 1769; 
e feci anche osservare che obversa di Lucr. II 807, per l'uso lucreziano 
di ripetere la stessa parola o forme simili a breve distanza, è una con- 
ferma di vorsu. 

Milano, 23 novembre 1912. 

Ettore Bignone. 



123 



1861—1911 

CASA EDITRICE ERMANNO LOESCHER 

(Ved. Loescher) 

Torino. 



Non possiamo pubblicare questo primo fascicolo della XLI annata 
della nostra Rivista, senza fare un cenno speciale del Catalogo che porta 
il titolo sopra trascritto. Con esso la Casa Editrice ha voluto, nel modo 
più degno, commemorare il grande Editore che la fondò, e con nobile 
modestia dimostrare " quanto fu stampato dal fondatore della Casa 
Editrice sino alla fine del 1892, e quanto fu stampato da colei che gli 
succedette, dal 1892 in poi ,, aggiungend/ " la indicazione delle opere 
in deposito ,, per rispecchiare così * l'intera operosità della Casa per 
lo spazio di mezzo secolo „. E noi aggiungiamo: operosità grande, illu- 
minata, coraggiosa, tenace, alla quale, per limitarci alle pubblicazioni 
periodiche affini, devono la vita loro rigogliosa anche il Bollettino di 
filologia classica, V Archivio glottologico italiano e il Giornale storico della 
letteratura italiana. Basterebbe anzi questo solo fatto per rendere la 
Casa Editrice altamente benemerita degli studi italiani. Per gli studi 
classici poi essa indubbiamente conserva il primato fra le case editrici 
italiane, non solamente sotto il rispetto scientifico, ma anche per quello 
scolastico: basta considerare che cosa rappresenti la Collezione di clas- 
sici greci e latini con note italiane, della quale un unico difetto potremmo 
notare, cioè che in questi ultimi anni non s'è più accresciuta, come 
sarebbe stato desiderio di quegli studiosi cui sta a cuore la buona col- 
tura e la diffusione di edizioni di classici serie, coscienziose, adattate 
alle scuole secondarie, ma frutto, ad un tempo, di attività veramente 
scientifica, e non di semplice desiderio di lucro commerciale. 

E la vecchia ma pur sempre robusta e vivace Rivista di Filologia e 
d'Istruzione classica, nello iniziare il suo 41" anno, alla Casa Editrice, a 
cui deve la vita e il suo prosperoso increnj^nto, e che continua, con 
non lievi sacrifizi, ma sorretta da un alto ideale scientifico e patriottico, 
a sostenerla e incoraggiarla, manda il suo vivo caldo augurio di una 
lunga continuazione della sua attività, ben sapendo di augurare cosa 
che ridonda ad onore del nostro Paese. 

Torino. 16 dicembre 1912. 

La Direzione. 



124 — 



RECENSIONI 



Tìte Oxyrhynchiis Papyri. Part IX. Edited . . • by Arthur S. Hunt. With 
six plates. London, Egypt Exploration Fund, 1912, di pagg. xn-304. 

Cinquantotto (1166-1223) sono i papiri pubblicati in questo volume, 
trentanove (1185-1223) dei quali non letterari. Dei papiri letterari otto 
(1177-1184) rappresentano testi noti di Euripide (1177-78), Apollonio 
Rodio, Tucidide, Senofonte, Demostene, Isocrate, Pseudo-Ippocrate, otto 
(1166-73) testi teologici, tra i quali insigne è un codice di Filone (1173) 
di cui l'editore pubblica, per intanto, solo una parte. I testi classici 
nuovi sono soltanto tre (1174-76), ma sono tali da dare per se soli a 
questo volume un'impoi'tanza straordinaria. 

Il n. 1174 contiene la prima metà degli 'Ij^vewrat (letteralmente = 
Gli Investigatori) di Sofocle, un dramma satiresco del quale non resta- 
vano che tre frammenti insignificanti, che non avevano servito affatto 
neppure a farne indovinare l'argomento. Ridotti per il dramma satiresco 
al solo Ciclope di Euripide, non occorre spender parole a magnificare l'im- 
portanza della nuova scoperta. Al confronto, è vero, Sofocle questa volta, 
almeno per quello che se ne può giudicare, non riesce vincitore del suo 
rivale, ma, checche sia di ciò, come documento di questo genere d'arte, 
il nuovo dramma è d'un valore inestimabile. E, diciamolo subito, ciò 
che piìi ci colpisce è la grande analogia di costruzione col dramma 
euripideo. 

Il soggetto sono le ricerche del gregge rubato ad Apollo da Erme 
neonato e l'invenzione della lira. I particolari non hanno molti riscontri 
ne con l'Inno omerico ad Erme, ne con l'ode d'Alceo che ne celebrava 
il natale. La scena è sul monte Cillene in Arcadia. Apollo nel prologo 
bandisce una ricompensa per chi saprà scoprirgli i buoi; Sileno e i Sa- 
tiri si assumono l'impresa: si scoprono delle orme che guidano a una 
caverna, dalla quale escono dei suoni misteriosi, le note delia lira. I 
satiri sono sgomenti, e qui la scena ricorda molto quella del Ciclope, 



— 125 — 

dove il terrore ha poro un mi^'lior fondamento; finalmente Sileno picchia 
fortemente alla porta dell'antro. N'esce la ninfa Cillene, la nutrice del 
neonato, del quale narra i miracoli, l'improvvisa sua crescita, e come con 
un guscio di testu<^gine e delle minugia avea costruito la lira. Questo 
desta nel coro il sospetto che il costruttore della lira sia il ladro dei 
buoi. Cillene respinge l'accusa. 

Fino a qui non ostante molti guasti il filo e il senso si seguono molto 
bene, e siamo già in quindici colonne ai 400 versi, come nota la stico- 
metria marginale; poi, dopo un intervallo di una colonna o di più, in 
un altro frammento informe troviamo sulla scena ancora Apollo a con- 
versare col coro, poi non abbiamo più che briciole. È da rimpiangere 
veramente che il testo ci venga meno proprio là dove cominciava ad 
essere più interessante, ad ogni modo di tutti i frammenti drammatici 
che fui'ono fino ad ora scoperti, questo solo, con gli ^EjiLTQsjiovveg di 
Menandro, ha il vantaggio di non lasciar dubbio sul luogo ove collo- 
carli nel dramma, e meno assai degli ^ETHTQénovzes ci lascia dubbi e 
perplessità sul contenuto e sulla disposizioRe di tutta la favola. 

La ricostruzione del testo nei luoghi lacunosi non ha bisogno di lodi 
essendo stata curata dai maggiori maestri di quest'arte; ma certo molto 
campo è ancora aperto all'industria filologica per questa bisogna. Così 
per esempio, a cominciare dal primo verso, invece di 

[Ilàaiv d-eolg ymì nàaijv àyyéXÀco (ÌQOTolg 

preferirei integrare: 

[Qeoìai nàoi, nàai] (5' àyyéÀÀu) ^Qovotg 

(la prima lettera conservata l'editore la trascrive per v ma la segna 
come incerta) : è semplicemente una possibilità. Con pazienza e dili- 
genza per altro è presumibile si abbiano a trovare anche dei miglio- 
ramenti. 

Il n. 1175 conteneva VEuripilo pure di Sofocle, ma è un disasti-o : di 
un centinaio di frammenti solamente due colonne del fr. 5 danno in 
parte ciascuna un senso continuo : tanto meno dunque si può sperare 
di ristabilire la continuità dell'azione neppure per sommi capi. Va no- 
tato poi che, se l'autore è certo (il papiro infatti comprende un fram- 
mento sofocleo di già noto), Euripilo non si trova fra i titoli noti dei 
drammi di Sofocle, e fu immaginato dall'editore con una certa proba- 
bilità traendolo dall'apparente contenuto. 

Non meno interessante, specie per i filologi, è il n. 1176, contenente 
la Vita di Euripide scritta da Satiro, come dice il titolo stesso conser- 
vatoci in fondo al volume. Sono 57 frammenti, dei quali i quindici ul- 
timi insignificanti, ma degli altri alcuni molto estesi e comprendenti 



— 126 — 

più colonne, il piìi grande, che è il n. 39 col quale la Vita finisce, ne 
comprende nientemeno che ventitre. Le colonne sono strettissime, con- 
tando ogni linea in media una decina di lettere : viceversa erano molto 
lunghe, ma per disgrazia ciascuna di esse perdette la sua metà (circa) 
inferiore e conservò, quando le conservò, in media dalle 30 alle 35 linee; 
quelle tre o quattro di pivi, che si hanno qualche volta, sono guaste. La 
parte conservata è per molte colonne in buono stato e si potrebbe ten- 
tare di ricostruirla, se non vi fosse un altro guaio, la negligenza dello 
scriba: era egli a tal segno trasandato che gli cadde un errore perfino 
nel titolo: scrisse ^tcùv avayaifrjg per avay^atprjs. Con tutto ciò la sco- 
perta è preziosa non solo per le notizie di cui è la fonte, e che sono 
per noi in parte nuove (la pivi stupefacente è quella che Euripide avrebbe 
composto il proemio ai Persiani di Timoteo), quanto anche per le molte 
citazioni da poeti drammatici, nuove esse pure in buona parte. 

Noterò qualche piccola osservazione che mi si presentò più ovvia alla 
lettura. 

Nel fr. 38 col. I alle linee 16-17 comincia la citazione di una serie 
di anapesti di Euripide che in buona parte conoscevamo già da Clemente 
Alessandrino, Strom. V, p. 732 (Eur. fr. 913). Satiro ci dà in principio 
un verso di più, ma il papiro è guasto e si legge solo : tìs ■■■ ó&eog 
[njal l'^a] ^{v)daifi[o)v : or a me pare fuor di dubbio sia da integrare 
TiS 86' èxd-QÓd-eog anche se i vestigi della lettera precedente -o&eos non 
paiano convenire ad un p : uno scriba così negligente può aver saltato 
qualche lettera. 

In fr. 39 col. VII, dopo aver parlato di certi luoghi comuni della com- 
media nuova, violazioni di vergini, sostituzioni di infanti, soggiunge che 
sono motivi che pure Euripide avea egregiamente trattato (a ^QÒg 
Shqov Viyayev EiQiJiióìjg) e continua ; 11. 23-27 : 

'Ofll']QOV [ojv- 

Tog àQXVS »««' 
aiL^oìv ye 
ovvid^ecjg 
ÀenTinfig. 

E questo non si capisce. Ne può tirarsi a significare che Omero in questo 
aveva alla sua volta preceduto Euripide, e per altre ragioni, e prima 
di tutto perchè la cosa non è vera. L'errore deve essere in ofirjQov, e 
crederei esso sia stato prodotto dall' itacismo : leggerei dunque ó^iolov, 
e ammetterei la caduta di tov tqótiov : così ó^olov òvxog {zov xQÓnov) 
àQX^S ecc. significherebbe : essendo simile (in Euripide e nella commedia 
nuova) la maniera del cominciare (il prologo) e quella della composizione 



— 127 — 

oratoria (prosastica) dei versi ; cioè il fare di Euripide che tiene, come 
la commedia nuova, molto della semplicità e naturalezza della prosa. 

Ihid. 1. 34, non trovo ragione di mutare ovzog del papiro in oStoìg, 
purché si punteggi così : EÒQinidìjS nov tfrioiv, oòtog 3j f^óvog óvvavai 
Àéysiv = " dice Euripide in qualche luogo, quell'Euripide che „ ecc. 

Fr. 39 col XVI. Nelle prime linee sono citati alcuni trimetri di com- 
media, ove per fare buona poesia vien suggerito di prendere certe cose 
da Sofocle, certe altre da Escliilo e certe altre da Euripide. Il principio 
non si può risarcire, e di Sofocle si legge solo il nome; il resto l'edi- 
tore lo restituisce così (11. 7-17): 

na[Q' AlJay^vÀov 

v[. . .]q 6aov 

' • [■] • £^^', oÀov 

EéQiTtiòriv, 

71QÒ£ TOiaC- 

d' éfi(iaÀetv / 
àÀag, f.i[efi,]vr]- 
lA,évo£ Ò' ÒTlCùg 
dÀag ital fiìj Àd- 

Àag. 

Ora poiché il senso, come è chiaro anche da ciò che segue, deve essere 
di maligna censura per Euripide, pare a me inammissibile quello che 
risulterebbe da questa restituzione : se per far cosa lodevole occorre 
metterci dentro un po' di questo e un po' di quest'altro, ma Euripide 
bisogna porvelo tutto, questo, comunque lo si intenda, toi'nerebbe per 
lui ad altissima lode. Propongo perciò di risarcire così: 

Àajìcov 
Tia^o" Al]a%vÀov vféytrajQ, Saov [yovv ev]ea&^, òÀov ■ 
E^QiTviórjv TiQÒg rotai 6' è^i^uÀelv dÀag, 
f.i[£/À,Jvr]f.iépog OTicog dÀag nal /.lìj ÀdÀag. 

Dove l'integrazione véKzaQ, data la prima e l'ultima lettera, mi pare 
abbastanza probabile, e conviene al senso: i sali che vengono dopo ci 
assicurano che qui l'immagine è tolta dalla cucina; quindi anche Eschilo 
deve contribuire con qualcosa di questo genere, e deve mettercene quanta 
ce n'ha. Euripide per ultimo, dopo Sofocle e dopo Eschilo, può spruz- 
zare il tutto coi suoi sali, — badiamo però, dice, che siano sali {dÀag) e 
non ciance {ÀdÀag). Perciò trascrivo TiQÒg zoìai d' e non ^QÒg Toialó\ 
Fr. 39 col. XX. Dopo che un interlocutore ha ricordato l'aneddoto del 
fanciullo che aveva detto come ad Euripide puzzasse forte il fiato e di 



— 128 — 

quello che gli aveva risposto che anzi non c'era e non ci poteva essere 
bocca più dolce di quella ond'erano usciti tanti versi e tanti canti, un 
altro interlocutore soggiunge, 11. 15-21: 

"OfiOLog 
oÒTog y.a&d- 
71EQ £iQ[ri]Y,ag 
óaif4[ovJiù)g 
èv T(o . [ . ] a- 

KOTl TTQÒfg] tÒV 

TTOifizr/v. 

Dove l'editore interpreta: " He resembled the man who to the poet, 

as you have admirably said in... „. Egli crede pertanto che qui vi sia 
una citazione, e poiché con essa il senso non si potrebbe integrare in 
alcun modo, pensa ad una lacuna : év rqj {. . . zip) . . . axo'rj. Non sarei 
di questo parere: io pongo virgola dopo eiQi^aag, e riferisco y.ad'djiEQ 
s^Qijxag a ciò che l'altro interlocutore aveva detto prima in questo dia- 
logo stesso, come in col. XVI, 11. 21-22 Ka&ccTiEQ elnag, ed escludo perciò 
qualsiasi citazione. Congiungo quindi Sai/xovlcog con dftoiog: " Costui, 
come hai detto, è meravigliosamente simile a... „. Ora lo stesso editore 
trascrivendo év vip ci ha avvertito che le due ultime lettere an nel pa- 
piro sono incerte, e nel facsimile infatti non si rileva che parte della prima 
curva dell'w, la quale potrebbe iinche interpretarsi come l'avanzo di un £; 
e il resto d'uu'altra lettera che segue (forse non immediatamente) è 
troppo lungo per essere un i. Reputo perciò che qui sia da restituire 
un participio perfetto, come sarebbe per esempio èvTe&EayiÓTi. A seconda 
poi del verbo che qui si volesse integrare si potrebbe decidere se 
datfioviùjg anziché con ovzog debba congiungersi con questo participio: 
" Costui, come hai detto, lo si direbbe uno meravigliosamente entusiasta 
per questo poeta „. 

Sono inezie : gli è che la diligenza dell'editore non ha lasciato agli 
altri nulla da mietere ma soltanto parecchio da racimolare. 

Verona, settembre 1912. 

Giuseppe Fraccaroli. 



Irene Nte. Sentence Connection illustrated chiefly from Livi/. (A Thesis 
presented to the Faculty of the Graduate tschool of Yale Univer- 
sity). Weimar, printed by R. Wagner Sohn, 1912, di pp. x-144. 

Scopo della dissertazione è, come l'A. dichiara nell'introduzione ge- 
nerale, scoprire e riunire i segni esteriori e visibili dell' interna rela- 



— 129 — 

zione fra i periodi d'un discorso scritto connesso. Questi segni sono 
assai più numerosi e varii di quelli riconosciuti dalle grammatiche; e 
nello studio di essi, il quale involge talora, oltre alla grammatica ed 
alla sintassi, anche lo stile, l'A. dalle forme ovvie di connessione pe- 
riodale passa ad usi consimili ma non così generalmente riconosciuti e 
limita il campo della ricerca escludendone ogni discussione sull'effettiva 
natura della subordinazione. 

Lo studio è diviso in due parti 1) duplice introduzione, di carattere 
generale e riassuntivo, sopra la natura fondamentale delle diverse forme 
di connessione tra proposizioni e tra periodi 2) applicazione dei sud- 
detti principi alla struttura periodale specialmente di Livio. 

Secondo l'A. pertanto i principi, che costituiscono l'essenza delle 
parole connettive, sono due, incompiutezza e ripetizione; cioè la con- 
nessione è determinata dal senso di relazione inerente a quelle parole 
che, abitualmente collocate al principio della frase o della proposizione, 
hanno bisogno di un contesto esplicativo affinchè il loro significato 
risulti completo, oppure richiamano vocaboli, forme od idee espresse od 
implicite nella frase precedente. La qualità d'incompiutezza è propria, 
ma non esclusiva, delle congiunzioni: essa può estendersi a pronomi od 
avverbi pronominali {is, hic, qui, ille, iste, idem, ipse, se e suus, quisque, 
uterque, neiiter, alti.... alii, alter.... alter, ecc. — eo, adeo, interea, postea, 
praeterea, ibi, alibi, inde, dein o deinde, exinde, hic, hinc, quo, unde, uhi, 
eodem, ecc.), ad avverbi temporali e locali (tum, tunc, tandem, nondum, 
modo, nuper, iam, mine, ante, mox, ecc. — procul, prope, nusquam, ecc.), 
ad avverbi e frasi avverbiali comparative e superlative (potius, magis, 
postremo, ad ultimum, ecc.), ad alcuni aggettivi che hanno sempre signi- 
ficato relativo o per loro natura, come gli aggettivi ordinali e come 
ceterus, tantiis, talis, tot, totidem, par, dispar, impar, compar, similis, ecc., 
per il loro grado (comparativi e superlativi); infine a nomi che tal- 
volta hanno un senso dipeiidente dal contesto (p. es. res = id riassun- 
tivo; pater in riferimento a persona accennata in precedenza; aestate = 
nell'estate in genere, oppure nell'estate successiva), nonché a verbi di par- 
ticolare significato comparativo, come malie. 

Numerosi sono pure i casi, nei quali la connessione è espressa dalla 
ripetizione 1) di parole (polisindeto ed anafora), a scopo di chiarezza o 
di effetto retorico, 2) del contenuto intero o parziale di una o più 
proposizioni precedenti, 3) dell'ordine degli argomenti enunciati in una 
frase precedente, o della struttura periodale di questa, 4) della categoria, 
resa talvolta enfatica dalla presenza dell' homoeoptoton o di altro 
homoeoteleuton, 5) di forme verbali (tempo, modo, persona, numero) 
costituenti una unità più o meno grande di proposizioni, distinta dal 
contesto rimanente. 

Rivista di filologia, ecc., XLI. 9 



— 130 — 

La conclusione, a cui viene l'A., è che non si trova, almeno nelle 
parti di Livio esaminate, nessun esempio, il quale non riveli i segni 
della relazione tra due gruppi di concetti, o in cui tale indizio provenga 
da semplice giustaposizione. Ed anche il cosidetto asindeto, sotto l'appa- 
rente indipendenza di pensiero e d'espressione, contiene di solito una 
delle ripetizioni determinanti la connessione. In tutto ciò non si scorge, 
per vero, molta novità di vedute, ma tuttavia l'indagine costituisce un 
utile contributo ad uno studio più completo ed esauriente della connes- 
sione periodale nella sua multiforme manifestazione. L'A. aggiunge poi 
alcune osservazioni, inerenti sempre allo stile di Livio, sulla struttura 
del discorso diretto, più distinta in confronto a quella dell'indiretto, 8 
sull'uso peculiare delle congiunzioni in alcuni passi. Particolarmente 
notevole in quest'ultima parte del lavoro è ciò che si riferisce alla 
connessione tra i libri superstiti delle storie Liviane, e ad una proba- 
bile divisione dell'opera intera in gruppi dì cinque libri. 

Sono pure da rilevarsi le idee dell'A. sulla natura dell'asindeto nello 
stile di Tacito in confronto di quello di Livio, in pp. 20-27 ; ed in ge- 
nere, meritano lode la diligenza e l'acume con cui la ricerca è stata 
condotta, sebbene non manchino affermazioni discutibili, come quella 
a p. 60 sulla convenienza di spiegare nell'espressione 2)0st multos annos 
l'accusativo come esprimente durata di tempo e considerare il post solo 
nel suo riferimento a qualcosa precedentemente menzionata. 

Messina, 8 novembre 1912. 

Achille Beltbahi. 



L The languages in american education. IL Reform in grammatical nomen- 
clatiire.¥xom.ì\i.Q proceedings of the Michigan Schoolraasters' Club, etc. 
Reprint from the School Review 1911 and 1912 (University Bul- 
letin, N. S. voi. XIII, n. 5 and 6), di pp. 64 ciascuno. 

In questi opuscoli son ristampati, coordinatamente al rispettivo argo- 
mento, vari articoli apparsi nella School Revieiv, sì che ciascun libretto 
è una piccola monografia, a constituir la quale entrano conferenze ed 
articoli, note ed inchieste, rappresentanti l'attivo e proficuo lavoro 
del Michigan Schoolmaf<ters Club. In tanto è notevole osservare ed in 
questa Rivista porre in rilievo, come i professori americani appariscano 
da queste pubblicazioni assai solleciti del corretto ordine dei loro pro- 
grammi scolastici, e nobilmente consapevoli dell'importanza del problema 
pedagogico assai complesso che il loro paese ed il nostro tempo debbon 
risolvere. 



— 131 — 

Il primo di questi opuscoli è per noi di speciale importanza, come 
che sviluppi una questione in Italia divenuta fondamentale nel pro- 
gressivo assetto dei nostri studi secondari, la questione dell'insegna- 
mento delle lingue nel piano generale dell'educazione. La raccolta è in 
parte complemento di quella maggiore, a cura della stessa Università, 
di cui si fa lungo discorso in altre pagine del presente fascicolo, e si 
compone di sei scritti sul posto che occupano, i fini e le necessità a 
cui rispondono nell'insegnamento le lingue moderne; e sul valore pra- 
tico degli studi umanistici, il posto occupato dal latino, ed il valore 
delle antiche letterature nella vita moderna; scritti dovuti all'Armstrong, 
al Nollen, al Kuersteiner, al Gardner Hale, al McQueen Gray, ed a James 
Bryce, ambasciatore inglese a Washington. Quel che maggiormente in 
tali scritti colpisce noi Italiani è, analogamente a quanto si è veduto a 
proposito del volume sul Latino e sul Greco, che l'importanza dello 
studio delle lingue moderne non è per nulla determinata dal bisogno 
di arricchir la cittadinanza americana di nuovi strumenti di commercio 
di emigrazione, ma piti tosto da un fine d'integrazione spirituale e di 
formazione pedagogica. E, per converso, l'imjjortanza dello studio uma- 
nistico e dell'insegnamento del latino non è data dal desiderio di un 
lusso letterario o dalla cieca acquiescenza ad una tradizione scolastica, 
ma dalla considerazione di un elemento eminentemente pratico, nella 
fusione degl'insegnamenti secondari. In vece, da noi, nel feticismo per 
le lingue estere ond'è abbacinato ogni onesto padre di famiglia e nel- 
l'avversione allo studio umanistico, fa capolino, non vorremmo dire l'in- 
consapevole ricordo del paese di conquista che l'Italia non è piii da a 
pena cinquant'anni, ma, per lo meno, certo un effluvio della vecchia 
anima di albergatori, che non è tra le piìi stimabili fra le tante in cui 
si partisce la nostra anima nazionale. Convien però per giustizia rico- 
noscere che, se i membri dello Schoolmasters' Club di Ann Arbor-Michigan 
non hanno tenuto quasi affatto in conto l'importanza commerciale dello 
studio delle lingue moderne, per porre in evidenza solo l'importanza 
letteraria e pedagogica, si deve al fatto che l'egemonia della lingua 
inglese nei rapporti commerciali non poneva dinanzi a loro gli stessi 
problemi che possono agitarsi in proposito in Italia, ove però sembra 
ei sia esagerato nel renderne generale la soluzione. 

Il secondo opuscolo concerne una questione più strettamente locale, 
dipendente in gran parte da quella difficoltà che ognuno verifica negli 
anglo-sassoni all'apprendimento delle lingue straniere. L'inchiesta, non 
molto importante per noi Italiani, tende a ritrovare e stabilire una no- 
menclatura unica per la tecnica grammaticale, ciò che manifestamente 
è utile per gli anglo-sassoni i quali dispongono di una grammatica assai 
semplice in confronto a quella delle altre lingue. Il Club ha approvato 

V 



— 132 — 

in proposito un ordine del giorno per raccomandare all'Associazione filo- 
logica, a quella delle lingue moderne ed a quella nazionale per l'edu- 
cazione, l'elezione di una commissione di quindici membri, cinque per 
sodalizio, che dovranno proporre un sistema di nomenclatura gramma- 
ticale comune, applicabile alle lingue antiche e moderne piti general- 
mente studiate, per armonizzare per quanto è possibile le differenze esi- 
stenti fra le varie nomenclature. Sino ad ora, senza che si sia venuti a 
conclusioni definitive, son stati pubblicati molti studi particolari su 
alcune tra le varie lingue studiate (Inglese, Francese, Tedesco, Italiano, 
Spagnuolo, Latino, Greco) e l'opuscolo di cui si tratta rende conto del 
punto a cui è giunta la discussione, e dei vari lati sotto i quali la que- 
stione si presenta. 

Emilio Bodrero. 



W. WiNDELBAND. Geschìchte der antiken Philosophie. Dritte Auflage bearb. 
von Adolf Bonhoffek (Handbuch... von Iwan Miiller, funfter Bd., 
I Abt., 1. Teil). Miinchen, Oscar Beck, 1912, di pp. x-344. 

La terza edizione della Storia della Filosofia antica del Windelband, 
nel manuale di Ivan MùUer, presenta notevoli miglioramenti, recati dal 
Bonhòfi'er che ne è il rifacitore, su la seconda, del 1893, poiché nei circa 
venti anni intercedenti fra l'una e l'altra, la disciplina, che forma argo- 
mento del volume, ha fatto molti importanti pi'ogressi, dei quali è anche 
insigne documento ed elemento l'altra opera del Windelband, giunta 
alla quinta edizione, il Lehrbuch der Geschìchte der Philosophie. Meno 
schematica e piti moderna di quella dell'Ueberweg, forse anche però 
meno compiata quanto alla bibliografia (dei nomi della quale l'Ueberweg 
cifre anche un utile indice alfabetico che manca nel Windelband), questa 
storia, dopo una breve introduzione in cui si dà uno sguardo generale 
alla disciplina, alla sua partizione, ai suoi metodi ed alle sue fonti, 
svolge l'argomento in due sezioni, la prima per la storia della filosofia 
greca propriamente detta dal VIl-Vl secolo a. C. sino ad Aristotele, la 
seconda per la storia della filosofia greco-romana, da Aristotele ai Neo- 
platonici. La prima parte, premessi alcuni paragrafi su le condizioni 
della Grecia sopra tutto quanto alla vita dello spirito, prima del sor- 
gere di una vera filosofia (la posizione geografica, le condizioni sociali 
e politiche, ìa rifiessione etica ed i Sette Savi, il sapere pratico, la re- 
ligione, il Pitagorismo, il primo problema della scienza), divide la ma- 
teria in ordine storico, incominciando dalla filosofia della natura, dei 



- 133 — 

Milesii (Talete, Anassimene, Anassimandro) e proseguendo con i primi 
metafisici (Senofane, Eraclito, Parmenide, Zenone e Melisso) e gl'inter- 
medi (Empedocle, Anassagora, Leucippo ed i Pitagorei) per svolgere in 
tre capitoli maggiori il momento socratico, dall'eclettismo e dai Sofisti 
a Socrate e di qui alle minori scuole derivate, dei Megarici, degli 
Eli-eretri, dei Cinici e dei Cirenaici; il momento materialistico di Demo- 
crito ed idealistico di Platone, di ciascun dei quali sono esposti vita e 
scritti e del primo la filosofia teoretica e quella pratica, del secondo la 
teoria delle idee, l'etica e la filosofia della natura; il momento aristo- 
telico, per il quale, accennato all'antica Academia ed esposto la vita e 
gli scritti dello Stagirita, si riassumono la logica, la metafisica, la fisica, 
l'etica e la poetica aristoteliche. 

Nella seconda parte relativa alla filosofia greco-romana, l'esposizione 
incomincia dalla prima polemica delle scuole, la Peripatetica, la Stoica 
e l'Epicurea, prosegue trattando dello Scetticismo e del Sincretismo 
(Scettici, Eclettici, Platonismo mistico) e della Patristica (Apologeti, 
Gnostici e scuole alessandrine) e finisce al Neoplatonismo (scuola ales- 
sandrina e Plotino, scuola siriaca, scuola ateniese) e con un capitolo 
conclusivo su Sant'Agostino. Metteva il conto di esporre, pur schemati- 
camente, la partizione di quest'opera, la quale mostra concetti originali 
nella considerazione dello sviluppo del pensiero antico, diversi da quelli 
praticati daU'Ueberweg, dal Gomperz, dal Deussen, dal Doring e dagli 
altri maggiori espositori recenti di questa disciplina. Ottima per scelta 
e per sobrietà appare la bibliografia, circa la quale convien confermare 
la lode che sempre d'altra parte ha meritato la scienza tedesca per lo 
scrupolo d'esattezza e di compiutezza di ogni suo lavoro: in questi spogli 
bibliografici è fatto il debito luogo al lavoro di ogni nazione, con serena 
imparzialità. Ciò è maggiormente lodevole, quando confrontando i me- 
todi si pensi che in un libro, il quale per la lingua in cui è scritto e 
per altre ragioni gode di un pubblico mondiale (intendo accennare 
alVOrphens di Salomone Reinach), nell'ampia bibliografia di cui è fornito 
non si legge un nome italiano, ne pure per Savonarola, ne pure per 
Pio IX!! Cioè, parlando del Kalewala, il Reinach cita D. Comparetti, 
Der Kalewala {trad. frang. de Leduc)\l Onde, per noi, non piccolo merito 
dell'ottimo manuale del Windelband e delle cure date dal Bonhoffer alla 
sua terza edizione, risiede nella giusta testimonianza che esso reca al 
lavoro italiano per una disciplina in cui può dirsi siamo giunti ultimi. 

Emilio Bodrero. 



V 



— 134 — 

Philostratds. In honour of Apollonius of Tyana. Translated by I. S. Phi- 
LiMORE in two volumes (I: cxxviii-144, II: 296). Oxford, Clarendon 
Press, 1912. 

Questi due eleganti volumi fanno parte di una raccolta di traduzioni 
classiche che la Clarendon Press pubblica a canto a quella di testi e 
suscitano veramente il desiderio che anche da noi si provveda in modo 
similmente attraente alla divulgazione degli antichi autori, anche dei 
meno conosciuti. Per dire il vero, la vita filostratea di Apollonio di 
Tiana non è ne un modello di stile, ne un'opera di special valore in- 
tellettuale e morale, ma è certamente documento notevole di un'epoca 
strana di convulsioni e di disorientamenti spirituali, e compendio stra- 
vagante della vita di un uomo singolarissimo, un Cagliostro del primo 
secolo dell'era volgare, un neopitagorico che passò per taumaturgo e 
che fu contraposto a Cristo, non forse nell'intenzione del suo biografo, 
quanto nella posteriore reazione pagana, un avventuriero che rappre- 
senta un notevole fenomeno laterale dello stato d'animo onde sorse e si 
sviluppò il Cristianesimo e ci mostra indirettamente ed inconsapevol- 
mente quanto fosse necessaria ed opportuna alla civiltà del suo tempo 
la nuova fede che allora andava divampando. 

Il lavoro del Philimore si compone di una prefazione, di un'introdu- 
zione con una nota bibliografica, della traduzione condotta sul testo 
Teubner del Kayser, della biografia filostratea, delle varianti del Kayser 
al testo, e di un abondante corredo di note con un discreto indice alfabe- 
tico. L'autore osserva che l'opera di Filostrato non è una vera e propria 
biografia, ma uno scritto in onore di Apollonio, divenuto protagonista di 
un romanzo in cui si tratteggia la figura di un filosofo ideale, e nell'intro- 
duzione chiarisce molte circonstanze e risolve molti dubbi su la strana 
opera, sul suo autore, su l'argomento, su gli altri personaggi del romanzo, 
a proposito dei quali, confutando l'opiuione del Reitzensteiu, il Ph. scrive 
queste giuste parole : " The peculiar morbus of so much of this modem 
" criticism is that by dint of constructiug types and categories it loses ali 

sense of reality, and remains sunk in a superstitious conteraplation of 
" ita own arrangements ,. Con abile ragionamento, sussidiato dalla con- 
gettura àóeÀq>o7ioir]TÓg (in luogo di àSeÀgjÓJtaióos in Snida) l'autore attri- 
buisce la vita di Apollonio al secondo Filostrato, conosciuto con il nome 
di Ateniese ed autore delle Vitae Sophistarum etc, figlio del I, suocero 
del III (Lemmius), a sua volta nonno del IV, autore delle Imagines. Rac- 
coglie poi in un altro capitolo i testi onde si rileva la riputazione che 
ebbe Apollonio prima della Vita filostratea, riputazione che non sembra 
fosse eccessivamente favorevole, se diamo retta a Luciano, ad Arteraidoro 
Daldiano, a Cassio Dione Cocceiano, ad allusioni genialmente identifi- 



— 135 — 

cate dal Ph. Circa l'età di Filostrato, l'autore confutando le deduzioni 
del Munscher, il quale ne pose il ventesimo anno tra il 184 ed il 194, 
sposterebbe la nascita, in vece che tra il 164 ed il 174, al meno al 181, 
come estremo limite: dopo di che l'a. espone un quadro della vita e 
della società de<?li anni di Giulia Domna, patrona di Filostrato, l'impe- 
ratrice che ha così gran parte nella storia del tempo corrente tra Set- 
timio ed Alessandro Severo, e paracfona grenialmente, seguendo il Duruy, 
il movimento d'idee di quella corte con quello umanistico del Quattro- 
cento. E qui l'a. esamina la posizione di Filostrato di fronte al Cristia- 
nesimo, dal momento che neW Apollonio si rintracciano ben nove remi- 
niscenze dai Vangeli e dagli Atti, ed una dall'^c^MS Petri ciitn Simone 
(apocrifo): egli fa un sofista, ed un sofista tipico, che conobbe i docu- 
menti cristiani ; gli umanisti ed i sofisti, antichi e moderni, son sincre- 
tisti per spirituale indolenza; egli poneva nella cultura la sua divinità 
e nel dilettantismo la sua religione, ma aspirava da buon sofista alla 
sua oligarchia intellettuale, cui i Cristiani davano ombra. Noi diremmo, 
per compire il pensiero, che sentiva il misoneismo dell'esteta per questa 
dottrina che gli toglieva il vanto della propria originalità, e nel suo 
blando anticristianesimo esplicava una nostalgia frondeuse verso stati 
d'animo e costumi che non aveva genio sufficiente per resuscitare se 
non per una mediocre opera d'arte. Il Ph., dopo qualche altro accenno 
alle vicende ed al carattere di Filostrato, che morì dopo il 244, analizza 
brevemente la figura di Apollonio quale, delineata dalla vita filostratea' 
apparve nei tempi successivi, raccogliendo e presentando i testi da cui 
risulta la fortuna del taumaturgo, a traverso la polemica cristiana, in 
guisa che Apollonio dopo Filostrato ci appare come una figura ambigua, 
una testa di Giano, con una faccia rivolta ancora all'Oriente ed una di 
già all'Occidente. In fine nell'ultimo capitolo della lunga, dotta, brillante» 
dilettevole introduzione, il Ph. discute l'età di Apollonio, che volgar- 
mente si crede nato tra il 6 e 1' 1 a. C. e morto quasi centenario, e ce- 
mentando testi antichi, discutendo opinioni moderne, vagliando circon- 
stanze e raffrontando fatti e date, propone la data di nascita circa dieci 
anni prima del regno di Caligola (37-41 d. C). 

Segue la traduzione, condotta con eleganza e modernità di riprodu- 
zione, e con cura scrupolosa di esattezza, giustificandosi criticamente 
l'interpretazione del testo che è illustrato con ottime note. Forse l'opera 
è un poco ambigua: troppo erudita per una semplice traduzione, troppo 
elegante per un'opera che, essendo di versione, non dovrebbe dirigersi 
ad un pubblico erudito : ma i lettori sapranno scegliere : gli eruditi pro- 
fittando della geniale dottrina, i colti gustando la traduzione ed i sus- 
sidi loro accessibili del comento. 

Emilio Bodrero. 



— 136 



Francesco Guglielmino. Arte e artifizio nel dramma greco [Biblioteca di 
■filologia classica diretta da Carlo Pascal. N. 6). Catania, F. Bat- 
tiate, 1912, di pagg. x-299. 

Ottimo lavoro che tiene degnamente il suo posto nella pregevolissima 
collezione di cui fa parte. Tratta della tecnica del dramma greco, argo- 
mento del quale nessuno finora presso di noi si era occupato di propo- 
sito, mentre fu oggetto di non poche pubblicazioni di studiosi stranieri, 
soprattutto tedeschi; e ne tratta in modo esauriente, per le questioni 
prese in esame in questo volume, che dovrà essere seguito da un altro. 
La trattazione è organica in sommo grado, e in ciò consiste l'origina- 
lità del libro, ma non in ciò soltanto; che l'autore non si limita a esporre, 
a scopo divulgativo, come egli si propose, i risultati delle ricerche altrui 
— e sono tutte ricerche parziali — bensì li vaglia con piena indipen- 
denza di giudizio e molto spesso esce in osservazioni giustissime, affatto 
personali, che dimostrano, se fosse necessario, quale sicura e profonda 
conoscenza possegga dei vari problemi che richiamarono la sua atten- 
zione. La sua quindi non è una semplice compilazione, come troppo 
modestamente la chiama il Guglielmino; anche se fosse tale avrebbe 
pur sempre un gran merito, di non lasciar nulla a desiderare, ne per 
l'informazione bibliografica, ne per l'ordine della trattazione, ne per la 
chiarezza dell'esposizione. Ben vengano, e siano molte, altre compila- 
zioni di questo genere. Il rilevare qualche piccolissima menda — una 
certa disformità nell'uso dei nomi delle divinità greche (Giove, Venere, 
Diana, Mercurio accanto a Efesto, Eracle, Athena), lo sbaglio di chiamar 
col Bellotti Gilissa (è invece KiÀtaaa, cioè nativa della Cilicia) la nu- 
trice delle Coefore, e alcune ripetizioni non necessarie — in un lavoro 
così ricco di pregi, è una vera pedanteria; mi sia perdonata, come prova 
della cura che ho posto nel leggere il libro. 

Il titolo di questo dice chiaramente che l'autore ha voluto sceverare 
nell'opera dei tragici greci — e quindi egli trascurò, ben a ragione, i 
frammenti da cui non è agevole trarre deduzioni sicure — ciò che è 
arte vera da ciò che è artifizio e convenzionalismo e costituisce la tecnica 
scenica e teatrale. " Cogliere questo convenzionalismo alla sua fonte, 
spiegarlo nelle cause che lo hanno determinato, rendersi conto anche 
degli sforzi fatti dai poeti per tentare di attenuarlo o dissimularlo „ : 
ecco l'intento del Guglielmino, che seppe raggiungerlo nel modo vera- 
mente migliore. 

Nella prima parte del libro, " Le convenzioni sceniche e la verosimi- 
glianza ,, è detto degli strappi di ogni genere che questa doveva forza- 






— 137 - 

tamente subire e per Fuso del coro e per la necessità di esporre agli 
spettatori l'antefatto, donde molte incongruenze, e per l'esiguo numero 
degli attori, che obbligava il poeta a una determinata costruzione della 
tragedia. Per ovviare agli inconvenienti relativi al coro e attenuare le 
accennate incongruenze non si poteva far a meno di ricorrere ad artifizi. 
Quali siano, in generale, è noto ; ma l'autore li passa tutti in rassegna e li 
esamina diligentemente nella loro essenza e nella loro esplicazione. Nel 
IV capitolo della stessa parte si discorre in maniera esauriente della 
cura addirittura meticolosa che i tragici mettevano nel motivare l'in- 
gresso dei personaggi sulla scena; qui sono molte osservazioni proprie 
del Guglielmino notevolissime per la loro giustezza. Anche la parte se- 
conda, " La ricerca dell'effetto „, comprende quattro capitoli ; tutti e 
quattro, anche questi, così buoni che in verità è difficile dire quale sia 
il migliore. Con maggior istruzione e diletto si legge il III, consacrato 
allo studio dei doppi sensi, uno dei mezzi onde solevano valersi i poeti 
per ottenere l'applauso. Gli altri tre trattano rispettivamente delle lu- 
singhe ai sentimenti patriottici del pubblico, dei modi per eccitare la 
commozione e della ricerca dell'effetto mediante i contrasti. 

Non poche delle questioni di cui si occupa il Guglielmino furono 
prima d'ora risolte definitivamente o per intero o in parte; non poche 
però ne pone egli stesso, e le risolve da se, giungendo a conclusioni 
che dovranno essere tenute presenti da tutti gli studiosi del teatro greco 
antico, pur se questi crederanno di non poterle accettare tutte. È cosa, 
del resto, che succede sempre, ove siano in gioco materie opinabili. Un 
esempio, che però non riguarda le conclusioni del Nostro: egli (pag. 105) 
trova ' finissima ' l'osservazione del Freytag, che Sofocle assegnando a 
un medesimo attore due o tre parti diverse conferiva un'unità ideale ai 
due tre personaggi che esso impersonava, e certi vincoli fra due per- 
sonaggi si rendessero sensibili mediante la voce dell'identico attore che 
pur essendo alterata conservava lo stesso timbro. Francamente, a me 
cotesta pare un'esagerazione, uno sforzarsi di veder troppo addentro al 
pensiero del poeta; ma posso ingannarmi. 

Ho avvertito sopra che l'opera del Guglielmino non è compiuta. Dopo 
tutte le lodi che ho fatto, in piena coscienza, di questo primo volume, 
non ho che ad augurare prossima, il piìi possibile, la pubblicazione del 
secondo; il quale certamente non sarà ne meno utile ne meno prezioso, 
come si può arguire pur dall'indice dei capitoli che dovrà contenere, 
dato nella prefazione dello stesso primo volume. 

Domenico Bassi. 



— 138 - 

Griechische Papyri im Museum des Oherhessischen Geschichtsvereins zu 
Giessen, im Verein tnit 0. Eger herausgegehen und erklàrt von Ernst 
KoRNEMANN und Padl M. Meyer. — Band 1, Heft 3 von E. Kornemann 
und P. M. Meyer: Urkunden n" 58-126 mit 3 Lichtdrucktafeln und 
Indices. Leipzig und Berlin, B. G. Teubner, 1912, di pagg. xiii-168. 

È il fascicolo da me preannunziato nella recensione dei due prece- 
denti in questa Rivista XL 131, recensione che assai mi spiace sia ri- 
masta ignota ai chiari autori dell'opera, che pure ne conoscono altre 
pubblicate in Italia; ma forse la mia, pronta fin dal settembre del 1911, 
venne a luce troppo tardi. 

Dei settanta documenti (due hanno il medesimo numero d'ordine, 65 
e 65 a) ora editi, trentasette (n.' 58-93) provengono da Heptakomia, dei 
rimanenti la maggior parte da varie altre località, fra cui Hermupolis 
e Oxyrhynchites ; poco più di una dozzina sono di provenienza ignota. 
Di ventisei non è dato il testo per intero, perchè non valeva la pena 
di darlo. Numerosissime le lettere, di cui alcune frammentarie, al solito 
stratego Apollouios, e di membri della sua famiglia, o che la riguardano. 
Una letterina (n° 78) di Aline, figlia di Apollonios, a una vecchia serva, 
chiamata affettuosamente 'madre', Tez^zi zTji firjTQt, non si distingue in 
nulla e per nulla, fatta astrazione dalla lingua, da una qualunque lette- 
rina simile del nostro tempo: HeQi zf/g Tv^daecog tcòv IfiaTtcav èdijÀcoadg 
fioi. KaÀcòg Se notrjaEig xal tieqì rà Xoinà èveQytjOaaa... 'H /AiKQà /4,ov 
'HQaiófoJvg yQÙcpovaa rùi naTQÌ èfiè oòx àajtd^sTai y.al Sid ti oì>k olSa. 
Sono documenti ° parlanti ' preziosi per la conoscenza della vita privata 
nell'antichità. Fra quelli pubblici noto una lista di candidati a varie 
liturgie, dell'anno 119/120 (n° 59 e tav. Vili); tre atti finanziari (n.' 60. 
62. 113) relativi a revisioni di catasti; un frammento (n" 99) di atti di 
una società di fedeli di Apollo a Hermupolis Magna. C'è anche un fram- 
mento teologico (n° 107j, poche linee purtroppo senza valore. E poi 
quietanze, ricevute, compre-vendite d'immobili, atti processuali, ecc., 
insomma tutti i soliti papiri documentarli, d'interesse giuridico, che for- 
mano, a dir così, il nerbo di quasi tutte le raccolte papirologiche pub- 
blicate in questi ultimi anni. Parecchi di essi, compresi i n.' 59 e 99 
teste ricordati, furono editi prima in periodici tedeschi, ai quali appunto 
si rimanda per ulteriori notizie e dichiarazioni. 

In complesso cotesto terzo fascicolo ha, per il suo contenuto, minore 
importanza, mi pare, dei due precedenti; s'intende però che l'opera degli 
editori, i quali nel loro arduo lavoro ebbero a compagni in più di un 
luogo il WiLCKEN e il Cronert, merita egualmente, senza restrizioni, le 
più ampie lodi. Gli indici, dei tre fascicoli, accuratissimi, oltreché molto 



- 139 - 

pratici all'uso, sono veramente preziosi: nomi di persona; re e impe- 
ratori; consoli, indizioni; mesi, gioi'ni (esclusi gli egiziani); geograBco 
(in quattro sezioni: paesi, popolazioni, toparchie, ecc.; villaggi; tójioi, 
MÀ^Qoi, ecc.; quartieri, ecc.); cariche, uffici, titoli, militari; divinità, sa- 
cerdoti, feste, tempii, ecc.; dazii, tributi, ecc.; pesi, misure e monete; 
abbreviazioni, numeri, simboli; indice delle parole nei papiri letterarii 
e documentarii ; indice delle materie nel commentario e nelle note al 
testo; indice dei luoghi citati (autori, iscrizioni, papiri, ostraka); concor- 
danze del numero d'inventario col numero dell'edizione. Sono, come si 
vede, ben quattordici indici, e occupano 38 pagine in-4°, a 3 colonne. 
Seguono, in altre 10 pagine, aggiunte e correzioni a tutti e tre i fasci- 
coli. È certo che i papii-i greci di Giessen non avrebbero potuto essere 
pubblicati in modo più degno. 

Domenico Bassi. 



Nicola Terzaghi. L' educazione in Grecia. Milano-Palermo-Napoli, R. San- 
dron, [1911], di pagg. 127. 

Nei limiti entro cui FA. lo volle, e per mancanza di libri — lo com- 
pose a.d Aquila — fu costretto a volerlo contenuto, il lavoro risponde 
al fine che egli si era proposto: dare un'idea di quel che fosse l'educa- 
zione greca, secondo le testimonianze antiche. Queste 
sono ora tradotte, ora riassunte ; forse qualcuna anziché riassunta andava 
tradotta, ma la traduzione avrebbe preso troppo spazio. In un primo 
capitolo si tratta dell'educazione a Creta, a Sparta, in Atene, e nelle 
altre parti della Grecia; nel secondo, seguito da due indici, analitico e 
degli autori, dell'educazione greca nella sua forma piìi complessa : l'edu- 
cazione e le scuole, le scuole e l'insegnamento, i maestri. La scelta dei 
passi, così nel testo come nelle note (capitolo I), copiosissime e nessuna 
superflua, è addirittura ottima; con tutte le dilucidazioni e considera- 
zioni onde li ha corredati l'A. costituiscono una rappresentazione viva 
e, vorrei dire, immediata del mondo greco antico in ciò che riguarda 
l'educazione. Certo, dello spirito o essenza di questa, pur in un lavoro 
di divulgazione, si poteva discorrere meno brevemente che non abbia 
fatto il Terzaghi; a me pare che un'introduzione di una decina di pa- 
gine sull'argomento con accenni allo sviluppo della civiltà greca, con 
cui è strettamente connesso il problema dell'educazione, sarebbe stata 
utilissima e non avrebbe in nulla snaturato il tipo del libro. Ma si ca- 
pisce che questo non fu il pensiero dell'A. ; e a ogni modo egli ha il 



— 140 — 

diritto di essere giudicato per quel che ha fatto e non per quello che 

i critici più meno pedanti ed esigenti vorrebbero che avesse dovuto 

fare. Ora quel che egli ha fatto, con competenza e diligenza meritevoli 

delle pivi ampie lodi, ha indubbiamente moltissimo valore; ne di meno 

potevamo aspettarci da uno studioso così valente dell'antichità greca 

quale è il Terzaghi. 

Domenico Bassi. 
Napoli, ottobre 1912. 



Pauli Aeginetae libri tertii interpretatio latina antiqua. Adiuvante insti- 
tuto Puschmanniano lipsiensi edidit J. L. Heiberg. Lipsiae, in ae- 
dibus B. G. Teubneri, MCMXII, di pp. xiv-242. 

Sono poco pili di undici anni dacché, nell'aprile del 1901, durante la 
prima adunanza generale della " Associazione internazionale delle Acca- 
demie ,, si parlò, a Chantilly, dal Heiberg e dal Diels, d'un grandioso 
programma di studi e di pubblicazioni per conquistare deflnitivamente 
alla filologia il campo dell'antica medicina, e wi progettò la edizione di 
un Corpus medicorum antiquorum. II primo volume dei medici greci uscì 
nel 1908 (Wellmann, Philiimeni de venenatis animalibus), e non c'è dubbio 
che l'intera collezione progettata sarà condotta a termine presto e ma- 
gistralmente. L'attenzione rivolta a questo campo alquanto remoto della 
filologia ha fatto sì, che in questi ultimi anni gli studi in esso si venis- 
sero intensificando; possiamo ora vedere quanto lavoro si sia compiuto 
in un tempo relativamente breve scorrendo il recentissimo " Resoconto 
sulla letteratura riguardante la medicina antica, nel periodo 1901-1910 „, 
che Fed. Ern. Kind ha pubblicato nel numero dello scorso settembre del 
Jahresbericht del Bursian (pag. 132-233) ; in esso sono enumerate circa 
300 opere, tra grandi e piccole, che portano il loro contributo alla co- 
noscenza di quello che fu l'arte medica nell'antichità. — Di Paolo Egineta, 
famosissimo medico vissuto nella prima metà del secolo settimo, non si 
hanno edizioni complete condotte con severità di metodo. Il Bloch (nel 
Handbuch der Geschichte der Medizin herausgegeben von Neuburger u. 
Pagel, 1, pag. 550) ne cita quattro sole : 1) aldina del 1528 ; 2) del Ge- 
musaeus, Basilea, 1538; 3) del Cornarius, Basilea, 1556; 4) del Briau, 
Parigi 1855. L'incarico di curare l'edizione critica di Paolo da Egina se 
l'è assunto il Heiberg, il quale nella prefazione al volume che abbiamo 
sott'occhio ci dice come alle sue cure editoriali debba l'origine sua il 
lavoro presente : (pag. in) In editione Pauli Aeginetae praeparanda ad 
interpretationem medii aeri Latinam deductus sum, qua examinata statui. 



- 141 — 

eam dignam esse, qiiae ederetur, non tam ut recfnsendi adiumentum — 
Graeci enim codices et boni et antiqui exstant plurimi — quani ut docu- 
mentum studioriim grnecorum medio aevo in Italia inferiore cuìtorum. 

Il testo è costituito su due codici (A, B), italiani l'uno e l'altro; il 
più antico (sec. XI) è conservato a Montecassino, l'altro, posteriore (se- 
colo XIII), è della Biblioteca Vaticana. 

L'editore mantiene la grafia originaria (il libro pare scritto nell'Italia 
meridionale circa il X sec.) e anche gli strafalcioni del latino mezzo 
barbaro del traduttore. È curioso notare, che i ridiculi errores, citati 
dall'editore (pag. xiii), ex magna exemplorum copia mostrano che il tra- 
duttore se non era forte in latino, era ancor meno forte in greco, e nei 
casi dubbi faceva come gli scolari d'oggi, cercava di rendere parola per 
parola senza capire il senso. Molti sono gli abbagli da lui presi ; citia- 
mone qualcuno, anche se non tutti si dovranno a imperizia del tradut- 
tore, ma piuttosto alla scorrettezza del suo codice greco : p. 155, 24 et 
aut tlipodoriton non rende un xaì /) 0eù)dù)QfjTog, ma un ^ © senza senso : 
p. 159, 3 mirsina hoc sufficit, non rende un [ivQffivdTov tò àQyiovv, ma 
un fi-vQaiva (?), tovio ùqkovv, sottint. èatCv : p. 184, 17 f^ieià oi'vov Mev- 
Srjaiov è tradotto ciiin vino quidem dissio, come il testo avesse f^èv òrjaiov. 
Si noterà che alcuni degli errori vengono da falsa partizione delle sillabe. 

Il lavoro del Heiberg è condotto con grande e scrupolosa esattezza e 
con quella competenza speciale che l'illustre filologo danese s'è acqui- 
stata in tale genere di studi. Prendiamo nota con piacere della sua 
promessa {Praefat. ILI) di parlarci, quando che sia, dei rapporti tra gli 
studi greci che fiorirono nell'Italia meridionale durante il medio-evo e 
la scuola Salernitana : l'argomento sarà particolarmente interessante per 

noi Italiani. 

Achille Cosattini. 



Frank Egleston Robbins. The Hexaemeral Literature. A studi/ of the 
Greek and Latin Commentaries on Genesis. Chicago, the University 
of Chicago Press, 1912, di pp. v-104. 

È una tesi di laurea sopra un tema suggerito dal prof. Paul Shorey 
dell'Università di Chicago ; essa mostra, che l'A. possiede una estesa e 
profonda conoscenza dell'argomento ed è bene informato della lettera- 
tura su di esso. Come suole accadere in tale genere di lavori, che sono 
sintetici ed analitici insieme, una grande quantità di argomenti vi è 
semplicemente sfiorata; poiché l'interpretazione della Genesi è studiata 
da capo nei vari autori, abbondano le ripetizioni. Diamo l'indice dei 
sette capitoli dell'opera : I. Influenza della filosofia greca sugli antichi 



— 142 — 

commentatori della Genesi; II. Filone Ebreo e gli scrittori ebraici che 
commentarono la Genesi; III. Antichi commentatori anteriori a Basilio ; 
IV. Basilio; V. I commentatori che seguono Basilio; VI. Agostino; 
VII. Da Scoto Erigena alla Rinascenza. — Indice dei nomi (vi sono re- 
gistrati circa 130 antichi scrittori di commenti sui libri della creazione, 
con breve indicazione biografica e bibliografica per ciascuno). Nel primo 
capitolo, che più direttamente interesserà i lettori di questo periodico, si 
tratta prima dell'influenza esercitata sui piìi antichi commentatori della 
Genesi da Platone, specialmente col Timeo, ma anche con qualche altro 
dialogo, come col Teeteto e col Filebo, e si passa quindi a determinare 
quanto essi debbano ad Aristotele, agli Stoici, ai Neoplatonici, ad Epi- 
curo e ai Neopitagorici. Il capitolo è buono, specialmente per Platone ; 
peccato, però, che l'influsso esercitato dai filosofi pagani sia considerato 
unicamente riguardo al contenuto del loro insegnamento, mentre, come è 
noto, anche il metodo d'interpretazione dei primi filosofi cristiani è, in 
parte, dovuto a metodi sorti in grembo al paganesimo (vedasi a tale pro- 
posito : Hatch-Preuschen, Griechentum und Christentum. Lezione III: In- 
terpretazione greca e cristiana). — Il R. distingue quattro tipi di com- 
mento : 1) quello di cui è rappresentante precipuo Agostino, secondo il 
quale si insiste specialmente sopra il concetto, che le forme delle cose 
preesistessero nel Verbo, e si dà maggiore importanza al lato immateriale 
del problema, trascurando il fisico e materiale; 2) il tipo di Basilio, che 
insiste invece sul fenomeno fisico della settimana della Creazione; 3) il 
tipo che fa del racconto della Genesi un'allegoria edificante ; 4) il tipo 
del commento poetico. 

Lo studio del R., che, altrimenti concepito, avrebbe potuto divenire 
un utile e interessante riassunto di tutta la filosofia cristiana sull'origine 
dell'universo, deliberatamente si limita ad una scorsa attraverso gli 
autori che ne trattai-ono, per fissare quali idee essi abbiano in comune, 
quali in ciascuno siano nuove, e quali siano i precedenti antichi e delle 
une e delle altre. Anche così, riesce di lettura gradevole perchè scritto 
nel solito modo piano e semplice degli inglesi, ed utile per il grande 
numero di riferimenti a fonti cristiane antiche e medievali. 

Achille Cosattini. 



Dietrich Mììlder. Die Ilias und ihre Quellen. Berlin, Weidmannsche 
Buchhandlung, 1910, di pagg. x-372. 

Per ragioni indipendenti dal nostro buon volere, la Rivista pai-la con 
qualche ritardo di questo lavoro senza dubbio lungamente pensato, che 



— 143 — 

richiederebbe un esame ben più minuto di quello che qui si fa. Il Mùlder, 
che, dice, attendeva da molti anni a studi omerici, col procedere in essi 
e, s'intende, sulla falsariga dei critici analitici, s'è disgustato dei loro 
metodi e li ha abbandonati. Ed ecco ora i metodi che segue ed i fini 
che si propone, presentemente. Io pensai, egli dice a p. vi, che " un'opera 
poetica non si può intendere se non mettendo in luce quello che di 
poetico c'è in essa. Con ciò restano fissati gli strettissimi confini che 
nel mio lavoro doveva avere l'interpretazione filologica (?) dei testi. La- 
sciato da parte, per principio, tutto il bagaglio erudito di citazioni, note, 
digressioni, ecc., ho cercato di scrivere un manuale utile per gli spe- 
cialisti, ma che si facesse leggere anche da chi non è specialista ,. Egli 
ha l'intenzione di dare sodisfazione all' * urgente bisogno di quanti inse- 
gnano greco, ai quali riesce assolutamente impossibile di non ismarrirsi 
senza scampo nel labirinto dell'odierna letteratura omerica, tutta fram- 
mentaria e rivolta a piccole e piccolissime questioni „. Sono molti in- 
fatti, anche fuori di Germania, che amano tenersi a giorno di questa 
produzione e che in fatto di studi crederebbero di venir meno alla loro 
dignità se non vestissero all'ultima moda, apprezzando ricerche e 
teorie come le ova, solo quando sono fresche. Ma, pur troppo per loro, 
il M. non ci dà un repertorio ordinato di risultati d'altrui ricerche, ma 
si propone di fornirci d'un filo conduttore, un bandolo per dipanare la 
matassa. La matassa imbrogliata, ossia " il problema omerico in nuce ,, 
come dice l'A. (p. 6), è questo : nei poemi omerici si trovano uniti e 
mescolati elementi recenti ed antichi, luoghi elaborati e portati alla 
perfezione e luoghi non elaborati, elementi fusi in modo da formare 
unità continua, e altri dove la perfetta fusione non è raggiunta e si 
scorgono le suture. Poiché è evidente, argomenta il M., che un unico 
poeta non può nel medesimo tempo produrre, derivandole dalla propria 
fantasia, poesie di qualità tanto diversa, come si spiega il fatto? — 
L'ipotesi che i poemi siano risultati, comunque, da canti staccati, è giu- 
dicata dall'A. impossibile, insufficiente e superflua. Egli si oppone riso- 
lutamente (a parole) ai seguaci del metodo del Kirchhoff, cioè alle 
indagini dei cacciatori di " Einzellieder ,, perchè è in possesso della spie- 
gazione sicura, semplice, infallibile. 

Prima di tutto il M. si dichiara decisamente, irremovibilmente, uni- 
tario. Questa è l'intuizione da cui parte; il male è, che, rimanendo in 
pectore fedele ai sistemi dei critici che tanto volentieri e replicatamente 
combatte, cerca di conciliarla con la ipotesi di canti preesistenti, o 
meglio di poemi preesistenti, formati a regola d'arte e compiuti, ma di 
cui nessuno sa nulla, tranne, ben inteso, il M. — Ecco i risultati ai 
quali egli giunge. Un poeta geniale esistette realmente verso il 625 av. Cr., 
e visse, a quanto pare, nella Ionia. Per quanto geniale, egli componeva 



— 144 - 

i suoi poemi valendosi liberamente dei canti, dei poemi scritti prima 
di lui. La sua attività letteraria non differisce gran che da quella del 
Siaay.evaazT^g, che altri suppose, la cui coscienza, si sa, è nera d'una 
quantità di peccati artistici. Infatti, se non si dà all'occupazione di cucire 
canti e passi, li trasporta, alla meglio, di là. dove stavano bene, alla 
situazione da lui creata, che si riduce poi, per il M., essenzialmente alla 
glorificazione di Achille sopra una base universale ,, come elegante- 
mente è detto (p. 19). Le fonti di Omero si riducono in fondo a tre 
poemi. Da due derivano in gran parte le cose cantate dal poeta: uno 
era sulla guerra tebana (cap. IV : Thebanisch-argivische Quellen, p. 57-77), 
l'altro era sulle imprese che i Tessali guidati da Achille compirono nella 
regione di Adramyttio (cap. IX: Unternehmungen und Thaten des Achil- 
leus, p. 197-221; cfr. p. 209: " im Mittelpunkte aber standen wohl die 
Unternehmungen im Winkel des adramittenischen Golfs gegenùber 
Lesbos „). Di suo, Omero mette un'idea originale, la quale però non ha 
altro ufficio nel poema se non di ordinare la materia che altri gli for- 
niva; sua è l'ideazione del fatto particolare che costituisce la trama 
dell'Iliade, ma scene, motivi, ecc. sono presi da altri. Ilio è una novella 
Tebe, la spedizione degli Argivi contro Ilio è la spedizione dei Sette 
contro Tebe ; la sola fatica del poeta, se pure esso ancora merita questo 
nome, è di trasformare l'azione in troiana, il che gli riesce, non senza 
che però noi ci accorgiamo dei suoi artifici. Ma da che venne al poeta 
l'idea di porre l'azione proprio a Troia e di trasportare i suoi Argivi 
contro Ilio? Il M. lo sa e ce lo dice subito: dal terzo dei poemi che 
sono la fonte di tutto, il quale narrava le relazioni passate tra Ercole 
e Laomedonte, antico re di Troia (cap. VI: Einflusz einer Herakles- 
dichtung, p. 117-158). L'Iliade dunque è semplicemente la fusione di tre 
poemi che già esistevano, la genialità del poeta si riduce a saper, più 
meno bene, metter assieme i disparati materiali. Il M. ha uno strano 
concetto della elaborazione poetica, giacche si figura che Omero abbia 
proprio preso i " pezzi , belli e fatti, e, senza neppure smontarli, li abbia 
portati nei poemi suoi, tanto, che ci parla di " molte parti formate di 
materiale già pronto e lavorato (p. 117) „. Sicché, a concludere dal pro- 
posito, che egli aveva espresso, di cercar di capire l'opera del poeta 
mettendo in luce quel che di poetico era in essa, si dovrebbe dire che 
' das Dichterische „, nei poemi omerici, consista nella " Geschicklichkeit 
des Dichters im Kombinieren , (p. 105). Assurdità maggiore difficilmente 
può venii'e in mente di un erudito che parli di cose d'arte. Per farsi, 
del resto, un'esatta idea della finezza di gusto del M., che pure prende 
ad esaminare l'arte d'un poema ritenuto in tutti i tempi maraviglioso, 
basta leggere il paragrafo sulle similitudini dell'Iliade, nel quale dà 
una solenne lezione d'arte poetica ad Omero e a tutti quanti siamo, 



- 145 - 

presenti, passati e futuri, ad ammirare l'opera sua (vedansi le pp. 328-335). 
Omero va di là dal tertium comparationis, che, del resto, " è quasi sempre 
estremamente vago „ : errore gravissimo. Omero non fa tanto spreco di 
similitudini perchè la sua fantasia poetica a ciò lo stimoli, ma per otte- 
nere in ogni modo l'effetto. Cito testualmente : " In molti casi per l'au- 
tore si trattava (a fine di non lasciare inutilizzato il modello originale) 
di adoperare il più grande numero di comparazioni tradizionali e co- 
muni che gli fosse possibile usare „ (p. 329). Il M. sa, però, che nell'ori- 
ginale esse erano molto meno. La cosa andò così. Omero trovò in esso, 
nella sua " Vorlage „, una descrizione, p. es., del contenuto seguente: in 
un gregge di buoi penetra un leone ; invano i pastori cercano con grida 
ed i cani con latrati di scacciarlo, egli continua imperturbato, alla pre- 
senza di tutti, a divorare la sua preda e a beverne il sangue. Omero s'è 
divertito a fare a pezzi questa descrizione ed a presentarcela sotto forma 
di comparazione, mettendocela sotto gli occhi, a sproposito, ogni pie 
sospinto, ora presentandocene una parte ora un'altra. Più gretti di così 
non si può essere! 

Non ci è possibile seguire qui le dimostrazioni particolari dalle quali 
il M. deduce che le sue asserzioni apodittiche sono verità lampanti. Il 
suo metodo è sempre il medesimo : trovare una qualche discrepanza o 
difficoltà di composizione nel poema, proiettare quindi l'azione in cui 
tale difficoltà si trova in un'opera anteriore nella quale tutto procede- 
rebbe naturalmente e quella difficoltà sarebbe eliminata : concludere in- 
fine che Omero deve avere preso di là la sua situazione. L'analisi dei 
poemi è fatta con un razionalismo desolante e di corta veduta. Cito un 
esempio solo. Nell'Iliade, Elena è pentita d'avere abbandonato il marito 
e seguito Paride; dunque ha commesso un fallo; dunque fu consenziente, 
se no non ci sarebbe fallo. Menelao si batte, in singolare tenzone, con 
Paride; dunque rivuole la moglie; dunque l'apprezza ancora; dunque la 
stima! Questa, pel M., è la prova evidente, che Omero ha preso il 

motivo del duello , da un poema dove si combatteva pel possesso di 
una donna rapita a forza, non con un ratto consensuale. Omero è con- 
vinto di furto qualificato, e, palesemente, si mostra poco delicato per 
Menelao. Guai, infatti, che Menelao avesse rivoluto una donna leggera, 
indegna di lui: egli si sarebbe abbassato al livello degli uomini più 
depravati, ecc., ecc. " Weisheit! Du red'st wie eine Taube! ,. 

Le costruzioni del M. sono sempre ideologiche; esame di fatti lingui- 
stici e di dati archeologici sono cose materiali da cui la sua mente filo- 
sofica ripugna. Quello che più desta maraviglia è che il suo studio, che 
verrebbe voglia di dire concentrato nel vuoto, considera i poemi omerici 
come se non appartenessero alla storia. Omero sarebbe vissuto nell'ultimo 
quarto del settimo secolo e avrebbe composto, per via di compilazione. 
Rivista di filologia, ecc., XLI. 10 



- 146 — 

prendendo perfino da Tirteo (infatti N 130-133 sarebbero imitazione di 
Tirteo 11, 31): è quindi, in tale caso, poeta di non grande levatura e 
di data recente. Come si spiega allora tutta l'immensa influenza eserci- 
tata da lui sulla vita, sulla letteratui'a, sulla politica, sul pensiero, sul- 
l'arte greca? Non ci sono fatti letterari e sociali che rendono impossi- 
bile tale datazione? È ammissibile che un popolo intero, che il popolo 
greco tutto, che, via, in fatto d'arte qualche cosa capiva, si fosse la- 
sciato turlupinare da un raffazzonatore quale è l'Omero del Miilder? 
Ma l'autore del volume presente non si pone questi ed altri problemi; 
semplicemente, li ignora, ' ignoriert '. E deplorevole che sì buona ed 
estesa conoscenza dei poemi omerici quale da tutto il libro risulta, e 
un innegabile acume d'argomentazione, che sovente si scorge nelle sue 
pagine, siano stati messi al servizio d'una causa pensata e posata su 
basi tanto poco solide come sono quelle sulle quali l'A. ha costruito il 
suo edificio. 

Roma, novembre 1912. 

Achille Cosattini. 



Acadó^ov 'ETtcanÓTiov WcoTiKfjg r^j ^HtibIqov tov 'IÀÀvqikov KsqìdÀaia 
yvmaTtìià P". Sancti Diadochi Episcopi Photicensis De perfectione spi- 
rituali capita centmn. Textus graeci ad fidem codd. mss. editionem 
criticam et quasi principem curavit J. E. Weis-Liebersdorf. Lipsiae, 
in aedibus B. G. Teubneri, MCMXIl, di pagg. vi-165. 

11 W.-L. è un teologo, e, come si vede dalla prefazione, è mosso, più 
che da un interesse puramente filologico, dal desiderio di rendere acces- 
sibile ai fedeli " i ricchi tesori dell'antica sapienza e morale cristiana ,. 
Egli non pretende di dare un'edizione definitiva, ma si chiama felice di 
poter ofi'rire ai lettori la prima edizione critica del testo originale greco, 
basata su alcuni dei migliori e piìi antichi manoscritti. Veramente si 
capisce poco perchè nella Einleitung (p. 3) dichiari non essere quello il 
luogo per una particolareggiata descrizione dei manoscritti greci. Si li- 
mita dunque a dire che i codici da lui adoperati sono otto : il più an- 
tico del IX sec. e il più recente del xvi sec. Delle relazioni che passano 
tra loro non siamo informati, mentre pure l'A. ha cura di farci sapere 
che esistono del libretto che pubblica due edizioni a stampa, la prima, 
pubblicata a Venezia nel 1782 e l'altra in Atene nel 1893. Egli dichiara 
che non gli riuscì di vederle (!), ma ciò non lo autorizza a chiamare la 



- 147 — 

sua edizione quasi principem. Si capisce che in Italia non ha avuto ne 
tempo, ne voglia di venire, ed è uno di quegli che vogliono lavorare 
comodamente a casa loro, pronto a dire impertinenze a chi non gli dà 
tutti gli agi. A Grottaferrata esiste un prezioso codice autografo di 
S. Nilo, che il W.-L. sentiva il dovere (sino a un certo punto) di stu- 
diare; ma, non avendo ottenuto di farselo mandare a casa, ne fa a meno, 
contentandosi di scrivere (p. 5) : " leider konnte ich den Kodex nicht 
vergleichen, da die Italiener, kirchliche wie weltliche, aus einer nur in 
Italien begrundeten Vorsicht keine Handschrift aus dem Hause geben, 
auch an keine Staatsbibliothek leihweise verschieken „. L'apparato, chia- 
miamolo pure critico, è riuscito, per le ragioni dette sopra, insufficiente, 
e, quantunque con non lodevole sollecitudine il W.-L. dichiari d'essere 
stato iniziato ai misteri della tecnica di una edizione critica (in die 
Editionstechnik emgeweiht) nelle esercitazioni del seminario filologico 
di Monaco, non si capisce il perchè della preferenza data ad una lezione 
su di un'altra, ne si riesce a trovare sempre migliore la prescelta. Non in- 
teressa poi affatto registrare nell'apparato errori di grafia come: p. 6,10 
àÀÀaaófisvog per àÀÀaaaófievog, p. 6, 13 oinTÌ^fKoveg per oÌKTiQ{4-oveg, 
p. 8, 3 nataÀd^avTi, o, xaTrjÀÀd^avzi per aaiaÀÀd^avTt e così via. 

Utile e gradita, specialmente per i lettori cui il W. L. rivolge il testo, 
è la traduzione del gesuita Francesco Torres che l'editore stampa di 
fronte al greco dell'originale. 

Roma, novembre 1912. 

Achille Cosattini. 



Eduard Hermann. Die Nebensàtze in den griechischen Dialektinschriften 
in Vergleich mit den Nebensdtzen in der griechischen Literatnr, iind 
Die Gebildetensprache im Griechischen und Deutschen. Leipzig und 
Berlin, B. G. Teubner, 1912, di pp. vin-346 e due tabelle. 

È il primo volume delle Griechische Forschiingen per le quali l'a. ha 
non poco già pronto ed in elaborazione dopo venti anni di studi con- 
dotti sotto la guida e coll'impulso di un maestro come B. Delbrùck. 
Si tratta infatti di ricerche principalmente sintattiche, se non tali 
esclusivamente, e talora anche tali da eccedere i confini della sintassi, 
come viene generalmente intesa, per affacciarsi ai problemi generali 
dell'espressione, dalle piìi umili forme del linguaggio fino alle piìi ele- 
vate manifestazioni dell'arte. Ma il campo proprio del lavoro è la lingua 
delle iscrizioni greche : si vuole però andare oltre ad essa, ed in entrambe 



— 148 — 

le direzioni, cioè al volgare parlato, da una parte, e, dall'altra, alla lingua 
delle persone colte e della letteratura. A questo scopo è rivolto lo 
studio delle proposizioni dipendenti, diremmo noi, secondo la terminologia 
comune. 

L'autore, al quale non manca lo spirito della discussione ed anche 
qualche spunto polemico, prende le mosse dal concetto di Nebensatz, 
ed in confutazione del Dittmar stabilisce che un periodo risulta di 
principale e dipendente, se due proposizioni si integrano a vicenda e sono 
così strettamente legate l'una all'altra, che ciascuna od entrambe da se 
non hanno nessun senso o ne hanno un altro diverso da quello che 
risulta dalla loro unione; inoltre una delle proposizioni viene introdotta 
da parola speciale, che altrove non appare con tale significato : la pro- 
posizione che integra l'altra, o ne viene integrata, è la principale, l'altra 
la dipendente. 

La spiegazione, che segue alla definizione, mette in chiaro che si 
parte da un concetto formale, non dal valore di ciò che le proposizioni 
esprimono. Si deve però osservare che "principale „ corrisponde al 
termine usato dall'a., non vi corrisponde piìi " dipendente „. Anzi è dif- 
ficile trovare l'equivalente di Nebensatz, che indica e vuole indicare il 
solo fatto esterno, del trovarsi cioè una proposizione accanto (prima o 
dopo) ad un'altra, colla quale è in nesso logico e formale. Si potrebbe 
dire " proposizione paratattica „, qualora per ^«ratossi potessimo dimen- 
ticare la differenza da ipotassi, anzi l'opposizione ad ipotassi, cosa diffi- 
cile qui, dove l'argomento richiama necessariamente anche allo studio di 
proposizioni dette ipotattiche in altra terminologia. Ne sarebbero più 
idonei i vocaboli di "coordinate,, o "subordinate „, appunto per anti- 
tesi e divergenze simili alle già notate e perchè, secondo il valore tra- 
dizionale del vocabolo, si riferirebbero ad una sola parte dell'argomento. 
Altre difficoltà offrirebbe l'uso di " proposizioni soggiuntive „ o "congiun- 
tive,,. Parrebbe migliore l'uso di "proposizioni accessorie „, se ad acces- 
sorio non spettasse comunemente un senso lontano dall'etimologico e 
che menoma il valore delle proposizioni stesse. Si potrà dire forse 
" principale „ ed " annessa „ ? Propongo : altri decida. 

Stabilito il concetto di Nebensatz, l'a. studia come questa proposizione 
si comporti nelle iscrizioni greche, cioè nelle non-attiche: così il terri- 
torio linguistico è determinato, secondo la consuetudine dominante, ma 
senza insistere sulla delimitazione. In seguito le proposizioni vengono stu- 
diate minutamente, col metodo storico-statistico, ordinandole per cate- 
gorie contradistinte dall'uso di particelle e di pronomi. C'è uno spoglio 
diligentissimo e prezioso, e larga esemplificazione, sopratutto per le 
epigrafi di Delfi. Si deve anzi dire che per il latino non esiste ancora, 
che io sappia, nessun lavoro di spoglio e di ordinamento paragonabile 



— 149 — 

a questo. Il quale basterebbe anche da solo, colla ricchezza e la varietà 
dei fatti sintattici, ad eliminare l'opinione, già solennemente professata, 
che i parlari greci differissero fi'a loro per fatti fonetici anzitutto e 
morfologici poi, e, da ultimo, in scarsa misura, per fatti sintattici, meno 
degni perciò di attenzione. È opinione coeva a quella che sosteneva l'atten- 
zione del glottologo arrestai'si alla Koiné, intesa come estremo limite 
dello svolgimento linguistico della Grecità. Già un tempo fonologia e 
morfologia esaurivano o quasi, il compito del glottologo: al Delbruck 
principalmente spetta il merito di nuove e sistematiche ricerche sin- 
tattiche. Se il libro del Hermann offrisse, in due diverse sezioni, anche 
soltanto il ricco spoglio ed ordinamento di fatti, sarebbe già molto 
prezioso in se e quale complemento delle più ricche sintassi, non esclusa 
la seconda edizione del Kuhner-Blass : ma il volume contiene anche 
altro, e sopratutto una trattazione, che deriva dallo spirito che anima 
l'esame sintattico dell'a. Vale a dire i fenomeni sintattici delle iscri- 
zioni sono minutamente analizzati; ma essi vengono anche valutati 
in base al concetto che si crede si debba avere intorno alla lingua 
stessa delle epigrafi. A che cosa corrisponde la lingua delle epigrafi ? 
Fino a che punto rappresenta la lingua parlata e 1' elemento lingui- 
stico locale e ce ne riproduce le evoluzioni sia del dialetto singolo, 
sia per i rapporti fra dialetto e dialetto e la Koiné? Il problema è 
complesso; ed il Hermann ha ragione ed occasione di avvicinarsi al 
Thumb ed al Kretschmer e di scostarsi da entrambi nella valutazione 
del fatto: ne a torto egli mette in evidenza quanti sieno i limiti e 
quali le difficoltà che si frapposero all'uso della lingua parlata, usuale, 
volgare nelle epigrafi, le quali spesso rappresentano la lingua delle 
persone colte, venendo anche a segnare un passaggio alla lingua let- 
teraria. L'a. esamina brevemente anche le forme di questa, e coglie 
l'occasione di trattare brevemente la mistione dialettale e di esporne 
le cause. In ciò il Hermann ha spesso vedute sue, e le espone con vi- 
vacità e larghezza. E si comprende come non potesse trovai-e sussidi 
migliori che lo studio di fatti simili in lingue a noi più vicine e più 
documentate. Di qui la parte del libro dedicata alle varie forme di 
tedesco, popolare cioè, e delle persone colte, e delle cancellerie e della 
letteratura. Il fenomeno è colto nella sua vita, a noi contemporanea o 
di poco anteriore, e viene esposto in fatti notevoli e finanche curiosi; 
e dà luce, ne soltanto per il processo di analogia, alla questione dei 
parlari greci, per i quali le epigrafi dicono e possono dire assai meno 
di quanto vorremmo ed attenderemmo da attento ed accurato esame. 
Anche le epigrafi, come i testi letterarii, non vanno sforzate; ed è uopo 
ci rammentiamo che esse sono in grado di dare unicamente quello che 
possono. 



— 150 — 

Se il tedesco, in varietà scritte ed orali, offre largo campo all'a., non 
mancano notizie desunte da altre lingue ; che altre parti del libro assur- 
gono al Vorurgriechisch, p. es., circa il pronome relativo e le particelle 
annesswe, ed eì?aminano la questione del valore fondamentale del rela- 
tivo, concludendo contro il Dittmar e fissando il valore originario delle 
parole in questione, nel greco e fuori del greco. 

Una sezione molto importante ed interessante del volume è data dallo 
studio snW attrazione, per la quale il Hermann mette innanzi una spie- 
gazione sua, secondo la quale il procedimento dell'attrazione avrebbe 
preso le mosse dal relativo appartenente in comune alla principale ed 
all'annessa, spettando al relativo il valore " urgriechisch „ di " quello 
che „, e apparendo esso nella medesima forma per ambe le proposizioni 
(p. 239). " Wie man a in a l'a/^ev als Akkusativ aucb von dem Verbum 
dea Hauptsatzes abhàngig machen konnte, ohne rama hinzufiigen zu 
miissen, gewohnte man sich daran, auch fiir tovtojv a l'ofiev kùrzer &v 
ÌOfiEv ZU sagen „. Quello che ho esposto finora è assai poco di fronte 
al denso e ricco contenuto del volume; ma basta a farne comprendere 
il valore e l'importanza. E ciò mi dispensa da altre parole. 

Caelo Oreste Zuretti. 



Eduard Stemplinger. Das Plagiai in der griechischen Literatur. Leipzig 
und Berlin, B. G. Teubner, 1912, di pp. vi-293. 

È un'opera coronata dall'Accademia delle Scienze di Monaco, che aveva 
bandito un concorso sul " plagio nella letteratura greca ,, e il lavoro 
premiato contiene molto di notevole e di interessante, perchè l'autore 
non si è contentato di raccogliere materiali. Difficilmente anzi un lavoro 
come questo si sarebbe avuto in Germania prima dei volumi del Norden 
sulla Prosa. E ben vengano altri lavori del medesimo genere. 

In questo volume non tutto può essere originale, dacché l'autore, anche 
per l'ampiezza dell'argomento, ha dovuto spesso rimettersi ai lavori altrui 
oltre che al suo diretto esame delle opere atìtiche; ma ciò era neces- 
sario, perchè se egli avesse voluto rifare tutto di suo, non avrebbe mai 
terminato il lavoro. È però generalmente bene informato, anche se qua 
e là debbono osservarsi delle lacune^ specialmente per opere non pub- 
blicate in Germania. E c'è anche altro da notare. Per esempio avrei 
desiderato un'apposita trattazione della parodia, che per Aristofane ha 
un'importanza speciale, non sfuggita agli studiosi, taluno de' quali se 
n'è occupato ex-professo ed ampiamente. Lo Stemplinger a proposito 



— ibi — 

della filf^tjaig e simile rasenta l'argomento, ma non v'entra mai risolu- 
tamente come credo avrebbe richiesto lo svolgimento da lui dato al 
suo libro. 

Ma voglio subito notare un pregio del volume, che a pp. 40 sgg. offre, 
dalla preparazione evangelica di Eusebio, il testo di un brano del primo 
libro della cpiÀóÀoyog àKQÓaaig di Porfirio, a cui segue una buona ana- 
lisi e valutazione di quanto diceva Porfirio. Venendo ad un particolare, 
mi sembra che lo Stemplinger abbia ragione nel ritenere che le parole 
" ìtsqó, riva zomotg èjiayaycbv ènikéyei „ siano un inciso di Eusebio. 
Certamente il brano di Porfirio meritava d'essere continuamente sot- 
t'occhio nel volume, che ne riprende la materia e conduce a critica ciò 
che in massima parte, anche fra gli antichi, si dovette a pettegolezzo 
letterario, a maldicenza, ad amore dello scandalo — quasi quasi si do- 
vrebbe costituire una figura di uno speciale reato di diffamazione ed 
ingiuria letteraria. Certamente non tutti coloro che mossero accuse di 
furti letterarii e di plagi furono in buonafede; che parecchi partivano 
da un concetto erroneo e vago del plagio, ma i piìi sapevano e vole- 
vano esagerare, e sapevano di prescindere dall'elemento fondamentale e 
necessario del plagio, che è il dolo letterario. Dove il dolo non c'è, il 
plagio non esiste, anche data la massima somiglianza e perfino l'iden- 
tità di parola e di concetto. 

L'autore, opportunamente, fa larghe escursioni nella letteratura latina 
ed anche nelle moderne. Per i Romani è sempre curioso il notare che 
si faceva accusa di plagio se una commedia desse quanto già si trovava 
in altra commedia latina — sicché, a quanto ci dice Terenzio, non dal- 
l'imitazione dalla natura o dalla estensione sua derivava l'accusa di 
plagio, ma dalla nazione e dalla lingua dell'autore col quale si notava 
il riscontro. Prendere tutto da un greco, non era plagio, ed era plagio 
prendere qualcosa da un romano, il quale a sua volta avesse preso tutto 
dai Greci. E sarebbe anche curioso riferire la difesa del Bibbiena, contro 
una possibile accusa di plagio da Plauto a proposito della Calandra : 
egli disse che nulla aveva preso a Plauto, tanto è vero che in Plauto 
c'è ancora tutto quello che c'era prima della Calandra. 

Per il Nietzsche poi è il caso di una breve aggiunta. Se il filosofo ci 
teneva all'originalità del suo pensiero, è d'altra parte sicura la coinci- 
denza e la derivazione sua dal pensiero de' sofisti greci attraverso Platone. 
Altri a quella fonte non avrebbe potuto attingere; non così il Nietzsche 
conoscitore della filosofia greca nelle sue fonti dirette : e le coincidenze 
e le derivazioni furono notate e per i particolari ed anche per l'insieme 
di teorie morali del Nietzsche. Finisco co' romanzi greci. Già in essi 
parecchi motivi derivano dalla lirica amorosa letteraria e popolai-e ; ma 
un motivo comune va notato direi a preferenza di altri toccati dallo 



— 152 - 

Stemplinger, il motivo cioè del ritardato accoppiamento — che si col- 
lega a culto religioso ed a superstizione. 

Ma lo Stemplinger aveva da badare a troppe cose; ne finora conosco 
opera che abbia detto tutto di tutto. 

Carlo Oreste Zuretti. 



C. Zander. Eurythmia vel compositio rythmica prosae antiquae : I. Eti- 
rythmia Deinosthenis. Leipzig, Otto Harrassowitz, 1910, di pp. xx-494. 

Lo Zander si è proposto di trattare compiutamente la quistione dei 
ritmi in Demostene e di stabilire linee rigidamente definitive dove alle 
osservazioni generiche degli antichi non fu ancora da moderni sostituito 
alcunché di organico e di preciso. Procedendo quindi verso la costru- 
zione d'un sistema egli è senza dubbio giunto olti'e i suoi predecessori 
ed insieme ha acquistato diritto alla scrupolosa attenzione e al rispetto 
della critica, con la solerte pazienza dell'indagine e con l'in.stancabile 
discussione di molti problemi diretti e laterali che gli intricavano il 
cammino. Ma, nel complesso, il suo libro di grave mole e di molto 
merito è riuscito difficile da esaminare e da valutare equamente : colpa 
della natura intrinseca dell'argomento e colpa del metodo stesso col 
quale lo trattò. 

In verità, la nuova scienza forse non è ancora matura per una defi- 
nitiva trattazione e forse è di quelle che non possono essere esaurite 
da un lavoro più o meno assiduo e minuzioso, ma attendono di essere 
sollevate di colpo dal volo sicuro di un ingegno eccellente. Vi sono veri 
di cui nessuno dubita fino a che restano intuizioni soltanto comprovate 
qua là dall'esempio : perdono verisimiglianza quando vengono sviscerati 
e anatomizzati nello sforzo di ridurli a legge o a sistema. Così, nessuno 
oggi sconosce quanto sia meravigliosamente armonica e numerosa una 
bella orazione di Demostene, e se anche un orecchio poco esercitato 
afferra il valore delle cadenze e dei gruppi ritmici che concorrono alla 
luce del pensiero, non sarà difficile intendere come dalle clausule l'ele- 
mento ritmico possa ridondare ai principii e alla movenza tutta intera 
di certi membri o periodi. Ma neppure è difficile trovare schemi ritmici 
apparenti e proprii poco diversi per se da quelli, nella prosa di qual- 
siasi antico e moderno, perchè è evidente che non può essere prosa 
d'arte, e forse neanche alcuna scrittura o parlata, che non obbedisca a 
certe leggi, conscie o inconscie, del ritmo. Solo non è possibile muovere 
da una valutazione della coscienza o incoscienza di dette leggi, se pure 



- 153 — 

fosse possibile sul serio scernere con sicurezza conscio ed inconscio 
nell'arte. Appare difatti che in prosa come in poesia non è improbabile 
che i peggiori scrittori siano precisamente quelli in cui il ritmo è più 
evidente e mostra una sua coscienza. Quando si incontra ad esempio la 
monotonia non abbiamo che il ripetersi troppo schematizzato di deter- 
minate cadenze. Certo in poesia è più perspicuo il fenomeno perchè 
appunto il periodo ritmico è conscio nello schema generale e rispon- 
dendovi dati gruppi di sillabe qualsiasi verso è giusto; ma ben di 
rado un verso è bello, perchè di rado gli altri gruppi di sillabe si or- 
dinano su ritmi e su ritmi vari e intrecciati e nascosti, ma anzi molto 
spesso i gruppi principali risonano sui secondari in una molle conti- 
nuità si ribellano con sforzo evidente all'onda ritmica che li perva- 
derebbe e la varietà che ne esce non è che nel frangersi d'ogni compa- 
gine. Tutta la storia dei versi narrativi e dialogici è in questo lavorio 
più meno conscio di avvicinare il verso a un parlare semplice e piano 
senza pure perderne la differenza : principalmente quella del trimetro 
giambico, che ad evitare i ritmi troppo cadenzati degeneranti all'enfasi 
andò sviluppandosi in sempre maggiori libertà e varietà metriche. Non 
altrimenti accanto alla prosa disadorna e disarmonica si pone quella 
fastidiosamente enfatica che mostra la sua soverchia pi-eoccupazione 
ritmica. Fra l'una e l'altra deve stare quella che ha i ritmi sì mutabili 
e sapientemente inti-icati da non cadere facili sotto la definizione e la 
schematizzazione. Affondiamo il ferro del notomizzatore per delineare 
e mettere a nudo degli schemi : o il lavoro sarà perennemente da rin- 
novarsi su ogni rigo di detto prosatore e mal scindibili appariranno 
detti schemi dal perpetuo rinnovarsi e fluire del pensiero e della lingua, 
congegnati con infinite e non elencabili ragioni di senso, di suono, di 
accento, di commozione, di più vasta armonia ; e allora, scoperti mille 
schemi diversi per mille frasi, ci ritrovei-emo all'intuizione iniziale ge- 
nerica : effettivamente arriveremo ad una determinata classificazione 
essenziale su cui ricadrà ogni volta la prosa ; e in questo caso avremo 
della prosa troppo ritmata e quasi poetica, diversa cioè da quella presa 
in esame. In questo circolo vizioso anche lo Zander è rimasto preso, 
così che in fondo la conclusione non è altra che l'osservazione iniziale 
e sintetica di Dionisio d'Alicarnasso : oè yàg eazi Àé^ig oèóe/A^ia Aij- 
fiood-svovg ^Tig ovu è\uneQcelÀricpe QV&f-iovg nal fiérga, rà ^lÈv ÙTiriQTia- 
(4,éva aal réÀsia, za ò" àreÀ^, Toiavrijv èTnnÀOTtì^v ^'/^ovza èv àÀÀr^Àoig 
Hai ovzù)g avvriQiA,o(j(iéva, &azE fiì] ófjÀov slvai 6zi èazl [.lézQa. ov yÙQ 
àv aÀÀcag yévoizo tioÀizikìi Àé^ig tzuq' avzìjv zìjv (Jvv&ìjoiv éf.iq>eQrjg 
Tcoirii^aaiv, àv fiìj 7zeQt.é)(ij f^éi^a /.al Qv&i^ovg zivag éyìiazaTisxoìQiafié- 
vovg àòif]X(ag. ov ^évzot- ye TZQoarjnei avzìjv ^fifiszQOv odo' è'QQV&i-iov 
elvai óoaeiv, Iva fitj yévrjzat Tzoìijfia ^ f^éÀog, én^àaa zòv aiz^g jf^uQaK- 



— 154 — 
XTjQa, àXX" eijQv&f.wv ai>vìjv àjtóxQ}] (paCvea&ai y,al ev(A,ETQOv {De Detn. 
e. 50, p. 2384 Rad.). 

A difficoltà esterne di questa specie si aggiungono varie intrinseche 
essenziali, quando si imprenda direttamente l'opera e l'analisi. E si 
trascuri quella dei piedi: se cioè tutti, dai teorici puramente ai pro- 
priamente lirici, possano trovar luogo nella prosa o se anche la loro 
maggiore varietà debba essere ridotta ai tipi più atti alla recitazione 
che non al canto, come per es. lo Zander deve rinunziare alle lunghe 
di piìi tempi e a molte forme così dette irrazionali. Rimangono imma- 
nenti in qualsiasi scansione le difficoltà dell'accento e della sintassi. Per 
riconoscere la prosa ritmica è invero indispensabile scanderla come se 
fosse poesia, senza tenere cioè conto dell'accento della parola per se 
e permettendo che lo stesso vocabolo appaia diversamente accentato 
ogni volta, secondo la sua posizione ritmica. Eppure, se anche sia da 
trascurare come illusorio, per quanto insistente, quel ritmo che le pa- 
role hanno per se nel loro puro ordine grammaticale specialmente in 
Demostene, non è possibile dimenticare interamente che all'uditorio di 
un'orazione mancava affatto la predisposizione ritmica che la poesia ha 
per convenzione e che certo alcuni vocaboli e molte frasi cadono in un 
dato punto con evidente intenzione di imporsi nella loro stretta inte- 
grità, onde, anziché dai principii (e dalle clausule anche) o da schemi 
prima iniziati di periodi e membri, proprio da esse e in esse potrebbe 
cominciare e svilupparsi il ritmo. Il che conduce ora e sempre all'in- 
certezza dei limiti dei membri ritmici in rapporto alla sintassi logica, 
perchè è probabilmente molto mal visibile in che la collocazione delle 
parole e la sintassi d'uno scrittore pieno di persuasione ritmica dipenda 
dai ritmi e in che colori e comandi essa i ritmi. Non bisogna certo 
eccedere ; ma quanta via è da farsi ancora prima che si trovino for- 
mule concilianti ritmica e sintassi ! ne vi risponde tuttavia lo Zander, 
perchè se teoricamente dimostra quanto possa giovare all'intelligenza 
per lo meno alla buona lettura dei testi il trovare coincidenti le pause 
di senso con le mutazioni ritmiche, nel fatto i suoi schemi sono pieni 
non solo di frasi tagliate a mezzo, di aggettivi e articoli staccati dal 
loro sostantivo, ma fino di parole troncate in modo che una parte 
appartenga al membro precedente, il che, comprensibile e naturale 
nelle clausule, è ben duro negli altri membri, o se si vuole, in molti 
di essi. 

Ed è questa difficoltà della distinzione dei membri quella che più 
occupa lo Zander e che non si può discutere senza rifare passo passo 
tutta la via percorsa da lui, perchè sarebbe assurdo seegliere un maz- 
zetto d'esempi e sunteggiare da un libro così serrato e denso in tutto 
il suo sviluppo. Perchè invero l'autore non semplifica la sua materia e 



— 155 — 

non aiuta il lettore con molte divisioni di capitoli e paragrafi o con 
indici sufficientemente ricchi ed ordinati. 

Dopo un'introduzione che stabilisce diligentemente i criteri fonda- 
mentali sull'interpunzione del codice prescelto iS), sull'elisione, sul 
N ècpeÀy.vatiKÓv e sulle doppie forme (come éavzov-avrov, noieìv-noetv) 
il libro contiene : I, un prospetto degli initia nelle 3 Olintiache e rela- 
tiva trattazione; II, un prospetto delle clausulae nelle stesse orazioni 
novamente trascritte e la discussione sui vari generi di clausule ; 
III, IV, V, i capitoli de systemate, sul riporto della compositio rhythmica 
ad membra orationis ; de articulatione ; VI, tutto un vero e proprio trat- 
tato de distinctione, che (a danno forse dell'equilibrio dell'opera) si estende 
da pag. 182 a pag. 427, formando la ragion d'essere di tutto il libro, 
perchè racchiude l'opera nuova e personale dell'autore, con la tratta- 
zione storica dell'argomento, nuovo esame ritmico delle 3 Olintiache e 
altri di Trasimaco (passo in Dion. Halic. de Dem., p. 132 Rad-Us.), di 
Isocrate (§§ 16-69 e 54-69 àeWElena, 1-18 del Panegirico, 1-10 dell'^r- 
chidamó), di Gorgia (framm. delVEpitofio, cfr. Diels, fragm. d. Vorsokr., 
W, p. 556), di Platone {de Rep., III, 399 rf e 411 rt). di Crasso (in Cic. 
Or., § 223) e di Cicerone {iti Catil., I, § 1) ; VII, osservazioni e conclu- 
sioni de rhytniica recitatione e particolarmente de hiatii e de ictu. In 
questa distribuzione la più ricca moltitudine di cose e di discussioni ; 
poi che di fatto un'infinità di cose lo Zander doveva discutere e stabi- 
lire, dalle fonti e dalla nomenclatura non ancora fissata in una comune 
convenzione alle indagini condotte su altri criteri e con altri modi dai 
suoi predecessori. Nulla egli evita e sorvola seguendo un metodo stret- 
tamente analitico, per cui sarà difficile incolparlo di sveltezza e di tra- 
scuranza. Ma il voler dar fondo a tutto e la lenta gravezza dell'analisi 
non gli hanno permesso una distribuzione prospettica in cui le varie 
circostanze e cose assumano proporzioni e luci diverse corrispondenti 
al loro valore : tutto rimane in un solo piano, che si fa naturalmente 
irto e mal penetrabile. Ne l'opera d'arte in genere rimane viva sotto 
una mano lenta e pesante, che qua là può imprimersi sicura, può non 
dimenticare nessun punto e uno per uno fissarlo in complicate e sottili 
classificazioni : non mai riescirà ad aff^errare il vero mutevole e fugace 
dei fenomeni artistici. Che può durare ad esempio di tavole come questa 
sugli initia che cito in breve ? I, lìiiti um d e s e end e n s : a, ditro- 
chaeus (nelle Olintiache) 53 volte ; b, epitritus secundus 77 (in due tipi 
però - ^ -i- -, -i v./ -i ^y w) ; e, epitritus quartus a spondeo 51, ab dactylo 14; 
d, dipodia heroa, ab dactilo 76 (nei due tipi però -^^^-i-^ ± ^ y^ ± y^ y^)^ 
a spondeo 62 (in tre tipi però -^ ^ - -i- - , - - - -, - - - ^ "->); II, Ini- 
tium ascende ns: a, diiamhus 23 ; b, epitritus tertius : a spondeo 43, 
ab dactylo ascendenti 1, ab anapaesto 11; e, epitritus primits : in spon- 



— 156 — 

deum 20, in anapaestum 21 ; d, dipodia anapaestica : dispondeus asceti- 
dens 38, spondeus ascendens et anapaestus 46, an. et spond. asc. 21, anap. 
sibi iunctus 23, dactylus asc. et spond. 7, spondeus et dact. asc. 6 ; III, 
membri primus pes est generis circumflexi: a, primus pes est 
paeon primus 1 volta ; b, id. paeon quartus -^^ '-' - 4 e ^^ w i -i G 4 ; 
e, id. creticus - ^ - 88, -i ^ i ^ 3 30 ; d, id. è^darifiog: molossus 
— --18e----^7, choriambus - ^ ^ - 46 e -^ v^ v^ ^ -i e u^ ìq. 
nicus 6 in 4 tipi ; IV, altri 176 casi distribuiti sotto 14 pedes singuli di 
cui uno (il dochmius) in pedem è^davjfiov in 3 forme. Tanta sottigliezza 
di divisioni vale il numero dei casi che si presentano e che ad uno ad 
uno potrebbero anche essere altrove classificati, nel dimostrare l'inanità 
di molta parte d'un assiduo e faticoso lavoro, che dopo il piìi attento 
studio lascia perplessi e tentati di ricominciare come in un giuoco pa- 
recchio bizantino. 

Ma non vorrei con tutto ciò avere sminuita l'opera dello Zander. Il 
volume è ben degno d'iniziare una serie di studi, e se di questi ha cer- 
cato di metter le basi non curiamo gli ornamenti poco robusti e resi- 
stenti che le ingombrano. Per se, nella loro mole, le fondamenta sono 
buone e atte alla costruzione di edifizi più agili e più artisticamente 
degni. È così rara tanta onestà e sincerità di preparazione ! 

G. Attilio Piovano. 



Exploration Archéologique [de] Delos, faite ^ar VÉcole francaise d'Athènes... 
aux frais de M. Le Due de Loubat. Introduction (suite). Cartographie 
de l'Ile de Délos, par L. Gallois. Paris, Fontemoing, 1911, di 
pp. 103 in 4', con tavole e figg. 70 nel testo, e tavv. 5 fuori testo. 

Questo fascicolo, quantunque terzo nell'ordine cronologico della pub- 
blicazione, va direttamente a ricollegarsi al primo; e forma parte della 
larga introduzione geografica che precede l'illustrazione archeologica 
dei monumenti dell'isola di Delo, scoperti negli scavi della missione 
francese (cfr., per i primi due fascicoli, ciò che ne dissi in questa Ri- 
vista, V. XXXVIII, p. 619-622). 

Nulla di più completo e di più riccamente documentato ed illustrato 
si può immaginare per lo studio di Delo nella storia della geografia: 
descrizioni dell'isola, relazioni di viaggi, e principalmente carte geogra- 
fiche speciali sono criticamente pubblicate e nitidamente riprodotte 
nelle numerose tavole del fascicolo. 



- 157 - 

Da Tolemeo e da Edrisi, fino ai più moderni geografi e cartografi, tutte 
le notizie e tutte le carte italiane, arabe, turche, olandesi, francesi, re- 
lative a Delo danno al dotto geografo ampia materia di esame critico 
e di importanti discussioni per la storia della geografia. Ne mancano 
nel volume documenti e testi prima inediti o parzialmente conosciuti, 
come, p. es., il Grande Insulare di Andrea Thevet (append. VII, p. 93 s.) 
e una parte della Descriptio insularum Archipelagi di Cristoforo Buondel- 
monti, nuovamente pubblicati da un Ms. della Ambrosiana (app. 1, p.83 s.). 
E quanta parte sia dovuta agl'Italiani del Rinascimento e dei secoli 
posteriori sino al sec. xvii, per la descrizione e per la cartografia del- 
l'isola di Delo, lo dicono i capitoli destinati al Buondelmonti, a Fran- 
cesco Berlinghieri, a Bartolomeo da li Sonetti, a Benedetto Bordone, ad 
Antonio Millo, a molti altri ancora. 

Non è di mia competenza un esame speciale su questioni relative alla 
storia della cartografia; ma ha per gli archeologi non piccolo interesse 
lo studio dei disegni, che viaggiatori ed artisti ci lasciarono delle rovine 
di Delo. Fra questi disegni, uno principalmente conservato nella K. K. 
Hofbibliothek di Vienna, rappresentante i frammenti del famoso Colosso 
dei Nassii a Delo, come era ancora possibile vederli nel sec. XVII, 
ed un altro pur dello stesso Atlas ora a Vienna, rappresentante un 
panorama di Delo e di Renea, sono stati rivendicati dall'A. al pittore 
olandese Seger de Vries, e riprodotti in due ottime tavole eliotipiche 
(cfr. p. 64 ss. — tav. agg. a p. 64, e tav. V). 

Dopo questi due volumi dedicati alla cartografia dell'isola bella e lu- 
minosa, noi siamo quasi in diritto di aspettarci una compiuta ed egual- 
mente ricca pubblicazione di tutta l'esplorazione archeologica, dovuta 
agli scavi francesi : e perciò termino col rinnovato augurio che quest'opera 
possa riunire in un corpus, e ridurre ad opera organica i numerosi ar- 
ticoli e le monografie pubblicati principalmente nel Bulletin de Cor- 
respond. hellénique e nei Monuments Plot. 

G. E. Rizzo. 



A. FuRTWAENGLER uìid H. L. Urlichs. Denlcmàler griechischer und romi- 
scher Skulptur. Handausgabe. Dritte stark vermehrte Auflage, mit 
60 Tafeln n. 73 Textabbild. Munchen, F. Bruckmann A. G., 1911, di 
pp. 214, in-8». 

Della grande collezione di monumenti della scultura antica pubbli- 
cata dalla Casa Bruckmann, che è ora arrivata al bel numero di circa 



- 158 - 

700 tavole, esistono — come è ben noto — l'edizione minore per le 
scuole, con 50 grandi tavole in fototipia, e un'altra piccola edizione 
manuale, col testo di A. Furtwàngler e di H. L. Urlichs, contenente 
60 piccole tavole in ottime zincotlpie, oltre un buon numero di inci- 
sioni nel testo. Per questa edizione sono state, naturalmente, scelte le 
sculture maggiormente piene di significato e di carattere, e che meglio 
svelino lo stile proprio di determinate scuole e di singoli artisti; e con 
tale criterio, che nessuno de' più grandi maestri nella storia della pla- 
stica greca rimanga trascurato. 

Le introduzioni ai singoli capitoli e le descrizioni sono, in parte, do- 
vute ad un grande e compianto maestro dai nostri studi, ad A. Furtwilngler; 
e l'altro chiaro collaboratore, lo Urlichs, che ha scritto molte delle illu- 
strazioni alle tavole e curata questa nuova terza edizione, ha informato 
le descrizioni delle sculture eginetiche ai mirabili risultati ottenuti dal 
Furtwàngler, ne' suoi scavi ad Egina e nella sua grande opera sul Tempio 
di Aphaia. Non sempre, però, lo Urlichs ha tenuto conto delle ultime teorie 
ed opinioni del Maestro; come — per citare un solo esempio — a propo- 
sito dell'Apollo Barberini e della sua identificazione con l'Apollo Pala- 
tino di Skopas major, opinione chiaramente espressa dal Furtwàngler, 
nello lllustrierter Katalog der Glyptothek (1907), p. 14; ed accolta nella 
seconda edizione della Benchreibiing der Glyptothek (1910) del Furtwàngler- 
Wolters, pag. 196 s. Il maesti-o, dunque, aveva rinunciato alla conget- 
tura, espressa nel testo di questa Handausgahe, p. 29. 

Ma, a parte queste piccole osservazioni, a parte anche la lamentata 
mancanza di una buona riproduzione dello Hfrmes di Prassitele, il libro, 
nella sua terza edizione, è notevolmente migliore. Ed io vorrei vederlo 
non solo in tutte le biblioteche delle nostre scuole secondarie classiche 
e degli Istituti di Belle Arti, ma largamente diffuso (anche per il suo 
prezzo di appena sei lire !) fra i nostri insegnanti, e fra tutte le persone 
colte. Da queste descrizioni sarà possibile ai non specialisti di formarsi 
un'idea della nobiltà di fini e del metodo che ora son propri alla storia 
dell'arte antica; idea che essi non potrebbero compiutamente desumere 
dai piccoli compendi, nei quali anche ai capolavori della scultura an- 
tica non possono essere necessariamente dedicate che poche parole. 

Ottimo libro, dunque, sia per il testo, pieno di molti inviti e adesca- 
menti per chi voglia iniziarsi a questi studi; sia per le illustrazioni, 
degne del buon nome della Casa Bruckmann. 

G. E. Rizzo. 



159 — 



Bruckmanns Wandbilder alter Plastik. Erliiuternde Texte von Fr. W. 
Freiherrkn von Bissino, E. J3uschor und H. H. Josten. Mùnchen, 
F. Bruckmana A. G., 1911 {Testo, di pp. 55 in-S"). 

Queste grandi tavole murali con riproduzioni dei capolavori della scul- 
tura egiziana, greca, romana e del Rinascimento, dedicate, come valido 
sussidio, all'insegnamento dell'arte antica sono così conosciute, e tal- 
miente superiori alle consimili di altre case editrici, che non hanno bi- 
sogno del mio elogio. Io le vorrei veder tutte nelle aule — spesso così 
disadorne! — dei nostri Licei, dei nostri Istituti femminili, dovunque 
non sia possibile avere i gessi di queste opere d'arte. 

Del fascicoletto di testo relativo alle grandi tavole murali non posso 
che ripetere quello che ho detto per il testo della Handaitsgabe dei 
Denkmaler : descrizioni sobrie, suggestive, informate agli ultimi studi, 
precedute da opportuna e scelta bibliografia. 

G. E. Rizzo. 



Priene, nach den Ergebnissen der Ausgrabungen der K. K. Preiiss. Museen 
1895-1898 reconstruirt von An.ZiFPEi.ivs.AquarelUertvon'E.WoijFaFEi.D. 
Leipzig, Teubner, 1910. 

È una grande tavola a colori (che il Direttore di questa Rivista ha 
voluto, con lodevole pensiero, donare alla nostra Scuola di Archeologia), 
che ci offre una buona ricostruzione congetturale della piccola ma im- 
portantissima città di Priene. 

Sembra superfluo ricordare il significato grandissimo che per la co- 
noscenza della città, dell'arte e della vita ellenistica hanno avuto gli 
scavi di Priene, i cui risultati sono esposti nella bella opera di Th. 
Wiegand e di H. Schrader, Priene, 1904. 

Lo stesso Wiegand — l'infaticabile e dotto Direttore dei grandi 
scavi tedeschi in Asia Minore — ha scritto per questo acquarello dello 
Zippelius un luminoso articolo , già apparso nei " Neue Jahrbùcher 
fùr das Klassische Altertum u. s. w.. Ed. XXV „ ; e che serve, dirò 
così, di breve commento all'opera del pittore. In questo articolo sono 
riassunti i principali risultati degli scavi di Priene; e con tale chiarezza 
e vivacità, che, leggendolo, mi è parso di rivivere le ore felici passate 
fra le rovine silenziose di Priene, in compagnia dello stesso Wiegand e 
di Federico von Duhn. 



— 160 — 

La tavola non è lavoro di fantasia, ma opera coscienziosa di un artista 

cbe ha studiato lungamente sul luogo le rovine: la ricostruzione, dunque, 

può dirsi, nel suo insieme, sicura, e molto adatta per dare, specialmente 

nelle scuole, una giusta e rapida idea della città ellenistica, nella sua 

pianta, nella forma e nella distribuzione degli edifizì. Meno riuscita 

mi sembra la parte pittorica, dovuta al Wolfsfeld ; poiché, non ostante 

ogni studio sul luogo, io credo sia quasi impossibile impresa quella di 

rendere, in un lavoro simile, l'inimitabile incanto di luce e di colori 

che ha quel classico paesaggio, fra i monti di Mykale e la pianura del 

Meandro. 

G. E. Rizzo. 



(Euvres d' Horace. Texte latin avec un conmtentaire critique et explicatif, 
des introductions et des tahles par F. Plessis et P. Lejay — Satires 
publiées par Paul Lejay. Paris, Hachette, 1911, di pp. cxxviii-623. 

Opera non di compilazione ma di sintesi, in cui si vollero condensati 
i risultati ai quali è pervenuta la critica oraziana ai giorni nostri, l'edi- 
zione del Lejay porta impressi quei caratteri di diligenza, di compiu- 
tezza d'informazione, di precisione, non disgiunte da originalità, frutto 
di studi lunghi e coscienziosi, che le fanno immediatamente occupare 
un posto d'onore tra gli altri libri — e ve ne sono di gran pregio — 
dedicati al grande lirico che, con l'aurea corona dell'alcaiche alate e 
delle fulgenti asclepiadee, non meno che con la sempre viva grazia 
delle Epistole e la moderazione e finezza d'arguzia delle Satire, seppe 
incatenare a se l'ammirazione di tanti uomini grandi ed indurre il poeta 
della nuova Italia a rapirgli la strofa vigile, balzante. 

Nel Lejay ai pregi delle migliori edizioni tedesche si riunisce quella 
perspicuità di forma e chiarezza d'esposizione che sono le doti della 
filologia francese. Di un lavoro così esteso, in cui numerosissime sono 
le questioni trattate, non è possibile dare un'idea adeguata in una re- 
censione, e quindi, riconosciuto senza riserve il grande valore suo, pren- 
derò in esame qualche punto in cui dissento dal dotto filologo. 

Ognuno ricorda i famosi versi di Orazio nei quali afferma la dipendenza 
di Lucilio da Eupoli, Gratino, Aristofane; e non è necessario notare che, 
a difierenza dell'atellana, della palliata e della togata, la commedia an- 
tica scolpisce individui, non caratteri. A Lucilio si è ispirato il Venosino 
che nelle Satire designa gl'individui con grande precisione, in modo che 
nessun dubbio può sorgere non si tratti di persone in realtà esistite. 
Il Lejay, allontanandosi dalla via che altri hanno seguito, cerca di sta- 



— IBI — 

bilire i rapporti tra commedia antica greca e satira latina, osservando 
che, se si astrae dalle scene di unione e dagli elementi corali, i quali 
per loro natura non convengono che al teatro, un dramma di Aristofane 
comprende: a) un prologo; b) un àycóv, così chiamato dallo Zielinski, 
ohe consiste in una gara dialettica tra due persone, le quali sostengono 
tesi contrarie; e) la parabasi ; d) scene episodiche; e) una M^oòog. Ora 
nelle quattro prime satire di Orazio troviamo almeno tre di questi ele- 
menti : il prologo, Vàyóv, la ^^oòog; nelle altre satire invece se ne ha 
una sola. In un mio studio {Appunti sulV ellenismo nella poesia arcaica 
latina, p. 63) ho osservato che, anche quando tale constatazione non 
potesse essere discussa, da essa non ne potrebbe seguire che nella satira 
latina sienvi tracce sicure della tecnica aristofanesca. La prima satira 
del libro primo sarebbe una di quelle che, secondo il Lejay, dovrebbe 
presentare tre delle parti della composizione drammatica. Ed invero tre 
parti vi si distinguono : a) una introduzione, in cui il poeta si chiede 
perchè nessuno sia contento della propria sorte; b) un dialogo tra il 
poeta e un interlocutore fittizio; e) la conclusione. In realtà l'intro- 
duzione non è che un esordio costituito dalla ^yropositio. Il dialogo che 
costituisce la seconda parte è un àyihv, differente assai però da quello 
della commedia, poiché Orazio si rivolge ad un immaginario avver- 
sario, seguendo quel procedimento proprio della diatriba che il poeta 
latino ben conosceva. Una lotta dialettica si trova poi in qualsiasi di- 
scussione in cui le idee sieno contrarie e le tesi contradditorie. La 
conclusione è, per usare la terminologia dei grammatici, una vera 
collectio, che contiene un breve riassunto della tractatio, e nulla ha da 
fare con Vè'^oóos. Anche gli altri fatti particolari riportati dal Lejay 
(p. Lxii sgg.) mi sembrano ben lontani dall'essere decisivi per stabilire 
la dipendenza di Orazio da Aristofane, e credo anzi si possa giungere 
con certezza alla conclusione che la ragione della somiglianza tra i due 
poeti si può rintracciare nel fine satirico comune ad entrambi. 

Una delle questioni più spinose della letteratura latina è quella della 
'satura drammatica'. Il Lejay si è naturalmente mosso dalle ricerche 
del Leo e dell'Hendrickson, dimostrandosi però molto meno scettico 
verso la tradizione che, come ognuno sa, è rappresentata da Tito Livio. 
Anch'io in uno studio (inserito nelle Memorie della R. Accademia delle 
Scienze di Torino, serie II, tomo LXI, p. 37 sgg.) ho esaminato le varie 
teorie intorno alla satura di'ammatica, negandone l'esistenza. Infatti 

quando Livio scriveva; [histriones) inipletas modis saturas descripto 

iam ad tibicinem cantu motuque congruenti peragebant, non volle già in- 
dicare con saturae un genere determinato di drammatica, ma con tale 
parola si propose di rappresentare la grande libertà e varietà di mo- 
venze onde constava il dramma primitivo. In caso diverso avrebbe do- 
Rivista di filologia, ecc., XLI. Il 



— 162 — 

vuto esprimersi a un dipresso così : impletas modis fabulas, guae 

vocabantur satureie, perugebant. E non si capirebbe d'altra parte perchè 
lo storico, che poco prima si ferma a spiegare l'etimologia di hister, 
non si sia dato cura di dar ragione del nome satura. La parola satura 
significava (cfr. Diomedes GL. I, p. 495, 30) una lanx, qtiae referta 

variis muUisque primitiis in sacro dis inferebatur {lanx satura) od 

una lex quae uno rogatu multa simul comprehendebat (lex satura), e tornò 
acconcia a Livio che voleva mettere in luce la rozzezza e la mescolanza 
di elementi eterogenei che si trovava in quella prima rudimentale forma 
drammatica. Analogamente i Francesi usano la parola ' pot-pourri ' in 
senso proprio per indicare un piatto di varie carni condite con varii 
intingoli, ed in senso figurato per designare la mancanza d'ordine e di 
scelta di certe composizioni, specie letterarie ; e noi dicifimo ' pot-pourri ' 
di un pezzo strumentale, composto di motivi di una o piti opere avvi- 
cinati senza alcun criterio. Quale fosse il dramma primitivo dei Latini, 
che è impossibile sia stato anonimo, ho cercato di stabilire nelle mie 
ricerche già citate {La polimetria, p. 38, e Appunti sull'ellenismo, p. 49 sgg.) 
e chiedo venia se mi permetto di rimandare ad esse il lettore per dimo- 
strare che le affermazioni da me fatte non sono prive di fondamento. 
Delle tre grafie della parola satira, satura, satira, satyra il Lejay pre- 
ferisce la prima. La tradizione manoscritta dei vari autori, in cui tale 
nome ricorre, a nulla può servire, perchè fluttuante. " Satura — scrive il 
Lejay — désigne... une miscellanee, miscellanee de mètres, miscellanee de 
sujets „. Onde per l'erudito francese è learda conveniente sia alla forma 
rudimentale primitiva, sia a quei componimenti che Ennio, Lucilio ed 
Orazio hanno intitolato satire. Anche in questa questione io sono d'idee 
completamente diverse. A me pare che dalle testimonianze antiche ap- 
paia evidente la confusione che i grammatici hanno fatto tra satura e 
satyra, confusione avvenuta per l'omofonia tra i due vocaboli d'origine 
diversa. Nel passo di Diomede {GL. I, p. 485, 34 K.) si deduce che in 
realtà due erano l'etimologie proposte dagli antichi di satira che si 
faceva derivare o da advvQog o da satur. Infatti Diomede dice : Satyra... 

dieta sive a Satyris (e qui la grafia satyra e richiesta dal senso) 

sive satura a lance sive a quodam genere farciminis Alii 

autem dictam putant a lege satura. Mentre non si può mettere in dubbio 
ch'esistesse una parola satura ch'indicava una lanx od una lex, si hanno 
tutte le ragioni di sostenere che Ennio e Lucilio ed Orazio abbiano in- 
titolato Satyrae e non Saturae le loro opere. Le influenze alessandrine 
sono evidenti in Ennio e mi rincresce di non poterne far qui cenno ; 
ma ne ho trattato ampiamente negli Appunti sull'ellenismo. Ricor- 
diamo che Ennio ha imitato Sotade nel suo scritto Sola, che Sotade 
s'ebbe una gran fama per i suoi k i v a i ó o i , che tra i a l À À o v ed 



- 163 — 

i KÌvaidoi le differenze erano lievi, che Timone di Fliunte scrisse 
degli uni e degli altri e li intitolò adt v qo i, , che tra gli Hedypha- 
getica di Ennio e la satura IleQi édea/^driov di Varrone passano notevo- 
lissime somiglianze. Questi mi sembrano senza dubbio argomenti peren- 
tori per l'ipotesi che le Satire di Ennio, l'uomo di tre anime perchè 
conosceva tre lingue, precisamente s'ispirassero ai satiri alessandrini. 

Si aggiunga ancora che una testimonianza degnissima di fede dello 
Pseudo - Acrone (è noto che tra gli scoli acroniani non mancano 
quelli di valore) attesta la dipendenza di Lucilio da Bione di Bori- 
stene ; che Orazio non disconosce di dover molto a Bione stesso (cfr. 
R. Heinze, De Horatio Bionis imitatore), che le dottrine ciniche hanno la- 
sciato molte tracce nei Sermones (cfr. il mio De Horatio Cercidae imi- 
tatore); che è innegabile l'influenza di Menippo di Gadara, lo anovòoyé- 
Àoiog per eccellenza, scrittore di satire, su Lucilio ed Orazio 
(cfr. Appunti sull'ellenismo, p. 55). Ciò considerato, sarà ancor possi- 
bile negare che satyra non satura sia la giusta grafia? Rimane ancora 
un passo di Quintiliano (X, 1, 93); male sue parole poco contano, perchè 
chiarissimi sono gli errori in cui incorre. Egli con compiacenza afferma: 
Satyra quidem tota nostra est, in qua primus insignem laudem adeptiis 
Lucilius, e dimentica semplicemente Ennio e, poco dopo, aggiunge : Alte- 
riim illud etiam prius satyrae genus, sed non sola carminum varietale 
mixtuìH, condidit Terentius Varrò, vir Romanorum eruditissimus. Le pa- 
role non sola carminum varietale ci danno la chiave della distinzione 
basata evidentemente sur un criterio formale. Le satire di Lucilio e di 
Orazio erano in versi ; quelle di Varrone in versi ed in prosa, e questa 
agli occhi del buon retore costituiva una differenza tale da rendere ovvia 
una netta e decisa linea di divisione. 

Una novità della edizione del Lejay è costituita dalle ampie introdu- 
zioni che precedono ogni satira, nelle quali sono forniti al lettore gli ele- 
menti generali apprezzativi e vengono trattate questioni letterarie e sto- 
riche che, divise tra le varie note, sarebbero andate disperse senza poter 
avere uno sviluppo corrispondente alla loro importanza. In tal modo il 
commento, benché diligentissimo e pieno di indicazioni storiche, biogra- 
fiche, mitologiche, letterarie, non è oppresso dalla troppa quantità di 
materia, ma corre snello e spedito, pur offrendo al lettore tutto quanto 
è necessario per l'interpretazione. Quindi, nonostante la mole del volume, 
e la larghezza e minuziosità d'informazioni, si può veramente dire che 
il Lejay non ha seminato col sacco, ma con la mano. 

Massimo Lenchantin de Gubernatis. 



— 164 — 



NOTE BIBLIOGRAFICHE 



P. Stengel. Opferbràuche der Griechen. Mit 6 Textahhildungen. Leipzig 
und Berlin, B. G. Teubner, 1910, di pagg. 238. 

È la raccolta di tutti gli 'articoli' dell'autore intorno all'argomento 
pubblicati dal 1879 al 1909 in vari periodici tedeschi di filologia clas- 
sica, specialmente nel Hermes, e ora per la prima volta riuniti in un 
volume. Si tratta di lavori noti, su cui i competenti espressero il loro 
giudizio quasi sempre favorevolissimo; dei risultati delle indagini dello 
Stengel e delle sue conclusioni piì; sicure tennero conto gli studiosi 
delle antichità sacre greche, pubbliche e private, non soltanto in Ger- 
mania — ricordo, fra altri, il Gruppe — ma anche in Francia, in In- 
ghilterra, in Italia, nel Nord-America. Sono in parte i lavori, dirò così, 
di preparazione alla maggior opera dell'autore sul medesimo soggetto, 
Die griechischen Kultusaltertìlmer ; ma tutti ritoccati e messi in corrente 
con gli studi più recenti e con le ultime scoperte archeologiche ed epi- 
grafiche, talché quasi tutti sono nuovi, o poco meno, da cima a fondo. 
Nel volume lo Stengel li ha disposti in modo che possono essere con- 
siderati come altrettanti capitoli successivi di una trattazione organica, 
e invero leggendoli di seguito si ha cotesta impressione. Credo oppor- 
tuno recare i titoli : I. Hoinerischcs [leQ^LOv. TtQcoróyovog. zeÀ^eaaa éaa- 
zófi^ìj. àTToaTiévSeiv. &v}jeig-d'ésÀÀa-d-vóeig). II. @vrjÀaì-0vÀi^fA,aTa {leQci). 
III. @Ó£iv und d'vsa&ai. IV. OéÀal. V. Opferhlut und Opfergerste. 
VI. XéQvi'ìp. VII. KaTdQ](£a&ai und èvdQ%ea&ai. Vili. ^EndQ^aa&ai Ss- 
ndeaabv. IX. Die Speiseopfer bei Homer. X. IleÀavóg. XI. UnÀdyxva 
{rófiia, è'vóoQa). XII. 2(pdyta. XIII. 'Eviéfiveiv. XIV. AiQea&ai. zovg 
Povg. XV. Ziim griechischen Opferritual. XVI. Chthonischer und Toten- 
kult. XVn. Der Kult der Winde. XVIII. ACòrig %ÀvtÓ7i(aÀog. XIX. Ne- 
niaia. XX. KaQirovv. XXI. 'leQÓìovva und d'sofioQia. XXII. Die Zunge 
der Opfertiere. XXIII. Opferspenden. XXIV. Die Furbe der Opfertiere. 
XXV. Das Geschlecht der Opfertiere. XXVI. Wild- und Fischopfer. 
XXVII. Buphonien. XXVllI. Bovg éiSdo^iog. Le sei vignette illustrano 
tutte il capitolo XV, uno di quelli piii rimaneggiati e non occorre dire 
con quanta ricchezza di particolari; la stessa osservazione vale per 
il XVI. Spiace non trovar citato mai alcun lavoro italiano, e non solo 



— 165 — 

non ne mancano, ma ce ne sono di veramente ottimi; debbo però av- 
vertire che l'apparato bibliografico è quasi esclusivamente tedesco. 

Domenico Bassi. 

Antonino Cassar!. I luoghi Esiodei intorno alla " creazione della donna ,. 
Catania, Tipografia sicula, 1911, di pagg. 16. 

Sono, come è noto, due : uno nella Teogonia (571 sgg.), l'altro in Opere 
e giorni (60 sgg.); anche è noto che la critica moderna esclude i due 
luoghi dai due carmi primitivi, e li esclude per ragioni di opportunità 
e di convenienza. Ora il Cassarà dimostra, o per essere meno reciso, 
tenta di dimostrare che coteste ragioni sono soggettive e quindi affatto 
arbitrarie, e veramente l'esclusione non si può sostenere. Non solo i 
versi incriminati hanno la loro ragion d'essere, ma giudicando senza 
preconcetti non si può non ammettere che stiano bene a loi'O posto. Il 
suo ragionamento fila così diritto che è un piacere seguirlo, e qua e là 
s'incontrano osservazioni tanto sensate che pare strano che certe cose 
non siano venute in mente ai critici; gli è che costoro, in generale, 
indulgono troppo alla mania di demolire. Ecco una delle osservazioni, 
a cui ho inteso accennare, del Cassarà (pag. 9): "È arbitrario il dire 
che un interpolatore abbia trovato pretesto nel v. 89 [di Op. e g.^ per 
fare la sua brava aggiunta. A parte lo svolgimento naturale del racconto, 
non si capisce perchè il poeta abbia dovuto pre- 
parare il terreno per un futuro interpolatore, an- 
ziché per se stesso,. Secondo il nostro A., il poeta da discreto 
misoginista ha voluto fare nei due episodi di Pandora, i quali pertanto 
non hanno, come altri crede, finalità diverse, una caustica rappresenta- 
zione della donna, creata non a conforto e sollievo degli uomini, bensì 
per punirli dei vantaggi loro apportati da Prometeo. Sarà vero o forse 
anche non sarà; ma è certo che le conclusioni del giovane filologo me- 
ritano di essere prese in considerazione, tanto piìi che egli — e l'avver- 
tenza, trattandosi di uno studioso conscienziosissirao, è superflua — co- 
nosce bene tutta la letteratura dell'argomento e non si lascia guidare 

solamente dalle impressioni sue. 

D. B. 

AI2XTA02 APAMATA HfìiZOMEKA aal àTioÀcoÀÓTiov ànoana. 
aficlcTia fiezà è^rjyi^TCìicòv nal hquitìcóv arjfieióaecùv Tf] avveQyaula 
EIFENIOT I. ZQMAPIAOI éndcSó^ueva i)7iò N. Wecelein. Tó^iog 
TQÙTos neQiéxoiv 0PE2TEIAN. — Ev Asi-ìpCa zvTioig F. KPEI- 
SirriOT, Verlag von 0. Harrassowitz, 1910, di pp. 520. 

Il Wecklein pubblicò VAeschylos Orestie nel 1888 a Lipsia coi tipi del 
Teubner, e già ne aveva curato il testo nell'edizione del Calvary dovuta 



^ i66 — 

a lui ed al Vitelli : ora la parte sostanziale della costituzione del testo 
e del commento rimane anche nella rielaborazione neo-greca, e le ten- 
denze del Wecklein sono troppo radicate e convinte, perchè possano 
attendersi qui grandi mutamenti. È d'uopo però notare che aggiunte e 
modificazioni ci sono. Per esempio la bibliografia è rinnovata, sia citando 
i lavori posteriori al 1890, sia eliminando gli anteriori o sostituendoli 
con altri. C'è anche l'aggiunta degli schemi metrici delle singole tre 
tragedie. E spesso le note sono rielaborate e messe, come si dice, al 
corrente, non solo ma anche ripensate. 

Il Wecklein è lavoratore coscienzioso, dotto e tenace : e noi ci inchi- 
niamo a lui, anche dove dissentiamo. Ma qui non è più il caso di esa- 
minare il suo lavoro, dopo il richiamo a' precedenti; è però doveroso 
il ricordare che l'edizione sarà molto utile ai Greci dei nostri giorni, 
almeno perchè mette a loro conoscenza i frutti di un grande amore e 
di un grande studio per i tragici greci. Nessun titolo maggiore di questo 
che richiamare i Greci alla grandezza antica della loro patria, ora che il 
loro paese fa uno sforzo meraviglioso di energia e di rinnovamento, al 
quale la Zo)yQ£Qd<p€iog 'EÀÀì^viìì)] Bi^Ato&tjnrj, a cui appartiene l'edi- 
zione, ha contribuito con maggiore patriottismo e con maggiore van- 
taggio che comunemente appaia e si creda. 

Carlo Oreste Zdretti. 

Edward Capps. Four plmjs of Menander. Ginn and Company, Boston, 
N. York, Chicago, London, 1900, di pp. 329. — Maurice Croiset. 
Ménandre, Varbitrage. Edition critique accompagnée de notes expli- 
catives et d'une traduction. Paris, E. Leroux, 1908, di pp. 93. — 
F. Wakren Wright. Studies in Menander. The Waverly Press, Bal- 
timore, 1911, di pp. vi'109. 

È un po' tardi per parlare di queste pubblicazioni Menandree, so- 
pratutto della meno recente : dacché è troppo facile pericolo che si dimen- 
tichi a che punto erano le cose ed in quali condizioni dovettero, allora, 
lavorare gli autori. Chi vien dopo rischia di essere anche ingrato verso 
i predecessori e di disconoscerne i ineriti. Certamente per il testo degli 
^ETtitQÉnovTsg si è andati molto oltre il Croiset; ma nel frattempo il pa- 
piro fu riveduto due volte, con diligenza ed abilità; ed il frutto fu che 
si rinunciò a molte proposte, altre furono confermate, e taluni fatti 
rimasero assodati. Non fa meraviglia quindi che parecchie interpreta- 
zioni appaiano ora fuori luogo, o non necessarie od anche assolutamente 
impossibili. Ad ogni modo il Croiset non è senza meriti per il testo di 
Monandro, e la sua traduzione suona elegante e scorrevole — ma si 
comprende che è legata al suo testo. Parecchio è da mutare od elimi- 
nare dalle note; anzi taluna dà spiegazione che non era accettabile nep- 



— 167 — 

pure al primo apparire del testo. Ma rammentiamoci a tempo che i 
primi interpreti hanno troppe preoccupazioni e troppe occasioni di errori. 

In altre condizioni si trova il Capps, che ci offre un lavoro più me- 
ditato e sistematico, ed esteso a tutte le quattro commedie del papiro 
di Afroditopoli. I riassunti delle commedie e le considerazioni sullo 
svolgimento dell'azione sono fatte con molta competenza; nelle note poi 
è considerevole il confronto con passi di comici latini, che nell'interpre- 
tazione della commedia nuova è necessario tenere sempre a mente. Il 
Capps dà eziandio la divisione in atti, ed in questo non coincide, natu- 
ralmente, col Croiset; al quale proposito è da notare che debbo fare 
tutte le riserve, ma tuttavia mi accosterei maggiormente al Capps. 
L'appendice critica e la bibliografia hanno ora, in parte, un valore sto- 
rico; ma è minuta e diligente, e corrisponde al valoi'e del Capps, che 
in una seconda edizione (la quale non è difficile con libri inglesi ed 
americani) saprà valersi dei mezzi che ora possediamo, così come si 
valse dei preesistenti. Ora però, anche ora l'edizione del Capps non che 
venire eliminata, è sempre da consultarsi e con frutto, anche da chi 
cerchi i riscontri con Aristofane. 

Gli studi del Wright corrispondono a tesi di laurea presentata " to 
the Faculty of Princeton University „ , e comprendono materia varia e 
complessa, pertinente a metrica (la quantità dinanzi a gruppi di muta 
e liquida), a grammatica (la ommissione dell'articolo per ragioni me- 
triche), a retorica (l'asindeto), alle forme dei giuramenti; il qual punto 
non è soltanto di grammatica. Così gli Americani proseguono da bravi 
nel loro ardore per l'antichità classica, e mostrano che filologi come il 
Gildersleeve, il White, il Capps sono prodotto maturo del loro paese e 
non adoprano indarno i loro sforzi, ma sanno creare dei continuatori. 

C. 0. Z. 

SopHOKLES erklàrt von F. W. Schneidewin und A. Nauck. Zweites Bànd- 
chen. Konig Oedìpus. Elfte Auflage besorgt von Ewald Brdhn. 
Berlin, Weidmannsche Buchhandlung, 1910, di pp. 239. 

Posso fare il confronto colla nona edizione Weidmanniana del 1886. 
Molto e molto, a cominciare dall'introduzione, è rinnovato e mutato, e 
ci sono parecchie aggiunte. Parecchi luoghi che erano senza commenti, 
trovano ora la loro illustrazione nelle note; ed altre note sono ampliate, 
altre semplificate. C'è stato tutto un rifacimento, quale meritava la tra- 
gedia, che porterebbe aggiunto ad Edipo il nome di tvquvvos a significare 
che questa sarebbe la tragedia principe di Sofocle. E si comprende che 
dopo la rinnovata discussione sulla valutazione della tragedia — ed anche 
il Bruhn ci ebbe la sua parte — il commento non potesse restare quello 
di prima. Perciò se viene utilizzata la dottrina e la erudizione, che ar- 



— 168 - 

ricchivano le precedenti edizioni, è mutata invece la parte più stretta- 
mente collegata alla interpretazione dello Schneidewin. Nel che, oltre il 
lavoro compiuto in Germania, va fatta anche la debita parte all'in- 
fluenza diretta e indiretta del Jebb, così insigne interprete del poeta 
Coloneo. Ma un'altra cosa è da osservare: il commento ha guadagnato 
in chiarezza; e questo era anche lo scopo che si proponevano altre rin- 
novate edizioni della raccolta Weidmanniana, p. es., circa l'Odissea. È 
un ritorno ai principi ed alle prerogative delle edizioni prime della 
raccolta; e nessuno può dolersene, anche essendo meno severi verso le 
differenze o deviazioni delle edizioni successive di fronte alle prime. E 
ci hanno da guadagnare parecchio tutti ; ed è bene che ciò possa dirsi 
per una tragedia come VEdipo re così capace di far vibrare l'animo di 
noi moderni. Noto, fra le innovazioni, talune notizie di indole didascalica 
— come ànò anìjvijg e simili — le quali sono idonee a darci un'idea 
della rappresentazione di un teatro antico. Ben vengano queste ed altre 

indicazioni. 

C. 0. Z. 

Anselmo Di Bella. La commedia di Menandro. Catania, Francesco Bat- 
tiato editore, 1912, di pp. vii-161. 

E una esposizione garbata resa possibile dai frammenti tornati alla 
luce nei papiri Egiziani. Quali sono gli elementi onde si valse Menandro 
nella sua commedia, e come li trasformò nell'arte sua? che pensava di 
uomini e di dèi? a che si collegava quell'arte comica? — Domande ne- 
cessarie, alle quali il Di Bella trova risposta in un lavoro di coordina- 
zione e di valutazione; ma in questo chiama a partecipare anche i 
lettori, citando i luoghi Menandrei nella traduzione dello Zuretti. Così 
il libro riesce chiaro e ordinato e contribuisce opportunamente al giu- 
dizio sul principale rappresentante della commedia nuova. Altro c'è da 
ordinare, da osservare, da confrontare ; ma non poco ci ha dato il Di 

Bella, spesso non senza felicità. 

X. 



— 169 — 



RASSEGNA DI PUBBLICAZIONI PERIODICHE 



Classical Philology. VII. 1912. 3. — Tn. Spencer Jerome, The Tacitean 
Tiberius; a study in historioyraphic method, pp. 265-292 [È ammesso ge- 
neralmente che la figura di Tiberio quale è presentata da Tacito 
non corrisponda alla realtà : il Tiberio storico fu ben diverso da quello 
dello storiografo. Ora il Jerome indaga come ciò abbia potuto avvenire 
e trova che dipende ad un tempo da ragioni artistiche e da ragioni re- 
toriche. Le une e le altre influirono su tutta la concezione storica di 
Tacito, alla quale certo non si può applicare il precetto di Quinti- 
liano, che cioè la storia deve intendere ad narrandum non ad probandum. 
Per mettere in sempre peggior luce Tiberio, Tacito non rifuggì per- 
sino dall'inventare qualche episodio, soprattutto in ciò lasciandosi tra- 
scinare dal suo entusiasmo artistico]. — J. A. Scott, Patronimics as a 
test of the relative age ofHo m e r i e books, pp. 293-301 [W. Meyer 
nella sua dissertazione De Homeri Patronymicis (Gòttingen 1907) sostenne 
che il loro uso può valere come criterio cronologico cioè per determi- 
nare la maggiore o minore antichità dei canti dei due poemi omerici. 
Lo Scott dimostra che ciò non è vero e giunge alla conclusione che 
* l'Iliade abbonda in patronimici perchè ha moltissimi attori reali ed 
eroici „, mentre V Odissea non ha che una sola figura principale. " In 
nessun luogo in Omero il patronimico è obbligatorio, ma è soggetto da 
cima a fondo ai vaghi e indefiniti dettami del sentimento poetico ,]. 
— F. A. WooD, Notes on Latin etymologies, pp. 302-334 [Sono 82 voca- 
boli e debbo perciò limitarmi a indicarli: adoleo. alter, antae. ante, arànea. 
arcus. candeo. c&niis. considero, con-templor. convlcium. curis. dum>ium. 
dèfrutum. facies, fax. fi&vus. /lustra, foediis. fraxinits. frSnitm. fundo. herba. 
lacer. laedo. later. latus. livens. longus. lumbus. lupa ' meretrix '. liitum. 
mensis. morbus, nimis. niteo. oblìviscor. paedor. pestis. pica, plcus. plaga. 
ploro, posco, prex, precor, procus. ràdtx. ràvtis. rèn. rèpo. rldeo. rigo, 
ròbus, robur. rubus. sacer. scandala. scintilla, scrotum. sedalo. sSrius. sérus. 
siat. sica, sìdus. situs. sòlor. sorbeo. splendeo. spondeo, stella, stirps. stiva, 
stinguo. sturnus. surdus. tardus. tslum. trìcae. vapidus. trìstis. vèrus. vincio. 



- 170 — 

viscus. vitium. uterus. volva], — T. Frank, The import of the fetidi insti- 
tution, pp. 335-342 [Il collegio dei Feciali era un sacerdozio ad un tempo 
semireligioso e semipolitico. Questo doppio carattere spiega come l'isti- 
tuzione abbia grande importanza per la storia del diritto internazionale; 
ma la sua importanza non consiste soltanto in ciò, bensì anche nel fatto 
che essa istituzione getta molta luce sulla storia romana primitiva — 
disgraziatamente la storia romana autentica comincia dai tempi in cui 
la concezione religiosa e morale di Roma era già pervasa dallo scetti- 
cismo — e sulle cagioni della grandezza che Roma raggiunse piìi tardi]. 
— Ch. D. Adams, Recent views of the politicai influence of Isocrates, 
pp. 343-350 [Recensione, con molte osservazioni personali, dei seguenti 
lavori: Ed. Meyer, Isokrates' zweiter Brief an Philipp und Demosthenes' 
zweite PhilippiJca (Berlino 1909. Sitzungsher. d. kon.-preuss. Akad. d. 
Wissensch). P. Wendland, Konig Philippos und Isokrates ; Isokrates und 
Demosthenes... (Gottinga 1910. Nachrichten v. d. kon. Gesellsch. d. Wissensch.). 
J. Kessler, Isokrates und die panhellenische Idee (Paderborn 1911)]. — 
Notes and discussions: C. D. Buck, A new epigram front Thessaly, Bull. 
Corr. Hell. XXXV (1911) 239, pp. 351-353 [Nell'alfabeto epicorico della 
Tessaglia; del V sec. a. C. Notevole per la p s i 1 o s i ]. — P. Shorey, 
Note on Lucretius III 59 ff., pp. 353-355 [È probabile che il poeta 
abbia pensato alla VII %vQÌa òó^a di Epicuro D. L. X 141. Cfr. 
anche l'Anonimo di Giamblico (Diels , Vorsokratiker^ 631, 
31 sgg.)]. — F. H. Fowler, The mirtini, quin sentences, pp. 355-357 
[L'uso di mirum quin è frequente in Plauto, dove ha ' forza ironica', 
come già avvertirono tutti gli editori; la costruzione mirum quin in 
genere trae origine da una ' questione paratattica ' e quindi la formola 
ha valore negativo]. — Ch. C. Mierow, Note on Eu g i pp i u s, pp. 357-358 
[Nega, contro l'affermazione messa avanti in Pault-Wissowa, Beai En- 
cyclopadie d. class. Altertumsw. s. v. ' Eugippius ', che ' la migliore edi- 
zione del testo ' di questo scrittore sia quella di P. Knoell in Corpus 
scriptorum ecclesiast. lat. IX 1, 2; l'edizione migliore della Vita sanati 
Severini e quella del Mommsen (Berlin 1898)]. — F. M. Foster, Commu- 
nication, p. 358 [Riguarda uno scritto dell'autore, presentato all'Univer- 
sità di Michigan, intorno alla questione della divisione degli atti in 
Plauto]. 

Idem. 4. — A. Shewan, The ho meri e angment, pp. 397-411 [Pro- 
priamente è una recensione del lavoro del Drewitt, The augment in 
Homer, in Class. Quarterly VI 44 sgg. 104 sgg. (v. Rivista XL 372. 501). 
Lo Shewan non ne accetta le conclusioni, facendo soprattutto notare che 
ci sono differenze nell'uso dei modi e dei tempi, delle quali bisogna 
tener conto, come pure dei fenomeni ' scansionali ' ; e anche va tenuto 
conto del fatto che alcuni verbi ricorrono con maggior frequenza nella 



— 171 

parte 'discorsiva' che non nella narrativa e viceversa, e quindi l'au- 
mento ha la sua ragion d'essere o di non essere secondo i luoghi. In- 
somma una legge generale non si può formulare con esattezza, e per 
conseguenza dall'uso o non uso dell'aumento nulla si può dedurre con 
certezza assoluta rispetto all'età relativa dei due poemi omerici e alla 
priorità di questo o quel libro dell'uno o dell'altro]. — A. Gudeman, 
Two textual problems in the ' Dialogus ' of Ta ci tu s, pp. 412-419 [I. The 
extent of the two lacunae (le due lacune sono la prima dopo il e. 35 ad 
veros iudices ventmn, la seconda nel e. 40, 6 dopo la parola admovehant. 
Sull'estensione della prima ha gettato molta luce una notizia di Pier 
Candido D e e e m b r i o in un ms Ambrosiano, dalla quale si de- 
duce che essa lacuna corrisponde non a ^/g bensì a una lunghezza fra 
^k e Vq dell'intero trattato. Riguardo alla seconda, un calcolo nemmeno 
approssimativo non si può fare ; il ms di Iesi dà modo di dimostrare 
con precisione matematica che i ce. 36,1-40,6 occupavano esattamente 
4 pagine o 2 fogli dell'archetipo, la qual cosa implica che faces admo- 
vehant formano le ultime parole, e non de otiosa il principio di una 
pagina „). — //. The validity of the X famihj V. Y (" lo scriba del ms 
perduto X, rappresentato da A — Vaticanus 1862 — e da B — Lei- 
densis — non i-iprodusse il codice Hersfeldensis così fedelmente o accu- 
ratamente come Y, donde provengono gli altri mss esistenti „. A risolvere 
la questione della validità può servire, ma limitatamente, il codice del 
Decembrio, che dedusse alcune lezioni dall'archetipo]. — E. H. Stur- 
TEVANT, Stiidies in Greek noun-formation, pp. 420-441 [(Continuazione ; 
V. Rivista XL 178). — Terminazioni labiali. III: parole in -nr; o -7id 
(anche -7ià) ; in -^r]g o -^ccg, gen. -tiov ; in -nog e -nov, gen. -nov]. — 
B. L. Ullman, H r a c e Serm. 1 6, 115 and the history of the word 
' laganuni\ pp. 442-449 [Alla parola laganum gl'interpreti hanno dato 
vari significati a far capo da quello dello scoliaste " laguna siint pla- 
centulae quaedam volgares quasi membranulae compositae, quae ciini pipeì-e 
et liquamine conditae depromi solehant „. Nel greco moderno Àdyavov 
significa 'un foglio di pasta' [natiaT], 'un genere di pasticceria '. Come 
porrum e cicer rivivono nell'italiano 'porro' e ' cece ', non è improba- 
bile che laganum riviva in ' lasagna ', per quanto la forma latina do- 
vrebbe essere piuttosto lasanum, o meglio ' lasagna ' provenire da *lasania, 
neutro plurale della forma diminutiva greca {Àaydvva è in Ateneo 
648«) : che, a ogni modo, il laganum oraziano significhi in senso 
stretto ' maccheroni ' non par dubbio]. — R. J. Bonner, Evidence in the 
' Areopagus\ pp. 4.50-456 [Recenti indagini hanno dimostrato che la legge 
relativa alla prova testimoniale nei processi non entrò in vigore prima 
del 390 a. C. Davanti all'areopago e ad altri tribunali di giurisdizione 
simile si richiese sempre che fosse in iscritto. Pure le parole di (Demo- 



— 172 — 

stene) XL 32 nQÒg tìjv è§ HqsIov ndyov fiovÀìjv eìtie tìjv àÀ^&eiav 
Tiàaav implicano inevitabilmente una testimonianza orale. Quanto alla 
testimonianza degli schiavi, nei processi di omicidio, il luogo di Pla- 
tone Leggi 937 B {dovÀt^- fiagzvQ'^aai) non è decisivo come altri crede; 
la notizia ivi contenuta va completata con quelle che si desumono dalla 
prima tetralogia di Antifonte]. — A. Leslie Wheeler, 'Satura' 
as a generic terni, pp. 457-477 [Esame particolareggiato dello studio 
dell'HENDRicKSON, Satura, the genesis of a literary form in Class. Fililo- 
logy VI 129-143 (v. Rivista XXXIX 625), tenuto conto anche dell'arti- 
colo supplementare dell'lNGERSOLL, Roman satire,... ivi VII 59-65 {Ri- 
vista XL 365). Le conclusioni dell'H. e soprattutto quella relativa alla 
data 40-30 a. C, quando il genere letterario creato da Lucilio 
avrebbe avuto la designazione di satura, sono molto dubbie. La parola 
satura, come pare risulti dalle testimonianze varie degli antichi, dev'es- 
sere stato un termine generico di componimenti letterari, il cui uso, 
secondo teorie meno recenti, risaliva a Ennio e a Lucilio]. — 
Notes and discussions: G. M. Calhoun, X enophon Hellenica 1 1, 27-29, 
pp. 478-480 [Commento; il passo è in tutto e per tutto coerente e lo- 
gico, sebbene come forma lasci a desiderare specialmente nella frase 
Àóyov òiòóvai]. — M. Radin e E. T. M., The case of the Marcelli, pp. 480-485 
[A proposito di Cicerone De Oratore l 39, 176: quid? — dicendum? 
Intorno al significato di stirps e gens nel passo in questione; i due 
autori interpretano in modo affatto diverso]. — P. Shoret, Emendation 
of Th e op h r a stu s De sens. 64, Diels Vorsokratiker' 375, 44, pp. 485- 
486 [Invece di kuI tovtcov o nal aévciv roitcov o Kol tovtcjv aiixàtv. In 
88 ib., aèT(àv - èvavria, si deve forse espungere il primo y.al]. 



The Classical Revietv. XXVI. 1912. 5. — A. Platt, The last scene of 
the ' Seven against Thebes', pp. 141-144 [Lo Scholl ha dimostrato che 
i vv. 996-1070 dei ' Sette contro Tebe ' non sono autentici ; agli argo- 
menti addotti da lui altri ne aggiunge il Platt: l'impossibilità che con 
essi versi si chiuda la trilogia, la presenza in scena di Antigone e 
Ismene prima dell'entrata dell'araldo, il raffronto con i 'Persiani', che 
c'induce u credere che la tragedia terminasse con un canto funebre, il 
linguaggio ' parlamentare ' del passo, che comincia con una frase legale 
quasi legale doKovvza kuI òó^avta, lo stile, l'accenno contenuto nelle 
parole iÀrj^e Saificov del v. 940, e il verso 1035 modellato sul 349 delle 
' Supplici ' ]. — J. E. Harry, Ttvo more misunderstood passages in the 
' Oedipus tyrannas\ pp. 144-145 [1089-1094 a proposito di àneiQcov, male 
interpretato per ' ignorante ', e della frase x^S^^^'"^"'' ^^òg ^fiwv, ipo- 



— 173 — 

tattica, non paratattica {xo^evófAsvov). 1526; lezione e raffronti]. — Lo 
stesso, Crtix cruciim in ' Hippolìjto\ pp. 146-147 [Il senso dei vv. 468 sg. 
dell' ' Ippolito ' di Euripide è questo: oód' èv axéyrj yàQ ((JqotoIJ 
eig yiaTriQecpetg óófiovg KaÀcòg àKQi^ova^ alév ' av oh eig tooovtov néXayog 
neaovaa — ttwj doneìg ènvevaai TTQÒg tìjv yfjv ;]. ~ R. L. Tdrner, Against 
the stress accent in Latin, pp. 147-153 [Il fenomeno fonetico la cui 
azione si suole attribuire all'accento tonico dipende più direttamente da 
vari altri fatti linguistici, fra cui tiene il primo posto l'etimologia. Prove 
ed esempi in gran numero]. — G. C. Macaulay, On Ho race, Ars 
poetica II. 128-130, pp. 153-154 [Il vero senso dev'esser questo: è diffi- 
cile imprimere il marchio del genio individuale, cioè dell'originalità, a 
un tema spesso trattato, e quindi nello scegliere una storia deWIIiade 
per un tuo drama, cioè nel cavare dal poema un drama, meriti maggior 
lode che se prendessi a trattare un soggetto in tutto nuovo]. — Note: 
W. R. Paton, Isocrates, ad Detnonicum, 12 D, p. 155 [Propone 
nÀaTTOi,iévovg '\n\Qce di èÀaTzovfiévovg^. — Obituary, pp. 172-174: Necro- 
logie di A. W. Verrall e E. S. Robkrts. 

Idem. 6. — W. R. Roberts, A point of Greek and Latin word-order, 
pp. 177-179 [Movendo dal passo della Rhetorica ad Alexandrmn e. 25 
{òel oh — TVTtTea&ai,) dove si discute delle espressioni ambigue, tratta 
delle proposizioni infinitive che danno luogo ad equivoci avendo in accu- 
sativo tanto il soggetto quanto l'oggetto, p. es. aio te Aeacida Romanos 
vincere posse, di Ennio. Non sono rari i casi, ma non sempre l'ambi- 
guità è reale, talora è soltanto formale come in Sofocle Antig. 288 
i] Tovg KttKovg zt/^òJvTag elaoQàg &eovg •]. — E. C. Marchant, Hippo- 
centaur and the dogs of the ' Cynegeticus', pp. 179-180 [e. 7, § 5: nomi 
di cani, che secondo Arri ano [Cyn. e. 311 sarebbero stati in parte 
inventati da Senofonte stesso. Ciò non pare possibile, almeno in 
generale, risultando da altre fonti, comprese le epigrafiche, che alcuni 
erano realmente nomi di cani. Quanto ad 'l7i7ioy,évTavQog, la parola deve 
aver designato un cane da sport]. — F. M. Cornfokd, Hermes - Notis ' 
and Pati-' Logos' in Fin dar 01. Il, pp. 180-181 [I versi 91 sgg. 
{noÀÀà-xaxt^ev) hanno pi'obabilmente un senso mistico : Hermes (in 
èQfirjvécov) = Nous, Pan {èg oh xò nàv) = Logos. Certo è che il misti- 
cismo posteriore svolse la trinità: Novg (= Zeus), Novg StjfiiovQyóg 
(= Hermes) e Aóyog]. — J. U. Powell, Notes and emendations, pp. 181-188 
[Tucidide V 103, 1: il y,Cv6vvog dello storico richiama al ulvóvvog 
teognideo 637-38, 557, forse 585-86 ; quanto a naQu^ivd-iov, anche in 
Platone altre parole, come òóaig, òiaKovla ecc. hanno dopo di sé un 
dativo VI 78, 3: forse si yvcófit^ àfiaQvoi, {éTil) xolg abxov aanoTg óA. 
— Sofocle 0. E. 1492-95: 1494 5 il senso richiede et proli suae et 
sihi exitiosa mox futura quindi: à xalaiv alg \ yovaìaiv eoxai, a(pCv d-' ófiov 



— 174 - 

ófjÀ'^l4,aTa]. — H. Stewart, Lucane a, pp. 183-185 [IV 618-19: il 
primo verso rappresenta l'atteggiamento di Eracle, il secondo quello di 
Anteo V 107 forse la lezione migliore è quella dell'HEiTLAND totas 
V 287 non sembrano necessari mutamenti di sorta V 663 può stare 
tassa VI 217 neruorum può riferirsi ai piccoli tendini; n. uincula rumpit 
è frase poetica VI 427 sgg. nemmeno qui nulla da mutare. Tutto ciò 
a proposito delle Notes on Lucan dello Smale in Class. Rev. 1911 pp. 199-200 
(v. Rivista XL 367)]. — Note : H. Rackham, X e n o p h o n, ' Hellenica ' li II: 
the conspiracy of the KaÀaftrjcpÓQoi, p. 186 [Il luogo ha importanza anche 
per la conoscenza della vita greca; infatti se ne cava la notizia che gli 
antichi usavano la canna (ndÀufiog) come bastone da passeggio]. 



The Classical Quarterlij. VI. 1912. 3. — H. Richards, Dislocations in 
the text of Thucrjdides, pp. 187-151 [Proposte di emendamenti, con- 
sistenti in trasposizioni, in parte dubitative, di parole, a numerosissimi 
luoghi dei libri I-IV]. — J.Jackson, On certain readings in Sophocles, 
pp. 152-164 [Phil. 285 tò (A,hv v o a {o v v) odv dia %qóvov ti. fi. — 
0. C. 1230 (pQev&v invece di (péQcav — 0. T. 1318 (pQovslv invece di 
(poQEÌv — Ai. 994 sg. óòòìv d"^ àTtaaòìv óòòg à. ò. \ fi. t. a. fio' -J^ v v. e. 
1011 {^ ì] óvaTv^ovvTt f4^f]dèv e v 6 i o v ysÀàv — 0. T. 1402 à^d 
fiov fiefiv[iaS'^ et" S. v — Ant. 225 sg. è/iiardasig | óóoìg, 471 SrjÀoT' tò 
— Ai. 1304 sgg. punto interrogativo (cioè ;) dopo à&dmovg (1307) — 
0. C. 155 àÀX' ava' 1332 TiQoo&f] zolaòs (p a a k 266 rà^ya- 
T & fi' ènei r« r' — Ai. 1023 ravT à (p a v i a — Ant. 1329 ò KaZ- 
Àiazevcov 667 rà OftinQÙ — Ai. 587 TiQÒg ah ■A.al — 0. T. 1208 
71 òj g a T é y ag Xifiy]v — Phil. 539 ènLoy^ezov, a x a& G) fA, e v — 0. C. 
813 oi) aé, Tovg ti d q o g cp. 814 ^^fiav' Iqv 380 àg aviitC adròg 
381 '»} fi ìj V na&éÀ^cùv 842 nóÀig éyetQEzai, n. è. a. 1702 
ovò'èvéQCùv à.è. fi é t a 1341 ovv óuvo) xod 1192 àÀÀ' aiiiòv 
{abzóv) ■ %àzéQOig — Tradì. 383 y-anoi, {n d k i a) z a Sé — Phil. 29 
è^vjiE^&E • {'Aaazi) y,aì — Ai. 795 zòv àvÒQ àneiQyetv firiòai^fifi S" òì)- 
tpiévai]. — E. Harkison, Chalkidike, pp. 165-178 [(Continuazione - v. Ri- 
vista XL 501- e fine). — Le testimonianze posteriori: Eraclide, 
Polibio, Diodoro, Strabene, Dionigi di Allear n asso, 
Dione Crisostomo, Plutarco, Appiano, Tolemeo, 
Libanio, scoliaste di Aristofane Eq. 237. — Lingua; nomi; 
monete. Seguono uno 'schizzo di storia della penisola', e varie appen- 
dici : luoghi speciali della Calcidica, la rivolta del 432, le formule di 
Tucidide invece di ànomlai, i Calcidesi in Amfipoli, ecc. Debbo 
limitarmi a queste indicazioni, il lavoro non potendosi riassumere]. — 



— 175 — 

C. M. GiLLESPiE , The use of Elóog and 'lóéa in Ili p p o e r a t e s , 
pp. 179-203 [Complemento dello studio del 'I'aylok, Varia Socratica, I, 
ove è detto dell'uso delle parole elSog e iàéa nella letteratura greca dei 
periodi socratico e platonico. " Negli scritti platonici il significato dei 
due vocaboli mostra molto maggiore affinità col corrente uso scientifico 
nelle sue due tendenze che non con lo speciale senso matematico. Am- 
messo che lo sviluppo dell'uso scientifico fosse indipendente dalla mate- 
matica pitagorica, a ragione Aristotele afferma (Metaph. I 987 a 
31 sgg.) che le eXòì] platoniche erano derivate da altra fonte che dal 
Pitagorismo... Quanto alla differenza fra Viòéa e 1' elòog si può stabilire 
che T'idea' è ai>TÒ 3 Hativ inaaiov o ovaia primitiva nei suoi aspetti 
' epistemologico ' e ' ontologico ', elòog primitivamente nel suo aspetto 
' scientifico ', come causa dei particolari, concepita secondo l'analogia 
della ' causalità ' nelle arti „]. — A. I. Kuonknbkrg, Ad Panegyricos latinos, 
p. 204 [Vili 18, 6 Baeiik. p. 245, 7 dempti periculi merito X 6, 2 p. 267, 13 
officia e ora (da alcuni critici mutato in opera) sono ànò koivov con 
implentem X 11, 6 p. 272, 7 facit non faeem]. — J. v. Wageningen, Ad 
Tihullum, p. 205 [I 4, 44 alliciat invece di amiciat o (Leo) admittat]. 
— Lo stesso, Ad Varronem, p. 206 [R. R. I 13, 2 {soli) admota cioè 
esposta a mezzogiorno]. 

Idem. 4. — H. Richards, Dislocations in the text of Thucydides, 
pp. 217-234 [(Continuazione - v. quassia fase, preced. di Class. Quart. — 
e fine). — Libri V-VIII. Nessuna conclusione, data l'indole dello studio; 
solo si constata la trasposizione di jcai in numerosi luoghi degli ultimi 
quattro libri, come nel primo]. — W. Ridgeway, Three notes on the 
' Poeiic' of Aristotle, pp. 235-244 [C. I 1447 a 15: dimostra che il 
Bywater ha completamente frainteso un luogo di Aristotele 24, 
1460 a 9; lo scrittore greco nei due passi citati e in 3, 1448 a 21 è in 
tutto e per tutto coerente : i poeti avtol Xéyovoi, e non sono punto 
lA,i[irivaC. — 1449 a 10: Aristotele crede che la tragedia derivi dal 
ditirambo, non quello ristretto a Dioniso, ma quello comune agli eroi e 
agli dei, e cerca di inchiudere le avventure di Dioniso fra' suoi soggetti. — 
1449 a 19: sulla relazione fra il drama satirico e la tragedia; il termine 
greco ' tragedia ' include la tragedia seria e la ' tragedia sportiva ' cioè 
il drama satirico. Fintantoché " visse l' uso della trilogia tragica col 
drama satirico, la tragedia non potè liberarsi da espressioni burlesche ; 
a designare cotesta liberazione, avvenuta piìi tardi, Aristotele usa 
la frase èy. HazvQfuoì) ueTCtfiaÀeìu, interpretata finora in altri modi]. — 
F. M. CoRNFORU, Psychology and social structure in the ' Republic ' of 
Plato, pp. 246-265 [La teoria delle quattro virtù cardinali si spiega 
ammettendo " che tre di esse erano popolarmente considerate come cor- 
relative con le tre età della vita umana {Ttaìdsg, àvd^eg, yéQovies). La 



— 176 — 

struttura delle antiche società greche, come delle altre società primitive, 
era fondata sulla distinzione fra' tre principali gradi di età, di cui erano 
caratteristiche le tre virtù. Lo Stato ideale proprio di Platone ha 
per base ed è modellato evidentemente sulla costituzione spartana. È 
quindi probabile che Platone movendo dal concetto delle tre divi- 
sioni del suo Stato e delle loro diverse virtù e poi ammettendo che lo 
Stato 'naturale' deve riflettere in larga scala la costituzione della 'na- 
tura ' individuale, abbia stabilito la corrispondenza fra la psicologia e 
la sua politica,,]. — P. v. Braam, A risto ti e' s use of 'A^iaQzfa, 
pp. 266-272 [" La concezione deWàfia^zCa come debolezza morale for- 
mante la base dell'idea tragica di Aristotele è una leggenda per- 
sistente così come la teoria delle tre unità (di luogo, di tempo, di 
azione) ,. Che sia una leggenda è dimostrato dall'esame fatto senza pre- 
concetti di vari passi dell'Etica Nicomachea confrontati con la Poetica, 
cap. XIII]. 



Harvard Studies in Classical Philoìogy edited hy a cotnmittee of the clas- 
sical instructors of Harvard University. Voi. XX Eli. 1912. — M. Coleman 
Waites, Some features of the allegorical dehate in Greek literature, pp. 1-46 
[Rassegna di tutti (?) gli esempi di contra.sto allegorico nei poeti lirici, 
nella retorica e nella filosofia, nel drama, negli scrittori alessandrini, in 
Plutarco e in Luciano. 11 carattere fondamentale dei vari con- 
trasti è dal più al meno lo stesso, ma ognuno ha naturalmente ti-atti 
propri in corrispondenza con il significato delle figure allegoriche per- 
sonificanti le due tendenze in opposizione e con il suo intendimento pe- 
culiare; così il carme 62 di Catullo, modellato su un esemplare 
greco, col suo contrasto fra Espero crudelior e iucnndior ignis, è tutt'altra 
cosa dal frammento 109 di Saffo col suo contrasto fra una vergine 
e la propria verginità. 11 contrasto allegorico tipico, e quindi nel vero 
senso della parola, è quello famosissimo fra il Piacere e la Virtù, nella 
favola di P r d i e di Eracle al bivio, che ebbe un lungo strascico di 
imitazioni e di reminiscenze. Certo la retorica molto influì sui contrasti 
allegorici, ma la sua influenza non deve essere esagerata, come solita- 
mente avviene. Ai contrasti allegorici ben si prestava la tragedia e anche 
pili la comedia. Molti ne ha la poesia alessandrina, che rivelano il nuovo 
indirizzo della cultura di quel tempo. In Plutarco rivestono un ca- 
rattere quasi esclusivamente morale, come in Luciano prevalente- 
mente umoristico; con lui il contrasto allegorico attinse il più alto 
grado di svolgimento nella letteratura classica]. — W. H. Paine Hatch, 
A manuscript of Jerome' s 'De viris ilhistribns' helonging to the gè- 



— 177 — 

neral theological Seminary in New York, pp. 47-69 [Descrizione esterna 
del codice, che è del sec. XII l, e collazione, fatta sull'edizione critica 
del Richakdson]. — Ch. Rathfon Post, The dramatic art of Sophocles, 
pp. 71-127 [Si può asserire che Sofocle attinge la perfezione soprat- 
tutto nella 'delineazione dei caratteri' dei suoi personaggi; cotesto è 
il ' motivo determinativo ' dei suoi drami. Ne soltanto il carattere del 
protagonista è dipinto in modo che piìi non si potrebbe desiderare — 
Aiace^ Antigone, Elettra, Edipo sono creazioni artistiche in sommo grado 
sotto tutti gli aspetti — bensì anche quelli dei personaggi secondari. 
Notevole è specialmente la struttura dei drami di Sofocle, che pre- 
senta curiose particolarità; e medesimamente il parallelismo fra le due 
prime e le due seconde parti di alcuni drami, come V Antigone e V Aiace. 
L'azione dramatica è condotta in maniera da mettere in pieno rilievo 
il carattere dei personaggi in tutte le sue sfumature]. — H. Wheatland 
LiTCHFiELD, The Attic alphabet in Thiicydides: a note on Thti- 
cydides 8, 9, 2, pp. 129-154 [È uno studio d'importanza addirittura 
capitale, ma purtroppo non si può riassumere in breve, ne è possibile 
riprodurre e nemmeno, se mai, in forma ridotta la tavola delle iscri- 
zioni attiche con alfabeto misto, un'altra dell' ' aspetto ' delle forme 
ioniche nelle iscrizioni attiche, e la classificazione degli errori di translit- 
terazione {E = ij. E = e, . . . ^= co, = ov...) che del lavoro costitui- 
scono la parte precipua. La conclusione generale, se la si può chiamar 
così, riguarda il tempo delle adozioni di -£^J= spurio ei e di 0T = 
spurio ov; rispetto a Tucidide in particolare, egli usò certamente 
E e nei dittonghi]. — Cu. H. Haskins, Further notes on Sicilian transla- 
tions of the tirelfth century, pp. 155-166 [Aggiunte al lavoro dell'autore e 
del LoCKWooD, The Sicilian translators of the twelfth century... in Harvard 
Studies XXI 75-102 (v. Rieista XXXIX 628). Un secondo manoscritto 
della versione latina della Mad't^^iaTmrj Uvvra^tg (Ahnagest) di Tolemeo 
è nella Biblioteca Nazionale di Firenze, un terzo nella Vaticana, Pai. 1371, 
superiore per accuratezza ed esecuzione meccanica delle figure all'altro 
Vatic. Lat. 2056. Notizie di altri mss contenenti traduzioni latine, fatte in 
Sicilia nel secolo XII, di altre opere di matematici greci, fra cui Proclo 
ed Erone Alessandrino. Origini siciliane hanno anche codici del Nuovo 
Testamento]. — Snmmaries of dissertations for the degree of Ph. D., 1911-12, 
pp. 167-171 (trattandosi di semplici sommarli di tesi di laurea mi limito 
a recare i titoli) : F. H. Fobes, De libris aìiquot Suetonianis. — 
W. H. Frkeman, De Ovidi Carminum amatoriorum textus historia quae- 
ritur. — R. M. Peterson, De vaticiniis apud poetas graecos. 



Rivista di filologia, ecc., XLI. 12 



— 178 — 

The American Journal of Philology. XXXIII. 1912. 2. 130. — Ch. Knapp, 
The sceptical assault on the Roman tradition concerning the dramatic sa- 
tura, pp. 125-148 [Critica particolareggiata delle opinioni, esposte in 
più lavori, del Leo e delTHENORicKSON, intorno ai versi Fescennini e alla 
satura dramatica e al discredito in cui furono tenuti a Roma dagli scrit- 
tori che avevano subito l' influenza greca. Ne l'uno ne l'altro hanno 
risolto in modo definitivo la questione, che dovrebbe essere ripresa in 
esame in tutti i suoi elementi. Anche le conclusioni dello Schanz^, non 
ostante il curioso compromesso che egli ha creduto di fare fra le varie 
opinioni, non sono tali che possano appagare]. — B. L. Ullman, H o- 
race and Tibull u s, pp. 149-167 [l. Carm. 1 33 and Epist. I 4(VAÌ- 
bius dell'ode e dell'epistola è veramente il poeta Tibullo; nella 
prima, il nome Glycera sostituisce il nome Nemesis — metricamente 
sono equivalenti — e immitis forma oxymoron con Glycera. Tutto ciò 
che è detto nell'epistola si adatta benissimo alle relazioni fra Orazio 
e Tibullo). — II. The Albiu s of Ho r ac e, Semi. I 4 {" e proba- 
bilissimo che cotesto Albius fosse il padre del poeta Tibullo ^). — 
III. Ho race, Serm. I 10 and the circle of Messalla (intorno alle per- 
sone che formavano cotesto circolo e ai rapporti di Orazio con loro). 
— IV. Cassius Parmensis and Cassius Etruscus (il primo è ricordato da 
Orazio in Epist. I 4, 3, il secondo in Serm. I 10, 61 : l'opinione ora 
prevalente è che si tratti di due persone distinte; l'Ullman invece crede, 
movendo dalla testimonianza dello scoliaste e con altri argomenti, che 
fossero una sola e medesima persona)]. — H. Langford Wilson, Latin in- 
scriptions at the Johns Hopkins University, VII, pp. 168-185 [V. Rivista 
XXXIX 632. - Altre trenta iscrizioni, n' 82-111]. — A. M. Harmon, Pro- 
tesilaudamia Laevii, pp. 186-194 ["È molto probabile che i creduti 
frammenti dell'opera di L e v i o le siano tutti appartenuti, che la Pro- 
tesilaudamia si trovasse nel secondo libro degli Erotopaegnia, e che 
L e V i 0, seguendo Euripide, abbia posto per base della gelosia di 
Laudamia il fatto che Protesilao l'aveva abbandonata subito dopo il suo 
ritorno „]. — E. Prokosch, Phonetic tendencies in the Indo-european conso- 
nant system, pp. 195-202 [Studio di glottologia pura]. — J. Elmore, On 
Juvenal Sat. I 144, pp. 203-204 [Infestata e la stessa parola, e col 
mede.simo significato, di intestatus in Plauto Mil. 1416, vale a dire ha 
il senso di 'impotente' fisiologicamente; cfr. Persio Sat. I 103]. 

Idem. 3. 131. — E. B. Lease, The dative with prepositional compounds, 
pp. 285-300 [Statistiche, percentuali, esemplificazioni. Delle quattro con- 
clusioni, a cui giunge l'autore, che non è possibile riassumere in breve, 
con i calcoli che vi sono compresi, una parte dell'ultima ha veramente 
notevole importanza, che cioè " la sola base razionale per l'uso del da- 



— 179 — 

tivo con i composti è il significato della parola „]. — W, Sherwood 
Fox, Submerged ' Tabellae defixionum ', pp. 301-310 [La spiegazione data 
dal WiJNscii dell'uso di immergere nell'acqua le Tabellae defixionum: 
ut per eam (cioè aquam) via pateret ad manes eorutn, qui naufragio 
perierunt ^, non pare sia la vera o almeno non è 'fondamentale'. 
Tenendo conto di pratiche magiche antiche, medievali e moderne (di 
queste ultime alcune vigono tuttora anche in Italia), si può ritenere che 
le defìxiones e medesimamente l'uso di immergere le tabellae rappresen- 
tino un prodotto della magia in uno dei tanti periodi del suo sviluppo]. 
— E. W. Fay, Lucilius on t and ei, pp. 311-316 [Aggiunte, che non 
è possibile riassumere, allo studio del Kent, Lucilius on EI and I in 
Amer. Journ. of Philol. XXXII 272-293 (v. Rivista XL 174)]. — N. W. De 
WiTT, A campaign of epigram against Marcus Antonius in the Catalepton, 
pp. 317-323 [Commento ad alcuni carmi della raccolta pseudo-virgiliana, 
nei quali è preso di mira Marco Antonio, il Noctuinus (nome fittizio da 
noctua, come Corvinus da corvus) del carme XII. Son9 indicati di volta 
in volta i luoghi simili o paralleli di Virgilio]. — E. H. Stuktevant, 
rvfivóg and nudus, pp. 324-329 [Intorno al significato delle due parole, 
che non sempre è quello comunemente ammesso : ' coperto o vestito 
leggermente '. Rassegna e citazioni di luoghi di scrittori greci e latini 
in cui occorrono i due vocaboli, che significano ora ' nudo ' nel senso 
vero della parola, ora ' vestito ' con uno o altro indumento, ora, come 
nel linguaggio militare familiare, ' senza armatura di difesa', ecc.]. 



Revue de V Instruction publique en Belgique. LV. 1912. 3 e 4. — J. Remy, 
Un nouveau manuscrit d'une lettre de Proclus de Cottstant inopie, pp. 161-170 
[Cod. Bodleianus graecus già n. 2408, ora Auct. E A, 18 (mise. 61), 
membr., sec. X, ce. 132^-135'' (§§ 1-7 Migne). Edizione critica]. — 
G. Cahnter, a propos des vers 691-699 des ' Choéphores\ pp. 171-177 
[Considerazioni d'ordine letterario, filologico e scenico obbligano ad at- 
tribuire ad Elettra i nove versi; non è possibile sostenere ancora la 
vecchia tesi della loro attribuzione a Clitennestra]. — J. De Deckek, 
J uvénal, Sat. I, vers 81-86, pp. 178-185 [Il senso del passo è questo : 

les passions humaines et les tourments de ce monde, nés de ce qu'un 
jour Pyrrha, lors du déluge et du repeuplement de la terre, exhiba aux 
màles des femmes nues, voilà le vii fatras de mon oeuvre ,. Farrago 
qui non è un semplice sinonimo, come generalmente si crede, di com- 
mixtio, materia varia; c'è oxymoron tra farrago e libelli. Con la nuova 
interpretazione dei vv. 81-86, questi si riattaccano a ciò che precede 
(20-80), e non a ciò che segue; nei vv. 20-80 il poeta si scaglia qua e 



— 180 — 

là contro i voluttuosi, e specialmente negli ultimi quattro (77-80) contro 
le spose perverse, le fidanzate infedeli e gli adolescenti complici degli 
adulterii; i vv. 77-86 formano un tutto solo. La nuova interpretazione 
mette in luce il carattere eminentemente misogino di Giovenale]. 



Le Musée Belffe. Bevue de philologie classique. XVI. 1912. 3. — .J. P. Walt- 
ziNG, Les trois principaux manuscrits de V Apologétique de T e r t ull ie n, 
pp. 181-240 [Sono il codex Parisinus 1623 (P), membr., del sec. X; il 
codex Montispessulanus H, 54 (M), membr., del sec. XI; e il codex Ful- 
densis (F), che noi conosciamo soltanto per mezzo della collazione che 
ne fece il Modius (F. de Maulde) nel sec. XVI. Quest'ultimo ms diffe- 
risce tanto dai precedenti che si deve ammettere che derivi da una 
recensione affatto differente, più antica o almeno migliore. Edizione di 
tutte le varianti raccolte dal Modius, non, come si crede, dal solo F, 
ma da piìi mss; in nota, le lezioni degli altri due codici, e per i capi- 
toli I-XIV anche di un ms della Stadtbihliothek di Brema. C, 48, che con- 
tiene la collazione del ModiusJ. — J. B. Poukens, Syntaxe des inscriptions 
latines d'Afrique, pp. 241-288 [(Continuazione — v. Rivista XL 635 — e 
fine). — Sintassi dei casi. Le preposizioni. I tempi. I modi. Riassumo la 
conclusione: dalle iscrizioni nulla si apprende riguardo alla sintassi dia- 
lettale; per l'Africa in particolare, gli ellenismi e i semitismi che, come 
si dice, erano uno dei principali caratteri del latino di quella regione, 
sono introvabili. La lingua dei testi epigrafici è la medesima in Africa, 
a Roma, nella Gallia e nella Spagna. È la lingua che dovette servire 
di veicolo nelle relazioni ordinarie fra persone di una certa cultura, 
lingua popolare, senza dubbio, un po' meno castigata di quella lette- 
raria, ma le cui costruzioni o sintassi non differivano fra loro da paese 
a paese]. — M. Niedermann, Sur un passage controverse de Q uintil i e n. 
Institution oratoire L 5, 23, pp. 289-291 [Propone di sostituire ad apice, 
che assolutamente non può stare, acclre. Quintiliano considere- 
rebbe come un finto barbarismo il fatto di pronunciare acclre invece di 
accìère, contraendo -tè- in l- e mettendo su questo * l'accento circon- 
flesso. Senza dubbio acclre non è punto, in realtà, la forma contratta di 
accUre, ma qìaesto non c'entra]. — Lo stesso. Une glose d' Hésychius 
mal interprétée, pp. 292-294 [Corregge, dimostrando in modo esauriente 
come la correzione sia sicura, e non possa essere altra: Àd^sig, XdQ^ag. 
Tovg KovQtjTag 'Pcafiaìoi oSicDg. Cfr. A r n o b i o, adv. nat. Ili 41. L a t- 
tanzio Placido, comm. a Stazio Theb. IV 784. Apuleio, de 
deo Socr. 15 p. 15 Lùtjoh.]. 



- 181 — 

Mnemosyne. Bihliotheca phìlologica baiava. N. S. XL. 1912. 3. — W. A. 
Baehrens, Ad Sex ti Aurelii Victoris librum de Caesaribus ce- 
terosgue libros sub eias nomine traditos, pp. 251-257 [Note critiche sul- 
l'edizione teubneriana del Pichlmayr (1911): Origo gentis Rom. e. 16, 3 
(p. 17, 6 sg.). ih. (p. 17, 15). e. 23, 1 (p. 22, 5 sg.) — de Viris ili. e. 9, 1 
(p. 32, 23). e. 24 (p. 40, 22 egg.). e. 71, 2 (p. 64, 13 sgg.) — liber de Cae- 
saribus e. 3, 3 (p. 79, 6 sgg.) e e. 41, 17 (p. 126, 13 sgg.). e. 16, 10 
(p. 95, 12). e. 42, 19 (p. 129, 1 sgg.) - epit. de Caesar. e. 5, 5 (p. 140, 3). 
e. 5, 7 (p. 140, 10). e. 12, 7 (p. 147, 19 sgg.). e. 41, 2 (p. 166, 5 sgg.)]. 
— A. PouTSMA, Aberratur ab uno ad universa et contrarie, p. 258 [Ovidio 
Met. X 212 sg. his = huic generi. Virgilio Aen. Vili 97-100 quae = 
quod genus. Senofonte An. IV 5, 35 uìtòv e non, come vuole il 
Krùger, leQsa o ccèroiig teQoijg. Invece Plutarco Artax. XIX t a vt ó 
q)Tjaiv ó KTriaCas...\ — P. H. Damsté, Ad Scriptores Historiae Augtistae, 
pp. 259-276 [(Continuazione; v. Rivista XL 183). — Sono presi in esame 
oltre a 80 luoghi di Elio Sparziano, Capitolino, Vulc. 
Gallicano, Elio Lampridio]. — v. L(eeuwen), 2KEAAIA2- 
2KEAIAI1, p. 276 [In Aristofane, Aves 126 2ìì£ÀÀlov dei mss è 
la lezione buona; HksÀIov dà anche il papiro fiorentino 112, non ostante 
la mancanza di un À, con la prima sillaba medesimamente lunga]. — 
A. KuRFEss, Observathmculae ad P. V e r g il i i Maronis eclogae 
quartae interpr et aitane m et versionem graecam, pp. 277-284 [In Eusebio 
or. Constaniini... cap. XIX-XXI (Heikel I 181 sg.). Nell'orazione, opera, 
secondo questo editore, di un ignoto scrittore della fine del sec. V, si 
trovano prove che l'interpretazione grecasi rifei"isce direttamente all'ecloga 
virgiliana, e non alla versione greca, per quanto l'interprete qua e là 
abbia frainteso. La versione e l'interpretazione si contraddicono, e quindi 
gli autori sono stati due, dei quali uno tradusse l'ecloga, l'altro dal la- 
tino il commento. Seguono alcune note critiche]. — M. Valeton, De 
Iliadìs fontibus et compositione, pp. 285-328 [(Continuazione ; v. Rivista 
XL 503). - b. Quibus carminibus Ilias doceai Achillem, alios Thessalorum 
ìieroes ante Homeri aetatem celebratos esse (Furono indubbiamente poemi 
di origine tessalica, che lasciarono molte tracce nell'Iliade, dove gli eroi 
tessali sono numerosi e tutti, insieme con Achille, erano celebrati nei 
poemi stessi. Però gli aiitori di questi dovettero essere eolici, cioè del 
paese in cui Achille compì le sue gesta]. — J. J. H(artman), Hor. Epl. 
I 11, 1, p. 328 [lauta invece di nota]. — Lo stesso, Ad PI ut archi 
Moralia annoiationes criticae, pp. 329-346 [(Continuazione ; v. Rivista 
XL 634). — Quomodo adolescens poeias a u dir e (cioè le g e r e) debeat : 
luoghi presi in esame 31. De recta audiendi ratìone: luoghi presi in 
esame 26]. 



— 182 — 

Idem. 4. — P. H. Damsté, Spicilegium criticum ad Fiori Epitomas, 
pp. 347-363 [Note di critica del testo a oltre 50 luoghi sull'edizione del 
RossBACH, Lipsiae 1896]. — A. Kurfess, De invectivis quae tamquam 
Sali usta et Ciceronis traditae sunf, pp. 364-380 [La prima in- 
vettiva non può essere autentica, ma proviene certamente da una scuola 
di retori in cui erano studiate le orazioni di Cicero n.e e la persona 
di lui entrava nelle declamazioni, forse dalla scuola di Asinio Pollione, 
qui, a detta di Seneca {Suas. VI 12), infestissimus famae Ciceronis 
permansit. L'anno 54, in cui sarebbe stata pronunciata, fu scelto bene 
dal retore che la scrisse, appunto allora l'oratore avendo inveito in Se- 
nato contro lo storico. La seconda invettiva è opera di un retorello di 
età posteriore, forse andato a Roma dalla provincia e comunque ignaro 
del sermo tirbatius]. — J. J. H(artman), Ad Ciceronis Verr. L. Ili 
§ 118, p. 380 [Quo id iure atque adeo quo id more f ecisti? senza il potius 
erroneamente intruso fra id e more]. — J. A. Vollgbaff, De propositione 
vicesima septima libri Ar chi m e di s de lineis spiralibus, pp. 381-386 
[La proposizione XXVII dev'essere andata perduta e in suo luogo ne fu 
interpolata un'altra falsa da un matematico che non comprese il senso 
della proposizione enunciata nella prefazione]. — J. J. H(artman), Ad 
Ciceronis Verrinarum L. II § 86 et 89, p. 386 [86 antiquo ; ibi se 
invece di et s. 89 inimici e Agathini (il secondo) sono interpolazioni 
insulsissime]. — I. E. Kalitsunakis, Ad ' Timaei ' glossarium, pp. 387-388 
làfA,ó&ev yé Ttó&ev • aTvó iivog fiégcvs larjfiéQov. L'ultima parola era in- 
vece ìial "0/A,i]Qog che usa appunto à/^ód'ev in Od. 1 10]. — J. J. H(artman), 
Ad Ciceronis Verr. L. Ili § 112, p. 388 [decumarum e non decumano- 
rum; effert e non efficit]. — J. C. Naber S. A. fil., Observatiunctdae de iure 
romatio, pp. 389-399 [(Continuazione; v. Rivista XXXIX 147). — CHI. De 
hereditatis possessore. CIV. Ad edictum de inofficioso]. — J. J. Hartman, 
Ad Fiutar eh i Moralia annotationes criticae, pp. 400-450 [(Continua- 
zione dal fase, preced. della Mnemosyne). — Quomodo adulator ab amico 
tnternoscatur. Quomodo quis suos in virtute sentiat profectus. De capienda 
ex inimicis utilitate. De amicorum mtdtitudine. De fortuna. Dei quattro 
opuscoli sono presi in esame quasi 150 luoghi]. — J. J. H(artman), Ad, 
Ciceronis Verr. L. Ili § 3, p. 450 [qua invece di quo e praecipifur 
invece di percipitur; inoltre vanno espunte le parole adolescentuli quani 
qui firmata iam aetate]. 

Eranos. Ada philologica Suecana. XI. 1911. 3-4. — V. C:N Lindstrom, 
Plautina I, pp. 107-130 [A proposito del lavoro del Sudhaus, Der 
Aufbau der Plautin. Cantica e della critica che ne fece il Leo (in Got- 
ting. Gelehr. Anz. 1911 pp. 66 sgg.). Seguono note critiche Most. 733 sgg. : 
740 propone — Qui ? — Quia iienit nauis nosirn{m) naue quae frangat 



— 183 - 

ratem {nane = naniter, come in Ba. 796 dove a nauis va sostituito naue) 
— Mil. 1004 sgg.: 1006 Tarn haec celocida Ulani {ti)au\t]em[ahsenteni] 
subigit me ut ameni... — As. 64 sgg.: 77 Uolo amari obseculnm illius, 
uolo amet me patrem — Aid. 470 sg.: 471 forse Si id palam fécisset: 
{fecisset, set) exemi ex manu manuhrium — Cure. 175 sgg.: 177 bisogna 
segnar virgola dopo totum e interpretare : uerum totum {amare) insana 
amatiost o insanum amare est. Chiude un addendum intorno alla costru- 
zione metrica àéìV Alcmetiae sincinium {Ampli. 633 sgg.) e ad altri pochi 
luoghi di altre comedie plautine]. — C. Thdlin, Kritisches zu Julius 
Front in US, pp. 131-144 [Studio che non è possibile riassumere : con- 
tiene notizie su le opere di Frontino secondo le indicazioni dei mss, 
varianti di questi relative alle indicazioni stesse, elenco di interpola- 
zioni avvertite da vari critici. Quanto alle opere sembra che siano state 
due, un manuale per l'istruzione degli agrimensori col titolo Institutio 
artificis (?); e una trattazione completa De arte mensoria in 6 libri, di- 
visi in 3 gruppi: 1. 2: de assignationihus et partitionihus agrorum et de 
finitionibus terminorum; 3. 5. 6 : de scientia metiundi. 4: de controller siis]. — 
E. Wallstedt, Spicilegium Plautinum III, pp. 145-169 [(v. Rivista 
XXXIX 153) — Bacch. 495: Sema tibi sodalem{una) et mihi filium. 544 sgg.: 
544 Sed sibi ne inuideatur, ipsi ignauia recte cauent. 614: Incredibilis im- 
posque animi, inamdbìUs, inlépidus uiuo. 672 sg. 737 sg.: 738 o At qui- 
dem hercle ad rem perdundam m. q. a. s. e. o meglio Ad perdundum qiii- 
dem hercle celerem magis q. a. s. e. 806 a proposito del iato. 856 Dixin 
tibi ego illum te inuenturum qualis sit. 963 sg. : Ah Helena cognitum 
esse p. H.; s. u. o. i. se | Blanditiis {nix) e. et p. ut se a. 966 P. e. m. 
milite, urbis inermus qui capit. 1065 Vel qui mi seruet da aliquem. 
1068 sg. H. e. i. efficere: éuenit mihi, I Ut praeda onustus ueliiti ouans i. 
Ut u. Oli. on. pr. i. — Capt. 102 eum impetrassere invece di ut imperet. 
135 stimma macritudine invece di sum miser o miseri amacritudine. 
169 forse non è necessario inserire, come si suole, intus davanti a Aleum 
per il iato. 280 Tùm igitiir ei quom t. g. e-, u. p. 343 Qui quae iusseris 
mandata perferat ita ut uelis. 444 nulla da mutare. 476 non occorre al- 
cuna trasposizione. 832 sgg. HE. P. h. conloqui hominem. E. ER. Qui 
uocat ? HE. Respice. \ ER. Quod tibi nec facit F. nec faciet, h. m. i. | S. 
q. e.? HE. R. a. m. {respice), H. s. ER. Oh m., | Quantumst o. h. optiime, 
aduenis i. t. I HE. N. ubi cenes a. p. nactii's, f. eo. — Cas. 126 P. a. nisi 
{si) tu erui acéruom éderis. 523 5'. f. dum, per uiam puer uersus q. e, 
colas. — Cist. 7 et eo magnam ci me i. g. 88 nulla veramente da mutare. 
524 sgg.: gnatam invece di filiam 525 poste non postea 526 terttó ecflixero 
omesso omnis 531 persequar, amens quid faciat: e. opust?]. — G. Rudberg, 
Zu den Sendschreiben der Johannes- Apokalypse, pp. 170-179 [Nel compi- 
lare la sua lettera, capp. 4 sgg., l'autore dell'Apocalissi prese come mo- 



— 184 — 

dello, consciamente o inconsciamente, lettere e rescritti reali persiani, 
di cui abbiamo un prezioso esempio in una iscrizione di Magnesia]. — 
E. Nachmanson, Zu den Motivformeln der griechischen Ehreninschriften, 
pp. 180-196 [Sull'uso della formola óper^j Jtaì e-òvoìag ^veyiev uelle iscri- 
zioni, comprese quelle funebri; àQEZ'fi in unione con evvoia ha nella 
formola un significato speciale: nobiltà o magnanimità di sentimenti. 
Larga esemplificazione]. — G.Rudberg, Einejuristisch-pMlologischeAhhand- 
Iting. Bemerkungen, pp. 197-205 [Recensione di un lavoro di Martin Fehr, 
Beitrage zar Lehre vom romischen Pfandrecht in der klassischen Zeit. 
Upsala 1910]. — H. Sjogren, Tulliana, II, pp. 206-219 [(v. Rivista 
XXXIX 153). — 1. De editionibus Rom. et lens. epistularum ad Brut., ad 
Q. fratrem, ad Atticum (Sul consenso delle due accennate edizioni 
'principi' con i mss. La conclusione ,a cui giunge l'autore è questa: 
si rem uniuersam spectes, ncque Romanae neque Tensonianae aut con- 
sensui lA'c primas deferre oportet sed potius consensioni Q uel -OC; 
in apparatu critico autem lectionibus editionum principum locus 
dandus est cum propter ueras quasdam emendationes tum quia sic 
facile perspicere licet, quae per haec saecula fuerint fata uerborum 
scriptoris „). — 2. Adnotationes criticae in epp. ad Qu. fratrem (Luoghi 
presi in esame: I 1, 7: le -paroìe uel uitiosissiinam naturam aitollerc non 
vanno toccate — II, 25: et flirta et sta bene - II 1, 38: dicere solent 
nulla da mutare — I 1, 38: non interdum minor è la lezione giusta — 
I 2, 14 : iam nikil non i. nihili e anche meno tani nihil — II 3, 1 : le 
trasposizioni proposte guastano — II 5, 3 (4, 5) : in davanti a eam e da 
conservare — II 15 (14), 3: sul significato di exspectationem — 1116,4: 
dehet non dehehat)]. — E. Nachmanson, Epigraphisch - grammatiscìie Be- 
merkungen, pp. 220-239 [7. Dativiis caiisae (tipo teI siaejìelai, IG XII vii 
389 e {'l'Vrjfir^ Tfl àyad'f] di un'altra iscrizione) — li. Zur Rektion der Prae- 
positionaladverhia in spàtalgriechìscher Zeit (esempi %dQtv tovzo, ^ivr'iav 
XàQiv, f4,vi^ftf]v %dQiv di varie iscrizioni) — HI. éveaov (in una iscrizione 
di Hierapolis, Jahrbuch des K. Deutschen Arch. Instit. Erganz.h. IV 
p. 124 n. 171: legge ivo%ov [% per >t] iAV'fjfi,rig = é'vsyia /^vi^fivjg) — IV. 
Eine Inschrift aus Priene (n. 255, Hiller v. Gakrtringen; commento 
anche linguistico) — V. Eine attische Vaseninschrift (a proposito di 
nQoaayoQévoì) — VI. Ueber die Bedeutung von àrjQ auf kleinasiatischen 
Grabschriften (à-rjQ ha il medesimo .significato di aXd-Qiov e xévaifia di 
altre iscrizioni) — VII. ev >• av (su le forme quali è^Evvdco : è^avvaco)]. 
— E. LoFSTEDT, Zu PI a ut u s, pp. 240-244 [Asifi. 344 e me 534 sum- 
mmst {quorn est) apud — Epid. 65 deperit. EP.: {perii), degetur — Most. 
156 nunc, postquam nili sum — id nero... — Rud. 1003 arbitratu. (T. a&i. G.) 
ita enim nero]. — Miscellanea: Lo stesso, Coniectanea, pp. 245-248 [Octaiiia 
trag. 457 sgg. — Frontone ep. ad M. Caes. II 1 p. 25 Nab.; p. 121, 16 ; 



-- 185 — 

p. 139, 4 — Egesippo de hello ludaico VIO, 2— Alcimo Avito 
e. Arianos 25 p. 10, 1 Peip. — E n n o d i o vita Epifani 3 p. 85, 5 Vog. 

— Aulularia siue Querolus II 4 p. 39, 17 Peip.]. — A. Hallstrom, Ad 
Se necci in rhetorem adnotationes tres, pp. 248-249 [Controu. I viii 
eùoKoviazóv II xiv ravrà èniTtAfiTTovveg àÀÀ/jZoig X xxxiv a proposito 
del detto di Spyridion aaQxo(pdya - ^wa propone ànaià in luogo 
di Tiayà. del Bdksian e Jiayiòéaei del Kiessling]. — A. Kurfess, Zu 
Col um ella XII 3, 2, pp. 249-250 [excoctionem invece di exortiationem]. 

— G. RuDBERG, Un codice di Alberto Magno, pp. 250-252 — V. Lundstuom, 
L. Saufeius L. l. Philomusus, pp. 252-253 (questi due 'articoli' sono 
in lingua svedese). 

Idem. XII. 1912. 1-4. — V. Ldndstrom, Su la versione di Cicerone 
dell' ' Economico ' di Senofonte, pp. 1-31 (in lingua svedese). - 
G. RuDBERG, Adnotationes in qiiosdam codices Moerbekenses, pp. 82-42 
[Codici contenenti la versione latina di Gugl. di Moerbeka, 
sec. XIII, della ' Storia degli animali ' di Aristotele: Parigino 
lat. 16163; Vaticani: 908 reg. Suecorum, Palatino 1068, Leop. Med. 
Fiesolano 168, Urbinate 205 ; Malatestiano Cesenate II. vii 8 (già 4) e 
IL vii 2]. — E. LoFSTEDT, Die Bembinnsscholien und D o n a t u s, pp. 43-63 
[" Non è e non può essere dimostrato che gli scolii Bambini, come finora 
si è supposto, risalgano alla redazione giunta a noi del commento 
donatiano. Quindi anche cade la deduzione, che cotesta redazione 
esistesse già al tempo dello scoliaste Bembino, cioè nel VI sec. Dob- 
biamo starci paghi a questi risultati negativi, se vogliamo affermare 
alcunché con certezza assoluta. Se invece vogliamo accontentarci di af- 
fermazioni probabili, è lecito aggiungere che gli scolii Bembini, la cui 
stretta affinità con Donato in molti punti è evidente, pare si ripor- 
tino non di rado a una redazione del Donatus- corpus più antica e piìi 
completa. La redazione che noi possediamo, incompleta, sarebbe quindi 
posteriore al sec. VI ,]. — V. Lundstkom, Contributo alla topografia di 
Roma [antica], pp. 64-84 (in svedese) [Reco, tradotti ove occorre, anche 
i titoli dei tre capitoli : la biblioteca del Pantheon ; Porticus Argonau- 
tarum ; mica o mica aurea]. — F. Gustafsson, De Epitome Thesauri latini, 
pp. 85-91 [Indicazione di luoghi, da a ab ad acies, in cui " inimis recte 
in Epitome actum uidetur „ : sbagli , omissioni , superfluità o ridon- 
danze, ecc.]. — H. Sjogren, Note on Ho race Sat. Il 2, 122, pp. 92-94 
[A proposito del duplex ficus : l'espressione va intesa nel senso proprio, 
accoppiati due a due ; nella sala dei Commestibili del Museo Nazionale 
di Napoli si trovano appunto doppi fichi, di Pompei, e in Sicilia anche 
al presente]. — M. P:n Nilsson, Su la base economica del principato di 
Augusto, pp. 95-110 (in lingua svedese). — J. Bergman, Emendationes 
Pr iid e ntiana e, pp. 111-149 [Su l'edizione del Dressel, Aurelii Pru- 



— 186 - 

denta Clementis quae exstant carmina (Lipsiae 1860). I luoghi presi in 
esame sono 60 circa. Precede una tavola della distribuzione dei mss 
principali nelle varie famiglie]. — H. Ahlqoist, Kritisches zur ' Mulo- 
medicina Chironis \ pp. 150-169 [Sono presi in esame poco meno di 50 
luoghi, ediz. Oder]. — V. Lundstrom, Sul frammento di un lessico medico- 
botanico persiano-greco, pp. 170-174 (in svedese). — S. Linde, Ad Pla- 
tonem et Ciceronem adnotationes, pp. 175-180 [PI. Apol. Socr. 
22a %axavéÀeyy.Tog 32a sta bene koì djA,'' àv — C i e . Tusc. disp. Ili 66 
quoniam e a quidem res più giìi in ratio ac sapientia uera nulla va mu- 
tato De fin. II 56 commotns (capitis) cum causa III 2 nec nero ullum pro- 
bahitur utique summum honuni e più giù col Madvig qua nihil potest esse 
praestantius V 15 conformatioque omnium officiorum (se. iniienta est), cum 
intellegitur, quo quidque referatur]. — E. Nachmanson, Syntaktische Bei- 
tràge, pp. 181-188 [I. A proposito della contaminazione di costruzioni 
sintattiche del tipo A e B, notata dallo Schwtzer in Neugriechische Syntax 
und altgriecJiische (Neue Jahrbilcher XXI 1908 p. 499), es. Tucidide 
III 109, 2 : nQvcpa òè Arjfioa&évrjg fA^evà tcjv ^voTQazriycav {rùtv) ^AuaQvdvcJv 
OTiévdovTai. Casi in più iscrizioni. — IL Su un'iscrizione pubblicata dal 
TiLLYARD in Annual of the British School at Afhens XII p. 361, n. 5. — 
III. Note critiche a pochi luoghi di Vettio Valente ediz. Kroll]. 
— H. Armini, De tribus sepidcralibus militum Romanorum inscriptionibus, 
pp. 189-194 [Inedite: riproduzione, edizione, commento]. — L. Kjellberg, 
Die Giganten bei Homer, pp. 195-198 [NeìVIUade nessun accenno ai 
Giganti. Vari accenni neW Odissea, VII 56 sgg. 204 sgg. X 118 sgg. : 
dove i Giganti " sono un popolo ' mitico ' [cioè * leggendario '] o una 
società di natura più o meno fantastica; sono posti insieme con i Feaci, 
i Ciclopi e i Lestrigoni „, nei tre casi con diverso carattere. In genere, 
Omero distingue due classi di Giganti: gli uni di figura e costumi 
umani, gli altri di natura semibelluina]. — Miscellanea: G. Thornell, 
Ad C. Plin. Paneg. e. 60, 2 (= Baehr.^ ^. 55, 11 sgg.), pp. 199-200 
{^adire è imperativo passivo e ha il senso di magistratum administra (così 
ascende [sottint. tribunati equivale a magistratum suscipe); quindi non c'è 
nulla da mutare nel passo cit.]. — A. Nelson, Lat. fui me n in der 
Bedeutung ' Stiitze \ pp. 200-202 [Fulmen ha il significato di ' sostegno ' 
p. es. in Cicerone prò Balbo 34 : duo fulmina nostri imperii, dove i 
commentatori fraintesero o connettendo la parola con fulgeo, mentre va 
connessa con fulcire [fulcire rem publicam, imperium^ o sostituendola con 
culmina. Già lo Scaligero nel suo commento a Manilio aveva 
spiegato rettamente fulmina con fulmenta]. — A. Hallstròm, Ad P la- 
to ni s Menexenum p. 243 A, inp. 203-204 [Trasporta wv oi èxd-Qol Hat... 

dopo àyiéóoaav]. 

Domenico Bassi. 
Napoli, 20 novembre 1912. 



— 18'; 



PUBBLICAZIONI RICEVUTE DALLA DIREZIONE 



Fridericus Lammert. De Hieronymo Donati discipulo. Lipsiae, B. G. 
Teubner, 1912, di pp. 75 (Commentationes philologae lenenses. Vo- 
luminis noni fasciculus alter). 

The Classical Papers of Mortimer Lamson Earle. With a Memoir. 
New York, The Columbia University Press, 1912, di pp. xxix-298. 

Greek Literature. A Series of Lectures delivered at Columbia Univer- 
sity. New York, The Columbia University Press, 1912, di pp. 316. 

Euripide. L'Ippolito con note di Raffaele Onorato. Città di Castello, 
Casa tipografico-editrice S. Lapi, 1912, di pp. 205. 

M. T. Cicerone. La XIV Filippica commentata da Andrea Rossilli. Città 
di Castello, S. Lapi, 1912, di pp. 52. 

Gaio Sallustio Crispo. La guerra di Giugurta commentata da Giorgio 
Castellani. Città di Castello, S. Lapi, 1912, di pp. 207. 

Fedro Augusto. Le Favole commentate da Pietro di Lauro. Città di 
Castello, S. Lapi, 1912, di pp. 160. 

Tito Livio. La prima deca. Letture proposte e commentate da Giorgio 
Castellani. Città di Castello, S. Lapi, 1912, di pp. 139. 

Plauto. I prigionieri (Captivi). Nuova edizione critica ad uso delle scuole 
con introduzione e commento di Enrico Cocchia. Città di Castello, 
S. Lapi, 1912, di pp. 194. 

M. T. Cicerone. La prima orazione contro Verre (Actio prima) con note 
di Roberto d'Alfonso. Città di Castello, S. Lapi, 1912, di pp. 73. 

Adriano Cappelli. Lexicon abbreviaturarum. Dizionario di abbreviature 
latine ed italiane usate nelle carte e codici specialmente del 
medio-evo riprodotte con oltre 14000 segni incisi con l'aggiunta di 

uno studio suUu aigrafia medioevale, un prontuario di Sigle 

Epigrafiche, l'antica numeraz. romana ed arabica ed i segni indi- 
canti monete, pesi, misure, etc. Seconda edizione completamente 
rifatta. Milano, Ulrico Hoepli, 1912, di pp. Lxvin-529. 

Vigilio Inama. Omero nell'età micenea. Milano, Ulrico Hoepli, 1913, di 
pp. 132, in-S" gr. 

Teodoro Birt. La civiltà romana. Traduzione di Giovanni Decia pubbli- 
cata a cura della Società Italiana per la diffusione e l'incoraggia- 
mento degli Studi Classici. Firenze, Tip. Enrico Ariani, 1912, di 
pp. viii-214. 



— 188 — 

M. Tullio Cicerone. Le opere filosofiche ridotte e commentate per le 
scuole classiche da Carlo Giorni con una introduzione sulla storia 
della filosofia antica e molte illustrazioni. Firenze, Gr. C. Sansoni, 
1912, di pp. Lv-435. 

Umberto Mancuso. La lirica classica greca in Sicilia e nella Magna Grecia 
(Estratto dagli " Annali della R. Scuola Normale Superiore di Pisa „, 
voi. XXIV). Pisa, Nistri, 1912, di pp. 335. 

L Bassi e P. Cabrini. Tra guerrieri e poeti. Letture latine per il 3° Corso 
Ginnasiale tratte da Cesare, Cicerone, Curzio, Giustino, Svetonio, 
Catullo, Ovidio, Tibullo, Properzio con sommario di regole di sin- 
tassi, elenchi di vocaboli, trattateli© di prosodia e metrica, esercizi 
di versione in latino. Con cartine geografiche a colori ed illustra- 
zioni. Torino ecc., Ditta G. B. Paravia e Comp., di pp. iv-464 
[senza data]. 

Bernhardds Schulze. De Hecataei Milesii fragmentis quae ad Italiam 
meridionalem spectant. Dissertatio inauguralis. Lipsiae, typis Ro- 
berti Noske, 1912, di pp. 117. 

GuNTHERus Iachmann. Studia prosodiaca ad veteres poetas scaenicos la- 
tinos spectantia. Dissertatio. Marpurgi Chattorum, 1912, di pp. 46. 

CoRNELii Taciti Annalium lib. IL Commentario instruxit G. Camozzi. 
Milano, C. Signorelli, 1911, di pp. 130. 

Camillus Cessi. De cyclo epico atque homerico (Estratto dal periodico 
"Classici e Neolatini „, N.° 2, anno 8"), di pp. 17. 

Hbney Wheatland Litchfield. The Attic alphabet in Thucydides : a 
note on Thucydides 8, 9, 2 (Printed from the " Harvard Studies in 
Classi cai Philology „, voi. XXIII, 1912, pp. 129-154). 

Otto Waser. Meisterwerke der griechischen Plastik. Eine Orientierung 
und ein Weg. Sechs Vortràge. Mit vier Tafeln. Zùrig und Leipzig, 
Rascher und Ce, 1912, di pp. 132. 

Emilio Bodrero. Notizia letteraria. Studi ellenici (Dalla " Nuova Anto- 
logia „, 16 ottobre 1912), di pp. 8. 

Oreste Nazari. Latin sangue gentile. Conferenza. Cava dei Tirreni, Tip. 
E. Di Mauro, 1912, di pp. 20. 

Giuseppe Cardinali. Studi Graccani (Estratto dal voi. XX degli Atti 
della R. Università di Genova). Roma, Ermanno Loescher e C." 
(W. Regenberg), 1912, di pp. iv-212. 

Otmar Schissel von Flkscuenberg. Novellenkrànze Lukians. Halle a. S., 
Max Niemeyei-, 1912, di pp. xvii-108 (Rhetorische Forschungen her- 
ausgegeben von Otmar Schissel von Fleschenberg und Joseph A. 
Glonar 1). 

Einleitung in die Altertumswissenschaft herausgegeben von Alfred 
Gercke und EuuARD NoRDEN. II. Band. Griechisches und Romisches 
Privatleben [von Erich Pernice]. Griechische Kunst [von Franz 
Winteh]. Griechische und Romische Religion [von Sam Wide]. Ge- 
schichte der Philosophie [von Alfred Gercke]. Exakte Wissenschaften 



- 189 — 

und Medizin [von Johan Ludvig Heiberg]. Zweite Auflage. Leipzig 

und Berlin, B. G. Teubner, 1912, di pp. vn-442. 
Francesco Falcidia Riggio. Claudio Mario Vittore retore e poeta. Saggio 

critico. Nicosia, Tipografia Ed. del Lavoro, 1912, di pp. viii-184. 
The Oxford Book of Latin Verse. From the earliest fragments to end 

of the V"' Century a. d. Chosen by H. W. Garkod. Oxford, At the 

Clarendon Press, 1912, di pp. xliii-531. 
Bibliotheca philologica classica et archaeologica (Philologie classique 

et archeologie. Catalogne de livres anciens et modernes aux prix 

marqués N.° 50). Lugduni Batavorum, Burgersdijk et Niermans 

" Templum Salomonia „, 1912, di pp. 548, in-S" gr. 
E. Belzner. Honierische Probleme. II. Die Komposition der Odyssee. 

Leipzig und Berlin, B. G. Teubner, 1912, di pp. viii-272. 
C. Plini Caecili Secundi Epistularum libri novem. Epistularum ad 

Traianum liber. Panegyricus. Recensuit R. C. Kukula. Editio altera 

aucta et emendata. Lipsiae, B. G. Teubner, 1912, di pp. xvi-426. 
Q. Horati Flacci Carmina. Recensuit Fridericus Vollmer. Editio maior 

iterata et correcta. Lipsiae, B. G. Teubner, 1912, di pp. viii-404. 
ViTRUvii De Architectura libri deeem. Edidit F. Krohn. Lipsiae, B. G. 

Teubner, 1912, di pp. xi-291. 
Emil Thomas. Studien zur lateinischen undgriechischen Sprachgeschichte. 

Berlin, Weidmannsche Buchhandlung, 1912, di pp. 144. 
Xknophons Anabasis. Erklart von C. Rehdantz und 0. Carnuth. Erster 

Band. Buch I-III. Siebente Auflage bearbeitet von Ernst Richter. 

Mit einer Karte von H. Kiepert und drei Tafeln Abbildungen. 

Berlin, Weidmannsche Buchhandlung, 1912, di pp. viii-224. 
Mélanges d'histoire du christianisme. Troisième partie. Jesus à Jéru- 

salem, par Augustin Goetiials. Bruxelles, H. Lamertin éditeur ; 

Paris, Libr. Fischbacher ; 1912, di pp. 81. 
Quirino Figari. Elementi di letteratura cristiana. Fascicolo I (Sec. I e II). 

Cosenza, Tip. della " Cronaca di Calabria ,, 1911, di pp. 33. 
Antiqua mater. An. MCMXI. Die XI kal. Mai. Urbi conditae sacra. 

Cosenza, Tip. cit., 1911, di pp. 10. 
Trium praecipuarum inscriptionum quae in oppido Montefalisco 

inveniuntur illustratio. Cosenza, Tip. cit., 1910, di pp. 27. 
Otto Schroeder. Ub^r den gegenvrartigen Stand der griechischen Vers- 

wissenschaft (Beilage zum Jahresbericht des Domgymnasiums zu 

Naumburg a. S. Ostern 1912). Naumburg a. S., Druck von H. Sieling, 

1912, di pp. 28, in-4°. 
— — The new Metric (Reprinted from " Cla^ jal Philology „, voi. VII, 

No. 2, Aprii 1912, pp. 137-176). 
Arnaldo Monti. II latino nei licei moderni. Considerazioni e proposte. 

Torino, Vincenzo Bona, 1913, di pp. 18. 
Adolfo Gandiglio. La poesia latina di Giovanni Pascoli (Estratto dal- 
l' " Atene e Roma „ Anno XV, 1912, N. 163-166), di pp. 69. 



— 190 — 

Il primo libro delle Georgiche di Virgilio. Versione fedele di G. M. 
Sartore. Pinerolo, già Chiantore-Mascarelli, 1912, di pp. 63. 

Gaetano Curcio. Q. Orazio Fiacco studiato in Italia dal secolo XIII 
al XVIII. Catania, Francesco Battiate, 1913, di pp. viii-388. 

M. Lenchantin de Gubernatis. Appunti suH'ellenismo nella poesia arcaica 
latina (Estr. dalle " Memorie della Reale Accademia delle Scienze 
di Torino „ serie II, tom. LXIII, pp. 389-456). 

Frederik Podlsen. Der Orient und die Frùhgriechische Kunst. Mit 197 
Abbildungen. Leipzig-Berlin, B. G. Teubner, 1912, di pp. vni-195. 

Voluminum codicumque fragmenta graeca cum amuleto cbristiano. 
Edidit Ernestds Schaefer. Accedunt IV tabulae phototypicae (Pa- 
pyri landanae. Cum discipulis edidit Carolus Kalbfleisch. Fasci- 
culus primus). Lipsiae, B. G. Teubner, 1912, di pp. 33. 

Adolph Roemer. Aristarchs Athetesen in der Homerkritik (wirkliche und 
angebliche). Eine kritische Untersuchung. Leipzig und Berlin, B. G. 
Teubner, 1912, di pp. xii-528. 

TiTi Livi Ab Urbe condita libri. Editionem primam curavit Guilelmus 
Weissenborn. Editio altera quam curavit Guilelmus Heraeus. Pars V. 
Fase. IL Liber XLI-CXLII. Lipsiae, B. G. Teubner, 1912, di pp. xx-244. 

H. Stuart Jones. Companion to Roman History. With illustrations. 
Oxford, at the Clarendon Press, 1912, di pp. xii-472. 

La Teogonia di Esiodo recata in prosa italiana da Gaetano La Feria. 
Catania, N. Giannetta, 1912, di pp. 62. 

Euripide. Ifigenia Taurica commentata da Luigi Galante. Milano-Palermo- 
Napoli, Remo Sandron, di pp. xxviii-128 [senza data]. 

Senofonte. La spedizione di Ciro commentata da Luigi Ricci. Libro I. 
Milano-Palermo-Napoli, Remo Sandron, di pp. xvi-64 [senza data]. 

Kleine Texte fiir Vorlesungen und Ubungen herausgegeben von Hans 
Lietzmann. — 97. Diodors Romische Annalen bis 302 a. Chr. samt 
dem Ineditum Vaticanum herausgegeben von A. B. Drachmann, di 
pp. 72. — 98. MusAios Hero und Leandros mit ausgewàhlten Va- 
rianten und Scholien herausgegeben von Arthur Ludwich, di pp. 54. 
— Bonn, A. Marcus und E. Weber's Verlag, 1912. 

Tacito. Agricola. Testo ; versione e note di Lionello Levi. Rocca S. Ca- 
sciano, Licinio Cappelli, 1912, di pp. ix-91. 

Felice Ramorino. Ricordi letterarii e scene della Libia antica. Confe- 
renza (Estratto dal N. 19 (Anno V) di " Conferenze e Prolusioni „). 
Stamperia reale di Roma, 1912, di pp. 13. 

U. VON Wilamowitz-Moellendorfp. Die Spùrhunde des Sophokles (Son- 
derabdruck aus dem XXIX. Bande der Neuen Jahrbucher fùr das 
klassische Altertum). Leipzig und Berlin, B. G. Teubner, 1913, di 
pp. 28. 

Eranos. Acta philologica Suecana. Voi. XI, nn. 3 e 4. Voi. XII, nn. 1-4. 



— 191 — 

Transactions and Proceedings of the American Philological Association, 

1911. Volume XLII. 
Harvard Studies in Classical Philology. Volume XXIII, 1912. 
Classical Philology (The University of Chicago Press). Voi. VII, n. 4. 
The Classical Review. Voi. XXVI, n. 7. 
The Classical Quarterly. Voi. VI, n. 4. 
The Journal of Philology. Voi. XXXII, n. 63. 
The American Journal of Philology. Voi. XXXIII, n. 3 (131). 
Modem Language Notes. Voi. XXVII, nn. 5-7. 
Mnemosyne. Bibliotheca philologica fiatava. Voi. XL, n. 4. 
Revue de l' Instruction publique en Belgique. Voi. LV, nn. 3 e 4. 
Le Musée fielge. Voi. XVI, n. 4. 

BuIIetin bibliographique et pédagogique du Musée fielge. Voi. XVI, nn. 7 -9. 
Revue des études anciennes. Voi. XIV, n. 4. 
Bulletin de correspondance Hellénique. Ann. XXXV, nn. 5-12. 
fiyzantinische Zeitschrift. Voi. XXI, nn. 1 e 2. 
fiibliotheca philologica classica. Voi. XXXIX, n. 2. 
Atene e Roma. Ann. XV, nn. 165-166. 
fioUettino di filologia classica. Ann. XIX, nn. 5 e 6. 
Rivista d'Italia. Ann. XV, nn. 9 e 11. 
Classici e Neolatini. Ann. VIII, n. 2. 
" Didaskaleion ,. Studi filologici di Letteratura Cristiana antioa. Ann. I, 

n. 3. 

Torino, 15 dicembre 1912. 



NOTIZIE NECROLOGICHE 



EMILIO POZZI 

Nella verde età di 23 anni è morto il dottor? ^milio Pozzi pochi 
giorni dopo che egli aveva licenziato alla stampa lo studio, da noi pub- 
blicato in questo fascicolo, Sopra il termine estremo della storia di Po- 
sidonio di Apamea. Morì vittima delle conseguenze di una caduta nel 
Foro Romano, mentre ivi attendeva a' suoi diletti studi archeologici. 
Già alunno della Facoltà di Filosofia e Lettere della Università di 
Torino e del Real Collegio Carlo Alberto per gli Studenti delle Pro- 
vincie, aveva incominciato a dar prova de' suoi forti studi, prima ancora 



- 192 — 

di essere laureato, con la monografia L'accenno a Ceprano nella Divina 
Commedia (in Giornale storico della letteratura italiana, voi. LVII (1911), 
p. 303 segg.). Ma consacratosi, in modo speciale, agli studi di storia 
antica sotto la direzione di Gaetano De Sanctis, che in lui vedeva con 
ragione una bella speranza della sua scuola, scrisse una Nota II trattato 
d'alleanza tra l'Acarnania e l'Etolia, la quale fu pubblicata negli Atti 
della Reale Accademia delle Scienze di Torino (voi. XLVII (1912), p. 222 
segg.). Poco appresso, su favorevolissima relazione firmata dai socii 
Gaetano De Sanctis, che ne fu estensore, ed Ettore Stampini, la stessa 
Accademia accolse con voto unanime nelle sue Memorie (il relativo vo- 
lume non è ancora pubblicato) un nuovo studio dal titolo Le battaglie 
di Cos e di Andro e la politica marittima di Antigono Gonata. 



VIGILIO DE INAMA. 

Il 12 dicembre si è spento quasi impi-ovvisamente in Milano Vigilio 
De luaina, professore ordinario di Letteratura greca in quella R. Ac- 
cademia scientifico-letteraria, alla quale apparteneva dall'anno 1866. 
Era nato a Trento il 2 dicembre del 1835. Di quest'insigne ellenista e 
patriotto sarà scritto piìi ampiamente nel prossimo fascicolo della 
Rivista. 

La Direzione. 



Giuseppe Magrini gerente responsabile. 



193 



L'OFFICINA DEI PAPIRI ERCOLANESI 
NELLA BIBLIOTECA NAZIONALE DI NAPOLI 



Lettera aperta 
AL Direttore della Rivista di filologia e d'istruzione classica. 



Carissimo Professore, 



Nella nostra vecchia, ma pur sempre, soprattutto per me- 
rito Suo, vegeta Rivista Ella si compiacque di dare ospita- 
lità, tre anni addietro, a una mia ' lettera aperta ' a Lei 
intorno all'Officina dei Papiri Ercolanesi. Posso pregarLa di 
concedere ospitalità anche a quest'altra, che tratta ancora 
dell'Officina? Voglio sperare che incontrerà accoglienze non 
meno liete della sua sorella maggiore, se non forse per sé, 
certo per l'autorità che le conferisce il fatto di esser pub- 
blicata in un periodico di cui ben si può dir'> che crescit eundo. 

I lettori della Rivista e, come mi consta, molti altri stu- 
diosi sanno che l'Officina dei Papiri Ercolanesi è passata, per 
legge, dal Museo Nazionale alla Biblioteca Nazionale di Na- 
poli, dove si trova oramai da tre anni, i quali rappresentano 
un periodo di lavoro intenso e, se non erro, anche fecondo. 
Appunto dell'attività dell'Officina in questo primo triennio 
della sua vita nella nuova sede io intendo fare qui, per co- 

Rivista di filologia, ecc., XLI. 13 



— 194 — 

modo e dei suoi frequentatori, che furono parecchi, e italiani 
e stranieri, e di quanti s'interessano alle sue sorti; una suc- 
cinta relazione. 

Debbo premettere che il trasporto di tutti i Papiri, vigi- 
lato direttamente da me, fu eseguito con ogni cautela, in 
modo che la preziosissima e quanto mai fragilissima suppel- 
lettile non ebbe a soffrire danni di sorta, I trenta armadi 
nuovi per i Papiri svolti (ventisei contengono ciascuno 78 
cornici, gli altri quattro ciascuno 63; le cornici, pochissime 
eccettuate, sono anch'esse nuove; per gli studiosi si adope- 
rano cornici, parimenti nuove, di tipo speciale, leggerissime) 
e i due scaffali vecchi, solidissimi, per i Papiri non svolti e 
per le ' scorze "*- ultimi fogli su tavolette, vennero collo- 
cati, con le macchine di svolgimento in pieno assetto, nel 
gran salone della Biblioteca. Gli armadi ora sono numerati 
progressivamente, da 1 a 30, e ciascuno ha un tassello col 
numero d'ordine del primo e dell'ultimo dei Papiri in esso 
contenuti (1. Pap. 13 - Pap. 110. 2. Pap. 123 - Pap. 164, ecc.). 
I due scaffali conservano il numero d'ordine originario, I. II. 

Prima mia cura, dopo il trasporto, fu quella di far mettere 
in cornice tutti i fogli o cartoncini — le due parole qui sono 
sinonimi — di Papiri svolti, per l'addietro tenuti ammassati 
gli uni su gli altri, alla cui migliore o almeno men peggiore 
conservazione avevo già provveduto, nell'unico modo consen- 
tito dalle circostanze, fin da quando assunsi (gennaio 1906) 
la direzione dell'Officina nel Museo Nazionale. Ben s'intende 
che non tutti i cartoncini furono messi in cornice; la maggior 
parte dei ' pezzi ' (ogni foglio ne contiene, cioè propriamente 
porta incollati, uno o più) non presentano affatto pur la più 
lieve traccia di scrittura ; in pochi, anzi pochissimi qualche 
traccia s'intravede, ma sono in condizioni tali che non si può 
nemmeno toccarli : andrebbero addirittura in polvere. 

In cornice furono messi 753 cartoncini, dei quali 608 di 
164 Papiri fra quelli finora considerati, dirò^ come di minor 
valore, 145 di 36 Papiri fra quelli di cui gli altri fogli sta- 
vano già in cornice prima dell'ultima definitiva sistemazione. 
Cosi le cornici, o i quadri, che erano 897, quando l'Officina 
si trovava nel Museo, ora sono 1650, come si vede, poco 



— 195 — 

meno del doppio: e i Papiri in cornice sono attualmente 310. 
Nei ventitré (1-23) armadi dei quadri fu lasciato il posto per 
eventuali aggiunte, e si potè inoltre ovviare per tal modo 
all'inconveniente che delle cornici di un solo Papiro alcune 
stiano in un armadio, altre nel successivo. Le otto cornici ad 
aste dorate del Papiro 1497 e l'unica lunga cornice, anch'essa 
ad aste dorate, del Papii'O 1672 (tre frammentini da me iden- 
tificati — V. Rivista XXXYIII 331 sgg. — sono a loro luogo 
nell'armadio 22) furono appese a una parete della sala di 
direzione della Biblioteca e coperte intieramente con un panno 
verde. Una cornice apposita fu fabbricata per l'unico carton- 
cino dell'ultimo Papiro, latino, trovato (nel 1870). 

I fogli non messi in cornice per le ragioni accennate, i 
quali appartengono a 345 Papiri, sommano a 1233 e stanno, 
negli armadi 24-29 (il 30 per ora è libero), su 434 tavolette. 
Molte di queste, tutte a debita distanza fra loro, portano, 
naturalmente, parecchi cartoncini, tutti in perfetto ordine di 
successione e protetti da un foglio di carta velina, che fra 
altro serve a difenderli dalla polvere. Per impedire, fin dove 
è possibile I il passaggio della polvere negli armadi — ai due 
scaffali avevo fatto eseguire riparazioni anni addietro — tutte 
le loro commessure furono coperte con listerelle di legno, non 
essendosi potuto provvedere, come si era progettato, con 
risvolti di gomma, che avrebbero però richiesto una spesa 
più forte. Davvero credo che la conservazione dei preziosi 
cimeli ora sia finalmente assicurata in modo da non destare 
piìi preoccupazioni di nessun genere. 

II lavoro preparatorio per la cernita dei fogli da mettere 
in cornice — molto spesso dovetti compulsare i vecchi inven- 
tari dell'Officina, anteriori all'ultimo, e ora penultimo, dirò 
così, ufficiale del 1853, e le carte del^A^chi^^o — l'avevo 
già condotto a termine nel Museo e. come si capisce dall'ac- 
cenno alle ricerche fatte, non fu semplicemente un lavoro ma- 
teriale. Lavori materiali, compiuti dalle persone a cui spet- 
tava, furono sì tutti quelli enumerati quassù^ ma non mi pare 
che possano essere, per ciò, passati sotto silenzio... E fuori 
di dubbio che quei 753 cartoncini non sarebbero andati da 
sé a farsi mettere in cornice! e poi, anche per lavori mate- 



— 196 - 

riali occorre ci sia qualcuno clie anzitutto pensi a 
provvedere. 

Torniamo ai Papiri. Più minuti accertamenti (i Papiri ora 
sono tutti a portata di mano, e per prenderli non c'è più bi- 
sogno di pericolosi acrobatismi su scale malsicure) e revisioni 
su revisioni, esami su esami, confronti su confronti — ne sa 
qualcosa il sig. Mario Arman, disegnatore dell'Officina, fun- 
zionario per ogni riguardo davvero eccellente, che mi ha assi- 
stito con costanza e pazienza singolari nelle continue reite- 
rate fastidiosissime verifiche — hanno fatto salire il numero 
dei Papiri da 1810 a 1814. Dico da 1810 e non da 1806, 
come risulterebbe dall'inventario dell'anno 1853 e quindi anche 
dal catalogo del Martini e si continua a stampare, perchè, 
conforme ebbi occasione di avvertire a suo tempo in questa 
Rivista (XXXV 308) e nella Guida del Museo, fin dall'anno 1906 
avevo ricuperato tra' frammenti ' insignificanti ' quattro Pa- 
piri che per le loro condizioni non possono essere considerati 
come tali, e sono quelli che ora hanno i numeri 1807-1810. 
Dei quattro nuovi, 1811-1814, tutti e quattro svolti (due certo 
completamente), due, 1811 e 1814, erano stati per errore 
designati, fin dal tempo del loro svolgimento, rispettivamente 
con i numeri 335 e 495: come 1811 non può in nessun modo 
fare o aver fatto parte di 335, così non può 1814 di 495. Il 
1812 e il 1813 (quest'ultimo, propriamente frammenti di vari 
Papiri, di cui tre, appartenenti a due Papiri, sono disegnati) 
non avevano numero d'ordine, e naturalmente non figurano 
in nessun inventario e in nessun catalogo; i tre disegni li 
trovai io fra le carte dell'Archivio dell'Officina e ci volle non 
poco tempo per identificarli, mancanti quali erano di ogni in- 
dicazione. Le verifiche hanno fatto salire, ripeto, il numero 
dei Papiri da 1810 a 1814 (cifre non esatte a rigor di ter- 
mine nò l'una né Taltra; si tratta semplicemente di numeri 
d'ordine e insieme d'inventario : una cifra matematicamente 
esatta non si potrà stabilir mai, è chiaro!), e s'intende il 
numero dei Papiri trovati, perchè l'Officina ora non ne pos- 
siede che 1787, essendone stati donati fin dal principio del 
secolo scorso o ceduti più tardi 27, tutti interi. Di questi 1787 
Papiri sono svolti completamente 585, compresi 142 ultimi 



— 197 — 

fogli delle ' scorze ' ; svolti in parte 209 ; ' provati ", non svol- 
gibili, 168; non svolti 825, di cui soltanto 134 senza dubbio 
interi; disegnati alcuni intieramente, altri parzialmente 353: 
i disegni di 146 non furono incisi e quindi non pubblicati 
in nessuna delle due Collectiones ercolanesi, il che naturalmente 
non significa che siano tutti inediti. 

Cotesti dati statistici, tutti, ben inteso, esattissimi, risul- 
tano dall'ultimo inventario, dell'anno scorso, 1912, che si ri- 
ferisce allo stato attuale della raccolta, mentre il lavoro nel- 
l'Officina continua sempre senza interruzione. L'inventario, 
topografico; la cui compilazione e stesura fu una ' fatica par- 
ticolare ' del sig. Arman, richiese oltre a un anno di lavoro. 
Contiene, come si usa, in colonne distinte, le seguenti indi- 
cazioni : numero d'ordine, numero d'inventario (duplice, quello 
antecedente del Museo e l'attuale della Biblioteca), qualità 
del Papiro, collocazione (armadio, cornici, tavolette), disegni 
(numero degli editi e degli inediti cioè non incisi, e quindi 
con riferimento alle due Collectiones), rami, osservazioni, 
prezzo. Ha, appunto come io mi proposi che dovesse avere, 
non soltanto valore amministrativo, bensì anche in alcune 
colonne scientifico, e in quella delle ' osservazioni ', piìi pro- 
priamente storico. Ivi infatti sono, fra altre, notizie relative 
allo svolgimento e ai disegni dei Papiri, con date e nomi 
degli svolgitori e dei disegnatori, notizie desunte non solo 
dall'inventario del 1853, a cui attinse il Martini per il suo 
Catalogo, ma anche da tutti i precedenti (v. Rivista XXXVI 
477 in n.), e inoltre dalle carte dell'Archivio dell'Officina e 
dell'Archivio di Stato, non di rado per i Papiri prima d'ora 
non in cornice e per quelli che nemmeno ora non si pote- 
rono mettere, dalle indicazioni dei cartoncini stessi, delle 
quali è strano non siasi tenuto conto nell'inventario citato 
del 1853. Queste indicazioni sicure, secondochè dimostrano 
per non pochi casi le altre fonti, servirono a correggere ine- 
sattezze di date e di nomi che s'incontrano nell'inventario 
stesso e quindi anche nei cataloghi a stampa. Il nostro in- 
ventario, dico quello compilato dal sig. Arman — della rac- 
colta dei materiali per le notizie storiche nella colonna delle 
' osservazioni ' mi ero occupato io, prima che egli mettesse 



— 198 — 

mano, in conformità delle norme indicategli da me, al lavoro 
— fornirà elementi non trascurabili per la compilazione e 
della storia dell'Officina e del nuovo catalogo dei Papiri svolti. 
Oltre all'inventario, dirò, generale, ho fatto compilare cinque 
indici o elenchi, a fascicoli (interfogliati, per eventuali ag- 
giunte) : di tutti i Papiri in cornice, dei Papiri messi ultima- 
mente in cornice, dei Papiri non messi in cornice, dei Papiri 
non svolti (compresi quindi gli ultimi fogli delle ' scorze ', in 
quanto si trovano con essi nei due scaffali), e dei Papiri dise- 
gnati; col numero dei rispettivi disegni e delle fotografie degli 
apografi oxoniensi; dell'elenco dei Papiri in cornice c'è una 
seconda copia in un sol foglio grande, in forma di quadro 
con vetro. Anche è stato fatto, sempre dall' Arman e secondo 
le mie istruzioni, un catalogo alfabetico a schede — per ora 
sono 84 — dei Papiri col nome degli autori; nome che costi- 
tuisce, s'intende, la parola d'ordine. 

Ho accennato or ora ai disegni. Qui aggiungo che su mia 
proposta e sul modello dato da me si stamparono per essi 
apposite copertine, in carta molto resistente. Al disotto della 
duplice intestazione 'Biblioteca...', 'Officina...', recano le indi- 
cazioni del numero d'ordine, della collocazione e del numero 
delle cornici (se si tratta di ° scorze '- ultimi fogli l'indica- 
zione cambia) dei Papiri, di cui le singole copertine conten- 
gono i disegni. Seguono notizie relative alla data dello svol- 
gimento e della esecuzione dei disegni con i nomi degli 
svolgitori e dei disegnatori; numero delle colonne disegnate 
e dei frammenti disegnati (col significato che le due parole 
hanno nel linguaggio tradizionale dell'Officina), e totale dei 
disegni (un solo disegno può comprendere due o anche più 
colonne o frammenti), e delle fotografie degli apografi oxoniensi ; 
note bibliografiche; osservazioni. Le notizie intorno allo svol- 
gimento e alla esecuzione dei disegni sono naturalmente le 
stesse della colonna delle ' osservazioni ' nell'inventario ge- 
nerale ; ma le note bibliografiche e le osservazioni sono spe- 
ciali alle copertine. Le prime le vengo compilando e comple- 
tando — lavoro prettamente scientifico che richiede continue 
ricerche — di mano in mano, e cosi si dovrà continuare per 
l'avvenire; le seconde sono di vario genere (se il Papiro fu 



— 199 - 

svolto per intero o no, dove si trova la parte non svolta, ecc. 
ecc.) e costituiscono anch'esse una, dirò, rubrica che rimane 
sempre aperta. In fine è indicata la data della sistemazione 
definitiva e della messa in cornice per i Papiri prima d'ora 
non incorniciati. Per ora le copertine sono 353, quanti cioè 
i Papiri disegnati. 

Come Ella vede, caro Professore, ne io ne il mio compagno 
di lavoro non abbiamo perduto tempo, almeno mi pare, tanto 
più che la nostra attività si è esplicata anche in altri modi. 
Tocco appena dei restauri, di cui ho finito col non tenere piìi 
conto, tanto sono frequenti: non c'è, si può dire, Papiro, di 
quelli messi ultimamente in cornice, che non debba essere o 
poco o molto restaurato, e spesso occorre restaurare anche 
qualcuno dei Papiri degli 897 quadri primitivi, fino a sette 
anni addietro rimasti esposti alla luce e alla polvere e pur- 
troppo a qualcosa di peggio, cioè all'umidità. I restauri, ben 
s'intende, si riducono a fermare sul cartoncino, con pellicole 
apposite incollate, i brandelli di Papiro che se ne sono stac- 
cati ; non si può far altro : operazione materiale, che però ri- 
chiede cautele e pazienza da non dirsi. L'attività a cui allu- 
devo riguarda anzitutto l'esecuzione di disegni, nella quale 
l'Arman ha acquistato una pratica da disegnatore provetto. 
Dacché esiste, cioè dal 1754, l'Officina dei Papiri Ercolanesi 
ha ora finalmente per la prima volta un disegnatore " di 
ruolo ' — mi si passi il linguaggio burocratico, in questo caso 
necessario, perchè non lascia dubbi sul valore dell'espressione 

— che conosce il greco : l'Arman possiede la licenza liceale. 
Scelto il Papiro da disegnare, fra quelli in men peggiori con- 
dizioni di conservazione e quindi con maggiori residui di scritto 

— ma talvolta la scelta è stata e sarà determinata pura- 
mente da ragioni paleografiche, soprattutto mani di scrittura 
diverse dalle fin qui note nei nostri Papiri — lo consegno 
all'Arman, che ne riproduce con esattezza ammirabile prima 
i contorni e i chiaroscuri, effetto di ' sovrapposti ', di bran- 
delli parassitari, ecc., poi lo scritto. Controllato che io abbia 
il disegno sull'originale e, ove occorra, corretto, egli lo mette 
in pulito, tenendo presente ancora l'originale ; e dopo che io 
lo abbia ' vistato ', va in copertina, Cotesto il modo in cui si 



— 200 - 

procede per i disegni nuovi, che sono ora di Papiri non an- 
cora disegnati, ora di Papiri di cui esistono altri disegni. 
Ma dei disegni vecchi, dell'Officina dei tempi borbonici, molti 
sbiaditi sgualciti, o comunque malconci, si dovettero ri- 
fare; e si rifanno ricopiandoli e, più spesso, lucidandoli, e 
naturalmente correggendoli sull'originale, se esiste ancora. 
Fra nuovi e rifatti i disegni dell'Arman sono finora poco meno 
di un centinaio; qualche disegno nuovo richiede perfino una 
settimana di lavoro, date le condizioni dei Papiri, e inoltre 
quando non ci sia luce sufficiente non è possibile disegnare, 
perchè non è possibile leggere. 

E ora, caro Professore, dovrei parlare dei lavori esclusiva- 
mente miei, ma quantunque si tratti di fatti e non di giu- 
dizi, mi secca un pochino... Mi limito a dire che ho riveduto 
molti disegni, i vecchi disegni, sugli originali, ho collazionato 
per studiosi italiani e stranieri vari Papiri, e ho approntato 
l'edizione, testo, prefazioni, note, del primo fascicolo della 
Herculanensium voluniinum quae supersunt Collectio tertia, a 
cura [e a spese] della R. Accademia di Archeologia, Lettere 
e Belle Arti di Napoli. Si riteneva che potesse venir in luce 
fin dal dicembre scorso, ma le difficoltà della composizione 
tipografica ne hanno ritardato alquanto la pubblicazione. Sarà 
un fascicolo doppio, con due Papiri, uno inedito, il 1457, ^i- 
Zoórjfiov IIsqI Kamùv, l'altro edito (ma l'edizione critica del 
Mekler fu condotta sui disegni e non sull'originale, come la 
mia), il 1050, 0i2oòrjfiov UeQÌ Savàzov A, con dieci tavole 
e tre dettagli a pagina in fotocollografia. Le riproduzioni fo- 
tocollografiche dello Stabilimento fotomeccanico e fotochimico 
di Firenze diretto dall'ing. Arturo Alinari rappresentano dav- 
vero tutto ciò che di meglio si poteva ottenere in questo 
campo, trattandosi di Papiri E r colanosi. Certo, nem- 
meno ring. Alinari l'impossibile non potè farlo! Certo però 
anche in moltissimi luoghi si legge assai pili facilmente la 
riproduzione che non l'originale: questo è il giudizio di un 
giudice competentissimo quanto altri mai — si occupa di Pa- 
piri, mi diceva egli stesso, da trentaquattro anni — 
e superiore ad ogni sospetto di parzialità, il Wessely, l'illu- 
stre papirologo viennese, che fu a visitare l'Officina nell'ot- 



— 201 — 

tobre scorso e confrontò le fotocollografie con gli originali. 
Quanto alla pubblicazione della Collectio tertia con riprodu- 
zioni dirette degli originali, è bene si sappia che fu incorag- 
giata dal principe degli ellenisti viventi, il Wilamowitz ; e valga 
l'augurio che le speranze di buona riuscita non siano deluse ! 

Ma a qualcuno e forse a più d'uno verrà fatto di chiedersi: 
da quando l'Officina è passata nella Biblioteca non si svol- 
sero più Papiri ? No. Anzitutto bisognava provvedere a molte 
altre cose più urgenti e anche più importanti, quelle appunto 
a cui si provvide, come è detto quassù. In secondo luogo 
continuar a svolgere con i risultati addirittura disastrosi (ai 
quali accennai nella mia precedente ' lettera aperta ") degli 
ultimi anni anteriori alla mia venuta qui — ho sott'occhio 
tutto il giorno i Papiri e so quello che mi dico — sarebbe 
stata poco meno che una colpa, pur se non si voglia tener 
conto del fatto innegabile che i rotoli non svolti vanno sog- 
getti a minori danni degli altri ; e poi, perchè buttar via 
tempo ad accumulare fogli su fogli che non servono a nulla? 
Ora però che l'Officina è completamente e definitivamente 
sistemata; si farà un altro tentativo di svolgimento. Ottenuta 
l'autorizzazione dell'autorità superiore, si consegnerà a un 
nostro chimico valentissimo, professore universitario, al quale 
si è già parlato in proposito, uno forse dei Papiri interi 
in migliori condizioni di conservazione, per quanto si può giu- 
dicare esternamente. Se l'esperimento riuscirà (è cosa certa 
che può riuscire più facilmente, cioè, siamo cauti, meno dif- 
ficilmente, se tentato su un Papiro intero, che, oltre al resto, 
offre maggior superficie), . . . Deo laus et gloria! — ahimè, lo 
scetticismo! ma è così necessario... — se no, converrà lasciare 
un pochino di lavoro ai nostri, temo molto lontani, pronepoti. 

E con questa radiosa visione, eminentemente proletaria, 
del sole dell'avvenire, io metto fine, caro Professore, alla 
mia forse troppo lunga ' lettera aperta \ 

Voglia gradire i miei saluti cordiali e mi abbia 

Napoli, 31 gennaio 1913. 

Suo aff.""" 
Domenico Bassi. 



— 202 — 



MUSICA E POESIA ROMANA DALLE ORIGINI 
AD AUGUSTO 



Come musica e poesia, nate forse simultaneamente nel sacro 
suolo dell'Eliade, durarono lungo tempo intrecciate, così in- 
sieme ed armonicamente congiunte apparvero in quel popolo 
che seppe impossessarsi in progresso di tempo dell'arte greca, 
trasformarla in parte, infonderle nuova vita e lasciarla, come 
prezioso retaggio, alle nazioni più civili del mondo. 

Mentre in questi ultimi anni la conoscenza della musica 
greca si è avvantaggiata enormemente per importantissime 
scoperte (l) che hanno gettato vivida luce là ove regnava 
il pili profondo mistero, nulla invece ci è pervenuto a diradar 
le tenebre che pesano sulla musica romana. Stando cosi le 
cose, qualcuno potrebbe giudicare sterile e priva d'interesse 
la ricerca che mi propongo fare ; ma spero tuttavia che possa 
apparire infondato il facile e, se si vuole, legittimo scetticismo. 

In un libro (2) pieno delle osservazioni le piìi acute e ge- 
niali, il sommo Westphal ha gettato le basi d'una generale 
teoria della ritmica musicale da Bach in poi, fondandosi sulle 
dottrine antiche e riescendo incontrastabilmente a dimostrare 
che una fuga di Bach od una suonata di Beethoven conten- 
gono sistemi di strofe, di antistrofe, di epodi, precisamente 
come un'ode di Pindaro od un coro di Sofocle. Il ritmo mu- 



li) Cfr. Romagnoli, Musica e Poesia nelVantica Grecia, p. 7. 

(2) Allgemeine Theorie der musikalischen Rhythmik seit J. G. Bach . . . 
mit besonderer BeriicksichUgung von Bach's Fugen und Beethoven's Sonateti. 
Leipzig, 1880. 



— 203 — 

sicale degli antichi coincide con quello dei moderni; Aristos- 
seno ne è il più grande trattatista, e le sue dottrine sfidano 
i secoli e possono essere applicate, senza limite di tempo, ad 
antichi e moderni. Ma se la musica dei giorni nostri asso- 
miglia per il ritmo alla lirica greca che era note e parole 
armonicamente congiunte, sotto ogni aspetto differisce dalla 
poesia moderna. Cosicché nulla vi è di comune tra la lirica 
greca e la poesia dei decadenti francesi che hanno creduto 
di realizzare l'identità delle due arti con una reazione contro 
le forme dure e rigide, distruggendo l'uniformità dei ritmi 
tradizionali che vollero sostituiti da ritmi piti liberi. Preten- 
devano infatti che dai versi costituiti di un numero qualunque 
di sillabe e di misura inusitata, i cui limiti si perdono nella 
continuità fluida del poema, e dai ritmi instabili e percepi- 
bili agli iniziati soltanto, non all'orecchio del volgo, si spri- 
gionasse un'armonia musicale atta a tradurre le vibrazioni 
dell'essere, a rappresentare il tumulto dei sentimenti che fre- 
mono nei cuori, a fermare il moto incessante e fuggitivo della 
vita e delle cose. In realtà in tali versi liberi o polimorfi il 
ritmo poetico scompariva, la poesia e la musica, irriducibili 
l'una all'altra, venivano malamente confuse, ed alla parola si 
dava un significato musicale che non ha. In Grecia ed in 
Roma vivevano le due arti sorelle senza perdere le loro 
proprie ed irriducibili caratteristiche, congiunte dal ritmo co- 
mune; l'una e l'altra si riunivano e completavano; l'una e 
l'altra avevano lo stesso mezzo d'espressione, la voce di cui 
gli istrumenti musicali possono considerarsi continuazione ed 
estensione; l'una e l'altra erano connesse in un punto d'in- 
contro, rappresentato dal ritmo. In tal guisa concordi si svol- 
gevano, benché per piìi rispetti diverse e distinte. 

Non vi è difi"erenza, ho detto, tra le leggi che governano la 
musica antica e la moderna; lo attestano in modo inoppugna- 
bile i frammenti che il tempo non ha inghiottito. Ma perchè 
l'intima unione tra musica e poesia classica non rimase nelle 
letterature moderne? Non è difficile la risposta. Nella musica 
il ritorno periodico delle arsi e tesi deve avvenire in un tempo 
definito e non è possibile derogare dalla misura determinata. 
Quindi la stretta concordanza tra musica e poesia poteva 



- 204 — 

avvenire molto più facilmente nelle lingue classiche, in cui 
le sillabe avevano una quantità e, tra la misura musicale 
(piede musicale) e la misura poetica (piede poetico), correva 
una stretta analogia (1). 

Musica e danza, note a tutti i popoli Indoeuropei, non 
mancarono nelle feste religiose primitive dei Romani ed, in- 
terpreti della gioia e del dolore, servirono a celebrare il tri- 
pudio della vittoria o a ricordare la vergogna della sconfitta. 

Cantati al suono della tibia erano gli axamenta con cui i 
Salii, armati di spada e di scudo, accompagnavano le danze 
vivaci che eseguivano intorno all'altare del dio ; cantati al 
suono della tibia erano i earmi liturgici, come quello, per 
esempio, dei fratelli Arvali ; cantati al suono della tibia erano 
pure i carmi trionfali, convivali, funebri, nuziali. Ma la mu- 
sica non assunse quello sviluppo meraviglioso ch'ebbe in Grecia, 
ma s'isterilì in forme rigide e fisse, s'irrigidì nei monotoni 
schemi degli inni religiosi, si ripetè nei vari componimenti 
poetici, nei quali, sebbene cambiassero le parole, restava forse 
quasi immutata la melodia. Si suole dire che i Latini aves- 
sero poca attitudine alla musica, ed in realtà non ne furono 
mai cultori entusiasti ; anzi i due musici, di cui si ricorda il 
nome, furono schiavi greci. Io credo però che questa arte 



(1) Se noi declamiamo una poesia antica o moderna, percepiamo gli 
accenti ritmici, ma non possiamo in verun modo percepire la quantità 
delle sillabe. Inoltre ci è concesso, quando il senso lo richieda, di affret- 
tarci sur una parola e soffermarci sur un'altra, senza che il ritmo del 
verso vada distrutto. Ciò non era possibile nella lirica antica in cui il 
piede poetico coincideva con il piede musicale e in un determinato 
periodo metrico ogni piede (poetico e musicale) doveva avere un valore 
equivalente agli altri. Ai tempi nostri la lunghezza del verso non de- 
termina per nulla quella della fi-ase musicale, ed ho già citato in questa 
Rivista (1912, p. 338) un esempio tratto dal Faust di Gounod, in cui due 
versi, l'uno di sei, l'altro di quattro sillabe, sono resi equivalenti nella 
frase musicale. Ciò non avveniva nella musica greca. Una sola sillaba 
poteva essere sostenuta da più note (cfr. questa Rivista, 1912, p. 389); 
ma il valore del piede musicale come di quello poetico rimaneva inal- 
terato ; p. e. : 

\\ ^^^ 



— 205 — 

divina sia andata soggetta alla medesima sorte che pesò sulla 
poesia, quando l'influenza greca soffocò le manifestazioni ori- 
ginali (1). La struttura del verso latino più antico, quello dei 
così detti Carmina, su cui s'addensano le discussioni, verso 
che a me pare indubitatamente formato da una base libera e 
da una clausola saturnica; la struttura già meno libera del 
saturnio, inconcepibile senza l'accompagnamento che segnasse 
le arsi e le tesi; tutto ciò riesce a dimostrare che poesia e 
musica nacquero insieme in Roma. 

L'antiche età del Lazio sono popolate di leggende e di miti, 
che in nessun modo possono essere stati costruiti sulla fal- 
sariga di quelli greci da poeti quali Nevio, Ennio, Accio, cosa 
che alcuni studiosi, specialmente tedeschi, hanno creduto di 
dimostrare. Tali saghe, della cui antichissima esistenza nessuno 
può elevar dubbio, si trasmisero per secoli prima che i poeti 
e gli storici le raccogliessero dal labbro del popolo, per mezzo 
dei carmi convivali di cui Catone e Varrone attestavano l'esi- 
stenza, dei quali Cicerone lamentava la perdita. L'accompa- 
gnamento delle tibie era consueto ed indispensabile nei carmi 
convivali, ed è importante ricordare che in un passo, attinto 
senza dubbio ad un antico annalista, Tito Livio, trattando 
della origine della commedia, accenna ad un canto alternato 
da cui si svolse la prima forma di dramma. Pare probabile 
che, come sempre suole accadere tra popoli poco progrediti, 
una 'sola fosse la tecnica del canto e dell'accompagnamento 
e che quei pueri modesti, a cui accenna Varrone, cantassero 
e suonassero le tibie alternamente nei carmi convivali. Anti- 
chissimo è il canto presso tutti i popoli, ma mi sembra ca- 
ratteristico e tale da offrire un'immagine di quello che poteva 
essere il canto popolare epico-romano, il fatto che anche i 
carmi finnici vengono affidati a due cantori i quali, accom- 
pagnandosi con una specie di cetra detta kantele, dicono 
alternatamente un verso ciascuno. 



(1) Cfr. la mia ricerca : Appunti sull'ellenismo nella poesia arcaica 
latina (Estr. dalle Memorie della Reale Accademia delle Scienze di Torino, 
ser. II, tom. LXIII), p. 389. 



— 206 — 

Onde all'aurora della civiltà latina ci appare il fiore sil- 
vestre della poesia da cui si effonde l'inebbriante profumo 
della musica. Non è vero che i sette colli non sieno stati 
sedi di numi, non è vero che le Muse abbiano disdegnato le 
rive del Tevere. Le melodie delle tibie e delle zampogno non 
solo rallegravano gli agricoltori stanchi per i duri lavori dei 
campi, ma sostenevano la voce del rapsodo che cantava le 
gesta dei padri, innestando sulla tradizione storica il ramo 
rubesto del mito. La fantasia di quegli uomini che, deposta 
la spada, ritornavano curvi sull'aratro e la vanga, non tra- 
scendeva ogni limite, come nei carmi indiani, e non realizzava 
la divina bellezza che irraggia dalla tumultuosa e fervida 
Iliade e dal racconto degli errori dell'accorto Odisseo. Ma 
erano grandi le imprese e le cantavano coloro che le avevano 
compiute ; e se un vate non vi fu, come per i prenci argivi, 
ch'eternasse, per quante abbraccia terre il gran padre Oceano, 
le glorie degli abitatori dell'Urbe, furon quei carmi suonati 
sulle tibie, cari al cuore del popolo, che immortalarono i tipi 
ideali di virtù e di magnanimità che portano il nome di Muzio 
Scevola, di Lucrezia, di Coriolano, di Fabii, i quali conden- 
sano in se, in grado insigne, le doti che fecero dei Ro- 
mani i dominatori del mondo (1). 

* * 

La tragedia latina — comunemente si dice — fu imitata 
dalla tragedia classica greca; la commedia latina fu imitata 
dalla nuova commedia ; e tali recise affermazioni, se pur con- 
tengono qualcosa di vero, non rispondono con precisione alla 
realtà dei fatti. 

Le due parti fondamentali, di cui consta il dramma latino, 
il canticum ed il deverhmm, attestano una tecnica ben diversa 
da quella del dramma ateniese dell'epoca classica. La com- 
media latina, come la tragedia, non possedeva un coro del 



(1) Cfr. il mio articolo: La leggenda romana e le praetextae, in questa 
Rivista, XL (1912), p. 462. 



— 207 - 

genere di quello del V secolo e, traducendo dai poeti greci 
dell'epoca più gloriosa, gli scrittori romani erano costretti a 
ricorrere ad un artificio per supplire alla mancanza di una 
parte non di rado assolutamente necessaria allo svolgimento 
dell'azione. Ennio, ad esempio, pur traducendo abbastanza 
fedelmente (è noto che gli antichi non conoscevano la tradu- 
zione letterale), ha ridotto in dialoghi i cori di Euripide, che 
adattava alle scene latine; e Plauto, in luogo del canto co- 
rale, introdusse scene cantate (1) tra due o più persone. 

Canticum e deverbium erano parti fondamentali; al cantico 
appartenevano tutte le parti del dramma che non fossero se- 
nari, ed in essi la musica era essenziale, sia che si trattasse 
propriamente di melodie o semplicemente di recitazione caden- 
zata e misurata da un accompagnamento musicale. La grande 
varietà di ' cola ' e di versi, che troviamo in Plauto ed, in 
quantità assai minore, in Terenzio, non ha la sua ragione di 
essere in considerazioni psicologiche o estetiche, ma in con- 
venzioni sceniche ed in esigenze musicali (2). Non solo i poeti 
dovevano fare delle concessioni al gusto del popolo amante 
di quelle farse importate dagli Etruschi, in cui avevano gran 
parte le danze ed il canto, ma erano costretti a sottostare 
alle leggi della melografia e ritmografia dei compositori di 
musica, ch'erano d'origine greca. E avvenne un fatto curioso : 
mentre la materia era tolta dalla letteratura classica greca, 
la forma era quella della letteratura ellenistica. Ed in realtà 
tra i canti Plautini ed il frammento Grenfelliano, molto veri- 
similmente scritto dopo il 173, cioè alcuni anni dopo la morte 
di Plauto, corrono strettissime attinenze. Non posso dilun- 
garmi su tale questione che ho già trattato in due distinte 
ricerche. Aggiungerò solo che in Plauto e Terenzio non vi 
è traccia di composizione strofica, ed il ridicolo ha coperto 
gli infelici tentativi del Sudhaus che fece la caricatura alle 



(1) Cfr. il mio studio su La polimetria nella commedia latina (Estr. 
dalle Memorie della Reale Accademia delle Scienze di Torino, ser. II, 
tom. LXI), p. 39. 

(2) Cfr. Appunti sull'ellenismo, p. 398. 



l 



— 208 - 

teorie dello -Schroder, applicandole ai cantici del massimo 
poeta comico romano (1). 

La composizione strotìca manca anche nei due inni Delfici 
con notazione musicale, risalenti al II secolo av. C, in cui 
il disegno melodico non si riproduce mai nel corso del pezzo, 
ma procede innanzi, sempre nuovo e diverso, senza ritornare 
su se stesso. Si tratta adunque di canti commatici, destinati 
alla esecuzione individuale, in cui la melodia doveva adat- 
tarsi alle parole onde interpretare le azioni ed i sentimenti 
espressi dalla poesia. 

La varietà sì grande di versi, che incontriamo in Plauto, 
la quale, considerata in sé, non avrebbe ragione di essere, 
può trovare la sola spiegazione nel fatto che le parole do- 
vevano essere applicate ad un disegno melodico prestabilito ; 
cosa che non deve stupire chi pensi che dalla mente dello 
scrittore romano non piìi fuse insieme sgorgavano poesia e 
musica. 

L'influenza ellenistica regna nella drammatica latina. Le 
stesse tragedie di un Sofocle o di un Euripide vennero co- 
strette in un letto di Procuste, e le scene d'una grandezza 
divina furon rabberciate per trovar posto entro gli schemi della 
musica alessandrina. Noi, ponendo mente a ciò, possiamo 
intendere perchè un Ennio fosse indotto talora a strani mu- 
tamenti di verso e di ritmo, per sé stessi inesplicabili, in 
certi luoghi che ci é dato di confrontare con i corrispon- 
denti dei suoi modelli; noi intendiamo perché i trimetri 
giambici del IIÀókiov di Menandro ricevessero, nella tradu- 
zione di Stazio Cecilie, una veste poetica tanto differente ; 
noi intendiamo ancora, col confronto con l'Arbitrato pure di 
Menandro, perché, nelle belle scene deWHecijra di Terenzio, 
condotta sulla falsariga di Apollodoro, tanti versi venissero 
affidati a quella declamazione, sostenuta dall'accompagna- 
mento, detta TiuQaxataÀoyi^ (2). 

I compositori della musica dei drammi romani, essendo di 



(1) Cfr. la mia recensione in questa Rivista, XL (1912), p. 332 sgg. 

(2) Appunti sull'ellenismo, p. 406. 



— 209 - 

nazionalità greca, seguivano la tecnica che imperava nel teatro 
ellenistico e specialmente negli agoni timelici, tecnica di cui 
possiamo farci un'idea con le recenti scoperte dell'epitafio di 
Traile e dei già citati inni ad Apollo. 

Da Timoteo di Mileto, o meglio dal maestro di Timoteo 
stesso Frinide, Aristotele e Plutarco facevano cominciare una 
nuova era per la musica. Nella via delle riforme, talvolta 
sostanziali, si pose un contemporaneo di Timoteo, di nome 
Crosso, che si servì della naQaxaialoyfj, cioè della decla- 
mazione sostenuta dall'accompagnamento musicale, la quale, 
come abbiamo visto, aveva una parte predominante special- 
mente nella commedia terenziana. E sarebbe questo, se pur 
fosse necessario, argomento perentorio per dimostrare la di- 
pendenza completa della musica latina da quella greca elle- 
nistica. L'aspirazione agli effetti nuovi ed, in grado maggiore, 
alla virtuosità era, secondo Plutarco, caratteristica spiccata 
di Crosso e Timoteo, i quali guastavano il puro disegno 
melodico con variazioni. Che così si usasse nella musica ro- 
mana si può inferire, oltre che dal tempo e dall'età dei 
compositori, anche da un passo di Cicerone, in cui il grande 
oratore si meraviglia dell'orecchio di coloro che, alle prime 
note del flautista, riconoscevano di quale tragedia fosse il 
preludio (1). E tale preludio, dato il numero esiguo degli 
esecutori, non poteva essere una pura e semplice melodia, 
ma un'aria con variazioni. 

D'altra parte sonvi cose che stupiscono nella drammatica 
romana. Tito Livio narra, in un suo passo di carattere etio- 
logico, il curioso espediente a cui si ricorse per i canti i 
quali si trovavano nei momenti più appassionati del dramma, 
quando l'attore doveva, anche con la mimica, secondare l'a- 
zione pili movimentata ed in conseguenza meno facilmente 
era in grado di concentrare l'attenzione sulla melodia e sul 
canto. Per lasciarlo adunque piìi libero, si pose un cantore 



(1) Lucullus, 7, 20 : " quam multa quae nos fugiunt in cantu, exau- 

* diunt in eo genere exercitati qui, primo iiiflatu tibicinis, Antiopam 

* esse aiunt aut Andromacham, cum id nos ne suspicemur quidem „. 

Rivista di flloìogia, ecc., XLI. 14 



— 210 — 

davanti al tibicen in fondo alla scena, e mentre questi can- 
tava, l'attore gestiva (1). La netta separazione tra canto e 
mimica si manifestò poi completa, come vedremo, nel pan- 
tomimo. 

La tibia in uso nel dramma romano (ciò risulta da monu- 
menti figurati) non era, come il nostro clarinetto, costituita 
da un solo tubo, ma da due congiunti insieme che suonavano 
contemporaneamente. Se tali tubi avevano la medesima lun- 
ghezza, le tibie eran dette pari ; se avevan lunghezza diversa, 
eran dette impari. In tal caso la mano destra scorreva sul 
tubo di suono grave, mentre la sinistra sul tubo piìi corto e 
di suono acuto. Di qui l'abitudine di chiamare destre le tibie 
di suono grave, sinistre quelle di suono acuto. Se le tibie 
erano impari, allora la destra suonava la parte principale 
e la sinistra l'accompagnamento, il quale era una nota te- 
nuta di suono acuto o, meno probabilmente, un raddoppia- 
mento della melodia all'ottava superiore. Non è però esclusa 
l'ipotesi si trattasse d'un vero e proprio accompagnamento, 
come quello che si usa ai giorni nostri, ed è peccato che le 
condizioni, in cui ci pervennero i frammenti di musica greca, 
non ci permettano di giungere ad una conclusione sicura in- 
torno a questo problema. Le tibie serrane o tirie sembrano 
fossero di suono acuto con timbro lugubre e triste (2). Le 
didascalie di Donato ci attestano che motivi estetici spinge- 
vano i compositori a scegliere il timbro delle tibie destinate 
alle proprie melodie. Così, per esempio, VAndria ebbe tibie 
pari destre e sinistre, cioè tibie eguali di suono grave e di 
suono acuto (3), Nel Phormio invece furono usate le sole 
tibie Serrane (4). Le tibie destre, sempre secondo Donato, 



(1) Cfr. Liv., VII, 2, 4. 

(2) Per gli strumenti mi attengo alla magistrale trattazione del Ge- 
vaert che è il solo che abbia interpretato sensatamente le testimo- 
nianze dei grammatici, valendosi dell'eccezionale sua competenza nella 
musica antica e moderna. 

(3) Praef., I, 6 (I, p. 36, 6 Wessner) : " modos fecit Flaccus Claudi 
" [filius] tibiis paribus dextris vel sinistris ,. 

(4) Praef., I, 6 (II, p. 346, 7 Wessner) : " haec {fabula) acta est 

" modos faciente Fiacco Claudi [filio] tibiis Serranis tota ,. 



— 211 — 

col loro suono grave, preannunziavano la serietà delle scene, 
mentre l'allegrezza ed il tripudio erano espressi dalle tibie 
sinistre col loro suono acuto (1). 

Quando si riproduceva in teatro una commedia, si conser- 
vava la musica ch'aveva avuto nella prima rappresentazione, 
e ciò presuppone l'esistenza di musica scritta, esistenza che 
ci vien confermata, oltre che dall'analogia con le opere greche, 
anche da una testimonianza esplicita di Catone, ricordata da 
Cicerone, dalla quale risulta che per gli stessi carmi convivali 
già si possedeva una notazione scritta (2). 



* 

* * 



Tito Livio, nel già ricordato passo riguardante l'origine 
del dramma romano, accenna ad una prima forma dramma- 
tica, che erroneamente gli storici della letteratura latina 
hanno chiamato " satura drammatica „, in cui le danze ed 
il canto avevano parte preponderante. Tale farsa primitiva 
deve essere identificata, come altrove ho dimostrato (3), con 
l'atellana la cui antichità è evidente, chi pensi che, ancor 
al tempo di Augusto, ne fu recitata una in lingua osca (4). 
Ma il pubblico non ne avrebbe potuto trarre diletto, trattan- 
dosi di lingua ignota, quando canto, musica, danze e mimica 



(1) Praef. ad Eun., I, 6 (T, p. 266, 7 Wessner) ; " acta {Eunuchus fa- 

* ì)ula) modulante Fiacco Claudi tibiis destra et sinistra 

"ob iocularia multa permixta gravitati,. Praef. ad 
Ad., 1,6 (II, p. 4, 25 Wessner) : " modulata est autem tibiis dextris, 
" id est Lydiis ob seriam gravitatem, qua fere in omnibus 

* comoediis utitur hic poeta „. 

(2) Cfr. Cic, Tusc, IV, 2, 3 : " gravissimus auctor in Originibus dixit 

* Cato morem apud maiores hunc epularum fuisse, ut deineeps, qui 

* accubarent, canerent ad tibiam clarorum virorum laudes atque vir- 
" tutes. Ex quo perspicuum est et cantus tum fuisse descriptos vocum 
" sonis et carmina „. 

(3) La polimetria, p. 38. 

(4) Lo attesta Strabone in un passo su cui non si possono elevar 
dubbi : cfr. Appunti sull'ellenismo, p. 391. 



- 212 — 

espressiva non l'avessero divertito indipendentemente dalle 
parole. 

Per opera di Pomponio e di Nevio Tatellana, ch'era reci- 
tata come exodium, penetrò nella letteratura. Nei frammenti, 
a noi pervenuti, appare una varietà grande di argomenti 
trattati con un realismo tale da digradarne Plauto. La forma 
metrica è quella delle palliate, e la polimetria è dovuta alla 
musica della cui esistenza danno fede alcune preziose testi- 
monianze (1). 

L'atellana non ebbe vita lunga e fu presto sostituita dal 
mimo, in cui le parole ed i gesti varcavano il limite estremo 
della decenza. In esso pure la danze ed il suono dei flauti 
erano essenziali (2). 



* 
* * 



Sinora abbiamo parlato della musica più antica che, sebbene 
di origine greca, aveva preso la naturalizzazione latina. Un 
cenno anche a quella musica non propriamente ellenica, ma 
che si può chiamare con più precisione alessandrina, la quale 
cominciò ad essere conosciuta nel tempo in cui le legioni 
vittoriose si spinsero in Asia ed in Africa. Verso l'ultimo se- 
colo della repubblica, il gusto del popolo si era venuto affi- 
nando, ed i Romani, in fatto d'educazione musicale, non si 
trovavano a quel livello in cui erano quando auleti fra i più 
celebri, in occasione del trionfo di Lucio Anicio (nel 157 a. C), 
non riuscirono a tener desta l'attenzione del pubblico e, per 
non far un fiasco completo, furono costretti a simulare un 
combattimento grottesco (3). Con la distruzione di Corinto 
avevano fatto la loro apparizione le compagnie dionisiache 
per cui l'esercizio dell'arte drammatica, che ad un tempo in 
Grecia era stato un culto, divenne un'industria. Il gusto dei 



(1) Cfr. Svet., Nero, 39; Galba, 13. 

(2) Fest., p. 212 0. M. 

(3) Cfr. Friediànder, Darstellungen aus der Sittengeschichte Roms, IIP, 
p. 847. 



- 213 - 

Romani si venne affinando; l'uso del clarinetto semplice, 
strumento dei virtuosi, andò allargandosi ed anche la cita- 
redia. che rimase un'arte puramente greca, venne di moda. 

Negli ultimi tempi della repubblica sono ricordate sinfonie 
e sinfoniaci specialmente nelle feste sontuose; e dopo la 
conquista dell'Egitto non solo le melodie popolari, ma anche 
la musica teatrale alessandrina piacque sempre più. Si sa 
che, incorporato l' Egitto all' impero macedone, Alessandria di- 
ventò centro del cosmopolitismo. E sebbene l'arte teatrale abbia 
avuto una fioritura effimera, nella musica i progressi furono 
molti. Gli Egiziani possedevano mezzi sonori piìi numerosi 
di quelli dei popoli europei ed avevano una notevole tendenza 
per gli effetti d'insieme, e tale elemento proprio dell'arte egi- 
ziana, fondendosi con l'arte greca, si manifestò con un gusto 
spiccato per gli effetti di masse istrumentali. Invenzione ales- 
sandrina è l'organo idraulico, strumento polifonico per eccel- 
lenza, che dilettò i Romani principalmente nell'epoca impe- 
riale (1). 

Come il mimo aveva soppiantato l'atellana, cosi il panto- 
mimo sostituì il mimo. Creatori ne furono Pilade e Batillo 
vissuti sotto Augusto. Il soggetto era tragico, cosicché i pan- 
tomimi si possono ritenere come un succedaneo dell'ormai 
decrepita tragedia. 

L'azione scenica si riduceva ai punti culminanti, ed il mimo, 
senza l'aiuto della parola, doveva interpretare il canto che 
non era più affidato ad un solo cantore, sostenuto da una sola 
tibia doppia, ma ad un coro accompagnato da rumorosa or- 
chestra in cui, sebbene avessero la prevalenza i flauti, non 
mancavano altri istrumenti, come siringhe, cembali, timpani, 
cetre e lire. Il tempo era segnato col lo scabillum. 

La musica istrumentale piacque sempre più, e Seneca ci 
lasciò la descrizione d'un concerto nel quale, in un tutto ar- 
monico, si univano voci maschili e femminili di timbro acuto, 
medio e grave, ed il suono delle tibie si alternava con quello 
delle trombe, delle buccine e perfino degli organi idraulici (2). 



(1) Cfr. Gevaert, II, p. 591. 

(2) Sen., Epp., 84, 9. 



— 214 — 

Il gran numero degli esecutori cresceva imponenza alla poli- 
fonia un po' rudimentale con la quale tuttavia, come osserva 
il Gevaert (1), si possono ottenere mirabili effetti che il genio 
di Beethoven seppe sfruttare nel magnifico coro delle " Rovine 
d'Atene „. 

Come le parti fossero divise si può con qualche sicurezza 
congetturare: gli strumenti di suono più basso, tibie e cetre, 
eseguivano probabilmente la melodia, quali guida e rinforzo 
al canto, ed in ciò la tecnica nuova non differiva dall'antica ; 
i flauti ricamavano sul motivo, ed i virtuosi avranno potuto 
dar prova della loro abilità ; le trombe, col loro suono chiaro 
e squillante, echeggiavano in determinati momenti. 



* 
* * 



È noto che in origine la lirica greca era destinata al 
canto ed all'accompagnamento di strumenti musicali. Gra- 
datamente nell'elegia e nel giambo scemò l'importanza della 
musica, e melica solo rimase l'ode che attinse la perfezione 
nella lirica corale e nella lirica monodica. La prima non 
trovò terreno favorevole per crescere e fruttificare in Roma ; 
la seconda ebbe sorti migliori. 

Ed ora una questione pregiudiziale: si può ammettere che 
tutta o parte della lirica romana fosse in realtà melica ? 
A questa domanda si dà di solito una risposta negativa, non 
giustamente a mio modo di vedere. 

Infatti non mancano, quantunque non molto numerose, te- 
stimonianze antiche che ci rappresentano unite e quasi fuse 
poesia lirica e musica. Quintiliano — e le sue parole assu- 
mono grande importanza — giudicava assurda l'opinione di 
coloro che pretendevano distinguere le note dai versi lirici... 
poetas certe leyendos oratori futuro concesserint ; num igitur hi 
sine musice? ac si quis tam caecus animi est, ut de aliis du- 
bitet: illos certe, qui carmina ad lyram composuerunt{2). 



(1) Histoire et théorie de la musique de l'antiquité, II, p. 327. 

(2) I, 10, 29. 



- 215 — 

Cantati furono i carmi in metro elegiaco di Ovidio che 
scriveva ad Augusto: 

Et mea sunt populo saltata poemata saepe. 
saepe oculos etiam detinuere tuos (1). 

Allusione questa non già alla tragedia Medea, ma all'uso 
di cantare poesie con accompagnamento di danze. E nel triste 
esilio era consolato di sapere rappresentate con danze le sue 
poesie ed ammirati ed applauditi i suoi versi. Cosa fossero 
queste danze e canti non si sa con precisione. Alcuni, ponendo 
mente alla tecnica del pantomimo, supponevano che i versi 
fossero affidati ad un coro, mentre un mimo riproduceva il 
contenuto dei carmi. E noto che le ecloghe virgiliane — 
lo attesta infatti Donato — (2) furono cantate in teatro. 
Ma intorno a questa questione io credo di aver trovato 
un'altra soluzione piìi soddisfacente. Solo in questi ultimi anni 
l'attenzione dei dotti è stata richiamata sugli agoni timelici, 
sorti nell'età alessandrina e così detti poiché gli artisti, invece 
di stare sulla scena, si producevano nella timele, cioè nell'or- 
chestra (3). Tra gli agoni timelici v'erano pure quelli dei 
rapsodi i quali, nel primo secolo a. C, partecipavano ad ogni 
concorso (4). L'autore prediletto dei rapsodi greci era Omero; 
seguivano Esiodo, gli elegiaci, i giambici. Presso i Romani le 
preferenze erano per Ennio ; e Gellio (5) ci narra d'un rapsodo 
che, al tempo stesso del retore Giuliano, in Pozzuoli, lesse 
un libro degli Annali. Le fonti classiche c'informano che i 
rapsodi, quasi attori dei carmi, con l'inflessioni della voce, con 
il gesto, con la mimica espressiva riescivano a mettere sotto 
gli occhi degli uditori le scene che leggevano. Stando così le 
cose, qualcuno potrebbe giudicare arbitrario parlar di musica 
per quanto riguarda la lirica ellenistica e romana. Ma molto 



(1) Trist., II, 519. 

(2) Vita Vergili, p. 60 R. 

(3) Cfr. Appunti sull'ellenismo, p. 399. 

(4) Frei, De certaminibus thymelicis, p. 62. 

(5) XVIIl, 5. 



— 216 — 

probabilmente si tratta di declamazione spinta all'eccesso, 
simile od eguale alla naQaaaxaloyr}, e perciò sostenuta dal 
suono della tibia. 

A far accettare come probabilissima tale ipotesi serve 
quel passo del De oratore (1), in cui Cicerone accenna all'uso 
di Caio Gracco di tenere dietro se nascosto un uomo dell'arte 
che gli doveva, con una fistula, dare la nota, quando fosse 
uscito di tono. La notizia, che per noi può sembrare strana, 
è ben lontana dall'essere inverosimile, in quanto che tra i Greci 
ed i Romani l'accento aveva sopratutto carattere musicale, 
come apprendiamo da testimonianze di antichi e dalla stessa 
nomenclatura di cui essi nel discorrerne fecero uso (2). 

Ne solamente il pomposo esametro o il distico elegante fu- 
rono destinati al canto, ma anche i leggeri e lascivi endeca- 
sillabi. Plinio appunto in una sua epistola narra di averne 
scritto un libro che incontrò tanto favore da essere letto, 
commentato, cantato e suonato sulla cetra e la lira (3). 

Nell'epoca imperiale — racconta Gelilo — (4) anacreon- 
tiche, poesie di Saffo, dolci e venuste elegie venivano cantate 
sulla cetra da fanciulli e fanciulle in modo delizioso. Che la 
notizia sia vera dimostra l'epitafìo di Traile, in cui risuonano 
motivi propri della poesia anacreontica e la musica, che è 
quanto di più grazioso l'antichità ci abbia trasmesso, accom- 
pagna garbatamente i ritmi leggeri del carme. 

Ma un'altra notizia ancor piìi preziosa ci conserva Gelilo (5) 
per quanto riguarda i lirici latini dell'età piìi remota. Egli 
narra che, in seguito ad una disputa sul valore degli antichi 
poeti romani, il retore Giuliano cantò, con voce singolarmente 
soave, versi di Valerio Edituo, di Perciò Licino e di Quinto 
Catulo di cui, secondo Gelilo, nulla vi è ne greco ne latino 
pili venusto, più limpido, più terso. 



(1) ni, 60, 225. 

(2) Cfr. specialmente Seelmann, Die Ausspruche des Latein, p. 27 sgg, 

(3) Epp., VII, 3, 9. 

(4) XIX, 9, 4. 

(5) XIX, 9, 10. 



_ 217 — 

E senza dubbio vibranti d'affetto e pervasi dal brivido della 
passione sembrano questi versi di Valerio Edituo (fr. I B.): 

Dicere cum conor curam tibi, Pamphila, cordis, 
quid mi abs te quaeram, verba labris abeunt; 

per pectus manat subito subido mihi sudor : 
sic tacitus, subidus, dum pudeo, pereo. 

L'imitazione del carme famoso di Saffo, di cui Catullo diede 
la traduzione più bella, è palese. Quindi, già prima del can- 
tore di Lesbia, i poeti romani avevano volto lo sguardo alla 
poesia eolica, effusione di fremiti e sospiri segreti, sfogo in- 
timo d'animi doloranti. L'ode lesbica parlò con voce dolce e 
soave ai poeti italici e pose radici nelle fibre più segrete del 
loro cuore. Caratteristiche salienti, la naturalezza e la sem- 
plicità ottenute con combinazioni ritmiche che appartengono 
esclusivamente al tempo ^/g. La forma libera della prima 
parte del verso attesta la mancanza di orchestica ed i tipi 
strofici semplici, la strofa a due versi e la strofa tetrastica, 
rivelano la natura della musica: una cantilena scorrevole, 
breve, dai contorni netti e decisi, d'indole eminentemente po- 
polare. Anzi Ateneo attesta che i poeti di Lesbo scrivevano i 
loro versi sulle molli melodie indigene, tra le quali s'erano in- 
filtrate, senza trasformarle completamente, quelle tristi canti- 
lene orientali, emananti una melanconia propria all'espressione 
dei sentimenti languidi ed appassionati. Arte temperata al 
fuoco della passione, per breve tempo, come una vampa po- 
derosa, solcò il cielo di Lesbo; ma non morì del tutto, ed i 
suoi ritmi e le sue forme non hanno perso la nativa fra- 
granza nella letteratura romana, ne si avvizzirono nelle let- 
terature moderne. 

Saffo ed Alceo ebbero imitatori i due maggiori lirici ro- 
mani : Catullo ed Orazio. 

Catullo fu poeta sincero e scrutò la verità in se stesso, in 
se solo. Ed è cosa veramente singolare che in nessun altro 
carme l'ispirazione frema potente come in quello, a cui Saffo 
offrì gli accenti più teneri ed appassionati. Catullo non ha 
tradotto freddamente, a guisa di chi fa un esercizio di bra- 
vura. Per entro i suoi versi, che talora s'allontanano dall'o- 



— 218 — 

riginale, spira la violenza della passione, ferve l'ardore degli 
affetti, trionfa l'aspirazione esaltata alla beltà d' una donna 
che non è pallida immaginazione del poeta, ma viva e reale 
gli ha incatenata la mente ed il cuore. Tale carme (il LI) 
si suol riferire ragionevolmente ai primi tempi delle relazioni 
di Catullo con Lesbia ; il carme deciraoprimo ne segna la rot- 
tura. A Saffo il poeta s'è ispirato nei due momenti culmi- 
nanti della felicità più grande e del dolore più sconsolato. 
Vadano pure quei suoi amici fedeli, Furio ed Aurelio, disposti 
come sono ad ogni sacrifizio per lui, a portare l'ultimo addio 
a Lesbia. Le prime strofe si svolgono con ritmo lento e tran- 
quillo e s'attardano ad enumerare luoghi paurosi e lontani, 
popoli feroci e barbari. Ma ormai la passione, invano frenata, 
trabocca in una furia di parole dolorose e roventi. Un fiore 
pur esso rapito al verziere di Saffo, giace reciso dall'aratro 
che passa, e rappresenta l'amore del poeta calpestato ed in- 
franto. 

Per noi moderni l'accompagnamento musicale è ripugnante 
all'intimità di questi carmi entro cui sorprendiamo i palpiti 
d' un cuore, sia che Catullo renda omaggio alla leggiadria 
della sua donna, sia che pianga il non ricambiato amore. 
È vero però che anche i versi d'Edituo, nei quali l'imitazione 
di Saffo è palese, furono nell'antichità cantati. Ma, siccome 
mancano per Catullo le testimonianze esplicite, mi asterrò 
da una conclusione in un senso piuttosto che nell'altro, per- 
mettendomi solo di ricordare che, anche ai giorni nostri, 
poesie di contenuto analogo furono soavemente congiunte al 
ritmo musicale dal Tosti. 

I canti nuziali sono antichissimi e d'origine eminentemente 
popolare; e prima che l'influenza ellenica si facesse sentire 
nell'Urbe, i fescennini, specie di tenzoni poetiche di carattere 
giocoso, si cantavano nelle feste rurali e nei matrimoni. Ca- 
ratteristica loro il linguaggio lascivo e gli scherzi grossolani. 

Anche Saffo s'era impossessata dei motivi originali del- 
l'epitalamio, illeggiadrendoli con la grazia dello stile, affinan- 
doli con la delicatezza dello spirito; e nei pochi frammenti 
appare la vergine, cosparso il viso di leggero pallore, o ri- 
suona, pieno di letizia e tripudio, il grido: imeneo! 



— 219 — 

Per le nozze d'un suo amico, Manlio Torquato, Catullo, 
portando in Roma " le rose pierie della poetessa di Lesbo „, 
scrisse un epitalamio. Nel canto s'alternano le voci del corifeo, 
dei fanciulli e delle fanciulle. Tra l'eleganza eolica dei versi, 
non mancano tracce del linguaggio fescennino, ed una soave 
immagine alletta, in sulla fine del carme, il cuore del poeta, 
quella d'un piccolo Torquato che, dal grembo materno, sor- 
ride al padre. Nei versi stessi ricorrono locuzioni che pro- 
vano come continua forse la melodia, la quale seguiva inin- 
terrotta le varie fasi della festa. La forma metrica, composta 
di due periodi l'uno di tre gliconei, l'altro di un gliconeo e 
ferecrateo in composizione antistrofica, dimostrano, se pur fosse 
necessario, che si tratta di poesia melica. 

Nessuno, per quanto io sappia, ha messo in dubbio che 
l'epitalamio a Torquato non volesse l'accompagnamento delle 
tibie e delle lire. Ed invece per un semplice esercizio poetico 
fu ritenuto l'inno a Diana, per la speciosa ragione che, nel 
tempo repubblicano, vengono dalle fonti ricordati solo due 
inni commessi l'uno a Livio Andronico, l'altro a Licinio Te- 
gula. Ma il piccolo numero delle testimonianze poco conta, 
poiché gli storici antichi molto probabilmente ricordavano 
i carmi composti in occasioni eccezionali, non gli altri. 

L'inno a Diana è una preghiera, cantata alternatamente 
od all'unisono da un coro di fanciulle e fanciulli. Un tono 
ieratico ha pervaso tutti i versi, i quali non si soffermano 
in lunghe enumerazioni mitologiche o in cenni agli attributi 
della divinità. Simile anche pel genere del verso l'inno in cui 
Saffo, con un brivido di passione, implora Afrodite, simile 
ancor più per la forma metrica il peana di Aristonoo ad 
Apollo Pitico, che consta, esso pure, di piccole strofe in 
gliconei. 

* 
* * 

Che le Odi di Orazio sieno state scritte per essere cantate 
si nega generalmente. Si suol dire che la bellezza dei suoi 
versi bastava a se stessa e solo si ammette che la musica 
sia stata aggiunta eccezionalmente. Ma abbiamo visto che non 



— 220 — 

mancano gli argomenti per ritenere che, nel dramma non 
meno che nella lirica, la musica avesse, tra i Romani e tra i 
Greci, eguale importanza. 

Non vogliamo certamente costringere i testi a dir quello 
che in realtà non dicono, e non potremo quindi dar troppa 
importanza a espressioni come dicere, cantare, canere che, pe- 
netrate e ripetute a sazietà nella poesia moderna, ove si fece 
un deplorevole abuso di plettri, di lire, di cetre, sono ben 
lungi dall'essere argomento favorevole alla nostra tesi (1). 

Ma quando Orazio, per esempio, scriveva: 

Descende caelo et die age tibia 
regina longum Calliope melos, 
seu voce nunc mavis acuta 
seu fidibus citharave Phoebi (2), 

dicere fu usato per denotare il canto. E nessuno, per quanto 
scettico, può mettere in dubbio che musica e canto fossero 
pure indicati nei versi: 

carmina non prius 

audita Musarum sacerdos 
virginibus puerisque canto (3). 

Sarebbe facile moltiplicare gli esempi; ed assume certo 
importanza il fatto che Orazio fa consistere l'attività del 
poeta lirico nello aptare citharae modos (4). Onde egli, con la 
coscienza della altezza raggiunta, poteva esclamare: 

Ne forte credas interitura quae 
longe sonantem natus ad Aufidum 
non ante volgatas per artis 
verba loquor socianda chordis (5). 



(1) Ha raccolto con diligenza i passi di Orazio, dai quali si può ar- 
guire la presenza della musica nelle odi, 0. JahB : Wie wurden die 
Oden des Hor. vorgetragen (Hermes, Il (1867) , p. 418 sgg.). 

(2) Carin., Ili, 4, 1. 

(3) Carm., Ili, 1, 2. 

(4) Carm., Il, 12, 4. 

(5) Carm., IV, 9, 1. 



— 221 — 

Un'altra notevole allusione alla esecuzione musicale, con 
una reminiscenza degli antichi carmi trionfali, s'incontra nei 
versi : 

nosque et profestis lucibus et sacris 



virtute functos more patrum duces 
Lydis remixto carmino tibiis 
Troiamque et Anchisen et almae 
progeniem Veneris canemus (1). 

Un accenno a musica con modi diversi (il frigio ed il 
dorico) troviamo nell'epodo 9 in cui scriveva: 

Quando repostum Caecubum ad festas dapes 

victore laetus Caesare 
tecum sub alta — sic lovi gratum — domo, 

beate Maecenas, bibam 
sonante mixtum tibiis carmen lyra, 

hac Dorium, illis barbarum? 

Questi ed altri indizi, che ricorrono nei vari carmi, dovreb- 
bero essere sufficienti a scuotere lo scetticismo di coloro che 
delle odi di Orazio vollero fare una poesia nata morta e 
scissa da ciò che della lirica era anima e vita, la musica. 

Sul solo carme secolare, la presenza di canto e musica non 
può essere messa in dubbio. 

Una lirica corale propriamente detta non esisteva in Roma, 
in cui non avrebbe potuto trovare terreno adatto per svilup- 
parsi. I ludi secolari, che Augusto volle celebrati in modo 
magnifico e sfarzoso, quasi fossero suggello all'instaurazione 
politica intrapresa, diedero ad Orazio l'occasione di cimen- 
tarsi in un genere in cui aveva rivale insuperabile il cigno 
tebano. Non è necessario mi fermi a ricordare quelle ceri- 
monie che abbagliarono, per tre giorni e tre notti, gli occhi 
dei Romani estatici. Il poeta ufficiale della festa fu Orazio: 
nel terzo giorno ventisette fanciulli ed altrettante fanciulle 



(1) Carnu, IV, 15, 25. 



— 222 — 

delle più nobili famiglie cantarono il carme sacro. Il poeta, 
con legittima soddisfazione, più tardi nell'ode sesta del libro 
quarto, ricordava l'altissimo onore e, rivolgendosi a quelle 
ch'erano state interpreti del suo canto, scriveva: 

nupta iam dices " ego dis amicum, 
saeculo festas referente luces, 
reddidi Carmen docilis modorum 
vatis Horati „. 

Un carattere religioso, diverso da quello che pervade gli 
splendidi inni cristiani in cui il sentimento di Dio si traduce 
in espressioni di forza incisiva, spira per tutto il canto che 
è una invocazione non priva di grandezza, ma senza lo slancio 
e la poderosa invenzione dell'odi pindariche. Il carme fu scritto 
con speciale riguardo alla austerità del rito romano, e perciò 
l'invocazione alle varie divinità segue ordinata, come in un 
canto liturgico. Non passaggi rapidi ed impensati tra i vari 
concetti avvicinati senza che uno stretto nesso li colleghi, non 
esplosione d'immagini ardite, non sfoggio di pensieri nuovi 
e profondi. 

Andò miseramente perduta la musica, ma di qual genere 
fosse possiamo ancor congetturare. La forma metrica, che è 
la strofa saffica, ci attesta che il medesimo motivo doveva 
ripetersi con unità di tono, di modo e di misura in ogni strofa 
sotto diverse parole, come nelle nostre canzoni popolari. La 
melodia quindi, destinata com'era ad essere cantata da coreuti 
dilettanti, presentava una semplicità e chiarezza di disegno 
con cui non è impossibile ottenere effetti grandiosi. Inter- 
prete dell'ethos, dello stato d'animo d'un popolo giustamente 
proclive all'entusiasmo, il carme secolare sarà stato ascoltato 
con profonda commozione da coloro i quali, come Orazio, face- 
vano voti che l'almo sole nulla mai potesse vedere maggiore 
di Roma. 

M. Lenchantin De Gubernatis. 



— 223 — 



DI UN LUOGO DELLA VITA TERENTl 
IN DONATO 

(-{- Vallegius in actione ait). 



Nelle aggiunte di Donato alla biografia svetoniana di Te- 
renzio si legge (Wessner, p. 9 sg.): Scipionis fahulas edidisse 
Terentium ^ Vallegius in actione ait 

' tuae, (Terenti), quae uocantur fabulae, 
cuiae sunt? non has, iura qui populis dabat, 
summo (ille) honore affectus fecit fabulas? (1) ', 

dove hanno dato e danno tuttora da pensare le parole Val- 
legius e iìi actione. 

Quanto al sostantivo uallegius (2), che è ualgius in A^ (3), 



(1) A ridurre a tale la lezione dei mas. contribuirono il Windischmann, 
il Fleckeisen e specialmente il Ritschl [Opusc, III, 214). Il Buttner 
{Porcius Lìcinus, p. 41) : hae quae uocantur fabulae tuaene sunt ? \ non has, 
qui tura populis se efferentibus | dabat, honore summo affectus fecit fa- 
bulas ? E lo Stowasser {Zeitschr. f. die Òsterr. Crtjmn., LI (1900), p. 1075): 
hae quae vorantur fabulae, cuiae sient ? \ non has, qui iura populis {et) 
regentibus \ dabat, summo honore affectus, fecit fabulas. Invece per lo Scholl 
[Rhein. Mus., LVII (1902), p. 165) il primo verso sarebbe : in actionem 
hae quae vocantur fabulae; ma poi egli non sa che cosa proporre per il 
verso seguente e mantiene per il terzo la lezione dello Stowasser. I mss. 
hanno hae (v. 1) ; populis retentibus A, populis recensentibu» TFV (v. 2). 

(2) Nei codici più ree. ualegius. 

(3) Per il valore di A* cfr. Wessner, I, p. vin dell'ediz. di Donato. 



— 224 — 

il Buecheler {Rhein. Miis. XXXIII {1878), p. 492) seguito 
dal Leo {Rhein. Mus. XXXVIII {1883), pag. 321) e dal 
Baehrens {FPB. p. 280) pensò che fosse una corruzione 
di Volcacius. Così il frammento fu riportato (Leo, loc. cit.) 
al libro di Sedigito De imetis, senza badare che i 3 versi 
citati da Donato sono in manifesta contraddizione col v. 10 
del fraram. 1 del B. : in sexto consequetur hos Terentius. E in 
verità come avrebbe potuto Volcacio includere Terenzio nel 
noto canone, se non l'avesse ritenuto autore delle commedie 
che andavano sotto il suo nome? 0, almeno, come avrebbe 
potuto fare in tale elenco il nome di questo poeta senza ag- 
giungervi neppure un cenno della sua convinzione così chia- 
ramente e recisamente affermata nell'apostrofe che leggiamo? 
Né ci pare poi affatto possibile avvicinare col Leo i tre 
versi discussi al fr. 4 del B. (1) per intonazione così diverso 
da quelli. 

Ma il Buecheler {loc. cit.) aveva una volta pensato che 
il Vallegius dei mss. potesse essere un VagelUus, poeta re- 
pubblicano, forse contemporaneo di Terenzio, il quale, se- 
condo il Ribbeck, avrebbe " in einem iambischen Gedichte, 
" die Verhandlung {actio), den Terenz vor Gericht gefordert 
" und iiber den wahren Verfasser der nach ihm bennanten 
" Komodien zur Rechenschaft gezogen „ (2). Che VagelUus 
dovesse essere un poeta dell'età repubblicana il Buecheler 
lo ricavò dall'uso di cuiae. Lo Stowasser (3) invece vide 
nel VagelUus di Donato quello stesso di cui parla Seneca (4), 
ossia un poeta della prima metà del I sec, d. Cr. Se non che 



(1) Svet. (Wessner, p. 5) : et hanc (Andriam) autem et quinque reliquas 
aequaliter populo probauit, quamvis Volcatius {in) dinumeratione omnium 
ita scribat 

suinetur Hecyra sexta, exilis fabula 

(fr. 4 B.). 

(2) Gesch. d. rom. Dichtung, I, p. 270. 

(3) Loc. cit. 

(4) Sen., Nat. qua est., VI. 2, 9 egregie vero VagelUus meus in ilio 
inclito Carmine ...inguit (cfr. Baehrens, Fr. poetarum Rom., p, 362; CIL, X, 
1401 ; Gioven., XVI, 23). 



— 225 — 

la ragione su cui il Buecheler fonda l'approssimativa cro- 
nologia di Vagellio ha in verità poco valore, perché la forma 
cuius non è estranea ai poeti augustei (cf. Virg., Ed. Il, 1); 
e quel quarto di pagina, che il Ribbeck consacra a questo 
poeta nella sua Storia della poesia latina e di cui noi ab- 
biamo riportato una parte, non è storia, ma vero romanzo. 
Intorno poi al Var/elliìis di Seneca noi sappiamo troppo poco 
e questo poco non ci autorizza affatto a convenire con lo 
Sto w asse r. 

Il Vagellio del primo secolo dell'impero cantò argo- 
menti morali e in versi esametri: questo conosciamo 
di sicuro; il rimanente è mera ipotesi, che non poggia su 
alcun fondamento. S'aggiunga inoltre che non è neppure del 
tutto sicura la lezione Vagelliiis nel citato luogo di Seneca. 

Quanto all'espressione in actione, che è natione in TFV, il 
Fleckeisen nella prima edizione di T. la corresse in Actaeone 
{Valgius in Actaeone), il Leo (loc. cit.) lesse (1) in enumera- 
tione qui come nel § 3 della Vita svetoniana {in enumeratione 
omnium) (2). 

A noi pare che il trovare citati in Donato i tre versi 
nelle notizie su Terenzio abbia generato un errore, diremo 
così, d'origine, in quanto si è voluto cercare dai più, anzi 
da tutti meno lo Stowasser, l'autore di essi fra coloro che 
potevano essersi occupati di proposito del commediografo. 
Invece si sarebbe dovuto pur riflettere che in tal caso non 
avrebbe Svetonio (e forse neppure Gelilo in XV, 24) taciuto 
una cosi esplicita testimonianza (nel § 4 della Vita, che è 
tutto consacrato precisamente alla diceria dei rapporti inter- 
ceduti fra" Terenzio e i suoi potenti amici), se non altro per 
opporla a quella di Santra. Che poi Svetonio abbia con di- 
ligenza ricercato quante più notizie poteva delle non molte 
ond'è costituita la vita dell' Afer, c'è provato dal fatto che 



(1) Aveudo il Leo avvicinato i nostri tre versi al fr. 4 B. di Sedigito, 
una tale correzione veniva spontanea. 

(2) Di qualche altra correzione tentata non mette neppur conto di 
occuparsi. 

Rivista di filologia, ecc., XLI. 15 



— 226 — 

delle quattro aggiunte di Donato due (1) sono ripetizioni di 
quanto già prima s'è letto in questo biografo, la prima (2) 
è pressoché inutile e un'altra (3) non può dirsi, a rigor di 
termini, biografica. Ma, prescindendo dalla diligenza con cui 
Svetonio si servì delle sue fonti nel De viris illiistrihus (4), 
basterà leggere con l'animo scevro d'ogni preconcetto i tre 
versi riportati da Donato per convincersi che in essi non è 
la figura di Terenzio che primeggia, ma quella di colui che 
summo honore affectus popuìis iura dahat^ ossia di Scipione il 
Minore, il quale insieme col grande avo impersonava nella 
mente dei repubblicani romani i tempi più splendidi della 
libertà di Roma. 

Ora io non so come i commentatori e interpreti àeWEpi- 
stulae di Orazio (almeno quelli che io conosco) nell'illustrare 
la P del II libro non vi abbiano sentito o intravisto qual- 
cosa di più di quello che il poeta esplicitamente scrive ad 
Augusto. Dobbiamo e possiamo noi credere che l'opposizione 
contro i poeti augustei per parte di coloro che a questi an- 
teponevano gli antichi fosse mossa tutta e solo da ragioni 
artistiche? Come si parlasse di Mecenate e del suo circolo 
in crocchi di letterati e sedicenti letterati, di poeti e sedi- 
centi poeti, c'è detto da Orazio nella 9* Satira del I libro 
con quella urbanità che nessuno mai possedette in più alto 
grado del Venosino. 

E in verità non è possibile che a Virgilio, a Orazio e agli 
altri non venisse da coloro che ancora erano illusi dal sogno 
repubblicano rinfacciato l'asservimento ai nuovi signori, e 
specialmente ad Augusto, dell'arte loro considerata anche 
per questo inferiore a quella dell'età repubblicana. E forse 
a queste critiche si debbono riferire le parole che Augusto 
scriveva a Orazio, secondo la Vita svetoniana del poeta: 



(1) Cioè quella qui discussa (cfr. Svet., § 4) e quella sulla poca fov' 
tuna à.Q\VHecyra (cfr. Svet., § 3). 

(2) Sui due poeti di nome Terenzio. 

(3) Sulle fonti di Terenzio. 

(4) Cf. Leo, Die griech.-rdm. Biographie, 136 sgg. 



— 227 — 

" Irasci me tihi scito, qiiod non in plerisque eiiismodi scriptis 
" (le Epistole) niecum potissimum loquaris: an vereris ne apud 
" posteros infame Ubi sit, quod videaris familiaris nobis esse ? „ (1). 

Comunque, per me non c'è dubbio che nella 1* Epistola 
del II libro Orazio, con la sicurezza della sua buona coscienza 
di cittadino e con la piena consapevolezza del valore dell'arte 
sua, volle lanciare, quasi alla fine della sua carriera poetica 
e con l'abilità dell'arciere che conosce le battaglie, il dardo 
del ridicolo contro coloro che si erano a lungo compiaciuti 
e si compiacevano ancora di creare e ripetere simili giudizi, 
che volevano apparire artistici, mentre erano vera e propria 
maldicenza. 

E perché più diritto giungesse il colpo, volle che questa 
Epistula fosse diretta ad Augusto ; perché non apparisse che 
egli si assumeva il non commesso ufficio di difensore di Ot- 
taviano per tale riguardo, volle che la sua lettera si aprisse 
con la dichiarazione che ormai la persona del principe era 
fuori ogni discussione, giacché da tutti, unico esempio al 
mondo, egli era venerato vivo (vv. 5-17). Non è mio compito 
esaminare qui a parte a parte VEpdstula oraziana; il lettore 
potrà farlo da sé e vedrà con quanto garbo e insieme con 
quale fierezza il poeta discuta d'un tale argomento e ne di- 
scuta con Augusto. Ma noi non possiamo immaginare che tutti 
i poeti augustei avessero o la calma di non dare retta agli 
scontenti e agli invidiosi o l'arte di Orazio nel maneggiare 
l'arguzia come arma affilata e appuntata. E lecito quindi 
supporre che qualcuno di essi scattasse talvolta contro co- 
storo con l'epigramma feroce. Parte d'uno di questi epigrammi 
sono per noi i tre senari, in cui si parla di Terenzio presso 
Donato, coi quali l'autore imbizzito viene a dire in altri ter- 
mini : " Ma cotesti vostri poeti repubblicani non traevano solo 
l'ispirazione dai loro potenti protettori, se li facevano fare 
addirittura da loro i versi con cui riscuotevano il plauso po- 
polare! „ Se è così, bisognerà ricercare tra i poeti augustei 
l'autore dei tre versi, il quale ben può essere quel C. Valgius 



(1) Reifferscheid, Siiet. relL, p. 46. 



— 228 — 

Rufus (1), console suffechis nel 12 a. Cr. e strettamente legato 
a Orazio per comunanza di convincimenti politici e d'intenti 
artistici, oltre che per saldi vincoli di amicizia (2). C. Valgius, 
che fu poeta e prosatore, c'è noto, per mezzo di Carisio, quale 
scrittore di epigrammi (3). 

Se, dopo quello che noi siamo venuti dicendo, rileggeremo 
attentamente uno scritto di Orazio ancora esordiente nella 
carriera poetica, ossia la 10* Satira del I libro e specialmente 
i versi 

Men moveat cimex Pantilius, aut cruciet quod 
Vellicet absentem Demetrius aut quod ineptus 
Fannius Hermogenis laedat conviva Tigelli? 
Plotius et Varius, Maecenas Vergiliusque, 
Valgius et probet haec Octavius optimus atque 
Fuscus et haec (se. carmina) utinam Viscorum laudet 

[uterque ! 
(vv. 78-83), 

forse troveremo una notevole conferma alla nostra ipotesi. 

Noi dunque accettiamo la correzione di Pietro Daniele 
Aureliano, ossia di A- (4), e leggiamo Valgius nel luogo di 
Donato confortando tale correzione con gli argomenti addotti. 

Proponiamo invece di correggere l'espressione in actione 
nelle parole m cantione, dove cantio non sarebbe già il titolo 
di uno scritto, ma un vocabolo adoperato da Donato per de- 
signare un' " invettiva „ di Valgio contro alcuni poeti o 
scrittori repubblicani, che non avevano sdegnato la prote- 
zione, i favori, gli aiuti dei potenti personaggi dei loro tempi. 
Della quale invettiva — forse e senza forse spesso ripetuta 



(1) Schanz, Gesch. d. rum. Liti., II, l'', p. 210 sgg. 

(2) Teuffel, Gesch. d. rom. Liter., IP, § 241. Orazio, Carni., II, 9. 

(3) 108 K. : neutraliter ' hoc margaritum ' dicere vitiosum est, et tamen 
multi dixerunt, ut Valgius in epigrammatis (altri epig r animate) : tu, 
rugosa, r ut un d a m a r g a r i t a. Cfr. Baehrens, FPR, p. 342. 

(4) Dziatzko, Zum Teremcommentar des Donai, in Eh e in. Mus., 
XXIX {1874), p. 448. 



— 229 - 

tra i poeti cesarei durante l'impero e anche nelle scuole — 
D. riporta nel luogo esaminato i versi che riguardano ap- 
punto Terenzio. Che Donato desse a cantio il significato che 
meglio conviene a cantilena, ossia di " canto molesto 
spesso ripetuto „ lo ricaviamo dal suo stesso commento 
al v. 495 del Phormio (cf. II, p. 460 W.). 

Napoli, l'Epifania del 1913. 

Aurelio-Giuseppe Amatucci. 



230 



PER LA FORTUNA DI LUCREZIO 
E DELL'EPICUREISMO NEL MEDIO EVO 



Sommario. — I. Lucrezio e le teorie epicuree nel primo medioevo e nel 
medioevo straniero. — II. Dante e Lucrezio, la fortuna di una si- 
militudine atomistica da Democrito a Dante. — III. Una fonte dos- 
sografica in Servio, Lattanzio e Isidoro. — IV. Lucrezio e Petrarca : 
un dato del Petrarca e la vita Borgiana di Lucrezio. — V. Lucrezio 
e Boccaccio. 

La storia della fortuna di Lucrezio e dell'epicureismo nel 
medioevo deve ancora essere scritta. Buone ricerche si debbono 
al Munro (1), al Jessen (2), al Manitius (3) e finalmente al Phi- 
lippe (4). Ma molto rimane ancora a fare, perchè si accerti ove 
la conoscenza provenga direttamente dalla lettura del poeta e 
dove derivi da fonti indirette. Vedremo poi anche come il 
Philippe, a cui pure deve essere data lode per le sue ricerche, 
sia incorso piìi volte in errore attribuendo a influssi epicurei 
e lucreziani dottrine che con Lucrezio e con Epicuro non 
hanno nulla a vedere, errori che, sulla fede del Philippe, fu- 
rono poi ampiamente ripetuti. 



(1) Lucretins^, voi. I: Introduction to notes I, p. 1 sgg. 

(2) " Philologus ,, voi. 30, p. 236 sgg. 

(3) " Philol. „, voi. 52, p. 536 sgg., e in Gesch. d. latein. Liti, des Mit- 
telalters, 1911, I part., p. 296. Il Manitius, in Gesch., p. 296, non cita 
e pare non conosca il Philippe, come il Philippe pare non conosca 
Manitius, " Philol. „, voi. 52 (1893), p. 536 sgg. 

(4) Lucrèce dans la théologie chrétienne du III^ au XIII" siede et spé- 
cialement dans les écoles carolingi ennes, * Rev. de l'histoire des religions „, 
1895-1896. 



— 231 — 

Intendo perciò di completare, per quanto mi è possibile, le 
ricerche del Philippe e del Manitiiis (l) estendendole anche 
per quella parte del secondo medioevo italiano di cui essi non 
si occupano, e prendendo in esame quei punti in cui mi sia 
dato di portare qualche nuovo contributo o di correggere 
qualche affermazione non vera. 



Che Lattanzio, S. Gerolamo e Isidoro ancora conoscessero 
Lucrezio è induzione, per se, ovvia e confortata dalle nume- 
rose citazioni e dall'uso continuo che questi scrittori fanno 
del poeta latino. La citazione di I 314: (ferreus occulte de- 
crescit voyner in arvis) nello scritto de duhiis nominibus (Keil. 
G. L. V. 593, 9) proviene, come vide il Manitius (2), da Isi- 
doro. Il passo di Isidoro è Orig. XX 14, e occorre aggiun- 
gere all'osservazione, del Manitius, che altrove lo scrittore 
si serve di Isidoro, il fatto che questo medesimo verso ricorre 
poi in Rabano {De Univ. XXII, 14), ciò che prova come fosse 
entrato nel patrimonio comune della conoscenza medioevale. 

Quanto ad Aldhelm, io credo invece che si debba correg- 
gere l'affermazione del Manitius (3) : " Aldhlem giht oline 
Namen., p. 288, 36 einen Vers, den aher kein Grammatiker 



(1) Il Lehnei'dt, Lucretius in der Renaissance (Estr. dalla " Festsclirift 
zur Feier des GOO-jahrigen Jubilàums des Kneipliofischen Gymnasiuins 
zu Konigsberg „), Konigsberg, 1904, ricorda solo con lode il Philippe 
(p. 3) e riprende la trattazione dalla scoperta del Poggio. Ad ogni modo 
il lavoro del Lehnerdt va ricordato, perchè dimostra come, anche dopo 
la scoperta del Poggio, la conoscenza di Lucrezio si diffuse con molta 
lentezza nell'umanesimo, ciò che deve porci in guardia dal supporla in 
scrittori dell'alto medioevo in tanta scarsezza di manoscritti lucreziani. 

(2) " Philol. „, 52, 537. 

(3) Gesch. d. lat. Liti. d. Mittelalt., p. 296; cfr. " Philol. „, 1. e, p. 537. 
— Su Lattanzio, oltre che il Manitius e il Philippe, v. anche Brandt, 
Lactantius und Lucretius, " Jahrb. f. kl. Philol. „, 1891, p. 225 sgg. 



— 232 — 

anfiihrt „, ed il verso che Aldhelm cita (p. 288 ed. Giles) 
è II 661: 

Lanigerae pecudes et equorum bellica proles : 

ora questo verso appunto con le due parole del seguente {bu- 
ceriaeque greges) è riferito in due passi da Nonio II, 1, 94 
(Muell. p. 80, 27) e III 109 (208, 25 M.). 

Nonio, come i manoscritti di Lucrezio, ha duellica, bel- 
lica non può perciò provenire dai manoscritti di Lucrezio, 
ma è una svista che deriva da una citazione cursoria del testo 
letto in Nonio. 

Su Rabano Mauro giova pure rivedere i dati del Philippe 
e del Manitius. Il Manitius fa derivare la conoscenza di Lu- 
crezio in Rabano da Prisciano e da Isidoro, eccetto che nel- 
l'epistola dedicatoria del poemetto de land, sanctae crucis (1), 
e il Philippe non indaga sempre donde derivino le citazioni 
(v. p. [dell'estratto] 49). Ora il passo dell'epistola ricordata: 
" Feci quoque et synalipìiam aliquando in scriptu in oportunis 
locis sgnaUpharum quod et T. Lucretius non raro fecisse inve- 
nitiir „, secondo il Manitius deriverebbe dalla lettura del 
poema di Lucrezio, secondo il Philippe potrebbe provenire 
invece [p. 42 sg. dell'estr.] da Beda de Arte metr. p. 253 K. (2). 

Il Philippe ha certamente mal compreso il passo di Beda 
che riferirò più integralmente che egli non faccia: 

Beda de arte metrica 253, 6 sgg. : Keil. " in exempUs anti- 



(1) MON. G. H., Ep., V 383, 30. 

(2) Il Philippe osserva : " Il est vrai que ce procede de versification 
avait éfcé signalé par Bède, dont Alcuin loue fort la métrique. Mais 
Bède s'étaii contente de nommer Lucrèce ; Raban dit avec plus de pré- 
cision: * Titus Lucretius „. Faut-il en conclure qu'il a directement con- 
sulte le De Natura Rerum et pris au titre d'un manuscrit le prénom 
de Titus que nous n'avons rencontré nulle part ailleurs à cetle epoque '? 
Hypothèse d'autant plus probable que tous les manuscrits anciens de 
Lucrèce datent précisément de catte période... ,. Il lùferimento a Beda 
è falso e l'illazione dal prenome Tito non è punto probativa; per non 
ricordare altri passi, " Titus Lucretius , si trova nella notizia biografica 
di S. Gerolamo, autore ben noto a tutto il medioevo. 



— 2:^3 - 

quorum inveniuntur aliquoties duo spondaei in fine versus, sicut 
et dadijli non nunquam, ut suni illa Maronis: 

at tuba terribilem sonitum procul excitat ìiorrida 
et 

aut ìeves ocreas lento ducunt argento. 

Quamvis hoc rarissime inveniafnr, nisi ita ordinatum, ut et 
dactyli qui in fine est ultima syllaha per synalipham sequenti 

versiti iiingatar, qui et aliis in metrico opere regulis multum 

libere utebanfur, quas moderni poetae distinctius ad cerfae nor- 
mam definii ionis observare maluerunt. Nani et vocalem brevem, 
quae q et n et vocali qualibet exciperetur, voluerunt esse com- 
munem, ut Lucretius: 

quae caliduni faciunt aquae tactum afque vaporem. „ 

Cfr. Audacis excerpta voi. VII Keil p. 328 sg. " aut cum cor- 
repta vocalis excipitur a littera q, qua)n necesse est ut conse- 
quatiir littera u, quae cum altera vocali iuncta loco consonantis 
accipitur, ut apud Lucretium: 

quae calidum vaporem. „ 

Come si vede, due sono i fenomeni metrici che considera 
Beda: 1) la sinalefe: 2) il fenomeno in realtà contrario della 
vocalizzazione deW'u dopo il q. Per il primo riferisce gli esempi 
di Virgilio, e per il secondo quello di Lucrezio. Della sina- 
lefe in Lucrezio dunque non parla, e naturalmente gli excerpta 
Audacis che si occupano solo del secondo fenomeno non ac- 
cennano in questo punto alla sinalefe. Non può dunque Ra- 
bano avere presa da Beda la sua notizia sulle sinalefe lucreziane. 

Ma non è punto necessario per ciò supporre che Rabano to- 
gliesse la sua osservazione direttamente da Lucrezio, cono- 
scenza di cui non avrebbe dato altro sicuro indizio. Vedi 
infatti : 

Marius Plotius Sacerdos Gr. L. Keil. voi. VI, p. 448 " Sg- 
nalifa est, quando finita pars orationis in vocalem vel in m 
litteram vel in s altera parte orationis incipiente a vocali eli- 



- 234 — 

flit ìli'... s vero intera eliditur sola, si a consonanti incipiat al- 
tera pars orationis, ut Lucretius " mensibus frigus „ et alibi 
" ex infantibus par vis „. 

E di questa apocope lucreziana subrustica al gusto di Ci- 
cerone e dei poeti augustei ci danno notizia altri gramma- 
tici antichi: Mario Vittorino, Diomede, Probo, Pompeio. Re- 
sterebbe piuttosto, ora che s'è determinato il valore di questo 
passo di Rabano Mauro nella lettera introduttiva al poema 
de land. st. Crucis (1), studiare in quali luoghi del tediosis- 
simo poema si verifica questa sijnalipha. Se non che a chi 
voglia sobbarcarsi questa fatica, utilissima del resto per la 
costituzione del testo, occorrerebbe un'edizione critica che an- 
cora manca per questo scritto di Rabano, perchè solo da essa 
si potrebbe riconoscere in quali passi Rabano applicò questo 
processo metrico arcaico, e probabilmente correggere la le- 
zione degli editori, se in alcun modo tentarono di conciliare 
le lezioni di Rabano con la metrica tradizionale. 

Tanto il Philippe come il Manitius (2) citano De universis, 
XXII, 15, dove è riferito Lucr. V. 517: 

In ftuvios versare rotas atque haustra videmus, 

Ma non ne indicano la fonte, che è o Isidoro (Or., XX, 15) 
o Nonio (M. 13), che citano appunto questo verso (tanto essi 
come i Mss. di Lucr, hanno ut fluvios) (3). 

Il verso di Lucrezio II 25 : 

Lampadas iyniferas manibus retinentia dextris 



(1) Che la sinalefe di cui si parla da Rabano sia questa (apocope) e 
non quella di cui fa cenno Beda e da cui originano i versi ipermetri, 
è anche provato dal fatto che Rabano dice non raro e veramente le 
apocopi dell's non sono rare in Lucrezio, e più di una ne riferivano i 
grammatici, mentre di lui abbiamo un solo verso ipermetro, cioè V 849, 

(2) " Philol. ,, p. 537. 

(3) Per De Univ., VII 2 [patratio, cfr. Lucr., IV 1121) il Manitius 
giustamente rimanda a Isid., IX 5, dall'errore ms. patra venne poi l'altro 
di Rabano et bene patratio patrum. Di De Univ., XXII 14, iincus-arris 
(Lucr., I 314) e la derivazione da Isidoro, abbiamo già veduto. Giova 
poi notare che la glossa Patratio est rei venereae consumatio, e negli 
scolii a Persio, I 18, 



- 235 — 

citato da Rabano Excerpta de arte Prisc. (1) è anche presso 
Mario Vitt. 220 K. Il Philippe poi aggiunge (p. 50 dell'estr.) : 
" L' import ance qu'il (se. Rabano) donne à l'allégorie et sa facon 
de la comprendre le font recourir plus souvent que ses prédé- 
cesseurs immédiats à l'oeuvre des ^philosophes et des gentils : 
Lucrèce n'est pas oublié „ e cita in nota : " Cfr. Migne 111 739 
{sur l'origine des religions): — ibid., 740 b: comin. in Sapient. 
1. Ili, e. Ili [sur Cérès) „. Ma sia in Migne III 739 che in 
740 b, Lucrezio non è punto ricordato, anzi quello che in 739 
è detto della religione si deve a Lattanzio: 

Rab. III 739 Migne " Firmianus autem Lactantius in libro 
primo quem scripsit de falsa religione deorwn liuic loco similia 
proferì dicens... „. 

Il dato del Philippe (p. 51 n. 3 dell'estr.) su Rabano de 
univ. IX 25 va completato. Rabano dice: " Ventus est aer 
commotus et agitatus, prò diversis partibus coeli diversa no- 
mina sortitus. 26 : Agitatus enim aer auram facit. TJnde et Lu- 
cretius dicit aerias auras „ e il Philippe aggiunge: " Isidore 
avait écrit {De Nat. rerum e. XXXVI) ; Ventus est aer commotus 
et agitatus approbante Lucretio: 

Ventus enim fit ubi est agitando percitus aer „ . 

E va bene : ma resta a spiegare aerias auras nella citazione 
di Rabano, ed esso proviene da un altro passo di Isidoro (2), 
dove aerias auras è riportato da Lucrezio V 501. 

I passi poi di Rabano sul fulmine (3) non hanno nulla di 
nuovo rispetto a Isidoro (4), come si può vedere dai testi che 
trascrive lo stesso Philippe (p. 52), si che non vedo come sia 
giustificata l'espressione del Philippe (p. 53) sulla " manière 
dont Baban imite Lucrèce à coté de Saint Isidore „. Sicché da 
quanto abbiamo veduto sin ora per nulla risulta che Rabano 
avesse una conoscenza di Lucrezio che non derivasse da fonti 
indirette: se non che rimarrebbero a studiare altri passi e 
teorie di Rabano che il Philippe (p. 56 sgg.) attribuisce a 



(1) Migne, V 644. 

(2) Ori!/., XIII 11. 

(3) Raban., De Univ., IX 17, 19; XI 19. 

(4) Ethi/m., XII 8 ; De nat. rer., 30 ; De naturis, XXX 2. 



— 236 — 

fonte lucreziana ed epicurea, e questo faremo, per brevità, 
esaminando le affermazioni del Philippe su la conoscenza di 
Lucrezio in Alcuino, ciò che, in realtà, seguendo l'ordine cro- 
nologico, avremmo già dovuto fare. 

Il Philippe (p. 44), dopo avere notato (p. 41) che Alcuino 
reclamò contro coloro che si erano serviti delle teorie epi- 
curee per commentare l'Ecclesiaste, fatto ricordo dei mano- 
scritti di Lucrezio, di cui Alcuino avrebbe potuto servirsi, 
osserva : " La proscription n'alia clone pas jusqu à supprimer 
V oeuvre de V Epicurien. Disons plus: elle nempècha méme pas 
certaines théories épicuriennes de se glisser dans les écrits 
d'Alcuin ou dans des livres qui lui soni attrihués. On voit re- 
produite, dans un commentaire sur Saint Paul, une théorie sur 
le temps qui est éoidemment épicurienne: ailleurs se trouve un 
long passage sur la vision que l'on peut rapprocher de V ensemble 
de la théorie épicurienne ; enfìn, dans un opuscule cojitemporain, 
la distinction entre animus et anima est soigneusement ex- 
posée „. 

Ora il Philippe a riprova di quanto dice sulla teoria del 
tempo cita il seguente passo: " Unde quidam philosophorum 
non putant esse tempus praesens [il corsivo qui e in quel che 
segue è del Ph.] , sed aut praeteritum aut futurum ; quia omne 
quod loquimur, agimus, cogitamus, aut dum fit, praeterit, aut, 
si nondum factum est, expectatur „ (1), e confronta Lucr, 
I 459 sgg.: 

Tempus item per se non est, sed rebus ab ipsis 
Consequitur sensus, transactum quid sit in aevo, 
Tum quae res instet, quid porro deinde sequatur; 
Nec per se quemquam tempus sentire fatendumst 
Semotum ab rerum motu placidaque quiete. 

Ora non solo Lucrezio non dice che il tempo presente non 
esiste, ma mette il tempo presente sulla linea stessa del pas- 
sato e del futuro : afferma solo che il tempo non è una realtà 



(1) In epiM. sancii Pauli ad Titttm, v. 1. Migne, I 1011 h ; cfr. Hiero- 
nymus, In eandem. 



- 237 - 

per se, come lo spazio e gli atomi, a seconda della teoria epi- 
curea per la quale il tempo ò un avfiJirojfia avfiTCTOJiiuTOJi^ (1). 
Evidentemente non vi è alcun rapporto fra i due passi. La 
fonte del Commento a S. Paolo credo invece sia Seneca, De 
hrevitate vitae X 6. " Praesens tempus brevissimnm est, adeo 
quidem, ut quibusdam nullum videatur. In cursu enim semper 
est, fluit et praecipitatur. Ante desinit esse quam venit „. 

Quanto alla teoria della visione il Philippe cita quest'altro 
luogo: " Tria sunt genera visionum, unum corporale, aliud 
spirituale, tertium intellectuale. Corporale est quod corporeis 
oculis videtur. Spirituale est quod, remota corporali visione, in 
spìritu solo per imaginationem quandam cernimus, sicut cum 
forte quidlibet ignotum oculis perspicimus, statim eius rei imago 
formatur in spiritu, se.d prius non apparet illa spiritualis ima- 
ginatio quam corporalis aliata sii intuitio. Intellectuale est quod 
sola mentis vivacitate consideramus, veluti cum scriptum legi- 
mus : " Diliges proximum tuum sicut te ipsum „ (Math. XIX, 19), 
litterae autem corporali visione leguntur, et proximus spiri- 
tuali imaginatione rememoratur, et dilectio sola mentis in- 
telligentia „ (2). E a p. 56 n. 1 riferisce un passo simile di Ra- 
bano [de univ. 1. Ili in fine) " Alii tria genera visionum esse 
dixerunt. Unum secundum ocidos corporis... alterum secundiim 
spiritum, quo ima ginamur ea quae per corpus sentimus... tertium 
autem genus est ^isionis quod ncque corporeis sensibus neque 
uUa parte animae qua corpor(dium rerum imagines capiuntur, 
sed per intuitum mentis quo intellecta conspicitur veritas „ che 
pone fra le teorie che egli e Alenino ricavano da Lucrezio. 

Ora il Philippe non cita alcun parallelo lucreziano o epi- 
cureo per questi passi, ed è certo che non si troverebbero, 
perchè Lucrezio ed Epicuro non distinguono tre specie divisioni 
e per essi la visione intellettuale ha per origine idoli mate- 



(1) Cfr. Usener, Epicurea, fr. 294, e spie. fr. p. 352. Colgo l'occasione 
per correggere una svista curiosa nell'edizione dell'Usener, in cui questo 
frammento è posto sotto il capitolo De Magnete (p. 208), capitolo con 
cui non ha niente a che fare. Occorreva invece fare una nuova sezione 
sotto il titolo De coniunctis et eventis, e raccogliere i passi citati a p. 379. 

(2) Ale, Epist., 204; Migne I 478. 



— 238 — 

riali, che son percepiti dalla mens, mentre Alcuino non parla 
di idoli, e per di più egli pone la differenza delle tre specie 
di visioni in una direttiva affatto diversa dalla teoria di Epi- 
curo, distinguendole su dati della filosofia scolastica. 

Ecco ora i passi snlVanimns e l'anima: 

[Disp. puerorum Ale. Migne II 1103, 1104) " Interr. Anima 
unde nomen accepit? — Resp. A gentilibus enim anima nomen 
sumpsit, eo quod ventus sit, unde et graece anemos dicitur, 
quod, ore trahentes aereni, vivere videamur : sed aperte falsum 
est... quia multo prius gignitur anima quam concipi aer possit, 
quia iam in genitricis utero vivit, et ideo non est aer anima, quod 
piitaverunt quidam, quia non potuerunt incorpoream eius cogitare 
naturam... Interr. Inter animum et animam quid interest? — 
Resp. Animus idem est quod et anima: sed anima vitae est 
animus consilii. Unde dicunt philosophi etiam sine animo vitam 
manere et sine mente durare animam., unde et amentes... Mens 
autem vocata quod eminet in anima (vel quod meminit)... 
tanquam caput eius vel oculos. Unde et homo ipse secundum 
mentem imago Dei dicitur „ (1). 

E per Rabano (p. 56 n.) riferisce: 

(Rabano Enarr. super Deuter. II 4 Migne II 880 b) " Ergo 
ideo sanguia dicitur anima esse carnis, quia vitale aliquid 
est in sanguine, quia per ipsum maxime in hac carne vivitur, 
cum in omnes venas per corporis cuncta diffunditur. Ipsam 
videlicet vitam corporis, vocavit animam, non vitam quae migrai 
ex corpore sed quae morte finitur „ id. {De Univ. VI 1 Migne 
V 141) " Item animum esse quod animam, sed anima vitae 
est, animus consilii. Unde dicunt philosophi etiam sine animo 
vitam manere, et sine mente animam durare „. 

Ora l'opinione che l'anima sia aer non è epicurea, perchè 
Epicuro distingue nell'anima, come è risaputo, altri tre ele- 
menti, e, del resto, l'etimologia da anemos e tolta da Isi- 
doro ; la distinzione poi di animus — fiyujiioviyióv — e anima, 
è comune non solo ai filosofi postaristotelici ma anche all'uso 



(1) Cito dal Philippe, l'ed. Migne però ha: graece ventus anemos di- 
citur, e : apertissime falsum. 



— 239 — 

della lingua latina secondo la definizione data da Nonio 426 : 
Animus et anima hoc distant: animus, quo sapimus, anima 
qua vivimus. Ed è appunto la definizione noniana che Alenino 
ripete. Per di più, anche dato che Vanimus sia veramente 
distinto da Lucrezio daW'anima (v. Ili 421 sgg. : 

Tu fac utrumque uno sub iungas nomine eorum, 
Atque animam verbi causa cum dicere pergam... 

animum quoque dicere credas, 

Quatenus est unum inter se coniunctaque res est) (1) ; 

è certo che , per lui , sine animo vita manere non potest , al 
contrario di quello che dicono Alcuino e Rabano. 

Cosicché anche in questo punto non vi è alcuna derivazione 
di Rabano e di Alcuino da Epicuro e Lucrezio, come è un 
puro luogo comune della filosofia antica il dato che il Phi- 
lippe cita (p. 56 n.) da Rabano : 

De imiv. VI, 1 Migne VI 143 " Sensus dicti, quia per eos 
anima suhtilissime totum corpus agitai vigore sentiendi „ cfr. 
Alcuino [Disputano puer. Migne 1105) " sensus sunt dicti quia 
per eos anima suhtilissime totum corpus agitai vigore sentiendi „. 

Non meno inesatto è quello che aggiunge sulla derivazione 
della teoria della vista di Rabano e di Alcuino da Lucrezio 
ed Epicuro. Ecco i passi (2) : 

Alcuino (loc. cit. Migne 1105) " Visum autem fieri quidam 
asseverant aut extrema aetheria luce aut interno spiritu lu- 
cido per tenues vias a cerebro venientes, atque, penetratis tunicis 
in aere exeuntes, et tunc commistione similis materiae visum 
dantes... Visus dictus est eo quod sit vivacior caeteris sen- 
sibus ac praestantior sive velocior... „. 

Rabano [De Univ. VI 1 Migne V. 143) " Visum autem fieri 
quidam philosophi asseverant aut extrema aetheria luce aut 
interno spiritu lucido jjer tenues vias a cerebro venientes... „. 



(1) Vedi del resto la dibattuta questione in Brieger, Epikiir's Lehre 
von der Seele, Halle, 1893 ; Heinze, Lticr. l. Ili, Einìeitung, Leipz., 1897 ; 
Giussani, Studi lucr., p. 183 sgg. 

(2) Philippe, p. 45 n., 56 n. 



— 240 — 

Ora la teoria epicurea della vista, è risaputo essere per 
mezzo degli idoli che vengono dall'esterno, senza alcun flusso 
che muova dall'interno all'esterno, mentre la teoria che ripro- 
ducono sia Rabano che Alenino è affatto contraria ad essa e 
si basa su quella di fonte platonica e accademica (1), ed è 
proprio questa dottrina dell'immistione dei due elementi nel- 
l'atto visivo quella che combatte Epicuro (2). 

Riguarda il solo Rabano il passo che come derivazione lu- 
creziana riferisce il Philippe (p. 56): 

" Nani Physici dicunt stultos esse homines frigidioris san- 
guinis: prudentes calidi. Unde et senes in quibus iam friget et 
pueri in quibus necdum calet minus sapiunt (Raban. De Univ. 
VII, 1 Migne V 185) „. 

Ma il passo a cui rimanda (3), non ha nulla a che fare 
con il luogo di Rabano ; non si tratta anzitutto del calore del 
sangue, ma delle diverse specie di anime che sono proprie ai 
diversi animali ; non di temperamenti umani, non del mutare 



/ 



(1) Vedi i testi in Diels, Doxogr., 403 sg. ; essa si diffuse nel me- 
dioevo anche con la fortuna del Timeo (vedi Tim., 45 C, 64 D, 67 C, 
e le note del Fraccaroli alla sua traduzione, p. 234 n., e cfr. per la for- 
tuna del Timeo l'appendice del Fraccaroli, p. 391). 

(2) Ep., I, p. 11, 17 Us., cfr. Us., p. 376. 

(3) Lucr., Ili 741 sgg. : 

Denique cur acris violentia triste leonum 
seminium sequitur, volpes dolus, et fuga cervis 
a patribus datur et patrius pavor excitat artus, 
et iam cetera de genere hoc cur omnia membris 
ex ineunte aevo generascunt ingenioque, 
si non, eerta suo quia semine seminioque 
vis animi pariter crescit cum corpore toto ? 
quod si immortalis foret et mutare valeret 
corpora, permixtis animantes moribus essent: 
effugeret canis Hyrcano de semine saepe 
cornigeri incursum cervi, tremeretque per auras 
aèris accipiter fugiens veniente columba, 
desiperent homines, saperent fera saecla ferarum. 
illud enini falsa fertur ratione, quod aiunt 
immortalem animam mutato corpore flecti : 
quod mutatur enim, dissolvitur, interit ergo. 



— 241 - 

del temperamento col mutare dell'età, ma anzi dell'immuta- 
bilitìi di certi caratteri primordiali dei diversi temperamenti 
animali. Il passo di Rabano non è poi che un luogo comune 
della fisiologia e della medicina medioevale. 

Resta per ultima l'affermazione del Philippe (p. 57) sulla 
corporalità di tutto le creature eccetto Dio " corporalité d'une 
nature particulière qu'il (Rabano) explique longuement en des 
termes analogues à ceux qu'a employés Épicure pour décrire la 
nature des dieux „. Ma le frasi di Rabano [De Univ. IV, 10) 
" Creatura omnis corporea, angeli et omnes coelestes virtutes cor- 
poreae, licet non carne subsistant. Ex eo autem corporeas esse 
credimus intellectuales naturas, quod localiter circumscrihìmtiir : 
sicut et anima humana quae carne clauditur „, riproducono noti 
elementi delle discussioni teologiche sulla natura degli an- 
geli (1) e non hanno a che fare con gli dei monogrammi perfia- 
biles et pellucidi di Epicuro, Ne so che voglia dire la frase 
del Philippe: " Rappelons à titre de rapprochement, que Zes 
vertus étaient corporelles (??) pour Epicuro „. 

Come si vede dunque, non vi è alcun dato da cui si possa 
stabilire che Rabano abbia letto Lucrezio (2), la sua cono- 
scenza è sempre indiretta e teoreticamente non ne fu influito ; 
solo si serve di quei passi e di quelle spiegazioni fisiche che, 
per mezzo dei grammatici e delle opere enciclopediche, come 



(1) Cfr. particolarm. Tertulliano, de carne Christi, 6, Migne, p. 810 A : 
" constai angelos cameni non propriam grestosse, utpote naturas substantiae 
spiritalis, et si corporis aUciiius, sui tamen generis ^N. inoltre : Adv.Marc, 
III 9, p. 360 sg., Migne, e Rotta, La coscienza religiosa medioevale, An- 
gelologia, Torino, 1908, cp. Ili, p. 46 sgg. Non meno curiosa è l'osser- 
vazione del Philippe, ivi n. 2 : " Est-ce à une doctrine analogue qua 
fait allusion CI. Mamertus lorsqu'il se demande comment l'apòtre Paul 
fut ravi au troisième ciel et s'il y vit avec les yeux du corps les mer- 
veilles dont il parie ? " Ad quod ergo tertium ca« " m raptus est Paulus V... 
Aut si uuus mundus plures porro non habet e los, aliquos tibi cum 
Epicuro mundos atomorum minuta parturiant, ut rtium caelum Paulus 
inveniat „ (Claud. Mam., De stata animae, 1. Il, 0. XII, 3) , : ora, come 
si vede, il riferimento ad Epicuro nel passo citato è semplicemente per 
la sua teoria della pluralità dei mondi. 

(2) Il Manitius, Gesch., 296, crede che lo conoscesse da un manoscritto 
e.sistente a Fulda. 

Rivista di fllulogia, ecc., XLI. 16 



— 242 — 

quella di IsidorO; erano divenute la minutaglia dell'erudi- 
zione medioevale. 

Più importanti sono altri luoghi citati dal Manitius. Ricor- 
derò prima quei luoghi che consistono in puri riecheggiamenti 
di espressioni lucreziane, i quali veramente non sarebbero per 
se punto probativi per arguirne la conoscenza di Lucrezio. 
Del resto a me è stato possibile rintracciarne una fonte diversa 
e per di più in autori largamente letti nel medioevo. 

Il Manitius (1) della Vita Metrica S. Galli; dice " der Ge- 
brauch von indugredi vs. 910, p. 452, kónnte filr Kenntniss 
des Lucretius spreclien (d. n. r. IV 316, 365) „. Ma indugredi 
e dato da Valerio Probo IV 263 Keil. che cita appunto Lu- 
crezio I 82 indugredi scelerum quod cantra saepius ipsa. 

Manitius p. 422 n. dà per rafifronto di Paolo Albaro (8, 22, 
p. 131) Lucr. I 237 per in nilum posse reverti ma vedi Persio 
III 83 gigni De nihilo mhilum in nihilum nil posse reverti. Così 
dicasi di Ruotgero Vita Brunonis e. 25 ut paucis multa coni- 
prehendam e Lucr. VI 1083_, ove vedi invece Hieron. ep. 49, 
14, 12 in paucis multa comprehendens. 

Così pure Manitius p. 713 n., " Lucida tela (di Agnello) Mingi 
Lucr. I 147 an „. Ma Mario Vittorino p, 221 K. cita questo 
verso di Lucrezio. 

Più complessa è la questione in Vita S. Germani I 96 
(p. 451 Traube) vestibat teneras molli lanugine malas; cfr. Lucr. 
V. 889 ìnolli vestii lanugine malas; ma vedi Ov, 3Iet. XIII 754 
teneras lanugine malas e Verg. Aen. X 324; Ov. Mei. IX 398; 
XII 291 ; Lucan. X 135; nei quali esempi manca però vestibat. 
V. però Verg. Aen. Vili 160 Tum miìii prima genas vestibat 
flore inventa, tanto più notevole per l'anomalo vestibat che non 
è in Lucrezio ed invece è nella Vita S. Germani (cfr. per 
vestibat Miiller de re metr. p. 402). 

Valafrido De imagine Tetrici v. 15 magna voce ciemus ma 

oltre che Lucr. IV 576 cfr. Verg. Aen. Ili 68 magna siipremum 
voce ciemus. 

L'origine dell'eco lucreziana genu^s omne animantumìn de ima- 



(1) Gesch., I .315. 



- 243 - 

gine Tetrici V. 6 e in Reinero de conflictii deorutn ducum epilog. 
V. 21 non è Lucr. I 4 ma Claud. Mar. Vict. Alethias III 36 
[ed. Schenkl, Corp. scr. eccl. Vind. 16 p. 407] Dominos sentit 
genus omne animantìim, in un poema religioso ben noto al 
medio evo. 

Degno invece di essere meditato è il seguente passo che 
segnala il Manitius (" Philol. „ voi. cit. 587) di Ermenrico, 
epist. ad Griinold. (M. G. H. ep. V. 554): " Solus Lucretius hec 
(se. viderimus) corripit in eo loco ubi narrat nihjl de nihilo 
gigni, ita: 

Nullam rem e nilo gigni divinitus {divitiis C) unquam. 
Quippe ita formido mortalis continet omnes, 
Quod multa in terris fieri celoque tuentur, 
Quorum operum causas nulla ratione videre 
Possunt ac fieri divino mimine rentur, 
Et quo quaeque [corr. ex quocumque m^] modo fiunt 

[opera sine divum. 
Quas ob res ubi viderimus nil posse creari „. 

Il passo è Lucr. I 150 sgg. e non ho saputo trovare nessun 
autore antico che lo citi integralmente. Per di piìi è notevole 
che Ermenrico dà il v. 155 et quo — divum fuori dell'ordine 
naturale (fu dai primi editori trasferito giustamente dopo 257, 
collocazione che è confermata anche dal margine del codice 
di Cambridge) precisamente dove si trova nei codici Oblongus 
e Quadratus, cosicché può essere verosimile che, come crede 
il Traube, Ermenrico ricavasse la citazione dal codice di Fulda. 
Però conviene osservare che Ermenrico. dà et quo quaeque, 
mentre l'O. e Q. danno ut (Marullo, edd. ^ ]!amb. et), e in se- 
condo luogo che la citazione di Ermenrico ì incompleta per 
il senso, che è interrotto dopo nil posse creari : ora poiché Er- 
menrico cita i versi precedenti benché essi non abbiano nulla 
a che vedere con viderimus, che é il motivo della citazione (e 
ciò fa evidentemente perchè ambisce a dare prova di dottrina 
e di compiutezza), come mai, avendo dinanzi il testo di Lu- 
crezio, lascia la citazione incompiuta? Il dubbio è difficilmente 
risolvibile ; ad ogni modo è questa a parer mio l'unica prova 



— 244 — 

meno incerta della conoscenza diretta di Lucrezio nell'alto 
medioevo. Se poi Ermenrico ricava da altro autore classico, 
avremo un dato di cui si deve tener conto per la storia del 
testo lucreziano (il passo di Ermenrico non fu ancora usato 
dagli editori di Lucrezio), e che ci proverebbe che il disor- 
dine in questi versi è assai antico. Finalmente è da notarsi 
la lezione et invece di ut, che messa in rapporto con l'ordine 
dei versi potrebbe metterci sulla via di risalire a un terzo 
gruppo di manoscritti diverso da 0. e Q. e da Camb, e po- 
trebbe rinforzare l'induzione di una fonte diversa di Camb. 

Il Glossarium Obsberni (Mai, Class, auct. VITI) è segnalato 
dal Manitius (1), ma credo giusto notare che anch'esso non 
sale a fonte diretta; v. infatti: p. 70 " Unde Lucretius [II 663]: 
Buceriasque greges^ eodem sub tegmine pavit „ : Lucrezio ha caeli; 
pavit credo che venga da una contaminazione di Ov. Mei. 
VI 395 lanigerosque greges armentaque hucera pavit. Il dato del 
glossario Obsberni proviene da fonte grammaticale comune a 
Carisio, Nonio e Servio (2). Ibid. p. 271 Mai: ""Unde Lucanns: 
In fluvio versare rotas atque haustra videmus „ . Lucano è un er- 
rore per Lucrezio (V. 517), e la fonte è Nonio (p. 13, 4 M.) 
(v.s.p.234]. Ibid. 515 Mai: " Unde Lucretius [li 888]: Ex insen- 
sibili ne credas sensile nasci [non gigni Manitius] „ ; ora Lucrezio 
ha gigni., il verso con nasci è citato invece da Prisciano IV 27. 

Per Onorio di Autun (3) che cita II 888 con gigni vedi la 
questione già trattata dal Jessen in " Philologus „ 30, 236 sg. 

Su Riccardo Dunelmense Philobiblion p. 39 (Oxon. 1599): 
" quid fecisset Virgilius si Theocritum, Lucretium et Home- 
rum minime spoUasset, in eorum vitula non arasset! „ il Ma- 
nitius (4) osserva: " Diese Bemerhmg zeugt von grosse r Be- 
lesenheit „ ; ma in realtà Riccardo ha semplicemente ricavato 
questa notizia dai libri V e VI dei Saturnali di Macrobio, ove 
sono ricordati i luoghi di Virgilio imitati dai greci e da 
Lucrezio. 



(1) " Philol. , 537. 

(2) Vedi Munro, Conitn.'* ad loc, e Forbiger, ad toc. 

(3) Manitius, " Phil. ,, 538. 

(4) " Philol. „, loc. cit, p. 538. 



— 245 — 

La notizia di Corrado di Mure p. 200 (Basilea, Berthold) (1): 
" Lucrecius est proprium nomen cuiusdam poete qui multa 
scripsit de natura fulminis ,, forse più che da Ovidio Trist. 
II 425, Explicat ut causas rapidi Lucretius ignis, come vuole 
il Manitius, viene da Isidoro De nat. rerum 30 : " Lucretius 
autem dicit fulmina ex minutis seminibus constare, ideo pene- 
trabilia esse; ubicumque autem fulmen inciderit sulphuris 
odorem emittit „, poiché Isidoro è, come vedemmo parlando di 
Rabano, la fonte per cui questa notizia si è propagata in Ra- 
bano Mauro e nella fisica medioevale. 

Anche Johannes de Monsterolio è a torto considerato dal 
Voigt (2) e dal Manitius (3) come diretto conoscitore di 
Lucrezio. 

Il passo donde si desume la conoscenza che egli avrebbe 
avuto del poeta latino è in Martene et Durand, Amplissima 
collectio etc. p. 1442 (ep. LXX). " Tlleque (Epicurus) est de quo 
disertissimus poeta Lucretius, ait: Aetherius sol, veridicis 
hominum purgavit pectora dictis „. Non si è osservato però 
che l'intera citazione proviene da Lattanzio, la prima parte 
cioè {Aetherius sol = Lucr. III 1044) (4) da Div. Inst. Ili, 17, 23; 
e la seconda (= VI 24) dalla stessa opera VII 27, 6, ove è 
anche il nome di Lucrezio ; e che poi Lattanzio sia la fonte 
mediata o immediata è certo, non solo perchè Lattanzio è no- 
minato nella stessa lettera (p. 1438), ma anche per le lezioni 
Aetherius e hominum che dà il Nostro in comune con Lattanzio 
in luogo di Aerius e igitur dei manoscritti di Lucrezio. 



(1) Manitius, " Philol. , p. 538. 

(2) Die Wiederheleh., I, 244 n. 

(3) " Philol. „ p. 588. 

(4) Il Manitius dà aetherius sol come tolto da V 281 e 267, ove 
aethereus sol è detto, in senso propriO; del sole, mentre qui si tratta di 
aetherius sol di III 1044, in cui è metaforicamente applicato a Epicuro 
e che è perciò il luogo a cui l'autore si riferisce dietro la scorta di 
Lattanzio, il quale cita anche il verso precedente e intero il v. 1044 
qui genus humaniim aetherius sol. 



246 



IL 



Meno accurati ancora che per l'alto medioevo e per il me- 
dioevo d'oltr'alpe sono gli studi sulla fortuna di Lucrezio in 
Italia nell'età che precedette immediatamente la scoperta del 
Poggio. Lo stesso Merrill, così diligente, ha per questa parte 
un periodo tutt'altro che esatto: 

" Lucretius was quite unknowninthe middle ages, although 
there are one or two [!] references borrowed from gramma- 
rians. He was unknown to Italian literature until the lifteenth 
century, being introduced by Poggio, who found a manuscript 
somewhere in Germany and sent a copy of it to his friend 
Nicolò Niccoli at Florence about 1417 „. E in nota aggiunge: 
" At the time of the Italian revival L. was known to Pe- 
trarch and Boccaccio; see Voigt Wiederheleh. I 244 „ (1). 

Ed infatti il Voigt, a cui il Merrill si riferisce, scrive (2) : 
" Del resto che già (3) il Petrarca e il Boccaccio conosces- 
sero Lucrezio lo mostra lo Hortis, Studi sulle opere latine del 
Boccaccio, p. 292 „. Piìi presso al vero è il De Nolhac (4), 
ma neppur lui, come vedremo, è scevro di errori. 

Incominciamo dunque da Dante. Che Dante non nomini mai 
Lucrezio è risaputo; però nei commenti di Dante Lucrezio è 
ricordato per un' interessante somiglianza fra Farad. XIY 
114 sgg. : 

Così si veggion qui diritte e torte, 
Veloci e tarde, rinnovando vista, 
Le minuzie dei corpi lunghe e corte 



(1) Merrill, Liicr. de rerum n., New- York, s. a. [1907], lutrod., p. 50 sg. 

(2) Traci. Valbusa, I, p. 242 n. 2. 

(3) Cito la trad. del Valbusa, perchè essa contiene altrove degli emen- 
damenti, ma credo necessario ritoccarne la lezione, perchè il traduttore 
scrivendo ancora ... conoscessero, dove l'autore scrisse schon... gekannt, 
travisa il pensiero del Voigt. 

(4) Pétrarque et l'hiimanisme, P, p. 160. 



— 247 — 

Moversi i)er lo raggio onde si lista 
Talvolta l'ombra, che per sua difesa 
La gente con ingegno ed arte acquista. 

con Lucrezio II 113 sgg. : 

Contemplator enim, cum solis lumina cumque 
Inserti fnndunt radii per opaca domormn: 
Multa minuta modis variis 2)er inane videbis 
Corpora misceri radiorum lumine in ipso 
Et velut aeterno certamine proelia pugnas 
Edere turmatim certantia nec dare pausani, 
Conciliis et discidiis exercita crebris. 

Il Moore (1), che uno dei primi notò la grande somiglianza 
dei due passi, avanzò, benché senza molta confidenza, l'ipotesi 
che la fonte potesse essere un florilegio medioevale. È certo 
però che di siffatti florilegi di interi brani non abbiamo no- 
tizia per Lucrezio, e non vi è alcuna probabilità che siano 
esistiti. 

Il Busetto richiamò l'attenzione (2) su Alberto Magno De 
An. II tr. Ili cp. 19, (la citazione sarebbe dall'ediz. di Lione 
del 1561, m.a non corrisponde), p. 19 Atomi discurrentes in 
radiis, che sarebbe troppo magro sussidio. Il Proto [Dante e 
i poeti latini, Atene e Roma XIII p. 88 sgg.) riferendosi, sulla 
scorta del Torraca, al Venturi, Le similitudini dantesche, che 
osserva, confrontando le due similitudini (sim. 151): " Poeti 
e pittori sommi ambedue. Se in Lucrezio è piii spiccata l'idea 
del combattersi fra loro le minuzie dei corpicciuoU, in Dante con 
maggiore evidenza è descritto quel loro mostrarsi rinnovando vista, 
apparendo sempre nuove; ora diritte e torte, ora veloci e tarde „ , 
riputava che la fonte di Dante fosse Seneca, in cui la stessa 
similitudine sarebbe riferita priva di quell'elemento che manca 
in Dante : 



(1) Studies in Dante, I 295. 

(2) Giorn. Dani., XIII 123. 



— 248 — 

Senec, l^at. Quaest. V. 1, 2 " Ciim sol in aliquem clausum 
locum infusns est, videmus corpuscula minima in adversum ferri, 
alia sursum, alia deorsum varie coticursantia „. In realtà in 
adversum ferri... varie concursantia contengono appunto la de- 
scrizione del vario combattersi degli atomi, che non so come 
il Proto possa escludere da questo passo di Seneca (1), 

Ad ogni modo il passo di Seneca potrebbe ben essere la 
fonte di Dante, e ad esso potremmo acquetarci se non si po- 
tesse trovare di meglio. Ma non credo che vi sia dubbio che 
la vera fonte dantesca sia invece un luogo di Lattanzio fin 
ora sfuggito ai dantisti: eccolo: Lact. de ira Dei 10, 3 p. 86 
ed. Brandt " Haec, inquit (se. Leucippus), per inane irrequietis 
motibus volitant et ime atque illuc feruntur, sicut pulveris mi- 
nutias videmus in sole., cum per fenestram radios ac lumen im- 
miserit „. Qui non solo manca realmente il battagliarsi degli 
atomi, e v'è irrequietis motihiis che Dante rende con veloci e 
tarde, e in sole che ha originato il bel dantesco moversi per 
lo raggio, ma più certa spia ancora della fonte dantesca è 
pulveris minutias che Dante ha conservato in minuzie dei corpi, 
con bel latinismo. Si noti per di più che minuzia non è 
usato da Dante, per quanto appare dall'Enciclopedia Dan- 
tesca, in altro luogo, e questo di Dante è il primo esempio 
per ordine cronologico che offra il Manuzzi, a cui ne se- 
guono due soli altri in questa accezione nella letteratura 
italiana; sulla fede poi del Forcellini, minutiae appare un'altra 
volta solamente nella latinità (Sen. ep. 90, 23); isolati sono 
anche gli esempi che, nella medesima accezione, porge il Du- 
cange per la latinità medioevale. 

Non privo di interesse per la storia dell'epicureismo è stu- 
diare la fortuna dì questa similitudine. Che Lattanzio abbia 
desunto qualche tratto da Lucrezio in questo passo, mi pare 
indubitabile, data la gran lettura che egli dimostra continua- 
mente del poeta latino, e in particolare nel De ira D., ma in 
realtà egli segue più da vicino una fonte dossografica greca : 



(1) " Qui (cioè in Seneca), dice il Proto, della similitudine lucreziana 
manca appunto quello che manca in Dante, e v'è di più espresso con 
insistenza il vario andar su e givi dei corpuscoli „. 



- 249 - 

cfr. Stob., Ed., phij. p. 384 Wachs. : Ei de naqionaQxca fiÈv 
xal Eveaiiv -f} tpvxì] t({) aù^iaxi nad-dneQ èv àoyuo Jivev/ia 
nEQiE%ofiévri i} avf.if,uyvviiiévì] UQÒg amò , 'étal èyxivovfiévi] 
&OJi£Q xà èv T(p àéQi ^ua/^iava òià xcòv d-vQiòojv (paivófieva, 

oìGTiEQ AtjfióxQiTog xal ^EjilxovQog ànocpalvovzai : cfr. 

Aristot., n. if-wxfjg I 2, p. 404 a 13 : oìov et) t(^ dÉQi xà aa- 
XovfiEva ^vofiaxa, à cpalvExai èv xalg óià xójv d'VQióojv àxxiaiv 
(detto con riferimento a Lcucippo e Democrito). Non solo 
infatti Lattanzio si riferisce a Democrito e a Leucippo ma 
per di più niimdias corporum e la traduzione letterale di 
^vofiaxa. 

La similitudine ebbe fortuna, essa riappare infatti in una 
lunga serie e prima^ indipendente da Lattanzio, in Servio, Ad. 
Bue. VI 31 " Corpus volunt (Epicurei) esse atomos, i. e. quasdam 
minutissimas partes, qiiae xo^iriv, i. e. sectlonem, non recipiunt, 
unde et atomi dictae sunt, quas Lucretius minutiores dixit esse 
illis corpuscuUs, quae in infusis per fenestram radiis solis vi- 
demus. Dicit enim illas nec visum posse recipere „. Segue il 
consueto espilatore di Lattanzio, Isidoro Origines XIII cp. 2 
" Hi per inane totius mundi irreqiiietis motibus volitare, et Ime 
atque illuc ferri dicuntur sicut tenuissimi pulveres qui infusis 
per fenestras radiis solis videntur „. 

È curioso assai che s'incontrano qui elementi comuni a 
Lattanzio ime atque Ulne ferri, per inane... volitare, mentre 
le ultime parole infusis ecc., riproducono più da vicino il testo 
di Servio. Circostanza non senza interesse, poiché sin ora Lat- 
tanzio è dato come fonte diretta di Isidoro (1) in questo e in 
altri passi, mentre questo lascia pensare ad una fonte inter- 
media comune a tutti e tre gli autori Lattanzio, Servio e 
Isidoro. 

Nò cessa con Isidoro la fortuna della similitudine, perchè 
prima di Dante mi è riescito di trovarne due altri esempi, 
che provano come per mezzo di Isidoro (2) essa passò nelle 
enciclopedie medioevali. 



(1) V. i testim. dell'ed. del Brandt. 

(2) Vedi infatti quel che segue in Isidoro, in Beda e in Rabano Mauro 
sulle diverse accezioni della parola atomo. 



— 250 — 

Beda Venerabilis, De divis. temp., Opera Col. Agr. 1688 T. I 
p. 90. Isidorus diffinivit dicens : atomos plùlosophi dicunt 
quasdam in miindo partes minutissimas, ut visui facile non pa- 
teant, nec sectionem recipiant, Ime illiicque ferantur sicut tenuis- 
simi pulveres qui infusi per fenestras radiis solis videntur „. 
Similmente Rabani Mauri De Univ. IX e. 1 (Migne V p. 262) 
" Hae (atomi) per mane (così l'ed., 1. inane) totius mundi irre- 
quietis motibus voUtant, et ime atque illuc ferri dicuntur, sicut 
tenuissimi pulveres qui fusi per fenestras radiis solis videntur „ 
cfr. de computo cp. XI. (Migne I 677): " Atomos philosophi vo- 
cant quasdam in mundo minutissimas partes corporum, ita ut nec 
visui facile p>ateant nec sectionem recipiattt. linde et atomi dicti 
sunt. Nam tomus graece divisto dicitur, atomus vero indivisio. 
Denique huc illucque volitant atque feruntur sicut tenuissimi pul- 
veres qui infusi per fenestras radiis solis fugantur... Atomus in 
sole est ille tenuissimus pulvis quem diximus radiis solis fugar i„ (1). 

Per ritornare a Dante è notevole il fatto che questa sa- 
rebbe l'unica prova (che io mi conosca) della conoscenza di 
Lattanzio da parte di Dante. Dante non nomina neppure mai 
Lattanzio, se non si vuole vedere un'allusione a lui, come al- 
cuni (2) vogliono, in Farad. X 118 sgg. sotto le parole: 

Quell'avvocato dei tempi cristiani 
Del cui latino Augustin si provvide. 

Una curiosa coincidenza e poi questa, che la similitudine 
dantesca delle minuzie dei corpi è dal poeta italiano usata 
per raffigurare le anime dei beati; ora precisamente nella scuola 
pitagorea i corpuscoli del pulviscolo atmosferico si credevano 
essere anime, Arist. de An. I 2, 404 a 16 (3): è'oixs òè xal 
TÒ nuQà xùv IIvd'ayoQEÌù)v ÀeyóinEvov xfjv ai)Tf]v exeiv òid- 
voiav • è'cpaaav ydq xivEg aviGìv 'if)vxf]v EÌvai %à èv xc^ àéqi 



(1) Le stesse parole : Atomus in sole fugari anche in Beda, l. e, p. 90. 

(2) Vedi, per la letteratura più recente : Lectiira Dantis, Il canto X 
del Paradiso, letto da Luigi Fassò, p. 29 sg. 

(3) Cfr. Diels, Frag. d. Vors., P 279, 8 sgg. 



— 251 — 

^'óofiara, ol óè xò xavxa hivovv. neqì de tovtojv eiQrjjai, 
óiÓTi avv£X(ò£ (paivEtai xivovfieva ìcàv fi vrjvEfiia navielric,. 

Rispetto a Epicuro e Lucrezio va notato che Stobeo col 
confronto di Aristotele prova che di questa immagine si 
servirono Democrito e Leucippo e che da essi la derivò Epi- 
curo e quindi Lucrezio ; se però Epicuro e Democrito l'appli- 
cassero ai moti degli atomi dell'anima o agli atomi nello spazio, 
come Lucrezio, non è facile a decidere, perchè chi osservi bene 
i testi dossografici, essi sono meno chiari di quello che appa- 
risca a prima vista (1). 

Interessante poi, per stabilire le fonti di Lattanzio e di Isi- 
doro, è ben fissare i filoni di questa notizia dossografica, per 
il che ho stimato utile presentare a fronte i diversi passi 
completandoli e aggiungendone qualcun altro non citato nelle 
pagine precedenti e indicandone i richiami (non seguo l'ord. 
cron.) : 



(1) Cfr. particolarmente i testi 1, 3, 6 della tabella a p. 252 sg. 



252 — 



III. 



1. 

Arist., de Anima, I 2, 
404», 3: Sd-ev Aij^ó- 
KQizog fièv nvQ ti xal 
'd'eQfÀ/óv (pr^aiv aérì^v 
[se. TÌjv 'ìpvAì'iv] elvat ■ 
àrniQùìv yàg ovicùv 
a%i^fidT(i)v yiài ÙTÓficov 
là acpaiQoeiòì] nvQ v,al 
ìjjv^rjv Àéyei, oìov èv 
zip àÉQi TÙ KaÀoifiEva 
^■ÙGfxaza, à tfaivezai 
èv zaìg óià zdv d'VQÌ- 
èo)v dnzlaiv, &v zìjv 
navaTteQiA^lav GzoL%Ela 
Àsysi zfjg 5Ài^g (pv- 
aecog ' ófiottog óè y,al 
AevxLJiTiog.... EOiKE oh 
Kal zò naQÒ. zàtv IIv- 
'&ayoQ£L<ùv ÀEyó^iEvov 
ztjv avzìiv ^x^iv óid- 
voiav ■ E<paaav yccQ zt- 
vsg avzòJv ipv^rjv slvat 
za èv z(ì) àÉQL ^va/^aza, 
ol de zò zavta 'Mvovv ' 
TtEQÌ 6e zovtcov EiQrjzai, 
ÒLÓzi avvE^iàg (paivE- 
zai mvovfiEva, k&v fj 
VEVi]f^La navzEÀ'^g. 



Arist. , probi. 213 a, 
9 : (Ala zi z^g amàg 

zò UKQOV zov '^ÀlOV 

zQéf^Eiv (falvEvai ;) 'Fi 
olà zò KivEÌa&ai za 
èv z<^ àÉQi ; naÀEÌzai 
óè ivof^aza ' (pavsQà (5' 
è'azai èv zalg ànziaiv 
zaìg dia d'VQÙòcov ' zav- 
za TiivEÌzai Kàv ■^ vrj- 
vE.uia. 



3. 

Stob., Ed. Phys., I, 
p. 924 (384 Wachs.): 
Et Sé TiaQÉanaQtai -fj 
ifiv^rj z<^ ad)[A,azi Ka- 
d-anEQEÌ àoKcp nvEVfxa, 

TlEQlE^Of^EVr] }j avfifii- 

yw^évri nQÒg avzò Kal 
èymvovfiévrj &anEQ za 
èv zip àÉQi iva/A^aza 
olà zcòv d'VQÌòcùv (pai- 
vófiEva , ófjÀóv nov 
zovzo 8zi i^Eiaiv j^hv 
ànò zov acjfiazog èv 
ók zip èn^aìvEiv òia(po- 
QEÌzai nal diaanEÒdv- 
vvzai , &a7iEQ ArjfA,ó- 
'AQizog nal ^Ejimov^og 
ànocpaivovzai (La fonte 
di Stobeo è Giamblico 
n. ìpvmig, come si vede 
dal lemma del . capi- 
tolo, e si riattacca al 
filone dossografico 1 
[Arist., de an.] , sulla 
natura dell' anima, a 
differenza di Aristot., 
Probi). 



I 

ì 



Seneca, Nat. quaest, 
VI, 2 (del moto del- 
l'aria) : " Idem et de 
aere iudicandum est, 
non esse unquam im- 
mobilem, etiamsi quìe- 
tus sit. Quod ex hoc 
intellegas licet : cum 
sol in aliquem clausum 
locum infusus est, vi- 
demus corpuscula mi- 
nima in adversum fer- 
ri, alia sursum, alia 
deorsum varie concur- 
santia „ (Per la fonte 
di Seneca cfr. 2 ; Arist., 
Probi.). 



i 



— 253 



5. 

5erv., ad V.Biic, VI, 
Et corpus volunt 
e [cioè gli epicurei] 
mos, i. e., quasdam 
autissimas partes 

e TOfiijv, i. e. sec- 
aem, non recipiunt, 
Je et atomi dictae 
ut , quas Lucretius 
uutiores dixit esse 
corpusculis, quae 

infusis per fene- 
im radiis solis vi- 
nus. Dicit enim illas 
! visum posse reci- 
e. Inane vero di- 
it spatium in quo 
.t atomi. De his ita- 
ì duobus principiis 
unt quattuor ista 
•creari, ignem, ae- 
a, aquam, terram, 
ex his cetera .. 



6. 

Lact., de ira dei, I, 
10, 9 Brandt : " Haec, 
inquit (se. Leucippus) 
[v. 1 Arist., de anima], 
per inane irrequietis 
motibns volitant et huc 
atque illuc feruntur, 
sicutpulveris minutias 
videmus in sole cum 
per fenestram radios 
ac lumen iramiserit.. 



7. 

Isid., Etym., XIII, 2, 
1 : " Atomos philoso- 
phi vocant quasdam in 
mundo corporuni par- 
tes tam minutissimas, 
ut nec visui pateant, 
nec TOfiìjv, id est, sec- 
tionem recipiant; unde 
et arofiot dicti sunt 
[v. Servio]. Hi per ina- 
ne totius mundi irre- 
quietis motibus voli- 
tare, et huc atque illuc 
ferri dicuntur, sicut te- 
nuissimi pulveres [v. 
Lattanzio] , qui infusis 
per fenestras radiis vi- 
dentur [v. Servio]. 
Ex iis arbores, et her- 
bas, et fruges omnes 
oriri et ex his ignem 
et aquam et universa 
gigni atque constare 
quidam philosophi 
gentium putaverunt. 
Sunt autem atomi, aut 
in corpore, aut in tem- 
pore, aut in numero...,,. 



Da Isidoro proven- 
gono Beda e Rabano 
riferiti sopra. Solo è 
da notarsi che in Ra- 
bano, De Conqnito, XI, 
" Atomus in sole est 
ille tenuissimus pub 
vis etc. „ si richiama 
a Lattanzio. Il passo 
invece di Alberto Ma- 
gno, citato dal Bus- 
setto, proviene eviden- 
temente dalla tradi- 
zione aristotelica; solo 
non essendo esatta la 
citazione del Bussetto, 
non ho potuto rintrac- 
ciarlo e porlo a con- 
fronto con gli altri. 



— 254 ~ 

Dallo specchietto precedente mi pare risulti che probabil- 
mente sulla fonte dossografica greca se ne formò una latina, che 
conteneva gli elementi che troviamo in forma più completa 
in Servio ed in Isidoro, e da essa forse piìi liberamente de- 
sunse Lattanzio. 



IV. 



Per il Petrarca e il Boccaccio più prudente è, come ab- 
biamo detto, il De Nolhac (1), che, contro il Voigt e il Korting, 
dice : " Les quelques citaUons de Lucrèce qu'on trouve cìiez les 
deux liumanistes proviennent seiilement de Macrobe „. Però anche 
questa affermazione, se è più prossima al vero per il Petrarca, 
è affatto inesatta per il Boccaccio. 

Esaminiamo anzitutto i passi del Petrarca (2) : 

De remediis utr. fortunae I 59, " Laudatae divitiae, sed incertae 
et casibus multis obnoxiae: fraudibus, rapinis, pestibus, quae tam 
crebrae tamque validae siint, ut saepe totos greges totaque lace- 
rent armenta. Notapestis, quam Lucretius quamque illum sequens 
Maro descripsit „. 

La notizia viene, come giustamente osserva il De Nolhac, 
da Macrobio Sat. VI, 2. " fysius vero pestilentiae, quae est in 
tertio Georgicorum, color totus et lineamenta paene omnia tracia 
sunt de descriptione pestilentiae quae est in sexto Lucretii „. 
Al De Nolhac però è sfuggito l'argomento che prova assolu- 
tamente come il Petrarca non abbia letto Lucrezio e derivi 
da Macrobio. Bisognava infatti notare che il Petrarca, messo 
fuori strada dal confronto istituito da Macrobio, e non avendo 
letto Lucrezio, non sa che la pestilenza descritta nel de r. n. 
non è un'epizoozia come quella di Virgilio, e perciò ne parla 
a proposito degli armenti, là dove giustamente avrebbe do- 
vuto parlare solo di quella di Virgilio. 



(1) Pétrarque et Vhumanisme, I^, 1907, p. 160. 

(2) Non ho tenuto conto delle annotazioni al Virgilio Ambrosiano, 
perchè un'edizione completa ne ha ora promessa il Sabbadini. 



— 255 — 

Due altre citazioni derivano certamente da Macrobio : 
Ep. fam. XXII 2 (Fracass. p. 125) " nec cum Lucretio 

Aria Pieridum peragro loca nidlius ante 
Trita solo „ (1). 

Ove la citazione di Virgilio che è data parallelamente prova 
che la fonte è Macrobio (2), 

Un'altr'eco della comparazione fra Lucrezio e Virgilio isti- 
tuita da Macrobio è in ej). fam. XXIII 19 (p. 240 Fr.) " Po- 
stremo et mecum ipse Virgilium ores dei veniam, nec moleste 
ferat si, cum ipse Homero, Ennio, Lucretio multisqne aliis multa 
saepe rapuerit, ego sibi non rapui, sed modicum inadvertens 
tuli „. 

Non provengono invece da Macrobio due altri luoghi, di 
cui il primo particolarmente è degno di molta considerazione : 

Rem. utr. /". II 121 " Lucretius vestrorum vatum primo 
proximus, cui tam multa auferre Virgilium non puduit, ama- 
torio poculo accepto in morbum rabiemque compulsus gladio ad 
postremmn prò remedio icsus est „. 

È noto il dato di S. Gerolamo {Chroti. A. Abr. 1922): " Titus 
Lucretius poeta nascitur. Postea amatorio poculo in furorem versus, 
cum aliquot libros per intervalla insaniae conscribsisset, quos po- 
stea Cicero emendava, propria se manu interfecil a. aet. XLIIII „, 

Da esso potrebbe bene derivare; e forse derivò, il passo del 
Petrarca; è però notevole che il Petrarca dice: gladio... prò 
remedio usus est, mentre in S. Gerolamo non vi è cenno del 
genere della morte. Ora precisamente nella vita Borgiana pub- 
blicata dal Masson (3), e sull'autenticità della quale tanto si è 
discusso (4), è scritto: " noxio tandem improbae foeminae poculo 
in furias actus sibi necem conscivit reste gulam frangens, vel, ut 



(1) Lucr., I 925 sg. e IV 1. 

(2) Si noti che parte del primo verso è citata da Quintil., Vili 6, 45. 

(3) " Journ. of Philol. ,, 1894, p. 221 sgg. 

(4) V. Woltjer, " Mnem. „, 23, 823; Brieger , " Jahresb. ,, 24, 188 ; 
Masson, Lucretius epicurean and poets, complem. voi., 1909, append. I, 
P- 3 sgg. 



- 256 - 

aia opinant'iir^ gladio incuhuit „. Come si vede, il Petrarca e 
il Borgio sono gli unici a riferirci che Lucrezio si sia ucciso 
gladio. 

Resta a vedere; se questo dato del Petrarca possa consi- 
derarsi come una riprova di quello del Borgio, e se perciò la 
vita Borgiana anzi che essere una falsificazione della rinascenza 
non sia, come vuole il Masson, una compilazione di dati sve- 
toniani conosciuti dal Borgio da fonte per noi perduta, e forse 
nota invece anche al Petrarca, oppure se le parole del Pe- 
trarca non ci illuminino sul medesimo processo di amplia- 
mento dei dati tradizionali usato dal Borgio e dal Petrarca 
stesso, processo di integrazione a cui dovremmo in tal caso 
gran parte di questa vita umanistica. 

Ad ogni modo il testimonio del Petrarca, veridico o inge- 
nuamente alterato, e di cui non so che altri mai abbia fatto 
ricordo, merita di essere considerato dagli studiosi di Lu- 
crezio (1). 

Curiosa è un'altra testimonianza del Petrarca sulla morte 
di Lucrezio: ep. fam. XXIV 11 (p. 291 Fr.) : 

Sic sua Lucretium mors ahstulit ac ferus ardor 
Longe aliis, ut fama, locis habitare coegit. 

Il ferus ardor si direbbe provenire da Stazio (2): et dodi 
furor arduus Lucretiì, se il Petrarca avesse conosciute le Selve 
di Stazio. Ma quanto all'ultimo verso non è facile dare una 
interpretazione interamente convincente. Preso in senso proprio 
(come consiglierebbe ut fama) alluderebbe a viaggi di Lucrezio: 
notizia di cui non v'è cenno altrove (3). Resta possibile un'in- 
terpretazione figurata in cui i longe alia loca sarebbero le sedi del 
Tartaro, e ut faìna, si dovrebbe, con qualche durezza, riferire 
a tutto il contesto e cioè alla notizia del suicidio e del ferus 



il) Di ciò ho anche toccato in " Boll, di filol. class. „, anno XIX, fase. 7. 

(2) Sylv., U 7, 77. 

(3) Non può essere una cattiva intei'pretazione del passo Avia Pieridum 
sopra da noi riferito, perchè del senso di esso il Petrarca si rese ben 
conto, come prova il contesto e gli altri esempi che cita. 



— 257 — 

ardor; a meno che non si debba intendere della natura delle 
sedi dei morti, di cui altro non si può che congetturare 
per fama (1). 

Ancora un'altra volta tocca il Petrarca della morte di Lu- 
crezio, e precisamente nell'ultima epistola del libro XI delle 
Senili, dove parlando di coloro a cui la morte interruppe 
l'opera iniziata, fra gli artisti ricorda Virgilio e aggiunge: 
" idem et Lucretio accidit et Lucano, nisi qiiod liorum vohmtaria, 
naturalis mors illius {i. e. Virgili) (2) „ . Anche qui è possibile 
e probabile che la fonte unica sia S. Gerolamo, che dice cdiquof 
lihros qiios jìostea Cicero emendavit; il che diede al Petrarca la 
persuasione che l'opera fosse lasciata non compiuta, come 
l'Eneide di Virgilio e la Farsalia di Lucano. 



V. 



Due volte è citato Lucrezio, per quanto io sappia, dal Boc- 
caccio, ma la fonte di ambedue le citazioni non è né la co- 
noscenza diretta del poema di Lucrezio, come si volle da al- 
cuno, e neppure Macrobio, come crede il De Nolhac. 

Boccaccio geneal. deor. XII 16 " Hanc tanien [se. Iphige- 
niam] ahi Hipliianassam vocant : ut Liicretius dicens [1 84 sg] : 

Aidide quo pacto trinai virgìnis aram 
Hiphinassai turparent sanguine foedi „. 

La citazione proviene da Prisciano (3) I 285 Hertz, che ri- 
ferisce i due versi con foedi anzi che foede^ come i codici di 
Lucrezio : quanto a turparent e trinai, anziché Triviai attestato 
da Prisciano (i mss. di Lucr. hanno triviat) e turparunt, se 
siano cioè queste due forme errori di stampa dell'edizione 



(1) Cfr. Catullo, III 12, Ulne imde negant redire quemquam. 

(2) Ed. Basii, 1554, p. 990. 

(3) Per la stima e lo studio di Prisciano nel Boccaccio, v. Hortis, p. 460. 

Rivista di filologia, ecc., XLI. 17 



— 258 - 

quattrocentesca o sviste del Boccaccio, potrà solo essere ri- 
solto dallo studio dell'autografo (1). 

Ecco il secondo passo: 

Boccaccio degeneal. deor. 1X25. " Phlegias, id dicit Lactantius, 
filius fuit Martis... Ine autem, ut ait Servìus, filios hcibuit Isionem 
et Coronidem nympham. Quam cum sensisset ah Apolline vitiatam, 
confestim ira percitus templum eius delphis incendit. Quamobrem 
iratiis Apollo eimi sagittis interemit, eiusque animam apud in- 
feros religavit, hac sub poena, ut sub ingenti sedeat saxo ruinam 

minante Niinc quid veteres de impensa Phlegiae poena sen- 

serint videamus... Quod autem apud inferos damnatus sii ea, quae 
dieta est poena putat Lueretius, quod arbitrati sint veteres ante- 
quam ad eorpora veniant apud superos esse animas, et venientes in 
eorpora, quoniam inferi sumus respective ad supereoelestia eor- 
pora, eas descendere ad inferos, et ibidem h abere poenas seeundum 
varias affediones vel exercitia, et sie Phlegias in hac vita inter 
mortales vivens ad hane poenam damnatus est, quam talem intel- 
legit Macrobius ubi de somnio Scipionis sic dicens, atram silicem 
lapsuram et eadenti similem illorum eapitibus imminere qui arduas 
potestates et infaustam ambiunt tyrannidem nunquam sine timore 
vieturi et cogentes subiectum vulgus adisse dum metuat semper sibi 
videntur exitium excipere quod merentur „. 

Apparentemente la fonte dovrebbe essere Macrobio comm. 
Somn. Scip. I 10, 15, da cui sono riferite fedelmente le parole 

atram silicem merentur. Ma anzitutto Macrobio non parla 

di Flegia, in secondo luogo non nomina Lucrezio benché lo 
segua probabilmente (dico probabilmente, perchè dalle prime 
parole del testo che cito pare abbia a mente qualche testo 
evemeristico) in I 10, 10 sgg, " qui per diversas gentes auetores 
constituendis sacris cerimoniarum fuerunt aliud esse inferos 
negaverunt quam ipsa eorpora quibus inclusae animae career em 
foedum, tenebris horridum sordibus et cruore patiuntur. Hoc 
animae sepulerum, hoc Ditis coricava, hoc inferos vocaverunt et 
omnia quae illic esse eredidit fabulosa persuasio in nobismet 
ipsis et in ipsis humanis eorporibus adsignare conati sunt 



(1) Cito dall'ediz. Ven. 1494. 



— 259 — 

ipsam quoque poenarum descriptionem de ipso usu conversationis 
humanae sumptam crediderunt „. 

Più notevole è ancora che Lucrezio nell'allegorizzare le pene 
degli inferi: 

III 978 sgg. : 

atqiie ea nimirum quaecumque Acherunte profundo 
prodita simt esse, in vita sunt omnia nobis, 
nec miser impendens magmmi timet aere saxum 
Tantalus, ut famast, cassa formidine torpens, 
sed magis in vita divom metus urget inanis 
mortalis casumque timent quem cuique ferat fors; 

non nomina punto Flegia, del cui genere di pena non dice 
nulla neppure Virgilio. 

Ora la notizia del Boccaccio e il curioso errore in cui cade 
derivano da un dato di Servio che passando attraverso al 
Mitografo Vaticano II, per un'aggiunta del Mitografo Vati- 
cano III, indotto in errore dalla somiglianza della pena di 
Tantalo con quella attribuita a Flegia da una tradizione diffusa 
nel medioevo, causò la falsa attribuzione del Boccaccio. 



260 — 



Servio, Comm. in Aen., 
VI, 596 : " Sane de Ms 
omnibus rebus mire reddit 
rationem Lucretius et con- 
firmat in nostra vita esse 
omnia qude finguntur de 
inferis. Dicit namque Ti- 
tyon amorem esse, hoc est 
Ubidinem, quae secundum 
physicos et medicos in ie- 
core est, sicut risus in 
splene, iracundia in felle: 
unde etiam exesum a vul- 
ture dicitur in poenani 
renasci... Ipse etiam Lu- 
cretius dicit per eos, super 
quos iam iam casiirus in- 
ìninet lapis, superstitiosos 
significari, qui inanitersem- 
per verentur et de diis et 
caelo superioribus male o- 
pinantur : nam religiosi 
sunt qui per reverentiam 
timent. Per eos aiitem qui 
saxum volvunt ambitum 
vult et repulsam signifi- 
cari, quia semel repulsi 
petitores ambire non desi- 
nunt. Per rotam autem 
ostendit negotiatores, qui 
semper tempestatibus tur- 
binibusque volvuntur „. 



Mythogr. Vat., II, 105. 
Mai, Class. Auct., Ili, p. 123 
(de Sisypho) : " Sane de 
his omnibus rebus mire 
reddit rationem Lucretius 
...negotiatores ,. 



Mythogr. Vat., III. Mai, 
Class. Auct. p. 187 : " Lu- 
cretius ex maiori parte et 
aia integre docent infero- 
rum regna nec esse posse... „; 
ibid., p. 189 sgg. : "porro 
de poenis infernalibus com- 
petentes reddit Lucretius 
rationes et quae de inferis 
finguntur omnia in vita 
nostra esse confirmat. Dicit 

namque Tition amorem 

esse... Idem Lucretius per 
eos super quos iam quasi 
casurus imminet lapis, ut 
de Phlegya legitur, super- 
stitiosos dat intelligi... ,. 



— 261 — 

Che il Boccaccio conoscesse il Mitografo Vaticano III si 
sapeva già (1); abbiamo ora un nuovo esempio del modo con 
cui se ne serviva, e vediamo pure che neppure i Mitograli 
Vaticani non risalirono a Lucrezio (come apparirebbe da Mani- 
tius Philol. loc. cit.), ma semplicemente compilarono Servio. 

E da Servio pure deriva l'altro accenno a Lucrezio nel 
Mitografo Vaticano III p. 184 " vel secundum Lucretium a 
rebus super stantibus, id est, caelestibus et divinis, quarum rerum 
inanis timor et stiperfluus superstitio appellatur [cfr. Lucr. I 
62 sgg.] „. Servio in Aen. VILI 187 " Seciindum Lucretium: su- 
perstitio est superstantium rerum i. e. caelestium et divinarum, 
quae super nos stani, inanis et siiperfluus timor „ (2). 



* 
* * 



Le conclusioni della nostra ricerca sopra la fortuna di Lu- 
crezio nel medioevo, sono, come si vede, in massima nega- 
tive per quello che riguarda la lettura diretta dell'opera lu- 
creziana. Solo Ermenrico cita un passo che non si trova citato 
nell'antichità. Le altre citazioni corrispondono a quelle già 
fatte dai grammatici antichi o dagli scrittori più letti nel 
medio evo. 

Che nelle scuole carolingie si leggesse Lucrezio e che im- 
portanti teorie si infiltrassero da questa lettura nella cultura 
del tempO; è, come abbiamo visto, un errore che a torto fu 
ripetuto più volte sulla fede del Philippe. 

Certo nelle enciclopedie medioevali, per mezzo particolar- 
mente di Isidoro, si perpetuarono alcune spiegazioni di feno- 
meni fisici, che appariscono in Lucrezio, senza però che esse 
siano tutte specificamente epicuree, perchè, come si sa, 
Epicuro (e dietro di lui Lucrezio), fedele al canone che sui 



(1) V. Hortis, p. 463, che ^^rò non si serve di questo passo e non si 
è accorto del suo valore per la stori" della fortuna di Lucrezio. 

(2) Cfr. Isid., Etym., VITI 3, 7 : " Lucretius autem superstìtionem dicit 
superstantium rerum, id est, caelestium et divinarum quae super nos stani „ . 



— 262 — 

fenomeni celesti siano possibili piìi spiegazioni, tolse ampia- 
mente dai filosofi greci antecedenti (1). 

Torino, ottobre 1912. 

Ettore Bignone. 



(1) Una ricerca speciale meriterebbe Vopus prosodiacum di Micone, 
ma essa non potrebbe essere isolata, ma va congiunta a tutte le opere 
di tal genere che risalivano naturalmente ad una fonte più antica. Mi 
accontenterò dunque, per utilità degli studiosi di Lucrezio, di spogliare 
la parte che riguarda il nostro autore, collazionando le citazioni di 
Micone con il testo di Lucrezio, prendendo a base l'edizione del Munro, 
e indicandone solo i luoghi dove varia. 

Carmina Centulanensia, Miconis opus prosodiacum 
M. G. H., P. L., Ili, p. 280 sgg. 

Lucr. I 275 (= 278 Micone) salvifragis inv. di silvifragis, dato anon. 
396 (== Micone, v. 267), senza nome, sine manu posset, corr. B. 
Il 128 (= Micone, v. 63), col nome. 

865 (= Micone, v. 121), col nome : di r iva r e queunt animum 
cur a mq v. e levare (la lezione curamque e anche in Obi.). 
388 (= Micone, v. 398), col nome ; transitai invece di transit ai. 
447 (= Micone, v. 9), col nome ; primis invece di in primis. 
662 (= Micone, v. 158), col nome. 
966 (= Micone, v. 315), senza nome : sit invece di fìt. 
IV 124 (= Micone, v. 309, ma il rimando è solo per panaces che 
c'è in margine). 
1232 (= Micone, v. 242), col nome ; midieris invece di miiliebris 
ed è corrispondente al lemma mulieris. 
V 6 (-= Micone, V. 266), col nome LVCA. 

598 (= Micone, v. 381), col nome [scattere corr. B, erumpe 

corr. b). 
752 (= Micone, v. 76), senza nome (per l'attribuzione vedi la 
nota del Traube). 
1221 (= Micone, v. 72), senza nome : murmure. 



Err. Corr. — Debbo rettificare un'affermazione inesatta a pag. 243. 
MaruUo, edd. e Camb. hanno et invece di ut non in Lucr. I 155 (et 
quo quaeque...) ma in I 157 {perspiciemus et unde...). Ermenrico dunque, 
per questo, non differisce da 0. e Q. La mia confusione venne dall'in- 
trico delle diverse numerazioni nelle edizioni di Lucrezio. E. B. 



263 — 



EMENDAZIONE ALL'HERAKLES DI EURIPIDE 495. 



Fra la ventina di dotti grecisti, che han tentato di emen- 
dare questo passo, è da maravigliarsi che nessuno -abbia fatto 
attenzione ad un'emendazione che esce alla superficie e che 
l'autore stesso fornisce. L'ombra è cosa vuota, come la saetta 
del biasimo, di cui fece menzione il poeta nel frammento 499 
elg yvvaìxag è^ àvÒQcbv ipóyog ìpàllsi, xevòv tó^evfia. Me- 
gara aveva appunto scongiurato Ercole che venisse {èZd^é 
xal axià (pdvrjd-i fioi), soggiungendo dZig yàg èÀd-óv ti xsvòv 
àv yévoio av. Qualche amanuense sbagliò la lezione pigliando 
sÀd-omixevov per èÀd-ovT mavóv, e siccome il soggetto era 
Ercole stesso, l'accusativo (o il dativo eI^óvtl) si mutò in- 
contanente nel nominativo èld'óìv, lasciando lo i senza ap- 
poggio ; onde la vocale abbandonata si attaccò alla parola 
seguente, ed ikevov diventò luavóv, parola che dovette sem- 
brare conveniente in qualche maniera, poiché dXig restava 
tuttora nel pensiero del copista. Megara volle dire : " Vieni ; 
anche come ombra, appariscimi dinanzi ; perchè saresti ba- 
stevole (per nostro aiuto) èXd-óv-ti-KSvóv {= axià èld-ovad 
%ig) „, La lezione èÀd^cbv è possibile, perchè anche Euripide 
ha scritto o = w. Cfr. Schol. Phoen. 682 é'wg àqxovTog yÙQ 
'Ad^rjvfjaiv EvxÀsióov, firjjio) x(bv fianQbJv evQfjfiévojv, tolg 
^QdxEOiv àvTÌ lùv fiaxQùJv èxQ(bvxo . . . lui àvxì xov ù). 

La lezione ìxavóv è impossibile ; e mi parvero molto in- 
verosimili le varie congetture dXxaq, xévaq, òvag, ecc. 

.J. E. Harry. 

Università di Cincinnati. 



264 - 



LA FORMAZIONE DELLE PAROLE 
IN PALLADIO RUTILIO TAURO EMILIANO 



Nessuno ancora ha studiato di proposito YOinis agricuUurae 
rispetto alla forma; perciò intorno al suo autore abbiamo i 
giudizi più disparati e contradditorii. Mentre lo Schoell (1) 
dice che " lo stile è scorretto e pieno di neologismi „, VHi- 
stoire littéraire de la France II 300, riferendo giudizi ante- 
riori, osserva che l'opera di Palladio è " scritta in uno stile 
semplice, ma tuttavia non manca punto di eleganza „ (2) e il 
Forcellini-De Vit (Praef. CXCVII) afferma che i suoi quattordici 
libri sono non inelegantes e che Palladio scripsit post Apuleium, 
quo tamen Latinior multo est, et a novandarum tocum cacoethe 
magis abhorrens. Più di tutti sobrio lo Schanz {Gesch. d. rom. 
Liti. IV 171) si limita a parlare di una " einfache und nuch- 
terne Darstellung „. Certo Palladio non è stato uno scrittore 
elegante, e bisogna pur convenire che la dichiarazione con 
cui apre il libro (anche senza annettervi un'importanza ecces- 
siva) risponde in complesso alla realtà (3). Ma non chiediamo 



(1) Histoire ahrégée de la Uttérature romaine (Paris, 1815) III 244. 

(2) Nota a questo proposito il giudizio di Cassiodoro : Aemilianus etiam 
facimdissimus explanator duodecim lihris de hortis, vel 2)ecoribus nliisque 
rebus pienissima (ed. pianissima) lucidatione disseruit [De institutione di- 
vinarum litterarum 28 ' Patr. lat. ' Migne voi. 70 p. 1143). 

(3) 1, 3, 3-8 Neque ... formator agricolae debet artibus et eloquentia 
rhetores aemulari, quod a plerisque factum est : qui dum diserte loquuntur 
rusticis, adsecuti sunt, ut eorum doctrina nec a disertissimis possit Intel- 
ligi. Sed nos recidamus praefationis moram, ne, quos reprehendimiis, imi- 
iemur. Il medesimo concetto esprime a 14, 262, 12-17. 



- 265 — 

all'autore quello che avrebbe dovuto, giudichiamo invece quello 
che ha voluto fare (1). Ora egli ha inteso restituire all'agro- 
nomia il carattere pratico e normativo, spogliandola di quella 
veste retorica di cui l'aveva abbellita Columella, la sua fonte 
principale. L'Opus agricuUurae non è un trattato scientifico, 
ma un calendario pratico, una specie di effemeride agricola, 
che consiglia mese per mese ciò che deve fare l'intelligente 
agricoltore ; e a tale carattere si uniforma lo stile semplice 
e chiaro, ma non scorretto. Che Palladio non è uomo rozzo 
e incolto; è un vir inlustris, ha tenuto cariche dello Stato, 
è in relazione con un Pasifilo vir doctissimus, cui ha dedicato 
il 1. XIV (2); un libro che, pur senza alcun soffio vitale di 
poesia, rivela una certa cultura letteraria nel suo autore (3). 
Fatte queste riserve quanto allo stile, veniamo al lessico 
che forma l'oggetto delle nostre ricerche. Il lessico è, su per 
giù, quello della decadenza avanzata (4), e, come tale, ben nu- 
drito di vocaboli di scrittori tecnici e del latino ecclesiastico: 
qua e là, in una policromia linguistica, che attinge i suoi 



(1) Del resto anche altri di questi scrittori specialisti furono spesso 
malamente giudicati, appunto perchè, movendo dal preconcetto che 
negli autori antichi si debba sempre trovare un modello di stile, si 
dimenticò troppo spesso quello che essi si erano essenzialmente prefisso : 
cioè esporre la loro scienza con semplicità e con chiarezza. Per citare 
un esempio solo, vedi i contrari giudizi sullo stile di Scribonio Largo 
in un recente studio dello Schonack, Die Bezeptsammlung des Scriboniiis 
Largus (Iena 1912) 32-36. 

(2) Il Meyer, Geschichte der Botanik (Konisberg 1885) II 331, forse 
non a torto, rinuncia all'identificazione di Pasifilo, e affaccia il dubbio 
che sia uno dei tanti dotti * von denen die Geschichte schweigt ,. 

(3) La prefazione stessa di quest'ultimo libro, pur recando le tracce 
dell'età in cui fu scritta e la concisione speciale dello stile palladiano, 
ha in sé una certa raffinatezza di forma, come di concetti. 

(4) Non possiamo determinare con sicurezza l'epoca in cui visse il 
nostro autore, che comunemente oggidì si attribuisce alla seconda metà 
del sec. IV. Noi crediamo però di avere indizi sufficienti per traspor- 
tarlo più oltre, alla prima metà del sec. V. Riservandoci di trattare 
ampiamente la questione, ci limiteremo qui a darne la bibliografia fon- 
damentale : Cassiodoro, loc. cit. e Isidoro Orig. 17, 1, 1, che danno i 
due termini a quo e ad quem ; Barth, CI. Rutilii Namatiani Galli Itine- 
rarium (Francofurti 1723) 88 ; Wernsdorf, Poetae latini minores (Alten- 



— 266 — 

elementi ai periodi più estremi, dall'età arcaica alla bassa 
latinità, un colore (o meglio una sfumatura) si presenta ben 
distinto, se non predominante: il volgarismo (1). Palladio non 
dovette sentire troppo bisogno di creare vocaboli per una 
scienza che ormai da secoli aveva avuto i suoi cantori e i 
suoi trattatisti; piuttosto egli dovette cercare di diffonderla, 
di renderla popolare. Perciò al vocabolo dotto troveremo 
spesso sostituito il corrispondente termine volgare. 

Questo che abbiam detto apparirà piìi evidente dal nostro 
studio che si rivolge alla parte piìi vitale della lessicografia, 
alla formazione delle parole. 

Seguiamo per il testo l'edizione dello Schmitt (Lipsia 
Teubner 1898) che rappresenta un progresso sulle edizioni 
anteriori (che sono le note raccolte degli Scriptores rei ru- 
sticae, oltre il 1. XIV che è anche nel voi. VI dei Poètae la- 



burgi 1788) VI 16; Borghesi, Dichiarazione d'una lapide Griiteriana, ecc., 
eptr. ' Memorie dell'Accad. Scienze di Torino ' XXXVIII (1835) 1-57 ; 
Meyer, Gesch. d. Botan. II 331 ; Teuffel, Gesch. d. rom. Liti} § 410 
p. 1036 ; Schanz, Gesch. d. rom. Liti. IV 172; Wessereau, Cl.Rutilius 
Namatianus, ecc. (Paris 1904) 215-22. 

(1) Intenderemo per latino volgare tutto quello che presumibilmente, 
in base alla testimonianza degli autori considerati più comunemente 
come fonti del medesimo, dei glossarli, delle lingue romanze e talora 
dei grammatici, si può ritenere a^ipartenesse alla lingua parlata, nelle 
sue varie gradazioni e sfumature. Abbiamo ritenuta necessaria questa 
definizione, perchè il vocabolo è stato per molto tempo (ed è tuttora, 
sebbene un po' meno) discusso e trascinato ai più diversi significati. Per 
non citare che alcune definizioni, cfr. Wolfflin, Bemerkitngen ilher das 
Vulgdrlatein ' Philologus ' XXXIV 136-65 ; Sittl, Die lokalen Verschie- 
denheiten der lateinischen Sprache (Erlangen 1882), e Jahreshericht uber 
Vulgdr- und Spdtlatein ' Bursian's Jahresb.' 68 (1891) 226; Kroll, Das 
afrikanische Latein 'Rhein. Mus.' LII 575 sgg. ; Geyer, Jahresb. i'iher 
Vulgdr-, ecc. ' Bursian's Jahresb.' 98 (1898) 35 ; Bonnet, Le latin de 
Grégoire de Tours (Paris 1890) 130 sgg. ; Gorra, Lingue neolatine (Mi- 
lano 1894) ; Parodi, Noterelle di filologia latina ' Studi ital. di fil. class.' 
I 430 n. 2 ; Skutsch, Die lateinische Sprache ' Die Kultur der Gegenwart ' 
(Berlin-Leipzig 1905) 438 [giunto oggi alla 3* ediz.] ; Grandgent, An 
introduction to Vulgar latin (Boston 1907) 8-4; Laurand, Etiides sur le 
stile des discours de Cicéron (Paris 1907) 244 ; Ernout, Les éléments dia- 
lectaux du vocahulaire latin (Paris 1909) 25. 



— 267 -- 

tini minor es del Baehrens), perchè è basata su un maggior 
numero di manoscritti (1). Ma non tutto è fatto ancora, ed 
ha ragione lo Schanz (loc. cit.) quando afferma " Es felilt noch 
an einer methodischen Sichtung der handschriftlichen Ueber- 
lieferung „, 

Quanto alla citazione dei luoghi palladiani, ci serviamo dì 
tre numeri: il primo del libro, il secondo della pagina e il 
terzo della linea dell'ediz. Schmitt. E per quel che riguarda 
il materiale comparativo, per non ingombrare di troppi nu- 
meri il testo, non indichiamo i luoghi precisi che per i vo- 
caboli rari o di speciale importanza (2). Delle glosse non 
diamo che raramente l'indicazione, ma s'intende che ci rife- 
riamo al Corpus del Goetz, voi. VI (3). Noteremo infine che 
per lo più abbiamo tralasciato i vocaboli che avevano testi- 
monianze dell'età ciceroniana o augustea, salvo quando fos- 
sero rari o interessanti. 



(1) Lo Schmitt distingue quattro classi di codici quos ipse primus 
excussi : una prima comprendente i tre mss. L (s. IX), P (s. X), Q (s. X) 
che sono migliori per l'antichità e per l'integrità della scrittura; una 
seconda composta dei mss. VG, entrambi del s. X, che rivelano conti- 
nuamente una seconda mano, ma vanno esenti da interpolazioni troppo 
gravi ; una terza con emendamenti di una seconda mano e con molte 
interpolazioni S (s. XI), E (s. XIV), T (s. XIII), F (s. XIII) ; finalmente 
una quarta classe ciiius codices licentia atque interpolationibus scateni. 
Molte lezioni della 3* classe sono nelle edizioni t(ensoniana) 1482, 
a(ldina) 1514, c(ommeliniana) 1595 spesso citate. Con p s'hanno a in- 
tendere le lezioni del Poliziano che appartengono alla 4^ classe, e con g 
e s le ediz. Gesneriana 1774 e Schneideriana 1795. Quanto all'ortografia, 
lo Schmitt ha seguito costantemente i codici LPQ. 

(2) Per queste citazioni siamo ricorsi alle più recenti edizioni, rimo- 
dernando sempre il Porcellini ; per le abbreviazioni ci siamo valsi per 
lo più di quelle del Thesaurus. Dove il nome di Plinio non reca altra 
indicazione, si dev? intendere il naturalista. 

(3) Thesaurus glossai .'jn emendafarum (Lipsiae 1899-901 j. 



— 268 — 

A. — Derivazione. 
1. — Sostantivi. 

a) IN -culum, -crum. — Il carattere volgare di questa 
classe di sostantivi è notato dal Krebs (1) e dimostrato dagli 
esempi del Ronsch (2). Interessanti questi di Palladio: am- 
bulacrum 1, 21, 22 invece del ciceroniano amhulatio, usato 
pure da Plauto most. 756, poi da Gelilo 1, 2, 2, Minucio Fe- 
lice 3, 3, Porfìrione Hor. carni. 2, 15, 4 e infine in un pane- 
girico del s. IV (Baehrens 12, 21): cfr. le glosse e il deam- 
bulacrum del latino biblico (Ronsch 38) ; cooperculum 7, 178, 8 
in autori della decadenza e con influssi volgari (Plinio nat., 
Apuleio met., Silviae peregrinatio, S. Agostino, Cassio Felice, 
Gregorio Turiiense, glosse); crepitaculum 1, 43, 22 derivato 
da un frequentativo, in Palladio indica uno strumento per far 
fuggire gli uccelli; con altri significati in Columella 9, 12 
2 (3), Quintiliano, Apuleio, Giulio Valerio, Arnobio, Nemesiano, 
S. Girolamo, Marziano Capella e Avieno; hahitaculum cete- 
rarum avium 1, 25, 7 per il classico habitafio, diffuso nel 
basso latino (Gelilo, Solino, Ammiano Marcellino) e nel latino 
biblico (Ronsch 37). 

b) IN -do, -tudo. — Di tali sostantivi, che si presentano 
come formazioni collaterali e spesso coesistenti (4) degli 
astratti in -tas derivati da aggettivi, nota in Palladio : acredo 
2, 66, 6 che compare per la prima volta in lui ed ha poche 
altre tarde testimonianze, Sorano 1, 75, Cassio Felice 6, Ori- 



ci) Krebs-Schmalz, Antiharharus d. lat. Sprache (Basel 1905-1908) 156. 

(2) Ronsch, Itala und Vulgata (Marburg-Leipzig 1869) 37-39 ; v. pure 
Koflfmane, Geschichte des Kirchenlateins (Breslau 1879) 101. 

(3) Qui sembra anzi che Palladio abbia avuto dinanzi Columella, ri- 
correndo in entrambi la frase crepitaciilis terrere, a proposito dello stesso 
ai-gomento. 

(4) Il Paucker, Materialien zur lat. Worthildunggeschichte ' Zeitsch. f. 
vergi. Sprachforsch. ' XXIII 159-60 dà 69 esempi di sostantivi in -do 
e in -tas coesistenti con lo stesso significato. 



- 269 — 

basio syn. 4, 15. 23, 30 g altrove; lìinguedo (di cacio) G, 166, 1. 
Sapae 3, 112, 5. puri mellis 11, 230, 12 che compare in più 
luoghi della Vulgata (anche in senso traslato) ed in Sidonio 
epist. 2, 2; salsedo 11, 223, 1 e nello pseudo-Rufino in Ani. 5, 
78; maestitudo 1, 27, 4, di cui si hanno esempi nel latino ar- 
caico (1), Plauto aul. 725, Accio trag. 616; plenitudo 12, 253, 9 
usato già da Columella 4, 30, 4 e da Plinio il vecchio, poi 
largamente nel basso latino (Vulgata, Macrobio, Celio Aure- 
liano, Marziano Capella, Cassiodoro); spissitudo 11, 229, 11. 
12, 250, 23 nel significato di 'densità', come in Seneca woi., 
Scribonio Largo (Catone disse invece crassitudo), mentre in 
Cassiodoro e in Vegezio vale ' quantità ' ; teneritiido (di pianta) 

3, 99, 16. (di suolo) 10, 207, 14. (di cacio) 8, 165, 25 usato 
da Varrone r. r. e Svetonio, e in senso traslato nella Vulgata, 
in Simmaco e altrove. 

e) IN -men, -mentum. — L'uso dei sostantivi in -men, che 
nell'età arcaica era diffuso solo presso i poeti, si estende poi 
nella prosa argentea ed anche più in quella postadrianea (2), 
nella quale ebbero non poca fortuna anche quelli in -mentum : 
augmentum lunae 13, 259, 4 vocabolo della decadenza (in tal 
senso usato da Gelilo 20, 8, 7, Firmico math. (più luoghi), 
pseudo-Ambrogio vii. viri. 25); capillamentum radicum 11, 219, 
20 già in Petronio 110, Plinio (più luoghi) e Svetonio Cai. 11, 
poi in Apuleio met. 2, 9. 3, 16, Tertulliano cult. fem. 2, 7, 
nell'Itala e nelle glosse; durnmentum vineae 3, 85, 20 usato 
in uno special significato tecnico-agrario, come in Columella 

4, 21, 1 (citato da Palladio in questo passo), e in senso mo- 
rale da Seneca, Valerio Massimo (in una glossa duramentum 
fiaxQod-vfiià); linimentum dolii 11, 227, 15 vocabolo rarissimo, 
che non avrebbe, oltre Palladio, che la testimonianza di Teo- 
doro Prisciano 1; 1, se, come pare, in Petronio 79, 4 la le- 
zione è incerta; liqutimen de piris castimoniale 3, 102, 8 in 



(1) Le formazioni in -tudo ebbero anzi presso i poeti arcaici grande 
favore, meno ne godettero nell'età argentea (7 sole ne conta il Paucker, 
Vorarheiten zur lat. Sprachgeschichte (Berlin 1884) II 14) e tornano a 
diffondersi dopo Adriano. 

(2) Stolz, Histoì'ische Grammatik d. latein. Sprache (Leipzig 1895) 498. 



— 270 — 

Columella 9, 14, 17 e in Celio Ap. (più volte); luctamen 3, 
78, 13 poetico come munimen 3, 94, 13; lomentum ex afra 
pisa 11, 225, 8 termine tecnico che si trova anche in Mar- 
ziale 3, 42, 1 e 14, 60, con altro senso in Plinio 18, 117, 
metaforicamente in Celio [Cic. epist. 8, 14, 4); strigmentum 1, 
21, 2 di cui non mancano esempi in Vitruvio, Plinio, Celso, 
con maggiore o minore cambiamento di significato. 

d) IN -tas. — Di questa numerosa classe di astratti de- 
rivati da aggettivi, sfruttata molto dal latino volgare (1), 
nota in Palladio i seguenti: duraUlitas 1, 42, 4, 12, 237, 14 
di cui non sono altre testimonianze nei lessici, e il Rònsch 54 
aggiunge un luogo del Codice di Giustiniano 11, 65, 1; rne- 
dìetas 1, 18, 9. 6, 161, 25. 7, 179, 8 ed altrove: al tempo 
di Cicerone il vocabolo non era coniato {Tim. 23) (2), dap- 
prima l'ha Apuleio nel senso locale, e così Tertulliano, Arnobio, 
Lattanzio ed altri, nel senso di ' metà ' si ha per la prima 
volta in Palladio, poi in Vegezio, in Ammiano e nel latino bi- 
blico ed ecclesiastico (3); mordacitas 2, 63, 4 in senso proprio, 
come in alcuni luoghi di Plinio, mentre nel basso latino è 
largamente diffuso nel significato metaforico; nimietas 2, 58, 
19. 3, 83, 13. 3, 112, 10. 4, 128, 4. 4, 147, 4 uno dei non 
molti astratti in -tas formati da aggettivi in -iiis (4), si trova 
già in Columella 6, 24, 2, poi in Apuleio met., in Vegezio 
mulom. ed in scrittori cristiani (Tertulliano, S. Girolamo, la- 
tino biblico); possibilitas 3, 84, 23 vocabolo della decadenza 
(Arnobio, Ammiano Marcellino, Marziano Capella, Ennodio, 
Orosio, Vulgata) ; puritas (di vino) 11, 226, 9 largamente 
usato nel basso latino in senso metaforico ; siccitas 1, 9, 7 



(1) Grandgent, An introduction to vulgar latin (Boston 1907) 21. 

(2) Il passo è veramente caratteristico : Partes ex toto desecans inter- 
vallis ita locabat, ut in singuUs essent bina media, vix enim audeo dicere 
medietates, quas Graeci fieaóirjTag appellant ; sed quasi ita dixerim, in- 
tellegatur, erit enim planius. 

(3) Wolfflin, Die alteri iind neuen Aufgaben des Thesaurus ' Arch. lat. 
Lex.' IX 14; Medietas, Mitte, Halfte 'ibid.' Ili 458. 

(4) Meyer-Lùbke, Zur Geschichte der lateinischen Ahstracta ' Arch. lat. 
Lex.' Vili 327. 



— 271 — 

non troppo frequente nel singolare prima di Palladio, spe- 
cialmente nel senso di 'tempo asciutto'; suìniìiitas vitis 1, 
10, 3. 4, 133, 20 e in Macrobio somn. 1, 6, Censorino 13, 
S. Girolamo (più esempi); tinitas 3, 113, 22. 4, 138, 10 (Var- 
rone, Plinio in più luoghi, Seneca, Columella, Celso, Frontone, 
Gelilo, Macrobio, Tertulliano). 

e) IN -tor, -sor e derivati. — Sono diffusissimi nella la- 
tinità (1) e vanno sempre più acquistando favore nella deca- 
denza (2), e trasformando a poco a poco la loro funzione di 
designare un'occupazione abituale. In Palladio però non sono 
ne abbondanti, ne caratteristici: conditor 1, 13, 17 col valore 
di qui dotmim condere vuU; conpulsor 7, 172, 17 che nel senso 
proprio di qui compelUt non ha altra testimonianza e non si 
trova che in autori della decadenza avanzata o in senso mo- 
rale (Rufino, Ennodio, Cassiodoro) o in senso tecnico = qui 
ad tributa solvenda compelUt (Ammiano, S. Agostino, più 
luoghi del codice Teodosiano); fador doliorum cuparumque 1, 

7, 15 nel qual senso è usato prima dal latino arcaico, poi 
di nuovo dai giuristi e dagli scrittori ecclesiastici (Krebs- 
Schmalz, Antibarbarus 573); formator agricolae 1, 3, 3 dove 
Palladio pare attingere da Columella, prefaz. 1. I; fossor 1, 

8, 11. 2, 55, 15 che compare talvolta nei poeti (Orazio, Mar- 
ziale), spesso negli scrittori georgici, Columella compreso; 
putator 1, 9, 19. 3, 82, 6 (georgici). 

Dai sostantivi verbali in -tor derivano aggettivi in -torius 
sempre più usati col progredire della decadenza, e sostantivi 
neutri col medesimo suffisso -torio- (gr. xrjQio-) (3). Nota in 
Palladio questi tre veramente importanti: calcatoriiim 1, 21, 
15. 1, 22, 2 luogo dove si pigia l'uva : il vocabolo sembra 
trovarsi per la prima volta in Palladio, dopo del quale ap- 
pare con una leggera modificazione di significato in S, Ago- 



(1) Olcott, Studies in the Word Formation of the Latin Inscriptions 
(Leipzig 1898) 88-122. 

(2) V. ad es. la dissertazione dello Schmidt, Commentano de nominum 
verhalium in -tor et -tris desinentimn apud TertulUanum copia ac vi (Er- 
langen 1878). 

(3) Lindsay, The Latin langiiage (Oxford 1894) 321. 



— 272 — 

stino in psalm. 8, 2 ; parimenti non ha testimonianze ante- 
riori deductorium liquoris 12, 243, 4 (cfr. nel medesimo senso 
Leone Magno epist. 3, 3 e in senso medico Celio Aureliano 
acut. 2, 19, 115 (1)); e non vi sono altri esempi che in Pal- 
ladio di factorium 11, 217, 2 macchina con cui si fa l'olio, 
e di fusoriiim 1, 43, 20, 48, 13 il cui significato ' scolatoio ' 
locus ubi aliquid funditur è mostrato dalle glosse èìixmijc, fu- 
sorium, fusorium ubi aqua de domo funditur (2) e da alcuni 
usi del vocabolo fusor (3). 

f) Sostantivi in -fio, -sio. — Questi sostantivi che ser- 
vono a formare nomi astratti da verbi ebbero gran favore 
in ogni tempo, ma specialmente nella decadenza: moltissimi 
ne hanno S. Girolamo, S. Cipriano (4) ed altri. Nota in Pal- 
ladio: adgestio fluminum 2, 58, 7, terrarum 8, 182, 11. 12, 
250, 3 dove indica non tanto 1' ' azione ' dell* accumulare, 
quanto la ' cosa ' accumulata : se ne hanno rari esempi nella 
latinità seriore ; adtractio rugarum 5, 154^ 11 come in Vin- 
diciano Afro med. 35 = actus contrahendi, in Celio Aureliano 
acut. 1, 3, 37 vale actus attrahendi, presso i grammatici in- 
dica uno speciale fenomeno fonetico ; adtrectatio manus 4,141, 6 
che prima di Palladio compare solo in Gelilo 11, 28, 3 e Apu- 
leio Socr.; apertio floris et gemmae 1, 8, 10 con un unico 
esempio prima di Palladio in Varrone r. r. 1, 63; conspersio 
12, 247, 6 vocabolo della decadenza, specialmente ecclesia- 
stica (Itala, Cassio Felice, Rufino, Isidoro, ecc.) ; constrictio 
ne adolescentia mollissimi germinis nodo durae constri ctionis 
angatur 4, 118, 4 in tal significato di actus constringendi 
l'ha solo Scribonio Largo 84, mentre gli altri numerosi esempi 
(Macrobio, Cassiano, Mulomedicina Chironis, Vegezio, Teodoro 
Prisciano, Marcello ìned., Celio Aureliano) sono tutti in senso 
medico; congestio stercorum 1, 33, 7. 4, 118, 6 (cfr. il vitru- 



(1) Nota che il testo dice deductoria liquoris. Potrebbe liquoris essere 
un genitivo ipotattico e l'intera espressione equivalere a deductorios 
liquores ? Cfr. le mie Quaestiones Palludianae ' Boll. fil. ci. ' XV 256. 

(2) Funck, Glossographische Studien ' Arch. lat. Lex.' Vili 391. 

(3) Quaestiones Palladianae citate 257. 

(4) Bayard, Le latin de Saint Cyprien (Paris 1902) 19-22. 



— 273 — 

Viano terrae congestio 6, 8, 5) della bassa latinità in senso 
proprio traslato; contusio uvarum 11, 229, 23 cfr. Columella 
12, 49, 3, Scribonio Largo (più luoghi), Plinio 17, 227, S. Gi- 
rolamo epist. 22, 9, Mulomedic'ma Chironis 988, Cassiano coni. 
20, 7, 1; Pelagonio 227: l'esempio di Palladio non è regi- 
strato dal Thesaurus; digesHo 8, 186, 12 nel qual senso spe- 
cifico lo hanno Celso, Quintiliano, Macrobio e Solino ; eductio 
uberis 7, 176, 6 e in Catone r. m. fr. 12 e Lattanzio inst. 
4, 10, 6; expressìo 7, 176, 10 (di miele) con varii significati 
in Vitruvio ed altri; infusio caelestis 'pioggia' 4, 105, 4. 
theriacae 4, 111, 8. insta 12, 253, 14 usato da Plinio nat. e 
Scribonio, S. Girolamo; S. Ambrogio e Celio Aureliano; in- 
spersio cineris 4, 125, 4 che non ha altre testimonianze; in- 
stillatio urinae veteris humanae 12, 254, 6 e in Plinio 29, 133; 
mansio hibernae et aestivae 1, 14, 21 nel senso di ' casa ' fre- 
quente in Palladio e nel basso latino (1), si perpetua nelle 
lingue romanze (2); panetto 10, 213, 9 che si trova in un 
titolo, e potrebbe anche non essere di Palladio : il Porcellini 
nota senz'altro che non è di Palladio, ed il Georges non re- 
gistra il vocabolo; passio 3, 113, 6 il vocabolo, che appar- 
tiene alla decadenza avanzata, ha senso medico, come qui, 
in Celio Aureliano, Firmico, Teodoro Prisciano, Arnobio, e in 
due glosse : Jiàd-oc, ènl vóoov e passio intestinorum ; pollutio 9, 
195, 19 di cui i lessici non danno che esempi della Vulgata 
€ di scrittori ecclesiastici ; reparatio 3, 102, 7. 4, 147, 3 vo- 
cabolo non diffuso e proprio della decadenza (Vegezio ìnil., 
Orosio, Prudenzio, iscrizioni); rigatio 'irrigazione' 3, 94, 16. 
102, 20. 103, 5. 104, 21. 4, 131, 25. 6, 163, 7. 10, 207, 13. 
11, 219, 15. 11, 220, 5. 12, 245, 17 che sembra non avere 
altra testimonianza che Columella 11, 3, 48: gli scrittori 
ecclesiastici hanno rigator con senso affine ; runcatio 4, 



(1) Goelzer, Etude lexic. et gramm. sur la latinité de Saint Jerome (Paris 
1884) 85; Ronsch. 317. 

(2) Grober, Vulgarlateinische Substrate romanischer Worter ' Arch. lat. 
Lex.' Ili 525 e Geyer, Spuren gallischen Lafeins bei Marcellus Empi- 
ricus ' ibid. ' Vili 476. 

Rivista di fllologia, ecc., XLI. 18 



— 274 — 

123, 21. 125, 7 che non sembra molto frequente (Columella 
2, 12, 6. 11, 3, 19, Plinio 18, 185); sarculatio 3, 96, 3 e in 
Plinio 18, 184; structio 12, 254, 14 dove vale actus struendi, 
mentre l'hanno in senso traslato Firmico, Tertulliano, Mario 
Vittorino, Novaziano; superfusio testacei pavimenti 1, 20, 8, 
in Servio georg. 3, 354, Ammiano Marcellino 17, 7, 12, S. Am- 
brogio hex. 3, 13, 14. 

g) IN -t-ura, -s-ura. — Come i sostantivi in -tor, derivano 
essi pure da participii perfetti, senonchè dal s. ITI in poi 
vanno mutando il loro significato; mentre nell'età classica 
erano astratti, diventarono a poco a poco concreti: tali sono, 
in parte, gli esempi di Palladio: castratura 6, 164, 12 oltre 
il quale non abbiamo altro luogo che Plinio 18, 86, dove ha 
un senso speciale (detto di segale) ; coctura 12, 234, 17 
^zLCoctio come in Vitruvio, Columella (più luoghi), Celso, Se- 
neca epist., Plinio, Celio Ap)., Zenone, Dioscoride, Teodoro 
Prisciano; cretura 1, 26, 4 col significato di 'cosa vagliata', 
non di ' atto di vagliare ', sembra un dnaè, £ÌQ7]fiévov, perchè 
il luogo di Paolino Nolano epist. 13, 11 è incerto; fossura 10, 
207, 13 vocabolo abbastanza raro che compare solo in Co- 
lumella 4, 14, 2, Vitruvio 8, 1, Svetonio Cai. 37 ed altrove 
(in senso concreto) e nella Vulgata (Ronsch 41); incisura 
sarmenti 1, 9, 18. 4, 117, 15 (laddove Columella 4, 29, 4 dice 
resectio) in senso più generico in Plinio (più luoghi) e una 
volta nei gromatici (1); ligatura (nelle viti) 1, 10, 7. 3, 84, 
15. 4, 117, 22 in Teodoro Prisciano, nella Muloniedicina Chi- 
ronis, in S. Ambrogio e S. Agostino , nel latino biblico 
(Ronsch 41), Columella 11, 2, 92 ha invece vitium Ugamina; 
pastura 10, 203, 19 di cui non ci sono altri esempi {pastura 
/Joax^iMafft, glosse) ; serratura 3, 86, 14 (parlando di innesti) 
che sembra pure non avere altre testimonianze; stratura 1, 
46, 6. 12, 240, 7 che nel secondo luogo indica una miscela 
di terra e di letame, nel primo ha un significato più vicino 
a Svetonio Claud. 24 'lastricato' e ad alcune iscrizioni; 



(1) Tedesco, Il latino volgare negli scritti degli agrimensori romani 
* Atti del R. Istit. Veneto di Scienze, Lett. ed Arti ' LXV (1905-6) 660. 



— 275 - 

tectura 1, 19, 11 con scarsissimi esempi in questo senso 
tecnico di 'intonaco'; tonsura ovium 6, 165, 1 e in Var- 
rone r. r., Ovidio ars aniat.^ Plinio nat., negli ecclesiastici 
'chiericato', in alcuni luoghi di Plinio 'potatura'; tor- 
tura (detto di viti) 3, 76, 20 dove compare il significato eti- 
mologico, e come tale l'ha solo Palladio, qualche affinità 
presenta una glossa: tortura dicitur quando venter propter 
ìnstabiles cihos stertit; tritura 7. 171, 6 in Varrone l. l. 5, 4, 
Virgilio geor(j. 1, 190, Columella 1, 11. 2, 20. Celio Ap. 8, 
361, Apuleio met. 9; versura 'luogo dove comincia un solco 
e ne finisce un altro' 2, 52, 10 da confrontarsi con Colu- 
mella 2, 2 che Palladio segue qui, si può dire, alla lettera. 
h) Altre formazioni. — Calcatus 2, 59, 1 e neìVItiyie- 
rarium Alexandri 34; natatus 1, 20, 15 proprio della deca- 
denza (Stazio, Apuleio. Giulio Valerio, Ausonio, S. Agostino, 
Fulgenzio); provectus praesentia domini provectus est agri 
1, 7, 8 nel qual senso pare l'abbia solo Palladio, ma il vo- 
cabolo è proprio della bassa latinità (Aurelio Vittore, Sidonio, 
Ammiano, S. Agostino, Cassiodoro) ; rosatum 3, 113, 9. 7, 
179, 18. Il, 228, 3 per cui il Porcellini non dà altro 
esempio (1); salivatum 5, 155, 11 beverone usato dai vete- 
rinari e ricordato anche da Columella 6, 10, 1 e altrove e 
da Plinio; cannetum 3, 93, 20 ed in Cassiodoro var. 2, 40, 6 
e Dioscoride 5, 145, appartenente ad una categoria di sostan- 
tivi frequente in Palladio; carduetmn 4, 122, 26 che non ha 
altre testimonianze; castanetmn 12, 243, 7 e in Columella 4, 
30, 2. 4, 33, 3; citretum 3, 98, 13 unico esempio; lilietum 3, 
93, 11 parimenti senza altre testimonianze; pinetum 3, 108, 
21 che sembra abbastanza raro (Ovidio fast. 2, 275, metani. 
15, 603, Plinio 27, 66); pometum 1, 42, 9 che è un ànaè, 
eiQTjfiévov, come altri di questi collettivi di piante in -é-tum 
(glosse: pometum n^aQdóeiaog, pometum pomarium) ; rosetum 12, 
245, 13 (2), in Varrone r. r., Virgilio ed., Reposiano, Clau- 



(1) Il Georges dice " Palladio ed a. ,. 

(2) Queste formazioni sono spesso sostituite dalle più frequenti in 
-arium, non estranee nemmeno a Palladio, il quale ad es. accanto a 
rosetum ha pure rosarium 3, 92, 20. 



— 276 — 

diano, Marziano Capella; vepretum 1, 49, 9 meno frequente 
di vepres, is, i lessici non hanno qui, oltre il nostro, che Co- 
lumella 4, 32, 1; vinetum 7, 173, 6 egualmente frequente 
nella latinità come il suo collaterale vinea; rancar 1, 23, 20. 

11, 217, 9 diffuso nella latinità seriore in senso traslato ; 
viror (detto di orzo) 7, 179, 21 sembra raro (Vopisco Prob. 
19, 3, Apuleio fior. 10, Nonio Marcello p. 51 L.); sabulo 1, 
15, 23. 1, 5, 6. 2, 58, 13. 3, 89, 20. 3, 95, 24. 3, 101, 14. 
4, 119, 1. 4, 133, 3. 9, 193, 2. 10, 201, 11. 11, 219, 11. 

12, 242, 15. 12, 243, 15. 12, 246, 4 che compare negli 
scrittori georgici e in Venanzio Fortunato 9, 15, 5 e che avrà, 
come l'affine sabidum, fortuna nel campo romanzo (1). 

i) Diminutivi. — Grià nell'età arcaica tale categoria di 
nomi si presenta abbastanza numerosa; anzi alcuni nomi an- 
tichi propri! e comuni sembrano mostrare nei Romani un 
certo amore al diminutivo (2). Questa tendenza della lingua 
arcaica pare essersi conservata nel linguaggio parlato, come 
induce a credere il fatto che essa si manifesta specialmente 
in quelle opere che si considerano dai piìi come fonti del la- 
tino volgare, ad. es. le lettere di Cicerone, le Egloghe di 
Virgilio (meno invece l'Eneide e le Georgiche), le Satire e 
le Epistole di Orazio, il romanzo di Petronio, le Metamorfosi 
di Apuleio (meno le sue opere filosofiche) e gli scrittori te- 
cnici in generale. Ma a poco a poco, e appunto nel campo 
delle relazioni pratiche e giornaliere, si venne per molti di- 
minutivi attenuando il significato primitivo; il che è confer- 
mato anche dall'essersi spesso perduto nelle lingue romanze il 
vocabolo originario ed a questo sostituito con egual forza e 
significato il diminutivo (3). Fra questi diminutivi, che hanno 
perduto il primitivo valore, nota in Palladio : carbnncidus, nisi 
stercoretur, macras vineas reddit 2, 58, 14. 9, 193, 7. 12, 242, 



(1) Grober, Vulgdrlateiniscìie Suhstrate romanischer Worter ' Arch. lat. 
Lex.' V 454. 

(2) Diminutivi sono ad es. Romulus, laniculus, rex sacrificulus (Stolz, 
Histor. Gramm. 574). 

(3) Wolfflin, Bemerkungen iiber das Vulglirlatein ' Philologus ' XXXIV 
152-7. 



— 277 — 

16 dove indica una speciale varietà di terreno, come in Var- 
rone r. r. 1, 9, 2, Vitruvio 2, 4, 1 e Plinio 31, 48; cepulla 
3, 94, 22 e 23. 3, 97, 5. 4, 123, 6. 5, 153, 12. 8, 182, 18. 
11, 218, 19. 12, 237, 1. 13, 257, 20 questo, che è eviden- 
temente il termine popolare e non ha altra testimonianza che 
Celio Ap. 7, 277. 8, 336, Celio Aureliano acut. 3, 4, 42, Plinio 
Valeriane 2, 3, Dioscoride 1, 137, è molto usato da Palladio 
che ha, se non erro, una volta sola cepa 4, 136, 20, mentre 
cepa è invece la forma più diffusa nella latinità d'ogni tempo; 
cicercula (1) 2, 53, 9. 3, 73, 1 nei georgici , in Tertulliano 
adv. Marc. 1, 11 e Pelagonio 3, 21; corhicula 3, 80, 18. 3, 
80, 23. 3, 81, 2 vocabolo che appare solo in Palladio ed ha 
perso interamente il suo valore, come mostra anche l'agget- 
tivo parva, con cui s'accompagna nel primo dei tre casi ci- 
tati; cultellus curvos... minores 1, 49, 4 (dove l'aggettivo di- 
mostra ad evidenza il fatto che stiamo osservando) con 
molte testimonianze che indurrebbero a farne un volgarismo 
(Varrone men., Orazio epist., Columella 6, 12, 1. 12, 14. Sve- 
tonio. Itala, Feste, S. Agostino); crihellum 3, 95, 6. 7, 179, 14 
non molto usato : i lessici non danno, oltre di questo, che la 
Mulomedicina Chironis 126, Marcello med. 20, 38 e Plinio 
Valeriane 1, 38, mentre crihrum 3, 100, 13. 11, 226, 18 è 
largamente sfruttato in tutta la latinità; geniculum 12, 245, 
15 che in Varrone, Tertulliano, Vegezio, Marziano Capella è 
diminutivo di getiu, mentre in Palladio, come in Plinio 18, 56, 
ha lo special significato di ' nodo dello stelo '; lenticula 3, 
73, 1. 12, 233, 19. 234, 18 in senso proprio, come in Celso, in 
Plinio e nell'Editto di Diocleziano, in sensi speciali in Celso, 
Plinio, Vulgata, Isidoro; linteolum 5, 152, 14 in Plauto, Co- 
lumella 6, 16, Plinio, Apuleio, Tertulliano, Celio Aureliano; 
malleolus 3, 78, 21 come in Columella 3, 63, Plinio (più luoghi), 
Isidoro nel senso di ' magliuolo ', mentre in altri sensi non è 
estraneo nemmeno a Cicerone; masculus 1, 28, 18 ed altrove 



(1) Per il genere dei diminutivi v. A. Weinhold, Genuswechsel der 
Deminutiva ' Arch. lat. Les.' IV 169-88. 



— 278 — 

che comincia a diffondersi nell'età argentea (1), sostituendosi 
poi completamente al primitivo mas^ dimenticato nelle lingue 
romanze ; peduclus (2) 1, 28, 1 importante per la fortuna 
avuta nel campo romanzo (3); puUicula 1, 29, 18 in Columella 
8, 11, 14, Plinio 26, 58, Celso 2, 30, dove ogni valore dimi- 
nutivo è perduto come nell'italiano ' poltiglia ' ; rastellus 5, 
150, 9 dove si noti che subito dopo dice rastris ligneis 5, 
150, 11, il che dimostra come il diminutivo abbia ormai per- 
duto il suo valore : di contro a rastriim diffuso in tutta la 
latinità, rastellus non ha che le testimonianze di Svetonio 
Ner. 19 e degli scrittori georgici. 

Questi altri diminutivi, pur conservando il loro genuino 
significato, sono tuttavia degni di nota o perchè rari o perchè 
appartenenti alla decadenza: arhuscula 3, 79, 14 e altrove, 
negli scrittori georgici e in altri della decadenza; hulhulus 
minores 3, 93, 10 senz'altri esempi; caliculus 11, 219, 27. 12, 
240, 2 e 5 in senso proprio come in Catone r. r. 108, 1, 
Celso 2. 11, S. Agostino conf. 9, 8, 8 e glosse, in altri sensi 
pure è della decadenza; canaliculus 6, 167, 1 in senso proprio 
come in Varrone 3, 5, 14, Vitruvio 7, 17 e Columella (più luoghi), 
in significati tecnici in Vitruvio e Celso ; cisteUa 4, 137, 25 in 
Plauto risi. 15 (più luoghi), rud. 1109, Terenzio eim. 753, 
Marziale 13, 36, Palladio hist. mon. 1, 23; corpusculum 1, 4, 3 
che trova sempre maggior voga nella decadenza, attenuando 
a poco a poco il significato diminutivo fino a perderlo del 
tutto, come in Gregorio Turnense (4); cupella 3, 102, 11 in 
cupellis vel in vasculis fictilibus (dunque con significato di- 
minutivo) cfr. Celio Ap., S. Ambrogio, Gregorio Turnense, 
Venanzio Fortunato e le glosse che danno ^ovxxiov diminu- 
tivo di ^ovTTig com'è cupella di cupa : l'esserci rimasto questo 



(1) Per i diminutivi nell'età argentea v. Paucker, Vorarheitung ztir 
latein. Sprachgeschichte cit. II 39. 

(2) Sebbene i codici GÈ abbiano lezioni differenti e alcune edizioni 
antiche abbiano corretto pediculos, la lezione peduclos è data concorde- 
mente dai codici più antichi e più autorevoli. 

(3) Grober, Vulgarl. Suhstr. roman. Worfer ' Arch. lat. Lex.' IV 431. 

(4) Bonnet, Le latin de Grégoire de Tours (Paris 1890) 459. 



- 279 — 

diminutivo in autori tardi, la testimonianza della glossa, la 
continuazione neolatina di cupa e di cupella indicano che 
questo è uno dei diminutivi, che piìi conservarono il loro ge- 
nuino significato; denticulus (1) 1, 30, 2 in senso proprio, 
come in Apuleio apol. 8, con significato tecnico 7, 172, 12 
e 19 (cfr. la denticalnta falx di Columella 2, 20, 3); falcicula 
1, 49, 7 che sembra raro, poiché i lessici danno solo S. Ago- 
stino e. Faust. 6, 4 e Arnobio 6, 26; farriculum 11, 230, 15 
solo in Palladio; fenestella 1, 25, 12 di cui non si trova, 
oltre questa, che la testimonianza di Columella 3, 46. 8, 3. 
9, 5 e di Ovidio fast. 6, 578, dove però il vocabolo è usato 
metaforicamente per indicare una porta di Roma; festucida 
5, 156, 4 e in Apuleio apol. 35; fusticulus allii 1, 38, 3 e in 
Apuleio met. 6, 18; glehida 11, 218, 14 e in Vitruvio, 
Scribonio, Giovenale, Plinio epist., Apuleio met.., Valerio Mas- 
simo; lactucida (2) 1, 31, 4 e in Columella 10, 11, 1, Plinio 
19, 125, Svetonio Aug. 11; offula 1, 30, 24. 1, 31, 2 che do- 
vette esser proprio del linguaggio parlato, è usato infatti da 
Columella 12, 5, 3, da Petronio (3), da Svetonio (4), da Apuleio 
met.; pediculus 2, 62, 10. 3, 103, 26. 104, 6. 4, 129, 13. 
133, 27. 137, 9. 12, 254, 23 'picciolo del frutto' cfr. Co- 
lumella 12, 44, 2, Valerio Massimo e alcuni luoghi di Plinio (5); 
plantula 3, 88, 15 che è un vero addendum lexicis (6); rotula 
1, 23, 18 già in Plauto Pers. 443, poi in Columella 11, 3, 52, 
in Plinio 18, 172; serrula manubriatas 1, 48, 25 prima in 



(1) Per i diminutivi in -c-ulus v. Paucker ' Zeitscii. f. osterr. Gymna- 
sialwesen ' 1876 p. 595. 

(2) Sui diminutivi col semplice -ulus v. Paucker, Die lateinische De- 
minutina auf -hIus (Mitau 1876). 

(3) Heraeus, Die Sprache des Petronius und die Glussen (Leipzig 1S99) 46. 

(4) Si noti che riferisce parole d'altri : Cum de laniis ac vinariis age- 
retiir, exclamavit in curru: rogo vos, quis potest sine offula vivere, Claud. 40. 

(5) Questo diminutivo assume anche altre forme : pedimculus, pedtt- 
culus, peduclus (v. p. 278). 

(6) Manca nei lessici evidentemente perchè essi si sono fondati sulle 
antiche edizioni che recano plantae sull'autorità del codice F ; la lezione 
plantida è però sostenuta dai codici più antichi, che sono anche i 
migliori. 



— 280 — 

Varrone e Cicerone Cluent. (1), poi in Columella e Celso; ser- 
vulus (2) 1, 12, 15 più volte in Plauto e Terenzio, poi in Var- 
rone r, r., Cicerone epist., Plinio epist. (più volte), con mo- 
dificazione di significato ' servo del Signore ' nel Codice 
Teodosiano ; spatiolum 1, 44, 18 e in Arnobio 4, 37; tessella 
6, 167, 8 in Seneca, Giovenale, Plinio, Celio Ap., S. Agostino 
e nelle glosse; tubulus 1, 47, 1. 9, 196, 8 e in Varrone, Plinio, 
Vitruvio; turricula in praetorio constituta 1, 25, 11 come 
in Vitruvio 10, 13, 6, in Marziale 14, 16 e in un'anonima 
cosmografìa del sec, VI {Geogr. lat. min. Riese 71-103) ; un- 
cinus 4, 136, 2 in Vitruvio, Apuleio met.., Isidoro e in una 
iscrizione CIL 5, 2787 ; urceolus 2, 62, 4 in Varrone, Seneca, 
Columella 12, 16, che Palladio qui ha certamente avuto din- 
nanzi; vasculum 7, 174, 3. 11, 224, 11 in Plauto, Catone, Quin- 
tiliano, Giovenale, Petronio, Prudenzio, Cassiodoro e nella 
Vulgata; verrucula 12, 248, 8 in Columella 7, 6 e Celso 5, 28 
in senso proprio, in Arnobio in senso traslato = locus ali- 
quantum editus ; vermiculus 4, 147, 10 e 12 in Lucrezio, 
Plinio, Lampridio, Commodiano, translato nella Vulgata. 

Campobasso, marzo 1913. 
(Continuerà). Lorenzo Dalmasso. 



(1) Dunbabin, Cicero prò Cliientio § 180 ' The Classical Review ' 
XXVI 47-48. 

(2) Qui il diminutivo assume il valore di vezzeggiativo [dilectis tenere 
servidis) ; e fu appunto questa modificazione che contribuì allo scadi- 
mento del diminutivo (Wolfflin, Bemerkungen cit. ' Philologus ' XXSIV 
154 sgg.). 



— 281 — 



DE CODICE CAVENSI INEDITO 
' VITAE ALEXANDRI MAGNI ' 

LEONIS ARCHIPRESBYTERI 
ACCEDUNT ANIMADVERSIONES CRITICAE 
IN EDITIONEM LANDGRAF 



I. 

De codice. 



CodexCavensisn°39. 

(antea Perusinus, aut certe Perusia adlatus est; nam in margine dextro 
primi fol. recto est scriptum: comprato in Perugia per due baiocchi e 
mezzo 1719). 

Continet, ut in parte superiore primi fol. recto manus posterior cha- 
ractere cursivo exaravit, ' Alexandri magni vita ' Leonis archipresbyteri 
Neapolitani (saec. X). 

Exstant fol. 59 recto et verso, cum postrema desiderentur. Membra- 
naceus (membranis minusculis), saec. XIV, scriptura gothica binis co- 
lumnis linearum 22. 

Primae litterae capitulorum sunt alternis vicibus colore caeruleo et 
rubro. Compendia scripturae quam plurima : ae et oe semper = e ; per, 
prae, prò notis breviatis fere significantur, itemque plerumque coni vel 
con in initio verborum (cf. autem f. 16", c.2q[=quo] adunasti = coa- 
dunasti) etc. Nonnullae lacunae. Correctiones et additiones maximam 
partem marginales altera manu scriptura, quae dicitur humanistica. 
Menda tamen non sunt correcta haec: f. 1% e. 1 stellas {= stellarutn) 
cursum computantes ; f. 1", e. 1 vultus (=virtus); f. 1", e. 2 fortitudine 
anni {= animi); f. 8", e. 1 fortius {=fortis); f. 17', e. 2 cruci te affligi 
{=affigi); f. IS'', e. 1 classico berta {= bello) etc. 



— 282 — 
IL 

De recensione codicis Cavensis. 



Vitae Alexandri Magni conferimus editionem criticam, quam curavit 
L(andgraf): 'Die Vita Alexandri Magni des Archipresbyters Leo (Historia 
de preliis) nach der Bamberger und àltesten Munchener Handschrift 
zum erstenmal herausgegeben von Dr. Gustav Landgraf ' (Erlangen 1885). 
Conferimus etiam ' Kleine Texte zum Alexanderroman . . . nach der 
Bamberger Handschrift herausgegeben von Friedrich Pfister ' (Heidel- 
berg 1910). 

L. (p. 9) enumerat 19codd. : cod. Bambergensis (= B) saec. XI; cod. 
Monacensis 23489 (=M) saec. XII-XIII etc. Docet (p. 10) duo genera 
esse recensionum : unum antiquius, alterum recentius. Praeterea scribit 
(p. 10): " Wir unterscheiden sonach (mit Kinzel) eine dreifache Recension 
der Historia-Texte : 

Ree. I, vertreten durch B M, 

Ree. II, vertreten durch die drei Pariser Handschriften, den Bod- 
leianus und Seitenstettensis, 

Ree. Ili, vertreten durch G Be und die Drucke „. 

Videamus igitur, cum de materia aliisque quaestionibus breviter dixe- 
rimus, utri generi cod. C(avensis) adscribendus sit, deinde quibus codd. 
maxime consentiat. 

de orthographia. 

Voc. — o = m: fulgora semper ^^ fulgura, ponivi = punir i; etiam com- 
mandare = commendare (f. Be'", e. 2 sit t{i)bi re commandata : linea ducta 
per re prima manu) etc. 

Cons. — h falso additum: habiit (et abiit); duplicatio e: Babilloniam 
(v. Thes. Il, 1653, 44 ss.), camelloriim (v. Thes. Ili, l, 201, 67 ss. : alias 
carnei-) etc. 

d = t: capud semper (aut cap) = caput', 
d==g: in navidiis (f. 1", e. 2), navidia (f. 19'', e. 2); 
v = h: cavallus ^ càballus (4": saepius cab-) 
nn=>mn: sonnus = somnus (f. 5'', e. 1 exurgens..a sonno); 
ohsculari semper = osculari [osculari osculum os: obsculari falso, quasi 
insit in verbo oh praepositio); 



— 283 — 

? ahlatus = allatus (f. 29", e. 1 ablatum [ali- ali. codd.] est iìli et 
vas aliud ... allatores enim vasculorum etc. 

Deci. — fatus {Z")=fatum (semel : f. 36', e. 1, ubi etiam B ali. codd.); 
tristus (cf. ital. tristo) = tristis (f. 17'', e. 1 tristos effectos) etc. 

membranum = membrana (f. 16", e. 1 in membrano) ; agrum = ager 
(f. 33'', e. 2 agrum magnum: cf. exemplum neutri generis Itala loh. 4, 5 
cod. Cantabr. [Thes. 1, 1282, 22 s.]); evena = ebentis (ijlevos) (f. 42'-, e. 2 
lacunaria de evena); armae = arma (f. 44", e. 2 omnes armae: cf. Ititi. 
Ant. Plac. 41, p. 187 Vind. [Thes. li, 590, 36 s. v. Appel De gen. neutr. inter. 
in ling. lat. 57 j). 

milex ^= miles (f. 28'', e. 1: cf. Prob. app. miles, non milex); 

locuplex = locuples (f. 37"', e. 1 : cf. Fulg. de aet. mund. et hom. p. 142, 
19 ed. Helm). 

Coniug. — fugìit (et fugit) ; vi{n)cebo (f. 9", e. 2 : corr. altera manu in 
margine cani); dubitari medinra, hlasphemari = hlasphemare; viret = vivit 
(f. 54% e. 2) etc. 

quae contineantur. 

Prima verba haec sunt : Sapientissimi namque egiptij scientes mensuram 
terre, atque undas maris dominantes. etqs. Ultima: ... Hec sunt illa tor- 
menta que vobis doctores vestri dixerunt. que vos. 

f. 52", e. 2 — SS'", e. 2 ' epistola Alexandri ad Dindimum, regem 
Bragmanorum ' (coniuncta narrationi, idque hoc modo : Cumque 
vidisset alexander quia nullo modo potuissent transire ipsutn fluvium ])ropter 
heluas. vocavit ipsos bragmanos quos viderant (w) ipsum fluvium ! statim 
unus ex ipsis cum parva navicula navigans quiete venit ad euni. Dedit 
autem iìli alexander unam epistolani ut portaret cani ad dindimum regem 
bragmanorum continentem ita.). 

fol. hZ^, e. 2 (1. 21) — 59", e. 2 ' epistola Dindimi ad Alexandrum ' 
(prima responsi© Dindimi) usque ad verba, quae supra attulimus (desunt 
igitur panca: cf. Pfister p. 16, 22). Incipit ita,: Dindimus Bragmanorum 
didascalus. Alexandro regi regum gaudium. (B Dindimus nomine Brag- 
manorum magister vitas eorum referens. Haec locutus est: v. Pfister p. 6) 
Cognovimus per tuas licteras. quia desideras scire quid sit perfecta sa- 
pientia. etqs. (cf. B Cognovimus de te, Alexander, quia etqs. : v. Pfister 
p. 11). Et alia etiam, ut Dindimus Bragmanorum didascalus etqs., in 
' epistola Dindimi ad Alexandrum ' C tradit, quae secundum B pertinent 
ad ' Dindimus nomine Bragmanorum etqs. ' (cf Ps. Cali. 3, 12, et Ps. Ambr. 
de moribus Brachmanorum): C uno termino mortis vitam nostrani {vita 
nrà\) finitur. quia non vivet plus unus de altero = B uno termino mortis 



— 284 — 

vita nostra finitur, quia nulhis de nobis plus vivit de altero (v. Pfister 
p. 7) etc. 

cui generi recensio adscribenda sit. 

Recensio C, etsi multa ducit ex antiquiore genere, generi recentiorì 
potius tribuenda est. Praeterquam enim complura sunt interpolata, ut 
quae spectant ad laddum, ' pontifìcem ladaeorum ', et ad adventum Ale- 
xandri " HierusoUmam ' (cf. L, p. 53 in n.) etc, deest prologus (cf. L. pp. 8, 
10, 25 in n.), et verba ipsa prima declarant: Sapientissimi namque Ae' 
gyptii (codd. recensionum recentiorum) >• Sapientissimi namque Aegyp- 
tiorum (codd. recensionum antiquiorum : cf. Ps. Cali. A oi yÙQ aocpòtaToi 
z&v AlyvTttltùv). Cf. etiam L. p. 30 in n. 1 ; p. 30 in n. 11 ; p. 38 in n. 16; 
p. 42 in n. 1; p. 108 in n. 17 etc. : ubi C cum recensionibus recentioribus 
concordat. 

Recensio C praeterea aliqua hic atque illic addit. 

p. 35, 5 L. habens in fronte cornua. Q-{- arietina: cf. lui. Val. 
1, 3 p. 4 ed. Kubler temporibus tamen atque fronte arietis cornibus 
asperatum; l,4p. 7 arietis tamen cornibus insignitum; 1, 4 p. 8 capite 
a r i e t i n 0. 

p. 39, 11 s. L. oculi eius noti similabantur ad alterum; sed iinus est 
[erat M) niger atque albus est ( — M) alter. C octdi eius magni m i- 
c ante s et non similabat unus ad alterum, set unus erat niger et alter 
claucus: cf. lui. Val. 1, 7 p. 12 oculis egre gii decoris, altero 
admodum nigra quasi pupilla est, laevo vero glauca atque coeli similis etc. 



III. 

De recensione codicis Cavensis cum aliis comparata. 

a. C concordat cum B M, dissentiens ab aliis. Idque tamen raro : 
p. 31, 14 L. debet venire B M, d. reverti C — veniet GS; 
p. 47, 8 mi mater, noli tenere (BMC) malam voluntatem patris — 
ti mere G S [L.] : cf. Ps. Cali, f^ìi àyavdKxst,, et lui. Val. 1,15 p. 25 ne 
moveare, mi mater, super hisce, quae in te egerii rex maritus; etc. 

/?. C concordat (etiam vel unus) cum B, dissentiens ab M. Cum exempla 
huius generis et posteriorum sint multa, panca tantum adferemus : 



— 285 — 

p. 31, 6 L. (et C) tidit aurum quantum portare lìotuit — tulitque secum 
aurum quantum j)otuit portare M 

p. 31, 7 L. mduens se linea restimenta — non est se M; 

p. 36, 7 L. percussit eam in utero — pcrcussit uterum eius M; 

p. 38, 20 terremotus (cf. ital. terremoto etc). L. terrae motus; 

p. 39, 5 L. nutriatur in m etnoria m (B S C), quasi proprius sit 
meus fìlius et quasi sit ille, qui mortuus est mihi ex alia uxore (cf. Ps. 
Cali. iQecpéad'ù) elg fivrjfA,rìv zov zeÀevTyaavzóg /a-ov Ttaidòg yevvr^&évTog 
èK z^g TCQOTÉQag ftov yvvaiHÓg, et lui. Val. 1, 6, p. 12 inque memoriam 
eius, qui mihi natus occubuit de prioribus nuptiis) — in memoriam meam M, 
mei [Ekkeliards]; 

p. 40, 15 L, intellige, quid cogitai de me facere — cogitet M; 

p. 41, 8 L. fatum tnum agnoscis?... etiam fortiter — bene M; 

p. 44, 2 L. sic et ille blandiebat {blandiebatur C) Alexandre — de- 
sunt M; 

p. 44, 19 aridorum. L. Arideormn; 

p. 44, 21 L. fatu — fato M ; sic etiam p. 49, 1 L. fatus {factus G) 
quem — fatum quod M ; 

p. 45, 15 L. per arma — desunt M; 

p. 46, 16 L. cum baculo — bacillo M ; 

p. 51, 9 L. Pharanitidam (C, faranitidam B) — saranitidam M; 

p. 52, 15 L. Ascalonam (v. Thes. II, 751, 44 ss.) — scalonam MGS; 

p. 60, 15 multitudine — multitudinem MGS [L.] ; 

p. 61, 12 L. Amonta BGSC {Amonta ^ Amunta inscr. [Thes. I, 
2031, 1]^ Amyntas = ''AfivvTag) — Atninta M; sic etiam p. 62, 6; 

p. 62, 10 per SOS. L. Persas. 

p. 72, 6 cum principibus meis atque rhetoricos vestros. L. rhe- 
toricis vestris. 

p. 89, 11 L. Perses — Persae M; 

p. 98, 9 L. fatualis — fatalis M ; 

p. 99, 21 usque eli ad a — elladam M [sic Elladam L., sed fortasse 
minus recte, cum usque cum abl. exempla sint etiam apud scriptores 
aetate aliquanto superiores] ; etc. 

y. C concordat (etiam vel unus) cum M, dissentiens a B : 

p. 38, 1 hoc — L. illud; 

p. 38, 7 exivit — L. exiit; 

p. 39, 11 leonis {coma leonis C): recte? cf. lui. Val. 1, 7 p. 12 «^ 
cornac sunt leoninae — L. coma capitis eius siciit leo; sic etiam p. 39, 13 
leonis (cf. Ps. Cali. A rò oh dQ/^tjfia Àéovzog dy^Cov, et lui. Val. 1, 7 
p. 12 profususque omni spiritu et impetu, quo leones) — L. impetus vero 
illius sicut leo fervidus; 



\ 



— 286 — 

p. 43, 7 indomitus MGSC — ^L. indomahilis caballus ; 

p. 43, 11 cancellos — L. cancellas (cf. cancella =^ cancellus Brev. de 
Hier. p. 153, 15; p. 154, 2 et Gloss. [Thes. Ili, I, 228, 15 ss.] (1)); 

p. 46, 1 sonuerunt — L. sonaverunt (cf. Itala psahn. 45, 4 etc); 

p. 52, 2 Alexander — L. Alexandre (Ps. Cali. 'AÀé^avÒQe) ; 

p. 72, 11 quilibet (ut fere dicitur: cf. quidam *quisdam, qulvis, et v. 
Walde Lat. etym. Wort? 636) — L. quislibet ; 

p. 72, 16 yposterien aut ypostenen C (fortasse recte : cf. Ps. Cali. 'Irc- 
noad'évìjv), ypostenem M — Upost heni B [L. Uposthent] 

p. 73, 7 Lacedemones C, Lacedomones M, Lacedomonie B. Ekkehards 
Lacedemonii, L. Lacedaemonii conferens p. 74, 20 Lacedaemoniis. An La- 
cedaemones'i Quod saepius in codd. invenitur, nec piane non probandum 
apud scriptores aetate inferiores. Fortasse factum ad similitudinem Ma- 
cedones Manedóveg (cf. ceterum Lacones AccHoveg); etc. 

(5. C dìssentit a B M, concordans cum codd. der jungeren Re- 
cension: L. p. 29 in n. 2 domantes (OFC); p. 32 in n. 1 et idciscet 
{jtuebitur S) vos de inimicis vestris = C et ulciscetur vobis de inimicis 
vestris; p. 34 in n. 7 S quia dicunt mihi homines = C quia dicunt ho- 
mines {quia dicis BM, L. quia dicunt); p. 35 in n. 18 narravit (OSC); 
p. 43 in n. 13 erigens (GSC); p. 44 in n. 12 ornamenta (G S C) ; p. 51 
in n. 21 victimas (GSC); p. 54 in n. 4 de aspectu et statura (GSC); 
p. 57 in n. 14 missos (GSC); p. 73 in n. 12 super murmn{Gt^QÌ); p. 93 
in n. 15 unde ego originem duco (GSC); etc. 

V. etiam de textu corrupto in B M : L. p. 32, 8 ; p. 38, 7 ; p. 47, 14 ; 
p. 61, 7 etc. Sic p. 62, 7 L. fortes sunt et quia multos meos milites oc- 
cidit = G C fortes sunt et multos quippe meos milites o e ciderunt (L. 
adnotat: " vielleicht richtig „); p. 82, 18 L. Fictir (C recte sphictir =^ Fs. 
Cali. A Hjriyd-ì^^); etc. 

s. Exempla lectionum contaminatarum 

p. 35, 5 L. canos barbamque ornatam [et canos M) (2) — barbam canis 
ornatam OS: C et barbam canos ornatam 



(1) Korting Lat.-rom. Wort? n'> 1815, 224: " cancelliis ...; daneben 
*caiicella f. „. 

(2) Intellege: canos (i. e. capillos canos) et barbam ornatam (cf. Serv, 
Aen. 6, 300 veteres ... ornabant ... barbam). Cf. lui. Val. 1, 3 p. 4 canum 
caesarie dicit et ore praelepidum; 1, 4p. 7 facie formosum et canitie cae- 
sariatum capitis et genae. 



— 287 — 

p. 45, 11 L. secundum doctrinam nntivitutis suae — per doctr inani 
et nativitatem suani GS: C secundum doctrinam et nativitatem suam; 

p. 46, 1 L. sonaverunt tuhas — sonnerunt tiibae M : C sonuerunt tubas 
(addit hellicas) ; 

p, 56, 13 L. ìioc dico: dedecus est B — hoc dico propter dedecus, quia 
turpe es^ M : C turpittido et dedecus est; 

p, 87, 17 L. Eimilo (cf. Ps. Cali. Ev^itjÀos) — emilio M : C Eu- 
milio; etc. 

CONCLUSIONES 

A) C, cum eoncordat cura S G etc. (id est cura recensionibus ge- 
neris secundi et tertii), tum vero cum BM (id est cum recensionibus 
generis primi). 

B) In genere primo C saepius eoncordat vel unus cum B etiam in 
rebus orthograpbicis. Quod maximo documento fieri intellegitur, prae- 
sertim cum constet B antiquissimum praestantissimumque in Italia con- 
scriptum esse. 

C) Congruentia CM parvi ducenda est, cum spectet piane ad lectiones 
emendatiores. Etiam argumentari licet non C pendere ex M, sed potius 
fuisse recensionem antiquiorem quam M eamque oj)eris exemplari 
propriorem. 



IV. 

Voces notabiles quae propriae videntur 
esse codicis Cavensis nec inveniuntur apud Du Gange. 

exploratìcins. 

f. 3"", e. 1 septem splendidissima astra explorati ci a (stellas explo- 
ratices ali. codd.) horarum nativitatum hominum. 

exploraticius etc. sensu activo. An vox facta ad similitudinem nata- 
licius {sidera natalicia etc.)? 

zocani. 

f. 16^, e. 1 direxit ei pilam ludricam et zocani, quod factus ifact'') 
est de vìrgis, qui ctirvantur a capite, ut luderet cum eo, seu et cantram 
auream et epistolam continentem ita. f. 17', e. 1 tibi dirigo pilam ludricam 
et zocani, cum quo ludas, et cantram auream, cum quo (sic) exerceas et 
cogites iocundi causam. et alibi. 



- 288 — 

zocani = virgam cxirvatam vel curvam ali. codd. (v. p. 54 L. et alibi) 
= ìiàbenam {Scythicam) lui. Val. 

decresci©. 

f. 30^, e. 1 hoc prodigium desolationis est domus meae et decrescio 
(descrescio : punctum prima manu) regni Persarum. 

Cf. vidit signum desolationis domus suae GS (v. L. p. 90 in n. 22). 
decrescio a decrescere (ital. discrescere). 

pietare. 

f. 36"", e. 2 pie t et ìnisericordia tua uxori meae. 

Cf. p. 98, 19 L. vigeat benignitas tua uxori meae. lui. Val. 2, 33 p. 105 
colite uxorem etiam meam. 
pietare a pietas. 

melodificare. 

f. 42", e. 1 et quando volebat {volehàt = volehant) Porus rex, per mu- 
sicam omnes {scì\. aves) melodificahant sectindum suam naturam. 
melodificare a melodia (fieÀqìdla) et facere. 

minuare. 

f. 56", e. 2 vos Pactoli atque Hermi fluvios splendidos auro currentes, 
absque colore et pauperes reddidistis ; vos in illum fluvium (sic) bibendo a 
cursu suo minti astis (1). 

minuare = minuere. Cf. Kòrting n° 6187, 656: " *inmuo, -are (schri- 
fiat. minuere), verminden ; ital. menovare ...; p r o v. minuar; frz. 
minuer , etc. 



Animadversiones criticae in editionem Landgraf. 

p. 49, 16 L. quis (BG, qui MC) ex vobis arma voluerit, tollat ex meo 
palatio et praeparet se ad proelium , et qu i noluerit , armet se ex 
armis suis. 

L. adnotat: " vielleicht ist quisque = quicunque zu lesen „. 



(1) In ' epistola Dindimi ad Alexandrum ' : Cf. lui. Val. 3, 36 p. 144 
interfluere Argyritum flumen et alium Pactolum fluvium mirabatur; sed 
utrumque alveum auro divitem et prae nimietate auri interfluentis aquae 
quoque aurigantem color em. 



- 289 — 

quis (relati vum) = g«« (quid = quod): cf. Festus quis volet magistratu$ 
facere, faciat. Geli. 13, 23, 8 qriis erat egregia et praestanti fortitudine, 
Nero adpellatus est. 



p. 52, 3 L. Alexandre, potes mutare hunc motitem et portare illuni? 

Cf. Ps. Cali. 'AXé^avÒQE dvvaaat fisva&elvac zovzo zò Sgog elg zovzo 
tò lAéQos; et lui. Val. 1, 31 p. 41 potesne, alt, o tu fortissime, molem hanc 
montis in diversa transducere 

L. : " illum] vielleicht ist illuc zu lesen ,. 

Tamen mutare = mutare [de loco sho\ cf. infra iste mons non transfe- 
retur {transfertur M, mutabitur C) de loco suo. Et amplius addit et p)or- 
tare illum ( : portare = sustittere + ferre). Cf. portare illum = ital. x>or- 
tar{eyio : p. 55, 21 L. apprehendere homines ipsos et crucifìgere ili os; 
p. 58, 1 ss. apprehendatis illum atque adducile ili u m ... flagellem 
ili u m et induam ili u m purpura et dirigam Ulti m etc. 



p. 53, 2 L. audierunt Aegyptii adventum Alexandri ; exierunt obviam 
illi atque suhiugati sttnt ei et honorabiliter portaverunt eum Aegyptii. 
Introeunte vero Aegyptum invenit etqs. 

egyptum C. Quod Aegyptum magis convenit quam Aegyptii (quod ante 
dictum est). 



p. 56, 12 L. terreno regi regum Dario. 

L.: " regum] regni, fehlt M; zwischen regni und dario ist in B eine 
Buchstabe radiert. Ich habe regum geschrieben nacli. Ps.-Call. ^aoiÀet 
^aaiÀéùìv; s. zu p. 54, 8 „. 

Sed secundum p. 54, 8 rex regum terrenorum dici oportuerat: terre- 
norum regi regum Dario. Portasse {Dario regi terreni regni C): terreni 
regni regi Dario. 



p. 57, 14 L.; p. 59, 18; p. 61, 14; p. 62, 1; p. 88, 15: apocrisiarius 
(apocrisarius B). Etiam p. 71, 18; p. 88, 10 apocrisiarius (etiam B?). 

L. p. 57 in n. 14: " apocrisarios] B, die gew, Form ist apocrisiarius M ,. 

Restituenda forma apocrisarius. V. apocrisarius et apocrisiarius Thes. 
II, 242, 52 ss. 

Rimsta di filologia, ecc., XLI. I 19 



290 — 



p. 29, 12 navidia (B); p. 31, 2 navìdia (B); p. 74, 5 navidia (BSC). 
L. in testu naviyia. Cf. cap. IL 

L. p. 74 in n. 5: " navidia schreiben hier B und S, wie 193 e u. o. 
Vielleicht stand im urspriinglichen Text naviclia (navigium = ital. 
naviglio) und das wurde von Abschreiber navidia gelesen und ge- 
schrieben ,. 

ital. naviglio (cf. navilio, navile) = navigium?? An ratio scribendi na- 
vidium falso ducta eo, quod lat. -gi- et -di- -\- voc. (cf. corrigia invidia etc.) 
idem ("V") fierent romanice? Cfr. ex. gr. puledium {= puleium vel 
pulegium) : Anthim. 3 et 58 (Gg), v. ed. Rose Index p. 56 etc. 



p. 86, 2 L. Dario regi mater dirigit filio gaudium. 

L.: " dirigit illi] B; ich habe filio geschrieben nach Ps.-Call. in A 
AaQsl(p TÉavq) %aÙQsi,v; illi fehlt M ,. 

Portasse : Dario regi filio mater dirigit illi gaudium (cf. C regi Dario 
dulcissimoque filio, mater eius dirigit illi gaudium). Hic usus abundans 
pronominis ad nomen ante positura spectantis proprius est sermonis 
vulgaris, maxime romanici (Diez Gramm. § 807^ 9). 



p. 104, 27 L. si elementa huius aeris videlicet tonitrua et fulgura et 
plenitudo aquarum sustinere non potuerunt indignationem deorùm, 
quanto magis homines? 

L. : " quanto magis] Es wird zu lesen sein qu. minus „. 

Intellege non: quanto magis homines possimi vel poterunt, sed: quanto 
magis homines non p o s sunt vel non poter u n t. 

Franciscus Stabile. 



291 - 



DI UN LUOGO CORROTTO DELL' " OCTAVIUS 



Al capo 23, paragrafo 6, dell'aureo libretto di Minucio Felice, leggiamo, 
secondo l'edizione critica di Carlo Halm nel "* Corpus Scriptorum Eccle- 
siasticorum „ di Vienna (1867), pag. 33 

" lllic Vulcanus Io vis fulmen cum Aeneae armis in incude fabricatur, 
cum caelum et fulmina et fulgura longe ante fuerint, quam luppiter in 
Creta nasceretur, et flammas vei*i fulminis, nec Cyclops potuerit imitari 
nec ipse luppiter non vereri „. 

La parola Vulcanus THalm volle stampata in corsivo, ritenendo cor- 
rotto il passo, e nel commentario critico a pie di pagina annotò: " Vul- 
canus supplevit Ursinus , (1). 

Nella Patrologia latina del Migne il luogo teste riportato manca della 
parola Vulcanus (2), e nella nota Heumannus così commenta : " lllic 
[Vulcanus]. Deh posterius verhum, quippe in ms. non repertum, sed in 
editione demum romana (3). Omiserunt ìgitur jure id verbi suis in editio- 
nibus Rigaltius, Davisius, Gronovius ,. 

Ora Vergilio, al quale in questo passo attinge Minucio, nel libro Vili 
dell'Eneide, al v. 424 seg., parlando appunto del fulmine di Giove fab- 
bricato dai ciclopi nella fucina di Vulcano, ha i seguenti versi: 



(1) Si tratta dell'edizione romana data nel 1583 da Fulvio Orsini, 
della quale si può vedere ciò che ne dice brevemente D. Nic. Le Nourry 
nella sua " Dissertatio in Marci Minucii Felicis librum qui Octavius 
inscribitur „ (nel voi. Ili del Migne, Patrologia latina, col. 381 seg.; 
dell'ediz. ursiniana vedi alla col. 402). 

(2) Migne, Patr. lat., cit., voi. Ili, col. 320 [caput XXII delV Octavius, 
secondo tale edizione] ; ivi così troviamo il luogo minuciano in que- 
stione : " lllic lovis fulmen cum Aeneae armis in incude fabricatur, cum 
coelum et fulmina et fulgura longe ante fuerint quam lupiter in Creta na- 
sceretur, et flammas veri fulminis, nec Cyclops potuerit imitari, nec ipse 
lupiter non vereri „. 

(3) È l'edizione di Fulvio Orsini, della quale vedi sopra, nota. 



— 292 — 
Aen., Vili, 424-428: 

Ferrum exercebant vasto cyclopes in antro 
Brontesque Steropesque et nudus membra Pyracmon. 
His informatum manibus, iam parte polita, 
Fulmen erat, tote genitor quae plurima caelo 
Deicit in terras; pars imperfecta manebat. 

Che l'apologista cristiano attinga al poeta di Mantova, è possibile 
pensare quando si consideri l' identità dell'argomento, anche nei parti- 
colari, quale ad esempio quello dell'esser poste contemporanee le due 
fabbricazioni, quella del fulmine di Giove, e quella delle armi di Enea 
(in Vergilio, nei versi che seguono a quelli riportati), e quando si 
pensi inoltre che gli apologisti, e l'elegante Minucio in particolare, non 
disdegnano dall'usufruire i classici, che loro apprestavano sia il largo 
materiale mitico — come nel nostro caso — e quello storico, sia 
spunti molteplici e temi svariati d'imitazione. 

Supposta la derivazione vergiliana del luogo delV Octavius, notiamo per 
ora che nel poema si parla del ciclope Pyracmon e dei compagni suoi, 
gli altri ciclopi, i quali fabbricano a Giove il fulmine e ad Enea le 
armi, non di Vulcano, che solo si limita a dar l'ordine — mi si passi 
l'espressione — ai suoi operai. 

Ma non possiamo valerci di Vergilio per la conclusione cui tendiamo 
intorno a Minucio, senza aver prima considerato un altro punto. 

Quel poeta apologista tanto caratteristico, del 111 secolo a. C, Com- 
modiano, che appare assai spesso non alieno dall'attingere ai classici 
e in buona misura trarre materiale dagli apologisti che Io precedet- 
tero, Tertulliano e Minucio, sia nel campo della fonte concettuale, sia 
in quello dell'imitazione, in due luoghi delle Instrnctiones mostra di 
aver conoscenza di quel passo di Minucio di cui trattiamo. 

Voglio dire del verso 4 dell'acrostico V, lib. I /«s^rncifj'ontfs (intitolato: 
luppiter) : 

Praeterea sceptra fecerat faber illi [lori] Pyracmon; 

e dei versi 23-24 dell'acrostico VI, del medesimo libro I (intitolato: De 
fulmine ipsius lovis audite): 

Dicitur et fulmen Cyclopas illi fecisse, 
Inmortalis enim habuit a mortalibus arma (1). 



(1) Seguo nella trascrizione, l'edizione critica di B. Dombart, nel 
Corpus Scriptorum Ecdesiasticorum, Vindobonae, 1887. — Il primo verso 
riportato è a pag. 8 di tale edizione, i due altri a pag. 10. 



— 293 — 

Se avviciniamo questi due luoghi commodianei, li ravvisiamo subito 
intimamente connessi l'un con l'altro, e concernenti proprio — per quanto 
riguarda Giove — il medesimo contenuto dei versi vergiliani e del luogo 
minuciano, sopra riportati. 

Come Commodiano non solo si mostra non ignaro delle raccolte mi- 
tografiche che eran frequenti all'epoca sua, ma spesso attinge diretta- 
mente dai poeti, che avevan dato bella veste a quelle favole che egli 
spietatamente satireggia, non è da escludersi che per quei due punti 
egli abbia letto Vergilio : ma anche Minucio ebbe certo presente, e 
forse si può pensare con maggior probabilità che Vergilio sia giunto 
a lui attraverso quello che dal mantovano aveva tratto Minucio. 

Ad ogni modo, sia che i due apologisti, Commodiano e Minucio, siano 
indipendenti l'un dall'altro e abbian per fonte comune Vergilio, sia che 
Commodiano abbia attinto a Minucio — e ciò è più probabile — nel 
poeta delle Instructiones si parla di ciclopi e di Pyracmon, non di 
Vulcanus. 

Ora nel passo minuciano sopra trascritto, dopo un Vulcanus in prin- 
cipio (rigo 11 pag. 33 ediz. Halm cit.) avremmo sulla fine (rigo 14 pa- 
gina 33 id.) un Cyclops che gli corrisponderebbe; Vulcano — inutile 
ridirlo — era tutt'altro che un ciclope, dunque solo è ragionevole quel 
Cyclops proprio in quella posizione determinata, se si pensi attribuito 
veramente ad un ciclope ; e questo ciclope , considerato il passo vergi- 
liano e i due luoghi commodianei, non può essere che Pyracmon. 

Allora si presentano due ipotesi : 

I. quel Cyclops in numero singolare è detto in senso generico 
pei ciclopi, e in tal caso può mantenersi ciò che supplì " Ursinus „: 
Vulcanus ; 

IL si accenna ad un ciclope determinato di cui si fa menzione 
poco più sopra nel passo stesso — e la maiuscola del testo nostro in 
luogo della minuscola dei codici (1) pare indicare che lo Halm voglia 
riferirsi ad un determinato ciclope — e in tal modo una probabile 
emendazione del luogo corrotto può essere quella di Pyractnon in luogo 
del Vulcanus dell'Orsini. 

Pavia, giugno 1912. 

Pier Luigi Ciceri. 



(1) Nell'apparato critico a pag. 83 dell'ed. cit. di Minucio, lo Halm 
ha: cyclobs P-{arisinus num. 1661). 



— 294 — 



SCHEMA DI UN TRATTATO DI PAPIROLOGIA GRECA 

DI TESTI LETTERARI 

A PROPOSITO DI UNA RECENTE PUBBLICAZIONE (*) 



La Papirologia è una scienza nuova, di cui soltanto da pochi anni in 
qua si son venuti raccogliendo gli elementi. Parlo, s'intende, della Pa- 
pirologia, che possiamo chiamar ' classica ', e in special modo di quella 
greca, esclusi quindi tutti i papiri in lingue orientali, cioè gli egiziani 
(nelle loro tre categorie, ieratici, demotici, coptici), gli aramaici, gli 
ebraici e siriaci, i persiani, gli arabici, dei quali, e particolarmente dei 
primi, esistono, come è noto, collezioni e cataloghi e crestomazie. Ap- 
punto fra' primi, moltissimi papiri documentari in scrittura demotica 
di tutto il tempo dei Tolemei e fino ai tempi dell'impero romano hanno 
grande importanza per noi contenendo testi paralleli ai papiri greci. 

La raccolta degli elementi per la Papirologia greca diventa più co- 
piosa di giorno in giorno per le continue scoperte di papiri letterari, 
documentari, epistolari, e oramai si può fare oggetto di trattazione si- 
stematica anche questa branca delle discipline filologiche. Ciascuna delle 
due classi di papiri indicati — gli epistolari sono documentari — richie- 
derebbe, a mio avviso, un trattato speciale, cioè uno i papiri letterari, 
e uno i documentari ed epistolari. Che il contenuto dei testi sia diverso 
— e diversa quindi anche la lingua, nei documenti e nelle epistole la 
Koivri — non occorre dire; ma non sarà forse inutile ricordai-e che ci 
sono fra gli uni e gli altri molti divari formali, a cominciar dalla scrit- 
tura in tutte le sue particolarità : la forma delle lettere, i loro nessi o 
legamenti, e le abbreviature, le contrazioni, le sigle o simboli, ecc.: la 



(*j Ludwig Mitteis tmd Ulrich Wilcken. Grimdzuge tmd Chrestomathie 
der Papiiruskunde. Historischer Teil (di Ulrich Wilcken); Juristischer Teil 
(di Ludwig Mitteis). 2 voli, in 4 parti, risp. di pp. lxxii-437, viix-579, 
xviii-298, vi-430. Leipzig-Berlin, B. G. Teubner, 1912. 



— 295 -- 

paleografia dei papiri documentari non è in tutto la medesima che 
quella dei letterari. Piìi cose si trovano in questi che mancano in quelli 
e viceversa : fra altro, dati sticometrici che in documenti non hanno, ne 
avrebbero in alcun modo ragion d'essere, come non possono averne 
(escluse le soscrizioni) in testi letterari dati cronologici. E va tenuto 
conto anche del campo degli studi in cui rientrano i vari papiri: filolo- 
gicamente tutti interessanti per molti riguardi; ma dove i letterari han 
massimo valore per i filologi, i documentari in genere per gli storici, i 
giuridici in ispecie per i cultori della scienza del diritto. Posto tutto 
ciò, è evidente che un trattato di Papirologia di testi letterari non possa 
essere la stessa cosa che un trattato di Papirologia di testi documen- 
tari, per quanto più elementi siano comuni ad entrambi. 

Secondo la mia modesta opinione, un trattato di Papirologia greca 
di testi letterari, il quale, ben s'intende, non può essere se non opera 
scientifica nel senso assoluto della parola — un trattato elementare non 
servirebbe a nulla — dovrebbe comprendere un'ampia introduzione con 
sommarli accenni preliminari al campo e all'oggetto della nuova disci- 
plina, e con notizie esaurienti intorno al papiro come materia scrittoria 
e come libro, aggiunta tutta, dico tutta e perciò senza esclusioni 
odiose, la bibliografia relativa. Qui, e del resto per tutto il lavoro, potrà 
rendere buoni servigi il libro dell'Hohlwein, La impyrologie grecque. Bi- 
hliographie raisonnée. Ouvrages puhliés avant le 1" janvier 1905 (Lou- 
vain, 1905). Un'introduzione simile sarebbe, naturalmente per la parte 
che riguarda il papiro come libro, affatto fuor di luogo in un trattato 
di Papirologia di testi documentari ed epistolari. Notizie esaurienti 
(meno però che per i papiri ercolanesi), quali io credo necessarie per il 
nostro trattato, con bibliografia senza lacune — in qualunque lingua 
siano scritte le opere intorno al soggetto — si trovano nella seconda 
recente edizione, un vero capolavoro, della Paleografia greca del Gardt- 
hausen: Griechische Palaeographie. Erster Band: Das Buchwesen ini 
Altertum imd im byzantinischen Mittelalter (Leipzig, 1911), pp. 45 sgg. 
134-151. 

Per tornare al nostro trattato, lo svolgimento del tema potrebbe essere 
diviso in quattro capitoli, di cui il primo dedicato alla storia delle sco- 
perte e delle ricerche dei papiri letterari fino ai nostri giorni: dico — 
benché forse la distinzione sia troppo sottile — ' scoperte ' riferendomi 
ai papiri ercolanesi, ' ricerche ', agli egizii, frutto quasi tutti, e tutti 
negli ultimi anni, di scavi appositi (i papiri ercolanesi furono trovati, 
almeno i primi, per un mero caso) o pervenuti alle mani dei ricerca- 
tori per cornigera da negozianti ' del genere ' e da contadini. Cotesta 
storia dovrebbe fornire dati precisi, quali ora si pubblicano intorno 
alla provenienza dei papiri egizii; davvero fa meraviglia che a propo- 



— 296 — 

sito dei papiri ercolanesi in più di un trattato recente di paleografia si 
ripetano certi errori e si indulga al solito mal vezzo di dati approssi- 
mativi e quindi inesatti. Si continua a parlare di ' vetuste reliquie re- 
cuperate a Pompei', che sarebbero, ben inteso, i papiri ercolanesi! 
a Pompei di papiri non ne fu trovato nemmeno uno: anche l'ultimo, 
latino, scoperto nel 1870, venne fuori dalle rovine di Ercolano. Così si 
indica ancora come data della scoperta il 1752 senz'altro, o tutt'al piìi 
'dal 1752', mentre la data precisa è: 19 ottobre 1752 — 25 agosto 1754; 
ciò risulta da documenti ufficiali, della cui autorità e credi- 
bilità non c'è proprio ragione di dubitare. Anche si dice che i papiri 
ercolanesi sono 1700 circa; sono invece, compreso l'ultimo, 1814. Non 
che 1814 sia cifra esatta, neppur essa, a rigor di termine: come parecchi 
fra i papiri svolti pur essendo designati con un numero d'ordine diverso 
facevano parte in origine di un solo rotolo, così fra i non svolti molti 
non interi, e sono la maggioranza, possono essere frammenti di un me- 
desimo volume (per saperne qualcosa occorrerebbe svolgerli, e purtroppo 
moltissimi non sono svolgibili) ; ma ufficialmente i papiri ercola- 
nesi ora sommano al numero di 1814, e tanto vale darne la cifra uffi- 
ciale : ci vuol così poco! Nella storia dei papiri ercolanesi non dovrebbe 
mancare un cenno all'Officina e anzitutto al padre Antonio Piaggio, 
l'inventore della macchina di svolgimento, il quale cominciò a metter 
mano al suo lavoro precisamente (nemmeno qui la precisione dei dati... 
non guasta) nel 1753, non prima ne dopo: si deve pur prestar fede 
a lettere ufficiali di quel tempo, e alle lettere e alle Memorie 
autografe dello stesso padre Piaggio! Fonti recenti e sicure — vi è te- 
nuto conto non solo delle notizie fornite dai documenti ufficiali, ma 
anche di tutte le ricerche fatte precedentemente da altri — e quindi at- 
tendibilissime, della storia dei papiri ercolanesi e della loro Officina sono 
la ben nota Relazione del Comparetti, l'introduzione dell'opera dello 
Scott, Fragmenta Herciilanensia, e alcune pubblicazioni, su documenti 
inediti, di questi ultimi anni venute a luce neìV Archìvio storico per le 
province napoletane. Del Comparetti va tenuto presente anche il lavoro 
edito in Mélanges offerts à m. E. Chatelain : La bibliothèque de Philodème 
(v. Rivista XXXVIII 586-89). 

In appendice al primo capitolo io darei il catalogo completo, con la 
relativa bibliografia, anch'essa, per quanto fosse possibile, completa, di 
tutti i papiri letterari noti fino al giorno della pubblicazione del 
nostro trattato. Dovrà naturalmente precedere l'elenco delle varie col- 
lezioni di essi papiri con le abbreviazioni o sigle piti in uso adoperate 
per indicarle. Salvo errore, il primo in ordine di tempo di siffatti 
elenchi con le sigle, necessariamente ristretto, è quello pubblicato nel 
1901 dal Wilcken nella prima annata del suo Arckiv fiir Papyrusforschung, 



- 297 — 

pp. 24-28 ; l'ultimo, completo — non c'è che da agcriungervi la collezione 
dei Papiri della Società Italiana (1912), con la sigla proposta dal Vitelli, 
accettabilissima, PSI — si trova nell'opera, di cui dirò più giù, dello 
stesso Wilcken (e del Mitteis) V pp. XXV-XXVIII. Quest'ultimo elenco 
però in quanto è di collezioni di papiri documentari contiene assai più 
e ad un tempo assai meno che sia richiesto per noi ; per noi può essere 
di maggior vantaggio quello del Mayser, Grammatik der griechischen 
Papyri aus der Ptolemaerzeit... (Leipzig, 1906), pp. VII-X, da completare, 
specialmente riguardo ai papiri ercolanesi, con l'elenco dato dal Crònert 
in Memoria graeca herculanensis (Lipsiae, 1903), pp. 2-7, accuratissimo, 
dove tuttavia — sia detto unicamente, intendiamoci bene, in omaggio alla 
scienza e alla magis amica veritas (prego non dimenticar mai 
questa mia esplicita dichiarazione checche io debba osservare anche più 
avanti o abbia dovuto osservare in altre occasioni: sempre mi son pro- 
posto e ho preso per guida il tacitiano siue ira et studio) — non man- 
cano sviste e inesattezze (1). Le numerose pubblicazioni del Cronert 
intorno ai papiri ercolanesi hanno tutte, nessuna eccettuata, molto va- 
lore e sono tutte addirittura indispensabili per lo studio dei nostri pre- 
ziosi manoscritti. Il loro catalogo (parlo — l'osservazione è davvero 
oziosa, ma non si sa mai... — dei papiri svolti, e editi) è nell'opera 
quassù citata del Crònert, per i volumi col nome dell'autore e pochi 
altri, e precisamente a pp. 2-4, ma non rende inutili, tutt'altro, quelli 
precedenti, del Martini, del Comparetti e men che meno dello Scott; 
ai quali vanno aggiunti quelli del Wattenbach fpp. 20-21) e del Hae- 
berlin (pp. 389-396) sotto citati. A tutti, senza eccezione, compreso 
quindi anche l'indice, che tale è propriamente e vuol essere, del Crò- 
nert, sono da fare aggiunte e correzioni, dal 1903 in qua essendosi pub- 
blicati per intero o in parte vari papiri, dirò così, nuovi, disegnati e 
non disegnati, e in tutti e sei i cataloghi trovandosi, come ho potuto 
constatare più di una volta, qualche errore, che però non ne scema in 
nulla i pregi. Nel nuovo catalogo, quello per il nostro trattato, si dovrà 
anche accennare, per i singoli papiri elencati, alle fotografie degli apo- 
grafi oxoniensi, per le quali si potrebbe adoperare, crederei, la sigla 
F.O. Nel catalogo dovranno, s'intende, trovar luogo col loro numero 
d'ordine i papiri adespoti, che purtroppo sono la maggior parte; il loro 
inventario terrebbe dietro all'indice dei papiri coi nomi degli autori 



(1) A p. 3 fra' papiri del ^sqI y.oÀay.eias di Filodemo si indica il 245, 
che è invece uno dei papiri retorici dello stesso autore (v. Sudhaus, 
Philodemi Volumina rhetorica, Il 178-180). Nella medesima linea, per il 
pap. 237 si rimanda alla raccolta oxoniense VI 1576 : è invece 1578, ecc. 



— 298 — 

in ordine alfabetico. I papiri ercolanesi formano una classe a se, e anche 
il loro catalogo dovrebbe stare a se, ma nulla vieta che lo si possa fon- 
dere con quello generale degli altri papiri letterari ; qualora la fusione 
non si giudichi opportuna, basterà rimandare di volta in volta — Epi- 
eurus, Chrysippus, Philodemus, ecc. — dal secondo (generale) al primo 
(ercolanese). 

Il primo catalogo generale di papiri letterari greci, compresi i testi 
cristiani, fu compilato o, dirò più esattamente, pubblicato dal Wattenbach 
in Anleitung zur griechischen Palaeographie^ (Leipzig, 1895), pp. 9-22. 
Un secondo dal Couvreur nel 1896 : Inveniaire sommaire des textes grecs 
classìques retrouvés sur papyrus in Revue de philologie XX pp. 165-174. 
Seguì alla distanza ancora di un anno il catalogo del Haeberlin, Grie- 
chìsche Paptjri in CentralUatt f ih' Bibliothekstvesen XIY. 1897, pp. (1-13); 
201-225; 263-283; 337-861; 389-412; 473-499; 585 sg. Quarto venne il 
catalogo del Kenyon in The 2}alaeography of Greek papyri (Oxford, 1899), 
pp. 129-148. Per il catalogo del nostro trattato potrebbe benissimo servir 
di modello appunto l'indice del papirologo inglese, al quale son da fare 
tutte le aggiunte richieste dalle scoperte e conseguenti pubblicazioni 
di papiri letterari dal 1899 in qua. Notizie particolareggiate ne dettero 
noiVArchiv del Wilcken — Litterarische Texte mit Ausschluss der christ- 
lichen — il Cronert (I. 1901, pp. 104-120; 502-539. IL 1903, pp. 337-381); 
il Blass (IH. 1906, pp. 257-299; 473-502) e il Korte (IV. 1908, pp. 502-525: 
Menandro). Fino anche al 1906, e dal 1906 in poi occorre vedere i due 
'Rendiconti' (il terzo — voi. 131 [1906] pp. 36-240 — riguarda esclusi- 
vamente i papiri documentari) del Viereck, Bericht ilber die altere Pa- 
pyruslitteratur e Die Papyruslitt. v. den 70" Jahren bis 1898 in Bursimi's 
Jahresbericht voL 98 (1898) pp. 135-186. voi. 102 (1899) pp. 244-311; la 
Litteratur der Papyruskunde 1899-1900 (-1902); 1903-1904 del Wessely 
nei suoi Studien zur Palaeographie und Papyruskunde I 17-20. II 43-52. 
IV 122-136; gli altri 'Bollettini papirologici ', propriamente detti, di 
vari periodici di filologia classica e gli Annual archaeological Reports 
del Kenyon (Egypt Exploration Fund. Graeco-Roman Brandt). Fra i ' Bol- 
lettini ' sono specialmente degni di menzione quelli di Seymour de Ricci 
in Revue des études grecques dal 1901, e del Jouguet, Chronique des pa- 
pyrus in Revue des études anciennes dal 1903 (1902; v. Rivista XXXI. 1903, 
pp. 630 sg.). Un eccellente ' Bollettino ', non però limitato neppur esso 
ai soli testi letterari, si era cominciato a pubblicare anche da noi 
in Ausonia IL 1907, 161-196 (Varietà), ma dopo il primo, opera di 
G. Pasquali, nulla più, almeno finora, è uscito. Mi sembra superfluo ri- 
chiamar l'attenzione del lettore sui ' Papiri di Ossirinco ' — l'ultimo 
volume venuto a luce, nel 1912, è il IX — e sui Berliner Klassikertexte 
dal 1904. Bisogna tener conto di tutto, in modo che nulla assolutamente 



— L^90 - 

manchi nell'elenco o catalogo o indice o inventario : lo si chiami come 
si vuole, ma sia e o m p 1 e t o. Dei vari ' Bollettini papirologici ' e di 
tutti gli altri repertori ricordati si può trarre moltissimo profitto anche 
per la bibliografia dei singoli papiri elencati, quando siano stati ripub- 
blicati a parte o comunque abbiano dato occasione ad ulteriori indagini, 
caso non infrequente. Qui non sarà mai abbastanza raccomandata la 
massima esattezza e precisione, anche nei piìi minuti particolari: nessun 
maggior fastidio per chi cerca che il non trovare, e occorre trovar subito, 
su due piedi; il tempo ha un valore inestimabile, tanto piìi per noi, che 
agli studi non possiamo consacrare che le poche ore giornaliere, e quanto 
spesso notturne ! libere dalle nostre occupazioni di scuola e d'ufficio. La 
bibliografia dovrà sì essere succinta quanto è possibile, ma non schele- 
trica come nel catalogo del Kenyon, che se la sbriga quasi sempre così: 
subsequent editions hy Weil, Herwerden, Blass, Kenyon, Voyt...; le note 
bibliografiche, pur ridotte ai minimi termini, sono indispensabili. Ri- 
guardo alla bibliografia dei papiri ercolanesi, che per lunga serie d'anni 
non ebbero studiosi, ne italiani ne stranieri, non molte aggiunte sono 
da fare a quella del Comparetti {Relazione... pp. 66-74), messa in cor- 
rente fino al 1884 dallo Scott nel suo ' Catalogo dei facsimili [greci] di 
Oxford', pp. 19-50, e in particolar modo nelle pagg. sgg., 53-92: Groiips 
of connected roUs: aggiunte in massima parte fatte sino all'agosto 1897 
dal Haeberlin sopra citato (pp. 391-396). Necessita eseguire uno spoglio 
diligentissimo, minuto non solo dei vari periodici italiani e stranieri di 
filologia classica in genere e di filosofia, bensì anche degli Atti e Ren- 
diconti delle Accademie e di altri sodalizi scientifici dell'Europa e del 
Nord-America ; alle volte si trovano accenni, e non di rado più che sem- 
plici accenni, ai nostri papiri, per quanto sia relativamente ristretto il 
loro campo, dove meno si aspetterebbero. Ne saranno da trascurare i 
lavori di minor valore, che a qualcosa possono pur sempre servire: 
nidlus est liber tam malus ut non aliqua parte jyrosit è ancor oggi, e spe- 
riamo rimanga per molto tempo, una massima aurea! Cotesta appen- 
dice, di cui forse ho parlato troppo a lungo, sarà per gli studiosi di 
grande utilità. 

Soggetto del secondo e del terzo capitolo del nostro trattato avrebbe 
ad essere la paleografia dei papiri letterari : il secondo per i papiri del 
periodo tolemaico, il terzo per quelli del periodo romano. Da ciò è fa- 
cile intendere che mi attengo alla divisione stabilita dal Kenyon nel 
suo manuale sopra citato, che anche per questa parte può servire di 
modello. Dico ' servire di modello ' e non piìi, perchè, come notarono 
quasi tutti i critici (la recensione più ampia e senza confronto piìi auto- 
revole, e da tener presente, e quella del Wilcken, in Archir I pp. 354-370; 
non vanno dimenticate le sue parole di chiusa: * Kenyon hat dainit eine 



— 300 — 

Basis fiir alle weiteren Untersucìiungen gegehen ,), ed erano già molte, 
nel libro, le lacune pur rispetto al tempo della sua pubblicazione, di- 
pendenti dal fatto che l'autore si valse quasi esclusivamente dei mate- 
riali offertigli dalle collezioni inglesi, e dal 1898 in qua — è certo che 
il lavoro era finito appunto in quell'anno, sebbene il frontespizio rechi 
la data dell'anno dopo — la messe dei papiri è più che triplicata, e 
per conseguenza la valutazione del Kenyon di non pochi fenomeni pa- 
leografici ora risulta inesatta. Il suo lavoro va ringiovanito — mi si passi 
l'espressione — con la guida di tutte le pubblicazioni posteriori di pa- 
pirologia del Wilcken, del Wessely, del Cronert, dello Zereteli e di altri 
insigni papirologi, che al progresso degli studi intorno alla paleografia 
dei papiri hanno portato, in più modi, larghi contributi. Moltissimo gio- 
verà anche, indubbiamente, la seconda edizione, che sta per uscire, del 
secondo libro, Schrift, della ' Paleografia greca ' del Gardthausen sopra 
ricordata ; e può esser utile, sebbene antiquato, pur già nella traduzione 
del Lambros del 1903, il buon manuale del Thompson (1894^), da non 
confondere con la Paleografia greca e latina dello stesso tradotta dal 
Fumagalli (191P). Quanto ai papiri ercolanesi in particolare (1), è bene 
rammentare che esistono due eccellenti pubblicazioni speciali, entrambe 
del 1902: una del Kenyon, The palaeography of the Herculaneum pajìyri 
(in Festschrift Th. Gomperz dargebracht..., pp. 373-380), l'altra del Cronert, 
Ahkurzimgen in einigen griechischen litterarischen Papyri, mit hesonderer 
Beriicksichtigung der herculanensischeìi Rollen (in Archiv fiir Stenographie, 
pp. 73-79); alla paleografia dei nostri papiri accenna il Cronert qua e 
là in parecchi altri suoi lavori e soprattutto in Kolotes und Menedemos 
(1906). L'articolo del Kenyon è corredato di una tavola degli ° Alfabeti 
di papiri ercolanesi' e questi sono undici, tavola la quale però presenta 
l'inconveniente che la forma delle lettere è desunta dai disegni o facsi- 
mili e non dagli originali. È superfluo avvertire che la trattazione della 
paleografia dei papiri dev'essere completa, e nulla va trascurato di tutto 
ciò che vi si riferisce, non escluse certe minuzie che può far comodo 
conoscere, p. es. le forme dei segni d'interpunzione nei papiri ercola- 
nesi, dove spesso l'interpunzione è indicata da uno spazio vuoto fra due 
lettere consecutive, senz'altro. Della sticometria si dovrà discorrere 
molto più ampiamente che non siasi fatto fin qui nelle varie pubblica- 
zioni, manuali e opere maggiori, di paleografia e di storia del libro 
nell'antichità. 

Posso ingannar ai, ma io credo che in un trattato di Papirologia 
greca di testi letterari sia non solo opportuno, bensì anche necessario 



(1) Per la paleografia del papiro 157-152 v. Scott, o. e, pp. 98-101. 



— 301 - 

almeno toccare dell'ortografia. Nei libri di paleografia si parla della 
divisione delle parole, che fa parte propriamente appunto dell'ortografia; 
non se ne parla però quanto si richiederebbe, e a ogni modo la divi- 
sione delle parole non è che uno dei fenomeni ortografici e quella dei 
codici non è la stessa che quella dei papiri. All'ortografia dei papiri 
letterari nelle sue varie particolarità io dedicherei il quarto e ultimo 
capitolo del nostro trattato, capitolo breve, che non sarebbe difficile 
mettere insieme essendo possibile valersi di un'opera veramente pode- 
rosa e tale per ogni riguardo da non lasciar nulla a desiderare sotto 
l'aspetto scientifico: la Memoria graeca herculanensis, sopra citata, del 
Cronert; non dovrà essere l'unica fonte, ma la principale sì, senza 
contestazione. 

Questo, a mio giudizio, nelle sue linee generali lo schema di un trat- 
tato completo di Papirologia greca dei testi letterari (ai testi cristiani, 
se mai, si potrebbe accennare qua e là in nota), schema a cui, all'atto 
pratico, si apporterebbero via via tutte le modificazioni suggerite dallo 
svolgimento del lavoro. Basterebbe, s'intende, la trattazione teorica; 
una crestomazia non avrebbe, secondo me, ragion d'essere, un trattato 
di Papirologia essendo cosa ben distinta da una storia della letteratura. 
Piuttosto il volurùe andrà corredato di molti facsimili, più che non ne 
dia il Kenyon, e tutti, compresi quelli di vari papiri ercolanesi, di- 
retta riproduzione degli originali ; anche bisognerà aggiungere una ta- 
vola di alfabeti e un'altra di abbreviature e simboli, tavole che ora pos- 
sono essere assai più ricche e graficamente migliori di quelle del Kenyon. 

Queste idee, buone o cattive che siano, mi son venute esaminando e 
studiando la più importante pubblicazione papirologica degli ultimi 
mesi, l'opera di L. Mitteis e U. Wilcken, Grundzilge und Chrestomathie 
der Papyruskunde (Leipzig, Teubner, 1912), in quattro tomi, di cui due 
di Grundzilge e due di Chrestomathie. E un trattato completo di Papi- 
rologia greca di testi documentari e quindi anche epistolari, lavoro che 
si può considerare, credo, come perfetto, quale potevamo aspettarci sol- 
tanto da due papirologi sommi. 

Nella prefazione al primo tomo (prima metà del primo volume: Histo- 
rischer Teil, Grundzilge, di pagg. lxxii-437) il Wilcken designa il suo 
libro " un primo tentativo di raccogliere i risultati delle ricerche papi- 
rologiche nel campo storico, esclusa la storia del diritto, per spianare 
la via a chi voglia acquistar pratica in questo ramo di scienza „. Dav- 
vero c'è da augurarsi vivamente che tutti i ' primi tentativi ' riescano 
sempre così! In un'introduzione di una chiarezza ammirabile l'autore 
parla anzitutto dell'ambito e dell'oggetto della Papirologia, poi delle 
scoperte dei papiri e dei luoghi dove avvennero; segue, esclusi sempre 
i testi letterari, l'indicazione delle collezioni mag^'^iori e anche minori 



— 302 — 

(e qui si poteva ricordare, ora, Firenze), e l'elenco delle edizioni, con 
le sigle rispettive. Alla paleografia, dai materiali scrittorii all'arte di 
decifrare la scrittura, sono dedicate non più di venti pagine, ma vi è 
detto tutto ciò die è necessario sapere riguardo ai papiri documentari. 
Chiudono notizie preziosissime intorno alla lingua, s'intende, di essi 
papiri, alla cronologia (il calendario ; la datazione dei papiri), alla mo- 
neta e alla metrologia. La trattazione del vastissimo tema è divisa in 
dodici capitoli di varia lunghezza e comprensione; e dove l'argomento 
lo richiede, si discorre successivamente del tempo dei Tolemei, del pe- 
riodo romano, del periodo bizantino, e del periodo arabico: così nei 
capitoli I, Elementi (o linee — noi diremmo ' schizzo ' — storiche ge- 
nerali); II, Religione e culto; IV, Finanze; loro organi e casse; V, Le 
imposte; VII, L'amministrazione prediale; XI, L'armata e la polizia. I 
rimanenti capitoli sono: L'educazione (III). Industria e commercio (VI). 
Lavori servili e liturgie (Vili). Annonaria (IX). Poste e trasporti (X). 
La vita pubblica (XII). Un'introduzione, naturalmente assai breve, e do- 
dici capitoli ha anche il terzo tomo (prima metà del secondo volume : 
Jtiristischer Teil, Grundzilge, di pagg. xviii-298) del Mitteis. L'introdu- 
zione è una rapida corsa, dirò così, attraverso alle condizioni politiche 
e giuridiche dell'Egitto sotto i Tolemei e al tempo dell'impero romano. 
Quanto ai dodici capitoli, il loro soggetto risulta chiaramente dai titoli: 
Diritto procedurale del tempo dei Tolemei (I). L'istruzione dei processi 
(in materia civile) al tempo dei Romani (II). I documenti (III). Il ca- 
tasto (IV). Obbligazioni e ipoteche (V). Compera (VI). Contratto fon- 
diario (VII). Diritto matrimoniale (Vili). Diritto di successione (IX). Tu- 
tela (X). Diversi affari giuridici (XI). Leggi (XII). 

Che la trattazione dei singoli ai'gomenti sia completa e ordinata e 
perspicua non c'è bisogno di dire, la competenza dei due illustri autori 
essendo notoriamente illimitata. La bibliografia, così qua e là nel testo, 
come innanzi a molti capitoli e sezioni di capitoli e nelle note, è co- 
piosissima; sarebbe però indubbiamente più utile se non ci fossero certe 
lacune, di cui non so comprendere la ragione, ammesso che una ragione 
ci sia. Fra altre : a pagg. xxviii sg. di I* non trovo citati ne il Carini, 
Sulle materie scrittorie adoperate in Sicilia (in Nuove effemeridi Siciliane. 
S. III. Voi. Vili, 1878, pp. 218-300), e II papiro, appunti per la nuova 
Scuola Vaticana (Roma, 1888); ne il Cosentino, La carta di papiro (in 
Archivio storico Siciliano. N. S. XIV. 1889, pp. 134-164); ne il Paoli, Del 
papiro specialmente considerato come materia che ha servito alla scrittura 
(Firenze, 1878) e Materie scrittorie e librarie (ib., 1894). Ne trovo citata 
ne dal Wilcken ne dal Mitteis la Rivista di papirologia giuridica di 
V. Arangio-Ruiz (in Bullettino dell'Istituto di Diritto romano) : ne sono 
già uscite due, per gli anni 1909 (XXIII, I-VL 1910) e 1910 (XXIV, 



— 303 — 

I-VI. 1912), e nessuno negherà che siano entrambe utilissime; del- 
l'Arangio-R. però è ricordato a suo luogo (11' 199) il libro, che ebbe 
così buone accoglienze fin dal suo primo apparire, La successione testa- 
mentaria secondo i i^apiri greco-egizii (Napoli, 1906). Non credo metta 
conto rilevare qualche altra lacuna, anche di pubblicazioni non ita- 
liane, tanto più che evidentemente i due autori non hanno inteso di 
dare una bibliografia completa. 

Da ciascuno dei due tomi di Grumlzilge, escluse naturalmente le in- 
troduzioni, si rimanda di volta in volta per ogni argomento al rispet- 
tivo tomo della Chrestomathie (I^ di pagg. viii-579. IP di pagg. vi-430). 
Il bisogno di crestomazie papirologiche di testi documentari, le quali 
mettano alla portata di tutti, e non dei soli specialisti, i documenti 
principali e più rappresentativi, era già sentito da parecchi anni; a 
questo bisogno sodisfano ora nel miglior modo i due volumi del Wilcken 
e del Mitteis. Che la scelta dei documenti sia ottima, la bibliografia, 
qui, completa, le notizie di vario genere, premesse a ciascuno di essi, 
esaurienti, il commento tale che non lascia nulla a desiderare, è superfluo 
dire. Di ogni documento sono indicate l'età, o data precisa, e la pro- 
venienza. Nella parte storica i documenti ammontano a 500, nella giu- 
ridica sommano a 882; anche per il loro numero costituiscono dunque 
una silloge molto importante. Di tutti i testi, di cui alcuni interamente 
parzialmente inediti e pochissimi latini, si dà l'edizione critica; ciò 
che conferisce all'opera anche valore filologico. Filologi, storici e roma- 
nisti troveranno nei quattro tomi della poderosa pubblicazione tanto 
nei Grundzuge quanto nella Chrestomathie notizie e documenti che li po- 
tra.nno interessare in più modi e per se e come punti di partenza per 
ulteriori ricerche di ogni fatta. L'utilità del lavoro dei due illustri pa- 
pirologi è già stata messa in rilievo nel recente primo volume dei pa- 
piri greci e latini della Società Italiana... (v. ad es. pag. 133), ed è cosa 
certa che si affermerà ogni giorno più. Per i principianti l'opera sarà 
di sussidio immediato, una guida sicura sotto tutti gli aspetti, il vero 
fondamento dei loro studi. Al progresso, che oramai non conosce più 
soste, della scienza papirologica, di cui già si erano resi tanto beneme- 
riti, il Wilcken e il Mitteis hanno portato con cotesta pubblicazione un 
nuovo contributo di sommo valore. 

Napoli, 3 gennaio 1913. 

Domenico Bassi. 



304 



RECENSIONI 



Skrifter utgifna af Kungl. Humanistiska Vetenskaps-Samfundet i Upp- 
sala. Band 10 : Beitràge zur indogermanischen Wortforschung von 
P. Perrson. Teil 1, di pp. viii-550. Teil 2, pp. 551-1111. Uppsala, 
A.-B. Akademiska Bokhandeln. Leipzig, Otto Harrassowitz, 1912. 

La prima parte contiene 108 densi capitoli di ricerche etimologicHe, 
in cui con acume e agilità il Perrson ampiamente spaziando per tutto 
il campo linguistico indoeuropeo confuta vecchie etimologie general- 
mente accettate e ne mette innanzi delle nuove, accumulando un pre- 
zioso materiale in appoggio alla teoria da lui propugnata nel suo lavoro 
apparso nel 1891 intitolato : 'Studien zur Lehre von der 
Wurzelerweiterung und Wurzelvaration'. Nella se- 
conda l'A. riprende a trattare sistematicamente la sua teoria allargan- 
dola e meglio determinandola, ribatte le obbiezioni mossegli e confuta 
le teorie contrappostegli, corredando i suoi argomenti di una vasta 
esemplificazione tratta dalle lingue di tutto il territorio indoeuropeo. 

Ci limiteremo qui, a informazione dei cultori delle lingue classiche, 
a tracciare obbiettivamente le linee generali della 2. parte di questa 
importante opera e ci restringeremo nella documentazione delle teorie 
a pochi esempi e tratti solo dal latino dal greco e dal sanscrito. 

I) Determinativi consonantici. Ci incontriamo ad ogni 
passo in parole indoeuropee, la cui corrispondenza di forma e di signi- 
ficato è evidente, ma che dal lato fonetico variano in quanto le une 
sembrano risalire ad una forma piti breve della radice e le altre ad 
una forma radicale ampliata con un elemento consonantico. Così ab- 
biamo da una parte sanscr. tavtti ' ha potenza ', tnmras ' sodo, forte ', 
gr. TvÀog zvÀi] ' cercine, ecc. \ lat. tumeo ecc., e da l'altra gallo-lat. iucca, 
tucetum, tuccetum ' sorta di carne arrotolata ', umbro foco ecc. La prima 
serie risale a teu{3)- tu-, l'altra a teu{ayk- tu-k-. Del pari troviamo 
{s)ker- ' tagliare, radere ', in ant. ted. sceran, gr. asiaco, ecc. accanto a 
ker-t- di sanscr. kartati krntàti, ecc., ecc. ; gheu- ' versare ', in sanscr. 



— 305 — 

ju-hó-ti, gr. yj^f G gheu-d- in lat. fundo ; kleu- ' udire ' in sanscr. (rósi, 
gr. KÀéio -nÀvoì, lat. duo, ecc., e kleu-s- in sanscr. p'osan Qrustis, ecc., ecc. 
Comunemente poi lo stesso elemento additizio accede a intere serie di 
forme. E d'altro canto spesso alla radice stessa accedono diversi ele- 
menti ampliatori, come vedesi p. e. in ter-s tre-s- (lat. terreo, sanscr. 
tràsati ' trema ', gr. z^éo), sanscr. taralas ' tremante '), tre-m- (gr. TQé/^u), 
lat. iremo, ecc.), tre-p- (sanscr. trpràs ' inquieto ', lat. trepidus, ecc.). 

Questi elementi, coi quali sembrano ampliate le forme più lunghe 
delle radici e che non mostrano per se un significato chiaramente rico- 
noscibile né una determinata funzione, furono chiamati dal Curtius 
Determinativi radicali. Taluni dotti però non credono nei 
determinativi radicali. Eppure non si può seriamente separare p. e. 
kleu- ' udire ' e kleu-s- ' udire ', come non si può separare kleuos (gr. 
y.Àsvos ecc.) da kleu-, e se kleu- e kleus- si corrispondono, vuol dire che 

kleus- = kleu- + un elemento. 

Ma donde vengono i determinativi ? Nulla se ne può sapere, come 
nulla si sa dell'origine p. e. del n di forme come klneuti (sanscr. crnéti 
'ode')) dei suffissi di presente -to- -do-, dell' -s- dell'aoristo, dei suffissi 
nominali, ecc., ecc. I determinativi non divariano dai suffissi temporali 
se non in quanto questi caratterizzano un determinato tempo, mentre 
quelli si estendono a più tempi o a tutto il sistema di forme. Con tutto 
ciò anche i suffissi tempoi'ali spesso esorbitano dal loro originario do- 
minio (cfr. sanscr. prcchdti papraccha, lat. posco poposci, gr. ìJoVjcw /?o- 
ffKiqao), ecc.), e così pure collo stesso diritto noi potremmo identificare 
p. e. il d di lat. tendo (accanto a gr. teIvco) perf tetendi ecc. con quello 
di percello (da *-cel-do) perf. pévculi. Perciò i determinativi si potreb- 
bero considerare in parte quali .uffissi temporali generalizzati. 

D'altro canto sì i determinativi che i suffissi temporali stanno in 
stretto rapporto coi suffissi nominali. Anzitutto tutti gli elementi con- 
sonantici, che compaiono nei determinativi, si ritrovano nei suffissi no- 
minali, anzi nell'indoeuropeo domina un ampio parallelismo tra temi 
nominali e verbali, p. e. age- ago- è tema nominale in sanscr. ajàs, 
gr. àyóg, e verbale in djati ayo), ecc. Quando poi un tema fu usato 
come base verbale generale, si comprende che il suffisso facilmente 
assunse il carattere di determinativo, cioè di aggiunta alla radice senza 
una funzione nettamente definita. Del resto anche negli usuali temi 
nominali il significato specifico del suffisso è oscurato ed è po.sto insieme 
colla radice come base a nuove formazioni, p. e. confrontando sanscr. 
tu-tu-mds, gr. kork. Tv/^ióg {tvfiog) 'tumulus', lat. tunteo tumulus, ecc. 
con sanscr. tùm-ras, lat. tumor, sanscr. tungas "altura, monte' (da 

Rivista di filologia, ecc., XLI. 20 



— 306 — 

*tutn-gas), ecc., tum- fa l'impressione di una radice e m può essere de- 
signato come determinativo. 

Come dicemmo, gli elementi consonantici, che si presentano come 
determinativi e in parte come suffissi temporali, hanno quasi tutti più 
meno chiari rapporti coi suffissi dei temi nominali. P. e. : 

il k di gr. èd"rjKa zéd'fjìia, lat. facto feci, ecc. è identico col k di 
sanscr. dhàkas, gr. ^^ti-rj, ecc.; 

il t di lat. plecto (cfr. gr. 7iÀéy,(a, lat. -plico) è identico col t di 
gr. Tc^etiTÓg ' intrecciato ', TtÀem^ ' fune, rete ', ecc. ; 

il d di lat. fiindo è sicuramente identico col d di gr. %iòriv, x^- 
davóg, xvòalos e dei denominativi ■no%vòelv y,o%v^eiv, ecc. ; 

il dh di sanscr. màrdhati, gr. IWw èa&ito, ecc. è connesso con 
quello di uer-dho- uor-dho- ur-dho- ' parola, nome ' (lat. verhum, got. 
waùrd, ecc.), da uer- (cfr. gr. e'iQO) ' dico ') ; 

il p di sanscr. limpàti (cfr. gr. àÀìvo), lat. Uno) e identico con quello 
di sanscr. lepas, gr. Ama, lat. lippns; 

il hh di gr. Tvcpo) ' mando fumo ', da dhù-bh- (cfr. gr. &ìj(o) e iden- 
tico con quello di Tvq)Àós; 

il n di gr. xexQaùvo) (accanto a TelQco, lat. fero, ecc.) è identico con 
quello di gr. téqyiv -evog, sab. tereno- ' mollis ', ecc. ; 

V s, determinativo e suffisso temporale, è in evidente relazione col 
suffisso nominale s. Difatti kleus- klus- di sanscr. grósamànas grusUs, ecc. 
non è altro evidentemente che una fase apofonica del tema kleuos 
kleues- di sanscr. gràvas-, gr. nÀéFog nÀéog, ecc-, da rad. klu-, e del pari 
auks- aug-s- di gr. avico ad§dv(o, lat. auxi auxilium, e una forma apo- 
fonica di augos- auges- di sanscr. ójas-, lat. augustus da rad. aug, lat. augeo. 
Come poi alla stessa radice nella formazione dei temi nominali acce- 
dono diversi suffissi, così pure avviene nella formazione dei temi verbali 
(cfr. le citate basi ter- ter-s- tre-s- tre-m- tre-p-), e come nella formazione 
dei temi nominali abbiamo conglomerati di suffissi, così pure avviene 
nella formazione dei temi verbali. I determinativi devono perciò essere 
considerati come suffissi, il cui significato s'è oscurato, e che si sono 
più meno saldamente connessi con la radice. 

Si obbietta che la teoria dei determinativi ci spinge nelle tenebre 
della glottogonia ; ma che altro fa la ricerca delle leggi fonetiche pri- 
mitive, dell'origine dell'apofonia, dei gradi con allungamento, dell'ana- 
lisi delle forme flessive, ecc. ? Se scompongo il citato kleus- ' udire ' in 
kleu- + il determinativo s, non faccio altro che se sciolgo il nome kleuos 
in kleii- + suffisso os o Meno- + suflF. s. Ne si deve credere che tutte le 
forme composte con determinativi siano indoeuropee ; p. e. nel lat. s'è 



— 307 — 

formata una radice pose- da porc-sc- pose-. Ne la scomposizione di Jeleus- 
in Jcleu- + il determinativo s è puramente meccanica e con essa nulla 
si spiega. Forsecchè non equivale a quella di kleuos in kleu- -\- os? 
. Quindi l'A. passa a discutere le obbiezioni mossegli dal Bloomfield 
e dal Hirt. 

Il Bloomfield, in ' Am. Journ. of Phil. (12, 1 segg., 16, 409 sgg.), 
cerca di dimostrare che parole affini di significato spesso influiscono 
formalmente l'una sull'altra e specialmente che suffissi, che hanno otte- 
nuto in una o più parole uno speciale significato dovuto alla parte ra- 
dicale della parola, si sono estesi ulteriormente in questo significato. 
Così sorgerebbero maggiori o minori gruppi di parole concettualmente 
affini con uguale suffisso, come p. e. vediamo nei nomi di parti del 
corpo con r nel nom. acc. e n negli altri casi. Anche elementi radicali 
si sarebbero trasportati, così il sanscr. cr'ngam ' corno ' avrebbe il suo 
■ìiga- da àngam ' membro '. Il Bloomfield applica questa sua veduta 
anche ai suffissi verbali e ai determinativi. Ciò potrebbe essere in al- 
cuni casi, ma è congetturale, ne calza p. e. il confronto di avest. p^rHu- 
' ponte ' con sanscr. setus ' ponte ', prima di tutto perchè il suffisso tu 
e comunissimo, poi perchè la parola avestica valeva originariamente 
' passaggio " (da rad. per-) e la sanscrita invece valeva ' unione, legame ', 
ed è certo che le due parole avevano il suffisso tu già nel loro signi- 
ficato primitivo. È certamente poi molto arbitrario o per lo meno molto 
dubbio asserire p. e. che la base sanscrita bhyas- ' temere ' si è formata 
da rad. bhl- ' temere ' su tras- ' tremare ', che la base indoeur. kleus- 
' udire' si è formata da rad. JcleU- 'udire' aggiungendo l's di indoeur. 
oP;S ' orecchio ', e così di seguito per via di assimilazioni, adattazioni 
e contaminazioni. 

Il Hirt si è pronunciato sulla questione dei determinativi radicali in 
"Ablaut,,, 28 sgg., " Gr. Laut- und Formenlehre „, 202 sgg. (cfr. anche 
" Ark. f. nord. phil. „, 19, 363). Nel suo libro suU' Ablaut egli spesso si 
serve dei determinativi, viceversa li respinge in " Ark. f. nord. phil. „, 
19, 363. Altrove dice " ch'è assai verisimile che in taluni casi si tratti 
di suffissi ,, ma subito aggiunge che il problema dei determinativi è 
in niun modo stato risolto dal Perrson e (" Gr. Laut- und Formenlehre ,, 
202) che questi ha per nulla contribuito a illustrare questo fenomeno 
e (p. 5) ha in modo sbagliato trattato l'importante problema, perchè 
il Perrson " stacca questi elementi del tutto meccanicamente senza spie- 
gare come le singole consonanti abbiano potuto avere nella coscienza 
di chi parla un valore e perchè;, dopoché ha analizzato una intera serie 
di determinativi radicali, rimane in conclusione un elemento, di cui 
possiamo dire con sicurezza ch'esso in tale forma non ha mai potuto 



— 308 — 

esistere „. " Ma, risponde il Perrson, il Hirt pure adopera un infisso n 
e ammette suffissi come t ii k s senza sentirsi in dovere di spiegare come 
queste consonanti abbiano potuto avere un valore nella coscienza di chi 
parla, e le mie radici hanno una reale esistenza (cfr. kleu-s- accanto 
a kleti-) e se anche dopo la separazione di elementi formativi ci incon- 
triamo in un elemento, che non può essere esistito isolato in questa 
forma, non si deve per questo giudicare sbagliata l'analisi, giacche 
scomponendo p. e. lat. scena 'zappa ' in sc-es-na, troviamo in se- il grado 
zero di sec- (in seco). 

Secondo il Hirt le forme radicali piìi brevi provennero dalle piìi lunghe 
mediante mutilazione, opinione questa già espressa da J. Grimm e da 
M. Mùller ed esaurientemente combattuta dal Curtius, " Grundz.^,,, 
65 sgg., 66 n. 1, e poi recentemente riesposta dal Pederson, il quale a 
proposito del determinativo s scrive in " Indog. Forsch. „, 2, 327, che 
esso è identico coll'-os dei sostantivi neutri (cfr. sanscr. ójas, lat. au- 
gustiis : av§ù) ; sanscr. gravas, gr. nÀéog, ant. bulg. slovo : sanscr. gròsa- 
mànas) ed è originariamente l'uscita di certe radici, da cui scadde in 
determinate condizioni (verisimilmente nel nesso kst e altri). La stessa 
teoria e Io stesso esempio troviamo nel Hirt, il quale senza curarsi dei 
rimanenti elementi, ma solo di -s, inventa una legge fonetica della 
lingua madi'e, per cui " s dopo vocale lunga si dileguò davanti a r m n „. 
Quest'è una legge inesistente, giacche in parecchie lingue V s in questa 
posizione s'è conservato anche dopo vocale lunga e dittongo. Poi il Hirt 
cade in istrane contraddizioni, come quando, dopo avere dichiarato 
lat. aligere secondario in confronto di gr. n'oravo), vede invece nel fut, 
ai^'^act) un rifacimento da *aiyria()ì con l'elemento formativo di pre- 
sente s. Ma se auks- fosse primario, per lo scadimento di s si sarebbe 
dovuto avere auk- e non aug-. Altrove il Hirt in gr. d'v/d^óg, lat. fùmus, 
confrontato con Ut. dvèsti 'spirare', vorrebbe dileguato l's davanti a w, 
mentre il confronto, da lui non fatto, con sanscr. dhùnias ' fumo ' rende 
inutile la sua ipotesi. Infine egli non fa neppure una volta il tentativo, 
quanto agli altri determinativi, di spiegare il preteso dileguo dell'ele- 
mento consonantico. Di più, quando dopo la stessa radice si aggiunge 
pili determinativi diflPerenti, com'è il caso di ter- tres- trem- trep-, in 
che modo potrebbe il Hirt spiegare dalla forma più ricca la più sem- 
plice e il rapporto tra le varie forme ampliate ? 

Il Bartholomae, il quale annunciando lo " Studium... „ ne aveva ap- 
provato le vedute, mettendo però avanti il concetto della ' contamina- 
zione delle radici ' per spiegare i determinativi radicali, recentemente 
in " Indogerm. Forsch. „, 21, 348, N. 5, dice che non può approvare il 
metodo di scomposizione adottato dal P. Egli però in " Grundr. d. ir. 



— 309 — 

Phil. „, I, 75 sgg., pone classi di presente con suffisso s, suffisso d, ecc., 
che in fondo non sono altro che quello che per il P. sono i deter- 
minativi. 

11 Siitterlin, in " Indogerm. Forsch. „, 85, 54 sgg., per spiegare l'am- 
pliamento delle radici mette avanti l'ipotesi che già nella lingua madre 
ogni esplosiva dopo vocale lunga o dittongo siasi dileguata davanti a 
liquida o nasale. Ipotesi errata, giacche vi sta contro una quantità di 
forme, come sanse, àtman-, anglosass. dedm ; sanscr. ódtnan- ; cyàutmàm, 
avest. syao&na- ; sanscr. tó/cman-, avest. taoxman- ; sanscr. réknas-, avest. 
raèx^nah- ; ant. alto ted. lèhan ; sanscr. p&pmàn ; gr. (paiÓQÓg, lit. gè- 
dras, ecc. Ne conta gr. 7tij/.ia erratamente citato dal Siitterlin, che si 
può spiegare da *pàpmn (sanscr. pRpnmn-) con assimilazione e scempia- 
mento proprio del greco. Il Siitterlin inoltre inventa la " mancanza di 
certi nessi consonantici , (quali ? non dice) e " doppioni di radici uscenti 
in vocale e in consonante „ per concludere arbitrariamente il dileguo in- 
doeuropeo delle rispettive consonanti. Ora poi il Siitterlin, in " Indogerm. 
Forsch. „, 19, 536 sgg., ha spiegato diversamente il doppione di forme 
come st{h)d,- ' stare ' : st{h)àp- (sanscr. sthàpayati ecc.), non facendo deri- 
vare st{h)à- da st(h)àp- con dileguo del p, ma ritenendo il p un elemento 
additizio proveniente dalla radice àp- ' ottenere '. 

Il P. gli oppone che non solo dopo vocale lunga, ma anche dopo vo- 
cale breve troviamo il preteso dileguo della consonante, cfr. tì'ep- (lat. 
trepidus, sanscr. trpràs ' inquieto ') accanto a ferie)- (sanscr. taralas ' tre- 
mante ', ecc.), temp- ' tirare ' (lit. tempia ecc.) accanto a ten- (gr. teìvco ecc.) 
e che da temp- per dileguo di p si avrebbe tem non ien-. Quanto alla 
riduzione indoeuropea di certi nessi consonantici, p. e. di rsn a rn, gli 
oppone forme come sanscr. pàrsnis ' calcagno ', got. fairzna, ecc. 

Del resto, si domanda il P., perchè negare al periodo piìi antico ciò 
che vediamo avvenire in periodo più recente ? In gr. abbiamo ^óano) 
^oanyact) è^óani^aa, tvtitoì Tvnzfiau), in latino jwsco poposci, pasco 
pas{c)tus, ecc. L'origine poi dei determinativi radicali è per il P. veri- 
similissimamente da cercare in massima parte negli elementi suffissali, 
che si sono uniti piìi o meno strettamente colla radice. 

II) Determinativi vocalici. Fin qui si è trattato di ele- 
menti consonantici, che fungono da determinativi. Ma anche elementi 
vocalici si presentano colla stessa funzione, come sarà dimostrato, poiché 
parecchi glottologi non l'ammettono. Considereremo dunque 1) la e. d. 
vocale tematica e o, cioè la vocale finale delle così dette basi anit: 
2) le vocali lunghe finali à è ò delle basi bisillabe grevi, le e. d. basi 
set; B) V i u finale di certe basi monosillabe uscenti in dittonghi 
lunghi ài èi òì, àu, èu, du. 

1) I primi glottologi scomponevano hhere- hhero- hhoro- in hher- 



— 310 — 

hho7'- -j- e, 0, ritenendo e o elemento suffissale ; il Fick invece ritenne 
che il tipo hhèr- bher- provenisse da uno bisillabo e che la lunghezza 
di bher- si dovesse a 'compenso di mora'. Alcuni anni dopo Io 
Streitberg espose al proposito la e. d. 'Teoria dei gradi con 
allungamento', ulteriormente sviluppata poi dal Hirt, che suona 
così : " per il dileguo di una sillaba le brevi accentate immediatamente 
precedenti questa sillaba furono allungate nell'indoeuropeo in sillaba 
aperta; le sillabe lunghe divennero di tre more „. Con questa teoria 
non si è tuttavia spiegata la natura originaria della vocale tematica, 
giacche se anche bhèr- bìiòr- provennero da bhere- bhoro-, rimane natu- 
ralmente la possibilità che bhere- bhoro- risultino da bher- bhor- + un 
elemento, che appare come e o nel tempo storico. Ed è oziosa l'obbie- 
zione che non si sappia il perche e il significato di questo elemento, 
che nessuno pure sa perche lat. pecto di fronte a gr. Trèno) abbia un 
suffisso -to-, ne sa che propriamente significhi questo -to-. 

Inoltre la teoria dello Streiberg e del Hirt ha spesso i fatti contro 
di se, così i presenti atematici della 2. classe del sanscrito sono spesso 
senza allungamento, p. e. arti, kàrsi, bharti (lat. fert), gantii, àgan (ac- 
canto a gàmati), vasti, ecc., e così è delle formazioni nominali, come 
karman- kdrtar- bhàr-man- bhàrtar-, ecc. Perciò s'ha da ammettere che 
da principio esistevano l'una accanto all'altra e basi atematiche e basi 
tematiche; nel periodo storico vediamo estendersi le basi tematiche a 
spese delle atematiche e, ammettendo in parte la teoria Streitberg-Hirt, 
dopoché bhere- bhero- per le leggi apofoniche diede da una parte bhèr- 
e da l'altra bh{e)ré- bh{e)ró-, poterono dinuovo tanto il superstite bhei'- 
quanto il novellamente sorto bhèr- sottostare ad un ampliamento tema- 
tico da cui sorsei'O i tipi bhere- bhére-, tipi che con quelli sono attestati. 
2) Diciamo ora delle basi set, cioè delle basi grevi bisillabe 
uscenti in vocale lunga d è ò e in 9, ch'è con esse in rapporto apofo- 
nico. Il Brugmann considerò le vocali à è d come suffissi verbali, ma 
oggidì dalla maggior parte dei glottologi si vede in esse delle basi in- 
decomponibili. Il Perrson le crede almeno in parte secondarie e risul- 
tanti di elementi, che originariamente non erano radicali. 

Anzitutto è da notare che molte basi set e anit stanno l'una 
accanto all'altra e che non è dato riconoscere quali sieno originarie. 
P. e., di ter- ° penetrare, traversare ' abbiamo la base set in sanscr. 
taritum, ttrnds, ttrthóm ' passaggio, ecc.', tr^te trUyate ' salva (conduce 
di là) ', lat. intr&re ecc., e la Ijase anit in sanscr. tdrtum, su-tarman- 
'ben traversante', tàrman- 'punta del palo sacrificale', gr. xéQfAa téQ- 
fjibìv téQ&Qov, ecc., e con vocale tematica in sanscr. tarati ecc. Di bher- 
' portare ' abbiamo la base set, in sanscr. bharitrani bhàrlman-, gr. 
-cpQt'iact), e in voci di altre lingue, e la base anit in sanscr. bharti 



~ 311 - 

bhdrtar- bhrtds ecc., gr. q)éQTe (péQXQov cpÓQiog ecc., lat. feri, fors, e con 
vocale tematica in sanscr. bhàrati bhàras, gr. (péQOi (pÓQog ecc. 

Numerosi sono gli esempi di basi set, in cui alla vocale lunga 
finale precede una liquida o una nasale o x ^A> ce n'é, in numero rela- 
tivamente esiguo, anche di quelle in cui precede una esplosiva, come, 
tra l'altre, p. e. ^je^à- ' muoversi celeremente, precipitare, volare, ca- 
dere ', in sanscr. patisyati, paptima, pdtitum, patitds, ecc., gr. notafiós 
propr. ' caduta d'acqua ', èmcif-iriv ' caddi, volai ', ecc., accanto a pet- 
pete-, in sanscr. pat-man- ' volo, via ', pattram ' ala, penna ', pdtati, ecc., 
gr. Ttézofiat, é7rTÓ/,njv, tixeqóv, méQV^, lat. penna da *pet-n&-, ecc. 

Inoltre accanto a basi set trovansi pure radici ampliate con deter- 
minativi consonantici, p. es., tra l'altre, uerè- 'dire', gr. ^»],«a ecc. e 
uer-dh-, in lat. verbum ecc. 

Nell'uscita delle basi in corrispondenza di indoeur. 9, ario /, appare 
in greco in luogo di a non raramente e o, p. e. gr. cpéQezQov : sanscr. 
bharitram, gr. yevETrjQ : sanscr. janitdr-, gr. cìqozqov : lat. arare ecc. Tal- 
volta si scambiano e e a oppure o e a, p. e. téqstqov ' TeQcificov ; 
dvofiai, : ovato ecc. Alcuni dotti spiegano Ve o invece di a da congua- 
gliamento di qualità, per cui p. e. (pe^e- ysvs- sarebbero sorti per azione 
di cp^rj- yvfi- (cfr. p. e. Kretschmer, " Kuhn's Zeitschr. „, 31, 411), come 
d'STÓs òoTÓg verisimilmente su &ì]- òoì-. Altri pensò all'azione assimila- 
trice della precedente vocale ; ma in dvs/iog, accanto a sanscr. ceniti 
' spira ' e in altri esempi ancora non potè avere luogo tale assimila- 
zione. Inoltre il mentovato greco e o ha spesso nelle altre lingue eu- 
ropee il suo corrispondente e o ed a nell'ario, laonde non si può sepa- 
rare dal e. d. e tematico e l'identità di forme come gr. cpéQetQov e 
sanscr. bharitram, gr. yevstfiQ e sanscr. janitdr è in generale solo appa- 
rente e anche qui è in giuoco lo scambio di basi set con basi a n i t. 
Inoltre i temi neutri in es os, insieme colle forme masch. e femm. in 
ès OS, appartenevano alle basi tematiche a n i t , mentre alle basi set 
appartenevano da una parte forme in ^-s- = gr. a-a-, sanscr. i-s-, da 
l'altra temi con vocale lunga davanti -s-, come gr. è'Qwg per *àQ(bg : 
eQaf.iai. E anche qui ci fu talvolta scambio tra le basi anit e le basi 
set, così come avvenne anche nella coniugazione, come mostrano gli 
aor. e i fut. gr. con -ea-, come èavÓQsaa gtoqù, e quelli con -aa-, come 
èKQéi^aaa n^efido) yiQsf^ù} in confronto di quelli sanscr. con -is-, come 
djanista janisydti ecc. 

Scambio parimenti di basi set e anit abbiamo quando in gr. in 
luogo di a corrispondente a ^ si presentano s od o, come p. e. in óvo- 
'biasimare, ingiuriare' {oi>Of.iai., òvoióg, óvord^o}) in confronto di ojvazo, 
Hom., "//.,, 17, 25, in ò/ao- 'giurare' (có/^oda, ànófiozog, ecc.) in con- 



— 312 — 

fronto di sanscr. amìsva 'giura', àmit 'giurò', in àQO- 'arare' {à^óco, 
aQOTQOv) in confronto di lat. arare aràtrum, ecc. 

In generale si ritengono originarie le basi set e da loro si fanno de- 
rivare come secondarie le basi anit mediante il dileguo di 3 avvenuto 
in determinate condizioni. E anzitutto si accetta generalmente che ^ siasi 
dileguato davanti a vocale (p. e. in sanscr. bruv- deriverebbe da bruv- 
•anti ' dicono ' mentre la radice set si ha in bravimi ' dico ', in sanscr. 
rathe-sthus proviene da *st{}ì)3-os ' rad. st{ìì)&- ecc.), e dopo er el em en 
ox eu (p. e. sanscr. hànti da *g^henè- per via di *g^enHi), e davanti ad i 
(p. e. sanscr. udyate accanto a a-vàdi-sur, uditas da vad- ' parlare '), e in 
composizione e in generale in posizione enclitica, per evitare tre sillabe 
brevi susseguentisi, e nel greco dopo ò di sillaba precedente. Ma il P. 
cerca di dimostrare l'insussistenza di queste vedute, ad esempi contrap- 
ponendo esempi più numerosi e conclusivi. Egli invece, insieme col 
Brugmann (" Morph. Untersuch. „, I, 1 sgg.), ritiene che secondo la 
vecchia teoria si possa partire p. e. da der- e che dere- derè- ne deri- 
vino con differenti suffissi. 

Inoltre analizzando le basi set troviamo che talvolta alla vocale 
finale precede un elemento suffissale, p. e. in gr. aéÀag secondo il Hirt 
sta in fondo una base set suelà-, essendo connesso coi nomi indo- 
europei del sole *sàuel- sauel- suel- sul- (gr. cret. aTéÀiog, sanscr. si'ivar 
svàr sur-), ma gli sta accanto suen- sun- (avest. x^'ing, got. sunno), laonde 
l'elemento l alternantesi con n e suffissale. Altri esempi poi, del tipo 
di ghèi- ghiX'S, ' hiare ', dimostrano che le vocali lunghe finali non pos- 
sono che essere elementi formativi e che molte basi set provengono 
quali ampliamenti di basi uscenti in dittongo lungo. Di più alcune basi 
set non possono essere originarie per lo scambio della loro uscita, ch'è 
quando è quando à, come p. e. in kelè- ' chiamare ' di umbro k a r i t u 
k a r e t u carsitu da *kelètòd ' calato, appellato ' di lat. Kalendae di gr. 
'M-KÀfi-aKOì ecc. accanto a helà- klà- di lat. calare clamor ecc. 

In conclusione perciò noi dobbiamo o considerare le vocali finali delle 
basi set come reali suffissi o almeno accettare che già per tempo 
furono sentite e trattate come tali e insieme si aggiunsero per analogia 
a basi, alla cui costituzione fonetica non appartenevano, per lo che le 
basi set in parte almeno non sono originarie. 

3) Rimane a dire delle basi monosillabiche in ài èi ài àu èii òu 
e poi delle basi bisillabe in èi èu ei eu. 

A) Le radici monosillabe in ài èi di àu èu óu alternano forme con 
à 3 ecc. e in ài ^i ix ì ecc. e rispettivamente in àu ^u uu ù. Dopoché 
si assodò che già nell'indoeur. i dittonghi lunghi in date condizioni 
perdettero davanti a consonante il loro secondo componente (p. es. 
*rèm = sanscr. ram, lat. rem da *rèiìn ; *dièm = sanscr, dy^m, gr. Zijv, 



— 313 — 

lat. diein da *disum ; *g^dm = sanscr. géin, gr. fioiv da "g^Ojiin), si con- 
sidera comunemente che le forme in & è ò derivino da quelle in ai 
&u ecc. e che Vi e Va fossero elementi radicali. Le forme con 3 sareb- 
bero poi prodotto di apofonia secondaria. Il P. aveva già manifestata 
l'opinione, ed ora la riaflerma, malgrado l'avviso contrario de' più dei 
glottologi, che l'i e Vii sia un elomento suffissale concresciuto colla ra- 
dice. Egli si riferisce ai frequenti suffissi con i e u sì verbali che nomi- 
nali. Una radice come st{h)ai- ' stare ' può poggiare su un tema st{h)à io- 
come la equivalente st{h)d,u su st{h)6-uo-, il cui i o n per tempo si unì 
alla radice. Il Reichelt crede che le radici in ài àu ecc. siano accertate 

là dove esse presentino forme apofoniche in l rispettivam. « ; criterio 
falso, secondo il P., giacche Vi o u suffissale può essersi fuso in una 
unità colla radice prima che i fattori genetici dell'apofonia avessero 
operato, e ciò dovrebbe valere tanto più per il Reichelt, che sì spesso 
ricorre all'apofonia secondaria. 

D'altro canto l'ammettere che almeno in parte delle radici in ài àu ecc. 
l'i e Vii sia un elemento aggiunto ha forte appoggio nel fatto che in 
talune famiglie di parole con à ^ ecc. si alternano tanto forme in ài 
H ì ecc. quanto quelle con àu ^u il ecc., nei quali casi almeno non 
potevano essere originarie entrambe le basi dittongali. 

Tra i molti esempi recati dal P. rechiamo quello di rad. st{h)à. st{h)^- 
' stare, porre '. 

a) st{h)à- st{hy- in sanscr. sthatum, gr. tatì]^i,, lat. stare, ecc., sanscr. 
sthitds ' fermo ', ecc. 

b) st{h)ài ecc. in sanscr. jala-sthàyas ' vaso per acqua ', sthclyin 
' stante ', sthàyikas ' durevole ', sthàyakas ' rimanente ', sthetnan- ' riposo, 
durata ', ecc. ; inoltre st(h)op- (collo stesso derivativo -p- come in sanscr. 
sthàpayati), in lat. oh-stlpus ' oblicus vel centra positus ', stìpes stipa 
stipula stipulus stipulavi stips stipendium (da *stipi-pendium), ecc. 

Accanto alla base con sth- sta un'altra equivalente con st- : stài- stià- 
stz ' condensarsi ', cfr. gr. aiéaQ da *aidiaQ, sanscr. styàyate ' si con- 
densa', sthnàs 'pigro', ecc., e, ampliata con x>, lat. stipare, ecc. 

e) st{h)àu- ecc. in sanscr. sthàvaràs ' stante, fermo ', gr. avavQÓs, lat. 
-stauràre, ecc. ; sanscr. sthunà ' stipite, colonna ', ecc., gr. otvo) azvÀog 
aviJQa§ ; sanscr. sthùrds 'grosso, stupido', ecc., su-sthu ' hene \ anu-sthù 
anu-sthuyÉ 'subito', lat. praestù accanto a praestd, ecc. 

Abbiamo qui del pari l'equivalente stàu- ecc. ' condensari, conglobari ', 
in sanscr. ghrta-stuvas acc. pi. ' gocce di burro fuso",- prthu-stii- 'avente 
lunga treccia ', stakà ' fiocco di lana o di capelli, treccia ', ecc., e, am- 
pliata con p, sanscr. st^pas ' ciuffo, la parte superiore del capo '. 

Accanto a st{h)àu- c'è inoltre si{h)eu-, in gr. aievzai ' si dispone a 
q. e, fa le viste di fare q. e. ', ecc. 



— 314 — 

Donde lo scambio ? Hirt tace. Meringer afferma che sthàu- è più ori- 
ginario di sthà- ma non accenna una sola volta a sthài-. Reichelt almeno 
dice che si deve partire da una base in di ecc. o Ru ecc., la quale dopo 
d'aver perduto o l'i o Vu in posizione anteconsonantica, può arricchirsi 
d'un u d'un i per analogia di basi che ne rimangono fornite, e che 
si può arguire il dittongo originario solo dal grado zero della radice, 
per cui da i si arguisce 'n ecc. e da » il grado àu ecc. Ma noi abbiamo 
visto nel grado debole tanto si[h)ì- quanto st(h)u- 

Così il determinativo i u delle radici in vocale lunga cacciato dalla 
porta rientra per la finestra. 

B) Veniamo ora alle basi bisillabe uscenti in dittongo breve o 
lungo in -i oppure u. Mentre il P. riteneva e ritiene Vi èi ei, u èu eu ecc. 
della seconda sillaba quale elemento suffissale, il Hirt lo ritiene parte 
integrante della base e non vuol saperne di suffissi. 11 P. non nega la 
esistenza di tali basi bisillabe, ma coll'esame delle numerose basi citate 
dal Hirt vuol provare che in nessuno dei tipi di basi da lui citati si 
possono da essi spiegare tutte le rispettive forme. Valga per tutti l'e- 
sempio, che citiamo : da gherSX- ' bramare ' si ha sanscr. hàryati ' trova 
piacere ', osco heriiad, umbro heris, lat. horltur Enn. Ann. ' eccita ', gr. 
XaQfjvai xalQù) xagig ; ma abbiamo pure la forma senza i in avest. zara- 
' sforzo, scopo ', gr. xaQÓ, %aQTÓs %dQ[4,a, ecc. Dall'esame di questa e di 
altre numerosissime basi risulta che nelle famiglie di parole, che danno 
motivo a stabilire delle basi bisillabe uscenti in dittongo breve o lungo, 
si incontrano di regola numerose forme di parole, le quali si devono 
ricondurre a basi set o anit, in quanto non presentano l'elemento 
finale del dittongo. Di questo fatto il Hirt non si occupa e il Reichelt 
dà spiegazione insufficiente. Il P. ritiene che le basi bisillabe in dit- 
tongo, di regola almeno, non siano originarie ma presentino elementi 
suffissali pili meno attenuati, elementi che non si possono staccare 
da quelli omofonici della formazione di temi nominali e verbali e che 
si devono considerare alla stregua di altri suffissi, come -t{o)- -d{o)- -dh{o)- 
-sk{o)-, ecc. E poiché nell'indoeur. si presenta una folla di famiglie di 
parole, in cui le forme di base senza i oppure u si alternano con quelle 
con i oppure ti, il P. le reca distribuendo ogni radice in tre parti- 
zioni, la 1. in forme senza i n, la 2. in forme con i, la 3. in forme 
con li. Delle tante ne recheremo una, p. e. er- ere- ' mettere in moto, 
alzare; muoversi, alzarsi': 1) sanscr. ar- in arti iyarti rante, qcc, órna- 
' fluente, onda, flutto ', àrnas- ' onda, corrente ', ecc., gr. eQvog ' impulso, 
rampollo', ogato ògaa -oQzóg, lat. ori»s, ecc. A una base set accennano 
sanscr. ìrnds ' mosso, eccitato ', trSì/(Z ' invidia, gelosia (eccitazione pas- 
sionale) '. Ad ampliamento con nasale accennano vocaboli germanici, 
lituani e slavi, che omettiamo. 2) base con i s'incontra in gr. hom. 



— 315 — 

òqCvùì, lesb. ÒQtvvb), lat. orìri orìgo, sanscr. rinUti ' fa correre, scorrere ', 
arinvan, rlyate, rit ' scorrente ', reth ' corrente, corsa, moto ', rlnàs 
' sciolto ', renùs ' polvere ', rétas- ' corrente, getto, getto di seme ', ecc. : 
lat. rlvns. Inoltre si può riannodare a questa base con i parole signifi- 
canti ' energia, zelo, lotta ' e simili, p. e. sanscr. tryas ' forte, energico ', 
gr. ^Qi-S, lat. rì-vàlis, gr. 'Egìvvg ' propr. ira, l'irato animo di un assas- 
sinato ', ecc. 3) base con u si incontra in sanscr. drvan- cirvant- ' cor- 
rente, veloce, corsiero ', gr. ÒQéovto òqovìjì, lat. ruo ecc., e con suffisso 
nasale abbiamo rnóti ' muove ', rtmUi, arnavc'ts ' fluttuante, onda, mare ', 
gr. oQvvfii, ecc., ecc. 

Ili) Quindi il P. sostiene che dalle varie forme di radici ampliate 
meno con vocali brevi o lunghe o con dittonghi brevi o lunghi (così 
come abbiamo già veduto) possono derivare con l'aggiunta di determi- 
nativi consonantici nuove basi uscenti in consonante. 

Valga, fra i molti addotti, l'esempio di er{e)- ere- eri- crii- ' strappare, 
fendere, scorticare ', attorno a cui si aggruppa una folla di derivazioni. 
1) con gutturale : a) sanscr. rknas ' scorticato, spelato ', rksàs ' calvo ', 
rksaras ' punta, spina ', ecc. b) con i : sanscr. rikhati likhàti ' scalfisce, 
scrive', rekhà 'scalfittura', gr. èQscKù) 'strappo, scalfisco', intr. 'm'in- 
frango ', ecc. e) con « : sanscr. luncati ' strappa ', lat. runcare, ecc., e 
ruga corrugus e forse anche ÒQvaao} da *òqvxì(jì, accanto cui sonvi anche 
forme con y ioQvyf.ia, ògvyì'^). 2) con labiale : a) sanscr. ràpas ' lesione, 
rottura ', gr. èQéjiTOfiat ' strappo, divoro ', ecc. b) igeino) ' strappo giù, 
abbatto ', éQeijiia ' rovina ', ecc. e) sanscr. rupyati ' ha strappi nel corpo ', 
Imnpàti 'rompe, lede ', lat. ritmpo, ecc. 3) con dentale : a) sanscr. àrdati 
rdati ' va in polvere ', ardóyati ' ferisce, uccide ', radati ' fa strappi, fe- 
risce ', ecc. b) lat. rndus 'pietra rotta', rudis, ecc. 4) con s : a) sanscr. 
rsàti ' punge, fora ', rstjs ' lancia ', ecc. b) sanscr. riSyati ' riceve danno, 
nuoce ', ecc. e) ulteriormente ampliato, lat. ruspari ' raspare, ricer- 
care ', ecc. 

E con ciò finirebbe la parte dimostrativa della teoria del P., suffra- 
gata, come abbiamo detto, da una abbondante esemplificazione tratta 
da tutto il territorio delle lingue indoeuropee. L'A. nelle ultime pagine 
dell'opera ribatte ancora le teorie degli avversari, dimostrandole incon- 
sistenti fallaci tratte dai loro sostenitori a portata maggiore di 
quanta esse abbiano in realtà. 

Certamente l'assunto del P. è in complesso, per la ricchezza della 
documentazione, dimostrato all'evidenza, se anche in qualche particolare 
i raffronti da lui recati non persuadono totalmente, e all'assunto giove- 
rebbe la sistematica distribuzione del materiale, trattato già dal P. e 
di quello ch'egli evidentemente ha a sua disposizione, in un dizionario 
comparativo indoeuropeo, del quale è sentita la mancanza, giacche è 



— 316 — 

ornai troppo invecchiato quello del Fick, dizionario che dovrebbe essere 
condotto con cautela obbiettiva e senza le audacie a cui, nell'intento 
di vincere e stravincere, il P. si lascia talvolta trascinare dal carattere 
polemico, che anima l'opera sua. 

Oreste Nazari. 



Francesco Niccolai. Pier Fei^oW (1499-1585). Firenze, B. Seeber; Leipzig, 
Gustav Fock; 1912, di pp. xi-346. 

Pier Vettori fu un gigante della cultura classica, un italiano che 
onorò Firenze sua patria e l'Italia, un uomo di una rara armonia tra le 
facoltà mentali e la vita pratica, un insigne maestro che visse per quasi 
cinquant'anni nella scuola e per la scuola, un intelletto squisito e forte 
insieme, che contemperò le miglioi'i doti umanistiche e critiche, le quali 
ne fecero il piìi grande filologo italiano de' tempi passati. Era giusto 
che a studiare un tal uomo s'accingesse un giovane pieno dell'entu- 
siasmo della sua età e munito della necessaria preparazione. E questo 
giovane è il dottor Francesco Niccolai, che presentiamo ai lettori della 
Rivista. 

Il suo libro si divide in tre parti. Nella prima è narrata la vita del 
Vettori. La seconda espone la sua operosità umanistica, didattica e fi- 
lologica. La terza riassume e conchiude. La biografia è ben condotta; 
l'autore sceglie con sobrietà e ordina convenientemente i fatti che 
meglio valgano a porre nella sua giusta luce la figura simpatica del 
Vettori. Della seconda parte il capitolo più debole mi sembra quello 
che studia il Vettori come umanista. Già non credo sia stato buon con- 
siglio voler scindere nettamente in un medesimo personaggio umanismo 
e filologia; e poi i caratteri umanistici non sono messi sufficientemente 
in rilievo. La forma latina del Vettori andava studiata un po' partico- 
larmente, non essendo bastevoli i giudizi generici del Niccolai, il quale, 
se rifuggiva dall'entrare in certi particolari, poteva trascrivere una delle 
tante gustose prose del Vettori, lasciando al lettore la cura di farsi un 
concetto dei pregi formali : suppongo che nessuno gliene avrebbe mosso 
rimprovero. 11 Vettori compose parecchie orazioni di genere umanistico: 
specialmente epicedi e prolusioni. Perchè non analizzarne la tecnica in 
confronto con l'uso degli umanisti precedenti? Il Vettori lasciò un ricco 
epistolario. E non era qui il luogo di raffrontarlo nella tecnica e nelle 
tendenze coi numerosi epistolari umanistici? Uno dei meriti umanistici 
del Vettori fu di coltivare insieme con le lingue classiche anche la 



- 317 — 

volgare e intatti sappiamo che si occupò ampiamente di Dante, del 
Petrarca, del Boccaccio, del Bembo: ma non siamo in grado di apprez- 
zare il valore e la portata di questi lavori, perchè i documenti sono a 
Monaco. Capisco bene che il Niccolai si trovò qui di fronte a un osta- 
colo materiale insormontabile ; ma è pur un guaio che proprio su una 
materia dove il suo autore impresse maggiormente orme personali si 
debba rimanere all'oscuro. 

Largamente sviluppato è il capitolo che si riferisce all'operosità di- 
dattica. Qui sono passati in rassegna i vari corsi del Vettori allo Studio 
fiorentino, i quali di latini e greci che erano al principio, diventarono 
a poco a poco esclusivamente greci, donde appar manifesto che nel 
fondo egli era grecista. Vengono poi poste molto bene in luce come 
le sue meravigliose facoltà didattiche, per le quali il maestro trasfon- 
deva se stesso negli alunni, così la natura fondamentale del metodo, 
che era retorico-filologico e insieme morale. Segue quindi l'elenco dei 
suoi più famosi scolari sì italiani che stranieri, e dei dotti più illustri, 
parimente italiani e stranieri, che ebbero con lui corrispondenza. La 
sezione del libro più interessante e la meglio impostata e sviluppata è 
quella, dove il Niccolai tratta della produzione filologica. Autore per 
autore sono esaminate le cure dedicate alla critica del testo, le edizioni 
e i commenti, con l'indicazione dei codici adoperati e con la certa o 
probabile identificazione ai codici ora esistenti nella biblioteca Lauren- 
ziana. Da questa analisi la figura del filologo viene fuori intera. All'ar- 
gomento per se complesso e arduo il Niccolai portò una solida prepa- 
razione; le inesattezze che gli sono sfuggite non sono tali da infirmare 
in nulla il valore della trattazione; una ne voglio rilevare, perchè at- 
tribuisce al Vettori un merito che non gli appartiene e che egli stesso, 
amante com'era della verità, avrebbe ricusato. Quel cotale che andò a 
Milano a copiarsi il Brutus di Cicerone (p. 208) non fu il Vettori nel 1529, 
ma il Biondo nel 1423. 

Il volume si chiude con alcune appendici bibliografiche. 

Il libro del Niccolai ha un pregio fondamentale e un difetto formale. 
Il pregio consiste in ciò, che egli ha studiato in lungo e in largo tutta 
la storia dell'umanismo, senza che di tale lavoro preparatorio compa- 
risca traccia, meno qualche rarissima citazione. Questo appalesa nel- 
l'autore un coraggio non comune e un senso sicuro dell'arte del com- 
porre. Ma mentre in tal guisa l'esposizione viene alleggerita, essa è 
dall'altro canto resa pesante da quello che io reputo un difetto, vale a 
dire una persistente preoccupazione di mettere in mostra la grandezza 
e l'originalità del Vettori : donde il continuo ritoccare quel tasto. È vero 
che i meriti del Vettori non furono fino ad ora dalla maggioranza rico- 
nosciuti, e dico dalla maggioranza, perchè una minoranza glieli rico- 



— 318 — 

nosce da un pezzo ; ma essi risultano chiari e lampanti dall'esposizione 
oggettiva del Niccolai : e la sua preoccupazione soggettiva piuttosto che 
affrettare il consenso del lettore, lo ritarda. Si rassicuri però il Niccolai: 
dopo lo studio, già considerevole, pubblicato dal Rediger nel 1896, 
questo suo rappresenta sotto parecchi riguardi un lavoro definitivo. Chi 
esaminerà il copioso materiale che giace ancora quasi inesplorato a 
Monaco e a Londra, potrà recar luce nuova su molteplici particolari ; 
ma la figura gigantesca del Vettori esce dal presente volume piena e 
luminosa. 

Remigio Sabbadini. 



Cbistina To.sato. Studio sulla grammatica e lingua delle XIX Declama- 
zioni Maggiori Pseudoquintilianee. Intra, tip. Bertolotti, 1912, di 
pp. 155. 

Nulla di più facile che rilevare le sviste, le inesattezze, gli errori 
molteplici di cui questo studio, sto per dire, formicola. Persino dove 
la diligenza dell'A. avrebbe dovuto e agevolmente potuto apprestarci 
dati precisi o quasi precisi, un controllo sia pur sommario e saltuario 
scopre che anche le indicazioni in apparenza più perentorie sono troppo 
lontane non dico da quella scrupolosa esattezza che in simili cose non 
sarebbe irragionevole pretendere, ma pur da quella relativa approssi- 
mazione di cui tuttavia la nostra discretezza si contenterebbe. Per es. 
nelle quattro pagine a cui l'A. restringe la trattazione dell'ortografia e 
fonetica, in verità tralasciando di esaminare parecchi casi dei quali 
avrebbe dovuto toccare (come sarebbe, per citarne uno solo, quello della 
scrittura oscillante, anche nel cod. B su cui si fonda l'ediz. del Lehnert, 
tra ahundantia e habundantia, ahunde e habunde: v. 16, 18; 103, 13; 177, 
27; 231, 9; 283, 10, ecc.) si afferma senz'alcuna riserva (p. 14) che nelle 
forme verbali " dinanzi a s^ e ss avviene sempre la sincope „, afferma- 
zione subito infirmata dalla forma petivissem che per combinazione mi 
cade sott'occhio (171, 6). Sempre poi in proposito delle forme verbali 
sincopate l'A. aggiunge che dinanzi a r si deroga da esse solo se inter- 
vengono ragioni di ritmo (cfr. p. 131 sg.) o di chiarezza, mentre abbon- 
dano i casi in cui tali ragioni non sembrano sufficienti a spiegare le 
forme non assoggettate alla sincope (1), invero più numerose che non 



(1) V. 14,25; 33,21; 50,23; 95,17; 150,10; 162,28; 170,21; 229,5; 
309, 14, ecc. Nelle clausole poi come, 156, 1, medici despera ver tint e. 



- 319 - 

lasci credere l'A., così che le sue conclusioni circa la dottrina anoma- 
listica professata dal declamntore non risultano, almeno per questo ri- 
spetto, sicure. D'altra parte nel capitoletto sulla " tematologia e com- 
posizione nel sostantivo e nell'aggettivo „ l'A. non manca di aggiungere 
alla classificazione delle forme lessicali, per altro incompleta, anche le 
relative notizie statistiche, e subito in principio c'informa che nelle 
XIX declamazioni dei sostantivi formati col suffisso -ar (l'A. qui e dap- 
pertutto ci dà in vece del suffisso tematico la forma che questo prende 
nella desinenza del nominativo) occorre, unico esempio, laquear. Or bene 
bastava scorrere gVIndices dell'ediz. del Lehnert per trovare a laquear 
un compagno in lupanar. Ne si deve credere che a questa coppia si 
restringa nel declamatore l'uso del tipo indicato, che gVIndices del 
Lehnert non sono e non voglion certo passare per un lessico completo. 
Tant'é vero che in una scorsa quanto mai rapida e parziale io trovo 
anche exemplar (186, 19; ecc.). Così, poco più giù nella stessa p. 17 del 
nostro studio ci si asserisce che col suffisso -iu il declamatore ci dà tre 
soli derivati, mentre ne son registrati già intorno a quaranta negV Indices 
del Lehnert, che pur non ne comprendono tanti altri {conscientia 71, 24; 
inertia 262, 27; ecc.), e subito dopo a quarantaquattro discende il cen- 
tinaio di derivati col suffisso -io registrato dal Lehnert, centinaio certo 
molto al disotto del computo anche approssimativo che ci si dovrebbe 
aspettare da una monografia grammaticale (1). Ma non è proprio il caso 
d'insistere ; aggiungerò solo, sacrificando la maggior parte degli appunti 
presi, che in vece degli 8 derivati in -men, -mentum contati a p. 18 
dall'A. io ne conto quasi 30 nel Lehnert, dove poi non un sol derivato 
in -ura (vectura) e un altro in -aris {puellaris), ma troviamo anche men- 
stira, natura, sepultura, usura e familiaris, militaris, vulgaris, ne io giu- 
rerei di averli notati tutti, come d'altro canto al Lehnert molti sono 



157, 27, desperareno!^ medici ritmicamente la forma desperarunt sarebbe 
indifferente, e neppure nelle clausole come, 35, 5, facinus expleverit; 
124, 26, prior rogarerit; 184, 18, merita narraverim; 284, 12, condicioHts 
adamaveras ; 316, 3, haesitatioM«s paraveris; ib. 13, solitudine mque capta- 
veras; 342, 19, fortu/to laxaverint, ecc., la ragione ritmica impedirebbe 
di sostituire explerit, rogarit, ecc., cioè il eretico-trocheo o il ditrocheo 
al dicretico o trocheo-eretico. 

(1) In un esame fugace di alcune pagine delle declamazioni io' trovo 
le forme seguenti omesse del Lehnert : ahsolutio, accusatio, castigatio, 
cavillano, cogitatio, conquestio, consolatio, contemplano, contitiuatio, conver- 
sano, cunctatio, defensio, delatio, demintiatio, disputatio, dissimulatio, electio, 
exclamatio, exercitatio, exhortatio, exspectatio, festinutio, haeHtatio, imitatio, 
inferrogatio, laceratio, lamentatio, meditatio, mentio, moderaiio, navigatio, 
observatio, partitio, peregrinatio, profectio, recordatio, snccessio, teneratio. 



— 320 — 

certamente da aggiungere {]). es. argumentum, armamentum, documentum, 
fomentmn, frumentum, inritamentum, rudimentum, ecc.). Ne minori sor- 
prese ci serba il confronto di qualcuna delle aiìermazioni dell'A. scelta 
a caso nell'altro capitoletto sulla " tematologia e composizione del 
verbo , sia pur coi soli Indices del Lehnert : io non voglio dir altro se 
non che dove l'A. attribuisce al declamatore un sol derivato col pre- 
fisso di (sic) inter o prò o sub, questi salgono rispettivamente fino a 
una quindicina, a una mezza dozzina, a una ventina e ancora a una 
quindicina ! Dopo questi riscontri qual fiducia si può avere nell'atten- 
dibilità degli altri dati statistici raccolti in questo studio? Nel quale 
poi oltre alle inesattezze sono numerosi, come ho già detto, gli errori, 
talvolta grossolani. Diamo anche di questi un piccolo saggio. A p. 23 
si nota " Nolis^ non vis (129, 20) „, mentre nel luogo citato [Quereris 
discessisse quem odisU, ciitn euni nolis redire queni diligis) è chiaro anche 
a uno scolaro di ginnasio che nolis non cessa d'essere, com'è sempre, 
congiuntivo. A p. 33 per esempio di pronome dimostrativo usato nel 
neutro in vece d'essere attratto al sostantivo del predicato si reca 
" Illud piane, iudices, ultra omnem malorum meorum confiteor esse 
tristitiam, ecc. „ (89, 26), e chi, insospettito da quell'ecc, legge il se- 
guito nel testo [quod hac asperitate iiwenis... famam optimi fratris incessit) 
vede ovviamente che V illud è semplicemente e regolarmente pronome 
prolettico riferito alla proposizione sostantiva introdotta dal quod di- 
chiarativo. E sì che non mancavano nel declamatore esempi genuini 
dell'uso accennato dall'A. (p. e. 86, 21 : non fuit illud pugna, non acies; 
V. anche 37, 11 citato a p. 39 dello studio). A p. 37 si considera come 
verbo deponente videri che in 190, 10 sarebbe esempio di " deponente 
con significato passivo „. A p. 38 in " lucis causas ad animiim mentemque 
referentimn neminem cotidie vita non satiat , il non è tacciato di * so- 
vrabbondante „. A p. 41 si spacciano per insoliti nella prosa classica 
costrutti come i seguenti : i'Hmcì horreo tempus; nihil poterai irasci; iam 
iura loqueris; quid profuisset festinatio patris?; hoc... qtierebatur, ecc., e 
nel paragrafo seguente si tratta a parte degli " accusativi neutri di pro- 
nomi con funzione avverbiale „, quasi che negli esempi precedenti nihil 
e quid fossero veri complementi oggetti. A p. 70 si definisce proposi- 
zione condizionale indipendente " satientur aures „ in " quia oculos spec- 
taculo non licuit implere, satientur aures (311, 21) e a p. 72 troviamo 
considerate come finali le proposizioni qui sottolineate " exspectes, 
quando... explicet „, " non deprecor, quin... putetis „ e " timuerit parri- 
cida, ne non deprehetiderettir „. A p. 131 si ripristina contro sequuntur 
la grafia secuntur in 6, 24 perchè le parole " oculos matiu secuntur „ 
danno la clausola ditrochea, mentre " sequuntur „ darebbe l'evitata clau- 
sola eroica, come se dovesse misurarsi sequuntur. A p. 132 si afferma 



- 32t - 

che la forma explicatus, rara nel nostro in vece di explicitns, " ha sempre 
ragione d'essere nel ritmo ,; onde * si evita, nel ritmo iniziale, un ]n-in- 
cipio di verso eroico: Es. 84, 13 expUcata est auctoritas ,. Or hene, per 
tacer d'altro, in 268, 15 abbiam proprio nel ritmo iniziale " explicitum 
me putatis...? „. K fa davvero meraviglia che l'A. che nella clausola 
93, 9 " explicaio lamjuente libcrior , scova niente meno che il proposito 
di premettere un so««H^e (!) molosso al eretico-trocheo e nell'altra clau- 
sola 149, 23 * explif«^a promissio „ evitata a disegno la risoluzione della 
prima lunga del dicretico, non si valga poi delle chiuse di periodo come 
rideor explicatus, dicor explicitits, amator explicitus, ecc. (265, 19; 275, 11; 
279, 5) che le avrebbero dato miglior giuoco per le sue distinzioni fon- 
date sul ritmo. 11 quale in verità assai spesso tradisce o trasporta 
troppo oltre l'A., come dove (p. 134) si spiega * il passaggio repentino 
dal congiuntivo all'indicativo , con la opportunità d'evitar la clausola 
eroica in 158, 25 " quod desperaverint omnes et quod speravit tmus „, 
quasi che non ci fosse il modo di salvar la capra e i cavoli, voglio 
dire di mantenere il congiuntivo e fuggire la clausola viziosa, dicendo 
sperarit (1); o dove (ibid.) interro^tìre testàméntìitn ; non HcSt mòri ; (p. 135) 
-pxomissà cònstttèrìnt si danno per clausole eretico-trochee le prime due 
e dicretica l'ultima; oppure, per tornare anche un po' addietro, dove 
(p. 129) si sostiene nel nostro la pronunzia nidlìus, iìliiis come voluta 
— io non so proprio perchè — dal ritmo iniziale in 278, 1 " nidliiis 
unquam „ e dalla clausola eretico-trochea — davvero non necessaria — 
in 179, 13 " habebam illius patrevi „, mentre poi si tralascia con altri 
parecchi l'esempio evidentissimo della pronunzia unlus offertoci dal pe- 
riodetto " quod cives pascebat, nunc divitis unius hortus „ (248, 5) che 
con unhis ci darebbe un esametro intero. 

Ma è inutile allungare di più la lista degli errori e delle inesattezze, 
delle mancanze e delle ridondanze frequenti quasi in ogni pagina di 
questo studio; inutile mostrare l'arruffio della materia ove spesso ri- 
compaiono le stesso osservazioni sotto forma diversa in capitoli diversi; 
inutile infine deplorare la trascuratezza della stampa, se pure in ogni 
caso si tratta di errori di stampa (p. e. eJissi e elittico ripetuti più volte 
a p. 101 sg. ; la grafia praetium di buona memoria riesumata a p. 25 e 
a p. 140). Certo le dieci tesi, non singolari del resto per alcuna novità, 
enunziate succintamente nell'introduzione, meritavano l'appoggio d'un'in- 
dagine ben altrimenti rigorosa e organica che non abbia saputo con- 
durre l'A. Ma è evidente che si tratta di chi è alle sue prime prove e 
non può essersi ancora appropriata quella pazienza che in certi studi 



(1) cfr. 268, 6: et quod amarit, et quod amare desierit. 
Rivista di filologia, ecc., XLI. 21 



- 322 - 

è la sola garanzia di qualche risultato osservabile. Ne d'altronde io 
voglio disconoscere che certe parti pur di questo studio (come la trat- 
tazione relativa alle preposizioni, p. 54 sgg., e al lessico, p. 85 sgg.), 
dimostrano che nel resto ciò che soprattutto ha nociuto all'A. è stata 
la fretta piuttosto che la mancanza di buon indirizzo o d'attitudine 
naturale. 

Adolfo Gandiglio. 



Robert von Pohlmann. Geschichte der sozialen Fragc und des Sozialismus 
in der antiken Welt. Zweite, vermehrte und vei-besserte Auflage. Miin- 
chen, C. H. Beck' sehe Verlagsbuchhandlung, 1912, voli. 2, pp. xv- 
610; xu-644. 

La prima edizione di quest'opera poderosa e ponderosa uscì negli 
anni 1893-1901 con un titolo alquanto diverso Geschichte der antiken 
Kommunismus und Sozialismus. L'autore aveva voluto occuparsi di questo 
argomento, movendo da talune sue idee fondamentali sul compito della 
storia, ch'essa debba cioè di preferenza rivolgersi allo studio dei collet- 
tivi fenomeni sociali, anziché a quello degl'individui episodi politici, i 
quali, anzi, non si possono spiegare senza i primi. 

Era il P. riuscito nella trattazione speciale, a cui, in osservanza del su 
esposto giustissimo criterio, egli si era accinto? La Storia del socialismo 
del Pohlmann aveva, come fu notato, il difetto di mancare di un' idea 
precisa del fenomeno storico da illustrare. Che cosa è da intendere per 
socialismo? Qual'è l'accezione esatta del termine? Quali movimenti, orien- 
tati in tal senso, possono segnarsi nell'antichità classica? E in quali cir- 
costanti casi sociali, data la natura specifica del moderno fenomeno di 
socialismo, vanno essi ricercati ? Il Pohlmann, ripeto, aveva avuto il 
torto di non fissare una determinazione ideale del suo soggetto, e di 
vagare tra le più svariate nozioni di socialismo, segnando, senza ordine 
storico, e senza intimo ordine logico, tutto quanto al nome (o al pre- 
giudizio ?) di socialismo poteva riferirsi nell'antichità. V'era anzi di piìi: 
la materia gli si era slargata e diffusa tra le mani, e il Pohlmann, che 
s'era accinto a scrivere la storia del socialismo, aveva terminato con 
lo scrivere la storia delle varie questioni sociali, da cui fu affaccendato, 
straziato, il mondo, che l'umanità ha convenuto di chiamare classico. 

A questo secondo errore il P. ha cercato di rimediare, intitolando 
adesso la sua opera in modo diverso che non recasse la prima edizione, 
e cioè Storia della questione sociale e del socialismo nelV antichità. Ma basta 
scorrere il sommario dei vari capitoli per accorgersi che il nuovo titolo, 



- 323 — 

se ha corretto un inconveniente, ne ha creato degli altri. Kd invero, 
l'opera, che dovrebbe trattare in prima linea delle questioni sociali nel- 
l'antichità, ne discorre solo in quanto si eollfo'ano a un' idea, o esatta 
od approssimata, di socialismo. 

Tuttavia, ciò non ostante, la trattazione che l'A. fa di questo soggetto, 
nei riguardi della Grecia, è abbastanza ampia, e costituisce una mono- 
grafia, a cui gli studiosi non ricorreranno mai inutilmente. Lo stesso 
pex-ò non può dirsi di quella che concerne il mondo romano. La storia 
delle questioni sociali in Roma antica repubblicana è lacunosa ed af- 
frettata, ne vi sono ben distinti gli aspetti e le fasi, ch'esse assunsero 
od attraversarono. Uno studio poi delle questioni sociali nell' età im- 
periale romana, manca affatto. Eppure la catastrofe politica dell'impero 
ha alla sua base, come più volte è stato notato, ed anche gli antichi 
notarono, una catastrofe economico-sociale. 11 P. ha creduto invece suf- 
ficiente inserire un nuovo capitolo sul socialismo nell'antico Cristiane- 
simo, ch'era certamente utile, ma non poteva in alcun modo colmare 
la lacuna precedentemente rilevata. 

A queste osservazioni ne deve andar congiunta un' altra, di specie 
diversa. L'autore, abbiamo visto, reca in tutti i suoi libri un altissimo 
e degnissimo concetto della storia, che vorrebbe emancipata dalle stret- 
toie del puro filologismo, e che egli anela fecondare con lo spirito e 
coi resultati di quella " giovane scienza „ che sarebbe la storia sociale 
ed economica {Soziai- und Wirtschaftsgeschichte). Ma è precisamente la so- 
pravalutazione di questa * scienza „ che gli ha nociuto ogni qual volta 
egli si è accinto a lavorare sur un particolare soggetto. Ed invero la 
decantata Soziai- und Wirtschaftsgeschichte non ha di scienza nulla piiì 
del nome che le si è largito; essa non è che storia e niente altro che 
storia. Ma appunto per ciò sopra di essa si è, dai suoi cultori, esercitato 
spasmodicamente lo sforzo di erigerla a scienza, popolandola di astra- 
zioni concettuali, circondandone ogni più elementare constatazione del- 
l'impalcatura solenne di un edificio scientifico. Il malo vezzo di questo 
procedere inquina l'opera del Pòhlmann, che avrebbe potuto dire molto 
di più e molto meglio, senza quella speciale tournure imposta, come una 
maglia di acciaio, al proprio pensiero ed alla propria concezione. Non 
basta parlare in greco perchè si faccia della scienza ; ne il parlare in 
greco giova sempre alla scienza. Non basta la solenne elaborazione con- 
cettuale perchè si scxiva un'ottima opera di storia sociale dell'antichità ; 
lo sforzo anzi può nuocere, anziché giovare, al fine, cui esso è diretto. 
Quello che parmi sia talora avvenuto al Pòhlmann, non ostante i pregi 
e l'utilità, di cui la presente opera indubbiamente abbonda. 

C. Barbagallo. 



— 324 



Hugo Ehrlich. Jjntersuchungen iiher die Natiir der griechischen Betommg. 
Berlin, Weidmannsche Buchhandlung 1912, di pagg. xi-'274. 

Queste Ricerche dell'Ehrlich riprendono in esame la questione solle- 
vata vent'anni fa dal Wackernagel {Beitràge zitr Lehre vom griechischett 
Akzent. Basel, 1893) sull'accentuazione greca. Mentre gli antichi sono 
unanimi nel dire, che essa era di natura musicale, il W. affermò che ai 
grammatici i quali ce ne lasciarono notizia, perchè intenti a notare 
con l'orecchio l'alzarsi ed abbassarsi del tono della voce, sfuggì la dif- 
ferenza di intensità tra le varie sillabe, causata dalla maggiore o mi- 
nore quantità d'aria che uno emetteva nel pronunziarle. Stabilì quindi, 
che, in greco, accanto all'accento musicale, si deve ammettere l'esi- 
stenza d'un accento espiratorio, il quale darebbe spiegazione di vari 
fenomeni fonetici. L'È. crede, invece, che l'accento greco, da prima e 
per lungo tempo, sia stato puramente e semplicemente musicale, come 
la tradizione vuole : influenza esercitata sulla pronuncia dall'accento 
espiratorio non si avverte prima del IV sec. av. Cr.; essa, da allora, si 
fa sentire, con maggiore intensità e, prima, nella lingua del popolo, non 
in quella delle persone colte, e specialmente in paesi non appartenenti 
alla regione ellenica. Per ciò dunque le questioni di indole fonetica, 
per quanto riguarda la lingua greca, sono da considerarsi indipenden- 
temente dall'accento : le mutazioni della lingua avvengono, indipenden- 
temente da esso, come svolgimento di tendenze d'un periodo più antico 
(cfr. pag. 154). Nel suo lavoro l'È prende quindi in esame varie que- 
stioni fonetiche, per dimostrai'e, che a torto si ammise, dal Wacker- 
nagel e da altri, che lo svolgimento dei suoni fosse determinato, in 
tutto in parte, dall'accento. Ecco il titolo dei capitoli : 

I. L'apocope in greco (pag. 4-58) ; II. Contributo alla storia della 
flessione indogermanica (pag. 59-94); 111. Una legge sullo scadimento 
fonico dei dittonghi nei dialetti greci (pag. 95-116); IV. Leggi fone- 
tiche dell'accento espiratorio in greco (pag. 117-154); V. Parola e verso 
(pag. 155-249). 

Alcune delle questioni, come quelle trattate nei capitoli Il-lV, sono 
di natura strettamente linguistica e basti qui l'averne fatto cenno ; ma 
il capitolo primo ed ultimo hanno importanza grandissima anche pel 
filologo. Nel primo l'apocope è studiata specialmente nella lingua dei 
poemi omerici, sulla base di statistiche diligentissime e minutissime. 
L'È. stabilisce la legge, che: una serie di tre brevi costituita da tre 
vocali separate da un'unica consonante è evitata con la soppressione 
della vocale intermedia, quando questa stia nella finale della parola. 



— 325 - 

All'incontro, la breve rimane se è fatta lunga da un gruijpo di conso- 
nanti (geminata), oppure se è seguita da sillaba lunga (pag. 20). 

Nell'ultimo capitolo l'A. prende le mosse dal libro di I. Hilberg (Das 
Prinzip der Silbenwìiguny und die daraus entspringeiiden Gesetze der 
Endsilben in der griechischen Poesie. Wien, 1879), il quale pure ammette, 
che in greco sia esistito un accento espiratorio insieme con quello mu- 
sicale, e vuole dimostrare l'insussistenza delle 24 leggi da lui stabilite 
per la poesia greca. Ciò porta l'È. ad esaminare con grande acume la 
struttura e le leggi dell'esametro omerico e seriore (particolarmente 
quello di Nonno). In due appendici (pag. 250-266) si tratta : I. della 
natura dell'accento grave; II. dell'interpretazione del v. 279 dell'Oreste 
euripideo, che è parodiato da Aristofane nelle Rane (v. 303). Al quale 
proposito si stabilisce, sulla base di testimonianze antiche, che l'errore 
di pronunzia per cui Egeloco fece ridere sta nell'avere, declamando il 
verso d'Euripide, diviso male le sillabe: invece di dire gà-lè-nho-ro 
(7«-/l/]-v' à-QÒ)), egli fece sentire qà-lenjhò-ro {ya-À-rjv j óqòj). 

Achille Gosattini. 



E. NoRDEN. Agìwstos Theos. Untersiichungen zur Formengeschichte religioser 
Rede. Leipzig-Bei-lin, B. G. Teubner, 1913, di pp. x-410. 

Il motivo al titolo del libro ed al libro stesso è dato al Norden dalla 
predica che Paolo tiene in Atene secondo gli Atti degli Apostoli 17, 22-31, 
e poiché tale predica offre chiari gli elementi principali che si trovano 
in tali prediche antiche di Apostoli o missionari, il Norden parte dallo 
schema del discorso paolino per studiare l'origine, lo svolgersi e l'uso 
di questi tipi in tutta la letteratura religiosa. Di qui la ragione del 
sottotitolo, il quale serve subito a dichiarare al lettore la natura delle 
ricerche fatte e volute dall'autore. II Norden è filologo e tratta da filo- 
logo le questioni: teme quasi che le sue ricerche possano condurlo in 
altro campo, nel quale era facile trascorrere, ma nel quale non ha vo- 
luto di proposito scendere. Il fatto che egli spesso usa espressioni come 
le seguenti: e questo è interessante pei teologi,... e questo per noi filo- 
logi, ecc. dimostra come egli voglia tenere distinte le sue ricerche di 
filologo dalle conclusioni o discussioni teologiche e religiose cui si po- 
trebbero esse anche prestare. Così la fede del lettore non viene turbata 
dalla volontà dell'autore, il quale tratta spassionatamente le importanti 
questioni che gli si presentano, e che alla loro volta per le loro nuove 
e gravi conclusioni offrono materia di studio e di meditazione agli sto- 



— 326 — 

rici ed ai teologi. Il Norden così, senza darlo a divedere e senza procla- 
marlo personalmente, con le sue ricerche otfre un materiale nuovo di 
studio, apre altre vie agli studiosi, cui presenta criteri nuovi per discu- 
tere del valore e dell'attendibilità e genuinità degli scritti del N. T. 
Così le sue ricerche hanno un'importanza ben maggiore di quanto si 
potrebbe credere o pensare di primo acchito, e dimostrano ancor una 
volta come le questioni filologiche — quando si comprenda la filologia 
nel suo più pieno ed alto significato — non sono questioni oziose, inu- 
tili, ma sono il piìi delle volte fondamento e motivo od anche occa- 
sione di tante altre che riguardano campi di studio ben diversi. Con 
questo nuovo poderoso lavoro il Norden ci dà quasi il complemento 
alla sua opera magistrale suìVAntike Kunstprosa : anche qui le sue ri- 
cerche sono di genere stilistico, ma sono così nuove ed importanti che 
l'autore stesso s'è trovato alla fine a dover stabilire conclusioni ben 
diverse da quelle cui credeva di giungere quando aveva cominciato le 
sue ricerche: e difatto, mentre s'era prefisso di rintracciare nella lettera- 
tura ellenica i motivi che egli riconosceva nel discorso paolino, la natura 
e la necessità delle ricerche lo condussero a ritrovare quei motivi in 
più antiche letterature. 

Mano mano si allargava il campo di studio ed il Norden con quella 
profonda cognizione delle letterature antiche che ognuno ben gli rico- 
nosce, con la speciale padronanza della bibliografia che ha in tale campo, 
e con l'autorità che in tal genere di ricerche ha per comune consenso 
degli studiosi si è accinto arditamente all'opera, sorretto dal consiglio 
e dall'aiuto dei colleghi ed amici, quali il Wilamowitz, il Diels, il 
Meyer, l'Erman, il Cichorius e lo Skutsch, cui è dedicato il libro con 
dolce, affettuoso epicedio in greco, essendo la sua morte avvenuta du- 
rante la revisione e la pubblicazione dell'opera. E l'opera è riuscita 
veramente importante, quale potevamo aspettai'ci dall'attività del filo- 
logo berlinese. 

La trattazione è divisa in due grandi parti. Nella prima trattasi in 
particolare dell'orazione nell'Areopago tramandataci dagli Atti degli 
Apostoli; la seconda ci dà le ricerche sulla Stilgeschichte der Gebets- 
und Pradikationsformeln. La prima parte "e divisa in tre capitoli, dei 
quali il primo studia il discorso di Paolo come tipo delia predica dei 
missionari, il secondo la relazione che v'ha tra il discorso stesso e 
l'inscrizione posta sull'altare àyvcócTTcp ^£(p, il terzo il discorso nel suo 
complesso. 

Nel primo capitolo il Norden fa un'acuta disamina del motivo fonda- 
mentale giudeo-cristiano che informa l'orazione, motivo che si esplica 
in quattro zÓTiot generali cioè Vdyvoia, la venerazione dovuta con l'a- 
nimo alla divinità, la fieidvoia, e la resurrezione di Cristo fra i morti. 



— 327 — 

Col coufroiito di Poimandr. 1,27, delle Odi di Salomone recentemente 
scoperte (del 1" o 2" sec. d. C), del ai^Qvyfia di Pietro (in Clemente 
Alessandrino) e della predica di Barnaba (nei Clementina del Lagarde) di- 
mostra evidentemente come tali luoghi erano comuni a tal genere di 
predicazione, e che risalivano a fonti anteriori , ma che variamente 
erano usati secondo il tempo e le circostanze, sovra tutto secondo lo 
spirito dell'uditorio cui erano destinate. In questo apparisce l'indivi- 
dualità del missionario che sfrutta il motivo che gli torna più oppor- 
tuno. Su questi motivi si ricama più tardi tutta l'apologetica, ed, a mio 
credere, daranno essi motivo a quella specie di catechismo al quale si 
dovranno attenere più tardi gli apologeti e per il quale si riscontrano 
nelle apologie cristiane tante concordanze non solo di pensiero ma 
anche di forma. Taluni di questi motivi risalgono alla letteratura pro- 
fetica dell'antica Grecia e si sono modificati nell'ellenismo giudaizzante, 
ma non per questo, io credo, gli apologeti si possono considerare imi- 
tatori seguaci di quel genere letterario con intendimento ricercato. 
Forse solo la forma si impone loro malgrado od inconsciamente, come 
ebbi a notare in questa stessa Rivista (XL [1912] p. 71, 1) a proposito 
di Giustino. Ora però, dopo le ricerche del Norden, sarei meno reciso 
nell'affermazione fatta nel luogo or citato riguardo alla poca influenza 
dell'apologetica giudeo-alessandrina sulla cristiana dei primi tempi. Tor- 
niamo al lavoro del Norden. Oltre il motivo fondamentale giudeo-cristiano 
il Norden fa notare che molti altri motivi secondari, derivanti sovra 
tutto dallo stoicismo, concorrono a dare alla predica cristiana quel co- 
lorito speciale che la contraddistingue e per la quale essa, pur appor- 
tando il nuovo Verbo, non riesce affatto nuova e completamente inaf- 
ferrabile ne' suoi fondamenti primi ed inaccettabile agli uditori. Tutta 
la letteratura greca e latina passa in rassegna il Norden per scoprire 
le traccie od i residui di tali motivi, aiutato in questo dal lavoro degli 
esegeti precedenti, fra i quali, a titolo d'onore, ricorda il Wettstein, la 
cui opera, troppo sfruttata da chi mostrò poi di non tenerla in pregio, 
è fonte inesauribile di erudizione profonda e peregrina. — Nel secondo 
capitolo il Norden si sofferma particolarmente sul motivo dell'inscri- 
zione dell'altare ricordata da Paolo e dimostra come questo pure sia 
uno dei soliti mezzi retorici, già da altri sfruttato e specialmente da 
Apollonio di Tiana secondo la narrazione di Damis presso Filostrato. A 
tal proposito il N. instituisce un più minuto raffronto fra l'orazione tenuta 
da Apollonio in Atene e quella di Paolo, dimostrando in quale stretta 
relazione siano fra loro i racconti di Damis e degli Atti degli Apostoli, 
anche per la ragione cronologica. La conseguenza che ne deriva è quella 
della dipendenza del discorso di Paolo da quello di Apollonio: ma il 
Norden cautamente non vuol trarre tutta la conclusione, contentandosi 



— 328 — 

di farla intuire : io credo che la dipendenza sia ancor maggiore di quanto 
egli non voglia ammettere anche per la congruenza ch'egli fa notare 
con la quarta lettera i:)seudoeraclitea. Però è da notare che mentre 
Apollonio parla di dei ignoti, Paolo parla di dio ignoto; per questo il N. 
esamina più minutamente la questione riguardante l'uso di tale espres- 
sione " ayvcùaios d'eóg , dimostrando che i luoghi di Lorenzo Lido, Livio 
e Lucano dove si parla di dio ignoto non hanno nulla di comune col 
luogo di Paolo e che questi ha modificato un fatto reale per la sua 
opportunità e per trarre a suo vantaggio una condizione dei pagani. 

L'inscrizione ricordata da Paolo era quella stessa forse vista da Apol- 
lonio, menzionata anche da Pausania, dove la forma di dedica era 
in numero plurale : Paolo, piìi che per errore di lettura o di memoria, 
profittò della occasione che gli si presentava modificando il testo. Ed 
infatti dalle lunghe, minuziose ricerche lessicali del Norden si deduce 
che la formula ayvcoarog &eós era estranea alla lingua greca, e che se 
pure nella letteratura greca si trovavano le formule yiyvwayiEiv ^eóv 
(= nascere deunì), yvóòaig &eot, esse hanno valore ben diverso di quanto non 
abbiano nelle religioni orientali e nel tempo del sincretismo o della tea- 
crasia, come il Norden preferisce chiamarlo. — Nel terzo capitolo si esa- 
mina l'orazione nel suo complesso, nei motivi generali che si fondono 
in essa e derivanti sia dalla vita ellenica, sia dallo spirito religioso 
giudeo-cristiano, sia dalla sapienza giudaica; motivi che si ritrovano 
ad es. nell'A. T. (= Libro della Sapienza) e si risentono ancora negli 
inni gnostici e negli scritti ermetici. 

La seconda parte dell'opera destinata alle ricerche stilistiche si com- 
pone di tre capitoli secondo che l'autore ricerca i motivi religiosi della 
invocazione o della predicazione nella letteratura greca, nella lettera- 
tura giudaica od in quella cristiana. Il primo capitolo prende motivo 
dall'Ode a Messalla di Orazio {Carni. Ili, 21) di cui dà una nuova e 
seducente interpretazione riconoscendo in tutta l'ode i vari motivi della 
lirica religiosa. Interpretazione che con la solita sua erudizione il Norden 
rafforza con innumerevoli esempi tratti dalla letteratura greca e dalla 
latina che ne dipende. I motivi principali sono : l'uso del tu deprecativo, 
delle attribuzioni della divinità che si seguono con forma anaforica 
{seti... seu, sive... sive ecc.), la particolarità della designazione della na- 
scita del dio ecc. ecc. Particolarmente ha importanza il motivo della 
apostrofe col tu: ma talora è adoperata anche la terza persona, raccon- 
tando il poeta i fatti del dio: ma il racconto è fatto in modo tale che 
facilmente si intende come derivi da una forma deprecativa in ''Du'-Stil, 
come lo chiama il Norden. Di pivi è da notare l'uso del participio nelle 
epiklesi della divinità e l'uso delle proposizioni relative in tali determi- 
nazioni. Invece la forma èyd) sl/^i {ab el, odvóg èaviv), che si trova nel- 



— 329 - 

l'A. e nel N. T., nei papiri magici, negli inni gnostici e negli scritti 
cristiani non è punto ellenica e deriva appunto dalla lingua ebraica, di 
cui è peculiarità stilistica, come il Norden dimostra nel secondo capi- 
tolo. Anche nella letteratura giudaica si trova l'uso del participio e 
delle proposizioni relative come nella lingua religiosa greca, ma il 
Norden fa notare che vi sono tuttavia profonde differenze, poiché mentre 
nel greco ad es. i participi sono predicativi od attributivi senza arti- 
colo, presso gli orientali il participio e sostantivato e quindi con l'ar- 
ticolo. 

L'origine di questa forma stilistica bisogna ritrovarla negli inni su- 
merici, babilonesi, assiri, nelle inscrizioni dei re persiani ed ellenistici, 
persino nei documenti egiziani. Inoltre nei testi greci e latini la divi- 
nità è lodata sempre per i suoi atti {dynainische Prcidikationsart), nei 
testi orientali in generale si fa la lode delle qualità inerenti alla divi- 
nità, e così in questi prevale 1' 'Ich'-Stil, in quelli il 'Du'-Stil o V'f]r'-Stil. 
Con tali criteri quindi il Norden studia i prodotti letterari del tempo 
della teocrasia (encomio d'Augusto in Filone leg. ad Gai. 21 ; offerta di 
Leontopoli ; inscrizione frigia del 314 d. C. ; il X inno orfico; le cita- 
zioni plutarchee del si ^v, e la doxologia di Firmico). Nel terzo capi- 
tolo il Norden studia l'influsso stoico nella doxologia di Paolo e la 
storia del concetto dell'onnipotenza divina, quindi i motivi liturgici in 
Paolo, Coloss. 1, 9 sg., ad Tini. 1, 3, 16 per conchiudere f?«ss c«'« Urtypus 
erhorter Rede, der Satzparallelismus, in sciner hesonderen Ausprdgung 
zwei Ausdrucksformen erhalten hat, die sich deutlich voreinander iiuter- 
scheiden. Der Hellene hat den Vortcil kunstreiclìer Gestaltimg im Heine», 
aher ihm fehlt die Monumentalitdt der Architektonik ; wiihrend daher bei 
iìim gerade dieser Stil rettungslos der Manier verfiel, tSnt die maniera 
grande der in diesem Stile verfassten Psalmen, der prophetischen Redeii 
des alien Testaments und der Eiiangelien, aucli zahlreicher patdinischcr 
Stellen in ungebrochener Grossartigkeit an iinser Ohr. (p. 260 sg.). Di no- 
tevolissima importanza è poi l'ultimo paragrafo di quest'ultimo capitolo 
riguardante Das Apostolische Glaubensbekenntnis, nel quale conchiude che 
il simbolo della fede cattolica per struttura e contenuto è prodotto della 
età apostolica. 

Segue al lavoro una lunga nota finale (pp. 277-808) sul discorso di 
Cristo nell'Evangelio di Matteo 11,25-30, ove conchiude il Norden dopo 
sottile ragionamento che mediatrice fra giudaismo e cristianesimo è 
stata la Stoa orientaleggiante col platonismo che le si collega. 

Otto appendici compiono il lavoro : appendici di varia importanza e 
di varia grandezza. La più notevole è la prima sulla composizione degli 
Atti degli Apostoli, nella quale il Norden studia le due correnti princi- 
pali: l'una in puro 'Wir'-Stil o 'Ick'-Stil, l'altra in 'Wir-Stil e 'Ich'-Stil 



— 330 — 

combinati. Negli Atd canonici manca V'Ich'-Stil, negli apocrifi V'Ich'-Stil 
si mescola col 'Wir'-Stil: di questo seconde genere è la narrazione degli 
Atti genuini di Luca che il redattore poi ha completato con altre fonti. 
La seconda appendice tratta delle ^é^eig àTTcnai negli Atti [a7ieQ{.ióÀoyog, 
KaivÓTEQov, Àéyetv y.al ànoveiv). La terza appendice ci parla della lettera 
di Apollonio Tianeo (con un contributo di Conrad Cichorius sulla let- 
tera 58^), e del frammento dello scritto tvbqI d-vaiùv. Nella quarta ap- 
pendice il Norden fa alcune osservazioni sulla formula è^ aézov y.al ói' 
avTov y.al els avTÒv tà ndpia; nella quinta invece sul Satzparallelismiis 
semitico ed ellenico con l'analisi dei periodi paolini; nella sesta sulla 
collocazione del verbo nel N. T. greco; nella settima del mito di Pro- 
tagora in Platone e di Evemero in Ennio e sull'argomento di una fa- 
bula palliata che il Norden chiama Avicularia (auct. ad Herenn. I, 9, 14). 
L'ottava appendice, importantissima per lo studio grammaticale, tratta 
dello stile partecipiale e relativo negli scritti del Nuovo Testamento. 
Utilissimi, indispensabili anzi in tanta varietà di materia sono gli 
indici dei nomi e delle materie, dei luoghi citati degli autori ed infine 
delle parole greche e latine che sono illustrate nel testo, coi quali si 
chiude l'opera pregevole del Norden. 

Camillo Cessi. 



L Fkiedlaender. Die Chadhirlegende tind der Alexanderroman. Etne sa- 
gen(/eschichtliche u>id literarhistorische Untersuchung. Leipzig-Berlin, 
G. B. Teubner, 1913, di pp. xxiii-338. 

Benché il dotto volume del Friedlaender interessi particolarmente gli 
studiosi delle lingue e letterature orientali, pure è doveroso darne un 
cenno anche nella nostra Rivista per le attinenze strette che la leggenda 
orientale, studiata dal Friedlaender, ha con la leggenda greca da cui 
deriva: vale a dire con la leggenda di Alessandro Magno che tanta dif- 
fusione ha avuto in tutte le letterature antiche e moderne. Un quadro 
abbastanza notevole, se non completo — in parte poi ora antiquato — 
della diffusione generale della leggenda ci aveva dato il Carraroli fino 
dal 1892 (La leggenda di A. M., Torino, Clausen), e lo studio del Car- 
raroli può servire per orientare chi voglia accingersi allo studio della 
multiforme leggenda, anche perchè contiene parecchie acute osserva- 
zioni per le quali avrebbe ben potuto citarlo nella nota bibliografica 
anche il Friedlaender. Questi invece dipende in gran parte dai famosi 
Beitrdge del Nòldeke, al quale anzi l'autore dedica con devozione ed 



— 331 - 

affetto le sue ricerche. Ma al Noldeke, ad es., il Carraroli contesta la 
affermazione recisa (p. 102) che la versione siriaca derivi dal pehlvi 
piuttosto che da una greca, come egli invece reputa, e questo fatto ha 
non piccola importanza quando si pensi quale parte rappresenti la 
versione siriaca nello sviluppo della leggenda stessa. Il Friedlaender si 
propone di studiare solo una parte della leggenda di Alessandro Magno 
nelle versioni orientali per quanto riguarda la figura di Chadhir = il 
verde, di cui vuole ricercare l'origine e di cui tenta di determinare lo 
sviluppo storico della leggenda. Il volume è diviso per la trattazione 
in due parti : nella prima il Friedlaender studia l'origine della leggenda 
di Chadhir, nella seconda le versioni maomettane della stessa leggenda, 
aggiungendo in fine alcune appendici che illustrano alcune affermazioni 
già date nel testo. Per riuscire alla determinazione della leggenda il 
Friedlaender parte dalla leggenda greca di Alessandro Magno quale è 
data nei racconto del pseudo Callistene e prende motivo dalla leggenda 
della Fonte della vita che si legge nella lettera di Alessandro Magno ad 
Olimpia e ad Aristotele, lettera data nella redazione y della leggenda 
e pivi succintamente nella redazione /3, mancando in quella a, che è la 
più antica. 

Però anche queste aggiunte delle redazioni posteriori derivano alla 
loro volta da fonti antiche e non sono soltanto il prodotto di età più 
recenti. Nella prima redazione manca pertanto l'episodio della Fonte 
della vita, che il redattore della lettera ad Olimpia, che risente tanto 
di influsso giudaico- cristiano, ha dovuto trarre da fonte greca: e giova 
a tal proposito il confronto con la leggenda greca di Glauco, colla 
quale la leggenda di Alessandro per questo riguardo ha comune il colo- 
rito e la tendenza. Anzi il Friedlaender vuol ritrovarvi una origine si- 
cionia, poiché di origine sicionia è un Andreas, che ci richiama al cuoco 
Andreas nell'episodio del ps.-Callistene e che ha tanta parte nello svi- 
luppo orientale della leggenda. All'episodio della Fonte della vita nel 
ps.-Callistene s'aggiunge un altro motivo, quello del Paese dei beati; 
motivo che mentre ha parte secondaria nella redazione pseudo-calli- 
stenea, ha importanza principale nella leggenda assiria, nel Talmud 
babilonese, tanto che più tardi, assumendo colorito giudeo-cristiano, 
forma quasi una leggenda a parte e si completa con l'andata di Ales- 
sandro in Paradiso {iter ad Paradisum^, svolgendosi indipendentemente 
dal romanzo di Alessandro, incorporandosi poi nelle leggende orientali 
di cui formò parte integrante. 

Nel Talmud invece nessuna traccia della leggenda della Fonte della 
vita, e la leggenda nei vari motivi suoi risente dell'origine popolare. 
Il Friedlaender, ed in questo mi pare vegga bene, crede che i rabbini 
difficilmente abbiano avuto conoscenza diretta della redazione pseudo- 



— 332 — 

callistenea, ma abbiano tratto molto da fonte siria che sarebbe stato 
appunto il ponte di congiunzione fra la Grecia e l'Oriente talmudico. 
Quindi l'A. si sofferma sulla cosidetta Omilia siriaca di Jacobo di Sarug, 
e dimostra che originariamente nella leggenda siriaca mancavano i due 
episodi dell'andata in Paradiso e della Fonte della vita, ma di quest'ul- 
timo si parla invece nell'aggiunta — che è autentica — nel cod. parig. P^. 
Invece l'episodio della fonte si trova nel Corano (Sure 18, vv. 59-63), 
dove però è attribuito a Mosè, il quale è indubbiamente da ritenersi 
sostituito a Dii'l-qarnein di cui si parla invece piìi avanti e che è da 
identificarsi con Alessandro Magno (cfr. Noldeke p. 32, Carraroli p. 157 sg.). 
Lo scambio facilmente si comprende essendo Mosè = colui che ha i raggi 
sul capo = cornuto, e Du'1-qarnein = hicornuto. Questa leggenda dai 
teologi maomettani è stata variamente trattata e tramandata in nume- 
rosissime recensioni a cominciare dal Kufense Sa'id b. Gubeir. Il Fried- 
laender a p. 86 dà lo schema della dipendenza delle varie redazioni 
per maggior comodità dei lettori. In queste leggende si trovano le 
prime forme di quella di Chadhir che comparisce come il servo di Mosè 
nell'episodio della Fonte della iuta e che in fondo è da identificarsi col 
cuoco Andrea dell'episodio pseudo-callisteneo. Ecco quindi la prima 
forma della leggenda di Chadhir, il verde ; ecco il suo primo officio. 

In Chadhir poi la leggenda maomettana ha fuso tutti i colori più 
vari: Chadhir divenne l'eroe mitico-religioso della credenza orientale: 
egli è il cielo, la terra, il mare : egli è il verde e quegli che fa il verde 
intorno o sotto di sé; è il genio della vegetazione, è l'alga che ricopre 
il genio marino ; diviene uno spirito del mare ; richiama la leggenda 
greca di Glauco, avendo il colore non già dell'acqua ma della vegeta- 
zione che gli fiorisce intorno : in lui si incarnano tutte le figure che la 
leggenda maomettana assimila anche da altre leggende, e persino egli 
diviene simile a Cristo, ad un S. Giorgio. 

Ma in fondo Chadhir non è che il travestimento orientale del cuoco 
Andrea. Come sia avvenuta così grande trasformazione della leggenda 
primitiva e quali siano i piloni fondamentali del grande ponte sul 
quale è trascorsa così mirabilmente modificandosi la primitiva leg- 
genda, il Friedlaender cerca di determinare nella seconda parte del suo 
volume in cui studia le varie vei'sioni maomettane della leggenda. La 
più diretta relazione fra il romanzo di Alessandro Magno e la leggenda 
di Chadhir si trova nell'opera fmanoscritta) del teologo persiano Mu- 
hammed b. 'Ali Ibn Babuje, morto nel 991, che pur avendo attinenza 
coll'Omilia siriaca non pare abbia avuto con questa relazione diretta. 
Altro svolgimento della leggenda si ha in un manoscritto londinese 
(British Museum, Add. 6928) attribuito ad 'Oinara, dove si fondono varie 
redazioni con colorito maomettano e funzione teologica. Tale leggenda 



— 333 — 

più ampia e con qualche modificazione si trova ytoi ndUa. Stona del j^i'O- 
feta del ra'labl e nel vocabolario biografico di Ibn Hagar, dove si no- 
tano numerosi riscontri con la leggenda maura di Alessandro Magno 
pubblicata dal Robbs di su un manoscritto madrileno. Il Friedlaender 
quindi studia lo sviluppo della leggenda di Chadhir in relazione con 
quella di Alessandro Magno in un'opera manoscritta (nel British Mu- 
seum, add. 7366) di Suri, dove si tratta di Alessandro Magno (Z)u'l-qar- 
nein il Romano) e del suo Vizir Chadhir, copiata nel 1685. (Altri mss. po- 
steriori londinesi e berlinesi sono ricordati nelle note con le più notevoli 
varianti). In questa redazione si presentano elementi nuovi, che dimo- 
strano lo sviluppo sempre maggiore per influssi stranieri della primitiva 
leggenda, la quale assume un colorito particolare in una redazione che 
sta a se e deriva dall'Arabia meridionale, nella redazione cioè di 
Ibn Hischam, che identifica Z)fi'l-qarnein con Sa'b; re degli Imiari, con- 
temporaneo e seguace di Abramo, e Chadhir con Musa (Mosè), diverso 
però dal legislatore ebraico, e che abita nel sacro tempio di Gerusalemme. 
Il Friedlaender passa infine a studiare la leggenda nelle opere di 
Firdusi e di Nizami e sovratutto nella versione etiopica del romanzo 
di Alessandro, conchiudendo quindi che l'origine di tutta la leggenda 
è greca, che trovò in quella di Glauco la sua incarnazione e che per 
l'episodio della Fotite della vita ebbe suo motivo e origine con la figura 
del cuoco Andreas, che assume colorito e forma dall'eroe Glauco. Con 
questa forma la leggenda entra nell'Arabia, e per poco la corrente si 
spezza in vari altri canali per opera del Corano. Nelle varie appendici 
il Friedlaender studia forme speciali assunte da Chadhir nel corso della 
leggenda in relazione alla leggenda di Elia, Josuè, sì che finisce con 
l'identificarsi con Malkisedek da un canto e S. Giorgio dall'altro : 
studia le relazioni di affinità fra Du'1-qarnein e Alessandro Magno, il 
mutamento di Chadhir in demone del mare, e qualche altro piccolo 
cenno riguardante tale trasformazione. Seguono alcuni brani tratti dalle 
opere di Babùje, di 'Oraaras, di Suri, ed alcune aggiunte del profes- 
sore Noldeke. Chiudono l'opera due importantissimi indici, l'uno (ed è 
di importanza eccezionale) delle varianti della leggenda riguardante la 
Fonte della vita nei vari testi e nelle varie leggende, l'altro dei nomi 
ricoi'dati nel testo e che serve a facilitare le ricerche. La bibliografia 
accurata ed abbondante (qualche lieve lacuna abbiamo accennato — si 
potrebbe ancora aggiungere l'indicazione della dissert. del Becker, Zar 
Alexandersage, Konigsb. 1894) precede l'opera ed è importante sovra 
tutto per la parte che riguarda il materiale manoscritto sul quale in 
gran parte si basano le ricerche e le conclusioni del Friedlaender per 
quello che riguarda lo sviluppo della leggenda maomettana. 

Alcune parti dell'opera erano già state pubblicate precedentemente 



— 334 — 

dal Friedlaender neìVArchiv f. Religionswissenschaft (1910) per quanto 
spetta alla relazione fra l'andata di Alessandro Magno alla Fonte della 
vita e la leggenda di Chadhir, ma la parte che tratta dello sviluppo 
della leggenda di Chadhir nella tradizione maomettana, i testi appor- 
tati ad alcune delle più importanti appendici (la 2* specialmente) sono 
completamente nuovi ed è merito grandissimo del Friedlaender di aver 
saputo fondere opportunamente la parte pubblicata con quella nuova 
in modo da darci un'opera intera ed organica. 

Camillo Cessi. 



Diodor's Romische Annalen bis 302 a. Chr. samt dein Ineditum Vaticaniim 
herausgegeben vou A. B. Drachmann (in Kleine Tcxle fiir Vorlesmigen 
und Uebungen herausg. von H. Lietzmann). Bonn, A. Marcus und 
E. Weber's Verlag, 1912, di pp. 72. 

La nota e benemerita raccolta del Lietzmann si è accresciuta, col vo- 
lumetto del Drachmann, di un'altra opera pregevolissima ed utile. 
Quanto mai interessanti sono per noi le notizie che Diodoro dà sulla 
storia di Roma, ma chi mai, se non gli studiosi di professione, si da- 
rebbe la briga di ricercarle nella grande congerie di note che formano 
la Bibliotheca di Diodoro e nei frammenti che da varie parti si sono po- 
tuti raccogliere? Il Meij fin dal 1864 aveva fatto un tale lavoro [Dio- 
dori Siculi fragmenta antiquiorem historiam Roìttanam spectantia, De- 
venter) illustrando le notizie con dotti commentari. Ma l'opera del Meij 
è antiquata in parte ed inoltre non è facile trovarla in commercio, di 
modo che non è di quella pratica utilità che si propone ed ha il lavoro del 
Drachmann. Questi però non ci ofi're soltanto un materiale raccattato di 
qua e di là, ma un materiale criticamente vagliato, poiché il Drachmann 
stesso per i libri XI-XV ha potuto nuovamente collazionare il codice 
Marciano 375 ed il Laurenziano 70,12 oltre essersi servito di quella del 
Vogel per il Patmius e del materiale raccolto dal Laqueur; per il testo 
dei frammenti si potè giovare dell'edizione berlinese degli Excerpta 
Constantiniana, pei libri XVl-XX dell'apparato del Fischer. Quindi il 
testo è criticamente sicuro od almeno quale ce lo danno i più recenti 
studi diodorei. II Drachmann porta anche una scelta delle correzioni 
più importanti proposte, e delle varianti più notevoli dei codici, di- 
stinti dalle varie sigle il cui elenco, per comodità dei lettori, si trova 
nella prima pagina avanti il testo. Ne di questo si è contentato il 
Drachmann per rendere l'opera sua più utile e più pratica : per facilitare 



— 335 - 

le ricerche ao:li studiosi ha indicato a pie di pagina le opere storiche 
più importanti nelle quali più ampiamente sono discusse le varie que- 
stioni attinenti ai singoli capitoli riguardo all'autenticità e veridicità 
delle notizie diodoree ed al loro valore storico. E con nostra soddisfa- 
zione notiamo che al Drachmann non è sfuggita l'importanza anche di 
alcune opere italiane, quale ad es. quella del Costa e del Pais. Con 
senso poi di vera opportunità il Drachmann premise ai frammenti la 
datazione, segnando le Olimpiadi, la data avanti la nascita di Cristo 
e quella ab urbe condita. Di più non si potrebbe richiedere. In fine al 
volumetto è dato Vlneditum Vaticanum pubblicato dal v. Arnim {Hermes, 
XXVII [1892] pp. 118 sgg.) di su il ms. Vaticano 435 del sec. XIV e 
che il v. Arnim attribuisce a Diodoro benché il titolo nel codice dica 
chiaramente IIÀovtdQ[%ov ^7 KeynÀlov àjiocpd-e'y/AaTa ' Pcùfiainci. Ma per 
il cfr. del § 3 deWIneditum con Excerpta Vat. da Diod. XXIII e del § 5 
con Diod. Vili, 5 facilmente ha acquistato credito l'ipotesi dell'attribu- 
zione diodorea del v. Arnim che volle ritrovare in Fabio la fonte del- 
VTneditum stesso. 

Chiude il volumetto una breve Einleìtiing, divisa in paragrafi, nella 
quale il Drachmann dà notizia dei codici del testo diodoreo, dei prin- 
cipali editori e delle loro edizioni. Seguono poscia nei §§ 5-14 le no- 
tizie bibliografiche distinte per capitoletti secondo la materia, cioè: Opere 
generali su Diodoro; Fonti e Credibilità delle notizie su Roma; Storia 
in generale; Cronologia; Storia della composizione ; Lista dei re Albani ; 
Catastrofe gallica; Guerra sannitica; Opere riguardanti il testo di Dio- 
doro ed Opere riguardanti lo stile e la lingua di lui. Sono pochissimi 
cenni: ma sono indicate le opere fondamentali e ciò è sufficiente per 
lo scopo che si propone il libretto del Drachmann e tutta la raccolta 
del Lietzmann. 

Qualche osservazione si potrebbe fare i-iguardo alla scelta ed alla pre- 
ferenza di qualche variante, ma questo è campo aperto sempre alla 
discussione e nessuna osservazione potrebbe infirmare il valore dell'ope- 
retta. Piuttosto faccio notare che trattandosi di una raccolta di fram- 
menti dai quali deve risultare una specie di storia generale del popolo 
romano, pur essendo obbligo dell'editore di presentare i testi nella loro 
forma genuina qualche mutamento era però necessario. Quando si ripor- 
tano frammenti che sono tali anche nel testo è bene siano dati scrupo- 
losamente come la tradizione li ha tramandati, ma quando si staccano 
dei periodi di un brano da un complesso di altri che ne sono la deter- 
minazione logica allora non è più possibile presentarli cosi come stanno 
senza legami, o, peggio ancora, coi legami originari che diventano in 
tal caso illogici. Ad es. perchè cominciare proprio con un òióneg'i Se 
il ÒLÓneQ ha ragione d'essere nel testo di Diodoro, perchè introduce una 



— 336 — 

proposizione ed un'affermazione che sono conseguenza di quanto è stato 
detto prima, diventa oscuro e fuor di luogo in principio del racconto. 
Anzi fa sentire la mancanza delle ragioni dette in antecedenza dall'au- 
tore e per le quali regge il racconto. Piuttosto era preferibile segnare 
una piccola lacuna, sicché il lettore a suo modo può compierla iniziando 
la lettura, o, in ogni caso, è avvertito che il racconto ha nell'originale 
altro principio e riguarda fatti che a lui non interessano. Ma sono 
inezie. 

Camillo Cessi. 



MusAios. Hero und Leandros mit ausgewuhlten Varianten und Scholien 
herausgegehen t^on Arthur Lddwich (in Kleine Texte fur Vorlesungen 
und Uehungen herausg. voti Hans Lietzmann). Bonn, A. Marcus und 
E. Weber's Verlag, 1912, di pp. 54. 

In parecchie occasioni il Ludwich s'era già occupato di Museo, o in- 
direttamente parlando di Nonno d'ai Beitràge zar Kritih d. Nonnos 
(Regimont.) del 1873 all'articolo Der Hexameter des Nonnos (nella Griech. 
Metrik^ del Rossbach) del 1889 ed alla edizione di Nonno del 1909, o 
di proposito pubblicando gli scoli [S] del cod. B (Baroccianus 50 del 
sec. X XI) nel 1893 {Scholia graeca in Musaci carmen, Regim.) o par- 
lando delle relazioni di Museo con Proclo negli Jahrb. del Fleckeisen 
(1886, p. 246 seg.) o trattandone della classificazione dei manoscritti 
{Ueber d. Handschriften d. Epikers Musaeus, Konigsb. 1896). Ora il 
Ludwich ci dà il testo critico del poemetto con una scelta degli scoli 
e di varianti. Così però promette il titolo del libretto : ma questo con- 
tiene ben più, perchè il Ludwich, quando gli si presenta l'occasione 
favorevole, ci dà un vero e proprio commentario illustrativo del testo 
con numerosi richiami ad Omero, ad Apollonio Rodio, a Meleagro, a 
Paolo Silenziario, ecc. e sovra tutto a Nonno. Così che tale commen- 
tario ci offre anche il materiale per studiare il valore storico ed arti- 
stico del poeta nelle sue relazioni coi poeti che l'hanno preceduto ed 
ai quali più strettamente s'è attenuto. E questo è un fatto importan- 
tissimo, perchè la chiave principale per sciogliere tutte le varie que- 
stioni che i critici si sono proposte intorno all'individualità, al tempo 
ed al concetto artistico del poeta è precisamente la questione della dipen- 
denza più meno diretta di Museo da Nonno, come verremo osservando 
anche più avanti. Non posso però far parola del commento estetico del 
Rusca {VEro e Leandro di Museo grammatico, Pavia, Mattai, 1913), che 
ancora non conosco direttamente. 



— 337 — 

Era veramente necessaria una edizione critica del poemetto di Museo, 
edizione che fosse ad un tempo accessibile alla comune dei lettori, 
poiché di questo poemetto tanto famoso nell'antichità ed ai tempi nostri 
(si ricordino fra i moderni il Grill parzer ed il Byron come i due grandi 
continuatori della leggenda di Museo), che fu così popolare in tante 
traduzioni più o meno fedeli, più o meno artistiche, difficilmente si po- 
teva avere una edizione buona e, vorrei dire, popolare se ne togliamo 
quella tauchnitziana. L'edizione del Dilthey non ebbe, e per la sua 
natura non poteva avere, diffusione maggiore di quella che per il pas- 
sato ebbero quelle del Gràfe e del Lehrs. È da sperare che migliore 
fortuna tocchi a questa del Ludwich, inserita com'è in una raccolta di 
testi che mira appunto alla diffusione, alla divulgazione della lettera- 
tura greca. 

E l'edizione anche lo merita per i suoi pregi intrinseci che facilmente 
si possono riconoscere e lodare. Lontano dalla audacia del Dilthey — 
tale che qualcuno dei più recenti studiosi, come ad es. l'Elisei nella 
sua traduzione (Assisi, 1909) reputava più opportuno ritornare senz'altro 
alla vulgata preferendo l'autorità tradizionale di quella all'arbitrio dei 
nuovi correttori — ma non ligio alla tradizione delle vecchie edizioni, la 
veneta (v) e la fiorentina (/") sovratutto, che furono fino al Gràfe la base 
delle edizioni di Museo, il Ludwich volle ricostituire il testo siiU'autorità 
dei manoscritti, cauto nel correggere là dove più facile era la tenta- 
zione per il confronto con Nonno. Però neppure il Ludwich seppe sempre 
resistere a tale tentazione e ci ha dato in qualche luogo un Museo più 
nonniano forse di quanto egli stesso avrebbe voluto. Per la sua edizione 
il L. segue la classificazione dei mss. già determinata nel lavoro che 
ho più sopra indicato, distribuendo tutto il materiale in quattro grandi 
famiglie cioè 1* oxfordiense {B = Baroccianus 50, F^ = Estensis III C 12 
[vv. 250-243], K = Parisinus 2600, H= Harleianus ^659, T= Vossianus 
Q 59, E = Estensis A 17 [donde l'ediz. ?;], M= Ambrosiani! s E 39 (agg. 
sup.), W = Vindohonensis 284, D = Ambrosianus B , 52 (agg. sup.), 
= Baroccianus 64, Y = Baroccianus 46, S = Strahoviensis SO, Z = 
Gothanus); 2^ napoletana (N= Napol.ll D 4 e F== Palatinus AB [donde 
l'ediz. /■]); 3* romana {V = Vaticànus 915, U= Marcianus 522, V = 
Vossianus Schraderi); 4* parigina {F--^ = Estensis III C 12 [vv. 1-249], 
(7= Ottobonianus 166 ed in parte K, che formano una categoria speciale 
e quindi A = Parisinus 2763, G^^Leidensis 28, 1= Barthianus, J = 
Parisinus 2833, L = Laurentianus 70, 35, Q = Ambrosianus S, 31 (agg. 
sup.), R = Riccardianus 53, X= Vaticano- Pai atinus 179). 

Di queste quattro famiglie la 1* e la 2^* si completano vicendevol- 
mente e debbono " die grundlage der textkritik bilden, wàhrend die 
romische-pariser grappe nur aushilfsweise herangezogen werden darf „ 
Rivista di filologia, ecc., XLI. 22 



— 338 — 

(p. 9). Infatti il cod. B risale al sec. X o XI ed NPF^V appartengono 
al sec. XIV, tutti gli altri sono del sec. XV. Ed anche il B risale ad 
un testo più antico e contiene gli scoli i quali in parecchi luoghi di- 
mostrano di derivare da una redazione diversa da B. Moltissime sono 
le correzioni o accettate da altri editori e dal Ludwich ammesse nella 
sua edizione, o da lui stesso proposte. Molte volte sono felicissime e 
sicure : talvolta però io credo ancor preferibile la lezione data dai co- 
dici e dalla vulgata. Al v. 16 è da mettenti ià per ava (nella nota a q. v. 
il L. scrive " ^à Lehrs (Nonn. 16, 2 ecc.) „, ma nella edizione didotiana 
del Lehrs e nella tauchnitziana, che la segue, si legge ava). Al v. 38 
ottima la corr. ,ttfr' 'Ad'tjvrjv per 'AcpQoòlrriv per la legge sull'iato e per 
la parafrasi di 2. Notevoli pure le correzioni ai seguenti luoghi (cito 
solo i principali) : — v. 76 vériv lòav/iv &' (Dilthey) che più s'avvicina 
alla lezione di BHE; — v. 88 nvQi^ÀìjioiaL di BPN [eh. Meleag. ^PXII, 
76, 2 e Nonn. 29, 211) per nvQinvEvoloKJi di EHfv; — v. 104 àyyeÀCrjaiv, 
non ostante la concordia dei mss. per àyZalrjai (ed 2 spiega èv zatg 
Aaf^iTtQÓTìja tv), -poiché In, lezione tradizionale non dà alcun senso ne de- 
termina la circostanza voluta dal poeta il quale nelle descrizioni è così 
accurato e perfetto, mentre la correzione del Ludwich è meglio in re- 
lazione coi vevfA,aat di Leandro ; — v. 129 óV s'uÀvev di EFKf per ènsl 
KÀvev di V nonostante la mancanza dell'aumento in 188 e 189 ecc., es- 
sendo incerto l'uso nello stesso cod. B, che a questo v. legge às è'^Àvev; 
— v. 181 TioÀvqjotTos della vulgata {BT -cpEVKTog, benché heides unge- 
bràuchlich und unverstàndlich) in luogo del callimacheo neQitpoiTOs (Pareus- 
Schwabe) od il navànvatos altre volte proposto dal Ludwich stesso ( Wiss. 
Monatsbliltter 1874, p. 149); - v. 186 e;%;w di BPNT (Kochly) per éfiol 
pur difeso da Hom. r. 183, derivato forse dair^,Mot del primo emistichio 
dato da Ve mutato giustamente in éfióv della vulgata; — v. 271 èvindid-eo 
della maggior parte dei codd., non ostante la correz. TtaQaKài&eo (in V) 
sostenuta dallo Hermann per la lez. nEQu^dz- di BNHf; — v. 276 siv-^ 
col Gràfe per Edvrjv dei codd. ; — v. 278 aEtSe per aEcas di EHfr. 

Sicura è la correzione óiipdSi del v. 298 proposta dallo Schwabe ed 
accettata dal Ludwich contro la lez. dei codd. ÒL%&dòt, (F legge dixd&i) 
e la interpretazione di 2: slg òvo SieÀovaa: correzione confortata da 
passi analoghi di Omero, M 95, Verg. Aen. 3, 135, Ovid. 18. 201, 
Nonn. 16, 373. Le navi vengono durante l'inverno tratte sull'arena secca 
perchè siano in secco, là dove non batte il mare, sicché le navi alla 
loro volta restano secche, asciutte e ben poteva dire Orazio (che si po- 
teva ricordare opportunamente a tal luogo) Carni. 1, 4, 2: trahuntque 
sic cas machinae car i n a s, parlando dell'operazione contraria nella 
primavera. Parimenti a ragione il Ludwich mantiene il v. 281, che il 
Heinrich (seguito poi dal Passow e dal Dilthey) voleva espungere perchè 



~- 339 - 

prorsus ofiosiis imo molestus, e lo difende con buoni argomenti; edalla 
fine circa del poemetto aggiunge i w. 331-332 che mancano in fv ed 
in tutti i codici meno che in PNVU, mantenendo quindi al 333 (331) 
la lezione elaévt data dai codd. tutti e mutata necessariamente in f] 
ó' £11 in f per l'omissione dei versi, dalla lezione el óé ti di PNv. 

Però in altri luoghi non posso pienamente accettare la lezione del 
Ludvvich, per la quale talvolta si viene a modificare quasi — non vorrei 
dire snaturare — l'intimo pensiero del poeta quale si può intuire dalla 
lettura del poemetto tutto nel suo complesso. Così ad es. per vtjxoi^evóv zt 
del v. 5 dato da tutti i codici {vv%ó^ievóv ài Eq evidente errore di copista) 
che il Ludwich dichiara wegen Àv%vov unhaltbar e che corregge in 
afivxófievóv re col confronto di Apoll. Rodio 3, 446 ed Omero x^ 411, ri- 
fiutando il y.aLÓ{A£vóv te da lui stesso proposto in Fleck. Jahrb. 1876, 
p. 751. Ma se il aaiófievov non va, come neppure ro^;^0|Mevov óè del 
Dilthey, lo afA,vxóf-isvov ci toglie la caratteristica fondamentale di Leandro 
e per la quale è scritto il poema: in fondo in fondo il motivo che dà 
luogo a,l poema piìi che l'amore di Leandro è la sua traversata a nuoto 
dello stretto, ed è questo fatto la ragione prima, il nucleo, io credo, 
della leggenda. 

Anche Paolo Silenziario in APV, 293, 7 insiste pel vrixóiAevov. Non 
veggo quali difficoltà apporti il Zix'^ov, e come, se mai, le tolga la 
lezione Gfivxóf^t,£vov, Per la stessa ragione preferisco al v. 205 fiagv 
Xsvf^ia dei codd. invece della correzione ^a&v %eviA,a data dal Kochly 
^aQv x^'-f*^ data dal Ludwich secondo la lezione di PNV. Ciò che 
poteva far ostacolo all'audacia di Leandro ed al ripetersi della sua prova 
era non già la profondità dello stretto fra Sesto ed Abido, ma la sua 
larghezza (si ricordi il tentativo del Byron). Ne, trattandosi qui di un 
fatto consueto, poteva Leandro pensare alla tempesta, che poteva essere 
una circostanza aggravante ma occasionale. — V. 18 §vvioaev il Ludwich 
col Dilthey (cfr. Nonn. 35, 134; 5, 560): i codd. invece danno ^evéì^^ev 
che non v'ha ragione di rigettare solo perchè nur scheinhar (jestiltzt 
durch Homer A, 8, quando pure è usato anche al v. 103. La Betoniings- 
gesetz non credo che basti a giustificare l'inversione di Kv&éQsiav dei codd. 
al 146 con ^Acpqoòlttj di Kv {A(pQodÌTf]v gli altri codd,) ai vv. 143 e 146. 
L'accusativo della maggior parte dei codd. a 143 non basta a far credere 
ad uno scambio con 146 quando la lezione poteva essere errore della 
lezione di K che invece è esatta. — Audace troppo la correzione [iovvov 
in 217 per d-v^uóv dei codd. e che dà forse un senso migliore, ed inu- 
tile quella proposta dal Dilthey ed accettata dal Ludwich di fiyef^ov^a 
dei codd. in ijvioxfja per il cfr. con Nonn. 24, 267 e 41, 130. In tal 
modo si rischia di trasformare Museo in Nonno. 

Al V. 225 il Ludwich muta in ÒQlaavies V àvvaavteg dei codd. {2' spiega 



- 340 — 

TeÀéaavzes) perchè unhalthar wegen 272 ff; ma qui ancora il poeta quasi 
per darci il quadro complessivo previene molti fatti sui quali si fer- 
merà in particolare di poi, e la contraddizione non c'è; non v'ha la 
determinazione descrittiva di un momento singolo ma la dichiarazione 
generale del ripetersi dell'azione quale gli amanti avevan disegnato di 
compiere. Così non accetto V^^t] (Schwabe) del 227 in luogo dell'^oV dei 
codici. Ero era già nella torre, la quale era diventata la sua torre, la 
sua dimora ordinaria. Se non fosse stato così come sarebbe rimasta 
nascosta la sua andata di notte a quel luogo solitario, poiché la torre 
dista parecchio dalla città (cfr. Strab. XIII, 591)? E poi abbiamo la di- 
chiarazione stessa di Ero. — Al v. 215 incerto è il valore della correzione 
del Dilthey e seguita dal Ludwich : KvjtQiòog per TiazQtòog dei codici, e 
così pure di ÀejitaÀéaig al v. 257 (Kochly) per ÀevyaÀéaig dei codici 
solo per l'autorità di Nonn. 13, 285. 

Al v. 205 la correzione nEQinaipÀd^oiTo in luogo della vulgata tivqI 
TiatpÀd^oixo mi pare tolga una delle caratteristiche dell'innamorato che 
al momento in cui vede l'innamorata ancor titubante promette anche 
l'impossibile per vincerne l'ultima ritrosìa. Egli sarebbe passato — così 
promette Leandro — anche se il mare fosse innavigabile, anche se fosse 
di fuoco, con l'esagerazione propria dell'eccitazione erotica. 

In pochissimi alti-i luoghi sì potrebbero fare osservazioni analoghe: ma 
una sovra tutto non credo di dover trascurare qui poiché tocca l'arte in 
generale del poeta nostro e di quelli tutti che come lui risentirono la 
influenza della loro età. Noto come frequentemente anche il Ludwich 
segni delle lacune. Or bene io credo che troppo spesso dai critici si 
vadano cercando queste pretese lacune derivanti piuttosto dalla manìa 
di ricercare nei poeti antichi quel rigore logico nei trapassi che noi 
invano andiamo ricercando anche nelle opere moderne, che siano ani- 
mate da vera inspirazione artistica. Tanto pivi poi nei poeti greci a 
cominciare dall'età ellenistica. Costoro, poeti più per studio che per 
natura, non avendo nulla da trarre dalla loro inspirazione, non sentendo 
bene spesso nulla nel loro spirito si contentano di guardare il mondo 
esterno e di tratteggiarlo nei particolari ch'essi studiano minutamente. 
Si credono grandi artisti perchè sanno ritrarre, talora con arte mirabile, 
i dettagli che si presentano al loro sguardo, ma nel complesso non 
sanno percepire i nessi intimi, la vita unica che li fonde insieme. La 
loro anima non sente quella della natura che vive fuori di loro e non 
sanno intuire, intravvedere quel substrato profondo sul quale quei par- 
ticolari vivono. Si fermano alla scorza, e la ritraggono come la veggono: 
non s'accorgono delle lacune che nella esteriorità appariscono perchè il 
loro canone è soltanto di ritrarre: e credono di essere tanto più perfetti 
quanto più fedelmente ritraggono, quanto meno vi mettono della loro in- 



- 341 — 

dividualità, e tanto meno quindi sentono la vera vita dell'arte. Anche 
quando pretendono di essere epici, narrativi, sono semplicemente de- 
scrittivi nella descrizione sfuggono loro quei rapporti, quei passaggi, 
quei legami che dei vari dettagli ci fanno un'opera unica ed organica. 
Già a cominciare da Apollonio Rodio pur troppo tale difetto si fa no- 
tare, ed al lettore moderno tocca talora intuire tali trapassi che ben 
volentieri vorremmo che derivassero unicamente da lacune nei testi, 
dalla imperfetta tradizione manoscritta dell'opera. Torniamo a Museo. 
Se col Ludwich possiamo ammettere un salto dopo il v. 33, non lo am- 
metteremo dopo il v. 45. Il poeta enfaticamente racconta che alla festa 
di Sesto accorrevano in frotta i giovani anche dalle isole più lontane. 
Alcuni, continua, venivano dall'Emonia, altri da Cipro, ecc. Orbene 
non è da pensare col Ludwich che àcp" Alfiovùrig debba aver relazione 
diretta con vr'iacav del v. precedente. No, il poeta voleva intendere che 
venivano a Sesto da tutte le parti del mondo, cioè dalle isole più lon- 
tane ( — concezione più comune è che le più lontane parti siano costi- 
tuite dalle isole perdute nei mari ignoti e senza confine — ): determi- 
nato questo concetto genei-ale, il poeta descrittivo ci, dà la determina- 
zione particolare notando una lunga lista di nomi dei vari paesi. Il 
V. 45 sta bene al suo posto ne v'ha bisogno di pensare ad una lacuna. 
Portando questo verso, come vuole il Klou9ek, dopo il 49, non soltanto 
non si tolgono le supposte difficoltà, ma se ne apportano altre e reali. 
Al più si potrebbe invertire 46 + 45, mettendo un comma forte dopo 
vrjoov... Così pure non credo necessario ammettere una lacuna col Gràfe 
dopo il v. 286, col Kochly dopo il 293. Forse all'ipotesi di tali lacune 
ha dato motivo in parte il fatto che in taluni codici, specialmente E', 
mancano dei versi, e che i vv. 282-285 mancano persino in VU, mentre, 
come abbiamo notato, i vv. 331-332 non compariscono neppure in vf. 
All'edizione critica del testo precede una breve, succosa introduzione. 
Il Ludwich dichiara che ninna testimonianza ci rimane per determinare 
la individualità del poeta oltre le inscrizioni dei manoscritti, di cui dob- 
biamo contentarci : ma che per la determinazione del tempo in cui 
visse e del valore suo artistico ci aiutano moltissimo le relazioni con 
Nonno. Egli assegna il nostro poeta alla metà del quinto secolo d. C, 
ponendo la composizione dei Dionysiaha di Nonno fra il 390 ed il 405 
dopo C. Ma fa osservare che in tali ricerche occorre una grande cautela 
perchè è facile lasciarsi trascinare da pregiudizi a conclusioni speciose 
false, e ne dà l'esempio confutando brevemente le ragioni addotte dal 
Friedlaender (in Hermes XLVII [1912], 43 sgg.) per portare l'attività del 
poeta circa il 440 e ritardare di conseguenza quella di Museo, concludendo 
però che anche la saa cronologia del poeta ihrerseits ja allerdings aucìi 
nur eine miitmassliche Ueibt. È ammirevole in questo la cautela, il buon 



- 342 — 

senso e la franchezza dell'illustre filologo e che vorremmo fossero sempre 
seguite da una grande parte dei critici che con troppa sicumera preten- 
dono di veder chiaro in ogni questione portandovi più il contributo della 
loro fantasia che quello di ricerche sicure e rigorose. Il Ludwich non ha 
tralasciato di accennare a nessuna delle questioni che si agitano in- 
torno al poemetto con quella brevità che gli era imposta dai limiti di 
una prefazione e dalla natura e dallo scopo del libretto e con quella 
chiarezza che è propria di chi conosce a fondo la materia che tratta. 
Parla pertanto della natura e del valore della leggenda di Ero e Leandro, 
della sua probabile origine prima di studiarne la fonte letteraria e di 
passare quindi alla parte bibliografica sia riguardo alla fraseologia ed 
alla metilica del poema, sia alla costituzione critica del testo (edizioni, 
commenti, ecc.), sia ai sussidi bibliografici necessari per essa (mano- 
scritti, lavori critici, ecc.). In tutto, sobrietà ed esattezza ammirabili, 
quanto non si può desiderare di meglio. E con tali lodi dovrei chiu- 
dere il mio cenno bibliografico se non mi paresse opportuno dire una 
parola intorno alla spiegazione che il Ludwich molto acutamente e ra- 
zionalmente dà della leggenda. Già il Lessing aveva notato nella leg- 
genda alcune difficoltà: anzitutto perchè Ero non è sacerdotessa nel 
tempio di Afrodite in Sesto, ma in una torre fuori della città, ed aveva 
pensato che Ero, sacerdotessa di Afrodite IIovTtde o EinXoùa, avesse il 
compito di custodire e venerare l'imagine della dea posta sulla torre, 
quasi identificando V ^QoìTog àyaX[ia del v. 8 col §óavov KvTiQiSog di 
cui parla Anyte in AP. IX, 144, 4. Ma il L. fa osservare che V egcovog 
àyaÀfi,a e apposizione di Àvxvog, segnale e simbolo dell'amore, e non è 
da pensare ad alcuna imagine sacra della dea, e che essendo la leg- 
genda di natura etiologica, come aveva già stabilito il Rohde, motivo 
poteva averne dato la torre che presso Sesto stava all'imboccatura dello 
stretto e che serviva originariamente da faro per uso dei commercianti. 
Egli ricorda che in Ampelio (e. 8) si fa menzione di un tempio di Afro- 
dite (in Agiro in Acaia?) sul quale risplendeva un lume. Anche qui è 
da riconoscere un faro. Ora in Afrodite la fantasia greca aveva fuso 
due elementi, fuoco ed acqua, essendo la dea dell'amore che brucia 
nata dal mare: la dea esigeva quindi purità e castità e tali pregi in 
Sesto si voleva nella sacerdotessa dell'amore e del mare. Ma io credo 
che possiamo andare ancor piìi lungi e trovare più chiara l'origine della 
leggenda. 

Già il Rohde vi avea ritrovato un elemento comune a tutta una serie 
di leggende popolari: il motivo della fanciulla chiusa in una torre, se- 
gregata da tutti per volontà dei genitori e liberata da qualche eroe. 
Il perchè poi della segregazione e della malvagità dei genitori il popolo 
che crea la leggenda non lo va a cercare tanto per il sottile : al popolo 



- 343 - 

basta che sia una rappresentazione dove una figura ecciti la sua com- 
paRsione e la sua simpatia, non si cura delle contraddizioni dei motivi 
concomitanti e spesso causali. Queste leggende facilmente si creano per 
le fabbriche, le torri, i castelli che si trovano in luoghi pericolosi od 
isolati. Goal avvenne per il faro di Sesto. Fabbricato questo per le ne- 
cessità commerciali, isolato com'era dall'abitato, ben presto venne fatto 
segno di leggende strane, paurose, funebri. La luce del faro che faceva 
evitare le disgrazie era opera di mano provvida, divina, di una mano de- 
licata di fanciulla che, spinta forse dalla malvagità dei genitori, di notte, 
lontana da tutti, va cercando requie al suo amore. E per la sua pietà i 
naviganti vanno sicuri per la loro via a causa della luce della lanterna 
di lei, che indica dove stanno gli scogli insidiosi che apprestano loro la 
morte se per poco la luce si spegne. La fanciulla tiene accesa la lam- 
pada per indicare la via all'oggetto del suo amore, a Leandro che at- 
traversa lo stretto durante la notte. Ma Leandro, il marinaro, è perduto 
durante la tempesta, non tanto per il furore delle onde quanto perchè 
squarciato dagli scogli che non ha saputo evitare essendosi spenta la 
lanterna di Ero. 

Così con una leggenda d'amore i marinai hanno spiegato l'origine 
della torre che loro reca tanti benefici e senza il cui aiuto non potreb- 
bero nella notte seguire la loro via, fidando solo della via tracciata 
dalle stelle (w. 213-214). È curioso che di tale leggenda non si abbia 
notizia se non ne' poeti dell'età ellenistica: Ovidio, Vergilio dovettero 
trovare le fonti del loro racconto in qualche poeta alessandrino — non 
vi sono prove sicure per stabilire col Klemm (cfr. anche Knaack in 
Festgahe far Fr. Susemihl, 1898, p. 46 sg.) ch'egli debba essere stato 
Callimaco — , ma se la leggenda nell'età ellenistica ebbe la forma let- 
teraria essa doveva essere ben più antica e d'origine popolare. 

Dall'età d'Augusto in poi soltanto ne abbiamo le traccie nelle com- 
posizioni letterarie ed artistiche e da tal tempo Sesto ed Abido comin- 
ciarono ad essere famose, non più tanto per l'importanza della loro 
posizione naturale (cfr. infatti le attestazioni in Strab. l. e, Polibio IV, 
44, 6 e XVI, 29, 3, Ampel. e. VII) quanto per la leggenda diffusa per opera 
di poeti e di pittori (cfr. Pomp. Mela 1, 19, 97 e 2, 2, 26; Agazia, 
hist., 5, 11 ricordati dal Rohde e dal Ludvrich). 

Come appendice, necessario complemento del poemetto di Museo, il 
Ludwich apporta le due epistole ovidiane XVII, XVIII delle Eroidi. 

Camillo Cessi. 



— 344 - 



Paulus Lunderstedt. De C. Maecenatis fragmentis (Commentationes Philo- 
logae lenenses. V. IX. Fase. I). Lipsiae, in aecl. B. G. Teubneri, 
MCMXI, di pp. 119. 

Non senza pi'egio è certamente una nuova edizione dei frammenti di 
Mecenate, dopo quella del Harder ormai vecchia di pivi di vent'anni, e 
dopo che maggiori contributi ad un lavoro complessivo furono portati 
sparsamente dagli editori che ne raccolsero a parte i resti degli scritti 
storici, poetici o grammaticali. L'A., dopo avere enumerati coloro che Io 
precedettero (pp. 3-5), prende ad esaminare le fonti (pp. 6-17) da cui 
proviene quanto ci resta dell'amico di Augusto e di Orazio. Studiando 
i luoghi in cui Seneca si occupa di lui, l'A. enunzia l'opinione (vera- 
mente poco facile ad essere sicuramente accertata), che le opere di 
Mecenate fossero appunto edite poco prima che Seneca se ne occupasse 
nella sua disamina severa degli scritti e del carattere di Mecenate 
(p. 8 sg.). 

Di questo tuttavia può essere una riprova il fatto rilevato dall'A., che 
appunto in quel volger di tempo Plinio Secondo pubblicò i suoi 8 libri 
diibii sermonis, da cui, con probabilità, attinsero i grammatici posteriori 
per quanto riguarda gli scritti di Mecenate. Secondo FA., l'ultimo 
che probabilmente attinse direttamente agli scritti di Mecenate fu 
Svetonio o al piìi Plutarco (p. 16). Sia delle fonti da cui derivano i fram- 
menti poetici e storici di Mecenate, sia di quelle che riguardano i suoi 
detti arguti dà l'A. due stemmi risultanti dalle sue ricerche (p. 15 e 18). 

Studia poi l'A. nel cap. Ili (p. 18 sgg.) lo stile di Mecenate quale ap- 
pare dai giudizi degli antichi ; particolarmente interessante è l'esame 
ritmico dell'epistola di Augusto a Mecenate (in cui l'imperatore cerca 
di parodiare lo stile decadente dell'amico) conservataci da Macr. Sat. 
Il 4, 12. Utili del resto sono anche le osservazioni stilistiche su gli 
altri frammenti di Mecenate (p. 26 sg.) e sul ritmo nella sua prosa 
(p. 27 sgg.). Passa quindi ad esaminare i frammenti poetici e la loro 
forma metrica. 

Seguono finalmente i testimonia e i frammenti in un'edizione accu- 
rata, in cui l'editore si è mostrato assai fedele alle lezioni dei codici 
quando esse non fossero evidentemente errate. L'A. probabilmente per 
desiderio di integrità ha inserito anche sotto la rubrica " Epistulae ad 
Horatium reliquiae , (p. 43) i versi 1-5; 10-13; 15; 22-24; 25; 29-34 
dell'epistola 7 del libro I di Orazio. Ma alcune obiezioni è naturale che 
sollevi un lettore. Anzitutto non è molto facile determinare con quale 
criterio sia proceduto l'A. nella scelta; non si tratta qui in verità di 



— 345 — 

reliquiae di un epistolario di Mecenate ad Orazio ma, se vuoi, di Orazio 
a Mecenate, perchè la massima parte dei versi citati sono tali che non 
ci danno alcun documento certo per stabilire il contenuto di una epi- 
stola di Mecenate a Orazio, di cui questa sia la risposta, se non per la 
pura supposizione che Mecenate abbia scritto a Orazio invitandolo al 
ritorno, supposizione che potrebbe anche essere fallace e tutto il motivo 
dell'epistola essere stato trovato da Orazio per artifizio poetico. Ma 
anche se alcuno non volesse accogliere questo partito estremo è certo 
che i vv. 29 sgg. riferiti dall'A. : Forte per angiistam tennis vulpectila 
rimam Repserat in cumeram frumenti, pastaque rtirsus Ire foras pieno 
tendebat corpore frustra. Cui mustela procul : si vis, ait, effugere istinc, 
Macra cavum repetes artum quam macra subisti. Hac ego si compellor ima- 
gine, cuncta resigno, con questa nota a p. 113 Portasse etiam illius ima- 
ginis de vulpecula mentionem fecerat (se. Maecen.), non persuadono punto 
come documento dell'epistola di Mecenate. Che Mecenate giungesse ad 
una così grossolana rivendicazione dei suoi meriti verso il poeta, penso 
che pochi crederanno. Come credo a torto l'A. rincari la dose quando, a 
proposito del mendax nel v. 2, osserva : Adiectivo mendax [la forma la- 
tina non è conforme ai \)\xom. VLioà.i:\\i\ fortasse repetitur aliud quid paulo 
vehementiiis, quo Maecenas increpuerat Horatium, quod promissum executus 
non erat. Paulo vehementius ! decisamente per l'A. Mecenate era una 
specie di Trimalcione riveduto e peggiorato. Quanto a me invece credo 
che Orazio stesso abbia, o finto un richiamo di Mecenate, o dato ad 
esso un colorito piìi vivo, in conformità del proprio spirito ironico, e 
per scopi d'arte, ed abbia egli stesso introdotta la favola della volpe, 
che in un'epistola di intenzione satirica e didattica bene conveniva e 
poteva servire all'intenzione arguta di provare la propria indipendenza, 
mentre scritta da Mecenate sarebbe stata una vera grossolanità. Per 
Orazio la finzione poetica poteva servire a togliere ogni accusa di inde- 
licatezza, ed anche fare piacere a Mecenate, sgombrando ogni ombra di 
servilità da parte dell'amico. Per Mecenate invece il tono che l'A. gli 
attribuisce non avrebbe alcuna scusa. Non bisogna dimenticare che tanto 
le satire che le epistole di Orazio hanno derivazioni letterarie e formali 
dalle diatribai ciniche, e per ciò qualche volta il genere stesso impo- 
neva una certa maniera mordente e risoluta la quale appunto perchè 
imposta da una forma tradizionale non doveva offendere gli intenditori 
d'arte, fra cui certamente Mecenate. Mentre, invece, per una specie di 
tradizione opposta in materia epistolare vediamo che Augusto e, anche 
assai probabilmente Mecenate, si mostravano molto reverenti nello scri- 
vere a Orazio ed a Virgilio. Ed in questo, tanto il poeta come il pro- 
tettore, facevano miglior mostra di se che se avessero adottato un opposto 
tono di corrispondenza. Sono finezze queste che non occorre dimenticare 



- 346 — 

nel toccare di una poesia tutta composta di finezze argute e di sottin- 
tesi ironicamente urbani quale è la poesia delle epistole di Orazio. 

Segue poi un ampio commento (p. 46 sgg.) dei frammenti : ampio e 
dotto, in cui poco sarebbe da riprendere e molto da lodare. Mi accon- 
tenterò solo di segnalare l'interpretazione data dall'A. (p. 47 sgg.) del 
fr. I (San. ep. 101, 10-13) in cui, j^ur non convenendo al tutto, si accosta 
all'opinione del Pascal (Un epigramma di Mecenate, Atene e Roma VITI 
p. 256 sgg.). Probabilmente l'opinione del Pascal, che vi vede una affer- 
mazione di aÙTdQKEia epicurea, è forse un poco eccessiva, ma corregge 
l'esagerazione opposta. I versi che precedevano e seguivano davano 
un'intonazione un po' diversa al frammento, o esso era una semplice 
boutade di viveur quale era Mecenate. Seneca, che verso l'amico di Orazio 
era tutt'altro che benigno, ha nel giudizio facilmente appesantito la mano. 

Ettore Bignone. 



Fridericus Lammert. De Hieronymo Donati discipulo (Commentationes 
Philologae lenenses. Voi. IX. Fase. IL). Lipsiae, in aed. B. G. 
Teubneri, MCMXII, di pp. 75. 

E noto che S. Gerolamo, uomo di gi-andissimo ingegno e bizzarro, era 
tutt'altro che modesto nel giudicare di se. Famoso è rimasto il giudizio 
in cui egli compendia le proprie lodi, giudizio che è un poco meno 
modesto àQÌVexegi monumentimi oraziano e della superbia campana di 
Nevio: Adv. Rnf. Ili 6. * ego philosophus, rhetor, grammaticus, dialecticus, 
Hebraeus, Graecus, Latinus trilinguis „. 

L'A., di questa ricca attività del padre della chiesa latina prende a 
studiare la parte grammaticale, e particolarmente i punti che possono 
illuminare i suoi rapporti e le dipendenze dal maestro suo, Donato. 

Alquanto dubbia mi pare (a p. 4) l'illazione dell'A., concorde in ciò 
con lo Schoene, che dalla cronaca di Gerolamo (p. 195 ed. Sch.) : " Victo- 
rinus rhetor et Donatus grammaticus praeceptor meus Romae insignes 
habentur, e quibus Vieto rinus etiam statuam in Foro Traiani meruit „, 
arguisce che in quell'anno (356 d. Or.) Gerolamo incominciasse a fre- 
quentare la scuola di Donato. Infatti l'opportunità di precisare quel- 
l'anno può essere stata offerta invece dalle esigenze dello spatium histo- 
ricum studiate assai bene dallo Schoene, o da qualche altra ragione, 
come dall'apertura della scuola dal secondo fra essi, cogliendo così 
l'occasione di unire, per brevità, i due dati. 

Dopo aver riferito le testimonianze generiche dell'insegnamento rice- 



— 347 — 

vuto da Gerolamo per parte di Donato, passa a studiare i luoghi delle 
opere del primo, in cui è un'eco diretta delle teorie o delle osservazioni 
del grammatico quali ci risultano negli scritti che abbiamo di Donato. 

Ma più importante è la parte in cui l'A. (p. 20 sgg.) cerca, in con- 
formità delle osservazioni e degli studi del Sabbadini (Stud. Ital. di 
Filol. Class. II p. 12 e III p. 340 sg.), di determinare lo stato dei com- 
mentari di Donato e di trarre dati dagli scritti di Gerolamo per inte- 
grarne le parti mancanti. 

Certo che una simile indagine non può sempre essere assolutamente 
probativa. Alcuni dei luoghi che l'A. propone come derivati da Donato, 
possono benissimo avere un'altra fonte od essere risultato di dirette let- 
ture ed osservazioni di S. Gerolamo. Però l'A. procede cauto, e l'idea 
della ricerca è sopratutto degna di lode. E tanto piìi è utile e basata 
su elementi probabili, quando (cfr. p. 27 sgg.) ricorre al confronto con il 
commento del Servio danielino. 

La stessa ricerca è estesa anche al confronto con il Pseudoasconio 
(71 sgg.). 

È insomma un buon contributo agli studi grammaticali nell'antichità 
che merita di essere rilevato e posto a profitto. 

Ettore Bignone. 



Domenico Bassi. Mitologia Greca e Romana ad uso delle scuole e delle per- 
sone colte. Firenze, Sansoni, 1912, di pp. xi-339. 

Era sentito il bisogno di una trattazione italiana di Mitologia classica, 
che, varcando i limiti dei noti manualetti elementari, rispondesse ai 
maggiori bisogni della cultura generale, dopo la vasta produzione cbe 
in questo campo ci presentano gli stranieri e specialmente i Tedeschi 
e gli Inglesi. 

L'opera che ci sta dinanzi è dedicata, come appare dal titolo, alla 
scuola e alle persone colte, ed ha quindi, secondo che l'Autore stesso 
afferma nella prefazione, carattere essenzialmente divulgativo. I limiti, 
diremo così, editoriali, imposti all'Autore, hanno reso naturalmente ne- 
cessario costringere in una piccola mole un materiale vastissimo che, 
come egli dichiara, gli stava dinanzi. E forse noi dobbiamo rammari- 
carci per questi limiti che non gli hanno permesso di stendere l'opera 
così come egli stesso afferma di averla disegnata, citando cioè tutte le 
fonti a loro luogo, raggruppando i miti, alcuni secondo il loro processo 
genetico e i comuni caratteri fondamentali, altri secondo i luoghi di 



— 348 — 

culto e le stirpi. A noi non tocca qui ragionare di queste vedute e di 
questi disegni che VA. non ha più creduto bene di seguire, soltanto ci 
pare lecito supporre che tale ordinamento e tali concetti lo avrebbero 
senza dubbio condotto a trattare più profondamente di molti argomenti 
importantissimi, e che ne sarebbe risultata opera certo più rispondente 
alle condizioni attuali della scienza, intorno alle quali il lettore avrebbe 
così potuto meglio essere informato. Negli accenni ad interpretazioni 
del fenomeno mitologico che l'A. qua e là ci presenta, egli lascia a 
divedere chiara la sua preferenza per il criterio solare e astrale, che fu 
già prevalente, specie nella 2* metà del secolo XIX, e a cui non si può 
a meno di ricorrere, per una certa specie di fenomeni. E pure in tal 
ordine di idee si potrebbe desiderare che fosse presa in considerazione 
l'analoga concezione dualistica dei due principi luce e tenebre, a cui è 
dato tanto sviluppo nel vasto ed importante Manuale di 0. Gilbert 
(Griechische Gotterlehre). Così il lettore che aspirasse a formarsi, per 
mezzo di questo libro, una cultura iniziale e preparatoria sulla mito- 
logia classica, potrebbe desiderare di essere un poco più ampiamente 
informato del moderno metodo antropologico nell'interpretazione dei fe- 
nomeni religiosi a cui tanto hanno cooperato, sia pure con risultati 
spesso discutibili, gli scienziati inglesi. E potrebbe desiderare anche che 
gli fosse dato modo di istruirsi più profondamente nel campo della mi- 
stica. Per ciò che riguarda le singole divinità sarebbe stato opportuno 
forse anche tener conto del loro sviluppo che, per un certo senso, si po- 
trebbe chiamare storico, specialmente in rapporto allo sviluppo del pen- 
siero filosofico nelle varie età Ma è molto facile discorrere di quello 

che si sarebbe potuto fare trovandosi dinanzi ad un'opera che si pro- 
pone l'arduo compito di raccogliere in un breve compendio una materia 
vastissima, di difficilissima trattazione, per cui si incontrano discussioni 
e controversie, non solo nei particolari, ma anche nelle vedute generali 
e fondamentali; intorno a cui esiste una bibliografia amplissima e quindi 
una copiosissima produzione critica e scientifica e che pur tuttavia appar- 
tiene ancora al dominio delle scienze in formazione. La semplicità e 
chiarezza dell'esposizione rende facile e dilettevole la lettura di questo 
manuale, che l'A. ha evidentemente destinato in modo speciale alla 
scuola. Sarà perciò opportuno dare qui, per quanto è possibile, un'idea 
del contenuto e della sua disposizione in parti. Come nella sua prefa- 
zione l'A. stesso osserva, egli ha preferito ordinare la materia secondo 
la solita divisione degli esseri mitologici in dei ed eroi, con le rispet- 
tive suddivisioni tradizionali. Di ciascuna divinità romana egli discorre 
dopo la corrispondente divinità greca, riunendo le divinità speciali ro- 
mane in un capitolo a se, come già fece lo Stoll nel suo manuale sugli 
dei dell'Antichità classica. A tutta l'opera, che è divisa in due grandi 



— 349 — 

parti (I', gli Dei, II", gli Eroi), è premessa, oltre una nota bibliografica 
delle principali opere consultate che fa parte della prefazione, una in- 
troduzione sulla religione Greca e Romana in generale. Cosmogonia e 
teogonia è il titolo del primo capitolo, a cui seguono nel capitolo li, 
divisi in due sezioni (divinità principali, divinità secondarie), gli dei del 
cielo, nel cap. Ili gli dei delle acque, nel IV gli dei (Jella terra e del- 
l'inferno, nel V le divinità speciali romane. Ultima di esse è registrata 
Mitra, che ebbe, come è noto, una grande parte nel culto imperiale 
romano, ma vi pervenne anch'essa per il tramite ellenistico, sicché la 
classificazione di Mitra come un dio speciale romano, ove sono registrati 
Silvanus, Terminus, i Lares, non parrebbe delle più convenienti. 

La parte II comprende, come abbiamo detto, gli eroi ed è preceduta 
da un breve capitolo di introduzione ove è appena toccata la questione 
sull'origine e sul significato dell'eroe e si afiferma, forse troppo sempli- 
cemente, che essi furono personificazione di fenomeni naturali e le im- 
prese loro attribuite rappresentazioni simboliche di aspetti e di momenti 
dei fenomeni stessi. Converrebbe qui che il lettore sapesse quanto si è 
discusso in proposito e fosse informato altresì di altre piìi scientifiche 
ipotesi intorno alla natura e all'origine dell'eroe, anche per le sue pro- 
babili relazioni coll'Heros del misticismo orfico. 

Prometeo, le età del mondo e il diluvio di Deucalione sono trattati 
nel cap. II intitolato le " origini della stirpe umana ,. Seguono poi 
Eracles-Hercules, le leggende regionali, ossia le leggende della Tes- 
saglia, dell'Etolia, di Tebe, dell'Attica, di Argo, di Corinto, della Laconia, 
della Messenia, di Creta. Il penultimo capitolo è dedicato ai cicli leg- 
gendari eroici, l'ultimo tratta degli eroi detti deìVingegno, come Dedalo, 
Orfeo, Agamede e Trofonio ed altri. 

Due importanti indici alfabetici, uno dei nomi propri mitologici ita- 
liani, a cui vanno sempre uniti i corrispondenti greci o latini, l'altro 
delle cose notevoli, si trovano in fine dell'opera. Al principio è posto un 
assai chiaro indice analitico ed un elenco delle illustrazioni che ornano 
riccamente il bel volume, dedicato ad Ettore Stampini. E senza dubbio 
la scelta di tali illustrazioni è da segnalarsi come un altro dei pregi di 
questo importante compendio, che gioverà certamente alla maggior dif- 
fusione e al maggior interesse fra noi degli studi religiosi nel mondo 
classico. 

Carolina Lanzani. 



— 350 — 



NOTE BIBLIOGRAFICHE 



Arthur Rosenberg. Untersuclmngen zur romischen Zenturienverfassung. 
Berlin, Weidmannsche Buchhandlung, 1911, di pp. IV-93. 

In questo scritto l'autore intende a dimostrare che l'ordinamento cen- 
turiato è compenetrato di carattere militare, ma che non è stato in ori- 
gine militare nel senso che i suoi elementi corrispondessero alla struttura 
tattica dell'esercito. " Le classi e centurie non sono da riguardarsi come 
corporazioni militari, ma politiche „ (p. 2). Temo che la tesi possa così 
essere mal posta. Noi conosciamo l'ordinamento centuriato nel suo stadio 
più avanzato, ma di tutto il processo d'adattamento della così detta co- 
stituzione serviana alle esigenze del continuo progresso delle forze mili- 
tari romane, poco o nulla sappiamo. Così ben poco significato ha il fatto 
che l'unità tattica della cavalleria era la tarma, mentre la centuria nel 
suo senso genuino si lascia riconoscere nella cavalleria (p. 6). Ciò si deve 
a modificazioni che si è cercato conciliare con gli ordinamenti tradizio- 
nali, e non è giustificata l'ipotesi che la centuria fosse in origine una 
suddivisione della cavalleria. 

Molto interessanti sono i capitoli relativi alla difi'erenza tra i jn'ole- 
tarii e i capite censi, alle relazioni tra le centurie e le curie e alle ri- 
forme della costituzione centuriata. L'esposizione è molto chiara e sobria; 
anche dove si dissente, vi sono sempre considerazioni molto sensate e 
opportune. La lode sarebbe piena e intera se l'autore non si fosse la- 
sciato sedurre da una moda irragionevole e perversa che comincia presso 
qualcuno a invadere : di sopprimere gli accenti e gli spiriti nelle parole 
greche. Il sistema potrà essere comodo per chi non è sicuro nel trascri- 
vere una parola greca, ma non merita d'essere seguito da studiosi seri 

come l'autore della presente memoria. 

Vincenzo Costanzi. 

Ernst Reisinger. Kretische Vasenmalerei von Kamares bis zum Palast-Stil. 
Leipzig-Berlin, B. G. Teubner, 1912, di pp. VI-54. 

Accanto ai tentativi di sintesi generali dei resultati ottenuti dalle 
assidue campagne archeologiche in cui hanno parte onorevole gli espio- 



— 351 - 

ratori italiani, va registrata questa sullo svolgimento della ceramica 
dall'epoca di Kamares sino a quella Palast-Stil, vale a dire fino al 
tempo del massimo fiore dei palazzi cretesi rifabbricati dopo gli incendi 
avvenuti all'incii-ca verso la fine della seconda età minoica. 

Un'introduzione contiene lo svolgimento dell'arte minoica sino al punto 
che è oggetto di trattazione sistematica. L'autoi-e cerca di coordinare i 
risultati degli scavi di Creta con quelli del continente e delle isole, e 
stabilirne le relazioni. Finalmente ci rappresenta in forma schematica 
lo svolgimento della ceramica secondo la sua analisi, sostituendo alla 
classificazione dell'Evans, che ripartiva l'epoca minoica in tre periodi, 
ciascuno di questi comprendente ti-e suddivisioni, un'altra con cui il 
primo periodo coinciderebbe con le tre epoche prime minoiche dell'Evans, 
il secondo con la prima e la seconda media minoica, la terza epoca media 
minoica sarebbe raggruppata con tutto il periodo del tardo minoico. 
Che la classificazione dell'Evans fosse un po' artificiosa è innegabile; 
ma la continuità non la disconosceva lo stesso Evans. Resta a vedere 
se questa nuova classificazione meriti la preferenza : almeno praticamente 
giova non abbandonare la prima. Tre tavole danno in fondo al volume 
riproduzioni abbastanza bene eseguite dei principali tipi di vasi. 

V. C. 

Selatie Edgar Stout. The Governors of Maestà. Princeton, N. J., The 
Falcon Press, 1911, di pp. XII-97. 

In questa dissertazione sono enumerati tutti i governatori della Mesia, 
per lo più legati consolari dell'imperatox'e. L'introduzione ci offre una 
breve notizia sull'origine della provincia di Mesia e la sua suddivisione 
in Maestà sujìeriore e Moesia inferiore, che l'A. pone al tempo di Domi- 
ziano. È messo a profitto il materiale epigrafico e le notizie saltuarie delle 
fonti letterarie, ed ogni nome di governatore dà luogo a una lunga di- 
scussione. Un indice dei richiami ai luoghi d'autori e alle epigrafi, e un 
altro dei nomi e delle cose trattate, facilitano di gran lunga l'uso della 
memoria, che è certamente utilissima per lo studioso della storia imperiale. 

V. C. 

Eduahd Meyer. Histaire de Vantiquité. T. I. Introduction à l'étude des 
sociétés anciennes (Evolution des groupements humains), trad. par 
Maxime David. Paris, P. Geuthner, 1912, di pp. 6-viii-286. 

La prima edizione originale del primo volume di quest'opera apparve 
nel 1884, sì che l'autore, ponendo mano alla seconda edizione, dovette 
rifai'si da capo, tanto la scienza storica aveva progredito in un quarto 
di secolo, per le scoperte di monumenti e di testi, per il lavoro scien- 



— 352 - 

tifico su di essi compiuto a ragguaglio delle conoscenze precedenti, per 
il fervore di dottrine e di sistemi che agitò quel periodo su i metodi 
e le teorie d'ogni disciplina storica. Questo pi-imo volume dell'edizione 
francese contiene la parte introduttiva dell'opera, su l'evoluzione poli- 
tica e sociale, su quella intellettuale, e su le relazioni tra la storia e la 
scienza stoi'ica: i volumi successivi, in corso di stampa, conterranno la 
storia dell'Egitto sino a gli Hyksos, quella di Babilonia sino ai Cossei, 
e quella dei popoli dell'Egeo ed Indo europei: dal quinto all'ottavo vo- 
lume sarà sviluppata la storia ulteriore. Certo non senza grata mera- 
viglia si legge questo volume introduttivo in cui sono esposti sistema- 
ticamente i principii dell'antropologia e della scienza storica, prolusione 
che oggi, come giustamente l'a. osserva, è indispensabile in una storia 
antica condotta scientificamente e concepita con unità, ove di fronte ad 
ogni caso, occorre assumere una posizione di principio. Questo volume 
rappresenta la filosofia della storia quale è intesa da uno storico insigne, 
ed oggi che di questa materia tutti credono di poter discutere, sarebbe 
vano estendersi a magnificare i meriti di questo libro denso di pensiero 
ed altamente stimolatore d'idee: bastei-ebbe confrontare p. es. quanto è 
detto alle pp. 200 e segg. con quanto scrive il Beloch nella prefazione 
alla seconda edizione della sua Storia Greca (tradotta in Rìv. di socio- 
logia, 1912, fase. I, p. 1 a 15) per intendere l'altezza di problemi che 
l'opera dibatte. Questo semplice cenno della pubblicazione della tradu- 
zione valga ad informazione per i lettori, del lieto evento nella lette- 
ratura storica mondiale. 

Emilio Bodreeo. 

R. Reitzenstein. Das Mcirchen von Amor und Psyche bei Apuleius. An- 
triUsrede an der Universitcit Freiburg. Leipzig-Berlin. B. G. Teubner, 
1912, di pagg. 92. 

È un'esposizione completa della notissima favola con accenni a tutto 
ciò che la riguarda: le sue varie interpretazioni e la loro critica, il si- 
gnificato di Eros e Psiche nei papiri magici, i tratti mitologici della 
saga, i contrasti gnostici, l'elaborazione poetica, le derivazioni, ecc. L'A. 
non dice nulla di nuovo, ne volendo avrebbe potuto, io credo; ma co- 
nosce molto bene il suo argomento, e per quanto glielo permettevano 
le esigenze e i limiti di un discorso inaugurale, si è destreggiato in 
modo da non tacere cosa alcuna che agli uditori prima e ai lettori poi 
interessasse apprendere o l'ammentare. Anche merita di essere notato 
il garbo dell'esposizione, la quale — ciò che non avviene troppo spesso 
in lavori tedeschi — non è ne pesante ne impacciata. Sotto l'aspetto 
più propriamente filologico ha per noi maggior importanza la seconda 
parte del libro, che contiene le citazioni con tutta la letteratura rela- 



- 353 - 

tiva. Richiamano, fra altro, la nostra attenzione le pagine dedicate alle 
fahìdae Milesiae (a cui indubbiamente vuole alludere Frontone, p. 62 N., 
con le parole in lasci viis) di Sisenna e ai raffronti minutissimi tra' 
frammenti suoi e il racconto di Apuleio, e in genere tutte le altre sui 
predecessori di questo. Qui il Reitzenstein ha campo di fare dell'erudi- 
zione, ed è erudizione originale e di buona lega : c'è non poco da im- 
parare. Egli non ha potuto valersi di uno studio, uscito troppo tardi, 
Eros und Psyche del Pa^^enstecher (in Sitzungsh. d. Heidelherger A/cad., 
philos.-histor. Klasse, 1911), ma il danno non è grave. 

Domenico Bassi. 

Platone. Ione. Traduzione di Antonino Cassarà, con introduzione e note. 
Catania, V. Muglia, 1912, di pagg. xiv-22. 

Di questa traduzione del dialogo platonico, condotta sul testo teubne- 
riano del Hermann, da cui il Cassarà si scosta in un sol luogo (63 D f. 
tòi^&r] con lo Schanz, invece di TàÀtj&rj), e giustamente, a mio avviso, 
debbo fare le stesse lodi che di quella del Menesseno {Rivista XL491): 
quasi sempre fedelissima, sempre spigliata; la stringatezza dell'originale 
è, per giunta, mantenuta assai piìi spesso che non sia nell'altra. Anche 
le note sono, per ogni riguardo, migliori. Non per pedanteria, che, del 
resto, tale veramente non è, ma per non tacer nulla, osservo che i nomi 
delle divinità greche non dovrebbero essere dati sotto la forma romana, 
anche se questa è per noi italiani la più usuale; passi per Bacco, 
nome pur esso greco, sebbene sia certo preferibile dire Dioniso, ma 
io scriverei, senza esitazione, Asclepio, e non E s e u 1 a p i o. Pro- 
babilmente però si tratta di sviste, se posso esprimermi così; infatti 
trovo A d e, e non Inferno o Averno o Orco o qualcosa di 
simile. Bene ha fatto il Cassarà a tradurre le citazioni omeriche del 
dialogo attenendosi alla lezione secondo cui occorrono in Platone, come 
si sa, con molte e, talune, notevoli varianti dal testo tradizionale. Nel- 
l'introduzione, lavoro davvero eccellente, l'A. dà, fra l'altro, una spie- 
gazione, del tutto personale, dei punti di vista diversi e apparentemente 
contradditorii fra il Ione e la Repubblica intorno al modo di considerare 
il valore della poesia e il fenomeno poetico; sono pagine di cui dovrà 
tener conto chiunque si occupi della questione. 

So che il Cassarà si propone di tradurre le Leggi platoniche, delle 
quali, se non sbaglio, non esiste in italiano che una versione anonima, 
mediocrissima e in piìx luoghi errata, edita a Napoli in principio del 
secolo scorso. A giudicare dalle traduzioni del ilenesseuo e del Ione, si 
può facilmente presagire che l'opera colmerà degnamente una lacuna 
deplorevole della nostra letteratura; e speriamo che non si faccia atten- 
dere troppo a lungo. ' D. B. 

Rivista di filologia, ecc., XLI 23 



— 354 — 

IoANNEs Sajdak. De codìcibus graecis in Monte Casino. W. Krakowie, 
J. FilipoAvskiego, 1912, di pagg. 97. 

Dei manoscritti greci della celebre abbazia esiste un recente catalogo 
latino di R. Onorato (Lucerà 1909), ma purtroppo lascia alquanto a de- 
siderare, benché, a dir vero, non meriti tutte le censure onde il Sajdak 
ha creduto di gratificarlo. Certo è però che il lavoro del filologo po- 
lacco (?), pur non attingendo, ben inteso relativamente, la perfezione, 
ha tutt'altro valore e può essere consultato con molto maggior profitto. 
Non debbo tacere che la descrizione esterna, e specialmente la recen- 
sione del contenuto dei codici del Sajdak non sono quali si richiedono 
ora ; la descrizione è troppo prolissa, nella recensione del contenuto 
c'entra un po' di tutto : certi incipit e desinit occupano intiere pagine, 
e qua e là si riportano perfino le varianti dalle edizioni su cui è stata 
fatta la collazione. Se i manoscritti invece di otto soli fossero almeno 
un centinaio, con cotesto sistema, ampliazione, anzi esagerazione di quello 
del Bandini, il loro catalogo starebbe a mala pena in due grossissimi 
volumi. Ma quanta ricchezza di notizie storiche, paleografiche, filologiche 
utilissime, quanta accuratezza di lavoro, quanta scienza bibliografica! 
Qui non c'è soltanto l'illustrazione di una raccolta di codici ; bensì anche 
la sua storia particolareggiata, desunta da tutte le fonti disponibili. È 
addirittura incredibile la conoscenza che il Sajdak ha dei fondi di ma- 
noscritti greci delle biblioteche europee, e dei loro cataloghi; si vede 
chiaramente che al suo lavoro egli si è venuto preparando senza ri- 
sparmio di tempo e di fatica. Debbo aggiungere che le citazioni e i ri- 
mandi (in numero stragrande), da me controllati, sono tutti precisi in 
tutto, e indubbiamente lo stesso sarà degli altri: ciò che in un'opera di 

questo genere costituisce un pregio non piccolo. 

D. B. 

RoBERTUs Fkidekici. De librorum antiquorum capitum divisione atque sum- 
mariis. Accedit de Catonis de agricnltura libro disputatio. Dissertatio 
inauguralis . . . Marpurgi, typis R. Noske B., MCMXI, di pagg. 85. 

Buon contributo alla storia del libro nell'antichità, che soprattutto in 
Germania trovò valentissimi indagatori; basti ricordare il Birt, a cui 
appunto è dedicata cotesta tesi di laurea. Anche se non si sapesse che 
è tale, si capirebbe a prima vista che è opera di un giovane: a propo- 
sito della forma lemmatis il F. ha sentito il bisogno di annotare : 

liceat mihi hac forma uti; neque enim, ut exetnplo utar, ' epigramma- 
tibus ' dicant, sed ' epigrammatis ' , ; avvertenza superflua, e qua e là non 
ne mancano altre ; ma sono inezie. 11 materiale raccolto è copioso, e 
sarebbe bene che fosse anche più (in studi di questo genere il quinti- 



- 355 - 

lianeo copiae vitium è quasi una necessità, e diventa un pregio); sen- 
sata la sua valutazione ; plausibili, almeno in parte, le conclusioni. 
Di conclusioni ve ne ha di parziali e di generali, e tutte egualmente 
importanti; mi sia lecito ad alcune soltanto accennare, altre recarle 
testualmente. È da escludere in modo assoluto che la divisione dei 
capitoli risalga ai grammatici alessandrini ; già la usavano gli scrittori 
greci del V e del VI (o IV?) sec. a. C. Sembra probabile che in generale 
gli scrittori stessi abbiano fatto da se i lemmi, il cui uso, se non di 
tutti, certo di molti, dovette cominciare nel IV sec. a. C. Quello dei 
sommarli forse rimonta al sec. Ili; è però dubbio se siano opera degli 
autori dei librarii. Passo alle conclusioni generali: * Capii um di- 
V i s i non ex spatii lihrorum chartaceorum fortuita qiiadam divisione 
orta est, sed respondet argiimenti partitioni, guani exempla, quae exstant, 
antiquissima aperte exhihent. Ita lemmat a quoque non extrinsecus in 
lihrorum verha illata sunt ncque iis demum insertis divisio orta est, sed e 
contrario ex divisione ipsa, id est ex locutionibus illis ac formulis, quibus 
scriptores ad rem vel argumentum novum transibant, progenita sunt. Si- 
millime de s u m m a riis res se habet, quae ex prooemiorum disposìtionis 
indicibus paulatim in argumenti conspectus formain mutata sunt „. — Nella 
disputano riguardo a Catone, che forma il VI capitolo della trattazione, 
l'A. prende le mosse da un'osservazione del Keil, nella sua edizione 
dello scrittore latino, relativa agli indici e ai titoli dei capi (" Index 
capitulorum — redactae sunt, voi. II, p. 1 ,), e fa un minuto e diligen- 
tissimo esame del sommario e dei lemmi del de ag ricultura; esame il 
cui risultato è questo, che e sommario e lemmi sono indubbiamente fat- 
tura dello stesso Catone. D. B. 

Otmar Schissel von Fleschenberg. Novellenhrmize Lukians. Halle a. S., 
Max Niemeyer, 1912, di pp. xv-108. 

Non meno del lavoro importa annunciare la collezione delle Rheto- 
rische Forscìiungen hrggb. von Otmar Schissel von Fleschenberg und 
Joseph A. Glonar, che si inizia con questo volume, preceduto dal pro- 
gramma della serie. La retorica è intesa nel suo piìi ampio significato, 
ad eccezione della declamazione " als blosse Virtuositàt „, in base ai 
criterii dello Spitzer, e con i concetti di una estetica, che risente i moti 
e le tendenze delle ultime discussioni. Perciò sieno i benvenuti questi 
lavori, che hanno tutti i diritti di esistere, alla sola condizione di essere 
ben condotti: il che non vuol dire che i volumi debbano riuscire più 
divertenti di altri per il motivo che si occupano di arte e di tecnica. 
Ma ciò neppure vuol dire che l'argomento sia meno importante e meno 
serio di altri ; e neppure significa che questo debba scacciare o ridurre 
quello, ne che il criterio estetico demolisca lo storico. Ciascuno ha il 



- 356 - 

suo posto; anzi i criteri! si integrano; e se taluno ha dato troppa im- 
portanza ad una parte, sarà il caso di ristabilire l'equilibrio e di asse- 
gnare a ciascuno il lavoro meglio adatto alle tendenze ed alle forze 
individuali. 

Certamente è problema necessario quello dell'arte in Luciano, e rientra 
in esso il quesito fino a che punto nell'opera Lucianea ci sia l'influenza 
della composizione, ed in che limiti ciò si rifletta su quello che dicesi 
contenuto, la cui valutazione reale e storica dipende in conseguenza 
dalla soluzione che possa darsi al primo quesito. Il che però non vale 
soltanto per Luciano o per gli scrittori o gli scritti prevalentemente o 
unicamente artistici o ritenuti tali; che le norme e le ricerche si esten- 
dono e si debbono approfondire financo per esempio a parecchi storici, 
il cui valore storico non dipende solamente dalla fonte, ma ancora dal- 
l'ideale artistico e tecnico. Con queste premesse sia la trattazione gene- 
rale sugli scopi artistici di Luciano, coli' excursus sulla cria retorica, siagli 
studi sul TiÀotov T] ev%aì, 0iÀoK£Q6rjg -JJ àTitovcòv, Tó^aQig ^} cpiÀla si 
raccomanderebbei'o da per se, anche qualora non si connettessero a in- 
dagini sulla novella di Luciano. Darne un sunto non è possibile in poco 
spazio, anche perchè la lettura del volume è talora difficile e non riesce 
sempre chiara; il meglio è segnalare gli argomenti e chiamare su di essi 
l'attenzione dei lettori ; anzi di molti lettori, da chi si occupa della let- 
teratura greca a chi brama rivolgere la propria attenzione alle questioni 
generali e fondamentali dell'arte letteraria. E questa è raccomandazione 
più che sufficiente per qualunque lavoro. 

Carlo Oreste Zuretti. 

Giovanni Capovilla. Aescìiylea. Osservazioni critiche ed esegetiche alle Eu- 

menidi. Pisa, Nistri, 1912, di pp. 62. 
Joseph Edward Harry. Studies in Sophocles. Published by the University 

of Cincinnati, Ohio, 1912, di pp. 46. 

Quella del Capovilla piìi che altro è una rassegna del lavoro critico 
compiutosi ultimamente sul testo Eschileo; nel che il giovane filologo 
ha occasione di mostrarsi bene informato e di spiegare una tendenza 
di imparzialità in materia di varianti. Certo non era il caso di fare 
sfoggio di originalità, anche perchè la moderazione è meritoria in tal 
campo; direi meritoria e lodevole. — Dentro questa misura la critica 
del testo prepara opportunamente ad altri lavori ; ed il Capovilla ne ha 
già dati parecchi saggi, talché altro attendiamo da lui e tale che segni 
un progresso, quale è lecito sperare dalla sua gioventù e dalla sua 
operosità. — 

In altre condizioni è l'opuscolo dell'Harry, che tende principalmente 
a fare od interpretare di proprio nell'Elettra, nell'Antigone, nell'Aiace, 



— 357 - 

nell'Edipo Re, nel Filottetc di Sofocle. Ci sono osBervazioni a singoli 
passi, che è bene studiare commentando od elaborando il testo; ma 
altre possono anche stare a se, p. es. la nota sulla valentia di Agamen- 
none nel saettare, le osservazioni lessicali sopra acpayì) ecc. Osservo 
però che circa l'uso di wy/^dvo) al predente indicativo col participio 
aoristo, non è male raccogliere esempi e materiali, ma sarebbe oppor- 
tuna qualche considerazione sul valore di aoristo, dappoiché la maggior 
parte degli esempi ofire il così detto aoristo secondo, quello cioè che 
non per nulla in alcune grammatiche è chiamato aoristo-presente (si 
veda p. es. il Hirt) ; che si tratta di un tema differente per sola gra- 
dazione da quello detto di presente, e di flessione come nel presente 
Sicché avremmo in Tvyxdvcù MataÀiTicóv una notevole concordanza mor- 
fologica di verbi integrantisi per l'idea. Interrompo subito, che l'argo- 
mento mi porterebbe lontano. 

C. 0. Z. 

M. Teuenti Varronis Rerum Rusticarum libri tres. Post Henricum Keil 
iterum edidit Georgius Goetz. Lipsiae, in aedibus B. G. Teubneri, 
MCMXII, di pp. xvi-162. 
Non è una nuova edizione questa, ma piuttosto un rifacimento di 
quella minore del Keil con alcune modificazioni non essenziali. Infatti, 
mentre immutati sono rimasti i sussidi critici ed il criterio della resti- 
tuzione dell'archetipo, l'apparato critico fu invece messo al corrente 
degli ultimi studi e, non più diviso in due parti, ha assunto una forma 
più semplice. Il Goetz non rifuggì dal trar profitto dal commento che fa 
parte dell' ' editio maior ' dovuta al Keil stesso, ma non credette opportuno 
di trarre da essa i ' testimonia '. La divergenza più sensibile consiste 
nella scelta delle lezioni, guidata da quelle tendenze conservative che 
ora giudiziosamente prevalgono. In ogni modo non sono scomparse le 
tracce evidentissime della mano del Keil, del quale anzi è riportata in- 
tegralmente la parte della prefazione relativa ai sussidi critici ed alle 
edizioni. Il Goetz aggiunge alcune considerazioni sue ed altrui sulla cri- 
tica del testo. 

M. L. 

P. Papini Stati Silvae. Krohni copiis usus iterum edidit Alfredus Klotz. 
Lipsiae, in aedibus G. B. Teubneri, MCMXI, di pp. c-220. 

Presentare ai lettori la seconda edizione delle Selve di Stazio, dovuta 
ad Alfredo Klotz, è cosa superflua. Le modificazioni non sono ne pote- 
vano essere molte dal momento che un consenso quasi unanime accolse 
le ipotesi su cui il dotto filologo ha basato la critica del testo. In- 
fatti viene riprodotta integralmente la prefazione della prima edizione 



— 358 — 

(pp. v-Lxxvi), alla quale si aggiunge la nuova in cui è trattata la questione 
se il cod. Matrit. sia quello stesso che il Poggio scoprì nel 1417 od un 
suo apografo, e se il Poliziano abbia attinto direttamente o no dal 
cod. Matrit. quelle lezioni che scrisse in un esemplare della 'ed. princ. ', 
ora nella biblioteca Corsini in Roma. 

Un po' pili di larghezza nel citare le congetture dei dotti, l'aggiunta 
di brevissime dilucidazioni nei luoghi oscuri, un indice completo o quasi 
di coloro che hanno trattato delle Selve costituiscono altri miglioramenti 
della nuova edizione, a cui continuerà il favore degli studiosi. 

M. L. 

Sex. Propertii Elegiarum libri IV. Recensuit Carolus Hosius. Lipsiae, in 
aedibus B. G. Teubneri, MCMXI, di pp. xv-190. 

Poco di nuovo si può dire dei mss. di Properzio dopo i numerosi studi 
fatti in questi ultimi anni e specialmente dopo l'edizione fondamentale 
del Baehrens, il quale, con la solita diligenza, raccolse il materiale 
manoscritto, ma errò poi nella valutazione dei codici e seguì il 
suo solito metodo nella ricostruzione del testo. Nella prefazione il Hosius, 
per comodità dei lettori, tratta brevemente della tradizione manoscritta. 
Il codice migliore, come ognuno sa, è iV {Neapolitanus) che risale, se- 
condo il Baehrens, al secolo XV, secondo L. Muller al XIV, secondo il 
Lachmann, il Hertzberg, il Birt, l'Ihm al XIII, secondo il Keil, il Plessis, 
il Heiuemann, il Phillimore, il Ruehl, il James ed altri al XII. Di questo 
parere è pure il Hosius che si sbriga con poche parole di questo ma- 
noscritto importantissimo, osservando : " De pretio codicis si quis post 
labores Leonis, EUisii, Solbiskyi, Housmani, Postgatii, aliorum, quorum 
nomina operaque iam commode congesta habemus in Sehanzii copiosa 
historia litteraria ante paucos menses emissa, aget, yÀavaas ""Ad-iqva^e 
diei ,. Nell'apparato critico sono accuratamente notate tutte le lezioni 
di N ' praeter mera orthographica ', e degli altri codici sono riportate le 
lezioni che servono alla critica del testo ed a mettere in luce l'affinità 
tra i codici. Numerosissime sono le congetture, le correzioni, le trasposi- 
zioni che si sono volute introdurre nelle poesie del Callimaco Umbro, 
e il Hosius naturalmente non ha potuto che citare piccolissima parte in 
tentativi intesi a migliorare il testo del poeta, fatti dai dotti di ogni 
epoca. Per alcuni passi si potrebbe proprio dire: ' quot litterae tot co- 
niecturae': ma il nuovo editore segue una critica eminentemente con- 
servativa che ognuno deve approvare. Chiudono il volumetto tre indici : 
l'index nominum, l'index metricus et prosodiacus e l'index grammaticus. 

M. L. 



359 



The eclogues of ìiuptista Mantiianiifi. Edited, with introduction and notes, 
hy VViLFRKiì P. MnsTARu. Baltimore, The Johns Hopkins Press, 1911, 
di pp. 156. 

La fortuna del Mantovano fu grandissima in Italia, in Francia, in 
Germania ed in Inghilterra e, mentre alcuni lo preferivano al pagano 
Virgilio, non mancarono anche le note discordanti nel coro delle lodi. 
Giulio Cesare Scaligero, ad esempio, lo dipingeva così: " mollis, languidus, 
fluxus, incompositu8, sine numeris, plebeius; non sine ingenio, sed sine 
arte „, e a questo severo giudizio sottoscrivono i moderni. Non bastando 
i capolavori classici, l'ecloghe del Mantovano furono lette e rilette nelle 
scuole ed ebbero l'onore d'accurati commenti. Il Mustard ha riprodotto 
l'edizione del 1498, introducendo le necessarie modificazioni nell'orto- 
grafia e nell'interpunzione, e con grande diligenza ha studiato le fonti 
dell'umanista nei cui versi risuonano locuzioni e motivi tolti agli autori 
classici e specialmente a Virgilio, Ovidio, Giovenale, Tibullo, Calpurnio. 
È naturale che non in tutti i luoghi riesca sempre convincente, poiché 
talvolta ricorrono reminiscenze classiche senza che si possa parlare di vere 
e proprie imitazioni. La parte che studia le fonti antiche', la maggiore 
del commento, è quella che fa entrare l'edizione del Mustard nel campo 
della filologia classica. Il suo è un contributo veramente ottimo alla 
storia del classicismo i cui semi non hanno ancora cessato di crescere 
e fruttificare nell'Italia nostra, ove da poco tempo si è spenta la voce 
d'un vero e delicato poeta che fu anche un grandissimo umanista. 

M. L. 



360 



RASSEGNA DI PUBBLICAZIONI PERIODICHE 



Transactions and Proceedings of the American Philological Association. 
Voi. XLII. 1911. — Transactions = C. Beach Bkadlf.y, 'Shall' and 
' Will '. An historical studtj, pp. 5-31 [Sulle varie funzioni dei due verbi, 
con qualche accenno al latino]. — M. Hdtton, The mind of Herodotus, 
pp. 33-48 [Specie di apologia erodotea, che non si può riassumere. E 
fatta una rassegna delle varie critiche mosse all'opera dello storico e si 
afferma, senza dimostrazione, che sono ingiuste, essendoglisi attribuite 
intenzioni che egli non aveva]. — E. Howard Sturtevant, Notes on the 
character of Greek and Latin accent, pp. 45-52 [Su la reale natura del- 
l'accento greco al tempo di Cicerone. In generale fatti sicuri sono 
questi : il circonflesso va escluso dall'antipenultima sillaba ; sta sulla 
penultima lunga per natura, se l'ultima è breve; va escluso dall'ultima 
nei monosillabi e nelle parole che subirono sincope dell'originaria sil- 
laba finale, p. es. Ulte, nostras ; i monosillabi latini lunghi erano tutti, 
secondo la nostra moderna ipotesi, pronunciati allo stesso modo; la ori- 
ginaria forma piena (p. es. iìlice) delle parole sincopate {illic) aveva la 
penultima sillaba lunga e l'ultima breve, ciò che stabilisce una certa 
rassomiglianza con le parole greche di cui l'ultima sillaba è il prodotto 
della contrazione : donde il circonflesso]. — W. Woodbdrn Hyde, Greek 
literary notices of Olympic vietar moniiments outside Olympia, pp. 53-67 
[Complemento di un lavoro dell'autore, pubblicato in American Journal 
of Archaeology XVI. 1912, 2, intorno alla località in cui sorgevano nel- 
l'Altis a Olimpia le statue dei vincitori dei giochi olimpici. Ora egli dà 
un elenco dei monumenti di vario genere dedicati agli stessi vincitori 
in altre parti della Grecia, da notizie di scrittori greci e da iscrizioni, 
secondo i secoli, dal VII a. C. al IV d. C; sono 37 monumenti, a cui 
ne vanno aggiunti 4 di data ignota]. — R. G. Kent, Latin ' mille ', and 
certain other numerals, pp. 69-89 [Rassegna di tutte le etimologie pro- 
poste del latino mille e ' studio ' della parola secondo il metodo compa- 
rativo, cioè in tutte le altre lingue indogermaniche. Conclusione: " mille... 
deriva da *meik-s-lo-m ' misto, composto ', una formazione semi-parti- 



- 361 - 

cipiale rispetto alla radice che è in misceO, ^uiyvvfii...; ebbe significato 
numerale con l'applicazione a centuin ; con l'ellissi di cetitum da agget- 
tivo diventò sostantivo... Più tardi diventò invariabile e aggettivale nel 
singolare, sebbene non manchino esempi del suo uso come sostantivo ; 
ma l'uso del plurale come aggettivo è raro ,]. — C. Saunukus, Altars 
on the Roman comic stage, pp. 91-103 [La notizia della presenza di due 
are sulla scena comica romana, data esplicitamente da Donato, de 
Comoedia Vili 3 {in scaena duae arae poni solebant : dextera Liberi, si- 
nistra eius dei, cui ludi fiebant), non risponde a verità, come dimostrano 
due altri luoghi dello stesso Donato comm. \x\V Andria IV 8, 11 e 
QÌY Eunuco I 2, 5 e uno di E u a n z i o, de Fabula I 3. Inoltre sappiamo 
che l'ara di Apollo si trovava regolarmente davanti alla casa greca e 
nelle fabulae palliatae normalmente si presentava l'entrata di tale casa, 
che Apollo era riconosciuto come il patrono della comedia, e che molte 
comedie tuttora esistenti, greche e latine, pongono l'ara del dio sulla 
scena, e infine che gli scoliasti delle medesime accennano a quest'uso]. 
— W. Abbott Oldfather, New manuscript nuiterial for the studij of A v i a- 
nus, pp. 105-121 [Elenco di mss inesplorati e del testo delle favole 
avianee, sole e con introduzioni e commenti, e di imitazioni e versioni 
medievali, con notizie intorno agli studi e alle ricerche sull'argomento, 
soprattutto di scrittori del primo medio evo]. — Sh. Owen Dickerman, 
Some stock illustrations of animai intelligence in Greek psychology, pp. 123- 
130 [Nei filosofi e nei retori romani del tempo dell'impero ricorre spesso 
l'espressione del pensiero che la 'sagacità' degli animali è dovuta non 
alla ragione (Àóyos), bensì all'istinto naturale (yivaig). Citazioni di passi 
di scrittori greci e latini in cui si accenna all'intelligenza degli animali 
in genere e di alcuni in ispecie]. — C. W. E. Miller, rò Sé in Lucia >i, 
pp. 131-14:5 [Continuazione del lavoro del medesimo autore ' On tlie 
Sé = whtreas' in questo periodico rra^.sc/ci/oHs XXXIX. 1908, p. 121-146 
{w. Rivista XXXVIII 142). Dall'esame di molti luoghi di Luciano si 
desume una nuova conferma delle conclusioni precedenti, che cioè rò Sé 
ha il significato quum tamen soltanto in pochi casi]. — A. Stanley Pease, 
Fragments of a Latin manuscript in the Library of the University of 
Illinois, pp. 147-156 [Frammento del commento di Petrus L o m- 
b a r d u s al salmo 50, e frammenti di C a s s i o d o r o]. 

Proceedings of the forty-third annual meeting of the American Philologicul 
Association (novembre 1911) (*). = W. N. Bates, Note on a Roman ring, 
p. XVII [Su un anello romano, nel Museo dell'Università di Pennsylvania, 
con l'iscrizione excidio servata meo]. — D. Cameron, Horsemanship in 



(*) V. la nota a pag. 145 del vjI. XXXVIL 1909 della Rivista. 



— 362 — 

Livy, pp. xvii-xix [Cioè suir 'equitazione ' in Livio; da tutto ciò che 
egli scrive si capisce che doveva avere poca esperienza del maneggio dei 
cavalli, certo molto inferiore a quella che mostrano di averne avuta 
Polibio e Cesare]. — H. Loomis Cleasby, Scenery and stage properfies in 
Seneca' s tragedies, pp. xix-xxi [' I 'dettagli' scenici e tecnici delle 
tragedie di Seneca confermano in non piccolo grado l'opinione che 
egli scrisse i suoi drammi, fatta eccezione delle Phoenissae e à&WHer- 
cules Oetaeits, con l'intenzione che fossero rappresentati „]. — R. B. En- 
GLisn, The nature of the soid as set forth hy certain presocratic jyhiloso- 
phers, pp. xxi-xxiii [L'articolo riguarda esclusivamente i Pitagorici. La 
loro opinione intorno alla natura dell'anima ci è fatta conoscere prin- 
cipalmente da Aristotele {Metaph. I 5: XllI 3-4 ; de Anima I 2, 4 ; 
I 3,23...) e dai doxografi]. — Th. FitzHugh, Tyrannio Amisenus 
and the hellenization of Latin accentuai and rhythmic theory, pp. xxiv-xxv 
[L'introduzione del sistema accentuale greco nella poesia latina fu lo 
scopo di Tyrannio Amiseno nella sua opera intorno alla /-ee'o-j; /rpoff^jóta]. 

— J. E. Harry, Some puzzUng passages in Sophocles and Euri- 
pidea, p. XXV [Eur. Hipp. 468-9. S o f . El. 568-9; Ai. 137-47 dei tre 
luoghi l'autore tratterà compiutamente altrove]. — Lo stesso, (p&dvo), 
Àavd-dvù), and Tvyy^dvo) in later Greek front Aristo ti e to Zona ras, 
pp. xxv-xxvi [Come sopra]. — R. Wellington Husband, Zeta, pp. xxvi-xxx 
[Storia della lettera zeta : studio di semasiologia che non si può riassu- 
mere]. — R. G. Kent, Note on ' malis ridentem alienis', Ho r a e e, Sai. 
II, 3, 72, pp. xxx-xxxit [La frase è una reminiscenza dell'omerico 
[Od. XX 347) ol S' ^drj yva&[A,olcn yeÀójoìv àÀÀoTQioiaiv. L'autore traduce 
i due versi oraziani 72 sg. così: " ivhen you hale him into court, laughing 
tv i th a p p a r enti y ill-timed m i rth , he ivill become a hoar, and 
noiv a bird, again a rock, atid if he will, a tree „]. — G. Habriet Ma- 
cuEDY, Note on Herodotiis I, 59, pp. xxxii-xxxiii [r^ Àóyq> ivi, come 
L 205, ha il significato ' consulto ', ' de industria '], — F. G. Mooue, An 
author's correction in Cicero, pp. xxxiii-xxxiv [A proposito delle pa- 
role di Cicerone, di cui alcuni editori non vollero tener conto, ad 
Att. VI 2, 3: "' ' Phliasios' autem dici scieham... continuo correximiis ^^. 

— S. Grant Oliphant, American surnames of Hellenic origin, pp. xxxiv- 
XXXIX [Elenco dei detti nomi divisi per classi : patronimici, metronimici, 
'occupativi' (ecclesiastici, non ecclesiastici), corografici, prosonimici]. — 
M. Bradford Peaks, The date of the Buenos inscription, pp. xxxix-xli 
[L'iscrizione probabilmente è del IV sec. a. C. e probabilmente è in 
prosa]. — J. Carew Rolfe, Teaching and research in Classical Philology, 
pp. xli-xliv [Su l'insegnamento di greco e latino e sul grado di ' dot- 
tore in filosofia ' nei collegi e nelle università degli Stati Uniti del 
Nord-America]. — Ch. P. G. Scott, The doctrin of diacritics, pp. xliv-xlvii 



— 363 - 

[Considerazioni sulla ' diacritica ' in genere con accenni al greco e al 
latino]. — J. A. Scott, Homeric method of introdiicing new characters, 
pp. XLvii-xi.viii [L'introduzione di nuovi personaggi noìV Iliade è fatta in 
modo da lasciar supporre che siano già noti specialmente per il loro 
patronimico : Achille come Pelide, Agamennone come Atride, ecc. Ciò 
per gli eroi greci, mentre dei troiani nulla è detto, la qual cosa obbliga 
ad ammettere che V Iliade sia stata scritta interamente ' dal lato greco '. 
Ciascun personaggio poi comparisce per la prima volta in un libro 
speciale del poema]. — F. W. Shipley, The seventh hook of Caesar's 
'Gallio lVar\ pp. xlviii-l [Cesare scrisse e pubblicò il libro VI e i 
precedenti prima della campagna del 52 ; raccolse i materiali per il 
libro VII durante il 52, ma sia perchè quella campagna fu la più la- 
boriosa di tutta l'impresa gallica, sia perchè egli dovette rimaner lungo 
tempo sulla difensiva, non gli fu possibile occuparsi della stesura del 
libro; parte del materiale fu ridotta alla forma degli altri Commentari, 
la parte più importante, relativa all'assedio di Alesia, no]. 

Philological Association of the Pacific coast = E. B. Clapp, Theo- 
cri t il s and Pi nda r, pp. lxii-lxiii [Sulle reminiscenze di Pindaro 
negli idilli 16 e 17 di Teocrito. Brevissimo annunzio del lavoro, che 
sarà edito in extenso nelle Publications in Classical Philology dell'Uni- 
versità di California]. — B. 0. Foster, A note on Livy ' Praefatio\ 10, 
pp. Lxvi-Lxvii [Con le parole in illustri monumento Livio ha inteso 
accennare " non 'alla storia', ma 'a una storia' nel senso 
di 'un corpo di tradizioni storiche' o più precisamente 'la storia di 
una nazione', le sue res (cfr. praef. \: si a primordio urbis res populi 
Romani perscripserim) „]. — T. Fetersson, Cicero and the Catilinarian 
conspiraci/, pp. lxviii-lxix [Sommario di un lavoro sull'argomento]. — 
J. C. Watson, The stage action in Te rene e, ' And ria \ 171 f., p. lxxi 
[Dopo il V. 171 Simo lascia la scena per breve tempo. Terenzio scrisse 
sequor, non sequar, lezione quest'ultima fondata sull'ipotesi che Simo 
rimanesse in scena]. 



The Classical Quarterly. VII. 1913. 1. — W. M. Lindsay, Notes on 
Plautus, pp. 1-11 [Bacch. 107 la lezione dell'archetipo era S. h. nescio 
quoti turbae, quae... — Trac. 180 sg. Ast. Amàntes siquid non daniint — ... 
Din. Amans siqui ' qiiod non est daho?' — ... — Poen. 1317 è probabil- 
mente da scandire con adhihuisti come quadrisillabico. Tutto V ' arti- 
colo ' è una specie di recensione del Leo, Plautinische Forschungen, del 
LoFSTEDT, sulla grammatica e la lingua di Plauto, del Sudhaus, sui 
cantica plautini, con numerose citazioni e copiosa esemplificazione dei 



— 364 — 

criteri seguiti dagli editori antichi e moderni riguardo alla metrica, 
alla divisione dei versi, ecc. ecc. Non è possibile in un riassunto recare 
altri versi oltre ai sopra citati]. — A. E. Housman, Notes on Per sius, 
pp. 12-32 [I 5-12 commento; interpunzione di 11-12: tunc, lune — 
ignoscite [nolo, \ quid faciam ?) — sed [sum petulanti splene) cachinno 
22 sg. iJ senso è : escas, quibus ' ohe ' dicas, auriculis (non articulis) et 
cute perditus cioè sordo e idropico II 31-37 spem ha il significato 
proprio di ' speranza ', non altro, come si crede 52-58 : 56 sgg. spiega 
qui (dei, dal preced. sacras facies) somnia pituita purg. mittunt, et prae- 
cipui sunto inter p-afres (s u o s) aeneos {ne e d u m i n aur aio s) sitque 
i. a. h. cioè se il soggetto del discorso è dei, i fratres sono ' fellows- 
gods ' 111 1-62. V 41-51 commento V 60 sg. a proposito di iiitam 
relictam (61) 64-69 fra altro, fiet (66) forse è giusto 73-76 senso : non 
hac liberiate serui, simul atque emeruerunt, far tesserula possident cioè 
non haec, quam ego dico, liVertas, sed longe alia, ut q. P. V. e., dat ei ius 
farris tesserula udipiscendi 109-112: 110 senso: granaria modo adstringas, 
modo laxes, si sint tihi granaria? 134-137: 136 sta bene e VI 6-8: 
7 mi te t e p e t ne r n at que meum mare 37-40 reminiscenze, anzi 
imitazioni da Orazio 41-56 commento 64-69 : 66 neu die i ta 
75-80 : 79 redit in rugam = denuo multiplicatur], — T. W. Allen, Pisi- 
stratus and Homer, pp. 33-51 [Tutte le testimonianze degli antichi e 
le opinioni dei moderni intorno all'opera di Solone, Pisistrato e Ipparco 
riguardo ai poemi omerici sono false : i tre personaggi probabilmente 
non si occuparono affatto del testo omerico. — Il lavoro è d'importanza 
addirittura capitale, ma non si può riassumere in breve; quassù mi sono 
limitato ad accennare a ciò che l'autore intende dimostrare e, secondo 
me, dimostra in modo irrefutabile]. — J. Cook Wilson, Plato, ' Sophist' 
244 C, pp. 52-53 [A proposito dell'interpretazione del Jackson in The 
Journal of Philology XXXll. 1912. 63, p. 136 (v. Rivista XL 500) : le pa- 
role Kcà TÒ TtuQcinav ye servono a introdurre una nuova obiezione, la 
cui natura è esplicata in due proposizioni connesse da t£ e xat cioè 
Ti'&eig te tovvofia ktÀ. e >cccì ,(*//f av laivóv ye ktÀ.]. — T. G. Tucker, 
Notes and suggestions on Latin authors, pp. 54-57 [I. Virgilio Aen. 
VI 735 sgg.: commento, fra altro pauci (744) significa 'soltanto pochi' 
— II. Cicerone De Oratore I 46, 202 : amentasse (cfr. § 242) invece 
di tamen esse e poco prima, per l'imperfetto, niagnam {iam) homini 
ib. 59, 251 : il probabile errore del copista, munionem (citarimus) cor- 
retto dal RiTscHL in hyinnum (recitar imus), dipende dal non aver capito 
un IMHNQICMENAIE o TMHNiìrMHN cioè 'Tf^ì^v ai 'Tf^évate - 
III. Seneca epist. XV § 9 : il copista trovò EIIÌ2NI0N e trascrisse 
ETVNVM aggiungendo di suo graecum cioè è greco ; la lezione genuina 
era una mercedula ènóiviov ad haec accedet XXI 10 portulis invece di 



- 365 — 

hortuUs XL 10 niiinq : (cioè numquid) tnanducas ? LXXX 1 uno tono 
CVII 1 tam 2)usilla te angit res ? ib. 3 uhi tonni, {fulgurat, cadit) fulmen 
ib. 10 huic... cursH IV Orazio Od. IH, 24, 4 puhiicum sta bene ; quanto 
a Tyrrhenum può essere aggettivo o equivalere a Tyrrhenoruui]. — 
H. W. Garrod, The epitaph of Helvia Prima (Bocheler, Carm. Epigr. 960), 
p. 58 [5 propone coniuge sum Catulo frurtn actore {= patrono, oratore) 
Isocrateio]. — G. B. Guundy, The true cause of the Peloponnesian ivar, 
pp. 59-62 [A proposito dell'articolo del Dickins dello stesso titolo, pub- 
blicato in Cìassical QuarterUj V 238-248 (v. Rivista XL 172), nel quale 
sono criticate le opinioni intorno alla vera causa della guerra del Pelo- 
ponneso del Grundy e del Cornford nell'articolo ' Storia greca ' àelVEn- 
cyclopaedia Britannica. W Grundy confuta tutti gli argomenti del Dickins, 
sostenendo che il ' criticismo ' di Tucidide non è punto errato. Segue 
una breve risposta del Dickins]. 



The Cìassical Revieiv. XXVI. 1912. 7. — A. C. Pearson, Notes on S o- 
phocles, p. 209-212 [Ichneutae; fra altro: I 7 sgg. e7ce]iT" à(pQ[ovQ(ov 
àQnay>i]v l%vocfno7iù) poi Ióv[tcov... vE%vd\aiAaT àÀÀ' (invece di d>g) 
Il 7 se év Àóycp TiaQiaratat "e corretto, come pare, in Phil. 319 va letto 
toìade fiuQtvg èv Àóyoig 11 aitóxQ^f^cc non sta, probabilmente rò XQfJi^a 
preceduto e retto da un n^d^ag o àvvaag 18 forse r[ò] yÙQ yé[Qa]g 
f,iot Keìfievov XQ[^](^o[a]Teq)è[g \ /^d[Àt]aT^ è7i[iaT0À]aTa[i 7t]goa{kéad-[at 
yQ£(o]v III 20 £[i-d-]vvTì^Qi£ 26 navtsÀr'ig IV 15 forse |tti/ [n]Q[óa(i} 
TidJTet. V 1 £<Jco invece di ^oàiv 8 virgola dopo óédoQXEv, e aura 
ó' £iaiÓ£ VI 12 se fosse permesso dalle condizioni del papiro, a^rifiaz^ 
invece di acófiar VII 10 [à](pCaTco XI 9 {anav]atog invece di [/teytjorop 
XIV 10 sgg. [pvt èyy£Vìig {A^rjXQcaaiv... [av ò' aXXod' 6aT\ig (o £% rig) 
éari... [ìial y^v (o àyQov r') a\KaQJiov Eurypylus note di vario genere a 
fr. 3. fr. 5 I 8; II 10, 11, 19 sg., 24; III 12 .sg., 17,21]. - A. G. Laird, 
Xenophon, ' Oecononiicus' 20, Ì6, pp. 213-214 [Qaólcog — àniévai. 
L'interpretazione migliore è quella del Talbot : " Il y a la différence 
de un à dix entre deux hommes, dont l'un emploie bien son temps, et 
dont l'autre quitte l'ouvrage avant l'heure „]. — W. R. Paton, Book Vili 
of the ' Odyssey ', pp. 215-216 [A proposito dell'episodio dei Feaci, che 
secondo il van Leeuwen è un adattamento della storiella in cui il prin- 
cipe (Ulisse) sposa effettivamente la principessa (Nausicaa) : nuovi ar- 
gomenti a sostegno di cotesta tesi, e considerazioni relative alle pro- 
babili interpolazioni del 1. Vili del poema]. — S. Eliot Bassett, The 
exposure of Oedipus, p. 217 [L'innovazione introdotta da Sofocle 
nella leggenda di Edipo riguardo alla esposizione dell'infante dev'es- 



— 366 — 

sergli stata suggerita dal racconto di Erodoto, di cui sono molte le 
reminiscenze nel tragico, relativo a Ciro, I 108-110]. — E. G. Haedt, 
Tìie judiciary law of Livius Drusits. Note on Appian I 35, p. 218-220 
[Pare probabile che la legge giudiziaria di Livio Druso concernente il 
Senato e l'ordine equestre riflettesse l'idea originale di Tiberio Gracco 
e la proposta di Servilio Cepione. Appiano nel parlarne deve aver 
fatto di suo un certo compromesso fra due proposte distinte]. — A. Sloman, 
Hidden quantities, pp. 220-221 [A proposito dell'articolo del Sonnenschein 
col medesimo titolo in Classiceli Revietv 1912, pp. 78-80 (v. Rivista 
XL 630). Delle due proposte del Sonn., la prima che l'insegnante pro- 
nunci come lunghe le sillabe che sono tali non è pratica e " perpetue- 
rebbe le difficoltà per le future generazioni „ ; la seconda, che si segni 
nei libri scolastici la quantità delle vocali davanti a nf, ns riguarda in 
parte una teoria che non in tutti i casi ' è corretta „]. — Notes : 
H. E. BuTLER, Petroniana (Baehkens, PLM 74-108), pp. 221-222 
[76, 3 ab ortu invece di ad orfus 80, 5 tennis invece di temptus 84, 4 al- 
terna... manu 90, 5 tepidis naribus sta bene 92, 8 fama est coniimctas 
soppresso et]. — P. Nixon, Juvenal, p. 222 [V 141 Mycah era certo 
la moglie di Trebius, per quanto il nome faccia sorgere qualche dubbio 
(cfr. 127 e 161) VII 127-128 è da confrontare con Vili 4-5]. 

Idem. 8. — J. M. Edmonds, Some notes on the ' B u e oli e i Graeci ', 
pp. 241-246 [Note esegetiche, e quindi non riassumibili, in breve, a 
Teocrito 15. 30 sg. 51 sg. 55. 95-113. II 3, 10, 159. 59. 71. 83. 103 sgg. 
124. 130. Ili 27. 29. 30. IV (soggetto dell'idillio). 31 sgg. 49 sgg. V 89. 
109. VI 36 sgg. VII 6. 53. 110. 142. Vili 25. 74. 86. IX 1 sgg. 23 sg. 
X 45. 53. 54. XI 22. 38 sg. 44. 54 sgg.]. — E. Harrison, ' To save the 
Athenian tvalls frotn min bare ', pp. 247-249 [Contestazione di alcune 
affermazioni del Grundt nell'opera Thucydides and the history of his age 
riguardo alle lunghe mura di Atene e alle fortificazioni del Pireo. In 
Tucidide V 26, 1 aaté^aÀov invece di navéÀu^ov]. — G. Harriet 
Macurdy, The connection of Paean loith Paeonia, pp. 249-251 [Il nome del 
dio, Peone, è un aggettivo etnico applicato al dio della guarigione (Elio, 
Apollo probabilmente Asclepio), che godeva culto presso la tribù dei 
Peonii, i quali in tempi antichissimi occupavano il paese detto più tardi 
Macedonia, nome che in Omero non occorre mai, mentre dei Peonii 
è fatta parola nel ' Catalogo delle navi ' e nei libri X. XL XII. XVI. 
XVII. XXI à&W Iliade. In V 899 Peone riceve da Zeus l'ordine di sanare 
la ferita di Ares, un dio tracio cioè di una regione settentrionale come 
la contrada dei Peonii. Di un culto determinato di Peone nella Peonia 
non abbiamo però indicazioni]. — J. W. Mackail e R. S. Conway, V i r- 
g i V s use of the word ' ingens ', pp. 251-255 [La parola non occori'e mai 
nelle Egloghe; invece in 71 versi delle Georgiche e in 58 àoìV Eneide ; 



— 367 - 

non è un vocabolo comune nella prosa preaugustea, laddove alcuni 
poeti preaugustei ne fanno largo uso, soprattutto Ennio. Ingens eti- 
mologicamente proviene da un aoristo participiale *in(/enens (intransi- 
tivo) ; e acquista, in Virgilio, vai-i significati secondo i luoglii in cui 
è adoperato. Rassegna di questi, successivamente nelle Georgicheii sensi: 
'ammassato' o 'accumulato', 'massiccio' o 'grosso', 'generante' e 
quindi talora 'nativo' o 'naturale', 'vasto') e neWEneide (2 sensi: il 
primo e il terzo). 11 senso implicito di ' nativo ' risalta qua e là in modo 
evidente. — Segue una ' nota ' del Cònway di pieno assenso, salvo 
qualche lieve contestazione, riguardo tanto all'etimologia, quanto al du- 
plice significato principale di ingens], -- D. A. Slater, Notes on Stati us, 
pp. 255-258 [Silvae I 2, 138 vafro invece di vero (V 2, 110 premehat. 
V 3, 119 ioli ere, ma tutto il passo è oscuro) 113,29-30... laeva{m)que 
sub a u re{m) \ Naidos avers a e f. t. s. invece di laevamque sopori (con- 
gettura del Saenger ; mss. levamqiie soporem)... aversa]. 

Idem. XXVII. 1913. 1. — J. M. Edmonds, Some notes on the ' B uc oli e i 
Graeci\ pp. 1-7 [(Continuazione; v. fase, preeed. della Rerieiv). — An- 
cora Teocrito XIII 10 sgg. 23 sg. XIV 44 sgg. XV 7, 16,25,27,50, 
77, 85, 123 sgg. XVI 36 sgg. 88 sgg. 94. XVII 13 sgg. 35, 134. XVIII 

21 sgg. XXI 10, 13, 22 sg. 29 sgg. 47 sgg. 53, 57, 58. XXII 76 sg. 90, 
151, 208. XXIII 5, 8, 10 sgg. 13 sgg. 18, 21, 30 sg. 43, 44, 48 sgg. 54 sgg. 
58 sgg.]. — J. CooK Wilson, A ristati e' s ' Foetics ' , eh. Vili, 1451" 

22 sqq.; and eh. I, 1447'' 13-16, pp. 7-9 [Analisi e commento, che non 
si possono riassumere in breve, dei due luoghi]. — W. M. Calder, A 
Roman imperiai domain, pp. 9-12 [Edizione e commento di quattro 
iscrizioni, una latina e tre greche, trovate in questi ultimi anni in Asia 
a Laodiceia Combusta e a Chekirji presso il confine tra la Galazia e la 
Licaonia. Nella latina ricorre la menzione (praediorum) Quadratorum, 
pai'ola che accenna alla Mr^rt^Q KovaÓQaztjvì^ (Kovaóav^rjvì'j) , uno dei 
vari nomi con cui era designata una divinità-madre renerata in varie 
parti dell'Asia minore ; altro nome, pivi comune, MrjrjQ Zi^i^arji>7j. In 
due delle iscrizioni greche torna il vocabolo innevg col significato di 
equiso, 'cavallerizzo'; v. Rivista XXXVIIl 466]. — R. W. Raper, 3Ia- 
rones: Vi r gii as priest of Apollo, pp. 13-21 [Prendendo le mosse dai 
versi dell'Odissea IX 196-199, dove è fatta menzione di Marone, figlio 
di Euante, sacerdote di Apollo, signore di Ismaro, l'autore raccoglie e 
commenta tutti i passi delle opere virgiliane, in cui il poeta, V i r- 
gilio, alluderebbe apertamente o tacitamente a se stesso come sacer- 
dote di Apollo, cioè propriamente sacerdote di Augusto Apollo]. — 
J. S. Phillimore, Some repunctuations, pp. 21-23 [Cicerone, ep. ad 
Quintum fr. II 9 : Lucreti poemata, ut scribis. Ita invece di Lucrati 2)oe- 
mata ut scribis ito — V i r g i 1 i o, Georg. Il 61-72: 63 coryli. Nascuntur 



— 368 — 

et 65-67 palma | nascitur, et... marinos. \ Inseritur uero ib. 163 Vir- 
gilio deve aver scritto: tardaque Eleusinam (o Eleusinem) matris voi- 
ventia , plaustro, matris e accusativo plurale = matres^. — Notes : 
F. C. Thompson, The agrarian legislation of Spnrius Thorius, pp. 23-24 
[Commento ad Appiano B. C. 127, 2 e a Cicerone, Brutus 
86, 136 a proposito di alcune affermazioni dell'HARDT, Six Roman latvs, 
pp. 47 sg.]. — G. M. HiRST, Note on Ho race, Odes I, VI, 1,2, p. 24 
[Come spiegano lo pseudo Acrone e il ' commentator Cruquianus ', dei 
quali è strano che nessun editore di Orazio abbia, in questo luogo, 
tenuto conto, Maeonii carminis alite significa Homericis auspiciis e la 
frase va separata da Vario. Citazione di numerosi passi oraziani 
dove occorre un uso simile di alite]. 



The American Journal of Philology. XXXIII. 1912. 4. 182. — E. W. Fay, 
Derivatives of the root ' Stha ' in composition, pp. 377-400 [Rassegna, con 
osservazioni esclusivamente linguistiche, di tutti i vocaboli, dei lin- 
guaggi indoeuropei, che derivano dalla radice stha in composizione, 
p. es. lat. praestò (avv.), greco k'^aaiis, àvtoiOTÙ ecc.]. — G. Melville 
Bollino, Contributions to the study of Homeric metre, pp. 401-425 
[(Continuazione; v. Rivista XXXVl 339). — II. Lunghezza di posizione: 
anche qui, in parte, critica delle conclusioni a cui giunse il Solmsen, 
Untersuchungen zur griechischen Laut- und Verslehre, pp. 129-186 (Uéber 
metrische Wirkungen und Wesen des Digamma), tenuto conto delle os- 
servazioni del SoMMER, del Bechtel, del Danielsson, unico oppositore, 
in IF. XXV 264-284 (Zur Lehre vom homerischen Digamma) ; e non posso 
dire altro, dato il genere dello studio, che continuerà). — A.C. Pearson, 
On the use of Stav with causai implication, pp. 426-435 [La congiunzione 
oTcìv nella sua normale combinazione con un verbo al soggiuntivo non 
di rado conferisce alla proposizione significato causale, e in tali casi il 
suo significato temporale è più o meno evanescente e talora scompare 
del tutto]. — Th. D. Goodell, Imagination and tvill in («»}, pp. 436-446 
[È innegabile che il m& sanscrito è limitato all'espressione della vo- 
lontà, ma altrettanto non si può dire del fir^ greco. Il |WiJ, a seconda 
della sua costruzione, coll'imperativo, col soggiuntivo, con l'infinito, 
esprime ora volontà, ora ' immaginazione ', sempre naturalmente con 
forza proibitiva, e già in Omero sono frequenti gli esempi delle sue 
varie funzioni]. — B. L. Gildersleeve, Usque recurret fiì], pp. 447-449 
[A proposito del precedente articolo del Goodell, del quale insomma 
l'a. accetta le conclusioni]. — J. P. Postgate, Albiiis and Tihullus, 
pp. 450-455 [L'interpretazione dell'ULLMAN dell'ode 1 33 e dell'epistola I 4 



— 369 — 

di Orazio in cotesto Journal (v. Rivista fase, preced. p. 178) riguai-do 
tanto a Ghjcera quanto ad Albiiis sono errate e in parte fantastiche. 
Prove]. — B. L. Ullman, Rejoinder io Mr. Postoate, pp. 456-460 [Ri- 
sposta : tien fermo alle proprie conclusioni dichiarando ' manifesta- 
mente sleale ' (unfair) il modo di procedere del Postgate nell'esame 
del suo lavoro]. 



Classical Phìlologij. Vili. 1913. 1. — J. C. Rolfe, Some temperai ex- 
pressions in S u et o ni u s, pp. 1-13 [I. 'Post biduutn \ Jul. ^d, Attg. 10; 
' Bidito post ', Jiil. 16 (le due espressioni nei tre luoghi, come presso 
altri scrittori, possono significare tanto ' il giorno seguente ', quanto 
'il secondo giorno dopo')- — H- ' Dt^ die\ Calig. 37; Domit. 21 (si può 
tradurre 'prima di mezzogiorno')- — M. 'De media nocte', Calig. 26 
(è sinonimo di media nocte e significa 'a mezzo la notte' e non 'a mez- 
zanotte')]. — H. W. Prescott, The 'Amphitruo^ of Plautus, pp. 14-22 
[A proposito di un articolo del Leo in Gotting. Nachricht. 1911, 254 sgg. 
in cui si sostiene che V Ampìiitruo è il risultato di una contaminazione 
di due comedie greche e se ne deducono principii intorno alla sua 
struttura dramatica. Analisi minuta della comedia plautina e delle sue 
situazioni, donde risulta che il Leo sarebbe in errore così nella teoria 
della contaminazione come nel resto]. — F. W. Shcplet, Preferred and 
avoided comhinations of the enclitic ' Que^ in Cicero, considered in re- 
lation to qtiesiions of accent and prose rhythm, pp. 23-47 fll lavoro non 
si può riassumere : sono statistiche, tavole sinottiche, esempi, citazioni, 
prospetti di 'tipi' di combinazioni ritmiche col que; e naturalmente 
non c'è conclusione ne parziale ne generale]. — E. Truesdell Merrill, 
On Cicero to Basilus (Fani. VI 15), pp. 48-56 [È "un breve mes- 
saggio di memore riconoscenza per qualche atto di cortesia di Basilus 
verso Cicerone personalmente „ ed è probabile che la letterina sia 
stata scritta al ritorno di Cesare dall'Oriente nel settembre del 47]. — 
C. Catlin Coultek, The composition of the ' Rudens' of Plautus, 
pp. 57-64 [La comedia plautina risulta dalla combinazione dell'intreccio 
di due comedie greche. La sua prima parte è connessa con Cirene e 
deriva da una comedia di Difilo. Il secondo originale greco proba- 
bilmente aveva un differente svolgimento dell'azione e apparteneva a 
un altro autore]. — E. H. Stdrtevant, Studies in Greek noim-formation. 
Labial terminations III, pp. 65-87 [(Continuazione; v. jRtV/s/a fase, preced., 
p. 171). — Parole in -nog e -Ttov, gen. -7iov'\. — Notes atid discussions: 
J. E. Harry, Ajax and the vultures (Soph. Ai. 167-71), pp. 88-90 [Il 
senso risulta piìi chiaro riattaccando àÀÀ'' (167) avversativo in principio 
Rivista di filologia, ecc., XLI. 24 



— 370 — 

della proposizione a hnoòsiaavtes (169) così : àÀÀ' — 8ts yÙQ dìj... àné- 
ÒQav, I Ttatayovaiv are TiTrjvuJv àyéXat \ ^veyàXai yvn&v — hnoòeioavxe^. 
— P. Shorey, Emendation of Olympiodorus ' SchoUa in Platonis 
Phaedonem ' (Finckh, p. 39, l. 9), p. 90 [Propone ol invece di ^]. — Lo 
stesso, Note on Arìstotle Metaphysics, 1086 b, 55-57, pp. 90-92 [Com- 
mento, con rimando a Platone, Rep. 510 D, e traduzione che riporto 
testualmente : " Por we do not syllogize that this triangle has its 
angles equal to two right angles but that every triangle has its angles 
equal to two right angles, nor that this man is an animai but that 
every man is an animai „]. — F. Frost Abbott, Note on the Latin accent, 
pp. 92-93 [Aggiunta a un proprio articolo in Classical Pkilology II 
444-460; v. Rivista XXXVl 327]. - M. E. Hirst, Plato Timaeus 37 C, 
p. 93 [La lezione originaria era vcov ciidicov yeyovòg àyaÀ^ua... Un primo 
copista aggiunse la glossa lòtèiv che finì col diventare d-eòjv, da espun- 
gere]. — Ch. e. Beeson, Isidore's ' Institutionum DìscipUnae" and 
Pliny the younger, pp. 93-98 [Indicazione di luoghi paralleli fra 
Isidoro e Plinio il g., ' Panegirico di Traiano ']. 



Byzantinische Zeitschrift. XXI. 1912. 1. 2. — K. Praechter, Christlìch- 
neuplatonische Beziehungen, pp. 1-27 [lerocle ebbe per scolari dei cristiani 
che già erano tali o tali diventarono poi. Conseguenza del fatto o al- 
meno connessa con questo fu l'influenza esercitata dalla dottrina cri- 
stiana sulla sua filosofia, influenza di cui sono visibili le tracce nelle 
teorie di lerocle specialmente riguardo a dio, alla creazione e al destino. 
E per noi basta, il lavoro del P. illustrando, nella sua piìi larga parte, 
la storia delle lotte del platonismo e del cristianesimo ortodosso contro 
il manicheismo]. — P. Maas, Metnsche Akklamationen der Byzantiner, 
pp. 28-51 [Raccolta delle dette ' acclamazioni ', escluse le 6, puramente 
letterarie, del secolo XII edite dal Lambros in Néog 'EÀÀfjvo^vì^f^cov II. 
1905, 385. Seguono due excursus, uno sul Chronicon Pcschale pag. 620 
ed. Bonn, l'altro intorno agli "Anta Sia KaÀoTiódtov]. — Lo stesso, Die 
Rhythmik der Satzschlilsse bei dem Historiker Prokopios, pp. 52-53 
[Complemento, o a proposito dello studio del Dewing, che per il primo 
(in Transactions of the Connecticut Academy of Arts and Sciences XIV. 
1910, 415-466) riconobbe che Procopio regola ritmicamente le sue 
clausole. Non si riconnette però all'uso comune degli scrittori bizantini 
e presenta alcune peculiarità, tuttavia non molto rilevanti. Ne risulta, 
e questa del resto è la conclusione piìi, anzi veramente importante, che 
gli Anecdota sono opera genuina]. — N. 'J. FiavvónovÀog, XQioviavLYMÌ 
émyQacpal deaaaÀìag, pp. 150-168 [Sono 25 iscrizioni inedite]. — G. Mer- 



— 371 - 

cATi, ^uÀaKiriQia q)vÀÀa'i, p. 186 [L'abbreviazione (pv nel cod. Barb. 
V 17 (ora Vat. Barb. gr. 521) va sciolta in (fv^.Xa (fogli, che sono 386) 
e non in (pvAay,xrjQta, come spiega il Gardtiiauskn in Griech. Palaeo- 
graphie \^ 160 sg.]. 

Idem. 3. 4. — C. De Boor, S ut d a s und die Konstantinsche Exzerpt- 
sammlmig, pp. 381-424 [Da vari fatti risulterebbe che S u i d a conobbe 
non le opere originali, ma V Enciclopedia di Costantino Por fi. 
rogenneto, e quindi le sue citazioni derivano non da quelle, bensì 
da questa. Tale p. es. il caso delle citazioni dallo scritto perduto di 
E 1 i a n TieQÌ viQovolag]. — K. Praechter, Falsche Konjekturen Bern- 
HARDTs ZH Siiidas, pp. 425-430 [Acccuno alle congetture negli articoli 
'HQataKog e IIaf.inQénios, e dimostrazione della loro falsità, che involge 
anche varie contradizioni con ciò che il Bernhardy afferma altrove]. — 
E. L. De Stefani, Il Lessico ai Canoni giambici di Giova ti ni D a m a- 
sceno secondo un ms. romano, pp. 431-435 [È il cod. gr. 7 (B. 5, 11) 
della Biblioteca Angelica del sec. XIV, dove il noto Lessico ha il titolo 
Aé^eig kuì éQf,nivsìat zcov lafi/itaaiv ^avóvcov (ff. 249''-251 ■")]. — P. Maas, 
Literarisches zu der Vita Euthymii, ed. C. De Boor, Berliti 1888, pp. 436- 
440 [Per noi può bastare il titolo, la parte letteraria pur come tale 
della detta Vita riguardando molto indirettamente la filologia classica]. 

— D. Serruys, Note sur le manuscrit de Psellus: Parisinus 1182, 
pp. 441-447 [E un manoscritto d'importanza somma ; nel suo stato attuale 
rappresenta appena i tre quarti del volume primitivo, e inoltre l'ordine 
delle carte di questo è stato completamente turbato. Riordinamento]. 

— J. De Ghellinck, L'entrée de J e a ?i de D amas dans le monde lit- 
téraire occidental, pp. 448-457 [L'opera "Eytdoaig à%Qi^ìig tìjs ò^d-odó^ov 
TiCaxEbìg del Damasceno entrò tardi nel mondo letterario occiden- 
tale, ma in compenso esercitò l'attività di vari traduttori prima della 
fine del medio evo, nientemeno che quattro, di cui due anteriori alla 
metà del sec. XIII, di cui appunto si occupa l'autore]. 



Revue des études anciennes. XIV. 1912. 4. — Documents et questions 
Uttéraires : P. Mazon, Hésiode: la composition des ' Travaux et des 
Jours', pp. 329-356 [Riassumo il pjù brevemente possibile la lunga 
conclusione: il poema Opere e g'jorm ha due temi, il 'lavoro' e la 'giu- 
stizia '. Esiodo anzitutto (vv. 11-26) li espone, poi (27-41) mostra il 
legame che li unisce, e prova con due miti (42-201) la verità di ciascuna 
delle sue due massime fondamentali. Quindi svolge il tema della ' giu- 
stizia' con una specie di ammoiiizione rivolta meno a suo fratello che 



— 372 — 

ai re (202-285), il tema del ' lavoro ' con una esortazione e consigli pra- 
tici a Perse (286-828)... Il ' lavoro ' è la vera legge umana, e assicura 
ricchezza e stima (286-341). Appunto dopo il v. 341 cioè fra questo e 
il 342 c'è una lacuna, e precisamente al principio dei consigli pratici 
sulla vita del contadino ; lacuna che però altro non tradisce se non se 
un leggero sbaglio del poeta. Indubbiamente c'è sproporzione tra lo svol- 
gimento dei due temi, e quindi ne viene alterata l'economia dell'in- 
sieme. La sproporzione è aggravata da una disparità, in quanto l'espo- 
sizione didattica della seconda parte del poema non ha ne il tono ne 
l'accento dell'esortazione morale che precede. Esiodo rimediò a questo 
difetto riunendo i vari consigli a gruppi, ciascuno con composizione 
indipendente, e procurando di stabilire transizioni fra l'uno e l'altro : 
introdusse soprattutto versi, d'accento affatto personale, che pur con la 
sola enunciazione del nome di Perse richiamano all'oggetto del poema 
e mantengono, fin dove è possibile, l'unità di tono. Invece nella prima 
parte è la varietà dei toni che garentisce l'unità della composizione... 
Non è possibile riconoscere in tutto ciò l'opera di un rimaneggiatore, 
che avrebbe cucito insieme brevi poemi autentici. Qui si tratta non di 
parole, ma di sentimenti ; e sono ben poche le opere letterarie in cui 
la successione dei sentimenti sia così naturale e spontanea come nel 
poema di Esiodo]. — P. Perdrizet, La legende du chàtiment de l'Hcl- 
lespontepar Xera-ès, pp. 357-369 [Erodoto VII 34-35. Il Reinach {Cultes, 
mythes et religions II 206-219) ha cercato di dimostrare che Serse facendo 
gettare nell'Ellesponto ciò che lo storico chiama neòécav ^evyog intendeva 
contrarre nozze col mare, a quel modo che il doge di Venezia gettando 
nell'Adriatico il suo anello ; così il neòéoìv ^evyog sarebbe stato preci- 
samente un anello nuziale. Ora ciò è per più ragioni inammissibile. È 
probabile che i Magi, i quali accompagnavano Serse, abbiano flagellato 
l'Ellesponto ; e forse i Greci, testimoni di questa flagellazione rituale, 
non ne compresero il senso ; spiegandola a loro modo immaginarono 
che il re persiano avesse fatto battere il mare, come essi battevano i 
loro schiavi colpevoli. Quanto alle circostanze aggravanti, a cui accenna 
Erodoto, dipendono forse non solo dalla tendenza comune a tutte le 
leggende ad abbellirsi di nuovi particolari, bensì anche da un ' contro- 
senso ' su certe espressioni troppo fantastiche dei Pers«'a«i di Es chilo, 
744 sgg., che furono rappresentati, si noti, nel 472, cioè otto anni ap- 
pena dopo i fatti di cui si tratta]. — M. Holleaux, Décret du peuple de 
Délos en l'honneiir de Sosibios d'Alexandrie, pp. 370-376 (Edizione ; sarà 
inserito fra le Inscri2)tiones Deli {Inscr. Graecae XI, fase. 4). Commento. 
Il personaggio di cui si tratta fu il noto ministro di Tolemeo Filopa- 
tore, e il decreto è del 240 circa a. C.]. — P. Roussel, Note sur deux 
inscriptions de Thasos, pp. 377-381 [Altra integrazione e spiegazione da 



— 373 — 
quelle date dal Picard in Eévia (Athènes 1912), T pp. 67-84]. — G. Sedre, 
Ètude sur quelques tijpes curieux du cavalier thrace, pp. 382-390 [(Conti- 
nuazione (v. Rivista XL 636) e fine). — Il ' cavaliere ' tracio come fe- 
ticcio profilattico]. — C. JuLLiAN, Notes gallo-romaines. LVI. Les derniers 
des Boiens, pp. 391-394 [Commento a Tacito Hist. II 61 : il suo pti- 
dendum dieta è fuori di luogo per noi, ma non per lo storico romano, 
il quale non poteva rendersi ragione che un contadino avesse osato 
provocare l'impero e cacciarsi inter magnorum virorum discrimina, e se 
ne sbriga in poche linee come di cosa di minima importanza]. — Lo 
stesso, Chronique gallo-romaine, pp. 405-420 [Notizie bibliografiche]. 



Le Miisée Bel(/e. Revue de philologie classique. XVI. 1912, 4. — R. Nhiard, 
Le prohlhne des ' Bacchantes' d'Euripide, pp. 297-375 [(Continua- 
zione (v. Rivista XL 634) e fine). — Riassumo la conclusione: Euri- 
pide nelle Baccattti non ha predicato il vangelo del misticismo ne ha 
cercato menomamente di combattere la leggenda. Nel dramatizzare il 
suo soggetto non ha obbedito a preoccupazioni d'ordine filosofico, ma si 
è inspirato unicamente a considerazioni artistiche. Nella dipintura dei 
caratteri in particolare non si è lasciato guidare da sue preferenze per- 
sonali, bensì ha dato a ciascun personaggio ora i tratti tradizionali, ora 
una fisionomia più moderna, secondo le esigenze del drama o il gusto 
dei suoi uditori. L'opposizione dei vari personaggi, Tiresia, Cadmo, 
Penteo, Dioniso, le peripezie dell'azione, la descrizione dell'entusiasmo 
bacchico e delle orgie dionisiache hanno permesso al poeta di ottenere 
efi'etti dramatici e artistici di gran valore. Egli si sforzò di trarre dal 
mito di Penteo un drama che potesse eccitare nei suoi uditori profonde 
emozioni ; volle insomma fare una bella tragedia. Tutte le tragedie di 
Euripide, contrariamente all'opinione che oggidì prevale, sono 
l'opera non già di un filosofo ne di un polemista, ma propriamente di 
un poeta. — Seguono due appendici : I. Sulla tragedia Mahomet ou le 
Fanatisme del Voltaire, che per il soggetto offre un'analogia sor- 
prendente con le Baccanti di Euripide. — IL Note critiche alle Bac- 
canti, vv. 184 sg. 200. 209. 506. 1154 sgg. 1300 sgg.]. 

-\ 



Mnemosgne. Bihliotheca philoìogica botava. N. S. XLI. 1913. 1. — J. H. Hol- 
WERDA, De Frisiis Batavisque patriae nostrae incolis, pp. 1-7 [Frisii e 
Batavi passarono nel paese che ora si chiama Olanda verso il 55 a. C, 
nell'anno cioè in cui Cesare mise per la prima volta il piede in Ger- 



— 374 — 

inania, dalle terre dei Catti, donde portarono seco nelle nuove sedi la 
loro comune civiltà]. — H. van Gelder, Ad tifulos quosdam Rhodios 
nuper repertos, pp. 8-14 [Sono le iscrizioni edite in 'AQxaioÀoyiaìj 'Eq)ì]- 
HeQÙg 1907, pp. 209-218; 1911 pp. 52-69. Note di vario genere]. — 
J. W. Beck, Ad S enee ae tragoedias, pp. 15-21 [Ad Phaedram 1007-1037 : 
non va espunto nessun verso 250-273: giustamente il Gronovius 
traspose il v. 261, mentre a torto lo Scaligero espunse il 264 
274 sgg. : non va espunto nessun verso 300 sta benissimo fecit 309-316 
non occorrono trasposizioni di sorta 352 sgg. : nulla da mutare, cioè la 
lezione buona è quella dei mss: vindicat omnes \ natura sibi]. — 
J. J. H(artman), Ad Ho ni eri Iliadem A 126 sq., pp. 21-22 [127 òzéeg 
e non òxéag : equi eos s imul retinebant in eodem loco], — A. Kdrfess, 
Ad Ciceronis in Salltistium quae fertur invectivam, pp. 28-25 [V 14 
Jordan' : sed ahiit in sodalicium sacrilegi Nigidiani non c'è nulla da mu- 
tare; Nigidiani non è nome, ma aggettivo dal nome di Nigidio e sacri- 
legi è sacrilega. Il Nigidio, di cui si tratta, èP. Nigidius Figulus, 
l'amico di Varrone e di Cicerone, che per aver istituito il culto orfico 
ed essersi occupato anche di arti magiche godette presso i posteri fama 
di mago. L'autore dell'invettiva non sapeva dell'amicizia di Nigidio per 
Cicerone e come lo avesse aiutato nella congiura di Catilina]. — M. Va- 
LETON, De Iliadis fontibus et compositione, pp. 26-63 [(Continuazione ; 
V. Rivista fase, preced. p. 181). — e. Qui heroes e carminibus Pelopon- 
nesiis in fabulam Troianam recejjti sint (Oltre a Nestore, agli Atridi, ad 
Elena, Paride, Diomede e anche Enea e Ulisse. Furono parecchie le 
poesie, in cui poeti ionici anteriori ad Omero narravano di Elena, di 
Agamennone e di altri eroi da loro introdotti nella saga della guerra 
di Troia da 'carmi' peloponnesiaci: e precisamente cinque. "De tem- 
poris ordine quo carmina numero quinque... edita sint, hoc statui posse 
videtur. Carmen quod inscribere liceat 'Agamemnonis desperatio ' pen- 
dere vidimus... ex 'Ayafié/Avovog àQiatsCa, in hac autem tangi Menelai 
et Ulixi legationem, quod carmen ipsum non posse conditura esse nisi 
post 'AZs^dvÒQov Hai MevsÀdov fAovojAayJav. E cunctis his igitur hoc 
Carmen primum locum obtinet, secundum Legatio, tertium 'AgcaTEia, 
quartum Desperatio. Praeterea suspicati sumus... huius auctorem teti- 
gisse Carmen quo ageretur Helenae raptus, cui ceteroquin qui locus in 
cunctorum ordine tribuendus sit non apparet ,)]. — J. J. Hartman, Ad 
PI ut ar e hi Moralia annotationes criticae, pp. 64-110 [(Continuazione; 
V. Rivista fase, preced. p. 182). — De virtute et vitio. Consolatio ad Apol- 
lonium. De tuenda sanitate praecepta. Praecepta coniugalia. Septeni sa- 
pientimn convivium. De super stitione. Regimi et imperatorum apophthegmafa. 
Apophthegmata laconica. Instituta laconica. Lacaenarum apophthegmata. 
Mulierum virtutes. Degli 11 opuscoli sono presi in esame piìi di 200 luoghi]. 



- 375 — 

— V. L(eeowkn), Ad Odtjaseam, p. 110 [V 361 la lezione buona è effet- 
tivamente èniaTéÀÀo) (non ènitéAXo)) — oj 209 sta bene èvlavov]. — 
A. KuRFESs, Varia, pp. 111-114 [I. De Sophoclis Indagatorum fontibus 
[È molto probabile che Sofocle negli 'IxvevTai abbia attinto non 
solo all'inno omerico a Ermes, bensì anche ad Alceo: v. fr. 5 Bergk 
e Orazio I 10, 8). — II. Xenopfianea (fr. -5 Karsten = 14 Diels: 
àÀÀà ^QOTol doKsovat d'eovg veKvovo&ai ófioiag. — [Aristotele] ne^l 
SevQcpdvovs 997a 20: sono da espungere le parole r« xeiQOì éa tòjv 
ageiTTÓvcov)]. — J. v. Leeuwen J. f., hi memoriam Mortimeri Lamson Earlb 
optimi iMlologi (1864-1905), pp. 115-116 [Breve necrologio]. 



Eevue de V Instruction piiblique en Belgique. LV. 1912. 5 e 6. — M. Del- 
couRT, L'origine de la tragèdie, pp. 807-330 [A proposito dell'opera del 
RidgewaY;, The origin of tragedy tvith special reference to the Greek tra- 
gedians (Cambridge, 1910) e della critica fattane dal Nilsson, Der Ur- 
sprung der Tragodie in Neue Jahrbilcher 1911, pp. 609 sgg. Delle due 
teorie è certamente preferibile quella del Nilsson, che spiega così la 
genesi della tragedia e il suo svolgimento primitivo : la tragedia derivò 
dal culto di Dioniso, a cui rimase sempre intimamente legata ; essa as- 
sorbì le lamentazioni funebri, alle quali deve la sua forma e una parte 
della sua sostanza. La varietà dei suoi soggetti, che la distinguono dai 
riti popolari immutabili, è dovuta all'introduzione di un terzo elemento, 
la leggenda eroica. Le cerimonie liturgiche si allargarono e acquistarono 
grande libertà quando si cominciò a rappresentare con le avventure di 
Dioniso quelle degli eroi che la leggenda gli aveva posto accanto, e 
poi quelle di altri eroi e di altri dei. Sebbene la tragedia abbia eser- 
citato molta influenza su lo svolgimento letterario della comedia e del 
dramma satirico, che rimase connesso con essa come quarto elemento 
delle tetralogie, queste tre forme poetiche hanno avuto indubbiamente 
origini differenti. A questi risultati giunse il Nilsson applicando il me- 
todo comparativo, unito allo studio dei testi e degli usi; le sue conclu- 
sioni sono probabili, ma, come ha dimostrato il Wxlamowitz a proposito 
degli 'I%vsvTui di Sofocle (in Neue Jahrbilcher 1912, pp. 449 sgg.), non 
vanno al di là della probabilità. L'origine della tragedia greca rimane 
tuttavia una questione ancora sub indice]. 



376 



Bull, de correspondance hellénique. XXXVI. 1912. 1-4. — J. Hatzfeld, Les 
Italiens résidant à Délos mentionnés dans les inscrìptions de l'ile, ip-p. 1-21S 
[Prosopografia degli Italiani residenti, come commercianti, negotiatores, 
a Delo, compresi i Greci dell'Italia meridionale — dagli accenni delle 
iscrizioni dell'isola non è possibile distinguere un cittadino romano da 
un abitante di Capua o di Brindisi — dalle origini all'estinzione della 
colonia, esclusi i magistrati romani, di cui già diede l'elenco il Pernieb 
nel suo articolo Delus del Dizionario epigrafico del De Ruggiero. Seguono 
note storiche intorno agli aumenti della popolazione italiana di Delo 
sino alla guerra di Mitradate, alle formole usate per designarla, ai luoghi 
che frequentava, alla data della costruzione dell'agora degli Italiani 
(fine del II sec. a. C). Ben poco si può dire della patria dei singoli in- 
dividui, perchè i Greci solevano chiamare 'PcofA-atoi tutti i commercianti 
italiani, a qualunque regione d'Italia appartenessero ; e nemmeno non 
è possibile, salvo casi eccezionali, determinare la condizione sociale di 
costoro. Erano in maggioranza banchieri, zQane^ltai,, gli altri commer- 
cianti e industriali. Quanto alla loro organizzazione, è da escludere as- 
solutamente l'esistenza, affermata da alcuni storici recentissimi, di un 
conventus civium romanorum. C'erano dei collegia, cioè società religiose, 
i cui magistreis erano sacerdoti e impiegati, modellate sul tipo di quelle 
dei pagi della Campania, con organizzazione insieme religiosa e giuri- 
dica. — Il lungo 'articolo' è chiuso dalla edizione, con commento, di 
48 iscrizioni]. — R. Vallois, Stoico, et negalg, pp. 219-229 [Le due pa- 
role si trovano in una iscrizione di Epidauro relativa alla costruzione 
del tempio di Asclepio (IG IV 1484); la prima (1. 3) significa ' rampa 
d'accesso', la seconda (11. 89 e 112) 'ala del frontone']. — F. Hillek 
V. Gaertringen, Arideikes und Hieronymos von Rhodos, pp. 230-239 [A 
proposito di due iscrizioni sepolcrali. La prima, metrica (edita dal Po- 
LiTES in Ilavad-ì^vaia 1910, 30 aprile), è indubbiamente in ricordo del 
filosofo platonico, cioè academico, Arideikes, discepolo di Are e- 
s i 1 a di Pitane nell'Elide. La seconda (v. Robert in Hermes XXXVII. 
1902, 121 sgg.) pub riferirsi a un altro filosofo academico, Hiero- 
nymos di Rodi]. — Ch. Picard, ATOS ou AFrOS, note sur une 
inscription thasienne, pp. 240-247 [IG. XII 8, n. 265: l'originale è andato 
perduto ; nella copia fatta, al momento della scoperta del marmo, dal 
Christides e trasmessa al Conze e che servì alla prima edizione, a 1. 5 si 
legge àyyos (AFFOS), che nell'originale doveva essere invece AFOH: 
ayog * désignant une fante religieuse, capable d'entraìner l'irapureté de 
celui qui la commet ,]. — P. Pebdrizet, Némésis, pp. 248-274 [Le tracce 
del culto di Nemesi sono assai più numerose negli ultimi secoli del paga- 
nesimo che non prima ; esso era molto diffuso nell'Egitto greco, come 



— 377 — 

risulta da testimonianze letterarie etl epigrafiche, e soprattutto da mo- 
numenti. Fra' tipi artistici della dea è specialmente notevole quello di 
Nemesi alata, che tiene il piede destro sopra il dorso e la testa di un 
uomo nudo, e nella mano sinistra una ruota, appoggiata sopra un'ara 
(Nemesi della raccolta Dattari). Simbolo più frequente di Nemesi, il gri- 
fone che posa il piede sulla ruota, suo atteggiamento caratteristico nelle 
rappresentazioni figurate della dea]. 

Domenico Bassi. 
Napoli, 4 marzo 1913. 



PUBBLICAZIONI RICEVUTE DALLA DIREZIONE 



Bibliothecae Apostolicae Vaticanae codices manu scripti recensiti iussu 
Pii X Pontificis Maximi Praeside Card. Alfonso Capecelatro. Co- 
dices Vaticani Latini. Tomus III. Codices 1461-2059. Recensuit 
Baetholomeus Nogara. Romae, typis polyglottis Vaticanis, MCMXII, 
di pp. xvi-499, in 4°. 

Vittorio Puntoni. La favola Esopica dell'aquila e della testuggine (Estr. 
dalla Serie I. Tomo VI. 1911-12 delle " Memorie della R. Acca- 
demia delle Scienze dell'Istituto di Bologna „; pp. 35-68). 

Sulle fonti dell'inno Omerico ad Apollo (Estratto dalle " Me- 
morie , cit., Tom. cit., pp. 8-33). 

Sopra un frammento di Saifo (Mus. Beri. P. 9722, Col. I) (Estr. 

dalle ' Memorie „ cit., Tomo III, 1908-09, pp. 183-196). 

Pietro Rasi. Genesi del Pentametro e caratteri del Pentametro Latino 
(dagli " Atti del Reale Istituto Veneto di scienze, lettere ed arti „, 
Tomo LXXI. Parte seconda, pp. 1227-1250). 

G. Attilio Piovano. Appunti Eschilei. L'" occhio , nelle figure femmi- 
nili (Estratto da " Studi critici per nozze Neri-Gariazzo „. Torino, 
3 febbraio 1912, di pp. 14). 

Friedrich Leo. Plautinische Forschungen zur Kritik und Geschichte der 
Komodie. Zweite Auflage. Berlin, Weidmannsche Buchhandlung, 
1912, di pp. vii-375. 

SiGFRiD LiNDSTAM. Georgii Lacapeni Epistulae X priores cum epimerismis 
editae. Commentatio academica. Upsaliae, typis descripsit Edv. 
Berling, MDCCCCX, di pp. lx-104. 



- 378 — 

Otto Lagercrantz. Elementum. Eine lexicologische Studie I (Skrifter 
utgifna af K. Humanistiska Vetenskaps-Samfundet i Uppsala. XI. 1.). 
Uppsala, A.-B. Akademiska Bokhandeln ; Leipzig, Otto Harrassowitz. 
1911, di pp. 109. 

EiNAR Lofstedt. Philologischer Kommentar zur Peregrinatio Aetheriae. 
Untersuchnngen zur Geschichte der lateinischen Sprache (Arbeten 
utgifna med understod af Vilhelm Ekmans Universitetsfond, Up- 
psala, 9.). Uppsala, Almqvist; Leipzig, Rudolf Haupt, 1911, di pp. 360. 

GuNNAR RuDBERG. Zum sogenannten zehnten Buclie der Aristotelischen 
Tiergeschichte (Skrifter utgifna af K. Huraanistiska Vetenskaps- 
Samfundet i Uppsala. XIII. 6). Uppsala A.-B. Akademiska Bokhan- 
deln; Leipzig, Otto Harrassowitz, 1911, di pp. iv-143. 

Sam Wide. Pomerium och Pelargikon. En religionshistorisk-topografisk 
undersokning. Uppsala, Akademiska Boktryckeriet Edv. Berling, 1911^ 
di pp. 28. 

Erik Hedén. Homerische Gotterstudien. Inaugural-Dissertation. Uppsala, 
K. W. Appelsbergs Boktryckeri, 1912, di pp. iv-191. 

Arturo Solari. La lega Tessalica. Pisa, Tip. ed. F. Mariotti, 1912, 
di pp. 132. 

Otto Kern. Nord-griechische Skizzen. Berlin, Weidmannsche Buchhand- 
lung, 1912, di pp. 128. 

IoANNis Stobaei Authologium. Recensuerunt Curtius Wachsmuth et Otto 
Hense. Volumen quintum Anthologii libri quarti partem alteram ab 
Ottone Hense editam continens. Berolini, apud Weidmannos, MCMXII, 
di pp. XXXVII e 677-1157. 

SopHOKLEs erklàrt von F. W. Schneidewin und A. Nauck. Funftes Bànd- 
chen: Elektra. Zehnte Auflage besorgt von Ewald Bruhn. Berlin, 
Weidmannsche Buclihandlung, 1912, di pp. 213. 

Platos Ausgewahlte Dialoge erklàrt von C. Schmelzer. Vierter Band. 
Apologie. Crito. Zweite Auflage besorgt von Hans Petersen. Berlin, 
Weidmannsche Buchhandlung, 1912, di pp. iv-84. 

Manara Valgimigli. Contributo alla storia della critica letteraria in 
Grecia. I. La critica letteraria di Dione Crisostomo. Bologna, Li- 
breria L. Beltrami [senza data], di pp. 83 in 8° gr. 

Des Claudius Ptolemàus Handbuch der Astronomie. Z welter Band. Aus 
dem Griechischen ubersetzt und mit erklarenden Anmerkungen 
versehen von Karl Manitius. Lipsiae, B. G. Teubner, 1913, di 
pp. vi-446. 

Bacchtlidis Carmina cum fragmentis edidit Fridericus Blass. Editio- 
nem quartam curavit Guilelmus Suess. Lipsiae, Teubner, 1912, di 
pp. Lxxxii-154. 

Eduard Nouden. Agnostos Theos. Untersuchungen zur Formengeschichte 
religioser Rede. Leipzig-Berlin, B. G. Teubner, 1913, di pp. ix-410. 

I. Feiedlaendek. Die Chadhirlegende und der Alexanderroman. Eine 
sagengeschichtliche und literarhistorische Untersuchung. Leipzig- 
Berlin, B. G. Teubner, 1913, di pp. xxin-338. 



— 379 — 

A. M. PizzAGALLi. Mito c poesia nella Grecia antica. Saggio sulla teogonia 
di Esiodo. Catania, Francesco Battiate, 1913, di pp. 258. 

RicHAiiD Laqukur. Polybius. Leipzig-Berlin, Teubner, 1913, di pp. vin-309. 

Wilhelm Schonack. Der Horaz-Unterricht. Ein Beitrag zur Didaktik und 
Methodik des Lateinisclien in der Gymnasialpriuia. Berlin, Weid- 
mannsche Buchhandlung, 1912, di pp. x-144. 

Heinkich Dittmar. Aischines von Sphettos. Studien zur Literaturgeschichte 
der Sokratiker. Untersuchungen und Fragmente (Philologische Un- 
tersuchungen herausgegeben von A. Kiessling und U. v. Wilamowitz- 
Moellendorif. XXI). Berlin, Weidmannsche Buchhandlung, 1912, 
di pp. xii-328. 

Hermann Diels. Die Fragmente der Vorsokratiker. Griechisch und Deutsch. 
Dritte Auflage. Erster Band, di pp. xvi-434; Zweiter Band, di 
pp. vii-345. Berlin, Weidmannsche Buchhandlung, 1912. 

Karl Julius Belocii. Griechische Geschichte. Zweite neugestaltete Auflage. 
Erster Band. Die Zeit vor den Perserkriegen. Erste Abteilung. 
Strassburg, Karl J. Trubner, 1912, di pp. xn-446. 

Albert Grenier. Étude sur la formation et l'emploi des composés nomi- 
naux dans le latin archaiique (Annales de l'Est. 26* année. Fasci- 
cule 2). Paris-Nancy, Berger-Levrault, 1912, di pp. 218. 

JoACHiMus MussEHL. Dc Lucretiani libri primi condicione ac retracta- 
tione. Accedunt duae appendices. Dissertatio inauguralis. Tempelhofi 
ad Berolinum, Typis Gotthelfi Schmidt, MCMXII, di pp. 180. 

Die hellenistisch-romische Kultur dargestellt von Fritz Baumgarten, 
Franz Poland, Richard Wagner. Mit 440 Abbildungen im Text, 
5 bunten, 6 einfarbigen Tafeln, 4 Karten und Plànen. Leipzig und 
Berlin, B. G. Teubner, 1913, di pp. xiv-674. 

M. A. Micalella. Vasi italioti dei Messapi (Estratto dalla Rivista 
" Apulia „, Anno III, fase. 1, 1912), di pp. 20. 

Carlo Pascal. Varietà medioevali ed umanistiche. — Di un codice medi- 
cinale del se,c. XV (Estratti dall'" Athenaeum „, Anno I, Fase. I, 
Gennaio 1913), risp. di pp. 22 e 3. 

M. G. Bartoh. Romania e 'PS2MANIA (Estratto dagli " Scritti vari di 
erudizione e di critica in onore di Rodolfo Renier ,, pp. 981-999). 

Salvatore Sabbadini. De Socratica philosophia a Cicerone in Laelio 
adhibita dissertatio. (Nozze Spadon-Peressini). Trieste, Stabilimento 
artistico tipografico G. Caprin, MCMXII, di pp. 34. 

Concetto Marchesi. Una doppia redazione di " Columella ,. Nota (Estratto 
dai " Rendiconti „ del R. ist. Lomb. di se. e lett., Serie II, Voi. XLV, 
1912, pp. 878-899). 

— — Nota grammaticale " fasciculos brachii crassitudine „ e " fasci- 
culos brachii crassitudinis „ (Estratto dall' " Athenaeum ,, Ann. I, 
fase. I), di pp. 2. 

Martin Schanz. Geschichte der romischen Litteratur. Zweita. Teil : Die 
romische Litt?ratur in der Zeit der Monarchie bis auf Hadrian. 
Zweite Halfte: Vom Tode des Augustus bis zur Regierung Hadrians. 



— 380 - 

Dritte, ganz umgearbeitete und stark vermehrte Auflage. Miinclien, 
C. H. Beck'sche Verlagsbuchhandlung, 1913, di pp. xiii-601. 

Ed. Luigi De Stefani. Per il ' Georges ' di Menandro (Estratto dagli 
* Studi italiani di Filologia classica „, Voi. XX, pp. 1-11). 

Attilio De Marchi. La sincerità del voto nei comizi romani nel modo 
e nel momento della votazione (Estratto dai " Rendiconti „ del 
R. Ist. Lomb. di se. e lett., Ser. II, Voi. XLV, 1912, pp. 653-664). 

Rapporti di parentela fra patroni e liberti nei titoli epigrafici 

(Estratto dai " Rendiconti „ cit., Voi. cit., pp. 906-914). 

J. P. Waltzing. Le grec et le latin devant la commission de réforme 
des Humanités. Édition revue et augmentée. Dédiée aux 200 pro- 
fesseurs de nos Universités et aux 1500 professeurs de nos Atliénées 
et Collèges qui ont signé le Manifeste en faveur des Humanités 
gréco-latines. Roulers, Jules de Meester: Louvain, Charles Peeters; 
1913, di pp. 102. 

Sofocle. I cercatori di traccie. Dramma satiresco, con introduzione, testo, 
traduzione e commento per cura di Nicola Terzaghi. Firenze, 
G. C. Sansoni, 1913, di pp. vni-149. 

Carl Robert. Die Spuhrhunde. Ein Satyrspiel von Sophokles. Ftìr die 
Auffuhrung des Lauchstedter Theatervereins im Juni 1913 frei 
ubersetzt und ergànzt. Berlin, V/eidmannsche Buchhandlung, 1912, 
di pp. 24. 

Francesco Niccolai. Pier Vettori (1499-1585). Firenze, B. Seeber; Leipzig, 
Gustav Fock; 1912, di pp. xi-346. 

— — Petrarca a Selvapiana e nelle Dimore di Parma. Borgo S. Lorenzo, 
Officina Tip. Mugellana Mazzocchi, 1910, di pp. 143. 

Arrigo Lorenzi. Il cielo, la terra e l'uomo nelle opere filosofiche di 
M. Tullio Cicerone (Estratto dalla " Rivista geografica italiana ,, 
Anno XIX, Fase. I e II. 1912), di pp. 90. 

Bibliothecae Apostolicae Vaticanae codiees manu scripti recensiti iussu 
Leonis XIII Pont. Maximi Praeside Card. Alfonso Capecelatro. Co- 
diees Urbinates Latini. Descripsit Cosimus Stornajolo. Tomus I. 
Codiees 1-500. Accedit Appendix ad descriptionem picturarum cum 
exemplari F. 2 codicis 464 phototypice expresso. Romae, tjpis Va- 
ticanis, MDCCCCII. di pp. xxiii-650, in 4°. 

Bibliotecae Apostolicae Vaticanae codiees manu scripti recensiti iussu 
Pii X Pontificis Maximi Praeside Card. Alfonso Capecelatro. Codiees 
Urbinates Latini. Descripsit Cosimus Stornajolo. Tomus IL Codiees 
501-1000. Romae, typis polyglottis Vaticanis, MCMXII, di pp. 750, 
in 4°. 

I Lirici Greci (Poesia melica) tradotti da Giuseppe Fraccaroli. Torino, 
Fratelli Bocca, 1913, di pp. viii-578 (Il pensiero greco. Voi. 7). 

Giuseppe Nicastro. Introduzione all'analisi giuridica con cenno critico e 
bibliografia delle Orazioni di M. T. Cic, di pp. 33. — Analisi giu- 
ridica dell'Or, prò Quinctio con bibliografia, di pp. 49. — Melfi, 
Tip. Appulo-Lucana, 1912. 



- 381 - 

Giuseppi.; Nicastuo. Analisi ^'iuiidica della Or. prò Caecina di M. Tullio 
Cicerone. Melfi, Tip. ed. Liccione, 1912, di pp. 39 [vend. presso 
l'autore in Barletta]. 

Ulrich von VVilamowitz-Moellendorff. Sappilo und Simonides. Berlin, 
Weidmannsche Buchhandlung, 1918, di pp. v-3H0. 

Rudolf Schneideu. Griechische Poliorketiker. Mit den handschriftlichen 
Bildern herausgegeben und ubersetzt. III. Mit 7 Tafeln. Berlin, 
Weidmannsche Buchhandlung, 1912, di pp. 87, in 4° (Abliandlungen 
der kòniglicheu Gesellschaft der Wissenschaften zu Gottingen. 
Phil.-hist. Kl. Band XIL Nro 5.). 

WiLUELM WiNDELKAND. Storia della filosofia. Traduzione italiana autoriz- 
zata dalla 5* edizione tedesca di E. Zamboni. I voi., di pp. 444. 
II voi., di pp. 443. Milano-Palermo-Napoli, Remo Sandron. 

Rafael Taubenschlag. Vormundschaftsrechtliche Studien. Beitrage zur 
Geschichte des roniischen und griechischen Vorniundschaftsrechts. 
Leipzig-Berlin, B. G. Teubner, 1913, di pp. i<S. 

Urkundenlehre 1. und li. Teil. Grundbegriffe Konigs und Kaiserurkunden 
von R, Thommen. Papsturkunden von L. Schmitz-Kallenberg. Zweite 
Auflage. Leipzig-Berlin, B. G. Teubner, 1913, di pp. vi-116, in 8° gr. 
(Grundriss der Geschichtswissenschaft... herausgegeben von Aloys 
Meister. Band I. Abteilung 2). 

Commentationes philologae lenenses. Voluminis decimi fasciculas primus 
Carolus Barwick: De Platonis Phaedri temporibus, di pp. 76. — 
Fasciculus alter Ioannes Rasch: Sophocles quid debeat Herodoto in 
rebus ad fabulas exornandas adhibitis, di pp. 126. Lipsiae, B. G. 
Teubner, 1913. 

Hermogenis Opera. Edidit Hugo Rabe. Adiectae sunt lì tabulae. Lipsiae, 
B. G. Teubner, 1913, di pp. xxviii-467 (Rlietores Graeci. Volumen VI). 

Libanii Opera. Recensuit Richardus Foerster. Voi. VII Declamationes 
XXXI-LI. Accedit Gregorii Cyprii adversus avari declamationem 
Libanianam antilogia. Lipsiae, B. G. Teubner, 1913, di pp. xv-739. 

C. Valeri Flacci Setini Balbi Argonauticon libri octo. Edidit Otto 
Kramer. Lipsiae, B. G. Teubner, 1913, di pp. lsxxvi-218. 

Archimedis Opera omnia cum commentariis Eutocii. Iterum edidit 
J. L. Heiberg. Volumen II. Lipsiae, B. G. Teubner, 1913, di pp. v-554. 

Ernst Kalinka. Die pseudoxenophontische A0HNAIÌ2N IIOAITEIA 
Einleitung, Uebersetzung, Erklarung. Leipzig und Berlin, B. G. 
Teubner, 1913, di pp. v-324 (Sammlung wissenschaftlicher Kommen- 
tare zu griechischen und romischen Schriftstellern). 

Wilhelm Schonack. Die Rezeptsammlung des Scribonius Largus. Eine 
kritische Studie. Jena, Gustav Fischer, 1912, di pp. xi-95. 

Ferruccio Calonghi. Un'iscrizione latina del castello del Mfrgheb (Estratto 
dall' " Athenaeum „, Anno 1, Fase. I), di pp. 15. 

Moretum (la torta). Milano, Scuola Tipo-Litogr. Figli della Provvidenza, 
di pp. 19 [testo e trad. del Leopardi — Pubbl. della Sezione mila- 
nese dell' " ALone e Roma J. 



— 382 — 

L. P. Ciceri. Il Panormita e l'epigramma " De Hermaplirodito , (Estratto 
dal periodico " Classici e Neolatini ,, N° 3, anno 8°), di pp. 2. 

JosuÉ De Decker. .Tuvenalis declamans. Étude sur la rhétorique décla- 
matoire dans les satires de Juvénal. (Université de Gand. Recueil 
de travaux publiés par la Faculté de philosophie et lettres. 41"® 
Fascicule). Gand, E. van Goethem et C.'°, 1913, di pp. 207. 

Antike Portràts bearbeitet von Richard Delbrùck. Bonn, A. Marcus und 
E. Weber, 1912, di pp. lxxi e tavole 62, in 4° (Tabulae in usum 
scholarum editae sub cura Iohannis Lietzmann. 6.). 

Karl Brugmann. Griechische Grammatik. Lautlehre, Stammbildungs- und 
Flexionslehre, Syntax. Vierte, vermehrte Auflage, bearbeitet von 
Albert Thumb. Mit einem Anhang ùber griechisclie Lexikographie 
von L. CoHN. Mùnchen, C. H. Beck'sche Verlagsbuchliandlung, 1913, 
di pp. xx-772 (Handbuch der klass. Altertumswissenschaft herausg. 
von IwAN VON Mììller. il 1.). 

Ulrich von Wilamowitz - Moellendorff. Reden und Vortràge. Dritte, 
vermehrte Auflage. Berlin, Weidmannsche Buchhandlung, 1913, di 
pp. viii-416. 

Die Gedichte des Archipoeta. Herausgegeben von Max Manitius. Mùn- 
chen, G. D. W. Callwey, 1913, di pp. 65 (Munchner Texte. Heraus- 
gegeben von Friedrich Wilhelm. Heft 6). 

Emanuele Ciaceri. Sviluppo e progresso degli odierni studi di storia 
antica. Prolusione (Estratto dall' " Archivio Storico per la Sicilia 
Orientale ,. Anno X, Fase. I), di pp. 21. 

Otto Habtlich. De Galeni 'TriEINi2N libro quinto. Dissertatio. Grimae, 
Sumptibus Regiae Scholae St. Augustini, MCMXlIl, di pp. 59, in 4°. 

N. Wecklein. Ausfuhrliches Kommentar zu Sophokles Philoktet. Mùn- 
chen, J. Lindauersche Universitàts-Buchhandlung, 1913, di pp. 82. 

AuGusT Heisenberg. Der Philhellenismus einst und jetzt. Mùnchen, 
Beck'sche Verlagsbuchhandlung, 1913, di pp. iv-40. 

Carlo Vignoli. I vei'bi latini irregolari. Livorno, R. Giusti, 1913, di 
pp. ix-192. 

Augusto Rostagni. L' ' Euripilo ' di Sofocle ed un frammento epico ades- 
poto (Estratto dal " Bollettino di Filologia Classica ,, Anno XIX, 
Fase. 7, pp. 156-158). 

LiLT Ross Taylor. The cults of Ostia. Bryn Mawr, Pennsylvania, 1912, 
di pp. vii-98 (Bryn Mawr College Monographs, voi. XI). 

Antonio Amante. I frammenti ascetici inediti del codice bolognese 2702 
(già 579) (Estratto da " Didaskaleion „, Anno I, fascio. IV, di 
pp. 523-547). 

Felice Ramorino. La cultura poetica nell'età d'Augusto. Conferenza 
(Estratto dal N. 3 (Anno VI) di " Conferenze e Prolusioni „). Roma, 
Stamp. reale D. Ripamonti, di pp. 17. 

Pietro Rasi. Una poetessa del secolo di Augusto. Discorso inaugurale. 
Padova, Tip. G. B. Randi, 1913, di pp. 88. 



— 383 — 

Publications of the Princeton University Archaeological Expeditions to 
Syria in 1904-1905 and 1909. Division II: Ancient Architecture in 
Syria by Howard Chosby Butler. — Division III : Greek and Latin 
Inscriptions in Syria by Enno Littmann, David Magik and Duane 
Rbed Stuart. — Section A: Southern Syria. Part. 3: Um Idj-Djimal. 
— Leyden, Late E. J. Brill, 1913, pp. 149-213 e 131-223 [con molte 
illustrazioni nel testo e fuori testo, e piante]. 

Cornelio Tacito. La Germania annotata da Lorenzo Dalmasso. Città di 
Castello, S. Lapi, 1913, di pp. 87. 

Apclei Platonici Madaurensis Pro se de magia liber (Apologia). Iterum 
edidit Rudolfus Helm. Lipsiae, B. G. Teubner, 1912, di pp. iv-120. 

Giovanni Baviera. Giambattista Vico e la storia del diritto romano. 
Prolusione. Palermo, Tip. Luigi Gaipa, 1912, di pp. 32. 

Augusto Rostagni. Sull'autenticità dell'idillio VIII di Teocrito. Nota 
(Estr. dagli * Atti della R. Accademia delle Scienze di Torino ,. 
Voi. XLVIII), di pp. 44. 

Epistulae privatae graecae. Edidit Leonhardus Eisner. Accedunt III ta- 
bu) ae phototypicae (Papyri landanae. Fasciculus secundus). Lipsiae, 
B. G. Teubner, 1913, pp. 39-73. 

Franz Boll. Die Lebensalter. Ein Beitrag zur antiken Ethologie und 
zur Geschichte der Zahlen mit einem Anhang uber die Schrift von 
der Siebenzahl. Mit zwei Tafeln. Leipzig und Berlin, B. G. Teubner, 
1913, di pp. 58 (aus dem XXXI. Bande der Neuen Jahrbiicher fùr 
das klassisclie Altertum, pp. 89-146). 

Ettore Pais. Venere Pompeiana trionfante su di un cocchio tirato da 
elefanti e le gesta di Gneo Pompeo Magno. Nota (Estratto dagli 
" Atti R. Accademia Arch. Lett. Bell. Arti di Napoli „, Nuova Serie, 
VoL II, 1910, pp. 255-266). 

Vincenzo Costanzi. I gemelli fondatori di Roma e la diarchia consolare. 
Pisa, Stab. tip. toscauo, 1913, di pp. 10, in 4° (Nozze Pressi-Pasquali). 

— — La presunta egemonia dei Caoni nell'Epiro (Con un'appendice 
sulla nazionalità degli Epiroti). Nota (Estr. dagli " Atti della R. Ac- 
cademia delle Scienze di Torino „. Voi. XLVII), di pp. 11. 

Il luogo di origine del concetto di autoctonia e di preellenicità 

attribuito ai Pelasgi. Nota (Estratto dai " Rendiconti „ della R. Ac- 
cademia dei Lincei, voi. XX, ser. 5*, pp. 282-293). 

Demosthenes On the Crown. Edited with introduction and notes by 
Milton W. Humphreys. New York-Cincinnati-Chicago , American 
Book Company, 1913, di pp. 306. 

Senofonte. La spedizione di Ciro commentata da Luigi Ricci. Libro II. 
Milano-Palermo-Napoli, Remo Sandron, di pp. 70 [senza data]. 

Paul Poralla. Prosopographie der Lakedaimonier bis r.uf die Zeit 
Alexanders des Grossen. Breslau, J. Max und Co^jp., 1913, di 
pp. 173 e 2 tavole genealogiche. 

Emilio Bodrero. I giardini di Adone. Roma, Bontempelli e Invernizzi, 
MCMXIII, di pp. 334. 



— 384 — 

Aloysius Zehetmair. De appellationibus honorificia in papyris graecis 

obviis. Marpurgi Chattorum [Borna-Leipzig], Robert Noske, 1912, 

di pp. 63. 
George Miller Calhoun. Athenian Clubs in Politics and Litigation 

(Bulletin of the University of Texas No. 262. Humanistic Series 

No. 14. January 8, 1913), di pp. v-172. 
Franz Cumont. Les mystères de Mithra. Troisième édition revue et 

annotée, contenant vingt-huit figures et une carte. Bruxelles, H, 

Lamertin, 1918, di pp. xvin-258. 
— — Le religioni orientali nel Paganesimo Romano. Traduzione di 

Luigi Salvatorelli. Bari, G. Laterza e F., 1913, di pp. xxii-809. 

Eranos. Acta philologica Suecana. Voi. XI, nn. 8 e 4. - Voi. XII, nn. 1-4. 
Transactions and Proceedings of the American Philological Association, 

1911. Volume XLIL 
Harvard Studies in Classical Philology. Volume XXIll, 1912. 
Classica] Philology (The University of Chicago Press). VoL Vili, n. 1. 
The Classical Review. Voi. XXVI, n. 8. - Voi. XXVII, nn. 1 e 2. 
The Classical Quarterly. Voi. VII, nn. 1 e 2. 
The Journal of Philology. Voi. XXXII, n. 64. 
The American Journal of Philol. Voi. XXXlll, n. 4 (132). - Voi. XXXIV, 

n. 1 (133). 
Modem Language Notes. Voi. XXVII, n. 8. - Voi. XXVIII, nn. 1-3. 
Mnemosyne. Bibliotheoa philologica Batava. Voi. XLI, n. 1. 
Revue de l' Instruction publique en Belgique. Voi. LV, nn. 5-6. - 

Voi. LVI, n. 1. 
Le Musée Belge. Voi. XVT, n. 4. 
Bulletin bibliographique et pédagogique du Musée Belge. Voi. XVII, 

nn. 1 e 2. 
Revue des études anciennes. Voi. XV, n. 1. . 

Bulletin de correspondance Hellénique. Ann. XXXVI, nn. 1-12. 
Byzantinische Zeitschrift. Voi. XXI, nn. 8 e 4. 
Bibliotheca philologica classica. Voi. XXXIX, n. 3. 
Atene e Roma. Ann. XV, nn. 167-168. - Ann. XVI, nn. 159-170. 
Bollettino di filologia classica. Ann. XIX, nn. 7-10. 
Rivista d'Italia. Ann. XVI, nn. 1-3. 
Classici e Neolatini. Ann. Vili, n. 3, 
" Didaskaleion ,. Studi filologici di Letteratura Cristiana antioa. Ann. I, 

n. 4. 
Athenaeum. Studii periodici di letteratura e storia. Ann. I, nn. 1 e 2. 
Rivista storica italiana. Ann. XXX, n. 1. 

Torino, 15 aprile 1913. 



Giuseppe Magrini gerente responsaone. 



Rivista di filologia, ecc.. XLI. 



M. Lenchantin De (ì|BKi;nati 



)\.Z ~1AA 



■vlLIA 






*|^ 






<^J'^D r 




1^ 



— 385 — 



LEPITAFIO DI ALLIA POTESTAS 



In Notizie degli scavi, a. 1912, fase. 5, p. 155 sgg., è stata 
pubblicata da G. Mancini un'iscrizione metrica sepolcrale (1), 
che fu scoperta in via Pinciana, durante i lavori di fonda- 
zione di un ' garage ', presso il villino dell'on. Annibale Berlin- 
gieri, a circa due metri di profondità dal piano stradale. 

La trascrizione del Mancini, come risulta dal confronto con 
una chiara riproduzione fotografica, di cui pubblico qui la zin- 
cotipia (2), non è precisissima ed, a tacere di alcune inesat- 
tezze di poco peso, due sono gli errori gravi: nel v. 37_, in 
luogo di gratta davi, devesi leggere grata dari, e nel v. 50, 
invece di Et mihi, e chiaramente inciso Ei mihi. Anche l'in- 
terpretazione lascia alquanto a desiderare. 

Non ho creduto privo d'interesse sottomettere ad un esame 
più accurato il documento interessantissimo per il contenuto 
e per le caratteristiche formali (3). 

Alla zincotipia faccio seguire il testo critico. 



(1) Si tratta di una lastra marmorea in due pezzi, con cinque fori per 
r imperniatura, che misura m. 0,59 X 0,66 X 0,025. Tolgo questi dati dal 
fascicolo citato delle Notizie degli scavi. 

(2) Tratta da una nitida fotografia, in proporzioni magg'ori, che il 
direttore di questa Rivista deve alla gentilezza del prof. uott. Achille 
Vogliano. 

(3) Adempio ben volentieri al dovere di ringraziare il prof. Luigi 
Galante, il quale, con grande cortesia, benché avesse cominciato a stu- 
diare con me l'epigrafe, lasciò che continuassi da solo il lavoro, pur 
giovandomi di alcune sue osservazioni. 

Rivista di filologia, ecc., XLI. 25 



— 386 — 



Dis 
Alliae A(uli) 



Hic Perusina sita est, qua non pretiosior ulla 
Femina; de multis vix una aut altera visa. 
Sedula, seriola, parva tam magna teneris. 
Crudelis fati rector duraque Persephone, 
5 Quid bona diripitis exuperantque mala? 
Quaeritur a cunctis, iam respondere fatigor; 
Dant lachrimas, animi signa benigna sui. 
Fortis, sancta, tenax, insons, fidissima custos, 
Munda domi, sat munda foras, notissima volgo, 

10 Sola erat ut posset factis occurrere cunctis. 
Exiguo sermone inreprehensa manebat. 
Prima toro delapsa fuit, eadem ultima lecto 
Se tulit ad quietem, positis ex ordine rebus. 
Lana cui e manibus numquam sine caussa recessit. 

15 Opsequioque prior nulla moresque salubres, 

Haec sibi non placuit, numquam sibi libera visa. 
Candida, luminibus pulchris, aurata capillis, 
Et nitor in facie permansit eburneus ille, 
Qualem mortalem nullam habuisse ferunt; 

20 Pectore et in niveo brevis illi forma papillae. 
Quid crura? Atalantes status illi comicus ipse. 
Anxia non mansit, sed corpore pulchra benigno, 
Levia membra tulit; pilus illi quaesitus ubique. 
Quod manibus duris fuerit (culpabere forsan), 

25 Nil illi placuit, nisi quod per se sibi fecerat ipsa. 



Laedere qui hoc poterli 
Haec titulo insignis' 



4 PERSIPHONE lapis 
14 NVNCQVAM lapis 
18 ILLAE lapis 



- 387 — 



anib(us) 

bertae) Potestatis. 

Nosse fuit nullum studium, sibi se satis esse putabat ; 

Mansit et infamis, quia nil admiserat umquam. 

Haec duO; dum vixit, iuvenes ita rexit amantes, 

Exemplo ut fierent similes Pyladisque et Orestae ; 

Una domus capiebat eos unusque et spiritus illis ; 30 

Post hanc nunc idem diversi sibi quisq(ue) senescunt ; 

Femina quod struxit talis nunc puncta lacessunt. 

Aspicite ad Troiam quid femina fecerit olim ; 

Sit, precor, hoc iustum exemplis in parvo grandibus uti. 

Hos tibi dat versus lachrimans sine fine patronus 35 

Muneris amissae, cui numquam es pectore adempta, 

Quae putat amissis munera grata dari, 

Nulla cui post te femina visa proba est. 

Qui sine te vivit, cernit sua funera vivos. 

Auro tuum nomen fert ille refertque lacerto, 40 

Qua retinere potest auro conlata potestas. 

Quantumcumq(ue) tamen praeconia nostra valebunt, 

Versiculis vives quandiucumque meis. 

Effìgiem prò te teneo, solacia nostri, 

Quam colimus sancte, sertaque multa datur, 45 

Cumque ad te veniam, mecum comitata sequetur. 

Sed tamen infelix cui tam sollemnia mandem, 

Si tamen extiterit cui tantum credere possim. 

Hoc unum, felix, amissa te, mihi forsan ero. 

Ei mihi! vicisti, sors mea facta tua est. 50 

isus quoque laedere divos. 
fedite, numen habet. 



31 QVISQ- lapis 

36 NVNCQVAM lapis 

42 QVANTVMCVMQ lapis 

46 ATTE lapis 



— 388 — 

Scritto da persona, che invano conafur Pipleium scandere 
montem, poiché le Muse lo scacciano furcUUs, il carme è un 
documento che, con molti altri, ci attesta quali rapporti di 
sincera affezione passassero tra ingenui e liberti : rapporti che 
una infinità di testimonianze letterarie, epigrafiche, giuri- 
diche hanno contribuito a mettere in chiara luce. L'epigrafe 
è dedicata dis manibus Alliae A{tdi) l{ibertae) Potestafis che 
non fu la moglie, ma probabilmente la concubma di colui che 
le compose l'elogio funebre. Infatti questi non ricorda mai 
Alila come sua dulcissima conkmx, nonostante l'affetto intenso 
che nutriva per lei; ne loda il contegno riverente (v. 15), e 
pare si consideri in condizione sociale superiore, quando scrive 
(v. 35): Hos Uhi dai versus lachrimans sine fine patronus. 
Inoltre nel v. 28 sgg. parla dei duo iuvenes, verisimilmente 
figli di Allia, i quali, durante la vita della madre, erano stati 
modelli di concordia, mentre, dopo la morte di lei, avevano mu- 
tato condotta, non come di ingenui, ma come di liberti. Femina 
quod struxit talis nunc puncta lacessunt, egli dice riguardo ai 
duo iuvenes, che, pur essendo liberti e perciò sotto la per- 
petua tutela del patrono, godevano tuttavia d'una certa indi- 
pendenza, potendo dissipare al giuoco ciò che la madre aveva 
accumulato e lasciato loro morendo. Si sa che la liberta aveva 
diritto di testare e, dopo Augusto, quella che possedeva il 
ius quattuor liherorum, poteva perfino far testamento senza 
tutore (1). L'epitafio comincia con una delle solite formolo 
per indicare che la morta riposa nella tomba ove è incisa 
l'iscrizione, e continua con l'enumerazione delle doti dell'e- 
stinta. Non mi pare inutile aggiungere l'interpretazione let- 
terale ed inelegante non per colpa del solo traduttore. 

" Qui è sepolta la Perugina, di cui nessuna donna più pre- 
ziosa: tra le molte appena una o due sembrò tale (vv. 1-3). 
Operosa, seria, piccola sei ritenuta sì grande! rettor del 
fato crudele, o dura Persefone, perchè distruggete le cose 
buone ed hanno il sopravvento le cattive? Si chiede da tutti, 



(1) Cfr. Daremberg-Saglio, Dictionnaire des antiquités grecques et ro- 
maines, III, p. 1215. 



— 389 — 

e già mi stanco a rispondere; essi spargono lacrime, segni 
benigni dell'animo loro (vv, 4-7). Forte, illibata, tenace, senza 
colpe, custode fidatissima, elegante in casa, abbastanza ele- 
gante fuori, notissima a tutti, era la sola che potesse atten- 
dere ad ogni faccenda. Di poche parole, si manteneva irre- 
prensibile. Fu la prima a scendere dal letto e per ultima vi 
ritornò per riposare, dopo aver posto ogni cosa in ordine, ne 
mai; senza ragione, le cadde di mano la lana (vv. 8-14). Nes- 
suna superiore nell'ossequio e per i sani costumi. Non piacque 
a se stessa, ne mai le parve essere libera. Fu candida, con 
gli occhi belli, coi capelli d'oro : e nel volto perdurò quel- 
l'eburneo splendore, quale dicono non abbia avuto alcun mor- 
tale. E nel niveo petto aveva piccole e belle le poppe. Che 
dire delle gambe? Teneva lo stesso atteggiamento comico di 
Atalante. Non fu inquieta (gelosa?), ma bella nel corpo volut- 
tuoso. Ebbe liscie le membra e si depilò dappertutto (vv. 15-23). 
In quanto all'essere stata con le mani callose — ne sarai forse 
incolpata — (ciò fu dovuto al fatto che) nulla a lei piacque, 
all' infuori di quello che da sé stessa si era fatto. Non ebbe 
alcun desiderio di conoscere ; riteneva di essere abbastanza a 
se. Fu anche di mala fama (1), perchè non mai aveva ammesso 
corteggiatori (vv. 24-27). Mentre visse, resse concordi i due 
giovani (2) in guisa che divennero, pel contegno, simili a Pilade 
ed a Oreste. Una sola casa li albergava ed una sola mente li 
guidava. Ora, dopo la sua morte, i medesimi, stranieri en- 
trambi l'uno all'altro, invecchiano, ed i punti ai dadi minano 
quello che la donna ha accumulato (vv. 28-32). Guardate quello 
che una volta una donna fece a Troia ! Mi sia concesso, vi 
prego, di valermi di grandi esempi in piccola cosa. A te per- 
duta, lacrimando senza fine, il patrono, a cui non mai sei stata 
strappata dal petto, dedica questi versi funerei, doni funerei 
che crede riuscir grati ai morti, egli al quale nessuna donna, 
dopo di te, sembrò buona (3). Colui che vive senza di te, 



(1) Cfr. sotto, p. 393. 

(2) Cfr. sopra, p. 388. 

(3) Cfr. sotto, p. 394. 



— 390 — 

vede da vivo il suo funerale (vv. 33-38). Egli porta conti- 
nuamente nell'oro il tuo nome al braccio, là ove il potere 
portato nell'oro (1) può trattenerlo. Tuttavia, qualunque 
valore avranno i miei encomii , tu , un qualche tempo, 
vivrai nei miei piccoli versi (vv. 33-43). In luogo tuo, tengo 
un'immagine, mio sollievo, che venero religiosamente, e molte 
corone le sono offerte. E quando verrò a te (morrò), mi ac- 
compagnerà. Ma tuttavia infelice colui al quale commetterò 
ufficio sì solenne, se pur vi sarà persona, a cui possa affidare 
cosa tanto preziosa. Per questo solo (cioè a causa di questa 
immagine), dopo averti perduta, sarò forse felice. Ohimè ! 
hai vinto ; la sorte mia è diventata tua (cioè il mio destino 
è legato al tuo) „. 

L'epitafio si chiude con una di quelle solite prescrizioni 
destinate a proteggere la tomba da ogni violazione (2). 

Discuterò ora quei passi che parmi presentino maggiori 
difficoltà. 

V. 1 sgg. La punteggiatura, che ho dato nel testo, permette 
di trarre un significato da questi versi che sono stati av- 
vicinati, senza che uno stretto nesso li colleghi. Dopo aver 
affermato : ' Qui giace la Perugina, di cui nessuna donna più 
preziosa ', si riprende ed aggiunge : ' una o due appena fra 
le molte apparve tale '. Per far scomparire la stridente anti- 
tesi tra i due concetti, avevo pensato di far punto alla fine 

del verso 2 e di considerare non uUa equivalente alla 

semplice negazione non, o meglio a nullo modo, che è uso 
proprio dei comici e della lingua famigliare, non alieno da 
Cicerone : cfr. Plaut. Asiìi. II, 4, 2 : is niillus venit ; Cic. in Cai. 
1,7, 16 : misericordia qiiae Uhi nulla debetur. Ma, in tal maniera, 
si otterrebbe, invece di una lode, un biasimo per la liberta : 
' Qui giace la Perugina di cui tra le molte solo una donna o 
due n n mi sembrò più preziosa ' ; e quindi la maggioranza 



(1) Cfr. sotto, p. 394. 

(2) Cfr. Wilmanns, Exempla inscriptionum Latinarum, II, p. 693. 



- 391 - 

delle donne verrebbe ad essere considerata più preziosa della 
liberta, per cui l'elogio funebre è scritto. 

V. 9. Regolarmente sui si dovrebbe riferire a coloro che 
danf lachrimas. Ma non è al tutto improbabile che il nostro 
autore abbia adoperato sui per eius ; uso questo assai scor- 
retto, che ricorre tuttavia anche in autori classici (1). 

V. 18 ILLAE è errore del lapicida, in luogo di illa, con- 
cordante con facie, o meglio di ille, concordante con nitor; 
poiché non è possibile aggiungere agli altri errori del poetastro 
un illae = illius od UH (cfr. i vv. 20, 21, 23, 25, in cui ricorre 
la forma illi). Il lapicida sarà stato tratto in inganno, correndo 
con l'occhio sull'originale, da cui copiava, alla fine del v. 20 
che termina in papillae. Non mancano esempi di mende ana- 
loghe nelle epigrafi: cfr. Ihm, Anthologia Latina 98, 7 : adsidiiae 
invece di adsidue; 34, 8: orae invece dì ore; 83, 14: praeshy- 
teri invece di presbyteri. 

v. 21. Quid crura? Atalantes status illi comicus ipse. Il passo 
riceve luce dal confronto con Ov. Am. Ili, 2, 29: 

Talia Milanion Atalantes crura fugacis 
Optavit manibus sustinuisse suis, 

e con Aì't. am. Ili, 771 sgg.: 

Nota sibi sint quaeque; modos a corpore certos 

Sumite ; non omnis una figura decet. 
Quae facie praesignis erit, resupina iaceto ; 

Spectentur tergo, quis sua terga placent. 
Milanion umeris Atalantes crura ferebat: 

Si bona sunt, hoc sunt accipienda modo. 

La storia di Milanione ed Atalauta aveva offerto spesse 
volte materia alla commedia. Anzi sei commedie greche por- 
tavano, a quanto ci consta, il titolo di Atalante, ed Antifane 
scrisse un ' Milanione ' (2) ; ma gli scarsi frammenti non ci 



(1) Cfr. Riemann, Etudes sur la langue et la yrammaire de T. Livé^, 
p. 132 (cfr. p. e. CIL, XII, 1128; VI, 18086; XIV, 2341). 

(2) Cfr. Athen., X, 423 d. 



— 392 — 

permettono però di farci un'idea del loro contenuto. È però più 
probabile che Ovidio si sia ispirato a qualche tabula, analoga a 
quella che Tiberio s'era fatta mettere in camera sua, la quale, 

come narra Svetonio, rappresentava Atalanta che Meleagro 

ore morigerafur (1). " Uberhaupt, osserva il Brandt (2), scheint 
Atalante, wohl durch den Einfluss der Komodie (vgl. FCG. ed. 
Meineke I 269) als sinnige Liebhaberin besonders intimer und 
raffinierten Liebesfreuden zu gelten „. E s'intende così il 
perchè di Atalante sieno specialmente ricordati i crtira che 

Milanlon umeris ferebat. Allo ax^f^ct èqùìtikóv, quale risulta 

da Ovidio e dagli altri passi citati, allude il patrono di Allia. 
Egli dice comicus lo status Aialantes, poiché forse, nella rap- 
presentazione di qualche ' mimo ', aveva potuto bearsi del bello 
spettacolo degli amori di Atalanta e di Milanione. Non è ne- 
cessario ricordare a qual punto fosse giunta l'oscenità dei mimi, 
intorno ai quali Lattanzio dice: ^ lìraeter verborum licentiam 
quibus obscenitas omnis effunditur, exuuntur etiam vestibus pò- 
pillo flagitante meretrices qtiae tane 7nimarum funguntur officio (3). 

Errata l'interpretazione del Mancini : " Sembrava un'attrice 
che riproducesse sulla scena la famosa Atalanta, celebre nella 
corsa „ (4). 

Avevo pure pensato di dare a comicus il significato, che 
ci è offerto in Gloss. IV, 320, 34 : Commicum subtilem, conpo- 
situm ed in Plac. V, 446, 55 : Comicum suptile vel compositum 
(cfr. Thes. gloss. emend., s. v. cotniciis); ma la tradizione ma- 
noscritta di queste glosse è poco sicura, e l'interpretazione 
potrebbe sembrare troppo artificiosa. 

V. 22. Anxia, nel ' sermo amatorius ', significa ' qui ob 
amantis absentiam dolet ': cfr. Tib. I, 3, 16: Quaerebam tardas 
anxius usque moras; Ov., Met., I, 623: fuit anxia furti. 

corpore benigno = corpore amatorio (5). 



(1) Svet., Tib., 44. 

(2) P. Ovidi Nasonis Amorum libri tres. Leipzig, 1911, p. 222. 

(3) Just., 1, 20, 10. 

(4) Op. cit., p. 157 

(5) Cfr. Pichon, De sermone amatorio apud Latinos elegiarum scriptores. 
Paris, 1902, p. 94. 



- 393 - 

V. 23. Lèoia — uhique. La liberta ebbe liscie, levigate (non 
lèvia, leggiere!) le membra da cui estirpava tutti i peli, che 
non piacevano nella donna: cfr. Qv.^Art. am., \\\, 437: Fe- 
mina quid faciat, cum vir sit levior ipsa? 

v. 24 sg. Mantenendo fuerit, e necessario chiudere tra pa- 
rentesi le parole culpabere forsan, rivolte direttamente in 
seconda persona alla morta e congiungere il verso con il se- 
guente, È inutile ricordare che la proposizione retta da quod 
si connette talvolta con la proposizione principale in modo 
assai libero (cfr. Cic. de or. I, 56, 237: Quod vero impuden- 
tiam admiratus es eorum patronorum ...facilis est et prompta 
defensió). La traduzione letterale è : ' Quanto all'aver avuto le 
mani callose (ne sarai forse incolpata), nulla a lei piacque, ecc.*, 
cioè Allia ebbe le mani callose, perchè volle fare tutto da 
sé. Si potrebbe anche fare punto dopo forsan e correggere 
fuerit in fueris, essendo culpabere in seconda persona : Quod 
m. d. fueris culpabere forsan, cioè sarai forse incolpata d'es- 
sere stata con le mani callose. Ma urta il passaggio dalla 
terza in seconda persona in una proposizione che reste- 
rebbe isolata. 

V. 26. Nosse fuit nullum stiidium. È degna di nota la costru- 
zione di un sostantivo e del verbo esse con un infinito: cfr, 
Aen. VI, 133: si tanta cupido est Bis Stygios innare lacus. 
Gli esempi, rari nella prosa, sono frequenti in poesia. 

v. 27. Mnnsit — umquam. Infamis, nel ' sermo amatorius ', 
indica ' qui ob nimiam amatoriae voluptatis curam dedecore 
adficitur' (1), e admittere, usato assolutamente (2), significa 
* amantes ad sese venire pati ' ; quindi Perugina avrebbe avuto 
cattiva fama e sarebbe stata calunniata, non avendo ammessi 
corteggiatori. Admittere ha anche il significato di commettere 
(cfr. Hor. Ep. I, 16, 53 : Tn nihil admittes in te formidine 



(1) Cfr. Pichon, op. cit., p. 168. 

(2) Per admittere senza oggetto, cfr. Prop. Ili, 21, 7 : Bis tamen aut 
semel admittit, cum saepe negavit (puella) ; Ov. Am. 1,8,53: Forma, nisi 
admittas, nullo exercente senescit ; Art. am. Ili, 605 : Cum. tnelius foribus 
possis, admitte fenestra. Altri esempi in Thes. s. v. adtmttere, p. 755, 26. 
Nil e usato avverbialmente. 



- 394 — 

poenae ; Svet. Cai. 15 : nihil sibi adntissum = nihil a se com- 
missum); ma resterebbe a spiegare perchè abbia ad essere 
infamis chi nulla commette. Si noti che Allia risulta nel v. 9 : 
Munda domi, sat munda foras, notissima volgo, ed è naturale 
quindi potesse avere dei corteggiatori. 

V. 28. I due iiivenes sono probabilmente i figli della liberta 
che, durante la vita della madre_, vivevano tanto concordi da 
poter essere considerati, pel loro contegno esemplare, simili 
ad Oreste e Pilade^ famosi per la singolare ed intima ami- 
cizia. Si potrebbe, meno bene, considerare exemplo come dat. 
dipendente da similes. 

V. 32. Femina — lacessunt. Dicesi pundum il punto nel giuoco 
ai dadi, od anche il tratto dei dadi. Quindi la traduzione let- 
terale è : 'I punti coi dadi assaltano (percuotono, minano) 
quello che la donna ha accumulato ', o meglio: ' Il tratto dei 
dadi assalta quello che la donna ha accumulato '. Talis e abl. 
di strumento. Avevo pure creduto di scorgere nelle parole 
talis .... punda un dat. di destinazione, riferito ad un sostan- 
tivo, di cui non mancano esempi : Caton. de agri cultura ; 
10, 4: opercula doliis; 5, 3: satui semen; 5, 5: pabulum ovibus ; 
Apul. Met. 1, 23: oleum undui et lintea tersili. Credo però 
piìi conveniente considerare talis come abl. di strumento, e 
di questa opinione è anche il Galante. 

V. 35-37. Si deve intendere: ' patronus lachrimans sine fine, 
cui numquam pectore adempta es, dat tibi amissae hos versus 
muneris, quae munera putat grata dari amissis '. Muneris, è 
inutile osservarlo, è gen. epcsegetico. 

V. 40 sg. Auro tuum — conlata potestas. Il padrone afiferma 
di portare sempre con sé al braccio il nome della liberta là 
ove il potere raccolto nell'oro può trattenerlo, serbarlo (1). Pro- 
babilmente vi è un giuoco di parole, infatti Potestas è il nome 
della liberta, e quindi non è la sola potestas conlata auro che 
potest retinere, ma Potestas stessa. Il passo riceve molta luce 
dal confronto con Ov., Trisf., I, 7, 5: 



(1) Auro conlata 2>otestas = natura portata nell'oro, natura inerente 
nell'oro. Come plumbi potestas significa, in Lucrezio V, 1240, piombo, così 
auro conlata potestas indica forse semplicemente oro. 



- 395 - 

Hoc tibi dissimula, senti tamen, optime, dici, 
in digito qui me fersque refersque tuo, 

Effigiemque meam fulvo complexus in auro 
cara relegati, quae potes, ora vides. 

Evidentemente il poetastro si è ispirato a questo passo, 
allontanandosi alquanto dal modello e rendendo le frasi con- 
torte ed oscure. Si era forse fatto fare una armilla con in- 
ciso il nome della liberta, che poteva ferve et referre. 

V. 45. Serta, -ae è usato anche da Properzio: III (II), 33, 37: 
Cum tua praependent detnissae in pocula sertae. 

V. 46. Cumque ad te reniam: quando verrò a te, quando, 
cioè, sarò morto. 



Sebbene l'epitaiio non possa in nessun modo ritenersi come 
un centone, non mancano le influenze degli scrittori anteriori. 
Il V. 42 è stato levato di peso dai Tristia e le altre remi- 
niscenze imitazioni, da me notate, sono le seguenti: 



V. 1 qua non pretiosior ulla 

V. 2 de multis vix una aut altera 
visa 

V. 3 Sedula 



V. 4 

V. 8 



fati rector 
fidissima custos 



V. 10 factis occurrere cunctis 



V. 11 inreprehensa manebat 



Ov. Met. I, 115 : fulvo pretiosior 

aere. 
Trist. I, 3, 16 : de multis unus et 

alter erat (cfr. Rem. am. 682 ; 

Art. am. I, 344). 
Heroid. 21, 95 : Sedula . . . nutrix ; 

Art. am. I, 377 : Haec ... fit sedula, 

tardior Illa. 
Met. XIII, 599 : Summe deum rector. 
Met. I, 562 : fidissima custos (cfr. 

Fast. V, 45). 
Am. Ili, 12, 3 : no^tris occurrere 

fatis. 

Trist. V, 14, 21 : Nam tua, dum ste- 
timus, turpi sine crimine mansit 
Et tantum probitas inreprehensa 
fuit. 



— 396 — 



V. 


11 


Exiguo sermone 


V. 


17 


aurata capillia 


V. 


20 


Pectore et in niveo 


V. 


20 


forma papillae 


V. 


21 


Quid crura - comicus ipse 


V. 


22 


Anxia non mansit 


V. 


23 


Levia membra 



V. 25 per se sibi 

V. 32 Femina quod etruxit 

V. 33 Aspicite 



V. 35 lachrimans sine fine (cfr. 
V. 7 Dant lachrimae) 

V. 40 sg. Auro - potestas 



V. 42 sg. Quantumcumque - meis 



V. 44 
V. 46 



solacia nostri 
Gomitata 



Heroid. 17, 85 : Saepe vel exiguo 
vel nullo murmurc dixi. 

Art. am. II, 299 : Aurata est : ipso 
tibi sit pretiosior auro. 

Tib. I, 4, 12 : niveo pectore. 

Ov. Am. 1, 5, 20: Forma papilla- 
rum (cfr. ibd., II, 15, 11 ; Rem. 337). 

Cfr. sopra, p. 391. 

Met. 1 , 623 : timuitque lovem et 
fuit anxia furti. 

Tib. I, 8, 31: levia fulgent Ora; 

luven. 8, 115: Cruraque levia 

(cfr. Ov. Art. am. Ili, 437 : Femina 
quid faciat, cum sit vir levior ipsa). 

Horat. Ep. I, 17, 1 : per te tibi. 

Petr. 120, 84 sg. : Ipsa suas vires 
odit Romana iuventus Et quas 
struxit opes, male sustinet. 

Ov. Art. am. II, 433 : Aspice ut 
in curru (cfr. Thes. s. v. aspicio, 
p. 830, 57 sgg.). 

Heroid. 3, 15 : At lacrimas sine fine 
dedi. 

Trist. I, 7, 6 sg. : In digito qui me 
fersque refersque tuo Effigiemque 
meam fulvo complexus in auro. 

Trist. I, 6, 35 : Quantumcumque 
tamen praeconia nostra valebunt, 
Carminibus vives tempus in omne 
meis. 

Met. Y, 191 : solacia mortis ; Rem. 
241 : solacia curae. 

Heroid. 12, 135: natis comitata duo- 
bus ; Art. am. II, 279 : Musis co- 
mitatus (cfr. Fast. Ili, 603 ; IV, 
425; Met. II, 441, 845, ecc.). 



Per la forma, il nostro elogio appartiene ai ' carmina poly- 
metra ', di cui non mancano esempi numerosi nelle raccolte del 



- 397 - 

BiJcheler (1), del Cholodniak (2) e dell'Engstrom (3). I versi, in 
gran maggioranza, sono esametri; alcuni sono pentametri, 
altri sono... ipermetri, altri non tornano in nessun modo. Credo 
inutile classificare gli esametri secondo la proporzione dei dat- 
tili e degli spondei nei primi quattro piedi: ricerca che può 
condurre a qualche buon risultato, quando si faccia su com- 
ponimenti di qualche estensione e di notevole valore artistico 
e sia possibile il confronto con documenti letterari analoghi. 

Classificherò invece gli esametri dalle cesure. Hanno la sola 
cesura semiquinaria i versi: 2, 6, 18, 20, 22, 33, 36, 42, 48. 
Hanno sensibili la cesura semiquinaria e semisettenaria i 
versi: 1, 3, 8, 10, 13, 15, 16, 17, 27, 28, 29, 32, 35, 39, 41, 
44, 46, 47, 51. Trovasi la semiternaria e la semisettenaria 
nei vv. 9 e 12. Presenta la ternaria, la semiquinaria e la 
semisettenaria il v. 24. Quindi dei 52 versi del nostro carme, 
31 sono esametri. 

Sono pentametri i vv. 5, 7. 19, 37, 38, 45, 50, 52. 

Accanto a 31 esametri ed a 8 pentametri si hanno versi 
propriamente errati, che richiedono un esame più accurato. 

Il V. 4 è riducibile a pentametro quando si espunga fati: 
Crudelis \fati\ recfor duraqiie Persiphone. 

Il V. 11 sarebbe di sei piedi, quando si considerasse lunga 
l'ultima sillaba di sermone, ammettendo lo iato : inoltre man- 
cherebbe una cesura principale dopo la semiternaria. È pos- 
sibile sia caduta una parola come atque, ma anche così il 
verso a stento si reggerebbe in piedi : Exiguo sermone [atque] 
inreprehensa manehat. 

Il V. 14 ha la clausola errata, poiché l'ultima di caussa do- 
vrebbe esser lunga : Lana cui e manihus nuncquam sine caussa 
recessit. 

Il V. 21 non può tornare in nessun modo: Quid crùra? 
Atàlàntès status UH cómìcUs Ipsé. 

Lo stesso si dica del v. 23: Levità mèmbra tfdU ptliis Ull 

.•/ 



/ 



(1) CLE, p. 721 sgg. 

(2) Carmina sepulcralia Latina epigraphica, p. 274 sgg. 

(3) CLE, p. 125 sgg. 



— 398 — 

quàesUus ubtquè, nel quale, come mi fa osservare il Galante, 
si fa sentire l'influenza dell'accento grammaticale, poiché l'au- 
tore considera lllì quàe = - v^ w. 

Il V. 25 diverrebbe un esametro togliendo per se: Nil UH 
placuit nisi qiiod [per se] sibi fecerat ipsa. 

Il V. 26 è un eptametro che si sanerebbe espungendo se 
satis ed ammettendo lo iato dopo sibi : Nosse fuit nullum 
studium sibi [se satis] esse putabat. 

Il V. 30 è un eptametro : Una dómùs càpièbàt èòs [ilmìsque] 
et splrìtus Ulls. Espungendo unusqiie si avrebbe un esametro 
il cui senso resterebbe sospeso. 

Il V. 31 sarebbe un esametro espungendo sibi: Post hanc 
nunc idem diversi [sibi] quisque senescunt. 

Il V, 34 è anche un eptametro che tornerebbe espungendo 
parvo (ma muterebbe il senso) o meglio, come mi indica il 
Galante, precor hoc : Sit [precor hoc] iustum exemplis in parvo 
grandibus uti. 

Il V. 40 passerebbe per un esametro, se si astraesse dal 
gravissimo errore prosodico del primo piede: Auro tilum nomen 
fert ille refertque lacerto. 

Il V. 43 suona come pentametro, ma lo deturpa l'errore 
prosodico, per cui le prime tre sillabe di quàndìucumque ven- 
gono considerate un dattilo. 

Il V. 49 diviene un pentametro con l'amputazione delle tre 
prime sillabe: [Hoc unum] felix amissa te mihi forsan ero. 

Dobbiamo confessare che 13 versi errati su 52 costituiscono 
una percentuale un po' alta. 

Tra le peculiarità prosodiche più notevoli noteremo l'allun- 
gamento di una sillaba breve in arsi e cesura: v. 12 fuit, 
V. 3 seriola, parva, v. 15 nidlà, v. 51 poterit. La cosa non 
ha nulla di eccezionale; lo stesso fenomeno ricorre nei poeti 
più perfetti, come Virgilio (1), Orazio (2), ecc. Più grave è 
l'abbreviamento dell'abl. sing. della prima declinazione, nel 



(1) MùlJer, De re metrica^, p. 396. 

(2) Ibd., p. 396 ; cfr. Vollmer, nell'editio maior di Orazio, p. 345. 



— 399 - 

V. 14 sine catissà, al qual proposito Luciano Muller (1) scrive : 
' Denique digniim memoria ablativos primae saepe corripi 
ab homine saeculi V vel potius VI (Cyprianum vulgo no- 
minant) ' (2). 

Gravissime la ' correptio ' di auro v. 40 e l'intrusione di 
un quandìùcumqae (v. 43) in un pentametro (3). Il pronome 
cui è monosillabo nei vv. 36, 47, 48; bisillabo nei vv. 14 e 
38. Ricorderò ancora la sinizesi quietem nel v, 13. 

Per l'ortografia si osservino : Persiphone (v. 4) per Perse- 
phone, exuperantque (v. 5), extiterit (v. 48), lachrimas (v. 7), 
lachrimans (v. 35); volgo (v. 9), vivos (v. 39), caussa (v, 14), 
nuncquam (vv. 14, 36) accanto a numquam (v. 16) ed umquam 
(v. 27), errore dovuto evidentemente al lapicida a cui attri- 
buiremo illae per ille (4) nel v. 18 e la assimilazione atte 
(v. 46) per ad te. Trovansi non assimilate mreprehensa (v. 11), 
opsequio (v. 15) e conlata (v. 41). 

La grafia dell'epigrafe, gli errori di metrica e specialmente 
di prosodia (il più caratteristico è auro nel v. 40), l'influenza 
dell'accento grammaticale (vv. 23, 43) sulla determinazione 
della quantità confermano l'opinione del primo editore il quale 
è indotto da considerazioni paleografiche a datare il nostro 
carme tra la fine del III ed il principio del IV secolo. 

* Ut desint vires, tamen est laudanda voluntas ' ; e certo 
la volontà di celebrare nel modo migliore i pregi e le virtù 
dello cara estinta non è mancata al patrono, il quale non 
ha sempre potuto costringere nella rigida misura del verso 
i suoi non peregrini pensieri e cade spesse volte in sconci 
errori di prosodia e di metrica, scrivendo versi ipermetri o 
completamente errati. Lo sforzo di poetare, invita Minerva, 



(1) De re metrica, p. 421, 

(2) Cfr. anche p. e. Cholodniak, op. cit., 730, 6: invida morte; 761, 4: 
lingua (abl.) ; 792, 5: secura (abl.). 

(3) Allungamento altrettanto irregolare p. e. in Ausonio, V, 8, 3 
Phryxeò ab ariete (cfr. Schenkl, D. Magni Ausonii opuscula, Mon. Germ. 
A. A., V, 2, p. 294). 

(4) Cfr. sopra, p. 391. 



- 400 — 

appare nella poca proprietà e precisione delle espressioni, 
tra le quali svapora il pensiero ; nei concetti avvicinati senza 
che uno stretto nesso logico li colleghi; negli aggettivi che 
si seguono disordinati pur di colmare la misura del verso, 
privi di una relazione logica. Non vi sono né idee elevate ne 
nuove, ed anche l'erudizione dell'autore non appare ecces- 
siva, riducendosi ad un accenno ad Elena e ad Atalanta. 
Ciò che rende attraente l'elogio è l'alito di sincerità che tutto 
lo pervade e trapela tra la rozzezza dell'arte. Nel cuore del 
patrono fremeva pieno di rimpianto il ricordo delle pratiche 
d'amore raffinato ed impuro con la liberta, della quale, con 
compiacenza, si ferma a descrivere gl'intimi pregi fisici. 

Torino, aprile 1913. 

M. Lenchantin De Gubernatis. 



Err.-Corr. — Nel v. 3 seriola è abl. del diminutivo di seria = barile, 
vaso, brocca. Si deve adunque intendere : " Tu sì grandemente operosa 
sei racchiusa in un piccolo vaso, cioè in piccola urna „. Cotesta inter- 
pretazione riceve conferma anche dalla metrica, non essendo pivi ne- 
cessario supporre, come feci a p. 398, che seriola e partm al nom. sieno 
allungati — cosa in se non inverosimile — in arsi davanti a cesura. 
Ringrazio il prof. Remigio Sabbadini che mi fece notare l'errore in cui 
ero incorso. 



^ 401 - 



LA FORMAZIONE DELLE PAROLE 
IN PALLADIO RUTILIO TAURO EMILIANO 

(Continiiaz. e fine. - Cfr. pag. 264 segg.) 



2. — Ag-gettiri. 



a) IN -alis. — Questa classe di aggettivi, derivati per 
lo più da sostantivi, ha largo sviluppo nella decadenza. Nella 
statistica del Paucker (1) il 64 ° 'o delle formazioni nominate 
appartiene all'età postadrianea: casthnonialis liquamen de piris 
3, 102, 8 cosidetto (per servirmi delle parole stesse di Pal- 
ladio) fortasse quia ad castimoniam servandam aptuni sit, vel 
quia castimoniam servantibus in usii fuerit : questo liquore è 
nominato anche da Plinio il vecchio, l'uso del vocabolo è del 
resto limitato anche nel suo senso generico ; digitalis canali- 
culos 6, 167, 2 abbastanza raro, poiché, oltre Palladio, i les- 
sici non danno che Vitruvio e Plinio ; domnicalis 1, 42, 14 
dove Taggettivo è sostantivato e indica ' casa del padrone ' : 
i lessici non hanno altra testimonianza che Palladio, occorre 
però avvertire che tale lezione, pure attendibile, non è data 
concordemente dai codici (2) ; iugerriUs tabula 2, 56, 20. 3, 



(1) Vorarheiten z. lat. Sprachg. II 21 sgg. , e ' Zeitschr. f. vgl. Sprachf.' 
XXVII 113 sgg. 

(2) Le varianti sono diverse : adominicalihus VG, a domicalihiis SE, 
a domini aedihus aicgs. Lo Schmitt ha seguito qui, come altrove, l'or- 
tografia dei tre codici più antichi LPQ. Accetterei tuttavia la lezione 
Schmittiana, sia perchè le varianti non sono tali che non si possano 
in parte eliminare, in parte ridurre ad una sola (« domini aedihus è 



Rivista di filologia, ecc., XLI. 



26 



— 402 — 

77, 8 di cui non si hanno testimonianze anteriori, ma tale 
mancanza, che dev'essere certo casuale, trattandosi di un ag- 
gettivo di formazione regolare e di uso frequente nella vita 
quotidiana, non può lasciar supporre che si tratti di un neo- 
logismo di Palladio o dell'età sua: dopo di lui i lessici non 
danno che lo pseudo-Boezio geom. p. 425 e V Itinerarium Ale- 
xandri 48, dove l'aggettivo è usato metaforicamente per de- 
signare una grandezza smisurata; libralis offa 4, 141, 23 e 
in Columella 6, 2, 7 e Plinio nat. (più luoghi) ; novalis loca 
pinguia puras reddas novales 1, 10,25. ubi autem mundae sunt 
novales 2, 55, 11 usato sostantivamente (sott, terrà), accanto 
al neutro novale^ is, che si trova specialmente nei georgici ; 
piscinalis cellae 1, 46, 24 di cui né i lessici, né le glosse 
hanno testimonianze. 

b) IN -arius. — Queste formazioni sono affini alle pre- 
cedenti, denotando esse pure appartenenza, relazione. Crescono 
sempre pili di numero nella decadenza, e devono esser proprie 
della lingua viva, a giudicare dalla grande fortuna che ebbero 
nel campo romanzo: it. ' -aio ', fr, pr. ' -ers, er '. sp. ' -ero ' (1). 
Alcune di queste formazioni sono aggettivi e tali sono rimaste 
in tutta la latinità, altre sono aggettivi sostantivati oppure 
veri sostantivi. Fra le prime nota in Palladio: fenarius falces 
1, 48, 23 in Varrone l. l., Catone r. r., Trebellio Pollione e 
nel Digesto; frigidarius maltha 1, 20, 4 in Vitruvio, in Pe- 
tronio, in Plinio epist. [cella, fistula, nel qual ultimo caso ha 
un senso speciale); pampinarius sarculus 3, 76. 13. sarmenta 
3, 83, 12. 3, 85, 9 in Columella (più luoghi) e in Plinio; 



correzione delle edizioni che non comprendevano il significato di ado- 
micalibus, il quale a sua volta deriva piuttosto da un domnicalibus, 
dov'è stato trascurato il segno sovrapposto della nasale, che non da un 
dominicalibus), sia perchè la sincope di dominiis e derivati doveva già 
allora essere abbastanza diffusa non solo nelle iscrizioni, ma negli scrit- 
tori stessi, come dimostrano alcune testimonianze di scrittori anteriori 
al nostro o di poco posteriori. Cfr. il mio articoletto : Palladiana ' Boll, 
fil. ci.' XIV 78. 

(1) Zimmermann, Die Geschichte des lateinischen Siiffìxes -arius in den 
romanischen Sprachen (Lipsia 1896). 



— 403 — 

quarta 'lari uii (1) tabula, quae quartam iugeri partem quadrata 
conficiet 2, 56, 16 cfr. qiiartanaria febris in Gregorio Tur- 
nense Frane. 4, 32. e quartanarius negli Scolii di Giovenale 
9. 16 per indicare chi ha la fehbro quartana; saUamentarius 
vasa 7, 17?.. U» come in Columella 2. 10 e Plinio 18, 308. 
28, 140. 

Quanto ai sostantivi sono, per lo più. o maschili o neutri: 
i primi indicano comunemente mestiere, professione ; i neutri 
denotano il luogo dov'è contenuta una cosa o, per servirmi 
delle parole stesse di Prisciano (2), i maschili sono denomi- 
nati ah officiis a dignitatibus, i neutri ab aliis rebus, in quibus 
sunt vel de quibus cel quas habent; calvaria equae 1, 41, 18 
in Plinio 30, 53 e in altri scrittori tecnici, e piìi esempi nel 
latino biblico (Ronsch 83) ed ecclesiastico; carenarla 8, 186, 17 
che sottintende olla, ed indica il luogo dove si fa il carenum, 
specie di mosto cotto: non è usato sostantivamente che in 
Palladio, e, come aggettivo, unito a vasculum, ha solo un 
esempio in Marcello med. 26, 34; columharium 1, 25, 10 nei 
georgici in senso proprio, assunse poi col tempo più signifi- 
cati specifici; ferrarius 1, 7, 14 come in Seneca epist. 56,4, 
Firmico niath. 4, 7 e in un'iscrizione {collegium ferrariorum), 
come aggettivo è più diffuso, fuori però dell'età classica; 
ficaria 4, 135, 18 invece del comune ficetum, e usato come 
sostantivo solo in Palladio ; lignarium 1, 33, 1 nel senso di 
'legnaia', senz'altra testimonianza che quella di Cassiano: 
in Palladio c'è anche il maschile lignarius 1, 7, 15, ma pare 
che nel senso specifico di ' legnaiuolo ' non ci sia altro esempio 
che quello di Isidoro orig. 19. 19. 1 che lo definisce appunto 
Ugni opifex. Più comune sembra che fosse per indicare chi fa 
vende le legna, nella duplice variazione di ^vÀoxóJiog e di 
^vÀojidbÀrig dataci dalle glosse. Come aggettivo poi è diffu- 
sissimo nel basso latino (S. Agostino. S. Girolamo. Vulgata, 



(1) Tutti i eodici e edizioni piìi antiche (meno gs) hanno quaternaria 
La correzione accolta dallo Schmitt sembra buona, perchè quaternaria 
risponde men bene al contesto. 

(2) Granun. lat. ed. Keil II 75. Cfr. pure Diomede ibid. I 326. 



- 404 — 

iscrizioni; tnortar'iiim 4, 121, 14 in Catone r. r., Virgilio wor,, 
Columella 12, 55, 1, Scribonio Largo e Plinio; operarius 
optimus 6, 162, 18 sostantivato come in Catone r. r., Y ai- 
rone r. r., Celio in Cic. epist., Svetonio, nella Vulgata (piìi 
luoghi) e nell'editto di Diocleziano; palearium 1, 33, 1 e in 
Columella 1, 6, 9; piantar ium 5, 154, 21 come in Virgilio 
georg. 2, 26 (1), Plinio il vecchio (più luoghi) e nelle glosse, 
metaforicamente in Persio, Ausonio, Rufino, in un luogo poi 
della Vulgata = ' piante dei piedi '; puUarius 7, 175, 22 che 
indica un recipiente usato nella castrazione delle api, de- 
scritto da Columella 9, 15, 5 senza nominarlo: con altri si- 
gnificati in Petronio, Celso, Marziale, Apuleio; rosarium 3, 
92, 20 largamente diffuso nei georgici e anche nei poeti, 
come Ovidio, Properzio, Marziale; seminarium 1, 12, 6. 3, 79, 
4. 3, 94, 9 in senso proprio come negli scrittori georgici (già 
in Catone), metaforicamente è molto usato in ogni tempo; 
solarium 6, 166, 18 nel senso di 'terrazzo', come in Plauto 
7ml. 340 e 378, Svetonio Ner. 16, Macrobio Sat. 2, 4 e 
Ulpiano Dig. 8, 2, 17; spjecularium 1, 23, 14 nel senso di 
'finestra, apertura', come in Columella 11, 3, Seneca epist., 
Plinio epist., Giovenale, Marziale, Celio Aureliano: in più 
luoghi del Digesto vale ' specchio '. 

Gli esempi di queste formazioni da noi raccolti derivano 
tutti (meno frigidarius e quartanarius) da sostantivi. 

e) IN -atus. — Il linguaggio popolare fa molto uso di tali 
aggettivi con desinenza di participio perfetto (Grandgent 24). 
Alcuni di quelli che qui riferisco in realtà sono participii, 
ma nel loro sviluppo storico sono diventati talora veri ag- 
gettivi, con valore e significato di aggettivi e con fortuna 
spesso indipendente da quella dei verbi da cui derivano (di 
alcuni infatti troviamo anche i gradi di comparazione): aquatus 
fructus 1, 9, 23 in scrittori di scienze naturali (Catone, Se- 
neca, Plinio, Gargilio Marziale) e nella decadenza avanzata 
(Scribonio Largo, S. Agostino, S. Girolamo, Plinio Valeriano, 



(1) Santi Consoli, Neologismi botanici nei carmi bucolici e georgici di 
Virgilio (Palermo 1901) 91. 



— 405 — 

Cassio Felice, Celio Aureliano, Sorano); corticatus pars 4, 
117, 16 rarissimo, solo in Columella 12, 23, 1 e in una glossa; 
cribellatus cineri 1, 48, 9 vocabolo della bassa latinità, com- 
pare in Celio Ap., nella Mulomedicina Chironis, in Teodoro 
Prisciano, Marcello med., Cassio Felice, Dioscoride, Sorano (1); 
cyminatus sai 12, 254, 15 che come aggettivo si trova solo 
in Palladio (rarissimo del resto anche l'aggettivo sostan- 
tivato); latiatìis 12, 247, 6 usato sostantivato per indicare 
il genere ovino, come aggettivo l'hanno Columella 6, 2, 4, 
Marziale, Plinio (più luoghi); lev'ujatus locus 1, 26, 21. 
paries 1, 25, 11. 44, 15 in Varrone, Columella, Macrobio, 
Plinio il vecchio; manubriatus serrula 1, 48, 24 di cui i lessici 
non danno altra testimonianza che il manuhriati cultri di Am- 
miano Marcellino 25, 1, 15; occatus semina 1, 9, 8 cfr. solum 
occatiiììi di Plinio 18, 145 e la glossa occatio axacpezóc,', pa- 
leatus ìnins 4, 117, 19. 12, 238, 16 in Columella e in Plinio, 
entrambi con più esempi; piccdus vas 3, 101, 3 e 8. 8, 187, 8, 
vasculum 3, 102, 11 e 25. 11, 229, 2. pediculum 4, 129, 13. 
133, 24. urceolum 10, 207, 21. 12, 258, 13 cfr. Catone r. r., 
Virgilio copa, Columella, Plinio (più luoghi), Marziale; radi- 
catus pianta 3, 99, 4. canna 11, 227, 3. 11, 228, 17 in Co- 
lumella arò. 20, 3 e in Sidonio Apollinare epist. 3, 7, 4. 5, 
10, 4; solidatus solum 1, 20, 7. area 1, 41, 27 che dovette 
essere parola dotta a giudicare dalle testimonianze di Tacito 
hist.^ di Lucano, di Claudiano (l'ha pure Vitruvio): Palladio 4, 
146, 3 ha mula... solidata nel senso metaforico di ' rinforzato ' 
come in Apuleio dogm. Plat. artus... solidati; tubidatus falci- 
culas 1, 49, 7 in Plinio epist. 2, 17 e Plinio 9, 130. 

d) IN -icius. — La formazione degli aggettivi in -icius 
dev'essere di origine popolare (2). Frequentissimi nei comici, 
abbastanza numerosi in Catone e in Varrone, essi non sono 



(1) Il verbo crihello non ha testimonianze, parecchi esempi invece di 
crebello sono nella Mulomedicina Chironis. 

(2) Uno studio esauriente sugli aggettivi in -icius ha dato il Wolfflin 
'Arch. lat. Lex. ' V 415-37. Vedi pure Cooper, Wordformation in the 
Roman Senno pleheius (.Boston 1895) 111, e l'ampia enumerazione che 
di questi aggettivi dà il Paucker, Vorarieiten citati I 93 iigg. 



— 406 - 

usati che in numero limitato dai classici e quasi completa- 
mente trascurati dai poeti ; ricche testimonianze invece ne 
danno i giuristi, i Padri della Chiesa, il basso latino e le glosse. 
Alcuni di Palladio sono veramente interessanti: acinaticius 
vinum 1, 9, 16 in Plinio Valeriane 3, 14, in Cassiodoro rar. 
12, 4, 2, in Ulpiano dig. 33, 6, 9, nelle iscrizioni (cfr. la glossa 
acinaticiuni ó^òjóeg); cannicius camerae 1, 18, 10(1), la qual 
medesima espressione ricorre nell'epitome Vitruviana di Cezio 
Paventino 21: S. Agostino ^js. 63, 40 usa l'aggettivo sostan- 
tivato; congesticiiis terra 10, 203, 8. 11, 217, 26 già in Ce- 
sare b. e. 2, 15, 1, j)OÌ in Columella 2, 10, 18. 16, 5 e Vi- 
truvio 3, 4, 2; cratickis podia 1, 22, 17 in Vitruvio 2, 8, 20, 
in Ulpiano dig. 17, 2, 52 e in Orosio hist. 5, 12, 8; fossicius 
harena 1, 16, 19 (2) già in Varrone r. r. (due luoghi), poi 
in Vitruvio, Scribonio Largo, Plinio 7iat., Marcello 7ned.; 2JeI- 
licius tunica 1, 49, 14 in Tertulliano, S. Girolamo (3), S. Ago- 
stino, Sulpicio Severo, nel Digesto e nel latino biblico con 
molti esempi (Ronsch 122); toficius 9, 195, 8 di cui i lessici 
non danno altra testimonianza che Giulio Capitolino 6, 9. 

Degli aggettivi in -icius si possono distinguere quelli in 
cui V-ic- appartiene alla radice e quelli in cui appartiene al 
suffisso. I nostri esempi sono tutti del secondo gruppo. Inoltre 
tali aggettivi derivano i più da participii o da sostantivi, 
alcuni pochi da aggettivi. Le formazioni da noi citate sono 
tutte, meno congesti c'ms e fossicius, derivate da sostantivi. 
Quanto al significato, è vario. Nel latino arcaico i participiali 
non differiscono in modo essenziale dai participii stessi; nel 
suo svolgimento storico il suffisso si presenta con valore ora 
passivo, ora attivo. Valore passivo non possono naturalmente 
avere i denominativi (ed è il caso più frequente in Palladio), 
i quali indicano un'appartenenza al vocabolo radicale. 



(1) Si noti clie questo esempio è un titolo ; certo per questa ragione 
il Wolfflin (v. pag. 405 n. 2) ha lasciato per cannicius la testimonianza 
palladiana. 

(2) Poche righe prima troviamo pure l'agg. fossiìis (detto parimenti 
di harena) 1, 16, 15. 

(3) Il Wolfflin dà Hieron. ep. 22, 18, 19; il Goelzer 151 in que.sto me- 
desimo luogo cita iìelliceus. 



- 407 — 

e) IN -ìnus, -fniis. — La formazione degli aggettivi in 
'Inus sembra appartenere all'età arcaica ; il loro numero in- 
fatti decresce sempre pili col tempo, per scomparire quasi 
del tutto nella decadenza (Stolz Uist. Gramm. 484). Indicano 
appartenenza e sono tutti derivati da sostantivi, per lo pili 
di animali, pili raramente di piante : anserinus ova 1, 31, 22 
in Petronio, Marziale, Celso, Scribonio Largo e medici poste- 
riori, Plinio nat. (frequentissimo), Ammiano, Gregorio Tur- 
nense, glosse; arietinus cornua 4, 135, 24 in Columella, Pe- 
tronio, Plinio, Solino, S. Agostino, Ammiano, Marcello med., 
Macrobio, Marziano Cappella; asinimis stercus 4, 128, 9 in 
senso proprio Varrone r. r., Celso, Plinio nat., Apuleio met., 
Tertulliano, S. Agostino, Pelagonio, glosse ; cantherinus hor- 
deum 10, 202, 18 la quale specie di orzo è pure nominata da 
Columella 2, 10, 31 e da Isidoro oriff. 7, 3, 10: l'aggettivo 
poi compare anche in Plauto men. 395, in Plinio 20, 231 e in 
Plinio Valeriane 5, 13; chamaemelinus oleum 7, 179, 6 in 
Plinio Valeriane, Teodoro Prisciano, Marcello, Celio Aureliano, 
Cassio Felice; columhinus stercus 10, 201, 24 che si trova già 
in Cicerone epist., poi in Orazio sai., in Plinio (piìi luoghi), 
Apuleio, Isidoro; fasianinus ova 1, 30, 12 di cui i lessici non 
danno altro esempio che Plinio Valeriane 2, 30; hircinns 
sanguen 8, 185, 23 in Plauto pseud. 967, Orazio sat. 1, 4, 19, 
Plinio 20, 2, Prudenzio Apoth. 621; laiirinus oleum 2, 68, 1. 
11, 216, 23. 12, 236, 14 al qual esempio i lessici non ag- 
giungono che Plinio 23, 86 e Scribonio Largo 156; leoninus 
3, 86, 17 in senso proprio in Varrone r. r. 2, 9, 5 e Plinio 
(più luoghi); pavoninus ova 1, 29, 4 già in Varrone 3, 9, 10, 
poi in Petronio e Columella (più esempi); porcinus stercus 4, 
127, 20. 128, 9 in Plauto men. 211, poi in Petronio 48. 7 
e nella Vulgata; tanrinus fel 3, 100, 8 che si potrebbe dire 
poetico (Virgilio, Ovidio, Plinio, Stazio, Claudiano) se non 
fosse che si potrebbe trattare di casuale mancanza di altri 
esempi; ursinus sevo 1, 36, 18 in Columella arò. 15, Plinio, 
glosse. 

Accanto al suffisso -lìius v'ha un suffisso -mus che serve 
per lo più a indicare la materia di cui una cosa è fatta; 
spesso appoggiato a nomi di alberi, ad es. lentiscinus eleo 2, 



- 408 — 

68, 7 usato anche da Plinio 23, 65 e Celio Aureliano acut. 2, 
37, 197 e 207 ; masticinus sucus (1) 4, 122, 17 rarissimo, poiché, 
oltre all'esempio palladiano, i lessici non registrano che Isi- 
doro orig. 19, 22^ 16 con un'accezione leggermente diversa 
' del colore del mastice '. Le formazioni di questo genere sono 
quasi tutte posteriori all'età d'Augusto, la lingua arcaica pre- 
feriva i suffissi -neus e -nus. Così Palladio ha ficìtlneus cinere 
1, 40, 16. cacumina 4, 138, 2 usato prima da Varrone r. r., 
poi in Columella 5, 11, 14. 11, 2, 56, Celso e nella Vulgata 
(una glossa dà foliuni ficiihieuin aumvoipuÀÀov) e ficulnus lacte 
6, 165, 17. ligna 11, 229, 15 come in Varrone r. r., Orazio 
sat., Plinio, Celio Ap., Ps. -Cipriano poet. genes., Commodiano. 
f) IN -osus (2). — La statistica del Paucker [Vorarb. 1 86) 
dà 844 di queste formazioni, di cui il 29 % appartiene all'età 
arcaica e il 52 "^'o all'età postadrianea. In Palladio però tali 
aggettivi non sono così caratteristici come abbondanti, alcuni 
sono già comuni ai poeti, talvolta anche augustei: aqtwsus (3) 
ager 1, 11, 2 frequente nei poeti; argillosus terra 2, 58, 8 in 
tal senso nei georgici ; aurosus pulveris 1, 58 = aureus, come in 
Vegezio muloììL, nella Mulomedicina Chironis, Ps.-Apuleio herh., 
Ps.-Dioscoride, Galeno, Plinio Valeriane, = aurifer in Plinio 
e Elio Lampridio; calculosus ager 2, 58, 2. 2, 62, 22 in Co- 
lumella 3, 11, 7. 5, 10, 9, Vitruvio, Plinio nat., Gargilio 
Marziale, Sidonio ; callosus tactus 10, 208, 12 diffuso con 
vari sensi nella latinità, specialmente della decadenza (Orazio 
sat., Columella, Seneca epist., Scribonio Largo, Plinio, Ter- 
tulliano, S. Girolamo, Mulomedicina Chironis, Cassiodoro, 
Celio Aureliano, Cassio Felice); cretosiis terra 1, 11, 22. 



(1) Per l'affinità della terminazione, non del suffisso (che è -tino, 
come in cras-tinus, sero-tmus) segniamo qui diutinus sol 1, 16, 21 che 
sostituisce il più comune dhiturnus. Non è tuttavia estraneo a Cicerone 
(però nelle epistole), compare già in Plauto e Terenzio, l'hanno poi 
anche Nepote, Cesare, Livio. 

(2) Per l'origine del suffisso v. Schonwerth, Ueber die latein. Adjelc- 
tiven auf -osus ' Arch. lat. Lex.' V 192-222. 

(3) Palladio ha pure con non molta differenza di senso l'agg. aquatus 
(v. pag. 404). 



— 409 — 

solum 4, 127, IL loca 10, 201, 10 negli Scriptores rei ru- 
sticae, in Ovidio met., Vitruvio, Igino faò.; fistulosus caseus 
6, 166, 2 corno in Columella 7, 8, 5 e con altri riferimenti 
in Catone r. r. 157 e in Plinio (più luoghi); fungosus paleae 
9, 191, 17 in Columella 4, 29 e Plinio (più esempi); yla- 
reosus terra 4, lo3, 3. locus 12, 240, 28 già in Varrone, 
poi in Livio, Columella e Plinio; herbosus locis 2, 54, 17 e 
lapidosus loca 2, 64, 20 entrambi dei poeti e degli scrittori 
georgici; lutosus agro 1, 11, 24. 1, 52, 18 come in Columella 

2, 4, 6 e Plinio 18, 176; petrosus locus 4, 134, 28 in Plinio 

9, 96 e Igino ììiuu. castr. 53: si ha pure il sostantivo ^x^^rosa, 
orum in Plinio, S. Ambrogio e nella Vulgata; pluviosus regio 

3, 77, 1. locus 6, 162, 20 già in Orazio epod. 10, 19, poi in 
Plinio 18, 225; sabidosus locus 3, 107, 5. 108, 3. 8, 183, 1. 

10, 201; 9 in Vitruvio, Columella (due luoghi) e Plinio; siti- 
cidosus locus 2, 58, 12 già in Orazio epod., Vitruvio e Colu- 
mella; uliginosìts solo 1, 8, 26. 3, 84, 13 in Varrone /•. r., 
Columella e Plinio abbastanza spesso, con speciale sfumatura 
di significato {uliginosa et targentia viscera) in Arnobio ; veì-- 
miculosus poma 3. 102, 25. 12, 241, 1 che non ha altre te- 
stimonianze. 

g) IN -tòrius, -sórius (1). — Castratorius ferramenta 1, 
49, 12 di cui non c'è altro esempio nei lessici e nemmeno nei 
glossarii; messorius falces 1, 48, 23 abbastanza diffuso, com- 
pare già in un'orazione di Cicerone, poi in Columella e in 
Ulpiano dig.: un esempio di tale aggettivo sostantivato mes- 
soria; ae è nell'Itala Legion. regg. 1, 13, 20; putatorius falces 
1, 48, 22 di cui i lessici non danno che un luogo di Paolo 
giureconsulto seni. 3, 6, 35 e una glossa nXaÒEvxfiqiov falx 
putatoria. 

h) Altre formazioni. — Aestuahundus confectio 11, 228, 
20 e in senso tecnico la Mulomedicina Chironis 736 [aestua- 
hundis corporibus) ; agricolaris opus 14, 262, 12 di cui non si 
hanno altre testimonianze che quella di Palladio, formazione 



(1) Il suffisso è veramente -ius, dovendosi considerare come deriva- 
zioni di secondo grado da nomi verbali in -ior. 



— 410 — 

poetica, a quanto asserisce il Thesaurus; arbustivus vitis 3, 
8, 1. 12, 224, 1 in Columella (più luoghi) e nelle note Tiro- 
niane; buhulus molto usato da Palladio in luogo di hovìnus 
fìmus 2, 65, 9. 7, 175, 21. 12, 244, 13. fel 3, 103, 11 e 13. 
laetamen 3, 99, 24. stercus 4, 147, 13. lotium 12, 241, 5 ag- 
gettivo volgare, a giudicare dagli scrittori che l'hanno usato 
(Plauto in più luoghi, Nevio, Catone, Yarrone con più esempi» 
Igino, Celso, Petronio, Scribonio Largo, Celio Ap., Marziale, 
Columella, Plinio nat., Solino, S. Girolamo ed altri scrittori 
ecclesiastici, Mulomedicina Chironis, Marcello med.^ Dioscoride, 
Plinio Valeriano, Pelagonio, Teodoro Prisciano, Celio Aure- 
liano, gromatici) ; canicularis dies 8, 182, 15. 12, 247, 18 ri- 
ferito a dies, come qui, in Porfirione, Vegezio midoni., Teodoro 
Prisciano, Plinio Yaleriano, Cassio Felice, Oribasio, con altri 
sostantivi in Tertulliano, Censorino, Gargilio Marziale, Sidonio 
Apollinare, Vegezio: usato come sostantivo caniculares, inni 
si trova solo in Palladio 8, 186, 3 e 14. 11, 221, 17; con- 
demnahilis studium 14, 262, 20 in S. Agostino e. lui. op. hnp. 
6, 14 e Rufino Orig. in Rom. 9, 42; curvahilis ulmus et fra- 
xinus 12, 249, 21 senz'altro testimonianze; diureticus vina 
11, 223, 11 in Celio Aureliano chron. 1, 14, 117 e Gargilio 
Marziale de arb. 1, 2; dysintericus passio 3, 113, 6 l'espres- 
sione è già in Cicerone epist. 7, 26, 1, l'aggettivo appartiene 
agli scrittori tecnici; fabaceus messis 12, 234, 9 in Macrobio 
sat. 1, 12, 33 e in Vegezio midom. 3, 36, 2 con significato 
speciale; fecidentus vinum 11, 226, 6 in Columella 2, 2, 20, 
Plinio, Solino, S. Agostino e traslato in Arnobio; hordeaceus 
pollen 11, 223, 19. panes 12, 251, 21 in Catone, Columella e 
Plinio (più luoghi) ; imbridus caelum 2, 57, 18 formazione ab- 
bastanza rara, poiché, oltre Palladio, non abbiamo che So- 
lino 4, 5 e un luogo della Vulgata (Paucker Suppl. lex.lat.); 
liliacius (1) oleo 6, 168, 1 e in Teodoro Prisciano 4, 1 : locu- 
laris resina 3, 105, 11 aggettivo rarissimo, poiché non se 
n'ha altra testimonianza che Calcidìo Tim. 33 D 121; mijrtitis 



(1) Si uoti però che tale aggettivo si trova in uii titolo e inoltre clie 
la lezione non è del tutto sicura [Uliaceo S'iacgs). 



- 411 - 

vinum 2, G7, 14 e 15 in Columella 12, 38, 5 e Plinio, in una 
iscrizione c'è murtites; macilentus solum 4, 127, 15 invece del 
più comune macer, come in Plauto capt. 647, Pelagonio 13 e 
nella Vulgata, pure della lingua viva: cfr, le glosse ÀemóxQOjg 
e macer; okacjinus carbones 12, 252, 12 e negli scrittori geor- 
gici, in Cornelio Nepote Thras. 4, 1; |;erfa«^«<6- rudus 6, 166, 
24 come in Columella 4, 1 e Solino 2, 2, in senso speciale 
pedanei iudices presso i giuristi e pedatiei senatores in Gellio. 
Le glosse hanno ^«c^rtwejfs index xctl^ctàixaoT^ ; palmaris scrobem 
4, 130, 22 clie indica misura come in Varrone r. r. 1, 35, 1, 
Columella 8, 3, 9. 11, 3, 21 e Arnobio nat. 6, 18, mentre 
nella sua più frequente accezione si ricollega all'albero della 
palma e come tale non è estraneo nemmeno a Cicerone Phil. 
6, 15; per esprimere questo concetto Palladio usa invece 
palmeus sporta 3, 110, 15. fiscella 4, 130, 11 come Vitruvio 
10, 20, Columella 5, 5, 15, Plinio 12, 79; russeus flores 5, 
153, 7 in Lucrezio, Petronio, Plinio, Lampridio e Apuleio; 
salitiis oliva 11, 217, 4 in Nevio coni. 117, in Columella 6, 
32, 1 e nella Vulgata, in senso traslato pure molto raro ; 
sectilis porrus 3, 97, 12 in Ovidio, Giovenale, Marziale, Vi- 
truvio, Plinio, Svetonio, Ausonio, accanto al quale Palladio 
presenta sectivus 3, 97, 14 assai più raro, poiché non si hanno 
altri esempi che due luoghi di Columella; semiacerbus uva 9, 
197, 11 che non compare nei lessici ; semimahirns mespila 4, 
133, 27 e in Marcello med. 29, 40; semisiccus thallus 3, 95, 
15 senz' altra testimonianza; stagneus regulis 6, 164, 3 in 
Columella, Vitruvio, Plinio, Apuleio; splenicus 8, 186, 11 
usato sostantivamente = q^iii splene lahorat come in Plinio 
20, 87 e altrove: in funzione di aggettivo si trova in Plinio 
24, 47, 5 e in Pelagonio 13; structilis forma 9, 125, 25 in 
Columella (due luoghi), Vitruvio, Marziale, Prudenzio e Ul- 
piano dig.; superflitus rami 3, 92, 16 proprio della latinità 
postadrìanea (i luoghi di Seneca e di Plinio sono incerti), 
ben diffuso fra i giuristi (Krebs-Schmalz, Antiharharus 627); 
testacius (1) opus 6, 167, 7 cfr, la glossa testacium òaTQdHi{y)ov: 



(1) Le edizioni hanno corretto testaceus. 



- 41-2 — 

nei luoghi degli autori (del resto non frequenti) si alterna 
con la grafìa testaceus; uhneus vinculum 3, 89, 8. folla 4, 
135, 23 in Plauto (più luoghi), Columella e Giovenale; vio- 
laceus vinum 5, 155, 1 in Plinio 22, 47. 37, 170 e in un 
frammento pliniano di Cornelio Nepote. 

i) Diminutivi. — In Palladio non sono molti ne troppo ca- 
ratteristici: alhidulns color 3, 102, 13 che non ha altri esempì; 
anniculiis semina 1^ 10, 19 in Lucilio, Varrone r. r., Cornelio 
Nepote, Columella (più luoghi), Plinio nat. (più esempi), Apu- 
leio, Plinio Valeriane, nei giureconsulti, nella Vulgata e nelle 
iscrizioni; candidulus flos 13, 258, 4 che, sebbene si trovi una 
volta in Cicerone Tusc. 5, 46, non è molto frequente: c'è 
solo in Giovenale 10, 355, Prudenzio cath. 3, 157, S. Giro- 
lamo epist. 54, 13 e nel cosidetto Carmen de candido et nigro 
{Poet. lai. min. Baehrens 5, 64, 16); nigellus vina 3, 102, 15 
in senso proprio come in Varrone l. l. 8, 79, men. 375, tra- 
slato in Ampelio 8, 21, S. Agostino ciò. 22, 8, 8, Venanzio For- 
tunato 9, 17, 1; novellus vites 1, 8, 19 (1) riservato per lo 
più ad animali e a piante (Wolfflin, Bemerkungen cit. 156): 
nel senso di ' giovane ' appartiene al linguaggio dei conta- 
dini, così si ha in Catone, Varrone (più volte), una volta anche 
in Cicerone fin., molto spesso nel tardo latino, in S. Girolamo, 
Arnobio, Ennodio, S, Cipriano (Krebs-Schmalz, Antiharharus 
167); ovillus (2) stercus 1, 33, 12. 4, 121, 3. 123, 4. lac 4, 
132, 14. grex 12, 246, 11 negli scrittori georgici, in Livio 
e in Apuleio; parvulus gleba 1, 5, 20. aditus 1, 39, 18 di cui 
non mancano esempi già in Cicerone, usato abbastanza spesso 
nel latino biblico (Ronsch 464); suillus stercus 3, 103, 10 in 
Varrone, Livio, Columella, Plinio, Marziale e nella Vulgata. 



(1) L'uso di novellus in Palladio ha quasi interamente soppiantato 
quello di noviis. Di contro a novus 4, 142, 2. 7, 176, 19. 12, 234, 25 sono 
moltissimi gli esempi di novellus (per non citarne che alcuni) 3, 76, 8. 
85, 3 e 13. 105, 21. 4, 120, 7. 136. 28. 138, 24. 140, 8. 6, 161, 1. 7, 176, 16. 
8, 185, 12. 182, 4. 10, 204, 5. 11, 214, 5. 224, 12. 12, 234, 23. 235, 1. 
240, 11. 

(2) Per i diminutivi in doppio l v. Paucker ' Zeitschr. f. vglch. Sprachf.' 
XXllI 169-88. 



413 



3. — Verbi. 



a) Verbi derivati da sostantivi. — Essi terminano ge- 
neralmente in -are, raramente in -iare o -ire, talvolta in -ìcare 
e in -izare (Grandgent 16). Un'abbondante e diligente rac- 
colta ne ha dato il Paucker ' Zeisclir. f. vgl. Sprachf. ' XXVI 
248-401, e le sue cifre hanno sempre un qualche valore. Dei 
1777 verbi denominativi in stretto senso da lui raccolti 130 
sono negli scrittori arcaici, 401 in Cesare e in Cicerone, 727 
nel latino postadrianeo, i rimanenti sono dell'età argentea. 
La formazione è dunque stata veramente copiosa solo a par- 
tire da Cesare e da Cicerone. L'importante funzione di questi 
verbi, ai quali si doveva necessariamente ricorrere per arric- 
chire la lingua, spiega perchè la formazione sia in Cicerone 
e Cesare stessi cosi attiva, e perchè essa si vada facendo 
sempre più intensa nella decadenza, quando, sparito ogni pre- 
giudizio puristico, si venne con tanta dovizia di nuovi voca- 
boli provvedendo ai nuovi bisogni. In Palladio un certo nu- 
mero di questi verbi è abbastanza interessante: ablaqiieare 
vites 1, 51, 18. 6, 162, 14. radicibus 2, 63, 25. arborem 3, 
105, 13. novellam 11, 214, 5. 215, 7. pergulas 12, 235, 8. 
poma 12, 237, 21 che dovette essere termine tecnico d'agri- 
coltura (lo troviamo infatti in tutti i georgici), questa però 
non doveva essere la parola usata dal popolo, il quale dava 
a questa operazione il nome di excodicare (1): oltre l'esempio 
palladiano, i lessici non hanno che Frontino aq. 129 e Ter- 
tulliano pudic. 16; aquare 12, 247, 22 il Georges e il The- 
saurus hanno soltanto aquari deponente, il Forcellini invece 
dà anche l'attivo aquare, aggiungendovi la testimonianza di 
un luogo di Plinio, dove però la lezione sembra incerta come 
nel presente caso palladiano (2); bullire 2, 67, 12. 68, 3 per 



(1) Pali. 2, 51, 18-20 lanuario mense locis temperatis ahlaqiieandae 
sunt vites, quod Itali excodicare appeìlant. 

(2) Adaquare ha il codice F seguito dalle antiche edizioni iacgs, aqua G, 
aquare E coi codici LPQ, la cui grafia segue lo Schmitt. 



— 414 — 

cui i lessici danno Vitruvio, Celso, Persio, Seneca nat., Celio 
Ap., S. Agostino, Commodiano, Cassio Felice, Plinio Valeriano, 
Teodoro Prisciano, Pelagonio, Marcello, Itala e Vulgata, scrit- 
tori adunque volgari o con tracce di latino volgare, a cui 
appartenne tale verbo continuato nel campo romanzo (1) ; 
coagulare caseum 6, 165, 14 vocabolo diffuso nella decadenza, 
detto di latte e derivati, in Plinio nat., Marcello, Dioscoride, 
Celio Aureliano, nel latino biblico; cribrare cribrata terra 10, 
207, 11. gypsi triti atque cribrati 11, 226, 21 in Columella 
(pili luoghi); Plinio nat., Scribonio Largo, Gargilio Marziale, 
EnnodiO; Marcello, Teodoro Prisciano^ Pelagonio, Gregorio 
Magno, Vulgata; decorìare amygdala 2, 64, 7 in Celio J^j., 
Tertulliano, Marcello, Dioscoride, Cassio Felice, Isidoro, nel 
latino biblico (Ronsch 188) e nelle glosse; exucare noxium 
virus 2, 64, 24 in Vitruvio, Cassiodoro, Celio Aureliano, An- 
timo ; fruticare 5, 150, 18 in senso proprio in Columella 2, 
9, 6 e altrove, Plinio (più luoghi), Silio Italico, traslato in 
Calpurnio Siculo e Giovenale; gelare liieme 1, 44, 12 usato 
transitivamente, come qui, sembra poetico (l'hanno Giovenale 
6, 95 e Stazio Theb. 4, 497): qui Palladio ha forse attinto da 
Columella gelantur hiemis frigoribus fictUia vasa 9, 6, 2 ; gum- 
minare prunus inserenda est, antequam gumminet 2, 66, 18, in 
cerasis... et in omnibus gumminatis 11, 220, 25 di cui i lessici 
non hanno altre testimonianze (2) ; gypsare (poma) quae dura 
sunt in carne et cute 3, 101, 9. salsamentaria 7, 173, 11. panes,., 
in sole siccatos 11, 230, 21 in Columella (piìi luoghi). Celio ^^;., 
Feste; inoculare 4, 136, 28. 5, 154, 17 e 24. 7, 174, 11. 8, 
183, 25. 12, 239, 3. 12, 243, 12 in senso proprio, come in 



(1) Grober, Vulgilrl. Suhstr. roman. WiJrter 'Arch. lat. Lex.' VI 379. 

(2) Codici e edizioni concordano nel primo caso : solo la Jensoniana 
1482 [i) ha corretto germinet. Più incerta la lezione nel secondo caso : 
germinatis E, gummatis Facgs, gumatis i, ma il passo intero mi sembra 
togliere ogni dubbio : in cerasis hoc servandum est et in omnibus gum- 
minatis, ut tunc inserantur, quando his vel non est vel desinit gummen 
effluere. Il codice E corregge parimenti germen ; ma il verbo effiuere o 
non eoe assai impropriamente applicabile a germen e germinatis. 
Escluso il germinare del secondo caso, resta escluso anche il primo. 



— 415 — 

Columella 11, 2, 59 ed Apuleio, in senso traslato Macrobio 
somn. 1, 1, 5; inplastrare ficus 5, 154, 18. persicum 6, 163, 14. 
arbusta 9, 192, 7. 12, 239, 3 il Georges non sogna questo 
verbo che è registrato solo dal Forcellini, il quale aggiunge 
anche un passo di una Vicioris epistula ad Fulyentium Ru- 
spensem (1). A tale verbo si ricollegano due vocaboli, pure 
non registrati dai lessici, e che non sembrano avere altre 
testimonianze: inplasfnim 3, 86, 12. 6, 174, 22. inplastratio 
3, 87, 25. 7, 174, 13. 8, 183, 15. lutare dolium 11, 225, 15. 
castaneae 12, 243, 18 in Catone r. r., Calpurnio Siculo, Mar- 
ziale, Persio, Elio Lampridio (una glossa dà luto nXvvo)); 
manifestare 11, 220, 24 già in Ovidio met. 13, 105, sembra 
però raro ed ha alcuni esempi della Vulgata; obliare gran- 
dini 1, 40, 25. vermibus 4, 128, 24 in senso d' ' impedire, 
portar rimedio ' pare ai trovi solo in Palladio, nel senso di 
' andare incontro ' in Vegezio e S. Girolamo, in quello di 
' opporsi, resistere ' in Macrobio, Marcello 7ned., nel Codice 
Teodosiano, neW Itinerarium Aìexandri Magni, e nella Vulgata 
(più esempi), è dunque un vocabolo proprio della decadenza 
(Ronsch 167, Goelzer 173); operculare pampinos 11, 231, 8 e 
in Columella 12, 15 e 30; palare arbores 3, 92, 4. locum 12, 
249, 20 e in Columella 12, 15, 2. 30, 1; pampinare 1, 8, 12. 
6, 161, 2 e 10. 9, 190, 15 in Catone, Varrone, Columella (più 
luoghi) e in genere negli scrittori ^QOYgicì; pastinare 1, 35, 18. 
2, 55, 11. 2, 55, 13. 57, 19. 59, 2. 12, 237, 5 termine tecnico 
che vale a indicare una speciale operazione agricola, e come 
tale è usato da tutti gli scrittori georgici, cfr. le glosse pa- 
stinare colere plantare ; pastino ^coÀooTQOcpco, fiEia^dÀÀa) y^ÙQav; 
plantare 1, 11, 2. 12, 2 è vocabolo postclassico e non si trova 
prima di Plinio il vecchio, Columella ha invece serere, con- 
serere e simili (Krebs-Schmalz, Antibarbarus 307); pulverare 
novellas 4, 119, 22. 8, 182, 14 in Plinio in questo e in altro 



(1) L'incertezza dei lessici nell'ammettere questo verbo dipende dal- 
l'incertezza della lezione. Ecco le varianti dei codici e edizioni : 5, 154, 
18 inplastatur L, inplanstratur E, implastratur Ti, emplastratur acgs. 
6, 163, 14 implastrari SFi, in palustrali E, emplastrari acgs. 9, 192, 7 
emplastran