(navigation image)
Home American Libraries | Canadian Libraries | Universal Library | Community Texts | Project Gutenberg | Children's Library | Biodiversity Heritage Library | Additional Collections
Search: Advanced Search
Anonymous User (login or join us)
Upload
See other formats

Full text of "Rivista storica italiana"

This is a digitai copy of a book that was preserved for generations on library shelves before it was carefully scanned by Google as part of a project 
to make the world's books discoverable online. 

It has survived long enough for the copyright to expire and the book to enter the public domain. A public domain book is one that was never subject 
to copyright or whose legai copyright term has expired. Whether a book is in the public domain may vary country to country. Public domain books 
are our gateways to the past, representing a wealth of history, culture and knowledge that's often difficult to discover. 

Marks, notations and other marginalia present in the originai volume will appear in this file - a reminder of this book's long journey from the 
publisher to a library and finally to you. 

Usage guidelines 

Google is proud to partner with libraries to digitize public domain materials and make them widely accessible. Public domain books belong to the 
public and we are merely their custodians. Nevertheless, this work is expensive, so in order to keep providing this resource, we bave taken steps to 
prevent abuse by commercial parties, including placing technical restrictions on automated querying. 

We also ask that you: 

+ Make non-commercial use of the file s We designed Google Book Search for use by individuals, and we request that you use these files for 
personal, non-commercial purposes. 

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort to Google's system: If you are conducting research on machine 
translation, optical character recognition or other areas where access to a large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the 
use of public domain materials for these purposes and may be able to help. 

+ Maintain attribution The Google "watermark" you see on each file is essential for informing people about this project and helping them find 
additional materials through Google Book Search. Please do not remove it. 

+ Keep it legai Whatever your use, remember that you are responsible for ensuring that what you are doing is legai. Do not assume that just 
because we believe a book is in the public domain for users in the United States, that the work is also in the public domain for users in other 
countries. Whether a book is stili in copyright varies from country to country, and we can't offer guidance on whether any specific use of 
any specific book is allowed. Please do not assume that a book's appearance in Google Book Search means it can be used in any manner 
any where in the world. Copyright infringement liability can be quite severe. 

About Google Book Search 

Google's mission is to organize the world's Information and to make it universally accessible and useful. Google Book Search helps readers 
discover the world's books while helping authors and publishers reach new audiences. You can search through the full text of this book on the web 



at |http : //books . google . com/ 









N^ 



»«'Ì- 






:^ ».«"• 



.. : Vi 






•v.-^ 






•: k^ 









\>^^*n* 



M. \ 



V \ 



^ V 



*i'. ìt' '1 



•^,^ 



<• * 



PSti^ 



■<X j ' 1^3. 5" 




l^arbarti ColUge l.ilirars 

FROM THE 

J. HUNTINGTON WOLCOTT FUND 



Established in 1891 by Roobr Wolcott (H. U. 1S70), in 

memory of bis fatber, for " the purchase of books of 

permanent value, the preference to be given to 

Works of History, Politicai Economy, and 

Sociologa," and increased in 1901 by 

a bequest in his will. 



Digitized by 



Google 



Digitized by 



Google 



Digitized by 



Google 



Digitized by 



Google 



Digitized by 



Google 



•«'OT^'r''^,t57^.r-^- 



RIVISTA STORICA ITALIANA 



Digitized by 



Google 



Digitized by 



Google 



jjPlB«?7WT?r^"^T:: . -'' :/.', . ■ 



RIVISTA STORICA 



ITALIANA 



PUBBLICAZIONE TRIMESTRALE 



DIRETTA 



Prof. COSTANZO RINAUDO 



CON LA COLLABORAZIONE DI MOLTI CULTORI DI STORIA PATRIA 



Volume XXIII (V della 3*^ Serie) 



DIREZIONE 

Torino, Via Brofferio, 3 

1906 



Digitized by 



Google 



Pìtbl 333.^ 



'f -^ . ■' 



p\y. 



Digitized by 



Google 



f* Arli 111GC6 fj 
Armi XXtit, 3* S. ^f jennaio-Marzo 19W Voi. V, fase. 1 

RIVISTA STORICA 

ITALIANA 

PUBBLICAZIONE TRIMESTRALE 
DIRETTA 

DAL 

Prof. COSTANZO RINAUDO 

CON Ì.A COLLABORAZIONE DI MOLTI CILTORI DI SToKIA PATRIA 



^B.^0^ 



,^.^Mà 




UlliBZlONK 

Torino. Via Brofferio, 3 

1906 



Digitized by 



Google 



INDIOK DKLLE MATEEIE 



O 



I. Recensioni e note bibliografiche. 

1. Storia genbkalk. 

Cunningham H'., An essay on wcstera civilisation in its eoo- 

nomic aspecta (C. K.) Pag. 1 

De DoUinger F., La papautó (X.) » " 

Giratid'Teuhn Jl«, Lgs origioes de in papaató (O. Capasse) . » 3 

Cappellotti Zr., Storia dogli ordini cavallGreschi (A. Pellegrini) * 4 

Vittone e. Casa di Savoia, il Piemonte e Chivasso (L. C. Bollea) » 5 

Silvestri E., L'isti-ia (C. K.) . . . ... . * 6 

Zacher A,^ Venodig als Kuuststatte (E. Bonardi) . . . » 7 

Eodocanadii E. , Ijo capitole romain antic^ue et moderne (L. Ciaccio) » 10 

Padorani A,, I^'uomo di genio come poeta (C. R.) . . . » 14 

2. Età preromana k romana. 

De Giorgi 0., Le specchie in Terra d'Otranto (L. Correi-a) . » 14 

Mommaen T., Storia di Roma antica, voi. Il o ili (C. R.) > 15 

Thédenat H,, Le forum romain et les fomms impóriaux (id.) . » 16 

AudoUenl A.^ Cartbage romaine (0. De Sanctis) . . . » 17 

Profumo -i., Le fonti e i tempi dell' incendio neroniano (C. R.) » 20 

Paseiueco (?., Elagabalo (G. De Sanctis) . . » 23 

Liebenam PT., Stàdteverwaltung in rom. Kaiserreiche (id.) . * 24 

. Oroc^g E,^ Aurelianus (G. Oberziner) » 26 

Baurnsiark A,^ Lit^irgia romana e liturgia deiresarcato (F. Savio) * 2() 

3. Alto medio kvo (sjhc. V-Xl). 

Carlyle W. , A kistory of meditfval politicai theory in the West 

(G. Mosca) " . . . » 28 

Egidi, Giovannonij Hermanin^ Federici, 1 monasteri di Subiaoo 

(C. Rinaudo) . » 30 

4. Basso medio evo (skc Xl-XV). 

Porcia degli Obixxt\ 1 primi da Prata e da Foroia (A. Hattistella) » 34 

J)e Pellegrini A.^ ISchiavi o manumissioni (id.) . . » 34 

Ilanipe A'., Urbaii IV und Manfred (G. Capasse) . . . » 35 
Pellegrini o Sùmidonc, Pro Rocoasexjoa patria di San Tomaso 

d' Arduino il4. C. Bollea) » 37 

Bottegìd A.. Iacopo Dalosmauini o le fazioni di Padova nel 1277 

(0. Manfroni) > .38 

Botteghi A. , Ezzdi no e Telez . del vescovo di Padova nel sec . XllHid. ) » 38 

Boffifo ^^ . , La qmestio do acqua et terra di Dante Alighieri (C. Cipolla) » 39 
SorauXrO (/., La guerra tra Venezia e la Santa Sode per Ferrara, 

ti. 1308-1313 (A. Bonardi) ^42 

Ce^ssi B.^ Vem^zia e Padova e il Polesine di Rovigo, seo. XIV (id.) » 43 

Oay J,. Lo pape Clómeut VI et les.affaires d'Orient (C. Manfroni) » 44 
Degli Ax,x,i Vitellé8cki O,, Relazioni tra Firenze e PUmbria nel 

soc. XTV (K. Casanova) • . » 46 

Pardi (}.. Leonello d'Estc marchese di Ferrara (L. C. Bollea) . » 47 



Digitized by 



Google 




^ìaa^^ 



I. 

RECENSIONI E NOTE BIBLIOGRAFICHE 



i. STORIA (rENEHALE. 

W. CUNNIN\tHAM, An essuìj on loestevn civiUsatlon in ils 

economie aspects (Madi?eval and modem tinios). Cambridge, 

at the University Press, 1902. 

1. — Questo volume, giunto un po' tardi vamonto alla Rivista 
storica, costituisce l'ultimo d'una serie di testi per gli studenti 
della moderna economia politica, curati dal C. secondo il tracciato 
del suo insegnamento a Cambridge, e incorporandovi la sostanza 
di alcune pubbliche letture. I tre precedenti volumi ei-ano: Outlines 
ofEnfjlish InduHtrial histoì'ii (1895); Modem civitisation in some 
of its economie aspects il8^,j()): Western ciiùlisatioìi in its eco- 
noniic aspects: ancienf times (1808). Come il titolo slesso ac- 
cenna, il presente volume (onderebbe a dare un saggio della 
civiltà occidentale nel medio evo e nei tempi moderni ne' suoi 
aspetti economici in continuazione dello studio analogo l'alto pei 
tempi antichi. 

Nel volume precedente VX, aveva tracciato il progresso 
della civiltà economica nel mondo antico, movendo dall'Egitto 
e dalla Fenicia, e spingendosi attraverso ai Greci, all'ellenismo 
alessandrino e alla repubblica romana sino al suo più alto svi- 
luppo nel romano impero sotto Adi'iano. Nel nuovo volume muove 
dall'apparizione deirinfluenza sociale del cristianesimo per giun- 
gere sino ai tempi nostri, distinguendo il lungo periodo storico 
in tre grandi epoche, o piani successivi di progresso, ossia 
Chris tendoni, Naiionafities, Tlte expansion of western civi- 
lisation. 

Cosi l'A. riassume sinteticamente l'opera sua distribuita 
nei tre periodi sovraccennati: 

« Under the influence of Christian teaching man ^ttained 
to a now consciousness of dui y : and we can trace the workings 
Ricista storica italiana, 3» s., v, l. 1 



Digitized by 



Google 



Z ItKCENSIOM E NOTE BIBLIOGRAFICHE — C. B. 

oi' thesc ideas in the institutions of Christendom, as they are* 
most noticeably seen in the age of S. Louis. Again, when the 
period of discovery carne, man's conceptions of the earth and 
of the possibilities it contained were suddenly enlarged, and 
\ve find the influence of this new knowledge, not only in the 
expansion of commerce, but in the national economie policies, 
of which Franco under Louis XIV atfords a typical example. 
Lastly, with the age of invention there was an increase in 
man's acquaintance with physical nature, combined with special 
opportunities for applying that knowledge practically ; and En- 
glishmen have taken the lead, not only as inventors, but as 
pioneers in the work of diffusing the new industriai practiccs 
and organisation throughout the world. During each of these 
three pcriods attention has been coneentrated in turn on one 
of the requisites of production. In mediaeval Christendom we 
lìnd institutions for the regulation of labour; the phase of na- 
tionalist economie policy has been chiefly concerned with the 
development of land ; wile in recent tiraes we see the remar- 
kable results effected by the utilisation of capital ». 

C. R. 



KtNACE de DOELLiyGKR, La j^ajmutè. Son origine aumoyen 
affé et dèveloppement jusqu'en 1870, Avec notes et do- 
cuments de J. Friedrich. Trad. par A. Giratjd-Teulon. 
Paris, Felix Alcan, 1905. 

2. — É una nuova edizione della celebre opera del Dòl- 
linger, comparsa nel 1869 alla vigilia del concilio Vaticano, 
sotto il titolo II Papa e il Concilio^ di Janus, annotata daira- 
mico del grande teologo, prof. Friedrich, che ne ricevette l'ul- 
timo respiro nel 1890, somministrandogli i sacramenti, sebbene 
scomunicato per non aver ammesso T infallibilità papale. Il 
prof, onorario dell'università di Ginevra ne intraprese dapprima 
la traduzione francese, e poi ne formò un compendio popolare. 

È opera storica e polemica ad un tempo, che mette conto- 
riassumere ne' suoi concetti fondamentali, perchè forse già un 
po' dimenticata dalla presente generazione. 

Il papato non nacque con la Chiesa, ma è un'istituzione, 
che s'è venuta formando nel Medio Evo. Sino alla fine dell'XI 
secolo il vescovo di Roma non è che l'uguale degli altri vescovi; 
egli gode d'un diritto di preminenza puramente onorifico. A 



Digitized by 



Google 



STORIA GEXKnALE — A. frlRAl'DTEL'LOX 3 

cominciare da Gregorio VII e sotto i suoi successori Innocenzo III 
e Bonifazio Vili questo primato si cambia in sovranità, invo- 
candosi in suo appoggio testi falsificati o apocrifi dei Padri della 
(chiesa, dei canoni conciliari e di altri documenti. 

La parte capitale del libro consiste appunto nella dimostra- 
zione di questa frode legislativa che condusse alla distruzione 
delle chiese episcopali e fece dei vescovi non i mandatari di 
loro diocesi ma i delegati del papa, e guidò il papato prima 
all'assolutismo monarchico e poi all'apoteosi deirinfallibilità. 

Il Dòllinger, com'è noto, iniziò col suo libro la chiesa dei 
Vecchi cattolici, che nel mondo moderno scettico di questioni 
teologiche non ebbe fortuna, non ostante la profonda dottrina 
e l'alta considerazione del suo duce. 

X. 



A. (HRAUD-TEULON, Les orìgines de la Papautè. Abrégé de 
« La Papmitè» de I. de Doellingev. Paris, F. Alcan, 1905, 
pp. vi-186. 

\\. — La pubblicazione di questo volumetto fu creduta op- 
portuna dopo che vide in Francia la luce una traduzione della 
ben nota opera del Dòllinger, rifusa però e arricchita abbondan- 
temente di note e documenti dall'abate F. Friedrich. Che alla 
pubblicazione dell'una come dell'altra opera abbiano dato inci- 
tamento le condizioni attuali della società laica di fronte a quella 
chiesastica, è accennato dal' traduttore nella sua prefazione al 
sommario. Egli scrive, difatti: « A Theurc od s'agitent les plus 
graves problèmes entre la socièté roligieuso et la sociètè poli- 
tiqae, il est nécessaire que prétres et la(ìquos cronnaissent la vé- 
rité historique sur l'origine et la nature des droits du Pape, etcì ! 
Ma, certo, delle due pubblicazioni ò indiscutibile la utilità. L'au- 
tore del sommario ha sfrondato la narrazione originale dì ciò 
che, necessario in un libro rivolto a dotti e studiosi della ma- 
teria, sarebbe invece riuscito inutile, anzi dannoso in un libro 
di volgarizzazione, destinato al generale delle persone colte. Le 
prove delle affermazioni, i documenti giustificativi e quant'altro 
sì riferisce all'apparato critico-dimostrativo, chi ne abbia va- 
ghezza, può cercarlo nella traduzione integrale dell'opera, se 
j)ure non preferisca ricorrere all'edizione originale tedesca Das 
Papstthum, Monaco, 1892), dove è riportata anche la polemica 
del professor Friederich contro il cardinale Hergenriither (eii- 



Digitized by 



Google 



4 KFXK.NSIONI K .NOTK IJlllLIOOUAFlClIE — (i. CAPaS.SO 

lialo in lizza contro il Doellinger con il suo Anii'Janu.s), che 
manca aircdizìonc francese. Di suo, nel sommario, rcdilore ha 
a,Lrgiunto qua e là qualche schiarimento, inteso a completare 
la esposizione dcellingeriana. Egli opportunamente fa notare 
rh(^ il Dcellinger, nella sua qualità di prete e canonista, ha un 
po' trascurato lo studio delle forze profane e politiche, che an- 
ch'esse concorsero a convertire in una monarchia la repubblica 
cristiana, e, in primo luogo il prestigio, esercitato sempre dal 
capo della citLìi eterna, non solo come presunto successore di 
S. Pietro, ma anche come successore spirituale di Cesare, « in- 
cai'nant en lui le grand principe politique de la Rome impe- 
riale, c'est-à-dire colui de Tunitò sociale». 

Gaetano Gapasso. 



!.. CAPPELLETTI, Storia degli Ordini Cavallereschi, Con 15() 

incisioni. Livorno, R. Giusti, 1904, in-8. 

4. — Era desiderio de' più che uno studioso, con un'o- 
pera relativamente breve, ci lìicesse conoscere la storia degli 
Ordini cavallereschi, ci mostrasse come siano sorti da un alto 
concetto di saggezza e di prudenza politica, o da un alto senso di 
pietà e d'amore, o da un grande avvenimento patrio. 11 nostro 
A., al contrario di tanti altri, italiani e stranieri, che scrissero 
sugli Ordini in generale o in particolare, mi par che sia egre- 
giamente riuscito neirintento, perchè in forma chiara e spigliata, 
con un voi. di circa 400 pagg., ci dà la storia di 298 ord. 
cavali, e di 14 medaglie commemorative. Il C. non stanca il 
lettore, uè distrae l'attenzione, dettando le sue piìi che 300 mo- 
nografìe: pur tenendo conto de' risultati delle ultime indagini 
storiche e correggendo anche gli erroi-i degli altri — specie del 
Cuomo e del Cibrario — evita d'ingolfarsi nelle tortuose vie 
della critica e della discussione, non fa sfoggio di citazioni né di 
documenti; sembra che proprio abbia voluto, diciamo, volgariz- 
zare la storia degli Ordini, di cui spesso e volentieri si sente 
parlare senza conoscerne l'origine ne le vicende ; così facilmente, 
senza alcun sforzo mentale, il lettore ne apprende i diversi casi : 
l'origine, il perchè e da chi fu istituito, le mutazioni, le aggiunte : 
gli statuti preposti al suo funzionamento, le classi in cui l'Ordine 
stesso si divide o si divideva ecc. ecc. -— Non posso, per eco- 
nomia di spazio, fare una dettagliata rassegna degli Ordini, che 
l'A. illustra: rimandando il lettore all'indice del libro, qui dirò 



Digitized by 



Google 



STUKIA frENKUALE — C. AITTONK 



solo che il G. contempla quasi tutti quelli esistenti e nnolti di 
«luelli soppressi degli Stati d*Europa e, delle altre parti del 
mondo: trascura le medaglie commemorative ed ogni altro em- 
blema di distinzione, solo facendo un'eccezione per Tltalia di cui 
registra tutte le medaglie civili e militari conferite dal governo 
fio* nostri Re. — Ed ora qualche domanda e uno schiarimento : 
VX, accenna spesso alle feste celebrato dagli Ordini; non poteva, 
so non per tutti, almeno per gli Ordini più importanti, spiegare 
in che consistevano o in che consistono tali feste?... Accenna 
anche ai Gran Maestri; sarebbe assurdo pretendere che l'A. 
si fosse dilungato intorno a questa carica eminente — come 
fece, p. es., il Paciaudi che scrisse in particolare de' Gran 
Maestri dell'Ord. Geros. — ma non poteva spendere qualche 
[►arola intorno alla loro persona, al loro ufficio, al loro ceri- 
moniale, ai loro diritti e doveri?... L'A., trattando degli Ordini 
dei SS. Maurizio e Lazzaro, scrive: «None ben nota l'origine 
(leirOrdine di S. Lazzaro.... » Né ha torto quando si pensi che 
aveva sottocchio degli studi incompleti: ma io posso intanto 
assicurarlo che l'origine rimonta al 369, come dimostra il prof. 
F. Vitagliano del liceo dell'Aquila in un suo studio che presto 
vedrà la luce. — Le 150 ine. servono assai alla migliore intel- 
ligenza del testo, e una breve rassegna — che l'A. giustamente 
chiama « saggio bibliografico » — delle principali opere italiane 
e straniere riguardanti il soggetto trattato da lui, posta in fine 
d<4 volume, è di non i)Oco sussidio all'oiìora. 

A. Pf.llkgkinj. 

CARLO VITTONE, Casa di Savoia, il Piemonte e ChimssOy 
voi. I, p. 590. Torino, Petrini e (lallizio, 1904. 

5. — Questo grosso volume, che narra sino all'anno Ì1T.\ 
le vicende di Chivasso unitamente a quelle della Casa di Savoia 
e del Piemonte, ci può dare un'idea precisa anche del valoi-c^ 
del secondo volume che il Vittone ci promette. 

Esso deve essere costato nella sua compilazione non poca 
fatica all'autore : ma se io affermassi che sia per recare una 
qualche notizia storica nuova importante, non direi la verità. 
Tna storia comunale di Chivasso, ricavata veramente dai do- 
cumenti sincroni — compulsando l'archivio locale e quelli di 
Torino, Casale e di Mantova — e scritta con im giusto criterio 
del suo valore intrinseco, sarebbe per giovare parecchio alia 



Digitized by 



Google 



ti RECKNSlOXr E XOTK BIBLIOGRAFICHE — L. C. BOLLEA 

storia subalpina, data la postura di Ghivasso e la parte che 
esso ha rappresentato cóme terra fertile e fortificata del ducato 
di Monferrato. Questo non fece il Vittone, il quale si era im- 
posto il compito più modesto di raccogliere una serie di con- 
ferenze tenute a giovani studenti, sebbene la mole del libro 
possa indurre nell'animo di chi superficialmente lo esaminasse 
ridea di avere avanti un'opera che pretenda un'alta conside- 
razione storica. Il libro risente invero di continuo del tono pa- 
terno e bonario del conferenziere che si diffonde nel dai'e con- 
sigli ai giovani e nel fare del lirismo patriottico. Tuttavia so 
con ciò io volessi condannare questo lavoro del Vittone, farei 
cosa non bella; egli vi ha faticato molto attorno, ha cognizione 
minuta delle numerose pubblicazioni moderne intorno alla Gasa 
di Savoia, che sinteticamente dà riassunte, ed è in tutto il lungo 
lavoro animato da vivo entusiasmo per la storia nostra subalpina. 

L. C. BOLLEA. 



EMILIO SILVESTRI, L'Istria. In-8 gì-., p. 540. 111. Vicenza, 

G. Rumor, 1903-1904. 

6. — Da parecchi mesi è finita la pubbIi(*azione di questo 
accurato lavoro deirabate prof. Silvestri, edito a dispense. Trat- 
tandosi d'uno studio condotto con molta serietà e vivace senti- 
mento patriottico, curato con eleganza di tipi e di illustrazioni 
dallo stabilimento G. Rumor, è doveroso richiamare ancora una 
volta sopra di esso Tattenzionc del pubblico. 

Sebbene pur troppo sia poco conosciuta e studiata l'Istria 
nel Regno d'Italia, essa annovera una letteratura più copiosa 
di qualsiasi altra provincia italica: il Saggio di bibliografki 
istriana, edito nel 1864, indicava più di tremila opere, e da 
allora in poi quasi un altro migliaio fu pubblicato. Ne conti- 
nuano l'illustrazione storica VArcheogrùfo triestino e gli Atti 
e Memorie della Società istriaìia di archeologia e storia. Ah- 
bondano le monografie su temi ristretti; scarseggiano i lavori 
complessivi, sebbene non manchino recenti pubblicazioni di 
molto pregio o generali, o almeno estese ad un intero ordine 
di studi: tali gli scritti storici del Kandlei-, Gaprin, De Fran- 
ceschi, Benussi o Tamaro, geologici del Gornalia, del Ghiozza e 
del Taramelli, etnografici o geografici del Marinelli, del Eambri 
e del Gombi. 

Il prof. Silvestri, valendosi della ricca letteratura istriana 



Digitized by 



Google 



STOMA GENERALE — E. SILVESTRI 7 

•e dello studio diretto da lui fatto sui luoghi visitati con alto 
intelletto d'amore, si propose una ricostruzione sintetica, che 
abbracciasse tutti gli elementi dì studio, la geografia, la storia, 
l'archeologia e l'arte. E a tal fine divise in tre parti il suo 
volume: 1* Geografia e geologia, etnografia e preistoria; 2* Vi- 
cende storiche dalla conquista romana ai Bizantini, Longobardi, 
Franchi, dominio patriarcale e Veneto, Francesi e Austriaci; 
3* L'Istria odierna e il sentimento nazionale. 

Amplissime sono le nozioni orografiche e idrografiche; par- 
ticolareggiate le descrizioni dei fenomeni del Gai-so, soprattutto 
delle grotte, caverne, foibe, terra rossa; né sono dimenti- 
cale le indicazioni meteorologiche e climatiche. Alla tesi na- 
zionale conferiscono le discussioni, forse fin troppo ampie, sul 
confine e suiretnografia. II confine politico attuale del regno 
d'Italia non risponde a nessun concetto né storico, ne etnogra- 
fico, né fisico, né politico, né snilitare; mentre la linea di di- 
spluvio darebbe netto il confili-^ orientale italiano. L'etnologia 
dell'Istria è italica per eccellenza; infatti Tlstria fin dall'anti- 
chità più remota fu abitata da una razza mediterranea od ita- 
lica, che si serbò per più secoli immune da altre mescolanze 
etniche; le invasioni protocelte e protoslave, e, dopo la domi- 
nazione romana, le invasioni barbariche sconvolsero assai meno 
l'Istria che molte altre regioni italiche. 

Meno nutrite sono le notizie storiche, tranne rispetto a 
Roma. S'arresta più largamente nel periodo romano, non tanto 
per narrazione di fatti, quanto nella descrizione del vallo ro- 
mano delle Alpi Giulie e dei monumenti dispersi nelle città 
istriane, che ancora richiamano l'arte e la signoria di Roma. 
Foi-se troppo breve e sproporzionata è la narrazione del periodo 
medioevale e della dominazione veneta. 

Numerose incisioni illustrano ogni parte del libro: carte 
geografiche e geologiche, corsi di fiumi e torrenti, oggetti di 
scavi, panorami o parziali vedute di città, ritratti, ecc. 

Una nota vivissima italiana erompe da tutto il \K)lume, che 
talora cessa d'essere un'opera di scienza per convertirsi in inno 
patriottico. C. R. 



ALBERTZACHER, Venedigals Ktmststaette. Horlin, J. Bard, d904. 

7. — K il numero 6 di una GoUez. graziosa di Monografie 
d'Arie pubblicate per cura di Richard Miiter. Ed è un volu- 



Digitized by 



Google 



b RECENSIONI E NOTE BIBLIOGRAFICHE — E. BONARDI 

metto in-10, di 83 pagine di testo con 10 belle riproduzioni : 2 ia 
fotografia e 8 in zinco. Questo è legato in tela, con fregi di 
fogliami e lettere d'oro su azzurro, in stile moderno, assai di- 
stinto, che nell'interno della copertina ha pure un ex libris^ 
elegante. 

Di questi volumetti simpatici ne sono già comparsi parecchi 
intorno ad artisti antichi e moderni, tedeschi e italiani {Lucas 
Cranach, Leonardo da Vinci), e su città notissime ma consi- 
derate sotto particolari rispetti (questo su Venezia als Kùnsi- 
staette, come luogo d'arte, e uno su Wittemberga come Luther- 
stadt). Costano ciascuno lire i,tK) in moneta italiana. Sarebbe 
curioso vedere tutta la minuta collezione. 

Certo questo libretto su Venezia non vuole dar molte notizie 
su di essa, come dice TA., in modo che chi visita Venezia con 
codesta sua guida possa tornare in patria a subire un esame di 
viaggio cum kuuie; ma è fatto per dai'e a chi cerca un senso 
artistico nella vita e nel viaggiare, la personalità pìii intensa, 
la caratteristica più schietta della città della Laguna. Da ciò la 
ragione del titolo di Venezia, Kunststdtte, che già accennammo, 
ed anche la costruzione del libretto non diviso in capitoli, ma 
procedente unito per le 83 pagine in una lunga conversazione 
garbata ed originale, divisa appena quando mutano gli argomenti 
con maiuscole in rosso e leggermente fregiate all'orlo. 

Comincia, dopo un breve esordio, colla visita, prima, alla 
Sala delle Feste, come TA. chiama la Piazza S. Marco; la quale 
gli porge l'occasione di parlare, con altro, della basilica e dei 
musaici che egli trova dentro e fuori il magico tempio e sotto 
i piedi e sopra il capo. Passa indi, secondo la sxux metodica 
concezioìie, all'Accademia, dove per chi ha poco tempo e vuol 
solo vedere i capilavori, che sono distribuiti un po' dappertutto 
jKìrchè essa è ordinata per scuole, dà una tavola che indica 
graficamente le scuole ed i loro capi e le loro opere maggiori. 
A questa tavola, che occupa poco più di mezza pagina, aggiunge 
poche notizie storiche intorno alla nessuna influenza di Giotto 
sulla pittura veneziana, che ai tempi di .lacobello è ancora bi- 
zantina, e sui progressi fatti di poi, ma avvertendo bene che 
lascia che le cose belle se le trovino da se i visitatori. K con 
notizie, sempre rapide, sui grandi rappresentanti della pittui-a 
veneziana con le quali giungo fino agli epigoni di essa, il Ca- 
naletto, il Tiepolo ed il Longhi, di cui i tesori non sou neir Ac- 
cademia, passa logicamente a parlar del Palazzo dei Dogi, perchè 



Digitized by 



Google 



STORIA GENERALE — A. ZACHETi 



ivi stanno gli Araldi della gloria veneziana, il Tiziano, il Ve- 
ronese ed il Tintoretto. Un'altra tavola riassuntiva dà, dopo 
di aver fatto conno delle famiglie di costruttori dei Delle Ma- 
segne dei Buon, dei Lombardi, dei Bregno, la genealogia degli 
architetti scolari del grandissimo Sausovino e dei suoi compagni, 
il San Micheli ed il Palladio. Nella Loggelta Sansoviniana tra- 
volta col campanile vede l'opera somma che nessun artista 
avrà animo di ricostruire. 

Noi non possiamo seguire l'arguto Cicerone tedesco nella 
descrizione del Palazzo Ducale, del cortile, della scala dei gi- 
ganti, della Porta della Carta, ne dei dipinti meravigliosi delle 
vastissime pareti. Accenniamo solo agli altri argomenti a cui passa 
successivamente e che sono: i due Pantheon di Venezia, ad un 
tempo monumenti dei due ordini di S. Francesco e di S. Do- 
menico, i Frari e S. Giovanni o Paolo, e le scuole (ghìldey le 
chiama lui) di S. Rocco e di S. Marco; indi tutte le chiese di 
Venezia che comparte in tre gruppi: di S. Marco, della Giu- 
docca e del Nord; ed il giro del Canal Grande, fatto in una 
gondola — non col vaporino -— che ci può tutt'al più lasciar 
l'impressione analoga a quella di un'esposizione di vini di cui 
vediamo le etichette delle bottiglie! Né vi. mancala comica 11- 
losoGa sopra il palazzetto piccolo soffocato dallo grandi moli, il 
quale fu tuttavia dimora di un grande, Enrico Dandolo, e che 
ora è occupato al pianterreno da un caffè. E termina col ritorno 
a piazza S. Marco da cui contempla lo spettacolo della notte che 
scende sul mare in una scena incantevole. E da questa ebbrezza 
di luce invita il forestiero a recarsi sul i)ort() di S. Marco e 
sulla riva degli Schiavoni per aver il senso dell'arte viva: che 
a il colore del popolo in movimento. E concludo col ripetere, 
quello che al principio ha già dotto, che solo può comprendere 
l'arte veneziana chi, precedentemonle vagabondando lentamente 
per la città ha esplorato la vita veneziana dell'oggi, lo sue str.ade 
e i suoi canali, il suo porto magnifico, la sua luce d'oro. 

Cosi si chiude il vago ed originale libretto; so anche gli 
altri della serie hanno questo carattere vivace e moderno, la 
collezione Die Kunst farà fortuna. 

Ercole Bonardi. 



Digitized by 



Google 



10 RECENSIONI E NOTE BIBLIOORAWOHK — L. CUOCIO 

E. RODOCANAGHI, Le Capitole romain antique et moOeì^ie, 
Paris, Hachette, 1904. 

8. — Per tutto il tempo della grandezza repubblicana di 
Roma (1), il Campidoglio fu la meta dei trionfi, il luogo ove il 
Senato teneva le sue più solenni sedute, il popolo i suoi comizi, 
ove i giovani erano insigniti della toga, gli auguri facevano 
le loro osservazioni, i traditori della patria dovevano subire 
Tcstremo castigo, e dove sorgevano gli edifizi religiosi di maggior 
iuìportanza della città. 

(fià al principio dell'impero le fortezze cbe un tempo rende- 
vano inespugnabile Vaì^x, il dosso più elevato della collina, occu- 
pato ora dalla chiesa di Aracoeli, erano sparite por dar luogo ai 
templi di Giunone Moneta o Coelestis, della Concordia, di Ve- 
jovis; mentre nella spianata mediana, l'antico asijltim di Ro- 
molo, ora piazza del Campidoglio, sorgevano l'arco di trionfo 
ed i trofei di Nerone, un altro tempio a Vejovis, il tabulavium 
o archivio per tutti i documenti storici ed amministrativi dello 
stato, che aveva le sue fondamenta nella sottoposta area del Foro. 

Il dosso meridionale del colle poi, più vasto e meno elevato 
dell'ara?, era tutto fìtto di templi, fra i quali troneggiava il 
massimo edifìzio religioso di Roma antica, il tempio di Giove 
Capitolino costruito per la prima volta al tempo dei re e poi 
tre volte distrutto dal fuoco (83 a. C. - 09 d. C. — 80 d. C.) 
e tre volte rialzato sempre più splendido sulle sue rovine. In- 
torno ad esso s'affollavano i templi a Giove Feretrio, a Giove 
Tonante, a Giove Custos, alla Fides, alla Mens, a Ma7's ULtor, 
zXVOps, a Venere Erucina; ed i santuari della Fortuna Primi- 
genia, della Beneficenza, della Felicità, del Genio del Popolo 
romano, di Venere Vincitrice, di (Move Vincitore, della Vale- 
^tudo, di Venere Capitolina, etc. Ne vi mancavano luoghi sacri, 
come la casa di Romolo, altari, statue a personaggi celebri, 
monumenti onorarii, basi dedicatorie, trofei. 

Trasferitasi la capitale dell'impero a Costantinopoli, la vita 
del Campidoglio andò lentameiile spegnendosi, sinché anche la 
sua rovina materiale ebbe principio, quando Slilicone, alla line 
del IV secolo, ne asportò le porte di bronzo dorato del tempio 
di Giove. Poi tutto a poco a poco andò travolto ed oggi non 



(lì ÌAi trattozione della parto anti«m doUa storia del Cam]iidof?lio è 
stata dai K. affidata ad un dotto archeologo, il prof. M, L. Homo. 



Digitized by 



Google 



STORIA 6KNKIULK — £. HODOCANACHI 11 

Timaiie più del Campidoglio antico cbie la parte inferiore dei 
tabularium, sulla quale sorge il palazzo senatoriale. 

Imprendendo a dire del M. E., il Rodocanachi ci porla in 
mezzo alle leggende strane e fantastiche che nei secoli hassi 
facevano considerare il Campidoglio antico un luogo fatato, un 
talismano custode della grandezza di Roma, ma che doveva 
perdere per altro la sua potenza con la nascita di Cristo, al- 
meno secondo alcune versioni della leggenda. 

Uno dei primi edilìzi nuovi del Campidoglio fu la chiesa di 
S. Maria, sorta nell'VIII secolo sulle rovine del tempio di Giu- 
none Moneta, e detta poi in AracoelU denominazione di dubbia 
etimologia, derivata non si sa se da arx, o da aurocoeli, nome 
di altre chiese italiane, o dal fatto che la Giunone Moneta, a 
cui in quel luogo sciava per Tinnanzi un tempio, si diceva 
pure Juno coelestis od anche Dea Virgo Coelestis. Nel IX se- 
colo l'abitazione della famiglia dei Corsi sorgeva sul tabula- 
lùuin, raso allora come adesso al livello della piazza capitolina. 

Un primo accenno al risorgimento del Campidoglio nella 
coscienza popolare, secondo il concetto antico, si ebbe quando 
nel 1143 i Romani, insorgendo contro il papa, vi accorsero per 
ristabilirvi il Senato, che vi fu infatti creato sotto forma di 
un'assemblea del tutto popolare; mentre Arnaldo da Brescia 
consigliava di riedificare il Campidoglio antico (concepito nel 
M. E. come un solo grandioso palazzo): ed un nuovo edifizio 
infatti vi fu innalzato per residenza del Senato, il quale nel 
1145 era già si forlificato da respingere l'assalto del papa. 

Cosi il Campidoglio diventò ciò che era stato nel passato : 
il centro, la vita di Roma. K già nel secolo XIII nel Campi- 
doglio si giudicavano tutti i processi, si discutevano gli affari 
municipali, vi si tenevano comizi popolari nella loggia allora 
costruita, vi si conservavano le cose più preziose, come il car- 
roccio dei Milanesi, donato ai Romani da Federico II dopo 
Cortenuova; vi si teneva il mercato; vi si custodiva un leone 
vivo, quale simbolo della città. 

11 secolo XIV fu di grande importanza pel Cam|)idoj,Mio, 
dove il palazzo senatoriale fu ricostruito forte conio un castello, 
e dotato da Bonifacio IX di due torri, che esistono ancora. 

Nel secolo XV si cominciò anche ad ornare Tedifìzio capi- 
tolino, che ebbe belle finestre di marmo, opera di Paolo Ro- 
mano, e pitture di Bartolomeo da Foligno ; mentre non si tra- 
scurava il mantenimento dello fortificazioni. 



Digitized by 



Google 



12 RECENSIONI K NOTE BIULlOGRAnCHE — L. CI ACCIO 

Contemporaneamente, essendo divenuto il palazzo senato- 
riale quasi dipendente dalla Santa Sede, un altro edifizio veniva 
innalzato in Campidoglio, quale sede dei bantleresU detti, poi 
Conservatori, rappresentanti diretti del popolo, che esisteva già, 
come dimora ben modesta, nel 1408, e rhe Nicolò V (1447-1455) 
trasformò in j^alazzo, di cui si vedono ancora gli archi murati 
nel cortile. 

Come nell'antichità, cosi anche nel M. K., il Campidoglio 
divenne il luogo in cui non solo si amministrava la giustizia, 
ma anche se ne applicavano lo sentenze : sino dal sec. XIV nel 
Tabularium vi erano prigioni e sul monte Tarpeo, detto allora 
Caprino, perchè deserto e frequentato solo da capre, avevano 
luogo le esecuzioni alla forca, mentre le decollazioni si facevano 
sulla piazza stessa del Campidoglio e talvolta si impiccava anche 
alle finestre del palazzo dei Senatori. 

Nel sec. XVI avvenne gradatamente l'attuale trasformazione 
del Campidoglio, a cui si pensò per la prima volta nel 1536, 
quantunque i disegni di Micholangiolo non avessero elTolto che 
assai più tardi, cosicché il grande architetto non potè vedere 
effettuato dei suoi piani che quello riguardante il trasferimento 
dalla piazza lateranense alla capitolina della statua equestre di 
Marco Aurelio, preservatasi miracolosamente traverso il M. K., 
in grazia di particolari leggende. 

1 due palazzi nuovi dei Conservatori e del Sonato ebbero 
compimento al tempo di Clemente Vili (1592-1605); il terzo 
palazzo è dovuto a Innocenzo X (1044-165.5). 

1 palazzi capitolini non furono soltanto adorni delle anti- 
chità che sino dal sec. XVI (cominciarono a costituirvi dei musei 
con i rifiuti, per così dire, del palazzo Belvedere in Vaticano 
(mentre la galleria di quadri fu creata soltanto nel 1749); ma 
ebbero alti'esi statue onorarie innalzate ai personaggi più i^im- 
paticamente benemeriti, quali Leone X, Paolo III, Paolo IV, 
Gregorio XI H, Sisto V, Urbano Vii, Clemente V, Alessandro 
Farnese, Marcantonio Colonna. 

Come centro della vita cittadina poi il Campidoglio fu sede 
altresì delle corporazioni delle arti, che ebbero i loro consolati 
specialmente nel nuovo palazzo dei ConseiTatori. 

Ma non si può avere un'adeguata idea del lavoro del R. 
senza tener conto anche di quanto egli ci racx^onta delle inco- 
ronazioni poetiche del Petrarca, del Perfetti e di Conila Olim- 
pica, e delle feste e pubblici divertimenti, episodi di curiosità 



Digitized by 



Google 



STOUIA GENERALE — E. RODOrAXAGlII 13 

(coinè lo vicende dol leone vivo mantenuto dalla città o Fespo- 
siziono avvenuta nel sec. XV dol cadavci'o perfettamente con- 
servato di una fanciulla rinvenuta in una tomba romana antica), 
i quali ebbero per teatro il Campidoglio, col che il Rodocanachi 
ci fa penetrare nella minuta vita cittadina dei Romani traverso 
i secoli. Anzi questo desiderio di parlarci di tutto ciò a cui il 
Campidoglio offra la minima occasione prende talvolta un po- 
chino la mano air A., facendolo trattenere su argomenti che 
escono addirittura dal suo tema, come nella lunga disquisizione 
.sulla Stamperia del popolo romano. 

Ma non è davvero il caso di lagnarsi di tale sovrabbon- 
danza di materia, trattata in modo tanto dotto e tanto acuto. 

Piuttosto ci è di motivo a meste riflessioni sul poco conto 
onde in generale sono tenuti gli studi italiani, la constatazione 
che un letterato erudito e accurato come il R. abbia ignorato 
il bellissimo libro del Gomparetti su Virgilio mago net M. E., 
argomento che sia in istrelto rapporto con le leggende medio- 
evali relative al Campidoglio. Probal)ilmente se il Comparetti 
fosse francese o tedesco, mai l'opera sua insigne sarebbe sfug- 
jrila ad un ricercatone assai meno colto dol R. ! 

Del resto non possiamo che dare completa lodo all'A. per 
la sua esauriente monografìa, sia in quanto è frutto di ricerca 
originale, sia in quanto è oculata compilazione di ciò che già 
era stato scritto su vario parti doirargomento da altri insigni 
studiosi, quali il Re, il Gerardi, il Lanciani, e il Michaelis, 
riiijlsen, il Miintz: che sarebbe pedanteria far carico al R., 
ciiltore di studi storici, e non artistici, i)er ciò che egli dice 
n[)etutamente (p. 7(>) gli affreschi della cappella Caraffa alla 
Minerva in Roma opera di Filippo Lippi, mentre notoriamente 
ne è autore Filippino, non essendo assolutamente lecito in questo 
<*aso ridurre alla forma normale il nomo diminutivo del figlio 
di Fra Filippo, che, consacrato dalla consuetudine storico-arti- 
stica, sta senz'altro appunto a distinguerlo dal padre. 

Debbo inoltre aggiungere che il libro è corredato di tutto 
ciò che poteva renderlo più gradito e più utile agli studiosi: 
un'ottima bibliografia, elenco dei nomi di cose e persone acni 
si accenna nel lavoro, appendice di documenti (discorso pro- 
nunciato dal Petrarca in occasione della sua incoronazione; una 
coìistilutio di Benedetto XIII), copioso illustrazioni tratte da 
antichi monumenti e da rappresentazioni grafiche contempo- 
ranee ai luoghi dei quali ò questione. Lisetta Ciacoio. 



Digitized by 



Google 



14 HBCKNSIONI K NOTE BIBLIOGRAFICHE — C. R. 

ADOLFO PADOVANI, L\iomo di genio come jìoeta. Milano,. 
Ulrico Hoepli, 1904, 

9. — Il volume non appartiene propriamente alla cate- 
i^oria dei libri, di cui si occupa la Rioista storica, perchè non 
è storia ma critica esteti(*a secondo un programma prestabilito. 
Ma il lavoro meditato, elegante e gentile può anche essoi'e ri- 
cordato, se non preso in esame dalla Rivista, 

Premesso, che il genio è originalità schietta e pura, novità 
forte e sana, non già affetta da stigmate patologiche, come 
vorrebbe la teoria lombrosiana; determinati i caratteri del- 
Tuomo di genio come poeta, (rreatore e animatore ad un tempo; 
TA. avverte che il poeta può benissimo qualificarsi filosofo, scien- 
ziato, esploratore, guerriero, profeta, se si riguardi l'argomento 
trattato, ma rispetto alla tecnica del verso il poeta non può 
essere che scultore, pittore o musicista. — Scultorea sarà la sua 
poesia, se il verso è sintetico, la strofa rapida e serrata, densa 
e concisa, caratteristica di Dante e Carducci; pittorica, se 
ricca di parole cromatiche, di sembianze e vedute abilmente 
ritiatte, caratteristica del Petrarca e dell' Ariosto ; musicale in- 
fine, se il poeta s'abbandona airarmonia del verso prodigando 
gli aggettivi ridondanti e i vocaboli sonori, come Lamartine e 
Metastasio. I grandi poeti poi, i geni sovrani, sortirono quasi 
sempre le tre caratteristiche insieme pur dimostrando la pre- 
valenza di una di esse. 

S^uendo questo concetto, TA. sceglie come tipi Dante e 
Carducci quali poeti scultori, Petrarca e Pascoli quali poeti 
pittori, Metastasio quale poeta musicista, ed analizza le loro 
creazioni poetiche solo sotto questo aspetto singolare, però con 
molta acutezza, genialità e signorilità di forma. 

C. R. 



2. ETÀ PREROMANA. E ROMANA. 

DE GIORGI COSIMO, Le specchie in Terra d'Otranto. Note 
e documenti. (Estr. dalla «Rivista stor. salentina »). Lecce, 
d905. Pag. 57. 

iO. — Da Antonio Galateo, pel primo, e dopo di lui, dal 
Lenormant, dal Nicolucci, dal Bertaux, furono segnalati, più 
che descritti, que* cumuli di pietre, ammassate le une sulle 
altre, in forma di cono, i quali s'innalzano, tanto sulle colline, 



Digitized by 



Google 



KTÀ PìU:KOMANA e B0U.\NA - e DE GIOBUI 15' 

quanto nelle parli più basse della provincia di Lecce, conosciuti 
col nome volgare di specchie. Il De Giorgi, il valoroso geologo 
e studioso salentino, ha rivolto ad essi un esame più accurato 
ed essenzialmente obbiettivo, e vi ha riconosciuto tre tipi 
principali : a) il tipo che comprende le specchie isolate, di forma 
conica, od a guisa di cupola, con base circolare ; b) la specchia 
di forma ellissoide, con base ellitica, come quella della specchia 
Catone^ il quale tipo è raro ; e) quella più notevole per la sua 
costruzione, sia per le maggiori proporzioni, sia, perchè è cir- 
condata da altre più piccole, ed anche da muri, e tal volta, da 
fossi scavati nella roccia. A questi tre tipi si potrebbe aggiun- 
gere un quarto tipo, molto raro, e che si trova solo là, dove 
manca la pietra alla superficie del suolo, tipo che sarebbe u* 
guale allo Timpe, dall'A. osservate nella Basilicata e nel cir- 
condario di Vallo della Lucania, e non mai ritrovato in Terra 
d'Otranto, quantunque, non è improbabile supporre, che siano 
state distrutte. 

Premesso un accurato catalogo delle specchie deWa provincia 
di Lecce, e premesse ancora queste osservazioni, Tantore si do- 
manda : « In origine quale fu lo scopo e la destinazione delle 
specchie salentine?». A parer suo, le specchie y in Terra d'Otranto, 
non erano, se non delle torri di difesa, delle vedette, che i 
primi abitanti di un'epoca protostorica costruirono, per ripararsi 
dalle invasioni nemiche. Ma una siffatta opinione TA. ce la pre- 
senta come una semplice congettura, tenuto anche conto che, 
a differenza delle specchie del barese, le salentinr non han dato 
nessuna suppellettile, che possa dirsi funebre, e che faccia sup- 
l)orre essere esse state dei sepolcri. 

È da augurarsi che nuove sistematiche ricerche conducano 
a risultati certi, dei quali si avvantaggeranno l'etnografia e la 
storia deiritalia meridionale. L. Correrà. 



TKODORO MOMMSEN, Storia di Roma antica. Nuova trad. 

ital. di Luigi di S. (fiusTO. Voi. II e III. Torino, Roux e 

Viarengo, 1905. 

11. — Nel 1** fascicolo del 1904 della Rivista abbiamo an- 
nunciato il l"* volume di questa nuova traduzione italiana sul- 
Tultima edizione tedesca di Teodoro Mommsen, curata dalla 
valente scrittrice Luisa Macina-Gervasio, che si asconde sotto 
il Bome di Luigi di S. Giusto, e illustrata dairesimio ronianista 
Ettore Pais. Ora annunziamo la pubblicazione dei volumi II e IIL 



Digitized by 



Google 



16 RKCENSIOXI E NOTE BIBLIOGRAFICHE — C. K. 

Il II ri i)reseula il periodo, clie il Mommson intitolò L(i ri- 
votazione, ossia le riforme e i rivol^imoiìti di Tiberio e Gaio 
'Gracco, il tentativo di rivoluzione <li Mario e di riforma di 
Druso, la ribellione dei sudditi italiani e la rivoluziono sulpicia, 
la lotta tra la i)arte mariana o la sillana con la costituzione di 
Siila, senza ommettere i rapporti coi Cimbri e coi Teutoni e le 
spedizioni contro Mitridate, non che la descrizione delle condi- 
zioni e(*onomiche, relip:ioso, letterarie, artistiche, educative 
della repubblica. E ornato di 52 illustrazioni. 

Il volume III ha per argomento La fondazioyie della ino- 
navchia miniare, studiata nelle sue fasi di formazione: il mo- 
vimento democratico, piratico, {j^ladialorio e la caduta dell'oli- 
garchia, la signoria di Pompeo e i suoi trionfi in Oriente, 
Giulio Cesare e rassoggettamento dell 'Occidente, il triumvirato 
-di Pompeo, Cesare e Crasso, la rottura tra gli autocrati e la. 
guerra civile tra cesariani e pompeiani fino al trionfo di Ce- 
sare, il governo del dittatore, la religione, le lettere e le arti. 
Il testo è cori'edato di 93 illutrazioni. 

Il volume termina con cenni biografici e bibliografici in- 
toi'iio a Teodoro Mommsen e con preziose notizie delle più im- 
portanti pubblicazioni di storia romana posteriori all'opera del 
Mommsen. Un indice alfabetico-analitico chiude questa nuova 
edizione italiana del poderoso lavoro del gi'ande storico tedesco. 

C. R. 



HENRI THÉDENAT, Le forum romala et les forums imjìè- 
riaiu\ .r edit. Paris, libr. Ilachette et C.% 1904. 

i:^ — Di questa notevole opei'a d'archeologia romana di- 
scorse ampiamente, con la competenza che tutti gli riconoscono, 
nella Rivista storica del 1900 (p. 411) il nostro valente colla- 
boratore, prof. Lucio Mariani, quando comparve la 2* edizione. 
Egli avvertiva allora, giustamente, che presto il Thédenat sa- 
rebbe stato costretto a rimodernare il suo libro, di fronte ai 
numerosi scavi del foro romano, avviati a nuove gravi scoperte. 

E infatti il Th., dopo aver seguito attentamente l'indefesso 
lavoro del Boni nel foro e la scoperta della vecchia chiesa di 
Santa Maria Antica, sussidiato dagli studi del Duchesne e del 
Marucchi, e dopo aver visitato di persone i)iù volte i monumenti 
nell'ordine stesso, con cui intendeva guidare i suoi lettori, si 
convinse della necessità di l'ifondere tutta l'opera sua, special- 
mente la seconda parte, intitolata Une visite au Forum, e di 



Digitized by 



Google 



ETÀ PREROMANA K ROMA^'A — A. AUDOLLEOT 17 

arricchirla di nuovi elementi, tra i quali notevole la descrizione 
di Sanata Maria Antiqua. 

Siccome il Mariani nella sua precedente recensione non si 
era indugiato a tracciare Tordinaraento di questo lavoro, ch'è 
un serio studio archeologico e una preziosa guida per il colto 
visitatore, ci sembra utile sopperirvi con un breve prospetto 
del volume. 

Si divide in due parti: 1* storia, 2* una visita al foro. La 
parte 1* è suddivisa in tre libri : il 1* è dedicato al foro romano, 
di cui ci fornisce la storia generalo e descrive gli scavi sino 
al 1903; il 2° è tutto rivolto alla storia dei singoli monumenti 
del foro (comitium, vulcanal, lapis niger, regia, curia, lacus 
Curtius, TuUianum, Lautumiae, scalai Gemoniap, fons Juturn», 
tomba di Romolo, templi di Giano, di Vesta, di Saturno, di 
Castore, della Concordia, ecc.) ; il 3" si occupa dei fori impe- 
riali (Cesare, Augusto, Nerone, Traiano). La 2* parte, divisa 
in 18 capitoli, è una sapiente guida analitica ed esplicativa per 
la visita del foro in tutte le sue parti ed in tutti i suoi periodi 
storici, dei due antichissimi monumenti cristiani attinenti al 
foro, che sono il santuario dei quaranta martiri e la chiesa di 
Sancla Maria Antiqua, e infme dei fori imperiali. 

L'accurato lavoro è fornito di copiosissima bibliografìa, d'un 
indice alfabetico molto esteso, di tre grandi piani fuori testo in 
fine del volume, di otto tavole fuori testo in fototipia e di 62 
piani e figure intercalate opportunamente al testo. 

C. R. 



AUGUSTE AUDOLLENT, Carthage Romaine. Paris, Fonte- 
moiug, 1901. 

13. — La Cartagine romana ha trovato neir Audollent uno sto- 
rico assennato e diligente che ha dato su di essa una monografia 
per ogni rispetto compiuta. Cauto e coscienzioso, TA. non si 
abbandona mai a voli fantastici e non cede alla tentazione di 
far congetture chimeriche ^quando le lacune della tradizione o 
delle scoperte monumentali non permettono congetture fondate. 
Ma senza bisogno di ricorrere a tali espedienti, egli ha saputo 
darci della vita cartaginese nell'età imperiale, cosi mossa in 
apparenza e quasi turbinosa, un'immagine chiara e ben deli- 
neata e scrivere al tempo stosso un libro che ogni persona 
colla può leggere non solo con profìtto, ma anche con piacere. 
Rivista storica italiana, 3» S., v, 1. 2 



Digitized by 



Google 



18 RKCENSIONI E NOTE BIBLIOOBAFICHK — O. DK SANCTlS 

11 volume, cui è premessa un'accurata bibliografìa, si 
chiude con una utilissima raccolta di testi relativi alla topo- 
grafia di Cartagine e eoa importanti aggiunte che danno conto 
degli scavi più recenti e delle pubblicazioni concernenti la 
storia di quella città venute alla luce tra il marzo 1901 in cui 
il libro s'è finito di stampare e il 1904 in cui (ad onta della 
data che porta sulla copertina) si è pubblicato. 

L'Audollent comincia con una breve storia di Cartagine 
dal tentativo fatto nel 122 da C. Gracco per riedificarla come 
colonia romana alla sua presa per opera degli Arabi nel 698. 
E' questa parte, per quanto indispensabile, la meno originale 
del libro : poiché fra tanta scarse/za di dati Fautore s'è dovuta 
in generale toner pago ad estrarre dalla storia dell'impero ro- 
mano o del bizantino quelle scarse notizie che si riferiscono 
particolarmente a Cartagine, p. e. sulla ribellione dei due Gor- 
diani sull'ingresso di Belisario nella città. Ben più impor- 
tante è l'ampia trattazione che segue sulla topografia di Car- 
tagine: importante anche per la conoscenza della Cartagine 
fenicia, perchè la topografia di questa deve ricostruirsi sulla 
base di quella della Cartagine romana. A esempio per intender 
bene la storia della prosa di Cartagine del 140 av. C. conviene 
aver prima studiato i porti e la rocca di quella città nell'età 
imperiale. Ora su questi o su altri punti i rilievi fatti eseguire 
dal governo francese e le scoperte recenti commentate assai 
bene dall'A. o combinate con le notizie dei classici e degli 
esploratori più antichi, tra cui primeggia il danese Falbe, ci 
permettono di correggere notevolmente le opinioni che prima 
s'avevano. Sembra cosi avvicinarsi alla soluzione la questione 
del porto commerciale e del porto militare (Kothon) dell'an- 
tica Cartagine. Le due lagune all' oriente del Douar-ech-Chott, 
l'una circolare, l'altra rettangolare non rappresentano, a quanto 
pare, i due porti, ma le duo sezioni cui accenna Appiano del 
porto militare od interno, mentre il porto mercantile od esterno 
si sarebbe aiiorto più a sud protetto da un molo e da una 
grande di^a. E in sostanza la teoria sostenuta da R. Oehler 
nei Neue Jahrhucher f. Philologie voi. 147 (1893) pp. 321 
segg., che sembra avere la conferma dalle esplorazioni più 
recenti. Pel resto son pure molto interessanti le notizie sulla 
formazione e sullo difese della collina di S. Luigi, come è chia- 
mata, da una cappella dedicala alla monioria di quel re di 
Francia, Taiitica rocca di Byrsa, in cui si raccolsero nel l'i(> 



Digitized by 



Google 



ETÀ PREROMANA E ROMANA — A. AUDOLLENT 19 

gli ultimi difensori di Cartagine e in cui la consorte di Asdru- 
bale si gettò tra le rovine fumanti del tempio di Eschmun 
(Esculapio) per non sopravvivere alla caduta della patria. 

In seguito l'A., dopo aver discorso brevemente degli ordina- 
menti municipali di Cartagine e dei funzionari governativi re- 
sidenti in quella città, traccia un ampio quadro delle condizioni 
religiose della metropoli dell'Africa romana. Egli mostra in- 
nanzi tutto come il paganesimo greco-romano si fuse colà con 
le reliquie del paganesimo fenicio e come ne sorse ad esempio 
il culto precipuo della nuova Cartagine, il culto cioè di quella 
dea Celeste, che partecipa e della semitica Astarte e dell'italica 
(Giunone; mentre Baal-Hàmàn trasformandosi in Saturno non 
I)erdeva punto, in ragione della scarsa importanza che questo 
dio ha nella mitologia greco-romana, la speciale venerazione 
cui era stato fatto segno dai Fenici. Accanto a queste divinità, 
non greco né romano d'origine, ma largamente venerato nel- 
l'impero, l'egiziano Serapide ebbe dai Cartaginesi un culto che 
venne prendendo tanto maggiore sviluppo quanto più decadevano 
l^'li antichi dei classici. Ma la dea Celeste e Serapide, sebbene 
cercassero d'adattarsi alle tendenze sincretistiche e monotei- 
stiche del tempo, corno mostrano i loro epiteti di Panteo e Pantea, 
I»erdettero a poco a poco i loro adoratori per la diffusione del 
cristianesimo. 

La cristianità africana è stata recentemente studiata dal 
Leclercq nel libro V Afrique chrètienne (Paris 1904) e dal 
jmnlo di vista letterario, dal Monceaux nella sua Hlstoire Ut- 
tèraire de VAfrique chrètienne. Non senza interesse è tuttavia 
anche il punto di vista da cui se ne occupa l'AudoUent, descri- 
vendo la trasformazione dei costumi e della vita d'una grande 
città sotto l'influenza del cristianesimo. 

11 libro si chiude con una delineazione dello sviluppo ar- 
tistico, industriale e letterario di Cartagine: parte anche questa 
che non manca di quadri interessanti e svariati, dalle confe- 
renze di Apuleio alle omelie dette nelle basiliche cartaginesi 
da Agostino, dallo ardenti difese che fa Tertulliano del cristia- 
nesimo oppresso alle adulazioni che i poeti dell'antologia la- 
tina presentano ai re vandali Unerico e Trasamondo. 

Non è facile forse un giudizio sintetico sulla vita cartagi- 
nese ili base agli elementi raccolti e combinati cosi bene dal- 
l'A. I Cartaginesi dell'età imperiale non sono molto diversi, 
salvo qualche esteriorità, come il probabile uso presso il basso 



Digitized by 



Google 



20 RKCKNSIOXI K NOTE BIBLIOGRAFICHE — G. DE SANCTIS 

popolo della lingua punica o il cullo della dea Celeste, dagli 
altri provinciali deirimpero romano. E con essi hanno comune 
quel che è il più triste sintomo di decadenza delPimpero romano: 
la mancanza di originalità in ogni ramo della loro attività. 
L'aite ricopia sempre vecchi motivi e usa sempre tecniche già 
note e sempre men bene. L'industria fabbrica sempre le stesse 
manifatture. La letteratura è, per ciò almeno che riguarda i 
pagani, povera, come ora si dice, e negli spiriti e nelle forme. 
La vita municipale si muove tra gli stessi ingranaggi, che di- 
vengono sempre più guasti e rugginosi. Tutto è insomma, in 
mezzo all'apparente affannarsi, fatta sola eccezione per ciò che 
riguarda il pensiero religioso, di una immobilità, di una ste- 
rilità che sorprende noi usi a tentar sempre (e sia pure che 
il successo non sempre corrisponda all'arditezza dei tentativi ) 
nuove vie in politica, in arte, nella scienza, nell'industria, nella 
scuola. A questa scarsa originalità, comune in generale a tutti 
ì Romani della decadenza e dipendente da cause generali, ac- 
coppiano i Cartaginesi due qualità poco simpatiche che dipen- 
dono probabilmente soprattutto dagli elementi etnici onde son 
costituiti. In primo luogo sono, in ogni occasione, amicissimi 
della chiacchera. Senza molte chiacchiere non si risolve a 
Cartagine nessuna questione ne piccola né grande, ne sacra 
ne profana; e l'orpello della retorica come maschera il vuoto 
del pensiero cosi contamina l'oro delle alte idealità. Poi erano 
assai poco equilibrati: litigiosi, incostanti, avidi di piaceri, e 
non alieni al tempo stesso da scoppi di fanatismo. 

Ma qualunque giudizio possa darsi degli uomini di cui 
TAudollent discorro, certo del suo ottimo libro dovrà valersi 
chiunque voglia studiare la vita cartaginese nell'età romana. 

G. De Sanctis. 



ATTILIO PROFUMO, Le fonti e i tempi deW incendio ney^o- 
niano. Roma, Forzani e C, 1905. 

14. — È notissima ai lettori della Rivista storica la pole- 
mica dotta e vivace, che da parecchi anni si dibatte suirin(;endi(> 
di Roma, imperante Nerone, dopo la pubblicazione del prof. Carlo 
Pascal, L'incendio di Roma e i primi Cristiani (Milano, 1900). 
La polemica s'è incardinata su due quesiti: 1° Sono i Cristiani 
od è Nerone l'autore dell'incendio di Roma nel G4? 2» Qual'è 
l'interpretazione da darsi al notissimo passo di Tacito, ann. XV, 44 i 



Digitized by 



Google 



ETÀ PREROMANA. E ROAtAXA — A. PROFUirO 21 

Attilio Profumo ha compiuto un poderoso lavoro critico, 
storico, giuridico, comparso in un volume in-4, di pag. x-748, 
non per riassumere la discussione, ma per rifarla con metodo 
più razionale, non legato ai due quesiti succitati, che presentano 
un pericoloso apriorismo, ma guidato dalle norme d'una sana 
critica obbiettiva diretta a risultati criticamente certi, o positivi 
negativi. 

Lo studio esteso, ampio, minutamente analitico è diviso in 
cinque parti: 1<» L'autore deirincendio, 2° la persecuzione cri- 
sliana, 3<» analisi critica delTincendio; 4* appunti critici sulla 
documentazione dell'incendio, 5' epilogo. È corredato di cinque 
indici: degli scrittori romani, giuridico, storico, metodologico, 
degli scrittori moderni; ed è illustrato da tre tavole: ritratto 
di Nerone, topografia della valle Labicana e dei possessi nero- 
niani, monete neroniane. 

Le due questioni fondamentali riguardano l'autore deirin- 
(•endio e la successiva persecuzione neroniana; ma TA. con 
una dottrina critica, giuridica, canonica, filologica e storica 
molto svariata affronta un' infinità di altre questioni, o come 
preparazione all'intento principale, o come corollarii tratti da 
[jrecedenti conclusioni. Ammirando la vastità della coltura e 
l'acutezza della dialettica, non si può tuttavia nascondere, 
<*he troppo prolissa è la trattazione, frequenti sono le ripeti- 
zioni, ed eccessive le digressioni; tanto che talora si perde la 
vjjfta e quasi il ricordo delle questioni fondamentali. 

D'un lavoro cosi grave e poderoso è bene riassumere al- 
meno i risultati, a cui pervenne l'Autore sui due maggiori que- 
siti, usando possibilmente delle stesso sue parole. 



Quanto aWaufore deWincendio, cinque fonti di alto valore 
testimoniale (Plinio Secondo il vecchio, eluvio Rufo, Fabio Ru- 
stico, Suetonio Tranquillo e Dione Cassio) e dal lato documen- 
tario e dal lato critico, appartenenti ad ambienti, a partiti, a scuole 
le più diverse ed alcune fin delle più intime della vita della 
corte imperiale, proclamano nettamente, senza altra versione: 
— l'autore-deirincendiodel 64 essere Nerone. •— Una sola fonte, 
derivata prossimiore, e proprio quella che ha il minor valore 
testimoniale (Cornelio Tacito), resta in dubbio fra Nerone e la 
versione imperiale ufilciale del caso fortuito. 



Digitized by 



Google 



22 REOfi.VSXONI E NOTE lìIRUOGKilFICHE — C. RINAUDO 

Pochissimi eventi storici presentano una documentazione 
così numerosa e sicura come quella che, fortunatamente, ci è 
giunta suir incendio di Roma del 64. E' quindi con tutta si- 
curezza e documentaria e critica, che lo studioso può e deve 
concludere che Nerone ne fu l'autore. 

Similmente, è con tutta sicurezza e documentaria e critica 
che possiamo, anzi dobbiamo, assodare come dal luglio del 64, 
cioè, dall'evento istesso, fino al 117-120, data della pubblica- 
zione degli Annali di Tacito, non sieno esistite unicamente cho 
due sole ed uniche versioni sull'autore dell'incendio: — e l'uf- 
fìciale del « forte » dell' < incendio fortuito » — e quella, la sola 
accolta dall'evo come rispondente alla verità, quella del «dolo 
Principis, di «Nerone incendiario. 

Ut 

Quanto alla persecuzione cristiana, seguita all'incendio di 
Roma, l'autore ritiene: 

Come documentariamente accertato: 

1* che non vi fu mai, per l'incendio del 64, processo al- 
cuno ad incendiari ne pagani, ne cristiani; 

2° che la versione ufficiale ed ufficiosa dell'incendio, fu 
sempre e sola quella dell' « evento fortuito » del « forte >, come, 
oltre cinquant'anni dopo dall'evento, ci ha ancora riferito Tacito ; 

3<> che le persecuzioni contro i cristiani s'iniziano da 
Nerone ; 

4» che s'iniziano applicando loro V Institutum delle tre 
accuse di Tiberio; 

5^ che tale inizio di fatto e di giure ha luogo nell'anno 65, 
mercè una fìtta serie di processi — il grande processo di Tacito. 
Come criticamente accertato: 

6^ che Nerone e la sua Corto non potevano non cono- 
scere in modo sicuro ed esatto il movimento cristiano; 

7* che tale conoscenza del movimento cristiano non foase 
eziandio notoria: in modo favorevole neirambiente servile di 
Roma; ed in modo sfavorevolissimo ed ostilissimo negli altri 
ambienti tutti, dal plebeo al patrizio, della città. 
Come criticamente probabile: 

8® che Nerone sia stato indotto alla persecuzione cristiana, 
soprattutto da ragioni politiche; 

9° che Nerone l'abbia poi prescelta per 1' ^ abolendo rxi- 
mori> a preferenza d'ogni altro mezzo, per ragioni personali; 



Digitized by 



Google 



ETÀ PREROMANA E ROMANA — Q. PASCIUCCO 23 

Come congetturale dal lato documentario e dal critico : 
10* che sia stato: — giusto fra l'aprile ed il maggio 
"dell'anno 05, — in pari tempo o poco dopo — dei primissimi 
processi contro i congiurati Pisoniani, che abbia avuto luogo 
in Roma la fitta serie di processi che costituiscono l'inizio della 
persecuzione Ncroniana; 

11* e che di conseguenza del precedente, sia stato nel 
maggio o nel giugno, del medesimo anno 65, che abbiano avuto 
luogo i martini cristiani agli Orti Vaticani, con a capo, forse, 
il gloriosissimo Principe degli Apostoli, con S. Pietro medesimo. 
Da questo riepilogo delle conclusioni si può facilmente ri- 
levare la gravità delle questioni discusse, e l'interesse della 
pubblicazione. G. Rinaudo. 

G. PASCIUCCO, Elagabalo, con/ riluto agli studi sugli ^aScrip- 

tores historiae Augustae». l^'eltre, 1905. 

io. — L'A. < dallo studio che con intelletto d'amore va con- 
tinuando da qualche tempo sull'impero romano » è stato « indotto 
nel convincimento che quantunque questo campo sia stato già 
da tempo percorso, pure occorra molto correggere ed anche 
molto a^iungere» (p. 9). E ha quindi dato alla luce come 
« primo frutto di tali suoi studi » questo scritterello su Elaga- 
balo. Esso contiene, preceduto da una bibliografia manchevo- 
lissinna, un racconto del regno d'Elagabalo che in buona parte 
è una parafrasi della Historia Augusta, racconto il quale, nella 
mente dell' A., mira «a dare piena luce ai fatti storici, stabilire 
la proporzione nei molteplici particolari, ritrarre nella sua in- 
terezza la figura di gt^e/Z'imperatore » (p. 14). Taluno come il 
sottoscritto potrà pensare che per lumeggiare, precisare e ri- 
trarre nella sua interezza alcunché ci vuole ben altro lavorio 
d'indagine e d'analisi. L'A., come si vede dalla prefazione, spera 
d'aver raggiunto il suo intento; e chi si contenta gode. 

Segue in venti paginette il -<< giudizio delle fonti». Per in- 
tenderlo convien notare che, senza darne alcuna prova, l'A. ri- 
tiene il biografo di Macrino Io stesso del biografo d'Elagabalo, 
mentre è noto che la tradizione manoscritta ascrive quella vita 
a Giulio Capitolino e questa ad Elio Lampridio. Ad ogni modo il 
biografo di Macrino dice che Elagabalo disonorò l'impero luxurie, 
turpitudine, aJbligurrittone, superbia, inmanitate, L'A. classifica 
sotto queste categorie la maggior parte dei fatti narrati nella 
vita d'Elagabalo. E poi ci dà una tabella in cui si vede per ogni 



Digitized by 



Google 



24 KECENSIONI E NOTE BIBLIOGRAUCHE — O. DE SANCTIS 

capo quante volte vi si tratta delia iussuria, quante volte della 
gola etc, e conclude (p. 64) dopo tanta fatica critica : « è dunque 
fuor di dubbio che (nella vita d'Elagabalo) si dimostra una tesi ». 
Non è TA. che ha il merito dell' invenzione d'un metodo cosi 
[proficuo alla investigazione storica. Ma per dimostrar chiaro al 
lettore che cosa questo metodo valga, prendiamo p. es. il noto 
Lfiudizio del Guicciardini su Giulio li, secondo cui fu «principe 
(li animo e di costanza inestimabile, ma impetuoso e di con- 
cotti smisurati». Se non tutti, i nove decimi almeno dei fatti 
di Giulio II riferiti dal Guicciardini nella sua storia d'Italia si 
possono classificare sotto le rubriche magnanimità, costanza, 
ìmpeto, concetti smisurati. Ma quando avremo fatto questa uti~ 
lissima classificazione e quando poi avremo pubblicato una ta- 
bella da cui risulti che dei fatti attribuiti dal Guicciardini a 
rfiulio II nel libro X nove si possono riguardare come esempi 
di impeto, quattro di magnanimità, tre di costanza e cosi via^ 
che vantaggio ne avremo ritratto? Confesso che non saprei tro- 
varvene se non quello d'aver dato lavoro a qualche operaio 
tipografo. G. De Sanctis. 



W. LIEBENAM, Slddteverwattimg ini rómischen KaLseì-reiche. 

Lepizig, Duncker und Humblot, 1900. 

16. — Nessuno ignora l'importanza che ha lo studio della 
vita cittadina nell'impero romano. Innanzi tutto esso aiuta a 
lumeggiare le condizioni anteriori di molte delle città antiche e la 
evoluzione percorsa da quei comuni che, solo per influenza delle 
istituzioni e della civiltà romana, hanno acquistato un centro 
rittadino; poi fornisce elementi per la risoluzione definitiva della 
<]uestione tanto dibattuta sulle relazioni tra il municipio ro- 
mano e il comune medievale; infine perm'ette di intendere assai 
meglio la storia dell'impero romano e di dare dei beni e dei 
inali che quell'impero ha recato all'umanità, un giudizio assai 
più equo che non quello basato sulla cronica scandalosa del 
palazzo imperiale riferita con tanta compiacenza dagli scrip- 
ioì^e^s historiae Augustae e da quei moderni che si trovano per 
coltura al livello medesimo di Elio Sparziano o di Giulio Gapi- 
Lulino. Le fortunate scoperte fatte in Spagna, di epigrafi impor- 
tantissime pel diritto municipale e più recentemente gli scavi 
dell'Asia Minore e quelli dell'Africa francese hanno sparso 
durante il secolo XIX sempre nuova luce sugli ordinamenti 
iimnicipali romani, ed essendo antiquato ormai Io scritto di 



Digitized by 



Google 



ETÀ PREROMANA E ROMANA — W. LTBBKNAM 25 

Emilio Kuhn, Die stadtische und Mirgerliche Verfassung des r(h 
mischen Reichs, si attende con impazienza un libro, che di quegli 
ordinamenti e della vita municipale in genere dia un quadro 
pieno, giovandosi dei nuovi materiali e scoperte e soprattutto 
tenendo conto de' nuovi progressi che, in specie con l'aiuto delle 
scienze economico-sociali, va compiendo la storia. Tale libro 
non è ancor venuto alla luce e forse non è nato chi abbia l'in- 
gegno e le attitudini necessarie per scriverlo : ed è una disgrazia 
per la scienza, sebbene una fortuna pei dilettanti i cui volumi 
sulla storia dell'impero pullulano attorno a noi come i funghi. 
Il Liebenam non ci ha dato il libro atteso ; ma solo alcuni 
materiali per comporlo. Ed è da questo punto di vista che il 
suo scritto va giudicato. Che se si attendesse di trovarvi un 
quadro netto, chiaro, sintetico dello sviluppo municipale dell'im- 
pero romano, si errerebbe di gran lunga e si rischierebbe di non 
giudicare equamente l'autore, il quale ha messo insieme solo 
una raccolta ampia, paziente, coscienziosa, di materiali. Val- 
gano ad esempio della sua laboriosità benedettina le pagine sui 
magistrati municipali romani (p. 252-206) e quelle sulle più im- 
portanti cariche municipali nelle città greche sotto il dominio 
romano (538-565). Che tra tante citazioni vi sia qua e là 
qualche svista e qualche lacuna non dove meravigliare alcuno 
il quale tenga conto, ciò che gli scrittori di recensioni qualche 
volta dimenticano, della manchevolezza delle forze umane. Solo 
è spiacevole che difetti alquanto nel libro la giusta propor- 
zione, poiché per non oltrepassare i limiti convenuti con l'e- 
ditore, qualche volta l'A., ha dovuto, come avverte egli stesso, 
ridurre notevolmente il suo testo e sostituire persino a una 
esposizione larga un semplice schizzo. Ed anche forse è da ri- 
prendere un un po' il tono della prefazione, che ricorda al- 
quanto, sia detto senza malignità, gli inizi biasimati da Orazio 
di certi poemi, il quale ha dato occasione a qualche critico 
d'osservare che l'A. promette più che non mantenga. La prefa- 
zione promette infatti una ricerca sulla questione se e quanto la 
ricchezza cittadina potesse reggere nell'età imperiale ai pesi che 
la gravavano e per conto dello stato e per conto del comune. 
Chiuso il primo libro con la malinconica, per quanto fosse 
troppo affrettata constatazione, che possono in generale indi- 
carsi i cespiti d'entrata e le categorie delle spese dei comuni, 
ma non il rapporto rispettivo ne le cifre dei bilanci comunali, 
si può dire foi-se che le lunghe liste di magistrati municipali 



Digitized by 



Google 



Zb RECENSIONI E NOTE BIBLIOGRAFICHE — O. OBERZINER 

non hanno nessuna importanza nella questione e che la risposta 
ai problema fondamentale non può dopo quella confessione non 
solo esser data, ma neppur esser più cercata con speranza di 
successo. In realtà TA. ha dato soltanto da valente antiquario 
gli elementi, con cui uno storico cui non manchi preparazione 
in fatto di economia sociale potrà tentare di risolvere e questo 
ed altri problemi. E questa raccolta di materiali è per ora la 
più piena che si abbia, nò il libro del Liebenam è stato sostituito 
da altro migliore, per cui non perde il suo valore d'attualità 
questa recensione che, per cause non in tutto dipendenti dalla 
mia volontà, giunge con un ritardo di cui debbo chieder venia 
ai cortesi lettori della Rivista. G. De Sanctis. 



K. GRÒ AG, Aurelianus. (Estratto dalla < Pauly-Wissowa Real- 

encyclopàdie», voi. V). Stuttgart, 1903. 

17. — È un lavoro diligente che offre un chiaro concetto 
di tutto quello che la critica più recente ha potuto affermare 
intorno ad Aureliano (270-275 d. C). 

Dopo un minuto esame delle fonti, dopo aver enumerate 
le principali pubblicazioni moderne intorno ad Aureliano (p. 1-5), 
l'A. passa a trattare della vita di quell'imperatore fino al mo- 
mento ch'egli sali al trono (p. 5-9), quindi del suo governo 
(p. 9-58), studiandone il nome e il titolo, la cronologia del suo 
regno e la storia fino alla sua uccisione. Parla infine dell'at- 
tività di Aureliano imperatore, esaminando la questione prima 
sotto l'aspetto generale e poi ne' particolari, ne' rapporti del 
regnante col senato, coll'impero, col cristianesimo, nello spe- 
ciale indirizzo assunto al suo tempo dalla costituzione, dalle leggi, 
dalle finanze, dall'economia politica, dall'esercito, dai costumi. 

È un lavoro molto encomiabile per dottrina, ordine e chia- 
rezza, corrispondente insomma alla fama dell'enciclopedia, della 
quale è entrato a far parte. Giovanni Oberziner. 



BAUMSTARM Dott. ANTONIO, Liturgia romana e liturgia 
dell'Esarcato; il rito detto in seguito patriarchino e le 
origlili del « Canon Missae » romano, ricerche storicfie. 
Roma, Pustet, 1904. In-8, di pagg. 192. 
18. — Lavori di carattere storico sulla liturgia (riti, fun- 
zioni, ceremonie, vesti, arredi sacri) non mancarono corto in 
passato. Bastino i nomi dei dotti benedettini Mabillon, Martène, 
e dei nostri italiani Bona, Tornasi, Bianchini e Muratori. Ma 



Digitized by 



Google 



ETÀ FBSUOMA.NA I ROMANA — A. BAUBUTAKK 27 

•dal secolo XVII e XVIII in poi si è fatta molta strada, e le 
loro opere, quantunque erudite, non reggono più al paragone 
delle opere moderne sui medesimi argomenti. 

Non mi sembra però da accettarsi in tutto la ragione, che di 
<]uesta relativa inferiorità adduce il Baumstark, ponendola neirin- 
dole spesso troppo apologetica di quei libri, rivolti a difendere le 
pratiche del culto antico cristiano contro le distruzioni e le in- 
novazioni dei Protestanti. Tale spiegazione ha per lo meno 
bisogno d'essere molto dichiarata, non potendosi assolutamente 
ammettere, che uomini eruditi insieme e sinceri, come gli scrit- 
tori qui sopra nominati ed altri ancora, si potessero servire 
della loro erudizione per propugnare Tantichità e la ragionevo- 
volezza di usanze, che in realtà essi sapevano non essere né 
antiche né ragionevoli. 

Non si vede come si debba ricorrere ad altre spiegazioni, 
mentre è tanto ovvio e naturale attribuire la risurrezione degli 
sludi storico-critici sulla liturgia, o, per dirlo con le parole stesse 
del Baumstark, la trasformazione della storia 4ella liturgia €Ìn 
vera scienza nel senso moderno della parola » al vasto e pre- 
zioso materiale nuovo, venuto fuori in seguito airincessante spi- 
rito di ricerche sui documenti del passato, che è proprio del- 
reta nostra- 
li Baumstark è uno dei più eruditi ed attivi cultori di 
questa nuova scienza, di cui egli dà vanto al Probst (1870) 
^'averla iniziata. Della sua conoscenza nella materia è prova 
il presente libro, nel quale tratta della corrispondenza, che 
h<umo tra loro certe preghiere della S. Messa nelle liturgie 
delie varie chiese occidentali ed orientali, cercando poscia di 
stabilire quale di esse si accosti di più al tipo più antico di 
cui ci lasciarono memoria gli scrittori ecclesiastici S. Clemente, 
Giustino e S. Cipriano. In particolare egli mette a confronto e 
discute i testi paralleli di un codice di Brescia, di cui si crede 
autore Paolino d*Aquiieia, un canone che in un codice antico 
(di Vauclair) è dato come opera di Sant'Ambrogio, ed un ca- 
none, che sarebbe stalo in uso nella chiesa di Ravenna. Seb- 
bene si tratti di opinioni ed ipotesi che sono tuttora in discus- 
sione, e su cui insigni cultori delia scienza liturgica hanno fatto 
espre.sse riserve (come per es. Dom Morin nella Reviie Bene- 
dicline del 1904), l'opera del Baumstark dovrà sempre essere 
consultata e le sue induzioni tenute in seria considerazione. 

F. Savio. 



Digitized by 



Google 



28 RECENSIONI E NOTE BIBLIOGRAnCHE — ft. MOSCA 

3. ALTO MEDIO EVO (SEC. V-XI). 

W. GARLYLE, A History of medioeval politicai theory in the 

West, Edinburgh, W. Blacwood a. Sons. 1903. 

19. — Di quest'opera, la quale promette di darci un reso- 
conto esatto e circonstanziato di tutti i principali scrittori po- 
litici occidentali del Medio Evo, per ora è apparso soltanto il 
primo volume, che, cominciando da Cicerone, arriva fino ad 
Agobardo, ad Incmaro e ad altri scrittori della seconda metà 
del nono secolo. 

In questo volume l'autore comincia coU'analizzare quali 
fossero i concetti sull'origine dello Stato, la giustizia, il diritto 
naturale, l'uguaglianza umana e la libertà politica nei libri di 
Cicerone, di Seneca e posteriormente nei giureconsulti romani 
del secondo e terzo secolo dell'era volgare, ai quali indubbia- 
mente si deve la distinzione fra il diritto civile, il diritto delle 
genti e quello naturale. In seguito tratta dei Santi Padri, che 
svilupparono sempre più i concetli già elaborati nell'epoca pa- 
gana armonizzandoli coi principi cristiani, e mette in rilievi 
come già l'idea fondamentale delle due potestà e delle due giu- 
risdizioni separate, l'una pertinente alla Chiesa e l'altra allo 
Stato, venga nettamente enunciata ne^li scritti di Sant'Ambrogio- 
e San Gregorio Magno. Né gli sfugge, come fin d'allora fosse 
generalmente ammesso che lo Stato è una istituzione necessaria 
sorta, per volontà divina e col fine di assicurare l'adempimento- 
della giustizia; né trascura di ricordare come le imperfezioni 
del consorzio sociale, fra le quali principalissima ora la perma- 
nenza della schiavitù, fossero giudicate conio una conseguenza 
della imperfeziono della natura umana, ossia, per ripetere esat- 
tamente la frase dei Padri della Chiesa, come una conseguenza 
del peccato che perdurava fra gli uomini. 

Negli ultimi sei capitoli, che formano più di un terzo del 
volume, l'autore ci dà un largo ed interessante riassunto cri- 
tico degli scritti di Alenino, Rabano Mauro, Smaragdo, Ago- 
bardo, Incmaro ed altri autori del nono secolo. Naturalmente, 
benché essi appartengano a quel fugace rinascimento, breve 
l)arentesi fra due epoche di barbarie più oscura o selvaggia, 
il quale comincia con Cario Magno e dura fino a due genera- 
zioni dopo la sua morte, non si trova certo nelle loro opere 
né la larghezza di vedute, né la sicurezza della dottrina e nep- 
pure quel logico coordinamento dei principi esposti, i quali for- 



Digitized by 



Google 



ALTO MEDIO EVO — W^ CARLYLE 29 

mano la caratteristica non solo degli scrittori deirepoca classica 
ma anche dei Padri della Chiesa che vissero nel quinto e noi 
sesto secolo. Malgrado ciò, e l'autore non manca di farlo no- 
tare, lo studio degli scritti politici del nono secolo riesce oltre- 
modo interessante, perchè è appunto allora che si plasma quel 
tipo speciale di mentalità, quella particolare forma mentis, 
che, per esempio, mentre si sforza di conservare integro il 
principio deir indipendenza reciproca dei duo poteri ecclesiastico 
e laico, ammette poi una ingerenza quasi continua del primo 
sul secondo ed anche, entro c^rti limiti, del secondo sul primo. 
Mentalità confusa, appassionata ed incoerente, che si riproduce 
durante le grandi lotte tra rimpero e la Chiesa nei secoli un- 
decimo e dodicesimo e dura fino a S. Tommaso d'Aquino. 

Dopo questa molto sommaria esposizione dell'opera del 
Carlyle debbo aggiungere che la sua lettura riesce assai pro- 
fìcua e per la chiara e facile forma e per la coscienziosità colla 
quale il lavoro è condotto, essendo esso fondato sullo studio 
accurato, profondo e quasi sempre obiettivo dei testi originali. 
Se fossi costretto a fare delle critiche direi che, poiché il* la- 
voro deve esser continuato e deve trattare di tutti gli scrittori 
politici medioevali, sarebbe riuscito utile di dare un maggiore 
sviluppo alla parte preliminare, rimontando più avanti nella 
classica antichità e dando al lettore una idea precisa non solo 
delle dottrine politiche di Cicerone e di Seneca ma anche di 
quelle di Platone, di Aristotile e di Polibio. Ciò cortamente 
avrebbe accresiuto il valore didattico di tutta l'opera. 

Aggiungerò poi che il Carlyle non mi persuade interamente, 
quando vuole attribuire una certa importanza intellettuale o 
ilottrinalo (vedi pag. 190, 198, 220 e seguenti) a quelle cho 
efrli chiama tradizioni teutoniche nella formazione della men- 
talità del secolo nono. Se negli scrittori di questo secolo ci è 
qualche cosa di nuovo, mi paro che ciò non si possa spiegare 
con il contributo d'idee e di concetti politici che i Germani 
avrebbero portato dallo loro foreste, ma piuttosto mediante l'a- 
zione che il fatto politico ha sem])ro sulle dottrine politiche ad 
es.so contemporanee. Perciò so vediamo allora cominciare ad 
affermarsi confusamente il concetto che il Re- è sottoposto a 
ciò che noi ora chiameremmo la logge, bisogna tenere presente 
che, disciolto nell'Occidente l'antico Stato romano, la progre- 
diente disorganizzazione sociale e politica, alla quale lo inva- 
sioni barbariche avevano certo contribuito. Iacea si cho i capi 



Digitized by 



Google 



30 RECENSIONI E NOIE BIBLIOGRAFICHE — G. MOSCA. 

locali, sì ecclesiastici che laici avessero assunto o stessero per 
assumere quasi tutte le funzioni della Sovranità. In questa con- 
dizione di cose era naturale che quella parte qualsiasi di potere 
i-imasta a chi rappresentava l'unità dello stato, ossia al Re, si 
fondasse sopra un compromesso, un patto più o meno esplicito 
e bilaterale fra lui ed i suoi vassalli, ed era pure naturale che 
la dottrina risentisse Tinfluenza del nuovo ed imperfetto tipo 
di organizzazione politica che si andava costituendo. 

Malgrado queste mende, certo più formali che sostanziali, 
non si può negare che il libro del Garlyle esercita un'azione, 
che io chiamerò educativa, suH'intelletto del lettore. Perchè è 
bene che il pensiero umano rimonti alle sue origini ed analizzi 
per quali vie sia passato, e come, a poco a poco, per la reci- 
proca influenza dei fatti sulle teorie e delle teorie sui fatti sia 
arrivato nelle scienze politiche a quelle concezioni moderne, 
che tanti credono verità infallibili solo perchè non conoscono 
gli elementi coi quali si sono mano a mano fabbricate. Ed è 
sommamente da deplorare che lo studio corroborante della 
stona delle idee politiche sia molto trascurato in Italia, mentre 
arriva a risultati veramente brillanti e confortevoli in Inghilterra. 

G. Mosca. 



/ monasteìH di Sicbìaco, I. P. Eoidi, Notizie storiche ; G. (xio- 
VANNoNi, L'architettura; F. Hermanin, Gli affreschi. — 
II. Vincenzo Federici, La biblioteca e V archivio. In-8, 
p. 547-467. Roma, Unione cooperativa-editrice, 1905. 
20. — A cura e a spese del Ministero della pubblica istru- 
zione furono preparati e pubblicati questi due volumi, che illu- 
strano i celebri monasteri benedettini di Subiaco, ricordati di 
recente airamrairazione e alla pietà universale dal Santo del 
Fogazzaro. 

Sebbene la vita più che millenaria di quei monasteri oltre- 
l>assi i limiti del medio evo, pare opportuno collocare il ricordo 
(li questa preziosa pubblicazione nell'Alto medio evo. perchè 
([uello fu il periodo eroico deirordino benedettino e di queste 
sue primitive sedi. 

E così intimo il rapporto tra Io sviluppo storico, Tintellet- 
tuale il monumentale nella vita di quei monasteri, che seb- 
bene ripartito il lavoro fra quattro studiosi (P. Egitti, i\. Gio- 
vannoni, F. Hermanin e V. Federici), furono i quattro diversi 
asi>etti coordinati ad un concetto unico e diretti da uno stesso 
metodo. 



Digitized by 



Google 



*■ Tt^ ^ F. : 



ALTO MEDIO KVO — P. EOI DI 31 



Il prof. P. Egidi, accingendosi a narrare la storia dei mo- 
nasteri sublacensi, dovette anzitutto ricercare le fonti storiche 
e prendere notizie della letteratura relativa. La storia del mo- 
nastero nell'Alto medio eA^o può solo essere ricercata nel Re-. 
gesto sublacs'iise del secolo XI y pubblicato dalla Società romana 
(li storia patria, a cura di L. Allodi e G. Levi nel 1885, pre- 
ziosa raccolta, sebbene non tutti i documenti si possano con- 
siderare come genuini. Poche altre fonti indirette anteriori al 
secolo XIII concorrono a proiettare qualche luce; ma dal se- 
colo XIII in poi Tarchivio porge una ricca miniera d'informa- 
zioni sicure, non ostante le dispersioni e sottrazioni di docu- 
menti avvenute attraverso i secoli, da illustrare passo passo 
le vicende dell'abbazia. Al materiale archivistico, un po' tar- 
divamente e scarsamente si aggiunsero le cronache e gli annali, 
dal Chronicon suhlacense d'incerto autore del sec. XV alle 
Cronache del Capisacchi, del Mirzio, del Macarty e del Dolci. 
La letteratura non è molto copiosa, sebbene conti alcuni nomi 
illustri: il Mabillon, il Muratori, il Marocco, il Gregorovius, 
il Dantier, l'Allodi, il Balzani, ecc.; il maggior numero de' la- 
vori non furono condotti con serio metodo critico. 

Esaminate le fonti e la letteratura, il prof. Egidi, rin- 
traccia col sussidio della leggenda benedettina le origini. Dalla 
valle sublacense s'irradiarono le colonie monastiche per tutto 
l'occidente cristiano numerosissime; là Benedetto dettò la re- 
gola, e fissò il precetto fondamentale « Ora et !aì?ora». Dopo 
la jmrtenza di Benedetto si stende un velo d'oscurità sulla 
storia del monastero per più secoli, solo qun e là rotto da 
scarsi raggi di luce. È nel secolo X che il monastero subla- 
<ense comincia ad acquistare ricchezza o grandezza tempo- 
rale, per opera specialmente della casa di Teofilatto, che 
da Teodora a Giovanni II dominò Roma e il papato. I cento 
anni, che corsero dalla metà del secolo XI a quella del XII, for- 
mano il periodo di massimo splendore dell'abbazia. Travagliata 
dalle lotte e dai partiti politici, che funestavano l'Italia, de- 
cadde, per risorgere sotto l'influenza riformatrice di Innocenzo 
ni. Ma ben presto le ambizioni dei monaci e dei signorotti, 
l'insufficienza o la malvagità degli abbati, le calamità naturali, 
la lontananza dei papi scemarono la potenza o il valore mo- 
rale dei celebri monasteri. 



Digitized by 



Google 



32 HBCENSIONl K NOTE BIBLIOGRAFICHE — C. RIXAUDO 

Urbano Vf, sotto pretesto di riforma, e per avere l'abbazia 
a lui fedele nella lotta dello scisma, come pure per trarne 
larghi contributi pecuniari, stabili che l'abate fosse scelto dal 
papa. L'abate curiale divenne un ufficiale pontificio, e assai 
spesso un favorito o un membro di potente famiglia, che j^o- 
vernava per conto e a favore della Corte romana; on(Je più 
frequenti le discordie coi monaci, e maggiore decadimento eco- 
nomico e morale dell'abbazia. 

A sradicare i mali parve buon consiglio commendare ad 
un estraneo la mensa abbaziale con piena autorità spirituale e 
temporale, e il primo commendatario fu il famoso inquisitore 
spagnuolo Giovanni Torquemada. Il nuovo sistema valse ad 
ingrossare il patrimonio di molle famiglie pontificie o preferite 
dai papi e fu causa di contese frequenti, ma non giovò certa- 
nìente a rilevare l'autorità e le dignità dell'abbazia. 

11 prof. Egidi in un Excursus, che fa seguito alle Notizie 
storiche, tratta di alcuni falsi del Regesto sublacense, ci dà 
la SeìHe degli Abati sino all'anno 1532, riassume la storia de 
La signoria di Tiiscolo, discorre intorno Le stampe sublacensi, 
ci fa conoscere le Consuetudines sublacenses. 



11 Giovannoni e rHormanin presero ad illustrare la parte 
monumentale dell'abbazia, il primo Tarchitettura, il secondo 
gli affreschi. 

Il Giovannoni è d'avviso, nella varietà d'opinioni, che il 
lavoro fu diretto da monaci o quali artefici o come ispiratori 
d'artefici, e che vi fu costanza d'un programma costruttivo 
ben definito. Questo era tracciato nella stessa regola di S. 
Benedetto. Attorno al chiostro si raggrupparono la chiesa, il 
capitolo, il dormitorio, il refettorio, il quartiere dell' ammini- 
strazione, quello dell'abate e degli ospiti, della scuola e dell'in- 
fermeria. Nel monastero benedettino, che mantenne continui 
rapporti con la vita sociale, la chiesa ha conservato la pianta 
basilicale. Premessi questi concetti, l'A. dapprima esamina gli 
elementi topografici e costruttivi nello sviluppo dei monasteri 
sublacensi in genere; di poi descrive distintamente con singo- 
lare competenza e precisione di particolari il monastero di 
Santa Scolastica (dati generali, il campanile, il chiostro cosma- 
tesco, la chiesa, la Galilea, gli edifici principali) e quello dello 
Speco. 



Digitized by 



Google 



ALTO MEDIO EVO — HERMANIN B FEDERICI 33 

l/HertiiaDÌu, proponendosi lo studio della pittura dei mo- 
nasteri sublacensi, divide il suo lavoro in quattro periodi di- 
stinti: le pitture più antiche, gli affreschi del secolo XIII, gli 
affreschi del secolo XIV, le pitture dei secoli XV e XVI. Questa 
monografia acquista speciale importanza, anche per la scarsità 
di notizie precise date dai molti scrittori, che parlarono delle 
pitture dei monasteri di Subiaco. La Girotta dei pastori è l'u- 
nico avanzo pittorico del primo periodo; importanti sono invece 
gli affreschi dei sec. XIII e XIV nella Cappella di San Gre- 
gorio e nel suo atrio, nel Roseto di San FrancescOy nella 
Chiesa inferiore del sacro Speco e le pitture della Chiesa su- 
periore, della Scala santa e' della Cappella della Madonna; 
meno numerose e notevoli lo pitture dei sec. XV e XVI. La 
<lescrizion*e analitica è forse un po' turbata dalla discussione, che 
obbliga TA. a continue digressioni e citazioni estranee al tema. 

Questi due studi di storia artistica applicata sono ampia- 
mente illustrati da incisioni, tavole, disegni, piante architetto- 
niche, che contribuiscono largamente a chiarire il testo. 



Il dott. Vincenzo Federici ha dedicato un intiero volume 
alla biblioteca e all'archivio. 

Due erano le biblioteche, una dello Speco e Taltra di Santa 
Scolastica. Il F. dapprima descrive la formazione delle due bi- 
blioteche, con l'osamo degli stessi codici, risalendo ai più an- 
tichi ricordi, che ci riportano al governo abbaziale di Giovanni III 
(1068-1120), e la loro dispersione, specialmente dovuta alla ra- 
pacità dei Commendatari ; quindi prende in esame il contenuto 
e la paleografia dei manoscritti dello Speco e di Santa Scola- 
stica giunti fino a noi. 

Sebbene non sia accertata la cosa, è [jrobabilo che tanto 
il monastero di Santa Scolastica quanto quello dello Speco 
possedessero proprio archivio; la cronaca del Capisacchi (1573) 
€ le successive già ci danno l'archivio dello Speco come ag- 
gregato a quello di Santa Scolastica. L'A. dapprima rintraccia 
la formazione, l'ordinamento e la dispersione dei due archivi ; 
di poi esso ci presenta raggruppate le più che tremila carte 
ancora esistenti neirarchivio odierno di Santa Scolastica dopo 
le avvenute dispersioni. 

La maggior parte del volume è dedicata a darci notizie del 
materiale d'archivio, che egli divide in tre gruppi : 1° mano- 
kirigla storica italiana, 3* S., v, l. 3 



Digitized by 



Google 



34 RECENSIONI E NOTE BIBLIOGRAFICHE — A. BATTI8TELLA 

scritti (411), 2° incunaboli (173), 3** documenti pubblici e pri- 
vati (4705), senza tener conto delle aliante. 

Seguono nove appendici, e gli indici delle notizie dei ma- 
noscritti, degli incunaboli e dei documenti. Il volume è illustrato 
da quattro tavole e da sei figure. G. Rina odo. 



4. BASSO MEDIO EVO (Sec. XI-XV). 

E. S. FORGIA DEGLI OBIZZI, T primi da Prata e da Poì^cia. 

Udine, Del Bianco, 1904. 
A. DE PELLEGRINI, Schiavi e manumissioni. Genova, Pa- 

pini e figli, 1904. 

21-22. — Il prof. A. De Pellegrini, in occasioneMi nozze, 
diede alla luce questo Saggio storico del conte E. S. di Porcia, 
scritto tra la fine del 1700 e il principio del 1800, aggiungen- 
dovi di suo alcune note, alcuni appunti di bibliografia purliliese 
e pratense, e un indice alfabetico dei nomi de' luoghi e delle 
persone, e premettendovi un breve cenno sull'autore e sull'o- 
pera sua. La quale opera, in sostanza, non è che una cronaca 
che comincia con Guacelletto I da Prata nel 1164 e giunge ad 
Isolino, figliuolo di Guecello IV, nel 1334. In quest'anno s'inter- 
rompe bruscamente, benché, come si può argomentare da certe 
parole della pagina 53, dovesse arrivare ahneno fino al se- 
colo XVI: è probabile che fra le carte dell'archivio comitale 
dei Porcia sia andato confuso il resto. L'autore, colta e stu- 
diosa persona, desunse la sua cronaca da documenti di famiglia, 
38 dei quali seguono in appendice, e sorvolando sulle vecchie- 
leggende, e dubitando dell' autenticità di atti che rimandereb- 
bero l'origine della sua casa fin verso il 739, si contenta sa- 
viamente di tenersi a ciò che è sicuro e incontestabile. Più che 
altro, questa cronaca par fatta in servizio della genealogia della 
famiglia, genealogia ch'essa cerca d'emendare e di completare, 
accennando soltanto certi avvenimenti più notevoli, e special- 
mente rapporti dei Pratensi coi vescovi di Ceneda, coi da Ro- 
mano, coi Gaminesi, coi patriarchi d'Aquileia, col Comune tri- 
vigiano. Ha quindi una certa importanza per la storia della 
famiglia, ma fuori di li, poco aggiunge all'opera del Verci, che 
è pure una delle sue fonti. 

Tratti dall'Archivio dei conti di Porcia lo stesso prof. De 
Pellegrini pubblica sotto il nome di Schiavi e vianumissioni setto 



Digitized by 



Google 



BASSO MEDIO EVO — K. HAMPE 85 

<locumenti riguardanti atti di divisione di masnade servili, giu- 
ramenti di fedeltà e atti di manumissione di servi per parte dei 
loro signori. Ad eccezione d'uno, ch'è del 1262, i rimanenti 
appartengono al secolo XIV e concernono la famiglia purliliese. 
L'A. ritiene che la parola servo debba essere intesa nel senso di 
schiavo; io non sono di quest'avviso, essendovi diversità tra i 
servi della gleba, quali durarono nel Friuli fino al sec. XV, e 
gli schiavi, tanto nei riguardi etnografici quanto nei giuridici. 

A. Battistella. 



KARL HAMPE, Urban JV und Manfred CJ26M264). Hei- 
delberg, Cari Winter, 1905, pp. viii-101, in-8. 

23. — Alla morte di Alessandro IV, avvenuta il 25 maggio 
1261, le condizioni dello stato della chiesa non potevano dirsi 
prospore sotto nessun aspetto : una parte era già perduta, una 
parte era in preda alla ribellione, ed il resto era minacciato 
da nord e da sud. Né troppo liete si preparavano le condizioni 
della cristianità, perchè, oltre al pericolo mongolo e alle interne 
dissensioni, proprio durante la sede vacante cadeva l'impero 
latino di Costantinopoli. In mezzo a queste difficoltà Giacomo 
Pantaleone, figliuolo di un calzolaio di Troyes, saliva sul trono 
pontificio, nell'agosto del 1261, assumendo il nome di Urbano IV. 
È questo un momento storico notevole. Con Urbano IV, dopo 
lungo tempo, saliva di nuovo sulla cattedra papale un francese, 
sicché era da aspettarsi un mutamento di indirizzo politico. E 
così fu. La curia romana era persuasa che con le sole forzo 
proprie non avrebbe potuto mai abbattere gli Hohenstaufen. Ma, 
raentre prima si erano volte le speranze all'Inghilterra, Ur- 
bano IV, invece, pose come principio indiscutibile che il do- 
minio del mezzogiorno d'Italia dovesse essere assicurato a un 
principe francese. Né tardò a render manifeste le sue idee e 
le sue tendenze, rinforzando subito con francesi il collegio dei 
cardinali, per modo che in breve tempo (1261-62), nelle nuove 
elezioni, di contro a otto italiani, furono eletti sei cardinali 
francesi, dei quali ultimi tre erano già stati funzionari di Luigi IX 
di Francia. La difficoltà maggiore da superare era la ripugnanza 
del re francese a prender posizione ostile contro Manfredi. K, 
a superarla, Urbano adoperò tutte le sue forze, senza quietare, 
finché non ebbe ottenuto lo scopo. Questo accadde nel 1263. E 
allora le trattative con Carlo D'Angiò furono proseguite alt- 
eramente sino quasi alla conclusione dell'accordo, quando T'i- 



Digitized by 



Google 



30 UECEXSIOXI E NOTK BIBLIOOKA FICHE — O. CAPASBO 

bario IV mori. Parve per un momento che tanti sforzi doves- 
sei-o finire in nulla; ma poi raccordo ebbe luogo, sotto Cle- 
mente IV. A questo papa si suole ascrivere tutto il merito del 
traltato, por cui giacque la stirpe sveva e ne presero il posto 
in Italia gli angioini. Ma giustizia vuole si riconosca che chi 
forino il disegno, preparò i fondamenti e, senza posa, fra cure 
e stenti, condusse quasi a compimento Tedificio, fu Urbano IV. 
Il ([ualo, ed ò merito dello Hampe d'averlo dimostrato in 
modo sicuro, non fu quel ])apa meschino che al (Jregorovius 
piacque dipingere, ma, al contrario, fu uomo politico di stra- 
ordinaria tenacia, maestro nel saper tener a bada gli avver- 
sai-i, accorto e sapiente organizzatore di intrighi e di resi- 
stenza: seppe, in altri termini, preparare gli eventi futuri, di 
modo che il suo nome è strettamente legato a quell'avveni- 
menlo della rovina degli svevi, che decise dei destini d'Europa 
nel secolo successivo; perchè erra chi crede che la lotta fosse 
già alla fine con la morte di Federico II, trascurando il pe- 
riodo seguente dei regni di Corrado e Manfredi e del tentativo 
di (^orradino, che ne rappresentano Tultima fase. 

I/Autore ha consultato le raccolte di formule della cancel- 
leria. Per questo periodo sono importanti alcune lettere inedite, 
da lui pubblicate, della raccolta di Riccai-do di Pofi, perchè 
aiutano a delineare meglio la figura di Urbano IV e ci offrono 
notizie ed elementi nuovi veramente pregevoli. Daremo qualche 
esempio. 

Rispetto alla insurrezione di Monto San Giuliano in Sicilia 
del 12^30, nella quale il conte Federico Maietta, capitano del- 
l'isola, perde la vita, ucciso a tradimento da uno dei suoi di- 
pendenti, che gli insorti avevano guadagnato alla loro causa, 
si era sempre creduto trattarsi d'un fatto locale dovuto a scoppio 
improvviso di sdegno per malumori o torti ri(*evuti. Ora una 
lettera della raccolta del Polì ci mostra invece che la insurre- 
zione fu promossa dallo stesso papa, che era allora Alessandro IV. 
La lettera comincia difatti con queste parole: Niiper univer- 
fiitas hominwìi devota nobis insinuatioiie monstraranty quod 
ìp.si dudum positi .siib servili iiigo quondam [Manfredi jper- 
secutoris ecclesie propter devotionem, qiuim gerebant ad ipsaniy 
ipsius domimcm affectantes, ad reqiUsitioneni [Alexandri^^ 
predecessoris nostri potenter cantra persecutoreìn eundem 
rebellare curarimfy eidem ecclesie devotis animis adherendo. 
Cosi deiropisodio del pseudo Federico, sulla fine del 1261, non 



Digitized by 



Google 



i'T-T 



BASSO MEDIO EVO — P, PELLEGRINI E F. SCANDONK 37 

fu estràneo lo stesso Urbano IV. Il quale, informato di quello 
che in eisdem parfibus manus Domini mirabiliter operatur, pur 
non ignorando trattarsi d'un impostore, cercò nondimeno trarne 
partito. Nos enim intendimiiS, scriveva — Ubi fertenier as- 
Hsteì^e ac de celeri ne oporhino auxilio (fante Domino provi- 
(leve, ita quod nomen eiits exaltetur in gentibus et quicumqne 
fpmm imitati faerint^ qiiietis optate gvatia pei^friiantiir. 

Si è detto che, appena salito al trono pontificale. Urbano IV 
manifestò subito il suo desiderio di ristabilire la stretta unione 
del papato con la Francia, e sempre efficacemente lavorò a quel- 
l'intento. Come si spiega allora che il 6 aprile 12(52 inizia un 
nuovo processo contro Manfredi, offrendogli cosi modo, col chia- 
marlo a scolparsi, di tentare nuove trattative? In verità quesic 
trattative, cessate con la nuova scomunica del 29 marzo i208 
e la conseguente protesta dei rappresentanti di Manfredi, erano 
ben strane, perchè in esse sempre una parte si ingegnava di 
offrire di più, mentre l'altra rifiutava ostinatamente. Ad ojjinì 
modo vi furono e difficilmente si potevano spiegare. Ora Tenigma 
è sciolto. Esse furono volute da Luigi IX, e Urbano IV dovette 
subirle, sino a che non gli si porse l'occasione di mandarle a 
monte definitivamente. Gaetano Capasso. 



P. PELLEGRINI e F. SGANDONE, Pro Roccasecca, patria di 
S. Tommaso d*AqìUno. Napoli, DWuria, 1903. 
24. — Tentarono nel 1878 alcuni di dimostrare che S. Tom- 
maso era nato ad .Vquino, ma Roccasecca insorse per non la- 
jsciarsi rubare Tenore di aver dato i natali al Dottore Angelico; 
poi superba della sua gloria splendidamente rivendicata, si i\c- 
cinse nel 1898 a rivolgere a tutto il mondo una sottoscrizione 
per una statua monumentale di S. Tomaso di Aquino da eri- 
i^'ersi nella sua terra patria, quand' ecco sorgere la Calabro 
Belcastro a ritentare di [)rivare Roccasecca del suo lustro. I 
temerari partigiani per Belcastro furo'no T. Ghimenti e un ano- 
nimo: ma il Pellegrini, mosso da amore paesano, e lo Scandono, 
spinto dal desiderio che la veritS storica trionfi, scesero in 
campo a combatterli. Le armi del Pellegrini sono un po' ng- 
^Tessive, quelle dello Scandone più cortesi; però Tune e l'allre 
riescono alla stessa vittoria, demolendo il castello di cavilli e 
di falsi paleografici, eretto dagli avversari pel troppo amore 
l)er la propria tesi. Gosi mentre i Belcastriani mettono innanzi 
documenti, che non lasciano osann'nare e che da chi li vide r|i 



Digitized by 



Google 



38 KKCENSIOM K NOTK HinLIOaRAFICHE — L. C. BOLLEA 

sfuggita furono dichiarati falsi dal lato della pergamena, dei 
caratteri, delTinchiostro, deirabbreviature e delle sigle, ìRocca- 
secchiani li confutano ad uno ad uno, opponendone degli irre- 
futabili, tolti dai Mon. VeL Germ. Hist, del Perlz, dall'archivio 
di Montecassino, dalla biblioteca Brancacciana di Napoli, dagli 
Ada Sanct. dei Bollandisti, dal RepertmHo dei Reg, Aìigioini, 
dagli archivi di Roccasecca e da una folla di lavori di eruditi 
stimati, e offrendo al libero esame ogni cosa loro, invitando gli 
avversari a fare altrettanto. Ma sopratutto preziosa è la tavola 
genealogica dei Signori « De Aquino », che lo Scandone con molta 
cautela e coltura viene ricostruendo da Radoaldo, gastaldo di 
Aquino neir860 a Cfuido I conte di Pontecorvo, a Adenolfo III 
conte di Aquino, da Adenolfo V duca di Gaeta a Pandoue I conte 
di Vicalbo, a Adenolfo Vili conte di Atina, da Sibilla moglie di 
Tancredi e regina di Sicilia a Landolfo signore di Roccasecca 
(il76-12'ir)), che da Teodora dei Conti di Chieli ebbe quarto di 
nove figli S. Tommaso (122t$-127/i), mentre la contea di Belcastro 
venne solo nel 1331 ad un pronipote deir Angelico Dottore, suo 
omonimo, padre di Suor Fiora, che vantavasi Nipote di S. Tom- 
maso, con la quale (1367) finisce la Tavola Cronologica, tutta 
basata su documenti. 

Se io dicessi che il Pellegrini e lo Scandone hanno sfon- 
data una porta aperta, parrebbe che io voglia diminuire il pregio 
deir opera loro erudita e paziente, ma certo che il lavoro dei 
Belcastriani era stato fatto da persone poco esperte di studi 
storici. L. C. BoLLEA. 



A. BOTTEGHI, Jacopo Dalesmanini e le fazioni di Padova 

nel 1277. Padova, 11X)4. 
, Ezzelino e reiezione del vescovo di Padova, nel sec. XIII. 

Padova, 1904. 

25-20. — In brevi memorie, lette airAccademia padovana, il 
l)rof. Botteghi studia un periodo assai poco noto e assai impor- 
tante della storia di questa città. Nel primo lavoretto, a pro- 
posito della domanda di divorzio, presentato al vescovo dal no- 
bile Jacopo Dalesmanini, appartenente ad una delle più ricche e 
potenti famiglie padovane, egli non solo dimostra che assai pro- 
babilmente questo divorzio fu causa del divampare delle fazioni 
fra la casa dei Dalesmanini e loro aderenti e la casa dei Pal- 
tonieri, a cui apparteneva la sposa di Jacopo, Zilia, presentando 
cosi una grande analogia colle fazioni fiorentine; ma studia ed 



Digitized by 



Google 



BASSO MEDIO KVO — O. BOFFITO 39 

esamina la procedura del divorzio (il cui atto è riportato inte- 
gralmente in appendice), specialmente in relazione alla potenza 
della Chiesa di fronte al Comune. 

L'altra memoria esamina la contesa seguita nel 1239 per 
relezione del vescovo di Padova, fermandosi specialmente sulle 
pretese dell'abate di Santa Giustina, che, a dispetto dei canoni 
gregoriani voleva partecipare alla elezione, e sui numerosi 
arbitrati, sulle contese a cui quelle pretese diedero luogo; 
finché molto pili tardi venne eletto Giovanni Forzate. Il Bot- 
teghi prova che non è vero, come affermano alcuni scrittori, 
che fin dal principio Ezelino abbia posto ostacolo all' elezione 
di questo vescovo. Ambedue queste memorie hanno importanza 
e servono a gettar luce sulla vita pubblica di Padova, ed a 
correggere parecchie e non lievi inesattezze, in cui sono in- 
corsi fra gli altri il Cavacio, sierico del monastero di Santa 
Giustina, e il Dondi. 

Nella pubblicazione dei documenti, forse per errore di 
stampa, sono occorse, oltre a parecchie ripetizioni, alcune ine- 
sattezze; nel doc. VI si ha vetens in luogo di veteris; nel 
doc. VII invece di «quod diceret qui procuratore deve leggersi 
«quod diceret quod procurator; nel doc. Vili si ha '<dominus 
gerardus fuit electum », e « qui praesens erat » in luogo di electus 
et quod e via dicendo. C. Manfroni. 



La « Quaestio de Aqua et Terrai di Dante Alighieri, Edizione 
principe del 1508 riprodotta in fac-simile ; introduzione sto- 
rica e trascrizione critica dal testo latino di G. Boffito, con 
introduzione scientifica di 0. Zanotti- Bianco, e proemio del 
dr. Prompt. Firenze, Olschki, 1905, pp. xl-89, 23 tav. 
27. — La questione lungamente dibattuta intorno all'auten- 
ticità dell'opuscolo Quaestio de Aqua et Terra, che va sotto il 
nome di Dante, risorse vivissima in questi ultimi anni. Nell'ultimo 
decennio del sec. XIX gli animi, in generale, inclinavano a ne- 
garne l'autenticità, ancorché non si giungesse dagli scettici ad 
accordarsi fra loro circa Tetà e Torigine della falsificazione. Ma 
una monografia del Moore, 1899, diede nuovo coraggio ai difen- 
sori dell'autenticità. Il eh. p. Giuseppe Bofflto in due lunghe 
dissertazioni (1902-1903), uscite nei volumi delle Memorie del- 
l'Accademia delle Scienze di Torino, tentò di dimostrarne, in 
modo definitivo, la falsità, credendo di poter provare che le 
opinioni accennate nella Quaestio corrispondono a tempi poste- 



Digitized by 



Google 



40 RECENSIONI E NOTE tìlBLTOOKAFICHK — C. CIPOLLA 

riori a Dante e accennano, come luogo di origine, al nucleo 
letterario Agostiniano. E all'Ordine di S. Agostino apparteneva 
il p. Moncetti, primo editore della Quaestio (1508). Le disserta- 
zioni del Boffito non riuscirono a persuader tutti, poiché Tana- 
cronisrao fra la Quaestio e le opinioni in essa discorse non ap- 
parve ne così sicuro, ne cosi spiccato, come sarebbe necessario,. 
])ercbè la dimostrazione avesse piena efficacia. 

Il Boftito non giunse adunque a far tacere i difensori della 
Quaestio, e verso di essi egli si dimostra ormai alquanto indul- 
gente nella prefazione che ora premette alla riproduzione a fac- 
simile dell'opuscolo del Moncetti. 

L'edizione del Moncetti, 15()8, è rarissima; ne meno rara 
è la riproduzione fattane nel 157(3. Il Boffito pbbe la buona ven- 
tura di trovare un nuovo esemplare, sia dell'una sia dell'altra 
edizione, nella Biblioteca Barberini, entrata recentemente a far 
parte della Vaticana. Ma con ciò di ben poco si accrescono i 
mezzi di cui potevano servirsi quelli che ne andassero in cerca. 
Le due edizioni rimanevano sempre rarissime. In causa della 
scorrezione della editio princeps, le edizioni moderno riuscirono 
poco concordi fra loro, e il tosto vagò incerto. Nella sua se- 
conda dissertazione il Boffito ricorse M'editio p7'i7iceps, della 
quale ivi diede larghi estratti, ma solo colla pubblicazione pre- 
sente egli soddisfece veramente ai desideri degli studiosi. 

L'esemplare usato per questa riproduzione è quello della 
Trivulziana di Milano. È a credersi che gli altri esemplari siano 
identici. Forse non sarebbe stato male esaminare la cosa, con- 
siderando che non di rado accade che nelle stampe antiche 
manchi fra i diversi esemplari la perfetta identità, ch'è comune 
nelle stampe moderne. 

La prefazione del Boffito è interessante. Contiene ampie, 
forse complete notizie bibliografiche, seguite dalla esposizione 
sistematica degli argomenti che favoriscono e impugnano l'au- 
tenticità dell'opuscolo. 

Sono obbligato a rilevare una inesattezza che mi riguarda. 
Egli pone me fra coloro che cosarono» opporsi alla corrento 
determinata dal lavoro del Moore. Dovea invece dire ch'io fui 
tra i pochi, che, pur senza afTermare menomamente l'autenti- 
cità, osservai, anteriormente alla dissertazione del Moore, che 
«là prova categorica della falsità delTopuscolo non era stata 
ancora trovata». 

Naturalmente l'esposizione degli argomenti prò e contro 



Digitized by VjOOQIC 



BASSO MEDIO EVO — O. BOFFITO 41 

rautenticità può facilmente dar luogo a discussioni, ancorché 
il Boflito abbia tentato con ogni cura d'essere affatto oggettivo. 
Ma è anche moralmente inevitabile che ciascuno abbondi in 
qualche modo nel senso suo. 

10 ho il dubbio che il Boffito esageri allorché trova nella 
Quaestio la forma dei «documenti otHciali ». Trattasi appena 
di qualche formula, che non basta, credo, a farci arrivare alle 
conclusioni cui c'invita il Boffito, non senza il disegno di tro- 
vare in ciò una prova della falsità (1). 

11 BofBto trascrisse il testo e ne diede la versione italiana. 
Nella riproduzione del testo egli correre tacitamente. Avrei 
preferito la riproduzione diplomatica, poiché così il lettore 
avrebbe potuto tenersi sicuro di leggere il testu tradito. Le 
emendazioni poteano trovar posto in nota. Che se proprio avesse 
il B. desideralo di darci un testo leggibile, allora le lezioni del- 
Veditlo princeps poteano almeno trovare ricetto nelle note. 

Né mi pare che la versione sia riuscita in tutto e per tutto 
I)erfetta: al principio il testo dice: «Universis et singulis prae- 
sentes litteras inspecturis». BofBto traduce: «A tutti quelli a 
cui in comune o in jìarticolare cadrà sotto gli occhi il presente 
scritto ». Non solo si può notare che una lettera non s'identifica 
con uno scritto, ma si può anche avvertire qui che la frase 
iniziale latina ottenne cittadinanza italiana nella forma « A tutti 
e singoli». 

Mentre la versione in inglese è dovuta a S. P. Thompson, 
((uelle in francese e in spagnuolo sono del dr. Prompt, che 
scrisse qui anche una nota contro Tautenticità dell'opuscolo. 
Molte questioni vi tratta, che meriterebbero larga discussione. 
Mi formerò solo sulla data «in die Jovis... qui quidem dies fuit 
septimus a ianuariis idibus, et decimus tortius ante kalendas 



(1) Airinizio della Quaestio è detto che la controversia originata a 
Mantova, tccminò u Venna, colla disputai nella chiesa di Sant'Klena. Il 
Boffito p. vili) vi trova un « fatto singolare », una * stranezza». Porche? 
iTie difficoltà c*è a supporre che fra un circolo d'amici a Mantova, quando 
ivi si trovava l'Alighieri, questi ne abbia poi fatto oggetto ad una lettura, 
meditata e studiata, nella vicina Venna. Puossi anche avvertire che in 
questo momento, nella decadenza della dinastia dei Bonacolsi, Mantova si 
trovava in una certa quale dipendenza da Venna. I^o si vide nel 1328, 
quando una rivoluzione, favorita da Cangrande, abbattè i Bonacolsi e 
sostituì loro i Gonzaga. Nò troppo maggior maraviglia dobbiamo prendere, 
se nella Quaestio si parla del clero veronese presente alla disputa, perchè 
la ch'osa è piccola, e il clero non vi poteva capir tutto. Sono frasi di am- 
plificazione che non hanno nulla ne di nuovo, nò di strano. 



Digitized by 



Google 



42 , RECENSIONI E NOTE BIBUOGRAFICIIE — C. CIPOLLA 

februarias». lì dr. Prompt crede che Dante indichi il 19 gen- 
naio, ed erri dicendolo una domenica, .mentre era un sabato. 
Ma l'espressione 13 kl. dee. tanto neirantichìtà classica, come 
nel medioevo, si rende benissimo con 20 gennaio, che è poi il 
settimo giorno dopo le idi. E al 20 gennaio tutti pensarono, tanto 
più che quel giorno cadeva appunto in domenica nel 1320. 

Rilevo ancora un non breve cenno del prof. 0. Zanetti- 
Bianco, nel quale questi indica con chiarezza quali risposte la 
geodesia moderna dà alle domando contenute nella Quaestio. 

Questa pubblicazione interessante per la sostanza, bella per 
la forma, dovuta all'intraprendente intelligenza dell'editore L. 
S. Olschki non può non riuscire accettissima alla legione dei 
dantisti, che di tali ricerbhe si occupano al di qua e al di là 
dell'Oceano. G. Cipolla. 



GIOVANNI SOR ANZO, La guerra tra Venezia e la S, Sede 
per il dominio di Feì^rara. {a. 1308-1313). Città di Ca- 
stello, Lapi, 1905, pp. 294. 

28. — QuQgto lavoro, già presentato dal giovane A. come 
tesi di laurea, di recente è comparso in luce arricchito di nuovi 
documenti, ed ha meritato il premio di fondazione Laltes, che 
viene conferito dall'Università di Padova. Dopo di aver trat-' 
tato nel I capitolo con buon metodo delle fonti venete, ponti- 
ficie e ferraresi, l'A., risalendo alle prime origini della contesa 
tra Venezia e il papato, discorre delle relazioni tra la Repub- 
blica e Ferrara fino dai patti più antichi fra Veneziani e Fer- 
raresi, nonché degli antichi diritti della S. Sede in Ferrara 
(Gap. II). Passa poi a narrare le vicende della lotta tra i pre- 
tendenti Estensi, che causa il doppio intervento della S. Sede 
e di Venezia (Cap. III), L'intervento è il preludio delle dirette 
ostilità tra il papa e la Repubblica, che l'A. espone fino alla 
definitiva sconfitta di Venezia (agosto 1308). Quindi considera 
il diretto dominio della S. Sede in Ferrara (Cap. IV). Il papa 
aveva usato contro Venezia per vincere, oltre alle armi tem- 
porali, anche le spirituali in quei tempi ancora più formidabili. 
Ed è, a mio avviso, uno dei migliori capitoli del libro, questo 
che il Soranzo dedica all'esposizione delle conseguenze, ch'eb- 
bero r interdetto e la guerra nella politica interna ed estera 
della Repubblica, notando i danni subiti dai Veneziani non solo 
in Italia, ma anche in Francia, nella penisola Iberica, nei du- 
cati di Carinzia e d'Austria, nella (irocia, nell'isole dell'Arci- 



Digitized by 



Google 



BASSO 'medio evo — B. CESSI 43 

pelago e in altri stati orientali. Osserva pure opportunamente 
ohe il governo della Repubblica «sebbene credesse lo Stato 
«avvilito in faccia alle altre nazioni, non appena pervenivano 
«notizie di offese fatte ai suoi sudditi, non rimaneva indiffe- 
« rente ed inerte, ma coraggiosamente correva subito al riparo 
«del pericolo ed esigeva pronta soddisfazione» (pag. 204). Il 
lavoro si chiude colFesame delle trattative di pace colla Santa 
^ede, e delle riforme degli antichi patti fra Venezia e Ferrara 
«La politica di terraferma iniziata dalla Repubblica veneta 
«verso Ferrara era completamente fallita. Essa abbandonò 
«ogni diseguo di conquista della città, e attese coir antica 
«energia e costanza a render vieppiù fiorente il suo commercio 
«colle città di Lombardia e a tutelare rigorosamente Tosser- 
« vanza dei patti con Ferrara ultimamente confermati » (pag. 234). 
Segue un appendice di ventitré documenti inediti tratti dagli 
Archivi di Stato di Venezia, Modena e Bologna, e così pure 
una bibliografia delle opere a stampa consultate. A. proposito 
di documenti avrei da osservare al giovane A., il quale, ha 
fatto così bene le .sue prime armi, che forse troppo di frequente 
inserisce in originale brani di documenti nel testo, il che scema 
un po' speditezza ed efficacia alla narrazione. 

Antonio Bonàrdi. 



BENVENUTO GESSI, Venezia e Padova e il Polesine di na- 
vigo. Secolo XIV. Lapi, Città di Castello, 1904, pp. 170. 
29. — L' A. spiega il titolo del suo lavoro fino dalle prime pa- 
role dell'Introduzione. Egli tratta, adunque, delle relazioni fra Ve- 
nezia, Padova e Ferrara per il possesso del Polesine di Rovigo, 
e discorre prima di tutto con diligenza delle, fonti edite ed ine- 
dite. Dei ventiquattro documenti, pubblicati in appendice, la 
parte maggiore è fornita al Cessi dall'Archivio di Stato di 
Venezia; cinque sono tratti dall'Archivio di Modena. Avrei 
trovato opportuno che fossero stati anche preposti ai docu- 
menti i loro titoli, raccolti poi neirindice. I/A. prende le mosse 
dalla descrizione del Polesine qual'era nel secolo XlV, facendo 
risaltare l'importanza che avevano per i Veneziani le due grandi 
vie fluviali del Po e delTAdigo, fra cui è racchiusa la dotta 
regione, e così pure P aspirazione di Padova ad espandere il 
suo dominio in essa, e le conseguenti relazioni con Venezia 
tino alla guerra di Chioggia. Per quanto riguarda specialmente 
le mire di Venezia, risulta evidente il valore del trattato con- 



Digitized by 



Google 



44 RECENSIONI E \OTB BIBLIOGRAFICHE — A. BONARDI 

chioso tra Venezia ed Adria, grosso comune che guardava le 
foci dei due grandi fiumi (1308-1310) (pagg. 28, 29). 

Dopo la guerra di Chioggia ecco le guerre tra Estensi e Car- 
raresi, le discordie e lotte nella stessa famiglia degli Estensi, 
che dovevano favorire la politica veneziana rispetto al Polesine- 
(Gap. 11). Il Gessi dedica un intiero capitolo, il UT, alFammi- 
nistrazioae veneziana e ferrarese dì quella contrada. I Vene- 
ziani dapprima T ebbero in pegno da Nicolò III d'Este, che 
aveva lo scopo di ottenere da essi un prestito di 50.000 durati 
(131H>). Con ciò si spianava la via per la Repubblica alla do- 
minazione, che diventò definitiva, quando cessò ogni ostacolo 
colla loro caduta da parte dei Carraresi. 

In questo studio TA. considera in special modo la politica 
di terraferma di Venezia, in quanto riguarda più direttamente 
rinteresse dei suoi traflfichi, cioè il predominio assoluto sulle 
grandi vie commerciali dell'Alta Italia, e conchiude col pro- 
mettere un altro lavoro sulle relazioni successive tra Venezia 
e gli Estensi, sempre ormai diffidenti, perchè minacciati dal- 
l'espansione territoriale della Repubblica, e questo lavoro an- 
nunciato sarebbe Fanello di congiunzione del presente con quello 
del Piva intitolato I,a (merrn di Ferrara del i482 i Padova, 
Draghi, 1893). Antonio Honardi. 

.lULES GAY, La pape Clèrnent VI et ies affa/res d'Orlenf, 

Ì342'i35'^, Paris, Librairie Bellais, 1904. 

30. — Il pontificato di Clemente Vf è notevolissimo per 
la storia delle nuoce crociate, intraprese controia potenza dei 
Turchi Osmani e Selgiucidi, ad istigazione degli imperatori di 
Costantinopoli; e. perciò giustamente ad esso si rivolge da 
qualche tempo Tattenzione dei ricercatori e degli studiosi. 
11 Gay, che fu membro (MVÉcofe Fì-aviaise di Roma, si 
è dedicato alla ricerca della parte che ebbe il pontefice 
direttamente nella politica orientale, servendosi specialmente 
delle lettere sepi^ete e curiali, contenute in un registro vati- 
cano De nepotiis Tartarorum et aiioi'um inlidelium. Esposte 
in un capitolo di introduzione le doloroso condizioni dell'O- 
riente nella prima nìeià del XIV secolo e i precedenti tentativi 
papali per riunire in una lega le potenze marittime delTOcci- 
dente contro gli emiri turchi dell'Anatolia, si ferma poi ad 
esaminare l'opera di Clemente VI nella conclusione della lega 
veneto-ciprioto-rodia, che produsse la storile, anzi dannosa 



Digitized by 



Google 



BASSO MBDIO £V0 — J. GAY 45 

<;oQquista di Smirne. Non sembra però che il Gay abbia co- 
nosciuto la Storia della marina pontificia del padre Gugliel- 
motti, i>erchè non veggo citate molte delle fonti alle quali (pur 
con poca fedeltà) attinge il celebre domeiiicano; né all'infuori 
dei pochi documenti del Diplomatariiun Veneto- Levantiniim, 
pare che egli si sia servito di documenti veneziani: ond'è che 
pcM* questa parte il suo racconto è lacunoso. Farmi anche che 
il Gay non abbia ben compresa la politica dello Zaccaria e 
dello Zeno, né si sia reso ben conto della strana condizione in 
cui questi due comandanti, Tuno genovese, Taltro veneziano, 
venivano a trovarsi di fronte airimpero greco ed alle aspira- 
zioni coloniali delle rispettive patrie. Forse, se egli avesse 
avuto notizia delle mie illustrazioni ai documenti genovesi editi 
dal Bertolotto, questa parte del lavoro sarebbe riuscita più 
completa. 

Proseguo poi il Gay esaminando le relazioni della basilissa 
rejxgente, Anna di Savoia, e del giovane suo figlio Giovanni 
Paleologo, colla corte papale, a proposito dell'unione delle duo 
Chiese, riuscendo a darci nuovi e interessanti particolari su questo 
argomento e sulla spedizione infelice del delfino di Vienna, 
Umberto, che poco o nulla fece per la causa cristiana, e fu in- 
vece involontaria cagione deiroccupazione genovese di Scio. 

Nella seconda parte del suo lavoro il Gay si occupa dei ne- 
goziati papali coiremiro turco di Efeso e coi Greci, per terminar 
IM)i con alcune notizie, intorno alle relazioni di Clemente VI 
cogli Armeni di Gilicia e coi Tartari. Ma anche qui osservo che 
l'autore mostra di non avere intimamente compresa la politica 
delle nostre città marinare, quando le rimprovera di « avoir 
oublié la Palestine pour ne combattre que les emirs d'Asie Mi- 
neure». ('Pag. 83) Se egli avesse riflettuto che i sultani d'Egitto 
erauo innocui e mantenevano buone relazioni commerciali collo 
nostre repubbliche, mentre le popolazioni . selgiucidi e osmane 
d'Asia Minore erano infestissime colle loro piraterie al commercio, 
avrebbe temperato i suoi rimproveri. Che la corte d'Avignone, 
stimolata dai grandi fautori delle nuove crociate, fra cui Filippo 
di Mèzières e Marin Sanudo, pensasse sempre alPEgitto ed alla 
Terra Santa si comprende: ma che popolazioni commerciali, 
pratiche del Mediterraneo, profonde conoscitrici delle condizioni 
deirOriente, si lasciassero trascinare dallo illusioni di pochi 
idealisti, sarebbe stato un pretender troppo. 

Bene però osserva il Gay nella conclusione che meritevole 



Digitized by 



Google 



4(5 RECENSIONI E NOTE BIBLIOGRAFICHE — C. CASANOVA 

d'elogio è la corte di Clemente VI per aver dato un indirizza 
più pratico alla sua politica orientale, e per aver segnato come 
un passo di transizione tra il periodo dei piani teorici e Taltro 
degli sforzi attivi contro i veri nemici dell'oriente cristiano, i 
Turchi, la cui talassocrazia minacciava di diventare pericolosa. 
In complesso questo del Gay è un discreto contributo a 
quella storia della politica orientale dei Papi, che aspetta an- 
cora un coraggioso compilatore. G. Manfroni. 



G. DEGLI AZZI VITELLESGHI, Le relazioni tra la Repubblica 

di Firenze e l'Umbria nel secolo XIV secondo i documenti 

del R. Archivio di Stato di Firenze. Voi. I : Lai Carteggi. 

Perugia, Unione Tipografica Cooperativa, 1904. In-8, di 

pp. XXVII 1-327. 

31. — Da lunga pezza è stato osservato qual grande aiuto 
rechino agli studi storici le pubblicazioni dei regesti, che con- 
templino le relazioni di uno Stato, dì un Comune con altro 
potentato, con altra città in un periodo di tempo determinato ; ^ 
])0ichè permettono di colmare dolorose lacune, prodotte negli 
archivi dall'incuria o dalla malignità degli uomini, e di correg- 
gere e completare le narrazioni dei cronisti. Esempi bellissimi 
ne sono noti agli studiosi; i quali, d'ora innnanzi, vi aggiun- 
geranno quello dott. Degli Azzi, che annunciamo. 

Sottoponendosi a lunga, ma utile fatica, questo egregio eru- 
dito ha raccolto sistematicamente dai carteggi della Repubblica 
fiorentina tutte le lettere concernenti le varie Città e terre del- 
rUmbria in tutto il secolo XIV; e ne dà un regesto più o meno 
ampio, ma sempre preciso e chiaro. Anzi, dei più importanti 
riporta talvolta non solamente alcune parole, ma periodi intieri, 
() anche tutto il testo, sì che gli studiosi possano giovarsene, 
come se avessero dinanzi agli occhi l'originale stesso. 

Il periodo da lui scelto è fra quelli in cui le serie dei do- 
cumenti perugini ed umbri sono più deficienti: donde l'impor- 
tanza notevole (*he acquista questa raccolta, composta di 92(> 
regesti dal 1309 al 1400; e proseguita poi fino al n. 1182 da 
un'Appendice in cui è data la serie cronologica degli umbri 
magistrati in Firenze dall'anno 1221 a tutto il 1400. 

Una dottissima prefazione riassume i risultati di questi re- 
gesti utilissimi pcT gli studi, e promette un'esposizione più ampia, 
quando la raccolta sarà compiuta dagli altri volumi in cui l'A. 



Digitized by 



Google 



BASSO MEDIO EVO — G. PARDI 47 

l'ha divisa, vaio a dire, da quello che conterrà i regesti delle 
deliberazioni dei Consigli opportuni di Firenze, e dairultimo, 
che porrà a raffronto i dati dei documenti fiorentini con quelli 
dei documenti umbri. Aspettando questi volumi, le nostre lodi 
vadano all'egregio A. per confortarlo nel suo lavoro e diluii 
quanto ammiriamo la sua attività, la sua dottrina e TaUo senso 
storico di cui dà prova nei molti Studi ch'egli pubblica. 

E. Casanova. 



GIUSEPPE PARDI, Leoìiello d'Este, marchese di Ferrara. 
Bologna, N. Zanichelli, 1904, p. 240. 

;^2. — Giuseppe Pardi — cui pare che la virtù, la saggezza, 
la giustizia debbano avere lode ben maniere dello spirito av- 
venturoso e guerriero — studiò la figura di un modesto prin- 
cipe, al quale brillarono nella mente ideali di giustizia, di pace, 
di amore, di coltura e di arte. Attratto dalla modesta vita sua 
più che da quella di un conquistatore immortale, il Pardi con 
diligenza e con dottrina si fece a ricostruirla, dedicando lo studio 
a Giosuè Carducci, come a quegli che collocò i fondamenti della 
sua forte e nobilissima poesia su geniali sintesi storiche. 

Giustamente TA., volendo rivelarci la psiche del Principe 
cortese, risali allo studio del carattere del padre, Niccolò III 
d'Este, attraverso a tutti i suoi vizi, le sue lussurie, i suoi amori 
sani e dissoluti, a tutte le sue crudeltà inaudite, ai suoi eroismi 
in guerra, alla sua intelligenza e al suo amore per l'arte. 

Da un siffatt'uomo e da una sua amante, Stella deirAssas- 
sino, nacque il 1407 Leonello d'Este che, allevato ed educato 
nella corte e nelle fila di Braccio da Montone, fu poi affidato 
alle cure dell' umanista Guarino da Verona, il quale sapeva 
alternargli lo studio con la musica e con gli (esercizi ginna- 
stici. Sposato a Margherita di- Gonzaga e rimastone non molto 
dopo vedovo, Leonello nel 1441 succedeva al padre nel mar- 
chesato di Ferrara, poiché non vi erano altri figli di Niccolò III 
che potessero accampare maggiori diritti. 

11 Pardi studia quindi Leonello d'Este nei suoi matrimoni, 
dimostrando che, pur essendo egli sensuale per ereditarietà pa- 
terna, fu ottimo marito e amante della prima moglie e della 
seconda. Maria, figlia naturale di Alfonso d'Aragona re di Na- 
poli, e lo difende dalla taccia di lussurioso, per la quale — 
secondo- altri — si sarebbe accorciata la vita. 

Come marchese Leonello attese egregiamente alla politica 



Digitized by 



Google 



48 KKCKN'SIONI E XOTK BIBLIOGRAFICHK — h. C. BOLLBA 

esternai curò il beuessere dei sudditi, favori la cultura e Tarlo, 
fee^ rifiorire le finanze, sepjie resistere alle mene della matrigna 
e dei fratelli, che aspiravano a togliergli la signoria, badando 
in pari tempo a provvederli di una educazione e di uno stato 
conveniente : queste cose il Pardi dimostra in una serie di capi- 
toli, belli a leggersi e per la forma e per Terudizione non ap- 
pesantita dalla ricca bibliografia e dalle continue citazioni di 
archivi, ma presentata elegantemente e piacevolmente. 

Infine il Pardi difende Leonello d'Estc dalle vive accuse dei 
suoi detrattori, cortigiani di Ercole I d'Este, dimostrando che 
non è punto vero ch'egli si sia impadronito del tronousurpan- 
dolo a Ercole 1, figlio legittimo di Nicolò III, per immoderata 
ambizione di regnare e per mala fede. 11 Pardi si sforza a difen- 
dere il suo protagonista anche dalle denigrazioni di recenti 
storici, ritenendo che Leonello sia stato un signore intelligente, 
colto, buono, giusto e simpatico, sebbene la fortuna non gli abbia 
arriso nello gioie famigliari, ne nella successione al Irono e pro- 
clama che la figura severa o gentile di Leonello il Pacifico 
brilla di luce pura. L. G. Bollea. 



5. TEMPI MODERNI (1492-1789). 

O. G. WILLIAMSON, Francesco Ratbolhn, cailed Francia. 
In-10, |). xvi-160. London, George Bell and Sons, 1904. 
:i3. — Tra le collezioni diretta a volgarizzare la conoscenza 
dei grandi artisti in Inghilterra merita senza dubbio d'essere 
ricordala quella del Williamson, The great Masters in painting 
and sciilpturey edita dalla Gasa George Bell a. Sons di Londra. 
Già comparvero col presente 16 volumi: 3 curati dallo stesso 
Williamson su Bernardino Luini, Perugino, Francia, gli altri da 
13 distinti Autori, come Stevenson, Velasquez; Guinness, Andrea 
del Scwto: Gruttwell, Ltwa Slgnorelll; Strachoy, Raphael: 
McNeil Rushforth, Carlo Crivelli; Brinton, Correggio; Rea, Do- 
natello; Priuli-Bon, Sodoma; Burlamacchi, Luca della Robbia; 
Gook, Giorgione; Weale, Menimline; Waters, Pietro della Fran- 
cesca: Phillipps, Pinloricchio. 

' Lo studio recente su Francesco Raibolini, il celebre pittore,^ 
decoratore, incisore bolognese, soprannominato Francia, nato 
verso il 145() e morto nel 1517, è stato condotto con molta 
cura, non soltanto sulle orme dei precedenti scritti deir Amo- 
rini, di Blanc et Delabordo, del Galvi, della Gartwright, di 



Digitized by 



Google 



TEMPI M0M»S1 — G. CLAUS8K 49 

Crowe a. GavaicaseUe, del Frizzoni, del Kristeller, del Malvasia, 
del Milanesi, del Reid, del Kicci, del SuiUoni, del Venturi e 
del WickhoS, ma con lui esame personale delle opere del 
grande artista e con Taiuto di nuovi elementi da lui scoperti. 

Cosi TA. è riuscito non solo a dare una storia meglio or- 
dinata del Francia e delle sue opere, >ma .ad aggiungere pa- 
recchie nuove informazioni e a chiarice taluni punti oscuri. 

Se poi si noli, che l'elegante volume è anche arricchito di 
42 ottime incisioni, riproducenti quadri, iiielli, medaglie, ritratti, 
di una discreta se non completa bibliografia, di un catalogo 
delle opere accertate del Francia o a lui attribuite che tro- 
vansi in Austria-Ungheria, in Inghilterra, in Francia, in Oer- 
mania, in Italia, in Russia e in Ispagna, e di un indico alfa- 
betico, si comprenderà, che non si tratta di un semplice lavoro 
di volgarizzamento, ma di uno studio serio e scientifico. 

G. lì. 



GUSTAVE CLAUSSE, Les San Gallo, avchiieQtes.peintves, sculp- 
teursy ^nèdailleurs ( XV^ et XVP siede). Voi. I: Giuliano 
et Antonio Caìicien; voi. II: Antonio da S(m Gallo; 
voi. Ili: Florence et les derniers San Gallo. Voli, in-8, fig., 
di pagg. LV-404, 433, 417. Paris, 1900-1902. 
34. — Alla famiglia dei da San Gallo, per quasi un secolo 
generosa di architetti e di scultori, dedica FA. un'opera di molta 
mole ma poco bene ponderata nelle sue parti, e anche di poca 
efficacia nei risultati. A che prendere le movsse da un « apergu > 
sulle origini del Rinascimento in Italia rifacendosi nientedimeno 
che dalle migrazioni elleniche? La concisione necessaria in un 
siffatto ria.ssunto ha costretto TA. ora a ripetere cose univer- 
salmente note, ora ad usare di scorci che presentano in aspetto 
deforme lo svolgersi deirarte. Ghi, ad esempio, potrebbe con- 
venire col G. — sc<;lgo fra molte sentenze ugualmente recise e 
discutibili — che bisogni varcare tutto il Medioevo sino alKeta 
di Federico II per « constatare qualche importante novità nel- 
rarchitettura», o che, «al principio del XIV secolo» si apra una 
lacuna sin che Giovanni Pisano ed Arnolfo di Gambio non ven- 
gono a dare un nuovo impulso all'arte? 

Né meno inutile, o meno piena di inesattezze (1), è Tospo- 



(l) Vedi la recensione del I volume per oi>era di C. v. Fabriczy in 
iUpertorium far Kunsticìss. 1903. 

Hivista storica italiana, 3» S,, v, l. 1 



Digitized by 



Google 



50 BECKNSIONI K XOT£ BIBLIOOBAFICUE — P. TO£SCA 

sizione delle vicende di Firenze e del Papato nel XV e nel XVI 
secolo, secondo preambolo dell'opera ! 

Il metodo seguito dairA. nell'illustrare l'attività degli ar- 
tisti è di consecrare ad ogni opera pagine staccate, e ciò — 
se non è il mezzo più efficace per lumeggiare sinteticamente 
lo svolgersi delle qualità stilistiche — lascia almeno scorgere 
che TA. ha interrogato con amore i monumenti. 

Giuliano da Sangallo (1445-1516) primeggia a ragione fra 
gli artisti di sua famiglia: il Quattrocento e l'inizio di quella 
maturità di forme che fu il Cinquecento si uniscono in una ori- 
ginale maniera nelle sue opere, nel chiostro architravato di 
S. Maria Maddalena de' Pazzi, nell'atrio della villa medicea di 
Poggio a Calano, in S. Maria delle Carceri, a Prato. Non sap- 
piamo per quali ragioni il C. persista in assegnare a Giuliana 
la costruzione della rocca di Ostia benché sulla porta stessa 
della fortezza sia stata rinvenuta l'epigrafe: «Baccio Pontelli 
architecto». A rettificare questa ed altre opinioni dell' A. val- 
gono gli studi pubblicati di recente da C. v. Fabriczy. 

Non soltanto come appassionato disegnatore di antichi mo- 
numenti ma anche quale scultore Giuliano da Sangallo mani- 
festa il fascino ch'ebbe su di lui l'antichità: l'A. avrebbe po- 
tuto soffermarsi a considerare più a lungo i monumenti funebri 
della Cappella Sassetti in S. Trinità di Firenze nei quali Giu- 
liano copiò con lievi alterazioni antichi modelli o se ne inspirò. 

Antonio da Sangallo (1455-1534) dopo aver a lungo colla- 
borato col fratello Giuliano, e dopo aver creato una costruzione 
quattrocentesca quale la loggia di Piazza della S. Annunziata 
in Firenze, esplica sempre più nelle proprie opere i caratteri 
dell'architettura del Cinquecento : prende a modello la Madonna 
delle Carceri di Prato — capolavoro di Giuliano — e la tra- 
sforma nella Madonna di S. Biagio, a Montepulciano, in cui 
l'armonia e la robustezza delle forme non riesce a vincere la 
freddezza della imitazione dell'antico (alla Madonna di S. Biagia 
il CI. dedica una propria e diligente monografia), cosi come nel 
Palazzo Torugi di Montepulciano. 

Ad Antonio da Sangallo il giovane (1485-1546), allievo di 
Bramante, l'A. consacra tutto un volume, dandogli invero nella 
propria opera una eccessiva preponderanza. Ingegnosissimo nei 
suoi piani — Santa Maria di Loreto, a Roma, ed il palazzo di 
Caprarola ne sono prova — Antonio il giovane si mostra di 
assai vario valore come architetto : nello stessa palazzo Famese^ 



Digitized by 



Google 



TEMPI MODERNI — F. KNAPP 51 

la poderosa e mirabile costruzione del cortile contrasta con la 
facciata monotona e povera, neirordine superiore delle finestre. 
I/operosità di Antonio quale ingegnere militare e sopratutto 
quale architetto civile — nei palazzi di Roma e di Firenze — 
è studiata dall'A. con particolare attenzione. 

Bastiano da Sangallo, detto Aristotele (1481-1551), archi- 
tetto e decoratore, non occupa, insieme con Giovanni Francesco 
da Sangallo (1482-1530), architetto, se non un posto secondario 
fra gli artisti della sua famiglia dei quali il figlio di Giuliano, 
Francesco ( 1494-1576) chiude gloriosamente la schiera. Lo stile 
delle sculture di Francesco, accademico e freddo nei bassorilievi 
della santa Casa di Loreto, acquista un vigore naturalistico 
degno del Quattrocento ed una originale forza patetica nel mau- 
soleo di Angelo Marzi, nella chiesa dell'Annunziata di Firenze, 
ove il vecchio vescovo, prostrato nello sfacelo fisico della de- 
crepitezza, si solleva con una ultima vampa di energia. Cos'i 
pure nella bella statua di Paolo Giovio. 

L'A. avrebbe dovuto indugiarsi più che non faccia ad illu- 
strare Torigine di questi caratteri dell'arte di Francesco; ma 
non è soltanto in questa parte, è in tutto il corso della sua 
opera ch'egli — se talvolta porta acutezze di osservazione e 
diligenza — non riesce mai a precisare la figura e a sintetiz- 
zare il vario aspetto dei diversi artisti. P. Toesca. 



FRITZ KNAPP, Fra Bartolommeo della Porta und die Schule 
von San Marco. In-8, fig., pag. 236. Halle a. S., W. 
Knapp, 1903. 

35. — Dopo aver illustrata diligentemente l'opera di quel 
puro Quattrocentista che fu Piero di Cosimo, l'A. dà prova di 
gusto fine e completo rivolgendosi ora ad un pittore che nel- 
l'Arte fiorentina segna francamente il trapasso al Cinquecento 
eche non è ora fra i più comunemente ammirati. La vita di Baccio 
della Porta — fra Bartolomeo — (1472-1517), trascorse nel pe- 
riodo dominato da Leonardo e da Michelangiolo ; l'arte sua 
porta profonde le traccio dell'infiuenza dei due grandi maestri 
mentre d'altra parte essa forni elementi allo sviluppo di Raffaello. 
Come nella bottega di Cosimo Rosselli — dalla quale anche usci 
Piero di Cosimo — siasi dapprima formata l'arte di Baccio della 
Porta è un quesito che l'A. non ha potuto sciogliere dacché 
mancano documenti della prima attività del pittore: la ])iù 



Digitized by 



Google 



01' MECENSIONI E XOTK BIBLIOGRAUCUK — P. TOESCA 

antica opera che di Ini si ik)sì^ indicare con certezza, ad ecce- 
zione forse di un ritratto del Savonarola e doW Annwiciazì'one 
di Volterra, l'affresco del Giudìzio Universale, un tempo in 
S. Maria Nuova ed ora agli Uffizi, risale al 1498, quando già 
il giovane artista aveva attravei-sata quella crisi spirituale che 
che sconvolse molti dei maggiori maestri lìorentini. Attirato 
dalia dottrina del Savonarola, anch*egli diede al fuoco le ixroprie 
opere giovanili, abbandonò l'arte; entrò infine nell'ordine do- 
menicano: nel 1501 lo si ritrova nel Convento di S. Marco, 
pieno ancora delle visioni dell'Angelico, fremente allora dei re- 
centi ricordi del Savonarola: ivi, e nel ritiro di Pian Castagnaio, 
si svolse quasi tutta la vita del monaco pittore. 

Nel Giudizio Universale, ch'egli dipinge all'uscire dalla 
sua devota inazione, Fra Bartolomeo si dimostra rivolto meno 
alla ricerca del vero individuale, meta costante di lutti gli 
sforzi dei maestri del Quattrocento, che a trovare effetti gran- 
diosi di composizione (dalla solenne cerchia degli apostoli 
nel Giudizio Raffaello fu inspirato ad ideare, attraverso l'af- 
fresco di San Severo in Perugia, l'imponente parte superiore 
della Dìsputa del Sacrameyito) e nuove espressioni di colorito e 
di chiaroscuro: in ciò è evidente l'influsso che Leonardo ebbe 
su di lui, palese anghe nella Annunciazione (1497) della Cat- 
tedrale di Volterra che il K. attribuisce, almeno in parte, al 
Frate, da altri ritenuta opera di Mariotto Albertinelli che fu 
in costante comunione artistica con fra Bartolomeo. 

Si per questa tavola che pel Giudizio TA. riporta nume- 
rosi disegni originali: lo studio anzi ch'egli dedica di fronte 
alle opere di pittura, a tali preparazioni in cui l'artista so- 
vente esprime più liberamente l'animo suo, forma anzi la 
parte più nuova e più bella del presente lavoro. Fra Bartolo- 
meo fu disegnatore squisito: anche quando, nel suo ultimo pe- 
riodo, la sua maniera divenne più gonfia e meno attraente egli 
serbò nel disegnare la grazia e la leggerezza primitiva, uii 
tratto sottile e delicato della penna che confida alle carte le 
più delicate emozioni. 

Esaminando i disegni che appartengono al periodo della 
maturità di fra Bartolomeo, il K. avrebbe potuto richiamare l'at- 
tenzione sopra il singolare procedimento di studio ch'essi tal- 
volta tradiscono: talora i nudi non presentano punto la mor- 
bidezza e la vitalità di studi condotti sul vero, bensì hanno forme 
squadrate e quasi geometriche, come se fossero ricavati da 



Digitized by 



Google 



TKMl'I MODERNI — F. KNAPP 53 

modelli inanimati (cfr. il S. Bartolomeo nella collezione Alber- 
tina, gli studi per la Vergine seduta nella Pinacoteca di Mo- 
naco): or sappiamo appunto che la bottega del pittore era prov- 
vista di modelli di legno snodati! Più che gli istantanei e 
fuggevoli lampi della vita e del vero Fra Bartolomeo si preoc- 
cupava di riprodurre la plasticità dei corpi, lo spazio e la luce: 
per questa sua via egli progredisce continuamente, dal piccolo 
dittico degli Uffìzi alla Visione di 5. Bernardo — ove ebbe a 
modello Filippino Lippi —, al Noli me tangere del Museo del 
Louvre, 2\V Assunta del Museo di Berlino. 

Un soggiorno a Venezia, dall'aprile al giugno 1508, segne- 
rebbe, secondo il K., una nuova fase nell'arte del maestro: di- 
schiusisi ai suoi occhi gli splendori di Giorgione e di Giambel- 
lino, la vastità monumentale delle grandi ancone di altare e 
delle Sacre Conversazioni Venete, da Venezia il Frate avrebbe 
rii)ortata a Firenze una nuova sensibilità al coloro, nuovi mo- 
tivi di composizione. Ma TA., credo, esagera di molto in questo 
suo giudicare: non trovo che il pittore abbia modificato, come 
vuole il K. (pag. I»i2), sui modelli veneziani il tipo delle sue 
Madonne; la gamma del colore, il chiaroscuro non cambiano 
di aspetto; nella Visione di S. Cate^Hna e di S. Maddalena 
(1509), nella Pinacoteca di Lucca, la forte tonalità del cielo az- 
zurro è ben diversa da quella morbida e vaporosa dei dipinti 
veneti; la Madonna (1509) del Duomo di Lucca, capolavoro 
del Frate, si può con più ragione avvicinare ai maestri dol- 
ritalia Centrale che a Giorgione ed a Giambellino. 

Ognuno consentirà invece con TA. nel riconoscere che l'ul- 
timo periodo della vita del Maestro (1514-1517) dimostri sempre 
più forte rinfluenza di Michelangiolo: vedausi i »S.S\ Pietro e 
Paolo del Museo liateranense, il gigantesco S, Marco di Pitti. 
D'altra parte una serie di Sacre famiglie rivela che a sua volta 
Raffaello agiva sul vecchio maestro. 

Già prima di entrare in convento Baccio della Porta aveva 
lavorato col pittore Mariotto Albertinelli : i due compagni si 
riunirono nel 1509 e tennero bottega in San Marco seguanolo 
per lo più collo speciale segno di due (*erchi sormontati da una 
croce le opere prodotte dalla loro collaborazione. A queste, od 
a quanto produsse indipendentemente Mariotto Albertinelli — 
il quale sebbene nella Crocifissione defila Certosa di Firenze 
abbia indubbi rapporti con Tarte umbra, rimase poi semi)i'e 
sotto l'influenza del Frate rispecchiando talvolta nella sua (o- 



Digitized by 



Google 



54 RECEXSIONI E NOTE BlBUOaRAJ'ICUE — P. TOESCA 

cnica diligente nei fondi finissimi di paese, l'ammirazione ch'ei 
dovette avere per l'arte del Nord — il K. dedica particolare 
studio COSI come a Fra Paolino, ligio seguace di Bartolomeo, 
che dal Frate pare abbia ereditato non Tanima, ma soltanto i 
modelli di legno, i disegni ch'egli molte volte sfruttò : maestro 
per lo più mediocre, cartaceo nei colori, senza vita nelle figure. 
Un catalogo minutissimo, ricco di notizie, di tutti i dipinti 
ed i disegni di Fra Bartolomeo, delle opere principali di Mariotto 
Albertinelli (a quelle noverate amiamo di aggiungere una deli- 
ziosa tavoletta nella Pinacoteca Strossmayer di Agram), di Fra 
Paolino (tra esse sarebbero da enumerare anche una bella A/n- 
nunciazione che vedemmo nell'Oratorio di Vinci, nel paese di 
Leonardo, ed una pala della Pinacoteca di Empoli) fa del la- 
voro del K. una pubblicazione veramente esemplare. 

P. TOESCA, 



HENRY THODE, Michelangelo und das Ende der Renaissance, 
Voi. !• Das Genie und die Welt; voi. 2* Der Dichier^ und 
die Ideen dei" Renaissance. Berlin, G. Grote, 1902 e 1903; 
in-8, pagg. xv-488 e vi-487, con 2 fotoincis. 

36. — Dopo che tanti lavori e tante ricerche sono state 
consacrate ad illustrare la vita e l'attività di Michelangelo, l'o- 
pera del Thode ha il pregio singolare di una grande originalità, 
regolata com'è da nuovi punti di vista, rivolta ad uno studio 
psicologico anziché materialmente biografico, (i) feconda di un 
nuovo risultato : attraverso la lettura dei due volumi la figura 
del sommo Maestro che nella grandiosità delle sue creazioni 
sempre appare sovrumana ed inafferrabile, si avvicina a noi, 
si svela in grande parte della sua intima e dolorosa umanità. 
Forse questa figura si presenta nelle pagine del T. troppo for- 
mata e troppo fìssa in sé stessa, forse avrebbe potuto essere 
m^lio illuminata nel suo integrarsi : a ciò crediamo intenderà 
il terzo volume dell'opera che si annuncia dedicato alla atti- 
vità artistica di M., poiché i due primi volumi riguardano non 
l'artista ma l'Uomo, sono costrutti non sull'esame delle opere 
d'arte figurativa ma su quello delle vicende e, più ancora, dello 
lettere e delle poesie del Maestro. Il primo volume considera 



(l; L^A., ci offre benissimo elaborata tutta la materia biografica in 
un'appendice al volume 1, la quale forma un vero e minutissimo regesto 
della vita di M. 



Digitized by 



Google 



-«J^W 



TEMri MODERNI - H. THODE 55 

i'Uomo nelle sue qualità e nel suo destino; il secondo volume 
le reciproche azioni e reazioni dell'ambiente e dell'Uomo. 

Fu detto esservi in ogni carattere umano una « qualità ma- 
estra» che regge un edificio di contraddizioni, di debolezze e 
di forze, composto da diverse qualità minori: in M. questa 
chiave maestra delle energie psichiche fìi TAmore, un instan- 
cabile senso di amore che le lettere del Maestro ci rivelano 
si nell'amorevolezza verso la famiglia, verso i servi ed i disce- 
poli, che nell'equanimità verso i nemici ( valga il retto g'udizio 
<;he M. diede di Bramante architetto), nella amabilità verso 
ognuno, nelle opere di carità. Con tale qualità pare contrasti 
quella fierezza per cui i contemporanei coniarono una nuova 
parola, quella «terribilità» che Giulio H non ri usci ad infran- 
gere; ma piuttosto che un'ombra, era quello un raggio del- 
Taniina fatto di veracità, di senso di indipendenza (1), di 
()ui*a coscienza, e si fondeva tutto nella grande luce di Amore. 

Come in artista, in M. il regno della Fantasia prevalse su 
quello dell'Intelletto, e in esso nuove energie dominano l'Uomo: 
anzitutto, un entusiasmo, un ardore costante dello spirito espli- 
caotesi dapprima nell'amore della bellezza femminile, indi — 
sempre più immateriale — nell'amore affatto intellettuale della 
bellezza giovanile: Febo del Poggio, Gherardo Perini, Tom- 
masio Cavalieri — i giovani amati — non furono che « Objec- 
tivationen M.'scher Phantasiebilder u. Ed accanto all'ardente 
entusiasmo, ecco in M. una inattesa vena di umorismo e di spi- 
rito satirico: coesistenza di due stati d'animo contradditori che 
si conciliavano nella libera fantasia del Maestro ! Infine, un 
senso di diffidenza, un atteggiamento di amara ironia sembra 
crescere sempre più cogli anni nell'animo dell'artista inasprito 
dai contrasti del destino, dalle inimicizie dei rivali. 

Un tale Uomo, che Amore ed Entusiasmo dominavano sopra 
ogni altra qualità, che doveva a forza recare nell'attività arti- 
stica, nel lavoro, un'energia instancabile, un ardore febbrile di 
esplicarsi, essere invece continuamente ostacolato; vedere sfug- 
gire a poco a poco la possibilità di materiare quanto lo spirito 
ha ideato; trovarsi costretto ad opere che lo allontanano sempre 
più dal proprio proposito! Tale fu il destino di Michelangelo 
nella sua vita di artista: il grande progetto che nel 1505 egli 



(1) Meno bene chiarito ci sembra l'atteggiamento politico di M. Cfr. 
Voi. I. pag. 119 e segg. 



Digitized by 



Google 



56 KKCENSIOXI E NOTE BIBLIOGRAFICHE — P. TOKSCA 

aveva ideato per il mausoleo di Giulio II doveva per sempre 
apparirgli come lo scopo supremo e ognor più irra^iuugibile 
della propria vita, quanto di grande egli andana creando — 
la stessa GapixìUa Sistina — non doveva sembrargli che un 
tormento, un ostacoio al compimento dell'opera vaghe^iata, 
mentre questa a mano a mano gli sfuggiva e perdeva ogni pro- 
babilità di essere attuala se non che a prezzo di continue mu- 
tilazioni. Dal 1505 al 1545 si trascinano le vicende del mau- 
soleo papale e proiettano sull'animo dell'artista una tragica 
ombra. 

Il T. riesce magistralmente a porre in rilievo questo senso- 
tragico che domina la vita di M., cosi manifesto in tutta la pro- 
duzione artistica del Maestro. 

In modo veramemente fondamentale il secondo volume del- 
l'opera svolge il problema delle relazioni di M. col Rinasci- 
mento. 11 T. è ben lontano dairidentificare il Rinascimento 
con l'Umanismo, dacché cosi si vuol chiamare la rinascenza 
della antichità classica ; egli non soltanto crede che l'inizio dei 
due fenomeni non coincida affatto ma pensa che T Umanesimo 
abbia atrofizzato in certi rami Taltività artistica dello spirito 
italico ridesta nel i>enodo della vera Rinascita. Non è nel 
quattrocento, bensì già nel XIII secolo che questa si iniziò ; 
quando la vita delle città nostre ebbe il suo massimo rigoglio^ 
quando il sentimento religioso si trasfigurò in quel grande ar- 
dore di amore, di entusiasmo, che fu Francesco di Assisi, e la 
Fede, discioltasi dalle bende dell'astrazione teologica, fu corsa 
da un nuovo calore di umanità. L'A., che già illustrò tale con- 
cetto nella sua bella opera su S. Francesco d'Assisi e l'inizio 
del Rinascimento (I), cosi riassume il carattere ideale di questo 
movimento religioso: «aus den unnahbaren Fernen iiberirdi- 
scher Existcnz wurden Christus, Maria, die Apostel und Glau- 
benzeuge wieder auf die Erde zuriichgefiihrt, niitton in den 
Wandel der Zeitlickheit zu innig trautem Verkehre mit dem 
Kàmpfender und Leidenden versetzl»; (2) in tale unione dell'U- 
mano e del Divino era il germe di un nuovo movimento arti- 
stico che doveva persistere sino al XVI secolo ed esprimere 
sempre più perfettamente il rinnovato ideale cristiano. 



[ì) H. Thodk, Franx von Assisi und die Anfiinge der Knnsf der 
Benaissanee in Italien, Berlin, 1S.S5. 
(2) Voi. II, pag. 15. 



Digitized by 



Google 



TEMPI MODERNI — H. THOJÌE 57 

Mentre giova consentire con T A. nel suo giudizio suirirapor- 
tenza storica del XIII secolo e nella necessità di rompere le 
vecchie divisioni flittizie di Medio-evo e di Evo Moderno per collo- 
care nel Dugento il vero inizio del Rinascimento, non si può fare^ 
a meno di dubitare se non sia eccessivo il posto che egli attri- 
buisce airidea cristiana nel periodo che va dal XIII al XVI se- 
coh). Oià lo stésso Dugento mi pare che nell'aspetlo religioso 
9i presenti più complesso che TA., non dica: nella stessa città 
di Parma descrittaci da Fra' Salimbene piene di turbe invase- 
da delirio religioso, un giorno il vescovo (!), sul letto di morte, 
rifiuta di ricevere il Sacramento, dichiarando di non aver mai 
avuto fede nel mistero; dovunque, fra le turbe salmodianti si 
immischiano i « tnifatores » irriverenti ed il loro riso annuncia 
prossimi i gai novellieri del Trecento; un soffio continuo di sen- 
sualità, di mondanità, passa fra le carte dello stesso buon frate 
parmigiano s'egli vanti i buoni deschi di Francia, o narri vi- 
cende di donne, o descriva giocolieri pisani. Ed ecco che di- 
nanzi a S. Francesco sorge e grandeggia sempre più un'op- 
posta figura, un Uomo che la Chiesa scomunica a torcie spente,, 
che i credenti accusano di nefande nequizie, in cui si attende 
di veder compiute le profezie suiranticristo, ma che più lo si 
contempla più ci appare — spirito veramente italiano — quale 
un grande precursore della cultura umanistica. Federico II,. 
nell'Italia Meridionale, nel suo «viridarium», eh' ei voleva 
far modello di tutti i principati, realizza già Io Stato come 
«opera d'arte»; nella sfera scientifica e religiosa, con la sua 
«I)erversa curiositas » precorre l'età moderna; iieirorbita ar- 
tistica, è centro di un poderoso movimento rivolto si all'anti- 
chità che alla più vigorosa forma d'arte dei tempi suoi, all'Arte 
gotica. Egli impersona un nuovo orientamento del pensiero, 
scevro affatto di tendenze religiose, laico, che nel quattrocento 
ha tali rappresentanti quali Macchiavelli e Leonardo. 

Lo stesso A. è portato a ravvicinare la fioritura d'arte 
unita al rinnovamento dello spirito religioso nel Dugento con 
l'Arte greca favorita dalla natura dei miti classici (voi. II, 
pag. 15: «In der Verbindung des Reinnienschlichen mit dera 
Giittlichen war das Kiinstlerische gegeben: seit den Zeiten, da 
die mylhische Vorstellung des Griechenvolkes in gleicher Weise 
zom deutliche Bilde wurde, zum erste Male wieder »); or vien 
fatto di domandare : tale fioritura fu dovuta veramente alla re- 
ligione non piuttosto all'elemento nuovo che rivivificò il 



Digitized by 



Google 



5S RECENSIONI S NOTE BIBLIOGRAFICHE — P. TOESCA. 

vecchio ideale cristiano, a quel senso di Umanità che rinnovò 
lo stesso sentimento religioso e, compenetrando la materia ar- 
tistica offerta dal cristianesimo, la rese veramente vitale nei 
mondo dell'Arte, come per esso erano stati vitali nell'arte i 
miti greci? 

Non è qui il luogo di cercare una risposta; conviene in- 
vece seguire TA., nella efficace esposizione ch'egli fa del mo- 
vimento di idee e di cultura in Italia dal XIII secolo sino al 
<5Ìnquecento per dimostrare che l'Umanismo non ne interruppe 
la continuità. Nelle arti figurative l'Umanismo non segna una 
interruzione: durante il quattrocento le arti proseguirono le 
loro ricerche naturalistiche preparando mezzi al periodo su- 
premo, di idealizzazione, segnato da Leonardo, da Michelan- 
gelo e da Raffaello. Tra le forme letterarie, molte l'Umanesimo 
ne immiserì nella imitazione ; esso intorpidi il movimento poe- 
tico, non gli diede un'anima nuova, si che quando esso si ri- 
destò fu per riannodarsi al mondo di idee caro a Guido e a 
Dante; nell'orbita filosofica, il Platonismo unisce strettamente 
il secolo XV col secolo di San Bonaventura. Attraverso le teorie 
platoniche si matura quell'adorazione per la Bellezza ideale che 
doveva alfine esplicarsi nelle arti sul principio del cinquecento, in 
mezzo al crescente disfacimento dei costumi, quasi essa trovasse 
l'ultimo rifugio, la sua eterna espressione, nell'Arte! Il contrasto 
fra l'Idea della bellezza e la Realtà fu per Michelangelo l'ori- 
gine intima del dolore : le poesie del Maestro svelano le diverse 
fasi della sua liberazione dalla Realtà, della sua ascensione 
dall'amore della bellezza terrena a quello della bellezza ideale, 
all'amore puro di Dio^ secondo il tramite platonico. 

Traducendo abilmente moltissimi dei versi di M., l'A. il- 
lumina i diversi stati psichici dell'artista; illustra il carattere 
della religione di M. formata tutta, come in Savonarola, di 
ardore di fede in Cristo, e ricerca quali relazioni essa abbia 
potuto avere con la Riforma (rintracciando le vestigia di questa 
in Italia), per concludere che M. accolse senza discussioni nella 
6ua fede ardente e semplice le tradizioni della Chiesa; lumeggia 
la figura della mistica Vittoria Colonna ch'ebbe tanta influenza 
sull'ultimo periodo della vita del Maestro (i). 

(1) Circa allo scarso valore oggettivo dei dialoghi nei quali il porto- 
ghese Francesco de Hollanda, che soggiornò a Boma dal 1537 al 1545, in- 
troduce a parlare Michelangelo e V. Colonna, cfr. H. Tietze. Francisco 
de Hollanda tmd Donato Oiannotti Dialogo und Michelangelo (Reperto- 
rium fUr Kunsttc, 1905, 295-320) 



Digitized by 



Google 



TKMPI MODERNI — F. CURLO .'^9 

Al termine del volume si resta ammirati non solo per la 
profondità delie questioni agitate, per Tanalisi acuta dello spi- 
rito del sommo artista, ma anche per la costruzione elaborata 
ed artistica dell'opera, che speriamo di presto conoscere nel- 
rultima parte della sua trilogia. P. Toesca. 



FAUSTINO CURLO, Storia della famiglia Cavassa di Carma- 
gnola e di Saluzzo. Saluzzo, Bovo e Baccolo, 1904. 
DOMENICO CHIATTONE, La Casa Cavassa di Saluzzo. Saluzzo, 

Bovo e Baccolo, 1904. 
DOMENICO CHIATTONE, Matrimoniana nel '500 in Saluzzo, 
Saluzzo, Bovo e Baccolo, 1905. 

117-39. — Ecco tre erudite monografie, che ci fanno rivivere 
nei bei tempi lontanati, quando la marchionale città subalpina 
aveva la singolare fortuna di intrecciare le sue vicende alla 
«toria d'Europa. Merito loro è di offrirci, senza sommergerci 
nel viluppo inestricabile della politica, il diletto di seguire nel- 
rintimità i fasti di una nobile famiglia e i particolari delle gioie 
<;asalÌDgbe. 

Faustino Curio, dopo aver attraverso alla Saluzzo piana 
provato disgusto per la sua modernità provinciale, ci guida en- 
tusiasticamente su per il declivio del colle nella cittadina an- 
tica, dove un mondo di vecchie cose gli suscitano tante ricor- 
ilanze storiche. Ed egli studia con amore alcune particolarità 
della Signoria marchionale sfuggite agli storici Saluzzesi mag- 
giori, spiega il sincronismo deirimpianto del marchesato e dei 
suoi grandi monasteri e abbazie con concezione fin troppo ma- 
terialistica, nota rinteresse di uno studio delle famiglie nobili 
— mantenutesi sempre come satelliti intorno al pianeta — dice 
vsapiente (io non la direi però democratica, che anzi parmi di 
un conservatorismo fine) la liberalità dei marchesi nel conce- 
dere le prerogative nobiliari alle famiglie ricche o illustri per 
ingegno e ci mostra la fine miseranda dei marchesi causata dalle 
lotte intestine, dalla politica di Margherita di P'oix, seconda 
moglie di Ludovico II, nemesi vendicatrice delle molte Griselde 
the la precedettero per 400 anni, e dai cattivi consigli di tristi 
suoi ministri, tra i quali andò famoso il Vicario Generale Fran- 
cesco Cavassa. 

Dopo il bel preambolo, sfondo veridico alla scena, il Curio 
passa allo studio della famiglia Cavassa, spogliandola di tutti i 



Digitized by 



Google 



60 REOEXSIOXI E NOTE BIBLIOGRAFICHE — L. C. BOLLEA 

molti uomini illustri, di cui rarricchirono storici compiacenti^ 
e ricostruendo in tre tavole mediante indagini pazienti, studi 
peculiari e ragionamenti persuasivi tutta la genealogia dei Ca- 
vassa dalle loro origini sino all'estinzione (175(3). 

Oriunda di Carmagnola, questa famiglia, iniranciosatasi, 
arricchì noi commercio delle droghe e delle sj)ezio, indi fece 
ritorno nel paese natale. Fortunatamente per essa trovò in uno 
dei suoi membri, Enrico (7 1476), l'uomo avveduto, che seppe 
ottenere con un processo subdolo il titolo nobiliare e seppe 
abilmente celare il fallo d'amore dell' unica figliuola Glorizia, 
Teletta a proseguire con il matrimonio col cugino Galeazzo.il 
casato ormai patrizio. Frutto della loro unione fu Francesco, 
la figura princeps della famiglia, il crudele e esoso consigliere 
dell'avida Margherita di Foix, il vero rappresentante del suo 
motto gentilizio: D)*oH quoi qu*il soit. 

Il Curio dimostra con prove storiche e araldiche persua- 
sive come la nobiltà dei Cavassa risalga solo a Enrico, larva 
plebea dalla quale si formò Tarislocratica farfalla e paladinesca- 
mente difende Margherita di Foix, colpevole di molti altri falli, 
dall'accusa di rapporti amorosi illeciti con Francesco Cavassa, 
notando che questi anche da un esame antropologico del suo 
bassorilievo marmoreo del Sanmicheli appare non un sensuale, 
un vagheggino tenero, ma un crudele, un prei)0teiite, un rapace. 

Però Francesco Cavassa a questo suo carattere triste accop- 
piava un amore sincero ed illuminato dell'arte, per cui mani- 
festava il suo profondo e delicato sentimento di ciò che è bello 
nella sua casa, tuttora circcmfusa e protetta dalla misteriosa 
seduzione della sua primiera eleganza e viva della vita perenne 
dell'arte fin nelle reliquie dei suoi dispersi e infranti ornamenti. 

Di questo pa|azzo nobiliare invaghito il Chiattone, volle darne 
una guida artistica, che colma così una lacuna nella storia deU 
l'arte piemontese e che con le belle riproduzioni sue di stemmi, 
di cimieri, di interni della casa gareggia con le eliotipie del la- 
voro di Faustino Curio. 

Anche il Chiattone vuole creare l'ambiente nel quale si 
profilava altezzosamente come castello feudale la dimora di questi 
jHO'venus del secolo XV, e piTciò si tmttiene da prima sugli 
antichi borghi e sulle lu'imitive mura di Saluzzo. Indi, guidan- 
doci sotto i loggiati, sul belvedere, lungo le balaustrate e nelle- 
sale istoriate a fi-esco, dove i Cavassa viss(*ro e tiranneggiarono, 
completa la rievocazione che di essi fece il Curio. 



Digitized by 



Google 



TKMPI MODERNI — D. CHIATTON E 61 

Il Chiatloiie ci conduco innanzi alla- facciata della casa per 
farci ammirare il portale marmoreo del Sanmicbeli e la porta 
in legno di vite, la parte decoratila più interessante della fa-e- 
ciata. Indi per il lungo corridoio d'entrata ci fa iienetrare nel- 
l'interno, dove il porticato a quattro voltate sostenute da cinque 
colonne di marmo, il bassorilievo marmoreo di Francesco Ga- 
vassa, la magnifica balaustrata di Pietro Lombardo di Venezia 
(1490), le bifore, i cotti, i dipinti offrono allo studioso argomento 
di bella erudizione sugli stili arcbitett onici, sulla monocromia 
«sui chiaro-scuri dei dipinti e sulla tecnica dei fresóbi, adornanti 
le sale, specie quella della Giustizia. 

Infine il Chiattone discorre della suppellettile artistica che 
si trova ora raccolta in questa casa, convertita in un museo di 
arte regionale e di cimeli Pellicbiani. / 

Cosi Saluzzo nobile per sangue e per gesta è giustamente 
illustrata; ma siccome «gli spiccioli della storia ci rifabbri- 
CADO la faccia esteriore di un mondo che fu, ci evocano una 
vi(a che è irremissibilmente spenta», perciò il Chiattone a 
completare lo studio su Saluzzo fermò pure le sue indagini 
sulla vita delle classi medie, formandone una pubblicazione 
eiùtalamica. Matrìfnoniana nel '500 è il titolo del lavoro che 
scritto el^antemente in una forma letteraria spigliata e talvolta 
faceta, affronta nel primo studio la questione della Cm^esiìa di 
matrimoni, che se oggi tende a diventare più frequente, non 
s'afflevolisce però risalendo nel passato, quando la statistica 
mostrava un rapporto numerico fra maschi e femmine troppo 
squilibrato» sicché il nero mantello della benedettina o il ruvido 
^aio della Clarissa servivano a risolvere economicamente la que- 
stione della superpopolazione femminile, aggravata dalla proi- 
bizione dei matrimoni fra nobili e plebei o borghesi. Con 
questa penuria adunque di.... candidati al matrimonio si com- 
prende come le Ragazze da marito cercassero in tutti i modi 
di adescare l'uomo con il lusso, con lo scongiuro infernale, 
con gli incantesimi e con le formule magiche di qualche 
iattucchiera ; ed ilGbiattone ci discorre minutaniente di tutte 
queste cose, elencandoci le maritande in belle e brutte, in po- 
vere e ricche, in figlie naturali e ragazze tradite e vedove, di 
ognuna discorrendo e intrecciando tratto tratto all'esposizione 
slorica qualche aneddoto personale triste o gaio, che reca mag- 
giore luce e freschezza a questa ricostruzione di tempi lonta- 
nati. Ma il Lusso femminile fu sopratutto il Galeotto d'amore 



Digitized by 



Google 



62 RECENSIONI £ NOTE BIBUOQBAnCH£ — L. C. BOLLEA 

e perciò si ebbe dal Chiatlone uno studio speciale, che è un 
prezioso contributo alla storia del costume, rievocando le vesti, 
le calzature, gli indumenti intimi, le gioie e i ninnoli femminili, 
le l^gi suntuarie (notevolissima è \)er il Piemonte l'esistenza 
di una legge suntuaria già nel 1439, derivata direttamente da 
tante altre più antiche e già note di altre città d'Italia) le va- 
rietà di stoffe e di pellami, le organizzazioni artigiane e le 
fabbriche manufatturiere del contado di Saluzzo. Oli Sponsali^ 
combinati al suon di una buona dote, o dagl'intraprendenti in- 
trighi della mamma o dalle trattative di terzi, dopo esser 
stati in presenza di due testi regolarmente sanciti con gli atti 
àsWaumento dotale, del vedovizio, del fardello e con la do- 
nazione dei doni del fidanzato all'eletta e festeggiati con il 
banchetto delle promesse, menavano alle Nozze, Il Chiattone 
ci mostra come queste dovessero essere fatte in forma solenne 
e complicata, con sfoggio di lusso e di fasto e con ostentazione 
del denaro, sia che la condizione degli sposi fosse principesca, 
sia che fosse borghese o plebea, ricordando infine come la 
compagnia dei « folli ♦ anche a Saluzzo avesse dei diritti spe- 
ciati di baccanali e di gaggi, specialmente quando imperfezioni 
fisiche la tarda età offrivano materia di scherzi popolari crudeli. 
Un excursus' pubblicato in appendice, con diversi preziosi 
documenti tolti da archivi privati, tratta dell'Abbazia degli stolti 
o € folli » e della loro soppressione nelle nozze forse in rapporta 
colla reazione contro r« eresia». 

L. G. BOLLEA. 

DoTT. A. TORMENE, Il Baìlaggio a Costantinopoli di Giì*olama 
Lippomano e la sua tragica fine, Venezia, Visentini, 1903. 
40. — Girolamo Lippomano dopo aver esercitato nelle am- 
bascerie in Austria, in Savoia, in Polonia, in Francia, in Ispagna, 
in Germania la sua non comune abilità diplomatica, fu nomi- 
nato nel 1589 bailo a Costantinopoli, dove rimase qualche tempo, 
finché improvvisamente giunse a sostituirlo nella primavera del 
1591 Lorenzo Bernardi, ed egli, accusato di aver propalati se- 
greti di Stato venne imbarcato su una galea della repubblica 
e condotto a Venezia per esservi giudicato. Ma quando il legno 
fu giunto a Venezia, nella laguna venne trovato il cadavere di 
Lippomano; né si seppe mai se egli si fosse data volontaria- 
mente la morte o se fosse stato ucciso per ordine dei Dieci ed 
in seguito a processo. 



Digitized by 



Google 



TKMFI MODERNI — A. TOBMENE (53: 

Sulle cause che diedero origine all'arresto, sul proo^^sso, e 
sulla probabile fine di un uomo così illustre e così stimato verte la 
monografia del p. Torraene, il quale, poco soddisfatto delle brevi, 
incomplete, contradditorie notizie degli storici veneziani, ha vo- 
luto far luce, ricercando con pazienza, non solo negli archivi di 
Venezia, ma in quelli di molte altre capitali degli Stati europei, 
tutte le carte che potessero aiutarlo a chiarire l'intricata questione. 

A. conclusioni definitive egli non è giunto, né lo poteva; 
che la consueta prudenza dei Dieci non permise che nei lora 
registri rimanessero esplicite prove e della colpa e del processa 
e della morte; e le notizie degli ambasciatori stranieri, resi- 
denti a Venezia ed a Costantinopoli, ricercate, esaminate e di- 
scusse con grande diligenza e acume critico dal Tormene, non 
danno luce sufflcente. — Esse però sono, pur nelle loro con- 
traddizioni, cosi gravi che il Tormene dopo aver pazientemente 
vagliato i dispacci degli ambasciatori di Francia, di Piemonte^ 
di Toscana, di Mantova, di Germania e specialmente di Spagna 
(questi ultimi invano ricercati a Simancas e scoperti poi a Pa- 
rigi) viene alla conclusione che il Lippomano trasmetteva ai 
re di Spagna lettere private contro le leggi del proprio paese e 
i doveri che il suo ufficio gli imponeva ; ma che la sua colpa 
non era poi molto grave e tale da meritar la morte. Rispetta 
alla sua fine, non ostante le affermazioni dell'ambasciatore Spa- 
gnuolo, il Tormene non par disposto a credere che egli fosse 
interrogato, processato e ricondotto poi dalle carceri di San 
Marco alla galera, dove sarebbe stato strozzato e gettato in 
mare, e propende all'ipotesi del suicidio. Ma efj^li non afferma 
recisamente, e con lodevole cautela, dopo aver discusso tutta 
le prove, espone la sua opinione, alla quale io, per esempio,. 
non sottoscrivo intieramente, pur riconoscendo la gravità di 
certi argomenti da lui addotti. 

Il lavoro del Tormene è condotto molto bene, con sano 
apparato di critica, senza ostentazione di erudizione soverchia ; 
ma con abbondanza* di notizie e di osservazioni; ades: quelle 
sulle poste di Costantinopoli, e quelle sui dispacci dell' amba- 
sciatore spagnuolo, Don Francisco de Vera, che sono una no- 
vella prova della corruttibilità dei magistrati veneziani ; poiché 
questo diplomatico riesce a scoprire per filo e per segno tutto 
ciò che segretissimamente si delibera in Pregadi e nello stesso 
Consiglio dei Dieci. Lodevolissima poi la cura posta nel procac- 
ciarsi documenti di tanti archivi. 



Digitized by 



Google 



■04 RECENSIONI E NOTE BIBUOOBA FICHE — C. MAXFROM 

Dobbiamo aggiungere che, quando già da lungo tempo il la- 
voro del Tormene era stato presentato alla Facoltà di Lettere 
di Padova ed era stato giudicato meritevole del premio I-.attes, 
(che ogni anno si concede alla migliore tesi di laurea), usci nella 
Bevtte d'hìò'foire diplomadqtÀe una monografia del signor Gour- 
teault, intitolata Les imsaventures d'un ambassadeur venifien. 
Ma, oltre che il lavoro dello scrittore francese non ha impor- 
tanza critica, la priorità del padre Tormene nel ricercare, stu- 
diare ed illustrare i documenti è indiscutibile e può essere 
attestata da tutti i suoi maestri, nonché dalla Direzione del 
Nuovo Archivio Veneto, la quale aveva già in sue mani da 
■qualche mese il manoscritto completo del Tormene, allorché 
il breve scritto del Gourteault venne alla luce. 

C. Manfroni. 



F. PJGCO, Sedotti francesi e poesia italiana nel seicento. To- 
rino, R. Streglio, 1905. 

41. — Ecco un periodo storico letterario generalmente tra- 
scurato, come quello che poco valore intrinseco abbia avuto e 
nessun'opera duratura tramandata; eppure il seicento merita 
ben altro giudizio, specialmente da noi Italiani. Il Picco, che 
osò affrontare nei suoi studi quest' età abitualmente obliata o 
bistrattata, ce ne presenta ora una giusta riabilitazione e dal 
lato estetico e dal lato patriottico. Vedere come il « secentismo > 
italiano, incarnato nel Marino, e il «preziosismo» francese, 
idealizzato nella Marchesa de Rambouillet — pur essa di sangue 
italiano per via della madre Giulia Savelli — , attraverso a tutte 
le esagerazioni loro, non abbiano segnato soltanto il trionfo di 
costumanze gentili della buona società e di una prodigale libe- 
ralità di rime armoniose, ma un vero ijinnovamento del senso 
estetico, nel pensiero, nel linguaggio, nella vita e nell'arte è pur 
cosa confortante per noi. Ora il Picco ci dimostra precisamente 
questo, facendoci sorvolare dinanzi come in una fantasiosa 
visione ariostesca donnine e cavalieri con i loro amori, con 
le loro eleganze squisite, con la loro letteratura preziosa, con 
le loro consuetudini gentili, mentre su tutti domina la figura 
^el Marino, festeggiato e riverito come rartefic^, al quale tutta 
la 4[S0CÌété polie» si riconosce obbligata. 

La « chambre bleue » deir« hotel de Rambouillet » con tutti i 
suoi agi e le sue eleganze — dove Gaterina de Vivonne raccoglie in 
adunanze geniali le « [jrécieuses » M^es cJe Longueville, de Sablé, 



Digitized by 



Google 



I£MPI MODERNI — F. PICCO G5 

Cornuol, Paulet, W^^ de Scudéry, insieme con le figliuole Giulia 
Angelica e i letterati, perfetti cavalieri della spada e della 
penna. Volture, Chapelain, Balzac, Malherbe, Bossuet, Godeau, — 
appare a noi nella sua luce radiosa. K tutto un mondo intellet- 
tuale, che vive di eleganze e che si impadronisce della critica 
letteraria, ogni cosa rinnovando, finche non subentrano i ritrovi 
di altre «précieuses» più modeste, per terminare nel salotto di 
Ninon de Lenclos, dove all'amore platonico è subentrato il pas- 
sionale, che preludia al decadimento dei « salons » e del « pre- 
ziosismo», cosicché presto sorgeranno a satireggiare la dege- 
nere «politesse» Badeau de Somaize, Boileau e Molière. Qual 
parte ebbe il Marino fra questa « sociétè polio», che tanti elogi 
di lui tesse e che coopera potentemente a creargli quella fama in 
Francia, di cui il poeta Napoletano menerà vanto e saprà far 
quattrini ? Il Picco propende a credere che il Marino non abbia 
fatto parte della «chambre bleue», pur avendo devozione per 
la Marchesa di Vivonne; ma riconosce che Voiture fu un vero 
suo discepolo spirituale e, con un confronto erudito e geniale 
delle due letterature di quel tempo e uno studio dotto sulle 
cause del trionfo del Marino a Parigi, dimostra che la stretta 
affinità dei sentimenti manierati e il ricorrere costante dei me- 
desimi lenocini formali rivelano altro non essere il « secentismo » 
alla Marino e il < preziosismo » della « société polle » che deno- 
minazioni varie e specifiche d'un unico e grande fenomeno let- 
terario. Ma fatto notevole, per noi Italiani, in questo periodo 
letterario e artistico è r« italianismo» in Francia; ed il Picco 
lo studia con grande amore nelle sue esplicazioni materiali e 
spirituali: egli lo vede nei mobili, nei drappi, negli usi, nei, 
giuochi della « chambre bleue », lo sorprende di continuo sulle 
labbra delle dame e dei verseggiatori, lo ritrova nella corte di 
Maria De' Medici e di Luigi XIII, lo indaga negli studi e nei 
pensieri dei letterati francesi e, rivendicando giustamente al 
Marino il suo merito precipuo, conclude che mentre tutta una 
schiera di artisti dall'Ariosto e dal Tasso all'Alamanni e al 
Dayila cooperò a produrre la bella divulgazione dell'arte, della 
coltura e della lingua italiana, solo nella popolarità del Marino 
in Francia sono le ragioni immediate che determinarono il 
maggior sviluppo dell' «italianismo». 

Questo studio del Picco colma una vera lacuna che ancora 
si trovava negli studi nostri letterari, facendo una illustrazione 
chiara e completa delle strette affinità e della copiosa esporta- 

mvMa storica itaìiana, 3* S., v, 1. 5 



Digitized by 



Google 



66 RECENSIONI E NOTE BIBLIOGRAFICHE — L. C. BOLLEA 

zione intellettuale, che si ravvisano comparando le gemine let- 
terature, l'italica e la francese del secolo XVII; e perciò credo 
che non si potrà d'ora innanzi da alcuno dire del nostro Sei- 
cento del « preziosismo » senza ricorrere, come ad una delle 
fonti principali, all'opera del Picco, la quale si farebbe del resto 
leggere anche solo per la forbitezza della forma e per la deli- 
catezza fine con la quale è fatta la rievocazione di queir età 
lontanate. L. G. Bollea. 

PIETRO FEA, TVc anni di guerra e l'assedio di Torino del i 706. 

Narrazione storico-militare, con carte e illustrazioni. Roma, 

Enrico Voghera, 1905. 

42. — È un lavoro d'occasione ma fatto bene. La Com- 
missione torinese per le feste commemorative bicentenarie del- 
l'assedio di Torino del 1706 volle, che largamente si diffondesse 
la conoscenza del fatto, e della narrazione affidò l'incarico al 
Fea. Il suo libro non riusci popolare nel largo senso della pa- 
rola, ma giova alle classi istruite, meno esperte della storia 
nazionale. Non è studio fatto su documenti d'archivio, ma 
tratto dalle migliori pubblicazioni moderne, specialmente dalle 
Campagne del Principe Eugenio di Savoia, con buon criterio 
di selezione, d'ordine e di critica storica. 

Il volume incomincia dal 1703, quando a San Benedetto il 
duca di Vendòme, per ordine di Luigi XIV, disarmò e trattenne 
prigioniere le genti del duca di Savoia (29 settembre); rias- 
sume le difese di Susa, Vercelli ed Ivrea, soffermandosi più 
largamente su quella di Verrua; narra la campagna del 1705 
condotta dal principe Eugenio fino alla battaglia di Gassano 
d'Adda, sanguinosa ma indecisa; e descrive con molta chiarezza 
le condizioni dei Gallo-Ispani e degli Austri-Savoiardi sul prin- 
cipio del 1706, quando s'approssimava l'ora risolutiva. 

Il 23 maggio con la prima apparizione dell'esercito del La 
Feuillade forte di 40 mila uomini ebbe principio l'assedio di To- 
rino, difesa da 10.500 soldati, comandati dal generale Daun» 
essendo uscito dalla piazza il duca con la cavalleria per mo- 
lestare i Francesi. L'assedio durò sino al 7 settembre, giorno 
della battaglia liberatrice. Considerando la ricorrenza bicent«- 
Daria di questi fatti memorabili, non dispiacerà un riassunto 
più ampio del consueto. 

Torino, molto ristretta di popolazione e di territorio nel 
1706, era protetta da una fascia di fortificazioni, risultanti di 



Digitized by 



Google 



TEMPI MODEBNI — P. FEA 67 

una cortina continua e di sedici bastioni. In ogni intervallo tra 
due bastioni contigui sorgeva una solida mezzaluna, e davanti 
ai bastioni e alle mezzelune s'erano costruite opere avanzate, 
(lette freccie, per opporre nuove barriere all'avanzata dell'as- 
sediante. A ponente, presso a poco nel quadrilatero attuale 
formato da via Gernaia, corsi Vinzaglio, Oporto e Umberto, 
torreggiava la cittadella, maestoso edificio pentagonale eretto 
da Emanuele Filiberto sui disegni di Francesco Paciotti da Ur- 
bino. Nell'imminenza dell'assedio al di là di queste fortifica- 
zioni, e specialmente a destra del Po sulla collina, s'erano co- 
struite altre opere di difesa: ridotti, piccoli fortilizi, bastioncini 
e trinceramenti. Un buon sistema di mine a due piani, con 
uua galleria superiore e altra inferiore, dava alle fortificazioni 
e specialmente alla cittadella una singolare potenza controffen- 
siva. Il merito principale df quest'opera perfetta di difesa era 
dovuta all'av V. Antonio Bertela, ingegnere militare di raro merito. 

Si presero tutti i provvedimenti adatti per mantenere l'or- 
dine, approvvigionare la città, vigilare lo spionaggio, spegnere 
frli incendi ; si armarono le fortificazioni di 254 pezzi di arti- 
glieria; e si riordinò il presidio della piazza, ridotto a 10.50() 
soldati regolari, di cui circa un quarto erano imperiali, e ad 
otto battaglioni di milizia cittadina, sotto il comando supremo 
del maresciallo Daun, assistito da ottimi ufficiali piemontesi, 
come il marchese di Garaglio, il conte La Roche, il conte So- 
laro della Margherita, ecc. 

Forte e numeroso era Teserei to francese, certo superiore 
ai 40 Olila uomini, comandati dal La Feuillade e da una schiera 
di valenti ufficiali. Gredevasi di potere in breve tempo conqui- 
stare la cittadella con un soverchiante fuoco d'artiglieria; e 
infetti, costruite le prime parallele, e, avvicinatisi meglio alle 
fortificazioni gli assedianti con un bombardamento formidabile 
per tutto il mese di giugno tempestarono la città assediata. 
Ma, avendo i difensori risposto vigorosamente col cannone e 
colle sortite, i generali francesi decisero di dare maggioie 
svolgimento all'azione delle mine e di apportare gli sforzi 
contro la cittadella. Allora s'accese una lotta sotterranea nelle 
gallerie, di cui si erano moltiplicati i rami, affidate all'azione 
dei minatori e alla guardia dei granatieri. 

Questa oscura e feroce lotta sotterranea, sebbene sostenuta 
validamente dagli assediati, già stremati dalla chiusura delle 
comunicazioni coH'esterno, dalle diserzioni, dalle perdite e dalla 



Digitized by 



Google 



68 RfcCE.VSIO.VI E NOTE BIBLIOGRAFICHE — C. RLKAUDO 

scarsezza della polvere, agevolò l'avanzata degli assedianti, che 
il 26 e il 27 agosto tentarono un assalto generale alla citta- 
della. Dopo tìerissima mischia i Gallispani furono respinti, e il 
giubilo della cittadinanza s'accrebbe all'annunzio che i soccorsi 
dal principe Eugenio erano vicini. Par troppo anche l'esercito 
del La Feuillade, ridotto dallo gravi perdite subite a 20 mila 
fanti e 7 mila cavalli, s'accresceva di 17 mila combattenti 
condotti di Lombardia dal duca d'Orléans. 

Più volte gli assedianti s'erano sforzati d'impadronirsi delle 
gallerie di mino della Mezzaluna della Porta del Soccorso, che 
conducevano nell'interno della cittadella, ma erano sempre 
slati respinti dai difensori. Ora tornò il proposito di ritentare 
la prova, non per mezzo di cunicoli scavati da loro, ma per 
le porte stesse, che s'aprivano sul fosso di ciascun baluardo. 
A questo giungevano le gallerie superiori, dalle quali si acce- 
deva alle inferiori por mezzo di scale opportunamente collocate, 
por le quali si poteva penetrare nell'interno della piazza. Fu 
appunto questo tentativo, avvenuto verso la mezzanotte dal 29 
al 30 agosto, che mandò a monte l'eroismo di Pietro Micca col 
sacrificio della sua vita. L'A., esaminando le testimonianze del 
tempo, conchiude giustamente, che nella loro apparente diver- 
sità conducono ad un medesimo risultato, all'accertamento di 
un atto eroico nella sua semplicità e bravura. 

I Gallispani, rinforzati dall'esercito di Lombardia, tenta- 
rono un nuovo assalto ai bastioni dalla cittadella il 31 agosto 
e altro il 4 settembre, ma infruttuosamente e con gravi perdite. 
Torino era però ridotta agli estremi ed omai sprovvista di 
polvere, quando giunse la notizia confortatrice, che il principe 
Eugenio, dopo aver superato aspre difficoltà, procedendo a 
marcie forzate il 29 agosto era giunto a Carmagnola, e che il 
2 settembre con Vittorio Amedeo dal colle di Superga aveva 
deliberato sul miglior modo per soccorrere la città assediata. 
Era prossima la liberazione. 

Infatti, esaminato l'accampamento nemico da Superga e 
stabilito il loro disegno, Eugenio e Vittorio Amedeo il 4 set- 
tembre ordinarono al grosso dell'esercito di passare il Po 
presso Carignano e di avanzare verso la Dora, che fu valicata 
il 5 settembre presso Pianezza, ponendo il campo tra la I>ora 
e la Stura. La sera del 6 i due Principi di Savoia disponevano 
ogni cosa per l$i prova decisiva, emanando ordini chiari e 
precisi allo truppe, che salivano a circa 24 mila fanti e 



Digitized by 



Google 



TEMPI MODKE-NI — 1». FEA G9 

6 mila cavalli. Dell'esercito Gallispaiio, che pur contava 97 batta- 
glioni di fanteria e 94 squadroni di cavalleria, appena 8 mila fanti 
e altrettanti cavalieri trovavansi nel settore fra la Dora e la Stura. 

11 7 si combattè la battaglia decisiva con grande ardore 
d ambe le parti; e già le sorti volgevano avverse ai Gallispani, 
quando i gloriosi avanzi del presìdio di Torino, ammassati nel 
sobborgo del Pallone, si slanciano furiosamente sul .nemico. I 
Gallispani vanno in rotta su tutta la linea; una parte di essi 
è fatta prigioniera, un'altra presa da panico fugge a precipizio 
verso Pinerolo, dove riparano pure le milizie state trattenute 
sulle alture durante la pugna. 

La battaglia durò poche ore. Poco dopo le tre pomeridiano, 
i due Principi di Savoia per Porta Palazzo entravano in città 
dirigendosi alla cattedrale per ringraziare Iddio della vittoria 
ottenuta : le campane suonavano a distesa, i cannoni sparavano 
a festa, i cittadini d*ogni età, sesso e condizione applaudivano, 
piangevano, folleggiavano. La vittoria aveva costato gravi sa- 
crifici: 51 ufficiali e 892 soldati morti, 182 ufficiali e 2120 sol- 
dati feriti; ma i Francesi avevano lasciato sul campo 2 mila 
uomini, e più di 5000 prigionieri, di cui 1800 feriti, tra i quali 
il maresciallo Marsin, ricoverato e morto il giorno seguente 
nella chiesa della Madonna di Campagna. K maggiori furono 
le perdite dei giorni successivi causate dairinseguimento e 
dalla levata a stormo dei Contadini, tanto che il loro esercito 
arrìvaudo su Pinerolo era disceso da 44 mila a 28 mila. In 
tali condizioni di cose il duca d'Orléans ordinava la ritirata 
generale oltre alpi. 

Notevolissime furono le conseguenze della battaglia di To- 
rino: nel 1707 i Francesi e gli Spagnuoli sgombrarono tulla 
l'Alta Italia, e per i trattali di Utrecht (1713) e di Rastadt (1714) 
Vittorio Amedeo ottenne le valli di Fenestrelle e Pragelato, Oulx e 
Gesana, Bardonecchia e Casleldelfino, il Monferrato, Alessandria, 
Valenza, la Lomellina, la Valsesia e la corona regia della Sicilia. 

Vittorio Amedeo II volle, che rimanesse un monumento 
patrio e religioso ad un tempo a testimoniare la grandezza 
degli avvenimenti compiuti. Eresse a tal fine, su disegni del- 
l'architetto Filippo Juvara, (atto venire a Torino dalla naiia 
Sicilia, uno splendido tempio alla Natività della Beata Vergine, 
ricorrente VS settembre, sul colle di Superga, che fu per lunga 
età luogo di pell^rinaggio patriottico e tomba dei Princìpi 
della Casa di Savoia. C. Rinaldo. 



Digitized by 



Google 



70 BECENSION'l E NOTE BIBLIOGRAFICHE — L. C. BOLLEA 

STEFANO FERMI, Loy^enzo Magalotti (scienziato e letterato). 

Firenze, B. Seeber, 1903, pag. 203. 

43. — Sorto sotto gli auspici deiristituto Superiore degli 
Studi di Firenze e sotto la sapiente guida di G. Mazzoni, questo 
studio bibliografico ebbe innegabilmente un'ottima nascita, ma 
ritiene del peccato d'origine. Invero, per quanto fatto accurata- 
mente e con criteri sapienti, il lavoro del Fermi ha leggiermente 
sapore di tesi universitaria. In esso non si nota T audacia 
risoluta del forte, conscio di se e delle sue energie, del cri- 
tico sereno e parco, che sa sacrificare ciò che è inutile per 
alle^erire il proprio studio. Ciò non di meno se al Fermi non 
tributassi elogio io non sarei equanime, perchè la sua fu opera 
paziente e di lunga lena di uno studioso animato da vero entu- 
siasmo. Non ha questo studio carattere schiettamente storico, se 
non in quella parte che riguarda la biografia di L. Malagotti : noi 
resto è tutta critica letteraria. 

Nel seicento, dai molli difetti e dai molli pregi, checche 
se ne voglia dire, spicca nitida la figura del Magalotti enci- 
clopedico, che si occupa di fisica, di matematica, di chimica, 
di geografia, di astronomia, di geometria, di medicina, di me- 
teoria, di grammatica, di morale, di politica, di filosofia e di 
teologia. Di natali nobilissimi il Malagotti (1637-1712) viario 
molto e scrisse molto — pur non pubblicando con il suo 
nome — ebbe cariche invidiabili, conobbe molte lingue e amò 
Dante. 

Il Fermi ci presenta in diversi capitoli, che trattano 
della vita e delle singole opere del M., tutti i vari aspetti di 
questo tipo di gentiluomo colto. Cosi nel capitolo primo traccia 
con grande abbondanza di citazioni bibliografiche la vita del Ma- 
galotti, studiandone le origini della famiglia e i suoi antenati, 
indi seguendolo passo passo dalla nascita, avvenuta in Roma nel 
1637, sino alla morte (i712), attraverso alle sue peregrinazioni 
scolastiche, ai suoi viaggi in Europa con i Medici, alle sue mire 
diplomatiche e alle sue stranezze. Nei capitoli seguenti, il 
Fermi, sempre dando prova di larga e seria cultura, lo con- 
sidera come scienziato, come scrittore di novelle, come filo- 
sofo, teologo, erudito, accademico, poeta, e conclude che, se 
pur l'opera del Magalotti non corrispose mai al suo ingegno, 
tuttavia il numero e la varietà dei suoi scritti lo fanno degno 
di studio, siccome un precursore italiano del movimento enci- 
clopedico del secolo XVIII. 



Digitized by 



Google 



""WT^ 



TEMPI MODERNI — O. MAC€HIORO 71 

Giustamente quanti si occupano della letteratura nostra e 
sanno come giovi alla ricostruzione di un periodo storico Te- 
sarne anche delle figure secondarie, tributeranno lode al Fermi 
per questo lavoro. 

L. G. BOLLEiL. 



Avv. GINO MACCHIORO, Teoìie e Riforme economiche finan- 
ziarie ed amministrative nella Lombardia del secolo 18^. 
Città di Castello, Lapi, 1904. 

44. — È nel suo insieme, piuttosto un progetto di Studio, 
che un Libro; e sinceramente vuol essere biasimato l'avvocato 
Macchioro, pur apprezzato per le sue ricerche intorno al Giure 
Sociale Germanico, e i^er due Note sulla Legislazione Ottomana 
a proposito delle successioni degli stranieri e sul Sangiaccato di 
Durazzo inserte nei Bollettini 1903 del Ministero degli Esteri, 
di questo aver trattato con prepai-azione scarsa e arretrata un 
argomento sì ristudiato da anni e di ognor crescente interesse. 
Dei Milanese austriaco si hanno infatti notizie in tale abbon- 
danza, e tanto espurgate, che senza difficoltà di sorta ben po- 
teva il compilatore uscirne con lode ed anzi con nomea scelta 
di erudito. Egli invece ha svolazzato, e non più, su per il vasto 
campo che spontaneo offriva copiose e mature le sue messi alle 
falci di lui ; ed il compito che si è prefisso < di sottoporre ad un 
esame critico le teorie economiche svolte dagli scrittori lom- 
bardi del secolo XVI ir e di ricercarne l'azione pratica di uo- 
mini di governo nel riordinamento amministrativo e finanziario» 
non ha stavolta ottenuta ancora la soluzione desiderata. 

La parte seconda destinata appunto alla critica delle Ri- 
forme, cioè allo scopo ultimo del Lavoro, è di conseguenza quella 
che meno risponde alla aspettazione, e proprio modestissime pa- 
gine sono le cinque dei Cenni Storici sulle Provincie Lombarde. 
Egli, risalendo senza necessità nientemeno che ai (empi dei 
Municipi e della Pace di Costanza, nulla dice della impor- 
tanza loro e del come veramente si tramutassero a ix>co a poco 
in Signorìe, cioè in quelle tirannidi più di partiti che di uomini 
che furono in fatto la ragion prima e intrìnseca delle miserie 
sciali e politiche del centennio immediato e tra altro di quel 
nostro catasto torriano del 1248 che dolse allora a Brunasio 
Porca e che il Giulini poi definì giustamente // libìv del dolore. 
Più avanti il Macchioro afferma, ma non distingue e non di- 
mostra, che i Visconti e gli Sforza gareggiarono in governar 



Digitized by 



Google 



72 RECENSIONI E NOTE BIBLlOGRAnCHE — Q. SANGIORGIO 

male. Non sa, o nasconde, che il Senato si)ese parecchi dei 
duecentonovantacinque anni della sua esistenza a resister co- 
raggioso coi Borromei e cogli Aresi al pretorianesimo spesso 
ignorante e maligno dei Grandi di Spagna. K della dominazione 
austriaca, tocca solo per annunziare che riorganizzò quasi nulla, 
e non si capisce perchè dopo aver ridiscorso delle teresiane e 
delle giuseppine non accenni iieppur di sfuggita e a guisa di 
corollario alle più italiane e mature riforme di Leopoldo II che 
sagace e abile a Firenze e a Vienna visse intera la sua vita 
nel secolo decimottavo. 

Delle quali Riforme, delle comuni a tutta TAuslria, e delle 
particolari alla Lombardia, il Macchioro dice tuttavia non 
senza efficacia. A parlar con fondamento della amministra- 
zione di Maria Teresa, e della i)olitica economica di lei e di 
Kaùnitz € che (scrive a sua volta il Raùlich) airaccorgimenta 
di un italiano e alla genialità di un francese univa la rifles- 
sione di un tedesco » lo aiuta colla autorità che gli spetta l'il- 
lustre Schupfer. Di Giuseppe II, il Ubero uomo del Ranke (1), 
e l'appassionato rinnovatore d'ogni cosa di Stato, ragiona breve 
ma bene, e sto coll'A., là ove si riconferma nell'opinione che 
le leggi di Esso « troppo calunniate da qualche storico, rappre- 
sentano un notevole progresso e sopratutto un avviamento a 
massime di governo diverse da quelle che ?i\\ allora avevana 
predominato. Che se questo sovrano errò qualche volta, fu sempre 
a fin di bene, ispirandosi al vantaggio della maggioranza e sfi- 
dando l'opposizione di grotti interessi di classe. Ad ogni moda 
l'aver abolito la servitù e l'aver concesso una certa eguaglianza 
di diritti agli acattolici sono tali benemerenze che là storia non 
potrà mai dimenticare». Del terzo Catasto del Milanese si oc- 
cupa quindi, con sufficente erudizione. giudicandolo, come già 
il Jaoini « il principio di quella che si potrebbe chiamare l'età 
eroica del nostro moderno sviluppo economico»; e il riordina 
civile e finanziario della Lombardia sarebbe stato il < generosa 
incamminamento» a riforme più durature se l'aulico Asburga 
frenata l'impazienza orgogliosa avesse dato qualche ascolto ai 
pensatori ed ai giureconsulti che lo circondavano. 

Tra questi uomini, furono grandi, Pietro Verri (2) e Cesare 



(1) Vodi di Lui e degli Austro-Ungarici deiretà che fii suo nel Cmn- 
mercio del Mondo, Milano, Hoepli, 1808. — da pag. 835 a pagg. 338. 

(2) Di Pietro Verri, e del sig. Bouvy, ohe ne scrisse a Parigi, s'è trat- 



Digitized by 



Google 



TEMPI MODERNI — Q. MAOCHIORO 73^ 

Beccaria, e ben meritarono con Joro il Neri, il Carli, ed anche 
il D'Arco rOrtes mantovano; e di essi nella Prima Parte si oc- 
cupa naturalmente con diffusione e cura PA., che trovandovisi 
ad agio par altro scrittore. La Storica invece non può, appunto 
per le ragioni che militano in favore del Maccbioro, che farne 
cenno conciso e subordinato. Però piace anche al non econo- 
mista questo tributo di ossequio ed amore che Teconomista 
rende al Turgot ambrosiano, a Lui che mostrò coi fatti, logo- 
rando la vita in servizio del paese, che non tutti eran pigri i 
patrizi!, e che sobrio, nitido, ordinatissimo, fu acuto sempre 
e logico, amministrasse o scrivesse. Nemico dichiarato delle ra- 
pacità ribalde degli appaltatori e dei gabellieri (alcuni eran per 
esse balzati senza contrasti e quasi tra i plausi clal nulla avita 
al milionario onore), siidò impavido i Barabba di Marlowe 
serratiglisi intorno a vendetta. Nel suo complesso liberista» 
dimostrò che la società è sempre buona allora che sa mante- 
nersi spregiudicata e indipendente, e da lui imparò il Fossom- 
broni il famoso aforismo del mondo che va da se. E cosUtvir^ 
zionale, ed unitario, precorse da par suo il XIX* chiedendo 
Tabolizione delle caste e che la lingua e la storia avvicinas- 
sero solo esse, e non le cupidigie dei prepotenti e le armi, e 
strìngessero in nodo di fratelli, le plebi della penisola. Conforta 
a sua volta i'oma^io a Cesare Beccaria, che secco e serrato 
e più ingegnoso dell'amico, sebbene accenni mai come il conte 
a voler sistemare i suoi studi, portò nelle scienze camerali la 
chiarezza e il rigore delle matematiche; e non parziale e mai 
interessato lavorò ad insegnare coiresempio e colla parola Talta 
economia che i popoli conserva. Pompeo Neri e Gianrinaldo 
Carli, operai indefessi della risurrezione lombarda, sono dal 
Macchioro trattati colla giusta gratitudine, e Ferrara ed Hecht 
ne lo loderebbero; e se il primo fu il pratico per eccellenza,. 
Taltro assai più erudito iniziò i contemporanei alle meraviglie 
del metodo storico, e parve e fu il fautore primo deirassociazione 
delle forze. Avesse l'Autore voluto uscir di Lombardia, e con 
altri nomi illustrare il tempo felice del Verri e del Beccaria, 
nella Raccolta di Pietro Custodi, il Muratori. dell'Economia fta- 



lato il 1900 nel voi. '?*• fase. 3® di questa laicista, E davvero ci sombra 
che il libro dello storico francese sia ora soddisfacentemente^ integrato dal 
lungo capitolo deìV economista Macchioro, che del gran Lombardo (e del 
Beccaria) aveva già scritto in Lipsia il 1895-96. 



Digitized by 



Google 



74 RECENSIONI £ NOTE BIBLIOGIUFICIIE — M. BEOEY 

liana (1), stavano altre pagine e altri volumi a documentare ai 
vicini ed ai lontani che assai prima della tanto inneggiata Ri- 
voluzione di Francia quaggiù si era parecchio e lavorato e 
creato. D. Gaetano Sangiobgio. 



Vita di Pietro Gicinnone scritta da lui medesimo. Per la prima 
volta integralmente pubblicata con note, appendice ed un 
copioso indice da Fausto Nicolini. (Estratto dall' « Archivio 
Stor. Nap.», XXIX, 2-3). Napoli, Pierre, 1905. 
45. — Per quanti hanno seguito in questi tempi il risveglio 
dc^li studi su Pietro Giannone lo storico, la pubblicazione della 
sua Vita, che ci dà oggi il dott. Fausto Nicolini, è un fatto di 
vera importanza. Ogni manoscritto del Giannone, dissepolto dai 
nostri archivi, può servire a illuminare un lato del suo pensiero ; 
ma più di qualsiasi altra oj^era è utile conoscere questo rac- 
conto, che nel triste carcere di Miolans egli ha scritto per 
noi, « amatori della verità » onde scagionarsi con una narra- 
zione sincera e fedele dalle « invide maldicenze » di cui si sa- 
peva vittima. 

Una lunga opera di pazienza e d'ingegno era necessaria 
perchè il prezioso libro ci fosse dato nella sua integrità. Si sa 
quel che vale la Autobiografia di P, G. nella edizione Perino, 
a cui il Pierantoni ha avuto il torto di mettere il suo nome; 
solo però chi ha studiato il nis. originale della «Vitax> può 
conoscere quali sorprese si abbiano a confrontare su quello IMw/o- 
biografia. La quale, cominciando col mutare arbitrariamente il 
titolo, taglia, aggiunge, corregge con una incredibile ignoranza 
di ciò che sia il rispetto alla verità di un'opera letteraria. 

La nuova edizione è scrupolosamente esatta. Le bozze, oltre 
la copia, furono collazionate sul ms., o di ogni correzione do- 
vuta alla necessità di rendere più intelligibili certi passi, il Ni- 
colini ci dà conto: registrando spesso a pie pagina, le corre- 
zioni stesse del Giannone, e le frasi cancellate che possono 
avere qualche imi)ortanza per noi. Fatica non lieve, come può 
accertarsene chi guardi anche il fac-simile di una pagina au- 
tografa, che adorna l'edizione. 

Agli studi giannoniani il Nicolini non porta solo il contri- 
buto importante dell'edizione della Vita^ però. Modestamente, 



(1) Di Pietro Custodi, e della sua importanza nella Letteratura dell'E- 
cononiia Italiana, si cerchi nei Primi Scritti^ Milano, Menozzi, 1879. 



Digitized by 



Google 



TEMPI MODERNI — G. COOO 4T> 

nelle note egli ha raccolto un tesoro di notizie e lo ha vagliate 
col criterio sicuro che gli dà la conoscenza della vita e delle 
oi)ere dello storico napoletano, non che di tutto ciò che intorno 
a lui fu scritto, specialmente in questi ultimi anni. Per le note 
noi veniamo a conoscere uomini e avvenimenti a cui la Vita 
accenna appena. Facendo parlare più che è possibile il Gian- 
none stesso, il Nicolinì illustra con documenti anche i pochi 
appunti autobiografici, e gli ultimi anni di prigionia: anni do- 
lorosi di cui l'infelice G. non ha più avuto la lena di narrarci 
le vicende: l'abiura, l'abbandono nelle fortezze di Geva e di 
Torino, le torture a cui era sottoposto dal carceriere Caramelli, 
il cui racconto, steso in una supplica al Marchese di Cortanze è 
rimasto fra i più lagrimevoli documenti della malvagità umana. 

Alcune lettere (oh quelle dell'edizione Ferino di cui si è 
fatto un sunto per stralciarne i sentimenti doinestlci/) formano 
l'appendice del volume. 

Dal quale noi vediamo nella sua vera luce la nobile figura 
di Pietro Giannone : coi suoi errori si, ma colle sue virtù, col- 
l'indomato spirito ribelle ad ogni costrizione, colla sua tenacia 
nella lotta per un ideale di indipendenza civile che solo più 
tardi doveva essere compreso dalla coscienza nostra. 

Questa nuova pubblicazione, di cui potranno finalmente es- 
sere sicuri gli studiosi, è quasi la riabilitazione, se possiamo 
dir cosi, di un'opera finora mal conosciuta: e un plauso si deve 
alle intelligenti fatiche del Nicolini, editore e commentatore. 

Maria Begey. 



GAETANO GOGÒ, Intorno all' < Istoria Civile^ di Pietro Gian- 
none. (Osservazioni a proposito di una pubblicazione re- 
cente). (Estratto dal «Nuovo Archivio Veneto», T. Vili, 
p. II). Venezia, Visentini, 1904. 

46. — Non sono scorsi tre anni dalla pubblicazione di uno 
studio del dott. G. Bonacci, Saggio sulla ^Istoria Civile t^ del 
Giannone (Firenze, Bemporad, 1903), in cui facendo sua un'idea 
del Manzoni, l'A. ricercava i plagi dello storico napoletano e 
ne attaccava la fama. Numerose polemiche sono sorte; nobile 
si è levata la difesa di Pietro Giannone, specialmente per opera 
di Giovanni Gentile e Benedetto Croce ; la pubblicazione della 
Vita teste fatta dal Nicolini sia col testo che colle note (vedi 
pp. 68, 78, 81, 107, 146, 300, 412, ecc.), fa cadere nella mas- 
sima parte le accuse del Bonacci. Ma la critica del suo libro, 



Digitized by 



Google 



70 RECENSIONI E NOTE BIBUOOIUnCHE — M. BEO ET 

che si fonda o dice di fondarsi su docuinenti viene fatta passa 
passo, con paziente diligenza, da Gaetano Gogò in una recensione 
scritta per l'Archivio Veneto. 

Troppo lungo sarebbe seguire il Gogò nella ricostruzione 
del modo e del tempo in cui V < Istoria Civile » fu composta. 
Dalle accuse che dovrebbero demolirne la fama il Giannone 
viene completamente scagionato. Non sono pochi ne lievi gli 
errori in cui il Bonacci è incorso, e il Gogò non ne perdona, 
alcuno, appoggiando le sue confutazioni su documenti autentici ; 
mostrando anche (a p. 31) le citazioni dal Bonacci mutilate 
quando gli tornava utile per la dimostrazione della sua tesi: 
il che in un codice di onestà letteraria può essere passibile di 
biasimo quanto e più di un plagio. 

A proposito del qual argomento occorre dire che, benché 
vi siano nella «Istoria Givile» intiere pagine trascritte da altri 
autori, il Giannone ha quasi sempre citate le fonti, salvo qualche 
dimenticanza, scusabile in un'opera di sì gi^an mole. E poi — 
questo è l'essenziale — la critica del Bonacci è troppo meschina.^ 
L' € Istoria Givile» va giudicata per quello che è: la lotta del 
potere regio e dell' indipendenza civile contro l' inframettenza 
della Ghiesa. Mi si permetta di aggiungere alle argomentazioni 
del Gogò un concetto che già altra volta a questo proposito ho 
espresso: chi leggendo osserva qualcosa più della materialità 
delle parole stampate,- può scorgere che le più belle pagine non 
solo della «Istoria Givile» ma di tutte le opere del Giannone 
sono quelle in cui egli difende la libertà della sua coscienza e 
del suo paese. In questo sia veramente la sua originalità : per 
questo, e lo afferma il Settembrini, alla lettura della «Istoria» 
^palpitarono ì cuori dei padri nella muta servitù », per questa 
sofferse il Giannone l'esilio e la lunga dolorosa prigionia! 

Il Bonacci non l'ha compreso: e il suo lavoro che pure ri- 
vola ingegno, pare al Gogò «un piccolo edifìzio che costruito 
con pietre di color vivo ma con calce di cattiva qualità è de- 
stinato a cadere inesorabilmente ». 

A me pare che dopo tanta polemica dovrebbe già essere^ 
caduto e dimenticato. Se non fosse che, nell'idea di demolire 
il Giannone, il libro del Bonacci no ha ravvivato la memoria 
e ha provocato la più schietta manifestazione di riverenza al- 
l'opera sua. Qual(*he volta è questo il buon destino dei libri 
cattivi. Maria Begey. 



Digitized by 



Google 



TEMPI MODERNI — P. BAUSANTI 77 

DoTT. PAOLO BARBANTI, Il pubblico inser/namenlo in Lucca 
daLsec, XIV alla (ine del XVIII (Contributo alla Storia della 
cultura Naz.)- Lucca, A. Marchi, 1905, In-8, pa^. vi-259. 
47. — Tra i 15 voi. delle Memorie e Docc, per servire alla 
Storia di Lucca, pubblicati per cura dell'Accademia Lucchese, 
invano lo studioso avrebbe cercato quello che trattasse di pro- 
lx)sito deirinsegnamento pubblico in Lucca; neanche C. Lucche- 
sini — che in fronte alla sua Stoiia Letteraria di Lucca pose un 
capitolo, intitolandolo Delle Scuole, e che in parecchi altri luoghi 
discorse della persona de' maestri che tennero scuola — ci dice 
quali fossero — secondo i tempi, i modi, Tordinamento e le leggi 
relative a queirinsegnamento. Deploravasi adunque la mancanza 
di un lavoro serio e particolareggiato che ci mostrasse non ciò 
che è ora ma ciò che fu la pubblica istruzione nella nostra 
città, nello stesso modo che si è sempre deplorata la mancanza 
di uno studio sulle opere di pietà e di beneficenza di cui si hanno 
tanti e preziosi docc. Quest'ultima lacuna nella storia delle vi- 
cende del nostro paese resta ancora; è stata colmata la prima 
con il libro del B., che, facondo tesoro de' docc. inediti catalo- 
gati già da S. Bongi nel reparto « ofTizio sopra scuole » del suo 
Inv. dell'Archivio Lucch., e di altri editi in brevi monografie, e 
di tutto quell'immenso materiale storico che si riferisce al tema 
propostosi, ci offre ora un lavoro organico e scientifico ad onore 
della civiltà e della forte Repubblica Lucchese. Lo studio consta 
di due parti: una parla delle scuole meno importanti, o che 
ebbero un'esistenza meno precaria ecc., l'altra ricostruisco la 
storia delle scuole di grammatica e di umanità che furono 
continue e fiorenti sino alla fine della Repubblica. 

Ecco il programma, diciamo così, il tema che l'A. si pro- 
pone di svolgere ed illustrare, e, mi affretto a riconoscere, ci 
è ben riuscito. Donde appare che se prima del secolo XIII — 
per ragioni indipendenti dalla volontà de' reggitori — non si 
nota in Lucca un vero e proprio movimento intellettuale, sulla 
fine del sec. e dopo si hanno invece scuole laiche d'abbaco e 
d'aritmetica, scuole pubbliche di grammatica, di ret lorica, di 
logica e di diritto, di musica e di pittura. — I maestri vengono 
condotti con pubblico stipendio e allettati anche con privilegi 
e facilitazioni perchè vivano decorosamente, perchè preparino 
abili cittadini al paese che vuol provvedere da se a' suoi bo- 
tari, ufficio assai più importante nel M. E. di quello che non 
sia ora. E i maestri privati non possono esercitare se non hanno 



Digitized by 



Google 



78 RKOKNBIONI £ NOTE BIBUOGBAFIUUE — A. PELLEGRINI 

subito un esame speciale: sono controllabili riguardo al loro- 
sapere e ai costumi, ma non si chiede loro, dapprima , profes- 
sione di fede. Solo nel 1621, per quietare il vescovo, si vuole 
scrutare la loro' coscienza, e ci reca stupore che dati i tempi 
e le idee — nota giustamente l'A. — € la professione di fede 
venisse imposta così tardi». — Molti furono i maestri pubblici 
che insegnarono a Lucca, assai rinomati allora; maggiore su 
tutti quelli di grammatica, Giov. Pietro D'Avenza «licteratis- 
simus vir», scolaro di Vittorino da Feltre, di cui Matteo Ci» 
vitali, rinomato scultore del scc. XV, effigiò il volto in un 
medaglione che TA. riproduce in principio del voi.; fra gli 
umanisti, principale, grande su tutti, Aonio Paleario, che anche 
un'aureola di forte simpatia circonda per essere stato barba- 
ramente sacrificato, a causa delle sue idee religiose, da 
Roma papale — era il tempo della Riforma — . Se veni- 
vano sussidiati i maestri, a maggior ragione gli scolari: i fan- 
ciulli poveri eran sovvenuti di libri e di effetti; era il jmtro- 
nato scolastico di oggi, con la differenza che tale istituzione, 
invece di essere affidata alla carità de' privati, fu pensiero e 
cura, come nota l'A., dello Stato. Inoltre, perchè i giovani po- 
tessero perfezionarsi nelle scienze e nelle arti e conseguirne il 
dottorato — per vicende politiche non avendo potuto vigere in 
Lucca uno studio generale che nel sec. XVIII — era sussidiato 
chi frequentava le diverse scuole superiori delle altre città perchè 
fosse in grado, un giorno, di tutelare gl'interessi della R., p. 
es., come ambasciatore ordinario o straordinario presso le corti 
d'Europa. — Nello studio del B., che non è una tediosa e ste- 
rile rassegna di maestri e di scuole, ma, ripeto, un tutto or- 
ganico condotto con fine discernimento critico, sono trascurate le 
scuole ecclesiastiche : né a torto, poiché l'A. essendosi proposto 
di occuparsi del pubblico insegnamento, non poteva né doveva 
contemplare le scuole ecclesiastiche che fur sempre considerate 
dalla R. come private, la quale — lo sa anche chi non vuole 
— non vide mai di buon occhio che il clero invadesse quel 
terreno che giustamente reputava dovesse spettar solo a' laici. 
Il voi. è arricchito di quadri sinottici — degli scolari sussi- 
diati nei sec. XIV e XV e dei maestri e professori a Lucca dal 
sec. XIV al XVII, con gli stipendi relativi — di due indici, 
cronologico e analitico — e di 36 documenti inediti. Ma quello 
che rende vieppiù pregevole lo studio e che denota la pa- 
ziente attività e l'erudizione dell'A., è un'accurata bibliografia 



Digitized by 



Google 



TEMPI MODERNI — G. F. Z. MOLFIXO 70 

storica delle scuole italiane — posta in principio del volume — 
che non esisteva fin ora se non per le università : tale biblio- 
grafia riuscirà tanto più utile e preziosa se, come spero, varrà 
ad invogliare altri a dare alla luce nuovi lavori sulKinsegna- 
menlo pubblico di altri paesi. A. Pellegrini. 



a. FRANCESCO ZAVERIO MOLFINO, (Archivista cappuccino), 
Co(Uce diplomatico dei Cappuccini liguri ( 1530-1900) ^ 
pag. 495, in-8 gr. Genova, Tipografia della gioventù, 1904. 
48. — E' premessa al ponderoso volume una lettera del 
Padre Semeria barnabita, che applaude all' opera delT archi- 
vista cappuccino diretta a dimostrare la benemerenza dell'or- 
dine in Liguria nello spazio di circa quattro secoli. Questa 
opera « fa e farà il suo bene — dice il Semeria — darà an- 
ch'essa un modesto e, a suo modo, prezioso contributo a quel 
lavoro di cristianizzazione di ogni buona forza sociale, che è 
il lavoro eterno della Chiesa, il sospiro di quanti sono ancora 
amanti della religione e della civiltà ». Anche qui democrazia 
cristiana ì dimanderà qualcuno. No, non è il caso d' adoprare 
formule già fatte e che hanno preso un particolarissimo si-* 
gnificato. Diremo solo che rievocare il bene che gli umilissimi 
difensori degli umili e confortatori degli sventurati hanno fatto 
ne' secoli addietro è un segno di questi teinpi di rifioritura 
di studii francescani, di questi tempi in cui Fogazzaro pubblica 
Il Santo, come del romanticismo cristiano del Manzoni era 
segno e di alcune tendenze del tempo suo il veder la tela 
del suo famoso romanzo svolgersi fra due cordoni cappucci- 
neschi, quello di Fra Cristoforo minaccioso nel palazzotto di 
Don Rodrigo e quello di Fra Felice orante nrl lazzaretto di 
Milano (1). E torniamo al Padre Molflno. 

Il quale, dopo aver date in luce parecchie operette di il- 
lustrazione di questo e quel convento della Liguria, ora con 
cui*a e diligenza assidue e singolari raccolse questo codice di 
tutti i documenti che si riferiscono alla Provincia ligure^ che 
era dapprincipio assai più vasta di quello che oggi non sia, 
essendone state divelto le case di parecchi luoghi del Piemonte 
nel 1619 per costituire una speciale Provincia di Torino negli 
stati del Duca di Savoia, e altri del Finale e del Monferrato a 



(1) Moltissimi documenti di questo Codice attestano Topera eroica dei 
cappuccini nelle pesti che desolarono la Liguria. 



Digitized by 



Google 



^0 KKCENSIOM £ NOTE BIBLIOGRAFI CU£ — O. BIOOXI 

vantaggio della Provincia di Milano, e sempre i>er interposi- 
zione di detto Duca. Dice il Molfìno che questa ultima deli- 
liberazione era bramata fin verso il 1650, e rinvia al documento 
263. Ma in questo (15 febbraio 1678) trovo che si parla del 
Duca di Mantova e del Monferrato, non di quello di Savoja, 
e d'una Pì^ovincia di Mantova da costituirsi colle case stac- 
cate e non di quella di Milano. Non comprendo poi* come nel 
Regesta si parli d* un' anonima suir argomento presentata al 
Duca di Mantova, mentre era stata rivolta alla Signoria della 
Repubblica di Genova, e ciò risulta dalla stessa deliberazione 
<li questa: «Si mandi airill.nia et Kcc.ma Giunta di Giuris- 
ditione ». L'Altezza Serenissima, a cui la supplica è indi- 
rizzata, è evidentemente il Doge di Genova. La Giunta dopo 
informazioni assunte accertò che trattavasi di divellere propria- 
fliente otto conventi del Monferrato, e stabili riferire al Senato 
facesse il possibile per ritardare ulteriormente l'esecuzione del 
breve pontificio già emanato. Le quali pratiche riuscirono poi 
vane. Come ho fatto questo appunto (1), cosi posso esprimere 
meraviglia di non trovar documento che ricordi il famoso 
pitlor genovese Bernardo Strozzi detto il Cappuccino (2); però 
soltanto per mostrare al P. M. che ho cercato d' esaminare 
con cura la sua pubblicazione, non per darvi importanza. In 
ponderosa opera e di tal natura queste sono coserelle di poco 
momento ; di Bernardo Strozzi forse documenti non furono dal 
P. M. ritrovati. Questo nulla toglie all'elogio che all' erudito 
cappuccino è debito, è piacer tributare. 

(fUIDO BlOONI. 



0. PERIODO DELLA RIVOLUZIONE FRANCESE (1789-1815). 

<>AETANO GRAZIANI, Austriaci e Fi^ancesi a Vicenza e il 
Governo democratico vicentino, il 96-17 97. Vicenza, Ru- 
mor, 1904. 

49. — Della cronaca di Arnaldo Arnaldi-Tornieri, conser- 
vata nell'Archivio Torre, annesso alla biblioteca Bertoliniana 
di Vicenza, si vale specialmente il Graziani i)er ritrarre con 



(1) Per quegli anni, anteriormente cioè al Trattato di Londra del 1718, 
non si dovrà parlare del Duca di Savoja come Re di Sardegna. V. Topera 
del La Rocca di cui questa Riv. a p. 470-71 del volume XXII (1905 . 

(2) Da lui è denominata ora la nuova via che si svolge sopra il Con- 
vento dei cappuccini, detto di S. Barnaba. 



Digitized by 



Google 



PERIODO DELLA KH'OLUZIONS FRANCESE — O. GALLA VRE8I 81 

molto garbo le vicende di Vicenza negli anni 1796 e 1797, al- 
ternativamente occupata da Austriaci e Francesi. L'Arnaldi- 
Tornieri vede di mal occhio, s'intende, molto più questi «nuovi 
Unni, nuovi Sciti » che quelli, ma poco ebbe a lodarsi Vicenza 
e degli uni e degli altri. Giudiziosamente, oltreché a questa 
cronaca, si serve il Oraziani di altre fonti inedite per ricostruire 
l'ambiente vicentino, ove la maggioranza era fedele al governo 
veneto e reazionario, mentre pochi erano « li geniali al nuovo 
g(Jverno francese», soliti a radunarsi «alla bottega della cioc- 
colata in Muschieria», da cui si tolsero poi quasi tutti i com- 
ponenti della municipalità democratica costituitasi dopo Leoben. 
Di essa però dirà il Oraziani in un altro opuscolo, mentre 
in questo non pare giustificata la seconda parte del titolo, che 
solo di « Austriaci e Francesi a Vicenza » parla il presente. 

Giuseppe Roberti. 



GIUSEPPE GALLAVRESl, // diritto elettoì^ale j^olitico secondo 
la costituzione della liepubblica Cisalpina. Milano, Tip. ed. 
Cogliati, 1905. 

50. — È veramente nuovo il tema che il Gallavresi, già 
noto per varie pubblicazioni riflettenti il periodo rivoluzionario 
e gli albori del Risorgimento, prende a trattare in questo buon 
opuscolo, nel quale raccoglie il frutto di diligenti indagini sul- 
l'elettorato politico nella Repubblica Cisalpina. La Costituzione, 
promulgata in Cisalpina il 20 Messidoro delFanno V, fu una 
vera e quasi esclusiva creazione del Bonaparte, poiché a ben 
poca cosa si ridusse il lavoro del « Comitato di costituzione >, 
che nella primavera del 1797 aveva lavorato a preparare il 
testo statutario. Lo prova il modo stesso con cui da Mombello 
il Bonaparte annunziava ai Lombardi l'aprirsi d'un'éra costi- 
tuzionale : « Le Directoire de la République frangaise donne au 
«peuple cisalpin sa propre constitution, le résultat des connais- 
«sances de la nation la plus éclairée de l'Europe» ed il fatto 
che questa costituzione cisalpina è in gran parte ricalcala sulla 
costituzione francese dell'anno III. 

La costituzione cisalpina al pari della francese, divide gli 
elettori in due gradi: il cittadino attivo partecipante alle as- 
semblee primarie, dipendentemente da particolari condizioni di 
età, di domicilio,, di nazionalità ed il vero elettore, quello di 
secondo grado, per cui si richiede, oltre alle suddette qualità, il 
censo. Ma il diritto elettorale, rinnovandosi in Cisalpina gli arbitrii 

J^vista storica italiana j 8» S., v, l. 6 



Digitized by 



Google 



82 RKCENSIONI E NOTE BIBLIOOKAFICHIC — G. liOBKRTI 

di cui ci davano Tesempio i nostri «rigeneratori», fu in fondo 
pressoché illusorio, nonostante che minute disposizioni disci- 
plinassero il procedimento delle elezioni. Numerosi esempi di 
sopraffazioni, di corruzioni, si possono recare a dimostrarlo, 
traendone il ricordo, come fa il G., cosi solo dalle pubblica- 
zioni reazionarie, come dagli opuscoli o dai giornali contempo- 
ranei, redatti da scrittori caldissimi quali il Ranza ed altri 
parecchi. 

Passa quindi il G. ad esaminare le condizioni di el^gibi- 
lità e le incompatibilità sancite dalla legge, notando come Tin- 
fluenza del Bonaparte e le stesse condizioni e tradizioni del 
paese, malgrado lo scatenarsi della stampa giacobina, dessero 
un carattere di maggior moderazione alla costituzione cisalpina 
in confronto alle francesi riguardo alFesclusione degli ex-no- 
bili e del clero da ogni partecipazione alla vita pubblica. La 
formula però del giuramento prescritto ai membri del corpo le- 
gislativo ne allontanò i migliori elementi, come già, negando 
dignitosamente di prestare consimile giuramento, si era allon- 
tanato dai più modesti uffici municipali Barnaba Oriani. 

Accenna finalmente ad alcune gravi lacune del diritto eletto- 
rale cisalpino, come la poca o nessuna preoccupazione di otte- 
nere una rappresentanza fedele delle opinioni del corpo eletto- 
rale, per cui rimportante problema della rappresentanza delle 
minoranze neanche fu sfiorato, e conchiude ponendosi il pro- 
blema, se meglio sarebbe stato air Italia ricostituita ad unità 
appoggiare il diritto elettorale alla costituzione cisalpina che 
allo statuto di Carlo Alberto. Forse qualche elemento della 
legge elettorale della Cisalpina avrebbe potuto opportunamente 
entrare nelle leggi elettorali moderne, ma il Gallavresi si con- 
tenta di porre il problema, lasciando che altri lo svolga e lo 

risolva. 

Giuseppe Roberti. 



CH. AURIOL, La Franca, VAngleterre et Naples de iSOS à 

1806. 2 voi., in-8, p. vi-683-834. Paris, libr. Plon, 1905. 
ANDRÉ BONNEFONS, Marie Caroline reine des deux SicUes 

(i768'i8i4) d^après des documents inèdits, In-8, p. vi-403. 

Paris, libr. académique Perrin et C.% 1905. 

51-52. — Sono due pubblicazioni, che per alcuni riguardi 
mirano allo stesso intento e per altri difTeriscono tra di loro. 
Entrambe s*occupano largamente della singolare condizione iu 



Digitized by 



Google 



PliRIODO DELLA RIVOLUZIONE FRANCESE — AURIOL E BOSNEFONS S'ii 

cui s'è trovato il regno delle due Sicilie dopo il trattato di 
Amiens fino all'occupazione francese delle provincie napoletane; 
ma TAuriol non intende tanto presentarci una organi(!a narra- 
zione dei fatti, quanto piuttosto una serie di lettere d'uomini 
politici di grande momento, così concatenate da offrire una 
esposizione documentaria delle relazioni tra la Francia, l'Inghil- 
terra e Napoli dal 1803 al 1806; mentre il Bonnefons narra 
le vicende di quel periodo storico con parole proprie, mirando 
(li proposito a mettere in rilievo la parte, che v'ebbe la regina 
Maria Carolina. Inoltre TAuriol restringe il campo delle sue 
esplorazioni al quadriennio 1803-1806, limitando ad una intro- 
duzione il periodo trascorso dal 1759 al 1803, mentre il Bon- 
nefons, volendo darci la storia del regno di Maria Carolina, 
risale al 1768 e discende sino al 1814. 



L'Auriol ritiene, e con ragione, d'essere riuscito a spiegare 
i*on chiarezza lo ragioni che spinsero Napoleone a cacciare da 
Napoli, per collocai-vi il fratello Giuseppe, i sovrani che pur 
vi aveva conservato coi trattati di Lunéville, Firenze ed Amiens. 
Napoleone, sinceramente desideroso della pace nel 1802, avrebbe 
voluto mantenere buone relazioni col regno delle due Sicilie, 
ma, indotto da ragioni di sicurezza della Francia ad impedire 
il predominio inglese sul Mediterraneo ed osteggiato in questo 
disegno dalle mene segrete della corte di Napoli cospirante 
contro la politica francese, fu costretto ad eliminare risoluta- 
mente l'ostacolo, non appena le vittorie decisive sopra l'Austria 
e la Russia del 1805 gli lasciarono libertà d'azione in Italia. 

Per mettere in chiara luce» questo concetto, ricorse l'egregio 
A. agli Archivi di Napoli, al Foreign Office, Public Recor<l 
Office Sicily di Londra, agli Archivi francesi del ministero 
della guerra e degli affari esteri, traendo pure largo Q^rtito 
dalla bibliografia napoleonica del barone Alberto Lumbroso. 
Attingendo a queste miniere estese e preziose, gli giovò so- 
prattutto la corrispondenza inedita di Alquier, ambasciatole 
francese alla corte di Napoli dal maggio del 1802 all'occupa- 
zione francese del i806; di Gouvion-Saint-Cyr, comandante in 
capo del corpo d'occupazione di Taranto; di Elliot, ambascia- 
tore inglese a Napoli in questo periodo, vero consigliere della 
Corte e nemico pertinace della politica napoleonica; di Acton, 
primo onnipotente ministro del regno borbonico; del marchese 



Digitized by 



Google 



84 KECKNSIOXl E NOTE BIBLIOQKAKICIIE — C. BINAUDO 

di Gallo, ambasciatore napolotano a Parigi; di Tatistscheff, 
ra[)presentante della Russia a Napoli. Ma altre numeroso let- 
tere concorrono a chiarire la via o a illuminare i fatti: di 
Napoleone, della regina Maria Carolina di Napoli, del Tailey- 
rand, di lord Whitworth, lord Hawkesbury, lord Harrowby, 
lord Mulgrave, lord Nelson, Drunimond, Oraig, Circello, Medici, 
Lazzi e altri personaggi, ch'ebbero parte agli avvenimenti del 
tempo. 

Tutti questi preziosi documenti, come fu detto, non furono 
pubblicati alla jinfusa, oppure per semplice ordine cronologico 
od onomastico, come purtroppo fanno molti eruditi nell* avi- 
dità della precedenza; ma scelti con fine criterio storico, e disposti 
in tal modo che costituiscono essi stessi il testo narrativo, li- 
mitandosi Tautore al collegamento dei capitoli con opportune 
premesse ed annotazioni esplicative. Non è ancora storia or- 
ganica, ma certamente un materiale di gran valore, già sa- 
pientemente vagliato, coordinato e preparato per lo storico. 



Si direbbe, che il Bonnefons abbia voluto scrivere un libro 
intorno alla regina Maria Carolina, che dall'una parte sfug- 
gisse le tendenze evidentemente retrive ed apologetiche del- 
THelfert e dalPaltra non ripetesse gli attacchi eccessivi del 
Gagnièrey due pubblicazioni che con grande sapienza esaminava 
nella nostra Rivista del 1886 Alessandro d'Ancona. 

Ma per raggiungere questo lodevole scopo, ossia la ve- 
rità stoi-ica, sarebbe stato necessario che l'autore attingesse 
più largamente e direttamente agli archivii non solo di Francia 
ma specialmente di Napoli e avesse più ampia conoscenza 
della letteratura ormai copiosa intorno alla discussa regina. 
L'elenco dei documenti e libri consultati premessi al volume 
è veramente povero, essendo esclusi affatto gli archivii napole- 
tani e non facendosi neppur menzione, ad esempio, dei lavori 
editi dai marchesi Pietro Ulloa e Benedetto Maresca ; è appena 
citato un lavoro del Palumbo fra gli scrittori recenti, non ba- 
stando omai il Botta, il Colletta e il Cantù per soddisfare le 
esigenze della critica storica moderna. 

Né in realtà potrebbe affermaci, che l'opera sia una bio- 
grafia della regina Maria Carolina, essendo troppe le lacune 
nella sua vita; pressoché nulla è detto della sua giovinezza o 
della educazione ricevuta e delle trattative di matrimonio con 



Digitized by 



Google 



PKRIODO DELLA KIVOLUZIONE KKAXCESE — AUllIOL E BONNKFONS 85 

Ferdinando; troppo poco della sua condotta privata e special- 
mente delle sue relazioni amorose, argomento di tante con- 
troversie e disparati pareri ; non approfondito lo studio del suo 
carattere e della sua stessa attività politica; pressoché nulla 
della sua lunga dimora in Sicilia e troppo poco degli ultimi 
mesi della sua vita agitata. Veramente sotto il titolo di Maria 
Carolina si nasconde la storia generale del regno delle due 
Sicilie dagli inizii della rivoluzione francese al 1814, senza 
alcuna speciale novità di fatti e di vedute. Forse, se l'autore 
avesse potuto valersi dei documenti selezionati dair Auriol, 
avrebbe illustrato meglio almeno il perìodo 1802-1806, e rin- 
tracciati elementi nuovi per la biografìa della regina. 



Tra i più verosimili ritratti di Maria Carolina sembrami 
quello tratteggiato dall'ambascia tore Alquier al ministro fran- 
cese degli affari esteri il 7 germinale anno XI, 24 marzo 1803, 
riportato dairAuriol a pag. 207-208 nel 1° voi., riferito in una 
nota dal Bonnefons senza alcuna citazione d'indirizzo e di data. 

«Au viai, la reine n'est ni benne ni mediante. Née avec 
infìniment d'esprit et de gràces naturolles, et devant à Tedu- 
cation que lui donna l'impératrice plus d'instruction que n'en 
n'ont communément Ics femmes, olle eut la prétention assez 
raisonnable de gouverner, lorsqu'en arrivant à Naples elle 
trouva sur le tròno un homme incapable de régner. Le goùt 
le plus vif pour le plaisir se joignit à la passion de dominer, 
et de là Ics doubles intrigues des afTaires et de la galanterie, 
ol de là aussi ce nombre inflni de contrariétés qui ont irrite 
l'esprit le plus irritable qui flit jamais. La vie de la reine n'est 
qu'une longue crise de vapeurs, et c'est par Teffet de celle 
raobilité d'organisation qu'elie a été suct^essivement amie tendre 
ou ennemie implacable, exorablo ou vindicative, devote et ga- 
lante, maitresse sans frein et femme jalouse à l'excès, et que 
<lans le mème jour elle s'occupait d 'intrigues à Vienne, a 
Londre», à Pétersbourg, et de savoir ce qui se passait dans 
le ménage d'une bourgeoise de Naples. Elle eùt été une reine 
parfaite, si elle se fut bornée a étrc épouse et mère, mais la 
nature cn a ordonné autroment, et les prestiges du rang su- 
prème ont encore ajouté a Timpulsion de la nature. A l'o- 
xeniple de sa mère, elle a bien élevé ses filles, avoc lesquelles 
elle vit dans une familiarité donce et touchante. Elle dò - 



Digitized by 



Google 



80 RECESSIONI E NOTE BIBLIOORAnCHE — C. RINA UDO 

daigne son fìls ainé, qui dans 1*enfance a rebutó sos soins, 
par une nullité absolue de disposition, et qui l'humilie par des 
goùts ignobles et puérils. On a exalté sa générosité; en effet 
olle donne beaucoup, mais sans choix, corame sans mesure, et 
oette prodigante n'a pas peu contribué à la ruine de TEtat. C'est 
surtout rétendue et la force de son esprit qu'on a vantées ; c'est 
une erreur. Get esprit là, déplacè de la sphère des femmes, et 
tourmenté de la prétention de diriger la politique, a degènere dans 
une habitude de tracasserie qui a toujours été funeste à la Reine 
et au Royaume, et quelquefois peut elle ne pas nous hair, et 
la légitimité de ses ressentiments ne la justifie-t-elle pas trop 
bien do Tanimositè qu'elle nous témoignc ? Le besoin d'intriguer 
ot d'agiter la tourmenté encore, et ne s'éteindra jamais. Elio 
passo los jours dans son cabinet, et a son bureau, et nul mi- 
nistre n'ècrit autant de lettres que la Reine de Naplos. Mais 
réloignement des affaires, dans loquel Ta placée le chevalier 
Acton, a bien aflfaibli Timportance de cettc activité, et, no 
pouvant plus avoir de rapports avec les cours, elle s'occupo, 
au moins, de Tospionnago. Un autre goùt, qui a marqué dans 
sa vie, colui du plaisir, ne Ta pas abandonèe, et le commandeur 
Ruffo, que vous avez vu ambassadeur à Paris, est oblige d'y 
subvonir, et de vivre auprès de ce débris célèbre de tant 
de gràces et do galanteries. Enfin, cotte femme, dont on parlo 
depuis si longtomps et si diversoment, en Europe, est à peu 
prés tout ce qu'elle pouvait étre : placée dans une condition 
privée, elle aurait offert los mèmos résultats; elle eùt fait los 
délicos de quelques hommes, mais elle aurait été le tourment 
de son mari, et Teffroi du voisinage ». 

C. RlNAUDO. 



CESARE SALVAREZZA, Fazioni navali inplesi a Noli (Ì80S 
e i812). Vita politica di Noli al tempo dei Francesi, su 
documenti inediti. Roma, tip. Cecchini, 1905. In-^ di pa- 
gine 40, con una tavola. 

58. — Dei duo episodi della guerra mossa da Napoleone I 
contro la potenza britannica, che il comm. Salvarezza ha illu- 
strato nella pubblicazione annunziata, anzi di uno soltanto dei 
detti episodi, il Randaccio solo fra gli storici italiani e francesi 
della marina militare aveva finora dato un cenno incompleti» 
ed errato, attinto naturalmente agli storici inglesi. Il comm. 
Salvarezza, sulla, scoila di documenti inediti, li ricostituisce 



Digitized by 



Google 



PERIODO DELLA RIVOLUZIONE FRANCESE — C. SALVARKZZA 87 

in tulli i loro particolari, dopo aver descritto con molta pre- 
cisione il porto e la città di Noli al principio del secolo XIX, 
e le fortificazioni del medesimo, che gli austro-inglesi avevano 
spogliato dei loro cannoni nella breve occupazione del 1800. 
Le fazioni, che quegli episodi ricordano, sono tutt'altro che 
onorevoli per le anni inglesi, poiché non ebbero per scopo se 
non di predare convogli incapaci di resistere alle forze schiac- 
cianti, che li assalivano, e che con straordinario e ridicolo 
apparato facevano sentire loro preponderanza e prepotenza ad 
una popolazione quasi inerme. 

Il 1 agosto 1808, un convoglio di dieci vele mercantili, 
scortato dalla cannoniera francese Vigilante^ fu, nella rada 
dì Noli, aggredito, saccheggiato e preso da due potenti legni 
inglesi, il vascello Kent e il brigantino Wizard; i quali com- 
pirono la mirabile impresa, dopo avere prudentemente con un 
lungo e nutrito cannoneggiamenlo liberata la spiaggia delle 
uììdici guardie di finanza e de' cannonieri che avevano ardilo 
difenderla. 

Quattro anni di poi, il 5 maggio 1812, nella medesima 
rada lo zambecco Rosario, che non aveva voluto ritirarsi col 
brigantino Oice^^'iero nel porto di Vado, fu sorpreso e catturato 
da un grosso vascello inglese avvicinatosi di notte colle so- 
lite precauzioni e cannonate. Più del fuoco nemico, però, fu 
dannoso ai difensori lo scoppio di uno dei cannoni della bat- 
teria, posta ai piedi del monte Orsino, che mise nove dei can- 
nonieri fuori di combattimento. 

Prendendo occasione da questi avvenimenti il comm. Sal- 
varezza dipinge un quadro vivissimo dello stato in cui si tro- 
vava in quei giorni la città di Noli, sede gloriosa fino al 1797 
di una minuscola è fiorente repubblica. E quindi, accennato 
al fascino potente che esercii) la personalità di Napoleone su 
quei fieri cittadini, fra i quali un ascendente deir autore, ri- 
corda ancora l'ultimo vescovo di Noli, Benedetto Solari, uomo 
di grande autorità e dottrina, il quale aveva aderito al Sinodo 
di Pistoia, e Teflimera repubblica, proclamata a Noli alla scom- 
parsa deirimperatore. 

La breve ed interessante pubblicazione dimostra la grande 
padronanza, che l'Autore possiede della storia della Liguria, 
la sua vasta dottrina e l'immenso amore ch'egli nutre per la 
sua città natia. E mentre gliene tributiamo le dovute lodi, 
esprimiamo il voto che presto venga alla luce l'edizione degli 



Digitized by 



Google 



88 RECENSIONI E NOTE BIBUOGRAnCHB — C. R. 

statuti di Noli, ch'egli ha da un pezzo preparata e che j^li 
studiosi aspettano con desiderio, sicuri dell'importanza del do- 
cumento e del lavoro che vi ha compiuto attorno V illustre 
editore. E. C. 



7. PERIODO DEL RISORGliMENTO ITALIANO (1815-1905). 

HANS KRAEMER, Il secolo XIX descritto ed illustrato. Voi. III. 

Milano, Società editrice libraria, 1905. 

54. — Abbiamo, a suo tempo, parlato dei voi. I-II di questa 
pubblicazione, e fatto cenno nel 1<* fase, del 1904 del voi. IH, 
ixllora avvialo. Ora che tutta l'opera è finita, è opportuno in- 
dicare il contenuto del voi. Ili ed esprimere un apprezzamento 
<!oniplessivo. 

Il 3*» volume svolge la storia delle vicende politiche e della 
coltura dal 1871 al 1900, tranne per la storia della medicina e 
chirurgia, che si estende per tutto il secolo XIX. La politica 
vi occupa la parte minore; infatti di 918 pagine appena 85 sono 
destinate alla storia degli Stati e dei popoli, esclusa l'Italia, di 
cui il dott. Cazzaniga riassunse le vicende in uno speciale ca- 
pitolo di 38 pagine. Il rimanente, costituito da ben 795 pagine, 
è assegnato alle varie forme della coltura e a questioni di ca- 
rattere sociale: La vita intellettitale di R. Steiner, Il Teatro di 
A. Brasch, Posta, telegrafò e telefono di F. Hennicke, Foto- 
grafia di H. MiìUer, Esposizioni di F. Reuleaux, elamica e- 
Fisica di A. Neuburger, Elettrotecnica, industria e commeì^cio- 
di H. Lux, Viaggi d* esplorazione di H. Weule, Astronoìnia di 
W. Forster, Musica di F. Walter, Scavi di H. Schmidt, Pittura 
e scultura di G. Gallaud, Architettura e iìidustrie artistiche 
di M. Ravoth, Le domìe di D. Duncker, Legislazione e giurispru- 
denza di J. Goldschmidt, Protezione dei lavoratori di G. Evert, 
L'industria del libico e la tecnica delia riproduzione di Th. Goebel. 

Numerose, e talora splendide, le illustrazioni: si noverano 
ben 108 tavole, parecchie delle quali policrome, e centinaia di 
incisioni nel testo, oltre alcune ampie tavole concorrenti a for- 
mare l'Atlante. C'è varietà di rappresentazioni, con prevalenza 
di ritratti d'uomini politici e d'artisti e di riproduzioni di quadri 
e notevoli monumenti scultorii e architettonici. 

L'Italia occupa un posto discreto nella trattazione: oltre 
allo speciale capitolo riassuntivo delle sue vicende politiche dal 
1871 al 1900, è rispecchiata la nostra letteratura contemporanea 



Digitized by 



Google 



l'EKIODO DEL RISOKGIMENTO ITALUNO — A. (ìlOVANMNI S^ 

ne' suoi nomi migliori, e l'arte teatrale negli scrittori e negli 
attori più celebri, con singolare ampiezza di testo e copia di 
ritratti, troppo brevemente invece la parte avuta dall' Italia 
nello sviluppo della telegrafìa e della telefonia, nelle esposi- 
zioni industriali di Milano, Torino, Palermo, nei progressi della 
medicina e chirurgia, sebbene non siano dimenticati i nostri più 
eminenti scienziati. Belle pagine ci sono riservate nella fisica 
e chimica, neirelettrotecnica e sue applicazioni, nei viaggi di 
esplorazione, nella musica, nella pittura e scultura, con nume* 
rose illustrazioni di persone e di monumenti, e nelle grandi 
costruzioni richieste dall'incremento delle città moderne. 

Questa pubblicazione difetta di proporzioni e di unità orga- 
nica, essendo opera di molti, per quanto diretta da un solo, come 
è per parecchi riguardi incompleta, non essendosi prese in con- 
siderazione tutte le manifestazioni della civiltà e della vita mo- 
derna; ma come lavoro generale di sintesi e d'illustrazione è 
senza dubbio geniale, interessante ed utile non solo al gran 
pubblico, ma anche alle persone fornite di larga e svariata 
coltura. G. R. 

A. GIOVANNINI, Carlo Cattaneo^ economista. Bologna, Zani- 
chelli, 1905. 

55. — «Il concetto largo e moderno della Storia non ha 
per me (scriveva il settembre del i898 dall' alto del Generoso 
quel supremo scienziato che è Gra,ziadio Ascoli), il concetto largo 
e moderno della Storia non ha per me in Italia alcun campione 
che si possa misurare, più o men da vicino con Carlo Catta- 
neo» (i). Eppure i più lo mettono senz'altro tra gli Economisti. 



(1) Davvero fu la Storia «la Scienza in cui l'ingegno del Cattaneo 
parve si rivelasse nel suo maggior splendore » . E fatto coraggioso dalla 
dichiarazione delFillustre Goriziano, appunto in questa Rivista^ il 1899, a 
p. 299, riferendo intorno allo Studio abbozzatone da Enrico Zanoni, aggiun- 
gevo: «Proprio è a deplorare che Carlo Cattaneo non si sia dedicato a 
tTitt*uomo alla unica Storia, perchè V Introduci ane ch'ei premise il 1844 al 
volume delle Notixie naturali e civili su la Lombardia è addirittura un 
«apo d'opera d'intuizione storica, di sintesi civile, e di stile; i Frammenti 
di Storia Universale sono tra le prose le più originali e conciso della let- 
teratura di Clio; ©d esse stesso le Pagine mordaci, nervosissime, violenti, 
8uH7fWMiTC*tofW di Milano nel 1848, e le Prefazioni a\V Archivio Trien- 
nale delle cose d'Italia d*allora, sono nella loro passiono e acerbità sì piene 
'ii fuoco e di vital nutrimento che pur dissentendone non lo si respingono 
•'ho dopo averle, come vuole giustizia, rilette e ridiscusse. TI Proclama agli 
Ungheresi parve il 12 aprile di ([uel '48 immortale al Giordani « una delle 
poche e più belle cose che siansi pubblicate in Europa » . Collo scritto su 



Digitized by 



Google 



IK) BECENSIONI E NOTE BIBLIOORAFICHE — O. Sà.NOI0RQIO 

E cosi fa infatti ancor esso in questo suo volume Alberto Gio- 
vannini, che discepolo di Tulio Martello ed Achille Loria, i se^ 
guaci per eccellenza delle dottrine di Cattaneo, aggiunge, con 
le ginocchia della mente ìnchine, e da bravo Direttore della 
Rivista Lei Libe7'(à Economica, il suo air entusiasmo dei due 
ammiratori. 

L'entusiasmo e Tammirazione sono, anzi, tali che pur troppo 
tolgono molto della serenità necessaria alla critica ed ai giu- 
dizi i del prof. Giova nnini, e scemano il valore del Libro, pur 
in se caldo e dotto. E ciò spiace agli amici dell'egregio Autore, 
che appunto perchè non è della schiera degli stenterelli di cui 
diceva lo Stuart Mill, di quei molti cioè che non sapendo altro 
che TEconomia politica la sanno male» meritava che anche questo 
Lavoro fosse riuscito nel suo insieme lodevole e rileggibile come 
l'altro del 1904 sul Pensiero Economico di Giuseppe Mazzini. 

Questo volume è, d'altronde, piuttosto un contributo di pre- 
parazione analitica a un desiderabile lavoro di sintesi complessa, 
che un'opera per se stessa organica e permanente. Egli è non 
altro che una raccolta di studi varii intorno alla mente divi- 
natrice del primo figlio cerebrale di Romagnosi, e il suo pregio 
vero e forse unico sta precisamente nel lungo richiamo dei gio- 
vani ancora discenti alla meditazione ed all'esame delle pagine 
fascinanti e dialettiche di Lui che, austero e socratico, è morto, 
ma è immortale. 

«Dovette senza dubbio il Cattaneo sentirsi a tutto suo agio 
anco sui campi dell'Economia, degli studi cioè, tra i quali ei 
si addentrò liberista e liberale, e nel Politecnico e fuori, con 
quella limpidezza di vedute e quello squisito senso scientifico 
che furono le sue doti precipue.... Non per niente Mazzini Ta- 
vrebbe voluto a Roma il '49 ministro delle finanze; ed oh non 
lo avessero i malevoli e i suoi pregiudizi federalistici allonta- 
nato da Cavour il grande unitario, od il '60 a Napoli da Gari- 
baldi!.... Sarebbe stato uno dei maggiori e più ascoltati consi- 
glieri dell'Italia in ricoiiiposizione e invece di morire il 5 febbraio 



Tunisi il veggente Cattaneo cercò risvegliar dal suo letargo Italia, e se la 
voce di lui non ebbe ascolto, ne siano incolpati quei pusilli e quei scettici 
che del potere non seppero usare che a declamazioni e a pompe. Storia è 
a sua volta la stupenda revindica del buon nome e delKonore di Ugo J^o- 
seolo^ cui il Nostro tanto rassomigliò per l'ardenza del carattere, per la 
vastità e il decoro dell'erudizione, e in gioventù persino i)er il lampo dogli 
occhi e il calore pereuasivo della parola». 



Digitized by 



Google 



PERIODO DEL RISORGIMENTO ITALIANO — A. OIOVANNINI 01 

18G9 semplice insegnante di Liceo ed esule volontario a Gasta- 
i^nola egli avrebbe vissuto il suo ultimo decennio non povero, 
e tra gli omaggi raeritatissinii e la venerazione dei patrioti qui 
nella sua cara Milano o in Firenze la capitale provvisorial... 
Di lui economista e sociologo militante, e possibile uom di Stato, 
ci rimangono nondimeno la splendida e preziosa Memoria sulle 
Interdizioni Israelitiche, le magnifiche lettere a Campbell su 
alcune nostre Istituzioni agrarie applicabili a sollievo dell'Irlanda, 
lo studio sul Credito fondiario e agricolo, la chiara e sicura Notizia 
delle Tariffe daziarie negli Stati Uniti, la confutazione di List, 
la stupenda lettera ai Genovesi sulla Ferrovia dalle Alpi Elve- 
tiche airEuropa centrale, il beirarticolo intorno alla pubblica 
Beneficenza, i briosi ed acuti frammenti di sette prefazioni, 
altre e altre pagine tutte interessanti, e più che mai queirin- 
dimenticabile e veramente magistrale discorso Lei pensiero 
ernie jmncìpio cV Economia pubblica che ai -^ficinesi meravi- 
gliati dell'eloquenza sintetica del loro amico insegnò come Tin- 
telligenza possa essere e sia il principio della ricchezza, perchè 
(osserva fine il Rosa d'Iseo) il regno deirintelligenza abbraccia 
tutti gli atti dell'umana società, e quelli pure che sembrano 
più soggetti al dominio delle forze materiali » (1). 

La sapienza prepotente e multilatere di Carlo Cattaneo (e 
la equilibrata multilateralità ben lungi dairinfiacchire l'energia 
e l'intensità dell'ingegno lo rende al contrario più armonico e 
produttivo, e lo ringagliarda), è ad ogni modo viva ed educa- 
trice in questo Libro del Giovannini. E dai dodici capitoli esce 
ridimostrato, ciò che Osimo e Momigliano già avevano per 
(*onto loro sostenuto discorrendo del Milanese e letterato e fi- 
losofo, che questi 

dello scibile uman vide ogni aspetto. 
Ogni legge tentò far disascosa, 

^ che gli scritti economici di Lui, artefice delle parole o geo- 
metra delle idee, segnano nella storia della scienza del pen- 
t^'ier'o orma non cancellabile. 

I)r. G. Sanoioroio. 



(1) Ancora in codesta Stot'iea a pag. 299-300. 



Digitized by 



Google 



92 RECENSIONI E NOTE BIBLIOOIUnCHE — G. R. 

DOMENICO ZANICHELLI, Cavour, Firenze, G. Barbera, 1905. 

56. — Il Pantheon, ossìa Vite d'illustri italiani e stranieri, 
edito dalla Casa G. Barbera, s*è arricchito d'un nuovo volume, 
dedicato al Conte di Cavour. Con molto senno ne fu affidata la 
compilazione a Domenico Zanichelli, che con tanta dottrina e 
con tanto amore ha raccolto e pubblicato gli scritti del Conte 
di Cavour e in yarii modi ne ha illustrata la politica. 

Costretto a rinchiudere in breve volume l'azione complessa 
e intensa del grande statista, seppe in giuste proporzioni pre- 
sentare tutte le varie fasi della sua vita, prima e dopo il 1848, 
soffermandosi più di proposito sulle questioni più gravi che 
tormentarono il pensiero italiano dal 1848 al 1861. Forse avrebbe 
potuto dedicare anche un capitolo alla complessa opera legisla- 
tiva, che rinnovò il Piemonte dopo il 1850 e lo preparò all'ege- 
monia italiana in tutte le manifestazioni della vita civile. 

Non è qui il caso di riassumere il lavoro dello Zanichelli, 
ma non tornerà discaro il giudizio sintetico finale del carattere- 
e dell'opera del Conte di Cavour. 

«Cavour è il più grande statista dell'Europa moderna, perchè 
è quello che con minori mezzi ha saputo ottenere più grandi 
risultati. In lui l'audacia accorta e prudente di Richelieu, la/ 
potenza fascinatrice della parola, la genialità delle idee di Pitt, 
il senso umano e civile di Gladstone, la vastità dei concetti, la: 
forza morale per attuarli, superando ogni ostacolo, di Bismark. 
Più grande di tutti, perchè più completo, più armonicamente 
equilibrato di tutti. Egli è l'uomo politico più idealista che abbia 
mai avuto il mondo: in lui la freddezza calcolatrice dello sta- 
tista si univa all'entusiasmo dell'apostolo, all'audacia del tri- 
buno, al coraggio del cospiratore e del ribelle. Quando si avrà 
perduta la nozione esatta degli avvenimenti e delle date, egli 
apparirà ai posteri come l' uomo provvidenziale destinato ad 
attuare le idee dei precursori, specialmente di Mazzini, a con- 
cretare nei fatti, coU'animo e il cuore degno di loro, le loro 
aspirazioni, le loro speranze, la fede per cui i precursori ed i 
martiri hanno pensato, scritto e sofferto, ne alcuno crederà che 
l'apostolo infaticato e sublime dell'unità e lo statista che seppe 
attuarla fossero discordi e nemici». 

C. R. 



Digitized by 



Google 



PKKIODO DEL RISORGIMENTO ITALIANO — A. MANOINI 93 

AOOLFO MANGINI, F. i). Gtierratzi, Cenni e ricordi ad il- 
lustrazione di sei scritti pubblicati in appendice. Livorno, 
Giusti, 1904, pag. ìm. 

57. — K un elepranto volumetto che porta un notevole con- 
tributo alla storia del risorgimento politico in Toscana. 

Il chiaro autore fa precedere ogni scritto guerrazzìano da 
note illustrative cosi ricche di aneddoti, dì ricordi personali e 
di notizie sconosciute che riusciranno pregevolissime al futuro 
biografo del Guerrazzi e a tutti coloro che si occuperanno dei 
suoi tempi. 

Tre degli scritti pubblicati dal Mangini erano inediti : Pì^e- 
fazione alla battaglia di Benevento; Una jìasseggiata a Mon- 
kimlciano; Per le nozze Mangini- Tònci; e tre poco noti: Nel- 
VaìJbo Chelucci- Palmer ini a Gavina^ia; Lettera a Cesare 
Cantìi; Figlio unico di madre vedova. 

La P)'efazi07ie alla battaglia di BeneventOy che non fu pub- 
blicata nella prima edizione del romanzo, ne in tutte le suc- 
cessive, dimostra come nel 1827 il Guerrazzi avesse già nel suo 
siile quel sapore doW/iumotir inglese che fu poi uno dei suoi 
pregi di scrittore. La Lettera a Cesare Cantù scritta sul finire 
del 1868 e già pubblicata nella Rivista d'Italia (15 gennaio 1900) 
dipinge meravigliosamente il carattere e Tindole dolKindomito 
scrittore. Il Cantu si era rivolto amichevolmente al Guerrazzi 
per domandargli la causa della noncuranza del Governo verso 
di loro, ed il livornese rispondeva liberamente : « Perchè voi 
siete rimasto troppo addietro, e me giudicano trascorso troppo 
avanti » ; e soggiungeva che a lui aveva nociuto « l'orgoglio 
soverchio, la selvatica sincerità, la inclinazione al sarcasmo, la 
mania di fare il censore acerbo ed aspro in tempi corrottissimi ». 

Nelle note illustrative il Mangini, valendosi di molti docu- 
menti e moltissime lettere inedite — egli conserva religiosa- 
mente settecentosessantotto lettere guerrazziane —, fa la cro- 
nistoria della Battaglia di Benevento e àeW Assedio di Fi7'enze, 
parla dell'intimità di F. Domenico con Antonio Mangini, ac- 
cenna all'amore del livornese per Maria Papadoi)ulo (la Betta 
del Buco del muro) ed all'affetto paterno per i nipoti. 

E. Michel. 



Digitized by 



Google 



94 RECKNSIOXI 12 NOTE BIBLlOORAnCHE — E. MICHEL 

G. B. PELLIZZARO, F, D. Guerrazzi e le arti belle. Adernò, 
Stab. tip. Longhìtano, Costa e C, 1905, pag. 102. 
58. — Ferdinando Bosio, il ijrimo biografo del (iuerrazzi, 
affermò che il celebre scrittore livornese credette le arti belle 
pretesto di viltà e strumento di corruzione, e bandì contro di 
loro una terribile crociata. Tale affermazione era evidentemente 
esagerata. F. I). Guerrazzi, nemico costante di ogni meschinità, 
combattè soltanto gli i)seudo artisti, i finti mecenati, e opero 
d'arte che non ispiravano nessun sentimento civile e patriottico. 
Il Pellizzaro rimette le cose a posto con questo suo studio 
diligente ed accurato, ed esaminando i più importanti scritti ar- 
tistici del Guerrazzi, e specialmente gli elogi dei due Sabatelli, 
dimostra come l'indomito scrittore livornese possedesse una 
spirito acuto di osservazione e parimenti un gusto squisitissimo 
neir apprezzare le opere d'arte. 

K. Michel. 



FELICE MOMIGLIANO, Giuseppe Mazzini e le idealità moderne. 

Milano, libr. edit. lombarda, 1905. 
FRANCESCO GUARDIONE, Giuseppe Mazzini e il risorgimento 

politico d'Italia. Palermo, A. Reber, 1905. 
Lettere di Giuseppe Mazzini ad Aurelio Saffi ed, alla famiglia 

Craufurd (1850-1872), per cura di G. Mazzatinti. Milano, 

Albrighi, Segati e C, 1905. 

59-61. — Dopoché il parlamento deliberò la stampa, a cura e 
a spese dello Stato, d'una nuova edizione completa delle opere 
di Giuseppe Mazzini, e con la ricorrenza del centenario della 
nascita del grande agitatore genovese, siamo entrati in una 
nuova fioritura letteraria mazziniana. Ed è utile all'educazione 
politica e morale della nazione, perchè omai il Mazzini più non 
appare alla nostra coscienza nella forma contingente della re- 
pubblica, ma nell'alta idealità permanente del fervido eccitatore 
al rinnovamento italico, non solo nella sua unità politica, ma 
nell'elevazione spirituale del pensiero religioso, scientifico, ar- 
tistico e sociale. 

Storicamente però la maggior parte di queste pubblicazioni 
non reca alcun contributo nuovo, trattandosi di interpretazioni 
soggettive del verbo mazziniano, di divulgazione delle sue dot- 
trine, o al più di riassunti della sua vita come argomento di 
ammirazione e di imitazione. 



Digitized by 



Google 



PERIODO DEL KISOEGIMENTO ITALIANO — V. SCLOPIS 95 

Cosi il prof. Guardioiio offre al popolo italiano un panegi- 
rico biografico, che con forti battute esalta il suo eroe, male- 
dicendo ad ogni opposizione. Sarebbe stata più utile una calma 
e serena narrazione, libera delle ingiuste prevenzioni e pole- 
miche di altri tempi contro i moderati, compreso Cavour e la 
monarchia di Savoia, senza il cui concorso l'Italia non si sa- 
rebbe fatta. Si può elevare la figura del Mazzini, di cui altis- 
sime furono le idealità e grandi i personali sacrifici per Tidea, 
senza deprimere la coorte dei pensatori e degli statisti, che con 
altri mezzi, che Tesperienza dimostrò più pratici ed efficaci, ci 
condussero air unificazione d*Italia. 

Il Momigliano, sollevandosi in più alte sfere, studia il Maz- 
zini specialmente sotto due aspetti; l'apostolo e l'artista. Pe- 
netra nella psiche di Giuseppe Mazzini, ne descrive la passione 
eroica per le grandi idee, il misticismo ribelle, lo austere ri- 
nunzie, la consacrazione alla sua missione col fervore dell'apo- 
stolo. Indaga poi il romanticismo mazziniano, la sua fede nella 
funzione sociale dell'arte, il cosmopolitismo letterario, il suo 
pensiero nella progressività dell'arte evolvendosi il contenuto e 
la forma nella perennità dell'attività estetica. Ne studia infine 
le applicazioni nella critica, soffermandosi nella concezione sua 
estetica della musica e della pittura, dell'opera dantesca, delle 
letterature italiana, francese, inglese e tedesca. 

Il Mazzatinti solo ci dà nuovi documenti. Sono 369 lettere, 
scritte fra il 1850 e il 1872 ad Aurelio Saffi e alla famiglia 
Craufurd (Sofia, Giorgina, Caterina) nella piena intimità del 
cuore. Il Mazzini non viveva che delle sue idee; perciò le 
lettere sono uno specchio dell'anima sua in f[uegli anni cosi 
fortunosi, e, se non rivelano nuovi orizzonti, offrono però molti 
schiarimenti su uomini e cose, quando, leggendole, si tenga 
conto della condizione di mente e d'animo dello scrittore. 

C. R. 



VITTORIO SCLOPIS, Lelia vita e delle opere del conte Fede^ 
rico Sclopis di Salerano, con cenni storici sulla stia fa- 
miglia. Torino, G. B. Paravia e C, 1905. 
02. — Inaugurandosi in Torino il 15 agosto 1905 un mo- 
numento al conte Federico Sclopis, opera egregia dello scultore 
Rubino, ring. Vittorio Sclopis del suo casato raccolse opportu- 
namente in un elegante volume gli elementi, che potrebbero 
servire ad uno studio integrale della vita e degli scritti del- 



Digitized by 



Google 



9G RECENSIONI E NOTE BIBLIOGRAFICHE — C. RINALDO 

l'illustre uomo, come cittadino, letterato, storico, giureconsulto, 
magistrato, amministratore, statista. 

Dapprima riassume la biografia di Federico Sclopis, met- 
tendo in rilievo i vari aspetti di quella vita operosa e inteme- 
rata; ricorda quindi le commemorazioni e le memorie biogra- 
fiche dello Sclopis (avrebbe anche potuto riportare l'epigrafe 
del monumento redatta dallo scrivente); ci dà in terzo luogo 
l'elenco degli scritti, ripartiti in legali ed economici (11), sto- 
rici (62), letterarii (36), disponendoli poi in ordine di tempo e 
alfabetico; infine offre un cenno sulla storia della famiglia Sclopis. 
Questa trovavasì in Giaveno fin dal secolo XVI, ebbe dimora 
in Torino a cominciare dal secolo XVIII, ottenne titolo di conte 
di Salerano Alessandro Sclopis nel 1787, da cui nacque il conte 
Federico nel 1798. Dei molti rami, in cui si divise la famiglia 
Sclopis, più non rimane che l'ingegnere Vittorio con una sorella, 
un fratello e due figliuoli. C. Rinai do. 



GIROLAMO MARI, La mia vita militare, Roma, Casa editrice 

italiana, 1905. 

63. — Non sono rivelazioni nuove, né politiche, ne mili- 
tari, ma una voce simpatica che evoca alla generazione pre- 
sente obliosa i giorni dell'entusiasmo, in cui formavasi l'Italia 
moderna. 

Il dott. Mari, ora preside del r. istituto tecnico di Viterbo, 
appartiene alla gloriosa schiera dei giovani frementi d'amor 
I)atrio, che nel 1859 accorsero al grido dell'indipendenza ita- 
liana. Partito da Concordia nell'aprile di quell'anno memorando, 
sfuggendo alle polizie ducali, passò in Piemonte ad arruolarsi 
nell'esercito regolare, di cui segui la fortuna nelle campagne 
del 1859 in Lombardia, nel 1860-61 nelle Marche, nell'Umbria 
e all'assedio di Gaeta, del 1862 in Capitanata contro il brigan- 
taggio, del 1866 a Custoza. Le riduzioni di corpo seguite alla 
gnerra del 1866 lo posero in aspettativa, di cui si valse per 
applicarsi allo studio delle scienze fisico-chimiche, in cui si 
laureò nel 1870. Ritrattosi dal senizio militare nel 1872, riprese 
^ina nuova missione nobilissima, quella dell'insegnamento. 

Al veterano dell'esercito e al collega i nostri augurii. 

C. RlNAUDO. 



Digitized by VjOOQ IC 



PERIODO DEL BISORGIMENTO ITALIANO — R. BOBBA 07 

R. BOBBA, CinquanVanni di insegnamento, S. Benigno Gana- 

vese, Scuola tipografica, 1905. 

()4. — É un'oflferta geniale e bella, che i figli riconoscenti 
fecero al padre nel cinquantesimo anniversario del suo insegna- 
mento per rievocare i giudizi che di Romualdo Bobba, profes- 
sore di storia deUa filosofia neir Università nostra, e delle opere 
sue diedero critici valenti, quali N. Tommaseo, T. Mamiani, 
A. Conti, L. Ferri e G. Gorresio. 

Precedono alcuni sobrii cenni biografici, che ci mostrano la 
vita austera e laboriosa del Bobba e i suoi studi coronati dalle 
vittorie nei concorsi di pedagogia e di storia della Filosofia nel- 
l'Istituto Superiore di Firenze (1876), e neirUniversità di Pa- 
dova (1877), di Palermo (1877) e di Torino (1878). 

Segue il lungo elenco della sua produzione filosofica e 
pedagogica, che, iniziata nel 1857, durò sino a questi ultimi 
giorni, quando la morte Io spense, contando una cinquantina 
di pubblicazioni, fra le quali sono specialmente a ricordarsi 
il Saggio intornio ad alcuni filosofi italiani meno noti prima 
e dopo la pretesa rifoì^ma cartesiana (1868), la Storia della 
filosofia rispetto alla conoscenza di Dio da Talete fino ai giorni 
nostri (1873-74) e La dottìHna delVintelletto in Aristotele e 
nei suoi più illustri inte^^reti, opera premiata nel 1896 con il 
premio reale dalla R. Accademia dei Lincei. 

L'operosità del Bobba, che la sua modesta e tranquilla vita 
non fece sufficientemente nota al pubblico, appare chiara in 
questa bibliografia: la riverenza devota dei figli osò svelarla al- 
meno per una volta, mentr'egli avrebbe lasciato trascorrere noi 
l'oblio anche questo cinquantesimo anno di lavoro e di fatiche. 
Ben fecero essi a ritessere intorno alla bianca testa del vene- 
rando padre quella ghirlanda di elogi, che dotti critici gli ave- 
vano largito in passato, poiché oltre a dimostrare Tafifctto fi- 
gliale, rivelarono i meriti di un paziente e buon lavoratore che 
tutta la sua vita spese negli studi e nella scuola. 

L. C. BOLLEA. 



MARIO VALLI, Oli avvenimenti in Cina nel 1900 e Vaziove 

della 7\ m^ìUna italiana. Milano, Ulrico Hoepli, 1905. 

05. — Mentre all'estero si sono pubblicati molti libri sugli 

avvenimenti, che si svolsero in Cina nel 1900, tra cui le opere 

del Cordier, di Savage Landor, di Pinon e De Marcillac, del 

Courrant, del Favier, del Casserly, De Pelacot e Bard, e nu- 

Rivista storica italiana, 3* S., v, l. 7 



Digitized by 



Google 



98 UKttXHOia £ «OK BBUeaBAZiaHB — e lOKAUDO 

merosi articoli nelle primarie riviste, in Italia s' è già quasi 
dimenticata la sua partecipazione agli avvenimenti cinesi del 
1900, che pure valse a farci conoscere nell'Estremo Oriente e 
ad aprirci la strada a migliore avvenire. Sia quindi ben ve- 
nuto il volume del tenente di vascello Mario Valli, che con 
ampiezza fa conoscere agli Italiani l'impero cinese nel suo 
complesso, tratteggiando sulla scorta dei diari, dei rapporti 
ufficiali e dei documenti diplomatici con particolare cura 1 fatti 
del 1900 e Fazione esercitata in essi dalla nostra marina. 

Trattandosi d'un paese poco noto, anche alla generalità 
degli studiosi, TA. opportunamente premise un cenno storica 
dell'impero cinese, soffermandosi di più sulla dinastia dei Tsing, 
attualmente regnante, uno studio delle relazioni della Cina con 
le potenze occidentali specialmente dal 1860 al 1900, e una 
descrizione delle missioni cattoliche con le dolorose vicende che 
precorsero il 1900. In questa parte, direi introduttiva, l'A. de- 
dica parecchie pagine all'Italia per esporne le relazioni con la 
Gina dalla campagna della Magenta del 1866 fino alla infelice 
questione di San-mun, e per descrivere la sue missioni reli- 
giose rappresentate in quasi tutte le regioni dell'impero. 

Entrando neir argomento, ricordato lo spirito settario dei 
Cinesi, narra la formazione dei Boxers e l'agitazione antistra- 
niera, che condusse ai massacri, scuotitori delle Potenze intcj- 
ressate alla protezione dei loro concittadini. E qui comincia la 
storia dell'intervento delle varie Potenze, dall'approdo alla rada 
di Taku delle loro navi, alla marcia su Tientsin, Yang-tsung, 
Lan-fang, Lofa, Peit-sang e Pekino. Giustamente si diffonde 
sull'azione delle navi italiane e dell'equipaggio, specialmente 
a Tien-tsin, ove mori il sottotenente di vascello Carlotto. 

S'indugia maggiormente nel descrivere il drammatico assedio- 
delie legazioni e del Pe-tang, la presa di Pekino e la penetrazione 
nei palazzi imperiali da parte delle truppe alleate, e l'occupazione 
del Cili, che costrinse il governo imperiale cinese a piegare il 
capo e a sottoscrivere l'umiliante protocollo del 22 dicembre,, 
accettando intieramente le condizioni imposte dalle Potenze. 

Non ostante la pochezza del numero e la scarsità dei mezzi ^ 
i distaccamenti italiani onorarono il loro paese, e gli ufficiali di 
terra e di mare conquistarono l'estimazione della diplomazìa 
e deir ufficialità internazionale. Le conseguenze non sono ancora 
tutte tangibili, ma già si sa e si sente nella Cina, ch'esiste pure 
l'Italia e che dev'essere rispettata. G. Rinaudo. 



Digitized by 



Google 



??"^ 



APPEflDlCE 



Ci pervennero molti estratti di periodici e di archivii, di cui si fa già 
Io spoglio in altra parte della Rivista, parecchi opuscoli e non pochi libri 
in ritardo dalla data di loro edizione. Per non ripeterci, quanto agli estratti 
ci limiteremo a darne l'annunzio; in poche parole riassumeremo il conte- 
nuto delle altre pubblicazioni per non tardarne troppo la recensione. 

1. — STORIA GENERALE. 

1. Metodica, toponomastiea, bibliografia, indici, sigilli, monete. 

Camllo Trivero, La storia e la preistoria, Roma, V. Salviucoi, 1905. 
— Graziosa e acuta nota, pubblicata noi Rendiconti deirAccademia dei Lincei 
(voi. XIV, fase. 1), in cui VX, mette in rilievo le differenze che corrono 
fra storia e preistoria circa Toggetto e il metodo. 

Ettore Macchioro, La biologia socials e la storia. Camerino, tip. Sa- 
vini, 1905. — Vuol dimostrare che lo studio dell'evoluzione delle condizioni 
economiche lumeggia bene le fusioni, trasformazioni e derivazioni delle razze ; 
e a tal fine, restringendo Pindagine all'età dei Severi (1* metà del 3® sec. d. C), 
studia quali poterono essere allora le condizioni biologiche della classe ser- 
vile e quali i conseguenti fenomeni antropologici. 

A. Cartelueri, Ueber Wesen té. Oliederung der Qesckiehtswissensckaft 
Akademisehe Antrittsrede, 12 nov. 1904. Lipsia, Dyk, 1905. — Il discorso 
inaugurale fu tenuto alVuniversità di Jena, dove, dice VA., è tradizionale 
lo studio della metodologia della storia. Ed a questo argomento il discorso 
stesso si riferisce. Vi si parla dei mezzi con cui lo storico deve preparare 
i suoi materiali, deve spiegarli, interpretarli, provarne la veridicità. Poco, 
troppo poco, dice sulla forma espositiva propria della storia. L^A. poi si 
ferma alla soglia della filosofia della storia. L ^opuscolo si legge con piacere 
tanto più che si riferisce a questioni che ora vengono calorosamente discusse 
in tutti i paesi civili. (C. Cipolla). 

Vincenzo Mangokt, L'origine e le forze generatrici della proprietà. 
Roma, Soc. ed. Dante Alighieri, 1905. — Con un linguaggio un po' ori- 
ginale e in una forma non sempre limpida il M. volle narrarci l'origiiìe 
della proprietà e descriverci le sue forze generatrici. É un lavoro un \>o^ 



Digitized by 



Google 



100 A1»PKXDICK 

troppo astratto e ad un tempo limitato. L'A. infatti, esaminata Torigine 
psìchica della proprietà (com'egli si esprime), si intrattiene in quattro 
siu*cessivi capitoli sul lavoro, sul capitale, sulle guerre e sulla coazione 
giudiziaria come strumento della desiderabilità economica. L'elemento sto- 
rico non è estraneo allo studio del Mangoni, ma vi prevale il ragionamento 
filosofico. 

Gabriele (trasso. Sulla frequenxxi e sulla distribuxionc geografica 
dei comuni della Francia denominati dal norne dei Santi, specialmente 
in rapporto alla toponomastica saera d'Italia. Napoli, A. Tocco-Sai vietti, 
1905. — Estratto dagli Atti del V Congresso geografico italiano, tenuto in 
Najioli dal 6 a tutto TU a|:rile del 1904, voi. 2*, sezione IV (storica). 

Enrico Celaxi, Indice della Rirista marittima. Città di Castello, S. Lapi, 
1905. — È un indice del triennio 1902, 1903, 1904, diviso in due parti: 
Indice degli autori e Indice dei soggetti. 

0. Baroilli, Manoscritti della Biblioteca della r. Accademia militare. 
Torino, F. Casanova, 1905. — L'A. descrive due preziosi manoscritti dei 
primi fortificatori italiani, Oenza e Leonardi, donati dal cav. Marini, altri 
lasciate dal colonnello Paravia e le carte rimesse dal generale Actis all'Ac- 
cademia militai-e,. e ci dà un elenco dello edizioni del sec. XVI d'arte mili- 
tare, artiglieria, fortificazione, marineria, storia militare, esistenti nella Bi- 
blioteca deir Accademia. 

Orazio Viola, // tricolore italiano. Catania, Battiato, 1905. — Pre- 
zioso e curioso saggio bibliografico, con due appendici : l'una per cronologia 
delle leggi e decreti riguardanti la bandiera nazionale, Taltra per elenco 
delle bandiere fregiate di medaglie al valor militare. 

L. Rizzoli, / sigilli nel museo Bottacin. Parte ^*, fase. 1, 2, 3. 
Padova, Soc. coop. tipogr., 1905. — L'A., illustrando i sigilli del museo 
Bottacin, passa in questa 2» parte ai sigilli dei secoli XVII-XIX, ripro- 
ducendo i migliori nelle tavole annesse. In questi tre fascicoli ne illustra clvi. 

L. Rizzoli, Monete veneziane del museo Bottacin di Padova (Atti 
del Congresso internazionale di scienze storiche, voi. VI). — Vi parla di 
tre monete rarissime: la lira del doge M. Antonio Trevisan (1553-54), un 
pezzo da sei soldi del medesimo doge, e il pezzo da due zecchini del doge 
Alvise Mocenigo (1570-77). 

L. Rizzoli, Monete inedite della rctecolta De Laxaro di Padova. Mi- 
lano, L. F. Cogliati, 1905. — Estratto dalla Rivista italiana di numisma- 
tica e scienze affini, XVIII, 1°. 

Fr. Carrara, Issa, Monografia numismatica, edita e annotata da 
L. Rizzoli. — Estratta dal Bollettino di numismatica e di arte della me- 
daglia, 1904 e 1905. 

G. Oiorcelli, V ultima moneta coniata nelln %-ccca di Casal-Monfer- 



Digitized by 



Google 



APrEKDICE 101 

rato. Milano, L. F. Ck)gliati, 1903. — Illustra un sesino di Casale del 1706 
inedito, recante rinimagine della uiadonna di Crea, e dimostra che.soLo 
<]tteiranno fu chiusa la zecca di Casale. 

F. Marchisio, // ripostiglio di Ckambave e una ìuoneia inedita di 
Guglielmo I Paleologo^ marchese di Monferrato. Torino, C. Clausen, 1902. 
— Essendosi nel 1900 scoperto in territorio di Chambave (valle d^ Aosta) 
an'oUa contenente varie monete d'argento e biglione, il M., dopo averne 
acquistato i migliori esemplari, illustrò un quarto di- grosso del marchese 
•lugliebno I Paleologo di Monferrato. 

S. Ambrosoij, Una medaglia poco noia di papa Pio VI. — Estratto 
deirArch. stor. lombardo, anno XXX, fase. SS», 1903. 

2. Arte, legende, ei*onache, varia. 

Giulio Urbini, Disegno storico delVarte italiana. Parte i* (Sec. I-XI). 
Torino, Paravia, 1903. — Questa prima parte ohe comprende 1 1 secoli della 
storia della nostra arte, occupa appena 114 facciate dei soliti in-16 scola- 
stici, di cui 30 circa sono occupate da illustrazioni. In quest'ottantina di 
jagine, dove ciascuno dei tre capitoli trova ancora il modo di avere una 
hibliografìa discreta, TUrbini chiude con molta abilità un terzo, secondo il 
modo in cui l'ha compartita, della storia dell'arte italiana, £ la sua esi)o- 
sizione sobria, asatta, che dà tutti i risultati degli studi ultimi di storia, 
lascia poco a desiderare anche come ricchezza di notizie. Le illustrazioni, 
caratteristiche e ben scelte per ogni epoca, giovano assai al testo brevis- 
simo (Ercole Bonardi). 

P. Re VELLI, Ija Casa di Savoia e gli sttidi geografici. F*alernio, 
i{. Sandron, 1903. — Discorso pronunziato nel R. Istituto tecnico di Pa- 
lermo, per dimostrare quanto la Casa di Savoia abbia sempre favorito lo 
stadio della geografia, intrattenendosi più largamente sul Duca degli Abruzzi. 

L. Syu», DeUe tettoie delle chiese romaniche in terra di Bari e 
particolarmente di quelle del Duomo di Bitonto. — Studio estratto dalla 
Rassegna tecnica pugliese, anno 1905, fase, ii-ni. 

fi. Brayda, Ija cripta di Sant'Anastasia in Asti. Torino, G. B. Pa- 
ravia, 1905. — Estratto dagli Atti della Società d'archeologia e bello ai'ti 
l>er la provincia di Torino, voi. VII. 

0. Paxsa, Stttdi di leggcìide aòruxxesi comparate. — Estratto dalla 
Rivista abruzzese (Teramo) di scienze, lettere ed arti, anno XX, fase. in. 

L. Muratori, Rerum italiearum scriptores. Nuova cdiz. Città di Oa- 
«itello, 1905. — Dopo l'ampio rendiconto del prof. Ratilich su questa nuova 
'dizione, fatta nel fase. 4» della Rivista del 1904, comparvero altri otto 
fascicoli, di cui si darà speciale recensione. Ora ci limitiamo a darne il 
titolo. I fase. 28-29 contengono i minutissimi ìndice alfabetico e ornnolo- 



Digitized by 



Google 



102 APPENDICE 

gico del Chronieon parmense^ curati da Giuliano Bonazzi. I fase. 30-31 
hanno Petri Aiisolini de Ebulo De rebus siculis earmen, a cura di Ettore 
Rota, n fase. 32 comprende Matthei Palmerii De captivitate PiaarUm liber 
per opera di Gino Soaramella. Il fase. 33 ha Rolandini Patavini Cronica 
in factis et circa facta Morchie Trivixane^ a cura di Antonio Bonardi. 
I fase. 34-35 contengono Chroniea breviara aUaque monumenta faven- 
Una a Bernardino Axxurro colleeta, a cura di Antonio Messeri. 

ViLLARi Pasquale, Discussioni critiche e discorsi, Bologna, Zanichelli , 
1905. — In questo volume il Villari raccolse alcuni saggi critici ed alcoiii 
discorsi, fra i quali tutti quelli, ch'egli fece, inaugurando, come Presidente, 
i (Congressi della Dante Alighieri, Contiene un capitolo su i due scritti 
inglesi intorno al Machiavelli del Morley e del Maine; due sulla questione 
del Savonarola giudicato severamente dal Pastor e difeso dal Luotto. Un altro 
esamina i libri deir americano Einstein e del ginevrino Mounier sul Rina- 
scimento italiano. Oli Studi del prof. Santini offrono quindi occasione di 
tornarci a parlare di un argomento a lui assai gradito, cioè quello di storia 
fiorentina. Molte pagine del volume sono dedicate all'opera del Nelson in 
Napoli rispetto al Caracciolo e alla repubblica partenopea, e molte all'artista 
Domenico Morelli. I notevoli discorsi sulla Dante Alighieri occupano più 
della metà del grosso volume, e sono quelli che il Villari tenne a Milano, 
Torino, Messina, Ravenna, Verona, Siena, Udine, fra il 1897 e il 1903. 
(A. Professione). 

Mario Mandalaki, Tra un Congresso e l'altro. Città di Castello, S. Lapi, 
1905. — Sono tre studi staccati : I. Sulla storia di Calabria, note ed osser- 
vazioni; II. Dante in Romania; III. Una colonia provenzale nell'Italia me- 
ridionale. 

3. Ooniunì, chiese, monasteri. 

G. Soli, Chiesa e monastero di 5.* Cecilia presso Modena. — L'ora- 
torio di Nostra Donila della fossa presso Modena. — Estratti dagli Atti 
e Memorie della R. Deputazione di storia patria per le provincie modenesi. 
Serie V, voi. IV, 1905. 

A. BoTTEoui, D^li statuti di Padova. — Estratto dagli Atti e Me- 
morie della R. Accademia di scienze e lettere di Padova, voi. XXI, di- 
spensa II, 1905. 

A. BoTTKGHi, Clero e Comune in Padova nel secolo XIII. — Estratto 
del Nuovo Archivio veneto, N. S., T. IX, P. II, 1905. 

Memorie e Notizie su Piacenza. — Scritti di A. G. Tononi e L. Cerri, 
estratti dal Piacentino istruito del 190G. 

Paouaro Bordone Salvatore, Mistretta antica e moderna^ libro II. 
Nicosia, 1904, pagg. 128. — L'A. ci informa che il suo libro è il risultato 
di 72 giorni di studio: avremmo potuto credere che Tavessc com|>osto in 



Digitized by 



Google 



AITEXDICK 103 

mioor tcmiK), tauto e scarsa la critica o vuoto il contonuto. Dopo di aver 
-cercato a Mistretta Tuomo primitivo, e poi resistenza di uno storico Zo- 
nara cartaginese, egli riferisce le strampalerie di Inveges e Fazello sull'e- 
sistenza di una o due Mistrette. Vi ò anche il folk-lore paesano e infine 
un'iscrizione in lode di un quaresimalista che predicò a Mistretta nel 1824. 
Preghiamo i lettori a non giudicare da questo saggio lo stato degli studi 
storici in Sicilia, che invece è hene elevato. (G. S.). 

Fb. S. Molfino, Notixie s/oriehe di Pontedecimo. — // convento ed 
i eappuceini in Pontedecimo. — // convento dei cappuccini di Campi. 

— Il convento dei cappuccini in Voltaggio, — Queste quattro pubblica- 
zioni del p. Francesco Saverio Molfino, archivista cappuccino, mirano 
(tranne la prima, contenente poche note s\i Pontedecimo) a dare alcuno 
notizie storiche, non una storia completa, dei tre conventi de* cappuccini 
di Pontedecimo, Campi e Voltaggio. 

II. — ETÀ PREROMANA E ROMANA. 

F. Eusebio, Notizie del museo storico-archeologico d'Alba» — Estratto 
dagli Atti del Congresso internai, di scienze storiche, voi. V, sez. IV, 
Archeologia, 1D03. 

R. Caonat, Cours d'épigraphie latine. Paris, A. Fontomoing, 1904. 

— Breve supplemento alla 3^ edizione. 

A. Rettore, Tito lAvio e la decadenza della lingua latina nei primi 
^nque libri della prima decade della sua storia. — Estratto dalla Rivista 
-di storia antica, anno IX, 4^. 1905. 

A. Amante, Xote Parteniane. — Estratto dalla Rivista di storia an- 
tica, anno IX, 4», 1005. 

A. Bellotti, Dei vitumuli ricercatori d'oro e di altre questioni ad 
essi attinenti. — Estratto dalla Rivista di storia antica (N. S., anno VII, 
VIU, 1903-1904). 

L. Piccolo, Contributo alla storia di Palmira. Padova, frat. Gallina, 
1904. — I/A. cerca dimostrare come più probabile Pipotesi che Pimperatoro 
Adriano, e non altri, abbia elevato Palmira a colonia di diritto italico. 

F. Eusebio, Sopra un'antica iscrizione cristiana recentemente sco- 
perta in Tortona. — Estratto dal Bollettino della Società per gli studi di 
storia, d'economia e d'arte nel Tortonese, fase. v. 

C. Pascal, Il poemetto scontra oratiofiem Symmaehi* in un co- 
dice antichissimo di Prudenzio, — Estratto dagli Studi italiani di filo- 
logia classica, voi. XIII, 1905. 

III. — ALTO MEDIO EVO (Skc. V-XI). 
F. Gabotto, Un amico di S. Paolino. — F. Brandileone, A propo- 
rlo dell* ultimo canonìe del concilio foroiuliano. — astratti dal volume 



Digitized by 



Google 



104 APPENDICB 

XI Centenario della morte del patriarca Paolino d'Aquileia. Civìdalc del 
Friuli, 1905. 

F. Brandileone, La dausola di esibizione della Carta nei documenti 
bizantini medioepoli. — Estratto dalla Rivista di diritto commerciale» 
anno ILI, fase, ii, 1905. 

F. Brandileone, La traditio per Cartam nel diritto bizantino. — 
Estratto dagli Studi in onore di Vittorio Scialoia, 1904. 

F. Alessio, San Proietto^ vescovo di Cavour — Estratto dal BoUet- 
lettino storico-bibliografico subalpino, voi. X, fase, i-ii, 1905. 

A. Mocci, Nota storica giuridica sul decreto di Oraziano. Sassari^ 
U. Satta, 1904. — È uno scritto per nozze che deve servire come intro- 
duzione ad un più ampio lavoro intitolato : Documenti inediti sul canonista 
Paucapalea. 

F. Gabotto, Intorno alle vere origini comunali. — Estratto dall'Ar- 
chivio storico italiano, disp. I del 1905. 

A. Palmieri, DelV ufficio della saltar ia specialmente nel periodo pre- 
comunale, Bologna, Zanichelli, 1904, pag. 30. — In questa dotta mono- 
grafia, pubblicata negli Atti e Memorie della r. Deputazione di storia patria 
per le Bomagne (serie 111, voi. XXII), a proposito dei saltari, sono esa- 
minate alcune importanti questioni relative air economia agricola e alla 
pastorizia molto diffusa nelPalto medio evo, in Italia, ed è dimostrato IV 
rigine romana dei saltari, detti anche Waldemanni. Da guardiani dei 
boschi essi divennero ufficiali incaricati della custodia della proprietà pri- 
vata, e in questa funzione li menzionano gli statuti italiani. Erano eletti 
dai grandi proprietari ma non avevano carattere di impiegati privati, ma 
di pubblici ufficiali. L*A. con molta diligenza e perspicacia esamina le fonti, 
da cui trae le sue conclusioni, che ci sembrano fondatissime. (G. Salvioli). 

IV. — BASSO MEDIO EVO (Sec. XI-XV). 

F. Gabotto, Del reggimento e dei rivolgimenti interni di Tortona 
dal 1156 al 121S. — Esti*atto dal Boll, della Società per gli studi di storia, 
d'economia e d'arte nel Torto nese, fase. vii. 

A. Mocci, Documenti inediti del canonista Paucapalea, — Estratto- 
dagli Atti della B. Accademia delle scienze di Torino, voi. XI, 1905. 

P. Sabatier, De revolution des légendes à propos de la visite de 
Jacqueline de Settesoli à Saint-Franpois. — Estratto dal Bull, critico di 
coso francescane, I, 1», 1905. 

P. Sabatier, D*une bulle apoeryphe de Clément IV et d*une bulle au- 
thentique d'Innoee^it /F. — Estr. dalla Revuo historique, LXXXIV, 1905. 

Fr. Savixi, Sui flagellanti^ sui fraticelli e sui bixochi nel teramana 
durante i secoli XIII e XIV e una bolla di Bonifacio Vili del 1297 



Digitized by 



Google 



APrENDICE 105 

contro i Bixoehi ivi rifugiati, — Estratto dairArch. stor. ital., S. 5, 
tXXXV, 1905. 

G. Beani, U assedio di Pistoia nel 1305. Pistoia, G. Fiori, 1905. — 
Riassunto storico delFassedio patito da Pistoia per undici mesi dal maggio 
1305 ali ^aprile del 1306 per opera dei fiorentini, lucchesi, senesi e altri 
oollegati toscani. 

S. La Sobsa, L'^organixxaxione dei cambiatori fiorentini nel medio 
evo. Gerignola, 1904. — Sopra un grande materiale inedito tratto dagli 
archivi di Firenze è illustrata PArte del Cambio dalle sue origini al sec. XIV. 
Onesta monografia interessa la storia del diritto e dell^economia, ed è piena 
di indagini solide come di risultati nuovi specialmente per quello che ri- 
gnaida Torganismo del cambio, i bilanci dell'arte, la vigilanza dell'arte sul 
commercio deUe monete, il numero dei componenti, la formazione delle so- 
cietà, ecc. L*A. fa sempre opportuni raffironti colle arti del cambio neUe 
altre città. In api)endice sono pubblicati il Primo Statuto, quello del Capi- 
tano del popolo di Firenze del 1321 o altri documenti (G. Salviou). 

F. Gabotto, Le streghe di Buriasco e di Oumiana: 1314-1336. — 
Estr. dal Boll, bibliogr. subalpino, 1905. 

F. Gabotto, Popolani e magnati in Asti nel secolo XIV. — Estratto 
dalla Nuova Antologia, 16 giugno 1905. 

Q. Santoli, Il « liber censuum > del comune di Pistoia, — Estratto 
dall' Arch. stor. ita!., disp. 4 del 1905. 

E. Oalleoari, Re Giannino (Giovanni Buglioni da Siena). Storia 
romanxo? — Estr. dalla Rassegna nazionale, 1 agosto 1905. 

F. C. Carreri, Di alctme torri di Manioca e di eerti aggruppamenti 
feudali e allodiali nelle città e campagne lombarde. Mantova, G. Mondovì, 
1905. — Riguarda specialmente il secolo XIII, e contiene appunti ed estratti 
di documenti. 

A. Seore, Di alcune relazioni tra la repubblica di Venezia e la 
S. Sede ai tempi di Urbano Ve di Gregorio XI: 1367-1378. — Estratto 
dal N. Arch. Veneto, N. S., t. IX, P. II. 

R. Cessi, Prigionieri illustri durante la guerra fra Scaligeri e Carra- 
resi: 1386. — Estr. dagli Atti dell' Accad. delle scienze di Torino, voi. XL, 1905. 

R. Cessi, Nuove ricerche intorno alla dixione < Sedimen garbum » 
negli antichi documenti padovani. — Estr. dagli Atti e Memorie della 
R. Aocad. delle scienze di Padova, voi. XXI, disp. V, 1905. 

R. Cessi, La fraglia dei ciechi in Padova. — Estratto dal Boll, del 
Museo civico in Padova, a. Vili, 1905. 

V. Vitale, // libro rosso di frani e Vautentidtà dei suoi documenti. 
— Estr. dalla Rassegna pugliese, XXII, 1-2, 1905. 

M. Giardini, Un eonsilium per il monte di pietà: 1475. Firenze, 



Digitized by 



Google 



1 i»} APPEN'DICK 

{>. Bortini, 1005. — Riprende in esame il oelobre consiglio giuridico del 
irìiiicescano Fortunato Ck>ppoli sull'istituzione del Monte di Pietà^ già stu- 
diato da altri scrittori, ma inesattamente. 

F. Sa VINI, Una bolla sconosciuta nel 1475 deW umanista Campano^ 
rfémm di Teramo: — Estr. dall' Arch. stor. per le prov. Napol., anno XKX, 
fa sa. ni. 

A. Zaxblli, Tommaso Fontano. Nuove ricerche ed appunti. — Estr. 
*\nì Boll, della R. Dep. di Storia Patria per TUmbria, voi. XI, faso. i-n, n. 30. 

0. Pansa, Oli Ebrei in Aquila nel secalo XV, V opera dei frati mi- 
ntivi ed il Monte di Pietà istituito da SS. Giacomo della Marca, — Estr. 
ih\\ Boll, della Soc. di storia patria negli Abruzzi, S. Il, anno XVI, punt. ix. 

F. Marletta, La costituxione e le prime vicende d^lle maestranze di 
i'idania. — Estr. dairAroh. stor. per la Sicilia Orientale, anno II, fase. n. 

E. Sarasino, Di un quadro originale su tavola di Giovanni Martino 
Spanwtti Casalese, maestro del Sodoma, e deWopera sua. Torino, tip. della 
G;iz8etta del Popolo, 1905. 

V. — TEMPI MODERNI (1492-1789). 

A. Segre, / prodromi della ritirata di Carlo Vili re di Francia 
titt Xapoli. Firenze, tip. Galileiana, 1904. — È un saggio sulle relazioni 
Wn Venezia, Milano e Roma nella primavera del 1495. L'A. si sofiferma 
hmIIo nuove condizioni create nel Napolitano dalla spedizione di Carlo V^III, 
sitile speranze e delusioni delle popolazioni, e sulle preoccupazioni dei prìn- 
in[m!i stati italiani, valeddosi di molti documenti tratti dagli archivi di 
Mi Inno e Venezia. 

1 Giambattista Fkrracixa, La vita e le poesie italiane e latine edite ed 
inedite di Cornelio Castaldi.^ giureconsulto feltrino {secolo XV- XVI). 
ì\\rU\ II: Poesie con introduzione e varianti. Feltre, tip. Castaldi, 1904, 
— A cinque anni di distanza, questo volume s*accompagna al ))rimo, 
cumprendente la biografìa di Castaldi. Esso consta di duo parti princi- 
\\xì\\ • la prima, suddivisa in tre capitoli, considera in forma di Introdu- 
zione, il feltrino come poeta volgare, petrarcheggianto dapprincipio, più 
ìirnVi antipetrarchista, e come arteiìce di eleganti versi latini, e ne il- 
hìsnii la bibliografìa, e dei codici e dello stampe; la seconda parto offre 
insieme raccolte le poesie italiane e le latine del Castaldi, alle quali se- 
guono due indici alfabetici. Discreta, ma tutt^altro che esauriente, Vlntro- 
iitnione; più utile agli studiosi il testo della produzione poetica, il quale 
CI ^^ timbra abbastanza accurato, ma avrebbe guadagnato da un sobrio com- 
mento anche da poche note opportune d'indole letteraria. (V. C). 

Antonio Pilot, Di aUcune leggi suntuarie delle Repubblica veneta, 
Venezia 1903 (estr. dall'Ateneo Veneto, a. XXVI); Di alcuni versi ine- 



Digitized by 



Google 



Jf.f*"'? 



APPENDICE 107 

-diti sulla peste del 1575, Venezia, 1903 (estr. dal cit. Atoneo); // Dt- 
vonio di Aldo Manuxio il giovane, Venezia, 1904 (estr. dal cit. Ateneo, 
a. XXVII); Sei sonetti contro Melchior Cesarotti^ Padova, 1904 (estr. dal 
Tol. e In memoria di Oddone Ravenna»); Uelexione del doge Marino Gri- 
^mnieuna canzone inedita^ Capodistria, 1904 (estr. dalle Pagine Istriane, 
a. Il); Un capitolo inedito contro il Broglio, Venezia, 1903 (estr. dair Ateneo 
cit., a. XXVI) ; La teoria del Broglio^ Venezia, 1903 (estr. dall'Ateneo 
cit., a. XXVII) ; e Disordini e sconcerti » del Broglio nella Repubblica 
veneta^ Venezia 1904 (estr. dal cit. Ateneo, a. XXVll); Ancora del Broglio 
nella Repubblica vetieta^ Venezia, 1904 (estr. dal cit. Ateneo, a. XXVII); 
Un capitolo vernacolo inedito contro il giuoco, Capodistria, tip. Cobol e 
Priora, 1905 (estr. dallo Pagine Istriane, a. II); Alcuni componimenti 
inediti contro Carlo Emanttele /, Venezia, 1905 (estr. dal cit. Ateneo, 
a. XXVIII). — Come si vede, in poco più di due anni il P., un giovine 
veaeziano, ohe ha la passione dell'aneddoto inedito, ha dato fuori una serie 
copiosa di documenti, la maggior parte dei quali hanno attinenza con la 
storia dei costumi in Venezia. In questa foga editoriale v*ò una intempo- 
l^eranza giovanile innegabile. Ma se T importanza e la curiosità dei docu- 
menti messi in luce dal P., è diseguale, tutti meritavano d'esser fatti co- 
noscere; ed egli s'è industi'iato ad illustrarli utilmente, sovratutto quel 
grappo che si riferisce al broglio e che il giovane studioso avrebbe potuto 
far oggetto di un'unica e più compatta ed organica pubblicazione. Mentre 
lodiamo l'attività irrequieta del P., non possiamo approvare quel suo quasi 
siistematieo astenersi dal citare le fonti manoscritte donde ha attinto il 
nuovo materiale, né il criterio che lo indusse a scrivere sul primo degli 
opuscoli qui citati, le seguenti parole: «Dopo questo e vari altri articoli 
♦di storia veneta che ho in animo, indicherò, d'un tratto, le fonti che mo 
* ne diedero P occasione » . A che può giovare un tale occultamento miste- 
rioso -~ e sia pur temporaneo — della provenienza di ciò che si dà in 
luce? £ a ohi può venir danno da una citazione fatta secondo il buon me- 
^0 tradizionale? (V. C). 

^* Rizzoli, // bastiot^ della gatta: suoi stemmi ed insegne. •— Estr. 
^^ «rioniale 11 Veneto, gennaio 1905. 

^- Capasso, Andrea d^Oria alla Prèvesa: 1538, — Kstr. dai Bendi- 

"^^ del R. I8t. lombai-do, 8. II, voi. XXXVIII, 1905. 

^- BuDEoo, Marcantonio Flaminio ai serrixi di Qian Matteo Oiberti, 

^f^tfa ^i Verona. — Estr. dagli Atti del R. Istit. veneto, t. LX V, P. t>% 1905. 
^- IJizzoLi, Una medaglia del Bembo ^ che non è opera di Benvenuto 

^«'/»n*. _ Estr. da L'Arte, VIII, fase, iv, 1905. 

^' Zanklli, Carlo Va Peschiera : 1530, — Estr. dall'Aroh. stor. ital., 

' ^'' t. XXXVI, 1905. 



Digitized by 



Google 



108 APPENDICE 

0. BiADKGO, Della vita di Orlando Fiacco^ pittore veronese e di al- 
cane sue opere. — Estr. dal giornale Arte e storia, XXIV, 5-6, 1906. 

A. Seore, /va campagna del duca d*Alba in Piemonte nel 1555, — 
Estr. dalla Riv. inilit. ital., disp. v e vin, 1905. 

U. ConoN'ou, Uberto Foglietta, — Estr. dal Giornale stor. e lett. della^ 
Liguria, anno VI. 

Leader Scott, Correggio, London, G. Beli a. Sohu. — Questo volu- 
metto, della Bells Miniature Series of Painters comprende nel testo 5 parti: 
la vita del Pittore, le sue opere, i>ag. 15-47; il commento alle otto illu- 
strazioni del libro, pag. 47-62; i luoghi dove si trovano i capilavori del 
Correggio con l'indicazione loro, pag. 63-68; bibliografìa di 10 opere, la 
maggior parte italiane sul Correggio. È lavoro che tien conto degli ultimi 
studi e distrugge molte affermazioni inesatto su lui e sull'opera sua. Buona 
la brevità succosa della trattazione ed importante praticamente il ricco com- 
mento alle 8 riproduzioni che si hanno nel libro e dove si possono riscontrare 
i particolari descritti. Utile anche Tindice dei capilavori e del luogo dove 
si possono vedere. Sufficiente per un libro simile la bibliografia. (E. Bonardi). 

Albertina Furno, Un codice di giuochi fiorentini del secolo XVI, 
Prato, Giachetti, 190.^. — È un codice ashburnhamiano, intitolato «Ara- 
maostramenti \)ev far diversi equilibri, forze e destrezze di mano », di cui 
due sembrano cssei-e stati gli autori. I/A. ne descrive il contenuto e lar- 
gamente lo illustra. (E. C). 

A. FuRNO, Canti popolari fanciulleschi raccolti a Cetona. Palermo, 
Clansen, 1902. — Raccolse dalla viva voce dei fanciulli di Cetona nel se- 
nese i canti ingenui, che ne accompagnano i giuochi e la vita, illustrandoli 
con studi comparativi, che rivelano larga conoscenza del folklorismo. (E. C). 

J. B. Stoughtox Holborn, Jacopo Robusti ccUled Tintoretto ( The Oreat 
Masters in Painting and Seulpture). In- 16, pag. 156, fig., liOndon, G. 
Bell, 190.3. — Sebbene FA. stesso dichiari di non avere una diretta co- 
noscenza di molto delle opere del Tintoretto, mostra di sapere bene valutare 
le caratteristiche psicologiche e tecniche del Maestro innovatore, e ciò è 
sufficiente per darò consistenza e cliiai'czza al suo lavoro eh 'è inteso non 
ad indagare il progressivo svolgersi dell'artista, ma a presentarne con pre- 
cisione la figura. 11 csitalogo delle opere del Maestro non è sempre né com- 
pleto ne esatto: ad es., non v'è menzionata r« Ultima Cena» del Duomo- 
di Lucca, nò discussa Tautenticità dell'abbozzo del « Miracolo di S. Marco » 
esistente nella Pinacoteca della stossa città ; vi è attribuito al Tintorotto il 
rfipinto deir « Adultera dinnanzi a Cristo», che trovasi nell'Arci vescovado 
di Milano, oj)era di un delwle seguace; non vi è ricordata r« Adultera » già 
nella Collezione del Principe Chigi ed ora nella Galleria Nazionale di Roma,, 
eh 'è bollissimo lavoro del Maestro. (P. Toksca). 



Digitized by 



Google 



APPEXDICE 109 

B. Bkuoi, Gli scolari dello Studio di Padova nel Cinquecento. 2* edi- 
zione riveduta, con un'appeadico sugli studenti tedeschi e la S. Inquisi- 
zione a Padova nella seconda metà del secolo XVI. Padova, Fratelli Dmcker, 
1005, pp. 100. — A questo pregevole discorso, di cui già pubblicai una 
recensione (Riv. gtor. Ital., aprile-giugno 1903, pp. 198-201), dà maggior 
interesse l'appendice, che ora gli va congiunta ed ha per fonte principale 
gli Annali della nazione germanica dei giiu'isti e gli Atti della nazione ger- 
manica degli artisti, che si conservano manoscritti neirantico archivio del- 
l'Università patavina. < È una specie di storia arcana, dice TA., come si 
«sarebbe detta volentieri in altri tempi, la quale ti si apre dinanzi ora, 
« giacché gli Annali delle nazioni non poteano esser mostrati ad alcun pro- 
<fano, né si consenti a portarli in giudizio, quando pure il magistrato lo 
• ordinò», (pp. 79-80). Di questi Annali ed Atti, di cui ora il Brugi ci 
offre una primizia, tra breve la R. Deputazione Veneta di storia patria 
imprenderà la stampa. (Antonio Bonardi). 

Fr. Mounart, Cronaca d^lk& Mirandola^ dei figliuoli di Manfredo e 
della Corte di Quarantola di Oio. Battista Manfredi. Mirandola, Caga- 
relli, 1903. — 11 cronista Manfredi dedicò da Ferrara il 22 gennaio 1562 
a Leonello Pio, signore di Meldola, una cronaca intorno alle cose della 
Mirandola e dei figli di Manfredo. La biblioteca universitaria di Bologna 
ne possiede un bellissimo esemplare, che servi alla presente ristampa. La cro- 
naca comincia a narrare avvenimenti da Costantino in poi, fino al secolo XVI, 
e il Molinari la corredò di alcune note e di schiarimenti. (A. Professione). 

C. LwERNizzi, Oli Ebrei a Pavia. Contributo alla storia dell'ebraismo 
nel ducato di Milano. Pavia, Fusi, 1905. — L'Invernizzi si occupa in questo 
lavoro degli Ebrei di Pavia, dove non ve no ftirono fino al 1389. 11 duca di 
Milano concesse che un banchiere ebreo prestasse danaro a professori e stu- 
denti delPAteneo. Notizie precise si hanno col 1430 intorno alla famiglia 
<*braica di Averliuo di Vicenza, la quale ebbe varie vicende. Ad essa ri- 
corse anche, in caso di bisogno, il Comune di Milano. In generale i duchi 
furono abbastanza tolleranti verso i pochi ebrei del pavese, contro i quali 
predicò Bernardino di Feltro nella quaresima del 1480, Ubertino d^Alba 
nel 1521, altri frati nel 1527 e nel 1570, causando violenze, che non ces- 
sarono quando si fecero sentire gli effetti della riforma cattolica e quando 
si tentò di farli abiurare. Francesco I di Francia li obbligò a portare il 
segno giallo per essere distinti dagli altri, finché Filippo II emanò nel 1565 
il decreto di espulsione da tutto il ducato milanese. L'espulsione fu effet- 
tnata però solo circa mezzo secolo dopo, e fui-ono riammessi con speciali 
privilegi nel 1633. (A. Professione). 

0. Natali, // primo apostolo sinologo geografo della Cina: Matteo 
Ricci, — Estr. da L'Italia moderna, anno IIL fase. xxvi. 



Digitized by 



Google 



1 IO APPENDICE 

G. Natali, Di Matteo Ricci e d* altri piaggiatori marchigiani, — 
Kstr da L'Esposizione marchigiana, I, 3, 4, 5, 6, 1905. 

L\ Ferrari, // lazzaretto di Padova durante la peste del 1630-31. — 
Kstr. dal Boll, del Museo civico di Padova, VII, 5, 1905. 

C. Ferrari, La visita ai confini del territorio padovano prima della 
l^tMtr del 1630-31. — Estr. dagli Atti o Mem. della r. Accad. delle scienze 
ili Padova, XXI, disp. ii, 1905. 

ih Chiappini, L'arte della stampa in Livorno, Note ed appunti. Li- 
vorno, 1904. — L'A. è un giovine operaio di tipografìa; gli si possono 
qumdi condonare parecchie mende di coltura, specialmente nel cenno sto- 
rico di prefazione. Con questa pubblicazione egli ha arricchito la storia della 
tipofrrfifia livornese nei secoli XVII e XVIII di parecchie notizie impor- 
tanti (P. Vigo). 

Ui Mazzini, Per la storia delle congiure contro Genova. — Estr. dal 
iVioru. stor. e lett. della Liguria, V, 9, 10, 11, 12, 1904. 

Fti. Savixi, Alcune lettere di vescovi aprutini a cardinali nel se- 
fith XVII. — Estr. dalla Rivista abruzzese, XX, iv, 1905. 

A. Zanelli, Elisabetta Cristina di Wolfenbiittel a Brescia nel 1708. 

— Eitr. dall'Arch. stor. lombardo, XXXII, vi, 1905. 

A. Zanelli, Un avventuriere bresciano del see. XVIII. — Estr. dai- 
ni Isistrazione Bresciana, n. 54, 1905. 

M. Mandala RI, Un siciliano in Piemonte: Francesco De Aguirre. 

— Estr. da l'Italia moderna, lU, fase. xxxn. 

L. Ijk Rocca, La quadruplice alleanza dell'anno 1718. — Estr. dalla 
lìivista abruzzese, 1904. 

(t. Beani, Intorno ad alcuni scritti inediti di mons. Nicolò Forte- 
VMcrri. Pistoia, G. Fiori e C, 1905. — Mette in rilievo i meriti del F. per 
gli difendi legali, per la cultura delle scienze fisiche e naturali e per la con- 
tiri tm pratica negli affari specialmente ecclesiastici. 

Irene Chiapusso-Voli, Les Bockiardo botanistes piémontais^ d'après 
if'ftrs manuscrits inédits. — Pregevolissima nota della colta signora, estratta 
<1r1 Bulletin de l'herbier Boissier, 2« S., I, iv, 1904, che reca utile centri- 
li iito alla storia della botanica in Piemonte nel secolo XVIII. 

IV. — PERIODO DELLA RIVOLUZIONE FRANCESE (n89-18l5). 

Bianca Trani, // manifesto di Pasquale Paoli ai Corsi contro Qe- 
tioiYi ilei 10 maggio 1794. Salerno, A. Volpe e C, 1905. — Pubblica il 
(naiiìfesto con brevi dichiarazioni illustrative. 

G, Tra vali, Sequestro di posta francese in Messina nel 1798. — 
EKlr. dall'Arch. stor. siciliano, N. S., XXIX, 3-4, 1905. 

F. Pozzetti, Letiere inedite al p. G. A. Moschini e al conte Nieeolà 



Digitized by 



Google 



4PPENDICB 1 1 1 

da Rio, tratte dagli autografi esistenti nel museo Correr di Venezia per 
cura di Felice Ceretti (1802-1813). Carpi, tip. Bavagli, 1905. 

G. Roberti, L'areitesoriere Le Brun a Genova, giugno 1805-giugno 
1806, con documenti inediti. — Estr. dal Giorn, stor. e Ictter. della Li^ 
guria, VI, 1905. 

Progressi dei Francesi e timori della Toscana nel primo trimestre 
del 2799. Lettere scritte al generale Jacopo de Lavillette pro-governatore 
di Livorno f pubblicato per cura di Pietro Vigo. Livorno, Meucci, 1905. — 
L'avvicinarsi dei Francesi a Lucca e l'ingresso loro nella piccola repubblica 
nei primi mesi del 1799 furono causa di grave turbamento al governo gran- 
ducale toscano. Il progovernatore di Livorno, generale de Lavillette, stimata 
per senno e prudenza, si tenne informato di ogni mossa dei Francesi per 
mezzo del brigadiere Nesti, comandante della fortezza di Pietrasanta, ai 
confini Lucchesi. La lettera del Nesti e di altri pubblica il Vigo, fornendo 
un utile contributo alla storia di fjuei mesi agitati della vita e della poli- 
tica toscana. (G. R.)- 

Paolo Cakucci, Vincenzo Lupo e Giuseppe Abamonte martiri del 
1799, con cefini geografico-storici su Caggiano, Napoli, Priore, 1904. — 
Due cittadini di Caggiano, borgo dell' attuale provincia di Salerno, furona 
martiri della reazione borbonica del 1799, Vincenzo Lupo e Giuseppe Aba- 
monte. Il Lupo, commissario delPalta corte militare, poi giudice del Tri- 
bunale civile della repubblica partenopea, sali il patibolo il 20 agosto 1799. 
Più fortunato PAbamonte, pur avendo avuto parte in diversi alti uffici del 
governo partenopeo, ebbe commutata la sentenza di morte in carcere per- 
petua, da cui lo liberò la cacciata dei Borboni nel 1806. Il Carucci chia- 
risce ])arecchi errori, diffusisi intorno ai due patrioti, onore di Caggiano, e. 
lo fa con diligenza, cui non è però sempre pari Pacurne critico. (G. R.). 

G. CooGioLA, Dalla libreria del Sansovino al Palaxxo ducale. Prato, 
Passerini, 1905. — NelPoccasione in cui a Venezia fu inaugurata la nuova 
sede della Biblioteca di 8. Marco, collocata nel Palazzo della Zecca, il dottor 
G. Coggiola credette opportuno pubblicare sulla Rivista delle Biblioteche e 
degli Archivi questa sua notevole memoria, dove è chiaramente e minuta- 
mente raccontato un episodio della vita della Marciana. Premessi alcuni cenni 
sulle prime vicende di essa e sul suo primo allogamento nella Libreria del 
Sansovino, nel 1553, Pautore ci espone coi particolari e coi dati più mi- 
nuziosi Pepisodio del trasferimento di essa Biblioteca al Palazzo ducale, 
ordinato dal Viceré d'Italia con decreto del 29 agosto 1811. La narrazione 
è desunta da atti d'archivio, specialmente dalle carte del bibliotecario del 
tempo, il diligentissimo abate Jacopo Morelli, ed è, starei quasi per dire,^ 
fin troppo documentata. (A. Battistella). 



Digitized by 



Google 



112 APPENDICE 

VII. - PERIODO DEL RISORGIMENTO ITALIANO (1815-1905). 

XXX lettere inedite per nozze Hoepli-Porro, a cura di Giovanni Sforza. 
Milano, U. Allegretti, 1905. — Il valente direttore deli-Archivio di Stato 
di Torino presentò a Ulrico Hoepli, nella ricorrenza del matrimonio d'un 
8U0 nipote, questo prezioso mazzo di fiori. Sono lettere slegate, ma notevoli 
per i loro autori, e talune anche per il contenuto, illustrate sapientemente 
dallo Sforza. Per citare solo i nomi più noti, appartengono a Michele Amari, 
Massimo d'Azeglio, Giovanni Berchet, Pietro Borsieri, Camillo Cavour, Giu- 
seppe Garibaldi, Melchior Gioia, Giuseppe Giusti, F. D. Guerrazzi, Terenzio 
Mamiani, Giusepi>e Mazzini, Vincenzo Monti, Guglielmo Pepe, Gabriele Ros- 
setti, Nicolò Tommaseo, ecc. 

P. Torretta, Un consulto pediatrico in casa Savoia- Carignano (Ma- 
lattia e morte della principessa Maria Cristina, 1827). Documenti. Torino, 
Streglio, 1905. 

G. BuDEGo, / prigionieri toscani di Curtatone a Verona. — Estratto 
dalla Rivista Arte e Scienza, anno II, n. VI, 1904. 

Fb. Guardione, La battaglia al Volturno. — Estratto dalla Nuova 
Antologia, \^ ottobre, 1905. 

G. Faldella, Da Re Umberto I a Carlo Botta. Storia retrospettiva. 

— Estr. dalla Rassegna Nazionale, 16 febbraio, 1905. 

G. U. OxiLiA, Una relazione letteraria di Ugo Bassi. — Estratto 
dalla Rivista d'Italia, aprile, 1905. 

V. CiAN, Un genealogista patriotta. Lettere inedite del conte Pompeo 
Litta Biumi. — Estr. dalla Miscellanea di erudizione, Suppl. al fase. II, 
anno I, voi. I, 1905. 

E. Michel, Per Leopoldo Pilla. Note ed appunti inediti: 1842-1848. 

— Estr. dalla Miscellanea di erudizione, voi. I, fase. 5®, UK)5. 

E. Salaris, Angelo Brofferio ed alcuni manoscritti esistenti nella 
Biblioteca Nazionale di Firenze. (Un'ode sulla caduta di Missolungi e 
otto lettere). Schio, Stab. di arti grafiche, 1905. 

E. Michel, Xel primo centenario della nascita di F. D. Ouerraxxi. 

— Estr. dall'Arch. stor. ital., disp. 2» del 1905. 

G. Asteoiaxo, Giuseppe Manzini prigioniero a bordo di una nave 
italiana^ con scritti inediti. Padova, 1905. — Cenni sulParresto del Maz- 
zini, mentre sbarcava a Palermo il 13 agosto 1870, e sua traduzione nella 
fortezza di Gaeta ; suoi scritti di ricordo ai compagni di viaggio. 

G. Biadego, Giacomo Zanella traduttore di Heine. — Cesare Betteloni^ 
paralipomeni. — Estr. dagli Atti del r. Istituto Veneto, t. lxiv, p. 2», 1905. 

A. Sodi, Niccolò Tommaseo. Milano, Soc. edit. Sonzogno, 1905. — Vo- 
lumetto della Biblioteca del popolo, in cui è brevemente esposta la biografìa. 



Digitized by 



Google 



APPENWCJ5 113 

più largamente tracciato il suo carattere letterario e morale, e dato uu 
elenco completo degli scritti del Tommaseo. 

0. Ronchi, Felice Cavallotti a Padova: 188S (Estr. dal giornale I^i 
Libertà, del 25 giugno 1905. 

Gioacchino Vicini, Una pagina storica dell'Italia irredenta. Bologna, 
Nicola Zanichelli, 1905. — L'A. rammemora la concitazione prodottasi in 
Italia dalle notizie del. trattato di Berlino, da cui uscivamo colle mani netto 
ma vuoto. Fu un moraonto difficile nelle relazioni con l'Austria, per i pro- 
clami dei comitati triestino e trentino, per i comizi e lo dimostrazioni di 
tutte le grandi città in favore delP Italia irredenta, per le lettere infervo- 
ranti di Garibaldi, Avezzaua e di tutti gli uomini d'aziono più popolari. Il 
Vicini con autorità di documenti e veracità di esposizione traccia quel mo- 
vimento civile, che pur troppo non ebbe altro risultato, ohe Tumiliaziono 
del Governo italiano al Governo austriaco. 



Hivista iflortca italiana, a*^ s., v, i. 



Digitized by 



Google 



II. 

LIBKI RECENTI DI STORIA ITALIANA^^^ 



1. STORIA GENERALE. 



A) Archivi, bibliogi'afie, carte, repertori, sigilli, ecc. 

1. * Archivio storico lombardo. Indici della serie UI, voi. 1-XX, anni 
1893-1903. ln-«, p. 1024. Milano, frat. Bocca, 1905. 

2. * Archivio muratoriano. Studi e ricerche in servigio della nuova 
edizione dei Rerum italicarum scriptores di L. A. Muratori. Fase. 1, 
2, 3. Città di Castello, S. Lapi, 1906. 

3. * Brière G. et Caroti P., Répertoire méthodique de l'histoire moderile 
et contemporaine de la France. ln-8, p. xxx-364. Paris, Cornélv 
et C.% 1904. 

4. * Caroli P., Coìvcordance des calendriers républicain et grégorien. 

In-8, p. 60. Paris, sociótó nouvelle de librairio et d'édition, 1905. 

5. * Carreri F. C, // collegio araldica di Roma e la sua axione sociale. 
In-8, p. 13. Roma, tip. Unione cooperativa editrice, 1905. 

6. Cavarretta G., Saggio critico sulla storia di Sicilia di Tommaso 
Fax-dio. In-8, p. 114. Catania, tip. Sicula di Monaco e Mollica, 1904. 

7. * Gabotto F., Le pia antiche carte dell'archivio capitolare di Asti. 
ln-8, p. XXIII 439. Pinerolo, Chiantore-Ma.scarolli, 1904. 

8. * Manuel de bibliographie biographique et d'iconographiedes femmea 
célèbres. 2« et dernior supplémeut par un vieiix bibliophile. In-8, 
p. xiv-758. Torino, Roux e Viarengo, 1905. 

9. Messeri A., Degli archivi antichi di Faenza in generale e dell'ar- 
chivio storico covmnale in particolare, ln-8, p. 16. Faenza, Mon- 
tanari, 1905. 

10. * Rizzoli L., Antichi sigilli padovani nel museo civico di Verona. 
(Secoli XJU-XIV). In-8, p. 14. Pàdova, Prosperini, 1906. 

11. * Rizzoli L., / sigilli nel museo Bottacin. In-S. p. 25. Padova, So- 
cietà cooperativa tipogi*., 1906. 

12. Volpicella L., Gli stemmi nelle scritture dell'archivio di Stato in 
Napoli. In-8 fig., p. 40. Trani, VtHjchi, 1905. 



(1) I libri sefTuati con asterisco l'i furono mandati in dono alla Rivista, e 
saranno ar^roniento di speciale recensione o nota bibliografica. 

N, della D. — Per non tardare più a lungo la pubblicazione di recensioni, 
che da tempo attendono U loro posto, si è rinviato ad altro ftisclcolo 11 con- 
sueto Spoglio delle Riviste. 



Digitized by 



Google 



STORIA GKNERALE 115 

R) Storie generali di politica, d*arte, di lettere e miscellanee. 

13. Cappelletti L., Principesse e grandi dame. In-8, p. 409. Torino. 
Bocca, 1906. 

14. Carabeilese F., Nord e J^ud attraverso i secoli, In-IG, p. xn-214. 
Bari, Laterza e figli, 1905. 

15. eia vari L. e Attilj S., La vita della posta nella leggenda, nella 
storia e nell'attività umana, In-8 fig., p. xxviii-371. Bari, Laterza 
e figli, 1905. 

10. De Angeli F., Storia di Casa Savoia in ordine al pensiero nazio- 
nale, dalle origini ai di nostri. In-8 fig. , p. xx-447. Milano, Hoepli, 1906. 

17. Gnirand G., La chiesa e le origini del rinascimento. In-8, p. \^I-244. 
Siena, tip. S. Bernardino, 1905. 

18. * Rarpeles G., Storia universale della letteratura, ln-8, fase. 48, 
voi. III. Milano, Soc. editr. libr., 190C. 

11). * Memorie e notixie di storia patria. ( Estratto dal « Piacentino 
Istniito» 1906). 

20. * Marat-ori, Rerum Italiearum scriptores. Nuova edizione. T. xxviii, 
p. Ili, fase. 34-35. « Cronica breviora aliaque monumenta faventina a 
Bernardino Azzurrino coliecta, a cura di A. Messeri. T. XXXI, p. i, 
fase. 36-37. e Access, noviss. Cron. naiK)litane (Pietro da Eboli) » . Città 
di Castello, S. Lapi, 1906. 

21. *Nicotri G., Rivoluzioni e rivolte in Sicilia, In-8, p. 64. Palermo, 
Reber, 1906. 

-2. Osimo V., Sludi e profili. In-8, p. 172. Palermo, Remo Sandron, 1905. 

23. Solerti A., Gli albori del melodramma. In-8, 3 voli., p. vni-167 ; 
xra-355; 387, Milano, Remo Sandroo, 1904. 

24. Sfcork A., Oeschichte dcr Musik. In-8. Stuttgart, Muth, 1905. 

2.5. Woermann K., Oeschichte der Kunst alter Zeiten u. T'ò7A"6r. 111. In-8, 
liOipzig, Bibliographischos Institut, 1903. 

C) Comuni, chiese, conventi, famiglie. 

20. Cappelli A., Arcja^ antica città presso l^ Aquila degli Abruxxi: 
nuovi documenti sulla sua uhicaxione. In-8, p. 18. Roma, Forza ni 
*' C, 1905. 

27. Grilli De-Ganparis G., Memorie storiche di Biandrate. In-8, p. 54. 
Novara, A. Morati, 1905. 

28. Micheli G., Statuti montanari : Borgofaro, Bardi e Compiano^ Ber- 
celo, Corniglio^ Calestano^ Ravarano, Tixxano^ Rigoso. In-8, p. 80. 
Parma, Zerbini, 1905. 

*21>. Bertnzzi G., La badia di Chiaravalle della Colomba sul Piacefitino. 
In-8, p. 137. Piacenza, Solari di Gregorio Tononi, 1905. 

30. *Mazziotti M., La baronia del Cilento. In-8, p. vii-273. Roma. 
Ripamonto e (Ik)lombo, 1905. 

31. * Reyiiaadi C, Cuneo e le sue valli. In-16, p. 212. Torino, Roux e 
Viarengo, 1905. 

32. Rofi» J., Fiorentine Palaces and ihcir sfories. IH. in-8, p. 42<i. 
I»ndon, Dcnt, 1905. 



Digitized by 



Google 



[ Ilo LIBKI KECKNTI UI STOKIA ITALIANA 

^;. 38. Del Lan^o !.. Firenze artigiana nella storia e in Dante, Iii-lGfig., 

^•; p. 105. Firenze, Sansoni, 1905. 

^ 34. '^ Gioiisiatii A., // ^ Forleo di Fuentcs. In-8, p. xi-44(). Como, tip.- 

"'■"■■ editi-, Ostinelli di Bortolini Nani o C, 1905. 

^,v 35. Pratesi L., Spigolature storiche Licatesi^ da vecchia memorie in«- 

>; ^ dite rare. In-8, p. xvii-18-r25. Licata, De- Pasquali, 1905. 

/. 30. Do Feis L., Tai s. Casa di Nazareth ed il santuario di Loreto, 

^' In-16, p. 100, IV. Firenze, Rassegna Nazionale odit., 1905. 

37. Foglietti R., Origine dello Studio maceratese, In-8, p. 40. Macerata, 
•^^ Unione cattolic^a tip., 1905. 

38. Bernardi E. M., Cenni storici intorno alfa pleòana di Masemo e 
;^. sua congregazione. In- IO, p. 134. Modena, tip. deirjmmacolat^ Con- 
;: " cczione, 1905. 

39. Ceretti F., Biografie Mirandolesi. Tonto IV con appendice, giunte 
ai tomi precedenti e notixie sulle antiche accademie delie Mirandola. 

j: ln-8, paj?. xxii-324. Mirandola, Grilli, lì)05. 

'! 40. * Chiesa e Monastero di S. Cecilia presso Modena. In-8, p. 30. Mo- 

^' dena, Vincenzi e nipoti, 1905. 

[.. 41. *Soli G., L'oratorio di nostra donna della Fossa presso Modena, 

'- ' In-8, p. 8. Modena, Vincenzi e niiwti, 1905. 

!' 42. Cenni storici su Monteg iorg io e sulle istituzioni paesane. lìiS^ip, Sì. 

*^ Montegiorgio, Finucci e figli, 1905. 

•r" 43. Rolfs H., Neapelf Baukunst u, Bildnerei im Mittelalter «. ih der 

l\ Neuxeit. In-8, p. m-227, IH. Leipzig, E. A. Seemann, 1905. 

: . . 44. *SalvarezEa C, // millenario ac(/uedotto della città di Noli, In-8,, 

'; ' p. 22. Savona, Bertolotto, 1903. 

ò; 45. * Cessi R., La fraglia dei cicchi in Padova. In-8, p. 12. Padova, 

< ' Soc. coop.-tipogr.. 1905. 

;*' 40. * Botteghi A.. Degli statuti di Padova. In-8, p. 8. Padova, Randi, 1905. 

47. Fedi B., Ija chiesa di s. Maria i?i Borgo Strada^ ora s. Biagio, in 
Pistoia. In-8, p. 30. Pistoia, Niccolai, 1905. 

48. Mini G., / conti Della Torre di Ravenna disc-endenti per linea reità 
dai Del Bello di Castrocaro^ consanguinei di Dante Alighieri, In-4, 

j p. 124. Ravenna, tip. Ravegnana, 1905. 

49. Tomassetti G., // palax^xo Vidoni in Roma appartenetUe al conte 
Filippo Vitali. In-4 fig., p. 83. Roma, tip. Poliglotta, 1905. 

50. Andreani L., La parrocchia di S. Michele a Roma, In-8, p. 93. 
Borgo S. Ijorenzo, Mazzocchi, 1904. 

51. Benizzi P., // castello di Roversano e le famiglie dei signori Cete- 
ciaguerra. Con fig., p. 63. Bologna, tip. Cacciari, 1905. 

52. Bernasconi A. M., Storia dei santuari della b. Vergine in Saòina, 
In-8, p. 294. Siena, tip. s. Bernardino, 1905. 

53. Robiony £., Uabbaxia di S. Benedetto in Alpe e r archivio capito- 
lare della basilica laurenxiana di Firenxe. In-8, p. 42. Firenzo, 
B. Seeber, 1905. 

54. Bellodi R., // monastero di S. Benedetto in Polirone nella storia 
e nelVarte. In-4 fig., p. 327. Mantova, eredi Segna, 1905. 

55. Corona F., Sanhtri: monografia storica, ln-8 fig. p. 134. Cagliari, 
Dessi. 1905. 



Digitized by 



Google 



i 



ETÀ PREROMANA E ROMANA 117 

96u SkUnto delia terra di Scanxano: frammenti di un codice membra- 
naceo del secolo XVL ln-8, p. vm-76. Firenze, Airani, 1905. 

57. MoficbeUi A., La cappella degli Scrovegni e gli affreschi di Gioito 
in essa dipinti, In-8 fig., p. 147. Firenze, Alinari, 1904. 

58. Angelini Rota G., Spoleto e dintorni, In-16, p. liii-133. Spoleto, 
Panetto e Petrelli, 1905. 

59. Sassi A., Una triste pagina di storia del comune di Ten-a dH Sole 
e Gastrocaro, In-16, p. 38. Forlì, Bordandini, 1905. 

()0. Brinton S.. Venice, The city triumphant. lU. in-8, p. 122, London^ 
Simpkin, 1905. 

61. Lombroso A., Pagine Venexiane. In-8. p. 167. Roma, Forzani e C, 
1900-90.5. 

62. Pettina G., Vicenxa, In-8 fig., p. 154. Bergamo, Istituto ital. d'arti 
grafiche, 1905. 

63. Ricci C, Volterra, ln-8 fig., p. 162. Bergamo, Istituto ital. d'arti 
grafiche, 1905. 

2. ETÀ PREROMANA E ROMANA. 
A) Monumenti, scavi, moneta, ecc. 

64. Carra de Vaux, Etrusca. V. Petifes imcriptions. In-8, p. 24. Paris, 
G. Klincksieck, 1905, 

65. Sambon A., Les monnaies antiques de f Italie, T. I®' Etrurie^ 
Ombrie^ Picenmn, Samnium^ Campatila. Angers, Burdin et 0.«, 1905. 

tJO. Monografia storica dei porti dell' antichità nella penisola italiana. 
ln-4 fig., p. 398. Roma, off. poligrafica italiana, 1905. 

67. De Nino A., Saggio archeologico sulla ubicazione di alcuni oppidi, 
pagi e vici. In-8, p. 57. Sulmona, tip. Colaprete, 1905. 

'iS. MaliSatti V., Le ìiavi roìnane del lago di Xemi, In-8 fig., p. 125. 
Roma, officina poligrafica Italiana, 1905. 

*ì9. Altmann W., Die romischen Ofabaltdre der Kaiserxcit. 111. iii-8, 
p. 111-306. Berlin, Weidmann, 1905. 

'0. Caetani Lovatelli E., Varia. In-lGfig., p. 28.-}. Roma, Loesclier< 1905. 

B) Fatti politici e militari, crìs^tianesimo primitivo. 

71. Wagner W , Oeschichte des rom. Volkes u. scine Kiiltur. In-8, 
ili , p. xn-S46. r^ipzig, 0. Spamer, 1905. 

72. Beloch G., lia popolazione del mondo greco romano (Bibl. di storia 
econ. di W. Pareto, voi. iv, p. 97-288). Milano, Soc. odit.-lìbr., 1905. 

73. Ooerrini D., Sommario ci'onologìco delle guerre romane fino al ter- 
mine della seconda serrile in Sicilia. In-8, p. 100. Pinerolo, Chian- 
tore-Mascarelli, 1905. 

74. Napoletani G., Le campagne di Pirro in Sicilia. In-S, p. 32. Feimo 
stai), tip. cooperativo, 190/). 

75. Colin G., Roìne et la Grece de 200 à lìfì a. J. C. In-S, p. (iQl. 
Paris, A. Fontemoing, 1905. 

'7^. Boissier F., La conjuration de Cafilina. In-8, p. 2<i5. Paris, Ha- 
ohctte et C ^ 1905. 



Digitized by 



Google 



US lABSl RECENTI DI STORIA ITALIANA 

77. Venturini L., L'impero romano. Voi. 1. ìq-8, p. 'xv-2(>2. Milano, 
Gogliati, 1905. 

7S. Shuckbnrgh E. I., Augustus: The li fé aiid times of the founder 
of the roman empire. III., in-8. p. 330. Loadou, T. Fisher Unwiu, 1905. 

70. Manfrin P., La dominaxione romana nella Gran Bretagna, Voi. 1, 
in-8, p. 307. Roma, tip. Unione coop. editr., 1904. 

80. Davi G.» Marxiale e Giovenale e le condizioni morali di Roma sotto 
l'impero di Nerva e Traiano, In-8, p. 40. Messina, Trincherà, 1905. 

81. Giri IT , In qual tempo abbia scritto Vopisco le biografie degli im- 
peratori^ probabile data di composixione di ogni biografia, l'atten- 
dibilità di Vopisco. In-8, p. 85. Torino, Paravia, 1905. 

82. De Laforge F. M., La papauté: son infiuencc dan^ le monde an 
/F« siede. In-8, p. xii-287. Sens, Miriam, 1905. 

88. * Leder P.' A., Die Diakonen der Bischofe und Presbyter und ihre 
urchristìichen Vorlàufer. In-8, p. viii-402. Stuttgart, F. Enkc, 1905. 

84. * Marini R. A., Inscriptiones christianat* Urbis Derfhoìice. In-16, 
p. xii, 148. Tortona, Peìla, 1905. 

3. ALTO MEDIO EVO (SEC. V-XI). 

85. * Bucalo F., La riforma inorale della diiena nel Medio Ero e Ui 
letteratnra antiecclesiastica dalle origini alla fine del sec A/I'. In-8, 
p. 180. Palermo, Remo Sandron, 1904. 

86. * Schaub Fr., Der Kampf gegen den Xinsicucher, ungerechlen Preis 
und unlautern Handel Ì7n MittekUter. In- 10, p. xii-218. Fi-eiburg i. 
Br., Herder, 1905. 

87. Holmes W., The age of Justinian and Theodore. Voi. I, in-8, p. 378. 
London, G. Bell, 1905. 

88. Grituir H , ^^. Gregorio Magno. In-U), p. Xl-404. Roma, Desclce, 
Lefebvre e C, HK)4. 

89. Romano G., L^origine del potere vivile e della signoria lerrìtoriaìo 
d^i papi. In-8, p. 57. Pavia, stab.- tip. succ. Bizzoni, 1905. 

00. Urbani U.. // sacro impero romano-germanico : studi di diritto 
pubblico. In-8, \). 1(38, Roma, I). Lux, 1905. 

91. * Miscellanea di studi storici e ricerche critiche raccolta per cura 
della Commissione per le onorande al Patriarca Paolino d^Aquileia 
ricorrendo IWI centenario della sua morte, ln-4, p. vii -127. Milano, 
Hoepli, M.dccocV. 

92. * Brandileone L, A proposito dell'ultimo canone del vonrìUo foro- 
jiiliano. In-4, p. 8. Perugia, Tnione tip. cooperativa, 1905. 

93. *Gubotto F., Un amico di S. Paolino. Cividale, 1905, 

94. Gastagnei'i E., Sulla persistenza dei CoUegia romani nelle corjwra- 
xioni d'arti e mestieri medioevali. In-8, pag. '^^. Torino, Bona, 190». 

95. Golier E., Z>er liber taxarum dvr papstlichm Kammer. In-8, p. 105. 
Rom, Locscher u. Co., 1905. 

4. BASSO MEDIO EVO (Sec. XI-XV). 

96. * Palmieri A., Gli antichi castelli comunali dell' Appennino bolo- 
gnese. ln-8, p. 40. Bologna, Trevos. 1906. 



Digitized by 



Google 



BASSO MEDIO EVO 119 

97. Salvemini S., I balestrieri nel commie di Firenxe: contributo alla 
storia delle viilixie comunali e stipendiane in Italia. I11-8, p. 278. 
Bari, Alighieri, 1905. 

t)8. *Schnltze J., Die Urkunden Lothars III. In-8, p. vi-140. 

00. Thode, Franx ron Assisi. [BerVm, G. Grote Verlagsl)uchlandl., 1905. 
1(K). De I^forge F., Alexandre HI. In-8, p. xn-319. Sens, Miriam, 1905. 

101. Folz Ang., Kaiser Friedrich II u. Papst Innocenx- IV. In-8, p. 158. 
Strassburg, Schlesier u. Schweikhardt, 1905. 

102. ^Sabatier P., D'un bulle apocryphc de Clément IV et d'un bulle 
aulhentique d'Innoceni IV (Fxtrait de la Revue historique, 1905). 

103. Àuvray L., Les régistres de Qrégoire IX. 8« fase. Paris, A. Foq- 
temoing, 1905. 

104. *Botteghi A. L.. Clero e Cowune in Padova nel secolo XIH.lnS, 
p. 60. Venezia, Visentini, 1905. 

105. *Del Lungo L, La donna fhrentina del buon fetnpo aìitico.li\-\i}y 
p. 300, Firenze, Bemporad, 190r.. 

lOt). Santoli Q., L'inéercento fioreii!hio in Pistoia nel 1295: nota il- 
lustrativa alle istorie pistoiesi. I11-8, p. 19. Pistoia, Fiori C, 1905. 

107. *SeartaKZÌni G. A., Vita ed opere di Dante Alighieri. 3» ed., in-32, 
p. 424. Milano, Hocpli, 1906. 

108. *Ciaecio L., Il cardinal legato Bcrtramlo del Paggetto in Bologna 
(1827-1334). In-8, p. 198. Bologna, Zanichelli, 1900. 

109. Della Torre A., La giocinexx<i, di G. Boccaccio (1313 1341,. In-16, 
p. Villi, 359. Città di Castello, casa tip. ed. S. Lapi, 1905. 

HO. De 6abernati8 A., Giovanni Boccaccio. lii-S, p. 533. Milano. A. 
De Mohr, Antognini e C, 1905. 

111. Calò G., Filippo Villani e il Liber de origine e ivi tati s Fior entiae 
et eìusdem famosis civibus. In-H, p. 290. Rocca S. Casciano, Cap- 
pelli, 1904. 

112. Borghesi P., Petrarch smd his influence on english literatur. In- 16, 
p. 137. Bologna, Zanichelli, 1906. 

113. '^Muratore D., La nascita e il battesimo del primogeiiito di Gian 
Qaleax\o Visconti e la politica viscontea nella primavera del IS66, 
In-8, p. 32. Milano, Cogliati, 1905. 

114 *Gal>otto F., Popolani e magnati in Asti nel secolo J/ Ti Estratto 

dalla Nuova Antologia, 16 giugno, 1905». 
115. Krofla C, Aeta Urbani IV et Boni fatti IK ponti fìcum romanorum. 

In-8, p. 912. Prag, F. Kivnac, 1905. 
H^i. ^Sorbelli A., // trattato di S. Vincenzo Ferrer intorno al grande 

scisma d*oceidmte. In-8, p. 159. Bologna, Zanichelli, 1906. 

117. •Venturi A., Storia dell" arte italiana. IV., La scultura del tre- 
cento e le sue origini. In 8 gr., p xxx-970, ili. Milano, Ulrico 
floepli, 1905. 

118. Philippi A., Die Kunst der Renaissance in If alien. 2 H. In-8, 
p. xix-478, viii-424. I^ipzig, C. A. Seemann, 1905. 

111^ Soldati B., Ija poesia astrologica nel quattrocento : ricerche e studi. 

In-8, p. vin-319. Firenze, Sansoni, 1906. 
120. SablHidini R., Le scoperte dei codici latini e greci ne' secoli XIV 

e XV. In -8, p. vni-233. Firenze, Sansoni, 1905. 



Digitized by 



Google 



120 URM RCClìNTI DI STORIA. ITALIANA 

121. Hf^zapfel H., Le origini dei motUi di pietà (1462-1515). In-8, 
p. xx-94. Rocoa S. Cascìano, Cappelli, 1905. 

122. ^ Ciardlni M., Un Consilium per il monte di pietà, In-8, p. 29. 
Firenze, Berti ni, 1905. 

123. Cesari €., Due cavalieri umbri del quattrocento, (Biordo Mickelotti 
e Braccio Fortebracci) In-8, p. 20. Modena, Kossi e C, 1905. 

124. Degli Azzi G., Il tumulto del 1488 in Perugia e la politica di 
Lorenz/) il Magnifico. In-8, p. 75. Perugia, Unione tipogi*. ooop., 1905. 

125. Burckhardt R., Cima da Conegliano. 111., Leipzig, N. Hierseinann, 190^. 

5. TEMPI MODERNI (1492-1789). 

126. * Pastor L., Gesehiektc der Pdpste seit dem AìMgang dea Mittelalters. 
IV B. IVte Auflage. In-8, p. xvm-610. Freiburg, i. Br., Flerdersche 
Verlagsbuchh., 1906. 

127. Baratta M., Curiosità rincianc. In-8 fìg., p. 206. Torino, fratelli 
Bocca, 1905. 

128. Verdi A., Gli ultimi anni di Lorenxo de'' Medici duca d^ Urbino, 
15Ì5-1519, In-8, p. 116. Este, Pietrogrande, 1905. 

129. Cartwrig^ht Julia, Raphael, 111., in-18, p. xi-223. London, Duck- 
worth, 1905. 

1.30. Cartwright Julia, Raphael in Rome . In-8, p. 80. London, Seeley, 1905. 

1.31. Calissano B., Donato Qiannotti e le sue idee politiche . In-16, p. 180. 
Torino, tip. Salesiana, 1905. 

1.32. *Capas80 G., Un manipolo di lettere di Andrea e Giannettino 
DOrìa, ln-8, p. 16. Genova, tip. della Gioventù, 1906. 

133. *Capasso G., Andrea d'Oria alla Pi-evesa, (Estratto dai «Rendi- 
conti » del R. Ist. lomb. di se. e lett.. Serie n, voi. XXXVIII, 1905). 

134. Maifei V., Dal titolo di Duca di Firenxs e Sietia a Gratidt4ca di 
Toseafia: contributo alla storia della politica di Cosimo I de' Me- 
dici, In-8, p. 152. Firenze. Seebor, 1905. 

135. Maver E., Die Seele Titians, 111., in-8, p. in-74. Esslingcn, V, 
Neff; 1905. 

136. Brambilla M. E., Lodovico Gonzaga, duca di Necers (1539-1 59ì>), 
In^, vili, 192. Udine, Del Bianco, 1905. 

1.37. '*'Cavazznti G., Studi di letteratura politico-militare dall'assedio 
di Firenxe alla guerra dei treni' anni, In-16, p. xiv-232. Modena, 
Soc. tipografica. 1905. 

138. Carlini L., Girolamo Verità, filosofo e poeta veroìiese del sec. XVI. 
Irì-8, p. xxxvni-115. Verona, Franchini, 1905. 

139. Bertoni G., Giovanni Maria Barbieri e gli studi romanxi ucl 
scc, XVI. In-8, p. iv-153, Modena, Vincenzi e Nipoti, 1905. 

140. Grande S., TjC carte d'America di Giacomo Gastaldi: contributo alia 
storia della cartografia del secolo XVI. lu-8, p. 166. Torino, H. 
Rinck, 1905. 

141. *Sol E., // Card. Ludovico Simonetta, datario di Pio IV, In -8, 
p. 67. Roma, R. Società romana di storia patria, 1903. 

142. * Spezi P., Pio Ve i suoi tempi. In-16, p. 108. Roma, Fedorico 
Pustet, lì)05. 

143. Ludwig G. Molmeiiti P., Vittori Carpaccio: la vita e le opere. 

Ini, p. xvi-307. Milano, lloopli, 1006. 



Digitized by 



Google 



TEMPI MODERNI 121 

144. Patrizi P., // Qiambologna, In^ fig., p. vin-268. Milano, Cogliati, 1905. 
14Ó. Sji^rilli G., Franeesoo Garleiti, meroante e viaggiatore fiorefitinOf 

1573?-1636. I11-I6, p. vii-454. Koooa S. Casciauo, Cappelli, 1905. 
14*). Riehl A., Giordano Bruno. Iu-8. p. 112. London, Poulis, 1905. 

147. Barbiellini Amidei A., Beatrice Cenci. In- 16, p. 45. Rome, 
G. Balbi, 1905. 

148. Sortala G., Leprooèsde Qalitée. In-lO, p. 63. Paris, Bloud etC.^ 1905. 

149. Piceo P., Salotti francesi e poesia italiana nel Seicento, In-8, 
p. 2SÌ. Torino, Straglio, 1905. 

lóO. * Imbert G.^ La vita fiorentina nel Seicento secondo memorie sin- 
crone \1614-1670). In 8, p. vrii-307. Firenze, Beraporad, 1906. 

151. Landmann K. R., PrinxEugen. IH., in-8. Miinchon, Kirchheim, 1905. 

152. Giglio-Tos E., Maria Bricca e la faxione di Pianexxa^ 5-6 set- 
tembre 1706. Iu-8 fig., p. 75. Torino, Straglio, 1905. 

153. Pariaet C, Il cardinale Giulio Alberoni: monografia stonra^ con 
documenti inediti. Iu-16. 203. Bologna, Zanichelli, 1905. 

1^. Muratori L. A., Epistolario edito e curato da Matteo Campori. 
IX (1738-1741). ln-8, p. xviii-3667-4233. Modena, tip. della Società 
tipogr. modenese, 1905. 

155. Solari G., La scuola del diritto naturale nelle dottrine etico-giuri- 
diche dei secoli XVII e XVIII. In-8, p. 224. Torino, fr. Bocca, 1904. 

15^. *Dengeii J. Ph,, Die polii iscke ùnd kirclUiche Tdtiyheit des Mon- 
signor Josef Garampi ivi Deutschland 1761-1763. In-8, p. xi-196. 
Koma, Loescher u. Co., 1905. 

157. *Barbon D., La vita, i tempi e le opere di Girolamo Baruffaci, 
ferrarese erudito del secolo XVI IL In-S, p. 191. Feltro, tip. Panfilo 
Castaldi, 1905. 

158. CristofanelliG., Della colf ura padovana sullo scorcio del sec. XVII t 
e nei primi del secolo Xl.X. In-8, p. 198. Padova, fr. Gallina. 1905. 

6. PERIODO DELLA RIVOLUZIONE FRANCESE (1789-1815). 

159. * Salvemini G., La ri oolux ione francese i 1788-1702), In-lO, p. xvi- 
381. Milano, Pallestrini, 1905. 

lb<). *Collelte P., Storia del reame di Napoli dal 1734 al 1825 con 

introduxione e commenti di Camillo Manfroni. 2 voi. in- 16, di 

p. xxxiv-460-492. Milano, fr. Vallardi, 1905. 
10!. *CarncciP., Vincenzo Lupo e Giuseppe Abamonte martiri del 179i). 

In-16, p. 63. Napoli, G. M. Priore, 1904. 
162. Del Cerro E., Vittorio Alfieri e la contessa d'Albany: storia d'una 

grande passioìie. In-16, p. 318. Torino, Roux Viarengo, 1905. 
168. Po^liesi C Giovanni Pindemonte nella letteratura e nella storia 

del suo tempo. In- 16, p. 86. Milano Albrighi, Segati e C, 1905. 

164. *Salvarezza C, Faxioni navali inglesi a Noli \lS08-tSì2). In-8, 
p. 40. Roma, Cecchini, 1905. 

7. PERIODO DEL RISORGIMENTO ITALIANO (1815-1905). 

A) Storie generali e particolari. 

16.j. *Comandini A.« IJ Italia nei renio anni del secolo XIX. Disp. 47. 
ifilaiio, A. Vallardi, 1906. 



Digitized by 



Google 



122 LIBRI BECKNTl DI STOMA ITALUNA 

160. *Zaniboiii K., Ln * Tfalieniache Reìse* del Goethe e la sua fortuna 
in Italia. In*8, p. 30. Napoli, Morano, 1906. 

167. Borghese €r. A., Storia della critica romantica in Italia. In-8, 
p. xx-265. Napoli, La Critica editr., 1906. 

168. Negli P.. Storia del 46^ reggimento fanteria dalla sua formazione 
fino alla presa di Roma. In-8, p. 244. Imola, Galeati, 1905. 

1()0. Nerucei Ct., istoria succinta del battaglione universitario toscano 
e della sua campagna guerresca nel 1848. In-8, p. 46. Pistoia, 
Fiori e C, 1905. 

170. Memorie suite società segrete dell'Italia Mei'idionale e specialmente 
sui carbonari. Traduziono dalPinglcso di A. M. Cavallotti. In-16 fig., 
p. xvi-223. Milano, Albrighi, Segati o C, 1904. 

171. *Mazziotti M., La rivolta del Cilento nel 1828. In-16, p. vm-246. 
Roma, Società editrice Dante Alighieri, 1906. 

172. Baschi B., Movimento politico della città di Perugia dal 1846 al 
ISOO^ cioè dalla esaltatone di Pio IX all'annessione ai regno di 

Vittorio Emanuele II. In-8, p. vi-247. Foligno, tip. gifi Cooper. 1904. 

173. Gogna A., Le Marche nelki storia del risorgimento d' Italia^ 1848-- 
1870. In-16, p. 262. Macerata, tip. Sociale, Ì905. 

174. Liusìo A., / martiri di Belfiore e il loro processo: narrazione storica 
documentata. In-8 fig., 2 voi., p. xx-414, 422. Milano, C^ogliati, 1905. 

175. Orerò B., Da Pesaro a Messina: ricordi del 1860-61. ln-8, p. 232. 
Torino, Stroglio, 1905. 

176. *Gnardione F., La battaglia al Volturno (Estr. dalla «Nuova An- 
tologia», 1 ottobre 1905). 

177. Di Revel Genova, La Cessione del Veneto. In-8, p. vii-253. Firenze, 
Liimaclii, 1906. 

178. Billot A, La France et V Italie. Histoire des années trouifles 
(1881-1899). 2 voi. in-8, p. 495-470. Paris, Plon Nourrit et C, 1905. 

170. Trialzi-Beigioioso 0., L'Italia e la vivoluxione italiana aggiun- 
tovi: Oli ultimi tristissimi fatti di Milano. In- 16, p. vni-184. Pa- 
lermo, Remo Sandron, 1904. 

180. * Faldella G., Da re Vìuberio I a Carlo Bott<i. ln-8, p. 22. Firenze, 
Ufficio della * Rassegna Nazionale», 1905. 

181. * Franciosi P . La re^staurax>ione dell' Arengo nella repubblica di 
S. Marino. In-8, p. 36. Jesi, Tipogr. Coop. Editrice, 1905. 

182. Mosso A., Vita moderna degli italiani. In- 16, p. 430. Milano, 
frat. Treves, 1906. 

H) Biografie, carteggi, commemorazioni. 
IS;». Cappelli A., Carteggio inedito di L. A. Antinori aquilano con 
C. Amaduxxi di Savignano (Romagna), ln-8, p. 57. Roma, Tip. K.* 
Accademia dei Lincei, 1905. 

184. * Salaris E., Angelo Brofferio ed alcuni manoscritti esistenti nella 
Biblioteca naKionale centrale di Fircn\e. In- 10, p. 24. Schio, Sta- 
bilimento tip. d'arti grafiche, 1905. 

185. Canti! C, La biografia ed alcuni scritti inediti o meno noti. lii-8, 
p. 270. Torino, Unione tip. editrice, 1905, 

186. * Pellizzaro G. B., F. D. (ìuerrazxi e le arti belle. In-16, p. 102. 
Adernò, Longhirano, Costa e C , 1905. 

187. Colletti P. A., Giuseppe Maxxini: l'uomo, t'opera. In-16, p. ILI. 
Genova, Fassicomo, 1905. 



Digitized by 



Google 



LIBUI ESTIIANEI ALLA STOUIA ITALIANA 1 -H 

iss. liberi L., Alla memoria di Giuseppe Max uni. 'J2 (fiugiìo li)Oi>. 

Iq-16, p. 52. Perugia, tip. Umbra, UK)5. 
ISlj. 'Michel E.. Per Leopoldo Pilla. Pisa, Marietti, 190."). 
VÀK Schmidiio G., Papa Pio X: Cenni biografici ed esaltazione alla 

ealtedra di S. Pietro, In-S fig., p. 100. J?oina, DesoliV, Lefebvro o 

C, 1904. 



LIBRI ESTRA.NEI ALLA STORIA ITALIANA 
mandati in dono alla Rivista (1). 

1. Bardoux J., E^tsai d'une pstjckologie de l'Angleterre contcmporaine. 
In-8, p. v-5<i4. Paris, Felix Àlcaii, 1900. 

2. Ciccotti E.. Ija retribuì ione delle funzioni pubbliche civili nellan- 
liea Atene e le sue eonseguenxc Hibl. della storia econoiniua di W. Pa- 
reto, voi. J, p. 2»). Ia-8, p. 529 a fine. Milano, Soo. odit. libraria, 1905. 

H. Dandet E., La ierreur bianche. Épisode^ et sonrenirs {IH15). In-IG, 

p. xm-195. Paris, Hachettc ot Cs 1900. 
4. Del Balzo C, Poesie di mille autori intorno a Dante Alighieri 

rareotte e ordinale rronolog ira mente con note. Voi. X. In-S, p. 595. 

Koraa, Forzarli e C, 1900. 
•ì. Fancelli U.. L' uhieax ione della Thule. In-8, p. 17. Siena, tip. Coo- 

|)erativa. 1900. 
'». Gnirand P., La proprietà fondiaria in G re-eia sino alla conquista 

romana (Bibl. di storia ecoti. di W. Pareto, voi. 2*, p. 2*, p. 297-384). 

Milano, Soo. editr. libraria, 1905. 
T. Klein G. B., // referendum legislativo (Studio sulla democrazia el- 
vetica). In-8, p. xxxi-255. Firenze, tii». Galileiana. 1905. 
^. Matter P.. Bismarck et son femps. Voi. Il: L'action {1S62-1S70). 

In-8, p. 084. Paris, Felix Aloan, 1900. 
'.'. Meyer's grosses Konversations Lexicon. 12 B. In-8 gr., p. 908. IH. 

T^ipzig, Bibliographi.sches Institut, 1900. 
l'-'. Xachod O., Gesahichte von Japan. l*"" B. In-8, p. xxxi-420. Gotha, 

Fr. Andreas Perthes, 1900. 

11. Proeks verbaux du cornile d'instruetiopi publique de la convention 
nationale publiés et annolés par M. J. Guillaume. Tome cinquièmo 
(3 sept. 1794-20 mars 1795). In-8 gr., p. lxii-G95. Paris, Imprimerio 
nationale, 1904. 

12. Reeueil des acles du comité de salul public avec la correspondanee 
offieieUe des représentants en inission et le registre du conseil exé- 
eutif proviso ire, publié par F. A. Aulakd. Tome seiziènK» i IO aoùt 1794- 
20 sept. 1004). In-8 gr., p. 853. Paris, Imprimerie nationale, 1904. 

In Uebersberger H., Ósterreieh und Russland seit dem Ende d^s 15. 

Jahrhunderts. I B. (1488-1005). In-S gr., p. xvi-d84. Wion. Wilhelm 

Braumiiller, 1900. 
^J. Wenk K.. Philipp der tSrhone von Frankreich. seine Personliehkeit 

und das Urteil der Zeitgenossen. In-4, i». 74. Marburg, Elvert*.sche 

Verlags-Bachhandlung, 1905. 



'1' Questi libri, non potencio sempre \ìer II loro ar^mento formare tema 
^i recensione nel corpo della Rivista, saranno Iari?amente annunziati nelle 
^'HMie tra le Pultblicazioni varie, o altrimenti, quando siano relativi alla sUria. 



Digitized by 



Google 



III. 

NOTIZIIì E COMUNICAZIONI 



Coiigresi40 della Società storica subalpina. — La Società storica 
subalpina, presieduta dal prof. F. (^abotto, tenne il suo 8' Congresso in 
Tortona dal 14 al 17 settembre scorso. Fra gli argomenti fissati per b discus- 
sione mettiamo in rilievo i seguenti : 

1« Tortona o i marchesi Malaspina ; 

2« Se, dal punto di vista degli studi storici, per il riordinamento dogli 
Archivi locali del Piemonte sia preferibile Tadozione di un sistema unico, 
come fu proposto e quasi imposto alcuni anni sono dal Governo, oppure si 
debbano variare i criteri a seconda delle vario r^onttizioni dei singoli Archivi; 
quali voti si possano esprimere in vista dell'ordinamento proposto dogli 
Archivi notarili e giudiziàri ; 

30 La questione di San Marziano; origini del cristianesimo-, i cimi- 
teri cristiani in Tortona; 

4*» Della condizione dei contadini nel Tortonese e nel Vogherese nei 
secoli del Medio evo; 

5** Se sia legale rimpodimento alla libera consultazione di (|iU4lsiasi 
spwie di documenti dopo trascorso un determinato numero d'anni, special- 
mente quando si tratti di documenti che appartengono e die dovrebbero 
appartenere al patrimonio della Nazione; 

6" Sulla necessita, in seguito airinctmdio della Biblioteca Nazionale di 
Torino, di ripublicare al più presto il Ckartarìum Derthoìtevse^ comple- 
tandolo colle altre carte inedite sparso della storia comunale di Tortona, 
quale complemento alla pubblicazione fatta fare dal Municipio tortonese |)er 
rVlII Congresso, e sui modi dì sopperire ali» spesa relativa. 

Notevole contributo alla storia tortonese ha dato testò il prof. R. A. Ma- 
rini, col volume hisrriptiones Chrisfianae Urbis Derthonae (Tortona, 
tip. Peila). L'A. raccolse in questo volume le antiche iscrizioni del torto- 
nese, dividendole in tre categorie: 

\^ Iscrizioni cristiane funerarie semplici (4CK.)-1000) ricordanti il nome, 
l'ctii e sposso la paternità del defunto, e Tanno del consolate in cui mancò 
ai viventi ; 

2" Frammenti di iscrizioni datate (4(X)-1000) possibili ancora d'inter- 
pretazione sicura e giusta, e IVamuieuti rozzi, pellegrini, corrosi, di intor- 
]»retazione incerta ed ipotetica; . 

;5* Epigrafi cristiane storico-illustrative, ove al nome ed al casato del 
defunto si unisce di regola l'elogio delle opere da lui compiute, delle ca- 
riche occupate, degli onori e titoli ricevuti ilOOO-lSOO). 

I manoscritti della Bil>lioteca Moreiiiana. ~ T manoscritti che si 
conservano nella Moreniana, biblioteca della provincia di Firenze, constano 
delle raccolto Moreni, Bigaxxi, FruUani. Peeci^ Ant/niiffì divenst e Paia-gi, 
11 prof. C. Nardini, avendo avuto incarico dalla Deputiizione provinciale di com- 
pilare un indice descrittivo di ciascuna di esse, cominciò dalla raccolta Mo- 
rcni, come quella che concorse a formare il primo fondo «Iella biblioteca, 
che al nonn.' illustre di lui fu poi intitolata. Da una raj^da rassegna dot 



Digitized by 



Google 



^ NOTIZIE E COMUNICAZIONI 125 

fascicoli pubblicati si rileva una grande vaiietìi di (Mirto, di valore molto 
svariato. Il Nardini va compilando con moltxi precisione il suo inventario, 
ma forse procede un po' a rilento, non essendosi pubblicati in tre anni che 
tn» fascic^jli, complessivamente di pag. 90 con 120 numeri. 

Nuove Riviste. — Aitgtisia Peì-iisia è il titolo di una Rivista di 
tujwgrafla. arte e costume dell'Umbria diretta da Ciro Trabalza, che com- 
parirà ogni mese in fascicoli di 16 pagine; abbonamento annuo lire 6 per 
l'Italia e 7,50 per TEstero. Si propone d'illustrare con indagini nuove, rigore 
di metodo e genialitìi, la vita della regione umbra, quale si espresse nella 
forma delle città e de' castelli, no^ monumenti artistici, nel costarne, rie- 
vocando avvenimenti, figuro e aneddoti storici, rintracciando correnti d'idee, 
ricostruendo usi e abitudini, raccogliendo leggende e canti popolari ; curerà 
la difesa delle venerate reliquie della storia e dell'arto; darà notizia dello 
pubblicazioni che riguardino gli argomenti da lei trattati ; mirerà, insoimna, 
a diffondere tra il popolo la cultura storica e artistica e a dargli la coscienza 
delle sue virtù e del suo genio. 

Il Comune di Bologna decretò l'istituzione di un Bullettino bimestrale 
che seguisse il progressivo svolgersi della Biblioteca deir Archiginnasio, 
ne annunziasse Taccrescersi e il coordinarsi, ne illustrasse le preziose rac- 
colte e rinfrescasse con cura amorosa le vicende gloriose del celebre edi- 
fìzio. Il Bullettino, intitolato V Archiginnasio, non solo verrà a sostituire il 
catalogo generale degli stampati e dei manoscritti (la cui pubblicazione por 
molte ragioni fu sconsigliata dai bibliografi), ma su quello avrà il vantaggio 
di accompagnare le sorti e il divenire della Biblioteca, non limitandosi uni- 
camente alla riproduzione di un momento. Sarà diretto dal Bibliotecario 
Albano Sorbelli ; prezzo annuo lire ó per l'Italia e (i per TEstero. 

Repertorio, Indice, Manuale bibliogi*afico. — I pi-ofessori G. Brièro 
e P. Caron, col concorso di valenti collabora toi'i, compirono il Répertoire 
méthodique de VTiistqire fnodeme et conteviporaine de la Franee del- 
l'anno 1903 (Paris, Édouard Cornély et C.«, 1905Ì. È il più ampio fra 
quelli finora pubblicati. Con lo spoglio di ben 489 Ki viste. Giornali, Atti 
e Memorie d'Accademie francesi e 136 stranieri, si ottennero 5977 numeri 
di storia francese dal 1500 ai dì nostri, ripartiti nei seguenti gruppi: 
1* Storia politica interna, N. 684 (Storia dei fatti. Storia delle istituzioni. 
Biografie). — 2« Storia diplomatica, N. 138. — 3° Storia militare, N. 482 
(Generalità, Istituzioni militari. Storia delle campagne. Storia della marina 
di guerra. Biografie). — 4» Storia religiosa, N. 711 (Cidto cattolico, Culti 
non cattolici). — 5« Storia economica e sociale, N. 541. — 6« Storia co- 
loniale, N. 64. — 7« Storia delle scienze, N. 384. — Storia letteraria, 
X. 1317. — 9° Storia dell'arto, N. 1141. — IO*» Storia locale, N. 432. — 
11. Biografia e storia genealogica, N. 83. — Seguono tre indici: dei nomi 
<lcgli autori, delle persone e dei luoghi. 

Ija So<netà storica lombarda ha curato la pubblicazione degli Indici 
della Serie IH, voi. I-XX (anni XXl-XXX, 1804-1903) doir^rc^i>*o sto- 
rico lombardo, afBdata^ai .soci Giuseppe Bonelli e Giovanni Vittani (Milano, 
fratelli Bocca, 1906). E riuscito un volume di pag. 1023 in-8, diviso in 
4 parti : l» Indice degli Autori col titolo delle Memorie o Recensioni o 
Note di qualsiasi genere; 2« Indice delle persone, luoghi e materie |)er 
ordine alfabetico, minutamente analitico, tanto da occupare ben 884 pagine ; 
30 Indice cronologico dei documenti, editi neirArchivio, dal sec. IV sino 
all'anno 1902; 4** Indice delle illustrazioni. È un lavoro paziento, special- 
mente nella parte 2*, per la quale fu necessario tener conto di tutti gli 
elementi disiarsi nei venti volumi e disporli con ordine. 

Con l'anonimo di Un vieux bibliophile, uno studioso di larga coltura 

■ * di molta erudizione ha pubblicato un secondo supph'mento al suo prezioso 

Manuel de bibìiograpkie bìograpìnquc cf d' iconographìc des fcmvìcs eélèbres 



Digitized by 



Google 



12*} NOTIZIE E COMUNICAZIONI 

(Tiirin, Koux et Viareiigo, 1905). Questo supplemento si compone di tro parti r 
!• Aggiunte bio-bibliografiche disposto per ordine alfabetico; 2® Repertorio di 
biografìe generali nazionali e locali e d'opere sui ritratti e gli autografi; 3« in- 
dice alfabetico o repertorio generale delle donno citate nella Bio-bibliografìa, 
con aggiunte e rettifiche. Così quest'opera, frutto di lungo, pazient<» e intelli- 
gente lavoro, ora contiene un dizionario delle donno notevoli per qualsiasi titolo 
in tutti i ttMupi e paesi, lo date di loro nascita e morte; Telonoo di tutte 
lo monografie biografiche relativo a ciascuna con menzione delle traduzioni ; 
l'indicazione dei ritratti aggiunti alle opere o separati (;oi nomi degli inci- 
sori; i prezzi a cui salirono nelle vendite o noi cataloghi i libri, i ritratti 
e gli autografi; un repertorio di biografie generali e locali e delle opero 
concernenti i ritratti e gli autografi; un indice alfabetico o repertorio gene- 
ralo di tutte lo donne citate. — Putrii certo notarsi qualche lacuna, ma 
senza dubbio ò il manuale più completo di bibliografia-biografica delle donno 
celebri. 

Archivio Muratoriano e Storia della Citta dì Castello. — Il 

prof. V. Fiorini a integrazione del Corpo dei Rerum italicarum Serip- 
tores ha iniziato, coi medesimi tipi della Casa Scipione I^pi, la pubblica- 
zione di un Archivio Muratoriano^ di cui sono già com(>arsi tre fascicoli. 
Ekso si pro]>one : 1<^ Seguire la stampa della nuova « Raccolta rauratoriaoa » « 
dando di tratto in tratto notizia dello stato degli studi relativi ai testi del 
quali è in corso Tedizione, mettendo gli studiosi in comunicazione fra di 
loro intorno ad essi, accogliendone i suggerimenti, i giudizi, le rettifiche^ 
lo informazioni, facendo pubblici i risultati di indagini i)Osteriori o del rin- 
venimento o doiresanio di manoscritti nuovi o ignorati prima ohe possano 
aver rapporto <?oi testi già pubblicati ; 

2^ Render conto di quei testi che, sebbene accolti dal Muratori nella sua 
raccolta, non potrebbero convenientemente i)er il loro carattere, per lo scarso 
valore o per la dubbia autenticità loro essere conservati nella nuova edizione ; 

3<* Dar notizia delle questioni secondarie e delle minori ricerche a 
ciascun testo e di quelle risultanze indirette di esso che, pur non essendo 
prive di interesse e di utilità per gli studiosi, non troverebbero nelle pre- 
fazioni nelle note illustrative posto adatto e senza alterarne le giusto 
proporzioni ; 

4<> Concorrere allo studio ed alla migliore conoscenza della cronistica 
del Medio Evo col pubblicare monografie, note critiche, storiche o paleo- 
grafiche e informazioni intorno alle fonti letterarie di quel [)eriodo, coirof- 
frire agli studiosi il materiale raccolto nelle esplorazioni che in servigio, 
della edizione muratoriana saranno eseguite in biblioteche ed archivi ita- 
liani e stranieri e col tenero al corrente di quanto relativamente ai testi 
cronistici muratoriani e non muratoriani si vien pubblicando in Italia e fuori. 

i^ Casa Editrice S. Lapi ha puro assunto la pubblicazione della 
Storia di Città di Castello di G. Magherini-Graziani stampata in-8 grande, 
su carta speciale della Cartiera Molina di Varese e con caratteri elzeviriani 
appositamente fusi, adorna d ^illustrazioni eseguite nei più rinomati stabili- 
menti d'Italia e dell'Estero. L'opera sarà divisa in quattro volumi di 500 j>a- 
gino circa ciascuno. Ogni volume sarà formato da 12 dispense di pag. 4M. 
di stampa. Ogni tavola sarà computata ]>er due fogli di stampa. Tutta To- 
pera non oltrepasserà 50 dispense, e non sarà ])ubblicata più di una di- 
si>ensa al mese. 11 primo volume già pubblicato, contiene la grande carta 
to|X)grafica ed una piccola carta geologica del comune di Città di Castello, 
eseguite ambedue in colori dair «Istituto Cartografico Italiano di Roma » ^ e 
tavole riprodotte in fototipia dal rinomato « Stabilimento J. Schober di 
Karlsmhe». Ogni dispensa costa una lira e sarà ])agata alla consegna. 
Coirultima dispensa di ogni volume sarà unita la copertina. Lo associazioni * 
si ricevono in Città di Castello presso la Casa Tipografico-Editrico. 



Digitized by 



Google 



NOTIZIK E COMt'MCAZlOXI 127 

Société d'études italieiines. — D*!! due ultimi bollettini { 25« o 26») 
ài questa beuemerita società, di cui è sempre anima il nostro amico prof. 
Charles Déjob, apprendiamo con piacerò che il numero dello adesioni è sa- 
lito a 1307, che nuove cattedre di lingua italiana si sono istituito in pa- 
recchi Licci e Scuole Normali francesi, e che va avviandosi lo scambio di 
giovani italiani e francesi per meglio iinpraticJiirsi della rispettiva lingua 
straniera. 

Anche nell'anno scolastico 1905-1)0(3 si terranno alla Sorbona parecchie 
^ouferenzodi argomento italiano, cioèt Ch. Déjob, Guarnii et son Postar Fido; 
P. Ohio, Uémigration italienne; L. Rosenthal, Le sctdptenr Vittore Car- 
paccio; E. Picot, Les imprimeurs frun^ais en Italie au XV et au XV [ 
sièeles; A. Valentin, Ouerravxi et le roman polii iqiie en Italie à la veUle, 
des guerres (le r iiidépendanee ; F*. de Bouchaud, y^'a;/ de Bologne, sa vie 
et sesmurres; L. Madelìn, La république romaine de 1798; T. Gallarati 
Scotti, Uneitaliemiedu XlVsiècle: sainte Catherine de bienne; V. Sirven, 
Alfieri e Shakespeare; R. Le Bourdellès, Vittorio Alfieri : L'homme et 
Véerimin. 

Poesie di mille autori intorno a Dante Alighieri. — Abbiamo più 
volk* ricordato questa preziosa collezione formata da Carlo Del Balzo. L'e- 
simio cultore dogli studi danteschi, com'è noto, mira a raccogliere ed or- 
'linai"e cronologicamente le poesie dei mille Autori dedicato a Dante Alighieri, 
illustrandole di note storiche, bibliografiche e biografiche. 

Sono ora comparsi i volumi IX e X (Roma, Forzani e C , 1005). 
Il IX va dal N.* ccccxxxi al N.* dv, e riguarda scrittori del soc. XIX. 
Tra i molti, mono noti nel mondo letterario, appaiono scrittori più celebri, 
come Terenzio Mamiani, Gabriele Rossetti, Silvestro Centofanti, Silvio Pel- 
lirH). Luigi Biondi, Giovanni di Sassonia, Pietro Giuria, Giovanni Marchetti, 
Teodosia Garrow, G. B. Niccolini, Giuseppe Giu.sti, Emanuele Ceiosia, Ales- 
sandro Poerio, eco. Notevoli un poemetto dialogato del Forti, un dramma del 
Biondi, una cantica del Marchetti, altra del Maccolini o altra del Giusti, una 
'•anzone del Giuria e altra del Ceiosia, un poema eroicomico del Prunai, una 
canzone del Poerio, trenta canti del Masini ; gli altri scritti sono quasi 
tutti sonetti, odi e rime varie. 

Il voi. X contiene scritti di G. Montanelli, W. von Schlegel, R. Mitchell, 
L. Uhland, B. Prina, À. Mezzanotte, Giannina Milli, A. Gnaccarini, H. De 
Bornier, V. Balestrazzi, Giuseppina Turisi-Colonna, Giosuè Carducci, Gof- 
fredo Mameli, Fr. Arabia, Fr. S. Orlandini, Carlo Lezzi, Ippolito Nievo, e 
parecchi altri, estendendosi dal N. dvi al N. dxlvii. 

Meyers Grosse» Konversationa-Lexikon, voi. XII. — Il voi. XII, 
in-S gr., di pagine 908, va da L alla parola Lyra. K una lettera molto 
copiosa, in cui parecchie voci esigono anche una tratti. /.ione più ampia del 
consueto, come: Laehs, Lackarbeiien, Lode e derivati, Laffete, Lager e 
composti, Laiui, Langobarden^ Lateinische iiteratur u. Sprache, LausitXy 
Uinttcerke elektrische^ Leben coi derivati e composti, Jjeder^ Lehnswesen^ 
Lehr e composti, Leipzig, Lessing^ Lichttherapie, Literatur^ Lithographte, 
Lìcland^ Lokomobile e Lokomotive, Tjondon^ Ludtoig^ Luther ^ Lyon, ecc. 
Abbondano s|)ecialmente i nomi propri di persona di ogni paese : Las Casas, 
I^ssalle, I^marmora, Larousse, Leopardi, Lanessan, Lassen, Laudon, La- 
voisier, I^mbruschini, Ijconardo da Vinci, lioibnitz, Lepsius, Luther, ecc. 
Sempre numerose le illustrazioni nel testo o in tavole speciali, tra cui no- 
tevoli le macchine per aeronautica, locomobile, locomotive, lampade, carta 
Mìe temperature, dei venti, della popolazione, topografia di città, come 
I/'ipzig, liondra, Lubecca, Lione, ecc. 

Pabblicazioni varie. — lia guerra russo-giapponese ha determinata 
una rifioritura nella letteratura e storia nipponica. Nella Allgemeine Staatcn- 
ges^*hi€hle, edita da Friedrich Andreas Porthos a Gotha, sotto la diro- 



Digitized by 



Google 



128 NOTIZIK K COML-XICAZIO.NI 

zione del prof. K. Lamprecht, è testé comparso il primo volume di una 
Oeschichte roii Japan di 0. Nachod. Non trattasi però di un affrettato 
raffazzonamento per la buona occasione, ma di un'opera meditata, seria, 
elaborata con la scorta e la critica d*una amplissima letteratura, di cui 
l'A. ci fornisce Telenco in fino di questo volume. L'opera riuscirà alquanto 
estesa, perchè il primo volume, che pur constii di pagine xix-42() contiene 
solo il primo libro: Die Urx^it, bis 645 n. Ckr. Questo primo libro si 
compone di tre parti : la 1* studia il paese e le popolazioni ; la 2» esa- 
mina le fonti nazionali e forestiere, e fie descrive l'ordinamento famigliare, 
religioso, sociale, economico, politico, internazionale; la 3» espone sotto le 
svariate esplicazioni della Tita le condizioni del Giappone sotto il r^ime 
delle più antiche stirpi fino al 645 dell'era volgare. 

Come abbiamo annunziato i precedenti volumi della nuova edizione 
della Oeschichte der Pdpste di Ludwig Pastor, così ora ricordiamo che la 
benemerita Casa editrice Herder di Freibui'g in Brisgovia ha dato in luco 
il A^ volume (4* edizione) di questo poderoso lavoro dell'illustre direttore 
dell'Istituto austriaco in Koma. Essendosi la Rivista storica con ampie re- 
censioni del prof. Gaetano Capasse nei volumi XI 1 e XVIII già occupato 
del contenuto dell'opera, ci limitiamo a rilevare che il volume IV contiene 
la Storia del papato dall'elezione di Leone X alla morte di Clemente VII 
(1513-1534); è diviso in due parti, di cui ora ò pubblicata la prima //©o X 
in un volume in-8, di pagine xviti-(309. 

Il prof. F. N. Nioollet fu indotto dalla recente pubblicazione della 
4 Genealogie do la famille de Flotte» per cura di J. Roman, a ricercare 
nella biblioteca * Mójanes d'Aix » di Provenza e a pubblicare un manoscritto 
contenente un'esposizione del processo e della morte di Balthazard de Flotte 
Montaubau, conte de La Roche, avvenuta durante il ministero Concini 
sotto la reggenza di Maria De' Medici. Tra i documenti pubblicati vi ha 
pure una lettera in italiano di Teofìlo Stefanio al conte de La Roche, che 
'fu prodotta nel processo di tradimento contro il medesimo. 

Tra le recenti pubblicazioni della Commissian filr neuere Geschiehte 
Oesterreichs va segnalata Peperà di Hans Uebei-sberger, Oeaterreich und 
Bussland seit dem Ende des 15 Jahrhunderts (Wien, Wilhelm Brau- 
miiller, 1906), dovuta alPiniziativa di 8. A. il Principe Franz di Liechten- 
stein. Il primo volume, testé edito, estende la narrazione soltanto dal 
1488 al 1605. Sono sette capitoli così intitolati : 1® la prima alleanza ai 
tempi di Ivan III e Massimiliano I d'Austria (1488-1506); 2<» Avanti e dopo 
il congresso di Vienna del 1515; 3<^ I^ guerra e il trono di Ungheria dal 
1526 e sua azione sull'Europa orientale; 4<» Alleanze delle famiglie Habsburg^ 
o lagellone; una mistificazione diplomatica e sue conseguenze politiche; 
5° Guerra per la Li venia ; 6'» Guerre elettorali in Polonia negli anni 1573-76; 
7* L'eredità dei Bjurik, ossia le interne agitazioni russo fino al 1605. 

I fase. 25 e 26 della collezione diretta dal dott. Ulrich Stutz, Kir- 
ehenrechtliche Abhandluiigen^ edita da F. Enke a Stuttgart, iniziano uno 
studio di vivo interesse per la storia delle relazioni fra lo Stato e la Chiesa 
cattolica negli Stati minori tedeschi della Confederazione. Il dott. Joseph 
Freisen consacra questo volume esolusivamente ai due piccoli stati di Lip|>e 
a Waldeck-Pirmont. Si delPuno come dell'altro Stato ci presenta nella prima 
parte della sua trattazione Pesposiziono storica ; mentre nella seconda, spo- 
gliando leggi e decreti, rintraocia le competenze ecclesiastiche nelPordina- 
mento parrocchiale, nella proprietà, nel matrimonio, nell'istrmione popolare, 
nei registri di stato civile, nel diritto di sepoltura e in tutti quegli atti 
misti, in cui più facilmente possono incontrarsi e urtarsi lo Stato o la 
Chiesa. 



Pinerolo, Tipografia Sociale. — Molino Girs'KppE. gerente responsahUe. 



Digitized by 



Google 



5. Tkmpi modekni (1402-1781». 

WiUianisonO, C, Franobsco Kaibolini called Francia (C. R.)fa^.4H 

Clausse G.^ Les San Gallo archi tectes, pointres otc. (P. Toesca) » 4i> 

Kitapp F., Fra Bartolomeo della Porta u. die Schule v. K. Marco (id.ì » 51 
Tkode H.y Michelangelo u. das Eude der Renaissance, voi. l-II (id.) » 54 

Curio jP., Storia della famiglia Cavassa (L. 0. BoUea) . , » 59 

CkicUtone />., La Casa CVivassa di Saluzzo (id.) . . . » 59 

Ghiattone D.^ Matrinioniana nel '500 in Saltizzo (id.) . • » , -'^^ 
Tormene jÌ., Il bailaggio a Costantinopoli di Girolamo Lippomano 

<^C. Mdnfroni) . » (i2 

Picco F., Salotti francesi o poesia italiana nel seicento (L. C. Bollea) » 64 

Fea P. , Tre anni di guerra e l'assedio di Torino del 1 706 (0. Rinaudo) > 66 

Fermi 6\, Lorenzo Magalotti (L. C. Bollea) . . . * 70 

Macckioro C?., Teorie e rìforùìf^ ecjonomicho ed» amministrative 

in Lombardia nel seo 18"» (G. Sangiorgioj . . . . ^ TI 

Xicolini F,, Vita 4» Pioiro Giannoue (M. Begoy) . . . » 74 

Cago 0.^ Intorno alPIstoria civile di Pietro Giannone (id.) . » 75 
Barbanti P, Il pubblico insegnamento in Lucca dal soc. XIV 

alla ftne del XVIII (A. Pellegrini) ^77 

Molfino C. F, Z,y Codice diplomatico dei cappuccini liguri: 

1530-1000 \fi. Bigoui) . . . . . . . » 79. 

^>. Periodo dblla rivoluzione francese (1789-1815). 

Oraziani f?., Austriaci e Francesi a Vicenza : 1796-97 (G. Roberti) » 80 
Oailavresi <?., Il diritto elettorale politico secondo la costituzione 

della repubbl. Cisalpina (G. Roberti) . . . . » 81 

Auriol Ch.^ La Franoe, l'Angleterre et Naples de 1803 k 1800 

(C. Rinaudo)' » 82 

Bannefons -4., Mario Carolino reine des deux Sioilcs (id.) . » 82 

Saharexxa C., Fazioni navali inglesi a Noli : 1808 e 1812 (É. G.) » SO 

7. Periodo dei, riìsorgimento italiano (1815-11K)5). 

Kriimer H., Il sec. XIX descritto e illustrato, voi. Ili (C. R.) » 88 

Giotannini A., Carlo Cattaneo economista (G. Sangiorgio) . » 89 

Zanieheili D„ Cavour (C. R.) . . . . . . » 92 

Mangini A,, F. D. Guerrazzi (E. Michel) . . » 93 

PeUixxaro G. B., F. D. Guerrazzi e le arti belle (id.) . » 94 

Momigliano F., Giuseppe Mazzini o le idealità moderne ^C. R.) » 94 
Fr, Guardioncj Giusep|)e Mazzini e il risorg. politico d'Italia (id.) » 94 
Maxxini G., Lettere ad Aurelio Saffi e alla famiglia Crauford (id.) » 94 
Sehpis F,, Vita e opere del conte Federico Sclopis (id.) . » 95 

Mari O., La mia vita militare (id.) » 96 

Bobba R.. Cinqtiant'anni d'insegnamento (L, C. Bollea) , . * 97 
Valli J/., Gli avvenimenti in Cina nel 1ÌK)0 e Fazione della 

r. marina italiana (C, Rinaudo) » 97 

Appendick » 99 

IL Elenco di 190 recenti pnbblicazioni di storia italiana . > 114 

III. Notizie e comunicazioni. — Congresso della Societìi storica 
subalpina. — I manoscritti della Biblioteca Moreniana. — 
Nuovo Rivisto. — Repertorio. Indice, Manuale bibliografico. 
— Archivio Muratoriano e Storia della Città di Castello. — 
Sociétó d''ótudos italiennos. — Poesie di mille autori intorno 
a Dante Alighieri. — Moyers grosscs Konversatious I^exicon, 

voi. Xll. — I^lbblicazioni varie » 124 



Digitized by 



Google 



r^ 



Indice generale della Rivista storica italiana 

tn 2 voltimi di pagine xxxvi-SQG, in-8. — Prezzo lire 24; agli 
Abbpnati della Riviata^ che ne facciano domanda direttamente 
alla Direzione, lire 20. 

ft un Indice aftktto diverso da quello delle altre Ras- 
segne^ Archivi e Giornali. Questi in poche pagine riehia- 
niaìio tutto il loro luatA^riale, e l'Indice serve solo a chi 
ne possiede la raccolta. Invece Plndlce della Rlvieta eterica 
italiana costifcuisce un lavoro autononio, indipendente 
anche dalla, sua collezione, ironie prospetto del movi- 
mento storico relativo all'Italia dal 1884 al 1901. 

Infatti l'Indice della Rivieta eterica porge in 22680 nu- 
meri, ripartiti sistematicamente in 60 gruppi, l'indicazione 
delle Memorie originali, delle Recensioni, e degli Arti- 
coli si>ogIiati da oltre 600 periodici in 18 anni di lavoro. 

È quindi indispensabile non solo agli Abbonati della 
Rivista storica, ma a tutti gli stmliosi di storia italiana. 

La Riviata eterica italiana si pubblica in tascicoli tri- 
mei; trai i di almeno otto fogli di st^impa in mai'zo, giugno, 
settembre, dicembre. — J*rezzo d'abbonament<ì lire 12 per 
ritraila e lire 14 per i Paesi esteri; fascicolo separato 
lire 3,50 all'interno e lire 4 all'estero. — Gli abbonamenti 
si incendono alla Direzione, Torino, via Broiferio, 3, e 
pressp i principali librai italiani e forestieri. 

Sono* insegati tutti gli Abbonati, che non hanno an- 
cora pagato l'abbonamento dell'anno corrènte, di volerne 
spedire senza ulteriore indugio l'importo, per regolarità 
di amministrazione. 

Si riterrà confermato l' abbonamento alla Rivista 
storica per l'anno 1006 a tutti gli associati dell'anno 
decorso, die non espresscn'o formalmente avviso contrario» 



Digitized by 



Google 






k» XXIII, 3* S. 




Voi. V, fase. 2 



RIVISTA STORICA 



ITALIANA 



PUBBLICAZIONE TRIMESTRALE 



DIRETTA 



Prof. COSTANZO RINAUDO 



CON LA COLLABORAZIONE Dr MOLTI CULTORI DI STORIA PATRIA 




Uìm 
MB 



DIEBZIONE 

Torino, Via Brofkerio, 3 

ieo6 



Digitized by 



Google 



INDICE DELLE MATERIE 



I. Recensioni e note bibliografiche. 

1. Storia gbnbralb. 

Beolus E. e Brunialti A., L'Italia, voi. II (C. R.) . . Pag. 129 
Fumo A.y II sentimento del mare nella poesia italiana (C. E.) » 130 
Monti S, , Storia ed arte nella prov. e diocesi di Como (E. Bqgardi) » . 131 
Faloei-Pulignani F,, Una pagina di arte umbra (E. Bonardi) » 134 
Buffa M.y Snsa nei tempi antichi e moderni (L. U.) . . » 136 
Moroxxo Della Rocca E.^ Le storie dell^antioa città del Monte- 
regale, in (A. Leone) » 137 

Vidal A,^ Il castello di Conegliano (A. Marchesi) . .• » 138 

iS/brxa<?., Storia di Pontremoli dalle origini al 1500 (E. Casanova) » 139 

Frati L., Storia di Castel' S. Pietro dell'Emilia (C. Manfroni) > 144 

— Nozze Petraglione-Serrano (C. R.) » 145 

2. Età preromana £ romana. 

Wissova G.^ Gesammelte Abhandl. z. rem. Relìgions-u. Stadt- 

geschichte (G, Oberziner) » 146 

Oberziner G., Le origini del cristianesimo nella critica e nel- 
l'ipercritica (G. Capasse) . . . . . . . » 148 

Leelerq H.^ L'Afrique chrétienne (F. Savio) . . . . ^ 149 

Labourt /., Ite christianisme dans l'empire perse sous la dy- 

nastie sassanide (F. Savio) > 149 

Dufourcq A., Saint Irenée (F. Savio) » 149 

Baudrillart J.., Saint Palili n évéque de Noie (F. Savio) . . » 149 

3. Alto medio evo (sbc. V-XI). 

Kretschmayr H., Geschichte von Venedig. Zum Tede Enrico 

Dandolos (C. Cipolla) » 1.52 

— Miscellanea di studi sa Paolino d'Aqaileia (C. R.) . . » 155 
Birot J., Le Saint Empire (8. Pi vano) . . . . . » 156 
Monod B.^ Le moine Guibert et son temps (C. Manfroni) . » 1.58 
Pivano S.^ Lineamenti storici e giuridici della cavalleria me- 
dioevale (L. U.) • . . . » 160 

4. Basso medio evo (sbc. XI-XV). 

Schultxe J., Die Urkunden Lothars III (C. Cipolla) . . » 163 
Ribaldi E,, Le sentenze dei Consoli di Milano nel secolo XII 

(G. Sangiorgio) » 164 

Goetx W.^ Die Quellen zur Geschichte des hi. Franz von As- 
sisi (M. Moresco) » 166 

Sabatier P,, Examen de quelques travaux récents sur les opus- 

cule de Saint Francois (M. Moresco) . . . . » 170 

Tardueci F,, Vita di S. Francesco d'Assisi (U. Cosmo) . > 171 

Tamassìa iV., S. Francesco d'Assisi e la sua leggenda (C. Manfroni) » 175 



Digitized by VjOOQIC 




RECENSIONI E NOTE BIBLIOGRAFICHE 



1. STORIA GENERALE. 

E. RECLUSe A, BRUNI ALTI, L'Italia nella natura, mila storia, 
negli abitanti, nell'arte e nella vita presente. Voi. IL Mi- 
lano, Società editrice letteraria, 1905. 
60. — Nel fascicolo 2*» del 1903 abbiamo annunziato questa 
notevole pubblicazione, descrivendo il contenuto del 1° volume. 
Ora è terminato il 2^, in 8» gr., di pagine 919 con 104 carte e 
128 illustrazioni. In appendice si dà la popolazione dei Comuni 
superiori ai tremila abitanti secondo l'ultimo censimento, e si 
aggiunge un indice alfabetico utilissimo alle ricerche. 

Questo volume prosegue la descrizione delle varie regioni 
d'Italia con questo ordine: Marche ed Umbria, Roma e il Lazio, 
Abruzzi e Molise, Campania, Calabria, Puglie, Basilicata, la Si- 
cilia e le minori isole meridionali, Sardegna e Corsica. In tutti 
i capitoli si segue lo stesso metodo di trattazione: descrizione 
deir Appennino nei varii rami, onde si compone, coi valichi e 
altezze principali, foreste, caverne, laghi montani; percorso dei 
fiumi coi loro affluenti, estuari, canali naturali e artificiali; con- 
dizioni del clima, maremme, paludi, malaria, bonifiche, condi- 
dizioni igieniche; geologia, miniere, vulcani, acque minerali; 
flora e fauna; littorale con i suoi accidenti naturali e i porti; 
etnologia di ciascuna regione, lingue e dialetti parlati ; agricol- 
tura, condizioni delle proprietà, contratti agrari; industrie ma- 
nufatluriere; vie di comunicazione, marina mercantile, com- 
merci; correnti dell'emigrazione, usi e costumi; descrizione 
particolareggiata storica» artistica ed economica delle città e 
anche dei villaggi notevoli per qualche riguardo in ciascuna 
delle città esaminate. 

A questa minuta descrizione analitica si a^iunsero in fine 
due capitoli, che forse avrebbero trovato miglior posto in prin- 
cipio dell'opera, di carattere generale; l'uno diretto a mettere 
in rilievo i dati principali risultanti dal censimento del 11X)1, 
HivUia storica italiana, 3» s., v, 2. 9 



Digitized by 



Google 



130 RECESSIONI E NOTE BIBLIOGRAFICHE — C. R. 

l'altro (in verità insufficiente) mirante a rappresentare il ca- 
rattere del governo italiano e Tordinamento deiramministra- 
zione. Le illustrazioni, tratte generalmente da ottime fotografie, 
sono assai numerose e ben riuscite, talune veramente splen- 
dide; prevalgono panorami di città, monumenti, castella, rovine, 
vedute complessive, costumi. Le carte sono in copia, ma di am- 
bito troppo ristretto ; forse l'opera sarebbe riuscita più completa 
e pratica, se si fossero intercalate vere carte geografiche rispon- 
denti al testo, tali da non rendere più necessaria la consultazione 
di un atlante. G. R. 



ALBERTINA FURNO, R sentimento del mare nella poesia ita- 
liana, Torino, G. B. Paravia e C, 1905. 

67. — Non è un lavoro storico nel significato ordinario 
della parola, ma può ritenersi tale, in quanto riflette Tanima 
poetica degli Italiani in rapporto al sentimento del mare. 

La colta e giovine scrittrice ha investigato con pazienza di 
erudita le rivelazioni poetiche di nostra gente, come si ricerca 
Tarchivio per ritrovarvi le testimonianze degli avvenimenti, 
ledendo innumerevoli opere poetiche e raccolte di canti tra- 
dizionali nei dialetti delle varie regioni. E il frutto delle sue 
acute e pazienti indagini distribuì in due parti : !• il sentimento 
del mare nella poesia popolare d'ogni regione d'Italia, interne, 
littoranee e insulari; 2» il sentimento del mare nella poesia 
letteraria, presso gli antichi, nel dugenlo, in Dante, nel Pe- 
trarca e nel Boccaccio, e nei secoli successivi, intrattenendosi 
più ampiamente sui poeti viventi, che distingue in tre gruppi : 
poeti che non sentono il mare, poeti che amano il mare ma 
non hanno sentimento navale, poeti del mare e della nave. 

L'una e l'altra disamina la guidano alla stessa conclusione: 
la maggior parte degli Italiani guardarono e guardano il mare 
con diffidenza e con odio; poche sono le regioni le quali con- 
siderino il mare come apportator di bene, e fra queste poche 
Napoli e la Sicilia son prime; la Liguria è la sola parte d'Italia 
ove si senta l'orgoglio e la forza d'un popolo marittimo. È 
d'uopo creare questo nuovo sentimento, fonte di nuova fede, 
perchè nel mare è la futura grandezza d'Italia. 

G. R. 



Digitized by 



Google 



STORIA GENERALE — S. MONTI 131 

SANTO MONTI, Storia ed arte nella Provincia ed antica 
Diocesi di Como. Como, Ditta editrice Ostinelli di Bertolini 
Nani e C, 1904. 

68. — Con un frontispizio a colori, forse non troppo degno 
della pubblicazione, in un volume in 8<» grande di pagine ix-567, 
ci compare quest'opera del dott. Santo Monti, un operoso illu- 
stratore di Como nella sua provincia e sua antica Diocesi. 

Infatti egli ha già scritto intorno a questo argomento pa- 
recchi volumi dottissimi ed interessanti : uno che contiene una 
raccolta di lettere latine del Giovio, un altro sulla cattedrale 
di Como, nel quale ha raddrizzato, coi documenti, molte opi- 
nioni erronee su di essa, con abbondanti commenti, due volumi 
intitolati Nlnguardia che sono la trascrizione di un Codice, che 
contiene gli Atti di una visita pastorale fatta per tutta la Dio- 
cesi antica di Como tra il 1589 ed il 93, molto interessante 
come inventario di materiale artistico e sacro ; onde egli trasse 
una descrizione delle ricchezze artistiche del Canton Ticino. Il 
Monti diede pure alla luce un numero grande di memorie e 
di scritti su documenti antichi rari, su codici sconosciuti, su 
monumenti romani e medievali come lapidi antichissime, ed 
una memoria sulla famiglia dei Bastiano conti di Chiavenna e 
< La riforma degli Statuti Comaschi » e molte memorie su Como 
e sui paesi della sua provincia. 

È adunque un lavoratore strenuo, che, propostosi per amor 
dell'arte e della storia, e più del natio loco, un campo relati- 
vamente misurato alle sue ricerche, lo ha frugato in tutti i 
sensi e lo ha nobilmente e compiutamente illustrato. 

Vediamo un pò* adunque come in questo suo lavoro rias- 
suntivo abbia raccolto l'abbondante messe delle sue ricerche. 



Premesso subito, che sebbene la forma esterna del grosso 
volume non lo lasci prevedere, basta sfogliarlo, attratti dalla 
seduzione delle sue 250 bellissime tavole, per ammirar la molte- 
plicità dei fatti artistici e storici, quasi interamente ignoti al 
solito pubblico colto, di cui egli vi raduna informazioni e notizie, 
quando non sono nuove opinioni e scoperte fatte da lui stesso 
colFindagine sui documenti. Tutti questi meriti di ricercatore 
e di critico felice non compaiono subito, anche perchè il volume 
organico nella sostanza, non è fornito di tutti i mezzi di far- 



Digitized by 



Google 



132 KECENSIOXI K NOTE BIBLlOORAnCHK — K. BOXARDI 

cene un concetto di cui si servono più abili sfruttatori dei 
proprii meriti dinanzi al pubblico. Una prefazione gentile, ma 
poco opportuna, degli Editori, e che solo ad avanzata lettura 
si intende che deve esser sincera, ci indispone da principio. 
Una tavola che ne dice la divisione dell'ampia materia, ma 
secca e schematica troppo, e due indici, uno delle riproduzioni 
in disegni e Taltra di uomini, di luoghi e di materie, non ci 
invitano a peYietrare il mistero delle circa 600 pagine fitte di 
stampa. E le divisioni che vi cerchiamo, appena si avvertono 
passando pagina per pagina il volume o sono, invero, troppo 
poche. L'Autore adunque non ha ancora l'arte di fare, e meno 
di presentare, il suo libro valoroso. 



Ed io dico valoroso, perchè ho visto pochi libri che diano 
tante notizie di fatti sconosciuti — almeno a me — e cosi lu- 
minosamente e dirittamente studiato; e questo è grande merito 
dell'Autore; se pure non lo è anche di questa nostra patria 
felice che studiata in ciascuna sua jjarte da diligenti ricerca- 
tori può serbar delle sorprese simili. Cosi qui si vede che in 
una provincia non delle più famose per le Arti Belle, finora, 
in Italia, ci sono tanti tesori artistici da degradarne un'intera 
nazione straniera di quelle più civili e più gloriose. Monumenti 
romani a iosa, citazioni di poeti e di scrittori tra i più insigni, 
ricchezza grande di architetture e di plastiche antiche, copia 
ingente di arazzi, di ori, di argenti, di arredi sacri rarissimi, 
di libri meravigliosamente miniati, pitture arcaiche od impor- 
tate o fatte da artefici delle altre regioni sorelle (Como e Ca- 
stiglione Olona informino) od appartenenti a pittori indigeni e 
pressoché sconosciuti sebbene valorosi. E freschi notevoli, al- 
meno per importanza storica, si vedono comparire ancora tra 
le tenebre dei primi anni del secondo millenio dell'era nostra ; 
e scuole anche nel secolo XIV di pittori che vanno a Firenze 
e sono incaricati di lavori dai Capitani di S. Michele, come 
quel Giovanni da Milano che era di Como, amico di Taddeo 
Gaddi, di cui parla il Vasari. 

Besozzo e Montorfano diedero anche valorosi pittori ed ai'- 
tisti; dal secondo paesello, che sta tra Erba e Como, uscì quel 
Paolino che fu famoso specialmente in dipingere sui vetri ed 
architetto del duomo di Milano. E tutta una serie di pittori 



Digitized by 



Google 



STOKLV QE-NEUALE — S. ilONTI 133 

valorosi cita il Monti che nella prima metà del secolo e più 
nella seconda, nativi di quella provincia, onorarono l'arte ita- 
liana: i nomi notevolissimi della scuola lombarda leonardesca 
vengono da ignoti paeselli della Diocesi di Como: Cesare da 
Sesto, Marco d'Oggiono, dei Solari di Campione del Lago di 
Lugano ed altri. 

E l'opera del Malacrida e le dinastie dei Recchi, dei Car- 
pani, che si prolungano gloriosamente dal secolo XVI al se- 
colo XVIII, son testimonianza dell'attività pittorica comasca 
che dal mille in qua fu feconda di opere nobilissime anche in 
quelle terre. E, per quanto si discuta, chi non sa le glorie dei 
maestri comacìni nei secoli più bui del medio evo e chi ignora 
che da Besozzo mosse la stirpe degli Antelami intagliatori precoci 
delle storie del Duomo di Parma? 



A parlarci di tutti i principali tesori di quest'arte che serba 
ancora la lieta e vaga regione Comasca, che non sono se non 
una parte della gloriosa Arte Lombarda, si indugia il nostro 
Autore innamoratamente per la ma^ior parte del libro, ten- 
tando, e riuscendovi assai spesso, ad identificarne od a correg- 
gerne la paternità mettendone in evidenza i pregi e dandone 
frequenti e pregevoli riproduzioni. Egli muove da quelli con- 
tenuti nella Cattedrale grandiosa e nelle basiliche della sua 
Città e procedendo per le pievi meno ricche, dove nulla sfugge 
alla sua attenzione, e finisce colle plaghe più ridenti e più sco- 
nosciute del Ceresio, del Lario, dell'Adda e della Mera, tra i 
colli ed i monti d'Intel vi e di Valsolda. 

E dinanzi ai nostri occhi estasiati sfilano nel volume del 
Monti la facciata del Duomo ed il Broletto di Como prima e 
dopo i recenti ristauri, le sue porte, i suoi monumenti od i 
suoi quadri del Luini e del Ferrari; e gli arazzi fiamminghi e 
di Ferrara e di Firenze, del secolo XVI, che la Cattedrale tuttora 
conserva. Poi le basiliche antiche del S. Fedele, di S. Carpoforo, 
di S. Abondio colle loro decorazioni del Morazzano e del Nu- 
volone; ed i resti delle costruzioni civili e guerresche del Medio 
Evo, ed i tesori pittorici che vi posseggono i privati tra cui la 
Strage degli Innocenti di Raffaello ed una Madonna bellissima 
del nostro Defendente e l'Arca d'Argento del Molo di Broglia, 
valentissimo cesellatore della Rinascenza. 



Digitized by 



Google 



ì'^4: RECKNSIONl E NOTE BIBLIOGRAFICHE — E. BOxVARDI 

Ma io non finirei più se volessi continuare in questo elenco 
delle opere d'arte squisite, in gran parte di epoche antiche (ma 
c'iiiche dei tempi moderni, quando son degne, come alcune 
del Vela, del Tantardini e del Carcano) che il nostro dotto Au- 
iure ci sciorina nel suo ricchissimo libro. Sono piviali e pia- 
neti, datate, meravigliose; sono bronzi ed argenti bellissimi 
come i calici di Ghiavenna e di Gravedona, sono Paci come 
quelle degli stessi due borghi e di molti altri paeselli, sono 
pizzi aerei e fantastici; sono interi corredi per le funzioni sacre 
di papi e di cardinali conservati per secoli e secoli I 



Quante ricchezze, in codesta regione, che passa ora più 
jicr una regione industriale che artistica! E quanta novità di 
dottrina in questo libro, che in altri paesi invece di costar 
tre scudi, ne costerebbe dieci e sarebbe di tanto più elegante 
e più seducente! 

Ma le condizioni nostre di popolo ricchissimo d'arte e po- 
verissimo di altro... non concederebbero ad una modesta Casa 
editrice di provincia neanche di far altrettanto e perciò io non 
^50 non lodarne vivamente, coli' Autore che ha dato tanto la- 
voro a quest'opera, anche l'Editore che ne ha arricchita la 
[pubblicazione. Certo essa, oltre al soddisfare ad un vivo bi- 
sogno della nostra cultura d'arte, gioverà molto, se sarà oppor- 
tunamente diffusa, come io auguro, a tutte le belle ed amene 
regioni che illustra cosi diffusamente. 

Ercole Bonardi. 



MICHELE FALOCI PULIGNANI, Una poffina di Arte Umbra. 

Foligno, Società Poligrafica Francesco Salvati, 1903. 

69. — In questa pubblicazione di circa trenta facciate di 
stampa in 4" piccolo con 8 riproduzioni di monumenti l'A. in- 
tende richiamar l'attenzione dei maggiori studiosi dell'arte 
jnedievale su certi luoghi remoti poco distanti da Foligno, che 
(■onservano ancora monumenti importanti di quell'epoca. 

I monumenti da lui riprodotti sono: la porta maggiore 
della chiesa di S. Michele in Bevagna, quella unica dell'alti-a 
thiesa di Bevagna pure dedicata a S. Silvestro, la porta della 
chiesa di Santa Maria di Spello, quella bellissima della facciata 
laterale del Duomo di Spoleto, e due sculture del Duomo di 



Digitized by 



Google 



STORIA GENERALE -— M. FALOCI PULIOXANI 135 

Foligno, tutte opere fatte intorno airanno 1200. Due ultime 
figure riproducono un sigillo di Foligno che reca Taquila im- 
periale. Autore della 1* porta del S. Michele ed autore pure 
della chiesa, con un certo Rudolfo, è Maestro Binello che 
troviamo citato anche autore del S. Silvestro, perchè allora 
gli architetti erano insieme marmorari e costruttori. Alla stessa 
arte, forse alla stessa officina, appartengono la porta di Santa 
Maria di Spello e quella bellissima della facciata minore del Duomo 
di Foligno, secondo che l'A. assicura. Altri artisti ricorda, fra 
cui (XtvioAtto che costruì la chiesa e la finestra della chiesa di 
Dovara, vicina a Bevagna, e certo Filippo che a S, Giovanni 
Profìamma poco lontano dairantico Forum Flammii nel 1231 
scolpiva rimagine del vescovo fondatore del tempio, e che ha 
sculture sue ad Ancona nella cripta del Duomo e nella ricca 
chiesa di Santa Maria del Pop(»!o che egli decorò. 

Tutti questi scultori, che hanno sparso T Umbria e non 
solo rumbria dei loro lavori, TA. crede che uscissero da una 
scuoia di Foligno, che non è la scuola, a cui qualche altro 
scrittore accenna derivata per lunga decadenza da quella clas- 
sica che ha lasciato frammenti del secolo IV e V correttissimi 
ed eleganti che troviamo qua, là anche o inseriti nei monu- 
menti nuovi come la chiesa di Dovara ; ma è invece una scuola 
sorta, secondo TA., dopo il mille, nel fremite di arte nuova 
che risvegliava allora T Italia. Ed avrebbe avuto il merito di 
comprendere che non bisognava inventare allora, ma imitare i 
classici e forse avrebbe fatto molto di più se a Roma i cosmati 
e a Firenze i Toscani, che lavoravano in Assisi, non avessero 
offuscato Tordine di Binello, di Rudolfo e degli altri. 

• 

Una seconda parte deirarticolo ha un'importanza più che 
artistica, storica, e riguarda le due sculture nella porta del 
Duomo di Foligno rappresentanti una un imperatore e Taltra 
un vescovo. In quelle due figure si devono vedere, secondo 
l'À., nella prima l'imperatore Federico II, che fu allevato a Fo- 
ligno, città ghibellina, sotto la tutela della moglie di Corrado 
di Spoleto, come appare da una lettera memore del 1240 che 
l'imperatore mandava ai Folignati, e nella seconda il vescovo 
Anselmo fondatore del Duomo. 

Ed altre prove del ghibellinismo di Foligno e delle terre 
che dipendevano da lei, come Bevagna, il cui possesso le era 



Digitized by 



Google 



136 RECENSIONI E NOTE BIBLIOGRAFICHE — L. U. 

stato concesso nel 1177 dal Barbarossa, sono prima che nel 1195 
fabbricando visi la chiesa di S. Silvestro riscrizione cita l'impe- 
ratore Enrico e non il Pontefice regnante; e seconda quella 
del suggello di Foligno, che nel suo recto introduce l'aquila 
imperiale. Ercole Bonardi. 



M. BUFFA, Susa nei tempi antichi e moderni. Susa, Gatti, 1904. 

70. — L'Autore, illustre figlio della generosa Susa, di cui 
fu parecchie volte Sindaco, fu essenzialmente indotto a questo 
suo lavoro dall'amore vivissimo pel luogo natio, amore che 
spira potente ad ogni pagina del libro; e questo sentimento 
nobilissimo gli accattiva la simpatia e l'indulgenza del critico, 
il quale in questo volume non deve cercare quel che non c'è, e 
non poteva forse esservi, dati i modesti propositi e l'imprepara- 
zione dell' A.; non deve cercare la storia di Susa, sia pure compen- 
diata e ristretta, ma deve star pago di trovarvi una miscellanea 
di memorie e d'appunti intorno a fatti e uomini e cose che in 
qualche modo possono destare interesse e curiosità nei Susini. 

Sono 52 capitoli che trattano i più svariati argomenti. I 
primi tre, in quindici brevi paginette, dicono le notizie topo- 
grafiche, le origini di Susa, le capitali vicende che le tocca- 
rono da Gozio fino ai tempi recenti ; e poi vengono descrizioni 
di monumenti antichi, di fortificazioni, di chiese; relazioni di 
solennità e di feste; inaugurazioni di ferrovie e d'illuminazione 
elettrica; biografie d'illustri Susini morti e viventi; cenni sulle 
istituzioni pie; fatti di cronaca cittadina; notizie statistiche, elenchi 
di Deputati e di Sindaci; e in mezzo a tutto ciò, in un capitolo, 
Curiosità storiche, si accenna a qualche episodio di storia locale. 

Nella descrizione d'avvenimenti contemporanei, cui è de- 
dicata la maggior parte del volume, l'A. si è assai giovato dei 
suoi personali ricordi, e vi ha innestato la riproduzione di 
discorsi, suoi ed altrui, di Sindaci e d'altre Autorità, di mani- 
festi ed atti ufQciali, di poesie d'occasione, d'articoli di gior- 
nali; per le memorie più antiche si valse d'opuscoli e mano- 
scritti di studiosi Susini, riproducendone spesso delle intiere 
pagine, onde il suo risultò, in gran parte, lavoro di mosaico 
e d'intarsio. 

Non per questo vuol esser negato ogni merito al Buffa, il 
quale, se non ha recato agli studi storici che uno scarso con- 
tribut , ha però compilato un lavoro che tornerà gradito e non 
inutile a' suoi compaesani. L. U. 



Digitized by 



Google 



STORIA QENBBALE — K. MOBOZZO DELLA ROCCA 137 

EMANUELE MOROZZO DELLA ROCCA, Le st07*ie dell'antica 

città del Monteregale (ora Mondom). VoL III, P. I'. Mon- 

dovì, Fracchia, 1905, pag. xi-320. 

71. — In mezzo ad una vasta tela, comprendente gli av- 
venimenti che specialmente nel Piemonte si svolsero dalla ca- 
lata di Enrico VII di Lussemburgo al cessato dominio angioino, 
Y*è la parte relativa a' mutamenti di regime a cui andò in quel 
periodo di tempo (1310-1382) soggetta Mondovì. 

Periodo irto di difficoltà per lo storico, dolorosissimo per 
le terre subalpine, se si pensa alle continue guerre di cui eran 
capi i marchesi di Saluzzo e di Monferrato, i conti di Savoia, 
i principi di Acaia, gli Angioini e i Visconti, che desolavano il 
paese sopra tutto colle compagnie mercenarie avide di preda e 
di turpitudini; se si pensa alle disputate città, ogni dì mutanti 
ambiziosi signori, costrette a gravi imposizioni e spettatrici in- 
differenti di leghe, le cui conseguenze erano assedi, tradimenti, 
battaglie e saccheggi. Tutto il periodo è un continuo cozzo 
d'armi, ed il Della Rocca ce lo ritrae fedelmente con molti 
particolari; attraverso ad esso non una voce di mitezza e di 
pace si eleva ; pare che uomini e donne di quel tempo non sa- 
pessero quietare: davvero, neanche le donne, perchè ognun sa 
quanto abbiano contribuito a caratterizzare quell'età guerriera 
— a parte Giovanna di Napoli — i nomi dell'audace Sibilla del 
Balzo e dell'intrigante Margherita di Beaujeu. In Piemonte tutto 
quel lavoro preparava — sia pure con incoscienza di chi vi 
partecipava — la formazione del grande principato. 

Ma i cenni che al vero argomento si riferiscono sono pochi, 
e si riducono ai seguenti: Enrico VII concede ad Amedeo V di 
Savoia il Comune di Mondovì, che ciò non ostante si mantiene 
sotto la doppia sovranità di Napoli e del vescovo di Asti ; ad 
entrambi anzi si manifesta sinceramente devoto, tanto da non 
dipartirsi nemmeno dall'obbedienza della regina Giovanna quando 
già son cadute in mani altrui altre gemme subalpine della co- 
rona angioina ed è pericolosa la resistenza ; solo quando abban- 
donato a sé e quando non era più possibile fare altrimenti si 
dona — riservati i diritti temporali e spirituali della chiesa 
d'Asti — ai Savoia prima, e, successivamente, ai Visconti ed 
ai marchesi di Monferrato. Ma questi ultimi non seppero dispu- 
tarlo a lungo alla regina, i cui rappresentanti, dopo nove anni 
d'abbandono della città, son ricevuti in trionfo dai Mondoviti 
giubilanti: passan nuovi anni, e, non protetta da Angiò, la so- 



Digitized by VjOOQ IC 



fB)^ BECEX8I0NI E NOTE BIBLIOGBAFICH£ — A. LEONE 

vr:inìtà dei Visconti, poi dei marchesi dì Monferrato è ricoao- 
Sii uta ancora una volta dal Comune, intanto che Amedeo VI 
van trattati e colle armi va raccogliendo su di essa nuovi diritti. 

Ebbene, questa parte, che dovrebbe essere il pernio della 
tiar razione storica, rimane nel gran quadro troppo secondaria, 
soffocata, cosi com'è, da soverchia mole di notizie, estranee al- 
Targomento, notizie però sempre desunte dalle migliori recenti 
jHibLlicazioni. 

Per questa ragione e per lo scrupoloso rispetto che TA. 
móstra per Tordine cronologico de' fatti, il racconto procede 
[orzatamente spezzato. Malgrado ciò e non ostante qualche 
laia scorrettezza nella ortografia di nomi propri (Gilio e 
<Hllio, pag. 156 — Robino del Pino, D'Asperin, d'Asperin, 
Asperin, pag. 162 e 164 — Giovanni di Varax e Giovanni di 
Varache, pag. 275) e qualche affermazione forse un po' arri- 
schiata, il lavoro di E. Morozzo Della Rocca rimane ricca e 
buona miniera di notizie a cui lo studioso potrà ricorrere con 
indiscusso vantaggio, specialmente quando il volume (con i 
prL^cedenti e con quello che ancora deve seguire) venga cor- 
redato di un particolareggiato indice alfabetico di nomi di per- 
mne e di paesi a cui nel testo si è fatto accenno. 

Oltre le succinte note in fine d'ogni capitolo, chiudono il 
libro un appendice di ventinove documenti e quattro accurate 
tavole genealogiche sui marchesi di Ce va. 

A. Leone. 



A. VIDAL, Il castello di Conegliano. Gonegliano, stabilimento 
arti grafiche, 1905. 

72. — In questo elegante volumetto, ornato di parecchie 
carte illustrative, il sig. A. Vidal, sull'appoggio dei documenti, 
tense, in uno stile semplice e chiaro, la storia del castello e 
d^l comune dì Gonegliano. 

U castello, edificato nell'epoca delle invasioni ungariche, 
vide, un po' alla volta, sorgere intorno a sé un grosso borgo, 
che, per qualche tempo, visse di vita propria e sostenne non 
|HM'he lotte colla vicina città di Treviso. Assoggettato infine da 
iiuoiita, passò successivamente sotto varie dominazioni, quali 
rìm[)eriale, la scaligera, la carrarese, l'ungherese e l'austriaca, 
tinehè nel 1389 obbedì definitivamente alla repubblica veneta, 
della quale divise la buona e l'avversa fortuna. 



Digitized by 



Google 



k 



STOUIA GENERALE — 0. SFORZA 139 

Conegliaao, patria deirìnsigne pittore I. B. Cima, sog- 
giorno prediletto del Tiziano, del Pordenone e deirAmaltéo ed 
importante centro industriale e commerciale, decadde insieme 
colle altre città venete, allorché cominciarono a venir meno 
la potenza e la floridezza della regina deirAdriatico. A poco 
a poco, il castello, per opera degli stessi Podestà veneziani, 
rovinò, e disparve poi anche la vecchia città, di cui oggi re- 
stano soltanto poche vestigia e qualche monumento. 

Lodi sincere pertanto spettano al sig. Vidal, che, in questa 
erudita monografia, ha saputo far rivivere Tuno e l'altra di- 
nanzi alla nostra mente. A. Marchesi. 



SFORZA GIOVANNI, Storia di Pontremoli dalle OìHgini al 

1500, Firenze, Franceschini e C, 1904. In 8% di pp. 862 

con 12 tavole. 

73. — Molti anni dopo le Memorie e documenti per ser- 
vire alla storia di Pontremoli viene alla luce la prima parte 
della medesima opera, che comprende, appunto, la storia di 
quella città dalle origini alla fine del secolo XV, quando ri- 
sorse dalle ceneri e cominciò la vita ch'è più o meno nota 
agli studiosi. Il lungo intervallo, trascorso fra la comparsa 
del primo volume e quella del secondo, fu utilmente impiegato 
dairautore a contijiuare le ricerche, che gli avevano sommi- 
nistrato il materiale pubblicato nelle Memorie, ad estenderle 
in moltissimi altri depositi di documenti e a far tesoro delle 
nuove pubblicazioni italiane e straniere, che in qualche tnodo 
avevano relazione colla città, intorno alla quale si affaticava, 
forse colla speranza di sapere nuovamente scoperte carte finora 
ignote smarrite, che gli giovassero per dettare più comple- 
tamente la storia di Pontremoli. Larga messe, infatti, di no- 
tizie riusci a mettere insieme nel tempo della sua aspettativa; 
ma, pur troppo, si confermò altresì neir opinione che, fuori dei 
documenti da lui conosciuti, raccolti e pubblicati, nuir altro sussi- 
steva che si riferisse alle vicende del periodo più oscuro della 
vita pontremolese. Tutto il resto fu distrutto nelle guerre, nei 
saccheggi e segnatamente nello spaventoso incendio che nel 1495 
appiccarono alla città le genti di Carlo Vili, fuggenti dal Reame. 

In tali condizioni di cose può dirsi che lo Sforza abbia 
compiuto un vero miracolo per ritessere, da tracce fugaci, la 
tela sopra la quale si disegnò la vita di Pontremoli nel medio 
evo: ed il merito di lui ne viene grandemente accresciuto. 



Digitized by 



Google 



140 RECENSIONI E NOTE BIBLIOGRAFICHE — E. CASANOVA 

Volendo scrivere un'opera, -che andasse per le mani di 
tutti, egli ha creduto bene di rendere anche Taspetto del libro 
tale da non intralciarne la lettura ne spaventare i lettori con 
la soverchia e minuziosa erudizione delle note. Anzi, queste, 
per quanto numerose, come per provare che ogni asserzione 
v*è abbondantemente documentata, sono tutte cacciate in fine 
dei singoli capitoli, nei quali si divide il volume, insieme coi 
nuovi documenti rinvenuti dopo la pubblicazione delle Memorie. 

E, poiché alcuni argomenti richiedevano, si, una maggiore 
trattazione, ma, però, senza che ne scapitasse Teconomia della 
narrazione, cosi, in una serie di appendici li ha collocati e di- 
scussi, dove potrà esaminarli l'erudito, cui interessino, senza 
che il comune lettore ne sia distratto. 

Dopo aver ricordato la postura di Pontremoli, in Lunigiana 
nell'alta valle della Magra e a cavaliere delle strade che, per 
il Bratello o la Gisa, conducono dalla Toscana nella valle del 
Po e precisamente a Piacenza e a Parma; dopo avere accennato 
alle ultime vicende dei dintorni, all'antico ordinamento del 
comune, e a tutto quanto nella topografia dei luoghi possa in- 
teressare, lo Sforza espone come per lungo tempo si sia cre- 
duto che nella località, dove sorge la città di Pontremoli, gia- 
cesse Apua, capoluogo antichissimo e potentissimo dei Liguri 
Apuani. Non ostante la credulità di molti, l'Averani, dapprima, 
e poi, il Bologna e il Gerini, a' quali s^unisce ora lo Sforza, 
dimostrarono però che tale opinione non è se non una delle 
solite invenzioni di frate Annio da Viterbo; e che quindi non 
deve pitb essere accolta dagli studiosi. - 

Pontremoli nacque e si svolse molto più tardi, quantunque 
ancora sotto i Romani avesse le sue lontane origini. Lo Sforza 
ritiene fosse allora una delle numerose mansiones costruite 
lungo le strade pubbliche a fermata e ricovero dei viandanti; 
e stima che da un ponte (porus tremulus)^ gettato sui fiumi 
della regione, assumesse il nome la niansio, accresciuta da altri 
fabbricati, sorti intorno e vicino. Apparteneva al comitato di 
Lunigiana, fin dal secolo X soggetto ai conti-marchesi, discen- 
denti da Oberto, capostipite di numerose famiglie feudali di un 
lato e dell'altro dell'Appennino: fra le quali basti rammentare 
quelle dei marchesi d'Este e Malaspina. Ricordata, per la 
prima volta, nel 1014, quando due parti della gabella della sua 
strada furono assegnate alla Badia di Leno, nel Bresciano; e, 
poi, nel 1077, come sottoposta all'autorità dei figli del mar- 



Digitized by 



Google 



STORIA OENEBALE — O. SFORZA 141 

chese Azzo d'Este, Pontremoli non soggiace a lungo né a questi 
ne ad altri signori, anzi, si costituisce in libertà e procura di 
abbattere il dominio dei Malaspina che d'ogni intorno la stringe. 

Nella guerra tra il Papato e T Impero, parteggiò pel pon- 
tefice; e, nel 1110, sbarrò il passo all'imperatore Arrigo V. 
Poco più di 50 anni dopo questa data, nel 1167, il Comune ot- 
teneva da Federico Barbarossa la conferma delle sue franchigie 
con un ampio privilegio, che lo Sforza esamina partitamente. 
Tal favore non trattenne i pontremolesi dairimpedire il passo 
all'imperatore di ritorno da Roma, probabilmente per consiglio 
della Lega lombarda, che, potente, incitava, consigliava e rap- 
pattumava le terre vicine per costituirle a difesa della giurata 
libertà. Nella città stessa e nella Lunigiana ad impedire le 
discordie civili, che spesso divampano e indeboliscono il Co- 
mune e le varie terre, sorge ad esempio di quella di Lucca, 
ma con ordinamento diverso, istituzione de' treguani, che 
non ha riscontro altrove che mi sappia, e che, per l'interesse 
che suscita, merita tutta l'attenzione degli eruditi. 

L'influenza in Lunigiana della Lega lombarda ricorda la 
continua tendenza naturale ed ecunomiòa di Pontremoli, in quei 
secoli, di spingersi verso Piacenza o verso Parma, e viceversa 
gli sforzi di queste due città per disputarsi l'amicizia di Pon- 
tremoli e insignorirsi dei passi dell'Appennino. In questa ten- 
denza sta la ragione di tutte le guerre che questa sostenne. 

Fin dal 1173, collegata con Piacenza, combattè contro Parma; 
né cessò, fìnchè Piacenza, abusando della sua lealtà, non si rese 
padrona del castello di Grondola, a cavaliere della strada del 
Bratello, e non ebbe disgustata Pontremoli. Le ostilità allora 
scoppiarono fra gli antichi collegati. Nel 1249 avendo i Par- 
migiani, alla loro volta, ripetuto il giuoco di Piacenza per il 
castello di Grondola, i pontremolesi da loro si staccarono. 
Data in feudo, nel 1251 al conte di Lavagna, Niccolò de' Fieschi, 
ma più di nome che di fatto, Pontremoli si vede aggredita 
nel 1288 e asso^ettata dal marchese Manfredo Malaspina, che 
ne rimase signore fino al 1293, quando la città insorse e si 
pose sotto la protezione di Lucca. 

Assediata e presa dalle genti di Arrigo VII, l'imperatore la 
diede al figlio di Niccolò de' Fieschi, al cardinale Luca de' 
Fieschi, nipote di Adriano V; il quale prese a governarla, po- 
nendo fine al libero comune di Pontremoli. 

Dopo una serie di oscure vicende, di discordie, di guerre 



Digitized by VjOOQIC 



142 RECENSIONI E NOTE BIBLIOGRAFICHE — E. CASANOVA 

offerte, i pontremolesi si diedero nel 1321 a Gastruccio Ca- 
Mracani degli Antelminelli, che vi costruì il castello di Cac- 
ciaguerra ed assicurò un breve periodo di pace alla misera 
fitta. Lui scomparso, se ne insignori Lodovico il Bavaro. Ma 
insofferenti di tale signoria, i pontremolesi ne cacciarono, nel 
1329, il vicario per darsi a Rolando de' Rossi, signore di Parma. 
Giovanni di Boemia investi i Rossi non solo di Pon tremoli ma 
ancora di Lucca, e, perciò, attrasse sul loro capo l'ira e la 
gelosia degli Scaligeri che s'impadronirono dell'una città e 
(all'altra. Ma il malgoverno e la tirannia di questi nuovi si- 
gnori, come fece col legare contro di loro tutti i vicini, cosi 
spinse i pontremolesi ad abbatterne la potenza e a darsi ai 
Visconti. Sotto questi, gli ordinamenti della città furono riveduti 
e confermati, i suoi statuti redatti (1391). Il successore di Gio- 
vanni Galeazzo Visconti, Giovanni Maria non seppe impedire 
che nella città risorgessero le antiche discordie; delle quali 
approfittando, Giovanni Luigi de' Fieschi s'impadronì di Pontre- 
moli e se ne fece signore. Durò la sua signoria fino al 1429, 
i[uando il Piccinino per Filippo Maria riprese la città, che 
d'ora innanzi fu legata ai destini dello stato di Milano. Nel 
1495 gli Svizzeri di Carlo Vili, che per la loro prepotenza 
avevano ricevuto, all'andata, una dura lezione dai Pontremolesi, 
tornando dal Reame di Napoli, presero e saccheggiarono la 
città, come è già stato detto e vi diedero fuoco. L'incendio, du- 
ratovi tre giorni, tutta la distrusse. Risorse nel 1496; e appena 
cominciava a rivivere, quando un altro Gian Luigi de' Fieschi, 
alla notizia delle prime sconfitte di Lodovico il Moro, procurò 
di rendersene padrone. I pontremolesi lo prevennero, dandosi 
invece alla Francia. 

A questo punto cessa la narrazione dello Sforza, come già 
:ibbiamo accennato, ma non il volume. Nelle appendici ristudia 
dapprima la questione dell'origine di Pontremoli, a proposito 
di una lettera del 24 giugno 1730 di Lodovico Antonio Mura- 
tori al marchese Camillo Canossa; nella quale il grande sto- 
rico, rispondendo ad una domanda rivoltagli a scopo araldico, 
dimostra di dubitare dell'esistenza di Apua e dichiara di rite- 
nere Pontremoli sorta vicino a un ponte tremante (pons tre- 
fnulus)j come sostiene ora lo Sforza; mentre Brunone Bianchi 
la crede costruita vicino a un ponte di Remolo. 

Esaminando, poi, gli itinerari di Sigerico, vescovo di Can- 
terbury (990), di Nicolò, abate di Thingeyar (1154-59), di Ric- 



Digitized by 



Google 



STORIA GENERA LG — G. SFORZA 143 

cardo Divisiensis (1191), di Matteo Paris (1253), il « Frammento 
Fantuzziano », gli « Statuti di Parma *, ecc., Tegregio A. ritrova 
e interpreta i luoghi della Lunigiana e Pontremoli, citati in quelle 
fonti raramente esplorate dagli studiosi ; e discute delle comuni- 
cazioni per il Mont« Bardone, e per la nuova strada della Cisa. 

Goll'occasione di ricercare quale fosse la più antica pieve 
del Pontremolese, lo Sforza espone quindi brevemente la storia 
ecclesiastica della regione, che da Luni trae il nome, fin dalla 
venuta di Rutilio Namanziano, nel 416, e dai primi vescovi di 
questa città. Il vico romana d'Urceola, capoluogo del paffo 
omonimo, oggi detto Saliceto, vicino a Pontremoli, ebbe la più 
antica pieve del Pontremolese. San Gassiano di Saliceto estese 
la propria giurisdizione sopra tutti i dintorni e diede vita alle 
singole pievi, che a poco a poco se ne staccarono; Saliceto 
stessa fu assorbita dalla sorta Pontremoli. 

A queste notizie, s'aggiungono quelle relative ai ricordi arti- 
stici e simbolici che si trovano in quelle varie pievi, fra i quali è 
notevole il laberinto scolpito sulla facciata di S. Pietrose Confletu. 

Dopo una breve esposizione del dominio di Carlo I d'Angiò 
su Pontremoli e dell' infeudazione fattane da lui ai Fiaschi, la 
quinta appendice porge un quadro interessantissimo della vita 
a Pontremoli nel medio evo cosi dal lato politico, come da 
quello economico e sociale; ne espone gli ordinamenti, ricorda 
gli uomini e le famiglie illustri della città, gli usi e costumi, 
i progressi della civiltà, ecc. E nell'ultima appendice, sotto il 
pretesto di memorare la chiesa e il convento della SS. Annun- 
ziata presso Pontremoli, frequentatissima dai fedeli che accor- 
rono a venerarvi la celebre immagine dell'Annunziata, l'Autore 
ci dà una storia artistica di Pontremoli, riconnessa a tale con« 
vento, che merita l'attenzione degli eruditi. 

Chi legga questa nostra breve esposizione si farà facilmente 
un concetto deUa vastità del lavoro dello Sforza; il quale non 
ba trascurato di trattare alcun lato della storia, ma tutti li ha 
contemplati e discussi con quella dottrina e quella profonda 
conoscenza dei documenti e del paese, ch'è tutta sua. Ancora 
una volta egli ha dato prova della sua formidabile erudizione 
storica e della mirabile conoscenza, che possiede della biblio- 
grafia non solo italiana ma straniera, relativa al suo argomento. 
Sicché l'opera sua gli acquista un nuovo titolo alla riconoscenza 
degli studiosi: i quali, leggendola, ne trarranno preziosi am- 
maestramenti. E. Casanova. 



Digitized by VjOOQ IC 



144 RECENSIONI E NOTE BIBUOORAnCHE — C. MANFRONI 

I RATI LODOVICO, StotHa documentata di Castel S. Pietro 

delV Emilia. Bologna, Zanichelli, 1904. 

74. — E' questo già il terzo volume che Lodovico Frati 
*!ci a quella Biblioteca storica bolognese, che, istituita pochi 
anni or sono, conta già pregevolissime monografie. Un volume 
che abbiamo ora sottocchio comprende la storia d'uno dei Co- 
iiiuni poco distanti da Bologna, Castel San Pietro, il cui mu- 
nicipio nel 1899 per celebrare il settimo centenario della sua 
fondazione bandi un concorso a premio per il miglior lavoro 
cho ne illustrasse la storia, segnando nel programma ben otto 
parti (genesi storica, vicende politiche, vita civile ed econo- 
miche, privilegi, biografie e bibliografìa degli uomini illustri, 
opere d'arte, indici). Vincitore del premio fu il valente pro- 
li^ssor Frati, il quale, seguendo i consigli della commissione 
iriudicatrice, ha ora lievemente mutato nella stampa lo schema 
iìol lavoro, quale egli in omaggio alle condizioni del concorso 
Faveva concepito. Tuttavia l'ampiezza del disegno imposto dai 
committenti fa ancor oggi risentire qualche inconveniente. 

Infatti per necessità il Frati, che ha un'ottima prepara- 
zione per la storia moderna, ha dovuto impelagarsi in que- 
stione di etnografia e di archeologia, parlarci di Liguri, di 
Umbri e di Etruschi, di Galli, di Romani e necessariamente 
limitarsi a cenni rapidissimi, e che, pur fondandosi sull'auto- 
rìtà di ben noti archeologi, lasciano talvolta qualche dubbio. 
K chi compari queste prime pagine del lavoro con quelle che 
il Frati scrive, ad esempio, per la storia medioevale, si accorge 
tosto come le prime manifestino lo sforzo di chi a disagio si 
njuove in un campo che non gli è famigliare. 

Ma, usciti dal primo capitolo, che, dato il programma di 
concorso doveva necessariamente riuscire imperfetto, quando si 
vìone alle Vicende storiche e politiche, del Comune, il Frati ha 
campo di mostrarci la sua consueta diligenza e le sue doti di 
studioso. La storia di Castel San Pietro non presenta invero 
sinj^olari difficoltà, che, sorta intorno al 1200 per deliberazione 
del comune di Bologna, la città non ebbe casi molto notevoli; 
lìi, come tutti gli altri Comuni vicini, presa e occupata più 
volte dai nemici di Bologna, specialmente nel secolo XIV; fu 
feudo di Braccio da Montone; venne in soggezione del papa, 
li perduta, ripresa, saccheggiata dal Valentino, teatro di una 
battaglia fra Spagnuoli e Austriaci durante la guerra di succes- 
hioiie austriaca, occupata dai Francesi nel 1796. Ma il Frati, 



Digitized by 



Google 



STORIA GENERALE — VARE 1^5 

ricercando negli Statuti, nei registri deirArchivio, nei mano- 
scritti della Biblioteca, è riuscito e raccogliere ed a disporre 
in bell'ordine ampia messe di notizie nuove, e relativamente 
importanti. 

Ma non so comprendere come il F. accetti ciecamente la 
notizia di una delle sue fonti, che Castel San Pietro sia stato 
teatro di una battaglia nel 1732 fra Tedeschi- e Spagnuoli. Per 
quanto mi consta nel 1732 in Italia v'era pace perfetta e la guerra 
di successione polacca cominciò solo nel 1733, né ch'io sappia, 
toccò il territorio bolognese. Si tratterebbe forse di un errore 
e non sarebbe la presunta battaglia del 1732 quella stessa che 
due pagine dopo l'autore ci narra come avvenuta nel 1742 fra 
gli Austro-Sardi e gli Ispano-Napoletani ? Secondo me anche 
il Frati dev'essersi domandato a qual guerra si riferisse la no- 
tizia da lui trovata nell'Arch. municipale di Castel San Pietro, 
perchè ne discorre in termini vaghi e tali da farci compren- 
dere che si trovava, scrivendo, molto imbarazzato: Memorabile 
dev'essere stata certamente la battaglia etc. ». Ma bastava 
ricorrere, in mancanza d'altri autori, al Muratori, al Botta, al 
Ufuente, a qualche altra storia generale o speciale, per isco- 
prire che nel 1732 non si erano combattute battaglie e correg- 
gere Terrore del manoscritto. Tolto questo inconveniente, trovo 
il lavoro, in tutte le sue parti, accurato, minuto, ricco di no- 
tizie. Abbondantissima è la parte bio-bibliografica: ma certo 
non può esser completa, perchè per alcuni autori il F. dà 
anche il catalogo dei mss. servendosi del Mazzatinti e di altri 
inventari: ma dove il Mazzatinti non è arrivato ancora? 

Terminerò notando che alcuni dei documenti pubblicati in 
appendice mi sembrano assai notevoli per la storia del costume, 
delle armi, dei prezzi del mercato, e specialmente quelli che 
si riferiscono al sec. XV. G- Manfroni. 



Nózze Petraglione-Se^v^ano, XXI settembre 1903. Messina, F. 
Nicastro, 1903. 

75. — Seguendo una gentile usanza, parecchi amici offer- 
sero al signor Giuseppe Petraglione nella ricorrenza delle sue 
nozze con la signorina Serrano un mazzo elegante di studi let- 
terari e storici, che annunciamo un po' in ritardo, perchè tardi 
ci pervenne il volume, meritevole di essere ricordato. 

Sono tredici saggi, dei quali cinque hanno carattere più 
Rivuta storica italiana, 3» S., v, 2. 10 



Digitized by 



Google 



i46 ' HBCENSIOXI E NOTE BIBLIOQ RAUCHE — C. R. 

strettamente letterario: A. Restori, Gatte de la Tor; G. Cane- 
vazzi, Un serventese del quattrocento; V. Gian, Varietà poe- 
tica del 500; G. Natali, // bastone pedagogo, noterella pari- 
niana; E. Strinati, Due poeti; due si riferiscono al folk-lore 
salentino: F. D'Elia, Don Prèstule; T. Nutricati, Il ritmo 
lìoetico e la rima nel parlare dialettale salentino. 

Appartengono propriamente alla storia sei saggi, cioè i lavori 
di G. Romano, Per la dote d'Ippolita Simonetta, figlia di Cicco 
Simonetta (Maneggi del cx)nte di Emden, marito d'Ippolita, per 
averne la dote dopo l'arresto del padre); P. Schubring, La 
strage d'Otranto nell'arte del quattrocento (Cerca di collegare 
l'ispirazione di parecchie opere d'arte della fine del 400 con 
l'orrenda strage di cristiani fatta in Otranto dai Turchi nel 1480); 
V. Labate, Frammenti di cronaca messinese del secolo XV (Di 
Pietro Sollima, l'uno riguardante la strage di Otranto del 1480, 
Taltro la peste di Messina del 1482); G. Gigli, Oli ultimi si- 
gnori di casa Imperiale di Francavilla e il terronoto del 1743; 
F. Fava, Falsi allarmi e proclami sovversivi in Reggio Calabria 
sulla fine del 1848; R. Foa, L'umorismo in Giuseppe Mazzini. 

C. R. 



2. ETÀ PREROMANA E ROMANA. 
<J. WISSOWA, Gesammelte Abìiandlungen zur rómischen Re- 

ligions-und Stadtgeschichte, Mlinchen 1904, 8«, p. 329. 

76. — Al classico lavoro Religione e culto dei Rom^ant, 
che fa parte del noto manuale deirantichìtà classica, pubbli- 
rato dal D^ Iwan von Miiller (5« voi., 4' parte), il W. fa ora 
seguire, come complemento, una raccolta di studi riguardanti 
la storia religiosa e politica di Roma. 

Tutti questi, meno l'ultimo {Echte und falsche < Sonde-- 
pattern in der rómischen Religion), erano noti agli studiosi. 

Essi rappresentano un vasto periodo, che va dal 1882 al 
1904, dell'attività scientifica dell'A., e avevano già veduto la 
luce in vari periodici. Tuttavia l'importanza del volume non 
sta solo nel fatto, vantaggio non piccolo, di trovar riuniti, in 
ordine cronologico, vari studi importantissimi, che del resta 
non senza qualche difilcoltà lo studioso avrebbe potuto procu- 
rarsi, e nella nuova veste, sotto la quale alcuni di essi ricom- 
{)aiono, come ad esempio il terzo (Silvanvcs und Oenossen, Re^ 
Uf in Fl07*enz) che nel 1886 aveva veduto la luce in italiano^ 



Digitized by 



Google 



ETÀ PREROMANA E ROMANA — O. W18S0WA 147 

e che ora riappare in tedesco, allo scopo, come nota FA., di 
non dare al volume un aspetto eccessivamente multiforme, per 
ciò che riguarda la lingua, essendo gli altri studi scritti parte 
in latino e parte in tedesco ; ma altresì nelle radicali modifi- 
cazioni, suggerite all' A. dall' esperienza scienlifica di molti 
anni. Anzi in alcuni dei lavori inseriti nel volume, come p. e. 
nel terzo, queste sono importanti, da dare ad essi l'aspetto di 
sludi completamente nuovi. Come avverte già il titolo, di varia 
indole sono gli scritti inseriti nel volume, essendo alcuni to- 
pografici, come l'undicesimo (Septimontium und Suburra) e il 
dodicesimo (Analecta Romana topographica)^ qualcuno rife- 
rendosi alle antichità pubbliche, come ad esempio il quattordi- 
cesimo (De equitum slngularlum litulis Romanis observatiun- 
cula), alcun altro alla storia (IX Die Saecntlarfeier deji Augustus) 
elemento che dal più al meno fa capolino in tutti gli scritti 
inseriti nel volume; ma la parte che vi predomina, ed entra 
a formar parte int(^rante di tutti, senza eccezione, questi studi 
è la mitologica e religiosa. 

Sotto questo riguardo sono particolarmente degni di nota 
il primo {De Veneris simulacris Romanis)^ il quarto (Die 
Ueberlieferung uber dierómischen Penaten) e il decimo {Argei). 
In tutti sono osservazioni acute ed originali, frutto d'una dol- 
trina soda, d'una penetrazione profonda, d'una mente discipli- 
nata ai formulati, oramai indiscussi, della critica storica. Non 
v'ha dubbio, che, se solo in ciò, come generalmente si reputa, 
consistesse la maggior perfezione d'un lavoro scientifico, ve- 
ramente perfetto dovrebbe reputarsi il volume del W. Se non 
«•he pare a me che alcune teorie accettate da tempo come un 
assioma, meriterebbero d'essere accolte con una certa diflli- 
(lenza e d'essere sottoposte a nuova e più ampia discussione. 
11 significato etiologico, ad esempio, ascritto alla più gran 
parte dei miti, che, dallo Schwegler in poi, venne a costituire 
una teoria sempre più in favore presso i dotti, e che trovò 
anche nel W. un caldo difensore ed ampliatorc (cfr. studio V, 
Rcemt^che Sagen), se nella più gran parte de' casi conduce a 
risultati sicuri, alcuna volta ebbe da' critici un'estensione eo- 
<*essiva, non essendosi debitamente ravvisato l'incontro nel 
medesimo mito d'un elemento primitivo veramente storico con 
uno etiologico successivo, solo artificialmente aggiunto alla 
forma primitiva del mito. Ma questo più che un errore da 
addebitarsi al W. sarebbe una delle non poche debolezze della 



Digitized by 



Google 



14S KECEXSIONI E NOTE BtBLlOURAKlCHE — tt. tAi'ASSO 

critica, che, inclinando ad estendere a tutto un complesso di 
narrazioni quello che da principio era stato giustamente appli- 
cato solo ad alcune di esse, tende a degenerare in ipercritica. 

Giovanni Oberziner. 



GIOVANNI OBERZINER, Le origini del Cristianesimo nella 
critica e ìiell' ipercritica. Bergamo, Istituto Italiano d'arti 
grafiche, 1905, pp. 37. 

77. — Ancora oggi le origini del cristianesimo sono av- 
volte come in una nebbia fìtta, che qua e là ne lascia intra- 
vedere una parte, ma resiste pur sempre tenacemente agli 
sforzi secolari fatti per diradarla. Gli è che sin dai tempi pri- 
mitivi la tradizione fu inquinata da elementi impuri, onde non 
fu possibile la critica, ma dall'esaltazione della fede fanatica 
si passò, facilmente e inevitabilmente, alla più arbitraria iper- 
critica. Ne segue di conseguenza che, per quanto possa parer 
strano, sono proprio i primi scrittori cristiani quelli che ci of- 
frono le notizie meno sicure per una storia critica del cristia- 
nesimo nelle sue origini, alla stessa guisa degli scrittori pagani, 
ai quali manca la nozione esatta della essenza vera della nuova 
religione. Le opere dei padri della chiesa, alla loro volta, pec- 
cano i>er il carattere apologetico. D'altra parte non certo il 
medio evo, età di leggende, avrebbe potuto darci la critica 
della storia primitiva della chiesa; che i martirologi e le me- 
morie agiografiche, fiorite in particolar modo nell'ottavo e nel 
nono secolo, se hanno, né può negarsi, un fondo storico, non 
possono essere adoperate senza averle prima severamente va- 
gliate, mentre le cronache sacre e gli altri scritti di tale na- 
tura sono ispirati da sentimenti religiosi, non da intenti di in- 
dagine storica. E intenti puramente letterari, non desiderio di 
giungere a conclusioni storiche, ebbe il rinascimento. A scuo- 
tere le menti occorse la gran rivoluzione, promossa dal monaco 
di Wittemberga. Allora soltanto fu manifesta la necessità di 
studiare a fondo e con severa critica il passato storico della 
chiesa. Ma subito si delinearono due diversi indirizzi. Da una 
parte si ammise la Bibbia, non sottraendola però all'esame cri- 
tico, e si escluse la tradizione; dall'altra fu fissata dommati- 
camente l'autenticità dei libri sacri e dichiarata la diretta de- 
rivazione della tradizione da Cristo. Aspra divenne la lotta, e 
tale fu l'impeto dei contendenti, nei tentativi di sopraffarsi a 



Digitized by 



Google 



ETÀ PREROMANA K ROMANA — D, U. LECLERQ 149 

vicenda, che essa nel secolo XVIII assunse addirittura un 
aspetto tumultuario. Un orizzonte nuovo dischiuse, nel 1835, 
Davide Federico Strauss, il quale, nella sua Vita di Gesù, alle 
vecchie interpretazioni razionali o soprannaturali sostituì un 
metodo nuovo, assegnando, cioè, a tutto un significato critico. 
Ma una vera rivoluzione negli studi del cristianesimo primitivo 
promosse Ferdinando Cristiano Baur, il fondatore della scuola 
di Tubinga, opponendo un metodo positivo alla critica negativa 
dello Strauss. Però gli studi della scuola di Tubinga erano 
astrusi e quindi non accessibili al popolo. Parve allora che la 
Vita di Gesù e gli altri scritti del Renan potessero risolvere la 
((uistione. Ma in lui tutto « assume la sentimentalità e l'interesse 
d'un romanzo»; onde l'opera sua, mancando d'un indirizzo ve- 
ramente scientifico, fu fieramenente oppugnata e dai teologi, 
sia cattolici sia protestanti, e dai discepoli del Baur. In fondo 
il difetto e del Baur e del Renan è in questo che essi sono 
troppo subbiettivi. Segui la scuola socialista che fa Cristo ante- 
signano dei suoi principi. Ma essa è più atta a lusingare le 
fantasie e le aspirazioni del momento che non ad assicurare 
scientificamente la verità storica. Ancora dunque non si ha la 
parola finale. Pur tuttavia è duopo riconoscere che molto cam- 
mino si è fatto, molto si è guadagnato. Gli studi non solo sono 
continuati con indefessa alacrità, ma vengono promossi, dal- 
l'una come dall'altra parte, senza le vecchie e tradizionali 
asprezze ed astiosità, serenamente, con prudenza ed equanimità. 
Ecco in riassunto, la bella sintesi, fatta dal dotto professore 
in questo suo discorso inaugurale, letto nell'Aula Magna della 
R. Accademia scientifico-letteraria di Milano, il 5 dicembre 1904. 

Gaetano Capasso. 



LECLERCQ H., V Afrique chrètienne. In-16; voi. I, pp. xliv-435; 

voi. II, pag. 380. Paris, Lecofifre, 1904. 
L.\BOURT J., Le Chris tianisme dans Veìupire perse sous la 
dynastle Sassanide (224-632). In-16, di pagg. xix-302 e 
una cartina. Paris, Lccoffre, lt)04. 
DUFOURCQ ALBERT, Sdint-Irenèe {11^ siede), ln-16, pa- 
gine 11-202. Paris, Lecoffre, 1904. 
BAUDRILLART ANDRÉ, 5. Pauli7i évir/iie de Noie (353-4:il). 
2me édition. In-16, pa^. vii-190. 

78-81. — L'editore Lecoffre di Parigi ha iniziato due col- 
lezioni, destinate a produrre un effetto benefico ti-a le classi di 



Digitized by 



Google 



150 RECKXSION'I E NOTE BIBLIOOKAFICIIK — F. 8AVI0 

persone, cui sono principalmente destinate. Perciò esse meri- 
tano d* essere segnalate ai lettori della Rivista. 

La prima collezione s'intitola Bibliothèque de Venseignement 
de VRistoire ecclésiastiqiie. Essa fu suggerita dalla necessità di 
far conoscere al clero ed agli studiosi di storia ecclesiastica 
quelle tante modiQcazioni ed aggiunte ai racconti antichi, che 
furono messe in pubblico dagli studi e dalle ricerche di questi 
ultimi secoli. Vista Timpossibilità che si componga al presente 
una storia universale e veramente scientifica della chiesa, sullo 
stampo degli Annali ecclesiastici del Baronie, si pensò a lavori 
parziali sopra i punti principali, nei quali si raccogliesse e si 
presentasse in breve quanto di meglio si fosse pubblicato sinora 
su quei soggetti. L'esecuzione di quest'eccellente idea, che si 
cominciò nel 1897, ha proseguito finora con esito felicissimo, e 
scrittori meritamente stimati per speciale competenza vi por- 
tarono- il loro prezioso contributo. 

É chiaro che in una raccolta di questo genere, tanto grande 
essendo la differenza tra loro dei punti da trattarsi, ne son po- 
tuti venir fuori lavori di fisonomia diversissima, lavori cioè 
originali, come il trattatene dell'Allard sulle relazioni tra l'im- 
pero romano ed il cristianesimo, e semplici compilazioni contie 
la storia dello Scisma d'Occidente che il Salumbier compendiò 
in modo geniale dall'opera classica di Noel Valois. 

L'opera del benedettino Dom. Leclercq tiene di entrambi 
questi generi, poiché non solo sa disporre senza ingombro e 
con chiarezza una vera miniera di notizie, per la quale pochi sono 
i buoni libri moderni sull'Africa, che non siano stati spogliati 
da lui (un recensente nella Remce d'Hist. ecclesiast, di Lovanio 
non ne cita che due o tre), ma spesso deduce dai fatti stessi 
che narra considerazioni d'indole generale sommamente istrut- 
tive. Tal è la descrizione del carattere africano, di cui egli ci 
presenta il tipo più vero e compiuto nella persona di Tertul- 
liano. Il lettore, che ne abbia avuto conoscenza in seguito agli 
elogi ed alle riserve fattegliene dal Leclercq, si spiegherà di 
poi agevolmente tutte le vicende della Chiesa africana, T indolo 
delle sue lotte religiose, l'ostinazione di S. Cipriano nel litigio 
pel battesimo, lo spirito cosi esclusivo dei Donatisti, e quello 
c^si stranamente fanatico dei Circoncellioni ed infine le circo- 
!<tanze che accompagnarono la caduta della civiltà romana sotto 
il ferro dei Vandali e la scomparsa del Cristianesimo sotto la 
scimitarra dei Saraceni. 



Digitized by 



Google 



' ^*^y^ V 



ETÀ PHKBOMAXA E ROMANA — LABOURT - DUFOURCQ ETC, 151 

Quel che ha fatto il Leclercq per TAfrica, fece per la Persia 
il Lal)ourt. A lode del quale devesi dire aver egli vinta felice- 
mente una doppia difficoltà, la scarsezza delle notizie, almeno 
relativamente all'abbondanza quasi soverchia di quelle che aveva 
a sua disposizione il Leclercq, e la minor simpatia che destano 
nel nostro gran pubblico paesi e popoli cosi differenti e lontani 
dai nostri. Né era facile presentare il risultato di lunghi e dif- 
ficili studi sotto una veste cosi piana e fluida, come quella che 
qui fu adoperata dal Labourt. 

Il titolo della seconda collezione, iniziata dal Lecoffre, Les 
Saints, ne rivela lo scopo, che è di far conoscere sempre meglio 
i principali eroi della virtù, dei quali a ragione si vanfa il Cri- 
stianesimo. 

Nel concetto dei suoi promotori la collezione dovrebbe tener 
luogo presso le persone religioso e colte di quei leggendari, che 
nei passati secoli formavano la più deliziosa lettura della sem- 
plice gente di allora. Ma la stessa enorme differenza che esiste 
tra i secoli medioevali ed il nostro quanto alla coltura delle 
persone, esiste pure tra gli antichi leggendari e le biografie dei 
Santi di cui parliamo. Queste sono conformi alle esigenze della 
coltura moderna, e le due qui accennate ne sono una prova. 

Della prima, St. Jrenéey è autore Alberto Dufourcq, di cui 
tutti i cultori di agiografia conoscono ed apprezzano l'eccel- 
lente studio sugli Atti dei martiri romani. Nel St. Irenèe la bio- 
grafia propriamente detta aveva un campo assai ristretto, po- 
chissime essendo le notizie sulla vita del Santo, giunte sino a 
noi. Onde il Dufourcq dovette limitarsi a trar profitto dai suoi 
scritti, ch'egli cerca di lumeggiare, descrivendoci in altrettanti 
capitoli lo stato intellettuale e psicologico del mondo romano 
e del mondo cristiano nel corso del secolo secondo ; il pericolo 
che corse il cristianesimo per parte delle dottrine gnostiche, 
e quindi l'importanza delle opere di S. Ireneo, le quali atter- 
rarono il gnosticismo mentre ponevano le basi della teologia 
cattolica. 

Al contrario di S. Ireneo, S. Paolino, Meropio Ponzio A- 
nicio Paolino, di patrizia famiglia, parente degli Anicii, figlio 
d'un prefetto del pretorio, senatore egli stesso, console, gover- 
natore, poi monaco e vescovo, Paolino erudito, letterato e poeta, 
di cui oltre ai versi ci rimangono le lettere, che ce lo mostrano 
in relazione di amicizia con molti celebri suoi contemporanei, 
Ausonio, S. Ambrogio, Sulpicio Severo, S. Agostino, e ci sve- 



Digitized by 



Google 



r 



ì'}2 KBCENSIONI E NOTE BIBLIOGRAFICHE — C. CIPOLLA 

latifi rintimo del suo animo, poteva fornire al suo biografo, e 
Ibrrji in effetto al Baudrillart il modo di comporre un'opera ec- 
rf^ilr^Dte pel merito scientifico delle buone informazioni e di let- 
liini gradevole. F. Savio. 



3. ALTO MEDIO EVO (Sec. V-XI). 

11. KKETSGHMAYR, Geschichte von Vemdig, N. I bis/ Zam 
Tòrte Enrico Danclolos, Gotha, Perthos, 1905, pp. xvii-523, 
con 2 carte rappresentanti Vonozia e Costantinopoli, dise- 
gnate da R. Wrana. 

82. ' — L'attenzione dei dotti tedeschi è con simpatia costante 
rivolta verso Venezia. Notissimi sono i molteplici lavori del Si- 
iiionsfeld, il quale con tanta erudizione trattò di Andrea Dandolo, 
ilc?l la cronografia Veneziana più antica, del Fondaco dei Tedeschi 
in Venezia. Nel 1904 L. M. Hartmann {Die wirtschaftlichen An- 
faui/É Venedigs, in Viertetjahrschr, far Social- und Wirtschafts- 
lìesvhichte, 1904, fase. 3) trattò delle origini economiche di 
Venezia, applicando alla Storia di Venezia le sue teorie, che 
Hfì non sono quelle del materialismo storico, certamente ad esse 
HI accostano. Non è intendimento mio il ritornare ora su tali 
teorie, di cui mi occupai altra volta su questa stessa Rivista. 
Ma ben mi compiaccio di notare, come anche Hartmann attri- 
buir^ca decisiva importanza per l'origine storica di Venezia alla 
inunigrazione nella laguna, da parte delle popolazioni, che fuggi- 
vano dinanzi ai Longobardi. Questa origine è attribuita a Venezia 
anche nel bel volume che qui si annuncia, dove anzi affermasi 
che Fanno natale di Venezia è il 568, vale a dire l'anno della 
(li.sctìsa di Longobardi in Italia. 

Mentre in massima acconsento nel pensiero che l'invasione 
longobarda sia stata la causa decisiva della formazione di Ve- 
tif^/ia, dubiterei che sia invece preferibile la data della occu' 
f>;i spione di Padova. Vorrei avere opportunità di ritornare più 
il [fi lisamente su questa questione per rilevare come la giuris- 
liizione civile di Padova si estendesse fino al mare, non senza 
fonìprendere, almeno in qualche parte, la laguna. Perciò i 
l'adovani cercando riparo e sicurezza nelle lagune, non pensa- 
vano di far altro se non che di ritirarsi in quella parte del loro 
territorio, che, per la sua posizione, era meno esposta al furore 
degli invasori. Ben si capisce commessi cosi facendo, senza in- 
tensione alcuna di emigrare, portassero seco la speranza di 



Digitized by 



Google 



ALTO MRDIO EVO — H. KRETSCHMAYB 153 

rìtoniare a Padova, appena che le circostanze loro lo permet- 
tessero. Ma queste favorevoli contingenze non vennero mai, e 
perciò si fermarono in quei luoghi, che doveano loro offrire 
solo un temporaneo rifugio, e quivi invece diedero vita alla 
potente e grande città, anello fra l'Oriente e TOccidente. 

Krelschma3T coordina Torigine del dogado al distacco del 
territorio di Eraclea (Venezia) da quella giurisdizione del ma" 
gister mìlitum, la quale comprendeva l'Istria e la Venezia; e 
ciò sembra ragionevole. Cosi il ducato sorse alla fine del se- 
colo VII, nella persona di PauluUus, che K. vorrebbe inter- 
pretare per Paolo figlio di Lucio, della quale etimologia lascio 
giadici i glottologi. Bene descrive K. la costituzione dei vesco- 
vadi e ne rileva anche l'importanza politica. Crede che Pippino 
sia stato vittorioso nella sua spedizione. Con grande accuratezza 
raccoglie le notizie sul commercio veneziano (cfr. specialmente 
il capo VI), senza aver fatto a tempo per usufruire dei nuovi 
insegnamenti somministrati dalle Adbrevintiones di Bobbio, edite 
dallo Hartmann (862, 883). Egli descrive (p. 84-85) l'origine 
della nuova nobiltà, in base agli elenchi famigliari che si leg- 
gono nel Ciir. Alttacte. Ho già altra volta espresso i miei pensieri 
sulle cautele, che forse si deve avere nell'uso di questo Chro- 
nicon, di cui fan parte certamente molti brani antichissimi, ma 
la cui composizione è ancora ravvolta tra fitte tenebre. 

Si legge con vivo piacere la descrizione della lotta fra la 
tendenza franca e la tendenza bizantina in Venezia. Il patto di 
Verona, 983, è da K. (p. 12*3) interpretato come una vittoria 
della diplomazia Veneziana. Egli è dunque ben lontano dal cre- 
dere, come fu, non è molto, sostenuto, che per quel patto Ve- 
nezia venisse assoggettata all' Impero di Ottone III. La gloria 
di Venezia sfolgora ormai, quando Ottone III si recò a salutarvi, 
come amico, il doge Pietro Orseolo li. Poi vengono le lotte, 
con accortezza e con costanza, sostenute por la supremazia sulla 
Dalmazia, lotte che in appresso si aggravano in causa della poli- 
tica di espansione abbracciata dai Normanni, nell'Italia inferiore. 
11 commercio moltiplicava le forze materiali del giovane Stato, 
ed è bello il vedere come di pari passo coli' accrescersi della 
ncchezza si svolgessero le arti. Molto prudente si dimostra K. 
rispetto all'origine delle corporazioni artigiane, intorno alle quali 
egli non costruisce teorie complicate e precise; accetta che le 
ScQlae del Chr. Alt siano Scaulae (specie di navi), e non as- 
sociazioni; in ciò segue la giusta sentenza del Monticolo. 



Digitized by 



Google 



ID4 RKCESSIOXl E NOTK BIBLIOGRAFICHE — C. CIPOLLA 

I tempi incalzaao. Venezia non subisce più la doppia azione 
dell'uno e deir altro impero, ma è tanto gagliarda da eliminare 
hi politica di ambedue. Le grandi figure di Federico I e di Ma- 
nuelo Gomneno, sia che combattano, sia che favoriscano Venezia, 
servono a far sempre meglio risplendere la grandezza di questa 
ulti ma, che non è certo diminuita dalla occupazione di Ancona, 
pi I- parte dei Greci. Il dogado di Sebastiano Ziani segna un'e- 
pos a memorabile nella vita di Venezia, e per questo riguardo 
bolle cose dice K. intorno alla pace del 1177. Peraltro forse si 
avrebbe potuto desiderare che, pur mettendo in piena luce le 
ciivostanze esteriori di questa pace, il K. ne avesse sviscerato 
])iii profondamente il valore e la parte politica che Venezia 
ebbe in essa. San Marco e il palazzo ducale, che a questo tempo 
ormai, fatti e rifatti, avevano raggiunto una perfezione mira- 
bile, rappresentano visibilmente Tenergia di Venezia. 

Enrico Dandolo tenne il dogado dal 1192 al 1205. Il patto 
(1192) con Verona assicurò ai mercanti Veneziani il passo del- 
r Adige, per la via di Grermania; e la morte di Enrico VI liberò 
Venezia da un grave incubo, lasciandole la libertà di fissare lo 
Sj^'uardo alle cose di Costantinopoli, dove un rivolgimento assai 
gru ve avveniva. La quarta Crociata, suggerita da Innocenzo III, 
<>(T(4ae ai Veneziani Toccasione ed i mezzi per sottomettei-si 
Zara ribelle. Esaminando le cause per cui la Crociata mutò 
iììruzione, il K. le fa risalire sopratutto a Venezia, non solo 
[ìo.v rispetto a Zara, ma anche per riguardo a Costantinopoli. 
Iiiiiooenzo III protestò vivamente contro la prima impresa. 
Meno severo, crede K., sì dimostrò riguardo alla seconda im- 
preca, dove, dopo una protesta, avrebbe seguito la politica del 
lasfùar fare. Tale è Topinione di K. in una questione disputa- 
ttJìsima. I Veneziani, egli opina, stettero fermissimi nel loro pro- 
puaitu, e di fronte ad essi anche il papa tentennò. Costantino- 
poli lu presa, e i crociati la saccheggiarono (13-15 aprile 1203) 
come fossero stati barbari selvaggi. Della crociata, per la quale 
il papa insisteva, non si parlò, e i vincitori si divisero invece 
r impero dei vinti. Il trionfo dei Veneziani fu pieno, e nell'eb- 
hwzz'à della vittoria, il doge morì (1 giugno 1205). «La storia 
della città non conosce un nome più superbo del suo». Vero è 
bensì che Enrico Dandolo tracciò la via a Maometto II. 

Esaminando la costituzione Veneziana, quale si formò verso 
il 1143, K. segue le opjnioni più recenti sulla istituzione del 
ComimBy e sulla analogia tra i sapientes veneziani e i consules 



Digitized by 



Google 



ALTO MEDIO EVO — H. KKETSCUMAYB 15') 

dei comuni italiani. Il K. si studia di dimostrare l'analogia fra 
la costituzione di Venezia e quella dei comuni di terraferma, 
nella sua origine e nelle sue fasi. Buone cose dice sulle altre 
magistrature, sulle corporazioni, sulla codificazione del diritto, 
sul diritto penale. Anzi nelle note, a quest'ultimo proposito, ri- 
pubblica da una edizione del 1863, ormai diventata rara, la 
Promissio penarum emanata nel 1181 dal doge Orio Malipiero 
(p. 494-7). Trovo anche interessante il tentativo ch'egli fa 
per determinare com'era formata la popolazione veneziana, di- 
stinguendovi anzitutto i liberi dai non liberi: quindi separando 
noi primi i cives dai semplici hahilatores, e poi nei cites con- 
siderando separatamente i nobiles dai pojmlares. L'ultimo ca- 
pitolo riguarda le lettere e le arti. La cronaca del diacono 
Giovanni è l'opera letteraria che caratterizza il periodo storico 
posteriore al Mille. Neirarte, l'influenza bizantina comincia a 
cedere il posto all'arte locale. Venezia prende la sua posizione 
di fronte all'Oriente ed all'Occidente. 

L'opera bene scritta, si legge senza impacci di note. Le 
illustrazioni si trovano al fine (p. 385.), e sono distribuite so- 
stanzialmente col criterio della cronologia, precedendo a tutto 
una esposizione delle cronache veneziane e non veneziane, e 
delle fonti documentarie. Le citazioni sono copiose; specialmente 
ricche di notizie bibliografìche sono le note riguardanti la quarta 
crociata. 

La natura del libro impediva al K. di dare alla trattazione 
delle singole questioni quell'ampio svolgimento che forse la dotta 
curiosità di qualche lettore potrebbe desiderare. Cosi p. es. la 
lolla fra l'influsso bizantino e l'influsso occidentale nei primi 
secoli del dogado resta in certa quale penombra, ancorché il 
K. ne discorra più volte. Ma in un lavoro d'insieme diffìcilmente 
si avrebbe potuto fare di più. Il lavoro del K. è d'altra natura 
che quello del Gfròrer, e segna sopra di esso, e assai più sul 
voi. I del Romanin un progresso, non inadeguato al processo 
delle ricerche monografiche, che si moltiplicarono in questi 
ultimi decenni. G. Cipolla. 



Miscellanea di sticdi st07Hci e tncerche critiche raccolte j)eì' cura 
della Commissione per le onoranze al Patriarca Paolino 
d'Aquileia, ricoricando l'XI centenario della sua morte, 
Milano, Ulrico Hoepli, 1905. 
83. — - L'XI centenario si compi nel 1902; la Miscellanea 



Digitized by 



Google 



W'y RECENSIONI E NOTE BIBLIOGRAFICHE — C. R. 

f'oniparve per cura d'una beDemerita Commissione nei 1905 coi 
(ipi eleganti dell'Unione tipografica cooperativa di Perugia, sotto 
gli auspici dell'editore U. Hoepli. 

Contiene dieci pregevoli monografie. 

F. Wiegand, Paolino patriarca (VAquileia^ ne riassume 
ta vita. — N. Tamassia, Le opere di Paolino patriarca d'A^ 
qwieia, ci porge dotte notizie storico-giuridiche degli scritti. 

— h\ Novati con la consueta erudizione studia Paolino d'A^ 
t/tffteia, la cura della metrica ed il timore delle censure nei 
l*oeti carolingi. — F. Brandileone fa uno studio accurato A 
proposito deW ultimo (XIV) ca^'ne del concilio foroiuliano 
tenuto da S. Paolino nel 796, relativo alle decime sacramen- 
tali. — P. S. Leicht invece ci offre alcune Note sul X canone 
del Concilio forojuliese^ che proibisce assolutamente il divorzio. 

— P. Gabotto illustra Un amico di San Paolino, ossia En« 
rico, duca dell' Italia orientale, ucciso dagli Avari nel 799. 

— G. Grion narra V Origine della città di Sacile nel tempo di 
S. Paolino patriarca di Aquileia. — V. Capetti traduce in 
versi e commenta La Regula fid^t di San Paolino d' Aquileia 
e fé sue descrizioni d'oltretomba. — A. Marki studia in modo 
spiciale Paolino d' Aquileia e gli Avari continuamente minac- 
ciosi dalle Alpi orientali, finché furono debellati da Carlo Magno 
e Pipino. — L. Suttina pubblica Due diplomi di Carlo Magfio 
e Paolino d" Aquileia sulla forma più genuina d'una copia fatta 
nel trecento e che trovasi a Cividale. C. R. 



.llvVN BIROT, Le Saint Empire. Du couronnem^nt de Cìiar^ 
iemagne au sacre de Napolèon. Paris, Lecoffre, 1V)03» 
pp. xvi-273. 

S4. — La storia del santo impero è dal Birot distribuita in 
(luallro parti: le origini, la lotta del sacerdozio e dell'impero, 
l;i flecadenza e l'epilogo. Lo origini comprendono l'impero ca- 
roiingio e il germanico collo studio delle loro istituzioni sino 
ul periodo ottoniano. La lotta del sacerdozio e dell'impero ab- 
braccia la lunga contesa delle investiture o le lotte dei guelfi 
e ilei ghibellini ai tempi del Barbarossa e di Federico II. La 
decadenza muove dalla fine degli Hohenstaufen e dallo smem- 
bi amento del sacro impero che Taccompagna, e ha compi- 
mento dopo la battaglia d'Austerlitz, quando Napoleone pose 
hne a quell'impero che non era ormai più che un nome. L'epi- 
logo infine ha riguardo a tutto il periodo napoleonico prima 



Digitized by 



Google 



—ry^wymit ' 



ALTO MEDIO EVO — J. BIROT 157 

e dopo la coronazione imperiale. Il lavoro, preceduto da una 
introduzione su la sopravvivenza d' Augusto^ è accompagnato 
da buone tavole cronologiche e genealogiche, ed è chiuso da 
un breve indice alfabetico. 

Questa in brevi tratti l'opera del Birot, destinata a rac- 
cogliere in larga sintesi tutto lo svolgimento storico delle vi- 
cende del sacro impero da Carlo Magno a Napoleone a tra- 
verso i dieci secoli della sua esistenza. Né Tòpera, a voler 
essere sinceri, merita più di questo rapido accenno, dal mo- 
mento che essa nulla ci apprende che non ci fosse già noto 
da lavori anteriori, sopra tutto del Brice, dello Zeller, del La- 
visse, del Michelet per le prime parti, del D'Haussonville, del 
Thiers e del Debidour per Tultima, per modo da non poter 
essere riguardata se non come divulgazione. E ^loi vogliamo 
credere che l'autore non abbia avuto una maggiore o diversa 
finalità, e abbia semplicemepte inteso a raccogliere i risultati 
della critica moderna intorno al grave argomento, esponendoli 
in forma facile e piana, coll'arte famigliare agli scrittori fran- 
cesi di farsi lej^ere con interesse e con desiderio anche dagli 
estranei a questo genere di ricerche e di studii. 

Ma anche in questa limitata sfera non possiamo condonare 
al Birot alcune mancanze che ci sembrano davvero imperdo- 
nabili. 1/autore non deve conoscere affatto la letteratura ita- 
liana, e così nemmeno il profondo lavoro del Solmi, Stato e 
Clìlesa secondo gli scritti politici da Carlo Magno fino al con- 
cordato di Worms, Modena, 1901, che pure lo riguardava cosi 
da vicino; e commette qua e là delle inesattezze e delle inav- 
vertenze che guastano di assai l'insieme del lavoro. Per citare 
qualche esempio ricorderemo Lamberto indicato come duca di 
Spoleto nell'anno 897 ip. 37), mentre dair892 [e più precisa- 
mente dal 30 aprile 892, come hanno dimostrato lo Schirmeyer 
e lo Schiaparelli] egli era imperatore; e Danio, che si vuole 
esiliato nell'anno 1303 (pag. 154) mentre i due decreti di con- 
danna che lo colpirono sono del 27 gennaio e del 10 marzo 
1302. Parimenti si pone la fondazione di Alessandria all'epoca 
della lega lombarda, come baluardo dell'unione fra papa Ales- 
sandro e i comuni (pag. 135), mentre la critica storica ha 
inoppugnabilmente sfatata questa leggenda affermando le ori- 
gini anteriori della forte città ; e per il sorgere dei comuni si 
mantiene la vecchia opinione che essi originassero dall'unione 
delle varie corporazioni artigiane (p. 112), mentre gli studi 



Digitized by 



Google 



15S RECENSIONI E NOTE BIBLIOGRAFICHE — S. PIVAXO 

(lei Gaudenzi e del Solmi hanno dimostrato come le corpora- 
zioni, sopra tutto nei riguardi politici, debbano riguardarsi 
come posteriori, e tutt'al più come coeve alle origini comunali 
e non come una loro preparazione. 

Non per questo vogliamo negar lode a chi ha saputo dare- 
buon ordinamento a una materia così vasta e cosi delicata. 
La nostra critica non vuole essere riguardata se non come 
rcspressiono del desiderio che anche in questi lavori di di- 
vulgazione si curi Inesattezza più scrupolosa, in modo che essi 
compiano veramente l'ufficio loro di riassumere e rappresen- 
tare fedelmente gli ultimi risultati della dottrina intorno alFar- 
gomento che si imprende a trattare. S. Pi vano. 



BERNARD MONOl), Le moine Guibert et son temps (1053- 

1124). Paris, Hachette, 1905. 

85. — L'illustre Gabriele Monod, cosi benemerito degli 
studi storici, venne colpito suirinizio del 1905 da una gravis- 
sima sventura domestica; egli perdette infatti un figlio, Ber- 
nardo, proprio nel momento in cui, compiuti con lode gli studi 
letterari e vincitore del concorso per VÉcole frang(iise di Roma, 
il giovane studioso si disponeva a partire per l'Italia. Egh aveva 
già incominciato a farsi conoscere con alcune pubblicazioni 
storiche medioevali e quasi condotto a compimento uno studio 
sul monachismo francese nel secolo XI. E' questo il lavoro, 
«•he, preceduto da una commoventissima introduzione dell* in- 
felice genitore, vede ora la luce coi tipi dell'editore Hachette. 
Invece di ricevere dalle mani del figlio questo libro, primo 
saggio d'operosità e di alacre ingegno, l'illustre storico lo de- 
l)one, funebre offrande, sulla tomba di lui. 

E quest'opera postuma è veramente tale che ci fa rim- 
piangere la perdita immatura del giovane studioso, il quale col 
tempo e lo studio avrebbe potuto degnamente tenere il suo 
posto nella schiera dei migliori cultori di scienze storiche fran- 
cesi, in quel gruppo di alacri ricercatori e di sapienti critici^ 
che Gabriele Monod e i suoi colleghi hanno educato al 
severo metodo critico. L'opera si compone di due parti, fra 
loro assai diverse per importanza e valore: la prima altro non 
è che un riassunto, talora una parafrasi, dell'autobiografia che 
il monaco Gerberto ci ha lasciato i^De vita sua sive MonodiaT^um 
libri III), piena di visioni, di leggende demoniache, di fatti 
miracolosi, narrati con grande candore e con profonda fede dal 



Digitized by 



Google 



ALTO MEDIO EVO — R. MOXOD 1Ó9 

modesto discepolo del celebre monaco Anselmo. In questa parte 
il Monod non ha campo di mostrare rabilità sua: egli, si li- 
mila a fare di tratto in tratto qualche osservazione e corre 
via seguendo la sua guida. 

Ma la parte seconda, intitolata Fm socie té ft*an^aise d'après 
l'ceuwe de Ouibei^t, quantunque presenti qua e là alcune in- 
certezze e qualche deficienza, assai spiegabili data l'età del- 
l'autore, mi pare condotta molto lodevolmente. Il monaco Gui- 
berto conobbe papi e vescovi, baroni feudali, monaci e gente 
di popolo, e di essi e della loro vita diede , notizie tanto più 
preziose, quanto più scarse sono le altre fonti delle nostre informa- 
zioni. Si pensi che repoca in cui visse Guiberto è quella in cui 
si predicò la prima crociata, in cui Pasquale II venne in Francia 
a mendicare l'aiuto del i-e capetingio; che quella stessa epoca 
è segnalata in Francia, come altrove, per il concubinaggio e 
la simonia dei religiosi, per le violenze della nobiltà, per la 
corruzione dei costumi, per i primi germi delle libertà comu- 
nali: si pensi che di ognuno dei grandi personaggi storici e di 
ogni classe sociale il monaco parla e ragiona, mescolando il rac- 
conto di fatti accaduti sotto i suoi occhi a leggende, ad aned- 
doti, a miracoli. Curiose e strane le notizie sugli Ebrei, 
sui negromanti, sugli eretici, sulla loro vita, sulle loro cre- 
denze ; e tanto più curiose, perchè esposte da un monaco, che 
ia pretende ad osservatore ed a critico, e pare accetti cieca- 
mente le più strane leggende. Curiosissimo, fra tutti, Tesarne 
della parte originale dei Gesta Dei, cioè della storia della Cro- 
ciata, e in particolar modo di quei capitoli, in cui si flagellano 
le violenze e le crudeltà dei crociati francesi. 

Il libro si chiude con una calda difesa del metodo storico 
seguito da Guiberto nella sua redazione, o meglio nel rifaci- 
mento dei Gesta Dei e con un breve esame dell'opera teologica 
di lui De pignoìHlrus sancto^mm. 

In una parola, salvo qualche pagina un po' pesante, il 
libro si legge d'un flato e giova assai bene a chiarire le idee 
intomo alla società francese in un secolo assai poco conosciuto. 

Perciò tanto più vivo è il rimpianto nostro di non poter 
esprìmere all'autore le meritate lodi; tanto più profonda la 
commozione nei manifestare al desolato genitore il . nostro 
profondo cordoglio per la sciagura che l'ha colpito. 

C. Manfroni. 



Digitized by 



Google 



160 RECENSIONI E NOTE BIBUOORAnCHE — L. U. 

S. l^IVANO, Lineamenti storici e giuridici della cavalleria 

medioecale. Estr. dalle < Mem. della R. Acc. delle Scienze 

di Torino», S. IP, Tomo 55. 

86. — Intorno airargomento alita un soffio di poesia che 
lo rende in sommo grado suggestivo. Fulgide visioni di tornei 
e di corti d'amore, di dame leggiadre splendenti d*ori e di 
gemme, di poderosi cavalieri chiusi nell'arme corrusche, fan- 
tasiosi racconti di temerarie imprese, di vendette, d'amori, di 
virtù, di delitti, di glorie, in cui tutto, e il bene ed il male, 
assurge ad una grandiosità d'espressione, ad un'intensità di sen- 
timenti che nulla hanno di comune colle misere e fredde sen- 
sazioni della vita attuale, storia e leggenda, realtà e finzione, 
canzoni di gesta e strofe di trovatori, tutto fa ressa al pensiero, 
evocato dal suono d'una sola parola: cavalleria. 

Egli è perciò che ogni lavoro che tocchi dei cavalieri an- 
tiqui^ ne racconti esso le gesta colla fantasia d'un poeta, o 
cerchi le origini e lo svolgersi dell'istituzione nel corso dei se- 
coli, e l'azione ch'essa esercitò nella storia e nelle condizioni 
politico-sociali del Medioevo, vieno accolto dal pubblico con una 
simpatia che non sempre si accorda a severe e minute e pa- 
zienti ricerche della moderna scuola storica. 

A questa simpatia non vi sottrae il libro del prof. Pivano, 
per quanto condotto con rigidità di metodo ed acutezza di cri- 
tica e senza nulla concedere — nella severa eleganza della 
forma — a quei lenocini di stile ed a quelle licenze d'immagi- 
nazione che d'un'opera di carattere prettamente storico-sociale 
avrebbero fatto un lavoro di amena letteratura. 

Con profonda conoscenza di quanto fu scritto finora TA. 
cerca le origini della cavalleria medioevale, e pur non disco- 
noscendo che l'antico guerriero germanico sia da certi vincoli, 
specialmente formali, legato al cavaliere del medioevo, trova 
fra l'uno e l'altro troppa diversità d'educazione, d'indole e 
d'ambiente per poter stabilire una vera continuità di sviluppo 
come a molti parrebbe; osserva ancora, secondo me a gran 
ragione, che nessuna confusione deve farsi tra vassallo e ca- 
valiere, tra feudalesimo e cavalleria, perchè se questa trovò 
nelle istituzioni feudali terreno propizio a svolgersi, se può 
dirsi che dalla speciale condizione di cose che il feudalesimo 
creava nacque la cavalleria, bisogna pur riconoscere che le due 
istituzioni furono indipendenti sempre, in antagonismo talora. 

Premesse alcune pagine nelle quali dottamente spiega come 



Digitized by 



Google 



ALTO MEDIO EVO — S. PIVANO 16 1 

neiralto medioevo si andasse formando e modificando Tordina- 
mento militare dei Franchi — e nella Francia, terra classica 
della cavalleria, ritiene giuslTimente TA. doverne cercarle ori- 
gini — nota come T indivisibilità e l'inalienabilità del leudo 
franco, che verso il secolo X erano diventate regola generale, 
fossero causa che, consolidandosi nel primogenito d'ogni fa- 
miglia cosi la proprietà del feudo come il dovere dell'omaggio 
ligio verso il Sovrano, sorgesse nelle stesse famiglie dei vassalli 
«un complesso d'individui, militi a cavallo non vincolati dal- 
« l'omaggio verso nessun signore, con azione non limitata fra 
«i contrastati confini d'un feudo o le mura d'un castello, e 
*con non altri diritti se non quelli che dava loro la spada e 
«non altri doveri se non quelli che avessero assunto sponta- 
«neamente da se». 

Comunione d'indole e d'intenti spinge costoro, che sono in 
principio nuU'altro che soldati di ventura, ed hanno del ven- 
turiero la crudeltà e la violenza, a stringersi nei vincoli di 
scambievole fede giurata; l'azione dello Stato che si va rinvi- 
gorendo, l'influenza della Chiesa che tenta ingentilire i costumi 
e indirizzare al bene le incomposte energie, trasformano l'as- 
sociazione in istituzione, trasformano a poco a poco gli uomini 
facinorosi e crudeli del sec. X ne,l cavaliere prode e gentile del 
sec. XII che ha a sua guida cortesia e valore. 

Così si delinea e si afferma il sorgere ed il costituirsi della 
cavalleria; corpo, nella sua prima costituzione libero e aperto 
ad ognuno, nobile o plebeo che fosse, in cui non sono gradi, 
non è gerarchia: che forma, io aggiungerei, un sol ordine uni- 
versale di cavallerìa senz'altro nome, sparso per tutta Pluropa, 
di cui tutti i membri sono eguali e affratellati da un giura- 
mento slesso. 

Ma presto nel seno di questa vasla associazione, acefala 
ed amorfa, altre più ristrette associazioni si vanno formando 
di cavalieri che ai doveri generali di cavalleria altri speciali 
ne aggiungono, vincolandosi con particolari giuramenti, con 
particolari statuti. Queste associazioni o nascono spontanee per 
la comunanza d'ideali e d'intenti, ed abbiamo, per accennare 
i maggiori, gli Ospitalieri ed i Templari, o sorgono per volontà 
di Sovrani che cercano di raggruppare intorno a se tutti i ca- 
valieri del loro Stato, legandoli con giuramento di fedeltà, di- 
sciplinandoli con nuove leggi; nell' un caso e nell'altro sorgono 
gli Ordini cavallereschi, la cavalleria si serra, dice l'A.; solo 
mvista storica italiana, 3* s., v, 2. Il 



Digitized by 



Google 



pi? RECENSIONI E NOTE BIBUOQRAnCHE — L. U. 

Ili nobili è dato entrare negli Ordini, solo ai capi di questi è 
h'rito armar nuovi cavalieri. E, serrandosi, la cavalleria decade, 
■-piiriscono gli alti ideali d'universate fratellanza, d'indipendenza 
H-^soluta; il cavaliere diventa semplicemente Vvcomo del Principe. 

Tale lo svolgersi ed il trasformarsi dell'istituzione cavalle- 
ìt'sca nella terra di Francia, dove fu la sua culla; alquanta 
diversi in Italia. Ed il P., attraverso a poche pagine nelle quali 
riassume, con molta dottrina, il formarsi delle società feudali, 
lì .sorgere dei Comuni, la loro evoluzione di aristocratici e si- 
^^iiorili in popolari, rileva che la cavalleria non poteva trovare 
presso di noi terreno acconcio al suo primo sviluppo, che vi 
Hi importata d'oltr'alpe, e fu ristretta ad una casta, quella dei 
nrbili, fossero essi i feudatari chiusi nei turriti manieri, o quei 
nuiiori vassalli, non a caso chiamati milites, che primi diedero 
irridine al governo comunale nelle città. Solo quando il popolo, 
ii^rte delle accumulate ricchezze e della acquistata esperienza» 
^Lssurge al maneggio della cosa pubblica, e non pago di sosti- 
tuire i nobili, scacciati ed oppressi, nelle supreme magistrature, 
vuole imitarli ancora nella grandiosità e nel fasto, anche To- 
3i(^re del cingolo cavalleresco tenta l'ambizione di quei figli di 
hni'ghesi arricchiti nei fondaci e nelle officine; ma ben potevano 
(lessi, nelle vane pompe della loro vestizione serbarsi ligi al- 
ì antico simbolico rito, ormai il simbolo più non parlava a 
ilttegli anin)i, cresciuti a troppo diversa scuola, ed in una se- 
rietà troppo diversa da quella che aveva inspirato l'ideale ca- 
valleresco. Ed infine l'ordinarsi dei governi a principato con- 
iiui:!se anche da noi al sorgere dogli ordini cavallereschi, nei 
ijimli molto rimane delle antiche forme e nulla, o quasi, del- 
I antica sostanza, e trisleiriente tramonta «un istituto che, vis- 
- suto gloriosamente oltre tre secoli, doveva necessariamenle 
« venir meno al mutarsi di quelle condizioni di tempo e di luogo, 
y di persone e di cose, che ne avevano segnato il nascimento». 

Tale, s'io l'ho ben afferrata e ben resa, la teoria dell'A., che 
sembra a me in molti punti inoppugnabile, in qualche partico- 
lare discutibile forse, ma degnissima che su di essa si fermi 
l'attenzione dello studioso. 

Né priva d'interesse, anche per la sobria e chiara illustra- 
/iniie che ne fa il P. è V Appendice che completa lo studio, e 
ronsiste nella pubblicazione degli Statuti AqW Ordine della Nave. 
\aì fondò Carlo di Durazzo il 1° dicembre 1381, dopo il suo 
irionfo sull'infelice Giovanna di Napoli; gli diede per insegna 



Digitized by 



Google 



BASSO MEDIO EVO — J. SCHCLTZE 163 

la Nave, simbolizzando in essa e l'arca del diluvio che salvò 
il genere umano, e la navicella della Chiesa che non può pe- 
rire, e la navigazione che porta i cavalieri ad acquistar gloria 
in terre lontane. 

L'Ordine ebbe vita brevissima e spari colla morte del suo 
fondatore; gli Statuti ci furono conservati in un codice della 
Biblioteca Nazionale di Torino, che subì, purtroppo, nelFin- 
cendio del 1904, irreparabili danni. Il P. ne aveva fatto copia, 
e fu buon pensiero darla alla stampa ora che l'originale è in 
molte parti fatto illeggibile; sono 154 capitoli, intesi per la 
massima parte a legare con strettissimi vincoli i membri del- 
l'Ordine al Principe che ne è capo, onde malgrado gli osten- 
tati propositi di volere ^notre foy soustenù\ le clergie gardèì- 
et deffendre, chevalerie acroistre et essaucer et le menu peuple 
teniv en paix> ben si sente che alla fondazione dell'Ordine 
presiede non la sublime idealità poetica del buon tempo antico, 
ma un pensiero assai più pratico e moderno d'utilitarismo politico. 

L. U. 



4. BASSO MEDIO EVO (Sec. XI-XV). 
JOHANNES SGHULTZE, Die Urhunden Lothars IH, Innsbruck, 

Wagner, pp. vi-139. 

87. — Intorno ai diplomi di Lotario III abbiamo la mono- 
grafia di \V. Schum (Halle, 1874), alla quale il nostro A. fa 
capo, per estenderla e completarla. Sotto la direzione di M. Tangl, 
intraprese Sch. il lavoro presente, nel quale si applicano a questo 
imperatore del sec. XII, che tanta importanza ebbe per la storia 
italiana, quelle dottrine diplomatiche, che ormai, per buona 
ventura, sono diventati comuni. La prima parte del lavoro è 
quindi dedicata allo studio della cancelleria. ArcicancoUiere per 
la Germania fu Adalberto, arcivescovo di Magonza; ma quando 
questi morì (1137), non ebbe successori nell'alto officio, mentre 
l'imperatore soggiornava quasi sempre in Italia. E per l'Italia 
furono arcicancellieri, com' era di regola, gli arcivescovi di 
Colonia; non molto tardò tuttavia, che anche la serio degli ni- 
cicancellieri per l'Italia rimase interrotta. Com'era necessario, 
Sch. parla diffusamente degli scrittori, dei quali uno solo co- 
nosciamo per nome, «Paltonorius notarius», che si ricorda u\ 
un documento italiano, Stumpf 3356. Lo Sch. avverte che di 
Lotario si conoscono circa 110 diplomi, dei quali intorno ;i 70 



Digitized by 



Google 



IDI KKCKN'SIOXI K NOTE BIHLIOUKAFICHE — (' CH'OLLA 

ci norvennoro in originale, e per circa i due terzi degli originali 
Q^W potè avere più o meno sicura notizia. Viene poi a parlare 
dolle caratteristiche esterne, e in appresso delle caratteristiche 
interne dei documenti, intrattenendosi a discorrere di ciascuna 
delle formule. Interessanti per lo storico riescono particolarmente 
le sue considerazioni suir inizio degli anni e della indiziane. 
L'anno cominciava o al 25 dicembre o al 1 gennaio. Le indi- 
zioni più usate nella cancelleria di Lotario erano la greca 
(J settembre), e la romana (25 dicembre o 1 gennaio). Ma in 
questi particolari della cancelleria non predominava un ordine 
stretto e rigoroso. I continui viaggi dell'imperatore accresce- 
vano le cause del disordine. L'ultimo capitolo è destinato alle 
l'aisifìcazioni ed alle osservazioni sui documenti dubbi. La dis- 
sertazione di cui parliamo si fa notare per diligènza e per chia- 
ix?5!za di esposizione. C. Cipolla. 

EZIO RIBOLDI, Le sentenze dei Consoli di Milano ìiel secolo 

XII. Milano, Gogliati, 1905. 

88. — Commentando centonove sentenze emanate dai Magi- 
i<tti-ati di Milano, dal 1117 al 1212, l'egregio dottor Riboldi di 
Viiuercate ha con brava pazienza offerto il suo contributo alla 
preparazione di quella augurata Storia couvsolare che dovrà a 
suo tempo rifletter tanta luce di idee e di prove sulla gene- 
rale dei Comuni italiani nel medio evo. Contributo, per verità 
assai modesto; ma Tedificio vuoile pietre, e più queste abbon- 
dano, e meglio son riquadrate, quello ne esce evidentemente 
Ijin saldo e più vasto. La storia dei nostri Municipii noi non 
la potremo infatti possedere intera ed esauriente se non allora 
clii' dagli Archivi pubblici e privati, nazionali ed esteri, sa- 
jatiiio usciti a luce tutti i cento e mille documenti che vi gia- 
ciuuo ignoti sperduti, come per esempio nel massinno mi- 
hitiese, ove le carte, vittime dei criteri capricciosi e contradditori 
di certi illustri innovatori, han sofferte le tante e tanto funeste 
trasposizioni che gli studiosi deplorano da anni. E solo allora, 
fa Uà sostanza delle istorie nostre in molte parti sparte, sarà 
lecito agli eruditi filosofi di giungere una buona volta a quel- 
Vunica teoria sulle origini complesso dei Comuni, e sulle 
ragioni d'essere dei Consolati, che anche ultimamente gli ono- 
revoli Gabotto e Volpe (1) si sono sforzati invano di stabilire. 



(1) Della controversia Volpe-dabotto parlai io pure alla meglio e solo 
c'3nK^ bibliografo lo S(;orso 1004 in questa Rivista a pag. 416-20. 



Digitized by 



Google 



BASSO MEDIO £V0 — E. RIBOLDI 105 

II presente materiale diplomatico, intanto, il Riboldi lo ha 
contemplato sotto i tre aspetti di sentenze propriamente dette, 
di atti dandole politica-amministrativa, e di atti accessori! ; e 
il periodo di vita consolare da lui preso in esame spiccato» dal- 
rincomincio cioè del secolo enobarbico alla Raccolta delle con- 
suetudini comunali (il Liber consuetudinum Medionalì anni 
MCCXVIy edito dottamente dal Berlan), è qui analizzato in 
Ogni sua parte e discusso si che quell'alta magistratura noi la 
vediamo chiarissima neirazione e nell'ampiezza svariata delle 
sue competenze giuridiche e processuali in Brolo e fuori. 

Il Consolato era un collegio, ma effettivamente teneva i 
supremi poteri il Primo Console, che il più delle volte rive- 
stiva insieme la dignità e gli attributi di luogotenente cesareo 
ed ai tribunali dell'Impero si rimettevano appunto le cause di 
privilegio romano, mai però in nessuna maniera dichiarandosi 
il Magistrato locale incompetente a risolvere, più allora che il 
Comune si venne a poco a poco da università^ civium allar- 
gando a respiùblica. Fu precisamente verso la fine del XIP che 
diventati i Consoli troppo potenti, e quasi € arbitri dei de- 
stini di tutta la città » a scapito dell'indipendenza mercantile, 
insorsero a reazione coi loro Statuti Mercatorum le famose 
Credenze, celebre tra le altre la nostra del 1198, si pugnace 
che Matteo Visconti, il gran Ghibellino, senti il dovere cento- 
tredici anni dopo, reduce dal breve esilio in Asti, di restrin- 
gerla forte entro i giusti limiti a difesa e vantaggio della piazza 
risorgente e del nuovo governo. Da quell'epoca (i primi del 
XIIP), pur rispettate le consuetudini, potè far capolino nelle 
diverse legislazioni statutarie il rito commerciale, e mi par 
strano non lo riconosca l'Autore, cui forse è sfuggito lo studio 
che in proposito ha pubblicato il 1883 precisamente in Milano 
il chiarissimo Alessandro Lattes il < profondo conoscitore del 
diritto lombardo ». 

Le competenze dei Consoli erano estese, e più, lo si capisce, 
nelle cose civili. In date occasioni i Magistrati, benché rap- 
presentanti naturali e notorii del Comune, costituivano il tri- 
bunale e giudicavano essi stessi senza paure e senza conli'oHi 
contro la città. Gli interessati avevano la libertà del foro e la 
facoltà di farsi rappresentare nei giudizi. C'era anche la pro- 
cedura delle perizie, e nel gennaio del 1173 fu veduto il Con- 
solato chiamar un maestro delle macine a verificare se certi 
mulini che l'Abate di S. Ambrogio accusava dannosi ai suoi 



Digitized by 



Google 



16'i RECKNSIOXI E NOTE BIBLIOC^HAKICHE — O. SAXGIOHGIO 

fourli meritavano davvero d'essere abbassati, e cinque mesi dopo 
furi nuova sentenza, interpellate le parti in causa, si precisa- 
vano «le norme e le misure cui attenersi in detto abbattimento». 
Né sfuggivano alle necessarie costituzioni, ed alle pene rela- 
tive, coloro che disobbedendo ai decreti consolari otìfendevano 
colia loro tristizie gli interessi dei concittadini e la maestà 
biella legge. Gaetano Sangiorgio. 



\^^ GOETZ, Die Quellen zur Geschichte des hi. Franz von As- 
sisi. Mimchen, 1904, pp. x-250. 

89. — Gli studi francescani continuano ad essere fonte ine- 
sauribile di ricerche e d'intelligente attività. Ed hanno un'im- 
portanza ed una caratteristica tutte particolari, poiché assai 
spesso, oltre ad essere fine a sé stessi, rappresentano il cozzo 
di due tendenze opposte, delle quali una ricerca per quanto è 
possibile la verità obiettiva della leggenda del poverello, tro- 
vando che tutta la vita di questi ed il suo radioso apostolato 
rappresentano in sé qualche cosa di ammirabile, e che non ab- 
bisogna affatto di essere coonestato coi dogmi della Chiesa ro- 
ìrmna, mentre Taltra indirizza specialmente la propria indagine 
a dimostrare che Topera francescana fu, fin dal suo inizio, in 
perfetta armonia con gFintendimenti della Santa Sede. È ben 
vero che questa seconda tendenza rimprovera a sua volta alla 
prima una implicita parzialità, non foss'altro perché Tultimo e 
più energico impulsi agli studi francescani fu dato dal Sabatier, 
che ha il mal garbo di essere protestante; ma con tutto ciò 
all'opera, anzitutto caratterizzata da un sereno rigore scienti- 
fico, del Sabatier e della sua scuola é necessario far largo 
posto ogni volta che si parli della leggenda francescana. 

Ed uno studio di questo genere (c'intendiamo, condotto 
innanzi con lodevole oggettività e con sano criterio d'indagine) 
è appunto quello del Goetz, sulle fonti della storia di S. Fran- 
cesco, che fu pubblicato in parte nella « Zeitschrift fiir Kirchon- 
gesrhichte», voi. XXII, XXIV e XXV, e che usci poi, aumen- 
tato, in volume a sé. Avvertiamo subito che questo librg 
corìtrasta assai spesso, anzi, per usare le parole dello stesso 
autore, pagina per pagina con il modo di vedere del Sabatier, 
ma bisogna che riconosciamo altresì che Topposizione é sempre 
serena, ed, assai spesso, fondata. 

Il lavoro è diviso in due parti essenziali. La prima, è una 
eritica degli opuscoli del santo; la seconda prende in esame le 



Digitized by 



Google 



BASSO MEDIO KVO — W. QOETZ ÌC7 

ieguenfìe, E per quanto riguarda gli opuscoli, l'opinione defi- 
nitiva del Goelz concorda in massima con quella del Sabatier, 
<*osi che gli scritti di S. Francesco rimangono più che mai ed 
incontestatamente la fonte precipua della storia del poverello, 
tanto più che, oltre ad un proprio valore, hanno in sé gli ele- 
menti indispensabili a compiere una critica efficace delle altre 
leggende. Il nuovo contributo, che TA. porta in questa parte 
del suo libro, è essenzialmente di dettaglio e non è qui possi- 
bile occuparsene adeguatamente. L'appunto, che può farsi al 
Goetz, è di aver troppo negletto, nell'interpretazione degli opu- 
scoli, un elemento che talvolta ha un'importanza decisiva e 
che è costituito dalla stessa psiche di S. Francesco. Compren- 
diamo perfettamente ^quanto sia in massima pericoloso intro- 
durre nella critica scientifica un simile coefficiente; ma rite- 
niamo per fermo che in que: o caso l'anima del santo, non 
che balzar fuori dalla semplice e vivace poesia dei suoi scritti, 
li illumina a sua volta di una luce tutta interiore, che ne rende 
assai spesso intuitiva la portata. 

Risultato della critica si è che sono da considerarsi come 
autentici il testamento, la benedictio Leonis, undici e forse 
tredici lettere, (secondo che ciascuna delle lettere a tutti i cri- 
stiani e al capitolo gemicale è considerata come un fatto a se, 
invece è sdoppiata), la Regola del 1221, i due trattati de 
vera et perfecta Icvtitia fyatrum Minorum e de religiosa ha- 
Mattone in eremitoriiSy le laudes Lei, Creaturarum, (can- 
tico del sole), Domini, de virtutibus e Voffìcium Passioni s 
Dominiccv. K specialmente notevole quest'ultima conferma data 
airautenticità del cantico del sole. 

D'importanza gravissima sono le conclusioni a cui viene 
particolarmente l'autore nei riguardi delle singole leggendo. 
La vila prima di Tomaso di Celano è, secondo la sua opinione, 
opera completamente spontanea e per niente infetta da spirito 
di parte. Con ciò entriamo senz'altro nel pieno della disputa 
francescana, poiché é noto che il Sabatier, e con esso molti 
altri, tra i quali segnaliamo l'italiano P. Minocchi {La legenda 
trium socioì-um, nuovi studi, ecc., in «Arch. stor. ital. », vo- 
lumi XIV, pag. 249 segg., e XVI, pagg. 81 segg.), sostennero 
sempre essersi il primo biografo di S. Francesco piegato, nello 
scrivere la prima vita, ai concetti della Sede di Roma, con il 
fine specifico di designare quale capo della suprema potestà 
dell'ordine dei Minori il frate Elia, il quale col poverello d'As- 



Digitized by 



Google 



KS HECENSION'I E NOTE BIBLIOGRAFICHE — M. MORESCO 

s^isi era nel più completo contrasto di idee. Il Goetz si accinge 
a dimostrare al contrario la perfetta buona fede del Celanese 
e» quel che più rileva, l'inesistenza nella sua prima biografia 
di un qualsiasi riflesso delle scissioni che, nell'ordine france- 
scano, si manifestarono fin da quando il santo era ancora in 
vita. Qual fondamento abbiano lo sue teorie, potrà lo studioso 
vedere da se, perchè non è consentito prenderle qui partita- 
mente in esame, senza esorbitare dai limiti di una recensione. 
l\ ciò appare tanto più opportuno in quanto lo slesso Sabatier 
si propone in una sua pubblicazione, di cui qui sotto daremo 
un cenno particolare, di rispondere alle obiezioni del Goetz con 
uno studio apposito, che in questo momento non sappiamo an- 
cora se è stato pubblicato. 

Proseguiamo nel nostro esame. Si sa quanto siano contro- 
verse le opinioni sulle diverse leggende, considerate sì in sé come 
uei rapporti che ciascuna di esse può avere con le altre, ed il 
(ìibattito si aggrava ancora quando ha per oggetto lo speculuin 
perfectionis, la legenda hnum sociorum, ed i rapporti che in- 
tercedono tra di essi. Infatti i bollandisti (specialmente per 
iipera del P. Suysken, Acta Sanctorum, ottobre, tom. II, pa- 
ttine 550 segg.) e il Della Giovanna (S. Francesco d'Assisi giul- 
lare e le «laudes creaturarum », in «Giornale stor. della let- 
teratura ital. », voi. XXV, pag. 49) conchiudono col dichiarare 

10 spec. perf. privo di qualsiasi valore. Pel Sabatier invece 
l'opuscolo che dicesi comunemente leg, 3 soc. oltre ad essere 
ri[>era autentica, scritta nel 1227, e pervenuta a noi soltanto 
iiiulilata, può completarsi benissimo con lo spec. per/"., il quale 
così riacquisterebbe tutto il suo grandissimo valore (Sabatier 
Spec. perfecL seu SM Frnncisci Assis, legenda antiquissintay 
auctore frate Leone, Parigi, 1897). Questa opinione, confermano 
i PP. Da Civezza e Domenichelli (La leggenda di S. Francesco 
scritta dai suoi tre compagni e pubblicata per la prima volta 
nella sua integrità, Roma, 1899) con la scoperta e la pubbli- 
razione di una versione italiana della leg. 3 soc, molto più 
ampia di quella finora conosciuta e i cui nuovi capitoli coin- 
cidono con altrettanti dello spec. perf. Ma ad essi ed al Sabatier 
risponde il Faloci-Pulignani (Miscellanea francescana, voi. VII), 
affermando l'integrità della leg. 3 soc, come è pervenuta a noi. 

11 Minocchi a sua volta (op. cit. )» modificando in parte le con- 
clusioni del Sabatier, si propone di dimostrare che lo spec. perf. 
è opera di frate Leone, del 1240, aumentata in seguito da altri 



Digitized by 



Google 



BASSO MISDIO avo — W. GOETZ 16{> 

nel 1318 e che esso non ha nulla a che fare con la leg. 3 soc, 
quale noi la conosciamo, essendo quest'ultima una falsificazione 
posteriore. In ultimo un altro boUandista, il Van Ortroy (Ana- 
lecta Bollandiana, tom. XIX, fase, ii) sostiene essere la leff. 
3 soc. una compilazione, più o meno arbitraria, della fine del 
sec. XIII e nega ad essa ed allo speculum qualsiasi importanza 
come fonti autentiche. 

Di fronte a tali contrasti il Goetz, esaminando lungamente 
le varie leggende e specialmente lo spec, perf. in rapporto alla 
tUa secunUa di Gelano, viene a conchiudere che lo speculum, 
cosi come lo conosciamo noi, non contiene affatto in parte no- 
tevole materiale antico ed originale, poiché dei 124 cap. che lo 
compongono, 50 non sono anteriori alla sua ultima elaborazicme, 
43 derivano solo in parte da antichi testi ; ma furono rimaneg- 
giali, e 32 soltanto possono essere riconosciuti come genuine 
derivazioni. Con ciò è respinta l'opinione del Minocchi (op. cit., 
XVI, pag. 116 segg), e che 80 cap. fossero stati redatti nel 1240. 
In ogni caso poi soltanto 10 cap. sarebbero anteriori alla vita 
secunda del Celanese e per altri invece la derivazione da que- 
st'uliinao lavoro sarebbe evidente. Con questi risultati l'A. nega 
allo spec. perf. l'antichità che gli fu voluta attribuire, ritenen- 
dolo opera dei compagni del santo, e le parole nos qui cum 
eo fxùmus, che si riscontrano in 20 cap. non bastano a deter- 
minare Torigine di tutto il testo, poiché Tautenticilà di questa 
espressione è incontestabile soltanto per 6 cap. 

Stabilito adunque che lo spec. pei^f. è di autore posteriore 
ai contemporanei del santo, il Goetz afferma inoltre non riscon- 
trarsi in esso alcun elemento che lo faccia apparire opera di 
parte. E quest'altro risultato è a sua volta assai importante, 
poiché contrasta con i rilievi, fatti specialmente dal Sabatier e 
dal Minocchi, in conseguenza dei quali Io speculum sarebbe 
stato un'opera di propaganda della teoria degli spirituali, o 
zelanti dell'ordine, nel loro contratto con i conventuali. Perciò 
l'atlribuzione dello spec, perf, a frate Leone, che é ora conside- 
rato come il depositario del genuino concetto francescano e come 
il capo degli spirituali, sarebbe, anche sotto questo punto di 
vista, infirmata. E invece, secondo il Goetz, lo spec, perf, sa- 
rebbe una compilazione del sec. XIV e non coinciderebbe nep- 
pure in parte con la leg, 3 soc. Se esso per avventura con- 
tiene qualche cap. di origine più antica e magari di frate Leone, 
è ben lungi dal rappresentare il pensiero dei primi spirituali 



Digitized by 



Google 



170 RECENSIONI E NOTE BIBUOGRAFICHE — M. MORESCO 

e non è che il lavoro di uno storico, che fu animato dal solo 
amore di rammentare persone e fatti, che stimava non doves- 
sero cadere in dimenticanza. 

Se a tutto questo aggiungiamo che TA. sostiene inoltre la 
completa veridicità della vita secunda di Celano, abbiamo dato 
uno sguardo rapidissimo alle conclusioni del libro che esami- 
niamo. E l'importanza loro è tale, che attendiamo con impa- 
zienza ulteriori pubblicazioni che dell'opera del Goetz si occu- 
pino specificamente. In due punti fondamentali l'Autore si stacca 
dagli studiosi più reputati della leggenda francescana, per ac- 
costarsi, assai più di ciò che non appaia a "prima vista, alle 
opinioni dei bollandisti, e cioè quando contesta che lo speculum 
sia, anche parzialmente, opera dei contemporanei del santo e. 
più genericamente, nell'essere portato a negare più volte che 
i contrasti scoppiati da bel principio nell'ordine dei Minori ab- 
biano potuto influire sull'elaborazione delle varie leggende. K 
prevedibile perciò che la disputa si risolleverà assai presto più 
vivace che mai. Il Sabatier si prepara di già, come dicemmo, 
a scendere in lizza per proprio conto. Ed il libro del Goetz è 
compilato con tanta dignità scientifica, che gli si convengono 
assai bene degli agguerriti avversari. Quali saranno i nuovi ri- 
sultati? La questione della leggenda francescana rimane ancora 
così controversa, che non sarebbe impossibile una qualche sor- 
presa. M. Moresco. 

P. SABATIER, Examen de qicelqtces travaux rècents 5wr le.^ 
opuscules de Saint Francois: in Opuscules de critique his- 
torique, fase. X, Parigi, 1904. 
90. — Utilissimo agli studiosi della leggenda francescana è 
anche questo opuscolo del Sabatier, che se aggiunge nulla 
di sostanziale a quanto finora fu conquistato dalla odierna cri- 
tica storica, ci fa conoscere il pensiero dell'illustre storico di 
S. Francesco su tre nuovi studi che hanno per oggetto gli 
opuscoli del poverello. Sono essi i lavori del P. Lemmens, 
(Opiiscula SJi P, Francìsci Assis. sec. codicea Mss. emendata, 
etc. Quarnacchi, 1904) del Boehmer, (Analecten zur Geschi- 
chte des Franciscus von Assisi, S, Francisci opuscula, re- 
gula poenitentium, etc, Tiibingen, 1904) e del Goetz (recens. 
prec. ). 

Il libro di quest'ultimo fu già da noi esaminato più sopra 
ed abbiamo veduto che il suo contenuto esorbita d'assai dalla 



Digitized by 



Google 



BASSO MEDIO EVO — F. TABDL'CCI 171 

critica dei soli opuscoli del sauto. 11 Sabalier però lo considera 
qui unicamente sotto quest'ultimo punto di vista e si compiace 
che i criteri del Goetz sostanzialmente non differiscano dai suoi. 
Al Lemniens invece rimprovera Tommissione nella sua edizione 
del cantico del sole che è senza dubbio l'opera più significa- 
tiva di S. Francesco e sulla autenticità del quale avrebbe de- 
siderato conoscere il pensiero dell'autore, che del resto, se- 
condo il Sabatier, ha esaminati gli opuscoli di S. Francesco 
unicamente sotto il punto di vista teologico, trascurando affatto 
la loro indagine storica. Infine, passando all'opera del Boehmer, 
il Sabatier segnala speciamente la mancanza di metodo scien- 
tifico nella compilazione di quest'edizione critica degli opuscoli 
francescani. 

Come conseguenza di ciò osserva che il Boehmer si è lasciato 
sfuggir l'occasione di portare la sua indagine sulla parafrasi 
del Pater, che egli non sa se dichiarare di dubbia autenticità 
addirittura falsa, mentre con gli elementi che aveva ormai 
a sua disposizione, avrebbe potuto dimostrarne facilmente la 
purezza. Ma tosto il sapiente critico francese si compiace col 
suo recensito, perchè quest'ultimo mostra di dare la massima 
importanza allo spec, perf,, che esso ritiene, per la massima 
parte, opera di frate Leone. Dopo quanto dicemmo nella nota 
precedente l'importanza di quest'opinione non ha bisogno di 
essere ulteriormente rilevata. Le osservazioni del Sabatier si 
chiudono con un vero inno di lode al Boehmer, per quella 
parte del lavoro che riguarda il valore storico degli opuscoli 
di S. Francesco. L'autore vi è chiamato poeta, filosofo, divi^ 
natore di anime. E certo, se si tien conto delle brevi pagine 
riportate dal Sabatier, bisogna associarsi, almeno nell'inten- 
zione, alle approvazioni dello storico francese. Se non che tra 
questa esultanza fa pure capolino un intimo senso di compia- 
cimento per l'antecedente opera propria, che non esitiamo a 
riconoscere pienamente legittimo, ma che forse avrebbe potuto 
essere espresso con minore esuberanza di parole. 

M. Moresco. 



FRANCESCO TARDUGCI, Vita di S. Francesco d' Assisi, Man- 
tova, a. Mondovi. In-16, pp. xx-433. 
91. — Francesco Tarducci ha amato sempre di conversare 
<?on le anime grandi. Incominciò con tradurre V Apologia di So- 
crate, corse i mari insieme con Cristofoì^o Colombo e con i 



Digitized by 



Google 



172 RECENSIONI E NOTE BIBUOORAFICHE — U. COSMO 

Cnboto, scrive ora la vita del Santo d'Assisi. Credente piega 
il capo dinanzi al dogma, ma non intende con ciò di scrivere 
un trattato di ascetica, come non vuole del resto atteggiarsi a 
novatore. Non Andermatt e non Sabatier : « in medio tutissima 
virtus». È la sua forza e costituisce insieme la sua debolezza: 
vuol trovare la spiegazione d'ogni fatto che s'alzi più su dal 
naturale e teme insieme della fantasia che non gli prenda la 
mano e si sbrigli a sua posta. Gli uomini di buon senso non 
smarriscono mai il filo che li deve guidare, nemmeno attra- 
verso gli intricati labirinti della storia francescana; sanno 
HT^mpre conciliare fatti e interpretazioni di fatti che a prima 
vista paiono contradditori. Anche la storia è come il gioco par- 
lamentare: non ci si trionfa con la prepotenza dell'ingegno ma 
con il buon senso e con l'abilità schermitrice. 

Così il problema delle fonti, che atterrisce i critici del fran- 
cescanesimo, non turba la serenità del Tarducci. La Legenda 
trlum Sociorum è opera autentica de' Compagni come sino 
all'altro ieri si è sempre creduto, o lavoro di un Giovanni 
luitaro, come pretende il sacerdote Minocchi? O dei tre o del- 
l'uno, quel che imporla è che sia «buona fonte storica per la 
vita del Canto», esclama il Tarducci: «l'autorità che il libro 
]ierde sotto un nome» la può « riprendere sotto un altro ». Si; 
soltanto che se esso non fosse ne dei tre né dell'uno, ma un 
tai'do raffazzonamento, come pensa il Van Ortroy, allora d'au- 
torità non ne ripiglierebbe né punta né poca ! E quando, ad e- 
serapio, il Tarducci si vale della «parola de' tre Compagni» a dar 
« sicura fede che il racconto » deriva direttamente da S. Fran- 
cesco; quando con l'aiuto loro egli cerca i più riposti segreti 
di quell'anima, allora egli è già uscito dallo stato d'indifferenza 
per un nome piuttosto che per un altro e dà alla sua fonte 
un'autorità che le viene soltanto dall'essere scaturita dai com- 
pii gni fidi del santo, non già da un cancelliere della corte romana. 

Il Tarducci ha tradotto il Simposio di Platone; se si fosse 
provato anche con i Logici d'Aristotele, si sarebbe accorto che 
i suoi dilemmi si ritorcono facilmente anche per lo Speculum 
perfectionis e per la Lef^cfenda dei Tre Compagìii nel nuovo 
testo del Da Civezza e del Domenichelli. Perché anche qui e^li 
nnn ha supposto che oltre alla premessa sua o a quella del critico 
rVie cita, ce ne possa essere, come c'è in effetti, anche una 
terza, la quale una volta ammessa scombussola ogni ragiona- 
mento. Qualche anno fa era il solo Della Giovanna a posarla; 



Digitized by 



Google 



BASSO MEDIO EVO — F, TARDCOCI 173 

oprgi gli si sono uniti il Van Ortroy, e in parte il Goetz e 
poi altri. 

Se Tessere «sostanzialmente salva la verità di quei rac- 
conti» — e bisognerebbe prima dimostrare che è tale — ba- 
slasse alla rappresentazione compiuta della storia, il T. non 
avrebbe alla fine tutti i torti: il guaio è che nel fenomeno da 
lui studiato, le sfumature, i colori, il tono sono gran parte del 
fenomeno stesso. La Cetani e lo Spacttlum raccontano in fondo 
la stessa cosa: ma le potature sapienti, le rassettature accorte, 
le iofiorettature pompose finiscono spesso per cambiare 13, so- 
stanza stessa della cosa. 

Quando, viene però al paragone dei fatti il Tarducci s'attiene 
più che altro alle fonti spirituali, onde nell'unità della rappre- 
sentazione il protagonista della sua storia non differisce da quello 
del Sabaticr. Anche se egli proceda più cauto del francese e gli 
dia qualche volta sulla voce e ne corregga quando può le af- 
fermazioni più arrischiate. Specie per quello che riguarda i rap- 
IK)rti del Santo con la Chiesa e con il vescovo di Assisi. Il Sa- 
baiier ha forse esagerato l'opposizione di Guido alla nascente 
religione, ha sforzato al suo fine l'interpretazione di qualche 
testo. Richiamarlo al rispetto della verità era giusto ; ma peggio 
che inutile e nocente alla economia del libro perdersi a dis- 
sellare sul valore di un vocabolo (invenire), dove la disserta- 
zione poteva tutt'al più trovar posto in nota: inutile e peggio 
il frizzo finale contro lo storico illustre. 11 quale ha il gran torto 
di avere asserito che pensare la storia per iscriverla è trasfor- 
marla ; come se trasformata in alcune parti non la abbia anche 
il Tarducci, dove con gli stessi, elementi del Sabatier è venuto 
a una rappresentazione diversa della sua, perchè diverso era 
il fulcro intorno a cui essi elementi si venivano ad aggruppare. 
Fulcro che in fine è sempre la personalità dello storico. Il Tar- 
ducci, ad esempio, nella saldezza della sua fede ha poca sim- 
patia per gli eretici, ed ecco che accusa di superstizione i Val- 
desi, ecco che nel capitolo XI, ove si propone di dare uno 
sguardo, sia pur rapido, alle condizioni religiose d'Europa ai 
lenipi di San Francesco, sorvola frettoloso sulla corruzione del 
clero e sulle eresie e la rappresentazione no esce monca ed 
incompiuta. 

Può la vita di frate Egidio essere forma ed esempio di 
quella che doveva essere la vita de' primi frati minori? Alcuni 
l'hanno pensato: Il Tarducci per ragioni tult'allro che disprez- 



Digitized by 



Google 




174 RECENSIONI E NOTE BIRLIOORAFICHE — U. COSMO 

znbili lo nega, ma ognuno anche vede quanto gli elementi sog- 
^^(■ttivi influiscano alla determinazione del giudizio. 

Quando non gli veniva dato il prezzo del suo lavoro, il 
frale minore doveva ricorrere alla mensa del Signore e chie- 
tlcre Telemosina a uscio a uscio. Era per alcuni il più doloroso 
iorm degli obblighi, tanto che affrontavano più volentieri il 
ÌBZZO dei lebbrosi. 

«Ci sarà facile intendere la ragione di questo peso — os- 
serva il Tarducci — se ricordiamo che mal la ricchezza ebbe 
vìinto di potenza o di ammirazione come nel medio evo, e 7nai 
tome allora fu tenuta in avvilimento e disprezzo la povertà». 
Frugo anch'io nella mia memoria, ma di cotesti ricordi non ne 
tn^vo, tanto che volendo precisare le differenze caratteristiche 
tra Tetà nostra e la medioevale, ho potuto altra volta asserire 
Iiniprio il contrario. 

Apprezzamenti diversi nella concezione di un'opera portano 
a Hirutture diverso. 11 Tarducci, ad esempio, pensa che negli 
iilfìmi anni della vita del Santo si possa prescindere dalla storia 
doli "ordine da lui fondato, perchè esso oramai è quasi estraneo 
a lui. ft un modo di vedere che può trovar la sua giustifìca- 
ziiine nel racconto che lo scrittore ha fatto dianzi della trasfor- 
mazione fatale deirordine; ma ad altri può invece parere che 
ì^enza la nozione piena della storia di questo, man mano che 
s'avanza la vita del suo fondatore, non si possano comprendere 
cfrte crisi di dolore, onde Tanima di lui pareva soffocata. 

Ma nessuna cosa anche più facile in storia cosi tribolata 
die scavizzolar luoghi ove si possa discordare dal raccontatore ; 
nulla di meno arduo che scovare piccoli errori particolari. Evi- 
dentemente il chiaro autore non ha studiato ogni parte anche 
pisi minuta del suo soggetto, non ne ha cercata, comesi dice, 
lulta la letteratura. Cosi vediamo attribuite troppo facilmente 
al Santo parole che la critica più oculata non gli potrebbe con- 
Ci'dtTe se non dopo lunga disamina; mentre dispiace di veder 
unmo di tanto valore sorvolare sopra punti controversi di de- 
lie aiezza estrema. Fidandosi della Cronica XXIV Geney^alium 
i^gii scrive che Egidio il di della sua conversione «si avviò 
verso Rivotorto, dove sapeva che Francesco si era ritirato coi 
due compagni ». Viceversa la Vita h. fr, Aegidii pubblicata 
da) Lemmens c'insegna che «dirigit gressus suos ad ecclesia m 
* S. Mariae, ubi b. Franciscus cum dictis duobus fratribus mo- 
<rabatur». 



Digitized by 



Google 



BASSO MJBDIO EVO — N. TAMASSIA 175 

Quisquilie, potrebbe altri pensare; ma se intorno a queste 
quisquilie si dibattè nel passato « la grossa questione di pre- 
minenza fra i Minori Osservanti e i Minori Conventuali», ora 
all'accertamento di quisquilie pari a* questa, si collega la que- 
stione della autenticità de' più preziosi e più disputati docu- 
menti della storia francescana. La quale però ha trovato nel 
Tarducci — è giustizia il riconoscerlo — un degno racconta- 
tore. Egli non possiede certo le magie dello stile onde è superbo 
il suo grande antecessore, non ha quel senso finissimo della 
convenienza artistica, che è tanta parte nella disposizione e 
nella economia di un libro. Ma ha per compenso a tali difetti 
doti sicure di onestà, di acutezza, di padronanza della materia 
e per qualche scappuccio di lingua o di stile c'è analisi fine che 
danno vigoria e bellezza a non poche pagine. Sono pregi non 
volgari che concedono ad un libro il diritto di essere letto e 

meditato da ogni studioso. 

Umberto Cosmo. 



NINO TAMA.SSIA, San Francesco d'Assisi e la sua leggenda. 

Padova, Drucker, 1906. 

92. — « Noi giuristi siamo dovunque » dice con arguzia 
il prof. Tamassia a proposito di un jurìsperitus, che fu tra i 
primi compagni del poverello d'Assisi. Perciò non ci dob- 
biamo meravigliare se vediamo il dotto professore di storia del 
diritto italiano invadere un campo, fin qui riservato ai letterati ed 
ai cultori di scienza della religione ; ne, conoscendo l'erudizione e 
l'ingegno di lui, possiamo stupirci che, ficcato l'acuto sguardo 
nella complicata questione delle biografie più antiche di S. Fran- 
cesco, egli sia riuscito a scorgere subito ciò che tanti altri 
prima di lui non avevano veduto, ed oggi col suo libro faccia 
fare un progresso veramente notevole agli studi francescani. 

Era universalmente ammesso che, se non unica, certo prin- 
cipale fonte per la biografia del Santo fossero le due Vite, che 
di lui scrisse, a parecchi anni d'inten^allo, fra Tommaso da 
Celano; e intorno ad esse vivissima discussione s'era accesa 
fra i numerosi cultori di cose francescane : ed ecco il Tamassia 
giungere adesso alle seguenti conclusioni, fra loro ben distinte, 
anche se un cotal poco confuse nel volume di lui: 

r Che Tommaso, uomo assai colto, nello scrivere l'una e 
l'altra vita ha attinto abbondantemente a numerose agiografìe 
'Ielle precedenti età attribuendo a Francesco fatti e parole e 



Digitized by 



Google 



176 HECENSIONI E NOTE BIBLIOGRAFICHE — C. MAXFROM 

miracoli già narrati in allre vite di santi e talora servendosi 
<ielle identiche frasi, delle identiche parole. 

2*» Che lo vite furono scritte con propositi ben definiti, po- 
litici, più che biografici e morali: la prima per fornire alla 
Chiesa, o meglio al Papa, una prova ufficiale per dimostrare 
che il poverello d'Assisi non aveva nulla di comune con tanti 
^Itri predicatori e riformatori, contro i quali Koma aveva ban- 
dito la guerra e che il fondatore dell'ordine francescano non 
aveva mai calcato quei sentieri che deviavano dalla grande 
strada tracciata dal Capo della Chiesa; la seconda per dare 
un testo che salvasse la regola e i principii della Chiesa,, che 
fondesse insieme la realtà e l'ideale, e che fosse al tempo istesso 
un «manuale di perfezione monastica». 

Che il celanese abbia largamente attinto ad agiografie assai 
più antiche, ninno potrebbe oggi negare più; poiché il Ta- 
massia ci fa sfilare innanzi numerosi scrittori dal V al XII se- 
colo, numeroso vite di santi (San Benedetto, San Martino, San 
Severino, San Pacomio), moltissime opere note (fra le altre i 
<iialoghi di San Gregorio), talune sfacciatamente saccheggiate, 
altre pudicamente imitate da Tommaso, e ci porta in nota le 
prove evidentissime della dipendenza delle due Vite da un gran 
numero di fonti. 

E, se più innanzi avesse voluto spingere la ricerca, credo 
che avrebbe trovalo ancora altre prove: mi sembra infatti che 
nelle Monodiae di Guiberto, abate di S. Maria de Sovigento 
(Nogent) e storico della prima Crociata, si ricordino molti mi- 
racoli e leggende che hanno parentela stretta con quelle nar- 
rate dal celanese (Migne, Patr, Lab. voi. 156). 

Tuttavia io non oserei affermare troppo recisamente, che 
l'opera del francescano meriti d'esser chiamata « forse il capo- 
lavoro dell'impostura monastica del secolo decimoterzo»; né mi 
sembra che talora il frate letterato «sostituisca a San Fran- 
cesco un fantoccio venuto su dal solito repertorio orientale». 
In queste e poche altre recise affermazioni del dotto collega io 
trovo qualchecosa che varca il segno, e che passa oltre, non so 
se alle intenzioni di lui, ma certo al limite di ciò che da lui 
è scientificamente dimostrato. Non contento di togliere, come 
egli dice elegantemente, le incrostazioni lef/erarie e retoriche 
dalle vite di Tommaso a me pare che il Tamassia si lasci talvolta 
trasportare dall'entusiasmo della sua scoperta, e proceda innanzi 
colla scure levata, fracassando ciò che bastava aver abbattuto. 



Digitized by 



Google 



BASSO MEDIO EVO — N. TAMAS8IA 177 

Io non riesco, per esempio, a scorgere un plagio di Tom- 
maso nel brano che narra la conversione di San Francesco, 
uè vi trovo parentela stretta colla conversione di Sant'Agostino, 
solo perchè « questi è convertito da un libro, Francesco da un 
amico»: ne mi pare che l'episodio del Santo battuto dai la- 
droni sia intimamente legato all'episodio di Cristo schernito dai 
due^uoi compagni di pena; né credo saccheggiato Cesario di 
Heisterbach nell'episodio dell'abbandono delle ricche vesti, perchè 
si capisce che chi indossa l'abito monaoale abbandoni il suo 
vestito, ed è lecito supporre che due scrittori, indipendenti l'uno 
dall'altro, adoperino due parole identiche < vesthnenta e deli- 
cata» unico segno di plagio, ma per il Tamassia evidente. 

Questi e pochi altri punti, in cui il T. ha forzato un po' 
la mano, porgeranno certo un argomento ai sostenitori della 
buona fede di Tommaso per chiudere gli occhi dinnanzi alle 
molte e solide e convincentissime prove addotte dall'autore, e 
per combatterne le conclusioni finali. E nemmeno gli gioverà 
l'aver accentuato troppo e troppo frequentemente le relazioni 
fra le dottrine francescane e l'eresia : perchè, se le idee del 
MiiUer sono persuasive, talora i raffronti sono un po' forzati, 
e nelle deduzioni si corre un po' troppo. 

E così più temperato avrei voluto il Tamassia nel mostrarci lo 
ragioni che indussero il Celanese ascrivere la prima e la seconda 
Vita; ammiro l'acume con cui egli ha ricostruito il processo di 
formazione della Vita; trovo plausibili la maggior parte delle ipo- 
tesi da lui emesse; ma constato che, se molti dei suoi ragiona- 
menti sono forniti di prove evidenti, taluni potevano presentarsi 
solo sotto forma dubitativa : alcuni meglio sarebbero stati esposti 
in forma di semplice congettura (vedi pagg. 77, 111, 114, etc.^. 

Ma non ci dobbiamo troppo dolere che il Tamassia abbia pro- 
ceduto con giovanile baldanza nell'opera sua : se qualche cosa 
egli ha abbattuto, che poteva restare in piedi, il giudizio com- 
plessivo sulle due biografìe, anzi sulle due leggende, non può 
mutare: libera dalle sovrapposizioni, dai racconti tendenziosi, 
la vita veraci del Santo ci appare oggi più umana, più attraente, 
più simpatica. Leggiamo il paragrafo in cui il Tamassia ci 
spiega come avesse origine la leggenda delle Stimmate, ed 
avremo un bellissimo esempio di acume critico, di logica strin- 
gente, di esposizione lucidissima: leggiamo l'altro paragrafo 
sulle mistiche nozze tra il Santo e la Povertà, ed avremo un 
modello di arguzia, di arte dialettica, di polemica garbata. 

muta storica italiana, ^ S., v, 2. 12 



Digitized by 



Google 



178 RECENSIONI E NOTE BlBLIOQRAnCHE — C. MANFEONI 

Tratto tratto sotto la veste dello storico si intravede il giu- 
rista, che con due parole elucida questioni complicate e mal 
comprese: e sempre si sposa al narratore sobrio ed efficace 
Tuomo erudito e lievemente malizioso, che si diverte a punzec- 
chiare quelli che Thanno preceduto e che si son lasciati sfug- 
gire degli spropositi. E' anzi incredibile il numero degli spro- 
positi altrui che il Tamassia rileva, senza troppo insistervi, 
con garbo signorile: e par quasi impossibile che siano passati 
sotto gli occhi di tante persone colte, senz'esser mai stati corretti 
fin qui tanti errori storici, errori giuridici, errori di interpre- 
tazione. Il Sabatier è fra tutti il più colpito, forse anche perchè 
più di tutti ha scritto, e non sempre colla voluta ponderazione. 
Non saremo certo indotti a credere che egli non sappia il la- 
lino, pur vedendolo interpretare la parola hospilium in ospe- 
dale^ e trasformare le monache di Santa Chiara in soeurs hospi- 
talièr^es: ma è certo che di questi scappucci il T. fa grossa 
raccolta, e non risparmia le frecciate a chi se Tè lasciati sfug- 
gire. Tuttavia io sono certo che il Sabatier, così fervente cul- 
tore degli studi francescani, sarà il primo a rallegrarsi di 
questa invasione del Tamassia in un campo, da lui amorosa- 
mente coltivato e, pur con qualche restrizione, accetterà le 
conclusioni della sua dotta monografia; poiché la figura del po- 
verello d'Assisi, il quale «incarna l'ideale della semplicità evan- 
gelica e del candore sovrumano», spoglio oggi per opera del 
dotto giurista di una veste d'accatto, risplende agli occhi nostri 
di luce più pura e più fulgida. G. Manfroni. 



FRANCESCO LUIGI MANNUGCI, La cronaca di Jacopo da 

Varagine, Genova, a cura del Municipio, 1904, pp. 85 in 8\ 
, L* anonimo genovese e la sua raccolta di rime (secolo 

XIII XIV), con appendice di rime latine inedite e tre fac- 

simili, e. s. pp. 272 in 8". 

93-94. — Non è molto che, in queste pagine, fu data la dovuta 
lode alla pubblicazione del M. sulle corporazioni d'arte a Genova 
nel duecento. Anteriori a tale pubblicazione, in ordine i\\ tempo, 
sono questi due volumi su Jacopo e sull'anonimo. Fanno parte 
da sé, quantunque appartengano allo stesso periodo storico, al 
quale, ha rivolte l'A. le altre sue indagini. L'argomento del 
primo volume non esigeva, ci pare, una sì diffusa trattazione; 
l'altro invece è di quelli «che hanno viscere» come diceva 



Digitized by 



Google 



BASSO MEDIO EVO — F. L. MANNCCCI 171) 

Carlo Cattaneo, ed è svolto adeguatamente. Diremo qualche 
cosa prima dell'uno, e poi dell'altro. 

Che la Cronaca di Jacopo da Varagine (1) valga poco per la 
conoscenza delle vicende, politiche e civili di Genova è noto: 
il M. si propone di dimostrare ch'essa però ha importanza ca- 
pitale per la storia di quell'antica cultura letteraria che nel 
suo famoso libro il Burckhardt negava a Genova assolutamente, 
ma che, entro certi limiti in città siffatta e siffattamente ricca 
e potente dopo il trattato di Ninfeo, non poteva mancare. La 
dimostrazione è condotta per quattro giusti capitoli con intro- 
duzione e conclusione, ed in ogni capitolo comprende diverse 
parti che servono a lumeggiare il quadro della cultura geno- 
vese in lingua latina. 

Il libro di Jacopo, quantunque si chiami Cronaca, è una 
specie di enciclopedia e procede direttamente dallo Speculum 
di Vincenzo Bellovacense ; si divide in tre parti: la prima più 
specialmente storica, la seconda morale, la terza cronologica 
«secondo il metodo medioevale di raccogliere sotto a potenti 
re, papi, imperatori, vescovi i fatti più salienti». La esposi- 
zione del M. si fa criticare qua e là per qualche esuberanza, 
qualche traccia d'ipererudizione imputabili probabilmente al 
desiderio di rimpolpare lo studio intorno a siffatta scrittura che 
il M. stesso chiama «ibrida»; cioè da un lato «un inutile trat- 
tato di morale civile, dall'altro un malfatto epitome dei Gaffa ri 
verniciato di erudizione e di superstizione medioevale». Inte- 
ressanti i raffronti colla storiografia di Milano contemporanea 
e dimostranti buone attitudini le indagini sulle antiche leggende 
citladinesche, come" su Giano fondatore della città, sulla fonte 
di Molovecchio detta Bordigotto, sul sacro catino che per lungo 
tempo fu ritenuto di smeraldo (!) e serbasi nel tesoro della 
metropolitana. 

Più bello e insieme più importante argomento quello del 
secondo volume del M. e il libro gli è riuscito ben fatto. Le 
rime dialettali dell'anonimo genovese, che fu contemporaneo di 
Dante, accanto all'inevitabile ingombro della didattica medioe- 
vale, hanno accenti di cosi sincere passioni, hanno pitture cosi 
schiette della vita marinaresca e guerresca dei nostri padri 



(1) IjO Spotorno, che viene facilmente confatato dal M., teneva a' suoi 
pomi diversa opinione ; anche il Desimoni si mostrò un po' troppo indul- 
geDte col valore storico della Cronaca. 



Digitized by 



Google 



180 UKCKNSIONI E NOTK BIBLIOGRAFICHE — G. BIGOXI 

che vissero a cavaliere del due e del trecento, hanno tocchi 
COSI rivelatori della demopsicologia ligustica medioevale da 
meritare uno studio largo ed accurato, come questo del M, 
Egli ha fatto bene a darci in appendice i trentacinque compo- 
nimenti latini che lo Spotorno aveva trascurati del tutto e, 
quasi compiutamente, il Bonaini, sia per la luce che arrecano 
a parecchie delie rime volgari, sia come documento della « scom- 
posta e degenerata versificazione medioevale, prima che l'Uma- 
nesimo venisse a bandirla con lo studio e la rinnovazione delle 
forme classiche». 

Il buon Genovese che perdura, senza stancarsi, nel lavoro 
(che lavor — de li altri amixi è lo ineior) e abborre eretici (1) 
e fattucchieri (quele gente malegne — chi de bruxar son degne) 
è quello stesso che in volgare e in latino mostrasi scandalez- 
zato del mal costume del clero secolare : 

Cum bene considero, scmtans miindum totiim 
Nil a juris tramite corno sic remotum 
Irritum virtiitibus, viciis egrotum 
Sicut secularium genus sacerdotum. 

Orgogliosissimo della città «nobel e possente» vitupera i 
Veneziani nemici della sua patria, esalta di questa le vittorie; 
anzi della battaglia di Gurzola ci dà interessanti particolari di 
cui han fatto prò, ai nostri giorni nelle opere loro il tedesco 
Caro e il nostro Manfroni. Impreca cogli accenti di Dante e di 
Dino, alle discordie cittadine, impreca con Dante alle tre fa- 
ville che hanno accesi i cuori: «superbia maor... a varicia me- 
schina... luxuria ardente» né manca il suo plauso air«alto 
Arrigo» «novo emperaor — chi per tuto s'aduxe — mostra 
crexe soa luxe». — E continua dicendo che ciascuno l'apprezza 
perchè è campione della Chiesa e Timparzialità che dichiarava 
Cesare essere sua norma fissa e costante Tanonimo indica colle 
medesime parole del contemporaneo vescovo di Butrintò: (2) 
vuole il tutto e non vuole la parte. Essendo mutilo il codice 
che ci serba i componimenti deir Anonimo, si può supporre che 
nella parte mancante egli anche manifestasse i suoi sentimenti 



(1) Forse la voce gaxaria por cataria trovò facile accoglienza a Genova, 
dove esisteva TUfficio di Crimea col nome di Ufficio di Gazaria (Paese dei 
Cazari). V. la strofa, che ò fra quelle pubblicate dal Lagomaggiore, in M., p. 105. 

(2) V. la volgarizzazione del secolo XIV fatta dal notaio Bonacasa di 
Sor Bonavita da Pistoja in Arch. Stor. Ital. serie prima voi. IV appendice 
18, p. 73; M. p. 188. 



Digitized by 



Google 



v:n* ' - 



BASSO MEDIO EVO — M. ANTONELLI 181 

sulle ribellioni della parte guelfa che lungamente aveano trat- 
tenuto Cesare in Lombardia dopoché quella scaltra volpe di 
Matteo Visconti era riuscito a cacciare i Torriani di Milano e 
a farsi concedere il titolo di vicario imperiale. Anche avrà 
manifestato, che in politica ha ragione il Mannucci, non gli 
mancava buon fiuto, le scarse sue speranze che le pacificazioni 
ottenute in Genova da Cesare colla sua lunga dimora nella città 
partita, fossero durature. Altre volte infatti egli avea detto 
quanto poco c'era da fidarsi di quei maritaggi e di quei con- 
viti che avrebbero dovuto suggellare le paci fra le opposte 
fazioni ed erano soltanto brevi tregue per riprender forza e 
tornare a nuovi assalti: «paxe de boca no var niente — se 
lo cor no gè consente». 

E basti con le citazioni, quantunque la materia sia ghiotta 
assai. E tale, crediamo, la troverà il lettore, anche non spe- 
cialista, a cui il bel libro del M. farà venir voglia di leggere 
rileggere l'anonimo genovese già a lui noto dai fuggevoli cenni 
del Bartoli p. e. o del Gaspary. Guido Bigoni. 



M. ANTONELLT, Vicende della dominazione pontificia nel Fa- 
trimonio di 5. Pietro in Tuficia dalla traslazione della 
Sede alla restaurazione delVAlbornoz. Roma, R. Società 
Romana di storia patria, 1904, pag. 208. 
95. — Il torbido periodo della settantenne Schiaviti^ .4?v'- 
gnonese fu per lo Stato Ecclesiastico un continuo succedersi 
di tirannie e di ribellioni male represse, quando pur non fu- 
rono tollerate dai rappresentanti del lontano Pontefice. L'An- 
tonelli con notizie e documenti dei registri camerali del patri- 
monio e dei regesti pontificii, ha saputo ricostruire e illustrare 
questo periodo per una delle provincie dello Stato papale, il 
patrimonio di S. Pietro in Tuscia. 

E' tutto un seguito di abusi tanto da parte degli ofllciali 
pontificii, quanto da parte di prepotenti signori che volevan 
rendersi indipendenti dalla S. Sede. Sotto il pontificato di (Cle- 
mente V, sopratutto, il comune di Roma approfittò dell'anarchia 
regnante nel Patrimonio per estendere la sua giurisdizione sui 
comuni della provincia. Tentò papa Giovanni XXII con lode- 
vole energia a rialzar la caduta autorità della Chiesa e a ri- 
stabilir l'ordine tanto turbato. 

Certo, le famose calate degli imperatori in Italia ridesta- 
rono si>eranze e ambizioni dei partigiani Ghibellini; ma la im- 



Digitized by 



Google 



1S2 RECEXSIOXI K SOIE BIBLIOGRAFICHE — P. SPEZI 

belle potenza di Ludovico il Bavaro né vinse i suoi nemici, 
ne seppe favorire a dovere gli amici. 

Lo zelo spiegato da Giovanni XXII, se condusse, sul finire 
del suo pontificato, al bel risultato della restaurazione dell'au- 
torità pontificia di tutto il Patrimonio, non potè rassicurare 
nulla per la durata di essa restaurazione, perchè a consolidare 
questa sarebbe stato necessario cambiar modi e sistemi di go- 
verno ; mentre gli ufiSciali mandati in Italia dai papi avigno- 
nesi non intesero mai di smettere il triste sistema iniziato. 

Sterile di risultati fu Topera del Legato Bertrando arcive- 
scovo d'Embrun, mandato da Benedetto XII a riformare le 
province ecclesiastiche. La morte di re Roberto di Napoli nel 
1343 fece inorgoglire la parte ghibellina e in Viterbo si videro 
pazze scene di esultanza per questo avvenimento. Il Prefetto 
in'bano Giovanni di Vico aspirante alla signoria di Viterbo fu co- 
stretto però, come tutti i baroni del distretto romano, sottomet- 
tersi a Cola da Rienzo; ma la fulgida meteora del tribuno di 
Roma non lasciò pace sul suo passaggio; dopo del quale ca- 
pitò il triste flagello della peste del 1348, poi quello non meno 
triste del violento terremoto dell'anno seguente e infine quello 
tristissimo del passaggio della Compagnia del Guarnieri di Ur- 
slingen d'accordo col Prefetto. Dopo di che viene tutta la fu- 
nesta e vittoriosa guerra di conquista che il Di Vico fa delle 
terre della Chiesa, si da credersi che le sue usurpazioni ormai 
lo rendano invincibile e, peggio, eccitino altri prepotenti ad 
altre conquiste fuori del territorio da lui usurpato. 

Ma questa rovina quasi estrema del Patrimonio ecclesia- 
stico sotto Clemente VI cessò col pontificato d'Innocenzo VI, 
il quale fu fortunato nello scegliere, nel card. Egidio Albornoz 
il rappresentante dell'energica politica della corte pontificia; 
e dal 30 giugno 1353, quando a lui furon dati (con la nomina 
di Legato) estesissimi poteri, fino al 7 gennaio 1355 quand'egli 
(vinto e assoggettato il fiero avversario il Giovanni da Vico), 
potè lasciare il Patrimonio e muovere per la Marca a sotto- 
mettere anche questa provincia dello Stato Pontificio, questa 
opera di lenta, diflicile, ma costante e continua restaurazione 
a base di ininterrotta guerra, portò alla riconquista successiva 
di tutte le terre dello Chiesa; e Corneto, e Viterbo, e Orvieto, 
e Todi caddero una dopo l'altra nelle mani del Legato ponti- 
ficio. Ed in ogni città questi elevò quelle rocche gigantesche e 
imponenti, le quali, se affermarono e consolidarono la restau- 



Digitized by 



Google 



BASSO MEDIO EVO — L. GIACCIO 183 

rata potenza papale, certo sorgevano sulle rovine della libertà 
comunale. 

Ben è vero che TAlbornoz, come prima si rivelò sapiente 
direttore in guerra, cosi poi apparve esperto statista; e si deve 
certo alla esperimentata fama della giustizia e moderazione di 
lui, in contrasto colle violenze e colle ruberie degli officiali 
francesi, se i maggiori Comuni del Patrimonio spontaneamente 
concessero il supremo regime a lui perchè lo tenesse a nome 
del pontefice Innocenzo VI, preferendo (poiché a qualcuno bi- 
sognava star soggetti) il naturai padrone ad un qualsiasi tiranno. 

Della giustizia e moderazione deirAlbornoz esperimentò bene 
specialmente il domato Di Vico; ed anzi non deve dimenticarsi 
che egli, pur ritornato airobbedienza della S. Sede, pur rice- 
vuti, anzi, onori e cariche nel Patrimonio stesso, non cessò 
mai, fino a che fu vivo, fino cine al 1363, di manovrar contro 
la Chiesa, od aiutar altri ribelli ad essa ; tanto che, se la mi- 
tezza condiscendente dell Albornoz, al principio poteva credersi 
ispirata a prudente opportunismo,- perchè ai confini, allora, tro- 
vavasi la potente compagnia di Fra Moriale, dalla quale il Di 
Vico avrebbe potuto vedersi restituito alla perduta potenza ; 
in seguito si sarebbe tentati a chiamarla biasimevole debolezza 
se il risultato della fortunata sua riconquista non fosse stato 
coronato dal migliore dei successi. Ed il ritorno della Sedo 
Apostolica a Roma fu soltanto possibile per questa sapiente 
tattica albomoziana ; ritorno che sarebbe avvenuto con lo stesso 
Innocenzo VI, se gli anni e i malanni di lui non gli avessero 
impedito di effettuarlo, ma fu protratto di poco tempo soltanto 
dalla morte di lui e compiuto dal suo successore. 

Questo è il sunto degli avvenimenti narrati con minuzia 
di particolari e illustrati con esattezza di critica diligente dal- 
rAntonelli, il quale al paziente lavoro di racconto documen- 
tato ha fatto seguire la riproduzione di una ventina di lettere 
inedite dei pontifici avignonesi per lo più eccitanti signori di- 
versi a cooperare i legali ecclesiastici nella restaurazione del 
dominio romano della Santa Sede. Pio Spezi. 



LISETrA CIACCIO, // cardinal legato Berh^ando del PoggeUo 
in Bologna (1327-1334), Bologna, Zanichelli, 1006. 
96. — Giovanni XXII, smodato nel fasto e principe piìi 
temporale che spirituale, inviava in Italia dalla sede di Avi- 
gnone il cardinale Bertrando del Po^etto, conferendogli asso- 



Digitized by 



Google 



I 



184 RECENSIONI E NOTE BIBLIOORAKICUE — A. LEONE 

luta libertà d'azione, col duplice scopo di spingere la lotta 
contro i ghibellini e di riacquistare all'obbedienza della S. Sede 
le città ribelli. 

Il Legato verso la metà del 1320 giungeva e si tratteneva 
in Asti, accompagnato da 800 cavalieri: di là iniziava l'azione 
^^ua contro i Visconti, principali nemici, indifferenti alle con- 
danne d'ogni fatta, e che giungevano a rendergli la stessa Asti 
poco sicura e mal devota; perciò la solenne crociata, che, tra- 
sferitosi a valenza, bandiva lor contro, amnistiando da ogni 
colpa chi prendesse le armi. Saliva la fortuna del Legato quando 
riesciva ad esser accolto con entusiasmo a Piacenza, mentre da 
Milano eran momentaneamente cacciati i Visconti, e Reggio e 
Parma gli domandavano un vicario, Alessandria e Tortona si 
separavan volentieri o per forza dai nemici di lui; ma giunto 
Lodovico il Bavaro, fautore del biscione, i Visconti osarono 
liortare guerra al Legato, e la lotta si acutizzava tanto che a 
rappresentare il Pontefice nella media Italia, ove la rotta dei 
Fiorentini ad Altopascio era significativa, occorreva inviare ud 
secondo Legato, il card. Giovanni Orsini. Ma più che dalle armi 
Bertrando otteneva successi dalla sua fine politica, e Bologna da 
lui precedentemente favorita lo invitava dapprima alla visita 
della città, e, alcuni di dopo, l'S febbraio 1327, il Comune abdi- 
cava senz'altro la sua vita nelle mani del Cardinale, e, senza 
far riserva di alcun diritto, gli conferiva la signoria della città, 
lìortrando, che senza dubbio aveva molto lavorato per ottenerla, 
si dava tosto a modificare la costituzione interna del Comune, 
s; opprimeva l'ufficio di Podestà e di Capitano del popolo, l'ufficio 
por l'edilizia, le cariche del bargello e del gonfaloniere, aboliva 
il consiglio del popolo, a cui sostituiva con sé stesso e con altri 
ufficiali nominati da lui, accentratoro d'ogni potere e smanioso 
(li fondare un edificio di cui ogni mattone fosse opera sua. Pub- 
blicati nuovi estimi in base a' quali era imposta nuova colletta 
^^fmerale, monopolizza l'ufficio del salarolo per aumentare gl'in- 
(l'oiti del governo, duplica i dazi e ne crea di nuovi; vuol ri- 
fatti a seconda dei propri intendimenti gli statuti; esercita la 
ana azione diretta sulle società delle arti, che erano state tanta 
parte per la vita comunale; sempre in guerra, accetta militi 
bolognesi, ma importa ed estende l'uso delle milizie mercenarie, 
bandisce gride speciali contro ogni riunione di persone, i be- 
stemmiatori, i portatori d'armi; si circonda d'ufficiali francesi 
parenti. Fortifica con mura e baluardo la città, costruisce la 



Digitized by 



Google 



BASSO MEDIO EVO — L. GIACCIO 185 

chiusa del Reno, fa riparazioni al porto di Bologna, migliora 
le strade, cerca, dando vista di una politica conciliatrice, ma 
per rafforzarsi per timore di Ludovico e per rendere la sua si- 
tuazione più sicura, Talleanza degli Scaligeri, di Venezia, di 
Firenze; in lotta colle terre di Romagna, coU'esercito in Lom- 
bardia, senza poter aiutare Firenze che a lui ricorre, si rode 
de' trionfi del Bavaro, avviciuantesi a Bologna, ove lo minaccia 
la prima congiura e poco dopo si scopre la seconda « si grossa 
e tanti e tali cittadini vi tenevano mano che egli non s'ardi 
far giustizia ». A Giovanni di Boemia, che s'affacciava all'Italia 
con intenzioni diverse del predecessore, portava il bacio amiche- 
vole il cardinale Legato, ma quel bacio, scrisse il Pòppelmann, 
doveva esser fatale ad entrambi; valse al primo l'abbandono 
de' Ghibellini, all'altro de' Guelfi, indignati gli uni e gli altri 
di vedere il creduto loro sostenitore compromettere gli interessi 
comuni in un'alleanza misteriosa col capo de' loro nemici. Ed 
allora aveva un bel far dichiarare dagli interessati perpetua la 
dedizione di Bologna alla Chiesa, un bel promettere la trasla- 
zione della sede apostolica a Bologna, resa così centro dello 
stato pontificio, ma (settembre 1333) in Ferrara stessa si sti- 
pulava da principi e comuni, guelfi e ghibellini la lega — sin- 
cero atto d'amore alla libertà — contro il Boemo ed il Fran- 
cese, che stabilito insieme il piano di difesa, non miglioravano 
la posizione del Legato, a cui toccavano da' nemici esterni ri- 
petute e gravi sconfitte e nell'interno nuova trama si ordiva 
colla partecipazione d'ogni celo della popolazione che armata e 
inferocita, al grido di € muoia il legato e chi è di Linguadoca » 
insorgeva volendo disperatamente il suo allontanamento. E 
quando, chiusosi nella fortezza da lui costruita, il popolo vi 
scavò attorno un fosso affinchè non vi potesse entrare cibo, pa- 
reva giunto per lui l'estremo di, se 300 cavalieri fiorentini col 
vescovo ed ambasciatori «de' maggiori cittadini di Fiorenza» 
patteggiando col popolo non l'avessero tratto salvo; Bologna 
ristabiliva il governo comunale in tutte le sue forme, quale era 
innanzi la venuta del cardinale provenzale. 

Tale l'ossatura del lavoro, abbellito di particolari curiosi 
e nuovi, condotto sulle migliori fonti a stampa e su numerosi 
documenti ricavati dall'Arch. di Stato di Bologna e che rac- 
colti in appendice formano buona parte del grosso volume. 
Dalle pagine del quale esce assai ingentilita la figura dell'ar- 
cigno cardinale, il cui nome soltanto basta per rievocare alla 



Digitized by 



Google 



186 EECENSIONI E NOTE BIBUOGRJLFICHK — A. LEONE 

nostra mente l'aneddoto riferitoci dal Boccaccio nella Vita di 
Dante, dove afierma che il De Monaì^chia fu condannato da 
Bertrando, che avrebbe anche voluto far bruciare le ossa del 
gi'ande poeta, se non si fossero opposti Pino della Tosa, fio- 
rentino risiedente in Bologna, e Ostasio da Polenta; dipei quasi 
che la signora Giaccio che trattò il suo tema, invero seducente, 
con evidente diligenza ed amore, s'è lasciata dal medesimo af- 
fascinare, e, forse anche senza volerlo, ha collocato su un 
piedestallo più alto di quanto sia necessario, quel personaggio 
che fu giudicato sempre soldato crudele e cattivo prete; né 
sono soltanto rettoriche — come TAutrice benevolmente afferma 
— le lanciategli accuse di violenza: la quale del resto non fu 
propria solo di lui, ma di quasi tutti quelli che con lui ebbero 
a fare, e con ciò voglio non scusarlo, ma dire semplicemente 
che nella condanna è giustizia comprendere ognuno. 

A. Leone. 



5. TEMPI MODERNI (1492-1789). 

AMY A. BERNARDY, Cemr3 Borgia e la Repubblica di Saìi 
Marino. Firenze, Francesco Lumachi, 1905. 
97. — Si sapeva fin qui da quel poco che fu pubblicato dal 
Delfico e daU'Alvisi, che quando il duca Valentino volle for- 
mare un regno, con l'appoggio del padre suo, mettendo in fuga 
ed avvelenando molti Signori delle Romagne e delle Marche, 
compreso Guidobaldo d'Urbino, alleato e protettore dei Samma- 
rinesi, aveva fatto occupare con la forza anche la piccola Re- 
pubblica del Titano, dove un Commissario Borgesco rimase per 
vari mesi dell'anno 1503. Cosi pure fu mantenuta viva fino ai 
nostri giorni la tradizione che la piccola Repubblica dimandasse 
invano aiuti, in tale contingenza, alla maggior sorella della 
laguna; e che da sé si liberasse, appena avuto sentore della 
morte improvvisa di papa Alessandro VI; e infine si distin- 
guesse per valore ed eroismo con un drappello di forti soldati 
nella battaglia di Longiano, quando le ultime fortune del ter- 
ribile conquistatore minavano. Anzi codesta leggenda abbellita 
lino all'iperbole, trovò eziandio il suo poeta nel Ghislanzoni, 
che ne tessè in proposito il melodramma VAclelinda musicata 
dal Mercuri e morta dopo sol un giorno d'invidiabile gloria... 
Ma nessuno degli studiosi delle coso nostre si ridusse mai a 
ragliare i documenti di quest'importantissimo periodo, per tes- 



Digitized by 



Google 



TEMPI MODERNI — A. A. BERXABDY 187 

seme poi la vera storia. A si gravissimo difetto rimediò ap- 
punto la dottoressa Bernardy, già nota nel mondo letterario e 
storico e per altre monografle riguardanti la piccola e gloriosa 
repubblica. Mettendo a raffronto i documenti esistenti nei vari 
archivi, ne trasse molta luce e giunse a nuove ed interessan- 
tissime conclusioni. Nel primo capitolo parla della conquista 
della Romagna, del primo esilio di Guidobaldo duca d'Urbino, 
(che non seppe abbastanza difendere i suoi stati e molto meno 
proteggere Tantica alleata) e della politica di Venezia « che da 
«buona diplomatica non volle offrire al Borgia nessun pretesto 
<di pigliarsela coi suoi Slati di Terraferma, ma che tenne a 
«proclamare in faccia a lui e agli altri l'orgoglio della propria 
«signorile indipendenza». 

Nel secondo capitolo appare come la trama del Duca Va- 
lentino avvolgesse lentamente il monte Titano. Guidobaldo nel 
momento delle sue disgrazie aveva caldamente raccomandato 
a Cesare la Comunità di San Marino; e Cesare aveva promesso 
formalmente di prendersela in protezione. Ma gli agenti suoi 
che andavano e venivano dalla sottostante Romagna dove ogni 
giorno conquistavano una città importante, si misero a riscuo- 
tere sul Titano le colte, ad imporre capitoli, ad introdurre 
piano piano la sovranità del loro Signore. Cosi rimane conva- 
lidala l'opinione del Novacula (l'autore delle «Cronache For- 
livesi») che à San Marino avvenisse una prima occupazione 
borgesca nell'estate del 1502, Intanto venne organizzata la ri- 
bellione in tutto il Montefeltro ; Guidobaldo la fomentò ritor- 
nando all'esiglio di Castelnovo del Marchesato di Mantova, e 
la Sammarinese Repubblica la segui di fronte al minaccioso 
avversario.' Ma non bastando ciò si ebbe ad invocare, a mezzo 
del Malatesta di Sogliano, la protezione di Venezia ; la quale 
se non fu avara di promesse, lo fu di fatti; per cui gli eventi 
non approdarono a buon porto. 

Cosi risulta per conseguenza che la perpetua libertà del 
Titano, da principio abbassata innanzi al Valentino, poi incli- 
nata a Venezia, finalmente affidata all'Urbinate, per qualche 
tempo non rimanesse in piedi. E quando Guidobaldo dovè ri- 
prendere la via dell'esigilo, il castello di San Marino cadde 
definitivamente sotto il dominio del Borgia; tanto più che un 
partito pel nuovo padrone già esisteva fra le sue mura e nel 
ricalcitrante castello di Serravalle. La sovranità del Valentino 
fu esplicitamente dichiarata in Repubblica prima del 30 giugno 



Digitized by 



Google 



188 RECENSIONI E NOTE BIBLIOGRAFICHE — P. FRANCIOSI 

1503, perchè delle ultime quattro fortezze ( S. Leo, Maiolo, Sant^ 
Agata, S. Marino) che opposero più tenace resistenza, la prima 
appunto a cadere fu quella del Titano come più accessibile delle 
altre: e perchè il diploma di Cesare Borgia, in favore del fe- 
dele castello di Serravalle, dove si parla di restaurazione del 
dominio pontificio anche nella terra repubblicana, porta la data 
del 20 giugno 1503. 

Così resta accertato che alla stregua delle altre terre e 
città della Romagna, anche San Marino subì il dominio Bor- 
giano in due distinti periodi dal giugno all'ottobre del 1502, 
dal dicembre 1502 all'agosto 1503. Gol diploma di Serravalle 
che proclamò liberi gli uomini di quel castello da ogni dipen- 
denza verso San Marino, la capitale reale del piccolo Stato 
venne trasferita a Serravalle stessa; mentre a San Marino si 
reintegrava e s'incrudiva la borgesca dominazione. Sotto di 
essa la Sammarinese Comunità conservò l'usata magistratura 
dei Capitani Reggenti con la durata dell'ufficio a tre mesi, e 
con obbedienza diretta a Cesare, duca di Romagna e di Valenza, 
il quale forse non sali mai in persona le penne del Titano. 

Dagli atti giudiziali, dai carteggi, dagli stessi libri del Ca- 
merlengato, appare La nuova Signoria, dalla quale i Sammari- 
nesi ebbero definitivamente a liberarsi dopo la morte del pon- 
tefice Alessandro VI, avvenuta il 18 agosto 1503. Il Valentino 
che aveva preveduto tutto fuorché la coincidenza di una ma- 
lattia sua con la morte del genitore, non potè far uso di quel- 
l'energia necessaria a reprimere ogni ribellione. Per cui il duca 
d'Urbino ricuperò ad una ad una, con l'appoggio di Venezia, 
tutte le sue fortezze fra l'esultanza e le feste degli antichi ed 
amati sudditi. 

Sammarino dapprima nicchiò e fu indeciso se amoreggiare 
o no con Venezia che aspirava di succedere al Borgia in molti 
possessi ed in altri nel diritto d'alta protezione; poi quando si 
accertò che tutte le città di Romagna erano ormai tornate al- 
l'antico loro governo, si reintegrò anch'esso nelle pristine con- 
suetudini d'autonomia repubblicana sotto il protettorato fellresco. 
Il mutamento così si oprò tranquillamente; tacciono le carte 
quando, forse ai primi di settembre. Il primo documento che 
accenni al consueto formulario dell'antica libertà, consiste in 
una sentenza in data 28 settembre 1503. Ai ribelli Serravallosi 
non rimase di meglio che umiliarsi alla vecchia Signoria ed 
attenderne la clemenza; e al loro parroco Don Lorenzo Seguri 



Digitized by 



Google 



TEMPI MODERNI — A. A. BERNARDY 189 

di tornare a'coiiferraare la devozione dei suoi fedeli al glorioso 
santo Dalmata. 

L'Autrice chiude felicemente l'importante capitolo col mettere 
nella vera luc« il fatto d'armi dei nemici del Borgia, avvenuto 
a Longiano il 10 settembre 1503. — Dal qual luogo Francesco 
Oiangi, che era il capo-squadra dei soldati Sammarinesi, domandò 
la propria bandiera per radunare la dispersa compagnia e per 
impedire le frequenti discussioni; e non come riferì ad arte il 
Delfico, adulatore inii che .storico della libeyHà ,saìnma7'inese, che 
s'attaccò alFultima frase della lettera per far Tapoteosi del duce 
repubblicano. Chiude Tinteressante monografìa il quinto capi- 
tolo in cui vien indicato l'orientamento delle Romagne, dopo 
la catastrofe Borgiana, verso Venezia; ed il secondo intervento 
Veueziano subdolo quanto mai, in molte città delle legazioni; 
e la rimostranza della S. Sede che vide di mal occhio, che la 
Serenissima ostacolasse la ristaurazione del legittimo governo. 
La morte di Pio III e l'elezione di Giulio II della Rovere de- 
molirono del tutto l'ediQcio che i Veneziani avevano incomin- 
ciato ad erigersi. Col nuovo papa lo stesso Guidobaldo, l'antico 
protettore di S. Marino, cessava di essere un condottiero ai ser- 
vinri di Venezia ; veniva a prendere in Roma quel posto che meglio 
gli spettava, come parente del papa e principe d'inclita stirpe; 
e si volgeva contro i Veneziani per sistemare i diritti della 
Chiesa sulle contrastate terre di Romagna. Cosi la piccola re- 
pubblica del Titano potè tornar sicura all'antico regime, dopo 
aver schivato il dominio del leone di S. Marco, che dovè ri- 
piegare gli artigli rapaci verso il mare, mentre l'aquila fel- 
tresca levava di nuovo il volo sulle turrite e montane castella. 
In tal modo ebbe fine il gran dramma il cui epilogo si segnò 
nel colloquio fra il Valentino umiliato e Guidobaldo reintegrato, 
auspice e benedicente il guerriero pontefice; e pei Sammarinesi 
fini con un lento dolor di capo che durò per più di un anno 
negli strascichi dei pagamenti dei danni dati e dei debiti con- 
tratti durante il dominio eslego. 

Oltre il metodo obbiettivo e la partizione opportuna e chiara, 
in questa monografia non si può davvero disconoscere vivo, 
sobrio, spontaneo lo stile, schietta ed elegante la lingua, sicché 
la rappresentazione riesce quasi sempre animata ed efficace. 
L'avremmo forse desiderata più estesa e più ampia, data la 
<iuantità dei documenti che l'Autrice ebbe a consultare. E dei 
documenti stessi n'avremmo voluti pubblicati maggior copia, 



Digitized by 



Google 



190 RECENSIONI E NOTE BIBLIOGRAFICHE — E. BONARDI 

specie di quelli deirArchivio Sammarinese. Perchè in un lavora 
originale, come il presente, si vuol vedere Tabbondanza in tutto, 
per segnar traccia sicura ed indelebile di un periodo cosi im- 
poitante ai futuri tessitori delle memorie storiche della piccola 
Repubblica. Ad ogni modo noi Sammarinesi dobbiamo essere 
più che grati a chi ci fece tanto dono, e a chi riempi con 
amore e studio una si profonda lacuna nella narrazione delle 
vicende della patria nostra, Pietro Franciosi. 



CESARE FACCIO, Giovan Antonio Bazzi (il Sodoma), initore 
vercellese del secolo KVL Vercelli, Gallardi ed Ugo, edi- 
tori, 1902. Pagg. 240, in-8 grande, con 40 illustrazioni di 
opere del Sodoma. 

98. — L'opera del colonnello Cesare Faccio, che diletta i 
suoi riposi con lavori letterari e storici, non è un'opera eru- 
dita né di scoperte nuove. Questo ammette TA. in una sua suc- 
cinta prefazione dove dice modestamente del suo libro: 

«In esso il lettore non troverà nessuna notizia che non 
€sia stata già da altri, se non accertata, certamente intuita: 
« non giudizio che non sia confortato da auterevoli pareri o da 
«documenti incontroversibili e precisi». 

E dopo aver accennato ai principali che studiarono la vita 
e l'arte del Sodoma aggiunge: 

«Ordinare pertanto, per quanto è possibile cronologica- 
« mente, le scarse notizie della sua vita, parallelamente a 
«quanto è conosciuto intorno all'opera sua, raccogliendo ì 
« documenti che rimangono ad attestare e delle une e dell'altra, 
« vagliando al lume di quei documenti, e al giudizio autorevole 
«di critici di indiscussa competenza, le aflfermazioni del Vasari, 
«non era cosa fatta ancora; e questa è l'opera modesta, che 
«io ho tentata ». 

Non tanto modesta per vero ; giacché se intorno a ciascuno 
degli artisti nostri più grandi e pur t)oco conosciuti di cui si 
hanno notizie definitive e si può formulare un giudizio tanto 
quanto compiuto, scrittori come il Faccio fissassero rìmmagine 
in un volume come questo, Tignoranza della nostra storia ar- 
tistica sarebbe di assai minore; perchè tutti avrebbero campo 
di procacciarsi questi libri senza andar cercando in volumi di 
indole generale od in riviste quanto riguarda codesti artisti e 
vagliar questo materiale ed insieme collegarlo nella loro mento. 



Digitized by 



Google 



"TÌW?5^ 



TEMPI MODERNI — A. FURNO 191 

L'opera adunque del Faccio è commendevole per questo: 
che mette nel commercio non solo degli studiosi speciali, ma 
in quello più vasto di tutti gli amatori la bella ed interessan- 
tissima figura del Sodoma, uno dei più grandi discepoli, nel 
senso largo, di Leonardo. 

Inutile qui aggiungere che essa è completa e diligente, 
che è scritta bene e chiaramente esposta e che col corredo 
dei documenti e di oltre 40 riproduzioni belle essa è una vera 
monografia suli* Antonio Bazzi, questo nobile artista uscito da 
terra piemontese. Ercole Bonardi. 

ALBERTINA FURNO, La Vita e le Rime di Angiolo Bron- 
zino. Studio. Pistoia, lito-tipografìa G. Fiori, 1902. Volume 
in-16, di pp. 112. 

99. — Il libro di questa giovane Dottoressa in lettere è 
una buona promessa per la storia letteraria e per la storia 
dell'arte insieme. Libri tali possono entrare nella categoria dei 
molti che si scrivono sulle facoltà pratiche di molti artisti e 
sui rapporti fra la poesia e le arti di uno stesso tempo. Na- 
turalmente si potrebbe temere di chiacchiere più che di fatti, 
quando il metodo di scrivere di questi argomenti non fosse se- 
vero, come è nella Fumo e l'autore, o l'autrice, non posse- 
desse una buona e varia erudizione come è qui, nonostante la 
Fumo sia, credo, ad uno dei suoi primi lavori. 

L'ordinamento del modesto volume ci dice già la* giustezza 
di criteri che vi ha presieduto: esso è diviso in 6 capitoli: 
1" un'Introduzione: 2^ Gli Allori ed Angiolo Bronzino con aU 
beretlo genealogico degli Allori; 3'* Vita di A. Bronzino con 
alberetto genealogico del Bronzino; 4<> L'artista poeta; 5* Le 
rime serie; 6" Le rime in burla. — Segue un Appendice che 
reca testamenti, lettere e l'elenco dei codici che contengono 
le poesie del Bronzino. 

Il 1* capitolo è interessante perchè contiene un cenno ra- 
pido ma con molta ricchezza bibliografica a tutti i pittori nostri 
letterati e poeti dal Giotto all'Orcagna, al Manetti, al Brunel- 
lesco, al Lomazzo e a Raffaello fino al Gellini e al Michelan- 
^'elo dei quali ultimi parla a lungo. 

Il 2« tratta la questione della parentela cogli Allori che 
nega, con documenti, e di cui dà un alberetto genealogico che 
va dal nonno di Alessandro, il primo dei pittori di quella fa- 
"Hglia fino al figlio di lui Cristoforo. 



Digitized by 



Google 



102 BFX'EXSIO.VI E NOTE BIBLIOGRAFICHE — E. BONARDl 

Nel 3^ racconta la vita di Angiolo di Cosimo di Mariano 
dello il Bronzino, cominciando a rettificarne la nascita che il 
Milanesi aveva messo nel 1502, mentre il Registro di S. Gio- 
vanni lo dà 17 nov. 503. Accenna alla sua lamiglia di sarti 
vi^nuta da S. Gimignano, ai suoi maestri, fra cui quello con 
cui veramente imperò e lavorò, il Pontormo. 

r>à anche notizie dei suoi primi lavori e dei suoi successi : 
a Poggio Caiano, a Careggi, chiamato nel 1530 a Urbino a di- 
pìrit^ere in quel palazzo, invitato a far tavole per la Corte 
Francese, disegnando arazzi, chiamato tra il 1552 e il 54 a 
Pi^a dove fece il ritratto del Duca V ^ lìigegnerei^ degli Uffìzi, 
e (ulte le imprese in cui si estrinsecò la sua attività special- 
miutc dopo la morte del Pontormo di cui terminò i freschi a 
S. Lorenzo. Nel 1555 la morte di Cristofano Allori, spadaio, 
In legò colla famiglia Allori, con cui d'allora visse sempre la- 
\ urjuìdo e senza arricchire. Fu stimato molto dai pittori di Fi- 
tmviQ e fu di quella Scuola del Disegno che si trasformò in 
Accademia nel 72, anno in cui egli mori. Anche a questo ca- 
pifulo è annesso un alberello genealogico dei Bronzini, che 
questo cognome crede l'A, avesse la sua famiglia. 

I capitoli 3<>, 4° e 5** parlano ù^W Artista poeta, delle sue 
lliiue serie e delle Rime in burla e ci danno la vita del poeta 
più ^sviluppata, naturalmente, che quella delPartista. 

Deir^/7/.s/a poeta TA. ci dà la caratteristiche: poeta solo 
rli notte, quando non poteva lavorar di pennello, è imitatore 
del Petrarca e del Burchiello e del Berni ed è sopratutto po- 
pe dare. Inclinato per natura a verseggiare, non è un gran 
pnrla; ma spesso è originale in grazia della sua arte che gli 
liKiiisce immagini ed occasioni che altri poeti non avrebbero, 
o ilrive si sente lo studio del ritrattista. 

1 contemporanei lo stimavano assai; il Varchi lo chiama 
con evidente esagerazione grande Apelle e non ìninore Apollo, 
il \'asari lo loda come meraciglioso nei capitoli e nei sonetti, 
ed il Gellini parla dei suoi scritti che dicievano tanto e tanto 
bene con quel sito bel modo il quale è rarissimo. La maggior 
parie della sua poesia era satirico-burlesca; indi la sinapatia 
che ossa destava. 

Nelle Rime serie si fa la storia critica delle edizioni del 
UnMizino, se ne dicono le forme principali, i sonetti, le canzoni, 
lo sestine, che trattano per un buon terzo d'amore; e innamo- 
rato di parecchie donne fu il poeta, fra le altre di una che cantò 



Digitized by 



Google 



TEMPI MODERNI — O. B. ANCEL 



193 



lungamente presente, assente e ritornata. Cantò anche di reli- 
gione e di amicizia. La sua arte è più importante come lingua, 
per cui fu citato dalla Crusca, e come cognizione del suo animo, 
che per altezza dì concezione. 

Le Rime in burla comprendono sonetti alla Burchiellesca e 
capitoli berneschi. \ proposito di essi con testimonianze di let- 
tei-e e di cose autentiche del Bronzino TA. stabilisce Tautenti- 
cità di parecchi di essi che altri aveva contestata come delle 
Campane, del Pennello e la Serenata, mentre conlesta Tattri- 
buzione di quello del Ravanello al Bronzino. In questo capitolo 
si fa pure la storia delle edizioni di questi capitoli ed in genere 
delle rime burlesche; fra le quali stanno anche i sonetti. Con 
alcuni di questi sonetti il Bronzino entrò anche neirasprissima 
lotta famosa sorta a quei tempi fra il Caro ed il Castelvetro; 
ed ai sonetti burchielleschi del Caro fece tener compagnia da 
li sonetti dello stesso stile intitolati da lui: / Salterelli del- 
V Abbrucio, a cui seguirono tre altri: Aggiunta di Fra Stop- 
pino, pieni di invettive contro il Castelvetro. La Serenata, che 
fu chiamata un ingegnosissimo aócozzo di erotici frammenti 
rusticani, è uno dei componimenti in burla più interessanti 
letterariamente del Bronzino. 

E con esso termina la dotta ed originale trattazione della 
Vita €t delle opere del Poeta Pittore, che la Fumo ha fatto feli- 
cemente con tanta dottrina e genialità. 

Ercole Bonardi. 



D. ANCEL RENE, O. S. B., La question de Sienne et la pò- 
litique du cardinal Carlo Carafa; 1556-1557. Bruges, 
Desclée, De Brouwer et C, 1905. 

100. — Il periodo che va dalla segreta capitolazione di 
Cavi (settembre 1557) alla disgrazia dei Carafa (gennaio 1559) 
é stato già studiato con la critica storica dei documenti editi 
e inediti; TAncel con ugual serenità di metodo scientifico ri- 
costruisce il periodo precedente, quello che va dalla tregua di 
Vaucelles (febbraio 1556) sino alla detta segreta capitolazione 
di Cavi. 

Non può esser dubbia ad alcuno la importanza di questo 
studio condotto con la più scrupolosa serietà critica di un 
periodo di storia in cui le doppiezze diplomatiche e gl'infìn- 
gimenti personali di secondi fini lasciavano tanto poco in- 
tendere le vere cause dei fatti politici che si svolgevano 

JUvisla slorica italiana, 3» s., v, 2. 13 



Digitized by 



Google _ 



194 RECENSIONI E NOTE BIBUOQRAnCHE — P. SPEZI 

nella nostra Italia. Il mercato, che della nobile repubblica di 
Siena fu fatto dal card. Carlo Garafa per conquistarla alla 
propria famiglia, contemporaneamente trattando con i suoi amici 
di Francia e coi nemici di Spagna, fini con la cessione di 
questa città a Cosimo de' Medici. Ma di tutto il torbido retro- 
scena della politica romana negli anni 1556 e 1557 n'ebbe sen- 
tore Paolo IV?L'Ancel prova con documenti, che no: pur ad- 
dossando giustamente a questo papa la grave responsabilità di 
avere onorato il suo nipote della dignità cardinalizia e della 
sua completa fiducia, mentre quegli era indegno della porpora 
e impari all'altissima missione aflfìdatagli: ma mentre les bas' 
4Sicalculs de Carlo Cara fa et l* idéal du pape qui voudrait 
^soustraire l'Église et V Italie à la tutelle qui va dèsormais 
^peser si lourdement sur elles, il y a un abimei^. 

Del resto, sebbene TAncel si sia informato a documenti 
originali ricercati negli archivi più ricchi d'Italia, in ispecie 
in quello segreto del Vaticano, pure non crede che ancora possa 
pronunciarsi un definitivo giudizio sintetico sopra il pontificata 
(li Paolo IV. « Tant qice les documentSy qui peuvent éclaircir 
^Thistoire du ponti ficai de Paul IV, ne soni pas inieux con- 
^nuSy Userà tèmèraire de risquer des ètudes d'ensemble...*. 

Questa prudenziale riserva certifica sempre più dell'im- 
portanza del presente studio che va scevro di vaghe conclu- 
sioni non basate sopra la certezza di documenti giustificativi. 

P. Spezi. 



PIO SPEZI. Pio V e i suoi tempi. Roma, Fed. Pustet, 1905, 

pag. 105. 

101. — Non è un lavoro eseguito su base sicura di docu- 
menti nuovi nuovamente studiati, ma prevalentemente con- 
dotto su pubblicazioni agiografiche. A parte il racconto, la 
stessa bibliografia che lo precede, ce ne assicura. Come schiet- 
tamente confessa l'A., quello è più che altro un semplice rias- 
sunto della vita e dei tempi di papa Ghislieri, già pubblicato 
nel « Cosmos illustrato » di Roma, nel primo fascicolo del 1904 
e che servi, con altri lavori intorno al medesimo soggetto, a 
formare un numero unico del periodico slesso, allo scopo di so- 
lennizzare il quarto centenario della nascita di Pio V. 

Lo scopo dell'A. è puramente morale ; è giusto, egli afferma, 
che tanta nobiltà di carattere sia ben nota, così a molti gio- 
verà tale esempio, specialmente nell'odierna lamentata man- 



Digitized by 



Google 



' 'f ^ i*\^. ' 



TEMPI MODERNI — O. REW 195 

canza di caratteri virilmente severi. Giova tuttavia avvertire 
che la narrazione, povera di considerazioni, presenta bensì un 
cumulo di notizie da quelle sull'origine più o meno leggendaria 
della famiglia Ghislieri a quelle sulla santificaziojie di Pio V, ma 
troppo staccate, troppo sommarie, tali che non possono lasciare 
traccia in coloro a cui il volume è dedicato, epperciò, a parte 
la figura storica (che TA. non si era proposto di ritrarre fe- 
delmente) del papa intollerante, educato alla scuola di Gre- 
gorio VII e che aveva della papale autorità un concetto scon- 
finato, l'intento dell'A. non è stato conseguito appieno. 

A. Leone. 



G. REIN, Paolo Savpi und die Protestanten.Ueìsingfovs, 1904. 
In-8, pp. xx-229. 

102. — Dalla Finlandia ci giunge questo lavoro, notevolis- 
simo per molti rispetti, ma principalmente per le conclusioni, 
alle quali conducono TAutore e l'esame sereno degli avveni- 
menti del tempo e la severa e inaparziale critica dei fonti a 
stampa e manoscritti. Di fronte agli sforzi dei cattolici e dei 
protestanti per foggiarsi un Sarpi secondo i loro desideri e i 
loix) fini polemici, si possono ora stabilire in modo sicuro alcuni 
punti, capaci di delinearci la figura del celebre frate quale esso 
lu realmente e il posto, che occupa nella storia delle lotte per 
una riforma interna della chiesa. 

Il Sarpi rimase nell'unità esterna della chiesa cattolica, ma, 
evidentemente, considerava i protestanti diversamente da quel 
che ne pensava la maggior parte dei cattolici. Per lui la qui- 
stione dell'autorità papale costituiva la vera, fondamentale dif- 
lerenza fra le due chiese; e, poiché i protestanti battevano in 
breccia appunto la prepotenza papale, per essi e per la lotta, 
da essi sostenuta, dovevano essere le sue simpatie. È fuori di 
dubbio quindi che, in fondo, i protestanti ei non li ritiene apo- 
stati o eretici, ma, come i cattolici, parte della grande chiesa 
universale, anche se non in tutte le opinioni possa consentire. 
E questo spiega la molta tolleranza e le simpatie, di cui è ad 
essi largo. Nelle quistioni dommatiche non si è pronunziato 
mai apertamente e con precisione; ma, indirettamente, si può 
dai suoi scritti rilevare che a non pochi dommi della chiesa 
cattolica avrebbe negato un primo assentimento. Si obbietterà : 
allora perchè non dichiararsi senz'altro pei protestanti? 
Questo non era possibile, date le sue tendenze e tutto l'insieme 



Digitized by 



Google 



ÌUH RKCKN'SIONI e note BIBLIOOKAFICHK — (i. CAPASSO 

del suo temperamento. Era una natura fredda, meditativa, aliena 
da eccessi o intemperanze; sopratutto, più che un religioso e 
raiinriista, era uno scienziato e uomo politico, animato da in- 
tPiis'i amor di patria.' La sua opposizione a Roma cominciò ap- 
lUHilrj quando la strapotenza papale minacciava la libertà della 
^Mik patria. Precisamente il contrario di quello che affermano 
0ì ultra-cattolici (cfr. Civiltà Qi/iolica, serie VI, voi. XI, p. 66, 
aiinu 1867), che, cioè, la politica gli servisse di pretesto, e che 
In iiidipendenza dolio Stato ei difendesse soltanto allo scopo di 
i^(at'r:arsi dalla dottrina cattolica. Quello poi che apparisce chia- 
ramente nell'opera sua, senza possibilità di dubbi, è il desiderio 
riie Ibsse concessa in Italia libertà di culto, la quale, mentre, 
'A Kua avviso, non avrebbe potuto in niente minacciare lo Stato, 
sai ( Ijbe stata invece un freno potente a tenere in giusti confini 
lo esorbitanti ambizioni della curia romana. Insomma non vo- 
leva la rovina del cattolicismo, ma che i seguaci delle due con- 
fesslniii si abituassero a vivere insieme pacificamente, unico e 
pili siluro mezzo di distruggere quella strapotenza papale, che, 
[KH* adoperare una espressione del Sarpi stesso, non era più 
j^riinatuSy bensì totatas (1). 

Fra Paolo mori troppo presto per poter vedere il frutto 
dell npera sua. Ma visse abbastanza per assistere al principio 
della gran lotta, che «assicurò la ti»lleranza religiosa e liberò 
urja gran parte dell'Europa dal dispotismo religioso e politico, 
albi i-aduta del quale egli aveva lavorato con tanto zelo » (2). 



( \ ) Veramente (gualche cosa di simile era stato dotto già un quarto di 
HGofila fa, come risulta dalle parole che seguono : « Come tutti quelli i quali 
SI iiitndzano, per Tingogno loro, al di sopra dell'ordinario, Fra Paolo non 
\\ii fintuto andar esonte da odii se^^nalati e da falsi giudizi. Eresiarca lo 
elimmrj Roma, sulla testa di lui lanciando la esecrazione, perchè colpita 
ntt vivo dall'ardire dell'umile frate; e a lei fecero plauso ben volentieri 
C4)Ioro, cui tornava comodo lo schivare, in simil modo, la discussione. D'altra 
]ìfirtc\ traendo profitto dal fatto di una opposizione così perseverante al capo 
dcllii religione, e dagli equivoci che, durante la lotti», od anche dojjo, non 
putrivamo mancare, desiderosi di poter ascrivere tra i loro un uomo come 
H tVate veneziano, gli oltramontani corcarono di far del Sarpi un protestante, 
Sh! non di fatto, di intenzione, fondandosi principalmente su certi passi 
dolkì ?sue lettore, che sembrano dar loro ragione. Or Fra Paolo non fu, 
\w Pi'i siarca, nò protestante; egli va considerato invece come un rifor- 
nmtore, nel senso vero di questa parola; e, se la riforma ch'ei desiderava, 
non tu effettuata, i tentativi da lui fatti non rimasero però in tutto privi 
dì ri.sultato». G. Capasso, Fra Paolo Sarpi e r Interdetto di Venexia, 
pp. 2H2-3. Firenze, Tip. della «Gazzetta d'Italia», 1880. 

<2) Anche questo, sostanzialmente era stato già notato : € L'opera sua, 
f^ iu specie la difesa delle ragioni veneziano contro lo pretese pontificie, 



Digitized by 



Google 



TEMPI MODERNI — A. PITTA VINO 197 

Notar qualche menda e qualche inesattezza in un libro cosi 
ben fetto e tanto importante come questo noni sarebbe oppor- 
tuno. Una svista però mi pare necessario rilevare. Nel ricono- 
scere che il Sarpi fu realmente scomunicato, il Rein nota : 
«Dass Sarpi factisch excommunizirt wurde, stellt Pascolato 
«Bianchi-Giovini g^eniiber» (p. 47, nota). Ora è vero che il 
Pascolato nel suo Ft^a Paolo Sarpi (Milano, Hoepli, 1893), a 
pp. 142-3, nota Terrore del Bianchi-Giovini, ricordando che il 
Cicogna nelle Inscrizioni Veneziane^ VI, 878, riporta la bolla; 
ma già prima quell'errore era stato rilevato da altri. Il Romanin, 
difatti, nella sua Storia documentata di Venezia^ I, 49, n. 4, 
afferma aver veduta la bolla in data 5 gennaio 1607, posseduta 
in copia, forse unica, dal cav. Cicogna, soggiungendo : « e porta 
perfino le tracce della colla, con cui si vede essere stata attac- 
cata alla muraglia, o alla porta d'una chiesa» (1). 

Gaetano Capasso. 



A. PITTA VINO, La Cronaca di Pragelato dal i658 al 1724 
scritta dai contemporanei R. Merlin e G. Bonne. Pine- 
rolo, tip. Sociale, 1905. 

103. — La cronaca del Merlin, che fu curato di Traverse 
dal 1688 al 1712, sebbene registri qualche fatto del 1658 ed anni 
successivi, non incomincia ad esser continuata e nutrita che 
nel 1685, e va fino al 1712; quella del suo successore nella 
parrocchia, G. Bonne, va dal 1712 al 1724, e le serve quasi di 
complemento; esse — la prima specialmente — si riferiscono 
qaindi ad un'epoca in cui gli avvenimenti che si svolgono nelle 
Talli di Pinerolo interessano non solo la storia locale, ma quella 
dell'intero Piemonte. Lassù, fra i dirupi dell'alto Val Chisone, 
si assiste ad un tempo alle lotte religiose — per cui, dopo lunghe 
alternative di speranze e di sconforti, i Valdesi dovettero cedere 



scrollarono abbastanza la potenza del papato. Svelati gli intrighi e le paR- 
sioni temporali, come supreme guide di ogni azione dei papi, i fulmini spi- 
rituali, tremendi già e temuti da tutti, divennero inutili... Certo, sarebbe 
esagerazione il dire che tutti i progressi, fatti nei tempi moderni sino ai 
nostri giorni, nelle relazioni tra lo Stato e la Chiesa, siano dovuti esclusi- 
vamente al Sarpi ed alla difesa da lui fatta delle ragioni veneziane. Ma 
che ad essi abbia Fra Paolo coll'opora sua, durante e dopo la controversia 
dell'interdetto, contribuito ; che abbia aperto la via a conseguirli ; ch'abbia, 
direi quasi, intuito Tidea delio Stato, secondo il concetto moderno, questo 
è innegabile » . Ivi, pp. 263-4. 
(1) hi, p. 195, n. 1. 



Digitized by 



Google 



IS'N RECENSIONI E NOTE BIBLIOGRAFICHE — L. U. 

jiìenaraente il campo ai cattolici e rinunziare alla patria se vo- 
Irvano conservare il libero esercizio del loro culto — e alle 
guerre tra Francia e Savoia, che portarono finalmente alle 
creste dell'Alpe il confine d'Italia, strappando alla sei volte 
tsof -ubre dominazione delfinasca le testate delle valli della Dora 
V del Ghisone. 

L'antica eresia valdese, che nell'Evo medio, ora combat- 
lii![i con persecuzioni e supplizi, ora tollerata o ignorata dal 
Principe, aveva serpeggiato sempre nella valle, nel secolo XYI, 
ruoiitre imperversavano in Francia le guerre di religione, sotto 
riifcduenza di rifugiati Ugonotti e di ministri Calvinisti, s'era 
nel Pragelato rinvigorita tanto che, intorno al 1600, in tutta 
la vaile non si sarebbe forse trovato un cattolico. Ma non andò 
molto che predicatori e missionari cattolici, spalleggiati e ser- 
ri Hi dalla Corte di Francia, incominciarono a penetrare nella 
valle, colla forza vi s'insediarono i parroci, e l'autorità civile, 
con vessazioni d'ogni fatta^ cercò imporre il ritorno alla reli- 
gione cattolica. 

Di qui appunto prende le mosse la relazione del Merlin, 
("he viene tosto al giorno — triste per la gloria e la prosperità 
<lella Francia — in cui Luigi XIV revoca l'editto di Nantes (1685). 
Anche nel Pragelato una compagnia di dragoni, catechizzatori 
bel) più efficaci e convincenti che preti e monaci, costringono, 
Cuti argomenti a cui ninna dialettica risponde, a sentir la Messa 
o ad espatriare. Ed assistiamo allora all'esodo lagrimevole della 
mn^^gior parte dei valligiani, al meraviglioso loro ritorno sotto 
la guida d'Arnaud, alla caccia data loro dalle truppe del Re su 
pei le inaccessibili vette, a tutti gli orrori della guerra civile, 
cui é aggiunge presto quella combattuta tra Francia e Savoia 
(U\M-9d\ 1703-13). Così non sono che fatti d'armi tra le truppe 
delltì due potenze, lotte intestine fra cattolici e valdesi, nelle 
quali ambe le parti si macchiano di crudeltà e ferocia; ed alla 
rui ia degli uomini si aggiunge quella della natura, che percuote 
le disgraziate valli con pestilenze, carestie, incendi, inondazioni 
valanghe. E così termina, verso il 1711, la cronaca del Merlin, 
le ultime pagine della quale non soqo che un continuo lamento 
della tolleranza che il Duca, V. Amedeo, accorda ai riformati, 
i quali rialzano il capo e minacciano di bandire un'altra volta 
dalle valli la religione cattolica. Però i timori del povero par- 
roco non si realizzano; ce lo dice la breve cronaca del suo 
successore, il curato Benne, che ad ogni anno mostra il pro- 



Digitized by 



Google 



TEMPI MODERia — D. BARBON 19& 

gressivo allontanarsi del Duca da quei crileri di tolleranza che 
durante la guerra aveva seguito per propiziarsi i suoi alleati 
protestanti, e terminando nel 1724 lascia già intravedere Tul- 
timo colpo dato alla religione riformata col reditto del 1730, che 
impone ai valdesi del Fragolaio l'abiura o Tesilio. 

I due cronisti sono lungi dall'ispirarsi all'obbiettività ed alla 
iipparzialità dello storico, e, data l'indole dei tempi ed il ca- 
i-attere sacerdotale degli scrittori, sarebbe a meravigliarsi che 
fosse altrimenti ; si ha tuttavia l'impressione che se essi negli 
apprezzamenti e nei giudizi s'arrendono ad un criterio parti- 
giano, sono però sinceri espositori dei fatti di cui furono testimoni 
oculari, e, sotto quest'aspetto, i loro diari costituiscono un non 
spregevole materiale per la storia. 

Al Pittavino vuol darsi merito d'aver scoperto presso un 
abitante di Pragelato il manoscritto che si credeva perduto, di 
averne compresa l'importanza, d'averne curato con amore la 
stampa, integrandolo con altre memorie d'ignoto autore nei 
punti in cui esso appariva monco per lacerazioni subite, com- 
mentandolo e rischiarandolo con note opportune; e d'avervi 
premesso alcuni Cenni storici sulla valle del Chisone nei quali 
senza grande novità, ma facendo buon frutto di quanto fu scritto 
finora sull'argomento, espone succintamente le vicende per cui 
passò in quella valle la religione valdese. L. U. 



DoTT. D. BARBON, La vita, i tempi e le opere di Girolavio 
Baj^tfaldiy fen^arese, erudito del sec. XVIIL Feltro, P. 
Gastaldi, 1905. In-8, di pag. 191. 

104. — Sebbene sia uno studio più letterario che storico, pur 
non sarà discaro farne parola anche noi, che l'A., se esamina 
particolarmente le tante produzioni poetiche del Baruff., non 
tralascia neanche d'occuparsi di quelle d'indole storica, e di de- 
scrivere alquanto i tempi e l'ambiente in cui si svolge la pro- 
digiosa attività dell'allegro canonico. Nato in Ferrara nel luglio 
1675 e morto a Cento, in provincia, nel 1755, malgrado le cure 
delle tante cariche sacerdotali e accademiche — era pastore 
della colonia degli Arcadi ferraresi, ecc. ecc. ■— seppe cosi 
sfruttare la grande versatilità dell'ingegno che ci lasciò almeno 
200 lavori — di cui il Barbon avrebbe dovuto darci un elenco 
— fra orazioni sacre, elogi funebri, sonetti, canzoni, satire e 
poemi, opere di critica, di paziente ricerca erudita e di molo, 



Digitized by VjOOQ IC 



200 RECENSIONI E NOTE BIBLIOGRAFICHE — A. PELLEGRINI 

come 45 aani di storia ferrarese e circa 5 secoli di storia 
centese. Fu anche intelligente e appassionato raccoglitore di 
carte antiche, di manoscritti, di bolle, di brevi, ecc., e questa 
sua mania gli costò forti dispiaceri: non pensava, il poeta, di 
vivere in tempi e sotto un governo pe' quali essere istruiti era 
spesso titolo di demerito, non credeva che raccogliere documenti, 
specialmente storici, potesse dar luogo a dolorose sorprese. Du- 
rante la guerra di successione di Spagna, l'Imperatore toglie 
Gomacchio alla S. Sede, e tienlo in nome di Rinaldo d'Este; 
ne nasce una lite fra Giuseppe I e Clemente XI, e il Baruff. 
vien calunniato da Mons. G. Fontanini di fornire al Muratori 
documenti contrari alle ragioni di Roma. Non ci voleva altro! 
Il 17 luglio 1711 gli sequestrano la preziosa biblioteca e lo sfrat- 
tano dallo Stato. Riconosciuto innocente, ria il proprio e torna 
a Ferrara, quando nel '45 è di nuovo calunniato di essersi ri- 
tenuto Toriginale della bolla con cui Alessandro VI < smem- 
« brava Cento e Pieve e il loro territorio dalla mensa vescovile 
« di Bologna per darlo al genero Alfonso d'Este »; donde, Bene- 
detto XIV— suo amicissimo da cardinale —gli sequestra un'altra 
volta la biblioteca. Ma veniamo — tralasciando le minori {Com- 
pendio de ' personaggi, . . illustri., . sepolti nelle chiese di Ferrara^ 
ecc.; Vita de" pittori e scultori ferraresi; Notizie isteriche degli 
Arcadi in Roma, ecc.) alle due principali opere storiche di 
lui. La storia di Ferrara va solo dal 1655 al '700: ma è cosi 
minuta che que' 45 anni occupano ben 9 libri ! Trattò un'epoca 
in cui Ferrara godeva un po' di pace. Avrebbe potuto, in man- 
canza di materia, seguendo l'andazzo de' tempi, uscir fuori 
anche del territorio; ma c'era il pericolo di cadere in gravi 
inesattezze, e ben fece a non lasciarsi vincere dalla tentazione. 
Il Barbon giustamente scrive : «la narrazione è ristretta agli av- 
4c venimenti che si svolsero nel territorio... e quindi non vediamo 
« che il succedersi di anno in anno dei Legati nel governo, le feste 
«che si facevano per la venuta, gli onori, ecc., ecc. ». Qualche 
volta « fa capolino la narrazione degli atti del... governo, che non 
«sempre» i Legati «ebbero di mira il benessere della città». 
L'opera ha tale un'impronta di sincerità che — nota il Barbon 
— un contemporaneo, L. Barotti, la disse opera di verità non 
di prudenza. 

Il Baruffaldi, arciprete a Cento, ne scrive Vlstoria, dal- 
l'origine a tutto il sec. XV. Trovasi ms. nell'Archivio di quel 
comune. Il Barbon si dilunga assai più su quest'opera che non 



Digitized by 



Google 



PERIODO DELLA RIVOLUZIONE FRANCESE — E. TRANI 201 

sull'altra e, rilevandone qualcuno de' tanti difetti, si mostra 
acuto osservatore. Però, sia accennando alle tristissime condi- 
zioni politiche ed economiche di Ferrara e contado sotto il go- 
Temo papale, sia esaminando le due storie, c'era bisogno che 
avesse meno fretta di tornare in altro campo. Non era disage* 
Yole per luì trattenersi un po' di più in quello della critica sto- 
rica, avendo dato prove non dubbie della sua capacità in questo 
ramo con una monografia sul comune di Treviso dal 1312 al '29. 
Se la storia di Ferrara è edita, è però poco conosciuta; dovea 
dunque dircene di più: p. es., quando fu incominciata, se scritta 
tutta d'un getto, o a più riprese; quante edizioni si contano, se 
esiste tuttora l'originale, ecc. ecc. Nello stesso modo dedicando 
maggior numero di pagine alla storia di Cento, onorandola di 
una critica un po' più minuta, avrebbe fatto un gran servizio 
alla patria del Gremonino, del Guercino e di U. Bassi, poiché, 
se togli un'accurata monografia del Pontini, Cento nel i796 e '97, 
questa città non può vantar altro di edito, dovendosi trascurar 
quel poco che scrisse — copicchiando — un tal A. Orsini, e la 
pretesa storia dell'Erri. Il Barbon aveva a sua disposizione l'ar- 
chivio di Cento — sebbene, come dice lui, saccheggiato in 
tempi lontani... e in tempi vicini, no, domando io? —, e avrebbe 
potuto usufruir de' tanti documenti negli archivi dello vicine 
Bologna e Modena. Il Barbon è giovane di volontà e di studio ; 
può, accettando il mio consiglio, arricchire di una seconda parte 
il suo buon lavoro che, completo, diventerà... eccellente. 

A. Pellegrini, 



6. PERIODO DELLA RIVOLUZIONE FRANCESE (1789-1815). 
BIANCA TRANI, La Casa di Savoia e la Francia. Loro re-- 
iazioni negli anni 1789-1796 con documenti inediti. To- 
rino, Clausen, 1905. 

, Il manifesto di Pasqiuzle Paoli (de) ai Coìrsi contro 

Genova (W maggio 1794). Salerno, stab. tip. A. Volpe, 
1905. 

105-106. — Le opere pur pregevoli di Nicomede Bianchi e 
di Domenico Carutti, che trattano della storia della monarchia 
piemontese durante la rivoluzione francese, hanno un difetto 
capitale, già diverse volte rilevato: si valgono esclusivamente 
delle fonti nostre ed appaiono quindi manchevoli, dove sarebbe 
stato necessario integrarle coi numerosi documenti, forniti da 



Digitized by 



Google 



20^ RECENSIONI E NOTE BIBLIOGRAFICHE — O. ROBERTI 

altri archivi e particolarmente dai parigini. Se chi avrebbe 
avuto tanta maggiore comodità di ricorrere a tali fonti, non 
lo fecQ, non si può far troppo grave colpa alla signorina Trani 
(li averle anch'essa trascurate, mentre compilava questo lavoro, 
in cui riprendeva a svolgere la storia delle relazioni tra la 
casa di Savoia e la Francia tra il 1789 e il 1796. In compenso, 
pure attingendo largamente all'opera del Bianchi in particolar 
jiiodo, essa ebbe il vantaggio di potersi valere dell'archivio 
[iiivato dell'on. conte Pinchia, assai ricco di documenti privati 
tli questo periodo storico e si fece scrupolo di riprendere ad 
esame alcune categorie di carte dell'Archivio di stato torinese 
e (lell'archivio municipale pure di Torino. 

Grandi novftà però né nel disegno generale né nella nar- 
razione dei principali avvenimenti ci può presentare la signo- 
l'iria Trani, ma essa riesce in qualche punto a correggere il 
Bianchi ed il Carutti e specialmente ad aggiungere circostanze 
minute che completano il quadro. Le carte più importanti del- 
Trirchivio Pinchia, di cui essa si valse, sono parecchie lettere 
indirizzate dal padre Costantino Gianoglio, impiegato a Torino 
ali ufficio generale del soldo, al fratello Remigio camaldolese 
ali Eremo di Torino. Che fosse «potente a corte» questo padre 
Cf ^slantino, è asserito dall' A. e risulterebbe da una lettera del 31 di- 
cembre 1791, che però non vien riferita; che fosse «confessore 
duna delle principesse di Savoia », secondo quanto avrebbe affer- 
mato, probabilmente su vaghe tradizioni di famiglia, l'on. Pinchia, 
vurrei vedere meglio chiarito: questi dubbi però non infirmano 
Hiiiportanza del carteggio, da cui l'A. trasse la parte più sostau- 
55i;ito, dandola in appendice dopo essersene largamente servita 
nel testo del suo lavoro. I carteggi, si sa, presentandoci Tim- 
preasione immediata dello scrivente, e raccogliendo magari 
in torma scorretta notizie, anche dimostratesi più tardi false, 
hiuino valore documentario di prim' ordine. Cosi del famoso 
tumulto degli studenti del giugno 1791 la lettera 10 giugno di 
Costantino Gianoglio permette all'A. di dare una narrazione 
[ììù completa di quella che si legge nel Bianchi, aggiungendoci 
ili appendice due delle tante produzioni poetiche, alle quali il 
tumulto diede occasione, !'« arringa d'uno studente a S. M. » 
e lo «schizzo di lettera imformativa dei passati tumulti», pur 
essa contenuta nell'Archivio Pinchia. Così sempre dal carteggio 
Oianoglio l'A. desume notizie di tumulti a Drenerò ed a Pia- 
nezza nei primi di luglio 1791, di altri a Boves in dicembre 



Digitized by 



Google 



PERIODO DELLA RIVOLUZIONE FRANCESE — B. TRANI 203 

dello stesso anno, che non erano pure stati ricordati da nes- 
suno storico, oppure trae argomenti per dare dell'abbandono a 
Nizza per opera del Gourten, in settembre 1792, una nuova 
versione. 

Per la narrazione delle varie campagne della « guerra delle 
Alpi » forniscono pure 'notizie le lett<3re ed altre carte dell'Ar- 
chivio Pinchia, completata con documenti della categoria /m- 
prese militari dell'Archivio di Stato e qualche altro della Bi- 
blioteca di S. M. in Torino, come le lettere del barone Giacomo 
Francesco Ghionio di Thenezol al Ministro Graneri. Pur troppo 
però TA., poco versata in cognizioni militari, cade in parecchi 
e strani errori e, fidandosi del confuso Pinelli o citando come 
autorità le Nuove di varie corti e paesi, mostra invece d'igno- 
rare del tutto opere di polso come il Krebs e Moris, Campagnes 
dam ìes alpes o il Bouvier, Bonaparte en Italie. Le capita 
quindi di dare (p. 180) notizie affatto fantastiche pel Bonaparte 
nel 1794, o di dimostrare (p. 142-3) nel narrare l'assalto si- 
multaneo a parecchi valichi alpini ben scarsa conoscenza della 
topografìa alpina. 

L'errata-corrige, posta in fine al volume, non è sufficiente, 
poiché assai più numerosi sono gli errori di stampa, che non 
furono rilevati, come, a citarne qualcuno, Ludovico Vili per 
Ludovico XI (p. 29), Gustavo IX di Svezia per Gustavo III 
(p. 71), Galifer per Galibier (p. 135), Biga per Briga (p. 140), 
Gordove per Gondove (p. 146), Garmagliole per Garmagnola 
(p. 185), Del Mello per Delmelle (p. 196) ecc. 

Questi appunti, pur togliendo qualche pregio al lavoro della 
signorina Trani, non escludono in lei attitudine alle ricerche sto- 
riche, che verrà meglio spiegata, speriamo, in altri lavori. 

Come appendice a questo possiamo considerare il breve 
opuscolo, Il manifesto di Pasquale Paoli ai Corsi contro Ge- 
nova (iO maggio 1794), Di questo manifesto era già stata se- 
gnalata l'esistenza dal Botta, contraddetto dal Renucci, dal Tom- 
maseo e da altri. Il Bianchi invece, desumendone notizia dnl 
carteggio del Boccardi incaricato d'affari ligure a Parigi, ritornò 
ad affermarlo realmente emanato: lo conferma il documento 
originale, trovata ora dalla signorina Trani in doppio neir Ar- 
chivio Municipale di Torino e nell'Archivio Pinchia. 

Giuseppe Roberti. 



Digitized by 



Google 



204 RECENSIONI E NOTE BIBLIOGRAFICHE — C. R. 

SILVIO PELLINI, Conti deir amministrazione della finanza 

del regno d'Italia nell'anno i8i3 e budget per Vanno i814. 

Aosta, Giuseppe Allasia, 1906. 

107. — Il prof. Pallini trasse dair Archivio di Stato di Mi- 
lano questo documento importante per la storia del regno ita- 
lico, e lo pubblicò integralmente per mettere in luce i meriti 
del Prina nell'assetto economico della pubblica azienda e nelle 
migliorie introdotte negli ordinamenti amministrativi. Leggendo 
attentamente i varii capitoli del bilancio, con le dichiarazioni 
premesse in forma di lettera a S. E. il conte Aldini, si com- 
prende il valore tecnico, come finanziere, e politico, come sta- 
tista, dell'infelice ministro. 

Il Pellini parve tentasse nella prefazione la storia della re- 
staurazione dell'erario del regno italico dal 1802 in poi, affi- 
data al Prina; ma veramente si tratta più d'un accenno che di 
una storia compiuta. Sarebbe pero utilissimo, che s'accingesse 
all'impresa, analizzando con pazienza .tutti i documenti finan- 
ziari, illustrandoli coi fatti che attraversarono la via al Prina, 
e mettendo in rilievo i criteri successivamente adottati dal mi- 
nistro riformatore. C. R. 



7. PERIODO DEL RISORGIMENTO ITALIANO (1815-1904). 
STENDHAL, Roma. Torino, Roux-Viarengo, 1905. 

108. — Il libro, scritto un tre quarti di secolo fa, appare ora 
nella sua originale integrità tradotto in italiano. E' un libro 
d'impressione, col quale l'autore prova il suo grande amore per 
l'Italia, e per Roma in ispecie, che dimostra di conoscere mi- 
nutamente e di ammirare profondamente. Tratto tratto Tocca- 
sione gli offre modo di rifare molta storia del passato, storia 
dei costumi, storia dell'arte, storia della civiltà e società ro- 
mana; oppure innesta racconti ed episodi gustosissimi, e che 
meglio lumeggiano l'insieme dell'esposizione. 

Sarebbe stato bene però che gli editori, a cui va data lode 
per la coraggiosa iniziativa di far meglio conoscere Roma con 
illustrazioni di persone, di luoghi e di monumenti, avessero 
premesso brevi cenni sull'autore, poiché non tutti i lettori pos- 
sono sapere od aver tempo di andare a ricercare chi era la 
Stendhal. 

Egli propriamente si chiamava Beyle, ed era nato a Gre- 
noble il 23 gennaio 1783. Mori a Parigi il 23 marzo 1842. Già- 



Digitized by 



Google 



^ ^9^Z^f^' 



PERIODO DEL BISOBOIMENTO ITALIANO — VABII 205 

vinetto, si dedicò alle matematiche, senza però trascurare la 
letteratura. Si recò a Parigi il 10 nov. 1799, data memoranda per 
la caduta del Direttorio e per il general Bonaparte. Come uf- 
ficiale, segui l'esercito francese in Italia, ed ebbe campo di 
visitare Milano, Lodi, Bergamo, Brescia, Pavia. Dopo varie vi- 
cende e dopo essere stato in Russia nel 1812, soggiornò dal 
1814 alcuni anni in Lombardia. A Milano conobbe Byron, 
Schlegel, madama di Stael, Manzoni, Pellico... La polizia au- 
striaca lo sfruttò nel 1821, sospettandolo carbonaro. 

Egli si rese noto per un primo libro su Roma, Napoli e 
Firenze che firmò col pseudonimo di Stendhal (1814); per le 
vit« di Haydn, Mozart, Metastasio, Rossini ; per una storia della 
pittura in Italia, a cui sono da aggiungere un trattato suU'A- 
more, le passeggiate romane, riprodotte ora nel presente vo- 
lume, la Certosa di Pavia. Come romanziere fu fatto conoscere 
dal Balzac. 

Notizie sulla vita e sulle opere dello Stendhal dettero 
Colorab, Mérimée, GoUignon, Sainte-Beuve, Faine, Bourget; ma 
sopra tutto rimando i lettori al grosso volume di Arthur Ghuquet, 
Slend/ial'Beyle (Paris, Plon, 1902). 

Alfonso Professione. 



Memorie della Rivoluzione Siciliana dell'anno 1848^ pubbli- 
cate nel cinqìMint esimo anniversaìHo del XII gennaro di 
detto anno. Palermo, Tipografia cooperativa fra gli operai. 
109. — Queste Memorie, uscite con ritardo, furono desti- 
nate, dal Municipio di Palermo, a ricordo solenne degli avve- 
nimenti del 1848. 

Nel primo volume precede un'Introduzione del sig. R. Star- 
rabba, che si può dire un rapido riassunto di lutto ciò che 
comprendono le Memorie. — Indi, in pagine 43, il prof. Alfonso 
Sansone diede i Prodromi della Rivoluzione del 1848, poco accu- 
rati, non avendo dato che la ristampa di vari articoli, pubblicati 
nella fine del 1897, in un giornale cotidiano di Palermo. E i 
propositi municipali, per un libro da rimanere una perpetua 
memoria, dovevano consigliare lo scrittore ad attendere al suo 
studio con maggiore scrupolosità ; poiché ora non è più dato 
solo attenersi ad una trascrizione di atti e di proclami. D'al- 
tronde quanto è riferito in questi Prodromi, dal 1893 era stato 
detto negli ultimi capitoli del volume // primo settembre i847 



Digitized by 



Google 



r 



206 RECENSIONI E NOTE BIBLIOOBAFICHE — DEMI 

in Messina del Guardione, che costituisce un ricordo per gli 
inizi della rivoluzione, che non doveva essere trascurato. 

La Poesia politica clandestina e II i2 gennaio 1848 del 
sig. Lodi mettono in rilievo molte cose sconosciute; e special- 
mente nel primo di questi due scritti si riuniscono talune ispi- 
razioni, che, misera cosa per Tarte, non ci dispensano di 
apprezzarle pei liberi sentimenti. Nel secondo de' due cennati 
lavori lo scrittore avrebbe dovuto uscire dalla famiglia e trat- 
tarne la questione con quella profondità, che si addice agli studi 
tPargomento politico. Molte coserelle, anche in uno stile casa- 
leccio, sono espresse con espansione d'animo, ma lo scrittore 
rimane inchiodato alla regione e a' vecchi statuti anche nel- 
Tanno di grazia 1898. La Sicilia allora peccò di municipalismo, 
né male si pronunziarono il Mamiani, il Gioberti, il Cattaneo 
e il Balbo, se osarono disperare anni prima e nel 1848 di quelle 
convinzioni; imperocché la Sicilia, sventuratamente, diede poi 
pessime prove con un governo poco esperto, che traeva convin- 
cimenti dalle tradizioni aristocratiche del 1802 e del 1820. Non 
si può negare al Gioberti ch'essa fu più restia di tutte al corso co- 
mune, né tampoco al Cattaneo che scrisse: la Sicilia, che logorò 
sette progenie di principi, come spera ella ancora salrximento 
dal mutar famiglia? 

Il Lucifora largamente scrisse in Ricordi della rivoluzione 
ciciliana del 1848, e la larghezza del contenuto non ci pare 
rispondente al titolo; c*hè se effettivamente egli avesse voluto 
dare uno sguardo completo alla rivolta, non avrebbe dovuto li- 
mitare poi la narrazione a singoli fatti. Il Lucifora poteva la- 
sciare in disparte quanto concerne i primi giorni della solleva- 
zione, narrati da altri, maggiormente dal volume Ristampa delle 
Proteste, Avvisi, ed Opuscoli clandestinaynente pxibblicati pria 
del 12 gennaro ,1848, cui segue l'altro Raccolta di varie scrit- 
ture pubblicate dal Comitato e dai più ardenti cittadini^ editi 
ambi dalla stamperia Carini, e soffermarsi invoce su altri punti 
della rivoluzione, mettendo, ad esempio, in maggior rilievo le 
fiacchezze del governo, che cedeva, senza un urto, la città alle 
violenze del vecchio soldato Filangieri. 

Un ricordo genuino è il Dia^Ho di Guglielmo Dikinson, 
irlandese; il quale, come scrive il Guardione, nella pagina che 
allo slesso precede : Durante il bombardamento della città di 
Palermo, nel gennaro del 1848, espose da forte la sua vita 
a' cimenti per soccorrere i danneggiamenti, e, facendosi 



Digitized by 



Google 



PERIODO DEL RISORGIMENTO ITAUANO — VARII 207 

scudo della bandiera inglese, si recò fino al Palazzo ì^egio, ove 
ferisca la pugna, per ottenere una tregua. Per comodo de' 
lettori, che non conoscono l'inglese, il Diario è anche tradotto; 
ma se la traduzione lascia desiderare per la fedeltà e il buon 
costrutto, il Diario rimane uno de' più bei lavori della raccolta, 
apprendendo sincere notizie, che, a volte, sono in contrasto con 
le parole troppo gonfie degli appassionati alle vicende insulari. 

La Rivoluzione del i848 in Messina^ trattata in un vo- 
lume dal Guardione (edizioni Glausen 1893, Reber 1897) non 
costituisce una vera memoria, ma un ammasso di proclami, per 
lo più editi e noti, che, spolverati dall' Arenaprimo, sono ristam- 
pati con la pretesa del titolo cennato. È certo, lodevole il farsi 
custode di stampe messe in dimenticanza, ma noi non giudi- 
cheremo storia una ripubblicazione di avvisi e proclami. 

Apre il secondo volume lo scritto La spedizione dei cro- 
ciati siciliani in Lombardia al i848 del sig. Rosario Salvo. 
L'A., che scrisse le pagine assai furiosamente, avendo la fa- 
cilità di raccapezzare volume di trimestre in trimestre, travede 
e svisa le vicende con molto discapito della storia, che attende 
da un pezzo la verità dei fatti. Dispiacevole poi, ch'egli, creden- 
dosi sicuro narratore, aggiustando sempre fede a sé, dimentichi 
le posture de' luoghi, la topografia, sbalzando in altro sito da 
quello ove si trovarono i crociati. 

La spedizione in Lombardia trattò pure in seguito, nello 
slesso volume, il prof. Guardione. Però egli si fece dimentico, 
e in ciò avrebbe potuto interrogare il generale Assanti, de* 
Tiaschi di Vicenza, ove il La Masa prese la rincorsa e i citta- 
dini regalarono di fischi il condottiero e i condotti. Il Guardione, 
che, per sincerità, sovente vien giudicato aspro, questa volta 
non corrispose all'attesa, omettendo o tacendo per prudenza, non 
degna di lode, ciò che non è ignorato. — Lavoro assai pregevole 
del medesimo Guardione è la Spedizione calabro-sicula, in cui per 
la prima volta è ricordata schiettamente la insurrezione cala- 
brese, sono ricordati gli errori del governo siciliano e le ritrosie 
calabresi, dopo la gloriosa spedizione de' 700 siciliani. Il libro 
Documenti storici riguardanti Cinsurrezione calabra (Napoli, 
stabilimento tip. Dell'Araldo) era apparso fin dal 1849, quasi sotto 
gli auspici del governo de' Borboni ; ma in questa succinta nar- 
razione, documentata, il Guardione rileva le varie circostanze, 
che diedero una mala fine alla spedizione. 

Il prof. Salvatore Salomone Marino si ferma su L'esercito 



Digitized by VjOOQ IC 



208 RKOENSIOXl E NOTE BIBL[OGRAFICH£ — DEMI 

Siciliano, o con date statistiche esatte descrive Tindirizzo dato 
alle milizie siciliane: indirizzo non certo lodevole, poiché all'ora 
de' rischi i valorosi de' primi due mesi della rivoluzione nun 
più corrisposero, e di fughe e d'altro diedero esempio indegno! 

Il (xuardione studia Le ultime tvdUntioe dlplomaiichey e 
in esse fa rispecchiare la verità, contrariamente alle opinioni 
dissidenti. Il La Farina, il Calvi, il Grispi non avevano am- 
messo quanto volevasi tenere occulto ; ma il Guardione in ap- 
poggio a' documenti inediti non dà più campo agli entusiasti 
di offendere la storia con una serie di pietose menzogne 

L' Eisposizione documentata di Pietro Lanza di Scordia, Dei 
mancati accomodamenti fra la Sicilia e Ferdinando Borbone 
costituisce una nota non sempre armoniosa, Pietro Lanza fu 
un gentiluomo e un uomo di dottrina, però messo al governo 
non seppe schivare le debolezze e gli errori del partito aristo- 
cratico siciliano. Fu egli un uomo di mente, non una mente 
di stato, e mal si farebbe a giudicarlo tale da questo lato. La 
Esposizione è piuttosto nn'oratio prò domo mea. Ferdinando 
pare ne esca il meno colpevole: gli uomini del governo siciliano 
appaiono i più inetti che mai fossero stati, facili ad essere ingan- 
nati dalle astuzie de' diplomatici di Francia e d'Inghilterra, che 
volevano strozzata la rivoluzione, mentre credevano, ingenui, gli 
uomini del governo siciliano alla protezione delle due potenze. 

Un canto patriotico di David Levi, poeta piemontese, ispi- 
rato dalla occasione, chiude i due pregiati volumi, pubblicati 
dal Municipio di Palermo con disinteresse. Esso è una scoltura 
di quei tempi, e il vecchio, più che ottuagenario, nella ricor- 
renza lo risvecchia, come potesse cosi rifare i passi de' per- 
duti anni. Chiudendo questa recensione, sentiamo il dovere di 
emettere un'ultima osservazione. Se il Municipio si proponeva 
rinnovare, dopo un mezzo secolo, i fasti della rivoluzione sici- 
liana, perchè limitare gli stessi semplicemente alla capitale, a 
Palermo ? La rivoluzione vantò le gesta più eroiche in Messina 
a in Catania, e nelle Mem,orie non vi ha parola né della prima, 
né della seconda città; e se per la prima come in uno scaffale 
trovate rimpinzati i cento programmi, per la seconda sono del 
tutto taciute le eroiche gesta, è taciuto il martirio glorioso. 
Inoltre, perchè nessuna parola di Siracusa, d'Augusta, di Tra- 
pani, di altre città ? Non contribuirono anch'esse a condannare 
il Borbone, sollevandosi ed accettando il programma del dì 
12 gennaro ? Demi. 



Digitized by 



Google 



P£B1000 DJ£L BISOB&IMENIO ITALIANO — MONDAINI - FURNO 209 

GENNARO MONDÀINI, Nuova luce sul moto milanese del 
6 febb7-aio 1853. Padova, fratelli Fusi, 1905. 

HO. — Piolti De* Bianchi, principale preparatore del molo 
milanese del 6 febbraio 1853, ne lasciò il racconto nelle sue 
Memorie, pubblicate per estratto dal De Castro nel 1893 e in- 
tegralmente nel 1897 dal senatore Bargoni nella Rivista sto- 
rica del risorgimento italiano. Era la versione di un antico 
rivoluzionario passato poi alla parte moderata. 

Nel 1896 il patriotta Carlo Cassola, duumviro delle dieci 
giornate di Brescia espose nuovi particolari, contrapponendo la 
versione mazziniana del fatto alla narrazione del moderato 
Piolti De Bianchi. 

Ora il prof. Mondaini pubblica la protesta, ancora inedita, 
di Achille Malocchi, che ricostruisce gli avvenimenti secondo 
la tendenza radicale. 

11 M., comparando la narrazione del Maiocchi con quella 
del Piolti De Bianchi, conchiude che la prima non infirma punto 
la seconda, anzi la conferma, discordando appena in alcuni par- 
ticolari di fatto e in qualche apprezzamento sulle responsabilità 
personali. C. R. 



ALBERTINA FURNO, Severino Ferrari. Torino, G. U. Cas- 
sone, 1906. 

111. — E' un discorso tenuto dalla colta signorina Fumo 
nella sala della Borsa di Torino il 25 gennaio 1906, per com- 
memorare il suo compianto maestro, Severino Ferrari. 

Con vera eloquenza ispirata da soda coltura, dalla chiara 
conoscenza dell'opera educativa e letteraria del Ferrari e dal- 
l'affetto riconoscente, la F. ha ricordalo brevemente la faticosa 
vita del Ferrari prima di arrivare all'Istituto superiore di ma- 
gistero femminile di Firenze, la devozione a Giosuè Carducci, 
la libera esplicazione del suo ingegno poetico cosi alto e fe- 
condo, le virtù singolari dell' insegnante, a cui sfuggi dolorosa- 
mente prima della vita la lucida e chiara intelligenza. 

Commemorazione, che innalza il grande maestro e onora 
l'allieva affettuosa e di lui degna. G. R. 



Rivinta storica italiana, 3» s., V, 2. 



Digitized by 



Google 



Ila 
SPOGLIO DEI PERIODICI 



ELENCO ALFABETICO CON RELATIVA SIGLA. 

L Archivio storico italiano (Firenze) S. 5, XXXIV, 4, 1904; 

XXXV e XXXVI, 1905 . . . . , . AsL 

2. Archivio storico lombardo (Milano) S. 4, XXXI, 4, 1904 e 

XXXII, 1905 AsL. 

3. Archivio storico messinese (Messina) V, 3-4, 1904 e VI, 1905 AsM. 

4. Archivio storico per la Sicilia Orientale (Catania) II, 1 -3, 1905 AsSO. 
r>. 4roÀmoj96r/6j>ro9me»'enapo^6^an6 (Napoli) XXX, 1-3, 1905 AsN. 
*j. Archivio storico siciliano (Palermo) N. S., XXIX, 3-4, 1905 AsS. 
7, Atmeo Veneto (Venezia) XXVIII, 1905 e XXIX, I, 1, 1906 AV. 

H. Bessarione (Roma) 8. 2, VII, 81, 1904 e Vili, 82, 83, 84, 1905 Be. 
i^. Boletin de la real academia de la historia (Madrid) XLVI, 

XLVn, 1905 e XLVUI, 1, 2, 1906 .... Bah. 

10. Bollettino della società di storia A, L. Antinori negli 

Abruxxi (Teramo) 8. 2, XVI, 9, 1904 e 10, 1905 . . BasA. 

1 1 . Bollettino d'archeologia e storia dalmata (Spalato) XxVll, 

11-12; XXVin, 1-8, 1905 BasD. 

1 2. Bollettino storico della Svizzera Italiana (Bellinzona) XXVII, 

4-12, 1905 BeSL 

13. Bollettino storico pistoiese (Pistoia) VII, 1905 . . . BsPt. 
U. Cronaca della civiltà EUenO'Latina (Roma) IH, 24-36, 1904- 

1905 e IV, 1-10, 1905-1906 CcEL. 

15. Favilla: Rivista dell'Umbria e delle Marche (Perugia) 

XXrV, 2-12, 1905 Fa. 

U\, Giornale araldico genealogico diplomatico (Bari) N. S., X, 

1-5, 1905 Ga. 

17. Iattura (la) (Milano) V, 1905 L. 

18. Marche (le) illustrate nella storia, nelle lettere e nelle arti 

(Fano) IV, 3-6, 1904 e V, 1-3, 1905 . . .Ma. 

19. sYupoli nobilissima {^&^ìì)\lV, 5-12, 1905 e XV, 1-2, 1906 No. 

1*0, Piemonte (Saluzzo) III, 1-41, 1905 Pm. 

2). Quellen und Forschungen aus italienischen Archiven und 

Bibliotheken (Rom) V, 1905 QfiP. 



Digitized by 



Google 



STORIA GENERALE 211 

22. Rassegna pugliese (Trani) XXI, 3-12, XXII, 1-2, 1905 . RPm. 

23. Reiniede8ynthèsehistorique(PfkfìB)lS.,S, 1904; X, XI, 1905 Bah. 

24. Bemte d'histaire eeelésiastiqtte (Louvain) VI, 1905 e VII, 

1, 1906 Rhe. 

25. Reme d^histoire moderne et eontemporaine (Paris) VI, 4-12 

VII, 1-6, 1905-1906 Rhmc. 

26. Rivista abruzzese (Teramo) XX, 1905; XXI, 1, 2, 1906 . RA. 

27. Rivista del collegio araldico (Roma) lU, 4-12, 1005 e VI, 

1-2, 1906 Rcar. 

28. Riviste^ di storia e arte della provincia di Alessandria 

(Alessandria) S. 2, XHI, 16, 1904 e XIV, 17-20, 1905 . RsA. 

29. Rivista storica calabrese (Reggio Calabria) XIII, 1905 . RsC. 

30. Rivista storico-critica delle scienze teologiche (Roma) I, 

3-12, 1905; II, 1-2, 1906 Rsst. 

31. Romagna (Jesi) U, 4-12, 1905; HI, 1, 1906 . . . Ra. 

32. Secolo XX (Milano) IV, 6-12, 1905 Sxx. 

33. Tridentum (Trento) VIII, 1-7, 1905 Tr. 



1. STORIA GENERALE. 

1. Rsh. — X, 2, 3, 1905. — Bernheim E., La science moderne de 
rhistoire. — Lamprecht K.» La science moderne de Vhistoire : quelques 
mots de réponse. 

2. Rsh. — IX, 3, 1904. — Jankeleyitch S., Historiens psychologufts 
€i historiens livresque. 

3. Rsh. — X, 3, XI, 1, 2, 1905. — Hermant P., Les Mystiques, 
étude psyehologique et sociale, 

4. Rsh. — XI, 2, 1905. — Xénopol A. D., La notion de « valeur » 
m histoire [Per varie ragioni la nozione di valore non servirebbe alla co- 
stituzione scientifica della storia]. 

5. Rsh. — XI, 2, 1905. — Michel E., Le sentiment de la nature et 
l' histoire de la peinture de paysage [Dai tempi più antichi ai nostri]. 

6. Rsh. — XI, 1, 1905. — Jjacombe P., Nature et kumanité \k^vo- 
posito del libro di Bouglé < La démocratie devant la science » esamina la 
gran questione se le istituzioni sociali egualitarie siano condannate perchè 
contrarie alle leggi di eredità (Lamarck), di differenziazione (Milne-Edwards), 
di concorrenza vitale (Darwin) che la scienza dimostra aver presieduto e 
presiedere allo sviluppo del mondo vegetale e animale ossia del mondo sub- 
sociale, aUe pai leggi per armonia deiruniverso anche lo sviluppo sociale 
non può sottrarsi]. 

7. Rsh. — X, 3, 1905. — Jankeleyitch S., La conception sociale du 
génie^ à propos de deux ouvrages recente. 

8. Rsh. — IX, 3, 1904, X, 2, 3, XI, 2, 1905. — Enquete sur Ven- 
stignement supérieur de Vhistoire: Réponses de MM. 0. Farisei et Q. 
Badet, de M, H, Hauser^ de M. H. Prentout, de M. P. Huvdin, de 
BarraU'Dihigo. 

9. Rsh. — XI, 1, 1905. — H. B., V enseignement de Vhistoire à Ve- 
cole primaire: I, Le rapport de M, A, Grapet au Congrès de Lille. 



Digitized by 



Google _ 



212 SPOGLIO DKI PKRIODICI 

10. Rsh. — XI, 1, 1905. — Mentre P., Problèvtes et eontroverses ; 
une thèsc de Cournot: l'hisioire des seiences n* èst-elle plus possible? 

1 1 . Rsh. — X, 1, 1905. ~ Se^nd J., Les idées de Cournot sur l'histoin. 

12. Rsh. — IX, 3, 1904 e X, 1, 2, 1902. — Lacombe P., Notes sur 
faine: I. Le milieu en histoire Uttéraire; II. Le moment eìi histoire 
iiitcraire; III-IV. Observations sur la recherche méthodique des eaxms 
en histoire Uttéraire. 

13. Ro. — 11, 11-12, 1905, novembre-dicembre. — Sorbelli A., Le 
Croniche [V^alore della cronica e suoi periodi]. 

14. Rsst. — I, G, 1905. — Le leggende agiografiche [Rassegna del vo- 
lume di Ippolito Delehaj'e S. I. bollandista]. 

15. AsS. — N. S , 3-4, 1905. — Crino S., // quinto congresso geo- 
grafico italiano e la Sicilia. 

10. BsPt. — VII, 3-4, 1905. — Biigiani P., Per la biografia e la 
bibliografìa pistoiese. 

17. BsFi. — \U^ 1905. — Santoli Q., Indice tripartito delle annate 
IV- VI, 1902-5 del Bullettino Storico Pistoiese. 

18. AsM. — VI, 3-4, 1905. — La Corte-Cailler G., Varia [Notizie 
sulla città di Capizzi. — Una cronaca di Pietro Sollima. — Una storia di 
Motta Camastio. — Un manoscritto autografo di Jorci. — Codici pervenuti 
al Museo. — Edifizi monumentali danneggiati dal terremoto]. 

19. L. — V, 1, 1905. — Beltrami L., / musei e la cleptomania ar- 
fistiea [Con cenni particolarmente a quella di Napoleone I in Italia]. 

20. RPw. — XXI, 9 10, 1905. — Beccia N., Archivi di Stato. 

21. Ma. — V, 1-2, 1905. — Zdekaner L., L'archivio del Comune di 
liecanati ed il recente suo riordinamento. 

22. Sxx, — IV, 10, 1905. — Loli-Piccolomini E. S., La biblioteca 
Malatestiana, 

23. RsA. — S. 2, XIV, 20, 1905. — ArcìUvio Qhilini [Notizia di 
poche carte sparse riguardanti il patronato dell'abbazia dei SS. Giuliano o 
Cristoforo, e una controversia dei Sambuy coi Mathis]. 

24. Ma. — IV, 3-4, 1904. — Laf^omaggiore C. e Zaccagnini G.. 

ìndice dei più ragguardevoli mss. esistenti presso la Biblioteca della 
Ubera università di Urbino. 

25. AsM. — V, 3-4, 1904. — Rossi S., Catalogo dei codici greci del- 
l' antico monastero del SS. Salvatore che si conservano nella biblioteca 
universitaria di Messina [Continuazione e fine cfr. Rsl.., 1905, sp. n. 21, 
dal n. 145 al 175]. 

26. Nn. — XIV, 5, 6, 1905. — Morellini D., La fonte di alcuni sue- 
('essi de' mss. Corona. 

27. Sxx. — IV, 9, 1905. — Bruno S., / cimelii della Biblioteca na- 
zionale di Torino dopo l'incendio del 26 gennaio 1904. 

28. Rcar. — III, 4-11, 1905. — Bertini C. A., Codici vaticani ri- 
guardanti la storia nobiliare [Continuazione cfr. Rsl., 1905, sp. n. 559]. 

29. Rcar. — IV, 1-2, 1906. -- Biadego G., Manoscritti riguardanti 
la storia nobiliare italiana esistenti nella Biblioteca comunale di Verona. 

30. Rcar. — III, 11, 1905. — Carreri P. C, 1/ araldica e la sua 
nxione sociale. 



Digitized by 



Google 



STORIA GENERALE 213 

31. Rear. — 111, 6, 1905. — Forsenet, May d'*honour che d^honours 
[Per la decadenza e la corruzione delle decorazioni moderne]. 

32. Rcar. — HI, 10, 1905. — De Fontenoble Ch., L'idée héraldiqiie 
[Considerazioni generali]. 

33. Rcar. — III, 5, 1905. — Orlandini U., Motti araldici 

34. Rcar. — III, 4, 1905. — De Caroli E., L'antichità della croce 
gerosolimitana [llisalirebbe a Filippo I, re di Francia]. 

35. Rcar. — IV, 2, 1006. — Fairplay N., Gran Priorato dell'Ordine 
dell'ospedale di S, Giovanni di Gerusalemme in Lighilterra [Cenno della 
storia della lingua inglese dei Cavalieri di S. Giovanni di Gerusalemme, 
sulla scorta della recente pubblicazione di N. Bedford o R Holbeche]. 

36. Rcar. — HI, 10, 1905. — Palmieri A., L'ordine dello Speron 
d'Oro e della aurata Milizia. 

37. Rcar. — III, 6, 1905. — Landacci P., Insigne S. M. Ordine di 
S. Stefano P. M. 

38. Rcar. — 111, 7, 1905. — Aehard J., L'ordre du St Sépulore. 

39. Rcar. — III, 9, 1905. — De Martino F„ Ordini equestri napo- 
letani [Ordine supremo di San Gennaro ; Keal Ordine di S. Ferdinando e 
del merito ; Sacro Angelioo Imperiale Ordine Costantiniano di San Giorgio ; 
Reale Ordine di Francesco ì; Reale Ordine militare di San Giorgio della 
Reunione]. 

40. Rear. — III, 4, 1905. — Gheno A., Oli ordini equestri pontifici 
[Supremo Ordine di Cristo fondato da Giovanni XXII; Ordine Piano fon- 
dato da Pio IX (1847) ; Ordine di San Gregorio Magno fondato da Gre- 
gorio XVI (1831) ; Ordine dello Speron d'Oro o della Milizia aurata detto 
volgarmente di S. Silvestro, soppresso da Pio X nel 1905 e sostituito coi 
'lue ordini di S. Silvestro e della Milizia aurata ; Ordine S. M. Gerosoli- 
mitano del Santo Sepolcro ; Croco t prò ecclesia et pontifico » fondato nel 
1888 da Leone XIII. Dà cenni delle vicende e stato attuale dei gradi e 
decorazioni]. 

41. RsA. — Appendici 5-6, 7, 8, 1904-5. — Oli statuti inediti di 
Rosignano. 

42. Pm. — 111, 30, 31, 1905. — Riasi P., Del Latino e del volgare 
[Saggio storico critico]. 

43. L. — V, G, 1905. — Bravetta E., — Le antiche navi coraxxate, 

44. L. — V, 5, 1905. — laechini Lnraghi F., L'Astrologia ha un 
contenuto di verità? [Cenni storici dagli antichissimi tempi]. 

45. L. — V, 2, 1905. — Patrizi M. L., Fisiologia dei movimenti e 
figurazione artistica [Appunti di storia dell'arte dall'antichità classica ai 
nostri giorni] 

46. RgC. — XIII, aprile-giugno 1905. — Cotroneo R., // santo nome 
d'Italia [Continuazione cfr. RsL, 1905, sp. n. 1053]. 

47. AV. — XXVIII, II, 2, 1905. —De Toni E., Oli aggettivi geografici, 

48. Asso. — li, 3, 1905. — Pascal C, Sui nomi ^Sicilia» e * Si- 
cania* [Li ricollega alla famiglia dei nomi di altre terre i quali prima ciho 
il significato se ne oscurasse nella coscienza dei parlanti potettero signifi- 
care «terra fertile» o «grassa»]. 

49. Asso. — II, 1, 1905. — Pascal C, Il nome dell' Etna [Veiìmo- 
logia del nome e le forme latine di esso]. 



Digitized by 



Google 



214 SPOGLIO DEI PERIODICI 

50. Nn. — XIV, 9, 11, 12, 1905. — B. C, Varietà intorno ai « Lax- 
xari » [L'origine del aoDie dato alla plebe napoletana. La leggenda dei Lazzari]. 

51. Sxx. — IV, 9, 1905. — Pagano L., Piedigrotta [CJon alcnni cenni 
storici dal sec. XIll al XIX]. 

52. L. — V, 6, 1905. — Molmenti P., No^xe Veneziane [Storia del 
costume]. 

53. L. — V, 9, 1905. — Adami G,, // caffè Pedroeehi nella sua vita 
e nella sua storia. 

54. RPm. — XXI, 11-12, 1905. — Massa T., Pugliesi neU' ateneo pa- 
dovano [Dal 1224 al 1702: un elenco di 194 nomi con notizie di e ascnno]. 

55. AsM. -- V, 3-4, 1904. — Oliva G., / messinesi nello studio di 
Pisa sino al 1600 [A proposito del lavoro del Radice nel tomo XXIV 
degli Annali delle Università Toscane]. 

56. Pwi. — ni, 17, 1905. — Milano E., Ultime reliquie del dramma 
saero in Piemonte. 

57. Ro. — II, 11-12, 1905, novembre-dicembre. — Fabbri P., Rispetti 
e stornelli rticcolti sui monti della Rotnagna-Toseana. 

58. RA. — XX, 2, 1905. — Di Pretoro L., Ganxoni popolari abruxxesi. 

59. RA. — XX, 2, 4, 7, 1905. — Bruni T., Credenze ed usi abruxxesi 
[Continuazione cfr. RsL^ 1905, sp. n. 42: La jettatura. Matrimoni aToUo 
e nei paesi limitrofi]. 

60. Ma. -- V, 4-6, 1905. — Montanari A., Per il dialetto fanese. 

61. Sxx. — IV, 8, 1905. — Melani A., Logge artistiche d'Italia 
[Appunti di storia dell^arte]. 

62. CcEL. — IH, 24-26, 1904. — Olilsen F., L'Immacolata nel regno 
dell* arte, 

63. RA. — XX, 8-10, 1905 e" XXI, 1, 1906. — PiccirìUi P., La 
^nostra d'arte antica abruxxese in Chieti. 

64. L. — V, 9, 1905. — Janni E., Reliquie d'Abruxxo [A proposito 
delPesposizione d^arte antica a Chieti]. 

65. Nn. — XIV, 10, 1905. — Salazar L., Dipinti attribuiti ad ar- 
tisti napoletani nella Galleria Nazionale di Dublino. 

66. Sxx. — IV, 7, 1905. — Grassini Sarlktti, Dai tetti di San Marco 
[Note di storia e d'arte]. 

67. L. — V, 5, 1905. — Moretti G., La clinica dei monumenti: gli 
illustri malati di Venezia. 

68. Nn. — XIV, 6-8, 9, 1905. — Laceetti F., Memorie d'arte vastese 
[A proposito dell'esposizione artistica di Chieti]. 

69. Pw. — III, 1, 1905. — Massara A., Un* inchiesta siiW arte novarese. 

70. L. — V, 11, 1905. — Malagola G., Sale e salotti nei palazzi re- 
nexiani [Descrizione illustrata dei palazzi Corner, Da Mula, etc.]. 

71. Tr. — Vili, 3, 1905. — Perotti Beno F., Affreschi e sculture 
antiche esistenti nel Circondario Comunale di Avio. 

72. RsC. — XIII, S. 4, 10-11-12, 1905, ottobre-novembre-dicembre. 
— Jn Calabria in giro su le rovine del terremoto [Tutto il fascicolo è 
dedicato a descrivere le conseguenze del terremoto deir8 settembre 1905, 
che straziò tutta la Calabria, e specialmente la provincia di Catanzaro: le 
vittime furono 538]. 



Digitized by 



Google 



STORIA GENERALE 215 

73. RsA. — S. 2, XIV, 20, 1905. — PeUati F., Tra i meandri del 
ptusato: VAUo Monferrato nelle età preistoriche [Esamina per sommi oapi 
la ooDforinazione geologica del Monferrato e le complesse vicende per le 
<}nali il suolo si venne costituendo, stadia qnindi l'apparizione deiraomo 
alle falde settentrionali dell'Appennino o le sovrapposizioni etnografiche 
successive per immigrazioni]. 

74. RA. — XX, 5-6, 1905. — Grassi G., Motta Camastra e la Valle 
d'Alcantara [Introduzione di un'opera in quattro volumi, in corso di stampa]. 

75. Tp. — Vili, 3, 1905. — Valenti S., La taverna comunale nelle 
Oiudiearie ulteriori [Continuazione: Quattro dooc. tra il 1374 e il 1772]. 

76. BsSI. — XXVII, 4-6, 1905. — Colonie Valmaggeei in Sicilia. 

77. RPfi. — XXI, 11-12, 1905. — Vespasiani T., Da Ascoli all'A- 
quila per la valle Tronto-Aternina [Guida specialmente storica]. 

78. RsA. — N. S., XIII, 16, 1904. — P, G., Notixie di vescovi di 
Alessandria e di Acqui [Notizie di vescovi dei secoli XII-XVIII da un 
manoscritto inedito dello Sbaraglia^ 

79. RsA. — 8. 2, XIV, 19, 1905. - Avalle, Ferraris I. P., etc.. 
Biografie [Di personaggi alessandrini : Gio. Batta Bruno, Vincenzo Bruno, 
Cristoforo Kicagno, Giulio Baciocchi, (iulio Cavasanti, Monsignor Antonino 
Faà di Bruno, Pirattoni Gian Paolo, Rossi Ferdinando Barone di Vandorno, 
Oio. Ant. S<»azzola, Sappa Alessandro, Sappa Carlo Giuseppe, Sappa de Mi- 
lanesi, Gorreta Luigi, Teologo Pietro Piacenza, Demaria Antonio professore 
di veterinaria, Michelangelo Piola, Carignani Ilario, Giacomo Francesco Fer- 
raris, Pollati Giuseppe Tommaso, Brunone D. Carlo, Brunone D. Antonio]. 

80. Pm. — III, 38, 1905. — Polifemo, Antico Piemonte, Cherasco 
[Con brevissimi cenni storici generali]. 

81. Sxx. — IV, 12, 1905. — Repetto D., // porto di Genova come 
fu e come sarà [Dal secolo XVII in poi]. 

82. Ma. — IV, 3-4, 6, 1904. — Ciavarini C, / tnonumenti anconi- 
tani [Breve rassegna]. — Id., // Museo archeologico delle Marche in Ancona. 

83. L. — V, 6, 1905. — De Prenci G., / portici di Bologna [Brevi 
cenni antichi e moderni]. 

84. Ma. — IV, 3^, 1904. — Pmnai G. B., La città dei Montefeltro 
[Sguardi ai monumenti e alla storia di Urbino]. 

85. Rcar. — III, 11, 1905. — Capogrossi B., // vescovato di Teramo 
[Dalle origini al sec. XVI, con particolar riguardo ai feudi e titoli che gli 
competono]. 

86. RsC. — Xni, aprile-settembre 1905. — Cotroneo R., Melilo Porto 
Salvo [Continuazione cfr. Ksl., sp. n. 1160]. 

87. RsA. — S. 2, XIV, 11, 1905. — Gampora E., Capriata d'Orba 
[Cenni sul borgo antichissimo già munito di castello fin dal secolo X]. 

88. Nn. — XIV, 8, 1905. — Volpicella L., Lo stemma della città 
di Napoli. 

89. Nn. — XIV, 8, 9, 1905. — Nicolini P., Dalla Porta Reale al 
paìaxxo degli studi. I. Il • Limpiano » . //. La muraxione di Don Pietro 
di Toledo. Porta Reale. III. Il largo del Mercatello. IV. Chiesa di San 
Michele, Port'Alba^ Palazzo Tommasi. 

90. Nn. — XV, 2, 1906. — La Ville-sur-Yllon L., La strada di 
S. Giovanni a Carbonara. 

91. RPm. — XXI, 9-10, 1905. — Carabellese P., Le pergamene del 
Omune di Barletta {1234-1658) [Larghi cenni sulla loro importanza]. 



Digitized by 



Google 



Lin SPOGLIO DEI PERIODICI 

92. AsM. — VI, 3-4, 1905. — Borghese C, Novara di Sicilia e le 
sHc opere d'arte [Speciale descrizione delle numerose chiese di questo vil- 
la :4:^io siciliano e delle opere d*arte degne di nota in esse]. 

<J3. Tr. — Vili, 5-6, 1905. - Montini D., Un palaxxo storico ad Ala. 

in. Rcar. — 111, 8, 1005. — Carreri F. C, La più poetica delle corti 
spignorili [La villa vecchia di Pietole e la gran Corte Virgiliana dei Gonzaga]. 

95. Nn. — XIV, 5, KK)5. — Bacile G., // castello di Coperlino, 

DO. RsA. — S. 2, XIV, 20, 190."). - Pochettino G., Il SaJituaria 
tifila Vergine della Creta in Castellaxxo Bormida [Il Castello della Ver- 
jitie della Creta originato in Castellazzo nel secolo XVII è derivazione as- 
^.iiliita del culto della Vergine di Crea]. 

y7. AsL. — S. 4, XXXII, 6, 1905, — Recenti restauri in S, Abbondio 
u Cremona. 

08. AsL. — S. 4, XXXU, 5, 1905. — D. S., La Badia di S. Oio- 
nfnni Battista di Vertemate. 

99. AsM. - VI, 3-4, 1905. — Mallandi*ino P., Lavori di rislauro 
itti duomo di Siena, 

100. Sxx. — IV, 11, 1905. — De It^ineenti R„ U Abhaxia di Forfa, 

101. CcEL. — IV, 1, 1905. — Una gita a Grotta ferrata. 

102. RsC, — XIII, aprile settembre 1905. — Cotroneo R., La storia 
fi* ile Parrocchie della città e diocesi di Reggio di Carlo Ouarna-Logoteta 
I Tuntinuazione cfr. RsL, 1005]. 

103. RsC. — XIII, luglio-settembre 1905. — Cotroneo R., La chiesa 
iìiviropolitana di Reggio di Calabria [Vanta il primato della sua origine 
SII tutte le chiese della Calabria, anzi è la prima fondata dall'apostolo San 
INiulo nel suo famoso viaggio a Roma; evvi una lacuna secolare nella serie 
<["'( vescovi di Reggio tra l'ultimo trentennio del secolo VII e buona parte 
àA secolo Vili, allorché le conquiste e lotte incessanti tra Longobardi e Bi- 
zantini determinarono un mutamento di nome della regione Bruttia in CVi- 
liii»ria e si iniziava la lotta iconoclastica]. 

104. RPm. — XXI, 3-4, 1904. - Sarlo P., Per una divergenxa nel 
(^mnpo dell'arie a proposito della vetustissima prinoipal Chiesa Santa 
M'tria della Scalda in Trani posteriormente addivenuta cripta longitudi- 
nrik della Cattedrale odierna. 

105. AsM. — VI, 3-4, 1905. — La Corte-Cailler G., La chiesa della 

i'*>n^€xione [In Messina, fondata nel 1654 per istituto di giovani ragazze]. 

106. Ga. — XXIX, N. S., X, 2-3, 1905. - CroUalanaa G., L'Esprit 
f't fa Bétise [A proposito degli stemmi parlanti]. 

107. Rcar. — III, 7, 1905. — Scala A., Sostituzioni di nomi e d'armi. 

108. Ga. ~ N. S., X, 2-3, 1905. — Siotto-Pintor R, I^a nobUlà 
/ti Sardegna. 

109. Rcar. — IV, 1, 2, 1906. — Pasìni-Frassoni F., Noblesse papale 
ji'vntinua lo studio iniziato del fase, di dicembre 1905, occupandosi dei 
|wi|ii, che pontificarono da Gregorio X (1271-76) sino a Pio X). 

110. Rcar. — IX, 1, 2, 1906. — Compostella B., Armi delle famiglie 

nHcritte alle nobiltà di Asolo e Treviso ancora fiorenti e riconosciute no- 
hili [Antonelli, Beltramin, Colbertaldo, Fabris, Forrabosco, Guerra, De Mar- 
tini, Paganuzzi, Pasini, Trieste de Pellegrini, Basea-Tosoan, Battaglia, kz- 
t*kìn degli Avogaro, Castorta, Dal Corao, CoUalto, Oniga Farra]. 



Digitized by 



Google 



STORIA OENERALK 317 

111. Roar. — III, 7, 1905. — Pasini-Frassoni F., La nobiltà ferra- 
re nel 1905 [Descrive lo stemma delle varie famiglie]. 

112. Rcar, — III, 9, 1905. — Barreto M., Famiglie portogheei di 
origine italiana. 

113. Rcar. — III, 9, 1905. — OrUndini U., Titolati maltesi mi 1905. 

114. Rcar. — IH, 7, 1905. — Orlandini U., La nobiltà romana e i 
conti Sielluti Gesi. 

115. Rcar. — III, 5, 1905. — Brancaleone C, Dal Pino A., Castel- 
lano» F., Cenili genealogici [Aquino, Soderini, Crivelli, Kooa}. 

116. Rcar. — IV, 1, 2, 1906. — Del Pina A., Cenni genealogici 

[Delle famiglie Fani, Borromeo, Doria, lannuzzi]. 

117. Ga. — N. S., X, 5, 1905. — Armoriale Italiano: Corti G. P., Fa- 
miglie Arbona^ Armati, Axxanélli^ Bepilaequa, Brasca^ Carati, Cardano, 
Cattaneo, Cavalli, Caxxctghi, Cignardi, Crescentint, Crivelli. — Ma« 
ronì C, Famiglie Vico {de Vioho\ Bovio (de Bove e Bovo), — Del 
^erso E., Famiglia Brandis. — Orioles d'Antalbo G., Famiglia Ke- 
grotlo Cambiaso. 

118. Ga. — XXIX, N. S., X, 1, 1005. — Oliva C. G., La famiglia 
Vivaldi-Pasqua [Dal sec. Xll al XIX]. 

119. Ga. — N. S., X, 2-3, 1905. ~ Del Posso A., La famiglia Spati- 
xilli di Barista. 

120. Ga. — XXIX, N. S., X, 2-3, 4, 1905. — La fa?niglia Sassetti 
[Di Pisa discendente dalla famiglia patrizia di Firenze]. 

121. Ga. — N. S., X, 2-3, 1905. — Corti G., La famiglia della Croce 
di Milano. 

122. Ga. — N. S., X, 2-3, 1905. — Carreri F. C, Alcuni diplomi 
(Mia Gasa Castaldi. 

123. Ga. — N. S., X, 4, 1005. — Gaerritore A. e Serrado Gerace L., 
Ija famiglia di Qaeta, 

124. Ga, — N. S., X, 5, 1905. — Giuliani A., Di un vaino ignorato 
del casato de' Maggi. 

125. Tr. — Vili, 2, 1905. — La storia dei Madruxxo opera inedita 
di Carlo de Giuliani. 

126. Rcar. — III, 4, 1905. ~- De Freslon, Notice sur la Maison de 
Monti [Originaria della Toscana (sec. XIII), stabilitasi nel sec. XVI in 
Brettagna, ebbe da Luigi XIV titolo di Conti di Rezé], 

127. Rcar. — III, 4, 7, 8, 9, 1905. — Brunetti C. e Orlandini U., 
Ex Ubris [Del Conte Pasini Frassoni, del Conte Camillo Trotti, del Conte 
Jacopo Massimiliano di CoUalto, del canonico Bocchi e del capitolo di Tre- 
viso, del Marchese di Marigny, Bignon, dei Conti Filonardi, de Cinque-Quintili]. 

128. Rcar. — III, 6, 1905. — Di Broilo P., Morra [Note genealogiche]. 

129. Rcar. — III. 6, 1905. — Del Pino A., Sforxa Cesarini [Note 
genealogiche]. 

130. Rcar. — III, 6, 1905. — Carreri F., Aursperg o Auersperg e 
Cuccagna [Relazioni genealogiche della famiglia Sveva con famiglie italiane]. 

131. Rcar. — III, 7, 1905. — Landaeci P., Lo stemina della Casa Oondi. 

.132. Rcar. — III, 7, 1905. — Becioh M., Oli Angeli detti Angelori 
di ikutari. 



Digitized by VjOOQ IC 



21 S SPOGLIO DEI PERIODICI 

133. Rcar. — HI, 8, 1905. — Landacci P., Lo stemma dei Petrueci 
tiì Firenxe [Famosi nel secolo XV, estinti nel 1704]. 

134. Rcar. — III, 11, 1905. — Orlandini U., La stemma dei Petrueci 
e dei Piccolomini di Siena. 

135. Rcar. — III, 8, 1905. — Orlandini U., Lo stemma deUa Casa 
ti ' Ornano [La famosa famiglia Corsa originaria del sec. X ohe diede il ma- 
resciallo di Francia f nel 1626 e un altro ramo residente pure in Francia]. 

136. Rcar. — III, 7, 1905. — Locateli! P. A., Bianchi, Bianchini, 

/banchetti [Note araldiche]. 

137. Rcar. — III, 8, 1905, -- Del Pino A., / Torlonia [Notizie del 
sr(iolo XVIII e del XIX]. 

138. Rcar. ~ III, 8, 1905. — Albino dei Sassinoro V., La famiglia 
tk'Ua Vipera patrizia Beneventana [Da un ms. di mons. Mario della Vi- 
pera, secolo XVll]. 

139. Rcar. — 111, 8, 1905. — Landacci P., Lo stemma della famiglia 
Martelli [Di Firenze, emigrata a Verona e Ferrara]. 

140. Rcar. — III, 6, 1905. — Brancaleone C, Gandolfi o Oandolfo 
[Considera i Oandolfo patrizi g e n o vw i estinti; i Gandi^fì -marchesi di Mon- 
ti Crescenzio e di Melati, conti di Gazzelli, Ghiosanica e Ricaldone estinti ; 
i;lj Aiiaga Gandolfi di Ricaldone; i Gandolfi Hornyold; i Gandolfo di Cmieo; 
ì Gandolfo di Prati (Chiavari); i Gandolfi di Asti e di Pavia; i Gandolfi 
di Verona estinti; i Gandolfi di Bologna estinti; i Gandolfi di Carpi]. 

141. Rcar. — III, 9, 1905. — Di Broilo F., / Oandolfo di Prati 

I \ V.nni genealogici] 

142. Rcar. — III, 9, 1905. — Landacci P., Lo stemma della famiglia 
i^atanxaii [Fiorentina scomparsa nel 1838]. 

US. Rcar. — III, 8, 1905. — Di Broilo F., La famiglia di Boni- 
fhcio VII antipapa. 

144. Rcar. — 111, 10, 1905. — Carreri F. C, Spigolature feudali 
uH Friuli [Valvasoni ; Conti d' Attimis ; Uno smembramento dei feudi Cu- 
rii ^niain vestiti ai Fulini]. 

145. Rcar. — III, 10, 1905. — Pasini Frasconi F., Oli ascendenti 
ili Alfonso Varano. 

116. Rcar. — 111, 10, 1905. — Landacci P., Lo stemma degli Altoviii . 

147. Rcar. — IH, 10, 1905. — Orlandini U., -4/<6wip [Famiglia aveva 
^rubilitasi in Italia imparentata coi Medici lombardi, coi Borromei]. 

148. Rcar. — 111, 10, 1905. — Castellanos F., Los antepasados del 
fieneral D. Juan de Lavalle [Famiglia passata nel sec. XIV in Italia]. 

149. Rcar. — III, 11, 1905. — Forsenet; A. L., Alberti ds Florence 
ri Albert de Luynes. 

150. Rcar. — III, 11, II, 1905. — De Martino F., Lo stemma dei 

( araeciolo. 



2. STORIA ANTICA. 

A) Scavi, Epigrafia, Topografia. 

ITil. RsC. — XIII, aprile-giugno 1905. — Cotroneo R., Scoperte Ar- 
rhcologiche. 



Digitized by 



Google 



STORIA ANTICA 219 

152. RA. — XXI, l, 1006. — Compagnoni-Natali G. B., La biga 
dì Monteleone di Ckueia (Sabina) in relaxione ali e origini e all'arte 
areaiea-itiUiea. 

153. Sm. — IV, 10, 1905. — Artioll R., Le ultime scoperte nel 
Foro Romano, 1904-1905. 

154. AsM. — VI, 3-4, 1905. — Miraglia G., herixioni greco-arcaiche 
di Messano [Puntata 2* di raccolte d'iscrizioni greche in Sicilia]. 

155. AsM. — VI, 1-2, 1905. — Rizzo G., / monumenti epigrafici di 
ìawrmina [Parte I : Il Ginnasio ed il Ginnasiarcato : notizie delle iscrizioni 
e loro organismo; metrologia Tauromenitana]. 

156. BasD. — XXVII, 11-12, 1904. — Un mofiumento romano presso 
la chiesa di S. Elia nel villaggio di Humac inf. suWisola Braxxa esi- 
liente nell'anno 1819, 

157. RA. — XX, 5-6, 1905. — Compagnoni-Natali G. B., Ercolano 
e il suo scavamento. — Id. Id., La biga di Monteleone di Cascia {Sa- 
bina) in relaxione alle origini e all'arte arcaica-italica. 

158. L. — V, 10. 1905. — Conforti L.. Franceschini G., Oli stru- 
mmii chi rurg ici di Ercolano e -di Pompei [Paragonati, oaì jnodfirni]. 

159. Nn. -- XV, 1, 1906, gennaio. — Di Sella A. e dell'Osso L, A 
proposito della Napoli greco-romana [Discussione sul nome di Neapolis]. 

160. Nn. — XIV, 8, 1905. — De Petra G., Nuovi avanci delle an- 
tiche mura di Napoli, 

161. Nn. — XIV, 7, 11, 1905. — Schipa M., Napoli greco-romana 
[Area e struttura; cenni storici; monumenti]. — Dall'Osso I., La Napoli 
greco-romana di B, Capasso e la pianta topografica del De-Petra. 

162. Ma. — V, 1-2, 1905. — Cìavarini C, Di Ostra colonia romana. 

163. Asso. - II, 1, 1905. — Fichera F., Per lo anfiteatro di Catania. 

164. BasD. — XXVIII, 1-8, 1905. — Il sarcofago d'Ippolito e Fedra 
nel Museo Archeologico di Spalato. — Il sarcofago colla rappresentaxione 
della caccia del cinghiale caledonio nel museo archeologico di Spalato. 

165 BasD. — XXVIII, 1-8, 1905. — Ritrovamenti riguardanti la 
^neeropolis in horto Metrodori* a Salona, 

166. BasD. — XXVIII, 1-8, 1903. — Bali^ F., Cammeo rappresen- 
tnnie l'imperatore Caracolla. 

167. BasD. — XXVIU, 18, 1905. — Borsa G., Le lucerne fittili ro- 
mane di Nona conservate al Museo archeologico di S. Donato a Zara. 

168. BasD. — XXVIU, 1-8, 1905. — Bali^ F., Dell'iscrizione che 
ricorda Furius CamiUus Seribonianus luogotenente della Dalmazia negli 
anni 41-42 d. C. e dell'epoca delV introduzione del Cristianesimo in Salona. 

169. BasD. — XXVII, 11, 1904. - Bali(^ F., Scari nella basilica 
tpiseopalis urbana a Salona durante gli anni 1903-1904. 

170. BasD. — XXVU, 11-12, 1904. — Nomi e marche di fabbrica 
su tegole e mattoni acquistati dall'i, r. Museo in Spalato durante l'anno 
1904 [Continuazione]. 

171. BasD. — XXVII, 11-12, 1904. — Iscrizioni salonitan e restituite. 

. 172. Bah. - XLVm, 1-3, 4, 1905. - Roso de Luna M., Nuevas 
weripeiones romanas de la región Norbense. — Josaé E., Lapida 
^dntabro-romana hallada en Luriero provincia de Santander. 



Digitized by 



Google 



220 SPOGLIO DEI PERIODICI 

173. Bah. — XLVI, 5, 1905. — Loj^ez T., Inscripcion romana de 
t^»fkiranda de Duero. 

174. Bah. — XLVI, 5, 1905. — Urrà P., Inscripcion romana de la 
Carolina, 

175. Bah. — XLVI, 1, 2, 6, XLVII, 1-3, 0, 1905. — Fito P., Explo- 
ntciones arqueológicas en Iponuba (Baena), — Nuevas inscripciones ro- 
ììfunas [A Corie, Gijón, en Astorga]. — Valvercle F., AntigUedades ro- 
ftifììias de Andalucia exeavaciones en el eerro del Minguillar cerca de 
Baena. — Monsalnd, Lapida» extremefias de la Etad Romana y Visigotica^ 

B) Storia preromana e romana. — Cristianesimo primitivo. 

176. CcEL. — III, 30-32, 1905. — De Gnbernatis A., De Sacountala 
fi f Griselda {Le plus ancien dee contee Àryens). 

177. CcEL. — IV, 7, 1905. — De Gnbernatis A , La preistoria di Roma. 

178. CcRL. — IV, 8-10, 1906. - De Gnbernatis A., Vita e civiltà 
ttdica confrontata con la vita degli antichi romani. 

179. AsSO. — II, 1, 1905. — Casagrandi V., Camarina e Morgan- 
film al Congresso dei Sicelioti a Gela {424 a. C.) [La guerra civile fra 
\p città doriche e le caloidiche in Sicilia (433-424 a. C.) contracolpo della 
guerra contemporanea tra le due razze elleniche della Grecia, è il prodromo 
(lolla grande spedizione degli Ateniesi contro Siracusa. Morgantina già oc- 
lupata da Siracusa è durante questa guerra nelle mani di Camarina, che 
bonchè dello stesso sangue dorico era con Siracusa in discordia. Di fatto 
t/aniarina aveva defezionato dai fratelli di sangue dorico per dar la mano 
ai?li implacabili nemici di sangue calcidico. Al congresso di Gela, Siracusa 
I on fino tatto diplomatico accordò la cessione di Morgantina a Camarina 
ilietro indennità, e Camarina ritornando alla lega dorica ebbe col suo oon- 
tifguo grande influenza sull'esito dell'attacco della grande armata ateniese 
contro Siracusa noi 415]. 

180. Ma. — IV% 6, 1904. — Spadolini E., Xcrone ed Ancona secondo 
Mnt'io Filelfo. 

181. RA. — XX, 11, 1905. — Davi G., Relaxioni letterarie fra FfV- 
tjilio ed i Xeoteroi. 

182. Ro. — li, 6-7, 1905 — Chiorboli E., Tiberio, Tacito e Ui eri^ 
tica [La critica conferma tutte le virtù private e civili dell'Imperatore Ti- 
IsiTio e scema i vizi appostigli]. 

183. Rsh. — X, 1, 1905. — Pichon R., Littérature latine; travaiix 
nfyrnts et questìons de méthode. 

184. Rsst. — I, 5, 9, 1905. — Fracassini U., L' ispirazione diritta 
a vii antico Israele [Nella preparazione dell'avvenimento del Cristianes moj. 

185. Rsst. — II, 2, 1906. — Fracassini U., IjC origini del Canone 
f/r/ Vecchio Testamento. 

186. Rsst. — I, 12, 1905. — Bnonainti E., // dogma nella Storia: 
prtfòlema critico e problema apoloyetieo [A proposito del volume delKab- 
hate J. Rivière « Le dogme do la redomption » . 

187. Rsst, — I, T-8, 1905. — Cererete G., Risposta al P. AmelU [A 
proposito deirarticolo di cui ofr. Rsl., 1905, sp. n. 705]. 

188. Be. — S. 2, Vili, 84, 1905. — Chaine M., Fragments sahidiques 
f/irdits dii Nouveau Testament. 

iS9. Be. - S. 2, Vili, 82, 1905. — Revillont E., Le premier e-t le 
ittrnier des moralistes de l' ancien Égypte [Continuazione : La morale in 
Kgttto neirepoca del primitivo cristianesimo]. 



Digitized by 



Google 



STORIA ANTICA 221 

^^. RA. — XX, 3, 1905. — Pansa G., Studi di leggende abruxxesi 
^jfiparate: la legge-nda di Ponxio Pilato^ di lAìngino e della distruxicne 
^i Gorfinio. 

IDI. Be. — S. 2, VITI, 83, 1905. — Balestri P. G., // martirio di 

S. Luca Evangelista [Testo copto e traduzione]. 

192. Rsst. — I, 3, 1905. — Mercati G., Un preleso scritto di San 
Pietro vescovo d^ Alessandria e martire sulla bestemmia e Filone risto- 
riografo [Nella storia ecclesiastica di Filone non si contengono che motivi 
]K)polari testimoni della gloria postuma di 8. Pietro ma senza valore per 
la gloria di lui. Segue un'appendice sull'Anastasio autore degli opuscoli 
circa la bestemmia e la dignità sacei-dotale]. 

193. Rsst. — II, 1, 1906, gennaio. — Bnonaiuti E., Bollettino di 
storia ecclesiastica [Introduzione — Fonti — Vita ecclesiastica primitiva 

— Perìodo preniceno — Periodo costantiniano e post-niceno]. 

194. Rsst. — I, 4, 1905. — Bnonaiuti £., L'antica costituxione della 
Chiesa [A proposito di due studi recenti di Enrico Mounier e del p. En- 
rico Bruders]. 

195. RssT. — I, 5, 1905. — V apostolicità delle Chiese d'Italia [A pro- 
posito delle pubblicazioni del Savio, Maiocchi, Paschini, Zattoni, Cesarotti, 
Cocchi, PoUeseJ. 

196. RsC. — Vili, aprile-settembre, 1905. ■— Tacconi Gallacci D., 
Epigrafi cristiane del Bruxio [Continuazione cfr. Rsl.^ 1905, sp. n. 1041: 
dal n. VI al n. XL, riguardanti il cristianesimo primitivo e Talto medioevo]. 

197. BasD. — ^^Sìl, 11-12, 1904. — Buli^ F., Iscrixioni trovate 
nei dintorni del cemetero antico eristiano di Manastirine [Continuazione]. 

— Ritrovamenti nelV antico cemetero cristiano a Crikvine. 

198. BasD» — XXVllI, 1-8, 1905. — Bnli^ F., Ancora un cenno sulla 
lucerna di Annio Serapiodoro eolla rappresentanza del buon Pastore, 

199. BasD. — XXVII, 11-12, 1904. — Bulip F., Scavi nel cemetero 
antico cristiano di sedici sarcofagi nella località detta « Kaptjfj » a Salona. 

200. BasD. — XXVIIl, 1-8, 1905. — Bulìp F., II. sarcofago rappre- 
sentante il passaggio degli israeliti attraverso il Mar Rosso, 

201. BasD. — XXVIU, 1-8 1905. — Buli^j F., Iserixione cristiana 
trovata a Sebenieo e proveniefite probabilmente da Rider. 

202. Rlie. — VI, 1, 2, 1905. — Paniet F P,, Les trois homélies ca- 
iéchétiques die saeramentaire Oelasien pour la tradition des évangiles^ 
dn symbole et de Voraison dominicale [Continuazione]. 

203. Rhe. — VI, 2, 4, 1905. — Saltet E., Us sources de P'EpCKVflTYig 
de Théodoret. 

204. Rsst. — I, 4, 1905. — Zattoni G.. L'epiclesi nell'antica liturgia 
romana e il suo valore conservatorio [Studia nei primi sei secoli la forma 
<ìeUa consecrazione eucaristica e conclude che le parole domenicali conser- 
vate in tutte le liturgie indistintamente dovettero presentarsi all'antica co- 
scienza cristiana — ancorché non consti del loro significato consecrativo da 
altrettante testimonianze dirette come per Pinvocazione — come un fattore 
«asoMiale della conversione del pane e del vino ; Taltro fattore essenziale 
e complementare era Topiclesi o invocazione dello Spirito Santo conservata 
tuttora dalla liturgia orientale, cui i teologi latini dopo il concilio di Fi- 
reme (1439) negano qualunque parte attiva consaoratoria]. 

205. Rast. — I, 12, 1905. — Ermini F., Ricerche stilla vita e sulla 
ftimglia di Proba [La poetessa e autrice del centone vorgiliano sul Genesi 



Digitized by 



Google 



222 SPOOLIO DEI PERIODICI 

e sogli evangeli. Sono scarse le notizie. Era nipote di Probo console nel 310« 
figlia di Petronio Probiano proconsole d'Africa dal 314 al 316, prefetto del 
pretorio nel 321, console nel 322 e prefetto della città nel 338, e forse di 
Demetriade sposa di Petronio. Non meno illustre la famiglia del marito di 
lei elodie Celsino Adelfio di cui pare VA., dà lo stemma genealogico. Pare che 
la poetessa fosse prima adoratrice dei numi poi si rendesse cristiana, e per 
opera sua s'introdncesse il cristianesimo nella famiglia Clodio Celsino Adelfio]. 

206. Be. — S. 2, Vili, 83, 84, 1905. — Tondini de Qnarenghi P. C, 
Les titres exprimant directement la divine matemité de Marie dans le 
Theotoearion du patriarcat de Constantinople [A proposito del nestoria- 
nismo contemporaneo TÌfk la storia della parola cteodoxos» riferendosi ai 
concini del V secolo]. 

207. Be. — S. 2, VII. 81 e vm, 83, 84, 1904-1905. — Marini N., 
L' InifìMcolata Concexione di Maria Vergine e la Chiesa ortodossa dis- 
sidente [Negando Pimmacolato concepimento la Chiesa oiiiodossa moderna 
ò in contraddizione coi più illustri dottori che precedettero la separazione 
da Boma, poiché i Padri dell^EIlenismo Cristiano meglio forse che i Padri 
Latini sentenziarono su tale dogma: secondo i Padri della Chiesa greca la 
elezione o preordinazione della vergine Maria a madre del Verbo umanato 
è il motivo che spiega Pimmacolato concepimento di Lei]. 

208. Rsst. — I, 6, 1905. — Bonaccorsi G., Le lettere di S. Cipriano 
[Lettere note, loro cronologia, raccolte delle medesime, e lacune: a tali 
notizie l'A. fa seguire conni sul contenuto storico delle lettere specialmente 
per la vita e disciplina della Chiesa Africana al secolo 111]. 

209. Rsst. — I, 9, 1905. — Bnonainti E., S. Agostino come teorico 
della conoscenza. 

210. Rsst. — I, 7-8, 1905. — Bonfiglioli G., La teologia di Quinto 
Fiorenzo Tertulliano nei suoi rapporti con la filosofia storica [Quan- 

. tunque montanista e morto reietto dalla Chiesa il fiero dottoro africano, il 
più grande della Chiesa latina prima di Agostino, ha diritto ad uno .dei 
primi posti nel grande ciclo che dairìndecisione dogmatica dei primi secoli 
discende alla costituzione ufficiale del dogma nei concili tenuti dal IV al 
VI secolo]. 

211. Rsst. •— I, 6, 1905. — Bnonainti E., Clemente Alessandrino e 
la cultura classica [Il cristianesimo antico non costituisce un tutto omo- 
geneo, ben altri sono i caratteri delle Chiese asiatiche e di quelle deU^A- 
frica proconsolare, in rapporto sopratutto alle condizioni sociali e politiche 
dei luoghi: cosi i primi cristiani alessandrini, come i primi apologeti el- 
lenici considerano la produzione intellettuale e sociale dei Greci come prov- 
videnziale preparazione al Cristianesimo; di qui il coraggio del catecheta 
alessandrino, ohe sprezzando i* timori del tempo prosegue la sintesi del 
passato e dell^awenire nella tessitura scientifica ch'egli dà al dogma. Ciò 
dimostra TA. esaminandone le opere]. 

212. Rhe. — VII, 1, 1906, gennaio. — Zeiller G. Le ehorévéque Eu- 
grapkus. Notes sur le chorépiscopas en Oceident au V^ siècle. 

213. AsI. — XXXVI, 4, 1905. — Ristori G. B., Della venuta e del 
soggiorno di S. Ambrogio in Firenze [Mentre l'usurpatore del trono im- 
periale Eugenio si accingeva a calare dalle Gallio in Italia per occupare 
Milano contro Teodosio imperatore di Costantinopoli, Ambrogio per non in- 
contrarsi col sacrilego lasciò la metropoli per recarsi a Bologna dove fece 
breve soggiorno; proseguì per Faenza. Di là, a preghiera dei Fiorentini si 
sarebbe recato nella loro città nei primi mesi del 393. L*A. confuta Topi- 
nione del Man ni che ancora fosse scarso a quel tempo il cristianesimo in 



Digitized by 



Google 



ALTO MEDIO KVO 223 

Firenze: Terezione della chiesa di S. Lorenzo la prima eretta in quella oittà 
dopo la pace di Costantino, mostra già avanzati i bisogni del cristianesimo ; 
la nuova chiesa, consacrata appunto da S. Ambrogio, si deve considerare 
come la prima cattedrale fiorentina. L'A. discute criticamente Poccasione 
della venuta di S. Ambrogio a Firenze e la di lui permanenza, e classifica 
leggendarie le altre visite a Firenze attribuite al Santo]. 

214. Asso. — II, 3, 1905. — Ciaceri E., La festa di S. Agata e 
l'aniieo culto di Iside in Catania [Argomento precipuo del culto e della 
festa di S. Agata a Catania è nella coscienza popolare il sacro Velo che 
protegge la ciUà dalle irruzioni della lava dell'Etna e già la sacra tradi- 
zione risale aU^anno 253, primo anniversario del martirio della Vergine. 
Assai per tempo i dotti asserirono che S. Agata aveva preso il posto di 
Cerere, senonohè TA. più naturale trova che la festa moderna si debba 
rioonnettere direttamente anziché con un puro culto greco-romano, piuttosto 
con quelle credenze del periodo deirellenismo le quali come è noto sosten- 
nero le ultime lotte del paganesimo contro il cristianesimo ; studia le rela- 
zioni tra TEgitto e la SiciUa, Timportazione a Catania del culto egizio di 
Iside quando esso si confonde col culto di Proserpina, e stabilisce un pa- 
rallelo sorprendente tra questo e 11 culto moderno della Santa Vergine sia 
pei sentimenti come per la forma esteriore delle funzioni pubbliche]. 

215. Rsst. — I, 10, 1905. — Turchi N., Bisanxio nella storia' e 
nell'arte. 

216. Rsst. — I, 10, 1905. — Zattoni G,, // valore storico della 
* Passio» di S. Apollinare e la fondaxione delV episcopato a Ravenna 
t in Romagna [L^autorità della « Passio » sostenuta da Mons. Farabulini 
non persuade la critica dei dotti]. 



3. ALTO MEDIO EVO (Sec. V-XI). 

217. Rsst. — I, 12, 1905, dicembre. — Bnonaiuti E., // medioevo 
nella storia d'Italia e della Chiesa [Introduzione a un corso di storia ec- 
clesiastica medioevalé]. 

218. Asso. — II, 3, 1905. — Ciccaglione F., / contratti agrari 
neWalio Medio-evo [Togliendo argomento dalla pubbblicazione di S. Pivano 
dimostra brevemente che la precaria medievale si riannoda al precario ro- 
mano di cui lungamente conservò alcuni caratteri essenziali, mentre non 
può dirsi la medesima cosa del livello, il quale se da un lato si riannoda 
al precario romano, si riannoda pure e principalmente al contratto di lo- 
cazione conduzione]. 

219 Rsst. — II, 2, 1906. — Torchi N., L'economia agricola del- 
l'Impero Bizantino [Specialmente nei secoli VIII-X]. 

220. AsL. — S. 4, XXXn, 6, 1905. — Frova A., Intorno al sar- 
cofago di Lambrate [Brevi note; paragone col sarcofago di S. Apollinare 
in Classe, col sarcofago di Modena e più specialmente col sarcofago romano 
nel cortile dell'università di Ferrara], 

221. RPtt. — XXI, 9-10, 1905. — La Corte G., Capitanata o Caia- 
p<inata [1® Il nuovo nome di € Capitanata» o, come dice Leone Ostiense, 
•Capitinata» era al suo tempo entrato nelPuso comune a designare TA- 
pnlia settentrionale ; 2^ stando all'etimologia si sarebbe dovuto dire piut- 
tosto Gatapanata e non Capitanata]. 

222. AsN. — XXIX, 4, 1904. — Fedele P., Di un preteso Duca di 
Oaeta nel secolo ottavo [Conclude che il primo documento del « Cedex 



Digitized by 



Google 



524 SPOGLIO DKI PERIODICI 

Caiotanus » è deiranno 884 od 885 e non dell'anno 787 e che da esso noa 
m può a niun patto argomentare resistenza di un Anatolio duca di Gaeta; 
costui è, come Giovanni 1, Anatolio II e Giovanni il Graade, affatto leg- 
gendario]. 

223. RsC. — Xlll, aprile-giugno 1905. — Moscato 6. B., Sergio Duca 
di Calabria [Cfr. lisi., 1905, sp. n. 1256: osservazioni aggiunte], 

224. Aal. — S. 5, XXXIV, 4, 1904. — Solmi A., La costitmtone 
sociale e la proprietà fondiaria in Sardegna [La mancanza di fonti si- 
'i^ure por il periodo più antico obbliga lo storico a ricorrere alla compara- 
ndone e air esclusione nella spiegazione di alcune istituzioni : cosi TA. studia 
Vorigine dei giudicati dal diritto romano bizantino, studia le trasformazioni 
<l6lle istituzioni sociali fino alle organizzazioni dell* età comunale]. 

225. Asso. — li, 2, 3, 1905. — Santacroce D., La genesi delle isii- 
tttxfoni municipali e provinciali in Sicilia [I. Periodo romano ed ostro- 
gotico. II. Periodo bizantino-arabo], 

226. RPtt. -- XXI, 9-10, 1905. — Oapnano C, La tomba di Botare 
in Montesaniangelo. 

227. AsL. — S. 4, XXXII, 8, 1905. — Calligaris G., Dello siato 
presente degli studi intomo alla vita di Paolo Diacono [Ampia recensione 
del lavoro di Evolina Menghini di cui cfr. RsL, sp. n. 728, con acute os- 
servazioni critiche]. 

228. AsI. — S. 6, XXXIV, 4, 1904. — Schìapparelli L., Meténe os- 
aervaxioni inforno al deposito archivistico della « Confessio S. Petri* 
[Alla recente conclusione del Duchesne ohe lo « scrinium confessionis » non 
sia mai esistito, obbietta le affermazioni del Sickel, del De Rossi, del Kehr; 
afferma che il Duchesne dia soverchio peso agli elementi topografici della 
* Confessio», studia Tuso degli «armaria» come depositi di cai-te, passa 
quindi a esaminare le indicazioni dei testi e conclude come ipotesi proba- 
V)ile che i documenti tolti dalla « Confessio » passassero, dopo un tempo 
]>iù meno lungo, nell'archivio proprio della Chiesa, benché non se ne ab- 
biano testimonianze diretto]. 

220. Rhe. — \li, 1, 1906. — Fonrnier P., Ètude sur les fausses 
iléeréUdes. I. Le but et Vauteur des fausses décrétales [Riprendendo la 
nota questione, VA. si propone di indicare lo scopo, la data, la patria 
dello felse decrotali e i loro rapporti colla Santa Sede]. 

230. — AsL. — S. 4, XXXII, 7, 1905. — Salsotto C, Sul signifi- 
cato del nome « Italia » presso Liutprando, vescovo di Oremona [Rife- 
1 lìndosi alle dispute polemiche tra il Cipolla, il Marinelli, il Crivellucoi che 
propendono a riconoscere nel nome Italia nel Medio Evo un significato di 
limiti geografici ristretti, e lo Schipa che sostiene la tesi del mantenuto 
significato largo di Italia intiera; esamina le opere di Liutprando (TAnta- 
fiodosis, l'Historia Ottonis e la I^egatio), scrittore di grande autorità per 
c?s3ere quasi Tunieo del secolo X. Conclude che siccome L. parla quasi 
sempre di avvenimenti politici, in questo senso il significato" più frequente 
ch'egli dà al nome Italia è quello di « regno italico » quale era neirepoca 
carolingica ; quando gli occorre distinguere dal resto del regno la parte set- 
tontrionale dà esclusivamente a quest^ultima il nome d'Italia; quando invece 
usa il nome in senso puramente letterario segue la tradizione romana e 
ab>)raccia tuttA la penisola]. 

231. Tr. — Vili, 2, 1905. — Novali F., D' un' antichissima epigrafe 

rexxanese [Del secolo IX]. 

232. AsL. — S. 4, XXXI, 4, 1904 e XXXII, 5, 1905. — BiscaroGM 
Note e documenti Sanfambrosiani [A risolvere vessate questioni suirori- 



Digitized by 



Google 



BASSO MEDIO EVO 225 

gine e le vicende della celeberrima basilica di S. Ambrogio, cerca colla cri- 
tica dei documenti diradare il velo delle contraddizioni e falsificazioni creato 
cLdle polemiche dei due capitoli e dalle asserzioni fantastiche del Puricelli, 
Sormani, Fumagalli. Studia pertanto: I. I documenti della fine del sec. XI; 
II. liB « allegationes iuris > del 1144 ed altri atti dei processi fra i due 
cleri; III. I falsi diplomi. In appendice il testo di 3 documenti. Seconda 
serie : I. La superstantia della Basilica ; U. L'altare aureo e la sua custodia ; 
IH. Gli stalli del coro. In appendice il testo di due documenti del 1235 e 1469]. 

233. AsI. — S. 5, XXXV, 1, 1905. — LabroMÌ F., Se il Conte 
Umberto Biancamano fu contestabile del regno di Borgogna [Contro Taf- 
fermazione del Manteyer, che in una carta di Aosta del 1032 si alluda colla 
parola Costabile ad un nome di persona, appoggia T interpretazione data in- 
vece dal Carutti allo stesso documento come di carica sostenuta dal Conte 
di Savoia, nel che oltre gli argomenti intrinseci del documento in questione 
conviene ciò che di Umberto I racconta Vippone cronista contemporaneo, etc.]. 

234. AsI. — XXXVI, 4, 1905. — Schiaparelli L., // Conte Umberto 
Biaìieamano fu contestabile del Regno di Borgogna? [Esaminati alcuni do- 
cumenti, conclude che il documento di Aosta del 1032, di cui all'articolo 
che precede, allude senza dubbio ad un personaggio di nome Costabile e 
non di una carica come sostiene il Labruzzi in appoggio al Carutti e al 
documento] - 

235. AsL. — 'S. 4, XXXII, 7, 1905. — A. R., Un cimelio lo^nbardo 
ricuperato [Il «Missale plenarium ad usum monasteri i SS. Petri et Calo- 
ceri 0. S. B. dioecesis mediolanensis > del secolo XI]. 

236. Rhe. — VI, 3, 4, 1905. — Vaes M., La papauté et Véglise 
franque à V epoque de Orégoire le Grand [Molti oppositori insorsero contro 
l'opinione ch'ebbe valido campione in Fustel de Coulanges e fu appoggiata 
da storici tedeschi, per la quale si vollero vedere i germi di una chiesa 
nazionale e distinta da Eoma fin dalle origini del cristianesimo in Francia. . 
L'A. a sostenere appunto tali confutatori studia le relazioni molteplici di- 
rette tra il grande pontefice Gregorio Magno e Tepiscopato franco, relazioni 
spontanee, 'esplicazione dell' orienta mento irresistibile verso il centro della 
cristianità. L'A. tratta dei rapporti diretti tra Gregorio il Grande e la mo- 
narchia franca ; della collaborazione della nazione franca a Gregorio per la 
conversione dell' Inghilterra ; della riforma della stessa chiesa intrapresa da 
Oregorio]. 

237. Rear. — HI, 4, 1905. — Gheno A., Pasquale II Papa [Nuove 
ricerche sulla sua patria, Sieda in Romagna, confuso con Bieda nella dio- 
cesi di Viterbo]. 



4. BASSO MEDIO EVO (Sec. XI-XV). 

238. AsI. — XXXV, 2, 1905. — Solmi A., Le carte volgari deW Ar- 
chivio arcivescovile di Cagliari [Pubblica XXVI doc. compresi tra gli 
anni 1070 e 1226, desunti generalmente da varie copie posteriori : segue 
un indice lessicale e col titolo di note illustrativo im'ampia dissertazione sui 
riflessi più notevoli che emanano direttamente sul territorio degli studi 
storico-giuridici dalle carte edite, allacciando le testimonianze nuovamente 
assunte con gli elementi storici finora conosciuti]. 

239. AsL. — S. 4, XXXII, 5, 1905. — Eriprando notaio viilanese del 
secolo XI [Benché abbia atti anche nel sec. Xll]. 

240. AsN. — XXX, 3, 1905. — Fedele P., Note medioevali [I Una 
<5arta Fondana dei duchi Leone e Marino dell'anno 1002: un contratto di 

Rivista storica italiana, 3» S., v, 2. 15 



Digitized by 



Google 



22<i SPOQUO D£I PERIODICI 

permuta di case. — II. Per la biografia di Romualdo Salernitano: una 
concessione fatta nell'anno 1155 da Giovanni fratello di Romualdo arcive- 
scovo di Salerno a tal Rainerio pisano di fabbricare sopra una corte co- 
mune in Salerno]. 

241. Rear. — III, 4, 1905. — Pidonx, La patrie^ les arnioiries^ et 
la famille de Callixte II. 

242. AsL. — S. 4, XXXII, 5, 1905. — Sant'Ambrogio D., Come 
sono nati i Lombardi secondo un epigramma francese del secolo XII. 

243. AsL. — S. 4, XXXU, 7, 1905. — Biscuro G., I documenti in- 
tomo alla chiesa di S. Sigismoìido di Rivolta d'Adda [Si riferisce alla 
critica del diploma con cui Lucio II il 13 aprile 1144 confermava i diritti 
e i privilegi spettanti alla chiesa e alla canonica regolare di Rivolta d*Adda. 
Esso è pervenuto solo in due copie conservate neirarohivio della parrocchia. 
Enumera quindi gli argomenti pei quali la costruzione della chiesa si deve 
attribuire alla fìne del sec. XI escludendo che si possa far risalire all'ot- 
tavo, al nono, al decimo. Altre considerazioni offre il documento, di cui 
dà il testo in appendice]. 

244. AsL. — S. 4, XXXII, 6, 1905. — Rilwldi K , Le sentente dei 
consoli di Milano nd secolo XII [In mezzo a deficienza di notizie diretta 
sulla costituzione dei Comuni, unica fonte sicura dell'aziono politica, giu- 
diziaria, amministrativa del Consolato e del Comune rimane Tingente mole 
diplomatica. L'attività giudicante, benché non si presenti in forma di re- 
sponsi di giurisprudenza nei numerosi documenti a noi pervenuti, perchè 
priva quasi sempre di motivazione orano le sentenze, tuttavia conservando 
il fatto della causa, le deduzioni avversarie, le soluzioni dei giudici ofTi-e 
i pi-esupposti del diritto statutario comunale. L'A. raccoglie in numerose 
categorie dell'archivio di stato di Milano, in codici deirarchivio vescovile 
di Lodi e deirarch. civico di Vercelli, in pergamene dell' Ambrosiana e delle 
biblioteca capitolare di Milano un ricco repertorio di ben 109 sentenze tra 
il 1117 e il 1212 e dalle rivelazioni delle medesime nei loro caratteri co- 
muni desume il modo con cui il consolato fungeva come tribunale, osser- 
vando che sostanzialmente il nuovo tribunale nulla mutava alla costitu- 
zione del tribunale dei marchesi, conti, messi regi, giudici. Studia poi la 
competenza del tribunale consolare e alcune questioni di diritto e di pro- 
cedura. Al repertorio delle sentenze segue la serie dei consoli milanesi dal 
1145 al 1223]. 

245. AsS. — N. S., XXIX, 3-4, 1905. — Romano S., Opere di benefit 
cenxa della contessa Adslasia e rinvenimento dei suoi resti mortali a 
Caltanissetta [L'opera più importante fu la istituzione del Monastero di 
S. Lucia in Adernó nel 1158 per ricoverarvi dodici o più fanciulle povere]. 

246. Rsst. — I 4, 7-8, 1905. — Lanxoni P., S, Mercuriale, vescovo 
di Forlì nella leggenda e nella storia [1. Dell'età e deirautore della leg- 
genda più antica di S. Mercuriale: anteriore al secolo XII, forse al 1184 
e molto posteriore alla morte del santo forse al 1050. L'autore è un ano- 
nimo non forlivese. Il panegirico in lode di S. Ruflìllo e il sarcofago del 
medesimo santo sono indipendenti dalla nostra leggenda ma forse contem- 
poranei. II. Del valore storico della leggenda più antica, che è soarsis.sìmo 
perchè Tautore anziché a documenti scritti attinge a tradizioni popolari ed 
ò uomo ignorante. \je pitture da lui vedute erano antichissime ma non sì 
riferivano alla vita del santo. III. Dell'età e deirorigine della seconda leg- 
genda di S. Mercuriale, la quale pure non merita alcuna fede, è posteriore 
al 1232: ne studia la probabile origino o studia pure Tinflusso delle leg- 
gende di S. Mercuriale e di S. Gaudenzio in quelle dei SS. Ruffillo, Ge- 
miniano, Leo e Marino. IV. Della storia di S. Mercuriale : l'episcopato suo 



Digitized by 



Google 



1 



BASSO M£D10 £V0 227 

può appartenere al secolo IV-V, è incerto se sia stato il primo vescovo di 
Forli. Vicende delle sue ossa e dei due santi compagni di lui]. 

247. AsL. — S. 4. XXXU, 6, 1905. — Gallavresi G., Due docu- 
menti inediti riguardanti beni allodiali di laici milanesi [Tratti dall'ar- 
chivio della famiglia Arese. 11 l« documento dell'8 dicembre 1186 è una con- 
cessione in affitto « per massaritium » di una terra nel territorio di Casorate, 
ed offre airA. non solo desunti genealogici delle persone nominate, ma osser- 
vazioni sugli istituti giuridici e sociali sui quali l'atto si impernia. 11 2^ 
doc. del 8 settembre 1261 è una investitura del possesso di beni in Castano 
il quale getta qualche luce anche sullo forme e sui limiti della giurisdi- 
zione consolare]. 

248. Bc. — S. 2, VII, 81, 1904. — Asgian G., La S. Sede e la Na- 
zione artnena [Continuazione cfr. lisl.^ 1905, sp. n. 213 : relazioni di Inno- 
cenzo III. 

249. RPw. — XXI, 5-6, 1904. — Rogodeo E., Oli Aleramici nel- 
l'Italia meridionale [In appendice sette documenti del secolo XU]. 

250. RA. — XX, 7, 1905. — Savini P , La scoperta del cartulario 
Aprutino [Della fine del sec. XII e principio del XIII]. 

251. AsI. — XXXVI, 4, 1905. — Sella P., Alcune note sulla Vi- 
einia come elemento costitutivo del Comune [Esaminati e rettificati i vari 
■concetti che della «^ vicinia » si hanno, desume da alcuni documenti biellesi 
e dagli statuti di Andorno elementi por concludere che in alcuni casi la 
«Vicinia» meglio il « consiliumo della « vicinia > formò la credenza del 
Comune]. 

252. AsI. — S. 5, XXXV, 1, 1905. — Gabotto F., Intorno alle vere 
orìgini comunali [Cortese risposta alle obbiezioni del Volpe (di cui cfr. 
RsL 1905, sp. n. 194): nota che il suo lavoro (di cui cfr. Rsl, 1904, sp. 
n. 1625) va messo in correlazione a quelli del Vesme, del Patmcco e del 
CJoIoinbo (di cui cfr. RsL 1904 sp. nn. 1606, 1650 e 1651), ammette varietà 
nel sorgere dei diversi Comuni, chiarisce alcune affermazioni etc.]. 

253. AV. - XXVm, II, 1, 3, 1905. — Andrich G.. L , Note sui 
comuni rurali bellunesi [Continuazione cfr. RsL 1905, sp. n. 1269]. 

254. RsA. — S. 2, XIV, 17, 1905, — Pochettino G., Un comune 
denianiale in Piemonte [Ricerche storiche su Gamondo or Castellazzo Bor- 
mida: I. come Corte Regia dal sec. VII al 1100, sotto le case di Sassonia 
e di Franconia successivamente. II. comune demaniale dal 1100 al 1167, sua 
origine, organizzazione e condizione, le sue relazioni politiche con Genova, 
coi Marchesi di Bosco; le fortificazioni e le forze militari: Gamondo e Fe- 
derico Barbarossa. In appendice dodici documenti]. 

255. Fa. — XXIV, 6-7, 1905. — Moroni A., Siena nel Medio Evo. 

256. Sxx. ~ IV, 6, 1905. — Sabelli P., L'origine della festa del 
Corpus Domini. 

257. Ma. — V, 1-2, 1905. — Rizzoli L., Un sigillo di Guido da 
Montefeltro. 

258. AsM. — VI, 3-4, 1905. — L. V., Bartolomeo da Messina tra- 
duttore di Aristotile nel secolo XIII. 

259. Ma. — V, 4-6, 1905. — Pace C. Una lettera del XIII secolo 
[Di consiglio e di augurio scritta da un padre al proprio figlio forse uffi- 
ciale di Podesteria; è tratta dall'archivio del Comune di Montegiorgio] . 

260. Aal. — XXXVI, 3, 1905. — Rizzelli F , L*Operarius Tersane* 
in Pisa; contributo alla storia della marina pisana [Colla scorta di do- 



Digitized by 



Google 



228 SPOGUO DEI PERIODICI 

cumenti dell'archi vio di stato di Pisa, di due dei quali, che costituiscono 
quasi uno statuto, dà il testo in appendice, studia le attribuzioni assegnate 
nel soc. XIII al funzionario che gli anziani eleggevano a vita per prov- 
vedere airamministrazione dcirarsenale marittimo]. 

201. AsL. — S. 4, XXXII, 5, 1905. — Roberti M. e ToviniL.,Lo 

parte inedita del più antico codice statutario bresciano [Descrizione dei 
due codici del XIII soc. la parte inedita e la sua importanza, collazione 
con lo statuto del 1313]. 

262. AsL. — S. 4, XXXU, 6, 1905. — Biscaro G , // comune di Tre- 
viglio e il Monastero di S. Simpliciano [Riferendosi a due documenti 
oditi dal Barelli neìVAsf. 1902, dà notizia di altri 11 documenti notarili 
del fondo di S. Simpliciano nell'archivio di stato di Milano, riguardanti 
Taffrancazione di Treviglio dalla soggezione verso il monastero milanese; 
essi vanno dal 3 agosto 1224 al 13 gennaio 1229]. 

263. Tr. — VIU, 7, 1905, settembre. — Fogolari G., L'elexione di 
Aldrighetto di Campo ^ vescovo di Trento [31 agosto 1232]. 

264. QflP. — Vili, 1, 1905. — Garafl C. A., Documenti dell'epoca 
Sceca [Riguardanti la Sicilia]. 

265. QflP. — Vili, 1, 1905. — Kehr P., Dos Briefbuch des Ikomas 
con Gaeta Justitiars Friedrichs II [Premette notizia e critica dei mano- 
scritti e Tesarne del contenuto delle lettere, indi dà notizia del loro autore 
che fu della famiglia Maltaccia, iniziò la sua carriera come notaio del Ile 
Tancredi dal 1191 al 1193, poi servi la Regina Costanza e il Re Federico II 
che lo usarono in missioni diplomatiche. Ce lettere di cui TA. dà il testo 
sono appunto dirette ai predetti o al Papa Innocenzo III]. 

266. QftP. — Vm, 2, 1905. — Niese H., Geschichte df.s deutschm 
Soldriitertiims in Italien [Lo studio riguarda la cavalleria mercenaria te- 
desca in Italia specialmente al tempo di Federico II e Manfredi, con do- 
cumenti doirarchivio di stato di Siena]. 

267. Nn. — XIV, 6, 1905. — Croce B , Le tombe delle due impera- 
trici in Andria [Delle due mogli di Federico II, riassume la controversia]. 

268. BssA. — S. 2, XVI, 9, 1904. — De Lanrentiìs C, // Gastal- 
dato e la Contea di Teate con la serie dei suoi Conti [Conti teatini al 
tempo della dominazione angioina: Rodolfo de Courtenay e Matilde de 
Courtenay ; Filippo di Bothune ; Guglielmo dWlveto figliuolo di Gualtieri 
Conto. In appendice 5 documenti tra il 1254 e il 1271], 

269. Be. — S. 2, VIII, 83, 1905. —Palmieri A., Una versione greca 
d^Ua <t Constitutio Cypria » di Alessandro IV, 

270. Rcar. Ili, 9, 1905. — Pasini Frasconi F., La famiglia di Ur- 
bano IV. 

271. AsI. — S. 5, XXXV, 2, 1905. — Lasiiiio E., Frammento di 
un quaderno di mandati dell'antica Camera del Comune di Firenze 
[Del 1259;. 

272. Ro. — III, 2, 1906. — Beltrani P., Lettere inedite del Comune 
Bolognese a Maghinardo Pagani da Susinana i 289- J 291 [S. 7 lettere 
dell'archivio di stato di Bologna: descrivono la condizione della coscienza 
politica nelle lotte municipali che preludono al principato. Il periodo cui 
si riferiscono le lettere segnava una sosta non degli odii municipali, che 
sempre covavano, ma delle sanguinowse rappresaglie]. 

273. Asl. - XXXVI, 4, 1905. — Santoli L., // « liber censuum » 
del coìuune di Pistoia [La raccolta deirantico Comune di Pistoia conser- 
vata presentemente ncll'archivo comunale pistoiese, devo la sua origine 



Digitized by 



Google 



BASSO MEDIO EVO 229 

alle discordie dei Cancellieri che provocarono nel 1295 T intromissione di 
Firenze per riformare il Comune ; perciò la prima parte del cartolario che 
serbava testimonianza di tutti i diritti e di tutte le ragioni del Comune 
risale già al 1297, era desso affidato alla custodia degli operai di S. Ia- 
copo. Una seconda parto fu aggiunta in continuazione tra il 1337 e il 1344, 
ridotto in malo stato fu nuovamente scomposto e rilegato nella seconda 
metà del quattrocento. Contiene circa 900 documenti, una specie d'indice 
frammentario del sec. XVI serve malamente di guida. L^A. raggruppa in- 
vece i documenti sotto alcuni capi principali : i Conti d'Alberti, i Conti 
Guidi, il Vescovado, le comunità del Distretto, Bologna, Firenze e Prato, 
Lucca e Pisa, Plmpero, gli Angioini, il Papato. Documenti diversi. L'im- 
portanza del codice può essere valutata dal regesto che lo stesso A. i)ub- 
blica per conto della Società pistoiese di storia patria]. 

274. BsPe. — VII, 3-4, 1905. — Santoli Q., La storia di Orato sino 
alla fine del secolo XIII. 

275. RA. — XX, 10, 1005. — Pace C, Pubblicaxioni Francescane, 

276. RA. — XX, 2, 1905. — Pace C, Una nuova vita di S. Fran- 
meo d^ Assisi [A proposito del volume del Tarducci] 

277. Ro. — II, 8, 1905. — Mn^^oni G., / Patavini in Rimini [Xcl 
secolo XIU]. 

278. Rsst. — I, 5, 12, 1905. — Ristori G. B., I Pater ini in Firrnxe 
Mila prima metà del secolo XIII [Continuazione cfr. lisl.^ 1905, sp. 770. 
Tratta specialmente deirazione inquisitonale di S. Pietro martire e della 
leggenda che abbia guidato i cattolici alla sconfitta dei Paterini. Due con- 
greghe in Firenze tenevano per loro fondatore San Pietro martire : la Con- 
grega ilaggiore che si disse poi del Bigallo e la Compagnia delle laudi alla 
Vergine Maria nella Chiesa di Santa Maria Novella detta volgarmente di 
S. Pietro martire; però nessuno dei biografi di S. Pietro martire, si»ecie 
contemporanei fa menzione di tali congreghe, ciò persuade non essere una 
una favola la tradizione giusta la quale i Capitani della Fede addivennero 
i Capitani del Bigallo]. 

279. Asl. — S. 5, XXXV, 1, 1905. — Savini F., Sui Flagellanti, 
f sui Bìxocchi nel Teramano durante i secoli XIII e XIV e una bolla 
di Bonifacio VIII del 1297 contro i Bianchi ivi rifugiati. 

280. AsI. — S. 5, XXXV, 2, 1905. — Tocco F., I Fraticelli [Il nomo 
•li fraticello, presso a poco come romito, si applicava nel secolo XIV a tutti 
«lucili che conducevano vita di solitudine e di austera pietà a qualunque 
ordine appartenessero, ma in senso ristretto dicevasi di alcuni minoriti ohe 
in dissidio dal resto dell'ordine coltivavano con ardire il più rigido ideale 
francescano. Dai fraticelli o dissidenti della Marca si debbono distinguerò 
' dissidenti Toscani ; così pure i fraticelli non ebbero rapporto con gli Spi- 
ntiiali di Narbona e di Beziers, nò con i seguaci di Michele da Cesena, o 
mentre tutte questo dissidenze una dopo l'altra scompaiono, quella sola dei 
fraticelli con tenacia meravigliosa resiste, fa proseliti in Napoli e in Ca- 
labria, non cede alla politica di Clemente VI mono intransigente che quella 
di Giovanni XXII e di Benedetto XII, benché una parte di essi rientri 
n**ir ortodossia. Di questo moto ereticale Firenze per ragioni speciali torna 
ad essere uno dei centri più importanti, però dopo la guerra degli Otto 
Santi i suoi statuti sanciranno articoli contro di loro. La setta langiii'^co 
Ijersogu ittita nella prima metà del sec. XV; le leggende dei loro riti dio- 
nisiaci non hanno alcun fondamento storico]. 

281. BsSI. — XXVII, 7-9, 1905. — Lattea A., Xotixie intorno ad 
akune pergamene ticinesi [In numero di sei, dei sec. XIII-XVl ; al rofrosto 
fa seguire note sui cognomi e sulla toponomastica]. 



Digitized by VjOOQ IC 



230 SPOGLIO DEI PERIODICI 

282. Tr. — Vili, 1, 1905. — Sette L., Fra Bartoloìneo da Trento e 
alcuni codici a lui attribuiti [Fa seguire alla dissertazione sui codici al- 
cuni cenni biografici sul frate vissuto nel soc. XIV, e in appendice una 
lettera di lui del 1241 dal campo imperiale durante la marcia verso Roma]. 

283. BssA. — S. 2, XVI, 10, 1905. — Rivera G., // B. Vineenxo 
dalV Aquila in alcuni ricordi storici manoscritti, 

284. BsPe. — VU, 1, 1905. — Corbellini A., Cino da Pistoia. Al- 
cuni sonetti anonimi del Canxoniere Chigiano L, Vili. 350. 

285. BsP^. — VE, 2, 1905. — Zaccagnini G., Per la biografìa di 
Cino da Pistoia (1315-1320) [Dai documenti risulta chiaramente che la 
più lunga dimora di Cino in quel periodo debba essere stata in Pistoia, 
non escludendo gite e relazioni a Firenze e in altre città, sopratutto a Bo- 
logna. Un documento in appendice]. 

286. AsI. — XXXVI, 4, 1905. — Volpi G., La questione del Cavalca 
[Riferendosi ad una polemica del secolo XVIII con cui una critica leggera 
si provò a scalzare la reputazione letteraria del C, esamina e confuta gli 
argomenti di coloro che gli contrastano la paternità delle opere general- 
mente attribuitegli e cioè : la deficiente autorità nella testimonianza dei mss. 
e della cronaca del convento di S. Caterina di Pisa, la contrapposta auto- 
rità delle cronache dell'ordine agostiniano. Conclude che non esiste una 
«questione del Cavalca]. 

287. L. — V, 7, 1905. — Malagazzi-Valeri F., Una pagina di storia 
del costume [Da disegni inediti del trecento]. 

288. Tr. — Vili, 4, 1905. — Scafftni G., / Castelbarco nella novel- 
listica del Trecento. 

289. QftP. -- Vili, 1, 2, 1905. — Gbller E., Der liber taxarum der 
p ipstlichen Kammer [Continuando il suo studio, pubblica il regesto di pa- 
recchi documenti del sec. X\'I e il testo di alcuni di essi, tratti dall'Archivio 
vaticano]. 

290. RFu. — XXI, 3-4, 1904. — Carabellese F., Niccolò Spinelli 
da Oiovinaxxo [Larga rassegna dell'opera di G. Romano]. 

291. Ga. — XXIX (X. S., X), 1, 1905. — Mini G., I nobili romagnoli 
nella Divina Coìti media [Continuaz. cfr. Rsl. 1905, sp. n. 263: Guido del 
Duca, Kinieri da Calboli, Lizio da Valbona, Arrigo Manardi, Pier Traver- 
sare, Guido di Carpegna, Bernardino di Fosco, Ugolino d*Azzo, Federico 
Tignoso, Casa Traversara, gli Anastagi, famiglia Pagano, Rinieri da Cor- 
neto, Ugolino dei Fantolini, Tebaldello degli Zarabrasi], 

292. Ro. — III, 2, 1906. — De Maria U., Francesca da Rimini nel 
teatro [Da E. Fabbro a G. A. Cesareo]. 

293. Ro, — li, 4-5, 1905. — Federzoni G., Sapia [A proposito del- 
Taneddoto dantesco e del i)ersonaggio e fatto storico a cui si riferisce], 

294. RA. - XXL l, 1906. — Tripepi A., Enigmi ed enigmo fili della 
Divina Commedia : le « suppe * e il D. X. V. 

295. Pf/z. — III, 1, 1905. Sappa M., Un punto della Ditnna Com- 
media [Paradiso XXXVIU, 16-21]. 

296. AsL — XXX VI, 4, 1905. — Gerspach E., A proposito del pa- 
lagio della Lana. 

297. L. — V, 8, 1905. — Cian V., // ^ Latin sangue gentile* e il 
« Furor di Lassù » prima del Petrarca [Ricorda documenti del sentimento 
nazionale italiano contro gli stranieri nel medio evo, con riproduzione di 
rappresentazioni storiche sui monumenti dell'arte nostra]. 



Digitized by 



Google 




BASSO MEDIO EVO 



231 



29S. AsI. — iS. 5, XXXV, 1, 1905. — Della Torre A.. Il sesto cen- 
tenario della nascita di Francesco Petrarca [Ricchissima ampia rassegna 
di pubblicazioni petrarchesche uscite nel 1904]. 

299. AsL. — S. 4, XXXII, 6, 1905. — Galli E., Le ville del Petrarca 
nel Milanese [Premetto raffermaziono pregiudiziale che il Petrarca non 
possedette mai né una casa in Milano nò una villa nel Milanese, bensì sol- 
tanto come ospite abitò ; tratta poi brevemente di luoghi ai quali espres- 
samente il P. accenna nel suo epistolario : S. Colombano, Monza, Garegnano 
e le rive dell'Adda senza escludere cbe più numerosi e più svariati siano 
stati nel Milanese gli ameni villerecci ritiri ai quali il P. chiese ristoro 
di quiete]. 

300. AsM. — VI, 3-4, 1905. — Lizio-Bruno L., // Petrarca e Tom- 
maso da Messina [Rintraccia le notizie su Tommaso Caloria di Messina, 
col quale ebbe amicizia e corrispondenza il Petrarca]. 

301. Pwi. — 111, 1, 1905. — Mazzoni G., // Petrarca poeta lirico, 

302. Pm. — III, 18, 1905. — Rizzi F., Francesco Petrarca e la frot- 
tola [Per la storia del genere letterario]. 

303. Rhe. — VI, 2, 1005. — Alollat G., Les doléances du clergé de 
k province de Sens au concile de Vienne [1311-1312) [Il P. Ehrle sco- 
perse nella Nazionale di Parigi un Rammento degli atti del concilio con- 
vocato da Clemente V che viene coni|)letato da un'altra pergamena scoperta 
dall'A. in un foglio di guardia d'un volume degli archivi vaticani. Essi re- 
cano luco sugli abusi della curia e del clero denunciati a quel concilio che 
doveva decidere anche della grave questione dei Templari. Pubblica il testo 
della recente scoperta]. 

304. BsSI. — XXVII, 4-0, 1905. — Sant'Ambrogio D., La tomba 
Mattoni del 1313 a Cima in Valsolda [Descrizione]. 

305. Rhe. — VI, 1, 1905. — Mollat G., Jean XXII fnt-il un arare? 
[Continuazione cfr. Rsl ^ sp. n. 28G: esamina le opere di carità da lui 
create o sviluppate ad Avignone]. 

'm. AV. — XKVIII, II, 1, 1905. - Pinzi V., Oli statuti della re- 
pubblica di Sassari dell'anno 1316 [Continuazione cfr. Rsl.^ 1905, sp. 
n. 1300: edizione diplomatica]. 

307. Rhe. — VI, .S, 4, 1905. — Vidal J. M , Notice sur Ics a^uvres 
du Pape Benoit XII [1. Posposizione analitica : della regola di S. Benedetto ; 
di vei-se sentenze morali; una proghiera; carmina prophetica : commento al 
salmo di Davide; commento sopra Riccardo e Ugo di S. Vittore; Tractatus 
centra fraticellos; confutazione degli errori di Gioachino da Fiore e di Maestro 
Eckhart; trattato delle dottrine di Michele da Cesena, Guglielmo Ockam e 
Pietro Giovanni d'Oliva a proposito della visione beatifica. II. Notizia sui 
manoscritti romani delle opere di Benedetto XÌI]. 

306. Rcar. — III, IO, 1905. — Orlandini N., La famiglia d'Inno- 
cerno VI. 

309. BssA. — S. 2, XVI, 9, 1904. — De Cupis C, Regesto degli 
Orsini e dei Conti Anguillara [Continuazione efr. Rsl.^ 1905, sp. n. 74: 
dairanno 1326 al 1338]. 

310. QflP. — Vili, 1, 1905. - Sanerland H. V., Drei Urktinden xur 
Oeschichte der Heirat des Herxogs Otto von Braunschiceig und der Ko- 
nigin Johanna I von Xeapel. 

311. Rcar. — III, 4, 1905. — Zorzi A., Gli antenati di Marino Faliero. 

312. Mrt. — V, 4-6, 1905. — Grimaldi G., / capitoli della Fraternità 
di Santa Croce d'Urbino [Della metà del sec. XIV;. 



à 



I 



Digitized by 



Google 



232 SPOGLIO DEI PERIODICI 

313. AsL. — S. 4, XXXII, 8, 1905. — Muratore D., La nascita e 
il battesimo del primogenito di Qian Oaleaxxo Visconti [Della prole nata 
di Isabella di Yalois sola Valentina sopravisse, perciò poche notizie si hanno 
che le congetture degli storici resero anche più oscure. Alcuni documenti 
Savoini gettano qualche luce sicura, confermando nelle sue linee generali 
il racconto del Cerio. Il primogenito sarebbe nato adunque il 4 marzo 1366, 
esempio di prole precoce, essendo stato concepito, quando il padre non toc- 
cava i quattordici anni e la madre era sotto ai diciasette. Fu battezzato ai 24 
di maggio successivo e lo feste relative coincidevano colla presenza in Pavia 
del Conte Amedeo VI di Savoia che si avviava alla crociata in Oriente ; 
costui non solo tenne col Marchese di Ferrara a battesimo il neonato, ma 
in quella occasione trattò della pace tra il Piemonte e i Visconti ; il Mar- 
chese trattò anche a nome di Urbano V'. L'A., ritiene che il primogenito 
fosse quello ch'ebbe nome Gian Galeazzo ; il secondo genito Azzone nacque nel 
settembre 1368; Tultimo, Carlo, nacque nel settembre 1372 cagionandola 
morte alla madre ; per Valentina dobbiamo accontentarci di semplici conget- 
ture, tacciono i documenti sabaudi, ma poiché fra il 2° e il 3<» genito inter- 
cedono quattro anni, si può collocare intorno al 1370 la nascita di lei]. 

314. AsL. — S. 4, XXXII, 6, 1905. — Cochin H., Jean Qaleax Vi- 
sconti et le Comté de Vertus [Pubblica un documento di mediocre impor- 
tanza, quale Tammortamento di una rendita legata alla chiesa di Chalons, 
esso costituisce tuttavia una rarità perchè emanato da Gian Galeazzo Vi- 
sconti nel 1368 nella sua qualità di Conte di Vertus; l'A. spiega la pe- 
nuria di documenti viscontei per quel dominio di G. Galeazzo in quanto 
tale feudo era in generale amministrato da funzionari e non direttamente 
dal Conte ; rifa poi brevemente la storia delle condizioni di esso feudo 
quando Giovanni il Buono lo costituì in dote alla figlia Isabella, e riassume 
le vicende del medesimo, passato alla casa d'Orleans come dote di Valen- 
tina Visconti]. 

315. A8l. — S. 5, XXXV, 1, 1905 — Cipolla C, La storia scali- 
gera negli archivi di Siena [Le relazioni tra gli Scaligeri, Verona e Siena 
non potevano essere frequenti per cagione della lontananza e del grande 
divario d^interessi politici e commerciali: TA. pubblica con preziose anno- 
tazioni sei documenti ritrovati dal dott. Eugenio Casanova, abbraccianti 
gli anni 1368-1432]. 

316. AsL. — S. 4, XXXll, 7, 1905. — Verga E., Per la storia degli 
schiavi orientali [È noto pei lavori del Lazzari, dello Zamboni, del Cec- 
chetti, del Bongi, dello Zanelli, del Luzio e Renier, che una nuova forma 
di schiavitù fu non solo tollerata, ma riconosciuta e disciplinata dalla legge 
a Venezia, Genova, Lucca, Firenze e Napoli ; il commercio degli schiavi nei 
secoli XIV, XV, XVI è costituito esclusivamente di schiavi orientali im- 
portati come una mercanzia qualunque nei nostri scali marittimi e special- 
mente in Venezia e non ha quindi nulla a fare colla schiavitù paesana 
dell'alto medioevo quasi dovunque scomparsa tra i secoli XIII e XIV. Scarse 
sono le notizie del commercio degli schiavi in Lombardia, quantunque numerosi 
siano grindizi che ne esistessero. Notevoli alcuni documenti (1362-1368) del- 
l'archivio della Fabbrica del Duomo di Milano riferentisi al ricco mercante, 
benefattore deir opera Marcolo Carelli, in cui si accenna ad acquisto di 
schiave fatto a Venezia senza accennarne lo scopo. L'A. pubblica poi un 
documento pure della Fabbrica del Duomo di Milano dove si tratta di uno 
schiavo, fanciullo di 4 anni, venduto nel 1486 con tutte le garanzie della 
sua qualità servile a Gaspare Ambrogio Visconti, il poeta, amico e consi- 
gliere di Lodovico il Moro]. 

317. AsL. — S. 4, XXXn, 7, 1905. — Foligno C, Documenti vi- 
scontei in biblioteche inglesi [Relazione : si accenna a lettere di Galeazzo H 



Digitized by 



Google 



BASSO MEDIO EVO 233 

ad Edoardo UE, ad una lettera di Gian Galeazzo del 1390, ad una del cu- 
gino di costui, Carlo figlio di Barnabò del 1388, e poche altre del tempo 
di Giovanni Maria e Filippo Maria]. 

318. BsP». — VII, 3-4, 1905. — Dacci P., Oli orafi fiorentini e il 
2^ riordinamento dell'altare d^argento di S. Jacopo. Un garzone pi- 
stoiese nella bottega del Ohiberti, Documenti dal 1394 al 1444, 

319. QflP. — Vili, 1, 1905. — Schneider F., Bistum und Oeldwirt- 
iehaft. Zur Oesehichte Volterras in Mittdalter [Dà notizie sulle fonti del 
commercio naturale di Volterra, quali il sale, le miniere di argento e rame ; 
ne studia poi la fortuna e le vicende in rapporto allo sviluppo generale 
sociale e politico della città, l'origine delle pretese di Siena, l'origine della 
sua decadenza sotto i primi Pannocchieschi e il punto massimo della mede- 
sima sotto il vescovo Pagano]. 

320. Tr. — Vili, 7, 1905, settembre. — Cesarini Sforza L., Dom- 
menti di Vexx^no nel Trentino [Documenti dell'archivio comunale dei 
secoli XIV, XV e XVI]. 

321. BsPi. — VII, 3-4, 1905. — Chìappelli A., La cura di un got- 
toso in Pistoia sul principio del secolo XV, 

322. ila. — V, 3, 1905. — Ghetti B., Di alcune leggi suntuarie re- 
canatesi [Del secolo XV: testo di 5 documenti]. 

323. Asso. — li, 1, 2, 1905. — Marletta F., La costituzione e le 
prime vicende delle maestranze di Catania [Continuaziene, cfr. Esl.^ 
1905, sp. n. 596 : in appendice dodici tra statuti e documenti]. 

324. AsL. — S. 4, XXXII, 7, 1905. — F. N., Due matematici cremo- 
nesi del secolo XV: Fra Leonardo de Antonii e Maestro Leonardo Mai- 
nardi [Notizie per dissipare la confusione fatta già tra i due matematici e 
frati cremonesi contemporanei o quasi e dello stesso nome: il 1® nato verso 
il 1375 dovette morire circa il 1440 lasciando molti e pregevoli scritti, il 
2« nato verso il 1410 dovette giungere colla vita fino al 1470-1480, e delle 
opere sue, se ne dettò, niuna ci è nota]. 

325. AsL. — S. 4, XXXII, 8, 1905. — Mazzi A., La giovinezza di 
Bartolomeo Colleoni [Essa è ancora avvolta nel mistero, lo stesso anno 
della nascita, collocata generalmente intorno al 1400, non ò sicuro; unica 
fonte sarebbe il Cornazzano che fu ospite del grande capitano a Malpaga. 
Il nome dei Colleoni divenne chiaro quando nel 1404 impadronitisi di 
Trezzo crearono a cavaliere dell'Adda un piccolo stato indipendente che 
fronteggiò per parecchi anni con fortuna e i Duchi di Milano e la nuova 
Signoria di Pandolfo Malatesta. La organizzazione del nuovo dominio do- 
vette creare rivalità di famiglia, di cui fu vittima il padre appunto di Bar- 
tolomeo. Risulta però da buoni documenti usufruiti dalPA. che il Colleoni 
prima del 1420 aveva intera o quasi la ragguardevole possessione di Bot- 
tanaco che altri fondi possedeva in proprio in questa stessa terra, che gli 
rimanevano i beni paterni di Calusco etc, per cui diventano un sogno le 
gravi angustie e la estrema miseria, di cui circondarono l'infanzia e la 
giovinezza del condottiero alcuni suoi biografi]. 

326. AsN. — XXX, 2, 1905. — Fedele P., / capitoli della pace fra 
Ks Ladislao e Giovanni XXIII [Riassume gli avvenimenti, che procedet- 
tero la conclusione della pace nel 1412 dopo la vittoria di Roccasecca per 
esaminarne poscia le condizioni e pubblica il testo del documento]. 

327. AsL. — S. 4, XXXI, 4, 1904. — Volta Z., Xote di Bartolomeo 
Morone sulla storia politica del suo tempo dal 1411 al 1449 [Il testo di 
99 passi estratti]. 



Digitized by 



Google 



234 SPOOLIO DEI PEBIODia 

328. QftP. — Vili, 2, 1905. — Mailer J., England und Rom unter 

Martin V [1^'A., dopo aver ricordato che fra i più gravi risultati del 1426 
della politica ecclesiastica del papato fu la soppressione della libertà gal- 
licana, espone, come il medesimo tentativo rispetto air Inghilterra andò pie- 
namente fallito]. 

329. BssA. — S. 2, XVI, 10, 1905. — Rivera G./ Catalogo delle 
scritture appartenenti alla confraternita di S. Maria della Pietà nel- 
l Aquila [Continuazione cfr. Rsl,. 1904, sp. n. 727. Dal n. 275, 16 a- 
prile 1418, al n. 296, 2 maggio 1498]. 

330. BsSI. — XXVII, 4-6, 1905. — La battaglia d'Arbedo secondo un 
cronista milanese ed altre testimonianxe, 

331. Ma. — IV, 3-5, 1904, V, 3, 4-6, 1005. — Fumi L., Inventario 
e spoglio della Tesoreria Apostolica della Marca dal R. Archivio di Stato 
in Roma [Continuazione Cfr. RsL 1905, sp. n. 309, dal 1423 al 1470'. 

332. Ma — V, 3, 1905. — Rossi L., Federico da Montefeltro con- 
dotto da Francesco Sforxn [Xel 1450 il nuovo .signore di Milano toglieva 
a stipendio Federico da Montefeltro per contrapporlo ad uno dei più tor- 
bidi nomici suoi dell'Italia centrale, Sigismondo Malatesta, attaccato ai 
Veneziani. Tro documenti in appendice]. 

333. AsL. — S. 4, XXXII, 6, 7, 1905. — Colombo A., L'ingresso 
di Francesco Sforxa in Milano e r inizio di un nuovo principato [Sei 
primo capitolo tratta dello condizioni di Milano sul tramontare della sua 
vita repubblicana, dei tentativi da ossa fatti per resistere al fortunato con- 
dottiere, della laboriosa tela da costui ordita, come diplomatico non meno 
che corno stratega, per prepararne definitivamente la rovina; nel secondo 
nel terzo capitolo tratta dogli avvenimenti che si svolsero in Milano dalla 
prima entrata del vincitore ai giorni in cui fu proclamato Duca, mettendo 
al vaglio della critica e alla stregua dei documenti cose note ma degne di 
essere approfondite. Infine tratta- del lavorio diplomatico del nuovo Duca 
per farsi riconoscere dai potentati italiani ed esteri e della necessità in cui 
si trovò di venire a lotta con Venezia. In appendice sette documenti del- 
Tarchivio di Stato di Milano (1450)]. 

334 Rhe. — VII, 1, 1906. — Richard P., Origines des nonciatures 
permanentes. La représentation pontificale au XV ^ siede (1450-/503). 

335. AV. — XXVIII, II, 2, 1905. — Benzoni A., Una prof exia ine- 
dita della fine del quattrocento [Riguarda gli anni 1460-70; Tautore, im 
Teodoro da Himini, mosso da elevati sentimenti di religione e di patria, 
divise ridealo di Pio II per una crociata contro fi Turco. Il Benzeni fa 
seguite al testo ampio commento]. 

336. BssA. — S. 2, XVI, 10, 1905 — D'Angelo O., / capitoli di 
Leonessa sull'arte della lana [Del 1466]. 

337. AsN. — XXX, 3, 1905. — Savini P., Una bolla sconosciuta 
del 1475 deW umanista Campano vescovo di Tcray/io [Con essa nominava 
un coadiutore al venerabile sacerdote Covello de Teullis di Galluccio; in 
quest'ultimo, conterraneo del Campano, TA. ravvisa il prete di Gallaocio 
che secondo un biografo contemporaneo avrebbe tratto dalla condizione di 
pastore e fatto educare colui che doveva poi diventare lustro della sede 
vescovile aprutina. Alla breve introduzione segue il testo della bolla sco- 
nosciuta]. 

338. AsL. — S. 4, XXXII, 6, 1905. — F. N., Di un libro di cucina 
bergamasco del secolo XV [Notizia di un ms. ricopiato a Bergamo nel 1481 
da un trascrittore tedesco di su un esemplare più antico, conservato nella 
Biblioteca di Chalons sur Morne; ne riferisce l'indice di alcuni paragrafi]. 



Digitized by 



Google 



BASSO ilEDIO EVO 235 

339. RPm. — XXI, 3-4, 1004. — Chiriatti G., // ragionamento di 
Angelo Taf uri dimostrato falsificazione posteriore [Riguardante l'episodio 
della guerra dì Ferrara in Terra d'Otranto (1482-84)]. 

340. AsL. — S. 4, XXXII, 6, 1905. — E. M., Un trattatello medico 
per Sforzino Sforza [Notizia di un codice posseduto dalPavv. Emilio Se- 
letti, opera di un ben noto medico veronese Gabriele de' Zerbi che lo scrisse 
per incarico del Cardinale Ascanio Sforza zio di Sforzino nel 1486J. 

■J41. Tr. — Vili, 1, 4, 5 6, 1905. — Oiiestinghel G., La gnei-ra tra 
Sigismondo conte del Tirolo e la Repubblica di Venezia nel 1487 [l. Ras- 
segna bibliografica e delle fonti. II. Le cause della guerra bisogna ricer- 
carle nelle relazioni della Repubblica non solo coi conti del Tirolo, ma coi 
Gastelbarco, coi vescovi di Riva, etc. ; nel 148G-87 per cagioni non del 
tutto precisabili incomincia alla corte arciducale a prender vigore un par- 
tito ostile a Venezia, ma non può subito trionfare per timore di Federico IH ; 
si avviano pratiche per avere l'alleanza del Duca di Milano, vien nominato 
nel febbraio consigliere arciducale Giorgio Castelbarco nemico giurato di 
Venezia, infine neiraprile si fanno arrestare improvvisamente nella fiera 
di Bolzano i mercanti veneziani per procurarsi denari ad assoldar nuove 
milizie, e il capitano generale Gaudenzio di Matsch invade l'agro rovere- 
tano. III. La guerra, dalla rottura delle ostilità alla ritirata deiresercito 
tirolese: regolare dichiarazione non vi lu, grande sorpresa, anzi grande 
spavento colse i Veneziani ; la condizione di Roveredo era andata rapida- 
mente peggiorando, finalmente giunse nel Maggio il Capitano generale Giulio 
Cesare da Varano, vi giunse a rinforzo anche Roberto Sanseverino, ma non 
si evitò la resa della città. Però la reggenza tirolese per poter cogliere Ve- 
nezia alla sprovvista aveva evitato di dar nell'occhio con troppi apparecchi 
ed ora si trovava sprovveduta per una campagna onde dopo alcuni fatti 
d'armi e alcune schermaglie diplomatiche avvenne la ritirata di Gaudenzio 
di Matsch mentre la guerra barbara di rapaci scorrerie e di rappresaglie 
dalla Valle Lagarina s'ora estesa ormai, coli 'intervento delle rivalità tra i 
Signori del luogo, a tutta la lunga linea di confine dalle Giudicane este- 
riori fino alle Alpi Carniche]. 

:W2. AsL. — S. 4, XXXII, 8, 1905. — Motta A., Ptr la storia della 
coltura del riso in Lombardia [Non si può precisare in quale epoca sia 
state per la prima volta seminato il riso in Italia come non puossi accer- 
tare se se ne debba agli Arabi piuttosto che ai Veneziani l'importazione; quasi 
certo è che l'Italia lo conobbe prima del sec. XIV, ma anche dopo il 1400 era 
considerato oggetto di lusso, venduto dai farmacisti e droghieri. L'A. di- 
mostra, con un documento inedito del 1494, che nella seconda metà del se- 
colo XV la produzione del riso fosse già di qualche importanza nel ducato 
di Milano e tale da infiuire sul valore delle altre biade; il merito d'aver 
introdotto l'elemento della ricchezza nuova non spetterebbe già a Ludovico 
il Moro ccme fu propalato, ma al suo predecessore Galeazzo Maria Sforza 
cdme dimostrano altri documenti pure dell' Arch. di Stato di Milano]. 

:U3. BssA. — S. 2, XVI, 9, 1904. — Pansa G., Oli Ebrei in Aquila 
nel secolo X \\ V opera dei Frati Minori e il Monte di Pietà istituito da 
S. Oiacomo della Marca [Gli ebrei, che godevano privilegi ed immunità 
ed esercitavano sopratutto la professione bancaria, fecero nel 149G esodo 
generale dalla città di Aquila, dove la venuta di S. Bernardino da Siena, 
S. Giacomo della Marca, Fra Robeuto Caracciolo, Giovanni da Volterra, 
S. Giovanni da Capistrano, Beato Bernardino da Feltro, avevano generato 
fanatismo religioso e rappresaglie. In seguito a carestia del 1465 San Gia- 
como della Marca fondava nel 1460 il Monte di Pietà di cui l'A. dà in 
appendice gli statuti]. 



Digitized by VjOOQ IC 






236 SPOGUO DEI PKEIODia 

344. Ma. — V, 4-6, 1905. — Luzzatto G., Comune e priiieipato in 
Urbino nei secoli XV e XVI [Una pagina di storia sopra tutto economica 
spiega come il signore riunisse con gelosa cura gradatamente nelle sue mani 
gli attributi della sovranità]. 

345. AV. — XXVIII, I, 3, 1905. — Musatti C, Intercalari dei Po- 
trixi VencTiiani di quattro secoli fa. 

346. Bah. — XLVI, 2, 1905. - Doro C. F., Heproduci^n de eartas 
nàuticaa veneciana^ inéditas^ del siglo XV ^ qiie combrenden à la Pe- 
ninsula Iberica. 

347. Tr. — Vili, 4, 1905. — Fogolari G., // ciclo dei mesi nella 
Torre dell'Aquila a Trento e la pittura di costume veronese sul prin- 
cipio del quattrocento. 

348. Tr. — Vili, 7, 1905, settembre. — Sette L., Le pitture di San 
Leonardo di Lisignago [Nel Trentino, affreschi del secolo XV]. 

349. Fa. — XXIV, 6-7, 1905. — Bellucci A., Le condixioni della 
pittura in Perugia prima del Ronfigli. 

350. CcEL. — IV, 1, 1905. -- Bombe W., L'affresco del Perugino 
esistente nell'ex convento di S. M. Maddalena dei Paxx>i, 

351. Ma. — V, 4-6, 1905. — Astolfl C, Di un frate marchigiano 
pittore quattrocentista e i suoi dipinti a M. Vidon Combatte e Collina. 
— Tre tavole quattrocentesche d'ignoto. — Una tela a tempra di Gia- 
como Agnelli di Patrignone. — Nuovi quadri del Pagani a Ortezxano 
e Carassai. 

352. Ma. — V, 1-2, 1905. — Selvelli C, L'* artiere di Dalmaxia* 
nel Ducato di Urbino [.\ proposito del volume di Cornelio Budinich sul 
Palazzo Ducalo di Urbino e sulle vicende di Luciano Dellauranna]. 

353. Ma. — IV, 6, 1904. — Vanzolini G., Musica e dama alla corte 
di Urbino nel rinascimento. 

354. Nn. — XIV, 12, 1905, dicembro, XV, 1, 1900, gennaio. — Serra 
L., Due scultori fiorentini del 400 a Napoli [Antonio Rossellino e Bene- 
detto da Majano]. 

355. AsX. — XXIX, 4, 1904. — Caci G., Nuovi documenti su Giu- 
liano da Maiano ed altri artisti. 

356. Nn. — XV, 1, 1906, gennaio. — Bernicli E., Statue e frammenti 
architettonici della prima epoca aragonese. 

357. RA. — XX, I, 1905. — Piccirilli P., Artisti abruzzesi [Cenni su 
Leonardo di Teramo pittore del XX soc. ; esule dalla patria a Sulmona, per 
le lotte tra le duo fazioni dei Melatini e de^li Antonelli ; a Sulmona con- 
trasse matrimonio, apprese Parte e morì a 84 anni famoso tanto da essere 
elevato a famigliare del He I^adislao]. 

35S. BssA. — S. 2, XVI, 10, 1905. — Rivera L., Le scuole univer- 
sitarie dell'Aquila i Fondato nel 1458 dal He Ferdinando I, dopo varie vi- 
cende sopi)iantate dalle scuole dei Gesuiti nei secoli XVII-XIX fino al 1860]. 

359. AsL. — S. 4, XXXI, 4, 1904. — Simioni A., Un umanista mi- 
lanese^ Piattino Piatti [Tratteggiandone la biografia, narra della sua fortuna 
alla Corte di Ferrara dove entrò nel 1460, fu ben rimunerato dai mecenati 
signori, contrasse relazioni letterario è d'amicizia collo Strozzi, col Guarino, 
col Baiardo. Agli ozi tranquilli ed onorati prediligendo il tumulto dello 
armi e la vita del campo fu in relazioni colla Corte di Urbino più soldato 
appunto che poeta. Ritornava a Milano nel 1477, dove non ben note fu- 
rono le sue vicende finché fé* parte della Corte del Moro, abbandonò questa 



Digitized by 



Google 



TEMPI MODERNI 237 

nel 1489 per ritirarsi a Garlasco ; nel momento della discesa di Carlo Vili 
parteggiò per lui, più tardi adulò anche Luigi XJI. Visse fino al 1508. 
L'A. fa seguire un succoso capitolo sulle relazioni letterarie ; un elenco 
delle opere]. 

360. AsM. — V, 3-4, 1904. — D'Amico A., Antonello da Messina, le 
sue opere e l'invenzione della pittura ad olio [Cfr. Rsl.^ 1905, sp. n. 336 : 
Riconosce la rivoluzione nell'arte del dipingere da Jan van £yck da Bruggia 
e ad Antonello il merito di aver fatto conoscere in Italia la nuova maniera 
di dipingere ad olio, di averla forse perfezionata]. 

361. AsM. — VI, 1-2, 1905. — La Corte-Cailler G., La pittura in 
Messina nel Quattrocento [Pittura e miniatura in Messina; opere ancora 
esistenti; il preteso Antonio D'Antonio. Il trecento e il quattrocento; En- 
rico Scarfia (1336); contrada e confraternita dei Pittori; quadri di autori 

bconosciuti]. 

362. RsC. — XllI, luglio-settembre, 1905. — Bellantoni D,, Antofiello 
da Messina [A proposito degli studi di La Corte-Cailler, di cui cfr. Rsl. 
1905, sp. n. 335]. 

363. Ma. — IV. 3-4, 1904. — Scìi)ioni G., La canzone * alla morte* 
di Pandolfo Collenueeio. — Sa Viotti A., Una sorella di Collenucdo 
[Si chiamò Camilla : di lei e della sua bellezza troppo presto sfiorita al ge- 
lido soffio della morte (1465) ci rimane il ricordo nel canzoniere del con- 
temporaneo Raniero Almerici da Pesaro]. 

364. RPtt. — XXI, 5-6, 1904. — D'XtenAlj., Il pensiero di Antoìiio 
Galateo. 



5. TEMPI MODERNI (1492-1789). 

365. Bah. — XLVI, 6, 1905. — Beltràn R. y Rozpide, Ensayo 
sobre la America Precolombina. 

366. RPw. — XXI, 3-4, 1904. — Angélììììs C, A proposito del poeta 
Fabio Della Negra [Vissuto tra il secolo XV e il XVI; è tutt'uno col 
Pellanegra autore della storia del Gargano]. 

367. RA. — XX, 1, 1905. — Testa N. V., Sull'autenticità delle rime 
di Pico della Mirandola [Conclusioni affermative]. 

363. RA. — XX, 10, 1905. — Testa V., Pico della Mirandola giu- 
dicalo da Tommaso Campanella [Con due appendici : I. sopra un accenno 
recente all'epistola del Pico al Barbaro; II. sopra un sonetto del Pico al 
Eamasio]. 

369. AsI. — XXXVI, 3, 1905. — Costa E., Andrea Alciato e Boni- 
facio Amerbach [L* Alciato conobbe Bonifacio Amerbacli nel 1520 allo studio 
di Ayignone ove dalla nativa Basilea era accorso ad ascoltarlo. La singo- 
lare somiglianza della loro coltura, la comunanza delle loro predilezioni val- 
sero a stringere fra essi una salda ud affettuosa amicizia che durò fino alla 
morte doU'Alciato, nel 1550. Di essa sono ì)uon documento le lettere con- 
servate nella Biblioteca Universitaria di Basilea. L'A. studia appunto quello 
relazioni e rifa in certo modo anche la storia delle principali opere deirAlciato]. 

370. Asso. — li, 3, 1905. — 3Iarletta F., Faxelliana [Per la bio- 
grafia dello storico pubblica sei documenti tra il 1539 e il 1560]. 

37I.*AV. — XXVIII, li, 2, 3, 1905 e XXIX, I, 1, 1906. — Re C, 
Vn poeta tragico fiorentino della seconda metà del sec. XVI^ Antonio 
Bcnipìeni il Oi orane. 



Digitized by 



Google 



238 SPOGLIO DEI PERIODICI 

372. BsP». — VII, 1, 1905. — Zaccagnini G., Un ignoto poeta pi- 
stoiese del secolo XVI [Vincenzo Gatteschi]. 

373. RsA. — N. S., XIII, 16, 1904. — Bnmndo A., DeUe fonti della 
cronaca di Benvenuto di San Giorgio [Osservando dal confronto dell'origi- 
nalo di un documento errore di lettura nella cronaca che lo riproduce, 
stabilisce però che il cronista lavorasse appunto su queir erigi naie, avanzo 
delFantico archivio dello Stato di Monferrato]. 

374. Pw. — III, 19, 22, 1905. — Calcaterra C, Una poetessa del 
secolo XF/, Livia Tornielli. 

375. AsI. — XXXVI, 3, 1905. — Piccolominì F., Bartolomeo Boll is 
da Padova e la sua fondaxio7ie per lo studio di Siena (24 luglio 1512) 
[Nato di famiglia cremonese e cittadino di Padova, il prelato famigliare di 
Giulio K fondava sei borse o alunnati settennali nella « Sapienza » di Siena, 
risorbati a giovani senesi. L'A. pubblica le regole proposte dal BoUis ed 
approvate dalla Signoria per conferimento di detti posti pe' quali istituiva 
una dote di mille ducati oltre un sussidio di laurea a ciascim alunno]. 

376. RA. — XX, 2, 4, 7, 8-9, 10, 12, 1905. — Renda U., // Torris- 
mondo di Torquato Tasso e Varie tragica nel cinquecento. 

^11. AsI. — S. 5, XXXV, 2, 1905. — Costa E., Gerolamo Cardano 
cUlo studio di Bologna [I Bolognesi erano da prima mal disposti ad acco- 
glierlo nel loro studio per le calunnie diffuse sul di lui conto, ne assume 
le difeso il Legato Borromeo e il suo protetto seppe in seguito conciliar.si 
tale e tanta stima che fu nella cattedra primaria di medicina teorica confer- 
mato poi dal 1563 al 70 ; intervennero quindi le dolorose brighe di lui col 
S. Ufficio]. 

378. AsL. — S. 4, XXXII, 5, 1905. — Delaruelle L., Le séjour à 
Milan d'Aulo Giano Parrasio [Le notizie delle « praelectiones » del retore 
umanista calabrese, veri pamphlet polemici violentissimi conto i nemici 
letterari, completate con altre fonti, possono fornire un interessante capitolo 
della storia delle università italiane al principio del secolo XVI]. 

379. AsTi. — S. 4, XXXII, 8, 1905. — Savio F., Giovanni Battista 
Fontana o Fontesio^ scrittore milanese del secolo XVI [Nota un divario 
di 25 anni tra Giovanni Battista Be-Rossi e il Sigonio neir assegnare 
la morte di G. B. Fontana, erudito raccoglitore di epigrafi; per chiarire 
Tequivoco raccoglie alcune notizie intorno alla vita di lui che apparteneva 
alla famiglia Fontana de* Conti. Indi stabilisce la sua identità con Giovanni 
Battista Fontesio Primione di cui esamina alcune opere come: «La storia 
della famiglia Cesi», scritta il 1570 e il 1582; Topera inedita sugli arci- 
vescovi di Milano, di poco valore sotto molti rispetti, importantissima per 
l'antica storia ecclesiastica milanese; infine studia la silloge milanese del 
secolo XI citata dal De-Rossi nei rapporti colle falsificazioni dell'Alciato 
usate dal Fontana]. 

380. AsL. — S. 4, XXXII, 5, 1905. — Malaguzzi Valeri F., Per la. 
storia artistica della chiesa di^S, Satiro in Milano [Documenti: Un in- 
ventario del 1476; due documenti del sec. XV riguardanti la cappella di 
S. Barbara e una cappella ducale; altri dal sec. XVI al XIX riguardanti 
la «Santa Barbara» del Boltraffio, l'altare della Pietà, le porte minori 
della Chiesa, la cappella di S. Caterina, i lavori eseguiti da Cristoforo da 
Birago «lapicida»; pagamenti al pittore Ambrogio da Fessane; il modello 
della facciata del 1487 ; figure in cotto levate dal Tiburio]. 

381. AsL. — S. 4, XXXI, 4, 1904. — Solmi E., Documenti inediti 
sulla dimora di Leonardo da Vinci in Francia nei 1515 e 1518 [11 
leone automatico; il simbolo del piacere e del dolore; le giostre per Lo- 



Digitized by 



Google 



TEMPI MODERNI 239 

reozo De-Medici ; il simulacro della battaglia di Marignano ; una festa nel 
palazzo di Leonardo]. 

382. AsL. — S. 4, XXXI, 4, 1904. — Beltrami L., Per la raccolta 
Vinciana in Milano. — Calvi 6., Un'allegoria di Leonardo. 

383. Nn. — XIV, 10, 1905. — Bernich E., // monumento di Giova- 
nello de Cunto nella Chiesa di S. Maria a Caponapoli e il suo archi- 
tetto scultore [Del sec. XVI]. 

384. BsPt. — VII, 3-4, 1905. — Mazzini M., Documenti diarie to- 
seana in Liguria [Bernardino di Antonio Ser Antonio e Francesco Ricco- 
manni, 1517 e 1530], 

385. AsL. — S. 4, XXXII, 7, 1905. — Sant'Ambrogio D., Scac- 
ekiera della seconda metà del XVI secolo appartenuta ad un Benìabò 
Visconti di Como, • 

386. Rcar. — IV, 1, 2, 1906, — Von Mliller O., / sepolcri di stu- 
denti tedeschi in San Domenico di Siena [Leone Barth v. Harmating, 
I 1586 — Guglielmo Schott. f 1590 — Carlo di Brenner, f 1577 — Gio. 
Glewein, f 1629 — Gugl. von. Barland, Crist. Cless v. Uressenstein]. 

387. AsI. — S. 5, XXXIV, 4, 1904. - Segre A., / prodromi della 
ritirala di Carlo Vili Re di Francia di Napoli: saggio sulle relaxioni 
tra Venexia^ Milano e Roma durante la primavera del 1495 [CJontinua- 
zione cfr. Rsl.^ 1905, sp. n. 375: il Moro viveva in grande orgasmo per 
le minaccie speciali dei Francesi contro di lui e mentre tutti gli alleati si 
apprestavano ad operare più o meno di buon grado, soltanto il Re dei Ro- 
mani dava poco buone speranze di mantenere i suoi impegni benché agli 
alleati fornisse alcuni buoni consigli come quello di chiudere al Re fran- 
cese i passi di Toscana e Romagna. Qualche speranza dava Firenze di ope- 
rare quando le desse sicurezza la vicinanza di im esercito dei collegati. 
Frattanto Carlo Vili giungeva a Roma, a Siena, a Pontremoli, a Fomovo 
ove passò a dispetto della lega. N. 15 dooc. in appendice]. 

388. Rhmc. — VI, 5, 1905. — Haaser H., Ve quelques sources de 
l'histoire des premières guerre d'Italie [1* Le e vergier d'honneur» . 2® Los 
plaquettes officielles du règne de Charles Vili. 3» Les «Diari» de Marin 
Sanuto considérés commo sources de Thistoire de Franco]. 

389. BsSI. — XXVII, 7-9, 1905. — Borrani S., La parrocchia e i 
parroci di Cornano presso Lugano [Dal secolo XV al XIX]. 

390 BsSr. — XXVII, 4-6, 1905. — Olivi dei laghi Vertano e Ceresio 
[Notizie del sec. Vili e del 1523]. 

391. Asso. — II, 2, 1905. — Catalano-Tirrito li,, Le giostre in 
Sicilia, notixie e documenti [Simili divertimenti introdotti nell'Italia me- 
ridionale più tardi che nella superiore vi fìoriscono solo nei secoli XV e XVI]. 

392. AsI. — S. 5, XXXIV, 4, 1904. — Bernardy A. A., Fram- 
menti Sanmarinesi e Feltreschi [Continuazione cfr. Rsl., 1904, sp. n. 303. 
ni. Maestri e scolari a San Marino dal XV al XVIII secolo]. 

393. AsM. -- V, 3-4, 1904. — Perrone-Grande L., Notixie sull'a- 
pertura a Messina del Banco privato di Antonino Mirulla neWanno 1491 
eon due documenti inediti. 

394. BssA. — 8. 2, XVI, 10, 1905. — Gelidonio G., Marco di Sciarra 
nelle contrade Peligne [Sul famoso bandito del sec. XVI che ancora vive 
leggendario, riporta documenti ossia note di pagamenti, etc.]. 

395. RP«. — XXI, 3-4, 1904. — Abignente, Ancora un po' di po- 
lemica intomo alla disfida di Barletta, 



Digitized by 



Google 



240 SPOGLIO DEI PERIODICI 

396. Rhmc. — VI, 9, 1905. — Bonmlly V. L., Les rapports de 
Francois Icr et d'Henri II avec les ducs de Savoie Charles II et Em- 
manuel- Phi liberi (1515-1559) [KsamiDa in particolar modo i lavori del 
Segre, cui aggiungo quelli del Leone, del Tallone, del Vaccarone e di pa- 
recchi francesi]. 

397. Ro. — li, 9, 1905. — Spadolini E., Un eroe bolognese [Galeazzo 
Marescotti a proposito delPamore per Camilla Malvezzi]. 

398. Rsst. — II, 2, 1906. — Baqnaiuti E., Polemiche luterologicke 
[Rassegna dei recenti studi di F. Pijper, P. Kalkoff, E. Denifle, W. Walther, 
Q. \V. Hunzinger, T. Brieger, 0. Clemen, H. Grauert]. 

399. RsA. — N. S., XIII, 16, 1904. — Cerioli A., Su di unmonu- 
mento inedito alla B. Guarisca A r rigogli nella Valle Idalaspina di Can- 
neto Pavese con cenni storici su Val Taleggio [Decrizione, esame del mo- 
numento dedicato noi 151 1 alla santa che ottenne da Filippo Maria Visconti 
privilegio di immunità alle famiglie Arrigoni, Rognoni e Quartironi nel 1438; 
seguono notizie e documenti sulle famiglie predette]. 

400. RsA. — S. 2, XIV, 20, 1905. — Interpraetatio et declaratio sta- 
tuti sive consuetudinis Alexandriae in fauorem agnatorum ad exclusionem 
foeminarum dotatarum [Atto notarile del 1512 riflettente la convocazione 
dei dottori alessandrini e del responso da essi pronunciato, pubblicato te- 
stualmente. 

401. RsC. — XIII. luglio-settembre 1905. — Documenti per la storia 
di alcuni comuni dell'Italia Meridionale negli anni 1519-21. 

402. Bah. — XLVI, 1, 2, 3, 1905. — Villa R. A., Et Emperador 
Carlos V y su corte, 1522-1539, 

403. Ro. — II, 10, 1905. — Sorbelli A., L'incoronaxione di Carlo V 
in Bologna [Lettura], 

404. AsI. ^ XXXVl, 4, 1905. — Zanelli A., Carlo V a Peschiera, 
1530 I Pubblica una lettera del Paratico al padre Branchino in cui si de- 
scrive l'avvenimento]. 

405. AsS. — N. S., XXIX, 3-4, 1905. — Vitale N., Trapani nelle 
guerre di Carlo V in Francia e contro i Turchi [Colla scorta di docu- 
menti dei « Registri del Senato » conservati nella biblioteca Fardelliana di 
Trapani, importanti oltre che a lumeggiare un episodio di storia locale per 
conoscere le tristi condizioni e lo difficoltà finanziarie delle città siciliane]. 

406. AsS:). — lì, 1, 1905. — Pardi G.. Carlo V e la comunità di 
Mineo [Dà il testo delle convenzioni stipulate nel 1542 tra il viceré di Si- 
cilia don Ferdinando Gonzaga e le comunità di Mineo, nonché i privilegi 
a questa accordati in compenso del donativo di 10.000 ducati d'oro]. 

408. BsP/. — VII, 1, 1905. — Lupo Gentile M., Intorno a un rag- 
guaglio di Giovanni Forteguerri [Di cui usufruì il Varchi nel riferire tra 
l'altro sulla battaglia di Gavinana e la morte del Ferrucci]. 

407. BsP?. — VII, 2, 1905. — Lupo Gentile M., // ragguaglio di 
Giovanni Forteguerri sugli avvenimenti di Pistoia dal 1525 al 1549 

[Ne pubblica il testo]. 

409. AsI. — S. 5, XXXV, 2, 1905. — Frati L., / Ricordi di due 
Papi [Di Paolo III indirizzati al fratello Cardinale Ranuccio Farnese e di 
Innocenzu IX a guisa di massime morali; sono conservati in una miscel- 
lanea della Biblioteca universitaria di Bologna]. 

410. AsL. — S. 4, XXXII, 8, 1905. — Fossati F., La plebe vige- 
vanese alla conquista dei poteri pubblici nel 1536 [Descritte brevemente 



Digitized by 



Google 



T£MPI MODERNI 241 

le caase del decadere economico del comune fin dal seoolo XV, narra i 
torbidi suscitati dalle deliberazioni consìgliari del 1525 e Tagitazione ohe 
dal 1530 prese forma legale, tra il partito democratico e quello dei nobili, 
finché il primo pervenne alla vittoria]. 

411. AsI. — XXXVI, 4, 1905. — Dini F., MeaBer Franceseo Cam- 
pana e i suoi [Pubblica due lettere del 1549 ohe chiariscono circostanze 
relative alla vita e alla famiglia del segretario del duca Cosimo I De Medici]. 

412. KsA. — N. S., XIII, 16, 1904. — Bnussoni P, L., Fatti acca- 
duti nel Convento di S. Croee^ 1566-1902 [Non si possono riassumere le 
numerosissime notizie, riguardanti sopratutto visite di principi e ospitalità loro 
accordate, meno graditi alloggiamenti militari in occasioni di guerre, eto.]. 

413. RsA. — S. 2, XIV, 19, 1905. — Brnssone P. L., Dalla Terra 
di Bosco a Roma [Ricorda persone di Bosco che recatesi a Roma, senz'altro 
titolo che quello della conoscenza, dell'amicizia o di lontana consanguineità, 
furono collocate in posizione elevata da Papa Pio V incline a favorire la 
gente della terra natia]. 

414. Ro. — U, 6-7, 1905 — Beltruni P., L'atto d'abiura delVere- 
lieo faentino G, B, Bertucci [Nel 1569]. 

415. AsM. — VI, 1-2, 1905. — Orino S., Le mappe geografiche della 
battaglia di Lepanto che trovanai a Messina nei prospetti del basamento 
marmoreo della statua di Don Giovanni d'Austria, 

416. Pwi. — III, 10, 1905. — PHot A., La peste del 1575 e una frot- 
tola vernacola. 

417. B0. -- 8. 2, Vili, 84, 1905. -^ Voltolini Mathans L., Die Le- 
gation des Cardinal Hippolit Aldobrandine naeh Polen itn Jahre 1588' 
1589 [L'arciduca Massimiliano d^Austria pretendente cattolico al trono di 
Polonia era stato sconfitto e fatto prigione da Giovanni Zamoyski gran can- 
celliere di Polonia favoreggiatore della candidatura del principe Sigismondo 
di Svezia protestante. Interceduto dair Imperatore Rodolfo II cui non con- 
veniva allora una guerra colla Polonia, il Papa Sisto V mandava colà ÌAÌ- 
dobrandini che superando gravi difficoltà otteneva la liberazione del prigione 
ed evitava una gran guerra che poteva avere conseguenze incaloolabUi se 
si effettuava la minacciata alleanza polacco-turca controra casa d^Austria]. 

418 Rcar. — III, 7, 1905. — Di Broilo F., La patria e la famiglia 
ài Sisto V. 

419. AsL. — S. 4, XXXU, 6, 1905. — E. M., La « Relazione di Mi- 
lano > del Leoni ed altri documenti lombardi donati alla società storica 
lombarda [La relazione ms. fu secondo il Ranke stesa nel 1589]. 

420. BoSI. — XXVn, 10-12, 1905, ottobre-dicembre. — Neri A., La 
patria d'origine d'Urbano VII [Dimostra del tutto infondata la tesi del 
Vegezzi dell'origine luganese di Urbano VII, papa nel 1590, essendo egli 
della famiglia Castagna di Voltaggio]. 

421. Ha. ->- IV, 3-4, 1904. — S|iadoni D., Un'ordinanxa sanitaria 
del secolo XVI e Macerata [Del 1592; ne dà il testo]. 

422. Tr. — Vili, 2, 1905. — Un componimento per omicidio in Val 
di Fiemme nel 1595. 

423. AsM. — V, 3-4, 1904. — Ruffo C, Bandi vieeregi pubblicati 
in Scaletta [Ne pubblica tre del 1599, emanati dal Duca di maquoda, i due 
primi riguardano Pevasione dalle carceri di Palermo di tre facinorosi ter- 
ribili ; il 3<» per Parrolamento delle « bonevoglie » dell'armata dì Sicilia che 
prepara vasi in vista degli armamenti turcheschi]. 

RivUta storica italiana, 3» s., v, 2. 16 



Digitized by 



Google 



242 SPOCfLlO DEI PERIODICI 

424. RsA. — S. 2, XIV, 20, 1905. — Giorcelli G., Documenti im- 
diti poco noti della cittadella di Casale 1590-1695 con la pianta della 
medesima [I. Erezione della cittadella, 1590. — II. Creazione della par- 
locchia della cittadella. — IH. Il tasso della cittadella, 1609. — IV. Im- 
posta sulla ricchezza mobile in Casale, 1619. — V. Ancora i debiti della 
cittadella, 1626. — VI. Come i governatori della cittadella prendevano pos- 
sesso della loro carica, 1622. — VII. Giuramento di fedeltà di un gover- 
natore della cittadella, 1634. — Vili. Atto di ignominiosa violenza del 
marchese Crénan governatore francese della cittadella contro il marchese 
Carlo Passati casalese, governatore generale del Casalese, 1691. — IX. De- 
molizione della cittadella : quando, come e da chi venne demolita, 1695. 
— X. I governatori della cittadella. — XI. L'ultimo parroco della citta- 
della; elenco dei parroci della cittadella]. 

425. RPw. — XXII, 1-2, 1905. - Vitale V., // ^ libro rosso» di 
Trani e l'autenticità dei documenti [Raccolta del secolo XVI]. 

426. — RPw. — XXI, 3-12, 1904-5 e XXII, 1-2, 1905. — BecciaN., 
Una tarda giustizia: Ristretto dell'Istoria della città di Troia e sua 
diocesi [Notizia di una cronaca della città di Troia e sua diocesi, rivendi- 
cata a Pientonio Russo o Rosso nato in Manfredonia nel 1527: a brevi 
notizie biografiche fa seguire il testo]. 

427. KPu. — XXI, 3-10, 1904. — Serena O., Rodolfo de Angelis, 
1595-1640 [Brevi notizie della vittima del governo spagnolo, compagno di 
congiura di Fr. Epifanio Fioravante]. 

428. Mo. — IV, 3-4, 1904. — Crocioni G., Le accademie di Arcevia 
I Un'accademia dei « Dispersi » dal finir del '500 alla metà del seicento; gli 
« Afifumigati ♦ no raccolsero l'eredità e finalmente nel 1750 si fondò la co- 
lonia Misena dell'Arcadia la quale onorevolmente associò agli sdilinquimenti 
poetici di cui FA. dà alcuni ragguagli, le più serio cure a ricerche di patria 
istoria secondò le tracce del Zeno, del Fontanini, del Maffei, del Muratori, etc. 
Durò fino al 1812; si corcò invano di riannodarne le tradizioni nel 1887, 
e la nuova Rivista Misena durata un decennio supplì in parte al fallito ten- 
tativo]. 

429. Rj^S. — XIII, luglio-settembre 1905. — Cronistoria della città di 
^iootera Volume secondo: Dalla congiura del Campanella]. 

430. AsSO. — II, 3. 1905. — Casagrandi V., La piax-xa maggiore 
di Catania medioevale [Secondo un documento tra il finir del 1500 e il 
principio del sec. XVll]. 

431. AsL. — S. 4, XXXI, 4, 1904. — Una famiglia novarese tra- 
piantata in Friuli [La famiglia Tartagna emigrata da Orta Novarese alla 
fino del sec. XVI in Udine]. 

432. AsL. — S. 4, XXXII, 6, 1905. — Lettere di cardinali lombardi 
de' secoli XVI e KVIl [Notizia di una raccolta del fondo italiano della 
Nazionale di Parigi; comprende lettere di oltre centoventi cardinali tra cui 
è un numero considerevole di italiani]. 

433. AsSO. — II, 1, 2, 1905. — Verdiranie G., Le istituxioni so- 
ciali e politiche di alcuni Municìpi della Sicilia Orientale nei secoli 
XVI, XVII, A' F/// [Continuazione cfr. i?s/., 1906, sp. n. 886: Studia 
ancora le imposte e tasse, per passare quindi nella parte seconda all'esame 
delle istituzioni politiche riguardanti il signore e i suoi poteri, gli ufficiali 
del signore e Famministraziono dei Municipi, le istituzioni giudiziarie e la 
j)rocedura, le disposizioni penali e di polizia, i rapporti esterni]. 

434. BsSL — XXVII, 4-12, 1905. — Catalogo dei documenti per 



Digitized by 



Google 



TEMPI MODERNI 243 

Vistorìa della prefettura di Mendrisio e Pieve di Balerna dalVanno 1500 
circa alVanno 1800 [Continuazione cfr. Rai., 1905, sp. n. 1400: Dal 1593 
al 1704]. 

435. AsM. -— VI, 3-4, 1905. — Inferrerà G., Vicende del bestiame 
in Sicilia dal XVI al XfX secolo, e particolarmente nel territorio di 
Messina, 

436. Ro, — li, 0-7, 1905. — Baroncini R., Ulisse Aldrovandi e Luca 
Ghini [Nel 3<» centenario della morte dell 'Aldrovandi]. 

437. RA. — XX, 4, 1905. — Savini F., Alcune lettere di Vescovi 
apntiini a cardinali nel secolo XVII [Documenti della biblioteca vaticana]. 

438. Rcar. — IH, 6, 1905. — Gheno A., JSicolò Boldrini^ incisore 
rieentino in legno del secolo XVI. 

439. Nn. — XIV, 5, 7, 1905. — Geci G., Domenico Oargiulo detto 
Mino Spadaro [Enumera e descrivo lo opere del pittore del soo. XVII]. 

440. Pw. — III, 36, 1905. — Aitelli E., Salvator Rosa [Saggio sintetico]. 

441. Nn. — XIV, 12, 1905, dicembre. — Ceci G., Documenti per l'arte 
napoletana del secolo XVII, 

442. Ma. — IV, 3-4, 0, 1904. — Scatassa E., La Compagnia del 
SS. Crocifisso detta « della Orotta » in Urbino [Documenti che trattano 
(lei lavori eseguiti da vari artisti della decadenza secentistica]. 

443. Ro. — II, 10, 1905. — Nascimbeni G., La filosofici naturale di 
Alessandro Tassoni. 

444. Ma. — V, 4-G, 1905. — Scatas«>a E., Un'accademia di Belle 
Arti in Urbino nel sec. XVII. 

445. BsSI. — XXVIl, 10-12, 1905, ottobre- dicembre. - Di Liebenau T., 
// Landvogt Gabriele di Diessbach in Vallemaggia [Tirannello di V^alle 
Maggia dei secolo XVII]. 

446. AsSO. — II, 2, 1905. — Casagrandi V., // castello Ursino di 
Catania nel sec. X VII da nuovi documenti. 

447. AsM. — VI, 3-4, 1905. — Mari A., Per Giovanni Bernardino 
Rodriguez detto il Siciliano {secolo XV II). 

448. AsM. — VI, 3-4, 1905. — Sacca A., Alcune spese per la cap- 
pella del Duomo di Messina nel secolo XVII. — L^ arsenale di Messina. 

449. AsM. — VI, 1-2, 1905. — La Corte-Cailler G., La ricostruxione 
del monumento Balsamo [Uno fra i più belli di Messina nel secolo XVII ; 
poco nulla si sa del pei*sonaggio cui fu dedicate]. 

450. BsSI. — XXVII, 10-12, 1905, ottobre-dicembre. — Streghe in Me- 
solcina [Elenco di processi per stregoneria nella Mesolcina dal 1002 al 1740J. 

451. Rcar. — IH, 9, 1905. — Scala A., La patria del Cardinale 
Maxxarino, 

452. RsA. — N. S., XIII, 10-18, 1904. — Giorcelli G., Le città, le 
terre ed i castelli del Monferrato descritti nel 1604 da Evandro Baro- 
nino Cancelliere del Senato di Casale. 

453. AsM. — VI, 1-2, 1905. — Sacca V., // cavallo donato dalla città 
di Messina al Viceré Marchese di Vigliena [Nel 1607]. — Id., Regalie.., 
dolcissime del governo Spagnuolo [Doni governativi agli ufficiali di Corto 
nel sec. XVII]. — Id., Una preghiera pagata bene [Circa cinquemila li io 
per implorare la nascita d'un principe reale nel 1601]. — Id., Mercato di 
srhiavi turchi [In Messina sui primi del sec. XVII]. — Id., Duepro-ctti 



Digitized by 



Google 



244 SPOOLIO DSI PERIODICI 

bix,xarri [La vendita dei vestiti dei morti all'ospedale e uiia tassa della città 
di Mossina al capellano di S. Antonio perchè impedisse che i porci andas- 
sero per le strade — tuttociò nel scc. XVII]. 

454. Bah. — XLVIII, 2, 1906. — Fernandez Dopo C, Don Fedro 
Enriqìiex de Acevedo, eonde de Fuenies, gobernator del Estado de 
Milan en lo anos 1600 a 1610 [A proposito della recente pubblicazione di 
A. Giassani : // forte di Fuentes; episodi e documenti di una lotta se- 
colare per il dotninio della Valtellina]. 

455. Ma. — IV, 6, 1904. — Aiiselmi A., Una fabbrica sconosciuta 
di maioliche del pittore Tarquinio Sairi da Sasssoferrato [Tre documenti 
del 1606, 1664, 1683]. 

456. AsI. — S. 5, XXXV, 1, 1905. — Di Pierro C, Tre lettere di 

A. Tassoni [Le due prime del 1612-13 hanno allusioni alFopera e Varietà 
di pensieri > pubblicata in Modena nel 1613, la terza è del 1617 : sono tutte 
tre dell'archivio di Stato di Firenze]. 

457. RsA. — S. 2, XIV, 17-18, 1905. - Bollea L. C, Una /(we wt- 
litare controversa della guerra per la successione del Monferrato {Aprile- 
Giugno 1615 [Furono pubblicate quasi contemporanee agli avvenimenti in 
Venezia, a Torino e altrove parecchio e veridiche» relazioni, prò e contro 
le varie parti che si disputavano la vittoria : benché anonime, è facile in- 
dovinarne gli autori, benché vantato per e veridiche» sono interessate e 
bugiarde. L'A. critica le medesime e valendosi di minuto di relazioni fatte 
sul campo di battaglia tratto tratto per ordine di Carlo Emanuele I, di una 
relazione ms. corretta di pugno ducale, dei carteggi ducali, ricostruisce cri- 
ticamente gli avvenimenti disputati]. 

458. AsM. — VI, 1-2, 1905. — Arenaprimo G., Notixria su Mario 
Giurba [Il famoso giureconsulto messinese, d"i cui scrisse il Macrì, fu nel 
1619 accolto nella Confraternita degli Azzurri]. 

459. BsSI. — XXVII, 10-12, 1905, ottobre-dicembre. — Mazzetti R, 
Un curioso processo [Del 1623, contro i fratelli Rodomonte ed Ambrogio 
Tradate di Civenna, per aver impedito un matrimonio]. 

460. AsM. — VI, 1-2, 1905. — Majorca-Mortillaro L. M., Le ono- 
raìixe dovute al Viscpnte, alla Viscontessa di FrancaviUa ed al loro pri- 
mogenito nella corte spirituale di quella città [Spigolature storiche dei 
secoli XVII e XVIII (1623-1720)]. 

461. Rcar. — III, 6, 1905. — Beanfort J., Robert d'Hertaul de 
Beaufort Major de la ville et citadelle de Pignerol [1625-1669], 

462. AsS. — N. S., XXÌV, 3-4, 1905. — Salinas A., Un ricordo 
della peste di Palermo del 1626 [Illustrazione della lamina di piombo testé 
rinvenuta presso il Lazzaretto]. 

463. AsL. — S. 4, XXXII, 5, 1905. — Petraglione G., Un'edixione 

ufficiale di storici milanesi [Documenti del 1627-32]. 

464. BsSI. — XXVII, 4-6, 1905. — Ancora del casato Verda: In- 
dustria dei cristalli in Lugano [Notizie del 1629]. 

465. AsI. — S. 5, XXXIV, 4, 1904. — Andreani L., Galileo tonsu- 
rato [Pubblica la bolla relativa alla prima pensione ecclesiastica di G. la 
quale importava la tonsura ricevuta il 5 aprile 1631]. 

466. AsM. — VI, 3-4, 1905. — Arenaprimo Ct., Reciproche cortesie 
tra il senato di Palermo e quello di Messina nel 1639-40. 

467. Rcar. — III, 7, 1905. — Carreri P., Di alcune solennità per 

noxxe Este-Farnese [f648}. 



Digitized by 



Google 



'fr 



TEMPI MODJiKNl 245 

468. Nn. — XIV, 9, 1905. — Don Fastidio, Un boia appiccato [A 
Napoli nel 1651]. 

469. Rcar. — III, 4, 1905. — Bértuzzi A., La nobiltà romana nel 
1653 [Elenco desunto da thi ms. Vaticano]. 

470. RPu. — XXI, 3-4, 7-8, 9-10, 1904 e XXII, 1-2, 1905. — Vista 
F. S., Un'esecuzione di giustixia in Barletta nell'anno 1659. — Altri 
tn documenti interessanti la storia dei tempi e costumi dei primi anni 
ad sec. XVII. — Compra e vendita di schiavi in Barletta, i 600- i 6 66, 
- Locazione d'opera^ 1099-1560. 

471. AsM. — VI, 3-4, 1905. — La Corte Cailler G., Notizie del campo 
spagnuolo alla guerra messinese del 1674-78 [Raccolta di notizie sincrone 
attìnte alla viva l'onte di testimoni oculari]. 

472. AsM. — V, 3-4, 1904. — Arenaprimo G., Oli esuli messinesi 
del 1678-79. Notizie e documenti [Premette pochi cenni sulla rivoluzione 
sfrattata e tradita da Luigi XIV ; narra le scene drammatiche della prima 
emigrazione sulla squadra francese, computando il numero degli esuli a circa 
quattromila. L'indulto generale pubblicato dal Governo spagnuolo restaurato, 
la generosa longanimità del nuovo Viceré Don Vincenzo Gonzaga dei Duchi 
di Mantova sospese dopo quel primo e forte esodo l'emigrazione. Ma es- 
sendo anche risorti i torbidi spiriti fu aggiunto un consultore al Gonzaga, 
Don fiodrigo Antonio Quintana; costui divenuto arbitro del potere, si formò 
U convinzione ohe la restaurazione non sarebbe sicura finché vivevano pur 
na.scosti nella città molti di coloro che orano stati promotori della rivolta, 
onde si fece violatore deir indulto ; perseguitò, proscrisse, giustiziò; ebbe 
connivente Tarcivescovo per molte vittime esti*atte dai conventi ove si erano 
rifugiate. La reazione divenne poi ferocissima sotto il nuovo Viceré Don 
Francesco Benavides Conte di Santo Stefano trasferito (1679) in Sicilia dal 
vicereamo di Sardegna dove aveva acquistato fama di terrorizzatore. A danno 
degli esuli stabilì nuove confìsche, in città decretò nuovi suplizi, onde l'e- 
migrazione dei compromessi di cui fu anche pubblicato un generale elenco, 
rioominoiò. Volle il Viceré togliere ogni rapporto tra i cittadini e gli esuli, 
i quali cacciati poi di Francia andavano raminghi per l'Italia, accolti pie- 
tosamente solo dal Granduca di Toscana. Il loro numero supera con proba- 
bilità i ventimila. In appendice 16 documenti]. 

473. AsM. — V, 3-4, 1904. — La Corte Cailler G., Per la biografia 
di Filippo luvara [Elenco di otto stampe del geniale architetto (1685-1736)]. 

474. BasD. — XXVII, 11-12, 1904. — Attestazioni rilasciate dalla 
Repubblica veneta al capitano Vule Nonkovig [Testo del documento del 1693], 

475. AsI. — S. 5, XXXV, 1, 1905. — Robiony E., Una missione 
ignorata d'un inviato del Duca di Parma Francesco Farnese al Gran- 
duca Cosimo III a proposilo delle trattative per la successione di Spagna 
[U Farnese informato dal suo ministro all'Aja, che no aveva avuto confidenza 
dall'ambasciatore di Venezia a Parigi, di una lega segreta tra la Francia o 
il Duca di Savoia e dell -ambizione di costui di farsi tìe d'Italia, mandava 
nell'aprile 1698 a Firenze il Padre Rossi per proporre al Granduca sojire- 
tamente una lega degli stati Italiani: questa a prevenire le mene ambiziose 
di Vittorio Amedeo II doveva con finissima politica invitare lo stesso Duca 
di Savoia a farne parte. L'A. pubblica il testo dello istruzioni]. 

476. AsM. — V, 3-4, 1904 e VI, 1-2, 1905. — Oliva G., Le contese 
giurisdizionali della chiesa liparitana nei secoli XVII e XV III. Con- 
tributo alla storia civile ed ecclesiastica della Sicilia [Le isolo di Lipari 
vennero nel 1390 sotto il Re di Napoli, che non aveva diritto di regalia sui 
vescovati, perciò anche quando la chiesa liparitana fu riannessa alla F^i- 



Digitized by 



Google 



246 SPOGLIO D¥A PERIODICI 

oilia (1609) il Papa pretendeva di non riconoscere per la medesima il pri- 
vilegio della legazia siciliana accordato ai normanni o disputato acremente 
ai tempi di Pio V e sotto i successori. Durante il disaccordo del Papa con 
Filippo V e con Vittorio Amedeo U si offriva occasione favorevole alla Santa 
Sede per proseguire la lotta tentando abolire il gravoso privilegio; strumento 
formidabile del Vaticano era il vescovo Tedeschi di carattere fiero e di edu- 
cazione scolastica quindi per natura portato alla disputa. L^A. tratta nella 
prima parte le contese dei vescovi di Lipari col metropolitano di Messina 
da cui dipendevano, durante il sec. XV^II, con 19 documenti in appendice. 
Nella parte 2* tratta dei periodi successivi con altri 14 documenti]. 

477. AsM. — VI, 1-2, 1905. — Arenaprimo G., Per la lapide osca 
di via Cardines [Dicussioni dal sec. XVUI ai nostri giorni]. 

478. Ro. — II, 4-7, 1905. — Ballardini G., La Colonia Esperide 
Faentina dell' insigne universale Istituto Albrixiano di scienxe ed arti 
liberali [Pubblica il testo di una descrizione della tavola con cui nel se- 
colo XVUI fu ornata la sala della colonia]. 

479. Fm, — III, 39, 1905. — Maasara A., Un erudito ferrarese del 
secolo, XVIII [A proposito del volume di D. Barljon si Girolamo Baruffaldi]. 

480. L. — V, 8, 1905. — Di Giacomo S., Napoli nel Settecento: la 
moda del tabacco. 

4SI. Nn. — XIV, 10, 1905 e XV, 2, 1905. — Nicolini F., Viaggia- 
tori stranieri a Napoli. L II presidente di Montesquieu. II. D. Leandro 
Fernandex de Moratin [Sec. XVIII]. 

482. BsSI. — XXVII, 4-6, 1905. — Ancora della cartiera Fumagalli 
[Nel sec. XVIH]. 

483. Asso. — II, 3, 1905. — Moffa F., Una biblioteca dimenticata 

[In Agira, fondata nello stesso tempo che costituivasi la Ventimiliana a 
Catania con un fondo principale proveniente da Napoli, fondate Puna e 
l'altra dal prevosto Agirino Pietro Mineo nel sec. XVIII. Fra 5000 volumi 
ha incunaboli, codici cartacei e membranacei dei quali PA. dà Pelenco]. 

484. P77/. — HI, 12, 1905. — Foresi M., Una Madonna Laura del 
settecento [Pellegra Bongio vanni geltildonna e poetessa romana]. 

485. Pvi, — III, 28, 1905. — Milano E., La battaglia di Torino in 
un poemetto anonimo contemporaneo [Dà notizia dell^Arpa discordata »]. 

486. AsL. — S. 4, XXXII, 6, 1905. — Zanelli A., Elisabetta Cri- 
stina Wolfenbilttel a Brescia^ 1708 [Sposa a Carlo III d'Austria Re di 
Spagna doveva, compiuto il rito ufficiale delle nozze, da Vienna raggiun- 
gere il consorto a Barcellona. Colla scorta di due diaristi, Bianchi e Caz- 
zjigo, e specialmente di una relazione particolareggiata contemporanea ed 
anonima della Queriuiana, descrive le sfarzose accoglienze ricevute dall'au- 
gusta viaggiatrice negli stati Veneti per ordine del Senato, benché il Go- 
verno di S. Marco non la riconoscesse ufficialmente per regina, durando 
ancora la guerra tra le Case di Borbone e di Absburgo appunto per la co- 
rona di Spagna]. 

487. AsL. — S. 4, XXXII, 8, 1005. — Cipolla C, Epistolario di 
L. A. Muratori edito e curato da Matteo Campori [Amplissima rassegna 
dei volumi VI e VII, che con 1322 lettere abbraccia gli anni 1722-1733]. 

488. AV. — XXIX, I, 1, 1906. — Nani Mocenigo F., Andrea Tron 

[Discorso inaugurale: biografia del patrizio veneto illustre nato nel 1785, 
il quale copri le più alte cariche della Repubblica ed ebbe ingerenza in tutti 
i fatti politici di essa]. 



Digitized by 



Google 



TE31PI MODERNI •^47 

489. RA. — XX, 2-(), 1905. — La Rocca L., La quadruplice alle- 
ciixa dell'anno 17 iS [Continuazione cfr. RsI.y 1905, sp. n. 428: § 10. Le 
trattative di Vittorio Amedeo li con la Spagna e l'Austria. § 11. L'attacco 
alla Sicilia. § 12. La sottoscrizione della quadruplice alleanza. § 13. L'ade- 
sione di Vittorio Amedeo li alla quadruplice alleanza. § 14. Accordo fra 
TAiistria e il Piemonte. § 15. 11 disgraziato epilogo dei disegni dell'Albe- 
roni. § 16. Gli ultimi tentativi per indurre la Spagna alla pace e le dichia- 
razioni di guerra. § 17. Ijsl caduta del ministero Alberoni e l'adesione della 
Spagna alla quadruplico alleanza. § 18. La pace generale. § 19. Lo sgombro 
della Sicilia e della Sardegna. § 20. La rottura della quadruplice alleanza]. 

490. RsA. — S. 2. XIV, 20, 1905. — Pagliano E M., Frammenti 
di un'opera giuridica di Filippo Antonio Marcili del Vert [Estratti dai 
mss. dell'antico Senato del Monferrato ; l'opera « Sulla scienza del giure, 
sulli magistrati e sulle leggi » doveva essere assai vasta ed era dedicata al 
Ke Vittorio Amedeo II; l'A. pubblica e commonta il testo di 5 frammenti]. 

491. Rcar. — III, 10, 1905. — Scala A., Lo stemma del Conte di 
Cagliostro. 

492. Nn. — XV, 1, 1906, gennaio. — B. C, Curiosità napoletane. 
IV. Un amico napoletano del Cas: /ora [Il duca di Maddaloni, Don Carlo 
Cai-afa]. 

493. AsN. — XXX, 2, 1905. — D., Le prime Loggie dei liberi Mu- 
ratori a Sapoli [Pubblica un « Ragguaglio dello stabilimento delle loggie 
dei Liberi Muratori nella città di Napoli» tra il 1749 e il 1751]. 

494. RsA. — S. 2, XIV, 17-18, 1905. — Picco F., // mercato di Mon- 
calco [Da iln documento delParchivio di Stato di Torino, della seconda metà 
del secolo XVIII]. 

495. Rhmc. — VI, 4, 6, 1905. — Muret P.. Les Mémoircs du due 
de Choiseul [Ampia rassegna della pubblicazione di F. Calmettes; interessa 
l'Italia, sopratutto la missione a Roma, 1754-57]. 

496. Pm. — UI, 34-35, 1905. — Foresi M., Del dramma satirico 
« il Conclave » bruciato a Roma per ìnano del boia [Germogliato durante 
il conclave che elesse Pio VI Braschi]. 

497. AsI. — S. 5, XXXV, 2, 1905. — Mori A., iSludi, trattative e 
proposte per la costruzione di una carta geografica della Toscana nella 
seconda metà del secolo XVIII [Con lettere e documenti inediti di Leo- 
nardo Ximenos, G. D. Cassini, G. N. De l'Isle, C. M. De la Condamine, 
N. L. La Caille, T. Perelli ed altri]. 

498. Rcar. — III, 4, 1905. — Cappelletti L., L'' impostura di Maria 
Stella (Orleans non Chiappini) [Argomenti che dimostrano insussistente 
la leggenda di Re Chiappini, quand'anche il famoso baratto attestato dallo 
sbirro Chiappini a Lady Newlwroug fosse realmente avvenuto], 

499. Rcar. — III, 6, 1905. — Scala A., Ordine di S Siefano di 
Ungheria [Ricezione del Cardinale Pozzobonelli nel 1771]. 

500. Rcar. — III, 6. 1905. — Brunetti C, Lo stemma del principe 
di Marocco figlio del Re di Sahara [A proposito d'un libro edito a Roma 
nel 1775 e dedicato a Papa Clemente XII]. 

501. RPm. — XXI, 11-12, 1905. — Carabellese F., L'ultimo deni- 
gratore di Pietro Giannone [Domenico Arcaroli, nato nel 1731 e morto 
vecchissimo dopo il 1820. Fa seguire ad alcune notizie il testo della di lui 
vita di P. G.]. 

502. Nn. — XIV, 8, 1905. — B. C, Curiosità napoletane. III. Sara 
Goudar a 2<apoli [Dal 1770 al 1774]- 



Digitized by 



Google 



248 8P0OU0 DEI PERIODICI 

503. Ro. — II, 4-5, 1905. — Pariset C, Cletnente Bandi e suo car- 
teggio inedito di G. B. Bodoni [Tra il 1778 e il 1793]. 

504. Fa. - XXIV, 11-12, 1905. — Bnstico I., Lettere inediU del 
padre Ireneo Affò [N. 24 lettere dirette al cardinale Luigi Valenti Gon- 
zaga tra il 1780 e il 1788]. 

505. Nn. — XIV, 5. 7, 1905. — Nicolini P., L'abate Oaliani epi- 
grafista [Continuazione cfr. RsL 1905, sp. n. 1451]. 

506. AsN. — XXX, 3, 1905. — Diario della guerra di Velletri soritto 
da Mone. Celestino Oaliani. 

507. AsN. — XXX, 1, 2, 1905. — NicoUni P., Lettere inedite di 
Bernardo Tanueci a Ferdinando Oaliani [Continuazione cfr. RsL^ 1005, 
8p. n. 413: lettere del 1765. Segue la parte II con sei lettere degli anni 
1766-67]. 

508. AsN. — XXX, 3, 1905. — N., Pensieri vari di Ferdùiando Oa- 
liani sul terremoto di Calabria Ultra e di Messina [Del 5 febbraio 1783: 
consigli politici ed economici]. 

509. Asso. — li, 3, 1905. — Cimbali G., Nicola Spedalieri e le ri- 
forme ecclesiastieO'Civili del secolo XVIII [Da un corso di lezioni dettata 
nell'universisà di Roma, con un'appendice di 5 documenti sui Borboni di 
Napoli e di Sicilia contro Spedalieri (1792)]. 

510. AsL. — S. 4, XXXII, 5, 1905. — Greppi E., Un'opera inedita 
di Alessandro Verri sulla Storia d^Italia [Già in pronto al suo ritorna 
da Parigi e da Londra, ne fu sospesa la stampa presso il tipografo Aubert 
di Livorno nel 1767 : in queiranno a Roma s*era imbattuto in una donna 
che non solo doveva interrompere la pacifica pubblicazione ma anche ma* 
tare i destini di tutta la sua vita ; difatto non conveniva, avendo fissato la 
residenza in Roma pubblicare colà un'opera in cui erano pungenti frecciate 
contro il Papato; più tardi poi mutato il brioso e satirico discepolo degli 
enciclopedisti francesi in uno scrittore purista nella lingua e nello stile, 
scrupoloso censore delle inesattezze, politicamente devoto alle tradizioni della 
Curia Romana, imprese a correggere quel lavoro da cui il fratello Pietro 
pronosticavagli fama non inferiore a quella del Beccaria e che non doveva 
pubblicar più mai, malgrado numerose proposte in Italia e ali* estero : qua- 
rantanni più tardi nel 1808 sconfessava completamente l'opera giovanile. 
L'A. ne pubblica la prefazione, ne esamina il contenuto e il metodo osser- 
vando come in molte cose il Verri si mostri non solo novatore ma precor- 
ritore delle teorie moderne; non trascura elogi e rimpianti ad un^opera 
€ che poteva farne nascere altre migliori di lei > ] . 

511. RPm. — XXI, 3-4, 1904. — VacalliuEso N., U ^edueaxtone * 
del Parini e una satira di Salvator Rosa [Per la storia della derivazione 
dell'ode dell'abate lombardo]. 



0. PERIODO DELLA RIVOLUZIONE FRANCESE (1789-1815). 

512. Fa. — XXIV, 6-7, 1905. — Bonaventara A., Luigi Boeeherìni 

[A proposito del primo centenario dalla morte del compositore lucchese]. 

513. Fa. -— XXIV, 4-5, 1905. — Bnstico G., La teoria del progresso 
in Condorcet. 

514. Pm. — III, 1, 1905. — Picco F., Vittorio Alfieri e Agostino 
Tana. 



Digitized by 



Google 



PERIODO DELLA RIVOLUZIONS FB▲^'C£SE 249 

515. L. — V, 8, 1905. — Jacchini Lnraghi F., La trasf orinazione 
delle earte da giuoco dopo la prodamaxione della repubblica in Francia, 

516. Rhmc. — VII, 2, 1905: — Mathìez A., Coup d'oeil critique sur 
rhistoire religieuae de la Revolution franeaise. 

517. Rsh. — X, 1-2-3, XI, 1, 1905. — Boissonnade P., L'histoire 
kommique d* la Revolution franeaise dans les travaux d^hist. politique^ 
admmistr€Uiv0y sociale^ generale et locale^ de Vagrieulture et des classet 
agrieoles^ de l'industrie et des elasses industrieìles. 

518. Rcar. — III, 5, 1905. — Barberi A., La leggenda di Luigi XVIL 

519. Ro. — III, 1, 1906, gennaio. — Lazzari A., // sacco di Lugo 
mi 1796 [Episodio deirinvasione francese nella Romagna]. 

520. L. — V, 11, 1905. — Sardagna S., Quisquilie di storia vencn 
%Mkna \^e\ maggio 1797 quando cadde la repubblica, spigolature di gaz- 
zette del tempo]. 

521. AsL . — S. 4, XXXn, 5, 1905. — Ghisi E., Le bandiere del- 
Tarmata d'Italia 1797. 

522. RsA. — S. 2, XIV, 17-18, 1904. — Picco F., Vecchio Piemonte 
[k propòsito del volume del Bollea sulla rivoluzione francese nella terra 
del Piemonte 1797-99]. 

523. BdsD. — XXVIIT, 1-8, 1905. — La Daltnatie de 1797 à Ì8i5. 
Episode des conquétes Napoléoniennes par Vabbé Paul Pisani [Conti- 
nuazione cfr. RsL 1904, sp. n. 880]. 

524. AsS. — N. S,, XXIX, 3-4, 1905. — TravaU G., Sequestro di 
festa francese in Messina nel 1798 [N. 8 lettere provenienti da Alessandria 
d'Egitto]. 

525. BsSI. — XXVII, 4-6, 1905. — Rivalità per la capitale {nel Ti- 
cino) nel 1798. 

526. AsN. — XXIX, 4, 1904, XXX, 1-3, 1905. — Diano napoletano 
dal 1798 al 1825 [Continuazione cfr. RsL, 1005, sp. n. 476, parte III 
dal maggio 1815 al marzo 1821]. 

527. Sxx. — IV, 6, 1905. — Milano capitale del regno d^ Italia. 

528. Sxx. — IV, 12, 1905. — Galiavresi G., La battaglia d' AusterlitJi 
[Breve riassunto di fatti noti]. 

529. BsPt. — VII, 2, 1905. — Bagiani F., Sebastiano Ciompi nello 
itudio pisano dal 1801 al 1817 [Continuazione, cfr. RsL 1905, sp. n. 458]. 

530. Tr. — Vili, 2-7, 1905. — Lorenzi E., La guardia nazionale 
a Trento durante l'interregno del 180i-t802 [Note estratto dagli atti 
consolari], 

531. AsI. — S. 4, XXXI, 4, 1904. — Galiavresi G., Frammenti 
dell'epistolario del eonte Giuseppe Prina [Quattro lettere del 1802]. 

532. AsL. — S. 4, XXXII, 7, 1905. — Butti A,, La fondazione del 
< Giornale Italiano w e i suoi primi redattori {1804-1806) [Con ampia 
introduzione ricorda le vicende letterarie della prima e seconda Cisalpina ; 
ritesse la biografia, l'operosità, la fortuna di Vincenzo Cuoco emigrato dalla 
sua terra del Molise a Milano, di Giovanni D'AnioIlo e del conte Mode- 
nese Bartolomeo Benincasa. Costoro furono i primi redattori del « Gior- 
nale Italiano > che vide la prima volta la luce il 2 gennaio 1804. Era pub- 
blicazione da principio trisetti manale ; Cuoco direttore e i suoi compagni 
furono fino al termine del 1805 in condizione d'impiegati dello Stato di- 
pendenti dai ruoli del Ministro deirinterno, subirono perciò le vicende della 
politica; la compagnia si disperse nel 1806, ultimo resistette il Cuoco fino 
al 2 agosto. In appendice 13 documenti]. 



Digitized by 



Google 



250 SPOGLIO DEI PERIODICI 

533. AsS. — X. S. XXIX, 3-4, 1905. — Arenaprìmo G., Lettere ine- 
dite di Maria Carolina regina delle due Sicilie [N. 21 lettere tra il 1808 
e il 1811]. 

534. AV. — XXVni, I, 3, 1905. — Wiel T., Lord Byron e il suo 

soggiorno in Venexia [Discorso tenuto nell'Ateneo veneto]. 

535. Pm. — III, 25, 1905 — Castellino Allocco O., Le difficoltà della 
rappreseniaxione [Ricorsi storici: a proposito di una rappresentazione di 
Stanislao Marchisio nel 1808, riporta una lettera di Luigi Pellico]. 

536. RsA. — S. 2, XTV, 1905. — Gasiiarolo P., La banda di Uayno 
della Spinetta [Ck)ntributo dalla storia del brigantaggio in Italia nel se- 
colo XIX: conferenza], 

537. RsA. — S. 2, XIV, supplemento al fase. 20, 1905. — Gaspa- 
rolo F t La banda di May no della Spindtta [Contributo alla storia del 
brigantaggio in Italia nel secolo XIX: documenti dell'epoca napoleonica]. 

538. Rcan — IV, 1, 1906. — Di Broilo P., Ordini pontifici del Mo- 
re/to e di Santa Cecilia [Fondati da Pio VII nel 1806 e Pio IV nel 1847]. 

539. RsA — S. 2, XIV. 17-18, 1905. — P. G., Passaggio di Pio VII 
per Alessandria il 22 maggio 1815 [Quattro documenti]. 



7. PERIODO DEL RISORGIMENTO ITALIANO (1815-1904). 

540. AV. — XXIX, I, 1, 1906. — Santalena A., Satira politica 
[Conferenza ; considera la satira politica noi periodi della rivoluzione fran- 
cese e del ri.sorgiiTiento italiano]. 

541. AsN. — XXIX, 4, 1904, e, XXX, 1, 2, 1905. - Gentile G., 
// figlio di Q, U. Vico e gVinixi deW insegnamento di letteratura ita- 
liana nella R. Università di Napoli [Gennaro V. quello dei figli che più a 
lungo sopravvisse al padre, attendendo seriamente agli studi e continuando 
la tradizione paterna anche nell'insegnamento universitario che tenne ono- 
revolmente fino al 1790, visse fino al 1805: ne narra lo vicende colla 
scorta di numerosi documenti. L'esame di alcuni scritti di lui fornisce oc- 
casione di analizzarne anche le teorie ; beneficato dal Re Carlo III, se non 
fu regio storiografo come il padre, fu quasi regio panegirista ed epigrafista, 
anche del He successore. Da uno sdoppiamento della vecchia cattedra di 
retorica derivò nella Univei'sità di Napoli Pinsegnamento della letteratura 
italiana, per opera delle riforme del marchese della Sambuca, e fu una 
specie di rivoluzione al principio del sec. XIX. L^A. proseguo ricordando 
illustri maestri delle due cattedre neir Ateneo napoletano fino a metà il 
secolo XIX. Documenti letterari, legislativi, amministrativi in appendice. 

542. Nn. — XV, 2, 1906. — // museo di Napoli sotto i Barboni. 

543. Rhinc. — VII, 3-4, 1905-1906. -- Sagnac Ph., Le concordai de 
Ì8i7 [In parte è uno studio più ampio sui rapporti dello Stato colla Chiesa 
sotto la restaurazione dal 1814 al 1821. Interessa la stona della Francia 
e del Papato]. 

544. Ra. — XX, 12, 1905. -- Anselmi A., Il commercio delle ma- 
ioliche di Castelli alla antica fiera di Senigallia [Note rìferentisi al se- 
colo XVIII e ai principio del sec. XIX. 

545. Sxx. — IV, 10, 1905. — Ponchielli A., L'ultima volontà di 
Gioachino Rossini: il Liceo musicale di Pesaro. 

546. Ro. — II. 8, 1905. — Pratella P. B., / Romagnoli nell'arie 
dei suoni: Antonio Cicognani. 



Digitized by 



Google 



PEBIODO DEL RISORGIMENTO ITALIANO 251 

547. Ro. — II, 6-7, 1905. — Panella I., 1/ opinione del Conte Giulio 
Perti^ari intorno alle origini della lingua italiana. 

548. Ro. — II, 9, 10, 1905. — Zagaria R., Un amore di Carlo Bini. 

549. RA. — XXI, 2, 1906. — Coppola S., P. /. Béranger e O. Giusti. 

550. Be, — S. 2, VII, 81, 1904. — Michel E., Champollion il gio- 
€ane a Livorno [Dal 1824 al 1826]. 

551. Be. — S. 2, Vili, 82, 1905. — Cozza Luzzi G., / grandi la- 
vori del cardinale Angelo Mai [Continuazione cfr. Rsl, 1905, sp. n. 493]. 

552. CcEL. — IV, 8-10, 1906. — Luchini E., ^Quando e come fu 
concepito il romanxo dei ♦ Promessi' Sposi » e storia della sua compi- 
laxione. 

553. BsSI. — XXVII, 4-6, 1905. — Sulla storia del repime matri- 
moniale nel Ticino [Continuazione cfs. Rsl ^ 1905, sp. n. 1802: Capo II, 
Ulteriore svolgimento del diritto dopo la conquista svizzera. Capo 111, Co- 
dificazione del 1837. Capo IV, Codice civile del 1882], 

554. Ro. — li, 8, 1905. — De Maria U., Nuove osservaxioni sulle 
liriche di Eduardo Fabri [Cfr. RsL, 1905, sp. n. 978]. 

555. L — V, 7, 1905. — Scherillo M., Gabriele Pepe e Gabriele 
Rossetti. 

556. AV. -— XXIX, I, 1, 1906. — Padoa M., La vita mondana e 
letteraria di Venezia dal i820 al 1866 attraverso le appendici di un 
contemporaneo [Il Locatelli]. 

557. Ro. — III, 2, 1906. — Pariset C, Una lettera inedita di Te- 
renzio Mamiami [Del 19 febbraio 1830 al Conte Cristoforo Ferri poeta 
fanesc: gli raccomanda il dottor Giuliano Urbini concorrente al posto di 
chirurgo primario nell'ospedale di Fano]. 

558. Fo. — XXIV, 6-7, J 905. — Trillini G., U opera politica e l'u- 
manità nella vita di Giuseppe Maxxini. 

559. BsSI. — XXVII, 4-6, 1905. -- Verga D., Lettere di illustri ti- 
cinesi a Cesare Cantò, [Una lettera di Giocondo Albertolli del 13 luglio 1831. 
II. Stefano Franscini]. 

560. CcEL. — IV, 2, 1905. - Della Seta U., Matta G., Carducci G., 
Rapisardi M., Per Giuseppe Maxxini, 

561. Ro. — II, 6-7, 1905. — Gasperoni G., Letteratura Maxxiniana 
[Riproduce l'introduzione sulla Giovine Italia]. 

562. Sxx. — IV, 7, 1905, — Luoghi dove Maxxini cospirò e sofferse. 

563. RPw. — XXI, 3-4, 1904. — Bernardini F., Una eospiratrice 
(Antonietta De Pace, nata nel 1818 e morta in Napoli nel 1893]. 

564. AsI. — S. 5, XXXV, 1905. — ìlicheì E., Nel primo centenario 
della nascita di F. D. Guerrazxi [Ampia rassegna di pubblicazioni d'oc- 
canione]. 

565. Fa. — XXIV, 11-12, 1905. — Ponipeati A., Il poeta dell'Inno 
di Garibaldi [Conferenza su Luigi Mercanti ni]. 

566. Ma. — IV, 3-4, 1904 e V, 3, 4-6, 1905. — Radiciotto G., Teatro, 
mmiea e musicisti in Sinigctglia [Continuaz. cfr. Rsl. 1905, sp. n. 444: 
Capitolo IV, Il teatro reso comunale dal 1830 al 1838, e il nuovo teatro 
comunale. La Fenice che sostituì dal 1839 il precedente incendiato. Parte li. 
Oronaca aneddotica degli spettacoli rappresentati nel pubblico teatro di Si- 
nigaglia dal 1561 al 1904]. 



Di^itized by 



Google 



252 SPOGLIO DEI PERIODICI 

567. AsI. — S. 5, XXXV, 1, 3, 1905. — Montanari E., Pannaci 
moti del 183 1 [Capo I. Condizioni del Ducato di Maria Luigia sotto il 
Keipporg illuminato, poi sotto Tavaro Colonnello Werklein ; le giornate di 
Luglio e la prolusione di Macedonio Melloni ; tranquillità dello spirito pub- 
blico in Parma. Capo II. La rivolta non vuol attecchire ; la sommossa del 
13 febbraio e Tistituzione della guardia nazionale; di fronte ai nuovi avve- 
i^imenti la Duchessa lascia Parma e ripara a Piacenza. Capo III. A Parma 
s'istituisce un governo provvisorio, la politica di questo crea lo scontento 
del partito rivoluzionario. Capo IV. Il fatto di Fiorenzuola: studia la rea- 
zione e il primo intervento austriaco in Parma, indi l'arrivo del generale 
Carlo Zucchi. Capo V. Il 2® periodo del governo provvisorio: il proclama 
26 febbraio di Maria Luigia, il ritorno del generale Zucchi e il proclama 
8 marzo, la tentata fuga del Governo provvisorio. Capo VI. Gli austriaci 
i^ntrano in Parma e ristabiliscono il governo ducale; la mitezza di Maria 
liuigia non toglie un processo contro i membri del governo provvisorio, ma 
eÈ&ì però furono con meravigliosa liberalità e plauso di tutti, prosciolti e 
messi in libertà. A tale sentenza seguì generale amnistia e Maria Luigia 
ritornando in Parma 1*8 di agosto ebbe festose accoglienze, ma di esse non 
S'illudeva la sovrana bene osservando che il fuoco covava sotto la cenere 
€he non bastava la generosità delPanimo a rendere popolare il suo governo 
straniero], 

568. RsA. — N. S., XllI, 16, 1904. — Una contesa epigrafica nd 
itce. XIX [A proposito di una visita di Carlo Alberto ad Alessandria nel 1835]. 

569. BsP«. — VII, 3-4, 1905. — Zaccagnini G., Niccolò Puccini e 
fjli artisti del suo tempo [Descrive il mecenatismo artistico del P., spe- 
cialmente nel 1838]. 

o70. Nn. — XIV, 6, 1905. — De la Ville sur Yilon L., La prima 
ferrovia costruita in Italia [Da Napoli al Granatello nel 1839]. 

571. CcEL. — IV, 5, 1905. — A. D. G., Tre lettere giovanili inedite 
di Teodoro Mommsen [Por la storia della gara che esisteva fin dalla prima 
metà del secolo scorso fra archeologi italiani e tedeschi nel discoprimento 
e interpretazione dei monumenti antichi. Le lettere sono del 1846-1848; 
VX. aggiunge una lettera di Enrico Brunn e un'altra del fratello Tychone 
Mommsen]. 

572. Ro. — II, 6-7, 1905. — Guastalla R., Una lettera inedita di 
V. Bassi [Al Cardinale Patriarca di Venezia, la lettera è posteriore al 
!:j aprile 1848]. 

573. AV. — XXVIII, I, 3, 1905. — Boccazzi L, Pier Fortunato 

Olivi [Discorso]. 

574. BsSI. — XXVII, 10-12, 1905, ottobre-dicembre. — Lettere di il- 
insiri ticinesi a Cesare Gantù. [Di Luigi Catenazzi di Morbio, professore 
nel liceo di Como dal 1898 al 1857]. 

575. Pw. — III, 34, 35, 1905. — Michieli A., A proposito di Aìi- 
tonio Rosmini, per la verità [Recensione del volume del Morando sulle 
famose 40 proposizioni rosrainiane]. — Massara A., L'arte nella mente 
di Antonio Rosmini, 

576. AsM. — V, 3-4, 1904. — Perroni-Grande A.. Giacomo I^^pardi 
a Giacomo Rol [Lo conobbe a Napoli intorno al 1835]. — Id., Una lei- 
fera di Lionardo Vigo a Giacomo Rol [Del 1857]. 

577. CcEL. — IV, 4, 1905. — Zois L., Profughi nelle sette isole: 
Lettere inedite di Niccolò Tommaseo a Luigi Marmocchi [1857-1872 in 
numero di sedici]. 



Digitized by 



Google 



l'EBIODO DEL BISOBQISIENTO ITALUNO 253 

578. CcEL., IV, 6, 7, 8-10, 1905-1906. — De Biasi S., OVIialiani 
nelle isole Ionie. /. Autobiografia inedita di Giuseppe Camillo Mattioli, 
IL A proposito di Luigi Mereantini, — Lue lettere di Paolo Costa e 
un*ode, 

579. RsA. — N. S., XIII, 16, 1904. — Jachino C, La venuta in 
Alessandria di Vittorio Emanuele II il 24 maggio 1858 [Epigrafi, cantate]. 

580. AsS. — N. S., XXIX, 3-4, 1907. — RomaDO-Gatania G., D'un 
dramma sopra Rosalino-Pilo, 

581. AsSO. — II, 2, 3, 1905. — Guardione F., Aspromonte^ meritorie 
e documenti. 

582. L. — V, 5, 1905. — Lnzio A., Per sano e Tegetthoff [A propo- 
sito del volarne del Lumbroso]. 

583. RPtt. — XXI, 7-8, 1904. — Cutinelli F., Venti Settembre [Larghi 
tratti e considerazioni sulla storia del Papato]. 

584. RPw. — XXII, 1-2, 1905. — Filippini L., La frase di Massimo 
d-ÀJieglio [L'Italia è fatta etc. ; considerazioni]. 

585. RPm. — XXI, 9-10, 1905. — Tarozzi G., Civiltà nazionale ed 
umanitaria [Per Giovanni Bovio]. 

586. RPm. —XXI, 7-8, 11-12, 1904-5 e XXII, 1-2, 1905. — Francia G., 
Il genio poetico di Q. Bovio. 

587. AsI. — S. 5, XXXIV, 4, 1904. — Villari P., Un libro del 
prof, Hiifer sopra Alfredo di Reumont [Rassegna deiropera dedicata al- 
ramioo d'Italia e della sua storia nelle lettere, nelle arti, nella politica]. 

588. Pw. — m, 40, 44, 1905. — Muratore D., Alfredo von Reumont 
e l'Italia. 

589. RPw. — XXI, 9-12 e XXII, 1-2, 1905. — Cotugno R., Episto- 
lario di Antonio Tari [Pubblica otto lettere dirette dal T. alFA. nel 1882 
e 1883]. 

590. RA. — XX, 3, 1905. — Pace C, Nieeola Castagna [Ricordi 
biografici] . 

591. Na. — XIV, 8, 1905. — Catapano A., Vincenzo Gemito [A propo- 
sito della monografia di Salvatore Di Giacomo sullo scultore del soc. XIX]. 

592. L. — V, 2, 1905. — Levi P., Mosè Bianchi inedito [Appunti bio- 
grafici e critici con riproduzione di studi del grande pittore], 

593. Ro. — m, 1, 1906, gennaio. — Donati L., Alfredo Oriani [Cenno 
hassuQtivo della sua opera storica e letteraria]. 

594. Ro. — II, 11-12, 1905, novembre-dicembre. — Mini G , Una gio- 
vane letterata e poetessa rom-agnola dimenticata [Maria Virginia Fabbroui, 
1851-1878]. 

595. Tr. — Vili, 7, 1905, settembre. — Meneatrina Fr., In onore di 
PHìppo Serafini [Discorso, nella ricorrenza di un*augurazione di lapide in 
suo onore a Preore nel Trentino, terra natale dell'illustre giurista]. 

596. RsA. — N. S., XIII, 16, 1904. — // Marchese Vittorio Emanuele 
Scoti [Necrologio del fondatore e primo presidente della Società di storia, 
arte e archeologia per la provincia di Alessandria]. 

597. Ga. — N. S., X, 5,^1905. — Bacile di Castiglione F., Goffredo 
di Crollalanza [Cenni biogra'fici]. 

598. RA. — XX, 5-6, 1905. — De Caesaris G., Berardo Mexuccelli 

[Necrologio]. 



Digitized by 



Google 



254 SPOGLIO DEI PERIODICI 

599. RA. — XX. 8-9, 1905. — De Vincentiis N. A., Filippo Pa- 
lixxi e il suo altissimo quadro [Per la biografia dell'artista e per la storia 
dell'arto Vasteso : reca anche una lettera del Palizzi del 1898], 

600. RsC. -- XIII, luglio-settembre 1905. — Nicola Taccone-Gali acci. 
Per l'abbate D, Giuseppe Coxxa-Luxi [Necrologi]. 

601. RPw. — XXI, 5-6, 1904, — Andrea Calenda di Tavani [C^nno 
necrologico]. 

002. Fm, — in, 28, 1905. — Oiovanni Camerana [Necrologio]. 

603. RPw. — XXII, 1-2, 1905. — Vista F. S., Sabino Loffredo 
[Conno necrologico]. 

604. RPm. ~ XXI, 7-8, 1904. — Jaja D., Domenico Morea [Corame, 
moraziono del Rettore dell'istituto didattico di Conversano]. 

605. Pw. — in, 22, 1905. — Polifemo, Giovan Battista Adriani 
[Necrologio]. 

606. Fm. — 111, 2, 4, 1905. — Barbavara C, Gli artisti pieìnon^ 
tesi: Pier Celestino Gilardi. 

607. Pw. — III, 11, 1905. — Ambrosini L., Augusto Conti. 

608. Nn. — XV, 2, 1906. — Valdemaro Vecchi [Cenno necrologico]. 

609. L. — VI, 12, 1905. — Lisio G., Enrico Panxacchi [Cenni bio- 
grafici ed aneddoti]. 

610. Ga. — N. S., X, XXIX, 1, 1905. — Di CroIIalanza A., Il eac. 
G. di Crollalanxa [Necrologio]. 

611. AV. — XXVIII, I, 3, 1905. — Nani Mocenigo F., Alessandro 
Pascolato [Cenni necrologici]. 

612. AV. — XXVIII, 1, 3, 1905. — Gambari L., Pietro Cassani 

[Cenno necrologico]. 

613. AsN. — XXX, 2, 1905. — Croce B., Francesco ìVì«i [Necrologio] . 

614. AsL. — S. 4, XXXII, 7, 1905. — Nevati P., Ippolito Malaguxxi 
Valeri [Necrologia e bibliografia]. 

615. M^. — IV, 5, 1904 e V, 4-6, 1905. - Urbini G., Alinda Bo^ 
nacci Brunamonti nella vita e nell'arte [Larga biografia e critica dell'o- 
pera di lei]. 

616. RsC. -- XllI, aprile-giugno 1905. — Filia F., Antonino Anile. 

617. Sxx. — IV, 11, 1905. — Van dea Borre A. e Cornelio G. B., 

Un poeta patriota: Luigi Pinelli, 

Carlo Contessa. 



Digitized by 



Google 



III. 

LIBKl RECENTI DI STORIA ITALIANA^^^ 



1. STORIA GENERALE. 

À) Inventari, bibliografia, catalogi, codici, metodica. 

1. Ballardini G., Inventario critico e bibliografico dei codici e delle 
pergamene dell'archivio del comune di Faenx^, I11-8, p. xxx-128. 
Faenza, Montanari, 1905. 

2. Calvi E., Bibliografia di Roma nel ynedio evo {476-1499). In-8, 
p. xxiii-175. Roma, Ijoescher C, 1906. 

3. Gabotto F, e Legé V., Le carte dello archivio capitolare di Tortona y 
ser. IX-1220. In-8, p. xi-368. Pinerolo, Chiantoro-Mascarelli, 1905. 

4. Gamurrinì Gian-Fr., Bibliografia dell' Italia antica. Voi. I, in-8, 
p. xv-454. Arezzo, iiacuzzi, 1905. 

5. Malocchi Rod. e Casacca N.» Godex diplomatieus ord. E. S. Augii- 
stini Papiae. Voi. I, in -4, p. lii-247. Papiae, Rossetti, 1905. 

6. * Monticelo G., Sulla opportunità di riprendere e compiere la pub- 
blicazione del « Olossaire archéologique du moyen ùge et de la Re- 
naissancei^ di Victor Oay. (Estr. dagli Atti del Congr. intern. di 
scienze storiche, voi. Ili, sez. 11). 

7. *Oman C, Inaugurai Lecture on the Study of Ilistory. In-8, p. 32. 
Oxford, The Clarendon press, 1906. 

S. *Palaoibo P., Catalogo della mostra storica salentina del maggio 
1905. In-8, p. v-134. Lecce, frat. Spacciante, 190'i 

9. Sattina L., Inventar ium civitatcìise a. D.M.GC'Fj: Inventar ium 
antiquissimus ecclesie aquilejensis. In-8, p. 33. Givi ; ile, Fulvio, 1905. 

10. Taddei P., U archivistica. In-16, p. viii-486. Mila d, Iloepli, 1906. 

B) Storia generale d'arte, di letteratura, 
della civiltà italiana, miscellanee. 

11. * A. A., P. E. Cereti, F. Gabotto, V. Poggi, D. S. Ambrogio, 

Storia ed arte nel Tortonese. In-8, p. 186. Tortona, Rossi, 1905. 

12. * Atti del Congresso internaxionale di scienxe storiche. Volume III, 
in-8, p. 111-720. Roma, Accademia dei Lincei, 1905. 

13. Calvi E., Tavole storiche dei comuni italiani. Parte II {Marche). 
In-8. Roma, Loescher, 1904. 



il) 1 libri segnati con asterisco i') furono mandati alla Rivista, e saranno 
argomento di speciale recensione o nota bibliografica. 



Digitized by 



Google 



256 LIBRI BECENTI DI STORIA ITALUKA. 

14. Cresci M., Storia italiana commentata da U, O, Ozilia, In-8, 
p. 235. Torino, Paravia e C, 1905. 

15. Esposito U., La donna italiana attraverso i secoli. Parte I. In-8, 
p. 59. Napoli, tip. dol Progresso, 1905. 

16. *Massara A., L'iconografia di Maria Vergine nelVarie novarese, 
In-8, p. 32. Novara, frat. Miglio, 1904. 

17. Masi E., Saggi di storia e di critica. In-16, p. 470. Bologna, Za- 
nichelli, 1906. 

18. Mazzoni G., Glorie e memorie delVarte e della civiltà d* Italia, In-16, 
p. xi-435. Firenze, Alfani e Venturi, 1905. 

19. * Muratori L. A., Rerum italicarum scriptores. Nuova edizione, 
T. XXIV, p. XIV, fase, 38. — luliani Canonici Givitatensis Chro- 
nica {1252-1364) a cura di Giovanni Tambara. — T. XI, p. 1», fa- 
scicolo 39. Anonymi Tieinensis liber de laudibus civitatis Ticineiisis. 
Indici, Città di Castello, S. Lapi, 1906. 

20. Spencer Kennard G., Romanxi e romanzieri italiani. 2 voi. in-8, 
p. cvm-298, 366. Firenze, Barbera, 1905. 

21. Vitagliano A., Storia della poesia estemporanea nella letteratura 
italiana dalle origini ai nostri giorni. In-8, p. xvn-268, Roma, 
Loescher^ 1905. 

C) Comuni, castella, edifici, santuari, ecc. 

22. *Ghilini G., Annali di Alessandria annotati e documentati da 0. 
Jachino. Disp. 55, 56, 57, 58. Alessandria, 0. M. Piccone, 1906. 

23. Delle Piane G., Reminiscenxe archeologiche ed artistiche di Ales' 
sandria, Tortona e dintorni. Fase. I, in-8, p. 85. Tortona, Peila, 1905. 

24. Zoratti E., // castello di Ariano. In-8, p. 77. Udine, Del Bianco, 1905. 

25. Fortunato G., Avigliano ne' secoli XI [ e XIII. In-8, p. 19. Trani, 
Vecchi, 1905. 

26. Arata L., Memorie di storia paesana di Borgonovo Val Tidone. 
Parte I. In-16, p. 462, Piacenza, Tedeschi, 1905. 

27. Olmo L., Memorie storiche di Clusone e della Valle Seriana supe- 
riore. In-8 fig., p. xv-265. 

28. Monti S., Il comune di Como nel medio-evo^ In- 16, p. 87. Como, 
Ostinelli di Bertolini, Nani e C, 1905. 

29. Meroni V., La pieve d'Incino o mandamento di Erba. Voi. II, in-16 
fig., p. 220. Milano, Agnelli, 1905. 

30. Villa U., La casa di S. Giorgio a Genova. In-16, fig., p. 137. Ge- 
nova, tip. del Successo, 1905. 

31. *Magrone D., Libro rosso. Privilegi deW università di Mot fetta. 
Voi. UT. Periodo spagnuolo- feudale. In-8, p. 244. Trani, V. Vecchi, 1905. 

32. De Santi M., Studio storico sul santuario di s. Maria Materdomini 
in Nocera de' Pagani In-8, p. xiii-126. Napoli, Melfi e Joele, 1905. 

33. Rusconi G., Le mura di Padova. In-8, p. 31. Padova, Molini, 1005. 

34. *Zimmermann M., Palermo. In-8, p. 164. lioipzig, Seeniann, 1905. 

35. CaiTaro A., Pineroliefisia. In-8. p. 361-xxi. Pinerolo, Chiantore-Ma- 

scarelli, 1906. 

36. Marinelli L., La rocca di Ravenna. In-8, p. 34. Bologna, Zanichelli, 1906. 

37. Malcliiodi G., // santtiario della b. Vergine del castello di Rirer- 
garo. In -8 fig., p. 38. Piacenza, Solari di Gregorio Tononi, 1905. 



Digitized by 



Google 



ÈtI FBIftOìiAKA B itOitàUA 257 

38. Lazi G. Pr., Saggio di una serie dei consoli del comune di San- 
sever ino- Marche. In-4, p. 51. Sanseverino-Marche, Taddei, 1905. 

39. Dessi V., Ricerche suW origine dello stemma di Sassari e sugli stemmi 
dei giudicati sardi, In-4, p. 34. Sassari, Dessi, .1905 

40. Anselmi A., Miscellanea storico-artistica di Sassoferrato e dintorni. 
In-8 fig., p. 35. Firenze, tip. Domenicana, 1905. 

41. *Legé V., Il seminario di Tortona. In-16, p. 16 (estr. dal Popolo). 
Tortona, Rossi, 1904. 

42. Crawford Fr. M., Qleanings from Venetian history. 2 voi. ili , in 8, 
p. 530-452. London, Macmillan, 1905. 

43. Elenco degli edifici monumentali e dei frammenti storici ed arti- 
stici della città di Venezia. In-4, p. 1S5. Venezia, Ferrari, 1905. 

44. RoccaTilIa A., Una pagina di storia biellese: il Comune di Ver- 
nato. In-8, p. 23. Biella, Testa, 1905. 

D) Famiglie. 

45. * Marzi D., Notixie intomo ai documenti di alcune famiglie illustri 
fiorentine. (Estratto dagli Atti del Congr. interu. di scienze storiche, 
voi. 111). Eoma, 1906. 

46. Aaciti Romeo V., Cenni storici sulla famiglia De Vasta di Aci- 
reale. In-8, p. 23. Acireale, tip. Orario delle ferrovie, 1906. 

47. Notixia sulle famiglie Medici di Lunigiana. In-8, p. 106. Firenze, 
Società tip. fiorentina, 1905. 



2. ETÀ PREROMANA E ROMANA. 
A) Monamenti, scavi, topografia. 

48. Moìiumenti antichi pubblicati per cura della r. Accademia dei Lincei, 
Voi. XIV, in-4 fig., 2 voi. (col. 313-956, 844). Milano, Hoepli, 1905. 

49. Pregni G., Su le antichità di Faleria a non meno di VII secoli 
avanti Cristo. Studi critici, storici e filologici, In-8, p. 23. Modena, 
Unione tip. modenese, 1905. 

50. * Bottini Massa E., // luogo della battaglia del Meiauro (207 a. C). 
In-4, p. 14. Fano, Bazzani, 1906. 

51. Pregni G., Antichità di Modena, In-8 fig., p. 24. Unione tip. mo- 
denese, 1905.. 

52. Cristofitnelli G., Intorno a due antiche lapidi padovane. In-8, p. 26. 
Padova, fr. Gallina, 1905. 

53. Hnelsen Cli., Das Forum romanum: scine Geschichte und scine 
Denkm&ler, Zweite verbesserte Auflage. ln-16 fig., xii-244. Kome, 
Loescher, 1905. 

54. *Legé V., Scoperta di antichi sepolcri presso Tortona e presso Mon- 
laido Pavese, lu-16, p. 12 (estr. dal Popolo). Tortona, tip. Rossi, 1906. 

B ) Fatti e istitasioni. 

55. Santoro V., Cominium e le guerre romano-sannitiche. In-8, p. 141. 
Fresinone, Stracca, 1905. 

56. Napoletani G., Intorno alla prima guerra punica. In-8, p. 32. 
Fermo, s. tip. 1905. 

ItMsta storica italiana, 8» S., V, 2. 17 



Digitized by 



Google 



258 tlBRl BECRNtl DI STORU ITALlAl^A 

57. Manaresi €., De tniiiis salirete romanae. Tn*8, p. 43. ForocorDeliì, 
typ. Galeatiana, 1905. 

58. Maschke R., Zur Theorie u. Geschichie der ròmischen Agrarge- 
sexie. In-8, p. vii-116. Eubingen, J. C, B. Mohr, 1906. 

59. Cardiaali C, // regno dì Pergamo. In-8, p. xmi-302. Roma, l^oescher 
e C, 1906. 

CO. Forqaet de Dome C, T^es Cesar s a fricains et syrietts et T anarchie 
vnlitaire, In-8, p. vi-338. Angers, impr. édit. Siraudeau, 1905. 

61. Fazzi C, Doni e onorificenx-e militari presso i Romuni, In-8, 
p. 23. Lucca, Amedei, 1905. 



3. ALTO MEDIO EVO (Sec. V-XI). 

62. Ferraro S., Tja colonna del cereo pasquale di Qdeta : contributo alla 
storia dell'arte medioevale. In 8 fìg., p. 115. Napoli, Giannini, 1905. 

63. * Volpe G., Per la storia giuridica ed economica del medio evo (Estr. 
dagli Studi storici, voi. XÌV, fase. ii). In-8, p. da 145 a 227. Pisa, 
Spoerri, 1905. 

64. Maselli A., Di alcune poesie dubhiosamcìite attribuite a Paolo Dia- 
cono. ln-8, p. 122. Montecassino, tip. di Montecaasino, 1905. 

65. * Carabellese Fr., UApulia e il suo comune nell'Alto Medio Evo. 
In-8 gr., p. XVII -607. Bari, Comniiss. prov. di archeol. e storia, 1905. 



4. BASSO MEDIO EVO (Sec. X[.XV). 

66. Gebhart E., L'Italie mystique, Histoire de la renaissance religieme 
au moyen àge, 4* ed., In-16, p. vn-337. Paris, Hachetteet C, 1905. 

67. * Volpe G.. // sistema della costituxione economica e sociale italiana 
nelVetà dei Comuni, (Estr. dalla Critica, dic.-genn. 1905-1906). In-8, 
p. 27. Pisa, Spoerri, 1905. 

68. * Tallone A., Regesto dei marchesi diSaluxxo, 1091-1340, In-8, p. 548. 
Pinerolo, Chiantoi*e-Mascarelli, 1906. 

69. * Volpe G., // €Liber maiolichinus de gestis pisanorum illustribìis • . 
In-8, p. 24. Firenze, tip. Galileiana, 1906. 

70. * Winter D. A., Die Politik Pisas wiihrmd der Jahre *268-1282. 
In-16, p. 75. Berlin, Verlagsdruckerei Merkur, 1906. 

71. Abn H&mid, La descrizione di Roma nel secolo XII, tradotta e il- 
lustrata da G. Grispo-Moncada. In-8, p. 86. Palermo, Virzì, 1906. 

72. Pimpinella F., Tommaso Sfaltacea^ giustixiere di Federico II. In-8. 
p. 18. Gaeta, Salemme, 1905. 

73. Massi F. P., Nicolò IV, primo papa marchigiano e i suoi tempi. 
In- 16, p. 52. Senigallia, Puccini e Massa, 1905. 

74. Barsotti E., Sulle origini dell'arte della seta in Lucca. In-8, p. 17. 
Lucca, Baroni, 1905. 

75. ''Mollat G., Jean XXII (1316-1334). Lettres communes. In 4, p. 38, 
t. Ili, 5« fase. Paris, Fontemoing, 1905. 

76. Samoran C. et Mollai G., La fiscali té ponti fissale en Franee au 
XlVe siede. In-8, p. xv-286. Paris, libr. Fontemoing, 1905. 



Digitized by 



Google 



T£MPI MODKBNC 259 

77. Pardi G., Gli statuti della colletta del comune d' Orvieto : lo statuto 
del i334. Iq-8, p. 167. Orvieto, Unione tip. cooperativa, 1905. 

78. * Cessi R., L'' espugnazione di Monselice, 1338, (Estr. dagli Atti della 
R, Accad. delle scienze di Torino, voi. XLI). In 8, p. 15. 

79. Manxoni L., Statuti e matricole dell'urte delle città di Firenxe^ Pe- 
rugia^ Siena nei testi originali del secolo XIV. In-4, p. 183. Roma, 
Looscher, 1904. 

80. Vaticini O., La rivolta dei Bolognesi al governo dei vicari della 
Chiesa (1376-1377); l'origine dei Tribuni della plebe. In-8, p. 121. 
Bologna, Zanichelli, 1906. 

81. Serena A,, Francesca^ figlia del Petrarca. In-8, p. 23. Roma, So- 
cietà Dante Alighieri di Albrighi Segati e C, 1904. 

82. Cian V., La coltura e l'italianità di Venezia nel rinascimento. In-8, 
p. 42. Bologna, Zanichelli, 1905. 

83. Di Giacomo S., Vincenxo Gemito: la vita, l'opera. In-4 fig., p. 156- 
VIII. Napoli, Minozzi, 1905. 

84. Podestà P., Cristoforo Colombo nacque in Genova, ln-8, p. 8. Ge- 
nova, tip. della Gioventù, 1905. 

85. Bagolini G. e Ferretti L., La beata Osanna Andreasi da Mantova^ 
ierxiaria domenicana {l4J9'lo05). ln-16, pag. 295. Firenze, tip. Do- 
menicana, 1905. 

86. Beltraini L., // ritratto di Beatrice d'Esfe di Leonardo da Vinci 
alla biblioteca Ambrosiana di Milano. In 8 fìg., p. 44. Milano, 
Allegretti, 1905. 

S7. * Marzi D , Nuovi studi e ricerche intorno alla questione del calen- 
dario durante i secoli XV e XVI (Estr. dagli Atti del Congr. inter- 
nazionale di scienze storiche, voi. III). Koma, 1906. 



5. TEMPI MODERNI (1492-1789). 

«*. * Pellegrini A., Gubbio sotto i conti e duchi d" Urbino (1364-1632), 
(K.str. dal Boll, della R. Deput. di storia patria per TUmbria, voi. XI, 
fase. I-lI, N. 30). Perugia, Unione tipogr. cooperat., 1905. 

SO. Orano D., Liberi pensatori bruciati in Roma dal XVI al XVIII 
secolo. In-8, p. xvi-119. Koma, tip. Unione cooperativa editrice, 1904. 

00. * Pandìani E., Un anno di storia genovese (giugno 1306-1507)con 
diario e documenti inediti. In-4, p. 716. Genova, stah. tip. L. Sam- 
Iwlino e figlio, 1905. 

91. * Epifanio V., // cardinale Soderini e la congiura dei fratelli Im- 
peratore. (Estr. dagli Atti del Congr. intern. di scienze stor., voi. IIIV 
i?oina, 1906. 

1^2. * Bornate C, Documenti per la storia di alcuni comuni delV Italia 

meridionale negli anni 1519-1521. In-8, p. 14. Loano, Nencioni, 1906. 
93. KalliofF P., Forschungen xu Luthers r'ómischen Proxess. In-8, 

p. xxii-212. Rem, Loescher und C, 1905. 
W. RoHl&ìn J., The relation bettceen Michael Angelo and Tintoret, In-24, 

p. 94. Venice, S. Rosen, 1905. 
95. Mondaini G., La storia dei suoi tempi, di G. B. Adriani. In-8, 

p. 88, Firenze, Paravia e C, 1905. 
06. Zottì R., Pomponio Amalteo pittore del secolo XVI: sua vita, sue 

opere e suoi tempi, In-8, p. x-264, Udine, Del Bianco, 1905. 



Digitized by 



Google 



260 UBRI RECENTI DI STORIA ITALIANA 

97. * Mandatari M., La OcUabria in un novelliere del cinquecento. 
(Estr. da L'Italia moderna. Anno IV, fase. 3. Roma, 1906). 

98. * Marsali J., La pastorale dramatique en Franee à la fin du XVI* 
et au eommeneement du IVIU siede, In-8 gr., p. xu-524. Paris, 
libr. Haohette et C.le, 1905. 

99. * Lazzari ni \., Il vero autore della € storia arcana della vita di 
fra Paolo Sarpi», Venezia, C. Ferrari, 1906. 

100. *De Magistris C, P., Carlo Emanuele I e la contesa fra la re- 
pubblica veneta e Paolo V (1605-1601). Documenti, ln-8, p. lu-569. 
Venezia, F. Visentini, 1906. 

101. ""Legé V, // culto della S, Croce in Tortona. L'^ assedio della città 
nel 1642 e il Sacco di Viguxxolo, In-16, p. 14. (Estr. dal Popolo). 
Tortona, Rossi, 1904. 

102. *De Bildt, Christine de Suède et le conclave de démeni X (t669- 
i670). In-8, p. x-281. Paris, libr. Plon, 1006. 

103. Di Taranto C, L'infante di Spagna Carlo III di Borbone in 
Italia prima della conquista del regno. In-8, p. 109. Napoli, Jovene 
C, 1905. 

104. * Carini M., Pier Jacopo Martelli, Studi. Io-8, p. zii-96. Firenze, 
Seeber, 1906. 



6. PERIODO DELLA RIVOLUZIONE FRANCESE (1789-1815). 

105. Clausewitz, La campagne de 1799 en Italie et en Suisse, 2 volami 
in-8, p. vi-479-355. Paris, Chapelot et C.ie, 1906. 

106. Janora M., Dai moti del 1799 alle ritrattaxioni dei carbonari. 
In-8, p. 304. Potenza, Garramone e Marchesiello, 1905. 

107. * Bollea L. C, La rivoluzione in una terra del Piemonte (1797-1799Ì. 
In-8, p. 127. Torino, Clausen, 1906. 

108. Qinieri I., Napoleone e Pio VIL (1804-1813), In-8, p. xn-644. 
Torino, Unione tip. editrice, 1906. 

109. Madelin L., La Rome de Napoléon, La domination fran^ise à 
Rome de 1809 à 1814, In-8, p. 733. Paris, libr. Plon-Nourrit et Cle, 1906. 

110. Driault E„ Napoléon ler et V Italie. In-8, p. 109 (Estr. de la Revue 
histor., t. 88 e 89). Paris, 1905. 

111. ''^ Pollini S., Conto dell' amministraxione delle finanxe del regno 
d'Italia daWanno 1813 e budget per l'anno 1814. In-4, p. xzii^8. 
Aosta, G. Allasia, 1906. 

112. Gruyer P., Napoléon, roi de l'ile d'Elbe. In-8, p. 292. Paris, 
libr. Haohette et C.le, 1906. 

113. *TrayaliG., Una lettera di Gioacchino Murat al comandante 
Micheroux (Estr. dairArch. stor. sioil., N. S., XXX, 4). 



7. PERIODO DEL RISORGIMENTO ITALIANO (1815-1905). 

A) Fatti, lettere, arte, istituzioni. 

114. ^Comandini A., L'Italia nei Cento anni del secolo XIX, In-16, 
disp. 48, p. 1449 a 1512. Milano, VaUardi, 1906. 



Digitized by 



Google 






PERIODO DEL BISOROIMENTO ITALIANO 261 

115. Lamma E., Fra i poeti della scuola romagnola dell'ottocento. In-8^ 
p. nii-138. Kooca S. Casciano, Cappelli, 1906. 

116. *TrovaneUi N., Cesena dal i796 al i859. Tomo I: 1796-1831. 
In-8, p. 184. Cesena, Biasini-Tonti, 1906. 

117. Pipitone-Pedcrico G., La rivoluzione del 1820 in Sicilia. In-8^ 
p. 65. Palermo, Corselli, 1904. 

118. Bianco G., La rivoluzione siciliana del 1820, In-8, p. vn-352. Fi- 
renze, Seeber, 1905. 

119. *Trovanelli N., La battaglia del Monte (20 gennaio 1832). In-16,. 
p. 64. Cesena, Biasini-Tonti, 1906. 

120. CriBtofanelli G., Dei iornali padovani anteriori al 1845 e spe- 
cialmente del giornale Euganeo e del Caffè Pedrocchi. In-8, p. 56. 
Padova, Gallina, 1905. 

121. Fabrìs C, Oli avvenimenti militari del 1848 e 1849. (Parte 1, 
voi. I, tomi i-iii). In-8 fig., 3 voi., p. 382-422-550. Torino, Roux e 
Irassati, 1898-905. 

122. * Mondami G., Nuova luce sul moto milanese del 6 febbraio i853. 
In-8, p. 52. Pavia, Fasi, 1905. 

123. Pesci Um / Bolognesi nelle guerre nazionali. In- 16, p. vn-336. 
Bologna, Zanichelli, 1906. 

124. Corio L., La strada del Campidoglio ^ episodi nazionali 1849-1870., 
ln-8, p. 388. Biella, Amosso, 1905. 

125. *Bonicelli V., Per V istituzione e rimpianto di un ufficio ana- 
grafico-statistico di stato civile e polizia mortuaria nella Rep. di 
8, Marino. In-4, p. 72. Cesena, fratelli Bottini, 1906. 

B). Commemorazioni, biografie, aneddoti. 

126. *CaTazznti G., Federico Carandini e i suoi scritti storico-mili- 
tari, In-8, p. 76-LX. Modena, società tipografica, 1906. 

127. * Givinini- Arrighi G., La prima giovinezza di Giuseppe Civinini. 
(Estr. della Rassegna nazionale, 16 febbraio, 1905). 

128. Gabrielli A., Gaetano Donizetti, In-16 fig., p. 145. Torino, Roux 
e Viarengo, 1904. 

129. *Fnrno A., Severino Ferrari, In-8, p. 46. Bologna, Zanichelli, 1906. 

130. Bacci O., Commemorazione di Severino Ferrari. In-8, p. 43. Prato», 
fr. Passerini e C, 1906. 

131. ^Del Vecchio A., Commemorazione di Augusto Franchetti conia 
bibliografia dei suoi scritti, In-8, p. 115. Firenze, tip. Galileiana, 1906» 

132. Bolsi D.» Una memoria inedita sul passaggio di Giuseppe Gari- 
baldi per Castiglion Fiorentino nel luglio del 1849. In-8, p. 11,. 
Foggia, Leone, 1905. 

133. Sommariva Tesi V., Studio su Goffredo Mameli, In-8, p. 86. Pi- 
stoia, Fiori, 1905. 

134. Serena A., Tulio Massarani. In-8, p. 27. Treviso, Turazza, 1905. 

135. Sardi C, Commemorazione di Lazzaro Papi, In-8, p. 69. Lucca,, 
tip. Giusti, 1905. 

136. Partini F., / nostri ufficiali d^ Africa. Umberto Partini aiutante 
maggiore del 3® battagliotie indigeni, ln-8, p. XV, 367. Roma, Of- 
ficina poligrafica italiana, 1905. 



Digitized by 



Google 



262 LIBRI KSTRAJna ALLA. STORIA ITALIANA 

137. * Ferrar© G., Un prelato alavo amico d'Italia nel eoncilio ecume- 
nico del i870: Giorgio Strossmajfcr. (Estr. dalia Rivista d* Italia, 
gennaio, 190G). 

138. Ra venda B. £., Di un umanista calabrese neW ottocento, {Diego 
Vitrioli). In 8, p. 56. Reggio di Calabria, Siclari, 1906. 

139. Zardo A., Giacomo Zanella nella vita e nelle opere, In-16, fig., 
p. 222. Firenze, Le Monnier, 1905. 



LIBRI ESTRANEI ALLA STORIA ITALIANA 
mandati in dono alla Rivista (1). 

1. Breasted J. H., Aneient records of Egypt. Voi. I. In-8, p. xlii-344. 
Voi. U, p. xxmi-428. Chicago, The University of Chicago Press, 1906. 

2. Gallegari G. V., La tradizione axteea del diluvio. (Estr. dagli Atti 
delFL R. Accad. di Rovereto, S. m, voi. XII, fase, i, 1906). In-8, p. 13. 

S, Cartellieri A., Philipp II August K'ónig von Frankreich. Band II, 
in-8, p. xxxii-360. Paris, Le Soudier, 1906. 

4. Croiset M., Aristophane et les partis à Athènes. In-16, p. xn-312. 
Paris, Fontemoing, 1906. 

5. Ferct P.. La f acuite de théologie de Paris et ses docteurs les plus 
eélèbres (Epoque moderne, t. iv). In-8, p. 448. Paris, Picard, 1906. 

6. Flack H. E., Spanish-Ameriean diplomatie Relation preeeding the 
war of i898, ln-8, p. 95. Baltimore, the Johns Hopkins Press, 1906. 

7. Freisen J., Staat und katholische A'irche in den deutschen Bun- 
desstaaten. u Teil. In-8, p. xii-500. Stuttgart, Ferdinand Enke, 1906. 

8. Glotz G., Études sociales et juridiques sur l'antiquité grecque, ln-16, 
p. in-303. Paris, libr. Haohetto et Cle, 1906. 

0. Gottlob A., Kreuxablass und Almosenablas. In-8, p. xiv-316. Stutt- 
gart, Ferdinand Enke, 1906. 

10. Hauser H., Otivriers du terHps passe (XF« XVI^ siècles), In-8, 
p. xxxviii-268. Paris, Felix Alcan, 1906. 

11. Hrabar VI. £.• De legatis et legationibus tractatus varii. In-8, 
p. xiv-250. Dorpati Livonorum, e typogr. Mottieseniano, 1905. 

12. La visse E., Histoire de Franee depuis les origines jusqu'à la re- 
volution. T. VII, 1. In-4, p 407. Paris, Hachette, 1006. 

13. Tchernoif I., Le parti républicain au coup d'état et sous le seeond 
empire. In-8, p. vii-676. Paris, Pedone, 1906. 

14. Vincent J. M., Municipal Problems in medioRval Switxerland. In-8, 
p. 44. Baltimore, The Johns Hopkins Press, 1905. 



(1) Questi libri, non potendo sempre per il loro argomento formare tema 
di recensione nel corpo della Rivista, saranno largamente annunziati nelle 
Notizie tra le Pubblicazioni varie, quando siano relativi alla storia. 



Digitized by 



Google 



IV. 

NOTIZIB E COMUNICAZIONI 



Assemblea straordinaria delle Deputazioni di storia patrìa e 
Società storiche. — Per iniziativa della R. Deputazione di storia patrìa 
per le antiche provincie e la Lombardia si tenne in Torino il 13 maggio 
una generale assemblea dei rappresentanti di tutte le Deputazioni e Società 
storiche italiane. 

La solennità fu deliberata per dimostrare la cordiale pai-tecipazione dei 
cultori della storia alla commemorazione bicentenaria deirasscdio e della 
liberazione di Torino nel 1706, che la Città di Torino si appresta a celebrare 
degnamente, memore delle gravi conseguenze nazionali di quella vittoria. 

Nell'aula storica deir antico Senato subalpino, poi italiano, convennero 
numerosi i membri della veterana Deputazione piemontese e i delegati di 
tatte le Lstituzioni storiche nazionali. Alla presenza di S. A. il Duca di 
Genova, di tutte le autorità cittadine e di elettissima corona di signore e 
signori il venerando Presidente Barone Carutti inaugurò l'adunanza, alla 
quale rivolse un caloroso saluto il senatore Frola, sindaco di Torino; il 
Barone Antonio Manno espose con lucida ed efficace parola il contenuto 
dei dieci volumi che saranno pubblicati a spese della Deputazione per illu- 
strare coi documenti e con la narrazione il periodo corso dal 1703 al 1709; 
il comandante Weil rivolse a nome della Francia un caldo saluto alle De- 
putazioni e Società storiche; il prof. Ermanno Ferrerò, sostituendo S. E. il 
Ministro della pubblica istruzione Paolo Boselli, con la padronanza assoluta 
della materia improvvisò un discorso colorito ed efficacissimo sull'assedio o 
snlla liberazione di Torino. 

Speriamo di potere in altro fascicolo rendere conto più particolareggiato 
dei dieci volumi già bene avviati, e che segneranno una data memorabile 
nei fasti della Deputazione di storia patria per le Antiche provincie e la 
Lombardia. 

Primo Congresso storico del Risorgimento Italiano. — Mentre 
Milano si appresta a celebrare con TEsposizione Internazionale una girando 
festa del lavoro e dell'industria italiana, un gruppo di cultori delle disci- 
pline storiche va preparando con alacre lavoro un Primo Congresso della 
Storia del Risorgimento italiano con una Mostra sistematica di tutti quei 
cimeli e documenti, ancor ignoti, che possono dar nuova luce al glorioso 
periodo del nostro risveglio nazionale. 

Da qualche anno noi lamentiamo la mancanza di tutto quel materiale 
storico, che o mal custodito o troppo gelosamente sepolto nelle collezioni, 
nelle biblioteche, negli archivi privati, ritarda la conoscenza piena e pro- 
fonda di im'epoca che pur essendoci tanto vicina ci è così difficile studiare 
con oggettività e con ricchezza di documenti. Questo primo Congresso ò 
dunque anzitutto un appello al patriottismo di quanti sentono il dovere che 
le reliquie del nostro Risorgimento possano essere conosciute dagli studiosi 
della nostra storia. 



Digitized by 



Google 



264 NOTIZIE E COMUNICAZIONI 

' Invitare ad espoiTe alla Mostra sistematica, e pregare quanti Io possono 
di inviare schedari e cataloghi che troveranno degno ed utile posto nel- 
TEsposizìone, è suggerire un atto non meno giovevole al sentimento patrio 
che al progresso delle discipline storiche. 

Del Ck)mitato onorario del Congresso fanno parte i più illustri italiani 
d'ogni partito, uomini dì spada e uomini di penna, storici e diplomatici, 
che hanno consacrato la loro attività alla grandezza della patria. Del Co- 
mitato esecutivo, che ha sede in Milano presso Tlstituto Lombardo di scienze 
e lettere nel Palazzo di Brera è presidente Pavv. Bassano Gabba e sono 
vice-presidenti i proff. Lodovico Cerio e Vittorio Ferrari. 

Il Congresso e la Mostra si apriranno a Milano il 1^ di novembre. La 
quota individuale per Tiscrizione al Congresso è di lire 15, essendo com- 
preso in tale somma il prezzo della tessera personale che dà diritto: alla 
partecipazione ai lavori del Congresso, al voto e al Bollettino nel quale si 
andranno pubblicando importanti documenti e memorie. 

Le Memorie che si vogliano presentare al Congresso dovranno essere 
comunicate almeno in sunto al Comitato non più tardi del 31 agosto. Al- 
cune di esse potranno venire pubblicate anticipatamente nel Bollettino, se 
Ti consentano i rispettivi autori. 

Concorsi a premio. — Ricordiamo tra i concorsi a premio, che hanno 
attinenza con gli studi storici i seguenti: 

Presso il K. Istituto Lombardo di scienze e lettere, concorso triennale 
per gli anni 1906, 1909 e 1912, di fondazione Ciani, ad un premio di lire 1500 
« al miglior libro di lettura per il popolo italiano di genere storico » . 

Presso la R. Biblioteca Medicea Laurenziana in Firenze concorso al 
premio di lire 2500 destinate dal defunto prof, americano Willard Fiske 
ad un lavoro su Francesco Petrarca e la Toscana; termine utile il 31 di- 
cembre 1906. 

La R. Accademia delle scienze di Torino conferirà nel 1906 il premio 
di lire 2500, di fondazione Gautieri, all'opera di filosofia, inclusa la storia 
della filosofia, che sarà giudicata migliore fra quelle pubblicate negli anni 
1903-1905. La stessa Accademia conferi il premio Gautieri per la lettera- 
tura al prof. Emilio Bertana per la sua monografìa su Vittorio Alfieri. 

Nuove Riviste. — È entrato nel 2*» anno di vita il periodico bime- 
strale Classici e neo-latini^ diretto dal prof. Silvio Pollini, Aosta, al pi'ezzo 
annuo di lire 3. Vi collaborano molti bravi cultori dell'antichità classica e 
neo-latina, trattando argomenti di filologia, filosofia e storia. 

Un nuovo giornale di letteratura italiana è apparso a Torino, intito- 
lato // Vaglio. È diretto dairavv. Gabriele Serafino, e si pubblicherà ogni 
quindici giorni, al prezzo d'abbonamento annuo di lire 3. Ha carattere 
strettamente letterario. 

Anche le Marche avranno il loro speciale Archivio del risorgimento, 
sotto la direzione di Ernesto Spadolini e Luigi Mancini, coadiuvati dà 
A, Anselmi, G. Leti, G. Luzzatto, U. G. Mondolfo, C. Pariset, D. e G. Spa- 
doni e altri studiosi. Si pubblicherà in 4 fascicoli all'anno di 80 pagine 
ciascuno, in Sinigaglia; prezzo lire 6 per l'Italia, lire 10 per l'Estero. 
Si propone di raccogliere da ogni parte delle Marche il materiale che 
giace negli archivi e nelle case private, lettere e memorie, documenti e 
manifesti, relazioni di fatti d'armi ed elenchi di volontari, biografie di pa- 
triotti e resoconti di processi politici ; mira insomma a formare un Corpus 
di tutto ciò che ha attinenza nella politica, nelle lettere, nelle arti in ogni 
manifestazione della vita civile colla storia delle Marche dal 1796 al 1870. 

Ancient Records. — Sotto questo titolo si comprendono le pubblica- 
zioni iniziate da William Rainey Harper, presidente dell'Università di Chi- 
cago, per avvicinare agli studiosi e ai lettori colti la conoscenza delle ci- 
viltà orientali. 



Digitized by 



Google 



-«5=? 



NOTIZIE E COMUNICAZIONI 265 

•Ne furono concepite tre serie: la 1* Aneient Recorda of Assyria and 
Babylonia per cura di* Robert F. Harpor, prof, di lingue e letterature se- 
mitiche airuniversità di Chicago ; la 2* Aneient Records of Egypt^ affidata 
a J. H. Breasted, prof, d^egittologia e lingue semitiche pure a Chicago; 
la 3* Aneient Records of Palestine per cura di W. R. Harper, ideatore 
della collezione. 

La 2^ serie è la prima ad essere pubblicata, e sono annunziati quattro 
volumi elegantemente legati per il 1906, che conterranno i documenti sto- 
rici dell'Egitto tradotti in inglese; seguirà un elaborato indice di tutta 
Topera di circa 200 pagine. 11 prezzo della serie è di lire 15. 

Sono comparsi due volumi. Il l*' contiene due dissertazioni preliminari, 
Tana sidle fonti documentarie della storia egiziana, Taltra sulla cronologia, 
e la Torsione di tutti i documenti noti delle prime 17 dinastie; natural- 
mente ogni documento ò accompagnato dagli schiarimenti relativi, più o 
meno ampii secondo la natura di ciascuno, ma sempre concisi e sobri i. 
II 2« è tutto destinato alla diciottesima dinastia, che il Breasted colloca fra 
il 1580 o il 1350 a. C, in uno spazio di circa 230 anni, coi re Arnesi, 
Àmenhotep I, Tutmosi I, II e III, Amenhotep II, Tutmosi IV, Amenhotep III 
IV e altri re di fema minoro; con una ricca collezione di documenti di 
varia specie tratti da stele, statue, tombe, tavolette, obelischi, papiri, ecc. 

Meyers grosse» Konversations-Lexioon, voi. 13. — Ricordiamo, 
che la sesta edizione di questo gran Lessico, lodato da tutta la stampa più 
colta, come ad es. dsdV Augsburger Abendxeitung ^ National 2^itung^ 
Arehiv fiir Kulturgesehichte, Berliner Neuesten Nachrichten, Deutsche 
Roman-Zeitung, Deutsche Warte^ Oegenwart^ Reichsboten, Tàglichen 
Rundschau^ Volks-Zeitung, Germania, Pester Lloyd^ Dresdner Anxeiger, 
Seuen philologischen Rundschau, Badischen Post, Kunstchronik, The 
Times^ Allgemeine Zeitung^ Wiener Zeitutig, Neue Xiircher Zeitung^ e 
da altri periodici numerosi conterrà 148 mila articoli in 18240 pagine di 
tes^ con oltre 11 mila illustrazioni, carte e piani nel testo, e 1400 tavole 
staccate, e 130 supplementi al testo. Saranno 20 volumi legati, al prezzo di 
10 marchi ciascuno. 

11 13^ volume ora pubblicato va dalla parola Lyrik a Muttericurxer, 
ed è composto, come i precedenti, di 026 pagine di testo, oltre tre speciali 
supplementi, di una settantina di tavole, e circa 200 figure illustrative nel 
testo. Abbondano le carte, come quelle del Madagascar, delle potenze ma- 
rittime, delle correnti marine, della fauna e della flora marina, delle razze 
umane, del Messico, dei paesi e della flora mediterranea, dello isole di Madera, 
di Malta, Maurizio, del Mittellandkanal, ecc. ; i piani, le vedute e gli stemmi 
di città, come Madrid, Madgeburg, Milano, Magonza, Mannheim, Marsiglia, 
Mecklemburg, Metz, delPistituto bibliografico Meyer, Madras, Manchester, 
Manilla, Marburg, Marienburg, Massaua, Meiningen, Moisson, Marca, Mel- 
boamé, Memel, Memmingen, Meran, Merscburg, Messina, ecc. ; e le tavole 
illustrative di macchine, medaglie, mctereologia, minerali, studi magnetici, 
produzioni marine, ecc. Alcune voci sono così ampiamente trattate, da co- 
stituire vere monografie, come ad es. : Lyrik ^ Madagascar, Màdchenschulen^ 
Madras, Madrid, Magdeburg^ Magen o Magnet con tutti i composti e deri- 
vati, Mdhren^ Mailand, Mainx, Malaien, Malaria^ Muterei, Mandschurei^ 
Maria, Marine^ Marocco^ Mars, Marseille, Maschine, Maierialpriifung, 
Mauersteine, Maxedonien, Mechanik con le numerose voci derivate e com- 
poste, Mektenburg, Medici^ Medixin, Meer sotto tutti gli aspetti, Mcnsch nelle 
infinite manifestazioni, Metalla, Meteorologie, Met^^ Mexico, Militar^ ecc. 

Pnbblicazioni varie di storia non relative all'Italia. — Il prof. 
Gustavo Glotz, del liceo Louis le-Grand di Parigi, raccolse in un volume 
Études soeicUes et juridiques sur l'antiquiié grecque ^Paris, libr. Hachetto) 
una serie di studi di vivo interesse non solo storico ma comparativo. Gli 



Digitized by 



Google 



266 NOTIZIE £ COMUNIOAZIONI 

argomonti studiati Bono: la religione, il diritto criminale, l'ordalia, il -giù- 
ramento, Tesposiziono dei bambini, la marineria, i giuochi olimpici, il di- 
ritto greco. E questi vari temi sono esaminati lungo la storia greca dai 
tempi eroici agii storici, e comparati nella loro evoluzione con lo svolgi- 
mento della società moderna. 

Maurice Croisot, prof, al Collegio di Francia, ha riunito le lezioni del 
suo corso su Aristofane in un volume, intitolato Aristophane et les partis 
à Athènes (Paris, libr. A. Fontemoing\ che è una ricostituzione della vita 
politica e sociale in Atene al tempo del grande comico greco. L'A. studia 
le vario commedie d'Aristofane, e le confronta con gli avvenimenti della 
vita politica interna od esterna di Atono; così dimostra l'unità d'ispirazione 
dello quattro commedie: i Babilonesi, gli Acarniosi, i Cavalieri eie Vespe, 
in cui Aristofane colpisco i demagoghi istigatori della guerra civile e stra- 
niera e tendenti a pervertire il carattere ateniese. 

11 prof. II. Hauser deir Università di Dijon sotto il titolo Ouvriers du 
temps passe (Paris, Felix Alcan), studia la condizione degli operai nello 
diverse parti della Francia nei secoli XV e XVI, quando disgrega vasi Pan- 
tico regime delle corporazioni. Fondandosi esclusivamente sui fatti, perviene 
a stabilire alcuni risultati nuovi : la grande diversità e mobilità delPorga- 
nizzazione del lavoro in una società, che per solito si rappresenta come 
immobile e uniforme; Papparizione d^unUndustria meccanica e capitalistica; 
la frequenza dei conflitti fra capitalo e lavoro. Nò mancano tratti pittoreschi 
di grande modernità, come la storia d'uno sciopero nel secolo XVI, studi 
sul lavoro delle donne e sulPassistenza pubblica, che valgono a ravvicinare 
Panima social ; di quei secoli omai lontani a quella del nostro. 

11 tomo VII, parte 1*, delPHistoire de Franco diretta da Ernest La- 
visso (Paris, libr. Hachetto), ò redatto dallo stesso E. Lavìsse, e tratta 
Louis XIV: la Fronde^ le Roi, Colhert {1643-1685). — Si compone di 
cinque libri: ì^ il periodo Mazarino, dal 1643 al 1661, in cui la fronda 
si preparò, erupi)e in guerra civile e fu battuta; 2*» Pinstallazione del re, 
specialmente rivolto a far conoscere la persona e Pazione di Luigi XIV; 
3° il governo economico, ossia Peperà del Colbert nelle finanze, nel lavoro, 
nel commercio e nelle colonie ; 4<> il governo politico, ossia la legislazione, 
la polizia e Paccentramento ; 5<» il governo della società, ossia artigiani e 
contadini, officiali e intendenti, nobiltà, clero, ecc. L'illustre Autore seppe 
assurgere alPimportanza dolP argomento, trattandolo però con obbiettività 
serena e grande sobrietà di forma. 

È uscito il 4® tomo. Epoque moderile^ del notevole lavoro dell'abate 
0. Foret, La faeulté de Tkéologie de Paris (Paris, Alph. Picard et fils). 
Questo volume ò una rassegna della letteratura teologica del secolo XVII. 
Divido gli scrittori in duo grandi gruppi, ubiquisti e sorbonisti. Apparten- 
gono al primo Edmond Richer, il cardinale Richelieu, Francois Vóron, J. 
Fr. P. de Gondi cardinale di Retz, A. J. Le Bouthillier de Rancò, Pierre 
do Villars, Phil. Oospóau, G. de Choiseul, E. Le Camus, G. de Saint-Martin, 
P. Sarrazin, e altri minori. Appartengono al secondo gruppo J. Boucher, 
G. Ilormant, A. Arnauld, i due Harlay, quattro vescovi, sei professori, tre 
eruditi, due polemisti e vari altri. È un lavoro espositivo accurato e paziente 
dedotto dall'esame delle opere di questa falange di scrittori. 

Ernest Daudet sotto il titolo La terreur bianche en i8to (Paris, libr. 
Hachetto et C.*) racconta la storia degli avvenimenti tragici, che si svol- 
sero nel mezzodì della Francia durante i Cento giorni e dopo la seconda 
restJiurazione. Corca di liberare la narrazione da tutte le esagerazioni, pre- 
sentandone un quadro obliiottivo e imparziale, soffermandosi più special- 
mente sulla capitolazione di Bordeaux del marzo 1815, la reazione nel Gard, 
Marsiglia nel ISló, ^as^5assinio del maresciallo Bruno e del generale Ramel. 



Digitized by 



Google 



ttOnttE E COMtTNICAZTOSt 267 

I/A. attinse lo sue notizie agli archivi locali, a ciucili do Thotel do Sou- 
bise, al Deposito della guerra, e non dubitò di recarsi sul teatro dogli av- 
veoimenti per raccoglierne le memorie e i ricordi. 

Il dott. J. Tchernoff, a cui già dobbiamo due lavori sul Parti républi- 
cain sous la monarehie de juillet e sulle Assoeiations et Soeiétés secret e s 
80US la deuxième république^ ha di recente pubblicato un altro Studio, che 
completa 1a storia del secondo impero: Ijc parti réjmblieain au coup 
d'état et sous le second empire d'après des documents et des soiivenirs 
inédits (Paris, libr. Pedone). L'A. ricostituisco la storia del colpo di stato 
nei dipartimenti, Topera dello commissioni miste, lo pratiche amministra- 
tive dell'impero autoritario, la lotta sostenuta dal partito repubblicano nella 
stampa, nello logge massoniche, nei congrossi, in parlamento, il movimento 
sociale e la formazione dell'Internazionale no' suoi rapporti coi repubblicani 
borghesi, i partiti rivoluzionari e Tamministrazione imperiale. Valendosi di 
corrispondenze o memorie inedito, delle testimonianze del giornalismo con- 
temporaneo e dei ricordi raccolti dai superstiti, fornisce anche numerose 
informazioni sopra un gran numero d'uomini politici, ohe iniziarono la loro 
vita pubblica sotto l'impero. 

Abbiamo annunziato nel fase. 4^ del 1905 il poderoso studio di Paul 
Matter, Bismark et son tetnps (Paris, Felix Alcan), accennando il con- 
tenuto del 1<* volume, La preparaxione (1815-1862). È ora comparso il 
2«, che studia Uaxione del gran ministro prussiano del 1862 al 1870. 
Bismarck assunse il ministero, quando già era scoppiato il conflitto fra la 
Corona e la Camera dei deputati. Autoritario e già fisso nel concetto del- 
Tegemonia prussiana lottò per quattro anni contro la maggioranza della 
Camera, per rafforzare l'esercito ; mentre, assecondando la Russia nella ri- 
voluzione polacca, se ne acquistava la benevolenza, e rifiutava di sottomet- 
tere la Prussia all'Austria nel Congresso dei principi. Nella questiono dei 
ducati indusse la Prussia a collegarsi con l'Austria contro la Danimarca, 
per trarne pretesto alla guerra felicemente combattuta, con l'alleanza del- 
l'Italia, contro l'Austria nel 1866. Mentre cerca riconciliarsi eon l'Austria 
e si adopera per attrarre tutti i Principi tedeschi nell'orbita prussiana, 
prevedendo la fatalità della guerra con la Francia, la prepara diplomatica- 
mente e militannente. 

L'Istituto di scienze sociali Cesare Alfieri di Firenze ha pubblicato una 
dissertazione presentata per conseguire il diploma dottorale da G. B. Klein 
intorno al Referendum legislativo (Firenze, tip. Galileiana). C'è bensì 
un' ampia introduzione dottrinalo sui vari aspetti, sotto i quali si può 
riguardare la scienza politica, ma lo studio ò concreto, rivolgendosi a 
farci conoscere l'Istituto del referendum nella democrazia elvetica. Per 
poterne chiarire l'origine, prende dapprima in lungo esame lo Lands- 
gemeifiden dei tre Cantoni originari della Svizzera, indi descrive come 
si svolse il Referendum nel diritto pubblico svizzero sino alla costituzione 
del 1874, che lo ha consacrato definitivamente nella confederazione. Ter- 
mina passando in rassegna alcuni studi critici sul referendum ed esami- 
nandolo nella sua applicazione. 

B^sai d'enne psychologie de V Angleterre contemporaine è il titolo di 
un volume di J. Bardoux della Bibliothèque de philosophie contemporaine 
(Paris, Felix Alcan). L'A. rintraccia gli elementi, che ci guidano alla com- 
prensione dell'evoluzione dell'Inghilterra moderna, ossia ci dà le origini 
della reazione conservatrice e del risveglio belligero, di cui il parlamento 
del 1900-1906 e la germanofobia furono le ultime espressioni. K un vero 
lavoro di psicologia sociale; infatti l'A. ricerca nei caratteri dol tempera- 
mento britannico o della società inglese i fattori delle crisi bellicose. Egli 
vede la loro evoluzione dapprima durante l'accalmia pacifica, simboleggiata 



Digitized by 



Google 



268 NOTIZIE fB OOlnmiOA2lONt 

da Oladstone, poi nel risveglio di combattività esplicatosi nella guerra sud- 
africana. Per giungere a questa doppia analisi Vk. ci dà anzitutto una de- 
finizione psicologica del liberalismo di Cobden, Stuart Mill e Gladstone, del- 
r idealismo di Carlylo, Ruskin e Dickens, poi uno studio storico sulle 
origini della crisi liberale e deirimperialismo. 

Ricordi neci*ologicì. — Anche il 1905 segnò la fìne di molti cultori 
degli studi storici, alla cui memoria eleviamo un tributo di compianto. Ri- 
cordiamo tra quelli non ancora nominati Heinrich Deniflo, Otto HaKwig, 
B. Monod, G. Alacevi^, Giuseppe Caprin, Desiderio Chilovi, il barone Ni- 
cola Taccone-Gallucci, Diego Valbusa, Amato Amati, G. Zattoni, Goffredo 
di Crollalanza, e specialmente due nostri collaboratori, Marco Tamaro e 
Giuseppe Mazzatinti. 

Il Dott. Marco Tamaro moriva il 23 gennaio del 1005. Fu confonda- 
tore della Società italiana di archeologia e storia patria, e suo direttore- 
segretario ; concorse attivamente agli Atti e Memorie pubblicati dalla Società 
e alla compilazione deirindice generale dei 18 volumi presentati al Con- 
gresso internazionale di Roma del 1903; coltivò con amore la storia patria 
frutti di questi studi furono i due volumi usciti nel 1902-1903 intitolati : 
<> Le città e castella delPIstria». Accettò la redazione del giornale politico - 
settimanale L'Istria, che conservò per tutta la sua durata, dal gennaio 1882 
al dicembre 1903. La Rivista storica Tebbe collaboratore stimatissimo spe- 
cialmente per i libri riguardanti Trieste e Tlstria. 

Moriva il 16 aprile a Forlì il prof. Giuseppe Mazzatinti. Scrisse di let- 
teratura, d*arte, di critica, di politica anche; ma la specialità sua, in cui 
veramente rivelò tutta l'altezza delPingegno suo, fu la storia. Ricercatore 
appassionato, abilissimo, infaticabile, di antiche memorie, compulsò infinite 
biblioteche ed archivi, pubblicandone poi con accurata diligenza preziosi 
estratti e cataloghi. Le due pubblicazioni periodiche, cui dedicò tanta parte 
di se, degV Inventari degli Archivi e delle Biblioteche d'Italia^ son monu- 
mento tale della sorprendente operosità sua da procurargli V imperitura 
riconoscenza degli studiosi. Classica è Peperà sulla Biblioteca dei Re 
d'Aragona in Napoli y al pari dei tre grossi volumi sui Manoscritti italiani 
delle Biblioteche di Francia, ch^ei compilò con senso critico e diligenza 
scrupolosa. Della colossale impresa della ristampa dei Rerum del Muratori 
fu fautore entusiastico e vi partecipò con un grosso volume. Nutrì predilezione 
speciale per gli epistolari i de^ grandi ; e avea curato quelli delP Alfieri, del 
Rossini e del Mazzini col Saffi, attendendo ora a raccogliere le lettere di 
Giuseppe Garibaldi e del Verdi. Competente in materia d'arte, scrisse una 
monogiafìa su mastro Giorgio da Gubbio; insieme col Calzini diede un'ottima 
Qiiida di Forlì e poi nella Rivista d'Italia e in tutti i più autorevoli periodici 
nostri lasciò Tinipronta della sua vasta coltura e del suo delicato sentimento 
artistico. Nella letteratura popolare eziandio fu versatissimo e racoolse in varie 
pubblicazioni i Canti popolari delV Umbria e le Serenate Umbre^ oon dotti 
commenti. Innamorato deirUmbria sua, la volle degnamente illustrata nelle 
sue storiche glorie, e all'uopo fondò col Faloci-Pulignani e col Santoni V Ar- 
chivio Storico per le Marche e V Umbria, che poi cedette il luogo al Bol- 
lettino della Società Umbra, ora Deputazione di Storia Patria^ di cui 
egli e Tillustrc Luigi Fumi gettarono le basi e furono sino ad ora i più 
operosi rappresentanti. Liberale fervente, coltivò in modo particolare la storia 
del nazionale riscatto, e della sua valentìa in questo camiK) die mirabili 
saggi nella Storia della Giovane Italia, tìqW Agonia rf'wn regno, in Forlì 
nella Storia del Risorgimento, ecc. Ed ora sono appena due anni con 
Giustiniano degli Azzi Vitelleschi e con Angelo Fani concepiva e iniziava 
V Archivio Storico del Risorgimento Umbro, cui dedicò lo estreme sue cure. 



Pinerolo, Tlpofirrafla Sociale. — Molino Giuseppe, gerente responsabile. 



Digitized by 



Google 



Mannucci F, L,, La oronaca di Jacopo da Varagine (G. Bigoni) Pag. 178 

Mannucei F, L., L'anonimo genovese del sec. XIII-XIV e la - 
sua raccolta di rime (G. Bigoni) » 178 

Àntonelli 3f., Vicende della dominazione pontifìcia nel Patri- 
monio di S. Pietro in Tuscia (P. Spezi) .... » 181 

Oiaceio L., Il cardinal legato Bertrando del Poggetto in Bo- 
logna (1327-1334) (A. Leone) . ... ... . » 183 

5. Tempi moderni (1492-1789). 

Bernardy A. A.^ Cesare Borgia e la. Repubblica di S. Marino 

(P. Franciosi) » 186 

Faccio C.y Giovanni Antonio Bazzi (il Sodoma) pittore ver- 
cellese del secolo XVI (E. Bonardi) » 190 

Fumo A,, La Vita e le Rime di Angiolo Bronzino (E. Bonardi) » 191 
René A., La question de Sienne et la politique du cardinal 

C. Carafa (P. Spesi) . . . . . . » 193 

Spexi P,y Pio V e i suoi tempi (A. l-eone) » 194 

Bein O.y Paolo Sarpi und dio Protestanten (G. Capasse) » 195 

Fittavino A,^ La cronaca di Pragelato dal 1658 al 1724 scritta 

da R. Merlin e G. Benne (L. U.) . . . . . » 197 
Barbon D., La vita, i tempi e le opere di G. Baruffaldi eru- 
dito del sec. XVllI (A. Pellegrini) » 199 

6. Periodo della, rivoluzione francese (1789-1815). 

Trani B., La Casa di Savoia e la Francia negli anni 1789-1796 

(G. Roberti) . . ' » 201 

Trani B., Il manifesto di Pasquale Paoli ai Corsi nel 1794 

(G. Roberti) » 201 

Pellini S., Conti dell'ammin. della fìnanza del regno dUtalìa 

nel 1813 (C. R.) » 204 

7. Periodo del risorgimento italiano (1815-1905). 

Stendhal, Roma (A. Professione) » 204 

— Memorie della rivoluzione siciliana dell' anno 1848 (Demi) » 205 
Mondaini (?•> Nuova luce sul moto milanese del 6 febbraio 

1853 (C. R.) .209 

Fumo 4., Severino Ferrari (C. R.; . . . . . » 209 

n. Spoglio dei Periodici, ossia di 33 Riviste nazionali e fore- 
stiere e- di Aiti e M e mori a di D e pu tagto n i o^oci«tà «tonchi, 
di Accademie e di altri Istituti scientifici e letterari, con 
riassunto di 617 articoli di storia italiana (Carlo Contessa) » 210 

III. Elenco di 139 recenti pubblicazioni di storia italiana . » 255 

IV. Notizie e comunicazioni. — Assemblea straordinaria delle 

Deputazioni di storia patria e Società storiche. — Primo 
congresso storico del risorgimento Italiano. — Concorsi a 
premio. — Nuove Riviste. — Ancient Records. — Meyers 
grossesKonversations-Lexicon, voi. 13. —Pubblicazioni varie 
di storia non relative all'Italia. — Ricordi necrologici . * 263 



Digitized by 



Google 



Indice generala della Rivista storica italiana 

in 2 volumi di pugins xxxvi-806, iii-8. — Preiro lire 24; a|lf 
Abbonati dolio Rivista, cbo no facciono domanda dlrottamonte 
alla Diroiiono, Uro 20. 

fc un Indico affatto diverso da quello delle altre Kas- 
segue, Archivi e Giornali. Questi in poche pagine richia- 
mane tutto il loro materiale, e l'Indice serre solo a chi 
ne possiede la raccolta. Invece rindlco dolio iRMota otoriea 
Italiana costituisce un lavoro autonomo, indipendente 
anclie dalla sua collezione, come . prospetto <ìel movi- 
mento storico relativo all'Italia dal 1884 al 1901. 

Infatti l'Indico dolio Rivloto otorlca porge in 22680 nu- 
meri, ripartiti sistematicamente iu 60 gruppi, l'indicazione 
delle Memorie originali, delle Recensioni, e degli Arti- 
coli spogliati da oltre 600 periodici in 18 anni di lavoro. 

JS quindi indispensabile non solo agli Abbonati della 
Rivista storica, ma a tutti gli studiosi di storia italiana.. 

La Rivloto otorico Itotiano si pùbblica in fascicoli tri- 
mestrali di almeno otto fogli di stampa in marzo, giugno^ 
settembre, dicembre. — Prezzo d'abbonamento lire 12 per 
l'Italia e lii'e 14 per i Paesi esteri; fascicolo separato 
lire 3,50 all'interno e lire 4 all'estero. — Gli abbonamenti 
si prendono alla Direzione, Torino, via Brofferio, 3, e 
presso i principali librai italiani e forestieri. 

Sono pregati tutti gli Abbonati, che non hanno an- 
cora pagato l'abbonamento dell'anno corrente, di volerne 
spedire senza ulteriore indugio l'importo, per regolarità 
di amministrazione. 

È sospesa la spedizione della Rivista storica agli 
abbouati, che non pagarono linora l'importo d'associar 
zione del 1905, salvi i diritti verso i pochi morosi. 



Digitized by 



Google 



Amo XXIIi, 3* S. LugUo-Sittmkre 1906 Voi. V, fase. 3 

RIVISTA STORICA 

ITALIANA 

PUBBLICAZIONE TRIMESTRALE 

DIRETTA 

Dai. 

Prof. COSTANZO RINAUDO 

CON LA COLl^BORAZIONE DI MOLTI CULTORI DI STORIA PATRIA 




®P^ 




DIREZIONE 

Torino, Via Brofferio, 3 

leoa 



Digitized by 



Google 



INDICE DELLE MATERIE 



I. Recensioni e note bibliografiche. 

1. Storia generale. 

D'Ancona A., La, poesia popolare italiana (D. Bulferetti) .Pag. 269 

Cappelletti L., Principesse o grandi dame (A. Pellegrini) . » 270 

Calvi E.^ Bibliografìa generale di Boma (E. Gelanì) . . * 273 

Crivdlari 0., Milano e dintorni (E. C.) » 277 

Oiussafii A,y L'Oratorio di S, Martino in Calmine (E. Bonardi) > 278 

Bossi J.., Santa Maria in Vulturella (P. Toesca) . . ' . » 280 

2. Età preromana e romana. 

Lecnat H,y l^ythagoras de Rhegion (C, Barbagallo) . . » 281 

Ftsehetti L,, Pompei prima dell'eruzione e dopo gli soavi (C. R.) » 282 

Boissier O.^ La coDJurgtion de Catilina (C. B.) . ^ . » 283 

3. Alto medio evo (sbc. V-XI). 

Platon Q.y Observations sur le droit de « protimesis» en droit 

byzantin (C. Barbagallo) » 284 

Kruseh B., Vita Sanct. Colurabani, etc. (C. Cipolla) . . » 286 

Martin E., Saint-Columban (C. Cipolla) . . . » 286 

Schaub Fr.^ Der Kampf gegen don Zingwucher (C. Cipolla) . » 287 

4. Basso medio evo (sko. XI-XV). 

QUtschotD E., Innooenz III und England (C. Manfroni) . » 289 

Fomarese (7., Statata voterà civitatis Aquis (G. Sangiorgio) . » 291 

Steinaeher i/., Kegesta Ilabsburgica (C. Cipolla) . . » 292 

Wenk A'., Philipp d. Schone von Frankreioh (C. Cipolla) . » 294 
Picotti Q. B., I Caminesi e la loro signoria in Treviso dal 

1283 al 1312 (A. Lizier) .295 

Piranesi ^., Lo case degli Alighieri (E. Casanova) ...» 302 

Rillo S. A.^ Francesco Petrarca alla Corte Angioina (Y. Ci.) » 303 

Soldati B., La poesia astrologica nel Quattrocento (D. Bulferetti) » 304 
Degli Axxi G,, Il tumulto del 1488 in Perugia e la politica 

di Lorenzo il Magnifico (E. C.) ^307 

Vìgnaud H., Étude oritique sur la vie de Colomb avant ses 

dócouvertes (Fr. Tarducci) » 308 

5. Tempi moderni (1492-1789). 

Ciaceio />., Gian Martino Spanzotti da Casale (L. C. Bollea) * 316 

Carota G,j Le opere di Leonardo, Bramante e Raffaello (L. Ciaceio) » 318 



Digitized by 



Google 



I. 
RECENSIONI E NOTE BIBLIOGRAFICHE 



1. STORIA GENERALE. 

ALESSANDRO D'ANCONA, La poesia impo lare italiana. Studi. 

Seconda edizione accresciuta. Livorno, R. Giusti, editor€\ 

1906, pp. VI 11-572. 

112. — Ripubblicare un volumo di critica letteraria dopo 
quasi trentanni dalla prima edizione e poter dire di non aver 
dovuto cambiar nulla di sostanziale, ma soltanto avvalorare con 
maggior copia di ragionamenti e di riscontri gli antichi resul- 
tati, è fortuna meritamente toccata all'illustre critico pisano. 
E si che in quest'ultimo trentennio so n'è pubblicati de' canti 
popolari italiani, e se n'è scritti dogli studi su di essi! Gli uni 
e gli altri non fecero che mettere in luce più viva la verità 
delle conclusioni, a cui era giunto, a malgrado della relativa 
scarsezza di materiali e di studi preparatori, il prof. Alessandro 
D'Ancona. 

Non m'indugio a riassumere un volume già noto nella so- 
stanza e destinato ad aver^, nella nuova forma riveduta e ac- 
cresciuta, una diffusione, non minoro che in passato: non m'in- 
dugio, perchè non è questo soltanto un libro ottimamente pensato, 
indispensabile agli studiosi, ma è anche ottimamente scritto, 
utile e piacevole a ogni persona colta. Le minute ricerche, le 
profonde analisi, le frequenti comparazioni, anziché deviare, in- 
catenano Tattenzione del lettore, che trova a ogni pagina ab- 
bondantissima naesse di fatti e di pensieri, sicuri e nitidi, raccolti 
in un organismo saldo, vivo, interessante. 

Per il carattere speciale di questa rivista, mi permetto di 
segnalare il capitolo IV, che tratta della poesia politica nel 
Comune fiorentino; l'ultima parte del cap. V, dove si discute 
^ e quanto le menzioni o allusioni a fatti o personali storici 



Digitized by 



Google 



270 RECENSIONI E NOTE BIBLIOGRAFICHE — D. BULFERETTI 

servano a fissare la cronologia del canto ; le pp. 471-474, che 
sono un lucido riassunto e una legittima conclusione di tutto 
il volume. Il quale, ripeto, è sostanzialmente identico alia prima 
edizione (Livorno, Vigo, 1878), ma s'avvantaggia su quella 
per una diligente revisione della forma, per aumenti di mate- 
riali e d'argomentazioni, per l'aggiunta degli Strambotti di 
Leonardo Giustiniani pubblicati dal D'Ancona medesimo nel Gior-^ 
naie di filologia romanza (II, 179), e per la stampa accurata. 

D. BULFERETTI. 



L. CAPPELLETTI, Principesse e Grandi Dame. Torino, 1906. 
113. — Ricorda un altro libro dello stesso A., « Storie e leg- 
gende». Se in questo trattò di Nerone, di Lucrezia Borgia, di 
Filippo ir, di Maria Antonietta, ecc., in quello ci dà la biografia 
di ben note figure femminili, celebri per la loro vita fortunosa : 
B. Cappello^ M. Sticarda, Cristina di Svezia^ la Margravia 
di Bayreuth, la Contessa du Barry, Madama Elisabetta, la 
Baronessa di Stael, Elisa Baciocchi, Rachel. L'A., con quella 
maestria che lo caratterizza, riesce in questi suoi saggi, come 
egli li chiama, a risolvere diverse quistioni di capitale impor- 
tanza, a farci apparire spesso sotto un nuovo aspetto la figura 
che ha preso a descrivere, senza perdersi in lunghe disquisi- 
zioni polemiche e nell'arido esame di nuovo materiale d'archivio, 
evitando così di annoiare e di confondere. Che v'è dì più di- 
scusso p. es. di alcune fasi della vita di M, Stuarda? Ebbene: 
il C, scrutando l'intimo vero di questa donna, pazientemente 
ricercando le cause de' suoi errori, ce la presenta — senza 
affaticare il lettore — sotto una nuova luce, in gran parie ria- 
bilitata. Prefiggendosi di dimostrare «false le accuse architet- 
tate contro di lei», critica principalmente il Mignet che fra gli 
ultimi cercò rendere vieppù antipatica e odiosa la figura del- 
l'infelice regina, e riesce infatti con buone ragioni a convincerà 
che se la figlia di Giacomo V ebbe difetti, non fu però cattiva né 
assassina. La sua disgrazia principale fu. di essere circondala 
da troppi nemici, e di essere nello stesso tempo troppo debole 
con essi: dal conte Murray suo fratello a E. Darnley, marita 
in seconde nozze, «beone, ambizioso e vano». Le « Lettf^esdu^ 
Coffret^ hanno dato occasione agli storici anche più valenti e 
imparziali, di accusarla d'uxoricidio: il C. riuscendo a persua- 
dere che tali lettres non sono che una postuma invenzione,. 



Digitized by 



Google 



'T!^ 



STORIA GENEKALK — L. CAFl'ELLETTI 271 

cade di per sè l'odiosa accusa. Perfino Giacomo VI ebbe per la 
madre poco interesse; perfino la propria bellezza le fu fatale, 
e l'odio d'Elisabetta non tacque se non dopo VS febbraio 1587, 
quando si fu consumato il più gran delitto del sec. XVI. — 
B. Cappello; dal saggio del G. appare che se fu donna colpe- 
vole fu anche molto infelice: mal vista dalla matrigna, ingan- 
nata dal Bonaventura, perseguitata dall'odio de' parenti e della 
Rep. veneta dopo la fuga, come avrebbe potuto sdegnare il prin- 
cipe Francesco in seno al quale ritrovava amore, protezione, 
sicurezza? Ne divenne l'amante e «da quel giorno in poi la 
sua ambizione non conobbe più limite. Per poterla sodisfare» 
e per riuscire a salvarsi dalla ben chiara animosità, se non 
della granduchessa Giovanna, certo del cardinal Ferdinando, 
«essa fu bugiarda, ingannatrice e cattiva»... ma mori grandu- 
chessa, e di crepacuore, il giorno dopo di chi l'avea posta cosi 
in alto. Questa donna aspetta ancora il suo ultimo biografo. 
Data la natura del libro, il G. non potea fare di più : ma troppi 
dece, restano ancora, muti, nei diversi archivi, perfino delle 
città minori, come in quel di Siena e nella sua biblioteca 
com. — Cristina di Svezia: simili, le sue vicende giovanili, a 
quelle di M. Stuarda e della Gappello. Ucciso il gran Gustavo nel 
1632, rimase fin da bambina in balia di estranei e della madre 
da cui fu anche malmenata ! Grebbe adunque senza « unità ed 
elevatezza di carattere; ambiziosa, sarcastica», e menò vita da 
dare «appiglio alle ciarle più malevoli». Non volle marito, 
forse, nota l'A., per non aver padroni; abdicò, e poi brigò di 
tornare sul trono senza una ragione plausibile, e cambiò reli- 
gione senza sapere il perchè. Perpetrò Tassassinio — a lungo 
descritto dal G. — del Monaldeschi già suo drudo; il viaggio 
d'Italia fu un trionfo, credendosi in dovere, i cattolici, di acco- 
gliere in modo speciale la non bella convertita: Lucca, Ferrara, 
Ancona, p. es., nonché altri paesi, fecero per lei feste grandiose, 
cui il G., forse per amor di brevità, non accenna. E' ben noto 
perchè sorse l'Arcadia, e quante noie l'ex regina costasse ai 
papi: ad Alessandro VII, p. es., che la mise quasi sotto tutela 
del cardinal D. Azzolini, a Glemente IX che la dovè raccoman- 
dare alla dieta polacca perchè la nominassero loro regina, va- 
cando il trono per la rinuncia di Giovanni II Gasimiro! La sua 
vita, del resto, fini d'essere «una sequela di umiliazioni, di 
bassezze, di pretensioni non soddisfatte». — La Mai^gravia di 
BayreiUh'y V. S. Guglielmina, n. a Postdam il 3 luglio 1709 da 



Digitized by 



Google 



arJ K'tCKNslOM K XOTK niBLIOGUAKlCIIK — A. rKLLKGKINI 

F. rtugliolmo I di Prussia o da S. Dorotea d'Annover, divenula 
Margravia di Hayroufh, per « uccidere la noia che l'opprimeva 
ììitWw piccola corte » scrisse le sue Memorie facendoci un ri- 
trailo, «tuiraltro che lusinghiero del proprio genitore non solo, 
ma anche di molti fra i personaggi s'i della corte prussiana 
che ilelle altre piccole corti germaniche». Di queste Memorie 
(che il Saintc-Bcuve mette nel novero «di quei libri veritieri, 
naturali e terribili che tanto [uacciono alla posterità... madie, 
dal canto loro le famiglie hanno molta ragione di temere »), il 
C. si serve specialmente, per compilare un « saggio biografico- 
cntico» intorno alla Margravia e alPambiente in cui visse. — 
La ÌM fiavìnj; fu figlia di soldato, di frate, di cuoco? se K. 
Nencioni, ne* suoi «Medaglioni», par che preferisca crederla 
nata da un cuoco, secondo appunto vuole il Michelet, il G. pro- 
pendo a crederla figlia di un frate. Checche sia, rorigine so- 
spetta non le fu d'ostacolo d'installarsi a Versailles, ultima 
delle favorite di Luigi XV che facesse piangere — se pure avea 
luttnra delle lagrime — la povera regina M. Leczinska, e causa 
principale — come vuole il G. — che il potente ministro duca 
di Choiseul cadesse in disgrazia. Morto il Re, avrebbe potuto 
roiitìiuiarc a lungo le sue incominciate opere di carità, vene- 
rata come la migliore di questo mondo, se non fosse caduta, 
TH die. 1793, « vittima inutile del Terrore ». — Madama Eli" 
micetta: sorella delFinfelice Luigi XVI, fu « di tutte le persone 

rumponenti la famiglia reale certamente la più degna 

Infili li, la maldicenza non potè mai sfiorare questa principessa *. 
Am he lei fu travolta ■— come è noto — dall'uragano della tì- 
volu;^ione, per aver voluto fin air ultimo dividere con la co- 
gnata, col fratello, co* nipotini, le angoscie, i pericoli, le sof- 
ferenze. — La Baronessa di Slacl\ figlia del famoso ministro 
delle finanze, G. Necker, «si nella politica che nella letteratura 
div(*iine la vera, per non dire Tunica rappresentante dell'in- 
gegiio e della cultura del suo tempo », e in politica osò spin- 
geri^i assai più lungi del padre, sembrandole troppo poco arre- 
di! arsi alle combinazioni della Gostituzione inglese. Il conte di 
Narhonne, e il duca di Talleyrand-Pèrigord dovettero a lei la 
loro fortuna; poco mancò che non riuscisse a mettere Berna- 
(loli(> sul trono di Francia, come rilevasi dalle sue lettere a 
rtugUelmo von Schlegel ed. nel *90o. Dal 1810 al *12 accarezzò 
rìdea d'andare in America, forse anche di stabìlirvisi; in se- 
guilo, invece, la persecuzione di Napoleone la indusse a far 



Digitized by 



Google 



.STORIA GENERALE — E. CALVI "27'^ 

quel viaggio per TEuropa, diiranteil quale, in tutte le ciMà 
per le quali passava, e specie a Vienna, a Pietroburgo) e a 
Slocrolma, fece di tutto, e non senza risultato, per susrilaro 
ire e odi, contro di lui. Il G. che accennò già alla Staffi nel 
suo libro «La Rivoluzione», non si occupa a lungo, neanche 
in questo saggio, del suo salotto ne delle sue opere: facendolo, 
sarebbe uscito da' limiti impostisi. Del resto, un'accurata ras- 
segna dell'opera della Stael, e molte notizie del suo salotto^ ed 
un'esamina diligente del libro suiritalia, « Corinna», si leggono 
in uno studio — disgraziatamente poco noto — letto al Filolo- 
gico di Siena, e poi pubblicato, della sig.'^» I. Matteucri. — 
E. Baciocctìi; troppo scarse riescono le notizie intorno a ro?lei, 
quando si vogliano restringere in un breve saggio: ma se il G. 
ha inteso parlare piuttosto della donna che ^é[\2i principessiu è 
riuscito benissimo nel suo compito. Del resto, TA. avea i^ià 
avuto occasione di occuparsi della B., come granduchessa t^ 
nella sua storia di Piombino; ma sebbene tanti scrittori si ita- 
liani che francesi si siano sbizzarriti su tale soggetto, pure in- 
numerevoli docc. restano ancora negli archivi, da studiare: 
l'archivio di Lucca — per citarne uno — n'è ricchissimo : vi mix 
docc. che riguardano l'istituzione della gendarmeria, il suo modo 
di governo, la finanza, la sua cassetta particolare, il tentativo 
d'emettere carta monetata ecc. ecc. — Rachel; E. Nencioni ne 
scrive, basandosi, mi pare, esclusivamente sulla corrispondenza 
di lei, quasi per riabilitarla davanti airopinionc pubblica rhe 
la credeva «artista incomparabile ma senza cuore»; il C. in- 
vece studia assai più profondamente questa figura, come donna 
e come artista, tenendo conto non solo delle lettere ma anctie 
di tutto ciò che fin ora fu scritto su lei: questo saggio riu- 
scirà di non poco interesse per gli studiosi delle vicende dei 
teatro drammatico. Amedeo Pellegrini. 



CALVI E., Bibliografta generale di Roma, I. Bibliogralìti di 
Roma medievale. Roma, E. Loescher e G. (tip. Forzaui e 
G.o), 190G, in-8 pp. xx 111-152). 

114. — Quando nel 1893 assunsi l'impegno di curare l'edi- 
zione della Bibliografia di Roma medioevale e moderna del 
Cerreti, lo feci — debbo confessarlo — un po' alla leggera. 
perchè non mi ero reso conto della vastità ed importanza \\A 
Javoro. 

Ritma storica italiana, 3^ S., v, :i. Ih 



Digitized by 



Google 



214 HKCKNSION'I E NOTK BIHLIOUUAFICHE — K. CELAXI 

Mi pentii, solo quando, cominciata Tedizione, — e notisi 
che io dovevo lavorare sulle bozze di stampa — mi accorsi che 
Topcra del Cerreti era da molti lati manchevole, e dovevasi, se 
non completare assolutamente, almeno mettere al corrente. Le 
aggiunte mie fatte al lavoro del Cerreti, e che nelPopera sono 
contnisegnate da un asterisco, diedero questo risultato: che 
dei {rj[}2 articoli elencati nel primo volume (il solo pubblicato 
e rhe contiene quasi tutte le biografìe dei papi), 4675, erano 
del Cerreti; 4(317, miei. E questo, come ripeto, fatto tumultuo- 
samente e sulle bozze di stampa; ma che dimostra come po- 
lenflovisi impiegare un tempo maggiore e più calma, le ag- 
giunte sarebbero state in numero anche più grande. Ho voluto 
accennare a questo fatto, per spiegare la mia meraviglia quando 
aprendo il volume del Calvi, che ha il pomposo titolo di Bi- 
hUoornfia generale di Roma, ho constatato che per la sola 
pirto medioevale (cioè dall'a. 47G all'a. 1499), questa biblio- 
gralla è tutta compresa in 152 pagine in ottavo contenenti 2023 
ariìcolì i quali si riducono a molti meno, se togliesi quanto vi 
è rli ripetuto, e tutti i cataloghi di librai elencati, non sappiamo 
con quanto criterio e buon risultato. 

È ben vero che il Cerreti impiegò trentanni per compilare 
la sua. diciamo pure, manchevole Bibliografia, e il Calvi quattro; 
ma il buon bibliotecario della Corsiniana mise insieme qualcosa 
come un quarantamila articoli: il Calvi dandone una ventesima 
parte, tranquillamente intitola il suo volume Bibliografia ge- 
nerale di Roma. Non che il lavoro del C. non abbia il suo 
valore; ma un valore molto, anzi moltissimo modesto; (un 
semplice saggio di quello che forse dovrebbe essere un lavoro 
simile) ed al quale nuoce, oltre il titolo, Tampollosa prefazione. 
Da es^sa rilevasi anche la poca conoscenza che della materia 
ha il C, e specialmente sui tentativi di bibliografìa romana 
talli precedentemente; tanta poca da ricordare quello infelicis- 
simo del Ministero d'Agricoltura, Industria e Commercio, or- 
nale», dice il C, d'una «dotta prefazione di ben 173 pagine, 
bellij^sima sintesi letteraria», che ha un solo difetto: quello di 
essere un po' — diremo cosi — onalsìcuì^a massime nella prò- 
dujiiono dei documenti. Domandi il G. a qualche serio studioso 
diro.se romane, e su quella prefazione ne sentirà delle belle! 

Tutti i lavori bibliografìci debbono avere un solo e precipuo 
scopo: quello di guidare il ricercatore alla meta con la minor 
fatica e con la maggior rapidità possibile. È dunque necessario 



Digitized by 



Google 



STORIA OENEKALK — E, CALVI JlO 



che le bibliografie siano il più possibilmente semplici; senza 
tante astruserie di classi e sottoclassi; e le divisioni quelle 
puramente necessarie. Il G. nelle poche pagine che ci offre, 
pare che abbia cercato di fare tutto il contrario; divide, sud- 
divide; seziona le classi creando speciali argomenti, dando la 
bibliografia di alcuni singoli fatti storici, avvenuti in un dato 
secolo e che crede importanti, ma (che non tutti gli studiosi 
potrebbero giudicare tali; e, talmente fraziona quelle indica- 
zioni bibliografiche, da doverle necessariamente ripetere in più 
luoghi, tanto che se non vi fosse alla fine del volume un in- 
dico per soggetti sarebbe assolutamente impossibile raccapez- 
zarvi qualche cosa. Basti il dire, che divide il medio evo in 
epoche precise, come se la massima parte delle opere non ab- 
bracciassero interi periodi e finissero, come vorrebbe lui, a 
data fissa. Un esempio di (.uesto curioso frazionare, ci è dato 
nella topografìa. Il G. cita 52 pubblicazioni riguardanti «la 
topografia speciale di Roma e di alcuni monumenti princi- 
pali»; la topografia di Roma, nella parte generale, consta di 
41 articoli (potrei dare al G. le schede di altre 270 opere che 
io ho registrato per mio conto) le altre 11 indicazioni sono 
cosi divise: 1. Gastel S. Angelo; 2. Pantheon; 5. Palatino e 

Foro Romano; 1. S. Pietro; 1. Gampidoglio, e 1 indovinate 

un po'? Villa Borghese! E questi sono tutti i principali 

monumenti di Roma medioevale! 

Tra i periodici che trattarono di cose romane, non ricorda 
i due comunissimi e importanti Arti e lettere^ e Buonarroti; 
per le famiglie romane cita un povero manoscritto delFAnge- 
lica,' mentre — dacché citava mss. — non doveva dimenticare 
i grandi repertorii del Caffarelli che sono, parte all'Angelica, 
parte proprietà del marchese Ferraioli; dello lacovacci alla 
Vaticana, e del Magalotti alla Ghigiana; non cita i lavori del 
Vicchi sugli Sciarra, le notizie del Tomassetti sui Grescenzi 
e sui Capocci; i lavori del Visconti sugli Altieri, del Seifrido 
sugli Anici, del Litta e del Ratti sui Gesarini, deirimhoff, del 
Lilta e del Savini sui Farnese; ma si affretta a ricordare le 
opere del Geccarelli che il Riegl (A, CeccarelU xmd seine 
Fctlschungen) in base a documenti dimostrò essere un impasto 
di falsità e di truffa storica. 

Per gli Statuii delle corporazioni artiere, rimanda alla 
Bibliografia datane dal Bresciano senza avvertire che essa 
bibliografia rimase a metà^ e potrebbe andare anche cosi; 



Digitized by 



Google 



r 



Zi U HKrK.NSIONI K NOTK BIULIOOKAKICHK — K. CKLAM 

tua perchè poi citare quattro o cinque singoli statuti? O tutti 
nessuno. K vero che, citando tre volte Topera del Bresciano 
(pap:. 2, 49, 50) dimentica poi di citarlo come editore degli 
statuti dei mereiai e dei carrettieri di Roma. La campagna 
romana del Tomassetti è pure citata tre volte (pag. 5, 84, 40) 
e rosi molte altre opere: e questo è il risultato di quanto sopra 
direvo, che cioè non si può assegnare un'opera ad un epoca 
lìssa, senza cadere nelTerror-e di doverla citare moltissime volte. 

Visto che questa Bibliografia è generale, dovrebbe superare 
o eguagliare il lavoro del Cerreti, invece su S. Gregorio Magno 
il Cer. da 08 indicazioni e il G. 26; su Gregorio VII il Ger. 184 
e il C. 21; su Onorio III il Ger. 30, il G. 8; su Gregorio IX il 
Cor. 31, e il C. 12; su Innocenzo IV il Ger. 30, e il G. 7; su 
Gregorio X il Cer. 30, il G. 4. Su quella donazione di Costantino 
che ebbe il potere di annoiare T umanità per i lavori causati il 
C. dà solo 13 indicazioni bibliografiche, e non le migliori. 

Se seguesi un momento l'indice i^er soggetto, trovasi che ad 
Aììiizienon si cita il lavoro capitale del Lubin; ad Alessandì^o VI 
non il Burcardo, che pure è citalo largamente altrove; si cita 
VilV Araldica un mss. Gasanatense, e non i tanti Chigiani, Va- 
ticani, Angelicani, e deirArchivio Capitolino; ad Adriano I 
mancano gli studi del Kampe; ^nWAlbornoz nulla del Fabro 
e un solo lavoro del Wurm; su Leon Battista Alberti non i 
lavori del Sanesi e dello Scipioni ; non quelli del Supino e del 
Tuniiati sul Beato Angelico; M'AretinOy mancano i lavori 
dello Jorio; ad Arnolfo di Cambio, quelli del Trey, e nulla si 
cita per gli Antipapi, 

Pubblicazioni riguardanti una stessa persona o affini, sono 
sparse in luoghi differenti (cfr. per Pietro Cavallini pag. 95, 
101, 102; L. P. Petroìie, pag. 37 e pag. 120); e si fa una spe- 
ciale classe bibliografica per il «Liber diurnus ppntificum ro- 
inanorum » che, come tutti sanno, è una raccolta di formule 
de!!a cancelleria pontificia, e si mette nella classe « Istruzione, 
cultura!» E perchè fare delle classi speciali per alcune le^gi 
(cfr. Lex ìvmana utinensis) e lasciar le tante altre? Forse 
non erano nelle buone grazie del C? Quando poi si asserisce 
— come il C. nella prefazione — che le indicazioni sono date 
< secondo i moderni canoni della bibliografìa » non si può a meno 
dì deplorare che questi canoni permettano che si citino le opere 
del De Brequigny sotto Feudrix, il diario del Burcardo sotto 
roditore Thiiasne, e i Registri dei cardinali Ugolino d'Ostia e 



Digitized by 



Google 



STORIA (JKNKRALE — <>. CRIVELLAHI 277 

degli Ubaldìni sotto il nome deiredilore G. Levi, mentre poi 
questi nomi si cercherebbero invano tanto nell'indice per au- 
tore, quanto in quello per soggetto. E, a proposito di questa 
ultima pubblicazione, è sintomatico Tossorvare come il C. 
(pag. 30) dica che i 7*egìshn deirUbaldini sono 125, e 58 quelli 
del card. d'Ostia. Parrebbe trattarsi di chi sa quale grande col- 
lezione di registri; ma invece si tratta di due soli codici, e i 
i25 e i 58 non sono che il numero delle lettere e documenti, 
da essi contenuti e che il G. muta serenamente in tanti volumi 
di Registri, 

Da queste osservazioni fatte cosi a volo, su questa geniale 
e generale bibliografìa di Roma, si deduce il valore dell'opera. 

Tfli esempi del Manno, del Gerroti, del Gicogna, del Soranzo, 
e di tanti altri che spesero la loro vita a compilare le biblio- 
grafìe delle loro regioni, dovevano essere presenti all'autore 
di questa, infelicissima, di Roma, e fargli riflettere che in 
quattro anni si può solo mettere insieme un volume come 
quello che ci ha presentato. Ed è male, perchè il C. giovane e 
volenteroso, potrebbe fare meglio e di più, se la fretta di ar- 
rivare, ed arrivare a tutti i costi, non gli nuocesse. Egli ci 
promette altre tre parti di questa Bibliografia; pensi se non sia 
il caso di smetterne l'idea. E. Gelani. 



GRIVELL.\Rr GIUSEPPE, Milano e dint07mi. Profilo storico 
con carta topografica delle epoche preromana, romana, me- 
dievale, moderna. Firenze, tip. domenicana, i906. ln-l(5, 
di pp. 104, con 1 carta. 

115. — L'Autore, valentissimo fra i valenti topografi del- 
rislituto geografico militare, continua l'opera dotta ed utile 
iniziata colla carta di Firenze nelle varie epoche della sua storia. 
Opportunamente in questi giorni egli pubblica la carta di Mi- 
lano; nella quale, con tinte differenti indicate, egli raccoglie 
le varie modificazioni subite dalla metropoli lombarda dalla sua 
remota fondazione ai giorni nostri. Sapientemente e chiarissi- 
mamente adoperando il disegno, egli ci dà, in un quadro, di- 
remo cosi, sinottico, l'indicazione dei vari monumenti costruiti 
nei vari periodi; segna le località storiche del contado; descrive 
gli ampliamenti delle mura : si che il lettore ha sotto gli occhi 
non solamente la pianta della città, ma la sua storia, e sa dove 
trovare le biffe della strada ascendentale percorsa dalla capi- 



Digitized by 



Google 



2T^ HECEXSIONl E NOTE BIBLIOOKAKICUE — E. C. 

tale lombarda. Siccome tutto però non potevasi dire sulla carta 
ne con un semplice colore o con una sola riga, egli ha raccolto 
in una sobria, dotta e completa illustrazione, che accompagna 
la carta, le notizie dei singoli monumenti, delle singole indi- 
cazioni liportate sulla caria; e cosi è riuscito a comporre un'o- 
pvvii breve ed istruttiva, che vorremmo vedere nelle mani di 
molti e segnatamente della gioventù delle scuole. Sia dunque 
lecito rivolgergli una parola sincera di lode e di conforlo. 

E. G. 



A. GIUSSANI, L* Giratorio di S. Martino in Culmine. Como, 
premiata tipografia editrice Ostinelli di Bertolini Nani e G. 
1903 (Estratto dalla Rivista Archeologica della Provincia 
ed antica Diocesi di Gomo, fase. n. 41, giugno 1903, pp. 46 
in grande 16° con 5 illustrazioni. 

116. — È la descrizione e la storia del piccolo Oratorio di 
S. Martino in Gulmine che sorge su una vetta che fronteggia 
il Campo dei Fiori in territorio di Varese, nella Lombardia. 

Appartiene a quella categoria di templi semplici e vetusti, 
di ei>oca poco posteriore al 1000, che restano alle volte intatti e 
che sono esempio umile ma puro della buona archittettura di un 
tempo. Questo è di stile lombardo conservatissimo, perchè sor- 
gente in luogo di difficile accesso, ed ancora immune da quegli 
abbeUimenli che imperversarono nel 500 e nel 600 e che ro- 
vinarono molti monumenti, i quali ora si cerca di ricondurre 
airantico aspetto. Il Giussani occupandosi di esso, serve a co- 
desta tendenza riparatrice che si ravviva da qualche tempo in 
Italia e che ci rida tanti cimeli pur che essi conservino i 
resti di un'architettura buona, 

L'Oratorio di S. Martino in Gulmine è una piccola costru- 
zione costituita da una sola nave rettangolare, lunga interna- 
monle m. 17,70 e larga 4,30 e suddivisa in 4 campate; manca 
di abside che sarebbe venuto troppo stretto, ed ha una sacrestia 
aggiunta sul fianco posteriormente alla prima sacrestia. 

Contiene una lapide romana della fine del terzo secolo, che 
ricorda un sepolcreto di Publio Novellio fatto a sé e alla moglie 
TerzÌH fij^dia di Sirlo. 11 nome della gente Novellia ed il co- 
gnome della famiglia Grescenle sono, dice Fautore, tra i più 
comuni (Iella Lombardia sotto la dominazione romana. L'uso 
di ] (rendere delle lapidi funerarie romane o degli altri pezzi 



Digitized by 



Google 




. -.^^ 



STOKIA (tEXERALK — A. ail'SSAM 



decorativi per decorar monumenti medievali ora • diffuso nel 
M. Evo; onde si spiega a questo modo che questa lapide sia 
giunta fin lassù. 

Interessante è pure la rozza pila dell'acqua benedetta col- 
locatasi nel 1578 da un canonico della chiesa (fl S. Fedele in 
Como, d'incarico del Vescovo di quel tempo. 

La chiesetta aveva due porte, quella nella facciata che si 
conserva, bella di semplice bellezza, proveniente tutta dalla lo- 
gica costruzione ed un'altra laterale che è diventata quella che 
dà adito alla sacrestia. 

La costruzione del tempio è modestissima, colle linee ar- 
chitettoniche semplici ed eleganti dell'antichità lombarda. Il 
tetlo è a due spioventi ed i fianchi presentano ancora, salvo 
quello guasto della sacrestia sotto la gronda degli archetti por- 
tali da mensoline che si appoggiano ogni setto a lesene scen- 
denti fino a terra. Ogni campata fra gli archi ha una finestrella 
lunga a tutto sesto con doppia strombatura e con elegante con- 
torno di pietra calcare. L'ultima, essendo stata ristaurata, ha 
perduto gli archetti e le finestrelle. 

La porta della facciata è tutta in pietra da taglio e ornata 
all'esterno da lesene a cordoni che fanno assai bene. 

Nella lunetta campeggia il nome di S. Martino, fì tutto 
coperto di volte a crociere fatte con pietra calcare e che sop- 
portano da sole la copertura del tetto a lastre, che provereb- 
bero la costruzione del tempio non anteriore alla metà del se- 
colo XI. Forse alla difficoltà di fare la volta senza legname è 
dovuta la strettezza e lunghezza della costruzione; la stessa 
considerazione valse a tener basso l'edificio, che ebbe tanta 
solidità da durar saldo per otto secoli. Data la strettezza della 
nave, fu impossibile l'abside che sarebbe riuscita troppo angusta, 
onde anche essa è nell'attuale condizione Tunica chiesa roma- 
nica lombarda senza abside. La chiesa fu sempre priva di cam- 
panile ed è orientata secondo le proscrizioni liturgiche esat- 
tamente da oriente ad occidente. 

La storia del tempietto di S. Martino è accompagnata da 
documenti del principio del cinquecento in qua; ma prima se 
ne sa poco. Per quel che sia stato i)rima del 500 non ci sono 
documenti: e il Giussani ne chiede notizia alla tradizione che 
pare conformi l'opinione che esso appartenesse ad un antico 
gruppo di Umiliati, affigliati a quoll'ordine che ora sorto noi primi 
anni del secolo XI a Bamberga tra i, nobili milanesi esiliali in 



Digitized by 



Google 



2?^ RECENSIONI E NOTE RIHUCfRAFICHE — K. HONAKDl 

Gorniania da Enrico l che voleva cosi impedire che essi iurbas- 
seni colle loro ribellioni la pace delFimpero, Concesso poi il 
ritorno a Milano, essi da corporazione laica trasformarono la 
ioni società in ecclesiastica e giunsero a grande potenza in se- 
guito; tanto che nel Wì Pio V li abolì. Poco dopo nel ì(j()2 i\ 
Priorato di S. Martino al Culmine passa ai Oesuiti, che vi danno 
^e<\ò all'Inquisizione; ma Tlnquisizione è abolita nel 1782 ed 
allora i suoi beni i)assano ad un istituto di beneficenza che li 
vende ad un privato coll'obbligo dei gravami. 

Questa è pressapoco la storia di quel piccolo ma impor- 
laute monumento, che sorge su una vetta della Valcusia e 
che è importante non solo per le sue belle e pure linee arti- 
stiche, ma anche per la parte che ebbe nella storia degli or- 
dini religiosi in quelle terre. Ercole Bonardi. 



ATTILIO ROSSI, Sdufa Maria in VuUurella (Tivoli), Ricerche 
di Storia e d'Arte. In-8, fìg., pag. 97. Roma, Loescher, 1905. 

117. — Non si potrà avere un'esatta imagine dell'arte e della 
coltura neir Italia centrale ed inferiore durante il Medioevo se 
prima non 'si saranno lumeggiate le vicende delle numerose 
cijmunità monastiche sparse in quell'epoca nelle campagne, 
centri di vitalità variamente intensa ma persistente in un or- 
jj-anismo molte volte inerte. Un quadro completo della vita 
monastica, dell'attività artistica e delle ricchezze d'arte dei ce- 
nobi ricordate nelle cronache sarebbe per se stesso una salda 
base alla storia della civiltà cosi del Lazio che dell'Abruzzo, 
del Sannio e della Campania. 

Ora il R. illustra, con un esame critico dei documenti o 
flelle tradizioni, le prime oscure origini di un antico oratorio 
sorto alla Yulturella, vetta aspra e remota dei monti tiburtiiii, 
presso il quale poi, forse sul finire del decimo secolo, si costituì 
un priorato benedettino. Il periodo di fioritura della piccola co- 
munità, che dipendeva dal monastero romano di San Gregorio 
al Clivo Scauro, fu sullo scorcio del XII secolo: una vecchia 
leggenda indicante le solitudini della Yulturella come il luogo 
ove il cervo miracoloso era apparso a Sant'Eustachio ebbe al- 
lora — probabilmente (cosi opina l'A.) perchè serviva a riprova 
della discendenza della nobile Simiglia de' Conti dal martire 
romano — la sua massima diffusione; fu allora ricostrutta la 
chiosa, piccolo edificio nel quale si riflettono W pi-ime forme 



Digitized by 



Google 



ETÀ l'KEHOMAXA E ROMANA — li. LECIIAT 281 

dello stile gotico; nella chiesa, venne eretto un grandioso ci- 
borio per opera di qualche inariuoraro romano, fu collocato 
un altare ligneo — ne resta soltanto una parte — intagliato 
da un oscuro magister Guìllelmiis, forse di Abruzzo. 

Ai primi anni del XIU secolo può essere attribuito un bel 
simulacro della Madonna col Bambino, intagliato in legno, nel 
quale il R. inclina a scorgere un influsso dclFarte borgognona 
importata nel Lazio dai monaci cisterciensi (XII-XIII sec). Lo 
stile della scultura — assai diverso dal bizantino — ci pare 
cosi radicato ancora nelle forme romaniche e impresso di si 
pochi caratteri gotici da render alquanto dubbio un tale giu- 
dizio: esso contrasta di molto con quello della Madonna di 
Scurcola, che la tradizione vuole offerta da Carlo d'Angiò dopo 
le battaglia di Tagliacozzo, al quale il R. lo confronta: ivi è 
davvero evidente l'influsso dell'arte francese. 

La chiesa della Vulturella possiede anche un importante 
frammento di reliquiario che con bu(me ragioni TA. assegna 
all'arte renana (XIII sec), una bella croce astile lavorata di 
certo da un orafo abruzzese (principio XV secolo), due cande- 
lieri arabi ornati ad agemina (sec. XI li), un grande candelabro 
liturgico a sette braccia. L'A. illustra con acutezza, additan- 
done repoca e ritrovandone l'origine artistica, questa varia sup- 
pellettile sacra conservata nella chiesa alpestre ove la lonta- 
nanza e l'oblio hanno preservato da disi)ersioni se non le tracce 
<li un'attività artistica locale, che forse non ebbe mai agio di 
esercitarsi iji luogo si povero e romito, almeno i tesori d'arte 
che la pietà vi raccolse da diversissime e lontane regioni. 

P. TOKSCA. 



2. KTÀ PREROMANA E ROMANA. 
HENRI LEGHAT, Pythagovas de Rhégion, Lyon-Paris, 11K)5. 

118. — Di Pitagora scultori Plinio e Diogene Laerzio ce ne 
davano due, uno di Reggio e uno di Samo. La verità vera, 
che sarebbe stata rilevata per primo dairuirichs nella sua 
Chrestomaiia plinìana, è invece che i due Pitagora ne fanno 
uno solo, la cui jìatria originale fu Samo, l'adottiva, Reggio. 

l diversi passi degli antichi scrittori, a lui relativi, sono 
stati riuniti dall'Overbeck nelle sue Scì&iflqueUen nn. 489-507. 
Ad essi sono ora da aggiungere due iscrizioni, una intera e una 
frammentaria, e un papiro d'Oxyrvnchus, contenente preziose 



I 
I 
I 



Digitized by 



Google 



282 KECKXSIONI E NOTE BIBLIOORAKICHK — C. BA1U)AGALL0 

indicazioni cronologiche per talune statue di Pitagora menzionate 
altrove. II presente scritto passa metodicamente in rassegna tutte 
le informazioni di codeste fonti. In un primo capitolo esp«3nc la 
breve e lacunosa biografia pervenutaci dell'artista e le testi- 
monianze degli antichi relative alle sue opere. In un secondo, 
tenta con una critica, che, per quanto oculata, non può non es- 
sere soggettiva, d'identificare il Filottete di Pitagora col Diomede 
che rapisce il Palladio del Palazzo Valentini in Roma. Un terzo 
capitolo discorre delle altre sculture attribuite o attribuibili a 
Pitagora. Finalmente, nella Conclusione, TA. esamina e alloga 
storicamente l'arte dello scultore. Pitagora fu un antagonista 
di Policleto e di Fidia, continuatori tenaci dell'ideale della scuola 
argiva. Pitagora e Mirone invece ebbero l'ambizione nuova e 
ardita di mostrare la figura umana in azione, in attitudini, che 
scompongono l' equilibrio normale del corpo e la posa abituale 
delle membra. Essi trasportarono l'azione e il movimento dai 
rilievi, dai frontoni, dai gruppi di statue alla statuaria isolata. 
Tuttavia, fra i due, Pitagora fu il più vicino all'arcaismo. Pi- 
tagora apre la via, Mirone la batte gloriosamente. Egli fu inoltre 
un precursore di Scopa, l'artista geniale di quella scultura pa- 
tetica che costituì la grande originalità di quest'ultimo. Né 
l'ipotesi è arrischiata. Del suo Filottette invero così parlava un 
epigramma alessandrino: «Crudele più dei Danai colui che mi 
« ha rappresentato ; secondo Ulisse, colui che mi ha rammen- 
< tato una crudele e perniciosa malattia ! Non bastavano la ca- 
« verna, i cenci, la sanie, l'ulcera, il dolore; anche nel bronzo 
«egli ha scolpito la mia sofferenza». 

G. Barbagallo. 



LUIGI FISGHETTI, Pompei prinui delV erazione e dopo gli 
scavi. Milano, Gio. Lampugnani, 1906. 

119. — Non è un libro di erudizione, ma una guida al vi- 
sitatore affrettato di Pompei, che pur desidera in poche ore 
formarsi un concetto esatto dell'antica Pompei con Tesami 
degli scavi. 

I/architetto L. Fischetli, per riuscire a tal fine, ha trac- 
ciato un itinerario possibile a compiersi in breve tempo, limi- 
tando la visita ai principali monumenti. Li presenta ricostruiti 
in base ai ruderi, colonne, capitelli e cornici che possono riscon- 
trarsi sul luogo e noi musei di Napoli e Pompei ; anima i quadri 



Digitized by 



Google 



ETÀ PREROMANA E ROMANA — Cr. BOISSIER 283 

con scene della vita pompeiana secondo le notizie raccolte dagli 
scrittori dell'epoca; illustra il tutto con dati archeologici e storici. 
Premessa la topografia e un cenno storico, tiene il seguente 
ordine: Porta Marina, la Basilica, Tempio di Venere o di Apollo, 
Fontana dell'abbondanza e Tediflzio d'Eumachia, il foro mag- 
giore, il tempio di Giove e l'arco di Nerone, la casa dei Vetti, 
la casa del Fauno, il tempio della Fortuna, la strada di Mer- 
curio, la porta Ercolanese, la strada dei sepolcri, la casa del 
balcone pensile, le terme, il foro triangolare, i templi d' Iside 
e di Ercole, l'anfiteatro. Il volumetto è adorno di molte graziose 
illustrazioni. G. R. 



GASTON BOISSIER, La conjuration de Catilina, Paris, Hachette 
et C, 1905. 

120. — É nota la genialità con cui il Boissier tratta gli ar- 
gomenti di storia romana, ch'egli dapprima approfondisce col 
sussidio delle fonti scritte e dei monumenti, e di poi avviva 
con la penetrazione dell'anima romana. Cosi accanto alle^jro- 
menades archèologiqtces a Roma e Pompei, in Algeria e Tunisia, 
attraverso gli scritti di Orazio e Virgilio, ci diede i classici studi 
sulla religione romana da Augusto agli Antonini, i quattro vo- 
lumi sulla fine del paganesimo, i lavori su Cicerone, su Tacito 
e sull'opposizione ai Cesari, e ora sulla congiura di Catilina. 

Quest'ultimo volume è una ricostruzione viva degli avve- 
nimenti, derivata dalle testimonianze contemporanee, comparate, 
interpretate o integrate col senso storico della vita romana. 
Con rara diligenza espone le condizioni politiche, sociali e 
morali, da cui doveva scaturire la congiura; esamina le circo- 
stanze in mezzo a cui sorse il consolato di M. T. cicerone; 
rintraccia le fila della congiura, di cui studia lo s[)irito, il 
carattere e lo scopo; si intrattiene minutamente sullo celebri 
Catilinarie, rannodando attorno ad esse le vicende dei fatti; e 
dedica un intiero capitolo alla celebre giornata delle none di 
dicembre del 691, che segnò la vittoria di Cicerone, la condanna 
di Catilina e la conseguente fuga e disfatta. 

Senza dubbio qua e là si sente l'uomo moderno e il lavoro 
diviene un po' soggettivo, ma è d'un'efBcacia e attrattiva mi- 
rabile. C. R. 



Digitized by 



Google 



284 UKCE.NSIUM K NOTK UIBLIOC.KAKK HE — C. lUlUJAGALU* 

3. ALTO MKDIO EVO ^Seo. V-XI). 

G. PLATON, Obserrations òur le droii de protiraesìs en droit 

hyzayUbi, 

121. — G. Platon è un nome noto fra gli studiosi di cose 
storiche e di diritto civile, ed è al tempo stesso uno degli scrit- 
tori più geniali fra Cvssi. I suoi lavori più notevoli e più noti, 
se non più popolari, sono Tuno il suo Socialisme en Grece 
del 1895, che piglia le mosse dalle due opere del Guiraud su 
la proprietà in Grecia e del Pòhlmann su la sovrappopolazione 
dcirantichilà per assurgere, da cosi modesti inizi, a una pro- 
fonda e geniale analisi della società greca e dei mille problemi 
della sua vita economica; l'altro, il volume, che va sotto il 
nome di La démocratie et le regime fiscal à Athènes, à Rome 
et de noò' jours, al quale lo spunto, diciamo cosi, ideativo, fu 
pòrto dalla modesta, ma arguta tesi di laurea d*un italiano, 
ch'è ora uno dei più bei nomi del giornalismo cattolico mili- 
tante, Tavv. A. Mauri, già direttore del Momento di Torino, 
sui Cittadini lavoratori deW Attica. 

Quel volume era una meravigliosa disamina del regime fi- 
scale dei tempi, che l'autore studiava, e in esso non si sa bene 
se più ammirare la profondità, la dottrina, l'acutezza o la chiara 
esteticità dell'esposizione. 11 lavoro, che oggi presento ai lettori 
della Ricisld, e che fu dapprima pubblicato, in più riprese, 
àdiWdi Revue gè elevale du droit, piglia le mosse da una quistione 
trattata colà, relativa ad uno dei più intricati problemi di diritto 
bizantino, la nooiuii'ji^. 

Cosa sia il diritto di nporiu.c7ig non è presto detto. I due 
tratti caratteristici del regime dei beni a Bisanzio sono le due 
singolari istituzioni della Intfjolr, e della 7ri55T«'^a.£7c;. Per la prima 
tutti i beni di un distretto determinato sono, dal punto di vista 
fiscale, considerati come solidalmente responsabili deirimposta. 
Il principio, secondo cui si fìssa l'imposta, è che le terre ste- 
rili poco fertili debbono trovarsi nelle stesse mani, in propor- 
zioni tali che il contribuente possa sempre, in grazia di queste 
ultime, soddisfare ai carichi che gravano sulle altre. Se per 
c-aso la parte fertile passa in altre mani, il nuovo possessore 
risponderà delle imposte sulla parte sterile; questo rigettare 
su di lui e la possessione di queste ultime terre e i carichi re- 
lativi si dice irr^i^o)./:. Egli non è quindi estraneo alle sorti del 
possessore della parte sterile e a quelle del suo possesso, e la 



Digitized by 



Google 



ALTO MEDIO KVO — G. l'LATON 285 

7,uo::ì;iB'7tg consisto nel di lui intervento alle vendite relative, 
fatte dal suo compagno di contribuzione e nella sua sostituzione 
al compratore negli eventuali contratti di compera. 

L'Ì7:C|5o>.yi e la TtooTiasiic sono state già oggetto di studi 
importanti. Hanno studiato la prima lo Zacharìii in uno dei 
capitoli della sua Gescltichte des (jriechiscìi-rómi.schen Rechts, 
il Monnier nella sua Histoire de\rÌ7:i[iiO/:fr, la seconda il nostro 
Taraassia x\&\V Archivio giuindico, XXV, (1), il Brunneck, 
in un capitolo del suo libro: Siciliens niittelalterliche Stadirecht 
nach alten Drucken und Handscliriften e un po' anche in 
Italia lo stesso La Mantia (2) e, in Francia, lo stesso Monnier (1). 
Lavoro fondamentale rimane sempre, a ogni modo, il capitolo 
relativo dell'opera citata dello Zacharià. 

Come altre volte, direi come sempre, le ricerche altrui sono 
state d'incitamento al Platon a quelle osservazioni, che non 
sono tali se non di nome. Il Platon è un ingegno, che non 
s'accheta nella fede, che medita a lungo ed accuratamente, e 
compiutamente, ciò che altri ha affermato, e, benché volta j)er 
volta, egli dica di non volerci dare quello «studio minuto e 
sistematico», che l'argomento richiederebbe, ci dà sempre tutta 
una ricerca originale sul medesimo, che, per valore e per in- 
dipendenza, si lascia addietro, di molto addietro, le altre che 
l'avevano preceduto. Cosi è anche questa volta di queste sue 
osservazioni^ che sono niente meno che una vera e propria 
monografia su tutto quanto di controverso c'era sul concetto di 
c^7^'55/Y; e di 7:po7tu.ì'7ig, 

È impossibile che io qui esponga la trama del lavoro; si 
tratta di un ricamo finissimo di polemica, che non si riassume. 
Mi basta averlo segnalato agli studiosi della materia. Soltanto 
amo indicare qui in fondo i tre pregi caratteristici, che man- 
cano ai libri italiani e un po' a tutti i libri del genere : la chia- 
rezza, la compiutezza e la genialità. Il P. è un maestro della 
polemica cortese e sicura. Attraverso una materia arida quan- 
t'altra mai egli non si lascia in nessun momento accasciare. 
Egli non tradisce un solo minuto di stanchezza o di debo- 
lezza ; egli ne tratta con una padronanza signorile e un garbo 



(I) // diritto di prelezione e l'espropriazione fornata negli statuti 
dei comuni italiani. 

2) Consuetudini e leggi su la protimisi iprelaxione o reitrato) in 
Cicilia dal secolo XIH al sec. XVIIl. Palermo, 1895. 



Digitized by 



Google 



286 RECENSIONI E NOTE BIBLIOORAPICUE — 0. BARBAOALLO 

che sono qualità tutte sue, per ben 150 pagine, chiarendo, 
vivificando, rendendo tutto lieve, evidente, completo. Anche 
Terrore eventuale ha i suoi meriti, quello almeno di palesarsi 
così chiaro, in tanta vei^inità, da polvere facile presa alla 
confutazione: ciò che precisamente non si potrebbe dire del- 
l'enorme maggioranza d^li scrittori del genere. 

C. Barbagallo. 



B. KRUSGH, Vita Sanctorum Columbani, Vedasd, Johannis 
(Script, rerum Oermanicarum in itsum scholaì^um), 
Hannoverae et Lipsiae, Hahn, 1905, pp. xii-366. 
E. MARTIN, Saint-Colombari (vers 540-615). Paris, Lecoffre, 
1905, pp. vi-199. 

122-123. -— Al Krusch dobbiamo l'edizione critica degli scritti 
agiografici di Giona da Susa, apparsa nel voi. IV degli ScìHp- 
tores rerum Merovingicarum (Mem. Qerm, Hist.), fra i quali 
quello che interessa sopratutto la storia d'Italia è la biografia 
di S. Colombano, il famoso monaco irlandese, che fondò fra noi, 
al principio del sec. VII, il celebre monastero di Bobbio, dove 
morì addì 23 novembre 615. Il Krusch per questa nuova edi- 
zione usufruì di moltissimi ms. che prima non avea veduto, e 
perciò molte parti anche della prefazione dovettero essere mo- 
dificate. Bisogna peraltro convenire in ciò che non sono i mi- 
gliori codici quelli che ora per la prima volta vengono adope- 
rati dall'illustre storico tedesco. Sicché non si può asserire che 
l'edizione anteriore sia grandemente inferiore alla presente. 

Al Martin dobbiamo anche una vita di Leone IX, apparsa^ 
come la presente di S. Colombano, nella collezione Les Saints. 
Egli conosce assai bene le sue fonti : naturalmente dovette at- 
tenersi alla prima edizione del Krusch, giacche la seconda usci 
a un tempo colla sua monografia. Non si ferma quasi mai a 
discussioni minuziose, poiché ciò di cui è sopra tutto sollecito 
é di ritrarre nelle sue linee caratteristiche la figura forte, tal- 
volta perfino violenta nel suo zelo ardente, del monaco irlan- 
dese, che, lasciando la terra nativa, fondò in Gallia il mona- 
stero di Luxeuil e più innanzi quello di Bregenz (Voralberg), 
lottò contro Brunechilde, cercò di estirpare le sconcezze del 
vizio signoreggianti alle corti dei Franchi, e lavorò per la dif- 
fusione del Vangelo. Vecchio e stanco, e desideroso ormai di 
di più tranquilla vita, trovò protezione da re Agilulfo e nolla 



Digitized by 



Google 



«fi 



ALTO MEDIO EVO — FR. SCHAUB 287 

valle della Trebbia, tra Piacenza e Genova, fondò il monastero 
di Bobbio, dove inori, e dove il suo sepolcro, come sorgente di 
benedizioni e di grazie, formò la meta ai pellegrinaggi dei fe- 
deli. Il Martin non nasconde quanto può sorprendere in S. Co- 
lombano, né tace che l'impeto della sua parola talvolta si fece 
sentire così alto, che noi possiamo interpretarlo piuttosto che 
approvarlo. Ciò vale specialmente per le sue lettere e per le 
sue azioni nella questione della Pasqua e in queHa dei tre 
Capitoli. 

È degna di nota la circostanza, che in questo carattere 
bollente trovava posto un sentimento vivo e gentile della na- 
tura, che ci fa presentire quella condizione d* animo che si at- 
tribuisce al Poverello di Assisi. 

Il Martin non trascura di parlarci anche degli studi lette- 
rari del Santo, e giustamente osserva come nel monastero di 
fiobbip questa sua eredità fu continuata e ampliata. 

G. GiPOLLA. 



PR. SCHAUB, Ber Kampf gegen den Zingiouchery imgerechlen 
Freis u. unlautern Ilandel im Mittelalter von Karl clem 
Gì'ossen bis Papst Alexander IIL Freiburg i./B. Herder, 
19(fò, pp. xn-218. 

124. — È un volumetto di piccola mole, ma di molta im- 
portanza. Si riferisce infatti ad argomenti morali, a controversie 
teologiche, a studi di ordine sociale. La questione riflettente 
l'usura, il prezzo inadeguato ed il commercio illecito, è vitale 
nel medioevo; anzi (sia pure avvenuta una profonda mutazione 
nel modo con cui essa si presenta ora) non ha perduto affatto 
della sua antica gravità. La legislazione Garolingica considerò 
sia il commercio, sia Tinteresse del denaro; il che vuol dire, 
tanto lo scambio delle derrate, quanto il commercio del denaro. 

Ma neiralto medioevo le prescrizioni miravano ai grandi 
signori, fossero ecclesiastici o laici. Invece nella legislazione 
ecclesiastica e civile del sec. XII furono considerati sopratutto 
i mercanti, poiché essi avevano ornai coiKiuistata niolta e larga 
influenza nella società. Gli ebrei furono oggetto a provvedimenti 
speciali, per questo rispetto, fin dall' età dai Carolingi, che si 
contennero verso di essi con molta benevolenza, concedendo loro 
di ricevere gli interessi del denaro, anche nei casi in cui ciò era 
vietato ai cristiani. La proibizione doir interesse, conio loirLre 



Digitized by 



Google 



L*>^S WKCKN'SIO.NI K XOTK HlULIOaKAFICHK — C. CH'OLLA 

generale, fatta ad Aqiiisgrana nel 789, ebbe efficacia anche 
[ielle olà posteriori. Il prestito ora coasideralo come opera di 
carità. 

Queste disposizioni legislative mi fanno pensare alle dottrine 
esposle, intorno al denaro, da S. Giovanni Crisostomo, le quali 
non sì possono intendere bene, se non collocandole in rapporto 
colle condizioni sociali del IV secolo; e allora soltanto si vede 
come il Crisostomo non potesse avere il concetto moderno, del 
deiiaro come mezzo di produzione (cfr. Allard, Les escfaves 
ehri'liens^ Paris, 1900, pp. 418-9). Non polea avere tale con- 
cetto, poiché mancava il fatto corrispondente. Neiretà Carolin- 
giea, essendo ancora debole l'azione dei mercanti, il valore del 
denaro non era molto diverso da quello del tempo del Griso- 
stomo. La cosa invece apparisce ormai molto modificata nell'età 
dei Cifmuni. Cambiandosi l'oggetto, si altera la modalità del di- 
rilto sociale. 

Nel secolo X Raterio parlava ancora vivamente contro i 
mercanti usurai. 

La legislazione si occupò anche della difesa della giustizia 
nei contratti di compra-vendita, e delle mercedi degli operai. 
Per riguardo alla vendita, si aveano in considerazione le 
cose necessarie al vitto, per le quali sopratutto si regolavano 
1 prezzi. Cosi pure si trovano provvisioni contro le contraffa- 
zioni delle merci. Il commercio era rigorosamente vietato agli 
uomini di chiesa: non cosi ai laici. Tuttavia si preferiva Tin- 
dustria e l'agricoltura al commercio. Il periodo che dall'Impero 
CarnUngico si protende sino al pontificato di Alessandro IH, può 
divìdersi in due parti. Nella prima, che va fino al secolo XI, 
coinè è ristretto il commercio, così è anche assai limitata l'u- 
sura. Nella seconda metà di quel periodo, cresce Tintensità del 
comiDorcio, e di pari passo si susseguono le leggi contro l'usura. 
Ciò si collega naturalmente con quanto riguarda la equanimità 
nei prezzi, e la giustizia nei salari. Veniva proibito di accre- 
scere, nelle rivendite, il prezzo della merce, se quésta veniva 
rivenduta tal quale era stata acquistata; se invece il primo 
compratore l'aveva manipolata cosi che il suo valore fosse effet- 
tivamente cresciuto, allora la proibizione cessava. Le cose, che 
ciascuno facea colle sue mani, erano esenti da tasse: e così 
pni-e lo erano le merci che un consumatore acquistava per suo 
proiTÌo uso, senza intenzione di farne oggetto di lucro. La 
pura e semplice speculazione, lontana dal lavoro, era oggetto 



Digitized by 



Google 



BASSO MEDIO KVO — K. GUThCHOW L^l) 

a condanne ed a proibizioni. A queste leggi si attenevano in 
particolare le persone ecclesiastiche. 

Il volumetto di cui parliamo, scritto con grande temperai! /^n 
di pensiero e di forma, nella esposizione dei fatti limpido (^ 
chiaro, ne dà anche la spiegazione: chi lo legge intende currM' 
uon poche di queste prescrizioni siano perfettamente giuste anctn' 
ora; di altre vede che rispondevano a condizioni sociali diver-^r! 
dalle nostre, e perciò si possono dire soltanto in contraddizitnit* 
apparente con quanto pensiamo e facciamo al presente. 

C. Cipolla. 



4. BASSO MEDIO KVO (Se!c. XI-XV). 

ELSA GÙTSGHOW, Innocenz II f and England, Oldenbontv' 

(Monaco e Berlino) 1905. 

125. — La Biblioteca Storica della Histor. Zeitschrift, silUi 
quale collaborano, fragli altri, il Bauch ed il Bclow, si è arricchif;i 
recentemente di un nuovo volume ( il XVIIl ), dovuto alla penna 
di una donna, di fresco laureata, la dottoressa Giitschow, \i\ 
quale, uscita dalla scuola del Bresslau, ha studiato per suo con- 
siglio e sotto la sua direzione le relazioni fra Innocenzo III ^^ 
l'Inghilterra. L'argomento è veramente importante, poich- . 
durante il pontificato del celebre tutore di Federico II Tln- 
ij'hilterra fu teatro di fiere lotte per la supremazia fra il polivfv 
civile e la Chiesa; e in queste lotte il pontefice portò qu< Ita 
attività, quella energia, e diciam pure quella violenza, che li ►?*- 
mauo una delle doti sue più caratteristiche. Il volume disila 
signora Giitschow non si fonda su ricerche originali e su d .- 
cumenti inoditi, ma sulle fonti già note ed abbondantissimo M 
quell'età che per la storiografia inglese è così ricca: il merito 
principale consiste nelTaver spogliato accuratamente le cronarin- 
e le raccolte di documenti {Rolls, Select Charters^ etcì, iwA- 
l'aver ordinato il materiale ed esposto con chiarezza ciò rlm 
dall'esame risultava. Discussioni critiche, questioni importati li 
il libro non ne presenta: solo in fondo v'ha un excursus smI 
tratlato di Avranches, che si riferisce ai tempi di Papa A!i^-- 
sandro III e perciò non rientra strettamente nei limiti dell "ai- 
gomento. 

L'autrice espone le condizioni dell'Inghilterra rispetto attn 
relazioni fra lo Stato e la Chiesa durante il regno del re lai- 
rico lì, ricerca come e perchè queste relazioni si inaspris^n-i 
Rivista storica italiana, '^^ S., v, a. 



Digitized by VjOOQlC 

i 



21H) UKCKN?>IO.vf E NOTE BIBLIOUKA FICHE — C. MANKKONI 

dopo l'avvento al trono di Riccardo I; passa poi ad esaminare 
la questione dei processi dì esecuzione appena salito al soglio 
pontificio Innocenzo III, parlandoci in particolar modo del ve- 
scovo Ugo Nonant, il celebre sceriffo di Coventry, che procurò 
senza volerlo una prima vittoria al papato, alla cui autorità i 
monaci si erano appellati contro il loro vescovo. 

Un'altra questione che l'A. prende in esame è quella della 
lotta fra il convento di Canterbury e il collegio di Hackington, 
che diede origine alle contese fra Riccardo e il Papa, e che 
vinta da quest'ultimo, grazie alla debolezza del potere regio, 
fu il principio della straordinaria potenza di Roma. Assai op- 
portunamente l'Autrice rannoda questi fatti colla politica gene- 
rale euroi)ea del tempo, della quale traccia un quadro breve, 
ma esatto, fino alla morte del re, fermandosi specialmente sulla 
contesa di Ottone IV col suo rivale Filippo. 

Il volume prosegue narrando, come per alcuni anni, dal 
119*) al 1206, le cose procedessero con una certa calma tra 
Roma e l'Inghilterra: il re Giovanni, avviluppato in tante e 
cosi gravi contese coi suoi baroni, lascia mano libera agli ec- 
clesiastici; il papa, che ha bisogno del re per aiutare Ottone IV, 
si mostra meno rigido: ma in complesso i torbidi interni, le lotte 
fra ecclesiastici, tra vescovi e monasteri, porsero al Papa sempre 
più frequenti occasioni di estendere il suo potere e di guadagnar 
imovo terreno nella questione dell'elezione ai vescovati. 

La lotta scoppiò violentissima nel 120(5 alla morte del pri- 
mate di Canterbury e il risultato ne è ben noto; la Curia trionfò; 
il suo candidato, Stefano Langton, inglese di nascita, ma ai 
servizi di Filippo Augusto, ebbe il seggio episcopale: il papa 
eccitò i baroni alla ribellione, suscitò contro Giovanni infiniti 
nomici, né si calmò finche egli non fu spogliato del trono. 

Questo nelle sue linee generali il lavoro della dottoressa 
Giitschow; ordine, chiarezza, semplicità sono i suoi pregi prin- 
cipali; i giudizi sono temperati e assennati, tanto che diflicil- 
niente si comprende a qual parte pieghi l'autrice; ma una grande 
monotonia, un orizzonte mollo limitato, qualche incertezza di 
pensiero rivolano l'esordiente, alla quale però deve tenersi conto 
anche dell'aridità del tema. Pochi mesi oi* sono il Luebaire 
pubblicava il bel volume hìiìocent III, Rome et V Italie: il ri- 
cordo delle belle pagine scritte dallo storico francese, cos'i dense 
di pensiero, ci fa sombrare mono attraenti queste della scrit- 
trice tedesca. C. M.ìnfroni. 



Digitized by 



Google 



•^Trr 



BAbSO MEDIO EVO — G. FORSARESE 291 



Prof. Dott. G. FORNARESE, Statata Vetera Civitatis Aquis. 

Edizione critica fatta suH'originale inedito. Alessandria, 

Jacquemod, 1905. 

i26. — Discepolo di Carlo Cipolla, e della scuola paleogra- 
fica di Parigi, Giuseppe Fornarese ha rivendicati dall'oblio gli 
Statuti Acquesi del 12 marzo 1277, e ravvivatili colla sua cri- 
tica paziente e sapiente li ha offerti al Consiglio della Città, che 
presieduto da Giuseppe Saracco li accolse come meritavano ed 
essi ed il loro geniale restauratore. E ut nihil antiquitatis igno- 
retuì\ vogliano i concittadini di Moriondo, di. Biorci, e di Vit- 
torio Scati, custodire «con assai maggior cura di quello che 
siasi fatto per Taddietro » questo cimelio della legislazione data 
a se da Acqui, i primi del secolo XIII, e forse fin dal 1174 
allora che insiem con Alba, Bobbio, Asti, Tortona e Alessandria 
la neonascente, si schiera vìi coi Lombardi contro il Barbarossa... 
Pensare che tanto Codice, già in cattivo stato il 1769, fu salvo 
trentanni dopo per combinazione fortunata dalle furie delle 
plebi in rovello, e che affidato all'Ospedale là giacque sopra 
una stufa, e forse (giusta il dubbio dell'abate Gasparolo) servi 
precisamente ad otturaime il tubo!.,, «Muove a sdegno la 
noncuranza con la quale sono tenute le fonti più preziose della 
nostra storia. Tali inconvenienti non cesseranno finché non si 
cercherà di promuovere un po' lo studio della paleografia nelle 
Università, e non se ne esigerà la conoscenza, nei concorsi, 
<lai segretari comunali e di opere pie». 

Critica sapiente e paziente questa del dott. Fornarese, che 
famigliare sin dal 1896 cogli Archivi di Acqui, si è tutto con- 
sacrato alla illustrazione delle carte del suo Municipio, e ben 
può ora vantarsi di aver scampati dal peggio codesti Statuti 
improntati nel loro complesso a finalità laica, e (non mi si 
contraddica) se non repubblicana, autonoma, anche quando (os- 
serva opportunamente Benvenuto Sangiorgio) lacerato dalle 
discordie intestine e stretto dai nemici al di fuori il Comune im- 
petrò ed ottenne la protezione larga e signorile di Guglielmo V, 
il savio marchese del Monferrato. La pazienza è stata anzi la 
virtù diletta dal critico, e basta leggere la Nota che prepara 
all'apprezzamento della Pubblicazione, per persuadersene da 
vicino. Con un'analisi fine e rigorosa, e con una logica squisita 
d'induzioni e deduzioni, il Fornarese allontana ogni dubbio 
e porla luce viva e permanente nella storia delle vicende 
delle venerande pergamene. I richiami alle carte anteriori, ed 



Digitized by 



Google 



2'^- RKCKNSIOM K NOTE UIBLIOCiRAriCHE — (ì. SANGIOR'HO 

agli Statuii del 1567 e del 1618, sono frequenti e acuti, e sic- 
come egli è convinto che esistono altre redazioni dogli Statuti 
antichi, cosi insisto con calore perchè si ripolano attive le pra- 
tiche di ricerca e colmate le lacune si integrino con nuovi studi 
questi suoi e degli esiniii contemporanei. 

Intanto, da questa pubblicazione trarrà vantaggi non ne- 
gabili la storia delle Famiglie acquesi. Per tempo e per vec- 
chiezza gli Statuti del 1277 precedono i novaresi, e ci fanno 
conoscere il reggimento del Municipio prima che passasse alla 
dipendenza monferrina. Dell'importanza che gli Statuti hanno 
per rispetto alla storia del diritto in generale non è mestieri 
trattare qui. Per la storia politica e civile l'hanno massima 
perchè ne sono il precipuo fondamento, e come egli stesso il 
Fornarese trova scritto dal marchese Scati nelle Notizie intorno 
a Melazzo, il paesello che sovrasta alla Bormida a poca via da 
Acqui, « meglio che una serie di fatti e di date, giovano gli 
statuti a farci conoscere gii usi, i costumi, l'indole, le passioni, 
le virtù ed i vizi dei nostri maggiori. Meglio che un ^rido eser- 
cizio di memoria, noi troviamo nello studio di essi un insegna- 
mento filosofico e morale fecondo di applicazioni pratiche nella 
vita presente». 

Alle confusioni ed ai vuoti è qui per la tenacia dotta del- 
Pesumatore successa una distribuzione razionale e sicura delle 
parti, e un mondo di postille spiegative e concordatrici dà 
qualche animo e il necessario complemento al rozzo latino del 
Testo, che a sua volta è illustrato dai tre Frammenti scoperti 
dal Gasparolo in Vescovado. Ed un Glossario peculiare e cinque 
Indici tutti utili chiudono bravamente l'ammirando Volume. 
Alla Società Storica Alessandrina, che lo volle licenziato alle 
aspettazioni degli eruditi, agli Acquesi, ed al prof. Fornarese, 
grazie. Doti. Gaetano Sangiorgio. 



Regesta Habsbuvgica: I. Abilieilung «Die Regesten der Grafemi 
con Habsburg bis i28i; bearbeitev von H. Steinacker». 
Innsbruck, Wagner, 1905, pp. x-148, e una tavola genea- 
logica, in-4. 

127. — Birk nel 1844, e Federico Bòhmer nel 1857 posero 
le fondamenta anche ai regesti della Casa d'Austria. Il Bòhmer 
fu il capo-scuola nella letteratura dei regesti, donde tanta luce 
provenne alla storia medioevale. Quei vecchi regesti dovevano 



Digitized by 



Google 



BASSO MKDIO EVO — li. STKINACKEH 293 

naturaìmonte venire adesso rifusi, corretti, ampliati, giac< he 
non corrispondevano più alle condizioni degli studi. L'aiilure 
del fascicolo, che qui si annuncia, lavorò intorno a questi» ar- 
gomento sino dal 18941, mettendo insieme il suo materiali* nei 
viaggi fatti in Alsazia, Francia, Baden, Wiìrttember^, Baviera, 
Italia superiore, Slesia, Ungheria. 

11 metodo seguito è il medesimo che già vedemmo a|»|>li- 
cato nei regesti imperiali del secolo XIII, con lievi diffen^n^if.'. 
Infatti non solo i documenti, ma anche gli avvenimenti porta nn 
il proprio numero distinto, il numero di catena, che lega mj- 
sieme tutti i documenti e tutti i fatti. 

Il n. 1, all'inizio dei Regesti, ci rimanda alla meta M 
sec. X, a Guntramo e a Lanzelmo suo figlio, nei quali la I in- 
dizione ravvisa, non senza incertezza, i capostipiti della ^lasa 
di Asburgo. La storia comincia a svolgersi con sicurezza e cim 
ordine solo col terzo decennio del sec. XI. 

Scarso è in questo fascicolo il materiale che i-ìguarda la 
storia italiana. Appena ricordo una bolla di Leone IX (n, il) 
che indirettamente si riferisce a Rodolfo I, quale fondattjre ili 
un monastero. Tralascio qualche altro documento di simil ialla. 
Sono interessanti i documenti, ancorché non ignoti, su Tnin- 
maso I di Savoia (n. 91; a. 1207), e sulle relazioni tra PJrlri> 
di Savoia (n. 393; a. 1205) e Rodolfo IV. L*A. ritiene falsa luui 
carta, riferita senza data nelle tarde Cronache di Savoia (n. :u»ri), 
in cui si parla del medesimo Pietro di Savoia; a quest'uKinin 
si riferisce egualmente il n. 409 (a. 1260), pure conosciuti*, r 
indirettamente anche il n. 435 (a. 1267). Il n. 074 (die. 12711) i i- 
guarda le trattative fra Rodolfo e il pontefice Nicolò III, il qua]*% 
per mezzo del suo legato. Paolo vescovo di Tripoli, gli a\rvrt 
suggerito raccordo con Carlo l d'Angiò. Conseguenza di ([ursln 
trattative fu la partenza di Clemenza, figlia di Rodolfo, alia \i>lla 
d'Italia (genn. 1281; n. 090). Qui rinteress(» per la storia r Li- 
liana è vivissimo. 

I numeri di questi Regesti sono 702, chiudendosi colla jhì- 
mavera del 1281. Il fascicolo chiudesi col catalogo degli scrit- 
tori e dei destinatari, e coll'albero della famiglia d'Asburgo* da 
Guiitramo il Ricco sino ai figli di re Rodolfo. 

Naturalmente i regesti riguardano re Rodolfo come perssmti 
privata; i documenti di carattere pubblico spettano ai ro*.^r»sii 
imperiali. C. Cipolla. 



Digitized by 



Google 



294 RECESSIONI E NOTE BIBLIOGRAFICHE — C. CIPOLLA 

KARL WENK, Philipp der Schóne von Ft^ankìeichy scine Per- 

sónlichkeit und das Urteil der Zeitgenossen. Marburg, 

Elwert, 1905, pp. 73, m-4. 

128. — È una apologia di Filippo il Bello, per stabilire che 
egli è il vero autore della sua politica, e non il seguace dei suoi 
consiglieri, e per dimostrare in secondo luogo che questa poli- 
tica era per ogni riguardo ottima. Precede uno sguardo al modo 
con cui si formò la sua personalità: il W. dice cose degne di 
considerazione per escludere ch'egli sia vero e proprio disce- 
polo di Egidio Colonna, ma crede invece che abbia avuto per 
maestro il chierico Guglielmo da Ercuis. Resta peraltro a ve- 
dere se i libri di Egidio possano aver servito a svilupparne la 
mente meglio che il diretto magistero grammaticale di Guglielmo. 
Parla poi il Wenck dei giudizi che i contemporanei pronuncia- 
rono su Filippo, e per questi si ferma sopratutto, ma non esclu- 
sivamente, sul monaco Yves de Saint-Denis (che lo considera 
sopratutto come benefattore dell'abbazia di S. Dionigi) e sopra 
G. Villani. Dimentica completamente di ricordare l'Alighieri ; 
ma probabilmente non avrebbe avuto che da combatterne il 
giudizio, poiché (p. 61), mentre rivendica a Filippo la respon- 
sabilità del fatto di Anagni e della distruzione dei Templari, non 
trova in tali avvenimenti alcun motivo per temperare i suoi 
giudizi favorevoli al re di Francia. Egli anzi trova da mettere 
in rilievo la « ortodossia » di Filippo il Bello, e la segnala come 
un elemento essenziale della sUa vita e della sua politica. Si 
sa che il Wenk in altro lavoro, tentò di dimostrare che Boni- 
facio Vili era veramente eretico, ma si sa pur anche che questo 
tentativo di dimostrazione fu accolto con molta freddezza, e non 
convinse nessuno. 

Rispetto al carattere personale della politica di re Filippo, 
con opportunità il W. mostra come il Nogaret non fosse con- 
tento di ogni provvisione reale, il che forse non sarebbe avve- 
nuto, se il re si fosse affidato ai suoi consiglieri, con abbandono 
pieno. Parrai invece che il W. dia troppa importanza ad una 
lettera del maiorchino Guglielmo Baldrich, il quale, testimone 
della morte del monarca, afferma che questi, pentendosi di 
molte sue azioni, dichiarasse ch'egli era stato unica vt causa inali 
consilii sui », senza scusarsene addosso ai consiglieri. Pur am- 
mettendo che il Wenk abbia detto qualche cosa di serio sulla 
personalità della politica di Filippo il Bello, non credo che dalla 
citata lettera tale opinione riceva molto rincalzo. 



Digitized by 



Google 



BASSO MEDIO EVO — O. B. l'iCOTTI 295 

Riguardo al Me della sua politica, di fronte sia alla Cimasa 
sia air Impero, il W. dice cose che più o meno furono dtHle 
altre volte, da chi considerò quel re come punto di transiziùiio 
fra il medioevo e l'età moderna. Ma egli vi aggiunge un raf- 
fronto insistente tra Filippo e Luigi XIV, e si mostra abbaslati5^u 
entusiasta e dell'uno e dell'altro. La politica della forza \wnc 
anzi dal W. espressamente menzionata (a p. 03) in forma lìa 
renderci persuasi, che egli vegga in essa un ideale degno ili 
ammirazione. 

Filippo il Bello non merita né tutti gli elogi, né iuiìi i 
biasimi dei quali fu fatto segno. E perciò non è inutile clie la 
causa di lui abbia trovato un eloquente avvocato. Il che non vuol 
dire che tutte le argomentazioni di tale avvocato siano accettabili . 
Anzi io penso che egli sia rimasto ben lontano dal rip(n (aio 
Tagognata vittoria. 

Ci sono parecchi punti secondari che meritano non lii vo 
attenzione. Cosi trovai interessante il profilo di Giovami;i di 
Navarra la moglie del re (p. 44 scgg.), e lo studio della iiia- 
lattia che condusse a morte il re (p. 37). Non mi pare ch'ui^Hi 
abbia provato che Filippo nel processo contro la memori ii *li 
Bonifacio Vili abbia avuto per solo scopo quello di luuvu- 
care la decretale Meruit (che poi non è affatto TabrogaziiUK' 
della bolla Unam Sanctam) e la bolla Rex Gloriae, conu* il 
W. sostiene a pag. (52. 

Ho detto del paragone tra Filippo il Bello e Luigi XfV. Il 
W. estende anzi il raffronto colla politica di Filippo il WvWu 
anche a quella seguita da altri sovrani di Francia. Su \av\ 
punti la corrispondenza c'è veramente, e fu buona cosa il irrd- 
terla in vista. Ciò y2ì notato indipendentemente da qual^uisi 
giudizio sulla bontà o meno, e sul valore assoluto o reUstivii 
della medesima. C. Cipolla. 



0. B. PIGOTTI, / Caminesi e la loro Signoria in Trevim dtil 
1283 al 1312. Livorno, Giusti, 1005. In-8, pp. xii-345. 

129. — Non indugiamo a dire che a questo lavoro del gin- 
vane prof. Picotti, originale per larghezza di indagini, per si- 
curezza di ricostruzione, mirabile per ordine e lucidità di es[tH- 
sizione, sotto ogni riguardo lodevolissimo per rigoroso niLludu 
scientifico, spetta uno dei primi posti nella più recente k^tt^- 
ratura storica. Oggetto del lavoro è la storia di quel (Thorai'*lr> 



Digitized by 



Google 



i 



29C HEOKXSIOXI K NOTE UIULIOGRAKICIIE — A. LIZIKK 

da Camino, da Dante celebrato in versi ed in prosa, e dei suoi 
figli che, fra il XIII e XIV secolo, signoreggiarono in Treviso, 
primeggiarono in tutta la Marca. Tessere questa pagina di 
storia non era facile, essendo distrutte le fonti dirette, insuf- 
ficienti le storie e le cronache, ed essendo dispersi in numerosi 
archivi pubblici e privati, in raccolte o pubblicazioni vario, 
spesso difficili ad aversi, i sopravissuti documenti che potevano 
essere in qualche modo utili. Ma con quanta fatica e pazienza 
il ricotti abbia superato queste ditTicoltà, lo mostrano la dili- 
gente esposizione critica dello fonti; la descrizione degli ar- 
chivi e delle raccolte di documenti che egli fa nella introdu- 
zione; le copiose eruditissime note, qualcuna delle quali ha 
quasi valore di minuscola monografia; tutto, infine, il lavora 
che l'A. dichiara condotto «sui documenti pubblici o privati, 
editi no, e sulle notizie de' soli scrittori contemporanei, met- 
tendo quelli e queste a confronto con le cronache di Treviso ». 

Il libro si divide in tre parti. La prima riguarda : « I proge- 
genitori di Gherardo e le loro relazioni con Treviso». Si tratta 
di famiglia nobile antica, forse di stirpe longobarda (se pi-o- 
fessa legge longobarda), facilmente unita per comunanza di 
origine con la famiglia dei Conti di Treviso, ricca di terre nella 
regione pedemontana dei comitati di Treviso di Ceneda ed al- 
trove. Feudi avuti da vescovi e confermati da imperatori, fortu- 
nati matrimoni, accrescono la potenza di questa famiglia che 
però, fattosi forte il comune di Treviso, deve porsi in lotta con 
esso. Ed il Comune, più potente, finisce per vincere, per cui i 
Gaminesi devono assoggettarsi alle condizioni che i comuni vin- 
citori imponevano ai signori vinti. Ma, fatti cittadini di Treviso, 
ben presto, i Caminesi vi acquistano preponderanza e avreb- 
bero, forse, subito capitaneggiato il Comune, se non si fossero 
trovati di fronte alla crescente minacciosa potenza di Ezzelino 
il Monaco. 

Nelle lotte con la famiglia dei da Romano i Caminesi de- 
vono seguire la politica guelfa, tradizionale del resto nella loro 
casa, e solo per poco lasciata, quando, cioè, al tempo del primo 
Federico, Guecellone da Camino prese le parti di questo, cer- 
tamente sperandone vantaggi contro il comune di Treviso. La 
rivalità fra i Caminesi ed i da Romano, brevemente interrotta 
dalla effimera pacificazione di Pasquara e da un momentaneo 
accordo con Alberico, allora in contrasto col fratello Ezzelino, 
dura fino alla caduta di questo. Ma la rovina degli Ezzelino 



Digitized by 



Google 



BASSO MKUIO KVO — 0. H. TICOTTI . 297 

libera i Gaminesi d'ogni temuto rivale e con facilità riacqui- 
stano il disputato primato. 

Passiamo cosi alla parte seconda del lavoro che riguarda 
«il buon Gherardo signore di Treviso». È vero, infatti, che, 
nel 1267 Treviso, Vicenza e Padova aveau fatto patto, ricon- 
ferraato e rinnovato anche in seguito, per cui si garantivnnu 
reciprocamente la loro libertà contro qualsiasi dominaliuc 
Ma, tuttavia, rivalità di fazioni e di famiglie ed il rialzcirsi 
dei Ghibellini (rossi), capitanati dalla famiglia Castelli, in- 
ducono i Guelfi (bianchi) a stringersi intorno a Gherardo da 
Camino che, frattanto, e per essere capitano generale di Fellre 
e Belluno e per essere stato creato cittadino da' Padovani, e 
chiamato arbitro in qualche contesa, per trovarsi in buoni rap- 
porti col patriarca d'Aquileia, poteva considerarsi come uno 
de' più potenti signori della Marca. Cosi il 15 novembre ì2d!^X 
venuti a fazione per le vie della città i rossi, guidati dai < fa- 
stelli, ed i guelfi condotti da Gherardo, e vinti e cacciati qiiolU, 
Gherardo trionfatore, è gridato, senza opposizione, capila no 
generale di Treviso. Ma il capitanato, qui come altrove, ora 
stato via alla Signoria. E signore fu effettivamente GherarOn, 
non ostante che le forme comunali non fossero slate alteruto. 
In sua balia, infatti, lasciati gli statuti, da lui vennero a di[u'ri- 
dere podestà e giudici, i proventi del comune vennero usati m 
suo arbitrio e per bisogni anche famigliari. Appena salito al 
potere, Gherardo, richiamò in patria esuli guelfi, esigilo gtii- 
bellini, con ostinata guerra stremò i Castelli, che finirono \m- 
vati dello terre loro, messi al bando. Ma oltre a ciò poco sap- 
piamo dei primi anni della signoria di Gherardo. Furono fors*' 
impiegati ad ordinare lo Stato, a dare assetto alle sue finaui^G 
(lo vediamo pagar grossi debiti contratti con gli Scrovegni ili 
Padova per riscattar le terre dei Castelli) e furono spesi \u 
lunghe ed intricate questioni per possesso di terre e di hv\\\, 
in cui si vede (a proposito della eredità di Knsedisio Guidoni) 
che la nota generosa larghezza di Gherardo nel donare, non 
faceva ostacolo a rapace avidità nel prendere. Troviamo in se- 
guito il signore di Treviso impegnato in guerre, alternate n\[ 
buoni accordi, col Patriarca di Aquileia e con i signori e le 
città del Friuli. Ma egli «amava assai più di rafforzare l-i 
sua signoria con le arti buone della pace e con i matrimoni 
in particolar modo». E matrimoni cospicui procurò a tulli i 
suoi figli, imparentandosi cosi coi conti di Gorizia, con quoìlì 



Digitized by 



Google 



i 



298 RECENSIONI E XOTE BIBLIOGRAFICHE — A. LIZIER 

di Ortemburg e con altre illustri famiglie della Marca e del 
Veneto. D'altra parte la costante fedeltà di Gherardo da Camino 
a parte guelfa Tuniva in amicizia cordiale con i capi di guelfi 
in Italia. Azzo VITI lo pregiava cosi che volle essere armata 
da lui cavaliere, mentre egli armò il figlio di Gherardo, niz- 
zardo. Cordiali furono pure sempre i rapporti coi Fiorentini. 
Con Padova e con Venezia ottimi gli accordi; con Venezia, 
anzi, nel 1304, fu stretto un trattato di alleanza offensiva e di- 
fensiva. Così, consolidata la fortuna della sua casa, reso sicuro 
airesterno lo Stato, Gherardo potè negli ultimi anni dividere 
il governo col figlio nizzardo che poteva dirsi il braccio, mentre 
egli era la mente. Gherardo scampò a due congiure tesegli, la 
prima, da un suo congiunto, Tolberto da Camino, la seconda, 
forse, per opera degli Scaligeri; mori nel marzo 1306. Il suo 
governo fu autoritario, arbitrario, ma spesso provvido per buone 
riforme, per lavori pubblici, per sicurezza interna, cosi che fio- 
renti erano allora le industrie ed i commerci. Grande poi lo 
splendore della sua casa ospitatrice di poeti, di esuli, famosa 
per cortesia e larghezza. «Cosi alla vita libera, ma tempestosa 
del Comune, era succeduto un periodo di oppressione politica, 
ma di pace interna, d'esterno splendore». 

Il potere, alla morte di Gherardo, fu raccolto senza con- 
trasti, dal figlio nizzardo già associato nel governo al padre. 
E qui comincia la terza parte del lavoro: 4cl figli del buon 
Gherardo e la caduta della Signoria ». nizzardo volle continuare 
la politica del padre, aspirò anzi a maggiori cose, ma gli mancò 
il senno e la fortuna di lui. Nella guerra di Ferrara fra 
Venezia, Francesco d'Este ed il papa rimase neutrale e cosi 
intiepidi gli amici. Nel Friuli si mette a capo del partito con- 
trario al patriarca e tenta di essere fatto capitano general» 
della Patria; mentre i pochi suoi fedeli rimangono schiacciati. 
Prende parte agli intrighi di Baiamente Tiepolo contro gli or- 
dinamenti interni di Venezia, ma fiaccamente cosi che non aiuta 
i congiurati, ed aliena da sé i veneziani. Guelfo, ottiene da En- 
rico VII, per denaro, il vicariato imperiale in Treviso e cosi 
mette in dubbio la sua fede guelfa, in un momento in cui i 
guelfi avean bisogno di stringersi insieme contro le risorgenti 
minaccie del partito ghibellino, rialzante il capo con Enrico VII, 
Cangrande della Scala, ed il Conte di Gorizia. Né molto più 
abile fu il suo governo interno, peggiore di quello del padre 
«nella mala amministrazione e nelle gravezze ai cittadini che 



Digitized by 



Google 



BASSO MEDIO EVO — G. B. PICOTTI 299 

essa rendeva necessarie». Cosi Rizzardo suscitava malcontenti 
ed ofiriva la materia per tessere le fìla ed ordire la trama della 
congiura di cui fu vittima. I nobili guelfi eran scontenti del go- 
verno di questi capitani che essi avean esaltati, forse solo per 
essere per mezzo loro liberati dai ghibellini, e che sperano in- 
vece imposti; tanto più dopo che la dignità di vicario imperiale 
dava al potere di Rizzardo un carattere nuovo di potere im- 
posto, non di potere liberamente consentito. D'altra parte i 
Guelfi, i Padovani specialmente, avevan bisogno di aver in 
modo sicuro Treviso dalla loro, per opporsi a Gangrande ed 
al Conte di Gorizia. Ciò spiega la congiura. Rizzardo ferito a 
tradimento muore dopo pochi giorni, il 12 aprile 1312. E gli 
successe il fratello Guccellone che non era in buoni rapporti 
con lui e forse era partecipe della trama. Certo egli si schiera 
apertamente dalla parte dei guelfi e presta aiuto ai Padovani. 
Ma vuole essere fatto loro capitano di guerra. Quelli negano 
ed egli minaccia. I Padovani si inaspriscono con lui ed egli 
si maneggia con Gangrande della Scala. Ciò suscita sospetti e 
timori ne' trevigiani stessi de' quali la plebe è stanca delle 
gravezze, i nobili dell'oppressione politica. Guecellone com- 
mette l'errore di mettere il vescovo a parte delle sue trattative 
con Gangrande, ed il vescovo, allora, si pone a capo d*una 
congiura che, senza sangue, nel 15 dicembre 1312, libera per 
sempre Treviso dalla signoria Gaminese. 

Tale la trama del racconto storico del dott. Picotti. Ma 
intorno a queste linee generali, una quantità di fatti, di avve- 
nimenti vari si riuniscono, pei quali è forza mandare lo stu- 
dioso al libro stesso del Picotti. Chi lo potrebbe riassumere in- 
fatti in quel labirintico intreccio di guerre feudali e comunali, 
di lotte di fazioni da lui cosi ordinatamente collegato e chiara- 
mente esposte? Veggansi i capitoli III e IV della prima parte, 
della seconda il V che è una stupenda pagina di storia friulana, 
ed i capitoli II, III, VI della terza, in tutti i quali la storia dei 
Gamiiiesi e di Treviso si intreccia con quella di altri Comuni, 
e pei quali il volume ac([uista interesse non solo per la storia 
di una famiglia o di una città, ma per quella di tutta una re- 
gione- E la storia generale, oltre che quella regionale, si av- 
vantaggerà da questo lavoro, potendo studiare, alla stregua 
sicura dei documenti, il processo storico per cui il Comune, 
trionfatore de' potenti Signori del Comitato, finisce a sua volta 
per essere da guelfi dominato, e quollo per cui il Comune si 



Digitized by 



Google 



300 KKtKNSl(»M K NOTE BIIÌLIOOHAFICIIE — A. UZIKK 

. traslbrina in Sij^iioria, e le modificazioni che le formo comunali 
subiscono nel governo signorile, e le attribuzioni ed i poteri 
del Signore, ed i suoi modi di governo. Rimandiamo per tutto 
ciò, specialmente ai capitoli II, III, IV (parte T), II, VII, Vili 
(parte ir), IV, VI (parte UT). Ne è a dimenticarsi che queslo 
lavoro, che è stato cominciato come studio di argomento dan- 
tesco, ha frequenti richiami a luojrhi danteschi che serve ad 
illustrare. Anzi lutto il lavoro può dirsi una illustrazione sto- 
rica del Conmcio IV, 14, del Purg, XVI, 121-24 e 11^3-:^8 e del 
ParadiiiO IX, 49-51. 

Quanto alla forma essa è chiara, ordinata, coiicisa ; anche 
nella narrazione di piccoli, minuziosi fatti il periodo procede 
spedilo; talvolta nella ricostruzione di qualche momento più 
drammatico TA. riesce vivo, efficace. Si leggano, ad esempio, 
le pagine in cui è descritta la battaglia fra bianchi e rossi nelle 
vie di Treviso, e la elezione di Gherardo a capitano, quelle in 
cui è narrato lo scoppio della congiura che abbattè il governo 
di Guecellone, ed altre. Acuto poi è TA. nella interpretazione 
de' documenti e nel mettere questi ed i fatti in relazione fra 
di loro. Lo studio, ad esempio, delle cause, che provocarono 
la congiura contro Rizzardo, in cui TA. inette in luce che vi con- 
corse, oltre che l'odio dei nobili, Tinteresse dei guelfi jiadovani, 
mostra tutta la larghezza e perspicuità delle sue vedute. Merito 
principalissimo, poi, delKA. si è di essersi tenuto sempre fe- 
delmente ai documenti. Non una parola forse, è scritta che non 
sia documentata, tanto che forse questa preoccupazione di voler 
tutto provalo, pare in certi punti perfino eccessiva. Di un la- 
voro, condotto con tanta arte e tanto studio, non è possibile 
fare un esame critico senza rifare con TA. lo studio dei docu- 
menti, dello fonti da lui usate. A me mancano quindi, qui, gli 
elementi per giudicare se qualche fatto avesse potuto essere 
diversamente esposto o considerato. Tuttavia in una osservazione 
mi parrebbe di dover consentire con un illustre studioso di cose 
trivigiane, il prof. Bailo. Co%i\x\ {Gazzetta di Treviso, 1905, n. 103) 
fa qualche riserva sul giudizio che sulla signoria Gaminese fa T A. 
Anch'io mi permetto tale riserva. Il governo signorile non va giu- 
dicato ne dalle vendette che il Signore poteva fare de' suoi avver- 
sari politici, né dall'uso od abuso che egli poteva fare di beni e di 
proventi del Comune, né da qualche favore che egli accordava 
di preferenza a' suoi famigliari e devoti. In tal caso noi an- 
dremmo incontro al pericolo di veder applicati criteri troppo 



Digitized by 



Google 



I iW^l i 



BASSO MKDIO EVO — G. B. PICOTTI 301 

recenti ad una società che, in fatto di moralità pubblica, avea 
ben altri concetti e che, a vendette partigiane, a corruzione di 
funzionari, a favoritismi, a sperpero dei pubblico denaro era 
ben altrimenti abituata. Bisogna invece vedere se la signoria 
Carninese diede quello che allora le potava essere domandato, 
se cioè abbia rappresentato un miglioramento di fronte al governo 
precedente, se sia riuscita a dare tranquillità allo Stato, sicu- 
rezza all'esterno, ad abbatter le fazioni, a frenare la prepotenza 
de' grandi ed imporre il rispetto alle leggi, a togliere i foresi 
dallo stato di inferiorità in cui si trovavano di fronte agli abi- 
tanti della città, ecc., ad essere, insomma, un governo ordina- 
tore, pacificatore, eguagliatore quale fu appunto in generale la 
funzione storica della Signoria. Ora ciò non mi pare si possa 
negare se lo stesso Picotti afferma essere state migliori le leggi, 
contenta la plebe, favoriti gli studi, protetti i commerci e le 
industrie, rustici e forestieri ammessi in consiglio per volontà 
del Capitano. L'A. mi pare che talvolta dia troppo peso alle 
deposizioni di alcuni testi in quel processo del Comune contro 
Guecellone ed Artico Avogari. Ma bisognava tener conto del 
momento (da poco mutato il governo), degli interessi che vi 
erano in discussione. Conviene inoltre ricordare a proposito 
della qualità di tiranni data in esso ai Caminesi che, forse, 
allora questa parola significava non tanto colui che governava 
malamente ed aspramente, quanto colui «qui in civitate non 
mrg principatur », come avverte Bartolo (De tyrannia, n. 2 e 3). 
Le stesse gravezze fiscali non erano maggiori (anzi inferiori) 
di quelle imposte anche dopo dal libero Comune, come si ri- 
cava da quei registri di entrate ed uscite degli anni 1313, 
1314 che il Picotti ha forse avuto occasione di vedere mentre 
Egli faceva lo spoglio delle pergamene «sparse» nella grande sala 
della Biblioteca capitolare di Treviso. E la slessa politica incerta 
degli ultimi caminesi, quella tendenza di Rizzardo ad accostarsi 
a' ghibellini, mentre segretamente insidiava Venezia, lo stesso 
separarsi da' Padovani di Guecellone per accostarsi agli Scali- 
geri non potrebbe essere stato determinato dai nuovi bisogni 
della politica italiana, più che da ambizione o da capriccio, se 
gli avvenimenti posteriori hanno mostrato che non sarebbe stalo 
forse del tutto errato premunirsi con abili accordi dalla cupidigia 
dello Scaligero per poter insieme resistere alla ormai prevedibile 
tendenza conquistatrice di Venezia? Comunque, qui si tratta di 
apprezzamenti dell'opera dei Caminesi, a giudicar meglio la 



Digitized by 



Google 



302 KECEXSIOXI K XOTK BIBLIOGRAFICHE — A, LIZIER 

quale era forse necessario uno studio più diretto e comparativo 
delle condizioni economiche e sociali che TA. non si era pro- 
posto di fare. Ed io mi auguro che il prof. Picotti, avvicinato ai 
luoghi la cui storia ha così dottamente illustrato e messo «in 
meno sfavorevoli circostanze», possa con tale studio integrare 
il suo bel lavoro. 

Ricordo per ultimo, che il volume è arricchito da LVI do- 
cumenti quasi tutti inediti, pubblicati con vera sapienza paleo- 
grafica, da un albero genealogico della famiglia Caminese, e 
da una documentata serie dei podestà di Treviso dal 1283 al 1312, 

A. LiZIER. 



PIRANESl GIORGIO, Le case degli AUghievL Firenze, Lumachi, 
1905. In-8, pp. 03. 

130. — Da anni una vivace discussione, sorta a Firenze 
suir ubicazione della casa di Dante, divide gli studiosi in due 
c^mpi, ferocemente Tuno contro Taltro armato. Quelli sostengono 
che la casa di via S. Martino sulla quale lord Vernon fece apporre 
Tormai famosa iscrizione: in questa casa degli alighieri 
NACQUE IL DIVINO POETA, sia veramente quella, in cui Dante 
sorti i natali, e le vicine fabbriche, che. girano in via Santa 
Marghcrila, siano quelle d,ove dimorarono gli Alighieri; questi, 
negando tale asserzione, affermano che non si sa dove fossero 
precisamente collocate quelle abitazioni. La lotta, per sostenere 
tali opinioni è giunta al punto di far sospendere i lavori già 
iniziati per ridurre airantìco le così dette case degli Alighieri 
suirangolo di Santa Margherita. E mentre s'imbrattano le carte 
e si studia, ignoti ladri, introdottisi nella casa dairiscrìzione, 
l'hanno del tutto, svaligiala dei preziosi cimelii, che conteneva! 

Prima, però, che questo doloroso episodio riempisse d'in- 
dignazione Tanimo di ognuno, il Piranesi volle rendersi conto 
deirattendibilità dei fatti pe' quali approvavasi o respingevasi 
la sanzione marmorea fatta apporre dal Vernon alla casa di 
San Martino. Risali fino alla relazione, presentata nel 1865 da 
Emilio FruUani e da Gargano Gargani al Consiglio Comunale 
di Firenze, sulla quale si fondò la convinzione dei partigiani 
dell'autenticità della casa di Dante; relazione compilata su do- 
cumenti editi ed inediti, e completata dall'altra del 1809 della 
Commissione eletta dal Consiglio suddetto a compiere nuovi e 
più larghi studi in proposito. L'esame di questa pubblicazione 



Digitized by 



Google 



BASSO MEDIO EVO — N. A. RILLO 803 

e la critica dei singoli documenti lo portarono a concludere che 
in quella casa Dante non nacque; anzi che quella non fu la 
casa di Dante, ma bensì semplicemente di Marco Zebedei. 

Scomparsa cosi la casa di Dante, il Piranesi si domanda 
dove fossero veramente le case degli Alighieri; e, colla scorta 
dei documenti, posteriormente alle dette relazioni pubblicati da 
parecchi studiosi e fra gli altri dal sottoscritto, egli dimostra 
con evidenza che quelle case dovevano trovarsi sul trivio for- 
mato dairincontro delle attuali vie dei Cimatori e dei Magazzini, 
vale a dire dal lato della Chiesa di S. Martino opposto a quello 
dove fu sinora posta la casa degli Alighieri, come potrebbe 
forse dimostrare chi, anziché cercare a casaccio, volesse esa- 
minare ordinatamente le serie del R. Archivio di Stato di Fi- 
renze. Giunto a questa conclusione Tegr. Autore si chiede an- 
cora che sia avvenuto della casa di Danto, dovunque fosse posta; 
e risponde che «l'avita dimora deirAlLissimo Poeta rimase, 
subito dopo il suo esilio, travolta comunque si fosse, dairinfu- 
riare delle fazioni». E con ciò pone termine al suo dotto ed 
acuto lavoro, che giova a dare una idea esatta della questione 
e che meriterebbe una larga diffusione per frenare le strane 
elucubrazioni alle quali si abbandonano, per confondere gli stu- 
diosi, persone cui non piacciono se non i voli pindarici di una 
fervida immaginazione, che non vuole stancarsi a ragionare ne 
a studiare. E. Casanova. 



NICOLA A. RILLO, Francesco Petva7X(i (dia Corte Angioma, 

Napoli, Pierro, 1904. 

131. — Bello Targomento preso a trattare, ma inadeguata 
la preparazione con la quale TA. si accinse a svolgerlo. Se, 
anche nelle intenzioni di lui questo volumetto fosse, com'è in- 
falli, una delle tante conferenze alle quali diede occasione 11 
centenario petrarchesco, potremmo accontentarci d'annunziarne 
semplicemente il titolo, ma diventa un dovere, sia pure incre- 
scioso, il dire ciò che ne pensiamo, quando nella Prefazione ci 
avviene di leggere la dichiarazione seguente : « Questa che ora 
pubblico, più che una Conferenza, è uno studio di ricerche, un 
manuale di varie e molteplici corrispondenze che il Petrarca 
ebbe con Napoli, con la Corte Angioina e con gli amici, ai 
quali qui si legò un affettuoso vincolo». In verità, liberalo 
queste pagine dall'apparato ingombrante della retorica, onfal ica 



Digitized by 



Google 



304 RhXKNSlOM K NOTE BIUUOdKAKICIlE — V. CI. 

esonera, suggerita dall'occasione, dalle sovrabbondanti citazioni 
di passi petrarcheschi, noti agli studiosi, la sostanza del libretto 
si riduce a ben poco, e questo poco non pecca di novità so- 
rerchia. Era più nel vero TA. quando nella stessa Prefazione 
dichiarava che il suo * lavoretto » aveva un solo merito, < quello 
di avere scelto con studiosa pazienza dalle opere del Petrarca 
ed unito in un sol volumetto tutto ciò che egli fece in Napoli 
e che di Napoli ha ricordato nei suoi preziosi scritti ». Egli non 
soltanto non tentò alcuna ricerca nuova, ma non tenne neppur 
conto delle indagini fatti da altri storici sugli amici napoletani 
del poeta doWAfrìca, su re Roberto e su altri argomenti toc- 
cati nel presente saggio. Vi aggiunse certi commentari e di- 
gressioni che sono frutto di fantasia, ma non di buon gusto, e 
quindi non giovano ne alla storia, ne alla critica petrarchesca. 

V. Ci. 



BENEDETTO SOLDATI, La poesia astrologica nel Qunttrocento. 
Ricerche e studi. (Biblioteca storica del Rinascimento, di- 
retta da F. P. Luise, voi. 3'). Firenze, G. C. Sansoni, edi- 
tore, 1906, pp. x-320. 

132. — Il nome delTA., giovino e valente studioso, è noto 
ai cultori della letteratura per la sua ottima ricostruzione cri- 
tica del testo di tutti i Carmi di Giovanni Pontano (Barbèra, 
1902). Dall'ideata illustrazione estetica e scientifica de' poemetti 
astrologici pontaniani è sorta la presente monografia, che studia 
accuratamente la poesia astrologica nel tempo che raggiunse 
la più fragrante maturità, scruta il problema astrologico anche 
dal punto di vista filosofico e religioso, espone la produzione 
letteraria e le controversie umanistiche intorno ad esso, e da 
ultimo discorre deW Urania e delle Meteore, 

Poesia astrologica chiama l'A. «tutta la poesia, in parte 
edita, in molta parte inedita, che nacque dall'astrologia giudi- 
ziaria non solo, ma anche dall'astronomia e dalla meteorologia », 
e ciò perchè nel Rinascimento «anche l'astronomia e la meteo- 
rologia erano considerate e trattate come immediatamente di- 
pendenti dal principio astrologico», ch'ebbe allora in Italia 
grande importanza morale e ispirò ben cinque poemetti. Avanti 
d'entrar nel cuore della traltazi(me, parve opportuno all'A. di 
ricercare «in grazia di quali elementi suoi costitutivi il genere 
didascalico-astrologlco possa avere un valore estetico», e di 



Digitized by 



Google 



i j. ^ ^^ ì 



BASSO* 3tED10 EVO — B. SOLDATI 305 

dare uno sguardo ai tre principali periodi della poesia del ciclo 
anteriore al sec. XV: il primo periodo astronomico arateo, il 
secondo periodo astrologico maniliano, il terzo periodo cristiano 
medievale. Cosi la lunga Introduzione serve a dimostrare a quali 
tradizioni artistiche e scientifiche si dehban ricollegare i poeti 
astrologici del Quattrocento e a stabilire i criteri per giudicare 
del loro valore letterario e storico. 

Nel 1507 Luca Gaurico, pronunziando il discorso introdut- 
tivo al corso d'astrologia in Ferrara sugl'inventori dell'arte di 
cui egli era maestro famoso, ricordò fra quelli « qui de rebus 
caelestibus heroico Carmine plerosque edidere libellos » Basinio 
da Parma; il quale, ispirandosi ai Fenomeni d'Arato e forse 
per suggerimento di Sigismondo Pandolfo Malatesta, compose 
verso la metà del sec. XV gli Astro7iomici (affatto indipendenti 
dagli Astronoìnìci di Manilio), poemetto in due libri, non an- 
cora astrologico, ma puramente astronomico, e, come portava 
l'immaturità del tempo, con intenti, più artistici che scientifici. 
Perciò gli Astronomici furon dimenticati quando l'astrologia 
trionfò in mezzo agli umanisti, e il poema di Manilio ebbe l'o- 
nore d'esser letto da una cattedra universitaria e d'uscire a 
stampa con un largo commento di Lorenzo Bonincontri di San 
Miniato, che è da riguardare come il primo vero scienziato e 
poeta dell'astrologia. 

Di lui il S. parla a lungo, ritossendone la biografìa e met- 
tendolo in rilievo corrispondente al merito delle sue opere mol- 
teplici e specialmente de' suoi due poemi astrologici. Questi 
non furon pubblicati che parzialmente, e c'è questione sui loro 
titoli precisi. L'A. dichiara che il miglior esemplare è il Lau- 
renziano 52 del Pluteo XXXIV, e che i poemi si distinguono 
chiaramente dal carattere scientifico dell'uno e religioso-aslro- 
gico dell'altro, e dalle rispettive dediche a Lorenzo il Magnifico 
e a Ferdinando d'Aragona. Il primo dovette esser composto' 
negli anni 1469-1472, e il secondo terminato avanti l'aprile 1475. 
Ciascuno è diviso in tre libri, e sovrabbonda di digressioni 
dottrinali. 

Ma neanche il Bonincontri toccò l'eccellenza dell'arte. A 
questa giunse veramente il Pontano, la cui vita e la cui opora 
sono piene della sua fede nell'astrologia. Scolaro di Gregorio 
Tifernate, amico di Lorenzo Bonincontri e di Tolomeo Gallina, 
scrisse in età giovanile una specie di tema genetliaco su sé stc^sso 
e, più lardi, sul figlio e su amici, e applicava ne' casi della 
Rivista storica italiana, .*}» S., v, 3. 2n 



Digitized by 



Google 



T^ 



30() RECENSIONI E NOTE BIBLIOGRAFICHE — D. BULFERETTI 

vila e della politica una teoria astrologica, fruito di lunghi 
stufli e tale da coslituire il nucleo del suo pensiero (llosofìco. 
DalTesauie delle varie opere pontaniane (versione e commento 
del Ceniiloquio pseudo-tolemaico. De rebus aielesdOus, De for- 
tuna, Aegldlus, ecc.) TA. rileva lo svolgimento progressivo 
delle opinioni di Gioviano, mostra la sua attitudine nella con- 
troversia di G. Pico della Mirandola, e si spiana la via alla 
valutazione del pensiero de' due capolavori della poesìa astro- 
logica, V Urania e le Meteo7*e: capolavori per la fusione perfetta 
degli elementi scientifici con gli artistici. Appena copiali in pulito 
verso il 1490, ebbero divulgazicme anche fuori di Napoli; dalla 
stamperia di Aldo nel 1505 si diffusero per tutta Italia e fuori: 
li lodò altamente l'Ariosto; al secondo fece un commento TA- 
merbach ; li imitarono molti nel Cinquecento e nel Seicento. 

Queste, le linee fondamentali del libro. Ma delle numerose 
fila secondarie, che ne costituiscono l'organismo, meglio tacere, 
che dir poco. 

La rigogliosa fioritura dell'astrologia e della poesia dida- 
scalica nel Quattrocento è spiegata non soltanto idealmente, 
cioè, come s'è visto, con la rievocazione della scienza e della 
poesia del ciclo classico e medievale, bensì anche storicamente, 
cioè con l'esame della vita del tempo in genere e de' singoli 
autori in particolare. Qui il S. mostra d'aver buone disposizioni 
alla critica storica non meno che alla critica letteraria. Benché si 
valga spesso dell'analisi, nel coordinamento e nel fine usa benis- 
simo del metodo sintetico. In verità, egli compi sufficienti indagini 
per poter adottare la sintesi sicura nella trattazione d'una ma- 
teria fino ad oggi pressoché inesplorata. E non è piccolo morilo, 
chi pensi quanto ha bisogno d'esser illustrata la cultura scien- 
tifica del nostro Rinascimento: epoca prodigiosa, e che anche 
dopo tanti lavori di storici insigni rimane come una ricchissima 
miniera inesauribile. 

Se le ricerche e gli studi, a cui ha dalo cosi buon principio 
il S., verranno, com'è da augurarsi, continuati, forse si troverà 
di dover modificare alcuni criteri e risultati suoi, di dover in- 
tegrare alcune parli e approfondirne altre; tuttavia resterà a lui 
il merito d'essersi addentrato per primo in questo campo, d'aver 
fatto luce dov'era mia penombra molesta. Senza dire che, qua- 
lunque ne sia il valore sostanziale, il suo libro è un bel libro, 
di quelli che si leggono facilmente e volentieri, sebbene si possa 
desiderare maggior proporzione delle varie parti, più coslanle 



Digitized by 



Google 



BASSO iI£DIO KYO — (>. DEGÙ AZZI 307 

precisione di termini e più netta espressione dolio conclusioni 
ullime. Difetti, a ogni modo, che trovano la loro giustilìcazione 
nella scrupolosità critica dello scrittore, scrupolosità che in si- 
mili lavori non è mai soverchia. D. Bulferetti. 



DoTT. GIUSTINIANO DEGLI AZZI, // tumulto del 1488 in 
Peì^ugia e la politica di Lorenzo il Magnifico. Perugia, 
Unione tipografica cooperativa, 1905. In-8, di pp. 75. 
133. — Il sanguinoso tumulto scoppiato in Perugia ueir ot- 
tobre 1488 per opera dei Baglioni e degli Oddi, è noto nello sue 
linee generali; ma non nellq cause e nelle sobillazioni che lo 
provocarono: sicché gli storici non vi hanno annesso tutta 
l'importanza (ihe veramente ebbe e che merita. 

W Degli Azzi, di ciò persuaso, colla grande competenza, 
che ormai tutti gli riconu. cono nella storia della sua patria, 
l)rocur() di colmare tale lacuna; e le sue diligenti ricerche nel 
famoso carteggio mediceo innanzi il Principato delTArchivio fio- 
rentino di Stato gli hanno somministrato il materiale per soddi- 
sfare a questo desiderio e spiegare esaurientemente quegli eventi. 
Nelle gare faziose dei Baglioni e degli Oddi che in quei 
giorni funestarono la splendida metropoli deirUmbria, inter- 
venne, col consiglio e cogli aiuti, Lorenzo de' Medici; il quale, 
in cuor suo aspirando già ad imporre a Firenze il proprio 
giogo, vedeva con piacere che i tirannelli circostanti lo prece- 
dessero e rendessero comune o meno ostica la trasformazione 
dei gloriosi comuni in signorie. Coi suoi suggerimenti e con le 
sue incitazioni li rendeva audaci ; colle sue trattative e colla 
sua autorità impediva agli avversari di trovare appoggio e 
sposso otteneva il bando di coloro i quali avevano peccato per 
avere difeso la patria. Cosi procedette segretamente anche a 
Perugia in quella circostanza nella quale fu largo di favore a 
Guido e Ridolfo Baglioni contro gli Oddi e i loro partigiani, 
seppe rinfrancarli per mezzo di ser Niccolò Michelozzi, e vol- 
tare ai suoi disegni Innocenzo Vili colPaiuto deiroratoro fio- 
rentino, Giovanni Lanfredini. Cos'i operando, egli ottenne che i 
Baglioni imponessero la loro tirannia a Perugia e da quelle 
lotto civili uscissero la loro autorità e la loro potenza cosi raf- 
forzate da poter contrastaro al Papa quei diritti, che questi ten- 
tava di assicurarsi nell'antica città della S. Sedo. 

K. G. 



Digitized by 



Google 



308 RECENSIONI E NOTE BIBUOORAFICHE — F. TARDUCCl 

HENRY VIGNAUD, Éticde critique sur (a Vie de Colomb avant 

sesdècoitvertes, Paris, H. Welter, èditeur, 1905 p. xvi-544. 

134. — Lo scopo di questo libro è cosi dichiarato dall'autore 
nel principio della sua introduzione : « Oii se propose, dans les 
V six Ménioires qui forinent ce volume, d'étudier, à la lumière 
«que la critique a projetée sur des faits restés longtemps 
« obscurs, les preuiières phases de la vie de Colomb jusqu'à 
«son établissement en Portugal, c'est-à-dire jusqu'au moment 
€où sa vocation va s'afflrmer». 

Il nome dell' A., conosciutissimo nel campo degli studi co- 
lombiani, era una promessa pel valore del libro; e giustizia 
vuole si dichiari subito che sotto questo aspetto la promessa è 
int^ralmente mantenuta, perchè il libro è uno dei pochi ve- 
ramente pensati, e che danno a pensare. Ogni argomento che 
il Vignaud prende in esame è da lui studiato e svolto minu- 
tamente in ogni sua parte, e il solo difetto che in questo po- 
Irebbe forse rimproverarglisi è qualche inutile ripetizione. Non 
v'è fonte, a cui Targomento si riferisca, ch'egli non esamini 
o non ne valuti il merito e l'importanza; non libro che di esso 
jibbia trattato, del quale egli non prenda nota, e non ne passi 
il racconto e le opinioni pel crivello della sua critica; conosce 
a perfezione i nuovi studi e le scoperte di documenti, che si 
sono fatti nella ricorrenza del IV centenario della scoperta del 
Nuovo Mondo, e con essi alla mano corregge, rinforza, distrugge 
le opinioni che si avevano prima. 

Gli argomenti presi in esame sono: 

1* Le origini della famiglia di Cristoforo Colombo. — 2* I 
due Colombo suoi pretesi parenti. — 3** La data della sua na- 
scita. — 4*» 1 suoi studi e le sue prime campagne. — 5*» L'ar- 
rivo in Portogallo e la battaglia navale del 1476. — 0° Il suo 
viaggio al Nord. — 7' Il suo stabilirsi in Portogallo, il ma- 
trimonio, la sua famiglia portoghese. 

A ciascun argomento preso a trattare è premessa la nota 
delle fonti che vi si riferiscono e il loro esame: a tutto il la- 
voro pre( ode un'introduzione, che studia in generale le fonti 
d'inionnazione che abbiamo per la storia di Cristoforo Colombo. 

I>a ciò si può arguire con tutta certezza che chiunque in 
^'•j;..' vorrà scrivere dello Scopritore del Nuovo Mondo non 



(1) Pap. 1. 



Digitized by 



Google 



BASSO MEDIO EVO — H. VIGNAUD 309 

potrà a meno di avere continuamente alle mani questo libro 
del Vignaud. Non già che il contributo de' suoi studi abbia por- 
tato la luce desiderata nel buio delle questioni, ch'egli ha preso 
in esame, no; ma egli ha raccolto e riunito tutto quello che 
prò o contro è stato detto in ciascuna di esse; ha messo in 
nuovo raffronto date, fatti, avvenimenti, supposizioni e spie- 
gazioni; e vi ha portato il nuovo rinforzo delle sue argomen- 
tazioni. Con che, presentando come in un quadro tutto quanto 
si è detto su quelle quistioni, egli ha fornito un libro utilissimo 
agli studiosi delle cose colombiane. 

Ma il libro ha un difetto capitale per un lavoro storico, ed 
è questo, di essere scritto con idee preconcette. È vero che 
Yk, fa minutissimi esami delle quistioni e con tutta calma; 
è vero che, con scrupolosa esattezza, riporta in ogni questione 
il prò e il contro, e nulla nasconde di quello che può contra- 
riare la sua opinione ; ma siccome il suo cammino, per la na- 
tura delle quistioni che egli tratta, va continuamente fra dubbi 
e incertezze, e ad ogni poco si devono mettere avanti inter- 
pretazioni di date e di fatti, e supposizioni d'intendimenti, e 
collegamenti e raffronti di parole e di cose ; resta sempre a chi 
scrive una grande facilità di pendere piuttosto da una parte 
che dall'altra. E quando chi si mette a scrivere ha già fissa nella 
mente una prevenzione, troppo è facile che le cose incerte e 
dubbie pieghino nel senso di quella prevenzione. E questo è av- 
venuto al Vignaud. Egli ha una tesi a sostenere contro Cristo- 
foro Colombo, e tutti i fatti, tutte le date, tutti gli avvenimenti 
sotto il magistero delle sue mani si piegano con tutta natura- 
lezza e si volgono a sostenere quella tesi. A me pare di poter 
rassomigliare il suo ragionamento a un abilissimo discorso di 
un Rappresentante della legge nei Tribunali criminali. Egli nel- 
l'accusa non deve cercare che la verità, e certo nella sua 
coscienza ogni Procuratore del Re vuol far questo ; ma può ac- 
cadere, e accade talvolta, che davanti alla mente del rappre- 
sentante della legge si forma come un'illusione della colpevolezza 
dell'accusato, ed allora egli vede dappertutto prove ed indizi 
a conferma di quella reità. Sapeva bene il fatto suo quel ma- 
gistrato francese quando disse: — «datemi due righe di un 
galantuomo, ed io ve lo mando in galera ! » — Tale è il caso 
di Cristoforo Colombo della requisitoria di Henry Vignaud. 

Pur troppo in quel poco che il figlio Fernando ci ha fatto 
sapere della vita di lui prima che scoprisse l'America, lo no- 



Digitized by 



Google 



310 RECENSIONI E NOTE BlflUOGRAKICHE — ¥. TARDUCCI 

tizie sono monche, incorle, spesso contradditorie fra loro, non 
di rado messe in dubbio od anche affatto smentite da altre no- 
tizie! Che bel campo per un Rappresentante della legge... volevo 
dire della critica, il quale di quelle contraddizioni e inesattezze 
crede si debba far risalire la colpa allo stesso Cristoforo Co- 
lombo, e di questa sua persuasione voglia far persuasi gli altri ! 
K il Vignaud è un Rappresentante della crilica abilissimo, e 
la sua abilità è meravigliosamente aiutata dalla profonda co- 
noscenza ch'egli ha dei più nìinuti particolari nel campo del- 
Taccusa che sostiene. Immaginate come ne esce concio quel 
povero Cristoforo Colombo ! Non è ancor detto ch'egli fosse un 
farabutto della peggiore specie, ma di questo passo si tarderà 
poco ad affermarlo ! Intanto si tenta di provar questo: 

1« Ch'egli mentiva, quando accortamente lasciava inten- 
dere che la sua famiglia era di nobile ligna^io (1). 

2<> Mentiva, quando disse che i due ammiragli Colombo 
erano suoi parenti (2). 

3*» Mentiva quando affermò di aver cominciato a navigare 
di 14 anni (3). 

4*^ Mentiva nell'asserita sua corrispondenza con Paolo To- 
scanelli (4). 

S** Mentiva, osservando di essere stato in Islanda (5). 

6® Mentiva sempre quando l'interesse suo personale, pre- 
sente futuro, glielo suggerisse, sia inventando di sana pianta 
le cose, sia nascondendo la loro verità o alterandola (6). 

Naturalmente non è di una breve recensione il poter ri- 
spondere al lungo argomentare del Vignaud, ne io mi sentirei 
di avere l'abilità necessaria ed armi sufficienti per sostenere 
la lotta con lui. Ma è giusto che il lettore abbia almeno un 
saggio del suo argomentare e della consistenza che hanno o 
che possono avere le sue deduzioni a carico di Cristoforo Co- 
lombo. Scelgo come saggio i primi tre capi di accusa or ora 
ricordati, ma, per non uscire dai termini segnati ad una recen- 
sione, accenno appena di volo alcuna delle risposte che vi si 
possono lare. 



(1) Pii^'. 10 ss. 

(2) Paic. 1(3H ss.: IS.', ss. 

(3) Pair. 50G. 

(4) PuiT. 21-22. 

(5) Pa«r. 419 e ss. 

(6) Pn.ir. 20, 24. 25, Ls7, ISS. 410, 413, 417, 41)5, 514. 



Digitized by 



Google 



BASSO MEDIO EVO — H. VIONAUD 811 

^ Golomb, dice il Vignaud, s'efforga toujoiirs de faire 

«croire qiril était d*une famillc distinguéo Noiis n\ivons 

« cw/yim texte de lui où il alt parie de la noblesse de sa race; 
« mais Olì va voir qu'il y a de bonnes raisons de croire qiie 
« il a réeliement pretenda appartenìr a une faniillo patri- 
<cienne ». 

Avverto che il corsivo di queste parole è mio, non del- 
rAutore. 

Ora qualcuno potrebbe trovare per lo meno molto azzar- 
data un'accusa formale fondata sopra una supposizione. Maio 
ammetto col Vignaud che Fernando Colombo, parlando di co- 
desta nobiltà del suo lignaggio, non facesse che ripetere le pa- 
role di suo padre. — E che perciò? — Merita per questo Cristoforo 
•Colombo di sentirsi gettare in faccia Taccusa di mentitore ? Dei. 
Colombo, che fossero nobili, ve n'erano a Piacenza, a Guccaro, 
a Cogoleto. Il Vignaud non solo riconosce questo, ma ne dà 
egli stesso le prove allargando i suoi studi anche su questo 
ar^Tomento. È egli impossibile che una volta la famiglia di Cri- 
stoforo Colombo fosse nobile essa pure come le sue omonime ? 
Le cronache di quei tempi sono piene d'esempi di famiglie ca- 
duto da slato floridissimo nella miseria per Timperversare delle 
guerre di allora. .Tra queste non potrebbe annoverarsi anche 
la famiglia di Cristoforo Colombo ? — Ma, dice il Vignaud, noi 
sappiamo che il padre di lui faceva il lanaiuolo, che il nonno 
molto probabilmente faceva pure il lanaiuolo (1). 

— E poi ^ 

— E poi non sappiamo altro. Quale difficoltà osta, che 
risalendo più oltre non possiamo trovare la sua famiglia fio- 
rente di nobiltà e di ricchezze ? Ne' miei giovani anni ho co- 
nosciuto un vecchio marchese, il cui padre era tanto ricco che 
aveva ospitato in sua casa con magnificenza principesca il papa, 
e il papa gli aveva tenuto a battesimo quel tiglio; ed ho co- 
nosciuto il pronipote di quel vecchio, ridotto por lo sfacelo della 
famiglia a dover mendicare per vivere un posticino nella pub- 
blica sicurezza. Chi avrebbe potuto negare ch'egli non uscisse 
di famiglia nobile ? E così può essere stato della famiglia di 
Cristoforo Colombo. Ricca una volta, per contrarietà di fortuna 
era discesa fino all'umile mestiere del lanaiuolo. Mentiva egli 



,1) Pag. ll<J. 



Digitized by 



Google 



312 RECEiXSIONT E NOTE BIBUOGRAFIOHE — F. TARDUCCI 

per questo Cristoforo Colombo dicendo che i suoi antenati erano 
nobili ? Neir assoluta mancanza di qualsiasi argomento in con- 
trario la presunzione è tutta a favore dell'asserzione di lui, 
perchè il ricordo di tali memorie, interessando solo i membri 
di una famiglia, va presto perduto per gli altri, mentre è na- 
turale che si serbi fra loro di padre in figlio con quella forza 
di verità che viene dalla tradizione. 

Noi dunque in forza della stessa critica che il Vignaud 
mette avanti, noi, mancando di qualsiasi argomento in contrario, 
non possiamo che rimetterci puramente e semplicemente alla 
tradizione di famiglia. 

Può essere che Giovanni Colombo, avolo di Cristoforo, che 
Domenico suo padre, che Cristoforo stesso, s'ingannassero sul 
fatto di quella tradizione, e illusi dalla somiglianza del nome 
si credessero di aver avuto un tempo una nobiltà che real- 
mente non abbiano avuto. Ma neanche per questo non possono 
essere accusati di poca sincerità, perchè chi mentisce in una 
sua afiferinazione sa di non dire il vero, mentre chi s'inganna 
cì'ede di dirlo. 

Ma il lettore ha ragione di meravigliarsi che si spendano 
tante parole per cercare se la famiglia di Cristofaro Colombo 
fosse un giorno delle nobili o no. Quale importanza ha questo 
nella storia di lui ? — Nessuna. - Oh perchè dunque perdere 
tanto tempo in questa ricerca? Perchè vi si è fermato il Vignaud, 
perchè da questo comincia la sua requisitoria contro Cristoforo 
Colombo, perchè su questi; capo d'accusa egli insiste in modo 
speciale per ribadire contro di lui l'accusa di menzognero. 

La seconda accusa è quella di aver detto ch'egli non era 
il primo ammiraglio di sua famiglia (1). Colombo non dice a 
chi alluda con quelle parole, ma lo dice suo figlio Fernando: 
sarebbero i due famosi corsari Colombo, ammiragli francesi, 
creduti l'uno zio, Taltro nepote, della stessa famiglia (2). TI 
Vignaud dice che questa parentela è « la plus singuìière des 
prétentions de Colomb » (3). 

— Perchè di grazia ? 

Perchè, risponde il Vignaud, il primo di quei due ammi- 
ragli era Guglielmo de Casenove, cadetto di Guascogna, so- 



(1) Flistoire di Fernando Colombo, cap. I. 

(2) Histoire di Fernando Colombo, cap. I. V. 
(8) Pag. 07. 



Digitized by 



Google 



BASSO MEDIO EVO — li. VlGXAUl) 313 

prannominato CouUon; Taltro era Oiorgio Paleoiogo Bissipaty 
detto il Greco, perchè passato di Grecia in Francia dopo la 
caduta di Costantinopoli in mano di Maometto II (1). 

Benissimo ! Noi siamo pieni di riconoscenza per quei va- 
ienti studiosi, che con le pazienti loro ricerche nelle cronache 
e negli archivi hanno saputo ritrovare e dirci il nome di quei 
due ammiragli. Ma, ai tempi di Cristoforo Colombo con quale 
nome essi erano dati e riconosciuti da tutti ? Nelle storie, nelle 
relazioni diplomatiche degli ambasciatori, nelle discussioni dei 
governi, sempre e da tutti, erano dati e riconosciuti col nome di 
Colombo o Columbus: lo fa vedere con molti esempi lo stesso 
Vignaud. E, come allora, cosi in seguito fino a pochi anni fa si 
è sempre creduto che il loro vero cognome fosse Colombo. Cri- 
stoforo Colombo sapeva come sapevano tutti, o meglio credeva 
come credevano tutti che quei due ammiragli portassero il 
suo stesso cognome : quale vi ha meraviglia che per ciò li cre- 
desse usciti dal medesimo ceppo, del quale erano usciti egli, 
il padre, Tavolo suo ? 

Il 3* capo d'accusa è Taffermazione di Cristoforo Colombo, 
riferita essa pure dal figlio Fernando, che egli cominciasse la 
vita del mare a 14 anni ? (2). 

11 Vignaud porta molte ragioni per provare che ciò non 
potè essere: fra le altre cita la testimonianza del Giustiniani, 
contemporaneo di Cristoforo Colombo e genovese come lui, il 
quale attesta ch'egli si diede alla navigazione appena fu giunto 
agli anni della pubertà : (3) — « ce qui, dice il Vignaud, ne 
« peut guère s'entendre que de Tàge de 18 ans ». (4) — No, 
no, sig. Vignaud ! Le parole del Giustiniani tornano invece a 
piena conferma doiraflfermazione riferita da Fernando Colombo, 
perchè la pubertà comincia proprio a 14 anni! — < Aetas in 
« qua imbertas enascitur, in maribus decimus quartus est 
« annus, duodecimus in femìnis » — definisce il Forcellini con 
Tautorità di Macrobio (5). — « La puberté se place dans la 
<i^ quatorzièìne annèe pour le sexe masculin, et dans la dou- 
zième pour le sexe féminin; » — definisce a sua volta il Bar- 



fi) Pag. 140, 173. 

(2) His/orie, cap. IV'. 

(3) In Psalterium luebreum^ nota marginalo al salmo XVIII o XIX se- 
condò le edizioni. 

(4) Pag. 307. 

(5) Satiirn. 7. 



Digitized by 



Google 



314 RECENSIONI E NOTE aiBLlOGRAVICHE — F. TAIIDUCCI 

rault ne* suoi sinonimi, e cita Suctonio (Galig. XIII. fin.). Eiì 
verbo adoperato dal Giustiniani secondo l'indole dei verbi in- 
coativi non può indicare che il primo entrare nella pubertà, 
cioè appunto il quattordicesimo anno (1). 

Troppo è vero che la buona fede, l'entusiasmo, e qualche 
volta anche la malignità, hanno sopracarico di ornamenti al- 
cune grandi ligure storiche ; e la critica fa opera dì verità e 
di giustizia ricercando codesti ornamenti posticci per distrug- 
gerli e restituire a quelle figure la vera loro fisonomia. Ma 
nel soverchio zelo di togliere dalla statua le incrostazioni che 
vi furono sovrapposte, è facile che il colpo del martello arrivi 
più in là che non dovrebbe, e intacchi lo stesso marmo della 
statua, E a questo risultato, bisogna pur confessarlo, è venuta 
più volte in questi ultimi tempi la critica con la sua pretesa 
di volere riconoscere e stabilire troppo minutamente le cose 
del passato. La distanza dei tempi fa alla nostra conoscenza 
quello che all'occhio la distanza dei luoghi. Come qui bisogna 
contentarsi della visione generalo dello cose, e chi pretende 
vedere troppo minuto noi particolari dei contorni e dei colori 
corre pericolo di togliere allo cose quello che hanno, e attribuir 
loro quello che invece è un errore della facoltà visiva; cosi è 
delle grandi figure che nella lontananza dei tempi la storia pre- 
senta alla nostra gratitudine od ammirazione. 

Cristoforo Colombo più di qualunque altro è stato sotto- 
posto a quest'esame microscopico della critica; ma nessuno, 
ch'io sappia, era giunto ai risultati che ci presentali Vignaud. 
Nessuno nega che nella storia di Fernando Colombo s'incon- 
trino errori e contraddizioni ; ma dalla dimostrazione di questo 
fatto al voler fondare sopra di essa un'accusa formale contro 
Cristoforo suo padre per sostenere che in lui vi era « manque 
de sincerile (2); » ch'egli « n'ètait pas un hoìnme vèridique; > 
e che era ^capàble de s'abaisseì* jasqu'au mensonge; e che 
questa capacità € nous óte tonte confiance dans sa parole; » (3) 
ch'egli ^a cherché à nous induire eìi erreuì^i*^ (4); che vi 
era in lui « un état inorai qui ne permei pas de voir da^is 
sa parole ime garantie de tout repos » (5) ; ch'egli « na 



(1) « Hic... pubescetis jam roi maritimie operani dedit » 1. 

(2) Pag. 20. 

(3) Pag. 70. 

(4) Pag. 187. 

(5) Pag. .511. 



Digitized by 



Google 



Il ipilil M Pi . 



BASSO MEDIO EVO — E. VIGXAUD 315 

jamais dit un mot de vrai sur ce qui le touchait personnel- 
leìnenty^\ etc. ole, da quelle colpe del figlio a queste ac- 
cuse contro il padre v'è tale distanza di salto che solo ad una 
fantasia sbrigliata può essere permesso di farlo, non ad una cri- 
tica che voglia essere veramente storica. 

Ma perchè tanto sforzo di studio e di dottrina per dimo- 
strare che i pochi e magri particolari lasciatici da Fernando 
Colombo intorno a suo padre prima che andasse alla sua sco- 
perta, sono, interamente bugiardi o bugiardi in gran parte ? 

Perchè, messo come punto di partenza ehe Fernando ebbe 
quei particolari dal padre, se ne possa trarre la conseguenza 
che dunque Cristoforo, e per indole e per abitudine, dove il 
proprio interesse glielo consigliasse, non aveva né scrupolo né 
riguardo di falsare il vero, e dare ad intendere altrui le cose 
come a lui l'interesse suo suggeriva di foggiarle od anche di 
inventarle. 

E quali sono le conseguenze che si vogliono trarre da co- 
desta dimostrazione ? 

Quali esse siano non è ancor detto, ma da qualche cenno 
s'intratede che vorranno essere molto gravi. L'A. a pag. 20 
dice: « S'il est bien avere que Golomb n'a pas dit la vérité 
«dans certaines circostances, comment peut-on ètre certain 
« qu'il Ta dite dans d'autres ? Si par vanite ou pour tonte autre 
« motif il a dissimulò ou quelque fois altere la vérité, pourquoi 
«n'aurait-il pas agi de méme quand des considèrations d'un 
< ordre plus sérieux pour lui Tincitaient à le faire ?» E a pa- 
gina 2Q\ cAvant de soumettre a un examen critique ce que 
«le découvreur lui-méme a dit de son dessein, et co qu'on en 
«a dit d'après luì, il faut connaitre Tauteur de ce dessein ;>. 
Aspettiamoci dunque a nuovi assalti contro la fama e» la gloria 
di Cristoforo Colombo, maggiori di quelli fatti in passalo, meglio 
ordinati, meglio diretti. Le armi sono perfezionate, é cresciuto 
il numero e il valore dei combattenti, e il capitano, che li 
guida, conosce a fondo tutte la arti e le astuzie della guerra 
che conduce. Certo vorrà essere una lotta feroce ! 

L'avvenire, dicevano i Greci, é sulle ginocchia di Giove: 
lasciamolo dov'è. Ma io sono convinto che anche dopo questo 
nuovo assalto la figura di Cristoforo Colombo continuerà a le- 
varsi gigante all'ammirazione e alla gratitudine degli uomini. 
E i nuovi colpi che la tempesteranno potranno si lasciare in 
essa qualche stria od anche farne saltar via qualche scheggia; 



Digitized by 



Google 



■i ■ ^ ■^ Fff^T" ■ 



316 RECENSIOJfl E XOTE niBLIOQRAFlCHK — F. TARDUCCI 

ma nulla sarà del rovesciarla od abbassarne Taltezza; e le 
stesse strie e scheggiature resteranno a prova che il metallo 
della statua è di ottima lega, ed ha tutta la certezza di potere 
.slidare tranquillo le tempeste del futuro come ha sfidato e vinto 
le tempesto del passalo. 

Francesco Tardi: gci. 



5. TEMPI MODERNI (1492-1789). 

I.. GIACCIO, Gian Martino Spanzotti da Casale, pittore 
(U8Ì-Ì524). Da T^Arte», anno VII, fase. 11-12, 1904. 

135. — Un'altra lancia è spezzata da una cortese lorneante 
nel campo della storia dell'arte a prò' del Piemonte, che se 
nel medioevo fu nelle arti primeggiato dalla coltura francese, 
ricevette però il soffio dell' arte italiana rinascente dalle sue 
terre del Biollese e del Vercellese aperte verso l'ampia pianura 
lombarda. Buio è veramente intorno agli artisti piemontesi di 
questa età e per le vicende politiche disastrose e per l'indiffe- 
renza incuria del popolo pedemontano nei secoli passati, 
per cui mentre gli archivi ci rivelano tratto tratto nomi di ar- 
tisti che godettero buona fama in quciretà, come quello di Amedeo 
Albini, e (lei quali non conosciamo le opere, abbiamo d'altro 
lato pitture come il doppio trittico del duomo di Chieri e quello 
della chiesa collegiata di Revello ancora anonime. 

Defendente Ferrari da Ghivasso, da prima come l'Albini 
noto solo a metà, ha avuto oramai luce dagli studi e dagli 
esami di molte opere riconosciute di poi sue, cosicché lo si 
ella accanto alle due grandi glorie piemontesi sufficientemente 
note, Gaudenzio Ferrari di Valduggia e il Sodoma dì Vercelli: 
ed ecco ora avvicinare ad essi un altro bravo artista, Gian 
Martino Spanzotti da Casale, che fu il maestro del giovinetta) 
Gian Antonio Razzi, più tardi calunniosamente detto il Sodoma. 
Luigi Bruzza, Alessandro Baudi di Vesme, il Rondolino, il Co- 
lombo, il Dufour e il Rabut avevano già parlato più o meno 
estesamente dello Spanzotti, finche nel 1899 il Vesme ebbe la 
fortuna di scoprire una tavola firmata dello Spanzotti rappre- 
sentante la Madonna seduta con in grembo il Bambino, e poco 
dopo il Venturi rintracciava un'altra tavola di Madonna seduta 
con in grembo il Bambino, che sebbene anonima giustamente 



Digitized by 



Google 



R ^ i ? " J P PJ 



TKMPI MODERNI — L. GIACCIO 317 

€gli attribuì allo Spaiizotli per averne riscontrato in modo certo 
le affinità con Taltra tavola firmata. La signorina Giaccio, dopo 
aver riassunte le notizie biografiche del nostro pittore e dopo 
aver chiaramente messe innanzi le prove addotte dal Venturi, 
a conferma delle sue asserzioni testé riferite ci [iresenta un 
ciclo di affreschi, abbastanza ben conservati, esistenti nella 
chiesa dell'ex- convento di S. Bernardino presso Ivrea, rap- 
presentanti tutta la vita di Cristo, che essa ci dimostra essere 
opera indubitata dello Spanzotti. A ciò fare — oltre Tesarne tec- 
nico della coloritura, dell'anatomia dei corpi, della posizione 
preferita dal pittore nel collocare i corpi, degli sfondi, dei chiaro- 
scuri, della prospettiva e di mille altre peculiarità, esame fatto 
con osservazioni sottili e con ragionamenti persuasivi, la signo- 
rina Giaccio arricchisce la sua monografia di una collezione di 
riproduzioni fotografiche delle tavole dello Spanzotti e dei freschi 
di S. Bernardino d'Ivrea, che toglierebbero ogni dubbio dall'a- 
ninio anche del più scettico esaminatore, se ancora ve ne po- 
tesse essere alcuno dopo le prove convincenti da essa addotte. 
Da questa scoperta della Giaccio la figura dello Spanzotti è chia- 
ramente illuminata per cui si può con essa ritenere che fu un 
pittore un pò* strano, dotato di un'anima e di sentimento di 
vero artista, ma costretto a lavorare un po' troppo a braccia, 
e sopratutto educato ad una scuola non sufficientemente raffinata. 
E la signorina Giaccio, indagatrice fine, da vera amante 
dell'arte non si accontenta di averci fatto conoscere un artista 
poco noto per il passato : essa va oltre e vorrebbe lumeggiare 
anche la scuola piemontese detta comunemente vercellese, della 
quale ben poca cosa noi sappiamo. E sa, riesaminando la pro- 
duzione pittorica dello Spanzotti, trovare quali influssi questa 
scuola deve aver subito dall'arte francese e dalla lombarda, in 
mezzo alle quali essa si trovava. E infine la Giaccio ci mostra 
come lo Spanzotti sia stato innegabilmente anche maestro di 
Gerolamo Oiovenone da Vercelli e di Defendente Ferrari da 
Ghivasso e, cpn un raffronto chiaro e lampante fra i freschi 
di Ivrea e quelli analoghi di Gaudenzio Ferrari in Santa Maria 
delle Grazie in Varallo, ci pone innanzi l'ipotesi molto atten- 
dibile che il giovane (taudenzio abbia subito, forse anche senza 
volerlo, l'influenza di Gian Martino Spanzotti tanto più vecchio 
di lui e riuomato, pur riuscendo — nella pienezza della sua forza 
giovanile e geniale ~ a creare un'opera vigorosa di spontaneità 
e bellezza, rivestendo il povero o nudo schema del suo modello 



Digitized by 



Google 



I H l y^ HP 



318 RECENSIONI E NOTE BIBLIOGRAFICHE — L. C. BOLLEA 

d'Ivrea, delle forme ricche e nuove che fiorivano nella sua ori- 
ginale fantasia, se pur — - dice la signorina Giaccio — nello 
Spanzotti, anziché in Macrino d'Alba, come altri suppose, non 
devesi ricercare quel primo maestro piemontese, dal quale è 
oramai opinione generale che debba Gaudenzio aver appreso 
l'arte, innanzi di recarsi a Milano a frequentarvi il misterioso 
Stefano Scotto, il Luini o forse anche il Bramantino. Per tal guisa 
lo Spanzotti non ci apparirebbe più un mediocre maestro a cui 
sia toccata la fortuna immeritata di aver dato i primi ammae- 
stramenti dell'arte ad un grandissimo artista, ma ci si rivele- 
rebbe come uno stimato e meritevole caposcuola, da cui furon 
nutriti tutti i maggiori artisti suoi corregionali della genera- 
zione successiva alla sua. 

Il contributo, che la signorina Giaccio arreca con questa 
monografia erudita alla storia dell'arte piemontese, è notevole 
e a lei deve essere tributata lode da quanti amano rivendicare 
anche i meriti artistici della nostra vecchia terra pedemontana. 

L. C. BOLLEA. 



GIULIO GAKOTTI, Le opere di Leonardo, Bramante e Raf- 
faello, Milano, Hoepli, 1905. 

136. — Sono tre ottimi studi che costituiscono insieme un 
serio contributo alla storia del periodo più glorioso dell'arte 
italiana: quantunque lo scopo principale del libro sia soltanto 
4cdi soddisfare chi desidera sapere quali siano almeno le poche 
opere che gli studiosi sono concordi nel ritenere veramente 
certe del sommo Leonardo» e quelle attribuibili al quasi mitico 
Bramante e di dare una specie di catalogo cronologico delle 
pitture di Raffaello, non avviene mai all' A. di riferire como- 
damente le opinioni altrui, senza portare in ogni questione il 
lume di un esame diretto e meditato. 

Al periodo giovanile di Leonardo il G. dà due sculture in 
terracotta del South Kennington Museum di Londra: la sta- 
tuetta di Madonna col bambino, ritenuta comunemente di De- 
siderio da Settignano o di Antonio Roselline, ed un piccolo busto 
di San Giovannino: ora non mancano, specialmente alla se- 
conda delle due sculture, caratteri della scuola del Verrocchio 
a cui Leonardo appartiene, ma ciò non è sufficiente a farle 
credere proprio sue, non essendoci d'altra parte possibile il 
confrontarle con qualsiasi opera plastica certa di Leonardo^ 



Digitized by 



Google 



TEMPI MODERNI — O. CAROTTI 



319 



giacché non si hanno forti ragioni per ritenere sue quelle giu- 
dicate tali dal Bode (1), che del resto il G. mostra di ignorare. 
Alla giovinezza del maestro il C. dà pure un ritratto di 
fanciulla della galleria Czaitoriski a Cracovia, nel quale egli 
riconoscerebbe il ritratto creduto perduto di Cecilia Gallerai! i : 
conoscendo il quadro soltanto dalla riproduzione datane dair A. 
e da quella pubblicata già dal Miiller-Walde (2), che per primo 
lo ritenne di Leonardo, non è facile giudicare dell* opportunità 
deirattribuzione. 

Per contrario il C. toglie a Leonardo per darlo a Cesare 
da Sesto il famoso disegno della testa di Cristo alla Pinacoteca 
di Brera: come pure non crede del maestro, e ciò certamente 
col pieno consenso degli studiosi, la cosidetta Beatrice d*Este 
dell'Ambrosiana ed il busto in cera del museo Wicar di Lille. 
Anche la Belle ferronière del Louvre TA. la crede non dovuta 
a Leonardo, ma piuttosto al Boltrafflo. 

Il lavoro del C. per ciò che riguarda il Bramante assume 
un'importanza assai maggiore che non per Leonardo e Raffaello, 
giacche per questo maestro, non studiato recentemente quanto 
quei due, si tratta, più che di riassumere e vagliare la critica 
moderna, di creare addirittura i criteri per la valutazione e la 
cernita delle opere deirartista, così poco chiaramente conosciuto 
nelle caratteristiche essenziali del suo stile, che sino a pochi 
anni or sono potè essere creduto Tarchitetto del palazzo della 
Cancelleria (esterno) in Roma, eseguito, come per la prima 
volta ebbe ad osservare Dom. Gnoli, qualche tempo prima della 
sua venuta in Roma e che presenta stile architettonico tutto 
romano, diversissimo dal bramantesco. Ed il C. è riuscito otti- 
mamente in questo suo studio originale, sopratutto determinando 
ed analizzando l'opera architettonica e pittorica del maestro in 
Lombardia. Fra le costruzioni del Bramante meno note, sulle 
quali il C. ha richiamata l'attenzione, merita di essere ricordato 
iJ bellissimo cortile della casa Pozzobonelli (Milano, via dei 
Piatti, n. 4), e la piccola porta con tre finestre e il cornicione 
superiore del fianco destro del Duomo di Como, che il C. per 
primo attribuisce al nostro artista, del quale egli riconosce Tin- 
fìuenza. anche in quella parte della decorazione scultoria della 
sacrestia di San Satiro in Milano, che comunemente si ritiene 



(l'i Jahrbuch der K. preussiachen Ktinstsammlungen. 1904, p. 125-Ul . 
(2) Periodico cit., 1892, pag. 69. 



Digitized by 



Google 






m> 



RECKNSlOSr E NOTE BIBLIOO HA FICHE 



del Garadosso, e cioè i famosi busti entro medaglioni, del tutto 
aiinloghi a quelli dipinti dal Bramante nel fregio della facciata 
della casa Fontana-Silvestri a Milano. 

Al Bramante pittore il G. attribuisce pure un' opera che 
sinora nessuno aveva pensato di riferire a lui : i quattro angeli 
allrescati nei lunetloni dei due bracci laterali nella chiesa della 
Certosa di Pavia. 

Aggiungere del nuovo intorno all'attività gloriosa di Raf- 
faello non era facile: tuttavia il G. non si lascia sfuggire le 
occasioni per impiantare una qualche nuova discussione, come 
a [proposito del celebre libì^o di schizzi Bossi deirAccademia di 
Venezia. 11 Morelli lo aveva creduto del Pinturicchio in quanto 
che la maggior parte dei disegni che lo compongono, anche se 
sembrano copie di figure di altri pittori, quali il Perugino, Luca 
Signorelli, Antonio del PoUaiuoIo, Mantegna, Giusto di Gant, 
rivelano la maniera di disegnare del Pinturicchio: ma il Carolti 
vi nota non la mano del maestro, bensì quella di un timido, 
inesperto e giovanissimo imitatore, dimorante in Urbino (giacche 
in uno schizzo ne ritrae la veduta); ed è indotto a riconoscere 
questo giovinetto in Raffaello. 

Sulla questione si è già pronunciato, invitato espressamente 
diìl G. medesimo, Gustavo Frizzoni (1), il quale riconosce nei 
disiiegni del taccuino di Venezia l'opera di parecchi plagiari, 
copisti, di tempra ben inferiore a quella di Raffaello, sia pure 
fanciullo: e mi pare che il Frizzoni dica bene. 

Ma se pure non possono accettarsi tutte le conclusioni 
deli'A., ciò non toglie nulla alla bontà e serietà del suo libro, 
che. nonostante la forma breve e Tindole sintetica, appartiene 
al novero di quelli che debbono essere presi in considerazione 
da chiunque voglia d'ora innanzi occuparsi dei tre sommi stu- 
diali con tanto amore dal Garetti. Lisetta Giaccio. 



FJì;L1GK FOSSATI, La plebe vigevamse alla conquista dei po- 
teri pubblici nel i536 (estr. dall'* Arch. stor. lombardo», 
a. XXXII, fase. viii). 

137. — La storiografia vigevanese è in un periodo di rinno- 
vamento, da quando il prof. Nicolò Golombo ne scalzò in gran 
parte le autorità tradizionali col suo Alla ricerca delle origini 
del nome di Vigevano (Novara, Miglio, 1808). Tra i giovani 



£1) i:arte, 1005, pagg. 142-145. 



Digitized by 



Google 



i 



TKJdPI MODERNI — F. FOSSATI Hl'I 

studiosi che con valore e costanza si accinsero all'opera anìim 
di scandagliare gli archivi che, dopo qualche opera che si i ra 
creduta fondamentale, si erano lasciati giacere in lungo rinusn, 
merita distinzione TA., il quale con questo studio mostra anche 
di volersi accostare a quell'ordine di ricerche intorno allo tmi- 
dizioni economiche e sociali nei vari tempi, di cui già abbinm<> 
in Italia insigni maestri. E della bontà di tale indirizzo è quc^slo 
stósso lavoro, pur nella sua ristretta cornice, una dimostraziuin^: 
poiché, volgendosi a scrutare nei Convocati del Consiglio ixvnv- 
rale, nei Conti dei Tesorieri e in altri documenti le convulsióni 
economiche dSlla popolazione vigevanese, ci rivela un aspoHn 
di quella storia che rimaneva non sospettato e come offus* ;i1(j 
dai vividi bagliori del fasto e della magnificenza esteriore, mu- 
portate anche nella vita di Vigevano dalle frequenti dimore disila 
corte ducale sforzesca. 

Di questi ultimi si ha una bella e viva descrizione in c< 1 1<^ 
pagine felici della citata opera del prof. Colombo: ma qiii il 
prof. Fossati, pur senza nominare il suo predecessore, ma fnrs^^ 
accennandolo indirettamente, ci rappresenta il rovescio di ■Ila 
medaglia. 

Gli avvenimenti qui narrati hanno origine immediata du! lo 
gravosissime imposizioni e dagli sconvolgimenti economici jn-u- 
dotti dalle guerre, dalle spogliazioni, dalle devastazioni e drillii 
peste nei primo quarto del sec. XV; ma, osserva FA., chi vo- 
lesse ficcar lo sguardo entro ai documenti che rimangono ih al- 
l'età dei Visconti e degli Sforza, creduta la più illustre e la jìii 
felice di tutte per il Comune Vigevanese, «vedrebbe che la ro- 
vina economica della città, ne fu precipitosamente accelerila 
dagli infausti trentanni che seguirono alla cacciata del M-iv», 
non cominciò in essa» (p. 7). 

Nel sec. XVI quel malessere divenne estremo; finche H 
9 gennaio 1525 i consiglieri del comune, considerando i gviwì 
danni subiti dalle proprietà, si indussero a deliberare la n<ln- 
zione € ad medietatem» dell'estimo e l'aumento del testatico lifm 
a soldi quattro «prò qualibet testa». 

La plebe rispose, ribellandosi, ma la violenza non recò, ^ lir 
Sì sappia, buoni frutti. Una seconda volta si ribellò, il 17 ag-sti» 
1532, mettendo a scompiglio il palazzo comunale, per protesi ;ij(^ 
contro una tassa straordinaria, imposta dal Consiglio che va- 
leva liberarsi dai creditori insistenti (p. 11). Si nominò alliiiìi 
una Commissione che propose un incanto dei beni comunali i' 
Rivista slorica italiana, n^ S., v, 3. 4 



Digitized by 



Google 



32*J RECENSIONI E NOTE BIBLIOGRAFICHE — 0. OTTONE 

Toqualanza: ma le proposte non piacquero e il popolo tornò a 
tumultuare il 7 luglio 1533, con alla testa Giuliano degli Ar- 
dizzi. Anche le proposte di un commissario, Giuliano Piscina, 
inviato dal Duca Francesco Sforza, si abbatterono ben presto 
in insormontabili diflicollà. 

Ma nel 1530 le condizioni si aggravano, perchè alle solite 
ristrettezze si aggiungono le imposizioni degli spagnuoli : dap- 
prima di assumersi l'esecuzione di una parte del vallo di Pavia 
(p. 30); poi, il 24 marzo dello stesso anno, una tassa gene- 
rale, da contribuirsi mensilmente per provvedere alle spese 
della guerra coi Francesi (p. 3:3). Cresce quindi il malcontento 
popolare: la plebe propone un nuovo estimo, e la lotta s'ina- 
cerbisce al punto che gli amministratori s' inducono a tentare 
un vero colpo di stato, riducendo il Consiglio da 00 a 36 membri, 
con magistratura biennale. Il F. non osa pronunziare un giudizio 
sicuro sul valore di questo fatto, che allora si volle giustificare 
col diminuito numero dei cittadini chiamati ad amministrare, e 
colia difficoltà di raccoglierli. K questa una vera lacuna del suo 
studio paziente ed accurato. 

I reclami dei plebei che facevano citare a Milano i loro 
amministratori, perchè rendessero i conti, provocavano un 
nuovo giudizio (p. 53). 11 senatore Egidio Bossi, che appunto 
fu chiamato a sentenziare nella causa, riconobbe roncstà degli 
amministratori, ma non accolse la proposta riduzione del Con- 
siglio, e anzi propose che fosse abbandonato l'antico sistema di 
elezioni. 1 nobili del Consiglio, naturalmente, protestarono e 
provvidero a contrastare quella proposta innanzi al Senato, il 
quale modificò invero la sentenza del Bossi e limitò a 40 il 
numero dei consiglieri: ma mantenne l'innovazione che quegli 
proponeva riguardo al modo di nominarli e alla classe dalla 
quale dovevano essere scelti : cosi che, col favore del malcontento 
grandissimo, la plebe vigevanese nel 1537 conquistava il Comune. 

Quali novità essa portasse effettivamente nell'amministra- 
zione, non ci è detto dall'A.; ed è, mi pare, anche questa una 
sensibile lacuna; se pure egli non riserba a ricerche ulteriori 
questo interessante studio. 

Sarebbe anche a desiderarsi dal F., che è giovane attivo e 
veramente appassionato di questi studi, una ma^iore sobrietà 
nella citazione di documenti, non lutti opportuni alla stessa 
chiara e perspicua comprensione degli avvenimenti. 

Giuseppe Ottone. 



Digitized by 



Google 



TEMPI MODKBNt — 1. SKGRE 323 

A. SEGRE, La questione Sabauda e gli aì^venimenti politici e 
militari che preparaì'ono la tregua di Vaucelles, Estratto 
dalle Mem. della R. Acc. delle Se. di Torino. S.^ Il Tom, 55. 
138. — È un'altra monografìa che viene ad aggiungersi ai 
molti studi che già ci diede il S. su la storia delle guerre com- 
battutesi nel sec. XVI tra la Francia e gli Imperiali. Nella più 
parte dei precedenti suoi lavori il S. s'era, in modo più esclu- 
sivo e diretto, volto a studiare questi fatti nei loro effetti in 
Piemonte ; non già che non spingesse sovente lo sguardo acuto 
a investigare quanto succedeva negli altri paesi, che avesse 
relazione cogli avvenimenti nostri, ma il fondo delle sue ri- 
cerche aveva sempre a centro il Piemonte, sia nelle vicende 
generali, sia nella politica della Corte Sabauda. Ora egli ci 
trasporta in più vasti campi e ci chiama a Bruxelles ed a 
Londra a studiare i compliv-ati maneggi della diplomazia euro- 
pea, senza che perciò il suo lavoro cessi d'essere d'interesse emi- 
nentemente paesano, poiché, come le conseguenze della tregua 
si fecero sentire fra noi, cosi a consigliarla ebbe lai-ga parte 
la situazione dei belligeranti in Piemonte, a render diffìcili le 
trattative e a far abortire la speranza di pace in una semplice 
tregua che doveva vivere la vita d'un giorno, contribuì gran- 
demente la questione, allora insolubile, della restituzione degli 
Stati al Duca E. Filiberto. 

Entrambe le parti, esauste da quasi un mezzo secolo di 
guerra, erano, da qualche anno, egualmente desiderose di pace; 
più volte trattative, e ufficiali e ufficiose, s'erano iniziate, ma 
era sempre stato impossibile l'accordo. La Francia si sentiva 
forte dei successi che le sue armi ottenevano in Piemonte, sa- 
peva le difficoltà politiche fra cui l'Imperatore si dibatteva in 
Germania, i dissidi e le gelosie nella stessa sua Casa, e soffiava 
nel fuoco; sentiva la stanchezza del vecchio Carlo V, anelante 
al riposo, ed accampava incompatibili pretese... prima quella 
della totale spogliazione dei Duca di Savoia, cui l'Imperatore, 
nella sua lealtà, giudicava impossibile piegarsi. Cosi erano ca- 
dute le pratiche iniziate a Bruxelles nel 1553, quando le vit- 
torie imperiali nelle Fiandre e la promessa di matrimonio del 
principe di Spagna, D. Filippo, con Maria Tudor salila al trono 
inglese vennero ad inspirare alla Francia nuovo desiderio di 
pace, e nuovi maneggi s'intrapresero alla Corte Imperiale. 
L'Inghilterra, sollecitata da Enrico lì, offri la sua mediazione 
s'intromise il Duca di Ferrara Ercole li, e per due anni si eser- 



Digitized by 



Google 



324 RECENSIONI E NOTE BIBLIOGRAFICHE — L. U. 

citarono le più fini arti della diplomazia, senza nulla conclu- 
dere. NelFanimo del Re di Francia il timore che potesse la re- 
gina Maria, già sposata a Filippo, condurre Tlnghilterra al- 
l'alleanza imperiale, non era sufficiente a consigliar la rinunzia 
alle vecchie pretese, che la migliorata situazione militare gli 
mostrava non insostenibili. Per oltre un anno si discusse a Pa- 
rigi, a Londra, a Bruxelles per fissare il luogo della confe- 
renza, stabilirne il programma, scegliere i plenipotenziari. Fi- 
nalmente nella primavera del 1555 si trovarono a Marcy, fra 
Ardres e Graveliues, i rappresentanti dei belligeranti, e la le- 
gazione mediatrice inglese, che aveva a capo il Cardinal legata 
Regìnaldo Polo, il quale già nel 1553 aveva cercato metter pace 
ed ora riprendeva Tufficio a nome della regina Maria; gli in- 
teressi di E. Filiberto erano affidati al senatore Claudio Malo- 
pera; molto fu discusso, ma le trattative si ruppero senza alcun 
risultalo. 

Vennero i nuovi trionfi francesi in Piemonte (e TA. con- 
sacra parecchie pagine della sua Memoria a descrivere qual 
fosse sul finire del 1555 la posizione di Francia e di Spagna 
in Piemonte, ed in generale in tutta Italia, dove ormai agli 
Spagnuoli non restava un amico sincero): venne Falleanza fran- 
cese col nuovo Pontefice Paolo IV a dare a re Filippo, cui il 
padre aveva ceduto il governo, motivo di rassegnarsi ad una 
tregua, se pure vedeva impossibile la pace alle condizioni pre- 
tese dalla Francia; a dare a questa, insieme colla soddisfazione 
degli ottenuti trionfi, anche il timore che Teccesso dei guai la 
cui si trovava il consorte amatissimo spingesse la Regina Maria 
ad uscire dalla neutralità... ed allora, sollecitamente, promossa 
da due generali, il Coligny ed il Lalaing, portata a compi- 
mento dai diplomatici Francesi e Spagnuoli, senza intervento 
d'altre potenze, si firmò il 5 febbraio 1556 a Vaucelles la tregua, 
che sanciva Vutt possidetis, e doveva durare per cinque anni. 

Era, appariva la ruina d'ogni speranza fino allora nu- 
trita da Em. Filiberto; ne mosse egli le più alte lagnanze, ma 
pur doveva nell'animo suo comprendere che il cugino Filippo 
piegava ad una necessità ineluttabile, senza rinunziare per l'av- 
venire a fare le sue vendette... Ed infatti, passato appena un 
anno e mezzo, la situazione politica era tutta mutata, l'Inghil- 
terra dava mano alla Spagna, ed il sole di S. Quintino salutava 
il risorgere delle fortune sabaude. 

In questa Memoria il S. mostra, come sempre, vasta co- 



Digitized by 



Google 



TEMPI MODERNI — C». A. ZANON 325 

noscenza della letteratura e nostra e straniera suH'argomento, 
mentre chiede notizie ancora inedito agli archivi di Torino e 
di Modena. Solo potrebbe lamentarsi che il S., per la naturale 
impazienza di divulgare il risultato dei suoi studi e dalle sue 
ricerche di mano in mano che si van concretando, venga a 
darci, intorno all'epoca cosi importante cui da molti anni ri- 
volge la sua attenzione dalle notizie frammentarie, talvolta 
forse troppo minute, tal altro per necessità ripetute, spesso di 
meno attraente lettura, invece di quell'opera organica, omo- 
genea e proporzionata nello sviluppo delle varie parti, tutta 
coordinata ad un prestabilito disegno, che riuscirebbe certo più 
gradita e più utile al lettore, e ch'egli ormai, con tanto ma- 
teriale raccolto, sarebbe stato in grado d'offrire. 

Ma cosi vogliono i tempi, e quasi direi che nell'animo dei 
giovani Teccesso dello spirito d'indagine e d'analisi ha ucciso 
la potenza della sintesi vigorosa ed efficace. L. U. 



G. A. ZANON, Saggi storici su Cittadella nel secolo i6o. Ca- 
steggio, Cerri 1905, pagg. 168, con 12 documenti. 
139. — Questi saggi storici sono tre: 1° Le Dominazioni, 
2«> La Chiesa, il Comune e gli eretici, 3* L'ordinamento po- 
litico, e, nell'intenzione dell'autore, devono offrirci un quadro 
delle vicende politiche, religiose, sociali di Cittadella nel secolo 
16^ il periodo più degno e glorioso della storia di questa pò- 
dester^ia. Il primo saggio è un riassunto esatto e minuto delle 
dominazioni che si succedettero in Cittadella da quando essa 
fu, in ricambio di Rimini, ceduta a Pandolfo Malatesta, nel no- 
vembre 1503, fino al ristabilimento definitivo del governo ve- 
neto nel 1510, allorché ebbe termine la guerra suscitata dalla 
lega di Cambrai. Più che una storia delle dominazioni Tautore 
ci narra le successive conquiste, compendiando, forse troppo 
rapidamente, con speciale riguardo a Cittadella, le turbinose 
vicende di quella guerra. Migliore del primo è il secondo saggio, 
specialmente per ciò che concerne l'eretico Bartolomeo Ponzio. 
Per gli altri eretici il Z. aggiunge ben poco a quanto già ave- 
vano detto il De Leva, il Canlù e il Comba. Convengo con lui 
nelle ragioni addotte per scemare l'importanza dello Spiera nel 
campo dell'eresia; non convengo invece, poiché non mi paiono 
né persuasive né sufflcenti. in quelle allegate per concludere 
che il movimento ereticale a CìlìadoU-A i\\ collettivo e 2)opolare. 



Digitized by 



Google 



V^20 BECENSIONI £ NOTE BIBLIOGRAFICHE — A. BATTISTELLA 

Il malanimo della popolazione contro il clero, le lotte contro di 
esso non risultano abbastanza provate, come non risulta provato 
il carattere di esse né il favore popolare per le dottrine clericali. 
Il terzo saggio è una breve esposizione dell'ordinamento che 
l'autore chiama politico, ma ch'io direi piuttosto municipale 
amministrativo di Cittadella, Potrei notare qualche piccola 
svista sfuggita all'autore: a pag. 102 si ripete quanto è detto 
a pag. 90; in una nota a pag. 104 è scritto che lo Speciali finì 
l'opera sua i primi di novembre del 1542, laddove a pag. 101, 
in un'altia nota, è indicato che la compi il 16 Kal. noverabr. 
cioè il 17 ottobre; la ritrattazione dello stesso Speciali è attri- 
buita, in parte, alla speranza d'una vicina riforma che si sa- 
rebbe fatta dalla stessa Chiesa cattolica: ora, nel 1551 tale spe- 
ranza era tramontata da parecchio tempo, da quando, cioè, 
nel luglio 1542 era stata istituita la Congregazione suprema del 
S. Officio. C'è inoltre un po' d'incertezza in ciò che si riferisce 
alle relazioni tra i Cauzio e il Comune: infatti a pag. 96 si 
dice ch'essi sono voluti e sostenuti da esso, mentre a pag. 109 
si trovano i Cauzio contro i patroni del Comune e più tardi 
addirittura contro il Comune (pag. 141). Piccole mende, ma che 
è bene avvertire affinchè l'autore possa giovarsi quando ci darà 
il promesso studio particolare sull'eresia a Cittadella. 

A. Battistella. 



E. BRAMBILLA, Ludovico Gonzaga di Nevers. Udine, Del 

Bianco, 1905, pp. 102. 

140. — Giovandosi delle lettere degli ambasciatori mantovani 
alla corte di Roma e di PYancia deirarchiviodi Mantova, l'autrice 
rifò la biografia di Ludovico Gonzaga, terzogenito di Ludovico 
duca di Mantova, mandato in Francia nel 1549 e ivi rimasto 
fino alla morte avvenuta nel 1595. Veramente, i fatti esposti 
nella loro generalità eran già noti: essa però riesce a meglio 
precisarli e illustrarli, rivelandoci certi particolari curiosi, ag- 
giungendo certi piccoli ragguagli, chiarendo qualche episodio 
meno conosciuto, e seguendo il suo personaggio passo passo 
in tutte le sue azioni dal 1557 al 1595. E questa meticolosa di- 
ligenza della studiosa autrice è certamente lodevole, e sarebbe 
ancor più se l'affetto per il suo eroe non le facesse parere 
questa scialba figura del capostipite della linea Gonzaga-Nevers, 
più grande e più imporlante che non sia stata nella realtà. Egli 



Digitized by 



Google 



TEMPI MODERNI — J. MARSAN 327 

i appunto codesto amore che le fa trovar tutto bene iu lui e 
nell'opera sua, e che le suggerisce giustificazioni e lodi, anche 
quando ci sarebbe forse da ridire su certe ingenuità di lui, su 
certi scrupoli e sopra una tal quale fiacchezza, almeiìo appa- 
rente, di pensiero e d'azione. A ogni modo, lo studio è con- 
dotto con cura e con buon uso delle fonti, il che compensa 
qualche difetto nel metodo che risente un po' del romantico e 
dello scolastico, e che non sa ancora lasciar da parte certe 
superfluità. Sarebbe stato bene poi che nella trascrizione dei 
nomi di luoghi o di persone, per evitare incertezze e confusioni, 
l'autrice non avesse seguita la forma errata o storpiata che 
iìssi hanno nella storia del Davila e nelle carte diplomatiche 
del '500. A. Battistella. 



JULES MARSAN, La pastorale dramatique en France à la 

fin du XVF et au coìnmencement du XV 11^ siede, Paris, ' 

Hachette, 1905 (8% pp. vii, 524). I 

141. — Mentre da noi un valente studioso attende a tessere, 
per la Collezione Vallardiana dei geiieri letterari^ la storia della 
poesia pastorale italiana^ ecco un poderoso volume venutoci j 

d'oltr'alpe, che illustra le vicende della pastorale drammatica j 

nella Francia durante il secolo XVI e il principio del XVII. 
Come si vede dal titolo, nelle sue indagini il M, si impose una 
duplice limitazione, e letteraria e cronologica, onde è derivata 
una maggior compattezza e originalità a questa sua monografia, 
ispirata a larghi criteri e frutto di accurata e severa preparazione. 
Essa può considerarsi come divisa in due parti, interamente 
collegate fra loro. La prima, che in apparenza soltanto può 
sembrare introduttiva, mentre è l'antecedente necessario della 
seconda, riassume, a rapidi tratti, ma con mano sicura, le vi- 
cende della pastorale straniera (straniera, si capisce, rispetto 
alla Francia), quella cioè, della pastorale italiana, della quale 
si considerano qui certi elementi costitutivi e le trasformazioni 
che misero capo ^XY Aininta, al Pastor fido, e alla Filli in 
Sciro, (Gapp. i-ii); e le vicende della pastorale spagnuola, stu- 
diala nelle sue formo drammatiche, liriche e romanzesche 
(Capp. iii-iv). 

La seconda parte (Capp. v-x) abbraccia esclusivamente la 
produzione pastorale francese, ma nelle sue attinenze — che 
sono per lungo tempo, di dipendenza — con quella (ritalia e 



Digitized by VjOOQ IC 



:)28 RECENSIONI E NOTE BIBUOGRAFlCHE — V. CUN 

di Spagna. Povera, stentata, incerta dapprima, sotto quegli in- 
flussi, che il M. ricerca acutamente (Gap. vi), la pastorale 
d'oUr^alpe attinse un grado di vera espressione artistica con 
Alexandre Hardy e con Honoré d'Urfée, quello che porge alla 
sua patria il fiore delTimitazione italiana, questo che personi- 
fica il meglio deirinflusso romanzesco spagnuolo (Gap. vii). 
Le opere di questi due, il cui esame accurato e geniale forma 
il nucleo fondamentale e centrale della presente monografia, di- 
ventarono alla lor volta come due fonti, dalle quali scaturirono 
perennemente ispirazioni, motivi, materia nel teatro pastorale 
di Francia. Con essi quel genere esotico di poesia acquistò vera- 
mente la cittadinanza artistica francese e formò una tradizione, 
che, attraverso a prodotti mediocrissimi, diede infine le Be7'~ 
pevies del Racan (Gap. vin), si accrebbe poi di elementi de- 
rivati dall'antichità classica, specie dalla tragedia antica (Gap. ix), 
e procedendo parallela con la tragicommedia, si trasformò e de- 
formò in un ibridismo che è la negazione della verità e della 
bellezza, cioè dell'arte, finche cadde addirittura nella parodia, 
col Berger extravagant, che è del terzo decennio del Seicento. 
Anche dopo ch'ebbe compiuto il suo ciclo vitale, la pastorale 
drammatica fece sentire la propria efficacia irresistibile nel 
dramma musicale, che, in fondo, fu Vopeì'u moderna. 

Questo ben nutrito volume si arricchisce di pregevoli Ap- 
pendici letterarie, bibliografiche ed iconografiche, le quali ul- 
time contengono eleganti riproduzioni di scenari e decorazioni, 
tratte da vecchie stampe. Nella bibliografìa finale non mancano 
indicazioni superflue e difettose e neppure lacune, inevitabili 
in qualsiasi lavoro di tal natura. Ma tutto il volume, vivace 
nell'esposizione, felice per sobrietà e compiutezza nelle analisi, 
misurato nei giudizi, reca segni non dubbi di serietà e di co- 
scienza critica, onde merita d'essere segnalato come uno dei 
più concludenti contributi che si abbiano in questo campo di 
studi; importante, si è già veduto, anche ai cultori della nostra 
letteratura. Dopo tanti lavori speciali sull'argomento, dopo le 
buone pagine sintetiche del Rigai neìV Histoi7X del Petit de 
Julleville, gli studiosi non poti^anno non fare le migliori acco- 
glienze a questo solido saggio monografico intorno ad un genere 
che ebbe in passato una fortuna straordinaria e al quale l'Italia 
nostra ebbe una parte preponderante. V. Gian. 



Digitized by 



Google 



TEMPI MODERNI — G. Tll'A 329 

GIUSEPPE RUA, Per la libeì^tà d'Italia. Pagine di lettera- 
tura politica del Seicento (1590-1617) collegate ed esposte, 
Torino, Paravia, 1905 (80 pp. 292). 

142. — Difficilmente dal titolo, non troppo chiaro ne troppo 
felice, si può indovinare la contenenza di questo volume im- 
portante, che è tale da interessare in particolar modo i lettori 
della nostra Rivista, L'A. vi dimostra ancora una volta quella 
sicura conoscenza del Seicento, di cui ha dato prova in pa- 
recchi suoi lavori ben noti agli studiosi. Questa volta egli il- 
lustra con nuove ricerche il periodo culminante di quella storia 
e di quella letteratura polìtica, nel quale spiccano la figura e 
Topera di Carlo Emanuele I, tenendosi quindi entro i due li- 
miti, il 1590 e il 1017, senza che la materia dei cinque capi- 
toli che compongono il volume, si svolga con una rigorosa pro- 
gressione cronologica. L'Introduzione prepara la via al capo I 
nel quale il R. tratta principalmente di quell'importante Discorso 
hreve ed utile sc7Htto da un gentilìMìno italiano e cattolico 
air Italia a beneficio, salute e conservazione di tutti gli Stati 
di quella, che, composto neirultimo decennio del sec. XVI, co- 
m'egli dimostra, era stato attribuito al Boccalini ed al Testi ed 
assegnato al 1613. Ancor più degno d'attenzione è il cap. II, dove 
FA. tratta dei Ragguagli del Boccalini e di altre scritture po- 
litiche sue in relazione con i^li avvenimenti, in particolar modo 
veneziani, di quegli anni che corsero appunto dal 1590 al 1613. 

Per tacere di altre parti di minor conto, rileverò che il 
cap. Ili abbraccia il periodo fra il 1610 e il 1613 e illustra par- 
ticolarmente la guerra del Monferrato e quella di Garfagnana, 
col solito metodo, cioè col sussidio di certi scritti, opportuna- 
mente raggruppati, fra i quali alcuni Discorsi, e un capitolo, 
ispirato a sentimenti antlspagnoli, sulla seconda delle due guerre 
che il R. inclinerebbe ad attribuire al Tassoni. Coi capitoli IV 
« V, cioè nella seconda metà del libro, la trattazione storica 
procede dal 1614 sino al 1018; ed il R. ci discorre, fra Taltro, 
con mollar forse soverchia, circospezione delle Filippiche e del 
Piatito d'Italia,e delle questioni attinenti agli autori loro e alla 
loro cronologia. Le conclusioni, alle quali TA. giunge, anche 
se non sembrano tutte egualmente valide, meritano la piii at- 
tenta considerazione da parte dei cultori della nostra storia po- 
litica e letteraria durante quel secolo, sulla quale diffondono 
non poca luce le osservazioni acute e i documenti, spesso nuovi, 
onde abbonda il pregevole volume. V. Gì. 



Digitized by 



Google 



330 RECENSIONI E NOTE BIBUOORA FICHE — (f. SAXGIORGIO 

A. GIUSSANI, IL forte di Faenies. Episodi e documenti di una 

lotta secolare per il dominio della Valtellina. Como, Osti- 

nelli, 1905. 

143. — Una lunga e bieca lotta di ambizioni e prepotenze 
s'è combattuta infatti gli ultimi del XYI e la prima metà del XVII, 
tra Spagna, Impero, Francia, Venezia e Grigioni, lassù nelle 
valli dell'Adda alta e del Mera. E quelle Retiche gelide e canute 
ben furono argomento di aspre diplomazie e di inique finzioni 
politiche, e più volte vennero ricorse e guaste dagli eserciti 
temerari degli Asburgo e dei Borboni e dalle bandiere repub- 
blicane delle Tre Leghe e dì San Marco. 

É naturale che quelle valli, « lembo alpino del paese lom- 
bardo», fossero oggetto di dispute fiere e di guerre. «E quello 
il punto di tutta l'immensa cerchia alpina, in cui le strade scen- 
dono in maggior copia dagli alti valichi a riunirsi agli sbocchi; 
strade che giungendo dai paesi più vasti e più ricchi d'Europa> 
erano, prima del traforo del Gottardo, le vie più battute dalle 
genti, poiché di là passava gran parte dei viaggiatori, delle 
mercanzie e degli eserciti che andavano e venivano in Italia^ 
dalla Rezia, dalla Svizzera, dal Tirolo, dalla Germania, dalla 
Lorena, dalla Borgogna e persino dalle lontane Fiandre. Oltre 
ai passi principali dello Spluga, del Septimer, del Maloja, del 
Bernina, dell' Umbrail e dello Stelvio, veniva nella buona sta- 
gione usato pur quello del Muretto, insieme colle valli di Li- 
vigno e di Fraele, per modo che non v'era punto di quell'alta 
muraglia nevosa, che non fosse aperto al transito ed al com- 
mercio dei popoli stranieri ». Tanta ricchezza di varchi facondo, 
nessuno eccettuato, allora forse più che oggi, capo diretto e 
incontrastabile a Milano, e più oltre necessariamente al costei 
porto la grande Genova, spiega le ragioni intrinseche delle gare 
terribili e ostinate per la loro padronanza nel passato, ed essa 
meglio d'ogni altra storia accerta l'importanza molteplice della 
nostra Lombardia occidentale. 

Il conflitto maggiore, fu però là quello tra la Spagna e i 
Grigioni, conflitto territoriale in una e religioso, che poca 
mancò si allargasse a guerra europea, coinvolgendovi i principi 
e i popoli già in fremiti e in armi per le auguste ragioni della 
coscienze e delle indipendenze. Si trattava per il Conte di 
Fuentes, il nipote e l'allievo del duca d'Alba, di tener aperte 
alle soldatesche di Filippo III le comunicazioni coU'Impero, di 
vendicare la fallita congiura spano-papale del Tettone Vamico 



Digitized by 



Google 



r 



. J. ^ W^J ^ 



TEMPI MÒDKRM — A. OIUSSANI 331 

e il banchiere di Carlo Borromeo, e sovra ogni cosa di assicu- 
rare al (roverno Milanese la sua vecchia e invidiata primazia 
politica e militare. Trattavasi anche, frenando i Reti, di neu- 
tralizzare le cupidigie foscariane della Serenissima, e gli appe- 
titi identici del Gauda e del Bonfiglio i precavouriani di Carlo 
Emanuele I, e ad ogni modo di combattere senza ne titubanze 
né tregue mai l'implacabile o fortunato avversario del Re Cat- 
tolico, il potente Enrico IV « ch'egli odiava come il nemico più 
acerbo della sua patria». Ed oramai, dopo g;li studi e le critiche 
del Duro e del nostro stesso Giussani, non è più lecito non ri- 
flettere che al Fuentes, così tenace e altero com'egli era ( De- 
jecit Acer), dovevan sembrare ed erano oggetti d'odio irrefre- 
nabile e quasi si direbbe brutale tutti quegli uomini e quegli 
Stati, fossero ostili o devoti al Madrileno, che si opponevano 
anco solo colle inerzie all'orgoglioso intento suo « di fare del- 
l'Italia una grande provincia spagnuola congiungendo il ducato 
di Milano col regno di Napoli». 

Fu dunque don Pietro Enrico di Acevedo, conte di Fuentes, 
e marchese di Voghera, il più memorabile e forse il migliore 
dei quarantanove Governatori di Spagna in Milano, quegli che, 
guerriero insieme e diplomatico, dal 1600 al 22 luglio 1()10 con- 
trastò ai Grigioni, ed ai loro partigiani, il Lario alto e dal colle 
di Montecchio la vallea fonda del Chiavonnasco e 

gli scoscesi 

tellini gioghi 

I dobloni tanti cari agli Svizzeri, le minaccie, e a volte 
persino le blandizie, servirono al faticato e pericolosissimo in- 
tento ; e le abilità intelligenti e volpine dei parecchi interpreti 
della volontà irremovibile del Fuentes, tra cui Alfonso (basati (1), 
ben si capisce che assecondando e integrando l'opejii maestra 
del Castigliano ne assicurarono la riuscita. I Grigiuni, dopa 
aver molto resistito ed essersi arrovellati inutilmente nelle pro- 
teste e negli affanni, ebber di grazia di piegare innanzi alle 
armi corte del dittatore, e dal Forte del suo nome questi do- 
minò finché visse, e altrettanto fecero i Governatori che gli 
successero, e le Alpi e giù i versanti di queste dalla Mesolcina 
alla Gavia. Dominò, perchè senz'altro dal Montecchio, come 



(1) Della corrispondenza di questo Casati (già dottore in politica benché 
fosse ancora di que' di ai primi sbaragli), e del fif^lio Gerolamo, illustrata 
da Enrico Reinhardf. scrissi il 1894 stosso in questa Rivista^ voi. XI, ftisc 4. 



Digitized by 



Google 



332 UKCEXSIOXI K NOTE BIHUOOltAKlClIE — (J. SAXUIOHWIO 

un'istante aveva ottenuto per tre quarti di secoli prima il Medo- 
ghino, egli ebbe a tutta sua disposizione, e sicuri, gli sbocchi 

delle valli di Sondrio, della Bregaglia e del Lìro L'ultimo 

Sforza, che aveva promosso ai Grigioni di non costruir fortezze 
a loro offesa ! 

€ Colossale monumento di natura e di arte > si fabbricò 
dunque il 1603 per decreto del G(mte, il Castello sul Montecchio 
« sperone di roccia che s'erge isolato in mezzo al piano, umile 
pigmeo, su cui il Legnone torreggia superbo in gigantesca molo». 
L'opera ardita, che destò (lo afferma il Giussani) l'interesse e 
l'apprensione di tutta Europa » si pensi come dovesse sbigottire 
i Grigioni, che allora più che mai divisi e turbolenti, sentivano 
di non poter davvero opporre a quella formidabile rocca nem- 
manco un fortilizio ! Colui che ne propose la costruzione si rii)ete 
sia Broccardo Borroni, ma l'architetto che lo disegnò fu senza 
alcun dubbio Gabrio Busca, l'illustre che aveva « la mano egual- 
mente disposta al maneggio della penna e della spada». Le- 
chuga, Vacallo, altri, collaborarono e continuarono il bravo 
Milanese, e quando il Fuentes in persona Tanno dopo \ìM) 
la fortezza, tutto era a buon punto, ed al soddisfatto settan- 
taquattrenne in quel giorno per lui di letizia non venne di 
di certo nella mente neppure il dubbio lontano che un lmi)era- 
tore filosofo doveva centosettan tolto anni dopo cancellarla dal- 
l'elenco delle opere di guerra e che il 1797 Bonaparte l'avrebbe 
addirittura demolita. Fu la distruzione della Rocca non altro, 
però, che mV allegra farsa, e i contadini della Caddea non ne 
gioirono in nessuna maniera, che, ironia del destino, mentre 
Napoleone li compiaceva « rapiva loro appunto quelle valli, al 
cui possesso il forte era stato perpetua minaccia». La vita del 
forte di Fuentes (osserva acuto l'A.) non si spegneva cioè se 
non quando, resane da tempo vana l'azione, era prossimo il 
giorno in cui la ragione stessa della sua avventurosa esistenza 
doveva venir meno per sempre. 

Durante quei centosettantotto anni il forte ubbidita sedici 
castellani, tra i quali il Cristoforo Lechuga teste ricordato, e 
Gabriele d'Amescua che al provveditore di Ghiavenna richie- 
dente la immediata restituzione di due disertori replicò colle 
forche e con una lettera di sarcasmi ed oltraggi. Altro coman- 
dante fu Luigi Panizza, che famigliarizzatosi con Domaso, ove 
i castellani teiievan di solito la loro dimora «per la salubrità 
dell'aria e per la comodità della vita > legò al simpatico borgo 



Digitized by 



Google 



TEMPI MODERNI — A. GIUSSA^a 333 

tutte lo sue sostanze, tanto che ancor oggi (ricoiistata l'abate 
Fasoli) i terrazzani conservan tenera memoria del loro bene- 
fattore. Silvestro di Mattanza volle anch*egli morire in lama di 
onesto e filantropo, e generoso fu a sua volta quel don Luigi 
d'Andujar che divenuto comasco per elezione e nodi di famiglia 
ebbe a figlio Alfonso, morto poi vescovo amatissimo a Tortona. 
Non meritarono rimpianti, invece, il tedesco Zozel, e quel pie- 
montese conte Lodovico Tana che lasciatosi persuadere dai pa- 
renti di Antonio Maria Stampa il poeta e lo storico di Grave- 
dona lo rinchiuse per sempre nel Montecchio accusandolo d'esser 
prodigo e rivoluzionario. Ultimo castellano fu dal 17(37 al 1782 
Domenico Schrcider, che divenuto finalmente a buoni contanti, 
dopo la soppressione della Fortezza, il proprietario di questa e 
del fuerteciUo d'Olonio faticò invano a migliorare le sorti dei 
coloni, e chiuse i vecchi giorni disputando, lui il mutilato della 
guerra contro il gran Federico di Prussia, al suo governo au- 
striaco le sostanze e i diritti. 

Né al Porte di Fuentes ed ai suoi presidii mancarono le 
occasioni di sparar le polveri. Scoppiata il 1620 la rivolta di 
Valtellina, ed avvenuto quel nefando macello che si osò dir 
^acro e fu la brutta copia della San Bartolomeo della Medici, 
il generale Pimentel vi si raccolse sollecito con truppe e arti- 
glierie, e di là corse su Tirano e vi uccise in battaglia fede- 
lissima duemila grigioni e Sprecher colonnello. Il 1704 il te- 
desco Davia tentò di sorprendere il colle, ma gli spagnuoli lo 
respinsero. Due anni dopo il Forte venne bloccato dagli austriaci 
di Eugenio di Savoia, e pur troppo il Castellano intimidito più 
del conveniente innalzò la bandiera della resa. Airincontro, 
si raerit<*) gli onori dello armi e della storia il nostro Pietro 
Paolo Parravicini, che il 1746 piombato alle spalle del Villa- 
fuerta, riusci ad aprirsi il varco e a penetrar salvatore nell'as- 
sediato, dal cui maschio risventolò vittorioso lo stendardo di 
Maria Teresa Timperatrice. 

Alla dipintura della figura triste di Broccardo Borroni di 
Berceto, TA. dedica, e sta bene, un intero capitolo. Fu costui 
un ambizioso d'ingegno, ma si privo di caratter morale e di- 
gnità che tutto attei-gò ai dispetti personali ed alla fame dell'oro. 
Da cattolico fattosi calvinista, si maneggiò tra gli Svizzeri per 
salire e impinguare. Caduto nella disgrazia dei notabili di Coirà, 
ritornò agli amori di Chiesa santa, e divenne uno dei bracci del 
Fuentes al quale i^'opose appunto la costruzione del Forte e la 



Digitized by VjOOQ IC 



334 RECKNSIOXI E XOTE BIBLIOGRAFICHE — G. SAN'GIORGIO 

cacciata dei Grigi dalla Val di Teglio e dal Mera. Altre avven- 
ture diedero luogo ad altri tradimenti, ed alla fine sbandito anco 
da Roma egli, il miserabile «n'échappa (scrive Rott, lo storico 
dell'Elvezia d'allora) à la vengeance des arisons que pour aller 
mourir en AUemagne ». Di lui il Giussani reca la Relazione 
latina del 1601 intorno alla Rezia, alla Valtellina ed ai contadi 
di Bormio e di Ghiavenna: è documento importante che ne ri- 
vela la singolare perspicacia e lo spirito acuto d'indagatore e 
statista. Broccardo Borroni, avesse compresi i tempi, e fosse 
stato inteso, sarebbe molto probabilmente entrato con profitto 
suo e (perchè no?) anche italiano nella diplomazia militante di 
quel secolo di diplomatici. 

(, L'egregio A. ha voluto, pur nella sua modestia, alla storia 

accoppiare l'economia politica, ed infatti egli è economista nel 

'^\ senso più geniale e più vivo nel decimo dei dodici capi, inti- 

tolato «Il piano di Spagna». Forse la smania d'attaccar addi- 
rittura e di fronte il problema della redenzione di quelle terre, 
ancora infestate dalla malaria, gli ha fatto trascurar la misura, 
e dimenticare un poco che stava dettando un libro di narra- 
zione e non una relazione ufficiale di procedure amministrative 
e computisterie. Ma la prolissità, e lancia che deriva dal pro- 
lisso, sono qui comi)ensate dalle eccellenti intenzioni, ed al 
Giussani va ad ogni modo data la giusta lode por il fervore 
con cui caldeggia la bonifica tanto promessa e sospirata di 
quelle povere campagne, in continuo spavento delle violenze 
dell'Adda e delle invasioni del lago, e chiede si osca dai pro- 
getti e dalle dispute per entrare nel periodo utile delle appli- 
cazioni e dei lavori. Si imitino Rousselin e Luigi Sacco (l'emulo 
di Jermer, e Tindustrialo premiato da Napoleone I), ed alle 
parole si preferiscano una brava volta le opere, si dia ascolto 
ai consigli di Guanella il benemerito della Vedescia e di S. Sal- 
vatore, e venga la desiderata sistemazione del deflusso delle 
acque dei Lario, venga pur anche la riduzione del lago a ser- 
batoio naturale, vengano gli oneri e le spese, ma si faccia, e 
che il Piano già stato sepoltura degli Spagnoli non lo sìa più 
degli italiani ! 

Tale il grosso tomo del Giussani, che vi ha messa tutta la 
sua attenzione, ed una dottrina non comune. Egli lo ha evi- 
dentemente assai meditato, innanzi scriverlo, né la molta eru- 
dizione grimpedi d'essere scorrevole e a tratti elegante. Le sue 
indagini furono numerose, e nella Prefazione avverte infatti 



Digitized by 



Google 



^J ? y •. ■^— ^—•- TT-'-'Tw.^f-.-' ^ MT^-— .- * -T- -- -'"-'ir -ì^ir^-'^-Trrr -T-^-'i''^fy^:^ 



TEMPI MODERNI — (}. IMBERT 335 

che alle ricerche replicate nelle Biblioteche pubbliche e private 
e negli Archivi di Gonio e Milano e neHWngelinettiano di Do- 
raaso, nelle Raccolte di Antonio Cavagna Sangiuliani, nel grande 
Archivio di Venezia, e nei doviziosi Vaticani (pur non ancora 
sinceramente aperti agli studiosi, ad onta del comando di 
Leone XTII), ha assorellate le ma^iormente difficili e faticose 
nel Cantonale di Coirà, nel Generale di Simancas in Ispagna, 
e nella Biblioteca di Madrid. Altre notizie e documenti, per 
dire solo de' più importanti, potè poi ancbe avere per via di 
corrispondenza dal Ministero dògli Affari Esteri in Francia, e 
dalle città di Mons, Paloncia e Zamora. E continuando nella 
confessione delle collaborazioni e dei conforti avuti dagli stu- 
diosi nazionali, e stranieri FA. attesta nobilmente la sua spe- 
ciale gratitudine a Fritz di Jocklin, Tottimo archivista della 
capitale grigiona, a Julian Paz Tillustre Jcfe del colossale Ar- 
chivio castigliano, e a^i Edoardo Rott l'eminente e rispettato 
storico delle Relazioni intercorse tra gli Svizzeri ed Enrico IV, 
a Rott che « con amore di cittadino e abilità di scienziato, da 
tanti anni indaga le vicende della sua patria negli Archivi 
d'Europa, e colle opere molteplici e poderose» gli è stato in- 
consapevole «guida intelligente e sicura, e maestro esuberante 
di dottrina e di esperienza». 

I Documenti che avvalorano e incorniciano la gran tela 
sono venticinque, compresa la succitata Relazione borroniana 
e i Capìtoli concordati il 1017 per la demolizione del Forte (ì) 
fra Alfonso Casati l'ambasciatore del Cattolico e le Tre Grigie. 
Le Tavole e le Figure, quasi tutto di corretta fattura, sommano 
a quaranta. Due Indici alfabetici facilitano le ricerche dei nomi 
dei luoghi e delle persone. Un Indico Bibliografico, per verità 
incompleto, compie il magnifico volume, quinto della Raccolta 
Storica della Società Storica Comense. 

Dr. (taetano Sangiorgio. 



GAETANO IMBERT, La vita fiorentina nel seicento secondo 
memorie sincrone {1644-1670), con quattordici illustra- 
zioni. Firenze, Bemporad, 19(X). In-8, di pp. 307. 

144. — Dall'egregio ed appassionato studioso della vila e 
dei tempi del Redi non potevamo riprometterci meno di quello 
ohe ha ora pubblicato per compendiare i risultati delle sue 
lunghe ed amorose ricerche archivistiche e dei suoi profondi 



Digitized by 



Google 



S'dV) KKCENSIOXI E NOTE BIBLIOGUAFICIIK — E. C. 

studi bibliografici. L'impresa da lui condotta in porto era dif- 
fìcile assai, poiché il secolo, che in Francia si intitola dalle 
Pi^ècieuses e dai famosi Sciìons e segna il trionfo della lette- 
ratura francese, non rappresenta, di qua dai monti, se non 
un'altra tappa della decadenza della letteratura, dell'arte, del- 
l'industria e della vita italiane ed appunto perciò è di ardua 
descrizione. Prova di tanta difficoltà potrebbe essere in questa 
opera lo stile, che talvolta vi pare alquanto scucito, ma che 
non è tale se non per colui, il quale non sappia rendersi conio 
degli ostacoli incontrati dall'autore. Il quale, anzi, ha saputo 
raccogliere in capitoli organici le varie fasi sotto le quali si 
presenta la vita fiorentina della metà del seicento, la Firenze 
di Ferdinando II, nel momento del massimo splendore e pro- 
gresso del Granducato mediceo. 

Dopo una dotta bibliografia ragionata dei viaggi e diari che 
illustrano la capitale della Toscana, ed una breve dissertazione 
del governo e dello Stato di Ferdinando II, l'Imbert descrive 
la città, le feste che vi si facevano, gli edifizi e le collezioni 
artistiche che costituiscono la gloria principale del Granduca e 
del cardinale Leopoldo, di lui fratello. Quindi, le nozze del gran 
principe Cosimo con Margherita Luisa d'Orléans nel 1001, e le 
feste e rappresentazioni celebrate in quell'occasione gli danno agio 
di entrare a parlare della società, della Corte e delle accademie 
di quegli anni, ne' quali, queste segnatamente rifulsero. Il modo 
di viaggiare, le vesti, il lusso, i festini, le cerimonie varie 
della vita, le goffo discussioni relative all'etichetta, lo splendore 
della Corte e la vacuità della massima parie dei cittadini, la 
mania di associazioni letterarie, teatrali o pittoriche, la corru- 
zione del clero, gli schiavi, le etère, i delitti, come quello del 
quale fu vittima il Monaldeschi, ecc., tutto passa rapidamente 
sotto gli occhi del lettore; il quale si compiace delle curiose 
notizie raccolte dall'autore, ne loda il concetto e la fatica, o 
vorrebbe che per tutte lo principali città italiane, per la Sicilia, 
patria dell'Imbert, fossero compiuti simili lavori d'insieme uti- 
lissimi e dilettevolissimi. E, C. 



EFISIO GIGLIO-TOS, Maria Bricca e la fazione di Pianezza. 

5-6 settembre 1706. Torino. Streglio, 1906. 

145. — È nota la tradizione dell' eroina popolare. Maria 
Bricca, la quale facendosi guida ad un manipoli» di granatieri 



Digitized by 



Google 



FEBIODO DELLA RIVOLUZIONE FRANCESE — G. SALVEMINI H37 

(lucali, che avevano passata la Dora il 5 settembre 170C per 
investire Pianezza occupata dai Francesi, per un sotterraneo 
li condusse nell'interno del castello, di cui in breve sMmpadro- 
nirono con grave strage dei Francesi. 

È leggenda od è fatto storico? 

Paolo Bosclli pronunciò a Pianezza uno splendido discorso, 
di cui speriamo prossima la stampa, commemorante la tradi- 
zione; e un ricordo fu ora collocato là ove l' eroico ardimento 
ebbe la sua esplicazione; ma non s'è svisceralo ancora il tema 
con la critica positiva. 

Il prof. Giglio-Tos non ci conduce invero ad una conclu- 
sione documentata; però arreca molti elementi utili alla riso- 
luzione della questione. Descritto il fatto di Pianezza nella sua 
realtà, quale risulta dalle testimonianze del tempo, pubblica la 
versione molto tardiva del Casalis nel dizionario geografico e 
un racconto di sconosciuto autore, inedito, in lingua francese, 
che trovasi nella Biblioteca di S. M. il Re in Torino, Miscel- 
lanea manoscritti. Ma questo racconto è di data posteriore al 
1838 ed evidentemente già foggiato sulla tradizione popolare. 
Le ricerche personali condussero soltanto TA. a constatare 
l'esistenza del sotterraneo, che descrive, e di Maria Chiaberge 
n. i084 e m. 1733, giovino di 22 anni nel 1706 e da un anno 
sposa a Valentino Bricco, da cui ebbe sette figli. 

Il volumetto stampato in nitidi caratteri è anche illusti-ato 
con eleganza. G. R. 



0. PERIODO DELLA RIVOLUZIONE FRANCESE (1189-1815). 

<T. SALVEMINI, La rivoluzione francese ( 1788-1792), Milano, 

Pallestrini, 1U05. 

146. — Il prof. Salvemini non è soltanto un dotto e paziente 
ricercatore di documenti, ma anche un pensatore e un artista : i 
suoi lavori sul comune di Firenze, frutto di una mente profonda, 
nutrita di forti studii, hanno il pregio, purtroppo assai raro, 
di lasciarsi leggere con piacere anche dalle persone che 
della storia raedioevale non possedano una speciale cono- 
scenza. Ora egli passa a studiare la rivoluzione francese: 
da Giano della Bella al Visconte di Mirabeau, dagli Ordina- 
menti di giustizia ai Diritti dell'uomo la distanza non è cosi 
grande come può apparire a prima vista: sono fatti che 
hanno il medesimo carattere sociale di lotta contro il feuda- 

Rivisla storica italiana, :?** S., v, M. n 



Digitized by 



Google 



33S KECEXSIOXI E NOTE WBLIOORA FICHE — F. L. 

lismo. Nel 1789 veramente fu abballato ranlico albero feudale, 
da un pezzo inaridilo, ed ebbe termine l'opera del rinascimenlo; 
nella nuova società il proletariato, che sino allora non aveva 
avuto importanza, trovò le condizioni necessarie per un mag- 
giore elevamento materiale e morale, onde scaturirono nuovi 
problemi e nuove tendenze assai diverse da quelle che carat- 
terizzano il rinascimento. La conoscenza di esse non può essere 
completa se non se ne studino le origini nella rivoluzione fran- 
cese considerata non solo come risultato di una trasformazione 
da un pezzo incominciata, ma anche come creatrice di nuovi 
bisogni e di nuove aspirazioni. Il S. è uno studioso delle que- 
stioni sociali moderne ed è anche, crediamo, uomo di parte. 
Quest'ultima qualità è quasi sempre causa, specialmente nei 
giovani, di confronti inopportuni e di giudizii avventati, perchè 
le passioni politiche o religiose impediscono la visione com- 
plessiva degli avvenimenti trascorsi e insinuano il desiderio di 
ritrovare, dappertutto e in tutti i tempi, sentimenti, interessi, 
l^roblemi uguali a quelli delTetà nostra. Ma il wS., diciamolo 
subito, ha saputo essere assai obbiettivo: a lui la conoscenza 
non comune delie tendenze sociali moderne è riuscita di van- 
taggio piuttosto che di danno, giacché gli ha servito a risalire 
meglio alle 'origini e a meglio comprendere lo spirito dei fatti 
onde scaturì la società presente. 

L'opera é divisa in due parli: Ja prima, in tre capitoli, 
parla delle condizioni della Francia nel secolo XVI il, del mo- 
vimento intellettuale, del tentativo di riforme: la seconda, in 
cin(iue capitoli, comprende la storia degli Stati Generali, della 
Assemblea Costituente, della Legislativa sino alla caduta della 
monarchia e al cannoneggiamento di Valmy. Segue un epilogo 
nel quale TA. riassume le sue idee. Nella prefazione sono esposte 
le ragioni per le quali il racconto viene interrotto al settembre 
del 1792; con la proclamazione della repubblica la rivoluzione 
é finita, e i fatti che accadono doi)0 dovrebbero far parte della 
storia del regime rivoluzionario. Cosi dice l'A., il quale ha vo- 
luto forse fare una questione di parole, giacché egli stesso sembra 
poco convinto che la storia delle prime due assemblee possa 
separarsi da quella della terza: infatti, nell'epilogo, egli èco- 
stretto a ricordare più volte l'opera della Convenzione, tutl'allro 
che trascurabile cosi nella politica interna come in quella esterna. 
Col ragionamento dell' A. si potrebbe del resto terminare la ri- 
voluzione anche prima, per esempio al 4 agosto 1789. Ma noi 



Digitized by 



Google 



PERIODO DELLA RIVOLUZIONE FRA^'CESE — O. SALVEMINI 339 

prendiamo il libro com'è, non senza speranza che TA. ponga 
al posto dell'epilogo un secondo volume che potrà intitolare, 
se cosi gli piace : Il regime rivoluzionario. 

Quale scopo si è prefisso il S.? « Abbiamo voluto spiegare», 
egli dice, « perchè sia stata distrutta in Francia la monarchia 
feudale ; come sia stata distrutta ; perchè sia stata distrutta a quel 
modo»; e risponde che « la grande trasformazione giuridica e po- 
litica... fu effetto necessario dciranteriore sviluppo economico e 
sociale della Francia ed ebbe forme violente e risultali repubbli- 
fani per la resistenza delle classi privilegiate e per la imbecillità 
del Re ». Non tutti forse sono disposti a sottoscrivere la se- 
conda parte di questo giudizio. I risultati sono proprio stati 
repubblicani ? Certamente se ci fermiamo al 20 settembre 1792; 
ma quasi tutta l'Europa è oc^gi monarchica. Cosi non crediamo 
che la forma violenta della trasformazione sia stata provocata 
soltanto dalla resistenza dei privilegiati e dalla imbecillità del Re. 
Se Luigi XVI, dice qualche volta TA., fosse stato Enrico IV^ 
si sarebbe messo a capo della borghesia e la rivoluzione sa- 
rebbe stata fatta dal Re. Coi se non si discute; ma Enrico IV 
non nasce nella società francese del secolo XVI II, e i re di- 
ventano imbecilli proprio quando i tempi vogliono che siano 
tali. Dal racconto stesso dell' A. appare che ben più complesse 
sono le ragioni dei risultati e dei mezzi della rivoluzione. Così 
la vecchia società ci sembra troppo uniformemente descritta; 
essa era invece animata, più che non si creda, da sentimenti 
generosi, e la notte del 4 agosto è di ciò non la maggiore prova. 
Il S. nota a questo proposito che i privilegiati rinunziavano a 
ciò che non potevano più mantenere; mentre è ovvio che si 
poteva allora sperare di riacquistare gli antichi diritli feudali 
sebbene in quel momento universalmente disconosciuti. Anche 
il giudizio sulla Dichiarazione dei diritti può darsi che non vada 
a genio a tutti: se essa era pratica in quanto negava e abbat- 
teva un abuso, rimaneva però astratta nella parte positiva; 
onde la costituzione che ne derivò riusci tutt'altro che pratica 
e rimase in vigore un solo anno. In realtà la dichiarazione è 
una reazione violenta del diritto naturale lungamente oppresso 
contro il diritto storico ed è ispirata, come tutta la filosofìa ri- 
formatrice del secolo, alla negazione di ogni tradizione più ve- 
tusta: ma la società non potè poi ritrovare la pace se non 
quando, rifattasi indietro, trovò il modo di conciliare, con Na- 
poleone, i diritti naturali coi diritti storici. 



Digitized by 



Google 



340 RECENSIONI E NOTE BIBLIOGRAFICHE — F. L. 

Chi si faccia a considerare minutamente l'opera del S. tro- 
verà forse molte cose da contraddire: TA. infatti non ha narrato 
puramente e semplicemente dei fatti ma anche, per la natura 
dell'argomento, ha dovuto esprimere ad ogni pagina opinioni sue» 
le quali fanno pensare il lettore ponendogli dinanzi sempre nuovi 
problemi. Ciò attesta Tintelligenza delKA.; ma dà appiglio, a chi 
no abbia vaghezza, di fare infinite osservazioni sul lavoro stesso. 
Cosi ci è sembrato che qualche volta si trovino giudizii con- 
tradditorii, quasi che FA., non ben sicuro, abbia subito l'in- 
flusso di scrittori di tendenze diverse : certi passi ispirati dalla 
opera del Jaurès non ci sono parsi del tutto d'accordo con quanto 
è scritto del socialismo, per esempio, nella prima parte del libro. 
Qualche altra volta TA. insiste su idee ormai acquisite alla 
scienza, oppure, ciò che è peggio, espone delle cifre, come 
quando paragona le tasse dei tempi di Luigi XI con quelle del 
secolo XVill, le quali, cosi sole, senza esser messe in relazione 
(!on la diversa ricchezza della Francia, sembrano non avere 
altro scopo che di fare effetto. Ma, lo ripetiamo, è cosa age- 
vole fare delle osservazioni sopra un lavoro denso di fatti e, 
più ancora, di idee, come è questo del Salvemini. Un'opera di 
divulgazione, e anche un'opera di ricerca, può non avere errori 
tuttavia essere mediocre o men che mediocre; questa del S. 
potrà avere magari molti difetti ma ci pare un'opera eccellente^ 
la quale attesta che colui il quale l'ha scritta possiede le qua- 
lità essenziali per divenire un grande storico. Il pregio prin- 
cipale del lavoro è letterario: l'A. ha saputo raccogliere in ud 
volume non troppo ampio e in una veste artistica, senza ingombro 
(li note e senza sfoggio di erudizione, un insieme di fatti e dì 
osservazioni che devono essergli costate senza dubbio lunghi 
anni di studio. Lo stile è forte, agile, rapido, direi quasi tribu- 
nizio, bene adatto all'argomento, anche se qualche giudizio è 
esposto in forma troppo rude: in alcune parti, ove la materia 
ò più drammatica, l'A. diventa veramente eloquente come nella 
narrazione delle giornate di ottobre, del 20 giugno, del 10 agosto, 
delle stragi settembrine, della battaglia di Valmj- e nelle pa- 
gine dedicate al Mirabeau. 

È da augurarsi che la nostra letteratura si arricchisca di 
libri, che, come questo, possano rendere più popolare la storia. 
Kssa, dice il S., non ha mai insegnato nulla a nessuno; e può 
darsi, giacché, quando una società si trasforma sotto la spinta 
potente di nuovi bisogni, sono vani gli ammaestramenti del 



Digitized by 



Google 



PERIODO DELLA RIVOLUZIONE FRANCESE — P. CARON 34t 

passato. Ma lo studio del passato crea una coscienza storica 
ed insegna a conoscere e a giudicare meglio la società nella 
quale si vive. Ben vengano dunque libri che, scritti dai dotti 
come quello del S., si lascino lecere da tutti con lo stesso 
piacere di drammi o di romanzi. F. L. 



PIERRE CARON, Concordance des calendriers 7'èpicblicain et 

gré^orien, avec une notice p7^èlim inaire. Paris, Société 

nouv. de libr., 1905. 

147. — Nella prefazione TA. riassume la storia legislativa 
del calendario repubblicano francese, riportando i decreti della 
Convenzione nazionale del 5 ottobre 1793 e del 4 frimaio del- 
l'anno II (24 nov. 1798). Il calendario repubblicano nella forma 
di quest'ultimo decreto durò sino a tutto il 1805, avendo il se- 
natusconsulto del 22 fruttidoro, anno XIII (9 sett. 1905), rista- 
bilito il calendario gregoriano a datare, dal 1 gennaio 1800. 

L'A. nella Concordanza dei due calendari, cosi necessaria 
a conoscersi per la chiarezza cronologica della storia, comincia 
dall'anno li (22 settembre 1793) e continua il suo prospetto, 
ordinato secondo i mesi da vendemmiaio a fruttidoro, sino a 
tutto Tanno XVII della repubblica, ossia al 22 settembre del 
1809. Il prospetto è riuscito semplice e chiaro. 

C. R. 



ATTILIO BUTTI, La fondazione del « Giornale italiano y> e i 
sitai pìHmi redattoìH. Milano, Cogliati, 19Ó5, pp. 75. 
148. — Fioriscono, nel crescente fervore per le ricerche 
storiche, gli studi sulle vicende del vichianismo in Italia, dei quali 
il merito e l'impulso principale spettano ora a Benedetto Croce 
e a Giovanni Gentile; e da qualche tempo, per il non interrotto 
succedersi degli studi su Vincenzo Cuoco, queste ricerche hanno 
approdato anche alla scoperta di impensato attinenze e, quast 
direi, confluenze fra l'indirizzo dottrinale, quale fu proseguito 
da alcuni seguaci del Vico, o i pi'imi accenni di un risveglio 
della coscienza nazionale. In questo risveglio e nel suo quasi 
immediato orientarsi verso l'ideale unitario, il Cuoco ha una 
parte eminente; e appunto nell'opera sua storica, filosolica e 
giornalistica si può ravvisare il principal tramite, per il quale 
i principii e alcune fra le tesi particolari del Vico s'avviano a 
metter capo nel gran fiume ben presto rumoreggiante e tumul- 
tuoso delle nuove aspirazioni nazionali. 



Digitized by 



Google 



342 RECENSIONI E NOTE BIBLIOGEAFICHE — G. OTTONE 

Cosi, mentre Giovanni Gentile nel suo studio sul Figlio di 
G, B. Vico (Napoli, 1905, v. Riv. storica, a. XXII, v. IV, f. 4, 
p. 475) assegnava alcune pagine bellissime ( v. p. 135 e segg.) 
alle proposte^ colle quali il Cuoco voleva dare modernità ed effi- 
cacia all'educazione nazionale, nel Rapportò e progetto di legge, 
presentato nel 1801) a GiOcicchino Murat; il Butti illustra di pro- 
posito il periodo forse più interessante della vita del Molisano, 
che si riassume nella creazione del Giornale italiano^ di cui 
ideò il piano verso V agosto del 1803 ed al quale die V opera 
sua fino al principio del 1806. Di esso già si era occupato Mi- 
chele Romano nelle sue Ricerche su V. Cuoco (Isernia, Collitti, 
pp. 291, passim), pubblicandone anche in appendice estratti 
veramente notevoli, e anche rilevandone con maturità di giu- 
dizi i rapporti coU'opera generale e col pensiero del Nostro: 
ma ora il B. si occupa più particolarmente di ricostruirci le 
circostanze esteriori, fra le quali maturò e si attuò il proposito 
di quella pubblicazione, che si proponeva nientemeno che di 
tenere il primo posto fra gli informatori e le guide della nuova 
coscienza italiana. Perciò egli nei primi 2 capitoli s'indugia ad 
illustrare con un'estensione e una molteplicùtà di particolari, che 
non sarebbero certo giustificate dalla novità della materia, le 
condizioni generali d'Italia e particolari di Milano, quali si ven- 
nero costituendo dopo il 1800; e successivamente riassume il 
carattere peculiare di quell'indirizzo politico, al quale il C. già 
si era mostrato propenso nel Saggio storico sulla ricoluz. di 
Napoli, senza che poi se ne distaccasse nel proporre il piano 
del suo Giornale e neirinformarne l'azione successiva. Rilevo 
con soddisfazione che egli concorda sostanzialmente con quanto 
ho cercato io stesso di rilevare in due lavori di argomento affine, 
dei quali il primo su V, Cuoco e il risveglio della coscienza 
nazionale (Vigevano, Unione tipogr., 1903) deve ben esser noto 
al B., benché non lo citi mai direttamente (1). Osservo piuttosto 
che qui egli accenna come prevalente l'influenza del Machia- 
velli rispetto a quella del Vico, nella niente del G.; e curiosa 
senza dubbio, e notevole, sarebbe la dimostrazione, se ce la 
desse l'A.: ma, benché sia lecito di attenderla in qualche pros- 
simo lavoro dalla sua dottrina e dalla sua perspicacia, qui le 
prove scarseggiano. Dal canto mio, quel tanto di studi o di 



li yuanto al secondo, vedi La lesi vichiana di un primato italico 
nel * Platone » di V. Cuoco. Possano, Rossetti, 1005. 



Digitized by 



Google 



PERIODO DEL RISORGIMENTO ITAUANO — E. MASI 3-43 

ricerche che già ehbi occasione di fare intorno allo stesso argo- 
mento, non mi persuade a credere in una prevalenza, benvsi 
piuttosto in una veramente profonda e meditata conoscenza che 
il C. ebbe del Machiavelli, oltre che del Vico. 

In seguito il B. si volge ad illustrare con acuti rilievi la 
collaborazione data al Giornale da Giovanni D'Aniello e da 
Bartolomeo Benincasa : e qui il suo studio merita il maggioro 
interesse, sopratutto per quanto riguarda il secondo, una ca- 
ratteristica figura di avventuriero, che può non indegnamente 
accompagnarsi ad altre ben più note del settecento (pp. 30-44). 

L'ultima parte espone con accurate ricerche le sorli incon- 
trate dal Giornale italiano, il suo crescente sviluppo materiale, 
la varia distribuzione della materia, i compensi assegnati ai 
redattori e il loro sbandarsi, dopoché per consiglio, pare, del 
lionese Stefano Mejan, già redattore del Monìteur, si volle sca- 
ricare il peso deir amministrazione del giornale suir editore 
Agnelli, sciogliendo le relazioni fra redattori e governo. 

E con altre notizie e giudizi riguardanti il Platone e le 
relazioni corse fra il G. e il Manzoni, si chiude questo lavoro; 
al quale non molti appunti si possono fare. 

Mi sia peraltro concesso di osservare ancora, di passata, 
che ha torto il B., quando ravvisa cosi sfavorevole il giu- 
dizio del Gentile intorno alle interpretazioni che diede il 
G. dei principii vichiani: poiché quegli invece ha por questo 
giudizi assai lusinghieri neirop. cit., pp. 102, 107, 108, 135, 137 
e 141. Giuseppe Ottone. 



7. PERIODO DEL RISORGLMENTO ITALIANO (1815-1905). 

ERNESTO MASI, NeW Ottocento. Idee e figwe del secolo XIX, 
In-IG, p. 435. Milano, fratelli Treves, 1900. 
149. — Ernesto Masi ha un'abilità singolare: quando com- 
pare un nuovo libro di vaglia, lo penetra col suo pensiero, e 
lo ricostruisce in altra l'orma più breve, ma spesso più efficace, 
giovandosi della critica o della semplice esposizione. Cosi nelle 
maggiori Riviste fa conoscere le migliori pubblicazioni, metten- 
doci assai del suo; oppure da parecchi scritti trae l'argomento 
d'un tema più sintetico, che appare originale. 

Di tal natura sono quasi tutti i temi svolti in questo vo- 
lume. Così il centenario alfieriano con la nuova edizione del- 
raiitobiografìa e il noto volume del prof. Hertana su Vittorio 



Digitized by 



Google 



344 RECENSIONI E NOTE BIBLIOORAPICHE — C. R. 

Alfieri gli ispirarono i due lavori Epigoni e Precursori, Vit- 
torio Alperi e la critica; parecchie recenti monografie gli ri- 
chiamarono Il Coììgresso del i8l5 in rapporto specialmente 
con l'Italia, con qualche nuova considerazione sul grande alto 
e sui principali personaggi; che vi cooperarono; i nuovi lavori 
sui moti italiani del '31 lo consigliarono allo studio La rivo- 
luzione del 1831 e le Società segrete in Romagna, in cui fa 
vedere com'essa non meriti né condanna, né ironia, né dispregi. 
La rivoluzione del 1848 gli fornisce il tema di parecchie con- 
versazioni critiche: Pio IX e il principio della rivoluzione; 
Le cinque giornate di Milano narrate da Austriaci; Il mare- 
sciallo Radetzhy; Le dieci giornate di Brescia; Pio IX e Pel- 
legrino Rossi. 11 periodo, che corre dal 1850 al 1876 é rappre- 
sentato da due capitoli: Il contedi Cavour e V unità italiana; 
Giornali e storia contemporanea; il primo mira a dimostrare 
dall'una parte non esservi stato sino alla fine del secolo XVII [ 
né una tradizione unitaria, né una tradizione federale, dall'altra 
tende a mettere in rilievo l'azione del conte di Cavour in ordine 
all'unificazione nazionale; il secondo riassume l'accurato studio 
del compianto Luigi Ghiaia su Giacomo Dina e il suo giornale 
r« Opinione», ch'egli diresse dal 1848 al 1879, rispecchiando 
le varie fasi di formazione dell'unità italiana. Il volume com- 
prendo anche quattro medaglioni biografici: Ferdinando Ore- 
gorovius, Leone Tolstoi, Aristide Gabelli, Emilio Zola; sotto il 
titolo Vanno terribile esamina il romanzo storico di Paolo e 
Vittorio Margueritte contenuto nei quattro volumi ài Une Epoque, 
tenendo anche d'occhio il loro libretto àeW Histoire de la guerre 
de 1870-71; prospetta il carattere e l'azione di Leone XIII nel 
bozzetto I/ultimo papa del secolo XIX; Gli anni secolari del 
conte Pier Desiderio Pasolini ispirano l'ultimo capitolo. 

Non è una storia del risorgimento italiano pensala e scritla 
con ricorso alle fonti, con metodo preciso, in giuste proporzioni, 
e con criteri determinati; ma sono discorsi di uomo savio, di 
larga coltura, di lunga esperienza intorno a taluni dei punti e 
de' personaggi più notevoli del rinnovamento. italico, traendo 
occasione da speciali pubblicazioni. La forma geniale rende più 
attraente la lettura. C. R. 



N. TROVANELLI, La battaglia del Monte (20 gennaio 1832). 
Cesena, Biasini-Tonti, 1900. 
150. — 11 fatto d'arme, che fu per brevi ore combattuta 



Digitized by 



Google 



PEHIODO DEL RI.SOBGIMENTO ITALIANO — 0. PAlilSET 345 

sulla prossima collina di Cesena il 20 gennaio del 1832, e che 
prese il nome di battanlia del Monte, da circa duemila liberali 
con tre cannoni inservibili e pochi cavalieri, contro cinquemila 
mercenari papalini con otto cannoni e buona cavalleria, fu quasi 
dimenticata nelle storie, occupate di preferenza a narrare i 
saccheggi e le uccisioni proditorie commesse dalle orde papali 
dopo la pugnai. 

Il Trovanelli, consultando due cronisti (Mattia Mariani e 
Gioacchino Sassi) e i registri parrocchiali e del cimitero, potè 
ricostruire meglio il fatto, e mettere in rilievo con sentimento 
di gratitudine molti nomi dei patriotti che parteciparono a quel 
fatto, e che già erano stati dimenticati. 

È piccolo episodio, ma caratteristico, tra i moti della bol- 
lente Romagna. G. R. 



CAMILLO PARISET, L'entrata deWesercito piemontese in. 
Ancona. (Dalle memorie di Fabio Pariset). Estratto dal- 
l' «Arch. march, del Risorg. », anno I. Sinigaglia, 190(3. 

151. — L'A. giustamente convinto «che la dimenticanza di 
«un solo, del più umile dei fattori della Patria, è una macchia 
«che molte glorie non basterebbero a cancellare», rende ap- 
punto un tributo di affetto e di gratitudine allo zio Fabio — 
illustre patriota — pubblicando di esso un'accurata biografìa. 
Nacque a Parma nel 1820, e a 19 anni fuggiva in Piemonte: 
arruolatosi come volontario « il 7 aprile 1859 nella brigata Pi- 
«nerolo, 14'» Regg. Fanteria del Regno di Sardegna », combat- 
teva a S. Martino, e col grado di sergente nel 16* battaglione 
bersaglieri prendeva parte alla guerra del '00: periva misera- 
mente nel '04 in uno scontro coi briganti, ad Atella in Basi- 
licata. G. Pariset, oltre tesserci la biografia di questo valoroso, 
più volte decorato, ci dà anche un'esatta descrizione dell'en- 
trata dell'esercito piemontese in Ancona (29 sett. 1860), tolta 
dalle Memorie inedite del giovane patriotta, memorie che è 
desiderabile vedano presto per intero la luce, perchè, da quel 
poco che ho letto e da ciò che ne dice TA. della diligente bio- 
grafia, mostrano di avere non poca importanza. 

Amedp:o Pellegrini. 



Digitized by 



Google 



^nr* 



.346 RECENSIONI E NOTE BlBLIO(iRA FICHE — C. K. 

ALBERTO DEL VECCHIO, Commemorazione di Augusto Fran- 

cheta con la bibliografìa dei suoi scritti. Firenze, tipcHrrafia 

(Galileiana, 1906. 

152. — Ottima cosa fu la pubblicazione della couimemora- 
zione letta il 19 iiovombre 1905 nel R. Istituto di scienze sociali 
fiorentine dal prof. Alberto del Vecchio. Era bene, che tutta la 
vita operosa, il patriottismo ardente e altamente morale, Tatti- 
vita didattica meravigliosa congiunta con altre forme felicissime 
di azione proficua, la fecondità varia dello scrittore venissero 
presentati all'ammirazione non solo di quei che lo conobbero, ma 
di quanti apprezzano le virtù dell'uomo forte, savio e buono. 

Felice fu l'idea della bibliografia, che raccoglie i titoli di 
ben 348 pubblicazioni, dal 1861 al 1905: articoli varii e soprat- 
tutto rassegne drammatiche per La Nazione, memorie, recen- 
sioni, cenni bibliografici, resoconti drammatici per Riviste, spe- 
cialmente per la Nuova Antologia e la Cultura, numerosi scritti 
per la Rassegna settimanale, opere letterarie, relazioni, discorsi, 
epigrafi, e lavori storici, una vera miniera, che attesta quanta 
fosse il sapere del compianto prof. A. Franc^hetti. 

G. R. 



ANGELO MOSSO, Vita moderna degli italiani. Milano, fratelli 

Treves, 1900. 

153. — Il prof, senatore Angelo Mosso rivela in questo libro 
tutta la genialità della sua mente, che afferra con uguale faci- 
lità e simpatia tanto i più ardui problemi della biologia e della 
fisiologia, quanto le più complesse questioni sociali. È un libro 
vivificato anche da un profondo sentimento di fratellanza umana, 
dall'amore per gli umili, da un desiderio intenso di veder presto 
il trionfo morale ed economico della nuova Italia, in cui egli 
ha la fede convinta dell' apostolo. Il senatore Mosso, mentre 
compi con l'opera sua una bella e buona azione, ha rallegrato 
tutti i suoi amici ed ammiratori, felici di ritrovare ancora in- 
tegra la psiche del grande studioso, non ostante gli assalti di 
informità dolorosa e inattesa. 

Non è un trattato, non una narrazione di viaggio, non un 
metodico studio di sociologia ; ma è ad un tempo tutto questo, 
per dir meglio è la quintessenza d'una monte eletta, per lunghi 
studi, larghe osservazioni e meditate esperienze nutrita d'ogni 
parto del sapere, con particolare applicazione alle questioni so- 
ciali, che travagliano l'Italia moderna. 



Digitized by 



Google 



PERIODO DEL RISORGIMENTO ITAL1.V.N0 — V. BONICELLI 347 

Da impressioni di viaggio in molte provincie italiane (e più 
specialmente nel mezzogiorno e nella Sicilia) e negli Stati Uniti 
d'America fra le torme dei nostri emigranti, da analisi di sta- 
tistiche e da recenti scritti sociologici, dal fondo delle sue remi- 
niscenze storiche, dal tesoro delle scienze biologiche e fisiolo- 
giche, in cui è maestro, il Mosso trae i suoi documenti, assai 
più vivi dei muti cartari e codici degli archivi. 

C'è tanta varietà di osservazioni fine e delicate, di rifles- 
sioni profonde, di lucide comparazioni, di critiche acute, di ar- 
dite proposte, senza accento d'orgoglio e d'odio, che torna dif- 
ficile scegliere temi a dimostrazione del contenuto. Ma sono 
motivi dominanti : l'emigrazione dei nostri contadini veduta nella 
sua causa, nel suo sviluppo e nelle sue conseguenze benefiche; 
il socialismo nelle sue varie forme e manifestazioni, soprattutto 
nella lotta indi scaturita dei lavoratori contro i lavoratori; la 
questione meridionale; la nazione armata; l'educazione fisica; 
la malaria. 

Ma questa arida numerazione dice nulla; perchè il libro 
del Mosso (certo non completo per dare un'idea della vita mo- 
derna degli Italiani, né questo pretese TA., intitolando Saggi 
il suo lavoro), è una serena conversazione del filosofo, cosi 
complessa e varia, piena di argu7.ie, di aforismi, di visioni nuove, 
di adattamenti scientifici alla vita, che solo si può apprezzare 
con l'attenta e serena lettura di tutto il volume. 

C. RlNAUDO. 



VITTORIO BONICELLI, Per Vistltuzione e rimpianto di un 

ufficio anagrafe-ò'tatistico ecc., biella Rep. di San Marino, 

Cesena, Bettoni, 1900. 

154. — E* un capitolo di storia contemporanea «Iella pic- 
(*ola repubblica, in quanto che con dati statistici diligentemente 
raccolti ci porge un chiaro concetto delle condizioni di San Ma- 
rino sotto i principali aspetti della sua vita sociale. 

Difatti l'elegante relazione ci offre notizie generali della 
repubblica, la statistica della popolazione al 20 novembre 1905, 
le condizioni dell'emigi'azione, lo stato delle abitazioni e delle 
famiglie, il prospetto dell'istruzione e della beneficenza, e ci rap- 
presenta le opere pubbliche, la finanza, le poste e telegrafi, la 
giustizia, la milizia, gli istituti di credito e previdenza, le in- 
dustrie e il commercio. G. R. 



Digitized by 



Google 



II. 

SPOGLIO DEI PERIODICI 



ELENCO ALFABETICO CON RELATIVA SIGLA. 

1. American (the) historical review (New- York) X, 1904-5, 

XI, 1005-6 HrA. 

2. AnncUes de l'Est et du Nord (Paris-Nancy) X, I, 2, IDOC Aen. 

3. Archivio Marchigiano del risorgimento (Sinigaglia) I. 1, 

2, 3, 1906 . ApM. 

4. Archivio storico del risorgimento Umbro (Città di Castello) 

I, 3, 4, 1905, II, 1, 1906 AsrU. 

5. Arte e storia (Firenze) S. 3, XXII, 1903: XXIII, 1904; 

XXIV, 1-2, 1905 Apst. 

6. Atti della società Istriana di archeologia e storia (Parenzo) 

XX, 3-4, 1905, XXII, 1905 ', AssL 

7. Atti della società Ligure (Genova) XXXVII, 1905 . AssL. 

8. Augusta Perusia (Perugia) I, 1, 2, 3, 1906 . . . AP. 

9. Bollettino della deputazione per l'Umbria (Perugia) X, 3, 

1904, XI. 1905 BssU. 

10. Bollettino del museo civico di Bassano (Bassano) II, 1905, 

UI, 1, 2, 1906 BmcB. 

11. Bollettino di cose francescane (Firenze) I, 4-6, 1905 . Bcf. 

12. Bollettino ufficiale del primo congresso storico del risorgi- 

mento Italiano (Milano) 1, 2, 3, 1906 .... Beri. 

13. Bulletin des amis de l'université de Ijyon (Lyon) XVIII, 

1904-1905, XIX, 1, 1906 ...... BanL. 

14. Bulletin Italien (Bordeaux) V. 4, 1905, VI, 1, 2, 1906 . BI. 

15. Correspondant (le) (Paris) 1903 aprile-dicembre, 1904, 1905, 

1906 gennaio-marzo C. 

16. Critica (la) (Napoli) III, 3-6, 1905, IV, 1-3, 1906 . . Cr. 

17. Etudes puhliés par des pères de la compagnie de Jesus 

(Paris) 1905 EcJ. 

18. Giornale degli economisti (Roma) S. 2, XVI, 1905, XVII, 

1-3, 1906 Gè. 

19. Kultur (die) V, 1904, VI, 1905 K. 



Digitized by 



Google 



STORIA aEXERALE 349 

20. Hùtorisehea Jahrhtioh (Munohon) XXVI, 1905, XXVII, 1, 

2, 1906 . / Hj. 

21. Historische Zeitsehrift (Miinchen u. Berlin) LVIII, LIX, 

1905, XL, 1906 H7-. 

22. Miscellanea di storia ecclesiastica (Roma) III, 8-12, 1905, 

IV, 1-6, 1905-6 Mse. 

23. Miscellanea storica della Valdelsa (Castelfìorentinoì XIII, 

1905, XIV, 1906 MsV. 

24. Mitteilungen des Instituts fiir Oesterreiehisce Geschichts- 

forschung (W^ien) XXVI, 1905, XXVII, 1, 1906 . . MgiO. 

25. Notivelle revue rétrospective (Paris) 1903, 1904 . . . Nrr. 

26. Nuova antologia (Roma) XL, 1905, XLI, 1906geQnaio-giagDO Nan. 

27. Nuovo archivio Veneto (Venezia) N. S., VIU, 1904, IX, 

X, 1905 NaV. 

28. Quarterly review (London) 1905, 1906 gennaio-aprile . Qr. 
^, Revista de Aragon (Zaragoza) VI, 1905 .... RAr. 

30. Revolution (la) Fran^aise (Paris) 1903 giugno-dicembre, 

1904, 1905, 1906 gennaio-aprile RF. 

31. Revue (la); ancienne revue des revues (Paris) S. 4, XV, 

1904, XVI, 1905 . . . . . Rm. 

32. Revue (la) bleue (Paris) 1904, 1905, 1906 genn.-aprile . Rhl. 

33. Revue d'histoire de Ijyon (Lyon) IV, 1905, V, 1-3, 1906 . RhL. 

34. Revue generale (Paris) XLI, 1905, XLH, M, 1906 . . Rg. 

35. Revue hebdomadaire (Paris) 1904, 1905, 1906 genn. -febbraio Rhe. 

36. Rivista di cavalleria (Roma) Vili, 4-7, 1905 . . Bjuav. 

37. Rivista storica benedettina (Roma) I, 1, 2, 1906 . Rsbe». 

38. Rivista storica Salentina (Lecce) II, 7-12, 1905, IH, 1-2, 1906 RsS. 

39. Rivista mUitare (Roma) XLVIU, 7-12, 1903, XLIX, 1904, 

L, l-«, 1905 Rmi. 

40. Studien und Mitteilungen an dem Benedictiner und dem 

Cistercienser-Orden (Briinn) XXVII, 1, 1906. . . Smbc. 

41. Studi medievali (Torino) I, 4, 1905 Sm. 

42. Studi Senesi (Siena) XXI, 4-5, 1905; I, II, 1906 . . SS. 

43. Theologische Quarta Iseh ri ft (Freiburg i. Br.) LXXXVII, 1905 Thq. 

44. Vierte^jahrschrift fiir social und Wirtschaftgeschichie 

(Leipzig) III, IV, 1-2, 1905 Vswg. 

45. Voce (la), della pace (Repubblica di S. Marino) I, 1-5, 1905-6 Vp. 

46. Zeitsehrift fiir Katholische Theologie (Mainz) XXIX, 1905 Zkth. 



1. STORIA GENERALE. 

618. Rre. — S. 4, XVI, 18, 1005. — Pelissier G., L'évolution mo- 
derne du genre historique, 

619. HrA. — X, 3, 1905. — Smith G., The treatment of Histm-y. 



Digitized by 



Google 



^ ' ' *' *? g ' ''- 



350 SPOGLIO DEI PERIODICI 

620. Hj. — XXVII, 1, 1906. — Jansen, Die QeschichU auffassung 
im Wandel der Zeit [Nella considerazione non solo del come ma del perchè 
degli avvenimenti, TA. sostiene la concezione teistica della storia, alla qnale 
tuttavia giova l'applicazione del metodo scientifico]. 

621. Hz. — LIX, 1, 1905. — Kromayer J., Wahre und falsèhe 
Sachkritik, 

622. RAr. — VI, 1905, aprile. — Condo y Riballo P., Las base* 
para la solución del problema critico, 

623. RA. — VI, 2, 1905 — Ribera I., Lo cientifico en la kisioria 
[Continuazione cfr. ReL, 1904, sp. n. 2 e 1905, sp. u. 548]. 

624. Rm*. — XLVm, 12, 1903. — Martinez G., L'esame della storia 
secondo Enrico Barone [Accenna a molte questioni di moda: scienza o 
arte; materialismo storico; concetto teologico o teleologico; sentimento 
delle folle, etc, etc ]. 

625. Gè. — S. 2, XVII, 1906 gennaio. — Arias G., Di una ideale 
storia economica e giuridica liberata dalle leggi ecofiomicke [Censure e 
risposte al Volpe per la polemica di cui nella « Critica » del gennaio 1906 
contro il lavoro delPA., sulla € Costituzione economica e sociale dei comuni 
medievali »]. 

626. BanL. — XVIII, 1, 1904. — Dabois R., La création de Vétre 
vivant et les lois naturelles. 

627. Mse. — IV, 1, 1905. — Benigni IT., La deformaxione popolare 
della realtà storica. 

628. Mse. — IV, 4, 1906. — Benigni U., Altri appunti sulla defor- 
maxione popolare della realtà storica [I. Megalosi materiale (posomegalosi). 
— II. Bramatosi . — III. Symbolosi. — IV. Archeosi. — V. Thaum atosi]. 

629. Rre. — S. 4, XV, 1, 1904. — Sally-Prndhomme, Patrie et hu- 
manité. 

630. Mse. — IV, 5, 1905. — Pedrinelli A., Il corso pratico di storia 
ecclesiastica alla università di Lovanio. 

631. Thq. — LXXXVII, 1, 1905. — Schanz, Qeschichte und Dogma. 

632. Arst. — XXII, 7, 16, 1903. — Urbini G., Per V insegnaìnento 
della storia delVarte. 

633. RA. — VI, 1905, giugno, ottobre, novembre. — Besdeyises de 
I>ezert G., Bibliografia de la /Ustoria de Espàna. Edades antigua y 
media: la^ compilaeionfs bibliografica^ y los catàlogos, Las coleeiones 
documentarias y las revistas de erudicion. Las historias generales. Pre- 
historia e popoli primitivi ; era romana^ era visigotica^ araba, Edà media. -^ 
historia prammatica de los regnos cristianos. 

634. RsS. — II, 11, 12, 1905. — Palombo P., Bibliografìa saletUina. 

635. Rre. ~ S. 4, XV, 2, 3, 1904. — Binet A., L'age de l'écriture, 

636. Naw. — XL, 814, 1905. - De-Stefano G., La storia sotterranea 
della vita: l'avvenire della paleontologia. 

637. Mse. — IV, 2-3, 1905-6. — Brigiuti R., Fra i papiH di Ra- 
venna: il papiro Marini KG [É una carta di donazione della metà dei 
suoi beni, colla riserva deirusufnitto, fatta da Giovanni primicerio (capi- 
tano) di una compagnia di soldati alla Chiesa di Ravenna]. 

638. Mse. — IV, 6, 1906. — Monaci A. e Benigni IT., Xote €mì pa- 
piro Marini XG, 



Digitized by 



Google 



STORIA GENERALE 851 

639. AP. — I, 2, 3, 1906. — Tra carte e membrane: Bellucci A., 
// cod. latino Urb. 279 [Di grande importanza per la topografia umbra]. 

— Colarieti Tosti G., Un ìns, del poeta dialettale L. Mattei [Del 1702]. 

— BeUueci G., L'originale di un^ opera di B. Orsini, — Bellucci A., 
Il cod, topog 560 della V, Em, di Roma. 

640. Arst. — XXIII, 2, 1904. — Artioli R., / disegni della R. Gal- 
leria degli Uffixi. 

641. AsrU. — I, 3, 1905. — Archivio comunale di Oitià di Castello ; 
Archivio Corbucci [Notizie di documenti tra il 179G e il 1870]. 

642. Arst. — XÌIII, 4, 1904. — Slmonetti A., Una collezione pri- 
vata in Basilicata. 

643. Arst. — XXll, 4-5^ 1903. — U. 31. V., Innari acquisti di Brera. 

644. BmcB. — 11, 1, 1905. — Notixie del Museo di Bassano, 

645. Bcf. — l, 4-6, 1905. — Snttina L., Codici e stampe francescani 
ddla biblioteca del seminario di Padova [Continuazione cfr. i?s/., 1905, 
sp. n. 1857]. 

646. Bcf. — l, 4-6, 1905. — Pecchìai P., Una nuova raccoltina di 
laudi saere. 

647. BI. — VI, 1, 1906. — Gachet R., L'affaire de la tached'enere 
sur le manuscrit de Longus à la bibliothèque Laurentienne d'après des 
documents inédits, 

648. MsV. — XIII, 3, 1905, — Ramorino F., // codice 13 K della 
Biblioteca di S. Oimignano [Contiene testi di Seneca e Persio ; ne dà la 
collazione col testo del Kiessling]. 

649. NaV. — N. S., X, 19, 1905. — Foligno C, Codici di materia 
veneta nelle biblioteche itiglesi [Elenco e descrizione di 39 codici]. 

650. NaV. — N. S., IX, 17, 1905. — Ghirardini G., Il museo civico 
di Adria [Di. scorso inaugurale]. 

651. Hj. — XXVI, 3, 1905. — ^cìimìÌ7.'¥^dA\enheT^, Papsturkunden 
auf Marmor u. Melali'^ [I documenti originali su marmo e metallo con 
cui il Plugk-Harttung ha nel 1901 voluto arricchire le nostre conoscenze 
sulla natura dei documenti pontifici non sarebbero che parti della fantasia]. 

652. Hj. — XXVI, 4, 1905. — Baumgarten P. M.„ Curiosa aus 
dem Vatikanischen Archiv [Indicazione di alcune notizie curiose di vario 
genere spigolate nell* Archivio vaticano]. 

653. Mse. — IH, 8-12, 1905, IV, 1-6, 1905-1906. - Melampo A., 
Attorno alle bolle papali : da Pasquale la Pio IX [Continuazione cfr. Rsl., 
1905, .sp. n. 1035: II. La sottoscrizione del Papa: Bene valete, firma, rota. 
Elenco delle bolle originali da Pasquale I a Damaso 11 (817-1048Ì in ap- 
p<^o e chiarimento di quanto rig\iarda la sottoscrizione]. 

654. Thq. — LXXXVU, 3, 1905. — Sagnmller, Die formelle Seite 
der Neukodifikation des k'anonischen Rechts [Con richiami airevoluzione 
della legislazione papale in genere]. 

655. Mse. — III, lO-ll, 1905. — P., // diritto canonico nella storia 
della Chiesa. 

656. Xan. — XL, 815, 1906. — Lnzzatti L., Fatti nuovi e dottrine 
rettificate nelle relax>ioni costituzionali degli Stati colle Chiese [Prelezione 
al corso di diritto costituzionale all'Università di Roma]. 

657. Na«. — XLI, 822, 1906. — Magni B . Della pittura di parse 
in Italia [l. Svolgimento storico: della pittura di paese considerata qiial 



Digitized by VjOOQIC 



352 .sroGLio i»ei rEuioDici 

fondo ed accessorio nei quadri di figure e considerata in sé stessa. — li. iivoV 
gimento critico estetico: del disegno e degli studi dal vero, del colorito, 
della composiziono]. 

658. Arst. - XXIII, 2, 10, lG-17, 22-23, 1904 - Melani A., Di 
fronda in fronda: Asivimetrie e raf/ìnatexxe nella Basilica di S. Marco. 
— Di un anonimo amatore di arti belle [contemporaneo]. — Rivedendo 
la imposta di Atidrea da Pontedera. — Su un nobilissimo reliquiario 
argenteo a Tivoli. — Le due pretese tavole di Duccio a Pistoia. — Afo- 
biìi medievali. — Osseì-vando il trittico di Poissy [italiano appartenente 
alla fine del secolo XIV o al principio del XV]. — Un desco da pasto 
del Masaccio. 

659. Arst. — XXII, 8, 1903. — Melani A., Imposte bronxee in Italia, 

660. AP. — I, 1, 2, 1906. — FritiMi. Stornelli e rispetti castellani 
[Nell'Umbria] . — Zanetti Z., Alcune ninne-ìianne del contado fra Pe- 
rugia e Assisi. 

661. BI. — VI, 1, 1906. — Bouvy E., V improcisation poétique m 
Italie [A proposito del volume di Adele Vitagliano : < storia della poesia 
estemporanea nella letteratura italiana dalle origini ai giorni nostri >]. 

662. Hj. — XXVI, 1, 1905. — Baumgarten P. M., Die Ubersenduny 
des roten Hiites [Notizie di usanze da Clemente IV a Leone XIU]. 

663. Na». — XL, 808, 1905. — Clavari L. e Attili S., La vita della 
posta [Dal volume sugli ordinamenti iK>stali dalla XIX dinastia dei Faraoni 
(1200 anni av. C.^ alla fine del sec. XIX]. 

664. Nan. — XL, 794, 1905. — Boni G , Coccodrilli arckeofagi 
[Spezza una lancia contro l'ingorda disonestà degli antiquarii]. 

665. Naw. — XL, 803, 1905. — Boni G., Iene antiquarie 'A propo- 
sito dei vandalismi a danno doli' archeologia, con riproduzione di danni ai 
monumenti]. 

666. Naw. — XL, 802, 1905. — Massarani T., Visioni italiche [A 
proposito del volume del Pasolini]. 

667. Rg. — XLl, 3, 1905. — Bornand P., Les Chartreux [Cenni sul- 
Torigine o loro vicende dal sec. XI al XIX]. 

668. RsS. — II, 9-10, 1905. — Perotti A., Ricerche etimologiche su 
nomi locali di Terra d'Otranto [Cerfignano, Zia mita, Mucunme]. 

669. RsS. — lì, 7-8, 1905. — De Giorgi C, U specchie in Terra 
d'Otranto [Le considera nei documenti medievali, e ne dà poi Telenco con 
brevi cenni per ciascuna]. 

670. Smbc. — XXVII, 1, 1906. — Netzhammer R., Unter den Al- 
banesen Kalabriens. 

671. Vp. — I, 3, 1906. — Rubriche statutarie concementi VArrengo 
della Repubblica dì S. Marino. 

672. Vp. — I, 4, 1906. — Rinando C, Pro Candia [Brevi cenni sulle 
vicende dell' isola dai tempi antichissimi ai nostri giorni]. 

673. Arst. — XXIII, 18, 1904. — Bellncci A.. Antica arte Umbra: 
il museo di Bettona, 

674. Nan. -- XLl, 819, 1906. — Spinazzola V., Per una storia del- 
l'arte napoletana. 

675. Na». — XL, 807, 1905. — Colasanti A., L'arte d'Abruxxo e 
l'esposizione di Chieti. 

676. Arst. - XXIU, 22-25. 1904 e XXIV, 1, 1905. — Carocci G„ 
/ tabernacofì di Firenxe, 



Digitized by 



Google 



J 



STORIA GENERALE oóS 

677. Arst. — XXIIl, 5, 1904. — Carocci G., Ilpalaxxetto de' Sertini 
in Via cfe' Corsi a Fireme. 

678. Arst. — XXII, 19-20, 1903. — Sant'Ambrogio D., Xote d'arte 
a Castel San Giovanni Piacentino. 

679. Arst. — XXII, 2-3, 1903. — Metani A., Una lunetta nello spe- 
dale del Ceppo a Pistoia. 

680. Arst. — XXIII, 15, 18, 22-23, 1904, XXIV, 1, 1905. — Man- 
nncci G. B., Pienxa [Spigolature di notizie storiche inedite sulla città e 
capitanato di Pienza e sulla famiglia Piccolomini, estratte da una raccolta 
di cose notabili scritta da Vincenzo Vannucci, cittadino pientino circa Panno 
1590: le notizie vanno dall'anno 1055 al 1562]. 

681. Arst. — XXIIL 6, 190^. — Migliorini L., Illustrazioni Gar- 
fa^nine: La Chiesa di ò\ Regolo in Vagli Sotto, 

682. Arst. — XXIIl. 24-25, 1904. — Buscatila D., Due cimeli poco 
noti nella cittadina di Finalhorgo, 

683. Arst. — XXIII, 16-17, 1904. — Ciavariiii C, / monumenti 
anconitani. 

684. Arst. — XXIII, 16-17, 1904. — Lachini L., Cremona e le 
sue cento torri. 

685. Arst. — XXII, 10-12, 1903. — Poggi V., Cose d'arte in Savona. 

686. Arst. — XXUI, 12, 1904. — Buscaglia D., L'arte fiella prò- 
cessione del Venerdì Santo a Savona. 

687. Arst. — XXII, 13-14, 1903. — Macció D., Fiesole: scavi, re- 
stauri, ritrovamenti; nuova erezione della colonna commemorativa del 17 99. 

688. Assi. — XX, 3-4, 1905. — De Franceschi C, // Comune 
Palese e la signoria dei Castropola [Continuazione e fine cfr. RsL, 1904, 
sp. n. 174 e 1905, sp. n. 791 : Ancora documenti, dal n. XVU, 1330 al 
n. XXX VII, 1472]. 

689. AP. — I, I, 1906. — Bacile di Castiglione G., Dal Corso a 
SaTita Giuliana, a Perugia [Perugia Turrena; il borgo di S. Giuliana; la 
piazzetta dei Baglioni; l'osteria di S. Marco; l'albergo del Re; il Café; 
S. Maria de^ Servi; la Sapienza Nuova; le case dei Baglioni; la muraglia 
antica ; la vera Porta Eburnea ; la Rocca Paolina ; il gioco del Pallone ; 
Piazza del Mercato e d*Anni]. 

690. AP. — I, 2, 1906. — Bacile di Castiglione G., Per la vera 
porta eburnea in Perugia. 

691. BmcB. — TU, 2, 1905. — Cervellini G. B., La predicazione a 
Bassano [Ricorda la tradizione di San Prosdocimo evangelizzatore di Has- 
sano, esamina quale consistenza abbia la tradizione della venuta a Bassano 
di S. Francesco d'Assisi, e quella anche più irta di difficoltà rispetto a 
S. Antonio da Padova]. 

692. BmcB. — III, 1, 1905. — Compostella B„ Alcune considera- 
zioni sull'arme del comune di Bassano. 

693. MsV. — XIV, 1, 1906. — Dini L., Aggiunte e correzioni alla 
« Storia della città di Colle di Valdelsa » di Luigi Biadi ( 1859 ) [Il 
ponte del Campana. Due quadri di Giovanmaria Tolosani. Monastero di 
S. Caterina nel Borgo omonimo a Colle. Ponte di .\rnolfo a Spugna. La 
sagrestia della Pieve. Gezi Tolosani]. 

694. MsV. — XIII, 1, 2, 1905. - Cioni M., Le iscrizioni di Ceri aldo 
[Conti miazione], 

695 Na«. - XL, 813, 1905. — Angeli D., / problemi edilizi dì 
Roma [Comparazioni del passato col presente]. 

Rivista storica italiana, :J* S., \% a. n 



Digitized by 



Google 



354 SPOGLIO DEI PERIODICI 

61>6. \a«. — XL, 807, 1905. — Bianchi V. E., Roma reechia in 
Roma nuova [Memorie di Koma antica o di Koma doi Papi siiirEsquilino]. 

t)i)7. Nan. — XL, 803, 1005. — Ciati V., Arte pisaìui [Rassegna del 
volume di I. B. Supino]. 

698. XaV. — N. S., IX, 18, 1905. — Predelli R., La storia di Ve- 
nexia nella vita privata [Kassegna della i* parte della nuova edizione del 
Molmenti]. 

699. Na«. — XL, 800, 1005. — Mantovani D., La nuova bibliotera 
di San Marco [Con cenni storici sulla libreria e sull'edificio del Sansovino 
ohe oggi l'accoglie]. 

700. Naw. — XL, 800, 1905. — Molmenti P., La vita degli antichi 
artisti in Venexia. 

701. NaV. — N. S.. Vili, 15, 16, 17, 1904. — BnHo C, // Cane^llier 
Grande di Chioggia [Dignità e prerogative; individui che copersero la ca- 
rica dal 1240 al 1626; dà un particolare elenco dei Chioggiotti che eser- 
citarono tale ufficio a nome di Venezia. In appendice 4 documenti]. 

702. NaV. — IX. 18, 1905. — Favaro A., Xotixie storiche sul ma- 
gistrato veneto alle acque [Esercitava la sua vigilanza sulla laguna, sui 
porti e lidi, sui fiumi, avendo jìerò sempre la mira suprema di conservare 
e di preservare la laguna; di tal magistrato, benché non si trovi traccia 
fino al secolo XIU, e lecito arguire l'esistenza fin dai primi tempi della 
Rej^ubblica ; TA. traccia le varie modificazioni ch'esso ebbe a subire fino 
alla definitiva costituzione quale durò per tre secoli, lasciando documento 
della sua operosità benefica in oltre un migliaio di filze di documenti]. 

703. Rm/. -- XLIX, 12, 1904. — Fumo E., Castelli e fortexxe rene- 
xiane nell'isola di Candia. 

704. RsS. — IIL 1, 1906. — Nicoli D., Dentami di Gallipoli [Dal 
sec. XI al XIX]. 

705. RsS. — III. 2. 1906. — Massa, Ancora dei demani di Gallipoli 
[Rettifiche, osservazioni ed aggiunte alle affermazioni e conclusioni del 
Niccoli]. 

706. R»S. — III, 2, 1906. — Perotti A.. Tricase [Note e documenti]. 

707. Arsi. — XXIll, 13-14, 1904. — Scatassa E., U arte nel Monte- 
feltro [Cellotta di S. Donato : la crocefissione del Barocci e la chiesa di 
S. Francesco; il crocefisso dei primi del sec. XIV; T incoronazione della 
Vergine di Orlando D. Meplinis 1501: l'annunciazione della Vergine pro- 
babilmente di Giovanni Baronzio da Kimini del sec. XIV]. 

708. MsV. - Xlll, 8, 1905. — Cioni M., / vicari di Certaldo [Xe dà 
l'elenco dal 1415 al 1784]. 

709. Aen. — X. 1, 2, 1906. — Davillé L., Le <i^ Pagns Scarponemìs • 
[Nell'antichità e sopratutto nell'alto medioevo]. 

710. Arst. — XXII, 0, 1903. — Droghetti A,, Ferrara e Pomposa 
[.i proposito del volume di Giuseppe Agnelli] 

711. Arst. — XXlll, 12, 1904. - Crema G. B., Le ter recotte di Ferrara . 

712. Arst. - XXIII, 22-28, 1904. XXIV, 1. 1905. - Crema G. B., 

Gli affreschi di Palawn di Schifanoia in Ferrara. 

718. Nan. — XL, 795, 1905. — Ovidi E., // diritto dello i^tato sul 
Pala XX o Farnese in Caprarola. 

714. Na;?. — XL, 797, 1905. - Ilertolini P., // Montello, storia e 
coloni xxaxionc [Con cenni storici dal Medio Kvo ai nostri giorni]. 



Digitized by 



Google 



r7=r!-3 



STOBU OENERALE 355 

7i5. MsV. — XIV, 1, 1906. — Nomi-Pesciolini U., La torre di Mon- 
icmiecioli. 

716. Arst. — XXII, 4-5, 1903. — Verdiani Bandi A., La rocca di 
Tentennano. 

717. Mse. — 111, 10-12, 1905. — Guerrini P., Ahbaxie celebri : Ma- 
guxxano e Merlin Cocaio; Caramagna. 

718. Arst. - XXII, 1-3, 19-20, 1903. — Carocci G. e Verdiani 
Bandi A., Le vecchie Badie in Toscana: L Badia d'Agnano, IL Badia 
di Falesia. HI. Badia di Berardcìiga. — L'abaxia di S. Salvatore. 

719. Arst. -- XXIV, 1-2, 1905. — Melani A., S. Marco di Venexia 
e una lettera di Mr, W. H. Qoodyear. 

720. AP. — I, 1906. — Lanzi L., // convento di S. Francesco presso 
Stroncone [H convento; il ritratto del Serafico; raffresco di Tiberio d'As- 
sisi; S. Sebastiano]. 

721. BmcB. ~ II, 1, 1905. — G. d. B. (Gerola G.), Perii nostro 
S. Francesco [A Bassano], 

722. Arst. — XXII, 23-24. 1903. — Boscaglia D., Uantico convento 
di S. Francesco in Cairo Mov.'f notte. 

723. Arst. — XXII, 17, 19( J. — Lusini V., A proposito della fac- 
ciata di S. Francesco di Siena. 

724. Arst. — XXII, 23-24, 1903. — Cipolla C, La chiesa di S. Se- 
vero a Bardolino sul Lago di Garda. 

725. Arst. — XXII, 10, 1903. -- Meomartini A., Imposte bronxee 
drl duomo di Troia e della distrutta basilica di S. Bartolomeo in Be- 
nevento. 

726. Arst. — XXII, 7, 1903. — Sant'Ambrogio D., La chiesa Lom- 
barda di Rivolta d'Adda. 

727. Arst. — XXII, 6, 8-9, 1903. — Perrone L., Chiesetta di S. Fe- 
d^ino sul lago di Mexxola. — Sanginliani Cavagna A., Ancora della 
chiesetta di S. Fedelino sul lago di Mexxola. 

728. Arst. — XXII, 15, 1903. — Sant'Ambrogio D., Le arcate cieche 
dell'atrio di Sant'Ambrogio a Milano e la chiesa di S. Maria di Cal- 
venxano presso Melegnano. 

729. Arst. — XXn, 6, 1903. — Porciatti L., Il fonte battesimale 
della cattedrale di Grosseto. 

730. Assi. — XX, 3-4, 1905. — Babudri P., La Badia di S. Mi- 
chele Sottoterra. 

731. Arst. - XXII, 16. 1903. — Cavagna Sanginliani A., L'ora- 
torio di S, Martino in Cuhnin'i nel Varesotto. 

732. Nan. — XL, 802, 1905. — Caetani Lovatellì E., Nella chiesa 
di S. Sebastiano fuori le Mura. 

733. NaV. — N. S., IX, 18, 1906. — Baldissera V., Le memorie 
dei signori Savorgnani in Osoppo. 

734. BmcB. — lì, 3, 1905. — Compostella B., Le armi delle nobili 
famiglie Bassanesi fiorenti in quanto a e wa^c^it [Agostinelli, Antonibon, 
Bellavitis, Bertagnoni, Bortolazzi, Brocchi, Caffo, Cerati, Compostella, Lo- 
catelli, Lugo, Maello, Mimiola, Negri, Navarini, Dalla Porta Remondini, 
Dalla Riva, Roberti, Sale, Sartori, Stecchini, Tattara, Trivellini, Vittorelli]. 

735. Assi. — XX, 3-4, 1905. — - Venturini D., La famiglia albanese 
dei Conti Bruti [Per tradizione discenderebbe dei Bruti romani, ma le 
memorie autentiche risalgono solo a mezzo il secolo XVI]. 



Digitized by 



Google 



356 SPOGLIO DEI PERIODICI 

2. ETÀ PREROMANA E ROMANA. 

736. RsS. — 111, 2, 1906. — Perottl A., Due nuove iserixioni mes- 
sapiche. 

737. Nan. — XL, 793, 1905. — Boni G., Ai cultori della etviUà ro- 
mana [Da un paragone con istituzioni d*oltre alpe trae argomento ad un 
appello pel Museo del Foro Bomano]. 

738. Nan. — XL, 810, 1905. — Dall'Osso L, Scavi preistorici di 
Pompei [Confermano la tradizione di Strabone circa la successione in 
Pompei di diversi popoli: Oschi, Pelasgi, Etruschi, Sanniti e Romani. Però 
il passo di Strabone non va inteso nel senso che tutti questi popoli abi> 
tasserò Pompei ; due di essi, gli Etruschi e segnatamente i Sanniti, con- 
trariamente a quanto si è finora creduto, non vi ebbero stabile dimora ma 
vi esercitarono soltanto una egemonia politica. 

739. RsS. — III, 1, 1906. — De Giorgi C, yuove acoperte in Vereio, 
in Valesio e in Terenxiano. 

740. BmcB. — UT, 1, 1906. — Gerola G., Uitrovamenti archeologici 
nel territorio di Bassano. 

741. Arst. — XXU, 8-14, 19-20, 1903. — Di Cicco V., Antichità 
scoperte nella Basilicata [Scavi eseguiti nel sito dell'antica Potentia: a Sti- 
gliano, Gorgoglione, Cirigliano, Sant'Angelo le Fratte, Venosa . 

742. RsS. — II, 7-8, 1905. - Valentini A., Del Museo archeologico 
di Lecce e di due suoi vasi dipinti. 

743. Arst. — XXIIT, 24-25, 1904. — Macciò D., La commissione 
archeologica di Fiesole: scavi^ ritrovamenti e voti per V avvenire, 

744. Arst. — XXIII, 7-8, 1904. - Artioli R , Un sepolcreto prero- 
muleo del foro Romano. 

745. Arst. — XXIII, 1, 1904. — Dorso D., La scoperta deU'Ara Paeis. 

746. BssU. — X, 3, 1904. — Bellucci G., Sopra due insigni monu- 
menti, archeologici: « L'Ercole di Foligno — Uno specchio di PcUesirina*; 
noie storiche e illustrative, con due tavole, 

747. RhL — IV, 2, 1905. — Lechat H., La statue de bronxe trouvéé 
à Coligny (Aine) et conservée au Musée de Lyon [Rsippreseutainte Marte, 
eco affievolita di alcune buone creazioni del IV secolo]. 

748. Nan. — XLI, 823, 1906. — Gaetani TiOvatelli E., // teatro di 
Marcello [Vicende attraverso i secoli]. 

749. BauL. — XVIII, 3, 1905. — Homo L., Le Palatin et son ròte 
dans rhistoire file Rome [Conferenza]. 

750. Nan. — XLI. 822, 1906. — Dall'Osso I., // quadro sulle ori- 
gini di Roma scoperto in Pompei. 

751. AsrU. — I, 3, 1905, II, 1, 1906. — Silloge epigrafica [Perugia, 
Spoleto, Assisi]. 

752. Nan. — XLI, 817, 1906. — Dall'Osso I., Ercolano. 

753. BssU. — XI, 1-2, 1905. — Ferali P., Orvieto Etrusca [Erudita 
ricostruzione in base ai documenti archeologici]. 

754. Asasl. — XXII, 1905 — Nesaxio Pota [Serie di memorie illu- 
strative di Nesazio : — A. Pnschi, La necropoli preromana di Sesazio. 
Relazione degli scavi eseguiti negli anni 1901, 1902 e 1903, con 2 tavole 
e 132 figure intercalate nel testo. — P. Sticotti, A proposito d'un tim- 
pano figurato di Nesaxio e di due lamelle letterate rinvenute a Pota. 
Con 2 figure. — A. Ber lasso, Di alcuni bronzi scoperti recentemente a 



Digitized by 



Google 



ETÀ PREBOMANA E ROMANA 357 

Pota. Con 13 figure. — B. Schiavazsi, Necropoli romana nel predio 
degli eredi Batel presso Xesaxio. Con 11 figure. — A. Guirs, Relaxione 
sopra recenti scoperte e scavi nel circondario di Pola. Con 5 figure. — 
A. Puschi, Edifici antichi scoperti a Xesaxio. Scavi degli anni 1904 e 
1905, con una tavola od otto figure nel testo. — B. Schiaviizzi, Elenco 
delle monete scoperte finora a Xesaxio]. 

755. Arst. — XKII, 23-24, 1903. — Buti Pecci G., Ostra oppidum 
Ufnbriae Mediterranea [Appunto di topografia e scavi]. 

750. Arst. ~ XXIll, 22-23, 1904. — Oiavariiii C, Di Ostra colonia 
romana. 

757. Zkth. — XXIX, 2, 1905. — Dnnin-Vorkowski St., Die Metkode 
bei Erforsehung alter Institutionen [La trattazione delle antiche legisla- 
zioni greche e romano, considerazioni critiche sopra i più importjinti lavori 
del XIX secolo su tali argomenti e i metodi. U metodo per le ricerche sul 
cristianesimo primitivo. Paralleli tratti dalle antiche legislazioni per la trat- 
tazione delle disposizioni del Cristianesimo primitivo]. 

758. SS. — 1906, I, — Manenti C, Jus ex scripto e tus ex non 
seripto [Osservazioni critiche sulla teoria dello fonti secondo il\[diritto 
romano]. 

759. SS. — 1906, I. — Bonfante P., Il punto di partenxa nella 
teoria romana del possesso. 

760. Ss. — 1906, II. -- Di Marzo S., La •possesio iuris» ideila 
t hei-editatis petitio » . 

761. SS. — 1906, II — Segrè G., Sulle formole relative alla ^ne- 
gotiorum gestio » e sull'editto e il < iudiciiim de operis libertorum » . 

762. SS. — 1906, I. — Riccobono S., Sul fr. 4. pr. d. prò suo e la 
versione greca riportata da Armenopulo. 

763. SS. — 1906, lì. — Buonaniici F., Recitatio solemnis ad legem 
possideri3 §, explurimis 4. Dig. Uè adquir. vel amitt. possess. {XLl. 2). 

764. SS. -— 1906, II. — Solazzi S., L'^actio de pectdio annalis* 
contro gli eredi. 

765. SS. — 1906, li. — Sciaioja V., // testamento di Acca Larentia 
[Esaminata la leggenda, studia il caso di un testamento fatto da una donna 
e la istituzione del popolo romano come erede]. 

766. SS. — 1906, I. — Longo C, Sopra alcitne generalixxaxiofii 
giustinianee in materia di giudixi di buona fede. 

767. K. — VI. 1905 — Strnnz F., Die Chemie in Klaus. Albertum. 

768. Na«. -- XL, 806, 1906. — Mancini E., Denti e dentisti nell'an- 
tichità. 

769. Nan. — XL, 799, 1905. — Mosso A., / giuocl^i olimpici in 
Roma? [Le glorie degli italiani noi giuofjhi olimpici ; Tagonistica presso 
gli Etruschi]. 

770. Nan. — XL, 794, 1905. — Caetani-Lovatelli E. Le istituxioni 
di beneficenxa presso i Romani [Esamina sulla scorta dei documenti ar- 
cheologici sopratutto la grande istituzione degli alimenti pubblici]. 

771. Qr. — N. 406, 1906, january. — Stuart Jones H., Art under 
the roman Empire [Descrizione dello sviluppo dell'arte sotto l'impero ro- 
mano, a proposito di cinque recenti pubblicazioni: Die Wiener Gcnesis by 
Wilkelm, Ritter von Hartel a. Franz Nickolf. — Le Bas-relicf romain à 
représentations historiques by T. Courboud. — Die spatròmische Kunst- 
industrie nach don Funden in Ostereich-Ungarn by A. Biogl. — Orient 



Digitized by 



Google 



358 SPOOLIO D£I PERIODICI 

oder Rara by J. Strzygowski. — Tho golden age of classic Christian art 
by J. P. Kichter en A. Cameron Taylor]. 

772. Qr. — 407, 1906, aprii. — Sotne letter-icriters^ aneient and 
modem [Sotto questo titolo sono preso in esame parecchi epistolari, tra 
cui quelli di Cicerone e di Plinio, a proposito delle recenti edizioni Cice- 
roniane di Tyrrelt e Parser, The correspondence of M. TulUus Cieero e 
di Schuckburgh, The Letters of Cicero^ e pliniana di H. Keil, C. Plinii 
Ctrcili secinuU epi titolar imi libri IX]. 

773. MsV. - XIU, 1, 1905. — Nomi-Pesciolini U., Di un codice 
sangimignanese ignoto delle Satire di Aulo l ersio e di tm Commento 
latino ad esse di Francesco da Biiti. 

774. Vswg. — IV, 1, 1905. — Caroopino J., La Sieile agricole au 
dernier siede de la République Romaine [Esamina il carattere estensivo 
della cultura siciliana nell'antichità, il rapporto del raccolto colla semenza, 
il prezzo dei cereali, la produzione totale in rapporto alla supei*ficie colti- 
vata, le forme della proprietà, la natura dello sfruttamento agricolo, il cen- 
simento della classe degli agricoltori; conclude con paragoni tra Petà an- 
tica e la moderna, favorevoli alla prima]. 

775. Na«. — XLI. 819, 1906. — Ferrerò G., Il mito di Augusto [Il 
1« capitolo del IV volume di « Grandezza e decadenza di Koma » . 

776. RhL. — V, 2, 1906. — Fabia Ph., Lyon sous Tibère [Descrivo 
le condizioni in cui avvennero i torbidi delle Provincie Lionese e Belgica 
nelPanno 21 e le vicende della guerra che prese nome da Floro e Sacrovir]. 

777. BanL. — XIX, 1, 1906. — Fabia M., Néron aeteur [Conferenza]. 

778. Qr. — 1905, aprile. — Pelham H F., The early rornan Em- 
perors [A proposito dei voli, di Holmes e Scott su Cesare; di Shiickburgh, 
Garthausen e Seek su Augusto; di Tarvor su Tiberio ; di Willrich su Caligola; 
di Herderson su Nerone, e Dill da Nerone a Marco Aurelio]. 

779. Arst. — XXU, 11-12, 1903. — Colarieti-Toati G.. // ritomo 
da Gerusalemme deW Imperatore Tito Labino dipinto nella cupola del 
teatro di Vespasiano Flavio, di Rieti, 

780. RhL. — IV, 1, 1905. — Fabia Ph., Domitien à Lyon [A fre 
nare la rivolta civile che, approfittando di opportune circostanze, vagheggiava 
all'avvento dell* imperatore Vespasiano l'indipendenza da Roma e la forma- 
zione di un impero delle Gallio, Muoiano accompagnò in Gallia il secondo- 
genito del r Imperatore, Domiziano, ma colPastuzia mirava a tenerlo lontano 
dall'esercito, pretestando la notizia giunta loro por via della rivolta ormai 
sedata: Domiziano mal soffrendo di far solo parte decorativa in Lione, de- 
sideroso di dividere gli onori del trionfo che Roma doveva accordare a Ve- 
spasiano e al primogenito Tito vincitore degli Lbrei, avrebbe fatto anche 
segreto disegno di raggiungere l'esercito del Reno malgrado Muoiano, ma 
non riuscì. Il viaggio pertanto di Domiziano nelPanno 70, limitato a Lione, 
ebbe bensì importanza politica, perchè giovò a quietare gli animi ancora 
scossi, ma più tardi Padulazione lo abbellì di fatti non veri]. 

781. RhL. — IV, 4, 1905. — Fabia P., Oa'ius à Lyon [Il 1" gennaio 
del '40 l'imperatore Gaio inaugurava il 3« consolato a Lione, dove si tro- 
vava dopo un fantasma di spedizione, o meglio ricognizione militare, fatta 
al di là dtl Reno alla testa d'un esercito di 200 mila uomini. Rimase a 
Lione tutto Pi n verno, e a primavera se ne partì per muovere alla conquista 
della Brettagna, ma anche quella volta ritornò presto nella capitale della 
Gallia e prese quindi il cammino d'Italia). 

782. Zkth. — XXIX, 1, 1005. - Dunin Borkowski St., Mefhodoh- 
gische Vorfragen %ur iirchristlichen Vcrfassungsgeschichte [Il metodo 



Digitized by 



Google 



ETÀ PR£a03fÀXA E ROMANA 359 

comparato: gli orrori metodici: Targomonto negativo, la conclusione viziosa, 
le false analogie o gl'inganni psicologici]. 

783. Mse. — IV, 5, 190G. — Palmieri A., / fratelli di Gesù secando 
uno scritto russo [Non fratelli, ossia nati da un primo matrimonio di Giu- 
seppe, ma cugini- di Gesù, cioè nati da una Maria moglie di Gleopa, fra- 
tello di Giuseppe, sarebbero i quattro maschi, Giacomo, Josia, Simone e 
Giuda, e le due femmine Maria e Salome, nominati nei Vangeli di San 
Matteo e San Marco come fratelli di Gesù]. 

784. Mse. — IV, 7-8, 1906. — Benij^ni U. et Branner G., De Ro- 
mancte Eeclesiae exordiis fontes historici (Historiae ecclesiastieae sehe- 
mata sekolastica) [Indizi preneroniani della chiesa romana : i primi cristiani 
romani, la leggenda tiberiana, il primo viaggio di S. Pietro a Koma, Tespul- 
sione degli ebrei da Roma sotto Claudio]. 

785. Mse. — IV, 4, 1906. — Benigni U., A proposito della croci- 
fissione di S. Pietro [Circa il luogo del martirio crede dall' insieme 
della tradizione romana, cosi chiaramente dimostrata l'identificazione col 
Vaticano da non potersi parlare del Giauicolo, di cui documenti tardivi ci 
dicono ohe vi era dedicata a S. Pietro una «ecclesia quaedam»]. 

786. Zkth. — XXIX, 4, 1905. — Dorsch E , Die Wahrheit der bi- 
blisehen Geschichte m den Ausehaiiungen der alten chrislichen Kirche. 

787. Rrc. — S. 4, XV, 1, 1904. — Novicow J., Le christianisme 
primitif et le socialisme moderne [Analogie o similitudini]. 

788. Thq. — LXXXVII, 2, 1905. — Funk F. X., Didaehe tind Bar- 
naòasbrief [Contro le conclusioni del Volter (Die apostolichen Vàter, I, 1904) 
sulla priorità delle lettere di Barnaba]. 

789. Zkth. — XXIX, 1, 1905. — Nostiz-Rieneik R., Xtt den Brevier- 
lektionen der Papste Ecaristos tind Alexafider 1. 

790. Zkth. — XXIX, 1, 1905. — Ernst I , Die Stellung der romischen 
Kirche ^ur Ketxertauffra^e ror und unmittelbar nach Papst Stephan I 
[£.<^minando le due testimonianze contradditorie di Ippolito. Philosophumena, 
e del trattato pseiidociprianeo ad Novatianum, rimano alla conclusione che 
la testimonianza di Papa Stofano, dell'usanza antica di ricevere nella co- 
munità della chiesa i proseliti dello eresie senza ripetizione del battesimo, 
almeno per la chiesa romana, è inconcussa]. 

791. Hj. — XXVI, 1, 2, 1905. — Fmik F. X., Die Echtheit der Ka- 
nones von Sardtka [Cfr. Rsl. 1903, sp. n. 945, a conferma della propria tesi]. 

792. Mse. — IV, 4, 1906. — Dnchesne L., T/ Armenie chrétienne dans 
Vkistoire ecclcsiastique d''Eusèbe. 

793. Thq. — LXXXVII, 4, 1905. — Kellner, Sterbeort und Trans- 
lafion des Erangelisten Lukas und des Apostels Bartholomciiis [Xel- 
Panno 357 per il primo]. 

794. Thq. — LXXXVII, 2, 1905. — Kellner, Nochmals das irahre 
Zeitalter der h. Cecilia [Conferma precedenti argomenti por il 4° secolo]. 

795. SS. — 1906, I. — Tamassia N., / sermoni di Pietro Crisologo 
[Fu vescovo di Ravenna fra il 449 od il 458 circa, lo sue omelie sono non 
spregevoli monumenti per la storia giuridica e sociale del secolo V]. 

796. Zkth. — XXIX, 1, 1905. — Haidacher S.. Hede des Xestorius 
iiber Heb, 5, 7, ììberliefert iinter dem Xnmen des hi, Chrysostomiis [Con- 
servata in un ms. di Dresda pu))blicata dal Bocher, nel 1839, noi Migne]. 

797. Zkth. — XXIX, 2, 1905. — Kern I.. Kin missrerstaudenes 
Zeugnis des hi. Johannes Chrgsosfomus fììr das Sakrawcnf der letven 
Oelung. 



Digitized by 



Google 



360 SPOGLIO DEI PERIODICI 

798. Mse. — 111, 8-0, 1905. ~ Zeilier J.. La condition legale dea 
Ariens à Costantinople do Théodore à Jìiatinien, 

799. Mse. — IV, 1, 1905. — T. G., Dagli scavi di Efeso : Un decreto 
vescovile del VI secolo suite spese funerarie. 

800. Mse. — III, 8-12, 1905. -- Lanardi D. F., Cristo ^eWarte antica: 
Il Cristo bizantino [Continuaz. cfr. RsL 1905, sp. n. 1230: V. Il colore 
bruno ed il colore biondo. VI. Il Cristo paziente. VII. Il Cristo glorioso]. 

801. Zkth. — XXIX, 3, 1905. — Grisar H., Heidnische und Christ- 
liche Formen in der Konstantinischen Kunst xu Santa Costanza von Rom, 



3. ALTO MEDIO EVO (Sec. V-XI). 

802. RsS. — II, 7-8, 1905. — Ferruccio Guerrieri F., Nuovi studi 
di storta Bizantina. 

803. Nan. — XL, 891, 1905. — Colasanti A., L'esposizione di Grotta- 
ferrata [Diiarte italo-bizantina]. 

804. Mse. — 111, 8-9, 1905. — Benigni U., Echi di Or otta ferrata. 
Il matrimonio di 8, Nilo di Rossano [Argomenti prò e contro la tesi 
del Rocchi e del Minasi sulla legittimità del matrimonio di S. Nilo? con- 
clude che quand'anche il Santo abbia avuto unione illegittima, ciò ch^è ben 
altrimenti che provato, merita V attenuante nell' eventuale colpa per Tetà 
ardente ed inesperta, per Tambiente in cui viveva, e ad ogni modo rimediò 
abbondantemente con la posteriore santità]. 

805. Arst. — XXIII, 6, 1904. — Corso D., S. Nilo di Rossano e la 
Badia di Grotta far rata. 

806. Nwz. — XL, 814, 1905. — Guarini G. B., L'arte medievale 
d'' Abruzzi. 

807. Vswg. — IV, 2, 1905. — Hartmann, Ludo M., Bemerkungen 
zur italienischen und frànkischen Precaria. 

808. Vswg. - IV, 2, 1905. — Heck Ph., Die Kleinen Grtmdbesitzer 
der brevium exempla [k proposito della teoria del Wittichs e dell'impor- 
tanza che nella medesima hanno i « brevium exempla ad describendas res 
ecclesiasticas et fìscales » in riguardo alla composizione dei piccoli feudi e 
precarie nelPetà carolingica]. 

809. SS. — 1906, I. — Leicht P. S., lAvellario nomine: osserva- 
zioni ad alcune carte am latine del secolo nono. 

810. SS. — 1906, I. — Del Giudice P., // principio del talione e 
Vantico diritto germanico. 

811. Arst. — - XXII, 23-24, 1903. — Melani A., La prima campana 
[Appartiene al museo Falcioni di Viterbo; è la più antica oggi nota, potrebbe 
risalire al secolo VII]. 

812. Vswg. — III, 2-3, 1905. — Heck Ph., Die Gemeinfreien rf« 
Taeitus und das Standproblem der Karolingerzeit [A proposito del recente 
volume di Max Weber], 

813. MgiÒ. — Ergànzungsband VII, 2, 1906. — Hofmeister A., Mark- 
grafen und Markgrafschaften im Italischen Kònigreich in der Zeit von 
Karl dem Grossen bis auf Otto dem Grosseii 774-962) [I<a conquista 
d^Italìa fatta da Carlo Magno, la trasformazione delle istituzioni dei Longo- 
bardi in quelle dei Franchi. I marchesi Italiani e le marche in generale; 
le casate marchionali d'Italia, del Friuli, di Toscana, di Spoleto, sotto Carlo 
Magno e Ludovico il Pio, indi da Lotario fino alla deposizione di Carlo HI» 
infine sotto i re proprii d'Italia]. 



Digitized by 



Google 



ALTO MKDIO EVO 36 1 

814. Hj. — XXVII, 1, 1906. ~ HablitzeI I. B., Hraòanus Maurus 
und Glaudius von Turin [A proposito delle relazioni e dello derivazioni 
letterarie tra fiabano Mauro e Claudio di Torino, già affermate dal Trom- 
belli (Migne 104-621)]. 

815. Hj. — XXVI, 2, 1905. — Schrors, Die pseudo-ìsidorische Exeeptio 
spolii bei Papst Nikolaus I. 

816. MgiÒ. — XXVI, 1, 1905. — Mayer E., Zur Entstehung der lex 
Uiinensis [Conclude che la « lex curiensis » è una fonte di diritto italiana, 

esistente già avanti la metà del 9^ secolo, e usasi citare anche come « lex 
utinensis ». 

817. NaV. — N. S., Vili, 15, 1904. — Spagnolo A., Uareidiacono 
Pacifico di Verona inventore della Bussola? [Dopo aver descritto repi- 
taffio deiraroidiacono veronese morto neir 846, già illustrato da Scipione 
MafTei e da altri, critica, con molta abnegazione di campanilismo, Tinter- 
pretazione data dal colonnello A. Botto e dal dottor Luigi Posteraro ad 
alcuni versi del medesimo, per cui si attribuirebbe al Pacifico l'invenzione 
tanto discussa di Flavio Gioia amalfitano'. 

818. Rsben. — I, 1, 1906. — Cipolla C, Una « adbreviat io » inedita 
dei beni deWabbaxia di Bobbio [L' abbate Wala dispone dei redditi del- 
Tabbazia distribuendoli in servizio delle varie aziende e specifica i lavori 
ai quali dovevano attendere gli ufficiali dell'abbazia stessa, anni 834-836. 
L'A. ne dà il testo critico. Segue il testo di frammenti di una « adbreviatio» 
dei beni dell'abbazia del sec. IX]. 

819. Nan. — XL, 811, 1905. — Bertolinì F., UXI Centenario di 
San Paolino patriarca di Aquileja. 

820. RsS. — II, 9-10, 1905. — Capone N., W Magistri^ [Studia la 
evoluzione del titolo, dai documenti del X secolo fino al principio delPevo 
moderno]. 

821. SS. — 1906, li. — Beata E., Per l'esegesi di un documento ca- 
vense [Del sec. X: riguarda la condizione di coniugi non liberi e la loro 
manumissio; contempla un caso singolare di liberazione di persone in qualche 
modo < incertae », e ci dà notizia di uno dei modi con cui si poteva poi pro- 
<>edere alla determinazione dei soggetti passivi della obbligazione assunta 
dai manumissori ; c'induce anche a credere che sino al momento in cui 
si concretava il vincolo servile, coloro la cui libertà era in sospeso potes- 
sero nondimeno agire come liberi]. 

822. Sm. — I, 4. 1905. — Pascal C. Una leggenda medievale: il 
bircio delle catene dì S. Pietro [Aneddoto da un codice bobbiese del sec. XI, 
riferentesi al papa S. Ales.sandro]. 

823. MgiÓ. — XXVII, 1, 1906. — Pflugk-Hartung I., Das Papst- 
tcakfdekret dss Jahres 1059 [Studia e analizza le falsificazioni sulPargo- 
mento della riforma di Nicolò II e il sinodo laterano del 1059, circa rele- 
zione pontificia, nella lotta tra zelatori pontifici e partigiani imperiali]. 

824. Sm. — I, 4, 1905. — Novati F., *Li Dis du Koc* di Jean de 
Condé ed il Oallo del campanile nella poesia medievale [Con un'appen- 
dice sul Gallo di Ramperto di Brescia]. 

825. NaV. — N. S., Vili, 16, 1904. — Lazzarini V., Originali an- 
tichissimi della cancelleria Veneziana [Osservazioni diplomatiche e pa- 
leografiche generali e il testo di quattro documenti degli anni 1099-1106]. 

826. Hz. — LX, 3, 1906. — Schftfer D., Hat Heinrich IV scine 
Qregor gegebene Proinissio von oktober 1076 gef dischi? 

827. HrA. — XI, 2, 1906, january. — Dana C. Munro, The speeeh 
of pope Urban II at Glermoìit [Valendosi degli scrittori contemporanei, o 



Digitized by 



Google 



362 SPOGLIO DEI PERIODICI 

quasi, corca di ricostruire, se non il testo, almeno le idee fondamentali del 
discorso pronunziato da Urbano li a Clermont]. 

828. AP. — I, 2, 3, 1906. — Gnoli U., L arte romanica nell'Umbria. 

829. Arsi. — XXIII, 13-14, 1904. -- Meiani A., A proposito dei 
cammei e pietre incise nel medio evo. 

830. Arsi. — XXIll, 7-8, 1904. — Meiani A., Nota sulla ceramica 
neWalto medio ero, sopratutto sulle scodelle degli edifici. 

831. Arst. — XXII, 8-9, 1903. — Meiani A., La questione di Cafag- 
giolo definitivamente chiusa [k pro()Osito dell'esistenza di una fabbrica di 
ceramica nel medioevo]. 



4. BASSO MEDIO EVO (Seo. Xl-XV). 

832. Rsban. — I, 2, 1906. — Carreri F. C, Del libro VI inedito 
della storia polironiana del Bocchini [Conservato alla biblioteca comu- 
nale di Mantova : incomincia coir età della Contessa Matilde ; TA. no dà 
succintamente il contenuto]. 

833. NaV. — N. S., VIE, 16, 1904. — Roberti M., Dei giudici ve- 
ncMani prima del 1200 [Ne dà l'elenco desunto dai pubblici atti ; esso 
risale alPanno 912 (?) e giunge fino al 1198, aggiungendo osservazioni 
generali di cui tratterà più ampiameute in altro lavoro sull'argomento]. 

834. Vswg. — 111, 1, 1905. — Wopfner H., Freie und unfreie Leihen 
im spater en Mittelalter, 

835. Arst. — XXII, 2-3, 1903. — Meiani A., Piccoli avori profani 
delVXI, XII e XIII secolo. 

836. Arst. — XXII, 23-24, 1903. — Meiani A.. Un ventaglio che 
avrebbe undici secoli [Del tesoro di Monza : non appartenne alla regina 
Teodolinda e probabilmente non è più antico del XII secolo]. 

837. MgiÒ. — XX VII, 1, 1906. — Hampe K., Zuìu Erbkaisef-plan 
Heinrichs VI [L'A.- ritrova in una fonte contemporanea due documenti, 
bastanti per iuiìrmare la formale obbiezione contro la comprensione dei 
passi dalPA. esaminati, e con molta verimiglianza conclude cbe Enrico VI 
nelPestate 1196 ha fatto il notevole tentativo di ottenere con larga conces- 
sione Tasseuso del Papa Celestino III alla correggenza nell'Impero di suo 
figlio non ancora eletto re di Germania, e con quel mezzo fare un gran 
passo verso l'impero ereditario. Quanto già allora agisse nella curia romana 
l^influsso di colui che fu più tardi il gran Papa Innocenzo III non si può 
con certezza misurare. Bastava la caparbietà di Celestino III a questo ten- 
tativo fallito]. 

838. SS. — 1906, I. — Bragi B., La riabilitaxione dei giureconsulti 
aceursiani. 

839. RsS. — II, 7-8, 1905. — Francioso R., Il dialetto Salentino net 
periodo delle origini [Documenti del tempo dei Normanni], 

840. Hz. — LIX. 2, 1905 — Dehio G., Die Kunst UnteritaUens in 
der Zeit Kaiser Friedrichs II [A proposito delle opere di Emile Berteaux, 
Adolfo Avena, Adolfo Venturi (voi. 3»), Arturo Haseloff]. 

841. Arst. — XXII, 13-14, 1903. — Meiani A., Un celebre trattato 
artistico del medioevo [Il « Diversarum artium schedula » del monaco Teo- 
filo probabilmente del sec. XIII]. 

842. BftsU. — XI, 1-2, 1905. — Degli A«zi G., Di due antichissimi 
registri tifemati di dfliberaxioni consigliari e di processi [Del sec. XIII 



Digitized by 



Google 



BASSO MEDIO FA'O 363 

fanno parte della raccolta strozziana de R. Archivio di Stato di Firenze : 
cominciano coiranno 1261 le registrazioni del l** e col 1260 le registrazioni 
del 2«. Ne dà lo spoglio]. 

843. BssU. — XI, 1-2, 1905. — Degli Azzi G., Aneddoti di vita 
dausirale in due monasteri umbri del sec. XIII [Pubblica tre documenti 
dell^archivio di Stato di Firenze riguardanti la Badia di S. Fedele di Poppi 
già di Strami, degli anni 1261, 1277 e 1290]. 

844. BssU. — X, 3, 1904. — Lugano P., De/le chiese della città e 
diocesi di Foligno nel secolo XIII [Dopo un cenno della storiografia delle 
chiese di Foligno, dal secolo XVII fino ai lavori recenti, esamina la que- 
stione della diffusione del cristianesimo e delPorigine delle città vescovili 
nell'Umbria; dà il testo di una bolla di Innocenzo II (1138) e chiarisce indi 
i confini del vescovado di Foligno nel secolo XIII. Studia poi Terga nizzazione 
delle chiese; le spese a loro carico o le discussioni al riguardo che provo- 
carono la sentenza del card. Capocci nel 1239 ; le canonicae, le plebes, le 
ecclesiae o cappellae, la canonica Sancti Felioiani di Foligno e la vita co- 
mune col vescovo; la libra delle chiese di Foligno, sua origine e metodo 
di compilazione sulla scorta della sentenza del card. Capocci predetta ; i 
beni del vescovato e il sexterium episcopatus ; la libra soxterii canonicae ; 
il sexterium irionasterii Saxivivi; la libra universitatis]. 

845. BmcB. — III, 1, 1906. — Chinppani G., Biografia del poeta 
Castellano di Simone [Precursore degli umanisti nel sec. XIU, autore del 
poemetto «Venetianae paois inter Ecclesiam et Imperatorem]. 

846. BmcB. — III, 1, 1906. — Cessi R., Di un codice statutario di 
Bassano [Del sec. XUI], 

847. BmcB. — II, 4, 1905. . — Gerola G., Un piccolo ripostiglio di 
monete Veneziane e Meranesi [Del sec. XIII]. 

848. BmcB. — II, 2, 1905. — ChiappaniG., Un curioso processo del 
sec, XIII [Querela per una ingiuria, che ai nostri giorni non sarebbe consi- 
derata tale, e la conseguente condanna a L. 10 di multa e danni ad arbitrio 
della parte lesa]. 

849. NaV. — N. S., IX, 18, 1905. — Botteghi L. A., Clero e comune 
in Padova nel secolo XIII [Studia i rapporti secolari e religiosi nel periodo 
pre-Ezzelliniano e nel periodo successivo, quando vien meno colla repubblica 
ogni traccia di quella attività legislativa che tanto onora i primi magistrati 
che la ressero nel secolo XIII ; così le nuove leggi fanno un tale contrasto 
colle precedenti da non sembrare dello stesso popolo; il clero secolare ap< 
pariva il vero nemico della repubblica, non solo per la scellerata condotta, 
ma per le pretese immunità Nel 1290 si addivenne a pace Mille contro- 
rersie tra il Papa e la Repubblica. N. Il documenti in appeuoice]. 

850. Mse. — IV, 4. 7-8, 1906. — Cinquini A., Una cronaca mHa- 
nese inedita del sec, XIII: la « Chronica Danielis » [Premette un sunto 
al testo della « Chronica Danielis de comitibus Angleriae > la quale abbraccia 
il periodo dall'anno 606 al tempo di Federico I. Esamina quindi critica- 
mente il testo, di cui dà note copiose; in appendice dà la genealogia dei 
conti di Angora]. 

851. Bcf. — I, 4-6, 1905. -— Dekerval L., Les sources de Vhistoire 
de Saint Francois d^ Assise [Conti nuaz. cfr. Ésl. 1905, sp. n. 1856]. 

852. Rg. — XLl, 1-2, 1905. — Goffln A., La legende franciscaine 
dans Vart primitif italien [Conti nuaz. cfr. Bsl. 1904, sp. n. 215], 

853. BssU. — XI, 3, 1905. -— Casali R , Notixie e documenti per 
comprovare la genealogia di S. Francesco [Esamina gli scrittori più noti 
suir argomento dal 1668 al 1901 e conclude ohe S. Francesco non fu né 



Digitized by 



Google 



3(54 SI'COLIO DKI PEWODlcr 

dei Monconi di Assisi ne di quelli di Lacca, i)oichè tali casati ancora non 
esistevano; non fu nobile, il padre fu fabbricante di pannilani. L'A. pub- 
blica i documenti che restano sui parenti del santo dal 1253 al 1273 e 
Talbero genealogico che si conserva nella biblioteca di Assisi, che è il più 
antico, mai veduto finora dagli storici e nemmeno dal Papini. Ksso risale 
al 1380 quando sopravvivevano della famiglia due femmine, e al Santo non 
attribuiva un cognome di origine]. 

854. Hjb. — LX, 3, 1906. — Hampe K., Die Wundmale des hi. Franz 
von Assisi [11 risultato critico delle ricerche delPA. stabilisce che le sti- 
mate di S. Francesco, della cui esistenza già avanti la sua morte non po- 
teva dubitarsi, sono tuttavia per la prima volta, neirultimissimo tempo di 
8im vita, state note ai con fratelli e con ogni verisimiglianza dopo o non 
molto prima originarono. Alle mani e ai piedi esse avevano, secondo il 
giudizio delle fonti, Taspetto di color oscuro del foro della ferita -rimargi- 
nata mentre le parti della ferita erano ancoi*a sanguinose. Esse non hanno 
nulla a che fare con la serafica visione apparsa al Sauto nel Settembre 1224J. 

855. BssU. — X, 3, 1904. — Lanzi L., IH una pergamena apocrifa 
sulla lega del 1215 fra Terni e Foligno [I^ pergamena falsificata per es- 
sere citata in processo od apologia nobiliare, poggia tuttavia sopra un fatto 
storico dimostrato autentico da tutte le circostanze concomitanti]. 

856. BoicB. — ir, 1, 1905. — Spagnolo G.. Per la cronaca di Bas- 
sano, 1222 [Breve notizia di pergamene riferentisi al comune di Bassano]. 

857. RaS. — Ili, 2, 1906. -- Panareo S., Una data su Giocondo 
Paladini arcivescovo di Otranto [Nel 1228, già arcivescovo, consacrava una 
cappella; ne reca il documento]. 

858. Bssr. — X, 3, 1904, — Briganti F., Della guerra tra Perugia 
e Foligno nel 1254 [La guelfa Perugia, ih lega collo principali città d'Italia, 
combatteva per il predominio della sua parte, mentre Foligno teneva parte 
imperiale; la guerra tra loro era conseguenza della discesa in Italia di 
Corrado di Svovia, accorso fiu dal 1251 per rivendicare i diritti sul Regno 
delle due Sicilie e cingere la corona del sacro romano impero. Sulla guerra, 
di cui tacciono gli storici locali, l'A. pubblica due documenti]. 

859. SS. - XXI, 4-5, 1905. — Mondolfo V. G., La legislazione sta- 
tutaria senesn dal 1262 al 1310. 

860. H«. — LX, 3, 1906. - Herzl)erg-Prankel C, Rudolf von 

Habsburg [A proposito deiropera di Osvaldo Redlich]. 

861. Thq. — LXXXVII, 1, 1905. — Baur L., Die methodische Ber 
handlung des Substanx-problem bei Thomas v. Aquin und Kant. 

862. Hj. — XXVII, 2, 1906. — Haystens, Das Kapitel pon St. Peter 
in Rom unter devi Einflusse der Orsini {1276-1342) [L'amministrazione 
della chiesa di S. Pietro sotto i tre Arcipreti della casa Orsini [Nicolò 111, 
Matteo Rosso e Napoleone; il fondamento nepotistico della politica degli 
Orsini; i vantaggi e i danni deiramministrazione nepotistìca. La decadenza 
della vita ecclesiastica in S. Pietro, i tentativi di riforma di Napoleone 
Orsini e di Benedetto XII. In appendice: 1« un elenco dei canonici di 
S. Pietro in Roma al tempo delParciprete cardinale Napoleone Orsini 
(1305-1342) con particolar nota dei parenti e dei clienti degli Orsini, le 
fonti di ciascuno; 2^ gli statuti della riforma deirarciprete Napoleone Or- 
sini, Cardinale diacono titolare di S. Adriano, per il capitolo di S. Pietro 
(Avignone 1 aprile 1337)]. 

863. Sm. -—1,4, 1905. — Schmitt J., La metrica di Fra Jaeojìone. 

864. Sm. — l, 4, 1905. — Bertoni G., Intorno alle questioni sulla 
lingua nella lirica italiana delle origini. 



Digitized by 



Google 



BASSO MEDIO EVO 365 

805. Naw. — XLI, 817, 1906. — Salvadori G., Dante e Santa Mar- 
gherita da Cortona, 

866. RsS. — III, 2, 1906. — Laneri L*, Alcuni affreschi e un ntAQvo 
ritratto di Dante a Napoli [Di Mastro, àSimone contemporaaeo di Giotto 
<? di Dante, nella chiesa delP Incoronata]. 

867. NaV. — N. S., X, 20, 1905. — Biadei^o G., Dante e Vumanesìmo 
Veronese [Discorso nella publìlica adunanza della R. Deputazione Veneta 
di storia patria. Con 6 documenti in appendice degli anni 1405-1467]. 

8(38. Vp. - I, 4, 1906. - Persichetti N., Della prima idea della 
pace universale [In Dante;. 

869. Na7». XLI, 827, 1906. — Livi G., Cultori di Dante in Bologna 
in Bologna nei secoli XIII e XIV [Nuovi documenti da un registro di 
Memoriali dell'archivio di stato di Bologna]. 

870.'Arst — XXIII, 10-11, 1904. — La Corte Cailler G.. Codici 
danteschi in Messina nel sec. XV, 

871. MgiO. — XXVI, 2, 1906. — Finke H., Zur CharakteHstik 
Philipps des Schònen. 

872. H«. — N. S., LVIII, 1, 1905. — Wenck K., War Bonifax Vili, 
ein Ketxer? [L'attendibilità dello testimonianze; lo scetticismo del Papa 
nella luce dello testimonianze. Antichi e nuovi biografi difensori. Le per- 
sonalità del Papa]. 

873. MgiO, — XXVl, 3, 1905. — Holtzmann R., Papst Boni fax Vili 
ein Ketxer'f [A proposito e contro Tarticolo del Wenck neirHistorische 
Zeitschrift di cui cfr. Rsl, 1906, sp. n. 872]. 

874. Naw. — XL, 804, 1905. — Gabotto P., Popolani e Magnati in 
Asti nel secolo XIV [Paragona le vicende del comune piemontese con quelle 
di Firenze e conclude : « come più tardi a Firenze dopo la loazione contro 
i Ciompi, così mezzo secolo prima si esauriscono in Asti gli sforzi del po- 
polo per la conquista della preponderanza civile, I tentativi, anzi, del po- 
polo per soverchiare i magnati, ed il loro effimero trionfo, forse appunto 
perchè oltrepassarono la giusta misura di riscossa, convertendosi in altra 
peggiore oppressione, ebbero quest'esito doloroso, che la nuova nobiltà ri- 
saltante dalla fusione dell'antica coiralta borghesia commerciale e bancaria, 
a poco a poco fini per gravare la mano sugli umili e sui mediocri, ebbe 
più vizi e minori virtù]. 

875. MsV. — XIII, 1, 2, 1905. — Traversani G., Le lettere autografe 
di Giovanni Boccaccio del codice Laurenxiano XXIX [Descrizione del 
codice, degli studiosi che ne usufruirono, del contenuto e dei lumi per la 
biografia del H. che da quelle lettere provengono. Segue il testo di cinque 
lettere tra il 1338 e il 1348]. 

876. BssU. — X, 3, 1904. — Filippini E., / codici del « Quadrircgio » . 

877. BssU. — XI, 3. 1905. — Scalvanti O., Framme^iti di Cronaca 
Perugina inedita [Pubblica i frammenti del secolo XIV e della prima metà 
del secolo XV della cronaca di Pietro Angelo di Giovanni già detta del 
Oraziani, di cui cfr. Rsl.^ 1904, sp. n. 247]. 

878. Vihen. — I, 1, 1906. — Lu<^ano P., Delle più antiche costi tu- 
xioni monastiche di Montoliveto [Dal 1319, ohe segna il principio deire- 
sistenza canonica e legale del monastero di Montoliveto]. 

879. Rhen. — I, 1, 1906. — Magnanensi P., Della congregaxione 
benedettina cisterciense del SS. Corpo di Cristo [Fondata dal monaco be- 
nedettino Andrea di Paolo, rampollo dei Marchesi di Torre di Andrea, ca- 
stello del piano di Assisi, nel 1328]. 



Digitized by 



Google 



300 SPOGLIO DEI PKRIODia 

880. NaV. — N. S., Vili, 15-16, 1904. — Battistella R., //mwmiic 
di Treviso e la cavalleria [Continuazione cfr. Rsl.^ 1905, sp. n. 196: La 
« schoia > < coUegiam militum » ; la loggia dei cavalieri ; i « milites ru- 
sticani». In appendice 12 documenti tra il 1380 e il 1565]. 

881. BssU. — XI, 1-3, 1905. -^ Pardi G., Oli statuti della colletta 
del Comune d'Orvieto [Continuazione cfr. i?*/., 1905, sp. n. 795. I^ sta- 
tuto del 1334. In appendice lo statuto del 1339 J. 

882. MgiÒ. — XXVI, 4, 1905. — Steiuherz S., Margareta von Tirol 
und Rudolf IV [La riunione del Tirolo ai possessi austriaci si compì con 
tre atti politici seguentisi da vicino, tra il 1359 e il 1364, sotto Margherita 
del Tirolo e col consenso del suo consigliere, il Duca Rodolfo IV. Segue 
all^esame degli avvenimenti un regesto di documenti di Margherita del Ti- 
rolo tra il 1352 e il 1362], 

883. RsS. — 11, 7-8, 1905. — Argentina N., Una pag ina *di storia 
ecclesiastica francavillese [A proposito delle vicende del rito greco, con 
un documento del 1361]. 

884. BssU. — XI, 1-2, 1905. — Soranzo G., Atti d'un processo fatta 
a Perugia, tra le minute d'un notaio padovano {1368) [Si tratta delle 
minute del notaio padovano Lanzarotto l^-epello, relative al processo contro 
i nobili ribelli al governo del popolo in Perugia. L'A. descrive le cause e 
i pretesti, i capi e i complici, l'esito della congiura secondo le dette mi- 
nute, date in appendice]. 

885. NaV. — N. S., IX, 18, 1905. — Segre A., Di alcune relax ioni 
tra la Repubblica di Venezia e la Santa Sede ai tempi di Urbano V 
e di Gregorio XI (1367-1378) [Venezia non ora inerte di fronte a Ur- 
bano V, sia perchè occorre vale Tappoggio del Pontefice nella sua politica 
orientale a Cipro e in Egitto, sia per l'inclinazione di Urbano V alle cose 
dUtalia ; lieta del ritorno di costui a Eoma, che Francesco Petrarca appunto 
da Venezia con una celebre epistola esortava, offrì la Repubblica al Pon- 
tefice 10 galere, e, benché il numero fosse poi ridotto, ebbe tuttavia il 
Papa particolarmente a distinguere quelle dei Veneti ti^a le galero che lo 
accompagnarono a Roma. Particolari rapporti aveva la Repubblica col cai^ 
dinaie Anglico Grimoard fratello del Papa e quindi .secolui si allietò del- 
l'affidatagli legazione di Ancona e Romagna. Ebbe dal Papa privilegi o« 
malgrado qualche screzio, conservò sempre secolui cosi buoni rapporti che 
la regina Giovanna di Napoli impetrò il sostegno della Repubblica per ot- 
tenere dal Pontefice la dispensa pel matrimonio d'una sua nipote. Sotto 
Gregorio XI Venezia tentò di farsi intermediaria di pace tra il Papa e Fi- 
renze, e poi di rendere a Firenze men gravi i danni della guerra, finché 
venne a distoglierla da quello parti la guerra di Chioggia. Tro documenti 
in appendice]. 

886. Hj. — XXVI, 3, 1905. — BUemetzrìeder Fr., Ein BHef dts 
Oegenpapstes Klcmens' VII (1378) [Diretta agli auticardiuali creati da 
Urbano VI]. 

887. Hj. — XXVr, 2, 1905. — Gnggenberger, Die Anerkennung 
Urbans VI durch die in Avignon weilenden Kardiniil. 

888. 3IgiO. — Ergànzungband VII, 2, 1906. — Sommerfeldt G., Ztrei 
Sehisfnatraktate Heinricus von Langenstein |Una epistola all'Imperatore 
e agli altri re e principi per la pace della chiesa universale (1381 ) e un ''altra 
al vescovo di Brescia (1384): ne pubblica il testo]. 

889. BssU. — XI 1-3, 1905. — Pellegrini A., Gubbio sotto i conti 
e duchi d'Urbino (1384-1632) [Premesso ampio cenno sulle fonti edite, e 
specialmente sulle inedite, descrive accuratamente le vicende della città 
sotto ciascuno dei conti o duchi di Urbino delle due dinastie dei Monto- 



Digitized by 



Google 



BASSO MEDIO EVO ;367 

feltro o della Rovere, le loro leggi, la ripercussione in Gubbio dei fatti 
della politica di Urbino, ecc.]. 

890. NaV. — N. S., X, 20, 1905. — Simeoni L., La torre del Oar- 
dello di Verona [Riproduce quattro documenti degli anni 1371-1421]. 

801. MsV — XllI, 1, 1905. — Dini F., Cennino 'di Urea Gennini 
da Colle di Valdelsa [Cenni biografici sul pittore del sec. XI VJ. 

892. Arst. — XXll, 19-20, 1903. — Franceschini P., Per Francesco 
Talenti [Architetto di S. Maria del Fiore e di altri monumenti in Firenze 
falsamente attribuiti ad Arnolfo di Cambio. 

893. Arst. — XXIU, 4, 1904. - Sant'Ambrogio D., Nel Museo di 
Porta Qiovia a Milano [A proposito di una statua orante coirabito semi- 
nato di spighe, raffrontato con altri esemplari e con riferimenti alla Du- 
chessa Catterina Visconti]. 

894. Smbc. — XXVU, 1, 1906. — Bliemetzrieder, Ein Kanostischer 
Traktat aits Bologna [Da un codice vaticano, del tempo di Gregorio XII, 
riguarda la convoeazione dei concilii per opera dei cardinali]. 

895. Khen. — I, 2, 1906. — André E., Sul ^De Imitatione Gkristi»: 
}iote ed osservaxioni [Studia per argomenti interni, la data nel corso del- 
Tanno della compilazione di ciascun capitolo]. 

890. Arst. — XXIT, 2-3, 1903. — Perrella A., De' feudi confiscati 
dalla regia Corte napoletana pei- delitto di ribellione de* concessionari 
[Cita esempi dei secoli XV e XVI, uno Xlll]. 

897. BmcB. — 11, 1, 1905. -— Documenti Bassanesi [Continuazione 
cfr. RsL, 1905, sp. n. 815. Dal n. 8, del 4 agosto 1408, al n. 20 del 
!• agosto 1413]. 

898. NaV. — X. S., X, 19-20, 1905. — Sacchetti A., Per il possesso 
di Tolmino^ episodio di storia cividalese [Dal 1419 al 1535, con IO do- 
cumenti in appendice]. 

899. Mse. — UI, 8-12, IV, 1-8, 1905-1906. — Pagliacchi P., / ca- 
stellani di Castel S. Angelo di Roma con documenti inediti relativi alla 
storia della Mole Adriana [Continuaz. cfr. Rsl.^ 1905, sp. n. 1306: Ancora 
Telenco dei castellani dal 1423 al 1464, con particolare riguardo ad Antonio 
da Rido (maggio 1434-marzo 1447): seguono 25 documenti tra il 1275 e 
il 1458. Nella parte II* poi si danno notizie dei castellani vescovi, da 
Rodrigo Sancio de Arevalo (1464-1483) a Lorenzo Cibo (1487-1489)]. 

900. BssU. — XT, 1-2, 1905. — Morìei M., Di Corrado Trinci, ti- 
ranno e mecenate umbro del quattrocento [Ricorda la tragedia per cui un 
Pietro da Pasquale castellano di Nocera, offeso neironore per via di sua 
moglie da Nicolò Trinci fratello di Corrado e Bartolameo, riuscì (1421) (5on 
Pinganno a far strage di Nicolò e Bartolomeo. Corrado sopravvissuto, per 
mezzo di Braccio dei Fortebracci, vendicò in Nocera, Foligno e Trevi con 
più di 30 vittime l'ingiuria, tirandosi addosso lo sdegno dei Papi e prepa- 
rando la rovina del suo principato. Solo nel 1425 Martino assolse Nocora 
dall'interdetto e TA. ne pubblica in appendice il relativo breve]. 

901- BmcB. — Il, 1, 1905. — Chinppani G., U antica legislazione 
agraria dei Bassanesi e il codice del 1444 [Continuazione cfr. Rsl.^ 1005, 
sp. n. 821]. 

902. NaV. — N. S., X, 19, 20, 1905. — Rossi L., Venexia e il Re 
di Napoli, Firenze e Francesco Sfama dal novembre del 1450 al giugno 
del 1461 [Venezia dopo di aver tentato anche il delitto per sopprimere Fran- 
cesco Sforza nuovo Signore di quella Lombardia cui agognava, legata con 
il Re di Napoli volgeva sopratutto i suoi sforzi per attirare a sé Firoriz(< 
antica alleata, la quale, golosa deirinvadonto ambizione della Repubblica di 



Digitized by 



Google 



i 



3G8 SPOGLIO DEI rEHIODKI 

S. Marco, vedeva nello Sforza un prezioso elomento di equilibrio e sostene- 
valo quindi. Mentre Venezia e lo Sforza s'apparecchiavano in armi, fervo- 
vano le trattative tra Venezia e Alfonso, con intervento eziandio del Papa 
per premere Cosimo De Medici, e quando, malgrado le orazioni umanistiche 
degli oratori dei vari governi, quei tentativi svanirono, si venne alla vio- 
lenza, cioè Venezia e il Re di Napoli bandirono dai loro Stati i Fiorentini. Fu 
quello un mal passo di cui Cosimo De Medici ebbe tutto il vantaggio {isso- 
dando il suo prestigio dinanzi ai Fiorentini sdegnati e concludendo lega 
definitiva collo Sforza in previsione e preparazione di una guerra che Ve- 
nezia stessa non voleva. Alla lega di Firenze e di Milano s'aggiunsero Ge- 
nova e il Re di Francia: per quell'anno, la stagione inoltrata, la peste, la 
venuta di Fedorico III d'Austria in Italia, differirono la guerra, che scoppiò 
però Tanno seguente più fiera e desolante. Così anche questa volta la ìjom- 
bardia è cagione di lotta micidiale e sanguinosa. In appendice 40 documenti]. 

903. BmcB. — III, 1, 1906. — Gioì M., La comparsa d' tino spirito 
del 1453 [Pubblica uno strano atto notarile al riguardo]. 

904. AP. — 1, 2, 1906. — Pardi G., Borso d'Este a Perugia nel 1471. 

905. BssU. — XI, 3, 1905. — Degli Azzi G., // tumulto del 148S 
in Perugia e la politica di Lorenzo il Magnifico [Pubblica 60 documenti 
deir Archivio di Stato di Firenze, i quali illustrano gP intendi menti reconditi 
di liOrenzo De' Medici nella parte presa allo sconvolgimento per cui i Ba- 
glioni, cacciati gli Oddi, consolidarono la loro egemonia e l'effettivo dominio 
in Perugia]. 

906. Na». — XL, 799, 1905, — Barbarici!, Giorgio Castriota, lo 
Scanderberg [Dal volume delPA. sulP*. Albania»]. 

907. MgiO. — XXVI, 4, 1905. — Mitis 0., Blanquette und Chiffren 
xitr italienischen Reise eines Kaiserliehen Gesandten 1480 j Pubblica un 
documento in cui si accenna al biancosegno e alla cifra]. 

908. NaV. — N. S., X, 20, 1905. — Fossati F., Sidle relax^ioni tra 
Venexia e Milano dorante gli ultimi nefjoxiati per la pae-e del 13 marzo 
1480 [Nel dicembre 1479 liOrenzo il Magnifico si recava a Napoli per trattar 
direttamente la pace col Re : ebbe accoglienze splendide ma poi nelle con- 
ferenze per la conclusione dei patti durò qualche tempo indecisione. Ap- 
punto durante queste incertezze Venezia, che assai per tempo aveva trape- 
lato le intenzioni medicee, era in grave turbamento, dubitando di essen» 
giocata e isolata, tanto più che dai segreti negoziati ella era esclusa, mentre 
gli Sforza di Milano, pur affettando con essa indifferenza, erano di quei ne- 
goziati magna pars, o nacque anzi timore che i Duchi fossero per combi- 
nare una segreta unione col Re di Napoli. Allora fu che incominciò a 
biancheggiare sulPorizzonte Palba degli amori di Venezia col Pontefice, 
poiché entrambi temevano il tradimento dei rispettivi alleati. Venezia non 
mancava però di saggiare il terreno, proponendo ai Duchi e ai Fiorentini la 
rinnovazione della loro alleanza, e. mentre si scambiavano le veduto e i 
pareri al riguardo, essa, che accettava volentieri gl'indugi ad una de- 
cisione sull'argomento, proseguiva col Pontefice occulti negoziati. Alfine 
giunsero da Napoli rassicuranti notizie di pace, le quali non dissipavano 
tuttavia i timori di Venezia tenuta tuttora al buio di quanto andava con- 
cordando. Quando la pace fu latta, nel marzo 1480, Venezia ordinò ai suoi 
ambasciatori di non assistere alla pubblicazione della medesima, non già 
per assumere contegno minaccioso verso gli alleati, ma per tenersi libera, 
quando avvenisse guerra in Romagna, di armarsi (^ fare i suoi intei-essi. 
Ma la pace fu ratificaci anche da Sisto IV e dodici giorni avanti, cioè il 
16 aprile, la Repubblica s'ora alleata definitivamente con lui]. 

909. Ar»t. — XXIIl, 9, 1904. — Rosai G.. Pn pittore piemontese in 
Provenxa tiel XI" secolo [(ìiovanni Canavesi piiierolese]. 



Digitized by 



Google 



BASSO MEDIO EVO 309 

910. Arst. — XXIII, 9-14, 1904. — Antonello da Messina: nuoci 
studi e scoperte. - A proposito dì un'opera di Antonello da Messina a 
Milano. — La Corte Cailler G., Ancora per un'opera di Antonello da 
Messina [A proposito del ritratto virile dipinto da Antonello nel 1476 ed 
esistente a Milano, di cui sopra]. — Arenaprimo G., Antonello da Messina. 

911. Arst. — XXIII, 13-14, 1904. — Astolfi C, Conferma dell'ori- 
gine tedesca di Pietro Alamanni [Pittore di cui trattò il Bollettino Monte- 
rubbianese; cfr. RsL, 1904, sp. n. 259, e 1905, sp. n. 330]. 

912. Arst. — XXII, 1903. — Lachinì L., Pitture del quattrocento 
esistenti in Mar caria Mantovana. 

913. AP. — I, 3, 1906. — Cris^tofani G., Un'opera ignorata di Fio- 
renzo di Lorenzo. 

914. AP. — I, 1, 1906. — Schneider R., Un Pérugin au Musée de 
Toulouse. 

915. AP. — I, 3, 1906. — Urbini G., Eusebio di San Giorgio [Il- 
lustre tra gli scolari del Perugino]. 

916. Arst. — XXIII, 1, 1904. — Carocci G., Il tabernacolo e la casa 
di Gherardo^ miniatore in via Larga a Firenxe. 

917. Arst. — XXII, 11-12, 1903. — Lucchini L., Reliquie di mo- 
numenti cremonesi deWepoca del risorgitnento dell'arte scultoria [Fram- 
menti del sarcofago di Giovanni dei Marchesi Cavalcabò (sec. XV). — Re- 
liquie delParca sepolcrale ai SS. MM. Mario, Marta e Audiface nel Duomo 
di Cremona del sec. XV]. 

918. Arst. — XXIV, 1-2, 1905. — Melani A., Mccolò di Piero ed 
Arezzo sua patria [Del sec. XV lavorò a Venezia, a Firenze, otc.]. 

919. Arst. — XXIV, 1-2, 1905. — Sacco A., L'arco trionfale del Re 
Alfonso d'Aragona. 

920. Arst. — XXllI, 18, 1904. - Aieandrl V. E., L'architetto Baccio 
Pontelli debitore di Giulio Cesare Varano [Un documento dell'anno 1492]. 

921. Rsbm. — I, 1, 1906. — Odescalchi E., L'arte deW intaglio e 
della tarsia e Fra Giovanni da Verona [A proposito del volume di P. Lu- 
gano su «Fra Giovanni da Verona, maestro d'intaglio e di tarsia e la sua 
scuola»]. 

922. BssU. — XI, 1-2, 1905. — Zanelli A., Tommaso Fontano, nuoce 
ricerche ed appunti [Alcuni documenti dell'archivio comunale di ferugia 
colmano lacune biografiche sull'umanista, 8i)ecialmente nella carica, soste- 
nuta per un decennio, di Cancelliere del Comune: risulta ch'egli era vera- 
mente di Camerino. L'A. cerca di illustrare il periodo della vita peruj^ina 
di fornir notizie sulla famiglia, sugli amici e corrispondenti, sugli studi di 
lui. In appendice ive documenti, 1430-1447]. 

923. MsV. — XIII, 1, 1905. — Glorici M., Giambattista Valeutini 
detto il Cantalieio | Biografìa e cenni sull'opera dell'umanista della seconda 
metà del sec. XV. Dieci documenti in appendice]. 

924. NaV. — N. S., VIII, 16, 1904. — Dalla Santa G., Un episodio 
della vita universitaria di Giasone del Maino [11 Senato Veneto aveva 
neirOttobre 1488 nominato all'Ateneo di Padova Giovanni Battista Hos- 
sello per procurare i vantaggi della « concurrentia doctonim » a Giasone 
Del Maino che vi teneva la cattedra ordinaria di diritto civile. Costui poco 
dopo fece nota Tintenzione di accettare l'offerta di Lorenzo il Magnifico di 
tnLsferirsi a Pisa con 200 fiorini di più all'anno. I^ istanze dei rettori di 
Padova, quelle personali del doge Agostino Barbarigo che chiamò il Maino 
alla sua presenza, non valsero a smoverlo; la signoria acoordavagli segre- 
tamente gratificazione di 50 ducati se rimanesse, rifiutavagli però i 1200 

Rivista storica italiana, :J* S., v, 3. -21 



Digitized by 



Google 



370 SPOGLIO DEI PERIODICI 

fiorini di ])iìi airanno, che invece ad altri chiamato a sostituirlo accordava, 
minacciava di negargli il pagamento di un'annata arretrata, che poi alla 
fine pagò. Giasone partissi da Padova, dove fu ricondotto a insegnar diritto 
civile il Campeggio e fu chiamato anche il dottor Bulgari no. Otto anni dopa, 
il 17 giugno 1496 Venezia annoverava ancora tra i professori del suo Ateneo 
Giasone del Maino, con mille ducati di onorario, e probabilmente egli vi 
disimpegnò almeno per qualche tempo rincarico. Undici documenti in ap- 
pendice illuBtrano Tepisodio]. 

925. NaV. — N. S., X. 19, 1905. — Rambaldi P. L., Di Antonio 
Vinciguerra e delle sue satire [liarga rassegna dei lavori e delle polemiche 
di A. Torre, V. Gian, A. Sopetto, con un contributo di documenti biogra- 
fici inediti], 

926. Mse. — IV, 6, 1906. — Borgongini Duca F., Un nuoro ms. 
del diario di S. In fessura [Un ms. del sec. XVIII della biblioteca privata 
del Seminario romano; TA. ne dà la descrizione, stabilisco la famiglia e 
lo varianti, nota le rubriche originali e postille]. 

927. Mse.- — IV, 6, 1906. — Mercati O., / inss, greci donati da 
Carlotta di Lusignano ad Innocenxo Vili. 



5. TEMPI M(3DEHNI (1492-1789). 

928. HrA. — X, 1, 1904. — Botirne E. G., The Naming of America. 

929. NaV. — N. S., IX, 17, 1905. - Bellemo V., Su due errori nei 
viaggi dei Caboto e sul cosmografo Salvatore de Pilestrina [A proposito 
dell'articolo di cui cfr. Rsl. 1900, sp. n. 853]. 

930. BincB. — III, 2, 1906. — Ghioppani Q., Di alcuni pittori sco- 
nosciuti (sec. XV-XVI) [Alvise da Venezia, Betussi Zenone, Bottaro An- 
tonio, Campesan Bartolomeo fu Lancillotto, Domenico fu Gio. Battista da 
Schio, Giovanni pittore, Rizo Francesco da Padova, Roberti Cristoforo, 
Roberti Fi noto, Sebastiano fu Michele da Padova, Sforza Francesco fu 
Bartolomeo da Vicenza]. 

981. BincB. — III, 1, 1906. — Frova A., Una casa dipinta a l'ossa- 
lunga [Del sec. XVI]. 

932. BmcB. — II, 2, 1905. — Scafftni G., Un affresco hassanese ed 
una incisione tedesca [Del sec. XVI di Jacopo da Ponte]. 

933. Arst. — XXII, 8-9, 1903. — Buscaglia D., Due cimelii poco 
noti in Liguria [Due prospetti di tabernacolo del secolo XVI, nell'antica 
colleggiata parrocchiale di Finalborgo e nella casa dei PP. dello scuole Pie 
in Savona]. 

934. AP. — I, I, 1906. - Briganti F., Un autografo del Pintoricchio 

[Del 1510]. 

935. Arst. — XXIII, 24-25, 1904. - Monneret de Villard U., Per 

Leonardo da Vinci Per creare in Milano u