(navigation image)
Home American Libraries | Canadian Libraries | Universal Library | Community Texts | Project Gutenberg | Children's Library | Biodiversity Heritage Library | Additional Collections
Search: Advanced Search
Anonymous User (login or join us)
Upload
See other formats

Full text of "La Civiltà cattolica"

ICO 





LA 

CIVILTA CATTOLICA 



ANNO TRIGESIMOTEKZO 



26 setlsmbre 1882 



LA 



CIVILTA CATTOLICA 



AfflO TRIGBSIMOTERZO 



Beatus populus cvius Dominus Deus etus. 
PSALM. CXLIII, 15. 



VOL. XII. 

BELLA SERIE UNDEGIMA 






FIRENZE 

PRESSO LUIGI MANUELLI, LIBRAIO 

Via del I^roconsolo, 1G. 
presso S. Maria in Campo 

1882 



957 



PROPRIETY LETTERARIA 



Prato, Tip. Giachetti, Figlio e C. 



DE SANCTO FRANCISCO ASSISIENSI 

ET DE TERTIO FRANCISCALIUM ORDINE PROPAGANDO 



SANTISSIMI DOMINI NOSTRI 

LEONIS 

D1VINA PROV1DENTIA 

PAPAE XIII. 

EPISTOLA ENGYCLIGA 

AD PATRIARCHAS PRIMATES ARCHIEPISCOPOS ET EPISCOPOS VNIVERSOS CATHOLICI ORB'.S 
GRATJAM ET COMMVN10NEM CVM APOSTOLICA SEDE HABENTES 



Venerabiles fratres, salutem et apostolicam benedictionem. 

Auspicate concessum est populo christiano duorum viroruin 

memoriam brevi temporis intervallo recolere, qui ad sempiterna 

sanctitatis praemia in caelum evocati, praeclaram alumnorum 

copiam, tamquam virtutum suarum perpetuo renascentem propa- 



DI SAN FRANCESCO D'ASSISI 

E DELL A PROPAGAZIONE DEL TERZ' ORDINE FRANCESCANO 



LETTERA EMICLICA 

DEL SANTISSIMO SIGtNOK NOSTKO 

LEONE PER DIVINA PROVVIDENZA PAPA XIII. 

A TUTTI I PATRIARCHI PRIMATI ARCIVESCOVI E VESCOVI DEL MONDO CATTOLICO 
AVENTI GRAZIA E COMUNIONE COLLA SEDE APOSTOLICA 



Venerabili Fratelli, salute ed apostolica bemdmone. 

Avventurosamente e dato alia cristianita di poter celebrare nel giro 

di pochi anni la memoria di due Grandi, che chiamati in cielo alia im- 

mortale corona della santita, lasciavano in retaggio alia terra numeroso 

stuolo di magnanimi figli, quasi perpetui germogii delle loro virtu. 



6 SANCTISSIMI D. N. LEO NTS DIVINA PROVIDENTIA PAPAE XIII 

ginem, in terris reliquerunt. Siquidem post saecularia sollem- 
nia ob memoriam Benedict!, monachorum in Occidente patris 
legiferi, proxima est occasio non dispar habendorum publice 
honorimi Francisco Assisiensi, septimo post quam natus est 
exeunte saeculo. Quod sane contingere benigno quodam divinae 
providentiae consilio, non immerito arbitramur. Nam oblato ad 
celebrandum tantorum patrum natali die, homines admonere- 
Deus velle videtur, ut summa illorum merita recordentur, si- 
raulque intelligent, conditos ab iis virorum religiosorum ordines- 
tarn indigne violari minime debuisse, in iis praesertim civita- 
tibus, quibus increments humanitatis et gloriae, labore, ingenio T 
sedulitate pepererunt. -- Ista qnidem sollemnia confidimus hand 
vacua fructu futura populo christiano, qui non sine caussa so- 
dales religiosos amicorum loco semper habere consuevit: pro- 
ptereaque sicut Benedict! nomen magna pietate gratoque animo 
honoravit, ita nunc Francisci memoriam festo cultu et multi- 
plici significatione voluntatis est certatim renovaturus. Atque 
istud pietatis reverentiaeque honestum certamen non regions 
circumscribitur, in qua vir sanctissimus editus est in lucem, nee 



Poiche dopo le secolari feste in onore di S. Benedetto, padre e legislatore 
del monachismo in Occidente, ecco prossima non dissimile occasione di 
rendere pubbliche onoranze a san Francesco d'Assisi, compiendosi il 
settimo centenario dal di ch'ei nacque al mondo. Nella qual cosa ab- 
biam ragione di ravvisare una benigna disposizione della provvidenza 
divina ; la quale, col porgere alia venerazione delle genti il di natalizio 
di si eccelsi patriarchi, sembra che voglia ridestare in esse la rimem- 
branza del maravigliosi lor meriti e far intendere ad ognuno, che gli 
Ordini religiosi, di cui furono padri, non meritavano di essere in guisa 
cotanto indegna maltrattati, particolarmente in mezzo a paesi, dei quali 
per via del loro ingegno ed operoso zelo crebbero la civilta e la fama. - 
Noi certo nutriamo fiducia, che coteste solenni commemorazioni non 
abbiano a passare infruttuose per il popolo cristiano, che i figli degli 
Ordini religiosi ebbe ognora a buon dritto in conto di amici; e come gia. 
rese splendido tributo di devozione e di riconoscenza al nome di Bene- 
detto, cosi ora gareggia nell' apprestare pom pose feste e molteplici omaggi 
alia memoria di Francesco. E questa nobile gara di riverente affetto non si 
restringe alia fortunata terra che gli die i natali, ne alle vicine contrade 



EPISTOLA ENCYCLICA 7 

Unitimis a praesentia eius nobilitatis spatiis: sed late est ad 
unctas terrarum oras, quacumque Francisci aut nomen percre- 
Mit, aut instituta vigent, propagation. 

Hunc animorum in re optima ardorem Nos certe sic probamus, 
ut nemo magis; praesertim quia Franciscum Assisiensem admi- 
rari praecipuaque religione colere ab adolescentia assuevimus ; 
^et in familiam Frauciscanain adscitos esse gloriamur; et sacra 
Alverniae iuga libentes atque alacres, pietatis caussa, non semel 
ascendimus: quo loco tanti viri imago, ubicumque poneremus 
vestigium, obiiciebatur animo, inentemque tacita cogitatione su- 
spensam meinor ilia solitudo tenebat. Sed quantumvis sit istud 
studium laudabile, tamen nequaquam in isto omnia. Ita enim 
de honoribus, qui beato Francisco properantur, statuendum, tune 
maxime futures ei, cui deferuntur, gratos, si fuerint iis ipsis, 
qui deferant, fructuosi. In hoc autem positus est fructus solidus 
minimeque caducus, ut cuius excellentem virtutem homines ad- 
mirantur, similitudinein eius aliquam adripiant, fierique studeant 
ipsius imitatione meliores. Quod, opitulante Deo, si studiose ef- 
fecerint, profecto quaesita erit praesentium malorum opportuna 



consacrate dalla sua presenza ; ma largamente si estende ad ogni par-te 
di mondo, dove suoni il nome, o fioriscano le istituzioni del gran Patriarca. 
Gotale ardore di animi a scopo si santo Noi piii che altri mai com- 
mendiamo altamente; Noi, che fin dai Nostri verd'anni prendemmo ad 
ammirare e ad amare di parziale tenerezza il poverello d'Assisi; che 
Ci gloriamo di essere ascritti alia sua famiglia, e che piu d'una volta 
a sfogo della Nostra devozione con accesa brama salimmo il sacro raonte 
deirAlvernia; dove ad ogni pie sospinto Gi si affacciava alia mente la 
maestosa figura del Santo, e quella solitudine si ricca di memorie teneva 
come assorto il Nostro spirito che silenzioso la con tern plava. Ma per 
lodevole che sia cotesto entusiasmo, esso solo non basta. Imperocche, 
bisogna ben persuadersene, gli onori che si apparecchiano a san Fran- 
cesco, allora massiniamente torneranno accetti a lui che li riceve, quando 
riescano profittevoli a chi li rende. Ora il piii sostanziale e non passeg- 
gero profitto consiste in questo, che gli uomini prendano qualche iratto 
di simiglianza dalla sovrana virtu di colui che ammirano, e procurino 
<Ji rendersi migliori, imitandolo. Se tanto coll'aiuto di Dio venisse lor 
fatto, certamente sarebbe trovato ai mali, che ora ne incalzano, opportune 



SANCTISSIMI D. N. LEONIS D1VINA PROVIDENTIA PAPAE XIII 

et valde efficax mediciDa. Yos itaque volumus, Venerabiles 
Fratres, per has Litteras alloqui, non modo pietateui erga Fran- 
ciscum Nostram publiee testaturi, verutn etiam vestram excitaturi 
caritatem, ut in hominum salute eo, quo diximus, curanda re- 
medio Nobiscum pariter elaboretis. 

Liberator generis humani lesus Christus fons est perennis 
atque perpetuus omnium bonorum, quae ab infinita Dei beni- 
gnitate ad nos proficiscuntur, ita plane ut qui semel mundum 
servavit, idem sit in omnes saeculorum aetates servaturus : Nee 
enim aliud nomen est sub caelo datum hominibus, in quo 
oporteat nos salvos fieri \ Si quando igitur naturae vitio aut 
hominum culpa eontingat, ut in deteriorem partem delabatur 
genus humanum, et singular! quadam ope indigere ad evaden- 
dum videatur, omnino recipere se ad lesum Christum necesse est, 
atque istud putare maximum certissimumque perfugium. Divina 
enim illius virtus tarn magna est tantumque pollet, ut omnium 
in ea vel periculorum depulsio, vel malorum posita sanatio sit. 
Futura est autem cerfca sanatio, si modo ad professionein chri- 



e molto efficace ristoro. Pereio Ci siara risoluii, Venerabili Fratelli, 
d'indirizzarvi con questa Lettera la Nostra parola, non solo a fine di 
rendere pubblica testimonianza della Nostra devozione a Francesco d'As- 
sisi, ma per eccitare altresi il vostro zelo a prorauovere insieme con Noi 
la salute dell'umano consorzio merce il rimedio che abbiamo indicate. 
Gesu Gristo redentore del genere umano e la perenne ed inesausta 
sorgente di tutti i beni che ci vengono dalla infinita raisericordia divina: 
talchk egli medesimo che salv6 una volta I'umamla, la viene salvando 
in tutti i secoli : Imperocche non liavvi sotto del cielo altro nome dato 
agli uomini, merce di cui abbiamo noi ad essere salvati { . Onde se 
mai per effetto di debolezza o di colpa il genere umano si vegga nuo- 
vamente caduto si basso da aver bisogno di una mano poderosa che lo 
sollevi, egli e d' uopo che ricorra per aiuto a Gesu Cristo, tenendo per 
indubitato, non esser possibile piu valido e piu fidato rifugio. Poich6 e 
si ampia e si forte la sua divina virtu, che basta a cessare ogni peri- 
co!o, a sanare ogni male. Ed il rimedio verra senza fallo, sol che 1' um ana 
t'amiglia sia richiamata a professare la fede di Gesu Gristo e ad osser- 

' ACT. AP. IV, 12. 



EPISTOLA ENCYCLICA 

stianae sapientiae, et ad evangelica vivendi praecepta genus 
humanum reducatur. lis auteni, quae diximus, forte incidentibus 
mails, simul ac solatii venit divinitus provisa maturitas, fere 
iubet Deus continuo virum aliquem in terris existere, non unum 
de multis, sed summum et singularem, quern restituendae salutis 
publicae praeficiat muneri. Atqui istud plane usuveniebat sub 
exitum saeculi duodecimi aliquantoque serius: fuit autem eius 
maximi operis perfector Franciscus. 

Satis ilia nota est aetas cum sna indole virtutum ac vitiorum. 
Insita altius in animis vigebat fides catholica; pulcrumque erat, 
complures pietatis fervore incensos in Palaestinam transmitter, 
qui vincere aut emori destinavissent. Sed tamen valde populares 
mores licentia mutaverat: nihilque erat tarn hominibus neces- 
sarium, quam ut christianos spiritus revocarent. lamvero 
christianae virtutis caput est generosa animi affectio, rerum ar- 
duarum ac difficilium patiens : cuius forma quaedam in cruce 
adumbratur, quam, qui Christum sequi malunt, onusto ferant 
humero necesse est. Illius autem partes affectionis sunt, absti- 
nentem rerum mortalium animum gerere: sibimet acriter impe- 
rare: casus ad versos facile moderateque ferre. Denique caritas in 
Deum, in proximos, una omnium est domina et regina virtutum; 



varne i santi prccetii. In tali distrette, quando e mature il momento 
segnato nei pietosi Corisigli dell'Eterno, la divina provvidenza ordina- 
riamente suscita un uorco, non della tempra del piii, ma sommo e straor- 
dinario, e ad esso affida il c6mpito di rendere alia societ la salvezza. 
Ora questo 6 quarito succedeva in sullo scorcio del secolo duodecimo e 
alqiunto oppressor e alia grand' opera ristoratrice fu eletto Francesco. 
Gonosciuti abbastanza sono quei tempi con le loro qualita. e buone e 
ree. Profonda e robusta la fede cattolica : infervorati dal sentimento re- 
ligioso crociavansi a schiere, e bello reputavano salpare per la Palestina, 
risoluti di vincere o di morire. Giononostante licenziosi oltremodo cor- 
revano i cosiumi: e strettissimo era il bisogno di tornare in vigore la 
vita cristiana. Ora parte principalissima della vita cristiana e lo spirito 
di sacrifizio, simboleggiato nella Croce, cui deve togliere sulle spalle 
chiunque vuol essere seguace di Gesu Gristo. E cotesto sacrifizio reca 
seco il distacco dai beni sensibili, 1'annegazione di s stesso, la rasse- 
gnata e calma pazienza nelle avversita. Finalmente signora e regina di 
tutte le virtu e la carita verso Dio e verso il prossimo; la quale in sua 



10 SANCTISSIMI D. N. LEONIS DIVINA PROVIDENTIA PAPAE XIII 

caius tanta vis est, ut molestias, quae officium comitantur, omnes 
abstergeat, laboresque quantumvis magnos, non tolerabiles soluni 
efficiat, verum etiam iucundos. 

Harum virtutum saeculo duodecimo magna apparebat inopia^ 
cum nimis multi, penitus mancipati rebus humanis aut appe- 
tentia honorum ac divitiarum insanirent, aut per luxum et libi- 
dines aetatetn agerent. Plurimutn valebant pauci; quorum opes 
fere in oppressionem miserae et contemptae multitudinis evase- 
rant: atque huiusmodi vitiormn maculas ne ii quidem effuge- 
rant, qui disci plinae ceteris esse ex institute debuissent. Et 
restincta passim caritate, variae quotidianaeque pestes consecutae 
era;it, invidere, aemulari, odisse; distractis adeo infestisque ani- 
rnis, ut ad minimam quamque caussam et civitates finitimae 
sese invicem praeliando conficereut, et cives cum civibus ferro 
inhumane decernerent. 

In id saeculum Francisci cecidit aetas. Qui tamen mira con- 
stantia, simplicitate pari, aggressus est dictis et factis genuinam 
christianae perfections imaginem senescenti mundo ad spectan- 
(lum proponere. Eeapse, quemadmodum Dominicus Grusmanus- 



possanza disacerba le molestie inseparabili da 11' a dem pimento del dovere,, 
e per quanto gravi sieno gli affanni della vita, ella sa renderli, non pur 
sopportabili, ma soavi. 

Di siffatte virtu nel secolo duodecimo era scarsezza grande, troppi 
esserido che attaccati perdutamente alle cose umane o folleggiavano per 
ismisurata cupidigia di onori e di ricchezze, o struggevansi in lusso e 
lascivie. La prepotenza di pochi volgevasi per lo piii ad oppressione del 
misero e dispetto popolo minuto: e da colpe siffatte non andavano netti 
neanco coloro che per debito d'offlcio avrebbero dovuto essere degli altri 
Tesempio e i maestri. E a misura che la carita scemava, prevalevano 
conmnemente perniciose passioni, invidia, rivalita, oclii, con tanta foga 
di ostilita, che ad ogni piu piccolo pretesto e le citta limitrofe sfida- 
vansi a disastrose guerre, e i cittadirii di una stessa citta barbaramente 
gli uni gli altri si combattevano. 

Tale i) secolo in cui s'avvenne Francesco. Egli per6 con mirabile 
semplicita e pari costanza, con la parola e con 1'esempio voile offrire- 
agli sguardi del mondo corrotto la schtetta imagine della perfezione cri- 
stiana. -- Infatti, come il Gusmano patriarca Domenico difendeva co- 



EPISTOLA ENCYCLICA 11 

pater integritatem caelestium doctrinarum per eadem tempora 
tuebatur, pravosque haereticorum errores luce christianae sapien- 
tiae depellebat; ita Franciscus, ad grandia ducente Deo, illud 
impetravit ut acl virtutem excitaret christianos homines, et diu 
nmltumque devios ad imitatioaem Christ! traduceret. Non certe 
fortuito factum est, ut ad aures acciderent adolescentis illae ex 
Evangelio sententiae: Nolite possidere aurum, neque argentum, 
neque pecuniam in zonis vestris, non peram in via, neque 
duas tunicaSj neque calceamenta, neque virgam l . Et, Si vis 
perfectus esse, vade, vende quae habes et da pauper ibus... et 
veni sequere me 2 . Quae tamquam sibi nominatim dicta inter- 
pretatus, continuo abdicat se rebus omnibus: vestirnenta mutat: 
paupertatem sibi sociam et comitem constituit in omni vita fu- 
turam: et maxima ilia virtutuin praecepta, quae celso erectoque 
animo amplexus erat, Ordinis sui velut fundamenta fore decernit. 
Ex eo tempore, inter tantam saeculi mollitiam fastidiumque 
delicatissimum, ille horrido cultu atque aspero incedere: victum 
ostiatim quaerere: et quae acerbissima putantur, insanae plebis 

raggiosamente a quei di medesimi 1'integrita della dottrina cattolica, c 
colla luce della rivelazione fugava i pravi dogmi dell'eresia; cosi Fran- 
cesco, secondando 1'impulso della grazia che il conduceva a grandi ira- 
prese, riusci a risvegliare in petti cristiani 1'amore della virtu, e a 
Tichiamare all'imitazione di Gesu Gristo uomini da lunga pezza traviati. 
Certamente non fu il caso che rec6 all' orecchio del buon giovine quelle 
sentenze dell 1 Evangelio: Non vogliate avere n& oro, n& argento, ne 
dcnaro nelle vostre borse, n bisacce pel viaggio, ne due vesti, ne 
scarpe, ne bastone { . E: se vuoi essere perfetto^ va, vendi do che 

hai, e dallo ai poveri, e vieni, e segmmi" 1 . E accogliendo queste 

parole come dette specialmente per lui, ei va, si spoglia di tutto, fin 
degli abiti che aveva in dosso: si disposa irrevocabilmente alia poverta, 
e di quelle grandi massime della perfezione evangelica, che esso avea 
gia con tanta generosita di cuore abbracciato, forma il fondarnento della 
regola che dara al suo Ordine. Da indi in poi in mezzo alle voluttuose 
usanze, alle affettate delicatezze de'suoi tempi, egli incede negletto e 
squallido nella persona: va mendicando tl pane di porta in porta; e ci6 
piu e amaro, gli scherni della plebaglia, egli non che sopportarli, 

1 MATTH. X, 9-10. 

2 MATTH. XIX, 21. 



12 SANCTISSIMI D. N. LEONIS DIVINA PROVIDENTIA PAPAE XIII 

ludibria non tarn perferre, quam yorare alacritate mirabili. Yi- 
delicet stultitiam Crucis Christ! adsumpserat et probarat, uti 
absolutam sapientiam: cumque in eius augusta mysteria intelli- 
gendo penetravisset, vidit iudicavitque, nusquam posse gloriani 
suam melius collocari. Una cum amore Crucis pervasit Fran- 
cisci pectus caritas vehemens, quae impulit hominem, ut propa- 
ganduui nomen christianum animose susciperet, ob eamque caus- 
sam obviam sese vel manifesto capitis periculo ultro offerret. 
Hac ille caritate homines complectebatur uni versos: multo tamen 
cariores habuit egenos et sordidos; ita prorsus ut quos ceteri 
refugere aut superbius fastidire consuevissent, iis potissimum 
ille delectari videretur. Qua ratione egregie de ea gennanitate 
meruit, qua restituta perfectaque ex toto hominum genere unam 
velut familiam Christus Dominus conflavit, in potestate unius 
omnium parentis Dei constitutam. 

Tot igitur virtutum praesidio atque hac praesertim asperitate 
vitae, studuit vir innocentissimus formam lesu Christi, quoad 
poterat, in se ipse transferre. Sed divinae providentiae nuraen 
in hoc etiam eluxisse videtur, quod rerum externarum singulares 



li divora con meraviglioso contento. Poiche la stoltezza della Croce di 
Cristo era divenuta per lui la piu alia sapienza: ed avendone compreso 
11 profondo ed augusto mistero, vide e conobbe di non poter meglio col- 
locare al trove la sua gloria. Coll' amor della Croce gli entro nel cuore 
la piu viva ed ardente carita, die lo spinse a voler coraggiosaniente 
dilatare sulla terra il regno di Gesu Cristo, e ad esporsi per tal cagione 
eziandio a evidente pericolo della vita. Questo amore di carita egli lo 
eslese a tulti gli uornini: ma i miserabili e i piu squallidi erano per lui 
i prediletti; dimodoehe sembrava porre le sue particolari compiacenze 
appunto in quei miseri, che il superbo mondo suole avere maggiormente 
a schifo. In questa guisa egli fu grandemerite benemerito della fratel- 
lanza fra gli uomini, ristabilita e perfezionata da Gesii Cristo, che rac- 
colse 1'uman genere come in una sola famiglia, sottoposta al sovrano 
potere di Dio, padre comune di tutti. 

Col corredo di tante virti'i, e particolarmente con tale austerita di 
vi?a, quest 1 uomo illibatissimo prese a formar se stesso, quanto gli fu 
possibile, sul modello di Gesu Gristo. Se non che un altro segno della 
particolsre provvidenza di Dio in ordine a Francesco vuolsi ravvisarc 



EPISTOLA ENCYCLICA 13 

quasdatn cum divino Bedemptore similitudines assecutus est. 
Sic, ad exemplar lesu, Francisco contigit, ut in lucem suscipe- 
retur in stabulo, ac tale stratum haberet puer infans, quale olim 
ipse Christus, tectam stramentis terram. Quo tempore, ut fertur, 
leves per sublime Angelorum chori, et mulcentes aera concentus 
similitudinem compleverunt. Item lectos quosdam, uti Christus 
Apostolos, sibi discipulos adiunxit, quos peragrare terras iuberet, 
christianae pacis ac sempiternae salutis nuntios. Pauperrimus, 
contumeliose illusus, repudiatus a suis, vel in hoc speciem lesu 
Christi retulit, quod nee tantulum voluit habere proprium, quo 
caput reclinaret. Postrema similitudinis nota accessit, cum in 
Alverni montis vertice, velut in Calvario suo, novo ad illam aeta- 
tem exemplo, sacris stigmatibus corpori eius divinitus impressis, 
propemodum actus est in crucem. Rem hoc loco commemora- 
mus non minus miraculo nobilem, quam saeculorum praedicatione 
illustrem. Cum enim esset olim in cruciatuum Christi vehement! 
cogitatione defixus, eorumque vim acerbissimam ad se tradu- 
ceret, et tamquam sitiens hauriret, delapsus e caelo repente 
Angelus se ostendit: unde arcana quaedam virtus cum subito 
emicuisset, palmas pedesque quasi transfixes clavis, itemque 



nelle special! ragioni di estrinseca somiglianza che egli ebbe col divin 
Redentore. --In fatti come a Gesu, cosl a Francesco awenne e di 
nascere in una stalla, e di esser posto pargoletto a giacere in terra su 
poca paglia. A compiere la somiglianza non mancarono, come e fama, 
tripudii di angelici spiriti, ne armonie pel sovrastante aere soavemente 
diffuse. Ancora, come Cristo i suoi Apostoli, cosi Francesco raccolse 
attorno a se alcuni discepoli, da mandar poi per la terra a predicare 
la pace cristiana, la salute eterna delle anime. Poverissimo, atroce- 
niente beffeggiato, reietto da' suoi, neppur egli voile aver di suo, dove 
posare il capo. Finalmente come ultimo sigillo di somiglianza, nel 
monte deirAlvernia, come in suo Calvario, ricevute per via di prodigio 
sin allora inaudito le sacre Stimmate, fu nella sua carne in certa guisa 
crocifisso. - - Ricordiamo un avvenimento celebre non meno per la 
grandezza del miracolo, che per la testimonianza dei secoli. Che men- 
tre un di stavasi assorto il Santo nella sublime contemplazione dei 
dolori di Gesu, e sitibondo di quelle ineffabili amarezze intimamente 
univasi al Redentore paziente, ecco apparire improvviso un Serafino: e 



14 SANCTISSIMI D. N. LEONIS DIVINA PROVIDENTIA PAPAE XIII 

velut acuta cuspide vulneratum latus Franciscus sensit. Qao 
facto, ingentem caritatis ardorem concepit animo: corpora vivam 
expressamque vulnerum lesu Christ! in reliquum tempus ima- 
ginem gessit. 

Ista rerum miracula, angelico potius quam humano celebranda 
praeconio, satis demonstrant quantus ille vir, quamque dignus 
fuerit, quern aequalibus suis ad mores christianos revocandis 
Deus destinaret. Profecto ad Damiani aedem exaudita Francisco 
est maior humana vox : J, labantem tuere domum meant. Neque 
minus admirationis habet oblata divinitus Innocentio III spe- 
cies, cum sibi videre visus est Basilicae Lateranensis inclinata 
moenia humeris suis Franciscum sustinentem. Quorum vis ratio - 
que portentorum perspicua est; nimirum significabatur, christia- 
nae reipublicae non leve per ea tempora praesidium et columen 
Franciscum futurum. Eevera nihil cunctatus est quin accinge- 
retur. Duodeni illi, qui S3 in eius disciplinam primi contulerant, 
exigui instar seminis extiterunt, quod secundo Dei numine, au- 
spiciisque Pontificis maximi, celeriter visum est in uberrimam 
segetem adolescere. Eis igitur ad Christi exempla sancte insti- 



per arcana virtu che di repente da lui mosse, sente Francesco trapas- 
sarsi le man! e i piedi come da chiodi, ed aprirsi come da acuta lancia 
il costato. Da quel punto gli rimase in cuore una fiamma di eccessiva 
carita, e nel corpo una viva e vera imagine delle piaghe del Salvatore. 
Queste straordinarie manifestazioni della grazia divina, che meglio ia 
gloria del cielo si canterebbero, rivelano abbastanza qual uomo fosse 
Francesco, e quanto degno della sublime missione di far rivivere in 
mezzo a'suoi contemporanei i santi costumi cristiani. Va, e riparala 
mia casa che crolla, aveva detto a Francesco nell'umile chiesuola di 
S. Damiano una voce sovrumana. Ne meno meravigliosa fu la visione, 
onde al Pontefice Innocenzo 111 venne additato Francesco in atto di 
sostenere co' propri omeri le vacillanti mura della Basilica Lateranense. 
Che significassero tali portenti, non e chi nol vegga: significavano che 
a quei tempi la Ghiesa di Dio troverebbe non lieve aiuto e sostegno 
in Francesco. Egli infatti die tosto principle ali'impresa. Quei dodici, 
che furono i primi a seguitarlo, furono altresi il piccolo seme che, fe- 
condato da Dio e benedetto dal Pontefice massimo, fu visto in breve 
tempo crescere in ricchissima messe. Formatili dunque alia scuola di 



EPISTOLA ENCYCLIC A 15 

tutis varias Italiae Europaeque regiones, Evangelii caussa, de- 
scribit: dato certis inter eos negotio, ut in Africam usque 
traiiciant. Nee mora: inopes, indocti, rudes, comraittunt tamen 
populo sese: in triviis plateisque, nullo loci apparatu nee pompa 
verborum, ad contemptum rerum humanarura cogitationemque 
futuri saeculi homines adhortari incipiunt. Mirum tam ineptis, 
ut videbantur, operariis quantus respondit operae fructus. Ad eos 
enim confluere catervatim cupida audiendi multitudo: turn dolen- 
ter admissa deflere, oblivisci iniuriarum, compositisque dissidiis 
al pacis consilia redire. Incredibile dictu est, quanta inclina- 
tione animorum ac prope impetu ad Franciscum turba raperetur. 
Assectabantur maximo concursu, quacumque ille ingrederetur : 
nee raro ex oppidis, ex urbibus frequentioribus universi pro- 
miscue cives homini erant supplices, ut se vellet in disciplinara 
rite accipere. Quamobrem caussa nata est viro sanctissimo, 
car sodalitatem Tertii Ordinis institueret, quae omnera homi- 
nam conditionem, omnem aetatem, utruraque sexum reciperet, 
nee familiae rerumque domesticarum vincula abrumperet. Earn 
quippe prudenter tempera vit non tam legibus propriis, quani 



G-esu Cristo, assegna loro varie regioni d' Italia e d'Europa da evan- 
gelizzare, e alcuni ne in via fino al Marocco. Quei vanno: poveri, idioti, 
rozzi osano tuttavia presentarsi in pubblico ; e sulle strade, per le 
piazze, senza alcun apparecchio di luogo ne pompa di eloquio, richia- 
mano le genti al dispregio del mondo e al pensiero dell' eternita. In- 
credibile il copioso frutto che coron6 le fatiche di quegli operai, in 
vista si inetti. Poichfc si affollavano intorno ad essi, avide di ascoltarli, 
le turbe; e quindi compunte e ripentite convertivansi al Signore, oblia - 
vano le ingiurie ricevute, e spenti i dissidii, tornavano a consigli di pace. 
Eccede ogni meraviglia quel che le storie ricordano dell' entusiasmo, che 
rapiva i popoli dietro a Francesco. Intere borgate e citta eziandio po- 
polose traevano a lui dovunque passasse, e sovente il supplicavano 6. 
volerli tutti indistintamente ammettere alia professione della sua regola, 
- Per la qual cosa giudic6 il Santo di dover venire, come fece, alia 
fondazione del Terso Ordine, che, senza romp?re i vincoli della famiglia 
e delle cose domestiche, potesse ricevere persone d'ogni condizione, d' ogni 
eta, d'ogni sesso. Imperocchk saviamente egli il voile regolato non tanto 
<con particolari statuti, quanto con 1' applicazione delle leggi general! del 



16 SANCTISSIMI D. N. LEONIS DIVINA PROVIDENTIA PAPAE XIII 

ip-is legum evangelicarumpartibus: quae sane nemiui Christian o 
graviores videantur. Videlicet praeceptis Dei Ecclesiaeque ob- 
lemperetur : absint factiones et rixae: nihil detrahatur de aliena 
re: nisi pro religione patriaque ne anna sumantur: modestia 
in victu cultuque servetur: facessat luxus: periculosa chorearum 
artisque ludicrae lenocinia vitentur. 

Facile est intelligere permagnas manare utilitates ex huius- 
modi institute debuisse cum salutari per so, turn ad earn tem- 
pestatem mirabiliter opportune. - - Quam opportunitatem et satis 
indicant coalitae eiusdem generis ex Dominicana familia aliis- 
que ordinibus sodalitates, et eventus ipse confirmat. Sane illi 
Franciscalium ordini nomen dare inflammato studio summaque 
voluntatum propensione ab infimis ad sumnios vulgo properabant 
Optarunt ante alios hanc laudem Ludovicus IX Galliarum rex, et 
Elisabetha Hungarorum regum soboles : successere aetatum de- 
cursu plures ex Pontificibus maximis, item ex Cardinalibus, ex 
Episcopis, ex i^egibus, ex dynastis: qui omnes insignia Franci- 
scalia non aliena esse a dignitate sua duxerunt. Sodales tertii 
ordinis animum suum in tuenda religione catholica pium aeque 
ac fortem probavere : quarum virtutum si magnam ab improbis 



Yangelo, delle quali niun cristiano ha ragione di sgomentarsi : cioe osser- 
vare i comandamenti di Dio e della Ghiesa; evitare fazioni e risse; riulla 
frodare, non brandire armi se non in difesa della religione e della patria: 
esser lemperanti pel vitto, modesti nel vestito : guardarsi dal lusso : 
fuggire le seduzioni di balli e di spettacoli pericolosi. 

Utilita grandi, ^ agevole il comprenderlo, dovettero scaturire da sif- 
fatta istituzione, salutare in se stessa, e mirabilraerite opporluna a quei 
tempi. Delia quale opportunita questo stesso fa fede, che altre asso- 
ciazioni simiglianti germogliarono e dalla famiglia domenicana e da altri 
Ordini religiosi. Inoltre e il fatto che parla: conciossiache in gran numero, 
dagl'imi ai sommi, pieni di ardore e di zelo correvano a professare il 
terz' ordine di S. Francesco. Furono tra i primi il santo re di Francia 
Luigi IX, e 1'eroica santa Elisabetta d'Ungheria: dietro a questi ven- 
nero, coll'andare degli anni, molti Pontefici e Cardinal! e Yescovi e re 
e principi: i quali tutti stimarono non isconvenevole alia loro dignita il 
modesto abito francescano. -- I Terziarii, nel difendere la religione cat- 
tolica, fecero belle prove di pieta e di fortezza: e se per cagione di queste 



EPISTOLA ENCYCLICA 17 

snbierunt invidiam, ea tamen, quae honestissima est atque unice 
expetenda, sapientium et bonorum approbatione numquam carue- 
rimt. Immo Gregorius ipse IX, Decessor Noster, fidem ipsorum 
ac fortitudinem publice gratulatus, minime dubitavit et auctori- 
tate sua defendere, et milites Christi, Machabaeos alteros, ho- 
noris caussa, appellare. - - Neque carebat veritate laus. Magnum 
enim salutis publicae praesidium erat in illo hominum ordine: 
qui, propositis sibi auctoris sui virtutibus et legibus, perficiebant, 
quoad facultas ferret, ut christianae honestatis decora in civitate 
reviviscerent. Certe ipsorum opera exemplisque extinctae saepe 
aut delinitae sunt factionum partes : erepta ab efferatorum dextris 
anna: litium et iurgiorum caussae sublatae: parta inopiae et so- 
litudini solatia: castigata, fortunarum gurges et corruptelarum 
instrumentum, luxuria. Quare pax domestica et tranquillitas 
publica, integritas morum et mansuetudo, rei familiaris rectus 
usus et tutela. quae sunt optima hurnanitatis incolumitatisque fir- 
inamenta, ex tertio Franciscalium ordine, tamquam ex stirpe qua- 
darn, gignuntirr: eorumque bonorum conservationem magna ex 
parte Francisco debet Europa. 



virtii si attirarono 1'ira dei tristi, ben ebbero ognora di che consolarsene 
nel piii onorevole e piu desiderabile dei confoni, che e 1'approvazione 
dei savii e degli onesti. Che anzi Gregorio IX Nostro Predecessore, en- 
comiandone pubblicamente la fede e il coraggio, non si perito di far Joro 
scudo della propria autorita, e di chiamarli, a grande onore, miUeia di 
Cristo, nuovi Maccabei. Ne era immeritata lode. Imperocche pode- 
roso aiuto al pubblico benessere veniva da quel ceto di persone che, 
tenendo fisso lo sguardo alle virtii e alle leggi del loro fondatore, si ado- 
peravano al possibile di far rifiorire in seno alle corrotte citta i pregi 
della vita cristiaria. Gerto, grazie all' opera e all' esempio de'Terziarii, si 
videro spesso estinte o mitigate le discordie di pane: tolte di mano ai 
faziosi le armi: allontanate le cagioni di litigi e contese: procacciati sol- 
lievi agl' indigent], ai derelitti: frenato il lusso divoratore delle sostanze, 
corrompitore dei costumi. Onde la domestica pace e la tranquillita pub- 
blica, Tintegrita e la mansuetudine, il retto uso e la tutela della pro- 
prieta, che sono i migliori element! di civilta e di benessere, rampollano, 
come da propria radice, dal Terz' Ordine: e se cotesti beni non anda- 
rono perduli, I 1 Europa dev'esserne in gran parte riconoscente a Francesco. 

Serif. XI, vol. XII, fuse. 775 2 26 settemlre 1882 



18 SANCTISSIMI D. N. LEONIS DIVINA PROVIDSNTIA PAPA E XIII 

Plus tamen, quam ulla ex gentibus ceteris, Francisco debet 
Italia; quae sicut eins virtutibus princeps theatrum fuit, ita ma- 
xime beneficia sensit. Et sane quo tempore multa multi pro 
iniuria contenderent, ille afflicto et iacenti constanter porrexit 
dexteram: in summa egestate dives, nnmquam destitit alienam 
sublevare inopiam, immemor suae. Yagiit suaviter in eius ore pa- 
trius senno recens : vim caritatis simul et poeticae express! t can- 
ticis, quae vulgus edisceret, quaeque admiratione visa sunt non 
indigna eruditae posted tatis. Ad Francisci cogitationem, aura 
quaedam afflatusque humane augustior ingenia nostrorum conci- 
tavit; ita quidem ut in eius rebus gestis pingendis, fingendis,. 
caelandis summorum artificum industria certarit. Nactus est in 
Francisco Alighierius quod grandiloquo pariter mollissimoque 
caneret versu: Cimabue et Giottus, quod Parrhasiis luminibus ad 
immortalitatem illustrarent: clari artifices aedificandi, quod ma- 
gnificis operibus perficerent, vel ad sepulcrum hominis pauper- 
culi, vel ad aedem Mariae Angelorum, tot tantorumque miraculo- 
rum testem. Ad haec autem teinpla homines undique comineard 
frequentes solent, veneraturi Assisiensem patrem pauperum, cui, 



Ma sovra ad ogni altro paese va debltrice a Francesco I 1 Italia : la 
quale come fu piii particolarmente il teatro delle sue virtu, cosi ne spe- 
riment6 piu che mai i benefici effetti. In verita, in tempi di oppres- 
sion! e di prepotenze, Francesco stendea costantemente la mano al debole 
oppressor e nella inesauribile ricchezza della sua poverta, non lascio mai 
di alleviare Tindigenza altrui, dimeritico della propria. Vagi dolcemente 
sul suo labbro la nascente italica favella: carita e poesia spirano poten- 
temente in quei cantici popolari, cui la dotta posterita trovo non indegni 
di ammirazione. Sublime e piu che mortale alimento trasse dalle memorie 
di Francesco il genio italiano, talche sommi artisti gareggiarono chi me- 
glio ne ritraesse le mirabili geste in opere di pittura, di scultura, d' in- 
taglio. Francesco ispiro aH'Alighieri uno de'suoi canti piu pieni di forza 
e di leggiadria ad un tempo: al pennello di Cimabue e di Giotto, com- 
posizioni di una grazia e semplicita inarrivabili : a rinomati architetti, 
il disegno di grandiosi monumenti eretti o sulla tomba del Poverello, o 
sulla chiesa di S. Maria degli Angeli, che era stata testirnone di tante 
e si stupende meraviglie. E a questi santuarii traggono da ogni parte 
Pellegrini a onorare 1'Umbro patriarca de'poveri, nel quale in ragione 



EPISTOLA ENGYCL1CA 19 

ut se rebus humanis despoliaverat funditus, ita divinae bonitatis 
large copioseque doiia affluxerunt. 

Igitur perspicimm est in christianam civilemque rempublicam 
ab uno hoc homine vim beceficiorum influxisse. Sed quoniam iile 
eius spiritus, omnino excellenterque christianus, mirifice est ad 
omnia et loca et tempora accommodatus, nemo dubitaverit, quiii 
Franciscalia instituta magnopere sint aetate hac nostra profutura. 
Eo vel magis, quod horum temporum ratio ad illornm rationem 
pluribus ex caussis videtur accedere. Quemadmodum saeculo 
duodecimo, ita nunc non parum deferbuitdivinacaritas: nee leyis 
est officiorum christianorum, partim ignoratione partim negligen- 
tia, perturbatio. Siniili animorum cursu similibusque studiis, in 
aucupandis vitae commodis, in consectandis avide voluptatibus 
plerique aetatem consumunt. Diffluentes luxuria, sua profundunt, 
aliena appetunt: fraternitatis humanae nomen extollentes, plura 
tamen fraterne dicunt quam faciunt: feruntur enim amore sui, et 
ilia erga tenuiores atque inopes genuina caritas quotidie minui- 
lur. Per earn aetatem multiplex Albigensium error, concitan- 
dis ad versus Ecclesiae potestatem turbis, una simul civitatem 



dell'estrema poverty di beni terreni, sovrabbondo, per divina misericordia, 
la dovizia dei doni celesti. 

Laonde e chiaro, che bastb quest' uomo a ricolmare d' innumerevoli 
benefizi la sccieta religiosa e la civile. Ma siccome quel suo spirito 
essenzialmente cristiano si porge a meraviglia ai bisogni di tutti i tempi 
e di lutti i luoghi, non e da mettere in dubbio, che le istituzioni di Fran- 
cesco sieno per tornare sommamente profittevoli eziandio all' eta nostra. 
Tanto piii che i tempi per piu d'un capo si rassomigliano. La carita, 
come in allcra, si e raffreddata non poco nell'animo di molti; e non e 
meno scaduta 1'osservanza dei doveri cristiani, perche o mal compresi, 
o negletti. Prevalendo ora costumi e tendenze non guari dissimili, molti 
consumano la vita andando avidamente in cerca di comodita terrene, di 
serihuali piaceri. Stemprandosi in lusso, profondono il proprio, agognano 
raltrui: e levando a cielo la fratellanza universal, pur se ne fanno cam- 
pioni piii a parole che a faui: poiche e 1'egoismo che soverchia, e la 
schietta carita verso i deboli e gl' indigent! si fa ogni giorno piii rara. 
In quel secolo la multiforme eresia degli Albigesi, collo spargere semi 
di nbellione contro la Ghiesa, scompigliava in pari tempo gli ordini civili, 



20 SANCTISSIMI D. N. LEONIS DIVINA PROVIDENTIA PAPAE XIII 

perturbarat, et ad quoddam Socialisnri genus munierat iter. Ho- 
dieque similiter Naturalismi fautores propagatoresque creverunt; 
qui subesse Ecclesiae oportere pertinaciter negant, et longius, 
quo consentaneum est, gradatim procedentes, ne civili qnidem po- 
testati parcunt: vim et seditiones in populo probant: agrariam 
rem tentant: proletariorum cupiditatibus blaudiuntur: domestic! 
publicique ordinis fundamenta debilitant. 

In his igitur tot tantisqne incommodis, probe intelligitis, Ye- 
nerabiles Fratres, spem sublevationis non exiguam collocari in 
institutis Franciscalibus merito posse, si inodo in pristinum sta- 
tum restituantur. lis enim florentibus, facile floreret et fides 
et pietas et omnis Christiana laus : frangeretur exlex caducarum 
rerum appetitio, nee pertaederet, quod maximum atque odiosissi- 
mum plerisque putatur onus, domitas habere virtute cupiditates. 
Concordiae vere fraternae vinclis colligati diligerent homines in- 
ter se, egenisque et calamitosis, quippe imaginem Christi geren- 
tibus, earn, quam par est, reverentiam adhibereot. Praeterea 
qui religione Christiana penitus imbuti sunt, sentiunt iudicio 
certo, legitime imperantibus couscientia officii obtemperari, nul- 



e spianava la via ad una specie di Socialismo. E oggidi parimente van 
crescendo i fautori e propagator! del puro Naturalismo, i quali rifio- 
tano pertinacemente ogni soggezione all'autorita della Ghiesa, e di grado- 
in grado logicamente avanzando, non lasciano intatta neppure la potest& 
civile: predicarto la violenza e la rivolta: vagheggiano Tabolizione della 
proprieta; lusingano le passioni del proletario : scuotono le fondamenta 
di ogni ordinata convivenza, sia domestica, sia civile. 

In mezzo a tanti e si gravi mali, ben comprendete, Venerabili Fra- 
telli, come speranza non piccola di sollievo si possa ragionevolmente ri - 
porre nelle istituzioni Francescane, sol che vengano richiamate al vigore 
di prima. Al rifiorire di esse, rifiorirebbe agevolmente la fede, la pieta, 
e ogni virtii cristiana: sarebbe rintuzzata la smisurata brama dei beni 
di quaggiu, e non si avrebbe piii in uggia T infrenamento delle basse 
voglie merce la mortificazione evangelica, che molti considerano come 
il piu enorme ed increscioso dei pesi. Stretti da fraterna concordia si \ 
amerebbero gli uomini scambievolmente, e nei poveri e negli afllitti ri- 
spetterebbero, com'e dovere, T imagine di Gesii Gristo. Di piu lo spi- 
rito cristiano trae seco il sottostare per coscienza airautorita legittima, ( 



EPISTOLA E.XCYCLICA 21 

laque in re violari quemquam oportere: quaanimi affectione nihil 
est efficacius ad extinguenda-u radicitus omnem in hoc genere vi- 
tiositatem, vim, iniurias, novarum rerum libidinem, invidiam inter 
varies civitatis ordines: in quibus omnibus initia siuml atque 
arma Socialismi consistunt. Denique illud etiain, in quo pru- 
dentes rerum civilium tanto opere laborant, de locupletium et 
egenorum rationibus eritoptime constitutum, hoc fixo et persuaso; 
non vacare dignitate paupertatem : divitera misericordem et mu- 
nificum, pauperein sua sorte industriaque contentum esse opor- 
tere: cumque neuter sit ad haec cominutabilia bona natus, alter! 
patientia, alter! liberalitate in caeluin esse veniundum. 

His de caussis Nobis est diu et magnopere in votis, ut quan- 
tum quisque potest in imitationem Francisci Assisiensis se in- 
tendat. - - Idcirco sicut semper antea tertio Franciscalium ordini 
singularem curam adhibuimus, ita nunc surama Dei benignitate 
ad gerendutn Pontificatum maximum vocati, cum incident ut id 
peropportune fieri possit, christianos homines hortaraur, ut nomen 
dare sanctae huic lesu Christ! militiae ne recusent. Plurimi nu- 



e il rispettare i diritti di chicchesia: e questa disposizione di animo e \ 
il piii efficace mezzo a recidere dalla radice in tal materia ogni disor- 
dine, le violenze, le ingiustizie, le sedizioni, 1'odio fra i diversi ordini so- 'I 
ciali, che sono i principal! moventi e insieme le arrai del Sodalismo. 
In fine anche la diflicolta, che travaglia le menti degli uomini di governo 
sul modo di equamente comporre le ragioni dei ricchi e dei poveri, resta 
mirabilmente sciolta, scolpita che sia negli animi la persuasione, non 
essere per sfc stessa vile e spregevole la poverta; dovere essere carita- 
tevole e benefico il ricco; rassegnato e industrioso il povero; e niuno dei 
due essendo fatto per i manchevoli beni della terra, 1'uno colla soffe- 
renza, 1'altro colla liberalita doversi fare strada al cielo. 

Per queste cagioni Noi grandemente e da lungo tempo desideriamo, 
che ognuno, a misura delle sue forze, sproni se stesso ad imitare S. Fran- 
cesco d'Assisi. A tal uopo, come nel passato averamo sempre parti- 
colarmente a cuore il Terz'Ordine de'Francescani, cosi ora, chiamati per 
sommn benignita del Signore al governo universal della Chiesa, profit- 
tiamo di questa centenaria ricorrenza per esortare i Fedeli a non aver 
difficolta di dare il nome a cotesta santa milizia di Cristo. Gia in molte 
parti si contano in gran uumero crisliani delFuno e dell'altro sesso, che 



22 SANCTISSIMI D. N. LEOMS DIVINA PROVIDENTIA PAPAE XIII 

merantur passim ex utroque sexu, qui Patris Seraphici vestigiis 
alacri animo iam ingrediuntur. Quorum laudamus tale studium 
vehementerque probamus, ita tamen ut illud augeri et ad plures 
propagari, Yobis praesertim adnitentibus, Venerabiles Fratres, 
velimus. Et caput est commendationis Nostrae, ut qui insignia 
Poenitentiae induerint, imaginem spectent sanctissimi auctoris 
sui, ad eamque contendant: sine qua, quod inde expectaretur boni, 
nihil esset. Itaque date operam, ut Tertium Ordinem yulgo no- 
scant atque ex veritate aestiment : providete, ut qui curam gerunt 
animarum, doceant sedulo qualis ille sit, quam facile unicuique 
pateat, quam magnis in animorum salutem privilegiis abundet, 
quantum utilitatis privatim et publice polliceatur. In quo eo ma- 
gis est elaborandum, quod sodales Franciscales ordinis primi et 
alterius gravi in praesens perculsi plaga iudigne laborant. Hi 
quidem utinam, parentis sui patrocinio defensi, celeriter ex tot 
fluctibas vegeti et florentes emergant ! Utinam etiam christianae 
gentes ad disciplinam tertii ordinis confluant, ita alacres itaque 
frequentes, uti olim undique ad Franciscum ipsum sese certatim 
effundebant! Hoc autem maiore contentione poscimus et po- 



si son messi con animo volenteroso sulle orme del Serafico padre. Lo- 
diamo in essi ed approviamo di gran cuore siffatto zelo; ma il vorremmo 
vedere accrescere ancora e propagarsi vieppiu, massimamente per opera 
vostra, Venerabili Fratelli. E quel che raccomandiamo sopratutto si 
e, die chi piglia i sacri segni della Penitensa, debba tener la mente 
all' imagine del santo fondatore, e sforzarsi di modellar su quella se slesso: 
senza di che non sarebbe quinci sperabile punto di bene. Perci6 studia- 
tevi di far conoscere e pregiare, come merita, il Ters'Ordine; abbiate 
eura, che i pastori di anime ne svelino accuratamerite lo spirito, la pra- 
tica facilita, i molti favori spirituali ond'e ricco, i vantaggi che se ne 
attendono per gl'individui e per la societa in generale. E tanto mag- 
gkrmente egli e da adoperarsi a questo scopo, in quanto che gli affi- 
gliati al primo e al secondo Ordine di S. Francesco, sbattuti al presente 
da liera procella, soggiacciono ad immeritate pressure. Voglia il cielo, 
ehe per la protezione del beato lor padre, escano presto dalla prova rin- 
vigoriti e fiorenti! E voglia il cielo altresi che le genti cristiarie si re- 
chino volenterose e in gran numero ad abbracciare il Terz' Ordine, come 
gia un tempo correvano a torme a' pie del gran Patriarca! Questo con 



EPISTOLA ENCYCLICA 23 

tiore iure ab Italis speramus, quos unius patriae necessitudo et 
uberior acceptorum beneficiorum copia propensiore iubet esse in 
Franciscum animo et maiores eidein gratias habere. Ita sane se- 
ptem post saeculis Italicae genti et omni christiano orbi contin- 
geret, tit se a perturbatione revocatum ad tranquillitatem, ab 
exitio ad salutem, hominis Assisieusis beneficio sentiret. Id qui- 
dem communi prece, per hos dies maxime, ab ipso Francisco fla- 
gitemus: idem contendamus a Maria Yirgine matre Dei, quae 
famuli sui pietatem ac Mem caelesti tutela donisque singularibus 
perpetuo remuneravit. 

Interea caelestium munerum auspicem, et praecipuae Nostrae 
benevolentiae testem, Apostolicam benedictioneni Yobis, Yenera- 
biles Fratres, universoque Clero et populo singulis concredito, 
peramanter in Domino impertimus. 

Datum Eoinae apud S. Petrum die 17 septembris A. 1882, 
Pontificatus Nostri Anno Quinto. 

LEO PP. XIII. 



piii calore dimandiamo e con piii diritto speriamo dagl'Italiani, i quali 
per la comunanza della terra natale e per la piu larga copia dei benefizi 
ricevuti, devono a Francesco maggior gratitudine e devozione. Cosi dopo 
sette secoli 1'Italia e il mondo si vedrebbero im'altra volta tratti dallo 
scompiglio alia tranquillita, dalla rovina alia salule per virtu di un umile 
figlio di Assisi. Iraploriamo concordemente questa grazia dallo stesso 
S. Francesco, singolarmente in questi giorni ; imploriamola ancora da 
Maria Vergine Madre di Dio, che di patrocinio e di doni singolarissimi 
rimerit6 sempre la devota pieta del suo fedel servo Francesco. 

Frattanto come pegno dei doni celesti e come argomento della No- 
stra singolare benevolenza, con effusione di cuore impartiamo a Yoi, Ve- 
nerabili Fratelli, a tutto il Glero e popolo a ciascuno affidato, 1'Aposto- 
lica benedizione. 

Da to a Roma, preso S. Pietro, il di 17 settembre 1882, Anno Quinte 
del Nostro Pontificate. LEO PP. XIII. 



MISERA C01IZI01 DELLA POL1TICA ITALMA 



NON RIPARABILE 



DALLE PROSSIME ELEZIONI 



Chi si fa a considerare le vicende della politica italiana dal di 
della quanto iniqua altrettanto improvvida occupazione di Eoma, 
non pu6 fare che non riconosca esser ella andata sempre piu di- 
chinando, come nell'interno, cosi ancora all'esterno. II potere pass5 
ben presto dalle man! della Destra in quelle della Sinistra; e 
quivi, oscillando tra diverse fazioni, and6 di grado in grado scen- 
dendo, fino a posarsi in regione assai bassa, con pericolo immi- 
nente di piu rovinosa cadnta. II partito repubblicano, che prima 
non dava quasi segno di vita, si riscosse baldanzoso, Iev6 alto 
la testa, os5 atti arditissimi, fino all'esecrabile attentato del Pas- 
sanante. La Monarchia, che innanzi sembrava irremovibilmente 
stabilita, comiuci6 a barcollare, e indebolirsi ogni di piti, tino 
a restare piuttosto come orabra che come corpo saldo; ed anche 
ridotta cosi e continuamente assalita con virulent! e minacciosi 
discorsi, ne'circoli e nelle riunioni popolari. 

N6 basta. II Socialisms, di cui in Italia non si avea quasi 
sentore, non solo e sorto audace, ma 6 cresciuto e si 6 dilatato 
e organizzato per guisa, che fa seriamente teraere un piu o men 
vicino rovesciamento delle stesse basi, su cui si regge 1'ordine 
civile e domestico. Non pure il G-overno, ma anche il Parlamento 
non si trovato in grado di opporre efficace resistenza all'inva- 
sione sempre crescente di tanti element! anarchic! ed antisociali. 
L'uno el'altro sono stati anzi costretti di aprire loro il varco, 



MISERA CONDIZIODE DELtA POLITIGA ITALIANA ECC. 25 

colla concessione d' un suffragio pressoche universale e delle ele- 
zioni da farsi a scrutinio di lista. Nelle class! poi tutte della 
cittadinanza, parte per 1' enormezza del balzelli, parte per la de- 
bolezza e incapacita del Groverno, uno scontento pressoche gene- 
rale, una persuasioue d' impossibility di rimedio, un presenti- 
mento di prossima catastrofe. II che ne'buoni genera scoramento, 
ne'tristi ardire. 

Ci6 quanto all'interno; quanto poi all'esterno la condizione 
e anche peggiore. La diplomazia italiana sembra essere omai 
spenta agli occhi de'G-abinetti di Europa. In qual conto essi la 
tengano, ben apparve nel Congresso di Berlino. Se e vero, come 
oggimai sembra verissimo, che ivi fu decisa, non solo 1'occupa- 
zione della Bosnia e dell' Erzegovina per parte deH'Austria, ma 
quella altresi della Tunisia per parte della Francia, e dell' Egitto 
per parte dell'Inghilterra, ed altre cose ancora che di mano in 
mano verranno alia luce; vaol dire che le grandi Potenze cre- 
dettero di potersi beffar dell' Italia; operando in suo disfavore, 
senza dargliene neppur conoscenza. Nel Congresso di Berlino, 
dice YOfinione, si e deliberate contro 1' Italia, e quasi a sua 
insaputa *. > Di che non' e a dire quaati lament! ne corsero su 
pei giornali della Penisola; ma niuno nel mondo politico se ne 
cur6 piu che tanto. Appresso si and6 peggiorando; giacchk i moti 
dell' Irredentismo, non repress! e forse ancora non veduti di mal 
occhio dal Groverno italiano, irritarono r Austria fino ad esser sul 
punto d'intervenire armata. Le impotent! mostre di dispetto pei 
fatti di Tunis! e le puerili dimostrazioni antigalliche, fatte in 
Sicilia ed alt rove, alien arono la Francia, fino al richiamo, sotto 
apparente pretesto, del suo ambasciatore. La Germania stessa, 
su cui tanto fidavasi, fu costretta a far sentire gravi parole di 
ammonizione, pel sozzo contegno che in Borna stessa tenevasi 
verso il Pontefice. 

Di questo scadimento della politica italiana in Europa fe'pub- 
blica confessione il Visconti-Yenosta, nel suo discorso agli elettori 
di Vittorio. Egli disse : Abbiamo, in quest! ultimi tempi, subiti 
nella nostra politica estera amari disinganni. Una dura espe- 

1 Numero 225. 



26 MISERA CONDIZIONE DELLA POLITiCA 1TALIANA 

rienza ci ha mostrato come si acquisti e come si perda nel mondo il 
eredito e la fiducia. Piti esplicita ancora, sopra questo proposito, 
e stata VOpinione; la quale poco tempo addietro scriveva cosi: 
Quando, dopo le delusion! del Congresso di Berlino, i repub- 
blicani hanno creduto di sfruttarle colle agitazioni, non represse 
e non sconfessate abbastanza, falVIrredentismo, il nostro paese 
era solo, abbandonato da tutti, e si pote preparare ai nostri danni 
la spedizione tunisina. II Q-overno Austro-ungarico, punto desi- 
deroso di cercarci alcuna querela, anzi lieto di vivere in pace col 
suo vicino, indispettito o insospettito, ci ammoni con un opuscolo 
fainoso, ci alien5 1' animo della Qermania ufficiale, e gia appre- 
stava uomini e mnnizioni al confine per invaderlo. Si calm6 la 
pazza effervescenza, ma lungamente ne durarono gli effetti nella 
politica estera, dai quali appena ora ci liberiamo. Insieme colle 
agitazioni per Vlrredentismo, quelle dei circoli Barsanti contri- 
buirono a indebolirci e scemarci il rispetto all' estero. Poi si rin- 
savi, inflno a che i comizii contro la legge delle guarentige, pre- 
ceduti dal fatto dolorosissimo di Roma e dall'organizzazione degli 
allievi volontarii, ci valsero le tremende ammonizioni del Bismark. 
Per6 giova riconoscere che 1'esperietfza amara delle agitazioni 
irredentiste produsse il suo effetto, e si e visto un Ministero, in 
eui vi erano il Mancini e il Zanardelli, dichiarare che la legge 
delle guarentige era una di quelle leggi organiche ed essenziali, 
a cui il Q-overno avrebbe mantenuto illeso il rispetto ad ogni 
eosto *. > 

Lo stesso avrebbe potuto notare in ordine alia visita fatta da 
Ee Umberto all'Imperatore d' Austria. Sotto un Ministero avente 
a capo il Depretis, e a principal! membri un Zanardelli ed un 
Mancini, andare il Ee d' Italia ad implorare umiluiente prote- 
zione dall' Austria ! E tutto dire ! 

IL 

L' Opinione nondimeno si consola, che quella infelice condi- 
zione di cose sia presentemente cessata. Se la nostra politica 
estera, ella scrive, e alquanto migliorata, lo si deve alia volonta 

1 VOpinione, n. 212. 



NON RIPARABILE DALLE PROSSIME ELEZIONI 27 

manifestata dal Governo di resistere ai radical! ed ai moti di 
piazza. Se questa volonta si tradurra in atti fermamente, la nostra 
politica estera sara sempre piu sicura 1 . > Due cose sono qui af- 
fermate. L'una e che il contegno, niente lusinghiero, delle Po- 
tenze verso 1' Italia abbia avuto per cagione la debolezza del 
Governo verso i partiti sovversivi; Taltra che ora questo contegno 
sia in parte almeno cangiato. 

Quanto al primo apprezzamento, senza dubbio la fiacchezza 
governativa contro 1'audacia rivoluzionaria influi ad alienare dal- 
1'Italia le Potenze, bramose dell'ordine e della pace. Ma 1'ef- 
fetto si sarebbe fermato a semplici diffidenze, non sarebbe pro- 
ceduto fino alia noncuranza. E vaglia il vero; niuno neghera che 
quanto a connivenza del Governo, anzi favore verso il partito 
rivoluzionario e radicale, la Francia e" in peggiori condizioni del- 
F Italia. Nondimeno si e colla prima tenuto dalle Potenze il con- 
tegno sprezzante, che si e tenuto colla second a? La cagione dun- 
que dell'increscioso fenomeno, assegnata toAV -Opinione, non e 
adeguata. Convien cercarne un'altra. E quest' altra, se ben si 
consideri, e la disistima, che si ha generalmente in Europa, delle 
forze materiali e del carattere morale dell' Italia liberalesca. Per 
non dir nostre parole, le quail potrebbero presso alcuni esser 
sospette, riferiremo ii giudizio espresso sopra di ci6 da due gior- 
nali, 1'uno inglese, 1'altro tedesco. II secondo, cioe 1'officioso 
Hamburgischer Correspondent pubblicava, giorni fa, il seguente 
articolo: Pare che di la dalle Alpi non vogliansi capire gli 
avvertimenti benevoli, di cui siamo stati assai larghi verso 1'Ita- 
lia. Alcuni giornali hanno preteso che 1' articolo del Militar 
Wochenblatt non corrisponde affatto alia vera situazione militare 
italiana, affermando che la spada d' Italia sia quasi la conditio 
sine qua non di qualsivoglia controversia internazionale. Senza 
disconoscere il valore italiano, osserviamo che quei fogli esage- 
rano assai Timportanza di uno Stato, che non dispone affatto di 
un apparato sufficiente di difesa n& d'una marina compiuta. Ci6 
si sa meglio a Berlino che a Roma; dove si pensa a tante altre 
quistioni meno important!, trascurando continuamente la difesa 

* UOpinione, n. 212. 



58 MISERA CONDIZIONE DELLA FOLITICA ITALIANA 

nazionale, die lascia tanto a desiderare. Chi vorrebbe negare che 
i'alleanza italiana, nello stato attuale dell'esercito italiano, sia 
piuttosto d'un utile platonico che positive? Senza otfendere i 
nostri amid d'oltralpe, possiamo assicurare che Falleanza ita- 
liana e tanto meno ricercata, quanto piu e offerta dall' Italia 
stessa. Ma fin oggi tutte queste premure con hanno avuto nessun 
risultato positive; e 1' Italia, quantunque in accordo con noi, tro- 
vasi ancora in un certo isolamento, che smentisce apertamente le 
esagerazioni di molti giornali illusi 1 . > 

Assai piu fiere son le aperte rampogne del primo dei sopral- 
lodati gioraali, cioe dello Statist. Esso scrive: L' Italia e uno 
Stato, che fa la corte ora ali'unaora all'altra delle varie Po- 
tenze. Essa mostra una nervosa ansieta di essere presa in con- 
siderazione, non importa sotto quale aspetto : ansieta che e" af- 
fatto discorde dall'attitudine dignitosa, propria di una Potenza 
che creda di tenere una posizione di arbitra fra gli altri Stati 
europei. Essa mostra una disposizione a pescare in qualunque 
acqua torbida e a seguire una politique de pour boire, una po- 
litica di mire meschine e di mezzi nascosti, che cozza aspra- 
mente colla sua pretensione di essere calcolata come un fattore 
dominante nei problem! europei. E pur degno di nota ii fatto che 
essa tituba sempre, quando le cose giungono a una crisi. Mentre 
e sempre pronta a dare un manrovescio a chiunque si trova in 
difficolta, T Italia conserva un silenzio giudizioso di fronte a qua- 
lunque Potenza sia libera di fare attenzione a lei. Glli uomini 
che si dilettano della politica per passatempo, quali sarebbero 
per esempio coloro che sempre pretendono conoscere i piti recon- 
diti pensieri del principe di Bismark e che cosa possano le rami- 
ficazioni della sua politica macchiavellica, sono assai inclinati a 
stimare 1'Italia al valore che essa stessa si attribuisce. La gente, 
che si cura poco di domandare qual sia la sua posizione effet- 
tiva, e molto disposta ad applaudire al buon senso che conduce 
coloro che la governano a ritirare le loro pretensioni, quando le 
cose si complicano. Si troverebbe difficilmente un paese in Eu- 
ropa meno adatto a fare la parte di arbitro, o che abbia meno 

1 Vedi Osservatore romano, n 211. 



NON RIPARABILE DALLE PROSSIME ELEZIONI 29 

probabilita di avere voto decisive, quando sono in prospettiva 
grandi combinazioni. > 

Parla quindi della sua flotta, e la trova inadeguata a pro- 
teggere le sue coste. Parla dell'esercito e lo dice formida- 
bile sulla carta, ma che sarebbe molto facile di confinarlo alia 
penisola. > Parla delle sue condizioai economiche e le trova mi- 
serissime. Quiudi conchiude: L'alleanza deli' Italia non e quella 
cosa eccessivameDte desiderabile che gl'Italiani fantasticano... 
L' Italia non potrebbe impegnarsi in una guerra, senza fare assai 
piu danno a se stessa che al suo nemico; ond' e da deplorare 
che in tali circostanze essa non lasci 1'alta politica a coloro che 
haimo mezzi e comodi, mantenendo un contegno amichevole verso 
Potenze, che non domandano nulla fuorche di essere lasciate sole, 
e non si applichi che ai compiti numerosi ed important! che 
richiedono la sua attenzione all'interno 1 . 

Questo linguaggio, quanto e oltraggioso, altrettanto e espres- 
sivo. Esorta F Italia moderna ad abbandonare 1'alta politica. Da 
ad intendere che le grandi Potenze mal volentieri soffrono la sua 
velleita di frammischiarvisi. Dice che non si ha in pregio la sua 
alleanza, benche offerta con insistenza. Ed assegnandone le ca- 
gioni, le ripone nei poco concetto che si ha della sua forza mi 
litare e della sua condotta morale. Noi crediaino che soprattutto 
quest'ultima pecca e quella che la fa tenere in dispregio. L'ltalia 
liberal esca ha natal i niente onorevoli. Essa, per confessione dello 
stesso Cavour, si e formata con mezzi, che adoperati da un uorno 
per couto proprio lo chiarirebbero un gran furfante. Ora ognun 
sa che le macchie di origine non si tergono altrimenti, che a 
forza di ripetuti atti virtuosi ed onorevoli. L'ltalia liberaiesca 
per contrario, lungi dal far dimenticare la sua prima pagina, ne 
ha aggravata la rimembranza con una continuazione costante di 
altre molte, poco dissimili da quella. Essa, come nota lo Statist, 
ha corteggiata ora 1'unaora 1'altra Potenza, mostrandosi disposta 
a pescare in qualunque torbido. Essa ha seguita sempre una politica 
di mire meschine per avere una mancia, pour boire; e adoperando 
all'uopo mezzi nascosti. Gi6 e che rende 1'amicizia dell' Italia 

1 Verli Osservatore romano, n. 201. 



30 MISERA CONDIZIONE BELLA POLITICA ITALTANA 

liberalesca poco desiderabile a qualsiasi Potenza, la quale abbia. 
sentimento della propria dignita. Come negl'individui, cosi an- 
cora negli Stati, la prima cosa che si ricerca e la condotta ono- 
rata e leale, sicche possa farsi assegnamento sulle assunte ob- 
bligazioni e sulla data parola. 016 manca del tatto all' Italia 
liberalesca. Testimonio, se non fosse altro, la maniera onde si 
e condotta col Papa e colle Istituzioni cattoliche. 

III. 

Quanto al secondo apprezzamento, cio5 delle migliorate rela- 
zioni estere, 1' Opinions stessa confessa che esse son tuttavia 
lontane dall'essere quali dovrebbero. Se le nostre relazioni al- 
Testero (son sue parole) sono alquanto migliorate, molto ci corre 
ancora prima che rientrino in carreggiata l . Ci6 vuol dire che 
esse sono tuttavia fuori di strada ; ed e vero. Quanto poi al mi- 
glioramento, esso e piu appreso che reale. E per fermo, in che 
consiste? Nella maggior cortesia di linguaggio diplomatico. Ma 
quanto a'fatti, non pu6 assegnarsene pur uno che lo dimostri. 
L' Austria e la Grermania si tengono nello stesso riserbo di prima. 
E quantunque VOpinione si sforzi a farle capire alleate d'ltalia; 
tutto induce a credere che essa confonda 1'offerta coll'accetta- 
zione. Le parole delF officioso giornale tedesco, citato piu sopra r 
son troppo esplicite: Finora tutte queste premure non hanno 
avuto nessun risultato positivo. La Francia continua a non cu- 
rarsi delle querimonie italiane per gli affari di Tunisi, e a non 
aver suo ambasciatore presso il Quirinale ; e noi a non averlo a 
Parigi. JJOpmione intende qual brutto significato contiene un 
tal fatto. E per6 insiste che ci si ponga fine. Ultimamente scri- 
veva: Ancora recentemente abbiamo insistito affinche si ponesse 
fine alle vacanze della nostra Ambasciata a Parigi, e conseguen- ( 
temente fqui converte la premessa in comegmnza) a quella del - 
1' Ambasciata francese a Roma. E rinnoviamo il voto.che abbia 
termine uno stato di cose, dannoso a noi e alia Francia 2 . 

* Numero 225. 
a Numero 248. 



NON RIPARABILE DALLE PROSSIME ELEZIONI 31 

Besterebbe 1'Inghilterra. Ma i giornali del Eegno unito non ces- 
sano di esprimere il inal umore cagionato nel Governo brittan- 
nico, per la condotta tenuta dall' Italia negli affari di Egitto. 

Ecco cio che scriveva ultinmmente il Times, sopra questo pro- 
posito: Se non fosse un fatto troppo palpabile per essere ne- 
gato, sarebbe incredibile la quantita di false notizie, cattive ra- 
gioni, gesticolazioni letterarie, che si spandono a nostro benefizio 
in Eoma ed in Napoli. Questa nazione che fu sempre da noi ap- 
poggiata nella sua lotta per 1'unita, alia quale abbiamo data 
in eguale abbondanza la nostra simpatia, il nostro capitale ed 
il nostro carbone (id e tero; senza le navi inglesi, che vietarono 
ogni azione allef regale regie a Marsala, il Garibaldi colla 
sua masnada sarebbe rimasto cibo de' pescij, questa nazione ha 
colto la prima opportunity per augurarci una sconfitta, e si e 
unita nel vituperarci con incredibile animosita. Quasi soli fra gli 
uomini di Stato, i Ministri italiani dissero male di noi e della 
nostra nazione in Egitto ; ed in una parola, Governo e nazione 
si dimostrano entrambi ciechi riguardo ai loro stessi interessi, 
e poco curanti di conoscere la yerita intorno all'Inghilterra. 

Gli uomini. politici hanno breve memoria; ma sara bene che 
questa condotta degl' italiani non sia troppo presto obliata *. 

Ma senza ci6 qual sia il conto in che & tenuta in Europa la 
politica del Governo italiano, si e veduto ultimamente nella Con- 
ferenza di Costantinopoli. L' Italia, per darsi qualche importanza 
diplomatica, si assunse di proporre ufficialmente 1'aziou collettiva 
delle Potenze per proteggere il Canale di Suez, neH'intendimento 
d'impedire che di quel passo importantissimo s' impadronisse 
1' Inghilterra. La risposta e stata che 1'Inghilterra ha di fatto 
occupato colla sola sua flotta il canale, senza che niuna delle 
Potenze mostrasse di pur disapprovare rimpresa. Fu questo 1'esito 
della proposta italiana. Checch6 si dica o si faccia per indorare 
la pillola, essa 6 per se stessa si ostica, che ci voleva lo stomaco 
del Ministero italiano per ingollarla. 

ItOpmione, per mitigare 1'acerbita dell'mflitto smacco, si con- 
sola che esso fu ricoperto da cortesia di parole, e solo riprende 

1 Vedi rOpinione, n. 234. 



32 MISERA CONDIZIONE DELLA POLITICA ITALIANA 

nel Gloverno la poca preveggenza. Essa dice: Forse noi ci siamo 
lasciati persnadere troppo facilmeDte a prendere in via ufficiale 
1'iniziativa del progetto, per la protezione del Canale di Suez. 
Le sorti di quella proposta si potevano dire decise prima ancora 
che venisse discussa; perche nessano ignorava die 1'Inghilterra 
avea mandata la saa flotta e i suoi soldati in Egitto, principal - 
mente per assicurarsi il passaggio di Suez; e per conseguenza 
sn quel panto non avrebbe subordinate la propria azione a quella 
delle altre Potenze. Certo si 6 trovato un modo cortese di ren- 
dere inutile la proposta anzidetta. Le Potenze studieranno il mi- 
glior modo di fare collettivamente un servizio di polizia marit- 
tima sul Cauale; ma intanto rimane bene inteso, che 1'Inghilterra 
occupera il Canale militarmente. Cosi stando le cose e che 
stiano cosi non c' e dubbio non solamente non si e raggiunto 

10 scopo della proposta italiana, ma si ha addirittura 1'effetto 
contrario. Si ha cioe quella occupazione inglese del Canale, che 
si voleva ad ogni costo evitare. Non y'era alcun bisogno, noi 
ripetiamo, che 1' Italia si assumesse la responsabilita di un'ini- 
ziativa, che le altre Potenze le lasciarono di buon grado, per- 
suase delle difficolta, a cui andavano incontro e della impossi- 
bilita di rimuoverle. Comunque sia, non vogliamo insistere sn 
questo argomento \ 

E fa benissimo a non insistere, perch& esso fa uno scacco di- 
plomatico bello e buono; e quand'anche si potesse rilurre a una 
semplice imprudenza, non e tale certamente che valga a rialzare 

11 prestigio della politica italiana. Ma che politica andiam noi 
cercando, quando a capo degli aifari esteri sta un causidico, il 
quale certamente sa bene il codice, ma di diplomazia ne sa tanto, 
quanto di lingua cinese? 

IV. 

L' Opinions spera il rialzamento della politica italiana da una 
buona scelta di Deputati al nuovo Parlamento. Se vogliamo, cosi 
ella, rafforzarci all'estero, dobbiamo cominciare dal rafforzarci al- 

1 Numcro 225. 



NON RIPARABILE DALLE PROSSIME ELEZIONI 33 

1' interne. E per questa ragione si pu& dire eziandio che le nostre 
sort!, a tale riguardo, non furono decise dalla Conferenza di Co- 
stantiuopoli, ma lo saranno dalle prossime elezioni l . Esamioiamo 
nn poco questa speranza. Primierainerite la scelta d'una buona 
Camera, nel senso i&i'Opiniane, e molto problematica, a giu- 
dicarne dalla prospettiva. II Bonghi, nel discorso tenuto ultima- 
mente in Napoli &W Associazione Costituzionale, si espresse 
su tal proposito in questi termini: La guerra elettorale sara 
combattn ta coi peggiori mezzi. Vedrerno gli uomini d'ogni par- 
tito dimenticare le antiche division!, sostenersi a vicenda, perche 
ciascuno possa avere la certezza d'essere eletto. Cos! si vedranno 
confermati gli effetti temuti, cioe a dire corruttele, affarismi, 
egoism! , interessi personal!. Che faranno questi onorevoli, quando 
saranno riuscit! a farsi eleggere? 

Eppure il pericolo maggioro per la qualita de'naovi deputati 
non e qui. UQ tal pericolo e dal lato de'partiti anarchic!. I re- 
pubblicani han fatto lega co' socialist!, e si riuniscono e si con- 
certano insieine e si agitano con grande ardore, per accorrere 
numerosi e con uniformita di suffragio alle urne politiche. Essi 
confidano talmente nelle loro forze, che non dubitano di bandire 
ne'loro programmi i disegni pill strani, e nelle loro liste de- 
siguano candidati, de'quali i soli nomi spaventano. Bastidire che 
in quaiche luogo si 6 giunto a proporre per futuri onoreroli due 
galeotti, non aventi altro tilolo che quello di rivoluzionarii sfre- 
nati; e de'quali uno per atrocita di delitti avea meritato la pena 
di morte. Se questa coalizione trionfa, e evidente che la futura 
Camera, lungi dal ristabilire il prestigio della politica italiana, 
le dara 1' ultimo crollo. 

Di ci6 fortemente impensioriti i cosi detti moderat!, han deciso 
di fare il massimo cle'sacrificii, quello cioe di stendere arnica la 
mano ai loro avversarii politic!, i quali li avevano balzati di 
seggio, e convolti nel fango. Essi hanno proposto di venire a 
concord ia col partito di Sinistra, tranne i soli intransiyenti, 
e far con essi una coalizione, da opporsi a quella de'repubblicani 

1 Luogo cilato. 

Serie XI evl. Illa^. "I75 3 ' A S seiltmbre liW 



34 MISERA CONDIZIONE BELLA POLITIGA ITALIANA 

e socialist!, affin di salvare viribus unitis la Monarchia e le isti- 
tuzioni costituzionali. 
Quanto sia costato al cuore & Destri una tal risoluzione, ben 

10 significft il Sig. Bonghi nel discorso soprallodato. Egli disse 
ohe, se avesse yoluto seguire le idee del suo intelletto e gl'inte- 
ressi del suo partito, avrebbe invitato a combattere ad oltranza 

11 partito avverso che governa da quattro anni, noverandone i 
falli e le nocive tendenze. Ma che, considerando 1'odierna con- 
dizione del paese, gli conveniva sacrificare il proprio coraggio e 
la coerenza a'proprii principii, per non incorrere in un peggio- 
ramento esiziale di cose. Da qualche anno, egli esclamo, sonsi 
sviluppati partiti avversi alia monarch! a e alle istituzioni. In 
tutte le parti d' Italia sorgono uomini premurosi di mettersi in- 
nanzi; c'6 una furia di democrazia e di socialismo... E ottimo 
che si moltiplichiDo le Associazioni operaie, ma & pessimo che 
esse sieno organizzate con passioni socialistiche, con la negazione 
deH'autorita... In tale stato di cose chi volete che pensi. all'am- 
ministrazione, quando sono proprio le istituzioni, e proprio la 
monarchia che 6 minata?... Questo pericolo di disfacimento, questi 
sforzi che potrebbero un giorno mutarsi in conati sanguinosi, e 
d6 sarebbe grave iattura, li vediaino tutti di Destra e di 8i- 
nistra. Quindi propose, fra gli applausi della riunione, che, 
dimenticando le gare e i rancori passati, ambidue i partiti ven- 
gano, se non a fusione, a coalizione tra loro, contro il comune 
nemico. Povero Bonghi! costretto a contentarsi di apparir timido 
e incoerente, per non veder lo sfacelo d'una fabbrica cosi bella, 
qual 6 T Italia liberalesca! 

Ci6 che si 6 fatto in Napoli, si ^ eseguito altresi in altre 
citta d' Italia. Onde la Gazzetta di Torino, in una corrispon- 
denza da Roma, assicurava, che nelle prossime liste elettorali si 
Tedranno accoppiati e raccomandati insieme egualmente nomi di 
Destri e di Sinistri alia rinfusa, merc& della predetta concilia- 
zione. Cosi a cagion d'esempio nelle Romagne si vedranno figu- 
rare nella stessa lista il Codronchi e il Filopanti, nella Toscana 
il Serristori e il Monzani, nelle Calabrie il Plutino e il Panatico, 
destri i primi e sinistri i secondi. 



NON RIPARABILE DALLE PROSSIME ELEZIONI 35 

Da questa specie di pasticcio politico, a cui per disperazione 
si ricorre, si rilevano evidentemente due cose. La prima, che il 
partito cosi detto moderate, ossia di Destra, e irrimediabihnente 
disfatto: sicche non ha piu animo di presentarsi isolate alle urne, 
L'altra, che il partito della rivoluzione antimouarchica e radicale 
6 divenuto talmente poderoso, che per combatterlo con isperanza 
di successo, e mestieri di coalizioni, con doloroso sacrifizio di 
coerenza e di decoro. Cio nonostante, si riuscira nell'intento? Fac- 
ciamo 1'ipotesi che si; e noi la crediamo meno improbabile del- 
1'opposta: giacche il partito della totale sovversione non ci sembra-. 
ancora giunto a tal grado di potenza, che valga a soverchiare 
quello di Destra e quello di Sinistra collegati insieme. Ma qual 
sara 1'effetto di si costosa vittoria? Non altro che di avere una 
Camera poco dissomigliante dalla precedente. II nuovo Parlamento 
sara presso a poco lo stesso. Danque presso a poco lo stesso Gro- 
yerno. E per6 presso a poco lo stesso disordine all'interno, e la 
stessa nullita di diplomazia all' esterno. La stessa cagione non 
pu6 non produrre ,gli stessi eftetti. HOpiniom non potra con- 
solarsi gran fatto d'un tal risultato. Anzi, chi ben consideri, la 
nuova Camera, anche nell'ipotesi della vittoria fo'Destri e Si" 
nistri fusi insieme, deve riuscire alquanto peggiore della pre- 
cedente; non essendo probabile che il partito contrario resti scon- 
fitto dappertutto e in tutto. I deputati radicali cresceranno di 
numero, e quindi d' influenza nelle deliberazioni. II ristauro adun- 
que della politica italiana, in virtu delle nuove elezioni, 6 sogno. 

Y. 

Per rialzare veramente il prestigio della diplomazia all'esterno, 
ed afforzare gli ordinamenti civili all'interno, converrebbe che, 
se non una maggioranza, almeno una numerosa minoranza cat- 
tolica entrasse in Parlamento. Questa influirebbe potentemente 
nelle deliberazioni dell'Assemblea, e quindi nel movimento della 
macchina governativa. Ed attesa 1'onesta del suo voto e la pu- 
rezza de'suoi principii, assicurerebbe il ben essere e la tranquillita 
cittadina. Essa sarebbe come il sale che iinpedisce la putrefa- 



33 MiSERA CONOIZ10NE BELLA POLITICA ITALIANA 

zione de'corpi. Di piu, essa sarebbe pegno agli Stati d'Europa 
di lealta e di giastizia, nelle relazioni tra popolo e popolo. Ma 
i cattolici si guarderauno .bene dal commettere ana siffatta im- 
prudenza ] . Che cosa farebbero essi con ci6? Concorrerebbero col- 
T opera propria a rassodare una macchina, innalzata contro di 
loro; e che, mentre resta in piedi, non pud non operare seconio 
la malignante natura che le fu data nel costruirla. II ricevuto 
servizio verrebbe ripagato con nuovi aggravii e nuove oppression! 
del cattolici s mo; e all'uopo il partito liberalesco non dubiterebbe 
di chiamar poscia in aiut-o gli stessi rei element!, di cui fu con- 
fortato a trionfare. I cattolici adunque continueranno a tenersi 
lungi dalle urne politiche. II non expedif, risposto alfcra volta 
dalla Sacra Peoitenzieria, so ebbe forza pel passato, 1' ha assai 
piti nelle circostanze present! l . 

4 E slato ultimamente pubblicato un opuscolo anonimo, che esortava i caltolici 
<li accorrere alle urne politiche. M di esso parleremo nella rivista della stampa. 

* 11 Banghi, leggendo colle traveggole agli occhi il discorso tenuto ultimamenle 
dal S. Padre ai pellegrini italiani, ha creduto vedervi, se non con certezza, almeno 
con probab ; lita, un eccitamento pei cattolici a prender parte alle elezioni politiche. 
(L\ PERSEVERANZA DI MILANO n. 8231). Ma evidentemente il valentuomo ha preso 
lucciole per lanterne. Le parole del Pontefice non furono che queste: A scongiu- 
rare le quali (cioe le sciagure che i nemici della Chiesa apparecchiano alia religione 
all' Italia), o almeno a miligarle, e necessario, come dltre volte abbiamo detto, che 
i cattolici italiani, nolla difesa dei loro grandi interessi religiosi e sociali, oppongano 
ai nemici tanta maggiore energia e coslanza, quanto piii numerosi e potenti sono i 
mezzi di cui quelli dispongono. E tempo oramai che i cattolici italiani facciano e pa- 
tiscano qualche cosa, per conservare il dono della fede e il tesoro della religione, ap- 
punto come nei prim! sncoli della Chiesa e nelle epoche piu infauste fecero i nostri 
maggiori. (LA VOCE DELLA VERITA n. 212). Qui non ci e sillaba che accenni ad 
ele/ioiii politiche. Ci e piuttosto il coiitrario; perche il Pontefice nell'esortare all'ope- 
rosita i caltolici, richiama alia loro memoria eio che avea detto allre volte. Ora altre 
volte il Pontefico avea esplicitamente detlo, che al presente il concorso de' cattolici 
alle elezioni polit ; che non era conscntito. Lo stesso Bonghi confessa che finora la 
Curia romana era stata per V astinenza. Si no ad un mese fa, la loro opinione 
<de' cattolici cioe) era che la Curia romana sarebbe rimasta fedele alia vecchia mas- 
s ; ma: ne elettori m eletti; e si sono pe:'sino ritirati da ogni partecipazione palese 
al lavoro elettorale, dove almono per indiretto n' avevano e potevano averne una. 
(Luopro sopraccitato). Dice poi apertamente che in nessuna provincia il numero degli 
clcltori cattolici e piccolo, o tale da non averne a tener conto. E soggiunge; Si 
|)uu qiiindi a!Term;u'e che dove questa sarta di eleltori accorresse aile urne, la mi- 
scola del corpo eloftorale ne sareobe, dove piu dove meno, molto alterala, ed i cal- 
oli dclle probabilila dclle candidature sostanzialmente mulati. 



NON RIPARABILE DALLE PROSSIME ELEZIONI 37 

II Bonghi nol suo discorso disse: . Perche non si pu6 in 
Napoli ottenere per le elezioni politiche quello stesso che si e 
ottenuto per le elezioni amministrative? > Senza dubbio si po- 
trebbe, se alia produzion delPeffetto si applicassero le stesse cause. 
II Municipio riusci onesto nella maggioranza, perch5 alL'elezione 
de'consiglieri preseroparte i cattolici. Forse il Bonghi con quella 
interrogazione voleva insinuare cbe il inedesimo si facesse per le 
elezioni politiche. Ma lunge fa da I becco I'erba. L' Italia libe- 
ralesca & sulla via del disfacimento. II ro'vinoso principio della 
sovranita popolare, da lei invocato per avere le moltitadini co- 
operatrici alia sua formazione, va esplicando le sue conseguenze. 
II popolo sovrano non intende esser da meno di coloro, che non 
sono se non suoi mandatarii ed impiegati. Se egli, come gli si & 
fatto capire, e sovrano, vuol farla da sovrano. Egli vuol rimuovere 
la contraddizione in che il fatto si trova colla teorica. Un so- 
vrano, che stenta e languisce nelle privazioni, mentre i suoi 
officiali nuotano nell'abbondanza! Ci6 non pu6 tollerarsi. Yalen- 
dosi della sua sovranita, egli vuol riparare una tanta ingiustizia; 
e stabilire quegli ordinamenti civili e politic], che crede piu con- 
facenti al suo benessere. L' Italia liberalesca non e in grado 
di difendersi contro un tale discorso. Essa non pud prevalere in 
diritto. N& pu6 piil prevalere nel fatto; giacche la forza material e 
le sara strappata dalle mani. In tale distretta dovrebbero i cat- 
tolici accorrere, per impedire lo sfacimento della mal congegnata 
baracca? Delirio! E ben che si sfasci sotto i colpi di coloro, che 
ella stessa ha armati di scare. 



DEL PRESENTS STATO 

DEGLI STUDII LINGUISTIC! 



Applicazione del sistema mitico alia religione rivelata. Cause 
di questa applicazione. II rationalism o e la critica storica 
nella scienza delle religioni. Fondamento di celesta critica. 
Contraddizioni e stoltezze di Maurizio Vernes. 

Abbiamo fin gtii diligentemente esaminato e discusso 11 sistema 
filologico applicato alia mitologia degli antichi popoli e alle ori- 
gin! delle religioni; materia per s6 stessa poco giovevole in ri- 
sguardo alia vera scienza, perche i successi di tante ricerche, di 
tanti studii e soprattutto de' superbi vantamenti della nuova cri- 
tica storica delle religioni, sono stati male ayyenturosi e infelicL 
Ne" certamente meritano di passar nella contezza de' posted, se 
non se quali document! della temerita degl' ingegni e dell' astio 
profondo contro la verita -rivelata. Ma se non profittevoli alia 
scienza, sono i novelli studii nocevoli e sommamente pericolosi al- 
1'ignoranza e credulita de'piu, che contra 1'errore rappresentato 
in sembiante di vero, anzi di scienza, come non hanno armi a 
combattere, cosi neppure scudo a difendersi. 

E dunque pio e non ingeneroso consiglio quello che ci muove a 
venir in aiuto degl'meruditi o de' mezzanamente istruiti, e mo- 
strar loro le fallacie, 1'ignoranza o il falso sapere e la perfidia 
talora di certi scrittori che la piu sublime fra le cose uniane, la 
Religione, rendono altrui dispetta od esosa, affermando che non 
gia sacre ed auguste sieno le sue origini, ma o natural! istinti 
yaghi ed incerti, o piu veramente miti e credenze dell'antichita 
favolosa. 

Che se per avventura nella difesa del vero, alcuna parola ci 



DEL PRESENTS STATO DEGLI STUDII LINGUISTIC! 39 

Terra detta dura od acerba, dichiariamo fin d'ora ch'ella non le 
persone, ma i loro error! morde e riprova: senza che, giusta il detto 
autorevole del PallaviciDo, Si come e carita il non perdonare 
alia testa d'un malfattore, per salvar la vita di molti buoni, cosi 
carita il non perdonare alia fama d'un empio per salvar 1'onore 
4i molti pii (Storia del Condi, di Trento. Introduz, cap. II, 
pag. XCIX). 

Quando si tratta della religione rivelata da Dio, cbe percift 
stesso dices! parola di Dio, le leggi della filologia e della lingui- 
stica non possono, ne debbono applicarsi per rispetto al significato 
-delle parole, come si farebbe di quelle deH'uoino. Di che segue 
she se la storia del Yecchio e Nuovo Testamento contiene la ve- 
rita rivelata intorno a' fatti e alle geste in essa narrate, e deve 
riverentemente credersi ed aversi per infallibilmente vera; anche 
i vocaboli e le frasi in essa contenute si debbono intendere nel 
-senso voluto da Dio quando pad6 allo scrittore inspirato. Essen- 
doche poi interprete legittima, unica e sola di questa parola di- 
vina e la Chiesa di Gesu Cristo, quello sara il vero significato 
4elle voci e delle locuzioni delle Scritture, che da la Chiesa o Tap- 
prova. Coloro dunque, i quali interpretano a lor talento e quasi 
fosse un libro umano, i detti e i fatti della Sacra Bibbia, sareb- 
bero per questo stesso non solo empiamente temerarii, ma scien- 
tificamente altresi privi di logica e di buon criterio. Iniperocche 
non pu6 non essere dissennato colui che un libro d'altissimi mi- 
sted e di profonde verita d'ordine soprannaturale, voglia giudi- 
care e trattar alia stessa maniera dei libri scritti dall'uomo. 

Per la quale cosa non resta a costoro altro partito che negare 
xicisamente la rivelazione, negar tutto il soprannaturale, e di- 
chiarar ogni religione cosa al tutto naturale ed umana, uno svol- 
gimento delle facolta e delle aspirazioni dell'amma verso un ideale 
che avra il suo essere pieno e perfetto nella costituzion della re- 
ligione universale de' tempi avvenire. 

Ecco perch& i razionalisti e glMncreduli d'ogni ragione appli- 
cano il sistema mitico anche alia religione rivelata, e pero nelle 
divine scritture che la contengono, vanno diligentemente cercando 
|fl ongiui mitiche de'suoi dommi e delle credenze. 



40 DEL PRESENTS STATO 

E doppio e 1'artifizio onde si argomentano di conseguire 1'ef- 
fetto, n& pu6 negarsi che scaltro sia e perfidamente escogitato e po- 
sto in opera. Dicono dunque che le credenze contenute nelle Scrit- 
ture divine sono un lavorio che non sormonta le forze deiramauo 
ingegno, anzi gli 6 proprio e naturale; e d'altra parte quells 
stesse credenze e que'dommi non sono altrimenti rivelati da Dio T 
ma sono dommi e credenze, le quali provengono dalla mitologia 
religiosa de 1 popoli pift antichi, dall' India cioe, dalla Caldea, dal- 
1'Egitto e dalla Persia. Cosi ogni idea di soprannaturale e di ri- 
velazione e fatta impossible, e il libro che secondo noi la con- 
iiene, non dee riputarsi sacro e ispirato. 

La cosi delta scienza delle religion! e la critica storica nella 
quale asseverano doversr, fondare, e appunto quella che intends 
con ogni studio e sforzi incredibili a combattere ogni idea di con- 
ciliazione tra la scienza e la fede, dimostrando impossibile e perfr 
falsa questa, affinche* quella sola resti sovrana dell'iioino e del- 
1'umana societa. Gravissimo 61'argomento che abbiamoalie mani 
e porta il pregio di svolgerlo e dichiararlo con la maggior dili- 
genza che per noi si possa. Esamineremo perci6 primamente la 
natura e le cause di cotesto sistema di critica storica delle reli- 
gioni, e dimostreremo poscia che sono senza storico fondamento 
ed assurde le supposte origini egizie, indiane, assire e persiano 
del Cristianesirao. 

II sistema razionalista in materia di religione 6 fondato sulla 
negazione del soprannaturale. 11 Direttore della Revue de Vhi- 
stoire des religions Maurizio Yernes ammette come principio 
certo ed indubitabile questo assioma dell' Ha vet La premiere 
obligation que nous fait le principe ralionaliste, qui est le fonde- 
ment de toute critique, est d'ecarter de la vie de J6sus le surna - 
turel. II vecchio e il Naovo Testamento sono giudicati in quella 
Ri vista secondo questo principio, che cioe il soprannaturale noa 
puo ammettersi. Tutti i fatti che si danno come tali, sono mitici 
ovvero apocrifi e non autentiche le testimonianze. E parche? per- 
che il soprannaturale non pu6 ammettersi. II che in buona logica 
dicesi petizion di principio. Dimostrate prima con argomenti in- 
trinseci la impossibilita del soprannaturale o la sn.a assurdita, e 



DEGLI STUDII L1XGUIST1CI 4! 

allora avrete 11 diritto di affennare che questa o quella credenza, 
questo o quel fatto che voglionsi sopranuaturali, non possono, n& 
debbono essere aminessi. Se questa dimostrazione non si e fatta 
sinora da voi, il vostro sistema non e scientifico, la vostra critica 
storica manca di fondamento, e le vostre conclusioni sono gratuite 
e per 6 senza valore alcuno. 

L'unico valore che mostrano i razionalisti di questa scuola, e 
una indomabile perseveranza e una forza maravigliosa di asserire, 
di affermare e di negare senza un pensiero al mondo di fornir le 
prove delle loro affermazioni e negazioni. Se v'ha dommatici sulla 
terra, son essi appunto, e se esistono dommi sono certameute i 
loro, mentre protestano che la science pour etre ind6pendante a 
besom de n'etre go6e par aucun dogine l . > I discepoli di Pita- 
go4*a dimandati della ragione o del perch5 di qualche domma 
filosofico del loro maestro, solevano liberarsi d'ogni molestia con 
due parole secche: ipse dlxlt. Ora, chi il crederebbe? il grande 
esogeta moderno, il Direttore della Revue de I'histoi-re des reli- 
gions, Maurizio Vernes s'e fatto umile discepolo del Reuss, e in 
tutte le quistioni s'appella a lui, ed ha per dommi le parole di 
Keuss! Tel est (dice un arguto scrittore della Controverse) le 
grand et perp6tuel raisonnement de M. Maurice Vernes: Nous 
nous rangeons ici aux vues de M. Reuss; voyez Reuss; trad action 
de Reuss; nous renvoyons a La Bible de Reuss; M. Reuss s'ex- 
prime ainsi; ce qui est sans doute au fond 1'avis de M. Reuss; 
M. Reuss dit ceci ; M. Reuss propose ceci, etc. 2 . E costui poi 
fara lo schifiltoso e 1'insolente, dara del bugiardo e dello stor- 
dito pel capo agli ispirati scrittori della Bibbia e de'Vangeli! II 
principio che T Havet chiama razionalista e in virtu del quale 
condanna il soprannaturale e, come abbiamo accennato, ammesso 
e sostenuto dal Vernes e costituisce il fondamento della critica 
razionalista; essendo chiaro che i giudizii debbano prender la 
Dorma e la efficacia loro dal principio fondamentale da cui si parte. 
Se il principio dunque fondamentale e razionalista, anche la cri- 

1 RENAN, Histoire gen. des langues semitiques. Paris, Calmann Levy, 1878 
pa jr. 475. 

2 La Controverse, \ mai 1882, pag. 573. 



42 DEL PRESENTS STATO 

tica dee dirsi tale. Ora cotesta critica razionalista lo stesso Man- 
rizio Yernes sfolgora e fieramente vitupera nella Introduzione 
alia Revue de I'histoire des religions, e a coprir la contraddi- 
zione manifesta delle sue parole e de' suoi fatti (giacch6 in tutti 
i suoi lavori egli si mostra quel desso che e razionalista radicale) 
inventa una distinzione fra critica razionalista e critica storica.. 
Cela, dice, nous amene a dire que nous rejetons absolument 
la critique rationaliste, soigneusement distinguee de la critique, 
historique. La critique rationaliste est precis6ment celle qui, 
dans la r6construction du passe, fait constamment intervenir ses 
preferences ou ses r6pugnances propres... La critique rationaliste 
a fait son apprentissage dans sa lutte centre l'6cole po!6mique r 
r6solument anti-religieuse et anti-chr6tienne, du si^cle dernier. 
Elle en a rapporte une science d'interpr6tation, un art d'accomo- 
dation qui 6blouit les simples... E conchiude cosi: Depuis 
1'anesse de Balaam qui adresse la parole a son maitre en songe, 
depuis Josue qui n'arrete pas le soleil et la lune, mais est te- 
moin de deux met6ores qui en prennent complaisamment la place 
jusqu'a achevement de 1'enneini, depuis Jonas entrant a 1'au- 
berge de la baleine et y passant trois jours, jusqu'a Lazare et 
Jesus tomb6s en 16thargie et qui ressuscitent ainsi a moins de 
frais, il n'est pas un passage des livres de la Bible ou le ratio- 
nalisme n'ait Iaiss6 les traces de sa lourde et plate empreinte. 
S'il s'est fait plus raffine sous la plume des 6crivains con tempo- 
rains, il n'a jamais reni6 son vice originel. II est reste Stranger 
a la sinc6rit6 de I'histoire, et 1'Mstoire religieuse doit a son tour 
lui rester 6trangere 1 . > 

Quanto 6 qui imputato alia critica razionalista, si trova tutto 
nella critica storica del Yernes. Sotto la sua penna la storia 6 
lacerata, avvilita e distrutta. Evangelii, libri mosaici, profeti e 
agiografi non serbano se non quel tanto che la bonta del Yernes 
loro graziosamente concede. La vita di Gesu e Gresu stesso non 
son piu altro che leggende, e di Gresu anzi ve n'ha due, Tun vero 
e r altro falso, questo e il piu meritevole e degno. On pourrait 
dire que du vrai J6sus et du faux J6sus, le plus vrai est encore- 

1 Revue de Thistoire des religions, T. I, Introd. p. 10-1 L 



DEGLI STUDII LINGUISTIC! 4.3 

le second 1 . En v6rit6, il n'y a aucun paradoxe a dire: 1 que 
le Jesus de la 16gende a exerce une inflaence historique an moms 
gale au J6sus de 1'histoire; 2 que la figure du J6sus de la 16- 
gende est bien connue, tandis que celle du J6sus de 1'histoire se 
d6robe a nos prises et reste n6buleuse 2 . > Nella rivista che fa 
della Critique des recits sur la vie de Jesus, di Ernesto Havet, 
si gloria di riconoscervi une confirmation 6clatante de ses pro- 
pres vues. La dissertation de M. Havet r6pond aux conditions 
de la science moderne. Elle devra tre m6Iit6e, avec soin par 
eux qui aspireraient a la d6passer sur quelque point. L'etude de 
M. Havet est une des contributions les plus consid6rables que 
I'histoire des origines du christianisme ait regues en ces derniers 
temps 3 . 

Ora in tutti i lavori dell' Havet sulle origini del cristianesimo, 
quali sono: Vie de Jesus *, Le Christianisme et ses origines 5 ; 
Le Jiidaisme 6 , e Les Etudes sopra S. Paolo 7 , si hanno le 
prove piu chiare e palpabili di una leggerezza senza esempio e 
<T una incredibile impudenza. Imperocch5 egli senza i necessarii 
studii delle materie che tratta, non avendo mai aperto un volume 
-di teologia, senza dottrina esegetica, ignorando la lingua ebraica 
gli ebraizzanti, come egli stesso confessa, e infine senza essere 
n5 cristiano, n6 filosofo, ma semplice linguista e filologo, n6 di 
.gran nome, s'e dato a far il critico, cioe una specie di factotum 
del Yecchio e Nuovo Testamento. Nega come assurdi i miracoli, 
deride le profezie, dichiara apocrifl i Yangeli, Cristo chiama un 
hallucine, un uomo ^ rempli de toutes les id6es fausses qu'on 
avait autour de lui, un charlatan. > Ciarlatano senza pari al 
mondo ^ ben egli e il suo panegirista Maurizio Yernes 8 . E di- 

* Bulletin de la Religion, Chretienne, T. IV, p. 193, in nota nella Rev. de 
I'/iist. des relig. 

2 Ibid. 

3 Ibid. 

* Revue de Deux-Mondes, l er aotlt 1863, pp. 564 e segg. 

5 Paris, 1872-1879, 3 vol. in-8. 

6 Paris, 1880, in 8'. 

7 La, Nouvelle Revue, l er et 15 decembre 1881; e l er Janvier 1882. 

8 Vedi A. LEMANN, Le Christ rejete, Paris, Le Coffre. Etudes d'histoire re- 
&,yieuse de H. CHAPON. Paris, J. Gervais. Mr. PERRAUD Vescovo d'Autun La wi- 



44 DEL PRESENTS STATO 

remo con Pascal : En verite, il est glorieux a la religion d'avoir 
pour ennemis des hommes si deraisonnables, et leur opposition 
lui est si peu dangereuse, qu'elle sert an contraire a l'6tablisse- 
ment de ses principales v6rites. 

II. 

Come la critica storica e giudicata da E. Eenan. Lodi di If. 
Vernes a Fr. Lenormctnt per le sue Origines de 1'histofre. 

II Vernes ha in grandissimo onore, e se ne intende bene il 
perche, \! eminente orientalista E. Renan, e gli gode 1'animo che 
la Revue de fhistoire des religions riceva da lui una parola di 
lode, aim neppur tanto, ma gli 6 assai che abbia fatto lo spoglio 
de' lavori in essa contenuti. Nous ne tairons pas la satisfaction 
que nous avons eue a voir le soin avec lequel Imminent ori6nta- 
liste a depouil!6 la collection de la Revue de I'histoire des reli- 
gions, en signalant tous ceux de ses travaux qui rentrent dans 
son sujet '. > Ora il Eenan contrariamente all' Ha vet, il quale 
ritiene il soprannaturale impossibile 2 Nous ne disons pas, 
scrive, le miracle est impossible; nous disons: il n'y a pas eu 
jusqu'ici de miracle constat6 3 . > A la base de toute discussion 
sur de pareilles matieres est la question du surnaturel. Si le mi- 
racle et 1'inspiration de certains livres sont choses r6elles, notro 
m6thode est detestable. Si le miracle a quelque r6alite, mon 
livre n'est qu'un tissu d'erreurs *. > Senoncho il soprannaturale e 
con esso ii miracolo, T ispirazione de' libri sacri e le profezie sono 



tique intransigeante et les services qu'elle rend a la science apologetique. Autuw, 
Dojussieu La Controverse 16 mars e l er avril 1882. 

1 Chronique, nella Rev. de I'hist. des relig. T. IV. N 6, Nov-Dec. 1881, 
pag. 387. 

2 Si Ton n'enire pas dans la discussion du surnaturel, c'est par Pimpossibiliu' 
<Fy enlror sans accppter une proposition inncceptable, c'est que le surnaturel soit seu- 
loment possible. Revue des Deux Mondes, l er aout 1863. 

3 Vie de Jesus, 13 e , ed. Introd., p. XCVI. 
* Ibid. pref. de la 13, ed. p. V et IX. 



DEGLI STUDI1 LINGUISTIC! 45 

rifiutati percifc solo che la critica storica li diinostra inammissi- 
bili. La quistioDe dunque del soprannaturale dipende dalla verita, 
dalla saldezza ed evidenza del metodo critico storico. Se questo 
metodo non fosse per avventura n& vero, ne solido, ne ragionevole, 
il soprannaturale dovrebbe ammettersi, e tutto ci6 che si spaccia 
per vero in forza della critica storica, diventa falso. Ora il Renan 
ci dice appunto cotesto quando scrive : Je n'ai jainais rejet6 le 
miracle a priori. Ma foi a 6t6 d6truite par la critique histori- 
que. Les sciences Mstoriques ! petites sciences conjectnrales 
qui se defont sans cesse apres s'etre faites l . Ecco dunque a cho 
si riduce tutta la scienza e la critica storica del Yernes e de'suoi 
fratelli in razionalismo, per aperta confessione del Renan tipo 
sovrano di razionalista perfetto. Piccole scienze di congettura, che 
si fanno e si disfanno incessantemente. Con quest' arma si assale 
la religione rivelata, e si dichiarano miti i suoi dommi, e leggende 
1'uno e 1'altro codice sacrosanto, la Bibbia e il Vangelo! A ra- 
gione il filosofo francese Caro accusa la critica d' essere caduta 
< dans un 6tat d'impuissance et de mediocrit6 ou on ne Tavait 
jamais vue 2 . E nel vero quando si ha per scientlficamente di- 
mostrato un fatto, e per indisputabile una dottrina con argomenti 
paradossali, bizzarri, fantastici, puerili ed insulsi, la critica si pu6 
ben dire morta e il suo nome stesso un'ironia. Quando p. e. la 
conversione di S. Paolo si spiega dal Renan con un accesso di feb- 
bre e un mal d'occhi, mentre lo stesso Baur confessa che qoesta 
conversione e per lui stata sempre un problema, il cui mistero 
nessuna analisi psicologica e dialettica poteva sufficientemente 
spiegare 3 , e mestieri conchiudere che per giungere a simili 
estremi, 1'orrore del soprannaturale dev' essere in critici siffatti, 
di cosi rea natura da far saltar loro addosso la febbre e venir 
male agli occhi tutte le volte che s' argomentano di combatterlo. 
Intanto per quella legge onde il simile ama il suo simile, i 
piu pomposi encomii e le lodi piu smaccate d'ingegno, d'acume e 
di dottrina sono dal Vernes e da' suoi pari, riser bati solo a coloro 

' Revue des Deux Mondes, 15 dec. 1881, 

4 La critique contemporaine, nella Revue des Deux Monde, l er feb. 1882. 

5 Le christianisme et VEylise aux trois premiers siecles. 



46 DEL PRESENTS STATO 

che in tutto o in parte seguono i dettami della loro critica storica. 
E poiche 1'illustre archeologo Francesco Lenormant nelle sue 
Origims de Vhistoire d'apres la Bible et les traditions des 
peuples orientaux, ammette alcuni criterii biblici della scuola 
razionalista del Yernes, costui fa le allegrezze e tributa lodi al- 
1'autore ed all' opera sua. Nous signalons avec une tres vive 
satisfaction, dice, la nouvelle publication de 1'infatigable profes- 
seur d'areh6ologie pres la Bibliotheque nationale, comme un sym- 
ptOme de detente, comme un exemple de haute independance, 
comme une marque de l'6norme progres accompli, au camp des 
conservateurs intelligents, dans le choix de la m6thode qu'il con- 
vient d'appliquer aux documents bibliques. Nous y reconnaissons 
egalement, avec les critiques les plus comp6tents, une oeuvre con- 
sid6rable, une mine abondante de mat6riaux, pr6sentes avec tou- 
tes les ressources de la science moierne, sous une forme claire et 
anim6e 1 . La prima cosa che il Yernes reca a lode del Lenor- 
mant, 6 la ciolta parte da lui data aU'elemento critico, s'intende 
quello voluto dal Vernes M. Lenormant nous offre le tr&s int6- 
ressant spectacle d'un honime qui, sans rompre completement avec 
la tradition, s'est r6solu a faire une large place a T616ment criti- 
que et qui fait cette place toujours plus grande 2 . L'altra lode 
piu calda riguarda T origins del Pentateuco e la distinzione che 
il Lenormant crede doversi ammmettere de'due documenti elohista 
e jehovista. Nuove lodi per la spiegazione de' primi capitoli del 
Genesi, donde il Yernes deduce. II n'y a done plus la aucune 
r6v^lation surnaturelle et magique, aucune dict6e d'en haut, tout 
au plus une inspiration > qui a donn6 aux antiques r6cits m6- 
sopotamiens une couleur monoth6iste et morale 3 . 



1 Comptes-Rendus nella Revue de Vhistoire des religions, T. II, 1880, p. 128. 

2 Ibid. 

3 Loc. cit. 



DEGLI STUDII LINGI1STICI 47 



III. 

Opinioni di F. Lenormant. Sue dicliiarazioni . Teorica docu- 
mentaria. Giudizii di G. Hale-oy intorno al Lenormant. 
Isaia e i Rationalist!. Meriti della critica razionalista con 
la Bibbia, secondo H. Oort. Osservazioni dell' Obry suil'ese- 
gesi biblica tedesca e francese. Mons. de Harlez e la Revue 
de I'histoire des religions. 

Francesco Lenormant sincere cattolico e ingegno vasto e po- 
tente, non ha bisogno di queste interessate lodi del Yernes. La 
sua fama e meritamente chiara in tutto il mondo, e se la Francia 
si gloria d'aver in lui uno de'piu grand! archeologi di questo se- 
colo, la Chiesa si corapiace di riconoscere con la piu devota som- 
messione e riverenza alia sua autorita, il coraggio altresi e la 
costanza di questo suo figlio nella difesa delle verita rivelate. 

Se intanto in alcuna quistione non riusci di recare quella verita 
e precision di concetti e di formole che la teologia insegna, e s' 6 
in altra dilungato dalla coraune degli esegeti cattolici, il fine fu 
religioso e lodevole, credendo di meglio difendere con le sue in- 
terpretazioni ed ipotesi, la verita delle Scritture contro gli assalti 
della scienza moderna; e la protestazione generosa di rimettersi 
in tutto all' autorita della Chiesa, 5 aperta e degna dell' alto suo 
ingegno e della sua fede. Je crois fermement a Inspiration 
des Livres Saints, et je souscris avec une entiere soummission 
aux d6cisions doctrioales de 1'Eglise a cet 6gard ! . > Nel Tomo II 
l re partie 2 in una lunga nota fra le altre cose dice <c Je ne pr6- 
tends nullement a un privi!6ge d'infallibilit6. La presomption de 
me poser en docteur tranchant sur une des matures les plus d61i- 
cates de la theologie est bien loin de ma pensee. Per rispetto 
poi alia distinzione de'due document! onde crede compilato il 
Genesi, pro testa che La distinction des deux documents fonda- 

' Preface, p. VII- VIII. 

2 Paris, Maesonneuve et C ie 1882 p. 269. 



4v DEL PRESENTS STATO 

me Manx mis en oeuvre dans la Geneso, telle qne je 1'almets, 
n'implique aucunemeat 1'adoption des theories de la critique ratio- 
nal iste sur la date tardive de ce livre l . > Insomnia I'illustre 
arebeologo intende darci le sue convinzioni stimanclole fondate 
sulla filologia ed archeologia assira, e sul metodo scientifico. 

La Revue catholique de Louvain e la Cvntroverse con signi- 
ficazioni sincere di osservanza e di stima, esaminarono dottamente 
i punti di dottrina, ne'quali 1' autore, senza avvedersene, usa un 
linguaggio poco conforme alia ortodossia cattolica. Non e del no- 
stro presente istituto 1'entrar in simili discussion! ; e ci rimet- 
tiamo a'grandi esegeti 'cattolici per qnei che riguarda 1' ipotesi 
del Lenormant e de' protestanti di Germania e d' Inghilterra sulla 
distinzione de'due document! fondamentali. Quello che affermiamo 
qui di passata si e, che quella distinzione e una pura ipotesi non 
dimostrata scientificamente. L'autorita degli Ewald, de'Delitzsch, 
de'Kuobel, de'Tuch, degli Hupfeld e di pi ft altri, non vale quella 
de' nostri teologi ed esegeti cattolici o di dotti anche tedeschi 
quali Hengstenberg, Tholuck, Havernick, Hoffman, Ziegler, Kurtz, 
Dollinger, Reink, Welh, Herder, Hanneberg 2 . Gli argomenti 
tolti da'monnmenti assiro-caldei non persuadono la necessita di 
ricorrere a cotesta distinzione. L'esame intrinseco de'capitoli del 
Genesi, ne'quali occorre ora Elohim, ora Jehova, ed or 1'uno e 
Taltro insieme, rende quella teorica arbitraria e per6 improbabile. 

D'altra parte tutta la tradizione giudaica e cristiana e una- 
nime nel ricoooscere come unico autore del Pontateuco Mos5, e 
igDoro fino al secolo passato la nuova teorica del medico Astruc, 
il quale asseri trovarsi nel Genesi ben dodici document! original!, 
ri dotti a due dall'Eichorn: ma il Yater nega giustamente cotesta 
distinzione di document!, essendo futile ed arbitraria la ragioae che 
se ne allega del chiamarsi doe Dio con due diversi nomi ; giacche 
nulla vieta che un autore chiami Dio con due nomi different!. Ora 



1 Remarques generates sur I'e'conomie du tableau ethnojraphique du cha- 
pitre X de la Genese. Ann. de philosoph. chret. Fev. 1882. 

2 Yedi LAMY, Rev. cathol T. XVI. Controversc l er mars 1882. H. LEFEBVRE, 
Rev. Cathol. T. L., p. 485 e segg. MOTAIS, Mo'ise, la Science et I'Exeyese, 
Paris, 1882. FOISSET, Correspondant, 25 Fev. 1858. 



DEGLI STUDII LINGUISTIC! 4 ) 

q ial sia il peso della tradizione eel dice lo stesso grande archeo- 
logo L:-norinant. IAmanimit6 do la tradition juive et chr6tienne 
a un tel poids qu'il doit I'emporter sur les raisonnements les plus 
ingenioux, quand ceux-ci ne peuvent pas s'appuyer sur des preu- 
ves absolument fonnelles \ Ma nella nuova teorica, dai ragio- 
nmnenti ingeguosi infuori, le prove assolutamente formal! man- 
cano affatto. E qui ci si permetta di citar le parole d'un bizzarre 
ingegno e dottissimo orientalista Giuseppe Hal6vy nella critica 
die fa delle Origines de Phistoire. 

Do po d'aver detto che questa quistione della composizione del 
Genesi, nell 1 opera del Lenonnant a touts 1'apparence d'un 
hors d'oeuvre, fait tout au plus pour satisfaire une certaine classe 
de savants... soggiunge II y a meine a craindre que le rem- 
placement abrupt de la th6orie orthodoxe de TUNITE de la Genese 
par la theorio DOCUMENTAIRE ne paraisso, a bien des lecteurs, etre 
un simple echange d'un dogine centre un autre... En effet, qu'im- 
porte aux lecteurs 1'assurance que la nouvelle tbeorie n'a rien a 
voir avec la foi en Inspiration du livre sacre (FHal^vy e giudeo 
razionalista) ; ce qui iui importe, c'est d'acquerir la certitude que 
le recit biblique de la creation vient de trois auteurs differents; 
or, pour plusieurs personnes, cette demonstration est loin d'etre 
faite, du meins par les auteurs qui leur sent connus, et la-dessus 
les eclaircissements de M. Lononnant auraient 6te regus avec re- 
connaissance. Faute de ces explications preliminaires, les modifi- 
cations et deplacements qu'il fait subir au texte biblique parais- 
sent quelque pen arbitrages eu bien dus a une complaisance 
excessive pour ses autorites 2 . Le osservazioni dell'Ha!6vy, salvo 
le intenzioni che attribuisce al suo emulo, sono giuste, e fatte con 
inolto buon senso; ma la condanna che egli lancia al Lenormant 
rispette al Genesi, cioe 1' arbitraria distinzione di due document!, 
il Lononnant potrebbe rilanciaiia ia Iui rispetto ad Isaia che, sua 
merce, prende il titolo di Isaia ILL A voler continuare con questa 
critica anatomica, i cerusichelli della Bibbia finiranno per essere 
avuti in quel luogo che Catone ebbe gli aruspici, e che abbat- 

1 Les origines de Vhistoire, T. II, p. 298. 

2 Rev. critique d'hist. et de litter at. 13 dec. 1881. 

Serie Xf, vol. XII, fuse. 775 4 29 seltemlre 1882 



50 DEL PRESENTE STATO 

tendosi insieme, o almen ieggeudosi, non si potranno temperar dal 
ridere e dal deridersi I'mi 1'altro. Povero Isaia caduto nelle co- 
storo mani! d'uno ch'egli era, ne han fatto tre! vissuto due secoli 
prima della cattivita, e dichiarato dal Benan un poete, il quale, 
plein d'harmonie vit la splendeur d'une Jerusalem future etc. a 
l'6poque de la captivit6! l II capo VII pel Gresenius non e del 
profeta: 1'Hitzig combatte 1'asserzione del Gresenius. II Koppe fa 
del capo XII un inno di data posteriore ad Isaia: ma il Gresenius 
confuta questa ipotesi : 1' Ewald la fa sua e 1' Umbreit novamente 
la combatte. I capi XV-XVI sarebbero di Greremia per sentenza. 
del Koppe e del Bertholdt; di un autore sconosciuto e anteriore ad 
Isaia li vogliono 1' Ewald e T Umbreit; dubbii li stima il de Wetter 
dalFHitzig, dal Maurer, dal Knobel souo attribuiti a Giona; final- 
mente, per la bonta dell'Hendewerk e del Credner, furono resti- 
tuiti ad Isaia 2 . 

H. Oort, col piglio d'un fortunate con^uistatore, vi celebra le 
gloriose imprese della critica storica su' campi biblici, ed afferma 
che cotesta critica inesorabile, con una dernolizione apparente, ha 
permesso a' razionalisti di fabbricaro un ediftzio! lo crediamo, un 
edifizio vasto e che pu6 ricoverar un gran numero di matti. Ecco 
ora le demolizioni che secondo 1'Oort porsero i materiali per 1' edi- 
fizio. La critique historique a attaqu6 hardiment les livres de 
T Ancien Testament qui sont nos seules sources ; elle a relegu6 
une foule de r6cits au domaine de la 16^ende ; toute une p6riode, 
dont on croyait savoir autrefois beaucoup, est devenue un mythe; 
de tout ce qui est anterieur a la royaute", c'est-a-dire du contenu 
de sept livres de la Bible, il n'y a que quelques fragments qui 
m6ritent le nom d'historiquemeat authentiques ; et cependant^ 
c'est cette inexorable critique qui nous a mis en 6tat, precisement 
par son oeuvre de demolition apparente, de construire un 6difice 3 . > 



1 Vie de Jesus 13 e ed. 

2 DE WETTE, Jahrbuch der Hist-Krit. Einletung in das A. T. Berlin 1852. 
p. 282-286. Vedi T. J. LIMY, Les propheties messianiques et la Critique ra- 
tionaliste, nella Controverse l er Nov. 1881, p. 513 e segg. 

3 Le role de la religion dans la formation des e'tats, nella Revue de 
des relig. Janv-fevr. 1881. 



DEGLI STUDII LINGUISTIC! 51 

Demolizione apparente! Ci vuol la logica e la fronte d'un razio- 
nalista per concepire ed anmmziare siffatte contraddizioni ! 

Nel 1858 I. B. F. Obry uomo d'immensa erudizione e di sodo 
giudizio, nella fine del suo importante e dottissimo lavoro du ber- 
ceau de I'espece humaine, donde il Lenormant confessa d'aver 
largamente attinto, credeva che il buon seuso de'francesi valesse 
piu e meglio della critica tedesca negli studii biblici. L'exegese 
allemande, dice, c'est beaucoup pr6occup6e de celui-ci (del Penta- 
teuco) dans ces derniers temps. Mais, en France, on a le bon 
esprit de passer outre, en reconnaissant Interpolation quand elle 
est manifesto, et en acceptant le reste coinme authentique ; e in 
nota soggiunge: Les etudes bibliques ne sont pas aussi avanc6es 
chez nous qu'en Allemagne, a beaucoup pres. Mais on y supp!6e 
a l'6rudition par le bon sens, je veux dire qu'on se garde bien de 
prendre acte de quelques 6claircissements historiques ou topogra- 
phiques qui ont pu passer de la marge dans le texte, pour en ti- 
rer cette consequence extreme que le livre entier est suppos6 l . > 
II buon senso francese e ora oltraggiato e vituperato dalla nuova 
scuola razionalista rappresentata da'Eenan, da'Darmesteter, da- 
gli Havet, dagli Em. Burnouf, da' Jacolliot, e dal Yernes Diret- 
tore della Revue de I'histoire des religions, nella quale uomini 
di gran merito nelle discipline profane e nella classica erudizione 
storica, fanno pieta in materia di filosofia e di A r era scienza della 
religione. II somino eranista M. r C. de Harlez cosi meritamente 
bolla la Revue e il suo direttore: < Nous savons de science cer- 
taine, que son fondateur et son e"diteur-proprietaire (il sig. Emi- 
lio Gruimet fondatore del Mus6e religieux a Lione) ont voulu 
qu'elle (la Revue de I'histoire des religions) fut et restat exclu- 
sivement historique, nullement po!6mique ou antichretienne. Mais 
son directeur ne 1'entend point ainsi. Aussi nous avons du lire, 
au milieu de travaux importants, des dissertations fantaisistes 
sur la nature du Dieu des juifs et sur I'authenticit6 du Nouveau 
Testament, dissertations exclusivement propres a discr6diter la 
science des religions et la philologie... II est tres regrettable que 

1 Resume et conclusion, p. 202. 



52 DEL PRESENTS STATO 

la volonte des fondateurs de cette revue ne soit pas mieux re- 
spectee et que Ton s'obstine a imprimer a I'oeuvre con scienci ease 
de M. Guimet cette tache immeritee '. > 

IV. 

Breve esame di .alcune opinioni espresse da F. Lenormant 
nelle Origines de 1'histoire. Creazione dell'uomo. Forma- 
zion d' Eva. La parola geld. Si cotifuta I' androginismo di 
Adomo. 

Trattando della creazione deiruomo al capo 1 delle Origines 
de I'Jnstoire, 1'illustre archeologo con grande apparato di eru- 
dizione, svolge tutte le principal! tradizioni de'popoli dell'anti- 
chita intorno alia creazione deiruomo. Si ravvisano in esse idee 
diverse, strane ed assurde, Vautoehtonla, o spontaneo germogliav 
dalla terra; ua primitive stato d'inerzia e un' animazipne po- 
steriore dovuta a un soffio divino; lo scoppiar da'troncai arborei; 
1'uscir dal loto riscaldato del Nilo o dall'occhio di Ra, secondo 
gli egizii; dalle pietre, dalPargilla, dalle piante, secondo i greci; 
dalla terra e dal sangue del dio Belo, e piu altre assai. Ye- 
nendo poi alia tradizione biblica, 1'autore propone e sostiene 
una sua particolar opinione, contraria al testo della scrittura 
come fu inteso ftnora nella Sinagoga e nella Chiesa, e ci pre- 
senta Adamo ed Eva creati insieme a un tempo e formanti un 
sol tutto di due, prima die Dio li sfianclii e divida. Diciamo 
sfiancare in vero studio, perciocche il Lenormant traduce la 
parola ebraica geld non costa, cote, ma fianco, lato, cote. Ecco la 
sua versione del testo: 21 Alors Yahveh Elohim fit tomber un 
pro fond sommeil sur 1'homme, et il s'endormit; il prit un de ses 
cOt6s, et il en ferma la place avec de la chair. 

22 Et Yahveh Elohim forma le cOt6 qu'il avait pris a Thomme 
en femme, et il 1'amena a 1'homme. 

La quistione, come si par chiaro, e filologica, ed e uno del 

1 Le Muse'e religieux de EMILE GUIMET a Lyon. Ses publications. Nella Re- 
vue cathohque de Louvain. T. XXVI. Nouvel. ser. 1881, p. 195. 



DEGLI STUDII LIKGUISTICI 53 

tanti casi, ne'quali la filologia s'arroga diritti e mostra pre- 
tensioni die non le si posson ragionevolmente concedere. 

Perch& si dovrebbe abbandonar ia questo luogo la traduzione 
della Volgata e de'Settanta, e con essa la tradizione giudaica e 
cattolica che alia parola yStf geld h& sempre attribuito il signi- 
ficato di costa e non di lato o fianco? II Lenormant concede 
che d'apres notre version Vulgate d'accord en ceci avec la 
version grecque des septante, nous avons i'habitude d'admettre 
que, selon la Bible, la premiere femme fut forrn6e d'une cote 
arrachee au flanc d'Adain. Ma vuole che si concepiscano serii 
dubbii suir esattezza di questa iuterpretazione, perciocche: le 
mot celd, dice; employe" ici, signifie, dans tous les autres pas- 
sages bibliques ou on le rencontre, cote et non point <c cote. 
E conchiude : La traduction philologiquement la plus probable 
du texte de la Gcnese est done celle que nous avons adopt6e 
plus ha ut ! . 

Apriamo la Bibbia: al capo VI, v. 15 del lib. I de'^ ; la 
parola, geld significa travi, tavole, e di pari nel versetto 16 dello 
stesso capo, e al vers. 3 del cap. VII. Et aedificavit parietes 
domus intrinsecus tabulatis cedrinis... et texit pavirnentum do- 
mus tabu Us abiegnis. > Aedificavitque viginti cubitorum ad 
posteriorem parteni templi tabulata cedrina > Et tabulatis 
cedrinis vestivit totain caineram. II dottissimo Drach gia Rab- 
bino e Dottor della legge e Direttore della Scuola Concistoriale 
di Parigi ; citando i luoghi da noi riferiti da alia voce guld 
1 il significato di costa e poscia al plurale quello di asseres, 
trabes (quasi costae aedificii) 2 . 

Vero e che in alcuni testi la parola geld si prende in signi- 
ficato di fianco o lato, ma l'Ha!6vy razionalista ebreo ritiene 
qual proprio e genuine il senso di costa, nel passo in quistione. 
Imperocche cosi dice contra la tradu/iione del Lenormant. En- 
fin, pour revenir au mot geld, est-il n6c6ssaire de remarquer 
qu'il figure plusieurs Ms dans la Bible au sens de poutre, 
segment de bois auquel se rattache 6troitement le sens de 

1 Origines de I'histoire, t. I, cap. I, p. 54. 

2 Lexicon heir, et chald. alia parola 



54 DEL PRESENTS STATO 

* cote et dont celui de cote > forme le dernier d6veloppe- 
ment? l 

D'altra parte se nel testo in quistione si tratta secondo il 
Lenormant de' fianchi, e non di coste, essendo due i fianchi 
dell' uomo, si dovrebbe, a scMvar ogni dubbio, adoperar la forma 
duale; tanto piu che la forma duale parrebbe esistere. Difatti 
il Drach (Lexicon hebr. et chald. alia parola yStf) asserisce che 
la forma plurale rnyStf & sempre usata, alibi semper eccetto 
un sol caso in cui s'adopera 1'altra forma o^Stf- Ora se g i tra- 
scurano i punti vocali, questa pu6 essere anche la forma del 
duale, e il passo del cap. VI, v. 34, del Lib. I. Reg. sembra 
dsigerlo, poiche si tratta de' due battenti d' una porta. Se dunque 
pesta forma non la vediamo usata nel testo controverso, ma 
piuttosto la forma plurale, e lecito conchiudere che in pel luogo 
non si paiii di cose geminate o di fianchi, ma di cose molte- 
plici, e percio di coste. 

Ammessa la versione del Lenormant, ne segue necessaria- 
jnente che Adamo fu creato Androgino, che i due corpi del- 
Tuomo e della donna furono primatnente creati uniti e saldati 
insienie pe' fianchi, e poscia separati da Dio. Infatti egli sembra 
far sua una tradizione che attribuisce a'giudei e che vedremo 
esser loro attribuita a torto, dicendo : Aussi la tradition juive, 
aussi bien dans les Targoumim et le Talmud que chez les 
philosophes savants comme Moise Maimonide, n'hesite pas a ad- 
mettre universellement une semblable interpretation, prof6ssant 
qu'Adam fut cr66 a la Ms homme et femme, ayant deux visages 
tourn6s des deux cOt6s oppos6s, et que c'est pendant son as- 
soupissement que le createur s6para de lui 'Havah, sa moiti6 
feminine, pour en faire une personne distincte 2 . > Or chi non 
?ede quanto cotesto modo d' intender la creazion d' Eva e con- 
trario al testo biblico e alia sana ragione e al buon senso? E 
nel vero, al capo II, v. 18, il Signore dice: non est bonum 
%sse hominem solum : faciamus ei adiutorium simile sibi. Come 

1 Rev. critiq. 13 dec. 1880, n. 50, pag. 468. Orig. de I' hist. p. 55. 
* Op. Git. 



DEGLI STUDII LINGUISTIC! 

si pu6 in verita dire che I'nomo sia solo, e che convenga/ar<7/? 
un aioto simile a lui, se gia la donna e unita all'uomo e forma 
con lui un tutto indiviso? D'altra parte al versetto 22, si legge: 
Et aedificavit Dominus Deus costam, quam tulerat de Adam., in 
mulierem et adduxit earn ad Adam. Se la costa fu edificata 
in donna, cioe se dalla costa si form6 la donna, dunque la donna 
prima non esisteva ; n6 si pu6 intendere che Iddio menasse ad 
Adamo colei che era a lui unita e saldata, e per6 con luu 
Adamo finalmente non avrebbe avuto ragion di dire nell'essergli 
addotta innanzi Eva : Hoc nunc os ex ossibus meis, et car 
de came mea , (v. 23) perch5 anche prima Eva era tale nel- 
1'opinione del Lenormant, quando esisteva un etre double, qui, ? 
entre male et femelle constitue un seul Adam *. > 

E qui non sara inutile il considerar che dopo la creazione di 
Adamo e prima della formation, d' Eva, si ha un intervallo di 
tempo, nel quale Iddio fa passar gli animali innanzi ad Adamo 
che da loro il nome conforme alia natura di ciascuno, e dope 
co testa imposizion del nome, la scrittura soggiunge: Adae vero 
non inveniebatur adiutor similis eius (v. 20). Come non si 
trovava, se gia v'era e cosi intimamente unito a lui fin dal prim<j 
momento della sua creazione? 

Abbiamo riservato nell'ultimo luogo gli argomenti diretti tolti 
dal sacro testo, perciocch^ da essi ii Lenormant crede poter con- 
fermare la sua versione. II testo dice : Et creavit Deus homineiu 
ad imaginem suam: ad imaginem Dei creavit ilium; masculam 
et feminam creavit eos (Gen. cap. I, v. 27). Le parole: ma- 
scutum et feminam creavit eos chiaramente dimostrano che qut 
si tratta di uca coppia di due persone distinte, come indica il 
pronome eos, il quale e ripetuto nel verso appresso Benedixit- 
que illis. > 

II Lenormant concede che Temploi du pronom pluriel seia- 
ble au premier abord impliquer la notion d'un couple de deux 
personnes distinctes. Mais plus loin ce pluriel parait, au con- 
traire, s'appliquer a la nature d'un tre double, qui, entre mals 
et femelle, constitue un seul Adam : > Male et femelle il leg 

1 Loc. cit. 



56 DEL PRESENTS STATO 

cr6a, et il les b6nit et les nomma de leur nom Adam. Le 
texte dit Adam, et non pas haadani avec 1'article, et le verset 
suivant prouve que le mot est pris ici comme nom appellatif, in- 
dividuel, et non comme designation generale de 1'espece l . > 

Osserviamo primieramente che dall'essere preso il nome Adam 
nel verso 3 del cap. Y, come nome individual, non discende per 
logica conseguenza die lo stesso nome debba prendersi anche nel 
versetto che precede, come nome individual piuttosto che come 
nome di specie. Mercecchfc la ragione che milita nel versetto 
precedente, non ha luogo pel seguente: in quello abbiamo ben 
quattro volte il numero plurale cioe masculum et foeminam 
creavit eos,... et benedixit illis... et vocavit nomen eorum Adam 
in die quo creati sunt. Inoltre si vuol notare che il nome di 
Adam non ha forma plurale, benchfc abbia significazione plurale, 
donde conseguita che, sia grammaticalmente, sia perch& cosi esige 
il buon senso, nei versetto secondo il nome Adam debba prendersi 
nel significato di specie e non di individuo. Ci si permetta un 
esempio che prenderemo a bello studio dalla lingua stessa dell'il- 
lustre autore. In essa la parola ours conserva cosi al singolare 
come al plurale la stessa forma. Or poniamo caso che un fore- 
stiero visitando il serraglio del Giardino delle piante in Parigi, 
sosti davanti alia stia dove sia chiusa una coppia d'orsi, Fun 
maschio e 1'altro femmina e non ne abbia inai piu veduti. Di che 
rivolto al custode che per sorte raccompagni, chieda come si 
domandino que' due animali. Certa cosa e che il custode non pu6 
altrimenti rispondere se non: ours, senza 1'articolo; ne tuttavia 
cosi rispondendo porgerebbe al forestiero ragionevol motivo di 
prendere quella coppia per un solo orso, perciocch6 qui il voca- 
bolo ours, senza 1'articolo, significa orsi, cioe due belve della 
stessa specie, ma distinti 1'uno dalPaltro. 

A giudizio del Lenormant presenza od assenza deH'articolo 
importa senso diverse, ossia senso specifico ovvero individuale, 
per rispetto alia voce Adam. Ora in due versetti consecutivi il 26 
e 27 del capo I, facianius hominem etc. e creavit Deus homi- 
Bem etc. > troviamo che nel primo manca 1'articolo, e v'e nel se- 

* Loc. cit. 



DEGLI STUDII LINGUISTICI 57 

condo, e non pertanto il significato 6 evidentemente lo stesso. la 
effetto il Drach cita appunto quest! due versetti sotto la seguente 
indicazione: saepissime autem collect, notat (Adam) homines, 
genus humanum ! . 

Noi non oseremmo dire quel die a questo proposito scrive 
l'Hal6vy: Je regrette vivement d'avoir a signaler de sembla- 
bles argumentations de la part d'un savant de m6rite, argu- 
mentations qui impliquent a la fois oubli de la grainmaire et 
insouciance du texte. Est-il besoin de rappeler qu'en h6breu le 
nom r6gi par le verbe qdrd - nommer, appeler - ne peut jamais 
affecter 1'article? Est-il besoin de dire que dans Gmtse, V, 3, 
le mot Adam n'est pas un appellatif, mais le nom propre du pre- 
mier homme? 2 > e nondimeno certo per noi che le ragioni ad- 
dotte dal ch. archeologo Lenormant non persuadono in verun 
modo la necessita di abbandonar la traduzione della vulgata e 
de'Settanta, e con essa la tradizione cattolica e giudaica, per 
ammettere un androginismo inutile pel Creatore, e ripugnante al 
buon senso deH'universale. 

Dicemmo che a torto veniva attribuita siifatta tradizione ai 
giudei, poich5 giusta l'Hal6vy, il solo Mos5 Maimonide riferisce 
questa opinions che non ha alcan fondameato nelle credenze se- 
mitiche. Anzi lo stesso Mos6 Maimonide la tolse da Platone e la 
riprova e condanna siccome bizzarra, e che se pur ha un senso 
occulto, non rende non iimeno il senso esatto del passo biblico 3 . 

1 Lexicon hebr et chald. alia parola CD1K- 
4 Rev. critiq. 13 dec. 1880, p. 468. 
3 Rev. critiq. loc. cit. 



FLORA, FAUNA, AWENTDRE 

APPUNTI 

DI UN VIAGKHO NELL' INDIA E NELLA CINA 



XX. 

FAUNA MARINA LE SALPB FOSFORESCENTI E I POLIPI 

La notte che segui alia spaventosa burrasca, offri a' nostri 
?iaggiatori una di quelle incantevoli scene, che sono cosi fre- 
quent! nell'oceano tropicale. Yeclevansi sopra un mar di latte 
serpeggiare luminose strisce, le quali altro non erano che catene 
di salpe, o bifore, Salpa maxima o birostrata, curiosissimi 
molluschi che vivono sempre uniti, foriiiando lunghi nastri o 
rosarii viventi, di cui ogni grano e un individuo dal corpicciuolo 
si diafano, che lascia trasparire gli organi interni e le loro fun- 
zioni. Zeno prese a spiegare ai nostri viaggiatori i costumi di 
questo singolare animaluzzo. 

Le salpe, disse egli, vivono a grandi profondita; ma quando 
il mare 5 in bonaccia, come adesso, vengono a galla, e strisciando 
sulle acque ti arieggiano a un serpente di luce, o a un razzo di 
fuochi artificial!. Esse sono cosi socievoli, che vivono delFistessa 
vita, e mangiano, e dormono, e nuotano sempre in compagnia, e 
si abbandonano insierae alle molli carezze delle onde. E una vera 
fratellanza, anzi un vero comunismo, di cui tutti grindividui 
profittano senza danno di vera no, cosa che non sarebbero capaci 
di fare i nostri comunardi, smaniosi di spogliare gli altri per 
arricchire se stessi! 

Come nuotano le salpe? dimand6 Bianca. 

A ritroso, come i gamberi, rispose Zeno; e quello che e 
p-iil singolare, col ventre in aria. 

- Giaro per Nettuno, sclam6 il piacevole Astolfo, che i nostri 
progressist! hanno imparato dalle salpe, o le salpe da essi. 
li'analogia non potrebbe essere piu perfetta. 



FLORA, FAUNA, AVVENTURE - FAUNA MARINA, LE SALPE FOSFORESGENTI ECC. 5$ 

Una risata accolse 1'osservazione di Astolfo. 
E come si tengono tra loro unite le salpe? torn6 a dimaji- 
dare la Bianca. 

- Per la testa rispose Zeno. 

- in questo, soggiunse Astolfo, v' e discrepanza dalle no- 
stre salpe, che sono unite solo per la bocca. 

La conversazione de'nostri viaggiatori cadde in seguito suite 
gigantesche costruzioni de'polipi marini. Bianca trasecolava al- 
T udire da Zeno che v' erano terre abitate, le quali non aye vane 
altra origine che ii secolar lavoro di microscopic! molluschi, 
come le isole Maldive, gli Arcipelaghi di Sciagos, delle Lachedive 
e di Pomotu. Come fanno, dimandft ella a Zeno, cotesti piccoli 
muratori a innalzare fabbriche cosi grandi? 

- Lavorando insieme e senza tregua. 

- E quali sono i material! di questa fabbrica? 

Silice e calce, che trovano nell' acqua disciolte. 

E ove gettano le fondamenta? 

In fondo al mare, o sovra una roccia o un corpo qualunque 
solido, ove formano i loro depositi calcarei, ch'essi vanno a strati 
eguali innalzando fino a fior d' acqua. Allora frantumi e avanzi di 
materie organiche e inorganiche, che il mar trasporta e ributta, 
tratfcenuti da queste animate masse, vi si depongono sopra, e col 
tempo vi si ammassicciano e indurano in una crosta di terrene, il 
qnale, merce i semi che per aria le recano i venti e gli uccelli, non 
tarda a inverdire di una ricca e lussureggiante vegetazione. Avvi 
naturalist! che spiegano la fornrazione di quest' isole poliparie e 
madreporiche mercfc il sollevamento del fondo del mare, dovuto a 
forze vulcaniche ; cotalche in questa ipotesi non sarebbe lavoro di 
polipi che lo strato superiore,"o la crosta del terreno. II che se in 
molti casi 6 vero, non so come essere lo possa in tutti; avende 
1'esperienza dimostrato, che i polipi innalzano talvolta le loro 
fabbricho a prodigiose altezze. Che che sia di ci6, e sempre vero 
che andiamo debitor! a queste microscopiche creaturelle d' isole e 
terre, le quali al presente sono assai fertili e popolate. 

Altro che piramidi d'Egitto e cupole di S. Pietro! esclam^ 
Astolfo. 

In altri luoghi, prosegui Zeno, cetesti zoofiti non giungone 



60 FLORA, FAUNA, AVVENTURE 

a fabb:icar isole, ma banchi e scogliere, che cingono come di un 
antemurale i lidi, rendendone 1'approdo assai malagevole e pe- 
ricoloso. 

La costa orientals delFAustralia 6 difesa da uaa diga di 
corallo chiamata la Gran barriera, la quale ha una distesa di 
1770 chilometri di lunghezza sopra 50 di larghezza, il che da 
una superfice di 88000 chilometri quadrati. 

Scusate se & poco ! esclamo Astolfo. I polipi haano reso 
inutili le torpediui per la difesa delle coste. 

Che potenza di lavoro, soggiunse 1' Elisa. Oh come Dio 
confonde con cotesti microscopici animaluzzi la superbia deH'uomo, 
il quale non sarebbe mai capace di tan to! 

II racconto di queste maraviglie mise in corpo a Bianca tan- 
t' uzzolo di sapere, che non rifiniva di tempestare Zeno di do- 
mande. Come sono fatti i polipi? Che modo tengono nel vi- 
vere e nel lavorare?... Di che si nutrono? Come si difendono, e 
simili. 

I polipi, bimba mia, sono le pifr curiose creature che Dio 
abbia fatte! Immagina tu una pianta che non & pianta, bench6 
n'abbia 1'aspetto, col tronco e i rami sparsi di gemme che non 
sono gemme, ma cellette, ove se ne stanno annicchiati i polipi, 
coi fiori raggiati che non soao fiori, ma tentacoli o braccia del- 
1' animale, le quali s' aprono in giro a guisa di filamenta per av- 
vinghiare la preda che v'incappa dentro; ed eccoti un polipo, qual 
& a mo'cTesempio il coralio. II polipo & dotato di sensibilita, come 
ogni animale, ma & fisso come la pianta. Ha un organismo sem- 
plicissimo, e tuttavia si alimenta, si difende e propagasi a mo' 
degli animali e delle piante insieme. Eiunisce insomma i carat- 
teri di queste e di quelli; e chiamar si pu6 il misterioso anello che 
congiunge in seno alle onde, ove dapprima sbocci6 la vita, il regno 
vegetale colF animale. Ei cerca per vivere un sostegno, e appi- 
gliasi alle piante acquatiche, ai guscio delle chiocciole e a quanti 
corpi solidi trova in seno alle acque; ma non ne pretende altro 
che appoggio. 

Non dunque un parassito, disse Astolfo, che viva a spese 
altrui ? 

No davvero. II polipo fa da s6; da la caccia alia sua preda 



XX. FAUNA MARINA, LE SALPE FOSFORESC!<:NTI E I POLIPI 61 

o si alunenta a proprie spese. Fissato che abbia il suo doini- 
cilio, dischiude le sue braccia filiform!, flessibili, disposte a ino'di 
corolla, e gueniite di ciglia vibratili cosi elastiche, ch' eseguir 
possono un centinaio di movimenti in men di due secondi ! Questa 
e la rete ch'ei tenie per cacciare o pescar la preda. Un insetto 
o venne d'acqua cue vi dia dentro, o tocchi anche solo il ramo 
doud' essa pende, & spacciato ! II ramo o il braccio s' inarca, at- 
tortigliasi, I'avnluppa, e trascinalo verso 1'estremita superiore 
dal tronco animato, ove caccialo per entro a un picciol foro, die 
e la bocca dell' animale. Che se il mal capitato tenta svincolarsi 
da que'nodi, allora il cacciatore con uno de'suoi tentacoli lo 
ritiene nelia cavita dello stomaco, ove (cosa strana e maravi- 
gliosa!) mentre & digerita la preda, rimane illeso il braccio del 
predatore. 

Bianca all'udire queste meraviglie, che per una bimba erano 
cose novissime, pendeva estatica dalle labbra di Zeno. E quest!, 
per aggradire alia sua piccola discepola, continuo a dir cose, che 
le fecero inarcare le ciglia di stupore: II polipo, egli seguitft, 
e un animale cosi vorace, che non lascia di predate ed inghiottire 
anche allora* che gli si recide la patte inferiore del tronco, o 
quella specie di sacco che gli serve di stomaco. Anzi in questo 
caso la sua voracita non conosce piu misura pel continuo bisogno 
che sente di nutrirsi, bisogno che non pu6 mai essere soddisfatto, 
perch6 la preda introdotta per 1'apertura superiore esce dopo il 
tagiio intatta per T inferiore. 

Adesso in' entra qua nel comprendonio, disse Astolfo, il 
perchfc certi polipi razionali non dicono mai basta: hanno il 
sacco bucato ! 

- Sta cheto, non interrompere, dissegli la sorella. Zeno pro- 
seguite, ve ne prego. Mi piace tanto di udir ragionare di queste 
cose! 

L'Elisa sorrise di compiacenza nel vedere la bimba cosi amante 
d'istruirsi; e veniva intanto carezzando con la mano il piccolo 
Patrizio, il quale non intendendo ancora un acca di italiano, 
erasi addormentato sulle ginocchia di lei. Zeno riappiccando il 
filo del discorso continuossi : II polipo e oltre ogni dire fecondo 
come sono tutti gli animali piu imperfetti. 



62 FLORA, FAUNA, AVVENTURE 

- E perche mai, dimand6 Bianca, gli animal! piu imperfetti 
sono pid fecondi ? 

- Perch6 avendo minori mezzi di difesa, sarebbero piu esposti 
a perire, ove la natura non avesse colla fecondita provveduto alia 
conservazione della specie. Ogni polipo, diceva con lepidezza un 
naturalista, e un vero albero genealogico. La superficie del suo 
corpo diviene nodosa e bitorzoluta; ma ogni nodo e ogni tubercolo 
& un polipulo in embrione. Ben presto ne sbocciera 1'animata 
gemma; e il neonato, raggiunto che avra il suo sviluppo, na 
generera un secondo, questo un terzo, e via discorrendo. II 
polipo-madre adunque si portera addosso piu generazioni a un 
tempo, fino a tanto che 1' accrescimento de' parti suoi non per- 
metta a questi di separarsene, e metter casa da se. 

Debbono stare in somma colla mamma, finche non sieno 
usciti di minority osserv6 lepidamente Astolfo. 

Appunto, perche ^ legge di natura che i figlitfoli ricevano 
dai genitori non pur 1'essere e la vita, ma le prime forme del 
ben essere e del ben vivere, affiach^ coll'aiuto di quelle, e merce 

10 sviluppo della propria attivita, raggiungano quel grado di 
perfezionamento, che 5 richiesto dalla loro natura in ordine al 
fine a cui sono destinati. 

E noi faremo, disse Bianca, come i polipi che se ne 
stanno attaccati alia madre, e andrem con lei per tutti i mari 
del mondo. E qui levatasi in pie, gett6 le braccia al collo del- 
T Elisa, che smammolavasi di contento, e le schiocco un sonoro> 
bacio in sulla gota. 

Senti Bianca, disse il sollazzevole Astolfo : una fanciulla 
come tu sei, nulla pu6 far di meglio che starsene ritirata in casa 
colla mamma. Cos! fanno i polipi; i qtiali al piu piccolo rumore 
o turbamento, ritraggono a se le braccia che aveano a mo'di nasse 
fuora distese, rannicchiansi nelle loro cellette, e buona notte. 

Oh il mio predicatore! rispose Bianca sogghignando. Solo 
le fanciulle dovranno starsene ritirate; e voi altri monelli potrete 
andare a zonzo dappertutto, senza rischio d'incappare in un pe- 
scecane che vi divori. 

Brava Bianca! sclam6 Zeno. Hai detto una grande veritat 

11 mondo e pieno di pescicani, o di settarii, che vanno a caccia 



XX. FAUNA MARINA, LE SALPE FOSFORESCENTI E I POLIPI 63 

dell'incauta gioventu; la quale sfornita di esperienza, e sovente 
sprovvedata di principii, mal pu6 evitarne le insidie. Ma tornando 
ali'argomento della nostra conversazione, non vo'lasciar di dirti, 

Bianca, cosa che ti fara andar sulle nuvole. 

Davvero ? Sentiamo. 

Hai tu udito mai contar di quelPIdra favolosa, a cui tagliata 
la testa, ne spuntava tosto un'altra, o di quel famoso Briareo che 
moltiplicava le sue braccia? 

Eh tante volte ! 

- Ebbene 6 il caso di cotesti zoofiti. Se tu recidi da quel 
tronco animate un ramo, questo seguitera a vivere, a sentire, e 
diverra un animale perfetto. Se tagli a pezzi il polipo, invece di 
ucciderlo, non farai che moltiplicarlo. Ogni parte recisa si rifor- 
nira in breve degli organi che le mancano, e avra la propria 
vita. Che se invece di smembrare il povero animale, cosa che 
non sarebbe degna di te, vorrai unirne piu insieme, li vedrai 
innestarsi e immedesimarsi in guisa da non formare piu che un 
tutto, in cui le singole parti, o gl'individui, avranno una vita 
propria insieme e comune. Non basta. Ove ti prendesse fantasia 
di rovesciare il polipo a mo' di guanto, non gli faresti certo pia- 
<?evol cosa; ma egli continuerebbe a vivere, come se niente fosse; 
con questo divario per6, che se prima respirava per la pelle, e 
digeriva per lo stomaco, indi in poi scambiate. le veci, respirera 
con questo, e digerira con quella. II che punto non garba al 
poveretto, il quale argornentasi a tutto potere di fare ritorno al- 
1'antico suo stato; e il piu delle volte ne viene a capo. 

Bianca all' udire tali novita e meraviglie, tenea sospeso il re- 
spiro. L'Elisa anch' essa, quantunque non le ignorasse, compia- 
oevasi di udirle dalla bocca di un erudito naturalista, qua! era 
Zeno, massime pel vantaggio che ne sarebbe venuto ai figliuoli, 

1 quali invaghendosi del bello della natura, ne avrebbero ante- 
posto lo studio a' sollazzi e piaceri della gioventu con doppio gua- 
dagno della mente e del cuore. 

Astolfo ch' era portato per naturale inclinazione e per ingegno 
a cavare da quanto udia pratiche conseguenze e applicazioni, 
prese a dire : Era dunque riserbato al piu imperfetto tra gli 
animali, e che per si lungo tempo fu creduto una pianta, presen- 



6i FLORA, FAU>'A, AVVENTURE 

tarci un complesso di fenomeni, che mettono ttitte in iscompigiio 
10 idee die prima avevamo intorno all'organismo e al modo di 
vita degli animali?... 

Tant'e, ripiglid Zeno. Animali che difettano della pi ft parte 
degli organi, di cui sono provvednti gli altri esseri sensitlvi, 
tuttavia sanno disceraere e ghermire la preda, ne falliscono che 
di rado il colpo ; preveggono il pericolo, si premuniscono contra 
i nemici, azzuffansi cogli estranei ; si ricercano tra di loro, aiu- 
tansi scambievolmente, si uniscono, si riproducono e moltiplicano 
meglio che altri animali: non 6 tutto questo un complesso di ma- 
raviglie da farci strabiliare ? 

sapienza di Dio quanto sei ammirabile nelle tue piu 
picciole creature! sclam6 con entusiasmo 1'Elisa. 

Yivono i polipi, dimand6 Bianca, sempre in societa? 

- Ben di rado, rispose Zeno, trovansi, massime que'di mare, 
isolati. Essi amano di unirsi in colonie, e d'aver comune la casa 
e il vitto, 1' acqua e il sole, il lavoro e il prodotto, i pericoli e i 
vantaggi. E un vero comunismo. Una cosa sola non 6 comune tra 
di loro, la cella, perch ciascuno ha la sua. 

15 cosa ragionevole, disse celiando Astolfo. Lo esigono il 
decoro e la santa liberta. Anche i frati e le monache hanno tutto 
in comune meno la cella. E se qualche nemico tentasse violare 
la santita del domicilio? 

- Mai per lui! Che tutti i polipi facendo capolino dalle loro 
celle, e stendendo le loro lunghe braccia, Tavvilupperebbero in 
una rete, donde non gli sarebbe agevole il distrigarsi. Essi non 
sono tra loro cosi lontani da non potersi aiutare fraternamente, 
ne cosi vicini da non poter godere della dolce liberta. Nell'acc[ua- 
rio di Napoli fui un di spettatore di una graziosa scenetta. Un 
granchio facea le ruote intorno a un'atinia che avea Taspetto di 
una pianticella in tutto simile a una palma, se non che invece 
di un pennacchio di foglie penziglianti, spiegava in giro una 
lunga treccia. Erano le braccia deiratinia distese come le nasse 
per la pesca. II granchio vi si andava avvolticchiando d'attorno 
a guisa di un esploratore intorno a una fortezza. 

- Forse, osserv6 Astolfo, per iscoprire il lato debole da assalire? 

piutlosto, penso io, per accertarsi se fosse pianta, come 



XX. FAUNA MARINA, LE SALPE FOSFORESCENTI E I POLIPI 65 

parea, ovvero animale ! E perch& non potea col solo organo della 
vista decidere V ardua questione, che avea per tanto tempo tenuto 
in forse i pifi accurati osservatori della natura, chiamft in aiuto 
anche il tatto ; e stesa una branca, sfior6 appena quel viluppo di 
filamenta o di tentacoli che avea d'innanzi agli occhi. Non 
1'avesse mai fatto! Avresti veduto in men che nol dico, mille 
braccia a un tempo arreticargli la branca, e trarla a s5 con 
forza, tauto che il malarrivato ebbe gran fatica a spastoiarla. 
Or se invece di un granchio, animal troppo forte e massiccio 
per essere preda di polipi, fosse caduto nelle loro braccia un 
verme o un insetto, te Tavrebbero tosto allacciato, stretto e tra~ 
scinato fino alia bocca del canale destinato a trangugiare e snial- 
tire la preda a beneficio di tutta la comunita. 

- Ecco, disse lepidamente Astolfo, il caso in cui avverar si 
potrebbe il Coinunistno, ed e, quando tutti avessero uno sto- 
maco solo. 

Allora Feguaglianza, soggiunse Zeno ridendo, sarebbe 
perfettal Invece, che s'intende oggimai per eguaglianza? 

- Che 1'un digiuni, quando 1'altro pranza, rispose Astolfo. 

- Bravo! magnifica definizione dell'uguaglianza liberalesca. 
TJno mangia per tutti, e quest' uno si chiama frammassoneria. 
S'ella giunge a recarsi in mano le redini del governo, il po- 
polo e ruinato. Te lo dipela, scortica, spolpa, dissangua e sue- 
cialo ft* no al midollo dell'ossa; e poi ha il coraggio di dirgli: 
Ya, ridi, canta, tripudia, gavazza, ch'io ti ho fatto felice! 

Che mala bestia, esclam& Bianca indignata, qual ^ la sua, 
origine? 

Te lo dir6 io sorellina mia, rispose Astolfo. Ella viene dal 
connubio di Satana con una scimmia. 

- Quanto sei originale! disse Bianca. Che ti frulla mai pel 
capo? 

- Mi appello qui a Zeno. Ei ti dica s' io ho dato nel segno? 

- Chi pu6 dubitarne? rispose Zeno, s'ella adora Satana coma 
suo padre, e riconosce per-madre dell'uomo una scimmia? E 
poi non e forse la flglia il ritratto di suo padre e di sua, 
madre ? 

Serie XT, vol. ZIT, fasc. Tio 5 30 neitemhre 1882: 



66 FLORA, FAUNA, AVVENTURE 

L'Elisa tronc6 a mezzo il ragionare, dicendo: Lasciamo la 
setta, il diavolo e la scimmia, e andiamo a coricarci, che qui 
Patrizietto cade vinto dal sonno. Poverino, ha patito tanto ! 

E recatoselo in collo, levossi, e scese con Bianca nella sua ca- 
meretta. Astolfo e Zeno ritiraronsi anch'essi nella loro, prose- 
guendo a ragionare insieme della grande somiglianza che ha la 
setta col padre diavolo, da cui ereditft la superbia e lo spirito 
di ribellione, e colla madre scimmia, dalla quale derivo gli ani- 
inaleschi appetiti, il selvaggio istinto ed il costume di scim- 
miottare in tutto la santa religione di Cristo, che ella peraltro 
abbomina, besteinmia e guerreggia a morte. 

XXL 

UNA LEVATA DI SOLE IN MEZZO ALL' OCEANO 
IL PESCE VOLANTE E LA FLOTTIGLIA DELLE MEDUSE 

Era il mattino del quinto di dopo la partenza da Ceilano, e 
i primi albori imbiancavano appena 1'orizzonte, quando Zeno e 
Astolfo, pagato, come ogni di soleano, il mattutino tribute a Bio 
e alia Vergine, salirono sul ponte a vagheggiare quel magico e 
grandiose spettacolo, che e la levata del sole in pieno mare. II 
disco luminoso dell' astro mandando attraverso un'atmosfera ca- 
rica di vapori i su6i raggi assai divergent!, dilatava per guisa 
il sue apparente volume, che veder ti parea sorgere dalle onde 
un immenso globo affocato come ferro in fucina. Sotto i suoi ri- 
flessi 1'azzurro del mare tingeasi in porpora; e man rnano che 
1' astro salia, la porpora cangiavasi in fulgid'oro. L'onda sol- 
cata dalla prua, e sbattuta dalle ruote lanciava lampi, spraz/A 
e brilli di rubini, smeraldi e zaffiri. Frotte di pesci qua e la 
guizzando, intrecciavano liete carole, e spiccavano salti, e s'inse- 
guiano Tun 1'altro, come i bimbi quando fanno gazzarra. Tutto 
era mote, vita e festa in seno alle onde. Soltanto in quel guscio 
di noce, che & ana nave in mezzo air oceano, regnava il silenzio 
del sonno fratello della morte. Tutti i passeggeri, ad ecceziono 
dei due nostri viaggiatori e dell'Elisa, che vegliava orando, dor 
mivano come ghiri, si poca attrattiva avea per loro 1'incanto di 
una natura che sembra risorgers da morte a vita! Or mentre 



XXT. UNA LEVATA DI SOLE IN MEZZO ALL'OCEANO ECC. 67 

Astolfo e Zeno si beavano nell'aspetto del cielo e del mare, una 
voce soave li riscosse dalla loro contemplazione: Sia lodato 
Gesti Cristo! 

- Sempre sia lodato, risposero amendue, volgendosi a riguar- 
dare donde veniva quel cristiano saluto. Era 1'Elisa che con Bianca 
e Patrizio saliva a godere la brezzolina e il dolce incanto del 
mattino. 

- Cos! mattiniera? dissele Zeno; mentre Astolfo levatosi, corse 
a baciarle la mano, e a darle il buon giorno. 

lo amo, disse 1'Elisa, seguir 1'antica usanza, che era le- 
varsi col sole, bere le fresche aure mattutine, e vagheggiare la 
natura, la quale sembra in quest' ora rinascere a novella vita. 

La vostr'anima poetica, soggiunse Zeno, ha bisogno d'ispi- 
rarsi al bello della natura. 

- Dite piuttosto 1'anima cristiana, la quale sente la necessita 
di sollevarsi al cielo ; e nol pu6 meglio che quando il mondo 
tace, la natura si risveglia, e ci parla del suo divino Autore. 

- Avete ragione. Non e mai cosi eloquente il suo linguag- 
gio come al inattino, quando tutto il create par che inneggi al 
Creatore. 

In questo Bianca e Patrizio, che trastullavansi insieme, fanno 
udire un lungo 01... di meraviglia. 

- Che e"? Che avvenne? dimanda FElisa. 

- mamma, rispose Bianca, qui piovono i pesci !... 

- Che dici mai ? rispose ridendo 1'Elisa. 

- Ecco qua e viene tutta festante innanzi alia madre con 
un pesce in mano, allora allora caduto dalle sartie. 

- Ah il pesce volante! sclam6 1'Elisa. 

- La rondine di mare, soggiunse Zeno, chiamata Trigla vo- 
litans da Linneo. 

- Un pesce che vola! sclam6 Bianca stupefatta, tenendolo 
stretto per tema che gli smucciasse dalle mani, e prendesse il volo. 

- Povera rondinella di mare, disse Astolfo, se e venuta a 
cercar qua un rifugio, non la lasciar morire tra le tue mani ; ma 
mentre palpi ta ancora, rendila al suo elemento. 

Dici bene, rispose Bianca, e affacciatasi alia sponda della 
nave, gittolla in mare, godendo di vedeiia tosto, come rinata a 



68 FLORA, FAUNA, AVVENTURE 

nuova vita, dar guizzi e salti su per 1'onda. Poi volta a Zeno: 
- Spiegatemi, gli disse, come la rondine di mare vola. 

E Zeno : non hai tu osservato le larghe pinne o natatoie 
di che la natura Fha fornita? Quand'ella le apre e distende, 
tornasi pel dilatato .volume piu leggera, e pu6 levarsi a volo, 
percorrendo uno spazio di circa ducento metri. Indi e costretta 
a rituffarsi per inumidirle di DUOVO, onde spiegarle ad altro volo. 
Di questa guisa ella fagge ai tanti nemici che la perseguitano. 
Se non che volendo evitare un agguato, iucappa in un altro, di- 
yentando facil preda degli uccelli pescatori, die corseggiano i 
mari. Ad evitare questo doppio incontro, spesso cerca un rifugio 
In sulle navi. Fatal destino di quest! animali, diceva il Lacepede, i 
quali essendo pesci ed uccelli insieme, aver dovrebbero un doppio 
asilo, mentre non trovano sicurem in nessuna parte. Dappoiche 
non isfuggono ai pericoli del mare, che per trovarsi esposti a 
que'dell'atmosfera; n& scampano dal dente de' pesci, che per es- 
sere ghermiti dal becco micidiale delle fregate, dei fetonti, dei 
gabbiani, e di altri uccelli marini. Cotalche la sventurata ron- 
dine e setnpre perseguitata, qualunque sia 1'elemento a cui si 
affidi. Ma buon per lei, che e si vivace, abile, e presta a passare 
da un elemento all' altro, che di ordinario sfugge alia persecu- 
zione de' nemici suoi. 

Guardate la, guardate, grid6 in inglese il piccolo Patrizio. 
Tutti si volsero a riguardare la dove accennnava il fanciullo; 

e videro galleggiare sull'onde come tante campane di vetro, o 
ombrelli diafani incoronati di graziose ghirlande, e gallonati di 
frange dai riflessi argentini e dai colori iridescent!. Dal centre 
di ciascuno d'essi pendeano diversi lobi piu o meno siouosi, in- 
crespati, e trinati bizzarratnente, e dagli orli anch'essi nella piu 
parte bellamente frastagliati, dentati o cigliati, pioveano in giro 
come i ram! di un salice piangente, o ciocche di sciolti capelli, 
quelle sottilissime fila, che i naturalist! appellano appendici 
filiform!. 

Sono le meduse, disse Zeno, che viaggiano a sttioli. Fra 
i zoo (it! dell'oceano nou avvi chi conti maggior numero di specie, 
e ci present! foggie pid capricciose e bizzarre, come questo, a cui 
Linneo die il nome di medusa, nome che mal si attaglia a si 



XXI. UNA LEVATA DI SOLE IN MEZZO ALL' OCEANO EGG. 69 

yezzosa creatura. Le meduse vivono in tutti i mari, ma brulicano 
in questo, che e riscaldato da un sole tropicale. Avvene di tutte 
le grandezze, dalle micrbscopiche alle gigantesche, come queila 
che gittata dal mare sal lido di Bombay trovossi pesare parec- 
<jhie tonnellate. II loro corpo ha un tessuto organico quasi im- 
percettibile, entro cui nuota una gelatina trasparente, la quale 
tolta in mano, al calor naturale di questa si discioglie. Ell' e or 
cristallina, or opalina ; quando rosea, e quando cilestre. In certe 
specie mentre e diafana in tutto il corpo, nel centro del disco 
o della campana ove innostrasi, ove azzurreggia, qui tingesi di 
violetto, e la biondeggia. 

- Ma ella, osservft 1'Elisa, & tutta apparenza senza sostanza. 

- E il simbolo della donnesca vanita; soggiunse il piacevole 
Astolfo. 

Taci, impertinente, dissegli sorridendo la madre. 

- Le graziose tinte, prosegui Zeno, e le capricciose foggie 
della medusa, tornanla vaghissima a yedere. Ma quand'ella e 
gittata sul lido, e una massa ributtante, che fondesi e si dilegua 
senza lasciar quasi di se traccia veruna. Le meduse, malgrado la 
lentezza dei loro movimenti, fanno lunghissimi viaggi. Esse avan- 
zano merce una serie alternata di contrazioni e di dilatazioni del 
loro corpo, onde furono dette dagli antichi polmoni marini. 

- E il progresso della moda, disse Astolfo, la quale fa della 
donna ora un pallone, ed ora un palo ! 

Risero tutti della giusta osservazioue di Astolfo. 

Se in loro viaggio, dimand6 FEiisa, abbattonsi in un ne- 
mico, che fanno ? 

- Eipiegano i tentacoli, chiudono Tombrello, e scemato. cosi 
il volume del corpo, tornano piu pesanti e si atfondano. 

- sapienza di Dio, sclam6 1' Elisa, come hai pensato e 
provveduto a tutto! 

- Yanno anch 1 esse le meduse, dimand6 Bianca, come i pesci 
viaggiatori in grosse bande? 

Ti basti dire che coprono talora una distesa di parecchie 
miglia quadrate, offrendo buona presa alia balena, che ne divora 
una quantita prodigiosa. 

Ed esse di che si pascono? 



70 FLORA, FAUNA, AVVENTURE 

Di inolluschi, vermetti e giovani crostacei. Abboccano & 
rfivorano la preda senza dilaniarla. Se questa resiste e si dibatte y 
tengonla stretta fra' loro tentacoli, aspettando che la vittima, ri- 
ilnita di forze, diasi per vinta. 

- E allora? 

- Allora se la pappano allegramente. 

- Vorrei poterne agguantar una! 

Caro ti costerebbe! 

- E perche? 

Ti farebbe almen per mezz'ora dolente e pentita del tuo- 
ardire, a cagione di quel bruciore che ne risentiresti alle mank 
il che fe' darle il nome di ortica marina. 

Alia larga dunque, signora medusa, sclam6 Bianca. 

Un giovine marinaio della Princesse Louise avendo adoc- 
chiato presso la nave una bella medusa, slanciossi nudo in mare 
per impadronirsene. Ma non appena 1'ebbe tocca, che si vide al- 
lacciato dalla sua folta chioma, lunga un metro. Di che il giovane 
spaventato, e sentendosi un forte prurito e bruciore alia pelle, 
grido: aiuto. Gittarongli un canapo, ch'egli ebbe appena la forza 
d'afferrare, e il collarono a bordo. L' infiammazione della cute 
accesegli una febbre cerebrale si violenta, che lo ridusse quasi 
a fin di vita. . 

Fo voto, disse Astolfo, di star sempre lontano dalle meduse r 
quanto belle e appariscenti, altrettanto fatali a chi vuol trescare* 
con esse. 

Se sarai fedele al tuo voto, disse sorridendo V Elisa, che 
i vea colta per aria I'allusione, tu sarai 1'uomo piu felice del 
liiondo! 

Che sorta di organismo, dimand6 Astolfo a Zeno, ha mai 
fiesta vivente gelatina? 

- Per molto tempo niun seppe vedervi che una gelatina or- 
ganica. Ma le osservazioni ed esperienze del Cuvier, del Dum6ril, 
e del Milne-Edwards, e di parecchi altri naturalist! hanno messo 
in chiaro la ricchezza di struttura che si celava sotto quell' ap- 
j^arenza gelatinosa, e ci hanno svelato i misteri della sua prodi- 
giosa trasformazione. 

Bianca all'udire quest' esordio che promettea grandi rivela- 



XXI. UNA LEVATA DI SOLE IN MEZZO ALl/OCEANO EGG. 71 

aioni, accostft la sna seggiola a quella di Zeno, e il piccolo Pa- 
trizio fe'altrettanto. Dacche la sua nuova sorellina e il fratello 
Astolfo aveano la compiacenza di tradurgli alia meglio in inglese 
le parole di Zeno, non senza fame talora mal governo, sconcian- 
dole, come Dio vel dica! La metamorfosi della medusa, in- 
cominci6 Zeno, e quanto imaginar si possa di piu straordinario e 
maraviglioso nella natura. Ella genera parti da s& dissimili; ma 
che per una serie di trasformazioni, torneranno in tutto somi- 
glianti alia madre. Quest! dapprima sono larve vermiformi, poscia 
somiglianti ai poll pi, indi cilindri anellati, in fine gli anelli di- 
staccansi, e ciascuno da se vive, nuota e si alimenta. Allora 
queste creature anulari non hanno piu. che a compiersi, perfezio- 
nando la loro forma. II disco animato di piatto tornasi convesso; 
vi si apre la bocca; vi si disegnano i canali gastro-vascolari, 
alliiDgansi i tentacoli, i cirri marginal! si moltiplicano; ed ecco la 
medusa perfetta. Dopo tante trasformazioni il figlio e divenuto 
in tutto simile alia madre. 

^Bianca che pendea dalle labbra di Zeno, e non perdea sillaba 
di quauto egli veniva esponendo intorno alle maraviglie del mondo 
marino, era impaziente di sapere da lui che fossero cotesti infu- 
soriij a' quali egli avea paragonato le larve della medusa. Zeno 
<^he godevadi vedere tanto desiderio d'istruirsi in etacosi tenera, 
si fe'a spiegarle in modo adatto alia intelligenza di lei, 1'esu- 
beranza della vita che si manifesta in una gocciolina d' acqua, 
la quale e anch'essa un microscopico mondo, in cui vivono milioni 
di creaturine, un oceano in miniatura, in cui nuotano viventi 
simili ai polipi, ai molluschi, ai crostacei, ai pesci, cotalche tutto 
il mondo dei mar! trovasi in qualche modo in una gocciola rap- 
presentato. 

Ma qui il ragionare fu interrotto da un festosogrido Sumatra, 
Sumatra! 

I nostri viaggiatori balzarono tosto in pie, e trassero a prora, 
impazienti di contemplare la grand'isola, una delle maggiori e 
4elle piu ricche della Sonda. 



RIVISTA DELIA STAMPA ITALIAN! 



I. 

U educazione del giovane Clero nei Seminarii e i nuovi tempi. 
Brevi consider azioni del Sac. ENRICO FANI. Firenze, 1882. Un 
opusc. di pag. 145, in 16. 

Sono circa due mesi dacche cotesto opuscolo & comparso alia 
luce, e altri, mirando ai yarii e gravissimi argomenti in esso 
trattati o toccati, pot6 congetturare sulle prime che quel porno, 
gittato fra i campioni della stampa cattolica e anticattolica, de- 
sterebbe fra loro, almeno in Firenze, qualche animata discussion e. 
Ma la cosa riusci a tutt'altro. La stampa dovette giudicare che 
all' importanza dell' argomento non rispondeva quella dello scritto 
e, anzi che dividers!, si uni nel non tenere questo in nessun 
conto. 

Della quale noncuranza chi si movesse a ricercare le cagioni, 
gli si potrebbe offerire primieramente questa, che sebbene il 
nuovo opuscolo si presenti, nel titolo e nella prefazione con 
certa aria di novita, il lettore non vi trova poi quasi altro di 
fatto, se non se una raccolta e uno svolgimento di concetti tolti 
ad un' opera troppo conosciuta ed oramai dismessa, qual'& La 
nuova Italia e i Vecchi zelanti del sac. Carlo M. Ourci. Chi 
ha letto prima quel libro e legge poi quest' opuscolo, non pu6 a 
meno di ripensare alle elucubrazioni di certi novelli letterati o 
musici, che dopo un assiduo studio sui classici, fattosi animo a 
comporre anch' essi qualche lavoro, mentre si avvisano di creare 
non faono altro che ritessere variamente le frasi dei loro maestri : 
salvoch& nel caso nostro 1' esemplare e la miniera non & disgra- 
ziatamente uno scritto classico, ma un libro per molti capi di 
dottrina e di pratica riprensibile e difettoso. 



RIVISTA DELLA STAMPA ITALIANA 73 

II nostro novello scrittore non istimera, crediamo, neppur egli 
del tutto inopportuna questa osservazione, la qual seinbra essersi, 
bench& troppo tardi, affacciata anche alia sua mente : mercecch& 
non ad altro seopo die a scemarne il poco favorevole effetto, sem- 
bra poter mirare quell' ultimo capitolo die sotto nome di Digres- 
sione egli ha aggiunto in coda al suo opuscolo, quasi tutto -in 
commendazione del suddetto libro. Del die mostrando di voler dare 
la ragione, Lo facdo (cosi egli con iscusabile ambiguita) tan to 
piil volentieri, perche leggo in quel libro belli ssime pagine sulla 
educazione del giovane Clero e vi riscontro molte idee analoghe 
alle uiie sulla vita della CMesa a traverse i secoli... > Dove 
ogni avveduto e discreto lettore che ha fatti anch' egli da s& i 
suoi riscontri, intende dover sostituire al positive molte idee il 
superlative moltissime, all'aggiunto analoghe quello yidentiche, 
al possessivo mie il participio fatte mie, acciocche sia reso a 
dascuno dei due scrittori il suo merito: al prime, d'invenzione; 
al secondo, di compilazione. 

Ora coteste difetto d' originalita, scusabilissimo in uno scrittore 
novizio, quantunque potesse abbassare il pregio del nostro opu- 
scolo a quello di una copia, non offenderebbe tuttavia nessuno, 
se nel case nostro potesse considerarsi sotto F aspetto meramente 
letterario : il rammarico, per ogoi sincere cattolico, nasce piuttoste 
dall'avere il Sac. Fani scelta a suo libro classico La Nuova 
Italia del Carci ; e dalla ingenuita con che egli si maraviglia 
della mala accoglienza fatta a quello scritto dai buoni, e dalla 
Chiesa stessa che lo proibi. Ci6 che io non intendo, cosi egli, 
si e come mai interne al nome del Carci, che pure e un acute 
pensatore e un ingegno non comune, siasi fatto tanta baldoria e 
siasi gddato allo scandolo... Se il buon Sac. Fani si fosse con- 
tentato di commendare qualche asserziooe, o proposta, o anche 
bellissima pagina di quel libro proibite, poteva darsi che 
qualcuno fra i cattolici non trovasse che riprendere in siffatte 
conimendazioni, se non forse la lore inopportunita. Ma quando nega 
che a parer suo vi fosse ragione di gridare allo scandolo centre 
i'autore della Nuova Italia, si vede che egli non si e abituate 
ancora a misurare la forza logica di una proposizione universale. 



74 RIVISTA 

Imperocche chiunque ha letto quel libro o alcuna delle paree- 
chie ed eccellenti confutazioni, che ne fnrono pubblicate in opu- 
scoli e giornali, sa come in esso si scalzi 1' autorita del Romano 
Pontefice e dei Vescovi, si riprenda la debita soggezione di quest! 
al Supremo Pastore, si disapprovino i loro comuni insegnamenti, 
se ne restringa 1' autorita, se ne biasimi il governo, si parli con 
petulante irriverenza del Sillabo, del Concilio Vaticano, dei 
due Sommi Pontefici Pio IX e Leone XIII, del Gollegio Cardi- 
nalizio, delle Congregazioni Romane, dell'Indice, e di quanto,,, 
per poco, v' 6 di venerabile nel presente governo e magistero della 
Chiesa. Le intemperanze di quello scritto e la sua mal dissimulata 
perversity ebbero 1' ultima ripruova, parte nelle critiche perfino 
4i scrittori anticristiani, e parte nei loro applausi. Or se con tutto 
do il nostro novello scrittore protesta di non arrivar a scoprire 
nelle pagine della Nuova Italia cosa alcuna che lo scandaliz/i, 
salvo per avventura ci6 che in quel libro si afferma di poco 
riverente alia venerata memoria del Pontefice Pio IX e di poco 
oonforme alia carita cristiana > ; qaale opinione si dovra concepire 
o della tenerezza della sua coscienza cattolica o della chiarezza 
delle sue cognizioni teologiche, o, per ultimo, del suo senno let- 
terario se, come la carita ci persuade di credere, egli scrivendo^ 
quelle parole non badava a ci6 che scriveva? "Non si fara certo da 
uessuno intorno al nome del Fani quella baldoria , la quale se- 
fn necessaria a riguardo del celebre maestro, sarebbe malamente 
spesa intorno ad un solingo proselito: ma non essendosi finora 
trovato n6 fra i sinceri cattolici, n6 fra quei che comunque vogliona 
esser tali, ne forse fra gli stessi nemici, nessuno che cosi larga- 
mente accettasse il contenuto e ii tenore della Nuova Italia, 
non pu6 fare che 1' amplissima approvazione datale dal Fani non 
apparisca ad ognuno. e a lui medesimo, soverchia ed inconsiderata. 

Ghecche sia per6 di questo, si deve saper grado al leaie scrit- 
tore di averci egli stesso indicata la stretta affinita dell' opuscolo 
suo col libro del Curci; affinita somigliante a quella di un ramo 
verso la pianta madre, dalla quale troncato, e coltivato separata- 
mente, cresce, nella sua piccolezza, per la vitalita non propria 
aia derivata, a necessaria imagine della pianta originale. Non 



DELLA STAMPA ITALIANA "-*> 

sltrimenti dal libro del Ourci fa e dee far ritratto 1'opuscolo del 
Fani non pure nel carattere e nel disegno generate, ma fin nello 
pift minute particolarita dello stile, non eccettuate (tanta & la 
sua dipendenza !) neppure le sviste. 

II libro della Nuova Italia, per detto del suo autore, mirava 
ad effettuare una molteplice e salutare Eiforma della Chiesa nel 
Capo e nelle membra: al quale scopo egli, solo e semplice sacer- 
dote, citati davanti al suo tribunale il Sommo Pontefice, il Concilio 
Yaticano, i Yescovi della Cristianita e il popolo cattolico d' Italia, 
rinfacciava a ciascuna classe i suoi torti ed errori, e le dava am- 
monimenti per 1'avvenire. L'opuscolo del Fani si restriuge a 
caldeggiare e divisare collo stesso metodo una in particolare delle 
Eiforme dimandate dal maestro, quella cioe dell' Educazione del 
giovane Clero. Anch' egli, il piccolo opuscolo, sente la necessita di 
riparare e sopperire coll' opera sua all'indifferenza ed inopero- 
sita della Chiesa in cotesto importantissimo punto. Yediamo 
la Chiesa (cosi egli nella Prefazione) non darsi briga di questo 
gravissimo tema pei suoi candidati, assistere spettatrice iinpassi- 
"bile a una lotta che tocca si da vicino gl' interessi della sua vita 
terrena e della sua autorita. S' 6 detto che il nostro opuscolo 
imita perfino le sviste della Nuova Italia, ed eccone un caso. 
II Sac. Fani non pu6 di certo ignorare quanto arrischiate siano 
e quanto male suonino agli orecchi dei fedeli, e in ispecie del 
teologi, le accuse apposte alia Chiesa in genere. Per la qual 
cosa lo stesso autore della Nuova Italia, nel formolare le sue, 
evit6 costantemente quel termine di Chiesa, n& v'incapp6, se 
non un paio di volte o poco piu, per pura svista. E per pura 
svista si vuol credere che v'incappi qui 1'opuscolo; massima- 
mente poi dopo avere citata due pagine piu sopra la lettera del 
S. P. Leone XIII, da)la quale ben risulta che la Chiesa si briga 
assaissimo della buona educazione dei suoi candidati, e che non 
v' e nessun bisogno di chi si sobbarchi invece di lei a cotesta cura. 

Passino adunque tali sviste benchS non leggieri, e 1'accusa 
s'intenda ristretta a coloro, e sono i Yescovi, a cui spetterebbt? 
-di occuparsi deila buona educazione del Clero italiano e spe- 
^ialmente di quello delle nostre province e di quelle del mez^o- 



76 R1VISTA 

giorno (pag. 1), poich5 a queste province il nostro scrittore di- 
chiara di rivolgere le sue considerazioni. Ma qui 1'opuscolo urta 
in un altro scoglio non meno visibile del primo. Perocche non 
mostrando egli di avere intorno alle province del mezzogitfrno 
altre information!, se non quelle per avventura che attinse nelle 
bellissime ma, per comune avviso, troppo malediche pagine 
della Nucva Italia, resta che 1'accennata accusa s'intenda ri- 
volta piu specialmente > ai Yescovi deile nostre province ; 
non escluso quello, a cui ogni sacerdote deH'Arcliidiocesi di Fi- 
renze e debitore piii di ossequio che di istruzioni e di ammoni- 
menti. 

Noi non sappiamo che sarebbero per dire i Cleri e i popoli delle 
altre province a noi vicine, se venissero in cognizione degl'inse- 
gnamenti e delle riprensioni che un cotal Sac. Fani si premie 
la liberta di dirigere ai loro Yescovi: asseriamo bensi che il 
Clero e i buoni cattolici di Firenze, popolo e patriziato, disap- 
proveranno ognora altamente chionque s'intruda a rizzar catte- 
dra e tribunale contro il loro Pastore, amato singolarmente da 
tutti e venerato per le sue virtu, per la carita, mitezza, zelo 
indefesso, e insigne dottrina. 

E che Egli nondimeno sia preso di mira dali'opuscolo al pari 
degli altri, se non ancora piu specialmente , lo da a intendere 
chiaro 1' allusione per chiunque vive in Firenze chiarissima, COB 
la quale il Fani s' introduce a proporre la sua Biforma dell'edn- 
cazione esteriore del Clero nei Serninarii: A che vale, cosi egli ? 
la forma esteriore senza la sostanza? A che giova prescrivere il 
taglio del cappello e dell'abito, quando i cervelli restano come- 
prima? (pag. 12). Trattandosi qui delle cose e non delle per- 
sone, poco monta il sapere se il nostro novello scrittore parteg- 
giasse gia per quella piccolissima fazione di preti, i quali, avendo 
1'Arcivescovo di Firenze, per sue giuste ragioni, prescritto agli 
ecclesiastici di portare, in citta, la veste talare e il cappello della 
forma usata comunemente in Italia, s'accaldarono, con piu roinore 
che edificazione del popolo, a difendere la loro giubba e il loro 
staio (cosi chiamano qui il cappello a cilindro). Comunque sia, 
se ognuno concedera di buon grado al Sac. Fani che non giova 



BELLA STAMPA ITALIANA 77 

nidla il prescrivere il nicchio a certi cervelli che si sentono 
Jieglio sotto uno staio, e la talare a chi per suo gusto vesti- 
rebbe come un ballerino; niuno per6 ammettera. che sia bello 
coitinciare le proposte di Eiforma con una mal dissimulata cor- 
rezione al proprio Yescovo. 

Se non che di queste ne ha 1'opuscolo una dovizia o piuttosto 
ne e tutto un tessuto, essendo ordinato tutto ad ammaestramento 
e correz'.one di chi, dovendo per uffizio provvedere all' educazione- 
dei cherici, non se ne da briga, come fu detto, ne se ne iutende, 
or sia a Firenze o nelle altre province d' intorno. Quindi il nuovo- 
Kiformatore a tutto deve riparare. Egli trascorre persino a ri- 
provare il modo che si tiene nel far la visita pastorale della 
diocesi e a suggerirne un altro migliore. Che importa (si noti 
convenienza e nobilta d' espressioni !) quando egli (il Yescovo) ha 
in animo di recarsi a visitare una sezione della Diogesi strom- 
bazzare uno o due mesi prima ai quattro venti la visita episco- 
pale...? Faccia pure egli la sua visita in forma solenne come e- 
quando crede (poiche il Sac. Fani glielo permette), ma chi gl'im- 
pedisce poi... comparire improvviso in tale e tal posto e sorpren- 
dere a bruciapelo il parroco in chiesa o in casa,..? (Deh! perch& 
non e vescovo il Fani?) > II piu e il meglio per6 degli avvisi 
si riferisce alia riforma dei Seminarii: II Yescovo... brighi egli 
stesso a investigare Tinterno dei giovani (pag. 34): il Yescovo 
esiga da loro altre garanzie in compeuso di questa maggior li- 
berta consentita cio5 della libera circolazione fuori del Se- 
minario in certe ore del giorno (pag. 18). E piu sotto, insistendo 
sull'imaginata necessita di tal concessioner Oh ci pensino bene 
i Superior! ecclesiastici e si persuadano esser mille volte meglia 
che la vigna di Cristo difetti di operai, anzich& averne uno solo 
inetto e scandaloso (pag. 58). Per quanto ci ricorda, istruzioni 
ed esortazioni cosi famigliari e paterne rivolte ai Yescovi, non si 
leggono neppure nella Nuova Italia: il che non impedisce al 
candido scrittore di protestare nella sua prefazione : Lungi poi 
il sospetto che io voglia dettar consigli a chi per grado e per 
ufficio potrebbe darne a me. Non ho cosi stolta pretensione. 
Delle due asserzioni contenute in queste parole, il lettore lascera 



78 RI VISTA 

da parte la prima, che ognun vede come si concilii coi fatti: 
riterra la seconda, che lo dispensa dal pronunziare intorno ad 
essi 11 suo giudizio. 

Del rimanente il Sac. Fani ha scorto troppo bene o ha credato 
di scorgere a quali obbiezioni egli si esponeva coi suoi tenUtivi 
di Eiforma. Eiforma? (sono sue parole nella prefazionej. Co- 
spetto! che andate voi sognando? Sareste forse un novatbre? 
E gli avviso di sbrigarsene in due parole con una replica, tolta 
anch'essa dalla Nuova Italia: allegando cioe 1' ese/hpio dei 
concilii general! i quali non ebbero altro motivo che la ri- 
forma della disciplina ecclesiastica e la tutela delia dottrina 
rivelata. > Qui confessiamo di non vederci chiaro. che ogni 
sacerdote 6 diventato ora 1'equivalente di un concilio, per grado 
e per autorita? Nessuno dubit6 mai che la Chiesa militante in 
terra abbisogni sempre di qualche ri forma nelle sue membra e 
nell' andamento delle sue istituzioni : notando per6 che vi sono 
due maniere di riforma: quella di male in bene e quella di bene 
in meglio. Ma ci6 supposto, si domanda (e qui e la question e 
principale) a chi spetti 1'ufficio di giudicare della necessita delle 
singole riforme, e definirne il modo, e procurarne 1'esecuziono. 
Ora a cotesta seconda questione non solo ogni teologo di primo 
pelo, ma ogni semplice fedele non ignaro del catechismo, rispon- 
dera che quell' ufficio compete esclusivamente e inalienalilmenfe 
ai Pastori cioe al Sommo Pontefice e ai Vescovi, posti da Dio 
a reggere la Chiesa. Questi sono nella Chiesa i veri e legittiini 
Riformatori incaricati da Gesti Cristo della Eiforma del popolo e 
del Clero minore ed eziandio, dove occorra, della loro propria. 
Quindi e ben naturale che i Sommi Pontefici e i Concilii general! 
si sieno occupati in ogni tempo d' effettuare nella Chiesa le ne- 
cessarie od opportune riforme. Ma qual parita v' e tra questo fatto e 
quello d' un pri vato sacerdote qualsiasi, il qual pretenda di proporre 
al pubblico una sua riforma senza averne la missione dai Pastori, 
anzi professando di supplire alia loro inerzia? E presumibile che 
il Sac. Fani, benche per modeslia non lo dica, sia nondimeno 
dottorato in Teologia, dappoiche, nel cap. XVI del suo opuscolo, 
entra pur anche a disegnare la riforma degli studii teologici nei 
seminarii : ma per fermo in cotesta argomentazione o discolpa (a 



DELLA STAMPA ITALIANA 79 

dir vero, non inventata da lui) si desiderano invano le nozioni 
teologiche piu ovvie ed elementari del Trattato de Ecclesia, in- 
orno alia distinzione inviolabile dei gradi e degli uffici stabiliti 
claGesu Cristo nella sna Chiesa. Altra e la condizione dei Pa- 
stotf, specialmente se riuniti in Concilio a deliberate delle mi- 
glior Tie per le quali condurre le gregge, altra e la condizione 
delle }ecorelle affidate alia loro condotta ; ne dal sapersi che i 
Pastori tengono siffatti consigli, conseguita menomamente che 
ogni peora si possa metier da se a capo dell a greggia per con- 
durre lei } il pastore pel sentiero die le dice meglio. 

II vizio fondamentale dei falsi Riformatori, e segnatamente di 
quelli del stcolo XVI, consistette appunto nell' arrogarsi eglino, 
privati sacerdoti o laici, quell' ufficio, faori e contro dell' au tori ta 
d i legittimi Pastori. Q-ridare alia necessita dell a riforma, ac- 
cnsare 1' inerzia della Chiesa, sottentrare di loro privata autorita 
al grande ufficio, e poi escluderne a dirittura . la Chiesa, con 
tulle le conseguen^e di error! e di disordini, necessarii a con- 
seguirne: tale e" il complesso di falti, che resero per sempre 
sospetti i nomi di Riforma e di Riformatore. Per la qual cosa 
bene indovinft il Fani che, all'udirli risonare in bocca sua, si gri- 
derebbe Riforma? Cospetto! che andate sognando? Sareste voi 
forse un novatore? Se non che ogni cattolico mediocremente 
istruito possiede uu infallibile criterio, onde uscire del dubbio 
senza aspettar la risposta. Se il nuovo riformatore viene da parte 
della Chiesa ad annunziarci le riforme da lei raccomandate, egli 
e dei buoni: sia il benvenuto, egli e la sua riforma. Se per lo 
contrario viene in nome proprio e di propria autorita, dichiarando 
soltanto che intende di ritirare qualunque espressione gli fosse 
sfuggita, contraria all' insegnamento dommatico della Chiesa >; 
e disconoscendo cosi 1'obbligo, che v'e, d' assoggettarci anche 
all' autorita non dommatica della medesima: bench^ costui si 
differenzii tuttora dai pseudoriformatori scismatici ed eretici; 
nulladimeno egli e, piu che un riformatore, un riformando, e 
tutta la sua riforma, a ben essere, un sogno. Cosi risposero i 
cattolici al libro della Nuova Italia, mettendolo in disparte, e 
cosi va risposto in proporzione all'opuscolo del Fani. 

Ma, si dirk, non e lecito adunque ad un zelante ecclesiastico 



R1VISTA 

coneorrere colle sue osservazioni, che spesso avranno non poco 
di vero e di buono, al correggimento del difetti che s'introducono 
talora Del Cler > e nella sua educazione? Se nei Seminarii si da 
una educazione troppo teorica, troppo mistica, troppo formale 
se T istruzione vi e difettosissiina, se in certe chiese rural! la 
religione si vede praticata alia carlona perfino dai suoi mni- 
stri > sara un delitto i'adoperarsi per la cessazione di tali sconci 
promovendo una salutare riforma? -- Un delitto? Tolga ilcielo! 
anzi un' opera divina, divinorum omnium diviriissimum./L&Qn&Q 
anche 1' autore della Nuova Italia, nel raettervi mano, credette 
necessario d'allegare una speciale ispirazione divina, ctficedutane 
a lui solo. II Fan! non parla nel suo opuscolo di siffaJta speciale 
ispirazione, non solo perch& probabilmente non sentiva d'averla, 
ma perche di fatto, senza straordinarii carismi, ad imprendere 
convenientemente quella divina opera di zelo, basia che altri mi- 
rando alia sua lunga eta, dottrina, esperienza e prudenza, tutti 
doni di Dio, si senta non incapace di dare qualcAe utile consiglio. 

Le quali doti ravvisando, senza superbia, in se stesso, poteva 
lodevolmente il Fan! e potrebbe qualunpe altro sacerdote, mosso 
da puro zelo per la casa del Signore, raccogliere non solo le 
memorie della propria vita seminaristica, ma le osservazioni di 
una lunga e svariata esperienza, soprattutto se la stima dei Su- 
perior! gli avesse affidata alcuoa parte nell' educazione dei chie- 
rici; e notando con ischiettezza 1' inettitudine o la desidia dei 
suoi colleghi maestri o educator!, e gli error! del metodo, e gli 
eccessi e i difetti nella disciplina o nell' istruzione, e a ripruova 
della mala educazione mostrando 1'inettezza e I'indegnita del 
Clero cosi educator in fine proponendo i rnezzi di una bene in- 
tesa riforma, potrebbe, diciamo, di tutti questi capi comporre a 
sua posta anche un volume. 

Ma compiuta 1' opera, sapendosi che T appro vazione e 1' appli- 
cazione delle riforme spetta nella Chiesa ai soli Pastori, allo 
zelante sacerdote, ricordevole del suo grado, non rimarrebbe altro 
da fare, se non offerire con figliale ossequio il manoscritto al suo 
Vescovo, lasciando alia prudenza e allo zelo di lui il giudizio 
teorico e pratico intorno alle sue proposte. 



BELLA STAMPA ITALIANA 81 

Cosi sarebbe conservato 1'ordine, e 1'autore stesso sfuggirebbe 
le conseguenze d'un libro imprudentemente pubblicato. Ancorche 
il suo manoscritto desse alia Chiesa e ai Vescovi le poco rispet- 
tose lezioni che abbiamo piu sopra citate dall'opuscolo del Fani; 
e v' aggiungesse a un bisogno qualche aneddoto, vero o apocrifo 
non importa, pur di censurare qualche Vescovo (pag. 58); e ma- 
gnificasse le virtft e il governo del Vescovi anticM non per altro 
che per contrapporli ai presenti (pag. 89): ancorche, con liriche 
esagerazioni e visibile ignoranza di causa, posponesse il Clero 
italiano a quello di altri paesi (pagg. 1 e 83) ; e ricopiando le 
futili e gia confutate dicerie delta Nuova Italia, lo accusasse 
di soverchio affetto alle cose terrene (pag. 82, ecc.) del perver- 
timento delle masse non impedito da lui per la sua inettezza 
(pag. 2 ecc.), di troppo scarsa dottrina, e cosi via: ancorch5 per 
dimostrare la meschinita deH'istruzione nei seminarii allegasse 
con poco criterio le statistiche ufficiali dello Stato, pur confessando 
che 1' autorita loro 6 sospetta, ma rialzandola con la vana osser- 
vazione che nessuno le ha combattute (pag. 65); ancorch^ accu- 
sasse gratuitamente di pietisrao I'educazione religiosa, data fin 
qui ai Seminaristi da Vescovi e direttori che pure avrebbero a 
saperne alcuna cosa, d'ascetica: e per non andare in infinito, 
ancora che divertendo dal suo argomento per ridere, fin quasi 
colle stesse parole, i concetti della Nuova Italia, ne rinnovasse 
i meschini equivoci intorno alia necessita del doininio temporale 
della Santa Sede; e continuasse ad ogni tratto riprendendo gli 
error! commessi, secondo la Nuova Italia, dalla Chiesa: e va- 
gheggiando con poca prudenza, come lei, le cose de' protestanti, 
uscisse in parole simili a queste: I protestanti appo i quali 
il culto esteriore e piu semplice, senza sfarzo di feste, senza 
pompa di apparati, senza lenocinio di forme, senza falangi 
di preti e che so io : ancorach^ per lo contrario il manoscritto 
palesasse una gratuita antipatia pei frati e pei monaci (pag. 32); 
e avesse a noia i cosi detti congressi cattolici tenuti in questi 
ultimi anni dal partito deifanatici > (pag. 124), come li chiama 
la Nuova Italia, quantunque benedetti e incoraggiati da due 
Sommi Pontefici: ancorch6 finalmente 1'irrefrenabile dicacita del 

Serie XI, vol. XII, fasc. 775 6 30 settembre 1882 



82 RIVISTA 

ittanoscritto in un disegno di rifonna pel Sominarii trovasse per- 
si no il luogo di osservare che la classe aristocratica in questo 
womento non ha davvero il primato nell' ingegno e nel sa- 
pere (pag. 60): tutto ci6 nulla ostante un tale scritto, offerto 
con tutto il possibile ossequio al Yescovo del luogo, non nocerebbe 
a nessuno e non incorrerebbe pubblica censura. Sarebbe il male 
che il Pastore dubitasse alquanto delia purita e della saviezza 
delio zelo che Pinspir&; ne indicasse b3nignamente all'autore 
i non pochi difetti di sostanza e di forma ; lo avvertisse di non 
si formar troppo la mente e lo stile sai libri proibiti, e gli rac- 
comandasse specialmente un senso squisito di carita verso gli 
uoraini di qualumjue credo e di qualunque opinione > come a 
parole lo raccomanda nal suo opuscolo il Fani (pag. 103). II di- 
segno di riforma poi nelle maii del dotto e zelante Pastore si 
migliorerebbe senza dubbio e, in quanto fosse opportune e pos~ 
sibile, si meUerebbe in effctto. 

Al contrario la cosa prenderebbe tutt'altro aspetto, se il pre- 
fato sacerdote, invece di rivolgersi al suo Pastore e senza avernd 
1' appro vazione (richiesta qui dalla stessa convenienza sociale, 
poiche si tratterebbe di'uno scritto destinato essenzialmente a 
Lui) desse alle stampe il suo volume, e lo maniasse a correm 
per le mani del pubblico. Ci6 sarebbe in primo luogo un sot- 
trarre la questione della riforma al solo tribunale incaricato di 
giudicarne, e andaiio a discutere davanti a un pubblico di lettori 
che non ci hanno che vedere; anzi chiamare quest! medesimi a 
giudicare eziandio dell'imaginata incuria o insipienza dei loro 
Pastori. Ora 1'uso di trattare i Yescovi come ministri responsa- 
bili, il cui governo sia soggetto alia libera discussione e al sin- 
dacato dei sudditi, non vi fa mai nella Chiesa ne vi pu6 essere, 
finche ella durera quale 1'istitui il divino Salvatore. E chi mo- 
stra di ci6 ignorare, sara da tanto d'insegnarglielo qualunque 
di quei troppo disprezzati preti di campagua, che studiarono la 
teologia non ancora riformata dei vecchi seminarii. 

In secondo luogo potendo essere che il manoscritto, per corn- 
pro vare la necessita delle proposte riforme, accenni a difetti no- 
titi in alcuna parte del Clero e nel suo modo di educazione; e 



BELLA STAMPA ITA LIANA 83 

potendo essere che 1'autore o per inconsideratezza di zelo o pel 
segreto bisogno che provano i piccoli di abbassare tutto quello 
a cui giungono colla mano trascorra eziandio a critiche eccessive 
o' mal fondate: ognuno intende quanto import! che siffatte accuse 
giimgano agli occhi soltanto di chi puo sceverare in esse il vero 
dal falso o dall'esagerato, e dove occorre, rimediare al male, 
senza scandalo dei fedeli n& confusione dei riformandi. Fingiamo 
invece che 1'autore pubblichi senza meno il suo manoscritto. I 
suoi appunti venendo in mano al popolo, o son veri e ben di- 
mostrati, e non gioveranno ad altro che a scemare la riverenza 
yerso il Clero; o sono imaginarii, e nulla di meno troveranno 
fede o certo spargeranno sospetti in chi non ha mezzo di sco- 
prirne la falsita. In sostanza uno scritto di tal genere, se venga 
pubblicato invece di esser rimesso discretamente ai legittimi 
Eiformatori, pu6 ben presentarsi come ordinato ad ottenere una 
riforma; ma non differisce nel fatto da uno di quei tanti libelli 
che si pubblicano a discredito del la Chiesa e delle sue cose. 

In terzo luogo, potrebbe essere che 1'autore, nelle sue proposte 
di riforma, si palesasse tutt' altro che idoneo all'alta impresa da 
s& tentata. II che avvenendo, il segreto compatimento del suo Pa- 
store, non gli tornerebbe a confusione come il giudizio sfavorevole 
del pubblico, da lui chiamato a testimonio della sua inettitudine. 
Gia il presentarsi un uomo a proporre da se una riforma in cosa 
di tante parti e cosi svariate, com' $ 1'educazione religiosa, lettera- 
ria e scientifica del Clero: 1'offerirsi e disegnar da solo ci6 che, a 
concepirlo senza notevoli sconci, richiede la dottrina, la esperienza 
e il senno riunito di altrettanti maestri in ascetica, in pedagogia, 
nei varii rami della teologia, delle scienze filosofiche e della let- 
teratura: il darsi a condannare francamente un metodo di educa- 
zione sancito da lunga esperienza, e comprovato dal voto di diret- 
tori non meno insigni per dottrina e per uso del mondo che per 
soda pieta: ii credersi di sfatare quel metodo indicandone ed 
esagerandone gli aecidentali inconvenienti, senza pesare gl'incon- 
venienti troppo maggiori che v'avrebbe ad abbandonaiio : tutte 
queste pretese se s' incontrassero dai lettori in un opuscolo di 
riforma, come s' incontrano in quello del Fani, non ispirerebbero 



84 RIVISTA 

troppa fiducia intorno alia capacita cli chi promettesse di se cosi 
gran cose. Ma la sflducia potrebbe volgersi in aperta derisiorie, 
se dope si romorosi principii si vedesse, per esempio, che uno 
dei punti, o cardinali o certo piu inculcati, della riforma fosse 
quello del doversi concedere ai seminarist! la libera circola- 
zione faori di casa in certe ore del giorno : e se il Riforma- 
tore soggiangesse col Fani: occorre esporli, lo dico con fran- 
chezza, ai pericoli del mondo (pag. 57): perocche se 1'alito 
del mondo non giungera fino a lui (al giovane candidato)... al- 
lora, ma allora soltanto sara dato dedurre che la sua vocazione 
& da Dio (pag. 24). Non occorrerebbe aggiungere altro per giu- 
dicare dell'attitudine del riformatore e della bonta della sua 
riforma. Qual e quel padre cristiano che volesse educato con tali 
principii il suo figliuolo e gli tollerasse pure a fianco un mae- 
stro di massime cosiffatte? 

Maraviglioso poi quel criterio per riconoscere le vere voca- 
zioni allo stato ecclesiastico ! Esponete il candidato ai pericoli 
del moudo (di che genere pericoli specialmente, gia s'intende), 
e se egli cade, basta cosi; e segno che non aveva la vocazione. 
Ma, per fede vostra, che ragionare e questo? Yi e forse un nesso 
necessario fra la chiamata di Dio e la fedelta dell'uomo nel 
conformarvisi? Cosi fosse! Ma pur troppo e possibile che un gio- 
vane, chiamato veramente da Dio al sacerdozio, chiuda fin da 
principio gli orecchi alia divina chiamata; ed & possibile ugual- 
mente che egli, dopo essersi gia avviato a seguirla, un bel giorno 
cessi dal darle piu retta, per seguire invece le seduzioni del 
mondo. La caduta dunque di un cherico, e il suo dar di spalle 
alia carriera ecclesiastica, non prova menomamente che egli non 
vi fosse da Dio chiamato. Per la qual cosa il facilitare simili 
cadute, esponendo improvvidamente i giovani ai pericoli, nel- 
1'eta in cui il cuore & piu accessibile alle impressioni, nou 
giova nulla a discernere gl' intrusi, ma ben serve a moltiplicare 
i disertori. Assicura ii Fani che < in tanti anni di private e 
pubblico insegnamento suo, egli si 5 dovuto convincere che 
nulla e piu nocivo al resultato dell'educazione, quanto il voler 
troppo nascondere, il voler troppo proibire ai giovinetti (p. 19). 



BELLA STAMPA ITALIANA 85 

A convincersi che il troppo guasta, altri peneranno assai meno 
del Fani : ma quaudo si tratta poi di determinare praticamente 
i limit! del troppo e del troppo poco, in materie che non variano 
per variar di tempi, avra sempre raaggiore autorita di lui chi 
novera tanti e tanti piti anni, ed anche secoli, d'esperienza e 
d'insegnamento. 

Similmente al senno dei legittimi Riformatori restano, come 
prirna, rimesse le modificazioni, da introdursi, se e d'uopo, negli 
studii ecclesiastici ; giacche, in questo particolare, Fopuscolo ci 
si presenta, contrariamente a ci6 che doveva aspettarsene, oltre- 
modo negletto e scarso d'idee. Basti ad esempio questo paragrafo 
del suo Programma: Nelle matematiche... io lascerei al giu- 
dizio del prbfessore insegnarne fin dove credesse piu opportune 
a giovani destinati allo stato ecclesiatico... Lo stesso dicasi delle 
scienze fisiche e natural! del diritto civile (pag. 107). Chi ha 
pratica di ordinamenti di studii e di programmi, sorridera forse 
per questa cambiale in bianco data a'professori. Ad altri invece 
non dispiacera siffatta deferenza, in quanto 6 usata verso giudici 
competent!, da chi si conosce giudice incapace: e qualcuno si 
maravigliera piuttosto che il Fani non abbia estesa a dirittura 
la stessa formola a tutta la sua proposta di riforme scolastiche, 
dicendo per esempio cosi: Negli studii dei seminar!! io lascerei 
al giudizio dei Vescovi, e delle persone da loro incaricate, Io sta- 
bilire c!6 che giudicassero piu opportune a giovani .destinati allo 
stato ecciesiastico. Proposta piu sapiente di questa non si sa- 
rebbe potuta ideare da uomo del mondo. 

Ma fermiamoci qui. I nostri lettori troveranno niodo senza dif- 
ficolta di dar ragione e alia stampa, che non ha creduto di far 
parola di questo cattivo ma trascurabile opuscolo; e ai superiori 
e giudici ecclesiastici, che sebbene provocati, non Io curarono ne 
Io cureranno forse piu di quella; e a noi che abbiamo pur giu- 
dicato di dime alcuna cosa. 



86 Rl VISTA 

I. 

// Vaticano e le elezioni politiche. Un opuscolo in ottavo di pa- 
gine 39. 

I. 

Con questo titolo & uscito test5 alia luce un opuscolo anonimo; 
di cui attesa Fimportanza, non della trattazione, ma dell'assunto, 
crediamo non poterci passare dal fame una breve rivista. 

L'Autore mostrando pei cattolici la necessita di un programma, 
scrive: Molto fu detto, scritto ed operate, ma nulla finora di 
praticamente utile ed efficace, e nulla faremo di pratico nell' av- 
venire, finch6 non avremo dinanzi agli occhi un programma netto 
e spiccato d'azione civile e politica- 1 . 

La sentenza che nulia siasi fatto finora di praticamente utile, 
e certamente esagerata. Tuttavolta conveniamo con lui che finora 
non ci e stato un programma preciso, accettato da tutti i cattolici, 
e che un tal programma 6 assolutamente necessario. 

Passando dunque a parlare d'uu tal programma 1' Anonimo sog- 
giunge che quali che ne sieuo i particolari, il fondamento di esso, 
come meta di tutte le aspirazioni e di tutti gli sforzi de' cattolici 
italiani dev'essere: Ottenere con ogni mezzo lecito ed onesto la 
liberta e V indipendenza plena ed assolnta del Sommo Pon- 
tefice 2 . > 

In ci6 rem acu tetigit. Questo pud dirsi in verita il Porro 
unum est necessarium; perch^ in esso si contengono come in ra- 
dice le condizioni tutte, indispensabilmente richieste all'esplica- 
zion plena della vita e della forza della Ghiesa. Ed e si evidente 
cotesta necessita, che essa 5 stata, implicitamente almeno, rico- 
nosciuta dallo stesso Governo italiano, costretto a sancire la legge 
delle guarentige; laquale peraltro ben presto si mostr& impotente 
allo scopo. Essa, ben osserva FAutore, si chiari una pura deri- 
sione, come, se tutt'altro mancasse, evidentemente apparve ne'sa- 
erileghi fatti del 13 luglio 1881. Onde 1' Anonimo conchiude: 

i Pag. 7. a Pag. 10. 



DELLA STAMPA ITALIANA 87 

La migliore, certo la pi ft giusta e forse la sola maniera di 
rendere al Papa la necessaria liberta ed indipendenza, sarebbe 
senza dubbio il ritorno di lui all'antico dominio de'suoi Stati, se 
non nella forma antica, almeno nella sostanza l . > Ma finche' questo 
non possa conseguirsi, non dobbiamo perci6 ristarci dal procurare 
per tutte le altre vie, che siano in nostro potere, di raggiungere 
quella meta, in quel modo almeno che ci e possibile 2 . 

Fin qui il discorso dell' Au tore e giustissimo e condotto a fil di 
logica. Ma cotesto filo logico tostamente si spezza; giacche" tutto 
il resto dell' opuscolo non e che un tessuto di equivoci e di sofismi. 
Yediamolo. 

II. 

Venendo 1'Autore al punto veramente pratico, de'mezzi cio& 
coi quali dobbiamo per ora adoperarci alia liberta e indipendenza 
del Pontefice e lastricar la via al riacqnisto del poter temporale, 
dice che il pi ft acconcio, il piu potente, il piu sicuro di tali 
n;ezzi sarebbe un generale concorso dei cattolici italiani alle 
urne politiche 3 . Questo e 1' assunto principale del libro. Ma come 
si dimostra cotesto assunto ? 

Per quanto silegga e si rilegga 1' opuscoletto, Tunica prova & 
la seguente. Senza di esso (doe del concorso compatto ed una- 
nime de* cattolici alle elezioni politiche) tutti gli altri mezzi 
debbono riuscire o insufficienti o privi assolutamente di effetto, 
I cattolici potrebbero pure impadronirsi di tutti i Municipii d' Ita- 
lia, potrebbero pure tenere in mano tutti gl'istituti di pubblico 
insegnamento, potrebbero pure dominate da un capo all'altro 
della Penisola ; che la situazione attuale del Papa non si mute- 
rebbe per questo; ch6 egli non acquisterebbe per questo la sua 
necessaria liberta ed indipendenza. II Papa ed i cattolici saranno 
sempre in uno stato di oppressione o, nella migliore ipotesi, in 
uno stato precario ed incerto, fino a che stara in mano ostile il 
potere legislative ; il potere che pu6 col soffio d'una semplice 
legge gettare a terra e disperdere tutto T edifizio del bene che i 
cattolici avessero innalzato 4 . 

1 Pag. 13. 2 Pag. 13. 3 Pag. 15. 4 Pag. 16. 



88 RIVISTA 

Kidotto a semplice espressione questo discorso, esso dice: II 
mezzo piil efficace, per tutelare per ora 1' indipendenza del Papa, 
sarebbe che il potere legislative in Italia stesse in mano de' cat- 
tolici, vale a dire che, pel concorso de'cattolici alle urne, risultasse 
nel Parlamento una maggioranza cattolica. Ottimamente. E noi 
aggiungiamo che dove questo si avverasse, non in qualunque modo 
si assicurerebbe 1' indipendenza pontificia, ma si assicurerebbe 
colla restituzione del poter temporale, perchfc una maggioranza di 
fervent! cattolici non tarderebbe a proporne la legge. Ma & pos- 
sibile presentemente una tal maggioranza? Ogni persona, che non 
viva tra le nuvole, ma qui sulla terra e guard! , non ai concepi- 
menti fantastic!, ma alia realta delle cose, deve convenire che 
questo & un mero sogno. E poich6 de' sogni non si ragiona, po- 
tremmo senza piu passar oltre. Nondimeno, essendoci di quelli 
che si dilettano di sogni, e bene discutere un poco cotesto punto. 

Senza dilungarci a cercare le cause onde sia impossible nel 
presente stato di cose una maggioranza cattolica nel Parlamento 
italiano, ci basti un argomento di fatto. Le elezioni amministra- 
tive erano state iteratamente raccomandate dal Papa Pio IX, e 
piu ancora dal regnante Pontefice Leone XIII. Per esse si erano 
istituiti consigli dirigenti, circoli, associazioni. I giornali cattolici 
aveano continuatamente esortato a concorso compatto ed unanime. 
I Vescovi, i Parroci, il clero in generale si erano adoperati con 
la voce e con 1'azione, acciocchS si riuscisse nell'impresa. Nondi- 
meno in quanti Municipii si e ottenuta la maggioranza cattolica? 
Tranne alcuni Comuni di campagna, nelle citta non ci ha altro 
che quello della sola Lucca. Eppure per contrastare i cattolici, 
quanto alle elezioni municipal!, il Governo non ha usati tutti 
quei mezzi che certamente adopererebbe, quanto alle elezioni po- 
litiche; per le quali d'altra parte essi cattolici non si trovano 
dotati, anche in abbozzo, di quell' ingegnoso organismo che si 
richiede, massimamente posto lo scrutinio di lista. Dunque lo 
sperare nelle present! circostanze una maggioranza di Deputati 
cattolici e delirio di mente inferma. 

Non si tratta di questo, si dira. A noi basta che si ottenga 
una minoranza qualsiasi di Deputati cattolici, la quale sia come 



DELLA STAMPA ITALIANA 89 

inizio di un migliore avvenire. Dunque, stabiliamo bene lo stato 
della quistione, si esortano i cattolici di accorrere alle prossime 
elezioni per conseguire, non una maggioranza (cosa impossibile) 
ma una minoranza qualsiasi. Esaminiamo quali sieno i risultati 
probabili di cotesta minoranza nelle circostanze presenti. 

La Perseveranza di Milano, sospettando (cosa falsissima) che 
il S. Padre, nell' ultimo discorso ai pellegrini italiani, abbia in- 
teso esortarli alle elezioni politiche, scrive: Se (il Pontefice) 
vuole che i cattolici esercitino un'efficacia nella vita pubblica 
italiana, e questa senta 1' influenza della partecipazione loro; la 
principale condizione inevitabile e che i cattolici, avanti agii 
elettori e nelle Camere, facciano esplicita e credibile dichiara- 
zione che per loro si tratta, non di distruggere il regno d' Italia, 
ne di riuscire a dargli altra capitale che Roma; bensi, pur rico- 
noscendo ed ammettendo tutto quello che e stato fatto ed esiste, 
intendano come cittadini pigliare, nel dirigere il Governo, la 
parte che loro spetta. Senza una dichiarazione siffatta, senza 
una condotta che vi si conformi, 1'intervento dei clerical! nel- 
1' elezioni e la riuscita di candidati loro non potranno avere se 
non effetti appunto contrarii a quelli, che il Pontefice s'aspetta: 
esacerbare le ostilita ch'egli vorrebbe attenuate ed avviare la 
legislazione, rispetto alle scuole e alle relazioni colla Chiesa, per 
una via anche piu contraria all' influenza di questa, che non & la 
presente di cui si duole l . > 

Or noi domandiamo all'Autore dell'opuscolo : consentirebbe egli 
che i cattolici facessero T anzidetta dichiarazione ? Potrebbe un 
cattolico dichiarare che riconosce ed ammette tutto quello che si 
e fatto finora ed esiste in Italia? Potrebbe in coscienza appro- 
vare che Roma resti capitale d' Italia, per non dire delle tante 
inique leggi con le quali si e oppressa la Chiesa? Che se 1'Ano- 
nimo ci risponde negativamente, qual sara il risultato della com- 
parsa di una minoranza cattolica nel Parlamento ? Quello che vien 
qui prenunziato dal Bonghi : un' esacerba/Aone di ostilita verso il 
Pontefice, una coalizione dei partiti avversi, per peggiorare la le- 
gislazione quanto alle relazioni dello Stato con la Chiesa. 

1 Numero 8231. 



90 RIVISTA 

- Ma, ripigliera FAnonimo: I Deputati cattolici protestereb- 
bero contro. Una protesta di cento Deputati cattolici avrebbe 
an peso immenso nelle bilance d' Earopa l . 

Si, veramente. Lasciamo stare die qui il numero cento, nelle 
presenti circostanze, & un altro sogno; ma certo 1'effetto della 
protesta e la protesta stessa sarebbero molto problematic!. Le 
uiolte proteste dei veramente cento e piti Deputati tedeschi clii 
le ha ascoltate? E le proteste di Papa Pio IX e di Leone XIII, 
certamente di valore immensamente superiore a quello di nn 
gruppo di Deputati, han mosso finora i Gabinetti europei a far 
nulla, per togiiere il Pontefice dall' insopportabile condizione in 
eui si trova? Oltreche, ci sarebbe poi questa protesta? Se dob- 
biamo guardare ad altri esempii consimili, ne dubitiamo: Nel 
Municipio di Roma entrarono dei consiglieri cattolici, i quali, al 
pari del nostro Anonimo, propugnavano le elezioni politiche e 
promettevano mari e monti, se si fosse permesso ai cattolici di 
entrare nel Parlamento. Or bene, dal Consiglio municipale son 
sorti molti atti oltraggiosi alia Chiesa. Nonch.6 impedirne veruno, 
ma neppure una parola di biasimo han saputo fare udire nel 
pubblico. Ecco che sa fare una piccola minoranza, almeno tra noi, 
quando si trova di fronte a una rnaggioranza audacemente ostile. 
E costoro dovrebbero poi altamente protestare in Parlamento da 
intronarne 1'Europa! Non c'illndiamo. Una minoranza di Deputati 
cattolici, non solo non sarebbe di veruna utilita per la Chiesa, le 
sarebbe per contrario di nocumento. 

III. 

Le sarebbe di nocumento anche per un altro verso, in quanto 
eioe riuscirebbe d' irnmenso vantaggio al partito monarchico co- 
sfcituzionale. Essa col la sua presenza compirebbe la rappresentanza 
nazionale, la quale senza di lei non ne ha che il puro norne, ma 
in sostanza e semplice rappresentanza di un partito. Ci6 e stato 
confessato pid volte dai liberali medesimi ; i quali per conseguenza 
hanno sempre desiderate che anche i cattolici accorressero alle 
rne politiche. L'astensione de' cattolici e una solenne protesta 

1 Pag-. 17. 



BELLA STAMPA ITALIANA 91 

in faccia al mondo contro il regno d' Italia, qual 6 presentemente 
costituito, con Eoma capitale. Questa protesta cesserebbe, appena 
essi entrassero in Parlamento. 

Di piti la loro presenza in Parlamento produrrebbe issofatto 
la riconciliazione delle diverse fazioni, in cui e orribilmente scisso 
11 Liberalismo italiano. Tutte queste fazioni, che ora s'accapigliano 
tra loro e promuovono senza volerlo la corruzione di questo corpo 
malsano, smetterebbero gli odii scambievoli, si riamicherebbero 
insieme a fronte del comune nemico, e contro di lui riunirebbero 
tutti gli sforzi. 

Inoltre la presenza de'cattolici in Parlamento farebbe in parte 
almeno cessare il discredito, in che e" caduta 1' Italia liberalesca 
presso i Gabinetti di Enropa. Essa apparirebbe agli occhi delle 
Potenze come un inizio di riordinamento all' interne, e come 
un'arra di lealta politica all'esterno. 

Ma soprattutto essa sarebbe di salvezza al cosi detto partito mo- 
narchico costituzionale, nelle durissime circostanze in cui versa 
al presente. La cosi detta Destra, che ne e il principale sostegno, 
e moribonda. Per isfuggire alia morte, che vede vicina, massi- 
mamente a fronte del partito repubblicano collegato col sociali- 
stico, essa cerca di riconciliarsi e stringere alleanza col partito di 
tfinistra. Ma le sue proposte vengono disdegnosamente respinte 
dalPantico suo avversario. La discordia nel campo liberalesco 
e grande, e il pericolo per le prossime elezioni incalcolabile. 
L'accorrere de'cattolici alle urne politiche, in questo stato di 
cose, indurrebbe facilmente i Sinistri ad essere pi ft condiscen- 
denti verso i Destri ed indebolirebbe 1'azione del partito con- 
trario ad ambidue. II risultato sarebbe tutto a favore dei cosi 
detti monarchic! costituzionali. Or questo e il partito che ha 
spossessato il Papa ed ha cagionati alia Chiesa tutti i mail 
sotto cui essa geme, e piu ancora e disposto a cagionarne. Non 
si pu6 fare alia Chiesa maggior disservigio, che aiutare come 
che sia un tal partito. Men male per la Chiesa sarebbe la vit- 
toria del Socialismo. II Socialismo, senza dubbio, recherebbe an- 
ch'esso alia Chiesa grandissimi mali; ma qnesti sarebbero pas- 
saggeri ; laddove il cosi detto partito moderate ne procura una 



92 RIVISTA 

continuata agom'a, sperando di spegnerla finalmente. La perse- 
cuzione del Socialismo corrisponderebbe a quella di Diocleziano, 
dalla quale la Chiesa usci trionfante e gloriosa; quella del Li- 
beralismo moderato corrisponde alia persecuzione di Giuliano apo- 
stata, la quale, se Dio non la faceva presto cessare col la morte 
del tiranno, avrebbe ridotta la Chiesa a termini infelicissimi. 
Come la Chiesa convert! gli antichi barbari, sbucati dalle foreste 
settentrionali ; cosi convertirebbe i nuovi barbari, che escono dal 
seno stesso della civilta corrotta. Ma sarebbe sperabile che con- 
vertisse, a cagion d' esempio, un Bonghi, un Minghetti, un Ca- 
dorna? 

Da tutto questo discorso conseguita, che 1'accorrere de' cattolici 
alle urne politiche, nelle present! circostanze, & tutto a benefizio 
del partito monarchico costituzionale, senza alcun bene della 
Chiesa, anzi con suo danno. 

Summa rerum sta in questo, che il Papa riabbia il suo potere 
temporale. Or questo non si otterra, n^ per resipiscenza de'liberali, 
n^ per entrata de' cattolici nel Parlamento; ma, quando piacera a 
Dio, si otterra per azion diplomatica delle Potenze, le quali non 
potranno finalmente non occuparsi de' reclami de' cattolici di tutto 
il mondo, intorno alia condizione umiliante fatta al Capo della 
Chiesa, ne potranno a lungo tollerare che chi comanda alia co- 
scienza d' una parte almeno de' loro sudditi, stia soggetto a 
un'autorita politica d'uno Stato particolare. IQ tal congiuntura 
giova immensamente che il Groverno italiano si trovi non corri- 
spondere all' Italia reale, neppure nella stia rappresentanza po- 
litica, a cui la gran maggioranza de' cattolici non ha mai preso 
parte. E giova altresi che il partito cattolico si trovi allora integro 
e compatto; laddove, coll' entrata di alcuni suoi membri nel Par- 
lamento, si scinderebbe, si perch^ questi stessi membri dissen- 
tirebbero tra loro intorno alia condotta da tenere, e si perche 
si alienerebbero tutti gli altri che han sempre creduto imprudente 
un tal ingresso. 



DELLA STAMPA ITALIANA 93 

IV. 

L'Anonimo viene da ultimo alia soluzione di due difficolta, e 
sono: la moralita dell' intervento de'cattolici alle urne politiche, 
e il divieto dell'autorita ecclesiastica. 

Quanto alia prima ragiona cosi: Niuno die abbia fior di senno 
vorra affermare che un tal concorso sia azione intriasecamente 
mala. E si ricava dagii stessi avversarii, i quali lo dicono ille- 
cito, perche vietato dal principe. Ne si dica die accorrendo alle 
urne politiche si fa offesa ai diritti de' sovrani legittimi ; giacch& 
il nostro concorso alle urne non ha e non deve avere in mira 
altro che il bene della religione e della societa, il quale e al 
certo da preferirsi ai diritti dinastici di alcune case illustri l . 

Qui PAutore mostra gran confusione di idee. Primierarnente 
trattandosi dei diritti sovrani del Pontefice, come nel caso nostro, 
non sono in causa i diritti dinastici di alcune case illustri, ma i 
diritti appunto della religione; giaccb.6 la sovrani ti pontifieia e 
precisamente in bene della religione, per questo appunto che e 
condizione richiesta alia liberta e indipendenza dell' autorita spi- 
rituale del Papa. Onde la sua ragione qui e fuor di proposito. Di 
che nasce che sia aache fuor di proposito, che il suddito possa, 
per un motivo piu alto, cio& pel bene della religione e della 
societa, passar sopra ai diritti legittimi del Sovrano. Qui, trat- 
tandosi di diritti sovrani che direttamente riguardano la religione, 
non ha luogo un motivo pift alto che possa eliderli. Che cosa poi 
piu giovi alia religione, e" giudizio che appartiene al sovrano 
stesso, che e il Papa. L'Autore trasferisce, a proposito del Papa, 
ci5 che pu6 aver luogo per qualunque altro principe laico. Con- 
cediamo che in uno Stato laico possano i sudditi, anche contro 
la volonta del principe, accorrere alle urne politiche, per bene 
della religione e della societa; perche, non appartenendo al prin- 
cipe il giudicare di ci6 che con viene al bene religiose, a cui & 
subordinate ogni altro bene terreno, pu6 con diritto supporsi che 
gli sia ingiastamente invitus. Ma ri guard o ai diritti di so- 
ranita del Papa una tal supposizione non pu6 farsi; essendo il 

Pa?. 19. 



94 RIVISTA 

Papa, come abbiam detto, il giudice legittimo di ci6 che conviene 
al bene della religione, e per6 non puo presumersi giammai in- 
yiustamente invitus. 

Di che segue altresi che 1'andare alle urne politiche in Italia, 
senza il permesso del Papa, 6 intdnsecamente malo; perche 6 
usurpazione di un diritto sovrano, che non pu6 essere giustificato 
da ragione piu alta. II solo permesso del Papa puo togliergli una 
tale malizia, rimovendo la condizione essenziale che la costituisce. 
Come appunto se tu ti approprii una cosa mia col mio consenso r 
nulla di reo; perche quantunque il furto sia intrinsecamente 
malo, quel tuo atto non & pin furto. 

Quanto poi alia seconda difficolta, egli si sforza di risolverla. 
con dire che 1'autorita ecclesiastica rispose soltanto non expedit^ 
e con ci6 ne aft'ermo implicitamente 1'intrinseca liceita. Questo 
non expedit poi pu6 esser cessato; come di fatto, secondo che egli 
dice, e cessato. In un'appendice inoltre aggiunge che dalle pa- 
role, proferite dal Pontefice ne'suoi discorsi, si rileva che egli 
esorta i cattolici ad accorrere alle urne politiche. 

Nuova e peggiore confusione <T idee. Da prima il dire che una 
cosa non expedit non importa che essa non sia anche illecita. 
In logica s'insegoache un'affermazione non esclude Taltra. Se 
alcuno dice che Pietro per esempio & ricco, non per ci6 esclude- 
che sia anche dotto. La sacra Congregazione con quella risposta 
and6 al fondo della questione. Poiche il concorso alle urne in tanto 
e illecito, in quanto mancagli il consenso del Papa. Si sarebbe- 
potuto dire: E perch^ il Papa non da un tal consenso? Nol 
da, perche un tal concorso non expedit. 

Ma, ripiglia, questo von expedit ora 6 cessato. - 

Tutto il contrario. Noi abbiamo dimostrato che oggi ha luogo 
massimamente. Ad ogni modo, la sola autorita ecclesiastica, che 
Tha proferito, & quella che pu6 dichiarare che piu non ha luogo. 
Questo appunto ha fatto il Pontefice ne'suoi discorsi. 

Qui ci perdoni TAnonimo, se gli diciamo apertamente che egli 
usa poca lealta. Egli reca una lunga serie di passi, in cui il 
Pontefice esorta con parole general! i cattolici ad operare. Ma 
ci dica di grazia, non ci ha forse altra operazione che 1' accorrere 
alle urne? 



BELLA STAMP A ITALIANA 93 

- E questa la principale, che per6 dee presumersi che sia 
stata intesa dal Pontefice. 

Se e la principale ed intendevasi dal Pontefice, coine va che 
egli non la signified in nessun modo, quando annover& diverse 
maniere, colle quali i cattolici dovevano operare? L'Anonimo ri- 
ferisce un discorso in cui il Papa Leone XIII disse ai pellegrini 
italiani il 16 ottobre dell' anno scorso. Agite dunque concord i, 
ed unitevi in associazioni religiose, intendetevi nei Circoli e Con- 
gressi cattolici, stringetevi obbedienti ed ossequiosi intorno ai 
vostri Pastori e sopra tutto al Pastore supremo, il Bomano Pon- 
tefice. > Non era questo il luogo di aggiungere, almeno in gene- 
rale : Accorrete alle urm, se il Pontefice riputava ci6 il mezzo 
piu importante di azione? Che significa dunque cotesta omissione? 
E un argomento negative, che per le circostanze si converte in 
positive. 

Ma non ci ha uopo di ragionamento, quando il fatto e" chiaro e 
lampante. II 24 aprile 1881, in un solenne discorso alle Societa 
Cattoliche di Eoma, il Sommo Pontefice disse esplicitamente : 
Siccome insieme agfinteressi cattolici, sono ora minacciati anche 
quelli della famiglia e della Societa, anche a questi e necessario 
che accorriate portando la vostra azione sul campo delle ammi- 
nistrazioni comunali e provincial! ; il solo che per ragione di 
ordine altissimo e al presente consentito ai cattolici d' Italia. > 
Qui apertamente e escluso il campo della rappresentanza politica, 
ed e escluso per ragioni di ordine altissimo; alle quali per con- 
seguenza tutte le altre ragioni di ordine inferiore debbono cedere. 
L'Anonimo, che porta tutti gli altri passi del Pontefice, questo 
solo, che definisce la quistione, lascia sotto silenzio. Si ponga la 
mano sulla coscienza e ci dica sinceramente, se questa sia lealta. 
Questa sola parola del Pontefice annienta da capo a fondo 1'in- 
tero opuscolo. 

Conchiudiamo. lS T oi, a dirla schietta, non intendiamo a die 
scopo sia scritto quest' opuscoletto, per verita molto leggiero, il 
piu leggiero che sia stato mai scritto in questa materia. Se ab- 
biamo 1'occhio a ci6 e se badiamo anche al richiamo onde fa 
preceduto, e al prezzo un po'esagerato d'una lira per 39 pagine, 



96 R1VISTA 

potrebbe non irragionevolmente credersi una specolazione libraria. 
Se poi noii & cosi, ma sia fatto proprio per solo intendimento di 
spingere i cattolici alle elezioni politiche, diciamo che contro sua 
voglia 1' Autore ha procurato di render servigio non alia Chiesa, 
bensi al partito monarchico costituzionale, il piu ostile e per- 
nicioso agl'interessi di essa Chiesa. Ma i cattolici noa saranno 
cosi balordi, da tarsi cogliere a questo laccio. 



III. 

Lettere d'un Eremita nella Gazzetta d' Italia, n. 246, per il 
3 settembre 1882. 

Questo eremita t pochissimo eremita e soverchio, ciarliero vien 
da piu iiiesi regalando di certa sua prosa sgangherata quel fiore 
di religione e di castimonia che e la Gazzetta d' Italia, ossia la 
GttZzettaccia, come toscanamente la si chiama. A prosa siffatta 
I 7 eremita da il nome di lettere; e per cagione di queste lettere 
ne tocc6 delle belline cosi dall' Osservatore Romano, come dalla, 
Voce della Veritd. I due diarii romani gli squadernarono in 
faccia i suoi spropositi: enormezze veramente e buaggini tauto 
fatte, sicch6 un uomo d'onore, a vedersele sciorinate d'innanzi 
in pubblico, si sarebbe fatto piccin piccino, nulla di nieglio de- 
siderando, che tacersi e scomparire; il che al nostro eremita 
sarebbe dovuto tornare la piu agevole cosa del mondo. Ma no. 
Come nulla fosse stato, eccolo tuttavia dai profondi recessi della 
sua grotta lanciare imperterrito bombe di carta, sempre gravide 
dei medesimi strafalcioni e delle stesse sciocchezze. 

E per noi seguiti pure ! Seguiti, come ha fatto fin qui, a citare 
passi di autori antichi sbagliandone rortografia e lardellandoli 
di sgrammaticature che i codici autichi non hanno. Continui pure 
ad infiorare di eresie filosofiche sul Eosmini ed i costui difensori 
vivi e morti, le colonne della Gazzetta. Delle contraddizioni sto- 
riche e degli svarioni cronologici, rimproveratigli nell' Osserva- 
tore Bomano, con umilta degnissima d'un romito egli si rese in 
colpa. Confess^ d'aver confuso Pipino con Carlo Magno. Ammise 



DELLA STAMPA ITALIANA 97 

che, non S. Gregorio II, cede, come egli ha stampato, il dominio 
temporale a Luitprando; ma che invece (una differenza da nulla!) 
Luitprando restitai a S. Glregorio II, tutte le citta da lui usurpate, 
e venne penitente a prostrarsi sulla tomba di S. Pietro: additando 
per tal modo a tutti gli usurpatori avvenire 1' uaica via di conci- 
liazione colla Chiesa e col Vicario di Cristo, che loro rimane aperta 
d'innaazi. E con questo po'po'di basto in sul groppone tir6 in- 
nauzi, confondendo persone e fatti della cronaca stessa contem- 
porauea, ed oltraggiando senza risparmio i migliori cattolici in- 
sieme col Papa. 

Impavido romito ! Ammirando Veramente e il vostro coraggio, 
tanto piil perche al mondo maligno potrebbe essere riuscito di 
scoprire il secreto pensiero della vostra grotta. Ma noi, vedete! 
pur conoscendo per filo e per segno tutti i meati del labirinto in 
cui, tra un salmo e F altro, scrivete ginocchioni le vostre ereini- 
tiche Me, non ci saremmo punto mai curati dell' esser vostro, se 
voi stesso ora non ci costringeste a pararvi via col dosso della 
mano, come una mosca fastidiosa od una zanzara molesta. 

Che vi avevamo mai fatto, caro il nostro eremita, perche voi 
ci rovesciaste addosso quel cumulo di lordure che e la vostra nota 
seconda, comparsa nel n. 246 della Gazzetta? Se una nota tale 
aveste stampata o contro il filosofo che vi rivide le bucce nella 
Voce della Veritd, o contro il nervoso scrittore che vi fece 1'uomo 
addosso nell' Osservatore Romano, via, vi avremmo compatito. 
Anche il sangue di un eremita alia fin fine non e acqua ! Ma noi 
non vi avevamo fatto proprio nulla ne di bene ne di male. Non 
ci eravamo mai immischiati de' fatti vostri, non vi avevamo mai 
nominator neppure la pifr lontana allusione noi non facemmo mai 
alle vostre corbellerie. Insomnia per noi e per il nostro periodico 
siete sempre stato come non foste. Che ticchio curioso v 7 & dunque 
venuto di rovesciarci sopra la vostra ascetica ed eremitica bile? 

E cominciate col rivolgervi agli zelanti, pregandoli di cortese 
polemical Ma tra gli zelanti^ lo sapete, ci siamo ancor noi. 
Che vi usi cortesia il filosofo della Voce, a cui curvaste la schiena 
ancor livida dalle battiture, in atto di profonda adorazione; che 

Serie XI, vol. //, fuse, 775 1 30 eettembre. 1882 



98 RIVISTA 

vi usi cortesia lo scrittore folV Osservdtore Romano, verso cui vi 
profligate in elogi sesquipedali, 6 giusto e giusto! Ma con qual 
fronte chiedete cortesia da noi nell'atto medesimo che ci scagliate 
contro gli insulti piu vituperosi e le piu spudorate calunnie? 
Mettiamo pegno che della vostra pretensione da pulcinella fecero 
le grasse risate, in questo caso, anche i seven compilatori del- 
1'ospitale Gazzetta. 

Qua, qua, dolcissimo e santissimo eremita, dateci un po'la mano 
e discorriamo all' amichevole due minutini soli. Yoi ve la siete 
pigliata colla Civilta Cattolica proprio per bene, confessatelo. 
L'avete afferrata coi denti quella poveretta, confessate anche 
questo. Avete detto e stampato nel n. 246 della Gazzetta a" Italia 
che la Civilta Cattolica usurpa la liberta della Chiesa, si di- 
spensa dalle sue leggi e censure, si arroga 1' infallibilita d' una 
cattedra ed un tribunale non suoi, > sono le vostre stesse parole, 
molto esplicite per verita e molto chiare. Avete soggiunto che la 
Civilta Cattolica alterate le divine scritture e le tradizioni ec- 
clesiastiche com' 6 suo costume, osa dimostrare che Cristo istitui il 
regno temporale nientemeno che quando vestito da Re da burla 
innanzi a Ponzio Pilato esclam6! Rex sum ego. 

Occupiamoci di quest' ultima asserzione relativa al dominio 
temporale; perocchfc quanto alle accuse antecedent! e ad altri 
insulti proprio non occorre darsene pensiero. che, vi pare? Se 
la Civilta Cattolica puo commettere impunemente alia luce del 
sole tanti misfatti contro la Chiesa, questa per davvero e bell'e 
spacciata, e non v'e piu che da sonare a morto e chiamar 1' ere- 
mita a farle i funerali. Ma, dove, di grazia, ha trovato 1' eremita 
quella strana argomentazione in favore del dominio temporale, 
che egli da come farina del nostro sacco, ossia come stillato della 
malignita propria di quelli che compilarono in Toscana un eife- 
meride, la quale fu prinia in Roma per esempio del papato in 
eterno faticoso manto? L'egregio eremita si guarda bene dal 
citare il luogo proprio di quell' argomentazione nella Eaccolta 
dell' effemeride, che giunse gia al suo 775 quaderno. Che dunque 
1'abbia pescata invece nel suo cervello balzano? Che sia farina 
del suo sacco, stillato della sua balordaggine, anzich6 della ma- 



DELLA STAMPA ITALIANA 99 

lignita nostra, la scipita argomentazione? Di certo se si ponga 
mente anche solo a quel geroglifico, dove 1' effemeride, Eoma, il 
papato, 1'eterno faticoso manto (degl j ipocriti di Dante) si so- 
vrappongono turbinando a dinotare non si sa che, viene natu- 
ralissimo in capo il c^nvincimento che F eremita stesso abbia 
impastato il balordo sillogismo, onde poi chiaina in colpa la Ci- 
vilta Catlolica. 

Ma forse 1' eremita accenna ad uno degli articoli che noi det- 
tammo contro le capestrerie canoniche del Cadorna, e precisa- 
mente a quelio pubblicato nel qaaderno 768 pel 17 giugno del 
corrente anno sotto il titolo: La teorica del Senatore Cadorna 
intorno alle relazioni tra la Chiesa e lo Stato. Quivi difatti 
(pag. 649) citavamo il Eex sum ego pronunciato da G-. C. innanzi 
al Pretore romano e ne deducevamo conie legittima conseguenza 
la sovranita della Chiesa cattolica nel mondo, e quindi, se vuolsi, 
eziandio la sovranita del Papa, Capo della Chiesa. Ma che per- 
ci6? E come c'entra qui il dominio temporals del Papa? 0, co- 
loro medesimi che spogliarono Pio IX del dominio temporale, 
non gli riconobbero forse colla legge delle guarentige il titolo 
e le prerogative di Re? 

Yia, non ruzziamo a maniera de'bimbi, caro eremita. La Ci- 
vilta Cattolica in quel luogo confutava la teorica che nega essere 
la Chiesa cattolica una societa pubblica dotata di poteri giuri- 
dici. E diceva che questo e un negare la regalita di Cristo nel 
mondo e ripetere Tempio grido de'Giudei: Non habemus regem 
nisi Caesar em. Or tutto ci6 sta sempre, sia che il Papa abbia 
il dominio temporale, sia che non V abbia. E per conseguenza le 
interpretazioni che del Eex sum ego danno Agostino, Girolamo, 
Crisostomo; e 1'altro passo evangelico regnum meum non est 
de hoc mundo con quel che segue, potevano benissimo dal dotto 
eremita lasciarsi giacere in pace dove sono, senza scapito di 
chicchessia. 

E questo dottissimo eremita invita poi filosofi e letterati a 
ridere in sua compagnia di un altro scrittore eiusdem furfiiris,. 
ossia della Civilta Cattolica, il quale stamp6 un libro per di- 
mostrare che Dante Alighieri e favorevole al dominio temporale. 



100 RI VISTA DELLA STAMPA ITALIANA 

Crediamo che letterati e filosofi rideranno piuttosto del dabbene 
eremita, il quale ignora che il Cantu e 11 Fraticelli ed altri di 
gran noine tengono e professano I'opinione medesima dello scrit- 
tore eiusdem furfuris. Questa opinione non sostiene gia, come 
crede 1' eremita, che Dante avesse propugnato assolutamente il 
dominio temporale del Papi; ma che 1' avesse propugnato soltanto 
entro determinati limiti e con le condizioni da lui assegnate 
anche alle Signorie di altri principi e repubbliche; vale e dire 
sotto la dipendenza dell' Imperatore. Qtiello che ha procurato di 
fare il citato scrittore non e stato gia di recare in mezzo una 
novita letteraria, ma si di confermare piu solidamente una ve- 
rita conosciuta, di sciogliere le non poche difficolta che si de- 
ducono dai testi di Dante, ed anzi di pigliare argomento da 
questi stessi a viemeglio riconfermarla. Non basta, eremita ve- 
nerando, lo scarabocchiare quattro carte per una gazzetta pronta 
ad accoglierle con la cortesia stessa, onde accoglie le cartoline 
fangose di gente svergognata. Anche per dir corua del prossimo 
in un giornalaccio bisogna aver testa. Se no, il meglio e appunto 
chiudersi in una grotta e farvi 1' eremita per davvero. E questo 
consigliamo a voi caro signore, chiunque siate, per il bene del- 
1'anima vostra. 



BIBLIOGRAFIA 



gazione di Carita di Modena si reputa il 
pieno possesso della Chiesa, Canonica e ar- 
redi sacri di S. Bartolommeo; e quindi 
anche il diritto di togliere al culto quel 
Tempio monumcnto insigne di arte, a cui 
i buoni Modenesi posero con ragione tanto 
affetto di cristiana pieta. 



AGAZZOTTI GIACUMO Le Ghiese consacrate al culto e destinate 
al pubblico uso sono beni extra-commercium a termini del diritto 
pubblico e civile del regno d'ltalia? Consultazione storico-legale, per 
1' avvocato Giacomo Agazzotti. Modena, tip. Pontificia ed Arcivesco- 
vile deiriramacolata Goncezione, 1882. In 16, di pagg. 58. 
Benche 1' argomento di queslo libro sia poco solidi sicno i titoli onde la Congre- 

alquanto piu ristretto del titolo stampato 

in fronte ad esso; non ne scadc pero e 

F importanza del lavoro ed il merito del 

ch. Autore lustro del foro modenese. Pe- 

rocche con erud'tissimu disquisizione sto- 

rica, e logica legale inappuntabile 1'egregio 

Aw. Agazzolti viene a dimostrare quanto 

ANTINORI ESTERINA Memorie di Esterina Antinori pubblicate da 
un Padre d. G. d. G. Elegante elzeviro in 64, di pag. VI1I-311, con 
ritratto in fotografia. Firenze Luigi Manuelli, libraio, via del Procon- 
solo, 16, 1882. Prezzo lira una. Si vende ancora da tutti i librai, ge- 
renti o corrispondenti della Civilta Cattolica. 

Chi ha pubblicata quesla gentilezza rire, ella svolge la storia interna di se in 

modo, che le pagine del volumetto si cor- 
rono coll'avidita onde si divora un sa- 
poroso racconto. Noi crediamo difficile die 
in questo genere si possa leggere cosa piu 
olezzante di cielo, e piu alia ad innamo- 
rare della virtu e di Dio, fanciulle che si 
allevano in seno a cristiane famiglie, o ne- 
gli educatorii, o convitti. Quest' angiolet to 
dell' Esterina veramente si ruba il cuore 
di chi ne vagheggia le spiritual! bcllezze, 



di libriccino promette, nell' esordio, di far 
sentire un fiore ed un fiore celeste : 
e ben ha tenuto parola. Le memorie ori- 
ginali di una fanciulla di rarissimo in- 
gegno e di mirabil candore dotata, che 
in eta di anni dodici ha cominciato a scri- 
verle, ed ha finito colla morte, a meno 
di diciotto, non vi 6 dubbio, sono un at- 
traente curiosita. Ma piu ghiotta riesce, 
se si pcnsa che formano il ritratto vivo 
e spirante d'un'anima la piu ingenua e 
d'un cuore il piu afleltuoso, che in no- 
bile e delicalissima giovinelta si possano 
anche piu che ordinariamente desiderare. 
II suo spirito appare in tutto e per tutto 
piu angelico che umano. 

Nel tempo stesso poi che questa cara 
Esterina rende si bene 1' imagine di se 
nelle secrete carte, che un rapimento im- 
provviso dalla terra le impedi di far pe- 



da se con si schietti colori rappresentate. 
Ma il pennello che ha dipinti i con- 
torni e dato risalto ai piu sottili linea- 
menti di questo ritratto, ha saputo con- 
durre 1' opera con una cotale naturalezza 
di appicchi e leggiadria d'intrecci e ve- 
nusta di lingua e grazia di stile, che lullo 
insieme, questo garbatissimo librettino, a 
chi vi pon 1'occhio sopra per goderselp, 
torna proprio un < fiore di paradise , 



102 



BIBLIOGRAFIA 



Al che si aggiunge la vaghezza del sesto, 
1'eleganza dei tipi e la bella fotografia 
che Padorna. 

Da prima esso non dovea mottersi in 
vendita: ma si e pensato che meglio fosse 
in tal maniera propagarlo, pel gran bene 
che alle giovanette pud fare, assegnandone 
gli utili ad un' opera d' insigne carita. 
Noi esortiamo quindi tutte le persone 
che hanno a cuore 1' educazione delle 



donzelle a procurarsene per tempo qual- 
che copia, giacche il numero delle ven- 
dibili sappiamo essere ristretto ; e special- 
mente a cio esortiamo chi ha ingerenza 
nei convitti e scuole femminili e le madri 
di famiglia. Difficilmente potrebbe farsi ad 
una signorina intelligente e pia un re- 
galo, pel merito letterario e morale, piu 
scelto e fino di quesle Memorie dolcissime 
della Esterina Antinori. 



BAUTAIN M. L'eta critica, o 1'adolescenza cristiana. Lettera di 
M. Bautain, tradotta e annotata dal sac. Fr. Bricolo, direttore del 
collegio Gomunale Gordellina di Vicenza. Vicensa, Stab. Longo cond. 
da Brunello e Pastor!, 1882. In 16, di pagg. 134. 



II giovine al quale Mons. Bautain in- 
dirizza questa lettera, tradotta e commen- 
tata dal ch. Sac. Bricolo, e uno di quei 
tanti, che, ricevuta una cristiana educa- 
zione in famiglia, si trovano esposti ai pe- 
ricoli dei moderni istituti che ne insidiano 
la fede, ed a quelli dell' eta e del mondo 
esteriore che ne mettono in pericolo i 
costumi. II dotto Autore si studia di fargli 
conoscere, sotto P uno e sotto P altro ri- 
spetto, la origine, i progress!, le varie forme 
delle tentazioni da cui e circondato; lo 
premunisce contro di esse con gravi ra- 



mente, e gli suggerisce i varii modi di 
combattere contro Puno e P altro nemico, 
secondo le diverse ragioni de' loro assalti. 
Lo stile e molto insinuativo, perche oltre 
alia efflcacia delle ragioni con cui con- 
vince Fintelletto, scende soavemente nel 
cuore con la soavita dell' atfetto. Percio 
se i giovani student!, ai quali e diretto il 
libriccino, lo leggeranno con la debita at- 
tenzione, troveranno in esso un forte pre- 
sidio per conservare intatla la loro fede 
ed innocenza, in mezzo a cosi ampio per- 
vertimenlo e corruzione della studiosa gio- 
ventu. 



g'onamenti che valgono ad illustrargli la 

BAYARD DE VOLO TEODORO Una lezione della Storia, ossia il 
Pa pa to, Roma, e 1' Italia. Dissertazione del conte Teodoro Bayard 
De Volo, letta in Modena il 4 aprile 1882, in una delle conferenze 
promosse dal Gomitato Diocesano Modenese. In Modena, coi tipi della 
Societa tipografica, antica tipografia Soliani, 1882. In 8, di pagg. 46. 
La storia non e solo maestra del pas- di dodici secoli anco il dominio temporale 



sato, in quanlo ci fa conoscere gli avve- 
nimenli a noi anterior!, ma ci e tutt'in- 
sieme maestra delPavvenire, perche, colla 
luce e colla scoria dei fatti preceduti ci 
mette in grado di prevedere, in parita di 
circostanze, e provvedere i futuri. Questo 
ammaestramento, osscrva opportunamcnte 
il ch. Autore, e del tutto fallito ai ne- 
miei della Chiesa e del Papato. Essi, non 
ostanie la storia la quale costantemente 
dimostra che nello spazio di diciannove 
secoli la Chiesa e il Papato, e nel corso 



dei Papi riuscirono mai sempre vittoriosi 
da tutti gli assalti lor mossi contro dal 
mondo e dalP inferno; purtuttavia si con- 
tidano di poter questa volta riuscire a 
trionfarne. A trarli d'inganno Pillustre 
Conte fa loro un breve quadro di queste 
lotte, tratteggiato coi principal! avveni- 
menti a noi tramandati dalla storia; e 
conclude per essi, che qual fu Pesito delle 
guerre precedent!, tal senza dubbio sara 
anche Pesito di quella che or si combatte. 



BIBLIOGRAFIA 103 

BERSANI ANGELO Serto di lodi a Maria. Trentadue discorsetti ad 
onor della Vergine, per Monsignor Angelo Bersani Vescovo di Pa- 
tara i. p. i., Goad, di Lodi, Prel. Dom. di S. S. Terza edizione. Lodi^ 
tip. Vesc. Quirico, Gamagni e Marazzi, 1882. In 16, di pagg. 328. 
Prezzo lire 2,50. 

BONAVENTURA (S.) Vita di S. Francesco d'Assisi fondatore del- 
1'Ordine de'Minori, composta da S. Bonaventura Dottore di S. Chiesa, 
e tradotta dalla lingua latina, 3 a edizione. Monza, 1882, tip. e li- 
breria de' Paolini, di Luigi Annoni e G. In 16, di pagg. 192. Prezzo 
cent. 70. 

BONETTI GIOVANNI La rosa del Carmelo; ossia Santa Teresa di 
Gesu. Genni intorno la sua vita in occasione del III Gentenario della 
preziosa sua morte; pel sacerdote D. Giovannni Bonetti della Pia 
Societa Salesiana. Torino, 1882, tip. e Libreria Salesiana. In 16, di 
pagg. 332. Prezzo lire 2, legato in tela lire 3. 

11 fine che ha avuto in mira il chiaro di lei, e fame rilevare le sublimi virtu 
D. Giovanni Bonetti nel tessere il presente acquistate a forza di eroica mortificazione, 
compendio della vita di S. Teresa, e stato ed esercitate eroicamente nel corso della 
quello di farla conoscere alle persone del ordinaria sua vita. Possiam dire die il 
popolo, per le quali per piu ragioni non ch. Autore ha raggiunlo assai bene il suo 
sarebbero acconce altrepiu ampie; e molto scopo, presentando cosi in S. Teresa un 
piii ancora di persuaderne la imitazione esemplare di tutte le virtii cristiane, am- 
delle virtu. Percio egli, piu che diffon- mirabilissimo senza dubbio nel suo com- 
dersi nella narrazione dei doni straordi- plesso, ma tale pero che ognuno puo sfor- 
narii della Santa, delle sue altissime con- zarsi di imitarlo per la sua parte. Lo stile 
templazioni, delle estasi, delle rivelazioni piano e semplice, abbastanza colto e co- 
e di alirettali carismi, non tulti sempre spersodi soave unzione di pietaneagevola 
comuni anche a gran Santi; toccato di e rende dilettosa la lettura. Ci auguriamo 
queste cose qua e cola, quanto era ne- che la occasione dell' imminente centenario 
cessario per darne una qualche contezza, della- San ta procaccera al libro un'ampia 
si intrattiene piu di proposito nel nan-are diffusione. 
seguitamente la storia, diciam cosi eslerna 

GARDELLAG NEMESIO S. Teresa di Gesu, e le spine del suo cuore 
che si venera nel monastero delle Carmelitane scalze di Alba di Tor- 
rnes; per Nemesio Gardellac della Gongregazione della Missione. Ver- 
sione dallo spagnuolo. Venezia, tipografia Emiliana, 1882. In 16, di 
pagg. 284, Prezzo lire 1, 50. Vendibile ancora in'Firenze presso L. Ma- 
nueili. 

E noto per varii opuscoli (1) pubblicati meno singolarissimo che vi si osserva da 
intorno al cuore di S. Teresa, il frno- molti anni in qua, di spine o altri og- 

(1) Uno di questi opuscoli fu annunziato dalla Civilta Cattolica nel qua- 
derno 765 pag. 349. Pigliamo quest* occasione per correggere un errore che 
corse alia linea 2 col. 1 dell' articoletto, dove invece di leggere non primie- 
ramente si dee leggere (( massimamente . 



104 



BIBLIOGRAFIA. 



getti somiglianti a spine, che ne spuntano, 
vi crescono, si svolgono, vi si conservano 
e si aumentano. Di questo straordinario 
fatto fa oggetto di sua discussione il 
eh. Autore del presente libro, per ispie- 
garne la cagione, se naturale ovvero so- 
prannaturale. La sua opinione, dopo un 
lungo ed accurate esame dei contrarii pa- 
reri di divers! scienzinti, sta per questa 
ultima ipotesi: vale a dire che si tratti 
di un vero miracolo. Ma in cio egli si 
tiene rigorosamente entro que' limit!, che 
la dovuta suggezione all' autorita, ed ai 



precelti della Chiesa gli circoscrive. Non 
e in modo alcuno, egli dice, ne puo es- 
sere che il mio animo anticipi il giudi- 
zio della Chiesa ....In matcria di fede,. 
di costumi e di disci plina, non evvi, ne- 
5o riconosco altra autorita divina, che 
quella della Chiesa Cattolica, Apostoliea, 
e Romana... a Lei percio mi sottometto 
interamente e senza eccezione di sorta. 
Sotto una tale riserva 1' autorita eccle- 
siastica della diocesi di Valenza rion solo 
approvo il libro, ma ne giudico utile la 
pubblicazione. 



CASINI FRANCESCO M. L'eta dell'uomo alle misure del tempo e 
dell 7 eternit^, considerata dal Card. Francesco M. Casini d'Arezzo del- 
1'Ordine dei Cappuccini. Torino, Cav. Pietro Marietti, tipografo Pontif. 
ed Arciv., 1882. In 16, di pagg. 278. Vendibile ancora presso L. Ma- 
nuelli in Firenze. 



Fra i varii libri, che il ch. Cav. Pietro 
Marietti vien pubblicando in servigio e 
conforto della pieta cristiana, utilissimo 
a noi sembra questo del card. France- 
sco M. a Casini che ultimamente ha pub- 
blicato. Chiarissimo e rimasto il nome di 
questo Autore per le molte opere di sacro 
argomento da lui date alia luce. Ma forse 
non andiamo errati se fra tutte ricono- 
sciamo un merilo speciale in questa che ha 
per titolo: L'eta dell'uomo alle misure 
del tempo e dell' eternita considerata. 
E un perpetuo ragguaglio che il dolto e 
santo Cantinale fa nel suo libro fra il 
temporale e 1'eterno, facendo rilevare nei 
particolari confronti il nulla che sono i 
beni e i mali della vita presente, parago- 
nati coi beni e coi mali della eternita. II 



di streltissima logica e prende sostanza 
dalle massime delle sante Scritture e dalla 
dottrina dei Padri, maneggiate da lui con 
quell' arte soprafiina che gli die il vanto 
di uno dei piu eloquenti ed efficaci oca- 
tori dcU'eta sua. Le conseguenze che pro- 
vengono dai suoi ragionari sono cosi evi- 
denti cosi penetrative, che ciascuno nel 
leggere rimane in certa guisa maravigliato 
di se come mai si sia potuto imlurre a 
regolare la sua vita con altre norme. Cio 
solo che puo spiacere ai lettori de'nostri 
tempi nel libro del Casini, e un po' di 
tinta del secento che viene alcuna volta 
a colorirne lo stile. Ma 3 un difetto del- 
Peta in cui visse, e che ogni animo discreto 
gli vorra perdonare considerando la scarsa 
misura in che lo contrae. 



suo discorso e sempre condotto a rcgola 

CHERANCE (De) LEQPOLDO S. Francesco d'Assisi (1182-1226) pel 
R. P. Leopoldo De Cherance Guardiano Cappuccino. Traduzione dal 
francese di un Religioso dello stesso Ordine, alunno della provincia 
veneta; con correzioni e note dell'autore, aggiunte all' ultima edizione 
francese. Sola traduzione approvata dall 1 Autore. Venezia, tip. Emi- 
liana, 1882. In 16, di pagg. 464. Prezzo lire 2, 25. Yendibile ancora 
in Firenze presso L. Manuelli libraio. 
Grande fu il favore con cui fu accolta Vita di S. Francesco di Assisi, compilata 

in tutta la Francia questa storia della dal ch. P. De Cherance cappuccino. Basta 



dire che in breve tempo se ne spaccia- 
rono tre copiose edizioni ; ed ultima men te 
e stato necessario porre mano ad una 
quarta. Qucsta ragione estrinseca, e piu 
ancora le intrinseche, le quali sono i pregi 
veramente non comuni dell' opera, hanno 
consigliato il ch. Comm. Andrea Battag- 
fia di pubblicare la bella versione italiana 
che ne ha fatia un altro Padre del me- 
desimo insigne Ordine dei Cappuccini. La 
consigliamo pertanlo ai devoti del gran 



BIBLIOGRAFIA 105 

Patriarca, i quali, nelP occasione del suo 
ccntenario, amassero di conoscerlo meglio 
per meglio poterlo imitare. E al doppio 
scopo giovera assai bene 1'annunziato vo- 
lume, nel quale in poco spazio e raccolto 
il piu e il meglio della vita del Santo, e 
questa e rappresenlala in guisa da in- 
namorarne ogni lettore. Anche 1'accura- 
lezza, e possiamo aggiungere Teleganza 
dell'edizione conferiranno non poco ad in- 
vogliarne la lettura. 



COMPENDIO della vita della serafica Vergine S. Teresa di Gesii, 
restauratrice dell' Ordine carmelitano; coll'aggiunta de' suoi ricordi e 
della novena in preparazione alia sua festa. Genova, tip. Arcivesco- 
vile, 1882. In 16, di pagg. 208. 
Un compendio della vita di S. Teresa il pensiero di ritornarlo alia luce. Ma con- 



fu tratto, sono ogg : mai piii che due 
secoli, dalle memorie che lascio scritte 
Monsignor Alfonso ManzanecTo, Patriarca 
titolare di Gerusalemme, e promotore della 
causa della canonizzazione della Santa. 
Autore di tal compendio fu il P. Alessio 
della Passione carmelitano scalzo, che pub- 
blicollo sotto il nome del soprallodato 
Monsignore. Esso ebbe gran giro in tutta 
Italia; e ne son prova le molte edizioni 
che se ne fecero, al presente divenute ra- 
rissime. 11 favore che ottenne per si gran 
tempo cotesto libro, massime per 1'auten- 
ticita della fonte da cui derivo, suggeriva 



siderato daH' altro canto il mal garbo dello 
stile, la lingua scorretta, ed altri simi- 
glianli difelti di cui riboccava, fu creduto 
meglio rifonderlo da capo non pur quanto 
allo stile ed alia lingua, ma anco nella 
scelta e nell'ordine delle materie. Non 
ostante le altre storie della vita di S. Te- 
resa, si quelle piu lunghe, si altre piu 
brevi le quali meritamenle hanno acqui- 
stato grande celebrita, anche il presente 
compendio si fara largo tra i fedeli nel- 
1'imminente centenario della Santa, spe- 
cialmente tra quelli che non'avessero agio 
per piu lunghe letture. 



FRAT1NI P. GIUSEPPE -- Storia della Basilica e del Convento di 
S. Francesco in Assisi pel P. Giuseppe Fratini M. G. Prato, Ra- 
nieri Guasti editore libraio, 1882 in 8 di pagg. 420. Prezzo 
per 1' Italia L. 4. 00, per 1'estero L. 5. 00 Trovasi vendibile nel 
S. Convento in Assisi, presso il P. Michele Giufanelli; in Perugia, 
presso la redazione del Giornale II paese. 

Non vogliamo diflerire 1'annunzio di il Santuario di Assisi ; poiche vi troveranno 
questo libro, benche ci sia pervenuto quasi 
sul punto di mettere in macchina la no- 
stra bibliogralia. Esso puo lornare ulilis- 
simo a coloro che per occasione del cen- 
tenario di S. Francesco vorranno visitare 



una storia si della Basilica e si del Con- 
vento, non meno ricca di notizie, che ac- 
curala per esattezza critica intorno ai fatti 
e allo studio artistico dei monument! . 



GIANNUZZI GIUSEPPE - - Le Opere di Q. Orazio Flacco recate in 
versi italiani da Giuseppe Giannuzzi, Napoli, Stabilimento tipogra- 



106 



BIBLIOGRAFIA 



fico del fratelli Tornese, S. Geronimo alle Monache, 1882. In 8, di 

pagg. XIX-336. 

nonche al buon gusto ed alia critica che 
si affinano coi riscontri delle migliori e piu 
lodate fra loro. La versione del P. Gian- 
nuzzi sia dunque la benvenuta, e prenda 
il suo posto fra le molte sorelle, con le 
quali a buon diritto contende e gnr?ggia 
di bellezza e di vigoria. I giovani poi non 
ancora ben addentro nella difficile arte e 
maravigliosa onde il lirico romano tratta 
la lingua ad esprimere le pi a del : cate sfu- 
mature d'un' imagine e d' un concetto r 
troveranno nella versione del P. Giannuzzi 
una guida esperta e sicura, nella quale 
affidandosi, sara loro dato intendere e assa- 
porare tutte le grazie della poesia oraziana. 

LOGCATELLI PAOLUGGI TOMMASO -- Vita breve di S. Ghiara di 

Assist ; scritta dal Priore Tommaso Loccatelli Paolucci, concittadino 

della Vergine Serafica, e Terziario di S. Francesco. Assist^ Stab, ti- 

pografico Sensi, 188*2. In 16, di pagg. 244. Prezzo lire 2. 25. 

Assai opportunamente esce alia luce dell' inclita Vergine, cornprendendo in breve 

questo compendio della vita di S. Chiara 

prima figliuola del Patriarca S. Francesco, 

ora che si celebra ilsetlimo centenario dalla 

nascita di questo Santo. S. Francesco e 

S. Chiara non possono andar disgiunti, es- 

sendo-i primi stipiti di quel doppio albero 

delle due famiglie Francescane che stende 

si rigogliosi i suoi rami in tutto V universe. 

II lavoro del ch. Loccatelli corrisponde 



Una nuova traduzione di tutte le opere 
di Orazio Flacco potrebbe parer superflua 
ed inutile essendovene gia tante, e qual- 
cuna eziandio riputata classica, come quella 
del Marchese Gargallo: la quale benche 
ad altri fosse piaciuto di chiamare sgar- 
bata, pure essa rimane classica nel novero 
delle versioni italiane, e continuera a ri- 
maner tale finche un'altra non la vinca 
per robustezza, efficacia, e, se vuolsi, anche 
per esattezza . (Suppl. perenne alia Nuova 
Encicl. popol. ital. Torino 1871. p. 352). 
Tuttavia le nuove traduzioni riescono som- 
mamente profittevoli alia lingua, il cui 
tesoro di vocaboli e di modi s'accresce, 



spazio il piu ed il meglio delle sue me- 
morie, ed essendo scritto con uno stile 
tutto proprio ad ispirarne la stima e la 
divozione. I divoti della Santa gli saranno 
tanto piu obbligati, in quanto la edizione 
della vita p : u copiosa, composta gia da 
un altro Loccatelli consanguineo di lui, 
era gia tutta esaurita, e men facile an- 
cora riusciva trovar copie di altie piu 
antiche. 



assai bene al nobile scope di far conoscere, 
ammirare e venerare le meravigliose virtu 

MARIAN1 AMBROGIO Reminiscenze d' un pellegrino ai santuarii di 
S. Francesco d'Assisi nel VII centenario della sua nascita ; per il 
M. R. P. Ambrogio Mariani M. 0. Lettore giubilato in sacra Teologia 
e Missionario Apostolico della Provincia serafica. Firenze, tip. del 
Vocabolario, via Faenza, n. 68, 1882. In 16, di pagg. 304. Vendibile 
in Firenze alle librerie Manuelli, Gini e Bettazzi al prezzo di lire 2, 00. 
Uno dei mezzi nsati dai fedeli a fomento speciale fra i popoli cattolici questa pia 

della pieta e quello dei pellegrinaggi ai 

santuarii di speciale divozione. E noi ve- 

diamo che nella gucrra, che ora si com- 

batte contro la Chiesa e lo spirito stesso 

del Crislianesimo, si e ravvivata in modo 



consuetudine, si per riaccendere la propria 
pieta, come per impetrare da Dio e dai suoi 
Santi efiicaci presidii contro gli assalti e le 
insidie degli empii. La contingenza del 
centenat'io di S. Francesco d'Assisi ecci- 



BIBLIOGRAFIA 



107 



tera senza dubbio gran numero dei suoi 
divoli, spinti clair una e dalPaltra cagione, 
a visiiarc i luoghi piii cclebri nei quali si 
onora la sua memoria. In sussidio di que- 
sti viene opportunissimo il presente libro, 
che lor si offi'ft a tale uopo come guida 
fedele. Sul quale proposito ecco le parole 
del ch. Autore: < Siamo venuti, cgli dice, 
in pensiero di raccogliere in un solo libro 
quanto concerne i santuarii di S. Fran- 
cesco di Assisi, fiduciosi di presentare a 
tutti i divoti del medesimo e ad ogni ceto 



di persone rion solo un buon libro di no- 
tizie religiose e artistiche, ma altresi una 
guida per portarsi o in ispirito o di per- 
sona alia visita dei medesimi. Ed egli 
manliene fedelmente la promessa; poiche, 
fatto precedere un breve sunto della vita 
del Santo, viene a mano a mano illustrando 
quei monumenti dedicati alia memoria di 
lui, con isvariate ed esatle notizie, correg- 
gendo i non pochi errori die si incontrano 
in altre guide. 



PATERNO (DA) P. RAFFAELE La sapienza della croce; ossia nuovo 
quadro storieo-criiico della vita e delle opere di S. Francesco d' As- 
sisi, in occasione del settimo Gentenario della sua nascita, presentato 
agli studios! imparziali dell' eta nostra, dal P. Raffaele da Paterno, 
Lettore giub. M. 0. della Prov. di Salerno. Napoli, tip. Rinaldi e Sel- 
lito, 1882. In 8, di pagg. 184. Prezzo lire 2. 
Grandioso e il concetto del ch. Autore Uno dei piii esimii fra questi fu senza dub- 



di questo libro, perche non ha egli inleso 
solamente di dare a conoscere S. Francesco 
nella sua persona individua e come fon- 
datore dell' inclito Ordine che da lui prende 
il nome; ma ha voluto considerarlo in 
tutta Tampiezza delle relazioni di lui, non 
pur col secolo in cui visse, ma eziandio coi 
secoli avvenire. Per questa ragione egli in 
primo luogo, nella sua introduzione, espone 
brevemente alcuni concetti fondamentali 
intorno alia pugna del male col bene che 
arde nel mondo; del primo che prende ori- 
gine dalla corruttela dell'uman genere pel 
peccato originale e riceve forza e vigore 
dalle malnate passioni della contaminata 
natura; e dell'allro che fu procurato dalla 
Redonzione e prende alto dai mezzi che ne 
scaluriscono, tutti incentrati nella Chiesa 
Catlolica e nella sua divina organizzazione. 
Che pero uno dei proprii caratteri della 
Chiesa e la Santita, della quale sono come 
a dire rappresentanti specialmente quegli 
udmini singolari, che fra gli altri piii si di- 
stinsero nel ritrarre in se il divino esem- 
plare, rUomo-Dio, e tennero 1'ufiicio di 
capitani nella gran lotta teste accennata. 



bio S. Francesco d' Assisi. Cio premesso il 
ch. Autore, innanzi di descrivere la vita del 
gran Patriarca, fa come un quadro delle 
condizioni sociali del secolo in cui nacque, 
mettendo in rilievo i gran mali che afflig- 
gevano la Chiesa sotto tutti i rispetti e che 
addomandavano un pronto rimedio. Cotesto 
rimedio la divina bonta lo provvedeva ap- 
punto nella persona e nelle opere di lui. 
Entra quindi a tesserne la storia, procu- 
rando di congiungere ad una studiata bre- 
vita la maggiore pienezza ed esattezza pos- 
sibile, studiandosi di fare un compiuto 
ritratlo della sua sanlita, del grande Ordine 
che istitui, ed accennando i soprannaturali 
carismi di cui venne da Dio graziato. A 
questa prima parle fa seguire due altre; 
1'una in cui considera S. Francesco d' As- 
sisi come civilizzatore di popoli d'ogni 
nazione per 1' opera sua e de' suoi figli, ed 
in modo particolare come luce d' Italia; e 
nell'altra ove lo considera in relazione colle 
belle arti. Conchiuderemo con le parole 
delPIllustre Vescovo di Venosa Monsignor 
Francesco Imparati, il quale nell'appro- 
vazione che da al libro dell'egregio Au- 



108 BIBLIOGRAFIA 

tore, gli scrive, fra le altj*e, le seguenti impiegherebbero volumi sonza che la gra- 

parole: ... in esso (lavoro) ho trovata zia, 1' ordine e la chiarczza ne scapitassero 

compendiata come in quadro sinotti cola per la studiata brevilii. Ci congratuliamo 

vita, le azioni, 1'eroismo del nostro gran percio anche noi eolPillustre P. Raffaele 

Palriarca; e si in poche pagine bella- ed auguriamo alia sua si progevole ed 

mente racchiuso tutto quello, per cui altri utile opera un' ampissima diffusione. 

YIDA GIROLAMO -- II giuoco degli Scacchi. Poemetto dal latino di 
Girolamo Vida, per Giuseppe Giannuzzi. Napoli, stab, tipografico del 
fratelli Tornese, San Geronimo alle Monache, 1882. In 16, di pagg. 32. 
Prezzo cent. 50, presso i tipografi 'fratelli Tornese. 
Agli amatori delta latina poesia e noto fa la traduzione in versi endecasillabi ita- 

il poemetto di Girolamo Vida intitolato la liani, ernulando con la proprieta della lin- 

Scaccheide, in cui colle grazie tutte pro- gua e la leggiadria dello stile il merito 

prie della musa Virgiliana e descritto il del latino originale. 

giuoco degli Scacchi. II ch. P. Giannuzzi ne 

VIGGIANO GIOVAN MARIA Dei diritti e dei doveri degli uomini. 
Trattato elementare di etica, ovvero filosofia morale del P. Giovan 
Maria Viggiano da Potenza, Cappuccino della Provincia romana, 
Socio di diverse Accademie. Napoli, tip. e lib. di A. e Sal va tore 
Festa, 102. S. Biagio de'Librai, 1882, In 16, di pagg. 208. Prezzo 
lire 1. 50. 

Tutte le qualita convenient! ad un 1' etica per manomettere Pordine morale 
buon corso elementare adornano questo voluto stabilire dal Creatore, e ad esso 
trattato di etica proposlo dal ch. P. Giovan sostituire la sfrenatezza delle umane pas- 
Maria da Potenza per la istituzione della sioni, legittimate per cosi dire al mal fare; 
gioventii: sodezza nei principii, chiara ed il ch. Antore alia dimostrazione diretta 
ordinata esposizione delle dottrine, dimo- delle verita fa, ove occorre, seguire la 
strazione vigorosa ed efficace delle pro- confutazione dei contrarii errori, rilevando 
posizioni, finalmente giusta eproporzionala col contrasto della luco opposta la loro 
pienezza delle materie. Cio per la parte mostruosita. Giudichiamo pern assai op- 
positiva. Ma siccome la falsa filosofia piii portuno per 1'insegnamento questo trat- 
che altrove si e introdotta nel campo del- tato elementare del nostro Autore. 

VITA di San Francesco d'Assisi, narrata ai fanciulli in sonetti popo- 
lari, con note; e il VII centenario della sua nascita. Opera di un Re- 
ligioso del suo Ordine, pubblicata per cura del sacerdote Pasquale 
Bergamo. Napoli, tip. e lib. di A. e Salv. Festa, S. Biagio dei Li- 
brai, 102, 1882, In 16, di pagg. 360. Prezzo cent. 60. 



CEONAC1 CONTEMPORINEA 



Firenze, 28 settembre 1882 

I. 

COSE ROMANE 

1. Coneistoro del 25 settembre; creazione di Cardinal! e nomine di Vescovi 2. Udienza 
e discorso del S. Padre Leone XIII a pellegrini italiani 3. Provvedimenti di 
Sua Santita per Tistruzione del Clero cattolico d'Oriente 4. Udienza ad una 
Dcputazione del Congresso europeo d'Arezzo pel Canto lilurgico 5. Biblioteca 
del Feliciani comperala dal S. Padre e deposta nella vaticana 6. Largizione di 
Sua Santita pei poveri danneggiati dalla recente inondazione neH'alta Italia 7. Com- 
ponimento della quistione dei matrimonii misti in Prussia 8. Levata del seque- 
stro sulle rendite di parecchie Diocesi della Prussia 9. Sanzione regia a'prov- 
vedimenti della S. Sede per nuova circoscrizione di diocesi in Portogallo. 

La Santit^ di Nostro Signore Papa Leone XIII ha tenuto la mat- 
tina del 25 settembre, nel Palazzo Apostolico Vaticano, il Concistoro 
segreto, nel quale, si e degnata di creare e pubblicare Cardinal! di 
Santa Romana Chiesa 

NELL' ORDINE DE' PRETI 

Monsignor Angelo Bianchi, arcivescovo di Mira nella Licia, Nunzio 
Apostolico in Ispagna, nato in Roma il 19 novembre 1817. 

Mons. Wladimiro Czacki, arcivescovo di Salamina in Cipro, Nunzio 
apostolico in Francia, nato in Poryck, diocesi di Luceoria, 16 aprile 1834. 

Di poi il Santo Padre si e degnato proporre le seguenti Ghiese: 

Chiesa titolare arcivescovile di Apamea, per monsignor Antonio 
Briganti, promosso da Orvieto, che ritiene in amministrazione provvi- 
soria. 

Chiesa Metropolitana di Oristano, per Monsignor Paolo Giuseppe 
Maria Serci Serra, promosso da Ogliastra, che ritiene in amministra- 
zione provvisoria. 

Chiesa cattedrale di Arras, per Monsignor Guglielmo Renato Mei- 
gnan, traslato da Chalons. 

Chiesa cattedrale di Padova, per Monsignor Giuseppe Callegari, 
traslato da Treviso, che ritiene in amministrazione provvisoria. 

Chiesa cattedrale di Treviso, per Monsignor Giuseppe Apollonio, 
traslato da Adria, che ritiene in amministrazione provvisoria. 



110 CRONACA 

Chiesa cattedrale di Adria, per Monsignor Antonio Polin, traslato 
da Milta nella Gilicia. 

Chiesa cattedrale di Leon nel Messico, per Monsignor Tomraaso 
Baron y Morales, traslato da Chilopa. 

Cliiesa cattedrale di Chilopa nel Messico, per Monsignor Bonaven- 
tura Portillo, de' Minori Osservanti, Yicario Apostolico della Bassa Ca- 
lifornia, traslato da Tricala nella Tessaglia. 

Chiesa cattedrale di Orvieto, per Monsignor Eusebio Magner del- 
1'Ordine dei Gappuccini, traslato da Amelia, che ritiene in amministra- 
zione provvisoria. 

Chiesa cattedrale di Amelia, per Monsignor Eugenio Glari, di Si- 
nigallia, arciprete nella patria cattedrale. 

Chiesa cattedrale di Parma, per Monsignor Andrea Miotti, della 
diocesi di Gomo, e Vicario foraneo in Sondrio. 

Chiese cattedrali unite di Marsico e Potenza, pel R. D. Tiberio 
Durante, di Bovino, Parroco e dignita di decano nella patria cattedrale. 

Chiesa cattedrale di Ogliastra, pel R. D. Antonio Maria Gontini, 
diocesano di Bosa. 

Chiese Cattedrali unite di Parenzo e Pola, pel R. D. Luigi Zorn, 
Ganonico nella patria metropolitana di Gorizia. 

Chiesa cattedrale di Tarbes, pel R. D. Prospero Billere, di Tarbes, 
Parroco in Bagneres de Bigorre. 

Chiesa cattedrale di St. Brieuc, pel R. D. Eugenio Augusto Maria 
Bouchd, diocesano di St. Brieuc, gia cappellano superiore della marina 
francese. 

Chiesa cattedrale di Chalons, pel R. D. Guglielmo Maria Romano 
Sourrieu, dell' arcidiocesi di Tolosa. 

Chiesa titolare vescovile di Saretta, pel R. D. Antonio Scotti di 
Napoli, Vicario Generale in Benevento, deputato ausiliare di quell' arci- 
vescovo Monsignor Gamillo Siciliano di Rende. 

Chiesa titolare vescovile di Sebaste, per Mons. Simone Aichner, dio- 
cesano di Bressanone, decano del capitolo di Bressanone, al cui vescovo, 
mons. Giovanni de Leisse e deputato ausiliare. 

Chiesa titolare vescovile di G-ortina, pel R. D. Francesco Saverio 
Zaldua di Santa Fe di Bogota, deputato ausiliare di mons. Giuseppe 
Ignazio Mondoya, vescovo di Medellin, nella Nuova Granata. 

Chiesa titolare vescovile di Nemesi, pel R. D. Francesco Paolo 
Gardona Albini, patrizio di Benevento, nella cui Metropolitana e arciprete. 

Quindi Sua Beatitudine si e degnata pubblicare le seguenti Ghiese 
provviste per Breve: 

Chiesa titolare arcivescovile di Lepanto, per monsig. Enrico Lo- 
dovico Carlo Maret, promosso da Sura nella Siria. 

Chiesa di Peterborough, recentemente da Sua Santita eretta in cat- 



CONTEMPORANEA 111 

tedrale nel Canada, per mons. Giovanni Francesco Jamot, traslato da 
Saretta nella Palestina. 

Chiesa cattedrale di Auckland nella Nuova Zelanda, per R. D. Ed- 
mondo Luck, della Gongregazione Benedettina della primitiva osservanza. 

Chiese cattedrali unite di Heyliam e Newcastle in Inghilterra, per 
P.. D. Giovanni Guglielmo Bewick, canonico e vicario capitolare delle 
stesse Diocesi. 

Chiesa titolare vescovih di Citera, pel R. D. Narciso Zefferino Lar- 
rain, Vicario generale di Montreal, eletto Vicario Apostolico di Pontiac 
nel Canada. 

Ckiesa titolare vescovile di G-razianopoli, pel R. D. Maria Lo- 
renzo Francesco Gordier, deputato Vicario Apostolico della Gambodia. 

Chtesa titolare vescovile di Carpasso, pel R. D. Stefano Scaralla, 
prescelto a Vicario Apostolico del Ho-Nan Meridionale. 

Chiesa titolare vescovile di Cidonia, pel R. P. Sinforiano da Lam- 
bernon de' Gappuccini, fatto Vicario Apostolico delle Isole Seychelles. 

Chiesa titolare vescovile di Isso, pel R. P. Fr. Wenceslao Onate 
dell'Ordine de'Predicatori, eletto coadiutore con futura successione di 
Monsignor Emanuele Riano, Vicario Apostolico del Tonchino Gentrale. 

Chiesa titolare vescovile di Tagasta, pel R. D. Eugenio Goupat, 
prescelto a coadiutore con futura successione di Monsignor Giuseppe 
Eugenio Desfleches, Vicario apostolico del Sut-chuen Orientale. 

Chiesa titolare vescovile di Termopoli, pel R. D. Antonio Gioacchino 
de Medeiros, dell' arcidiocesi di Braga, Vicario generale e superiore della 
missione di Timor, deputato ausiliare di monsignor Antonio Sebastiano 
Valente, arcivescovo Primate di Goa. 

Finalmente si e fatta al Santo Padre la postulazione del Sacro Pallio 
per la Metropolitana di Oristano. 

2. Rispondendo all'invito del Gonsiglio Superiore della Societa della 
Gioventu cattolica italiana, convennero in Roma, alia spicciolata ma in 
buon numero, rappresentanti di codesta societa da molte citta d' Italia, 
e divoti fedeli, che si proposero a meta del loro pio pellegrinaggio, dap- 
prima la tomba del Principe degli Apostoli, poi il sepolcro del poverello 
d' Assisi. 

La mattina del giovedl 14 settembre p. p., festa dell'Esaltazione della 
SS. Groce, all'ora posta, i pellegrini si trovarono adunati nella Basilica 
Vaticana presso Taltare della Gattedra di S. Pietro. Imposte loro le croci 
e cantato il Miserere, essi ascoltarono con divoto raccoglimento una 
fervida esortazione del Rmo P. Mauro da Perugia, cappuccino; il quale 
espose lo scopo santissimo del pellegrinaggi cattolici, ed in particolare 
di questo alia Tomba di S. Pietro ed a quella del Serafico Patriarca 
S. Francesco d' Assisi, eccitando gli uditori ad imitare, secondo loro con- 
dizione, le virtu di questo ammirabile Santo. Assistettero quindi alia 



112 CRONACA 

S. Messa, celebrata daU'Emo Cardinale Ricci-Paracciani, durante la quale 
si accostarono a ricevere il Pane Eucaristico. 

Gantato poscia V inno Ambrosiano per rendere a Dio le dovute gra- 
zie, i pellegrini, per ispeciale concessione fatta alia pieta loro, scesero a 
visitare a tutto loro agio la cripta della Gonfessione ed i sotterranej 
della Basilica. 

Salirono quindi i pellegrini al Palazzo Apostolico Yaticano, e si adu- 
narono nella Sala Ducale, in cui il Sommo Pontefice Leone XIII li am- 
mise a solenne udienza, circondato da oltre a dodici Emi Gardinali e 
da parecchi Vescovi e Prelati e dalla sua Nobile Gorte. 

Come il S. Padre si fu, tra eritusiastici applausi, seduto in trono, il 
prof. Augusto Persichetti, Presidente della Societa della G-ioventu cat- 
tolica italiana lesse alia sovrana presenza Teloquente indirizzo pubblicato 
nell' Osservatore Romano, n. 211; nel quale fece molto a proposito ri- 
levare le glorie ed i benefizi del Papato, contro di cui, ora piii che mai 
e coi mezzi piu scellerati, sono scatenate le sette, di cui commemor6 i 
principali e piu funesti eccessi, conchiudendo colle piu energiche prote- 
stazioni di amore e fedelta dei cattolici italiani verso il Vicario di 
Gesii Gristo. 

11 Santo Padre, levatosi in piede, degnossi volgere a quella adunanza 
di eletti suoi figliuoli il seguente discorso. 

E la Societa della Gioventu cattolica italiana che quest' anno per 
1'ottava volta conduce innanzi al trono del Romano Pontefice i cattolici 
d' Italia, desiderosi di ritemprare e di rinvigorire di tanto in tanto la 
loro fede, merce la parola e le benedizioni del Vicario di Gesii Cristo. 
Non possiamo non encomiarvi, figli dilettissimi, per lo zelo con cui la 
vostra Societa promuove queste manifestazioni religiose, che giungono 
sempre gratissime al Nostro cuore. Non possiamo non approvare la franca 
professione della vostra intera devozione alia Ghiesa, e le proteste del 
vostro amore al Romano Pontefice; amore che si addimostra forte e 
generoso, e vi fa giustamente deplorare gli indegni oltraggi continua- 
mente lanciati contro di esso. Noi stessi, quando non ha guari acco- 
gliemmo una rappresentanza dei Nostri diletti figli di Roma, venuta per 
recarci altri volumi pieni di migliaia e migliaia di firme di Romani 
bramosi di nuovamente attestare la loro costante fedelta e il loro in- 
crollabile attaccamento alia S. Sede, fummo costretti a lamentare quanto 
a sfregio del Pontificate e della Ghiesa si era fatto, anche recentemente, 
in Italia e nella stessa Roma. Ma non sono di poi mancate occasioni 
di nuove offese: che tali appunto furono le feste celebrate nello scorso 
mese a Brescia, coir intervento anche di pubbliche autorita, ad onore di 
chi fu disseminatore di religiose discordie, avversario dichiarato della 
Santa Sede e del Romano Pontefice, oppugnatore feroce dei suoi piu 
sacri diritti. 



CONTEMPORANEA 113 

Questo spirito di profonda nimista, che in ogni occasione e con 
ogni arte si cerca di diffondere e di rafforzare nel popolo italiano contro 
il Papato, che pure in ogni tempo gli fu largo di segnalati beneficii, 
rivela con sempre maggior evidenza lo scopo vero e finale a cui da 
lungo tempo si mira, ed apparecchia altresi alia religione e all' Italia 
le piu funeste sciagure. A scongiurare le quali, o almeno a mitigarle, 
e necessario, come altre volte abbiamo detto, che i cattolici italiani, 
nella difesa dei loro grandi interessi religiosi e sociali, oppongano ai 
nemici tanto maggiore energia e costanza, quanto piu numerosi e po- 
tenti sono i mezzi di cui quelli dispongono. E tempo oramai che i cat- 
tolici italiani facciano e patiscano qualche cosa per conservare il dono 
della fede e il tesoro della religione, appunto come nei primi secoli della 
Ghiesa e nelle epoche piu infeste fecero i nostri maggiori. A quello che 
essi faranno e patiranno dara, senza fallo, incremento Golui, che spesso 
si compiace di compiere, con mezzi in apparenza umili ed inetti, anche 
le opere piu maravigliose della sua gloria. 

E qui Ci sovviene in buon punto del Poverello d'Assisi, al cui 
Santuario, voi, con lodevolissimo pensiero, vi proponete di andare pelle- 
grinando nel giorno delle sacre Stimmate. Egli povero e dispetto, senza 
alcun presidio di umano sapere e di terrena potenza, pote far rivivere, 
in molta parte del mondo errante e corrotto, il vero spirito di Gesu 
Cristo, pel quale Tumanita fu rigenerata a salute. Egli, a differenza del 
torbido riformatore di Brescia, che lo aveva di poco preceduto, non fo- 
ment6 le discordie cittadine, ma predic6 invece la pace; non accese 
gli animi alle ire, ma inculco il perdono; non eccit6 le plebi alia ribel- 
lione, ma colla parola e coll'esempio volse la piu sincera obbedienza 
all'autorita; non si die a spargere nuove e perigliose dottrine, ma da 
figlio devoto della Ghiesa si studi6 di far conoscere ed amare il Vangelo; 
non avvers6 il Pontificate, che anzi senza la benedizione del Vicario di 
Gesu Gristo non ardl di por mano alia missione affidatagli dalla Prov- 
videnza. Egli amo di vero ed efficace amore il popolo, senza lusingarne 
le passioni, senza blandirne i vizi; egli amico sincere dei poveri e degli 
oppressi, si adoper6 a migliorarne le sorti senza violare i diritti di chic- 
chessia. In Francesco mirabilmente si accoppia 1'ossequio alia Ghiesa, 
la riverenza al Pontefice, 1' amore della terra natale, alia cui vera gloria 
e prosperita potentemente contribui. Deh ! figli dilettissimi, ispiratevi a 
tanto esempio; e, quando sarete presso la venerata sua tomba, racco- 
mandategll caldamente la Ghiesa, 1' umile Nostra persona, chiamata in 
tempi si fortunosi a governarla; e non dimenticate questa terra da Dio 
prediletta, affinche, composte per sua merce le discordie ed allontanati 
i pericoli che la minacciano, torni ad allietarsi dei preziosi vantaggi della 
pace cristiana. 

Intanto, secondando volentieri le vostre intenzioni e i vostri voti, 

Serte Z/, vol. XII, fase. 775 8 80 settemtre 1882 



114 CRONACA 

chiamiamo su di voi, dilettissirai figli, i celesti favori; ed a voi qui 
present!, a tutti quelli che a voi si unirono in ispirito, alle vostre fa- 
miglie e a tutti i cattolici d' Italia, impartiamo 1'Apostolica benedizione. 
Benedictio etc. 

Dopo il discorso, il S. Padre ammise al bacio del piede dapprima 
quelli tra i pellegrini che ebbero dalle rispettive Societa cattoliche o 
dalle loro diocesi, 1' incarico di presentare le oblazioni, contenute o in 
eleganti cofanetti per le monete d' oro e d' argento, od in portafogli per 
le carte di banco; quindi moltissimi altri appartenenti ad ogni ordine 
sociale; e tra questi fu notato un buon contadino che da Padova re- 
cossi, per sua divozione, a piedi fmo a Roma per essere benedetto dal 
Yicario di Gesu Cristo. Sua Santita fece due volte il giro della sala, 
benedicendo e consolando di sua paterna parola quasi ad uno ad uno 
i suoi cari figliuoli. 

Giova notare qui che, prudentemente, i pellegrini furono avvertiti di 
levarsi la croce di cui erano insigniti, prima di uscire dal Vaticano. 
Imperocche, come sono proibite le processioni fuori di Ghiesa pel Corpus 
Doming ed e perfino proibito il suonare per le vie un campanello che 
ammonisca i fedeli del passare che fa il SS. Sacramento portato in via- 
tico ai moribondi; cosi oggimai si considera come un attentato contro 
Y Italia il sacrosanto segno della croce al petto d' un pellegrino. La li- 
berta invece e illimitata per le processioni rivoluzionarie della frammas- 
soneria con tutti i suoi simboli e con le sue bandiere, non eccettuata 
quella di Satanasso il gran ribelle. Sotto la protezione del Governo del 
Depretis i Circoli antidericali possono ostentare la piu diabolica em- 
pieta ad oltraggio di Dio e della religione cattolica; ma non e tollerabile 
che si faccia pubblica mostra, fuori di Ghiesa, d'un atto religioso. 

3. La pastorale sollecitudine di Leone XIII, che si estende a tutto 
Tambito dell'orbe cattolico, si fece sentire, fin dai priaiordii del suo 
operoso Pontificate, in quell' Oriente che ora e campo d'accanita gara 
tra varie Potenze cupide di farvi prevalere le loro ambizioni ed i loro 
interessi, non si sa con quale vantaggio per la vera civilta. Ed ecco 
novella prova dello zelo efficace di Sua Santita per ristaurare in quelle 
travagliate regioni il benefico influsso della Ghiesa di Gesii Gristo, nei 
provvedimenti or ora dati per la sana educazione ed istruzione del clero. 
Di che YOsservatore romano, nel n. 214 pel 19 settembre p. p. diede 
piena contezza nei termini seguenti. 

L'Orienie cattolico ha in quest' anno ricevuto dal S. Padre Leone XIII, 
a mezzo della S. G. di Propaganda per gli affari orientali, nuovi segna- 
lati beneficii; i quali, mentre sono altreltanti argomenti delle paterne 
sollecitudini di Sua Santita a pro di quelle gia si illustri Ghiese, di- 
mostrano in pari tempo quanto stia a cuore all' augusto Pontefice 1'edu- 
cazione morale e scientifica del Glero. 



CONTEMPORANEA 115 

Le nazioni oriental!, come qualunque altra, non potranno mai rifiorire 
senza 1'indirizzo, 1'esempio e 1'opera di un Glero pio ed illuminate. Ora 
se il laicato ha in Oriente, e specialmente in Siria, non poche risorse 
per istruirsi, sentesi per6 dappertutto vivo il bisogno di una piii estesa 
e regolare educazione ecclesiastica, che ponga il Glero all'altezza della 
sua missione, qual e non solo di accorrere agli spirituali bisogni del 
cattolici, ma di promuovere eziandio la conversione de' connazionali, tut- 
tora involti nelle tenebre dell'eresia e dello scisma. 

Penetrato di queste idee, fin dai primi mesi del suo glorioso Ponti- 
ficato, Leone XIII per organo della mentovata S. Congregazione provve- 
deva all'istruzione del clero cofto d'Egitto, istituendo nel Cairo, oltre un 
Gollegio, un Seminario, e chiamandovi all'uopo i Padri dell'inclita Gom- 
pagnia di Gesu. 

Gollo stesso intento volgeva teste il suo sguardo ai Greci melchiti, 
ai Siri ed ai Caldei. 

Siamo lieti infatti di annunziare che, secondando lo zelo dell'Emo La- 
vigerie, il S. Padre tramutava non ha-guari 1'istituto di S. Anna in 
Gerusalemme, appartenente alia Francia, in un Seminario pei Greci Mel- 
chiti. Fu posto il medesimo sotto rimmediata dipendenza della S. Sede, 
la quale vi esercita la sua autorita per mezzo del Delegate apostolico 
della Siria. La direzione ne fu affidata ai Missionarii algerini, societa 
istituita da quell' insigne porporato. 

Nella Mesopotamia da molti anni si vagheggiava 1'erezione di un 
Seminario in Mossul pei Siri e Galdei; ma il difetto di risorse e di per- 
sonale ed altre difficolta aveano resi sterili gli sforzi usati sin qui. Era 
riservato a Leone XIII di attuare 1'impresa; dacche, mediante il concorso 
della S. G. di Propaganda per gli affari orientali, riusciva Sua Santita 
a dar vita all' idea to stabilimento, in modo che vi si potra raccogliere 
il bel numero di 40 allievi dalle varie Diocesi di entrambi i patriarcati, 
Siro e Galdeo. I benemeriti padri dell'Ordine de' Predicatori ne avranno 
cura sotto 1'alta direzione del Delegato apostolico. 

L'encomiata S. Gongregazione fu sollecita di dettare per 1'uno e per 
T altro istituto sapientissime norme. E ci piace rilevare che, a seconda 
di quanio venne prescritto dal S. Gonsesso, i giovani melchiti nel se- 
minario di Gerusalemme, come i Siri ed i Galdei in quello di Mossul, 
dovranno essere ammaestrati nel proprio rito, osservarne le pratiche, ed 
esercitare in esso le sacre funzioni : vantaggi che non si ottengono nei 
collegii di Europa. 

I due novelli seminari torneranno assai vantaggiosi alle menzionate 
nazioni, non solo col formare valenti sacerdoti, ma anche col restituire 
loro istruiti e disci plinati quelli fra gli alunni, che fallissero alia voca- 
zione ecclesiastica, e che potranno essere altrettanti idonei istitutori. 

Noi dunque ci coogratuliamo con quei popoli di oriente, culla della 



116 CRONACA 

nostra santa religione, pei favori che la S. Sede va loro largheggiando; 
e facciam voti che le provvide cure di Leone Xill, e della S. G. di Pro- 
paganda, sieno coronate di un felice successo, onde sia dato ai popoli 
medesimi risalire all'antico splendore. 

4. Mentre 1'empieta massonica facea Tapoteosi dell'apostata Araaldo 
da Brescia, an gran numero di amatori cristiani dell' arte musicale ra- 
dunavansi in Gongresso ad Arezzo, in onore dell'umile monaco Guido, a 
cui devesi la invenzione della gamma, o scaJa diatoniea, mercfc la quale 
giunse a tanta perfezione quell' arte, che tanto serve, non pure a diletto 
dell' udito, ma anche alia magnificenza del culto divino nel canto litur- 
gico. La Voce della Verita nel n. 214, in una sua corrispondedza da 
Arezzo, diede esatto ragguaglio delle savie conclusion! e dei voti del 
Gongresso appunto pel canto liturgico; e delPudienza data dal Santo 
Padre Leone XIII ad una deputazione di 50 membri di quello, recatisi 
a Roma per tributare a Sua Santita un omaggio di devozione e gratitu- 
dine. L'udienza ebbe luogo, il 16 settembre verso il mezzogiorno, nella 
sala del trono al Yaticano. Di che ii mentovato giornale narr6 i seguenti 
particolari. 

L'egregio Presidente del Gongresso, prof, sacerdote Guerrino Amelli 
di Milano, aveva 1'insigne onore di presentare al S. Padre, come pegno 
della filiale devozione del Gongresso alia S. Sede, il dono di un magnifico 
quadro dipinto rappresentante 1'esperimento di Guido Aretino, alia pre- 
senza di Papa Giovanni XIX, copia fedele dello stupendo affresco del 
comm. Bertini di Milano, che si ammira nella Villa Poriti presso Varese. 

II S. Padre con amabilita veramente paterna, esprimeva la sua piena 
soddisfazione nel vedere tanto a proposito glorificato questo genio si be- 
nemerito della Religione e dell' arte musicale, vera gloria non solo d'ltalia, 
ma dell'intero mondo cattolico; e ci6 nel momento in cui si prodigano 
onori persino a chi si rese tristamente famoso col ribellarsi alia Reli- 
gione e aH'autorita. 

Poscia degnavasi di ammettere at bacio del sacro piede i singoli 
membri, intrattenendosi per circa un'ora e mezzo colla piu sorprendente 
affabilita. Fra le cose piu rimarchevoli espresse dal S. Padre in tale fa- 
migliare colloquio, meritano speciale menzione, 1'elogio diretto ai PP. Be- 
nedettini di Solesmes, pel loro zelo e per la loro tradizionale cultura che 
professano al canto liturgico; come pure 1'insistenie interrogazione fatta 
in particolar modo ai professori di Seminario delle diverse nazioni, circa 
lo studio e 1' insegnamento del canto fermo, rilevandone 1'importanza pel 
decoro delle sacre funzioni e per 1'edificazione dei fedeli. Attrasse pari- 
menti la comune attenzione la particolare compiacenza che il S. Padre 
mostro verso il signer abbate Darnaso Guinot, maestro di Gappella di 
Lucon, e il suo giovane allievo Felix Paret, lodandoli dell'amore e del 
culto che professavano alia musica sacra. Soprattutto colpirono vivamente 



CONTEMPORANEA 117 

le incoraggianti parole e gli aperti encomii diretti dal S. Padre al bravo 
suo compatriota D. Innocenzo Pasquali, cantore pontificio, per lo studio 
assiduo e profondo da lui fatto, raassime sulle opere del Palestrina, e per 
lo zelo che mostra nel promuovere la purezza della musica sacra, se- 
condo tale maestro. 

In verita giammai 1'Augusto Pontefice pole esprimere meglio le sue 
convinzioni sull'importante missione del canto ecclesiastico, e 11 suo vivo 
desiderio per lo studio di esso, quanto in questa rarissima, per non dire 
unica, occasione offertagli di trovarsi a contatto con tanti egregi cultori 
e prornotori del canto liturgico, ammiratori del genio di Guido Aretino. 

Questo famigliare colloquio, e questa cordialissima accoglienza ac- 
cordata ai Gongressisti di Arezzo, non si potrebbe meglio descrivere che 
colle parole stesse di Guido Monaco, colle quali ci riarra 1' accoglienza 
avuta da Papa Giovanni XIX: Multwn itaque pontifex meo gratulatus 
est adventu, muUa colloquens et dlversa perquirens. 

Da ultimo il S. Padre, alzandosi, diresse di nuovo a tutti i Gon- 
gressisti parole di iricoraggiamento, accennando altresi al vantaggio che 
ne derivera da questo loro convegno per lo studio del canto ecclesia- 
stico: quindi impartiva loro 1'apostolica benedizione, e si congedava da 
quei suoi cari figli in mezzo alle acclamazioni di Viva Leone XIII. 

5. Gi rechiamo a dovere di far qui rilevare, con le parole dell 1 Os- 
servatore 'Romano n. 207, un nuovo e cospicuo tratto di munificenza 
del Santo Padre a pro della scienza; il quale pero non impedira che la 
bestiale ignoranza della massima parte degli scribacchiatori liber all ed 
anche di certi ciarlatani che siedono nelle Gamere Legislative, debba 
continuare a strombazzar menzogne e calunnie circa [' oscurantismo della 
Ghiesa e del Papato. Sua Santita, di suo private peculio, comperb una 
biblioteca intorno alia scienza medica, e la depositd, a vantaggio degli 
studiosi, in una sala della Biblioteca vaticana, riservandosi per6 la pro- 
prieta di essa. II che, attesa la rapacita dei ristauratori dell' ordine 
morale, non sappiamo se bastera a salvarla dagli artigli di quei ladroni 
che si appropriarono, come roba nazionale, i Musei vaticani, nei quali 
non si sa che sia entrato mai un coccio donato dall' Italia rivoluzionaria, 
benche siano doviziosi di pregiatissimi cimelii di scienza e d'arte, che 
i Pontefici o comperarono del proprio od ebbero in dono da Sovrani 
stranieri. Or ecco i particolari della cosa esposti dal citato Osservatore. 

Alcuni giornali hanno, in questi ultimi giorni, annunziato che il S. Padre 
ha fatto aon e guari 1'acquisto di uria biblioteca medico-chirurgica, per 
meuerla a dispositions degli studiosi ed amatori di simili materie. Le 
informazioni, che abbiamo attirito a sorgenti sicure, ci pongono in grado 
di confermare la notizia e di completarla con piu speciali ragguagli ; dai 
quali si manifesta di nuovo in maniera splendida la sovrana munificenza, 
colla quale il Santo Padre, anche in mezzo alle streitezze della condi- 



118 CRONACA 

zione presente, si studia incessantemente di accrescere gl'inestimabili tesori 
di scienza e di arte, onde per opera dei Papi fu arricchito il Vaticano. 

La suddetta collezione medico-chirurgica appartenne al Dottor AJceo 
Feliciani, romano, di chiarissima fama tra i cultori dell' arte salutare; 
il quale con molte cure, con grande araore e con fmo discenrimento 
riusci a metterla insieme nei non lunghi anni di sua vita. 

II S. Padre Tha recentemente acquistata per la somma di lire 25000 
e, ritenendone la proprieta, si e degnato disporre che sia depositata in 
una delle sale della Biblioteca vaticana, a comune vantaggio. 

La collezione si compone di 3757 opere, comprese in 4485 volumi, 
ai quali si aggiungono poi 57 gruppi o pacchi di opuscoli in numero 
di 1440, che ordinati per materie formano come un 1 appendice alia col- 
lezione. Questa e ripartita in sei classi, secondo la divisiorie del ce- 
lebre bibliografo D. r Alberto Haller; e sotto la 1* sono raccolti gli autori 
Veteres; sotto la 2* gli Ardbes ; sotto la 3 a gli Arabistae; sotto la 4 a 
gli Instauratores ; sotto la 5 a la Schola italica; sotto la 6 a la Schola 
gaHica. A queste il chmo collettore voile aggiungere altre due classi, 
la settima cioe e 1'ottava. La settima, delta da lui dei Eecentiores, 
abbraccia gli autori che Y Haller distingue colla denominazione di Chi- 
rurgia perfectior e di Tempora novissima. L'ottava intitolata No- 
vissimi comprende le opere degli scrittori del nostro secolo; ma nel 
raccoglierle il ch.mo collettore ebbe il saggio discernimento di scegliere, 
in tanta abbondanza di pubblicazioni, solamente quelle piii important! 
degli scrittori piu accreditati e piii strettamente appartenenti alia chirurgia. 

Questa divisione e classificazione puo dirsi cronologica; e con esempio 
rarissimo vi si scontrano le tre prime classi complete. Le altre deH'Haller, 
se non hanno tutte le opere degli autori, ne contengono quasi a com- 
penso 212 di scrittori non conosciuti ed omessi dal suddetto bibliografo. 

La classificazione per6, che potrebbe dirsi topografica, e fatta per 
materie, essendo i 4485 volumi divisi e ordinati per materie. Sulle quali 
per dare qualche particolare, ci contenteremo di dire che la sola Idro- 
logia contiene sopra 400 opere, le quali illustrano tutte le acque ter- 
mali, minerali, ecc. della nostra Italia e le piu rinomate dell'estero; 
cosicche puossi affermare, che, se non sara Tunica, e certo la prima che 
fin qui conoscasi completa nelle collezioni bibliografiche di Medicina e 
Ghirurgia. Ricchissima e pure 1' Ostetricia, la Ginecologia ed altre. 

Diciamo del merito materiale. I detti volumi contenuti in 14 belle 
scansie di tutta noce, per la massima parte sono rilegati .in tutta per- 
gamena;molti in pelle e tutti sul dorso portano il luogo e 1'anno del- 
T edizione. 

La maggior parte delle Opere moderne, ossia dei Novissimi, sono 
con fine incisioni illustrate, per nulla dire di oltre 60 Atlanti in gran 
for ma to, ed alcuni di grande costo. 



CONTEMPORANEA 119 

Non mancano del Mss: fra cui un Godice Arabo Arbatat eldsihcra- 
chich, fatto in Buluk d'Egitto, ed un manoscritto appartenuto alia bi- 
blioteca Albani su pergamena in fol. del 1150. 

Quanto alle edizioni vi si trovano le primitive che rimontano alia 
invenzione dell'arte tipografica, e le piu rinomate, siano estere che no- 
strane. Dei soli Giunta di Venezia, per tacere delle Aldine e di altre, 
se ne noverano oltre 200. Fra i Vcteres, per citare un esempio, di 
tutte le opere d'Ippocrate in fol: si hanno 1'edizione splendida romana 
e prima latina del 1525, quella dei Giunta del 1588; quella col testo 
greco di Ginevra del 1657; I'.altra rara con note di varii, Lugduni 
Batavorum del 1665, fino alia recente di Parigi del 1855 in francese, 
con note del Daremberg. 

Se fosse d'uopo di nuove prove per convincere di falso 1'accusa che 
spesso si fa alia Ghiesa e ai Pontefici di avversare la civilta e il pro- 
gresso, quanto ha fatto anche test& il Santo Padre ne fornirebbe una 
efficacissima ; alia forza della quale non hanno potuto sottrarsi neppure 
i giornali piu fieramente ostili al Papato. 

I cultori poi delle discipline medico-chirurgiche potranno largamente 
profittare di questa pregevolissima collezione pei loro studii. Al quale 
scopo non avranno che da indirizzarsi al primo custode della Biblioteca 
vaticana, Rmo Monsignor Stefano Giccolini. 

6. Le dirottissime piogge che, specialmente nella seconda decade del 
p. p. settembre, caddero a torrenti nella Svizzera e nel Tirolo e sul ver- 
sante italiano delle Alpi Giulie, cagionarono tali piene di tutti i corsi 
d'acqua neH'Alta Italia, massime nelle province venete, che rade volte pel 
passato ebbesi a lamentare cosi disastrosa inondazione in quelle feraci e 
vastissime regioni, dalle Alpi all'Adriatico. D^i danni cagionati alle citta, 
alle borgate, ai ponti ed alle strade, non che alle campagne, diremo altra 
volta, quando se ne avra qualche approssimativa contezza. Intanto, oltre 
a non poche persone affogate nelle fiumane irrompenti od oppresse sotto 
le rovine delle case diroccate, parecchie decine di migliaia d'abitanti sono 
senza tetto, sprovveduti di tutto, che tutto fu loro rapito, tutto; e se la 
carita cristiana non li soccorre, la filantropia ufflciale a carico dei con- 
tribuenti per certo non bastera al bisogno. II S. Padre Leone XIII, avuta 
di ci6 contezza, largi subito lire cinque mila a sollievo di quelle povere 
vittime del disastro. 

I Gonsigli provinciali e comunali certamente decreteranno, come il 
Municipio di Roma, grosse somme da elargirsi allo stesso effetto. Ma il 
donare in tal modo, prendendo dalle tasche dei contribuenti, non e a dir 
vero atto di eroica virtu. Sibbene si potrebbero apprezzare le spontanee 
oblazioni che del proprio fossero fatte, per esempio dal D^pretis e dai 
singoli suoi colleghi; dal venerando Tecchio e dai singoli Senatori; dal 
Presidente delle Gamere dei Deputati e dai singoli onorevoli. Questa si 



120 CRONACA 

che potrebbe chiamarsi carita civile! E sarebbe pur bello che, oltre le 
Lire 30,000 poste a tal uopo a carico dei contribuenti dal Gonsiglio Mu- 
nicipale di Roma, s' imitasse il Sindaco Duca Leopoldo Torlonia che diede 
buona somma del proprio; e cosi facessero il Prefetto di Roma; cosi 
tutti i Frefetti e Sotto-Prefetti e Sindaci del Regno; cosi le diverse as- 
sociazioni liberalesche; cosi i membri dei Circoli repubblicani ed anti- 
clericali. Allora si potrebbe credere un pochino alia decantata loro carita 
patriottica pei fratelU. Ma se tutti codesti br&vi patrioti si contentassero 
di dare deWaltrui, affe, che le loro munificenze non potrebbero attirare 
1'ammirazione di chi ha un poco di buon senso. 

7. Le dichiarazioni ufficiose dei giornali prussiani circa gl'intencli- 
menti del Governo di Berlino sopra le pendenti quistioni ecclesiastiche, 
da noi registrate nel precedente volume XI di questa Serie, a pag. 742-50, 
davano pur troppo a temere assai d'un prossimo e forse terribile rin- 
crudire del Kultur-Kampf contro i cattolici delle province prussiane. 
I frammassoni italiani e francesi gia ne rnenavano lieta festa; quelli per- 
che in ogni atto ostile contro la Ghiesa ed il Papato vedono un puntello 
alia loro baracca rivoluzionaria; questi perche, intesi nella Francia stessa 
alia distruzione, se fosse possibile, del cattolicismo fmo a voler dimen- 
ticato il nome di Dio, tengono per loro ausiliario chiunque avversa la 
Ghiesa e la religione cattolica. Le loro speranze erano fondate soprattutto 
sul conflitto, che essi diceano suscitato dal Mandamento di Mons. Her- 
zog Principe- Vescovo di Breslau, sopra i matrimonii misti. Laonde non 
senza amaro dispetto dovettero leggere nel!' Osservatore Bomano n 217 
pel 22 settembre p. p., questa breve ma espressiva noterella: L'lmpe- 
ratore Guglielmo ha dichiarato al Principe- Vescovo di Breslavia che egli 
e soddisfattissimo dello scioglimento della questione relativa ai matri- 
monii misti. Ha aggiunto, manifestando la sua speranza, che anche le 
altre questioni religiose saranno ben tosto felicemente risolute. 

Or come avvenne che cosi grave questione, in cui certamente Mon- 
signor Herzog non potea allontanarsi dalla dottrina dommatica e dalle 
prescrizioni disci plinari della Ghiesa cattolica, avesse cosi pronto e felice 
scioglimento? Stando a quello che fu scritto da Berlino al Journal de 
Rome n 214 pel 16 settembre p. p., la cosa and6 nel modo seguente. 

Monsignor Herzog, Vescovo di Breslavia, applic6 alle Delegazioni di 
Berlino, Brandeborgo e Pomerania YIndulto Clementina, che riconosce 
validi, benche non leciti, i matrimonii contratti tra cattolici e prote- 
stanti alia presenza di un Pastore protestante. II Sommo Pontefice Pio IX 
avea acconsentito ad ammettere questo componimento : ma la condanna e 
la destituzione, da parte della podesta civile, di Mons. Forster, pre- 
decessore di Mons. Herzog, e la sua morte avvenuta non molto dopo, 
aveano impedito che fosse eseguita la pontificia concessione; con la qtiale 



CONTEMPORANEA 121 

ora venne tolta la cagione del dissidio fra MODS. Herzog ed il Ministero 
prussiano, di che abbiamo parlato nel precedente Vol. XI a pag. 747-50. 
A chiarire viemeglio lo stato della quistione e la legalita del com- 
ponimento, e da ricordare che i matrimonii misti, negli Stati in cui venne 
in buona forma promulgate il Goncilio di Trento, sono valid! soltanto se 
sono contratti alia presenza del curato cattolico. Tuttavia, per le grand! 
difficolta che possono attraversarsi in certi Stati, e per gravi e ben fon- 
dati dubbi insorti circa la necessaria e sufficiente promulgazione del detto 
Concilio in quelle regioni, la Santa Sede fermo per esse alcuni special! 
pro vvedi merit!. Quindi e che il Sommo Pontefice Benedetto XIV, con atto 
del 4 novembre 1741, dichiaro che i matrimonii misti in Olanda e nel 
Belgio non erano necessariamente sottoposti alia forma prescritta dal Gon- 
cilio Tridentino. Poscia, nel 1764, Clemente XIII estese codesta dichia- 
razione di Benedetto XIV alia diocesi di Breslavia; e questa decisione, 
che dicesi Clementina, col consenso del S. Padre Leone X11I venne ora 
estesa alle province di Brandeborgo e Pomerania. 

8. Vuolsi riconoscere, ad onore del vero, che in questa congiuntura 
il Governo di Berlino diede prova di sincera disposizione ad equo com- 
ponimento, non imponendo, come da alcuni temeasi, condizioni indiscrete 
al Vescovo di Breslau che, non potendo accettarle, sarebbe venuto, presso 
il volgo, in vista di imprudente nel provocare le rappresaglie dello Stato. 

Un altro indizio di benevole disposizioni verso i sudditi cattolici della 
Prussia si ebbe in quel che fu pubblicato dal Berliner Tageblatt del 
17 settembre p. p., e riferito nel Dtfbats del 20, nei termini seguenti. 
Per effetto dell'applicazione della legge prussiana (di Maggie!) del 1875, 
era stato posto il sequestro sulle rendite dei beni ecclesiastic! cattolici. 
Fino al presente la somma di tale contiscazione era salita a tredici mi- 
lioni e mezzo di march!. Ora il sequestro fu levato oggi nei vescovadi 
di Paderborn, di Fulda, di Osnabriik, di Treveri e di Breslau. Era stato 
riservato che la destinazione delle rendite cosi sequestrate sarebbe de- 
finita da una legge speciale. Questa legge non sara presentata alle Ca- 
mere se non quando il sequestro sara stato tollo in tutte le diocesi del 
Reame. 

9. Suonera pure gradita ai cattolici quest' altra notizia che trovammo 
nel Journal de Rome n 218 pel 21 settembre p. p. II diario ufficiale 
di Lisbona pubblic6,' nel suo n pel 15 corrente, un Decreto Reale, per 
cui e ordinata 1'applicazione in tutto il regno, delle Lettere Apostoliche 
in virtu delle quali la Santa Sede ha modificato le circoscrizioni dioce- 
sane del Portogallo. 



122 CRONACA 



COSE STEANIEEE 

PEUS8IA (Nostra corrispondenza) 1. La Germania, 1' Inghilterra e 1'Oriente 
2. Recrudescenza del Kulturkampf 3. Casi della Baviera 4. Notizie diverse. 

1. Se i fogli ufflciosi riflettono fedelmente il pensiero del Governo, 
e'bisogna credere a un accordo di questo con 1'Inghilterra contro la 
Russia. Quest' ultima potenza si mostra irritatissima contro 1'Inghilterra, 
e i suoi giornali annunziano con grande strepito che la Russia non tol- 
lerera che 1' Inghilterra prenda tutto per sfe il boccone tureo, ma vuole 
anch'essa la sua parte. Ora, la pane della Russia e Costantinopoli con 
quel che rimane della Turchia europea, piii 1'Asia minore. La Germania 
e 1'Austria, che soffrono gia tanto del sistema protezionista praticato 
dalla Russia, non possono desiderare che questo muro di bronzo venga 
sempre piii ad estendersi, soprattutto sui paesi che rappresentano i loro 
sbocchi naturali, le vie del loro commercio col mondo asiatico. L'antica 
rivalita fra la Russia e r Inghilterra, sembra dunque essere una forza, 
sulla quale il principe Bismark si compiace di fare assegnamento; e 
poiche gl'interessi della Germania e dell' Austria non sono punto conci- 
liabili con quelli della Russia, ne segue che 1'alleanza inglese si presenta 
come un fatto dei piii naturali. E voce che il principe Bismark avesse 
tentato di fare delle forze riunite della Germania, dell' Austria, dell' Italia, 
della Francia e della Spagna un fascio destinato a opporsi ad un tempo 
all'estensione della Russia e a quella dell'Inghilterra nel Mediterraneo. 
Ma impossibile sarebbe stato il guadagnare a un simile aggiustamento 
la Francia. Sembra invece che il Bismark avrebbe tanto piii preferito 
1'intendersi con 1' Inghilterra, quanto questa, con la sua costituzione po- 
litica, offre per un' intrapresa esterna di si alta importanza ben altre 
guarentige che non la Francia, la cui politica estera manca assoluta- 
merite d'unita e di direzione. Tutto ci6 considerate, v'ha ogni ragione 
di credere che da qui innanzi la Germania, 1'Austria e 1' Inghilterra si 
spartiranno fra loro la tutela della Turchia. 

Ma dato il caso d' una politica antirussa, che un giorno o 1' altro 
s'imporra di viva forza alia Germania, non riesce affatto comprendere 
la politica interna seguita al presente da quest' ultima. L'avversario 
principale del panslavismo, di cui la Russia ha inalberato la bandiera, 
e e sara sempre il cattolicismo; e in primo luogo la Polonia cattolica e 



CONTEMPORANEA 123 

11 riparo invincibile, il baluardo inespugnabile contro il panslavismo. Di 
ci6 sembra che si avesse un tempo la persuasione, dappoiche la nomina di 
mons. Ledochowski all'arcivescovado di Gnesna-Posnania avrebbe avuto 
per movente, da parte del nostro Governo, il contegno energico di quel 
prelato contro il panslavismo. L'eminentissimo Cardinale si e, nella sua 
diocesi, costantemente astenuto da ogni politica cosi delta nazionale po- 
lacca, e con ci6 stesso da ogni spiacevole opposizione a Berlino, per non 
consacrarsi che all' opera del progresso e del consolidamento religioso. 
Un tale contegno faceva di Sua Eminenza un prezioso alleato contro la 
Russia e contro il minacciante panslavismo. E contuttocio nessuno piii di 
lui e stato accanitamente perseguitato fino dai primordii del Kulturkarnpf; 
e anche adesso, che in virtu della legge di giugno 1' Imperatore e anto- 
rizzato a distruggere I'effeUo delle condanne inflitte dalle leggi di maggio, 
si va dicendo di lui che non potra mai ottenere la grazia di rientrare 
nella propria diocesi. 

Ora, se nessun accordo esiste fra la Germania e Flnghilterra contro 
la Russia, 1'intrapresa inglese in Egitto dovra avere per risultato ine- 
vitabile di far comparire un calcolo sbagliato la politica del Gancelliere 
imperiale. 

2. I fedeli della diocesi di Miinster hanno mandato al loro Vescovo 
esule, in occasione della sua festa onomastica, il giorno di S. Bernardo, 
una deputazione, munita di un gran numero d'indirizzi firmati da parec- 
chie migliaia di persone, e una quantita immensa di biglietti di visita. 
Nella lettera di ringraziamento, pubblicata daigiornali, 1'illustre Prelato si 
esprime cosi: Nell' anno scorso 1'emissione d 1 una nuova legge aveva 
destato ne' vostri cuori alcune speranze, dappoiche essa porgeva ai con- 
siglieri di S. M. il mezzo di rimuovere 1'ostacolo che separa il Vescovo 
dalla sua diocesi. Da quel tempo in poi, siffatte speranze sono intera- 
mente svanite. Da quale influenza sia stato prodotto un tal cambiamento, 
nessuno saprebbe dirlo. In una riunione de'suoi elettori, tenuta a 
Frankenstein, il deputato Frang, canonico di Breslavia, e stato costretto 
a confessare: Noi non possiamo dissimularci la probabilita di un pros- 
simo ricominciamento del Kulturkampf. > 

I fatti vengono pur troppo a corroborare cotali affermazioni. Monsig. 
Robert, vescovo di Breslavia, ha dovuto occuparsi di sette parrochi 
intrusi, taluni dei quali eransi a lui rivolti per dichiarare che lo accet- 
tavano come Yescovo. Gome ben si comprende, monsig. Robert non ha 
potuto fare a meno d' intimar loro di dimettersi dalle usurpate funzioni, 
e di assoggettarsi alle censure canoniche affine di rimediare allo scan- 
dalo da essi cagionato. Monsig. Vescovo ha in pari tempo esortato il 
Gonsiglio parrocchiale a intromettersi presso gl' intrusi per indurli a resi- 
piscenza. Nessuno per6 ha voluto assoggettarsi a quanto veniva loro in- 



124 CRONACA 

culcato; anzi uno di essi ha persino risposto con una lettera insolente, 
vietando al Vescovo di considerarsi come suo superiore e minacciandolo 
del tribunale ecclesiastico. Fino a questo momento il Governo, che istitui 
gl'intrusi, non si e ancora pronunziato in proposito; ma, a giudicarne 
dal tuono assunto da'suoi giornali, non e dato augurarsi alcun che di 
buono da pane sua. Ove il Governo si decida a prendere il partito de- 
gFintrusi, monsig. Robert sara condannato al caroere e alia destituzione 
prima che passi un anno da che occupa la sua sede. 

E stata altresi d'un tratto risvegliata le questione dei matrimoni 
misti. Da che fu introdotto, in virtii delle leggi di maggio, il matrimonio 
civile, 1' Oberldrchenraih, autorita suprema della Ghiesa ufficiale, stabili 
che unicamente in questo matrimonio consiste Tatto principale, e che 
la benedizione compartita nel tempio protestante non e piu da risguar- 
darsi che come una cerimonia, la quale non influisce per niente sulla 
validita dell'unione. Prima dell'introduzione del matrimonio civile, il 
pastore procedente a un matrimonio misto adempieva una funzione civile, 
giusta la spiegazione datane dallo stesso OberJurchenratJi : ma dopo che 
avvenne quell' introduzione, il matrimonio religioso e interamente separato 
daH'aUo ufficiale. Da ci6 non mancarono pertanto i Yescovi di dedurre 
le conseguenze di ragione, e di applicare le disposizioni del Goncilio di 
Trento a quelle parti della Prussia, dove non erano state fino ad ora 
applicate. Essi ingiunsero ai cattolici, in procinto di unirsi con prote- 
stanti, di non ricevere la benedizione del pastore prima di essere stall 
congiunti avanti la Ghiesa cattolica, affine di evitare cosi la communio 
in sacris. Sotto il rapporto religioso adunque, non e valido altro matri- 
monio che quello conlratto dinanzi alia Ghiesa cattolica. Disposizioni cosi 
fatte sono state affisse per lo spazio di dieci anni in tutte le chiese cat- 
loliche, e nan ricevuto ogni maniera di pubblicita: ed ora se ne toglie 
pretesto per accusare i cattolici di turbare la pace religiosa, di gettare 
il disprezzo sulla Ghiesa ufficiale, di trattare d 1 illegittimi i figli di tutti 
i matrimoni esclusivamente orotestanti, di fame cosi altrettanti bastardi 
incominciando dall'Imperatore e scendendo fino all'umile giornaliere. 

E facile il figurarsi gli articoli veementi e spiranti indignazione, cui 
possono dar luogo questi dati un po'troppo forzati. Infatti le violenze 
dei fogli ufficiosi con a capo la Norddeutsche Allgemeine Zeitung, 
passano ogni limite, quantunque, ammesso pure che quei dati posassero 
sul vero, assalti cosi furiosi non sarebbero in conto alcuno giustificati. 
II fondamento della fede protestante consiste nel negare assolutamente 
T autorita della Ghiesa cattolica, nell' impugnare il sacramento del ma- 
trimonio. Ghe cosa pu6 dunque importare a un protestante che la Chiesa 
non attribuisca alia cerimonia del predicante lo stesso valore che ai 
Sacramento? Gome mai si preoccupa dell'opinione della Ghiesa, egli che 



CONTEMPORANEA 125 

ne respinge la giurisdizione? II buon senso dovrebbe suggerirgli che il 
matrimonio, essendo istituzione d'ordine naturale e divino, non pu6 essere 
dalla Chiesa negato ai popoli che non trovansi uniti a lei. II dissidio 
de' matrimoni misti nelle province riunite nel 1815 alia Prussia, dissidio 
che ha procacciato il carcere agli Arcivescovi di Colonia e di Gnesna- 
Posnania, dovrebbe pure avere insegnato ai nostri ufficiosi che, se la 
Ghiesa censura i suoi fedeli quando non osservano le forme prescritte, 
essa ci6 nonostante e ben lungi dal contestare la validita dei matrimoni 
in tal guisa celebrati. La mala fede de' nostri avversarii e abbastanza 
evidente per saltare agli occhi di tutti. 

Si va dicendo che gli ufficiosi han sollevato la questione dei matri- 
moni misti affine di purgare il Governo, agli occhi delle popolazioni 
protestanti e dei liberali, da ogni sospetto di condiscendenza verso i 
cattolici. lo per6 credo che 1'intenzione vada piii oltre, e che debba 
scorgervisi un mezzo di agire sullo spirito dell'Imperatore e trattenerlo 
dal desiderare la fine del Kulturkampf '. Un fatto che mi sembra oltre- 
modo grave, si e il vedere il predicatore di Corte, sig. Stoecker, adottare 
tutti gli errori, tutte le stizzose calunnie degli ufficiosi, e farsene organo. 
Nella riunione del parti to conservatore governativo, tenuta il 16 agosto 
a Barmen, il sig. Stoecker proclamo la menzogna che la Chiesa catto- 
lica trattava d'illegittimi i figli nati dal matrimonio benedetto da un 
prete (sic) protestante; e rilevando che 1'onore protestante era in peri- 
colo, fece un appello ai protestanti di tutti i paesi acci6 si levassero 
con indignazione a combattere le pretensioni romane. Si vede che il 
predicatore di Corte e di memoria assai debole; se ci6 non fosse, si 
ricorderebbe di essersi, nelle riunioni pubbliche, vantato di pronunziare 
censure contro i protestanti che, vivendo in matrimonio misto, allevano 
i loro figli nel cattolicismo, e che a lui ripugnava il benedire una coppia 
mista, che si congiunge del pari innanzi la Chiesa cattolica. Essendo il 
sig. Stoecker assai ben veduto non solo dalla Corte ma anche dal prin- 
cipe Bismark, e non potendo oltre a do addurre il pretesto dell'igno- 
ranza, fa d'uopo interpretare il suo modo di procedere ben altrimenti 
che una semplice diversione. 

II contegno del sig. Stoecker e poi tanto piii significativo, quanto in 
una riunione dei capi del centre, tenuta il 15 agosto, non meno che 
precedentemente per mezzo della stampa, i cattolici si pronunziarono per 
un'alleanza elettorale coi conservatori protestanti, de'quali il sig. Stoe- 
cker stesso e uno dei capi. Parecchi deputati del centre, per esempio 

1 Checche sia di do, il dissidio circa ai matrimonii si e terminate con espressa 
soddisfazione dell'Imperatore, come abbiamo riferito nella Cronaca delle Cose Romane 
numeri 7 e 8. 



126 CRONACA 

i sigg. Janssen e Roeckerath, hanno pubblicamente dichiarato che, me- 
diante 1' alleanza del cattolici e del conservatori, si arriverebbe a costi- 
tuire una maggioranza capace di compiere le riforme economiche e 
sociali, riconosciute generalmente necessarie, e d'impedire per sempre il 
ritorno del liberalismo. 

Altro segno poco conciliante. La legge di giugno autorizza il Governo 
a reintegrare i parrochi nel godimento delle loro rendite legittirae; e 
intanto si sono i medesimi reintegrati neirufficio d'ispettori delle scuole 
primarie, ufficio che ban sempre esercitato gratuitamente. 

II sig. di Schloezer e stato a Varzin, e dopo aver conferito col mi- 
nistro dei culti, sara ricevuto dall'Irnperatore. Quanto all'esito dei ne- 
goziati, non e luogo a dedurre veruna conseguenza da siffatte escursioni 
diplomatiche. lo non voglio fare il pessimista, e spero sempre che non 
sia da attribuirsi grande importanza agli incidenti segnalati; ma e'biso- 
gna guardare le cose sotto il loro vero aspetto. Non vediamo noi forse 
il ministro dei culti contestare ai cattolici i diritti piu elementari? I 
padrifamiglia di Arnsberg fanno istanza al ministro, perche gli alunni 
del ginnasio possano assistere alia messa e alle cerimonie del culto, come 
prima del Kulturkampf : il sig. di Gossler risponde seccamente che non 
intende alterare in nulla lo stato presente delle cose. A Peterswalden 
(Slesia), in mezzo a un' agglomerazione operaia di un dieci o dodicimila 
anime, il conte Francesco di Stolberg-Wernigerode vorrebbe fondare uno 
spedale con casa di ricovero, cucina economica e giardino, il tutto adat- 
tato a tale destinazione : ma gli vien negata 1'autorizzazione di aprire 
1'istituto di beneficenza tanto desiderate, perche dovrebbe esser servito 
dalle Suore di S. Vincenzio de' Paoli. 

3. II 1 e il 2 agosto si celebrava in Wurzburgo il terzo centenario 
dell' universita, fondata un tempo dal principe vescovo Echter von Me- 
spelbrunn per combattere il protestantesimo propagato a mano armata 
dai principi vicini. Le feste riuscirono oltremodo splendide; ma il Rettore 
magnifico, sig. Wislicenius, protestante, non pote trattenersi dal menar 
vanto che 1'universita fondata per combattere il protestantesimo era adesso 
un centro del protestantesimo stesso, quantunque la Baviera sia, secondo- 
che si pretende, uno Stato cattolico. II sig. di Lutz, presidente del Con- 
siglio e ministro dei culii, assistette in persona alle feste; ma il corpo 
dei professori della facolta filosofica rifiutossi di conferirgli il titolo di 
dottore honoris caussa, perche il sig. Lutz, per conciliarsi un tantino la 
maggioranza cattolica della Camera, aveva acconsentito a far nominare 
un professore cattolico accanto ai sette professori protestanti, che conta 
quella facolta. Di tal guisa quei partigiani fanatici della tolleranza si 
vendicano d' un atto, per quanto insignificante, di condiscendenza verso la 
maggioranza cattolica. 



CONTEMPORANEA. 127 

Adesso, per rientrare nelle buone grazie di quei messeri, il sig. Lutz 
si e fatto un pregio di annullare la risoluzione del Gonsiglio municipale 
di Monaco, con la quale sostituivansi alle Scuole miste altrettante scuole 
fra cattoliche e protestanti. 

5. Tempo gia fu che il ministro del culti, sig. Falk, aveva fatto in- 
vito agl' istitutori di far causa comune con gli avversari della Ghiesa. 
Questa volta il Congresso annuo degl' istitutori, tenuto in Kassel, ha preso 
tali risoluzioni, che non piacciono per niente a'nostri governanti. Gl' isti- 
tutori rivendicano per se non solamente il diritto di regolare la scuola 
a loro piacimento, ma anco di prendere parte attiva alia vita politica e 
promuovere efficacemente ogni maniera di progresso. La Norddeutsclie 
Allgemeine Zeitung trova che le dottrine e i principii stabiliti nel Con- 
gresso di Kassel sono un pericolo per la monarchia. Fintantoche non vi 
scorse che un mezzo a combatter la Chiesa, essa non si a wide meno- 
mamente di questo pericolo. 

11 '^6 luglio e giorni successivi, il sig. Riccardo Wagner fece rap- 
presentare a Bayreuth il suo gran poema in musica, il Parsifal, che 
ebbe un successo straordinario. Soggetto del poema e la sublime leggenda 
del Saint-Graal, stata gia trattata da Cristiano di Troyes e soprattutto 
da Wolfram von Eschenbach. 11 sig. Wagner ne ha fatto un dramma 
musicale cristiano di carattere veramente superiore e grandioso. Come 
in tutti i suoi drammi antecedenti, Parsifal ci presenta la lotta tra il 
bene e il male, tra F Inferno e la Redenzione, col trionfo di questa per 
iscioglimento. Amfortas, cosi ha nome il re dei cavalieri deputati alia 
custodia del Saint-Graal, ha commesso una colpa e riportato un colpo 
di lancia, da cui non pu6 guarire che per il tocco della vera lancia. Il 
giovine cavaliere Parsifal si mette in cerca di questa lancia, di cui 
Klingsor, uno degl' infedeli fattosi mago per mandare in perdizione i ca- 
valieri, e riuscito ad impossessarsi. Parsifal si smarrisce nel giardino 
magico di Klingsor, dove 1' incantatrice Kundry, essa pure infedele, tenta 
di sedurlo. Parsifal e forte abbastanza della sua innocenza per resistere 
agevolmente alle sue lusinghe. Egli riesce a conquistare la sacra lancia, 
e con questa Amfortes e risanato. Kundry, tocca della grazia celeste, si 
convene. Ecco in sostanza 1' argomento del dramma, che contiene ancora 
parecchi altri personaggi e presenta scene d' una sublimita senza pari. 
Gli spettatori ne escono compresi da commozione veramente religiosa. SI 
la musica come il testo rivestono un carattere di rara elevazione. Gli ar- 
tisti e gl' intelligent!, accorsi in gran numero a Bayrenth, sono unanimi 
a riconoscere nel Parsifal il piii bel capo d' opera che sia comparso sulla 
scena da cinquant'anni in qua. E questa una nuova conferma che solo 
il cristianesimo e capace d'ispirare le migliori opere d'arte. 

Un'altra buona notizia. Al Congresso degli antropologi, in Francoforte, 



128 CRONAGA CONTEMPORANEA 

il celebre naturalista berlinese sig. Virchow, ha pronunziato un discorso 
vigorosissimo per condannare 1'opinione della generazione spontanea, e per 
confutare coloro che, spingendo all'eccesso i principii posti dal Darwin, 
pretendono far discendere 1' uomo dalla scimmia. Fino ad oggi, assicura 
il sig. Virchow, nessuno e per anco riuscito a creare con materie inor- 
ganiche il piu piccolo essere vivente; giammai si e trovato un essere 
in via di diventar uomo; in tutti i tempi ed in tutti i luoghi, 1'uomo 
e stato trovato un essere completo, perfetto, e non avente piu bisogno 
di perfezionare o di trasformare il suo organismo corporale. Gome ognun 
vede, la dottrina del celebre professore s' accorda con quella della Bibbia, 
ben inteso senza volerlo. 



Nel precedence quaderno corsero alcuni err or i, che ci par bene di 
correggere. 

ERRATA CORRIGE 

Pag. 684 lin. 19 Pirosama Pirosoaaa 

685 14 Torpresso Tor, presso 

689 3 Dirigean le manovre ... Si dirigean le manovre 

31 Far come .Fa come 

692 7 Pulo-Pinany Pulo-Penang 

25 Sospesi a bordo .... Sospesi a babordo 

694 16 Che aveangli Che aveagli 



PROGRESSI DEL SOCIALISMO 

IN EUROPA 



I. 

Da parecchi anni 1'Enropa vive in una tal paurosa incertezza 
dell'avvenire, che la simile -non ha quasi riscontro nei tempi an- 
dati. La questione: Dove si va? e sempre sulla bocca.di tutti, e 
politici e non politici, e sempre si legge nelle pagine dei giornali 
d'ogni specie. La piu acuta sollecitudine che tormenti gli animi, 
per 1'interesse materiale o morale delle famiglie, delle nazioni, 
degli Stati, pu6 dirsi con verita esser quella di un prossimo fu- 
ture, che tutti si affannano a indovinare e niuno riesce a defmire. 

Per altro non sernbra difficile rispondere alia domanda: Dove 
si va ? Mun dubbio che si va verso il termine della strada, per 
la qnale la societa europea in genere si e avviata. Ed il Bebel, 
deputato socialista al Reichsrath germanico, dichiar6 assai bene 
qual fosse questo termine, allorche 1'anno passato disse rotonda- 
mente ai colleghi suoi ed ai ministri di Guglielmo : - - Noi vo~ 
gliamo in politica la Repubblica, in economia il Socialismo, in 
religione VAteismo. 

Che poi questa triplice distruzione della podesta civile, della 
proprieta personale e dell'autorita divina, a cui si riduce il si- 
stem a chiamato con esatto vocabolo Nichilismo, sia il termine 
verso il quale da per tutto si cammina, crediamo che si abbia a 
negare unicamente da quelli che negano la luce del sole. 

La setta dei promotori e proseliti di questo sistema 6, se si 
vuole, formata dal minor numero; anzi aggiungiamo ancora che 
il maggior numero, cosi qua! &, 1'esecra e la detesta: ma poi, se 
guardiamo il fatto, noi vediamo che tutto in Europa concorre a 
darle forza ed a spianarle i passi al trionfo; la politica, la diplo- 
mazia, la pubblica educazione ed istruzione, la stampa, gli spet- 

Serie XI, vol. XII, fasc. 77d 9 10 o.'fo&re 188i 



PROGRESSI DEL SOCIALISMO 

',aeoli, le leggi, le usanze, i costumi e sopra ogni cosa la iinmo- 
ralita e la empieta, dai civili poteri piu o meno copertamente 
delate. 

Nella moderna societa del popoli, cosi detti civili, molto si 
fiaiia di progresso. Se non che, allo stringer dei conti, il piu 
.rresistibile ed evidente e quello che tende alia dissoluzione della 
societa stessa. Da per tutto si progredisce verso 1'anarchia de- 
'.mocratica, si progredisce verso la liquidazione del capitale, si 
progredisce verso la pratica negazione di Dio. Ed a chi inter- 
roga, che sia quello che piu di tutto & in via di progresso, bi- 
.^ogna, per esser sincero, dire senza ambagi : E il socialismo. 

Lo spirito massonico, essenzialmente anticristiano, antimonar- 
chico ed antisociale, invade, sotto lepiu svariate forme, tutte le fibre 
'deH'organismo in cui 1'essere deirumana societa sussiste; e per 
>cooseguenza vi prepara la dissoluzione che ogni causa mortifera 

:duce. Imperocche illudersi non serve: il socialismo proviena 
4ai massonismo, come il frutto dalla pianta: ed alia vittoria finale 
-del socialismo cooperano, conscii ed inconscii, tutti quei massoni 
monarchici e cristiani, distruttori della monarchia e del cristiane- 
simo, i quali si vantano conservator], unicamente perche ripudiano 
i corollarii piu crudi del loro sinibolo massonico. Onde, per dimo- 
$ trare i progressi del socialismo in Europa, basterebbe indicare 
quelli che, nel corso degli ultimi venticinque anni, vi ha fatto il 
predoininante massonismo. 

Tuttavia non manca il modo di fare questa dimostrazione ine- 
desiina, in guisa pid diretta. L'illustre abate Winterer, depu- 
tato dell'Alsazia-Lorena al Ifeichsrath prussiano, ha test6 pub- 
biicata un'addizione al suo bel libro intorno alia storia del 
secialisnio contemporaueo, da lui messo in luce Tanno 1878, 
;conducendo cosi la storia sino all' anno corrente 1 ; e vi rappre- 
un tal quadro dello stato del socialismo nel principal! 

jsi d' Europa, che anche troppo spaventosamente risponde al 
< -mime quesito del Dove si va? 

1 Trois anne'es de Thistoire du socialisme contemporain. Paris, V. Palme 
h&raire-editcur, 1882. 



IN EUROPA 131 

II. 

Porgeremo, in dimension! miniine, il quadro del Winterer ai 
nostri lettori; e noi pure con lui osserveremo, che niente e piu 
dannoso di una sicurta fallace, contro un gran pericolo che si 
avvicina; ed ai nostri giorni tutto sembrando accelerare il corso 
degli avvenimenti, pu6 benissimo accadere che la scintilla di 
ieri divenga domani un alto incendio. 

Noi rammentiamo che, nel 1873, incontratici sul lago di Como 
con un diplomat! co tedesco, e caduto il ragionamento sopra il 
socialismo, questo siguore ci disse con grande enfasi : Eitenete 
per certo che il paese classico del socialismo e la Germania, 
dove esso precede con metoio inflessibile. Appetto dei socialist! 
tedeschi, i francesi sono bambini. 

II Winterer mostra quanta verita fosse in questo detto, che 
noi allora avemmo per esagerato. II socialismo teorico e nato in 
Oermania nel 1840, dagli scritti del Weitling; ed il pratico vi 
fa dipoi stabilito dall' ebreo Lassalle e da Karl Max, e tollerato 
dal potere pubblico che spero valersene per deprimere i cattolici. 
Ma il Governo non tard6 ad avvedersi che la yip era, come suol 
dirsi, mordeva il ciarlatano. Per le elezioni del 1877, i socialisti 
raccolsero 559,000 suffragi; el i tentati regicidii dell'Hoedel e 
del Nobiling provarono sin dove giungesse 1'audacia della setta 
accarezzata. Si ricorse dunque ai rigori ed alle leggi d'eccezione, 
per rintuzzarla. Nel vegnente anno furono sciolte 189 congreghe, 
aboliti 58 giornali o periodic! e confiscate 210 altre opere della 
setta, oltre lo stato d' assedio in cui si posero Berlino, Altona, 
Amburgo e Lipsia. 

Ma non per questo il socialismo alemanno si die vinto. Nel 1880 
i caporioni, raccoltisi nel castello di Wyden in Isvizzera, decreta- 
rono che 1'impresa loro si menerebbe avail ti, colfuso altresi degli 
argomenti estmlegall; e con un loro bando dichiararono aperta 
gu.jrra alia societa cristiana: Stiamo pronti, dissero, con tutte 
le forze uostre a secondare I'universale movimento che capovol- 
gera il presente ordine del mondo. 



13*2 PROGRESSI DEL SOCIALISMO 

Dopo questo congresso, 1'Impero germanico fu inondato di scritti 
stampati nella Svizzera e neiringhilterra; i settarii si strinsero 
in conventicole secrete ed il pericolo crebbe al segno, die il Go- 
Terno fu costretto a protrarre la durata delle leggi d'eccezione, 
per assicurarsi contro la baldanza d' an intestino nemico si indo- 
mabile. Di fatto 1' anno scorso, nel Eeichsrath, il deputato socia- 
lista Liebknecht pote grid are in viso al Bis mark, che proponeva 
una sua legge economica : Non gia noi siamo nelle mani del 
Bismark, ma egli & nelle mani nostre. 

Per le elezioni dello stesso anno 1881, a dispetto delle leggi 
severe e dello stato d'assedio, degli altri 15 fogli periodici 
aboliti e degli altri 55 libri confiscati, i socialisti si manifesta- 
rono piu vivi che mai: in molte grandi citta riportarono un terzo 
di voti e fecero eleggere ben tredici de 7 loro adepti. La setta cosi 
pertinacemente eombattuta dal Cancelliere e tenuta a freno, ma 
non 6 impedita d'ingrossare e di afforzarsi. 

Tutto quello che il Winterer pubblica delle condizioni del so- 
cialismo in Q-ermania, fa vedere quanto la forza coesiva dell 7 Im- 
pero si sia rallentata, in appena dodici anni da che si e formato; 
e la rapida diffusione di questa setta in ogni ordine di persone, 
non esclusa la milizia, spiega in parte perche il Bismark sia 
divenuto cosi fedele amico della pace europea. Nel caso di una 
guerra di fuori, la Q-ermania avrebbe bisogno d 7 un esercito per 
guardarsi dentro dai nemici domestici, assai piu degli esterni 
infausti all 7 Impero. Ed ecco il solo frutto chiaro e palpabile, che 
all 7 opera bismarkiana abbia germogliato il Kulturkampf. 

Meno male della Germania, ma non sicuramente bene, sta 
1' Impero austriaco, pel rispetto medesimo. Nota con ragione il 
Winterer che ancora cola, come in Prussia, il Gtoverno liberale 
ha lasciati quasi liberi i demagoghi socialisti, per opporli ai cat- 
tolici conservatori : e poi, avvistosi che si dava colla zappa nei 
piedi, ha scagliata lor contro la polizia. 

Quantunque rAustria-Ungheria, per essere paese dedito al- 
Tagricoltura, bene affetto alia storica monarchia e di fondo reli- 
gioso, si porga men cedevole alle lusingherie del socialismo, non- 
dinieno nel 1879 contava gia 202 congreghe vincolate alia setta, 



IN EUROPA. 133 

ed 11 segueute anno ne contava 224, benche molte di queste sieno 
gia state disciolte. II 14- novembre del 1880, a tremila socialist! 
bastft Tanimo di tenere una pubblica adunanza in Yienna: la setta 
Ti e grandemente aiutata dai giadei che, pur troppo, tanto spadro- 
neggiano nell'Impero degli Absburgo. L'ebreo Aronne Libermann, 
uno dei capi socialist!, le cui carte son cadute in mano del fisco, 
scriveva degli ebrei, suoi compagni di religione, che essi erano 
pronti a tutto venders, anco I'onore ed anco il loro Dio. E 
questa e la onesta razza, che trova nell' Europa cristiana tante 
simpatie e tanti appoggi ! 

Secondo i cenni che da il Winterer, neirAustria-Ungheria il 
socialismo si mantiene costante, e piti tosto aumenta che non 
scemi di forze ; e ci6 e dovuto alia prevalenza della stampa giu- 
daica, vera peste anticristiana ed antimonarchica dell'Impero. 

Similmente progredisce nell' Olanda e nel Belgio, ove, da tre 
anni in qua, si sono moltiplicate le cosi dette sezioni della setta, 
collo scopo, lo afferma la Eivista socialistica di Zurigo, di li- 
berare il pensiero ed il lavoro e di redimere la umanita che pati- 
sce. > II gergo e limpido. 

Ma nel Belgio il socialismo riceve un rinforzo potente dalla 
governante massoneria, la quale, col suo odio alia religione, so- 
spinge le plebi nelle braccia della setta, della quale il massoni- 
smo e insigne benefattore. 



III. 



La Svizzera, che il rifugio dei mestatori socialist! piu perse- 
guitati dai Govern!, ne gode ancora gl'influssi piu immediati. 
Talpra i poteri cantonali ne discacciano alcuno, o vietano qualche 
adunanza di quest! arrabbiati fuorusciti; ma c!6 fanno per dispo- 
sizione temporaria. II caso e che la cosi detta Internationale ha 
il centro suo nel la Svizzera, donde regge gli affigliati spars! pel 
mondo intero. Zurigo e Berna, nel 1881, chiusero le porte ai de- 
legati della setta, ma Coira aperse loro le sue, e Ginevra e Neuf- 
chatel ne conservano le fucine piu operose. II giornale la Revolte, 
che ^ uno dei loro piu autorevoli portavoce, nel 1880, stain pa va, 



134 PROGRESSI DEL SOCTALISMO 

senza tante eerimonie, queste memorande parole: La prossima- 
rivoluzione, che in Francia e per certo ancora in Ispagna sara 
comunista, ripigliera 1'impresa del comune di Parigi, al punto 
in cui gli assassinii di Yersaglia T hanno interrotta. Tali sono 
le idee e le speranze che i capisetta, annidati nella Svizzera, ali- 
mentano per tutto altrove. 

Avvisa giustamente il Winterer, che 1'Inghilterra eziandio 
offre un tranquillo asilo ai demagoghi e socialisti di tutti i paesi ; 
e perci6 essa pure dovrebbe risentirsi del morbo contagioso, cui da 
si libero adito in casa sua. Ma le tradizioni civili e religiose del 
popolo britannico oppongono tuttavia un preservative di qualche 
efficacia : il quale per altro non durera sempre. Or guai al Regno 
Unito il giorno in cui, per giusto gastigo d'aver ospitato con fa- 
vore gl'incendiatori degli altri Stati, avesse da sottostare ad UK 
incendio ! 

La Russia invece sembra piu esposta ad un vicino pericolo di 
tale conflagrazione. II Nichilismo che, com' esprime la parola 
stessa, compendia tutte le negazioni possibili del sistema sociali- 
stico, da tre anni sorpassa in enormita le congetture piu tetre. 
Esso, fra le altre cose, nega persino il patriottismo, inteso anche 
alia moderna, come lo nega il socialismo tedesco. I tedeschi hanno 
condannato a uiorte e provato di uccidere il fondatore del grande 
Impero germanico, n& piu n6 meno che i nichilisti russi abbiano 
condannato e poi ucciso quello Czar vittorioso, che aveva dilatati 
i confini del suo vasto Impero dal Danubio a Sarcander. 

Cio che piu sgomenta si ^, che il nichilismo russo leva i suoi 
adepti, dall'ordine dei letterati via via fino ai gradini del trono. 
II direttore del Revolte, che da Londra predicava il regolamento 
dell' assassinio, non era un plebeo, ne un mercantuccio russo, ma 
il principe Krapotkine. Nel famoso processo dei nichilisti, giudi- 
cati 1'anno 1877 a Pietroburgo, 82 de'rei erano nobili, 42 erano 
impiegati e borghesi, 17 contadini e 8 militari. 

II Winterer pensa che la sorgente primaria del nichilismo e 
da cercare neU'educazione scettica, con cui le universita formana 
la gioventu d'ambo i sessi. La studentessa nichilista ^ il capo- 
lavoro dell' istruzione atea. Costei agguaglia 1'uomo: nianeggia 



IN EUROPA. 135 

.a! pari di lui la rivoltella e lo stile, e piu che I'uomo disprezza 
la uiorte : ripudia la famiglia per essere rivoluzionaria ; ed il de- 
litto settario, non che la spaventi, ma la infiamma d' entusiasmo. 

II conte de Maistre predisse, col suo grande acume, questi 
effetti dell'educazione ateistica, die gia sin da'suoi tempi nella 
Russia si allargava; e designo persino col nome di rienistes 
(dalla voce rien che significa niente) i f atari seguaci dell'odierno 
nichilismo. Egli indovin6 tutto: cosa e parola. 

Indarno il Governo da, senza tregua, la caccia alia setta: que- 
sta ha complici ed affigllati in ogni grado, in ogni laogo, e 
sfida con tracotanza inaudita la stessa Corona, a cui si arroga di 
porre la legge, col dilemma: servir noi, o la morte. Ed il 
male vi & irreparabile, poiche serpeggia cola d' onde avrebbe a 
venire il rimedio, fra la nobilta cio&, fra il clero, fra gli educa- 
tor! e i maestri deila crescente generazione. 

II nichilismo per6, nella orrenda forma coila quale si mani- 
festa in Russia, 6 una di quelle mostruosita che debbono fare 
raccapricciare 1'Europa. Se mai giungesse a rendersi padrone, 
bench6 per poco tempo, dell'Impero degli Czar, Derive il Vat&r- 
land, un torrente devastatore, il cui simile non mai si e visto, 
ingoierebbe nelle sue stragi tutto il continente. 



IV. 



Fortissimo ostacolo alia propagazione del socialismo in Europa 
a.vrebbei'0 opposto le nazioni latine, ossia cattoliche, se non si 
fossero in gran parte ribellate alia fede, al Papato ed alle isti- 
tuzioni monarchiche. Corrotte dal massonismo, che da per tutto 
e precursore e preparatore del socialismo, si sono pur esse am- 
morbate e vanno quasi di pari passo colle altre nazioni. 

Meno guasta delle altre ^ la Spagna: e tuttavolta, nel 1869, 
la setta internazionale vi numerava ben 20,000 adepti, ripar- 
titi in 195 sezioni; ne si ha alcun argomento di credere che 
questa forza dissolvente vi sia diminuita. II tentato regicidio del 
Moncasi, le frequenti sedizioni dei contadini contro i possidenti, 
il rifiuto di pagare i fitti, sotto pena dell 7 incendio, e gl'incendii 



136 PROGRESSI DEL SOCIALISMO 

che veramente si seguono nelle fattorie, e poi gli scioperi metodici 
che tratto tratto vi si fanno, provano che la setta vi k vigorosa 
ed in fiore. Nel congresso die questa ha tenuto in Barcellona, 
i delegati, dopo accolto il programma del cosi detto collettivismo^ 
han mandate augurii e congratulazioni ai nichilisti di Russia. 

Dopo uscito il libro del Winterer, cioe cadente il settembre 
scorso, i pubblici fogli ci hanno informati del nuovo congresso te- 
nuto in Siviglia dai settarii spagnuoli, e della Memoria letta ivi dal 
segretario, per la parte esterna, della federazione. Da questo docu- 
mento si ritrae che la societa fa assegnamento, per quest' anno r 
sopra un' entrata di lire 600,000, e che il suo stato presente e di 
10 comarche, di 209 federazioni locali, di 632 sezioni d'uffizii; 
e in tutto annovera 49,561 affigliati. II progresso e evidente. In 
quest'adunanza, formata di 212 delegati, parlo ancora una donna r 
la quale concltise il suo dire cosi: Difendiamo uniti e con co- 
stanza i principii dell' anarchia e del oolletUvisrho, che sono 
la nostra guida ; e fra il popolo e questo vecchio edifizio sociale 
facciamo che periscano coloro che ci sfruttauo. 

La Francia poi e quasi fra gli artigli della setta, che 1'apparec- 
chia alle ultime conseguenze del sistema, per mezzo della masso- 
neria, piu sfrontata che altrove. II Governo sembra fatto apposta 
per abbattere ogn' impedimento al disordine dell' anarchia. I 400 
delegati, che il Groverno stesso riuni e salari6 al tempo dell' ul- 
tima gran mostra industrial di Parigi, diedero un impulso nuovo 
agl' increment! del socialismo. Tranne poche diversita nei con- 
cetti, i sicofanti della plebe si sono accordati in questi punti : 
disciplinare gli operanti di ogni mestiere, ed assegnar loro per 
termine la conquista delle terre e del capitale; strappar loro dal 
cuore ogni fede religiosa, e indurli, col suffragio universale e, se 
occorre, coi sollevamenti, a mettere i capi socialisti al governo 
della Francia. 

Tra questi sicofanti che aspirano a dominare il paese, dopo i 
Gambetta ed i Grevy, sono i famigerati comunisti reduci dalle 
galere di Numea, che la fan da padroni nelle maggiori citta. 
Nei tre congressi raccoltisi in Marsiglia, Parigi e Lione, il pro- 
gramma loro e stato ridotto a questa formola brevissima : La 



IN EUROPA 137 

terra ai contadini, gl' istrumenti agli operai, il capitale al popolo. 
Intanto hanno divisa la Francia in sei region!, ciascuna delle 
quail e retta da una commissione: queste preparano i congressi, 
ai quail intervengono poi i delegati d'ogni ordine, professione e 
mestiere. A quello regionale del centre, tenutosi in Parigi il 1 3 
luglio 1880, erano i delegati di 32 associazioni, che comprende- 
vano 60,000 operai. 

Senonche, dopo pubblicatosi il libro del Winterer, i giornali 
di poche settimane or sono, hanno rivelato all'Europa, che nella 
sola citta di Parigi si era alia chetichella ordinato un esercito di 
coraunisti, che contava ben 22,000 rivoltosi pronti ad ogni fatto; 
o ne davano Torganismo, i titoli e il numero d'ogni fazione. E 
mentre scriviamo, i giornali medesimi ci ragguagliano del con- 
gresso socialistico riunitosi in Saint-Etienne e poi in Roanne, al 
terminar del mese di settembre, nel quale si 6 fatta questa in- 
credibile professione di empieta. L'alleanza di tutti i socialist!, 
comunisti, anarchist! e dite voi, si dichiara atea, e considera gli 
Dei e le religion! quale mezzo il piu inesauribile di umano ab- 
brutimento. 

Questa bestemmia fa orrore ; ed a chi serba anche un avanzo 
di senso morale fa vedere le immani disorbitanze che racchiude 
in germe: eppure il Governo di Francia nel fatto opera n& pifi n& 
meno di quel che questa cricca di anarchist! sentenzia: giac- 
che cos'altro e il suo insegnamento laico, obbligatorio e gra- 
tuito, se non che la pratica di un ateismo inoculato per forza 
nelle menti della gioventu, affinche si avvezzi anch' essa a con- 
siderare Dio e la religione come uno strumento di bestialismo ? 

In fine viene 1' Italia, che il Winterer dice grandemente per- 
vertita dal socialismo, nel volgere degli ultimi tre anni. E lo 
prova col tentato regicidio del Passanante, che si collegava con 
una cospirazione generale nella Penisola, col manifesto della fe- 
derazione bolognese del 1878, che intimava guerra implacabile 
alia societa, e coi cenni raccolti nelF Annuario della scienza 
sociale, che si pubblica nella Svizzera; dai quali si ritrae che le 
sezioni della setta socialistica, nello stesso anno 1878, si erano 
moltiplicate, con questo divario, che nel centro dell' Italia i de- 



138 PROGRESSI DEL SOCIALISMO 

magoghi si svelavauo piu maneschi e attivi, e nel settentrione 
pill teorici e dottrinali. 

Adduce inoltre la testimonianza del signor di Laveleye, fervido 
amico della miova Italia, che visitft 1'anno 1880 1' university di 
Napoli, e scrisse che quella scolaresca in gran numero s'era 
arrolata nelle societa demagogiche. Darante il 1881, i caporali 
della setta hanno raggruppati in sezioni numerosissimi operai : un 
congresso, adunatosi secretamente in Pontemariano, decret6 che 
1'agitazione si mantenesse legale, persino a tan to che il popolo 
non fosse apparecchiato ad insorgere di fatto contro il Governo- 
stabilito. II circolo operaio di Milano, che aveva ben 1600 mem- 
bri, 1'anno passato si fece rappresentare al congresso di Zurigo, 
come altri delegati della setta d' Italia 1'avevano rappresentata 
in quelli di Londra e di Coira. Finahnente in tre anni il giorna- 
lismo socialistico si e rinforzato di dieci nuovi periodic!, che so- 
stengono le sue dottrine. 

Ma il chiaro scrittore non ha potuto conoscere quanto piu, nel 
suddetto periodo di tempo, siasi propagato il socialismo, o per dir 
meglio, il sistema del disordine universale, in questa inisera no- 
stra patria. Allorche nel 1876, fra le maledizioni e i sarcasmi 
di tutta la nazione, cadde dal potere per non piu risorgere il 
partito chiamato dei destri, 

A Dio spiacenti ed ai nemici sui , 

le associazioni antimonarchiche sparse per la Penisola, non som- 
mavano a piu di 46. Succedutogli il partito che si chiama del 
sinistri, ne'sei anni del suo predominio, sono cresciute fino al 
numero di 411; e sempre si moltiplicano come i funghi l . 

Basti dire che si seppe dai giornali, come ii 20 agosto decorso 
fu tenuta in Senigaglia un'adunanza di societa repubblicane, 
per le Marcher e vi erano, per quest' unica regione, rappresentate 
oO societa, delle quali 23 appartenenti alia sola provincia d'An- 
cona: ed in quest' adunanza si stabili la formazione di comitati 
circondarii per sei dolle principal! citta 2 . 

1 V. nell' Univers di Parigi, la corrispondcnza di Roma, num. dei 18 settembre 
4 Osservatore Romano, num. dei 25 agosto 1882. 



IN EUROPA 139 

I comizii che dipoi si sono raccolti da per tutto in Italia, spe- 
cie nelle Romagne, troppo noti sono, come notissimi sono i punti 
di riforma sociale che vi si sono approvati e vi si approvano, 
benche si cerchi tenerli secret!. Per esempio, il 10 settembre i 
socialist! e republican! di Siena firmarono, in un loro comizio, il 
mandate imperative da ingiungersi ai candidati della provincia, 
per la deputazione alia nuova Camera, che sta per essere eletta. 
Questo mandate comprende 17 capitoli, il primo dei quali e suf- 
fragio universale, tanto politico, come amministrativo ; il terzo 
e abolizione del primo articolo dello Statute >; il quarto abo- 
lizione dell'esercito permanente e sostituzione della nazione ar- 
mata 1 . > 

In fine il grande Oriente della massoneria italiana, di quella 
massoneria che regge e governa la maggior parte dei governanti 
il paese, in un suo manifesto elettorale, raccomanda agli adept! 
di dare il voto a coloro che caldeggiano P abolizione delle pa- 
pali guarentige e la revisione dello Statuto, negli articoli che 
non consuonano piu colle esigenze dei tempi nuovi. Nessun culto 
privilegiato : chi vuole il culto lo paghi. Le canoniche mutate in 
iscuole e in comode abitazioni per i maestri e per 1'ufficiale 
istruttore dell' esercito nazionale. Abolizione completa delle con- 
f raternite ; conversione delle rendite delle Opere pie. Sostituzione 
graduale dell'esercito permanente nella nazione armata. Dal 
che si vede che la massoneria e" oggi in Italia, come in Francia, 
la fucina attivissima del socialismo, per ci6 che riguarda la di- 
struzione della Chiesa e della monarchia, che ha da precedere 
la liquidazione, ossia il latrocinio della proprieta privata. E 
questa e un' altra prova del quanto sia vero, che la massoneria 
non e altro se non che un' istituzione di beneficenza ! 

Che piu? Siamo informati che, in quest! ultimi tempi, si son 
venute costituendo nall'Italia societa di giovani, i quali non sola- 
mente si legano fra loro con giuramento di non mai praticare 
yerun atto di culto, ma di fare il maggior male che sia loro pos- 
sibile, derubando i genitori in casa, tuffandosi nel lezzo delle piu 

1 VAvanti di Siena, num. dei 20 agosto 1882. 



140 PROGRESSI DEL SOCIALISMO 

ignominiose abbominazioni e coinmettendo tutti i delitti che, a 
mano salva, sia lor dato di commettere contro gli uomini, gli ani- 
mali e le cose altrui. In Napoli questa congrega prende il nome 
di Societa della mala vita, in Glenova quello di Societa del mal 
fare; e cosi via via altrove. Nolle Romagne poi vi sono leghe, 
nelle quali e promesso agli adepti che, a spese comuni, si por- 
ranno lapide nel cimitero, per onorare quelli di loro che in punto 
di morte ricuseranno gli aiuti della Chiesa. 

Come si vede il satanismo, che rampolla dalla massoneria, 
tocca in queste societa 1' apice suo estremo, che e P odio del bene, 
perch6 bene, e 1'odio contro tutto il creato. I giovani membri di 
queste infernali combriccole gia praticaao il satanismo, proprio 
solo de'massoni pift perfetti, quale e, per esempio, uno dei grandi 
manipolatori delle odierne leggi ateistiche d'educazione in Fran- 
cia, che interrogate come potess'egli mai non credere in Dio: - 
Y'ingannate, rispose; io credo in Dio, si, vi credo, ma 1'odio ! 

y. 

Premesso avanti gli occhi dei lettori questo sgomentevole 
quadro, abbiamo o no ragione di affennare, che il socialismo & 
quella parte della civitta moderna, che pi ft d'ogni altra progre- 
disce in Europa? Quindi alia comune ed universale inter rogazione- 
del Dove si va? noi pensiamo si possa francamente rispondere T 
che si va addirittura allo sfasciamento dell'ordine sociale. 

E cio tanto piu, che vediamo da per tutto crescere di vigore le 
cause che accelerano il moto verso quest'abisso, e decrescere quelle 
che avrebber virtu di ritenerlo. II primo maggiodi quest'anno 1882 
il Musolino cosi descriveva lo stato della societa in Europa, e se- 
gnatamente in Italia, alia presenza de' suoi collegati del Senato. 
II pervertimento degli spiriti 6 generale: la pubblica moralita 
& ribassata enormemente e ribassa tutto giorno sempre piu. La 
religione dominante in tutti i paesi e quella del vitello d'oro, la 
smania dei subiti guadagni e delle fortune colossali; e per con- 
seguirle non si lascia mezzo intentato, non si rifugge neppure 
dai pid perfidi ed atroci delitti, dai privati, dai Groverni, dalle 



IN EUKOPA 141 

stesse nazioni complessive ! La pretesa fratellaoza del popoli e 
nn cannibalismo tacitamerite legalizzato. 1 

Or che si fa per infrenare un tanto sregolamento delle pas- 
sioni? Nulla: e invece si perseguita la religione, si inceppa il 
clero, si infama il catechismo e si da favore, anche legale, a 
tutto ci6 che pi ft e peggio corroinpe il popolo ed allenta i vin- 
coli naturali e cristiani della societa civile e della domestica. 
Da per tutto allo spirito del cristianesimo, che medica e sana, si 
sostituisce quello del massonismo, che impiaga ed uccide. Per 
conseguente, se Dio con un quasi miracolo di sua provvidenza non 
la preserva, 1' Europa dee per necessita, entro un breve giro di 
anni, cadere nel baratro del socialismo. 

Ma di questo quasi miracolo non si scorge segno alcuno, che 
desti speranze. Tutti gl' indizii sembrano persuadere, che Dio vo- 
glia lasciare andar 1'acqua per la china, e non impedire che 
il secolo superbo, apostata, insatanassato, sperimenti gli effetti 
uitiini del suo delirio di ribellione a lui ed al suo Cristo. 

Due volte in novant'anni la Provvidenza ha fermata la Blvo- 
luzione, acciocche non travolgesse negli estremi eccessi suoi V Eu- 
ropa: 1'anno 1814, quando abbatt5 1'orgoglio conquistatore del 
primo Bonaparte, in cui si personificava la tirannide della demo- 
crazia coronata; e gli anni 1849 e 50, allorche in Eoma, in Parigi, 
in Berlino, in Vienna fu fiaccato il socialismo, sul punto di affer- 
rare la vittoria. 

Ma ecco ben vent' anni che quest' idra, sotto 1'egida del masso- 
nismo governante, ha rialzata la testa e ripresa possanza; ne si 
vede sorgere chi le dia in capo e ne umilii V audacia. Pift tosto 
da per tutto e blandita, o indirettamente favorita, ancora da chi 
pift si vanta risoluto di ester min aria. Che dedurne adunque? Ra- 
gionevole sembra il dedurne, che Iddio, pe' suoi giusti giudizii, vo- 
glia permetterne un trionfo, passeggero si, ma tremendo all' Eu- 
ropa prevaricata. 

Fra T imperversare del disordine e nella tempesta che agita i 
popoli e le nazioni, la sola Chiesa e con visibile mano da Dia 

1 Atti ufjlc. p. 2636. 



142 PROGRESSI DEL SOCIALISMO IN EUROPA 

>confortata e rinvigorita. II prodigio di unita e di fermezza cou 
<;ui, serrata intorno al suo Capo, da per tutto regge gli assalti 
della Rivoluzione e li ribatte, fa manifesto che in lei sola e la 
forza salvatrice; e da lei la cristianita civile avra salute, dopo che 
rimminente flagello 1'avra subissata. 

Dio sa per quali acque e per quali fuochi avran da passare le 
nazioni europee, prima che 1'azione vivificante della Chiesa ie 
ristori. Ma quando i barbari domestic! , formatici dal massonismo, 
avranno adempiuto 1'uffizio, che i barbari esterni ebber da com- 
piere a distrazione del pagano Impero di Roma; quando fra i ca- 
taclismi sociali saranno periti gli edificii politici, inventati dal 
massonismo per tiranneggiare i popoli ed opprimere il Eegno 
di Cristo nella terra; quando la strapotenza del giadaismo sara 
sparita fra i saccheggi e gTincendii; in somma quando 1'ira di 
Dio, per dato e fatto del socialismo suo giustiziere, avra purgata 
FEuropa dall' immondizia del liberalismo e di tutti i malanni 
che vi ha generati, allora & lecito credere che la Chiesa, florida 
sempre di vita immortale, rinnovera 1' opera trasformatrice del 
medio evo e rifara il mondo civile e cristiano. Ma tutto induce ad 
argomentare, che innanzi debba precedere il recedant vetera, 
ossia un che di simile al diluvio noetico, od airincenerimento della 
Pentapoli. 

Tristi sono questi presagi. Ma noi sfidiamo chi che sia, il quale 
?eda chiaro la strada per cui tutta la nostra civiltd, cammina e 
eorre e si precipita, a fame altri pifr lieti e giulivi. 



SCONNESSIONI LOGICHE 

DI DUE ARTICOLI 

DEL SIG-. SENATORS CADOMA l 



I. 

Dopo le tre riviste che facemmo di due scritti del signer Car- 
dorna sopra la teorica giuddica liberalesca, inseriti 1'uno nel- 
YOpinione e 1'altro nella Gazzetta d' Italia 2 ; 1'Onorevole Se- 
natore dett6 tre articoli sopra lo stesso argomento nel periodico: 
Nuova Antologia. Noi esaminammo ii primer 3 ; e perciocche n<m 
trovammo negli altri due nulla di sostanzialmente nuovo; credem- 
mo di dovercene passare, non vedendo bisogno di ulteriore di- 
scussione. 

Noi avevarao dimostrato contro di lui che la Chiesa 6 vera so- 
cieta pubblica e potere giuridico, perche come tale profetizzata 
nell'Antico Testameuto, come tale istituita da Cristo nel Nuovey 
come tale presentatasi e sostenutasi nel mondo, come tale ricono- 
sciuta sempre dagli Stati Politic!, come tale confessata implicita- 
mente dallo stesso Liberalismo italiano ia virti\ della legge delle^ 
guarentige papali. Essendo la Chiesa societa, in rigor di termini^ 
pubblica e potere giuridico, ha vera giurisdizione su gli atti esterai 
dell'uomo sociale, vuoi puramente morali, vuoi morali e insiem^ 
giuridici, purche si riferiscano agli ordini della religione. Ill 
criterio dunque per deftnire le attribuziooi del potere civile e del- 
1' ecclesiastico, pel governo dello stesso ed identico uomo, suddito- 
dell'imo e dell'altro, non pu6 desumersi, come vorrebbe il Cadonia,, 

' esterioritd o giuridicita deH'atto; ma sibbene dal/w^ 

1 Vedi Civilta CattoUca Serie XI, vol. X, pagg. 322, 444. 

2 Civilta CattoUca luogo teste citato, pag. 641. 

3 Civilta CattoUca, Serie XI, vol. XI, pag. 18. 



144 SCONNESSIONI LOGICHE 

condoche e proprio d'ogni potere, a qualunque ordine appartenga. 
Gli atti, che puramente si riferiscono al fine religiose, sono di 
esclusiva pertinenza della Chiesa; quelli, che puramente si riferi- 
scono al fine politico, sono di esclusiva pertinenza dello Stato; e 
quelli che toccano 1'un ordine e 1'altro, detti perci6 materie miste, 
son da comporsi per mezzo di amichevole accordo. 

II signor Cadorna invece di ribattere le ragioni, con le quali 
furono queste cose dimostrate da noi, torna in campo colle solite 
affermazioni liberalesche, che tutto ci6 che & esterno e giuridico 
nella societa appartiene allo Stato ; che cosi solarnente si rimuo- 
vono i litigii ; che altrimenti sarebbe distrutta la sovranita civile, 
cioe a dire 1'onnipotenza dello Stato: le quali sofisterie erano 
gia state da noi disciolte nelle precedent! nostre risposte. Cio 
posto, ci sembrava che il continuar la polemica sarebbe stato 
anche per parte nostra un' inutile ripetitura e un combattere un 
avversario che fuggiva lo scontro. 

Se non che alcuni nostri lettori si son doluti di questo nostro 
silenzio, e ci hanno chiesto che come a compimento della tratta- 
zione dovessimo dir qualche cosa anche de'due articoli, che re- 
stavano non toccati. Noi li contenteremo. Ma per evitare di di- 
spiacere ad altri, che forse non sentono lo stesso desiderio e si 
noierebbero di veder ribaditi punti non bisognosi di conferma- 
zione; ripiglieremo la discussione sotto un altro aspetto, cio5 sotto 
quello delle sconnessioni logiche, in cui cadono i due articoli 
sopraddetti. Avvertiamo perd che non intendiamo parlare di tutte ; 
perche in tal caso dovremmo dettare non un articolo ma un libro, 
non essendoci quasi pagina di quei due scritti in cui non se ne 
trovino in abbondanza. 



II. 



Le sconnessioni logiche cominciano fin dalla prima pagina del 
primo dei due articoli. Yolendo indirettamente persuadere ii suo 
sistema politico religiose, fa cenno degli abusi e delle lotte tra 
i due poteri, che accadevano nel sistema contrario, da lui diviso 
in due, cio& nel giurisdizionale, e in quello che egli chiama 



DI DUE ARTIGOLI DEL SIG. SEN. CADORNA 145 

e politico, ma die fuor di gergo e il cattolico. Egli dice 
che quest! abusi e queste lotte nascevano dalla mesco Lanza e 
eonfusione delle materie e delle competence delle due autorita, 
che 1'uno e 1'altro di quei sistemi facevano 1 . Che cio sia vero 
del prime sistema, facilmente lo concediamo; giacche esso attri- 
buiva allo Stato il ins in sacra, sognato dal protestante Grozio, 
ed accolto qual preziosa gemma dai cosi detti regalisti. Ma da 
ogni persona assennata deve negarsi del sistema cattolico, il 
quale talmente attribuisce al poter della Chiesa la qualita di per- 
sona pubblica e di ente giuridico, che lo distingue dal potere ci- 
vile, e quindi distingue di entrambi le competenze e le materie, 
secondo i fini. II Cadorna sostiene quell' errore, perch& e fisso 
nella sua idea che una sia 1'autorita sovrana, quella cio5 dello 
Stato, per regolar tutto 1' uomo nelle sue relazioni sociali. Ma un 
tal concetto non e cristiano ; e pagano. Nel concetto cristiano 1'au- 
torita suprema e duplice: quella dello Stato e quella della Chiesa; 
1'una per ci6 che riguarda la felicita temporale, Taltra per ci6 
che riguarda la felicita sempiterna. Cosi ha voluto Cristo, e 
Cristo non riceve legge dal signer Cadorna. 

Ma da un tal concetto nacquero abusi e lotte. Distinguiamo : 
nacquero per se, neghiamo ; per accidentej concediamo ; ossia in 
altri termini: quegli abusi e quelle lotte nacquero non per natura 
del concetto, bensi per fralezza o malizia degli uomini. Quel con- 
cetto di per s& e fonte di armonia e di pace, perch& pone le cose 
nel debito ordine. Nondimeno, poiche T applicazione di esso si fa 
da uomini, e 1'uomo ^ peccabile; ne viene che talora accadano 
abusi e dissidii. Ma primieramente e illogico per cagion del- 
1' abuso, voler distrutta la cosa. In tale ipotesi non dovrebbe piu 
restare in piedi istituzione alcuna. La proprieta, il matrimonio. 
il potere civile, non danno luogo ancor essi ad abusi e dissidii ? 
Li sbandiremo perci6 dal inondo? Non altrimenti ragionano i So- 
cialisti. 

In secondo luogo, se il Signor Senatore s' induce a riguardar 
quegli abusi e quelle lotte con occhio non giansenistico ma cat- 
tolico, vedra che gli abusi procedettero sempre da parte dello 

1 Nuova Antologia, seconda Serie, vol. XXXIII, pag. 445. 

Serie XI, vol. Xll,fa8c. 116 10 10 ottobre 1882 



146 SCOXNESSIONI LOGICHE 

State non della Chiesa; e se la Chiesa entr6 nelle lotte, vi entro 
per dovere di resistenza a chi invadeva le ragioni del Santuario, 
che al trar de'conti son le ragioni di Cristo. Rechiamone nn 
esempio, e sia tolto da quelli che accenna lo stesso Signer Ca- 
dorna. Nel 1715 il Ponteftce, con suo decreto, aboli il cosi detto 
Tribunale della Monarchia in Sicilia; e, poiche non si obbe- 
diva al suo decreto, fulmin5 contro i ricalcitranti la scomunica e 
Finterdetto. Vittorio Amedeo II, re di Piemonte, a cui in quel. 
tempo apparteneva la Sicilia, si oppose al Pontefiee ; e, poiche i 
Q-esuiti obbedirono agli ordinamenti del Papa,, li scaccio dal- 
Fisola sepestrandone i beni. Per la stessa cagione band! un 
gran numero di preti e di frati e intiino il confine alFArcive- 
scovo di Palermo. E, poich6 sentiva piu di snltano turchesco che 
di principe cattolico, minacci6 il Papa di far della Sicilia una 
seconda Inghilterra. Fu fiera quella lotta. Ma da qual parte stava 
il torto? Da quella del Papa, che riparava un immense abuse; 
ovvero da quella del Re che no voleva la continuazione, e tiran- 
nescamente puuiva coloro che face vane il ioro dovere unifonnau- 
dosi agli ordini del Papa? 

li signer Cadorna, per togliere radicalmente il pericelo di 
simili lotte, suggerisce un mezzo assai comedo: Rimoviamo del 
tutto dalle relazioni sociali e giuridiche il potere ecclesiastico, e 
diamo ogni cosa per questo lato al potere civile. Certo, se di due 
possessor!, scacciate 1'uno, dando tutto all'altro; non ci sara pid 
pericolo di contesa. Ma in prima potremmo noi cello stesso di- 
ritto ripigliare: Se per assicurare la pace, convien lasciare solo 
Funo de'due; si lasci sola la Chiesa cacciande via lo Stato. 
Per fermo il governo de' Yescovi nelF ordine civile riuscirebbe 
men gravoso ai popoli, che non quello de' proconsoli liberaleschi. 
Che dite di questa proposta? Non si pu5, replicherete, perche lo 
State ha origine dalla natura. E la Chiesa, ripigliamo noi, ha 
origine da Cristo, il quale 6 qualche cosa da piu della natura, 
perch^ & suo creatore e signore. Inoltre credete voi che, rimo- 
vendo dalF ordine giuridico la Chiesa, cesserebbe la lotta? Anzi 
diventerebbe piu acerba e continua; perche non nascerebbe pid 
da un'eccezione all'ordine, ma dal disordine costituito in prin- 



DI DUE ART1COLI DEL SIG. SEN. CADORNA 147 

-cipio. Poich& & impossibile che la Chiesa e i cattolici accettino 
mai la teorica del signor Cadorna, 1'ostilita tra i due poteri 
fonnera la base stessa del sistema sociale. Lo Stato fara leggi in 
opposizione de'canoni dell a Chiesa; ed esse saranno considerate 
da' fedeli come tiranniche e nulle. Lo Stato apparira agli occhi 
loro come oppressore delle coscienze: esso si esautorera da s5 
stesso, con quel disprezzo dell' autorita civile, e turbamento della 
pace pubblica che ne & natural conseguenza. II risultato ultimo, 
se ben si considera, sara la discordia cittadina e la niinista siste- 
matica tra sudditi e Governo. 



III. 



II signor Cadorna per provare che la lotta cesserebbe, mette 
fuori una bellissima teoria. Egli dice: Per lo Stato, ente morale 
6 giuridico e naturalmente impersonale, non vi- sono ne possono 
essere doveri religiosi; eppercift non vi possono essere contrast! 
tra i precetti di una religione e quelli delle leggi che sono e 
debbono essere la sola sua norma. Egli, in fatto di religione, uon 
deve agli uoniini se non la liberta e la guarentia della loro liberta. 
Lo Stato coevo all'uomo, esistente per fatto e precetto naturale, 
preesistente a tutte le religioni, in quanto si manifestano ester- 
namente in una forma qualunque chiesastica, non & retto se non 
dalle leggi naturali, che dimanano dalla costituzione della persona 
umana; e siccome e incompetente in religione, cosi non 6 soggetto 
a cessuna legislazione ed autorita religiosa. Per lui le autorita 
religiose, riconosciute dalle diverse societa religiose, e come se 
lion esistessero come autorita ^ e alle medesime non deve, sic- 
come agl'mdividui, se non la guarentia della liberta religiosa. 
Un contrasto tra lui e un' autorita religiosa 5 perci6 impossibile 
sul la base delle leggi che gli diedero 1' essere, e che regolano il 
suo potere, e la sua azione. E poiche mi occorrera parlare di 
contrast! fra i comandi dell' autorita della Chiesa e dello Stato, 
dichiaro che non ne parler6 se non come di un fatto materiale, il 
quale sebbene non possa fermare V azione dello Stato, ne variarne 



148 SCONKESSIOM LOGICHE 

rindirizzo, pu6 per6 agire sulla coscienza dell'uomo individuo 
che 6 insieme credente e cittadino l . 

Sconnessioni logiche a iosa. Cominciamo dal primo periodo. 
Dice naturalmente impersonale lo Stato, e perci6 non soggetto 
a doveri religiosi. Qui, con nostra meraviglia, il capo del consiglio 
di Stato contraddice al primo articolo dello Statute; il quale, 
benche sapesse meglio di lui che lo Stato e impersonale, nondi- 
meno gli asse'gna nna religione, cioe la cattolica apostolica ro- 
mana, e per6 lo crede stretto da doveri religiosi. Ma sia nulla 
di cid. Domandiamo al signer Cadorna se lo Stato, quantunque 
impersonale, abbia doveri. Se ci risponde che no ; ci da la chiave 
per intendere il perche lo Stato liberalesco si arroga di peter 
fare tutto quello che gli piace, senza nessun rigaardo alle leggi 
naturali della giustizia. Se poi ci risponde che si, vorremmo sa- 
pere come dal numero dei doveri possano escludersi i doveri verso 
Dio, che son principio e fondamento di tutti gli altri. Ma con- 
sideriamo la cosa per se stessa. Se lo Stato & naturalmente 
impersonale, cio& non persona fisica, e nondimeno persona mo- 
rale, ente morale e giuridico > com' egli lo chiama. Or la per- 
sona morale, non altrimenti che la persona fisica, & subbietto 
come di diritti cosi ancora di doveri. La ragione di personality 
porta seco come il godimento de' diritti, cosi ancora 1'obbliga- 
zion de' doveri. Or tra i doveri primeggiano quelli che riguar- 
dano Dio; val quanto dire i religiosi. Da questi non pu6 scio- 
giiersi nessuna personality fisica e morale che sia. Potra une 
Stato, come rappresentante della societa, trovarsi non legato a 
un determinate culto, quando la societa stessa & scissa in diversi 
culti, a cui lo Stato debba eguale protezione; ma dire general- 
mente che non essendo persona fisica non ha ne pn6 avere doveri 
religiosi, e un solenne sproposito. Lo Stato, in quanto Stato, ha 
qualita di ministro rispetto a Dio, vero Sovrane degli uomini ; e 
sarebbe curioso un ministro che non si credesse stretto da doveri 
verso il Sovrano che rappresenta. 

Egli (cioe lo Stato), soggiunge, il signor Cadorna, in fatto 
di religione non deve agli uomini se non la liberta e la gua- 

1 Nuova Antologia, Seconda Serie, vol. XXXIII, pag. 455. 



DI DUE ARTICOLI DEL SIG. SEN. CADORNA 149 s 

rentia della loro liberta. Yeramente rispetto ai popoli, che per 
divina merc son gia in possesso della vera religione (quale a 
gitidizio dallo stesso signer Cadorna e la fede cristiana), lo Stato 
secondo la dottrina de'SS. Padri deve agli uomini qualche cosa 
di piil che non la semplice liberta. Ma per non entrare in lunga 
discussione, abbiasi la sua proposizione per data e non concessa, 
come suol dirsi. Che cosa ne seguira? Per questo appunto che in 
fatto di religione lo Stato deve guarentire la liberta de'cittadini, 
deve guardarsi dal far leggi contrarie alia loro coscienza religiosa. 
Se dunque i sudditi sono cattolici, deve guardarsi dal fare leggi 
anticattoliche. II fare altrimenti non e un guarentire ma un op- 
primere la liberta de' sudditi. 

Piu sconnesso ancora e ci6 che dice piti sotto, cioe~ che le 
autorita religiose, come autorita, sono per lo Stato come se 
non esistessero; e poi soggiunge che lo Stato deve alle me- 
desime, come agli iudividui, la guarentia della liberta. > Lo 
Stato deve guarentire la liberta di chi per lui non esiste ! Se 
per lui non esiste, per lui non opera ; e se non opera, non ci 
e liberta da guarentire. Dira: le guarentisce la liberta, con- 
siderando in lei 1'operare dell' individuo, in quanto tale. Ma 
1'operare dell' individuo, in quanto individuo, non e 1'operare del- 
1' autorita. Acciocche 1'operare dell' autorita abbia luogo, convien 
che 1' individuo si riguardi come subbietto della medesima, e 
per6 non pu6 guarentirsi come tale, senza che 1' autorita si con- 
sided come esistente in lui. E pero son concetti contraddittorii 
il dire che 1' autorita religiosa e per lo Stato come se non esi- 
stesse e che esso nondimeno le guarentisce la liberta. 

Lo stesso ha luogo dell'altra proposizione, che lo Stato e coevo 
all'uomo. Per capire ci6, bisogna pensare che Adamo era uno 
Stato. Piuttosto coeva aH'uomo dee dirsi la religione; giacch6 
non pu6 aversi esistente una creatura razionale, anche sola, senza 
che sia stretta da doveri verso Dio, suo creatore e Signore. Ma 
il signor Cadorna volea dire che lo Stato & anteriore alia Chiesa, 
almeno sotto la forma datale da Cristo. Sia. Che segue da ci6? 
Che il priino e superiore alia seconda? Allora diremo che i bruti 
son superiori aH'uomo, perche vennero alfesistenza prima del- 



150 SCONNESSIOKI LOGICHE 

1'uomo. La superiority non si deduce dall' anteriorita di terapo r 
ina dall'eccellenza e dignita del subbietto. 

La CMesa veramente cominci6 fin da che comincift la fede in 
Cristo. Or la fede in Cristo coinincift in Adamo; a cui, dopo il 
peccato, fa tosto prenunziata da Bio la venuta del divino Bi- 
paratore. La forma di societa, una e visibile, con determinata 
gerarchia, le fu data da Cristo nella pienezza de' tempi. Ma Cristo, 
assoluto Signore di tutto ci6 che & in cielo ed in terra, ben pote 
darle diritti indipondenti dallo Stato e superior! allo Stato, del 
quale egli stesso era creatore e padrone. Lo Stato, dice il signor 
Cadorna, non & retto, se non dalle leggi natural! ehe dimanano 
dalla costituzione della persona umana. Ma le leggi naturali, di- 
mananti dalla costituzione della persona umana, non comandano 
di obbedire a Dio, e sottoporsi a ci6 che e piaciuto a lui di 
stabiiire? 

In fine & curioso ci6 che dice da ultimo, che il contrasto tra 
lo Stato e 1' autorita religiosa 5 impossibile sulle basi delle leggi 
ehe gli diedero 1'essere, e che se egli ne parlera, ne parlera 
come di un fatto materiale, il quale peraltro non pu& fermare 
1'azione di esso Stato ne variarne 1'indirizzo. Quante parole al- 
trettante sconnessioni. Ogni contrasto tra due autorita e sempre 
un fatto materiale e non pu6 essere altro; perocche ne' diritti, 
riguardati in loro stessi, non ci ha conflitto. Quando diciamo che 
i diritti collidonsi, e questo un nostro modo di esprimerci ; ma 
in realta non vogliamo signiftcare, se non la subordinazione che 
hanno tra loro. II diritto inferiore cede di natura sua al diritto 
superiore, rimanendo in pace con esso; e se si vuol far preva- 
lere contro del medesimo, ci6 non 6 altro che un fatto materiale 
di una volonta, non assistita da diritto, ma solo spinta da pas- 
sione disordinata. Onde 5 vana e non ha senso la dichiarazione 
di voler parlare del contrasto tra le due autorita, solo in quanto 
un fatto materiale. II contrasto tra due autorita, come abbiam 
detto, non pu6 mai essere che fatto materiale. 

E per6 e falso che esso non possa fermar 1' azione dello Stato o 
mutarne 1'indirizzo. Iniperocch^ se il torto di un tal fatto ma- 
teriale stia dalla parte sua, e evidente che esso deve arrestarsi 



DI DUE ARTICOLI DEL SIG. SEN. CADORNA 151 

e correggersi. Per dire che il contrasto, dove avvenga, non pu6 
mai fermare 1'azion dello Stato, convieu fare la supposizione che 
il torto non possa mai stare da parte dello Stato. Ma per fare 
una tal supposizione, bisogna stabilire che lo Stato sia infalli- 
bile, o che abbia assoluto dominio ed arbitrario su tutto e su 
tutti; onde checch faccia o checche voglia, non esca mai dal 
suo diritto. Insomma, bisogna fame un Dio ; il Bio Stato. E a 
questo riesce, al trar de'conti, la teorica di cotesti signori. 



IY. 



II signor Cadorna, avendo ainmesso che si possono dare tra le 
due autorita contrast!, che sebbene non possano fermare Pazione 
dello Stato ne variarne 1' indirizzo, possono per6 agire sulla 
coscienza delPuomo individuo che & insieme credente e citta- 
dino 1 ; > si assume Pincarico d'illnminare questa coscienza, 
acciocche possa uscire d'imbarazzo. 

Con tale intendimento comincia dal separare ci6 che e rive- 
lato divinamente e che in materia di dottrina rivelata e infal- 
libiimente definite dalla Chiesa, da ci6 che e creazione e dot- 
trina non infallibile, ed anzi soggetta ad errore, insegnata 
dalP Autorita ecclesiastica, dai teologi e dai curialisti, e che 
perc!6 non 6 dogma cattolico 2 . Cotesti signori perch& sann@ 
il Codice, credono di sapere anche Teologia. Quindi con gran 
sussiego distinguono tra Chiesa definiente, e autorita ecclesia- 
stica insegnante; quasi che la Chiesa definiente sia altra cosa 
dall' Autorita ecclesiastica insegnante, o Pinsegnar della Chiesa 
non sia un definire. Dichiarano poi soggetta ad errore cotesta 
autorita ecclesiastica insegnante, in un co' teologi, e curialisti 
(sotto il qual nome intendono i canonist!), vale a dire Pintero 
corpo di quelli per mezzo di cui & esercitato il magistero nella 
Chiesa di Dio. Sicche, tolti questi, i fedeli non avrebbero altro 
mezzo per apprendere la vera dottrina cattolica, se non forse 

1 Pag. 455. 2 Pag. 456. 



152 SCONNESSIONI LOGICHE 

quello di ricorrere al Consiglio di Stato sotto la presidenza del 
signer Cadorna. Ma andiamo inDanzi. 

Dice che in tutto ci6 clie la Chiesa insegna intorno alia fede 
alia legge morale lo Stato e incompetente e nulla ci lia da 
vedere. > Matosto soggiunge che & competente e ci ha da vedere; 
giacch6 un pubblico insegnamento (della Chiesa), il quale offen- 
desse le ragioni dello Stafco o provocasse la disubbidienza alle 
leggi, potrebbecome atto esteriore essere represso, siccome infatti 
lo reprime il codice penale l . > Or noi dimandiamo: E chi de- 
finisce se tale o tal altro insegnamento pubblico, dato dalla 
Chiesa, off.ende realmente le ragioni dello Stato? Lo Stato stesso. 
Onde lo Stato giudica in causa propria e determina i limiti 
dell'azione della Chiesa. Su ci6 il signer Cadorna non trova 
nessuna ripugnanza. Nondimeno la trova grandissima, se si dica 
per contrario che appartiene alia Chiesa il determinate i limiti 
dell'azione dello Stato. II dire coi clerical! politic! che le due 
autorita sono bensi sovrane, ma che 1'una deve sottostare al- 
1'altra, persino nella determinazione degli oggetti del suo pp- 
tere, & tale assurdita che non occorre di fermarvisi sopra 2 . 
Se non che sara bene riportare 1'intero passo. Dopo le parole 
dianzi citate, il signor Cadorna cosi prosegue: L'affermare che 
lo Stato deve sottostare all' autorita della Chiesa, perche questa 
comanda allo spirito e lo Stato comanda alle cose materiali e 
al corpo umano, se & per chi non 3 cattolico un atto d' intolle- 
rabile tirannia, 6 pel cattolico un ammasso di errori e di assur- 
dita. Di fatto, con ci6 si negherebbe innanzi tutto la sovranita 
dello Stato, si verrebbe a stabilire che lo Stato non comandi che al 
cadavere dell' uomo, e si darebbe a base della prevalenza una pre- 
tesa preminenza non dedotta da diversita della natura ed origine 
delle due autorita (ambedue di origine divina), ma che si de- 
durrebbe dalle dignita degii oggetti su cui si esercita, quasi che 
si trattasse di una precedenza onorifica. Al postutto non esiste 
nelle dottrine cattoliche alcuna dommatica decisione, la quale 
interpretand'o infallibilmente pei cattolici la rivelazione del pre- 
cetto che impone Tobbedienza ad ambedue le autorita nelle 

Pag. 457. 2 Pag. 460. 



DI DUE ARTICOLI DEL 'SIG. SEN. CADORNA 153 

cose die loro sono proprie, abbia stabilito che una delle mede- 
sime possa fissare all'altra i limit! della di lei competenza l . 

Se il signer Cadorna tratta gli affari di Stato colla medesima 
confusione di testa e leggerezza, che dimostra in questo tratto T 
e una vera beatitudine. Primieramente, quando mai i clerical! 
politici (per serbare la frase del signer Senatore) hanno detto 
che la Chiesa comanda allo spirito, e lo Stato aile cose materiali 
ed al corpo? Le cose materiali e il corpo non son subbietto di 
comando. E perd i clericali-politici non potevano dire quella 
sciocchezza. Subbietto di comando, ossia quegli a cui si dirige 
il comando, non pu6 essere se non rente razionale, che nel caso 
nostro e 1'uomo. All'uomo dunque comanda lo Stato, ma nelle 
cose materiali, o meglio in quelle che si riferiscono al ben essere 
della vita presente. II signer Cadorjaa confonde Vvggetto col sog- 
getto. Del pari i clerical! politici non hanno detto mai che la 
Chiesa comanda al sole spirito, ma han sempre detto che comanda 
aH'uomo. Anzi da questo appunto han dedotto che il comando 
della Chiesa non si restringe al solo ordine inter.no, ma si stende 
all'ordine esterno, perch5 non governa spiriti ma uomini, com- 
posti di spirito e di corpo. I suoi comandi per6 han per oggetto 
le cose spiritual!. Ma per cose spiritual! s'intendono non solo 
quelle che sono tali per la loro essenza, ina quelle altresi che 
sono tali pel loro fine. E cosa, per esempio, spirituale la pub- 
blica preghiera, ed e cosa spirituale la predicazione, benche 
Tuna e 1'altra esercitata con atto materiale. 

In secondo luogo, i clericali-politici non hanno detto mai in 
senso assoluto che lo Stato deve sottostare alia Chiesa, ma lo han 
detto soltanto in senso relative, cioe in caso di conflitto per cio 
che riguarda le materie miste, quelle cioe che per un rispetto si 
riferiscono allo Stato e per un altro alia Chiesa. Ma nelle ma- 
terie non miste ciascuna delle due autorita & indipendente : la 
Chiesa nelle cose puramente spiritual], lo Stato nelle cose pura- 
mente temporali, come sarebbero verbigrazia le finanze ; la mi- 
lizia, la magistratura e va dicendo. Ci6 basta all' idea di vera 
sovranita civile. Yoler di pid importerebbe onnipotenza sociale ; 

1 Pag. 460. 



154 SCONNESSIONI LOGICHE 

e questa propriamente sarebbe tirannia, non 1' opposta ; la quale 
tende anzi a rimuoverla, sottraendo dall'impero della forza la 
moralita e la coscienza dell' uo mo e circoscrivendo 1'azione del 
potere politico tra giusti limiti. 

In terzo luogo, 1'essere ambedue le autorita di origine divina, 
non esclude la subordinazione dell' una aH'altra, anzi la inchiude : 
perche quae a Deo sunt ) ordinatae sunt. Anche 1'autorita paterna 
ha origine divina. La dira il signer Cadorna del tutto indipen- 
dente daH'autorita civile? Iddio e autore dell'ordine, e 1'ordine 
tra i diversi poteri non pu5 stare senza una certa soggezione 
dell'uno all'altro. Del resto anche rispetto all' origine ci ha pre- 
minenza dell' autorita ecclesiastica ; perocche essa procede da im- 
mediata istituzione divina, laddove 1'autorita politica procede da 
esplicamento della natura sociale dell'uomo. Cristo, Dio vero, 
istitui la Chiesa; ma ci dica il signer Cadorna dove si trova che 
istituisse lo Stato. Non lo Stato, ma 1'uomo fu create da Dio; e 
dall' uomo molti plica to e poi sorto lo Stato. Colla preminenza di 
origine si coliega nell' autorita della Chiesa la preminenza di 
natura; giacch& la natura d'ogni potere si specifica dal fine; e 
niuno neghera che il fine, a cui guida 1' autorita spirituale, e su- 
periore a quello a cui guida lo Stato. Ma senza cio, 1'autorita 
civile & una semplice partecipazione dell' autorita divina; 1'auto- 
rita ecclesiastica 6 1'autorita stessa divina esercitata per mezzo 
di legati: Pro Christo legations fungimur l . Onde il Papa si 
chiama Yicario di Cristo, ma non crediamo che il signer Cadorna 
voglia anche chiamare vicario di Cristo il Re Umberto o il mini- 
stro Depretis. 

Di qui potrebbe il signer Senatore facilmente capire che dovendo 
1'una delle due autorita definire i confini dell'altra, non ci e alcuna 
assurdita ad attribuire un tal c6mpito piuttosto all'autorita eccle- 
siastica che alia civile. Tanto piu che la civile, avendo in mano la 
forza materiale, pu6 facilmente esser tentata a falsare e soperchiare 
il diritto; laddove la Chiesa difficilmente potrebbe esser presa da 
tal tentazione, non avendo di per se altra forza che la morale. Ma 

1 II AD COR. V, 20. 



DI DUE ARTICOLI DEL SIG. SEN. CADORNA 155 

omesso ci6, quando la Chiesa opera come tale e impossibile che 
commetta un'ingiustizia; giacche 1'ingiustizia ripugna alia san- 
tita, e uno degli artieoli del nostro Credo e che la Chiesa non 
solo e cattolica ma santa: Credo... sanctam catholicam EC- 
clesiam. 

Ma la Chiesa egli dice non ha fatto sopra questo punto alcuna 
definizione donimatica. 

La dottrina infallibile della Chiesa non si rileva, signor caro, 
dalle sole defmizioni dommatiche. Se cosi fosse, troppe definizioni 
dommatiche dovrebbero farsi. II magistero della Chiesa 6 doppio: 
ordinario e straordinario. L'ordinario & quello che essa esercita 
tuttodi per mezzo delle sue catechesi, della sua predicazione, delle 
sue leggi, de'suoi Dottori, de'suoi Teologi, de'suoi Canonisti, sotto 
la vigilanza de' Vescovi e massimamente di quella del Romano 
Pontefice, padre e maestro universale de' fedeli. Lo straordinario 
e quello che esercita in date circostanze, e specialmente al sor- 
gere di qualche eresia, che ella abbatte con apposita definizione 
donimatica. Quando dunque la Chiesa, anche senza fame una de- 
finizione dommatica, insegna universalmente e per bocca segna- 
tamente del Eomano Pontefice, che lo Stato, esempligrazia, non 
pu6 colle sue leggi toccare le condizioni intrinseche del matri- 
monio, ne sciogliere gli Ordini religiosi, ne metter mano da s^ 
medesimo nella nomina de'sacri Ministri, determina in ci6 i 
limiti del potere civile ; ed e infallibile in questo suo insegna- 
mento. Ci6 non piace ai legisti liberaleschi. Ma guai se dovessimo 
stare a ci6 che non piace loro ; forse non ci rimarrebbe briciolo 
della legge divina. 

Qui ci convien ristare per mancanza di spazio. Proseguiremo 
1'esame in altro quaderno. 



NABUCODONOSOR 

E LE SUE ISGRIZIONI 



Nabucodonosor, giunto improvviso a Babilonia dalle frontiere 
d'Egitto, come sopra narrammo, trov6 ogni cosa in tranquillo. 
Niuna turbolenza era scoppiata, alia morte di Nabopolassar; niun 
pretendente erasi levato per contrastare al figlio di lui priinoge- 
nito 1'eredita del regno, al quale per altro era gia stato associate 
dal padre, e di cui le recent! vittorie troppo il mostravan degno. 
Appena spirato il vecchio Monarca, i sacerdoti Caldei avean preso 
ramministrazione del governo, e il loro Capo, ossia Pontefice, 
avea serbato a Nabucodonosor, sotto 1'egida sacra della religione, 
intatto il trono paterno, che fedelmeute gli trasmise, al suo giun- 
gere, insieme colla pienezza del potere sovrano l . Non v' e dubbio, 
che il prestigio militare del giovane Re, e la certezza che Peser- 
cito abbraccerebbe la sua causa, dovette diffidare dal contendergli 
la corona ogni rivale, se rivali pur avea ; la prontezza poi del suo 
improvviso ritorno tolse a questi senza fallo anche 1' ultima spe- 
ranza di riuscimento. Egli adunque, preso tranquillo ed assoluto 
possesso dell' Impero, incomincio con felici auspicii la splendida 
camera del suo regno, che durd ben 43 anni (604-561 av. C.) e 
riusci uno dei piu famosi nella storia. 

II nome di Nabucodonosor & celebre nei libri storici e profetici 
dell'antico Testamento, dove ricorre assai piu frequente d'ogni 
altro nome di Re profano. Nel testo ebraico, secondo la punteg- 
giatura dei Massoreti, ei si legge Nebuchadnezzar, ovvero, come 
in Geremia XX Y, 1, XLIX, 28, Nebuchadrezzar: presso i Set- 
tanta, egli e Nabuchodorossor ; oppure Nabuchodonosor, che e 

1 Cio sappiamo dal Frammento di Beroso, presso GIUSEPPE EBREO, Antiq. lud. 
lib. X, cap. XI, n. 1 : EapaXajScov ^s (6 NajSooxo^ovoaopoc;) T TrpayfxocTa 
OTTO ^aX^aiwv, xat iaTiQp0t>p.sviqv TTQV PcrtXeiav UTTO TOU 
auroJv, xupiiua-a<; oXoxXiQpou TYJ? rcaTptxiQS ap^Yjc, x. T. X. 



NABUCODONOSOR E LE SUE ISCRIZIONI 157 

il nome datogli altresi dalla nostra Yolgata, e da Beroso, e da 
Giuseppe Ebreo. II Canone di Tolomeo lo altera in Nabocolassa- 
ros; ma Alessandro Poliistore, 1'Abideno, Megastene, Strabone, 
serban la forma Nabocodrosoros, che assai poco disvaria dalla 
forma originate delle Iscrizioni cuneiform!. In queste infatti il 
complesso dei cunei che rappresenta il nome del gran Re, si legge 
Nabiuv-kudurri-ussur, o piu brevemente Nabu-lcudur-ussur ; e 
significa: Nabu-coronam-protegit (o protege) *. Ne cotesto nome 
e nuovo in Caldea. Gia incontrammo a Babilonia, verso 1'anno 1150 
av. C., un altro N&bu-kudur-ttssur, contemporaneo del Re d'As- 
siria, Assur-ris-isi, col quale egli ebbe guerra, e da cui tocc6 
piil d'una sconfitta 2 . Al nostro pertanto, del secolo YIP-YP 
av. C., conviensi il titblo di Nabucodonosor II 3 : se non che 
1'immensa fama, ond'egli super6 Fantico suo predecessore, Na- 
bucodonosor I, ha fatto si che ei si riguardi quasi 1'unico di tal 
nome al mondo, e si appelli senza piu Nabucodonosor, ovvero, pur 
yolendosi da altrui contraddistinguere, Nabucodonosor il Grande. 
Difatto egli & indubitatamente il Monarca, in cui tutta si rac- 
coglie ed assomma la grandezza e la gloria dell'Impero babilo- 
nese; come in Ciassare si riassume tutta quella dell'Impero medo. 
II regno di Nabucodonosor occup6 quasi una meta degli 87 anni, 
che stette 1'Impero; e le sue geste, in pace e in guerra, vinsero 
di gran lunga per isplendore quelle di Nabopolassar, fondatore 
della Dinastia, e non hanno niun paragone negli oscuri Monarchi 
in cui ella terminossi. Babilonia, per opera di lui, sali tutto d' un 
tratto al colmo della potenza e della magnificenza: imperocche i 
due titoli, per cui ella a quel tempo divenne la prima citta del 
mondo ; cioe le conquiste guerriere e la grandiosita delle costru- 

1 SCHRADER, Die Keilinschriften und das alte Testament, pag. 235, e Die 
Assyrisch-Babylonisclien Keilinschriften, pag. 124. Cf. G. RAWLINSON, The five 
great Monarchies etc. Vol. Ill, pag. 80; MASPERO, Hist, ancienne des peuples 
de V Orient, pagg. 496 e 583. 

2 Vedi 1'articolo, intitolato: I principii del grande Impero assiro; Civ. Catt. 
Serie X, Vol. XI, pag. 655. 

3 Lo SMITH, nella sua Lista dei Me Caldei (Assyrian Discoveries, pagg. 443-444), 
oltro al Nabiichodonosor I dell' anno 1150 iucirca, un altro ne ammette (ma con 
qualche dubitanza) che avrebbe regnato circa il 1040, e cui egli chiama Nabuctiodo- 
nosor II; onde a quello del 604-561 da il titolo di Nabuchodonosor III. 



158 NABUCODONOSOR 

zioni monumental!, ambedue si debbon ripetere interamente dal 
genio e dalF operosita maravigliosa di Nabucodonosor, il quale fu 
ad un tempo, per dir cosi, il Griulio Cesare e 1'Augusto della 
Eoma Caldea. 

Le rnemorie, che del suo regno sono a noi pervenute, ci son for- 
nite parte dalla Bibbia e da alcuni tratti di antichi storici pro- 
fani, parte dalle Iscrizioni cuneiformi. E di queste i moderni scavi 
di Babilonia e delle altre citta caldee ne hanno gia recato in luce 
una buona dovizia; ma elle non valgono che ad illustrare un lato- 
solo, per dir cosi, di quel regno per ogni rispetto si memorando. 
Conciossiache esse non parlano quasi d' attro che delle fabbriche 
del Ee, e poco o nulla ci dicono delle sue guerre e conquiste. 
Muua ve n'e" che possa chiamarsi Iscrizione storica, al modo 
delle assire ; niuna che narri le spedizioni e imprese militari del 
Sovrano, alia guisa che vedemmo si ampiamente e minutamen.te 
farsi nei Monoliti, nei Cilindri, negli Obelischi dei gran Monar- 
chi assiri, da Tuklatpalasar I fino ad Assurbanipal. 

Forse avverra che le esplorazioni future traggano un di in 
campo anche da Babilonia monument! di tal fatta; ma finora 
questa e una singolarita, dice lo Schrader *, di tutte le Iscrizioni 
babilonesi a confronto delle assire: il mancare di ragguagli mili- 
tari: singolarita, che per 1'interesse della scienza istorica e assai 
a deplorare. 

Tuttavia, anche cosi, coteste Iscrizioni di Nabucodonosor sono 
di gran pregio ; ed 6 qui nostro debito T appagare la dotta curio - 
sita dei lettori, col darne loro una giusta contezza. 

Cominciando dalle minori, 6 da ricordare in 1 luogo \mSigillo, 
che mostra di profile la testa del Ee, con intorno la seguente 
scritta in caratteri cuaeiformi : A Merodach, suo Signore, Nabuco- 
donosor, Ee di Babilu, fece, per la propria vita. II prezioso cam- 
meo si conserva nei Museo di Beiiino ; lo Schenkel lo pubblic6 
nei sul Bibel-Lexicon 2 , e vedesi riprodotto e illustrate anche 
nei Periodico mensile dell' Accademia delle Scienze di Berlino 3 . 

1 Op. cit, pag. 235. 
* 2 Vol. Ill, pag. 511, all'articolo Keilschrift. 

3 Monatsbericht der K. Preuss. Akademie der Wissensclwften zu Berlin ; 
del marzo 1879. 



E LE SUE ISCRIZIONI 159 

2 Fra le iscrizioni, trovate dallo Smith in Babilonia, una 
ei ne scorse nella pupilla dell'occhio d'una statua del Dio Nebo, 
che dice cosi: Al Dio Nebo, suo Signore, Nabucodonosor, Ee di 
Babilonia, figlio di Nabopolassar, Re di Babilonia, per la propria. 
conservazione fece l . 

3 Ivi pure al medesimo Smith vennero scoperte tre Tavo- 
lette di contratti privati, portanti la data del regno di Nabuco- 
donosor. Eceo il testo delle tre date, monumento prezioso per la 
croDologia: l a Citta di Babilonia, mese Tammuz, giorno 15, 
anno 20 Q di Nabucodonosor Re di Babilonia ; che risponde al- 
Tanno 584 av. Cristo. 2 a Citta di Babilonia, mese lyyar, 
giorno 21, anno 37 di Nabucodonosor, Re di Babilonia ; che 
risponde al 567 av. C. 3 a Citta di Babilonia, mese Kislev, 
giorno 8, anno 37 di Nabucodonosor, Re di Babilonia 2 . 

4 Ma in Babilonia il nome di Nabucodonosor s'incontra ad 
ogni passo, doe quasi ad ogni mattone, che venga tratto fuor 
delle gigantesche sue rovine. Imperocch^ nella gran capitale 
Caldea < non v'6 mattone (dice il M6nant 3 ) senza iscrizione ; e 
queste iscrizioni appartengono quasi tutte a Nabucodonosor; 
rare assai essendo quelle che portano il nome di Neriglissor e di 
Nabonid 4 . > Elle sono brevi epigrafi; e tutte del medesimo te- 
nore, salyo alcune Tarieta grafiche, e il numero delle linee, in 
cui la le ggenda 5 distribuita, or di 7, or di 6, or di 4, or di 3 
sole linee. A quanto scorgesi, la leggenda veniva impressa da 
una matrice di legno sopra T argilla tuttavia fresca del mattone, 
prima di cuocerlo ; onde si potea con tal maniera di stampa ri- 
produrre in poco d'ora il medesimo testo sopra migliaia di copie, 
cioe di mattoni. II tenore della leggenda era poi, come segue: 
lo sono Nabu-kudur-ussitr, Re di Bab-Ilu, riedificatore del 
Bit-Saggatu e del Bit-Zida, figlio primogenito di Nabu-pal- 
ussur. lo! 5 > 



1 SMITH, Assyrian Discoveries, pag. 385. 

2 Ivi. 

3 Babylone et la ChaWe, pag. 198. 
* Ivi, pag. 199. 

3 MENANT, ivi. Cf. SCHRADER, Opera sopra citata, pag. 235-236. 



ICO NABUCODONOSOR 

5 La stessa epigrafe leggesi altresi sui mattoni di Senkereh 
(1'antica Larsam), e su quei di Hughe" ir (1'antica Ur) ; ma con 
una breve aggiunta, in cui il Ee accenna la ristorazione da se 
fatta del Terapio di Samas (Sole) nella prima citta, e del Terapio 
di Sin (Luna) nella seconda: e a cotesti teinpli appunto doveano 
appartenere quei mattoni. 

6 Sui fianco d' un mattone babilonese fu trovata, in cunei- 
formi corsivi, la seguente iscrizione, che fa memoria del Palazzo, 
costruito in Babilonia dal Q-ran Re. 

lo sono Nabu-kudur-ussur, Re di Bab-Ilu^ riedifieatore 
del Bit-Saggatu e del Bit-Zida, figlio di Nabu-pal-ussur } Re 
di Bab-Ilu. lo ! 

lo innalzai un palazzo per soggiorno della mia maesta, in 
questa citta di Bab-Ilu } che e situata nella terra di Bab-Ilu. 
lo ne scavai le fondamenta a gran profondita, al di sotto delle 
acque del flume, e ne scrissi il ricordo sopra cilindri ricoperti di 
bitume e di mattone. 

Col tuo aiuto, o Marduk, Dio degli Dei, io innalzai questo 
palazzo nel cuor di Bab-Ilu. Yieni ad abitarvi; moltiplica il nu- 
mero dei nascimenti; e fa che per mano mia il popolo di Bab-Ilu 
sia vincitore fino ai giorni piu lontani ! . > 

E sopra il inarmo della porta di un dei palazzi di Babilonia, 
si legge questa breve scritta: Palazzo di Nabu-kudur-ussur, 
re di Bab-Ilu, ristoratore del Bit-Saggatu e del Bit-Zida, che 
cammina con costanza nell' adorazione di Nabu e di Marduk, 
figlio di Nabu-pal-ussur, Re di Bab-Ilu 2 . 

7 Tra le iscrizioni di poca ampiezza, degna di recitarsi e 
quella del Tempio di Zarpanit (Mylitta); della quale si hanno 
quattro esemplari identici, sopra altrettanti barili babilonesi, che 
oggi stan riposti, due al Museo di Berlino, due alia Biblioteca 
Nazionale di Parigi. Eccone il testo : 

Io sono Nabu-kudur-ussur, Re di Bab-Ilu, figlio di Nabu- 
pal-ussur, Re di Bab-Ilu. Io! 

Io fondai, io innalzai il tempio augusto, il tempio di Zar- 

1 MENANT, Babylone et la CJialde'e, pag. 215. 

2 Ivi. 



E LE SUE ISCRIZIONI 161 

panit, nel cuor di Bab-Ilu, in onore di Zarpanit, I'aiigusta So- 
vrana, entro il recinto di Bab-Ilu. 

lo fed fabbricare, di bitume e di mattoni, un santuario qua- 
drato. lo scavai le volte delle sue nicchie nel rnassiccio della terra. 

Sovrana degli Dei, Madre augusta, sii a me propizia; le 
opere mie si compiano col tuo concorso. 

Feconda le famiglie, vigila sopra le madri fino al loro parto , 
o Tu che presiedi ai nascimenti 1 . 

8 Di somigliante stile, ma piu estesa, e 1'Iscrizione che 
chiamasi del Gilindro di Senkereh; nella quale, dopo i consueti 
titoli, il Re racconta, come egli rialzasse di pianta dalle sue an- 
tiche rovine, nella citta di Larsam (oggi Senkereh), il Bit- 
Parra, il celebre Tempio del Giorno, ossia del Sole, di cut 
poc' anzi parlammo. II racconto si termina colla seguente invo- 
cazione : 

Samas (Sole), Gran Signore, benedici al tuo tramonto, 
nelle sue prime ed ultime parti, il Tempio del Giorno, la mara- 
viglia gloriosa delle mie inani. Pa col tuo aiuto, che io ottenga 
vita felice fino ai di piu lontani, la stabilita del trono e la vitto- 
ria della mia spada : queste soglie, gli architravi, i portici, le co- 
lonne del Tempio del Giorno, gloriose opere mie, faccian di me- 
perenne memoria al tuo cospetto 2 . > 

9 Passando alle Iscrizioni maggiori, singolarmente celebre 
fra esse 6 la cosi detta Iscrizione di Borsippa; nella quale al 
cuni assiriologi da principio stimarono farsi menzione del Diluvio 
e della Confusion delle lingue e della Torre babelica, sopra le 
cui rovine Nabucodonosor avrebbe editicato il gran Tempio di 
Nabu, detto il Bit-Zida. Ma siccome noi gia recammo altrove 3 r 
per intiero, questo documento, esponendo altresi le controversie a 
cui la sua interpretazione die luogo, qui non ci accadeil dirnealtro. 
10 Pari d'estensione alia precedente e Flscrizione che chia- 
masi del Cilindro del Museo britannico, proveniente da Babi- 
lonia. E in due colonne, di circa 30 linee ciascuna; e contieney 

1 Ivi. - 2 Ivi, pag. 218. 

3 Nell' articolo, intitolato: Li Torre delle lingue a Babilonia; Civ. Catt. 
Serie X, Vol. VIII, pag. 416 e segg. 

Serie XT, vol, XIT, fase. 776 11 12 oltobre 188* 



162 NABUCODONOSOR 

dopo i pomposi titoli, consueti al Re, un succinto ricordo delle 
pifr important! opere, da lui intraprese ed eseguite, per 1' abbelli- 
mento e la difesa di Babilonia J . 

llTal&pure la eontenenza dell' Iscrizione del Cilindro 
di Sir Thomas Phillips; salvo che ivi il racconto si estende assai 
piil ampio ; ed oltre le opere di Babilonia, son noverate piti altre 
costruzioni o ristorazioni di templi, dal Re condotte a termine in 
altre citta caldee, a Cutha, a Sippara, a Larsam, a f/r, a Ni- 
pur, a Mas, a Uruk, in onore degli Dei che in esse aveano prin- 
cipal culto: Nirgal e Nikhaz, Samas, Sin, Anu, Bel-Zarbi, 
Istar. 

IT Iscrizione e di 170 linee, distribute in 3 colonne, di cunei- 
formi corsivi. Da Babilonia, ov' ella fu trovata, passo a Londra 
in possesso di Sir Th. Phillips, di cui serba il nome; e fu pub- 
blicata primamente dal Grotefend nel 1848, poi da Henry Raw- 
linson nel vol. I delle Western Asia Inscriptions (tav. 65-66) 2 . 
Ella e il piu vasto e rilevante monumento che abbiamo del regno 
di Nabucodonosor, dopo il monumento capitale, di cui ci resta per 
ultimo a discorrere. 

12 Questo 6 la cosi detta Grande Iscrizione: gl'Inglesi la 
chiamano Standard Inscription : di Nabucodonosor. E scolpita 
sopra una lastra di basalto nero, quadrata, dell'altezza di un 
metro e spessezza di 10 centimetri: e comprende in 10 colonne 
ben 619 linee di scrittura in caratteri arcaici squisitamente la- 
vorati. Essa fa scoperta a Babilonia sul fine del secolo scorso ; 
indi serbata lungo tempo nel Museo della Compagnia delle Indie, 
il quale oggi si trova incorporate al Museo britannico. Sir Hart- 
fort John fu il primo a pubblicarne il testo, e con esattezza note- 
vole; ma con nuove e piu diligenti cure rimiselo poscia in luce 
insieme colla trascrizione in caratteri nostrani, Sir H. Eawlinson 
nella gran Eaccolta delle Western Asia Inscriptions, Vol. I, 
tav. 56-64. Grli assiriologi fecero sopra questo monumento, sic- 
come un dei piu illustri di tutta la letteratura cuneiforme, e in 
pari tempo dei piu malagevoli a interpretare, a cagion delle voci 

1 MENANT, Op. tit. pagg. 212-213. 

2 Ivi, pagg. 209-212. 



E LE SUE ISGRIZIONI 163 

tecniche di architettura che vi abbondano ; fecero, diciamo, pro- 
fondi e assidui studii: e 1'Oppert, pel primo, ne diede intiera la 
traduzione, cut lesse all'Accademia imperiale di Reims, nella 
tornata del 3 agosto 1865. 

Noi reciteremo qui per disteso il tenore di quest Iscrizione ; 
quale ci vien fornito dal M6nant 1 , da cui abbiara tolto altresi 
le precedent! notizie. L'importanza del testo; la celebrita del Mo- 
narca a cui esso appartiene; ii co.nprendere che ei fa in s6 solo 
quasi tutte le altre Iscrizioni di Nabucolonosor, le quali non sono 
che brani o compendii di questa; e finalmente 1'esser egli per or- 
dine di eta 1' ultima delle gmndi Iscrizioni, che noi abbiamo 
dell'antico mondo assirocaldeo : ci persuadono, non ostante la sua 
prolissita, a consegnarlo per intiero nelle nostre pagine, e ci as- 
sicurano d'iucontrare in cio il gradimento dei nostri lettori. Ecco 
pertanto, nella sua integrita, 

LA GRANDE ISCRIZIOXE DI NABUCODONOSOR 

Colonna /. 

lo sono Nabu-kudur-ussur, Re di Bab-Ilu, grande, mae- 
stoso, devoto al Dio Marduk, Patesi supremo, adoratore del Dio 
Ndbu; Colui che pone ad esecuzione gli oracoli misteriosi, se- 
condo il culto di queste Deita, e il rispetto dovuto alia loro gran- 
dezza; Sakkanaku senza ingiustizia; Colui che pens6, notte e 
giorno, a restaurare il Bit-Saggatu e il Bit~Zida, e che in- 
grandi la gloria di Bab- flu e di Barsippa; il ministro degli Dei, 
il saggio che si confiia al loro potere, il riedificatore del Bit- 
Sag yatu e del Bit-Zida, il primogenito di Nabu-pal-ussur, Re 



II Dio Bel, egli stesso, mi cre6 ; il Dio Marduk che mi ge- 
ner6, depose egli stesso il germe della mia vita nel seno di mia 
madre. lo dico questo: io nacqui per governare. lo ristorai i san- 

1 Op. cit. pagg. 200-208. Colla versione intiera del MENANT puo riscontrarsi, per 
varii tratti, la versions parziale del LENORMANT (Manuel d'hist. ancienne etc. Vol. II, 
pagg. 227-236), e quella di G. RAWLINSON (Five great Monarchies elc. Vol. Ill, 
pagg. 77-79; e ne\\' Herodotus Vol. II, pagg. 587-588). 



164 NABUCODONOSOR 

tuarii del Dio supremo (Ilu). Io propagai il culto del Dio Mar- 
duk, il Bio Grande che mi cre6, e glorifieai le opere sue. II Dio 
Nabu f che Dasce di se stesso, sostiene il mio regno, perocche io 
sempre ho esaltato il calto della sua divinita sovrana. Io estesi 
radorazione di queste Deita nel seno della mia famiglia, ed ho 
praticato io stesso il culto di queste Delta. 

Noi dieiamo : Harditk, il Dio Grande, esalt6 al regno il mio 
capo, a me commise 1'impero sopra le Legioni degli uomini. II 
Dio Nabu, il guardiano delle Legioni del Cielo e della Terra, ca- 
rico la mia mano dello scettro di giustizia, per governare i mor- 
tali. Perci6 io non gli fui contrario, riverii la sua divinita, feci 
praticare il suo culto, affin di perpetuare la memoria dei nomi 
augusti degli Dei... Io mi confidai al Dio Marduk. Io presi ii 
lembo della sua veste, ed egli scrut& i desiderii segreti del cuor 
mio... Sii propizio al Re, cui tu innalzasti, di cui tu glorificasti 
il nome, ed a cui tu confidasti la giustizia. Io, Signore, ti bene- 
dico, io, creatura delle tue mani. Tu mi creasti, tu mi confidasti 
I'imperio sulle Legioni degli uomini, secondo la tua volonta, o 
Signore, che soggiog6 le loro tribu. Fa che viepiu risplenda il 
tuo impero sovrano, propaga 1'adorazione della tua divinita, ec- 
citala nel mio cuore secondo il tuo desiderio; e cosi la mia vita 
sia a te consacrata. 

Colonna II. 

Egli, il primo dei nati, il Dio Supremo, intese la mia pre- 
ghiera, I'ascolt6, la esaudi. Ispir6 nel mio cuore il timore e la 
riverenza della sua divinita. Diresse la mia attenzione all'osser- 
yanza de' suoi precetti ; ed io propagai il culto della sua sovra- 
nita. Io mantenni nella riverenza di lui i paesi lontani, le alte 
montagne, dal Mar superiore (Mediterraneo) fino al Mare infe- 
riore (Golfo persico): essi non abbandonarono la via dell'obbe- 
dienza, il sentiero della sommessione; non disconobbero le condi- 
7,ioni della sconfitta, n6 Tobbligo di pagare i tributi. 

Io cangiai i sentieri inaccessibili in vie praticabili ai carri 
da guerra. Io punii gli uomini perversi. Penetrai il disegno dei 
nemici del paese, e m' impadronii di gran numero di prigionieri. 



E LE SUE ISCR1ZIOM 165 

10 ripartii tra i miei soldati (il bottino), mobili e armenti. lo 
accumulai in Bab-Ilii, argeuto, oro, metalli preziosi, smalto, len- 
tisco, legni d'ogni specie e valore, pietre delle montagne, pietre 
del mare, un tesoro grande e degno d'invidia. 

lo ristorai nel Bit-Saagdtu } il gran Tempio della sovranita, 

11 santuario degli oracoli, dove riposa Marduk, il Signore degli 
Dei. lo innalzai la sua cupola a guisa d'un fiore, la rivestii di 
oro cesellato, affinch6 ella risplenda come il giorno; e ricopersi 
1'alto del tempio, di pietre, di rame e di piombo. lo feci fare, 
secondo i namriri di Sam as, le porte Hisilul, le porte Kusbu, 
del Bit-Zida e del Bit-Saggatu. 

L'altare dei Destini si trovava in snll'Alta Collina, dove si 
pronunciavan gli oracoli, fuor della citta: io lo trasportai negli 
Zakmu-Ku. Sul cominciar dell' anno, il giorno 8 e I'll del 
mese consacrato al Dio che veglia sul Cielo e sulla Terra, il Dio 
Supremo, io lo consacrai al Dio Ilu, gloria del Cielo e della Terra. 
Gli consacrai dei...; ed egli fiss6 "il destino de'miei giorni, pro- 
Iung6 il destino della mia vita. 

Colonna TIL 

Quest' altare, 1'altare della sovranita del Signore degli Dei, 
del sublime Marduk, era stato costruito d' oro e di splendido ar- 
gento da un Ee anteriore: io lo feci ricoprir tutto d'oro puro, 
d'un peso considerevole. Feci cesellare i vasi sacri d'oro, del 
Bit-Saggatu : feci incrostare di vetri e di pietre preziose il san- 
tuario di Mardiik, e lo feci brillare come le stelle del cielo. 

Io riedificai, io ristorai la maraviglia di Bab-Ilu, il Tempio 
delle basi del Cielo e della Terra. Ne innalzai il fastigio, in mat- 
toni e rame. II Dio, egli stesso, indirizzo il mio pensiero a rico- 
struire il Bit-Saggatu : io chinai la testa al suo comando. Di- 
sposi il santuario degli oracoli, luogo ove riposa la sua divinita. 
Feci venire i maggiori alberi dalle cime del Libano. Copersi 
d'oro brillante le enormi travi di cipresso, che formano 1'ossatura 
del santuario degli oracoli: le travi inferiori furono incrostate 
d'oro, argento, pietre preziose e metalli. Io potei condurre a ter- 



166 NABUCODONOSOR 

mine il Bit-Saggatu; e per giungere a tanto, iraplorai il Ee de- 
gli Dei, il Signer dei Signori. 

<c Barsippa e la citta eve si adora questo Dio: io la abbellii. 
Feci costruire il Bit-Zida, dimora eterna di Lui. Ne compiei la 
magnificenza con oro, argento, metalli, pietre, mattoni verniciati, 
legni di lentisco e di cedro. Eicopersi d'oro la travatura del san- 
tuario, ove riposa il Dio Nabu. Eicopersi di splendido argento le 
porte del santuario degli oracoli. Incrostai d' avorio il colonnato 
della porta del santuario del riposo, la soglia, gli architravi, i... 
Eicopersi d' argento gli stipiti della porta delle Yergini. Adornai 
splendidamente 1'ingresso del santuario del riposo, el'ambito del 
tempio con mattoni a varii colori. Ornai d' argento lavorato il pi6 
degli altari, e costruii di grandi pietre i portici e gli stipiti delle 
porte. Fabbricai solidamente il tempio; e per V ainmirazione degli 
uouiini, rifeci e rinnovai la maraviglia di Barsippa, il tempio 
delle Sette Sfere del Cielo e della Terra; ne innalzai il fastigio 
con mattoni e lo ricopersi di rame... 

Colonna IV. 

Io feci innalzare, a guisa di montagna, con bitume e mattoni., 
alle estremita di Bab-Ilu, il Tempio dei sacrifizi delle vittima 
pure, del gran Signore degli Dei, Marduk, il quale presiede a 
tutti gli annunnaki, dai primi fino agii ultimi. 

Feci costruire a Bab-Ilu, in onor di Mylitta, 1'eccelsa So- 
yrana, la madre che mi parfcori, ii Tempio della Dea delle altezze 
e delle profondita, nel cuor di Bab-Ilu. 

Feci costruire a Bab-Ilu, secondo le regole dell' arte, al Dio- 
Nabu, il reggitor supremo, che conferisce lo scettro della giusti- 
zia per governare le Legioni degli uomini, il Tempio del Dio, 
donator dello scettro, il tempio suo. 

Feci innalzare in Bab-Ilu, al Dio Sin, che dirige i miei 
giudizi, il Tempio della gran luce, il tempio suo. 

Feci innalzare in Bab-Ilu, al Dio Samas, ispiratore del sen- 
timento di giustizia, il Tempio del Giudice del mondo, il tem- 
pio suo. 

Feci innalzare in Bab-Ilu, in forma di piramide, di bitume, 



E LE SUE ISCR1ZIONI 167 

e mattoni, al Bio Bin, che versa 1'abbondanza sulle mie terre, il 
Tempio del Dispensatore delle procelle, il tempio suo. 

Feci innalzare in Bab-Ilu, di bitume e mattoni, somigliante 
a torre, in onore della gran Dea, Nana, che railegra e conforta 
1' anima mia, il Tempio delle altezze e delle profondita, il tem- 
pio suo. 

Io costruii, nel muro di Bab-Ilu, in forma di piramide, alia 
Sovrana del Bit-ana, la Eegina che ha pieta di me, il Bit-Ki- 
kupanu, il tempio suo. 

lo costruii in Barsippa un tempio al Dio Adar Samdan, 
die rompe le armi de'miei nernici. 

lo costruii a Barsippa alia gran Dea Nana, che railegra 
la mia carne, il Gran Tempio, il Tempio della Yita, il Tempio 
deH'Auima, le sue tre maraviglie. 

lo costruii a Barsippa in guisa di torre, il tempio del Dio 
Bin, che fa scoppiare nel mio paese il fulmine profetico. 

lo feci costruire a Barsippa, nel massiccio del basamento 
del Bit-Zida, in onore del Dio Sin, sostegno della mia autorita, 
il Tempio di Ana, il tempio suo in forma di caverna. 

Colonna V. 

Imgur-Bel e Nivit-Bel sono i due gran recinti di Bab- Tin. 
Nabu-pal'ussur, Ee di Bab-Ilu, il padre che mi generft, li aveva 
ominciati, ma non ne avea compiuta la magnificenza. Egli scavo 
il fosso esterno, largo due gran kari; ne costrusse i margin! di 
mattoni e bitume. Egli fece i kari del fmme Arakhti, e riyesti 
le rive del fiume Purat (Eufrate) d'un margine di mattoni, ma 
non termino tutti questi lavori. Cominciando dall' Alta Collina, 
dove si predice 1'avvenire sull'altare dei Destini, e venendo fino 
alle acque di Bursabu, vicino a Bab-Ilu, vicino alia porta supe- 
riore, io fabbricai i condotti, in pietra turmina turda, a gloria 
del Gran Signore, Marduk. Perci6, io, suo primogenito, che glo- 
rifico il cuor suo, ho terminate V Imgur-Bel e il Nivit-Bel, i 
gran recinti di Bab-Ilu. 

Oltre il suo fosso, io fabbricai, di bitume e mattoni, due 
mura massicce, le collegai al fosso che mio padre avea tracciato, 



168 NABUCODONOSOR 

e riunii, entro la citta, tutte le parti che ne erano separate ; fed 
costruire di mattoni un altro fosso, che forma il Balar del Sole 
occidente della cerchia di Bab-Liu. 

Feci alle acque del Bursabu, per gli abitanti di Bab-Ilu , 
la cintura d' un contrafforte murato ; e feci continuar le acque del 
Bursabu dalla porta superiore fino a Istar-sakipat-tebisu, a glo- 
ria della sua divinita, e lo riunii con quello che era stato fa tto da 
mio padre; quindi fabbricai i condotti, da Istar-sakipat-tebisic 
fino a Imgur-Bel e Nivit-Bel. 

Aprii grand! porte nei contrafforti ai disotto di Bab -Hit, feci 
aperture nell' intervallo, ne gettai le fondamenta al disotto delle 
acque, in bitume e mattoni. Feci disporre con arte, al disopra dei 
mattoni, ricoprimenti di rame all' alto dei/aws e dei cancelli (?) 
interior!. 

Colonna VI. 

Posai grand! travi per 1'incastellatura, e attorno alle porte 
la travatura rivestii di guernimenti di bronzo. Le ornai d' iscri- 
zioni e di pitture; negli stipiti feci dei rims, delle scale gi- 
ranti(?), e delle porte. L'operadi queste porte compii, per sicurezza 
degli abitanti della pianura. In tal guisa io ordinai la costruzione 
ft 1 Imgur-Bel, il recinto di Bab-Ilu, 1' inespugnabile, che niuno 
dei Re mlei padri, prima di me, avea fa tto. 

4000 grand! misure (malmrgagar) formano la superficie di 
Bab-Ilu, T inespugnabile ; io feci d' opera muraria il potente re- 
cinto, il Balar del sole levante di Bab-Ilu. Feci scavare i fossi, 
e ne guernii le sponde con opera di bitame e di mattoni. Fab- 
bricai nell'interno il potente recinto che s'innalzacome unamon- 
tagna. Aprii delle porte sallati, le guernii di travature vestite di 
bronzo, affinche il nemico non possa mai mostrar il viso in Bab- 
Ilu, 1' imperitura ; io la feci circondare di acque, par! alle onde 
del mare. Le sponde eran come le rive del mare Gallat e del 
Nahar-maratti. I fossi erano fiancheggiati di controscarpe di 
terra; io feci costruire i fossi con muratura di mattoni. In tal 
guisa io fortificai la..., e armai di difese il paese di Bab-Ilu. 

Io fondai parimente il Tabi subur-su, il recinto di Bar- 
sippa, ne scavai il fosso, ne fissai le sponde con opera di mattoni. 



E LE SUE ISCRIZIONI 169 

lo sono Nabu-kudur-ussiir, Re di Bab-Ilu, colui che da 
Marduk, il Gran Signore, fu destinato a render gloriosa la sua 
dtta di Bab-Ilu. Io! 

Colonna VII. 

Io feci risplendere, come raggio di Sole, il Bit-Saggatu e il 
Bit-Zida. Feci risplendere, come la luce del di, le meraviglie 
del Grande Iddio. Innanzi a me, dai tempi antichi fino ai giorni 
gloriosi di Nobu-pal-ussur, il padre che mi generd, furon molti 
Re, miei predecessori, il Dome dei quali il Dio pronunci6 per 
chiamarli al regno; essi scelsero altre citta, le tennero care come 
la pupilla degli occhi loro, vi fecero edificar dei palazzi, e vi sta- 
bilirono la loro sede, vi accumularono i loro bottini, vi ammassa- 
roDo le loro ricchezze. Durante la festa Zakenaku lobe del Si- 
gnor degli Dei, Mardttk, essi entrarono nella citta di Su-an- 
na-ki (Babilonia). 

Perci6 il Dio Mar dak mi creo al regno ; il Dio Ndbu, che 
nasce di se medesimo, mi confidft la sua autorita, come anima di- 
letta : io innalzai i loro templi in Din-tir-ki (Babilonia) ed in 
Barsippa, ed abbellii Bdb-Ilu, la citta degli occhi miei ; ne ri- 
storai i palazzi, per 1' ammirazione degli uomiui, nel centro del 
paese; innalzai la reggia nella terra di Bab-Ilu, che e al centro 
del paese di Bab-Ilu, che stendesi &&\V Imgur-Bel fino al Libil- 
ubitl, il Canale del Sole levante, dal fiume Pur at fino alle accrue 
del Bursabu. 

Nabu-pal-ussur, Re di Din~tir-ki, il padre che mi gener6, 
avea cominciato a fabbricar un palazzo di mattoni ; aveva innal- 
zato nel mezzo un altare, avea scavato profonde le fondamenta al 
di sotto dell' acqua, aveva aperto delle porte nei contrafforti, al 
disotto di Bab-Ilu che circonda questo palazzo. 

Colonna VIII. 

Io feci ie fondamenta di mattoni, vi posai la pietra fonda- 
mentale, pervenni fino al livello delle acque, e vi stabilii con so- 
lidita le fondamenta del palazzo, lo fabbricai di bitume e di mat- 
toni, come gli Hursan. Yi adoperai per la travatura grandi travi 



170 NABUCODONOSOR 

e legni di cedro guerniti di ferro ; adornai le porte di mattoni 
verniciati e d' iscrizioni e di pi tt tire. Yi accumulai oro, argente r 
metalli, pietre d'ogni specie e valore; vi adunai un cumulo d'og- 
getti preziosi, tesori immensi. Yi stabilii una valorosa legione, 
difesa della mia maesta. 

lo non eressi il trono della mia maesta in altra citta, nel 
paese di Caldea. Non elessi di poire altrove la sede della mia 
sovranita, e non fabbricai de'... nel cuor di coteste contrade. Ma 
in Bab-Ilu sola innalzai il Palazzo di mia dimora, il quale 
contiene i tesori della mia maesta imperitura. Riverente al Dio 
Marduk, mio signore, io umiliai il mio cuore in Bab-Ilu, citta 
da lui protetta; e per mettere al sicuro la sede della mia maesta, 
io non alterai il suo santuario, non traslocai il suo altare, non 
otturai il suo canale. 

Io feci costruire, secondo le regole dell'arte, sei recinti. 

Affin di rendere difficile ai nemici 1'attacco contro Imgur- 
Bel, il muro inespngnabile di Bab-Ilu, lungo 480 stadii, che 
sta intorno a Nivit-Bd, il baluardo di Bab-Ilu; io feci all' in- 
terno due fossi guerniti di bitume e di mattoni, e un muro alto- 
come una montagna; costruii, nelle profondita, un' opera in mat- 
toni, e in cima feci innalzare, a guisa di freccia, di bitume e 
mattoni una torre, per stanza della mia maesta; la ingrandii 
nel tempo stesso che ii palazzo de' miei padri. 

< In un mese benaugurato, in giorno propizio, io ne posi le 
fondamenta, a gran profondita nella terra, e ne innalzai il fa- 
sti gio, come un hurran. In 15 giorni, ne compiei la maguifi- 
cenza, ed abbellii la sede della mia maesta; nella travatura ado- 
perai grandi travi, provenienti dai cedri delle alte montagne... 

Colonna IX. 

Io innalzai colonne di lentisco, di cedro e di cipresso; ag- 
giunsi degli usa, delle pelli di vitel marine, dellVfos, argento r . 
oro, guerniture di ferro, fregi e bassirilievi scolpiti sopra mat- 
toni verniciati al basso delle porte; ne circondai il fastigio di 
kili I di rame. 

Io fabbricai il muro massiccio di bitume e di mattoni, lo 



E LE SUE ISCRIZIONI 171 

alzai come una montagna; al di dentro di questo inuro di mat- 
ton!, feci una cinta di pietre enormi, provenienti dalle cave delle 
grand! montagne, e ne alzai la cima come una montagna. 

To feci costruire questo Palazzo per Y ammirazione degli 
uoiuini, e lo empiei di gente per ramministrazione delle Legioni 
degli uomini. II rispetto, che la forza e il timore della mia 
maesta ispira, lo circonda. Non v'equi luogo per I'ingiustizia; 
il nemico non vi presenti mai la sua faccia; circondato dal inuro 
di Bab-Ilu, che 1'assicura da ogni assalto, esso pu6 resistere 
-a tutta prova. 

A questo modo io fortificai il paese di Bab-Ilu, come gli 
Hursan. 

Io mi confido nel Dio Marduk, mio Signore, ed a lui tendo 
la mano. 

Marduk, capo sublime, padrone formidabile, tu che mi 
^creasti, .tu che mi conferisti il regno come anima diletta, io 
innalzai i fastigii dei padiglioni sacri sopra la citta di Bab-Ilu, 
nel paese di Caldea. Perci6 io abbellii la contrada, rimisi in fiore 
1'adorazione della tua divinita, ne propagai il culto; benedici 
T opera della mia mano, esaudisci la mia preghiera, perocch^ io 
sono il Ee edificatore, colui che rallegra ii cuor tuo, il Sak- 
kanaku vigilante, che ha ristorato tutti i santuarii. 

Colonna X. 

Col tuo aiuto, o Marduk, Dio sublime, io feci questa reggia. 
Deh ! in essa entri ogni felicita, ed io vi alberghi senza dolore, 
vi trovi il riposo, e vegga settuplicarvisi la mia stirpe. Ivi rac- 
colga io i tributi immensi dei Ee dei paesi del mondo intiero^ 
dalla stella d' Occidente fino alia stella di Nabu*, che & al Sole 
levante. I rivoltosi mai non trionfino, ne io conceda mai perdono 
aU'empieta; e gli uomini di Bab-Ilu ivi regnino a cagiou mia 
no ai giorni piu lontani. > 



LA FELICITA TERRESTRE 

SECONDO ARISTOTELB 



I. 

Difficolta 'pe j filosofi anUchi di risolvere la questione 
della felicita umana. 

IT investigazione delPumana felicita fu maisempre uno dei 
punti piu spinosi per gli antichi filosofi nel campo delle etiche 
question!. Molti ne trattarono, pochi si accostarono al vero. Di 
fatto, se pigliamo le mosse dalla filosofia orientale e gift discen- 
diamo alle scuole d' Italia e di Grecia, noi troviamo quella di 
Talete e di Pitagora, e accanto a queste 1' epicurea e la stoica 
mettersi d' innanzi allo sguardo i grandi quesiti : Havvi egli una 
felicita riservata all'uomo, ovvero sara esso preda d'una tendenza 
perpetua senza il possibile acquisto di quell' oggetto che piena- 
mente 1'appaghi? E questa felicita e ella conseguibile quaggiil, 
ovvero solamente dopo reciso lo stame della vita mortale? E, 
ammesso che di certo esista, per quali vie sara poi ella da conse- 
guirsi? Ecco le grandi question! dei filosofi morali, le quali se erana 
in se della niassima rilevanza, non poteano per6 adequatamente 
esser risolte da loro, abbandonati, com'erano, al puro lume della 
ragione, offuscata per giunta da molte passioni. Essi quindi die- 
dero bensi chi 1'uno e chi 1'altro dei diversi element! costitutivi 
della felicita, ma niuno seppe per ventura cogliere tutto intero 
e nelle sue parti connesso il concetto deiraltissimo vero, di che 
andavano in traccia. 

Quegli stessi due massimi ingegni e veri luminari della filo- 
sofia, che nella Grecia tennero dietro al secolo di Pericle, vogliam 
dire Platone ed Aristotele, benche si approssimassero alia verita y 
non giunsero per6 a coglierla tutta intera, n^ ad esporla con 
formule recise. Platone pertanto, sicuro dall'una parte che la 
tendenza dell'uomo alia perfetta felicita non poteva esser data 
indarno dall'autore di esso, e vedendo dall'altra che non era 



LA FELICITA TERRESTRE SECONDO ARISTOTELE 173 

possibile aversi al tutto compiuta nella presente vita, la pose 
eonseguibile, in una vita avvenire, da quella parte dell' uomo, che 
e la principale e per lui era pressoche tutto, cioe dall' anima, 
costituendo 1'oggetto di cotesta felicita nella contemplazione di 
nn' idea, la quale in se raccogliesse tutto il bello ed il buono : 
con che tanto d'appresso avvicinavasi al vero concetto d'una bea- 
titudine assoluta. 

Quanto ad Aristotele, bench& di mente piu positiva, pure avea 
scorto nel volo del suo maestro alcun che di alto e sublime vero, 
e tentenu6 alquanto se dovesse seguirlo su quella via l . Ma 
essa gli dov6 parere troppo oscura ed incerta, massime per un 
nlosofo come lui, che non volea montare an gradino piu alto se 
non ben fermo sul precedente. Egli non nego T altezza di quel 
volo, ne la realta di quella possibile felicita; talora tentft egli 
stesso di lumeggiarla 2 ; ma nel suo complesso gli parve piuttosto 
divina che umana, ne possibile ad acquistarsi come tale dalle sole 
forze deH'uomo 3 . 

Lasciando pertanto di trattar di proposito della futura, Aristo- 
tele si tenne pago d' investigare con profondo e minuto esame 
qual fosse la massima e piu verace felicita dell' uomo sulla terra, 
e per qual guisa si potesse conseguire. Quanto poi alia felicita 
ultramondiale dell' uomo, non consta abbastanza chiara e precisa * 
la sua opinione; ma certamente 1'ammise, come vedremo. 

Pur qualunque fosse il suo avviso intorno ad essa, per quello 
ch'egli prese a determinare, nel I fo\V Etica Nicomachea e in 
parte del X, intorno alia massima felicita terrena, pare a noi 
abbia imberciato siffattamente nel segno e con si esatta dottrina, 
che abbiamo giudicato cosa sommamente utile (anche a confu- 
sione dei moderni epicurei) il rannodarne per filo i sommi capi : 
il che ci studieremo di fare in uno o due articoli. 



1 Cf. il lib. X MYEtica Nicomachea, specialmenle il cap. 7. 

2 Etica Nic. ibid, stesso e il cap. 8. 

3 Cf. del lib. I il cap. 6 verso la fine. 

* Da parecchi luoghi del lib. X consta pero a sufficienza ch'ella debba consistere 
lormnlmente in un atto di perpetua e soavissima intelligenza. 



174 LA FELICITA TERRESTRE 

II. 

Sommi capi della trattazione Aristotelica. 
1 Capo: II fine ultimo e il massimo bene. 

Tutto il ragionamento di Aristotele u&lYEtwa Nicomachea, 
per rapporto alia felicita, sembra potersi ridurre a tre capi: 1 pro- 
vare che un solo e il fine ultimo che nelle opere nostre ci pos- 
siamo prefiggere, e che questo e il bene massimo per noi, o sein- 
plicemente il bene perfetto; 2 determinare speciftcamente in che 
cosa debba riporsi cotesto fine qui sulla terra, dimostrando che 
esso consiste nell'operare colla maggior possibile virtu, non solo 
di abito ma eziandio di atto; 3 stabilire che questo bene, men tre 
e il piu conveniente e perfettivo dell'iiomo in quanto tale e quindi 
bellissimo in s& e nell'ordine morale, e altresi nel suo complesso 
il pi ft eudenionico che aver si possa daH'uomo; essendo per natura 
rannodata in esso la rnassima moralita al suo maggior benessere; 
amendue element! del pari costitutivi della verace felicita. Ecco 7 
sceverato dalle question! metodiche ed incident!, tutto 1'ordine 
della trattazione aristotelica intorno alia felicita; al quale puossi 
aggiungere a mo'd'appendice la confutazione dei Platonici e le 
sue proprie considerazioni sul concetto d'una felicita assoluta 
ultramondiale. 

E quanto al primo capo, cioe che vi sia un fine ultimo che & 
il massimo bene, Aristotele a provarlo prende le mosse da una 
verita inconcussa. Osservate di grazia, die' egli, che quantunque 
volte ed in qualsiasi guisa voi operiate, V elezione e 1' operazione 
die voi fate avra sempre per iscopo un bene. Invero, operare & ten- 
dere, e tendere al nulla e assurdo; tendere poi ad un oggetto 5 
cercare qualche cosa che appaghi la potenza tendente, & quindi 
cercare per essa un bene. Pero il bene, siccome & sempre in qual- 
che guisa perfettivo di un soggetto, e insieme il fine di qualunque 
anche menoma operazione. Di qui quella definizione del bene che 
pass6 presso tutti i filosofi posteriori : Bonum est quod omnia 
appetunt: $10 x^Xwg kniyfomfr* T' ay^^v ov Tiavi' lyl&tau l . 



1 Etica NIC. lib. I, cap. 1. Di qui pure nascono gli attributi che si scambiano 
col bene stesso; di appetibile perche conveniente al soggetto, e di conveniente perche 
perfettivo di esso, o semplicemente o rispello a (jualche sua facolta. 



SECOXDO ARISTOTELE 175 

Adunque ogni operazione ha un fine, e questo sempre nn 
bene deH'operante. Senonchd un solo essendo 1'oggetto formale 
e proprio d' ogni facolta, e per contrario le facolta stesse essendo 
molteplici, e le une inferior! e sottoposte alle altre, ne seguira 
necessariamente che la dove le tenderize souo molteplici, i fini 
delle une avranno ragione di mezzo ai fini delle altre, e i beni 
di quelle ai beni di queste unicamente serviranno : perocche il 
mezzo, in quanto tale, nou ha ragione alcuna di bene sua propria, 
trasferendosi ella tutta alia mediazione pel bene del fine. Che se 
& cosi, ognun vede come sia legittima la conseguenza, che uno 
debba essere il fine ultimo, e questo di necessity il massimo e 
perfettissimo bene. 

Ma se da quest' ordine soggettivo noi passiamo agli oggetti 
sa cui versano le facolta, noi trovererno in essi la ragione di 
quell' intreccio ammirabile che sogliamo contemplare nelle arti 
e nelle pratiche scienze, le quali altresi s'avvicendano e ranno- 
dano e concatenano, servendo sempre le inferior! alle superior!, 
e i fini delle une ai fini e al bene delle altre. Cos}, per usare 
1'esempio stesso d'Aristotele, 1'arte del fare i freni sara subordi- 
nata a quella del cavalcare, come quella del far le arm! a quella 
del guerreggiare, e le une e le altre del pari alia strategia, e 
quesfca al fine suo immediato e proprio che e" la vittoria; e la 
Yittoria novellamente a qualche altro fine ulteriore, che potra 
essere o 1'onore o la potenza o qualche altra cosa l . Per tal guisa 
scorrendo ogni altra arte e scienza pratica, si riuniranno e ran- 
noderanno i fini singoli sino ad un unico ed ultimo fine, quello 
della scienza pratica piu perfetta 2 . 

Ma forse potea dubitare taluno, che questo fine unico ed ultimo 
fosse poi solamente un-ideale, piuttosto che una realta possibile 
a conseguirsi. A tal dubbio viene da Aristotele tagiiato il passo 
fin dalle prime. Perocche ammettere una catena di fini subordi- 

1 Vedi lib. I, cap. 1. 

* Vananwnte Aristotele vorrebbe che questa fosse la politica: TOtauTY] <5Y] TTO- 
XiTtXY) 9atv*Tai (Vedi lib. I, cap. 1). Ma esso e in parte scusabile, sia perche qui 
cerca la folicita puramente terrena; sia perche intendea richiamare la politica di Grecia 
al vero mezzo di procacciare il bene sociale, che e quello della moralila dei ciltadini. 
Yedi sulla vera politica il concetto che Aristotele ne da al cap. 9 del lib. I. 



176 LA FELICITA TERRESTRE 

nati, di cui gli uni si vogliano per gli altri senza un ultimo 
veto e reale, sarebbe ammettere un doppio assurdo, quello cioe di 
una serie numerica infinita e di una tendenza senza 1'oggetto 
del suo tendere: npozict yap oiircoyV^ anztpotii cim' IIWLI xsvvjv 
MI U.XKX.IM i>7v opz'n (1. 2, c. 2). II qual duplice assurdo 
avrebbe pur dovuto scorgere a buon senso quell' infelice giovane 
Leopardi, quando perfin nella sua canzone di letizia ad Angelo 
Mai scrivea quelle agghiacciate parole: A noi presso la culla 
Immoto siede e sulia tomba, il nulla ; egli che le tendenze al 
bello e al buono pii\ di tanti sentiva. No, quest' ultimo ed unico 
fine, conchiude Aristotele, oggettivamente esiste, ed in lui di ne- 
cessita e riposto per noi il massimo bene. Epper6 il prirao e piu 
importante ufficio d'ogni uomo che voglia essere saggio sara 
quello di porre ogni cura a rintracciarlo, a raggiugneiio, facen- 
dolo segno d'ogni sua operazione, come 1'arciere fa del bersaglio: 
a/a' cuv xi npfa tov fiiw v$ yvwig aviov f 

p to^otou axonw lysvizs /jLaXX^y av 
(1. I, c. 2). 



III. 

Secondo capo della dottrina aristoteMca, in cui si determina 
in yenere in che consista il fine ultimo. Tre scuole opposte 
quanto a determinarlo, e sono: quella degli epicurei; I'altra 
dei falsi politici; la terza degli stoici. Si confatano le 
prime due. 

Fin qui si e dunque provata da Aristotele V esistenza di un 
fine ultimo e per6 d'un bene massimo e reale per 1'uomo. Ma il 
difficile pei filosofi dell' antichita stava nel determinate specifi- 
catamente cotesto fine, al quale dovessero gli uomini indirizzarsi 
come ad ultima meta: il che valea lo stesso che il determinate 
in che si dovesse alia fin fine riporre 1'umana felicita. II punto 
era della niassima importanza; essi ben lo intesero, e per6 vi si 
affaticarono a lungo e con disparate sentenze. 

La questione riusciva presso a poco identica a quella che da 
noi YUO! farsi a proposito degli atti volitivi, rispetto ai quali 



SECONDO ARISTOTELE 177 

tntte le linee del motivi si rannodano e metton capo a tre; cio, 
o a cercare il solo place vole e Futile contro F onesto, o il solo 
onesto contro il piacevole e V utile (nel loro contrasto), o il pia- 
cevole e il vero utile ma secondo ragione e solo in quanto a lei 
sottoposti, cioe insiem coll'onesto l . Di qui nacquero tre scuole, o 
in tutto o in parte opposte, dei filosofi che andarono in traccia 
dell'umana felicita: la scuola degli Epicure! che Aristotele 
chiama del basso volgo, la quale ebbe come fine ultimo e per6 
auche come principle movente dell 1 operate uinano il vil piacere; 
la scuola della falsa politica, in quanto ha per iscopo 1'interesse 
e Fonor vano; e da ultimo la stoica, che ebbe per fine bens! la 
virtu ma affatto isolata, senza una relazione all'ordine eudemo- 
nico e agli oggetti che lo costituiscono 2 . 

Aristotele sceveratosi da ogni scuola per investigare al solo 
lume della ragione la verita, afferro, forse pel priino, il grande 
concetto: che nella questione della felicita Fordine morale dovea 
andare del pari coH'ordine eudemonico, ossia del maggior benes- 
sere di tutto Fuomo. 

Esso pertanto confuta dapprima gli Epicure! siccome quell! 
che, essendo schiavi delle piu vili passioni, si rendono per ci6 
stesso incapaci della vera' felicita che e propria di una natura 
ragionevole e libera 3 . Ne men di leggier! convince egli coloro, 
che Fonore si prefiggono a fine del loro operare. In vero Foggetto 
proprio della felicita, osserva egli, dev' essere qualche cosa, il cui 
possesso sia alFuomo inerente ed intrinseco: ma Fonore oltreche 
essere in se stesso un bene estrinseco, & piu in potere delF ono- 
rante che dell'onorato; e .per6 tutto dipende da quelli ai quali 

1 Propriainente parlando 1' ultimo motive pratico, decisive del volere nelle singole 
azioni che sono in qualche modo opposle, non pu6 essere che il piacere o 1'onesto, 
giacche Futile dee ancora risolversi nell'uno o nell'altro. Esso poi si risolve neces- 
sariamente nell' onesto, ne va da esso distinto, benche in parte ne va distinto il pia- 
cevole. Vedi Cic. De off. HI, 7-9. 

2 La scuola sto : ca a differenza della peripatetica fu ben designata da Cicerone in 
queste parole: Ad honestatem nali sumus, eaque aut sola expetenda est, ut Zenoni 
visum est (il fondatore della stoica), aut certe omni pondere gravior habenda, quod 
Arisloteli placet etc. (il fondatore della peripatetica). Loc. ci.l. 

3 Aristotele nel lib. I si spaccia in breve degli Epicurei, perche ne parla poi piu 
a lungo nel libro X, tratlando del piacere, dove confuta Eudosso. 

Serie XI, vol. XII,fasc. 776 12 12 ottobre 1882 



178 LA FELICITA TERRESTRE 

sta il dark) e il toglierlo a piacimento: tanto esso e superficiale al- 
Fuomo: Soxii yap sv 1-015 TJUWTJ ^aXXov slva^ v? sv 1 



Piil, egli osserva che quei medesimi che vanno in traccia d'onore 
non possono poi sinceramente prefiggerselo per ultimo fine. E 
perche in vero, domanda loro Aristotele, si cercano gli onori? Non 
certo per altro che a fine di essere creduti o saggi ed abili, o 
virtuosi e buoni. Se & cosi, stara dunque che voi stessi ammettiate 
la scienza e la virtu essere in se maggior bene che 1' onore lora 
attribuito. Altro 6 pertanto che alia scienza e alia virtu debba 
di per s& tener dietro 1' onore come suo proprio effetto, ed altro 
e ch'esso ricerchisi come la sostanza d'un vero bene che ci 
appaghi. Dottrina giustissima, la quale in-brevi parole fu tutta 
espressa dall' Aquinate, quando design6 F onore come il puro 
segno della perfezione esistente: Signum perfectionis existentis* 
Per6 lasciata da parte ogni scienza speculativa che e ordinata, se 
verace, a ben dirigere le pratiche facolta al bene col fame co- 
noscere il vero oggetto, restera che la sola virtd sia per Tuomo 
T ultimo fine. 

IV. 

La dottrina degli stoici in parte vera in parte falsa. 
Sentenza di Aristotele. 

Bimaneva ad Aristotele da provare, se il detto fine fosse da 
riporre nella virtd in abito ovvero in atto; ed egli, con argomento 
dedotto dalla natura delle umane facolta, prova che 1' ultimo fine, 
e per6 la massima felicita dell' uomo sulla terra, dee consistere 
solo nella virtu in atto, ossia in un' attivita secondo ragione, al 
possibile continuata. Ma qui, anzich6 esporre il concetto del gran 
tilosofo, sara per ventura meglio riportare tradotta per intero la 
sua argomentazione, essendo questo il punto piu rilevante di 
tutta la questione. Cosi adunque egli ragiona al capo VII del 
libro I, dopo d' aver parlato della felicita in genere 2 . Ma pei % 

1 Mica Nic. I, 5. 

2 Versione di E. Ferrazzi. 



SECONDO ARISTOTELE 179 

ventura il dire che la felicita e I'ottimo del beni parra cosa 
ammessa da tutti, e cercherassi invece che aucor piil cliiaramente 
spieghisi che cosa el la sia. Cio forse riuscirebbe se si prendesse 
a considerare 1' opera dell'uoino. Infatti come pel sonatore di 
flauto, per lo scultore e per ogni altro artefice, infine per tutti 
quelli che hanno qualche mestiere ed operazione, pare che il bene 
ed il buono stia riposto nell' opera che fanno cosi parrebbe anche 
dell'uoino se anch'esso ha un' operazione sua propria. E forse 
dunque il fabbro ed il calzolaio avrarmo le loro opere ed esercizi 
(in quanto son tali) e 1'uomo, in quanto tale, non ne avra alcuno 
ma sara inerte per natura? o non piuttosto siccome 1'occhio, la 
mano, il piede, ed in generate ogni altra parte del corpo ha 
evidentemente la sua propria operazione, non potrebbe alcuno 
assegnare qualche operazione all'uomo oltre a tutte queste'? Or 
quale sara ella mai ? II vivere, a dir vero, gli e comune, come 
appare,. colle piante. Ed ora si cerca una cosa a lui propria. 
Dobbiamo quindi porre da canto la vita nutritiva e vegetativa. 
Quella che tien dietro a questa 6 la sensitiva; ma e manifesto 
che ancor questa 6 comune al cavallo, al bue e ad ogni animate. 
Non rimane perci6 a lui che una cotal vita attiva della parte 
razionale; e siccome poi anche questa pu6 essere di due maniere 
o in potenza o in atto, si dee stabilire quella che 6 in atto, giacche" 
questa propriamente pare che si chiami vita. Se dunque la vita 
dell'uomo consiste nell' operazione dell'anima secondo ragione, 
e non senza ragione; e se e una stessa specificamente 1'azione e 
Tazione ben fatta, come ^ una stessa secondo la specie 1'azione 
del sonare e del sonar bene (aggiungendosi nella braA^ura la sola 
eccellenza dell'opera)... se di piu finalmente ogni cosa si perfe- 
ziona per una sua propria virtu, restera che anche il bene umano 
sia 1'operazione dell'anima fatta secondo 1'pperare perfetto della 
ragione, ossia secondo virtu, e che quella operazione sia piu no- 
bile e piu appaghi F uomo come tale, che e fatta secondo una 
virtu pii\ perfetta. 

Fin qui Aristotele, il cui ragionamento si potrebbe tutto rias- 
sumere in queste parole: La felicita 6 il perfezionamento del- 
1'uomo secondo quella facolta che e la sua propria distintiva; questa 



180 LA FELIC1TA TERRESTRE 

e" la ragione; ma ogni facolta si perfeziona coll'atto; dunque nel- 
1' attivita costante secondo ragione, ossia nella virtu in atto sara 
da riporre la sostauziale felieita dell'uomo sulla terra. A dare 
maggior evidenza al suo argomento, Aristotele lo mette anche in 
relazione col fine e col bene, e lo ritrova quadrare a capello. Egli 
invero avea gia provato : quello essere maggior bene che ha piu 
ragione di fine ultimo. Che se tal relazione e vera, come e veris- 
sima, anche quello avra ragione di bene massimo, che tra i beni 
si cerchera solamente e sempre per se, e non mai per un altro. 
Ora mentre il piacere, la scienza e 1'onore, e cosi d'ogni altra 
cosa, benche da taluni si cerchino anche per se, possono tuttavia 
e si dovrebbono ragiouevolmente cercare per altro bene, solo la 
virtu e" quella che sempre e unicamente per se si ricerca, perche 
ella non ha mai, rispetto a qualunque bene finito, ragione di 
mezzo. Ella sola perci6, come feiicita incoata, eternamente rimane. 
La virtu ha dunque sola sulla terra ragione di fine ultimo, di 
bene massimo e per6 di feiicita : di feiicita, noi aggiungeremmo 
(per non dedurre una conclusione troppo lata), o perfetta e asso- 
luta, ovvero imperfetta bensi, ma di vera e propria ragione, 
perche inalienabile caparra e via sicura dell' assoluta e perfetta. 

Arrivato a questo punto Aristotele in certa guisa esulta, come 
chi ha raggiunto sicuro il porto dove salvarsi dopo ii trabalzar 
delle tempeste. Egli a buon diritto si compiace di aver con ci6 
trovato il fondamento sicuro sul quale innalzare Pedificio d'una 
verace feiicita ; si compiace di averne dato il vero abbozzo, la- 
sciando altrui di delineare il resto del panneggiamento suo pro- 
prio, col porvi quelle finitezze accidentali che suole all' abbozzo 
forbito pittore 1 . 

1 Niuno forse ha espresso il pensiero di Aristotele con piu linitma di eleganza ed 
energia che Seneca, in quel luogo della Iettera76, dove svolge questo medesimo argomento, 
dandogli pero una tinta stoica. Eccone alcuni bi-ani: Quare hoc unum sit bonum quod 
honestum dicam: omnia suo bono constant; vitem ferlilitas commendat et sapor vini, 
velocitas cervum... In quoque optimum esse debet, cui nascitur, quo censetur. In 
homine optimum quid est? Ratio; haec antecedit animalia, deos sequilur. Ratio ergo 
perfecta proprium hominis bonum est. Cetera illi cum animalibus satis communia sunt. 
Valet? et leones. Formosus est? et pavones. Velox est? et equi... Non qunero quid 
in se maximum habeat, sed quid suum. Corpus habet? sed et arbores. Habel, impetura 



SECONDO ARISTOTELE 181 

V. 

All* elemento etico della virtu va congiunto 
I' elemento eudemonico. 

Dopo le cose dimostrate riraaneva un terzo punto a provare, 
che cioe alia virtti in atto tien dietro per la parte eudemonica il 
maggior benessere che si possa praticamente conseguire in terra. 
E qui ci pare che Aristotele abbia toccato un vero del piti sodo e 
del pill sublime ascetismo, rivocando 1'uomo alia virtu, coine aL 
piu verace e costante dei gaudii. 

Infatti chi e veramente virtuoso, osserva egli, non e solo lo- 
datore inerte della virtu, ne solamente praticante ritroso di essa r 
bensi ne dee riuscire di necessita un amatore ardente. Egli deo 
vedere tutto lo splendore della sua belta, dee sentire la subli- 
mita della sua altezza, dee pregiarne pienamente la solidita del 
valor e. 

Or bene, niuno e che non si diletti di cio che ama intensa- 
mente, o dir6 meglio, di niuna cosa veruno pu6 dilettarsi se non 
di quello di cui e ainante. Solo percio de' teatri si diletta il filo- 
drammatico, e dei cavalli il cavaliere. Sara dunque giuocoforza che 
anche il veracemente virtuoso, come studioso amafcore della virtu, 
pigli di essa diletto; ne solamente se ne diletti 7 ma con gaudio- 
maggiore che altri aver possa in verun altro oggetto. 

E per verita se il dilettarsi, dice Aristotele, e cosa eminen- 
temente psichica, dovra dunque il gaudio esser maggiore in quel- 
1' oggetto che dell' anima appaga una piu nobile facolta. Ma di 
tutte nobilissima e sovrana e la ragione pratica. Dunque 1'ope- 

et motum voluntarium? et bestiae et vermes etc... Quid in homine proprium? Ratio. 
Haec recta et consummata felicitatera hominis implevit. Eri?o si omnis res cum suum 
honum perficit laudabilis est et ad fmem suae naturae pervenit, homini autem suum 
bonum ratio est, si hanc perficit laudabilis est et finem suae naturae attigit. Haec 
ratio perfecla Virtus vocatur, eademque Honestum est. Id itaque unum bonum est 
in homine quod unum hominis est, nunc enim non quaerimus quid sit bonum, sed 
quid sit hominis bonum... Non dubitas an hoc sit bonum, dubitas an solum bonum 
sit etc. Segue quindi sulle tracce dei purl Stoici a dicliiarare la virtii essere il 
solo bene. 



182 LA FELICITA TERRESTRE 

rare secondo ragione, ossia 1'operar virtuoso, avra in s&, oltre il 
massimo bello dell'ordine etico e il bene del perfezionamento 
proprio dell' uomo, anche il maggior dei diletti e della conten- 
fcezza nell'ordine eudeinonico. N& solamente 1'avra maggiore, 
ma 1'avra in se per natura, e per6 la virtu sara dilettevole al 
veracemente virtuoso in forza del suo medesimo esercizio, non 
avendo essa propriamente bisogno di verun altro diletto procac- 
ciato altronde, quasi di un'aggiunta esterna: oySsv S 



sv sauic, npoq iog epr^votg yap 



Ed ecco altresi la ragione fondamentale per cui tutti i diletti 
del basso volgo, massimamente i piu sensibili, siccome quelli 
che di fatto meno si ragguagliano alia stregua della ragione, sa- 
ranno, oltrech^ sol momentanei e passeggeri, incapaci anche per 
lor natura di appagare il soggetto umano che li accogiie. Essi 
non sono tali che a lui si uguaglino, e per6 si combattono fra 
di loro, si escludono a vicenda, si annuliano di per s6, e nel 

1 Etica NIC. lib. I, cap. 8. A meglio intendere il pensiero di Aristotele sarebbe 
da vedere nei primi cinque capi del libro X fa\V Etica Nicomachea tutta la sua dot- 
Irina intorno al piacere, e massimamente il cap. 4 e 5, dove ne spiega la natura e 
)e diverse specie. Nol cap. 4, dopo di aver detto che il piacere e in se qualche cosa di 
intero e compito in genere suo, e che quindi non si fa per generazione e per moto, il 
quale e sempre via al perfelto, egli a ragione ne deduce che il piacere e fuori della 
ragione di tempo e di misura, ma e in istante, essendo sempre ogni specie di piacere 
un tutto di sua natura compito. 

Rispetto all' origine, il piacere ha luogo solamente quando la potenza a riguardo 
dell'oggeUo suo e otlimamente disposta. Di qui Aristotele deduce che in ogni con- 
templazione dell' inlelletto sara anche dolcissima 1' operazione, che vi e perfettissima 
e in se e per la natura dell'oggetto. 11 piacere poi, essendo un cotal fine, rende 
1'operazione perfetla; ma esso non vi e continuo perche conseguita alle operazioni, e cosa 
umana non opera continuarnente. Quanto pero all' operazione dell' intelletto essa e di 
natura sua e per se continua, ma non vi e sempre uguale la disposizione a cagione 
dell'oggetto e dei sensi, i quali pure per Punita del soggetto ne impediscono anche 
la continuity Di qui e che le cose nuove ci dilettano piu nel primo contemplarle che 
dipoi, perche Pintensita dell' intelletto e quindi 1" unione coll' oggeito allora vi e mag- 
giore. Di qui nasce pure che ogni cosa secondo la sua natura desidera il piacere, perche 
desidera di vivere, e il piacere fa il perfetto in ogni genere di vita. Pero non vuole 
il piacere per vivere ne il vivere per il piacere propriamente, ma quesle cose vanno 
aisieme congiunte per natura. 



SECONDO AR1STOTELE 183 

loro contrasto lasciano passando il cuore piu vuoto e 1' animo piu 
desolate: lolc, t asv ouy no\\oig xa vjch'a p.d^oit Six 10 pj q&ujej 

TOlCtVTOt *V32, TSJS $3 q?lX0X#X0 77* VJ T <pU7c }8l# *. 

Da questa dottrina di Aristotele noi possiamo dunque per ora 
conchiudere due cose: 1 che la felicita terrena consiste nell' ope- 
rare seconclo virtu in atto, o non certo senz'essa; 2 die i due 
element! della felicita, il morale e F eudemonico, si richieggono 
amendue, non gia come due cose distinte quasi fossero due di- 
versi oggetti finali, ci6 che sarebbe assurdo, una sola essendo 
la potenza suprema da appagarsi; bensi devono unirsi di con- 
serva in un solo oggetto finale, che d' amendue si compone; il 
quale oggetto in terra altro nou puft essere alia fine che la stessa 
virtu. Quindi Aristotele pot& a ragione darsi il vanto di aver egli 
adunato quanto di vero aveau detto sovra tale argomento tutti 
i filosofi passati ; alcuni dei quali avean posta la felicita nel pia- 
cere ma senza virtu; altri nella virtti ma senza piacere; altri 
nell'abito ma non nell'acquisto per gli atti; altri finalmente 
negli atti ma senza la continuazione di essi. 

1 Al cap. 5 del lib. X Aristotele ne da piu intime ragioni, provando che i piaceri 
son different! di specie secondo la diversa natura delle facolta e dell' oporazioni loro 
perfettc. Se poi ogni operazione perfetta ha il piacere suo proprio e se i piaceri son 
perfezionamento delle pperazioni, questi possono dunque essere buoni o catlivi, o iri- 
diffcrenti, secondo che sono le oporazioni ord : nate od ordinabili al fine. 

Ma i piaceri che son dentro alia nalura stessa delle operazioni, sono maggiori di 
quelli che puramente le seguono e vi ineriscono d'altronde, essendo che i primi son 
quasi una stessa cosa con esse operazioni; restando sempre vero che i piaceri non 
sono pero ne mente ne senso, p'oiche essi non sono potenze, ma come le loro altualita. 
Da quesia dottrina Aristotele conchiude che non sono quindi piaceri proprii delPuomo 
quelli che son vituperevoli rispetto all' uomo stesso, ossia quelli che non sono insieme 
coll' operazione ordinati debitamente al fine. All' uomo invece appartengono sempre quei 
piaceri che fanno piu perfette le operazioni proprie dell' uomo perfetto, e quegli altni 
o semplicemente non son piaceri, o il sono meno, tranne a chi e corrotto in cio che 
e proprio dell' uomo: Taq [xsv ouv ai^xpa? (rfiovds)... S^YiXov w<g ou 
rfiovdc, elvai, 



FLORA, FAUNA, AVVENTURE 

APPUNTI 

DI UN VIAGKHO NELL 7 INDIA E NELLA CINA 



XXII. 

SUMATRA. 

Spuntava dal seno dell'oceano 1' isola di Sumatra, ergendo le 
ondulate creste de'suoi monti sovra nuotanti cumuli di vapori, 
che ne annebbiavano i dossi, ma che veniano man mano diradan- 
dosi sotto F occhio ardente del sole. Qaando si furono dileguati 
del tutto, apparve 1'isola in tutto lo sfoggio di sua lussureg- 
giante vegetazione. II piano e le pendici erano di amenissima 
veduta, tutte inarborate e come attappezzate a festa, ove di culti 
cam pi e verzieri, e dove di severe foreste non mai tocche dalla 
mano dell' uomo. La spiaggia rientrando in s& stessa, rivolgevasi 
qua e cola in seni, rade e lunette difese da ana cinta d'isolotti 
di origine madreporica e corallina. Numerose bilancelle, piroghe 
canoe, ed altri legnetti di poco pescaggio serpeggiavano con mi- 
rabile destrezza tra un laberinto di scogli. 

Astolfo, dopo aver lunga pezza contemplate in silenzio quello 
spettacolo, volto a Zeno, dimandogli : 

Qual e la distesa di quest' isola? 

Di oltre a undici gradi. Ella misura mille settecento chi- 
lometri in lunghezza, e trecento novanta nella sua massima am- 
piezza. 

- E chi le die la culla, Plutone o Nettuno? 

1 geologi inclinano ad ascrivere questo vanto a Nettuno, il 
quale arietando di continue coll' impeto delle sue correnti la pe- 
nisola di Malacca, la quale corre con si lunga distesa entro mare, 
vi avrebbe aperta si larga breccia da tagliarne fuora la gran- 
d.' isola di Sumatra. 



FLORA, FAUNA, AVVENTURE - XXII. SUMATRA 185 

E quella catena di monti, domando 1'Elisa, fin dove si 
protende ? 

Ella corre per lo lungo tutta 1' isola ; e come dal tronco si 
dipartono i rami, cosi altre minor! catene di monti spiccandosi da 
quella, dismontauo nelle pianure, scaricandovi le loro acque che 
in piu luoghi v' impaludano, ovvero vanno a bagnare il pi6 nella 
marina. 

- E qual e il gigante di que'gioghi? chiese Astolfo. 

Se tu ti facessi a consultare la geografia del Balbi col re- 
cente supplement del Chotard, che in questo genere e 1' opera 
piu compiuta che abbiamo, ovvero il gran Dizionario geografico o 
1' Enciclopedia popolare, ti direbbsro a una voce, che la punta pifr 
elevata dell' isola e il Gunong-Passaman, chiamato Ofir dagli 
Europei, ii quale poggia sotto 1'equatore a un'altezza di 4,330 
metri. Ma piu recenti ed esatte misure danno il primato al Gu- 
nong-Kossumbra, il quale di 400 inetri sull'Oftr si avvantaggia. 

- E avvi vulcani su per que' monti ? chiese Bianca. 

Avvene parecchi. Chi tra geografi ne novera tre, chi quat- 
tro, chi cinque; e chi per essere piu sicuro del fatto suo, non ne 
fa menzione alcuna. Eppur ti dico io che non dormono, o se ta- 
lora sonnecchiano, russano assai forte; e quando si risvegliano, 
fanno un ca'del diavolo. L'un dessi il 23 luglio del 1822, dopo 
un lungo muggire e un frequente traballar della montagna, spa- 
Ianc6 la sua bocca d' inferno, vomitando con orribil bombo, in 
mezzo a 7 nuvoloni di fumo, faville ; razzi, vampe, roventi massi 
che scoppiavano per aria, e piogge di ceneri e un torrente di 
fuoco, che lampeggiando e ruggendo dirapava giu pe'balzi del 
monte. 

L'eruzione fa si violenta, che insieme a quella fiumara infer- 
nale, adimarono ne' sottoposti piani enormi macigni, scagliati in 
alto dalFimpeto dell'interna bufera. I tremuoti poi che scuotono 
cosi di frequente tutta 1' isola, sono chiaro indizio non essere 
que'quattro sfogatoi, quanti sembra averne Sumatra, bastanti al 
furore di quell' incendio che ne tormenta e divora le viscere. 

- E dunque quest' isola, osserv6 1'Elisa, una copia della bella 
Napoli, la quale ha al di sopra un cielo di zaffiro e d'oro, d'in- 



186 FLORA, FAUNA, AVVENTURE 

torno un eden di delizie, un terren paradiso, e sotto una viva 
imagine dell' inferno. 

- Si, Sumatra e la partenope dell' India. Cova sotto 1' inferno, 
ma lo ricopre con una ricca e superba veste, in cui Flora spiega 
tutta la pompa delle sue mille tinte e de'suoi dilicati profumi. 
Tre quarti almeno dell'isola sono imboschiti di piante d'ogni ra- 
gione, tra le quali vigoreggiano in tutto il loro rigoglio i mangli 
e i mangostani, le goiave e le giache, i cocchi e i banani, le 
giambose e gli ananassi, e simili piante fruttifere ; e vi torreg- 
giano i colossi della flora tropicale, quali sono varie specie di 
eaju, il fico del Bengala, della Pagoda, dell' India, e gigantesche 
palme ed altre piante, che voi ad ogni pie" sospinto incontrerete. 
Sumatra e" altresi popolata di quanto ha di piu gigantesco il 
regno animale, come sono Telefante, il rinoceronte, il bufalo, la 
tigre reale, Torso nero, T orang-utan e altre specie di scimmie; 
etra'rettili il famoso pitone dell' India da alcuni geografi con- 
fuso col boa. Nelle acque poi, che impaludano a pie delle mon- 
tagne, patullansi a tutto lor agio gl'ippopotami, le lontre e i 
coccodrilli. 

Sono ricche, dimando Astolfo, le foreste di selvaggina? 

Blcchissime. Avvi daini, cervi, zibetti, cignali, e infinita 
uccellagione. 

- E anche i pappagalli? chiese tosto Bianca. 

Quelli poi a stormi. 

bene, benissimo, ripigli6 la bimba, battendo per conten- 
tezza le mani; e mise tosto a parte della lieta novella il piccolo 
Patrizio, il quale, avendo gia colla madre sua visitato Sumatra e 
la penisola di Malacca, ove ha dovizia di questi uccelli, sorrise 
dell'ingenua ilarita della sorellina. 

Suppongo, disse Astolfo a Zeno, che avra su per que' monti 
eziandio tesori di minerali? 

Avvi oro, rame, stagno, piombo, ferro, zolfo, carbon fossile, 
petrolio, granito grigio, marmo, steatite, e una pietra saponacea 
detta napal. Dio sa poi quant' altre ricchezze si celeranno nelle 
viscere di quelle montagne! Ma oltre la naturale indolenza de- 
gl'indigeni, una loro superstiziosa credenza ha impedito fin qui 



XXII. SUMATRA 187 

che venissero un po'meglio esplorate. E da sapere, che cotest'iso- 
lani riguardano le piu elevate cime come residenza degli spirit! e 
Kramats, cio& luoghi santificati e inaccessibili a'profani. 

E per6 qual non fu la loro maraviglia, quando videro piu di 
una Ma gli europei guadagnar le piu alte vette dell' isola, 
sfidando bravamente gli spiriti, e tornarsene poi da quelle loro 
arrischiate gite alpine saui e salvi e di gaio umore ! 

Converrebbe, disse Astolfo, mandar lassu in que' cucuzzoli 
tutti i nostri spiritisti europei, che ci mettono 1' inferno in casa. 
Quello si che sarebbe un luogo acconcio alle loro spiritiche tre- 
gende ; ed e' ci buscherebbero da que' baccelloni d' isolani grosse 
niancie e regali da potersene rimpannucciare per benino. 

- lo gli manderei in qualch' altro paese, soggiunse Zeno, ove 
piu non potessero gabbare i gonzi, de' quali dappertutto il nu- 
mero stragrande. 

Ditemi Zeno, dimand6 1'Elisa, sono assai stemperati i ca- 
lori in quest' isola partita a inezzo dall'equatore? 

La sua temperatura, ch' esser dovrebbe elevatissima, e 
assai mitigata da frequenti pioggie e da freschi venticelli, co- 
talche il termometro all'ombra oscilla quasi sempre tra i 23 e 
i 24 gr. R. Yi spandono altresi molta frescura i tanti corsi 
d'acqua, che avvallando dagli alpestri gioghi la solcano ed an- 
naffiano in ogni sua parte, tra' quali primeggiano 1'Indragiri e il 
Palembang, i due fiumi principali dell' isola. Nell'interno poi 
sorge un alto piano di clima temperatissimo, ove ha bellissimi 
laghi ; e in sulle spiagge del mare e ne* valloni, che covano tra 
le montagne, spira di notte e sul mattino una brezzolina si umida 
e fresca, che ti fa aggrizzar la pelle, e sentir il bisogno di acca- 
lorarla con un buon focherello. Per6 non e mai che nevichi o 
geli, neppure sulle creste piu elevate de'monti. Non vi si distin- 
guono che due stagioni, la secca e la piovosa. In questa 1' isola, 
per lo spazio di sei mesi, 5 inondata da piogge a diluvio, che le 
si rovesciano sopra con un frequente e pauroso romoreggiar di 
tuoni, guizzar di lam pi,, scoppiar di saette, e talora con trabalzi 
e scuotimenti di terra, sicche sembra tutti gli elementi scatenar- 
lesi contro a disertarla. Ma tanto scompiglio non 6 che un furore 



188 FLORA, FAUNA, AVVENTURE 

passeggero, e per lo piu innocuo ; anzi lo dir6 al sommo provvi- 
denziale, perch& serve a purificare 1'atmosfera carica di miasmi 
e di vapori. 

Sia pure, disse Bianca, ma v'e da spiritare. E che vi pare? 
tuoni, falmini, tremuoti... 

E arrogi, soggiunse celiando Astolfo; tigri, orsi, pitoni, e 
selvaggi e antropofagi, e tant'altre cose da mettere i brividi... 

- Ah no, no, riprese la bimba, per tutto 1' oro del mondo non 
vorrei vivere in Sumatra. 

- Tu, le disse la madre accarezzandola, vivrai e starai dove 
Dio vuole. Hai inteso? Egli e il nostro padrone, e noi dobbiamo 
fare in tutto la sua santissima volonta. 

La bimba chin6 ii capo, e si tacque. 

Astolfo volto a Zeno: Qual , dimandogli, la durata media 
della vita in quest' isola? 

Assai breve. Un individuo a sessant' anni decrepito. Una 
giovinetta di quindici anni & madre ; una donna sui trenta & piu 
che matura, ai quaranta e vecchia, ai cinquanta cadente, ai ses- 
santa una mummia. 

Hai inteso Bianca? disse Astolfo. Tu in Sumatra non sa- 
resti piu bambina, come sul Tevere, si bene zitellona quasi da 
mar i to. 

Obbligato; ma io non vo' invecchiar si presto! 

Hai ragione, soggiunse Zeno ridendo. 

Tu invecchierai, le disse la madre, tuo inalgrado; e cosi 
presto, che ti parra la passata giovinezza il fior di un giorno. 

Se 6 cosi breve, disse Astolfo, la vita di quest' isolani, 
converra dire che questo clima sia assai micidiale. 

E lo 5 difatti, soggiunse Zeno, ma nella costa occidentale 
dell'isola, ove, a cagione delle molte acque che v'impozzano, 
1'aria & malsana. Non cosi nell' orientale e ne'luoghi elevati, ove 
respirasi un aere puro e salutare. II che peraltro non toglie che 
anche quivi, come in tutti i paesi umidi e caldi, la vita dell'tiomo 
non sia generalmente piu breve di quello che suol essere nelle 
fredde o nelle temperate regioni. 

- Poich6, disse F Elisa, avete appagata la nostra curiosita 



XXIT. SUMATRA 189 

circa la natura e la condizione dell'isola, dated almeno un tocco 
di quella degl' isolani. E anzitutto diteci qual e" la popolazione di 
Sumatra, e come divisa? 

- Dices! die ella assommi da tre a quattro milioni di abi- 
tanti; ed & composta di razze ben distinte, che si suppongono 
venute dall' India e dall' Oceania. La piu parte degli aborigeni 
avrebbero, a quanto si narra, adottato i loro costumi; e gli altri 
in piccol nuraero si sarebbero rinselvati nel piu folto delle fo- 
reste, ove vivono in istato selvaggio. Gli Aceni abitano la parte 
settentrionale dell'isola; i Lampun stanziano nella parte piana 
e meridionale ; i Battas occupano il paese situato al N. E. di 
fronte a Malacca e confinano cogli Aceni ; i Menanghabo risie- 
dono sugli altipiani nel centre di Sumatra; i Rejang popolano 
quel tratto di terra, che si stende tra le montagne e le coste 
occidental! ; e Siak ed altri piecoli Stati, siedono quello sulla 
costa orientale, e questi sulla occidentale dell'isola. Di tutti 
questi popoli i piti inciviliti sono i Malesi di Menanghabo; e i 
piu barbari, i Battas, i quali sono antropofagi, e mangiano i pri- 
gionieri di guerra e i condannati a morte. 

- Guai a te Bianca! disse Astolfo rivolto alia sorellina. Se 
darai nelle ugne dei Battas, ti arrostirauno allo spiedo, o ti ac- 
conceranno in guazzetto come una palombella. 

- Ah! rispose Bianca, crollando il capo, prima ch'essi ardis- 
sero di mettermi le mani addosso, Zeno caccierebbe loro due pil- 
lole della sua carabina nello stomaco. E poi, credi tu ch'io non 
mi saprei difendere, come fanno le Eomane? 

E come fanno le tue Romane ? dimand6 Zeno con viva 
curiosita. 

- Se alcuno le molesta, ed esse dan di piglio allo spillone 
che attraversa la loro treccia, lungo e aguzzo quanto un trafiere, 
e con quello in mano si fanno rispettare, vi dico io... 

Ma tu non Thai? 

Si, che 1'ho nel mio stipetto, ed e d'argento! 

Tanto meglio ! ripigli6 Zeno ridendo saporitamente. Ben si 
vede che circola nelle tue vene 1'antico sangue romano. Ma datti 
pace, che noi non andremo a farci squartare e rosolare dai Battas. 



190 FLORA, FAUNA, AVVENTURE 

Con coteste interruzioni, disse 1' Elisa, gittiamo il tempo, 
e stanchiamo la pazienza del nostro buon Cicerone. Diteci Zeno : 
qual 6 la religione di questi popoli ? 

Un misto informe di paganesimo e d' islamismo. 

E la loro lingua? 

- E diversa; ma Tuna ha molta analogia coll'altra; e tutte 
hanno per base il Malese. 

Dated qualche contezza di questi popoli da noi si poco co- 
nosciuti, disse Astolfo, e rivolto alia sorellina, soggiunse: 

E tu, Bianca, attenta e zitta. 

Yedremo, rispose la sorellina, a chi de' due sapra meglio 
tenere la parola tra'denti. 

Propositi da marinai ! sclam6 1' Elisa crollando il capo, e 
sorridendo. Ma buon per voi che la pazienza del vostro maestro 
non si stanca ! 

Stancarsi? riprese Zeno. Che dite mai? Yorrei che tutti i 
giovanetti fossero altrettanto vaghi e ghiotti di utili conoscenze, 
come lo sono i vostri figliuoli, che beata la societal... Ma ve- 
niamo a noi. 

XXIII. 



BREVI NOTIZIE DE^MALESI. 



Mi far6 anzitutto da'Malesi, che sono il popolo piu impor- 
tante dell'isola, e ch'ebbe, se deesi aggiustar fede alle sue tradi- 
zioni, in Sumatra sua culla e stato assai fiorente. Di qui adunque 
sarebbero uscite le prime colonie, che furono a stabilirsi nelle 
isole vicine; una delle quali capitanata, a quanto narrasi, da 
Iskander, che diceasi dis.cendente di Alessandro il grande, impa- 
dronissi nel 1160 di Singapore, e vi fenn5 sua sede; ed altre 
s'insignorirono della penisola di Malacca, e vi fonlarono nel 1253 
la citta di questo nome, donde poi si spavsero a popolare Giava, 
Borneo, Timor, le Celebi e isole adiacenti, e fin le Molucche e la 
Filippine. Ora trovansi dispersi sopra una terza parte del globo. 

E parlano ancora 1'istesso linguaggio? dimand6 1' Elisa. 



XXIII. BREVI NOTIZIE DE' MALESI 191 

- No; ma le diverse lingue che parlano, hanno i medesimi 
element! fondamentali, che rivelano un'origine comune; e la 
stessa lingua madre e oggi alterata da uno strano miscuglio di 
voci straniere. Ci6 non pertanto ella porta su tutte le altre lingue 
dell'Asia e dell' Oceania il vanto per la sua inarrivahile dolcezza. 
Ell'e in Oriente quello che in Occidente e la lingua del bel paese 
dove il si suona. 

Volete dire la nostra lingua italiana? interruppe Bianca. 

Ben inteso, disse infastidito Astolfo, taci, non interrompere. 

Se la lingua malese, prosegui Zeno, e per la sua soavita un 
fior di lingua, non ha per6 tutta la pompa e il colorito che vestono 
le lingue orientali. La letteratura pero e abbastanza ricca; il che 
dees! alia stima in che sempre furono presso i Malesi 1' eloquenza 
e la poesia. Le arti eziandio, massime le meccaniche, furono e 
son tuttavia da essi con amor coltivate, quantunque per diverse 
cause i progress! ne fossero sovente e in piu luoghi, ritardati. 

Qual & la forma del loro governo ? chiese Astolfo. 

Ell'e diversa ne' different! paesi, ma le diverse forme hanno 
questo di comune, ehe piu o meno ritraggono dell' antico nostro 
feudalismo. Perfino ne 7 paesi retti a Monarchia, com' e" questo di 
Acem, 1'autorita del sovrano non e il piu delle volte riconosciuta 
da cotesti prepotent! Raia o Signorotti, i quali mentre sono ri- 
belli al monarca, gueneggiansi spietatamente fra di loro. 

Hanno essi almeno un codice di leggi ? 

Oltre il Corano, le cui leggi peraltro non riguardano che 
la religione, la morale, i connubii e la trasmissione del la pro- 
prieta per retaggio, i Malesi posseggono piu codici nomati un- 
dang-undang, cioe statuti; alcuni de' quali contengono le piu 
important! leggi civil! e criminali, ed altri, soltanto regolamenti 
per la riscossione delle imposte. Ove agli undang si aggiungano 
le addat, o raccolte di costumi antichi, e i seradjet e akal, o an- 
nali e tradizioni antiche, si avra una specie di codice complete 
delle loro leggi, tradizioni e costumi riguardo al governo, alia 
proprieta, alia schiavitu, all' eredita e al commercio. 

Hanno essi una storia? 

Si, ma non contiene, per quanto io sappia, che la loro con- 



192 FLORA, FAUNA, AV VENTURE 

qnista e il possesso della penisola di Malacca, come indica 
1'istesso titolo della loro storia Chirachat Malacca. 

Qual e, domand6 1' Elisa, la loro indole, o ii loro carattere. 

- Che posso io rispondervi? Non v'e cosa, a mio avviso, piu 
malagevole che dipingere fedelmente le moral! sembianze di un 
popolo, quantunque non siavi geografo o viaggiatore che Don vi 
si cimenti, abbozzandole con quattro pennellate, che te lo raffigu- 
rano, se non qual egli e ; di certo quale se lo ritrasse in mente lo 
scrittore. 

Benissimo ; ma io vo' sapere in questo la vostra opinione. 

A mio parere il Malese & uno de'popoli piu difficili a de- 
finirsi ; e un portentoso impasto di dolcezza e di ferocia, di bra- 
vura e di vilta, di civilta e di barbarie, un misto insomnia che 
sfiderebbe a ben conoscerlo e ritrarlo tutta la scienza degli etno- 
grafi. moderni. In generate paiiando, il Malese e d'indole ardente, 
di fervida imaginativa, d'animo audace, violento nell'ira, corrivo 
alia vendetta, implacabile co'nemici, affettuoso, ma spesso ancora 
capriccioso cogli amici, delicatissimo sul punto dell'onore, sma- 
nioso di liberta, amante di avventure, accorto, intraprendente, 
battagliero, inchinevole alia rapina ed al sangue. Esso ama le 
lontane emigrazioni, la navigazione, il commercio, le arrischiate 
imprese, i combattimenti, le danze, i giuochi e i piaceri. Eccovi 
a mio avviso il moral ritratto de' Malesi. Ma come questo popolo 
per la sua fusione colla razza negra australe o dei Papuas, e 
cogli Indi, Cinesi ed Europe!, ha modificato non poco il suo ca- 
rattere e i suoi costumi, come pur il suo tipo, non sempre questo 
mio ritratto rispondera al suo originate. 

Come sono fatti i Malesi? salt6 su a dimandar la Bianca. 

- Sono di mezza taglia, ben impersonati, nerboruti, di pic- 
ciole membra, ma ben dintornate, con mani sottili e gambe che 
si assottigliano anch'esse assai verso la noce del piede, carna- 
gione bruna o giallognola, e capelli folti, lunghi e di un lucido 
nero. La sommita del cranio 5 alquanto rilevata, la mascella su- 
periore e i pomelli delle gote alcun che sporgenti, il naso camuso 
e in fronte due occhi neri, vivi e pungenti. Ma che sto io a de- 
scriverti queilo che tu qui stessa puoi vedere cogli occhi tuoi ? 



XXIII. BREVI NOTIZIE DE* MALESI 193 

Guarda quel marinaio a prua, e additolle nn Malese, che allora 
era intento a fare il carro alia vela. Egli e un vero tipo della 
razza, un Malese puro sangue. 

Bianca lo squadro attentamente; e il marinaio veggendosi 
fatto segno di ammirazione, sorrise di compiacenza mostrando 
due file di denti neri come 1'ebano. Parea che dicesse in cuor 
suo: Che ti pare? Non sono un bel zerbinotto io? 

La fanciulla che gli lesse in quel risolino e negli sguardi il 
vanitoso pensiero, sorrise, e volta a Zeno, dissegli: 

Non ho mai visto prima d' ora n& uom, n& animale dai 
denti neri. Che mal vezzo& cotesto de'Malesi di annerire cosl i 
denti, che Dio ci di& di uno smalto si bello, bianco e lustrante? 

Costoro hanno i denti neri, rispose Zeno, a cagione del ma- 
sticare che fanno di continue il gambir, sostanza astringente, 
che si estrae dalle foglie della nauclea gambir, e che si avvan- 
taggia non poco sul cacciu. Essa contiene grande quantita di 
acido gallico e di tannino, che annerisce i denti, la lingua e il 
palato. Altri poi costumano masticare il b6tel, mescolato con la 
calce, 1'areca e il tabacco. Pero tanto il b6tel che il gambir 
sembrano spezie molto sane e stomatiche, dacch& i Malesi hanno 
1'alito profumato. 

Qual &, dimand6 1'Elisa, il genere di occupazione a cui il 
Malese si dedica di preferenza? 

La navigazione, Tindustria e il commercio. Egli sdegna 
per lo piu la cultura delle terre come un'arte abbietta, e quando 
non vi 6 dalla necessita astretto, la trascura, o la lascia tutta in 
mano a'Cinesi e a'servi o agli schiavi. Egli e ardito navigatore, 
astuto commerciante, e valente nell' arte del tessere, del lavorar 
gioielli, del tagliare e pulir pietre preziose, e nei lavori di legno 
e di filigrana. 

E quali sono, chiese Astolfo, i suoi costumi? 

Puoi rispondere da te stesso alia tua domanda, ove tu 
poiiga mente alle due principali cause che influiscono sui costumi 
degli uomini, e sono la religione e la legislazione. 

Un popolo maomettano, siccome e questo, e che per giunta cou- 
serva ancora una scorza di paganesimo, non pu6 non essere di 

Serie ZI, vol. XII,fa.ac. 776 13 13 ottobre 1882 



194 FLORA, FAUNA, A V VENTURE 

molli ed effeminati costuini. Esso pratica la poligamia; ama 
1'ozio e il piacere; & dato al vizio dell'oppio, e quando de'suoi 
fumi s'inebbria, trascorre a'piu deplorevoli eccessi. Un'aristo- 
crazia ereditaria, recandosi in mano la somma del potere, se ne 
giova per difendere contro il capo dello Stato, o il Sultano, i suoi 
privilegi ; e giunge fino a scuoterne il giogo, mentre dall' altro 
lato tiranneggia il popolo, lo dissangua e lo spolpa, per impin- 
guare se stessa; che la tirannia fa sempre la piaga della societa 
pagana ognor divisa tra padroni e schiavi. 

E perche, soggiunse FElisa, anche in Europa si va paga- 
neggiando, anche cola Taristocrazia non del sangue, che oggi 
conta un bel zero, ma quella del danaro, della ciancia e dell'in- 
trigo settario, salita al potere, mentre si ribella a Dio, osteggia 
la Chiesa e tradisce il sovrano, barbaramente opprime e schiaccia 
il mal capitato popolo, il quale e poi sempre quello che si rimane 
col danno e con la beffa. Te lo spoglia de'piu sacri diritti, lo am- 
miserisce con infiniti gravami, lo affascina con vane lustre di li- 
berta, e degradalo e abbrutisce colla piu spaventosa corruzione. 

Brava, bravissima la signora Elisa, sclamft Zeno, cbe con 
due maestre pennellate avete tratteggiato al vivo e al vero la 
morale fisonomia di una societa omai paganizzata ! Ma torniamo 
a bomba. I popoli Malesi fannosi assai delle volte tra loro il viso 
delle armi, e guerreggiansi spietatamente a vicenda; perche 
hanno quasi sempre qualche torto reale o imaginario da vendi- 
care. Puntigliosi e vendicativi per indole e per costume, essi 
vanno sempre armati; cotalch6 voi non vedreste un Malese senza 
il suo Kriss o pugnale al fianco, la cui punta & sovente avvele- 
nata colla radice dell' upas. La guerra, la pirateria, il traffico 
degli schiavi, e presso alcuni popoli di questa razza i sacrifizi 
umani e 1'antropofagia stampano loro in fronte un indelebile 
marchio d'infamia. II loro vizio predominante & la pirateria, 
ch'essi non riguardano come un delitto degno della forca; e spie- 
gflno in quella siffatta audacia, che non di rado furono viste pi- 
roghe montate da una trentina di Malesi attaccare un vascello 
europeo armato di cannoni, abbordarlo e impadronirsene, dopo 
averne trucidato tutto T equipaggio. 



XXIII. BREVI NOTIZIE DE ? MALESI 195 

Sembra incredibile, disse 1'Elisa. 

Eppure e vero, e molti storici, geografi e viaggiatori ce ne 
serbarono meinoria. Spesso e anche avvenuto clie parecchi malesi, 
ricevuti come mozzi a bordo delle navi europee, piombassero im- 
provvisi col loro kriss alia mano sopra la tripolazione, ferendone 
e uccidendone non pochi, prima clie si potesse metter loro le 
mani addosso. II perchfc le Compagnie de' vapori e i Govern! eu- 
ropei fecero di coinune accordo una legge, che vieta ai capitani di 
mare di aminettere piu di uno o due marinai malesi a bordo delle 
loro navi. 

Ma non v'5 modo, disse 1'Elisa, d'incivilire cotesta gente? 

L'unico modo d' incivilirla e convertirla al cristianesimo ; 
e in questo sudano e si travagliano con mirabile annegazione e 
spirito di sagrifizio i missionari, i cui sudori e il sangue fu un 
seme si fecondo, che moltissimi di qnesta nazione abbracciato 
avendo la nostra santa fede, rivaleggiano in fatto di civilta cogli 
europei piu costumati e gentili, e sono dolci e cortesi nelle loro 
intime relazioni, ospitali cogli stranieri, fedeli inantenitori della 
data parola, ossequenti e fidi ai loro padroni, e molto dediti alle 
pratiche della religione. Ma eccoci giunti in porto. 

Ringraziamo, disse 1' Elisa, la bonta di Dio, che vi ci ha 
condotti sani e salvi, e dopo averci di piu consolati ed arricchiti 
in viaggio coll'acquisto deila piu bella perla di questi mari. E 
qui volse una materna occhiata all' orfanello, stampogli due pre- 
muti baci in fronte, e toltolo per mano, scese con lui, con gli 
altri figli e Zeno in un paliscalmo, e prese terra. 

XXIV. 

UN INCONTRO INASPETTATO. 

, 

II Chine-mail trov6 surto suH'ancora in porto un vapore mer- 
cantile, arrivato poc'anzi da Calcutta, il quale abbattutosi ne'due 
battelli delFElverine, su cui venivano il capitano, il secondo e 
parecchi passeggeri e marinai del legno naufragato, come gia 
accennammo in un precedente articolo, aveali raccolti e messi 



196 FLORA, FAUNA, AVVENTURfi 

a terra. Or quest! scontratisi ne' loro compagni di sventura, che 
sbarcavano dal Chine-mail, sbalordirono al vederli; tanto erano 
lungi dal credere die altri avesse potato fuor ch' essi salvarsi, 
non avendovi a bordo dell' Elverine piu che i due paliscalmi sui 
quali essi soli erano venuti. Ma quando riseppero da' compagni il 
modo tutto provVidenziale, con cui la bonta divina era venuta lor 
in aiuto, invece di fame festa, ed abbracciare, come si suole in 
simili occasion!, que' che aveano avuto seco comuni i pericoli e la 
salvezza, restarono di ghiaccio, e mormorato appena a fior di 
labbra un freddissimo mi rallegro se ne andarono pe'fatti 
loro. Di che Zeno stomacato, disse all'Elisa: Ben si vede che 
a costoro va poco a sangue un tal incontro. Quando non si ha la 
coscienza netta, si temono i testimoni delle proprie azioni. Quella 
glaciale accoglienza volea dire : Ah perche non periste anche 
voi, anzi che condannare colla vostra presenza la nostra fuga. 

Ma quello che piu avea colpito Zeno in quest' incontro era 
stato un atto di gran sorpresa e di subito turbamento, ch'egli 
avea scorto in volto al secondo dell' Elverine, quando gli si fe'in- 
nanzi il piccolo Patrizio. 

Avete osservato, disse Zeno sottovoce all' Elisa, come colui 
la (e accennava al secondo ch'erasi gia allontanato) si e" tutto 
imbruschito e rannuvolato in viso ai vedere sano e salvo questo 
povero orfanello? 

L'ho ben notato anch'io, ma non saprei darmene ragione. 

La ragione la spiller6 io, onde che sia. Poi stato alquanto 
sopra s& stesso, si batte 1'anca, e sclam6: Qui per fermo si 
asconde un qualche mistero d'iniquita, che e d'uopo mettere 
in luce. 

E senza piu, avuto a se Patrizistto, il quale in mezzo a Bianca 
e Astolfo precedealo di pochi passi, si fe'a interrogarlo. 

Conoeci tu il secondo dell' Elverine? 

Come no? mi volea tanto bene, e mi facea tante carezze! 

Eppure non ti ha fatto ora buon viso, ne si e rallegrato 
teco di vederti salvo. 

E vero ; e non so intenderne il perche. Io non gli ho fatto 
male alcuno... 



XXIV. UN INCONTRO INASPETTATO. 197 

Senza dubbio. Che male potevi tu fargli, povero bimbo? 
Ma dimmi, che ti diceva egli? 

Spesso ini domandava se mia madre era ricca. 

- Ah ci siamo! disse Zeno a mezza yoce, e facendo una striz- 
zatina d'occhio all'Elisa. 

Mi domandava ancora, prosegui ingenuamente il fanciullo, 
s' ella avea in animo di rimaritarsi. 

E tu che gli rispondevi? 

Mamma mia, prima che maritarsi di nuovo, si farebbe im- 
piccare. 

Tutti diedero in uno scoppio di risa; e Zeno ripigli6: 

Quando tu gli davi questa desolante notizia, che faceva 
egli? che dicea? 

- Stringeasi nelle spalle, dondolava il capo, e schiacciava non 
so che parole tra'denti; poi tornava a domandarmi se mia madre 
era ricca. 

Questo era quel che gli premea. E tu che gli rispondevi? 

Domandalo a lei. 

Ed egli acquietavasi a questa risposta? 

No; ma sorridendo dicevami ch'ei ne sapea pift di me. 

E che diceva egli di sapere? 

Che mio padre era stato un ricco mercante, e che mi avea 
lasciato una grossa eredita, la quale, senza ch'io me ne addessi, 
viaggiava meco in quel bastimento. 

Zeno e 1'Elisa ammiccaronsi a vicenda, e dopo aver confabulato 
alquanto tra di loro, Zeno torn6 a interrogare il fanciullo: 

E venuto mai il Secondo a visitarti nella cameretta di 
bordo... 

No. 

- Ha parlato mai a tua madre ? 

Yeniva alle volte a parlarle; ma ella dopo due parole acco- 
miatavalo. 

E il secondo allor che facea? 

Fingea d'andarsene, ma fermatosi a poca distanza, la guar- 
dava, la guardava... 

E tua madre se ne avvedea? 



198 FLORA, FAUNA, AVVENTURE 

Ella non levava mai gli ocelli dal libro. 

Sai tu che intenzione avesse il Secondo? 

Ei mi disse tante volte che avrebbe voluto sposarla?... 

E tu Thai fatto sapere a tua madre? 
-SI. 

Ed ella che ti disse? 

Prima impiccata, che maritata a colui. 

II mal bigatto, disse Astolfo, non volea gia sposar tua 
madre, ma la sua borsa. 

Ah ecco perche, soggiunse ingenuamente il fanciullo, ei 
mi parlava sempre di eredita e di ricchezze. 

- Sai tu, dimandogli 1'Elisa, come si chiamava? 

Eh avea tanti nomi... chi li ricorda tutti? 

Dinne almeno alcuni. 

Udii chiamarlo maroto, e anche patife. 

Due voci portoghesi, soggiunse Zeno ridendo, che in buon 
italiano suonano furfante. Sono nornignoli che gli avranno appic- 
cato i marinai indiani, e che forse gli calzano a capello. Ma 
penso io che niun di loro avra avuto il coraggio di complimen- 
tarlo con questi bei titoli, quand'egli era presente? 

Io non lo so, rispose Patrizietto, stringendosi nelle spalle. 

Ma quando i marinai parlavano con lui, come lo chia- 
mavano? 

Signor Secondo. 

Cotesto e 1' appellative del suo ufficio, non e gia il suo 
nome di battesimo. 

Ah egli e battezzato? ripiglift ingenuamente il fanciullo. 
Chi 1' avrebbe mai creduto? 

perche dici questo? chiese con viva curiosita 1'Elisa. 

PerchS ho udito dire a bordo che colui e un gran frammas- 
sone; e mamma mi ha assicurato che non si pu6 essere frarn- 
massone e cristiano ad un tempo. 

Ma quand'egli ebbe il santo battesimo, bimbo mio, sog- 
giunse sorridendo 1'Elisa, non era ancora frammassone. 

Basta: disse Zeno, io troverft modo di sapere nome, vita e 
miracoli di cotesto signor Maroto. Poi disse alForecchio dell'Elisa; 



XXIV. UN INCONTRO INASPETTATO 199 

Non facciamo subodorare ad alcuno i nostri sospetti. Sara mia 
cura tener d'occhio costui, ed indagare da'marinai che razza 
d'uomo o d'animale egli sia. 

Yedremo, risposegli FElisa, se sarete un buon fiscale. 

Tra questi discorsi giunsero alia capitania del porto, ove pari- 
mente erano convenuti gli altri viaggiatori, due de'quali erano 
mercatanti, e intendeano trar vantaggio dalla fermata di oltre 
due giorni che vi avrebbe fatto il Chine-mail, onde riparare le 
sofferte avarie, per accivanzarsi ne'loro traffici con grosse com- 
pere di benzuino e di canfora, i due prodotti piu preziosi di Su- 
matra. E per6 venivano alia Capitania per la licenza di commer- 
ciare, che soleva quivi conferirsi con una strana cerimonia, 
chiamata il Kap. Portavano altresi present! da offerire al sultano 
Aceno per meglio ingraziarselo ; dacche egli avea tutto il mo- 
nopolio dell'estero commercio. Gli altri viaggiatori associaronsi 
con loro, per godere anch'essi, delle buone grazie di Sua Maesta 
Acena, e avere maggiori agevolezze e riguardi nella breve di- 
mora che voleano fare nella capitale del regno. 



RIVISTA BELLA STAMPA ITALIANA 



I. 

Degli Universali di MATTEO LIBERATORE D. C. D. Gr. Opuscolo 
secondo, estratto dal Perwdico: L'Accademia romana di 
S. Tommaso d' Aquino, vol. II } fasc. I. 

Si esamina il secondo libro di Mons. Ferre sopra gli Universali e si restituiscono a I 
retto loro senso alcuni dei Testi di S. Tommaso, da lui tortamente interpretatl 

Questo secondo opuscolo & non meno importante del primo. In 
esso si confuta la teorica rosminiana, difesa da Mons. Ferre, per 
ci6 che riguarda 1'origine degli Universali, si quanto alia mente 
divina e si quanto alia mente nostra. 

L'Autore comincia dal notare tma duplice inesattezza, incorsa 
da Mons. Ferre, nello stabilire lo stato generale della quistione. 
II dottissimo Prelato dice: La controversia si riduce puramente 
aH'origine dell' idea dell'essere universale. Rosmini afferma e di- 
mostra che quest' idea non & acquisita ma & naturale all'uomo; 
i di lui avversarii invece sostengono che nessuna idea, neppure 
quella dell' essere universale, 6 innata nella mente umana. II 
Liberatore osserva da prima che non 1' origine ma la qualita del- 
1'anzidetta idea 6 quella che propriamente viene impugnata dagli 
avversarii del Rosmini. Egli e vero che ammettere qualche idea 
naturalmente innata nella mente umana, per se offende la dot- 
trina dell'essere Tanima umana forma del corpo. Imperocche 
1' anima non potrebbe essere ordinata di natura sua ad informare 
il corpo, se non fosse 1'infima delle intelligenze ; e 1'infima in- 
telligenza deve essere in pura potenza rispetto alle forme ideali, 
come la materia prima e in pura potenza rispetto alle forme reali. 
Come neU'ordme^'s/co, cosi neH'ordine intellettuale 1'mfimo 
grado 5 costituito dalla pura potenza. Nondimeno, non volen- 



RIVISTA DELLA STAMPA ITALIANA 201 

dosi spingere le cose fin dove potrebbesi, se la dottrina rosmi- 
niana si riducesse veramente a solo questo, non sarebbe a fame 
grande scalpore. Ma la cosa non e cosi. Quella dottrina aminette 
talmente innata 1'idea dell' essere, che confonde cotesto essere 
con quello del Verbo divino, rimossane per astrazione la sola sus- 
sistenza ; e sostiene che questo medesimo essere informi le crea- 
ture. IT essere pel Eosmini & uno ed increato. Onde la teorica 
rosminiana ha ben altro aspetto da quello, sotto cui vorrebbe qui 
presentarsi; e mena a ben altre conseguenze, che una semplice 
idea innata. In secondo luogo, la sentenza che stabilisce acquisite 
tutte le idee e evidentemente di S. Tommaso; e per6 malamente 
si attribuisce, come ad autori, ai recenti avversarii del Rosmini, i 
quali non fanno altro che sostenere in ci6 la teorica del S. Dottore. 
Fatta questa osservazione, come a dire preliminare, il Libe- 
ratore entra in materia, e chiarisce vana si la confutazione che 
Mons. Ferr6 fa della sentenza di S. Tommaso, si la dimostrazione 
che fa di quella del Eosmini. La prima diceva : Non potersi for- 
mare Funiversale per astrazione, perch& esso non si trova nelle 
cose reali ; in cui non & nulla di universale che possa separarsi 
dalle condizioni individuali. Ma 1'egregio Prelato prende qui 
manifestamente un abbaglio. Egli crede che per formarsi 1' uni- 
versale, convenga che 1' universale gia esista in atto ne'singolari, 
e per la mente si separi da questi. Ma se T universale gia esi- 
stesse, mal si direbbe che vien formato per astrazion della mente. 
Non si forma ci6 che gia e, ma ci6 che non e e solo pub essere. 
Concediamo che non pu6 separarsi, se non ci6 che &; ma torniamo 
a ripetere, ci6 che si separa per 1' astrazione, formatrice del- 
1' universale, & Tessenza; e questa 6 nei singolari. Ascoltiamo 
S. Tommaso: Hoc est ab intellectu, scilicet quod intelligat unum 
in multis (I 7 universale) per abstractionem a principiis indi- 
viduantibus. Nee tamen intellectus est vanus aut falsus, licet 
non sit aliquid abstractum in rerum natura (non sia nelle cose 
niente di universale). Quia eorum quae sunt simul, unum potest 
vere intelligi aut nominari, absgue hoc quod intelligatur vel 
nominetur alter um; licet non possit vere intelligi vel did quod 
eorum, quae sunt simul } unum sit absque altero. Sic igitur 



202 R1VISTA 

vere potest consider ari et did id, quod est in aliquo individuo 
de natura speciei (1'essenza), in quo simile est cum aliis, absque 
eo quod considerentur in eo principia individuantia, secundum 
quae distinguitur ab omnibus. Sic ergo sua abstractions in- 
tellectus FACIT unitatem universalem \ L'universalita non e pre- 
supposta, ina conseguita alia separazione ; ci6 che e presupposto- 
e si separa, e" 1'essenza. Licet natura generis vel speciei nun- 
quam sit nisi in his individuis, intelligit tamen intellectus 
naturam speciei et generis, non intelligendo principia indivi- 
duantia, et hoc est intelligere universalia.' Et sic haec duo non 
repugnant: quod universalia non subsistant extra animam, 
et quod intellectus intelligent universalia, intelligat res quae 
sunt extra animam 2 . La cosa non poteva esprimersi pifr limpi- 
damente 3 . > 

Come e vana la confutazione che Mons. Ferre fa della dottrina 
tomistica, cosi e vana la dimostrazione che fa della rosminiana. 
Egli riporta quella che ne fece il Rosmini in modo negativo, cio^ 
per esclusione delle sentenze contrarie. Or siccome in quella 
enumerazione il Eosmini non fece entrare la sentenza di S. Tom- 
maso (n6 poteva farla entrare, perche la ignorava); cosi la pre- 
tesa dimostrazione cade da se stessa per terra. 

Mons. Ferr6 passa quindi a cercare 1'origine degli Universali 
in loro stessi; giacchk e fermo a voler dar loro un'esistenza pro- 
pria ad extra Dei, e riporre in essi gli archetipi de'reali finiti. 
Glli universali, egli dice, hanno un'esistenza propria, diversa da 
quella dell'esistenza divina, e sono esemplari delle cose create 4 . 
II Liberatore dimostra la stranezza d'una tale sentenza. L'uni- 
versale, come tale, non esiste che nella mente. Forma per mo- 
dum universalem non invenitur, nisi in intellectu . Quindi si 
fa a spiegare sulle tracce di S. Tommaso la teorica degli arche- 
tipi divini ; i quali secondo il S. Dottore non sono altro che la 

4 Qq. Disp. Q. De anima, a. 3 ad 8. 

2 Contra Gentiles, lib. II, cap. 75. 

3 Pag. 64. 

4 Degli Universali, vol. II, pag. 57. 
* Contra Gentiles, lib. I, cap. /*i. 



DELLA STAMPA ITALIANA 

stessa divina essenza, concepita come imitabile sotto tale o cotal 
grado di perfezione. Intelligendo (Deus) essentiam suam ut 
imitabilem per modum vitae et non cognitionis, accipit pro- 
priam formam plantae; si vero ut imitabilem per modum co- 
ynitionis et non intellectus, propriam formam animalis; et sic 
de aliis 1 . Ipsa divina essentia, cointellectis diver sis proportio- 
nibus rerum ad earn, est idea (Tarchetipo) uniuscuiusque rei 2 . 
Noi non istaremo qui ad epilogare 1' esposizione che ne fa 1'Au- 
tore, perche crederemmo di oscurarne la limpidezza. Piuttosto ri- 
porteremo per disteso la conseguenza che ne deduce. Dalla 
dottrina dell'Angelico, fin qui recata, apparisce che cosa debba 
dirsi degli universal!, quanto alia loro esistenza nelT intelletto 
divino. Dico dunque che secondo la dottrina del S. Dottore gli 
universali sono ab eterno neir intelletto divino in primo luogo 
esemplarmente, ossia come archetipi o forme esemplari delle cose 
creabili; e cosi presi s' immedesimano coll'essenza divina, non in 
quanto essa si riguarda come essenza divina, ma in quanto si 
riguarda come intesa, e intesa a rispetto della sua imitabilita 
sotto gradi diversi di perfezione. Cosi presi gli universali non 
sono unum aptum inesse multiSj ma unum aptum repraesentari 
a multiSj o, se piu aggrada, possono anche dirsi unum aptum 
inesse multis, ma non per identitatem, bensi per sui simili- 
iudinem. Sotto tale rispetto gli universali non solo noa possono 
dirsi esse ad extra Dei, ma neppure ad extra divinae essentiae; 
perch& sono 1' essenza stessa di Dio, in quanto forma esemplare 
delle cose, e per6 non confusa n& confondibile con esse, siccoine 
1'ideadell'architetto non si confonde, n6 pu6 confondersi coll'edi- 
fizio che s'innalza ad imitazione della medesima. In secondo 
luogo gli universali possono dirsi essere nell' intelietto divino, 
anche come termini della imitabilita dianzi detta, in quanto in 
virtu degli archetipi Iddio riguarda le essenze delle cose, creabili 
fuori di se, come imitazioai di quelli. Cosi considerati niente 
vieta che si dicano essere logicamente extra divinam essentiam, 
in quanto stanno nella considerazione divina non come la divina 

1 Contra Gentiles, lib. I, cap. 5i. 

2 Qq. Disp. Q. Ill De veritate, a. 2. 



204 RIVISTA 

essenza imitabile, bensi come imitazioni possibili della mede- 
sima in tale o cotal grado: ma in nessun modo, anche cosi riguar- 
dati, possono dirsi essere extra Deum e in loro stessi; perche, 
anche cosi riguardati, non esistono se non nel divino intelletto. 
La loro esistenza & puramente ideale; e 1' esistenza ideale e 
quella che si ha nell'idea e per 1'idea, ossia nel puro concetto 
della mente *. 

Nel terzo paragrafo passa 1'Autore a parlare deH'origine degli 
universali nella mente umana. E dopo aver esposto la dottrina 
di S. Tommaso, viene ad esaminar quella del Rosmini, propu- 
gnata da Mons. Ferre. Cotesta dottrina & epilogata nelle seguenti 
parole : Egli (cio5 Mons. Ferr6) vuole che gli universali ap- 
pariscano alia mente, in quanto immediatamente manifestati da 
Dio, e manifestati implicitamente nell'idea dell' essere universa- 
lissimo, la cui intuizione sia neH'anima nostra fin dal principio 
della sua esistenza. Anzi vuole che 1'anima umana, di per se 
sensitiva soltanto, diventi intellettiva in virtti della manifesta- 
zione, che Dio le fa, dell' essere universalissimo. Egli cita un 
passo del Eosmini che dice cosi: L' essere nella forma ob- 
biettiva si comunica a quei reali che hanno natura di principio 
e che diventano con tale comunicazione enti intelligenti. Con 
questa maniera di comunicazione 1'ente non mescola e confonde 
se stesso coi detti principii (reali) ma sta loro presente e ma- 
nifesto, onde ne rimangono illuminati e a un tempo creati 2 . 

II Liberatore giustamente si meraviglia che una mente si 
lucida ed assennata, qual e quella di Mons. Ferre, possa assen- 
tire a si strana dottrina. L'anima sensitiva che si tramuta in 
intellettiva! Ma ogni mutazione suppone composizione si nel ter- 
mine a quo e si nel termine ad quern. Danque 1'anima sensitiva 
5 composta nell'uomo; ed 5 composta anche 1' intellettiva, in cui 
la sensitiva si tramuta? Oltrechd dove 5 piti qui la creazione del- 
1'anima umana, come richiede la dottrina cattolica? La creazione 
ha per termine la sostanza, e la sostanza di cui nulla preesista. 
Or qui dell'anima intellettiva (che a parole dicesi creata) preesi- 

1 Pag. 17. 

2 Degli Universali, vol II, pag. 166. 



BELLA STAMPA ITALIANA 205 

sterebbe il soggetto, cio& P anima sensitiva che in lei vien tra- 
mutata per 1'apparizione di un'idea, quella cio& dell'essere uni- 
versalissimo. 

Curiosa poi & la ragione, che arreca il Rosmini per cui questa 
apparizione ^LQ\V essere universalissimo avviene alia sola anima 
sensitiva dell'uomo, e non anche a quella del gatto esempligrazia 
o del bue. Che un principio universale, egii dice, non possa 
intuire 1'idea se non giunto alia maggior potenza di animalita, 
si pu6 conghietturare supponendo che ogni virtu del principio 
sensitive, quando non sia giunto alia maggiore potenza specifica, 
rimanga spesa e assorbita nella tendenza a conseguire lo stato di 
perfezione organica che gli manca, e quindi non possa assorgere 
a riguardare T essere ideale, per s& intelligibile essenzialmente 
ed ovunque presente. > Quindi conchiude: A intendere questo 
fatto (dell' essere doe V anima umana, e non quella de' bruti, 
capace di avere la predetta intuizione} basta dunque supporre 
che la virtu o principio sensitive, che chiamiamo soggetto, possa 
terminare il suo atto ad ogni cosa presente; nia che essendo 
quella virtu limitata, talora s'arresti nell'atto suo per esauri- 
mento di forza (cost accade nel bruto); talora poi (come nel- 
I'uomo) gli avanzi vigore da sentire T essere intelligibile 1 . 

Qui abbiamo un vero pasticcio, esclama giustamente il Li- 
beratore. La virtu sensitiva, che si fabbrica rorganismo (mentre 
essa, essendo organica, dovrebbe supporlq}! La virtu sensitiva 
di natura sua capace di sentire 1' intelligibile, e solo impeditane 
per trovarsi occupata in altro! L' intelligibile che rende intel- 
ligente il subbietto, senza supporre in esso la potenza intellet- 
tiva! Ma lasciando stare tutto ci6, a ognuno s'affaccia questa 
ofcbiezione: Ogni specie di bruto ha un organismo suo proprio; 
il quale, quando & compito, non richiede altro. Dunque per ogni 
bruto giunge un tempo, in cui il suo principio sensitive, avendo 
compiuta V opera della fabbricazione del suo organismo, resta 
disoccupato, e pero ha Tagio di sentire F essere che 5 dapper- 
tutto. Perch& non lo sente? E se lo sente, perch& non diviene 
anch'esso intelligente? 

4 Psicologia, vol. I, lib. V, can. V. 



206 RIVISTA 

Per isciogliere siffatta difficolta non ci sembra esserci altra 
via, se non ricorrere alia teorica dell'unita di tipo nel regno 
animate, immaginata dal Eobinet, e svolta poi meglio dal La- 
mark e ultimamente dal Darwin; per la quale gli esseri organici, 
inferiori alTuomo, non sono che gradi pift bassi, in cui si ar- 
resta la virtu formatrice dell'organismo umano, al quale essa 
tendeva come ad ultimo termine. In tale finzione s'intende be- 
nissimo, perch5 la virtft sensitiva del bruto non senta 1'ente. 
La ragione si 6 che, non avendo potuto compire tutto il suo la- 
vorio intorno aH'organismo col riduiio a corpo umano, 6 rimasta 
come in un continuo conato a far ci6, e quindi impedita di badare 
ad altro. Questo conato del principio sensitive a procedere oltre 
neila fabbricazione dell'organismo, fino a giungere all'organi- 
smo umano, dove venga considerate in ciascuno degli esseri vi- 
venti con graduazione, ci spiegherebbe la trasformazione della 
specie, voluta dal Darwin. Ecco perch & dicemmo nell'opuscolo 
precedente che la teorica rosminiana si concilierebbe ottimamente 
col Darwinismo. E questa forse & una delle ragioni, per cui 
vediamo oggidi il Rosminianismo esser difeso calorosamente dai 
giornali liberaleschi \ 

II Liberatore, tornando al libro di Mons. Ferr6, mostra la vanita 
della prova recata da lui a sostegno della teorica rosminiana. Basti 
ncrtare che tutto il suo ragionamento si fonda sull' equivoco di 
atto primo, che egli vuol sempre intendere per operazione^n'wa, 
quando esso deve intendersi per forma; cio5 per principio co- 
stitutivo e specificativo dell'essere. E poiche abbiamo accennato 
cotesto equivoco, giudichiamo non dover omettere quel passo, in 
cui il Liberatore vendica S. Tommaso da un'oltraggiosa censura. 
Egli scrive : Mons. Ferr6 poco esperto, ad imitazione del suo 
maestro, della momenclatura di S. Tommaso, spesso crede che, 
quando il S. Dottore dice atto, intenda operazwne, mentre egli 
intende forma. E cosi non dubita di criticare anch' egli la de- 
finizione che S. Tommaso da dell' anima, quando la dice: Atto 
primo del corpo, fisico, organico, avente in potenza la vita; e 
ripete la curiosa osservazione del Eosniini, che ii chiamar cosi 

1 Pas. 27. 



BELLA STAMP A IT A LIANA 207 

1'anima pare un renderla produzione del corpo, giacche gli atti 
sono prodotti dal soggetto 1 . Ecco il testo del Rosinini, lodato 
da Mons. Ferr6: Muno si faccia meraviglia se egli sembra 
che noi qui ci allontaniamo dalla sentenza di S. Tommaso, il 
quale sostiene la definizione Aristotelica che 1'anima cioe sia 
un atto del corpo. Accettando per nostri maestri tutti i sacri 
Dottori della Chiesa, io credo dovere dell'amico della verita di 
appigliarsi piuttosto al fondo della loro dottrina, che alia lettera ; 
nella quale si trovano talora contraddizioni, che non esistouo nel 
fondo. S. Tommaso era quasi obbligato al suo tempo di ritenere 
la dottrina di Aristotile (pertib e degno di compatimentq} e 
di correggerla solamente. La definizione che da Aristotile non 
mi sembra sostenibile ; il chiamarla atto del corpo pare un ren- 
derla produzione del corpo, giacche gli atti son prodotti dal sog- 
getto. La similitudine che usa della cera e della figura impres- 
savi sopra, per dimostrare Tunione deH'anima col corpo, conferma 
la giustezza di questa censura ; giacch& nella cera improntata 
non vi ha che una sola sostanza, la cera ; la figura non 6 che 
un atto, una modificazione di essa; cosi 1'anima non sarebbe 
sostanza, ma una semplice modificazione del corpo. S. Tommaso 
se ne avvide (meno male}; e quantunque sostenesse la defini- 
zione aristotelica, non ammise pero 1'errore che ne venia di con- 
seguenza 2 . Povero S. Tommaso ! Per non errare in Psicologia, 
si content6 di errar nella Logical Eisum teneaiis, amid? E 
possibile che non rida chiunque conosce, ancorche mediocremente, 
la dottrina del S. Dottore? S. Tommaso con Aristotile non de- 
fini semplicemente Tanima atto del corpo, ma atto primo; ed 
atto primo, come vedemmo, 6 per lui lo stesso che forma, prin- 
cipio cio& specificativo delFessere della cosa 3 . 

11 modo, onde cotesti singolari interpret! di S. Tommaso ne 
espongono la dottrina, & inolto comodo. Affibbiano alle parole del 
S. Dottore un senso che non hanno mai avuto, e ne inferiscono 
che o sono favorevoli o almeno non contrarie alle loro opinioni. 

* Vol. I, pag. 409. 

12 Psicologia, parte I, lib. I, n. 223. 
5 Pag. 31. 



208 RIVISTA 

Cosi (& un fatto spiacevole a dirsi) si comporta ordinariamente 
Mons. Ferre. II Liberatore, non potendo in un opuscolo recarne 
tutti gli esempii, ne sceglie quattro 1 . Noi per saggio faremo 
cenno di un solo. II Liberatore confutando il Casara (il quale 
sosteneva esser conforme alia dottrina di S. Tommaso la teorica 
del Rosmini, che il primo obbietto della nostra intuizione sia 
1'ente ideale per essere il lume della nostra intelligenza), tra gli 
altri testi del S. Dottore, recava quello dell' opuscolo sopra Boezio 
de Trinitate: Nee tamen oportet quod ipsum lumen inditum 
sit primo a nobis cognitum. Non enim eo alia cognoscimus si- 
cut cognoscibili quod sit medium cognitionis, sed sicut eo quod 
facit cognoscibilia. Qui apertamente & negato che il primo co- 
gnito da noi sia il lume intellettuale ; e se ne da per ragione 
che noi per opera sua conosciamo le cose, non come per un co- 
noscibile che ci sia mezzo di cognizione, ma come per un effi- 
ciente dei conoscibili. Or posciachS V essere ideale & stabilito dai 
rosminiani appunto come non conoscibile <5he ci sia mezzo di co- 
gnizione; il testo del S. Dottore viene ad escludere non solo che 
esso sia il primo cognito, ma ancora che esso sia il lume della 
ragione. Mons. Ferr& che fa, per liberarsi dalla forza di questo 
testo? Dice che in questo luogo S. Tommaso parla della cogni- 
zione riflessa, non gia della diretta. 

A tutta ragione esclama qui il Liberatore: Quando io veggo 
che per sostenere un si sterna si ricorre a si misere scappatoie, 
mi sento fortemente tentato di credere che non si proceda in 
buona fede 2 . > E come di fatto persuadersi che qui S. Tommaso 
possa parlare della cognizione riflessa, se tutta la quistione versa 
intorno alia prima origine della nostra conoscenza, la quale senza 
dubbio appartiene alia cognizione diretta ? S. Tommaso in quel 
luogo rispondeva a chi obbiettava quel testo di S. Agostino: 
Omnia in prima veritate cognoscimus, et per ipsam de omnibus 
iudicamus. Or queste parole riguardano forse la cognizione ri- 
flessa? Certo che no; ma manifestamente riguardano la cognizione 

4 Vedi il IV che ha per titolo: Travolgimento dei testi di S. Tommaso, 
per renderli favorevoU al sistema rosminiano. 
2 Pag. U. 



DELLA STAMPA ITALIANA 209 

diretta. Sarebbe stato davvero un eccellente disputatore S. Tom- 
maso, se a chi gli opponeva che 11 primo obbietto della nostra 
conoscenza (nell'ordine diretto, s'intende) deve essere la verita 
prima, perch6 essa e il lume in virtft di cui giudichiamo di tutte 
le cose, avesse risposto: Nego ci6 della cognizione riflessa! Non 
gli si sarebbe potato replicare: Nego suppositum, cio& che di 
essa tratti la quistione? 

Ma il peggio e che S. Tommaso da esplicitamente ad inten- 
dere che egli parla della cognizione, non riflessa, ma diretta. 
Imperocche alquanto dopo soggiunge: Prima lux, influxa divi- 
nitus in mentem, est lux naturalis, per quam constituitur vis 
intellectiva. Haec autem lux non est primum cognita a mente } 
neque cognitione qua scitur de ea quid est... neque cognitione 
qua cognosdtur an est. E la ragione, che ne adduce, si 5 perch& 
cotesto an est da noi non si conosce, se non per cognizione ri- 
flessa: Intellectum nos habere non percipimus, nisi in quan- 
tum percipimus nos intelligere. Dunque e segno che la cogni- 
zione di cui parla, quando nega che il primo a conoscersi sia il 
lume in tellettuale, & la cognizione diretta: altrimenti il suo ra- 
gionamento di dire: quel lume intellettuale non pu6 essere il 
primo cognito cognitione an est, perch& cotesto an est & oggetto 
di cognizione riflessa, non avrebbe senso *. Ma basti al presente. 

Ci6, che si d veduto di questo testo, potrebbe mostrarsi d'in- 
numerevoli altri. 

11 Liberatore, nella conclusione del suo opuscolo, fa un'avver- 
tenza, alia quale pare a noi che non si possa replkare ; e con 
essa conchiudiamo anche noi questa nostra rivista. Egli dice: 
A fare che 1'ottimo Mons. Ferr6 si ricreda intorno alia sua 
interpretazione di S. Tommaso, pare a me che dovrebbe bastare, 
dove tutt' altro mancasse, questa semplice considerazione. S. Tom- 
maso non ha pubblicato F altro ieri le sue opere ; esse vennero 
alia luce da piti di sei secoli, e da piu di sei secoli sono state 
T oggetto delle specolazioni e de'commenti de'piu alti intelletti. 
Ora pu6 Tegregio Prelato citare un solo de' commentator! del 
S. Dottore, il quale lo abbia interpretato nel senso, da lui vo- 

* Vedi la pagina 4-4 e 45 dell' opuscolo del Liberatore. 

Serie XI, vol. XII, fasc. 776 14 13 ottobre 1882 



210 RI VISTA 

luto per sorreggerne il sistema rosminiano? E se-Don puo, reputa 
egli credibile che per tanti secoli i volurai di tanto maestro 
siano stati lettera chiusa a tanti profondissimi e sottilissimi in- 
gegni, non ostante che ne formassero materia delle loro accurate 
e luaghe meditazioni? lo penso che niun cordate possa persua- 
ders! che ne il Gaetano, n& il Silvio, ne il Ferrarese, ne il Suarez, 
n5 il Bannes, e va dicendo, abbiano compreso S. Tommaso, e 
che dovea finalmente, dopo sei secoli, sorgere il filosofo di Ro- 
vereto per aprirci gli occhi e mostrarcene T intelligenza. Non e 
mestieri d'insistere sopra questo argomento, tanto esso e lam- 
pante *. 

II. 

San Francesco stimatizzato sul Monte Alvernia, per Fra 
ERMENEGILDO DA CHITIGNANO M. R. Prato, Ranieri Guasti, 1882. 
Un vol. in 12, di pag. XI-369. 

La colta e cristiana Italia gia conosce da lunga pezza ed ha 
carissima la penna del P. Ermenegildo da Chitignano, una delle 
piu valorose ed eleganti del tempo nostro. Dotto com' egli & nella 
scienza della pieta, quanto esperto nell' arte del bello scrivere, ha 
yoluto ancor egli porgere un pubblico omaggio d'onore e d'amore 
al suo gran Padre S. Francesco, nella congiuntura del settimo 
centinario della sua nascita, che per tutto il mondo si festeggia : 
e per argomento ha prescelto, fra tanti altri, quello delle Stimate 
che il Poverello d' Assisi si gloriosamente riceve nel Monte Al- 
vernia da Gesd Cristo. Delia quale sua scelta sopra cento ri- 
spetti, pei quali poteva illustrare il seraftco Patriarca, egli cosi 
rende ragione: Sotto cotali rispetti, an che di fresco sono state 
divulgate per le stampe cose bellissime e altre stan li per venire 
alia luce, laddove del miracolo delle sacrosante stimate non so 
che di recente altri ne abbia parlato, se non per la fedelta della 
storia e per avvalorarne e fiorirne la eloquenza e la poesia. Ne 
stimo aver fatto cosa del tutto inutile, imperocche quel prodigio 
Francesco sopra so stesso, fa a lui alta sorgente di altre 

Pag. 47. 



DELLA. STA.MPA ITALIA.NA 211 

grazie superne, rese piu splendide le sue istituzioni e venne 
operato a pro universale del cristianesiino. S. Francesco stima- 
tizzato, anche senza il suono della voce e la parola scritta, pre- 
dica eloquentemente (Jesu Cristo crocifisso. 

Ma per verita il P. Ermenegildo, in questo suo gustosissimo 
volumetto, come ape ingegnosamente amorosa, ha raccolto il fiore 
di quanto potea dirsi di piu dolce, di piu instruttivo, di piu 
certo e di piu ameno intorno al portentoso fatto delle stimate di 
S. Francesco. Errerebbe chi dal titolo giudicasse il libro per 
meramente ascetico e scritto a pascolo di pura divozione. La 
mente, il cuore ed il sapere profondo dello scrittore vi hanno 
accumulate un tesoretto di delizie. Vi 6 storia, vi 6 filosofia, vi 
& teologia, vi e politica, vi 6 poesia, vi e ogni piu delicato sapore 
di lingua toscana. La pieta, cosi vagamente e riccamente contor- 
nata da tanti pregi, si rende accessibile persino a quella gran 
moltitudine di uomini animaleschi, dei quali ragiona S. Paolo, 
che non sogliono intender punto le cose dello spirito di Dio. 

II buon P. Ermenegildo concludendo il breve suo avvertimento 
ai cortesi lettori > ha previsto, che il titolo ed il soggetto del 
suo gentilissimo libro avrebbero forse distolto un gran numero 
di persone dal posarvi su 1'occhio: Chi leggera, die' egli, 
questo libro, nel quale S. Francesco d' Assisi mostra in se stesso 
Gesu Cristo crocifisso, unico liberator da ogni male e dator di 
ogni bene? AM, dolore e sventura! Quelli che avrebber bisogno 
di studiarlo a profondita piu degli altri, gli faranno il mal viso 
e lo getteranno via con disprezzo! > 

Ma noi speriamo che non sara cosi di tutti. II lecco delle 
grazie di stile che abbellano il libro, noi pensiamo che debba 
invogliare parecchi, massimamente fra i giovani, a correrlo, non 
fosse altro, per diletto e curiosita letteraria. E noi promettiamo 
loro che non avrauno a pentirsene, giacch5 insieme colle soavita 
della lingua potranno gustare assai verita che ignorano, o anche 
scherniscono, perch^ non le hanno giammai conosciute. 

Intanto, per finir di allettarli a prendere nelle mani questo 
volumetto, italianissimo quanto pu6 essere nella purita e vivezza 
del dettato e cristianissimo e sensatissinio nella ragione della 



212 RIVISTA 

sostanza, riferiremo qui, fra i molti passi che ne potremmo ri- 
portare, la stupenda descrizione che il P. Ermenegildo fa del 
Monte Alvernia, sul quale S. Francesco fa decorato nel suo corpo 
delle divine stimate di Gesu Cristo; e dimanderemo altamente 
a tutti i giovani studios! dell' Italia: Ov'6 nella turba degli 
autori che vanno oggidi per la maggiore e riscoton plausi dai 
fabbricatori di fama e di riputazione, ov'6 uno solo che maneggi 
la lingua meglio e adoperi il pennello con arte pid michelangio- 
lesca e raffaeilesca, di questo povero frate? Non potrebb'egli, nel- 
1'amile sua celletta del Collegio dei Q-alceti presso Prato, far 
utile scuola ai cento professor! e scrittori, che formano la misera 
Repubblica letteraria ufficiale di questo nostro miserrimo e bar- 
barissimo Regno d' Italia? Leggete e giudicate. 

Guardiamo 1' Alvernia nella sua formazione naturale, senza 
por 1'occhio a quello che vi han fatto 1'ingegno e la mano del- 
Fuomo. Sopra un dorso spogliato e alpestre del Casentino, si leva 
su maestosamente orrido il crudo sasso, posto tra Tevere ed Arno. 
Colla sua falda gira cinque miglia e tre con quella sua quadran- 
golare prominenza, che da lontano, a chi parve come un promon- 
torio nel mare, e a chi come una piramide d'Egitto. Senza umano 
artifizio, non da 1'accesso nella sua superficie che dal lato orien- 
tale. Dagli altri lati ha una cinta di rocce alte e repent!. Da 
settentrione va giu a piombo, con un dirupo che sembra ina- 
bissarsi. Da per tutto tu vedi precipizi spaventevoli e macigni 
enormi, dove lisci e dove ronchiosi, dove intieri e dove spezzati, 
dove biancastri, dove ferrugginosi e dove screziati con mille va- 
rieta di color!: quest! sono ignudi e quelli coperti di muschio: 
alcuni par che ti vogliano cadere sul capo e avvallarti a trabocco 
in dirupate rovine, in orribili spaccature, in antri tenebrosi, in 
paurose caverne e in profonde voragini. La ti mette ribrezzo una 
rape che ha nel dorso ammassate altre rupi, quali rientranti, e 
quali'Sporgenti grandissime bozze mezzo rose dagli anni, e quali 
tagliate a picco. 

Se ti affacci da una sommita del lato occidental, ti fa stu- 
pire un gran ronchione di dura pietra, il quale, addentellato con 
sottile imbasamento in ripida costa, vien su spiccato e torreg- 



DELLA STAMPA ITALIANA 213 

giante, ingrossando da ogni parte sino alia sua cima, e par che 
sia come una cittadella posta li a guardia del monte. Se non 
temi di scendere di frana in frana in un cupo seno e di laggiu 
alzi gli occhi, ti vedi sopra la testa una mole grande, alta e 
profonda, la quale campeggia in aria, reggendosi solo con un 
dente di due braccia incastrato in altri massi. Colla parte di sotto, 
che e larga e piatta, fa come da ombrello o soffitto ad una cavita 
oscura anche nel meriggio dei di sereni, la quale ha la vista d'or- 
rida galleria. Chi non pensa che quel sasso smisurato sta li spicco 
e pendente da secoli e secoli, si sente gelare le vene e si da fretta 
di uscirne fuori, per timore di restate schiacciato e sepolto sotto 
una immensa ruina. 

< II monte nell' ultima sua cerchia ha dodici poggerelli e do- 
dici piccole valli, ed 6 vestito di abeti, di frassini, di agrifogli, 
di aceri, d'ischi e di altre piante. Molte di queste escono fuora 
dalle fenditure delle pietre, altre spuntan su dai precipizi e dalle 
caverne, e non poche stanno arrampicate colle barbe sopra gli 
scogli, e intrecciando ramo a ramo ti coprono colla loro ombra... 
Quello pero che piu chiaramente dimostra 1'Alvernia essere stata 
fatta da Dio per Francesco, e 1'idea che, nelFanima vivente di 
fede, risvegliano colassu gli slogamenti della roccia ferrigna, i 
macigni rovesci, capovolti, accatastati tra se alia rinfusa e spez- 
zati contro il filo delle loro venature, e i fori e le bocche squar- 
ciate, onde hanno sfiatamento e prendono qualche raggio di luce 
cavi che non si sa dove abbiano il fondo. > 

Ma se grande & il merito letterario di quest' aureo volumetto 
del P. Ermenegildo, niente minore & quello deir unzione, la quale 
cosi bene si accompagna colla semplicita delle forme e la schietta 
eleganza della favella. Onde noi consigliamo tutti i propagatori 
dei buoni libri a cercar di spargere assai questo, e di spargerlo 
nella gioventu, procurando che entri nelle biblioteche circolanti 
ed in quelle private delle famiglie; giacch& nulla gli manca a 
renderlo benviso a chiunque ami il vero spirito cristiano, affratel- 
lato col bello ed ingenuo linguaggio italiano. 



214 



RI VISTA 



III. 

CONTE CARLO DEL PEZZO. Una quistione mal posta. Consider a- 
zioni sullo intervento alle elezioni politlche del Conserva- 
tori italiani. Un opuscolo di pagg. 55 in 8. 

Questo opuscolo dell'egregio Coute Del Pezzo, e senza dubbio 
il migliore scritto, uscito alia luce sopra la materia delle ele- 
zioni politiche. Esso 6 dettato non solo in buona lingua italiana, 
con temperanze di modi, senza vane parole e tutto sostanza ; 
ma, ci6 clie piu monta, e informato di vivo desiderio del pub- 
blico bene e di spirito sinceramente cattolico. Nondimeno esso 
ha un sostanziale difetto, ed e il doverglisi appunto ritorcere il 
titolo stesso, che 1'Autore gli pone in fronte, vale a dire: Una 
quistione mal posta. Egli dice che per essersi mal posta la 
quistione, si 6 finora creduto che i cattolici non dovessero an- 
dare alle urne politiche. Or egli argomenta che i cattolici deb- 
bono andare alle urne politiche, appunto perchk mal pone la qui- 
stione. Onde discorre benissimo nel senso suo, ma Fillazione non 
iscende dalle promesse. 

E nel vero, egli ragiona del concorso de' cattolici alle urne po- 
litiche d'ltalia, come si ragionerebbe del concorso de' cattolici alle 
urne politiche di qualsivoglia altro paese, esempigrazia della 
Francia o del Belgio. Egli considera la quistione come se fosse 
meramente politica; e dimostra che nelle quistioni nieramente 
politiche 1' autorita ecclesiastica non si mescola n& punto ne poco, 
ma le lascia pienamente al giudizio degl' interessati. II che con- 
ferma coU'esempio del regnante Pontefice, il quale non voile mai 
condiscendere ai desiderii del Bismark d'influire coll 7 autorita sua 
sulla condotta politica de'Deputati cosi detti del Centro in Ger- 
mania. Egli stabilisce quattro criterii per la soluzione della con- 
troversia, e sono i seguenti: 

1 Che Tesercizio dell' elettorato e d'ogni diritto poli- 
tico in generate, non implica abdicazione di qualsiasi giuridica 
convinzione, perche ha la sua origine nel diritto primordiale che 



BELLA STAMPA ITALIANA 215 

ha ogni popolo ad essere ben governato e nella liberta a ga- 
ranzia della quale e posto. La sua legittimita e per6 indipen- 
dente da quella dell'autorita sovrana, la quale non 1'ha creata 
ma solo riconosciuta e regolata nella sua pratica attuazione. 

2 Che il Principe non & che depositario del pubblico 
potere; onde questo torna al popolo, quando il principe non pu5 
esercitarlo. Di che segue che tutto, quanto & fatto dal popolo 
per sua salvezza in assenza del Principe legittimo, e giustificato 
per presunto suo consenso. 

3 Che ci6 che importa all' ordine della societa civile si 
& che i suoi principii essenziali sieno seinpre mantenuti inco- 
lumi, e reintegrate quando offesi ; non le forme contingenti, con- 
tinuamente mutabili. 

< 4 Che 1'autorita ecclesiastica non comanda nulla nelle cose 
prettamente civili, ne determina 1'opportunita degli atti politici, 
ma solo 6 giudice della loro conformita alia legge eterna del 
diritto e della morale. 

Quindi conchiude: Se questi principii sono veri, ogni obbie- 
zione, che si e fatta finora atl'intervento de'cattolici nella vita 
pubblica italiana, cade l . > 

Ottimamente. Ma contro co testa dimostra^ione resta in piedi 
una difficolta, a cui FAutore non ha badato; ed e che nel caso 
nostro la quistione non e prettamente civile, come egli pensa, ma 
6 religiosa, o, se vuolsi, civile-religiosa. Onde se gli pu6 rispon- 
dere : Concedo Mum, et nego consequentiam. 

Attesa Tusurpazione fatta della corona papale, il concorso alle 
urne politiche in Italia si connette colla sovranita non di un 
principe qualsiasi, ma del Pontefice; e la sovranita del Pontefice 
si connette colla liberta e indipendenza, del Capo della Chiesa, 
e quindi colla liberta ed indipendenza della Chiesa stessa. Or 
la liberta e indipendenza della Chiesa e interesse religioso, ed 
interesse supremo ; che ogni sincero cattolico deve autiporre a 
qualsivoglia altro interesse uinano, non escluso lo sfcesso buon 
governo civile. Quaerite primum regnum Dei. II resto Dio be- 
nedetto, se e come a lui piacera, lo fara venire qual conse- 

1 Pag. 29. 



216 RIVISTA 

guenza: Et haec omnia adiicientur vobis. II diritto ad esser 
governato bene potra farsi valere per altre vie, in quel modo die 
piil o meno sara possibile, qualora per ragioni $ ordine altis- 
simo (per usare la frase del regnante Pontefice) non dovesse 
esser consentita, come di fatto non 6 consentita, quella di ac- 
correre . alle urne politiche. Di qui segue che il primo criterio 
stabilito dall'Autore, nella quistione presente & fuor di luogo. 
II diritto, che egli commemora, 6 tra cattolici subordinate al do- 
vere di non far cosa che possa, come che sia, nuocere al ben della 
Chiesa. 

fi fuor di luogo altresi il secondo criterio ; perocch^ in tanto in 
uno Stato laico non pu6 presumersi che il Principe spossessato 
vieti ai sudditi il prender parte alle elezioni politiche, in quanto 
queste son dirette a un bene di cui essi sudditi, nelFassenza del 
Principe legittiino, sono giudici competenti. Cio non si avvera 
nel caso nostro, Anzi si avvera 1'opposto; perch& le predette 
elezioni si collegaDo con un bene, di cui 5 solo giudice competente 
il Principe stesso, cio5 il Papa. Se egli dunque non le consenta, 
non si ha diritto a fare il contrario. 

fi fuor di luogo an che il terzo criterio; perch5 qui non si 
tratta di passare sopra a semplici forme politiche, contingenti 
e mutabili, per badare ad interessi piu sostanziali. Ma si tratte- 
rebbe di passar sopra a un interesse supremo della Cristianita, 
per provvedere ad interessi d' ordine inferiore. 

La vacuita infine del quarto criterio si manifesta da s6. Impe- 
rocch& e verissimo che 1'autorita ecclesiastica non comanda nelle 
cose prettamente civili; ma si nega il supposto: che qui la fac- 
cenda sia prettamente civile. Essa trovasi collegata, come abbiam 
detto, colla religione, e in ordine al suo supremo interesse, qual e 
la liberta ed indipendenza del suo Capo. Onde Tautorita eccle- 
siastica non solo ha diritto, ma ha dovere d'intervenire. E cosi 
vedemmo che di fatto v'intervenne colla sua parola Pio IX, e vi 
sta intervenendo Leone XIII. Questo intervento de'Pontefici nella 
quistione del concorso de' cattolici italiani alle urne, dovrebbe ba- 
stare ad ogni persona assennata, per farle intendere che essa non 



DELLA STAMPA ITALIA NA 217 

e quistione puramente civile, ma religiosa, o, come dicemmo, po- 
litico-religiosa. 

Quindi 1'illazione, dedotta dalMutore, non solo cade ma preci- 
pita; perchfc appoggiata a criterii non applicabili al caso. 

Questo basti aver notato quanto alia sostanza del libro. Un'al- 
tra cosa non possiamo tralasciar di notare; la quale sembra acci- 
dentale, ma per la confusione che inchiude pu6 produrre pessimi 
effetti. L'Autore tra i diversi partiti annovera il clericale, e dice: 
< Nell'odierno linguaggio giornalistico ed anche parlamentare, 
spesso il nome di clericale si estende a tutti coloro che, dissentendo 
dalle teoriche naturalistiche, combattono il concetto dello Stato 
e della legge che prescinde dalla religione, e come e di moda oggi 
di dire in Francia, dello Stato e della legge laica. Se questo suona 
clericalismo, ogni cattolico, anzi ogni cristiano e clericale *. Cio 
e sapientemente detto. Ma tosto soggiunge: Ma il clericalismo 
ha un altro significato pift proprio e meglio conforme all' etimologia 
della parola. Esso consiste in quella dottrina, che negando 1'auto- 
nomia dello Stato nell' ordine suo, estende la competenza ecclesia- 
stica anche alle materie civili, e che, spinta alle sue ultime con- 
seguenze, condurrebbe a fare ii clero arbitro della politica ed il 
Papa sovrano universale l .> Noi preghiamo caldamente 1'ottimo 
Conte a tornare colla meditazione sul valore di questa sentenza; 
la quale ci sembra proferita da lui con troppa precipitazione. Ci 
dica da uomo leale, qual sappiamo che egli 6 in grado eminente: 
ha letto mai negli scritti di coloro, a cui oggidi si affibbia il no- 
mignolo di clericale, 1'anzidetta dottrina? Pu6 recarne qualche 
passo? Certamente nel numero de' clerical! siamo inchiusi noi. 
Anzi da molti si vuole che ci competa quell' epiteto in grado su- 
perlativo. Or citi una sola nostra frase, in cui si neghi I'auto- 
nomia dello Stato nell'ordine suo, ovvero si estenda la compe- 
tenza ecclesiastica anche alle materie civili. 

L'Autore aggiunge : Tutta la teorica cattolica a questo ri- 
guardo 5 stata riassunta in due proposizioni fondamentali, e sono: 
Unione senza confusione^ distinzione senza separazione. E 



* Pag. 23. - 2 Pag. 24. 



218 RIVISTA BELLA STAMPA ITA LIANA 

cosi si differenzia tanto dal naturalismo liberale, che nega la 
unione, quanto dal clericalismo die nega la distinzione. E questa 
la teorica che va conosciuta sotto il nome di potere indiretto, che 
ha dalla sua i dottori e teologi piu gravi, e che, fu detto, sarebbe 
stata formulata in articolo dal Concilio Yaticano e promulgata 
qual dottrina ecclesiastica. II che se non e stato fatto, per gP im- 
pediment! che si sono opposti alia continuazione del Concilio, e 
credibile sara fatto allora quando il Concilio sara ripreso l . 

L' egregio Conte non ci riprendera d' improntitudine, se insi- 
stiamo che citi un qualche passe almeno, o nostro o di altro Au- 
tore clericale di qualche autorita od influenza, dove sia negata la 
distinzione, detta di sopra. Esamini con ponderazione gii scritti di 
costoro; e vegga se in essi non si trovino appunto propugnate le 
due proposizioni, che egli giustamente da per dottrina cattolica ; 
e se non sia difeso appunto quel potere indiretto, che egli stesso 
riconosce come insegnamento de'piu gravi Dottori e teologi, e de- 
sidera che sia definite dalla Chiesa. A noi sembra che sia obbligo 
d'ogni persona onesta, la quale abbia proferita una proposizione 
che pu6 tornare in disdoro altrui, di doverla o dimostrare con 
evident! prove, o con nobile altezza d'animo ritrattarla. Si per- 
suada il signer Conte Del Pezzo che i clerical!, nel secondo senso da 
lui spiegato, non esistono oggidi n& in cielo ne in terra; ma quelli, 
a cui si appicca un tal nome, professano interne alle relazioni tra 
la Chiesa e lo Stato la dottrina appunto che egli riconosce per 
cattolica. Onde Pepiteto di clericale, nel gergo liberalesco, & si- 
nonimo di cattolico; e Pinfluire a far venire in uggia quel nome, 
e un tener bordone, anche senza volerlo, ai nemici della Chiesa. 

* Pa?. 21. 



CRONACA CONTEMPORANEA 



Firenze, 12 ottobre 1882. 

I. 

ROMA (Nostra corrispondenza) Documento inedito sopra 1' influenza degli ebrei 
in tutte le sette massoniche, liberal! ed anticlerical!, doe anticristiane. Si conferma 
come nella ra/za ebrea sia la naturale sede dell'Alta Massoneria. 

Pubblicheremo ora qui, secondo la promessa fattane nella corrispon- 
denza precedente, un curioso documento finora, per quanto sappiamo, non 
roai divulgato; il quale dift'ondera, per avventura, un po'piii di vera luce 
sopra le origin! giudaiche di quella che volgarmente chiamasi 1'alta 
Massoneria e sopra quella principalissima autorita, ascendeate e, come 
ora dicesi, influenza che pel suo indirizzo anticristiano, ossia anticlericale, 
sempre ebbero e continuano ad avere gli ebrei perpetui, natural!, acca- 
niti e ca pi tali nemici del nome cristiano. Dal quale documento anche si 
potra vedere che, lungi dall'essere nuova, e perci6 solo non irragione- 
volmente sospetta, o fondata al piu sopra piii o meno erudite ed inge- 
gnose congetture, risale invece al secolo scorso e posa sopra esplicite 
confession! degli stessi ebrei, Topinione che pone nel giudaismo la pro- 
pria origine e sede come delfodio anticristiano cosi di tutte le sue varie 
massoniche e settarie manifestazioni : potendosi dire che nell'ebraismo 
appunto s'impostino e s' incardiniao quelle portae, ossia potenze, inferi, 
ossia sotterranee, clandestine, settarie e pressoche invisibili che mai non 
prevarranno ma sempre varranrio fino alia consumazione dei secoli contro 
la Ghiesa di Gesu Gristo. Ne, a vero dire, Yinvidia diaboli poteva tro- 
vare piu naturale e meglio adatto stromento ad esercitare le sue ire 
contro Gristo ed i cristiani che il giudaismo come lui spodestato perche 
come lui ribelle, e come lui potente perchfc come lui non privato dei 
suoi doni naturali. Destinato, in fatti, il popolo ebreo al regno, purch 
fosse stato fedele; secondo la promessa (Deut. XXVIII 1): si audieris 
vocem Domini Dei tui, faciet te Dominus Deus tuus excelsiorem 
cunctis gentibus quae versantur in terra: fu anche fornito di tutte 
quelle naturali doti di corpo e di mente che la divina provvidenza gli 
aveva assegnate come fondo naturale sopra cui sopraedificare le sopran- 
naturali. E qual fantasia pu6 figurarsi la felicita cui sarebbe giunta 
la terrena Gerusalemme, figura della celeste, se il popolo ebreo seguendo 
Cristo avesse cooperato ai disegni divini sopra Lui e la sua Ghiesa ? 
Ghe se tanto pote sempre e pu6 anche ora contro di lei, grazie alle sue 



220 CRONACA 

doti naturali, benche si avviliio sempre ed anche soverite perseguitato ed 
oppresso, si che or qua or la in altri tempi ed ora quasi dappertutto 
pare che signoreggi, come non avrebbe incontestabilmente dominate 
cunclis gentibus quae versantur in terra; se, invece di combattere Gristo 
e la sua Chiesa, contro cui mai difatto non prevarra, si fosse loro unito 
coll' obbedienza e colla fede? Ma poiche come gia il diavolo cosi gli 
ebrei (Judae 6) non servaverunt suum prindpatum sed deseruerunt 
suum domicilium, ed a similitudine del diavolo ostinatamente continuano 
a servirsi, nella misura loro da Dio permessa, dei doni naturali loro la- 
sciati (secondo che anche leggesi in Giobbe 41, 24: Non est super 
terram potestas quae comparetur ei qui factus est ut nulhim timeret] 
e ben naturale che, quanto ci avremmo tutti guadagnato colla conver- 
sione e cooperazione degli ebrei, tanto debba la Ghiesa soffrire della loro 
perversione e persecuzione, che essa si porta quasi come saetta nel fianco, 
fino a che raccolte le reliquie d'Israele non sara che un solo ovile ed 
un solo pa store. 

Or per venire al documento che dara qualche luce sopra quel modo 
settario e propriamente massonico onde sempre gli ebrei perseguitarono 
la Ghiesa di Gesii Gristo, e anzi tutto da ricordare come, avendo fin dal 
1797 in Londra, dove si era rifugiato, il gia religioso della Gompagnia 
di Gesu Agostino Barruel pubblicato per la prima volta la sua insigne 
storia del giacobinismo e della setta massonica, che poi ebbe tante edi- 
zioni in tutte le lingue di Europa ed e ancor presentemente considerata 
come opera classica nel suo genere; moltissimi in tutta Europa presero 
a corrispondere con quell' eruditissi mo uomo, quali per chiedergli e quali 
anche per dargli analoghe informazioni. Tra i quali fu un certo Gio- 
vanni Battista Simonini piemontese di nascita, ma residente in Firenze, il 
quale il 10 agosto del 1806 gli scrisse una lettera sopra la parte principale, 
non toccata dal Barruel, che gli ebrei sempre ottennero nella massoneria. 
La quale informazione parve al Barruel si importante che, dopo comu- 
nicatala non senza frutto ai ministri della polizia allora napoleonica, che 
se ne giov6 specialmente sia per frenare i numerosi ebrei dell'Alsazia, 
sia per dare il giusto peso alle bugiarde assicurazioni di lealta del fa- 
moso Sinedrio ebraico parigino, ne mando 1' originate allo stesso Sommo 
Pontefice Pio VII. II quale, fatte prendere informazioni in Firenze sopra 
lo scrittore Simonini, le trov6 ottime sotto ogni rispetto; secondo che fu 
anche fatto sapere al Barruel, come si vedra. Grediamo che nelPAr- 
chivio vaticano si possa forse ancora trovare quel documento. Ma aven- 
done il Barruel ritenuta copia autentica ed annotata di suo pugno, la 
quale si conserva nell'archivio di Friburgo in Isvizzera, e di cola aven- 
done noi avuta comunicazione parimente autentica, con licenza di pub- 
blicarla, noi pubblicheremo qui per la prima volta ogni cosa: la lettera 
cioe del Simonini e le note del Barruel; non senza qualche maraviglia 



CONTEMPORANEA 221 

che, solo ora, dopo tanti anni, debba vedere la prima luce un documento 
di natura sua si meritevole di essere da tutti conosciuto. Lettera e note 
sono in francese. Ma noi, per comodita di tutt' i nostri lettori, le pubbli- 
chiamo qui voltate letteralmente in italiano. 

Copia di una lettera die io Agostino Barruel Canonieo onorario 
di Notre Dame ho ricevuta a Parigi il 20 agosto 1806. Nota 
Bene: Io copio anclie gli errori di grammatica (francese). 
I * M. (lesus Maria) Firenze 1 agosto 1806. 

Signore. Sono pochi mesi da che, a caso, ebbi la fortuna di cono- 
scere la vostra eccellente opera intitolata : Memorie dei Giacobini. 
La lessi o piuttosto la divorai con un piacere indicibile: e ne cavai 
il piii gran frutto ed i piu grandi lumi per la mia propria condotta. 
Tanto piu che vi trovai esattamente dipinta un'infinita di cose delle 
quali fui nel corso della mia vita testimonio oculare, senza poterle cio 
non ostante intendere bene. Ricevete dunque, Signore, da un ignorante 
militare quale io sono, i piu sinceri rallegramenti sopra la vostra 
opera, che si pu6 meritamente chiamare 1'opera per eccellenza di questo 
secolo. Oh ! come voi avete bene smascherate quelle sette infernali che 
preparano le vie dell'Anticristo e sono i nemici implacabili non sol- 
tanto della religione cristiana ma di tutti i culti, di tutte le societa e 
di qualsiasi ordine. Ve ne e tuttavia una di queste sette che voi non 
avete toccata che leggermente. E forse voi 1' avete fatto apposta perchfc 
* essa e la piu conosciuta e, per conseguenza la meno a temere. Ma, 
secondo me essa e oggi la potenza piu formidabile se si considerano 
le sue grandi ricchezze e la protezione di cui gode in pressoche tutti 
gli Stati di Europa. Voi intendete bene, Signore, che io parlo della 
setta giudaica. Ella sembra al tutto separata e nemica delle altre, ma 
realmente essa non e tale in effetto. Basta che una di esse si renda 
nemica del nome cristiano perche essa la favorisca, la incoraggisca e 
la protegga. E non 1'abbiamo noi vista e non la vediamo noi ancora 
prodigare il suo oro e il suo argento per sostenere e dirigere i 
moderni sofisti, i frammassoni, i giacobini, gli illuminati? Gli ebrei 
dunque, insieme con tutte le altre sette, non formano che una sola 
fazione per annientare, se fosse possibile, il nome cristiano. E non 
crediate, Signore, che tutto ci6 sia una mia esagerazione. Io non fo 
che ripetere ci6 che mi fu detto dagli stessi ebrei. Ed ecco come. 

Mentre il Piemonte mia patria era in rivoluzione (alia fine del 
secolo precedente) ebbi occasione di frequentarli e di trattare confiden- 
zialmente con loro. Essi furono per6 i primi a cercarmi. E siccome al- 
lora io non era scrupoloso, finsi di legare con loro una stretta amicizia 
e giunsi a dir loro, pregandoli del piu rigoroso segreto, che io era nato 
a Livorno di famiglia ebrea: ma che fin da bambino era stato educato 



222 CRONACA 

da non so chi; e che io neanche sapeva se era stato battezzato: ma che, 
quaritunque aU'esterno vivessi e facessi come i cattolici, nel mio interno 
io pensava come quelli della mia nazione, per la quale io aveva sempre 
conservato un tenero e segreto affetto. Allora mi fecero le piii grandi 
offerte e mi diedero tutta la loro corifidenza. Essi mi promisero di farmi 
<< diventare generale se io voleva entrare nella setta dei Fratnmassoni e 
mi mostrarono somme d'oro e d'argento che essi distribuivano, come 
mi dissero, a coloro che abbracciavano il loro partito, e vollero assolu- 
tamente regalarmi tre armi decorate coi segni della Massoneria, che io 
accettai per non disgustarli e per incoraggiarli sempre piii a manife- 
starmi tutti i loro segreti. Or ecco quello che i principali e piu ricchi 
ebrei mi comunicarono in diverse circostanze. 

1 Che Manete e 1'infame vecchio della Montagna erano della 
loro nazione. 

2 Che i Framassoni e gli Illuminati erano stati fondati da due 
ebrei, dei quali mi dissero il nome: che, disgraziatamente, ho dimen- 
ticato. 

3 Che in somma da loro avevano avuta origine tutte le sette 
anticristiane; che sono ora si numerose nel mondo da arrivare a piii 
milioni di persone di ogni sesso, paese e condiziorie. 

4 Che nella sola Italia essi avevano per partigiani piii di otto- 
cento ecclesiastic! si secolari come regolari (senza dulUo giansenisti 
e rigoristi) tra i quali molti Parochi, professor! pubblici, prelati, qual- 
che Vescovo e qualche Gardinale : e che da qualche tempo non dispe- 
ravano piu di avere anche un Papa del loro partito. E supponendo il 
caso di un papa scismatico (doe antipapa) la cosa diventa possibile. 
Dove notera da sfc il savio lettore che il Simonini qui non fa che riferire 
il dettogli da alcuni ebrei; i quali, specialmente quanto al numero, grado 
e qualita dei loro adepti potevano facilmente non solo esagerare ma anche 
men tire. Del resto chi conosce anche solo leggermente i fasti della rivo- 
luzione del secolo scorso e del presente, ben sa quariti, nella sola Francia, 
non solo ecclesiastici ma anche Vescovi come il Taillerand il Gregoire e 
tanti altri, abbiano osteggiata la Ghiesa quanto e piii di qualsiasi set- 
tario. Si sa poi da tutti che il Gregoire fu il massimo campione degli 
ebrei e della loro emanceppazione: cosi che teste gli Ebrei gli eressero 
anche una statua in segno di gratitudine in quella Francia stessa dove 
contemporaneamente si atterrano le croci. 

5 Che parimente in Ispagna essi avevano un grari riumero di 
partigiani anche nel clero; benchk in quel regno fosse ancora in vigore 
la maledetta inquisizione. Maledetta, s' intende, dagli ebrei e dai loro 
partigiani, anche talvolta ecclesiastici. 

6 Che la casa dei Borboni era la piu graride loro nemica ; ma 
che tra pochi anni speravano di annientarla. 



CONTEMPORANEA 223 

7 Che per meglio ingannare i cristiani fingevano essi medesimi 
di nssere cristiani viaggiando e passando dall' un paese all'altro con 
falsi certificati di battesimo, che essi comperavano da curati avari e 
corrotti. 

8 Che essi speravano, a forza di cabale e di denaro, di ottenere 
da tutti i governi uno stato civile (doe I' emanceppazione, cittadi- 
nans a ed uguaglianza di diritti) come gia era loro accaduto in di- 
versi paesi. 

9 Che possedendo i diritti civili come gli altri, essi avrebbero 
comprato case e lerre piu che avrebbero potuto: e che col mezzo del- 
l'usura sarebbero ben presto arrivati a spogliare i cristiani di ogni 
loro bene stabile e delle loro ricchezze. II che comincia a verificarsi 
in Toscana; dove gli ebrei esercitano impunemente 1' usura piu esor- 
bitante e fanno immensi e continui acquisti cost in citta come in cam- 
pagna. 

<c 10 Che, per conseguenza, essi si promettevano in meno di un 
secolo (e pare, pur troppo, die profetarono giusto) di essere i pa- 
droni del mondo, d'abolire tutte le altre se'tte per far regnare la pro- 
pria, di far tante sinagoghe delle chiese dei cristiani e di ridurre i 
cristiani restanti in una vera schiavitii. Ma non previdero i moti 
antisemitici, ne seppero mai intendere che le loro portae inferi non 
praevalebunt. 

Ecco, o Signore, i perfidi progetti della nazione ebrea che io udii 
colle mie proprie orecchie. E senza dubbio impossible che essi pos- 
sano effettuarli tutti, perche sono contrarii alle promesse infallibili di 
Gesu Cristo alia sua Chiesa ed alle profezie che annunziano chiara- 
mente che questo popolo ingrato ed ostinato dee restare errante e 
vagabondo nel disprezzo e nella schiavitu fino a che conosca il vero 
Messia che egli ha crocefisso, e sia in quest' ultimo tempo la consola- 
zione della Chiesa abbracciando la fede. Tuttavia essi possono fare 
molto male (e quanta ne fecero!) se i governi continuano a favorirli, 
come fecero da molti anni. Sarebbe dunque molto desiderabile che una 
penna energica e superiore come la vostra facesse aprire gli occhi ai 
detti governi e li istruisse a far tornare questo popolo nell' abbiezione 
che gli si dee, nella quale i nostri padri, piu politici e piu giudiziosi 
di noi, ebbero sempre cura di tenerli (Si e, infatti, sempre veduto 
che gli ebrei sono come i fanciuili e le donne: che, o si rcggono con 
leggi eccezionali; ed allora stanno buoni e vivono e lasciano vivere; 
o si da loro la liberta comune^ ed allora ne sanno vivere ne lasciano 
vivere). A questo io vi invito, pregandovi di perdonare ad un italiano 
e ad un militare gli errori (di lingua francese) di ogni specie che voi 
troverete in questa lettera. Io vi desidero da Dio la piu ampia ricom- 
pensa per tutti gli scritti luminosi di cui voi avete arricchita la sua 



224 CRONACA 

Ghiesa : i quali chi legge ha per voi la piu alta stima ed il piii pro- 
fondo rispetto; col quale ho 1'onore di essere: Signore, il vostro umi- 
lissimo ed obbedientissimo servo Giovanni Battista Simonini. 

Poscritto. Se in questo paese posso servirvi in qualche cosa, e se 
voi avete bisogno di nuove dilucidazioni sopra il contenuto di questa 
lettera, fatemelo sapere: voi sarete obbedito. 

Seguono ora le note del Barruel apposte di sua mano alia lettera del 
Simonini: le quali sono come segue. 

Nota Bene. 1 Riflettendo; 1'oggetto di questa lettera sembrerebbe 
incredibile. (Non erano, in fatti, allora gli ebrei ancor arrivati alia 
potenza presente quasi profetata dal Simonini ; ed appena prende- 
vano a rialzarsi alquanto in Francia dallapassata dbbiezione). Ed 
almeno, secondo la sana critica, quante prove non esigerebbe ! Prove 
impossibili ad ottenere! (Ma ora sono ottenute col fatto a tutti co- 
spicuo della potenza prepotente degli ebrei nel mondo politico, lette- 
rario, giornalistico e finansiario). Mi sono ben guardato dal pubbli- 
care nulla di somigliante. Tuttavia credetti dover comunicare la lettera 
al Gardinale Fesch perche egli nefacesse presso 1'Imperatore Napoleone 
quell' uso che credesse a proposito. Feci lo stesso col signore Desma- 
rest perchfc ne parlasse al capo della polizia, se lo credeva utile. Credo 
aver fatto meglio a non pubblicare nulla di somigliante. Partecipando 
questa lettera alle dette persone il mio scopo era di impedire 1'effetto 
che poteva avere il Sinedrio convocato dall' Imperatore a Parigi. Essa 
fece tanto piu impressione sopra il signor Desmarest, quanto che egli 
era allora occupato di ricerche sopra la condotta degli ebrei. E mi 
disse che questi erano in Alsazia anche peggiori che in Toscana. Egli 
avrebbe voluto conservare 1'originale. Ma io glie lo rifiutai, riservan- 
domi di mandarlo al Papa : siccome feci ; pregandolo di fare prendere 
sopra il signor Simonini le informazioni convenient! per sapere il grado 
di fiducia che la sua lettera meritava. Alcuni mesi dopo Sua Santita 
mi fece scrivere dall' abate Tetta suo segretario che tutto faceva cre- 
dere alia veracit& e probita di colui che mi aveva ri vela to tutto quello 
di cui diceva essere stato testimonio. Nel seguito, le circostanze non 
permettendomi di comunicare col signor Simonini, credetti dover con- 
servare sopra 1'oggetto della sua lettera un profondo silenzio: ben 
sicuro che, se mi si prestava fede, io poteva essere occasione di un 
macello di ebrei ; e, se non mi si prestava fede, tanto e meglio valeva 
il non avere detto niente. 

Erano, infatti, allora gli ebrei, specialmente in Francia, appena usciti 
dallo stato di secolare abbiezione ; si che a mala pena cominciavano ad 
essere tollerati nel civile consorzio. Ne poteva percio il Barruel sospettare 
la prepotenza cui in Francia stessa essi sarebbero tra breve venuti, grazie 
alia sola tolleranza del Governo verso di loro. Si risentivano inoltre allora 



CONTEMPORANEA 225 

i costumi ancor molto di una certa brutale fierezza ora ignota o molto 
temperata, tranne appunto fra i seltarii mancipii degli ebrei. Dove poi 
seoppiarono ferocemente i moti antisemitici si sa che ci6 non & accaduto 
per troppa lettura di lijjri, di giornali e di documenti inediti; ma parte 
per mossa, appunto settam, parte e specialmente per 1'abuso stesso della 
prepotenza ed insolenza ebrea, che & il documents principale della veritk 
di quanto scrisse e rive!6 il buon Simoriini. La cui lettera, quanto al fatto 
del predominio ebreo sopra la societa cristiana, non ci rivela piu ora nulla 
di nuovo, e soltanto ci da qualche luce per iscoprire le origini settarie 
dell' aDticristianesimo ed anticlericalismo. Se dunque ai tempi del Barruel 
poteva avere qualche valore quel suo dilemma, ora, mutate le circostanze, 
non ne ha piu nessnno, sia perchfc le menti sono ora piu disposte a cre- 
dere ci6 che gia molti in gran parte vedorio coi loro occhi, sia perche, 
per converso, se si ha da temere qualche danno, e piu probabile, e Dio 
volesse che non anche piu consueto, quello dei cristiani per parte dei 
settarii e degli ebrei, che non quello dei settarii e degli ebrei per parte 
dei cristiani. La quale mutazione ed anzi conversione di cose e di animi 
deesi anche in parte a quella ignoranza del vero essere e delle vere ten- 
derize delle sette e del giudaismo in cui fummo lasciati pressochfe tutti t 
in generate, per tanto tempo. 

Or segue il Barruel notando : Nota Bene 2 : All' arrivo del Re 
(Luigi XVIII) io gli feci pervenire copia della lettera. (Donde si vede 
che il Barruel ne faceva gran conto; avendolfi a? a otto anni prima 
comunicata al Governo napoleonico ed al poniificio). Per intendere 
questo odio degli ebrei contro i Re di Francia bisogna risalire fmo a 
Filippo il Bello, che nel 1306 aveva cacciati di Francia gli ebrei e st 
era impadronito di tutti i loro beni. Quinci poi la causa comune coi 
Templarii ; origine del grado di kadosch. Le quali spiegazioni del 
Barruel, a vero dire, non ci soddisfanno molto. Giacche non dai soli Re 
di Francia, ma da tutti quelli di Europa furono spesso cacciati e mo- 
lestati gli ebrei ed i Massoni anche peggio che dai Borboni. E cosi pari- 
mente & ora riconosciuta da tutti come una favola quella del Massonismo 
dei Templarii, combattuta da tutti i documenti reccntemente pubblicati 
e non appoggiata che sopra i rituali massonici tutti pieni di simili falsfr 
e ciarlatanesche origini della massoneria. Bensi potrebbesi forse con piu 
probabilita congetturare che, nascondendosi in Francia il massonismo sotto 
il nome dei Riformati ed Ugonotti e poi dei Giansenisti (come in Inghil- 
terra sotto quello dei Puritani, Indipendenti, Teste rotonde, Presbiteriani 
e simili) ed essendo stati gli Ugonotti e poi i Giansenisti sempre com- 
battuti dai Borboni, i quali regnavano anche allora sopra tanti Stati con 
un reggimento cattolico e strettamente monarchico e talvolta anche 
dispotico, era ben naturale che in quella casa e nelle sue tradizioni 
vedessero allora gli ebrei ed i settarii il loro piu potente nemico. Ne- 

Serie XI, vol. XII, fasc. Tfi 15 14 otlobre I8&i. 



GRONACA 

ai Borboni, per entrare nelle grazie settarie, 1'avere obbedito alle 
influenze massoniche eolla cacciata dei Gesuiti e con altre male opere 
contro Roma e la Ghiesa: colle quali anzi si disarmarono sempre piu 
dinanzi all'audacia settaria che non si teneva sicura del trionfo, fmche 
al regno dei Borboni e delle altre case cattoliche non avesse sostituito 
il proprio. Inoltre e da notare che quest' odio speciale della Massoneria 
alia casa Borbone doveva anche essere come una speciale proprieta e, 
come a dire, privativa della massoneria francese, che aveva le sue dira- 
mazioni ed i suoi riti dominanti nel contiguo Piemonte, dove il Simonini 
aveva imparati quei segretumi. Nella massoneria tedesca, invece, per 
esernpio, rilluminismo ossia il Massonismo piii illuminato non aveva nei 
suoi riti quest 1 odio particolare alia casa dei Borboni, ma odio generale 
d universale a tutti i Re, Imperatori e govern! del mondo. Secondo che 
poi mostr6 parimente col fatto la massoneria francese appena che, avendo 
trionfato in Francia, diffuse il suo regno e le sue dottrine per tutto il 
mondo, abbattendo non solo ne specialmente i Borboni, ma ogni casa re- 
gnante ed ogni forma di governo cattolico e legittimo dovunque pote. 

Finisce il Barruel col: Nota Bene 3: lo seppi da un Framassone 
iniziato ai grandi misteri della setta che vi erano molti ebrei special- 
-'* mente negli alti gradi. E termina lo scritto con queste parole: Estratto 
da una copia autentica che si conserva in Friburgo di Svizzera. Ma 
quella che chiamasi copia autentica e anche in parte originale e piu 
preziosa che non 1' originale stesso, perche contiene ancora le note auto- 
grafe del Barruel e la storia di essa lettera: il che tutto dee mancare 
mU'originaJe del Simonini che crediamo si conservi negli Archivii Va- 
!icani. 

Vedesi dunque dal citato documento come, sin da quando cominci6 
a manifestarsi in Francia e in tutta 1'Europa continental la forza mas"- 
sonica, cominci6 parimente a riconoscersi in essa il zampino ebraico. Ma e 
curioso che anche in Inghilterra, quando la Massoneria, ancor coperta 
come tale sotto le forme accademiche, manifestavasi per mezzo dei pu- 
ritani e del Gromwel (che alcuni anche sognano fondatore della Masso- 
neria) 1'ebraismo vi si sia parimente fatto apertamente scorgere come non 
minimo fattore di quella rivoluzione si accanitamente anticattolica. Ed 
in primo luogo narra il Cantu nella sua Storia universale (Biografi-e 
N. XXVI) che la maggior prova che diede (il Gromwel) di tolleranza, 
strana al suo secolo ed al suo fanatismo, fu verso gli ebrei si gran 
** tempo oppressi da pregiudizi piu forti in Inghilterra che altrove. Fin 
allora, infatti, da molti secoli, gli ebrei non erano stati tollerati in In- 
ghilterra. Ma subito vi comparvero coll' anticattolica rivoluzione di Grom- 
wel. II che narra piu a lungo il Basnagio nel Libro IX Capo 22 della 
sua Storia dei Giudei, informandoci che dnl XIII secolo essi erano 
sempre stati banditi dall'Inghilterra, dove non ottenriero liberta che 



CONTEMPORANEA 227 

{secondo il solito) quando essa fu tolta piii fieramente ai cattolici sotto 
Cromwel. E narra Tanglicano Burnet nel Tomo 1 delle sue Rivolusioni 
d } Inghilterra (pag. 75 dell'edizione di La Hale 1725) che Cromwel 
vide subito che egli poteva avere moko utili avvisi dagli ebrei. Per 
questo, piu che per tolleranza, fece venire in Inghilterra una folia di 
ehrei e loro permise di fabbricarsi una Sinagoga. Essi lo servi'rono 
sempre da spioni fedeli, principalmente in Ispagna ed in Porto- 
gallo. Sempre, infatti, furono e sono i primi gli ebrei in Inghilterra, 
in Germania, in Francia, in Roma e dappertutto ad aiutare ed incorag- 
giare gli anticristiani. Ed il Macaulay, nella sua Storia dell' Inghilterra 
(vol. I, cap. I, pag. 82. Le Monnier 1859), parlando in generate dei puritani 
piii rigidi, cio dei piii ipocriti e piu anticattolici, dice che: i piu rigidL 
puritani cominciarono a sentire pelvecchio testamento una predilezione, 
che essi forse non confessavano chiaramente, ma che traluceva in tutti 
i pensieri e costumi loro. Tributavano al linguaggio ebraico quel ri- 
spetto che ricusa\ r ano alia lingua nella quale sono a noi pervenuti i 
discorsi di Cristo e le epistole di Paolo. Battezzando i loro figliuoli 
adoperavano non i nomi dei santi cristiani ma quelli dei patriarchi e 
dei guerrieri ebrei. Sfidando le espresse e ripetute dichiarazioni di Lu- 
tero e di Calvino trasmutarono in un Sabato giudaico il giorno festivo 
settimanale. Nella legge mosaica cercavano i principii della giurispru- 
denza... La morale ed i costumi furono sottoposti ad un codice che 
somigliava quello della sinagoga quando essa era nelle sue peggioii 
condizioni. II vestire, il contegno, il linguaggio, gli studii, i sollazzi di 
quella rigida setta furono regolati secondo i principii simili a quelli 
dei farisei. Erano insomma piii ebrei che cristiani; perch& o ebrei 
in gran parte travestiti da puritani, secondo 1'uso ebreo manifestatoci 
dal Simonini; od almeuo perche invasati dallo spirito ebreo. Ed e perci6 
cosa naturale che anche i rituali massonici allora appunto scritti e for- 
mati in Inghilterra, non siano che roba rabbinica, talmudica e cabalistica 
da capo a fondo; come se-ne persuade facilmente ognuno che dia loro 
anche una semplice occhiata. Le quali tracce cabalistiche, rabbiniche, 
talmudiche ed insomma giudaiche si scorgono parimente nelle dottrine 
delle. sette precedenti e posteriori alia massonica, dalle gnostiche antiche 
alle recentissime degli Illuminati, Panteisti e Spiritisti che, sotto diversi 
nomi, non sono in sostanza che la stessa cosa : la guerra cioe che fa il 
diavolo a Cristo ed alia sua Chiesa specialmente col mezzo potentissimo 
della razza ebrea. In guisa che, volendo qui accennare in succinto cifr 
che ci pare piu certo sopra la si discussa questione dell' essenza ed ori- 
gine della cosi delta Setta anticristiana, crediamo potersi fondatamente 
affermare che, quanto e assurda la supposizione di chi fa questa setta 
anteriore a Cristo ed al Cristianesimo (in quanto setta suppone una so- 
cietd segreta), altrettanto e probabile 1' opinione di chi ne pone la sede 



228 CRONACA 

naturale nella razza ebrea. Non altro infatli essendo n potendo essere la 
Setta anticristiana che una unione d' uomini settariamente concertati a 
guerra segreta contro il cristianesimo per disfarsene a scopo di qualche 
loro profit to particolare, questa unione trovossi, trovasi e troverassi 
sempre bella ed organizzata nella razza ebrea dopo la sua ribellione a 
Crislo e la sua dispersione fra le genti. Giacche non altrimenti che colla 
guerra al cristianesimo e colla sua ruina possono gli ebrei, nella loro 
cecita presente, sperare di ripigliare il loro regno trasferito per sempre da 
Gerusalemmea Roma. Laonde, per questa loro folle speranza di restituire 
il loro regno d'Israele e per 1'odio invidioso che portano a Chi ne li ha 
privati, gli ebrei si sono trovati essere naturalmente la Setta anticri- 
stiana, e perci6 anche satanica, pronta sempre e disposta a cooperare 
col diavolo contro Cristo ed i Gristiani: doe quella che teste dicevamo 
unione d'uomini settariamente concertati a guerra segreta contro il 
cristianesimo ^ per disfarsene a scopo di un loro profitto particolare. 
Perci6, fin dal principio della loro riprovazione e per tutti i secoli della 
persecuzione cristiana, e poi nel Medio Evo e nel moderno, fino ad ora, 
sempre gli ebrei, da se soli od alleati, combatterono Gristo ed i Gristiani 
settariamente. E diciamo settariamente, perche Setta non significa altro 
che ci6 che appunto sono essenzialmente gli ebrei tra i cristiani; cioe 
uno stato nello stato, nemico clandestine dello stato in cui vJve. Ed 
curioso che 1'arte liberalesca, cioe ebraica, sia riuscita a scambiare a 
tanti le carte in mario facendo apparire come Stato nello Stato la Ghiesa 
cattolica, mentre invece, questo Stato nello Stato non e in verita altro 
ehe Tebraismo. Ne, per quanto si cerchi nelle antiche o nelle moderne 
istorie, si trovera nessuna setta che possa paragonarsi alia razza ebrea 
nel lavoro settario e clandestine perpetuo, continuato, ragionevole a modo 
suo, potentissimo, arrabbiatissimo ed influentissimo contro tutti gli altri 
popoli in generale, ma specialmente contro i cristiani. La razza ebrea e 
nel mondo come il fortissimo nucleo, il focolare ardentissimo e la sede 
naturalissima dell'odio acerbissimo antiumanitario ed anticristiano, perche 
nell 1 umanita in generale e nel cristianesimo in particolare essa vede chi 
la priva del dominio universale ed esclusivo cui crede avere naturali e 
soprannaturali diritti. Perci6 da sola, quanto pu6, sempre, ed alleata con 
altri chichessiasi, quando pu6, sempre lavora contro chi non e ebreo e 
specialmente contro chi e cristiano, valendo sempre e mai non preva- 
lendo secondo la promessa di Gesu Gristo. Or vedano, di grazia, i nostri 
massoncini e i loro circoli anticlericali ed i liberali in generale ed anche 
i cattolici liberali cui bono ed a cui profitto esclusivo vadano cotanto 
affaticandosi cotidianamente. A profitto degli ebrei! Ben diceva Dante: 

Uomini slate e non pecore matte: 

Si che il giudeo tra voi di voi non rida. 



CONTEMPORANEA 229 

II. 

COSE EOMANE 

i. Discorso del Santo Padre Leone XIII ai novelli Vescovi preconizzati nel Concistoro 
del 25 settembre; suoi lament! circa 1'abuso dell' Exequatur 2. Ammonimenti 
e consigli del Card. Moreno arcivescovo di Toledo ai pellegrini dclla sua provincia, 
prima della loro partenza per Roma 3. Solenne udienza in Vaticano ai pelle- 
grini spagnuoli; discorso del Santo Padre 4. Oblazioni a Sua Santita; omaggio 
dei pellegrini alia tomba di Pio IX 5. Accademia poetica e musicale al palazzo 
Altemps 6. Nota autorevole circa 1'opuscolo: II Vaticano e le elezioni po- 
litiche 7. Ristaurazione della Chiesa e della liturgia Greca nella Badia di S. Nilo 
a Grottaferrata 8. Nuova largizione di L. 15,000 del Santo Padre ai danneg- 
giati dalle inondazioni nel Veneto 9. Seconda udienza generale di Sua Santita 
ai pellegrini spagnuoli 10. Cenni sopra il centenario di S. Francesco d'Assisi 
celebrato in Roma. 

1. II Santo Padre Leone XIII, dopo il Goncistoro segreto del 25 set- 
tembre p. p., ricevette nella sala del Trono del pontificio appartamento 
i novelli Vescovi in esso preconizzati; e li ammise ad uno ad uno al bacio 
del piede, imponendo loro il rocchetto, nell'ordine stesso della loro preco- 
nizzazione. Quindi loro diresse il seguente discorso, pubblicato nell' Os- 
servatore Romano, n. 2*21. 

Siamo lieti, come sempre, di aver potuto dare, nel Goncistoro or 
celebrato, alle vedove Ghiese, novelli Pastori, e di avervi assunto a Nostri 
cooperatori nell'ardua missione di salvare le anime. Adorni come siete 
delle virtu episcopali delle quali S. Paolo inculcava la necessita ai suoi 
diletti discepoli Tito e Timoteo, mandati dalla legittima autorita chepre- 
siede al governo di tutta la Chiesa, benedetti dal Vicario di Gesii Cristo, 
voi farete nascere nel campo che vi viene affidato i piii abbondanti e i 
piu preziosi frutti di vita eterna. Vorremmo perei6 dirvi: Andate senza 
indugio in mezzo ai vostri figli che vi aspettano ansiosamente ; andate a 
recar loro il conforto della vostra parola, del vostro zelo, della vostra carita. 

Ma la Nostra voce & costretta a rimanere chi sa per quanto tempo 
senza effetto, non per fatto vostro, che volenterosi secondereste il Nostra 
desiderio ; ma per le difficolta che si oppongono da chi per nessuna ra- 
gione il dovrebbe. Dopo 1' ultimo Goncistoro, e vero, fu concesso ad alcuni 
Vescovi 1' Exequatur, ma, salvi pochissimi casi, con assai lungo ritardo, 
non coonestato da nessun ragionevole motivo. Per addurre un esempio, 
il gia Vescovo di Volterra, nominate nel novembre dell' anno precedente 
Goadiutore dell' Arcivescovo di Pisa, non ha ottenuto 1' Exequatur se 
flon dietro moke insistenze e dopo 9 mesi di aspettazione. I Vescovi di 
Fano, di Bertinoro, di Volterra, di Rimini, di Nocera Umbra, ed altri molli 
lo attendono ancora invano. 



230 CRONACA 

Anzi da Nocera abbiamo ricevuto in quest! ultimi giorni un indi- 
rizzo firmato da cittadini di ogni ordine, che si rivolgono a Noi, suppli- 
cant! perche presto sia concesso alia loro citta di avere il Pastore che 
da piu mesi Noi le abbiamo destinato. Ma in qual maniera possiamo Noi 
favorire queste sante premure dei Nostri iigli, se coloro che hanno in 
mano il potere, invece di far ragione ai Nostri reclami, frappongono 
sempre nuovi ostacoli, ed aggravano cosi la condizione della Chiesa in 
Italia? Quello che non vogliamo omettere, e di denunziar nuovamente 
questi fatti che sono un gravissimo attentato alia liberta del Nostro 
Apostolico potere, e che rendono a Noi di giorno in giorno piu difficile 
il governo della Chiesa. 

Voi intanto pregate caldamente il Signore perche si degni sostener 
Noi in mezzo ad una eondizione di cose cosi spinosa ed amara ; e a voi 
aprir presto la via delle vostre Sedi, per andare a versare sul vostro 
Glero e popolo i benefici della carita evangelica e delle pastorali vostre 
soilecitudini. Le quali perche siano piu salutari e piu fruttuose, con tutta 
1'effusione deH'animo impartiamo a voi tutti una copiosissima benedizione. 

Le gravi e troppo giuste lagnanze del Papa per le ingiuste dilazioni 
frapposte dal Governo di S. M. il Re Umberto alia concessione dell' Exe- 
quatur, diedero argomento a varie polemiche, di che diremo quanto basta 
tra le cose italiane; ma queste polemiche ebbero un buon effetto, perch& 
posero in evidenza le cause e gli effetti di quelle dilazioni, condannate 
assai esplicitamente dal Gassani, professore di diritto canonico e di storia 
del diritto nell'Ateneo di Bologna, con una sua lettera pubblicata dal- 
1' Opinione n. 270 pel 3 ottobre. 

2. Sul cominciare di quest' anno preparavasi in Ispagna un pellegri- 
naggio di cattolici di varie province della penisola, che doveano con venire 
a Roma per fare omaggio di ossequio e di pieta figliale al regnante 
Sommo Pontefice Leone XIII. Ma pei maneggi ed intrighi, parte ufficiali 
e parte massonici, da noi esposti nel precedente vol. IX di questa Serie XI, 
a pag. 481-88, vi si dovette rinunziare; e si giudic6 spediente che la cosa 
si faces.se partitamente da ciascuna delle diverse province ecclesiastiche 
della cattolica penisola. 

Prima a movers! fu quella di Toledo, cui presiede come Arcivescovo 
metropolitano 1'Emo Gardinale Giovanni Ignazio Moreno, ascritto al 
S. Gollegio da Pio IX di santa memoria nel Goncistoro del 13 marzo 1868. 

La mattina del di 21 del p. p. settembre Sua Eminenza ricevette in 
udienza di congedo i pellegrini, nella vastissima aula del suo palazzo, e 
sedutosi in trono, diresse loro un discorso, che I 1 Osservatore Romano 
riprodusse nel suo numero 222 pel 28 settembre, traendolo dalla Corre- 
spondencia de Espana. Ecco la traduzione italiana di questo grave 
documento. 



CONTEMPORANEA 231 

Grande e la soddisfazione che provo in quest' istante per avere con- 
tribuito al pellegrinaggio del rispettabili sacerdoti, delle nobili e pie 
Dame, degl' illustri signori e dei fedeli di ogni classe; i quali, facendo 
professione d' un vero e pratico cattolicismo, hanno inteso la voce di Dio, 
manifestata dai suoi Ministri, in primo luogo del Vicario di Gesii Gristo, 
e poi di colui che indegnamente presiede alia Provincia ecclesiaslica di 
Toledo, che e uoo dei YescOvi posti da Dio per reggere la sua Ghiesa, 
il quale ha avuto un grande onore in secondare i desiderii augusti del 
Yicario di Gesu Gristo. I Pellegrini, che formano il pellegrinaggio to- 
ledano, udirono la sua voce e non vollero indurare il loro cuore con pre- 
testi vani, ispirati talvolta, piii che da sentimenti nobili ed elevati, da vili 
sentimenti di odio e di vendetta. 

Faccio i piu vivi ringraziamenti ai degnissimi Yescovi, alle signore 
tutte, a tutti i signori, ed a tutti i fedeli del pellegrinaggio di Toledo, 
perche hanno fatto sforzi considerevoli. Ringrazio anche i degnissimi 
-e rispettabili Prelati i quali, sebbene non appartenessero alia Provincia 
ecclesiastica di cui io sono indegno Pastore, desiderosi nonpertanto di 
prostrarsi ai piedi di Sua Santita, Ivan voluto farci 1'onore di venire ad 
accompagnare il pellegrinaggio di Toledo. 

Andate, dunque, alia citta Eterna ; andate a prostrarvi ai piedi 
augusti del gran Martire, del savio profondo, del Papa illustre Leone XIII. 

E qual e 1'oggetto che vi conduce alia cilta eterna? Qual e il fine 
che vi siete proposti alFubbidire la voce del vostro Pastore nell'intra- 
frandere questo faticoso e lungo viaggio alia Gitta eterna? Qual 6 il 
vostro proposito nel fare si nobili sforzi per depositare ai piedi del Papa 
una limosina che reclanaa la sua situazione? E solamente il fine puro ed 
esclusivamente religioso e cattolico di fare il possibile onde sollevare il 
Capo visibile della Ghiesa dalla sua afflizione, che si propongono quelli 
i quali, con la stessa spontaneita con che vanno in Roma ad offerire il 
loro obolo, gli darebbero anche la loro vita, e procurerebbero che quanto 
prima il Yicario di Gesii Gristo godesse di quella indipendenza che gli 
appartiene. 

Nel visitare i sepolcri di S. Pietro e di S. Paolo preghino i Pelle- 
grini per la Ghiesa, la di cui situazione e afflittiva dappertutto. Pre- 
ghino li con grande fervore pel Sovrano Pontefice, affinche quanto prima 
si veda libero dal suo angustioso stato; ed inoltre preghino per le grandi 
necessita della nostra amata patria, onde in Ispagna sfolgoreggi il catto- 
licismo e viepiu risplenda in tutti gli Spagnuoli. 

La dovete pregare per la pace fra tutti e specialmente fra coloro 
che si pregiano di essere cattolici : per la unione, la fraternita vera, e 
per la carita che non consiste nelle parole e nella lingua, ma nelle opere 
nella verita. Domandate che finiscano queste divisioni che fanno ver- 



232 CRONACA 

gogna ai cattolici ed anche al nome spagnuolo. Pregate con molta costanza 
e con molta pieta. Domandate al Sigaore grazia perche ciascuno di not 
nel nostro rispettivo stato ci sforziamo di essere perfetti. 

Giacche andate a Roma, dove visiterete le tombe di S. Pietro e di 
S. Paolo, e posto che v'ha li la Ghiesa di Santa Maria della Pace, di cui 
sono titolare, vi prego di non lasciare di visitarla affinche per la inter- 
cessione della Vergine Santissima si ottenga questa pace. 

Inoltre raccomando assai, perche le circostanze sono critiche, che 
tutti i Pellegrini osservino la maggior prudenzi; che quando vanno a 
San Pietro ascoltino la Messa, ricevano la Santa Gomunione per mano di 
alcuni dei signori Vescovi che accompagnano il Pellegrinaggio ; racco- 
mando caldamente che pel cammino recitirio tutti, tanto di giorno come 
di notte, in comune e in particolare il Santissimo Rosario, affinche per 
mezzo di Maria Santissima il viaggio sia felice. il fine principale del 
pellegrinaggio si e di consolare il Papa, e colmarlo di soddisfazione. 

11 degnissimo Mons. Vescovo di Siguenza e il Prelato che mi rap- 
presenter^ nel pellegrinaggio toledano, oltre quelli che si uniranno, per 
tutto ci6 che fosse conveniente al pellegrinaggio. Vi sono inoltre capi di 
gruppo che sono autorizzati dai signori Orti e Garulla, membri della 
Commissione organizzatrice, i quali in ogni caso si intenderanno col 
signor Ganonico Magistrate di Toledo che fa egli pure parte del pellegri- 
naggio in rappresentanza del Gapitolo Primate. 

L' Angelo del Signore accompagni i Pellegrini nel cammino, li liberi 
da tutti i pericoli del viaggio, e conceda loro la grazia di vederli tornare 
alle loro case pieni di prosperita, di allegria e di benedizione. 

Adesso come Prelato della Diocesi dell' Arcivescovado e della provincia 
di Toledo vi daro a tutti la mia benedizione e la dara pure ii degnissimo 
Mons. Vescovo di Zamora. 

Preceduti da alcuni membri del comitato, giunsero i pellegrini in 
Roma il 28 settembre, sotto la direzione di S. E. Monsignor Ochoa y 
Arenas vescovo di Siguenza a cio delegato daU'Emo Moreno, col quale 
arrivarono pure Monsignor Ibanez y Galliano vescovo di Teruel, e Mon- 
signor Balesta y Gambeses vescovo di Zamora, e sotto la guida di questi 
zelanti pastori visitarono i sacri monumenti e le insigni Basiliche della 
capitale del mondo cattolico. 

La mattina del venerdi 29 settembre, festa di S. Michele Arcangelo, 
i pellegrini convennero nella Basilica vaticana, ove fu loro imposta la 
croce del pellegrinaggio; quindi assistettero alia santa Messa celebrata 
dal Vescovo di Siguenza, accostandosi tutti a ricevere dalle sue mani la 
SS. Eucaristia, airaltare della Gattedra. 

La mattina della domenica, 1 ottobre, i pellegrini recaronsi alia Ba- 
silica liberiana di S a . Maria Maggiore, dove assistettero alia santa Messa 



CONTEMPORANEA 

cclebrata dal Yescovo di Zamora; poscia convennero al Vaticano, ove 
bbero solenne udienza, nella Sala Ducale. 

II Sommo Pontefice, preceduto da venti Eminentissimi Cardinal!, in 
mezzo alia sua iiobile Gorte, entr6 nella sala sul mezzogiorno, salutato 
da entusiastiche acclamazioni, cui presero viva parte molle distinte fu- 
miglie spagnuole resident! in Roma e del Patriziato romano. 

Gome il Santo Padre si fu seduto in trono, rillmo e Rmo Monsi- 
gnor Ochoa y Arenas vescovo di Siguenza gli si fece innanzi, e con voce 
limpidissima e con espressione di fervido affetto, lesse il magnifico iri- 
dirizzo stampato, nel testo esatto spagnuolo, dall' Osservatore Romano 
B. 225 pel martedi 3 ottobre. La parola calda e vivace dell'illustre Pre- 
lato fu piii volte interrotta, in segno di adesione, dalle acclamazioni dei 
Pellegrini. 

II Santo Padre, levatosi in piedi, rispose nei termini seguenti. 

A poca distanza degli uni dagli altri, Gi fu dato di ricevere in 
quest! giorni i Pellegrini italiani e i Pellegrini spagnuoli; quelli prima 
che si recassero a venerarein Assisi Tumile Patriarca dei poveri, S. Fran- 
cesco, nel settimo centenario della sua nascita; questi sul punto di fe- 
steggiare 1'insigne loro concittadina e patrona S. Teresa, nel terzo cen- 
tenario della beata sua morte. E come teste accogliemmo con gaudio i 
Nostri figli venutici dall' Italia, cosi siamo oggi lietissimi di accogliere 
i cattolici della Spagna, verso i quali nutriamo il piii tenero affetto di 
Padre. Abbiamo vivamente desiderate che essi, superato ogni ostacolo, 
potessero portarsi a Roma per visitare, a conforto della loro fede, le 
tombe dei Principi degli Apostoli e i luoghi santificati dal sangue dei 
martiri, per confermare il loro ben noto amore alia Ghiesa, e la loro 
tradizionale devozione al Vicario di Gesii Gristo. Voi, o carissimi, secon- 
dando i voti e gl'impulsi del diletto figlio Nostro il Gardinale Arci ve- 
scovo di Toledo, vinto ogni umano riguardo, siete venuti per primi: 
sappiamo che altri pure daU'Aragona, dalla Gatalogna, dalla Navarra, 
dairAndalusia e da altre province si apparecchiano a seguire il vostro 
k>devolissimo esempio, sotto la direzione e la guida dei loro pastori. 

E bene sta; ne altrimenti esser potrebbe: che la nazione spagnuola 
va celebrata dovunque per la sua fermezza e costanza nella fede, pel suo 
profondo attaccamento alia religione cattolica, per la riverenza e T osse- 
quio che professa al Romano Pontefice. Questi sentimenti si conservano 
ancora vivi in seno delle famiglie, si rivelano nella vita pubblica della 
nazione, si manifestano colle opere. Per questi titoli di sommo valore 
agli occhi Nostri e per la vostra patria altamente gloriosi, Noi abbiamo 
assai cara la Spagna e Gi prendiamo di essa la piii paterna sollecitu- 
dine. E questa sollecitudine Gi fa ardentemente bramare che essa non 
afebia mai ad allontanarsi dalle sue vere tradizioni, e che, nonostante gli 



234 CRONACA 

sforzi del nemici, si mostri nella stessa fede sempre piu strettamente 
unita, nell' obbedienza ai sacri Pastori sempre piu ferma e piu docile. 

E poiche gl'interessi religiosi, notatelo bene, dilettissimi, vanno per 
importanza innanzi ad ogni altro e piu d' ogni altro debbono esser cari 
a ciascuno, Noi vorremmo che i cattolici della Spagna fossero tuitti con- 
cordi e si dessero scambievolmente la niano nel difenderli e nel promuo- 
verli. Edoh! qual consolante spettacolo sarebbe, se tutti quelli, che 
nella Spagna si professano iigli devoti della Chiesa, si unissero in una 
santa concordia di pensieri e di azione per opporsi alia prevalente miscre- 
denza ed empieta, come gia i loro maggiori coraggiosamente si opposero 
all'eresia, allo scisma e alia prepotenza dei Mori. Ne sentirebbe cerlo 
grandissimo vantaggio la Ghiesa e Noi non lieve conforto; ma non meno 
se ne avvantaggerebbe la patria vostra, che nelle salutari influenze della 
religione, ha trovato sempre un principio fecondo di prosperita e di 
grandezza. Noi, per quell' amore che Ci lega a questa nobile e fedele 
nazione, indirizziamo al cielo i piu fervidi voti, affinche, mediante 1' azione 
concorde di tutti i buoni e gli sforzi comuni, abbiano a splendere sem- 
pre su di essa giorni felici e gloriosi. 

Auspice di concordia e ispiratrice di opere sante, invochiamo la 
Vergine benedetta, in questo giorno che da tuita la Ghiesa si festeggia e 
si esalta sotto il glorioso titolo del Rosario. Al nome della Vergine 
amiamo di unire pur quello della Serau'na del Garmelo, ora specialmente 
che solermi onoranze le si preparano neila sua Spagna e in tutto il mondo. 
Essa, splendidissima gloria della sua terra natale, cui illustro delle sue 
singolari virtii e della sua sovrumana dottrina; essa, donna virile ed 
invitta, che ancor settenne ebbe Tanimo d'incamminarsi tra gl'infedeli 
desiderosa di dare per Gesu Gristo il sangue e la vita, e per la gloria 
di Lui le opere piu ardue intraprese e compi; essa, per pontificio decreto, 
data alia Spagna qual principale patrona, dopo il glorioso Apostolo 
S. Giacomo: essa, ne siamo certi, fara valere appresso Dio la potente 
sua mediazione e il suo patrocinio. Siamo pur certi che 1'eroica Santa 
vorra dal cielo rlguarclare propizia e benigna, in mezzo a si gravi di- 
streite, quest' Apostolica Sede, che tanto ha contribuito a glorilicarla e 
a crescerne il culto. 

Queste poche parole, testimoni deiranimo Nostro, avevamo a dirvi 
iigli dilettissimi, in risposta al vostro nobile e affettuoso indirizzo. Tor- 
nati che sarete in patria, voi ridite queste parole ai vostri concittadini : 
e loro recate altresi, a pegno della Nostra particolare benevolenza, TApo- 
slolica Benedizione, che con tutta reffusione del cuore impartiamo ai 
vostri illustri Pastori, a voi tutti qui presenti, a quelli che vi seguirono 
in ispirito, alle vostre famiglie, e a tutti i cattolici della Spagna. 

4. Ricevuta 1' Apostolica benedizione, i pellegnni furono ammessi a 
haciare il piede a Sua Santita; e primi furono gli ecclesiastici, poi le- 



CONTEMPORANEA 235 

signore, poi gli altri. Di che nella Voce delta Verita del 3 ottobre tro- 
viamo i seguenti particolari. 

Man mano che si presentavano, offrivano 1' obolo del Pellegrino. 
Monsignor Yescovo di Teruel faceva presentare al Santo Padre una 
graziosa quanto pregevole navicella in argento ed oro su coppa preziosa. 
L'interno era pieno di monete d'oro per la somma di 14,000 lire italiane. 
In un magnifico cofanetto di metallo, stile bizantino perfetto, era presen- 
tata 1'offerta di Toledo per mano del Vescovo di Sigiienza. Gonteneva 
una letlera di cambio pel valore di 90,000 lire in oro pagabili a vista, 
e 5000 lire in oro effettivo. II Yescovo di Sigiienza offriva 95,000 lire 
in oro, il Yescovo di Zamora 6,500 lire, una commissione di Santiago, 
23,700 lire. II Marcliese d'Aguilar, Vice presidente della Gioventu Gat- 
tolica di Toledo, Giambellano di Gorte, depositava ai piedi del Sommo 
Pontefice lire 1,300. Le offerte di Pamplona ascendono a 35,000 franchi. 
E tutti, dal ricco al povero, tutti vollero quei bravi Spagnuoli soccorrere 
il Santo Padre; perlino alcuni contadini lasciavano ai piedi del Trono 
:Santissimo 1'offerta del loro attaccamento alia Sede Apostolica di Pietro; 
ed il Padre Comune dei fedeli ne li ricambiava con la speciale sua be- 
nedizione e dirigendo loro affabili parole. Le offerte presentate pu6 dirsi 
<;on sicurezza che ascendano alia bella cifra di duecento mila lire ita- 
iiane. L'Avv. Garulla, segretario del Pellegrinaggio, faceva benedire dal 
Santo Padre un magnifico stendardo di raso bianco a frange d' oro, ap- 
partenente al ceto ecclesiastico di Toledo. Sul medesimo in oro leggevasi 
la seguente iscrizione: In hoc signo vinces Leoni XIII Pont. Max. Regi 
semper Augusto E nel fregio: Fluent ad Eitm omnes gentes,.... 

II Sommo Pontefice ~ come apertamente ha dichiarato nel suo 
discorso ha gradito e benedetto in modo speciale questo primo Pel- 
legrinaggio spagnuolo come quello che apre la strada agli altri che in 
breve lo seguiranno. 

Non poteasi presumere che i pellegrini spagnuoli, recandosi in Roma, 
ommettessero di fare speciale omaggio alia venerata memoria di Pio IX. 
Infatti aveano percio recata seco una magnifica corona di fiori fmti finis- 
simi, da deporsi sulla tomba di queirimmortale Pontefice ; e quella nella 
solenne udienza fu esposta alia benedizione del Santo Padre Leone XIII. 
Pertanto, nel pomeriggio dello stesso giorno di domeriica i pellegrini si 
recarono, sotto la guida dell'egregio Vescovo di Zamora, alia Basilica di 
S. Lorenzo nel Gampo Verano ; e, raccollisi nella sagrestia, udirono dalla 
bocca deir eloquente Prelato un discorso appropriate alia congiuntura. 
Quindi si mossero in divota processione verso la tomba. 

Precedevano la croce e i turiferari, poi venivano a due a due i Pelle- 
grini cantando il De profundis. Giunti presso 1'avello del defunto Pon- 
tefice, fu in canto corale intonato il Lihera me Domine, quindi Mon- 
signor di Zamora deposit6 con le proprie mani, in mezzo alia generale 



236 CRONACA 

commozione, la bellissima corona venuta espressamente da Madrid. Quindi 
la processione incamminossi verso 1'altare della Madonna. Recitato il 
Santo Rosario, i Pellegrini intonarono nel loro idioma il Santo Dios ; 
finahnente eantatosi il Tantum ergo, dal gia nominato Vescovo, che avea 
indossati prima abiti bianchi, fu impartita la trina benedizione. 

5. Come si uso gli anni passati nella congiuntura di pellegrinaggi 
nazionali, fu offerta a questo degli Spagnuoli della provincia di Toledo, e 
tenuta a loro onoiv, la sera della stessa domenica, un'accademia poetica 
e musicale, per cura del Circolo di S. Pietro, nell'aula magnificamente 
parata del palazzo Altemps. Intervennero all'Accadernia parecchi Emi- 
nentissimi Cardinal* e molti Prelati ed illustri personaggi. II Gorpo diplo- 
matico accreditato presso la Santa Sede era rappresentato da Sua Ec- 
cellenza D. Alessandro Groizard y Gomez de la Serna, Ambasciatore 
Straordinario di Sua Maesta Gattolica di Spagna presso la Santa Sede, 
con tutto il suo personale d' Ambasciata; aveva a destra la signora Am- 
basciatrice, e in altro posto distinto siedevano le figlie ed i figli dei 
signori Croizard. Vi erano Sua Eccellenza Von Schlozer Ministro plenipo- 
tenziario di Prussia, il signer De Rosty incaricato dell' Ambasciata au- 
striaca, e due segretari dell' Ambasciata francese. Venne aperto il tratte- 
nimento con la marcia reale di Spagna sonata a grande orchestra, quindi 
si esegui la magnifica sinfonia della Vestale dello Spontini. Lesse quindi ii 
discorso 1' Emirientissimo cardinale Alimonda, nel quale, lumeggiando a 
grandi tratti le glorie della Spagna nelle arti, nelle scienze, nelle scoperte, 
nei viaggi e nelle lettere, prov6 Y ardentissima fede e 1'amore accesissimo 
che irifiamm6 sempre per la Ghiesa cattolica i figli di questa nobilissima 
nazione. La quale con il presente devoto omaggio ha voluto darne novella 
e non dubbia prova a Roma a' piedi del Papa. 

Quindi ebhe luogo la recitazione delle poesie, intercalate dalla musica, 

11 Vescovo di Siguenza levossi a ringraziare con fervidissime parole, 
si 1'Emo Gardinale Alimonda, e si il Circolo di S. Pietro, per la festa 
con cui aveano dato ai pellegrini si aftettuosa dimostrazione di fraterna 
carita. Ed il suono della marcia spagnuola saluto Tadunanza quando 
si sciolse. 

6. In mezzo a questi festeggiamenti non cessavasi in Roma dal par- 
lare pro e contro 1'intervento dei cattolici alle urne politiche; e traevasene 
argomento altresi dall'opuscolo, di cui abbiamo parlato nel precedents 
nostro quaderno 775 a pag. 86 96. Ma il poco rumore levato da codesto 
opuscolo cess6 d' un tratto, quando comparve sull' Osservatore Romano 
n. 223, la seguente nota: In occasione della pubblicazione di un recente 
opuscolo intitolato: // Vaticano e U elezioni politiclie, non e mancato 
chi ha voluto attribuire al medesimo una origine od una ispirazione alia 
ed autorevole. A scanso di equivoci dobbiamo dichiarare, nella piu espii- 
ita maniera, che simili voci sono prive affatto di fondamento. Qual sia 



CONTEMl'ORANEA 237 

pei cnttolici Italian! la regola di condotta in materia di ele/ioni politiche, 
e noto da lurigo tempo; e nulla e ora cambiato. Ne coll' aver lasciato 
annunziare il suddetto opuscolo nella parte riservata agli annunzi, YOs- 
servatore Romano ha iriteso di accreditarlo e molto meno di racco- 
mandarlo. 

Dal canto suo la Voce della Verita nel n. 224 aggiunse che Pautore di 
quell'opuscolo ritir6 dalla vendita le molte copie di esso rimaste invendute. 

7. La paterna sollecitudine del regnante Sommo Pontefice Leone XIII 
per la Ghiesa greca si manifest6 novamente, il 26 del p. p. settembre, 
in Grottaferrata, in modo che non pu6 non tornare gradito assai agli 
Orientiali, ed efficace per dissipare alcuni dei pregiudizii che li terigono 
alieni dalla Chiesa romana. 

Gome tutti sanno, stampo YOsservatore Romano n. 226 pel 4 ottobre, 
quivi sorge il celebrato monumento della Badia fondata da S. Nib e da 
S. Bartolomeo da Rossano. II rito che vi fti introdotto, appartenendo Nilo 
ai Basiliani greci dell'estrema Calabria, fu il greco, che e stato sempre 
conservato. Ma nei secoli passati, sia per essersi popolato il monastero 
di monaci per la piii parte italiani, sia per trovarsi fra popolazioni latine, 
e sia soprattutto per le inriovazioni e per gli usi introdotti dagli Abbati 
commendatari, il rito subi gravi alterazioni, lanto che si celebrava la 
sacra Liturgia con paramenti latini, vi erano state inserite orazioni 
prettamente laline a discapito delle greche, ed infine erasi pure cambiato 
in azimo il fermentato. Anche del sacro te.mpio possiamo dire Tistesso, 
che, mentre conservato nella primitiva forma avrebbe avuto anche somma 
importanza dal lato artistico, fu al contrario piu e piu volte ricostrutto 
e, per somma sventura, in pessimo stile. A tempi nostri, per I'amore 
che si e suscitato dell' antico, e piu per il tanto bramato riavvicinamento 
della Ghiesa greca alia Sede romana, e per far cadere il pregiudizio 
degli scismatici che gridano sempre volere la Ghiesa romana alterare 
quel rito di cui sono essi si gelosi; il grande Leone XIII voile, che in 
quel monastero, immediatamente alia Santa Sede soggetto e sito sulle 
porte di Roma, ritornasse in tutta la sua purezza ed integrita il greco 
rito che pressa gli stessi greci subisce alterazioni abusive, sperando cosi 
che un piccolo nucleo di monaci occidental! potesse servire come di 
luminoso faro, che additi all' Orients il vero porto u siede il successor 
del maggior Piero . L 1 importanza di tale irnpresa ha richiesto un lungo 
e meditato lavoro della Sacra Gongregazione di Propaganda, ed in tal 
modo colla cooperazione di valenti persone si e venuto al ripristinamento 
dell'antica liturgia greca. 

Nello stesso modo necessariamente si dove procurare, per quanto era 
possibile, di dare alia chiesa della Badia la forma voluta! E la macchina 
die sostiene 1'insigne immagine della Vergine si e ridolta ad iconostasio, 
cioe alia divisione tra il santuario ed il popolo; la quale ebbe tal noaie 



-238 



CRONACA 



da allora che per combattere Terrore degli iconoclast! fu ornata di sacre 
immagini che stessero alia pubblica venerazione; ed al parere degli 
intelligent questa di Grotta Ferrata, per essere di tanta magnificenza e 
preziosita di marmi, fin nell'istesso oriente pochi ha che 1'uguaglino. 

Ultimati i lavori e fattasi precedentemente la consacrazione del nuovo 
altare neirinterno del Vima o santuario; nel giorno in cui ricorreva la 
festa del gran fondatore, 1'Abbate Pellegrini aveva 1' alta fortuna di ce- 
lebrare il primo solenne pontificate. L 1 imponenza di questa funzione ve- 
niva accresciuta dalla presenza di sei Emi Cardinal! di S a . R a . Ghiesa, 
cioe, Nina che ne e Protettore, lacobini Segretario di Stato di Sua Santita* 
Hassun, Parocchi, Randi visitatore Apostolico, e lacobini Angelo; e di 
Vescovi e prelati, fra i quali Monsignor Gretoni Segretario della Propaganda 
per i riti orientali r e di altri illustri personaggi, nel cui novero ci piace 
ricordare il ch. commendator De Rossi, il quale per la piena conoscenza 
che possiede della sacra Archeologia avea avuta non piccola parte nel 
determinare i lavori del sacro tempio disegnati ed eseguiti poi dal com- 
mendatore Busiri. L'abbate pontificante veniva assistito dai suoi monaci, 
3! servizio poi era fatto dagli alunrii del collegio Greco-Ruteno di S. Ata- 
nasio; al canto anche si erano aggiunti alcuni alunni di Propaganda. 

8. Avendo i pellegrini spagnuoli, nell'udienza solenne del iottohre, 
aggiunto alle altre dimostrazioni del loro amore filiale verso il Vicario 
di Gesii Cristo, quella delle sopramentovate generose loro oblazioni, il 
S. Padre volse subito novamente il pensiero alle vittirae dei disastri cagio- 
nati dalle recenti inondazioni nel Veneto. Desideroso pertanto di dividere 
con i desolati suoi figli 1'obolo della carita ricevuto da altri di regioni piii 
favorite dalla Divina Provvidenza, assegno subito altre quindici mila lire 
in soccorso di quei tribolati, da distribuirsi per mezzo dei rispettivi 
Ordinarii. 

9. La mattina del 4 ottobre la Santita di Nostro Signore Leon6 
Papa XIII si compiacque, per tratto di speciale benignita, di ammettere 
*ina seconda volta in udienza generate i pellegrini dell'Arcidiocesi di 
Toledo, cui si univa una Deputazione della Dioeesi di Gompostella, man- 
cando quella di Pamplona; la quale al suo ritorno da Assisi avra 1'onore 
di evssere ricevuta dal S. Padre cui umiliera 1'Obolo dell' amor filiale. I 
pellegrini erano ricevuti alle seconde logge, che sono contigue al ponti- 
ficio appartamento, ed erano accompagnati dagli Illmi e Rmi, Monsignor 
Yescovo di Sigiienza, Monsignor Vescovo di Teruel, e Monsignor Vescovo 
di Zamora, insieme alia Giunta esecutiva del pellegrinaggio. Avevano 
1'onore di accogliere e disporre in ordine i pellegrini la Presidenza del 
Gircolo di S. Pietro, unita alia Presidenza della Gommissione del Gircolo 
medesimo. 

Poco dopo le undici, il Santo Padre, seguito dai componenti V Anti- 
camera Segreta, si recava alle seconde logge, ove ammetteva alia Sua 



CONTEMPORANEA 239 

presenza, ad uno ad uno, tutti i pellegrini che gli erano presentati dai 
rispettivi Yescovi, intrattenendosi amorevolmente coa ciascuno ; e, dopo 
averli ammessi al bacio del piede e della sacra sua destra li confortava 
dell'Apostolica Benedizione. Ed allorche tocc6 la sua volta alia Deputa- 
zione di Gompostella, essa deponeva nelle mani di Sua Santita una ge- 
nerosa offerta della Diocesi per 1'Obolo di San Pietro. 

L'Augusto Gerarca gradiva questo ulteriore attestato di devozione e 
di attaccamento alia Santa Sede ed alia sacra sua persona da parte dei 
Cattolici Spagnuoli, e prima di congedarsi da quei diletti suoi figli do- 
nava a ciascuno dei tre summentovati egregii Yescovi un grande astuccio 
di velluto sormontato dallo stemma con entro le cinque medaglie d' ar- 
gento del suo Pontificate, insieme ad alcuni volumi contenenti: Leo- 
nis XIII Pont. Mix. Ada; ai signori component! la Giunta ed ai 
Rappresentanti delle diverse Commission! una grande medaglia d'argentc 
per ciascuno; alia nobile President della Giunta delle Signore una me- 
daglia d'oro, ed alle quattro Signore un cameo per ciascuna su cui b 
incisa Tlmnaacolata Goncezione. A tutti poi i pellegrini il S. Padre rega- 
lava una medaglia d' argento come divoto ricordo della loro peregrina- 
zione ai piedi del Yicario di Gesu Gristo. 

10. Per difetto di spazio non possiamo, nel presente quaderno, sten- 
derci in dire delle divote quanto magnifiche feste sacre, celebrate, come 
in ogni provincia e citta d' Italia, cosi in Roma, in varie chiese del Se- 
rafico Ordine francescano, pel settimo centenario della nascita del gran 
Patriarca d'Assisi. II parato delle chiese era elegante, sontuoso, splen- 
didissimo; il che va fatto rilevare, in quanto, essendo frutto delle spontanee 
oblazioni dei fedeli in aiuto alia poverta dei figli di S. Francesco, dimo- 
stra si la viva divozione di quelli verso il Santo, e si il loro affetto, ben 
meritato, pei suoi figliuoli. Valentissimi oratori dell' Ordine, con raro 
pregio di eloquenza, nel Triduo che precedette la festa, celebrarono le 
glorie del Serafico ristauratore dell'umilta e poverta evangelica, onde fu- 
rono santificate tante migliaia di anime, e fu purificata tanta parte del, 
mondo cattolico. II consorso dei fedeli alle sacre funzioni era continue^ 
si che le chiese n'erario affollatissime; e tutto procedette con si beK- 
Tordine, che non ebbesi a lamentare alcuno inconveniente. 



240 CRONACA 

ill. 

COSE STEANIEEE 

COSE D'ORIENTE. 1. Oecupazione miiitare del Canale di Suez, autorizzala dal 
Kt'dive 2. Prime avvisaglie degli Inglosi cogli Egiziani a Mabuta e Mashamah; 
combattimenti a Kassassine 3. Rinforzi chiesti a Londra dal Wolseley 4. Nuovo 
Ministero forma to dal Kedive 5. Condizioni igieniche dell' esercko inglese - 
6. Lord Dufferin otliene die Araby-Pascia sia bandito ribelle dal Sultario ; con- 
venzione pel concorso miiitare turco in Egilto, volnfa e non voluta dal Governo 
inglese 7. Vittoria decisiva degli Inglesi a Tell-el-Kebir; ingresso del Wolseley 
al Cairo ; Araby-Pascia prigioniero. 

1. Dal giorno 4 agosto p. p. in cui una parte di truppe anglo-indiane 
sbarc6 a Suez ed occup6 quella piazza, fino al giorno 20, in cui di fatto 
le truppe brit;*nniche s' impadronirono del canale, e ne fecero la loro 
base d'operazione contro gli Egiziani, ebbero luogo dalla parte di Ales- 
sandria parecchie scaramuccie, sia presso le foriificazioni erelte vicino 
Ramleh, sia nei pressi del forte del Hex. 11 risuliato fu, che si rico- 
nobbe difficilissimo il valersi di Alessandria come di base d'operazioni mi- 
litari verso il Cairo. Soprawentito ivi, il 15 agosto, il generale supremo 
Sir Garnett Wolseley, rimase anch'egli convinto che il passo dell'istmo 
non si potrebbe valicare seriza grande perdita di uomini e di tempo, e 
con pericolo di dover novarnenle far sosta a Tantah, a Zagazig, ed in altri 
punti in cui gli Egiziani aveano eretto trincee e ridotti non ispregevoli. 
Egli pertanto geito voce di voler anzitutto spacciarsi di Aboukir; fece 
imbarcare un cinque o seimila uornini, e con quasi tutte le navi co- 
razzate si mosse a quella volta nel pomeriggio del 19 agosto, dando ai 
comarjclanti istruzioni precise da non doversi aprire che in alto mare e 
da non comunicarsi ad alcuno fino al momento dell'esecuzione. 

Giunta la nave ammiraglia, su cui slavano il Wolseley ed il Sey- 
mour, nelle acque di Aboukir, con sorpresa di tutta I 1 armata passo 
oltre; e poco stante ecco tutte le navi ricevere 1'ordine di dirizzarsi a 
Porto Said. Nella notte questa piazza fu occupata dopo una improvvisa 
scarica di fucilate e qualche colpo di cannone, onde intimidito il piccolo 
presidio egiziano senz' altro si arrese e fu fatto prigioniero. Un' altra 
parte deH'armata tir6 diritto fino ad Ismailia : ed ivi la mattina della 
Domenica 20 agosto con lo stesso strepito di fucilate e cannoriate sbarco 
la fanteria di marina, che pose in fuga gli Egiziani. Con lo stesso pro- 
cedimento fu subito occupata la prima stazione dalla ferrovia a Nefich. 
Ed al tempo stesso gl' Inglesi s' impossessarono delle stazioni della Gom- 
pagnia del Canale, manclandone via gli ufficiali, senza dar retta alle loro 
protestazioni ; ed interdissero alle navi anche mercantili il transito pel 
Canale. Naturalmente Ferdinanclo Lesseps, che pu6 essere salutato come 



CONTEMPORANEA 241 

oreatore di quel Canale, come si era protestato contro 1'occupazione del- 
1' imboccatura del Ganale a Suez, per mezzo di lettera, diretta il 19 ago- 
slo aH'ammiraglio inglese Hewit riprodotta nel Memorial Diplomatique 
n. 34 p. 539; cosi si affreil6 d' indirizzare al Wolseley una focosa pro- 
lestazione, che indusse il generale inglese a proporre un ragionevole 
componimento per un modus vivendi, il quale fu accettato dal Lesseps, 
come quello che guarentiva i diritti della Gompagnia. Questi fatti, coi 
loro particolari, furono esposti in una lettera del Lesseps stesso al 
Temps riferita nel citato Memorial, a pag. 539-40. 

II Wolseley non perdette tempo, ed appena giunto ad Ismailia il 
lunedi 21 agosto, sollecit6 i preparativi per andar oltre a mano a mano 
che sopraggiungevano le truppe, il cui sbarco, massimamente della ca- 
valleria, offriva non poche difficolta. 

Vuolsi qui aggiungere che tanto 1' occupazione del canale, quanto 
tutte le aitre operazioni militari erano state approvate da bandi pub- 
blicati nel Monitor e Egiziano e firmati dal Kedive Mehemet-Tewfik, 
cui diede maggior peso quello del Wolseley sotto il 19 agosto in cui si 
presentava come mandato dalla Regina Vittoria per ristabilire Tautorita 
del Kedive ed il buon ordine in Egitto, guarentendo a tutti piena li- 
berta di religione, la incolumita delle moschee, 1' inviolabilita delle abi- 
tazioni e delle persone, ed il pagamento delle derrate d'ogni fatta, purche 
non si desse aiuto ai ribelli. 

2. II 24 agosto ebbe luogo uno scontro degli Inglesi cogli Egiziani alia 
stazione di Mahuta, d'onde questi furono discacciati e quelli, con rapida 
marcia si spinsero fino a Mashamah, che presto fu in poter loro, con 
la preda di cinque cannoni Krupp, fucili e munizioni in gran copia, e 
75 carrozzoni delle ferrovie colmi di approvigionamenti di viveri. E con 
la stessa facilita le truppe inglesi due giorni dopo s' impadronirono di 
Kassassine, dov' e la chiusa del canale d' acqua dolce. Ma alii 28 gli 
Egiziani in buon numero tornarono alia riscossa, per ripigliare quella 
importante postura. l/assalto fu cosi impetuoso, che la Brigata inglese 
comandata dal generale Graham fu in grande pericolo di piena disfatta, 
se non fosse sopravvenuta a tempo, verso sera, una intera brigata di ca- 
valleria in suo aiuto, e che, caricando di fianco la fanteria egiziana, la 
costrinse alia ritirata senza per6 poterle levare i 20 pezzi d' artiglieria 
con cui avea fatto gran danno al Graham. II combattimento era durato 
da mezzo giorno fin verso le ore 9 pomeridiane ; e Araby-Pascia se ne 
vant6 come d'una vittoria, si perche erano state necessarie non meno di 
tre furiose cariche della Gavalleria della Guardia della Regina, per li- 
berare il Graham, e si per la prova di fermezza data dai soldati Egiziani. 

3. II risultato di questo combattimento indusse il Wolseley a rico- 
noscere che la bisogna sua non sarebbe cosi facile come egli si era 
immaginato. Pertanto chiam6 subito da Alessandria tutto quel maggior 

Serie XI, vol. XII, fast. 776 16 14 ottobre 1882 



242 CRONACA 

numero di truppe, che se ne poteano togliere senza peneolo che gli Egi- 
ziani, uscendo dalle loro trincee di Kafr-Dawar, potessero, con subiiaaeo 
assalto rientrarvi; e per rendere le mosse di questi aricor piu dilficili, 
gl' ingegneri inglesi si diedero a tagliare la diga che da Alessandria si 
stende a ponente verso il forte del Marabutto, ed impeiisce la comuni- 
eazione del mare colla palude Mareotide; volendo con ci6 far alzare illi- 
vello di questa in modo da rendere impossible agli Egiziani il procedere 
sulle sue sponde verso il forte di Mex e verso Alessandria. Per gionta di 
precauzione, il Wolseley chiese a Londra il rinforzo d'una intera Divisione 
con un parco d'artiglieria d'assedio. 

4. Nello stesso giorno 28 agosto il Kedive riusci a formare per opera 
di Cherif-Pascia, acerrimD nemico di Araby-Pascia, un nuovo Miaistero 
di cui fu eletto membro il vecchio Riaz-Pascia, avversario auch' egli 
tnortalissimo di Araby, di cui ora ehiede la morte. 

5. Aspettando i rinforzi chiesti dall'Inghilterra, il Wolseley, tomato 
ad Ismailia, provvide che il campo inglese di Kassassine fosse messo in 
Luono stato di difesa, ed attese ad organizzare le truppe destirrate a mut)- 
vere contro le allora credute formidabili trincere erette da Araby-Pascii 
a Tell-el-Kebir. Ma le truppe inglesi soffrivano molto pel difetto di acqua 
potabile, atteso che quelle del canale detto d' Ismailieh erano scarsissime 
per le dighe con cui gli Egiziani ne aveano intercettato il corso, e per 
giunta infette pei non pochi cadaveri d'uomini e cavalli che vi si erano 
gettati. Per buona ventura le navi della armata ne portavano una qual- 
che provvigione, come tre di esse giunsero ad Ismailia cariche di be- 
stiame e carni fresche a nutrimento del soldati, che soccombevano per 
debolezza agli eccessivi calori del clima e perivano di dissenteria. Ed 
a poco a poco giunsero i desiderati rinforzi d'uomini e d' artiglierie. 

6. Intanto Lord Dufferin, ambasciadore inglese a Gostantinopoli, spin- 
geva innanzi Tassedio diplomatico alia Sublime Porta, per ottenere da 
essa due concessioni di grandissirna rilevanza. 

La prima dovea essere un bando col quale il Sultano, in sua qualita. 
di Califfo e Signor sovrano (Suzerain) dell'Egitto, sfolgorasse cornen- 
'belle Araby-Pascia; e ci6 col manifesto intendimento di fare che i Musul- 
mani deU'Egitto cessassero dal sostenerlo e dal combattere per lui. Le 
istanze minacciose del Dufferin furono tali e tante, che il Sultano alia 
perfme dovette cedere, e mando pubblicare un lunghissimo bando, rife- 
rito nel Manorial Diplomatique n 36 pel 9 settembre p. p. a pag. 570; 
nel quale sono diffusamente esposti gli atti pei quali Araby-Pascia, oltre 
air avere disconosciuta 1'autorita del Kedive, erasi anche mostrato per- 
tinacemente disobbediente agli ordini del Sultano stesso, a lui intimati 
dalla Gommissione percio spedita in Egitto prima del bombardamento 
di Alessandria ed a capo della quale era Dervvisch-Pascia; onde la Su- 
blime Porta era stata costretta ad accettare 1' intervento d' una Potenza 



CONTEMPORANEA 243 

straniera che cola ristabilisse 1'ordine. Gonchiudeasi il bando col dichia- 
rare che perci6 Araby-Pascia erasi meritato il nome di ribelle, e di es- 
sere trattato come tale, e vietavasi ad ognuno di dargli ancora il titolo 
di Fascia. Questo bando fu fatto leggere nelle Moschee. 

La seconda concessione era di tal natura che, men tre dovea sotto un 
certo risguardo giustificare diplomaticamente 1'occupazione militare del 
Canale ed anche dell'intero Egitto, in realta dovea esautorare del suo 
alto dominio lo stesso Sultano Abdul-Hamid. Volea il Dufferin che la 
Sublime Porta firmasse una convcnzione per la cooperazione delle truppe 
turche alia pacificazione dell 1 Egitto; ma vi apponeva tali condizioni da 
rendere odioso a tutti i Musulmani il Sultano e 1'intervento delle sue 
truppe. Infatti queste doveano essere in si scarso numero da non poter 
dare ombra od impaccio alle inglesi; cioe si sarebbero dovuti mandare 
da Costantinopoli non piii di 6,000 uomini; e poi il Dufferin ridusse il ntt- 
mero a soli 3,000. Poi queste truppe non potrebbero sbarcare che la, 
dove le destinerebbe il Generate inglese; poi si designarono a luogo di 
sbarco Aboukir, Damietta e Rosetta, piazze ancora in potere delle truppe 
di Araby. E cosi i Turchi doveano, come la zampa del gatto, trarre 
questo marrone dal fuoco, per darlo poi agli Inglesi. Da ultimo ne an- 
che di questo si contentava il Dufferin, ma esigeva che le truppe turche 
andassero solo a Porto Said. La Sublime Porta, costretta dallo abban- 
dono in che la lasciarono tutte le Potenze Europee, passo sotto tutte 
queste forche caudine, rendute anche piu umilianti da altre tre condi- 
zioni, cioe: 1 Presso le truppe Turche starebbe un Gommissario inglese; 
2 II Generate turco nulla potrebbe operare se non quando e come gli fosse 
indicate dal Generate inglese; 3 La dimora delle truppe turche in Egitto 
non eccederebbe la durata di due od al piu di tre mesi. 

Quando, essendosi la Turchia prostrata a' piedi del colosso brittannico, 
parea doversi effettuare, non solo la firma della convenzione ma pure la 
partenza delle truppe turche, ecco il Dufferin significare al Ministro de- 
gli affari esterni del Sultano, che potrebbero bensi quelle truppe recarsi 
a Porto Said, ma ivi non potrebbero sbarcare, e dovrebbero stare suite 
loro navi aspettando che il Generate inglese ve le autorizzasse e desi- 
gnasse loro il da fare. Veramente do parea troppo, ed avea tutto 1' aspetto 
di una solenne beffa al Sultano ; e dimostrava che lo si voleva bensi aver 
complice morale della occupazione dell' Egitto, ma nient'altro. II Sultano 
ne scapiterebbe d' autorita presso i Mulsumani, il ehe agevolerebbe alia 
Inghilterra il c6mpito di spacciarsi del suo alto dominio sulla valle del 
Nilo, quando le tornasse a conto; ed intanto ne resterebbe escluso Fin- 
tervento effettivo, da cui il Sultano potea trarre argomenti a dimostrare 
e rivendicare il suo alto dominio. Con questi indugi frapposti dal Duf- 
ferin, le sorti dell' Egitto furono decise senza che un soldato od un rap- 



244 CRONACA 

presentante turco vi potesse metier piede, e la politica inglese ottenne 
jl suo intento. 

7. Imperocche, ricevuti poderosi rinforzi, il Wolseley la sera del 12 set- 
tembre levo il campo da Kassassine, e poco dope la mezza nolle si mise 
in marcia verso il campo Egiziano di Tell-el-Kebir. Gli Inglesi erano in 
numero di oltre a 12,000 fanli e circa 6,000 cavalli con due battene 
d'arliglieria a cavallo, ed allre 7 batterie di cannoni di campagna in nu- 
mero di 42 pezzi. In sull' albeggiare le truppe inglesi ed anglo-indiane 
erano giunle a circa 300 melri dalle Irincee del nemico, senza che questo 
ne avesse alcun sospelto. II che dimostra che il servizio delle vedette 
e scolte egiziane era troppo mal fatto; del quale difetio funesto si allega 
per cagione che circa 6,000 cavalieri Beduini, di cui fidavasi Araby- 
Pascia, lo avevano abbandonalo qualche giorno prima, ad istigazione d 1 un 
Sultan-Pascia governatore dell' Alto Egitto, fedele al Kedive, e cbe loro 
avea prornesso il mantenimento di loro franchigie e promesso largo cona- 
penso (in buone sterline) se si fossero staccali dal ribelle. E quesli, privo 
cosi di questa cavalleria, non pole col poco che gli rimase guardarsi a 
bastanza. 

Da to dal Wolseley il segnale dell'assalto, verso le ore 4 1(2 antime- 
ridiane tutte le truppe ad un tempo, al passo di corsa, colle baionette 
spianate, gareggiarono nell'arrivar prime alle trincee egiziane. Queste, 
di cui erasi forse ad arle esagerata 1'altezza, erano invece basse, con 
facile pendio, prolette da un fossato profondo non piii di due piedi, asciutte, 
e costrutte con s\ poca arte, che poteano essere prese tfinfilata con tutla 
facilita. Gli Egiziani, riscossi ad un tratto, scaricarono i loro cannoni, 
ma con la mira troppo alta si che i proietii passarono innocui sul capo 
degli assalitori; e questi precipitandosi sui difensori del campo, molti 
dei quali attendeano a prepararsi il rancio o dormivano, ne fecero strage. 
Degli Egiziani i piu valenti furono gli artiglieri, che in gran parte, di- 
fendendosi alia meglio, furono trucidati presso i loro cannoni. II rima- 
nente, turba indisciplinata di reclute messe assieme da appena un mese, 
(avendo 1'Araby lasciato il nerbo delle sue truppe regolari a Kafr-Dawar, 
a Damietta ed a Salahieh) non tard6 a sbandarsi, cosi che gli Inglesi 
poterono senza proprio pericolo, tagliarne a pezzi od atterrarne colla mi- 
traglia circa 2,000. 

Tutto ci6 fu compiuto in men che 20 minuti; d'onde apparisce che, 
senza mettere in dubbio la prodezza delle milizie inglesi, la cosa non 
dovea essere molto difficile, e forse era preparata dalle sterline piu che 
dalle cannonate. Infatti rimasero prigionieri moltissimi ufficiali ariche su- 
periori, i quali poi dissero che Araby non aveva piu che un reggimento 
a sua devozione; che gli altri erano insofferenti del suo giogo; e che essi 
servivangli per forza. 

L'Araby-Pascia, veduto che niuna speranza restava di salvezza, fuggi 



CONTEMPOIIANEA 245 

con i suoi ufliciali d'ordinariza verso Zagazig, e quinci, per via ferrata, 
al Cairo. II Wolseley scaglio subito la sua cavalleria nella direzione di 
Belbeis; la quale pel deserto arrive il di appresso nl Cairo. Una divisione 
anglo-indiana arrivo lo stesso giorno 13 a Zagazig, e vi fu accolta pa- 
cificamente dagli abitanti. II 14 le truppe inglesi furono alle porte del 
Cairo; dove gia Araby-Pascia era guardato come prigioniero dal prefetto 
Suleyman-Pascia governatore della cittadella. 11 di 15 il Generale Wol- 
seley col grosso delle sue truppe fece solenne e triorifale ingresso al Cairo, 
e mando ordinare ad Araby di arrendersi senza condizioni; il che questi 
fece, del pari che Toulba-Pascia, con quella rassegnazione che e propria 
del fatalismo musulmano. 

Con ci6 solo puft dirsi che la guerra fu finita. II Wolseley vide av- 
verato il suo pronostico che pel 15 seitembre il suo cbmpito sarebbe 
ottenuto, e n'ebbe congratulazioni dal suo Governo e dalla Regina Vittoria. 

Ma di qaesto, e delle conseguenze di tal decisiva vittoria diremo poi 
in altro quaderno. Basti qui accennare che, con Araby, furono fatti pri- 
gionieri quasi tutti gli altri capi dei pronunciamienti militari, che pre- 
cedettero questa catastrofe; e che Kiaz-Pascia dichiaro di voler abbando- 
nare 1'Egitto se essi non saranno rnessi a morte; che 1'lnghilterra decise 
di sottoporli al giudizio d'una commissione militare mista di Egiziani 
ed Inglesi; che Sultan-Pascia, gia Presidente dell' Assemblea dei Notabili, 
entrato con gli Inglesi al Cairo, Iasci6 nobilrnente che i suoi servi in- 
tanto saccheggiassero la casa di Araby; che il Kedive, dal canto suo, 
decise di conflscarne i beni sotto pretesto di distribuirne il valore per 
indennita ai danneggiati dal saccheggio d'Alessandria dopo il bombar- 
damento del Seymour; e che, da ultimo, quelli stessi che aveano decre- 
tato la decadenza del Kedive, strisciano ora ai suoi piedi, mostrandosi 
entusiasti del suo ritorno ai Cairo, che avvenne il 25 settembre. Le Po- 
tenze Europee paiono soddisfatte dello spettacolo gratmto loro dato dal- 
I'lnghilterra. La Turchia conta i giorni che le restano da vivere. 



IV. 

INGHILTERRA (Nostra corrispondenza) 1. Fine della sessione parlamerj- 
tare. Sterlila do'snoi risultati in materia legislativa 2. Sensibile mi gli ora men to 
nelle condizioni dell' Irlanda, dovuto in parte alia legge per la prevenzione dei 
delilli. Incertezza degli efTetti della legge agraria 3. Voci accennanti a disunione 
nel seno dei due grand! pariiii, conservatore e liberale 4. Gravi considerazioni 
suggerite dagli avvenimenti teste prodotti in Egitto. Apprensioni per 1'avvenire 
5. Faccende domestiche. Ricolto soddisfacente. Morte del Dolt. Pusey. 

1. La lunga sessione parlamentare, giunta da qualche tempo al suo 
termine, si distingue dalle precedent! per la sterilita de'suoi risuliati in 
materia di legislazione. Forse una tal distinzione e apprezzabile in questi 



246 CRONACA 

tempi, in cui il mondo corre pericolo di esser sommerso da una legis- 
lazione letale. Gomunque cio sia, la prima e piii gran parte della ses- 
sione rimase assorbita da un violento sforzo dell' umore collerico del 
signer Gladstone, che si Iasci6 trasportare a una contesa perfettamente 
inutile con la Camera dei Lordi; la quale, usando del suo incontrastabile 
diritto di nominare un Gomitato per prendere in esame T azione della 
legge agraria irlandese, Iasci6, senza scrollarsi, passare sul suo capo i 
fulmini del signor Gladstone, e fece cio clie le sembrava giusto di fare. 
Altra parte considerevole del tempo della Camera fu impiegata nel dis- 
putare intorno alle nuove regole di procedura proposte dal Governo, e 
piu particolarmente intorno alia questione della chiusura dei dibatti- 
menti ; se cioe, esaurita che fosse la discussione di un dato argomento, 
la cessazione dovesse esser pronunziata dalla maggioranza pura e sem- 
plice, ovvero da una maggioranza non inferiore a' due terzi de'membri 
presenti. L'assassinio di Lord Federigo Cavendish e del Signor Burke, 
e i disordini che ne seguirono in Irlanda* posero, pel momento, fine ai 
contrasti, e il rimanente della sessione fu impiegato a discutere il bill 
per la prevenzione dei delitli in Irlanda, il quale passo finalmente allo 
stato di legge. II Parlamento fu allora prorogate per una breve vacanza, 
e si riunira novamente in ottobre per riprendere la discussione intorno 
alle regole di procedura: discussione che assumera indubkatamente un 
earattere assai vivo, perche il Governo. pentito della concessione che 
erasi mostrato disposto a fare in proposito della maggioranza richiesta 
per la chiusura dei dibattimenti, far& tutti i suoi sforzi affinche il voto 
sia per la maggioranza pura e semplice; mentre 1'opposizione dal canto 
suo combattera vigorosamente siffatta proposta, da essa considerata come 
un grave attentato contro quella liberta di discussione che e stata finqui 
il gran privilegio della Camera dei Gomuni. 

2. Per quel che concerne 1' Irlanda, le cose procedono adesso passa- 
bilmente tranquille; lo che e forse dovutoin parte alia legge per la pre- 
venzione dei delitti, in parte all'abbondanza del lavoro che si richiede 
a riporre il ricolto. Ove questa tregua di agitazioni e di violenze si 
prolungasse ancora, si avrebbe e modo e tempo di sperimentare gli 
effetti della recente legislazione intorno agli affitti, e di chiedere se 1'ag- 
giustamento che si dice opera to dalla legge agraria sia realmente tale, 
o non piuttosto uno dei tanti tentativi andati a vuoto per affront-are le 
difficolta agrarie dell'Irlanda ; se una proprieta in comune, quale e sta- 
bilita dalla legge agraria, sia riconosciuta capace di produrre efTetti 
pratici, o se invece un proprietario contadino non abbia ad essere la 
finale e necessaria conseguenza, si logica come pratica, della legge Glad- 
stone. La questione e, di sua natura, assai grave, e in qualunque modo 
si risolva, non pu6 mancare di avere una grande influenza suH'avvenire 
non solo d' Irlanda, ma di tutto quanto il regno unito. Da qualunque 



CONTEMPORANEA 247 

parte, infatti, sia per piegare il successo, esso non potra non agire sugli 
affitti agrarii si deiringhilterra, si della Scozia, e indurre serii cam- 
biamenti nelle relazioni fra proprietarii e affittuarii. 

La legge diretta a prevenire i delitti ha gia prodotto un qaalche 
eftetto in Irlanda, mediante Tesecuzione di un tale, convinto d'omicidio 
agrario. Grand! sforzi si fecero per indurre il Lord Luogotenente a ri- 
sparmiare la vita del colpevole, in considerazione di certe propensioni mo- 
stratedalla Giuria; il Governo per6 tenne fermo, e Tinfelice mori sul palco. 
Un altro caso della stessa natura e stato or ora rimesso a Dublino, e 
verra quanto prima giudicato. Agli accusati, che sono parecchi, si rim- 
pro vera un' atrocissima e brutale uccisione commessa sopra un'intera 
famiglia di nome Joyce, 1'unico movente al delitto essendo di natura 
agraria. E da sperare in ogni caso che si scoopra la verita e si faccia 
giustizia; perocche in virtu soltanto di una severa applicazione delle 
leggi sara dato sbandire 1' onta e il flagello dei delitti di sangue da un 
paese, che sotto altri rispetti ha in se tanto di buono e di attraente. 
Vero e che siffatti ecccessi sono dalla massa del popolo riguardati non 
gia come sfoghi di barbara vendetta, ma si come atti di sommaria 
giustizia, o piuttosto come atti giudiciarii posti in essere con sistemi e 
con metodi che portano con se la sanzione del costume tradizionale. Pu6 
darsi che sia, ed e infatti cosl; ma ci6 non toglie che simili sistemi 
metodi debbano in tutto e per tutto riuscir fatali alia vita si sociale 
come politica, e attirare alia fin dei conti maledizione e rovina sopra 
coloro che li mettono in pratica. 

3. Sembra che le due grandi fazioni politiche siano cadute in un 
certo stato di stanchezza duranti le vacanze parlamentari ; il che appa- 
rira naturalissimo se si consider! la lunga e fastidiosa prova cui le as- 
soggetto la sessione. Quindi e che le vacanze si son fatte notare pef 
Tassenza del partito oratorio. Gi6 forse e da attribuirsi ad altre cause, 
oltreche a stanchezza e a bisogno di riposo. Se si dee prestare fede alle 
voci che corrono, ambedue le fazioni troverebbersi alquanto disunite fra 
loro. I conservator! sono stati alcun poco gettati neH'ombra dal successo 
di Sir Garnet Wolseley in Egitto ; successo che ha avuto per effetto di 
cancellare persino la memorra delle oscillazioni e degli abbagli del Go- 
verno nei primi stadii della crisi egiziana, perocche, alla fin fine niuna 
cosa val tanto quanto un buon successo. Cio potrebbe in qualche mode 
spiegare il poco vigore degh assalti, cui 1' opposizione suole, d'altronde s 
abbandonarsi nel tempo delle vacanze. Ma un'altra, e ben piu grave., 
ragione si assegnerebbe alia presente mitezza della tattfca conservatrice; 
la qual ragione, se realmente sussistesse, minaccerebbe di paralizzare 
1'azione del partito conservatore nelle grandi lotte della guerra partigiana. 
Gorre voce (rifugge 1' animo dal solo pensarvi) che il partito non si trovi 
perfettamente d'accordo co'suoi capi; o, per parlare piu propriamente, che 



248 CRONACA 

la fiducia di esso in chi lo dirige non sia in quella dose che si richiede 
per infondere nelle sue file lo spirito che guida alia vittoria. V'ha inoltre 
qualcosa piu di un forte sospetto che il gran partito liberale non sia per- 
fetta mente uriito in s& stesso ne co' suoi capi. Le faccende d'Egitto han 
dato una fiera scossa alia fedelta della sezione piii radicale degli squa- 
droni ministerial}. Esse cacciaron via dal ministero il signor Bright, ma 
vi lasciarorjo taluni cui non piace affatto 1'azione spiegata in proposito 
dal Governo ; il che e tanto vero, che uno de' piii cospicui sostenitori del 
Governo stesso dichiarava ultimamerite in pubblico, che il suo operate 
porterebbe alia dissoluzione del partito liberale qual e al presente costi- 
tuito. Ma niente val tanto quanto un buon successo ; ed ora che il 
calore della battaglia e sbollito, non v'ha dubbio che i radicali ci pen- 
seranno due volte prima di abbandonare la vantaggiosa posizione da essi 
al presente occupata. Vero e che la spedizione d'Egitto e stata intrapresa 
e condotta a termine in opposizione con tutii i principii professati fmqui 
dal signor Gladstone e da' suoi mirmidoni a riguardo delle nazionalita 
oppresse; ma d'altra parte, a chi mai potrebbe venire in mente di ab- 
bandonare, per causa dell'Egitto, all' Oreo conservatore il governo del 
paese? A do si aggiunga che i cuponi del debito egiziano debbono esser 
sostenuti, checche si pensi o si dica intorno all'autonomia de'popoli o ai 
patimenti de' poveri fellah. E cosi il signor Gladstone continuera a regnare 
per qualche tempo ancora sotto la proiezione del Flintshire Constabu- 
lary, che veglia sulla sua sicurezza personale. 

4. Molte cose, egli e vero, possono dirsi e scriversi a proposito del- 
1'Egitto; tanto straordinarie, anormali, per non dire contradittorie, sono 
le circostanze e condizioni che si addensano intorno a quel paese. L'azione 
militare del Governo britannico contro 1' Egilto ha tutto 1'aspetto d'una 
guerra, ma non e tale; perocche a costituire lo stato di guerra si ri- 
chiede, a forma delle leggi inglesi, un'apposita dichiarazione, e questa 
dichiarazione non c'e mai stata. Potrebbe forse obiettarsi che una di- 
chiarazione di guerra non era possibile, dacche non esfsteva nemico 
contro il quale dirigerla. Non poteva esser diretta contro il Governo ot- 
to manno, perche 1'lnghilterra, a sua propria confessiorie, cercava d'agire 
di concerto con la Porta; non poteva esser diretta contro il Kedive, di 
cui 1'Inghilterra prendeva specialmente a cuore gl'interessi. II gran mo- 
vente, che determinava 1'azione del Governo britannico in tutta questa 
faccenda, era il desiderio di manlenere 1'autorita del Redive e lo stato 
presente delle cose in Egitto; e ci6 poteva soltanto farsi col proclamare 
Arabi e i suoi aderenti come ribelli, e quindi passibili delle pene che 
in ogni caso colpiscono i rei di ribellione. Tale fu il pretesto del Go- 
verno britannico^ ma questo pretesto e da molti considerate come nulla 
piii d 1 un velo, e anco di natura assai trasparente. Imperocche in primo 
luogo il Governo turco non desiderava affatto 1'aiuto inglese: esso avrebbe 



CONTEMPORANEA 249 

saputo perfettarnente aflrontare la crisi egiziana, se gli fosse stata la- 
sciata liberta d'azione. In secondo luogo poi il Kedive non poteva in 
fondo al suo cuore nutrire una gran passione per I'iritervento inglese, il 
quale non sarehbe servito che a puntellare con baionette straniere il 
vacillante suo trono. Si lasci a cui piace il fare sfoggio di sottigliezze 
e raggiri diplomatici; ma rimarra sempre un fatto incontrastabile che 
il Governo britannico aveva da combattere contro un movimento nazio- 
nale, il quale era mosso, non contro il Kedive come tale, ma contro il 
Kedive come rappresentante e come vittima di un sisterna d'irigerenza 
straniera nel governo e neH'amministrazione dell'Egitto, divenuti I'lino 
e 1'altra ormai intollerabili. 

A cio potrebbe opporsi che, sotto qualunque aspetto si considerino 
le cose, si trattava in sostanza d'interessi britannici i piii vital i, per non 
dire di quelii ben piii elevati della ci villa. Quanto a ci villa, nel caso 
presente forse, meno se ne parla, e meglio e. Quanto poi agl'interessi 
britannici, cio che si mette avanti in prima linea e il canale di Suez, 
insistendo suirassoluta necessita di guarentire 1'immenso traffico cui 
serve di via. Ora, come pu6 dirsi che il cauale di Suez siasi mai tro- 
vato esposto al piii lieve pericolo? Qual motivo plausibile aver potrebbe un 
Governo egiziario qualsiasi di porre ostacolo al libero passaggio del ca- 
nale, sorgente per 1'Egitto di lanti vantaggi che esso non dovrebbe mai 
cercare di perdere? La vera causa movente va cercata altrove; e se si 
esamini a fondo tutta questa faccenda, si trovera che gli allegati inte- 
ressi britannici si risolvono negl' interessi di un numero considerevole di 
possessori di fondi egiziani, che succhiano il sangue dell'Egitto a forza 
di esigere un interesse usurario sugrimprestiti quasli pure fino a un 
certo punto fittizii rappresentati dal debito nazionale egiziano. Infatti 
una delle prime cure della civilta moderna e quella di favorire con ogni 
mezzo possibile la formazione di un ingente debito. 

II presente stato di cose e i negoziati che lo hanno prodotto, tro- 
vansi egregiamerite riepilogati in una recente pubblicazione, destinata a 
dimostrare i punti principali su cui in essa s'insiste. Provati o no, questi 
punti dimostrano che molto v'e da dire da parte deU'Egitto. Eccone 1'enu- 
merazione : 

1. Per opera di speculatori europei, fu addossato all'Egitto un 
debito di circa Lire sterline 90,000,000 della qual somma non si rice- 
vettero effettivamente che Lire 45,000,000 circa. 

2. Per conseguenza, anche con la riduzione di termini stabilita 
dal Kedive con la legge di liquidazione del 1880, la popolazione del- 
TEgitto deve tuttora pagare 1'annuo interesse dell' 8 per cento circa 
suH'ammontare delle somme effettivamente ricevute; e questo carico deve 
in sostanza esser sopportato in perpetuo, essendoche non esista verun 
fondo di ammortamento per la riduzione della maggior parte del debito. 



250 CRONACA 

3. Ad eccezione delle Lire 16,000,000 spese nel canale dl Suez, 
ueppure una menoma frazione delle summentovate Lire 45,000,000 e 
stata erogata in miglioramenti del paese, essendo tutto il rimanente stato 
perduto o pagato a titolo d'interessi. L'annua sottrazione a danno del 
paese di niente meno che una meta delle due rendite, per far fronte al 
pagamento degFinteressi, senza che poi gliene venga un compenso qual- 
siasi, e cosa diametralmente opposta al benessere del popolo egiziano. 

4. II sindacato europeo fu stabilito all'unico fine di raggiungere 
il dannosissimo scopo di cui sopra e cenno. 

5. II sindacato, col far si che i poveri coltivatori procacciassero 
le ingenti somme richieste, mentre esimeva dalla tassazione i proprii con- 
nazionali, e per di piu li provvedeva di posti lautamente pagati in tutto 
quanto il paese, ha somministrato grave causa di scontento al popolo 
egiziano. 

6. L'unica base, sulla quale Inghilterra e Francia han fondato le 
loro pretensioni a ingerirsi nelle finanze deU'Egitto, 1'esistenza cioe di 
stipulazioni internazionali che obbligano lo stato egiziano a sottoporre le 
proprie rendite all'azione del sindacato europeo, e falsa in fatto. 

7. Gi6 nonostante, appoggiate soltanto sulla pretesa esistenza di 
siffatte stipulazioni, le due Potenze nel gennaio del corrente anno rifiuta- 
rono assolutaraente alia Camera dei Delegati egiziani la facolta di votare 
il proprio bilancio. 

8. Quantunque la Camera suddetta, dando prova di gran mode- 
razione, s'impegnasse a escludere affatto dalle sue competenze una meta 
del bilancio, segnatamente quella che riferivasi alle rendite state asse- 
gnate pel pagamento degl' iriteressi del debito, le due Potenze pur tut- 
tavia non vollero permetterle di votare nemmeno 1'altra meta, che prov- 
vedeva ai fondi per T amministrazione interna, per timore che i Delegati 
non fossero con do posti in grado di licenziare alcuni Europei dal 
servisio dello Stato> o di assottigliare gli enormi loro slipendii. 

9. Questo irragionevolissimo rifmto spinse nel febbraio ultimo la 
Camera ad imporre al Kedive la formazione di un ministero nazionale. 

10. Un ultimatum, con cui si chiedeva la dimissione del mini- 
stero nazionale e Tesilio di Arabi pascia, fu presentato dall' Inghilterra 
con piena certezza che i termini di esso sarebbero rigettati, e che a ci6 
terrebbero dietro le ostilita: per conseguenza 1'intervento armato, intra- 
preso adesso dalla nazione britannica, e realmente diretto contro il Par- 
lamento egiziano a causa della votazione del bilancio, e non contro Arabi 
pascia a causa di un'azione militare qualsiasi. 

11. I funzionarii inglesi in Egitto hanno sistematicamente ingan- 
nato il loro Governo, circa la vera natura del sentimento nazionale in 
quel paese, essendosi unicamente curati di mantenere i loro posti nel- 
F amministrazione interna d 1 esso e di coaservarne i pingui assegnarnenti, 



CONTEMPORANEA 25 [ 

non che 1' influenza loro e i loro privilegi: e il biasimo incorso, tanto dal 
Governo presente, quanto da quello del defunto Lord Beaconsfield, con- 
siste principalmente nell'essersi lasciati ingannare da funzionari inte- 
ressati. 

Fatti assai gravi son questi, e che potrebbero richiamare a serie 
considerazioni. Essi contribairanno senza dubbio a temperare il senti- 
mento di esultanza, che si diffuse per tutto il paesefall'annunzio del ra- 
pido e completo trionfo deU'esercito inglese. Gode 1'animo in vedere che 
la gioventu britannica si mostra tuttora nella pienezza del suo vigore; 
ma e doloroso d'altra parte il pensare che tanta forza debba venire spre- 
cata per una causa ingiusta. 

E ora che la lotta e fmita, tutti i pensieri volgonsi ansiosamente verso 
Favvenire. Qual sara 1'esito degli ultimi eventi? Molte gelosie sono state 
destate, molte cupidigie stimolate, molti sdegni provocati; e come an- 
deranno a finire le cose? A buon conto, le legioni russe stanno aggi- 
randosi intorno agli estremi confmi del derelitto e moribondo Impero 
ottomano, e basterebbe un solo passo falso a precipitarlo in ruina. 

5. Per ci6 che risguarda le faccende domestiche dell'Inghilterra, quan- 
tunque la stagione non sia stata gran fatto propizia, il ricolto pur tut- 
tavia e riuscito soddisfacente e assai migliore di quelli di molti anni 
addietro; cosicche un raggio di speranza incomincia a brillare agli occhi 
degli agricoltori gia sottoposti a s\ dare prove. V'ha pero tuttora un 
ristagno nella ricerca d 1 operai, e tutti guardano con grande ansieta 
Favanzarsi dell'inverno. 

11 Dolt. Pusey ha teste lasciato il mondo delle ombre per passare 
in quello delle realta. Quanto diverse queste esser debbono dai sogni del 
pervertito e tenebroso intelletto, che si aggir6 per tanto tempo lungo i 
confini della verita, e'pur nonostante, fmche rimase sulla terra, non giunse 
mai a penetrarne 1'intima visione! Egli fu luce a molti nel sentiero della 
verita, fu ostacolo forse a molti piii. Adesso ei si trova nelle mani di 
Colui che tutto pesa sull'eterna bilancia, e i cui giudizii sono ad un tempo 
giusti e misericordiosi- 

V. 

SVIZZERA (Nostra corrispondenza) 1. Reiezione, per voto popolare, di due 
leggi emanate dalle Camere federali 2. Mortificazione inflitta, pel suo arbitrario 
procedere, al frammassone Schenk. Sporanze che se ne traggono per 1' avvenire 
3. Atti di violenza contro il Pius- Verein alia stazione italiana di Stresa. 

1. II di 30 luglio venivano sottoposte alia sanzione del popolo elvetico 
due leggi federali, Tuna relativa alle disposizioni da prendersi in caso 
d'epidemie, 1'altra risguardante la protezione dell' industria. La prima di 
qmlle leggi costituiva un nuovo attentato contro 1' autonomia cantonale 



JZOi CRONACA 

Infatti, mvece di provvedere esclusivaraente i mezzi pratici di prevenire i 
casi di possibile contagio, le nostre due Camere avevano tratto profitto 
da simile, oircostanza per estendere oltre misura le attribuzioni costitu- 
zionali del potere centrale, a cui affidavano la polizia sanitaria delle strade 
maestre, delle vie e piazze pubbliche, la ispezione dei corsi d'acqua, dei 
canali, delle fontane ecc. ; cose tutte che dipendevano fino ad ora dai 
canloni e dai coraimi. Inoltre il legislatore esigeva non solamente che la 
persona affetta da malattia contagiosa, anco di natura la piu benigna, 
fosse sequestrata, ma voleva usato un simile trattamento alle persone 
che le prestavano assistenza. Ne alcuna riser va era fatta a tale riguardo 
in i'avore dei ministri del culto, talmenteche sarebbe dipenduto dai ca- 
priccio d'un ispettore federale il privare gli ammalati dei conforti reli- 
giosi. Finalmente ogni cittadino svizzero era tenuto a sottomettersi alia 
vaccinazione. E per assicurare 1'esecuzione di queste disposizioni draco- 
niane, si comminavano pene estendibili fino a un anno di carcere e duemila 
franchi di multa. Avr6 io bisogno di dirvi che 1' approvazione di legge 
cotanto tirannica era stata caldamente raccomandata da una buona parte 
della stampa liberale, che, fedele a una vecchia tattica, non aveva man- 
date di mescolare nella questione il Papa e i Gesuiti? Fra gli altri, il 
National Suisse si die cura di far sapere a' suoi ingenui lettori che un 
Papa aveva condannato la vaccinazione siccome quella, che costituisce 
uri'invasione delle prerogative ioerenti alia divina maesta! Tutto questo 
peraltro non valse a impedire che la legge nefasta venisse rigettata colla 
formidabile maggioranza di 252,595 voti contro 67,896. E cio che rende 
ancor piu grave lo scacco subito dalle Gamere federali, si e che dei 
ventidue cantoni della Svizzera, uno solo, cioe quello di Neuchatel, som- 
ministro una maggioranza di voti favorevoli. 

La seconda legge, sottoposta nel giorno stesso al voto popolare, era 
di natura piu anodina, e poteva, a stretto rigore, esser sostenuta sotto 
il duplice rispetto della competenza federale e della pubblica utilita; 
per la qual ragione la stampa cattolica erasi generalmente astenuta dai 
combatterla. Gi6 nonostante il popolo elvetico, stufo delle leggi che gli 
piovono addosso da Berna, e volendo dare uri risalto sempre maggiore alia 
lesione inflitta alle nostre Gamere federali, pronunziossi parimente per la 
reiezione a maggioranza di 155,898 voti contro 140,810. Tutto ci6 par fatto 
apposta per tranquillarci intorno alia sorte riserbata al progetto di scuola 
senza Dio, ammannito dai signor Schenk, progetto che dovra in breve, 
alia sua volta, subire la prova terribile del Referendum. 

2. Nell' ultima mia corrispondenza io vi diceva che, senza aspettare 
che il decreto delle Gamere, il quale istituiva un segretario federale del- 
rislruzione pubblica, avesse ottenuto forza di legge mediante la san- 
zione del popolo, il F.\ Schenk, consiglier federale e direttore del dipar- 
timento dell'mterno, aveva deciso di dare un principle d'esecuzione al 



CONTEMPORANEA 253 

suo progetto di legge scolastica, mandando nei cantoni alcurii spioni ufTi- 
ciali,incaricati di porgergli informazioni intorno alia situazione delle scuole 
sotto il rispeito del laicismo. Gontemporaneamente, con circolare emanata 
dal detto dipartimento, le autorita cantonali avevau ricevuto avviso del- 
1'inchiesta che doveva operarsi sul loro territorio, ed erano state invitate 
a risponderc a certe question! notate in un'annessa tabella. A proposito 
di siffatta domanda sorse un conflitto da parte degli Stati di Lucerna, 
d'Uri, di Svitto, di Undervvalden, del Ticino e del Vallese, i quali face- 
vano osservare che il sig. Schenk aveva in quel caso oltrepassato le sue 
competenze, prendendo una decisione che non poteva spettare se non 
che al Gonsiglio federale in corpo. Essi fondavano le, loro rimostranze 
sull'articolo 103 della Costituzione, cosi concepito: Grli affari del Gon- 
siglio federale vengono spartiti in dipartimenti fra i singoli membri. 
Questa d'stribuzione ha unicamente per iscopo di agevolare 1'esame e lo 
spaccio degli affari; la decisione emana sempre dal Gonsiglio federale 
come autorita. Portata dinanzi al potere centrale, la questione parve 
delle piii spinose. Gome sconfessare, infatti, I 1 opera to di un collega, so- 
stenuto da tutto il partito radicale aceentratore? Gome secondarlo, d' altra 
parte, nell'esecuzione anticipata d'una legge, di cui si prevede con certezza 
la reiezione dal lato del popolo? II Gonsiglio federale non seppe trovare 
altro modo di uscire dal bertabello, se non quello di dichiarare che le 
istruzioni trasmesse ai governi cantonali dal suo dipartimento dell'in- 
terno non erano imperative, ma costituivano semplicemente una preghiera 
gentile, da cui non iscaturiva nessun obbligo. Per quanto ammiriistrata 
con delicatezza, la mortificazione non deve esser riuscita merio sensibile 
al focoso avversario dell' istruzione religiosa. 

Non soltanto nei cantoni cattolici, ma anco nella Svizzera protestante, 
avvezza finqui a chinare utnilmente il capo sotto il giogo federale, si 
manifesta una viva repulsione contro il procedere del sig. Schenk. Si 
direbbe quasi che la Provvidenza ha voluto servirsi di lui per ravvivare 
quel rimasuglio di fede, che sonnecchiava in fondo a molti cuori. Gi6 
riconosce con accento di vera disperazione un corrispondente della Ber- 
nerpost, il quale, dopo aver riferito che il movimento referendario si 
distendeva fin nelle valli alpestri piu elevate, fin nelle capanne piii re- 
mote, chiama i collettori di tirme uomini neri, che non sanno neppure 
un'acca di quello di cui si tratta, e poi esclama: E'si tratta d'un 
nuovo combattimento contro Tultramontanismo, la bigotteria, il patriot- 
tismo interessato, e il cantonalismo. Su dunque, o capi, avanzatevi; noi vi 
seguiremo a file serrate. La Revue, giornale di Vaud, cerca dal canto 
suo di spingere all'eccesso il fanatismo settario, facendosi scrivere da 
Friburgo: Ordini sono giunti dal Vaticano, affirie di eccitare lo zelo del 
clericali. In certe localita v'hanno indulgenze speciali per chi firma la 
domanda di Referendum. Una sola firma pu6 cancellare quantita di 



254 CRONACA 

peccati. Un'era novella si annunzia, dice altresi lo stesso foglio: 
il popolo elvetico sara libero di fare tutto cio che ordineranno i Gesuiti. 
A T 'ha nella stampa clericale un vero delirio. II Referendum passa allo 
stato d'idolo; lo si adora. Che cosa ne pensa il Santo Padre, egli che 
non consulta che se medesimo? Non dovrebb'egli porre un freno alia 
gioia intemperante de' suoi fidi ? Dimentica egli dunqiie che il Sillabo 
ha formalmente condannato la Sovranita popolare, di cui il Referendum 
e una delle manifestazioni? Tempo gia fu, nel quale, a forza di frasi di 
questo genere, spingevansi allo scrutinio le m-isse protestanti; ma si e 
di tali mezzi abusato si fattam&nle, che alesso nan producoao piu verun 
effetto. Prova ne sia che il voto popolare e oggi invocato' da m^glio 
che 100,000 firni3, cifra cui finqui non si era giunti, e che tutto porta 
a credere che aumentera del doppio. 

3. II traforo del S. Gottardo somministro all'&ssoeiazione elvetica di 
Pio IX, volgarmente delta Pius-Verein, To3casione di tenere per la 
prima volta la sua riunione generale nel cantone del Ticino. Essa ebbe 
effetto li 22, 23 e 24 agosto nelia citta di Locarno, che, per quella circo- 
stanza, era pavesata e inghirlandata con altrettanto di profusione che di 
gusto. II concorso dei Tieinesi e de'loro confelerati cattolici super6 le- 
speranze di tutti. Voi al certo non attenderete dal vostro corrisponiente 
un rendicoato dei discorsi religiosi e patriottici, pronunziati da un gran 
numero d'oratori, ne degli splendidi brindisi che rallegrarono le agapi 
fraterne; io per6 non posso fare a meno d'intrattenervi d'un incidente, 
onde si contraddistinse la giornata del 24, e che e stato stranamente 
svisato dalla stampa liberale si presso di voi, come presso di noi. la 
quel giorno, a cura del Gomitato di ricevimento, erasi disposto 1'occor- 
rente per una gita di piacere sul Lago Maggiore. Dovendo il battello a 
vapore Verbmo fermarsi per un'ora alia stazione italiana di Stresa, ua 
cinquecento de'nostri compatriotti, fra'quali moasig. Lichat vescovo di 
Basilea, ne profittarono per isbarcare e spandersi in citta. Lo sbarco non 
incontr6 verun ostacolo; ma appena i visitatori eransi sparsi qua e la,, 
vidersi fatti segno agrinsulti di una turba di ragazzacci e ragazzacce 
di piazza, a' quali non tardarono ad unirsi buon numero d'operai e anche 
qualche donna di mala vita. I dimostranti pretendevano che i cattolici 
svizzeri togliessero via dall'occhiello del loro abito la rosetta di nastro 
bianco e giallo, distintivo della Societa, e non ottenendo ci6 con ririti- 
midazione, si misero a strapparla di viva forza. Al tempo stesso la mu- 
sica del luogo suonava 1'inno di Garibaldi, alternato con le grida fuori 
gli Svizzeri! abbas so gU Svizzeri! abbisso il Papi, e con apostrofi 
oscene alie signore, che facevano parte dell 1 associazione. Finalmente i 
liberali di Stresa spinsero lo spirito e il buon gusto fino al punto di 
portare a spasso una testa d'asino inalberata in cima ad una pertica. 



CONTEMPORANEA 255 

Tali scene avvemvano sotto gli occhi d 1 un commissario di polizia, degli 
assessori municipals, d'un ufficiale dell'esercito, e della gendarmeria, i 
quali twtti, lungi dal porre un floe al disordine, sembravano invece col 
loro eontegno incoraggiarlo. Quanto al sindaco, ei non com par ve sulla 
faccia del luogo se non dopo esserne stato richiesto dal sig. Respini, 
presidente del Gran Consiglio del Ticino, e dal sig. conte Scherrer, 
presidente delFAssociazione di Pio IX; ma egli pure giudic6, tutto an- 
dare per il meglio. Affine di evitare un piu serio conflitto, i nostri 
compatriotti si decisero a risalire sul battello; pero si rifiutarono a par- 
tire prima delFora stabilita, e per lo spazio di altri cinquanta minuti 
rimasero esposti ai clamori ingiuriosi delia plebaglia. Infrattanto alcuni 
Friburghesi, fra' quali due signorine, eran rimasti sulla riva collMnten- 
zione di fare di 1 un'escursione fmo a Milano per la via di terra. Al 
moniento in cui il battello si allontanava dalla citta inospitale, le signo- 
rine agitarono i loro fazzoletti in segno di addio. Basto quell' atto per 
raddoppiare la collera dei patriotti stresani, i quali si precipitarono 
ccrcggiosamente addosso a loro e strapparono dalle lor mani i fazzoletti 
per eonservarli come tanti trofei. Dopo simile prodezza, il primo pen- 
siero dei vincitori fu queJlo di correre all'uflicio telegrafico per annun- 
ziare a tutta la stampa liberale la loro gloriosa campagna; ma misero 
nel far ei6 tanta precipitazione, che caddero nelle piu flagrant! contrad- 
dizioni intorno a quasi tutti i fatti. Solo in un punto si trovarono d'ac- 
cordo, nelFaccusare cioe di provocazione i cattolici svizzeri che, secondo 
loro, si sarebbero attirati le rappresaglie dei liberali, mandando il grido 
Viva il Papa He ! Un tal grido, che non aveva, del resto, alcun che 
d'illegale, era per verita in tutti i cuori; ma non e per questo men 
vero, uon essere il medesimo stato proferito da alcuna bocca. Sembra 
che il vostro mim'stro Mancini non abbia voluto lasciarsi sfuggire una 
si bella occasione per commettere una nuova scempiaggine. A sentire i 
fogli liberali d' Italia, egli si sarebbe richiamato al Gonsiglio federale 
jjitorno ai fatti di sopra notati, e ne avrebbe riportato 1'assicurazione 
che i colpevoli verrebbero puniti. Qui non si sa nulla di ufliciale quanto 
al richiamo in se stesso, ma si smentisce categoricamente la notizia che 
il Governo della Svizzera abbia fatto al vostro alcuna promessa. Gomunque 
pero sia, tutte le note che potra scrivere il sig. Mancini non varranno, 
piii di quel che siano valse le precedent!, a cancellare dalla fronte del- 
F Italia legale la macchia impressavi dai recenti avvenimenti. 

Poago fine alia presente corrispondenza .coH'offrire a'vostri lettori 
Ura perla uscita dalla penna del Sindaco di Stresa sotto la forma di un 
pistolotto indirizzato alia Perseveransa : 

Quando il telegramma pervenutole ieri da Stresa, avesse pur fatto 
risaltare che il numero dei componenti la Societa svizzera di Pio JX, 



256 CRONACA CONTEMPORANEA 

quivi sbarcata, era composto di ben cinquecento individui, non son lon- 
tano dal credere che 1'onorevole direzione di codesto accreditato perio- 
dico si sarebbe astenuta dal commento fatto su questi bravi carabinieri. 

Dessi, in nuraero di cinque, si comportarono egregiamente non solo 
coll'intimare (sic) a quegli sfegatati campioni del Papa-Re di rilornare 
immediatamente a bordo, ma si anche nel frenare il giusto sdegrio della 
popolazione, (sic), che, senza 1' opera loro e quella delle persone piu 
influenti, avrebbe reagito, e come. E, tuttoche mille ragioni (sic) si 
avesse Ja patriottica popolazione di Stresa d'infliggere severa lezione a 
quei relrogradi, quale, di grazia, ne sarebbe stata la conseguenza ? 

Ella vorra meco convenire die anche poche vitlime dei nostri non 
sarebbero stale compensate da quelle di tutti li 500 sanfedisti. Questo 
fermamente si voile, e si e ben lieti di aver ottenulo, non senza aver 
dato in pari tempo a quei signori una solenne e dignitosa (sic) dimo- 
strazione. Egregio signor direttore, le saro assai tenuto se vorra fare 
di pubblica ragione questi miei sensi, coi quali non dub; to rendermi in- 
terprete degli Stresiani. 

Si vede proprio che il sig. Bolongaro (mi preme trasmettere alia 
posterita il nome di questo bravo Sindaco), si vede proprio che il si- 
gnor Bolongaro ha voluto provarci come Stresa possedesse una seconda 
testa d'asino da raostrare ai visitatori stranieri. 



AVVERTENZA Come ce lo eravamo proposto e Vannunziammo in 
uno de' nostri quaderni delTandato settembre, abbiamo potuto festeggiare il 
doppio Centenario di S. Francesco e di S. Teresa, mandando un soccorso, fuori 
del solito, a tutti i Monasteri di Sacre Vergini, figliuole di questi due grandi 
Serafini, che si trovano neUe liste di quelli che usiamo aiutare. l)i quest'opera 
di miser icordia, che ha consolato piu di cento di questi Monasteri riscotendone 
mille e mille benedizioni, siamo debitori alia carita dei molti cattolici, che ci 
hanno inmate le loro oblazioni : e noi, nel renderne loro vive grazie da p'arte 
delle sante creature beneficate, li assicuriamo che ne sono stati e seguitano ad 
esserne ripagati con fervide ed assidue orazioni a Dio per loro. 

Ancora poi quelle figliuole di S. Teresa, che vivono nel Carmelo la cui fon- 
dazione cerchiamo di compiere in quest' anno, ad onore della gloriosa lor Madre, 
ci commettono speciali ringraziamenti pei benefattori, i quali, colle loro offerte, 
han reso loro possibile di finire interamente Vumile fabbricato della casa entro 
cui vivono; e vogliono che sia rinnovata la promessa che, tutti quanti sono 
concorsi o concorreranno a ierminare questa fondazione, avran parte in per- 
petuo, e vivi e defonti, ai meriti, alle preghiere ed ai suffragi che nel detto 
Carmelo si faranno per essi. A terminarlo resta tuttavia il pagamento di una 
non grave somma, dovuta per Tacquisto della povera loro casetta: enoi spwiama 
che la generosita degli oblatori non ci verra meno. 



DI UN HAL1NTESO PERMCIOSISSIMO 

ALL'AZIONE CATTOLICA 



I. 

Ponsando fra DOI stessi al commovirnento attuale per le ele- 
zioni, fammo condotti a riflettere pift attentamente cho mai sopra 
la condizione generale degli animi cattolici in quest! tempi di 
trionfo della rivoluzione religiosa e sociale. Mentre tutto intorno 
& un echeggiare di grida assordanti, simile al fremito di mare in 
tenipesta, un chiamare di cento e cento trombe a raccolta, un in- 
vitarsi, un sospingersi vicenievole di gruppi, di fazioni, di par- 
titi rivoluzionarii, nel nome carissimo di patria, o di nazione, o 
di civil ta, o di liberta, o di progresso; al cattolico che altro ri- 
mane, salvo ritrarsi silenzioso in disparte, come se in tutto quello 
che eccita cosi potentemente 1'attivita del corpo sociale egli non 
avesse nulla a vedere? Nessuno si cura di lui, nessuno gli ri- 
volge una parola benevola, o raostra contare sulla perspicacia del 
suo ingegno, la saviezza de'suoi consigli, I'efi&cacia dell'opera, 
sua. Non dobbiamo nascondere che per tutto questo anche un ot- 
timo cuore pu6 spesso sentirsi avvilito e sgomento. 

Soprattutto ne'periodi di straordinaria attivita, come son quelli 
in cui, secondo le moderne teorie, un popolo intiero e chiainato 
ad esercitare la sua sovranita col voto politico, cotale tentazione 
deve farsi piti acre, in quei cattolici segnatainente, che o per indole 
sono piu legged, o son divenuti tali per negligenza delle pra- 
tiche religiose. Yeggono essi dall' una parte la moltitudine degli 
audaci e degli scaltri farsi di que'diritti, che le costituzioni mo- 
derne consentono, sgabello a salire. Anzi que'diritti divengono 
nelle costoro mani strumento di lucri disonesti, di tirannia, di 
depravamento morale, di stragi nell' ordine delle' idee e nell'or- 
dine pratico. E se ne risentono le famiglie, scosse persino dalle 

Serie XI, vol. XII,fasc. Ill H 25 ottolre 1'^ 



258 DI UN iMALINTESO PERNICIOSISS1MO 

fondamenta; se ne risente non meno la Chiesa, fatta bersaglio ad 
oltraggi e danni ogni giorno piu gravi. Per altra parte senibre- 
rebbe che 1' esercizio di que'medesinii diritti, onde provengono 
tanti mail, dovrebbe poter procacciare rimedio opportune, se an- 
che i cattolici, i quali hanno facolta di usarne come tutti gli 
altri cittadini, se ne valessero in bene, contro i nemici della 
Religione e della societa. E nonpertanto dalle autorita che essi 
venerano, i cattolici si sentono incalcare che non e spediente il 
valersene. Onde posti fra il desiderio lodevolissimo del bene che 
gli spinge a fare, e 1'ossequio pure lodevolissimo all' autorita che 
gli ritrae dal fare, provano la piil angosciosa e desolante incertezza. 

Ma non e .forse dettato antichissimo di prudenza naturale e 
cristiana, che si deve fare quauto piu bene si pu6 ed impedire 
per quanto e possibile il male? Perche di.nque, essendoci offerto 
cosi facile mezzo di far tanto bene e di impedir tanto male, ri- 
trarcene a bella posta indietro? E sia pur dubbia 1'impresa, per- 
ch e almeno non tentarla? 

Quindi avviene tra noi, specialmente ad ogni nuova ricorrenza 
di elezioni politiche, che cattolici eziandio sinceri mettano in 
campo il problema del concorso alle urne, quasi, non che di- 
scusso e sciolto, mai non si fosse nemmeno proposto. E questa 
volta, poiche T allargamento del suffragio, accrescendo numerica- 
mente il valore politico dei cattolici, alimentava maggiori illu- 
sion!, anche gli eccitamenti ad uscire dall'astensione furono, come 
sappiamo, se non piu gagliardi, pid pressanti almeno e seccagi- 
nosi. Si giunse perfino ad abusare del nome angusto del Pontefice, 
torcendo in esortazione a partecipare al movimento politico pre- 
sente d' Italia tutte le sue parole che sonavano chiamata ad 
un'azione coucorde per la difesa religiosa e sociale. 

Noi non ritorneremo sull' argomento speciale del voto politico, 
perch^ se il moltissimo, auzi il troppo che gia ne fu detto non 
l>asta, certissimamente tornerebbe inutile anche tutto quel piu 
che si aggiugnesse. Ma ci sta a cuore di far notare in qual senso 
non pochi cattolici intendano V azione caltolica caldeggiata dal 
Santo Padre. Essi senza piu la confondono tdVagitazione, a cui 
in Italia ed altrove si abbandonano i partiti meramente politici, 
che mirano a tutt' altro fuorche al bene del cattolicismo. Or que- 



ALL'AZIONE CATTOUCA "259 

sto & un malinteso tale, che, ove si diffondesse di pi ft, riusci- 
rebbe perniciosissimo, procacciando per Pappunto 1'opposto di cio- 
che il Vicario di Cristo vuole, coll'eccitarci all'azione cattolica, 

II. 

Che parecchi confondono V azione caHolica wlVagitazione an- 
zidetta & dimostrato evidentemente dal fatto che essi non sanno 
intendere come i cattolici, in quanto tali, possano vivere di vera e 
feconda vita pabblica, se non si slanciano a vele spiegate nelPalta 
mare della politica, in mezzo a moderati, a progressisti, a radicalv 
insomma a venturieri d'ogni fatta; governandosi tra i'ondeggiar 
dei flutti a punta di leggi e di costumanze costituzionali. Questo 
solo per costoro & operare socialmente ; tutto il resto e nulla. Quindi 
a questo riducono Vazione cattolica y o per lo meno sol da questo 
fanno derivare alia medesima valore ed efficacia. 

Nel che, se del tutto non c'inganniamo, & confusione d'idee 
e di cose disparatissime. Perocch^, come saviamente avvertiva 
V Unione di Bologna, il cattolico non agisce purarnente e sem- 
plicemente come i'uomo, come il politico, come il cittadino astrat- 
tamente presi, o meglio staccati dai sentiment! religiosi, dalla 
fede e dalla regola suprema della Ghiesa l . > E da qnesta con- 
fasione un cumulo di conseguenze tristissime; tra GUI ntn ultima 
il far reputare sacriftzio enorme 1'astensione, che per ragioni 
d'ordine altissimo e da tanto tempo regola universale dei cat- 
tolici italiani. Quindi i malumori di alcuoi fra essi. Nei quali 
malumori non mancano di soffiar scaltramente 1 partiti avversi 
alia S. Sede, rappresentando questa come ingiusta e tiranna che 
non permette, in Italia, quanto e lecito per tutto altrove; di vi- 
vere cio della vita del proprio paese e di partecipare i benefeii 
della liberta. 

Ma i malcontenti dovrebbero, piu che alle insidiose moine dei 
tristi, badare ai sodi argomenti con cui uomini illustri per pieta 
e per dottrina dimostrarono trovarsi i cattolici italiani in con- 
dizioni : molto diverse da quelle dei cattolici di altri paesi. Per lo 
meno, perch&, invece di citar a sproposito passi di Tertulliano, 

1 V Unione pel venercli, 29 settembre 1882, n. 231. 



'260 DI UN MALINTESO PERNICIOSISSIMO 

come in certo Ateueo di carta, non si degnano qualche volta di 
prendere ad esame quelle dimostrazioni, affitie di provaiie false? 
Bella 1'olimpica serenita di chi fa i fatti suoi e lascia dire. Ma 
allora non bisogna entrare maestri di vita pubblica. Finche, ri- 
gnardo a questa, ciascuno tira innanzi colle sue massime quasi 
fossero aforismi, senza curarsi di tutto un popolo che all'opposto 
li giudica paradossi, non verremo mai a capo di nulla. E poi 
dovrebbero siffatti malcontenti considerare che quando si parla 
a cattolici, come cattolici, e loro s'inculca 1'azione propriamente 
detta cattolica, si hanno necessariamente di mira gli interessi 
del cattolicismo, ossia della Chiesa, del Papato ; della morale, 
della fede, non gia di tale e tal altra monarchia, di tale e tal altro 
reggimento politico o Groverno. Quinci prende naturalmente co- 
lore, forma, essenza anche 1'azione stessa cattolica; e per6 non 
se ne pu6 discorrere altrimenti che secondo la natura del fine a 
cui 1'azione cattolica e destinata. 

Ma misuratala appena con questo fine, appare incontanente 
he essa non ha, n& pu6 avere nulla di comune wlVagitazione 
rivoluzionaria, onde oggidi si sostenta comechessia la vita degli 
8tati, e principalmente dell'italiano. Quest' agitazione infatti con- 
siste tutta nel tumulto e nel disordine; dove che 1'azione catto- 
lica deve essere ordinatissima e tranquilla. Quest' agitazione di 
poc' altro si cura salvo che del distruggere; ma 1'azione cattolica 
tende sempre ad edificare. Quest' agitazione si contenta di prov- 
vedere, bene o male, al presente; 1'azione cattolica vuole la sta- 
bilita dell'av venire. Quest' agita/ione non cura 1'onesta dei mezzi, 
pur d' ottenere uno scopo ; 1' azione cattolica rifiuta tutti quei 
mezzi che contrastano colle leggi di Dio e della Chiesa. Final- 
mente lo scopo che quest' agitazione si prefigge 6 di togliere alia 
societa umana il fondamento soprannaturale; ma 1'azione catto- 
lica si propone all'opposto di confermarvela sempre piu, e nel- 
1'eseguire un tale proposito domanda ai cattolici 1'abnegazione 
ed il sacrificio, mentre i loro avversarii si danno perdutamente 
a, sfogare ogni malnata cupidigia. 

Per tanta diversita di tendenze tra 1' azione cattolica e 1' agi- 
tazione rivoluzionaria non deve far meraviglia che cosi different! 
anche gli aspetti esteriori deli'una e dell' altra. E naturale 



ALL'AZIONE CATTOLICA 261 

soprattutto che, verso le geste rumorose della seconda, quasi inerte 
appah la priraa e sembrino inadatti i suoi mezzi. Ma lo scam- 
biare Tuna coll'altra, confidandosi di far servire quell' agitazione 
al bene del cattolicismo, sarebbe il pill funesto degli errori. 

III. 

Quei cattolici che, impazienti d' attendere il lungo ma sicuro 
lavorio dell' azione cattolica, sperano operare piu prontamente ed 
energicamente il trionfo della buona causa col gettarsi dentro il 
giro dell' agitazione rivoluzionaria, recano delle proprie speranze 
un argomento che a primo tratto par conclusivo : ne manca pero 
chi ne resti preso e come abbaccinato ; tan to piu che, secondo il 
vecchio adagio, unusqufaque quod appetit facile credit. Bagio- 
nano essi cosi : una gran parte degli element! che costituiscono 
quel sistema di vita pubblica e politica, a cui dagli intransi- 
genti si da nome d' agitazione rivoluzionaria, non sono rei per 
s& medesimi, ma soltanto pel malvagio fine di coloro che prati- 
camente se ne servono. Non pu6 inoltre negarsi a un tal sistema 
forza ed efficacia per qualsivoglia grandissima impresa, preci- 
puamente in tempi come i nostri e nel cuore di una societa 
che ne va ammirata. Perche dunque i cattolici non indirizzereb- 
bero a giustizia questa forza e questa efficacia che i loro avver- 
sarii volgono aH'iniquita? Perch5 il cattolicismo, che battezz6 la 
civilta pagana, non potrebbe dalla rivoluzione ribattezzata ri- 
trarre per s5 nuova e gloriosa vita? 

Non istaremo a discutere il fondamento speculativo di queste 
rosee speranze ; perocche e certo ad ogni modo che i fatti le di- 
mostrano vane: talmente vane, che sarebbe addirittura da sciocchi 
anche solo il tentar di raggiungerle. Che cosa accadde ai cattolici 
nella Spagna? che cosa nel Belgio? che nella Francia? Fiduciosi 
si accinsero a volgere in bene della Religione il sistema della 
rivoluzione; ma la rivoluzione li schiacci6: e specialmente neli'ul- 
timo dei tre paesi da no! nominal! il cattolicismo trovasi ora ri- 
dotto a cosi miserande estremita, che ne cava le lagrime. Sven- 
turatissima Francia! Eppure se v'era popolo nato fatto per ben 
riuscire nella prova, questi doveva essere ii francese, generosis- 
simo, focosissimo, audacissimo, spregiatore della fatica e del sa- 



262 DI UN MALINTESO PERNICIQSISSIMO 

crilzio. E dopo i disastri dell' ultima goerra la somma delle 
f'orze nazionali era venuta, pu6 dirsi, nolle mani di cattolici. Ma 
non valse : all'Assemblea di Bordeaux, detta universalmente As- 
semblea clericale, ecco in poco tempo succeduta la Camera gia- 
cobina dei Freyciuet, dei Berth, dei Gambetta, dei Clemenceau, 
e chi piu ne ha ne metta! II Belgio non e forse giunto a co- 
stituirsi in grado di nazione per opera dei cattolici? Quivi, per 
anni parecchi, i cattolici ebbero il bastone del comando, ed ogni 
agio di fare Tesperienza, che affannosamente si sospira da alcuni 
cattolici anche in Italia. Poterono cioe applicare in tutti i suoi 
particolari il sistema liberalesco al trionfo delle massime teore- 
tiche e pratiche del cattolicismo. Con qual esito per6, ce lo dicono 
le geste del Governo che ora spadroneggia in quel cattolico 
paese, e sopprime in una volta sola il catechismo nelle scuole & 
la legazione presso il Papa. 

Or qui ogni persona assennata si sofferma necessariamente a 
domandare: qual vantaggio religioso, in Italia, dove tutto e in 
mano della rivoluzione, si ripromettano certi cattolici dall'iiso* 
delle armi liberalesche ; quando in Francia e particolarmente nel 
Belgio, non ostante la maggioranza piu volte avuta nol Parla- 
mento, 1' essere stati padroni del Governo, dell'esercito, delle 
finanze, dell' amministrazione, ai cattolici altro finalmente non> 
procacci6 che disastri e ruine ? 

Piaceia o non piaccia, e mestieri persuaders! che il sistema 
pubblico e sociale, inventato dalla rivoluzione per combattere il 
cattolicismo, non puo volgersi a vantaggio di questo. Se fosse al- 
trimenti dovremmo condannare di malaccorti coloro che con lungo 
studio lo architettarono ; dove a'fatti essi mostrano troppo d' es- 
sere piu scaltri di noi. E sicconie 1' efficacia del sistema rivolu- 
zionario, incomparabilmente piil che nel suo valore intrinseco. il 
quale e ben piccolo, sta riposta nella scaltrezza di chi se ne serve 
e in quella ignobilita d'animo, venuta di moda, che non ripugna 
da baratti vergognosi d'ogni specie; anzi dair ipocrisia anche 
piu turpe e dall'iniquita anche piu scellerata, pur di raggiun- 
gere 1'intento; cosi e impossibile che i cattolici aborrenti da tali 
mostruosita, e percio sol cristianamente valendosi di quel sistema., 
si vantaggino realmente e dennitivamente sui loro avversarii. 



ALLAZIONE CATTOLICA 

Di scandali proprii di quel sistema sta, anche adesso mentre 
scriviamo, spettatrice stomacata 1' Italia tutta, in faccia alia quale 
pe' medesimi deputati di tutti i partiti che pochi mesi addietro 
gridavano necessaria la riforma elettorale per dare alia nazione 
una rappresentanza sostanzialmeDte diversa dall' antica, rimasta, 
a loro confessione, sempre illusoria, si stringono in turpi con- 
nubii, col patto espresso di assicurarsi Tun 1'altro, nello scrutinio 
di lista, la rielezione. Cosi moderati, progressist!, radical! si met- 
tono sotto i piedi, non pure i principii predicati fino a ieri palladio 
di verita, di giustizia, di prosperity nazionale, ma altresi ogni 
riguardo d'onore; e forbendosi la bocca coram populo, mostrano 
d'aver in conto di gloria quella che, agli occhi di tutti, & somma 
loro ignominia; 1'aver cio6 colle proprie man! iinpedito 1'effetto 
d'una riforma da loro medesimi votata come indispensabile al 
decoro delle istituzioni ed alia vita dell' Italia. Or potrebbe un 
<cattolico pnorato (e i veramente cattolici son tutti uomini d'onore) 
indursi a procacciare 1'elezione propria con raggiri, che secondo 
giustizia bastano a spogliar chicchessia d'ogni autorita? 

E per rincalzare viepiu 1'argomento: Questa fiata, poniamo, 
riesce ai cattolici di avere la maggioranza nel Consiglio comu- 
nale di una grande citta, e sia pure la stessa Roma? Tantosto 
si trovera qualche futile pretesto di sciogliere il Consiglio. Que- 
st'altra volta v'6 probabilita che dall'urne politiche escano molti 
deputati cattolici? Non dubitate: per mille arti maligne, colla 
<jorrazione eziandio e colla violenza si procaccera il trionfo de'ri- 
voluzionarii, fossero anche radicali piu del Mario e del Costa-, 
affine d'impedire che in Montecitorio entri un buon nerbo di 
paiadini della Chiesa. non si pu6 impedire che entrino? En- 
trati che siano per la porta, disse il Crispi, si cacceranno per 
la fmestra. Con gente siffatta, pronta ad ogni eccesso, puo egli 
finalrnente tornare ai cattolici anche la piu fine diplomazia? Eh! 
scriveva pochi giorni sono V Univers di Parigi l la diplomazia 
non fa presa sempre dappertutto. Essa pu6 dare ottimi frutti 
<con un Governo che, nonostante i suoi cattivi principii ed anche 
i suoi disegni malvagi, vuol intendersi colla Chiesa, ne valuta la 
forza morale e le riconosce dei diritti. 

1 N. 5444. Ed, quot. per il 9 otlobre 1882. 



<264 DI UN MALINTESO PERNICIOSISSIMO 

Ma (sono sempre parole dell' Univers) con uomini brutali? 
nemici di Dio e sicuri d' essere i piu forti la diplomazia ch& 
Yale? Disse egregiamente V Univers e non c'6 via di dargli il 
torto. Infatti, o la vostra & diplomazia onesta e fara sempre fiasco 
a petto di una diplomazia che non si crede vincolata da veruna 
legge morale : o non 6 onesta, e per ci6 medesimo non pu6 accet- 
tarsi come elemento di azione cattolica. 

Stringendo molto in poco, e da conchiudere die per nulla si mo- 
stra esperto dell 1 azione cattolica, chi crede ad essa essenziale il 
prender definitivamente posto nel complicate meccanismo, onde 
oggidi e costituita la vita politica delle nazioni. Costui rimpiccio- 
lisce nel suo concetto ci6 che in se e grandissimo; perche egli 
presta al cattolicismo le miserabili proporzioni di un partite. No,. 
1'azione cattolica non e, non pu6 essere 1'azione di un parti to; essa 
el'azione dell'iimanita. E alirnenta ci6 che Pumanita possiede di 
piu generoso, 1'amore della verita e della giustizia. E la parola 
infallibile di Dio 1' assicura del finale trionfo. 

Che importa pero ad essa delie piccole arti, delle gare me- 
schine, dei fragili congegni e delle brevi fortune del liberalismo 
moderno? Solo le menti piccole, ignare ad un modo e del Yangelo 
e della storia, possono dubitare che T azione cattolica ne abbia ? 
per vincere, bisogno. 

IV. 

Noi rammentiamo tali verita a chi, mentre confonde 1' azione 
cattolica coll' esercizio di certi diritti politic!, mostra chiaro di 
averle dimenticate. E con questo vogliamo senza dubbio togliere 
all' esercizio di siffatti diritti i'importanza tutta fantastica che 
alcuni cattolici sogliono attribuirgli ; ma non gia quella che r 
eziandio rispetto all' azione cattolica, ha realmente o pu6 avere, 
secondo la diversita dei tempi, dei paesi e delle condizioni so- 
ciali. In Germania, per esempio, esso torna vautaggiosissitno alia 
causa cattolica. E noi non abbiamo certo mancato di applaudire T 
con tutti i cattolici, alia valentia dell'illustre Windhorst e dei 
suoi commilitoni che dagli scanni del Parlamento tedesco tengono 
in rispetto il piu forte uoino di stato de* tempi modern! e la 
ostringono a fare alia Chiesa notevoli concessioni. Cogliamo per 






AT.L'AZTONE CATTOLICA 26-j 

volentieri il destro di notare, per ammaestramento del cat- 
tolici Italian!, che il centre germanico pose sempre scrupolosis- 
sima cura a distinguere la sna azione cattolica, in quanto tale, 
dalla sua azione, in quanto costituisce T opera e la vita di un 
partieolare partito politico. 

Avvedimento savissimo fu questo, di cui le negoziazioni se- 
guite ultimamente tra ii Governo tedesco e la Santa Sede posero 
in cliiara luce la necessita. Ma sarebbe ugualmente possibile il 
fare quella distinzione ad uri nucleo di deputati italiani che ora 
entrassero in Montecitorio? E piu generalmente, bench& in pratica 
torui lo stesso, ai cattolici italiani, quando risolvessero di entrare 
come gli altri in piena vita politica, sarebbe possibile mante- 
nere quella necessaria distinzione tra la causa politica e la causa 
religiosa ? 

Ci vuole ben poco acume a capire che no; perch6 1' Italia, cosi 
come la rivoluzione 1'ha e la vuole definitivamente assestata, 
non pu5 sussistere senza sostanziale iattura della liberta reli- 
giosa del capo della Chiesa. 

E dunque assurdo dali' esempio della Grermania tirare nessuna 
<conseguenza favorevole ai pochi, ma pertinaci detrattori del modo 
<T azione seguito fin qui dall'iiniversalita dei cattolici italiani. 
Li udimmo anche teste rimpiangere per la centesima volta la 
mancanza di un programma. Ma e proprio vero che questo pro- 
gramma d' azione cattolica manca in Italia? forse si deve piut- 
tosto lamentare la cecita di chi peranco non se n'& avvisto? La 
stessa parte negativa del nostro pratico ordinamento, cio&, in so- 
stanza, quella che cagiona tutte le costoro lagnanze, &, se ben 
si consideri, programma d' azione cattolica sapientissimo e piu 
proprio di qualsivoglia altro ad ottenere lo scopo che nelle pre- 
senti distrette della Chiesa e della patria deve stare in mezzo 
al cuore d'ogni buon italiano. 

Essa infatti, ridotta a semplice formola, si potrebbe esprimere 
cosi : impedire che 1'oligarchia ora spadroneggiante nella peni- 
sola abbia sostegno dalla parte piu onesta degli italiani. E pa- 
tente che se questo fierissimo programma fosse mantenuto dai 
cattolici in tutta la sua pienezza, esso peserebbe sul capo di quel- 
1'oligarchia come la condanna piu tremenda che popolo possa, 



DI UN MALhNTESO PERNICIOSISSIMO 

inftiggere a governanti. E I'effetto di tale condanna seguirebbe 
piu tosto o piu tardi, ma immancabilmente; quell'oligarchia, cioe T 
si troverebbe alia fine ridotta nell' impossibility di governare. 

Lungi da noi il pensiero di mettere tutti in un fascio come 
yierduti .od auche solo come uomini disonorati quelli che diretta- 
inonte concorrono a tirar iananzi la rivoluzione italiana. Y' hanno 
corto tra loro persone per molti titoli commendevoli; ma la cor- 
ral tola generale del sistema, riflettendosi anche sopra di essi, no 
oscura le virtu personal!, e li fa giudicare sinistramente, se non- 
alt ro come uomini pubblici e come fautori di opera intesa a sop- 
pi an tare tutto 1'ordine religioso e sociale. Nel resto, ben anche 
per la intrinseca costituzione dell'opera stessa che vive solamente 
di opposizione e di contrasto, e mestieri che il cattivo faccia luogo 
;il peggiore, e il peggiore al pessimo, con perpetua vicenda di 
soste e di concessioni. Di modo che, quando pensate che non si 
andra pift in basso, ecco improvvisamente un capitombolo nuovo. 

II Depretis, dichiarando a Stradella suo avversario chiunqne 
uon accetta senza restrizioni o sottintesi lo Statuto e le istitu- 
y,ioni monarchiche, gettava teste a' piedi di Francesco Crisp! il 
gnanto di sfida. Yedremo dunque questo duello fierissimo della 
furberia e dell'audacia; ed e quasi certo che prevarra finalmente- 
1'audacia giicobina del signor Crispi. xla non s'illuda costui in 
sogni dorati, vagheggiando fors' anche la presidenza di una re- 
pubblica italiana; per che vi pu6 essere un Cdspi piu giacobioo 
di lui, presto a raccogliere dov'egli ha seminato. Cosi in Francia. 
II Gambetta trova sempre un Gambetta peggiore di lui che lo 
soppianta. E cosi e dappertutto il fato dei congegni liberaleschi : 
travolgere i popoli di abisso in abiss > ; finche o per la mano fer- 
rata dei dittatori, o per le stragi civili, la Provvidenza divina, 
che fece sanabili le nazioni, restituisce 1'ordine e la pace. 

Yero e, confessava I'll dell'andato ottobre anche la Eiforma 
del Ctispi: noi siamo in un momento di transizione, in cui i piil 
fuggevoli e piu singolari fenomeni, mentre sembrano aver carat- 
tere di permanent!, non fanno che lasciare il posto ad altri che 
neppure saranno gli ultimi. La Eiforma, secondo il solito, ne 
aocagionava il passato triste d'ltalia. In realta la col pa e di 
tutto quel mostruoso complesso di massime, di uomini, di cupi- 



ALL'AZIONE CATTOLICA 207 

digie, di delitti che chiamasi rivoluzione e ne costituisce Pessere 
e la vita. Ad ogoi modo, domandiamo noi se sia prudente che i 
cattolici vi entrino a pie giuuti per fare da martinicca e dare 
ad essa credito, perdendolo per se? se non piuttosto debba dirsi 
programma d'azione cattolica il pi ft chiaro, il piu savio, il me- 
glio fatto all' uopo, quello di tenersi in disparte, lasciando che il 
carro della rivoluzione precipiti al suo destino? 

Y. 

Ma 1'azione cattolica non si comprende gia tutta in questa 
parte negativa, come alcuni hanno Tana di credere e certamente 
vogliono far credere altrui. Per verita tutti veggono con quanto 
studio e solerzia da un capo all'altro della penisola i piu cospicui 
cattolici, eziandio laid, facciano opera di difendere la Religione 
e la societa. Tante unioni cattoliche dell' uno e dell' altro sesso, 
di giovani, di operai; e soprattutto quella piu universalmente or- 
ganizzata, che ha nome dai Congressi cattolici, rispondono ab- 
bastanza, se non altro, del buon volere degli italiani rimasti fedeli 
alia causa della Chiesa. E se esse trovassero eco in molti che 
potrebbero, ma per rispetto umano o per orrore di fatica e di di- 
sagio non vogliono vigorosamente aiutarle, & probabile che il Santo 
Padre non avrebbe dovuto sclamare, non ha guari, in tuono di 
rampogua: E tempo ormai che i cattolici italiani facciano e pati- 
-scano qualche cosa per la difesa religiosa e sociale. 

Per questa difesa e naturale che i cattolici si valgano dei 
mezzi loro consentiti dalle leggi stesse della rivoluzione e delle 
liberta proprie agli Stati moderni ; perocche altrimenti non po- 
trebbero far nulla, ripugnando essi per coscienza dalle ribellioni 
e da quei fatti violent! che in gergo liberalesco si chiamano 
mezzi morali. E poi nella maggior parte dei casi Tuso di tali 
liberta viene ad essere pei cattolici esercizio d'un diritto naturale, 
e per la Chiesa estrinsecazione del diritto positive divino, indi- 
pendenteinente da tutte le leggi e concession! degli uomini. Vor- 
remmo per6 che la difesa religiosa e sociale non si confondesse 
una vera e propria accetta^ione del sisterna rivoluzionario, 

buon fine di volger questo in utilita dell'azione cattolica. 

E qui & 1' inganno che noi ci siamo in tutto T articolo studiati 



268 DI UN MAL1NTESO PERNIC10S1SSIMO 

di sventare. Perocche e larapante che la parte positiva del pro- 
gramma cattolico non pu6 contrastare colla parte negativa di 
esso; e che per conseguenza dobbiarao contenere dentro certi li- 
miti 1'uso del mezzi legal! e delle liberta moderne, affine di non 
impegnarci colla rivoluzioue, porgendo cosi ad essa credito e so- 
stegno. II che tornerebbe proprio al rovescio del proposito nostro, 

Certamente da un tal metodo, vano e aspettarsi tutti quei ma- 
gniftci fatti che alcuni pretendono vedere d'oggi in domani. Ma 
questi neppure si vedrebbero, quando, come coloro insistono r 
P azione cattolica si mettesse a camminare (con buon fine, s'in- 
tende!) per le vie del liberalismo. Inoltre non dimentichiamo mai 
che si parla d 'azione cattolica; di tale azione, cioe, la quale abbia 
in mira i grandi ed universal! interessi del cattolicismo, che sono 
poi inseparabili da quelli del consorzio umano in generale e della 
famiglia in particolare. Se in forza dell' azione cattolica preten- 
dete far passare la strada ferrata pel vostro paesello, stabilire la 
stazione vicino alia vostra casa di campagna; ovvero se compen- 
diate tutta 1'efficacia dell'azione cattolica in qualche sussidio del 
fondo pel culto a pro di tale o tal altra chiesa e nella piena 
balia pel vostro parroco di spiegare fuori del Tempio la pompa 
delle solennita e delle processioni religiose ; an che noi vi diciamo 
che all' azione cattolica converrebbe, non che altro metodo, pren- 
dere altri sentieri. Piu dei pellegrinaggi o dei Comitati parroc- 
chiaii tornerebbe, per esempio, il voto politico oiferto ad un 
Nicotera o ad un Sandonato. Ma 5 poi ragiouevole restringere 
F azione cattolica fra questi confini ? 

I cattolici di vasta mente e di gran cuore ammetteranno senza 
difficolta che il pur provarsi a far dare indietro la rivoluzione od 
a torcerne il meccanismo a stabile benefizio della Chiesa 5 addi- 
rittura perdere il tempo. Difendano dunque la Eeligione e la 
societa come possono, impedendo il male per tutti que' mezzi che 
non involgono complicita col liberalismo; uno dei quali & senza 
dubbio il ben ordinato concorso alle elezioni amministrative. Ei- 
guardo poi all'operare direttameute il bene, i cattolici hauno per 
se il credito pubblico, T influenza del clero, la maesta della Fede, 
la potenza del Yangelo, la religiosita delle moltitudini; strumenti 



ALL'AZIONE CATTOLICA. 269 

tutti di ben altra solidita e portata, che non i piccoli stratagemmi 
della politica liberalesca. 

Bivolgiamoci ai popoli, anzich5 ai Govern!; piu che le fortune 
d'un giorno, cerchiamo la diffusione delle idee; diciamo delle 
idee soprannatnrali di verita, di giustizia, di amore, a cui e 
serbafa la signoria de'secoli. E non abbiamo fretta, come gente 
che, avendo fede nelle promesse di Dio, e sicura dell'avYenire. 

A questo proposito scriveva belle parole T Unione di Bologna 
in uno di que' suoi articoli cosi pieni di buon senso e di verita : e 
noi la lasceremo conchiudere questo nostro, rendendole vivissim& 
grazie d'avercene fornito il primo disegno. Noi, essa diceva, 
siamo oggi, specialmente in Italia, a questa specie di lotta fra 
1'agitazione rivoluzionaria e 1'azione cattolica. Che che si dica y 
ella & questa la vera condizione in cui si trovano di fronte gli 
uni agli altri i liberali e i cattolici. Noi confondiamo ii dime- 
narsi incomposto e rumoreggiante della rivoluzione e dei rivo- 
luzionarii, con quella azione avveduta, circospetta, continua, te- 
nace e feconda che sola conduce al conseguimento finale di una 
meta stabile e duratura, e il cui valore intrinseco e la cui 
efficace pratica sono troppo disconosciuti anche per parte di pa- 
recchi cattolici. 

Se richiamassimo piu di sovente alia memoria quelle epoche 
di lotta e di transizione in cui parve il diritto assorbito dal fatto r 
la giustizia conculcata dalFempieta e la.Chiesa schiacciata dal 
inondo, ban vedremmo che mai sempre 1'agitazione incomposta 
dell'errore e degli erranti non fa vinta e superata che dall' azione 
calma e costante della verita e dei seguaci di essa. Noi non co- 
nosciamo abbastanza, o non la consideriamo a sufficienza la forza 
potente e gagliarda di chi amando la verita e la giustizia opera 
quel bene che pu6 e come pu6 con prudente coraggio e con co~ 
raggiosa prudenza, in mezzo al diinenarsi turbolento delle pas- 
sioni l . 

1 L' Unione, n. 229 per il 27 settembre. 



DEL PRESENTS STATO 

DEGLI STUDII LIN GUIS TIGI 



I. 

,6V esamina Fop intone di F. Lenormant intorno a Lantech. 
Oxcurita dtl testo biblico e sue varie interpretazioni. La 
invenzione delle armi. 

Fu gia per noi dimostrata Tassurdita dell'opinione sostenuta 
dal Lenormant, che Adamo fosse stato creato ermafrodito. Questa 
opinione pero non e nuova, mentre la troviamo ricordata da Cor- 
nelio a Lapide, e quel che e veramente curioso, 1'autore ne sarebbe 
anche un francese. Novator quidam in Francia nuper asseruit 
Adamum creatum esse hermaphroditum } fuisseque eum tarn foe - 
minam, quam masculum... Veriim insulse hoc dicitur. > x N^ 
punto meB singolare ci sembra 1'idea che lo stesso ch. Autore s'e 
forniata di Lamech, dalle poche parole che di lui leggiamo al 
capo IY del Glenesi, le quali sono, a giudizio comune degl' inter- 
pret!, molto dure ad intendere: senzach^ la diversita stessa delle 
loro interpretazioni chiaramente il dimostra. Laonde non si pu6 
non restar maravigliati, quando s'ode il Lenormant parlar di 
Lamech e deH'animo suo e de'sooi propositi, come si farebbe di 
un personaggio de' nostri tempi che avesse scritti fedehnente gii 
atti del la sua vita e pubblicatili per le stampe. Mettiamo intanto 
sugli occhi de' nostri lettori il testo della Yolgata, e poi soggiun- 
geremo quello che il Lenormant avvisa poterne inferire. 

Dixitque Lamech uxoribus suis Adae et Sellae : Audite vocem 
meain uxores Lamech, auscultate sermonem meum:quoniam occidi 
virum in vulnus meum et adolescentulum in livorem meum. > 

1 Comment, in Genes, cap. 1, pag. 46. 



DEL PRESENTE STATO DEGLI STUDII LINGUISTICI 271 

Septuplum ultio dabitur de Cain: de Lamecli vero septuagies 
septies. Gen. cap. IV, v. 23, 24. 

Ora su queste parole cosi s' esprime il Lenormant Ewald a 
eu pleinement raison de le qualifier (questo canto) comrae le plus 
ancien morceau que renferme la Bible, et je le dirais meme volon- 
tiers le plus ancien d6bris Iitt6raire que nous ait 16gu6 aucim 
peuple s&nitique. II respire en effct'.un tel accent de fe"rocite* pri- 
mitive qu'on le placerait volontiers dans la bouche d'un sauvage 
de l'age de pierre. dansant aupres du cadavre de sa victime en 
brandissant son casse-tete de silex ou la machoire d'ours des ca- 
vernes dont il a su se faire une arme terrible. > l 

Questa prodigiosa facolta di amplificazione, e tanta forza di 
fantasia ci rendono attoniti, e mal sapremmo cogliere la pro- 
porzione fra il testoe il commento. Da pari sentimento di stupore 
vediamo compreso ii ch. Prof, di Lovanio H. Lefebvre, allorch^ dice 
Mais, franchement, n'est-ce pas se lancer dans la voie des exage"- 
rations que de voir dans ces quatre lignes, tres difficiles du reste 
a expliquer, les paroles d'un sauvage dansant devaut un cadavrc, 
brandissant une machoire d'ours etc... Y-a-t-il proportion entre 3e 
text et la glose? >. E poi domaniando se per avventura cotesta 
ferocia che il Lenormant chiama primitiva, sia in verita tale che > 
a di nostri, non ve n'abbia piti vestigio, cosi prosegue: M. Le- 
normant, qui habite Paris, a du entendre plus d'une Ms, en ces 
derniers temps, l'6cho de la cour d'assises ou des clubs revolution- 
naires lui apportant le bruit de cris de vengeance et de haine 
aupres desquels le chant de Lamech, a supposer qu'il n'exprime 
pas le repentir, est une veritable idylle. Encore une fois, nous 
tombons dans le roman et la vraie science n'a rion a gagner a 
toutes ces hypotheses. 2 

E appena credibile quanto su questi due versetti per molti s'6 
scritto di congetture, d'ipotesi, di cose verisimili e di assurde- 
allegorie, profezie, pentimenti, feroci propositi, miti solari, favole, 
tutto vi si e trovato. Aben-Ezra, Calvino, Drusius, Herder, Eosen- 
inuller, Delitzsch e Knobel lo ritengono per un canto di minacce, 

Origines de Vhist. Gap. V, pag. 187. 

4 Rev. calhol. de Louvain T. XXV. Nouvel. ,Ser. pag. 26, 27. 1881. 



272 DEL PRESENTE STATO 

non di trionfo, e tradocono. lo uccider6 un uomo ec. Secoudo i 
ettanta, S. Girolamo ed altri commentator!, si fa qui allusione a 
fatti passati, come ora si direbbe, compiati. II Lenormant si at- 
tiene alia versione del De Sacy: J'ai tu6 un homme parce qu'il 
m'avait bless6 et un enfant parce qu'il m'avait meurtri > l . Net 
Targunnm leggesi To non ho ucciso un uomo > ; Saadiahne lla 
versione araba, vi appicca un punto interrogative e dice Ho io 
ucciso un uoino? 

Pertanto alcuni pretendono farsi qui chiara menzione d' un 
doppio omicidio, altri d' un solo. Questi appoggiansi alia natnra 
del ritmo ebraico, pel quale, nel secondo emistichio ripetesi e 
spiegasi quello die nel primo s'e detto; e cosi il vir indicherebbe 
qui il sesso, e ad-olescens, 1'eta. Ma Cornelio a Lapide osserva che 
advlescens, in ebraico ^ (ieled) & propriamente puer ; pner 
mttem nequit did vir 2 . 

Ed ora se si vuol sapere chi siano stati quel vir e quel pner 
inorti da Lamech, gli ebrei, S. Girolamo, ftabano, il Lirano, il 
Tostato, il Lipomano, il Pererio e il Belrio vi dicono die il vir 
fu Caino tritavo di Lamech, e cosi narrano il fatto. Andava 
Lamec un di per una selva cacciando, nella quale era prima 
venuto a passeggiare o ad orezzar Caino. Udendo lo strepito dei 
passi e ii muover delle foglie, lo scudiero di Lamech avviso do- 
versi quivi appiattar una fiera, e a lui ne diede il segno. Lamech 
trasse, e in luogo dell a fiera, ebbe ucciso Caino. Del che forte 
dolendosi, e acceso d'ira, fa sopra lo scudiero e lo tolse di vita. 
La qual tradizione, come favolosa, rigettano Teodoreto, il Bur- 
gense, ii Catarino e piu altri. Ne mancano di quelli che scu- 
diero o compagno di Lamec fanno il suo figlio stesso Tubalcain, 
Lamech dicon cieco o di corto vedere. 

Come del numero e della qualita degli uccisi, cosi e grande 
la disparita delle opinioni circa il significato delle parole in 
vulnus meum et in livorem meum. I settanta traducono: Virum 
occidi in vulnus mihi, et adolescentulurn in livorem mihi, e la 
segue il Martini, il quale dice: S3 sopra un passo si difficile 

1 Mem. de TAcad. des Inscriptions, t. L, p. 370. 

2 Comment, in Gen. cap. IV, pag. 77. 



DEGLI STUDII LINGUISTIC! 273 

ar-Hssi di esporre il mio sentimento, io tradurrei questo versetto 
c >si : Io ho ucciso uu uomo per ferire me stesso, e uri giovinetto 
per impiagarmi: e questa traduzione che combina colla versione 
del LXX, lega anche col versetto seguente, il qnale la illustra. 
Io, dice Lamech, ho ucciso un uomo per mio darmo, per mia 
sciagura, f acendo piu male a me che a lui ; imperocche se grave 
fu il castigo dato a Caino, il castigo del mio misfatto sara piu 
atroce. Del rimanente a chi mi dimandasse, chi sia 1'uomo, e ii 
giovinetto, di cui parli Lamech, risponderei che io nol so l . 
Cornell o a Lapide traduce: per vulnus meum, per livorem meum 
sen vulnere et livore a me incusso et inflicto, patet ex Hebraeo. 2 

Che diremo ora del septuplum ultio dabitur de Cain, de 
Lamech vero septuagies septies >? Anche qui s'entra in un 
salceto, e le version! sono parecchie e tra loro discordi. II testo 
arabico ha: septuplum vindicabitur propter Cain, et propter 
Lamech septuagies septies. Nel caldeo si legge: Si in sept em 
generationes vinXficta dabitur de Cain, nonne de Lamech in 
septuaginta septem? 11 Delrio e il Lipomano suppongono che 
Lamech fosse duramente rampognato dalle mogli, pe'comnaessi 
omicidii, e minacciato della vendetta stessa di Caino; ch'egli 
cioe sarebbe stato spento di vita per mano d'altri. Alle quali 
avrebbe Lamech risposto in questa sentenza: Quoniam occidi, 
ciof3 ho veramente ucciso un uomo e un fanciullo, Io confesso 
aperto, e son degno di morte. Ma se chi nccidera Caino, ii quale 
fu volant ario omicida, sara sette volte punito; colui che uccidera 
me, che contra volonta commisi i'omicidio, ed or me ne pento, 
paghera pene assai pid gravi. 

La interpretazione di Cornelio a Lapide che e la stessa con 
quella di S. Gio. Grisostomo e conforme al testo ebraico, porta: 
vindicabitur et punietur ipse Cain et Lamech. La vendetta r 
dunque, non si prendera di colai che avra ucciso Lamech ; bensi 
di Lamech stesso. II qual senso e cosi dichiarato dall'a Lapide: 
< Lamech ergo ex vehementia doloris et poenitentiae ob admis- 
sum homicidium duplex, dicit: Si Cain, qui unum occidit, septu- 

1 Vocchio Testamenlo. Gen. cap. IV, pag. 54, in nota. 
? Oper. cit. 

Serie XI, vol. XII, fast. 777 18 25 ottolre 1882. 



274 DEL PRESENTS STATO 

plum, id est, multipliciter, graviter et plene punitns-est : ergo ego y 
qui duos occidi, quique poenarn Caiai vidi, nee tainea ab eius 
peccato abstinui, septnag-ies septies, id est, longe gravius et 
multiplicius, puniendus sum. > 

II Lenormant si maraviglia di questa versione e dice: Mais 
ce qui est vraiment toaoge, c'est qu'un certain nombre de Peres; 
de 1'Eglise aient pu voir dans ce petit poeme une expression 
de remords ou de repentir ! . Noi non sapremmo trovar nulla 
di strano nelle spiegazioni di S. Gio. Q-risostomo e di S. Basilio 
citati dall'autore, perche non solamente non ripugnano al testa 
ebraico, ma sono eziandio verisimili. Sopramodo strano al con- 
trario ci sembra quel che egli osa asserire iutorno alia inten- 
zione de'Padri nell' interpretar cosi questo luogo delle Scritture, 
Dice egli infatti: II est Evident que si quelques Peres de 
1'Eglise ont tortur6 le texte pour y trouver un Lemech repentant 
de ses meurtres, c'est afin d'6chapper a 1'idee qu'une aussi 
atroce proclamation du principe de la vengeance personnelle 
aurait 6t6 r6v6lee et inspiree d'en haut. 

E nel vero il Lenormant suppone due cose, delle quali 1' un& 
& evidentemente falsa, e dimostra che egli non ha idee chiare 
sulla dottrina cattolica dell' ispirazione e della rivelazione, I'altra 
non ha probabile fondameuto, e poggia tutta sull'autorita sua r 
anzi de'razionalisti tedeschi a' qnali la tolse. Imperocche sup- 
posto ancora che il canto di Lamech sia il canto d' un froid as- 
sassin, come secondo 1'Halevy ^ considerate Lamech dail'autore r 
non ne seguirebbe per questo che la Scrittura appro vi e sancisca 
il principio della personale vendetta, ma riferisce soltanto stori- 
camente le parole di Lamech, e ia quanto sono da lei riferite son- 
vere, e Mos5 non pot5 mancar dell'assistenza divina nel riportarle.. 
II perch^ erra 1'autore quando scrive che il cristiano: ne pent 
certes pas voir dans le farouche chant de Lemech des paroles r6- 
ve!6es>; poiche confonde la rivelazione d'una cosa con T appro va- 
zione della cosa stessa coatenuta nella rivelazione. Questa igno- 
ranza sola pu6 scusar 1'autore dal cader nella condanna della 



Op. cit. 






DEGLI STUDII LINGUISTIC! 275 

Chiesa allorche poco di poi soggiunge che il sacro scrittore: a 
recueilli dans son livre cette vieille tradition heroique et en 
partie mythique. La proposizione 7 a condannata nel Sillabo 
cosi suona : Prophetiae et miracula in sacris Litteris exposita 
et narrata, sunt poetarum commenta, et christianae fidei my- 
steria philosophicarum invest! gationum summa; et utriusque Te- 
stainenti libris mythica continentur inventa; ipseque lesus Chri- 
stus est mythica fictio. 

Dicemmo che il fondamento della opinione del Lenormant era 
senza probability perciocche suppone che Lamech sia indotto a 
oncepire ed esprimer sensi di feroce animo e di crudelissime 
vendette, rifidato nella potenza dell' armi che, con altra supposi- 
zione, si dicono inventate da suo figlio e al suo tempo. Udiamo il 
razionalista Knobel uno de'tanti che il Lenormant troppo docil- 
iriente segue nella interpretazion della Bibbia. L'armi di fresco 
inventate, dice egli, davano a Lamech 1'occasione e il potere di 
severamente vendicar le offese, ispiravangli sentimenti di cru- 
delta e gli accendevano sete di sangue e di vendetta. Con Forgo- 
glio d' uomo che si tien forte, perche fornito d' armi, si rivolse 
alle sue donne e fece vantamenti della sua possanza... 

lo ho ucciso un uomo per la mia ferita, e un giovanetto per 
la mia lividura, doe dire, per piccola che sia la ferita, anche una 
sempliee Ihidnra (nur erne Strieme) io la punisco con la morte 
di colui che Tha fatta. Perciocch^ egli ha armi, vuol trarre ven- 
detta sanguinosa, senz'esse, si potrebbe lasciar piegare... 

Se Caino in un tempo che 1'ariui non erano ancora inventate, 
fn sette volte, vendicato, per me che ho 1' armi in pugno, vi sara 
una vendetta che abbraccera molto di pid (viel umfassendere). 
II posseder armi fa crescere la facilita della vendetta, e perci6 la 
stessa vendetta 1 . > 

Ecco ora le parole del Lenormant : Dans la terrible menace 
que contient le dernier verset de ce chant, on a 1'expression de 
1'orgueilleuse conh'auce que donne au Qainite la possession de ces 
nouveaux instruments de combat. Qain a 6t6 mis a 1'abri des 

1 Die Volkertafel der Genesis, pag. 60-61. 



276 DEL PRESENTS STATO 

dangers auxquels 1'exposait son meurtre par une protection di- 
vine 6tendue sur lui; Lemech suffira a se d6fenclre et a se ga- 
rantir lui-meme, arm6 comme il Test. Celui qui aurait porte la 
main sur Qain n'6tait expos6 qu'a une septuple vengeance ; Le- 
mech, grace aux instruments de mort dont il dispose, saura se 
venger soixante et dix-sept fois, car sa puissance est maintenant 
plus que de'cup^e 1 . > 

Tutti questi commenti hanno un vizio radicale e manifesto che 
loro toglie ogni ombra di autorita, ed e che suppongorio quello 
che si dovrebbe provare. Ci parlano tanto d'armi, fondan sopra 
la loro invenzione la ferocita di Lamech, si ricorre al mito per 
metter in salvo la Scrittura che altrimenti sarebbe in pericolo, e 
la Scrittura non ci parla di coteste armi, o come dice 1'Halevy 
J'ai a peine besoin d'ajouter que la Grenese ne laisse nulle part 
supposer ques les Qaiaites aient invente* les arrnes de guerre 2 . 
In fatti 1'unico luogo dove si parli della materia onde si fab- 
brican 1'armi & il versetto 22 del capo IV del Grenesi: Sella 
quoque genuit Tubalcain, qui fuit malleator, et faber in cuncta 
opera aeris et ferri. 11 lavorar di martello e 1'esser artefice 
d'ogni sorta di lavori di rame e di ferro indica bensi la facolta^ 
la possibilita di fabbricar armi, ma non ne diinostra il fatto. Ed 
ancor questo supposto vero, come si prova il nesso necessario tra 
1'esistenza dell' armi e la deliberate volonta di adoperarle a ven- 
detta? Finalmente, ammettendo tatto ci6 che i razionalisti attri- 
buiscono qui a Latnech, Tarmi cio5 e il proposito di ferocemente 
vendicarsi, sarebbe mestieri far una terza supposizione, senza la 
quale, il van to, Torgoglio e la sete di vendetta in Lamech poco 
significherebbero, anzi sarebbero indizio di somma stoltezza Con- 
vien dunque supporre che 1'invenzione dell' armi fosse unica- 
mente utile a Lamech, e gli altri no a ne potessero trar profitto a 
guard arsi e difendersi contro di lui vendicatore. La qual supposi- 
zione manca di verisimiglianza. 



1 Op. cit. 

2 Rev. crit. loc. cit. 



DEGLI STUDII LiKGUisTici 277 



II. 

Debolezza degli argomenti tolti daU assiriologia per alterare 
la interpretazione tradizionale della BiUria. Fr. Lenor- 
mant e i siwi libri. Giudizii del Guyard, delVHaUvy e del 
Eenan sul presente stato degli studii assiriologici. 

Comparaado tra loro la Bibbia e le scritture cuneiform!, al- 
cuni assiriologi hanno creduto potersi dimostrare che le piti an- 
tiche credenze intorno alia creazione, al peccato originate, al di- 
luvio e somiglianti, ricevevano plena conferma da' test! assiro- 
caldei. Altri pretesero die queste ed altre verita sieno state 
prese dalla mitologia caldea e modificate in senso monoteistico 
dagli scrittori ispirati, e per6 i doinini e le credenze bibliche 
nulla contener di rivelato da Dio e nulla di divino. Francesco- 
Lenormant sostiene che tutte le tradizioni arie, eraniche, caldee 
ed ebraiche sulle stesse materie, sieno indipendenti le une dalle 
altre, e solamente abbiano coinune origine in una antichissima 
eta, prima della separazione etnica degli antenati degli Egizii r 
de'Semiti e degli Arii. Ciascuno pensa che la verita sia nella 
sua sentenza, e che le tavolette, i prisini e i cilindri co'testi pift 
o meno oscuri e mutili e le lacune che spesso vi sono, la con- 
fermino. 

Questa diversita di giudizii e di opinion! fra gli assiriologi 
dipende dalla diversa maniera di leggere e d'intendere i testi, e 
dal diverse si sterna di esegesi che negli uni 6 razionalista, orto- 
dosso negli altri ; donde conclusion! opposte e contrarie. Nel p?*" - 
sente stato degii studii assiriologici, tutti i sistemi di etnologia r 
di mitologia e di religione che con essi si vogliono comporre, non 
escono da' limit! del probabile e del verisimile, e per6 non costi- 
tuiscono scienza. E come puramente probabili furono da no! dati 
per addietro que' riscontri della credenza caldea con le tradizioni 
bibliche, non essendo allora certa, incontrastata e comune fra gli 
assiriologi la lettura delle tavolette scoperte dallo Smith. Nella 
traduzione perd delle iscrizioni storiche la difficolta essendo mi- 



4 278 DEL PRESENTE STATO 

nore per la natura stessa della materia, 1'accordo fra gli assirio- 
logi e maggiore e quindi le conclusion! piu certe. L'argomento 
dunque contro la verita e 1' autenticita della Bibbia tolto dalla 
letteratura assiro-caldea, e per lo meuo prematuro. Qnanto finora 
si e" diciferato, nonche tornar in pregiudizio della verita rivelata, 
validamente la rischiara e conferma. Laonde non sara mai rac- 
comandato abbastanza a'cultori dell' assiriologia di essere cosi 
prudent! nelle ricerche, come modest! ne'loro giudizii, e non 
darci quali verita scientifiche, certe cioe ed indisputabili, pare 
e semplici ipotesi, spesso false e infondate, sempre temporanee e 
provvisorie, come quelle la cui verita o falsita dipende da ulterior! 
scoperte, da nuovi document! e da piu lunghi e accurati studii. 

Imperocch5 quando una disciplina esce appena d' infanzia, il 
pericolo di cader in gravi error! appoggiandosi ad essa, & grande 
-e poco avvertito. Y'e 1'ardore proprio de' nuovi studii, v'e la voga 
o 1' andazzo, per cui ogui cosa vedesi del eolore che le da 1' opi- 
nion corrente e la scuola che in quel tempo signoreggia e co- 
manda. Fr. Lenormant non disconosce questo pericolo, anzi lo 
conferma con le seguenti giudiziose osservazioni : II y a vingt- 
cinq ans, par une consequence des 6clatautes d6couvertes qui ve- 
naient d'etre faites dans le champ de Taryanisme, on tendait a 
voir tout aryen, et specialement iranien, dans les premiers cha- 
pitres de la Genese. Aujourd'hui les progres inattendus des etu- 
des assyriologiques y font voir tout chald6en. II y a la, je crois, 
exag6ration dans un sens et dans 1'autre *. > 

Le traduzioni delle tavolette babiloniche sulla creazione e sul 
diluvio, dateci da Giorgio Smith nella sua quinta edizione del 
Chaldean account of Genesis, 1876, son dichiarate imperfette, 
no! stessi per tali le riferimmo gia a'nostri lettori; tanto si 
^ dopo quel tempo accresciuto, col nuinero de' monument! scritti, 
lo studio paziente de' confront! de'testi, delle leggi grammaticali 
6 della filologia assiro-caldea. Senonche una prova chiarissima 
de' progress! che in questa nuova letteratura si vanno facendo, 
e la forniscono i lavori stessi dell'illustre Lenormant. Egli, 

1 Les origines de Vhistoire, Append, torn. II, prem. Part. pag. 539. 



DEGLI STUDII LINGUISTIC! 279 

avec une bonne foi qui Mionore, > come attesta il suo anta- 
gonista Gl. Halevy, dovette rifar Tuna dopo 1'altra, tutte le sue 
opere, perciocche le nuove scoperte e i nuovi studii chiari- 
yano false o iinprobabili le teoriche e i fatti in esse contenutL 
Cosi in breve spazio di tempo, la Magie chez les Chaldeem di- 
yent6 Die Magie und Wahrsagekunst der Chaldaeer; gli 
Etudes accadiennes, tomo I, furono rinnovati negli Etudes ac- 
cadiennes, tomo III; la memoria sopra Le Mythe de Tammouz 
si trasform6 nell'altra, // mito di Adone-Tammuz, e le stesse- 
Origines de I'histoire, 1880, sono a giudizio dell'Ha!6vy, une 
refonte de I'Essai de commentaire des fragments cosmogoni- 
ques de Berose, avec un cadre incomparabltment plus large; 
refonte evidemment destinee a resumer tout ce qui a ete ecrit 
dans les dernier s temps sur la mythologie des peoples semiti- 
ques { . E molto opportuna ci pare eziandio 1' osservazione che 
T Halevy fa su quest! rimaneggiamenti e rifusioni nuove d' opere 
gia pubblicate, essendoche pifi utile tornerebbe una edizione cor- 
retta ed accresciuta, per la quale si verrebbe in cognizione del 
vero e preciso stato della scienza. Imperocche i lettori sarebbero 
avvisati delle nuove opinioni dell'autore per rispetto alle prime 
sostenute da lui, e per quali ragioni egli stim6 di abbandonarle. 
II silenzio in questo caso nuoce tanto al lettore, quanto all'autore; 
a quello perche credera che le cose passate sotto silenzio conser- 
vino ancora il loro pregio e valore; a questo perche gli si possona 
attribuir opinioni ch'egli forse b,a gia ripudiate. Cosi, a cagion 
d'esempio, il grande assiriologo aveva prima scritto meglio che- 
mille pagine affin di dimostrar che la civilta assira dovevasi in 
gran parte a un popolo di stirpe turanica, e che la mitologia fin- 
nica porgeva riscontri maravigliosamente precisi con Taccadica, 
mentre la triade finnica Ukko Waindmoinen e Ilmarinnen 
corrispondeva a' tre dei superior! d'Accad, Anna, Ea e Mul-ge. 
Parimenti il nome accadico del sole, Biseba y era per lui lo stessa 
che il Beiwe dei Finni e de' Lapponi ; e 1' antica donna finnica di 
Pohja, la cui figlia produce le malattie, rassomigliava alia Nin- 

1 Revue critique d'histoire et de titter ar. n 50, 13 Dec. 1880. 



280 DEL PRESENTS STATO 

kigal degli Accadi, signora dell'abisso tenebroso e della sede 
de'morti. Ora nolle Oriyines de I'histoire dove si fa menzione 
de'mitianche delle tribfr phi dimenticate ed oscure del mondo, 
la mitologia finnica & omessa. 

Se poi si ponga mente alia diversita di significato che alle pa- 
role e alle frasi stesse si da dagli assiriologi, ancor per cotesto si 
& ben lungi dalla certezza necessaria a fondar un sistema di dot- 
trina e di esegesi, le cui concltisioni si possano far valere per ri- 
spetto alle origin! delle credenze e de'dommi biblici comparate 
con le tradizioni mitologiche delia Caldea. Le tavolette della crea- 
zione e del diluvio, la discesa di Astarte all'inferno, e i document! 
relativi agli dei ed a 1 genii, non sono intesi che nelle loro ge- 
neralita; ne'particolari non v'& Concorde opinione fra gli assirio- 
logi. Imperocche se il sillabario e la grammatica son molto avan- 
zati, il dizionario ancor non esiste, ma vi si lavora intorno con 
grande pazienza, in Q-ermania e in Francia, e con inetodo rigo- 
roso. Quando il lessico assiro sara finalmente compilato, allora si 
dovra ripigliar la traduzione delle iscrizioni storiche e dell'altre, 
si potra per esse come saldo fondamento, por mano a lavori sto- 
rici e a teoriche dottrinali piii vaste e sicure T . 

Stanislao Guyard compendia in poche parole la difficolta di 
cogliere la forma e il senso delle parole ne'testi assiri, mentre 
dimostra che per la certezza della lettura i mezzi abboudano. 
Oiova riferir le sue stesse parole per quel che riguarda il senso 
de' vocaboli. Pour ce qui est du sens, il est visible que si un as- 
syriologue ne relive pas fort exactement pour sou usage person- 
nel les vari antes graphiques de tel ou tel mot, que s'il ne contrOle 
pas ses lectures a 1'aide des idfogrammea des inscriptions a double 

1 St. GUYARD, Bulletin de la religion assyro babylonienne, nella Rev. de 
Thist. des~ relig. T. I, p. 337. Vedi GEORGE Smith's Chaldaeische Genesis ub. 
von H. Delitzsch nebst Erlaeuterungen und fortgesetzten Forschungen, von 
Frid. Delitzsch, Leipsig 1876; OPPERT, Fragments de cosmogonie chalde'enne, 
Paris 1879; FR. LENORMANT Les Origines de Vhistoire, Paris 1882; Fox TALBOT 
nelle Transactions of the biblical Society; Schraeder die Hollenfahrt der Istar, 
Giessen, 1874; OPPERT, L'immortalite de Vdme chez les Chalde'ens. Paris 1875; 
FR. LENORMANT, Etudes accadiennes, et J. HALEVY, Documents religieux de VAs- 
syrie et de la Babylonie. 



DEGLI STUDII LINGUISTICI 28 f 

r6dactions, que s'il ne prend pas soiu de d6pouiller les textes afin 
de comparer entre eux les passages on figure le merne verbe ou 
le meme substantif, que s'il se contente pour trouver le sens d'une 
racine d'ouvrir un dictionnaire n6breu, arabe ou arameen, il ris- 
que fort de commettre a chaque pas les bevues les plus singu- 
lieres. Or, il faut bien le dire, tout ce travail de d6pouillement et 
de comparaison minutieuse est encore a faire. Le syllabaire et la 
grammaire sont tres avances. Le dictionnaire n'existe pas. De la, 
ces traductions fantaisistes qui ont tant cheque" les savants ac- 
coutume's a la discipline severe des 6tudes classiques et orien- 
tales. 

I nostri lettori ricorderanno le gravi parole dell' Oppert da noi 
citate nel priino articolo di questo lavoro, intorno alia grandis- 
sima difficolta de'testi assiri e la leggerezza di taluni di spacciar 
le loro traduzioni che non rendono il testo, dont rien ne subsi- 
stera apres un examen consciencieux du texte original. La ca- 
gione di questa leggerezza e indicata dall' Halevy con modi vivi 
e sdegnosi. Aucune branche, dice, de la science moderne n'a 
et6 autant de fois refaite dans le court intervalle des sept der- 
nieres ann6es, que la mythologie s6mito-accadienne 6difi6e sur la 
base des inscriptions cun&formes. II faut en chercher la cause 
dans la precipitation regrettable de quelques assyriologues de 
nouvelle date a profiter des maigres donnees que leurs aines 
avaient arraches, ou plutOt qu'ils croyaient avoir arrachees a des 
textes obscurs, souvent mutiles, pour construire un systeme 
d'ethnologie complet, qui embrasse non seulement les trois ra- 
meaux civilises de la race blanche, les Egyptiens, les S6mites et 
les Aryens, mais aussi la race allophyle, septentrionale ou ouralo- 
altaique l . E. Renan nella relazione annuale sugli studii orien- 
tali in Francia, (Journal Asiaiique Juillet, 1881) parlando 
delle dissident degli assiriologi, cosi si esprime: < Vos seances 
ont ete remplies par les debats que soulevent les doutes 6normes 
qui planent encore sur certaines parties de 1'assyriologie. Yotre 
journal contient l'6cho de ces contro verses auxquilles ont pris 

1 Revue critique, dec. 1880. 



282 DEL PRESENTS STATO 

part MM. Oppert, Hale>y, Guyard, Pognon. Ce n'est que par une 
m6thode analytique des plus rigoureuses qu'on parviendra a sortir 
de ces embarras. La question n'est pas resolue parce qu'on a ap- 
pele 1'accadien rhieratique. Comme 1'a tres bien dit M. Barbier 
de Meynard, il est grand temps de livrer au monde savant le mot 
de l'6nigme, si Ton veut pr6server ces belles et f6condes 6tudes 
assyriennes du scepticisme et m&me du discr6dit qui finiraient 
par les atteindre. 

Nelle parole del Renan v'e molta esagerazione ; e affinche i 
nostri lettori non cadano in errore sulla natura di queste dissi- 
denze fra gli assiriologi, stimiaino opportune di brevemente indi- 
care la sola parte contro versa di questi studii. Trattasi dunque 
delle iscrizioni bilingui d' origine babilonica, copie fatte fare al 
sec. VII av. C. per ordine di Asurbanabal. Esse presentano due 
redazioni d'uno stesso testo, una assira, 1'altra in una lingua die 
la maggioranza degli assiriologi ritiene non semitica e che chiama 
on diverse nome; stimerica la denomina 1' Oppert e la scuola 
tedesca, accadica il Lenormant e la scuola inglese; ma FHale'vy 
seguito dal Q-uyard non ammette che questa lingua sia diversa 
da!!' assira, e perci6 dalla semitica, se non per semplice allografia 
jeratica della stessa lingua assira. La lingua detta dall' Oppert 
sumerica, e dal Lenormant accadica non sarebbe dunque altro per 
l'Ha!6vy, che una maniera di scrivere 1'assiro; e primitivamente 
dinoto il passaggio dall' ideografismo puro al sillabismo, piu tardi, 
ripigliato e sviluppato da' sacerdoti, divenne una vera lingua ar- 
tificiale, una specie di lingua dotta, nella quale la tradizione pre- 
scriveva di redigere certi testi, ma che per la sua oscurita ed 
insufficienza, aveva sempre bisogno di una traduzione x . Bonde 
apparisce che, se diversa e la lettura de' testi in siffatta lingua, la 
traduzione ^ per tutti la stessa. Hatons-nous d'ajouter, dice giu- 
stamente il Babelon, pour rassurer les sceptiques, que si les 
champions des deux partis ne lisent pas de la meme maniere les 

< Vedi nell' Academy (20 maggio 1882, p. 362) il dotto articolo deH'Hommel, 
professor di assiriologia nell' Universita di Monaco, tradotto e riportalo dal ch. E. Ba- 
Sjelon nogli Annales de philosophie chretienne, 52 e ann. nouvel. ser. t. VI, Juil- 
2et 1882. 



DEGLI STUDI1 LINGUISTIC! 28-> 

textes dits sum6riens ou accadiens, ils tombent tous d'accord sur 
la traduction : ce fait ne surprendra point ceux qui se reudent 
un compte exact du mecanisme de 1'ecriture ideographique '. 

Nella Miscellanea del dotto Penodico cattolico Stimmen aus 
Maria-Laach del 7 febbraio vi sono poco pi d di due pagine col 
titolo Populdre Assyriologie, e in esse troviamo svolta breve- 
mente, ma con mano maestra, questa nostra maniera di giudicar 
del presente stato degli studii assiriologici, massimamente in ri- 
sgnardo alle sacre scritture. II ch. autore, accennate le important! 
scoperte fatte in questi appena trenta anni che conta 1'assiriolo- 
gia. e la maggiore speranza ch'ella ne porge per 1'avvenire, fa 
le seguenti osservazioni, alle quali si palesa il suo fine giudizio 
e la sua profonda scienza assiriologica. Sventuratamente, dice, 
molti assiriologi han trascurato quella critica e quella esattezza 
che domandava siffatta speranza. Si sono essi dato unicamente 
pensiero di presentar molte cose nuove e interessanti a un pub- 
blico non ancor capace di ponderarne le prove e di comprenderle. 
Alcuni sonosi eziandio avventurati a scrivere su queste scoperte 
e a celebrare i successi delle loro ricerche come se gia certa 
fosse la spiegazione di tutte le iscrizioni. Ma nel presente stato 
della letteratura assira, e quasi impossible per coloro che non 
si occupano delle iscrizioni original!, di coglier in un sol caso il 
vero significato, non avendo 1'assiriologia ancor raggiunta quella 
perfezione che le attribuisce per esempio il Menant nel suo Ma- 
nuel de la langue assyrienne. Stima questo dotto cosa superflua 
in confermazione delle sue asserzioni recar qualche documento 
tolto dalle iscrizioni, cotal che questo scientijico manuale esige 
una fede cieca. Laonde non e maraviglia se coloro, i quali son pro- 
fondamente versati nelle lingue semitiche, a proposito di certe 
grandi scoperte, crollino il capo con una certa aria che esprime i 
lor dubbii, II riscontro delle traduzioni gia fatte, quando non 
siano state copiate tutte da un primo saggio, prova che questa 
nuova scienza ha mestieri di ancor molte oonferme. Chi pu6 p. e. 
accettar in buona fede la traduzione della voce us-bar, quando 

' Les antiquite's chdldeennes de Tello, negli Ann, de pTiilosoph. chre'tienn, 
Mai 1882, p. 107. 



'284 DEL PRESENTS STATO 

vede die uno traduce suocero, un altro gualcheraio, un terzo 
fertility, un quarto fmalmente invet natal Ne'libri degli assi- 
riologi si trova la stella Kak-s'i-di presa nel senso di stella 
polare per quest! argomenti : Kak-si-di in una iscrizione e spie- 
gato per sukunu; in arabo sukun vuol dir riposo , dunque la 
stella in riposo, immobile, la stella polare. Ora nel luogo in qui- 
stione il testo 6 scorretto; nell' originale del Museo britannico si 
legge: sukudu. Ed ora? Si rinunziera ad una interpretazione 
fondata sopra una lezione sbagliata? Nulla meno. Si terra sodo 
alia prima scoperta, s'applica il senso di prima al nuovo vocabolo 
esattamente letto, e si continua: la stella polare e detta sukudu 
in assiro. II simile e d'altre voci non poche. Una delle piu recenti 
traduzioni assire forma Iddii con pezzi di ghiaccio. Or come si po- 
tranno cavar legittime conclusion! e profittevoli ad al'tre scienze da 
quanto s' e finora ottenuto dall'assiriologia? Un uomo che si diede 
una volta *il vanto di leggere le iscrizioni assire come si legge 
un articolo di giornale, certamente non confessera mai d' essersi 
ingannato, e questo modo di operare pone coloro che non sono in- 
vestigator! di professione, nella impossibility quasi assoluta di far 
alcun pro delle scoperte assiriologiche. 11 prof. Grutschmid nella 
sua opera Die assyriologie in DeutsMand da a questo riguardo 
eccellenti consigli, sebbene con alquante esagerazioni e in una 
forma talvolta un po' brusca. > 

Segue la breve ri vista d'un lavoro del Dott. Rodolfo Budden- 
sieg, nella quale con pari dottrina che critica si dichiarano senza 
fondamento i riseontri da lui fatti tra certe autentiche rappresen- 
tazioni babiloniche e il capo III del Genesi, e finalmente V au- 
tore conchiude dicendo che se lodevol cosa e cercar gli antichi 
monumenti e confrontar con le Sante Scritture quello che da essi 
se ne trae, i teologi nondimeno non saranno mai abbastanza 
guardinghi, secondo che mostra 1'esempio de'dotti meritevoli di 
encomio e quello di coloro che sono di critica sforniti... Fintan- 
toche le molte e difficili question! previe di filologia e d'archeo- 
logianon sieno radicalmente sciolte, non v'ha, pur troppo! se non 
pe'soli assiriologi di professione, risultamenti sicuri in materia 
di assiriologia. La cui mission principale e per ora quella di 



DEGLI STUDII LINGUISTIC! 285 

occuparsi dell'esame critico de'testi, sceverarne il material e per 
gli studii avvenire, e farlo accessibile agli altri dotti. Senza 
questo saldo fondamento, le piu importanti scoperte resteranno 
inutili per successivi studii, e di legged potranno indurre in 
errore. 

Le quali cose sono state da noi brevemente ricordate, accioc- 
che chiara apparisse la insipienza di coloro che pretendono di 
fare della letteratura assiro-caldea un'arma contro la verita della 
Bibbia, e negando a questa 1'autorita e certezza storica, la con- 
cedono piena e infallibile a'testi e documenti, da'quali se finora si 
sono attinte preziose notlzie storiclie e religiose d' eta lontanis- 
sime, non pero si pu6 dire che tutto siasi esplorato e fatto certo : 
mentre e restano molte migliaia d'iscrizioni da interpretare, e 
delle nuove sempre ne vengon fuori, e una lingua antichissima 
sumerica o accadica o jeratica che vogliasi denominare, la quale 
non sappiamo quanto ancor tardera a farsi intendere. 

III. 

Gli argomenti onde i razionalisti si sforzano di dimostrare 
che nelle divine scritture si contengono miti, leggende ed er- 
rori, sono la piu chiara prova della loro critica stolta ed 
ingiusta. 

Tutto ci6 che alia Bibbia puo far venir meDo la riverenza e 
1' onore di libro divino e ispirato, e con incredibile ardimento e 
costanza messo in opera da' razionalisti ed increduli. Or se in 
essa si ritrovino per avventura miti, leggende ed errori, la sua 
prerogativa di libro divino e ispirato e certamente perduta, e la 
rivelazione che in essa si vuol depositata e custodita, diventa 
per questo stesso impossibile ed assurda, perche la parola di 
Dio 6 verita, e il mito, la leggenda e 1' errore non possono stare 
insieme e con venire con essa. Senonch& gli argomenti de' raziona- 
listi sono cosi stolti e ridevoli, che non pur la Bibbia, ma tutte 
le storie piti certe, se loro si applicassero, diverrebbero leggende 
e fa vole, e nessun libro umano potrebbe aversi mai per autentico 
e verace. 



586 DEL PRESENTE STATO 

II Peutateuco, dicono costoro, 5 un lavoro frammentario : vi 
sono delle ripetizioni: la storia della creazione e narrata due volte 
in modo diverse, e d'altra parte la descrizione del tabernacolo 
e delle vesti sacerdotal! e fatta due volte cou le stesse particola- 
rita ; il miracolo delle quaglie e della manna e raccontato al 
Capo XVI dell'Esodo e all'XE del libro de'Numeri con circo- 
stanze diverse: vi sono errori numeric!: queste ed altre difficolta 
della stessa specie, alle quali si risponde dagli esegeti cattolici 
edancheprotestanti, bastano a'razionalisti per gridar adalta voce 
che Mose non & 1'autore del Pentateuco. I/opinion qui attribue 
a Moise la redaction du Pentateuque est en dehors dela critique. 1 * 
Altri poi vi trovano la formation des mythes bibliques. > Ma dun- 
que Mos& non e esistito, ne" il Pentateuco e suo, perch 5 egii non 

10 scrisse tutto d'un fiato, si bene ad intervalli, e s'6 servito di 
documenti e memorie piu anticne? Perche uno stesso fatto & ri- 
ferito due volte con circostanze different!, si ha il diritto di sup- 
porre due autori, ovvero contraddizione in uno, quando i tempi 
sono diversi o il fine e le circostanze non sono le stesse? II Munck 
nel miracolo delle quaglie e della manna raccontato due volte, ri- 
conosce due autori; ma se il miracolo avviene due volte, Tuna 

11 15 del secondo mese dopo 1'uscita dall'Egitto, Taltra nell'anno 
seguente, avviene con circostanze diverse; se due sono i prodigi 
e in tempi diversi, per qual ragione le circostanze dovrebben> 
essere identiche ? 

La cosa piu facile a spiegare e quella degli errori puramentfr 
numerici e cronologici, qualora si consideri che ne da noi si ne- 
gano, ed e evidente la loro origine al tutto materiale, in quanto 
dipende dal modo di rappresentar i numeri presso gli Ebrei per 
mezzo di lettere, fra le quali alcune sono di forma somigliau- 
tissima, e per6 di leggieri pote ingannarsi il copista nella tra- 
scrizione 2 . Senza che Iddio non e obbligato di far miracoli per 
ogni copista ignorante ovvero distratto, quando Ferrore non versa 

1 REMN, Hist, gener. des langues semitiques, pag. 107. 

4 Vedi Les erreurs numeriques dans la Bible et dans les inscriptions cu~ 
ne'i formes, nella Revue des Sciences ecde'siastiques, n. 259. JUILLIET, 1881, V. Ser. 
t. IV, p. 65 e segg. 



DEGLI STUDII LINGUISTIC! 287 

sul domma e sulla morale, si bene in cosa di poca importanza, 
e il lettore puo, se cosi gli talenta, rimontando alle origini, 
correggere la lezione l . Cosi spiegasi 1'errore numerico delle 
4,000 staile di Salomone nelle croniche (2 Paralipomeni, 9, 
y. 25) e delle 40,000 de'Melakim (3 Beg. 4, v. 26). Ma net 
classic! e nelle antiche storie son forse ignoti questi error! di 
cifre? E nelle stesse iscrizioni cuneiform!, alle quali si da il 
merito e 1'onore d'una specie d' infallibility non son palesi i 
medesimi error! numeric! che nella Bibbia, senza tema di aver 
per cotesto a ritener le storie assire e babilonesi in conto di miti 
<e di leggende? 

E risaputo che con la lista o il canone de'Liramu pubblicato 
nelle Cuneiform* Inscriptions of Western Asia y t. II e III, e 
piu. compiutamente nelle Assyrische Lesestuecke di Federico 
Delitzsch, si fa il riscontro della cronologia biblica, e da certuni 
s'ha la pretensione eziandio di correggerla. Ora come giusta- 
mente riflette un dotto assiriologo (che non sappiamo per qual 
ragione abbia voluto occultare il suo nome nella Bevue des 
sciences ecclesiastiques, donde togliamo queste importanti osser- 
yazioni) : Sur les fameux cylindres comme sur les tablettes 
d'argile, dans les bibliothques de Ninive comme dans les palais 
des Sherrani (rois) nous pourrions relever mille et mille erreurs 
.analogues a celles qivon reproche a la Bible. E n'offre qualche 
saggio. 

Salmanuashir (Salmanasar II) contemporaneo di Bin-Hidri 

Dimashki (Benedad di Damasco) e d'Akhabu Tsirhlai (Acab 

d'Israele) ci Iasci6 delle sue imprese parecchi racconti. Sull'Obe- 

lisco da lui fatto alzare a Calakh ci fa sapere che sottomise 

Mkdime e Nikdiera sotto il Limmu Dayan-Asshur; ma nel- 

1'iscrizione lasciata da questo stesso re a Kurkh, sulla riva de- 

stra del Tigri, il medesimo fatto e riportato al tempo del Limmu 

Asshur-banai-utsur, cioe dire due anni prima. 

Tukulti-pal-Esharra I (Teglat-phalasar I) fece porre nelle fon- 

1 Si noti la somiglianza tra il *) (resc) e il *J (daleth), il n (diet) e la Jl (he) 
al 3 '(caph) e il 3 (beth). 



288 DEL PRESENTS STATO 

damenta a'quattro angoli del tenipio eretto in Assur 
Shergat) quattro prison ottagoni, dove sono scritte le sue geste. 
Ora in uno di essi leggesi la presa di Muratta, e vi son ricor- 
dati 60 rtikki eri doe 60 piatti di bronzo; mentre nel secondo 
prisma, dove si ripete lo stesso racconto, i piatti non son piu 60, 
ma ben 120. 

Nell' iscrizione d'Asshur-akhi-iddin figlio di Sin-akhi-irba 
(Asarhaddon) si ha in prima linea la guerra coutro Abdi-Mil- 
katti Shar Tsidunni, Abli-Moeh re di Sidone; (Cuneiform In- 
script. IB 45, col. I. 9): ma altrove essa e posta dopo la sottomes- 
sione di Nakid-Marduk (3 R 15, col. 2, f. 27). E in ricainbio 
questa stessa sottomessione di Nahid-Marduk e dal primo cilin- 
dro relegata dopo le spedizioni contra i Ciinmerii; la Cilicia, Tul 
Asshar e i Manna'i (1 R col 2, 1. 35). Tirez-vous, dice 1'autore, 
de ce vrai d6dale chronologique, et vous parlerez ensuite de 1'in- 
extricable chaos de nos livres saints. > 

Nel lib. 2 de'Re, si contano 11 figli di Davide nati a Geru- 
salemme, ma i Paralipomeni ne noverano 13. Simile inesattezza 
riscontrasi negli annali d'Asshur-bani-pal. Dopo la terza cam- 
pagna, i figli di lakinlu re d'Arvad, vengono a fargli omaggio, 
e sul cilindro A (3 R 18, col. 3, I, 120) son dieci co'loro nomL 
Ma lo stesso fatto e riferito sul cilindro B (3 R 30, col. 2, 1. 78) 
e dallo stesso Asshur-bani-pal, e nondimeno i figli di Jakinlu 
non son che soli tre. 

Dalle quali cose il dotto assiriologo trae queste sapientissime 
conseguenze. Negheremo 1'autenticita di queste iscrizioni? No 
certo. Metteremo in dubbio la veracita loro? Nulla meno. Am- 
mettete uno sbaglio dello scriba? Yi consanto. Allegate una 
ornissione la cui ragione ci sfugge? Nulla di meglio; supponete 
una inavvertenza nella trascrizione? Vi accordo tutto. Ma di 
grazia, siate giusti, e non abbiate due pesi e due misure; usate 
gli stessi riguardi con la Bibbia ; non vi scandalizzate per una 
lettera trascritta male, non rigettate un libro per una parola 
omessa a caso ; altrimenti voi mi dareste il diritto di riconoscere 
nel vostro modo di operare, un consiglio deliberate, e di appli- 



DEGLI STUDII LINGUISTICI 289 

carvi quella parola della Sacra Scrittura: Noluit intelligere ut 
bene ageret (Ps. XXXV, 4) \ 

Vana cosa e sperar da' critic! razionalisti una giusta impar- 
zialita che li condannerebbe al silenzio. La costoro critica, come 
ingegnosamente osservd il protestante I. P. Lange, penetra nel 
santuario degli Evangelisti, ciascun de'quali ci da con una ori- 
ginalita ispirata il loro ideale dell'unico Vangelo e dell'unico 
Signore... e s'immagina d'essere entrata in un profano studiolo 
di scrifctori e di copisti 2 . Paragona la critica biblica moderna a 
una specie di anatomia che taglia sul corpo vivo della Scrittura 
avec le scalpel d'une subtilite qui nie tout 3 . Ma ci6 non 
prova se non se 1'ignoranza e 1'imprudenza d'uomini che Iddio 
fieramente punisce ed umilia nell'atto stesso che a lui e alia sua 
parola discredono. Non vogliono sommettere il superbo intelletto- 
in ossequio della fede, invocano la scienza e la ragione siccome 
nonna e legge sovrana del vero, e intanto ci porgono il mise- 
rando spettacolo d'una scienza che e" turpe ignoranza, e d'una 
ragione intisichita che perpetuamente delira. Disconobbero 1'onor 
grande e quasi che pari a quello delle menti angeliche, a cui 
Dio avevali solle^ati, e si ridussero al disonore di farsi siniili a 
stolidi giumenti. 

1 Rev.des sciences eccle'siastiq. n. 259. Juillet, 1881, p. 70 

2 Grundriss der Bibelkiinde, p. 18. 

3 Ibid, p. 2, 3. 



Serie Xf, vol. XII, fasc. Ill i^ 26 ottolrt 18S2 



LA FELICITA TERRESTRE ' 

SECONDO ARISTOTELE 



VI. 

/ beni esterni rispetto alia felicita aristotelica 

Posta la dottrina d' Aristotele fin qui da noi dichiarata 2 , non 
sara guari malagevole 1' indoyinare ci6 ch'egli dovesse pensare 
rispetto agli altri beni esterni, che troppo spesso si scompagnano 
dalla virtu per accoppiarsi invece col vizio e coll'iniquita fortu- 
nata; quail sarebbero gii onori, le dignita, le ricchezze e i diletti 
pur amen te esterni. 

1 Vedi quaderno 776, pag. 172 e segg. 

* Mi sia qui lecito osservare che, quanto alia dottrina di Aristotele sull'eudemo- 
nismo, pare a noi che in fondo 1'abbiano poi seguita rispetto alia felicita anche quei 
medeshui die fecero professione di attenersi allo sloicismo; almeno tutte le volte che ne 
ragionarono non a dettato di sistema, ma seguendo il nalurale buon senso di lor propria 
ragione. Cosi fece, per citarne uno dei piii famosi, il filosofo d'Arpino, quando, postosi 
indipendentemente dagli stoici a studiare da se la relazione dell' utile coll'onesto, venne 
alia conseguenza non poter mai esser utile cio che onesto non sia, e tra il vero utile e 
1' onesto non poter mai essere alcuna reale ripugnanza, poiche all' uno e all' altro del 
pari natura ci sproiia. 

... Nihil utile, dice egli (nel De off. Ill, 79), quod non idem honestum, nihil 
honestum quod non idem ulile sit... Itaque non ut aliqnando anteponeremus utilia 
honestis, sed ut ea dijudicaremus si quando incidissent, induxit earn quae videretur 
esse, non quae esset repugnantia. Hanc igitur partem relictam explevimus nullis 
adminiculis, sed ut dicitur marte nostro... Cum igitur aliqua species utilitatis obiecta 
est, turn commoveri necesse est. Sed si cum animum attenderis, turpitudinem videas 
adiunclam ei rei quae speciem utilitatis attulerit, turn non utilitas relinquenda est, sed 
intelligendum ubi turpitude sit, ibi utilitatem esse non posse. Qaod si nihil est tain 
contra naturam quam turpitude... nihilque tarn securidum naturam quam utilitas, certe 
in eadem re utililas et turpitude esse non potest. Itemque si ad honestatem nati su- 
mus... necesse est quod honestum sit, id esse aut solum aut summum bonum; quod 
utem bonum id certe ulile; ila quidquid honeslum id utile. Itaque error hominum 



LA. FELICITA TERRESTRE SECONDO ARISTOTELE 291 

Aristotele si contenta di rispondere, che di essi abbisogna bensi 
1'uomo per esser Mice in terra, conciossiache egli pud usarne 
come di inezzi, e quando coteste cose vi sieno, alia Micita ser- 
viranno di lustro e la renderanno perfetta quanto pu6 essere la 
natura della Micita terrena; ma non essere punto necessarii ele- 
menti costitutivi della Micita in sonso assoluto, e per6 la loro 
mancanza non alterera sostanzialmente la Micita dell'uomo vir- 
tuoso. Invero 1' oggetto di essa sostanziale dev' essere dipendente 
da noi, sicche tutti procacciar lo possiamo, come dovuto alle ten- 
denze dell'iimana natura; ma, procacciato die sia, sara a noi si 
intimamente unito da non potersi togliere per qualunque sforzo 
altrui, non piu che da quaisiasi ingiuria o vicenda dell'avversa 
fortuna. Tutto questo poi 5 per Aristotele novella prova del non 
potere in altro consistere la Micita sulla terra che nell' esercizio 
della virtu, la quale sola unisce in s col veramente bello e per- 
fettivo lo stabilmente dilettevole. La virtu pertanto dei mezzi 
esterni, che dicemmo, fara suo pro, usanlone a belle imprese; 
e quanto alle sventure, se ne passera leggermente, spregiandole 
se picciole e passeggere; che se poi sieno grandi e molteplici, 
bench& guastino allora in parte la felicita col recare di gravi 
molestie, tuttavolta in qualche modo T uomo virtuoso se ne rifa, 
e ci6 che perde la felicita nel lato eudemonico, riacqnista sot to 
un altro. Conciossiache non mai ineglio risplenda il bello della 

non proborum est, cum aliquid, quod utile visum est, arripuit, id continue secernit 
ab honesto. 

Or cio che vale delPut ; le dee dirsi del diletto e di tutto il complesso del benes- 
sere umano, in quanto e sottoposto alia parte ragionevole ; tanto che Cicerone stesso 
giunse a dire che quand'anche gli uomini potessero celare a Dio ed ai mortal! le loro 
iniquita, ancora melterebbe meglio per il lor benessere il vivere a norma di virtu che 
rotti a vizio. Satis enim nobis, si modo in philo^ophia aliquid profecimus, persuasum 
esse debet, si omnes deos hominesque celare possimus, nihil tamen avare, nihil iniuste. 
nihil libidinose, nihil incontinenter esse faciendum. Cosi nei libri De officiis. E mi 
Paradossi (Parad. II) ecco come parla per contrario dell' infelicita di chi non vive a 
freno di virtu: c Nescis insane, nescis quautas vires virtus habeat; nomen tantuni vir- 
tutis usurpas, quid ipsa valeat ignoras... Te miseriae, te aerumnae premunt, qui te 
beatum, qui florentem putas; tuae libidines te torquent, tu dies noctesque cruciaris, 
cui riec sat est quod est, et id ipsum ne non sil diuturnum times; te conscientiae 
stimulant maleficiorum tuorum... quocumque aspexisti, ut furiae, sic tuae tibi occur- 
runt iniuriae quae te respirare non sinunt etc. 



292 LA FELICITA TERRESTRE 

virtti, ehe qnando alcuno sopporti con aniino equo e sereno di 
raolte e gravi sciagure, non gia per istupidita di natura, ma per- 
che reso forte e magnanimo dalla virtu e tetragono ai colpi del la 
fortuna. 

Anco in quelle contingenze poi 1' uomo virtuoso operera il ine- 
glio che per lui si possa; in quella guisa che un prode capitano 
sa valersi di quel tanto di esercito, che ha saputo raggranellare, 
nel modo piu acconcio alia battaglia, o come il bravo calzolaio 
dara sempre ai suoi calzari Tottima forma ancorche gli sieno 
date pessime pelli. Che se e cosi, conchiude espressamente Ari- 
stotele, 1'uomo virtuoso non potra giainmai divenir misero; e 
ci6 perch& le azioni virtuose sono appunto le padrone e donne 
della felicita: ii ft itvfa ai svipyttou xvptzt TV?; ?w 



A questa conclusion e di Aristotele pare che contraddica ci6 
che poco appresso soggiunge : Se uno cadesse nelle sventure 
di Priamo, non potrebbe esser detto beato: it & curwg a^Xzo? plv 
ou^inois. yivor^o av o au^afawv, ou ULSV /uta^a^zog 1, av IT t o //,- 
xa; TUX^ Tis/jfTicVvj 2 . > Alia opposta difficolta si pu6 rispondere 
in due modi: o che Aristotele iinputasse il cadere in gravi e 
lunghe sventure a castigo del cielo per essere uno venuto meno 
in passato al debito di operare secondo virtft, vuoi nella vita 
privata, vuoi nelUainministrare la cosa pubblica; o che quantun- 
que chi operi secondo virtu non possa mai esser misero, perche la 
virtu sua rende sernpre contenta la vita, non per6 basti la sola 
a renderla quaggiu anohe sempre del tutto felice 3 . 



1 Etica Nic. I, 10. 

2 Etica Nic. lib. I, cap. 10. 

3 Conclusione che anche Cicerone nel suo buon senso o seppe scoprire, o tolse di 
peso da Aristotele nel 2 dei Paradossi in queste parole: c Quamobrem ut improbo 
et stulto et inerti nemini bene csse potest, sic bonus vir et ibrtis et sapiens miser esse 
non potest. Nee vero cuius virtus moresque laudandi sunt, eius non laudanda vita est: 
neque porro fugienda vita quae laudanda est. Esset autem fug'enda si esset misera. n> 
Ancor egli a' contenta di non dirla misera, non pero felice. 

Osserviamo poi die quantunque ciascuna delle date risposte sembri bastare a di- 
I'endci'ft Aristolele dalla taccia d' illogico, pure csse non sono esclusive Tuna dell'allra, 
falsissimo che, se ogni avversita vien data in punizione di qualche male com- 



SECONDO ARISTOTELE 293 

E quanto alia prima risposta, pu6 essa comprovarsi a sufficienza 
dal cap. IX, dove Aristotele attribuisce agli uomini sventurati 
il turbare ch'essi fanno per opera loro la felicita col divenir 
privi di molte cose; sviav $2 T^TOOLUVSJ fanodvwyt ~o paxdptw, 
some .se fosse serapre alia fine colpa degii uomini, o come privati 
o come sociali, il non meritarsi quella dovizia di beni esteriori, 
che pur sono necessarii a render la vita felice. E che ci6 sia vero 
abbastanza confermato anche dall'osservazione che in quel capo 
Aristotele parla quasi esclusivamente del bisogno di dover essere 
-stabili nella virtu per essere stabili nella felicita l . 

La seconda soluzione poi ci pare assai conforme a ci6 che 
Aristotele dice appresso, quando tratta la questioner se la felicita 
sia dono degli Dei o della fortuna, ovvero acquisibile per pura 
opera dell'uomo; ove dopo d'aver mostrato essere un assurdo il 
ripetere la felicita dalla fortuna, mostra evidentemente ch'ella 
da una parte dee tutta ripetersi dalla sola opera dell'uomo, e 
che dall'altra ell'e nondimeno anche vero dono di Dio. Con- 
ciossiache ci6 da cui alcuna cosa procede come da primo prin- 
cipio, a quello necessariamente mette capo come ad. ultimo fine, 
e per6 se fu dono di Dio nelle potenze il principio primo per 
cui 1'uomo opera virtuosamente, molto piu da Dio vuolsi ripetere 
la consecuzione del fine, ossia 1'oggetto che le potenze intellet- 
tive operanti perfeziona e compie. Ma cio non potrebb' essere se 
un terzo elemento avesse luogo fuori dell' opera dell' uomo e di 
Dio, primo movente ed ultimo fine. 

Quindi e che Aristotele nell' ultima e piti sottile disquisizione 
che pone in fine di questo libro 2 , dove tratta se la felicita sia 
degna di lode ovvero di onore, non esita punto di rispondere 
ch' ella in se considerata & degna solo di onore, essendo ella per 
se un bene superiore ad ogni possibile lode, perche bene diviuo. 

messo, debbasi poi anche al bene sempre retribuire quaggiu la mercede, massime es- 
sendovi un'altra felicita dopo la vila mortale. Oa anche Aristotele oltre la terrena 
ammise, come vedrcmo, una felicita fntura. 

1 Quando trattasi di felicita lerrena, dove 1'uomo e naturalmente sociale, non vale 
Fobbiezicnc del dover essere il premio personale, come personale e la virtu. 

2 Etica Nic. lib. I, cap. 12. 



294 LA FEUCITA TERRESTRE 

Invero, osserva egli, la lode propriamente, a distinzion deH'onorev 
si da alle opere che sono relative, cioe in via al conseguimento- 
di qualche altro fine, ma il fine ultimo ed assoluto come il primo 
principio non ha piu relasdone ad alctm altra cosa che sia fuori 
di se. Or cotal bene assoluto, non pu6 essere che la stessa divi- 
nita, o in se, o in quello che da essa in qualche guisa deriva e si 
partecipa in atto. Cos! p. e. 1'autorita, provenendo tutta da Dio- 
e sempre degna d'onore (purche legittima) anche quando la per- 
sona in cui 6 derivata non fosse per ventura degna di lode. - 
Ma meglio sara che noi rechiamo ie parole stesse di Aristotele : 
Che se dunque la lode, dice egli, e propria di coteste qualita 
relative, & chiaro ch'ella non s'addice alle ottime ed assolute, 
perch& queste meritano evidentemente qualche cosa di pift e di 
meglio. Infatti noi chiamiamo beati e felici gli Dei, e reputiamo* 
pure beati coloro che piu ad essi s'assomigliano *. Fin qui Ari- 
stotele, il quale poi confutando Eudosso per aver posto come fine- 
ultimo il piacere lo loda per6 d'aver detto con ragione essere il 
Nume ed il Bene Sommo migliore e superiore a tutti i beni lode- 
voli 2 . Aristotele pertanto conchiude con quest'ultima conseguenza: 
che la causa prima movente e finale di tutti gli altri beni, di ne- 
cessita e una, e questa & divina e perci6 sola meritevole di onorer 
T>}V &p%W $1 rcai 10 otticsv TGOV Ayal9c5y TJ'/JUGV n y.xl Siiw r/fid/JtrX 
E qui giunti a passo a passo sulle orme di Aristotele, potremmo 
conchiudere questo articolo, osservando quanto sieno sempre con- 
formi ai risultati della vera filosofia, e della scienza in generate,, 
quando questa e verace e non gia mentita, quelle alte verita che 

1 Etica Nic. lib. I, cap. 12. 

4 Ball' essere il piacere un bene, ma in se non degno di lode, Eudosso deduceva 
ch'esso fosse dunque degno di onore e percio il bene sommo. Platone lo confulo, mo- 
slrando cb' esso non e il sommo bone (cio che dovrebbe prima provarsi per dirlo- 
dogno di onore), essendoche al piacere puo andar congiunta la Prudenza ossia la Mente. 
Arislotfile approva 1'argomento di Platone, essendo verissirao che a I bene sommo niun 
altro bene si dovrebbe poter aggiungere. Ma poi dell' argomento stesso si serve per 
confutare Platone, perche il piacere, dice egli, lo desidera ancora chi ha la mente, e 
conchiude che dunque il sommo bene e il fine ultimo, perche possa costituire la fe- 
licita e appagare totalmente le lendenze, deve avere amendue insieme gli element! m 
sommo grado (Vedi Etica Nic. lib. I, cap. 12. e lib. X, cup, 14). 



SECONDO ARISTOTELE 295 

noi teniarao per fede. Per ferino, stando solamente al nostro sog- 
getto, agevolmente si scorge quanta luce esse gettino sopra quel 
ianto di vero die il lume della retta ragione ha potato di per s& 
Titrovare per rispetto alia felicita. Si vede di fatti a prima giunta 
la necessaria relazione che dee correre tra la virtu terrestre e la 
sua ricompensa celeste, tra gli affanni di questa perpetua lotta e 
i gaudii finali della vittoria, tra le concatenate vicende degli og- 
-getti che fanno niateria alia virtu, e il dolce riposo della quiete 
perfetta dell'oggetto finale; breve tra Dio creante, nostro primo 
principio, e Dio beatiftcante nostro ultimo fine. 

VII. 

Se Aristotele credesse conseguibile da iidti quaggiu una feli- 
cita perfetta. 

3ia prima di questa conclusione ci & d'uopo toccare un'altra 
qaestione sulla felicita deiruoino secondo Aristotele. Queste ve- 
rita, che ora pel beneficio della rivelazione alia nostra mente ri- 
fulgono si connesse, si logiche, si necessarie, il filosofo pagano 
;non le potea scorgere, e pero Aristotele stimava bene di non av- 
venturarsi in un mondo a lui ignoto, e di non toccare neppure la 
superficie di quelle acque, di cui scorgea non poter riuscire a pe- 
netrare il fondo. 

Cio passi, dira forse alcuno non affatto digiuno delle dottrine 
aristoteliche ; ma perch^ voile Aristotele non solo fermare sulla 
terra una felicita che non vi scorgea, ma confutare poi anche il 
suo maestro Platone che pure con un barlume gli tracciava la via 
<Tuna felicita piu compiuta da conseguirsi dopo la presente vita? 

Per rispondere a deguatamente a questione si complessa, in 
primo luogo osserveremo esser falso che Aristotele non vedesse 
la impossibilita di conseguire una perfetta felicita sulla terra. 
Certo non par credibile che un filosofo di mente si acuta non ne 
scorgesse i manifest! assurdi. La stessa definizione ch'esso ne da, 
ci conluce fin dalle prime a doverne cercare 1'oggetto in una 
vita avvenire. Egli invero determina la felicita come quella che 



296 LA FELICITA TERRESTRE 

basta sola a rendere eleggibile la vita e non piti bisognosa di 
cosa veruna: TO 5' aurapxsg t&s^sy o p.ovQvp.tvw ottpztov r^nl 



1 : ma poi egli stesso ci addita di quante cose abbisognasse 
quaggift anche I'uomo virtuoso, le quali per certo neppur esso potea* 
conseguire. Di piu egli pone la felicita sostanziale nella virtu; 
in atto, siccome quella che sola pu6 rendere 1'uomo pago e con- 
tento. Ma oltreche 1'uomo neppur nella veglia puo quaggifr esserer 
in una perpetua attivita virtuosa, per feririo nol pu6 nel sonno ; e 
cosi Aristotele stesso dovette confessare vero il detto, che per 
raeta della vita 1'uomo felice sarebbe pari all' infelice 2 . Or come 
dunque potea porre un'assoluta felicita in tal natura, inentre 
confessa che felice per meta della sua durazione esser non puo ; e 
ci6 per necessita della sua stessa condizione presente ? 

Inoltre egli richiedeva, almeno alia perfezione accidental della 
felicita di quaggiu, tanto di prosperita che si potesse diventare 
corega in Atene 3 , e insieme faceva a tutti comune il diritto alia 
perfetta felicita. Ma ognun vede essere in se assurdo che tutti 
gli uomini possano avere tanto di dovizia e di mezzi quali si 
richiedevano per le ingenti spese del corega 4 . 

Da ultimo egli domandava per la felicita terrestre anche una 
vita di durazione perfetta, non bastando a ci6 pochi anni n& pic- 
ciola eta, come non basta un giorno n& una rondine a formare la 

1 Etica Nic. lib. I, cap. 7. La definizione di Aristotele fu adottata con piccola 
inodificazione di parole da tutte le scuole, nonche dall'Aquinale : c felicitas est bonum 
<|uod totaliter quietat appetitum. 

2 Etica Nic. lib. I, cap. 13. 9oiv ou^ev ^la^speiv TO vjaicju TOU ptou 
TOUC su^aipiovag Ttov a6Xicov. 

3 Etica Nic. lib. I, cap. 9. etY) 5"' av xai iroXuxoivov etc. (TQ eu^atjjiovia).. 

4 In Atene un principio economico stabiliva die alle feste dello Stato provvedes- 
sero i doviziosi cittadini; e queste spese passavano sotlo il nome di AetTOUpyta. Fra 
tutte le lilurgie si distingueva la /ppiQY&i'a (da chorumagere) ossia 1'onore di guidare 
il coro al teatro. 11 y v opov S^i^ovai e /opov Xa^siv indicano 1'atto con cui il corega 
veniva autorizzato di dare il coro al poeta. Dal momento della scelta dei coreuti, che 
talora era di tre mesi prima, il corega doveva, oltre alle altre spese, vestirli ed ali- 
mentarli. A lui apparteneva pure la spesa dell' apparato scenico. Or chi conosce qua! 
fosse lo sfarzo e il numero dei coreuti sul teatro greco d'allora, intendera leggermenle 
;i qu^il somma dovesse montare la spesa del ricco corega. 



SECONDO ARISTOTELE 297 

primavera T . Ma quanti fanciulli scorgeva poi egli sul primo li- 
initar della vita, e non anco giunti a uso di ragione essere senza 
<;olpa rapiti ai loro carl, come dal turbine sono schiantate le rose 
she appena sbocciano; egli che pur affermava dirsi da noi beati 
i fanciulli, non gia per la virtu che allor non esercitano, ma per 
la speranza delle virtu future, per le quali possono ancora disporre 
11 loro tempo 2 ? Or tutti cotesti ed altrettali assurdi che di per 
se si affacciano alia mente, non lasciano credere che Aristotele 
volesse porre come perfetta la terrena felicita, ma bensi indicarci 
quella che potrebbe dirsi felicita massima dell'uomo terreno. Per6 
conchiudeva: A tali condizioni solamente voi potrete esser fe- 
lici sulla terra; ma notate bene, felici quand'anche sappiate con- 
seguir queste cose, sol come uomini di quaggiu: it $ ourw; fxa- 

olg vndpzit ta XexdlyT 



Si badi da ultimo che se Aristotele, a differenza degli Stoici, 
ha voluto prendere a dimostrare tuttoci6 che farebbe duopo, oltre 
alia virtu, per la felicita terrestre dell'iiomo e in una vita ter- 
rena, non credette per6 giammai che la felicita terrestre fosse la 
sola felicita di fatto per Tuomo; no, ma ne ammise per tutti una 
futura, a cui la vita terrena fosse da porsi in relazione. Di questa 
vita e felicita futura egli parla quanto basta per farcene cono- 
.scere 1'esistenza, ma non voile entrare a determinarne i particolari; 
eecetto alcuni di quelli che avessero relazione alia vita presente, 
ovvero per confutare coloro che presero a trattare della felicita 
avvenire troppo incautamente, perche con lume troppo fioco vollero 
fissar 1'occhio a tanta altezza. 

E qui si pu6 domandare in primo luogo: Aristotele intende 
egli di confutare veramente Platone quando al c. 6 del libro I coii- 
futa le idee universal, nella cui intuizione riponeasi dalla scuola 
di quello la futura felicita? A noi pare che direttamente, piuttosto 



1 Etica Nic. lib. I, cap. 7. ETI & sv j3u.) ToXsiw, p,ia yap x&\Mv eap 
oii iroiet 

2 Ora 
>icurezza oe 

lalle cque baltesimali. 



pero si possono chiamar beati per altra assai piu grande ragione, per la 
oe della felicila eterna in virtu dei meriti di Cristo S3 pero sieno rigenerati 



298 LA FELICITA TERRESTRE 

che Platone, egli volesse confutare i platonici, cioe coloro che- 
Aristotele reputava falsi seguaci della dottrina platonica, siceome- 
quelli i quail credeano le idee sussistenti ed universali delle cose 
essere realmente distinte e divise come tante forme da se, mentre- 
tali non le avea poste Platone. Aristotele stesso eel dice aperta- 
mente nell'8dei Metafisici al c. 4. o asv lutpziyg l (cio5 Platone) r 
7# xx6o\ov ov -/Mpisix insist ovdl TSUS opc^usOg, ol Ss (cioe i 
platonici) s/^sjcrav xae ta Tsauta TWV OVTCOV e8&$ npr/r/zpsv- 
?M. De' Platonici poi non gli era difficile la confutazione, quale- 
ognuno pu6 vedere al c. 6 2 . 

Sulla fine del medesimo capo pare che Aristotele accenni qual 
fosse veramente la dottriaa di Platone; quella cioe che pone- 
quaJe oggetto future della perpetua felicita dell'iiomo la contem- 
plazione del bene, universalissimo bensi, ma come unico principio, 
e causa prima esemplare ed efficiente di tutti i beni individuali e 
particolari, al quale come a fonte unica di bene questi mettana- 
capo, non essendo essi beni in se stessi rispetto a quell' uno so- 
non per analogia: XX' apz yz TW <p' sy&g slvae, y npo$ sv anwtar. 
7DVTXcIv *% fJiaXXov xr' ayaXoyJay 3 . 

Or che tal bene, il quale alia fine e Dio stesso, costituisca la 
inassima felicita, Aristotele pun to nol niega; solamente si con- 
tenta di obbiettare contro Platone, tale felicita non essere acqui- 
sibile per forza puramente umana, anzi spettare la perfetta pos- 
sossione di tanto bene per sua propria natura alia sola dirinita:: 



1 Spessissimo Aristotele nella persona di Socrale designa Platone stesso per aver 
questi attribuito quasi sempre a Socrate i propri pensamenti. 

2 Soprammodo bello e in Aristotele 51 proctjsso di tale confutazione. Premesso che 
vuolsi sempre cercare la verita sopra 1'amicizia e sovra ogni cosa del mondo, mostra 
egli dapprima ab absurdis che le idee del bene, secondo i Platonici, dovrebbero avere- 
itisieme il prima e il dopo, per poler esser comuni ad ogni sorta di bene. Dipoi che- 
essendo convertibile il bene coll' essere, esse non potrebbero stare in alcuna cate- 
goria speciale, cio che pur sarebbe necessario per poter esser comuni. Quindi mosira/ 
che, considerate in se, non conterrebbero nella ragione entitativa di bene piu dei par- 
ticolari. Conchiude che 1'idea di bene e trascendentale come quella dell'ente, e pero non 
ista sotlo alcun genero; e che al postutto ella tornerebbe inutile allo scopo di aiular 
1'uomo alia consecuzione della felicita, tranne che si ritornasseal vero senso Plalonico., 
nd (jiial caso ella non sarebbe pero conseguibile per sola opera dell'uomo. 

3 Mica Nic. lib. I, cap. 6. 






SECONDO ARISTOTELE 599 

/y.p YM err* sv TJ Raj xorvvj wtYiyopwtjLzvyj aya0ov, >j yoo- 



auto >:at ay 75, qav GO; ou/c 
' vuy $1 T^JSUTSV T* 'C l 



E quanta a cio dicea vero in parte; poiche sappiamo che 1'aomo 
anche nal mero ordine naturale non sarebbe stato capace di con- 
seguire colle sole sue forze e senza special! aiuti (proporzionati a 
quell' ordine) neanche 1' ultima beatitudine naturale. Aristotele 
non poteva del resto col solo lume della ragione andare piu oltre; 
vedeva una felicita assoluta nel possesso della divinita, ma come 
tai possesso fosse poi acquisibile dalFumanita ancor non vedea, 
: ne umana mente avrebbe per ventura potuto immaginare. 

YIIL 

Aristotele ammise una felicita ult rater rena. 

Dunque Aristotele neg6 per questo all 1 uomo una felicita ultra- 
terrena? Risponiiamo che no. Ci6 & manifesto, quando non fos- 
s'altro, dalla questione ch'esso pone al c. 11 del libro I, quando 
ricerca se i b^ni e i mali dei figli e de' congiunti lasciati sulla 
terra nulla inflaiscano a rendere piu o men felici i trapassati. E 
qui pure in materia che dovea essere si buia per lui, risponde, 
per quanto alia pura ragion naturale era dato, conformement e a 
Terita, cio6 non potere cola i felici per le s venture dei loro cari 
divenir miseri, n^ i miseri divenir felici per le prosperita dei 
medesinai; breve, niuna avventura dei viventi mutare sostanzial- 
mente lo stato loro; dovere cio non pertanto rimanere una qualeiie 
relazione tra i viventi e i trapassati, e questa essere assolutamente 
richiesta, quando non foss'altro, anche dalle leggi deH'amicizia, 
la quale q iarid'^ verace, non puo tra esseri immortali cessar colla 
morte, ma dee darare eterna 2 . 

Cio basterebbe al postutto per assicurarci che Aristotele am- 
mise una vita ed una felicita a v venire. Del resto egli seppe spin- 
gersi piu innanzi in questa parfce seaza par mettere il piede in 
falso, fino a dimo itrare cioe con soli argomenti, che il compimento 

1 Ibid. loc. cit. 

2 Ibid. lib. I, cap. 11. 



300 LA FELICITA TERRESTRE 

di tale beatitudine dovesse consistere formalmente in un atto del- 
1'intelletto contemplante. Ci6 egli prova, 1 perch5 questo e in 
s& 1'atto pi ft perfetto, tutta compiendosi la sua vita nel suo pro- 
prio esercizio, senza bisogno d'altra cosa esteriore (tranne 1' og- 
getto gia fatto tutto suo e total mente a lui congiunto); 2 perchk 
ottiraa essendo in se la sua operazione, ottimo e masshno vi e 
pur congiunto il piacere; da ultimo perch6 la felicita 5 quiete 
perfetta, e questa e propria dell' atto contemplative, restando alia 
volonta fuor d'ogni ulteriore tendenza il solo gaudio che con- 
segue alia possessione e contemplazione dell'oggetto. 

Per tutto questo Aristotele conchiude; la felicita perfetta es~ 
sere per se propria della divinita, e solo parted pabile airuoino 
conteraplativo in quanto esso ha del divino. Questa vita con- 
templativa, dice Aristotele, supera la natura stessa dell' uomo; 
e 1'uomo non vive di questa vita come uomo, ma come quegli 
che in s5 abbia un certo che di divino. E quanto ella e del com- 
posto piu eccellente, tanto & piu eccellente 1' operazione sua che 
non e 1'operazione che derivi da qualche altra virtu. Se adun- 
que la mente, comparata coll' uomo, e cosa divina ; la vita ancora, 
che e secondo la mente, comparata colla vita umana, sara cosa 
divina: ne dobbiamo gia noi aver 1'intento nostro nelle cose 
umane perci6 che uomini siamo, ne nelle cose mortal! perci6 che 
siamo mortal!; anzi dobbiamo il piu che si possa renderci im- 
mortal i facendo ogni sforzo per vivere secondo quella parte di 
noi, che in noi e 1'ottitna... e che ci e propria...: a ciascuno poi 
e anche cosa ottima e soavissima quella operazione che gli ^ 
naturalmente propria l . 

1 Da ciu Aristotele argomenta che la vita piu perfetta anche quaggiii sia la con- 
templativa; ma pare ch'esso avrebbe piutlosto dovuto conchiudere, solamente la vit^ 
contemplaliva esser la piu felice, quando sieno poi anche, come osserva nel libro X 
capitolo ultimo, preparati gia all' uomo gli altri aiuti pel nutrimento e per mantener 
sano il corpo. Del resto egli avrebbe ragione quando lo stato presente fosse lo stafo 
assoluto dell'uomo e non gia di via alia felicita assoluta, e pero stalo di operazione 
con fatica e con merito per la medesima. Quindi e che, considerata la vita presenter 
quale essa e di fatto, si puo conchiudere coi migliori asceti : lo stato piu perfetto in- 
terra essere lo stato di vita mista, cioe di vita insieme contemplativa e attiva, in cui 
la parte contemplativa, che quaggiu e necessariamente imperfetta ed e mezzo e noii 
line, sia diretta all' operazione secondo ragione, cioe all'atlivita virtuosa. 



SECONDO ARISTOTELE 301 

Per le quali cose ognun pu6 scorgere quanto Aristotele s'ac- 
costasse a Piatone. 

Ma qual fosse 1'oggotto nella cui contemplazione si compisse la 
felicita dell' uomo dopo morte, come venissero appagate dalla pos- 
sessione di un oggetto in finite le tendenze nostre che all' infinite 
si spingono, eran proposte alle quali Aristotele reputava troppo 
corte 1'ali dell'umano ingegno per raggiungerle. Quinii e ch'egli 
fermossi piuttosto a dimostrare, come 1'uomo operar dovesse se- 
condo virtu per essere ora felice al possibile sulla terra, sicuro 
che cercando quaggiu la felicita nella virtu, conformemente alia 
sua ragionevol natura, non gli mancherebbe dal provide Nume al 
di la della tomba, qual ch'ella si fosse, ma pur degna d'un Dio 
la ricompensa, degna doe di quel Nume che avendogli gia fatto 
dono della ragione per operare da uomo, gli farebbe anche il 
massimo dei doni nella consummazione dell' ultimo fine, quasi 

divinizzandolo con una perfetta felicita ] . 



1 Quest! sentiment! sono equivalentemente espressi da Aristotele in piu luoghi, e 
principalmente sulla fine del libro X, al capitolo 8, in queste parole: Chi opera se- 
condo la mente (cioe secondo virtu) e nulla osservando, e chi sta con lei ottimamente 
disposto (cioe in buona coscienza) coslui pare che da Dio sia grandemente amato. 
Perocche se dagli Dei, siccome e certo, e tenuta cura alcuna degli uomini, e ancora 
verisimile ch'essi amino quella cosa che e ottima e a loro propinquissima; e tale non 
e allro che la menle; e che essi relribuiscano beneflcii a qtielli che essa mente amano 
ed onorano ; come a chi tenga conto dei proprii cari, e a chi operi bene. Ne e ignolo 
che tutte le cose dette si ritrovano nell' uomo che e saggio. Sara dunque un tal uomo 
amicissimo a Dio, e tale e verisimile ancora che sia felicissimo. Onde 1' uomo savio 
per tal guisa verra ad esser felice. 

Fin qui Aristotele, dove e degno di nota che, quantunque egli s'adaltasse alia falsita 
pagana col nominare gli Dei in plurale finche loro atlribuisce quello che non sono e 
che non operano, pure parla sempre di Dio in singolare quando ne parla seriamcnte, 
o di quelle attribuzioni che sono secondo lui le sole e proprie della divinita. 



FLORA, FAUNA, AVVENTURE 

APPUNTI 

DI UN YIAGGIO NELL' INDIA E NELLA CINA 



XXY. 

STRANA CERIMONIA, E BARBARI COS'iUMI. 

In una spaziosa trabacca sedea sovra un tappeto, le gambe ac- 
ciambellate all'orientale e una lunga pipa in bocca, un vecchiotto 
asciutto e muscoloso dalle fattezze lunghe e risentite, con in 
fronte un paio d'occhi pungenti e scrutatori, sopracciglia rigida- 
mente arcate, capelli come fiocchi di neve bianchi, e aria di yolto 
chiusa e pensativa. Portava in capo una specie di turbante, e in 
dosso una tunichetta di tabi, che gli andava fin sotto il ginocchio, 
serrata all'a vita da una fascia azzurra, profilata di rosso sangui- 
gno. La tunica era sparata dinanzi a mo'di camicia, e lungo lo 
sparato e il gherone bandata di una listerella chermisina. Snl 
fondo bianco della medesima spiccavano soprapposte di fieri 
color giallo d'oro e avvinato. Avea brachelloni in gamba e calzari 
della stessa stoffa, gallonati anch'essi di vermiglio, e ai fianchi 
il kriss, o pugnale da un lato, e la scimitarra dall'altro. Era il 
sopraccapo dolla dogana. I viaggiatori salutaronlo; ed egli ebbe 
1'alta degnazione di rispondere con un impercettibile cermo del 
capo al saluto. Ma non si tosto ebbe udito da un di loro, ch'essi 
veniano per complimentare il Sultano, che era quanto dire per 
offerirgli donativi, sorrise, inching la comitiva, levossi, e richiesto 
dai due negozianti della licenza di cornmerciare, affrettossi a com- 
piacerli. Sguainato il suo kriss dall'elsa dorata e perlina, lo 
sollev6, e tennelo alquanto sospeso sul loro capo. Bianca al 
vedere quell' atto impallidi; ma Zeno sorridendo: Non temere, 
le disse, cotesta non & che una farsa, e la cerimonia del Kap, colla 
qaale qui costumasi di concedere la patente di libero commercio. 



FLORA, FAUNA, AVVENTURE - XXV. STRANA CER1MONIA, EGG. 303 

- Strana usanza! brutta cerimoaia! riprese la bimba, stor- 
ceudo le labbra. 

Frattanto il Sopraintendente fe' venire elefanti e cavalcature, 
che trasportassero la comitiva alia capitale, distante appena una 
lega dal porto. (Hi elefanti erano due superbi bestioni, non guari 
inferior! a que'di Ceilano, assai domestic! e ben addestrati. I 
cavalli all'incontro erano di picciol corpo, ma snelli, agili, 
briosi e pieni di fuoco. I primi aveaao sfoggiate gualdrappe a 
rabeschi e fiorami di seta e d'oro, sormontate ciascuna da un 
elegante padiglioncino, drappeggiato di un serico cortinaggio con 
graziose ricascate e svolazzetti di veli sciamintini e bianchi, e di 
bendicine a divisa di piti colori. Cosi ricco apparato era solamente 
riserbato agli ambasciatori, ovvero a'grandi personaggi, che ve- 
nivano a fare omaggio al Sovrano. Sotto il piu nobile padiglione 
farono collocati in un gran bacino d'argento, com'ivi 6 costume, 
i doni destinati a Sua Maesta; e sotto Taltro furono fatti ada- 
giare Zeno, 1'Elisa e i figliuoli di lei. G-li altri viaggiatori saliti 
in groppa ai corsieri, formarono 1'avangnardia del corteggio. 
Cammin facendo, la comitiva venne ingrossando di uua turba di 
monelli, di curiosi e di sfaccendati, che traevano da ogni banda, 
e ne formavano il codazzo. Bianca gongolava di contento, perche 
facea per la prima volta una corsa in groppa all' elefante, e Pa- 
trizietto anch'esso, per corrispondenza di affetto, sorridea. Ma la 
loro gioia infantile fu di breve durata. I loro sguardi furono ben 
tosto funestati da una di quelle atrocissime scene, che rattristano 
di frequente chi percorre le vie di Acin e i suoi dintorni. Pendeano 
dagli alberi che costeggiavano la strada ; a grosse funi raccomau- 
dati, quattro infelici, T un dei quail avea inozzo un braccio, un 
altro una mano, ii terzo una gamba, e ii quarto una grossa pietra 
al pie sospesa. Alia vista di quel supplizio i nostri viaggiatori 
inorriditi abbassarono gli sguardi, Bianca die in uno scoppio di 
pianto, Astolfo impallidi, e il piccolo Patrizio e 1'Elisa si fecero 
smorti in viso, e sentironsi inumidir gli occhi di lagrime. Dopo 
alcuni momenti di silenzio, de'quali tutti ebbero bisogno per 
riaversi e padroneggiare i primi movimenti del cuore, Zeno do- 
mando al conduttore dell'elefante in lingua malaia la cagione 



oOl FLORA, FAUNA, AVVENTURE 

di quel supplmo, a cui quest! rispose : Cos! si trattano tra 
noi i iadri. 

- Dite piuttosto i ladroncelli, sog'giunse Zeno, che ben cono- 
sceva i costumi del paese. I Iadri e i ladroni che rubano molto, 
escono sempre pel rotto della cuffia, perche haniio di che com- 
prare la giustizia, che e tra voi vendereccia. 

- E vero pur troppo, riprese il conduttore, crollando la testa, 
pur troppo e vero. Ai ricchi niun osa riveder le bucce ! 

Zeno dopo aver tradotte all'Elisa le parole del conduttore, 
soggiunse : In questo paese 1' incaricato dell' esecuzione delle 
sentenze, che e sempre uno de' piu ricchi e ragguardevoli perso- 
naggi, mercanteggia il piu delle volte la giustizia, scendendo 
a'patti col reo. Quanto mi dai, domandagli, perch' io ti uccida 
di un colpo solo, senza farti languire ; ovvero, se il reo e condan- 
nato alia mutilazione, a che prezzo vuoi tu ch'io ti recida di 
netto il naso, o gli orecchi, o la mano secondo che porta la 
sentenza! Si dibatte dall'una parte e dall'altra il prezzo di questa 
condiscendenza del boia, stringesi il contralto, si sborsa dalla 
vittima il danaro pattuito, e tutto ci6 sugli occhi degli spettatori, 
i quali non se ne mostrano punto scandolezzati, perchfc dicono 
essi, e 1'usato stile della giustizia in quest! paesi. 

- Bella giustizia! sclamo Astolfo. 

E 1'autorita che fa? dimand6 1'Elisa. 

Non 1'ignora, ma dissimula, tace e consente; perchfc ne di- 
vide poi col carnefice il guadagno. 

Yeggo bene che siaino tra barbari ; ma poiche ci siamo, da- 
tecene almeno qualche contezza; che 1'andar con una benda sugli 
occhi in mezzo a un popolo straniero, e di costumi si different! 
dai nostri, 6 cosa che non mi garba punto del mondo. 

Avete ragione; ma dacche il nostro viaggio alia capitale 6 
cosi breve, mi studierb di restringere il molto, che avrei a dirvi, 
in poco. Questo popolo non sembra una razza distinta dalle altre 7 
ma un miscuglio di diverse razze, cioe di Malesi, di Battas, e di 
Mori. E un popolo che supera in attivita, industria e sagacia i 
suoi vicini. Le sue cognizioni sono pi ft estese, il suo traffico pift 
importante, e la sua storia per quel che riguarda guerresche im- 



XXV. STRANA CERIMONIA, E BARBARI COSTUMI 305 

prese e conquiste, assai pid illustre. Fu, quattro secoli fa, il po- 
polo pifi potente del la Malesia. La sua armata navale contava 
allora cinquecento vele, e il suo impero stendevasi sovra la meta 
di quest' isola, e una gran parte della penisola di Malacca. Ma 
poi che cola approdarono i Pbrtoghesi, e insignorironsi della citta 
di Malacca, la potenza Acena, fiaccata da essi in piu scontri per 
terra e per mare, ebbe un terribil tracollo. Sopravvenuti poscia 
gli Olandesi, che iuipossessaronsi di una parte di Sumatra, de- 
cadde aucor d' avvantaggio ; finche ribellatisi aH'autorita del 
Sultano i grand! vassalli della corona, venue quasi al uiente; 
tauto che la regia autorita oggi non si estende oltre la citta di 
Acin e il suo circondario. La religione di questo popolo e la 
Maomettana, il capo della quale ha il titolo di Cadi; la sua 
lingua e un misto di Malese e di Batta ; e il suo governo la mo- 
narchia ereditaria temperata da un gran consiglio della nazione. 
La legislazione in materia criminale e, come avete veduto, di una 
severita iuaudita; e tuttavia questo popolo e in voce di essere 
niente migliore degli altri popoli d'oriente. Anzi molti viaggia- 
tori autichi e modern! concordano in rappresentarcelo come uno 
de'piu corrotti popoli delPAsia. II suo sovrano vive al pari degli 
altri re maomettani, in mezzo a un branco di donne che prende 
dove vuole. Egli e 1'erede di tutti i sudditi che muoiono senza 
figliuoli maschi; ed usurpasi perfino il diritto di scegliersi tra 
le donzelle, rimaste orfane prima di andare a marito, le piu vez- 
zose e leggiadre pel suo serraglio. 

- Che orrore! sclam6 1' Elisa. 

Egli trae eziandio iminenso profitto dalla confiscazione 
de' beni, che e d' ordinario la pena serbata a' rei doviziosi ; e ar- 
rogasi il diritto di successione a quanti forestieri muoiono nel suo 
regno, eccettuati per6 gli europei, 1'eredita de'quali fu final- 
mente costretto a rispettare. 

- Che reo vivere, disse 1' Elisa, non sara quello di un popolo, 
che curva il collo a si duro e tirannico giogo! 

- Ogni popolo, soggiunse Zeno, ha il governo che merita. 
S' egli abbrutisce ne' vizi, non meritera forse d' essere trattato da 
bruto? 

Serie XI, vol. XII, ftsc. 777 20 26 ottolre 1882 



303 FLORA, FAUNA, AVVENTURE 

Povera gente! sclam6 sospirando 1'Elisa. Quaudo verra il 
giorno in clie aprirai gli ocehi al sole della feie e deila civiita 
eristiaoa, e berai le aure beate della vera liberta di Gresu Cristo? 

XXVI. 

LA CITTA DI ACHEM, ACIN, E UNA VISIT A AL SULTANO. 

La comitiva non si addiede d'essore giunta alia Capitale del 
regno Aceno, se non quando vi pose dentro il pie\ La eitta na~ 
scondesi tra foltissime selvette di cocchi, di banani, di ananassi 
o di bambti, che si addensano intorno a ciascana abitazione. Ap- 
peua qua e la si scorge tra il verde delle piante biancheggiare 
la cupola di una moschea, o la facciata di un qualche edifizio di 
maggior corpo. Le abitazioni non sono meno di otto mila; ma 
rozzamente costrutte. Esse levansi sopra pilieri dal suolo, a ca- 
gione delle frequeuti inondazioni ; ed hanno per lo piu pareti di 
legno o di bambu, e tetto di foglie dell'istessa pianta, ovvero di 
nipa. Le piu agiate contongono appena sei o otto camere; le 
meno, una o due con una sola porta, che serve ancor di finesfcra; 
tutte egualmente sono corse intorno da una ringhiera. In Acin 
non si veggono, come nelle nostre citta, le case aggruppate, ma 
divise e sparse in un' immensa foresta. Le une distendonsi alli- 
neate lungo le vie; e le altre qua e la disseminate formano gross! 
quartieri, tra loro dinsi da praterie e da boschi. II flume che 
parte a mezzo la citfca, ne agevola le coomnicazioni e il commer- 
cio. II Kratan, o palazzo del Sultano, arieggia ad una forfcezza 
colle sue cortine e le sue torri armate di colossali cannoni, ed e 
ricinto a difesa da una larga e profonda fossa. Una corona di 
poggi e di colline con le vette inghirlandate da gigantesche 
palme, e le graziose pendici rinverdite da boschi e da ogni fatta 
piantagioni, accerchiasi a guisa di splendido anfiteatro intorno 
al piano su cui siede la capitale. 

La comitiva entro a modo di trionfante nella pubblica piazza 
che si stende innanzi al palazzo reale, ove smont6 7 e verine 
introdotta nel recinto del castello. Cola fu spettatrice di una gra- 






XXVI. LA CITTA DI ACHEM, AGIN, ECC. 307 

ziosissima scenetta. Gli elefanti delle reali scuderie, che SODO 
serapre in gran numero, venivano in lunga fila menati innanzi 
agli appartamenti del Sultano, ove giunti, e schieratisi in bella 
mostra, facevano la cosi delta somlaia, o saluto, piegando non 
senza grande sforzo le ginocchia, e levando al cielo in atto di 
ossequio la tromba. Di che i nostri viaggiatori presero gran di- 
letto, e Astoifo piacevoleggiando al solito: Ecco, disse, i soli 
sudditi devoti a sna Maesta. 

- E sua Maesta, rispose Zeno, ne li ripaga profumatamente 
con pubblici onori e privilegi, simili a quelli che la gran bestia 
di Caligola vole a decretare, non senza ragione per6, al suo cavalio 
troppo miglior bestia di lui. Ti basti dire che il Sultano fa pre- 
cedere i pid coraggiosi e i meglio addestrati tra'suoi elefanti da 
parecchi fantaccini, alcuni de'quali sono incaricati di portare in- 
nanzi ad essi dei grandissimi ombrelli, distinzione riserbata alia 
real persona; e altri debbono invit.are il rispettabile pubblico, 
forte battendo uno strumento di rame, a fare omaggio alle loro 
altezze elefanti ne. A quella vista e a quel suono la gente che 
va e viene, di subito s 1 arresta, e atteggiasi a profondo rispetto. 

Sa rendere giustizia al merito, disse il sollazzevole Astoifo, 
e sa rispettare la dignita de'suoi simili. Anche tra noi quando 
sara resa popolare 1'idea della parentela delFuomo colla beslia,- 
idea che ora e soltanto accarezzata dai nostri ominoni, si proce- 
dera airemancipazione delle bestie, e per conseguenza all'egua- 
glianza de'diritti; e noi avremo la soddisfazione di vedere qualche 
bello e grosso bestione disputare all'elefante aceno i supremi onori. 

II racconto di Zeno e le osservazioni di Astoifo misero di gaio 
umore tutta la brigata, la qnale a stento, per la riverenza dei 
inogo, fren6 le risa. Frattanto il Sultano, avuto da un inesso, 
speditogli iunanzi, avviso della venuta de'forastieri, era sul punto 
di presentarsi, e gia si era mosso colla sua nobil corte e in tutto 
lo sfoggio di sua real magnificenza. 

La comitiva confonnandosi ai costumi del paese, doveva inchi- 
narlo al modo orientale, inarcando fin quasi a mezzo la vita, e 
poscia levando sino alia fronte le mani giunte in atto di pre- 
ghiera. L'Elisa prestavasi di mala voglia a questa mimica; ma 



308 FLORA, FAUIN'A, AVVENTURE 

pur coiisiderando che le tornerebbe utile per un pio disegno, che 
andava rugumando per 1'animo, vi si acconci6 alia meglio; e 
I'istesso promise ro i suoi figliuoli. Indi fa detto loro che si 
sealzassero; dacche innanzi a tanta Maesta UOD si va die in 
peduii. II che non garbft panto all'Elisa e a Bianca; ma dice 
il proverbio che quando si e in ballo, bisogna ballare. Astolfo 
all'incontro vi si adagi6 di baon grado, se altro non fosse, per 
amore di novita, e per aver poi materia da ridere a sao bel pia- 
cere. Dopo di che la comitiva fu introdotta alia real presenza. 

Era il Sultano uom di mezza eta, e di piu che mezzana statura, 
ben aitante della persona, massiccio e nerboruto, di fosca carna- 
gione, larga fronte, capelli lunghi e neri, naso rincagnato colle 
narici rilevate, gote affossate, pomelli sporgenti, bocca squarciata, 
il labbro inferiore ri versa to, e il mento aguzzo. Non era insomma, 
come ben vede il lettore, un Adone di bolta e di grazia. Avea in 
capo un turbante di finissima seta bianca, guernito di rinterzata 
fila di perle, intramezzata di rubini e topazi di limpidissim'acqua. 
Indossava una veste di raso bianco soppannata di porpora, trinata 
d'oro, e grandinata di stelluzze e fiorellini parhnente d'oro, la 
quale venia restriogendosi verso la cintara in crespe assai mi- 
nute, che si aggruppavano in una larga fascia di velluto rosso 
col profilo perlato. In mezzo a questa campeggiavano a soprarric- 
cio d'oro e d'argento varii emblemi, e dai lati pendeano la sci- 
mitarra e 1' inseparable Kriss, amendue chiusi in una guaina di 
lama d'oro coli'impugnaturav agamente cesellata e ingioiellata. 
Portava in gamba calzari di una serica stoffa che si tesse nel 
paese, lavorata a fioraini e rabeschi di varii colori. 

Sedea con oriental maesta acciambellato sopra un alto divano 7 
il quale era vestito di broccato color verde moscone, filettato d'oro, 
con fiocchi pioventi di canutiglia, e posava su quattro teste di 
elefanti di bronzo dorato. Sul trono spiegavasi maestosamente un 
ricco padiglione panneggiato di serico cortinaggio e di broccati 
e damaschi a divisa di piu colori, intrecciantisi con bel garbo in- 
sieme con largo ondeggiare di seni e capriccioso serpeggiar di 
bandinelle. 

Sul prime gradino del trono era assisa una dama di corte, a 



XXVI. LA CITTA DI ACHEM, AGIN, EGG. 309 

cui il Sultano suol communicare gli ordiiii suoi, e dalla quale ven- 
gono poi trasmessi a un eunuco di palazzo, che le siede d'accanto, 
e da questo al banditore della volonta sovrana. Sugli altri gradini 
sedeano i Pangerans, o principi del sangue, e a pi& da ainbo i 
lati due ininistri, Tuno de'quali avea 1'iucarico di sorvegliare il 
bazar o inercato, e V altro 1' amministrazione della giustizia. Tut- 
t'intorno faceangli corona altri cortigiani e la guardia reale, che 
suol essere composta di ceuto cipai. 

I visitatori, poi ch'ebbero incliiuato Sua Maesta accoccolata in 
trono, furono fatti sedere sovra un superbo tappeto, e serviti, come 
porta il costume, di betel. II Sultano intanto degnossi di rivol- 
gere loro la parola, congratulandosi con essi della loro venuta alia 
capitale e a corte. Al quale complimento rispose un mercante, che 
parlava correttamente la lingua del paese, magnificando con uno 
stile tutto orientale il Sultano e il suo governo. Forse non disse 
cosa che fosse vera ; ma ai grandi torna sempre gradita T adula- 
zione, aura carezzevole e micidiale a un tempo, che infiltra il suo 
veleno nel cuore, e lo corrompe. Al dolce solletico della lode il 
gaglioffo del Sultano se no andava tutto dentro in solluchero, e 
ben lo dava a vedere a quel risolino di compiacenza, che guiz- 
zavagli tra labbro e labbro. 

II suo sguardo peraltro non si fissava sul gradito turiferario, che 
sapea cosi ben incensarlo e imbriacavalo di lodi; ma trascorrea 
pi ft oltre fino all'Elisa e a Bianca, le quali allora avvallavano 
pudibonde gli occhi, tingendosi di viva porpora le gote. II modesto 
rossore delle due straniere il fe'accorto della sua impertinente 
curiosita, e insegnogli a tenere piu a freno gli sguardi. Bellis- 
sima lezione di che quel musulmano, non immemore della regia 
maesta, seppe profittare. 

Alle lodi, sempre gradite, tennero dietro i donativi, che fu- 
rono anche meglio accolti. I due negozianti, fattisi a pie del trono 
e rinnovati i salamelecchi di costume, presentarono al Sultano 
per le inani del Ciamberlano di corte i doni destinati alia sua 
real persona. Questi consistevano in un paio di carabine e rivol- 
telle di ultima invenzione con arte squisita lavorate, in due spleu- 
didi camei di Firenze, in un orologio d'oro a remontoir, e un al- 



3-10 FLORA, FAUNA, AVVENTURE 

l)iim di fotografie rappresentanti i principali monument! artistic! 
d'Europa, legato in velluto chermisino con rab^schi d'oro a ri- 
lievo, in mezzo a'quali campeggiava lo steairaa del Sultano, e 
setto-vi un elefante colla proposcide alzata in atto di ossequiarlo. 
Piacque agli efferent! aggiugnere a quest! donativi un grazioso 
automa, che rallegrar dovea non poco sua Maesta Acena e la sua 
nobil corte. 

II Sultano esamin6 con attenzione le carabine e le rivoltelle, e 
ne Iev6 a cielo il mirabile artifizio. Poi si fe'a coutemplare quei 
graziosi cammei a mosaico, che ti paiono una vaghissima minia- 
tura, e voile sapere onde venissero. Fugli detto die da Firenze. 
E perche il buon Sultano pizzicava poco di geografia, dimand6: 
- Che citta e cotesta? El' interprets, il quale era uno di quegli 
inglesi, che vengono sovente a svernare nella citta de'fiori, eve 
lasciano delle buone e belle sterline a grande consolazione dei 
Fiorentini, rispose a sua Maesta. 

Sire, Firenze e una grande citta che siede nel cuore del- 
}' Italia, e vi sta come la gemma in un anello. La e cosi ridente 
&bella, ch'ebbe da'fiori il nome; e non ne potrebbe avere un altro 
ehe meglio le dicesse ; perche ivi il popolo e fior di gentilezza, 
Tidioma fior di lingua, la citta ftor d'ingegni, avendo sempre 
date all' Italia il piu e il meglio de'suoi artist! e letterati; i mo- 
Bumenti che Tabbellano, fior di arte, i campi e i poggi che Tin- 
coronano,.sparsi tutti di giardinetti e villini vaghiSsim! a vedere, 
fior di natura e di arte insieme. 

II gentile interprete Iasci6 nel dimenticatoio, forse perch' era 
pretestante, o perche parlava a tin musulmano, un altro fiore, il 
pii\ pregevole di tutti, il fiore della pieta, di cui tanto si pregia 
it popolo fiorentino. Al Sultano and6 tanto a grade quest' elogio 
di Firenze, ch'esclam6: Oh potess'io visitarla su'miei elefanti! 
Avea il buon Sultano in quel memento dimenticato che Siynatra 
e un'isola. Poi tolse con inolta gravita in mano 1' album, e si fe 
a squadernarlo, appuntando Tocchio pieno di stupore or sull'una, 
or suH'altra fotografia, e dimandando spesso all' interprete una 
qualche notizia de' monumenti ivi fotografati, massime di quelli 
piu ferivano i suo! sguardi e la sua imaginazione, quali erano 



XXVI. LA CITTA DI ACHEM, AGIN, EGG. 

appunto i capolavori del genio italiauo, raggianti di estetica bel~ 
lezza, maesta e grandezza. 

Frattanto uno de' negotiant! die la cord a all' automa, il quale 
raffigurava una graziosa bambola; e questo tosto si mosse, camming 
verso il trono, girando gli occhi, *esticolando, iabbreggiando, e 
facendo udire un suono al tutto simile alia voce del pargolo che 
dice mamma e babbo. 

Lo stupore di Sua Maesta e di tutta la corte a questo nuove 
spettacolo fa pe'nostri viaggiatori la scena piu comica che mai 
vedessero, cred'io, in vita loro. Dopo alcuni momenti di silenzio, 
in cui non v'era tra quegli illustrissimi intronati di maravi- 
glia, chi battesse ciglio ne sillaba, il Sultano die d' improvviso 
in un grande scroscio di risa. Allora scoppi6 un tuono di voci, di 
plausi, di risate che avrebbe partita a mezzo la cappa del cielo. 
Fra le dame soprattutto fu uno scompigliato batter di palme, uno 
sbellicarsi delle risa, e uno scbiamazzio di voci che mai il mag- 
giore, con manifesto pregiudizio della dignita del luogo e delle 
persone. Se non che v'ha de' momenti nella vita, quando anche 
alle Eccellenze, Altezze e Maesta e lecito bamboleggiare, e questo 
appunto era quel desso. E per6 il cortese let tore perdonera a Sua 
Maesta Acena e a'suoi magnati 1'avere questa fiata valichi i con- 
fini del conyenevole, memore di quel proverbio che Tarco troppo 
teso si spezza. 

I nostri viaggiatori ebbero bel sollazzo di questa gioia infan- 
tile della Corte Acena, quantunque nol facessero apparire al di 
fuori ; e 1' Elisa divis6 trarne profitto per un suo pietoso disegne, 
Colto adunque il tempo, chiese per mezzo dell' interprete al Sul- 
tano licenza di parlare; e avutala, levossi in pie, e fatto un pro- 
foudo inchino verso il trono, si prese a dire: Potentissimo Si- 
gnore, al primo metter pi6 nelle vostre terre, accoltavi con una 
bonta e cortesia, di cai vi sapro ognora grandissimo grado, stupii 
al vedere la severita con cui vi si puniscono i delinquenti. II che 
se mi da una grande idea della vostra giustizia, mi fa sperare 
altresi che pari a quella esser debba la vostra clemenza. Or 
questa appunto io vengo qui ad implorare dal vostro cuor so- 
vrano, supplicandovi per somma merce, che facciate torre 



312 FLORA, FAUNA, AVVENTURE - XXVI. LA CITTA DI ACHIM, AGIN, ECC. 

dagli alberi e rimettere in liberta i quattro colpevoli, ch' io la 
vidi soffrire orribili torture. Gia essi hanno pagata abbastanza la 
pena de'loro misfatti; e voi, o Sire, avendo pieta di loro, darete 
prova di grande bonta e clemenza. Non mi negate, ve ne prego, 
questa grazia, ch' io vi chieggo a nome inio e di tutti i miei coin- 
pagni, al pari di me addolorati dallo spettacolo di tanto sup- 
plizio. 

Piacque al Sultano assai questo parlare, tradottogli in volgare 
dall' interprets, tanto piu che saputo avea da questo la nobile 
condizione di colei che cosi umilmente Io supplicava. Qui e da 
avvertire per6, che T interprete per dare rincalzo alia supplica, 
erasi fatto lecito di spiattellare, tutto da se, a Sua Maesta una 
grossa panzana, cioe, essere 1'Elisa nientemeno che la prima 
principessa della prima citta del mondo, vincolata per parentado 
con non so quante reali famiglie. II che udendo il dabben Sul- 
tano aveagli risposto -- Gria Io porta scritto in fronte. Chi a 
quell' aspetto e a que'modi non ravvisa in lei una donna di regio 
sangue? 

Recandosi dnnque il Sultano a grande onore di poter conce- 
dere una grazia a richiesta di tanta donna, di6 ordine che i col- 
pevoli veaissero tosto rimessi in liberta. Poscia in segno di gra- 
dimento pei ricevuti regali, deput6 a servigio degli ospiti uno 
de'suoi ufficiali, ingiuugendogli di accompagnarli, e mettere a 
loro disposizione quanti elefanti e cavalcature bisognassero per le 
loro corse in citta e fuori. Indi accomiatatili, si ritrasse nell' in- 
terno del suo palazzo. 

I due negozianti aifrettaronsi a profittare del sovrano favore 
pel buon avviamento de'loro traffici, e il rimanente della comi- 
tiva per visitare con piu agio, e senza molestia o pericolo di sorta, 
la citta e i dintorni, sempre accompagnati dal regio uffiziale e 
da alcuni cipai, ch'erano, siccome dicemmo piti sopra, le guardie 
del palazzo. 



313 



XXVII. 

LA CANFORA BARROS, IL BELZUINO E 'IL FIOR GIGANTE. 

I nostri viaggiatori non si arrestarono nella citta, la quale, 
eccettuati alcuni opificii, fonderie e fabbriche di ferro, nulla offriva 
loro che degno fosse di osservazione; ma spaziaronsi a talento 
pe'campi e pe'boschi a contemplarvi la ricca e sfoggiata flora 
sumatrense. 

Qui essi sentiansi giocondar 1'animo e beare i sensi da una 
profumata atmosfera e dall'aspetto di svariate e graziosissime 
fogge di piante, di frutti e di fiori. Poiche lasciando stare le 
aromatiche e fruttifere piante vedute a Ceilano, e che anche qui 
vigorivano a maraviglia bene, andarono oltre modo lieti di cono- 
scere quelle che forraano la ricchezza principale del paese, 1'al- 
bero della canfora di Barros e quello del belzuino. II primo, che 
non va confuso col Lauras camphora dell' India, della Cina e del 
Giappone, e pianta indigena di Sumatra e di Kalimantan; ne 
venne fatto fin qui di trovarla altrove. E di bell'aspetto, di fol- 
t'ombra e di soave fragranza, alta come le nostre querce, e piu 
grossa di quelle. La resina aromatica, o la canfora di Barros, 
che per sublimazione si estrae dalla scorza, dal legno, dalle fo- 
glie e radici di quest' albero, vendesi a un prezzo venti cotanti di 
quella del Laurus camphora. Stilla eziandio dalle incisioni fatte 
nel tronco un olio essenziale profumatissimo. Tagliando il fusto 
o i rami di quest' albero, trovasi negli intern! canali la canfora 
condensata, di guisa che non ha mestieri che di essere lavata e 
netta d'ogni mondiglia. Ell'e la piu ricercata in oriente e anche 
in Europa ; ma per questo appunto e il piu delle volte falsifi- 
cata. La pianta poi del belzuino, o bengioino, com'altri dicono, 
Styrax benzoin, dalle foglie lunghe, acuminate e bianchiccie, e 
dai fiori a grappoli, ove se ne incida la scorza al sommo del 
tronco, la onde si dipartono i rami, scola quella profumata re- 
sina, la quaie ardendo esala soavissima fragranza. 

I nostri viaggiatori si assisero aH'ombra di queste piante, 



314 FLORA, FAUNA, AVVENTURE 

i&entre Astolfo, eoll' ineiderne la corteccia, ne raccogliea Todorato 
liquore a grande soddisfazione e diletto della sua sorellina. Pa- 
trizietto intanto baloccavasi intorno a un gruppo di piante, che 
1! presso sorgeano, quando arrestatosi a uu tratto pien di ma- 
raviglia: Yieni, Bianca, grid6, vieni a vedere. Corse la sorel- 
lina, e veduto quel che era, diessi a "battere le palme e a gri- 
dare: Yenite tutti, venite qua. maraviglia! o spettacolo! Un 
fiore piu grande del mio parasole ! 

Era difatti il fior piu gigantesco che si conosca. Misurava un 
metro di diametro e tre di circonferenza ; e pesa^a un quindici 
libbre. II suo calice, o piuttosto perigonio, carapanellato era si 
largo di bocca e cosi profondo, che capir potea da dieci a dodici 
litri d'acqua. Era di una tinta rossiccia chiazzata di bianco, 
come quello che al presente si vede nell'orto botanico di Ber- 
lino, ov'e I'ammirazione de'visitatori. II detto involucro o calice 
era ri parti to in cinque lobi con entrovi numerosi stami. Lo stelo 
era guernito di scaglie embriciate, ma corto si che parea il fiore 
aderisse alia radice, la quale era anch'essa cortissima e di una 
struttura analoga a quella delle piante dicotiledoni. II che da- 
rebbe a divedere che mal si appongono que'naturalisti, i quali 
riguardano la Rafflesia come una crittogama. II vero ^ che & 
una fanerogama, e si vede crescere e fiorire a mo' delle piante 
parassite sulle radici e il tronco del Cissus angustifolia e di 
altre piante.. 

Come chiamasi questo gran fiore? domand6 Astolfo a Zeno. 

'Rafflesia Arnoldi, perche i primi a farcelo conoscere fu- 
rono sir Thomas Stamford Baffles e il dottore Arnold, i quali 
andando a diporto in un bosco di quest' isola, si abbatterono in 
questo gigante de'fiori. 

-Ma gl'indigeni doveano pur conoscerlo! 

Senza dubbio, e lo chiamavano Krubul, che in loro lingua 
suona gran fiore. Un'altra specie e la Rafflesia patma, trovata 
dal signor Blum in un'isoletta presso Giava, e che misurava un 
diametro di oltre sessantasei centimetri. 

Zeno ch'era entrato a vele gonfie nel suo tema prediletto, di- 
menticando il caldo, la fame e la sete, non pens6 piu che a correre 



XXVII. LA CANFORA BARROS, IL BELZUINO E IL FIOR GIGANTE 

a suo bell'agio il vasto carnpo di Flora; e ricercando coll'occhio 
le pi ante di que' verdissimi boschetti, soffermavasi di tratto in 
tratto innanzi a questa e a quella, indicando con nobile orgoglio 
alia comitiva gli oggetti de'suoi aniori. -- Ecco, dicea, additando 
una pianta di foltissiraa chioina e di gran corpo, il Caju-Gale- 
dupa, il cui frutto da quell' incenso cosi ricercato che va sotto II 
nome di Galedupa. E quest' altra pianta, che qui vedete, e il 
Cajivcasturi, o 1'albero del muschio, cosi chiamato perchfc il suo 
legno ardendo spande quest' odore. Qaesta poi e la Moringa olei- 
fera, volgarmente detta Noce di bene, o miristica. L'uso continue 
e moderate della sua radice preserva dallo scorbuto, e la man- 
dorla del suo frutto da un olio assai pregiato, perche non ir- 
rancidisce ed 6 un buon rimedio coutro le malattie cutanee. E 
quest' albero cosi belle, ramose, fronzuto, che poggia a un trediei 
metri di altezza, ed ha, come vedete, le foglie acuminate e d'un 
verde chiuso e lustrante, e i fiori maschi a ombrello e tricolori, 
vuol fare, anzi ha fatto piu volte conoscenza con voi. Ne volete 
una prova? Qui scosse alcuni frutti dalla pianta, ed apertili, mo- 
stro lore il nocciuolo che chiudevano; e tutta la brigata al vederlo, 
sclam6. 

E la noce moscada. 

Appunto, soggiunse Zeno, ^ la Myristica fragrans, detta vol- 
garmente noce moscada, la quale profuma le nostre vivande. II 
solo sir Baffles possedea qui in Sumatra circa centomiia di quesfce 
piante. Indi mostr6 loro il Badulam, i cui fiori sono febbri- 
fughi, il Diospiro ebano, il cui frutto sa di mela, ma che allora 
non era sgraziatamente mature, 1'Indaco dei tintori, il Pandano 
odorosissimo, e avrebbe proseguito, Dio sa per quanto tempo, le 
sue botaniche osservazioni, se il cocente dardeggiare del sole, che 
bruciato avrebbe le cervella a un buffalo, non avesse costrette 
la comitiva, la quale disfaceasi dal caldo e ardeva dalla sete 5 
a far breve sosta e a rinfrescarsi. 



RIVISTA BELLA STAMPA ITALIANA 



I. 

PAROCCHI CARDINAL LUCIDO MARIA. Omelie, panegirici e discorsi 
durante I' Arcivescovato di lui in JBologna dal luglio 1877 
al giugno 1882. Prato, Lici, L. 4. 

Si narra ! di Tarquinio il Superbo che al messo del figlio Sesto, 
il quale volea saper come avrebbe dovuto operare per conquistare 
col tradimento la citta di Gabio, per tutta risposta si di6 a pas- 
seggiare nel giardino e col bastone a spiccare dallo stelo le teste 
de' papaveri piu elevati tra gli altri, volendo con ci6 indicare che 
dovevansi torre di mezzo i personaggi piu ragguardevoli della citta. 
Simile e il vezzo della setta che spadroneggia da per tutto; dis- 
pregiare ed opprimere i grandi! Vittima di questo indegno ostra- 
cismo fu, tra molti, anche F Eminentissimo Cardinale Arcivescovo 
di Bologna Lucido Maria Parocchi : personaggio di alto merito, 
decoro della sacra porpora, e infaticabile apostolo nelle cure di 
quella vastissima diocesi. Per ci6 gli si neg6 {'Exequatur, affinche 
gli tornasse di estrema difficolta compiere il pastorale suo officio, 
e ci rinunciasse. 

Negli anni passati si diedero alia luce tre volumi delle Omelie 
fatte prima del suo ingresso in Bologna ; teste dal tipografo Lici 
di Prato in un grosso volume di pagine 483 furono pubblicate le 
omelie, i panegirici e i discorsi ch 1 egli fece in Bologna. Questa e 
la piu bella testimonianza del merito raro dell'insigne porporato, 
tanto della sua pieta e del suo zelo, quanto del suo ingegno e 
sapere. 

Apriamo cotesto ultimo volume; e in quel discorso che fece al 
primo ingresso alia Metropolitana di Bologna dopo il Concistoro del 
di 22 di giugno 1877 troviamo espresso il vivo suo desiderio di tutto 

1 TITUS Livius, Hist. Lib. I, c. 5.4. 



RI VISTA BELLA STAMP A ITA LIANA 317 

sonsecrarsi al bene dei suoi figliuoli, e svolgendo egregiamente 
quel passo dell'Apostolo Paolo Omni a vestra sunt (I, Cor. Ill, 22) 
egli mostrava come al solo vantaggio doi medesimi volea che 
servisse quella stessa dignita Cardinalizia di cui era teste stato 
onorato. Oggi piu che mai debbo applicarmi 1'avviso dell'Apo- 
stolo: Debitores sumus non carni et sanguini, ut secundum 
carnem vivamns (Rom,. Till, 12); > non piu alia carne ed al san- 
gue, ma sono debitore allo spirito, debitore a Dio, alle anime, 
alia Chiesa. Perfino la sgraziata condizione creata al sacro Col- 
legio dalle ingiustizie del secolo, ne richiama alia memoria V im- 
portanza del debito assunto con la novella dignita. L'antico lustro 
onde la pieta, la beueficenza, le arti belle, le scienze, le lettere, 
ogni maniera d' utile disciplina, un tempo, massime nella nostra 
Italia, vennero in fiore; quelle ricchezze, quelle magnificenze 
oggi rovinate dalia rapina dei tempi vennero meno. Ma non iscadde 
per questo la grandezza inarnissibile dei principi della Chiesa, 
n6 per questo rifulge meno splendid o sull' astro di Roma il rag- 
gio della sapienza. Questa porpora e tale che anche dal carcere 
getta ben piil viva luce di quanta circondi in trono i principi 
della terra; e in ogni guisa di condizioni, o avventurose o siuistre, 
mantiene intatta la ragione del suo colore, nato dal sangue del 
RQ de' martiri spinto per la causa della fede e della giustizia al 
martirio. 

Per6 il vantaggio di questa felice necessita che mi stringe, 
incliti Bolognesi, e pur vostra. Omnia vestra sunt. 

Sard quindi innanzi piu sollecito del vostro bene, pifi vigile 
contro 1'errore ed il vizio, piu devoto a Dio, piu mortificato in 
me stesso, ed a sacrificarmi per la Diocesi, per la Chiesa meglio 
disposto. Ah! perche non abbondano le ricchezze? Non le so 
desiderar che per voi : questa porpora, non macchiata dal sangue 
de'poveri, sospira di proteggere, sollevare tutte le sventure dei 
miei figliuoli: e impotente com'e, fa soffrire amarezze tali che 
poco 5 piu morte. 

Ma pur del presente mio stato, per quanto messo in angustie, 
o perd a tante opere buone quasi inutile ed infecondo, dovr6 un 
giorno al gran Giudice rendere stretto conto. Redde ratiomm 



318 RIVISTA 

villicationis tuae. Rendi ragione della natara e della grazia 7 
della salute e della malattia, dell' amor tenerissimo de' tuoi figli, 
dell'occupata Sede, del tempo conceduto a penitenza, rendi ragione 
degli onori. Eedde rationem villicationis tuae. Ah ! di quanto 
conforto mi sara in quel momento il poter rispondere: Signore! 
di tante cose non un filo fu mio, ma vostro e del popolo che mi 
avete dato. 0/nnia vestra sunt. > Qaeste belle parole tutte ag- 
giastate alle leggi non di una volgare eloquenza, ma di quella 
onde debbe essere fornito un Arcivescovo che insignito della diguita 
cardinalizia si presenta per la prima volta a' suoi figliuoli, do- 
ve ttero per certo commuovere tutti i cuori, e stringere quel vin- 
colo di tenero e forte amore che crebbe poi sempre, n& fu spento 
coll' allontanarsi dellMllustre porporato dalla sua diocesi per istare 
a fiauco del Sommo Pontefice. Conciossiach6 pervenuta a Bologaa 
la novella che TEminentissimo per ispeciale protezione di Dio era r 
vicino a Roma, uscito salvo da un grave pericolo, tutta la diociisi 
ne fu commossa e in tutte le chiese della medesima si cant6 il 
Te Deum dal popolo devoto e riconoscente. 

Se non che dando un'occhiata generale a tutte le Omeiie e 
panegirici che sono raccolti in cotesto volume, ci troviaino chiara 
la dicitura, pura la lingua, giusto ed elevato il pensiero piu alia 
norma del concettoso Agostino, che del facondo Crisostomo: e 
tutte hanno quella brevita che e una delle prime doti dell'ora- 
tore, specialmente se in altissima dignita costituito e parla al 
popolo inter missarum solemnia. 

I/ Eminentissimo porporato eziandio col proprio esempio, che 
era non meno efficace delle private esortadoni od ammonizioni, si 
oppose al vezzo oggimai troppo volgare di trattare temi che piii 
convengono alia penna dei redattori di giornali o de'periodici di 
niaggior mole, che alle labbra di un sacro oratore, nello svolgi- 
mento dei quali si cerca spesso piu ii plauso di pochi scioli che 
la conversione dei peccatori. II Parocchi conascitore profondo del- 
1'indole del veleno che tutta corrode la societa, e tende a corrom- 
pere nei popoli cristiani la pieta e spegnere la fede, quasi sempre 
dalle inassime del Vangelo, che sono la vera luce e la vera vita 
onde FApostolo deve illuminare e vivificare le anime, tolso i 



DELLA STAMPA ITALIANA 3!9 

temi del suo discorrere. E se tu riguardi i panegirici ch'ei fece 
del Santi Filippo e Giacomo, di San Benedetto, i tre di Santa Ca- 
terina da Siena, di San Benedetto Giuseppe Labre ed altri, osser- 
yerai che sempre tende ad abbattere gli error! specalativi e 
pratici del secolo nostro e ad eccitare gli uditori ad imitare i 
Santi nelle vere virtu cristiane, senza venir mai meno alia di- 
gnita della forma. 

In yarii discorsi non solo si mostra profondo filosofo ma 
eziandio intimamente convinto che la piaga precipua della so- 
cieta e la perversa dottrina che s'insinua nella istruzione della 
gioventu; ed appunto per questo egli ci appare tutto stima e 
Yenerazione pel sapientissimo Leone XIII che promosse la ri- 
forma della filosofia sulle vestige dell'Angelico dottore San Tom- 
raaso d 7 Aquino. Leggasi perci6 il discorso XIX (fatto nel feb- 
T>raio 1880) che ha per titolo: Leone XIII. II Papa riformatore 
delle idee, nel quale discorso esalta nobilmente i meriti del re- 
guante Pontefice perch5 a salvar i principii miro specialmente 
da due anni, fra il plauso del mondo cattolico, salito per divina 
provvidenza al trono indistruttibile di S. Pietro; e sulla piaga 
della moderna societa pose il dito porgendosi riformatore delle 
idee. > Assennatamente e con vivaci tinte prosegue dappoi: Frat- 
tanto si maturi a nuovi pensieri, ad imprese nuove, la crescente 
generazione merc& la riforma della filosofia: Timportanza della 
quale nella civile societa nessuno mettera in dubbio, conoscendo 
Tantica e la moderna storia delle nazioni. I disordini piombati 
sulla misera Francia nell' ultimo scorcio del secolo XYIII, ten- 
nero dietro a quella scienza di falso mme, la quale per tutta 
Europa aveva scombuiato le intelligenze prima che la brutal forza, 
in abito di liberty sconvolgesse da capo a fondo per ogni dove i 
politici ordinamenti. E cosi le contemporanee agitazioni d ? un 
mondo infaticabile a mutar lato per ischermo de'suoi dolori, de- 
yono sopra tutto esser aggiudicate a quella fiumana d'assurditA, 
che dal settentrione trascinando al rnezzodi dell' Europa le vec- 
chie fole dell'Eleate, di Democrito e d'Epicuro, riinise in moda le 
bestemmie dell'ebreo d' Amsterdam e le materialistiche sudicerie 
dell 7 Holbach e dell'Arouet. Certo, a difesa della coscienza contro 



320 RIV1STA 

1'invasione di quell' azzimata barbarie, non venne meno 1'allarme 
del Yaticano; ma, rovinati gl'idoli della sofistica, non doveva 
porsi in onore la vera scienza? E dove trovarla con sicurezza, dove 
scevra da scoria, dove alleata alia fede, se non in quella venera- 
bile tradizione, la quale brillo, quasi luce da mille astri adunata 
in un sole, nell' angelica intelligeuza dell'Aquinate? In lui puo 
dirsi concentrata la Scuola; in lui, che a modo di ape industriosa, 
il miglior sugo raccolse da tutti i libri, da tutti i sistemi, da 
tutti i dottori; e senza pretender a novita, gli fuse con si nuova 
armonia in un unico sistema, organizzato a similitudine de'vi- 
venti, cosi che toltaue una parte precipua, e pur le altre debbono 
rovinare quasi per difetto d'appoggio; sistema fondato nella sin- 
cera alleanza della ragione con la fede : in lui che continue insieme 
le antiche dottrine e i legittimi frutti dell' esperienza, le osserva- 
zioni de'filosofi e gl' insegnamenti dei padri, sovra tutto le defi- 
nizioni della Chiesa e i canoni del buon senso, non mai totalmente 
perduti dal genere umano, malgrado le aberrazioni molteplici 
de'sofisti: in lui dico che nel difficile compito e riescito cosi, che 
il dipartirsi da lui, almeno ne'punti vitali, sia un rasentare assai 
da presso 1' errore. > E dopo avere ricordate le appro vazioni e gli 
encomii ch'ebbe da molti pontefici la dottrina dell'Aquinate, 
esclaraa: A questa invincibile dottrina, siccome la Santita di 
Pio V attribuiva la vittoria della Chiesa sull'eresia, cosi il Ee- 
gnaute Pontefice affida le speranze di altri migliori trionfi della 
civilta cristiana sull'odierna barbarie. Questa sincera, piena, 
fermissima unione di mente e di cuore col Sommo Pontefice 
Leone XIII, eziandio rispetto alia riforma della filosoh'a, fu ca- 
gione che i contrarii a cotesta riforma F osteggiassero e con bassa- 
impudenza scrivessero contro quella bella adesione all'Enciclica 
Aeterni Patris, che da lui e dai vescovi della ecclesiastica pro- 
vincia di Bologna fu sottoscritta. Ma per questo stesso motivo 
TEminentissimo si accatt6 le lodi di tutti i saggi e dabbene che 
non a parole ma in realta vogliono essere ossequenti alia Sede 
Apostolica 1 . 

1 Veramente alcuni rosminiani sembrano dimentichi delle piu volgari leggi de! 
decoro e della civilta, gittano il fango del dispregio e della calunnia anche contro i 
personaggi piu eminentrdclla ecclesiastica gerarchia. Chi non sa che 1' E mo Parocchi 



BELLA STAMPA ITALIANA 321 

E qui, con nostro vero rincrescimento, dobbiamo appuntare il 
tipografo Lici editore della raccolta delle Omelie del Parocchi, 
perche nella copertina pose in primo luogo 1'annuncio bibliogra- 
fico di un libro ch' esprime dottrine affatto opposte a quelle del- 
1'illustre porporato. Quell' aununcio dispiacque al medesimo: chi 

10 conosce non pu6 dubitarne. II Lici manc6 di' quella che dicesi 
delicatezza e solo lo scusa la semplicita e la buona fede. Pas- 
siamo ad altro. 

Fra tante omelie e discorsi del Parocchi v' e una serie di Con- 
fer enze predicate nella Metropolitana di San Pietro in prepara- 
zione al Gtiubileo. Siccome a que' di i protestanti studiavansi di 
spargere nella citta di Bologna i loro error! e fu loro dal Muni- 
cipio concessa una .chiesuccia, ch'era da prima aperta al culto 
cattolico, lo zelante pastore prese a tema delle sue Conferenze 
quelle dottrine che potissimamente si oppongono agli error! dei 
protestanti. I temi sono questi La Eegola di fede Del 
Papa facciamo un Dio? Congregazioni Romane: Inquisi- 
zione. Indice // sacerdozio Indulgenza e Purgatorio 

11 Culto di Maria Fuor della Chiesa non v'ha salute. 
Lo stile di queste conferenze 5 famigliare e didascalico, diverse 
da quello delle Omelie e degli altri discorsi, perche TEminentis- 
simo si adattava a'bisogni delle sue pecorelle; ma non e per 
questo fiacco o negletto. Diamone un saggio togliendo un passo 
daH'ultima conferenza, nella quale dopo aver francata la dottrina 
della Chiesa dalla taccia d' intolleranza, vuol eziandio francare 
dalla stessa taccia il modo col quale a' nostri giorni si contiene. 

anche prima d'essere creato Arcivescovo di Bologna avversava il rosminianismo con 
piena cognizione di causa, ed era membro dell' Accademia Filosofico-medica di San Tom- 
raaso? Eppuro nella Sapienza (fasc. luglio e agosto 1882, pag. 53) il Moglia oso scri- 
vere di lui c che si lascio ispirare contro il Rosmini dalP ex frate Negroni, il quale 
da parecchi anni va sonnndo in Bologna, un tempo si dotta, la sesta tromba del fmi- 
mondo! E tutti sanno come il Negroni sia noto al Santo Ufficio e come contro lui 
severamente procedette il Parocchi. Almeno il Prcvosto Mezzera con una lettera del 

12 agosto 1882 diretta al Santo Padre fece quella ritrattazionc, che gli era imposta, 
delle offese fatte non solo a Vescovi ma alia stessa Congregazione dell' Indice nella sua 
opera. Eisposta al libro del Padre Gio: Maria, Cornoldi ecc. (Osservatore Ro- 
mano, 21 settembre 1882). Fino a questo momento non abbiamo veduta nella ^a- 
pienza questa ritrattazione. 

Serie XI, vol. Z/7, /aw. TH ^ ^ oitolre 1882 



322 RIVISTA 

Del resto, fanno increscer di se tutti quelli che non rifinano 
mai d'addentare oggi la Chiesa, tacciandola d' intollerante. A 
quest! tempi ! La Chiesa perseguitata ovunque, proscritta nella 
G-ermania; affamata nell'Irlanda, esigliata nella Polonia, ridotta 
alle persecuzioni de'primi secoli qua e la nelle plaghe inospite 
de'selvaggi, astiata, ammanettata per tutta la terra... la Chiesa 
e intollerante! la Chiesa e persecutrice ! Se avvisa i figli de'peri- 
coli e de'danni dell'eresia, eccola intollerante! se smaschera i 
pregiudizi del secolo, 5 retrograda ! se precede per dura necessita 
allepene canoniche, ecrudele! L'antica favola del lupo e del- 
Tagnello rinnovasi anche a'nostri giorni; si scambiano le veci; 
e 1'innocente vittima e" trattata da carnefice e da assassino! Ella 
non ha che la parola a difendersi : Derelicla sunt tantummodo 
labia circa denies meos, e se alza la voce per amor degli uomini, 
per uccisione degli errori, diligite homines interficite errores. 
ella turba la coscienza e la quiete pubblica; e si mette al bando 
delle nazioni ! Una pia donna, ferma a contemplare una schiera 
di fanciulli omai naufraghi nella tempesta, grida altissimamente 
dalla sponda, eccovi la via della salute; seguitela o annegate. 
Ed essi deriderla, e volger gli occhi altrove. Le ondate li sospin- 
gono nell'alto, un vortice li seppellisce... la donna si copre il 
volto per non vedere... e piange!!! E intollerante? In que' fan- 
ciulli, riconoscete i miseri naufraghi nel mare dell'errore; in 
quella donna, riconoscete la Chiesa. Che vivezza d'imagini! 
Ne punto reca meraviglia che il popolo accorresse in folia ad 
udhio e pendesse dal sue labbro. 

Dalla lezione dei varii discorsi e delle varie omelie dell'Emi- 
nentissimo Cardinale Parocchi, nelle quali si vede scintillare bene 
spesso la luce del sue ingegno, e chiara traspare la fermezza dei 
suoi principii e I'attaccamento sincere al sapientissimo Papa 
Leone XIII, a tutto rigore di logica si deduce da un lato ch'egli 
fu degno d' essere osteggiato da coloro che non mai vollero con- 
cedergli V Exequatur, ed insieme si deduce da un altro lato ch'ei 
fu ben meritevole di quell' amore, di quella stima e di quella gra- 
titudine che gli conservano il clero e il popolo della sua vastis- 
sima diocesi. 



DELLA STAMPA JTALIANA 323 

II. 

II pianto MY Opinione di Roma, il 12 ottobre 1882. 

Da qualche anno ci siamo avvezzati ai pubblici piagnistei di 
quel nefasto partito che, caduto in Italia dal potere il marzo 
del 1876, mai non ha saputo fare di necessita virtu e rassegnarsi 
alia sorte che si e meritata. Ma, nel suo numero dei 12 dell'an- 
dato ottobre, parlando della lotto, elettorale, V Opinione di Roma 
usci in un tal pianto disperato, che per la ingenuita della con- 
fessione con cui 1'accompagno, ha del singolare e va t tenuto a 
memoria. 

Un punto fosco, cosi essa, nella lotta elettorale e 1'ira colla 
quale si attaccano i moderati dai progressist!, dai radicali, dai 
repubblicani e dai socialist!: ecrasons I'infame! L'infame 6 un 
intero partito, senza il quale non vi sarebbe 1' Italia, e senza le 
idee sostanziali del pale, nella politica interna come neU'esterna, 
T Italia si disfarebbe. > 

Se il gusto di vedere avverarsi le facili profezie fosse seinpre 
nobile ed umano, noi clericali potremmo batter le mani e ralle- 
grarci, col gridare alia gente dell' Opinione: Non ye lo dice- 
vamo noi, dieci e venti anni fa, quando voi capitanavate tutti co- 
loro che davano addosso a noi, col motto Ecrasons I' infame? Noi 
vi rispondevamo con tono sicuro Yhodie mild, eras tibi delle 
leggende mortuarie. Ora 5 venuta la volta vostra; e ben vi sta! 

Ma via: ne carita, n& civilta consentono che mostriamo gioia 
si crudele della rea sorte di avversarii, benche a noi si inalefici. 
Adunque non giubileremo punto pei malanni che ora piovono 
sulle spalle dei yinti e sbaragliati uomini delF Opinione: ma in- 
vece discorrerenio un poco dell 7 origine di essi ; poich6 la disgrazia 
d'altri pu6 seinpre essere ad altri di ammaestramento. 

Ancora il partito dei moderati, quando era potente, inalbero 
1' orrida impresa Ecrasons I' infame, ereditata dal Voltaire e dai 
settarii del filosofismo anticristiano del secolo scorso; e nella so- 



324 RI VISTA 

stanza mirava all'intento medesimo die essi, benche" piu che 
essi simulatamente. Pel signori moderati, senza del quail non 
vi sarebbe 1' Italia doe 1' Italia massonica, Vinfame fu priina 
I'ordinamento cristiano dell'autorita legittima civile : questo in- 
nanzi tutto si ebbe da atterrare ; e fu da loro bellamente atterrato 
in nome del diritto nuovo, colie sue aspirazioni nazionali, co' 
suoi plebiscit^ preceduti dagli opportuni bombardamenti, colle sue 
annessioni e colle sue liquidazioni ; tutte cose giuste e sante, 
perche dirette a toglier di mezzo dall' Italia 1' infame. 

Di poi, per questi signori, 1' infame divento piu esplidtamente 
il Papato, in quanto libero e indipen/lente, colla guarentigia del 
Potere temporale; avvegnache ridotto ai minimi termini del pos- 
sibile. Quindi, per ischiacciare quest' infame, die non fecero essi 
e che non permisero si facesse di giusto e di santo, secondo il 
diritto nuovo? Yi ebbe infamia, secondo il diritto antico, di cui 
o copertamente o scopertamente i bravi signori non si macdiias- 
serof Noi, scrive la moderata Liberia di Roma I'll ottobre, 
siamo freschi di spergiuri, di tradimenti, di accozzamenti ne- 
fandi. E intanto die apparecdiiavano lo schiacciamento del loro 
infame dentro Eoma stessa, indefessamente lavoravano a schiac- 
ciare pure Vinfame piu recondite, e da non isvelarsi se non per 
gradi, die era la Chiesa cattolica: e perci6 quante leggi spoglia- 
trici, draconiane, barbare, assurde non vennero compilando, per 
debilitare intorno al Papato 1'organismo spirituale, mentre gli 
insidiavano il temporale? 

Yenuti a capo anche dell' agognato schiacciamento del tempo - 
rale, esultanti e coronati d'alloro, salirono al Campidoglio: e 
portata la monardiia nel palazzo pontificio del Quirinale, assetta- 
rono il trono sopra le basi del diritto nuovo e proclamarono in 
cospetto del cielo e della terra il loro celebre : Ci siamo e ci 
resteremo; rallegrato dal lirico Hie manebimus optime. 

Esautorato civilmente il Papa e ridotto a stare in Roma da pri- 
gioniero, toraava agevole 1'andare iniianzi e stendere pratica- 
mente VEcrasons I' infame a quello die era la sostanza vera di 
questo motto massonico ; cioe al Regno di Gesi\ Cristo, die e la 
sua Chiesa. 



BELLA STAMPA ITALIANA 325 

Ma balordamento non pensarono, o se ci pensarono piu balor- 
damente si persuasero, che la setta fosse per contentarsi di ve- 
dere comechessia schiacciato 1'aitare e salvo, anzi rinvigorito il 
trono. E questo e stato il raadornalissimo errore, pel quale VOpi- 
nione e i suoi sono ridotti ora a pascersi di amaro pianto, senza 
il conforto di una speranza. 

Quante volte noi clericali non dicemmo e ridicemmo dal 1860 
in qua, che la guerra al Papato sarebbe finita colla distruzione, 
non del Papato che e indistruttibile, ma della monarchia, con- 
tuttoche trasformata in plebiscitaria e costituzionale ? Quante 
volte non illustramrao con ragioni d'ogni maniera questa tesi, piu 
storica che profetica'? Quante altre non ci valemmo della sen- 
tenza pure del Mazzini, che caduto il trono politico del Papa in 
Eoma, cadrebbero altrove prive di base le monarchie; e sopra le 
altre quella che tentasse di sostituirsi dentro Roma al potere 
papale ? 

In pena di ci6, dai signori moderati noi fummo derisi, berteg- 
giati, scherniti, additati all'ira ed all' esecrazione di tutti ipa- 
trioti. Ebbene ; ce lo dica T Opinione, se pure il disperato dolore 
la rende capace di dire la verita: abbiamo noi avuto torto? Eccovi, 
o signori moderati, trattati ora dai progressisti, dai repubblicani 
e dai socialisti, come voi per sedici anni trattaste noi : quQlV Ecra- 
sons rinfame che voi, con tanta tenacita e codardia, applicaste 
a noi, viene presentemente applicato a voi, non gia da noi cleri- 
cali, che stiamo in disparte, pazientemente e confidentemente 
aspettando 1'ora della giustizia di Dio, che sta appressandosi ; ma 
da coloro che avete serviti, accarezzati, educati, palpati e quasi 
idolatrati. Quelli che contro voi gridano: Ecrasons Vinfame! 
sono i socii vostri in tutte le gloriose e sante imprese che vi con- 
dussero dal Po al Tevere ; e gli alunni formati al vostro esempio, 
alle vostre dottrine, alle vostre scuole ; al troche essi sono logici e 
voi no : essi nell' Italia, che dite di aver fatta voi, vogliono il 
mezzo per toccare il fondo dell'arcano massonico; e voi avreste 
voluto il mezzo per godervi quello che, facendo 1' Italia, avevate 
per voi arraffato. Lo ripetiamo: ci dica V Opinione, a nome di 
tutti i suoi : avemmo noi torto di presagire costantemente quello 



326 RIV1STA DELLA STAMPA ITALIANA 

che sta oggi accadendo, e non & ancora se non Vinitium ma~ 
lorum ? 

L' Opinions termina il suo compianto, col lamentarsi di quei 
progressist! che arrossiscono pudicamente alia sola idea di 
stringere la mano a un moderato > come se fosse un clericale, e 
pronosticando che costoro inconsapevoli preparano la ruina della 
loro patria. 

Noi ammiriamo qui la legge di provvidenziale giustizia, che & 
quella del taglione e di raro falla: Per quae peccat quis, per 
haec et torguetur. I moderati han commessa la maggior parte 
delle loro scelleratezze, per tenersi stretta la mano del progres- 
sist! e dei loro alleati. Ci duole che quest! signori progressist! si 
mostrino al presente si poco grati a! benefattori, che per compia- 
cerli hanno violata la giustizia non solo usque ad aras, ma flno 
a demolire con mano sacrilega le are. Ma che farci? I moderati 
hanno tradite dinastie e bandiere, per potere schiacciare Vinfame : 
ora i progressist! tradiscono i vecchi commilitoni moderati, per 
poterlo schiacciare meglio di loro. Son ripagati della moneta 
stessa con cui pagarono altri: ed e il dovere. 

Quanto poi alia patria, il caso 6 altro. Oggimai il nome di 
patria & divenuto convenzionale, come quello di iiberta, di giusti- 
zia, di onore. Per le novelle schiere che si addestrano a servir 
1' Italia dell'avvenire, la patria 6 nella Repubblica, come pei mo- 
derati e stata e pare sia nella Monarchia costituzionale. Codesta, 
fra'liberali, 5 oramai divenuta disputa di gusti; e fa proprio 
ridere un liberale moderato che, dopo aver visto il suo partito 
conciare 1' Italia com'& ora, grida cogli occhi piangenti ad un 
liberale democratico : Fratello, per carita, badate a.quel che 
fate: voi inconsapevole, preparate la ruina della patria. 

L ? Opinione ha principiato ii suo compianto, per la lotto, elet- 
torale, con mestizia tragica; ma lo finisce con facezia comica. 



BIBLIOGRAFIA 



ALBO per festeggiare il settimo Gentenario dalla nascita di San Fran- 
cesco di Assisi, fondatore dell'Ordine del frati Minor! e comprotettore 
della citta e diocesi di Carpi, ottobre MDGCGLXXXII. Modena, 
tip. sociale, 1882. In 8, di pagg. 60. 

ALDISIO BETTO 8ALVATORE. Titoli e document! del Gav. Sal- 

vatore Aldisio Betto. Palermo, off. tipografica di Gamillo Tambu- 

rello e G., Piazzetta Sstte Cantoni, n. 18, 1882. In 16, di pagg. 54. 

I titoli e document! accolti nell'an- stro secolo; qual fu appunto il Cav. Sal- 

nunziato volumetto sono diretti a far co- vatore Aldisio Betto. Noi volentieri li an- 

noscere il merito di uno di quegli uomini nunziamo perche sieno uno stimolo ai 

di stampo antico, che illustrarono il no- present! di emularne le virtii. 

ANNA ALOISI-MASELLA Lisboa, typographia Universal, 1882. 

In 16, di pagg. 74. 

Non e scarso, per divina merce, anche zella Anna Aloisi-Masella, mancata ai vivi 

ai nostri tempi, il numero di quelle cri- nel 1879. Consigliamo a tutti, special- 

stiane donzelle, che pur vivendo nel mondo mente alle fanciulle, la lettura dell'an- 

emulano colla innocenza della vita e le nunziato volumetto, steso con semplicita 

piu elette virtu, quei prodigi di santita di stile, tutta propria a ritrarre il can- 

che si sono sempre ammirati nella Chiesa. dore e la schiettezza di quell'anima, e far 

Piu volte abbiamo avuto occasions di sentire la soavita ed amabilita delle sue 

fame memoria in questo nostro perio- viriu. Tanto saii essa piu profitlevole al 

dico; ed ora siamo lieti di proporne un loro spirito, quanto meno straordinarii 

novello esempio ne'brevi cenni biografici, ma non per questo men preziosi sono gli 

pubblicati in Lisbona, della nobile don- esempii di santita che vi apprenderanno. 

ANNIBALDI GIOVANNI -- II centenario di S. Francesco e di S. Te- 
resa ; e del Galendario gregoriano. Reminiscenze storiche della citta 
e diocesi di lesi, per Giovanni Annibaldi. lesi^ tipografia Framonti 
Fazi, 1882. In 8, di pagg. 76. Prezzo L. 1. 

ANONIMO Appello a suffragare le Anime del Purgatorio. Letture pel 
raese di novembre. Venezia, tipografia Emiliana, 1882. 
Le persone divote troveranno in questo chi le aiuti. Percio lo raccomandiamo loro 

libricciuolo forti stirnoli a suffragare le pel doppio vantaggio che ne proverra e 

Anime purganti cosi abbandonate oggi- alia loro pieta e al bisogno delle penanti 

giorno e percio tanto piu bisognose di spose del Signore. 



328 



BIBLIOGRAFIA 



AEPA CATTOL1CA o raccolta di laudi sacre in onore di Gesu 
Gristo, di Maria Santissima e dei Santi. S. Pier d' Arena, tipografia 
e libreria di S. Vincenzo de'Paoli, 1881. In 16, pice., di pagg. 500. 
Prezzo lire 1. 

BELMONTE (DA) P. GIAGINTO -- 11 male nei giorni nostri per il 
P. Giacinto da Belraonte, Cappuccino. Firenze, tip. della SS. Goncezione 
di Raffaello Ricci. 1882. Un Vol. in 8, di pagg. 618. Prezzo lire 3. - 
11 dieci per cento di ci6 che si ritrae e per 1' Obolo di S. Pietro. - 
Che cosa e il mondo? Lo disse la comparsa chc loro conviene. Non per- 

S. Giovanni e priraa di lui Favoa detto tanto la carita, anzi la convcnienza pro- 

anche Tacito; il mondo e il male. S. Ago- pria di uno scrittore religioso e sempre 

stino poi, sviluppando questo medesimo 

concetto, soggingne altro non essere il 

mondo che 1'tinione di tutte le forze del- 

Fempieta e del peccato. Or come con 

parola moderna si chiama il mondo? 

Rivoluzione. Retlamcntc pero Fegregio 

P. Giacinto a questo libro in cui fa 1'ana- 

lisi com plot a della rivoluzione, pose a ti- 

tolo: II male nei giorni nostri. 

E noi non esitiamo punto a giudicare 

F opera presentc delFesimio cappuccino 

calabrese benissimo riuscita. Ma intendia- 

moci. II savio Padre non miro a scrivere 

un trattato scienlifico sulla rivoluzione. 

Fece cio che a' di nostri e tanto piu utile 

e necessario; vale a dire un libro pel po- 

polo, in cui eziandio le pcrsone meno ad- 

dottrinate vedcssero cogli occhi e toccas- 

sero colle mani tutta la ribalderia, onde 

il mostro della rivoluzione va essenzial- 

mente costituito. 

Non conosciamo aspetto della rivolu- 
zione moderna che in quest' opera non 

venga lumeggiato a meraviglia benc : fram- 

massoni, liberal!, ciarlatani, polilicastri, 

dottrinarii d'ogni nome e partito qui fanno 

BONA VENTURA (S.) Tredici sermoni in onore di S. Francesco di 
Assisi, tolti dagli inediti del serafico dottore S. Bonaventura; pubbli- 
cati in occasione del settimo centenario della nascita del S. Patriarca 
per cura di D. Paolino Manciana Monaco sublacense. Boma, libreria 
di Giuseppe Stracca editore, Via di Torre Argentina n. 72, 1882. 
In 16, di pagg. J62. Prezzo L. 2. 
Sono un bell' ossequio al Patriarca amatori della sacra eloquenza, i tredic 

S. Francesco e insieme un grato dono agli discorsi di S. Bonaventura in onore di 



salva in queste pagine; perche flagellando 
le turpitudini, il P. Giacinto non fa mai 
sfregio alle pcrsone. Dice che la rivolu- 
zione gu:tstd ogni cosa buona, la civilta, 
la scuola, la morale, la donna, il matri- 
nionio, la logica, la poesia, i governi, 
Foperaio, Feconomia sociale eccelera, e ne 
reca a parte a parte prove irrefragabili. 
Perocche le ragioni dell'esimio Autore 
sono principalmente i falti e le confessioni 
uscite di bocca agli stessi rivoluzionarii; 
confessioni e fatti che, raccolti da lui con 
singolar pazienza ed espressi con istile 
vicace, si porgono in questo libro orclina- 
tissimi, quasi in un prontuario per uso 
dei pubblicisti ed orator! cattolici. Bravo 
51 P. Giacinto! Gli auguriamo un numero 
di lettori corrispondente al merito della 
sua opera. Ne dopo quello che abbiamo 
detto di questa maggiore, ci occorre piu 
raccomandare le recenti due operette del 
medesimo Padre, intitolate, Funa: Quat- 
tro Santi ed un beato, Faltra: VAddo- 
lorata ed Acri, anch'esse nei loro genere 
assai commendevoli. 



BIBLIOGRAFIA 329 

S. Francesco d' Assisi, i quali ora per la sua, ivi stesso da conto con isquisita esat- 

prima volta incite alia luce il ch. P. D. tezza dei codici da cui li ha ricavati, del 

Paolino Manciana monaco delPOrdine di confront! falti per istabilirne la piii sicura 

S. Benedetto. Nella dotta prefazione che lezione, e degli argomenti che provano la 

egli premette al volume, da ragione del loro autenticita. E un bel saggio di eru- 

contenuto di qoei discorsi, i quali e per dizione e di critica, che fa giustamente 

la sostanza e per la forma si manifestano sperare dall'egregio Benedeltinoaltri frutti 

un degno parto dell' ingegno e della dot- egualmente pregevoli delja sua non co- 

trina del S. Dottore. Quanto poi all' opera mune abilita in simili studii. 

BONOMELLI M. r GEREMIA Summa totius theologiae dogmaticae, 
auctore D. D. ieremia Bonomelli Episcopo Cremonensi, et coadiuvante 
D. Eugenio Gamba doct. S. theol. et Profess. Hermeneut. sacrae 
et philosophiae in Seminario Gremonensi. (Fasc. 14, Anno quarto). 
Mediolani, apud Seraphinum Maiocchi bibliopolam, Via Bocchetto, 
n. 3, 1882. In 8, di pagg. 88. 

BONONCINI PASQUALE II Santuario della Madonna di Brasa presso 
Gastel d'Ajano. Memorie intorno aH'origine del Santuario, e dell'im- 
magine in esso venerata, sua antichita e culto; raccolte e pubblicate 
per cura di Bononcini Pasquale, Presidente del comitato parrocchiale 
di Ranocchio dell' opera dei Gongressi cattolici, cui fa seguito la de- 
scrizione del prirao pellegrinaggio ivi compiuto il 3 luglio 1881. Vi- 
gnola, tipografia di Antonio Monti, 1882. In 8, di pagg. 94 con tavole. 
Prezzo in carta distinta con tavole franco di porto lire 1, in carta 
comune con tavole cent. 80, idem senza tavole cent. 60, presso 1'autore 
sig. Pasquale Bononcini in Ranocchio (Montese per) prov. di Modena. 

BRIGNOL1 LEONIDA I dieci anni dell'Episcopato di Monsignor Do- 
menico Maria Villa. Ricordo al popolo di Parma offerto nel di tri- 
gesimo dalla morte del compianto suo Vescovo ; per Leonida Brignoli 
Missionario Apostolico. Parma, tip. Fiaccadori,1882. In 8, di pagg. 92. 

BUSSI D. LUIGI Piccola ghirlanda di fiori campestri a S. Teresa nel 
terzo centenario della sua morte. Vercelli, stabilimento tipografico 
Goppo, 1882. Prezzo cent. 50 la copia presso 1'Autore in Gandia 
(Lomellina). 

CAGLIOLE (DA) P. GANDIDO Filotea serafica; ossia manuale di 

pieta pei Francescani, compilato dal P. Candido da Gagliole M. 0. 

Venetia, tip. dell' Ancora, 1882. In 16, di pagg. 986. Prezzo L. 2. 

Questa raccolta di pie pratiche si rac- nuale principalmente per la copia e la 

comanda abbaslanza pel semplice titolo, sceltezza delle materie, tutte opportune 

prescntandosi come guida fedele nelle all' uso pratico della vita spirituale, per 

Opere di pieta a tutti gli appartenenti ai 1' eccellenza di queste, che sono tutte ri- 

tre Ordini francescani e per conseguenza cavate dalle opere di santi e di altri pre- 

a qualsivoglia classe di persone, sieno reli- giatissimi maestri di spirilo, c finalrnente 

giose, sieno secolari. Prezioso e questo Ma- per P online onde sono disposle. 



330 BIBLIOGRAFIA 

CASOLI PIER BIAGIO II tipo del martire nel Poliuto di Corneille, 
nei Martiri di Chateaubriand, e nella Fabiola di Wiseman. (Estratto 
dal periodico di Milano La scuola cattolica, anno X, vol. XIX, qua- 
derno 114). Milano, 1882, tip. Serafmo Ghezzi. In 8, di pagg. 16. 

GAUGING ANTONIO -- Garibaldi, i Municipii e la legge ; per 1'av- 
vocato Gaucino Antonio (Estratto (MYUnitd Cattolica 15-20 ago- 
sto 1882) Torino, 1882, tipografia Subalpina di Stefano Marino, via 
Bertola, 21. In 16, di pagg. 30. 

GERETTI FELICE La Chiesa ed il convento di S. Francesco d'Assisi 
della Mirandola. Notizie del sac. Felice Geretti. Ricordo del VII Cen- 
tenario di S. Francesco d'Assisi celebrato nella Mirandola. Miran- 
dola, tip. di Gaetano Gagarelli, MDCCCLXXXII. In 4, di pagg. 32. 
II ch. Sac. Felice Ceretti, eruditissimo della chiesa e si del convento, le aggiunte, 
illustratore delle memorie mirandolesi, ha i rinnuovamenti e le tra.sformazioni nei 
voluto chiamare la sua erudizione in ser- divers! tempi, e da ragguaglio dei cenobiti 
vigio del gran Patriarca S. Francesco per piu famosi o per santita o per lettere 
festeggiarne il settimo centenario. A que- e scienze che di tempo in tempo vi fio- 
st' uopo con una dotta monografia ha preso rirono, o appartenuti alia famiglia degli 
ad illustrare il piu antico monumento Osservanti o a quella dei Hi format! che 
francescano che esista in Mirandola, che vennero appresso. L'infaticabilestoriografo 
e la chiesa e il convento dei Minori Os- ci fa sapere che gran materia ha egli rac- 
servanti, la cui origine rimonia assai pro- colto intorno ad altri monumenti fran- 
babilmente agli inizii del secolo XIII poco cescani del piccolo Stato della Mirandola r 
appresso la Canonizzazione del Santo ; ben- i quali non ha potuto pubblicare nella 
che la piu anlica memoria superstite che presente occasione, atteso il loro gran nu- 

10 citi non sia piii antica del 1287. Egli mero. Speriamo che non li fara lunga- 
percorre e descrive le molte vicende si mente desiderare. 

GHERGHER GIUSEPPE ANGELO. Orazioni sacre del P. Ghercher Giu- 
seppe Angelo Garmelitano da Galtagirone. Caltagirone, tip. Andrea 
Giustiniani, 1879. In 8, di pagg. 40. 

Sono tre panegirici, 1'uno in onore vanni Battista: ben concepiti nel disegno 
dei SS. Apostoli Pietro e Paolo; 1' altro e condotti, se non sempre con castigatezza 
di S. Giacomo Maggiore ; il terzo di S. Gio- di lingua, certo con dignita e facondia. 

GIGATELLI E DOLERA -- Vita di S. Gammillo De Lellis fondatore 
dei GG. RR. Ministri degli infermi, per i Padri S. Gicatelli e P. Do- 
lera, ora ritoccata ed accresciuta da un altro Padre della stessa re- 
ligione. Roma, tip. Tiberina, Piazza Borghese n 89, 1882. In 4 pice, 
di pagg. 432. 

Questa edizione della Vita di S. Ca- il P. Sanzio Cicatelli, suo con tern poraneo, 
millo De Lellis e senza dubbio la piu per- il quale percio pote narrarla non solo con 
fetta di quante la precedettero, attesa la esattezza, ma dandole quella specie di evi- 
somnia accuratezza con cui e stata eseguita. denza che suol provenire da chi narra come 

11 primo scrittore della vita del Santo fu testimonio immedialo dei fatti. Ma per cio 



BIBLIOGRA.FIA 331 

stesso la sua storia era mancante di molte edizione corregge un tal difetto, perche 

notizie delle opere e delle virtu del Santo, riproduce integralmente il testo primitivo, 

che non ancora si erano manifestate. A salvo alcune leggcre correzioni nella lingua 

questo vuoto sopperi il P. Pantaleone Do- e nello stile, e qualche accorciamento di 

lera, il quale alia storia narrata dal P. Ci- luoghi piu prolissi. Le aggiunte poi, si 

catelli, senza punto mutarne il testo, ag- quelle della precedente edizione, come pa- 

gianse cio che mancava, traendo la materia recchie altre ricavate dal nuovo Editore 

dai processi che erano stati compilati per da autentici documenti, sono rimesse ad 

la beatificazione del Santo. Se non che una Appendice in fine del libro. Per questo 

1' opera del primo e del secondo scrittore modo la vita di S. Camillo torna alia luce 

fu in una novella edizione non poco al- con tutti quei pregi di veracita e di pie- 

terata, per nuove aggiunte introdotte nel nezza che aveva nella precedente edizione, 

testo; il qualo veniva cosi a perdere in e riacquista quella propria fisonomia che 

parte la sua nativa fisonomia. La presente aveanle data i primi scrittori. 

DA FORLI P. PELLEGRINO Annali del frati Minor! Gappuccini 
scritti ed illustrati dal P. Pellegrino da Forll Definitore Generate 
Cappuccino. 

Di questa egregia compilazione che terno d' Italia dovra corrispondere antici- 
venne da noi annunziata e raccomandata, patamente L. 12, rivolgendosi al Diret- 
uscirono gia alia luce sette elegantissimi tore della Tipografia di S. Giuseppe, 
quaderni. L' associazione e obbligatoria Via S. Caloeero N. 9, Milano. 
per un anno ed ogni associate nell'in- 

DESIDERIO P. G. Una gemma del Terz'Ordine; o cenni biografici 

di Bartolomea Bonadei del R. P. Desiderio G. (Estratto dagli Annali 

francescani}. Milano, tipografia e libreria Arciv. Boniardi-Pogliani, 

via Unione, 20, 1878. In 16, di pagg. 72. Prezzo cent. 25, la dozzina 

lire 2, 20 presso la redazione degli Annali francescani. 

Meritamente il ch. Autore di questo nel secolo, nei tre stati in cui posson tro- 

libretto da 51 titolo di una gemma del varsi, di fanciulle, di spose e di vedove: 

terz'Ordine francescano alia Bartolom- in ciascuno dei quali fu davvero una gem- 

mea Bonadei, di cui narra brevemente la ma per le virtu proprie di essi, ma che 

vita. Ella merita di esser proposta in esem- purtroppo raramente s' incontrano nel co- 

pio a tutte le donne cristiane che vivono mune delle donne. 

DE MATTEIS BARONE LU1GI Non expedit! Ghiarimenti sul non 
inter vento dei cattolici italiani alle urne politiche per T Aw. Barone 
Luigi De Matteis. Napoli, pei tipi di Giovanni Menris, Salita S. Po- 
lito, n. 56, 1882. In 8 di pagg. 32. 

Ci giunge or ora questo opuscoletto formola: NON EXPEDIT; ed e provata con 
del ch. Barone De Matteis, e noi, altesa unadimostrazionealtrettantolucidaquanto 
la sua presente importanza, non vogliamo vigorosa e serrata. A questa dimostrazione 
tardare ad annunziarlo. Egli tratta la qui- diretta aggiunge anche maggior forza la 
stione dell'intervenlo dei cattolici italiani trionfante confutazione che fa in seguito 
alle urne politiche, domandando se vi dell' opuscolo, in senso contrario, pub- 
possano prender parte, ovvero no. La ri- blicato in Napoli col titolo: Una que- 
sposta negativa e annunziata dalla famosa stione mal posta. 



332 BIBLIOGRAFIA 

DIONISI G. BATTISTA D. C. D. G. II terzo Centenario della Riforma 
gregoriana del Galendario. Discorsi letti nella Sala del Seminario Ar- 
civescovile di Zara, dal P. Giambattista Dionisi d. G. d. G. Zara, ti- 
pografia Spiridione Artale, 1882. 

II di 24 febbraio del corrente anno Autore, versatissimo nelle scienze fisiehe 
si compiva il terzo secojo dalla mcmorabile e matemaliche, pronunzio i due discors/ 
Ri forma del Calendario romano, procu- qui citati. In essi si espongono la storin, 
rata e pubblicata dal S. P. Gregorio XIII. le ragioni e la natura della suddetla Bi- 
Di questo avvenimento cosi glorioso alia forma con chiarezza, precisione, breyita e 
Chiesa fu celebralo ncl Seminario di Zara scelto apparato di erudizione. 
un solenne centenario, nel quale il chiaro 

DOLERA Vedi GIGATELLI. 

FALGHI M. -- Studii su Guido Monaco per commissione accademica. 

Firenze, tip. di G. Barbera, 1882. In 8 gr., di pagg. 112 con fac-simile. 

E questo un erudito commentario su Benedettini e i Camaldolesi, se eioe Guido 
Guido Monaco, di cui narra brevemente appartenesse all'uno oall'altro di questi 
la vita sopra i piu s'curi document!, e si insigni Ordini, pare die si rimet.ta alPopu- 
intrattiene piu di proposito intorno ai me- scolo ultimamente pubWicato dai PP. Ca- 
riti di lui, ai lavori ed alle fortunate in- maldolesi che lo dimostrano della loro 
venzioni per la riforma della musica sa- famiglia, e del quale facciamo cenno in 
era. Quanto alia quistione agitata fra i questo stesso quademo. 

FIOEI al Poverello d'Assisi. Napoli, Stabilimento tipografico Vincenzo 
Morano, nell'Istituto Gasanova, 1882. In 8, di pagg. 86. Prezzo L. 3. 
FORBES (S. I.) -- Vedi MALLOGK. 

GALLO A. La Cava; TARAVAGGI BALDASSARRE - - Topo- 
grafia della Lunigiana, recate in versi italijini da Nicol6 Giuliani, 
col testo a fronte. G-enova> tip. Arcivescovile, 1882. In 8, di pagg. 40. 
I due poemetti, qui insieme accolti e certo, nel cpllegio della Compagnia di Gesii 
recati in versi italiani dal ch. Prof. Niccolo in Genova. 11 secondo e una prosopopea, 
Giuliani, furono, non e molto, tratti alia in eleganti versi elegiaci, del Castello di 
luce dall' oblio in che si erano per due Vezzana, che descrive con leggiadri colori 
secoli rimasti. Sono due veri cimelii di la- la topografia della Lunigiana Marittima. 
tina poesia del secolo XVI : il primo dei Si deve a Baldassarre Taravacci nativo di 
quali, piulungo, ha per soggetto La Cava Yezzano ligure inferiore, Arciprete dap- 
di Genova, ed e condotto con vago e sem- prima nel superiore, c da ultimo Canonico 
plice intreccio e adorno di belli episodii nella Cattedrale di Sarzana. La versione 
e leggiadre descrizioni. Ne fu autore un del ch, Giuliani, si per la fedelta come 
giovine ligure per nome A. Gallo, di sve- per una sufficiente eleganza non e inde- 
gliato ingegno e ben addentro nelle grazie gna degli original! latin!, 
della latina poesia, che apprese, come par 

GIORGIO ANTONIO AI grande Pontefice Leone XIII, nel luglio 1882. 

Vicenza, tip. Staider, 1882. In 8, gr. di pagg. 32. 

E gia noto, specialmente nelle province pel suo grande afletto al Vicario di Gesu 
Yenete, Tegregio sig. d. Antonio Giorgio, Cristo e per la sua pieta verso la B. Ver- 



BIBLIOGRAFIA 333 

gine. T frequent! opuscoli cli'egli va pub- a sostenlamcnto dei poveri Monasteri d'lta- 

blicando, ornati di poesie facili e devote, lia. Questo volumelto chc aiiiiunziaino, 

si spargono largamcnte: ed egli, per co- messo in luce per one-rare il centenario di 

ronare 1' opera, quanlo raccoglie di ulile S.Teresa, ha i pregi degli antecedenti e 

r la queste sue pubblicazioni, tan to assegna mira allo stesso line di santa misericordia. 

GIULIANI NIGOLO - - Yedi GALLO A. 

GLI EREMITI CAMALDOLESI DI TOSCANA Guido 
tf Arezzo Monaco ed Eremita carnal jolese ristoratore dell'arte mu- 

sicale. Prato, tipografia Giachetti, Figlio e G., 1882. Un volume in 16 
di pag. 120. 

In occasione delle solenni onoranzeche, nei particolari, diciamo in generale che 
nel prossiiro passato seltembre, la citta di 1' operetta e assai pregevole, anche perche 
Arezzo tributava alia memoria del cele- da un'idea sufficiente (quanto era possi- 
brc suo Guido, gli Eremiti camaldolesi di bile ad aversi) del'.a vita di Guido Aretino 
Toscana davano alle stampe rannunziala e di quello ch'egli fece per la musica. 
operetta, colla quale si proposero di chia- Si aggiunge in fine del volume una carta 
rire che il tanto benemerito Guido d' Arezzo fototipica esemplata, come si dice in un 
non era puramente monaco benedettino, Eagguaglio che la precede, da un' anti- 
ma sibbene camaldolese. Questa tesi era chissima pergamena che contiene un brano 
stata per lo innanzi negata da molti, da di canto musicato sul sistema guidoniano. 
qualcuno incominciata a discutere, non di- Si vende in Firenze nella libreria di 
mostrata da nessuno. Oggidi gli eruditi e Egisto Cini, via Ghibellina, 1U, al prezzo 
dotti autori hanno potuto trovare tali do- di lire 1,20, e col ritratto fotografico di 
cumenti ed hanno saputo argomentare in Guido Aretino lire 1,50. Si spedisce franco 
maniera da escludere, per quanto ci pare, di porto per 1' Italia, dieU'O vaglia postale. 
qualsiasi dubbio ragionevole. Senza entrare 

GUARISE N. II San Paolo di Gaetano Trezza, brevemente esaminato 
dal sacerdote N. Guarise, cappellano della cattedrale di Verona. Fi- 
renze, Uffizio della Rassegna Nasionale^ via Faenza, 68, 1882. In 8, 
di pagg. 12. 

GUERRA ALMERIGO Genni storici intorno al giovane Ezio Gherardi 
di Lucca. Un Vol. in 8 di pagg. 96. Vendibile in Torino alia li- 
breria Salesiana, e in Lucca alia libreria dell'Oratorio Santa Groce. 
E un carissimo ed utilissimo libretto, prieta, ma anche con eleganza dalla tanto 

come li sa scrivere il ch. Can. Guerra ; e benemerita tipografia Salesiana. 

per giunta stampato non solo con pro- 

- Vita di Santa Zita Vergine Lucchese, pel canonico Almerico Guerra, 
Monza, 1882, tip. e libr. de'Paolini di S. Annoni e G. Piazza S. Agata, 
n. 480. In 16. di pagg. 132. Prezzo cent. 45. 

Sulla genealogia di S. Francesco d'Assisi; ovvero se il serafico Pa- 
triarca sia oriundo Lucchese. Genni storici pel canonico Almerico 
Guerra. Lucca, tip. Arciv. S. Paolino, 1882. In 16, di pagg. 32. 



334 BIBLIOGRAFIA 

HETTINGER F. L. De theologiae speculativae ac mysticae connubio 
in Dantis praesertim Trilogia. Gommentatio, quam alma lulio-Maxi- 
milianea tertia saecularia celebrante, auspice theologorum in eadem 
Acadernia ordine, edidit D. r F. L. Hettinger. Prof. P. 0. Wirceburgi, 
typis expressit Thein (Stuertz) MDCCCLXXXII. In 4, di pagg. 74/ 
Questa disserlazione del ch. prof. Het- opera alia filosofia e teologia scolaslica, t 

per cagione di questi studii. Noi percio la 
raccomandiamo non meno agli studios/ di 
Dante, che ai cultori di quelle sc&ize, 
della cui natura e condizione il ch. iutore 



e non meno commendabile come 
filosofico e teologico, che come 



fa un' esatta ed erudita esposizio.ie. 



tinger 

studio 

apologia del nostro sovrano poeta, aceu- 

sato da alcuni dotti protestanti di essersi 

sviato dalla retta fede nel tempo che dava 

INAUGUEAZIONE di un monumento rappresentante S. Francesco 
d'Assisi, con Dante, Giotto e G. Colombo in Napoli nel VII cente- 
nario della sua nascita (26 settembre 1882) Napoli, tip. edjtrice degli 
Accattoncelli, 1882. In 8, di pagg. 38. Prezzo L. 1, in Napoli alia 
Piccola biblioteca cattolica in Piazza Dante nell'edicoU n. 7. 
Chi ha potuto ammirare il monumento stata per qualunque altn> una insupera- 



in marmo che e stato inalzato in Napoli 
sulF amena strada di Posilipo presso 1' ospi- 
zio dei vecchi marinari, in onore del gran 
Patriarca S. Francesco ed a memoria del 
suo settimo centenario, ne ha celebrato 
con somme lodi si il concetto e si P ese- 
cuzione. Questa e dovuta al valente e pio 
scultore Cav. Stanislao Lista, il quale sem- 
bra che col felice riuscimento del lavoro 
abbia superata la sua fama. Ma quegli che 
ne porse la idea fu un umile fraticello, 
il P. Ludovico da Casoria, notissimo per 
tutta Italia per tante opere di insigne ca- 
rita. Questa idea fu di rappresentar S. Fran- 
cesco in quella sua si maravigliosa isti- 
tuzione del terz' Ordine francescano; e 
penso di atteggiarla per mezzo di un 
gruppo, nel quale intorno al Santo si ac- 
cogliessero quei tre sommi luminari dei 
Terziarii che furono Dante, Giotto e Cri- 
stoforo Colombo. Ma come provvedere al- 



bile difficolta. Ma pel P. Z^udovico, conscio 
per pruova della onnin/)tenza della carita 
cattolica, la stessa dijficolta dell'impresa 
fu un argomento di doverla tentare con 
piu sicura certezza dell' esito. Ne s' in- 
ganno in questa sua speranza: Pofferta 
del ricco e P obolo del poverello in pochi 
mesi gli posero in mano la somma neces- 
saria pel gran monumento; e questo fu 
compiuto. L' a/munziato libretto espone il 
programma della inaugurazione di esso, 
che fu difatfi eseguita nel di 26 settembre 
anniversario della nascita del Santo, e 
riusci anche piu splendida di quanto si 
era divisato. Nel detto libretto, oltre al 
programma della festa, e recato per di- 
steso il discorso che il chiarissimo Mon- 
sig. Alfonso Capecelatro recito nella detta 
occasione, un bellissimo Inno del ch. Sac. 
D. Mario Palladino che fu messo in musica 
dal Maestro Falconi, e le quattro iscrizioni, 
alia base del monumento, del ch. Abate 
Vito Fornari. 



Pingente spesa die costerebbe Pattuazione 

di si grandiose disegno? Cotesta sarebbe 

INGUDINE CARLO La citta di Naso illustrata, per Carlo Incudine. 

Libri quattro. Napoli, Comm. G. de Angelis e figlio, tipografi di 

S. M. il Re d'ltalia. 14 Portamedina alia Pignasecca, 1882. In 16, 

di pagg. 490. 

II ch. Autore premette a questa mo- prefazione, nella quale con uno stile vivace 

nografia di Naso, sua patria, una lunga e brioso, e se si vuole di tratto in tratto 



BIBL10GRAFIA 



335 



un po' bizzarro, da contezza della origine, 
dei progress! e delle varie vicende di 
questo suo scritto, a cui mise le man! dalla 
sua piii tenera eta ; tanto era 1' amore che 
!o infiammava di richiamare in vita le no- 
li ed antiche memorie della sua terra 
naale. E veramente, a leggere il suo libro, 
si corge chiaro che nessuna diligenza, 
nessiaa industria, nessuna fatica egli ri- 
sparnlo per iscoprire, mettere insieme e 
ordinal queste memorie, che si puo dire 
essere il tutto o almeno il piu e il meglio 
che di qu>Ha illustre citta si potesse rac- 
cogliere. E. da cominciamento alia sua 
narrazione on le prime origin! di Naso, 
che si perdoio nei tempi favolosi, e solo 
si chiariscono dquanto al tempo della in- 
vasione dei Sanceni: i quali, come nel 
resto della Sicilii, cosi parimente in Naso 
lasciarono memorn di se piu nelle ruine 
da loro accumulate che in opere di qual- 
che pubblica utiiita. Oa questa crudele op- 
pressione fu anche Naso liberata dai Nor- 
manni, e qui propriameite comincia la sua 
vera storia. II noStro Autore la viene in- 
tessendo secondo tutti i *uoi particolari: 
e dapprima nel rispctto politico e civile, 
esponendo il lunghissimo pedooX durante 
il quale fu sottoposta al governo dei baro- 
ni, con questa special! ta che eia divisa fra 



due signorie, continua sorgente di liti ed 
anche di guerre civili. Di coteste e di altre 
vicende politiche e militari tiene ragione 
1'egregio Autore, descrivendo le principal! 
e toccando le altre insino agli ultimi tempi : 
il che fa nei due primi libri. Col terzo 
da ragguaglio degli uomini piu segnalati 
per lettere, scienze ed arti che sono fioriti 
in Naso, dando conto delle diverse lor 
opere o pubblicate per le stampe o ma- 
noscritte o che almeno sono ricordate 
nelle antiche memorie. Cotesto periodo, 
com' e chiaro, non pu6 essere molto lungo: 
esso si inizia propriamente dalla meta circa 
del secolo XVI, e si continua insino ai 
nostri giorni. Nel quarto libro, chee 1' ul- 
timo, descritto il sito, 1'estensione e la 
forma della citta, da notizia dei suoi pri- 
vilegi, delle varie istituzioni si ecclesia- 
stiche e si civili, e finalmente dei suoi mo- 
numenti, cosi degli antichi, come dei 
tuttora esistenti. 

Quest' opera del ch. Incudine, elaborata 
con tanto studio e tanta accuratezza, viene 
a prendere un posto ragguardevole fra i 
molti lavori di simil genere pubblicati in 
questi ultimi tempi, i quali, mentre illu- 
strano una regione particolare, vengono a 
somministrare materia copiosa per la storia 
universale della nazione. 



INGLETTI VINGENZO Prospetto della vita di Gesii Cristo, a cura 
del sacerdote Yincenzo Ingletti. Napoli, tipografia degli Accatton- 
celli, 1882. In 16, pice., di pagg. 172. Prezzo lire 1, 25. 



La sostanza di questo Prospetto e 
lavoro di quel sommo commentatore delle 
sacre Scritture che e Cornelio A Lapide; 
contiene un sunto dei fatti principal! della 
vita di Gesii Cristo come sono riferiti dai 
quattro evangelist!, concordat! fra loro. 
Non si contenta pero il ch. Sacerdote In- 
gletti di fame una semplice versione. Egli 



vi lavora di suo, ampliando il tessuto 
dell'A Lapide, ed in cio aiutandosi del- 
1' opera dei piu insigni espositori dei Van- 
geli, specialmente del commento di S. Tom- 
maso detto Catena Aurea. Cosi ne riesce 
un Manuale abbastanza perfetto della vita 
di N. S., e molto acconcio alia istruzione 
popolare. 



LEONE GIUSEPPE MARIA II tesoro delle anime; ovvero il mistero 
della preghiera. Lezioni cattoliche del Rev. Padre D. Giuseppe Maria 
Leone della Gongregazioue del SS. Redentore. Napoli, tip. dell'Acca- 



336 



BIBLIOGRAFIA 



demia Reale delle Scienze, diretta da Michele De Rubertis, 1882. 
In 16, di pagg. 214. Prezzo lire 1. 



cialmente il soprallodato S. Alfonso hanno 
lasciato scritto intorno alia natura, alia 
eccellenza, alia necessita e ai divers! o/ 
getti della preghiera, ed alle cimdizidn 
che essa esige per ottenere il suo effofo. 
Consigliamo questa si pregevole oper;tta, 
ad ogni anima fedele, essendo appuAo la 
preghiera do che sostiene, confina ed 
assicura la vita dell' anima criafan& 



A buon diritto il presente opuscolo 
e intitolato il tesoro delle anime, perche 
esso tratla della Preghiera, la quale e 
come una miniera di lutte le ricchezze 
spiritual! a chi sa usarla. L' egregio Au- 
lore, sulle orme del suo gran Padre S. Al- 
fonso M a . de Liguori, si fa guida ai fe- 
deli in questo si salutare esercizio, com- 
prendendo in un breve trattato il piu e 
il meglio che i maestri di spirito, e spe- 

MALLOGR La Vie vaut-elle la peine de vivre? Etudes sur la mo- 
rale positiviste par W. Hurrel Mallock auteur de la Nmvelle Re- 
publique. Ouvrage traduit de 1'anglais, avec une Introduction et des 
notes, par le P. James Forbes S. J. Paris Pedone-Laurie>. editeur Rue 
Soufflot 13, 1882. / 

Questo libro pubblicato da prima in gistero che ne propong; e spicghi 51 con- 
inglese, levo gran rumore singolarmenle tenuto, e dei criterii /aulenticita proprii 
negli Stati Uniti. Oirgimai non e piu ignota della sola Chiesa C/ttolica e mancanti 
neppure fra noi la morale positivista, e affatto al proteslantrsimo; che il piu delle 
vuol dire quel sistema di fulili e pure volte non potreWe di tali argomenti 
i: ,.: i.- i: ~^: - sci'iver meglio yn cgtlolico. Percio il 



P. Forbes credefte utile lavoro il voltare 



ingannevoli massime con che gli atei mo- 

derni danno inostra di salvare la moralita 

degl'individui e dei popoli. II Mallock ne fa cotesto libro iY lingua francese, aggiun- 

in questa sua opera una critica slringen- gendovi solta/to un' .introduzione e una 

tissima per logica, e per la vivacita dello 

stile. Ma cio che da un pregio singolare a 

questo scritto e 1'essere egli compilato non 

gia da un cattolico e da un credente, ma 

da un razionalista non ligio a nessuna si adoprera con sommo giovamento dai 

fede, qual e lo stesso Mallock: il quale cattoljci, ed agl'increduli mostrera come 



serie d'opponune note a correzione e con- 
futazione d/alcuni errori sfuggili, come 
non potea/altrimenti, all' Au tore raziona- 
lista. Cop tali correttivi 1'opera del Mallock 



per giunla lasciandosi portare dal corso 
della logica vi parla con tanto senno della 
convcnienza della Rivelazione, e della ne- 
cessita d'un autenlico ed infallibile ma- 



la Icwo morale e condannala non solo dai 
cosi detti pregiudizii nostri, ma ancora 
dalla logica imparziale di uno dei loro 
colleghi. 

MANCIANA PAOLINO Vedi BONA VENTURA (S.). 



MANUALE per le Gonfraternite e pie societa della diocesi di Mon- 
dovi e per le amministrazioni di tutte le chiese. (Estratto dalle co- 
stituzioni sinodali con aggiunte). Mondavi, 1882 presso Giuseppe 
Bianco tip. Vesc. In 16, di pagg. 272. Prezzo lire 1,25. 

MARTINENGO FRANCESCO La storia di Tobia (poemetto in sesta 
rima) narrata alle famiglie cristiane da Francesco Martinengo, prete 



BIBLIOGRAFIA 337 

della Missions. 2 a edizione. Torino, 1882, tipografia e libreria Sale- 
siana. In 16, di pagg. 218. Prezzo lire 2, legato in tela lire 3. 

Vedi J'elogio cho la Civilta Cattolica free della prima edizione di queslo bel- 
lissimo poemetto nel quaderno 302 (9 ottobre 1862) a pagg-. 221. 

MAURI FRANCESCO Omaggio di venerazione e di amore al glorioso 
Patriarca S. Francesco d' Assisi riella fausta ricorrenza del suo set- 
timo Centenario; colla traduzione dell'eroico poema La Francisciade 
del Minorita Francesco Mauri in altrettanti endecasillabi, pel Padre 
Ireneo Riva da Busseto, Lettor giubilato de'Minori Osservanti, gia 
Definitor Generale dell' Ordine, e socio di piii Accademie. Bologna, 
tip. Pont. Mareggiani, 1882. Due volumi in 8, di pagg. 352, 450. 
Prezzo L. 6. 
Era ben giusto che anche la lalina 

poesia concorresse a festeggiare il cente- 

nario del grande Patriarca di Assisi, nella 

forma piu perfetta che essa ha, che e 

quella della Epopea. Felice dunque e slato 

il pensiero del ch. P. Ireneo Riva dell'in- 

clito Ordine francescano, di curare una 

novella edizione del celebre poema del 

P. Francesco Mauri del medesimo Ordine, 

sopra S. Francesco; e al suo pensiero ha 

ben corrisposlo 1' egregia Tipografia Pon- 

tificia Maregginni colla eleganza dei tipi 

e la esattezza tipografica. 11 P. Mauri np- 

partenne a quel fcrtunato secolo in cui 

parve rivivere 1'aurea latinita dei tempi 

di Augusto, per opera dei Sannazzari, dei 

Vida, dei Manuzii, dei Pontani, dei Fra- 

castori e cento altri: ai quali non si mo- 

stro guari inferiore per purita di linguag- 

gio, venusta di forma e valore poetico il 

cantore di S. Francesco. Egli prese a sog- 



getto del suo poema, la cui tela svolge 
per ben tredici libri, la vita del Santo, 
atteggiata secondo 1'esigenze dell'cpica 
poesia ; cioe riduccndola ad un solo con- 
cetto cardinale, che e la riforma del mondo 
cristiano, ed a questo facendo collimare 
tutte le geste di lui, narrate e descritte 
conforme la slorica verita, e sol nelle cose 
secondarie abbcllite dalla finzione. Non di- 
remo che in colesto suo diserao sia siaio 



del tutto felice; ma e da osservare che il 
soggetto non potea comportare altro di 
meglio, se per amor della forma non 
avesse voluto danneggiar la sostanza; e in 
cio non riuscirono piii felici di lui ne il 
Sannazzaro ne il Vida. Ma a questo di- 
fetto, se tale vuol dirsi, sono un largo 
compenso i pregi della elocuzione e le 
grazie poeliche che brillano dappertutto, 
nelle narrazioni, nelle descrizioni, negli af- 
fetti e generalmente nelle svariate movenze 
deir azione poetica. Ne diremo percio che 
in questo slesso egli sia per ogni guisa 
inappuntabile. Vi si notano alcune parole 
non del tutto latine, qua e cola frasi e 
versi scadentl, e nel tut to una soverchia 
ridondanza. Ma quest! ed altri nei, facili 
a scoprirsi anche nei sommi, non gli tol- 
gono il posto di uno dei piu colti poeti 
lalini del cinquecento, e percio tenuto in 
gran pregio dai letterati contomporanei, e 
da quel grande Mecenate dei dotti il Duca 
Cosimo de' Medici primo Granduca di To- 
scana che voile incoronarlo di sua mano. 
11 ch. P. Ireneo Riva, per fare gustare il 
poema del P. Mauri anche a coloro che 
non si intendessero di latino, lo ha tra- 
dolto in versi sciolti italiani, soggettandosi 
alia dura pruova di fame riuscire altret- 
lanti quanti sono i latini. 



MESSINA MICHELE Apologia di Cicerone contro Teodoro Mommsen, 



Serie XI, vol. XII, fasc. 



'22 



27 ottolre 18*2. 



338 



BIBLIOGRAFIA 



per Michele Messina. Seconda ediz. Napoli, Bernardino Ciao, libraio- 
editore, 14. Piazza S. Domenico Maggiore. 1882. In 16, di pagg. 162. 



pubblico qualche anno addietro la dotta 
apologia che ora vede per la seconda 
volta la luce. Trattandosi di una seconda 
edizione, a noi bastera notare soltanto il 
pubblico favore onde fu accolta la prima, 
di cui ci sono argomento parecchie lettere 
di congratulazione a lui scritte da illustri 
personaggi, e che sono riportate alia fine 
del libro. 



Sono note le villane e impudent! ac- 
cuse, o piuttosto calunnie, lanciate dal 
Mommsen nella sua Storia romana con- 
tro M. Tullio Cicerone, da lui vituperato 
come uomo politico, statista, filosofo, scrit- 
tore ed oratore. Com' era naturale, molti 
dotti italiani si levarono a ribattere le irra- 
gionevoli censure del professore tedesco; 
ed uno di questi fu il nostro Autore che 

NERICI LUIG1 -- Del congresso europeo di canto liturgico in Arezzo; 
e della restaurazione del canto gregoriano. Memoria de*l Maestro 
Ab. Luigi Nerici, socio ordinario della R. Accademia lucchese. Lucca, 
tip. Giusti, 1882. In 8, di pagg. 80. (Estratto dal Vol. XXII degli 
Atti dell R. Accademia lucchese). 

NOBERASGO Sac. FILIPPO Santa Teresa. Liriche del Sac. Filippo 
Noberasco. Genova, tip. della Gioventu, 1882. In 8. di pagg. 27. 
Bella per invenzione e grazie poetiche offerto alia Santa dal ch. Sac. Noberasco. 
e la Visione in terza rima, intitolata le Pregevoli sono anche i Sonetti che la se- 
Glorie di S. Teresa, che e il principale guono e PInno finale che ha per titolo, 
componimento di questo serto di poesle L' Angela del Carmelo. 

OEATIONES dicendae in benedictione SS. Sacramenti pro opportu- 
nitate temporum. Gum approbatione Sacr. Rituum Gongregationis. 
Bomae, penes offlcinam ephemeridis Nuncius SS- Gordis lesu, 1882. 
In 4, di pagg. 40. Prezzo lire 5. 

PADOVANI ENRICO --La scuola della vera sapienza; ossia la dot- 
trina cristiana spiegata al popolo, per il sacerdote Enrico Padovani 
Arciprete di Verola-Veccbia. Della Fede. Hologna, tip. Pont. Mareg- 
giani, via Volturno, 3, 1882. Tre vol. in 16, di pagg. 554, 584, 480. 
Prezzo dei 3 volumi lire 9. 
Vasto e il proposito del ch. Autore di 

quest' opera. Egli intende di dare un'ampia 

spiegazione della dottrina cristiana, ab- 

bracciando insieme la parte che riguarda 

il domma e quella che riguarda la morale, 

e svolgendo Puna e 1'altra in tutta la 

loro ampiezza, benche in modo propor- 

zionato alia popolare intelligenza. Pub- 
blico il primo vol. nel 1874, nel quale 

dopo un copioso preambolo intorno alia 

importanza della dottrina cristiana, ai fon- 

damenti della fede ed alle fonti della di- 

vina rivelazione, da principio alia esposi- 



zione del simbolo apostolico il cui primo 



articolo comprende il resto del volume. 
II secondo e il terzo volume sono stati 
pubblicati nel corrente anno, e giungono 
complessivamente al settimo articolo del 
simbolo. Non entreremo nella esposizione 
particolare, che per la sua ampiezza ci 
trarrebbe troppo in lungo: diremo soltanto 
in generale che, a nostro parere, 1'egregio 
Autore raggiunge bastevolmente il suo 
scopo; il quale, come abbiamo detto, e 
quello di dare una compiuta istruzione 
sopra tutte le materie della dottrina cri- 
stiana e insieme adattarla alia comune 
capacita. 



BIBLIOGRAFIA 339 

PANEGIEICI (TEE) in onore del Beato Carlo da Sezze Minore Ri- 

formato, recitati nella Venerabil Ghiesa di S. Francesco a Ripa nei 

giorni 16, 17 e 18 giugno 1882 dagli Illmi e Revmi Monsignor Luigi 

Canonico Griraaldi, Padre Basilio da Neirone Minore Riformato e 

Cardinale Lucido Maria Parocchi. Roma, per cura ftelYEco del Pon- 

tificato, via del Fico, n. 6, p. 1. In 16, di pagg. 56. Si vende presso 

la Direzione dell'J^co del Pontificate in Roma al prezzo di cent. 75. 

Basta il nome dei tre autori di quest! giudizio. Li raccomandiamo assai volentieri 

panegirici per farne argomentare il merito anche pel santo scopo a cui e destinato il 

anche prima che sieno letti; e niuno, do- lucro che potra ricavarsene, che e quello 

poche li avra letti, dovra penlirsi del suo di promuovere la Canonizzazione del Beato. 

PARASGANDOLA MICHELE -- Una lagrima di dolore sulla tomba 
deU'estinto Domenico Scotti Pagliara, canonico della Metropolitana 
di Napoli ; per Michele Parascandola fu Domenico di Procida. Na- 
poti, Stab, tipografico letterario di L. De Bonis, Duomo 228, 1882. 
In 8, di pagg. 24. 

PELLEGRINI LUIGI -- II tesoro della madre; del sacerdote parroco 
milanese Pellegrini Luigi. Milano, libreria editrice ditta Serafmo 
Maiocchi, via Bocchetto, n. 3, 1882. In 16, p., di pagg. 422. Prezzo 
lire 1. 

II Tesoro della madre, che il ch. par- alcuni Santi, e fmalmente di devote pre- 
roco Pellegrini offre alle madri cristiane, ghiere. Egli porge per conseguenza un 
una raccolta di divote pratiche quoti- manuale cristiano, il quale per la oppor- 
diane, di meditazioni per ciascun giorno tuna scelta delle materie e delle cose, puo 
del mese, di esercizii in apparecchio ai essere una eccellente guida per la santifi- 
sagramenti della Confessione e Comunione, cazione delle madri stesse e quella dei loro 
di novene per le festc di Maria SS. e di figliuoli. 

PEROSA D. LEONARDO Dell'antica immagine di M. V. delta Or- 
tocosta, che si venera in S. Samuele ; e delle sue greche iscrizioni, 
ora per la prima volta illustrate. Gommentario. Venesia, tip. dell'Im- 
macolata, 1882. In 8, di pagg. 32. 

PIZZARDO GIUSEPPE I grandi errori del secolo XIX. Opera de- 

dicata alia gioventu dal sacerdote Giuseppe Pizzardo, canonico della 

cattedrale basilica di Savona, avvocato onorario di S. Pietro. Seconda 

edizione accresciuta. Bologna, tip. Pontificia Mareggiani, via Volturno, 

n. 3, 1882. In 16, di pagg. 360. Prezzo lire 2, 50. 

Non ci ricorda di aver ricevuta la smo;Vindifferentismo;Vincredulismo; 

prima edizione di questa pregevole ope- il razionalismo. Di alcuni di questi capi, 

retta del ch. Sac. Giuseppe Pizzardo: ad pubblicati gia dall'Autore in opuscoli se- 

ogni modo, atteso il gran frutto che la parati, si intrattenne la CiviUa Cattolica 

lettura di essa puo produrre nel popolo, nei passati anni, notando in modo speciale 

di assai buon grado ne annunziamo questa la grande perizia dell'Autore nell' adat- 

seconda edizione. II libro e diviso in cinque tare alia comune intelligenza, anche degli 

capi che sono: Vateismo; il materiali- indotli o semidotti, la solida e non meno 



340 B1BLIOGRAF1A 

breve confutazione di-quegli errori. Lo varranno come un piccolo ma com pi u to 

stesso diciamo ora per le parti aggiunte, arsenalc da cui prowedere armi di difesa 

le quali messe insieme con Ic precedent! per se conlro le minacce dclla incredulita 

vennero fuori col titolo: I grandi errori modcrna, ed anche di offesa per ribatterli 

del secolo XIX. Esse per consoguenza nei diversi inconlri della vita sociale. 

PIZZOLATO EUGENIO Giuliano. Storia di un giovine maestro e 
sue memorie della Russia. Racconto di Eugenio Pizzolato. Modena, 
tip. Fontificia ed Arcivescovile dell' Immacolata Goncezione, 1882. 
In 16 di pag. 268. 

La varieta dei casi sirardinarii ond'e profittevole al vantaggio morale per lo 
ingegnosamente intrecciato questo rac- scopo a cui mira, che e quello di mani- 
conto, ne rende assai dilettevole la lettura. festare le mirabili vie della Provvidenza 
La quale dalPaltro canto non sara meno nella guida degli umani avvenimenti. 

POPPI D. AGOST1NO Per la festa centenaria di S. Francesco di 
Assisi, celebrata riella chiesa del Getsemani presso Ghianciano li 
4 ottobre 1882; Discorso storico-apologetico, dedicato alia pia fon- 
trice Nob. Sig. Teresa Magnani Ved. Pacchiarotti. Chianciano, tipo- 
grafia dell'Unione, 1882. In 8, di pagg. 28. 

PEATICA (LA) DELL' UMILTA. Opuscolo gia pubblicato per 
cura dell'Emo Gardinale Pecci, Vescovo di Perugia, ora Sommo Pon- 
tefice Leone XIII. Lucca, tip. Arciv. S. Paolino, 1882. In 16, pice., 
di pagg. 80. Prezzo cent, 30. 

PEECI di S. Tommaso d' Aquino e d'altri Santi Padri, volgarizzate e 
raccolte da D. G. Z. San Vito, tip. Polo e Gomp., 1882. In 16, p., 
di pagg. 112. Prezzo cent. 40. 

PROCESSIOyi (LE) religiose, patrocinate dalla Gommissione di 
Grema. Crema, tip. Carlo Gazzamalli, 1882. In 8, gr., di pagg. 50. 
Prezzo cent. 50. 

PROPERZI GEREMIA -- Un poco di buon senso, ovvero saggio di un 
esame critico popolare delle teorie pedagogiche di Pietro Siciliani, e 
delle materialistiche dei Biichner, Darwin, Haeckel ed altri ; per il 
Ganonico Geremia Properzi, dottore in Teologia e socio deirAcca- 
demia filosofico-medica di S. Tommaso in Bologna. G-enova, tip. del 
R. Istituto de'Sordo-Muti, 1882. In 16, di pagg. 172, 36, 32, 62, 36, 48. 
Prezzo lire 4. 

Sono note ai lettori della Civilta Cat- surdita del sistema Darviniano, perch e ne 
tolica le capestrerie di un genere tutto abbiamo fatto replicatamente larghe con- 
nuovo, propugnate dal Sicilian! in opera futazioni. II ch. Can. Properzi fa soggetto 
di pedagogia, perche non ha guari nc queste medesime aberrazioni della mo- 
facemmo soggetto di nostre riviste: noti dcrna incredulita alia presente sua opera, 
son anche i mostruosi errori del Biichner la quale acconciamente intitola: Un poco' 
e di altri materialist!, e molto piii le as- di buon senso. Basta di fatti consultare 



BIBLIOGRAFIA 



341 



pei* poco il buon senso per isfalarc quelle 
imligcstc moli tli sofismi, die sono tutto 
il corredo scientifico con cui si cerca di 
propagarle. E questo appunio si sludia di 
fare il nosiro An tore a guarentigia delle 
class! popolari, fra le quali pur troppo si 
vanno esse insinuando; di suscitare cioe 
quolla particola di buon senso che 1'Au- 
tore della natura ha inserito nelle menti 
di tutti, e spesso si trova anche piii 



aperta nei rozzi chfl nei dotti; c mcrce 
di essa farli avvisati delle cnormi falsila, 
che si vogliono spacciare in nome della 
scienza. So il eh. Autorc avesse divisa per 
capitoli la sua opera, e fornilala di un 
copioso indice, ne avrebbc agovolata assai 
meglio la lettura c resane piu facile 1'in- 
telligenza. Ma cio potra cgli fare in una 
seconda edizione, che gli auguriamo pros- 
sima dopo lo spaccio della presenle. 



QUARANTA GLINIO La Bucolica di Virgilio, tradotta in terza rima 
da Glinio Quaranta, maestro elementare. Firenze, tipografia di G. Bar- 
bera, 1882. In 16, di pagg. 62. Prezzo lire 1. 

QUARESMI FRANCESCO Historica, theologica et moralis Terrae 
Sanctae elucidatio, auctore P. F. Francisco Quaresmio Ordinis Mi- 
norum. Editio secunda a P. F. Gypriano De Tarvisio rccognita et 
adnotata. Secundi voluminis pars secunda. Venetiis, Typis Antonel- 
lianis, 1882. In 4, gr. di pagg. 494. Prezzo di questo secondo Vo- 
lume, parte seconda lire 17, 50. In carta dislinta lire 35. 
Per conoscere Pimportanza della nuova 1'annunzio che ne facemmo nei quad. 739, 

edizione di questa classica opera si veda pag. 95-6 e nei quad. 761 a pag. 600. 

RAIANO (DI) P. EPIFANIO La voce di S. Francesco nei suo VII 
centenario e il suo monumento storico al cattolico mondo. Napoli, 
tip. degli Accattoncelli, 1882. In 8. di pagg. 48. Prezzo L. 1. 
L'intento del ch. Autore del presente ticolare ricorda con onore 1'insigne monu- 
mento innalzato al Santo in Napoli per 
opera del P. Ludovico da Casoria, e dei 
banchetti anche per opera sua apprestati 
a molte migliaia di poveri : il quale esempio 
e stato poi imitato in molte altre cilta 
d' Italia dai devoti del Santo. Ma il migliore 
ossequio che gli si possa rendere e quello 
di ascoltare le sue parole in cui richiarna 
il mondo errante sulla via della saluto. 



discorso e quello di invitare il mondo cri- 
stiano ad ascoltare la voce del Santo Pa- 
triarca d'Assisi, ora specialmente che si 
fa udire piu forte per la occasione del suo 
centenario. Se il mondo cristiano sara do- 
cile ai richiami di lui, trovera il rimedio 
eflicace ai mali di ogni sorta che lo tra- 
vagliano, ed a quelli tanto maggiori che 
lo minacciano. A questo fine descrive per 
sommi cap! la vita del Santo e i frutti, 
si prodigiosi per la universalita e la dura- 
zione, delle sue istituzioni. DaH'altro canto 
fa una breve rassegna del gran movimento 
destatosi in tutto 1'orbe cattolico per ce- 
lebrarne la centenaria ricorrenza; ein par- 



II ch. Autore espone dunque 1' invito del 
Santo e con grande ardore esorta i po- 
poli a secondarlo, siccome gia fecero i con- 
temporanei del Serafico Patriarca, col fe- 
lice effetto di vedersi in breve rinnovato 
tutto il mondo cristiano. 

RIVA P. IRENEO -- Vedi MAURI FRANCESCO. 

RISTORI P. G. B. Notizie storiche dell'abito di S. Francesco d'Assisi, 
che si conserva nella chiesa d'Ognissanti in Firenze. In Fireme, 
presso Egisto Gini editore, MDGCGLXXXII. In 16 p., di pagg. 44. 
Prezzo cent. 50. 



342 BIBLIOGRAFIA 

ROSSI GIOVANNI BATTISTA Trenta trattenimenti popolari sulla 
vita e sul culto del Patriarca S. Giuseppe, per santificare il Mese 
di Marzo. Opera del sacerdote Rossi Giovanni Battista Prevosto e Yi- 
cario Foraneo di Castelnuovo d'Asti. Torino^ tip. Giulio Speirani e 
figli, 1882. In 16, di pagg. 368. Prezzo lire 1. 
11 metodo, che tiene il ch. Autore negli soggiunge un fatto che e un documento 

annunziali trattenimenti, e quello che segue. 

Dapprima egli espone un tratto della vita 

di S. Giuseppe, ovvero un suo privilegio 

o altro titolo alia comune divozione; dipoi 



fa seguire alcune considerazioni morali, 
analoghe alle cose esposte, ed ordinate al 
frutto spirituale dei suoi uditori; quindi 



di pratica divozione verso il Santo; e final- 
mente conchiude con un esempio di grazie 
special! e spesso anche miracolose per sua 
intercessione ottenute. II libretto puo ser- 
vire ai divoti di buona guida per com- 
piere anche da se la pia divozione del 
mese di S. Giuseppe. 



SAGGHERI (Fr.) GIROLAMO PIO DOMENIGANO Biografia del Gav. 
Pietro Piggiani. Roma, tip. Editrice romana, 1882. In 8. di pagg. 34. 



II Rev.mo Padre Saccheri si propone 
col presente opuscolo di mostrare un 
esempio di cio che deve essere un laico 
verarnente cattolico, nelle tristissime con- 
dizioni in cui versa la odierna societa. 
Questo esempio egli lo addita nella per- 
sona del Cav. Pietro Piggiani, ultimamente 
defunto: esempio tanto piu efficace, in 
quanlo la vita di lui non offre nulla di 
strardinario, che possa ingenerar difiidenza 
di poterlo emuJare; ed essendo daH'altra 
parte un continuato contrapposto alle ree 
massime e al funesto pervertimento del 
secolo, porge un potentissimo stimolo alia 
comune imitazione. Per questa ragione 
il ch. Autore non si ferma soltanto a nar- 
rare i fatti edificanti e le virtu del suo pro- 
tagonista, ma viene nel tempo stesso a fame 
rilevare Fopposizione co'principii e colle 
massime della rivoluzione, origine di tutti 
i mali, non pur morali ma anche fisici, 
ond' e travagliata la societa. Cosi, per ar- 
recarne qualche esempio, colla cristiana 
cducazione con cui il fanciullo Piggiani 



fu allevato dai teneri anni dai suoi pii 
genitori, mette in confronto i rei germi 
che ora si procura d' infonclere nella gio- 
ventu con le massime mostruose del libero 
pensiero. Allo stesso modo le opere di 
carita, esercitate con tanto zelo e fervore 
dai pio giovane, gli porgono il destro di 
porre in mostra la vacuita delle cosi dette 
opere filantropiche, le quali, quando non 
riescano ad uno scherno, si riducono a 
poco piu che ad un vano rum ore. Da che 
1'egregio Autore prende 1'occasione di 
confutare alcuni capi precipui del natu- 
ralismo religioso (che e la peste forse 
piu esiziale dei nostri tempi) insegnato 
dai Mamiani, e che ultimamente si risolve 
neWateismo pratico, come prova con le 
stesse parole del Mamiani. 

Da quanlo abbiamo esposlo qui in 
breve, ognun vede la grande importanza 
di questo libriccino, il quale in poche 
pagine offre alia gioventu cattolica una 
norma, non pur pratica ma anche teore- 
tica, per opporsi alia sociale corruzione. 



SARNO (DA) FILOMENO Per la settima Gentenaria ricorrenza della 

nascita del Patriarca S. Francesco D'Assisi. Prato, tip. Giachetti, 

Figlio e G., 1882. In 8. di pagg. 32 Prezzo Gent. 50. 

L'assunto di questo discorso, col quale perfetto esemplare dell' Uomo-Dio, non 

il ch. P. Filomeno fu invitato a festeg- secondo qualche rispetto particolare, ma 

glare il Centenario di S. Francesco, e quello in tutte le sue parti : che e appunto cio 

di rappresentare nel Serafico Palriarca un che forma il proprio ritratto del Santo, 



BIBLIOGRAFIA 



343 



splendida e cnlda eloquenza, in guisa da 
fame concepirc altissima stima e scnsi di 
divotissimo affetto. 



conforme 1'awiso del Scrafico Dottore 
S. Bonnvcntura. Ed egli riescc assai bene 
a discgnarlo coi tratti piii rilevati della 
vila del Santo ed a colorirlo col la sua 

SOMMARIO di Storia patria per le scuole primarie. Parte I*. Storia 

antica, Parte II*. Medio Evo, Parte III d . Eta moderna. Torino, tipo- 

grafia Salesiana, 1882. Tre volumi in 16. di pagg. 74, 72, 108. Prezzo 

di ciascun volume da acquistarsi anche separate cent. 60. Chi ne 

acquistera piu copie, trovera presso i librai le possibili facilitazioni. 

Non conosciamo altro compendio di diciamo si per rispetto alia scelta dellc 

storia patria, che possa servire all' uso cose, come a riguardo dell' ordine e alia 

delle scuole primarie, migliore di questo, chiarezza con cui vengono esposte. A no- 

che la benemerita lipograiia Salesiana di stro giudizio farebbwo bene ad adottarlo 

Torino ha ultimamente pubblicato. Cio tutti gli istituti primarii d' Italia. 

SORACCO GIOVANNI -- Spicilegium theologicum et sacerdotum me- 
moriale, eorumque munia in veteri novoque testamento, eorum quoque 
scientia necessaria in opere ministerii. Opus non modo perutile sed 
necessarium; auctore loanne Soracco in antiqua Abatia Sancti Ste- 
phani civitatis lanuensis Praeposito. Genuae, ex typographia Ar- 
chiepiscopali, 1882. In 16, di pagg. 584. Prezzo lire 5. 
L'intento principale di questo nuovo corrispondere degnamente alia sua alta 



libro del ch. Prevosto Soracco e la ri- 
forma del Sacerdote. Egli lo intitola Spi- 
cileyio teologico, perche ha inteso dedurre 
i suoi argomenti dalle fonti teologiche, 
non lenendosi pero cotanto stretto al suo 
soggetto che non potesse scorrere nel campo 
delle scienze sacre, toccando argomenti 
analoghi. Comincia con un trattato molto 
erudito sulPantico sacerdozio, del quale 
spiega la natura, la istituzione, i divers! 
gradi, gli ufficii, le vesti, le cerimonie e 
cosi di seguito, facendone in ultimo rile- 
vare il valore figurativo per rispetto al 
sacerdozio della nuova legge. Con che entra 
a parlare di questo, di cui si occupa piii 
di proposito dichiarandone parimente la 
natura, la divina istituzione, gli ufficii, i 
doveri, e confortando ogni cosa coi detti 
dei SS. Padri, specialmentc per cio che 
riguarda la dignita ed eccellenza del Sa- 
cerdozio, e gli obblighi che corre ai membri 
di esso di una sublime santita. Dopo di 
che si stende a lungo ad inculcarc la 
necessita che stringe ciascun sacerdote a 
riformare in meglio i suoi costumi per 



vocazione. La qual necessita e massima- 
mente suggerita dalla corruzione dei tempi 
presenti e dei divini flagelli, di cui, se sono 
causa immediala i nemici della Chiesa ed 
i perversi cristiani, si deve pure attribute 
una parte della colpa alia rea vita di quei 
sacerdoti che avessero dimenticati i proprii 
doveri e vituperato il loro grado. Questi 
concetti egli conferma con 1'autorita delle 
divine Scritture e dei Padri. Molte allre 
cose PAutore soggiunge, tutte opportune 
al suo scopo principale, intorno ai mi- 
nisteri sacerdotali, specialmente a quello 
della predicazione ed alia dottrina teologica 
propria dei Sacerdoti; a comodo dei quali 
espone alcuni capi principal! intorno alia 
fede, alia Chiesa ed ai Sacramenti in genere 
ed in specie. II libro del ch. Preposto puo 
essere veramente un Memorial, come egli 
pure r intitola, dei sacerdoti, che vi tro- 
veranno un aiuto sufticiente per ricordare 
i capi piu necessarii della scienza che lor 
conviene, e stimoli eflicaci per procurarsi 
la santita propria del loro stato. 



344 



BIBLIOGRAFIA 



STUDII e document! di Storia e di Diritto. Pubblicazione periodica del- 
1'Accadernia di conferenze storico-giuridiche. Anno III, fascicolo 3. 
(Luglio-Settembre 1882). Roma, dalla tip. della Pace, piazza della 
Pace, n. 35; 1882. In 4, di pagg. 318. 



II giudizio di Scemiaca (leggenda russa) 
del prof. U. De Nunzio. Una bibliografia 
in cui Ira le altre cose si da notizia di 
tre lettere di Cristoforo Colombo ed Ame- 
rigo Vespucci tradotte ed annotate dal 
Sig. Zeri. 



Le principali materie contenute nel 
prescnte fascicolo sono : Sopra alcuni fram- 
menti greci di annotazioni fatte da un an- 
tico giureconsullo ai libri di Ulpiano ad 
Sabinum, del Prof. aw. S. Aliprandi. 
La schiavitu secondo Aristolele e i dot- 
tori scolastici di mons. prof. S. Talamo. 

TARAVAGGI BALDASSARRE -- Vedi GALLO A. 

TERESA (S.) II castello interiore di Santa Teresa. Mllano, libreria 

editrice Ditta Serafmo Maiocchi, Via Bocchetto n. 3, 1882. In 32, 

di pagg. 230. 

Quest' operetta, (avvertono accon- E un elegante volumetto che si vende 

ciamente gli editor!) ultima in ragione di al tenue prezzo di lire 1 alia copia. Chi 
tempo, e la prima in ragione di merito ne acquisla sei, una gratis. Per F acquislo 
che abbia scritto questa Santa; quindi e si diriga con vaglia alia Libreria Editrice 
opportunissimo il diffonderla in occasione Ditta Serafino Majocclii, Milano, Via 
del suo centenario. Bocchetto N. 3. 

TRIPEPI (Mons.) LUIGI. Fede e studio, ovvero alcuni discorsi scienti- 
fici e letterarii in difesa dei Papi e della Religione di Mons. Luigi 
Tripepi. Roma, Tipografia Guerra e Mirri, 1882. Un vol. in 8 grande 
di pagg. 444. 



Reca maraviglia 1'attivita di questo 
dotlissimo Prelato romano, che tra le oc- 
cupazioni gravissime del santo ministero 
trova tempo e lena di scrivere e di par- 
larc continuamenle per difesa della Reli- 
gione e in modo tutto particolare del 
Pa pa to. Pieno di dottrina teologica e sto- 
rica e il periodico che egli'va scrivendo 
con appunto per titolo: IlPapato. Oltre 
a cio, da ormai undid anni, in due chiese 
di Roma, egli tiene due volte la settimana 
conferenze applauditissime sulle vite dei 
Papi. E poi nolle Accademie di Religione 
cattolica, degli Arcadi, Tiber ina e in 
altre Accademie o Riunioni cattoliche or- 
dinarie e straordinarie ragiona spessissimo 
con scelta erudizione, non commune copia 
di dottrina, vena facilissima di eloquio, 
inlorno a materie disparate di lettera- 
tura o di storia, o di archeolo^ia, o di 



polemica religiosa ; come puo vedersi nel 
presente Volume, dove ha raccolto, per 
cosi dire, le miche a lui cadute di mano 
in quei solenni conviti della scienza. 

Rendera debito omaggio al merito di 
questo instancabile e valoroso campione 
della buona causa chi si procaccera que- 
sto bel Volume. E insieme sara contento 
di trovarvi compiute trattazioni in argo- 
menti particolari che non e agevole ve- 
dere svolti altrove; come a mo' d' esempio : 
le opere di Torquato Tasso studiate 
in relazione ai Papi; benemerenze dei 
Papi e del clero cattolico verso la 
geografia; il libro de Monarchia e la 
Divina commedia in relazione alVin- 
faUibiUta pontificia ; la esistenza degli 
antipodi nella dottrina di alcuni sommi 
Pontefici e di alcuni Padri della Chiesa 
ecc. ecc. 



BIBLIOGRAFIA 345 

TREVISO (DA) P. GIPRIANO - - Vedi QUARESMI FRANCESCO. 

VALENSISE DOMENIGO La provvidenza divina custode della sovra- 
nita temporale dei Papi resa visibile nella storh delle aggressioni di 
Roma. Memorie di Domenico Yalensise M. I. S. T. Napoli, stahilimento 
tip. dell'Ancora nel monastero di S. Giorgio maggiore, 1882. In 8. di 
pagg. 96. Prezzo L. 1, 50. Dirigersi all' A. in Polistena (Calabria). 
Se vi ha storia in cui risplenda a ca- genti cotesto ammaestramento aella storia, 

ratteri di somma cvidcnza la mano gui- il ch. Teologo Valensise si propone con 

la prcsente operetta di fare una sinlesi 



datrice della divina Provvidenza, e quclla 
senza dubbio del civile principato dei Ro- 
mani Pontefici, percnnemenlc oppugnato 
da fortissimi ncmici e sempre tomato in- 
colume dalla lotta. Lo stesso Gregorovius, 
autore protestante e niente sospetto di 
parzialila verso i Romani Pontefici, dalla 
evidenza dei fatti fa obbligato di uscire 
in questa confessione: La mela sola di 
quei moti (di oppugnazione contro lo 
Stalo della Cliiesa) sarebbe bastata ad 
infra ngere e a sperdere le tracce de'mag- 
giori reami; invcce lo Stato della Chiesa 
duro fmo ai nostri tempi, quantunque la 
ribellione contro il potere temporale ... 
abbia princ'piato nell'ora stessa in cui 
quel potere ebbe cominciamento. (Storia 
della Citta di Roma vol. Ill pag. 28). 



sommaria delle lotte dovute sostenere dai 
Romani Pontefici contro gli assalitori dei 
loro Stati, e mettere in mostra le vie cosi 
varie e cosi maravigliose che tenne la 
Provvidenza per renderli piii o men pre- 
stamente, ma sempre col medesimo effetto, 
superiori ai loro avversarii. Nel presente 
volume egli percorre il periodo che va 
dall'inizio del dominio temporale dei Papi 
sino all' ultimo re dei Longobardi, riser- 
bando ad altro tempo il trattare dei pe- 
riodi susseguenti. La sua esposizione e non 
meno chiara nella necessaria brevita dello 
spazio, che trionfante per la luce che dif- 
fonde nel mostrare 1'intima connessione 
delle cause con gli effctti in ordine al suo 
assunto. 



A rendere perspicuo anco ai meno veg- 

VITA di San Lorenzo Levita e Martire, desunta dall'opera del P. Ignazio 
Como Lilibetano M. 0. Monza, 1882 tipografia e Libreria de'Paolini 
di Luigi Annoni e C. In 16, di pagg. 221, Prezzo cent. 85. 

VITALI D. FRANCESCO -- II Mese di Novembre in suffragio delle 
anime del Purgatorio per 1'Arciprete D. Francesco Vitali. Quinta 
edizione con note. Fermo, tip. Paccasassi, 1881 . In 16 di pagg. 368. 
Prezzo L. 1,50. 
Dirigersi al Sig. Gaspare Rosetti Piazza V. E. n 5. Fermo (Marche). Presso il sud- 

detto se ne trova vendibile un'altra edizione senza note al prezzo di Cent. 50. 



CEONACA CONTEMPORIZE! 



Firense, 26 ottdbre 1883. 

I. 

ROMA (Nostra corrispondenza,) La Basilica di San Pietro. 

Nella corrispondenza romana del 1 sabato di ottobre del 1873, in- 
titolata II Sindaco ed i colonnini, toccammo gia incidentemente della 
vera ragione, per la quale la Basilica di San Pietro, al primo ingresso, 
apparisce men vasta e la sua nave di mezzo men lunga del vero e perci6 
anche di quello che ognuno giustamente si aspetterebbe di subito vedere. 
II che, quanto all'apparentemente minore vastita di tutto il Tempio, di- 
cevamo doversi necessariamente ripetere dal non potersene da veruno 
scorgere, nel primo entrarvi, che una terza parte, cioe la nave di mezzo, 
dal riguardante scambiata falsamente col tutto. Oltreche, infatti, a mala 
peria egli pu6 di cola intra vedere le navi laterali velate dai gran pilastri, 
rnolto meno pu6, non che vedere, ne anche prevedere la immensa crociera. 
Donde nasce che quella sola terza parte debba necessariamente parergli, 
secondo che e, men vasta di quel tutto che egli crede allora falsamente 
di vedere, e che andra soltanto a poco a poco scoprendo coll 7 avanzarsi. 
Quindi quell' ingigantire del Tempio a misura che altri vi si inoltra: si 
che, dove al primo ingresso gli pare men vasto, infine poi gli compare 
maggiore di quello che aveva udito ed anche immaginato. 11 che pari- 
mente accade, come in altri edifizii assai, cosi, per esempio, in Santa Giu- 
stina di Padova: dove 1'invisibilita ed anzi 1'imprevedibilita, al primo 
ingresso, della crociera vieta di valutarne la giusta ampiezza se non a chi, 
come in San Pietro, vi si sia gia inoltrato fin sotto la cupola. Per quello 
poi che si appartiene airapparentemente minore lunghezza di quella stessa 
sola terza parte, cioe della nave di mezzo, che sola vede chi entra, spe- 
cialmente se per la prima volta, in San Pietro, cio dicevamo accadere pel 
suo allargamento ed innalzamento dal punto, tra le due Gappelle del Goro 
e del SS. Sacramento, dove essa, per la giunta del Maderno, di greca si 
fa latina. II quale allargamento benche, anche pel necessariamente segui- 
tone innalzamento della volta, fieramente disdirebbe in qualsiasi altro mi- 
nore edifizio ; in quella mole non solamente non offende 1' occhio, il quale 
ne anche se ne avvede (e ne anche se ne dovette avvedere il Milizia poi- 
che non I'annover6 tra gli errori del Maderno da lui si malignamente am- 



CRONACA CONTEMPORANEA 347 

plificati nelle sue Memorie degli Arcliitetti) ma conferisce invece alia 
nave quella giusta proporzione tra la lunghezza, Faltezza e la larghezza 
che altrimenti ora, posto quel prolungamento, le mancherebbe. Ne aveva 
infatti Michelangelo cosi commensurate le dimension! che, mutata poi 
coll'allungamento quella della lunghezza, se non se ne fossero parimente 
mutate quelle dell'altezza e della larghezza, la nave apparirebbe ora piu 
lunga, perche piu bassa e piu stretta, del dovere; quasi come un corri- 
doio, o, come i Romani dicono, un budello, o, come gia di altro simile 
disegno di San Pietro a croce latina, probabilmente di Raffaello, scrisse 
(non sappiamo poi se a ragione) verso il 1515, nel suo Memoriale, An- 
tonio da San Gallo, un vicolo, quasi come a Roma la Via dei Corona ri 
od a Firenze il Vecchio Corso. 

Gontro il che ci fu allora proposta una difficolta derivata da quella 
nota legge di prospettiva, secondo la quale 1' allargamento della nave nel 
suo ingresso ed il suo restriugimento nel progresso dovrebbe, anziche 
piu corta, farla comparire piu lunga del vero. II che, di fatto, dicono 
accadere in Santa Maria Novella di Firenze; e certamente tutti vediamo 
accadere in Roma, allato a San Pietro, nella Scala Regia. Dove del re- 
stringersi che fanno, salendo, i muri tra i quali e collocata, seppe si 
accortamente valersi il Bernino per farla appunto comparire, non piu 
corta, ma piu lunga di quello che e. Se non che, per capacitarsi del 
perche nella nave di San Pietro debba accadere Topposto, basta ricor- 
dare 1' altra parimente nota legge di prospettiva, secondo la quale, per 
misurare una lunghezza, 1' occhio dee prima di tutto poter abbracciare 
la base, ovvero sia la larghezza dell' edifizio, dal punto donde ne vuole 
misurare la lunghezza. II che si pu6 agevolmente fare in Santa Maria 
Novella; e meglio nella Scala Regia; e molto piu nelle figurine che si 
disegnano o sulla carta nei corsi di prospettiva, o sulla tela nei quadri, 
o sul marmo nei bassorilievi, o sul metallo nelle medaglie: dove tanto 
piu si ha da allargare la base quanto maggiore si vuole far comparire 
la lunghezza. Ma in San Pietro la base, ossia la larghezza della nave, 
si presenta subito nel primo ingresso si ampia che non la pu6 verun 
occhio abbracciare. Cosicche esso corre da se, naturalmente, subito, senza 
punto avvedersene, al terzo arco; donde in verita, e non dalla porta, 
prende a misurare la lunghezza del Tempio. II quale inganno parimente 
interviene a chi entra nella piazza di San Pietro ; che vedendosi innanzi 
quella gran mole della facciata, ne potendo coll' occhio abbracciare la 
larghezza della piazza, dee necessariamente credere minor del vero la 
distanza che ancor lo separa dal Tempio. Gosi che non vi sar& forse 
alcuno che, non avvisatone, si avveda da se che, anche quando e giunto 
alia gradinata, ovvero sia alia cosi detta conchiglia, ancor gli resta per 
toccare la facciata da camminare quanto e lunga Piazza Golonna dal 
palazzo Piombino al Portico di Veio. Or quest' apparente avvicinamento 



348 CRONACA 

della facciata di San Pietro all'occhio di chi verso lei si avvia dal fondo 
della piazza, accade per la stessa ragione donde dipende 1'apparente 
avvicinamento dell'abside all'occhio di chi verso lui si avvia dal fondo 
della nave. 

Col che avendo, come crediamo, soddisfatto gi privatamente all' al- 
lora privatamente mossaci difficolta, desideravamo nondimeno 1'occasione 
di soddisfare qui ancora a quegli altri cui essa si fosse parimente pre- 
sentata. La quale ora ci porse Giacomo Barzellotti nella Nuova An- 
tologia del 1 luglio e del 1 settembre di quest' anno. Dove, col solito 
pretesto di filosofare, barzelletto, se cosi e iecito dire, lungamente sopra 
la Basilica di San Pietro con certe sue da lui cosi dette Impressioni, 
che meglio avrebbe chiamate corbellerie, di im eretico in arte, ed anche 
in fede. Sotto la pressione delle quali spreme il sugo e dei suoi proprii 
e di quelli altrui volgari spropositi che intorno alia fabbrica di San Pietro 
sogliono ogni giorno ripetere coloro che, corsala una o due volte in 
furia, tra Tuna stazione e 1'altra di via ferrata, circulator-urn in morem^ 
(in viaggio circolare) ne parlano poi e ne scrivono appunto come scriptor 
cyclicus olim, che vuol dire ciarlatano. E volevamo in sulle prime pigliare, 
come dicono, colle molle ad uno ad uno quei si barzellottici e traseco- 
lanti giudizii, e presentarli cosi belli e confutati, per lo piu colla sola loro 
presenza, ai nostri lettori. Ma troppo a lungo sarebbe ita la cosa ; ne con 
altro profitto che di aggiungere il Barzellotti e la Nuova Antologia al 
lungo catalogo di coloro che, credendo di scoprire per i primi, come di- 
cesi, colle loro impressioni San Pietro, mostrano invece di non avere mai 
ne anche da lungi salutati pure i cartoni dei vecchi descrittori di quella 
Basilica. Dietro le orme dei quali preferiamo perci6 di toccare qui bre- 
vemente della vera ragione di tutti quelli che, piu o meno a torto, si 
soglion chiamare i difetti e le anomalie di San Pietro. I quali, se cosi 
piace chiamarli, difetti ed anomalie, se in effetto e second ariamente pro- 
veogono dalla giunta del Maderno sotto Paolo Quinto, in causa per6 e 
primariamente dipendono, come gia fu da altri accennato, dal sostanziale 
ed inlrinseco difetto dello stesso originale disegno di Michelangiolo che 
Paolo Quinto ed il Maderno non poterono ne dovettero eseguire. 

Se infatti si fosse compiuto, cola tra le due presenti Gappelle del Goro 
e del Sacramento, 1'edifizio michelangiolesco, innalzandovi il portico; per 
capacitarsi ognuno ora di ci6 di cui tutti si capacitarono sotto Paolo Quinto, 
che cioe quell' edifizio, per quanto stupendo come Monumento onorario 
sopra la Tomba degli Apostoli, mai per6 non sarebbe stato tale come 
Ghiesa, basta recarsi anche colla sola immaginazione in San Pietro, 
dove, tra le due cappelle del Goro e del Sacramento, ognuno, ponendosi 
dopo le spalle la giunta del Maderno, pu6 anche ora vedere tutta e sola 
la parte michelangiolesca del Tempio. Donde la vedra appunto quale 
1' avrebbe veduta se elevatasi cola, invece della giunta del Maderno, la 



CONTEMPORANEA 349 

facciata ed il portico michelangiolesco, egli vi fosse allora entrato per 
Tuna delle cinque porte. E quinci movendo innanzi vedra pur anco 
che, se ogni cosa vi e sublime, immensa, stupenda ed insomma tale da 
formarne Tottimo e massimo monumento onorario che mente umana po- 
tesse mai idea re ed i Papi ed il Popolo romano innalzare sopra la Tomba 
degli Apostoli, invano per6 vi si cerca non solo il converiiente ma 1'in- 
dispensabile per le funzioni del culto. Lasciamo stare che da quel portico 
michelangiolesco, simile a quello del Panteon, mai non avrebbe il Papa 
potuto mostrarsi n benedire al popolo se non che dalla piana terra o 
dalla punta del timpano. Ma e il Goro stesso coi suoi organ! dove col- 
locarlo? II quale percio si dovette confmare nella giunta del Maderno. 
Cosicche, laddove nelle altre chiese sta verso 1'abside, in San Pietro do- 
vette esserne esiliato quasi al fondo. Vedesi, del resto, anche ora da tutti 
che ogniqualvolta, in qualunque siasi parte del Tempio michelangiolesco, 
sia all' altar della Cattedra, sia a quello della Confessione, sia a qualsiasi 
altro si ha da celebrare un uffizio od una Messa, o molto piii, un Pon- 
tificale, vi si debbono alzare di posticcio gli organi, i palchi e quelle che 
a Roma chiamano le bancate ingombrariti il mezzo, quasi, di una piazza; 
e poi, subito dopo, levar in fretta ogni cosa, quasi per isgombrarnela: 
come se fosse, come e, un ingnmbro ci6 che in una chiesa dovrebb'es- 
sere il principale. Ne parimente si trovera in tutta quella si ampia va- 
stit dove collocare il Battisterio, o 1' altare del Sacramento, o la Sacre- 
stia; tutte parti essenziali ad una chiesa: alle quali percio si dovette far 
luogo nella giunta del Maderno. E perfino vi si desidera il posto conve- 
niente e bastevole al numero degli altari necessarii ad una Basilica servita 
ordinariamente ogni giorno e parimente ogni giorno straordinariamente 
frequentata da clero si numeroso. Gosicche se ne dovettero appoggiare 
otto ai pilastri della cupola. Donde si vede che, per quanto maraviglioso 
sia quell' edifizio considerate come monumento, non essendo per6 appro- 
priate ad uso di chiesa, bisognava percib aggiungere al gia compiuto mo- 
numento la chiesa che vi mancava. Giacche appunto una chiesa, monu- 
mentale bensi il piu che fosse possibile, ma insomma principal mente una 
chiesa, e non gia un solo monumento, si era voluto e dovuto cola edi- 
ficare. Ed una chiesa appunto si aspettavano infine di vedere, dopo tanti 
studii, spese, lavori ed anni, i Papi, Roma ed il rnondo cattolico. Ne al- 
1' assoluta necessity di aggiungere al monumento la chiesa potevansi ra- 
gionevolmente opporre quei piu o meno gravi sconci artistici che tutti fin 
d' allora ben da s& stessi vedevano, senza bisogno dei futuri Barze41otti, 
doverne per forza provenire specialmente aU'esteriore aspetto del mara- 
viglioso edifizio michelangiolesco. Giacchk nessuno sconcio avrebbe mai 
potuto superare quello dell'avere voluto fare una chiesa e di essere invece, 
currente Rota, riusciti a non farla. Non per altro motivo dunque che per 
aggiungere al monumento la chiesa che mancava, dovette Paolo Quinto 



350 CRONACA 

prolungare I'edifizio. Donde si vede quanto errino coloro che parte per 
fabbricarsi una ragione qualunque siasi di un fatio di cui, colpa loro, 
ignorano la vera, stampata gia in piii di un libro; parte ancora per libe- 
ralesca malevolenza contro il Papa piu che non contro il suo architetto, 
stoltamente sognano col Milizia che il Maderno voile fare assai e guasto 
tutto e col Ricci, nella sua recente Storia deW ArcJiitettura in 
Italia, che: non ebbe il Maderno altra mira che di far trionfare 1'edi- 
fizio per 1'ampiezza a pregiudizio della bellezza, uniformando la sua 
all' idea del Papa e col Barzellotti che la giunta si fece per Tin- 
lento ambizioso del Papa che voleva ad ogni costo legare il suo nome 
a quello del Buonarroti e perche la chiesa gia vastissima riuscisse la 
piu vasta del mondo: attribuendo cosi falsamente e malignarnente 
all' altrui vanita ed ignoranza ci6 che invece (sia detto col dovuto rispetto) 
unicamente si dee all' essenziale difetto del disegno di Michelangelo. 

Or come sia accaduto che Michelangelo abbia disegnato e tutti fmo a 
Paolo Quinto edificato ci6 che in fine si riconobbe difettoso; in primo luogo, 
quanto al disegno, bisogna dire che, poiche niuno certamente meglio di lui 
conosceva tutte le esigenze di una Chiesa, se non propriamente una Chiesa 
ma disegn6 invece uri Monumento, ci6 significa che un Monumento e non 
una Chiesa egli voile propriamente disegnare. Perche poi non propria- 
mente una Chiesa, quale di fatto 1'avevano disegnata il Bramante, Fra 
Giocondo, Raffaello, San Gallo e gli altri suoi predecessori (secondo che 
anche si pu6 ora chiaramente vedere nella recente opera del Geimuller 
sopra I primitive progetti di San Pietro: Vienna e Parigi 1875), 
ma un Monumento egli abbia voluto disegnare, questo noi non 1'abbiamo 
trovato scritto in nessun luogo. Ma forse si puo dire che, essendosi po- 
tute per tanti anni celebrare tutte le funzioni ecclesiastiche nelle parti 
restanti della vecchia Basilica Costantiniana, con sufficiente soddisfazione 
del clero e del popolo, Michelangelo pote forse supporre che, poiche non 
sarebbe mancato nella Valle Vaticana, anche dopo la distruzione totale 
dell'antica Basilica e la edificazione sulle sue ruine della nuova, altro 
luogo conveniente ed attiguo per le ordinarie funzioni del culto, ben poteva 
egli anche convenientemente innalzarvi per le straordinarie un insigne 
monumento ad onore dei santi Apostoli e della Santa Sede Romana. 
Qualunque, del resto, sia stata la ragione per cui credette dovere cosi 
disegnare quella fabbrica, il certo e che, nonostanti le solite censure 
degli invidiosi cui nessun Papa die retta, essa fu sempre condotta in- 
nanzi jsecondo il primitivo suo disegno fmo a Paolo Quinto che poi, cer- 
tamente non per ambizione, come sognano tanti modern], ma per le ne- 
cessarie esigenze del culto, dovette modificarlo. 

Soltanto, infatti, ai suoi tempi, dopo tanto tempo, tanti esami, tanti 
lavori e tante spese, si osserv6 che quel Tempio benche vastissimo non 
bastava alle esigenze di una Chiesa anche ordinaria. E portata la cosa 



COMEMPORANEA 351 

dinanzi ad una congregazione speciale di quattro Cardinal!, questi, oltre 
al difetto accennato, ne trovarono altri due che diedero, come si dice, il 
tracollo alia bilancia. Notossi, in fatti, in primo luogo che in quella stessa 
vastita di Tempio, ponendola pure capace del Coro, della Sagrestia, del 
Battisterio, dell' Al tare del Sacramento, della Loggia della Benedizione e 
del resto che gia vedemmo non capirvi, non vi sarebbe per6 capita quella 
straordinaria folia che nei Giubilei, nelle Canonizzazioni, nclle Greazioni 
del Papi ed in altre frequent! occasioni, suole concorrere in San Pietro. 
Notossi poi in secondo luogo che, essendosi fondato 1'abside della nuova 
Basilica molto dietro quello dell'antica, tagliando perci6 e spianando a 
ponente il colle Vaticano, il portico Michelangiolesco non arrivava a chiu- 
dere nel grembo del nuovo Tempio tutto il suolo coperto gia dall'antico: 
suolo seminato di ossa di Martiri e di Santi cola sepolti ; e che sarebbe 
nondimeno dovuto rimanere fuori del sagrato. Per le quali ragioni, e non 
per le sognate da tanti moderni, si dovette venire nella determinazione 
di apporre al Tempio michelangiolesco quella che si chiama la giunta 
del Maderno. 

Or per ispiegare in qualche guisa come e perchfc non prima dell' ul- 
timo momento, ed anzi un po'dopo, si fossero finalmente osservati questi 
accennati gravissimi inconvenienti; e in primo luogo da ricordare che, 
mentre indietro verso ponente si andava lentamente fabbricando la nuova 
Basilica, tutte le funzioni ecclesiastiche si seguitavano a celebrare conve- 
nientissimamente in quella parte anteriore ed orientale della vecchia, che 
ancor era in piedi, separata dalla nuova, che le si stava dietro fabbri- 
cando, da un gran muro provvisorio. E lo stesso ora appunto, mentre 
scriviamo, accade in San Giovanni Laterano: dove un abside posticcio 
separa la parte uffiziata dall'altra che per munificenza di Leone XIII le si 
va dietro sontuosissimamente aggiungendo a compimento dell'abside vero. 
Nfc percio bisogna troppo maravigliarsi che, badando ciascuno ai fatti 
propri, il clero cioe ad uffiziare la vecchia e gli artisti a fabbricar la nuova 
basilica, fidandosi ognuno su quel gran nome e su quella si grande autorita 
di Michelangelo che sempre piu si andava, come dicesi, imponendo a qual- 
siasi censore; ed avendo anche i Papi per lunga esperienza imparato a 
non porgere facile orecchio ai censori; e perci6 nessuno badando a cen- 
surare: tanto piu che anche per le solenni Benedizioni e le altre occasioni 
in cui i Papi solevano mostrarsi al popolo, sempre erano pronte le antiche 
Logge; non si siano perci6 scorti quegli inconvenienti se non che quando 
si toccarono col dito. Quando infatti bisogn6 che il clero assolutamente 
sloggiasse da quella parte anteriore, che ancor restava sotto Paolo Quinto, 
della Basilica antica, sulle cui ruine dovevasi edificare il compimento ed il 
portico della nuova, e trasponare perc56 nella parte gia edificata di questa 
la celebrazione delle sacre funzioni e tutti gli arnesi ed utensili loro oc- 
correnti, e si vide perci6 primieramente che neanche vi era luogo per 



352 CRONACA 

la Sacrestia, e poi che, atterrandosi 1'antica facciata colle attigue logge 
del palazzo apostolico, non si sarebbe piii trovato nel nuovo Portico donde 
i Pa pi potessero benedire e mostrarsi al popolo: allora e ben naturale 
che tutti d'accordo avessero, come a dire, esclamato: Inopes nos copia 
fecit; e pensato ad un qualche rimedio.< 

Or posto che il disegno di Michelangelo fosse dall'un lato, secondo 
che e noto, si perfetto come Monumento da non poterglisi ne porre, ne 
levare; e dall'altro, secondo che si e veduto, si irn perfetto come Ghiesa 
da non potere senza una giunta servire al suo scopo; poiche riecessaria- 
mente bisognava cadere in uno sconcio, o artistico colla giunta o essen- 
ziale senza la giunta, irragionevolmente si censurano coloro che tra i due 
scorici scelsero il minore. Che se il Maderno guasto, come si pretende, il 
Monumento in un modo, Tavrebbe parimente guasto qualsiasi altri in 
qualche altro modo. Ed il Fontana, per esempio, che nel suo Tempio 
Vaticano, per evitare la troppa piccolezza delle present! navi laterali a 
paragone della centrale, ne propose cinque, non penso che, coi necessarii 
sfondi delle cappelle da aggiungersi alle due altre gran navi, dali'altare 
di Santa Petronilla e di San Leone Magno alle porte corrispondenti del 
portico e della facciata, egli sarebbe forse ito dal lato settentrionale fmo 
ad intaccare nel palazzo pontiflcio la Gappella di Sisto. Ed, anche senza 
tale inconveniente, non avrebbe chiusa la bocca ai censori, che avreb- 
bero sempre trovate assai strane quelle due navicelle strette, basse e 
corte, destinate dal Fontana ai Monumenti o Depositi dei Papi, chiuse 
tra quelle altre si gigantesche. Ne si potevano quelle due uavicelle al- 
largare ed allungare piu di quello che fece il Maderno: dovendo esse, 
quanto alia larghezza, adattarsi a quella dei pilastri della cupola; e 
quanto alia lunghezza fmire dove ess'i appunto, non perforabili, si oppon- 
gono al loro progredire cola dove sono gli altari loro appoggiati di 
San Girolamo e della Trasfigurazione. Non era per6 necessario che il 
Maderno, cioe qualche suo capomastro non ben sorvegliato, errasse nella 
rettilineazione della giunta. E questo e il vero e, propriamente parlando, 
il solo inescusabile difetto della giunta del Maderno: la quale torce a 
mezzogiorno; si che la linea che corre tra i due absidi della crociera non 
e parallela a quella della facciata. II quale involontario errore, non di- 
pendente dal disegno dell'architetto ma dalla negligenza dei costruttori, 
non si avverte per6 se non che da chi ne sia fatto avvisato: siccome 
parimente nessuno mai, se non che avvisato, avverte 1' allargamento della 
nave e Y innalzamento della sua volta. E ben ci ricorda che il celebre e 
compianto architetto Antonino Gipolla, che aveva il suo studio a Roma 
e tante volte aveva visitato San Pietro, ci narro egli stesso che neanche 
a lui mai non avevano dato nell'occhio ne quell" allargamento, ne quel- 
T innalzamento, ne quel torcimento. Che se neanche i massimi, se cosi 
piace chiamarli, sconci e difetti della giunta del Maderno non offendono, 



CONTEMPORANEA 3 > > 

neirinterno del Tempio (del quale interno soltanto qui discorriamo) Toc- 
chio ne anche degli iritelligenti, poniamo che nei libri dei critic! appaiano 
anche oltre il vero, molto irragionevolmente costoro, dal Milizia al Bar- 
zellotti, mostrano di preferire a quegli, di f;itto invisibili, il visibilissimo 
e sostanziale sconcio del disegno originale rion atto al suo principalissimo 
scopo di Ghiesa. Nulla infatti e piu censurabile in ua edifizio che il non 
servire od il non bastare al suo scopo. Ne alcuno lodera mai quel teatro, 
quel campanile, quel ponte, quella stanza dove non si possa comodamente 
rappresentare, suonare, passare ed abitare. Or perche non si sarebbe do- 
vuto modificare il disegno di una Chiesa dove non si sarebbe potuto co- 
modamente uffiziare? II che pu6 vedere anche presentemente ognuno in- 
San Pielro; dove tutto ci6 che serve ordinariamente e principalraente alle 
funzioni del culio si e dovulo collocare nella giunta del Maderno, appunto 
perche non collocabile nella parte michelangiolesca. Del che per ora basii. 



II. 

COSE ROVANE 

\. Solenne udienza a pellegrini francos! rcduci da Gerusalemme; indirizzo letto in 
loro nome dal P. Picnrd 3. Discorso del Snnto Padre Leone XIII a codesli 
pellegrini 3. Liberia delle dimostrazioni cattolichein Roma 4. Ultima udienza 
del S. Padre ai pe'logrini francesi; monumento da essi lascialo in Vaticano. 

1. La domenica 15 del p. p. otiobre. ebbe compimento in Vaticana 
il grande pellegrinaggio de'cattolici francesi reduci da Gerusalemme, che 
furono ricevuti a solenne udienza nella sala ducale dal S. Padre Leone XIII, 
il quale vi entr6 sul mezzogiorno, preceduto da diciannove Emi. Cardinal) 
che gli fecero corona, e salutato con le piu fervide acclamazioni di quei 
diletti suoi figliuoli. 

Poiche il S. Padre si fu seduto in trono, il R. P. Picard Superiore 
generale degli Agostiniani dtill'Assuazione, instancabile organizzatore dei 
pellegrinaggi in Francia, e che presiedette a questo di Gerusalemme, si 
fece innanzi all'Auguslo Gerarca, e lesse un indirizzo francese pubbli- 
cato nell' Osservatore Romano n. 237; dal quale togliamo e rechiamo 
qui in nostra lingua i tratti piu rilevanti. 

Accennato alle difficolta che ebbero a superarsi per un tal pellegri- 
naggio di mille persone, il P. Picard tocc6 delle due grandi croci di 
olivo ivi erette e gia inalberate sulle navi che trasportarono i pellegrini 
pel Mediterraneo in Terra Santa; e disse: 

Queste croci, testimonii gloriosi dei nostri sacrifizi e delle nostre 
sante gioie, veniamo oggi a deporre nel Vaticano; sono queste croci, sim- 
bolo della perfetta luce, quelle che, come la Stella pei Magi, ci cond-i .- 

&erie XI, vol._2II,f<uc. Til 23 28 ottubre I'&s 



334 CKONACA 

sero a Gerusalemme. Noi le abbiamo caricate sulle nostre spalle, dispu- 
iandoci 1'onore di portarle in vetta al Cnlvario, in mezzo a turbe affollale 
d'infedeli, sorpresi di si nuovo spettacolo, e perfino, una volta, plangent! 
con noi sulla via dolorosa. Nel piede di queste croci sono umilmente 
nascoste le migliaia di nomi, che rappresentano innumerevoli Comunioni 
Messe, digiuni, Via- Cruets, rosari e sacritizi d'ogni fatta compiuti da 
attolici i'rancesi in unione di spirito coi pellegrini. Innarizi a queste croci 
Lenedette noi abbiamo giurato d'essere fedeli fino alia morte al Yicario 
di Gesii Gristo. Questo giuramerito noi rinnoviamo oggi alia presenza 
vostra, e Tosserveremo fedelmente, sia pure che a costo del nostro sangue. 
Sono preziose per noi queste croci, simboli della pace; oh possano essere 
qui presentate come preludio del trionfo! Possano esse, dopo essere state 
riposte per otto giorni a Gerusalemme presso la tomba del Salvatore, 
aver T onore di essere erette quanto prima a Roma, nel recinto dei pia- 
ceri e degli spettacoli sanguinosi del paganesimo, nel Colosseo restituito 
alia Croce. > 

Ricordati poi con molto acconce parole, i due grandi atti di Leone XIII 
per le dottrine dell'Angelico S. Tommaso di Aquino e per 1'Ordine di 
S. Francesco d'Assisi, e fatto rilevare che sul trono di Fietro regnano 
le due grandi forze del Redentore, la dottrina e I'esempio, unite inse- 
parabilmente sulla Croce, e che.anche ora non mancava una gran croce 
apprestata per Sua Santita, il P. Picard tratteggib molto a proposito un 
fatto biblico. 

II potente ministro 'di Assuero aveva anch'egli preparata una gran 
croce per far sovr'essa configgere colui che avea in sua custodia la re- 
giria Ester, soave figura di Maria e della Chiesa: iussit excelsam parari 
crucem. Ma di li a poco, per ordirie del Re, il persecutore Aman era 
confitto egli stesso su quella croce, che cosi diveniva, pel popolo di Dio, 
uno strumento di salute: Et ipsum iussit affigi cruel. 

Oggi ancora i potenti del mondo hanno eretta una croce gigantesca 
al tutore di quella sposa del Re dei Re, che e la Chiesa. Si tengono 
sicuri della vittoria e si esaltano nel loro orgoglio. Ma s'ingannano. Golle 
loro preghiere, colle loro lagrime, coi loro sacrifizi, i cristiani tutti gridan 
loro: cessate dalla stolta impresa, perche codesta croce, che voi alzaste 
per inchiodarvi il Pontefice, sara il vostro patibolo. Dopo la morte del 
Divin Salvatore, la croce della vittima fu e sara sempre 1'istrumento 
del suo trionfo. 

2. Finita la lettura del commovente indirizzo, il Santo Padre levossi 
in piedi, e dal trono in forbita lingua francese rispose col discorso stam- 
pato nell ; 'Osservatore Romano n. 237, di cui rechiamo qui la tradu- 
zione italiana data dalla Voce della Verita n. 238. 

Siate i benvenuti, figli carissimi : la Francia vi manda a Noi anche 
in quest' anno; essa vuol darci cosi un novello attestato del suo devoto 



COMEMPORANEA 355 

attaccamento. Siate dunque i benvenuti, ve lo ripetiamo con insistenza, 
per esprirnervi la gioia che Noi proviamo nel rivedervi. Animati da un 
sentimento di fede sincera, penetrati dalla necessita di placare la divina 
giustizia e di renderla propizia alia vostra nazione, messa a si dure 
prove, voi intraprendeste numerosi, in ispirito di penitenza e di ripa- 
razione, il grande pellegrinaggio dei luoghi Santi in Palestina. Noi ci 
rallegriamo con voi per averlo felicemente compiuto aH'ombra della 
Croce. Questo medesirao spirito di espiazione, ha poi scorto i vostri passi 
verso i Santuari d' Italia; e dopo di esservi inginocchiati sulla tomba 
dell' uraile penitente d'Assisi, voi vi siete recati a Roma, per mettere 
qui come T ultimo suggello al vostro edificante viaggio. Noi di gran 
cuore tributiamo i Nostri ben meritaii elogi al pensiero che vi ha guidato 
nella nobile impresa; e vediamo con grandissima soddisfazione che avet& 
associato la visita dei Luoghi santi a quella di Roma papale e del Vi- 
cario di Gesii Gristo. Prostrandovi sulla terra benedetta di Palestina, 
dove si compirono gl'ineffabili misteri della redenzione, voi avete senza 
dubbio meditato e pianto sulla ingratitudine degli uomini che apparec- 
chiarono il Calvario al figlio di Dio, disceso dal cielo per colmarli di 
beneficii e per loro arrecar la salute. Or bene, la Ghiesa militante, che 
e nel mondo il riflesso della vita mortale del Salvatore, doveva anch'essa 
aspettarsi dagli uomini di essere traitata come lo fu il suo divin Fonda- 
tore. Non la vediamo Noi, infatti, sempre esposta ai dispregi, alle prrse- 
cuzioni, all'odio degli empi? E per6 a colui che per volouta dell'Altis- 
simo tiene sulla terra il formidabile officio di Capo supremo della Ghiesa, 
non poteva non toccare in ogni tempo una parte ben grande di queste 
pungent! amarezze. Ma al di d'oggi, figli carissimi, sembra che'queste 
siano cresciute oltre 1'ordiaaria misura, specialmente dopo che 1'empieta 
s'insedi6 per violenza a Roma. La sovranita, che qui viene riconosciuta 
al 'Pontefice, ricorda la porpora e lo scettro di Nostro Signore nel Pre- 
torio; gli oltraggi, le cahmnie, le ingiurie ond'e continuamente amareg- 
giato, risvegliano la memoria delle umiliazioni inflitte al figlio di Dio; 
e privato della sua liberta si trova ora il Sommo Pontefice, come gia 
il divino Maestro, in ftotere di chi gli e nemico. 

Insistendo in questo doloroso confronto Gi sembra di vedere in voi,. 
tlgli carissimi, i rappresentanti dei discepoli fedeli e delle donne corag- 
giose, che non vollero mai dividersi da (jesu Gristo: come quelli, voi 
prendete viva parte alle Nostre pene, e vi stuJiate di alleggerirne ii 
peso. Noi lodiarm altamente questa costante fedelta, questa devozione 
sincera, di cui tante prove Gi date; Noi ve ne siamo riconoscenti, e vi 
stimoliamo a conservar sempre seritimenti cosi belli di filiale pieta. 

E poiche abbiamo oggi la consolazione di parlarvi, volgiamo nuo- 
vamente il Nostro pensiero verso la Francia; e stando sempre nello 
siesso paragone, vi ripetiamo le parole dette dal Salvatore alle pie doane 



356 CRONACA 

che lo seguivano al Calvario: Filiae Jerusalem... super vos i^sas flete 
vt super filios vestros. Figlie di Gerosolima... piangete su di voi stesse 
sui figli vostri. - - Fa fremere infatti, il veciere con quanto accani- 
.rnento 1' empie sette si sforzano ora di corrompere la Francia e di to- 
jglierle il glorioso titolo di nazione catiolica: conturba profondamente 
f ammo la vista della guerra die quivi hanno esse dichiarato alia reli- 
sgione, e a Dio medesimo. 

In momnnli cosi gravi, d'innanzi a tali pericoli, incombe a voi, 
Jlgli carissimi, 1'imperioso dovere di attendere al bene della vostra 
patria, di raddoppiare il vostro zelo e la vostra attivita per la tutela 
degl' interessi religiosi, lanto fieramente assaliti. - - Ma, aftinche la 
difesa sia etficace, e necessaria innanzi tulto V uniorie e il fratellevole 
accordo di tutti i buoni cattolici. E neeessario che i figli devoti 
<3dla Ghiesa sappiano far tacere le diversila dei privati pareri che 
spesso mettono tra essi la divisiorie. Conviene che essi imparino a re- 
sistere con fermezza e tutti compatti al male che invade 1' intera so- 
cieta; conviene che non dimentichino mai che le fraterne discordie in- 
deboliscono le resisteuze piu legittime, danno forza ai riemici della verita 
e della giustizia. E poiche qui si tratta di un combatlimento di sua 
ajalura religioso e morale, e di assoluta necessita che si combatta avendo 
^alla testa i Vescovi, i quali sono dallo Spirito Santo costituiti pastori 
dei fedeli, ed uniti a Noi sono i loro spiritual! condottieri. Noi vi esor- 
iiamo pertanto a mostrarvi sempre docili al loro cenno, ed a secondarli 
in tutto ci6 che essi intraprendono per la difesa della religione, e per 
la salute delle anime vostre. Questa coacordia e quesia unione, strin- 
gendo meglio le vostre file, vi dara la vittoria, e coiraiuto di Dio sal- 
vera la P'rancia: e Noi saremo lieti e felici di vedere in essa rifiorire 
le grandi opere che 1' hanno illustrata nel corso dei secoli. 

Noi desideriamo che tutti i cattolici della Francia ascoltino le No- 
stre parole e le accolgano con quell'ossequio tiliale, di cui voi stessi siete 
auirnati. -- intarito Noi imploriarno dall'Altissimo 1'abbondanza dei ce- 
lesii favori sopra la Francia; ed a pegno del Nostro paterno affetto 
.-accordiamo a voi qui present! e alle vostre farftiglie 1'Apostolica bene- 
dizione. 

Intonate quindi le antifone del Rituale, cui rispondeva genuflessa la 
sMimerosa e divota assistenza, il Santo Padre imparti 1'Apostolica bene- 
dizione; ed ammise al bacio del piede e della sacra destra il Direttore 
<id il Gonsiglio dei pellegrinaggio, che preseritarono a Sua Santita in 
^elegante cofanetto 1'offerta collettiva dei pellegrini. 

Quindi il Sommo Pontefice, in attestato del sommo suo gradimento 
PCI solenni e ripetuti omaggi di pieta e di devozione filiale che vien 
yicflvendo dai cattolici della nazione, la quale ebbe a gloria di essere 
liglia primogenita della Chiesa, si compiacque di ammettere benigna- 



CONTEMPORANEA 357 

mente, ad uno ad uno, al suo trono tutti i pellegririi, accogliendoli con 
isquisite diiuostrazioni di paterna amorevolezza e benevolenza. 

3. E qui sono da riferire le giuste e savie riflessioni della Voce dc.lla 
Veritd n. 238, circa le condizioni present! del Vicario di Gesu Gristo 
del cattolicismo in Roma, capitale dell'orbe cattolico. 

Noi assistemmo commossi a quel sublime spettacolo, che fu 1'udienza 
Pontificia, e ne porteremo indelebili le impression! e la ricordanza. Ve- 
demmo quei Pellegrini ordinal!, pieni di devoto entusiasmo, felici di potere 
prostrarsi al Vicario di Gristo, e con la loro fede, e con il loro affetto 
arrecare consolazione a quel Padre Santo della cristianita, a cui tanta 
amarezza arrecano altri figli degeneri. Ess! erano reduci da Gerusalemme, 
in mezzo a loro si ergevano due grand! Groci d'olivo, compagne del 
loro cammino. Quelle croci con nobile idea erano state inalberate sul 
naviglio, che alia volta della Palestina li conduceva. Giunti a Gerusa- 
lemme, quelle croci aveano i Pellegrini sulle loro spalle portate nell'ascen- 
dere le vette sacre e memorande del Galvario; e tutti con mirabile gara 
e commoventissima disputavaosi a vicenda 1'onore di potere, con quel 
segno dell'umana salute, toccare le cime del monte, su cui il Figliuolo 
di Dio compiva il gran sacrifizio dell' uni versa le riscatto. Innumerevoli 
erano gli spettatori che assistevario riverenti a tale vista. Eppure molii 
di ess! erano mussulmani; eppure Gerusalemme non solo e in balia degli 
infedeli seguaci del Gorano, ma ancora accoglie scismatici, protestanti 
ed altri nemici del cattolicismo; i quali nondimerio rimasero edificati 
della pieta de' Pellegrini francesi; e su moite ciglia, come ne fan fede le 
relazioni de' presenti, spuntavano le lagrime d'un'insolita compunzione. 

Ebbene, quelle stesse Groci son giuute a Roma, centro e sede del 
cattolicismo; a Roma dove il governo, insediatosi dopo la breccia di Porta 
"Pia", non vuole lasciare ancora di darsi titolo di cattolico, ed in faccia a 
tutto il mondo proclama a suo modo di assumere la tutela della Sede 
Apostolica e guareritirne la liberta ed indipendenza. E nondimeno in 
Roma non si toller6 che si mostrassero in pubblico quelle Groci vene- 
rande, segno dell'umana salvezza e della verace civilta. II governo, che 
con bugiarde ed ipocrite promesse parla di liberta e difesa de' cattolici, 
lascia pure che per le strade di questa metropoli del mondo cristiano, 
con insulto atroce alia rellgione de'suoi abitanti, con isfida manifesta a 
quanti sono fedeli spars! nelle varie nazioni, con pericolo dello stesso 
ordine politico e civile, sieno portati in trionfo e sventolino audacemente 
i vessilli de'circoli anti-clerical! e de'liberi pensatori, e si faccia 1'apo- 
teosi di uomini, i quali in ogni tempo si dichiararono nemici della Ghiesa 
e persino della Monarchia, e se ne glorifichino ed iricoronino i bust! e 
le statue. Auzi non ha nuila a ridire se tra la comune indignazione ed 
il raccapriccio di tutti gli onesti, si rechi in giro fmarieo 1'insegna <ii 
Satana e se ne cantino pe'giornali lodi in inni, non sappiamo se piii 



358 CRONACA 

empi, o piii barbari. Ma guai se per le vie apparissero le Croci sim- 
bolo di pace, di concordia, di redenzione, di virtii. Allora i governanti r 
tutte le loro forze chiamerebbero in campo ad impedire un tanto delitto. 
Anzi non vedemmo noi, che financo le rosse croci, che i Pellegrini por- 
tavano sul petto furono strappate dagli agenti della pubblica forza? 

A si misera condizione e ridotta la Gbiesa nella stessa sua Sede,. 
oello stesso suo centro! E poi con una faccia piu dura del granito e del 
bronzo, il governo osa parlare innanzi all'Europa della liberta del Pon- 
tefice e della tutela de'diritti religiosi! Ah! tacete almeno, ne vi atteg- 
giate piu a si inutile ipocrisia! 

4. I pellegrini, che aveano edificato i buoni Romani col divotissimo 
loro contegno nella visita delle Basiliche, doveano la sera del 18 ottobre 
ripigliare il viaggio di ritorno, passando per Loreto; ed ebbero in quel 
giorno una novella prova del singolare affetto del Santo Padre verso di 
loro. Imperocche in quella mattina essi poterono raunarsi, per ispeciale 
concessione, nella Gappella Paolina al Yaticano, ove assistettero alia 
S^nta Messa celebrata dal R. P. Briant Missionario, dalle cui mani ri- 
cevettero la SS. Eucaristia. Quindi si recarono tutti nella sala del Con- 
cistoro ove alle 7 1$ faceva ingresso la Sautita di Nostro Signore, la 
quaie, assunti i paramenti Sacri, celebrava, in un altare erettovi per 
questa circostanza, 1' incruento Sacrificio coll 1 assistenza di un Maestro 
delle Cerimonie pontificie e dei Cappdlani Segreti e Gomuni, ascoltando 
quindi la Messa letta da uno de'Suoi Gappellani Segreli. Poi il S. Padre, 
prima di rientrare nei suoi appartamenti, benediceva ancora una volta 
quei buoni e divoti pellegrini francesi ; i quali al suo passaggio si strin- 
gevano affettuosamente intorno alia sacra Sua persona per baciarle la 
mano, ricevendone parole di sommo conforto e di paterna benevolenza. 
Gome era accennato nell'indirizzo letto alia presenza del S. Padre, 
furono lasciate dal pellegrinaggio francese, in Vaticano, a perpetua me- 
moria della santa peregrinazione, le due grandi croci d'olivo, alte metri 6,50 
ciascuna, che durante 1'udienza del 15 ottobre si erano tenute innanzi 
al trono pontificio, dopo di essere state inalberate sui due vapori la 
Guadeloupe e la Picardie che sbarcarono i pellegrini a Gaifa nella 
Palestina, e che erano state deposte per otto giorni presso il Santo Se- 
polcro ove furono portate sulle loro spalle alternativamente dai pellegrini 
st<si. Queste due grandi Groci contengono entro un tubo di piombo, per 
or line di Diocesi, i norm dei mille pellegrini francesi che mossero alia 
visita di Terra Santa, ed i nonii di quattordici mila loro connazionali 
che colle proprie orTerte, le quali ascesero a ben 400 mila franchi, fecero 
et'fettuare il detto pellegrinaggio e colle loro preghiere ne implorarono* 
dal cielo il felice successo. 






CONTEMPORANEA 359 

III. 

COSE ITALIANS 

1. Promulgazione della nuova legge per lo elezioni poliliche, a suffragio pressoche 
universale c per iscrutinio di lista 2. Avvenimento della Repubblica bandito dal 
Crispi 3. Agitazione e disegni del radicali-soeialisti ; comizi di operai e di re- 
pubblicani a Ravenna, a Roma ed a Lugo 4. Ammonimento dalla Germania 
all' Italia, circa i rndicaU 5. Scoperta di bombe fulminanti mandate da Venezia 
a Trieste 6. Arresto e condanna del settario Oberdnnk, triestino, che da Roma 
si mosse per un attentato contro 1' Imperatore d' Austria 7. Discioglimento della 
Camera dei Deputati; convocazione degli elettori pel 29 ottobre e pel 5 novem- 
bre 8. Discorso politico del Depretis a Stradella 9. Giudizi di giornali au- 
striaci sopra tal discorso 10. Circolare del Duca Salviati cbe fa sapere ai cat- 
tolici nulla essere innovate circa il non expedit per 1'intervento alle elezioni , 
politiche 11. Annunzio del matrimonio del principe Tommaso Duca di Genova. 

1. Due Decreti Reali, sotto la data del 24 settembre, controfirmati dal 
Depretis ministro per gli affari interni, vennero pubblicati nella Gazzetta 
ufficiaJe del 26, ri. 225, per la chiusura della sessione e per la costi- 
tuzione delle nuove sezioni elettorali ; di cui in apposita tabella di sup- 
piemen to a tal foglio sono designaii i comuni o le frazioni di comuni che le 
costituiscono e le sedi di riunione degli elettori. Quindi nella stessa Gas- 
zeita, alii 27 settembre, n. 226, con Decreto Reale pur del 24, venne 
promulgate il testo unico, composto si della riuova legge elettorale promul- 
gata nella Gazzetta del 22 gennaio p. p., e si dell'altra pel voto a scru- 
tinio di lista nelle elezioni politiche, promulgata nel n. 114, pel 13 maggio, 
della Guzzetta ufficiale; al quale testo unico va unita in apposito supple- 
mento la tabella per le circoscrizioni elettorali, con la designazione del 
numero di deputati che ciascuna di queste ha diritto di eleggere; do- 
vendo gli onorevoU tutti questi essere 508, eletti da 135 circoscrizioni o 
collegi elettorali. E con cio ebbe compimento 1' opera riformatrice; di che 
abbiamo dato sufficiente contezza, e fatti rilevare i pericoli, nel vol. IX di 
questa Serie XI a pag. 391-403; e nel successivo Vol. X a pag. 488, e 743. 
11 gran passo fu cosi dato, e mentre scriviamo queste parole i candidaii 
alia Deputazione, che sono in numero di circa cinque mila, si agitano nel 
tramestio per le nuove elezioni generali, sulle larghissime basi di im 
suiTragio pressoche universale ed a scrutinio di lista. 

2. La promulgazione di questa legge dest6 le apprensioni di quegli 
uomini politici che, avendo servito- la rivoluzione, dapprima nelle con- 
sriure settarie clandestine, poi apertamerite in opera di Governo, colla 
diplomazia e con le armi, la condussero trionfante in Roma per la breccia 
del 20 settembre 1870; ed ivi le diedero stanza, dicendo: Hie mane- 



360 CRONACA 

bimus optime! Ma i complici del moderati non erano di cio soddisfalti, 
e volevano aver essi in loro polere il governo fa\V Italia redenta ed 
unita; e quindi avvenne nel 1876 il capitombolo decisive della consor- 
teria dei moderati, cui succedette quella dei progressisti monarchic^ 
Ora, la merce della nuova legge, viene la volta della democrazia re- 
pubblicana, si die puo dirsi essere gia valicato il famoso ponte Ira la 
monarchia costituzionale e la repubblica; tanto che il F.\ Francesco 
Crispi, in un suo discorso a Palermo, recitato il 15 ottobre p. p., pote 
bandire, alto: II Re ha la sua base nella democrazia minarchica. Essa 
e una specie <H Repubblica senza i mutamenti che avvengono per cam- 
biare i Presidenti. 11 che vuol dire che il Capo dello Stato, benche 
conservi titolo, lista civile, ed onoranze e prerogative di Monarca, di 
fatto non e piu che un Presidente a vita della Repubblica italiaria. 

3. I monarchic! di quel tipo che il Baccarini ed il Zanardelli, si ter- 
rebbero forse contenti che durasse salda codesla democrazia monarchica 
la quale, come disse ancora il Grispi, toglie alia nazione i sussulti e 
le scosse nel suo continue progresso. Ma, se cosi fosse, mostrerebbero 
d'aver poco senno e di non conoscere la storia. Imperocche il continuo 
progresso, in uno Stato che ha le sue origini dalla rivoluzione, e inse- 
parabile dal succedersi nuove sette nel maneggio della cosa pubblica. E 
non e dubbio che in Italia si percorre ora il ciclo gia percorso dalla 
rivoluzione in Francia nel passato secolo, quando ai costituzionali suc- 
cedettero i Girondini, poi a questi i G-iacobini, poi a questi i terroristi 
della Gonvenzione ed i regicidi, finche 1'anarchia fu soffocata nel proprio 
sangue ed abbattuta sotto il ferreo tallone d' un Bonaparte. E gia vediamo 
che in Italia, e specialmente iielle Romagne, dietro i democratici si avan- 
zano baldanzosi i radicali ed i socialist*, renduti audaci dall'impunita 
dei loro attentati. 

Infatti, ogniqualvolta la Magistralura, mossa pure dal Governo, cerc6 
di applicare il rigore delle leggi alle masnade sanguinarie che, dai co- 
vili della Carboneria ravvivata, traggono in mezzo a praticare la po- 
litica con Tassassinio, sempre Tazione della giustizia fu inceppata, si 
dal terrore ispirato da quei facinorosi onde restano mutoli i testimonii, 
e si dai vizi stessi della legge che sottopone tali giudizii e tali misfatti 
alia sentenza dei Giurati, che non sono i meno accessibili a quel terrore. 

Se ne ha un esempio nelj' impuriita di cui godono, a tacer di tanti 
altri, gli assassin! i quali a Villa Filetto trucidarono barbararnente due 
Garabinieri Reali che pur non davano loro molestia veruna, come nar- 
ramrno succintamente nel vol. X di questa Serie XI, a pag. 239-41. 
Circa 400 seitarii, i piu ascritti a consorterie socialiste ed internazio- 
nali, erano intervenuti all'adunanza politica la quale fu suggellata col 
sangue di quei due innocenti. Non uno fiat6 per dire una parola che 
mectesse la giustizia sulle tracce degli assassini. II prof. Dotto, come 



CONTEMPORANEA. 361 

leggemmo nell' Opinione n. 238 pel 31 agosto p. p., primeggiava in 
quell' adunanza, e si vant6 d'aver fatto di tutto per impedire quella 
carneficina. E egli possibile che poi nulla sapesse di chi ebbe la cru- 
delta di compierla? Si fecero molti arresti, si rimandarono liberi molti 
carcerati come sospetti d'essere autori o complici del misfatto, ma senz'altro 
risultato che di mandare alia Gorte d'Assise sedici volgarissimi contadini 
o mariovali, dei quali 14 non sanno nemmen leggere, e che devono far la 
parte di capro emissario! I caporioni ed ispiratori di quell' atrocita 
n'escono candidi come agnellini! 

Questo fatto, e molti altri consimili, hanno ispirato tale coraggio ai 
socialists, che oggimai essi possono dirsi padroni delle Romagne, in 
quanto vi lavorano all'aperto ed a mano franca; anzi impongono al Go- 
verno di abolire le leggi che loro danno impaccio. Nel quale intento si 
tenue a Ravenna un solenne Coroizio, per esigere 1'abrogazione della 
legge in virtu di cui 1'autorita amministrativa e politica e la Magistra- 
tura possono, infliggendo V ammonizione, frenare i turboleuti ed i faci- 
norosi. La Capitale di Roma pel 5-6 settembre p. p. ne fece 1' apologia; 
ed il Procuratore del Re non vi trov6 nulla a ridire; e, ne conseguita 
che in quella provincia furono perpetrati di pieno giorno, in mezzo a 
dtta e borgate piene di gente, parecchi omicidii per mano di settarii, 
cui la partigianeria politica avea armati di pugnale o di pistola, senza 
che i rei potessero essere scoperti o presi. 11 Governo dovette spedire 
cola poderosi rinforzi di carabinieri reali e di soldatesca, senz' altro frutto 
<;he di stancar quelli e questa in inutili perlustrcziooi. La descrizione del 
Comizio, puhblicata nel Ravennate, e riprodotia dall' Osservatore Ro- 
mano n. 204, dimostra appieno 1'impotenza a cui e ridotta cola, dal- 
1'audacia dei radicali e socialist!, 1'autorita amministrativa del pari che 
quelh della legge e. della Magistratura. Un comizio d'operai al Teatro 
Corea' di Roma, sotto la presidenza di Ricciotti Garibaldi, descritto egre- 
giamerite nell' Osservatore Romano del 12 settembre, benche desse molto 
nel comico, procedette senza gravi di sordini, ma basio a dimostra re che 
le doitrine del socialismo gia sono gu state assai, e che per trarne i di- 
scepoli a volerle messe in .pratica non e piu da fare gran lavoro. 

Non cosi roodeste sono le pretensioni degli operai di Milano. I desi- 
derii dei popolani raccolti al Gorea in Roma si limilavano a far inter- 
venire 1'azione della legge e del Governo in quistioni di affitti, di appalti, 
di locazioni, di stipendii e simili cose, chiedendo anche il diritto elet- 
torale politico a fine di risparmiare rivoluzioni a mano armata come 
quelle che avvennero in Francia ed altrove. A Milano queste cose si 
disprezzano come inezie, e gli operai, con un programrna divulgato dai 
faccendieri del loro Gircolo, esigono ben altro! Ecco, quale la troviamo 
well' Osservatore Romano n. 210 pel 14 settembre, la lista dei discrcti 
loro voti. 



362 CRONACA 

Gome ideale di tuiti i nostri stuilii e sforzi reclamiamo: tale or- 
ganizzazione della societa nmana, che i mezzi di produzlone di con- 
sumo, e di edmazione sieno sufflclenti per che ciascuno possa liber a- 
mente ottenere il soddisfacimento di tutti i suoi bisogni e il piu largo 
sviluppo di tutte le sue facolta. 

Come avviamento e preparazione a questo av venire di generale be- 
nessere e liberta domandiamo oggi: 1 Eguaglianza giuridica e politica 
di tutti i cittadini, senza distinzione di sesso e di condizioni. 2' Suflragio- 
wriiversale, esteso a tutte le funzioni della vita pubblica. Ogni pubblico 
i'unzionario sia retribuito e revocabile. 3 Assoluta liberta di starnpa, di 
riuaioni e d'associazione per tutti; soppressione dd carcere preventive, 
e garantita la liberta individuate contro leggi eccezionali, o soprusi delle 
Autorita. Ogni Autorita sia sempre responsabile dei suoi atti e lo Stato 
sia tenuto a riparare gli errori dei suoi funzionari. 4 Soppressione dei 
Ministero dei culti. 5 Abolizione dell' esercito permanente da sostituirsi 
;;olh nazione armata. 6 Tassa unica e progressiva sul capitale e sulla 
rendita, e sulle successioni ereditarie. Escluso da qualsiasi tassa tutto 
do che e di prima necessita all'esistenza. 7" Piena liberta di rapporti 
fra le associazioni operate da una parte e i capitalist!, padroni e pro- 
prietari dall'altra, in tutto cio che riguarda il lavoro. Quindi fra le allre 
cose liberta di coalizione e di sciopero. 8 Autonomia comunale e 
iiberi i comuni di unirsi in Federazione a seconda dei pubblici bisogni. 
9 Riconoscimerito giuridico (senz 1 altra condizione, che la prodotta 
prova della loro esistenza) delle associazioni operaie di produziorie, di 
credito, di consumo, di resistenza, d' istruzione e di mutuo soccorso, 
10 Gli appalti dei lavori pubblici, affidati direttamente a compagnie di 
hvoratori. 11 I beni immobili del D3manio, delle Parrocchie, della Co- 
rona e i terreni incolti sieno concessi in uso gratuito ai lavoratori e 
loro associazioni, a condizione che il diritto inalienabile di proprieta resti 
ai Comuni o alia Nazione, e che i lavoratori versino un tributo per le 
spese pubbliche. .Conversione dei beni immobili delle Opere Pie ia 
pubblico consolidato, allo scopo che questi beni siano pur essi concessi 
in uso gratuito a lavoratori e loro associazioni, alle stesse suindicate 
condizioni. 12 I comuni e la Nazione sieno gradualmente posti in istato 
di concedere in uso gratuito a tutti i lavoratori e loro associazioni, alle 
stesse suaccennate condizioni, terreni, case, botteghe, ofiicine, e in gene- 
rale, tutti gli strumeriti di lavoro. 

Anche a Lugo si tenne un Comizio, di cui il Eavennate rendette 
conto particolareggiato, e nel quale i noti agitatori Fratti, Cafiero, Costa, 
Dotto, Venturini presero le parti degli ammomti, cioe di coloro che 
per la loro probita civile e politica sono degni di speciale vigilanza della 
Questura; e dal sunto recato dall' 'Osservatore Romano del 19 otto- 
bre p. p. apparisce che T au tori ta politica, tutt'altro che tranquilla circ& 



CONTEMPORANEA 3fH 

1 buono spirito di quelh riunione cui assistevano in gran numero dp- 
'legati e guardie di Oueslura, avea falto appostare li vicino un buon 
nerbo di bersaglieri, e mandate altorno grosse pattuglie di carabinieri che 
teneano in mostra le loro rivoltelle. Gli oratori dichiararono altamente 
che non si fidavano punto delle proraesse del Depretis; che volevauo 
giustizia e liberta; che se la piglierebbero essi, se loro non si donasse, 
tal liberta, seeondo il programma del pretto socialismo. 

Sotto questi faustissimi auspicii per Y interne si dovranno fare, a suf- 
fragio pressoche universale ed a scrutinio di lista, le elezioni del 508 
Deputati per la nuova Camera! 

4. Ma non sono gran fatto piu lieti i pronostici che si possono trarre 
dal contegno delle Potenze straniere verso 1' Italia legate. Allegheremo ua 
testimonio non sospetto. L'Opinione, n. 288 pel 21 ottobre, tradusse un 
articolo dell'ebraica Deutsche- Zeitung di Vienna, premettendovi queste 
parole: E no to che, quantunque si pubblichi in Austria, questo gior- 
nale ha, in parecchie occasion], interpretato anche il pensiero del prin- 
cipe di Bismark; la qual cosa contribuisce ad accrescere 1'importanza 
delle sue considerazioni. Vediamo dunque come la pensano cola, se- 
condo la Deutsclie-Zcitung, ebraico-massoriica amante d' Italia. 

A Berlino non si vuole spezzare le relazioni, gia intime, avute 
coif Italia. Siccome pero non si e costretti incondizionatamente alia sua 
amicizia, si trova una pietra d'inciampo nello sviluppo e nella ere- 
scente influenza degli elementi radicali nella penisola appennina. Si 
vorrebbe far comprendere agli uomini politici italiani che, sebbene gli 
Hohenzollern, nell' opera di creazione del nuovo Impero germanico, non 
siansi astenuti dall 'adoperare armi rivoluzionarie^ non si sente per6 
alcuna compiacenza verso uno Stato dove il radicalismo va eslenden- 
dosi sempre piu, e dove tornano in onore le pratiche dell'antica epoca 
dei Carbonari. A Berlino si avvolgono tanto piu volentieri nel manto 
del conservantismo offeso, in quanto che in tal modo non solo si se- 
condano gli impulsi del cuore, ma anche si da una prova di amicizia 
2\\'alleato austriaco. 

Qui 1'ebraico-massonico portavoce uiTicioso fa capire che, forse per 
aver mandato ad assistere alle grandi esercitazioni militari tedesche un 
ufficiale superiore dell'esercito itahano che e un emigrato Trentino e 
creduto campione dell' Italia irredenta, e avvenuto che ne a lui, ne ai 
suoi colleghi fu data alcuna delle consuete teslimonianze di onore con 
decorazioni. Poi soggiunge quest'altro poco, che va diritto alle orecchie 
del Depretis e del Mancini. 

Gli uomini di Stato italiani fanno ora lodevoli sforzi per togliere 
il loro paese dall' isolamento politico in cui e caduto dopo il Gongresso 
di Berlino, e per acquistare, coll' adesione all' alleanza austro-germanica, 
;^ina solida base per la ricostruzione della politica estera del nuovo regno. 



364 CRONACA 

Sinora gli sforzi degli onorevoli Deprelis e Mancini non trovarono 
n& a Vienna ne a Berlino speciale favore; Jo che deve assolutamente 
attribuirsi alle perverse agitazioni dell 1 'irredenta. 

II Depretis ed il Mancini potrebbero girare questa graziosa carnbiale 
di compliment! al loro degno collega Zanardelli, ed al loro complice Be- 
nedetto Gairoli che fu uno del fondatori e promotori della setta fanatica 
pel riscatto ddYItaJia irredenta. Ma a che servirebbero le recrimina- 
zioni tra codesti buoni compari ? L' Opinions capisce che la commedia v 
recitata nei bei tempi della politica del Gavour e del Gran Re, dura 
troppo, e dice: La Deutsclie-Zeitung ha pur ragione di affermare 
che la Germariia precede in tutto e per tutto di pieno accordo con 
1'Austria ; e ayU interessi di quest' ultima sacrificliera, non una, m& 
cento volte, Vamitisia, dell 3 Italia. II detto, che per andare a Berlino 
bisogna passare per Vienna, e verissimo in questo senso, che le rela- 
zioni dell' Italia colla Germania dipendono dalle relazioni dell' Italia con 
1'Austria. Ben deito! Or quali sono le relazioxii dell 1 Italia con 1' Au- 
stria ? I fatti parlano. Ed i fatii dicono che in Italia, se non con la 
complicita manifesta del Governo del Re Umberto di Savoia-Garignano, 
certo sotto 1'egida della sua tolleranza, i cospiratori, nell' intento di to- 
gliere aH'Austria i territorii di Gorizia, d' Istria e di Trieste, adoperano 
a man salva quegli stessi mezzi morali, di cui si e servito il Gavour 
d'accordo col Gran Ee, per ispodestare i legittimi Sovrarii d' Italia suoi 
congiunti per sangue, ed il Papa di cui si dichiarava devotissimo figliuolo, 
Pu6 piacere questo a Vienna? 

5. Gertamente non possono a Vienna guardarsi e vedersi sotto altro 
aspetto i maneggi settarii e scellerati, con cui certi Comitati, che pure 
soggiacciono alia giurisdizione del Depretis e del Zanardelli, ministri 
quello per gli affari interoi e questo di grazia e giustizia, promuovono, 
auizzano, alimentano il fuoco della ribellione nel Trentino e nel Triestino, 
Sono cose che in Italia si sanno e si dicono fin dai muricciuoli, e non 
s'hanno da sapere a Vienna? E da credere che cola possano aver sin- 
cera trlucia in un Governo, a capo del quale stanno codesti uomini? 
Pognavno pure che, per cavalleresca magnanimita, siasi dimenticata, o 
si mostri d'aver dimenticata, la parte sostenuta dal Depretis nel 1853 
p^r gli atroci assassinii del 6 febbraio a Milano; come fare a non ri- 
cordarsene ora, quando si compiono fatti intesi a scopo anche piu ostile, 
quali sono quelli che, in meno di tre mesi o poco piu, si perpetrarono, 
evidentemente per opera della setta che si propone di rivendicare e con- 
quislare, senza riguardo alia qualita dei rnezzi, il contado di Gorizia e 
Gradisca, il margraviato d' Istria, la citta di Trieste ed eziandio la Dal- 
m^zia fino a Ragusa, come speltanti air Italia irredenta? 

11 micidiale attentato del 2 agosto p. p., di che abbiamo parlato 
jiel precedente nostro vol. XI a pag. 492 e 750-52, diretto ad oltraggio 



CONTEMPORANEA 365 

contro la persona dell'Arciduca Carlo Lodovico d 1 Austria e ad impedrre 
rinaugurazione della mostra inrlustriale ed agricola, a Trieste, fu a uri- 
buito a personale hirboneria d'un mascalzone. E sia pur cosi. 

Ma la Polizia non potea credere che cosi fosse; e, coritiuuMrido le 
sue indagiwi, ebbe sentore che sopra un piroscafo provegrienle da Ve- 
nezia, dovessero essere alire bombe; e, fa it a uua perquisizione, alcune 
altre bombe, al tutto con for mi a quella del 2 agosio, furono trovats gijk 
cariche. Essendo noto colui al quale erano dirette, non fu difficile sa- 
pere da chi gli erano spedite; e ne fu dato avviso al Governo italian<>. 
Tornava a conto di questo che si accertasse il fatto di tale eriminosa 
spedizione? No per certo. La prudenza voile che si lasciasse al Potere 
giudi/iario la cura di fare le indagini opportune; ed e manifesto che 
qinndo torna a conto di non iscoprire nulla, e facilissimo il non isco- 
prire nulla; e nulla fu scoperto. Parecehi che erano stati arrestati come- 
sospetti, furono rimessi in liberta, per mancanza di prove. Sembra per6 
che le prove non maneassero alia Polizia austriaca, e molti giornali af- 
fermano che il Governo imperiale abbia chiesto la estradizione di quei 
galantuomini i quali, sebbene domiciliati a Venezia, sono sudditi austriacL 

6. Mentre d'ambe le parti, per amore di pace, accenriavasi a voler 
sopire questo affare, ecco sopra vvenire un altro attentato, sventurata- 
mente certo, e diretto contro la persona stessa dell' Imperatore Francesco 
Giuseppe; il quale, a malgrado dei sopraddetti misfatti, voile onorar 
di sua presenza, in compagnia dell' Imperatrice, del Principe erediiaric* 
e della sua sposa, la citta di Trieste e la mentovata mostra industriale 
ed agricola. 

Gli augusti personaggi doveano, come di fatto avvenne poi, arrivare 
a Miramar la mattina del 17 settembre, dove gia erano ad aspettarli gli 
Arciduchi Luigi, Salvatore e Stefano; e nello stesso giorno visitare 
Trieste. Gi6 saputo, il Comitato cenlrale fcll'Irredenfa credette di dover 
compiere un allo fatto, per impedire gli splendidi festeggiamenti che 
ebbero luogo il 17 e 18 settembre in quella citta. Uno dei membri di 
codesto Gomit'ito era il giovane Oberdarik; di cui La Lega della De- 
mocrazia net suo n. 267 fece il seguente ritratto: L'Oberdank era 
da quattro anni in Roma, diligentissimo nello studio delle mntematiche- 
(alia scuola tecnica di applicazione); egli in breve ora si era acqui- 
stato 1'afTetto dei compagni e l;i stima dei professori. II circofo demo- 
cratico universitario di Roma lo avea teste nominato suo portabandiera. 
Nel 1878 TOberdank avea disertato da un reggimento austriaco che 
marciava per Toccupazione della Bosnia. Egli e insomnia uno di quei 
giovani entusiasii, pronti al sacrifizio, onesti a tutta prova. 

And6 su quasi tutti i giornali che una ventina circa di congiurati 
si rarlunarono ad Udine, presso un farmacista loro complice; e irassero 
a sorte a chi toccherebbe di gettare bombe caricho di dinamite sul pas- 



366 CROINACA 

saggio deirimperatore, o nel suo viaggio a Trieste, o nella stessa Trieste. 
La sorte design6 1'Obendank ed un tal Ragusa, nolo a Prato in Toscana 
dove tenea laboratorio di prodotti cliimici. Le bombe furono preparate, 
dicesi, da un nichilista russo, pralico di tali cose. 

Quel clie avvenisse poi e narrato dalla National Zeitung con i par- 
ticolari seguenti, in cui concordano quasi pienamente altre relazioni di 
varii giornali. 

Sabato mattina (16 settembre) parti un legno da Brazzano, localita 
austriaca presso la frontiera; esso veniva da oltre il confine, senza pas- 
seggieri, e si dirigeva a Viscone. La strada conduce da Udine a Gra- 
disca. Una vettura da Yiscone iucontro la carretta che veniva dall' Italia. 
II cocchiere da Viscone chiese a quello che conduceva 1'altra vettura: 
Sei vuoto, non hai trovato viaggiatori? L'altro rispose: Si, ho tro- 
vato due passeggieri, ma essi hanno voluto passare la frontiera a piedi: 
risaliranno in legno piii tardi. II cocchiere da Viscone fu col pi to da que- 
ste parole, ed un breve dialogo col suo compagno da Brazzano accrebbe 
i suoi sospetti che quei due, che volevano passare la frontiera a piedi rion 
avessero nulla di buono in rnente. Egli si affretio di richiamarvi Tatten- 
zione del sindaco di Yiscone e questi si rec6 subito al capo ufficio del 
drcondario a Gradisca. Venrie informata la gendarmeria di Montefalcone 
e furono spediti gendarmi nei dintorni. A Ronchi, piccola citta presso 
la linea ferroviaria meridionale (Siilbahn) sulla strada di Aquileia, un 
gendarme seppe che la vettura coi due passeggieri si trovava all'albergo, 
e che i due Italia oi si erano ritirati in una stanza. 

II gendarme vi sali subito; trovando la porta chiusa, grid6, mentre 
bussava: aprite! II comando fu obbedito, ed apertosi Tuscio si present 
un uomo nel piii grande disordine nel vestiario: appena vide il gendarme 
trasse subito un revolver, che teneva sotto la camicia, e fece fuoco. II 
gendarme pole afferrarlo a tempo pel braccio e la palla partendo arido 
a conficcarsi nel soffiUo senza recar ddimo ad alcuoo. Al ruinore accor- 
scro quelli di casa e dopo un'ostinaia loila Tuomo fu legato. Nel frat- 
tempo il suo compagno era fuggito saltando dalla fmestra e prendeado 
il largo. L' uomo legato cercava di liberarsi mordendo le corde. Si pro- 
cedette ad una minuziosa visita della camera. Fu trovata la piccola va- 
ligia a mano che i viaggiatori avevano portata: era vuota, ma nei cassetti 
dell' armadio furono rinvenute due bombe Orsirii, identiche a quelle lan- 
ciate il 2 agosto sul corso a Trieste. Giascuna delle bombe era fornita 
con 40 pistoni. II prigioniero fu conJotto con numerosa scorta a Monte- 
falcone . 

Da Montefalcone 1'Oberdank fu condotto a Trieste, dove giunse pure 
il suo complice Ragusa senza essere scoperto; il quale per6 fu sollecito 
di ripariirue alia volta di Venezia, d'onde torn6 a Prato; e quivi poi, 
per uffici fatti dalla Polizia Austriaca, fu arreslato. 






CO^TEMPORANEA 367 

Guglielmo Ob^rdank fu sottoposto a rigornsa istruzione giudiziaria, 
d'onde risulto che egli si riconobbe colpevole dttll'attentato appostogli, 
studiandosi di non raanifestare i suoi compiler, sebbene 1'arresto del Ra- 
gusa dimoslri che qualche rivelazione dove aver falto. Giudicato da una 
Gorte marziale, secotulo che riferi il Diritto n 294, fu condannato, come 
diVrtore in tempo di guerra e reo di alto tradimerito, ad essere fucilato 
nella schiena. Egli si rifiuto ad invocare la clemenza dell' Impera tore, 
chiedendo grazia; ma questa fu domandata da sua madre e dal suo av- 
vocato. 

Qualunque pertanto debba essere la sorte di coJesto sciagurato, e 
concedasi o no 1'estradizione dei complici che dicesi chi<>sia dal Goveraa 
austriaco, ognuno vede se in tali congiunture sia ragionevolo vantarsi* 
come fece il D^pretis nel suo discorso politico a Stradella, di che diremo 
piii in la qtianto b-ist'i, di essere in ottime relazioni, e quasi in cordiale 
intimita colle Potenze dell' Europa centrale. Se 1' Austria per prudenza dis- 
simula ed anche tace, non e probabile che essa non capisca; e certe 
cose, quando sono capite, e corifermano i giudizii risultauti dai fatti di 
quasi trent'anni, non giovano certamente ad ispirare cieca e piena fiducia 
nella politica che si gloria di andare sulle pedate del He Galantuomo e 
dei suoi complici di ogni colore. 

7. In queste, tutt'altro che lusinghiere, congiunture, la G-azzetta uf- 
ficiale, n 233 pel 5 ottobre p. p. pubblic6 un Decreto Reale, sotto la 
data del 2 da Monza; pel quale, attesa la sopramentovata legge del 24 set- 
tembre sopra le elezioni politiche, ed in conformita di essa, e nelle do- 
vute forme si decret6: Art. 1 La Camera dei deputati e sSciolta. Ar- 
ticolo '2 I coilegi elettorali sono convocati pel giorno 29 corrente a norma 
degli articoli 44 e seguenti della precitata legge 24 settembre 1882, 
n. 999 (serie terza), all'effetto di eleggere il numero dei deputati a cia- 
scuno di essi dalla stessa legge rispettivamente assegnato. Art. 3 Ove 
occorra una seconda votazione essa avra luogo il giorno 5 novembre p. v. 
Art. 4' II Senato e la Camera dei deputati sono convocati pel giorno 
22 novembre prossimo venture. 

Quindi nella Gazzetta ufficiale, n. 236 pel 9 ottobre, fu pubblicato 
il seguente avviso del Ministero dell' Interno. 

Per 1'avvenuto scioglimento della Camera dei deputati, cessano con 
tutto il giorno 25 corrente mese d' essere validi i biglietti di circolazione 
sulle ferrovie e sui piroscafi postali, di cui sono provvisti i signori de- 
putati, restando pero ancora validi quelli dei signori senatori sino a che 
siano allostiii i rmovi libretti per la XV Legislatura. 

Agli onorevoli deputati di miova elezione, non ancora provveduti 
dei libretti o dello scontrino per viaggiare sulle ferrovie e sui piroscafi 
postali, sara consegriato dalle siazioni un biglietto ordiuario da viaggia- 
lore in prima classe fino a Roma, dieiro cousegna di un certificate di 



368 CRONACA 

t lexione rilascinto dal presidente del Gollegio elettorale, ovvero dal pre- 
fctto o sottoprefetto di qualunque provincia o circondario del Regno. 

1 signori deputati che noa intendessero di compiere di un tratto 
1'intera corsa fino a Roma, e che desiderasse.ro irivece di fermarsi in 
qualunque delle staziooi intermedie, dovraono provvedersi di tauti cer- 
tiiicati quante soao le formate che intendono di fare, onde consegnarli 
alle stazioni per ricevere i biglietti per la prosecuzione del viaggio. 

Qualora i signnri deputati dovessero compiere il loro viaggio parte 
in ferrovia e parte sui piroscafi postali, dovranno provvedersi di due 
distinti certificati. 

8. Tre giorni dopo il discioglimento della Camera e la convocazione 
degli elettori ai comizi, il F.\ Agostino Depreiis, Presidente del Consi- 
glio dei Ministri e Ministro per gli affari interni, assistette ad un lauto 
banchetto a lui offerto a Stradella e goduto in onor suo da 400 saoi elet- 
tori; il qual banchetto dovette essere degno del grand' uomo, poiche cia- 
scuno dei commensali ebbe a pagare perci6 lo scotto di L. 25. II Depretis 
vi lesse, come gia era annunziato, un gran discorso, che e iJ programma 
del suo Governo, e che, stampato dalla TIpografia edltrice italiana, di 
Torino, si stende per ben 43 lunghe e filte pagine di minuto carattere. 
La lettura di esso dur6 tre ore. Per ora nori possiamo che riprodurne il 
sun to uffiriale telegrafico, che e nei termini seguenti. 

Depretis incomincia a parlare alle ore 7. Dopo alcune nobili parole, 
pronunziate dal sindaco di Stradella all'indirizzo del Depretis, questi 
ringrazia gli ospiti, ringrazia i vecchi elettori, che ben 18 volte gli af- 
fermarono quella fiducia cui deve il poco di bcne, che pote fare al paese 
cui deve di aver potuto porre il nome alia riforma elettorale, che sara 
una delle piii belle glorie del regno di Umberto I, consacrando il suf- 
fragio universale nel limite possibile. 

11 mio discorso dice Ton. Depretis sara una confessione, una 
difesa ed un testa men to. 

Ricorda i discorsi dell 1 11 ottobre 1875 e dell' 8 oltobre 1876 i qu-dli, 
sebbene cosi chiari, diedero materia a tante accuse. -- Certo altreitanto 
avverra nel discorso di oggi. Non rispondera agli attacchi come il su- 
perbo romano invitando a ringraziare gli Dei, ma riemmeno come Azeglio, 
quando, minacciato persino ndl'asilo del pensiero nazionale rispondeva: 
Abbiamo vissuto . ( Applausi fragorosi). Noi non solo abbiamo vissuto, 
ma abbiamo largamente tracciato la via al partito liberale e ci siamo 
avvicinati alia meta. 

La sinistra gia tanto censurata diede prove di saggio governo, rea- 
lizzando in gran parte il suo programma e spianando la via alia sua 
completa attuazione. 

Prima di annunxiare come araldo della pace i propositi del ministero 
desidera di ricordare il testo auienlico del programma dell' ottobre 1875, 



CONTEMPORANEA 361) 

che chiama il programma della spcranza. Cio vi provera che, se nou 
profeta infallibile, fui promettitore sincero e che la mia condotta fu degna 
della vostra fiducia, di quella del partito e di due del piu nobili prin- 
cipi che mai cingessero corona. Quel programma proponeva la trasfor- 
mazione del tribuli, la riforma degii ordini amministrativi, i progress! 
politic!. Dimostra, svolgendo minutamente i fatti, come siasi abolito il 
macinato, sceinato la fiscalita ddl 1 esazione delle imposie, assicurato la 
prossima abolizione del corso forzoso, attuato la riforma doganale, man- 
tenuto 1' integrity del bilarici e compiuto altre minor! riforme. Infme fu 
approvata la riforma deltorale. 

Rimangono allre riforme, gia oggetto di studio, e se nori tutte furono 
approvate, lo si deve alia brevila del tempo, che misura il lavoro pos- 
sibile anche per i parlamenli. 

Ginquecentotrentaquattro leggi furono votate nell' ultimo settennio, 
eppure molte pendono ancora e saranno presentate alia nuova legislatura. 
I risultati otteuuti sono : 1. II pareggio consolidate; 2. Diminuite ovvero 
abolite 1'imposte piu dannose; 3. Dotati assai piu largamente i servizi 
pubblici; 4. Migliorata la condizione dei funzionarii; 5. Aiutati alcuni 
grand! comuni; 6. Diminuito il debito galleggiante ; 7. Accresciuta la 
rete ferroviaria; 8. Aumentato il corso della rendita di circa 20 punti (ap- 
plausi); 9. Ridotto 1'aggio; il bilancio trovasi in condi/iorii tali da poter 
soccorrere anche le grandi sventure come quella che colpi cosi tremen- 
damente le patriottiche provincie venete (Vivi applausi), dove 1'esercito 
merito dal Re relogiofFwa I'esercUo). 

Ricorda tutte le leggi di ogni genere di opere pubbliche presentate 
dal ministro Baccarini e parlaado della ferrovia diretta da Roma a Na- 
poli, la dichiara linea di somma importanza ecoriomica e politics, che 
fara di Nopoli il porto di Roma. 

Ricorda le leggi d' istruzione pubblica, specie le ultime, opera di 
Baccelli e quelle compiute dal dotto collega Zanardelli, ministro deila 
giustizia, specie il Godice di commercio e la Legge sulle tasse giudiziarie. 

Tratteggia, citando tuite le cifre, la situazione dell'Italia ecoriomica 
del 1876 in confronts della situazione del 1883, cifre confermanti le 
provision! del suo programma (applausi prolungati). 

Innanzi ad un piu vasto corpo elettorale e necessita atTermare il pen- 
siero del governo che non cerchera ingerenze. Dichiara che la monarchia 
e lo statuto nori impeciiranno mai alcun miglioramento politico e sociaJe; 
quindi mi dichiaro avverso a tutti coloro che questa mia professione 
di fede non accettano seriza sottiritesi e senza riserve (prolungati ap- 
plausi). 

Grede che per la tutela delle istituzioni e dell'ordine pubblico bastino 
le leggi vigenti, ma la nuova Camera provvedera se nascesse un dubhio 
sulla loro irisudicienza. Non crede possibile nessuna ulteriore concessione 

^'irtts .\1, vol. XII, fasc. TH 21 28 ottobre 12 



370 CRONACA 

ai clericali oltre alia legge delle guarentige, che e quanto potevasi con- 
cedere a garanzia del potere spirituale. 

Invoca una compatta maggioranza progressista accogliendo quanti 
accetteranno il suo programma. 

Accennando alia quesiione deH'armamento, sollevata da uomini al- 
tamente benemerili della patria, indica gli aumenti gia assegnati nei 
bilanci della guerra e della marina, ma dichiara che non potrebbe essere 
accettato un aumento immediato di parecchie diecine di milioni, ne si 
potrebbero adottare provvedimenti straordinari. E necessario che gli ar- 
mamenti non siano sproporzionati alia potenza economica del paese. Gia 
e tanto piu necessario in quanto che devesi continuare la trasforrnazione 
delle imposte ed attuare indubitatamente Tabolizione del macinato. 

Gonvinto che lo svolgimento naturale del bilancio retto da una mente 
quale e quella del Magliani, potra provvedere anche ai bisogrri della di- 
fesa dello Stato, la diminuzione della tassa del sale, appena possibile, 
sara la prima riforma che si compira. 

Accennando alia politica estera, dice che 1' Italia e in oltime rela- 
zioni con lutti i governi. Le nostre relazioai ed influenze internazionali 
sono tali che possiamo prestare valida cooperazione agli interessi generali; 
della politica europea. 

L'ltnlia rimase sera ore fedele al concerto delle grandi Potenze, spe- 
cialmente di quelle dell' Europa centrale tanto interessate al manteni- 
mento della pace. Questi ottimi rapporti si stringeranno sempre piu 
grazia all'alleanza delle famiglie reali d 1 Italia e di Baviera che sta per 
compiersi (Applausi). Anche con un'altra nobile nazione sara cancel- 
lata ogni traccia di recenti avvenimenti, e la nomina imminente dei ri- 
spettivi ambasciatori suggellera la reciproca benevolenza. 

Ottime sono le relazioni con Tlnghilterra, antica e fida arnica nostra,, 
ed i documenti, che si presenteranrio al Parlamento, dimostreranno che 
la nostra aJesiorie all'invito fattoci d' intervenire in Egitto non era con- 
ciliabile coi nostri doveri internazionali. 

Parla della questions sociale, dichiaranio che le classi piu elevate 
dovrebbero sollevare le classi piii numerose e piu povere. 

11 governo provvedera alle riforme gia sapientemente studiate dal 
ministro Berti. Enumera i principal! progetti preparati in questo senso 
per il bonificamento, Tirrigazione, il rimboschimento, il crediio fondiario 
agrario, la cassa pensioni, 1' istituto di previdenza, la legge sugli in^ 
fortuni nei lavori ed altri provvedimenti suggeriti dall' inchiesta agraria. 

11 Governo intanto ristrinse i vincoli sociali, confer endo il voto po- 
litico al lavoro. Enumera altre leggi che si presenteranno alia nuova 
camera: la legge comunale e provincial, quelle sugf impiegati civili^ 
sulla responsabilita dei funzionari, suila sicurezza pubblica con riforma 
iiei provvedimenii relativi alle aaimoniziorii, la legge sulle opere pie, il 



371 

lice sanilario, la legge sul miglioramento delle condizioni degli inse- 
gnanti primari e per F istituzione delle scuole complementary perl'au- 
tonomia universitaria, per 1'esercizio delle ferrovie, ed i provvedimemi 
per la marina mercantile. 

Ripresentera pure la legge sulla perequazione fondiaria, escludenJo 
pero ogni scopo fiscale, una legge sul riordinamento delle banche di 
emissione, una riforma del sisiema dcganale per meglio procedere alle 
3 egittime esigenze dell' industria e del lavoro nazionale. 

Accenna alle altre riforme che saranno altresi presentate. Conclude 
co ufidando nel senno degrektlori e dichiarando di aspettare con sicura 
coscienza il loro verdetio. Custodite, eletlori, il meraviglioso edificio 
che costo tanti sacriiici e dolori. 

Beve al Re, alia dinastia piii antica e liberale d'Eumpa, che seppe 
s empre assodare le sue sorti a quelle della patria, riunendo 1' amore per 
le armi per fare 1' Italia rispettata e temuta al culto delle pubbliche 
3 iberta affinche sia grande e felice. 

(Grida profunyate Viva if Re; Viva Depretis ; i presenti si affol- 
Jano attorno aU'oratore). 

II discorso fini alle ore 9 3 [4. 

Non ci stenderemo in fare osservazioni su questo discorso, il cut testo 
intero fu riprodotto da un devotissimo cliente del Depretis, che e il Po~ 
polo Romano, nei suoi numeri 286-87-88-89. Ghiunque lo ha letto per 
intiero ci ha veduto che esso e parti to in sei capi ben distinti: 1 Auto- 
panegirito del Depretis; *2 Celebrazione ed enumerazione dei merili del 
Governo della Sinislra per quello che ha gia fatto; 3 Programma-di 
quel cbe il snllodato Governo si propone di fare in opera di leggi e di 
fmanze; 4 Esposizione o programma della sua politica interna e delle 
condizioni dei partiti ; 5 Quadro della politica esterna passata, presente 
e futura; 6 Altra prospettiva di beatitudini italiane in fatto di leggi e 
di tasse. 

Dal quarto di codesti capi, doe sopra la politica interna, ci sembra 
di clover traserivere testualmente quello cbe il Depretis professb alta- 
mente circa il progresso liberale d'accordo con la Monarchia. 

Per me la monarchia costituzionale e il freno regolatore della m*c- 
china sociale (bravo! benef}, freno tanto piu necessario, quanto piu ra- 
pido e il moto di progresso, il quale per non isviarsi a precipitosi ca- 
povolgimenti, deve sempre correre sulle guide dello Statuto (bravissimof 
vtvi applausi). Monarchia e Statuto, o Signori, non hanno mai impedito 
alcun miglioramento sociale e politico (benissimo! applausi}, e nel tempo 
stesso hanno assicurata, rinsaldata la compagine dell' Unita nazionale 
(Iravo! bcnef). Ed io sono profondamente convinto, che nessuna piu 
mile e salutare riforma, nessuna di quelle riforme che meglio rispondono 
alia funzione suprema d'ogni Governo civile, il maggior bene pel mag- 



372 CRONACA 

gior numero, pu6 piu facilmente, piu prontamnte attuarsi che colla mo- 
narchia popolare ed uriitaria, che i plebisciti hanno consacrato in Italia 
(bravo! applausi generali). Io quindi non posso che dichiararmi av- 
verso a coloro che questa mia professione di fede non accettano senza 
sottintesi, senza reticenze, senza riserve (bravissimoJ applausi proJun- 
gatissimi). 

Rilevantissimo pure fu quello che il Depretis bandi circa i suoi pro- 
positi per le relazioni fra lo Stato e la Ghiesa, la Monarchia ed il Pa- 
pato, nei termini seguenti. 

Poiche parliamo di partiti extra-legali, permettetemi una parola 
anche sul partito clericals. E superfluo che io aggiunga che la noslra 
politica ecclesiastica la manteniamo invariata. Chi sogna ristorazioni im- 
possihili trovera in noi nemici inesorabili. E quanto al cosi detto partito 
cattolico, se un celebre opuscolo, uscito testfe e scritto con forme tem- 
perate e decenti, pu6 esser preso per programma; noi lo combatteremo 
perche la legge sulle guarentige e tutto quel piu che si potesse conce- 
dere, ed e piu che sufficiente a far rispettare il patere spirituale (benis- 
simol). A me pare d'avere parlato assai chiaro: non so se si tentera 
di spargere della nebbia anche sulle mie parole... (Voci. No no). La Mo- 
narchia e lo Statuto sono il solo campo sicuro e Faldo, il solo orgnno 
di progresso: la legge delle guarentige la considero come I' ultimatum 
delle concession! possibili al Papato ed alia Chiesa (bene!). Io, o signori, 
conserve intiera la mia fede nella liberta, non mi prester6 mai a com- 
battere le idee che colle idee, finche restano nel campo delle idee; e sa- 
rebbe stoltezzs, io credo, metiere ostacolo a quel processo d'assimilazione 
che deve compiersi per la forza attraente delle istituziorii che ci reggono 
(benis simof). 

Quanto alia politica esterna, come e chiaro anche dal semplice sun to 
telegrafico, tutto procede egregiamente bene: rispetto inviolabile ai Trat- 
tati; intendimenti tutti pacifici; intimita cordiale, da stringersi sempre 
piu, con la Gennania e 1' Austria; rappattumarsi presto e sinceramente 
colla Francia; insomma voler bene a tutti, farsi voler bene da tutti, e 
perci6 non esagerare in armamenti per una parte sproporzionati alle forze 
dallo Stato, e per 1'altra atti soltanto ad ispirare diffidenza, ma conti- 
nuarli in grado da farsi anche rispettare e da rendere pregevole Fami- 
cizia ed alleanza dell' Italia, formidabile la sua inimicizia. 

9. A malgrado di queste belle parole il discorso del Depretis non pia- 
cque troppo in Austria, appunto perch^ non disse chiaro ed esplicito 
quel che egli pensa circa la fazione che si propone la conquista dell 1 Italia 
irredenta; ed i giornali austriaci, che si ripromettevano dal Depretis una 
formale protesta coritro tali mene settarie, ne furono irritati. Laonde la 
Morgen Post ha stampato: Siamo meravigliati di non trovare nem- 
meno una parola di rammarico per gli abbominevoli misfatti orditi e pre- 






CONTEMPORANEA 373 

parati in Italia, e perpetrati o tentati a Trieste e nei dintorni... La nostra 
Monarchia non ha motivo alcuno d'essere particolarmente edilicata dalle 
prodezze oratorie del signor Depretis, e ci6 tanto meno in quanto egli 
insiste sulle ecccllenii relazioni dell' Italia con lutte le Potenze, ma evila 
gelosarnente di onorare di una menzione speciale la Germania e 1' Austria. 
E al Governo che incombe di dissipare la diffidenza che regna di nuovo 
nella nostra Monarchia rispetto all' Italia. Se desso trascura di farlo, gli 
Italiani non dovranno pun to meravigliarsi se 1' Austria-Ungheria e la 
Germania non concedono al giovane Regno che una limitata fiducia. 

La Deutsche Zeitung essa pure osserva che il Depretis non nomino 
nemmeno 1' Austria, evidentemente par non dare occasione agli strilloni 
foW Irredenta di far nuovi chiassi, e per non alienarsi gli animi alia 
vigilia delle elezioni, cui prendono parte le masse cresciute nelle tra- 
dizioni d'una politica anti-austmca. Per di piu, secondo la stessa gaz- 
zetta, il Depretis, non ostante le sue note dichiarazioni, non ha punto 
troncata la discussione intorno alle condizioni della legge sulle guareri- 
tige. 

E per tacere d'altri giornali, il Pester Lloyd, organo officioso del 
Ministero ungherese, fa le sue riserve sul discorso di Stradella nel modo 
seguente: Se non che 1' Irredenta e una piaga che tanto consuma le 
guarentige dello sviluppo interno d^ Italia, quanto minaccia di avvelenare 
le piii solide relazioni all'estero. E per ci6 che a nulla serve il silenzio 
uffidale intorno aH'agitazione. Fino a tanto die si arretrera timorosi 
dinanzi al movimento per evitare la collisione, e si chiudera Toccliio 
per non vederlo, o benanco con falso affdto si mctteranno a custodia 
in un reliquario le dottrine dell' Irredenta, per poi, a tempo opportuno, 
prestar loro un culto devoto ; fino a tanto che si fatichera inutilmente 
per far predominare la ragionevolezza e per assuefare la nazione alia se- 
rieta ed alia cognizione dei proprii doveri, sara difficilissimo il persua- 
dere al mondo, che si possa mai calcoLre sul!' Italia come su di un fidato 
fattore, e sulla politica italiana come su di una base stabile. Perci6, un 
programma di Governo, quale fu sviluppato dal signor Deprrtis, sarebbe 
stato completo soltanto allora che avesse contenuto 1' ufficiale condanna 
di quelle rnene che, se non compromettono, per certo rendono assai grave 
la posizione dell' Italia verso 1'estero. 

10. Nella Voce della Verita n 232 pel di 11 ottobre, come anche 
ndXOjinione n 277 ed in molti altri giornali fu pubblicata la seguente 
Gircolare diretta ai Gomitati Regionali e Diocesani, intorno al concorso 
dei cattolici alle urne politiche. 

Signor Presidente. Abbenche questo Gomitato generate permanente 
sia persuaso che i cattolici d' Italia riconoscono, anche nell' occasione 
delle imminenti elezioni politiche, il dovere di attenersi alia condotta loro 
assegnaia dairAutorita compeiente; luttavia siccome non sono mancali 



374 CRONACA 

in questo tempo eccitamenti ad uscire da questa loro riserva, quasi as- 
sicnrando dali'alto una tacita approvazione, si fa un debito di richia- 
mare su questo punto Tattenzione dei Comitati tutti dell 1 Opera e di far 
loro notare, che nulla essendo lino ad ora stato immutato, e perci6 man- 
tenuto pei catlolici il divieto gia emesso. 

Non resta pertanto a noi, figli devoti e ossequenti della Santa Sede 
e del Romano Pontefice, che uniformarci pienamente all' autorevole giu- 
dizio di chi e nostro maestro e duce. Laonde, lasciando da parte consi- 
derazioni ed aspirazioni per lo meno inutili e inopportune, improntiamo 
il meglio die per noi si possa quella azione catlolica a cui ci siamo de- 
dicati coll'atto piu importante e piu efficace, quale si e senza dubbio 
alcuno, una obbedienza illimitata a quella veneranda autoriia, cui si deve 
incondizionata sommessione st per ossequio ai suoi sovrani giudizii, come 
per amore di disciplina e di concordia. 

Lasciando pertanto al Sommo Ponteiice, che ne ha il pieno ed 
esclusivo diritto, di indicarci i mezzi che meglio valgono alia tutela dei 
sacrosanti interessi, non meno della Ghiesa che della patria, lavoriamo 
alacremente in quel terreno abbastanza vasto e fecondo, in cui possiamo 
adoperarci con tranquiliita di coscienza, rammentandoci ognora che in 
quello delle politiche elezioni, come ebbe a dire il S. Padre, nel suo di- 
scorso diretto alia Federazione Piana il 24 aprile 1881, non e per mo- 
tivi di altissimo ordine consentito ora ai cattolici di penetrare. 

Mi e grato in tale incontro coufermarle la mia stima e il mio ri- 
spetto. Bologna, 5 ottobre 188*2. Pel Comitato Generate permanente 
Duca SALV1ATI, Presidents. GIAMBATTISTA GASONI, Srgr. 

I nomi dei personaggi che firmarono questa Gircolare basta da se 
solo a dimostrare qual sia, a proposito del concorso dei cattolici alle 
elezioni politiche nelle congiunture presenti, la espressa volonta del S. Pa- 
dre Leone XIII, a cui i cattolici degni di tal titolo devono stretta e piena 
obbedienza. 

11. Per mancanza di spazio nel presente, diremo poi in altro quaderno 
come procedesse il tramestio elettorale; come il Governo pensasse a prov- 
vedere per riparare i danni cagionati dalle inondazioni sul Yeneto, e dei 
decreti con cui dovette saldare le spese di 200,000 lire pei funerali del 
Garibaldi, di Giovanni Lanza e della Genovieffa vedova di G. L. Farini. 
Qui basti aceennare che il giorno stesso in cui fu pubblicato il discio- 
glimento della Gamera, la G-azzetta Ufficiale armunci6 che gia furono 
celebrati, alii 25 settembre p. p. nel Gastello Reale di Nymphenbourg, 
presso Monaco di Baviera, col gradimento dei Re d' Italia e di Baviera, 
gli sponsali di S. A. R. il Duca di Genova principe Tommaso con S. A. R. 
la principessa Maria Isabella di Baviera, nata il 31 agosto 1863, figlia 
del fu principe Adalberto zio del Re di Baviera, e della principessa 
Amalia infante di Spagna. 



CONTEMPORANEA 375 

IV. 

COSE STRANIERE 

PRUSSIA (Nostra corrispondenza) 1. La Germania in faccia alle altre Po- 
tenze 2. L'Imperatore alle manovre; anniversario del Bismark 3. Lotta 
eleitorale L Tentative di ravvivare il Kulturkampf 5. 11 29 mo congrcsso 
cattolico della Germania 6. Le assemblee proteslanti 7. 11 congrcsso anlise- 
mitico. 

1. Gli inaspettati success! degl'Inglesi in Egitto possono esser dovuti 
al loro oro come alia loro spada; ci6 poco importa; ma il fatto e che 
esistono, e bisogna tenerne conto, non senza bensi valutare nel tempo 
stesso le difficolta assai serie, colle quali 1' Inghilterra avra ancora da 
lottare. Se 1'Europa ha assistito colle mani alia cintola alia intrapresa 
problematica dell' Inghilterra, non ne viene per conseguenza ch'essa vi 
sia indifferente. Pel memento, a Londra non si sa come interpretare il 
silenzio prolungato della Germania a riguardo dell' Egitto; e quanto a noi, 
il linguaggio dei fogli officiosi non e tale da somministrarci alcun lume. 
Parecchi di questi fogli si mostrano assai ostili all 1 Inghilterra; tutti piii 
o meno la criticano; ma nessuno si avanza tropp'oltre. Egli e pero fuor 
di dubbio che il Gancelliere non e stato colto alia sprovvista, ma ha ben 
calcolato fin da principio la situazione, cui coridurrebbe un iotervento 
europeo. L' Inghilterra avra da fare i suoi conti con la Francia, im poco 
ancora con F Italia e con la Turchia, ma piii specialmente con la Russia, 
la quale proclama la sua intenzione di procacciarsi compensi in Armenia 
e soprattutto dal lato delle Indie. In questo stato di cose, la Germania, 
forte dell'appoggio deH'Austria e della Turchia, e favonta altresi dalla 
posizione centrale e compatta delle tre Potenze riunite, esercitera un 
peso corisiderevole sulla bilancia, allorquando si trattera di regolare i 
conti in modo definitive. L' Inghilterra avra bisogno de'buoni uffici, se 
non dell'alleanza defmitiva della Germania per difendersi contro la Rus- 
sia; e la Francia sara costretta di rinunziare alia sua politica di ricatto, 
se le preme di conservare 1'alleanza inglese. Gosi le faccende egiziane 
potranno condurre a un nuovo aggruppamento di Potenze, e preparare 
avvenimenti assai piii considerevoli. 

Se 1'accordo austro-germanico non fosse ormai sicuro contro ogni 
scossa, certi avvenimenti avrebber potuto consolidarlo sempre piii. In- 
tendo parlare degli abbominevoli attentati commessi a Trieste, e del- 
1'agitazione irredentista in generale. E intenzione della Germania di 
formare un'unione doganale con 1' Austria, i cui porti e le cui vie di 
comunicazione serviranno del pari a promuovere il suo comrnercio me- 
diterraneo e orientale. La base deli' alleanza austro-germanica essendo, 



376 

come ognuno ben comprende, la guarentigia reciproca di territorio, egli 
e doppiamente certo che le pretensioni dell' Italia una su Trieste e sul 
Trentino incontrano un ostacolo irisorrnontabile si da parte della Germa- 
nia, si da parle dell'Austria. Se dunque 1' Italia aspira alfamicizia della 
Germania, forza e ch'essa rinunzii assolutamente all' irredentismo. 

In Francia, un parlito importaute ha tentato di aprire una nuova 
campagna contro la Germania, incominciahdo dai tedeschi dimoranti in 
Francia. La cosi delta Lega dei patriotti si e lasciata andare a un'in- 
trapresa ridicola contro una riunione inoffensiva di tedeschi in Parigi; e 
immediatamente la starapa ha preso fuoco, e personaggi di molta con- 
siderazione si sono mescolati riella faccenda. II tentativo e andato a vuoto 
dinanzi al buon senso della maggioranza, ma e bastato per far capire 
alia Germania che le intenzioni di certi politici francesi, che possouo da 
un giorno all'allro afferrare il potere, sono tutt'altro che pacifiche. Essa 
dunque si tiene in guardia da quel lato, cuoprendosi le spalle con 1' Au- 
stria e con la Turchia. La Germania non pu6 inoltre perder di vista la 
evenlualila, probabilmente non lontana, di un accordo franco-russo. 

2. Duraute il mese di settembre, 1'lmperatore Guglielmo con la sua 
corle e il suo stato maggiore presede per lo spazio di otto giorni net 
dintorni di Breslavia alle manovre del quinto e del sesto corpo d'armata, 
reclntati in Posnania ed in Slesia, ed assistette alle feste magnifiche 
preparategli da quella citta. Di la 1'Imperatore recossi a Dresda per 
presedere alle manovre dell' eseicito sassone, che costituisce il 12 corpo 
deH'armata imperiale. Anche qui, come ognuno puo immaginarsi, non 
mancarono le feste. Dopo aver fatto una breve sosta in Berliao, F Impe- 
ratore e ultimamente partito per Baden Baden, con I'intenzione di passarvi 
la stagione autunnale. E tutti questi strapazzi, Y aver passato le giornate 
intere a cavallo, non ban cagionato il piu piccolo malessere a Sun Maesta, 
la cui verde vecchiezza forma sempre piu 1'oggetto deH'ammirazione 
generate. 

II 23 settembre compieva il ventesimo anno da che il sig. di Bismark 
fu nominate priino ministro. In tal circostanza I'lmperatore gli sci'isse 
una lettera molto lusinghiera, esprimendo la speranza di vederlo conser- 
vare per lungo tempo ancora la carica, ch'egli occupa con tanto successo 
e tanta devozione. Tutti i giornali festeggiarono quell' anriiversario, e ari- 
che la stampa ostile alia politica interna del Gancelliere mostrossi una- 
nime nell' esprimere la sua intera fiducia nella politica estera di lui. II 
principe, come ognun vede, non pu6 dolersi che si disconoscario i suoi 
meriti . 

3. In ricambio, la politica interna del Gancelliere non gli promette pel 
momento gran messe d'allori. La campagna elettorale e aperta da quasi 
due mesi, il voto deve aver luogo il 19 e il 26 ottobre, e il Governo 
non ha ancora saputo delineare esattamente la sua posizione. Anzi, esso 



CONTEMPORANEA 377 

s'impiglia in tali e tanti equivoci, die persino i giornali piu risoluti a 
sostenerlo, come il Deustche Tageblatl, cominciano a impazientirsene. 
Gia fino dalle uliime elez'oni per il Landtag, il partito nazionale liberale 
e i gruppi medii perdettero molto terreno a profilto dei partiti piu pro- 
nunziati di destra e di sinisira. E stato unanimemente riconosciuto che 
la polilica delle riforme economiche e sociali non potra esser coronata da 
successo, se non se con I' appoggio dei conservatori e del centro. Ed 
ecco che la Norddciitsclic Allgemeine Zeitung e gli altri ufficiosi aprono 
una nuova campagna in favore dei detti partiti, condannati dagli elettori. 
La Provincial Korrespondenz si avvisa perfino di pubblicare un pa- 
negirico del capitale, che chiama la leva della vera civilta ecc. t 
dovecche da niolti anni a questa parte gli oralori e i giornali del Go- 
verno non si risianno dal segrialare i gravi inconvenient! del sistema 
capitalists. Tutti gli amici del Cancelliere, tutto il partito conservatore, 
sono rimasti sconcertati, a malgrado dell'ammenda onorevole fatta dal- 
1'organo ufficiale. I veri conservatori del sig. di Rauchhaupt e, nel loro 
manifesto agli elettori, han dichiarato voler rimanere fedeli al loro antico 
programma. I partiti liberali affermano che mai e poi mai essi potranno 
riconciliarsi col Gancelliere, al quale t progressist! han dichiarato una 
guerra a tutta oltranza. II centro tenne il 24 settem'ore in Golonia una 
prima grande riunione, in cui fece plauso al programma formulato dal- 
1'illustre suo capo, sig. Windhorst, doe: guerra implacabile ai partiti 
medii (nazionali liberali, liberi conservatori ecc.) i quali non vivono che 
del Kulturkampf; appoggio ai conservatori, che prendono impegni for- 
mali; in tutti quei luoghi, dove i conservatori non hanno probabilita di 
riuscita, ma dove il ripieno delle voci cattoliche puo influire sul risul- 
tato, si dia la preferenza ai progressist!, che sono sempre meno ostili 
al cattolicismo, e prendono per lo piu impegni a questo riguardo. 

Egli e dunque assai probabile che, se il Governo non riesce a can- 
cellare il cattivo eflfetto prodotto dal suo presente contegno, e a formula re 
un programma chiaro e preciso, non potra sperare di avere un valido 
appoggio nella Camera futura. Gia parecchi giornali pretendono di sapere 
che il Cancelliere rinunzii pienamente alia politica di riforma. In questo 
caso, non sarebbe piu una sconfitta, ma una disfatta per il Governo, che 
pagherebbe assai caro Taver fatto nascere nelle classi operaie speranze 
non realizzabili a causa d'impotenza da pane sua ad ottenere le fatte 
promesse. Eppoi esiste un proclaim imperiale, che promette esplicita- 
mente le riforme sociali. 

D?l rimanente, non si va lungi dal vero affermando che la causa di 
tutte queste si deplorabili tergiversazioni si trova nel disegno segreto del 
Gancelliere di valersi delle leggi di maggio per annientare il centro, 
costring^ndolo a sottomeitersi a discrezione. Eppure dieci anni d'espe- 
rienza avrebber dovuto farlo accorto che una simile tattica non produce 



378 CRONACA 

altro effetto che fortifieare il centre. Posto ancora che essa riuscisse a 
togliere al centro un certo numero di circoscrizioni, e indubitato che 
queste passerebbero nelle mani del nemici del Gancelliere, cine del pro- 
gressisti e del socialist!. Pass6 ormai quel tempo, in cui il Gancelliere 
pole, sacrificando la Chiesa, formarsi una maggioranza docile e sotto- 
messa. Un progresso cos) evidente non puo esser revocato in dubbio da 
un politico della forza del principe Bismark. 

4. II tentative di ravvivare il Kulturkampf, mediante la questione 
de'matrimoni misti, e andato a vuoto, nonostante gli acerbi attacchi partiti 
da parecchie riunioni protestanti. Poi e stata messa in campo Taccusa 
che monsig. di Ketteler aveva costituito il centro, perche 1'Imperatore 
erasi rifiutato a intervenire con le armi in favore del S. Padre. Ora, il 
Mainzer Journal e autorizzato da persona di fiducia del defuuto Ve- 
scovo a porgere su questo argomento le seguenti spiegazioni. NeH'ottobre 
del 1870 monsig. di Ketteler aveva scritto al Gancelliere che uno dei 
provvedimenti piu salutari per la pace religiosa del novello Impero sa- 
rebbe stato quello d'introdurre nella Gostituzione dell' Impero gli articoli 
della costituzione prussiana, che guarentivano i diritli delle different* 
confession! religiose. Non avendo ottenuta alcuna risposta, il prelato crede 
opportune di parlarne al principe Bismark in occasione deH'apertura del 
primo Reichstag. II Principe gli rispose che il progetto non gli dispiaceva, 
ma. che non poteva sostenerlo, valuta te le disposizioni della maggioranza. 
Mons. di Ketteler non fece allora alcun passo ulteriore; ma in un colloquio 
avuto privatamente col Gancelliere, ei riconobbe che un intervento armato 
della Germania in favore del Papa era, se non impossible, almeno assai 
difficile a cagione della maggioranza protestante. Sopraggiunta la se- 
conda sessione del Reichstag, monsig. di Ketteler venne a conoscere in 
un'udienza avuta dairimperatore, che un cambiamento de 1 piu completi 
era avvenuto nelle disposizioni dell'augusto Sovrano verso la Ghiesa 
cattolica. Secondo le dichiarazioni stesse di S. M., un tal cambiamento 
riconosceva per unica causa il Goncilio Vaticario. Non manco il Vescovo 
di porre ogni impegno a dissipare le prevenzioni del Monarca, ma tutti 
i suoi sforzi andavano a vuoto. II Kulturkampf era cosa ormai stabilita. 
Di tal guisa vanno sempre piu disvelandosi le origin! di quella ma- 
laugurata intrapresa. Quanto al fine di essa, ecco che viene a darcene; 
una nuova conferma la Norddeutsche AUgemeine Zeitung, la quale, net 
render conto d'uri' opera del sig. Jolly, gia miriistro del granducato di 
Baden, intorno al Kulturkampf, asserisce che i poteri discrezionari del 
Governo sono indispensabili, siccome quelli che han per oggetto di co- 
stringere la S. Sede e i cattolici a mostrarsi concilianti, frattanto che 
lo Stato manterrebbe i suoi diritti, vale a dire le leggi di maggio, che> 
a senso dell'accennato foglio ufficioso, soao i'espressione dei diritli dello 



CONTEMPORANEA 379 

Stato. Apparisce assai chiaro da cio, esser noi tuttora ben Ionian! dal 
termine della persecuzione. 

II sig. di Schloezer tomato a Roma. Grazie a'suoi negoziati con 
la Corte pontificia, k stata stipulata una convenzione, in virtu della quale 
le parrocchie prnssiane dipendenti dalla Sede di Magonza (Assia) sono 
incorporate nella diocesi di Limburgo, compresa nel gia ducato di Nas- 
sau, riunito fmo dal 1866 alia Prussia. E questo fmqui F unico risultato 
positivo della missione del sig. di Schloezer. 

Continuano frattanto i processi contro i preti. II sig. di Gumpricht 
e stato arrestato per aver detto messa e assistito alcuni moribondi in 
una vasta parrocchia della diocesi di Posen, mancante da gran tempo 
di prete. Egli non deve la sua liberta provvisoria che a una cauzione 
di 3,000 marchi, senza pregiudizio della sua futura condanna. Pendorio 
altresi processi contro quei parrochi, che diedero una missione popolare 
nella parrocchia di Biitgenbach, diocesi di Golonia. 

Mentre un migliaio di preti, senza contare i religiosi, sono sbanditi 
in forza delle leggi di maggio, il clero, decimato ogni giorno dalle morti, 
soccombe sotto il peso del suo ministero. Nella citta di Konigshiitte 
(Slesia) i quattro preti, che tuttor vi rimangono, dovettero in quest' anno 
udire 20,000 confession! pasquali; a Nicolai, in quelle vicinanze, due soli 
ne dovettero udire 12,000. Se a ci6 si aggiungano le altre funzioni del 
ministero sacerdotale, si comprendera facilmente che la salute anco piu 
robusta non pu6 a lungo resistere a simili strapazzi. 

II 25 di settembre compievano dieci anrii da che il signor Falk, allora 
ministro dei culti, dichiarava con apposito rescritto che 1'obbligo per lo 
Stato di corrispondere gli emolument! di monsignor Krementz, veseovo 
d' Ermeland, gli sembrava dubbio, e che per conseguenza ei ne sospen- 
deva la prestazione fmo a cha non fosse intervenuto un regolare giudizio. 
Quest 1 ultimo pero non fe stato mai posto in atto, perocch& il signor Falk, 
da quell' abile giureconsulto che e, non ignorava che qualunque tribunale 
avrebbe infallibilmente deciso in favore del Veseovo; ond'e che si guard6 
l>erie dall'adire la via giudiciaria. La confisca delle rendite ecclesiastiche, 
in forza delle leggi di maggio, non fu operata che nel 1875, ne poteva 
avere effetto retroattivo; cosicche 1'atto arbitrario del signor Falk non e 
mai stato regolarizzato, nemmeno quanto alia forma. 

5. II XXIX Gongresso cattolico della Germania, tenuto in Franco- 
forte dal di tl al di 14 settembre, riusci de'piii animati. Piu di otto- 
cenio persone vi concorsero da tutte le parti della Germania, e anche 
dairestero. II Santo Padre aveva conceduto un'indulgenza plenaria a tutti 
coloro, che prendessero parte nel pellegrinaggio alia tomba di S. Bonifacio 
iiella cattedrale di Fulda (pellegrinaggio che dovea precedere il Gongresso), 
non meno che a coloro, i quali visitassero la cattedrale stessa durante 
Ja novena. 



obU CRONACA 

Preseduto dal signor Barone di Bodman, il Gongresso si oceupo so- 
prattutto rlelle istituzioni operaie e sociali, dell'opera di San Bonifacio 
(soccorsi ajifi parrocchie e stazioni rie'paesi protestanti), della stampa, 
delle opere d'Oriente, della situazione della Santa Sede, di tutti infine i 
principali interessi cattolici. Eccovi pertanto le sue risoluzioni general], 
di cui la prima fu redatta e proposta dal signor Windhorst, illustre 
capo del centro: 

1 Sotto IMmpressione degli odiosi attentati commessi contro le 
spoglie mortali del gran pontefice Pio IX, non che contro la sacra per- 
sona del regnante Pontefice Leone XIII, il Gongresso dell'anno passato 
avea preso all'unariimita la risoluzione seguente: La situazione a Roma 
insostenibile e impotente a proteggere il S. Padre, non meno che il suo 
Governo, contro grinsulti e gli attentati. La speranza espressa allora 
dal Gongresso di vedervi apprestato un rimedio efficace, non si e, con 
nostro profondo rammarico, realizzata. In quella vece, nuovi e deplorevoli 
avvenimenti han provato fino all'evidenza che la legge delle cosi dette 
guarentige e impotente a proteggere 1'immunita del Vicario di Gesii Cri- 
sto, a rivendicare la quale sono rivolte le aspirazioni di tutti i cattolici 
dell'uni verso; essa, infatti, non guarenlisce il Pontefice neppure dalle 
decisioni dei regii tribunal! italiani. II Gongresso adunque rinnuova il 
voto che le Potenze cristiane non tollerino piii a lungo 1'oppressione del 
S. Padre, la quale colpisce altresi i loro sudditi caltolici. La situazione 
presente di Roma, dove nessun diritto e piii rispettato, e una minaccia 
pericolosa contro tutti gli Stati cristiani. 

2 La diminuzione del numero dei candidati al Sacerdozio e il ri- 
sultato della distruzione, opera ta dal Governo, degl'istituti ecclesiastic!, 
dell'onere del servizio militare. Nel richiamarsi contro questi due ge- 
neri d'oppressione, il Gongresso invita i fedeli a sostenere, specialmente 
con donazioni volontarie, i Vescovi nell'arduo c6mpito del reclutamento 
del clero. 

3 La soppressione degli Ordini religiosi e una grave violenza, com- 
messa contro la vita interiore ed esteriore delJa Ghiesa. Gli Ordini regolari 
sono il fiore della vita interiore religiosa ; la Chiesa ne ha di bisogno per 
adempiere la sua missione verso 1'umanita. La Ghiesa rivendica la liberta 
della vita religiosa in virtu del diritto naturale di ciascun individuo alia 
propria santificazione e all' imitazione di Gesii Gristo. Essa rivendica gli 
Ordini religiosi per il bene della gioventu lasciata in abbandono, e per 
quello dei poveri, la cui miseria e le cui sciagure non possono essere 
con efficacia combattute, se non da quelli. La Ghiesa rivendica tanto piii 
risolutamente gli Ordini religiosi, quanto il secolo va discostaridosi sempre 
piu da Dio e i mali sociali vanno aumentando. 

4 II Gongresso invita la Germania cattolica ad associarsi alia 
Spagna nella celebrazione del terzo centenario di Santa Teresa, ricam- 



COiVf EMPORAiVEA. 38 1 

bian'o cos) 1'amore addimostratole in vita da questa vergirie Serafica, 
mandata da Dio, in tempi di scissure religiose, a combattere per la sua 
Ghiesa. 

5 II Gongresso raccomanda la propagazione delle associazioni di 
outadini cristiani (Bauernvereine), e la loro federazione per regioni : 
queste associazioni sono un mezzo potente a mantenere il proprietario 
agricola e la popolazione ddle carapagne nella loro convenieate situazione. 

6 Fa di mostieri assicurare il riposo della domenica mediante una 
severa applicazione delle leggi vigenti in materia. 

7 II Gongresso pro testa vigorosamente contro il trattamento d'ec- 
cezione, che pesa sulla stampa cattolica d'Alsazia-Lorena, ed esprime nel 
tempo stesso la sua riconoscenza verso quei giornali, che, ad onta delle 
persecuzioni e degli ostacoli, hanno difeso fmqui la causa cattolica. 

8 II Gongresso chiama la pubblica attenzione sui gravi inconve- 
nienti, che si notano nell'educazione delle giovinette, e che consistono 
piu specialmente nel numero troppo grande delle ore di scuola e nella 
soverchia varieta delle materie insegnate; sistema, che non produce altro 
effetto che d'impinzare il capo di cognizioni mal comprese, di lasciar 
vuoto il cuore, e irascurare la vera educazione. Occorre soprattutto aumen- 
tare il numero delle ore consacrate all'insegnamento religioso. Dovranno 
inoltre esser premuniti i genitori contro la tendenza a dare alle loro figlie 
un' educazione troppo elevata di fronte alia loro condizione sociale. 

Manca lo spazio per dare un ampio riassunto delle discussion! im- 
portantissime del Gongresso; ma bastera a darne un'idea 1'apprezzamento, 
he se ne legge in un giornale liberate e protestante. Ecco pertanto quel 
che dice il Beobacliter di Francoforte: In udire i discorsi del Gon- 
gresso, quello in specie del signor Hitze, e forza con venire che la Ghiesa 
cattolica sa, meglio di ogni altra, abbracciare nel suo insieme la situa- 
zione della societa. Essa infatti provvede a tutti gl'interessi vuoi pre- 
senti, vuoi futuri; non dimentica veruna classe sociale; e veramente 
universal, perspicace, energica e misurata; essa e iinalnuente la protet- 
trice delle popolazioni che soffrono. 

6. Mentre nel Gongresso cattolico il protestante si mo non fu neppur 
nominate, e quindi non pole pronunziarsi contro di esso parola alcuna 
aggressiva, un tutt 1 altro contegno e stato tenuto nelle different! assemblee 
protestanti, riunitesi nel corso del meso di settembre. I pastori ortodossi 
delia Pomerania, adunati nella antica citta episcopale di Kannonis, fecero- 
a gara nel trascorrere ad assaiti violent! contro la Ghiesa cattolica, e 
iiuirono col rinnovare I'affermazione dei famosi articoli di Schmalkalden : 
II Papa e 1'Anticrislo. 

Nella riunione dei fusionisti (lutero-calvinisti) a Berlino, il predicatore 
di corte, signor Baur, pronunzio un discorso, che supera tutto quanto 
puo immaginarsi in fatto di odio e di violenza atrabiliare. Egli asserisce 



3-V2 CRONACA 

die la Chiesa cattolica e colpevole di aver voluto spogliare lo Stato del 
pob'ri che gli spettano, e di non riconoscere la sua sovranita. La Chiesa, 
secondo lui, non si atliene alia confessione apostolica, poiche ha stabilito 
un Vicedio nel Papa, cui da il nome di Santo Padre, quantunque fosse 
uri pescatore; la Ghiesa nega 1'onnipotenza di Dio, ogni qualvolta crede 
ancora all' onnipotenza del prete. Pio IX fece di Maria una Ghiesa. La 
Ghiesa romana e materialista, poiche mette un complemento all 1 opera 
della Redenzione mediante il Sacrifkio della Messa, il rosario, la disci- 
pliria ecc. Non v' ha cosa, in cui I'anticristianesimo sia piii chiaramente 
espresso, come il Papa infallibile. II Papi vuol essere Santo, e disohhe- 
disce alia parola infallibile. II Papa non e 1'Anticristo, ma un Anticristo. 

Gosi parlava il di 25 settembre in Berlino U signor Baur, predicatore 
deli' imperatore Guglielrno, e 1'assemblea prorompeva in applausi. Qual 
maraviglia, dopo di cio, che i principi protestanti siano ricolmi di pre- 
giulizi verso i cattolici, e proclivi a perseguitarli? Alia riunione annua 
dell'Associazione Gustavo Adolfo, tenuta in Lip>ia dal 13 al 16 settem- 
bre, non vi fu seduta, dove non si notassero assalti e invettive contro la 
Ghiesa cattolica. E anche qui quelli che si contradJistinsero sopra tutti 
gli altri, furono i predicatori di sovrani protestanti. 

Si festeggiava altresi in quella occasione il 250 anniversario dalla 
morte di Gustavo Adolfo, caduto presso Lipsia nel combattere contro le 
truppe imperiali. E noto che quel re di Svezia era al soldo della Fran- 
cia, e che devasto la Germania col ferro e col fuoco; m'gliaia e migliaia 
tra citta e villaggi furono, per ordine suo, messe a sacco, e centinaia 
di migliaia di cattolici, parimente per suo comando, massacrate. E con- 
tutiocio, T imperatore Guglielmo manda a rappresentarlo a quella solen- 
nita una deputazione del suo esercito, per un terzo cittolico, non che il 
presidente della provincia di Sassonia, signor di Wolff, personaggio che 
si e acquistato una trisU celebrita pel suo odio persecutore contro i 
cattolici. E frattanto che questi apastoli del protestantesimo tuonano 
contro i cattolici tedeschi, perseguitati dai sovrani protestanti, essi levario 
a cielo il signor Hiedner, che si van I* di poter lavorare liberarnente, 
seuza timore delle leggi di maggio, a protestantizzare la Spagna e a con- 
vertirvi \ cattolici. 

7. II 12 e 13 settembre sedette in Dresrla il primo Gongresso anti- 
semitico. Sole la Germania e 1'Austria-Unghem eranvi rappresentate da 
un certo numero di membri. Ad onta di molti discorsi violenti, il Gon- 
gresso -prese le seguenti risoluzioni, relativameate moderate, proposte dal 
signor Stoecker. 

I. La presente situazione degli ebrei e per essi medesimi e per tutti 
i popoli civili un pericolo, e, per qualche nazione ormai, una sorgente 
di corruzione cosi materiale come intellettuale. Una federazione interna- 



CONTEMPORANEA 383 

zionale, rivolta al fine di infrangere cosi fatta superiority e un dovere 
incontestabile di civilizzazione per il mondo crisliano. 

II. La queslione giudaica, per quanto fondata sulle differenze di 
razza e di fede, non si presenta pur tuttavia come una questione esclu- 
sivamente etnica o religiosa, ma come una questione universale, avente 
un caratiere storico e politico, e nella quale sono essenzialmente impe- 
gnate la politica sociale e la morale religiosa. 

III. L' influenza degli ebrei, non proporzionata punto al loro numero, 
.ne giustificata in conto alcuno da facolta piu elevate, e dovuia alia loro 
inancanzi di scrupoli e di coscienza neH'acquisto del denaro e nel modo 
di trar profitto dalla sua potenza ; alia loro ostilita contro lo Stato cri- 
stiano e la societa cristiana; al potere, che per siffatti mezzi conseguono 
sugli element! deboli e guasti delle nazionalita; essa e fmalmente la con- 
seguenza delle i mperfezioni della presente nostra situazione politica e 
sociale. 

IV. Sotto il punto di vista politico, una nazionalita destinata per 
s& stessa e per le sue tradizioni a rimanere una nazionalita, separata, 
<listinguentesi da tutti i popoli pei vincoli internazionali di origine, di 
lingua e di costumi, attingente dal suo esclusivismo coniugale, nonehe 
dalle sue prescrizioni igieniche e alimentari, tutti i caratteri d'una casta; 
gli ebrei, come tali, sono incapaci di fornire a qualsivoglia popolo cri- 
stiano un elemento organico, che ne faccia parte integrante. Ad onta di 
poche particolarita, gli ebrei riformati (quelli cioe, che non osservano piu 
con tanto rigore le antiche usanze della loro razza) non formano una 
seria eccezione alia regola generale, ma co'loro sforzi per dominare e 
snaturare le popolazioni cristiane, costituiscono un pericolo non meno 
.grave. 

Y. L'emancipazione degli ebrei, ammessa non solo nel senso d'una 
perfetta eguaglianza dinanzi alia legge, ma nel senso eziandio d'una per- 
fetta eguaglianza civile, e in contradizione con 1'essenza del giudaismo, 
del pari che con 1'essenza, con T idea stessa dello Stato cristiario; e uuo 
sbaglio fatale nel suo principio e nelle sue conseguenze. Sono da rifmtarsi 
agli ebrei glMmpieghi superiori deH'autonta, non meno che i posti di 
professore nelle scuole cristiane. 

VI. Sotto il pu nto di vista sociale, posto che il giudaismo moderno 
rappresenta il piu delle volte la sola forza del danaro, usufruisce Tat- 
tivita altrui, prende ben poca parte al lavoro produttivo e alle obbliga- 
zioni sociali, che con quello si ricollegano, il giudaismo moderno e un 
pericolo sociale di prim'ordine in un'epoca, che vede la lotta fra il ca- 
pitale e il lavoro spingersi fino al punto di formare un partito, che sogna 
uno sconvolgimento generale, il rovesciamento di tutte le istituzioni, la 
Jiquidazione sociale: e questo pericolo e tanto piu grave, quanto per la 



38 CRONACA CONTEMPORANEA 

forza del suo stesso principio, rappresentante la negazione delle basi fon- 
damentali delio Stato cristiano, il giudaismo moderno prende una parte 
considerevole alia propagazione delle idee rivoluzionarie. La potenza finan- 
ziaria degli ebrei e un ostacolo ali'indipendenza dello Stato, alia stessa 
sua vita; il loro aggiotaggio imprime una direzione nefasta al mondo 
degli affari; e 1' influenza, che essi esercitano sull'indusiria e la fabbri- 
cazione, usurpando un commercio intermediario, oneroso per il lavoro, e 
causa delle innumerevoli miserie del popolo. 

VII. I danni, che lo spirito giudaico fa subire al commercio, al- 
1'industriae all'agricoltura, debbono esser combattuti con una legislazione 
restrittiva della potenza del capitate. Procurino, per quanto e possibile, 
i cristiani di non stringere relazioni d' affari che con cristiani. 

VIII. 1 popoli cristiani non sono caduti sotto la dipendenza del 
giudaismo che per aver repudiato Videa dello Stato cristiano e il perisiero 
nazionale nella vita pubblica e nella legislazione. Essi non potranno ri- 
conquistare la loro indipendenza naturale che mantenendo con fermezza 
e vigore i principii cristiani, e facendo ragione dei bisogni nazionali nella 
vita economica, nella legislazione e neiramministrazione. Dovranno adun- 
que tan to i Govern! quanto le assemblee legislative usare dell'iniziativa, 
che loro conferisce il diritto pubblico, a fine di conservare a ciascun 
popolo la sua liberti e la sua originalita necessaria, coltivando lo spirito 
cristiano e combattendo il giudaico si nelle produzioni della stampa quo- 
tidiana come nella vita pubblica, si sul terreno comunale come su quello 
dello Stato. 

Egli e incontestabile che 1'agitazione antisemitica va facendo grand! 
progress! fra noi. Le riunioni, dove gli agitator! fanno udire le loro de- 
clamazioni, si succedono con rapidita, e attirano una folia immensa. Oltre 
a cio, la stampa antisemitica guadagna terreno, assai piii speditamente 
che non facciano gli organi conservatori. lo non temo di esagerare, affer- 
mando che, con Taiuto degli avversarii de'giudei, sarebbe possibile a! 
conservatori lo strappare dalle branche dei liberali e dei progressisti buon 
numero di circoscrizioni elettorali. Naturalmente, e' bisognerebbe altresi 
che i conservatori avessero un programma ch'aro e preciso, e una di- 
rezione non meno abile che vigorosa. 

N. B. Nella precedente corrispondenza di Prussia (Quad. 775, 
pagg. 123 e 124) dove e scritto Monsig. Robert si legga Monsig. Ro- 
bert Herzog. 



DEL CREDITO DELLE ISTITUZIOM 

IX ITALIA 



I. 



Le celebri cosi dette Istituzioni, col loro non men celebre cosi 
detto prestigio sono state finora, se non altro a parole, Parca 
santa ed il palladio del liberalismo, che le ha piantate e conser- 
vate in Italia. II massimo sacrilegio che tra noi si potesse com- 
mettere, sopra qualsiasi oltraggio ed offesa della Divinita, si e 
sempre considerato essere o il voto distruttivo o Patten tato alia 
incolumita di queste istituzioni; come il mantenerle in credito si 
& avuto pel titolo massimo alia benemerenza della patria. 

Eppure qual & Puomo dotato di qualche intelligenza che, os- 
servando anche semplicemente sol quello che e avvenuto e sta 
ayvenendo nel tramestio clelle odierne elezioni politiche, possa per- 
suadersi che nelP Italia sussiste un' ombra almeno di quello che 
per usanza dii&mm prestigio delle istituzioni? Lasciamo andare 
Pitalianita della parola, che significa proprio Popposto di cio che 
con essa si vorrebbe esprimere: ma il peggio 6 che la cosa me- 
desima, la quale si vorrebbe espriraere, e di fatto appunto ancora 
P opposto di quel che si pretenderebbe mostrare. 

Chi ha corsi i giornali o gli opuscoli d'ogni colore, che nel mese 
precedente queste elezioni si sono affannati di preparare gP Ita- 
lian! al concorso alle urne, sa P orrendo strazio che, sotto i lor 
occhi, si 6 fatto e del prestigio e delle stesse istituzioni. Le accuse. 
i vituperii, le mentite, gli svergognamenti e ie capestrerie che i ze- 
lanti del prestigio si sono gittate in faccia gli uni gli altri, sono 
cose che passano il credibile. Si sarebbe detto, a vedere tanto sub- 
buglio d'infamadoni e di scandali e di turpi contratti, che tutti 



25 



388 DEL CREDITO DELLE ISTITUZIOKI 

eostoro fossero pagati apposta per rendere anche piu spregevole, 
so fosse possibile, all'opinione nazionale il pratico maneggio del 
eongegno che sono le vantate istituzioni. 

Chi laraentava coll' Opinions 1' apatia degli elettori, che es- 
sendo, per la nuova legge, piu che triplicati di nuraero, non da- 
vano alcun segno di operosita ; prova manifesta del gran conto 
in cui hanno il diritto conferito loro dalle istituzioni l . Chi colla 
Gazzetta d' Italia deplorava le conversion! (eufemismo di 
tradimenti) dei moderati alia bandiera dei progressisti; e 1'equi- 
voco colossale in cui la confusione, che domina sovrana, minaccia 
di travolgere la pubblica opinione 2 . Chi colla Capitale fulmr 
nava le dedizioni,ossia le vigliaccherie, colle quali i canlidati 
correvano ad implorare la protezione dei ministri, aflmche li aiu- 
tassero del loro favore nel giuoco delle urne 3 . Chi col Popolo 
romano dinunziava i radical! che propugnavano candidature 
loro, facendole quasi passare per ministeriali 4 . Altri svelavano 
i pubblici mercimonii di altri candidati cogli elettori; ed altri 
narravano le schioppettate fraterne di Arezzo, o le patriottiche 
bastonature di Napoli, od altri. casi, nati fatti per rialzare nel con- 
cetto dei popoli il prestigio d' istituzioni, che nell' Italia rigene- 
rata fomentano una si pura moralita ed una concordia si bella. 

II. 

Ma niuno ha passato, in vigore di logica, 1 ? ex-deputato Fran- 
cesco Romano, fratello di quel tipo immortale di lealta liberalesca 
che fu Liborio, nel dimostrare quanto alto sia il merito delle isti- 
tuzioni ad un prestigio popolare : e cio per muovere sempre piu 
gli elettori a scuotersi e a dare un appoggio al sostentamento 
d' istituzioni, che hanno a si gran segno beatificata la nazione. 
Noi, dal sno curioso opuscolo elettorale, trarremo soltanto quello 
che acc'enna la malversazione fatta, all'ombra delle istituzioni, in 

' Num. doi 4 ottobre 1882. 

2 Num. dei 17 e dei 19 ottobre. 

3 Num. dei 17-18 ottobre. 
* Num. dei 19 ottobre. 



IN ITALIA 387 

yeutidue anni, della sostanza pubblica ed alle violazieni dello Sta- 
tute, che delle istituzioni medesiine e fondainento. Ecco le sue 
poche parole che scusano un volume. 

Noi (liberal! saliti al potere, per grazia delle istituzioni) ac- 
crescemmo a dismisura il socialismo burocratico del? accentra- 
mento giacobino; ci deinmo a spendere con giovanile baldanza; e 
cosi creamino un forte disquilibrio finanziario. A noine del cosi 
$Qiio pareggio de'bilanci dello Stato, coniinciammo a contrarre 
debit! con la perdita del 30, o del 35 per cento; sperperammo le 
grand! risorse delTasse ecclesiastico e de'beni demaniali, fra cui 
quell! del Tavoliere di Puglia e la Sila, regalandoli agli usurpa- 
tori. E coronammo 1' opera, con enormi imposte di confisca del 
pane del povero e di ogni specie di capitale e d'industria, con- 
traendo altri nove miliardi di debito pubblico, e precipitandoci 
nell'abisso del corso forzoso, per uso e consume di una banca pri- 
vilegiata. Ne ci peritammo di rovinar pure i Comuni, addossando 
loro molte spese dello Stato, spogliandoli delle imposte di loro 
spettanza, autorizzandoli alle rovinose sovrimposte e sospingendoli 
alia funesta via del far debit!. Aggravammo cosi il dissesto econo- 
mico, vi aggiungemmo il finanziario e ci spingemmo all'apice del 
fiscalismo tributario, con regolamenti ordinati, non gia ad ese- 
guire le esorbitanti leggi fiscal!, ma a creare lo sfrenato arbitrio 
degli agent! governativi. E non paghi di ci6, legallzzainmo il 
monopolio delle banche privilegiate, e ponemmo nelle loro man! 
il torchio della carta a corso forzoso ! l > 

Se le urne non fossero state aperte, quando mai si sarebbe in- 
tesa una confessione cosi solenne del nazionale latrocinio, compiu- 
tosi sotto 1'egida delle istituzioni? 

Ma niente rneno preziosa & questa che segue : E da tutto do 
un'altra piu grave conseguenza : la violazione dello Statute. Ne 
abbiamo violato 1'articolo 24, in quanto a! diritti politic!, e pel 
modo in cui abbiamo attuato il diritto all' ammissibilita alle ca- 
riche civil! e militari conferite, non secondo il merito, ma con le 
passion! di partito. Ne abbiamo violato Tarticolo 26, che guaren- 

1 I doveri della XV legislature, pel deputato Giuseppe Romano, pag. 11. 



388 DEL CREDITO DELLE ISTITUZIQNI 

tisce n el niodo pi ft assoluto la liberta del cittadirio, e vieta di ma- 
nometterla con le leggi eccezionali da noi sancite. Ne abbiamo 
violati gli articoli 25 e 29, col sistema tributario, die fa pesare i 
carichi dello Stato piti sul povero e nieno sul ricco ; e con le tasse 
di registro, di successione ecc. che confiscano una parte di quella 
propriety che lo Statute dichiara inviolabile. Ne abbiamo violati 
gli articoli 27 e 28, con arbitrarie visite domiciliari ed arbitrarii 
sequestri della stampa. Ne abbiamo violato P articolo 32, con ar- 
bitrii che inceppano il diritto di adunarsi pacificamente e senza 
anni 1 . 

N& qui e" tutto. Se il Romano non fosse quel liberale di car- 
tello che e, cio& fautore di liberta unicamente per s6 e pe' suoi e 
di tirannide per la Chiesa e per quelli che pensano diversamente 
da lui e dai suoi, avrebbe dovuto aggiungere inoltre: - - Noi ab- 
biamo violato P articolo 1 dello Statuto, che proclama la religione 
cattolica, religione dello Stato, favoreggiando tutti i culti opposti 
al cattolicismo e perseguitando in ogni modo il solo, che lo Sta- 
tuto riconosce per proprio della nazione : ed abbiamo violato an- 
cora P articolo 4, consumando quelPimmane atto di spogliazione 
dei beni della Chiesa e degli Ordini religiosi, il quale, secondo il 
diritto non rneno costituzionale che naturale, grida vendetta nel 
cospetto di Dio e degli uomini. 

Or ecco adunque, per bocca di coloro che hanno inaggiore in- 
teresse a gonfiarne il fainoso prestigio, a che si riduce nelPeffetto 
il valore di quelle istituzioni, che essi pur vorrebbero veder tenute 
dai popoli quasi in luogo di Yangelo e d' opera divina. 

III. 

Qual meraviglia pertanto che oggi piu che mai il discredito ne 
sia pervenuto a tal punto, che dai volgo medesimo, e pubblica- 
mente nei comizii cittadineschi, son qualificate, in termini espressi, 
per imposture e menzogne mascheratrici di despotismo ? Ci duole 
pei liberali il doverlo dire : ma tai e pur troppo il concetto che i 

4 Ivi, pag. 12. 



I>: 1TALVX 389 

popoli, dopo ventidue anni di esperimento, si souo format! delle 
istitiwioni politiche del paese, quanto aiFatto pratico ed alle con- 
seguenze che ne risentono. 

E in vero, si voglia o non si voglia, tutto il meccanismo di 
quest 'ordigno appare, agli ocelli an cor meno esercitati nelle spe- 
culazioni teoriche, una perpetua fidio inris, ossia un grossolano 
giuoco di prestigio che oggimai non gabba piti nessuno. In cima 
alia grande macchina si ha la monarehia, potere supremo invio- 
labile, perchS regna senza responsabilita e non governa ; e deve 
essere centro cardinale di tutto il sistema che ne prende il nome. 
Ma, oltrech& una monarehia regnante e non governante e" tal cosa 
che non entra nell'intelletto comune del popolo, nel caso pratico 
poi si osserva che Yinviolabilita di questa monarehia va in fumo, 
tutte le volte che la responsabilita del G-overno dee cadere sopra 
la persona di qualcheduno. Lo dicano Carlo X, Luigi Filippo e 
Napoleone III di Francia, e lo dica Isabella II di Spagna. Che se 
finora in Italia il caso non e ancora occorso, ci6 si deve alia sin- 
golarita, che non si e per anco fatto nascere il bisogno di sinda- 
care nelle piazze questa responsabilita. Noi faceiam voti che inai 
non nasca, se sara possibile: ma quando sia venuta Fora di farla 
nascere, tutti sanno che essa finira col ri cad ere sopra chi mai non 
la dovrebbe avere, e nondimeno sempre ne porta i pesi ed i 
dolori. 

La responsabilita invece dee stare tutta sopra le spalle dei 
ministri, che fanno schermo blVirresponsabile monarehia. Ci6 per 
diritto. Ma di fatto le persone piu inviolabili, da quest o lato, sono 
appunto i ministri, i quali di tutto avrebbero a dar conto e giam- 
mai non lo hanno dato, ne lo danno di nulla: cosi che essi, sotto 
nome di ministri di liberta, possono essere a un bel bisogno veri 
despoti e tiranni. 

11 che e cosi certo, che non solamente non e mai accaduto in 
Italia, che un ministro fosse legalmente costretto a sopportare le 
conseguenze della sua costituzionale responsabilita, contuttoche 
le occasioni mille volte si sieno oiferte; ma se ci6 dovesse acca- 
dere la conclusione sarebbe nulia; perche manca tutta via una 
legge sopra questa responsabilita ministeriale. 



390 DEL CREDITO DELLE ISTITUZ10NI 

E si noti, che questo pun to e lucidamente chiarito dal precitato 
Giuseppe Romano, nel sue opuscolo, il quale iilustra a perfezione 
Porrido despotismo die proviene nel pubblico Governo, dail'es- 
sere, secondo le istituzioni vigenti nell' Italia libera, i ministri 
responsabili senza responsabilita; assurdo che non e concepi- 
bile, e pure sussiste da che vi sussistono le venerande istituzioni 
di liberta. 

Si legga e si mediti bene questa pagina, per avere scritta la 
quale il Romano, essendo il liberale che e, sarebbe degno d'una 
medaglia piti del merito civile che di deputato. 

II Governo costituzionale, non avendo lo sconfmato potere? 
dei Governi assoluti, e costretto a nascondere il dispotismo dello 
accentramento sotto la maschera della liberta ed a. vivere di espe- 
dienti, per sottrarsi alia responsabilita de' suoi atti ed alle vio- 
lazioni del patto fondamentale. 

Da ci6 avviene che il potere esecutivo e suo malgrado co- 
stretto a manipolare le elezioni e rifuggirsi sotto quattro para- 
cadute: il primo, di non far mai la legge sulla responsabilita 
ministeriale ; mancanza che rende irresponsabili, non pure tutti i 
ministri, ma tutti i funzionarii dello Stato, i quali, sapendo cha 
i ministri sono costretti a difenderli, commettono tutti i soprusi 
loro comandati, o dal proprio arbitrio voluti. 

II secondo, la creazione degi'innumerevoli Consigli che, colla 
sopralegge de'loro impost! ed irresponsabili pareri, legittimano 
o autorizzano tutti gli arbitrii del potere esecutivo, e costano 
molti milioni ai contribuenti. 

II terzo, di valersi delle inchieste e della facolta di nominar 
Commissioni, per rimandare al dimenticatoio quei provvedimenti 
che non si vogliono. 

Ed il quarto, che quando il Parlamento fa una legge che 
non accomoda ai ministri, quest! si servono dei regolamenti per 
renderla lettera morta. 

Ma codesti meschini espedienti peggiorano il male: T accen- 
tramento nei Governi liberi e tale tirannide, che gl'incatena, ne 
paralizza Tazione, li trascina sempre piu nell'abisso del male, 
alia catastrofe. Esso, rendendo impossible ai ministri la cogni- 



IN ITALIA 391 

zione degli immensi affari che si agglomerano nella sede del Go- 
verno, fa ricadere il potere nelle mani della burocrazia, la quale 
nel fatto regna e governa senza alcuna responsabilita. Dal che 
consegue che se i ministri, con gli accennati espedienti, si sot- 
traggono alia responsabilita legale, piu grave poi pesa sopra di 
loro la responsabilita morale: e la pubblica opinione severamente 
li condanni, non pure pe' falli loro, ma per tutti gli error! e le 
colpe della burocrazia *. 

Sicnramente la irapostura e raenzogna di fatto della liberta, 
guarentita di diritto dalle istituzioni, non si poteva illuminare me- 
.glio di cosi. 

IY. 

Ma procediamo. Dopo la monarchia non responsabile di nulla 
che, dandosi il caso opportune, diventa responsabile di tutto; e 
dopo il rainistero responsabile di tutto, che poi 6 sempre effetti- 
vamente non responsabile di nulla, viene il potere legislative, che 
^sercita la sovranita propriamente giuridica e nazionale, perche 
emanate e delegate dalPunico sovrano che 6 il popolo. 

Gia F ex-deputato Eomano ha indicate per qual modo il mi- 
nistero responsabile possa irresponsabilmente rendere frustranei 
gli atti legal! di questo sovrano potere. Ma, senza ci6, fino a 
quest! ultimi giorui, nei quali si sono eletti i rappresentanti del 
popolo giusta la nuova e piu larga legge elettorale, quando la 
legge era cosi ristretta, come poteano essi dirsi rappresentanti 
della nazione sovrana? Per ventidue anni, F Italia governante se 
jstessa, in virtu delle libere istituzioni, si & governata a ragione 
di un paio d'individui circa per ogni cento suoi abitatori; pe- 
rocch&'delPintorno a mezzo milione di cittadini privilegiati del 
diritto di eleggere i rappresentanti, spesso meno di un terzo 
usava di questo privilegiato diritto : e cosi si e avuto sempre una 
rappresentanza nazionale, che nel fatto era nominata da forse meno 
di centomila elettori liberi ; essendo gli altri ufficiali stipend'a f i 

1 Ivi, pag. 15. 



39"2 DEL CREDITO DELLE ISTITUZIONI 

dal Governo, che comunemente parlando non aveano vera liberta 
di vtfto. Onde quella fictio iuris, che risplende nella irrespon- 
sabilitd, regia e nella responsabilifd ministerial, 6 sfolgoreggiata 
piu che sole nel fatto della sovranitd, esercitata dal popolo, col 
mandare i suoi rappresentanti a fare leggi e regnare in noine suo. 

A tutto questo si aggiunga il cozzo inc^ssante, non gia dei 
partiti, ne'quali, per un'altra finzione di diritto, si supponeva 
che fosse diviso il paese, ma delle persone che si litigavano il 
potere; e quindi i maneggi deli'interesse privato e le molteplici 
corruzioni che ne seguivano, e riducevano tutto il moto meccanico 
delle istituzioni all'appagamento delle ambizioni del signor A o 
del signor B, capitananti i gruppetti che prendevano da loro il 
nome: e si vegga se il prestigio delle istituzioni poteva distrug- 
gersi ed annientarsi piu e meglio die si sia fatto sino al giorno 
presente, nel quale da alcuni si vuole far credere che abbia da 
rinascere un nuovo ordine di cose, perch& le ele^ioni si sono fatte 
a norma di una nuova legge, la quale ha piii che triplicate il 
numero giuridico degli elettori. 

Ma questa fiducia nel nuovo prestigio che ripiglieranno le 
istituzioni, dopo la odierna prova delle urne, si legge bensi ina- 
nifestata nelle fredde pagine di qualche giornale, ma non pen- 
siamo che yiva nelFanimo di nessuno che abbia fior d' intelletto. 
Quel che valga questa prova, meglio di tutti lo ha significato un 
diario burlesco. Si, e trista, ha sclamato es.so, assai trista la 
nota che predomina in questa grande sinfonia elettorale che an- 
dianio sonando, ciascuno per proprio conto. La smania di accatti- 
varci 1'animo degli elettori, ci spinge a mettere la nostra firma 
sotto qualunque specie di capitolazione, Sono rari i candidati che 
osino reclamare almeno gli onori delle arrai. Siamo, non quello 
<?he siaino, ma quello che gli elettori vogliono, salvo, bene inteso, 
a tradirli, quando, dopo aver consegnato all'uroa il voto, essi 
avranno perduto quel portentoso talismano che li fa sovrani di 
un giorno. Ho veduto una montagna di programmi, che sono vere 
e proprie promesse del genere di quelle fatte dali'onorevole De- 
pretis, colla vera e propria intenzione di non manteneiie J . 

1 Fanfulla, B. dci 19 ollobre J882. 



IN ITALIA 



Ed ecco come, dopo la miova legge e per cagione della nuova 
legge, si burla e si cauzona il popolo sovrano. Oh, fino a quando 
si dovra ripetere \\filii hominum, ut quid diligitis vanitatew 
et quaeritis mendacium? II salto al buio, come fu definita la no- 
vella legge elettorale, peggiorera lo stato delle istituzioni, se pur 
di peggioramento sia piti capace, aumentera la confusions e por- 
tera al sommo il caos della Babilonia, che gia 6 la nostra Italia 
leg ale, cosi ben ridotta com'e da coloro che per ventidue anni 
yi hanno applicate le istiteioni. 

Ma quanto al prestigio, non accade farsi illusione. Questo, a 
chi guarda le cose con mente pensante, ^ perduto per sempre : 
e la nazione che & stata, a suo si gran costo, Yanima vile in cui 
si sono fatte le esperienze, nel liberalismo non yede piii dove 
possa appoggiare il suo credito. Le istituzioni maneggiate dai 
destri 1' hanno scarnificata: le istituzioni maneggiate dai sinistri 
T hanno fatta imputridire : con ragione prevede essa, che le isti- 
tuzioni maneggiate dai radicali la chiuderanno nel sepolcro. E 
questo sara il costrutto finale dalTavere, contro Pammonknento 
di Dio, amata la vanita e cercata la menzogna. 



SCONNESSIONI LOGICHE 

DI DUE ARTIGOLI 

DEL SIG. SENATORS CADORNA l 



I. 



II Sig. Senatore Cadorna ci dice: In ci6 appunto consists 
la sublimita a cui il Yangelo ha inaalzata la persona umana r 
la quale per tutta la sua vita morale non ha per norma se non 
la legge, non ha per responsabile se non la sua coscienza, e non 
ha per giudice se non Iddio 2 . Ci6 vuol dirci in sostanza che 
r opera del Vangelo si e d'avere innalzato Fuomo alia sublimita 
di libero pensatore. Non ti sembra questa, o lettore, un' opera 
veramente degna d'un Dio fatt'uomo? Ci6 posto, e facilissimo 
trovare il giudice competente della controversia, quando vengono 
tra loro a contrasto un comaudo della Chiesa con un comando 
dello Stato. Un tal giudice competente e il libero pensatore stesso r 
avente per norma la legge, non interpretata dalla Chiesa, ma 
dal suo privato cervello, e non responsabile de'suoi atti, che al 
solo Dio, secondo il dettame della propria coscienza. II Sig. Sena- 
tore esprime questa sua sentenza nei seguenti termini, come con- 
clusione di un confusissimo discorso, che esamineremo piu sottor 
Per ogni atto umano 1' uorno & libero ; ed egli solo e respon- 
sabile verso Dio, della esecuzione col mezzo dell' atto medesimo, 
della di lui legge; e che ove esistano due contraddittorii co- 
mandi della Chiesa e dello Stato, la liberta e la responsabilita 
personale e diretta di ogrii uomo verso Dio per le proprie azioni, 
riniane sola giudice per se medesima del conflitto, il quale fa capo 

1 Vedi Farticolo precedento. Cioilta Cattolica, Serie XI, vol. XII, p. 112 e segg. 

2 Nuova Antoloyia, Serie II, vol. XXX.1II, pag. 472. 



SCONNESSIONI LOGICIIE DI DUE ARTIGOLI DEL SEN. CADORNA 395 

alia sua coscienza. Essa sola 6 giudice se debba, secondo la legge 
41 Dio eel in ciascun caso, obbedire all'una o all'altra autorita : 
<essa sola e giudice se un comando imponga cosa vietata o no 
dalla legge morale, ed ha non solo la morale facolta, ma sibbene 
il dovere verso Dio di seg'uire colla propria azione il giudizio della 
sua coscienza l . 

Oguun vede die qui Findividuo 6 costituito non solo sopra lo 
Stato (al quale non appartiene il giudizio in materia di legge 
morale e divina), ma ancora sopra la Chiesa (a cui nn tal giu- 
dizio appartiene) ; perocch5 si dice che la coscienza di esso indi- 
viduo sola e giudice se un comando (venuto dalla Chiesa) im- 
ponga cosa vietata o no dalla legge morale. L'individuo dunque 
col suo private cervello e 1' interprete legittimo della legge mo- 
rale e divina, a cui ragguaglia il comando dato dalla Chiesa, 
per defmire se in esso si trovi o no cosa vietata da quella. In 
cio egli 6 giudice. Ed & giudice siffattamente, che non solo ha 
facolta morale, cio5 diritto, ma ancora dovere verso Dio di seguire 
la sua propria sentenza. SicchS, coutrariando con essa al comando 
della Chiesa non solo non pecca (perch5 ha diritto di farlo), ma 
ancora merita presso Dio, perchd compie un dovere che ha verso 
lui. Veniamo ad un esempio. II Papa comanda che chi ha dato 
pubblico scandalo con fatti o con iscritti oft'eusivi dei diritti della 
Chiesa e deile leggi canoniche, ripari un tale scandolo con pub- 
blica ritrattazione ; albrimenti non 6 raeritevoled'assoluzione, non 
potendo supporsi sincerainente pentito chi non & disposto a ri- 
parare con pubblico atto un pubblico peccato. Un liberate, che 
per ventura si trovi appunto in tal caso, giudica che siffatto co- 
mando non 6 conforme alia legge morale ; e pero 6 da rinunziare 
aU'assoluzione piuttosto che obbedire al comando della Chiesa. Che 
deve egli fare? Secondo la teologia del Sig. Cadorna, non solo 
ha diritto di seguire cotesto suo giudizio, ma ha dovere verso Dio; 
e per6, disubbidendo in quel caso alia Chiesa ; fara atto meritorio 
di vita eterna; non disubbidendo, anderebbe allMnferno. Egli di 
fatto, nel secondo suo articolo, conferma tutto questo coll' esempio 
del Conte Santa Rosa: Al piissimo e religiosissirno conte Pietro 

* Pag. 472. 



396 SCONNESSIONI LOGICHE 

di Santa Rosa, ministro in Piemonte all' epoca che fu proposta e 
sancita la legge per 1'abolizione del foro ecclesiastico, epperci6 
colpito dalle scomuniche fulminate da Pio IX, furono al punto 
di morte negati i Sacrament! , perch e anche al momento di morire 
essendo eglji tuttora ministro, si rifiuto fennamente di ritrattare 
questo atto, che credette per lui doveroso e non contraddicente 
ad alcuna delle credenze della religione cattolica. Gattolico fer- 
vente vi si rassegn6 tranquillo, fidando nella propria coscieuza 
e in Dio *. Esempio veramente memorabile di fervor e catto- 
lico! E q\\&\f errors cattolico maggiore di questo, che antiporre 
il proprio giudizio al giudizio di colui, al quale nella persona 
di Pietro e stato detto da Cristo : Quodcumque ligaveris super 
terram, wit ligatum et in caelis* 2 e piuttosto che obbedire 
al suo comando, contentarsi di morire senza sacramenti? II si- 
gnor Cadorna si diletta alcune volte di citar Dante. Anche qui 
avrebbe potato citarne qaeile niagnifiche terzine : 



Siate, cristiani, a muovervi piii gravi; 
Non siate come penna ad ogni vento, 
E non crediale che ogni acqua vi lavi. 

Avete il vecchio e il nuovo Testamento, 
E il Pastor della Ghiesa che vi-guida; 
Questo vi basti a vostro salvamento. 

Se mala cupidigia altro vi grida (la teologia ex. gr. de 
Domini siate e non pecore matte; Sig. Cadorna), 
Si che il Giudeo tra voi di voi non rida. 

Non fate come agnel, che lascia il latte 
Della sua madre e sernplice e laseivo 
Seco rnedesmo a suo piacer com ba tie 3 . 

Se non che Dante scriveva in tempi d'ignoranza e di barbarie. 
Se avesse scritto nella luce de' tempi nostri, invece del Pastor 
della Chiesa ci avrebbe esortati ad aver per guida il signor Ca- 
dorna; e invece del latte della Madre Ghiesa, ci avrebbe consi- 
gliato il latte del moderno Liberal isino. 

1 Antologia, 2 a Scric vol. XXXIII, png. 671. 

2 MATTHAEI XVI, 19. 
5 Paradiso, canto V. 






DI DUE ART1GOL1 DEL SEN. CADORNA 397 

II. 

Ma 1'uomo, dice il Sig. Cadorna, e libero. Si, seoza dubbio: 
I'uomo non e come il bruto, detenninato da natura nell' esercizio 
delle sue azioni. Egli ha dominio de 1 proprii atti. Ma per questo 
appunto che e dotato di libero arbitrio, ha mestieri di norma che 
lo diriga, e a cni sia tenuto di conformarsi nel suo operare. Onde 
si dice che e libero fisicamentt, ma non moralmente. Qnesta 
norma cui esso 6 tenuto a seguire e la legge divina ; ma la legge 
divina, non lasciata alia discrezione del giudizio private come 
rorrebbe il sig. Cadorna, bensi interpretata e applicata al vivere 
cristiano dalla Chiesa. II contrario 6 idea protestanlica ; la quale 
chi vuol seguire e padrone, ma non si vauti allora di Cattolieismo ; 
giacch& cattolico e solo quegli che ravvisa nella Chiesa la regola 
di tutto il suo operare religiose e morale, e riconosce nella voce 
di lei la voce stessa di Cristo: Qui vos audit, me audit; qui 
ws spernit, me spernit 1 . 

- Ma 1' uomo e egli solo responsabile verso Dio della esecu- 
zione della sua legge, -- Ottimamente. E che vuol dire ci6? Vuol 
dire che egli solo (non certo gli altri, distinti da lui) dovra ri- 
spondere a Dio, se ha osservato la sua legge, qual, secondo 1' or- 
dinamento suo, gli veniva proposta e interpretata dalla Chiesa ; 
e se non T ha fatto, egli solo (non certo gli altri che non han che 
fare con quella sua disubbidienza) ne riportera il meritato gastigo. 

Ma, ripiglia il Sig. Cadorna, poiche il comando della Chiysa 
pu6 talvolta venire in conflitto col comando deH'autorita civile ; in 
tal caso 1'individuo e certamente quegli che dee decidere a qnal 
dei due debba conformare la sua azione. Essa sola (la coscienza 
dell'uomo individuo) e giudice se debba, secondo la legge di 
Dio, ed in ciascun caso, obbedire all'una o all'altra autorita 2 . 
Scusateci, voi qui cadete in quella fallacia che i Logici dicono di 
anfibologia, e consiste nel passare in una stessa parola da UQ 
senso ad un altro. Yoi passate dal senso psicologico della parola 
gindice, al senso legate. Certamente 1'individno dee apprendere 

LUCAE, X, 16. 
4 Pag. 463. 



393 SCONNE3SIONI LOGICHE 

colla sua mente ed affermare col suo giudizio qual del due comandi 
prevale in quel caso; perch 5 senza 1'apprensione e il giudizio 
della mente, non pu6 operare la volonta. Ma in tale apprensione 
e in tale giudizio egli non e giudice in senso legale, doe avente 
autorita di definire. Nel senso legale la coscienza dell'indi- 
viduo non e giudice, ma solo esecutrice del comando. Ora nel 
conflitto tra le due autorita, il vero comando legittimo si verifica 
da parte dell 7 autorita piu alta; da parte della inferiore non e 
legittimo comando ma ingiunzione arbitraria. Ne vale opporre die 
la Chiesa col suo comando potrebbe entrare in materia non sua. 
Imperocche la Chiesa, assistita da Dio, non pu6 esorbitare nelle 
sue leggi: & questa una ipotesi die non pu6 ammettersi; e come 
ripugnante, menerebbe all' una e all'altra parte della contraddi- 
zione. Ben pero pu6 esorbitare lo Stato, a cui non e stato detto 
da Cristo, come alia Chiesa: Ecce ego vobiscum sum omnibus 
diebus, usque ad consumationem saeculi 1 . 

Consideriamo la cosa ne'tre eserapii die arrecail sig. Cadorna. 
II prime riguarda I'immunita ecclesiastica. Lo Stato, egli dice, 
abolisce i tribunal! ecclesiastic!. La ragione si e perche coi 
tribunal! ecclesiastic! lo si spoglia d'uaa parte importantissima 
(Jel suo potere, della sua sovranita. Per contrario il Pontetice 
condanna 1'abolizione del foro ecclesiastico e lancia scomuni- 
che 2 . II secondo esempio riguarda gli Ordini religiosi. Lo 
Stato... abolisce la persona civile de'Conventi (veramente non 
solo fa questo, ma 5' impadronisce anclie delle low rendite e 
delle loro case). > La ragione da cui e mosso si 5 perch5 reputa 
i claustrali persone oziose die vogliono vivere senza lavo- 
rare . II Pontefice per 1'opposto dichiara che 1'abolizione di 
questo ente 6 uno spoglio commesso a danno della Chiesa, una in- 
vasione dello Stafo nel potere della Chiesa; condanna questa abo- 
lizione e lancia scomuniche 3 . II terzo esempio riguarda il ma- 
trimonio. Lo Stato reputa che la formazione della famiglia e le 
condizioni della medesima siano uno de' principal! element! costi- 

1 MVTTHAEI XXXVIII, 20. 

2 Nuova Antologia seconda scrie vol. XXXIII, pag. 659. 
z Ivi. 



DI DUE ARTICOLI DEL SEN. CADORNA 399 

tutivi della societa civile; die essa e soggetta al suo potere; che 
egli pu6 regolare le dette condizioni... II Pontefice... dichiara... 
che si viola il Sacramento... che col matdmouio civile si usur- 
pano i suoi diritti; perci6 lo condanna e lancia scomuniche '. 

II Sig. Cadorna sostiene che in tutti e tre questi casi un buon 
cattolico, pu6 non curarsi delle dichiarazioni e delle scomuniche 
pontificie, e attenersi all' apprezzamento dello Stato. Ma non sap- 
piamo se tutti avranno ilfervore cattolico del Santa Rosa, per 
acquietarsi a cotesta sentenza. L'immunita ecclesiastica e dichia- 
rata iuris divini da due Concilii Ecumenici : il quinto Lateranese 
ed il Trentino. Cum a hire tarn divino quain humano laicis 
Potestas nulla in ecclesiastica s personas attributa sit; dice il 
primo 2 . Ed il secondo: Ecclesiae etpersonarum ecclesiasticarum 
immunitas Da ordinatione et canonicis sanctionibus constituta 
est 3 . (Hi Ordini religiosi poi son parte della milizia sacra, e di na- 
tura loro societa subalterns e parti omogenee della gran societa 
della Chiesa. Lo sperperarli, lo spogliarli de' loro bt-ni ed usurpar- 
sene le case (come ha fatto il Governo) e un mettere le mani nel 
Santuario, e mettervele ad esercizio di rapina sacrilega. II ma- 
trimonio infine e uno de'sette sacramenti della Chiesa, come e 
deflnito dal Concilio di Trento ed e insegnato espressamente da 
S. Paolo: Sacramentum hoc magnum est. Lo Stato dunque in- 
tromettendosi in esso, s'intromette nelie cose piu sante che sieno 
nella Chiesa. E si noti die non si tratta di regolarne i soli effetti 
civili, il che dalla Chiesa si concede; ma bensi di regolarne le 
interne condizioni: giacche il Sig. Cadorna concede allo Stato la 
facolta di fissarne gl' impediment!. Ora in invasion! si mani- 
festo di cose sacre da parte dello Stato 1'egregio Senatore da al 
private facolta di farsi giudice, in senso autoritativo, dandogli 
facolta di non curarsi non pure delle decisioni solenni della Chiesa 
ma neanche degli anatemi fulminati contro i disubbidienti ! Ecco 
in che modo cotesti liberali intendono il cattolicismo ! Qual me- 
raviglia se ci ripetono tanto spesso che si pu6 benissimo esser 
cattolico e liberale. 

* Nuova Antologia seconda serie vol. XXXIH, pag. 659. 
2 Sessione IX. 3 Sessions XXV, c. 20. 



100 SCONNESSIONI LOGICIIE 



III. 

La strana conclusione del Sig. Cadorna era dedotta da una 
teorica anche pin strana. Egli distingue la legge morale dal- 
r apprezzainento della cosa o dell' atto a cui si tratti di appli- 
carla. Quanto a proporre e interpretare la prima, dice infallibile 
la Chiesa. Non cosi quanto al secondo; perche esso costituisce la 
casuistica, e nella casuistica la Cliiesa non e infallibile La 
rivelazione nulla contiene che le abbia attribuito una simile in- 
fallibilita; niuaa defimzione dommatica della Chiesa pronunziata 
in forma dommatica, anche in conformita del Concilio Yaticano, 
esiste che gliel' abbia riconosciuta, e si possono provocare tutti i 
clerical! del inoudo (poffare!) a provare il contrario l . > Non solo 
la Chiesa non ha infallibility per Fapplicazione della dottrina 
morale rivelata ai fatti speciali della vita 2 ma neppure au- 
torita di comandare. II suo diritto si restringe alia sola parte 
religiosa, che pel Signor Cadorna consiste nella perfezione mo- 
rale e spiritual^ dell'uomo in materiadi culto e di disciplina; ma 
quanto alia legge morale o alia sua applicazione non pu6 co- 
mandare. Non quanto alia prima, perche in essa comanda Dio; 
non quanto alia seconda, perche" essa appartiene alia liberta e 
responsabilita deH'individuo. Essa (!' autorita ecclesiastica) nel 
soggetto e pel fine della Chiesa da precetti per ci6 che mira alia 
perfezione morale e spirituale deU'uomo, in materia di culto, di 
disciplina ed altre cose simili. Ma la facolta delia Chiesa, di co- 
mandare con effetto obbligatorio non esiste ne pu6 esistere per ci6 
che ha gia comandato e comanda Dio medesimo direttamente alia 
liberta umana per mezzo della rivelazione, come avviene appunto 
in materia morale, nel che Puomo deve obbedire direttamente al 
comando di Dio, ed e a Dio direttamente responsabile dello ap- 
plicare e dello eseguire la sua legge. A niuno pu6 essere lecito 
lo inframmettersi per ci6 fra Dio e Tuomo... Nolle cose morali la 
CLiesa non fa e non pu6 fare, se uon una di queste due cose : 

Pag. 464. 
2 Pag. 466. 



DI DUE ARTICOL! DEL SEN. CADOilNA 401 

cioe in fatto di dottrina morale definisee dommaticamente la legge 
al fine di mantenerne la purita e 1'uoita, e in cio e infallibile; in 
fatto poi di applicaztone e di esecuzioae della medesima, col 
mezzo degli atti uinani, istruisce, ammaestra, illumina ma non 
comanda, ne pu6 comandare. 

Che comodo Cattolicisino! Adesso si vede cliiaro perch5 il Si- 
gnor Cadorna annovera tra i buoni cattolici non pur se mecle- 
simo, ma il Santa Rosa, il Lanza, e potea annoverarvi anclie il 
Gran Turco, perche non crediamo che il Gran Turco si rifiuterebbe 
ad esser cattolico in questo rnoclo. Si tratta di obbedire alia 
Chiesa in sola materia di ciilto e di disciplina, vale a dire, per 
esempio, intorno ai modo di ascoltare la Santa Messa, alia qua- 
lit^ delle ora/doni da recitare e cose siinili. E ci6 per riguardo 
alia perfezione morale e spirituals ; alia quale per altro nes- 
suno eobbligato, perche non ci e obbligo d' esser perfetto. Quanto 
al governo della vita morale, la Chiesa definisce soltanto dom- 
maticamente le leggi nella sua generality ; sebbene, pare a noi 
che neppur di questo ci sarebbe bisogno, giacche, come dice il 
Signer Cadorna, I'liomo riceve la legge morale direttamente da 
Dio per mezzo della rivelazione; fatta, gia s'intende, non alia 
Chiesa, da cui i fedeli la ricevono, ma immediatamente ad ognuno. 
Quanto poi all'applicazione di questa legge agli atti della vita 
uinana, che 6 propriamente quello che ci tocca da vicino, la Chiesa 
ammaestra (come farebbe aitresi un professore di Uuiversita), ma 
non ha nessun diritto di comandare; altrimenti entrerebbe in ca- 
suistica, e questo non si pu6 ammettere. 

IV. 

Per inaggior chiarezza rechiamone un esempio. La legge mo- 
rale, data da Dio, dice non occides. La Chiesa propone cotesta 
legge, o se anche vuolsi (quaQtuoque come abbiam detto non ce 
no" sarebbe bisoguo) defiQisce dommaticamente che per essa si 
vieta di toglier la vita all'uomo per autorita privata. Benissimo; 
in ci6 le si conceda pure d'essere infallibile. Ma la Chiesa fa 
un'altra cosa. Definisce che in virtu di quel precetto divino e 
vietato il duello, anche quando trattasi di pericolo dell'onore o 

Herie 1, vol. A/7, fac. 778 26 8 novembre 1882 



402 SCONNESSIOM LOGICHE 

del posto. Oh qui esce fuori della sua compstenza, entra in ca- 
suistica; e per consegusnza non e piu infaliibile. Quindi a noi & 
lecito pensare ed operareil contrario; e per6 possiamo sbudellarci 
a piacere, secondoche giudichiamo nel caso pratico. E neppur var- 
rebbe il ricorrere qui, come fanno talvolta i clerical! politic!, al 
diritto che ha la Chiesa di comandare, staute 1' autorita ond'5 
rivestita; perchk si risponderebbe che qui non si tratta di culto 
o di disciplina, dove ella pu5 dare precetti, ma si tratta di appli- 
cazione della legge morale agli atti della vita umana, dove ella r 
secondo che c'insegna il Sig. Cadorna, non pu5 co man dare. Onde 
possiamo lecitamente negaiie obbelienza, facendole per6 prima 
un inchino l . 

Un altro esempio, e togliamolo dal Yangelo. Nel capo XVIII 
di S. Matteo nostro Signor Q-esd Cristo, parlando di uno che 
offenda il suo prossimo, dice che sia da prima corretto privata- 
mente; se non si emencla, sia corretto alia presenza di uno o di 
due testimonii ; e se neppure aliora si emenda, sia deferito alia 
Chiesa; alia quale se non obbelisce, sia tenuto come infedele 
e pubblicano, in altri termini sia scomunicato 2 . Qui evidente- 

1 II Sig. Cadorna e gelosissimo della civilta; e pero vuole che, prima di disubbidire 
alia Chiesa, le si facc'a una riverenza. c Ove questi stessi uomin : (i superiors doe 
ecclesiastici), uscendo dal campo della rivelazione, in cui sono infal'ibili, e dalle ma- 
terie in cui hanno per divino mandato autorita di coinando obblig.itorio (culto doe: 
e disciplina), volessero comandare a ciascuaa nostra azione per obbligarci ad eseguire 
con ogni nostro alto la logge morale in un modo da essi voluto, noi dircmmo ch& 
ci comandano fuoi'i del loro potere, ed in cose nelle qaali secondo le credenze cat- 
toliche (spiegate da lui) essi no;i hanno ne 1'infallibilita ne 1'aulorita di un comando 
obbligatorio; noi diremmo che per quel loro comando essi non sono, secondo le cre- 
denze catioliche la Chiesa infaliibile ne la Chiesa autoritaria; e pur venerando* 
nella loro persona quell' autorita, che nelle coso determinate da Dio (il culto doe e 
la disciplina) loro spetta div'namenle, risponderemmo loro, come il soldato, che per 
eseguire la consegna, disse risolutamente all' Impera tore, presentandogli le armi: Non 
si passa. Pag. 470. L' esempio dello sciocco soldato, che antiponeva il comando del 
suo caporale all 1 autorita del Sovrano, e ottimamente seel to. 

2 Si autem peccaverit in te f rater tuns, vade et corripe eum inter te ef 
ipsum solum... Si autem te non audierit, adhibe unum vel duos testes... Quod 
si non audierit eos, die Ecclcsiae ; si autem Ecclesiam non audierit, sit tibi 
sicut ethnicus et publicanus. E rendendo la ragione di cio, soggiunge: Amen dico 
vobis, quaecumque alligaveritis super terrain, erunt ligata et in caelo; et quae- 
cumque solveritis super terrain, erunt soluta et in caelo. Sarebbe bene che il 
Sig. Cadorna meditasse un poco sopra cotcsto passo. 



DI DUE ARTICOLI DEL SEN. CADORNA 403 

mente si scorge che nostro Signore pad6 in quel modo, perch& 
non area letto gli articoli del signer Cadorna. Se fossero stati 
scritti in quel tempo ed egli li avesse letti, avrebbe veduto che 
non poteva giustamente sconmnicarsi un pover uomo, perche ricu- 
sava d'obbedire alia Chiesa in casmstica, dov'essa non e infal- 
libile, e in applicazione della legge della carita a un atto della 
vita umana, dov'ella non ha diritto di comandare. 

Quanto son piacevoli cotesti liberal!! Ma sappiano che, se- 
guendo questa loro teorica, essi non son cattolici ma liberi pen- 
satori. Tra Dio e 1' uomo individuo e stata da Cristo costituita la 
Chiesa. Da lei il fedele come riceve la verita da credere, cosi ri- 
ceve la norma dell'operare. La Chiesa, come e custode e bandi- 
trice della fede, cosi e cnstode altresi ed applicatrice della legge 
divina. Essa ha missione di guidare i fedeli al conseguimento 
della beatitudine eterna, non solo colla sincerita della credenza, 
ma colla bonta eziandio delle azioni. Senza dubbio il fedele nel 
seguire la legge divina obbedisce direttamente a Dio, in cui nome 
gli e dinunziata dalla Chiesa. Ma 1'interpretazione di cotesta 
legge e 1' applicazione da farsene ai divers! casi della vita umana, 
gli & proposta da essa Chiesa, alia cui guida e al cui reggimento 
egli e stato commesso da Cristo. In tale interpretazione e appli- 
cazione la Chiesa e infallibile; essendo assurdita manifesta che 
Cristo dopo aver affidata la pastura de' suoi agnelli a Pietro, per- 
metta che ei li meni per pascoli avvelenati. 

La stranezza della teorica Cadorniana apparisce anche dall' ap- 
plicazione che volesse farsene air ordine stesso civile. Quando il 
magistrate vuol punire il ladro o 1'omicida, questi potrebbero op- 
porgli che niuno pu6 essere punito senza colpa morale; e se essi 
siano incorsi o no col loro atto in colpa morale, deve giudicarsi dal 
solo Dio, a cui 1'uomo e responsabile delFapplicazione della legge 
morale agli atti della vita. Essi hanno operato secondo che loro 
dettava la propria coscienza ; e a niuno pu6 esser lecito lo infra- 
mettersi tra Dio e V uomo, n6 per scemare la sua liberta, ne per 
esonerarlo dalla sua personale responsabilita ; e qualunque am- 
missione si faccia di un potere ; pel quale air uomo fosse impe- 
dito di applicare e di eseguire la legge morale, secondo la sua 



404 SCONNESSIONI LOG1CHE Dl DUE AUTICOLI DEL SEN. CADORNA 

ragione, la sua coscienza, e sotto la sua responsabilita personale, 
sarebbe un manifesto attentato contro 1' online stabilito da Dio 
medesimo l . II giudicare di tale o cotal atto di applicazioue 
clella legge morale sarebbe un entrare in casuistica; il che se 
non pu6 fare la Chiesa, molto meno puo fare lo Stato. 

Che potrebbe rispondere il magistrate a un siffatto discorso? 
Ed ecco come i sofismi contro 1'autorita della Chiesa menano 
a disconoscere anche quella dello Stato. Onde non & maraviglia 
se dal Liberalismo nasce qual figlio legittimo il Socialismo. 

Ma essi menano a disconoscere anche rautorita paterna; pe- 
rocche quel discorso pu6 ripetersi anche dal figlio in faccia al 
padre. Tan to piu che il Sig. Cadorna ci fa sapere che 5 impos- 
sibile ammettere che si possa comandare ad altri un atto in ma- 
teria morale, se questo comando non viene da Dio medesimo, cio 
se non e infallibile 2 . II Sig. Senatore si guardera bene dal 
comandare a'suoi figliuoli alcuna cosa in materia morale. Essi 
potrebbero beffarsi di lui, come di chi comanda senza diritto, 
perche non infallibile in quel comando. L'obbligazione di obbedire 
in materia morale nasce, secondo lui, non daU'autorita, ma dalla 
infallibilita del superiore. Tolta questa, ciascuno e libero ad 
operare, secondo il dettame del proprio cervello. Ed ecco a che 
riesce finalaiente ia ribellione liberalesca contro la Chiesa: a 
sveller da ? suoi cardini Tautorita in generale, e rendere i sudditi 
disobbedienti al sovrano, i figliuoli al padre. 

Ci6 basti del primo articolo del signor Cadorna; del secondo 
parleremo.in altro quaderno. 

Pag. 466. 
9 Pa?. 468. 



IDEALE E VERITA 



In arte, ideale & per taluni 1' opposto di vero. Hanno torto. 
Perocche alia natura umana e ingenita un' aspirazione prepotente 
verso r ideale. Cni non fruga desio vivissuno di un bello, il 
quale sia solamente bello, scevro cio6, per quanto si pu6, delle 
imperfezioni inseparabili dalla realta delle cose, cosi nell'ordine 
materiale come nello spirituale? Ebbene questo bello, dietro cui 
sospiriamo tutti, e il bello ideale, oggetto proprio dell' arte. 

Che ci hanno a ridire i veristi? Che esso e mendace? 

Ma dunque mendace e I'lmiversal sentimento dell'nmanita! Che 
esso non e naturale? Ma no. Esso invece risponde a capello ai 
bisogui della nostra natura, e quieta i battiti del nostro cuore e 
ci rasserena la mente nel possesso di ci6 che cerchiamo. 

Suvvia. Prendetevi, o veristi, lo spasso di guidare an popolano 
di buon senso innanzi a qualche capolavoro di quegli artisti 
antichi che nelle opere loro miravano a lasciare, iusieme coll' irni- 
tazione perfetta della naturaj Timpronta ideale del proprio ge- 
nio. Sia una tavola del Beato Angelico, dove oiora tanto profumo 
di verginita e scintilla tanta luce di celeste e soprannaturale 
belleraa. II popoiano la fisa, n'e invaghito, non sa finir d'escla- 
mare: o bella! o bella! Non sa piu distaccarne lo sgaardo ineb- 
briato. E perche? 

Perche il garzoncello di sveglio ingegno raggia di gioia negli 
occhi, alita piu frequente per la gioia del cuore e si commuove 
di gioia in tutta la persona aU'udire una canzone ideale del 
Petrarca, di Dante o del Filicaia? 

L' ideale artistico rivelandosi per la prima volta all' uno e 
aU'altro, li riempie di ammirazione gioconda. Bisogna dunque 
inferirne che nel lavoro d'arte essi ravvisino quello che giaceva 



406 IDEALE 

riposto dentro la propria natura. Perocch5 il diletto artistico non 
nasce se non dalla corrispondenza del mondo esteriore coll'inte- 
riore, dell'oggetto sensibile coiranima spirituale, dell' idea rap- 
presentata e fissata daH'artefice nell' opera sua coll' idea di chi la 
contempla. E dunque veramente nella natura umana vergine ed 
Integra 1'ideale dell'arte. E nella natura umana prima die venga 
viziata da precetti accademici o da leggi arbitrarie di cattivi 
maestri. perche dirci che 1'ideale ammazza la natura e di- 
strugge il vero? 

I. 

Torna difficile, chi ne dubita? a chi vuol persuaders! e per- 
suadere altrui che 1' uomo anima e corpo, pensiero e senso, non 
e che fango; torna difficile ravvisare il vero in una bellezza la 
quale si solleva libera e monda sopra le miserie, le turpitu- 
dini, i pettegolezzi quotidian! della vita reale. E tuttavia com' 6 
mai che la mente 1'intenda, la gusti e gustandola e contem- 
plandola se ne chiami naturalmente beata? Diremo la mente 
umana in balia di fato crudele? La crederemo perpetuo trastullo 
di inganni e di fole? Bestemmieremo contro la dura matrigna 
che fece 1'umanita sol per prendersi giuoco di essa t ? E finiremo 
poi col mandare alia malora ogni cosa? 

No. Per buona sorte v'e una ftlosofia assai meno feroce di 
questa che gli odierni cantori di odi barbare e i compiacenti 
lor critic! tentano porre in onore. E la filosofia perpetua del 
genere umano. Ed essa c'insegna che la mente nostra e ima- 
gine e specchio della mente divina. Per6, come la mente divina 
si compiace nella contemplazione degli archetipi eterni, che sono 
gli esemplari perfetti delle cose; cosi anchela mente nostra tanto 
piu paga rimane e tanto maggior diletto in s6 accoglie, quanto 
piit vicini alia perfezione di quegli archetipi sono gli ideali che 
le arti belle e la poesia le porgono da ammirare. Perch& sif- 
fatti ideali eletti, sublimi, sfavillanti di luce soprassensibile e 
spirant! una vita tutta purezza, grazia, forza e amore, cosi come 
sono, non trovano riscontro in niuna particolare realita, si di- 



E VEfUTA 407 

nnno dunque men veri? Anzi tanto pid veri quanto piu dap- 
p-esso imitano i concetti divini che sono fondamento e inisura 
d'ogni verita. 

L'ideale ed il vero se 1'intendono dunque tra loro molto al- 
T amichevole, senza curarsi di quel che clicano, o scrivono, o fac- 
ciano gli apostoli del realisino. E sudino costoro: non giungeranno 
mai a schiantare dallo spirito umano la passion e nobilissima 
deli'ideale che vi sta radicata fin daU'origine, insieme col desio 
di conoscere nella stessa essenziale Yerita gli archetipi delle cose. 
A nessuno quaggiti e dato d'ammirare questi archetipi ; ma i 
genii li intravveggono e ce ne danno saggio in quelle opere pid 
sublimi, che noi con empito di meraviglia proclamiamo divine ; 
e sono i miracoli della poesia, della musica, della scultura, della 
pittura, in una parola, i miracoli dell' arte. 

Accanto a questi miracoli ponete le opere migliori del realismo 
moderno. Sia una stataa di blanchissimo marmo finamente lavo- 
rata in tutti i pid minuti particolari, cosi pazientemente condotta 
sol modello vivo che non se ne torca d 1 un capello, d' una ruga, 
d' un neo. Ma e troppo fredda, e muta, e morta. Che ci ha mai 
a fare coi portent! dell'idealita? Non vi strappa una lode che 
venga calda dal cuore. Dite: ben scolpita, ben imitata; ma non 
mi piace. Ovvero: non mi dispiace, perch& non vi scorgo positivi 
difetti; ma come chiamarla bella, se mi lascia di ghiaccio? E 
Orazio vi sasurra intanto all'orecchio il suo 

. . . vitavi dewque culpam, 
Non laudem merui! l 

Eccovi dipinta in tela una dama. II pittore pose ogni suo 
studio a rendere con verita la pompa, le pieghe, gli avvolgi- 
menti, 1'eleganza delle seriche vesti affasolate intorno la persona, 
come usa oggidi. Ma Apelle direbbe di lui : non potendo farla 
bella la fece ricca. - - Eccovi invece una Malonna di liaffaello. 
Che ve ne pare, o veristi? 

Cattiva scuolalE perche? 

Perche in essa 1'idea ammazza la natura. . 

* Ai Pisoni, vv. 267, 268. 



'S 1DEALE 

Eh ! ma noi vi lasciamo dire, e continuiamo tutti ad ammirar 
Raffaello, pensando col d'Azeglio che dieci generation! d'uomini 
protestano in nostro favore! 

II. 

Si dimestrO finora che 1'ideale artistico ha fondamento di 
verita nella Datura del nostro intelletto : nn fondamento sogget- 
tivo. Ma non meno solido e ii fondamento oggettivo di verita 
che ad esso porge anche tutta quanta la Datura esteriore. 

Delia natura 1'arte e necessariamente discepola; sappiamcelo 
troppo ancor noi, ne e mestieri che i veristi ce lo vengano noio- 
samente a fischiar nelle orecchie in versi zoppi ed in prosa sgan- 
gherata. Non e questa una no vita del buon tempo presente; 
poiche tutti i cultori delle arti belle, tutti i poeti di qualche 
conto, in tutti i tempi, se ne mostrarono informati e, quel che im- 
porta assai piu, ne informarono mai sempre le opere loro. E se 
Farte e discepola della natura, la natura e maestra dell'arte. 
Ottimamente. Ma pure un po'di cortesia anche per la discepola! 
E poiche sa fare tanto per benino, lasciamola metter qualcosa 
di suo. 

Nossignore: se Farte va un punto piu la dell' imitazione pura 
e semplice della natura, guasta ogni cosa, perche toglie alle 
opere d'arte la verita. A questo finalmente tornano tutte le ob- 
biezioni dei realisti contro Fideale. Ma per dirla schietta, pro- 
prio non v'e n& sugo, 116 giudizio, n& sapore d'arte. 

IT imitazione della natura non esclude quella sintesi nobilis- 
sima, di cui discorremmo altrove, per la quale il genio plasma in 
un tutto organico, bellissimo d'eleganza, di proporzioni e di vita 
le forme piu elette della natura. E questo tutto e vero, perche ad 
ogni sua parte corrisponde una perfezione veramente diffusa nella 
natura. Ma Farte ha migliorato in esso la natura, dandoci un 
ideale di bellezza che ne ricolma Fanima di giocondissimo stu- 
pore, appunto perch& incomparabilmente piil eletto di tutto cio 
in cui sogliarno incontrarci; e quindi ne sublima sopra Fintiera 
natura e sopra noi stessi, facendoci pregustare alcun che delFin- 
finita beliezza di Dio. 



E VERITA 40D 

Se questa e la colpa dell'arte che va dietro all'ideale, bia- 
simerole deve dirsi an che 1' opera della societa, onde lungo i 
secoli la natura fu impedita d'inselvatichire. Col lavoro inteili- 
gente dell'uomo e con mezzi material! furono dissodati terreni, 
spianati colli, iucanalati fiami, aperte commodissime vie sulle 
quali passa sbuffando la potenza del vapore, edificate citta son- 
tuose. Ed eceo la terra divenuta non pur piu bella, ma doviziosa 
altresi di delizie e di agi. E noi facciamo plauso a queste glorie 
deH'umana civilta. Perche dunque garrire il cultore dell'arte, 
che dal suo genio trae nuovi ideali, e ne adorna quella incivilita 
natura, aggiungendole, per forza di fantasia e d'intelletto arti- 
stico, bellezze e perfezioni che indarno essa richiederebbo all' in - 
dustria puramente materiale? 



III. 



Se non che i realisti considerano la cosa da un altro lato. A 
parer loro Tarte ideale, che pretende migliorare anche la natura 
illeggiadrita dalla civilta, e un'arte falsa, perch5 non la natura 
essa rende, come pur dovrebbe secondo il suo proprio fine, ma 
solo le fantasticherie delfartista. Or noi chiediamo: gli ideali 
che informano quest' arte di cui ci discorrete, stravolgono essi 
veramente le cose rappresentate in guisa che queste s vesta no 
1' indole lor propria, le proprie qualita e proporzioni, la propria 
essenza o ne rimangano ad ogni modo malconce? Se cosi e, voi 
avete ragione da vendere. 

Ne noi neghiamo che somiglianti ideali possano avere cultori, 
ed anzi che ne abbiano avuto e ne abbiano tuttavia moltissimi. 
Soggiungiamo bensi che questo non e uso ragionevole, ma abuso 
dissennato dell'ideale. Non e arte questa, e follia. Or noi con- 
sideriamo T ideale come dev'essere secondo 1'arte vera, e come 
ce lo porgono le opere di coloro che vivono immortali nella me- 
moria degli uomini. 

In quale di queste opere egregie, vuoi letterarie, vuoi pi^l 
propriamente artistiche, avviene mai di veder malmenata la na- 
tura? Anzi uno dei maggiori lor pregi 6 la naturalezza soimna 



410 IDEALE 

e quella fulgidissima evidenza, onde di primo tratto il quadro, 
la statua, il carme ti rivelano i fatti o i sentiment! voluti render 
coll' arte. Nel che, a giudizio nostro, sta appunto una delle piu 
spiccate differenze tra 1'arte antica e la moderna; perocche questa 
pur dispiegando un lusso eccessivo di mezzi, non giugne soventi 
volte a toccare il fine immediate delle rappresentazioni artistiche, 
cioe a fame intendere il soggetto con precisione e chiarezza. 

Scolpiscano in marmo o pingano in tela, Apelle, Fidia, Mi- 
chelangiolo, Eaffaello, Canova creano tipi che, nonostante la loro 
ideale no vita, serbano integra e sana la natura propria delle 
realta rappresentate. L'idealita e a quei tipi quasi nembo lu- 
minoso che li recinge, li penetra, li fa piu nobili od aggraziati, 
piu leggiadri o sublimi; ma li lascia nell'essere loro natio. Co- 
talch& mentre non ci danno in particolare nessuna delle realita 
esistenti, nel tempo stesso per6 rendono fedelmente 1' essenza e 
la natura di tutte. 

E infatti rappresentata una bellezza muliebre? Non esiste 
nessuna donna cosi bella, come nella tela o nel marmo; ma pure 
questa, in tela o in marmo, donna viva e vera. 

E rappresentata una beilezza virile? Non v'ha al mondo 
uomo cosi bello; ma pure vivo e vero 6 1'uomo che, dipinto o 
scolpito, ci sta d'innanzi. 

E dicasi lo stesso delle bellezze morali, dicasi lo stesso delle 
azioni e passioni umane idealizzate nelle iiriche, nei drammi, 
nelle epopee dei grandi poeti. La realta vi vive e signoreggia 
fino co'suoi piu reconditi misted; e tuttavia nulla essa ha di 
comune con questa o quella trivialita quotidiana della vita, perche 
il genio v'impresse la forma ideale che la sollevo ad essere qual- 
cosa di peregrino, di meraviglioso, di sublime, insomma un' OPERA 
D'ARTE. 

Siech& co'signori veristi non v'ha accomodamento possibile. 
accettino V ideale o rinunzino all'arte. IJ arte e accordo e 
compenetrazione d' ideale e di reale, dice uno scrittore 1 9 e 
dice bene. Manca all'arte il reale? Ossia, non ha verita? E arte 
falsa. Le vien meno 1' ideale? E arte nulla. E non ci vuole poi 

1 ENRICO CARDONA, Saggio intorno V imitazione del vero nella scultura. 



E VERITA 411 

un Salomone per capire che 1'arte pu6 essere specchio verace 
della natura e iDsieme apparire molto piu bella d'ogni realta 
naturale. 

L'arte, per indole sua propria mira, a riprodurre le forme della 
natura nella loro essenziale perfezione. Ma in nessun soggetto 
reale quelle si trovano con tutta la perfezione lor propria, sia 
per causa della materia in cui si moltiplicano, la quale raro e 
disposta a ricevere tutta la perfezione della forma; sia per il 
fatto medesimo del moltiplicarsi d'una stessa forma in miriadi 
d'esseri individui, che non lascia da niuno comprenderla total- 
mente. L'arte corregga, come meglio sa, questo sbaglio della 
finita natura. Ne sorgeranno tipi che non si riscontrano nell'or- 
dine reale, tipi ideali cio5. Ma quanto maggiore in essi sara 
la perfezione della forma, tanto saranno piu veri. E quanto inag- 
gior copia di splendor! da quella perfezione di forma pioveranno 
sul soggetto artistico (posto che il genio dell' artefice sappia ben 
proporzionare tutte le parti di questo), tanto i suoi tipi ideali 
riusciranno piu belli ; se non falla la descrizione del bello dataci 
dall'Angelico in quella sua forinola, che e" stupendo commentario 
alia definizione platonica: resplendentiaformae super paries pro- 
portionatas materiae, vel super diversas vires vel actiones 1 . 

Meraviglioso magistero dell'arte, per cui nell'umone ideale 
del bello e del vero relativi abbiamo una sfolgorantissima imagine 
di quell' in finita e perfettissima unita, nella quale il bello as - 
soluto e anche il Yero, e 1'assoluto Yero altro non & che il Bello! 
Per6 rettamente un eletto ingegno, il Mazzotti, nel dotto suo libro 
sulle Arti belle scrive: II genio e 1'intermedio e 1'interprete 
che esprime col suo lavoro il mezzo che pu6 congiungere il bello 
naturale col bello eterno 2 . E di qui forse proviene che V in- 
definite, principalmente nella poesia, e fonte d'ineffabile diletto 
allo spirito umano: non gia Findefinito yaporoso di Yittor Hugo 
o del Byron e dei tanti Byroniani dei nostri di, che si risolve 
in nebbia ed in nulla ; ma quello ad esempio del famoso verso 

1 Del Bello, quistione inedila di S. Tommaso d' Aquino. Napoli, 1869. 
* Le arti belle ne' varii tempi della loro cultura. Discorso critico di FRANCESCO 
Cap. 4. 



4:2 JBEALE 

di Dante: POSCIA PIU CHE IL DOLOR POTE IL DIGIUNO ! , il quale ci 
fa pensave un inondo di bellezze, senza determiaarne definitiva- 
mente uessuaa. L'indefinito che esaltava I'imaginazione del La- 
martine, quaado le acque spumeggiaati deH'Oceano gli disvela- 
vano arcane relazioni col mondo sterminato dell' Intel letto e del 
cuore 2 . 

IY. 

Impedite il volo dell'estro impiombandolo nel realismo; ed 
ecco tutto questo incanto sparire, ed ecco 1'arte dalle celesti 
regioni, ove spaziava libera e serena, precipitar nelle fogne del 
Zola, degli Stecchetti moderni, del moderni abbozzatori di Yeneri 
impudiche. Non piu un'ideadivina IMaforma: bensi Yanimalita; 
ranimalita nuda e procace, ranimalita spregiatrice e della mo- 
rale e del galateo. Se ne rallegri quella cima d'uorno che 5 
Tex-ministro De Sanctis! 

Ma in fine & un ideale anche questo: Videale della porche- 
ria, per cui amore la moda corrente rinnega gli ideali della 
grande arte antica. Che inferirne? Quello che scriveva non ha 
guari C. Cantu: < Fra la verita ed il verismo corre la differenza 
che fra la liberta ed il liberalismo, fra la poverU ed il pau- 
perismo. E spesso per verismo s'intende un convenzionale die 
sceglie le parti meno nobili e eke si decanta come il contrap- 
posto deW ideale*. Anzi piu generalmente deve inferirsene che 
1'antitesi tanto lamentata fra 1' ideale ed il vero non esiste punto, 
e si adopera come altri spauracchi da chi non vuol essere impe- 
dito nell'opera sua di rendere empia ed immorale anche I 7 arte, 
dopo aver fatto immorale ed empio tutto il resto. Intanto pero 
si ha il diritto di chiedere quale delle due arti sia tra uomini, 
la pift vera: quella che ci fa simili a Dio, ovvero quella che 
ci pareggia coi bruti? 

Conceda la palma alia seconda chi nega Dio, e tutto il pro- 
gresso scientifico ripone nel non riconoscere dentro e fuori di 



1 Inferno, Canto 33, v. 75. 

2 Voyage en Orient. 



C. CANTU. Le arti belle compayne alia nostra Esposizione nazionale. 



E VERITA 

e cbe evoki/Jone perpetua e necessaria, del la materia. Se tutto 

:;ateria, qual pro dell' idea spirituale? Essa torna ad una men- 
zogna. Se tutto e materia come chiedere al. poeta che egli ravvivi 
i suoi carmi colla scintilla divina del genio? Fa vole son quoste 
da medio-evo, che la scienza rinnovata nel vero ora disdegna. 
Per6, a fine di serbarsi vera, F arte deve star paga a riprodurro 
esattamente la realta della natura. 

Egregiamente! Ma contro questa teoria pro testa il senso co- 
mune, come contro una super! ativa stoltezza. Per6 se ne mostrava 
sdegnatissimo anche quell' Yorik, che nel Fanfulla di Roma e 
nella Vedetta di Firenze fa della bestemmia il suo pane quo- 
tidiano. E scriveva: < Se 1'arte fosse solamente il vero, come 
vogliono tanti realisti capelluti di mia conosconza, una fotografia 
sarebbe un quadro, un processo verbale sarebbe un poema, una sca- 
rica di pistolettate e di fucile sarebbe il finale degli Ugonotti '. 

Fortuna che questa teoria riesce poi nel fatto impossible a 
praticarsi; perche, come osserva saviamento il Dumas, se un ar- 
tista si conficcasse in capo di copiar col compasso da capo a 
piedi un bel modello; invece d'un capolavoro, produrrebbe qual- 
cosa di grottesco che ci farebbe torcere il viso 2 . Difatti mas- 
sime nella natura animata, v'6 il movimento, v'e la vita, v'5 un 
infinita varieta e vaghem di relazioni, v'^ insomma un mondo 
sano di bellissimi veri che indarno si domandano al modello, se 
1'artefice tutto da se nou li concepisce idealmente clentro la sua 
iuiaginaxione, e, conceputili, non li trasfoude con lavoro tutto suo 
proprio nell' opera d'arte. E che 5 mai questo, se non appunto il 
lavoro ideale, da tutti quelli che hanno senno proclarnato neces- 
sario all' arte insieme coll 1 imitazione della bella natura? 

Lungi per conseguenza dal distruggere il vero o dallo sminuirlo, 
T ideale da alle rappresentazioni artistiche quel fulgore di verita 
che altriinenti non potrebbero avere. E codesto accade (dice 
iu altro luogo 1'Yorik) perche 1'arte non & gia tutta nell'imi- 
tazione, nell'esecuzione, nella riproduzione esatta delle cose che 
cadono sotto i sensi, ma piuttosto nella facolta innata di cogliere 

1 YORIK, Vedi Napoli e poi .... 

4 DUMAS figlio nel Processo Clemenceau. 



414 



IDEALE 



m quelle cose certi caratteri special!, certe fisonomie originally 
certi modid'essere e di parere, invisibili all'occhio del volgo, che 
rivelano 1' intelligenza delle loro arcane relazioni col mondo delle 
idee, il sentimento ingenuo delle grazie della natara, e accen- 
nano al lavoro della fantasia, all' ispirazione del genio, piuttosto 
die alia fatica della inano e alia perfezione degli strumenti. 

Tanto e vero che la piu paziente, la piti fedele, la piu mi- 
nuziosa imitazione della natura non arriva quasi mai ad essere 
un' opera d'arte, e i lavori cosi fatti scivolano facilmente nel 
finite, nel liscio, nel leccato, talvolta inutili, piu spesso contrarii 
alia perfezione. La natura, sorgente inesauribile di tutte le iini- 
tazioni, fornisce all'artista gli element! del suo lavoro, ma & 
1'arte quella che li combina e li assimila: nella natura codesti 
element! sono vaghi, confusi, nebulosi; 1'arte li rischiara, li 
sceglie, li dispone: nella natura il bello si rivela per frammenti 
sparsi e disseminati a casaccio; 1'arte gli accoglie e li unisce 
annoniosamente fra loro: nella natura infinequegli element! sona 
materia bruta e materia muta; 1'arte sola presta loro un linguaggia 
eloquente e ne riveste ua pensiero originale 1 . 

V. 

Come 1'arte non pu6 scompagnarsi dall'ideale, cosi non pu6 
concepirsi ideale artistico senza il suo necessario fondamento, 
che 6 il vero ; perche il bello e sempre vero, ma non ogni vero 
e bello 2 . E tutto il niovimento letterarid, che riconosce per sua 
principale iniziatore e duce Alessandro Manzoni intese soprattutta 
a rivendicare al vero i suoi diritti, particolarmente nell'arte no- 
bilissima de'carmi. Quindi ci sembra ingiustizia somma dei mo~ 
derni paladini del vero, il dispregio in cui hanno Alessandro Man- 
zoni e la sua scuola. 

lo nato di padre manzoniano, non sono manzoniano 3 : sclama 
TAtlante della nuova letteratura verista, in atto di trioafatore. JS 
difatti non v'e strale avvelenato che, quando pu6, egli non accocchi 



1 YORIK, Fra Quadri e Statue. 

2 C. CANTU nel luogo citato. 

5 GIOSUE CARDUCCI, Confessioni e battaglie. 



E VER1TA 415 

Yolentieri al povero Manzoni ed ai manzoniani. Cesare Cantu, forse 
di quest! il piil illustre, certo il piu zelante, par diventato la 
bestia nera del veristi; ed e incredibile quante gliene dissero 
anche ora per le Reminiscenze da 1m pubblicate intorno al Man- 
zoni l . La Cronaca bizantina, monitore giacobino in vest'e lette- 
raria, che per salsa piccante serve in ogni suo numero uno scritto 
di Gliosue Carducci, bistrattava quell'opera del Cantu colle maniere 
dei facchini. E si die non ne e peranco uscito il secondo yolume! 
II Settembrini, uno dei sette sapienti della Nuova Italia, si 
divertiva, come tutti sanno, a mettere in canzone anche i Pro- 
messi Sposi. Eppure non puo ragionevolmente dubitarsi che questi 
vivranno immortali soprattutto per 1'inarrivabile loro verita. E 
qui dice bene il Trezza: Nei Promessi Sposi non hai nessun 
simbolismo fantastico, nessuna preoccupazione romantica, nessuna 
contraddizione fra 1'ideale e il reale nelle figure; tutto e vivente 
come nella natura, benche quel niondo appartenga al poeta 2 . > 

II Manzoni visse lungamente insieme col Monti e gli pose un 
affetto come di figlio, ricambiato con tenerezza quasi paterna. Si 
dice che, al legger 1' Urania del giovine Manzoni, il Monti scla- 
masse: Costui comincia dove io vorrei finire. Quando poi dav- 
yero fini, egli fu salutato dal Manzoni: 

. . . . divino, a cui largi Natura 
II cor di Dante e del suo Duca il canto. 

II Manzoni, ancor fanciullo, ammirava il Parici; e piu tardi 
lo chiam6, in un sermone, divo Parin, predicendo che 

dopo cento 

E cento lustri, il postero fanciullo 
Con balda cantilena al pedagogo 
Recitera: Torna a fiorir la rosa z . > 

Tutto questo & certo ed e glorioso al Manzoni, come e certis- 
simo, e gli torna a gloria, che 1'anima sua meglio s'accordasse 

1 Alcssandro Manzoni, Reminiscenze di CESARE CANTU. Milano, fralelli Treves 
editor!, 1882. 

2 La Critica Moderna di G. TREZZA 2 a Edizione, Cap. XIV. 

3 Sermone ad ignoto autore di vcrsi per nozze, scritto dal Manzoni nel 1804. Tro- 
vasi in Appendice ai Primi Anni di A. Manzoni dell' Abb. Stoppani. 



416 IDEALE 

con r.anima deH'Abbate milanese che con qnella del Cavalier di 
Ferrara. Ma egli non rifece il cammino ne dell'uno ne dell'altro, 
preferendo mettersi per via affatto nuova. E nelF arduo proposito 
si confermava cantando: 

s' io cadro suir erta 

Dicasi almeii: su 1'orma propria ei giace '. 

YI. 

II Parini avea continuato a servirsi della vecchia mitologia, 
forse solamente per burlarsene, come crede C. Cantti 2 . Ma il 
Monti le si tenue o almeno parve tenerlesi stretto per davvero. 
Onde fin sail' ultimo della vita dett& un suo sermone, in cui si 
scaglia furiosamente contro Vaudace scuola boreal distruggitrice 
dell'Olimpo, e pretende dimostrare nientemeno che, se si sban- 
discono le favole mitologiche, la poesia e bell'e spacciata. 

Intanto Alessandro Manzoni abbandonava intieraraente le anti- 
caglie pagane, a cui anch'egli avea saerificato nel Trionfo della 
liberta lavoro suo fanciullesco, e nell'elegantissimo poemetto ad 
Urania. Con logica vigorosa, avvalorata dalFautorita del suo 
nome, che facevasi ogni giorno piu grande, e insieme dall'eccel- 
lenza de'suoi carmi, egli atterrava gli ultimi baluardi della mi- 
tologia. 

Ma onde mai nel Manzoni tan to ardore contro la mitologia? Cht 
legge la sua lettera sul Romanticismo in Italia, vede che prin- 
cipalmente nacque in Ini da accesissimo amore pel vero. Sdegna 
1'uso della mitologia nei componimenti odierni perch^ crede cosa 
assurda paiiare del falso riconosciuto, come si parla del vero... cosa 
fredda introdurre nella poesia ci6 che non entra nelle idee, ci6 che 
non richiama alcuna memoria, alcun sentimento della vita reale: 
cosa noiosa ricantare sempre questo freddo e questo falso; cosa ri- 
dicola ricantarlo con serieta. Or non e almeno ridicola cosa che 
a'di nostri si avventino contro il Manzoni, difensore impavido ed 
instancabile del vero, e contro tutta la sua scuola, quelli appunto 
che si danno nome di veristi? Non e cosa assurda che tutti costoro 

1 In morte di C. Imbonati. 

* Yedi: L'Abbatc Parini e la Lombardia del secoio passato. 



E VERITA 417 

acclamino Maestro e Duce propriamente quell' uno, a cui riesce 
tuttavia in pieno secolo XIX, d'iavocar senza ridore, con odi o 
barbare o inintelligibili Febo ed Ebe, Yenere e Bacco, Driadi, 
Satiri, Naiadi e le divine fandulle di Lesbo? non e certissimo- 
e patente che cosiuiparla del falso riconosciuto come si par la 
del vero? Egli inneggia persino a Satan a ; e a chi gliene fa 
caso risponde iniperterrito con un'eresia, come se un'eresia fosse 
n na ragione : Satana e una fiaba ! Satana e una menzogna ! Chi ci 
crede? lo no di certo. Intanto si da della zappa sui piedi. E tutti 
addosso a domandargli: perche cantare il falso come se fosse vero? 
Se al diavolo non ci credete, perche cantaiio, con tanta sicumera, 

... dell 1 essere 
principio immenso, 
materia e spirito, 
ragione e senso ? > 

Perche tesserae in versi vita, morte e miracolicon tanta serieta, 
proprio come se fosse storia genuina e documentata; dove a 
sentir voi ; non e che una frottola del preti ipocriti e dei santocchi? 

VII. 

Insomnia nou v'& caso che i veristi ne azzecchino una. So- 
prattutto essi vanno gridando senza posa vero, vero; e vice versa 
poi stringono sempre falso, falso. Un po'di pudore, signori carL 
E se per rno'd'esempio, vi piace levare alle stelle il Foscolo che 
fece le Grazie a posta per cantare gli dei falsi e bugiardi, al- 
meno non coprite di fango il Manzoni che in tutta la sua camera 
letteraria fatico pel trionfo del vero, e all' amore del vero educfr 
tutta una generazione di poeti e di letterati. II quale amore tanta 
in lui stesso poteva, che eziandio il romanzo storico, onie egli 
ebbe nome immortale, al vero poi sacrific6, bench^ senza sufS.- 
ciente motivo. Come era intimamente persuaso che 

Sol qua giii quel canto 
Yivra, che lingua dal pensier profondo 
Con la fortuna delle Grazie attinga ' ; 

ossia in altre parole, che 1'ideale 6 indispensabile elemento di 

1 Nell' Urania. 

Serie XI, vol. XIT, fa&c. 118 21 10 itovrmbre 18^2 



418 IDEALE 

uiia bella poesia, e quindi in genere d'ogni opera d'arte; cosi non 
meno intimamente credeva che prima dote del bello artistico e la 
naturalezza, la sernplicita, il candere, la popolarita, la cordiale 
sincerita, la verita insomnia. Per6 la necessita di far rivivere la 
bella e semplice arte era il tema prediletto delle conversazioni 
sue coH'ainico Fauriel, come ne attesta il Saint-Beuve nei Por-- 
traits Con temporains. 

Inculcava inoltre di non scnvere sulla falsa riga dei classici, 
non gia perche egli non li stimasse e studiasse; ma perchd gli 
fitceva uggia 1'andazzo corrente di seppellire il pensiero sotto 
un neinbo di h'ori classici e di frasi eleganti che diventavano 
obbligatorie sol per trovarsi ne'classici. E certo codesta specie di 
mosaici variopinti, a cui manca intieramente 1'unita dell'inspira- 
zione, hanno quel fare d' imparaticcio, proprio degli uinanisti, 
che disgusta fortemente chiunque sia nell'animo formato al senso 
del bello. Quindi appar ragionevole lo sfogo che il Manzoni faceva 
fino dal 1816 col Fauriel. Quanta briga (cosi egli) si diedero 
gli autori per far male ! per lasciar da banda certe cose belle e 
grandi che naturalmente si presentavano, e il cui unico inconve- 
niente era di non esser conform! al si sterna angusto ed artificiale 
dell'autore! Quale studio per non far parlare gli uomini come 
essi parlano di solito, n6 come potevano parlare, per alienare la 
yera prosa, la vera poesia e sostituirvi un linguaggio rettorico il 
piu freddo ed il meno adatto, ad eccitare rnovimenti simpatici ! 

Doinandiamo noi qual sia la cosa ragionevole richiesta dai ve- 
risti present!, che il romanziere lombardo non abbia gia inse- 
gnata cinquant'anni fa? Mettono sossopra il mondo per aver tro- 
vato che in certi libri di classici autori o di seguaci dei classici 
non si dice mai barba alia barba, e vino al vino, e capelli ai ca- 
pelli e occhi agli occhi, e si adoperano spesso viziose circonlocu- 
zioni affine di evitare la parola propria. Bella scoperta ! II Manzoni 
Tha fatta gia, gli e piu d'un mezzo secolo, condannando come si 
conveniva quella stranezza letteraria; e, precedendo coU'eseinpio di 
Notar la plebe con sermon pedestre 1 . 

1 Nel sermone al Pagani, che puo leggersi in Appendice ai Primi anni di 
A. Manzoni dello Stoppani. 



E VERtTA 419 

"Non sappiaino dayyero che cosa i veristi pretend ano facesse 
A. Manzoni, per meritarsi la gloria, clio universalmente gli e 
tributata, di apostolo del vero e del naturale in opera di lette- 
ratura. Ma e forza conchiudere che ragioni ben altre dalle lette- 
rarie consiglino i realist! modern! a predicar la crociata contro 
il Manzoni e la sua scuola. In questa scuola i realist! non possono 
tollerare che un ideale casto e religioso tenga luogo dell' ideal e 
della porcheria, alia loro unicamente diletto. Ed avendo, da tempo 
assai, cominciato a temere che questa scuola manzoniana potesse 
rendere qualche servigio alia sana morale ed alle credenze cat toll - 
che, fin d'allora giurarono rauoverle guerra di sterminio: rna 
guerra religiosa sotto le mentite sembianze di coutesa o di gara 
letteraria. N& senza buon fondamento crediamo di poter riferiro 
appunto a costoro le parole seguenti della Vita di Gino Ca>>- 
poni, scritta dal Senatore Tabarrini: Quando, dopo il 1850, 
sorse in Toscana una scuola di giovani di ingegno e di stndii, 
la quale proclamando il ritorno all' ellenismo delle forme non 
nascondeva i fin! anticristiani, il Capponi vide subito il principio 
d'una letteratura empia e beffarda che avrebbe fatto tabula rasa 
d'ognl credenza, e sovvertita la morale. 

VIII. 

Per la verita ii Manzoni e molto piti, dopo lui, i mauzoniar!! 
diedero occasione al sorgere di questa nuova scuola che proclam5 
il ritorno all' ellenismo delle forme. 

Anzitutto il Manzoni nella sua lettera a Oesare d'Azeglio sul 
romanticismo in Italia eras! dichiarato aperto fautore del nuovo 
indirizzo letterario, chiamato con nome di Germania romanti- 
cismo quasi per levare eziandio colla parola una bandiera avversa 
al vessillo del classic?'. E quella lettera, notisi bene, rimasta lungo 
tempo inedita, comparve in pubblico solo nel 1847. II roman- 
ticismo ivi difeso dal poeta lombardo non e per fermo lo sbrigliato 
e frenetico di coloro che, come con quel suo solito stile dice il 
Cantti, aspirando al nuovo frovavano solo lo strano. E lo mi- 
tologie gentilesche sostituivano con altre mitologie, i sentiment! 
convenzionali censurati nei classici con altri sentimenti non meno 



IDEALE 



conventional! '. Difatti il Manzoni dichiara in quella stessa lettera 
che se per romanticismo s'intende un non so qual guazzabuglio 
di streghe, di spettri, un disordine sistematico, una ricerca dello 
stravagante, un'abiura in termini del senso comune v'& ogni 
ragione di rifiutarlo e di dimenticarlo. Ma come accade in ogni 
questione special mente nelle letterarie, i traviamenti di alcuni 
faouo cadere il biasimo sopra tutti. Qujndi il grido: torniamo 
alle forme elleniche! torniamo all'antico. 

Soprattutto a furia di raccornandazioni.in favore della sostanza, 
si tolse, senza volerlo, il credito alia forma. E diciamo senza 
volerlo; perche il Manzoni Iavor6 sempre con isquisito studio anclie 
tutto quello che in un componimento letterario egli credeva di 
gran lunga meno importante del fomlo e del contenuto; vale a 
dire, non pur le parole, lo stile, 1'espressione, il colorito e le altre 
forme secondarie dell'arte; ma in particolare la composizione ar- 
tistica propriamente delta, ossia la forma organica e quasi la 
seconda vita che il soggetto riceve dalle mani dell'artista, e pel 
quale incomincia ad esistere come opera d'arte. Questa fu la pra- 
tica costante del Manzoni e de'inigliori suoi seguaci. Ma non 
pu6 negarsi che la teoria fosse o almeno sembrasse alquanto 
diversa. 

II ripetere incessante che fa mestieri badare pii\ alle cose 
<;he alle parole, pift alia sostanza che alia forma, persuase a 
molti che bastasse cantar cose buone per cantar bone. Quindi 
versi da colascione, e carmi devoti, nei quali invano si cerca 
qualcos' altro che la (levozione. Aggiungasi a ci6 che, pei roman- 
tici, un' opera non poteva essere bella se non avesse efficacia 
direttamente educatrice. Pel Mauzoni tale efficacia era principal- 
mente riposta nel nutrire il sentimento religioso; per altri poi, 
specialmente pei mazziniani, nel rinfocolare le ire contro lo 
straniero, la febbre di far 1' Italia, le passioni tutte rivoluzionarie 
insomrna, col pretesto dell'amor di patria. Ora, giudicate a questa 
:stregua le opere anche dei nostri classici autori, ben poche ri- 
miarrebbero in piedi. Difatti Cesare Cantu, nella sua Storia della 
letteratura italiana, fa man bassa sopra tutto e sopra tutti ; sicche 

* Alessandro Manzoni. Iirininisccu/r di CKSAHE CANTU. Vol. I, c. 4. 



di sotto alia spada di questo Angelo steriniuatore nou escono 
salvi neppure i sommi, come 1'Ariosto, ii Petrarca, e lo stesso 
pio Torquato. 

IX. 

Ma e chiaro, in cotale scuola letteraria, farsi del bello una 
cosa sola col Mono; dottrina vora quando paiiiamo del Mono 
assoluto, ma non esatta riguardo al buono relative. Per6 ne 
tolgouo pretesto i realist! moderni d'insorgere gridaudo: che buono 
d'Egitto! In arte non si ha da curare altro che il bello: eccesso 
pi ft grave del primo, che spalanca le porte dell'arte a tutte le 
turpitudini ! 

E chiaro altresi che quella scuola confonde il fine intrinseco 
ed immediate dell' arte, doe il diletto, che si procaccia per mezzo 
del bello artisticamente rappresentato, col fine che ogni saggio 
cultore delle arti belle deve, generalmente parlando, proporsi, 
cioe un vantaggio morale, o civile, o religiose del suo prossimo. 
La massima promulgata dal Manzoni nella sua lettera sul ro- 
manticismo, ed inculcata dal Cantft anche nelle Reminiscenze, 
che la poesia o la letteratura in genere debba proporsi Futile 
per iscopo, il vero per soggetto, e 1' interessante per mezzo, e di 
certo una massima santa; ma non e del pad esatta secondo i 
principii dell'arte. E quindi i realist! ne tolgono occasione al lore 
motto: I' arte per V arte. II quale e falsissimo, perche Tarte, 
quando sia perfetta, e di per se educativa. E di pift iniquo; 
perche mira a stabilire un' arte meretricia, che si burli d' ogni 
cosa santa, e procuri aH'uomo un diletto non umano, ma ani- 
malesco. 

In conclusione per ischivare tutti gli eccessi e rimanere nei 
termini della sana dottrina, dobbiamo dire che fine proprio del- 
l'arte 6 il bello. Per raggiuugerlo non pu6 farsi a meno dell'ideale. 
Ma 1'ideale e fondato necessariamente sul vero, e s'accompagna 
seiupre col buono, almeno in questo sense, che non deve essere 
immorale. 



FLORA, FAUNA, AWENTURE 

APPUNTI 

DI UN VIAGGIO NELL' INDIA E NELLA CINA 



XXYIII. 

LA MANGIFERA, LE PALME DELLO ZUCCHERO, BEL SAGU E DEL VINO 



E L'ALBERO DEL PANE. 



La brigata erasi adagiata aU'ombra di un gruppo di manglL 
o mangifere, le quali sorgevano in un vasto pomiero apparte- 
nente alia casa reale. Per6 1'ufficiale, clie la scortava, ricordevole 
della raccomandazione fattagli dal Sultano, fe'tosto recarle d'in- 
nanzi un cesto di sceltissime raanghe di vario sapore, di che 
tutti regalaronsi a talento. La mangifera, della famiglia delle 
terebintacee, 6 una pianta di bellissimo aspetto, alta da dodici 
a quindici metri, vestita di foglie luughe, coriacee, lanceolate, 
e di un verde carico e lustrante. I suoi fiori a pannocchia tirano- 
al rosso, e i suoi frutti al verde, al giallo, o al rosso, a second a 
delle diverse loro specie, variando anche tra loro di grandezza, 
di forma e di sapore. Nella specie pid comune il frutto e una 
drupa verdiccia, allungata, e di una grossezza che varia dalla 
prugna alia pera spadona. La polpa dentro 5 di un color giallo 
aranciato, molle, succosa, aromatica, e di un delizioso sapore 
acidetto e zuccherino insieme. II nocciolo e lungo, compresso, 
foggiato a lancia, vestito di una sericea lanugine, con dentrovi 
una mandorla di amaro sapore. Si contano oltre ottanta specie o 
varieta di questa pianta, la maggior parte delle quali giocondano 
a un tempo la vista, Folfatto e il gusto. Le pi ft pregiate sono 
il mango verde, il mango pesca, il mango susiuo e il mango al- 
bicocco, nomi dati loro per una certa analogia che hanno i frutti 
di queste specie, o varieta, con que' delle nostre piante europee. 
II mango cresce prestissimo e ha vita si rigogliosa e 



FLORA, FAUNA, AVVENTURE - XXVIII. LA MANGIFERA, EGG. 423 

che spesso per la copia de'frutti i suoi rami al loro peso s'inar- 
cano, o anche si spezzano. Questa pianta in Sumatra e nolle calde 
region! non abbisogna di cultura, mentre tanta ne richiede nelle 
nostre serre d'Europa, ove non mette mai con vigore. 

Mentre la comitiva faceasi allegramente uca buona satolla di 
inanghe, Zeno sostenendo sempre con dignita il suo personaggio 
di cicerone della brigata, invece di mangiare, era tutto intento 
a dissertare, e dicea mirabili cose della mangifera riguardata 
dal lato deH'alimentazione, dell'economia, dell'igiene, e che so 
io. Fra le altre cose ei noto che gl'indigeni fanno delle manghe, 
condizionate con zucchero e scorze di limoni o di cedri, squisite 
conserve, giulebbi e canditi e un eccellente achart o conserva 
in aceto; ma passando tosto alle qualita mediche della pianta, 
che erano il tema obbligato delle sue botaniche dissertazioni, die 
a conoscere alia brigata i diversi usi che ha il mango in me- 
dicina. Esso somministra, dicea Zeno con enfasi, un eccellente 
depuratbo del sangue, e pero e un prezioso rimedio in un clima 
umido e caldo, come questo, ove lo scorbuto e si frequente. La 
sua scorza secca, polverizzata e infusa nel brodo arresta le diar- 
ree e le dissenterie; e la stessa virtu hanno le sue ruandorle 
abbrostite e polverizzate, le quali posseggono anche quella di 
mandare al diascolo que'manigoldi di vermi, che torturano le 
povere creaturine. 

- Se ^ cosi, disse tosto Bianca, volta alia madre, dammi li- 
cenza di gustare qualche altra manga ancora... 

- Oh adesso basta, rispose 1'Elisa. Anche i rimedi diventano 
veleni, se sono presi senza discrezione. E si dicendo, levossi, e 
con lei tutta la comitiva. 

- Mamma, disse la bimba, e non vorrem noi prendere un 
saggio della maugostana, che mi si dice essere il piu prelibato 
frntto del mondo? 

Ah ghiottoncella! le rispose la madre, tieni a freno la gola. 

- Ne avrai a iosa, dissele Zeno, ai ritorno, o quando sbar- 
cheremo a Palo-pinang, che e il paese delle mangostane. 

La brigata si rimise in via, e cammin facendo, Zeno le venia 
additando alcane preziose palme, dalle quali traggono gl'indigeri 



424 FLORA, FAUNA, AVVENTURE 

immensi vantaggi. Una di queste era la Pahna dello zucchero, 
Arenga saccharifera, dond'essi cavano il loro diaggari, che pre- 
feriscono allo zucchero di canna, ancora che di questo Sumatra 
non iscarseggi, avendovi molte piantagioni di canne da zucchero. 
Le altre erano il borasso. gommoso, la pal ma flabelliforme e il 
sago, tutte specie di palme, dalle quali gl'indigeni estraggono 
parimente dello zucchero, e fecole nutrienti, e spiritosi liquori. 
Per non toccar qui che del sago detto del Eumfio, egli e quella 
pal ma che contiene una midolla farinacea, alimento sauissimo, di 
cui ci viene di cola ogni anno grande derrata sotto nome di sagu. 
Questa palma preziosa stilla eziandio dalle incisioni aperte nella 
sua scorza un succo, il quale fermentato che sia, e il miglior vino 
di palma che si conosca, vino colorito, spiritoso, ricco d'acido car- 
bonico e spumeggiante. Se la pianta e tenerella, la sua parte in- 
terna e il piu tenero e delicato mangiare, che regalar possa una 
mensa signorile. 

Queste ed altre notizie venia dando il nostro valente botanico 
all'Elisa e ad Astolfo, che formavano tutto il suo uditorio, poiche 
i due bimbi sempre cogli occhi in volta, per sorprendere a volo 
col guardo un qualche augelletto dai mille colon , non poneano 
mente a quanto egli dicea, e gli altri viaggiatori bamboleggiavano 
intorno alia politica, raffazzonando a lor modo il mondo, e ta- 
gliando di qua, e aggiuntando di la, come a ciascuno dava piu nella 
fantasia, rabberciavano e mettevano a nuovo il globo terraqueo. 

Quando uno scoppio di risa interruppe il ragionar di Zeno, e 
richiam& 1'attenzione di tutti. Una drupa colossale caduta da un 
albero, avea percosso il bianco elmetto di uno de' viaggiatori, con- 
ficcandoglielo col suo peso fino al mento. 

Che razza di frutto 6 mai cotesto? dimand6 maravigliato 
Astolfo, che se lo vide rotolare a pte. 

- Cotesto, rispose Zeno, e il frutto dell 7 albero del pane. II 
che quegli udendo, grid6 alia sorellina rimasta indietro colla 
madre e con Patrizio: 

Affrettati Bianca, vieni a vedere 1' albero a pane, un al- 
bero donde invece di frutti pendono pagnotte. 

Oh si proprio le pagnotte!... rispose con un sogghignetto 



XXVIII. LA MANGIFERA, LE PALME DELLO ZUCCHERO, ECC. 42 J 

la bimba.