(navigation image)
Home American Libraries | Canadian Libraries | Universal Library | Community Texts | Project Gutenberg | Children's Library | Biodiversity Heritage Library | Additional Collections
Search: Advanced Search
Anonymous User (login or join us)
Upload
See other formats

Full text of "La Civiltà cattolica"

s 

.CO 

-r- 
o> 




m 













w. v 







LA 



CIYILTA CATTOLICA 



ANNO QUARANTESIMOQUINTO 






ie X T, vol. X, fate. 1051. 1 1694, 



LA 



CIVILTA GATTOLICA 



ANNO QUARANTESIMOQUINTO 



populus emus Dominus Deus rius. 
PSALM. CXLHI, 18 



VOL. X. 
DELLA SERIE DECIMAQUINTA 




t 










ROMA 

DIREZIONE E AMMINISTRAZIONE 

Vim dl BlpotU, 246 
TJl'<Xii:\ri.\ AI.ESSAXDRO BEFAM 

1894 



FEB - 4 1957 



PROPKIETA LETTERARIA 



Roma, Tip. A. Belttiu 



SANCTISSIMI DOMINI NOSTRI 
LEONIS 



I'lVIVA PROVIDK.NTIA 



PAPAE XIII 



EPISTOLA ENCYCLICA 

AD 

EPI8COP06 POLOXOS 

VENEKABIUHV8 FRATRIBV8 

AKfcHIEPISCOPIS ET EPI8COPI8 POLOMS 

LEO PP. XIII 

VENERABILES FRATRKs 

SALVTEM ET APOSTOLICAM BENEDICTIONEM 



Caritatis providentiaeque Nostrae peculiare testimonium 
<juod aliis catholicis gentibus per iutervalla exhibuimus, ut, da- 
tis ad earum Episcopos singularibus litteris, documenta Apo- 
stolicae exhortationis impertiremus, id similiter vobis ex op- 
portunitate praestare posse, iamdiu Nos ingens desideriuni 
tenebat. Equidem populum istum, genere, sermone, religiose 
ritu variutn, uno Nos onmem, quod alias ediximus, eodeinque 
studio complectimur et fovenms; neque unquam nisi iucun- 
dissime de ipso cogitainus, cuius et praeclara spiral inemoria 
gestaruni rerum, et inagnam erga Nos coniunctain cum flducia 
pietatem constanter agnovimus. lu ceteris enim laudibus, 
laus merito manet exiinia patribus illis vestris, qui, treme- 
facta Europa ad impetus hostium christiani nominis praepo- 
t.-iitinin, pfctorum suorum praesidia inter primos, insignibus 
praeliis, opposuerunt, iidem religionis et civilis cultus vindi- 
ces acerrimi fidissimiijue custodes. His de promeritis palara 



<', SANCTISSIMI I'. N. I.KONIS IUVINA I'HOVII)] '.N II A PAPAE XIII 

,i No]. is non multos ante menses cum gamlio (<,nimMn<>- 
ratum, tune scilicet quum nonnulli vestrum, Yenerabiles Fra- 
tres, pia fidelium agmina peregre ad Nos salutatum gratuhi 
tumque adduxistis; ex qua pulcherrima fidei testinYnti 
pergrata adfuit occasio ut avitae religionis decus, per multos 
rerum et difflciles casus integrum, vividum, Poloniae vicissim 
gratularemur. lamvero sacris eius rationibus si, quantum 
erat in Nobis, nihil antea prodesse destitimus, id posse vel am- 
plius cupimus, atque in praesentia efflcere consilium est: ea 
nimirum causa, ut sollicitudinis in vos Nostrae apertior extet 
coram Ecclesia declaratio, utque etiam vestrum omnium animi 
in catholicao professionis offlciis, roborata virtute, subsidiis- 
auctis, confirmentur et praestent. Hoc autem facere instituimus 
alacriore quidem cum spe, propterea quod cognitmn perspec- 
tumque habemus qua vos, Venerabiles Fratres, sollertia inter- 
pretes voluntatis Nostrae et ministri esse consueveritis, et quo 
proposito in summis vestrorum gregum bonis tuendis augen- 
disque elaboretis. Quos autem in ipsis praestabiles fructus ex- 
petimus, ita Deus, qui ad alloquendum movit, benignus idem 
secundet. 

Beneficium divinae veritatis et gratiae, quod humano ge- 
neri religione sua Christus Dominus attulit, tantae excellen- 
tiae utilitatisque est, cum quo aliud nullum in ullo genere n<" 
conferri quidem possit nedum possit aequari. Cuius virtus be- 
neflcii multiplex, ut omnes norunt, et saluberrima, mirum in 
modum affluit ad singulos et ad universos, ad societatern do- 
mesticam et ad civilem, ad prosperitatem caducae vitae iu- 
vandam et ad felicitatem adipiscendam vitae immortalis. Ex 
quo continuo apparet, gentes catholica religione donatas, sicut 
, inaximo bonorum omnium in ea potiuntur, ita offlciorum om- 
nium maximo adstringi eiusdem colendae et diligendae. Simul 
vero apparet, rem non esse eiusmodi, quam ad suum cuiusque- 
arbitrium vel singuli vel civitates recte se praestare posse 
confidant, verum qua dumtaxat ratione, qua disciplina, quo- 
ordine ipse definivit et iussit religionis divinus auctor: vide- 
licet magisterio et ductu Ecclesiae, quae ab ipso tamquam co- 



[CA 

na ct firmamentum verilat -titut.i est, eiusque 

n-i opt; P'T oinnes aetates vi^uit. vi^'liti|u, rata proiui- 
e, perpetuo: Ego vobiscum sum nmmlms diebus, usque ad 
consummationem saeculi *. luiv igitur guiti vestrae t;im 
<*larus relLMonis honor ab avis et inaioribus ideo stetit. ; 
>sia<- iiuitri siiinma semper adhaesit fide, parique in ob- 
nio Pontiflcura romanorum et in obedientia sacrorum an- 
tistitum, quos illi pro potestate dosignarent, iuunota perstitit 
prr. Irnle quam multa ad vos conimoda et ornamenta pro- 
fluxerint, quam praesentia in trepidis rebus solatia ceperitis, 
quanta habeatis etiamnum adiumenta, vosmet gratis ten-ti> 
iininiis, grate profilemini. ManiCt.'stuni quotidie est, quaenam 
vissimarum rerum in populis imperiisque consequantur mo- 
menta, Ecclesia catholica vel observata et digno loco habita 
v.?l per iniuriam contemptionemve laesa. Quum enim in doc- 
irina et lege Evangelii ea contineantur quae ad salutem per- 
lectionemque hominis, turn in fide et cognitione, turn in usu 
-t actione vitae, usquequaque proflciant; quumque earn doc- 
trinam et legem Ecclesia, divino a Christo iure, tradere pos- 
>it et religione sancire; ipsa propterea, divino munere, vi 
inagna pollet moderatrice humanae societatis, in qua et fau- 
trix est generosae virtutis et lectissimorum bonorum effectrix. 
At Ecclesia vero, cui divinitus romanus Pontifex praeest, 
tantum abest ut, ex auctoritatis tanta amplitudine, quidquam 
sibi de alieno arroget iure aut cuiusquam obliquis studiis con- 
niveat, ut potius de iure suo saepe remittat, indulgendo; atque 
Mimmis et infimis sapienti consulens aequitate, sese omnibus 
-ubernatricem et matrem exhibeat sollertissimam. Quapropter 
illi iniuste faciunt qui hac etiam in re veteres contra ipsam 
calumnias, iam toties refutatas planeque contritas, in lucem 
nituntur revehere, nova vituperationis specie conflctas : neque 
ii minus reprehendendi, qui eudein de causa diffldunt Eccle- 
siae, eique suspicionem conflant apud rectores civitatum et in 
publicis legumlatorum coetibus, a quibus nempe laus plurima 

1 Tim. III. 15. 

1 Matth. XXVIII, 2o. 



SANCTISSIMI D. N. LEONIS DIVINA PROVIDENTIA I'AI'AK XIII 

ipsi debetur et gratia. Nihil eniin onmino ea docet aut prae- 
cipit quod maiestati principum, quod incolumitati et progre- 
dienti populorum vitae, ullo modo offlciat vel adversetur; 
multa immo ex Christiana sapientia assidue profert ad com- 
munem eorum utilitatem sane quam conducibilia. In quibus 
haec memoratu digna: principatum qui teneant, eos imaginem 
divinae in homines potestatis providentiaeque referre; eorum 
imperium debere iustum esse et imitari divinum, bonitate tem- 
peratum paterna, atque unice emolumenta spectare civitatis; 
ab ipsis rationem Deo iudici aliquando reddendam, eamque 
pro celsiore dignitatis loco graviorem : qui vero sint sub po- 
testate, debere constanter reverentiam et fldem servare prin- 
cipibus, tamquam Deo regnum per homines exercenti, eisdem 
obtemperare, non solum propter iram, sed etiam propter 
conscientiam *, pro ipsis adhibere obsecrationes, orationes, 
postulaliones, gratiarum actiones 2 ; debere sanctam custodire 
disciplinam civitatis; ab improborum machinationibus sectis- 
que abstinere, nee quidquam facere seditiose ; omnia conferre 
ad tranquillam in iustitia pacem tenendam. Ista et similia 
praecepta institutaque evangelica, quae ab Ecclesia tantopere 
suadentur, ubi in pretio sunt et re ipsa valent, praestantissi- 
mos ibi fructus afferre non cessant, eosque afferunt in illis 
gentibus uberiores, in quibus Ecclesia liberiore utitur sui mu- 
neris facultate. Eisdem vero refragari praeceptis et Ecclesiae 
ductum recusare, idem est ac refragari voluntati divinae et 
insigne beneflcium abiicere; nihil ut in civitate vere prospe- 
rum honestumque permaneat, permixta delabantur omnia, 
anxia calamitatum formidine et rectores et populi .occupentur. 
Habetis quidem, Venerabiles Fratres, de his rerum capiti- 
bus iam fusius a Nobis tradita per occasionem praescripta: 
eadem tamen visum est summatim revocare, quo navitas vestra, 
novo quasi auspicio freta auctoritatis Nostrae, impensius in 
idem feliciusque contendat. Illud certe optimum faustumque 
fuerit in gregibus vestris, si afflatus caveantur turbulentorum 

1 Rom. XIII, 5. 
I Tim. II, 1-2. 



EM ICA 9 

hominum, pessimis artiims nihil i;im non scclestissime auden- 
tiuin ad evertenda delenda imp<>ri:i: si nullae offlciorum par 
quae civium sunt bononun, (l.->i.lTentur: si ex fide Deo debita 
et sacra, lidos erga rein public-mi >t prinripes eftlorescat 

De societate item dornestica, de iuventutis et sacri ordinis 
institutione, de modis oj>tiinis christianae tractandae caritatis, 
diligentiam acuite. Integritas et honestas domesticae con- 
victionis, ex qua praecipue sanitas ftinditur in venas societatis 
civilis, repetenda est primuin a sanctitate coniugii, quod se- 
cundum Dei et Ecclesiae praecepta initum sit, unum et indi- 
viduum. Turn oportet iura et offlcia inter coniuges inviolata 
esse et quanta maxima fieri possit concordia et caritate expleri; 
prolis tuitioni commodisque, potissimum education!, parentes 
consulere; suo ipsos documento vitae, quo nihil praestantius 
est neque efficacius, antecedere. Institutioni tamen liberorum 
rectae probaeque nequaquam illi arbitrentur se posse, ut par 
est, prospicere, nisi summopere evigilando. Neque enim ab iis 
tantum scholis lyceisque defugiendum est, ubi doctrinis error 
de religione, dedita opera, admisceatur, vel ubi propemodum 
dominetur impietas, sed ab iis etiam in quibus de christianis 
institutis et moribus, perinde ac de importunis rebus, nulla 
sit praeceptio nee disciplina. Nam quorum ingenia litteris et 
artibus erudiuntur, eosdem profecto necesse est pariter cogni- 
tione cultuque erudiri divinarum rerum, utpote qui, admonente 
ipsa et iubente natura, non minus quam civitati, multoque 
amplius, debeant Deo, quique idcirco in lucem suscepti sint, 
ut civitati servientes, ad mansuram in caelo patriam iter di- 
rigant suum studioseque conflciant. In hoc autem cessandum 
minime erit, procedente cum eorum aetate cultura civili ; quin 
eo insistendum enixius, turn quod iuventus cupiditate sciendi, 
ut nunc praesertim agitantur studia, vehementius quotidie ur- 
getur, turn quod eidem maiora quotidie impendent de lide pe- 
ricula, magnis iam deploratis tanta in re iacturis. Quod vero 
de ratione sacrae doctrinae tradendae, de magistrorum pro- 
bitate et peritia, de librorum delectu, quasdam Kcclesia censet 
vindicare sibi cautiones, quosdam modos praeflnire, id sane 



10 SANCTI>sIMI H. N. LKONIS MVINA PROVIDKNTIA I'AI'AK XIII 

suopte iure facit; neque id potest non facere, pro eo quo 
netur gravissimo officio providendi ne quid usquam irrepat, 
ab integritate alienum fidei morumve, quod christiano populo 
noceat. Sacram porro institutionem, quae impertiatur in 
scholis, ca conflrmet et compleat quae certis temporibn- 
praescriptisque habcatur in curiis ac templis, ubi eiusdem fidct 
caritatisque germina, quasi in solo suo, uberius nutriuntur ct 
proveniunt. 

Haec satis per se ipsa monent, singulari opus esse diligentia 
et opera ad informandum ordinem clericalem; qui, divine ora- 
culo, talis succrescere debet atque sacrum ita tenere propo- 
situm, ut sal terrae et lux mundi habeatur et sit. Utraque 
laus, quae doctrina sana vitaeque sanctirnonia praecipue con- 
tinetur, in adolescente quidem clero potissime accuranda est, 
neque tamen minus est custodienda et provehenda in clero- 
adulto, qui proxime incumbit ad consummationem sanctorum 
in opus minislerii, in aedificationem corporis Christi i . I)e 
sacris seminariis clericorum bene est Nobis cognitum, Vene- 
rabiles Fratres, minime partes deesse vestras ; ut, potius quam 
admoveamus incitamenta, comprobationem testari deceat vobis 
eisque omnibus quorum ipsa laetantur procurandi et docendi 
labore assiduo. Sane, temporibus quae inciderunt tarn Eccle- 
siae iniquis, quum hostes veritatis invalescunt, quum corrupte- 
larum pestis iam non serpit occulta, sed impudens in omnia 
^rassatur, si plura quam antea levamenta et remedia ex- 
pectanda sunt a sacerdotali ordine, is nimirum maiore quam 
antea cura et exercitatione comparand us est ad bonum cer- 
tamen fidei et ad parem virtutis omnis dignitatem. Quae de- 
ratione dirigenda studiorum sunt a Nobis identidem normae 
praestitutae, in re praesertim philosophica, theologica, biblica r 
probe nostis : ad eas instate ut sese magistri perdiligenter com- 
ponant, neve ullam praetermittant ex doctrinis ceteris, quae 
gravioribus illis ornamento sunt, et sacerdotalibus muniis ad- 
dunt commendationem. Instantibus similiter vobis, moderatore.^ 
disciplinae et pietatis (homines qui esse debent integritate et 

1 Eph. IV, 12. 



1 1 

s :mi>. >i- pftUonwn temperent vitae comma- 

aluiiHioniiii aniinos runt'onm-iit rxerceaftitqiu 1 . ut vir- 
tutuin roMfjTii.'ntiuin quotidian! in ijis progressus eluceant : 
atque hue illud etiam spectet, omnein ut addiscant iiiaturequ>- 
induant prudentiam in iis attingendis quae civilis sint potestati^. 
Hoc sane mode ex sacris illis veluti palaestris et castris nova 
continenter militia, eaque optima instructa, prodibit, quae sup- 
petias venial laborantibus in pulvere et sole, alque defessos 
^meritosque integra suppleat. Verum, in ipsa sacrorum rau- 
nerum perfunctione, facile videtis quantum periculi virtus vel 
solida offendat, et quain sit humanum languescere in propo- 
-itis ab eisque deflcere. Itaque eo simul pertineant curae vestrao 
ut sacerdotibus apposite praebeatis quo studia doctrinae reco- 
Jere possint et augere, in primis quo contentius possint, re- 
<lintegratis interdum animorum viribus, et perfection! vacnr.- 
suae' et aliorum sempiternae saluti prodesse. Talem vos, 
Venerabiles Fratres, rite in oculis vestris eductum atque pro- 
batuin si habueritis clerum, sentietis profecto vobis pastoral 
innnus, non allevari solum, sed etiam abundare optatis in greg^ 
fructibus : quorum licet sperare copiam a cleri maxime exem- 
plo et actuosa caritate. 

Eiusdem caritatis praeceptum, quod magnum in Christo 
omnibus ex quovis ordine commendatissimum sit, idque 
sin^uli perficere studeant, quemadmodum loannes monet apo- 
stolus, opere et veritate: nullo enim alio vinculo aut praesidio 
<x>nstare ad flrmitatem familiae et civitates possunt, neque, id 
<iuod pluris est, christianae dignitatis merita adipisci. Qua-- 
Nos considerantes, deplorantesque tarn multa mala et acerba, 
eo posthabito dimissove praecepto, publice et privatim conse- 
cuta, saepenumero in eadem re Apostolicam vocem edidimus : 
singulariter fecimus per litteras encyclicas, quarum initium 
est Novtirmn >-erum, ubi principia retulimus, ad causani il- 
conditione opiflcum ex veritate et aequitate evangelica diri- 
mendam aptiora. Ea ipsa mine renovata admonitione inculca- 
mus. Sancta movente ei ducente caritate, quantam catholic;i 

ituta, sodalitia artiflcum, mutuo opitulantium consociationes. 



12 SANCTISSIMI D. N. LEONIS DIVINA PROYII'KM IA 1'ATAK XIII 

id genus plura, vim habeant virtutemque vel ad leniendas te- 
nuiorum aerumnas vel ad inflmam plebem recte erudiendam. 
aperturn experiendo est : qui autem consilium vel auctoritatem, 
pecuniam vel operam ad ista conferant in quibus vertitur mul- 
torum salus, etiam sempiterna, ii verissime de religione et 
civibus suis promerentur egregie. 

Ad haec, genti Polonae universe dicta, certa quaedam subii- 
cere libet, quae singulatim, pro locorum in quibus versamini 
conditione, usui fore censemus; atque adeo ex his ipsis quae 
dedimus monitis quaedam libet eo altius in animis vestris de- 
figere. Vos primum, ut plures numero, qui Russico imperio 
paretis, iure est quod catholicae professionis nomine collau- 
demus, hortatione muniamus. Caput est hortationis Nostrae, 
ut istum constantiae animum in sancta fide colenda retineatis- 
acriter et foveatis, in qua id bonum habetis, quod principium 
et fons est, ut diximus, maximorum bonorum. Hoc utique chri- 
stianus animus ceteris rebus omnibus longe anteponat oportet; 
hoc ipsum, ut sunt divina iussa et splendida sanctorum homi- 
num facta, nee ullis fractus difflcultatibus deserat, et summis 
viribus laboribusque custodiat; eiusdemque virtute fultus, so- 
latium et opem, quoscumque humanae res eventus adducant r 
aeque certissime ac patienter a Deo memori expectet. Ad 
Nos, quod attinet, rerum vestrarum quae sit conditio, equidem r 
pro munere Nostro, habemus compertum; valdeque ista de- 
lectat flducia quam in Nobis, filiorum instar, plurimam collo- 
catis. Sic igitur, admonemus, fallaciis omnino reiectis quae 
contra benevolentiam et sollicitudinem in vos Nostram nequiter 
serantur, hoc sit vobis penitus persuasum, nihil Nos minus 
quam Pontiflces decessores, sicut pro ceteris popularibus ve- 
stris, ita pro vobis suscepisse et intendisse curas; qui etiam,. 
vestram ut sustineamus fiduciam, omnia parati sumus et la- 
boriosa conniti et persequi confidenter. luvat memoria repe- 
tere, inde Nos a Pontificatus exordiis, de re catholica istic 
relevanda cogitantes, opportune apud Imperiale Consilium offl- 
cia interposuisse, ut ea contenderemus quae simul dignitas 
huius Apostolicae Sedis, simul rationum vestrarum patrocinium 



:<:A 13 

rentur deposoerc. (Juti >iii<-iis < <nis.-. utum est, ut 

anno MDCCCLXXMI <vrt:i rum illn partionum capita sint con- 
stituta: haec int-r, Kpiscopis liboram fore copiam moderandi 
ad canonicas leges seminaria clericoruin; tum Academiarn ec- 
clesiasticam Petropolitanam, quae Polonis quoque patet alum- 
nis, iurisdictioni plene tradendam Archiepiscopi Mohylowiensis, 
atque in melius adducendam ad ampliorem cleri et religionis 
catholicae utilitatem: accepta praeterea flde, quamprimum 
abrogatum aut mitigatum iri singulares eas leges, quas clerus 
vester severiores sibi conquerebatur. Illo ex tempore nunquam 
Nos, vel capta vel quaesita occasione, pacta conventa expo- 
stulare desiiraus. Quin immo easdem expostulationes ad ipsum 
deferri placuit potentissimum Imperatorem, cuius et explora- 
tum in Nos amicitiae animum et studiurn iustitiae excelsum 
obtestati enixe sumus in causa vestra: neque intermitternus 
rogationes ad Ipsum per tempus adhibere, eas potissime coni- 
mendantes Deo, quippe cor regis in manu Domini. * Vos 
autem, Venerabiles Fratres, pergite dignitatem sacrosanctaque 
iura religionis catholicae Nobiscum tueri: quae tune vere pro- 
posito potest constare suo et beneficia afferre quae debet, 
quum iustae securitatis libertatisque compos, idoneis praesidiis 
instruitur ad actionem, quantum oporteat, explicandarn. Quo- 
niam vero ipsi perspicitis qualem dederimus et dernus operam 
tranquillitati publici ordinis conciliandae in gentibus continen- 
daeque, iidem agere ne cessetis, ut sublimiorum potestatum 
observantia et publicae obtemperatio disciplinae in clero pa- 
riterque in ceteris flrine consistat: atque ita omni prorsus 
offensionis vel reprehensionis causa submota, omnique specie 
insimulationis in reverentiam conversa, catholico nomini sua 
laus maneat et accrescat. Item sit vestrum in id incumbere, 
ut quidquam ne desit de summa fidelium salute, neque in 
administrandis curiis, neque in pabulo divini verbi imper- * 
tiendo, neque in alendo religionis spiritu; ut pueri et adole- 
scentes, maxime in scholis, sacra catechesi diligenter imbuan- 
tur, idque, quanto magis fieri possit, opera sacerdotum, quibus 

1 Pror. XXI, 1. 



I i SANCTIIMI 1'. N- I.I "Ms 1HVIN.V I'H< >VII>KNTI A rAl'AF. XIII 

-it a vobis id legitime demandatum; ut cultui divino et decor 
sacrarum aedrum et festus solemnitatum honor plane con- 
gruant, unde fldes haurit bona incrementa. Rectissime porro 
feceritis, praecavendo discrimina, si qua forte hisce in rebus 
instare videantur: ob eamque causam ne dubitetis ratas ipsas 
cum hac Apostolica Sede conventiones graviter quidem pru- 
denterque appellare. Talia nimirum et discrimina abesse et 
convenientia bona contingere, non Polonis tantummodo, sed 
cunctis qui sincera publicae rei caritate ducantur, gratum esse 
et optabile debet. Ecclesia enim catholica, quod principio do- 
cuimus quotidieque eminet, sic nata institutaque est, ut civi- 
tatibus et populis, nihil admodum detrimenti, sed multiplices 
vero et decoras utilitates, in rerum etiam mortalium genere, 
nunquam non pariat feliciter. 

Vos deinde qui in ditione estis inclitae Domus Habsburgen- 
sis, reputate animis quantum augusto Imperatori, religionis 
avitae studiosissimo, debeatis. lusta igitur in Eum fides gra- 
tuinque obsequium luculentius a vobis in dies pateat : pateat 
studium non dissimile ea persequendi omnia, quae ad catho- 
licae religionis incolumitatem et decus vel iam sunt optime 
constituta vel tempora et res provide constituenda suadeant. 
Universitatem Cracoviensem, vetustam atque nobilem do- 
ctrinarum sedem, valde optamus integritatem et praestantiam 
tueri suam, atque etiam aemulari laudes talium Academiarum, 
quas insignis Episcoporum cura et liberalitas privatorum non 
paucas, faventibus Nobis, per haec ipsa tempora excitavit. 
Quemadmodum in illis, ita in vestra, sollertia dilecti Filii 
Nostri Cardinalis Episcopi moderante, gravissimae quaeque 
disciplinae cum fide amico foedere co6untes, et, quantum ab 
ea luminis mutuantur et firmitatis, tantum subsidii ad ipsius 
lefensionem referentes, utinam iuventuti lectissimae magis 
' magisque in partes omnes sint profuturae. Item vestra ma- 
gni interesse debet, Xostra certe interest maxime, vigere apud 
vos in omnium existimatione ordines Religiosorum ; qui, vir- 
tutis quam consectantur perfectione et doctrina varia fructuo- 
soqne in excolendis animis labore commendati, tamquam ap- 






[5 

opiae praesto SUM- <\\\c non minus 

civitas ail honestissima quaeque rxliutoribus optimis omni torn 

e usa est. Nominatimquo Galiciam respicientes, summa ro 
Imitate perantiquiun commemoramus Basilianum Ordinem, in 
quo instaurando peculiaria quaedam consilia et curas iampri- 
dem Ipsi posuimus. Non mediocrem enimvero laetitiae fructum 
ideo capimus, quod expectationi ille Nostrae alacri religion. 
obsecundans, nititur pleno gradu ad superiorum temponun 
gloriam, quum ecclesiae Ruthenae multis modis extitit salu- 
taris : cuius eiusdem salutis auspicia, Episcoporum vigrilantia 
et curatorum industria, iam ex ipso praeclariora in dies nite- 
scunt. Hie autem quoniam de Ruthenis incidit mentio, earn 
sinite iteremus cohortationem, ut vos cum ipsis, quamquam 
originum rituumque dissimilitudo intercedat, arctius volunta- 
tes amantiusque societis, prout eos condecet quos regionum, 
civitatis, maximeque fidei sociat communio. Hos enim sicuf 
Ecclesia benemerentes habet et diligit filios, eisque legitimas 
consuetudines ac ritus proprios sapienti consilio permittit, non 
aliter vos, praecedente clero, sic habete et colite ut fratres, 
quorum sit cor unum et anima una, eo demum conspirantium, 
ut uni Deo et Domino ampliflcetur gloria, simulque fructus 
omnis iustitiae multiplicentur in pulcritudine pads. 

Libenti pariter animo orationem ad vos convertimus, qui 
provinciam incolitis Gnesnensem et Posnaniensem. Siquideni 
hoc inter cetera gratum est recordari, quemadmodum ex ci- 
vibus ipsis vestris, omnium ut erant vota, ad illustrem sancti 
Adalbert! sedem virum eveximus pietate, prudentia, caritate 
eximium. Gratius est autem videre, qua vos obedientia, quo 
amore gubernationi eius miti operosaeque unanimi studeatis: 
ex quo vere sperandum, religionis catholicae statum fore apud 
vos bonis auctibus quotidie laetiorera. Eadem vero spes quo 
raagis afflrmetur optatisque plenius respondeat, non sine causa 
iubemus vos magnanimae aequitati confidere serenissimi Im- 
peratoris; cuius praeterea propensam in vos ac benevolam 
mentem ex Ipso coram baud semel pernovimus, sane adfutu- 



16 SANCTISSIMI D. N. LEONIS 1)1 YIN A PROVIDENT! A PAPAE XIII 

ram vobis, in verecundia leirum, in onmique recte factoruni 
Christiana laude perseverantibus. 

Haec, Venerabiles Fratres, praescripta et hortamenta gre- 
gibus quisque vestris sic nuntietis velimus, ut vestra eti;un 
opera fructuosiora eveniant. In his agnoscant carissimi filii 
quam magno ipsorum gratia affectu caritatis urgemur; haec 
autem ipsi, ut optatissimum Nobis est, pari accipiant obser- 
vantia et pietate. Quae quidem si diligenter, id quod pro certo 
habemus, constanterque coluerint, profecto poterunt quum fidei 
ex teraporum gravitate pericula declinare, tura patrura me- 
morabilia decora custodire, animos et exempla referre, ma- 
nantibus inde ad huius quoque solatium vitae emolumentis 
quam optiinis. Secundam autem divini auxilii copiam, pre- 
catoribus adhibitis gloriosissima Virgine Maria, losepho san- 
ctissimo, cuius hodie sollemnibus christianus populus gaudet, 
anctisque Caelitibus Poloniae Patronis, vehementer Nobiscum, 
quaesumus, implorate. Huius rei auspicium atque praecipuae 
benevolentiae Nostrae testem, Apostolicam benedictionem, vo- 
bis et clero populoque universo vigilantiae vestrae cornmisso, 
peramanter in Domino impertimus. 

Datum Romae apud S. Petrum die XIX martii anno 
MDCCGXCIV, Pontiflcatus Nostri decimo septimo. 

LEO PP. XIII 



IL CAMMING A RITROSO 



I. 



II discorso che il Papa Leone XIII tenne il 10 febbraio alle 
deputazioni delle parrocchie di Roma, in vario modo ha feritu 
il liberalisino italiano. II suo rimpianto per le presenti condi- 
zioni della Citt^ e dell' Italia, e sopra tutto 1 origini dei mali 
che ambedue le travagliano, ed il rimedio che egli addito, 
hanno stranamente commossa quella parte che pin affetta di 
conservare Tordine nel disordine, ossia i temperament! nel 
corso della rivoluzione; la quale parte per6 non se n' saputo 
dar pace. L'udire il Papa che ad origini prime della rovina 
morale e materiale ascrive le rovine religiose, volute e 
operate a disegno ; ed a rimedio il piu possente indica 
il cammino a ritroso da rifare, mostrandolo come atto, non 
solo di giustizia, ma di senno politico , ha turbato gli aniini 
di tutta questa parte, che si gloria di moderata ed ora va 
sotto nome di sabaudista. 

La verita evidentissima e la pesantissima gravita delle pa- 
role pontificie, concordi del resto col sentimento generale della 
Citta e della naziobe, hanno sopraffatto quest! sostenitori delle 
rovine da loro ammucchiate, le quali cominciano a trascinare 
nell'abisso ancora il fragile edifizio che sopra vi hanno co- 
strutto. Massimamente poi perch& il Santo Padre, con liin- 
pida chiarezza, ha pure assegnato il modo di rifare il cam- 
mino a ritroso, che e, diss'egli : riporre debitamente in onore 
la santa religione dei nostri padri e nostra ; accostarsi con 
fiducia e senza sospetti a colui, che della religione tiene da 
Dio il magistero supremo; giacchfc le parole di vita eterna, 

XV, vol. X, fate. 1051. 2 96 m*rto 1894. 



18 IL CAMMING 

che egli possiede, hanno virtu di far prospera eziandio la vit;i 
mortale. II che fu un dire : Unica salute e tornare ai prin- 
cipii del cristianesimo, e cercare dal suo Capo, colla verit;'i 
religiosa, i mezzi altresi della materiale prosperity. 

Nulla di piu preciso e conforme al buon senso naturale e 
cristiano degli Italiani poteva dirsi. E ci6 e si vero, che 1'ar- 
ciliberale Gazzetta di Torino, dopo pensato un mese sopra 
le parole di Leone XIII, usci in questo dilemma, dell'andare 
innanzi buttandosi nel precipizio, o tornare indietro avvicinan- 
dosi al Papa: Due sono le strade a scegliere. Una e quella 
additata dal Pontefice, vale a dire di riconoscere come capo- 
saldo immanente il principio eterno, divino deirautorita, e a 
questo cardine fondamentale coordinare coraggiosamente tutta 
la nostra legislazione politico-sociale ; Taltra di avere una fede 
assoluta nel positivismo scientiflco, non rifuggendo dalle pin 
terribili applicazioni pratiche di questo ; che poi sono 1'anar- 
chia, colle sue bombe, co' suoi saccheggi e colle sue stragi 4 . 

II. 

Non cosi e parso a Raffaele De Cesare, maschera protei- 
forme del sabaudismo, che ha Yimpiego di infamare, a pro di 
esso, nei Corrieri dei moderati, la Santa Sede, ora sotto la 
ftnta cocolla di fra Pacomio, ed ora sotto la rattoppata tonaca 
di un Simmaco qualsiasi. Atterrito ancor egli dalla tremenda 
verita che il Santo Padre ha affermata al popolo romano, ed 
in esso a tutta intera 1' Italia, toltasi egli ogni maschera dal 
viso, e, per rendere piu cospicuo il contrapposto, nella me-, 
schina grettezza della sua persona, e venuto in campo a di- 
rittura contro il Papa Leone XIII, singolarmente contro il 
cammino a ritroso, da lui detto essere giustizia e senno po- 
litico rifare ; e gli ha scaraventata in faccia una sua lunga 
diatriba, che si puo leggere nel quaderno primo dello scorso 
marzo della Nuova Aniologia 2 . 

1 Num. del 12-13 Marzo 1894. 

1 n Vaticano e le presenti condizioni d'Jtalia, pp. 26-48. 



A KITHOSO 

Costui uon nega gia che il !';ij.:i :ii.i.i.-i parlato schietto, 

. un srntiiiiiMito rh. risponde a quello <li inoli 
Mia cittadinanza romana; e neppure nega che pericol.> 

10 tutti veggono ed asseriscono, sieno le sorti della rivo- 
luzione, sfruttata llnora dal sabaudismo: ma nega e si a 
che il cammino a ritroso, suggerito da esso, sia il rimedio ai 
pericoli sovrastanti. Al carro della rivoluzione e mancata la 
inartinicca, ed ora il carro precipita per la china. Questo 
' il vero male, e di ogni vero male Torigine che il De & 
riconosce. Ora il rimedio dov'e? Nel porre la martinicca al 
oarro, che ne infreni la corsa. Ma dov'6 questa martinicca ' 
.-hi mai ve la pu6 mettere? 

In sostanza, cosi il De Cesare risponde : la martinicca & in 
mano del Papa; e sono i cattolici elettori e candidati, col Ion 
intervento alle urne politiche e nella Camera. II Papa rinunzii 
alia lotta che con fino calcolo e petulanza tien viva, recla 
mando in ogni occasione il Dominio temporale , e poi levi il 
suo non e&pedit, o meglio il suo non licet, e la martiniccn 
sara bell'e trovata ed afflssa al carro, il quale, grande mere*'* 
sua, prendera una corsa moderata; e la rivoluzione non andra 
nel precipizio. Si badi pero che il Papa, col rinunziare alia 
lotta pel suo Dominio temporale e col prosciogliere i cattolici 
dal vincolo del non licet, deve impedire che essi da s6 for- 
mino un Centro, come nei.paesi protestanti ; ma eccitarli anzi 
ad allearsi con le frazioni liberali a loro piu afflni , per 
tradizioni, per cultura e per sentimenti ; in una parola, dev.- 
ingiungere ai cattolici d'incorporarsi, alle urne e nella Camera, 
coi liberali moderati e sorreggervi con ogni sforzo il sabau 
dismo. In caso diverse, un partito cattolico ad uso del Centro 

manico sarebbe Tultima rovina . Difatto non si avrel 
hero amici sinceri, ma nuovi legalitarii, che batterebbero alia 

>ora la stessa via che battono oggi fuori la Camera . In 
conclusion^, guidati dal Papa, sottomessosi lui medesimo 
sabaudismo e direnuto poco piu di un monsignore Anzino, 
cappellano maggiore del Quirinale, vadano i cattolici all.. 
uunera, ma ci vadano per rimanere nella legalita: per rin- 



"-0 1L CAMMING 

vigorire tutta la compagine dello Stato. II loro intervento ren- 
der^ migliore la parte liberale. 

Tal e il programma, che Raffaele De Cesare ardisce con- 
trapporre, in sul serio, a quello di Leone XIII. In cambio del 
cammino a ritroso, che faccia dare indietro il carro, egH 
propone la martinicca, che lo faccia andare avanti con regola 
e misura. Avesse ragionato del carro della nazione, compren- 
dendo anche 1'Italia reale, pur pure: ma no, egli ragiona pro- 
prio del carro della rivoluzione. Al Papa, che invita 1'Italia 
legale a tornare alia religione ed a se, qual Capo della Chiesa, 
egli fa la proposta che rl Papa, come Capo della Chiesa, entri 
e converse nel carro della rivoluzione, e vi conduca seco i 
cattolici, affinche, col loro aiuto, proceda e non precipiti per 
la china. 

Puo figurarsi bizzarria piu strana? E nondimeno in ci6 6 
tutto il sugo della sua tantafera, ed a cio flnalmente egli 
mira co' suoi artiflzii rettorici , co' suoi soflsmi e colle sue 
impertinenze. 

III. 

Adunque dalla ridicolaggine dell'assunto puo dedursi la 
miseria degli argomenti con cui lo persuade. 

II primo e che gia, tanto e tanto, il non eocpedit a nulla 
giova ; Tastensione dei cattolici e burlesca . In effetto, dice 
egli, mentre un gruppo di cattolici accademici seguita a 
rappresentare la parte di chi rode il freno, ha paura del pro- 
prio coraggio e si astiene dai comizii ; la gran moltitudine 
invece vi prende parte. 

Se cio e, molto burlesca invece sembra la fatica del De 
Cesare, a convincere, col suo scritto, il Papa, che il legame 
del non expedit va levato. Che cosa irnporta a lui che sia o 
non sia levato, posto che Tintento suo e raggiunto, e la gran 
moltitudine dei cattolici, tenendo in non cale il divieto pon- 
tiflcio, va alle urne? Ecco; gl'importa per ci6 che ora questa 
gran moltitudine va alle urne, ispirandosi ad interessi 



A RITROSO 21 

personal!, mm sempre confessabili, o damlo il suo voto a C 
didiiti flu- IKKI rapprcspntano i suoi prinnpii, n. v - i siioi sen- 
tiiii<>nti; e percio falsando e corrompendo ogni schictta mani- 
festazione politica. Se vi andasse mandata dalla suprema 
autnritj ilfl l';tj>a, sarebbe un altro paio di maniche: la gran 
moltitudine darebbe i suffragii agli amici e padroni di Raf- 
faele Do Gesare, poich6 non altri che questi il Papa per certo 
ordiiierebbe ai cattolici di favorire; e cosi il becco air oca 
sarebbe fatto, il sabaudismo n'andrebbe salvo, e gli afiari del 
De Cesare sarebbero assicurati. 

Egli tuttavia non avverte, che, se questa universale di- 
subbidienza dei cattolici italiani al Papa fosse vera, T or- 
dine ancora che, nel caso presupposto, darebbe il Papa, di 
eleggere i padroni di lui, non servirebbe gran fatto ; perocchft 
il Papa avrebbe a fare con disubbidienti, i quali non avreb- 
bero nessuno scrupolo di ribellarsi nel meno, postochfc gia si 
ribellano nel piu : e cosi poca o niuna speranza rimarrebbe- 
al De Cesare, che 1'intervento dei cattolici nella Camera rin- 
forzasse il partito, che egli ha si vivo interesse di veder pre- 
valere. 

Chiaro poi che la macchina di questo suo argomento, 
considerata dal lato ipotetico, 6 un delirio, considerata dal 
lato storico, si regge sul falso; falso essendo che i cattolici 
in si gran moltitudine concorrano alle urne; ed il mag- 
gior numero di quelli che, disubbidendo al Papa, vi concor- 
rono, sia proprio di cattolici. In genere, & di cattolici com'6 il 
De Cesare. Le statistiche delle elezioni generali ci danno, che, 
dei due milioni circa di elettori che ha T Italia, intorno alia 
meta si astiene. Questa meU'i, che si astiene, da chi sarebbe 
dunque formata, se fosse vero che la gran moltitudine dei 
cattolici va alle urne? Sarebbe formata dai liberali sabaudisti, 
o dai radicali, o dai republilicani, o dai socialist! ? Ma fa ri- 
dere il sol pensarlo. 11 caso 6 che dei cattolici, non di nome, 
111:1 di fatto, non la grande, ma la graudissima moltitudine, 
si astiene dalle urne, si per ossequio :1 divi?to del Papa, e 



22 IL CAMMING 

si per altre ragioni, che non suffragano punto la causn <hil 
De Cesare patrocinata. 

IV. 

Altri argomenti il libellista va mendicando dall' ostilit;'i 
che la Santa Sede ha sempre dimostrata alia rivoluzione, con- 
dannandola anche in quello che vi era di buono, di sano e di 
cristiano, e da tutta 1' azione della diplomazia pontificia, per 
far aborrire la nuova Italia, come nemica della Chiesa. D'onde 
egli ritrae, che a produrre le rovine religiose, lamentate dul 
Papa, ha concorso piu direttamente il Vaticano (cioe il Papa 
stesso) dal quale il De Cesare ed i suoi padroni si attende- 
vano un inizio di adattamento ai fatti compiuti. Ma la d. 
aspettazione e stata frustrata dalla pelulanza di, Leone XIII, 
nel riprendere la lotta, a rivendicazione dei diritti della Santa 
Sede al Dominio temporale. 

Ma val egli la spesa di fermarsi sopra queste viete nenie 
dei conciliatori della rivoluzione col Papato ? Se nulla ebbe, 
in apparenza, di sano e cristiano la rivoluzione, 1'esperimento 
fattone da Pio IX, ai principii del suo Pontificate, bast6 a pro- 
vare che era polvere ingannatrice agli occhi e niente piu. La 
rivoluzione, essenzialmente giudaica ed anticristiana ne' suoi 
mezzi e ne' suoi flni, e tanto conciliabile colla Chiesa e col 
Papato, quanto Belial con Cristo ; e T evidenza dei fatti di 
trent' anni in Italia e abbagliante come la luce del sole. Oh 
che ! avrebbe forse il De Cesare voluto che la diplomazia pon- 
tificia avesse dipinta, nel mondo cattolico, la nuova Italia, ra- 
pitrice dei beni ecclesiastici, disperditrice degli Ordini rego- 
lari, persecutrice del clero, imprigionatrice del Papa stesso 
nel Vaticano, e promotrice di quanto vitupera ed offende il 
decoro e la dignitk della Santa Sede, come pia, devota, fedele, 
benefica della Chiesa ? Non parrebbe possibile che il farisaismo 
liberalesco dovesse arrivare a tanto. II De Cesare non ha 
dunque altro appiglio, fuorchfe la favola del lupo e dell'agnello, 
invertendone le parti, a carico del Papa e a difesa di quel 
prodigio d'innocenza e di pieta, che e 1' Italia dei sabaudisti, 



A RITROSO 

i, '!''!!' 'i rapine e sacrilegii 

ogni i>< 

Trnppo si sa che il bruscolo agli occhi <M liln'mlisim. 
d'ogni colore e quolln rivendicazione dei diritti al Domini- 
temporal^. in cui Leono XIII noliilrnonte persiste, ed in cui i 
essori suoi non cesseranno di starfermi. Ma non pensiamo 
h- il De Cesaro .-d i padroni suoi sieno si corti di ment>. 
che non iscorgano la suprema necessita che stringe il Papa 
ile rivendicazione, e la vanita delle speranze che smetta di 
'imiarki. Che il Papa adattandosi ai fatti compiuti tvd;i 
\u IiliTt;i della Chiesa cattolica, che in lui s' incentra, nelle 
muni dflla s.-tta person ificante la nuova Italia, e ponga in 
pericolo l'unit;\ stessa della Chiesa, sottoponendosi egli al po- 
tere di questa setta, e tale enorrnita, che non pu6 capire nel 
cervello di nessun uorao il quale ne abbia uno zinzino; quindi 
ne meno in quello di Raffaele De Cesare: il quale, se pure se- 
iruita a chiederne P impossibile atto, lo fa, non certamente per- 
che la creda eseguibile, ma per puro bisogno di materia d.i 
rendere odioso il Papa e non mangiare, nel suo mestiere, il 
pane a tradimento. 

V. 

Questo bisogno medesimo lo ha costretto a saccheggiarc 
Enrico Geffeken e la Contemporary Review, per raccoglieiv 
una manata di fango, da gittare contro la tiara di Leone XIII. 
I nostri lettori ricorderanno le imposture e le malizie del detto 
scrittore e del Periodico inglese, intorno alia politica del Santo 
Padre, alle quali facemmo particolareggiata risposta, colPap- 
poirii-io li (locuiiu-nti ch- nun p;iti\;mc .M-rviniii '. hi <jin-st.. 
tarlato bagaglio si e servito il De Cesare, per rinnovare le 



il Vol. IV della Serie XV della Civiltd Cattolica, nel quale 
si confutano largtimento ed il Geffeken, col suo Lion XIII den ant I' Alle - 
rnagnu ed il lavoro pubblicato nella Contemporary Rcvietc. La risposta fu 
pure pubblicata ID opuscolo separate, dalla tipografla Befani, Roma, 1892. 
La nuova Enciclica del S. Padre, che pubblichiamo in capo a questo qua- 
derno, risponde poi alle futili censure del De Cesare, intorno all' operate 
Ia Leone XIII, per la causa cattolica in Polonia. 



24 IL CAMMING 

perflde accuse di politica a due faccie e di morale cristiana 
di una elasticita non punto apostolica , a sfregio di tutta la 
azione esercitata dal Papa Leone XIII nel raondo, per utile 
della Chiesa. Superfluo sarebbe ripetere qui le dimostra/ioni 
gi fatte degl' insulsi artiflcii, per falsiflcare atti, intenzioni ed 
effetti della diplomazia papale. Rimandiamo, chi fosse vago di 
sapere o rimettersi in memoria lo stato vero delle cose, a 
quanto allora facemmo noto; poiche ne 1'autorita, ne gli ar- 
zigogoli di questo azzeccagarbugli del sabaudismo meritano il 
conto di una ripetizione; in quel modo che non meritano se 
non un sorriso le sue ciance, per tentar di convincere il Papa, 
che egli non ha da sperar nulla da una restituzione del Po- 
tere temporale della Santa Sede, che rappresenterebbe la 
peggiore delle violenze, Testremo della reazione ; ma non gli 
rimane altro, se non che mettere se, la Sede Apostolica ed i 
cattolici italiani a far da martinicca al carro della rivoluzione. 
Intorno a che mirifica e 1'osservazione, che egli fa cam- 
peggiare, quale peregrina scoperta del suo politico acume, cioe 
che un ritorno di Roma al Papa non potrebbe mai com- 
piersi spontaneamente e legalmente ; quasi che spontanea e 
legale sia stata la presa di Roma al Papa, colle bombe che 
apersero la breccia, dopo essersi solennemente dichiarato che 
il prenderla colle bombe sarebbe contrario a tutte le leggi, 
ed impresa barbaresca. Di grazia, da chi il signor Raffaele 
De Cesare dimanderebbe la spontaneitd? dai Romani di Na- 
poli, com'egli e, o dai Romani di Milano, che gli pagano i suoi 
Corrieri? E la legge da osservarsi, quale sarebbe essa? Quella 
di chi ha preso col diritto delle bombe, o quella di chi con 
ogni diritto possedeva il presogli colle borabe? Sia con pace 
del De Cesare, ma 1' osservazione e proprio degna di un fra 
Pacomio! 

VI. 

Ne meno degno di un fra Pacomio e tutto il guazzabuglio 
di malignita, di ironie, di insipienze, onde segue ad intes- 



A RITR080 

iere la sua parenesi, dissnadente il Papa Leone XIII dal va- 
lersi doll'mli'Tiio abisso, al cui orlo 1'Italia si trova, per esor- 
tarla a rifare il cammino a ritroso. Tutto egli mescola insieme 
e furl-'-r.'iinente cerca di tiraro ai suoi flni. I pericoli della 
politica del Santo Padre, rispetto alia Francia , politica la 
quale pure, anche in questi ultimi giorni, ha ottenuto un trionfo 
che ha destata meraviglia in Europa: la legge delle guarentige, 
alia quale i nunzii alle corti cattoliche tolgono credito ed effi- 
cacia ; quasi ch^ n'avesse ancora punto da poter perdere: la 
'A dimora che il Papato potrebbe trovare nella Roma 
sabauda, quando del sabaudismo si facesse umile servo, e cam- 
biasse il timone della navicella di Pietro, colla martinicca del 
suo carro: i congressi cattolici, che lasciano il tempo che 
trovano, perche nelle loro frasi non e un contenuto aposto- 
lico ; il quale vi sarebbe fulgido, quando si tramutassero in 
palestre elettorali, ad uso e consume del sabaudismo : la voce 
del Papa, che non si udi a freno dei moti recenti di Sici- 
lia, benche poi lo stesso Ponteflce volesse la quiete del- 
Tlsola ; ma per timore della Francia evit6 il suo diretto !n- 
tervento , che sarebbe tanto giovato a santiflcare lo stato di 
assedio ed i tribunali di guerra ivi stabiliti: le pie associa- 
zioni della Sacra Famiglia, ardentemente promosse dal Santo 
Padre, il cui valore pratico per6 6 molto discutibile , se 
non hanno da condurre i membri delle famiglie cattoliche alle 
urne politiche, per rinforzare il sabaudismo. Ogni cosa, nella 

tui fagiolata, mira sempre al medesimo punto : il Papato 
ruina sfe e la Chiesa, se in luogo del cammino a ritroso che, 
per salvare Roma e 1'Italia, assevera necessario, non volge 
ogni pensiero a rattenere il carro della rivoluzione sabauda 
dalla china del radicalismo, del socialismo, dell'anarchia, verso 
cui corre alia rotta. 

Or che rispondere a tanta insania di accuse e di perfldie? 
La rispo^t.i ^i i tu <lnta dallo stesso Papa Leone XIII, do<lici 
anni fa, nella stupenda sua lettera del 15 febbraio 1882 al- 
PEpiscopato d' Italia, che tutt;i mirabilmente espone e svol^ 
la politica apostolica della Santa Sede in Italia, e sfata quHI> 




26 IL <: AM MI NO 

ohe il Papa vi deflniva calunnio che, con lor disonore <>'l 
infainia , molti nemici della Chiesa e del Papato vanno spar- 
gendo, a sfogo di odio anticristiano. Raffaele De Cesare ri- 
legga quell' atto solenne e vi si vedra dipinto, anzi scolpito 
per quello che la sua penna lo raanifesta. 

VII. 

Ma fa ribrezzo la maniera, colla quale egli scruta le in- 
tenzioni e le torce e ritorce a libito dell' antipapale suo ii- 
vore. Egli entra nei desiderii, analizza gli affetti, scopre e 
palesa i sentimenti piii occulti del cuore. La Curia (leggi il 
Papa) fu mossa a desiderare che 1'ordine in Sicilia fosse rista- 
bilito, non da sentimenti cristiani, ma da un'altra ragione. I 
detti moti parvero quasi come il principio della fine. Le preoc- 
cupazioni dei liberali furono condivise, forse per la prima 
volta, dal Vaticano (cioe dal Papa). E questo che, per dar 
prova di coerenza, avrebbe dovuto affrettare il cataclisma, da 
cui tutto pare che speri, ed a cui subordina i suoi calcoli po- 
litici, vistolo appressarsi, se ne senti quasi sopraffatto; pote 
misurare le conseguenze di un disastro e la fine di uno Stato, 
che ha convertito i beni ecclesiastici in rendita pubblica ed 
ebbe paura. 

Che finezza di criterio e che nobilta di animo nel De Ce- 
sare! Egli non sa passare oltre 1'interesse, e levarsi di una 
spanna sopra di se : da se misura le altezze piii sublimi ed 
alia propria meschinita le adegua. Tutto per lui si riduce al- 
T interesse, tutto al lucro che gli viene dal partito. Nella Curia 
e nel Vaticano, a senno suo, non si guarda ad altro fuorche 
al tornaconto. Di fatto egli dice che la politica del Vaticano 
non e in sostanza che piccolo tornaconto ; appunto come 
quella del suo venale mestiere. Cola non si sa che cosa sieno 
i sentimenti cristiani ; si sperano i cataclismi e vi si fa sopra 
assegnamento, eccetto il caso pel quale i calcoli politici del- 
r interesse nou dettino altro. Che se 1' interesse suggerisce 



A RITH' 
.!i iiiiit.-i' -i HIUl IIK), purchd l:i ivnilifa 

Nth 

E qiiostn servo della pagnotta M n// ;i ., , , 

-|M .l.-l Papa, <U'ir Kpisropato, del d.-ro. il.-llrt Knciolirh- 
IHla Santa Sode, delle pastorali dei Vescovi, <l"lla morale <-ri 
!Hlo spiritn apostolico, degrincrementi, dei diritti. il'-lla 
lei minister! della Chiesa! Via, questo e un eccessn 

iiuffoneria, per non dirlo di empia temerita. E noi 
torto alia dignita e grandf/xa li Leone XIII, H alia 
riputazione di cui gode nelP universe mondo, se 
[) n-;i->imo a giustifloarlo da inriurie, le quali non possono 
iiiuii^rc Hno al suo trono, ma solo imbrattano la mano che 
le scaglia. 

Del resto not>remo, ^ol Journal des Dtbals, essere questo 
funico ni-iromento che nella diatriba del De Cesare, fra tanti 
raiu-itliiini, sappia di nuovo. II libollista notiflca al popolo 
(! al comune, rln- il sabaudismo, colla sua rapace legi- 
^la/.ione, s' e ingegnato d' incatenare le sorti patrimonial! 
<lella Chiesa, in Roma ed in Italia, al carro della sua monar- 
-hia; e confida per tal jriiisa di avere costretta la Santa Sede 
a diionderne la conservazione. Ma Pargomento prova ci6 cho 
valira la lil.'-rta assicurata al Papa dalla sua decantata legge 
delle guarentige; prova la mala arte adoperata, per legan- 
il potere universale della Santa Sede alle vicende finanziarie 
del jtiu oberato e screditatn (loverno di Europa : e prova per 
conseguenza la necessity vicpiA premente di sciogliere il Pa- 
pato da un vincolo di oppressione, che pregiudica tutta intera 
la cattolicita. II che quanto avvantaggi la causa patrocinata 
dal I'" Osare, lo giudichi chi ha buono intendimento ; bench-- 
<!i lunga mano s' ingannano i sabaudisti, se sperano che i ma- 
teriali interessi della Chiesa possano indurre il Papato a nulla 

re de' suoi imprescrittibili diritti. La storia, se non le 
ragioni della fede, dovrebbe bastare a rischiararli. 

Da S. Pietro a Leone XIII, i dugensessantatre Papi che si 
sono succeduti, hanno conosciuta si la via del patibolo, del- 



28 IL CAMMING 

F esilio e del carcere ; ma non mai quella del tradimento a 
Cristo, per amor dell'oro. Di questa via altri sono stati i mae- 
stri, altri i lor pedissequi; e Raffaele De Cesare ben li co- 
nosce. 

VIII. 

Per Futile della causa, bisognava al portavoce del partito 
sabaudista ribattere la terribilmente vera parola di Leone XIII, 
essere, per F Italia, non giustizia soltanto, ma senno politico, 
rifare il cammino a rilroso e tornare al Papato ; senza di 
che non resta se non Fabisso. Ma come ribattere ed attutire 
una voce si poderosa, che seguita a risonare da per tutto ? 
Con far finta di provare, che i rimedii dal Papa proposti 
sono inferiori ai mali dal Papa deplorati ; e con richiamare 
anzi insensatamente il Papa stesso a far da martinicca al 
'carro di una rivoluzione, che ha ruinato il paese ed odia il 
Papato quanto il diavolo la croce. 

A tali espedienti e ridotto il sabaudismo, nelle odierne con- 
dizioni delF Italia ! Non ha piu altri appigli a cui afferrarsi, ed 
il signor Raffaele De Cesare non ha modo di andar piu la. 
Queste sono le colonne di Ercole, che il partito de' suoi pa- 
droni ha finalmente toccate. 

Se non che, per grazia di Dio, altri sono i pensieri della 
gente che, nel campo stesso del liberalismo, ragiona, non colle 
mandibole, ma colla mente. Tutto si vede intorno cadere, tutto 
sfasciarsi : non piu credito, non piu flducia, non piu pubblica 
onesta, non piu remore alia licenza, non phi tranquillita nel- 
Fordine, non piu flnanze, non piu mezzi da campar la vita. 
Tutti sentono che il carro della rivoluzione. va con precipizio 
verso un fondo che lo ingoia. Si ha il presentimento che Feresia 
liberalesca, peste del secolo XIX, e destinata a perir col secolo 
stesso, schiacciata dal peso de" 1 suoi delitti; e che le succedera 
forse Faltra setta del socialismo, da essa generata, non meno 
audace, ne meno perversa, ma il cui trionfo sara di breve 






diir;it;i. AilumjiH', faro in<litiv;_^i;Mv il carro, o rompersi il 
collo. Questo 6 il dilonmin, d.-il quale non si esce. Qual si sia 
martinicca vi si ponesse, tosto n'andrebbe spczzata. La corsa 
e fatale, come fatale e il traboccamento nella voragine. 
indietro, o avanti; o indietro verso il Papa to, o avanti incontro 
al baratro; o cattolicismo, o socialismo. Pei partiti dai mezzi 
termini, pe' farisei anelanti a salvare la capra ed i cavoli, 
pe' conciliatori degl' inconciliabili, oggimai non vi ha piti posto. 
Questa 6 la condizione storica, reale, effettiva delle cose in 
Italia. II liberalismo e perduto, e disperato: o si convert*', 
rifacendo il camnnno a rilroso, indicato dal Papa Leone XIII, 
o sara sovvertito dal cozzo che dara nel socialismo. Al Papato, 
del quale non puo non prevedere le infallibili vittorie, esso deve 
o chieder perdono, o mandare il grido: Morilurus te salutat. 
E noi ringraziamo il signer Raffaele De Cesare, che ci ha 
porto il destro di spiattellargli queste verita nel viso, non co- 
perto dalle brutte maschere di Simmaco o di fra Pacomio. 






NICCOLO Til 

( ORSINI ) 
1277-128O 



III. 

Delle dignild ecclesiastiche e civili 
conferite da Niccolb III a' suoi parenti. 

Abbiam visto nel precedente articolo come per occasione 
della nomina di qualche cardinale suo parente, fatta da Nic- 
<-olo III, alcuni scrittori lo tacciassero di soverchio araore e 
lavore verso la sua famiglia. Gia dicemmo e provammo come 
il fondamento di questa accusa sia del tutto manchevole. Ora 
aggiungiamo che se egli fosse stato cosi spasimante di arric- 
chire i suoi, come fu ingiustamente rappresentato, non avrebbe 
tralasciato di conferire a persone del suo parentado altri be- 
neflcii ecclesiastici, e specialmente i maggiori, che sono i ve- 
scovati. Tanto piu che Niccolo III si segnalo sopra tutti i Papi 
suoi antecessori nella premura di non lasciare a lungo va- 
canti le sedi vescovili. Di ci6 gli da lode Tolomeo da Lucca; 
e noi possiamo confermare la lode di questo antico contem- 
poraneo colla lista, che abbiam potuto ricavare parte dal Pot- 
thast e parte dai Regesti manoscritti dell'archivio vaticano, di 
intorno a 70 pro v vision! vescovili fatte dal nostro Papa, nu- 
mero veramente straordinario se si considera il suo breve 
pontificato di due anni e dieci mesi *. In tale numero, quand'an-* 
che egli avesse voluto nascondere agli occhi del mondo quel 

1 V. la lista in fine del presente articolo. 

Diamo qui 1'albero genealogico dei primi Orsini, che forse rende- 
:emo piu compiuto, corredandolo dei documenti, che lo giustificano 
Una parte di questi la dobbiamo alia bonta di Sua Altezza Serenis.m* il 



HI. v' SUOI PM; 

lice, esagerato amore a' parent!, ben avrebbe po- 
int'. iai ! rolla nun iuiomlata speranza che lu nomina di i. 

potrebbe, in mezzo a tanti altri cstranui, passara inos- 



Slg. Principe D. Filippo Orsini, Duca di Gravina, che generoaament* ci 
aperae il suo doraestico archivio. Del che lo preghiamo di accettare 1'etprea- 
ione della nostra viva riconoscenza. 



PlBTBO 

I 



BOHOBE 



nl 1144 card. dlac. dl 8. Maria In Coimedln 
(Cclestino III) 



( '].;.. M 



HOII..M 



p. Gaetana di Crwoenslo 



GIOTAXNI GAETAKO 
testa 1232. 1233. 1134 
p. a) Andreana 
/) gtofanla do Bout viva nel 1940 


1 
U ATT 10 
Tlvo 1913 
gla f 1233 


a') GIACOMA MATTEO ROMO 
t 13 ottobre 1246 
p. a) Perna Oactana 
6) circa 11 mo 
Gemma f. dl Oddone 
dl MonUcelll 
<) Olovauna t. di 
Buggero oonta 
dl AqulU. morU 
nel 1379 


1 

NAIV LEONE 
TlTO 1959 p. Agns 
Tiva nel 1934 
Slgnore dl Ylcoraro, 
CanUlupo, Bardella, 
Ampollone, Bovatano; 
Htlplte degll Oralnl dl 
Vicoraro t Campo di flori, 
di Coitti di Tayllaeotto, 
dti duchi di Orarina 
* dti duehi di Braeciano 


1 
MABOHXKITA OIAOOMO 
sp. Oddone nel 1939 ohlerico 
f. dl Giordano gl f 1949 
Colonna 
1 


1 | 
GIOVANNI GIACOMO t : 
COLON x A card, nel 1973 



FRANCESCO 
oard. 1295-1312 



I 

GlACUMO 



MATTXU UMO 



GE.N TILE ) GIOVANNI NATO- ANDREA MABXLIA c) UOOUERO ) GIOB- 
18 ottobre GAKTANO LEOKE sp. forse *poia nel 1969 DAMO 
I f nel 124G (Niccolo III) gli t Giovanni Clnzlo e I'ultlma card, dlac 
p. Costauzk. papa 1277-80 1977 Frangi- Mala- memoria dl 8. Ea- 
rn. dl'Boma ' spoia panl branca dl lul ttacblo 
1940 Manlbllla | 1978-87 
Sarelll 



I I I 

r) KINALDO e) MARIA <) MATTEO 



SABACENA 

p. Giovanni 

Poll 



I.MlSu 

card. Teccovo 

dl Otla e Velietrl 

1978-1994 



Tlvo 

nel 1976 

gta f 1978 

tpoca 

(i : i . 



nuhllc 
nel 1246 



. 



i; 
enaU dl 

i: .1 

ma, :--- 

tipiu- 

. ,.. , : 



dti MMM 

a jtaop f ;t 



I I I I I 

MATTEO BOMAMO OB*O ANGELA PBBXA 

" : Bouo doiueiilcano t 1304 gla moglle sp. 

Bomagna cardln. dlio. t 1978 *tlplte nel 1946 Pletro 

nel 1978 dl B. Maria degll Urslnl al cote 

--.; in Portlr-. dl Soriano Guuta- 

'lOnlnldl 1969-1305 - fattrl pane 



dl 
SU>fano 



tiytiano, 
I dti /'rinripi 
<H Toronto 



S. Angtlo 



dell'An- 
gutllara 



I . . 



I 

GIOTANVA 

gla moglle 

nel 1965 a 

Pandolfo 

dell'An- 

gulllara 



! 

NAPULBOXE OBJO 

eanlml *UplU 

dl 8. Adn.no degil Otxtal 
19W-1342 dl Jtarim 



32 MC.C.OLO in 

servata. Eppure nol fece, ne, per quanto ci consta, risulta punto 
che alcuno dei vescovi nominati da lui fosse suo parent* . 
Neppure si pu6 dire che non nomino suoi parenti, perche 
tra loro non ve n'era alcuno che fosse iniziato alia car- 
riera ecclesiastica. Se si considerano i costumi di quell'eta 
e Puso delle grandi famiglie di ascrivere sempre qualcuno 
dei flgli alia camera suddetta, e se nello stesso tempo si 
tien conto delle estese relazioni di parentela che aver do- 
veva una delle piu cospicue famiglie di Roma, qual era 1'Or- 
sini, tale ipotesi non si potrebbe accettare, quand'anche man- 
cassero le prove storiche del contrario. Queste tuttavia (seb- 
bene scarsamente siano giunte a nostra notizia) non mancano 
del tutto ed a parer nostro* sono sufficient! a dimostrare quanto 
abbiamo sopra asserito. 

Non parliamo qui di Napoleone figlio di Rainaldo, fratello 
del Papa, che poi fu fatto cardinale da Niccolo IV nel 1288 *. 
Egli nel 1277-80 doveva essere assai giovane, come risulta 
e dal fatto che quando mori nel 1342 contava gia. 54 anni di 
cardinalato e da una lettera scrittagli dallo zio Pontefice addi 
21 luglio del 1280 in occasione del suo arrivo a Parigi, per 
ivi attendere agli studii in quella celebre Universita 2 . 

1 CIACONIO, II, 263. Varie notizie intorno a questo cardinale si leggono 
nel GARAMPI, Memorie ecclesiastiche appartenenti all'istoria ed al culto della 
S. Chiara di Rimini, Roma, 1755, pag. 341 e seg., e pag. 532. 

2 Noi riportiamo per intero questa lettera, che e, per quanto sappiamo 
inedita. Essendo essa, di sua natura, confidenziale, meglio svela quali fossero 
i veri sentimenti di Niccol6. Preghiamo i nostri lettori di osservare la sol- 
lecitudine del Papa nell'esortare ripetutamente il nipote a spendere in pie 
opere ed in limosine ai poveri ci6 ehe gli sopravanzasse dai beneficii ec- 
clesiastici, che egli chiama patrimonio di Gesu Cristo. 

Nicolaus etc. Oil. fil. Neapoleoni de jlliis Ursi subdiac. et Capell. no- 
stro Canonico Parisiens. etc. Nuper ex litterarum tuarum presentatarum 
nobis tenore percepimus te ad civitatem Parisiensem prospere per Dei gra- 
tiam pervenisse, quod eo sensibus nostris acceptius, quo fecundius in civi- 
tate ipsa, in qua doctrina scientiarum exuberat, virtutum floret tuccretcere 
dinoscuntur et fructus illos quereritibus afferunt, ac tua inibi conversatio 
cum modeitis, prudentibus, et peritis, maiorem spent nobis de tuis profec- 
tibus repromictit. Et quidem volumus te non iuvenili sediam superne per- 
fectionis supplectione, tana provitionc conspicere, ac continua rememora- 



III. 

nitr.- ;il ni; 

.tltri sni.i j>;in-nii ecclesiastici. I no li t-ssi. I-': 
sini <li 'ii ni < O--I.-MIM, il <pi;il' |><i I'n 

linnl> i|,-i I'.oiiii-H-in VIII n.-l 1 ".:.. ' era oram.-n in 



tione infra tua precordia retinere, quid tpud Ueum et homines ex virtu- 
turn claritate rtluceat , quid in hominibu* scuntiarurn imbuta pectora 
retonent, quid ex illit (tyauriant talia conseculi, et qualittr tfc dotati radm 
clerilafis tlluminfut defectives. free advrrtere detitiat, imo ymaffinafiva re- 
'one tut Mtnti contcribas, quo mallfo df sides feriuntur dum ridrnt a*~ 
st duos laudgbiltum optrum teftatores, ft quante anxirtntif iiirowtnodum op- 
primit negliyentet querere gratiat quas fa rum ditpensatur munificus illat 
quvrentibui libtraliter elargitur, si tandem tfudiosit exultantibut $e si. 
conspiciuntur ft ex dtfectu tubiectus Et ut protperiut ad ttatum perfec- 
tions kuiusmodi divina tibi dementia propitiante perrenias. dtrutis iatfn- 
das o/iriii, illam (am ad supernorum gloriatn, t/uam pro impfarandtx re- 
mtdiix peccaminutu defunrtorum et benefactorum tuorum, derate, dare, di- 
stitirte et intelligibilitfr, quantum Onus dederit, celebrando. Et attendant 
quod de patrimonial!* us et aUis acquisitis Largitori bonorum omnium dffr- 
tnr debitum, ut de ipsis subr-eniatur rongrue pauperilus et egetn't, de bonit 
efclegiattici.i, que proveniunt de patrimonio Redemptoris, sit elemosinarum 
exkibitione ntunijcut, et ilium a quo cuncfn perripit, mente, animo, ft in 
exhibendit indigentibut manu largijltta contempleris. Et coiiVfrtationem con- 
tinuans laudabilium virorum, virfutum daritate fulgfntium, da,-i* torvm 
actihus iiiformerif, fxdutix a te convertationibus terium pertonarum, et 
temper animum tuum ad salubria dirigftix, mmtem tuam studio applicet 
litlerarum, modest iam strre* in gestibus, et in tui progreitibus hones tatem 
Bt quia modettia et virtutes alif }>otissime in tobrietate fundantur, con- 
vivia frequentia tarn recipiendo ab aliis, qvam ftiam faciendo, quanta mo- 
destius poferit, evitare te cupimuf, tui statis dteentia et honestate sersa- 
tit. Volumut enim quod in quibug trrundum Dfum poterit, bonit moribut 
patrie et honettarum et gravium pertonarum contuetudinibus te conformtf. 
tic tamen ut in eo quod in te f organ a nonnullis in kut'usmodi ex ttia qua- 
litate requiritur teinperart te studeas quod in le circa hec nee notabilis de- 
fectut appareat nee excettut, ted providus modettia comproberit. Premitfa 
itaque de patris pertore colligas. et collecta retineat, ut virtutibu* crescas 
et meritit, et ti facultatibus ajftuat recognoscas in hits, piit operibuf et ke- 
lemotinis, ut predicitur, mune/-unt Largitorem. Discent tecundum beatum 
Ami'rotium; Non in facultatibus crimen kerf re, ted in hiit qui uti netciunt 
facultatibus; nam divitie ut impedimenta in itnprobis, it* in bonit sunt 
adiumenta virtutit. Datum Suriani XII Kal. aug. Pontijtcatut etc. Rrgt: 1 
MSS. di Nic. Ill, vol. II, folio CXXX , n. 68 delle lettere dell'anno III (12flO . 
.COMO, II, 323. La sua eU si deduce da vari indiri. Di suo padre 
Napoleone non appaiono piii memorie dopo il 1252. Fin dal 1248 suo ni- 
pote Fortebraccio , figlio di suo fratello Giacomo, sposavasi eon Oolizia, 

S*ri* XT, vol. X, f<uc. 10S1. 3 - MTM MM 



MCCOLn III 

I'ftente per ricevere promozioni ecclesiastiche. Suo parente 
era pure Paolo de' Conti, t'nuicescano, vescovo di Tripoli, ob- 
bligato per le persocuzioni del Principe di Antiochia ad abban- 
<lonare la sua Chiesa. Niccol6 si valse dell'opera di lui, man- 
dandolo ambasciatore all'imperatore Rodolfo d'Absburgo; ma 
non lo promosse punto ad alcuna sede maggiore vescovile *. 



ii_rlia di Mattia Annibaldi (Archivio Orsini, II, A, I, 30). Nel 1270 egli fece 
comprare da un suo famigliare una casa in Tivoli per conto del suoi fra- 
telli Giacomo e Matteo Orso (ib. 45). Dello stesso anno 1270 vi e il testa- 
uiento di Risabella, moglie di Napoleone, altro flglio di Giacpmo (ib. 46). 
Nel 1272 ai 28 ottobre egli coi due suoi fratelli diede gli Statuti a Vico- 
varo (Archivio delta It. Socicta Romana di Storia Patria, vol. XIV, Roma 
1891, pag. 9). I riferiti document! ed un altro del 4 maggio 1275 in cui ap- 
pariscono i figli di Giacomo e di Matteo Orso gia in eta adulta, ci danno 
fauon fondamento a credere che Francesco, il quale e sempre nominate il 
prime tra suoi fratelli, avesse nel 1277 una trentina d'anni almeno. Egli 
fece il suo testamento nel 1304 e mori nel 1312. 

* La parentela di fra Paolo con Niccolo III e attestata nella letters, 
con cui Niccolo lo presenta a Rodolfo d'Asburgo, chiamandolo nobilem ge- 
nere, meritis et religione jtraeclarv.ni, virum alti consilii, attentione proti- 
dum, in niagnis et arduis circumspectum, et oriundum de domo nostrae 
domui ajtnitate coniuncta.-* (Mittheilungen a us dem Vaticanischen Archive, 
Wien 1889, pag. 175). A dichiarazione di questa parentela serve una bolla 
di Urbano IV riportata nei Rtgistres d'Urbain IV, torn. II, fasc. 1, pag. 5, la 
quale era gia stata compendiata dal CONTELOHI, Genealogia Familiae Co- 
mitum Romanorum, un vol. in 8. di pag. 46, Roma, Cam. Apost. 1650, pag. 4, 
nella seguente maniera: loannes de Polo Comes in mortis articulo con- 
stitutus fecit consignari Paulo episcopo Tripolitano castrum Marini, tvptr 
quo Us vertelatur inter loannem S. Nicolai in Carcere Tulliano diac. car- 
dinalem executorem testamenti quondam luhannis Fraiapane ex parte una, 
of quondam loannem de Polo et Saracenam uxorem eius, relictam predicti 
loannis Fraiapane ex altera parte. Nicolaus dicti lohannis de Polo filiut 
de facto spoliavit praefatum Paulum Marini, eumque detinuit, donee iuravit 
de non prosequendo iniunas illatas. Urbanus Quartus cum absoltit a iu- 
ramento. Datum Viterbii quinto idus octobris anno primo (ossia 11 otto- 
bre 1261 ). Quantunque il significato piu usuale della parola relicta sia 
di vedova, tuttavia, attese le ragioni dei tempi, noi crediamo che qui abbia 
Hignificato di flglia, e che percio Saracena fosse flglia e non gia vedova di 
Giovanni Frangipane. Essa era flglia di Andreana sorella di Niccold III, e 
lo STANCHI nella sua Storia MS. della Famiglia Orsini di Pitigliano (codice 
Vaticano ottoboniano 2822) pag. 27, attesta di aver veduti nell'archivio 
della basilica di S. Pietro parecchi strumenti da essa celebrati in presenza 
e col consenso di Niccolo III suo zio. Del testamento con cui Giovanni 



III. MJ 

Cosi di-;isi ili mi Oddone Bobone dei si^imri .li Ars.,|i, che 
flgura com<> <-;ui>nico della basilica li s. Pi<tro ne^rli ;nni I 
e 1277 ', e cosl di altri, intonm allVsistenza d-i <|iiali 
dul.itiamo che, se si avesse tempo e comodo di fare pin mi 
nut.' iii.l.i-iiii, verrebbero fuori sicure notizie. Laonde r- 
sotto ogni rispetto confermato ch\ se si parla di dignita 
! '^iastiche conferite da Niccolo III a' suoi parenti, non e punto 
vero che egli eccedesse oltre quella ragionevole misura ch-- 
e le regole canoniche e Fuso dei million 1'onteflci suoi ant. 
cessori jli consentivano. 

\vdianio ora se egli sia stato imrnoderato nell'elevare i 
su'i parenti ad ufltici e dignitii secolari. I'na delle piii cospi 
cue cariche dello Stato pontiflcio nelPordine civile era sen/a 
dubbio il rettorato di qualcuna tra le province, in cui erano 

Frangipane lasciava nel 1257 Marino ai monasteri di S. Saba e di Grotta- 
ferrata ed ai poveri, costituendo il cardinale Giovanni Gaetano Orsini fu- 
ture Niccolo III) esecutore testamentario, e di altri atti che ne dipeodono 
parla il TOMASSETTI, La Campagna Romana (vol. II, La Via Latina) pag lm 
e Beg. Dalla bolla suddetta di Urbano IV, da un altro documeiito riferito 
dal CONTELORI a pag. 8, e dalla donazione di Boemondo V di Antiocbia a SUM 
moplie Luciana (riportata dal RATTI, Storta della famiglia Sforza, vol. II. 
pag. 244) ricaviamo il aeguente albero della famiglia Conti: 

Rlccardo Contl 
fratello d' Innooenzu III 





I 


Paolo 
vivo 1333 
1 






1 

Luolan* 
p. nel 1383 
Boemondo V 
prln. d'Antlochlm 
e eonte dt Tripoli 


Olovanai 
slk-n. di Poll 
vivo 1847 
Ki* t 1341 
sp. Smr<-.-ii 
FraiiKlpmnl 
1 


r 

Frmcosca 
K\* Tdov 
otl 1387 
<ll Currkdlno 
Colonna 


Mablli 
sp. N. X. 

Pern* 
sp. Cretcenxio 
dl Leone 
dl OIov. Oludlce 


1 
Polo 
francescano 
Tesoovo di 
Tripoli 
1357: 1*80. 
gla t 138 



oloContt 

1 Del 1258 e il testamento con cui Rainerio di Arsoli lascia eredi suo 
flglio Ottaviano, Andrea figlio del fu Boiamonte altro suo figlio, e fa del 
legati ad Oddone Bobone canonico di S. Pietro pure suo flglio, ed alle 
figlie Oddolina moglie di Pietro Papparone e Passabruna. (Arckivio Or- 
sini, II, A, I, 37). Ai 13 nov. 1272 Ottaviano di Arsoli ed Andrea si divi- 
sero i beni ereditati (ivi, n. 54). II suddetto Oddone Bobone col nome di 
Bobone de Artulit e nominato tra i Canonici di S. Pietro in an atto del 6 
marzo 1277, riferito nel Bollario della Basilica Vaticana, Roma 1747, vol. I, 
pagg. 159 e 174. 



MO.nI/i Ill 

<livi<i i iloininii tjmpu-;ili 1.-1 I';ip;i. <>n< so n*> am: mo, 



allorche Nicn>K> s;ili ;il tn>m> poMtilirio, il l';itniin>mo di S. ]' 
tro, Campagna e M;irittim;i. i! hucnto di Spoleto, la Marca <li 
Aneona, la Massa Trabaria 4 , la Sabina, la Citta di Benevento, 
1 il Contado Venassino in Francia. Niccolo III, nel primo 
,-mno del suo pontiflcato, vi aggiunse stabilraeate la Roiuagna. 
Talora ad un inedesimo rettore affidavasi il governo di due 
o anche piu province. Gosi per es. sotto Gregorio X fu ret- 
tore insieme della Marca d 1 Ancona e della Massa Trabaria Fulco 
di Puy Richard 2 ; e sotto Martino IV, Timmediato successore 
di Niccolo III, vediamo il di 7 maggio del 1281 nominate 
rettore della Marca d' Ancona e della Massa Trabaria Amelio 
d'Angoto signore di Corbario 3 . Nel 1296 (marzo 21) era ret- 
tore delhi Murca d' Ancona e della Romagna Guglielmo ve- 
scovo di Mende 4 . 

1 Diamo qui qua.lche notizla su questa provincia in generale poco no- 
ta. La Massa Trabaria stava sopra Urbino nella parte piu montuosa delle 
valli del Metauro, del Conca, del Foglia e della Marecchia, cioe nel versante 
.orientale degli Appennini a ridosso della valle del Tevere, 

..... ne' monti intra Urbino 
E '1 giogo di che Tever si disserra (Inferno, XXVII, 29). 

Dicono che prendesse quel nome dalle travi che si ritraevano dai folti 
boschi di abeti onde era coperta, i quali di Ik s' inviavano a Roma. Di le- 
gnami da spedirsi a Roma per la basilica di S. Pietro parla Niccol6 III 
in un breve del 28 aprile 1278 (POTTHAST 21312). Es*a comprendeva tra 
gli altri i castelli, ora citta, di S. Angelo in Vado e di Urbania. Quest'ul- 
tima venne cosl chiamata nel 1635 in onore di Urbano VIII, che la costi- 
tul sede d' un vescoyato. Prima chiamavasi Castel Durante in onore di 
Guglielmo Durante, che, essendo rettore di Romagna, la riediflc6 nel 1284. 
Altri luoghi erano S. Agata, (di cui parla Niccolo III in un altro brave 
del 28 aprile 1278 : POTTHAST, 21314), Mercatello, Frontino, Lunano, Se- 
stino. Quest' ultimo nel 1520 fu ceduto da Leone X alia Toscana. La Massa 
Trabaria pass6 dipoi sotto il dominio dei vicini signori cli Montefeltro e 
fece parte del ducato di Urbino. (V. OLIVIEBI, Memorie del Montefeltro, 
Pennabilli, 1880, pag. 324; TBOYA, Appendice al Codice Diplom. Longobar- 
do, Napoli, Stamperia Reale, 1855, pag. 239 e seg.). V. ancora presso Thei- 
ner (Cod. dipl. I, 43, 96), un diploma di Ottone IV del 1209 ed un atto 
del 1S32. 

1 THEINER, Codex dipl. I, 174, 175. 

' Vol. II dei Segesti Mss. di Martino IV, vol. 42 dei Regesti, fol. I.'' 

4 POTTHAST, 24305. 



III. 

l.itrin il'-l P;IJ:I c|, 

li avera nomiiuiti : il i|ii:il li litn li i (inch/* 

M! iiiinvn I'ap.-i It'iMM-v.-i i|.-i n 'i..ri di 

liiliiciri. P.M f -it Hi|ii<>. noi v.'iliaino <-h<> n*l l';i- 

trimonio .li S. I'i'-tn. <!;il IVM :i! l^sr, vj xii 
s.-i l';i pi i rcttori segmMiti : 

lit IM.AKhO DI PlKTHA S\NT\ T:i H'tlnn- HCl 1264, 

iKiio 10. sMttn rrl:ino IV ! . 

IMrinNK I'l I'IKTHA SANTA n-l 1204, april- -\ soft.. 
II.. IV . 

MATTED Rosso ORSINI cardinale, nel 12i.\ ^iu^u.i :;o. sotto 
Cl.-in.'nt.' IV 3 . 

r.ii DONE DK PILEO, nel !?(>?, dicembre 2, sotto Clempn- 
t- JV . 

\IV,M\H \ ixiosTi nel 1'372, giugno 4, sotto Gregorio X 

TADDEO DI MONTEFELTRO, cugino e nemico del celebre Gui- 
do di Montefelt^o. Egli ai 18 inaggio del 1281 fu poi nomi- 
nate capitano delle milizie pontilicie in Romagna ", e cola 
inorl conibattendo nel 1282. 

RAIMONDO DE NOGERIIS o Augerio, fu create rettore dopo 
i! di 11 luglio del 1275, nel qual giorno trovavasi ancora in 
Inizhilterra, incaricato di una rnissione dal papa Gregorio \. 
di cui era cappellano. Egli reggeva il Patrimonio di S. Pie- 
tro in sede vacante tra Giovanni XXI e Niccolu III nel 



1 POTTHAST, 18775. 

* POTTHAST, 19241. 
1 POTTHAST, 19241. 

k THBINEB, Cod. diplom. I, 169. 

1 POTTHAST, 20559. 
THKINER, Cod. dipl. 1, 252. 

7 RAINALDI, ad an. 1277, n. XLVI. Ivi il Rainaldi ha Parmentet in 
luogo di Narnientet ; V. Potthast 21255 e 21256. Dai regesti del Potthaat 
Tedesi che egli fu in Inghilterra dal 1272 sett. 29 al 1275 (V. 1272 ott. 7; 
1278 die. 3; 1274 febb. 19, e 1275 luglio 11). Ai 12 sett. 1278 era cappel- 
lano di Niccol6 III : ai 17 febbraio 1279 era decano del Puy in Francis. 
In un Breve di Onorio IV (Paou, Les Regiitres d'Honoriut IV, pag. 222) 
e detto A Algerii. La Gallia Chrittiana, II, 743, lo chiama Raimundut 
Algeri o Alger, e dice che vi sono memorie di lui come decano del Puy 
dal 1284 al 1291. 



-X MCI :<>!.<' III 

Di tutti questi rettorati o govern i dm- soli furono da Nic- 
<-ol6 III conferiti a' suoi parent! *, e furono il Patrimonio di 
s. Pietro dato ad Orso e la Romagna commessa a Bertoldo 
Orsini. Le doti per6 di questi due personaggi, e le circosbr 
dei tempi erano tali, che la loro nomina si dimostra per ogni 
rispetto naturale e ragionevole. 

Orso Orsini, sebbene fosse il quarto genito figlio di Gentile, 
defunto fratello del Papa, ed il secondo dei figli laici, appa- 
risce possessore del numero piu grande di feudi appartenuti 

1 Degli altri sette rettori, nominati da Niccol6 III, o da lui lasciati in 
carica, abbiamo le seguenti memorie: 

1. BERNARDO DI MONTE MIRATO (cos\ lo chiama la G-allia Christiana, 
tomo I, pag. 610), abate del monastero di Montemaggiore presso Aries- 
dal 1266 al 1286, e poi vescovo di Tripoli (ignoto al Gams, 434), rettore 
della Marca d'Ancona; egli era in quella carica il 9 giugno del 1479 
(PoTTHAST) e vi fu nominate da Niccolo III, poiche in sede vacante, e fino 
a parte del 1278 fu rettore H(ugono) Rubeus: RAINALDI, 1277, XLV; Cronache 
della cittd di Fermo edite da G. DE MINICIS, 1870, pag. 462. 

2. Rettore del ducato di Spoleto Filippo Minutoli; egli era in tal ca- 
rica il 1 marzo del 1278 e forse il 19 agosto del 1279; Mittheilungen attf 
dem Vaticanischen Archive herausgegebcn von der A'aiserlichen Akademic 
der Wissenschaften, Wien, 1889, vol. I, pagg. 189 e 216. 

3. Rettore della Massa Trabaria fu costituito da Niccol6 III, sulla fine 
di aprile del 1278, Pietro Saraceno; POTTHAST, 21313 e 21314; Regesti MSS. 
lett 29 aprile, vol. I, pag. LXXV. 

4. Rettore del contado Venassino in Francia nel 1274, aprile 27, fu 
creato Guglielmo di Villaret: POTTHAST, 20877; al quale, secondo il CA- 
STRUCCI, Ktoria d'Avignone e del Contado Vcnesino, Venezia, 1678, I, 93, 
succedettero nel 1275 Raimondo di Grassac, indi nel 1277 Filippo di Bernis- 
son, a cui il Castrucci da per successore nel 1291 Giovanni di Grillac. Un 
accordo fatto da Filippo di Bernisson con Ademaro di Poitiers fu poscia 
approvato da Bonifacio VIII il 3 aprile del 1296: VALBONNAIS, Histoire du 
Dauphitit, II, 58; POTTHAST, 24309. 

5 Quanto al Rettore di Campagna e Marittiraa, si ha una lettera di 
Niccold III a lui, ma senza il suo nome: POTTHAST, 21321. 

6. II catalogo dei Rettori della Sabina presso lo SPERANDIO, Sabina 
sacra e profana, Roma, 1790, pag. 108, dopo una lacuna di quasi due se- 
coli, ripiglia con Angelerio de' Maderletti all 1 anno 1283. Nulla di partico- 
lare ha il MAROCCO. 

7.jDi Benevento il BORGIA, Storia di Benttento, Roma 1769, vol. Ill, 
pag. 254, dice che dopo Giacomo de Accellis nel 1273 non si ha piu me- 
moria di altro rettore fino ad Uguccione Marzoli di Firenze, il quale eser- 
citava quella carica nel 1280. 



III. DEI MI :','. 

#ia a suo avolo Matteo Rosso nel tiTi-itm-io vitTbs. Fin 
<l;il rj-'i-'i egli Hgura nll:t li-t.-i .11 coloro, che Ubaldo, legato 
<T Innocenzo IV, assolvetto n.-l ill <; in.-i^rgio da ogni aorta 
li censure, che avessero incorse per le fazioni e le contese 

* (lute fino allora in Viterbo ! . Nel 1275 fti eletto podesta 
ri.'ll;i virin;i citt^ di Toscanella (che tal ufficio gli diede di 
nuovo nel 1280) 2 . Alia medesirna carica di podesta fu eletto 
lni Viterbesi nel marzo del 1277 3 , neiranno cioe in cui mori 
in Viterbo papa Giovanni XXI e dal maggio al novembre si 
tMine in quella citt;\ il conclave, da cui uscl eletto NiccolcS III. 
Al qual proposito Saba Malaspina loda la moderazione di Orso, 
il quale, dovendo, per ragione del supremo comando che aveva 
in Viterbo, vigilare alia sicurezza del conclave, quantunque 
mostrasse qualche maggiore riguardo ai cardinali italiani, tut- 
tavia si tenne assai lontano da quei modi passionati e poco 
dicevoli, che 1'anno prima il re Carlo d'Angift aveva" adope- 
perati in Roma verso i cardinali francesi 4 . 

1 Pmzi, Storia di Viterbo, Roma, Fibreno, 1889, II, 17. 

* CAHPANARI, Tuscania e i suoi monumenti , Monteflascone, 1856, 
II, 314. 

* Per solito il Podesta entrava in carica col mese di marzo. 

' lokanne igitur apud Ytterbium obeuntc, quamquam constitutionis 
Qregoriane rigor foret per dies aliquot obtervatus (allude alia costituzione 
di Gregorio X prescrivonte una stretta clausura nel conclave) finaliter 
tamen cum constituent* convanuit. Licet in diebus coaretationis Cardina- 
lium, quibus illius constitutionis esacte coepit rigorositas coli, motor favor 
in omnibus, sed non quantum debebatur et poterat, Latinis Cardinalibus et 
eis adhaerentibus fuisset impensus, pro eo scilicet quod non erant sub po- 
tentia regis Caroli constituti, quia non Rex sed dominus Ursus de Jtliis 
Ursi, nepos predicti domini Cardinalis lohannis Oaytani, Viterbiensi tune 
preerat civitati. AdkibuU cnim tantum in cokercttionis modulis mode r amen, 
nee rependit vicem Gallicis, quibus Rex prefatus hacttnus in etectione 
Summi Pontificis favit quantum potuit apud Roman. Cod. Vatic. 3978, 
fol. 136*. A complemented! quanto diceinmo intorno alia cronaca di Sab* 
Malaspina, nel fasc. 1046, vol. IX, pag. 151 della Serie presente, apgiun- 
giamo quanto ci suggerisce un cortese lettore. che essa fu stampata nella 
raccolta Cronisti e Scrittori sincroni napoletani editi ed inediti ordtnati 
da GIUSEPPE DEL RE. II 1 volume di questa raccolta fu sUmpato a Napoli 
nel 1845 ed abbraccia il periodo normanno; il 2, dove sta la Cronaca 



40 NICCOL6 III 

Un tal personaggio pertanto che nel Viterbese aveva inolti 
feudi, che i Viterbesi stessi avevano scelto per loro capo e 
che tanta prova di moderazione e di saggezza aveva dato, ben 
ineritava che fosse scelto dal nuovo Papa, quando pure quest! 
non fosse stato suo parente, per governatore di quella pro- 
vincia (doe il Patrimonio di S. Pietro) di cui Viterbo era il 
capoluogo. Contuttoci6 v' e ogni ragion di credere che Nic- 
colo III, appena fatto Papa, nella nomina dei nuovi rettori delle 
province non comprendesse punto Orso. A lui diede solo la 
carica, tutta di fiducia e di onore, di Maresciallo della Corte 
pontiflcia. II primo rettore del Patrimonio di S. Pietro nomi- 
nato da Niccolo III fu non Orso, ma Guglielmo Durante, ce- 
lebre canonista, noto col soprannome di speculalore, che In 
piu tardi vescovo di Mende e che da tutti i Papi della fine 
del secolo XIII, cominciando da Clemente IV fino a Bonifa- 
cio VIII, fu meritamente tenuto in grande stima ed in molti 
e scabrosi uffici utilmente occupato *. 

E probabile che Niccolo desse ad Orso la carica di rettore 
solo allorche fu interamente definita con Rodolfo d'Absburgo 



del Malaspina, abbraccia il periodo svevo e fu edito nel 1868. Siccome 
1'editore non fece che ristampare i testi del Muratori e del Gregorio, vale 
per questa edizione quanto dicemmo delle due suddette. 

1 Che egli sia stato nominate rettore del Patrimonio di S. Pietro da 
Niccolo III 1'afferma 1'astigiano Simone Maiolo, che ne pubblic6 la vita in- 
siem coi Commentarii di Guglielmo al Concilio di Lione: In Sacrosancfum 
Lugdunense Concilium sub Greg. X, Guilelmi Duranti cognomento specula- 
toris commentarius, mine primum a Simone Maiolo U. I. C. Asten. inventus 
etc. Fani, Moscardus, 1569, pag. non numerata 5: Cuius (Nicolai III) Pon- 
tificis iussu, intermisso Palatii auditoris munere, Patrimonio beati Petri 
aeque temporalibus ac spiritualibus curis praefectus est. V. anche GaUia 
Christiana, I, 94. Tal notizia viene pure confermata da una sentenza giu- 
diziale del di 19 febbraio del 1286, in cui si ricordano le sentenze pronun- 
ziate dai rettori del Patrimonio antecessori di Luca Savelli, per Tadeum 
comitem Montisferetri, dom. Raymundum, dom. Guillelmum, dom. Urtum 
jiliis Ursi, dom. Adam Fenenum (sic), dom. Sgidium, olim Capitaneos in 
dicto Patrimonio et alios praedecessores ipsius dom. Luce. PINZI, St. di 
Viterbo, II, 484. Se si osserva che il suo antecessore, Raimondo Augerio, 
fu rettore in sede vacante, 6 d'uopo conchiudere che Gugiielmo esercito il 
rettorato nei primi mesi di Niccol6 III. 

^ 



III. MI II 

mo :ill:i RMIII:IL': :il( il !' 

|ii-r ronlinaiiiiMito ili qm'sta j>n>vinria dell'opera di Guglielmo 
Duraiit.-. In t.ls- d:i rettore d-l I'atriinonio e lo inan.lo in 
Romagn.t, ' 'lov i-iirisia rh. t'n inlitoro . < > <>ri<i^li' > re e segre- 
tario d.'l cardinal.' Latino M;il;il.r;mca, eletto legato pwiti' 
per ana, Loinbanlia e Homagna *. Allora sollanto in 

liid^o di lui a irovernare il Patrimonio di S. IMotro staliili Orso, 
in Vitorbo e nel Viterbese aveva tutti quegli int.- 
i ^il uilicii che diceiiimo, i quali alia carica di rettore di 
provincia lo designavano. La tardanza, cbe abbiamo 
. m-lla nonrina di Orso a rettore, dimostra che Nivnl'. 
non era cosi smanioso ed avido di promuovere la sua fami- 
glia, come fu da taluni rappresentato. 

Un altro rettore nominato da Niccol6 tra suoi parenti fu 
Bertoldo Orsini, fratello di Orso, al quale affldo il governo 
Romagna. Di lui parlereino in un prossimo articolo. 



1 MURATORI, Antiq. Ital. Medii Aevi, VI, 154. 

* N6 ai 4 mag'glo del 1278, allorclid intervenne come testimonio alia 
cessione della Romagna futta dall'ainbasciatore di Rodolfo (RAINALDI, ad 
an. 1278, n. L) , n6 nel trattato fra il Papa e Viterbo del 20 mapgio dello 
stesso anno, Orso s'intitola punto Rettore del Patrimonio. La prima volta 
che B'incontra questo titolo e in una lettera di Niccol6 III a lui del 21 
luglio 1278 (Piszi, 11, 375). Per 1'ufticio di uditore del Legato Malabranca, 
conferito al Durante, vedi CLEMENTINI, Raccolto Istorico della fvndatione 
di Rimino e dell'origine e vite de' Malatesti, Rimino, 1617, vol. I. 



Lista dei Veacovi creati o roiilVniiati da Nicrolo HI. 

P. indica i Regesti del Potthast; O. M. e 1' abbreviaxione di Ordinii 
Minorum, e O. P. dl Ordinis Praedicatorum. Dove ai nomi dei vescovi non 
precede altro verbo, si sottintenda : eltgge. 

1278, aprile 5. Manda il pallio a Giacomo (Erlandi) arciveacovo eletto di 

UPSALA : P. 21298. 

6. Elegge Tellio, O. M., arcivesc. di BRAOA : P. 21301. 
9. Bartolomeo di Amelia, O. M., vesc. dl GBOSSBTO : P. 21302. 
Guglielmo (di Moerbeke) suo penitenxiere, O. P., arciT. di 
CORINTO : P. 21303. 



42 MCCr. LO III 

1278, maggio 10. Rotlando (Taverna), suo suddiacono e cappellano, vesc. di 

SPOI.ETO: P. 21317. 
23. Pagano vesc. di FAMAOOSTA: Regesti Ms. 

> giugno 1. Cassa la elezione ad arc. di STRIGONIA di Niccol6, prepo- 

sito della chiesa di Transilvania. Non ammette la postula- 
zione del vescovo di Vesprim.; P. 21328. 

> > 5. Benvenuto, 0. M., vescovo di GUBBIO; P. 21330. 

> 22. Martino, O. P., suo penitenziere e cappellano, arcivesc. dt 

GNESEN : P. 21340. 

luglio 15. Conferma Fidesmido vesc. di FANO : P. 21360. 
agosto 2. Trasferisce Pietro (Gerra) da Sora a RIETI : P. 21378. 

Manda il pallio ad Ugo vesc. di TROIA : P. 21385. 
x> 9. Tomaso, 0. M., vesc. di NEPI : P. 21390. 
10. Anglerio (oAngelerio de' Bentivenghi) vesc. di TODI: Rege 

sti Mss. 
18. Conferma, sotto certe condizioni, Aimone vesc. di CORONE : 

P. 21394. 
ottobre 1. Non ammette la rinunzia di Giovanni di Vercelli, gener., 

0. P., da lui eletto patriarca di GERUSALEMME : P. 21462. 
dicembre 24. Trasferisce Giovanni (Martinez) dalla sede Gadicense 

(CADICE) all'Egitaniense (GUARDA o Idafia in Portogallo) va- 

cante per la morte di Gualasco : P. 21503. 

1279, genn. 9. Aimerico vesc. di COIMBRA: Regesti Mss. 

> (Matteo II) vesc. di VISEU : Regesti Mts. 

28. Giovanni (Pekkam), O. M., arciv. di CANTORBERT: P. 21522. 

II P. n. 21289 fa menzione erroneamente di Giovanni sotto 

il 25 marzo 1278. Egli stesso porta la data vera 25 marzo- 

1279 al n. 21557. 
febbr. 4. Libera Giovanni dalla carica di Patriarca di Gerusalemme, 

e dichiara di considerarlo come generate del suo ordine dei 

Predicated: Regesti Mss. 
Elegge Giovanni di Martino alia sede di Lucca, vacante per 

la morte di F. : Regesti Mss. 
8. Giovanni de Arlington, O. P., arciv. di DUBLINO: P. 21534. 

Errano gli Annali di Waverleia, citati dal P. pag. 1746 in 

fine, che pongono la promozione di Giovanni all' 8 set 

tembre del 1279, se pur non s' intendono della sua conse.- 

crazione. V. pure P. 21621. 

' 25. Egidio di Liegi, O. M., vesc. di VALVA: P. 21540. 
marzo 7. Stabilisce chi debba aver parte all' elezione dell' arciv. di 

DUBLINO: P. 21542. 
1279, marzo 9. Vuole die il decano R. eletto vesc. Cathanense (di CAITN: 

nella Scozia) rinunzi, perch6 non presto dentro un mese 

1'assenso alia propria elezione, secoudo il decreto del Con- 

cilio di Lione : P. 21543. 



111. hl'.I.I.i: ! 

1270, marzo 18. Trasferisce Piotro dalla aede n nthknse (?) a Co- 

BBWZA: P. 21553. 

21. Enrico di Fleming. T. di VAHMIA (Brmland) : P. 91554. 
maggio 15. Tancredo di Montefuscolo, O. M., T. di NICASTRO: P. 21580. 
Trasferisce Ella (Pileti) da Perigueux a GKRUSALXMME : 

Regftti Hit. 
25. Trasferisce Giovanni (Ton Entail) da Chlemsee a GUM : 

P. 21585. 
Elegge Guido, agostiniano, patriarca di GRADO: P. 21586. 

> giugno 7. Elegge Raimondo v. di PBRIOUBUX : Reg. Mit. 
0. (Andrea) T. di SCR A : Keg. Mil. 

13. Lorenzo (Biondi) da Todi, O. P., arc. dl CONBA: Reg. Mtt. 

> Trasferisce Lodomerio da Varadino a STRIOONIA: P. 21608. 

* Provvede pel vescovato di COLOCSA : P. 21010. 
22. Pietro de Archia v. di ACERENZA : Reg. Mit. 

Giovanni di Mastrogiudice arc. di SORRENTO : Reg. Mil. 
settembre 19. Guglielmo (Wickwane) arc. di YORK: Reg. Mil. V. P. 20 
sett. 1279, n. 21685. 

* 22. F(lorasio) v. di SUTHI, rigettato 1'elez. di Giovanni di Ame- 

lia, O. M. : P. 21636. Nei Keg. Mil. la data e 23. 
26. Giovanni di Chanlai v. di MANS: Keg. Mn. Nel P. la data 

e 3 ottobre : n. 21648. 

ittob. 3. Godefredo di Saint-Briton v. di SAINTES: Regetti Mil. 
Ugo v. di BETLEMME, id. 
4. Corrado, O. M., v. di TOLL, vacante per morte di Gelone ; 

P. 21049. 
7. Giovanni v. di METZ, vacanto per la morte di L(orenzo): 

Regesti Mil. 
9. Gentile O. M. arc. di REOOIO vacante per morte di Giacomo 

e la elez. annullata di Roberto: P. 21654. 

* 10. Guglielmo decano di Chart res v. di ACXERRE: Regetti Mil. 
11. Pietro v. di MACON vacante per morte di G(uiscardo); id. 

16. Proesavio v. di TREVISO; id. 

nov. 27. Nicolao di Cusoacb. O. M. v. DARENSE (di Derry in Irlanda? 

P. 21656. Regetti ^fss. ai 26 nov. 

dicem. 4. Gualterio O. M. v. di POITIERS; P. 21658. 

9. Filippo arc. di RAOUSA vac. per morte di Salvio: P. 21664. 

> Erveo vesc. di VANNKS vac. per morte di Guido. Regetti Mil. 
23. Conferma sotto certe condizioni la elezioue di Wlostoberio 

arc. di GNESEN vac. per la morte di Martino (Polono) : P. 

21666. 

1280, gennaio 13. Federico v. di FRISINOA : P. 21668. 
marzo 23 Giovanni vescovo di PARIOI : Reg. Mil. 
aprile 1. Commette ad Opizzone patriarca di Antiochia la Chiesa di 

TRANI: iV/irf. 
8. Elegge Giovanni v. di CHAKTRES: ibid. 



4i NICCOLd HI - III. DELLE DIi \];i:\il 

1280, aprile 9. Rodolfo v. di KAKLKOI. (Carlisle) in Injrhilterra : ibid. 
>^ 20. P. monaco di S. Prospero di Regpio arciv. di AKKOHEA 

per morte di Aleardo e per elezioni seguite annullate: ibid. 
maggio 3. Elegge llaineri ( ). M. vest-, di THOIA vacante per traslazione 

di Ugo a Betlemme, e per la non ainmessa postulazione per 

Benedetto v. d'Ascoli : P 21708. 
5 o 7. Elegge Bernardo di Bagnorea v. d' UMANA, vacante per 

morte di Arnolfo, e per 1'annullata elez. di Marco d'Ancona 

O. M. Nei Regesti Mss. la data di questa bolla e 7 maggio. 
7. Traslato F. di Melft ad Orvieto elegge v. di MKLKI Sinibaldo 

del Lago O. M. : P. 21710. 

Elegge Giacorao v. di CASTELLO \Venezia): Regesti Mss. 
Trasferisce Gudinsalvo da Burgos a TOLEDO, vacante per la 

morte di Sancio e per la rinuncia di Fernando Rodriguez : 

Regesti Mss. 
15. Elegge Niccolo di Cusoach alia sede DAHKXSE vac. per morte 

di Simone: P. 21714: v. sopra 1279, nov. 27. 
21. Fernando O. M. vesc. di BURGOS: P. 21719. 
Guglielmo vesc. di S. ANDBEA di Scozia : P. 21720. 
R. vesc. di CAHORS vac. per morte di B. e per elezioni an- 
nullate : Regesti Mss. 
giugno 27. Renoldo di Hombloneria v. di I'ARIGI : P. 21724. (Era gia 

eletto in questo giorno). 
28. Riguarda CANTORBERY vacante per la traslazione di Rob. ora 

defunto alia sede cardinalizia di Porto: Regesti Mss. vol. II. 
29. Non ammette la elezione di R. vescovo Batboniense alia sede 

WINTONIENSE, vac. per morte di Nicola. 



, . 



DELLE CONDIZIONI PRESENTI DELIA POLONIA 



I/Knciclira 'he il S;tni< I'udre ha dirett.. a 1 VescOvi i< 
-hi i! !'.> <ld prossimo passato IMMIYM. e die noi piiM.lidii;mio 
in quest. ((iindeniM, e una nuova provn del |.nt-nx ,-itretto e 
ilHhi pastorale sollodtmliiie, che Leon** XIII h;i per tutti i sui 
lisrliunli e so^natuinente per coloro i quali, roni" i IVihirrhi. 
hanno sofferto o soffrono persecu/ioni per hi loro fede. 

II ricordare che il Santo Padre lii ! ;mtifhe glori-' '!' I 1 .. 
lacchi e la costante loro sommissione alia Clii-^;: rinculc.ii'' 
loro Tobbedienza ed il rispetto allp loy^i <l^!ln Stntn. s.'iij]>r' 
che queste non sieno in coiitraddizione co' sacrosanti lorn d- 
veri verso Dio e verso la Chiesa; la delicatezza, colla quale 

i si esprime rispetto a* Potentati nelle cui mani sonn ri- 
posto lo loro sorti; gli ammoniinenti salutari che Egli d^ ai 
loro Vescovi, perche uniti tra se, in pulchriludine pads, li 
fendano i diritti della Chiesa e procurino il bene delle p 
polazioni cattoliche alle loro cure affldate, tutto (juest^ cose 
dimostrano la vera indole del presente documento pontitid<>. 
vero messaggio di pace, degno di Colui, il quale e sopra ht 
terra il Vicario del Dio della pace. 

Ad assicurare a tutti i Polacchi i preziosi benelidi 
pace religiosa, ed in ispecie a migliorare la triste 
<li (juelli tra essi, i quali sono sudditi della Hussi.-i, I^eone XIII 
ha fatto tutto cio che da parte sua far si poteva, e non cessa 
di Mdoperarvisi con prudenza apostolica, in quel grado ed in 
quel modo di cui Egli solo e giudice. 

Perche poi i lettori possano meglio apprezzare 1'opportu- 
nita della recente Enciclica e la sapienza degli ammoniinonii 



i' ; 1'KI.I.K CONDI/IONI I'RKSKNTI 

one essa contiene, abbiamo giudicato ben fatto di pubblicare 
le seguenti note sulle present! condizioni religiose, politiche 
e sociali delle tre province austriaca, prussiana e russa, in 
<-ui J'antica Repubblica di Polonia fu divisa sul finire dello 
scorso secolo. 

I. LA POLONIA AUSTRIACA. 

La Polonia austriaca, ovvero Galizia, conta presenteraente 
piu di sette milioni d'abitanti, tre de' quali in quattro diocesi 
vescovili sono puri Polacchi cattolici, tre altri milioni in tre 
diocesi sono Ruteni cattolici greci; poi vi hanno circa 100,000 
i'ra scismatici e protestanti, e quasi un milione di Giudei. Tre 
vescovadi cattolici romani cioe in Tarnov, Premislia e Leopoli 
formano una sola provincia ecclesiastica sotto la giurisdizione 
dell'Arcivescovo di Leopoli. 

II vescovado di Cracovia, il cui Vescovo porta Tantico titolo 
di duca, e sotto F immediata giurisdizione della S. Sede; ora 
lo governa 1' Emo Cardinale Albino Dunajewski. Tre vesco- 
vadi cattolici greci in Premislia, Stanislavia e Leopoli fanno 
una provincia ecclesiastica con a capo il Metropolita ruteno 
Sembratovicz, il quale pure sotto il rispetto politico e na- 
zionale e tenuto da molti per capo della nazioue rutena in 
Austria. 

I Gattolici d'ambedue i riti in Galizia godono, grazie alia de- 
vozione e magnanimity deirimperatore Francesco Giuseppe, una 
certa libertk ; liberta relativa, perchfe i Vescovi, i canonici ed 
anche i rettori e professori dei collegi ecclesiastici sono sem- 
pre nominati e confermati nelle loro cariche dall' Imperatore 
stesso e dal Ministro dei culti ; ma in questa materia il Governo 
quasi sempre ha secondati i desiderii della S. Sede e le propo- 
ste dei Vescovi diocesani. Parimente i beni e i fondi della Chiesa 
oattolica, come se fossero proprieta di minoreniai, sono sotto 
la tutela e Tamministrazione del Governo. Questi sono putridi 
avanzi del Giuseppismo, introdotto verso 1'anno 1780 dall' Im- 
peratore Giuseppe II ; avanzi di un sistema governativo, in cui 



M- i I \ POLOH1 \ 

I..T isniM,|;it:i pn'pnf.'M/a s' iritrom.>tU> s' i 
tutti d' inti'ivissi .<! ;!l;iri <<!. ^histid. -lix; 

il diritto del Papa e dei Veseovi. <ju.->to M>I.-MI; 6 stato : 
litn pi-r IIM'ZZO del detto concordato delPamio ts.v., ne rima- 
sero per6 ancora le orme profonde. 

I Vescovi e i fedeli hannoora il diritto di comunicar-- [mine 

lintamente con la S. Sede; poichft Pantica legge: Pi 
regium che lo proibiva, e stata abrogata fin dal 1850. 

(rli Ordini religiosi possono anch'essi avor corrispondenza 
coi loro superior! generali. Sono quasi tutti approval! dal Go- 
verno e possono col permesso di esso far nuove fondazioni 
aprir case ed istituti privati di educazjone ed istruzione. 
]' 'ducazione del clero secolare appartiene ai Vescovi, e il 
iMivi-rno non frappone loro alcun oslacolo; la parle econom 
pero di tutti gF istituti ecclesiastic! ritnano sotto la tulela del 
Governo, il quale la mantiene, servendosi dei fond! eccle>i;t 
slici dello Slato, formal! dalle confische dei ben! e dalle di- 
verse lasse del clero. II numero del clero secolare, caltolico 
romano ammonia sino a 2000, quello del clero catlolico greco 
a 2500. Tulli, dopo aver finili gli studii di ginnasio e otlenut; 
la licenza liceale, sludiano per qualtro anni il corso ili 
logia'nei seminarii diocesani o nelle universita di Leopoli e 
Cracovia. La dolazione del clero parrocchiale, tranne qualche 
rara eccezione, e mollo modesla; i vicarii hanno da 300 a 400 
fiorini, i parrochi da 500 a 1000 f. per anno, conlando in 
le rendile dei beneflcii ecclesiaslici. In generale per 2(XX 
deli vi e un solo sacerdole parrocchiale. 

I.;i vita religiosa e clauslrale, in (Jalizia, specialmenle negli 
ultimi trent'anni, e cresciula e si vede venir su ogni di piu 
rigogliosa. Agli antichi Ordini di San Hrunone, di S. Agistim-. 
di S. Domenico, di S. Francesco, di S. Teresa, dei Buoni Fratelli 
d'i Gesuili (i quali ultimi noverano pirt di 400 pereone, hanno 
i ollegi e un grande islituto educative in Chirovia e si appli- 
cant), oltre alia predicazione e alle inissi.mi, :in<-h> alia propa- 
ganda ed alia slampa dei libri e giornali sci.'iitiiiri e religi 



IM-'.I.I.K CuNDI/KiNI I'HK>KNTI 

.si SOUK ii.^iuiil.' !( (loiiLMvgu/ioiii d-i I'l'. 
dci Hi'dentoristi e del Terziarii di S. Fnnn^sco. 

In egual modo le antiche comunit:'i ii-iuiiiiiiili il.-li 
di S. Benedetto, di S. Francesco, di S. Domenico, di S. T.M 
<lel Sacro Cuore, e le Suore di carit hanno ricevuto nucvo 
soccorso dalle Congregazioni di Maria Immacolata, dellc Su 
di S. Felice, del Divino Amore, delle Terziarie di S. Doinonico, 
e delle Ancelle di Maria SS. Eccettuati i tre Ordini cont-m- 
plativi, tutte le altre cornunita femminili s'occupano della edu- 
cazione delle fanciulle e hanno scuole, asili ed istituti per rico- 
verare i vecchi ed impotenti a lavorare. Lo spirito di vera de- 
vozione e Tosservanza della regola vigoreggia in tutte queste 
congregazioni e comunitk religiose femminili, ed aiuta pob'ii- 
temente a dilatar sempre piu la loro salutare operosita. Le 
comunitk maschili, le une gik da pezza ridotte all'osservanza 
debita, le altre da poco riformate, sono nelle parrocchie di 
gran sostegno al clero secolare. 

La chiesa cattolica greca, in Galizia, ha un solo Ordine 
religioso della regola di S. Basilio, il quale, benche un po' de- 
caduto per il rovinoso sistema del Giuseppismo, dair anno 
pero 1883 comincia a rimettersi pian piano, in modo che al 
presente, sotto la regola riformata da S. Giosafat, vi abbiamo 
cento venti Basiliani in cinque o sei collegi, i quali si occu- 
pano in predicare e in dare missioni popolari. Vi sono pure 
due o tre case di monache di S. Basilio, riformate esse pure 
da S. Giosafat, che hanno scuole ed istituti di educazione per 
le signorine rutene. 

Le relazioni delle autoritk dello Stato e del luogo col 
clero secolare e regolare sono amichevoli, non tanto perche il 
Monarca stesso e tutta la direzione del Governo sono ben di- 
sposti verso la Chiesa, ma piu ancora perche i pubblici offlciali 
nella Galizia sono quasi tutti o polacchi o figli dei preti ruteni, 
e per cio cattolici ben fondati nella fede e nella morale. S' in- 
tende dunque facilmente che essi si studiano, secondo che le 
leggi loro lo permettono, di aiutare ed agevolare i conati e 
1'opera del clero, tenuto per assai idoneo ad infondere e man- 



1)1 I 

Ii.'l |inj. Mil. Mill (11 rixp.'ttn ;i||;i l.-^LT'! - 

. <|iiinili utilisHino ;il IM-IH- dHIa socicta. 
l;i IM-H tivnt'.-iimi hi iiali/ia. -'iiie le altro provin<-<- d.-lla 

iitonomia. Ha dunque le 

litati pn>\ indali pi mitati distrettuali, il suo 

-ii:lio scolastk-o in U'>poli i suoi comuni e magistral! per 

I* flozioni, la liberty dflla stampa <l<-lla parola < l il dirilto 

<li ;^socia/.inn'. Ma appunto per questo 6 aggravata da enonui 

tasse piovinciali, 1> <inali ascendono a tanto da formare il l! , 

<li tutto !' tass i dell' liupiTO. Le relazioni poi delle auinrita 

autonoiuiche e locali con quelle dello Stato sono ottiiin 1 , pt'rchfc 

jiii e 1;\ sono sparsi degli inipiegati nazionali, veri patriotti, 

ai (juali sta a cuore il bene della patria. 

Cracovia, Tantica capitale e residenza dei re di Polonia, 
e sotto il rispetto scientifico un ateneo polacco. Basta dire che 
il primo posto nel movimcnto scientifico e occupato dall'Acca- 
doinia delle scienze di Cracovia, il cui Rettore, il conto stani- 
slao Tarnowski, il Segretario, professore Smolka, ed altri sono 
tutti biioni cattolici, di profonda fede e costumi incensural>ili. 
I.Tniversita che conta piA di 1200 studenti, va anche adorna 
e rinomata per professori commendevoli assai e per dottrina 
per illibata fede e divozione in tutte le facolta, non eccet- 
tuata quella della medicina. In generale la scienza e dottrina 
in Galizia non e punto divisa e scissa dalla Chiesa cattolica 
e dalla sua dottrina, sicche i personaggi dotti di cola sono 
pressoche tutti intimamente religiosi. In Leopoli, come pure 
in Cracovia, avvi varie societa scientifiche e artistiche; ne vi 
mancano le biblioteche pubbliche e private, ad esempio la Bi- 
blioteca Jaghellona e quella dei Principi Czartoryski in Cra- 
covia, e la Biblioteca delT Universita e 1' aitra detta d'Osso- 
linski in Leopoli. Di scuole ginnasiali e reali (commercial!) 
maschili e femminili se ne noverano piii di 50, e il numero 
delle scuole popolari ascende alle 3000. 

Le belle arti, specialmente la pittura, vi hanno dei rappresen- 
tanti di gloria mondiale, come il Giovanni Matejko, morto son 
IMM -hi mesi fa, come il Hajdukiewicz, Pochwalski e molti altri. 

XV. voL X, fa*f. to:,l. 4 ** mono 1894. 



50 DELLE CONDIZIONI I'RKSKMI 

La stampa Galiziana, fuori di qualche giornaletto di poco 
conto, e molto riservata, moderatissima e costumata; non si 
scaglia contro la Chiesa, anzi la protegge e stima. I piu an- 
tichi e accreditati giornali di Galizia, quali il Czas Cracoviano 
e la Rivista (Przeglad) Leopolitana sono gli organi del par- 

tito conservative e cattolico, ai quali si pu6 aggiungere la 
Gazzeta nazionale e la Gazzeta leopolitana . II partito 
liberate ha la Nuova Riforma in Cracovia e il Giornale 
Polacco ia Leopoli. Oltre di questi vi sono pure alcuni gior- 
nali di provincia e locali. La stampa rutena per6, che rappre- 
senta tre principal! partiti in Rutenia, ovvero nella Galizia 
orientale, cioe il nazionale governativo, quello d'Ukraina e k> 
slavofilo, i quali sono in continua lotta fra di loro, e verso la 
Chiesa cattolica in generate mal disposta. Una quantitfi di libri 
nelle numerose librerie fornisce agli abitanti in tutta la pro- 
vincia un alimento intellettuale molto copioso, benche non 
sempre sano. 

Le scienze e le arti hanno i loro proprii organi, come 
Przeglad Polski (Rivista polacca), propriety del conte S. Tar- 

nowski, Przeglad Powszechny (Rivista universale) diretto 

dai PP. Gesuiti ; Museo e Dodatek Literachi (Supplemento 
litterario) in Leopoli, Swiat (II Mondo) illustrate e Przeglad 

lekarski (Rivista medicinale) in Cracovia, e tanti altri. 

Oltre di questi vi sono due periodici cattolici bisettimanali 
in Leopoli, e le Missye Katolickie (Missioni Cattoliche) dirette 
dai PP. Gesuiti in Cracovia. Insomma la stampa e le opere let- 
terarie in Galizia non isflgurano ne per magnificenza, ne per 
abbondanza, e quel che piu rilieva e che non vi fanno la 
loro comparsa gli scritti e le opere oscene ed ateistiche. 

Bisogna aggiungere che la vita religiosa e intellettuale di 
Galizia si e ridestata ed ha preso a mano a mano forza e vigore 
dai momento che ebbe ricevuta IfciitOBomia, 30 anni or sono,. 
e da quel tempo i Polacchi son rimasti i piu leali e fedeli 
cittadini per la Corona e pel Governo, che affido ad alcuni di 
loro le piu alte e important! cariche dello Stato. 






DELLA POLo 51 

Mm.- i pin dfgli ;iliit;uiti <li <'.;ili/i;i sono cattolici e buoni 
eattnli.-i. MOM vi hanno <iunque luogo nfc lotte di stirpe, n& irrandi 
liitFcrenze nelle caste, e se nell'anno 1848 accaddero gravi .li- 
sordini. ii ci6 fu in colpa il Governo assoluto, che, temendo 
i I'ulairhi qual<> nazione pericolosa, co\ suo divide el impera, 
voleva indebolirli, suscitando la lotta fra essi e i Ruteni, la 
<|ual lotta pen % , da un pezzo diminuita, e quasi scomparsa, e 
il (Joverno medesimo, insieme col Vescovato ruteno, cerca di 
UDire i due popoli e rimarginare le anticbe piaghe. 

La nobilta polacca in Galizia viene sempre diminuendos! 
e a poco a poco sparir& del tutto. Tra le poche ricche e anticbe 
famiglie polacche si contano principalmente le famiglie: Potocki, 
Lubomirski, Czartoryski, Tarnowski e Zamojski. Oltracci6 vi 
sono circa 100 famiglie della nobilta agiata ; ma la piu nu- 
merosa, quella che contava piccoli proprietarii nelle campa- 
gne, si e molto diradata. Impoverita dalle tasse ha dovuto ven- 
dere la terra, che a vil prezzo pass6 nelle mani degli Ebrei 
o de'contadini, esscndosi gli antichi proprietarii rifugiati nelle 
citti per cercar impieghi, o per occupare gli avanzi delle loro 
sostanze nel commercio e nelle industrie. Le tasse, le diffl- 
colt& nella coltivazione dei campi, 1' ignoranza del conteggiare, 
il modo di vivere non regolato e di spendere fuori del biso- 
gno, ecco le vere ragioni di questa decadenza dei proprietarii, 
gente del resto buona, religiosa e anche istruita, specialmente 
le donne, ma un po' troppo larga nello spendere e anche nel- 
1'aiutare gli altri. 

Cosi i figli di ottime famiglie aristocratiche e signorili cer- 
cano gl' impieghi governativi e vi si dedicano con ardore ed 
anche con sacrifizio, come ad unica loro professione un po' piu 
decorosa e nobile. 

La borghesia in Galizia non v' e; le sue veci tengono gli 
Ebrei. Kssi sono sparsi in tutta la provincia in numero stra- 
grande. Le citta grandi e piccole, i borghi, i paesetti sono 
tutti pieui di Hbrei. In Cracovia, ove si contano 75,000 abi- 
tanti, vi sono ben 30,000 Ebrei ; Leopoli, su 100,000 abitanti, 
hn 35,000 Israeliti; in Tarnovo, Przemislia, Tarnopoli e altri, 



62 DELLE CONDI/IONI I 

formano essi la piu grande parte della poj-nln/ione, e alc\ 
citta come Brody e Christinopoli sono osclusivamente iiii; 
che. Essi si sono appropriati tutto il cominercio e le inlust 
e quasi tutti sono strozzini, con una lunga tonaca nera, su-lio 
brutta, con lunga barba ed incolta, su cui piovono due ciocrli" 
di capelli scendenti loro dai lati della faccia, con un zucchetto in 
testa, sopra il quale mettono un cappello tutto proprio di loro, e 
con pendente dalla bocca una lunga pipa. In tale foggia vestiti 
girano essi per le viuzze sporche e puzzolenti delle borgate 
di cui sono proprietarii quasi assoluti, dopo avere acquistato 
la terra e le case dai contadini sempre colla usura, 1'inganno e 
la furboria. Un ramo del giudaismo galiziano, i cosi detti giudei 
tedeschi, hanno una certa coltura e si sono acquistate enornii 
ricchezze ; percio i piu grandi proprietarii sono ebrei ; come 
pure ebrei sono gl' impiegati, gli avvocati, i medici ed i far- 
macisti. Questi formano una specie di aristocrazia giudaica. 
Alcuni di essi sono pero onesti e hanno sentimento patriottico 
nazionale, ma non sono molti. 

Quel po' di borghesia, impoverita dagli Ebrei e pressoche 
tutta composta di artigiani, e gente fedele, onesta e devota. 
II popolino poi e fornito di si belle qualita, che le teorie dell'a- 
narchia socialistica che hanno cosi potentemente soggiogato 
i popoli occidental!, in Galizia non trovano terreno propizio. 
Negli ultimi anni passati gli emissarii di Berlino, di Londra 
e Ginevra hanno tentato d' innestare il socialismo democra- 
tico in Galizia, ed hanno anche formato alcuni fasci sociali- 
stici in Cracovia, Leopoli, Sandez, Premislia e altrove, ai quali 
appartengono massimamente i giovani artigiani, lavoranti delle 
fabbriche, e ne son sempre capi gli stampatori; ma questi 
fasci, pur mo' nati, gia cominciano a sciogliersi, trovando grande 
ostacolo nella fede cattolica, radicata profondamente nel po- 
polo, e nel clero che e zelante assai ed operoso. 

II contadino polacco e ruteno, ritolto all' antica servitu 
dall' anno 1848, si contenta di poco e non conosce grandi 
bisogni; egli provvede al suo vestiario e alia sua biancheria 
coi proprii lavori di manifattura; abita miserabilmente nelle 



casupolr di II-^IH. n <li t.-i; "VOtO, 6 

poco sollrcito ii. lin- in ipiriki rita imlipendente, che 6 

propria <H ciltadino; inv.-ce e leg;itt rirtMiiMit- alia terra, 
l;i rnltiva In-lit 1 . I'arijiiista vul.-ntii'i'i e la stiin;i tmiro sim IIMI' 
in (ju.-st:. vita. 

A rial/an- nioralmcnte e materiahm>nte quel popolo, il Go- 
iio se ne occupa per mezzo di-llo scuoli popolari, i pr'ti 
la nol>ilt:\ per mezzo delle foinhi/inni dii i-ircoli d' aj?r-i 
tun, s;ilc di lottunt o asili per i liaiuhini e i vecchi, IKU 
IM- mez/o di ospedali. In alcuno contrade il contadiim ' a^nt--, 
prende partc alia vita del cittadino, manda i suoi d-pii!nti 
alle diete in Vienna e Leopoli. s' ini-r^^a per le scuole del M 
paese, e in genorale dimostra attivita di vero patriotta. 
Gl' interessi linan/iarii (! (((uoiuici in dali/ia sm 
prosperi. Qui bisoj, r na ricordarc, ch<> il (ioverno Austriaco as- 
>oluto dal 177:: sine* al istiO da che ha conquistato qu-sta pro- 
vincia, non ha i'atto nulla o assai poco per accrescere il be- 
nessere del paese. La governava per mezzo d" impif^ati te- 
deschi o czechi, aggravava con tasse e perseguitava il cosi 
detto patriottismo polacco. Quasi da un secolo la Galizia si 
trovava in quel modo in uno stato di ristagno morale ed eco- 
nornico. E solo da 30 anni che cerca di aiutarsi per uscire 
li questo stato, e bisogna dire che il Governo Taiuta in ogni 
modo. Ma siccome e un paese puramente agricolo, le fabbriche 
sono pochissime, 1'industria del petrolio oppressa da tasse esor- 
bitanti, e la condizione agraria, come del resto da per tutto, 
assai difficile, mentre le tasse al contrario aumentano d'annu 
in anno; non e quindi da meravigliarsi che questo progrelii-c 
sia assai lento, e che la Galizia sino ad oggi sia la provincia 
piu povera di tutta r Austria e forse di tutta f Europa. 



AGNESE E SUSANNA 




XII. 

UN NUOVO MESSAGGERO E UN INCONTRO SUL CAMPIDOGLIO. 

La conversione di Claudio e le titubanze di Susanna ave- 
vano mandate a vuoto ogni trattativa di nozze. Tuttavolta Clau- 
dio, dovendo dar conto della sua missione a Diocleziano, ave- 
vagli scritto, discolpandosi con sua Maesti del non aver potuto 
menare molto innanzi le pratiche di matrimonio per la sua 
malferma salute. Diocleziano parve menargli buona la scusa; 
ed invio a Roma il fratello di lui, chiamato Massimo, nome 
illustrate poc' anzi dal martire, che gi vedemmo immolato 
per la fede co' suoi soldati. Massimo, fratello di Claudio, che 
noi per meglio distinguerlo dal suo omonimo, cbiameremo Mas- 
simo il Senatore, era ancora pagano, ma con F usare alia di- 
mestica in Nicomedia coi ciambellani della corte di Diocle- 
ziano, quasi tutti cristiani, e col frequentare le lezioni di Ar- 
nobio e di Lattanzio, divenuti adoratori del vero Dio e se- 
guaci di Gesu Cristo, aveva concepito un sovrano disprezzo 
per gli Dei del paganesimo. 

Accolto a braccia aperte da Claudio, fu il giorno appresso 
al suo arrive a visitare con lui Gabinio suo parente. Egli era 
gik stato dal fratello ragguagliato della renitenza di Susanna 
a prestare il suo assenso alle divisate nozze; e avvegnache 
ne ignorasse la vera ragione, tuttavia bastogli questa sola 
notizia, perche stesse in quella prima visita sull'avviso a non 
lasciarsi sfuggire di bocca cosa che accennasse alia missione 
ricevuta da Diocleziano. 



Ml. i v :ONTRO > 

I.i.-tixsiin,- Ammo ! atvoglienze che <ial>inio 

tecero; ma in qurl jirinm aM><Mv;iiiM'Mi ill tuttn n<> 

i fra loro fuor che li matrimunio. 

II Senatore Massimo parve colpito dalla dignitosa avve- 
nrn/.a ill Susanna, si che ei non poteva parlarle eenza sen- 

i quasi costretto a chinare innanzi a lei per riverenza gli 
sguardi. 

E quest' angelica creatura, diceva tra se, avrebb* 
andare sposa a quel bestione di Massimino, che sara un di 
coronato e vero, ma rimanendo sempre bestia?.... Or coin- 
prendo la ragione del suo riliuto ! Ed io vengo a fare il pa 
raninfo di si brutte nozze ? Per Giove, or sento vergogna di 
me stesso ! oh mai non avessi accettato un cotale incur ico ! 

Tali erano i pensieri che turbinavangli in mente e davangli 
rovello al cuore : ma egli dissimulavali sotto un sembiante in 
apparenza tranquillo. 

Dopo la prima visita lascio trascorrere piu giorni senza 
tornare a casa Gabinio; e frattanto ando attorno per Roma, 
a cui era divenuto per la lunga assenza quasi strauiero. II 
suo fratello Claudio, e Trasone, col quale aveva poc'anzi stretto 
amicizia, erangli sempre al flanco; pero con ben altro intento 
che non quello di mostrargli le maraviglie della citla regina 
del mondo. 

Un di salendo insieme il Campidoglio abbatteronsi in due 
forestieri venuti dalla Frigia, Tun de' quali chiamavasi l)i- 
nigi, uom uobilissimo, e Taltro era un suo nepote nomato Pan- 
crazio, appena dodicenne, orfano di padre e di madre, maschiotto 
di belle forme, di snella e slanciata persona, con un visino di 
neve colorito in grana, e due occhi neri e brillanti di un 
raggio, che riflettevane Tardore degli spiriti e la chiarita del- 
Tanima verginella. I due Frigi al vedere Massimo, da lor co- 
nosciuto in Oriente, gli mossero festosi incontro. 

Oh Massimo ! sclamo Diouigi, e porsegli affettuokanirnt.- 
la manor e Pancrazio fecegli molta festa, come sogliono i 

nilli al ri vedere una faccia arnica. 

Miri cari, disse Massimo, quanto godo di riv.-d.-i vi : K 



"> E 

si dicendo strinse a Dionigi la destra e dte un baciozzo ;<1 
limriullo. Indi soggiunse: Come mai vi veggo in Roma '. \ mi 
Dionigi: 

Tu sai che il raio defunto fratello Cledonio mi racco- 
mando morendo questo figlio, e commise alia mia fede Tam- 
ministrazione del suo vistoso patrimonio, consistente in case 
e terreni ch' egli possedeva in patria e qui stesso in -Roma. 
Ora io mal potendo per la distanza de 1 luoghi guidare Tazienda 
di mio nepote, avvisai ossere miglior consiglio vendere i suoi 
possessi in patria, e trasferirmi a Roma, ov'egli ha la parte 
piu cospicna della paterna ereditk. 

Non potevi appigliarti a miglior partito. E in Roma 
dove abitate ? 

Sul Gelio. 

Verr6 a trovarvi. 

Ogni tua visita ci sara cara come la pioggia di agosto. 
- Si, si, vieni, Massimo, a casa. Ho tante belle cose da 

dirti.... soggiunse Pancrazio. 

Massimo sorrise, e accarezzo quel caro fanciullo, il quale 
in un collo zio abitando presso alia casa del Ponteflce, era 
rimasto grandemente preso e invaghito della religione cristiana, 
di cui aveva irnparato a conoscere la bellezza piu dai lumi- 
nosi esempi di carita e delle altre virtu, ond'era il Capo della 
Chiesa adorno, che dalle stesse istruzioni che ne riceveva come 
catecumeno : e queste erano le belle cose ch'egli voleva dire 
a Massimo. Invitati 1'uno e Faltro da questo ad accompagnarlo 
in quella sua passeggiata per la citt , tennero di buon grado 
T invito, tanto piu che, essendo poco pratici di Roma, avevano 
d'uopo di chi loro servisse di guida per visitare con piu pro- 
fitto il Campidoglio e gli altri monumenti della citta. Si mi- 
sero pertanto di brigata su per 1' erta del colle dalla banda 
dell' Arce o rocca che torreggiava verso settentrione, ov' fc ora 
VAra coeli '. Saliti lassu, diedero una capatina al tempio di 

1 II colle capitolino si vuol che fosse 1'antica sede del Re Saturno, 
onde fu detto Saturnium. In sep-uito appellossi Tarpeium dalla vergine 
romana Tarpea, che vi fu spenta da' Sabini nella guerra tra RomoLo e 



Ml. MPIDOGLIO 57 

none M!i"i;i, ; ;il lu>-<> ove #i era il tMnjMM 'li Oi 
Feretrin. 

Uuivi sorgeva la teggendari* lupt in bronzo dorato. ;ll;u 
tante Romolo e HMIK>; e cola presso grandeggiava la statua 
li Apollo, che Trasone addit6 ai due forestieri, dicendu loro 
con romana compiacenza Ecco un trofeo delle vittorie <li 
Lucullo. 

-E quelle due are, che qui veggo, dimand6 Dionigi, a 
1 rhi sono destinate ? 

L'una a Giove fornaio, Taltra a Giove salvatore, come 
iiulica T iscrizione che ciascuna porta in fronte lovi Pisl> 

fori Salcri. 

All, ah.... sclarno ridendo Pancrazio, non sapevo che 
Giove fosse stato fornaio ! 

niio caro, risposegli Trasone, non si allude a cotesto, 
ma a un fatto memorabile, che avrai letto nella storia romana. 
L'ara del Giove Salvatore ricorda la salvezza della r6cca non 
potuta espugnare dai Galli ; e quella del Giove fornaio lo 
stiMtaj/oiiiina usato in quell'assedio dai difensori della rtx^ca, 
quando stremati gia di vettovaglie, pur tuttavia volendo dare a 
intendere agli assedianti che ne avevano a dovizia, gittarono 
piu pani nel campo nemico. 

Affacciaronsi poscia ai tre tempietti della Fortuna primi- 
genia, della Fortuna ossequenle, e di Giove predatore, divinita 
che presiede al bottino. 

Ecco, disse con un ghignetto sardonico Dionigi, una 
divinita molto cara ai Romani! 

Eh... finchfc i miei corapatrioti, osserv6 Claudio, riniar- 
ranno pagani, saranno sempre devoti a Giove rapitore! 

A quest'osservazione un larapo di gioia bril!6 in volto a 
Dionigi, il quale ben si avvide d'essersi per buona sorte ab- 



Tazio. Finalmente ebbe nome Capttolium da un toschio umano ivi 
nuto ai tempi di Tarquinio Frisco. Quanto al nome di Tarpelum, eMO 
rimase solo alia punta meridionale del colle, detto anch'oggi rape tarpea, 
la quale venne anche chiamata Saxum Carmtntae, perch* sovrastante al 
sepolcro di Carmenta, madre di Evandro. 



AGNESB E SUSAN N \ 

battuto in un suo fratello di religions, in un cristiano. Laonde 
preso animo, rincalz6 dicendo : Cotesto Giove sembra av 
le mani lunghe e ben artigliate! 

Le ha lunghe e unghiate piti di lui Mercuric, il dio dei 
ladri! soggiunse Claudio con ghigno beffardo. 

Quanto a Giove, disse Trasone, egli sembra prediligere 
i devoti del suo stampo o gl' imitatori delle sue geste. 

Vuoi tu dire, ripijrlio Claudio, gli adulteri, gl' incestuosi 
e i cinedi? 

Appunto, e mi ricordo che in una commedia di Teren- 
zio un di costoro accusato d' incesto e di altre enormezze, 
giustificava se stesso coU'esempio del gran Padre degli Dei, 
e diceva Se il Sommo Giove non credeva disonorarsi con 
cotesto, e chi son io, omiciattolo vilissimo di questa terra, che 
debba recarmelo a colpa e adisonore? 

Non ragionava male, osservo il Senator Massimo ; ed io 
ti confesso che in mia giovinezza, quando si pensa piu col 
cuore che con la testa, domandava sovente a me stesso nel 
bollore della passione. Perche avro io a frenarmi ? perche 
non potro darla a rotta per mezzo alle dissolutezze ad esem- 
pio degli Dei, i quali scapestravano peggio di noi poveri 
vermi di questa terra? Perchfe sara riprovevole in me quello 
che si venera e adora in Giove, in Venere, in Marte, in Bacco, 
e via dicendo ? E con questo studiavami, benche invano, di 
acchetare i latrati della mia coscienza, la quale mordevami 
sul vivo sempre che lasciavami andare a qualche scapestreria. 
Giunto poi all'eta della riflessione, capii essere cosa vana, ille- 
cita e indecorosa riluttare a quella legge che tutti portiamo 
scritta ne' cuori ; e cominciai a riguardare il culto degli Dei 
come il culto della came, la religion delle passioni, 1'apoteosi 
del vizio personiflcato nelle impure deita del paganesimo. Adi- 
rato con quanto avevo da prima adorato, feci in pezzi tutti gli 
idoli di casa, e per maggiore disprezzo ne gittai i frantumi in 
un letamaio. 

Era luogo da essi ! sclam6 Trasone, facendovi sopra le 
piu grasse risate del mondo. 



. 5 

Ira (jiH-sii raui.'iian lir.|.T<> ima capatina anrh- alia / 
e alia virina cas-Tma <le' soldati, e quindi scesero dalla rocca 
m>\V I n(ni monies ! , ove era il Tabularium o 1'Archivio del 
polo romano fronteggiato dal portico di Scipione Ntttea. hi 
pur sorgeva il tempio consacrato a Vejovis, o a Giove fanciullo, 
in mezzo ad un boschetto di roveri che serviva (In dai tempi 
romulei di asilo, ed altri quattro tempietti dedicati alia Fede y 
alia Mente, a Ven&*e Ericina, e a Marie bisultori, o due volte 
vendicatore. Un arco trionfale, che portava il nome di 
l>ioiit> Airicano, torreggiava in mezzo a due marmoree fon- 
tane a zanipillo, liancheiigiate da due colonne monumental!, 
Tuna delle quali era rostrata, e Taltra sormontata dalla statua 
di Giove. Due statue equestri di bronzo dorato decoravano le 
due estremita della piazza, che spianava davanti al primo tem- 
pio, tutta strata di bellissimi inarmi; e piu altre statue sorge- 
vano qua e cola ad ornamento del luogo. 

Dionigi, ravvisando in quegli splendori di marmi ed ori la 
grandezza di lloma e insieme Tumiliazione del raondo, trasci- 
nato colassu in catene appo il carro de' romani trionfatori, 
usci in queste dolenti parole: 

II vostro Gampidoglio, o Romani, & la vostra gloria, 
ma una gloria macchiata <li sangue. Qui si fabbricano le ca- 
tene a tutto il mondo! 

Hai ragione, rincalzu Trasone, ma il cuor mi dice che 
alle catene di ferro succederanno le catene d'oro delPamorej 
e romani e barbari, vincitori e vinti non saranno piu che un 
popolo di fratelli. 

Faccia Dio che presto si avveri il tuo presagio! 

Cos! ragionando, guadagnarono la vetta meridionale del 
rulle capitolino, ove grandeggiava il piu vasto e il piu cele- 
bre tempio di Koraa 2 . Esso levavasi superbo sovra un' area 
inta di un muraglione rinliaucuto da pilastri sormontati da 
statue; e di lassu si^noreggiava rintramontes e la citta. 

1 Cosi chiumavasi quell' altlpiano che giace tra le due punte del colle, 
ove e 1'Aula Senatoria, o il palazzo Municipale. 
s Sull'area oggi occupata dal palazzo Caflarelli. 



60 

Vi si saliv; pi'r una sp;i/iosa cordonatn. In mi 
era adorna di un portico a colonne, che iiitti'vji in mm 
spazzo aperto, chiamato Area, gremito di monimuMiti. tra'qu.-ili 
la Curia Calabra, ov' erano le spoglie opime, che antic 
ornavano il tempio di Giov'e Feretrio, molte statue inarino- 
ree e due colossi in bronzo fiancheggianti il tempio. i; \\\\ 
d'essi rappresentava Ercole, trofeo di vittoria di Fsibin Mas- 
simo; e 1'alt.ro il gran Padre degli Dei. 

Accanto al primo sorgeva eziandio la statua equestre del 
detto Fabio, anch'essa in bronzo ; e a pi del secondo quella 
di Spurio Carvilio. Tutf intorno vedevansi le statue allegoriche 
del buon Successo e della buona Fortuna, quella di Minerva, 
la statuu equestre di Scipione Africano, e pi A altre statue e 
bighe e quadrighe, tutte in bronzo dorato. 

Nel bel mezzo del rispianato sovra un basamento di 59 m. 
in lunghezza e 54 in larghezza levavasi il tempio, contornato 
da tre lati di un superbo colonnato di marmo pentelico. Ne ab- 
belliva la facciata, tra oriente e mezzodi, un vestibolo ornato 
di 36 colonne corintie del detto marmo a tre ordini ; nel 
primo de' quali sorgevano tra le colonne nove statue di bronzo, 
rafflguranti i sette re di Roma, Bruto seniore, il vincitor della 
tirannia, e Giulio Cesare il fondatore dell' impero. Le colonne 
sorreggevano un frontone coronato di statue in bronzo dorato, 
con in mezzo una quadriga dell' istesso metallo montata da 
Giove. 

E Giove che se ne va a tutta corsa, disse in mirarla 
Dionigi. 

Buon viaggio! ripiglio ridendo Trasone. 

I portici laterali erano a due ordini soHanto di colonne ; 
e il muro della parte posteriore deirediflzio non aveva altro 
ornamento che una statua rappresentante Summanus, deita 
infernale. II tetto era coperto di tegoli in bronzo dorato ; e 
dalle porte, dalle colonne e dai fregi del vestibolo pendevano 
militari trofei, o armi tolte ai condottieri degli eserciti ne- 
mici; cotalchfe 1'esterno aspetto del tempio rendeva aria di un 
arsenale di guerra. 



.iH'rlui 'Til hi jo 

desiinn. :i mi im>tt'-v;mo tr> i. r r:mdi porto di bronzo, ris>; 
liMiti :ill' tiv nav:it' in i'h' il toinpio ripartivaai; delta quail 
le due lateral! erano soilittato n as-^ttoni durat. ntrale, 

a cielo aper 

ima navata era corsa da un doppio ordim- <li n.lonne 
rapposte, e terminata da unVdicola o cappHla. Giove tro- 
neggiava in quella di mezzo, la quale ariegtfiava un tempietto 
o>l suo frontone sormontato da una quadriga; ed aveva a 
man ritta 1'edicola di Minorva e a manca quella di Giunone. 
La statua soinicolossale del Re degli Dei era d'avorio assisa 
in trono, con aurea raggiera in capo, la faccia venniglia, 
una lancia per scettro nella sinistra, la folgore d' oro nella 
destra, e in dosso una toga di porpora stelleggiata d'oro; e 
quelle di Minerva e di Giunone erano ratfigurate nel solito 
loro atteggiamento e costume. D'innanzi al tempietto di Giove 
e nello spazio che lo separava dalla navata centrale, vede- 
vansi due statue, Tuna di Giove imperante, 1'altra di Cornelio 

\tricano. 

Arricchivano le tre cappelle offerte di re e popoli stra- 
i, i quali riguardavano il Campidoglio come il santuario 
Popolo Romano ; e i loro doni consistevano per lo piu 
in corone e statuette d'oro ! ; oltre ai vasi d'oro e d'argento, 
all' aureo scettro di Giove, al prezioso ciraiero di Marte, e.ad 
una ricchissima collezione di perle, gemme e pietre preziose 
regalate al tempio da Pompeo, da Cesare, da Augusto e da 
altri imperatori. 

Era tutto un barbaglio di luce che abbacinava la vista. 
La ricchezza della materia era spesso vinta dal pregio 
(l*'U'arte. La cella di (liunone conteneva due capilavori di 



1 Tra queste primeggiava una Vittoria d'oro del peso di 320 Hbbre, 
dono di leroue re di Siracusa, e un'altra non meno ricca di quella, offerU 
da Giugurta. Eravi altresi una corona d' oro del peso di cento Hbbre 
inviata da Filippo re di Macedonia ; una aeconda di 256 libbre d'oro man- 
data dal re Attalo, e un teraa di maggior peso ancora donata da Aristobolo 
re de'giudei per tacere di altre non poche. 



62 AONESE SNA 

arte insuperabile, ed erano un'oca di argento, e un cnw in 



atto di larabire la sua ferita ; e quella di Minerva, due bellis- 
simi quadri rappresentanti 1' uno il ratio di Proserpina, e 
1'altro gli artistici vezzi di Cleopatra. In quest' ultima cell;i 
vedevansi altresi tre nicchie, in due delle quali posavano le 
statue accoccolate degli Dei Nixii, deit protettrici delle parto- 
rienti, e una statuetta di Minerva, dono di Cicerone, quando 
parti per 1'esiglio. 

La vista di tante magniflcenze ingenerava nei nostri visi- 
tatori un senso misto di raaraviglia e insieme di profonda 
comraiserazione. 

Quanta ricchezza, esclam6 Pancrazio all' uscire del 
tempio, quanto sfoggio di romana magnificenza consacrato 
al diavolo ! 

Purtroppo, riprese Dionigi, ma non sara sempre cosi. 

A dirti il vero, caro Dionigi, soggiunse Massimo, i 
Romani non intendono di adorare in Giove se non un essere 
supremo autore del tutto. 

Ma egli era un Re di Greta, un omiciattolo come noi, 
e per giunta un baro, un sudicione svergognato da forca e 
non da Olimpo. 

II Giove in carne ed ossa fu precisamente quel che 
tu dici. 

E il Giove di lassu non e lo stesso iudividuo? Non ha 
fatto delle grosse baronate anche in cielo ? E la sua compa- 
gnia bella composta di Venere e di Bacco, Cibele, Priapo e 
via dicendo, non va birboneggiando anche su per 1'Olimpo? 
Cosi almeno insegna la teologia pagana. Ogni vizio ha in 
cielo il suo Dio protettore, a cui il vizioso appellasi a fiae di 
scagionare se stesso. E a coteste personiflcazioni di tutti i 
vizii ergonsi templi, bruciansi incensi, offronsi sacriflzii ! O 
vergogna dell' umanita ! 

Quanto al tempio, che vedete, soggiunse Trasone, la 
superstiziosa venerazione dei pagani giunse a tale, che no- 
xninavasi perfino un Dittatore per conficcarvi un chiodo. 



\n .LIO 63 

ii i motteggi, i t'ri//i. i sarcasm! sul culto di quella 
riurm:i di assurde, ridicole ed oscene deita, adorate dal mondo 
pagano, scoccavano come saette dalle labbra del cristi.-mi 
sit;it.>ri, facevano arroventire di vergogna la faccia del se- 
nator Massimo; il quale ancor non si risolveva ad abbando- 
n;irle. Ond'egli per iscagionarsi davanti a'suoi compagni disse 
!<>ro : 

Ho sempre avuto anch' io cotesti Dei in un calcetto ; 
ma veggendomi in mezzo a tutto un popolo che gli adorava, 
non ho saputo andar contro alia corrente. Ora per6 che ho 
conosciuto il solo e vero Dio, e sono bene addentro nelle 
dottrine del Cristianesimo, non brucio loro nemmanco un 
granellino d'incenso. 

Non basta, mio caro, dissegli Claudio. E d'uopo che 
abbracci anche tu, come ho fatto io, quella religione che agli 
occhi stessi della ragione ti si presenta come vera, santa e 
divina, la religione di Cristo. 

Intendo di abbracciarla, ma a suo tempo. Ora e troppo 
perseguitata. 

Questa ragione, ripiglio Glaudio in atto disdegnoso, non 
degna di un romano. Mira quanti nostri compatrioti affron- 
tano tutto di lo spogliamento de' beni, Tesiglio, la prigione, i 
tormenti, la morte, anzi che venir meno al sacro dovere di 
seguirla, dappoi che n'hanno conosciuta la santita, la bellezza 
e 1'origine divina. 

Ben be, ci penseremo. Non sono cose da decidersi su 



Trasone, ammiccando Claudio e frugandolo col gomito, gli 
pispiglio all' orecchio : 

Tocca a te dargli 1'ultimo crollo. 
A cui Claudio sottovoce : 

Meglio di me glielo dara la mia cugina Susanna, che 
ha un'eloquenza di paradise, o la piccola Agnese, le cui ispi- 
rate parole sono altrettante frecce d'amor divino al cuore. 



RIYISTA DELLA STAMPA 



i. 

ALHERT FARGES Prttre de Saint- Sulpice, Direcleur a l'h< 
des Cannes, Sdminaire de I'lnstitat catholique de Paris. 
Eludes philosophiques pour vulgariser les theories d'A- 
ristole et de S. Thomas, et leur accord avec les sciences. 
IV. Le cerveau, Tame et les facultes. Deuxieme edition 
revue et augmentee, avec planches anatomiques. Paris 
A. Roger et F. Chernoviz Libraires, 7 rue des Grands- A u- 
gustins, 1892, 8 di pp. 492. 

II titolo generale della collezione, della quale annunziamo 
qui il quarto volume, accenna ad uno scopo, a cui avrebbero 
a mirare singolarmente quanti si occupano al ristoramento 
della filosofla, promosso con tanta sapienza dal grande Pon- 
tefice Leone XIII: ed e non solo di rimettere nel possesso 
delle scuole cattoliche le dottrine scolastiche, specie quella di 
S. Tommaso, ma diffonderne la conoscenza fra le persone colte 
e piu particolarmente fra gli scienziati; al qual fine e al tutto 
necessario riscontrarle coi risultati d^lle scienze positive tanto 
apprezzate oggidi e progredite. Senza di questo, la filosoh'a 
vera sarebbe risorta bensi, ma per rimanersi chiusa nei se- 
minarii e nelle sagrestie, non curata dai profani, come una 
raccolta di formole sacerdotali, esprimenti il pensiero di alti-i 
secoli, mute a riguardo di questioni che oggi maggiormente 
interessano, e impossibili ad intendersi per 1'uso di termini 
sconosciuti alle scuole moderne. Percio non s'era avviato ap- 
pena il felice rinnovamento, che sorsero eziandio in ogni parte 
scrittori, ugualrnente versati nelle scienze moderne e nell'an- 
tica filosofia, ad intraprendere quell'opera si importante di 



STAMPA 

volgarizzazione e di con donde p 

il nioto, i;li egregi scritti il.-l Hul.ini, d>l /anon, del Itihnldi. 
del ; <>li, del Venturoli e degli altri iii^ni compilatoii 

;i Scienza Italiana di Hologna; per tacoro <!<{ par*--- 
:;iti di vario argomento puMilicati con simil.- m.-t<.do e 
intento nelle nostre pagine. In (iormania I'opera i'u od con- 
dotta con pari studio e niaestria dagli egregi scrittori ! 
Siimmen aus Maria- Laach , e singolarmente dal P. Pesch 
nella sua grandiosa opera Die grossen WeUritthsel (I grandi 
probleini inondiali), dove 1'accordo fra la vera scion/a mo- 
derna e 1'antica lilosofia e segnato, per dir cosi, lino ai piu 
minuti capitoli. E, per abbreviare, in Francia troviamo nello 
stesso impej*no, ira gli altri, un dotto laico, M. Doinet de Vor 
con parecchie pregevoli opere *; e il ch: Sacerdote Sulpiziano 
A. Farges con la serie di scritti di cui fa parte il volume an- 
nunziato. 

Una prova palpabile doirattitndine di cotesti scritti del Far- 
ges allo scopo lore ph'i innnudiato, che 6 diffondere quanto 
piii si puo la conoscenza delle dottrine scolastiche, si ril 
da cio che la maggior parte di essi e giunta gia alia seconda 
edizione f . Ma v' 6 ben di meglio. In Francia, i piu autorevoli 
periodic! scientific!, ancorchfe per sistema awersi a lie teorie 
spiritualiste, non hanno potuto astenersi dal parlar con lode 
segnatamente del volume che abbiamo sott'occhio. La Revue 
scientifique, portavoce del materialismo, afferma che le l> 
de M. Farges est, d, certains egards, tout a fait reinar</ 
lie;* e trova che tutto quello che ivi contiensi intorno alia 
fisiologia cerebrale est exacte el bien eocposd, cosicchr 
chiude che sara letto e studiato con protitto. I^a Revue ]>hi- 
losophique, organo del libero pensiero, dice che il lavordl 

1 P. e. La mitaphysique en presence det sciences; Paris 1873. Ettai de 
mjtapkytiquf potitive; Paris 1883. La constitution de 1','tre, suirnnt la doc- 
trine Ptnpattticienne; Paris 1886: ecc 

* Cosi la Thtoric fondamentale de t'tcte et de la puissance J/- 
et forme en prfyence des tciences modernes La Vie tt I'roltitio* det 
99pece$ robjectivite' de la perfection det tent txterntt, et let (fit 
moderntt. 

AH* XV, 9*. X, ftue, lo:i. 5 *9 mart* 1891. 



('<> RIVISTA 

Farges, Cervello ed Anima, 6 il piu considerevole di quanti 
ne ftirono pubblicati dello slesso genere, e ne da questo giu- 
dizio : Ge qui constitue 1'originalite de M. Farges, consiste 
en ce qu'il a appuye ses theses sur une connaissance plus 
exacte des donnees les plus recentes de la physiologic, et en 
ce qu'il en a poursuivi la demonstration j usque dans le plus 
extreme detail. L'ouvrage de M. Farges se recommande par 
une connaissance exacte des doctrines contemporaines, par 
le ton modere de la discussion et par la clarte du langage. 
La valeur de eel ouvrage ne pent tre contestde. Con egual 
favore ne parlano il Journal des savants, la Revue des ques- 
tions scientifiques, la Science catholique, il Cosmos, ecc. ; e 
co' loro elogi fanno eco a quanto in lode dei lavori del Farges 
diceva il celebre Barthelemy-Saint-Hilaire, presentandoli alia 
Accadernia delle scienze morali e politiche ; che cioe des 
travaux comme ceux de M. Albert Farges profltent a tout le 
monde, en montrant le terrain sur lequel toutes les intelligen- 
ces doivent s'entendre dans 1'interet des sciences et de la ve- 
rite. II ch. Autore puo rallegrarsi della vittoria da se ripor- 
tata ; perocche vera vittoria e gia per la verita il riconquistarle 
il diritto di venire ascoltata con rispetto. Ottenuto cio, non 
mancheranno raai delle menti sincere, che a lei si arrendano, 
e scemera il numero di coloro che per cieco pregiudizio la 
avversano. Un grande progresso e quindi avverato. Chi avrebbe 
immaginato, pochi lustri addietro, che un volume, recante nel 
frontispizio il nome, non che d'Aristotele, ma di S. Tommaso, 
potesse presentarsi con lode ad un'Accademia laicale, e venisse 
ammnziato con rispetto ed elogio da periodici increduli ? Or 
questo e tutto frutto dell'accoppiare alia perizia della filosofia 
antica una conoscenza non superficiale ma profonda delle 
scienze, con cui quella si mette a confronto. Questa dote loda 
eziandio nel ch. Autore il S. P. Leone XIII in uno splendido 
Breve di cui meritamente lo onor6, congratulandosi con lui 
del vantaggio con ci6 recato alia causa dei buoni studii : ed 
e tutto insieme un ammaestramento e uno stimolo per quanti 
vogliono del pari efflcacemente avvantaggiarli. 



: LA STAMI'A <"'7 

Non ci consente lo spazio <li .l.-u-.- ;iltro che un saggio del 
contenuto sv;iri:iti*siino <li qmsta bella opera. II ch. Autore, 
pn'inessa una descrizione anutomicn del cervello (piu sott< 
un ;I|I|.M//I il.'ir.-in.'itoinia compar:it:i d'-l iistMii;i ii"r\.^ n.-lhi 
serie animate, e un cenno sulle eondi/ioni hinlo^iche del 
velloi, tocca poi delle funzinni lisiolo^idn* <li tutto il sist<-ma; 
dov'e da notare singolarmente la questione circa la sede pro- 
pria della sensazione; se essa, cioe, abbia luogo nel cervello, 
sicche i nervi non si abbiano a riguardare che come semplici 
conduttori delPimprossione, come si e ammesso con soverchia 
facilit^ anche da qualche neoscolastico ; ovvero se i nervi >i 
essi medesimi sensibili almeno nelle estremita periferiche: e 
il Farges, discusse ampiamente le obbiezioni in contrario l-i 
materialist!, si risolve per la seconda sentenza, che sostenemmo 
noi pure, trattando a suo tempo della Conoscenza sensitiva. 
Ritenendo questa dottrina come stabilita, specie per la sensi- 
bilita tattile, meriterebbe tuttavia speciali dichiarazioni pel 
senso della vista, il fenomeno, non toccato, crediamo, dal ch. 
Autore, della semplice percezione del bianco, risultante dalla 
vista simultanea e monoculare di due colori complementari : 
nel qual caso la fusione delle due impressioni, e Tunica per- 
cezione composta, si operano nell'organo centrale. A noi basta 
avere ricordato il problema; la sua discussione sarebbe qui 
fuor di luogo. 

Dopo la sensazione viene il pensiero. Che cosa e quella 
che pensa in noi? II cervello o 1'anima? L'anima, risponde il 
Farges, e lo dimostra vittoriosamente, e, pregio non minore 
ne piu agevole, con linguaggio ed argomenti intelligibili a 
ftsiologi che non sogliono avere famigliarita colla fllosofla. 
Non gli e quindi neanche bisogno di distinguere sottilment*' 
il pensiero astratto, intellettuale, e proprio solo dell'anima, e il 
pensiero concrete, quello della ragione particolare o cogita- 
tiva, che e vero pensiero, diverse dalla rappresentazione lan- 
tastica, e pure prodotto, secondo S. Tommaso, da una potenza 
organica: onde rispetto ad esso dee dirsi veramente che il 
cervello pensa. Non cosi del pensiero astratto ed universale, 



HI VISTA 

avuto di mira dal ch. Autore, quando ne attribnisre Tatto all'a- 
nima sola. Del rimanente perft all'uno e all'altro si applicano 
I* 1 prove onde egli dimostra contro i materialisti che il \ 
siero non e identico al moto cerebrale che Taccompapna; che 
esso sfugge alle leggi della meccanica ; che ne il moto ne il 
colore non si trasformano in pensiero; che questo non ha 
equivalente chimico, ed altre tali. 

Di qui passa r Autore a discutere gli argomenti dei mate- 
rialisti; e in prima quello tratto dalla cosi detta illusione 
dell'Io come la espongono sia il Taine, o siano i campioni 
del processo sperimentale, col fenomeno del cosi detto sdop- 
piamento della coscienza . Segue poi la questione dell'equa- 
zione fra 1'intelligenza ed il cervello colla confutazione dei 
vani sforzi fatti per istabilirla sul volume del oervello, sul suo 
peso asoluto, sul peso relative, sulle qualitk chimiehe, sulle 
qualith fisiche. Ugual valore e sorte hanno gli argomenti tolti 
dagli sconcerti mentali, pazzia, stupidita, alcoolismo: e dalle 
localizzazioni cerebrali, secondo il Gall e il Bouillaud e il Broca 
ed altri, le cui teorie si riassumono dall'Autore, confronts n- 
dole coi fenomeni deirafonismo, deH'agrafia, della sordita e 
cecitik verbale, della localizzazione dei centri motori e dell'a- 
fasia parziale. Quanto alia psico-flsica, di cui e corifeo il 
Wundt, e molti, per vaghezza di novita, i campioni fra i ma- 
terialisti, il Farges non ha a penar molto a dissiparne ad uno 
ad uno gli equivoci, e mostrare che quanto v'ha di vero e di 
solido nelle osserva/ioni dei flsiologi intorno al sottoporre a 
misura, sotto determinati aspetti, gli atti spirituali, tutto si con- 
cilia senza fatica colle dottrine peripatetiche. 

Da questa sommaria esposizione del contenuto della Prima 
parte, il lettore pu6 farsi un concetto del metodo seguito dal 
Farges nello svolgimento della Seconda, in cui tratta del Senso 
e della Ragione, e della facolta motrice e dell' automatismo 
flsiologico, dove entra la questione oggidi assai considerata 
degli atti riflessi: e della conoscenza e coscienza sensitive; e 
dei sensi interni ed esterni ; e della conoscenza intellettuale, 
e della facolta e funzioni intellettuali; e delle facolta appetitive; 



STAMFA ''. 

del piaccre ft dolore: <-hiulndo il trattato con due corol- 
larii iuii. .I;. 1 !, il primo, Uuomo 6 la bestia: il secoodo, L'anima 
c A- poiense netta vita fate 

La dottrina fllosoflca dol Farges, non occorre dirlo, si 
inuove sul sentiero spianato da Aristotele e dall'Angelico ; ed 
< N il inedesimo seguito ancor da noi costantemente ; ina appunto 
perchfc 6 un sentioro e non tin fllo di rasoio, sara possibile 
<]iialche piccola divergen/a in punti socondarii, o riguardanti 
piuttosto la forma che la sostanza delta dottrina. Cosi, p. e., 
la dove il ch. Autore dichiara il processo deirastrazione eser- 
citata dair intelletto sul fantasma, quando,ne true il concetto 
quidditativo. L' immaginazione, scrive egli, mi rappresenta 
un' immagine sensibile del mio dolore, oppure del ial niovi- 
mento: si tratta di astrarre da questa rappresentazione la 
parte che deve cadere sotto gli sguardi dell' intelligenza. Questa 
;i<frazione si fara in un modo spontaneo e per cosi dire au- 
tomatico come per gli organi dei sensi. Difatti, posto che 1' in- 
telligenza abhia il potere di percopire F immateriale cioe il 
tipo ideale, la possibilita pura realizzata in un oggetto mate- 
riale (e. g. il movimento nel tal movimento, U dolore nel mio 
dolore), F intelligenza pel suo potere naturale (inielleilo agente) 
dovra nella immagine materiale fare astrazione da tutto ci6 
che fe materiale o individuale, 'talmente da non considerare 
in essa che questo tipo ideale eterno e necessario, il quale 
ivi si trova realizzato ! . L' Autore quindi osserva come questa 
prima fase dagli Scolastici 6 detta illuminazione del fanta- 
sma: a parer nostro peru, nel tratto citato, F illuminazione 
del fantasma e esposta non troppo chiarameute. Gli Scolastici 
distinguono due astrazioni nelF atto delF intendere, una per 
modum efficientiae che appartiene all' intelletto agente, 1'al- 
tra per modum considerationis che appartiene alF intelletto 
possibile. Ora soltanto la prima dicesi illuminazione; laonde 
nel luogo riportato, trattandosi appunto delF illuminazione, non 
adoperato troppo a proposito il verbo considerare. Vero 6 

1 Le cerveau p. 361. 



TO HI VISTA 

che S. Tommaso adopera questa parola ', ma o lo fa per in- 
dicare Toperazione intellettiva in genere, o per indicare 1'azione 

formalmente conoscitiva. Dice egli infatti hoc est 

abstrahere universale a particulari .... considerare natu- 
ram speciei absque consideratione individualium principio- 
rum e pin sotto ... nos per virtutem intellectus agentis 

acoipere possumus in nostra consideratione etc II 

ch. Farges invece cosi si esprime: <c . . . . Intelligence par sa. 
puissance naturelle (intellect agent) devra faire abstraction de 
maniere a ne considerer en elle que ce type ideal, eternel 
et necessaire qui s'y trouve realise. E ben detto che noi per 
virtu deir intelletto agente consideriamo, ma non e esatto che 
nell' astrazione per modum efficientiae (della quale ivi TAu- 
tore dovrebbe parlare) T intelletto agente sia una potenza del- 
1' intelletto considerante, ossia formalmente conoscitivo (intel- 
letto possibile), come potrebbe sembrare leggendo il passo 
citato 1'intelligence par sa puissance naturelle.... Ma que- 
sta ed altre simili inesattezze sono da ascrivere senza dubbio 
alia difficolta che s' incontra ad esporre dottrine spinose e 
sottili con un linguaggio comune e intelligibile a profani. E 
certo il libro del Farges per tale condiscendenza non perde 
nulla del suo alto valore fllosofico, che uguaglia senza dubbio 
il merito suo scientiflco, con tanta unanimita di voci autore- 
voli encomiato. 

II. 

Canonico GIOVANNI MINASI. Lo Speleota, ovvero S. Elia di 
Reggio di Calabria, Monaco Basiliano, nel IX e Xsecolo, 
con Annotazioni storiche. Napoli, Lanciano ed Ordia, 
1893, un vol. in 16 di pag. 255. Prezzo Lire 2,75. 

II Canonico Minasi, a fine d' illustrare la storia ecclesiastica 
delle Calabrie, dopo aver pubblicata la biografia di S. Nilo, 

1 S. Thorn. Sum. Theol. 1 p. Q. LXXXV Q. 1 ad l^m et ad 4"n. 



DELLA RTAMPA 71 

iii/iata e lodata da noi *, pubblica ora quella <li s. i 

asiliano, detto ancora lo Speleota. Questi due santi, il 
prirno de' quali flori in Rossano, nella parte settentrionale di 
Calabria, e 1'altro in Reggio, nella parte mcridionale, son bene 
appellati dal chiarissimo scrittore due astri, che da due lati 
opposti illuminano e discoprono la fede dei Calabresi, in quelle 

bre del nono e decimo secolo. Dall'altro canto 6 pur vero 
che queste antiche agiografle son le piil ricche fonti delle istorie 
<Hla chiesa ; siccorne appare negli Annali del Baronio, e nella 
storia ecclesiastica del Rohrbacher, ove ease sono quasi tutt> 
raccolte. Ne solamente lo storico trova in quelle il bandolo a 
lisciogliere e chiarire le question! religiose, ma talora anche 
le persone; il che vedesi nelle dotte annotazioni, aggiunte 
<lal Minasi nel fine della sua opera. 

Egli divide questa, come fece quella intorno a S. Nilo, in 
tre parti. Nella prima discorre di alcune altre biografle dello 
Speleota, composte da antichi scrittori, ed esamina il loro me- 
rito ; ma pe' gravi error! che contengono, si attiene, come 
alia pill veridica, alia primitiva, scritta in greco da un ano- 
nimo, stato discepolo dello Speleota medesimo. Determina 
1'anno, in cui naeque questo santo, ricavandolo da certi avve- 
nimenti, raccontati dall' agiografo ; e risponde alle obiezioni 
contro i miracoli, operati dal santo. Ma fermasi principalmente 
a ragionare del culto che gli fu reso, per distinguerlo da quello 
prestato ad un aitro S. Elia di Enna, detto luniore, contem- 
poraneo ed amico di S. Elia di Reggio. Oltre a ci6 con grande 
approssimazione assegna 1'epoca della fondazione di piu mo- 
nasteri calabresi, che vanno sotto il nome di S. Elia ; enumera 
le sacre reliquie che in esse si venerano, e le varie chiese 
dedicate allo Speleota, nelle diocesi di Reggio e di Bova. 

E qui, parendogli questo il luogo piu opportune, breve- 
mente ripete alcune cose, che scrisse nella biografla di S. Nilo, 
intorno al secolo nono e decimo, volendo ivi rispondere ad 
un articolo dell'Archivio Storico per le Province Napoletane. 

1 Serie XV, vol. Ill, Quaderoo 1013, pag. 583. 



72 RIVISTA 

n Minasi aveva scritto che 1'ambizione del potere secolare, ed 
il suo immischiarsi nel governo ecclesiastico fu spesso la fu- 
nesta cagione dell'essere stata la Chiesa malmenata e scon- 
volta. Or 1'Autore di quell' articolo asserisce apertamente ill 
essere d'avviso contrario. II Minasi strenuamente lo confuta, 
e fa vedere che non ha rabbuiato, come da esso affermasi, 
ma veramente illuminata la biografla di S. Nilo. Con iscelta 
erudizione risponde ad altre critiche, scoprendo la vera ori- 
gine della decadenza del monachismo greco nella Calabria ; 
difendendo 1'uso della lingua greca, comune in quella regione 
nel secolo terzo decimo; e dimostrando apocrifo un diploma, 
il qual contiene alcune parole assai somiglianti al volgare, e 
che fu allegato da quello scrittore a sostegno delle sue censure. 

La seconda parte e un' accurata versione dal greco nella 
lingua italiana della biografia di S. Elia di Reggio, scritta, 
come sopra dicemmo, daH'anonimo, che fu contemporaneo e 
discepolo del santo, verso la meta del nono secolo. Questa e 
la prima accurata versione che abbiamo, ed al paragonarla 
colle altre biografle, pur di sopra mentovate, si scopre subito 
quanto a tutte essa prevalga. 

Pregevolissima e la terza parte, ove in varie annotazioni 
ragionasi dei fatti precipui, raccontati nella biografla. Giacche 
il Minasi fa vedere che 1'agiografo e in pieno accordo colla 
storia del suo tempo, citando soprattutto la cronaca araba di 
Cambridge, illustrata dall'Amari, e la cronaca greca del Vati- 
cano, recentemente scoperta dal reverendissimo Abate Cozza- 
Luzi . Con simili documenti corregge altresi alquanti errori, 
che commisero storici antichi, come il Luitprando e il Cedreno, 
ed anche alcun moderno, i quali toccarono i fatti del decimo 
secolo ; come si pu6 scorgere nella annotazione decimaquarta. 
Accerta non pochi luoghi della Calabria, nominati dall' agio- 
grafo, sia riferendo le nuove scoperte di altri scrittori, sia 
pubblicando le sue. L'ottava annotazione e un compendio della 

1 11 Cozza, Bibliotecario di S. R. Chiesa, nella ultima sua opera Hi- 
gtoria et Laudes SS. Sabae et Macarii luniorum e Sicilia cita piu volte 
nelle annotazioni le opere del Minasi, sopra S. Nilo e sopra lo Speleota. 



DELLA STAMJ'A 73 

h Si Klia luniori? <li Kmi;i. ( -oinpendio u- o a non 

confondere, come sovente h;n intto storici anche modern i. 

. Speleota quest'altro S. Elia, suo omonimo, contemporaneo 
ed amico. In questa annotazione il Minasi deflnisce i punti 
<i*'lla Calabria, ove lo stesso s. Elia dimorii luogo tempo nel 
secolo nono, e fondo due insigni inonasteri. Nella decima- 
quarta osservazione ricorda alcuni fatti della vita di S. Luca, 
abate di Armento, il quale i'u discepolo dello Speleota, e flssa 
il tempo, iu cui venue nel monastero del santo, e quello in 
cui partissene. 

Da questo ultimo libro del Minasi intorno allo Speleota, 
come dalf altro sopra S. Nilo, cavera molto profltto chi avra 
un giorno a scrivere la storia ecclesiastica, ed anco la civile, 
della Calabria. 



III. 

P. V. DELAPORTE S. I. docteur en lettres. Les classiques 
patens et chrttiens. Paris, Librairie Retaux-Bray, 82, 
rue Bonaparte, 1894, 16 di pp. 190. 

La questione dei classici, cbe, un quarant' anni or sono, 
men6 tacto rumore principaimente in Francia, da un paio 
d'anni si e cola riaccesa e minaccia di risvegliarsi anche tra 
noi. E qual ne e T occasione ? Non rida il lettore, e il Socia- 
lismo '. Signori si: se i socialist! si arrabbattano ogni di peggio, 
se Tanarchia leva la fronte, se il petrolio, le bombe, la dina- 
inite ci fan del continuo tremare a verga a verga, la colpa e 
d' Oraero, di Cicerone, di Virgilio, d' Orazio, che si spiegano 
nelle scuole invece di Lattanzio, di Prudenzio e dei Santi Padri. 
Questa alineno e la tesi che fu presa a difendere in una ope- 
retta intitolata Rd forme des Etudes classiques, e che venne 
poi sostenuta dal giornale La Croix, dallMwu' de I'Ordre e 

1 Studiando la questione sociale, la questione operaia, noi siamo stall 
condotti ad occuparcl dell* insegnamento, a cui da principio non avcrnmo 
molto aeriamente. Kiforme des 4tudct clatnqttet, p. 2. 



74 RIVISTA 

da altri giornali e periodici della Francia e del Belgio. 
viissima cosa fece dunque il ch. P. Delaporte, versatissimo 
negli studii classici, a prendere la loro difesa con alcuni ma- 
gistral! articoli pubblicati 1'anno scorso nell' illustre periodico 
Etudes religieuses, philosophiques, historiques et litteraires, 
ed ora raccolti nel libro sopra annunziato. E noi crediamo 
pregio dell' opera I'dffrirne un sunto ai nostri lettori, perche 
si tratta di difendere 1' insegnamento che tutti essi ban rice- 
vuto, 1' insegnamento di tutti i seminarii e istituti cattolici. Del 
resto non fc la priraa volta che la Civilta Catlolica entra in 
questo arringo, come pu6 vedersi dai nostri Indict. Tra le 
altre cose piu volte descrivemmo la fiera lotta dei due grandi 
dottori della Chiesa, Basilic e Gregorio Nazianzeno, contro 
1'apostata Giuliano, che tento strappare dalle scuole cristiane 
i classici pagani, precisamente come certi moderni riforma- 
tori in Francia e in Italia, sebbene sotto altri pretesti. 

II ch. A. s 1 introduce esponendo schiettamente 1' idea, il 
disegno, e quel che oggi chiamano il programma pedagogico 
seguito sempre nelle scuole cattoliche, il quale dal P. Daniel 
d. C. d. G. fu compendiato felicemente in queste due sole pa- 
role : Educazione cristiana, insegnamento classico ; ma flno 
da mille e cinquecento anni era stato formulato, con una gra- 
ziosa comparazione, da S. Gregorio Nisseno, in un discorso 
in lode di suo fratello S. Basilio. E noto che Basilio aveva 
appreso 1'arte del ben parlare dai classici della Grecia pagana : 
ora Gregorio paragona il suo fratello adolescente al fanciullo 
Mose, e dice: come Mose fu allevato alle spese e sotto la pro- 
tezione della figlia di Faraone che era una pagana, ma pero 
allattato dalla sua propria madre; cosi Basilio nella sua ado- 
lescenza fu formato alle lettere dalla sapienza profana, ma 
restando fllialmente attaccato al seno materno della Chiesa. 
Or questo e appunto cio che intendiamo fare anche noi. E un 
male questo ? 

Con chi se la pigliano dunque gli avversarii, cioe i Ri- 
formatori degli studii classici? Con cristiani, con cattolici, con 
preti, che cercano al par di loro di stabilire e propagare il 



DELL A STAMIA 75 

regn<> li desrt Cristo: ecco le persone a cui essi lanciano in 
volto Taccusa di paganeggianti.' Che si che nan proprio scelto 
il inomento opportune per intimare questa specie di guerra 
civile ! Mentre i governi e i municipii sostengono a spada 
tr;itta la scuola laica, che in pratica vuol dire scuola a tea e 
spesso anche positivamente empia, in tal momento costoro 
non trovan altro di meglio a fare che additare i pericoli che 
possono provonire al mondo dal Tityre, tu palulae o dal De 
viris illustribus Urbis Romae. E invece di combattere contro 
il nemico comune, voltano le armi contro i fratelli, e spar- 
gono la zi/zania nel campo iV Israele. Non 6 questo, a dir 
poco, un gran difetto di senso pratico, e un mostrare di co- 
noscer ben male il tempo in cui viviamo? 

Ma se poco essi conoscono il tempo presente, meno ancora 
intendono il passato. Per loro il secolo d'oro della letteratura 
francese, ciod quello di Luigi XIV, ebbe un carattere tutto 
pagano, e fu il principio del decadimento religioso in Francia 
e della miscredenza. II vero e invece che in quel secolo si 
faceva bensi molto uso della mitologia artistica e letteraria, 
ma senza che questo nocesse punto alia fede cristiana e pra- 
tica. Quegli uomini erano cristiani nella parte seria della vita, 
ma nei divertimenti e nelle feste amavano di baloccarsi con 
quelle vecchie allegoric, alle quali poi davano tanta fede ed 
importanza, quanta noi a' racconti di Bertoldo e Bertoldino. 
Corneille, per esempio, che recitava il suo breviario, e creava 
i Ginnoij i Pompei, i Serlorii, soleva dire che vi 6 per ogni 
cosa il suo tempo, il suo linguaggio, il suo vestito; e che il 
linguaggio e il vestito proprio del tempo gaio ed allegro 6 
la Favola. Racine, che andava a messa ogni giorno, nella sua 
prefazione r d\\'Atalia, confessa che temeva di scandalizzare le 
aniine cristiane mettendo sul teatro la sua profezia di Gioada. 
E La Fontaine, il piu pagano e il piu spensierato degli uo- 
mini, dopo di essersi divertito un mondo alia commedia, pian- 
geva i suoi peccati sotto il cilizio, come P abate di Ranee. 

E questo che TA. dice del secolo di Luigi XIV rispetto 
alia Francia, ben noi possiamo ripeterlo, colla debita proper- 



76 RIVISTA 

zione, del secolo di Leone X rispetto all' Italia, nel qual se- 
colo non pu6 negarsi che la forma classica e pagana invase 
e penetr6 ampiamente la letteratara e Je arti, senza p 
portar seco le credence pagane a danno della fede cristiana. 
Strano paganesirao, scriveva Mons. Dupanloup, quello in 
mezzo al quale si vedono nascere, nel secolo decimosesto,. 
cinquantadue nuove Congregazioni, e novanta nel secolo de- 
cimosettimo *. Secoli stranamente pagani, possiamo aggiim- 
gere noi, quelli che hanno dato alia Francia, all' Italia, a tutta 
la Chiesa Santi si eminenti, quali sono le.grandi figure del 
Carli Borromei, dei Giovanni di Dio, degl' Ignazii di Loiola, 
dei Filippi Neri, dei Franceschi di Sales, dei Vincenzi di Paolo, 
e d'altri simili personaggi, che formano la gloria delTumana 
famiglia ! Certainente in quella esuberanza di vita letteraria 
ed artistica vi furono degli abusi, degli eccessi, dei deplora- 
bili traviamenti, e in Italia piu ancora che in Francia, e, di- 
ciamolo francamente, meno scusabili : ma di questi abusi chia- 
mare in colpa la Rinascenza, sarebbe una manifesta ingiu- 
stizia. Chi vorra condannare 1' uso del vino, perche parecchi 
ne abusano fino all' ebbrezza ? 

E poi, perche pigliarsela tanto contro la Rinascenza, quasi 
che solo allora fosse entrato in vigore lo studio dei classic! 
pagani? Hanno bel dire gli scrittori della Reforms che nel 
raedio evo i fanciulli si formavano solamente collo studio 
delle sante Scritture e dei Padri della Chiesa : d'autori pagani 
neppure una parola, come se non fossero mai esistiti ; ma i 
fatti li smentiscono apertamente. Su tutte le scuole si poteva 
scrivere ci6 che dicevasi nel secolo undecimo alia scuola di 
Paderborn : Qui, per le cure del nostro vescovo S. Meinwerck, 

Viguit Hvratius, 
Magnus et Virgilius, 
Crispus ac Sallustius, 
Et urbanus Statius.... * 



1 Lettera at superiori, professori, etc. Orleans, 19 Aprile 1852. 

2 BOLLANDISTAE, Mens. iun., t. 1, pag. 529 ; S. MeimccrcK. 



I \ VTAMI'A 
0, ill tillli l pa'si if iirridi-nt'' 

. segnatamtMit.' in In^hilt.-: Irlanda, in 

Italia, in 1-Yancia <; in Al i nia;. r na, i voluiui doi Has<iri pa.. 

.iti con amor.-. \.-lle sale romane o gotiche, sotto 
la (vritina l";i. <niiontati dalla croce, si copia\ 

si leggevano, si studiavanu i \vvhi lil.ri dd tempo d'Augi> 
Eravi ancbe un segno particolare per chiedere, nelle on> li 

i/.io. al lililiot-cario un libro pa^rano: que' monaci -i 
grattavano 1'onMvhio col dito, come il cane se lo gratia colla 
zampetta '. 

l)ai inonaci 1'A. sal* ai ss. 1'adri, e mostra che alcuni di 
loro sono stati formati alia eloquenza da pagani viventi, come 
p. o. S. i;a>iii 8 S. (liovanni Grisostomo, che furono istruiti 
dal retore Libanio; ed altri poi si ibrraarono da se su^li scritti 
lasciati dai grand! orator! latini e greci. Ma i Padri prote- 
starono contro la lettura dei pagani. Si, contro gli abusi ; 
e di che mai Tuoino non abusa ? Intanto pern s. Hasilio, nel 
suo discorso sopra Tutilita delta leltura dei libri pagani, 
viTamente i giovani a leggere Platone, Socrate, Oinero, 
e a coglierne flori di lingua ed anche frutti di virtu. Ma 

lirolamo fu battuto da un Angelo per aver troppo araato 
Cicerone. Si, in sogno; e se realmente in qualche tempo delia 
sua vita egli fu piu ciceroniano che cristiano, non si puo dir- 4 
che quelle battiture cadessero iuor di luogo. 

Considerata cosi la questione dal lato istorico, 1'A. passa 
ad esaminarla sotto 1'aspetto pedagogico. I Riformatori di- 
cono : Ci si rendano gli nutori cristiani, e il mondo cam- 
biera faccia . Davvero? Ma il tentative fu fatto, e due volte, 
in due diverse maniere. Tutti sanno che Giuliano apostata 
proibi ai cristiani di piu insegnar nelle scuole Ornero e gli 
altri gentili : or che fecero essi allora? Non potendo usar piu 
tali tosti, no composero altri sullo tracce di qunlli. I due Apol- 
linari, il Vecchio e il Giovine, scrissero delle odi, dei drammi. 
d^i dialoghi ad imitaziono di Pindaro, d'Euripidi\ di Platom-: 

1 D. MARTfeNE, De antiq. monach. ritib. 1. 5, c. 16. 



78 RIVISTA 

ma poi, cinque o sei anni dopo, morto Giuliano, tutte le inii- 
lazioni ftirono messe da parte, e si torno agli original! pa- 
gani. Simile cosa accadde, un dodici secoli dopo, sotto S. Carlo 
Borromeo. A modo d'esperimento, egli soppresse nel suo se- 
minario milanese Cicerone, Virgilio e gli altri autichi maestri, 
sostituendo loro S. Girolamo, S. Ambrogio, Eusebio ed altri 
simili : ma ben presto, avvedutosi che i suoi giovani non diven- 
tavano per questo migliori cristiani e riuscivano invece piu 
meschini umanisti, torn6 all'antico. E i moderni Riformatori 
vorrebbero ancora ritentare la prova ? 

Si, dicono essi, perche gli autori pagani rendono pagani 
quei che li studiano. Ma e poi vero? Ed eccoci al midollo 
della quistione. S. Agostino pare che la pensasse tutto al con- 
trario, quando nella sua opera della Dotlrina crisliana scri- 
veva : La fllosofia dei pagani contiene precetti morali d'altis- 
sima utilita . E qual e il paganesimo corrompitore di Cice- 
rone, di Quintiliano, di Cesare, delle lettere di Seneca o di 
quelle di Plinio ? Vero e che i poeti offendono piu d'una volta 
il pudore; ma chi non sa che nelle scuole cristiane non com- 
pariscono mai altrimenti che castigati ? E in questi poeti cosi 
purgati, quanti versi, quante strofe rimangono, che rendono 
un suono naluralmenle cristiano ! Che bella lezione potra fare 
il professore spiegando 1' inferno di Virgilio, o la sua egloga 
quarta, o le preghiere di Omero, o quel verso d'Ovidio: 

Os homini sublime dedit, coelumque tueri 
lussit! 

Quali consigli di morale cristiana cavera senza sforzo dal 
lustum et tenacem propositi virum... dal Labor omnia vincit 
improbus; dal Pallida mors aequo pulsat pede... dal Video 
meliora proboque... Tutto questo e forse paganesirao o lettura 
sensuale? Xon e piiittosto un convertire, secondo la bella frase 
di S. Agostino, le spoglie d' Egitto in uso del santuario? 

Ma, insistono i Riformatori, le lezioni morali molto me- 
glio scaturirebbero dai libri dei SS. Padri e degli altri autori 
cristiani, che fossero adoperati come testi di scuola. Sia : ma 






DELLA STAMPA 79 

per tjii.->tM gli scolari ne avrebbero maggior profltto' 
sarebbe piuttosto a temerei in loro, a lungo andare, quella 
guastatrice d'ojjni bene che ft la noia? Se ad un giovine non 
mettete in inano che i Lattanzi, i Prudenzi, ed altri libri con- 
teoenti prediche o vitedisanti, c'e pericolo che uo bel giorno 
ei gitti per aria tutti i Lattanzi, tutti i Prudenzi, e forse an- 
cora tutti i Santi e con essi la loro fede *. 

N", i libri che fanno alia gioventu un vero male, non sono 
i classici pagani. lo credo (scriveva il P. Lacordaire aU'AK 
Landriot il 31 maggio 1852) che le nostre generazioni sono 
corrotte dalla lettura dei moderni assai piu che da quella degli 
antichi . E il P. Kleutgen d. C. d. G. Noi abbiamo conosciuto 
ben intimamente delle centinaia di giovani...; quanti ne abbiamo 
veduti messi sulla via del disordine dalle opere dei Greci e 
dei Romani ? Nessuno 8 . S. Luigi Gonzaga studio i classici 
pagani, e molto gustava i filosofi antichi, come Seneca, Plu- 
tarco, Valerio Massimo 3 : il suo grande imitatore, S. Giovanni 
Berchmans, celebrava il santo Nome di Gesu con distici ovi- 
diani, incominciando da un saluto a Calliope: 

Non mihi Calliope si centum porrigat ora; 

il Gonzaga e il Berchmans furono per questo scolari meno 
cristiani, meno angeUci ? 

N6 si dica che queste sono eccezioni. Quante volte (sog- 
giunge qui TA., invocando il testimonio della sua lunga ed 
onorata esperienza) quante volte non ho io riconosciuto che i 
miei piu bravi scolari, quelli che piu e raeglio gustavano i capi 
lavori classici, erano anche i piu buoni, i piu ediflcanti, i piu 

1 Gioaue Carducci racconta che, quando egli da fanciullo faceva qualche 
scappatella, BUO padre, per castigarlo, lo mandava al tavolino a lejf^ere la 
Morale Cattolica del Manzonl. Che ne awenne ? DI morale o di fede cattolica 
a lui non Be ne attacc6 punto, e ne concepl invece una forte antipatia 
contro il Manroni e i Manzoniuni. Vedi i suoi Bottettt eritici, LiTorno 1876, 
p. 297 e aegg. Vedi ancora DB GUBBRNATIS, Ditionario biogr. dtgli tcrit- 
tori contemp. 

* Sopra la Scuola antica e la nuova, c. III. 

3 P. Bono, Delia Vita di S. Luigi Bontaga, edii. del 1862, p. 30. 



SO RIVISTA 

/elanti apostoli de' loro compagni! Cp. 134). > E pin sopr.i 
aveva detto: Donde venivano, venticinque o trent'anni 
quei zuavi pontiflcii, che furono si giustamente chiamati i 
valieri della cristianitti moderna? Questi valorosi di diciotto 
o vent'anni, buon numero de- quali portavano i piii boi nomi 
di Francia, avevano lasciato la vigilia o 1'antivigilia della lore 
partenza Omero e Virgilio, Orazio e Tito Livio, per and. 
a schierarsi attorno al Papa Re. Dopo aver tradotto ed im- 
parato a memoria il consiglio d'Orazio : Robuslus acri militia 
puer..., lo mettevano in pratica senza paura e senza mac- 
chia. Uno solo di quei collegi, in cui lo studio dei classici 
era in altissimo onore, mando cento cinquanta de'suoi alunni 
a combattere o morire per Pio IX '.... Eppure in quei colle- 
gio 1'ammirazione dell'Eneide e di Virgilio andava talvolta 
fino all'entusiasmo... Ma qualche tempo appresso, questi gio- 
vani pagani, dopo essersi comunicati come i crociati di S. Lui- 
iri, combattevano come gli eroi d'Omero (p. 26). Questi fatti 
a noi sembrano di una eloquenza insuperabile. 

A tutto questo vuolsi ora aggiungere un altro argomento 
poderosissimo, qual e quello che si ricava dai fatti e dalle pa- 
role degli ultimi due sommi Pontefici. Nel settembre del 1866 
tre sacerdoti di Nantes furono ammessi da Pio IX ad udienza 
privata. Siete professori? gl'interrogo egli. Si, santo Padre. 

Insegnate voi nei vostri collegi Virgilio, Orazio e gli allri ? 

Si, santo Padre. Fate benissimo. lo non sono punto del 
parere del vostro Monsignor Gaume. Bisogna imparare il la- 
tino da quelli che lo sanno... Ah! una volta lo sapeva bene 
ancor io il mio Virgilio, lo sapeva a memoria, e qualche cosa 
me ne rammento ancora: Arma virumque cano Troiae qui 
primus ab oris... Ma voi altri Francesi lo pronunciate male il 
latino : noi qui a Roma lo pronunciamo assai meglio... E il 
buon Papa col suo accento romano torno a ripetere: Arma 
virumque cano * 

1 II Collegio di Vannes. V. Un college br6 'ton; I' Education dcs Jttvitet 
autrefois et aujourd'hui, par FERNAND BUTEL, 1890, p. 502-506. 

JRivitta delle Facoltd cattoliche d'Angers, decembre 1891, p. 142. 



DELI, A tiTAlll'A 81 

j>etto poi al regnant*- ! Leone XIII, fe ooto a 

tutti quanto egli sia nutrito, lino dall' adolescenza, di studii 
classic!, come si diletti .UK li> ora di scherzare con niano piu 
ottantenne sulla cetra d'Orazio e di Tilmllo, e come abbia 
fondato egli stesso nel suo Seininario Romano una scuola di 
alta lotteratura, per proinuovere lo studio dei classici greci, 
l.itiui e<l italiani. Ma forse non & nota egualmeote la lettera 
da lui imlirizzata, il 20 inarzo 1893, al P. Ottavio Cagnacci 
li'lla Compagnia di Gesu, nella quale, dopo avere espressa la 
sua ammirazione sempre viva per la letteratura classica, ed 
in particolare per gli autori latini del secol d'oro, praeclaru 
illis aetalis aureae scriptoribus, si degna di rallegrarsi colla 
Compagnia d'aver saputo, in mezzo a tanto scompiglio d'idee 
e di sistemi, tener saldi i suoi metodi d'insegnamento: Cut 
proplerea, in hoc etiam disciplinarum genere, conversis Ucet 
hominum ingeniis et studiis, laus pristina manet, promerita 
accrescuni ! . II qual pontificio documento abbiamo noi voluto 
qui ricordare, perch6 torna a lode e a conforto, non solo della 
Compagnia di Gesu, ma di tutti gli Ordini religiosi insegnanti, 
di tutti i Seminarii, di tutti i Collegi cattolici, ne' quali tutti. 



Cosi dunque parlava nel 1866 quel Pio IX, che neU'enciclica del 1853, 
Tolgendosi at vescovi francesi, li aveva eccitati a procacciare che i loro 
cbierici potessero apprendere 1'eloquenra e il bollo scrivere, studiindo it 
It optre tanto ccccllenti dei SS. Padri, e si gli tcritti dei pagani piu ce- 
lebri, dopo ettere ttati diligentemente espurgati. Tra quelle parole e que- 
sta enciclica v'era forse contraddizione ? Non pia: si not! che in questa 
si parla non della giovntu in generale, ma dei chierici avviati al aacer- 
dozio; e che di piu le riferite parole sui SS. Padri sembra fossero gene- 
ralmente interpretate come un semplice consig-lio, da praticarsi secondo le 
circostanze dei tempi e dei luoghi. Due cose intanto sono certe: 1'una, che 
11 suo successore Leone XIII nolla lettera scritta il 20 marzo 1883, al 
cardinale Parocchi: De studiis lilterarum in sacro Sentinario romano 
pr'jvekendis, loda bensl e commenda i SS. Padri ed altri autori cristiani, 
ma niuno di questi ordina e neppure consiglia come teato di scuola: 1'al- 
tra, che nel Seminario Romano e nel Seminario Vaticano, sotto gli occhi 
d'anibedue questi Papi, non si sono usati mai tali testi. 

1 V. Civiltd Cattolica, quad. 1050, p. 709. 

8rit X\', vol. X. fte. Ml. 6 ? " 



S2 RIVISTA DELLA STAMPA 

come accennammo a principle, 1' insegnamento classico e in 
uso, anzi in onore. 

E qui FA. dal campo storico e pedagogico passa al 1 
rario, mostrando che i veri modelli del bello scrivere sono 
propriamente i pagani latini e greci. Ma noi, per non dilun- 
garci soverchiamente, qui piglieremo da lui congedo, non senza 
chiedergli scusa se, nel compendiare i suoi principal! concetti, 
non abbiamo potuto riprodurre altresi il brio, la vivezza, lo 
splendore e gli altri pregi che adornano il suo lavoro. Ma 
cosi digiuno com' e questo nostro ragguaglio, ci par sufflciente 
a far si che i nostri lettori convengano con noi nella sentenza 
del doversi continuar nelle scuole Tuso dei classici pagani, 
senza lasciarsi sbigottire da vane apprensioni; tanto piu che 
un esperto professore sa cosi bene spiegare i suoi testi che, 
come diceva il P. louvency : GLI STESSI AUTORI PROFANI E 

PAGANI DIVENGONO ALTRETTANTI PREDICATORI DI GESti CRISTO. 

Felice la Chiesa, se non avesse altri nemici che questi ! 
Felici i re ed i popoli, se niun altro Socialismo li minacciasse, 
fuori di quello che puo scaturire dai libri d'Omero e di Vir- 
gilio, o da quelli di Cicerone e di Livio. 



BIBLIOGRAFIA 



ANNALIAi statistica. Stutistica industrials. Fasc. XL VII. Notizie 
sulle condizioni industrial! del la provincia di Massa e Carrara. 
Rama, tip. Nazionale, 1893, 16 U di pp. 48. L. 1. 

ANTOLOGIA di Orazioni sacre inedite. Vol. II. Fisoo GAB- 
TAKO sac. Panegirici e Sermoni. Torino, tip. ed. 0. Marietta, 1894, 
8 di pp. 408. 
Si veda quanto fu detto del volume precedente nel Quad. 1034 a pag. 860. 

ATTI dell'Accademia Pontificia de' Nuovi Lincei, corapilati dal Se- 
gretario. Anno XLVI. Sessione VII del 18 giugno 1893 e 8e- 
sione VTII del 9 luglio 1893. Roma, tip. delle Scienze materaa- 
tiche e flsiche, 1893, 4 di pp. 177-240. 

BASILI ALESSANDRO. I salmi tradotti in versi italiani. Seoonda 
edizione. Siena, tip. S. Bernardino, 1894, 16 di pp. 620. L. 5. 

La sublime poesia del Salterio, qui annunziata del Basili, che per 

quanto e stupenda nella sua lingua fedelta, per chiarezza, per varieta 

originate, altrettanto e malagevole benintesa di metri, e per riprodurre 

a renders! in altra lingua, e massime quanto e possibile il virile e conci- 

in lingua vivente. Di qui e avvenuto tato andamento del poeta orientate 

che fra le tante version! poetiche del (Prefat., pag. 3), non ha nulla da 

Salterio che conta 1' Italia, non ne invidiare alle piii lodate. Ne accre- 

abbia nessuna che possa dirsi eccel- scono il pregio alcune note illuitra- 

lente. In compenso pero ne ha pa- tive, che 1*A. ha saputo attingere 

recchie di buone, e tra queste la alle migliori fonti. 

BASSI GIUSEPPE dott. - - Commento al verso di Dante : c Lo bel 
pianeta che ad amar conforta > (Purg., C. I). Alodena, tipografta 
Moneti. 

Fin qui i commentator! hanno ge- le sue ragioni, sono anzi ingegnose, 
neralmente giudicato che questo pia- ma non sappiamo se baste ran no a 
neta sia Venere; 1'A. invece sostiene dargli vinta la causa presso i dan- 
che 6 il sole. Non diremo spregevoli tisti. 

BERTOLOTTI JOSEPH ab intimo sacello summi Pontiflcis ad hono- 
rem Sylloge casuum ex re dogmatica, morali, canonica et litar- 
gica. Editio altera pluribus aucta et penltus emendata. Romae, 
ex typografia poliglotta S. C. de propaganda fide, 1893, 8* di 
pp. 530. Lire 6. 
Ecoo un bel presente che ci offre merito del clero italiano pel uo 

il ch. Mons. Bertolotti, tanto bene- AwHatore Bccleiiottico e pr altri 



84 



BIBLIOGRAFIA 



lavori. Come apparisce clal titolo, non 
fe questa una raccolta di soli casi 
morali, ma abbraccia ancora molti 
quesiti dogmatic!, molte question! ca- 
noniche, molti dubbii liturgici, eper 
conseguenza deliba le principal! di- 
scipline della facolta teologica. Seb- 
bene poi sia questa una seconda edi- 
zione, pu6 quasi dirsi un lavoro nuovo, 
tante sono le correzioni e le giunte 
che vi si trovano e rendono piu pre- 
gevole il libro, che pure fln dal suo 
primo comparire fu accolto con tanto 
favore. Porta in fronte una lettera 
commendatizia del celebre P. Ga- 
briele da Guarcino, consultore di 
piii sacre romane congregazioni, e 
sappiamo che vi hanno lavorato in- 
torno anche altri romani teologi 
riputatissimi. Specinlissimo merito 
di questa raccolta e quello di trat- 

BENEDICTI CATERINA. Lo scolaro di maestro Michele. Romanzo 
educative. Milano, tip. Agnelli, 1894, 16 di pp. 334. 



tare frequentemente question! tutte 
proprie dei nostri giorni, e scioglierle 
a norma delle ultime decision! della 
Santa Sede. Dalle quali cose pero 
non pretend iamo inferire che tutte 
le soluzioni che qui si offrono sa- 
ranno da tutti approvate, perche si 
sa bene quanta disparita di pareri 
intorno a certe materie regni fra 
teologi anche di sommo grido ; ma 
in generale parlando, ci sembra che 
questo libro esponga dottrine giuste, 
sicure, conformi ai principii di San- 
t'Alfonso Liguori, e che debba tor- 
nare di grande vantaggio a tutti i 
confessori, e segnatamente ai gio- 
vani sacerdoti. Un copioso indice 
analitico, disposto per ordine alfa- 
betico , ne agevola grandemente 
I'tiso. 



Un giovinetto, passionato per la 
musica, si applica allo studio di essa, 
e colla costanza e coll'aiuto di due 
musici, vi riesce ammirabilmente 
sino ad ottenere il diploma di mae- 
stro di musica nel Conservatorio di 
Milano, e ci6 non ostante la resi- 
stenza delle zio prete che lo voleva 
avviare per un'altra professione. Que- 
sto 6 il fondo del romanzo. I carat- 
teri dei personaggi sono bene scol- 
piti e tali mantenuti sino alia fine. 
II giovins Luig-i Dini si scorge su- 
bito come tipo di uomo costante e 
pieno di affetto per la mamma ed i 

BLUME CLEMENS S. J. Das apostolische aiaubensbekenntniss. 

Eine apologetisch-geschichtliche Studie, mit Riitfksicht anf den 

c Kampf nm das Apostolicum > . Freiburg im Breisgnu, Herder, 

1893, 16 di pp. XVI-304. 

Adolfo Harnack, gran corifeo dei pubblic6 nell'anno 1892 un opuscolo 
rationalist! tedeschi e professore di sopra 1'origine, il contenuto e la data 
teologia nell' universitA di Berlino, del Simbolo degli Apostoli, che su- 



suoi benefattori ; il maestro Michele 
6 sempre il benefattore disinteres- 
sato e D. Giuseppe non ismette mai 
quella sua aria di burbero. Vi sono 
anche altri bei pregi; ma non pos- 
siamo tacere che trattandosi di un 
romanzo educative, riesce cosa sin- 
golare che la religione non vi 
trovi neppure un cantoncino ; il che 
ove si fosse avverato, non per questo 
si avrebbero avute le prediche mo- 
rali, che togUono riuscire di soventf 
pift fastidiote che utili (Avverti- 
mento degli Editori). 






cit6 gran rumore e maggiore ditcor- 
dianei Protestant i. I. 'ultima lorocon- 
olusione dopo tanto diacutere fu quale 
era da aspet tarsi da diagraziati privi 
del magistero della Chiesa : K errore 
il ritenere il aimbolo in tutto o nelle 
ingole proposizioni per fondamento 
della Cbieaa e del Crist ianesirao. 8i 
deve atabilire una formola piu breve, 
che permetta agli uomini di altre 
opinion! di credervi, te rogltono. 

II benedettino Suitberto Biiumer, 
il Dott. Zahn e il P. Blume banno 
in quest 'occaaione dato alia luce ope- 
re, che per pienezza e pro fond it a di 
discussione sono veri trattati. Ve- 
nendo al lavoro del P. Blume, di cui 
ora ci occupiatno, esso nella prima 
parte spiega il concetto di simbolo 
apostoliro e fa la rassegna della let- 
teratura, cioe dei lavori forniti dai 
cattolici e dai protestanti intorno a 
tale materia; nella seconda parte 
espone la storia del simbolo dai terzo 
secolo incirca sino a noi cioe'smo a 
che prese la forma che ora abbiamo, 

BOILEAC M. J. (1'able) Cuiv de 



e poi rintracola le piu vetuste me- 
mnrie del medetimo durante i tre 
primi secoli, rnccogliendo oi6 ohe 
ce ne hanno laaciato gli icriHoti 
contemporanei. Nella prima parte il 
P. Blume ba fatto rilevare le te- 
Btimonianze in favore del Bimbolo; 
nella seconda ha raflermato 1'impor- 
tanza di ciascun articolo con prnove 
teoiogiche ed iatoricbe, so Herman - 
doai piii nel terao, preso di mira dagli 
increduli : Qui conceptut ett de bpi- 
ritu Sancto, natna ex Maria Virgine. 
Inoltre le sue conclusion! principali 
sono: L'origine della tradizione ve- 
ramente apoatolica dell'antico aim- 
bolo romano si dimostra sino ad una 
gran verosimiplianra; Pesistenza del 
testo antico romano risale alia prima 
meta del secolo secondo, ed il testo 
present* 1 si diflerenzia dai primitivo 
solo in alcune parole poco impor- 
tant!. Inflne la dottrina degli articoli 
si trova quasi verbo a verbo nella 
Scrittura. 

to Genevieve de la Plaine-S.-Denis, 



dioceso de Paris. Les Discours du Verbe Eternel fait homme, 
ou de Notre-Seigneur Jesus Christ, paraphrases. Paris, K6ta\oc, 
82/ rue Bonaparte, 1894, 16 di pp. 609. 



Questo degnisflimo parroco, gie, 
noto per altri lavori sul libro di (Hob- 
be, sul libro dell'Ecclesiaste e sul 
Cantico dei Cantici, ci offre ora una 
bella parafrasi dei Discorsi di N. S. 
Oesu Cristo. Dopo una molto lunp-a 
e dotta introduzione, egli entra in 
materia, accompagnando il divin Re- 
dentore passo passo nei tre anni della 
ua vita pubblica, raccontandone i 



lupparne i discorsi; la qual corn egli 
fa con erudizione, con dottrina, con 
unzione di pieta cristiana, cbe sono 
appunto le principali doti che si ri- 
chiegpono in lavori di questo ge- 
nere. T sacerdoti ugualmente che i 
laict troveranno in questo libro un 
pascolo salutare e sostanzioso, e per- 
ci6 agli uni e agli altri lo vogliamo 
vivamente raccomandato. 



fSktti, e Bopnittutto stendendosi a svi- 

BOTTARO FORTUNATA. Armonie e ricordanze. Scritti varii col 
ritratto dell'Autrice. Genova, tip. del li. Istituto Sordo-muti, 1894, 
16 di pp. 603. L. 4. 
6 una raccolta di articoli raril, pubbllcati gik dalla Bottaro nel pe- 



BIBLIOGRAFIA 



riodico La Donna e la Famiglia, da 
lei Btessa ideato, fondato e per lun- 
ghi anni diretto. Fu nostro inten- 
dimento, scrive 1'editore, Domenico 
Caprile, offrire alle donne, alle fa- 
miglie e alia gioventu d' Italia in 
tanta deficienza di nobili e leggiadre 
letture un volume che fosse educa- 
zione dell' Intel lotto, ispirazione alia 
fantasia, conforto e dolcezza all'ani- 
nio. E noi facciamo nostre queste 
parole senza riserva. La Bottaro fu 
veramente una delle migliori scrit- 
trici deU'eta nostra sotto ogni ri- 
spetto. Delicatezza di sentimento, 



squisito gusto artistico, singolare 
pratica delta lingua toscana, leggia- 
driadi stile, svariata coltura, purezza 
di sensi religiosi, sono i pregi onde 
vanno segnalati i suoi scritti, e li ren- 
dono nieritevoli di entrare nelle fa- 
miglie cristiane, dove oflfriranno ma- 
teria di letture non meno dilettevoli 
che utili alia niente e allo spirito. 
Raccomandiamo quindi queste Ar- 
monie e Ricordanze come un libro 
di amena letteratura, prezioso tanto 
piu, quanto pin scarsi sono quelli in 
cui si adunano gli stessi pregi. 



BUDA LONGO GIOACCHINO dott. La Fede. Catania, tip. I. Ga- 

lati, 1893, 16 di pp. 32. 

Tutti gli stili sono buoni, quando 
si sostiene la verita e la giustizia, 
comeche non tutti possano a tutti i 
lettori egualmente gradire. Le divi- 
nazioni del valoroso dott. Buda Longo 



CAPPELLAZZI ANDREA sac. 
e Camagni, 1893, 32 di pp. 

Ill questo libro il rev. D. Cap- 
pellazzi ragiona delle cause, della 
natura e degli effetti del divorzio. 
Le prove sono attinte in gran copia 
dalla tcologia e dalla storia con ci- 
tazioni di molti e celebri autori, in 
particolare dell'Aquinate e del P. L. 
Taparelli. Ma la parte, ove lo scrit- 
tore tutta ti fa scorgere la turpitu- 

CAPPELLI LUIGI sac. Letture 
nardino, 1893, 92 di pp. 124. 

Alle letture pet bambini tengono 
ora dietro queste letture pet giova- 
netti, che trattano dei fenomeni piu 
comuni di fisica e delle nozioni prin- 
cipali dei regni minerale, vegetale 
ed animale con tale chiarezza, pu- 
rita di lingua e un certo profumo di 



(ne abbiamo gia citata qualche altra) 
faranno anch'esse del bene a qual- 
cuno: l'auguriamo e ce ne ralle- 
griamo. 

II divorzio. Lodi, tip. vesc. Quirico 
248. 

dine del divorzio, e nei capi XII e 
XIII, intitolati: Corruzione dell'indi- 
viduo ; Rovina della famiglia (pp. 
155-179), che sono comprovati dalle 
Recenti ed ultime statistiche (pp. 200- 
207). Anche la maniera di esposi- 
zione non e si arida che si legga mal- 
volentieri dalle persone meno colte. 



pei giovanetti. Siena, tip. S. Ber- 
Cent. 80. 

religione che le raccomandiamo a 
tutti gl' istituti cattolici. 

Gran parte di questi scritti e dei 
precedent! sono originali e parte sono 
imitazioni o traduzioni piu o meno 
libere di cose pubblicate dagli edi- 
tor! Benziger e da altri (pref.). 



CICCONI D. G. Un fiore d' innocenza, ossia cenni biografici di 



KIHLIOORAPIA 






contessa Brancadoro. Fermi 

e una traccia lumlnoaa di buoni 
esempi su questa terra, ch'ella, qual 
raggio di sole, attraversu aenza con- 
taminarsl. II cb. Autore fece pertanto 
opera degna di lei e granderaente 
vantaggiosa alle giovani criitiaoe 
col perpetuarne la raemoria in que- 
ste pagine, scritte coo elegante aem- 
plicita e naturalezza e riflorite di bei 
penaieri, di grazioae imagini, e quel 
che piii monta, di sagge maatime e 
rifleaaioni. 



nietta Maria Panichi, nata 

Mucci, 1893, 32 di pp. 70. 

Quanto bene risponda 11 titolo al 
aoggetto di questa cara biografla lo 
fa cbiaro e palese 1' innocentissima 
vita di colei ohe qni viene in brevi 
tratti descritta; la quale alia chia- 
rezza del aangue aeppe accoppiare 
1'illibatezza de 1 costumi e lo splen- 
dore di quelle virtu che nobilitano 
la vergine e la sposa cristiana. Ra- 
pita all'amore de' suoi e aU'ammira- 
ziono ed affetto di quanti la cone 
scevano nell'aucor florente eta di 22 
anni, Ia*ci6 nel volare al cielo dietro 

COLLANA di letture drammatiche. MICHELOTTI A. L'editto di Dio- 
cleziano. Lo sventato. Farea. Torino, libr. Salesiana, 1894, 32 
di pp. 100. 

CASTAGNOLA can. Ruggiero Hamud. Per quattro fichi ! ? MA- 
RUCCHI F. Un episodic del brigantaggio. S. Bcniyno Canaveae, tip. 
Salesiana 1893, 32 di pp. 116. 

COLLANA di vite di Santi. Anno XLUT, Disp. 268. Vita di 
S. Alessio patrizio romano. Atonxa, tip. de' Paolini, 1893, 32* di 
pp. 176. 

DE LANGOGNE P. Pio capp. La venerable Philomene de Sainte- 
Colombe, religieuse minime dechaussee. Sa vie et see ecrite. Pari, 
maison de la Bonne Presse, 1893, 16 di pp. XVI-256. 



Filomena Ferrer ebbe i natali a 
Mora dell 1 Ebro Panno 1841 ed, en- 
trata nel monastero delle religiose 
minime scalza in Vails, vi fece ri- 
florire col suo esempio le virtu e 
I'osaervanza primiera. A 27 anni, gia 
raatura per il cielo, rose 1'aaitna in- 
nocente a Dio. La vita della Yene- 
rabile fu descritta in castigliano dal 
P. Dalman, suo confessore, e divul- 
gata dal Mentajero del S. Coraton 
de JeiAt. Nell'anno 1881 ne fu fatta 
una traduzione In italiano (Vedi il 
nostro periodico, quad. 749 p. 600 e 



specialmente il quad. 752 p. 218). 

Ora il rev. P. de Langogne ha 
voluto colla preaente opera far co- 
noscere ancbe alia Francia le virtu 
e i doni ammirabili di un'anima si 
prediletta dal Signore, aggiungen- 
dovi gli scritti della medesima e 
quanto di nuovo si ritrova nei pro- 
cess! test istruiti per la beatiflca- 
zione. L 'Autore ne ha disposto e con- 
dotto la narrazione con maniera si 
bella e con tale aoavitadi unzione spi- 
rituale, che mal volentieri at amette 
di leggere. 



DELL'AVERSANA P. L mese di maggio. Napoli, stabil. tipogr. 



88 



HIHLIOGRAFIA 



Festa, 1894, 32 di pp. 196. - 
1'Autore. Aversa per Parete. 
Ben venga anche qucsto mese Ma- 
riano, tutto sulla vita e le virtu e le 
glorie della Madonna. Non e il pri- 



Cent. 10. Si vende anche presso 



Dio; IV. A qual grado di gloria fti 
innalzato il padre della Vergine e 
qual tribute di venerazione e d'amore 
gli dobbiamo, ripromettendoci da lui 
ogni sorta di favore. 

L'argomento e trattato con dot- 
trina ed unzione di spirito. 



mo davvero, e non sara neppur 1'ul- 
timo, ne si fara mai troppo per lo- 
dare ed onorare Maria. 

DE SANTA FORTUNATO sac. - - Cenni raonografici del Comuni 
di Forni di Sopra e di Sotto Savorgnani. S. Daniele, tip. Biasutti, 
1893, 16 di pp. 24. Cent. 30, a beneficio del nuovo organo 
della Chiesa di Forni di Sopra. 

DEVOTION (La) a Saint Joachim par 1'auteur de la demotion a Sainte 
Anne. Paris, Te"qui t-diteur, 1893, 18 di pp. XIV-412. L. 2,00. 
L'Autore ha diviso la sua opera doveri del ministero, affldatogli da 

in quattro parti, le quali sono le se- 

guenti: I. Ci6 che Dio, avendo de- 

stinato S. Gioacchino alia dignita di 

padre di Maria Vergine, ha fatto per 

prepararvelo ; II. Come corrispose 

S. Gioacchino alle grazie speciali di 

Dio, esarcitando cioe le piii belle 

virtu ; III. Come il Santo adempi i 

DI P1ETKO SALYATORE sac. - - II SS. Sacramento delP Altare. 

S, Benigno Canavese, tip. Salesiana, 1893, due voll. in 16 di 

pp. 356-356. 

II 1 volume contieue trentaquat- 
tro sermoni ; il 2 ne offre trentadue 
divisi in quattro ottavarii. Ampia 
materia pei lettori e pei predicatori, 
e nuovo segno della grande attivita 
letteraria del ch. Autore. Sulla fine 
del 1 volume leggiamo in fatto il 
lungo elenco delle sue quarantatre 

GRIMMICH YIRGIL d r prof. Lehrbuch der theoretischen Philoso- 
phie. Auf thomistischer Grundlage. Freiburg im Breisyau, Her- 
der, 1893, 8 di pp. XVI-566. Mk. 7. Rilegato Mk. 9. 
Nel presente volume e racchiusa 

la logica e la metafisica (generale e 

speciale). Le question! sono trattate 



opere, gia pubblicate, piii 1'annunzio 
di altre quattro che si stanno pre- 
parando. Ma questa sul ss. Sacra- 
mento e degnissima di particolare 
encomio, siccome quella che tratta 
1'augusto argome'eto con tanta dot- 
trina e copia, quanta difficilmente 
potra trovarsi in altri simili libri. 



colla profondita propria della scuola 
tomistica. L'opera e scritta in tede- 
BCO, affinche il discepolo piu facil- 
mente e piii sicuramente intenda ci6 
che viene discusso (Pref. p. III). Cosi 



dice il rev. Autore; il che presup- 
pone che la lingua scientifica, la la- 
tina, sia poco nota. Nel resto non si 
e omesso mai di mettere dentro pa- 
reutesi le espressioni latine rispon- 
denti alle tedesche, perche potesse, 
chi il volesse, assuefarsi alia chiara 
e concisa terminologia latina. 



GROSSO A. II Parroco di campagna. Risultato d' un' inchiesta 
recente fatta da un uomo d' azione. Traduzione dal francese col- 






1'aggiunta di note, per Ambrogio Grosso, Arciprete a Monglia. 
Chiavari, Tip. Artipianclli, 1893, 16 di pp. 240. 



II parroco Bernard 6 un giovane 
prete, piDO di zelo per la cum delle 
anlme a lui affidate. Useito pero dal 
Seminario senza niuna esperienza 
del mondo e senza istruzionc sul 
modo di governare una parroccbia 
netempi difficill che corrono, si trova 
ulle prime perduto aflatto e quasi 
treoiero, malvisto e scansato da 
tutti. Senonchfc un buon missionario 
gli fa cornppio e gli svela il segreto 
di pur riuscire nell* impresa : Co- 
minciar con la loro ed uscir con la 
vostra. > II Bernard si fa dunque a 
promuovere pi' interessi material! 
de* tuot contadini, fonda un sinda- 
cato, un segretariato del popolo, un 
consiglio di affari ; chiama le snore 
ed apre scuole private ; studia un 
po' di medicina e fa da infermiere e 
da medico. Cosl, vincendo in bono 
malum, si guadagna a poco a poco 
rintero paese. II sindaco, il maestro 
e la maestra di scuola, 11 prefetto e 



1* ispettore scolastico gll muovono 
guerra implacabfle ; aoipettf, calun- 
nie, accuse, tutto e buono per iscre- 
ditarlo, e il buon parroco viene in 
fine citato ai tribunal! e condannato 
per la causa di Cristo. Ma il paese 
era orarr.ai gtiadapnato a Dio. 

Questo romanzo, hitrecciato sopra 
fa'ti realmente accaduti, si legpo 
con diletto e, pfii nnenra, con frutto. 
II m. r. Arciprete Grosso vl agglnnse 
di suo molte note ed osservazioni, 
assai opportune e giudiziose. Nondi- 
meno cosi disposte, come sono, gotto 
il testo, per la loro frequenza e lun- 
gbezza, intralciano alquanto la let- 
turn. II lavoro si cbiude con due 
appendici di medicina pratica pei 
parrochi di campagna. 

Trascurata assai 6 la lingua, mal- 
andato lo stile, negletta la corre- 
rione della stampa ; ma il lettore ha 
un buon compenso nell'utilita pra- 
tica del libro. 



GRUPP G. D r . Kulturgeschichte des ilittolaltere. Erster Band mit 
28 Abbildungen. Stuttgart, I. Roth Verlagsbuchhandlung, 1894, 8 
di pp. VUI-3GO. 



II sip. Grupp ragiona in questo 
volume delle arti, delle scienze e di 
ogni alt r;i maniera di studii cbe re- 
ebino utile o diletto alia civile co- 
munanza. Essendosi proposto di trat- 
tare ora dell'incivilimento dell'eta 
di mezzo, epli ha trovato larga messe 
nei cbiostri, nei vescovadi ed in altri 
istituti della Cbieaa cattolica. Ci sono 
riuscite di piu gradevole lettura le 
pagine, nelle quali con esattezza si 
diacorre del Tamp Hamento del cristia- 
nesimo, delle usanze delia Chiesa pri- 
mitive, della lotta e della vittoria 
della nostra religione, dello state 
della societa e della Chiesa prima 



dell'invasione del Barbari, del coetu- 
mi dei Germani, eccetera. 6 uno stu- 
dio speciale, come indica il titolo e 
come deve farsi da chi nella storia 
vuole tutta indagare la verita di una 
questione e non ismarrirai nei labe- 
rinto dei varii e inflniti avvenimenti. 
Inoltre eaao e cosl ben condotto ed 
in forma to a sen time uti cristiani obe 
ci fa vivamente desiderare cbe pre- 
sto si stampi 1'altro volume. Vi sono 
nondimeno i suoi nei : per esem- 
pio nella pagina 130, ove si parla 
della caduta di Koma, si asserisce 
cbe sant'Agostino vi scorse solamtnte 
la caduta delta nttora Babilonia (Au- 



90 



HIBLIOGRAFIA 



gustinus sah in Rom nur das neue 
Babylon stiirzen...). 6 un'opinione 
comune in Germania, tolta a verbo 



dal Gregorovius, ma apparisoe falsa 
quanto altra mai, se si raffrontino 
bene i varii scritti del gran Dottore. 



HETTINGER FRANZ. Aus Welt und Kirche. Bilder und Skizzen 
(Mondo e Chiesa. Schizzi e Bozzetti). Freiburg im Breisgau, Her- 
der, 1893, Vol. 2. in 16 di pp. VIH-682; XH-712 M* 5. Ri- 
legati M* 1 7. 

Nell' aiinunziare quest! due bei 
voluini di lettura amena ed istrut- 
tiva ci duole soltanto d' una cosa, 
che essi, per essere scritti in tedesco, 
souo inaccessibili a molti lettori ita- 
liani. Sono per6 tali che meritano 
davvero il pregio d'una traduzione. 
L'Autore alemanno, il popolare apolo- 
gista della religione, Francesco Het- 
tinger, e un amico della nostra Ita- 
lia, di pin un dantoiilo e un inna- 
morato del nostro idioma: fece i suoi 
studii nel collegioGermanico diRoma 
e negli ultimi anni della sua vita 
torn6 a visitare la patria nostra. Que- 
st! due volumi non sono altro che 
attraentissime note di viaggi, ima- 
gini, impressioni di cose vedute e, 
diremmo, vissute nella mente e nel 
cuore d'uno appassionato per ogni 
bella cosa, qual fu 1' Hettinger. II 
primo libro e intitolato : Roma e Ita- 
lia, il secondo Germania e Francia; 
ed hanno 57 illustrazioni. Quello che 



LUCA (P.) DI S. GIUSEPPE d. 
ultimo tre ore della sua vita. 
1894, 16 di pp. VHI-392. L. 
Yetralla. 

Con questo lavoro il rev. Autore 
ha inteso di presentare al lettore al- 
cune considerazioni, tratte dallo stu- 
pendo libro che e il Crocifisso. La 
maniera dal medesimo tenuta nell'e- 
sporre il suo soggetto e la seguente : 
egli spiega ciascuna delle sette pa- 



egli, ne' numerosi viaggi, s' imbatte 
a vedere ed udire, tutto si rispec- 
chia nella sua bella mente e da que- 
sta lo trasmette egli al lettore con 
quello stile che e proprio d'un pen- 
satore e d'un artist a della penna, e 
quale potevano ispirargli o i boschi 
di Germania o le valli deH'Umbria, 
o le coste dell'Adriatico o il tramestio 
delle citta. Egli tutto osserva, le cose 
grandi e le minute, tutto trasfonde 
in chi legge con un piacere crescente. 
In ferrovia parlacon un ufficiale dei 
bersaglieri, a Venezia ode le barca- 
role, da S. Miniato osserva il pano- 
rama di Firenze, a Roma paragona 
la nuova con 1' antica citta ; e cos\ 
via via, passando di meraviglia in 
meraviglia, di novita in novita. Ci 
bastino questi tratti per far com- 
prendere al lettore 1'indole di questi 
due veramente ameni ed istruttivi 
libri, i quali possono scusare qual- 
siasi romanzo. 

C. d. P. - - II Dio Redentore nelle 
Firenxe, tip. della SS. Conce^ione, 
1. Rivolgersi all' Autore. Roma per 

role, proferite da Gesti nella sna 
agonia, e lo fa ampiamente in piu 
considerazioni, ove dapprima da larga 
parte agli affetti e poi viene al ra- 
gionamento posato e tranquillo. L'o- 
pera pu6 servire anche ai predica- 
tori novelli. 



LUDOVICI LUDOVICO. Alcune memorie di Seppio, raccolte dal 






Sono memorie in parte sac re, In 
parte profane, molto utili alia storia 
paesana. Fra le sacre e la storia di 
ana immagine miracolosa della B. V. 
che si venera nel villapgio di Sep- 



Pierano di Pioraoo D. Lndovico I Pioracv, tip. Tama- 

UMIIIU. IV : pp. 13. 

plo; tra le profane e mentorato 
qualche avanzo di lignite trovato in 
alcuni scavi, e un cinerario eon en- 
tro 1'obolo da darai a Caronte per 
passare il flume Stige. 

MANDRUZZATO A. Spiritismo e buon senso. Brevi papine ad 
istruziono del popolo, con appendice di csempii. Torino, tip. Sa- 
lesiana, 1894, 32 di pp. 108. -- Cent. l.~>. 

& un libretto cbe risponde al BUG ranti, e percio esposte alia sedu- 
titolo : tutto flore di buon senso, che 
ragiona in modo popolare e intelli- 
frlbile al volgo del letter!. E il volgo 
include ancbe persone, che saranno 
colte di altri studii, ma del fatti 



zione. opera di vera carita del 
prossimo diflTonderne la lettura, per- 
che la setta spiritica serpeggia molto 
piu ampiamente e pericolosamente 
nolle citta e nelle campagne, che 
non si crede comunemente. 



dello Spiritismo sono al tutto igno- 
\LiZOYER vedi MESCHLER. 

MED A F. Noi e gli altri. Estratto dal periodico di Milano c La 

scuola cattolica e la scienza italiana. > Quad, di gennaio 1894. 

Milano, tip. Ghezzi, 1894, 8 di pp. 24. 
MESCHLER P. M. S. J. -- M6ditations stir la vie de N. S. J. C., 

traduit de I'allemand par 1'abbe Ph. Mazoyer du Clerg6 de Paris. 

Prt 4 c6d6es de 1'approbation da T. R. P. Martin, general de la 

Compagnie de J6sus. Tome troisi&ne. Paris, P. Lethielletuc, 1894, 

16 di pp. 464. 

Si veda il cenno bibliograflco del 1 volume inserito nel quad. 1033 a 
pag. 87. 

MOIS de Marie d'apr&s les grands prSdicateure contemporains, suivi 
d'une s^rie de tcxtes de 1'Ecriture et dee Pres sur chaqne fftte 
de la Sainte Vierge, pour serrir de matiere a des instructions, 
sermons et discours sur ces f5tes. Paris, T6qui, 1894, 16 di pa- 
gine 314. Fr. 3. 

blica della Chiesa, p. e nella salu- 
tazione angelica, nel Magnificat, nel- 
lo Stabal, nella Salre Regina, eece- 
tera; flnalmente nella quarta parte 
sono semplicemente raccolti testi 
scelti di Sacra Scrittura e dei Santi 
Padri, i quali hanno stretta attinenza 
colle feste di Maria Vergine. Le 
prime tre parti hanno tutti i pregi 



II present* libro e diviso in quat- 
tro parti. Nella prima parte si con- 
sidera la Vergine nelle sue relazioni 
colla vita pratica, cioe nelle virtu 
che esercit6 negli avvenimenti prin- 
cipal! della sua vita, e negli esempii 
che in gran copia ci lasc!6 ad imi- 
tare; nella seconda parte si espon- 
gono la sua dignita e bonta ; nella 
terza parte si propone quanto essa 
viene onorata nella preghiera pub- 



proprii dei sacri oratori, dalle cui 
opere sono state prese, come, ad 



BIBLIOGRAFIA 

esempio, dei Cardinali Giraud e Pie; marchal e Thtebaut ; del 1>. Caus- 

dei Monsignori Pavy e Marmier; dei sette; dei Padri della Compag-nia di 

sacerdoti Bayle, Brunet, Combalot, Gesii Mac-Carthy, Felix, Lavjgne e 

Cornet, Doucet, H6non, Hamon, Le- Lefebure. 

QUISTIONE (La) operaia, ossia cattolicismo e socialismo per un 
parroco della Diocesi di Reggie-Emilia. Regglo nrll' /.'//////</, stab, 
tipo-litogr. degli Artigianelli, 1893, 32 di pp. 100 Cent. 15. 
Dirigendosi al portiere del Seminario Urbano di Reggio-Emilia, 
Cent. 10, franco ; e a chi ne acquista 25 copie o piu, sari fatto 
uno sconto proporzionato. 

Ha fatto benissimo 1'egregio Par- stimolati a stender la mano ai loro. 
roco a stendere 1'annunziato libriuo, fratelli di condizione piu bassa, uni- 
che sara tanta manna per gli ope- formandosi ai santi insegnamenti del 
rai, a'quali principalmente e diretto. vangelo, donde solo pu6 venire il 
Ma se questi vi scorgeranno propu- rimedio ai raali che deploriarao. Noi 
gnati i loro veri diritti, e saran messi quindi consigliamo al degnissimo 
all'erta contro i socialisti che cer- Parroco di darci quanto prima una 
cano di rovinarli nei loro interessi nuova edizione del suo lavoro, alia 
materiali e spiritual! ; i doviziosi quale auguriamo un successo simile 
altresl vi troveranno lezioni molto a quello della prima, cbe in una 
opportune per loro, e si sentiranno ventina di giorni fu esaurita. 

REBUFFI GIOVANNI. Parafrasi delle Litanie lauretane dedicata 

al ven. Cottolengo. Seconda edizione corredata di postille, note e 

comenti. Torino, tip. Eredi Botta, 1894, 32 di pp. 128. C. 80. 

Questo caro librino in primo luogo capo, tesse un breve commento in 

ci offre 1'una dopo 1'altra le invoca- prosa delle singole invocazioni, in- 

zioni lauretane, parafrasate in una serendovi i pin bei fiori colti nelle 

breve strofetta di versi affettuosi e aiuole del Seg-neri, del Liguori, del 

non trascurati, con a fronte uno o Ventura, del Nicolas, del Gaume e 

piu testi analoghi, tolti dalla Scrit- d'altri. Sari letto con piacere e con 

tura o dai Padri : poi, rifacendosi da frutto. 

ROSSI GIO. BATT. sac, II mondo simbolico. I mammiferi. Gli 
insetti ed altri invertebrati. Gli uccelli, gli anfibii, i pesci e 1'uomo. 
I vegetali. I minerali. Torino, G. Speirani, 1888-93. 6 voll. in 16 
pice, di pp. 400 incirca ciascuno. I tre ultiini volumi sono im- 
pressi alia tip. dei FF. Canonica. Tutti insieme costano il tenue 
prezzo di L. 7,50. Chi desidera il volume : La Gioventu 
iatruita con apologhi e favole ricavate dagli uccelli > aggiunga 
Cent. 50. Chi desidera anche la < Conferenza per gli uomini 
aggiunga L. 1,00. Rivolgersi al can. G. B. Rossi, parroco. Gastelr 
nuovo di Asti (Alessandria). 
Sono libri che si fanno leggere dal popolo, massime i primi quattro 

volentieri, e con molto vantaggio volumi, corredati di molte figure. 









I.'arpomento ^ immenso, e 1' Auto re 
traeorr por In 

neralopia, la Botanica, la G*ografla, 
1'Antropologia, la Fisica e altre icien- 
re natural!. Ed ha il buon Benin di 
non B'impojrnnre in disquisizioni pro- 
prte della scoola, minute e difllcili; 
ma traso^jjlie nozioni popolari, utili, 
facili, e le espone in maniera vol- 
prare ed attrattiva. \l intreccia ap- 
plicazioni alia vita domesticn, utilig- 
pimo, applicazioni airagricoltura,all* 
arti, alia politica, sopra tutto alia vita 
cristiana, plena di dottrina sana e di 
conosconza della societa moderna. 
Questi sei volumi, ben legati, posti 
nella bibliotechina d'una famigrlia vi 
rinscirebbero adatti ai fanciulli, bra- 

^AGGIO (III ) letterario del Chierici del Seminario di Caltagirone. 

Pel Giubileo Episcopate di S. S. Leone XIII. A-lunanza tenuta 

nella Cattedrale il 5 niarzo 1893. Palermo, tip. Boccone del po- 

yero, 1893, 16 di pp. 106. 

Questo eaggio letterario contiene 
una bella prolusione di nions. M. Mi- 
neo lanny e poesie italiane (eccetto 



moai sera pro dl rtoria naturale 
graditi alle si(rnore, obe per il Ion 
Uto non poMoito applicant! a studii 
oraiglianti, e pure nun debbono nella 
civile societa inostrnrsi prive al tutt-> 
di cotali ornamenti: frli uomioi 
colti altrei vi troveranno diletto 
Tutti poi ricavennno profltto delie 
mo nil it a, spesso con raolta natura- 
lezza dedotte dai fatti naturali. Per- 
ci6 raocomaniliamo il libro oavia i 
libri, ancora die qui e oola vi 'in- 
contrino delle nozioni meno esatte. 
La lingua e scorrevole, aebbene nou 
sempre colta, e la dicitura facile. E 
una serie di opere buone e da pro- 
pagare. 



due, 1'una latina e 1'nltra in dialetto 
sopra le florie, i dolori e le speranze 



del 8. P. Leone XIII. 

Da giovani student! non gi puo 
pretendere uiapgior perfezione di 
quella che essi si sono aforzati di 

mppiuujrere in questo 8aggio. 



SCERBO FRANCESCO. Caratteristiche del greco e del latino. 
Firrn\r } Loeschor e Seeber, 1893, 8 di pp. XIY-139. L. 4. 
E un di quei Hbrl non iscritti potra rioonoscere Tutilita di que- 



per i dotti glottologi, benche non 
altri cbe un glottologo sia in grado 
di scriverli. Lo Scerbo in questo suo 
nuovo lavoro, cbe gli conferma ed 
aocresce la &ma meritamente acqui- 
statiisi, racooise in sucointa e ragio- 
iiata sintesi nn pure le rafisomi- 
glianze, ma ben piii le differeuze 
che passano tra il greco ed il latino. 
Ondeche il suo volume, quantnnque 
non ne porti il titolo, e per la di- 
posizione della tnateria e per il modo 
del trattarlu, e un vero tnanuale di 
grammatica comparata. Chi aa quanto 
tali lavori sieno scarsi in Italia non 



Bt' oj>ora alia quale il ch. Autore 
porta soda e diuturna preparazione. 
piena conosoenza dello stato pre- 
sente degli studii liujj-uistii-i, un 
senso gquisito di parsiiuonia e mo- 
desta sicurezza di giudizio, doti sif- 
i'atte che rendouo il libro grande- 
mente utile a coloro che ' iniziaao 
e vogliono progredire nello studio 
comparative delle linguo olassiche. 
Lo Scerbo non si mostra gran 
fatto tenero di parecchie dottrine 
che omai i neo-grammatici accettano 
senz'altra illioaartimr Kgli sostiene 
ancora la teoria un tempo tanto ri- 



94 



BIBLIOGRAFIA 



cevuta, del guna, e secondo essa dk 
ragione di parecchi fatti linguistic! ; 
non riceve nella trascrizione il dop- 
pio segno della labiale v e n (p. IX) 
esclude per il latino 1'incremento del 
nomi in-i-ed-M (p. 85) ecc. ecc. 

Osserveremo in fine che la tratta- 
zlone del verbo poteva essere alquan- 
to piu ampia ; il che del resto non 
isfupgi al cb. Autore che certamente 
avrebbe riparato a quest' inconve- 
niente e all'altro della mancanza di 
un indice analitico, qualora non fosse 



stato costretto a dare in luce il li- 
bro prima ch' egli avrebbe voluto. 
Parecchie altre leggere mende scom- 
pariranno, ne siamo certi, in una se- 
conda edizione, nella quale forse tor- 
nerebbe comodo per i principianti 
1'aggiunta di alcune noticine per di- 
chiarare parecchi termini usati nella 
linguistica; poiche il giovane, se non 
abbia allato il maestro, non pu6 a 
prima vista ed affidandosi alia sola 
etimologia coglierne sempre il va- 
lore, e molto piu 1'uso. 



SYNOD VS dioecesana placentina diebus n, HI, iv Mali anni MDCCCXCIII 
habita. Placentiae, typis Episcop. I. Tedeschi, 1893, 8 di pp. 448. 
L. 5, a favore della Pia Opera di S. Opilio. 



Ne' giorni 2, 3 e 4 di maggio del- 
1'anno 1893 fu celebrato a Piacenza 
il Sinodo diocesano, indetto e pre- 
sieduto da quel degnissimo e zelan- 
tissimo Pastore della Chiesa piacen- 
tina che e Mons. G. B. Scalabrini. 
Abbiamo avuto sotto gli occhi il bel 
volume degli atti sinodali, e svol- 
gendo quelle pagine le abbiam tro- 
vate piene di bellissime cose, tanto 
riguardo alia Fede, quanto riguardo 
alle cose pratiche per guidare una 
diocesi : ordinazioni disciplinary re- 

TISSOT P. G. L'arte di trar profitto dalle proprie colpe, secondo 
S. Francesco di Sales. Traduzione dal francese. Torino, tip. Sale- 
siana, 1893, 32 di pp. XX-224. Cent. 40. 



golamenti, consigli, moduli per varii 
atti parrocchiali, statistiche, metodo 
per visitar le chiese, cose riguar- 
danti i varii ufflcii sacerdotali, le 
limosine delle Messe, le indulgenze, 
le reliquie, I'amministrazione de' Sa- 
cramenti e della parola di Dio; tutto 
in somma quel complesso di regole 
e mezzi pratici, che sono necessarii 
all'unita, direzione e profltto spiri- 
tuale del clero e del popolo, acconci 
ai luoghi e alle persone. 



umiliarsi. L 'opera e stata lodata da 
parecchi Prelati. La presente tradu- 
zione e la seconda, perche la prima 
venne in luce circa dieci anni fa e 
fu fatta sulla prima edizione fran- 
cese. 



L'arte di trar profttto dalle pro- 
prie colpe e divisa in due parti ; 
nella prima si propongono i motivi 
per non perdersi d'animo alia vista 
delle proprie cadute, e nella seconda 
si espone la maniera pratica di ser- 
virsi delle medesime a sempre piu 

TRAESTA GIUSEPPE. Inventario dei Manoscritti nella Biblioteca 
di Castronovo di Sicilia. Forli, tip. L. Bordandini, 1893, 8 di 
pp. 16. 
La piccola biblioteca pubblica di biblioteche di due soppressi convent! 

Castronovo di Sicilia, formata con le di Francescani, possiede 49 codici 









toss., dei quali 11 sac. Traina ha corn- 
potto 11 catalogo. I TOSH, apparten- 
gono quasi tutti al aecolo XVIII; ne 
hanno molta importanza per la cul- 
tnra generate. Per gli eruditi notia- 
mo tra 1 piu antlchi il n. 12, ohe 
e : Theodori Lelii epitcopi Feltrentit 
oratoris aptici ad terenitt. Regem 
Francorum nomine beatits. Pit pon- 
ttf. naximi Oratio in qua iustitia 
Invettiturae Siciliae regni dcfendi- 
turet Regi male suggetta purgantur. 
Teodoro de Leliis, o de Lellis, di no- 
bile famiglia teramese, fu uno dei 



piu celebri canonist! ed orator! del 
uo tempo ed ebbe da! Pap! impor- 
tanti legazioni ed ufllcii. Da Pfo II, 
ohe lo chiamava la aua arpa per la 
armoniota eloqueuza di cui era for- 
nito, fu creato vescovo di Feltre nel 
1462, e da Paolo II fu treaferito nel 
1464 alia sede di Treviso. Mori nel 
1466. Di lui e delle sue ope re parla 
ampiamente il Ciaoconio, edizione 01- 
doino, II, 1115. V. anohe la Biblio- 
theca Latino, Medii Atui del Fabri- 
cio, edizione Manai, Firenze, 1858, 
tomo III-IV, 512, e V-VI, 525. 



TRIBUTO qootidiano di affettuose preghiere e lodi per ciascun giorno 
della settimana alia Immacolata Madre di Dio Maria Santissima. 
8* edizione. Napoli, 8tab. tip. Festa, 1894, 64 di pp. 160. 

VECELLIO ANTONIO mons. Maria Santissima nel suo greco si- 
mulacro che si venera nella basilica di Porto in Ravenna. Poe- 
metto storico in terza rima, premiato con medaglia d'oro nel con- 
coreo indetto nell' anno 1891 dal Periodico Ravennate c Le Qlo- 
rie della Vergine. Ravenna, tip. S. Apollinare, 1893, 16 di 
pp. 38. 

Con questa occasione avvertiamo 
che nel suddetto concorso furono 
anche premiati i poemetti del rev. 
D. Stefano Carini e del rev. D. Gio- 
vanni Lolli, la cantica del sig. Leo- 
nardo Giani, e il carme latino del 

ZAHM J. A. Catholic science and catholic scientists (Scienza 
cattollca e scienziati cattolici) by the Rev. J. A. Zahm C. S. C. 
Professor of Physics in the University of Notre Dame. Philadelphia, 
H. L. Kilner et C., 1893, 16 di pp. 218. 



rev. D. Paolo dementi. Delle quali 
poesie ci bast! aver fat to q UPS to breve 
cenno, conformemente alia 4 a delle 
Avvertcnze per la nottra Btblivgrafia, 
pubblicata nel quaderno 1045, p. 98. 



Non avremmo esitato a dare piu 
minuto conto di questa eccellente 
operetta, se ne avessiino avuto a 
mano, non Toriginale inglese, a pochi 
accessibile in Italia, ma una ver- 
sione, che, qualora si facesse, torne- 
rebbe senza dubbio gradita a molti 
ed utilissima. 

Che la Fede non sia in lotta colla 
Scienza, e che anzi le scienze vadano 
debitrici a' cattolici di una parte pre- 



cipua dei loro conquisti, sono due 
verita molte volte e da molti dimo- 
strate ; ma la cui dimost razione piena, 
evidente, e ristretta nondimeno en 
tro un volume maneggevole, non 
crediamo che si trovi, almeno in 
Italia. II ch. Prof. Zahm ue ha fatto 
un repralo ai suoi americani nelle 
pagine che annunziamo. Bsse per 
vero non furono in origine composta 
con uuita di disegno, poich^ non 



96 



];II:T. I0.;i? APIA 



sono che la Tiproduzione di quattro 
articoli, pubblicati i due primi nel 
periodico Ave Maria, i due ultimi 
nell 1 'American Catholic Quarterly Re- 
ricrv ; ma ci6 n<m gnasta menoma- 
mente, in nna materia Intessuta di 
question! a vicenda fndipendenti. 

Nel primo articolo, intitolato La 
Scienza e la Chiesa, il ch. Autore, 
premessa la capitale distinzione da 
farsi fra i punti che sono veramente 
dommatici e le opinion! variabili, 
ancbe nel mondo teologico, esamina 
da prima a questa stregua le obbie- 
zioni desunte dall'eta del mondo, se- 
condo gli scienziati moderni; e dalle 
giornate mosaiche della creazione ; 
e dall' ipotesi evoluzionista ; e dal- 
rantichita dell'uomo. In tutti questi 
punti egli con ragione insiste sulla 
natura ipotetica di quella che ognora 
si chiarna scienza, e il piu delle volte 
non e che una catena di supposizioni: 
e supposizioni non di rado contrad- 
dette da scienziati non credenti, co- 
me e quella della generazione spon- 
tanea, ribattuta dal Tyndall, chiamata 
assurda dal Carpenter, e screditata 
dal Tirchow. Un altro beH'esempio 
ce 1'offrono le cifre flssate all'anti- 
chita della vita sul nostro globo, in 
300 milioni d'anni, dal Lyell, e in 
soli 10 o 15 milioni dal Thompson e 
dal Tait, per ragioni flsiche ed astro- 
nomiche. Riducendo nella stessa pro- 
porzione i 200,000 anni che il Lyell 
regala al genere umano, si ricade 
entro i limit! dell' eta ammissibile 
dal piu rigoroso teologo. Ma non ci 
intratteniamo. 

Interessante in sommo grado e il 
secondo articolo, in cui si passano in 
rassegna Git scienziati cattolici e i 
loro vanti. Dato un cenno dell'atti- 
vita scientifica destata nel medio 
evo dalla Chiesa colle sue Univer- 



sitfi di Oxford, Cambridge, Aberdeen 
e St. Andrews, Upsala e Copenha- 
gen, Parigi, Tolosa e Mompellicri, 
Upsia, Heidelberg, Tubfnga, Vienna, 
Praga, Cracovia, Bologna, Napoli, Pa- 
dova, Roma, Sivfglia, Coimbra, Lo- 
vanio, ecc., il ch. Autore ci fa sfllare 
innanzi, coi loro alti meriti, Alberto 
Magno, Rogero Bacone, Leonardo da 
Vinci, Copernico, Galileo, poi Fra 
Giovanni da Piano Carpino, e Frate 
Ascelino e Maroo Polo e Colombo e 
Vasco de Gama, e tutta 1'altra serie 
degli scopritori di terre o di acque 
ignote ; e, per troncare, i grandi 
astronomi, e fisici e naturalist! e ma- 
tematici e dotti di ogni maniera, a 
cni le scienze moderne vanno debi- 
trici in veritk del piu e del meglio 
che posseggono. E un capitolo splen- 
dido. 

II contrapposto lo troviamo, con 
molte altre utili notizie, nel capi- 
tolo III intitolato Dor/n/ia e domma- 
tismo scientifco, dove si riduce alia 
giusta misura il merito dei corifei 
della scienza anticristiana, Tyndall, 
Huxley, Darwin ed Haeckel: ed ezian- 
dio nel capo VI, Qli amid e i nemici 
della scienza, dove, ad ammaestra- 
mento dei Protestanti americani, si 
descrive, sulle tracce del Janssens, 
lo sfacelo scientifico recato dalla 
Riforma alia Gennania. 

Di lavori come e questo torna im- 
possibile il dare un'idea adeguata in 
poche parole. Ripetiamo essere de- 
siderabile che se ne faccia una ver- 
sione e gli auguriamo intanto una 
larga diffusione nella sua patria. II 
ch. Autore in altra edizione potra 
ritoccarlo e arricchirlo di qualche 
ragguaglio, che necessariamente do- 
veva sfuggire alia prima compila- 
zione di una materia per se cosfi 
vast a. 



CRONACA CONTEMPORANEA 



Ronia, 1-15 m-irio 1894. 



I. 
COSE ROMANS 

1. Anniversario dell'incoronarione di Leone XIII e suo dUcorso ai Cardi- 
nall. 2. Mediazione papale tra il Peru e 1'Equatore. 3. Scoppio di 
una bomba dinanzi ai ParlameDto; morti e feriti. 4. Decreti delle 
Congregazioni romane. 5. 1st ituti, Circoli, Accademie e Society cat- 
toliche di Roma. 6. Molti Vescovi d 1 Italia privati dal Gorerno del 
loro benL 7. Lamentazioni do' liberal! sullo stato della capitale e 
preziose confession! per la storia. 8. Appunti storici. 

1. II 3 di marzo vi fu cappella papale alia Sistina per 1'anniver- 
sario della coronazione del Pontefice Leone XIII, il quale da quel 
giorno entrava nel decimosettimo anno di pontificate. II Papa stesso, 
parlando con persona confidente, diceva, non e molto, che non avrebbe 
mai creduto, quando fu eletto, di arrivare a si tarda eta. II phi ma- 
raviglioso d che la sua verde vecchiczza ci fa sperare che Dio lo con- 
servera ancora lungo tempo pel bene del suo regno quaggift. Oltre i 
personaggi che sogliono intervenire a quella solenne cerimonia, v'era 
quest'anno la Granduchessa regnante di Meclemburgo e il Principe 
Enrico VII di Reuss. II giorno innanzi il S. Padre, ricevendo gli 
augurii del 8. Collegio, benignamente rispondeva alle parole direttegli 
in nome degli eminentissimi colleghi dal Ca L, Monaco la Valletta. 
II discorso del Papa, fatto c al tramonto della vita >, eom'egli disse, 
d quasi un sunto degl' insegnamenti da lui dati ul inon<lo durante il 
suo pontificate, t Non 6 senza trepidazione, egli disse, che ci vediamo 

XT. ro*. X. fiue. 105L 7 SI ,*areo 1894. 



98 CRONACA 

schiudere innanzi un nuovo anno di pontificate, conscii ognora pin. 
del gravissimo ufficio. Se non che 1'animo si riconforta al pensiero 
si della carita che ne stringe alia Chiesa e st dell'assistenza pietosa 
di colui nel cui nome la governiamo. Al tramonto omai della vita 
Noi pertanto continueremo a cooperare, il piu alacremente che per 
Noi si possa, agli interessi grandi della Chiesa di Dio, fino all' ultimo 
dei giorni che gli piaccia ancora donarci. Gli atti che ella, Signer 
Cardinale, ha teste rammentati, piu che Nostra, sono opera della 
Chiesa e inanifestazione della sua sovrumana virtu, sempre in s6 ga- 
gliarda e in ogni tempo universalmente benefica. Perd incontrano 
eta, come la odierna, in cui 1' opera ristora trice di essa 6 vivamente 
sentita, torna maggiormente opportuna e desiderata, e vie meglio ac- 
colta da quanti nutrono in petto vera carita del pubblico bene. Pur- 
troppo nella presente generazione sono deplore volmente stravolti, se 
non forse smarriti, i concetti dell'onesto e del giusto, di autorita e 
di liberta, di civilta e di progresso, di sentimento morale e religiose, 
di diritti e doveri sociali; pid poi nell'ordine dei fatti sono a com- 
miserarne le conseguenze tristissiine. Ed ecco la Chiesa, tocca a pieta 
delle traviate nazioni, richiamarle sollecite all'idea e alia vita cri- 
stiana ; e dagli immutabili principii di fede, di morale, di giustizia, 
trarre provvida i rimedii che alle condizioni loro pift salutevolmente 
si addicono. Eccola additare le vere cause di tanti errori e sciagure, 
strappare il velo ai perficli intendimenti delle sette massoniche, ado- 
pen) rsi inl'aticata al rinnovamento delle menti e dei cuori. Eccola ve- 
nire armonizzando coi documenti di verita e di giustizia le utili isti- 
tuzioni, spirare 1'alito cristiano nelle famiglie, la equita e carita mutua 
nelle classi, la rettitudine nei legislator! e nei governanti, la coscienza 
del dovere e della sommessione nei popoli, 1'ardore in tutti di quella 
pace che viene da Dio. N6 di cid si tien paga la Chiesa ; ma mirando 
sempre al medesimo fine, intende ravviare gli studii alle auree norme 
della cristiana sapieuza, educatrice gloriosa dei piil alti intelletti, 
alia quale il culto della storia, delle scienze e delle lettere accresce 
virtu e splendore. E poiche i tesori di tale sapienza sono in molta 
parte riposti nelle sacre Scritture, ben a ragione, Signer Cardinale, 
ha ella segnatamente notate le discipline bibliche. Per verita in tanto 
agitarsi di studii nuovi, ancorche commendevoli, e nella tendenza, 
spesso inconsulta, a no vita di opinioni, non poteva tenersi la Chiesa 
da nuove cure pel sacro volume, divinamente ispirato, depositaria 
che ne e e legittima interprete. Cosi essa si e levata dianzi a guar- 
darne integra 1'autorita, a divisare i mezzi di viemeglio difenderlo, 
illustrarlo e moltiplicarne gl' inestimabili frutti. Ora siano bensi gra- 
zie alia bonta del Signore che Noi qual [tenue istrumento, col suo 



CONTEMP01 !< 

favore sostenno a complete coteste opere: ma il plauso e la lode 
>lta a lui ed alia sua Chicsa. Noi piuttoeto di gran cuore 

10 suppli'-hiamo, che si oopiosa semenza, sparea ai dl nostri dalla 
Chiesa cattolica, se gift, la merce ili lui, ha messo {< dove 
germogli felici, pift e piil si allioti feconda a comune salvezza. Cod 

11 Ponteflce. 

2. Un dispaccio ufficiale del 5 marzo dal Quito ci annunciava la 
fine del dissidio sorto per causa di confini tra il Peru e 1'Equatore, 
dissidio composto per mezzo della mediazione papale. L'origine della 
discordia tra i due Stati rimonta a'l tempo della guerra della indi- 
pendenza dalla Spagna, nel 1821. La questione era di confini. I/Equa- 
tore nogava al Peru il diritto d'un territorio molto fertile da esso 
occupato nolle alte Ama/zoni, molto pin che quel fiume era per il 
primo Stato la via pin facile e breve all'Atlantico. La questione era 
rimasta sempre viva non senza risentimenti ed ire d'ambe le parti, 
che scoppiavano di tempo in tempo, secondo che piu o mono si sof- 
fiava nel fuoco. L'anno scorso a Quito la rosidenza del Ministro pe- 
ruviano fu ben anco assalita e trascinatone per terra lo stemma, e si 
giunse perfino a mettere in movimento le milizie. Le mcdiazioni of- 
ferte dalla Francia, dalla Germania, dalla Colombia e dalla Spagna, 
la quale pur le aveva condotte quasi a compimento, andarono a vnoto. 
Allora il Nunzio apostolico presso gli Stati dell'Equatore, del Peru 
e della Bolivia, Mons. Giuseppe Macchi, profferse 1 'opera sua media- 
trice a nome di Leone XITT. Or tale mediazione ha avuto un esito fe- 
lice, come ne fanno fede i telegrammi di ringraziamento spaditi al 
Capo della Chiesa da que' Governi, bench& non ci sieno note finora 
le particolariti dell'accomodamento. E questo 6 un nuovo passo vers 
una civilti che speriarao diventi retaggio del secolo venturo. Mons. 
Giuseppe Macchi, alia cui prudonza si deve specialmente questo fe- 
lice frutto e questo avere risparmiato chi sa quanto spargimento di 
sangue, 6 nato in Palestrina di Roma nel 1845. Fatto Vescovo tito- 
lare di Gadara nel 1880, fu nel 3 aprile promosso alia sede vesco- 
vile di Amasea e spedito qual Delegate straordinario presso le tre re- 
pubbliche dell'Equatore, del Peril e della Bolivia. 

3. II giorno 8 di marzo verso le ore 6 */ pomeridiane, all'or.i in cui 
per lo piu sogliono i deputati uscir dalla Camera, un fortissimo rombo 
rintron6 tutta Roma. Al lato destro del palazzo di Montecitorio era 
stata deposta da malfattori, sinora sconosciuti, una bomba, la quale, 
sooppiando, ferl parecchie pereone, di cui tre gravemente (tanto che 
due ne morirono qualche giorno dopo) e mandd in frantnmi i vetri 
della Curia innocenziana, sede del Parlamento, e qnelli di molti 
alberghi che circoBdano la piazza. Fortunatamente i deputati, quella 



100 CRONACA 

sera, aveano posto fine alia tornata qualche ora prima del consueto, 
altriraenti Dio solo sa quanti altri morti e feriti si sarebbero n 
rati; i quali poi sarebbero ascesi ad un numero anche maggiore,, se 
all'autore del delitto fosse venuto fatto di penetrare noil' auk par- 
lamentare, come sembra che avesse in aniiuo. II primo de' mor: 
un tal Francesco Angeli vicesecretario al Ministero del tesoro, che 
per caso s' abbatte a passare per Montecitorio all' ora dello scoppio. 
Egli spird il giorno appresso in sul mattino. II secondo e il Cav. Mo- 
laroni, morto il 16, dopo avere ne' primi giorni sostennta 1'amputa- 
zione della gamba. Costui passd Tnolto cristianamente di vita, assi- 
stito dal P. Fulgenzio, Cappuccino, uno de'cappellani dell'ospedale di 
San Giacomo. Per ricerche che siano state fatte, i veri autori dello 
scoppio micidiale sono ancora ignoti. Tra i molti segni della poca 
o niuna stinia in che e venuto oramai in Italia il governo parlamen- 
tare, sia questo, che molti, dopo il terribile fatto, hanno espresso 
bensi la loro compassione verso i disgraziati colpiti dalla bomba, ma 
niuno s' e sdegnato dell'oltraggio inflitto al Parlamento, compendio e 
tutela del nuovo ordine di cose. II popolo sa bene che i nostri legis- 
latori sono, se non antichi fabbricatori di bombe anch'essi, almeno 
loro panegiristi, come quando incielarono il Monti e il Tognetti che 
fecero saltare la caserma Serristori sotto il Papa, o sono complici e 
contiiuiatori dell' opera de' bombardatori di Porta Pia. Qual possa es- 
sere la cagione onde furono mossi i malfattori a voler attentare alia 
vita dei signori deputati, non si sa. Chi opina essere stata la facolti 
data dalla Camera per il processo contro il Giuffrida, chi il rifiuto 
della Camera stessa ad una lotteria per la decantata esposizione ro- 
mana, pel qual rifiuto essa e di nuovo naufragata, e questa volta 
irreparabilmente. La Questura e anch'essa finora all'oscuro. Gli au- 
tori e le cause remote di tali delitti son pur troppo noti, ma quanto 
al toglierle al nostro Governo non cale. I muri di Roma, per esem- 
pio, in questi giorni son tappezzati con una figura di grandezza quasi 
naturale, il cui effetto immediato e rendere famigliari i delitti al 
popolo. E 1'annunzio d'un romanzaccio del Zola dal titolo La bestia 
umana, e vedesi un uomo brutale che si avventa ad uccidere col pu- 
gnale una donna. Or quando si viene cosi educando la plebe, che 
giova far piagnistei se, accaduto il misfatto,- non si scopre il inalfat- 
tore ? Dicono che questa e liberta. Bella cosa invero ! Ma non cre- 
diamo che 1' intendano cosi le due famiglie dell'Angeli e del Mola- 
roni immerse nel lutto. Che se questa e liberta, neppure si dovrebbe 
impedire che si avvelenino le fontane, perchd sarebbe un togliere tale 
liberta alia gente. 

4. DECRETI DELLE CONGREGATION ROMA^T:. 1 Disposition/ 



Co 1"! 

Canonici onorarii, 6 i ii nn Brove j, ito colla 

del 29 gennaio di queat'anno. l c II Vescovo o rOnlinario che 
Tolesse nominare Canonico onorurio un sacerdote d'altra diooesi, oltre 
iol suo Capitolo, deve avere la notificaziono ed il vote 
-dell' Ordinario del futuro Canonioo, e al medesimo Ordinario far oo- 
noecere le insegne ed i privilegi <-ho il nominando avrebbe. 2* I Ca- 
nonici ad fumorcm, viventi fuori della diocesi, nella qualo sono nomi- 
nati, non debbono superare i due terzi di tutti i Canonici prebendali, 
488egnati dalle costituzioni pontifide alle rispcttive cattedrali o col- 
legiate o basiliche. 3 I Canonici onorarii di qualche minor basilica 
coliegiata di Koma possono servirsi dei privilegi e delle insegne 
solo nell'ambito della rispettiva basilica o collegiata, o figliale chieea, 
dove se ne servono i Canonici di numero. I Canonici onorarii poi 
di chiesa metropolitana, o cattedrale, o coliegiata, o basilica minore, 
&rtra urbem, si servano delle insegne e dei privilegi solo nolle dio- 
cesi dove sono norainati, non mai fuori del suo territorio. 4 Queete 
norme saranno osservate anche dai Canonici onorarii nominal! fino 
al presente giorno. 2 // B. Giovanni Leonardi nel martirologio. 
L'onore d'essere inserito nel martirologio appartiene di diritto sola- 
mente ai Santi, non ai Bcati. Nulladimeno per le cure onde questo 
Beato si adoperd a diffondere da per tutto la fede e per 1'apostolico 
2elo in far rifiorire la pietA cristiana, la Congregazione de' riti deli- 
ber6 il 19 decembre 1893, che s' inserisse nel martirologio qnesta 
memoria: t 9 di ottobre. In Roma il B. Giovanni Confessore, Fon- 
datore della Congregazione de' chierici regolari della Madre di Dio, 
per opere e miracoli illustre, per la cui opera furono istituite le mis- 
sloni di Propaganda Fide. * II S. Padre approvd questo decreto il 21 
<lello stesso mese. 3 Delia donna die risponde alia Messa. In uno 
de' quaderni precedenti (quad, del 3 febbraio 1894, p. 360) riferimmo 
un decreto di cui si giudicava, a dir vero, severamente circa il grado 
<li necessita, la quale giustifichi il rispondere d'una donna alia Messa 
nel modo da noi ivi indicate. In fatti la consuetudine in molti casi 
pare assai piu benigna. Ora, essendo giunti alia Congregazione molti 
dubbii e forse anche lagnanze rispetto a quel primo decreto, lo stesso 
Prefetto della Congregazione de' riti, volendo esaminar meglio la cost, 
ha risposto, il 12 dello scorso gennaio, al Vescovo di Cahors che si 
sospenda 1' esecuzione di quel rescritto. II che, speriamo, consolera 
anche qualche nostro associate che ci scrisse in tal proposito dalla 
Corsica. 4 Confraternite del Rosario. Mons. Sallua, Arcivesoovo 
titolare di Calcedonia e Commissario generale del S. Uffizio, avendo 
fondati sospetti che varie confraternite del Rosario fossero state erette 
senza le dovute formalita canoniche, afflnche gli ascritti non fosaero 



102 CRONACA 

privi dello indulgenze o de' favori apostolici, chiese al Papa che vo- 
lesse convalidarle tutte in radice. E il S. Padre, il 28 settembre 
del 1893, did benignamente la chiesta convalidazione. 5 Le cap- 
pelle gentilizie nc' cimiterii. II Concilio di Trento tolse ai Yescovi la 
facolta di pernaettere la celebrazione della Messa negli oraton'i j>ri- 
vati, quali sono considerati quelli che non hanno libero accesso a 
chi voglia entrarvi. Or tali sono giudicate anche le cappelle degli 
odierni cimiterii, come rilevasi da una negativa, data il 20 gennaio 
1894, diilla Congregazione de' riti al Vescovo di Piazza in Sicilia. E 
la ragione & che tali cappelle ne' cimiterii soggetti all'autorita civile, 
non hanno libero accesso ai fedeli, dipendendo cid dagli ufficiali del 
municipio. A fine dunque di potervi celebrare la Messa, 6 d'uopo ri- 
correre al Papa. 

5. ISTITUTI, ClRCOLI, ACCADEMIE E SoCIETA CATTOI.ICIIE DI ROMA. 

1. Accademia poctica e musieale all'ospizio de' PP. Salesiani. II 1. di 
marzo alia presenza del Card. Vicario e di altre dotte persone gli 
alunni dell'ospizio salesiano al Castro Pretorio per la chiusura del 
giubileo papale rappresentarono con ammirazione di tutti un dramma 
latino composto dal valente letterato salesiano GL B. Francesia sullo 
stile di Plauto, e intitolato Leo Tertius con felice allusione al re- 
gnante Pontefice e ai tempi moderni. L'azione drammatica, molto ben 
riuscita, venne intramezzata da varie senate e dal canto dell'Orfa- 
nello, accompagnato dall' armonio. I piccoli sonatori, diretti da un 
maestro di musica salesiano, riscossero molti applausi, e il cantore, 
un fanciullo sui 12 anni, fu lodatissimo dagli uditori. Buon saggio fu 
questo dei rapidi e maravigliosi progress! dell' Istituto di D. Bosco 
in Roma, il quale gia conta oltre a 300 alunni interni. II Santo Pa- 
dre stesso se ne congratulo col Rettore dell'ospizio, D. Cesare Ca- 
gliero. 2. Premiazioni in varie scuole cattolictie di Roma. II 1. di 
marzo, alia presenza di Mons. Cassetta, Elemosiniere del Papa, vi 
fu una distribuzione di premii alle alunne della scuola pontificia 
di piazza Rusticucci al palazzo Mazzocchi. II giorno 3 si fece un'altra 
premiazione in S. Eusebio all'Esquilino per le alunne della scuola di 
.via Principe Aniedeo, scuola pur mantenuta dall'elemosineria aposto- . 
lica. Un coro, intitolato L'agricoltura, fu eseguito mirabilmente da 
quelle giovinette. II giorno 4, si distribuirono premii per la dottrina 
cristiana alia Maddalena, e vi presiedette lo stesso Cardinal Vicario, 
circondato da molti signori romani. Tra i premii v' ebbero alcune 
doti. Nella classe IV fu nominato Imperatore della dottrina cristia- 
na Eugenio Bastiani ; nella III, Enrico Capocaccia. Anche le sezioni 
femminili ebbero le loro Imperatrici . Bellissime consuetudini ro- 
mane, a cui dovrebbero pensare coloro che leggermente credono il 



CONTEMPORAM 

cattolicismo romano trascurare 1' Lstru/.ione evangelica, cristiana. Lo 
stesso giorno si distriliuirono i pi-mn alia scuola notturna j 

5. Nicola in arcione. Vi presiedette il Canl. Yincenzo Vannutelli. 
MuBiche e poesie si alternarono in bel modo, com 'e 1'uso in tali 
feeteggiamenti scolastici. II 15, nolla grande aula della Cancelleria 
apoetolioa furono premiati gli alunni d -IT Oratorio del 8. Cuore <li- 
retta dai IT. Rmiultiti in S. ('ail-, ai Catinari. I Cardinal! Mertel e 
Vine. Vannntelli presiedevano alia festa scolastica, rullegrata da e- 
sercizii poetici e musicali. 3. Accademie poetiche e mn^imti. La 
prim a fu fatta nella sala dell' A&ociazione artistica e opera ia con 
gran concorso di socii e d' illustri pereone, il 4 marzo. La seconda 
fa celebrata dai < Paggi d'onore di S. Luigi Qonzaga > in i in Mon- 
ieroni ; la terza dai Circolo delle Ouardie nobili del Papa nl palazzo 
Altieri. Tutti e tre i trattenimenti furono celebrati per la ricorrenza 
dell'incoronazione del S. Padre. 4. // Oircolo c Fede e Studio . 
Nell' ultima tornata di questo Circolo lease il discorso D. Filippo 
Moriconi < Sulla Chiesa e la parola del tempo nostro > ; Monsignor 
Tripopi intorno ai documenti del c Cours d' histoire ecclesiastique 
del Vervorst ; e v' ebbero altresl discussioni a viva voce su varii 
punti di teologia e di storia. 5. Conferenxa d'archeologia crixliann. 
Di questa tornata, tenuta nello scorso febbraio, 6 uscita testd la re- 
lazione del secretario, 1'archeologo Orazio Marucchi. II P. Cozza Luzi 
parld d'una sua opera c Historia et laudes SS. Sabae et Macarii >; 
il Marucchi lesse due memorie del Presidente G. B. De Rossi : la 
priina sopra un frammento di vetro a fondo d'oro trovato nel cimi- 
tero di S. Ennete, sul quale si vede il residuo del nome Fiona, che 
il Do Rossi crede sia 1'amico del Papa Damaso e padre di Proiecta 
morta nel 384, in cui onore quel Pontefice compose un carme che 
e nel museo lateranense ; la seconda, sopra il compimento della gran- 
d'opera del Kraus sulle iscrizioni cristiane dolla provincia del Reno 
dai mezzo del secolo VIII alia prima meta del XIII, trovate ne' ter- 
ritori di Treveri e Colonia. Furono presentate inoltre alcune altre 
memorie archeologiche, che qui sarebbe troppo lungo riferire, come 
quelle del c Cimitero d' Ippolito in Atripalda > presso Avellino, la 
recente pubblicazione dell' Ebers < Die Koptische Kunst > di Mons. 
D. Gennaro Galante, (L' arte copta), eccetera. 6.* Accademia ponti- 
tifiria de'nuovi Lincti. II 18 febbraio tennesi la terza tornata dell'anno 
accademico quarantesimosettimo nelle sale della Cancelloria. II Padre 
Denza parld di cose astronomiche relative alia specola vaticana, ed altri 
socii di cose matematiche, zoologiche e fisiche. 7. Societd per gU 
studii bibliei. I socii si adunarono il 21 febbraio. La relazione d nel- 
rom. del 16 marzo. 8. Circolo d'apologctica e storia 



104 CRONACA 

pontijii-in. Vi fu tornata il 14 marzo con gran concorso di dotti 
stranieri, present! in Roma. Mons. Fraknoi parld del Card. Cesa- 
rini legato di Eugenic IY in Ungheria . 

6. Non possiamo non registrare in questa storia del nostro tempa 
un gravissimo fatto, uno de' tristi frutti della malaugurata guerra che 
il Governo della nostra Penisola fa alia Chiesa, ed e il rifiuto del 
oosi detto regio exequatur a ben ventuno o ventidue Vescovi italiani. 
H che vuol dire che 21 o 22 diocesi sono vedovate de' loro pastori, 
e che il Governo intanto si gode i beni delle mense vescovili. Ecco- 
la bella idealita in che si appunta la guerra che i nostri padroni fanno 
alia Chiesa ! E qual ne e poi il motive ? Un ripicco puerile. Essi cio 
negano il regio exequatur a tutti que' Vescovi che farono eletti o 
durante o dopo quel Concistoro, in cui fu nominate il Patriarca di 
Yenezia, nomina che credono essere di patronato regio, benche si sia 
mostrata chiara come la luce del sole la falsita di quel preteso di- 
ritto. Or, di tutta questa gravissima faccenda , ecco come parla 
la stessa Perseveranza, gazzetta liberale, moderata. c Non entrando 
dunque minimamente nella questione relativa al patriarcato di Ye- 
nezia, intendiaino benissimo che il Governo, finchfc la tiene aperta, 
non conceda ^exequatur alia nomina fatta dal Papa a quella sede. Ma 
non arriviamo ad intendere perche poi, in conseguenza di ci6, esso rifiuti 
la predetta concessione a quelle altre nomine di Yescovi per le quali 
non c'e punto una questione simile, anzi non c' e difficolta di sorta. 
n vizio di quelle consiste solamente nell' essere state fatte insieme 
alia nomina incriminata o dopo di essa. Poiche quella urta contra 
un diritto che si sostiene, anche le altre, sebbene non offendano nes- 
suna legge, diventano illegali. Ci si richiamano certe condanne di 
scritti incensurabili, inflitte unicamente perche 1'Autore di queUi ne 
fece qualche altro meritevole di censura, le condanne che sono dette 
in odium auctoris. Non avremmo creduto che il nostro Governo pren- 
desse simili provvedimenti a modello della propria condotta. Intanto 
quei nostri Yescovi regolarmente nominati, si trovano lesi nel loro 
diritto di essere immessi nel possesso delle temporalita. che spettano. 
ad essi; e i fedeli di quelle diocesi si trovano lesi nel diritto loro 
di avere in ufficio il proprio Yescovo. Se nel nostro paese la giusti- 
zia e la liberta regnassero davvero, e non solamente a parole, quei 
diritti si dovrebbe poter farli valere contro il Governo, che li offende 
arbitrariamente. Invece si 6 ridotti ad assistere rassegnati a questo 
spettacolo che un'offesa di diritti, cioe un' ingiustizia, derivi preci- 
samente da quel nostro Ministero che si chiama della giustizia. Ma 
ci sara una ragione politica, una ragione di pubblica utilita. Si giu- 
dichera che questo modo di procedere serva a far pressione sul Ya- 



CO KA 105 

into da indurlo a concodere, nella questione di Vcnotia, 
quell'ombra ili rieonoscimento <l>\ <liritt<> civile alia quale diamo una 
grande iraportan/a. Quoll'anti' Ytoniese che tutti conosciamo, 

u na certa proposta sarebbo stata utilissima alia repub- 
blica, ma che non era giusta, |iiin.li la scartd subito senza eeitare, 
e il popolo con lui. Noi, cho ci vantiamo d'essor tan to progrediti da 
quel tempo in qua, non esitiamo invece a commettere un' ingiustizia 
quando triu-lic-hiamo ch'essa possa esserci utile. > Goal gli stessi libe- 
rali di questo gravissimo torto fatto ai Pastor! della Chiesa di Dio 
in Italiu. 

7. I liberali oramai son d'accordo coi cattolici sulle mire anti- 
religiose nell'essersi soelta Roma a capitale d'ltalia e sui danni ap- 
portati eon cid all'Italia stessa ed a Roma in ispecie; ehccche sia 
di qualche nuova strada aperta e di qualche quartiere di pid fab- 
bricato. A costo quindi di abbreviare lo spazio per altre notizie, vo- 
gliamo registrare questi gindizii de' liberali a tale riguardo. II Secolo 
del 13 marzo cos) scrive. Perche 1'Italia ufficiale e andata a Roma? 
Fn detto per affermare e consacrare I'unita. E giunta in Roma, che 
coea ha fatto percid? Nulla. Roma e tutto, fuorchd la capitale di un 
grande Stato. Vive nei templi, nei monumenti, nelle mine, nelle 
memorie della sua antica potenza, ma non 6 che la sede del catto- 
ticismo, dove un governo esotico ha preso alloggio, si e installato in 
grande, sulla quale ha gettato miriadi infmiti di burocratici divora- 
tori di bilanci, nessuna nozione di diritto nuovo, nessun precetto di 
eguaglianza, neseuna affermazione di civile progresso. allora perchft 
^ andata a Roma, se la sola ragione della conquista della vecchia 
urbs, rocca del Papato, gli vien meno? Quali sono i progress! civili 
e politici della Roma regia, dacche risuond la frase: Ci fia,no 6 d 
resteremo? Tanto non valeva uscirne, per istabilirvisi cosi, come in 
aria di gente esotica, come forestieri che s' impongono in casa altrui? 
A Roma si doveva andare per rinnovarla ah imis, per fare della mano 
morta del clericalismo, la citta viva di un popolo risorto; per voltare 
la pagina del passato e aprire qaella dell'av venire, per affermare colle 
leggi, colla giustizia, col progresso, col lume diffuso dell'istrnzione 
la civilta nuova. (Pur troppo i liberali son venuti con qwsla tnira, di 
distruggere il cattolici&no. Non esscndovi ptrft ancora riusdti, si lamcn- 
tano contro i lor colkghi, quasi che non avessero avuta qite*la inten- 
%ione!) Invece che cosa si e fattu? Si e popolato Roma di dicasteri, 
di uffici, di soldati, di guar.lie, di deputati, di senatori, di turpi af- 
faristi e di banche... neppure equivoche, e i nemici d'ltalia possono 
chiederci ad alta voce, e ftssandoci negli occhi, se fu per tutto questo 
che 1'Italia di casa Savoia e andata a Roma e ha aperto la breccia 



106 CRONACA 

di porta Pia. E un'altra domanda potremmo fare noi, ai reggitori 
passati e present! di questa Italia felice, se 6 state per fare di Roma 
la mano morta della civilta che caddero eroicamente i settanta a villa 
Glori. Come ha ragione il poeta allorche dice che: 

Nei tranquilli vapor dell'orizzonte 
Rosseggia il Vatican come una sfidal > 

Cosl il Secolo. Ai liberali del Secolo fanno eco quelli dell'/la/ia del 
popolo : Dal 1870 non ebbe principio in Roma una fusione, ma una 
confusione, e quale! La prima sarebbe stata opera di civilta, la se- 
conda fu 1'opera d'una forza materiale, contro la quale sta ancora in 
piedi una forza morale, che colla sua quasi immobile paasivita fa se- 
riamente riflettere nella presente nostra miseria e decomposizione, 
tutti quelli che hanno tin cervello per valersene. Yi ricordate, nella 
Vie de Bolieme, di quel tal quadro nel passaggio del Mar Rosso che 
era stato trasformato in passaggio della Beresina, dove il pittore aveva 
dimenticato di far scomparire qualche cavaliero faraonico sommergen- 
tesi nelle onde? Questa Roma regia 6 tutta un passaggio deDa Be- 
resina anch'essa, tranne che dell'antico Mar Rosso si vede ancor piu, 
se ben si guardi, che della nuova Beresina. Tutto 6 ancora come 
prima nello spirito; solo la lettera, e poco anch'essa, ha cambiato. AI 
tricorno del prete hanno sostituito il cappello a lume del carabiniere. 
lo non vedo altro di diverso. Un'ultima confessione, quella del Me%- 
Kogiorno. Noi siamo venuti a Roma ed abbiamo distrutto tutto un 
mondo secolare tutto un organismo di vita, che sara stato antico, 
logoro, non piu in armonia coi tempi moderni e colla civilta (intendi 
I'anticristiana) ma che pur nondimeno assicurava a questo paese il 
benessere materiale e la continuata ammirazione e riverenza del mondo 
intero. Che cosa vi abbiamo sostituito? Rispondano a cid quei 126 
illustri deputati che hanno osteggiato 1'Esposizione (di cui parliamo 
piu giu). Essi, passando a rassegna i fasti degli ultimi venti anni, 
sino alle glorie bancarie e parlamentari contenute negli otto volumi, 
potranno vedere ed apprezzare quanto grande 6 la pazienza e la lon- 
ganimita di questo popolo che li ospita. Tali confessioni rendono 
a noi storici molto facile il nostro cdmpito, che & di mettere dinanzi 
agli occhi de' presenti e de' futuri lo stato deUa terza Roma. 

8. APPUNTI STORICI. 1 Morte del Card. Ricti Paracciani. La 
niorte del Card. Francesco Ricci Paracciani avvenne il 9 marzo, e fu un 
lutto per tutta Roma, come si manifestd dallo straordinario concorso 
di gente ai funerali, celebratisi in San Giovanni de' Fiorentini, e cid 
per 1' inesauribile carita del nobile e pio Cardinale in alleviare ogni 
specie di afflitti e in dar mano ad utili e sante opere. Era nato da 



cc :\NKA 

i famigile romane 1' 8 giugno 1830. Mori santa- 
mente, confortato da tutti i sacrament! della Chiesa. Lo gpazio c' im- 
pedisce di darnc piil estesa contozza, ma chiunqne la desiderawe, 
pad averla dalla Voce della Veritd no' nn. del 10, 11, 12 e 13 mar- 
zo. 2 Marie del Card. Thomas. E morto a Rouen, il 10 marzo. D 
Card. Ben. Leone Thomas era nato a Paray-le-Moninl il j-l maggio 
182G. Fu < reato cardinale il 16 gonnaio 1893 col titolo di S. Fran- 
oesca al Foro, nella qual chiesa, quando prese possesso, tenno un ma- 
gnifico discorso, da noi in parte riferito. 3 Morte del Principe 
Colonna. I lutti non mancano mai alia umana famiglia. Eccone un 
altro nelhi morto del Principe di Paliano, D. Giovanni Andrea Co- 
lonna, capo della nobilissima famiglia di tul nome e Assistente al 
truno pontiflcio. Mori cristianamente in Roma il 12 marzo. Era nato 
in Napoli il 27 gennaio 1820. 4 Ricevimenti Pontifirii. Molti il- 
lustri personaggi furono ricevuti in questi giorni dal 8. Padre, dei 
quali accenniamo i seguenti : S. A. S. il Principe Enrico VII di Reuss 
e la consorte; S. A. R. la Granduchessa vedova Maria di Meclem- 
burgo con la figliola; S. A. R. il Principe Federico Enrico di Prus- 
sia; il Principe D. Giuseppe Boncompagni ; S. A. R. Oscar Gustavo 
Adollb, Principe reale di Svezia e Norvegia ; il nuovo Presidente dei 
Ministri di Serbia, eccetera. 5 Uotnini di Chiesa illuxtri per bene- 
ficenza. Un giornale cittadino, la Voce della veritd, nol n. del marzo 
passa in rassegna alcnni di questi uomini di Chiesa viventi, i quali 
si resero assai benemeriti colla scicnza o colle arti mill e sono : D. Mi- 
CHELE UNIA, Salesiano, che ad Agua de Dios, rion lungi da Bogota, 
nell'America meridional, e a capo d'un grande spedale di lobbrosi; 
Mo.vs. SEBAST[AXO KJJEIPP, Curato di Wr)rishofen in Baviera, venuto 
di questi giorni in Roma, il noto igienista che ha propagata la cura 
dell'acqua; 1' ABATE ANELLI, 1' mventore di forni economici, per di- 
minuire il prezzo del pane alia povera gente; I'AHATE CASDEO, Cu- 
rato di Mestrino (Padova) che con intelligenza ed amore cura le ma- 
lattie delle viti, che ascendono a circa 130; I'ABATE CATTDRAX, suc- 
cessore dell' ab. Richard, noto idrogeologo francese; il FRATELLO 
ORSE!OO dei Fate bene Fratelli qui in Roma, illustre nell' arte den- 
taria e vera provvidenza de' poveri sofferenti. 6 Severe cottdanne 
di giornali cattdlici di Roma. Intendiamo parlare del Nouveau Moni- 
teur de Rome e della Vera Roma. La prima effemeride fu condannata 
a pid di 8 mesi di carcere ed a 1500 lire di inulta, la seconda a 10 
mesi ed a 1250 lire. Qual fu il loro delitto? Lanciarono forse bombe 
o puntarono cannoni contro il Governo presente, come i patrioti 
avevano fatto a Porta Pia contro il precedente? Niente affatto ; ma fu 
loro apposto a delitto aver lanciate bombe morali, come si pud far 



108 CRONACA 

con l;i i"-nn.-i. Se il delitto e vero (il che $ almeno dubbio, posta la 
libertii di stampa) e senza fallo molto minore di quello de' patriot i, 
Jlppure quest! furono dichiarati Martiri od Eroi, e quelli son man- 
dati in prigione ! Oh la logica liberalesca ! 



II. 
COSE ITALIANS 

1. Cose dell' Italia governante. 2. La Camera nejra il permesso d'una 
lotteria per la mostra del 1895. 3. Morte del Conte Prospero Balbo. 
4. Appunti storici. 

1. Prima di dare una corsa per la Penisola e narrare qualche 
cosa piu rilevante, avvenuta in questa prima met di marzo, git- 
tiamo un' occhiata nel Parlamento, ne' dicasteri e sugli uomini che 
regolano le sorti d' Italia. Chiusa la Camera per le vacanze pasquali r 
rimangono al lavoro due commissioni parlamentari costituitesi prima 
della chiusura; una, detta de' Quindici, la quale sta esaminando le 
proposte del Ministro Sonnino sul modo di bilanciare i conti del regno r 
e finora pare che vada poco d' accordo col Ministro ; 1' altra, detta 
de' Nove, alia quale 6 stato affidato il ctfmpito di esaminare la non 
meno importante proposta del Crispi di avere i pieni poteri per otto 
o dieci mesi, a fine di assodare su ferme basi 1'amministrazione del- 
1' Italia, quale fu fatta dalle ultime rivoluzioni. Disse gid, Massimo 
D'Azeglio : Ora che e fatta I' Italia, sono a fare gl'Italiani. Ma a quel 
che sembra, anche 1' Italia deve ancor farsi ; intendiamo non gii 
quella, a tutti nota, creata da Dio e dalla nostra gloriosa istoria r 
bensi una Italia come la intendono i liberali, i quali finora, per loro 
confessione stessa, non approdarono a nulla che valga. A suo tempo 
diremo ai lettori le decision! delle due commissioni. Nella Lunigiana 
e nella Sicilia continuano a piu non posso process! e condanne per 
le passate rivolture. Alcuni hanno avuto vaghezza di contare i con- 
dannati in Sicilia e nella Lunigiana dal 31 gennaio al 10 marzo, e la 
somma ascende a ben 497. Quanto alia sola Sicilia, un giornale di 
Roma ha pubblicato questa statistica: Morti, 85; feriti, 650; arre- 
stati, 10,000; fuggiaschi, 5000. Quindi soggiunge (ed e un giornale 
liberale) : Possiamo andare errati, ma non crediamo che ai bei 
tempi dell'Austria per qualunque moto rivoluzionario, si sieno mai 



C<> KA 

jiioste ooee 
!iiioii. r:' 

! manife- rnnnt-i, nol quale si eccitavano 

*pro alia rivolta e che econdo il Orispi era firmatiturimo, 
Napoleone Colaianni narra nol /Wo che fu tin In <-o <!' tin 

vicecancelliere, il quale mandd per vendetta quel manifesto al marito 
<!' una onesta donna, che non voile acconsentire olle sue voglie. Ne 
vi ha altro di speciale da narrare, avvenuto in questi di noil' Italia 
governante, so non fosse il solenne rifluto dato dal Parlamento alia 
dimanda li una lotteria per la nota esposizione nazionalo del 1895, 
rifluto che ha seen recato 1'ultimo colpo a questa fantastica imprest. 
Ma di oid e da fare una narra/.ione piu accurata. 

2. I^a proposta di questa mostra nazionale da farsi nol 25 anno 
dacche Roma o stata tolta alia Chiesa, era, come tutti sanno, gia 
naufragata, qnando ne era capo il Baccelli, pel rifluto della Camera 
rispetto al luogo, ove si sarebbe dovuta fare, che era la platea 
archeologica. Risorta con una oommissiono sotto la prosidenza del 
Villa, i signori della eommissione gittarono 1'occhio sulla villa Bor- 
ghese. Ma se i denari facevano difetto la prima volta, questa seconda 
mancavano addirittura. Chiesero qnindi la facolta al Parlamento di 
istituire a tale effetto una grande lotteria, e il 7 marzo fu alia Ca- 
mera un gran parlare da tutt' i banchi pro e contro la medesima. 
Si addussero dai patrocinatori molti argomenti a favore, non escluso 
1'antireligioso, il quale riscosse gli applausi di tutti. Esso fu proforito 
dall'ebreo Barzilai, quando disse che se Ja Camera ricusasse la fa- 
colta della lotteria, squilltrebbcro di grasse grida, le sacrestie. Segno 
manifesto che lo scopo primario della mostra era oflfendere il vinto 
del XX scttembre! Nulladimeno le ragioni de' promotori della mo- 
stra non sortirono buon effetto; ch^ la lotteria, accettata articolo per 
artioolo aportamente, fu poi oondannata a smitinio serrelo da 126 
vooi contro 105. Che i nostri legislator! si sieno vergognati di esser 
creduti clericali? ! Checch6 sia di ci6, con quella votazione la mostra 
6 irreparabilmente naufragata. Molti commenti vi furono fatti su dai 
liberali, che accusavano il Governo qua! nemico di Roma, avendole 
negato cid che aveva concesso gia a Milano, Torino e Palermo; e 
Bono iti tanto oltre che, dimontichi d'ossor liborali,' hanno parlato lo 
st^sso linguaggio de' cattolifi n<*l proforire certi giudizii. Alcnni dissero 
che quol rifiuto era un nuovo solro nperto fra I' Italia e Roma. II Don 
Chifii-iotte illustra assai bene questo detto, parlando di altri solchi che 
dividono la Roma papale dalla Roma piemontese, ponendo a riscon- 
tro l-> 'liu- oorti, le due societa, i due popoli e i due mondi che si 



110 CRONACA 

agitano dentro le mura aureliane. Altri, come il Messaggero, dimen- 
tico esso pure d'essere antireligioso, dice per rabbia contro i colleghi 
ilelle crude verita, proponendo di fare il 1895 una mostra a questo mo- 
do, c L'alba del 20 settembre sara salutata da una revisione delle tasse 
di ricchezza mobile, dei fabbricati, ecc., in guisa che i contribuenti , 
dopo aver data la camicia, debbano dare anche la pelle. Alle 10 le 
autorita procederanno all' espropriazione forzata delle poche case e 
delle pochissime botteghe, che a quel tempo non siano ancor cadute 
in potere del fisco. A mezzogiorno si pubblichera un numero straor- 
dinario del bollettino dei fallimenti e protesti cambiari. A causa del- 
1' abbondanza della materia, il numero si comporra di 160 pagine in 
foglio. All'una, gran processione di operai disoccupati e di commessi 
di commercio a spasso, che intoneranno le piu commoventi giacula- 
torie all' indirizzo del regio governo e della Camera dei deputati. 
Alle 2, scoprimento della venerata effigie di San Baldassare Odescal- 
chi, protettore dei poveri di Eoma, santificato per la sua generosity 
verso gli operai, ai quali ha regalato a sue spese tre conferenze. 
(L' Odescalchi era contrario alia maslra). Alle 3, riunione innanzi alia 
lapide di porta Pia e commemorazione della storica breccia, fatta 
dagli onorevoli Mercanti, Kiccolini, Quintieri e Imbriani. L'eloquenza 
di questi signori sara cosi affascinante che, come 1'antico Orfeo, si 
tireranno dietro i sassi. Le campane di tutte le chiese di Roma non 
cesseranno di sonare tutta la giornata, a testimonio della ricono- 
scenza dei preti verso chi ha lavorato tan to per loro. E cosl sia. > 
Cosi il Messaggero. Noi per parte nostra crediamo che il Parlamento 
abbia operato giustamente, non solo giudicando la cosa cattolicamen- 
te, ma anche economicamente. Esso ha risparmiato cosl a Roma un 
nuovo fallimento. 

3. II 2 di marzo moriva cristianamente in Torino il Conte Pro- 
spero Balbo di Yinadio a 70 anni. Se la famiglia Balbo in Piemonte 
incarna quel che vi ha di piu eletto nella religione, nella politica, 
nella letteratura e nella milizia, il Conte Prospero, pare a noi, vada 
innanzi a tutti per un atto nobilissimo, che non e di semplici parole, 
e pel quale solamente sarebbe degno d'essere tramandato ai posteri 
quale esempio illustre di cristiano coraggio. Nato a Parigi nel 1824 
dall' illustre statista e storico Cesare Balbo, si die per tempo alia car- 
riera militare e divenuto maestro di matematiche de' giovani ufficiali 
ebbe per allievi i generali Luigi e Leone Pelloux. A Novara combatte 
da forte, e ne ebbe la medaglia dei valorosi. Nel 1860, essendo com- 
preso tra quelli che dovevano invadere gli Stati pontificii, egli tron- 
cando la sua splendida camera, ricusd di far la guerra al Papa, e ri- 



CONTEMPOIMV 111 

tirossi a vita privata, !(> .-ill' .-lu- M/i-n^ '!' ti-li e alle oj 

<li l.i'nofii vnza; azione cotesta che evela la tempra d' un animo -. 
raente cristiano. Lascid scritto ,-h,. nella sua tomba s* incidessero que- 
ste parole: Prospero Batbo di Gesu. 

*TI STOBJCI. 1 OK Ebrei maestri de' cristiam. A Mo- 
dena s'era scelta nna maestra ebrea per una scuola comunale di soli 
fanciulli cristiani. L'Avv. P. B. Casoli riprovd altamente il fatto nel 
Consiglio ; anzi il 1 di marzo, essendo discussa la cosa sotto I'aspetto 
di principio univereale, il Casoli parld apertamente contro. Al suo 
parlare rispoeero gli altri con insulti e villanle d'ogni sorta. Di piu, la 
sua proposta di escludere gli Ebrei dall'istruire ed edueare i cattolici 
(il che vuol dire come escludere chi non sa d'aritmetica dall'inse- 
gnarla) fu rigettata da 23 voti contro 4. JTanto il buon senso e ora- 
mai pervertito ! 2 Un ballo di fancittlK e fanciuUe in Qttnresiina. 
Mons. Scalabrini, Vescovo di Piacenza, riprovd altamente tal fatto cola 
accaduto, ordinando la lettura della riprovazione in tttfte le chiese: < Sa- 
rebbe gift imperdonabile leggerezza, earebbe una profanazione, che nol 
sacro tempo della Quaresima si abbandonassero alle follie carnevalesche 
persone adulte; ma chiamare a fame parte fanciulli innocenti, e il 
colmo dell'impudenza, e tal cosa che grida vendetta al cospetto di Dio 
e degli uomini. Dov'e il rispetto all'infanzia, sacro agli stessi pagani? 
dove il bnon esempio? dove quella seria educazione che nei nostri 
f.inoiulli deve formarc le idee, i sentimenti, il carattere? * eccetera. 
3 L'osservanxa deUe leggi. Un duello e stato fatto, aleuni giorni 
or sono, presso Albano, e i nomi dei duellanti, tra' quali era anche un 
figlio del Garibaldi, erano scritti in tutti i muri di Roma. Sei colpi 
di pistola e aleuni di spada decisero non sappiamo qual imbrogliata 
questione. Gli articoli del codice penale sono severissimi contro il 
duello; ma non si sa che i cluelhinti sieno stati arrestati. All'incon- 
tro il Prevosto di Martinengo (Bergamo) dove rispondere al Pretore di 
Treviglio per avere anticipate il suono mattutino delle campane a 
chiamare i cattolici alle funzioni religiose, le quali, per essere il po- 
polo agricolo, non potevano farsi che la mattina e la sera. II Pre- 
vosto fu condannato. Non vorra essere 1'ergastolo, speriamo. 4 Nittna 
tassa pel suono delle campane. L'egregio Ordine di Como reca a oo- 
gnizione di tutti questo decreto di Re Umberto, decreto ottenuto da 
un valoroso Parroco contro il Comune. c Art. 1. E annul la to il de- 
creto del Prefetto di Novara in data 6 giugno 1893 n. 9810, per 
ragioni di rito. Art. 2. Sono annullate le deliberaziom del Consiglio 
Comunale di Caraeri in data 8 ottobre 1882, 11 marzo 1883, 21 set- 
tembre e 1 novembre 1884 e 7 maggio 1893, colle quali si fetabilira 



1 1 2 CRONACA 

un regolamento per 1'uso delle campane di quella chiosa parrocchiale 
e si imponeva una tassa sul suono di esse. II nostro Guardasigilli 
Ministro an/adetto e incaricato della esecuzione del presente decreto. 
Dato a Koma, addl 4 febbraio 1894. Ci6 dara coraggio ai Parrochi 
nelle lotte non punto rare coi Comuni. 



III. 
COSE STRANIERE 

QERMANIA (No$tra Corrispondenza) . 1. Politica estera; negozlati colla 
Francia; 11 trattato di commercio colla Russia. 2. La riconciliazione 
dell'Imperatore con Bismark 8. Nuovi balzelli. 4. II bilancio della 
Prussia. 5. La quistione dei Gesuiti. 6. II KulturKampf nel Gran- 
ducato di Baden. 7. Cose varie. 8. La Storia della Germania per 
Mons. Janssen. 

1. L'Europa & tuttavia inorridita pei misfatti degli anarchici, onde 
adesso la Francia principalmente 6 la soena. Da cid deriva una spe- 
ciale bonaccia nella politica. Ne solamente tutti i grandi Stati sono 
pacifici, ma neppure ban d'uopo di asserire che non vogliono turbar 
la pace in verun modo; ed ora gia tutti sel credono senz'altro. Pe- 
rocche tutti vanno persuasi che i gravi pensieri, gl'inipacci al di 
dentro sono si rilevanti che impongono a forza di conservar la pace 
ai Governi, spinti dal comune interesse a concordarsi fra loro per la 
tutela sociale. Non v'& alcuno che pensi nemmeno a discutere sul serio 
1'idea di fare una diversione all'estero per cansare le difficolta al di 
dentro. Si viene palesando una tal quale solidarieta, purtroppo da 
gran tempo dimenticata, di tutti gli Stati e i popoli di fronte al de- 
litto, onde tutti gli anarchici fecero base del loro programma. Perd 
sono opportunissimi tutti i progetti di un accordo fra i Governi per 
reprimere ranarchismo, benche sieno infondate sinora tutte le voci 
che corrono su tale argomento. Codesto e un segno de' tempi, che 
a tali voci correnti faccia buon viso e di gran cuore la pubblica 
opinione. 

Gli Stati volgono. all'accordo, e sta bene. I negoziati fra Germania 
e Francia per 1'assegnazione dei confini dei rispettivi possedimenti 
nell' Africa centrale han fatto strada ad un trattato, che verra fatto di 
pubblica ragione fra qualche giorno. D'ambe le parti ci fu buona vo- 



CONTEMPOi 

lonta, e non mi sembrano ragionevoli le strida di oerti giornali di 
non credo affatto che la Gorman ia abbia rinunziato a torritorii, 
uali aveu <lir 

Molto pid rilevante e 1'aver conchiuso il trattato di commercio 
colla Russia. A questa la Gennania concede pei cereali, beetiami, le- 
gnami ecc. le stesse tariffe ohe ha concesso all* Austria. La Russia 
ribassa in modo co)isiderevole i suoi dazii d' introduzione sul fieno, 
sui tessuti ed altri oggetti fabbricati dalla Germania. Per sen ti men to 
unnnime delle nostre Camere di Commercio la esportazione in Russia 
potrebbe toccare 1'antica somma to tale, di 150 a 200 milioni. Non ci 
perdiamo nulla, ad ogni modo, perchd, dopo la guerra doganale, ci 
era forza comperare i cereali ecc., di cui difettiamo, in paesi diversi 
dalla Russia. Quel che pift monta 6 questo, che la Russia si obbliga 
a non aumentare le sue tariffe per la durata di dieci anni; il che 
darl senza dubbio una certa sicurta alle relazioni scambievoli fra i 
due paesi. Fino ad ora la Russia non aveva mai preso codesto im- 
pegno. 

Inoltre si ha da tener conto naturalmente del lato politico di 
questo contratto. Le relazioni commcrciali ravvicinano e rendono 
concordi i popoli, accomunano insieme i loro interessi material!, e 
riescono in fine a ravvicinarli altresl ne' riguardi politici. La Russia, 
collegandosi per dieci anni alia Germania, attesta la sua volonta di 
non rompere la pace per questo periodo di tempo. Codesta $ guaren- 
tigia molto seria. Certi giornali, specialmente parteggianti pel Bis- 
mark, si son presi il gusto di asserire che sarebbonsi potute otte- 
nere concession! pift rilevanti dalla Russia. Ma il meglio fu spesso 
nemico del bene. E i diplomatici in aspettativa sono sempre pifc ma- 
liziosi di quelli in ufficio. La Russia, coll'aver trovato in Francia un 
mercato pei suoi prestiti, non va pifo soggetta alia esclusiva dipen- 
denza flnanziaria dalla Germania, come per lo addietro. Uno statista 
ha fatto il cdmputo, non ha guari, che la Germania aveva collocate 
quasi sette miliardi in Russia, vuoi in cartelle dello Stato, vuoi in 
valori industrials La somma e diminuita alquanto da circa sei o sette 
anni, ma la Borsa di Berlino 6 rimasta tuttavia, come dicesi in lin- 
guaggio ftnanziario, la piazza principale pei valori russi. Dunque la 
Russia ha mestieri di esportare i suoi prodotti in Germania per pa- 
gare gl'interessi che deve a noi. Noterd qui, a tale proposito, che 
secondo una statistica la Germania possiede per venti miliardi di va- 
lori imligeni, ed almeno tredici miliardi di cartelle e valori estori. 
Onde una somrna di circa quarantacinque miliardi di franchi. Dun- 
que la Germania e potenza finanziaria di prim'online. 

8<ri* XV, rot J, fate. 1051. 8 31 MMTM 1894. 



114 CRONACA 

II trattato colla Russia sta a fronte di una forte opposizione da 
parte del nostri agrarii, vale a dire nelle province a levante del- 
1'Elba, che sono sfornite d' industrie ed ove predomina la possidenza 
in grande, come altresl in Baviera, la cui agricoltura sarebbe del j>ari 
danneggiata dalla concorrenza russa. Perd, non e a dissimularsi che 
la Germania non produce grano sufficiente, e non sarebbe cosa pru- 
dente n6 assennata rincarare il pane di dazii d'entrata piu gravi di 
quelli concessi alia Russia, vale a dire marchi 3,50 per ogni cento 
chilogrammi. Ove la Russia non ci fornisca di grano, saremo costretti 
di comperarlo altrove, e la nostra industria rimarra priva del mer- 
cato della Russia. I dazii gravi sui cereali non saranno quelli che 
faranno prosperare da noi 1' agricoltura. 

2. Siccome all' Imperatore stava molto a cuore di trarre dalla sua 
i conservator! e gli altri parteggiatori fidati del principe Bismarck, 
cosi non ha avuto ritrosia a muovere i primi passi per giungere ad 
una riconciliazione col suo antico Cancelliere. II principe dunque 6 
venuto ed e stato accolto a Berlino con grande entusiasmo, per la 
festa dell' Imperatore. Si e recato al castello, ove ha fatto colazione 
a tni per tu coll' Imperatore e coll' Impera trice ; e poi ne e ripartito 
la sera dopo il pranzo. Questa riconciliazione ha prodotto la migliore 
impressione. Tutti erano rimasti offesi dell'asprezza onde il Bismarck 
ne' suoi giornali assaliva e censurava il Sovrano ed i suoi ministri. 
Dopo la riconciliazione, suggellata da una visita dell' Imperatore a 
Friederichsruhe, questo contrasto & finite. D'altra parte, ha fatto 
commozione al popolo, veder 1' Imperatore che pel primo si e mosso 
a compiere questa riconciliazione; e stato di buon esempio. L'auto- 
rita del Governo trovasi rinsaldata al di dentro e fuori. 

Ma tutti hanno potuto toccar con mano, in questa occasione, che 
il principe di Bismarck, in quattro anni, s' e invecchiato di molto. 
E divenuto scarno, cagionevole, e cammina a stento. L' occhio e la 
mente sono tuttavia molto vivaci, ma il corpo comincia ad affralirsi 
e venir meno. 

3. I ministri di finanza dell' Impero e della Prussia sono rimasti 
altamente delusi e sgomenti al vedere che i loro progetti di nuovi 
balzelli trovano le peggiori accoglienze da parte del Reichstag. La 
tassa sui vini scelti S caduta per la gagliarda opposizione degl' inte- 
ressati, ed an che per cagione del Mittnacht, ministro del Wiirtem- 
berg ; questi infatti dichiard il gennaio p. p., al cospetto del Reichs- 
tag, che il suo Governo si oppone esplicitamente, ne mai accettera 
siffatto balzello. Del rimanente, si e visto chiaro che esso, mentre 
avrebbe danneggiato molto il commercio e favorite la frode, non 



CONTKMI'OR ANEA I 1 .". 

avrebbe mai dato il provento che il Miquel no sperava di dodici mi- 
lioni. II hollo sulle ricevute e sulle polizzo di carioo fa malmenato 
flerainente. Coine ! una ricovuta di al-pianti march! paghera 10 cen- 
teeimi (pfenning) di bollo, un carioo di 100,000 march! 30 centmimi 
e va dicendo. 01' impiegati e gli official! andrebbero esenti dal bollo, 
che grarerebbe forte sul minuto commercio e riescirebbe di grande 
veasazione. La sconfitta e dunque gia sicura. Quindi, divonta sempre 
piii incerto in qual modo si bilancera 1'aumento delle spese militari, 
approvate da una maggioranza occasionale. 

L' ardimentoso contegno del Wurtemberg nella quistione flscale gli 
ha cattivato la univerealo benevolenza. Sarebbe da augurarei che gli 
altri Stati ne seguitassero I'eserapio, col prendere la difesa degli in- 
teressi del popolo di fronte al militarismo autoritario di Berlino. Ma 
pur troppo lo State piu ragguardevole dopo la Prussia, ossia il Govcrno 
della Baviera, e piu che mai vasaallo della Prussia. Da qnarant' anni 
in qua, e massime poi dopo il 1872, il Governo bavarese combatte, 
con quanto ha di forze, la maggioranza cattolica di quel regno. Quindi 
e costretto, avendo solo per se la minoranza, di appoggiarei alia Prus- 
sia e mettersi alia sua sequela. Nel Reichstag il commissario della 
Baviera e sempre 1' ayvereario della maggioranza del suo paese. II 
Governo della Baviera ha sostenuto e sostiene tuttora i provvedimenti 
piu sfavorevoli al paese che amministra e piii avversati dal suo po- 
polo. Acconsentl pur anche all' ultimo aumento dell' esercito, e al 
dazio sul vino, che tanto malumore han suscitato in tutta la Baviera. 

4. II bilancio della Prussia presentato al Landtag ascende ad un 
miliardo 949,649,391 marchi, compresi 59,036,981 marchi per ispese 
atraordinarie. Ma le rendite sono minori di 70,200,000 marchi, e, a 
senno del Governo, si rende necessario un prestito di altrettanta 
somma. II gran costo del bilancio prussiano spiegasi col fatto che, ap- 
partenendo quasi tutte le ferrovie allo Stato, vi sono compresi i loro 
proventi di 963,751,676 marchi. Detratte le spese, rimane un reddito 
netto di 346,889,733 marchi, che per la maggior parte servono a pa- 
gare gli interessi e rammortamento del capitale impiegato nella co- 
struzione delle ferrovie. Nel bilancio figurano altresl le miniere e sa- 
line di proprieta dello Stato con un provento di 128,189,000 marchi, 
che, detratte le spese, rimangono soltanto 15,109,000. 

Convien notare, peraltro, che il disavanzo denunciato dal Ministro 
delle flnanze e soltanto apparente, perche il progetto tralaacia di re- 
gistrare, probabilmente a bella posta, molti proventi, come e dimo- 
etrato da parecchi deputati. Ma di questa guisa si vnol fare pressura 
sul Landtag e sulla pubblica opinione per ottenere nuovi crediti. Fra 



116 CRONACA 

le spese si ha 282,310,000 d' intereesi del debito pubblico : il Mini- 
etero del culti e della pubblica istruzione richiede 105,843,800 march! 
di epese ordinarie. Pongo qui una curiosa osservazione. Secondo un 
periodico specialista, la Neue Jnhrbiirhcr fiir Philologie und Paedago- 
gik, 1' insegnamento prussiano e del tutto fondato e modellato sui prin- 
cipii e sui regolamenti della Compagnia di Gesu in fatto d' inse- 
gnainento. 

5. II tramestio dei nemici fanatici della Chiesa contro i Gesuiti 
va innanzi di tutta lena. L' Evangetische, Bund ha rivolto un appeUo 
a tutti i protestanti, affinche protestino essere un vitupero per la pa- 
tria nostra, che si vegga nel Reichstag una maggioranza di Oltramon- 
tani, di Polacchi e di Socialist! il documento non fa menzione dei 
conservator! eJJprogressisti, dichiararsi apertamente favorevole alia 
abrogazione della legge contro i Gesuiti. Quell 'appello accusa soprat- 
tutto i Gesuiti di essere mortal! nemici della patria tedesca, di aver 
cagionata la guerra di religione ecc., come se non fosse un fatto 
storico che i protestanti cominciarono la guerra di religione molto 
prima che vi avessero Gesuiti fra noi ; a farsene persuasi, basta 
raffrontare le date. C'entra un poco di mezzo anche il ridicolo. 
Per una protesta con non poche sottoscrizioni inviate al Landtag del 
Granducato di Sassonia-Weimar, questo ha solennemente discusso 
la quistione dei Gesuiti, e si 6 dichiarato contrario al loro tornare 
in Germania. Un deputato solo prese a difendere i Gesuiti, e fu il 
aig. Hagemann, 1'unico membro cattolico di quel consesso. Or bene 
il Granducato novera soltanto 12,000 cattolici fra 280,000 abitanti, 
e non vi 6 mai esistito nessun istituto della celebre Compagnia. 

Del rimanente la legge ostile ai Gesuiti ha sub! to non ha guari 
un altro colpo. Discutendosi al Reichstag il bilancio delle colonie, 
tutti gli oratori ed anche il rappresentante del Governo, hanno rico- 
nosciuto a prova i grandi vantaggi ottenuti dai Religiosi dello Spi- 
rito Santo nelle Missioni deH'Africa orientale tedesca. Tutti sono stati 
concord! nello ammettere che questi Missionarii tornano di prezioso 
aiuto alia signoria tedesca ed ai progress! morali e materiali dei po- 
poli. II sig. Kaiser, commissario del Governo asseri che egli stesso 
si era convinto sopra luogo dei buoni risultamenti di queste Missioni. 
Dunque, a nome del Governo, egli si e dichiarato favorevole, coDa 
quasi unanimita del Reichstag, alia ammissione dei Religiosi dello 
Spirito Santo in Germania. Ess! percid avranno licenza di fondare 
in Germania un Istituto per educare i Missionarii assegnati alle co- 
lonie tedesche. Or beue, quest! Religiosi furono gia considerati e 
trattati dall'autorita imperiale come affigliati alia Compagnia di Gesu, 



Co- I-A 117 

al t. Igazione della legge di sfratto. Traetene un po* 

roi la oonseguenza logica. ii 7 gonnaio, un Religiose Oe- 

dovea tenere aleune Conferenze alle Societa operate di 
Aoqnisgrana e stato ooatretto a partireene di quivi, w?nza aver po- 
tuto neppur cominciare le sue Conferonze. Avendono moaso la men to 
al Landtag i deputati del Centro, il Ministro del culti ha date jer 
risposta one il Ooverno non avea fatto aitro che applicare la legge al 
oaao pratico. 

6. II 13 febbraio la Camera bassa del Granducato di Baden ha 
respinto le richieste del Centro per la liberta degli Ordini religiosi, 
e di togliere gl' iinpacci che 1* odicrna legislazione ha posti alia di- 
rezione del Seminarii cattolid. II ministro Eisenlohr con questa oc- 
casione ha detto chiararaente che considerava cdmpito precipuo del 
sue Governo la lotta contro la Chiesa e il Centro cattolioo. Gli ora- 
tori di questo, signori de Buol e Wacker aveano fatto manifesto con 
discorsi splendi<li < logica stringata che il Governo si adoperava ad 
opprimere la Chiesa, a rapirle i suoi diritti, e stringerla fra le te- 
naglie official!. Essa infatti e privata de' suoi diritti e della sua li- 
berta a vantaggio della minoranza protestante, di cui fa parte il Go- 
verno. Per mala sorte, ftnchfc il Governo della cattoli< a Haviora porge 
1'esempio della oppressione della Chiesa a pro'di una minoranza pro- 
testante, non e a sperare grande miglioramento da uno Stato retto 
da un principe protestante. 

7. Per facolta conferita dall' Imperatore, il principe Federico 
Leopoldo di Prussia ha preso in protezione le Loggie massoniche 
in Prussia. Nella tornata, in cui venne preconizzato Gran Maestro 
delle Loggie, il Principe manifesto nel suo discorso la speranza di 
veder continuare le buone relazioni che da tempo immemorabile 
uniscono le Loggie della Prussia alia Casa degli Hohenzollern. Po- 
chi giorni dopo, il Principe pot annunciare ai Fratelli .'. che 1* Im- 
peratore dava facolta agli officiali delle Loggie di portare in pubblico 
le insegne delle loro dignita massoniche. Abbiamo dnnque una de- 
corazione massonica; e dire, che nei primordi del suo regno, 1' Im- 
peratore e Be aveva proibito agli ufliziali dell'esercito e dell'armata 
di ascriversi o rimanere ascritti alia congrega dei Frammassnni ! 

Fino a questi ultimi tempi s' era croduto che i Roman i non 
avessero mai avuto possedimenti nella Germania settentrionale dal 
bacino dell'Elba in su, anzi che non si fossero mai inoltrati. Re- 
oenti scoperte distruggono questo opinamento. In diversi luoghi, per- 
fino nel Meclemburgo, sonosi trovati sepolcri romani. L' ultima di 
siffatte sooperte 6 stata fatta in Arnswalde sull' Oder ; sono quattro 



118 CRONACA 

sepolcri, uno de' quali 6 di una ricca dama, giacche vi si contene- 
vano gemme, fibule d'oro ed altri preziosi oggetti. Le monete trova- 
tevi sono della fine del secondo secolo, e recano il nome dell 1 Im- 
peratore Antonino Pio. Alquanti anni fa, furono scoperti parecchi 
sepolcri con ricchi fregi greci nella Silesia. A Vethersfeld, nel Bran- 
deburgo, un contadino ha scoperto una ricca armatura greca ed altri 
oggetti d' oro, che adesso trovansi nel Museo di Berlino. Siccome 
da per tutto vi hanno sepolcri di donne fra queste scoperte, forza e con- 
chiudere da cid, che non solo stazioni guerresche, ma ben anche sta- 
bili dimore i Romani avevano costrutto fra le tribil selvaggie. 

Secondo una statistica pubblicata dal Militaer WoclienblaU, i po- 
poli tedeschi son quelli che forniscono maggior copia di suicidii. Vien 
prima la Germania con 2, 71 suicidii all'anno per ogni 10,000 abi- 
tanti ; la Danimarca con 2, 58 ; la Svizzera 2, 30; la Francia, 1,87 ; 
1'Austria 1, 63; la Finlandia 1, 25; la Svezia 0,90; 1'Inghilterra 0,76; 
la Norvegia 0, 70; 1'Olanda 0, 52; 1' Italia 0, 46, e la Spagna 0, 35 
sempre sopra 10,000 abitanti. Nell'esercito austriaco si noverano 12,53 
suicidii all'anno per ogni 10,000 soldati; nell'esercito tedesco 6,33; 
nell' italiano 4, 07 ; nel francese 3, 33; in quello belga 2, 44, e in 
quello inglese 2, 09. Nei diversi corpi dell'esercito tedesco, il IV vien 
primo con 9, 13, le sue cerne si fanno nelle province con termini 
alia Sassonia reale, che, fra tutti i paesi del mondo, fornisce il mag- 
gior numero di suicidii (vi mancano perd i dati statistic! dell' eser- 
cito sassone); 1'VIII corpo che rintegrasi nella Prussia Renana e il 
XIV (Granducato di Baden) ne hanno il numero minore, cioe rispet- 
tivamente 3, 84 e 2, 27 per ogni 10,000 soldati. Questi due corpi di 
esercito sono per la piu gran parte composti di cattolici. La popola- 
zione cattolica fornisce molto minor numero di suicidii, che non 
la protestante. 

L'altro giorno i pubblici fogli hanno comprovato che le chiese 
protestanti sono piu che baste voli, giacche nei giorni di Domenica 
sono sempre mezzo vuote. Nondimeno si prosegue a costruirne di 
nuove, merc6 gli sforzi e i donativi dell' Imperatore e delle au- 
torita. 

La nuova Agenda (che & una specie di manuale per la uffiziatura 
della Chiesa offlciale) offre tre diverse formule per I'amininistrazione 
della comunione protestante. Com' & ben naturale, del pari che le tre 
formule del battesimo della Chiesa officiale dell' Hannover, conispon- 
dono a tre simboli e a tre diversi concetti di questo sacramento. Gli 
uni credono alia presenza reale di N. S. G. C., gli altri rigettano la 
divinita del Redentore, e vi sono anche opinioni intermedie. 



Co 

i storia di Oennania per I i.tsen, 

e vomit- a luce poc'anzi presso il sig. ii*T<lr in Krihurgo del Baden. 
La piu picoola parte di esso fn vergata dall* illustro estinto ; ma il 
suo discepolo sig. Pastor, autore della c Storia doi Papi isci- 

mento, > seppe trarre B\ gran prd dalle lezioni e dai matoriali meesi 
me dal maestro, ohe pu6 dire con verita ch'egli oontinua 1'opera 
di lui, si per la sostanza, si per la forma. L'esito telicissiino avuto 
lai primi sei volumi, non riescira minore per la oontinuazione fat- 
tane dal Pastor. II sottimo volume manifesto lo stato religioso, intel- 
lettualo, morale, politico e sociale della Qermania alia vigilia della 
guerra dei Trent'anni. In grazia del sig. Pastor avremo il compimento 
dell'opera monumentale del compianto storico tedesco. 

Presso il sijr. Herder vien pure a luce di questi giorni il terzo 
volume dello St>vits-lexikon della Societa Qoerres, edito dal sig. Bruder. 
Questo lessico ci porge il oompendio piu compito della scienza poli- 
tica a' di nostri. Contiene la piu minuta descrizione degli Stati di 
adesso, articoli intorno ai diversi sistemi di reggimento, la costitu- 
zione agraria, le costituzioui politiche, i sistemi sociali, la biogrufia 
dei principali statisti e dei capi del socialismo colla sposizione delle 
loro dottrine, tutti i ragguagli intorno alle relazioni della Chiesa 
e dello Stato, ecc. E opera monumentale, dovuta alia cooperazione 
dei principali scrittori cattolici della Germania e dell'Austria, e for- 
nirii un copioso arsenale ai difensori della Chiesa e della societa ai 
tempi nostri. Anche i principali periodici protestanti hanno dovuto 
rioonoscere il gran pregio scientifico di quest'opera collettiva. 



IV. 

SVIZZBRA (Nottra Corritpondenia). 1. Diritto d' iniziatlva ; proibizione 
dell'uccigione depli animal! da macello fatta all'usanza ebrea. 2. L'ini- 
ziativa del partito operaio. 8. L'articolo dell'associazione generate 
obbligatoria e i disegni del Big. Forrer. 4. Lo Stato pagbera medico 
e medicine agl' infermi ; il sig. Greulich e il Dott. Beck. 5. Assegno 
della cassa federate ai Cantoni. 6. Rabbia e discord ia nel partito 
radicate. 7. Morte e qualita di Ruchonnrt. 

1. La politica svizzera entra in un periodo agitato. Sembra che i 
gruppi della opposizione vogliano ampiamente valersi del dritto d'ini- 
ziativa, conferito al popolo iria da due anni, in materia costituzionale: 
sapeto gia la straua applicazione fattasi di codesta prerogativa popo- 



120 CRONACA 

lare al suo primo sperimento. A richiesta di ottantaiuila dttalini le 
Camere federal! sarebbero state invitate ad iscrivere nella Costituzione 
federate un novello articolo, merce cni proibivasi 1'uccisione degli 
animali da macello, fatta all'usanza ebrea, cioe per via di dissangua- 
mento. Le Camere risposero con un diniego a quell' invito ; se non 
che, quando una domanda di revisione costituzionale sia messa in- 
nanzi da almeno cinquantamila cittadini, dev'essere proposta tale e 
quale al voto del popolo svizzero; quindi e che 1'assemblea legislativa 
federale si trovd nella necessita d'interrogare il Corpo elettorale, pur 
tuttavia consigliandogli di respingere quel progetto. Non ostante il con- 
tegno delle Camere, e con tutto che la Destra cattolica si fosse par 
lesata contraria a quella disposizione proibitiva, la grande maggio- 
ranza degli elettori approv6 quel progetto d'iniziativa. Ecco dunque 
che la nostra Costituzione svizzera e stala arricchita del seguente ar- 
ticolo : c Art. 25bis. E proibito assolutamente di dissanguare le be- 
stie da macello, se non sieno state prima rese insensibili ; questa di- 
sposizione va applicata a qualsiasi maniera di macellazione e ad ogni 
specie di bestie. Voi certamente sarete d'avviso, con me, che questo 
articolo e acconcio, tutt'al piu, a comparire in un regolamento co- 
munale, e che fa una strana figura in uno Statute fondamentale. Ma, 
che volete? La societa protettrice delle bestie e il grosso de' prote- 
stanti, eccitati dall'odio contro gli ebrei, non avevano altra maniera 
di far prevalere la loro volonta, dacchS le Camere federali avevano 
annullato le decision! emanate dai Govemi di Berna e di Argovia 
contro il dissanguamento giudaico. 

2. Ma il dritto d'iniziativa non va giudicato da questo primo esor- 
dio. Altri progetti piu gravi sono s6rti dappoi, e ci promettono una 
serie di votazioni popolari molto affaccendate. Prima di tutto abbiamo 
1'iniziativa del parti to operaio, il quale domanda che il diritto al la- 
voro venga iscritto nella Costituzione. 11 nuovo articolo costituzionale, 
formulate dagli iniziatori, guarentisce ad ogni cittadino svizzero un 
sufficiente lavoro rimunerativo. A tal uopo i richiedenti preveggono 
una lunga serie di provvedimenti legislativi da pubblicarsi, sulla gior- 
nata normale, sugli esami professional!, sulla protezione degli operai 
contro ingiustificati licenziamenti, sulla assicurazione contro la man- 
canza di lavoro, sulla guarentigia di diritto di associazione per gli 
operai, e via discorrendo. Codesto progetto d'iniziativa ha gia raccolto 
le richieste cinquantamila sottoscrizioni : ond'e che le Camere federali 
sono costrette a darsene pensiero, ed e probabile che lo faranno nella 
prossima sessione d'aprile. Non e certo a credere che accettino questa 
proposta utopistica, una delle chimere dello Stato sociale qual e inteso 



CONTEMPORANEA 

dai socialist! ; e tanto mono 1'accettera il popolo. Peraltro alcune delle 
rivendioazioni inchiuse nclla formola generalo del diritto al laroro, 
trovann lor ragione di essere. Quol che fara indietreggiare il groeso 
degli elettori, e che lo Stato debba fornire lavoro n chiun-jue ne do- 
mandi ; molti ci veggono dentro la soppressione della proprieta indi- 
Tiduale, il monopolio del commercio e della industria, le terre e le 
officine rese nazionali. 

Perd 1'iniziativa del diritto al lavoro ha trovato un inatteso par- 
tigiano nel colonnello Frey, presidents della Confederazione sviz- 
zera e capo del dipartimento militare. Questo eceelso magistrate e 
antore di nn articolo compareo qui di corto nella National** thing di 
Basilea. Egli dice: c C'e un diritto al lavoro, come c'e un diritto 
alTesistenza. Qualsiasi reggimento sociale, che disconosca un tal di- 
ritto, e destinato a inevitable sfacelo . 

3. Nel mondo operaio svizzero, avvi un cotal ferniento, che ore 
si appalesa coll'accanita battaglia che si combat te sul tcrreno delle 
assicurazioni. Tre anni fa, volendo appagare le brarae dei partigiani 
della riforma sociale, le Camere approvarono un nuovo articolo costi- 
tuzionale, che introduceva 1'assicurazione generate obbligatoria contro 
le malattie e le disgrazie. Con una forte maggioranza il popolo saiu-i 
questa deliberazione, merce 1'accordo dei cattolici e dei democratic . 
Trattavasi poi di recare ad effetto un tal principio; e qui la cosa 
era molto difficile. II Consiglio federale affidd il nuovo progetto legi- 
slativo ad un avvocato di Zurigo, d'altissima fama come giurista, cioe 
il sig. Forrer, deputato del cantone di Zurigo nel Consiglio nazionalc. 
Ma se il Forrer e giurisla eccellente, oratore formidabile per la sua 
dialettica e per la sua mordacita, egli 6 pur anche uno dei capisaMi 
del partito radicale. Egli e ancor pift un politico che un giurista. 
Gli si attribuisce gran parte di attivita nella rivolnzione del Ticino. 
Trovavasi a Bellinzona alia sommossa dell'll settembre 1890, e di- 
fese i ribelli alle Assise di Zurigo. Chiamato dunque a preparare il 
voluminoso progetto di legge sulle assicurazioni, il Sig. Forrer ha 
divisato un'opera essenzialmente burocratica, un esercito d'impiegati 
ed official! che governino dei distretti (arrondusements) d'assicura- 
zione, tracciati a suo talento, senza alcun riguardo alle istituzioni 
ora esistentr, ne ai confini delle amministrazioni cantonali. La Sviz- 
zera va ricca di moltissime societa di mutuo soccorso, di libere casse 
d'assicurazione contro le infermita e le disgrazie. Codeste istituzioni 
attive, nate a cosl dire dalle viscere del popolo, procedono innanzi 
Btupendaraente ed hanno recato grandissiini vantaggi. Piu special- 
mente poi sono in fiore nei grandi centri d' Industrie, come Basilea, 



122 CRONACA 

Zurigo e S. Q-allo. Or bene, 11 disegno del Forrer 8pazza via come 
ingoml>ri inntili tutte queste istituzioni, e vi surroga un me' 
nismo burocratico senz' anima vivificante. Per pagare le spese di 
questa macchina complicata e dispendiosa, il Forrer teneva in serbo 
un nuovo balzello federale, cio& il monopolio del tabacco ; ma non lo 
diceva a nessuno ! Come si vennero a conoscere le linee principal! 
di questo mostmoso disegno, levossi a protestare indignatissimo tutto 
il ceto operaio non meno che gli agricoltori. I cattolici videro messe 
a repentaglio le loro libere istituzioni di matuo soccorso e di carita. 
Nel gran Congresso tenutosi a Bienne, dov' erano rappresentate 250 
associazioni, che noverano piil di centomila ascritti, fu deliberato, 
concordemente da' protestanti e da' cattolici, di fare opposizione al 
disegno Forrer. H Consiglio federale ne fu scosso. Convocd una Com- 
missione di molti specialist! a prendere a disamina il disegno del giu- 
reconsulto di Zurigo. Debbo dire, ad onore del ministro d'agricoltura 
e industria, che codesta Commissione fu composta senza veruna par- 
zialita. Vi erano comprese le persone eminenti che studiano le que- 
stioni sociali in tutti i campi. H Sig. Decurtins sedeva a lato del 
Sig. Forrer ; il dott. Beck, sacerdote e professore nella Universita di 
Friburgo, vi si era invitato a fianco del Sig. Greulich, capo della 
Segreteria Operaia federale. La serie delle tornate fa animata, vi si 
fecero discussioni profonde, raccoltesi poi in un volume di 800 pagine. 
II progetto Forrer fu passato pel crogiuolo ; ma il suo autore lo pro- 
pugnd cosi accanitamente, che gli si poterono strappar di mano po- 
chissime concessioni. E, venendo al particolare, non ostante una 
sequela di emendamenti proposti dal Consigliere nazionale Sig. De- 
curtins, appoggiati gagliardamente dal Dott. Beck, non si valse ad 
ottenere che le libere casse ora esistenti venissero riconosciute come 
di pubblico vantaggio, e ammesse al benefizio della legge per la 
stessa ragione delle nuove e artificiose creazioni imaginate dal Sig. 
Forrer. A fronte di questa pertinacia e prima che le Camere federal! 
entrassero a discutere la quistione, sulla base del progetto Forrer, la 
Federazione Operaia svizzera deliberd di menare un gran colpo. 

4. E qui viene in campo la nascita della terza iniziativa popolare, 
che adesso 6 1'argomento principale delle pubbliche discussioni. Ra- 
dunatisi a Zurigo, or fan due mesi appena, i delegati della grande 
Associazione operaia di Grutli, della Societa di Pio IX, de' Circoli 
cattolici operai, dei Sindacati professional! ecc., dopo che ebbero 
ascoltato le relazioni del Sig. Greulich, del Dott. Beck e del Sig. H6- 
ritier, delegate operaio di Ginevra, presero la risoluzione di valersi 
dell'arma della iniziativa popolare, per dare scacco matto al progetto 



CONTEMPORANEA 

i or. E poiche 11 danaro 6 il norbo della guerre, dovovasi anzitutto 
tAr di munu al Ferrer il monopulin <!<! tabacco, agognato da lui pel suo 
organamento burocratiro. Per 1' altro lato, cid era meatiori a toner 
salve le libere Casse di assicurazione, alleggerite del gravame del 
medico e della fannacia, acciocche i loro proventi poteaeero impiegani 
interamente al compenso della meroede all* operaio nei giorni della 
in: i. !': la '|iial cosa il Congrosso di Zurigo diviso d'iatrodurre 
nella <'<,stituzione federale un nuovo artioolo, il quale atebiliaca che lo 

to paghera il medico e le medicine agli infcrmi, e che a tul uopo 
istituira il monopolio del tabacco, le cui rendite verranno impiegate 
nnioamente a pagare le spese di questa assistenza medica gratuita. 
TutteTolta, fra i membri del Congresso si appalesarono due pro- 
pensioni assai diverse per risguardo all'estensione che si dovea dare 
alia gratuita delle cure mediche. Montre la scuola sooialista tempe- 
rate del Sig. Qreulich voleva estesa la gratuita a tutto il popolo 
svizzero, compreso i ricchi, per con verso le Associazioni cattoliche 
insieme col Dott. Beck volevano la gratuita soltanto in proporzione 
del bisogno efTettivo della classe popolana che si guadagna il pane la- 
vorando. Ad ogni modo, riputevano non dovere il dispendio per il 
medico e le medicine gratuite trapassare il totale dei proventi del 
monopolio del tabacco. 

Come si faceva a trovare una formula che conciliasse queste due 
opinioni ? Non era agevole davvero ! II Pius- Verein mettea per patto 
della sua adesione all' iniziativa, che il testo del progetto costituzio- 
nale ponesse un limite precise alia gratuita; le associazioni prote- 
stanti volevano assolutamente che la gratuita fosse per tutti. Final- 
mente si giunsc a trovare una formula, che lascia aperta la quistione 
della estensione. Codesta formula fa entrare nella Costitnzione il 
principio della gratuita, lasciando alia legislazione in appresso la 
cura di stabiliro o no un limite. Gosl le due correnti hanno ot- 
tenuto soddisfazione. I fautori della gratuita generale soscrivono al- 
1' iniziativa, col pensiero che la legge avvenire, cui le Camere fede- 
rali dovranno discutere e comporre a seconda del nuovo articolo co- 
stituzionale, stabilir^ il medico d' ufficio e le medicine gratuite per 
tutti ; all' incontro i fautori della gratuita limitata soscrivono all 1 ini- 
ziativa con questo intendimento, che la legge venture stabilira un 
limite alia gratuita: il qual limite potrebbe, ad esempio, formularsi 
coal : c Ogni abitante che non guadagni piu di 2000 franchi all'anno, 
ha dritto alia cure gratuite quando si ammali. > Stendo oosi le coee, 
il Comitato centrale del Piw-Verein, adunatosi a Lucerna, delibero 
con trente voti favorevoli, e cinque contrarii, di aiutere il movimento. 



1 ? { CRONACA 

La federazione operaia svizzera non perdette tempo. Oltre cento- 
cinquanta assemblee furono convocate in different! luoghi della Sviz- 
zera. II sig. Greulich, capo della Segreteria operaia, si era tramutato 
in procacciante della iniziativa nelle contrade protestanti e radical!. 
Dall' altro canto il dott. Beck prese il bastone del missionario, e si 
diede a percorrere le borgate cattoliche; e siccome il discorso da lui 
fatto a Zurigo gli avea procacciato grande rinomanza di oratore, fu 
anche invitato a parlare nei centri operai protestanti di Bienne e di 
Neuchatel. Fu un viaggio trionfale, non scevro per6 di qualche disdetta. 
Trattandosi di un' idea cosi arrischiata, la difficolta maggiore stava 
nel varcare le porte campagnuole della Svizzera primitiva. Nelle pa- 
cifiche campagne dei Piccoli Cantoni, in mezzo alle fertili pascione 
di Unterwald, Uri, Svitto, Zugo, non si ha alcana nozione dei tram- 
busti del ceto industriante ed operaio. Cola la quistione sociale non 
e discussa con quell'acume, che riscontrasi nei grand! centri di fab- 
briche o nei paesi tribolati dalla crisi agraria. Peraltro, facendosi 
da presso, ben vi si puo scorgere da certi segni un inclizio di quel 
movimento sociale, ond' & agitato il mondo a' di nostri. Qualche tempo 
fa, il Nidwald fu molto agitato a cagione di un progetto di riforma 
della legislazione ipotecaria. Un cotal gruppo di cittadini tentd di far 
diminuire il valore legale dei titoli di rendita e degl' imprestiti sui 
terreni, calandolo dal 5 / al 4 / . Indignatissimi ne furono tutti i 
piccoli capitalisti di quel paese. II Consiglio legislative si ritrasse 
d'innanzi a questa audace riforma; eppure tutti capiscono che siccome 
i terreni non fruttano piu del 3 / , i contadini non possono segui- 
tare a pagare il 5 / ai proprii creditor!. 

Fate un po' ragione se il Nidwald fosse campo ben predisposto 
per gli audaci novatori del Congresso di Zarigo. Ne fece la sperienza 
il dott. Beck quando inizid la sua serie di Conferenze a Stans, ca- 
poluogo del Nidwald. Stavano adunati quattrocento uomini per ascol- 
tare la sua parola. Per oltre un'ora 1'eloquente professore espose le 
origin! e le ragioni della nuova iniziativa, trattando ampiamente la 
quistione in se stessa, facendo una disamina della presente condizione 
economica, e chiamando in suo aiuto la storia, la fllosofia, la religione, 
per comprovare la giustezza della grande idea di porgere agl' infermi 
1'assistenza gratuita. Ma, senza che sel pensasse, egli aveva in quel- 
1'assemblea un formidabile antagonista; questi era un ecclesiastico 
ragguardevole, il Commissario vescovile signer Berlinger, parroco di 
Stans. Questo bravo sacerdote lo pigli6 sul tragico; chiese al dott. 
Beck chi gli avesse dato incarico di portare in quelle valli rimote il 
tizzone della rivoluzione sociale. c Dirovvelo io, esclamd, con tutta la 



CO 

franchezza: voi venite per con* .crazia sociale ; ricereete 

il mandate dai socialist!; or beiio, il sooialismo 6 fiplio della I: 
ue franoeee! > voltosi ai contadini che erano -molti fra l'uli- 
, il parroco Berlinger con vooe di pianto dime loro: < Yoi lo 
aapet*, quali vantaird rood al nostro paese la Rivoluzione franoem; 
guard a to le muraglie della vostra chiosa; ]>ortano tuttavia le impronte 
pallo tlocl' invasori del 1798; tutto, in quest'angolo di terra, vi 
rammonta i tnu-i misfatti dii rivi.lu/ionarii francesi; stanno soritti 
nei nostri annali a caratteri di sangue! > Questa maniera di discns- 
n m .-ra di inolto seria, ma produsse il sno effetto in anirai 
gin porn pmpensi alia politica economica bandita dal dott. Beck. 
Stupito questi al vedersi avuto in conto di settatore della Rivo- 
huiono francese, rispose nondimeno con molta moderazione. Fece no- 
tare che 11 programma sociale, adottato dai cattolici entro i confini 
segnati dall'enciclica Rerum norarum, non avea nessnna cnmunanza 
con IP idee della Rivoluzione francese ; perciocch6 questa Rivoluzione 
cassd il reggimento corporative e band! il principle assoluto della li- 
berta indiriduale, contro cui per 1'appunto reagisce 1'odierno movi- 
mento sociale. Ad onta della risposta fortemente ragionata, la maggior 
parte degli adunati non ardi dare una pubblica mentita al Curato 
della parrocchia. Per converse il dott. Beck trovd raigliori accoglienze 
a Brunnen, ove se ne andd quel eiorno stesso. A Lucerna poi v'ebbe 
tre medici che parlarono contro di lui, e qnivi I'assemblea rimase 
divisa. 

II discorso scenico del parroco Berlinger fu levato a cielo dalla 
etampa radicale e fu riprodotto per disteso in una gazzetta prote- 
stante del cantone di Berna. V'era copia bensl di spiritose frecciate 
molto felici contro il socialismo, contro 1' ingerenza dello Stato e 
contro i monopolii. Ma, al tempo, istesso, scatend un moto gagliardo 
di opposizione nel campo cattolioo contro la iniziativa del Congresso 
di Znrigo; cotalche, circa questo importante argomento, troviamo i 
cattolici svizzeri divisi, ed 6 grande sventura. Peraltro 6 da gapere 
che il temperament dei cattolici disseminati in mezzo ai can ton i 
protestanti 6 molto diverse da quello dei popoli dei cantoni catt>lici. 
I primi, costretti ad ordinarsi in un mode speciale di contro alia 
propaganda protestante, e rifornendosi di cerne peculiarmente fra gli 
operai de' grandi centri d'industria di Basilea e di Zurigo, sono piu 
operosi, piu intraprendenti, piu militanti ; sono ascritti alle associa- 
zioni cattolichc, che li manten#ono stretti in intima solidarieta colle 
casse di mntua assicurazione, coi circoli ove si adunano sotto Too* 
chio vigile dei loro zelauti pastori. In questa Diaspora come vien 



126 CRONACA 

chiamata, 1' iniziativa del Congresso di Zurigo ha trovato maggior 
favore. All' incontro i Cantoni cattolici antichi, piii radicati nelle 
vecchie costumanze e in un certo complesso di tradizioni locali, non 
sono guari propensi alle innovazioni. Tuttavolta, fra gli uomini di 
Stato ragguardevoli di codeste regioni, vediamo il sig. Wirz landmano 
d'Obwald, il sig. Vonmatt consigliere nazionale di Stans, e il dott. 
Ming consigliere nazionale di Sarnen, dare gagliardo aiuto all' ope- 
rosita della giovane scuola sociale cattolica. Anche il cantone di Fri- 
burgo dara gran numero di sottoscrizioni alia iniziativa del Congresso- 
operaio. D'altra parte per adesso si tratta soltanto di raccogliere le 
cinquantamila sottoscrizioni richieste dalla Costituzione, acciocchS le 
Camere federali debbano sottoporre la quistione al giudizio del po- 
polo. In questo scrutinio finale dovranno misurarsi le forze d' ambe 
le parti, e noi speriamo che allora la quistione sara abbastanza chia- 
rita e circoscritta; sicche la Svizzera cattolica potra trovarei unita e 
concorde. 

5. Terzo campo di battaglia, ove 1' iniziativa popolare sta per 
esercitarsi ancora, d il progetto dato fuori dai maggiorenti conserva- 
tori di dieci Cantoni, adunatisi or fa due mesi ad Herzogenbuchsee 
nel Cantone di Berna. Questo progetto in favor del quale gia si rac- 
colgono in copia le sottoscrizioni, consiste nello stabilire nella Costi- 
tuzione che la cassa federale assegnera ogni anno ai Cantoni due 
franchi per ciascun abitante, sui proventi delle dogane federali. Sa- 
rebbe un riparto annuo di sei milioni di franchi fra i veuticinque Stati 
confederati. A far ragione dello scopo di questa iniziativa, convien 
sapere che al tempo della sconfitta dei cantoni cattolici del Sonder- 
bund, vale a dire nell'a. 1848, la rivoluzione trionfante aboli i pedaggi 
cantonali, ed attribui alia potesta cantonale tutti i proventi dei dazi 
d'introduzione. Di que' giorni le dogane fruttavano una rendita totale 
di tre milioni e mezzo. Di presente, la Confederazione ne ritrae annual- 
me^ite quasi quaranta milioni. Grande porzione di queste spoglie 
opime va consumata nelle spese militari e nella fabbrica dei sontuosi 
palazzi dell'Amministrazione federale, mentrecche i cantoni immiseriti 
sono costretti d' imporre i tributi diretti, che sono molto meno popo- 
lari. Gia da parecchi anni la politica finanziaria del potere centrale 
suscita molte censure, anche di mezzo ai liberali. Si deplora una 
certa noncuranza, e d' ogni parte si domanda una riforma ammini- 
strativa. Specialmente poi si riene rilevando una gagliarda corrente 
contraria alia esagerazione delle spese militari e alle fortificazioni, 
che hanno preso soverchia estensione per un paese neutrale qua! & 
il nostro. 



CONTKMl'OHANKA 127 

Le Camera federal!, nell'ultima seesione del dioembre score- 
To orecchio a queste TOC! popolari, e non oetanto la oppoaizione 
ioputati della destra, il partito militare, il clan (ovvero la tribu) 
dei colonnolli, qual e chiamato, hanno ristabilito ad ogni ooeto pa- 
recchi assegnamenti di spese militari, che lo stesso Contiglio f ode rale 
riputava inutili. Questa fu la stilla d* acqua, che fece traboccare il 
Taao. La destra cattolica, coll'aiuto della parte conservatrice prote- 
stante, riiniso in piedi una proposta che il consigliere nazionale gig. 
Alhy, sindaco di Friburgo, aveva presentata fin dall'anno 1887, e che 
aveva rinnovata due anni fa, ma venne poi rigettata inesorabilmente 
dalla maggioranza radicale delle Camere. Essa tendeva a dhntnuire il 
vitto alia Confederazione, convitando i Cantoni alia mensa lautamente 
imbandita dei pedaggi. Di qui la novella iniziativa, in virtu della 
quale il popolo interviene per diretto ad imporre alia Confederazione 
nna politica finanziaria piil soiled ta degl' interessi economici della 
nazione. 3u questo terreno, la Dio merce, sari unita e Concorde tutta 
la Svizzera conservatrice, e movera innanzi come un sol uomo. c'e 
di piu, che e gia sicuro il concorso delle popolazioni radicali di al- 
quanti Cantoni, come il San Oallo e il Ticino. A questa iniziativa si 
e da to il soprannome d' iniziativa dei due franehi, e sotto questa ditta, 
per cosi dire, fa il giro per la Svizzera. 

6. II partito radicale, tutto quello stato maggiore di frammassoni 
che s'innalza sul bilancio federale, spaventato da questa mossa offen- 
siva, ha convocato una straordinaria assemblea generate ad Olten. Esso 
grida al tradimento! L'iniziativa dei due franchi dai suoi giornali 
viene trattata come un delitto di lesa patria, un'offesa all'onore e alia 
borsa della Confederazione ! Ma, sentendosi trascinato da tutta que- 
st'onda d'iniziative popolari, il radicalismo, gia un tempo si potente, 
non sa piu dove dar del capo. Si di moto per trovare un programma 
di salute pubblica, pensa ad organ izzarsi in altro modo. Ma & inutile 
oodesto : i capitani piu non s'intendono fra loro ; 1'ala sinistra demo- 
cratica tira ad andarsene per la sua strada, lungi dalle orme che ha 
seguito finora il grosso del partito. Ond'e che si aspetta una grande 
baraonda nel Congresso che sta per aprirsi in Olten. 

7. Lo scorso anno fu notevole per la morte di uno de' pid cospicui 
membri di Stato della Confederazione. II Big. Luigi Ruchonnet con- 
sigliere federale, presidente parecchie volte della Confederazione Sviz- 
zera, morl repentinamente, nella eta di GO anni, in una adunanza di 
giuristi da lui presieduta. Oriundo del canfcmo di Vaud, ove godeva 
di un 'aura popolare quasi prodigiosa, avrebbe potuto ascendere allo 
scanno del potere fin dal 1872, dopo il gran trionfo della sua politica 



128 CRONACA CONTEMPORANEA 

federalists. Ma voile piuttosto esercitare la professione della aw 
tura, finche poi nel 1881 i suoi concittadini lo spinsero quasi per 
forza ad accettare Fufficio di Consigliere federate. Egli tenne, 1'un 
dopo 1'altro, il ministero degli affari esteri e quello della giustizia e 
polizia. Ei fu quegli che in modo speciale trattd colla Santa Sede 
per la ristaurazione del Vescovado di Basilea, e per la fondazione di 
un'amministrazione Apostolica nel Ticino. Fu pur egli che tolse via 
il decreto d'esilio, emanate nel 1877 contro mons. Mermillod; e di tal 
guisa rese possibile la sua venuta alia Sede di Losanna-Friburgo-Gi- 
nevra, che Monsignore lascid di poi per la romana porpora. n sig. 
Ruchonnet era protestante, ma i suoi nobili intendimenti ispirati a 
tolleranza e profondamente politici lo avevano designate ad essere 
strumento provvidenziale della pacificazione religiosa, che la sapienza 
di Leone XTII ha procacciato alia Svizzera. 



I in. \ll.\r EM NON JIM:, 



i. 

In questa Italia, che Ian to ritrae del la cilia dolenle, .! i 
cui abitatori tanti rispetti hanno colla perduia genie, descritt;i 
ih.-lla trilogia dantesca, tra i milJe e mille lai che li-risron ! 
stelle, si ode pur quellodel non esservi piu un uoino, il qual- 
li;i speranza di poterla salvare. Per quanto coirocchio da ogni 
parte si guardi, si cerchi, si scruti, fa mestieri concludere che 
questo salvarnento politico non si scorge pun to, che non vi . 
Di qui il lamento comune tolto dal labbro del povero para- 
litico del Vangelo, presso la probatica piscina di Gerusalemim-: 
Mi manca Tuomo; hominem non habeo! Lamento che esce 
dalla bocca e dalla penna di quanti Italiani studiano le odierm- 
condizioni civili, morali, economiche del loro paese. 

Chi con Kmilio Giampictro, gik deputato, piange la dege- 
iK-razione ed il tralignamento di coloro, che primi sono suc- 
ceduti ai cosi detti grandi eroi delPepopea d'onde sorse la 
patria, e sfoga il disperato cordoglio scrivendo: Oggi tutio 
intristisce, isterilisce, muore. I principali nostri uomini poli- 
tici, quelli che in altri tempi furono guida, pensiero, azione, 
fossilizzati alcuni, incoscienti gli altri, stanchi e delusi gli ul- 
timi, chi piu chi meno, si mostrano impari a risolvere le dit 
ficolti odierne. Sentirli, vederli all'opera, e spettacolo doloro- 
sissimo *. 

Chi, colla Sera di Milano, tristamente deplora che, dietro 
hi schiera dei valorosi, i quali, dal 1848 al 1859, molto pr 
Tltalia operarono col senno e colla mano, dei Cavour, doi Hi- 
casoli, dei Minghetti, degli Azeglio, dei Lamannora, sia venula 
una generazione, non solo fiacca, ma inetta a prepararne una 
simile a quell'oroica: percio con flebile voce esclama: Non 

4 I' Italia al bitio, pag. 8. Rbma, 1894. 

XV, ~L X, flue. 1952. 9 april* ISM. 



|:;i> HOMINKM NON HAKKO 

nhhiamo uomini; non abbiamo piu uomini M od invitn I'llnlia 
:i rivolgere il grido: Hominem non hdbeo! non si sa poi a 
chi, se non forse al Dio alia cui protezione Febreo Sonnino ha 
solennemente commessa la cara palria, che non sembra debba 
essere poi il Dio dei cristiani. 

Ne immaginario od iperbolico e il lamento, ma troppo nel 
vero fondato. II liberalismo fra noi non ha piu un uomo solo 
di testa e di polso, che goda il credito di valente a salrare 
dal naufragio la pericolante nave dello Stato. Quell'unico, nel 
quale alcuni ripongono la fiducia, dai piu e giudicato men atto, 
poiche gli rimproverano che, durante il quadriennio 1887-1890 
della sua dittatura, abbia guastato quanto tocc6: le ammini- 
strazioni comunali e provi.nciali, la pubblica sicurezza, la po- 
lizia dei costumi, le Opere pie, il municipio e la beneflcenza 
di Roma, il commercio e Feconomia nazionale. 

Fuori di quest'unico, che pur e sempre quel desso che fu, 
ben osserva il Giampietro: L/andazzo della vita pubblica ha 
permesso ad una folia di semi-analfabeti vanitosi di venir su, 
dicendosi appartenenti a partili polilici ; e costoro fanno da 
nocchieri, o da guide ai nocchieri fra le tempeste. Dal che 
egli trae il dilemma, che mette F Italia in un bivio : Go- 
verno audace che abbia il coraggio di trasformare tutto ; o il 
paese da s& demolira tutto cio che in politica esiste *. 

Dunque i grandi uomini di trenta o quarant'anni addietro, 
non la riformazione dell' Italia operarono, ma la sua deforma- 
zione, postoche, dopo di loro, si crede necessario, o tutto tras- 
ibrmare, che e un rifare cio ch' essi hanno fatto; o tutto de- 
molire cio che essi hanno edificato. 

II. 

E questa, a parer nostro, e la ragione potissima del di- 
fetto d'uomini di valore, che oggi da ogni lato si riconosce. 
Veramente i grandi uomini del ciclo eroico non furono altri- 
menti grandi, se non perche si e convenuto di farli passar 

1 Num. del 18 febbraio 1894. 
Ivi, pag. 9-10. 



HABEO l-l 

t;ili. Non fosso alfrn. unr .|ii'l pi 

<!! ri-1'.'MM alia moral.-, s.-u/;i mi non si <lfi t no gran- 

dczza onorabil*': tri:)<vh.\ in c:is<> livrsM. -j-r.-jn.li si avivbhero 
nnrh" un < o^paron.'. 1111 l'ns<;it.,p.. un Ansutni. 
un Tiburzi c siinili autori <rimpr nm-nto tortunat* 

non cho <li H<*> non vojrliain <lisj>nt;ir'. 1'rendiamo ;mdi 

tntti coloro chc il liheralismo ha inscritti noll'albo del suo 
italico Olimpo, e s'6 ingegnato di eternare nel bronzo e n-l 
marmo. 

Come hanno essi condotta Topera di fare Tltalia? Priina 
di tutto con disfarla. Hanno cominciato dal recedant vetera. 
Nel distruggere quanto v'era di bello e di buono, quant' i 
secoli vi aveano accumulato di nobile e di provvido, nol vio- 
lentarvi persino la natura dei popoli son riusciti maostri. II 
piccone ban saputo maneggiare alia gagliarda. Di ciA che co- 
stituiva ritalia dei padri, Tltalia storica, giuridica, letteraria 
e sopra tutto morale e religiosa hanno fatto propriamente ta- 
vola rasa. 

Ma poi, quando si 6 trattato di venire al nova sinl omnia, 
che hanno posto in luogo delle mine ? Scarto di material! 
mendicati da stranieri. Ogni barbaric hanno accolta, purche 
non sapesse di genuinamente italiano : forma di Stato air in- 
glese, con temperament! alia spagnuola ; legislazione e costu- 
manze alia francese; coltura intellettuale alia tedesca ; n-li- 
giosita alia giudaica. Tutto questo forestierume male scelto, 
peggio applicato e pessimamente imposto agli eredi degP in- 
civilitori d* Europa hanno magniflcato per tesoro di rivilta 
nuova, e 1' imbarbarimento della patria disnaturata ban f;itto 
acclamare per patriottismo. 

Nei tempi andati, allorch^ i Govern! variamonte per < % '-n- 
tinaia d'anni si reggevano, T ordinamento loro era frutto di 
una tradizione, la quale si perdeva nello memorie della l--^- 
genda. L'esperienza veniva migliorando la tr;i<li/ioni> >. cn 
essa, il vitale svolgimonto dello Stato: ma non si procedeva 
a sbalzi e brancolando nel buio. Gli statuti dell nustro glo- 
riose Repubbliche si erano maturati dalla sapienza li molte 



HOMINKM NON IIARRO 

generazioni. Nessuno del Comuni o dei Dominii doll'Italia con- 
trale o settentrionale, di Firenze, di Pisa, di Siena, di Genova, 
di Venezia sradicava a un tratto dal suolo patrio le avito 
istituzioni. Per tal modo si procedeva di eta in eta, inanellando 
una catena ricca di pratici ammaestramenti e di glorie. 

La rivoluzione, compiutasi da sei a sette lustri in tutta la 
Penisola, ha spezzate di botto le anella che nelle singole sue 
regioni formavano questa catena. II rinnovamento politico ne 
ha rigettati i popoli nell' infanzia. I grandi uomini, accecati 
dall'odio deirantico ed inebbriati dal furore del nuovo, si eres- 
sero a vigorosi riformatori, anzi ad eroici creatori di una 
patria novella, che dovesse sorgere dal niente; e fecero capo 
ad un disordine, il quale sarebbe fanciullescamente ridicolo, 
se non avesse da per tutto provocato il pianto e la vergogna. 
L' ultimo corollario della decantata impresa si ha ora nel dilemma 
del Giampietro. trasformazione del mal riformato, o de- 
molizione d'ogni cosa. 

III. 

Gome era possibile che, cresciuta in questa confusione di 
elementi, si educasse a virtu la progenie degli autori suoi ? 
II passato, colle ricchezze de' suoi insegnamenti e de' suoi ri- 
cordi, ridotto al nulla, il presente senza luce e senza sicure 
norme, il future non previdibile e pauroso, toglievano ogni in- 
dirizzamento, ogni stimolo o conforto alia gioventu. Quindi qual 
meraviglia che nessun uomo insigne siasi manifestato, non 
uno statista, non un finanziere, non un militare, non un ma- 
rinaio, non un diplomatico che superasse la piii mediocre vol- 
garita? Diradati i superstiti allievi dei precedenti Stati, reietta 
ogni scuola, spento ogni focolare di tradizioni, tutto si dovuto 
fare di pianta, e F inettitudine dei novatori e caduta nel vano. 

Di fatto, dopo piu di trent'anni, siamo a tal punto, che bi- 
sogna riformare la riformazione, ed il Crispi si 6 dichiarato 
costretto a chiedere pieni poteri, per procurare alF Italia rin- 
novata il beneficio di un altro rinnovamento. II beneflcio 
della ri forma ; cosi egli nella sua relazione alia Camera; deve 



NON HABEO 

m' tutti i r.iini ilfir.-iiniiiini- 1 : l;i pnlitira, l;i fin;mza, 

)' inspjj-namento, la sanit.'i, le opere di puhblim utility, I' 
coltura, la pnsti/i;i, la guerra, la marina. > Ecco tutta una 
iiKi.vhina, che si era fabbricata sopra le anti<-h 'lisfatte, ed 
era bisogna disfare di nuovo, per rifarla. Non e questa una 
prova lampanto della piccolezza dei grandi uomini, i quali 
superbamente distrussero il vecchio, recedant vetera, per co. 
struire un tutto nuovo, nova sint omnia, che si 6 venuto sfa- 
sciando lor nolle mani prima che fosse fonnato? 

N6 si perda d'occhio, che i piii degli odierni riformatori 
della riformazione sono gia stati e sono reliquie ultimo del 
passato. Lo nota giustamente rilalia del popolo di Miiano. 
Una buona parte degli uomini cbe ancora fanno il bel tempo 
e la pioggia in questo nostro paese, sono avanzi e strumenti 
dei cessati Governi, sono loro antichi ferravecchi. E il Crispi, 
ii gran Crispi medesimo, fino al 1846, non pubblicava nei fogli 
siciliani elegie, poesie, ditirambi in onore dei Borboni? ! 

Or che sara quando, periti questi ruderi del vecchio, sot- 
tentreranno ad essi in tutto e per tutto i loro piu modern! 
alunni, i semi-analfabeti vanitosi da loro allevati, e porran 
mano alia trasformazione intimata dal Giampietro? Se Puomo 
di polso e di testa sospirato non si scopre piu fra i peli bianchi, 
come si potra scoprire fra i bigi, i neri, i biondi, che non 
paiono avere altra testa ed altro polso, fuorchfc per istudiar di 
afferrare gli cheques e i coupons delle Banche ? Allora si che 
T Italia liberalesca si sgolera ad invocare quest'uomo; e chi 
trovera? Forse un trasformatore del mio in tuo, cbe la con- 
ciera colVuguaglianza, come gia i riformatori 1'hanno conciata 
colla libertd. 

IV. 

Inutil briga d cercare altrovo cbe in questo annientamento 
dell'antico, la cagione della mancanza d'uomini, che deirantico 
valore mostrino traccia. Divelta la radice dal suolo, muore 
Talbero, cessano i frutti. Ex nihilo nihil fit, insegnano i filo- 

1 Num. del 6-7 marzo 1894. 



134 HO.MINKM NON HABEO 

sofl. I grandi uomini del rinnovamento sono, a ben definirli r 
i grandi nichilisli dell' kalianita nell' Italia. Vi hanno ridotto 
al niente, per ci6 che 6 stato loro possibile, tutto il meglio 
del passato. Che cosa dunque potevasi sperare che 'succedesse 
loro, nel futuro divenuto presente ? Maggiormente che la piu 
implacabile delle distruzioni, alia quale essi rivolser l'animo r 
fu quella dell'onesta e della religiosita, sorgenti vitali di ojrni 
nobilta e virilita di carattere nelle nazioni. 

Non si finisce mai di vantare il costoro patriottismo e di 
proporre in esempio la pura idealita delle loro mire, nel dis- 
fare con ogni arte F Italia di allora, per rifare la nuova. Ma 
in fondo quell'a/farisww epicureo, che oggi serve si bene di 
maschera al patriottismo di tanti, e si piange qual piaga can- 
crenosa dell' italianita odierna, forseche non fu, pei piu di essi 
eziandio, motore precipuo e scopo concreto della idolatrata 
loro idealita? 

Ci viene a taglio, in questo proposito, di rimettere sotto- 
gli occhi de' nostri lettori una pagina dell' Italia del popolo 
dell'anno scorso, in cui con magistrale franchezza questo punto 
e illustrato. Contien essa una lezione di storia del ciclo eroico, 
che merita di essere tenuta da conto, e vale a disingannare i 
credenti nella mitologia dell' italica epopea. 

Secondo quel diario, che non conosce davvero i rispetti 
umani del sabaudismo, ne le ipocrisie de' moderati, la liberta, 
Puguaglianza, 1'indipendenza e 1'unita della patria furono baie 
e parole, create per abbindolare il volgo. L' idea, soggiun- 
geva, ch' e presieduta ai destini della rivoluzione italiana, che 
P ha resa trionfante in un tempo relativamente breve, e stata 
quella del vantaggio immediato di tutte le classi che vi pre- 
sero parte, ma specialmente della classe quattrinaia. 

La fede del Mazzini, il valore del Garibaldi, il coraggio 
dei combattenti furono meno di nulla, rincontro all'oro che si 
agognava. Costoro rimasero sempre eroi idealisti, finche nor* 
si mosse la falange dei pratici, dei realisti. Or quando prin- 
cipio questa a muoversi ? 

Fu soltanto quando apparve che F Utopia poteva diven- 



lloMIV 

mm reaha, e 1 < i- ;ilt;i si poteva magnifieament' tra-lurre 
in un giro (faffari allastan/a roMsili'n>voli: os>ia, diventare 

iaiMciito di forza e di potenza per una casa re^ ma- 

teria di spcculaziono per i hanchipri, p-r gli appaltatmi. u r li 
aggiotatori, gli usurai, i cacciatori d'impieghi; cagione di 
IIKTO per i trafticanti, i hottogai, i rivenduglioli ; di soddisfa- 
zione personale ai collezionisti di ginjzilli, di blasoni, di coin- 
nit-nde, di gran cordoni e di altri simili quisquiglie, che sol- 
ieticano la vanita d'un gran numero d'uomini: fu solo allora 
che i ben pensanti si sono messi tutti insierae a gridare : 
Viva! a battere lo niani, a spronare gP inerti, ad eccitare i 
Cimidi, a solleticare Tamor proprio degli amici. Cosi fu fatta 
r Italia. 

Fatta che essa fu, per Tamore purissimo della suddetta idea- 
Jitfi, e compiutosi il ciclo eroico della sua formazione, tutti, segui- 
tava lo scrittore: Si precipitarono come uno sciame di corvi 
nella mensa imbandita : in breve, da un capo all'altro d' Italia 
si fecero affdri nel senso pin losco della parola : i lavori pub- 
lilici, le ferrovie, i porti, i canali, le grandi gallerie, le for- 
nitiiro dcllo Stato, divennero oggetto di sfruttamento per 
tutti questi patriotti, che flngevano non avere nel cuore, se 
iion 1' idealita deir Italia risonante di continue sulle loro 
la hbra *. 

I discendenti non sono stati degeneri dai padri. I nichi- 
listi del ciclo eroico hanno prodotti, nel paese liberalesco, gli 
annichilati dei nostri giorni; annichilati nella fede, annichilati 
nrlla probita, annichilati nel credito, annichilati nella scienza, 
annichilati nella letteratura, annichilati in ogni virtu religiosa, 
morale, civile e militare; gli annichilati incapaci di dare un 

no solo di vaglia alia patria, la quale vanamente lo im- 
plora, gridando al vento: Hominem non habeof 

V. 

Cosi questa Italia, o moglio questa moltitudine di anni.-hi- 
lati in ogni bene e, come Giobbe, giacente nello sterquilinio 

1 Num. dei 2-3 marzo 1893. 



136 HOMINEM NON HABEO 

della sua miserabilita, dirigesse il lamentevole grido a Chi lo 
diresse il fortunate paralitico, dalle cui labbra essa lo prende. 
Quel pover' uomo lo fece udire la, sull' orlo della probatica 
piscina, a Colui che e verita e vita ; e n'ebbe, in preraio, per 
risposta, il Surge et ambula, levati e cammina, che egli solo 
poteva dirgli e fare che si effettuasse ! Prima per6 s' intese 
chiedere, se avesse la volonta d'essere risanato : Vis sanus 
fieri? 

Per buona sorte non e lontano da questa Italia chi ne tiene 
le veci, e puo fare che ella pure si rizzi e camraini. II male 
pero e, che essa non ha punto voglia di tornare in salute. 
Quante volte 1'augusto Uomo, che possiede il tesoro del Dio 
che ha rese sanabili le nazioni, non le ha dal Vaticano diman- 
dato il Vis sana- fieri del Salvatore ? Quante volte anzi non 
1' ha esortata ed eccitata a consentire ? Quante, per di piu, non 
le ha offerta la salute e non 1'ha pregata di accettarla? Mai 
tuttavia non si e essa piegata all'assenso. Preferisce intristire 
nel suo annichilaraento e perirvi, al guarire per opera di chi 
rappresenta la verita e la vita, ed ha a se vicino, sedente nel 
grerabo stesso della Penisola. 

Se non che questa, che si da per Italia, che nel deserto 
invoca 1'uomo il quale la salvi, e ripete YHominem non ha- 
beo lungi dal Papa e piuttosto contro il Papa, non e dell' Italia 
vera se non il flagello, il vitupero ed il tormento. Or voglia 
Iddio che la sua irrimediabile miseria serva alraeno di am- 
inaestramento efflcace a quella porzione di gente, la quale 
non ancor abbastanza e persuasa, che i supposti grandi uo- 
mini della rivoluzione non sono stati se non grandi annichi- 
latori della patria : giacche da essi e dalla impresa loro e 
venuta alia patria la perdita di ogni bene morale, economico 
e sociale, e la impossibility che vi si levi un uomo, il quale 
dalP abbiezione la rialzi. Ne lo avra mai, finche non si acco- 
stera pentita al Padre Santo dei popoli, e gli dira col figliuol 
prodigo : Pater, peccavi ! 



DEGLI H1TTJM HETHEI 

E DELLE LORO MIGRAZIONI 



RU'EHCHR DI ARrHEOLOGIA RIRLH'O ITALICA 



SOMMARIO: La cronologia nella questione de'Traci e de'Frigii. Opinione 
del D'Arbois, del Perrot, dell'Abel, del Dnncker, di Leonardo Schmitz 
e de 1 due Rawlinson. Si discutono coteste opinion!. Di visiono delle genti 
deirAsia Minore fatta da Erodoto da Eforo, in barbare e greche, e 
Qonseguenze che ne derivano. II Tomaschek e i popoli dell'Orieote 
Ellenico. Dati storicl e tradizionali riguardanti i Frigii e gli Armeni. 
Erodoto e le piu celebri migrazioni de'popoli. I Frigii sono popoli 
primitivi dell'Asia Minore. Analisi del passo di Erodoto intorno la pe- 
dizione de'Teucri e de'Misii in Europa, donde segue cbe i Frigii, ab 
origine, erano asiatici. II Perrot e i Frigii d'Omero. II Perrot e la leg- 
genda di Nannaco e del diluvio frigio. 



IX. 

Se i due occhi della storia sono la geografia e la crono- 
logia, quando Tun de'due non ha lume, forza 6 che lo sto- 
rico incespichi e la verit storica ne soffra danno. Sventura- 
t;ni'nti 4 jr i difensori dellYmaniti do'Traci, do'Frigii, de'Misii, 
de'I);ird;nii, ii>'Hitinii e della loro migrazione primitiva d'Mu- 
ropa in Asia, non d'Asia in Europa, Tocchio della cronologia 
iionch.'' rischi;irarli, diede loro il barbaglio. Imperocche, n'l- 
I'indiiirnre Tordine e la successione de'tempi in che le migra- 
zioni de 1 popoli primitivi intervennero, scambiarono e confu- 
col prima, i ritorni con le andate, i nomi geo&rm- 
fi.-i -(,n \\ etnici. Ondecho gli antichi, ei inodf>rni che li se- 
piu o mono inconsidoratameotei perpotuarono nella 



138 DEGLI HnTIM IIKTHKI 

storia, nell' etnologia e nella filologia error! jjrin-isMmi. Ye- 
niamo alle prove ed esponiamo primieramente e con bre\ 
le loro sentenze. 

II Sig. D'Arbois intitola il . 3 della sua Trattazione de' Traci : 
Les Phrygiens el les Bithyniens sont une colonie thrace venue 
tfEurope en Asie vers Van 1500 av. J. C. Due, secondo lui r 
furono le migrazioni de' Traci d' Europa in Asia. La seconda 
si \uo\ datare dal VII secolo incirca, avanti G. C. A questa 
allude Xantho quando parla di Frigii venuti d'Europa in Asia 
dopo la guerra troiana. Cotesti Frigii traci erano Treri o Cim- 
merii, costretti a fuggire davanti all'invasione Scitica. La prinia 
migrazione sarebbe avvenuta, secondo 1'Autore, quando Dar- 
dano, flglio di Giove e d'Elettra, si parti di Samotracia e r 
mandate da Cadmo, venne a Teucro pelasgo, Re di Troia. 
Verso il 1400 a. G. C., segue 1'Autore, i Frigii, o Dardani r 
fanno parte della confederazione hethea nella guerra combat- 
tuta sull'Oronte contro Ramesse II. Ma nel 1450 la Troade fu 
conquistata dagli Assiri che vi fondarono la capitale Ilio. Detto- 
che queste date sono approssimative, conchiude esser nondi- 
meno certi i punti seguenti : che cioe i Frigii son Traci ve- 
nuti d'Europa a stabilirsi nell' Asia; che Frigii e Traci d'Ku- 
ropa parlarono la stessa lingua; e che cotesta lingua era indo- 
europea e del gruppo europeo ! . 

II Perrot, nella sua Storia delVArte nelV Antichitd, 2 , trat- 
tando de' Frigii e dell'eta in che migravano d' Europa in Asia, 
osserva che al tempo della guerra fra gli Hethei e Ramesse II r 
la migrazione de' Frigii non era peranco avvenuta, perciocrh<> 
nel novero de'popoli della confederazione hethea i Frigii n<m 
vi son nominati. Tutto, egli dice, conferma questa ipotesi. Gli 
lonii furono presto, e per molte vie, in relazione col gruppo 
principale onde la nazione frigia si componeva, e che Iasci6 
il suo nome alia parte dell' altipiano compresa fra il corso 
medio dell'Halys, le sorgenti del Sangario e quelle del Mean- 
dro. Ora la tradizione ionica, quale fu conservata da' pin an- 

Op. cit., p. 276, 277. 

1 PEBROT, Eistoire de I'Art dans I'Antiquiit. Vol. V La Phrygie. 



tidii smttoii, non conobbe una data si alta dclla venuta 

lig, mriitiv Xantho .11 I.i.lia ie 1- tril.i'i frigie 

ondussero d'Europa in Asia dopo la guerra troiana. S 

cmtrario, afferma die vi si tragittarono prima della 
guen-M tn>iaiia. Erodoto non indica il qnandu della migrazione 

1'raci nella ponisola. Conchiude finalmente il Perrot, per la 
non grande antichita de' Frigii, de' Misii e de'IHtinii, da ci6 che 

luno Miittore antico li chiamu autottoni o primitivi abi- 
tanti doll'Asia Minoro. I Frigii poi appartenevano certaraente 
alia fanuVlia ariana come ne fa fede il loro idioma : Les Phry- 
gians appartenaient cerlainement a la famille aryenne.... On 
pourrait presque considdrer leur langue comme un dialecte 
grec *. II Perrot dunque conviene in tutto col D'Arbois, salvo 
nella data della migrazione, che questi pone verso il secolo XV, 
ed egli poco prima della guerra troiana. 

II Duncker, nella sua Storia dell 'Antichita 8 , non ammette 
la migrazione de 1 Frigii e degli altri popoli dianzi rammemo- 
rati, dair Europa in Asia, e pur, concedendo la parentela tra 
l-'ri{*ii ed Armeni, sostiene che le migrazioni de' Frigii, Misii 

itinii debbano spiegarsi in senso \nverso, d'Oriente in Oc- 
cidonte, d'Asia in Europa. Se nomi e tradizioni identiche ci si 
]>:vsentano in Frigia e in Tracia, si e perche le tribu, alle 
quali appartenevano Frigii e Traci, venendo dalP Est, lascia- 
roiio dapprima una colonia in Armenia; un secondo gruppo, 
Frigii, Misii e liitinii si sarebbe stabilito nel Nord-Ovest del- 
1* Asia Minore; poscia avanzando sernpre piti verso Occidente, 
il ^rosso della nazione avrobbe valichi gli stretti, e si sarebbe 
in tutta la contrada che sta di mezzo fra il Danubio e 
il mare Egeo 3 . II Perrot censura questa sentenza del Duncker 

ie contraria a pressoche tutti i testi antichi e alia gene- 

credenza dell'antichita. Nota poi che siffatta opinione fti 
sta prima da Otto Abel nella Real-Encyclopedie del PAULY 

:\KKI.OMIN, p. 57, articolo Phryges, dal quale il Duncker 

1 Op. cit, p. 3, 4. 

DUNCKER, Gttchichte der Alterthums, T. 1. 
Op. cit, T. 1, p. 388 della 4 ed. 



140 DEOLI HITT1M HKIIIKI 

la tolse. Ma 1'Abel, seguita a dire il Perrot, non dk neppur 
una sola ragione seria in conferma del concetto ch' egli si e 
formato di questa migrazione. I pochi passi d' autori ch'ejjli 
cita in suo favore, si riferiscono ad eta bassa '. 

Ma se 1'Abel e il Duncker non recano, come si persuade 
il Perrot, nessun buono argomento in sostegno della loro opi- 
nione, conviene dire altrettanto di Leonardo Schrnitz, il quale, 
trattando de' Frigii nel Dizionario di Geografta greca e ro- 
mana 2 , combatte con gli stessi* argomenti la migrazione dei 
Frigii dall' Europa in Asia, comeche non dissenta dalla co- 
mune opinione per cio che risguarda la stirpe de' Frigii e 
degli altri popoli ricordati, e ch'egli ritiene affini a' Greci. Le 
prove dello Schrnitz che ne il D'Arbois ne il Perrot potreb- 
bero accettare, perche contraddicono alia priorita da loro pro- 
pugnata. delle migrazioni frigie d'Europa in Asia, le ricorde- 
remo piii inanzi. 

Giorgio ed Enrico Rawlinson, quegli nelle note alia sua 
versione d'Erodoto, e questi nelle Appendici alia versione, ri- 
guardano come al tutto improbabile Topinione d'Erodoto, d'una 
primitiva migrazione dp' Frigii europei di Tracia nell'Asia mi- 
nore. Ammettono soltanto un ritorno de' discendenti de' pri- 
schi Frigii asiatici, stabiliti in Europa, alle terre abitate dai 
loro maggiori. It is not at all likely that the entire Phry- 
gian nation, as Herodotus and Xanthus (Fr. 5) seem to have 
thought, proceeded from them (cioe, from Briges or Bryges 
d' Europa). Rather, they must be regarded as colonists of the 
Phrygians 3 . II Maggior-Generale Enrico Rawlinson, parlando 
delle prime migrazioni de' popoli indoeuropei, pone 1'altipiano 
d'Armenia per punto di partenza delle varie tribu ond'e co- 
stituita la famiglia ariana. Quelle che si volsero airOccidente, 
erano i Frigii, i Lidii, i Licii, i Pelasgi ed altri. Tutti costoro 
scesero dapprima neH'Altipiano dell'Asia Minore, s'insignori- 
rono di tutto il paese sopra il Tauro, e in certe circostanze 

1 PERKOT, Op. cit., p. 3, nota. 

* SMITH, Diction, of greek and roman Geogr. a. v. Phrygia. 

3 Hist, of Herodotus. Vol. IV, p. 67, n. 10 della 4 a ed. 



B DBLLB LORO 141 

penetrarono nHla sua parte meridioiiale, donde a van/;, 
semprc attraverso I'Mllt^ponto e le/ isole, <laH'A>i.i tr.-ipaaia- 
rono in Europa, dove divennero forse i primitivi culoni i 

da c delPItalia '. Anoh> questo dottissimo Assiriologo pensa 
che i Frigii parlarono idioma ario, come i Pelasgi che per 
lui sono greci. Nega pero che gli Anm-ni sieno una col- 
di Frigii, dichiara 1'opinione di Erodoto su questo punto, ill 
poco valore; perciocche egli, quando trattasi di colonie, cade 
non rade volte in errore come, a cagion d' esempio, allorchfc 
fa gli Etruschi una colonia di Lidii, e poi perch6 non ebbe 
se non scarsa notizia degli Armeni : The statement of Hero- 
dotus, that the Armenians were colonists of the Phrygians 
(HERODOT. VII, 73) though echoed by Stephen... is not perhaps 
entitled to great weight... and his acquaintance with the Ar- 
menians must have been scanty 8 . 

Da questa succinta esposizione delle opinioni degli antichi 
e de' moderni si par chiara la difflcolta del problema che ab-, 
biamo davanti; conciossiache gli autori non sieno concordi 
nfe tra loro nfe con sfe stessi, e mentre affermano senza pr 
una cosa, la disdicono poscia, senza addarsene, con un'altr;*. 
dimenticando nella quistione particolare ci6 che le fa contro 
quando questa sia considerata ne' fatti e nelle ragioni gene- 
rali donde dipende e con cui strettarnente 6 connessa. Ed in 
vero, quando il D'Arbois ci mostra i Frigii nell'Asia Minore 
verso il XV secolo e ve li fa venire dalla Tracia, dovrcbln- 
puro iiidicarci il donde, il come e il quando dll:i vt-nuta <li 

sti Traci e Frigii in Europa. Lo stesso obbligo ha per^noi 
il Kawlinson allorche ci discorre delle migrazioni degli Arii 
dalfaltipiano dell' Armenia, nell'Asia Minore e in Europa. Quali 
.i;ino i popoli dell'Asia Minore, di che schiatta e donde 
nuti prima delle immigrazioni degli Arii? Come risulta dall' 
iscrizioni assire, flno al VII secolo tra la Media 1'Halys nun 
v' pur anco ombra di Arii 3 ; se percin i Proto- Armeni 

1 Op. oit Vol. I. Essay XI, p. 689. 

1 Id. ibid. p. G~7. 

SAYCE, The Ancient Bmpiret of the Batt. App. IV, p. 424- 



I i, DEGLI HITTIM IIKTHKI 

A 

>.>iio Arii, lie ario ne semitico e il loro idioma, come e ma- 
nifesto per le iscrizioni di Van '; se un ramo principale dei 
Proto-Arnmni, a giudizio del Sayce, souo gli Hethei; se final- 
inente, secondo lo stesso autore, la potenza e Testensione di 
queste genti su tutta 1'Asia Minore e gia al suo colmo fra il 
XV e XIV secolo, dal tempo di Thutimes III flno a Ha- 
messe II 2 , con che diritto ci si puo parlare di Traci, di Fri- 
gii, di Dardani, di Misii e di Bitinii europei ed arii nell'Asia 
Minore ? Come si puo dar tanta parte di essa a cotesti popoli 
europei-arii venuti di Tracia, al tempo stesso che tutta la si- 
gnoria deirAsia Minore & in mauo della confederazione he- 
thea, e i nomi di Misii, Dardani, Iliesi o Meonii e Licii sono 
uomi de' confederati degli Hethei, e per cio loro affini o al- 
meno uniti per vincoli di religione e di linguaggio? Che gli 
antichi storici ed etnografl non seppero quasi nulla di popoli 
e di fatti tanto lontani da loro di luoghi e di tempi, come gli 
Hethei del XV secolo, sono scusabili ; che i moderni di poco 
piu di mezzo secolo addietro, quando le iscrizioni egizie ed 
assire erano ancora mute, si trovarono, per rispetto agli He- 
thei ed alia loro storia, nelle medesime condizioni degli an- 
tichi, di leggeri s'intende; ma che ora, dopo quanto si e ri- 
saputo de' popoli hethei da' monument! loro e dalle iscrizioni 
egizie ed assire, non se ne tenga quel conto che pur si do- 
vrebbe, neU'etnografla dell' Asia Minore, e cosa certameute non 
meritevole di encomio per un etnografo dell'eta nostra. 

Ma se il Perrot non puo ammettere la data del D'Arbois, 
perche nel secolo XV i Frigii non erano migrati ancora d'Eu- 
ropa in Asia, come si ricava dal non farsene menzione nella 
lista de' popoli confederati del Re degli Hethei contro Ra- 
messe II ; e d'altra parte, perciocche troppo bassa, deve riget- 
tarsi la data del VII secolo; su qual foudamento storico o 
tradizionale asserisce egli lo stabilirsi de' Frigii presso le sor- 
genti del Sangario e del Meandro verso il X secolo 3 , se al 



1 Op. cit. p. 425. 
* Op. cit. p. 420. 
1 PERBOT, op. cit. p. 247. 



'HO Mil.' 143 

i|i>ii;i LTuerra troi lie prima, yi 

iltarito pri'.^i. ! > >rL.'-'Mti <!'! 

all' Il:il\ - '. Prianm ill. T. IN'.) si riconla u ausiijare 

de' Frigii contro le Amazzoni; ><! Asio, avo di Kttoro, fratello 
<li KciiNa f lij_ r lio di l)imant<> altitava la Frii:ia presso le COr- 
renti del Sangario (II. II. 717. Dimqtie i Frigii, per la t- 
monian/a <li OIII.MO, gia sono da due secoli in ([uei luo^hi l 
due seeoli dopo li inanda il Perrot. 

I.'argomento poi incsso innanzi dal Perrot contro la data 
del IVArbois, cio^ dire la inancanza del nome de" I-'ri^ii nel 
novero de 1 confederati degli Hethoi, non prova ch'essi, nel la 
opinione del D'Arbois e sua, non fossero ancora venuti d'Ku- 
ropa in Asia verso il XV secolo. Imperocche i Fri^ii ben po- 
tevano esser compresi sotto il nome d'un'altra gente come p. e. 
sotto quello de' Masu (Mysii), co' quali gli antichi talora li con 
fusero; o sotto quello de' Meoni (Iliuna o Mauna) che souo i 
l.idii, ed ancor questi spessissimo son detti Frigii; ovvero, li- 
nalmente, il poeta Pentaur li designo ne' popoli che venivano 
in aiuto del Re degli Hethei, fin dal Mare ultimo, ciofe <lal 
mare chiuso fra le rive deU'Ellesponto, della Propontide e k-l 
Ponto Eussino. Ora una delle tre Frigie fu I'Ellespontica. 

In altro sforzo del Perrot, nella presente quistione, si 6 
quello di ribassare piii che puo, 1' antichita de' Frigii, non 
dando importanza alle leggende conservateci da Erodoto, da 
Arriano e da altri, nfe peso a' passi degli autori che 1'asseri- 
scono, perciocchfe costoro sono d' epoca bassa. Rispondiamo 
che da quanto si fe detto delle primitive migrazioni de' popoli 
daH'Arinenia nell'Asia Minore, fra' quali erano i Frigii CT6* 
duti sempre atlini degli Armeni, ed anche talvolta scambiaii 
gli uni con gli altri, l'antichit& de' Frigii sarebbe gib pari a 
quella de' piu antichi popoli dell' Asia occidental, pari, per 
conseguenza, a quella degli Hethei, la quale risale a* piu lun- 
tani seeoli che la storia ricordi, a quelli cio6 di Sargon I, 
detto 1'Antico. Ed in vero Erodoto ed Eforo, 1'uno sotto il ri- 
spetto politico e 1'altro sotto 1'etnico, ci diedero contezza del 
>li che ab antico occuparono e abitarono 1'Asia Minore. 



144 DEOLI HITT1M HKTHI I 

La difforonza fra Erodoto ed Eforb nell' enumerazione di 
testi popoli e lieve e se ne conoscono le ragioni. Diamo Tuna 
a conlronto dell'altra. 

Nazioni dell' Asia minore dentro VHalys 

ERODOTO EPORO 

Cilicii Cilicii 

Panfllii Panfllii 

Pisidii 

Licii Licii 

Caunii Troiani 

Milyi 

Carii . . . . '; W v >. ; -ytf Carii 

Lidii *;-. 

Misii v'VV.. V ; . Misii 

m ( Tinii i 

Traci Bitmn 

( Bitinn j 

Mariandini . ...;'... Mariandini 

Paflagoni Paflagoni 

Calibi li&rl ^.V'.^ I ;'. V'v' Calibi 

Frigii '*i .'/. :f . y ( i'l'i '... -\ Frigii 

Eolii Eolii 

Greci lonii (1 : ; '.' '. Greci lonii 

Dori Dori 

Eforo venuto un secolo dopo Erodoto, cosi scrive: L'Asia 
Minore 6 abitata da sedici schiatte; tre delle quali son gre- 
che, il resto barbari, per non ricordare certe stirpi miste che 
non sono ne Tuna ne 1'altra. Le stirpi barbariche sono le se- 
guenti: Sopra la costa, i Cilicii, i Licii, i Panfllii, i Bitinii, i 
Paflagoni, i Mariandini, i Troiani, e i Carii; neir interne, i 
Pisidii, i Misii, i Calibi, i Frigii ed i Milyi. 

Ci<S premesso, noi ragioniamo cosi. II qualiflcativo di bar- 
bare che Eforo appicca, dalle greche infuori, a tutte coteste 
genti, compresi i Frigii, deve fondarsi su qualche fatto, ov- 



B DELLE LORO MIORAZIONI 145 

.1 su qualrh' 1 ir;nli/ione antica trasmcssa negli scritii d'au- 
eh.- viasero prim;i 1* Kforo, o flnalmcntc ila Kioro stesao 

rolta dalla viva voce di quelle genti ch' egli chiania bar- 

n/Hcli.' hi migrazione di popoli dalla Gre< -ia n>l- 

Minore, non rinumtamlo ad un'alta rtj, .<! essendo piu 

'<, iiiciitre quelle de' barbari erano antiohissiiiu* d'oM-ura 
origine, ben pote Eforo distinguere fra gli abitatori deir.\>ia 
Minore, e riconoscere facilmente che, salvo le poche grnti 
greche, tutte le altre, cioe le prische, le originarie od indi- 
gene erano le barbariche. Ora barbaro pe' Greci equivale a 
non greco, a straniero; le genti dunque che Eforo chiama 
barbariche nell'Asia Minore, per distinguerle dalle tre greche, 
non potevano essere genti arie, mercecche non sarebbero al- 
lora barbariche, ed Eibro avrebbe distinto malameute ira Greci 
e Barbari, quando gli uni e gli altri fossero originariamente 
arii. Laonde i Frigii, posti da Eforo fra le genti barbariche 
drll'Asia Minore, non sono arii, ne vengono d'Europa in Asia, 
poiche vi furono indigeni. 

L'Asia Minore, delta vagina gentium barbararwn, fin dal- 
Teta pii remote che potremmo anche dir mitiche, rirersava 
I 1 onde de' suoi popoli sulla Grecia, suir Italia e sovra una non 
piccola parte dell' Occidente. Poscia nel giro de' secoli, quest! 
stessi popoli dalla Grecia, dall' Italia e da altre terre d' Occi- 
dente, ritornavano alia madre patria, ma non quali n' erano 
usciti, si misti per idioma e per sangue, d'elementi stranieri 
od europei. I Frigii, i Misii, i Dardani e tutti gli altri popoli 
che vanno sotto il nome generico di Traci, sono appunto co- 
tali. Dal non aver fatto ragione di questi elementi misti, che 

ovevano ronsiilerare e studiare con la scorta della crono- 

A , 

logia, si dichiarano Europei di stanza ed Arii ili stirpe e di 
lin^uai. r i- r i<> popoli che di stanza, di stirpe e di linguajjgio fu- 
rono ab origine Asiatici. 

II Siir. Tomaschek in una conforenza fatta a Vienna ' e h- 1 
xil. K.-inach ci ha compondiato nella sua dotta Cronica 

li le Mittheil. der antkrop. Get. in Wic*, Sitzungtb., 1892, p. 1 
segg. 

XV, vol. X, fane / 10 9 *prU 1894. 



146 DEOLI HITT1M HETHEI 

d' Oriente l , trattava deiretnografla generate dell' Oriente el- 
lenico, prendendo per guide la glottologia e la craniologia, 
due guide utili quando si sieno adoperate prima le altre due 
raaggiori e al tutto necessarie, la storia e la cronologia. Noi 
qui non intendiamo discutere sulle conclusion!, alle quali egli 
giunge, ma vogliamo solamente notare quali sieno, secondo 
lui, i popoli indigeni o aborigeni dell'Asia Minore. Tali per lui 
sono i Lelegi e i Licii affini tra loro; i Carii, i Pisidii, i Li- 
caonii e i Licii, parenti anch'essi. I Frigii sono Europei-Arii 
divenuti asiatici, gli Armeni similmente Arii. II Tomaschek 
sta dunque per 1' arianita de' Frigii e degli Armeni, la quale 
cerca di provare dalla lingua e dall' esame comparativo del 
cranii d 1 Asiatici e d'Armeni fatto dal Sig. de Luschan. Cotesti 
cranii erano di struttura brachicefala omogenea. Ma gia nella 
penisola dell' Hemo, gli Armeni erano, senza dubbio, brachi- 
cefali, perciocchfe i Rumeni, discendenti de' Traci loro vicini, 
oggi sono brachicefali. All'argomento del chiarissimo autore, 
tolto dalla lingua, cioe da certe desinenze di toponimi, rispon- 
deremo appresso; all'altro, fondato sulla craniologia, non vo- 
gliamo rispondere, perche nessun uomo sensato passera buone 
le conseguenze che I'autore tranquillamente trae come certe, 
da premesse non solo disputabili, ma storicamente e crono- 
logicamente negabili. Argomentar da' cranii brachicefali dei 
Rumeni odierni, a' cranii degli Armeni preistorici che Tautore 
suppone Traci dell' Hemo, prima della loro venuta in Asia, ci 
sembra un volere scherzare o favoleggiare e non altro. Cio 
che avrebbe dovuto fare il Tomaschek, era provare il fatto 
storico di una primitiva origine e sede degli Armeni e dei 
Frigii in Europa. Ma finora ne egli ne gli altri tutti che di- 
fendono I'arianita degli Armeni e de' Frigii e la loro origine 
europea, non I' hanno provato. Esaminiamo rapidamente alcuni 
dati storici e tradizionali riguardanti Frigii ed Armeni. 

Erodoto, discorrendo nel libro VII delle piu celebri mi- 
grazioni di popoli, ricorda quella di Serse, degli Sciti contro 

1 SAL. REINACH, Chronique d'Orient 1892, 11 semestre, N. XXVI, p. 37, 
38 dell'Extrait. 



B DELLB LORO I ONI 

\tridi o.ntra Ili<>, in tillimn p.m.- l.i 11: 

ie de' T Mi>ii. > \.-mita j.i-i: mpi tr 

ndo essi per il Hosfuro M iragittarono in Kuropa, dove 
tntti i Traci, di>ivsero lino al man- lonio, e pene- 

"iio oltraccio verso iii-//.<'L:i<>rno sino al flume I'cneo *. I 
Misii, i Lidii (Meonii) e i Carii. -.ni- sappiamo dallo stesso 

<loto, erano popoli ailini 'd axwano in coinum- il t.-mpio 
li (iiove cario. I Teucri erano Pelas;i, chiamati T.-ucri da 
'1 '-aero Pelasgo, Re di Troia, lii, r lio di Scainaadro e della ninfa 
Ida, t -io che vuol dire native di que 1 luoghi, indigeno. D'altra 
jiirt- Mi>ii, Lidii, Teucri cioe Troiaui, sono afflni de' Frigii, 
come questi degli Arinoni, flu da tempi antichissimi e prima 
(l.-lla guerra troiana. 

Da questi dati che ci fornisce la tradizione classica, noi 
possiamo trarre a fll di logica, le conclusioni seguenti. I Frigii 
e gli Armeni primitivi, loro iratelli, sono aborigeni doll'Asia; 
pTciocche Eforo li chiama Barbari in opposizione agli Eolii, 
Jnii e Dorii che son Greci venuti d'Europa in Asia dopo i Iiar- 
1-ari. 11 Perchfe i Frigii sono afflni di altri popoli aborigeni 
dell'Asia e detti anch'essi Barbari da Eforo, come Misii, Carii, 
Troiani, Lidii ed altri. Ill Perche tutti i popoli piu antichi 
t!-irAsia Minore, anche prima del secolo XV, formavano gii 
lart della Gonfederazione hethea, nella quale devono neces- 
sariamente comprendersi i Frigii sotto il nome d' una delle genti 
ailini della coiii'oderazione, siano Dardani, Misii, Meonii, Troiani 
od altri che si denomineranno poi Bitinii e Paflagoni. 1\'" Per- 
- li''i la provenienza originaria de' Frigii dall'Europa non e di- 
inostratii con argomenti validi, a' quali non si possa rispon- 
dere ; al contrario, vi si risponde con argomenti inoppugna- 
bili. V Perche se vera fosse quella provenienza, lal-s.- >areb- 
l)'T(j lo ailiuita de' Frigii con le genti aborigene doll* Asia Mi- 
uore e dell' Armenia preistorica, genti barbarichf, oioe non 
greche, non arie, laddove i Frigii sono Arii Europei, d.-tti 
a IK ho da' loro paladini, Greci or ientali; ci6 che e in contrad 

1 HKBODOT., VII, XX, LXXV. 



148 DEQLI fflTTlM HETHKI 

dizione manifesta co' dati cronologici, storici e tradizionali da 
noi dianzi allegati. Imperocche di veruna delle tant i jj^nti 
asiatiche afflni de' Frigii, si dice che migri primitivamente di 
Europa nell'Asia Minore, ma Lelegi, Carii, Misii, Teucri, Licii, 
Lidii ed altri dalla loro patria primitiva si vanno a cercare 
nuove stanze nell' isole, e ne' continenti europei. Di che segue 
ineluttabilmente, o che i Frigii non sono afflni di cotesti po- 
poli, ci6 che e contro tutta la tradizione classica ; o che la 
loro provenienza originaria dall' Europa, come 1'arianita loro, 
e, senz'altro, una falsita storica, come non poche altre, le quali 
pur si perpetuano non solo ne' libri di storia scritti per 1'uni- 
versale, ma quel che piii monta, in quelli che di proposito 
trattano le quistioni etnografiche de' primitivi abitanti dell'Eu- 
ropa, ovvero ci ammaestrano sull' arte de' Frigii, de' Lidii e 
de' Licii nell'antichita. 

Ritorniamo intanto alia famosa spedizione de' Teucri e dei 
Misii in Europa che Erodoto dice avvenuta prima de' tempi 
troiani : rcpfc xwv TpwixQv Yevdjievov: che fu fatta peril Bosforo: 
Starves? (Teucri e Misii) i$ TTJV EOpu>7C7)v xata B6o7wpov: e che 
in essa furono sottomessi tutti i Traci : TOUS ie Bpfyxos xaTeotps- 
^avro Ttavxas *. La frase di Erodoto : prima de' tempi troiani, 
e vaga e indeterminata; ma segna peraltro, con certezza, un'eta 
piu o meno lunga, anteriore alia guerra troiana, la quale, come 
si ammette comunemente, ed anche dallo stesso D'Arbois, fu 
combattuta nel 1200. Dunque la spedizione de' Teucri-Misii do- 
vette intervenire fra il XII* e il XV secolo, perciocche il 
D'Arbois mette la migrazione de' Frigii d' Europa in Asia ver- 
so il secolo XV. Lo stesso dotto Autore afferma parimente 2 
che i Frigii, arrivando nella Troade, vi trovarono stabilita la 
stirpe pelasgica de' Misii, (i Masa de' monument! egizii) : Les 
Phrygians arrivant en Troade, y trounerent etdblie la race 
pelasgiqve des Afysiens, Muso'i (les Masa des monuments 
egyptiens). 

Se le cose stanno cosi, ecco quel che noi opponiamo alia 

1 HEHODOT. VII, XX. 
1 Op. cit. . 3. p. 269. 



i: 1-1 M.K LORO MIQRAZ1 140 

i d.'l l)'Arl.ois. I Frigii, per luj, sono Traci e veiigon 
li Tr;u-ia in Asia verso il secolo XV ; dtinque priina di 
sto tempo non v'erano. Dopo questo temp", i'r:i il secolo X\ 
e il XII , abbiamo, da una parte, la signoria degli Hethei !' 
lasgi nella Troadc, il cui He phi antico e U Pelasgo Teu 
e la pin forte cd antica geiite sono i Pelasgi Misii; e, dall'al 

abbiamo una celebre spedizione di Teucri di Misii, cioe 
di popoli hethei-pelasgi contro tutti i Traci di la dal Hostbro; 
e per6 ancbe contro i Frigii, perche i Frigii, giusta il I/Ar- 
bois, sono Traci. Dunque la migrazione de' Frigii dalla Trac-ia, 
neirAsia Minore, verso il secolo XV , e cronologicamente inam- 
missibile. 

Ma se cotesta cronologia del D'Arbois e in opposizione coi 
f'atti qualora si applicbi ad una migrazione frigia d' Europa 
in Asia, essa e, al contrario, probabilissima e quasi diremmo 
certa, se venga assegnata ad una migrazione irigia d'Asia in 
Europa. linperocche la tamosa spedizione de' Teucri-Misii in 
Europa sarebbe appunto la prima migrazione degli Hethei-Pe- 
lasgi d'Asia in Tracia, perche, come gia opinava T Heine ! , la 
Tracia fu la prima contrada, dove, movendo dall'Asia, anda- 
rono ad abitare i Pelasgi. Ora i Fi igii erano una stessa gente 
co' Teucri-Misii, loro consanguinei ; la diversita e solo ne'nomi 
che prende in varii tempi la comune patria, ora di Teucria 
d ora di Dardania, di Misia, di Frigia, di Troica o di Troade. 
I Frigii sono tanto antichi nella Troade, quanto i Misii ed i Teu- 
cri, e sono ricordati nell' Iliade come gli altri popoli abori- 
geni delKAsia Minore. 11 trovarsi dunque il nome de' Frigii, 
liiiM-ticainente modiflcato, e quello de' Misii fuori dell' Asia Mi- 
nore, nella Tracia, nella Macedonia e altrove, conferma la spe- 
di/ioiie la migrazione de' Teucri-Misii, co' quali s' identificaiio 
i Fiigii. 

II perche, quando si parla presso gli antichi storici e geo- 
grafi, de' Frigii Traci o Macedoni, si deve intendere dellc co- 
lonie foudate in Tracia e nella Macedonia da' Frigii deU'A>i;i 

1 HEINE, Nov. Comment. Soc. Ootting., T. L p. 81; in notit ad Horn. 
T. IV. p. 4. 



r>< DEGLI HITTIM HKTHF.I 

Minorc, i quali facevano parte della spedizione ricordata da 
Erodoto. II simile si dica de' Misii e delle colonie che 
questo nome fuori dell'Asia. 

Se la spiegazione che abbiamo data, non si voglia 
tere dal D'Arbois, dal Perrot e dagli altri, gl'inconvenicnti 
che ne seguono sono gravissimi, come si e gi veduto per 
1'opinione del primo e si vedrk ora per quella del Perrot. 
Questi ci vuol far venire per la prima volta i Frigii d'Europa 
in Asia verso il secolo X. Ma ben conoscendo egli che i Frigii 
sono gi& ricordati da Omero neiriliade, come vicini e alleati 
de' Troiani, il che ci riporta al XII secolo, prende, per uscir 
d'impaccio, il buon partito di spiegar queste date, dicendo che 
presso i Greci non si voleva essere in contraddizione con 
Omero, come da noi per lungo tempo, chiunque trattasse di 
sloria antica si dava, innanzi tutto, pensiero di trovarsi d'ac- 
cordo con la Bibbia ebraica. Si ammise dunque che i Greci 
d'Agamennone, quando sbarcarono sulle coste d'Asia, s'incon- 
trarono co' Frigii ch'erano gi signori d'un vasto territorio. 
Ma neppure per gli antichi, i quali ammettono quel che Omero 
dice de' Frigii, la costoro migrazione dalla Tracia risale troppo 
alto, ne si perde nell'oscuritk di tempi favolosi. Strabone si 
contenta di affermare che le tribu frigie entrarono nell'Asia 
prima della guerra troiana *. 

L'illustre storico deWArte neU'Antichitd avrebbe dovuto 
provarci, con qualche argomento probabile o verisimile, che i 
Greci volevano seguir Omero in tutto, anche in quelle cose 
ch'eglino stimassero false e contrarie alia storia e alia cro- 
nologia. Noi, per converse, crediamo che TautoriU\ d'Omero 
fu grande e rispettata da' Greci, perciocche egli era il piu 
antico, anzi Tunico storico di quelle remote eta, le quali di- 
consi delle leggende, mentre vediamo a* di nostri che molte 
di quelle leggende omeriche si convertono in vere storie. La 
similitudine poi, che 1'Autore toglie da coloro che, scrivendo 
fra noi di storia antica, curavano nel tempo andato, di non 

1 Op. cit. p 6. 



E i>' I.M 

. .rdar pmitn dall.-i Hibbia, semhra aroennare rh^ o^r 
cos;i rente o non s.-imtiii, ;i, trattandosi di storia, il'.r 

per la Hibbia lo stosso rispetto. Certamente .pji-stn secolo, 
sMntitola ihilhi s-iMiza, dalla critica, da' lumi, conta ormai iii 
raolti che diconsi dotti scionziati, i quali non hanno rr><lnt<> 

ssario d'andar d'accordo con la Bibbia; rhp anzi si sono 
sforzati di coglierla in fallo. Questo e un fatto. Ma tin altro 
fatto e ancor questo, che i loro sforzi sono flnora riusciti vani. 
Omero e la Bibbia, scrivpva Salomone Reinach nelle sue im- 
pareggiabili Croniche d'Oriente, sono due vecchi libri che flni- 
scono sempre per aver ragione. 

Nelle dur> leggende che riguardano 1'antichita de' FriL r ii, 
quella di Nannaco, e quella de' fanciulli fatti allevare da I'sain- 
iii'-tico, narrataci da Erodoto, il Perrot non scorge nulla di 
storico e percio non ne fa verun conto. Noi possiamo conce- 
dere al Perrot, senza difficolta, che la leggenda di quel vec- 
chio re di Frigia, assomigliato a Noe, sia per la lunga eta e 
sia per il diluvio, contenesse de' dati favolosi; ma quel che 
meritava chiamar 1'attenzione del Perrot, si e la connessione 
delle due leggende con una sola e medesima contrada, la Fri- 
gia. La contesa per 1'antichita e fra Egizii, Frigii e Paflagoni; 
e il diluvio, con Nannaco, e in Frigia. perche, trattandosi 
d'eta remotissime, vien fuori il nome di Frigia piuttosto che 
quello di un'altra regione? L'arca di Noe posava, dopo il Di- 
luvio, sulle montagne dell' Ararat, dove piu tardi vi trovammo 
i Minii od Armeni; e sappiamo, d'altra parte, che Frigii ed 
Armeni erano consanguinei. Qual meraviglia, dunque, che la 
tmdizione del Diluvio e di Noe passasse modificata e stravolta 
d' Armenia in Frigia in tempi antichissimi e in Frigia si p<-r- 
petuasse? Che in tempi storici la primitiva leggenda armeno- 
frijzia, oscura e confusa, avesse altra importanza nel 11 secolo 
dell'Era nostra per 1'influenza del Cristianesimo, non e argo- 
mento contro la sua origine antichissima, si bene una conferma. 

II lettore, che ci ha fin qui tenuto dietro, si sara di leggeri 
persuaso della difflcolta d'un problema, che antichi e moderni 
sciolsero in modo diverse. Chi fa venire i Frigii d'Europa in 



DEGLI HITTIM O HKTIIKI K DKI.I.K LORO MIGRAZIONI 

Asia prima, e chi dopo la guerra troiana. Questi li dicono bar- 
Itnri e aborigeni dell' Asia, quegli Traci e di stirpe come di 
lingua Arii. Altri li vogliono discendenti degli Armeni, altri, 
viceversa, veggono negli Armeni una colonia di Frigii. 
abbiamo asserito Tantichit5 de" 1 Frigii, la loro parentela ori- 
ginaria con gli Armeni, e 1'abbiamo provata indirettamente, 
confutando le opinioni contrarie. Ma restano ancora due que- 
stioni, alle quali dobbiamo rispondere; Tuna si e quella della 
lingua de' Frigii; Taltra, molto piu importante e non trattata 
flnora se non superficialmente, e quella de' Traci d'Europa 
e d'Asia. Imperocche, stando alfautorita degli antichi, cotesti 
popoli ci si rappresentano sotto gli aspetti piu diversi e con- 
trarii. Antichissimi quanto gli Hethei-Pelasgi, e di et relati- 
vamente bassa; civilissimi e maestri di civil ta agli stessi El- 
leni fin daH'origine; e barbari, selvaggi, sanguinarii da che si 
ha notizia di loro nella storia, fino a' tempi romani. Nel pros- 
simo articolo tenteremo, secondo il nostro potere, di rischia- 
rare alquanto queste tenebre traci con la.fiaccola, che ci ha 
finora guidati, della tradizione e del raziocinio. 



PRESENTI DELIA POLONIA 



II. 

LA POLONIA PRUSSIANA. 

I Polacchi sotto il Governo prussiano sooo due inilioni 
nel ducato di Posnania e Prussia occidentale. Lo stato di 
e inolto peggiore di quello dei Polacchi austriaci. II Governo 
protestante di Prussia, sebbene si e obbligato col trattato di 
occupazione 1773 di tollerare e proteggere la fede cattolica 
e nazionale polacca (statu quo), non di meno fa di tutto per 
germanizzare e far protestante il ducato di Posnania, e gi 
ha in gran parte ottenuto il suo scopo. I Polaccbi sono stati 
sempre ritenuti per nemici dello Stato, e solo da due o tre 
anni per il nuovo corso d' idee , il Governo e lo stesso 
Imperatore (iuglielmo II sono per loro un po' piu benevoli, 
essendo pero le leggi eccezionali rispetto ai Polacchi serapre 
in pieno vigore. 

E cosi, durante il Culturkampf (1872-87) piu di tutti ha 
sofferto il ducato di Posnania. L'arcivescovo Ledochowski, i 

i-ovi Janiszewski e Cybichowski, piu alcuni dei canonici e 
nove decani e una quantita di preti sono stati carcerati insieme 
coi galeotti da uno a ventisei mesi. Anche i secolari piii zelanti 
nella fede pagarono una grossa multa; gli Ordini reiigi<i 
furono soppressi; le sole suore di carita son rimaste; i semi- 
narii e coilegi sono stati chiusi. 

Solamente nell'anno 1887 fu restituito alia sede arcivesco- 
vile in Posnania il sup pastore, e si riaprirono i coilegi in Po- 
snania e Gnesna ; ma nessuno degli Ordini regolari torno piu 



l.M DELLE CONDIZIONI I'HI->; 

tra i Polacchi sotto la Prussia, perche il Governo richiede che 
essi sieno tutti tedeschi ; la popolazione cattolica e quasi tutta 
polacca, e percio la mancanza del clero si sente assai. Invece 
quasi in ogni borgata o paesello, dove sono alcune decine 
<li protestanti, il Governo alza loro chiese e colloca pasto- 
ri. Non e neppure permesso a un prete forestiero predicare 
o dare missioni per il popolo o anche aver dimora fissa in 
queste contrade. E quel po' di bene che si fa, si opera sol 
di nascosto ; perche, ove il Governo ne fosse informato, il sa- 
cerdote sarebbe espulso immediatamente. 

Neppure gli Ordini femminili hanno il permesso di pene- 
trare nella Polonia prussiana. II numero del clero parrocchiale, 
giacche altro non vi e, arriva flno a 1200; esso si distingue 
per la sua istruzione, per il suo zelo ed illibato spirito eccle- 
siastico; e dotato sufflcientemente di beni e percio si presta 1 
volentieri a soccorrere i suoi parrocchiani e le sue chiese. Le 
parrocchie sono in alcuni luoghi di soli Polacchi, altrove miste 
di Polacche e Tedesche; nella Prussia occidentale havvi al- 
cune parrocchie puramente tedesche, come al contrario in 
Warmia, dove anticamente la popolazione cattolica era tutta 
tedesca, vi sono adesso un trenta parrocchie che si possono dire 
solamente polacche. Nelle parrocchie miste e nelle tedesche le 
prediche si fanno in lingua tedesca e il Governo insiste molto 
su tal argomento, volendo che quell' idioma si usi anche nelle 
parroochie polacche. 

I Polacchi prussiani non hanno nessuna universita propria 
e sono obbligati a mandare i loro figli a Berlino, a Wratis- 
lavia e a Konigsberg. II Governo si vale di tutte le scuole 
normal! e popolari come di efflcacissimo mezzo per germa- 
nizzare i Polacchi; tutti i libri ed anche il catechismo sono 
in lingua tedesca, e poco fa era persino vietato insegnare ai 
, bambini leggere e scrivere in polacco; ma, come abbiamo 
saputo dal Reichsanzeiger, il Governo permette due ore alia 
settimana la lingua polacca ; pero questo non e di obbligo, bensi 
facoltativo. I maestri e gl' ispettori delle scuole normali e popo- 
lari sono pressoche tutti tedeschi e in parte protestanti, i quali 



155 

neppure sannoparlare coi bambini nella loro lingua, ep< 
sono pure maestri della religione, perchfc ;ii pn-tj eattoli 

at<> i|u'st'iiillcio; insomnia il maestro soltanto ha da inse- 
gnare nelle scuole la dottrina cristiana, ed al parroco e serbato 
per grazia Pinvigilarnu 1'andamento. 

Dippiu il Governo ha fatto opera continua e sollecita -h 
i bambini si preparassero nelle chiese alia prinia confessione 
e alia comunione in tedesco; ma il clero cattolico vi si e op- 
posto assolutamente. In somnia il Governo prussiano ha sempre 
aviito la mira a fare anche della Chiesa un istrumento \ 
vole a rendere i Polacchi in tutto tedeschi e per tal modo 

ifinarli anche al protestantesimo ; ma, salvo poche ecce- 
zioni, il clero cattolico resiste valorosamente agli sforzi del 
mi'dosimo. Nel calcolo del sistema governativo per ispopolare 
la Prussia dai Polacchi 6 un continuo e rigoroso allontanarli 
dagli uflicii e cariche pubbliche, in modo che tutti gF impie- 
ghi primarii sieno occupati dai soli tedeschi e sovratutto pro- 
testanti; i piu piccoli posti secondarii qua e la sono occupati 
ancora dai Polacchi, e questi ora neppure sono ammessi per 
qualsiasi posto vacante. Poichfc la lingua governativa, ammi- 
nistrativa e legislativa in tutte le istituzioni dello Stato t s la 
tedesca, fc facile immaginarsi qual impiccio e difficolta vi sia 
per i poveri contadini polacchi che non la sanno. Tutti i piu 
intelligent! Polacchi, esclusi dagli ufficii governativi, si sono 
rivolti alPavvocatura e alia medicina e non pochi al commer- 
cio; di guisa che in ogni citta e borgata s' incontrano parec- 
chie hotte<rhe tenute da polacchi e i negozii loro son fre- 
quentati e protetti dai connazionali. 

Fortissimo colpo al polonismo nella Prussia hanno dato due 
leggi eccezionali antipolacche decretate nella dieta prussiana 
n. -I 1886, proposte ad impulso del Bismark. La prima fu Pes- 
pulsiono di .''.(MMM) Polacchi emigrati dalPAustria e dalla Rus- 
sia; Paltra, la legge intorno alia colonizzazione, la quale legge 
ha destinato cento milioni di marchi alia compera delle terre 
che sono nelle mani dei Polacchi, per servire alle nuove colonie 
e e protestanti. Ambedue queste leggi sono in vigore 



156 DELLE CONDIZIOM I'RKSENTI 

e si sono eseguite man raano sino ad oggi senza veruna in- 
terruzione. 

Fra i Polacchi espulsi v'aveva persino molti che, nati in 
Russia e soddisfatto agli obblighi militari prussiani, non gode- 
vano ancora diritto di cittadinanza. Di questi cento milioni di 
march! gia si sono spesi 54,310,332 e si sono ricomperati con 
tale somma dalla nobilta polacca 75,376 ettari. In queste terre 
si sono collocati 1587 coloni, fra i quali noveransi soltanto 
130 cattolici. Alcuni paesi, come quello intorno alia citta di 
Gnesna, dieci anni fa ancora affatto polacchi, al presente sono 
gih quasi tutti tedeschi. Acquistati che sieno i terreni, il Go- 
verno ne fa parti e forma di esse tante colonie, le quali si 
popolano di colonisti tedeschi a ponente dell'impero, i piti di loro 
protestanti. Si fabbricano loro le chiese, le scuole, e si ricolmano 
di ogni sorta di soccorsi e di favori. Simili favori speciali 
del Governo sono riservati per i grandi proprietarii tedeschi, 
i quali dal gran ducato di Posnania hanno gi cacciato la meta 
della nobilta polacca; cosicchfc di sei milioni di ettari di terra, 
ne rimangono ora solo 2,500,000, come proprieta della nobilta 
polacca, il restante, cioe 3,500,000, gi& sono passati nelle mani 
dei protestanti tedeschi. Questi appena entrano in possesso del 
terreno, mandano via gli operai polacchi e li sostituiscono 
colla gente tedesca. Accanto alia chiesa cattolica s'innalza su- 
bito la protestante, e cosi ad un tempo si propagano germa- 
nismo e protestantesimo. 

Oltre a questo male, vi e pure che la popolazione polacca, 
oppressa dai Tedeschi nella Prussia occidentale e nel gran 
ducato di Posnania, cerca nelle altre parti deirimpero, nel 
Brandeburgo, in Sassonia, in Westfalia ed altrove, lavoro e 
guadagno nelle offlcine e manifatture, per modo che ogni anno 
vi sono circa 200,000 emigranti, e nella sola Berlino contansi 
40,000 lavoranti polacchi. Questi, privi di sacerdoti cattolici, 
fuori dell'ambiente nazionale, costretti dalle condizioni e cir- 
costanze a contrarre matrimonii misti, ed in contatto colla 
corrotta popolazione di si grande citta, flniscono col perdere 
la fede, la virtu e i buoni costumi. Solo in B6chum (Westfalia) 



DELLA POLONIA 

1 1:111 no un sacerdote cattolico, Tabbate Liss, allievo del collegio 

germanico di Roma; egli solo lavora instancabilmento per 

iti polacchi e da loro missioni ; per la qual cosa deve 

e condurre del preti dalle parti lontane. Anche i par- 

ii tedeschi fanno lo stesso la, dove sono inolti Polacchi 
nelle fabbriche ; ma tutto questo e una stilla d'acqua jrittata 
nel mare. 

Cosi per diverse vie penetra il germanismo e il protestan- 
tesimo nella Polonia prussiana, e Pelemento polacco gia per 
In-- terzi espulso insieme coU'elemento cattolico, si appoggia 
solo sopra la nobilta polacca, la quale, per cumulo di inali, 
diininiiisce rapidamente. Ogni mese parecchi terreni diven- 
tano, per via d'asta pubblica, proprieta dei Tedeschi; ancora 
un 30 o 50 anni e non rimarra che un numero assai scarso 
di proprietarii grandi ; rispetto poi ai piccoli, essi spariranno 
per cedere il posto ai Tedeschi. 

La povera popolazione del contado, senza Taiuto della no- 
bilta, benche secondata dallo spirito zelante del clero, deve 
nondimeno cedere agli sforzi e alle mene del germanesimo 
protestante. E non e questa una esagerazione. I nobili polac- 
chi insieme col clero, sebbene quest'ultimo per essere meno 
ricco non possa adoperarsi quanto vorrebbe, fanno si che la 
popolazione conservi ancora pura la sua fede. Spenti questi, 
tutto il peso cadrfc sugli omeri del solo clero che non potrft 
certamente sostenerlo. Oggi abbiamo in Posnania una societa 
scientifica polacca, un teatro polacco, due grandi giornali: Ku- 
ryer Poznanski (Corriere di Posen) cattolico per eccellenza, e 
Dziennik Poznanski (Giornale di Posen) cattolico liberate ; 
I".i una gazzetta popolare ottimamente compilata, il Wielkopo- 
lanin (Gran Polacco). Oltre di questi si pubblicano alcuni pe- 
riodici locali e di provincia. Tutto cio si fa principalmente a 

se della nobilta polacca. Ora se essa nobilta venisse meno, 
come pur troppo e a temere, anche il bene da lei mantenuto 
;iiilrflibe in rovina con quel danno e quella perdita per la 
(.hiesa che ciascuno pu6 agevolmente congetturare. 



158 DELLE CONDIZIONI PRESI.MI 

I..i Polonia prussiana non ha affatto rautonomia: dar<- 
borgomastri sono nominati sempre dal Governo, il qual<- 
suoi consiglieri provincial! (Landrathe) e commissarii distret- 
tuali s' intromette da per tutto e s'impaccia di tutto. Nella diota 
di Prussia a Berlino sono da 15 a 19 deputati polacchi, e dovreb- 
bero essere, secondo la proporzione della popolazione polacca, 
piu di venti. Le relazioni del popolo col Governo sono lut- 
t'altro che amichevoli; si ubbidisce, si osservano le leggi, si 
va agli ufflcii, perche si e costretti; ma non corre fra loro 
quella fiducia e buona armonia che e in Galizia. Ne puo es- 
sere altrimenti, perche ogni pubblico ufflciale prussiano si 
stima apportatore d' incivilimento (Kulturtrager), non gi& un 
cittadirio del paese, essendo affatto alieno dalla societa polacca, 
diffldente e diffidato. Vi e forse qualche eccezione, che ha 
luogo, quando qualche magistrate tedesco stringe amicizia 
colla nobilta e per mezzo di essa sa cattivarsi il popolo. 
Bisogna per6 confessare che i suddetti ufflciali sono molto co- 
scienziosi nell'adempimento dei loro doveri e giusti con tutti ; 
percio rispetto all'ordine e alia sicurezza pubblica Tammini- 
strazione prussiana e esemplare. 

Le condizioni flnanziarie dei proprietarii, si polacchi come 
-tedeschi, sono egualmente triste. Da gran tempo esercitano 
agricoltura con arte e percio molto costosa. Frattanto i prezzi 
del grano, dello spirito, degli animali domestic! e simili sono 
assai bassi, e la vendita molto difficile, e ci6 non di meno bi- 
sogna pagare operai e tasse coi contanti. Inoltre quasi ogni 
terreno ha sulla ipoteca qualche debito della banca fondiaria. 
Percio ogni entrata si converte per forza in rate bancarie; 
e questa e la vera e principale ragione per cui tanti proprie- 
tarii polacchi negli ultimi anni sono stati costretti di venders 
le loro terre e cosi crescere il numero delle colonie. 

II clero sta bene a sostanze e a patrimonio e meglio che- 
non i proprietarii; ma ancora fra questi ultimi abbiamo un 
bel numero di persone riguardevoli, specialmente nelle citta,. 
alle quali si possono annoverare i ricchi mercanti. 

I contadini poi, quantunque aggravati da enormi tasse,. 



one e in ;<! uni luoghi sono persino a- 

giati; ma quelli che non possiedono la t-rra e stanno in sul>- 

.iilitto ed a giornata, benchft lavorino o sieno pagati hone, 

in ijuasi siMiipr* tina muuerosa famiglia e dovi-ndo spen- 

per i viveri che costano assai, sono poveri e a stento ti- 

i, i MM avanti. Per quanto sieno sollecitati dalla iuis'ria, pure 

si arruolano al socialisino; perchS sono religiosi e buoni 

lici; vi pern qualrhe eccezione per le iahhrii-h> d'll* 

iiii citta, come Posnania, dove il socialisino ha trovato al- 

<Mini aderenti fra i lavuranli polacchi; ma, ripetiamo, cusa da 

50 j il Inndainento religiose e le cure assidue del clero cat- 

lolico ne li distolgono. 

III. 



LA POLONIA RUSSA. 

La Polonia russa contiene due terzi dell' antica repub- 
Uica polacca; conta ora dieci milioni di Polacchi cattolici ro- 
inani e da sei a sette milioni di Ruteni, i quali a' tempi della 
monarchia polacca erano cattolici greci ; oggi pero son rite- 
initi <lal Governo per scismatici. Hisogna qui accennare che 
le province dell' antica Polonia, Lituania, Podolia, Wolinia ed 
I'kraina, sono state assorbite dall' impero Russo come paesi 
riacquistati , e solo quella parte della Polonia, che fu 
ibrmata dallo (!zar Alessandro I nel congresso di Vienna (1815) 
sotto il nome di regno di Polonia, 6 chiamata general mente 
Polonia russa. Essa aveva siuo all' anno 1831 la sua costitu- 

ne, i proprii rninisteri ed utticii, il tesoro e 1'esercito na- 
/ionale, e lo Czar di Russia ne era re; al presente di questa 
]iar/ialita del regno congress! vo di Polonia non 6 rimasta 
traccia. Divisa in governi (dipartimenti) o ainniinistrata asso- 
lutaiii'Mite dal Governo imperiale di Pietroburgo, il cui rap- 
presentante 6 il Governatoru generale di Varsavia. 'rma 

to il nuovo e forzatu noun- di Priwislanahij Kraj 
se situato lungo la Vistola, iiumc principale di Polonia), 



160 UKI.LK CONDIZIONI PRES 

una semplice provincia russa, come la Lituania, Podolia, A\ 
linia ed Ukraina. 

Oggi in questa parte della Polonia russa abbiamo - 
diocesi, ciofc 1'archidiocesi di Varsavia e le diocesi di Kielce, 
Wloclawek, Lublino, Sandomiria, Plocko e Sejny. II clero pa- 
rocchiale, giacdife tutti gli Ordini religiosi maschili e fern mi - 
nili sono stati soppressi dopo 1'anno 1863, eccettuati i PP. Pao- 
lini in Czenstochovia e le suore di Carita, conta un 2000 per- 
sone. Esso rimane sotto speciali leggi di polizia, ed dotato 
modestissimamente dal Governo, che ne ha conflscali tujti i 
beni. 

Rispetto alia religione, vi sono sette milioni di cattolici, ai 
quali sono vietate le missioni popolari, tutte le associazioni 
cattoliche, la devozione al Sacro Cuore e quella del cosi detto 
Rosario vivo. 

Una gran parte, quasi la raeta, delle possessioni polacche 
e passata per via della conflsca dell'a. 1831 e dell'a. 1863 nelle 
mani dei Russi. Quelle che sono rimaste in proprieta della 
nobilta polacca, benchfc aggravate dalle tasse e contribuzioni, 
e nonostante le difficolta agrarie, sono abbastanza fiorenti, e 
in generale sono ben coltivate e amministrate. Le Industrie, 
come la fabbricazione dello zucchero e altre, sono quasi sem- 
pre nelle mani dei forestieri : in A r arsavia per6 e nelle graiuli 
citta i mercanti e la borghesia si danno alle industrie, e se la 
passano bene. 

La carriera governativa, come nella Polonia prussiana cosi 
anche nella russa, & chiusa ai Polacchi, i quali sono costretti 
a cercare il pane nell'avvocatura, nella medicina, o negli ufficii 
privati di commercio e d'iudustria. 

II clero si istruisce nei seminarii diocesani, invigilati rigo- 
rosamente dal Governo ; uno di questi seminarii in Kielce e 
stato chiuso 1'anno scorso. Varsavia ha la propria universita 
con tutte le facolta ; ma 1' insegnamento e i professori sono 
russi, il qual sistema si 6 applicato in tutte le scuole private 
e governative, ginnasiali, reali (commerciali) e popolari, ove 
il numero degli scolari 6 ristretto. Non vi esistono scuole 



DELL A POLo 

II.' sni.il,' popolari il sao-rlot.- < ;itt..li.- ( , Q 
<|ii;isi milla. 

.ipa p.ilar.-.i e sottopovfa alia <vrisiira prevent 
iiiiKMio in Varsavia alibianio molti prrioili'-i 
ill tiitt.- I.- s.-i.'fi/.- ol arti; pin, divcrsi ^iornali e gazzette pro- 
vinciali, e in generate il iiioviiutnt<> <k-lla stampa f> l.-ll. 
opere letterarie e scientifiche e molto grande. 

l.i pnpi.la/iorn' .l-'l contado in .pianto alP istnmotie IMMI- 
ewero material. 4 sta peggio che in Prussia; il vi/io ilir ul- 
l.i i.K-li.'//:) inijioveris.-.' i gii povcri contadini, e il giu<l'. in- 
sienr 1 coll' 1 tasse assorbisce quel poco di guadagno o di lrutt< 
ri.-avato dal campo. Tuttavia il socialismo non ha trovato tra 
la popolazione polacca acco^lienza, tranne qualche ecc / 
tra i lavoranti delle grandi citta. 

La IJtuania, sottodivisa in quattro governi, amministrati 
dal governatore generale di Vilna, tbrrna un'altra prtivim-i.i 
dolP impero Russo. Esso ha due diocesi, in Vilna e in Kovno. 
I i verse centinaia di preti parrocchiali non possono bastare 
per oltre due milioni e mezzo di cattolici lituani poJacchi ed 
un po' di tedeschi ; due seminarii ecclesiastici non possono 
sniHcientemente rinforzare il clero parrocchiale. 

I,a Lituania, non ha nessuna universita ; le poche scuole 
sotto la direzione scismatica russa accettano un numero fisso 
e limitato di scolari ; gik di scuole cattoliche e polacche non 
e a parlare ; non esistono. La stampa polacca non v* e in 
Lituania, a cominciare dall'anno 1863. Basti dire che non -i 
puA nemmeno stampa re un calendario in lingua polacca. 

II calendario Giuliano e stato introdotto da un secolo in Li- 
tuania dal Governo russo, che a scopo di progresso 1' ha re#o 
obbligatorio anche negli ufflcii e nelle scuole della Polonia 
i. N.'l resto le condi/ioni Hnanziarie e politiche sono tnii, 
quali erano nel regno congressivo di Polonia. 

La Podolia, Wolinia ed Ukraina costituiscono tre goveroi, 
nniti insieme in una provincia sotto Tamministrazione del gr>- 
vernatore generale di Kiovia. 

Priiua vi erano la tre diocesi, ma dall' anno 1866 ve rf ^ 

8tri4 XV, vol. X, fate. 1052. 11 



162 DELLE CONDIZIONI rHI.M.MI DELLA POLO MA 

una sola in Zitomiria, dove 600,000 cattolici hanno 250 sacerdoti 
e un seminario. In Kiovia e 1'universita, la cui direzione, come 
delle altre scuole, e come in Lituania, e assolutamente russa. 

Oltre le tre summentovate, vi sono nell' impero Russo altre 
due diocesi; la prima e 1'arcidiocesi di Mohilew, la cui residenza 
e in Pietroburgo. A questa e unita 1' antica diocesi di Minsk 
nella Russia bianca, soppressa arbitrariamente dal Governo 
nel 1869; poi la Finlandia, la Livonia, 1'Estonia e tutta la Rus- 
sia settentrionale ed orientale, insieme colla Siberia, contano 
circa 200 preti e 800,000 cattolici. II clero riceve V istru- 
zione nel seminario di Pietroburgo, ove e pure un'accademia 
ecclesiastica cattolica, una scuola superiore per il clero catto- 
lico^ della Polonia russa e della Russia medesima, che pu6 
concedere i gradi accademici ai sacerdoti. 

L' altra diocesi in Tiraspol del governo di Saratow acco- 
glie tutti i cattolici sparsi nella Russia meridionale dalla Bes- 
sarabia ed Odessa fino al mar Caspio. Ha un proprio semi- 
nario e conta 200 sacerdoti e 240,000 cattolici fra i quali 41,000 
Polacchi. 

L'arcidiocesi di Varsavia colle sei diocesi del regno di Po- 
lonia forma una provincia ecclesiastica, mentre 1'arcidiocesi di 
Mohilew, colle quattro altre diocesi (Vilna, Kowno, Zitomierz 
e Tiraspol), forma la seconda provincia ecclesiastica uell' im- 
pero Russo. 

II dipartimento dei culti stranieri amministra tutti gli affari 
della religione cattolica nel regno di Polonia e nell' impero, 
il cui direttore ha la sede in Pietroburgo ed e un russo scis- 
matico; poi vi e nella stessa citta, sottoposto a quel diparti- 
mento, il Collegia cattolico in cui presiedono Tarcivescovo 
di Mohilew come presidente e dodici delegati eletti dai capi- 
toli delle dodici diocesi del regno e dell' impero. Procuratore 
di questa istituzione e un ufflciale pubblico dello Stato, dipen- 
dente dal Ministero dell' interne. 

Queste sono le condizioni della Polonia prussiana e russa, 
avendo esposte quelle della Polonia austriaca nel quaderno 
precedente a pag. 45 e seguenti. 



BELLA SCUOLA INDUSTRIALS 

I PRINCIPII ETICI E LE CONSEGUEN/K 



Una questione! Avete esposto e criticato i principii otici, cbe 
erano seguiti quaranta e cinquanta anni fa, dalla scuola in- 
dustriale. Ma il raondo delle idee e dei principii non e sta- 
zionario: esso progredisce ancbe in qucsta parte ed a passo 
non lento. La scuola industrial*; classica dei nostri giorni non 
ha ella forse mutato opinione intorno ai principii etici? Co- 
testa quistione merita di essere disciolta. 

I. 

Se la scuola classica industrials presente professi o no in 
etica i principii dei suoi primi maestri. 

La soluzione della presente quistione non pu6 essere altro 
che affermativa. 

II primo argomento ci viene fornito da un discorso di .1. 
Schield Nicholson, presidente delle sezioni di scienza econo- 
mica e di statistica e professore nella university di Edimburgo. 
II qual discorso fu da lui tenuto nella sessione del 1893 in 
Nottingam. In esso egli afferma, bensi, che vi ebbero screzii, 
di opinion! ira economisti, essendosi altri appigliati al metodq 
storico-statistico, altri al mutcinatiro, ed altri a diversu in 
di opinare intorno ad alcune quistioni, ma so. r giunge 
testi dissident! tornano agli insegnanienti il'Ila scuola rlassi 
iri(lu>tri;il.'. E revocate in memoria le fondi-' il-l!" ^inith e 
degli altri economisti del medesimo stainpo, pon itti 



1C) i m.LLA SCUOLA INDUSTRIAL!: 

hanno escluso dai loro conflni e gli scogli e le mobili arene 
dei campi brinati della sociologia generate, ed i verdeggianti 
pascoli della morale e della religione ': e che 1'antico postu- 
late della scienza economica si e: in qual raodo si rendano 
ricche ed opulenti le nazioni? Comment rendre les nations 
riches et oputentes 2 ? e non altro. Vedremo a suo luogo, che 
lo Smith in materia religiosa e andato piii la di questo postu- 
late. II quale, contenendo il divorzio assoluto della scienza eco- 
nomica dalla morale, non e che una storpiatura. 

Una prova piu recisa di cotesta affermazione- ci da il De 
Molinari in un suo libro uscito, non e guari, per le stampe 3 . 
Egli e corrispondente dell'Istituto delle scienze, sta a capo della 
redazione del Journal des dconomisies ed e di penna feconda 
nello scrivere di economia politica. La sua autorita non pu6 
mettersi in dubbio. Or, nella lunga introduzione del libro qui 
citato, svolge in modo spiccato la teorica del Quesnay con- 
fezionata con un po' di evoluzionismo. Ecco in sunto i punti 
piu capitali. 

1. Ci fa comparire nel mondo 1'umana specie imbrancata 
cogli altri animali. Ma non dice motto della sua origine, ne 
accenna punto, se essa provenga da un solo o da piu ceppi. 
Va in cerca di alimenti, come le bestie sue compagne, e mol- 
tiplicatasi s' intruppa e scorrazza non altrimenti che i cavalli, 
i buoi ed i bisonti, e giace in uno stato di animalild. La sua 
ragione e come spenta. 

2. In qual modo si e ella appresso allumata? Convien sapere 
che il regno animalesco e retto da due leggi: economia di 
forze e concorrenza, e che queste sono messe in giuoco dal 
timore del patire e dal piacere. Havvi pure un'altra legge la 
quale si e, che le specie inferiori servano di pasto alle superiori. 
L'uomo e pure soggetto a cotesto ordinamento della natura. 
Dal patimento della fame e dal piacere di acchetarne col cibo 
le brame, eccovelo con tutti gli animali messo in moto : indi 

1 Journal des iconomistet, livr. de F6vrier 1894, pag. 220. 

* Id. ibid. 

s Notions fondamentalcs d'fconomie politique etc. Paris, 1891. 



I I 

I' ini/i.. l.-ll,-i mix-. mrij.io per Pab- 

!\-ri eh*' otrM-iv;i l;i madiv natur:-. "*so, 

moltiplicatesi le specie, e diminuendo in pari tempo il j 
imtnraK flla si accese e divampo spvialm.>nte tra gli uornini 
e gli :iniin:ili rarnivori. NHla lirra lott;i i primi non ossr-ndo 
inuniti m s di denti, IK'' <ii unirhioni, rimaneano al disotto dri 
secondi. Ma buono per essi, che se la concorrenza dicea lor 
m;le nei conflitti, disse molto bene per altro Into. No illumino 
le intelligenze, quinci le prime scintille della industria, la mi 
iiHTce provv.'dutisi di anni per la offesa e per la difesa, vin- 
sero la prova con grande economia di forze e d' individui. 
Primo passo dell'iiti!*' industriale. 

:;. \.'l con versa re noi veg^iamo diversi tipi di uoinini. ' 
i-h." 1 altri ritrfiggono del leone o della tigre ed altri invece 

jano al bue, ;vl cavallo ed alia ingennith deH'agnello. Non 
altrimenti accadeva ed a pin forte ragione in quei tempi pri- 
initivi, .- ci.'. con ijran detrimento di qnelli di natura piA mansa 
nelT urto della concorrenza fra gli stessi uomini. E qui altro 
beneflzio. I dammeno, frngati dagli incessanti e malamente 
soddisfatti bisogni, ebbero la calata di nnovo luine in capo. 
Sotto il cui raggio fatta comunanza, si diedero aU'allevamento 
degli animali di facile sommessione, ed alia coltura del suolo 
con loro grande utile e profltto. Ma che? quelli di natura piA 
leroce continuando la caccia degli animali e degli uomini, 
assalivano e disertavano or questa or quella delle nascenti 
piccole comunita, e quindi la civilth nei suoi primi albori in 
sse appariva e scompariva inflno a che un nuovo trovato 
ebbela assicurata. Eccitata dalla faticosa concorrenza cogli al- 
tri animali la parte selvaggia si a wide, merce la osservazione 
6 la esperienza, che mettea conto seguire 1'esempio della part^ 
industriosa. Onde invece di macellare gli uomini predati fe' di 
essi altrettanti schiavi e miseli a coltivare il suolo, conti 
nuando essa per impulso della sua feroce natura nei mesti 
d.-lla caccia. Eccovi Torigine della schiavittl, e colla schiavitu 
Ja civilta salvata. 

to premesse si pu< % > costituire il processes dc la 






1(56 BELLA SCUOLA INDUSTRIALS 

civilisation e 1'ordine cronologico, secondo il quale nacquero 
e si svilupparono le scienze, specialmente la politica e la 
morale. La prima mossa venne dal bisogno. Da questo ebbe 
origine la prima adunanza degli individui. Ma questo non 
bastava. Afflne di ottenere 1'effetto di un massimo di utilitk 
si richiedea, che la loro unione in comunita fosse disciplinata. 
Le migliori intelligenze si misero all' opera di trovarne il 
modo o 1'arte, e scoprirono alia fine probablement par I'obser- 
vation des soctetes animates, che ci6 consisteva nella istitu- 
zione di un governo stabile coll'incarico di ordinare e di 
dirigere le forze combinate dell'associazione. E cosi la scienza 
e 1'arte della politica fu scoperta dall'uomo sotto il nobile 
magistero degli animali. Era cio ancor poco. L'egoismo degli 
individui associati, spinti dalla cupidigia della propria utilita, 
potea cagionare fastidii e soqquadri alia comunanza. Era ne- 
cessario rintuzzarlo. A tale uopo si sperimentarono or questi, 
ed or quei mezzi, e conosciutosi quali riuscivano utili e quali 
nocivi, rigettati questi si fecero leggi di quelli e sotto gravi 
pene se ne ingiunse 1' osservanza. Di qui sorse 1'arte della 
legislazione e con essa rifulsero i principii della scienza del 
diritto e della morale. 

La stessa teoria viene esplicata piu ampiamente e in 
istile piuttosto confuso nel c. XI, e vi si torna su nel seguente,. 
in cui. si formola cosi 1'ultima conseguenza. II movente del- 
1' attivita dell' uomo e di tutti gli esseri, che hanno vita, si e- 
il timore del patire, e 1'esca del godimento. Or il movente na- 
turale, che agisce sull'individuo essendo quello, che agisce su 
la collezione degli individui, ne consegue, che il movente deter- 
minante 1' opera di una societa consiste neir ottenere la piii 
grande somma di godimenti colla minore spesa di sofferenza 
possibile... Sotto il lavoro dello stesso movente e sotto 1'opera 
degli stessi procedimenti (osservazione ed esperienza) eccovi 
uscire tirate a perfezione le leggi morali, economiche, penali '. 

1 Le mobile de I'activitf de I'homme comme de tout les ttret pourrus de 
vie, c'est la crainte de la soujfrance et I'appdt de la jouissance. Le molile 
de I'individu est naturellement aussi celui d'une collectivity d'individus. L* 



I ri;iN< irn ECTICl ' 

MM'tnc L'ordigno, onde use! IM-HO e confezionato l'< 
M.-inii'iitn so. -i;il.>, fl.be a component! la economia delle forze e 
Ja concorrenza quali stromenti, 1'esca del piacere quale mo- 
tore, la osservazione sperimentale quale regolatrice della ope- 
razione. 

Di qui spunta e si manifesta: 1 che la societa e originata 
<l;i un patto: 2 che la intelligenza umana fu avvivata ab estrin- 
seco: 3 che i principii dl diritto e della morale ebbero a 
fondamento la esperienza ed a scopo 1'utile: 4 che in forza 
<Mla legge della concorrenza la condizione naturale degli uo- 
uiini e la guerra degli uni contro gli altri. La quale, nello 
*tato civile odierno, sotto I'imptilso dell'utile industriale dimi- 
Ti ui di molto e cessera tramutandosi in lotta della industria. 
Non crediamo necessario dimostrare esser questo il sistema 
dt-1 Quesnay e dei suoi discepoli co' suoi principii del diritto 

"lla morale, fondati sulla esperienza ed in istretta relazione 
coll'utile. La scuola adunque industriale presente non si dis- 
l;iia punto nel suo insegnamento da quello dei flsiocratici e 
dei classici*. 

II. 

Circa la condizione e lo svolgimenio delVuomo primitive 
brevi appunti. 

Se Tuomo sia venuto al mondo soltanto per guadagnare e 
>re, o invece per altro fine, piil nobile e proprio della sua 
iKitura, si e discusso altrove contro il materialismo della scuola 
imlustriale. Ora alcuni brevi appunti intorno alia condizione ed 
allo svolgimento dell'uomo primitivo, considerato sotto il lume 
d-lla ragione. 



mobile determinant vne iocitff c'ett d'obtenir la plu* grande tomme de jouto- 
tancei et de tubir la moindre omme de $oufrancet... Let loit morale$ et ect- 
Homiquet et lei loit ptnalet te perfection nent tout I'excitation du 
mobile et par I'emploi det mtmet procfde't. Pag. 256-57. 
1 V. quad. 1050 pag. 60. 



1<S bl'.U.A M.I oI.A 1M)I SI i:l \I.K 

II ch. economista, di mi abbiamo qui su esposte le opi- 
nioni intorno cotesto punto, pone la osservazione degli ani- 
mali qual magistero, donde I'uomo trasse regole e norrne di 
vivere. Noi pure facciamo appello allo stesso mezzo. Aniimdi 
ed uomo ci sono prirna di tutto da lui presentati in istato a- 
dulto. Ed a ragione: come avrebbero potuto altrimenti vivere r 
e procacciarsi il vitto, se fossero sorti in eta piccina ? Opina 
inoltre, che animali ed uomo siano usciti dalle mani del Crea- 
tore e da lui ordinati, secondo le due leggi della economia 
della forza e della concorrenza, poste in moto dalla tema cl i l 
patire e dall'esca del piacere. Cio premesso veniamo a noi. 

Si metta in opera la osservazione accennata. Niuna specie di 
animali per impossibilita di natura non essendo salita da grado 
inferiore a grado superiore, dovettero essere tutte flno dalla 
loro origine quali noi le consideriamo al presente. Erano 
adunque gli animali dall'ima alia sornma specie, allora come 
adesso, forniti di quelle proprieta che convengono appuntino 
alia natura della specie, a cui appartengono; vale a dire, form- 1 
di corpo ed istinti. A tale specie tal cibo, tali mezzi di offesa o 
di difesa, tale maniera di abitazione per se e per i suoi nati. 
Breve, essi comparvero in su la terra forniti di tutto punto in 
cio che era richiesto dalla natura delle singole specie. N& dovea 
essere diversamente. Giacche ogni savio arteflce si studia, 
quanto sa e puo di condurre 1' opera sua con tutta quella perfe- 
zione, che si conviene a tal lavoro, disponendo forme e conge- 
gni all'uopo del fine. Quilibet artifex intendit suo operi disposi- 
tionem optimam inducere. La sapienza infinita di Dio non 
potea procedere nella opera sua in diversa maniera. Sic.igi- 
tur Deus unicuique rei naturali dedit optimam dispositionem 
secundum ordinem ad proprium finem. Laonde, come tutte 
le facolta proprie delle singole specie degli animali erano in 
pieno rigoglio, cosi dovettero essere quelle delPuomo e quanto 
al corpo e quanto allo spirito. II corpo dovette essere in istato 
di servire ottimamente alle operazioni dello spirito in eta 
adulta, suo fine prossimo, e lo spirito parimente dovette essere 
nella condizione di compiere le opera/ioni della sua intelli- 



I I'lllN. ll'll 

genza nHb ttereA l.-i conofl ft tutti q< 

L r li erano n- >i ii.Mrordin-' t.'>ri<-o, come nell'or- 

prali.-i'. Tanto si argomenta da S. Tmimiaso '. 

Chi d negasse quesla conchiusione, incespicherebbe in lu. 

ivi assurdi. 11 primo, che la sapienza divina nella opera sua 

stesse al di sotto della saviezza di qualunque artefice umano, 

il quale intraprendendo un lavoro occupn tutto sfc nel com- 

1'itTlo con quella rnassima porfi'/i>n.>. <-ho per lui si puo. li 

secondo, che la stessa sapienza, avendo creato gli animali pri- 

initivi in tutt;i la vigoria della loro natura, avesse poscia tra- 

scurato di nuiipuTrt Top^ra deiruomo nella parte piu nobi!**. 

<-hf e il suo spirito, lasciandone selvatica la intelligenza, < 

brulla di ogni vero. Non si suole operare cosi da niuna mento 

savia. (juaritn e di maggior pregio e precipuo il lavoro, a cui 

i'Ml<>. t;m(o piu grande e la cura e lo studio che vi si ado- 

pera attorno, aflinche riesca perfetto nel suo essere '. 

Torniamo alia osservazione degli animali. I primitivi, e 
essi I'uomrt, i'urono creati perchfe facessero soltanto vita 
d;i se? No: ebbero ancora Tuffizio di essere i principii gene- 
ri di nuovi esseri a se somiglianti. Doveano quindi essere 
loiniti dolhi potenza e facolt& spedita a tale incarico. II che 
importava due cose : procreare ed allevare i procreati fino a 
quel punto di fortezza, in cui essi potessero vivere da se con- 
forme alia loro natura. La esperienza ci dice, che gli animali 
piu selvagtfi e piu indomabili non vengono meno a questo 
doppio urti/io 3 . L'uomo adunque primitive dovea essere dotato 



1 Finis proximus humani corporis est aniina rationalis ad operationes 
ipcius. Materia enim propter formam, et instrumenta propter actiones ap'U- 
tis. Dico ergo quod Deus instituit humanum corpus in optima dispositione 
wcundutn convenient iam ad talem formam et ad tales operationea. Summa, 
1 1*, q. XCI, a. 3 in corp. 

1 Et quia res primitus a Deo institutae sunt non solutn. ut in seip- 
is essent, ed etiam ut essent aliorum princlpfa, ideo productae Bunt in 
ttatu perfecto, in quo possent esse principia aliorum. Loco sup. cit., q. Xt'IV, 
a. 3 in corp. 

Ea, quae principaliter intendimus, cum maiori deliberatione, et stu- 
dio consuevimus facere. Loco topr. cit., ar. 4 ad sec. 



170 DELLA SCUOLA INDISTHIALE 

non solo della facolta di procreare, ma eziandio di quella di 
allevare i flgli generati secondo le esigenze della loro natura 
razionale. Sarebbe egli stato in condizione di compiere cosiffatto 
allevamento senza la conoscenza di que' veri teorici e pratici su 
cui si fonda 1'operare umano ? Ognuno vede, che no. Era per- 
cio necessario, che possedesse tutte quelle cognizioni, che gli 
bisognavano per ammaestrare e governare i proprii figli e la 
societa, che da essi s'iniziava. Cognizioni relative ai doveri versa 
Dio, suo creatore, cognizioni relative alia moralita, cognizioni 
relative al vivere sociale ; in fine cognizione di quelle arti, che 
sono proprie a menar vita umana e non bestiale: tale era neces- 
sario, che fosse il tesoro di cognizioni unite al linguaggio, che 
e la via di trasmetterle in altri per magistero. Ma lo scibile 
ha un'imraensa cerchia. Si dovra conchiudere da ci6 che ab- 
biamo detto, che 1' uomo primitivo dovea essere dotato di si 
immenso sapere? Tanto non era necessario. Quello, di che 
abbisognava 1'uomo in opera di cognizione affine di com- 
piere Tufflzio di maestro della futura generazione, consisteva 
in questo, che egli fosse costituito dal Creatore in quel grado 
di cognizioni, nelle quali 1'uomo fatto per essere istruito. 
Queste restringonsi a cio, che virtualmente esiste nei priini 
principii per se noti, vale a dire a quel tanto, che 1'uomo pu6 
naturalmente conoscere, e non piu oltre 4 . 

Da questi due argomenti, dedotti dalla osservazione della 
condizione, in cui doveano essere necessariamente gli animali 
primitivi in se e nella loro prossima destinazione, viene escluso 
del tutto : 1 il supposto stato selvaggio, 2 la strana opinione, 
che 1'uomo primitivo abbia attinto i principii del diritto e della 



1 Et ideo sicut primus homo institutus in statu perfecto quantum ad 
corpus, ut statim posset generare, ita etiam institutus est in statu per- 
fecto quantum ad animam, ut statim posset instruere et gubernare. Non 
potest autem aliquis instruere, nisi habeat scientiam ; et ideo primus homo 
sic institutus est a Deo, ut haberet omnium scientiam, in quibus homo 
posset instrui. Et haec sunt omnia ilia, quae virtualiter existunt in princi- 
piis per se notis, quaecumque scilicet naturaliter homines cognoscere pos- 
sunt. Ibid. 



i.i 1 17t 

ilitii ilngli nnimali e dalla propria os- spe- 

i/.a. 

Ynii. r i:im>ri ora alia storia. Interrogata, per risposta essa 
<-i m.'ttc innanzi 1'Egitto e 1'Assiria. Chi non ainmira Talto 

<lo di civilta, che splendeva nell'uno e neiraltro impero? In 
tutti e due florivano le scienze, in ambedue la maestria delle 
arti toccava il colmo, in ambedue quanto si pu6 immaginare 
di grande, di magnifico, di stupendo era coriosciuto e posto 
maravigliosamente in opera. I monumenti che sovrastarono 
alle ruine e quelli che si sono a" nostri giorni scoperti sono 
la a testiflcare quanto noi asseriamo. Or questi severamente 
vagliati ed illustrati dai piu valenti egittologi ed assiriologi 
montano a decine di secoli oltre dell'era volgare, e vi mon- 
tano si da giungere al limite estremo della storia, che si co- 
nosca. Or i popoli piu antichi, che noi conosciamo storica- 
mente, comparendoci in floritissima civilta, ne segue, che senza 
fondamento di verita si fa capo a popoli primitivi di orrida 
selvatichezza. 

Non solo i popoli civili flno dai primi tempi storici, come 
appare dai loro monumenti incisi, ma anche le orde delle 
selve, che si sono scoperte nell'America e nella Australia, mo- 
strano, che gli uni e le altre possedevano un linguaggio com- 
pito. Da chi 1'aveano appreso? II linguaggio apprendendosi 
JUT tradizione dovevano averlo appreso dai labbro di mamma 
e di babbo. E la prima mamma e il primo babbo da chi ? Da 
Dio. Tale si e pure la conchiusione della linguistica, la quale, 
profondamente studiata, ci dice che il linguaggio non e opera 
delPuomo, ma un dono largitogli dai Creatore, quale che sia la 

:>a o la ragione della sua moltiplicazione. E in vero che 
cosa e il linguaggio? Non altro, che la veste e la espres- 
sione sensibile delle idee e dei principii, che si connettono 
in raziocinio dall'uomo quando egli discorre tra se o quando 
favella cogli altri. E perci6 il Creatore, che confer! il lin- 
guaggio, dovette pure nel medesimo tempo conferire idee e 
principii all'uomo primitive. Altrimenti come potea sussistere 
la espressione, se mancava la idea od il principio, realta. 



172 IH.LLA SCUOI.A IMl 

mentale, che col lingtiaggio si traduce in veste sensibile ? 
Non comparve adunque 1'uomo nel mondo ignaro, ma collu 
scienza e col linguaggio confacenti alia sua natura. 

A r olete in fine sapere quale fosse T uomo primitive? Ne 
avete un ritratto a vivi tocchi nell'Ecclesiastico. Eccovi alcuni 
versetti del c. XVII in sunto. Dio creo T uomo a sua iinina- 
gine. Creandolo rivestillo di facolta secondo la sua natura e 
diegli potere sovra tutte le cose che sono sulla terra. Formata 
di lui una compagna, doto il loro corpo di sensi, riempife 
1' intelletto di lumi, e in essi inventiva, discernimento e cono- 
scenza dei beni e dei mali: piii, con savie leggi di vita razionale 
discipline i loro costumi. Tale si e 1'uomo primitivo, tali furono 
i pregi nobilissimi, onde folgoreggiante usci dalla mano del 
suo fattore. Portando seco F impronta della divinita, di cui 
ritraeva nel suo spirito la sublime immagine, dovea pure so- 
migliarla nei lumi dell' intelletto, nella rettitudine della volonta 
e nella sovranita sopra le cose della terra a lui di grado 
inferiore l . Ragione e Scrittura armonizzano pienamente. 

Qui ci si fa una obbiezione. Secondo 1'ordine naturale le 
facolta neiruomo si svolgono a poco a poco. Indi il progressa 
dal meno al piii e non viceversa. Tanto dovette accadere negli 
uomini primitivi, la cui facolta intellettiva e volitiva sviluppa- 
tasi a poco a poco da un grado minimo di civilta progredi 
a gradi superiori. Questa e sentenza razionale fondata su la 
natura dell' uomo, e non la vostra. 

Tutto altramente. Deus fecit hominem rectum, et ipse se 
infinitis miscuit quaeslionibus 2 . Qui sta lo scioglimento del 
nodo. L'uomo creato in uno stato di retta o razionale civilta 
scadde per propria colpa da essa, scendendo a poco a poco- 

1 Deus creavit de terra hominem, et secundum imaprinem suam fecit 
ilium.... Secundum se vestivit ilium virtute.... et dedit potestatem eorum 
quae sunt super terram. Creavit ex ipso adiutorium simile sibi: consilium 
et linguam et oculos et aures et cor dedit excogitandi : et disciplina 
intellectus replevit illos. Creavit illis scientiam spiritus, sensu implevit 
cor illorum et mala et bona ostendit illis.... Addidit illis disciplinam, et 
legem vitae haereditavit illos. ECCLI. c. XVII, v. 1, 2, 3, 5, 6, 9. 

* ECCLE. c. VII, v. 30. 



1 i 

LM-;M|(.. i-h.' ; I' in ..-nin. II Vico ci d& in Li 

tto hi inisrniiiihi (liv.-.-x;, ,- : ,,.. x,.) <|ii;il< stato di 

razze li (:,-iiim. ( :;IIIKI o <;inf.-t<> <|. , ca- 

pp<>i< -In'-, per liberarsi unioameote dal servaggio deUa 
religione, qu:ni<l<> l:i altro freno noii erano rattenute, volta- 
rono le spa He al vero Dio, qual<> unicamento le poteva con- 
servare in society, e andarono nella liln'tt:i l.estiale e a stu- 
jiidire ogni social costume per questa gran selva della terra '. 
\ i <> juicir;< hi -iiini;i che fe peggiore )l i llu derrata. 1 
iiis<>lv;itich.>mlosi non 6 piu capace di rik-Mirsi. Ha bisogoo 
)i una mano beneflca, che lo rialzi. Ragione intrinseca e sto- 
rica ci tostiflcano cotesta nccessita. Come volete che il sel- 
vaggio possa muovere i suoi passi verso la civilta e pro- 
liro nel suo cammino, se le forze motrici non solo gli fanno 
difetto, ma ancora ne lo ritraggono? Nella sensiliva 6 domi 
nato dalle piii sfrenate a feroci passioni, che abborrono 0^:11 i 
ft-eno. Nella intellettiva sono per poco spenti i principii di so- 
cial itii e di moralita. Nella volitiva non pu6 essere attratto 
dai beni, che gli offre il vivere sociale, perchfc lo privereb- 
bero della sua sconflnata liberty, non puo esservi indotto ihii 
principii di moralita, perch& in lui debolissimi. Egli > in questo 
somigliante agli animali delle selve, in cui vive, i quali, presi 
dal cacciatore e ben trattati, anelano pur sempre al riacquisto 
della loro liberta. % I selvaggi dell'America e della Nuova Ze- 
landa, non ostante la vicinanza delle nazioni incivilite ed il 
commercio con esse, si sono eglino indotti ad accomunarsi e 
ad ingentilirsi? Tutt'altro: si sono tenuti sempre alia larga, 

1 Sc. Nuove, t I, pag-. 65, c. 2, 1. 3. Cfr. GIOBBRTI, Introd. alia j- 
lotofia lib. I, cap. 3, pap-. 21, vol. 2, ediz. Capolago. La colpa, egli soriice. 
afflevoh I 1 energia dello spirito, la fiacchezza del volere scemo il vigore 
dell' ingeguo, e 1' ingeg-no aflValito nocque alle altre potenze, peggiorendo 
per ogni verso la condizione intrinseca ed estrinseca dell' individuo e della 
societa tutta quanta. La civilta, che risiede sostanzfalmente nella integrita 
della copnizione ideale, comincii) a scadere coll' ottenebrarsi di essa: al 
culto sottentr6 la corruttela, poi la rozzezza, la barbarie, e presso alcunc 
popolazioni piu colpevoli o piu miseraude una flera e brutale selvati- 
chezza. 



174 BELLA SCUOLA INDISIKIALE 

ed in ogni caso si sono lasciati macellare, ma incivilirsi co- 
mechessia non mai. Sapete i frutti dice il De Maistre, che 
hanno ricavato, da tale commercio ? Due soli : le anni da 
fuoco per uccidere altrui, ed i liquori per uccidere s6 stessi. 
Le une e gli altri assai caro pasto alle loro sfrenate e teroci pas- 
sioni. Chi riusci e riesce a trarli a vita umana e civile, e il 
missionario cattolico che, a costo d' inesprimibili fatiche, di 
gravissimi rischi ed anche a prezzo del proprio sangue, so- 
stenuto da una indoraata carita, pone tutta 1'opera sua nel vi- 
viflcare i principii morali e sociali presso che morti nell' animo 
inselvatichito. Le orde germaniche, che invasero 1' impero ro- 
rnano, da che furono mosse ad avviarsi sul cammino della ci- 
vilta ? La storia ce lo dice : dall' influenza cristiano-romana. 
Gli uomini di Attila ed i guerrieri di Gengiskan non ebbero 
la sorte di fermare il pie sul nostro suolo e giacquero nella 
barbaric. Da un quadro sinottico dl Guizot si deduce questa 
verity di fatto. Eccovi quindi la risposta alia fattaci obbiezione : 



lo stato selvaggio dell' uomo non e stato primitive, ma venuto 
appresso per iscadimento morale, donde e impossible la uscita 
verso la civilta senza il potente aiuto di savii moralizzatori. 
Ragioni e fatti lo provano *. 

Laonde, conchiudendo, il sistema del nostro economista ha 
contro di se la ragione, la storia e la impossibility morale. 

HI. 

Del linguaggio materialistico adoperato nella scuola 
industriale. 

L'alterazione della parola e la causa immediata degli er- 
rori nel commercio degli uomini e dei popoli e nel corso della 
tradizione. Cotesta alterazione non manca negli scrittti econo- 
mici della scuola industriale in pro' del materialismo. Essa 
pu6 derivare da mente viziata, come da fonte infetta, ovvero 

1 Cfr. TAPARELLI, Saggio teoretico del diritto naturale n. 579 e 
e la nota CXLII, Societd selvaggia. GIOBERTI, 1. & cit. p. 41. 



I ! 

<l:i difetto di " dll' *oso. In 

(|iu\sto secondo caso Terror.' -i in-in.! inomerrato 'l:i-_ r li scrit- 
tori e fa presa nolla mente dei lettori, <jual seme di reo ger- 
Mio!_ r li<>. Quale che sia 1'intervento di quste due cause di al- 
tera/inn*'. il fatto si e, che esso incontrasi nei trattati classici 
di econoinia, dai quali noi trarremo le prove. 

1. Mitteriitlizzano ingegno e scienza. Difatti che cosa 
sono 1' ingegno e la scienza acquistata, sotto la penna de- 
gli economist!? L' ingegno e un fondo industriale, donde si 
ricavano entrate e frutti considerevoli. La scienza acquistata 
e definita un capitale accuinulato. Desiderate sapere ci6, che 
fa il professore nelTatto d' istruire i suoi scolari ? Egli pro- 
duce, e lo scolare sta 11 con la mano tesa, aftine di comperare 
a contanti la merce che esce prodotta dal labhro del maestro. 
Fattone huon mercato, ne fa massa e forma un capitale. Tant'e: 
gli economisti, scrive uno di essi, hanno in conto di un fondo 
i talenti deir ingegno, e di capitali i talenti di abilitft acqui- 
stati; e tanto i primi quanto i secondi sono strumenti produt- 
tori. Un padre fa educare un figlio. Sapete che fa in tal biso- 
gna? Se siete profano alia scienza, non 1' indovinereste alle 
cento. Egli va adunando in capo del fanciullo somme di ri- 
sparmi. Se non vi piace questa idea di cassa di risparmio, 
eccone un'altra di zecca. II padre, educando il flglio, crea un 
capitale, di cui il giovinetto e il fondo coltivato, e dei frutti 
ricavati fa cumulo nel medesimo. Infine il padre, che manda 
allo studio della medicina o della legge o della letteratura i 
proprii figli, forma il capitale di una forza destinata a produrre 
qualche cosa, come e destinata a ci6 fare la macchina di olli- 
cina industriale. Gosi e. 11 Donnoyer ce lo dice in termini espli- 
citi. Secondo lui tra la importanza di una fabbrica agricola e 
quella di una adunata di giudici non corre il menomo divario. 
Sono due fabbriche di pari importanza. Qual maraviglia, se il 
Say qualified il medico col nobile titolo d' intraprenditore? 11 
Rossi, dopo di avere affermato che un padre, facendo del flglio 
un medico, mette in capitale una forza di produzione, conchiuse 
che per tal modo il padre modiflca il proprio flglio : il a mo- 



I>KLLA SCUOLA IM>IS TKI AI.K 

difte son /Us. Delia quale forma di linguaggio mostrnn>! 
- him irli uditori della sua lezione, continuu : non lasciain<><-i 
ire al rifluto delle espressioni, che tengono della materia. Nun 
M I'onsidera qui altro, che un istromento del lavoro *. 

Oh! si smetta cotesta forma di linguaggio. Essa e da sl;m- 
dirsi del tutto: 1 perche e invilente al sommo la facolta intel- 
lettiva, mettendola al paro di un ordigno, di una macchina 
industriale e di un campo: 2 perche tra la natura della intelli- 
i>enza e dei suoi atti e la natura della materia correndo un 
divario incommensurabile, e menzogna confondere nel lin- 
guaggio le proprieta della prima con quelle della seconda : 
.'>" perche e falsa rispetto alia tecnica, in quanto che la mac- 

1 Affine di non tempestare il testo di citazioni abbiamo creduto piii 
opportune di raccoprlierle sotto un solo numero e porle qui insieme col 
nome degli autori. J. B. SAY. Cours 'complet d'iconomie politique, pra- 
tique, Paris 1852. La famille d'un avocat de reputation ou d'un medecin 
habile^., elles sont en possession d'un fonds industriel considerable. P. IV, 
ch. 4, pag. 522. L'instruction donnte par le maltre a reieve... est une Ema- 
nation, un produit. L'ileve achete ce produit avec une portion de set reve- 
nus ; puis il I'accumule et s'en fait un capital. Ibid. p. 523. Tout ce que 
iios parents depensent pour notre education, compose une somme d'tpargnet, 
represented par la capacitee... Le parti que nous (irons ensuite de notre ca- 
ptcite" represents les profits de ce capital. Ibid. La science et le talent 
d'un medecin, d'un chirurgien, d'un professeur ne sont-ilt pas det capitaux 
acquis et qui donnent un revenu? P. I, cb. 5, pag. 89 in nota (il me- 
dico) il est fait entrepreneur de guerisons. Ib. ch. 7. p. 100. P. Rossi. 
Cours d'e :onomie politique Paris 1843, 2. ediz. Les economistes reconnaissent, 
que les talents naturels sont comme un fonds, que les talents acquis sont 
dts capitaux, que les uns et les autres sont des instruments producteurt. 
Vol. I, Lez. 3, p. 61. Le p.'re qui fait de sonfils un mfdecin, unjuritte, 
un litterateur capitalisent une force destinte a produire quelque chose etc. 
Ib. Lez. 12, pag. 238. Toutes les fois qu'il y a capacite" ou talents acquit. 
il y a capitalisation. V. II. Lez. 7. p. 185. Unpere de famille qui met ton 
fils en apprentissage fait chaque annee un certain depense ; il crtc un ca- 
pital dont son fils est le fonds, le produit s'accumule sur I'enfant... 11 a 
ipargne, et transform^ cette epargne en education. II a modifie son filt.Voila 
la vfrite. Ne nous laissons pas rebuter par des expressions, qui ont quel- 
que chose de materiel. Nous ne considerons id qu'un instrument du travail. 
Vol. I, p. 235, 236. DOUNOYER. De la liberte du travail. Une fabrique 
agricole est-elle mains importante, qu' une fabrique iudiciairef T. II, p. 30- 
cf. p 103. JOHN STUART MILL, Principes d'ficonomie politique. Cf. L. I. 
ch. 2. . 7, 8. ch. 3. 



I n;iN< ii-i! 

'pera per impulsn altrui, opera, IIKM! 

.ilala da il pn>d(>tto material** della meYre ; laddove 

'olletto ji r \irtfi propria, non modiflca, ma 

produce, ma da i-iuichiiisioni dedotte da raziorinii di online 
"Hore : 4 perchfc 6 dannasa all' imlividiio in quanto 
per ra/i"iie <i"l falso linguaggio stimando le sue facolta IIHMI- 
tali <jiial I'mido da coglierne il maggior frutto possibile, 

iiimr pr-'uio la sua dignita e lara pagare a pnv/.o piu 
alto di quello che valga la supposta sua merce conforme al 
ante, he faceva udire un professore di universita 
ai suoi st'olari: fatevi pagare e pagar bene dai futuri clienti 
T esercizio della vostra professione: 5 perch& 6 dannosa alia 
societa, in quanto che la idea piu smaccata delfutile trasmessa 
nelle menti per suo mezzo, svigorira nella comunanza Tamore 
ilella fratellanza, soverchiato da quello delfutile. , 

Ad onore del vero, non tutti gli economist! classici la pensa- 
rono intorno a questo punto egualmente. Tali furono lo Smith, 
il Hicardo ed il Sismondi che di male in cuore si, ma pure 
v i si acconcia. Con tutto ci6 non ne guadagno punto il modo 
di pensare. E quindi a ragione il Say critica lo Smith. II quale, 
dopo di aver dato una specie di Ave Rabbi ai medici, ai giu- 

i ed ai letterati, dicendoli uomini important!, li gitta in 

io coi miini, colle ballerine e coi buffoni siccome gente 
improdutliva e che vivendo a spese del lavoro altrui riesce 
di gravame alia societa *. 

2. Materializzano la civilld. Secondo i medesimi scrittori 

sid in economia la civilta germina dalTutile, dai bisogni 

1 ADAM SMITH. Recherchet sur la nature et let eautet de la richette 
det nations. Paris. Quelquet unet det professions let plus graves et let 
plut importantet, quelquet unes des plus frivole, doivent ttre rangfes dans 
cette m me classe (non productife): let ecclesiastiquet, let gent de lot, let m4- 
decins et let gens de lettres des toute espece, ainsi que let comfdient, let far- 
ceurs, let muticient, let ckanteurs, let danseurt d'opera etc. Vol. II, Liv II, 
ch. 3, p. 78. J. B. SA.Y. La doctrine de Smith... range dant la clone det 
trarailleurt improductifs et regarde comme fardeauas pour la toc\4U, tnn 
foule d'hommes gut, dans la r^alite", foumitsent une utilitf veritable* en 
/change de leurs sola ires. Loc. s. cit. P. I, ch. 5. p 39. 

XV, rot A', f<uc. 1052. 12 11 apriU 1894. 



ITS M- I. r. A X.I ol. A INI>rsTIUAI.K 

soddisfatti, dai godimenti, dalla ricchezza e dairin<Iustri;i. Vo- 
lete misurare Taltezza della civilta di una nazione? Piul 
ad unita di misura uno del citati germinatori. Eccovi la for- 
mola: tanto piu i popoli sono in istato di produrre e consu- 
mare, quanto piu sono inciviliti, e tanto piu salgono a civilta 
quanto giungono a produrre e consumare davantaggio. Indi 
si conosce 1'arte di ridurre a civilta un popolo selvaggio. 
Se ne accrescano i bisogni a grado a grado. Soddisfatti i 
bisogni della famiglia per mezzo della industria, spuntano 
tosto quelli della nazione. Indi si vuole migliorarne la condi- 
zione. Studiati i mezzi e lo scopo in acconcio dell'utile, si passa 
alia pratica. Di qui il miglioramento delle istituzioni della so- 
cieta. Tale & stata la genesi della civilta rigogliosa, che si ha 
nell' isola d'Albione, i cui abitanti a tempi di Giulio Cesare si 
tattuavano. Cosi discorre G. B. Say *. Vi e un popolo pigro, 
indolente, incolto, di gusti male soddisfatti per difetto di dc- 
siderii, che lo attraggono a mettere in opera le sue forze pro- 
duttive? Ebbene iniziatelo al commercio con altre nazioni. Ben 
presto vedrete che quelli i quali si contentavano di poche ric- 
chezze e scarsamente lavoravano, divenuti buongustai si da- 
ranno al lavoro con maggiore energia, affine di soddisfare i 
nuovi gusti appresi, ed a fare risparmi ed adunare un capitale, 
coll'intento di soddisfare piii compiutamente i gusti anzidetti. 
Questo speciflco di scuotere ed incivilire un popolo viene pre- 
scritto da John Stuart-Mill; il quale ci e pur cortese di qua- 
lificarci 1'uomo incivilito. Secondo lui la caratteristica piu spic- 
cata di esso & la sua attitudine di associarsi nel lavoro. Talc 
attitudine viene crescendo, come tutte le altre facolta, per 
mezzo della pratica, e crescendo allarga sempre la cerchia 
della operosita e da questa accrescimenti di prodotti e di grandi 
ricchezze 2 . Ci sono inoltre indicate tre fonti, donde a guisa 

1 Loc. cit. Nous avons pu produire et consommer d'autant plus gut 
nous etions plut civilises; et nous nous sommes trouvfs d'autant plus civi- 
lisfs, qut nous sommes parvenus a produire et a consommer davantage. 
P. quatri^me, T. I. ch. 1 pag. 494, ch. 2, pag. 506. 

* Loc. cit. Liv. Ill, ch. 17; 5, Liv. IV, ch. 1, 2. 



II I a E LE CONSE- 

tr> tiuiiii. ch.> irri^.-irnli) ITid.'ii n- l<>nii:iv:mo an paradise 
<li d'-li/.io, sgorgano dovixie e godimonti imli il progreeso 
a maggiore civilta. II primo scoperto dal Say e I'imlustria 

i la al somnio ', il secondo mostrato da Stuart-Mill consiste 
in'l o.iniinTcio esteso a tutti i paesi *, il terzo accennato daJ 
Rossi e posto nella forma di governo a costituzione 3 . Ma sven- 
tuiMt;iiiiente non si prevedeva, cbe dai grandi istituti indu- 
strial! sarebbe sbucato il spcialismo e I'anarchisrao, cbe dalla 
avidita di tralficare sarebbonsi moltiplicati fallimenti di ogni 
specie e cbe sotto I'ombra della costituzione sarebbe allignato 
il turpe affarismo colle sue conseguenze. 

Civilta nel suo concetto volgare dice perfezione. Or la ci- 
vilta qui su formolata avendo a base il solo bene utile, e man- 
cante della parte piu essenziale, che consiste nel bene onesto. 
Nell'uno e nell'altro di questi due beni armonizzati in modo, 
che ciascuno tenga il proprio posto, sta il perfelto civile. Or 
il bene onesto essendo cosa dell'ordine morale, e il bene utile 
appartenendo all'ordine materiale, ne consegue, che questo, sic- 
come di grado inferiore, debba essere convenientemente su- 
bordinato a quello di grado superiore. Onde si procuri il bene 
utile nel progresso della produzione e del trafflco, ma sia re- 
golato dalle norme, che spettano al bene onesto. NeH'armonia 
<li questi due beni 6 riposta la perfetta civilta. Valga in questo 
la sentenza di Aristide pronunziata contro la sentenza di Te- 
mistocle. L 7 incendio della flotta nemica era cosa utile, ma non 
onesta, e percio m rigettata la proposta. Parimente 6 da riflu- 
tarsi la civilta quale ci viene proposta dagli economisti, fon- 
data sul semplice utile, e da tenersi in istima la civilta fondata 
sulla onesta e suir utile armonizzati convenientemente. 

Ne solo e da riflutarsi la civilta quale ci viene offerta <lai 
citati economisti, porche mancante di sol ida base; ma ancora 
perche ammessa nella societa vi porta seco il germe della 
corruzione, che si va svolgendo di pari passo col progresso 
di cotale civilta. Di guisa che, quando esso giunge a toccare 

Loc. cit ib. * Loc. cit. ib. 

8 Court d'tcononrie politique. T. IV, p. 60, 61. 



180 I.I I. LA SCUOLA 1NDI 

la sommiti del suoi int.-iiti nella nioltiplicai;i produ/ioiif, n.-l- 
raddensamento di sfondolate ricchezze, nella sovrabbomkui/.t 
degli agi e nello splendore pubblico e private delle su<> -iti;i. 
allora si manifestano gl'indizii funesti della sua malignitfi. 
La storia ci addita le prove nei potenti imperii degli egi/ii. 
degli assirii e dei romani. Quando appunto la civilta tutta 
raateriale per la non curanza dell'ordine morale giunse al 
colmo del suo splendore, fu segnato il punto del loro deca- 
dimento, della loro ruina. La ragione e intrinseca. Dall'uso 
di soverchi agi proviene la rnollezza, da questa estesasi nella 
societa 1' infralimento delle forze sociali, 1' accasciamento dei 
caratteri, indi il decadimento, la ruina. In cotale civilt& rnanca 
il fondaraento e il nervo del progresso civile. Nel medio evo 
per 1'opposto, essendo la societa, merce della religione, infor- 
mata ai principii dell'ordine morale, inizi6 il suo incivilimento 
e lo prosegui. 

Materializza.no I'uomc. Che cosa e la spesa, che neces- 
sariamente si fa nell'allevare, educare ed istruire un fanciullo? 
Secondo J. Stuart-Mill, e una partita, che si apre con inten- 
dimento, che venga ragguagliata con vantaggio dallo stesso 
fanciullo, fatto uomo, merce il suo lavoro. Le forze fisiche, 
che crescendo egli ha conseguito, le abilita, che ha acquistato, 
sono altrettanti utili flssati e incorporati nel medesimo '. Qual e 
la idea, che si raccoglie da questa maniera di favellare ? Essere 
il fanciullo uno strumento, che si viene lavorando per la pro- 
duzione. Lo Smith opina 2 , ed il Ricardo afferma 3 , che il sa- 
lario dev'essere tale, che Toperaio possa mantenere se ed una 
famigliuola. Ma il fine di questa concessione si e, afflnche non 
venga meno la razza degli operai, e questo, s' intende, a sca- 
pito della produzione. Del medesimo parere e pure P. Rossi 
per questa ragione, che altrimenti 1'operaio, quale essere pos- 
sessore di una macchina nelle sue forze, e percio inseparable 
dalla sua persona, sarebbe in peggiore condizione di colui, che 

* Loc. cit. Liv. II. ch. 1, . 7. ch. 3, . 1, 2. 
8 Loc. cit. Liv. II, cb. 2. . 7, ch. 3, . 1, 2. 
3 Loc. cit. Liv. I, ch. 8, T I, pag. 171. - Loc. cit. ch. 5. 



1 I'HINt II'II 

"iv <Ji l"'.->iio da 80in;i :i solo r: loro 

nol" 'lie fc neivssario ;i iicnitcnere se ed i \> 

jirii niiiiu;ili. iit;i ;nic<>r.'i <|iit'l tiintu di piu, die r nro'ssuri-t 
>uo capitate animalesco, quando gli venisse 
in. -no '. II Itoccardo poi senza tante ccrimuiiic, valnuN.M di 
questo confronto del Rossi, appella Topcraio capitale-uomo f . 

-mli> (juasi a gara i discepoli nello svolgere i concetti <l< i 
loro maestri, eccovi come un econoiuista spa^nuolo discorre: 
' In operaio, in economia politica, non e altro, che un ca- 
pitale fisso, accumulate dal paese, che Tha sostentato durante 
il tempo dello sviluppo delle sue forze e dell'apprendimento 
del mostiere. Rispetto poi alia produzione della ricchezza vuolsi 
considerare come una macchina, per la cui costruzione si e 
inipiegato un capitale che incomincia ad essere rimborsato 
col relativo interesse, quando essa diviene un utile ausilhuv 
alia industria 3 . 

Potrebbe la dignita delFuomo essere piu indegnamente av- 
vilita? No: non potrebbe! Uomo capitate, uomo-macchinn, 
uonw-bestia, uomo^razza, con quai termini piu invilenti di 
quest! si potrebbe descrivere 1'operaio? Non e egli un es- 
sere intelligente, non e egli di quella stessa natura, onde si 
onorano gli economisti, non domina quella materia, di cui essi 
scrivono, non porta in fronte la somiglianza del Greatore? Eb- 
bene, questo essere di tanta dignita si ragguaglia ad una mac- 
china, ad un capitale, ad una bestia, alia razza animalesca! 
J concetti delle cose sono quelli, che cagionano stima o dis- 
prezzo della medesima. Or qual meraviglia, se i padroni con 
tali concetti in capo hanno in dispregio gli operai, gli trat- 
tano duramente e si studiano di cavarne il piu grande utile 
possibile? E poi si mena scalpore, se gli operai dal loro canto 
indegnati si sollevano e congiurano contro di essi? Si usino 
con essi i modi convenienti, si osservi giustizia ed equit;. 
Questa fe Tunica via per acchetarli, se pure siamo a tempo. 

1 Loc. cit T. Ill, 10 LCQ. 

* Trattato teorico pratico di JSconomia. L. II, c. 3. 

\ . I THIN. Let doctr. tconom. p. 67. 



AGNESE E SUSANNA 




XIII. 

DAL CAMPIDOGLIO AL FORO. 

La nostra brigatella, scesa dal Campidoglio al Foro sotto- 
stante, aggiravasi a bell'agio tra'quegli splendor! che secoli di 
grandezza e di potenza vi avevano accumulate. Questo Foro, 
il piu antico e il piu celebre tra i Fori o le piazze di Roma, 
stendevasi nella valle che rispiana tra il colle Capitolino e il 
Palatino, ed era il centro della vita pubblica, e come il cuore 
onde procedeva P impulso e la vita a tutto il gran corpo di 
un impero mondiale *. Abbellivanlo templi, curie, basiliche, co- 
lonne monumentali, statue onorarie ed archi trionfali con uno 
sfoggio di marmi, di mosaici, di bronzi dorati e di capilavori 
d'arte architettonica e scultoria, ch'erano una maraviglia a 
vedere. Alle radici del Gampidoglio sorgeva il tempio di Sa- 
turno, ove custodivansi le belliche insegne e il pubblico tesoro, 
il tempio della Concordia appoggiato al Tabularium, e accanto 
al medesimo quello di Vespasiano e Tito, di cui restano tre 
belle colonne corintie con un pezzo di architrave, PArco di Set^ 
timio Severo tuttora in pie, la Schola Xanta, a o le sette ta- 

1 Esso veniva denominate per antonomasia semplicemente Forum, o Fo- 
rum magnum, per distinguerlo dalle due piazze aggiuntegli, quali erano il 
Forum Julii e il Forum Augusti che ne ampliavano la diatesa. 

2 Yenne cosi denominata perche restaurata dal liberto Drusiano e da 
Fabio Xante. Decoravala una statua della Vittoria e piu statuette d'argento 
rappresentanti gli Dei Consentes. Restano ancora della medesima alcune co- 
lonnette con 1'architrave. 



A(i - Mil. ; AL FORO 

: :!'i pulitilici liiuxli' 6 i 

-;>'.rt;iti . f.itilio Cesare, in un con la co- 

lonna r<^tr;it;i di Imili<. Pin oltre grandeggiava la colonna 
dorata delta il Miliarium, pervhft indicava le distanze delle 
grandi strade romane a partire dal Foro, e 1' Umbilicus Ro- 
mac, monumento in marmo che segnava il punto ccntrale della 
citt;i. Nel bel mezzo del Foro campeggiava la statua equestre 
di Domiziano in bronzo dorato, a cui peraltro, in odio alia sua 
crudelta, fti dopo la sua morte cambiata la testa e con quella 
il nome. 

Dalla banda meridionale del Foro, tra il Vicus Tuscits e il 
Jugarius, sorgeva la Basilica Giulia, a cinque navate con dop- 
pio portico 3 ; monumento degno della majjniflcenza di Cesare. 
Di fronte alia basilica torreggiavano sette colonne onorarie 
sormontate da statue, de' cui piedistalli veggonsi anch'oggi le 
vestigia; e quivi appresso grandeggiava il tempio di Castore, 
ov'era deposto il Fisco imperiale, ediflzio coronato da un su- 
perbo portico, del quale le tre bellissime colonne tuttora esi- 
stenti, con un pezzo di vaghissima trabeazione, attestano 1'ar- 
tistica ricchezza. 

Quivi soffermossi alquanto la nostra comitiva a contem- 
plare quella turba di gente che pigiavasi, premevasi e si ur- 
tava in quel luogo come i flutti del mare. Trasone, volto a 
Dionigi, Qui si sta, gli disse, in continue bollimento di af- 
fari. Qua convengono usurai, speculatori, procaccini e faccen- 
dieri d' ogni fatta, anche della peggiore razzamaglia della 
citta 4 . 

1 Era una piattaforma riccamente ornata, ove gli ambasciatori di genii 
traniere attendevano d'essero introdotti in Senato. 

* Brano un suggettus o una tribuna per le arringhe, ornata di statua 
e di altri monumenti, tra'quali veggonsi ancora h presao i due beUissimi 
plutei di Traiano, rappresentanti nell'una faccia i sacriflzii tuovetaurilia 
o di un maiale, di una pecora e di un toro, e noil' altra due fatti pietoil 
della vita di Traiano, il condono, cioe, degli arretmti della ricetima kaert- 
ditatum e una fondarlone di carttfc pei fanciulli poveri. 

' Sorgeva sull'area dell'antica basilica Sempronia, erettavi gia da Senv 
pronio Oracco 1'anno 174 a. G. C. 

4 Era allora quel che oggi e la Borsa, un centra di affari, di barer!* 



1 ^ i N N A 

- Quando mi dite che qua convengono gli usurai, non so 
che vi possa essere mar magi ia peggiore di qaella ! 

Avete ragione : essi sono la gran piaga delF impero. 

- Converrebbe curarla a ferro e a fuoco. 

Dite bene : ma non siamo pirt ai tempi di Augusto, degli 
Antonini o di Traiano. Oggi gli usurai, gP incettatori, i truf- 
fleri, i ladri nuotano nel burro, ne hanno a temere la severita 
della legge; che coll'oro in questi tempi tutto si compra, an- 
che la giustizia. 

Triste condizione di Roma pagana corrotta in flno al mi- 
dollo delle ossa ! 

Trasone trasse un gran sospiro, e rivolto a'suoi compagni, 
disse loro: 

Usciamo da questa baraonda, che mi rintrona col suo 
vocio la testa, e mi fa afa il solo vedermela d'attorno. E si 
dicendo, avviossi con la comitiva al tempio e aU'atrio di Ve- 
sta, che li presso sorgeva, con la contigua abitazione delle 
Vestali *, mentre Trasone veniva narrando a Dionigi il gran 
rispetto che i romani avevano per quelle vergini, avvegnache 
elleno, fuor della verginita, non brillassero d'ordinario per 
altro pregio o virtu che le rendesse commendevoli al pari 
delle vergini cristiane. 

Di la la comitiva passo, dietro TArco di Tito, alia banda 
orientale del Foro, ove levava maestosa la fronte adorna di 
sei colonne il tempio eretto ad onore di Cesare divinizzato 
sul luogo stesso in cui era stata cremata la salma del Ditta- 
tore, con intorno un portico, a lato TArco d' Augusto fronteg- 
giante da lungi quello di Tiberio 2 , a tergo 1'Arco de' Fabii e 
dinnanzi una tribuna, detta Rostra aedis lulii, perche ornata 

e di trappole. Questa parte del Foro era detta sub veteribus, perche ivl 
erano un tempo le anticbe tabernae argentariae. 

1 Non ha molto che vennero in luce le celle e parecchie statue di co- 
teste vergini, vestite a mo' delle nostre monache o suore. La loro casa 
chiamavasi Rrpia, perche serlo del I'onteftce Massimo flno ai tempi di Au- 
gusto, che trasportolla al Palatino, cedendo la Reg-la alle Vestali. 

* l-'u eretto da Tiberio in memoria delle insejrne che, perdute da Varo, 
vennero ricuperate da Germanico. 



Mil. DAL CAMriDOGI.I" A I. FORO 

coi rostri l.-ll.' n.i\i .iii|uUi.v uralti .11 Az- 

L'edicola <> o-lla !! t.-mpio conteneva la statua li Cesare 
in bronzo dorato, con in capo la cometa in nioinoria di quella 
eh.- illuininu i suoi funcrali. Li pi.-sso grandeggiava la Basilica 
Kinilia * sul m'dosimo <lisogno e stile della <iiulia, a rui fa- 
ceva riscontro; e accanto a quella da un lato il tempi" <li 
Antonino e Faustina *, e prossima al medesimo una piccola 
Rotonda 3 ; e dall'altro il teinpio dolla I-viidta 4 , il Cornizio, e 
la nuova Curia lulia 5 , o 1'Aula del senato, innanzi a cui sor- 
geva la celebre Ara sormontata da una colonna, e Tuna e 
1'altra dedicate alia Vittoria. Quivi era altresi un tempietto ri- 
vestito di bronzo e dedicate a Giano bifronte, le cui porte, 
coin'i' noto, aprivansi in tempo di guerra, e in tempo di pace 
tenevansi serrate. 

Dionigi e Pancrazio ammiravano ogni cosa, come suole 
chi per la prima fiata s'inurba, massime in Roma, reggia del 
mondo ; ma il loro cuore, come pur quello de 1 compagni, non 
era in mezzo a coteste grandezze, si bene in quelPultimo an- 
golo del Foro dalla banda di settentrione, ove adiraavasi sot- 
terra 1'orrendo carcere Tulliano, illustrato dal Principe degli 
Apostoli e da parecchi insigni martiri della fede. 

Quivi la nostra brigatella fe' breve sosta; e Claudio prese 
*a contare ai due forestieri la visita da lui fatta in quel car- 
cere a Rufo, poc' anzi coronato di martirio, e al ricordarla 
sentissi spuntare una lagrirna sul ciglio. 



1 Yenne ediflcata sulTarea dell'aotica basilica Fulvia eretta 1'anno 180 
&. G. C. dietro le Tabernae novae. Tra le basiliche piii anticbe e poi di- 
strutte dairincendio era auche la I'orcia, innalzata da Porcio Catone Tan- 
no 184 a^. G. C. 

* Ancora esiste trasforinato in chiesa di S. Lorenzo in iniranda. 

1 6 ancora in piedi, ed e conosciuta sot to il oome di tempio di Ro- 
molo, percbe in tempi posteriori ai noatro racoon to venne consacrato & 
Romolo flglio di Ma&senzio. Ora serve di atrio alia Chieca dei S3. Cosina 
e Damiano. 

4 Fu innalzato da Cesare suH'area deH'antica Curia Ortilia, 

1 La nuova Curia era decorata di statue e pitture aasai celebri. Fu poi 
traaformata in Cbieaa di S. Adriano. 



180 AGNESE E SUSANNA 

Di Ik la comitiva avviossi al prossimo Foro Giulio, ove 
sorgeva il marmoreo tempio eretto dopo la battaglia farsalica 
dal Dittatore a Venere genitrice e ornato di statue, tra le 
quali primeggiavano per arte quelle dell' istessa Venere, opera 
di Arcesilao, e quelle di Cesare e del suo cavallo di battaglia *; e 
quindi passo al Foro di Augusto, ove ammir6 il sontuoso tem- 
pio innalzato da quest' Imperatore dopo la battaglia di Filippi a 
Marte vendicatore, con intorno un grandiose portico 2 , e tutto un 
popolo di statue rappresentanti general! romani in abito trion- 
fale ed Enea co' suoi discendenti, a' quali Augusto gloriavasi 
di appartenere. Ornavano eziandio la piazza e le sue adiacenze 
due archi trionfali eretti da Tiberio a onore di Druso e di 
Germanico ; e splendidi ediflzii divenuti la sede principale dei 
tribunali 3 . Non guari lungi di Ik era il Foro della pace con 
in mezzo il tempio dell'istesso nome, edificatovi da Vespa- 
siano dopo la guerra giudaica, e annoverato da Plinio tra le 
maraviglie del mondo 4 . 

All'uscire dal detto tempio Dionigi sclamo E bello, ma- 
gniflco il tempio della pace ; ma la pace non avrk mai stanza 
ferma in Roma pagana, che tiene soggetti i popoli piu col ter- 
rore delle armi che con la forza morale e il vincolo del- 
1' amore. 

Lo riconosco anch' io, soggiunse il senator Massimo, ma 
Roma ha una potenza assimilativa si forte e tenace, che sa 

1 Cotesto tempio, danneggiato da un incendio, in un con la vicina Curia, 
era stato da Domiziano restaurato; e il Foro Giulio cominciato 1'anno 54 
a. G. C. da Cesare, era stato condotto a termine da Augusto. II solo ac- 
quisto dell'area pel Foro cost6 a Giulio Cesare cento inilioni di sesterzi. 

" Di questo portico sono tuttora sulla lor base presso 1'Arco de' Pan- 
tani tre colonne corintie d'ottimo stile. 

Quivi doveano prendere la toga virilis i membri della famiglia impe- 
riale, decretarsi gli onori trionfali e deporsi le insegne vittoriose ; e di la 
dovevano partire i magistral! per le province. II detto Foro venne restau- 
rato da Adriano, e distrutto nel medio evo per aprire la via Bonella. 

k Nel tempio o delubro della Pace, oggi Chiesa di S. Basilio, conser- 
vavansi i vast di Gerusalemme, rapiti in appresso da Genserico e traspor- 
tati a Cartagine; e forse da Belisario a Costantinopoli. Contasi che 1'im- 
peratore Giustiniano ne facesse poi dono alle Chiese di Gerusalemme. 



Ml I. Ml IDOOLIO AL FORO 

bel bello attrarre a se e incorporarsi gli element! piu <lispa- 
rati, ossia i popoli piu diversi d'indole, d'origine e di costtuni, 
flno a comunicar loro non pure il diritto di cittadinanza, ma 
ancora gli emolument! e gli onori tutti del patriziato, non 
escluso il comando delle province e degli eserciti, il seggio 
in Senate, e fln anco il trono de' Cesari. 

Saggia politica, soggiunse Dionigi, che non ebbe, e forse 
non avra 1'eguale al mondo. Tuttavolta ci6 non basta ad af- 
fratellare i popoli e le classi sociali tra di loro. 

& verissimo, osserv6 Trasone, ci vuol qual cosa di piu 
che umano, e cbe trascenda tutti i bassi interessi e le cupidigie 
di quaggiu. Vi vuole un amore capace di attutire le malnate 
passioni e di abbattere P egoismo, nemico capitale del viver 
socievole, un amore che c' ispiri lo spirito di sacriflzio, e ci 
faccia dimenticare noi stessi pel bene altrui, un amore in fine 
che abbracci in un istesso amplesso romani e barbari, cit- 
tadini e stranieri, padroni e servi, ricchi e poveri, nobili e 
plebei, senza distinzione alcuna, e perflno i nemici, si i ne- 
mici stessi, per quanto di male ci abbiano fattO, o ci vogliano 
fare. Ora un amor di questa lega non pu6 essere che un amore 
ispirato da quella fede, di cui e proprio distaccare il nostro 
cuere dai beni caduchi della terra, porno infelice di discordia 
tra i miseri mortali, e sollevarlo airamorc di un bene infinite 
ed eterno in cielo, che basta a tutti e tutti rende beati. Quindi, 
un tal amore non e flamma che scaldare possa il cuor dei pa- 
gani. 

Per questo appunto, soggiunse Dionigi, io diceva che 
la pace non sara mai di lunga durata in Roma pagana, come 
la vera fratellanza non sara mai che un sogno. 

Facciamo dunque Roma cristiana, ripiglio Claudio. 

Noi nol potreimno, riprese Trasone, m;i IM-II lo potra chi 
ha in mano il cuor degli uomini e i destini delle nazioni. 

Questo ragionaro VCIIIHJ int-rrutto dall'incontro fortuito di 
Stratone; il quale, veduta la nostra hri^atella aggirarsi pel 
Foro con Maximo, di cui sapeva la misteriosa veuuta, n 
sele incontro con quel finto sorriso che soleva cosi bene 



188 ;RSE E SUSANNA 

conciarsi sullo labbra; e resole 1'usato salute <te" cristi;tni. 
compagnossi con essa. Claudio recossi ad onore di presents H<> 
a suo fratello, dicendogli Eccoti qui un nostro amico e fra- 
tello di religione, se non di patria, chiamato Stratone. 

Stratone ? riprese Massimo maravigliato, non e questo 
per me un nome ignoto. L' ho udito piti volte dalla bocca di 
Gorgonio, ciambellano di corte. 

- Appunto Gorgonio, Doroteo e Pietro, nostri fratelli in 
Gesil Cristo, ce T hanno vivamente raccomandato. 

- Godo, o Stratone, di fare la vostra conoscenza, e si di- 
cendo, strinsegli amichevolmente la mano. 

- Anzi e mio 1' onore e il piacere, chiarissimo Senatore. 
Dopo questi convenevoli, Stratone si mise al flanco di Mas- 
simo neir intento di spillare da lui alcun che sul mistero della 
sua venuta a Roma e delle visite fatte a casa Gabinio. Poiche 
la polizia era entrata in sospetto di qualche segreta missione 
affldatagli da Diocleziano per la giovane flglia di Gabinio; e 
come sapeva omai di certo questa essere cristiana, era in gran 
pensiero e timore che Susanna, entrando in corte, guastasse 
]e ova nel paniere al suo padrone, cioe a Massimiano. La 
scoperta pertanto di questo segreto stavagli sommamente a 
cuore, come quella che doveva cattivargli le grazie del suo 
Principe, ed impinguargli la borsa. Quindi assottigli6 di tanto 
i suoi ferruzzi, che a forza di domande dirette con volpino 
accorgimento al Senatore, vennegli fatto di carpirgli almen di 
bocca essere lui veramente un inviato di Diocleziano. Piti oltre 
non pote il segugio per allora flutare ; ma era assai per met- 
terlo in sulla via di scoprire il rimanente, cioe il vero scopo 
di quella missione. 

L' artiflzio delle sue domande non isfuggi all' avvisato e 
prudente Trasone ; il quale comincio fln d' allora a pigliare 
ombra di Stratone, tanto piu che aveva gia scorto in lui un 
certo fare ammanierato e niente conforme alia semplicita e al 
candore cristiano. Ne mal si apponeva ; che all'uscire dal Foro 
di Augusto, Stratone, colto un pretesto, accommiatossi dalla 
comitiva, e fu difllato alia Prefettura per riflccare al Vicario 



Mil. I HO 189 

-.irpito li bixva al Massimo. Ii che 

1 1 mil. -i lo.l- il.-il MIO Sopraccio, COM i)romessa di premio, 

-<<*. a scortiiiar-' il segret< li (ju.-ll; missione. % 
i; a vi-'ppifi rinl'orolarlo nella nobile impresa di spiare, 
tradire e trarro alia ina/./a i suoi fratelli, misegli sott'< hi* 
^nte lettera di Massimiano, in cui, rin^ra/iandolo della 
lista de' cristiani mandatagli per celere corriere, ifigiuogevagU 
orvogliare intanto T ex-Prefetto Flaviano in attesa di nuovi 
ordini. 

stratonn tutto ringalluzzito nel vedere la buona rluscita 
del sun tradimento, appena accommiatatosi dal Vicario, corse 
'iniinicare la notizia a' suoi degni compagni, Arsicio e Lu- 
crezio, i quali neU'ebbrezza del successo ne menarono gran 
bombanza, immeinori di queH'adagio: che ride ben chi-ride 
rultiino. 

M'l oru tornando alia nostra brigatella, quesla erasi avviata 
al vicin Foro Traiano, dove soffermossi a contemplare quel 
magniflco Foro, che racchiudeva in se tanti splendori della 
romana grandezza. I/area era di forma quadrata, e misurava 
trecento trenta mila piedi quadrati. Cingevala un grandiose 
porticato a colonne, tutto intorno abbellito di sculture, di sta- 
iii\ di fregi in bronzo e d'iscrizioni, e strato di serpentine, por- 
fido, e giallo antico, lavorato a intarsio e rafflgurante vaghis- 
simi florami. Negli intercolunnii leggevansi incisi a grandi 
lettere i nomi delle legioni, che avevano guerreggiato nella 
Dacia. 

Vi mettevano dentro tre porte, ciascuna delle quali aveva il 
portico ornato di quattro colonne scanalate di marmo nu- 
midico e frigio alternate, con sopravi quadrighe trionfali ed 
insegne in bronzo dorato, e sottovi 1' iscrizione ex Manubieis, 
cioe coi danari ricavati dalla vendita delle spoglie nemiche. 
Ne reggevano Tattico, in luogo di telemoni e cariatidi, figure 
semicolossali di prigionieri di guerra in rnarmo bianco; e gli 
arohitravi, le cornici, gli aggetti erano con arte flnissima 
Javorati. 

Grandeggiavano oel Foro monumenti d' inarrivabile gran- 



I '.10 AONESE E SUSA V 

diositft e bellezza : la colonna trajana, la basilica I'lpia, il tom- 
pio e la biblioteca del medesimo nome. La famosa colonna 
coclide, tuttora in piedi, e d'ordine dorico, alta circa 43 metri, 
tutta di marmo bianco lunense, istoriata in giro di mirabili 
sculture rappresentanti i fatti della guerra dacica, e sormon- 
tata dalla statua astata di Trajano in bronzo dorato *. Essa 
giganteggiava innanzi alia superba basilica Ulpia ; la quale 
levavasi alquanto sul piano del Foro, e vi si ascendeva per 
cinque gradini di marmo numidico massicci, con agli angoli 
piedistalli sorreggenti varii trofei in bronzo dorato. Era lunga 
trecento piedi, larga cent'ottantacinque, e a cinque navi, divise 
da quattro ordini di venti colonne ciascuno 2 . Aveva il tetto 
di bronzo dorato, il pavimento messo a compartimenti di 
marmo numidico e frigio, e le pareti adorne di statue anch'esse 
in bronzo sfavillante d'oro, erette ad uomini illustri. In mezzo- 
al Foro, a cui metteva un arco trionfale, sfolgoreggiava una 
magniflca statua equestre di Trajano dello stesso metallo. La Bi- 
blioteca, ricca di codici, era divisa in due vasti saloni leggia- 
dramente messi a pitture, a marmi e a stucchi ; e il tempio 
che la fronteggiava, sorgeva maestoso sopra un'area cinta da 
un portico, a cui dava ingresso un altro arco trionfale 8 . II 
tempio era lungo 350 piedi e largo 175, d'ordine corintio con 
otto colonne di fronte e quindici per ogni lato. 

Mentre la comitiva aggiravasi pel detto Foro, ecco venir 

1 L'altezza della detta colonna segna, come indica I 1 epigrafe incisa- 
nella sua base, quella del colle che Trajano fe' spianare per fabbricare 
il suo Foro. La scala interna della colonna e intagliata nel masso della 
medesima, ha 185 gradini, ed e illuminata da 45 feritoie appena visibili 
al di fuori. La statua di Trajano venne tolta giu dall'Imperatore Costante II, 
che nell'anno 663 spoglio Roma di mold monumenti nell' intento di arric- 
chirne Costantinopoli, ma andarono invece a finire nelle mani de'Saraceni. 
In luogo della statua di Trajano, Sisto V fece erigere sulla detta colonna 
quella di S. Pietro. 

2 Le colonne delle navate laterali erano di marmo bigio e quelle della 
nave centrale di marmo frigio e numidico alternate. I rocchi delle prime, 
che ancor vi si veggono, hanno fino a sei piedi di diametro. 

3 Sull'area di questo tempio ora sorgono le due chiese dedicate a Ma- 
ria Santissima. 



II. DAL CAMI'IDOiiLIO AL FORO I 1 .' I 

<l:il <jni! lla vulta del gran Foro e del Palatin<> 

i;i annata. in IM.'/./O a cui voi ma letti^.i diiusa. 

.ipmv\is;i roinparsa e la im>t>Tisa persona, che oc- 

ultavasi agli sguanli <li tuiti. solleticavano grandemente la 

4-urii>ita del popolo, tra cui correvano mille svariatissime voci. 

I nustri visitatori anch'essi vi ;ilmanaccavano sopra, quando a 

Trasone venne veduto in mezzo a un codazzo di Bronte, che se- 

guiva la Ifttiga, il fanciullo Crescenzio, uno de' piccoli cantori 

della Cappella Papale. Chiamollo; e avutolo a se Dove vai, 

Oescenziuccio mio? domandogli E quegli : 

Vo a vedere ove menano la buona Susanna. 

Che dici mai ? esclamarono tutti maravigliati. E Trasone: 

Como sai tu che in quella lettiga e cbiusa Susanna ? 

lo ero in casa sua, quando vennero i soldati a pigliarla. 
Mi ci aveva mandato con un bigliefto la Signora Lucina. 

Va, soggiunse Trasone, osserva ove la menano, e torna 
a riferirci quanto avrai veduto. Noi qui ti aspettiamo. 

Mentre la nostra brigata strologava sulle cause di quello 
strano avvenimento, il fanciullo datosi a correre, raggiunse 
la scoria e seguilla fino al palazzo imperiale, ove vide entrare 
la sola lettiga accompagnata dal Centurione; dietro alia quale 
si chiusero le porte del palazzo. II piccolo Crescenzio torn6 
di corsa a riferire alia nostra comitiva quanto aveva veduto; 
e questa, cominentando il fatto, non sapeva darsene ragione. 

II solo Massimo, consapevole della resistenza di Susanna 
ai desiderii o piuttosto agli ordini di Diocleziano, si appose 
;il vero, quando avviso che la giovane fosse stata dalla casa 
paterna trasferita a Palazzo per ordine del detto Imperatore, 
neir intento di averla piu docile ed arrendevole ai suoi vo- 
leri. Tuttavia non apri 1'animo suo sC compagni per non tra- 
dire la sua missione ; e seguilli a casa Gabinio, ove essi avvia- 
ronsi per avere dal padre di Susanna una spiegazione di quella 
niisteriosa r;ittur;i, cho avova tutta 1'aria di un r;pini j nto. 
Ma cola trovarono chiuso il portone di casa. Pirchiato piu vol- 
te, aflaceiossi una guardiu, dicondo loro, che per ordine 
Miperiore erane vietato a chicchessia 1'ingresso. Onde la co- 



192 AGNi NNA 

mitiva se ne parti contrariata e dolente. A soddisfare pera 
la ragionevole curiositk de' nostri lettori, convien che no: 
facciamo a narrare per fllo e per segno com'era amlnto il t 

XIV. 

SUSANNA NEL PALATINO. 

Da oltre due mesi il senator Massimo attendeva in Rorna 
la risposta decisiva di Susanna : ma parendogli sempre in- 
certa e titubante, aveane informato per lettera Diocleziano; il 
quale, punto sul vivo di vedersi contrariato ne" 1 suoi disegni,. 
aveva mandate ordine al Vicario che facesse trasportare Su- 
sanna dalla casa paterna nel Palazzo imperiale, e conse^c 
sela nelle mani di Serena Augusta l . Era stata costei consorte di 
Diocleziano, matrona di gran senno, di specchiati costurni e 
occultamente cristiana. Aveva sua stanza in un appartamento 
del palazzo imperiale sul Palatino, ove menava una vita riti- 
rata, modesta e tutta consacrata alia preghiera e all'esercizio 
delle cristiane virtu, massime della carita verso i bisognosi. 
La plebe, avvezza a censurare la vita dei principi, ascriveva 
la sua ritiratezza a dolore e dispetto di non essere piu cbe 
di nome imperatrice, mentre Prisca godevasi col marito i 
vantaggi e gli onori dell' impero. 

II solo Pontefice e il prete Teodoro erano consapevoli del 
segreto di sua religione, e serbavanlo gelosamente per non 
vederla esposta a fastidii e pericoli per parte di Massimiano. 
Teodoro, spacciandosi per suo medico, sovente visitavala a 
Palazzo, ove in una camera segreta e con infinite cautele ce- 
lebrava il divin sacriftzio, e amministrava a lei e alle sue 
damigelle, anch'esse cristiane, la SS. Eucaristia. 

1 Gli atti de' martiri, gli antichi martirologi e le storie della Chiesa 
parlano di lei, chiamandola cousorte di Diocleziano ; ma sapendosi d'altronde 
che questi, divenuto imperatore, aveva sposato Prisca, 6 agevole inferirne 
che Serena fosse stata moglie di Diocleziano prima della sua assunzione 
al trono. 



XI 

;ns al Vi.-arin it c , onlin.' ii In 

ii ivrossi it. !ii.> ;i ;, . unif;irlo 

alPImperatrice; ma om SUM ^ rande sorpresa trov6 che qu- 
sUi era gia stata a sua volta di !' aw.-i-tit.-i dall'i^i'sso 

ivna ili buOQ grado ptvstnssi ;i rio-ven* in casa 
la vergine flglia di Gabinio, ma con tutt'altro intcnto da qiHln 
che proponevasi T Imperatore. Chi fe' lunga e ostinata resi- 
gn a quest 'on line fu la stessa Susanna, non rneno che il 
padre di lei, ignorando entrainbi essere Serena una fen'ente 
rriMiana, da cui nulla avevasi a temere, tutto a sperare. 

II Vicario, veggendo che con le belle belline nulla potevu 
conseguire, mise mano alia forza, e mando i suoi pretoriani 
a rapirla. Susanna al vedere que'ceffl paurosi di annati, git- 
tossi ginocchione, e preg6 Dio, dicendo Signore non aM>an- 
donare la tua ancella ; e dife in uno scoppio di pianto. 11 pa<ln- 
abbracciandola, e piangendo, le disse Figlia inia sta di Inum 
animo ; il tuo angelo ti custodira. So che T Imperatrice 6 buona 
signora, e non permettera che ti venga fatta ingiuria, n6 torto 
un capello. 

Susanna alquanto rassicurata, rasserenossi in viso, segui il 
Centurione, e giunta a pi6 dello scalone di sua casa, si volse 
nuovamente al padre, baciogli la mano, chiesegli la paterna 
benedizione, e tirato sul volto il velo, entro in una lettiga co- 
perta, disse anche una volta al padre addio; e parti, scortata 
dal detto centurione e da parecchi pretoriani. Cent'occhi afli<- 
savano quella misteriosa lettiga, ma le cortine, ond'era velata, 
sottraevano Susanna ad ogni sguardo. 

(iiunta a Palazzo, venne a riceverla una damigella del- 
T Imperatrice ; la quale, accommiatato il Centurione, prese per 
mano Susanna, e introdussela neir appartamento di Serena. 
<Jiiando questa si vide innanzi quell' angelica creatura, coiu- 
presa d'alta riverenza, le cadde genuflessa ai piedi. Susanna 
ammirata e confusa prostrossi anch'essa con la faccia sul pa- 
vinimto. Allora Serena le disse Esulti e trionfi in te (i 
to! 

juesta voce le fosse venuta in quel momento dal ciel<>. 

TV. t*. X, fate. 1052 It 13 <tpril* 1894 



MM 

noil avivbhele giocondato cli maggior l'ti/i;i 1'nninio di 
che 1'udirla dalle labbra deH'Auiiusta. 

Cielo ! che ascolto ! disse fra se, anche 1' Impnratrice 
invoca il mio Gesu; anch' essa e cristiana? E levando 

di giuhilo la voce sclamo Ringrazio il mio Dio ch>> 
da per tutto. 

Indi sorgendo entrambi, abbracciaronsi con grande effti- 
sione di affetto; e 1' Imperatrice, baciando Susanna in fronte, 
dissele Figlia mia, tu temevi d' incappare in un laccio teso 
alia tua fede e alia tua verginitft ; e invece ti trovi tra le 
braccia di chi sapr& in te rispettare e difendere queste due 
incomparabili geinme dell' anima cristiana. 

Ah rnia Signora, anzi madre mia, risposele Susanna, 
lagrimando non piii di dolore, ma di gioia, io non ho parole 
che bastino per ringraziarvi. Yoi mi ridonate la vita. Chi 
avrobbe inai pensato di trovnre in voi una fervorosa adora- 
trice del mio Dio, una sorella di religione, una protettrice 
della mia verginitii, una madre tutta viscere di bontft e d'amore? 
E si dicendo, presele convulsivamente la mano, e stampowi 
sopra un affettuosissimo bacio. 

Serena allora se la strinse di nuovo al seno, accarezzolla 
e dielle un altro bacio in fronte, dicendole - - Figlia, riposa 
sulla mia fede; deponi pur ogni timore, vivi meco tranquilla, 
e serviremo arnbedue il comun Signore e Padre, che e nei 
deli. E presala per mano, menolla alia camera che aveale 
destinata, attigua alia sua, per poterla meglio proteggere e 
avere il conforto della sua cara compagnia. 

II padre di lei ragguagliato per lettera dalla figlia di quel- 
T inaspettato e felice avvenimento, ringrazionne di gran cuore 
Iddio: e le rispose, confortandola ad essere sempre unita di 
mente e di cuore col Signore, e ad avere la buona Impera- 
trice in conto di madre, ed aggiungeva: se non poter venire 
a visitarla, perche guardato a vista in casa ; e per6 si tenesse 
paga delle sue lettere, che manderebbele per mezzo di per- 
sona fidatissima, unitamente a quelle della sua arnica Agnese. 
Questa risposta console assai la giovane; la quale ogni di piii 



XI 

ontrandu in COOfe all' 
dell- pin B 

in tuft.- ] . e li -.-i! 

parvr.-i .!! irinrrn. < a:i<-n<' d<-lla H"t(.- in pi.* 

;r- in recitare s-ilmi c piv^hii-n-: (] il rimanonto dH 
tempo in lavorarf p-i povrri, VPI^<> i quali arncnduo nntri- 
vano una t'ii-n//:i mtt;i niaterna. 

I-'ratianio ronvvano varie voci in Roma sul conto di Su 
sanna; inn niuno si apponeva al vero. 

IN'irh<\ ijjrnorandosi in ritt^ essere 1'imperatrice Sf: 
anct -istiana, ol essendosi gib propalata la noti/in !.! 

rintMi/iono <\i Diorloziano circa In flglia di Habinio, ogniino 
facpa rairion chi 1 r impcra trice do vesse far uso della sua au- 
torit.^ por indurro Susanna a daro la chiesta mano al futum 

f' Massimino. In quella vece r Augusta neppur facev;i!.> 
motto di matrimonio; e se tal flata cadeva il discorso sui di 
ionti di Itiorloziano, Sorona, sospirando, dicevale: 

Figlia mia,hai adopcrato saviamento, quando preforisti 
a uno sposo mortale e terreno il celeste ed immortale. Pre- 
veggo che il tuo rifluto ti attirera addosso grandissimi guai, 
e forse costerfi caro ancho a me; ma non rnonta, purche 
Gesu C. sia in noi due gloriflcato. 

I/ Augusta donna non usciva quasi mai dal suo apparta- 
merito; pure un di, proflttando dell'assenza di Mnssimiano, pre- 
sele vaghezza di andare con Susanna in volta pel palazzo .' i 
giardini imperiali, a fine di ricreare la sua arnica con la viMu 
d.'irli splendori del Palatino. 

Questo collo, ch' 1 fu culla di Roma e sontuosa roiriiia ili 
ro, nmsoli o imperatori, era allora coperto da:rli c'dili/ii iin- 
porinli, non dissimili <li forma o di stilo dalle altn? case ro- 
mane; ma porampicz/a e profusions di ornati vt>rain<'nti- d'-ni 
della prim;. < d*-l mondo. (ili alrii > l i poristilii rr;tno 

cinti di irrandiosi portii-i ;i colonnf di marmo d'ordino ionico, 
I.- spjixiosi- sali- liistravano ri\f>tit'' di uiarin.ir'i lastmni > 

hi. di durati stmrhi e di graziose piltur*-. i>a (ju.-! pi-- 
no rimanc in uno di assji^iri dalln - 



r.'<i AGNESE E SUSA 

<-<>ntrale alle attigue camere, apparisce essere stato il fonlo 
del rivestimento di marmo frigio o pavonazzetto, i pilastri di 
marmo numidico, o giallo antico, 1'architrave e la cornice di 
rosso antico, con un fregio leggiadraraente scolpito a festoni 
in marmo giallo *, e il pavimento a tasselli triangolari alter- 
nati di marmo bianco, di giallo antico e di serpentino. 

Annesso al palazzo imperiale sorgeva il magniflco tempio 
edificato da Augusto e dedicate ad Apollo. Era tutto di marmo 
col portone ornato di bassirilievi in avorio e il frontespizio 
sfavillante del cocchio del sole in bronzo dorato. Nella cella 
del tempio sorgeva la statua di Apollo citeredo tra quelle di 
Latona e di Diana ; ed aveva sotto la sua base in due cassette 
dorate i libri sibillini. Attigua al tempio era la biblioteca 
greca e latina abbellita di pitture, sofflttata di stucchi dorati 
e sorretta da cinquantadue colonne di marmo numidico d'or- 
dine corintio. Circondavala un superbo portico, anch'esso a 
colonne, ornato negli intercolunnii di cinquanta statue rap- 
presentanti le Danaidi, e di altrettante nell'area aperta raffl- 
guranti in bronzo i flgli di Egisto. Cola presso sorgevano altri 
templi di minor mole, ma di non minore sontuosita e magni- 
ficenza, dedicato 1'uno a Vesta, un secondo a Venere e Roma, 
un terzo a Giove Propugnatore e un quarto ad Augusto. Que- 
st'ultimo avea preso il nome di Aedes Caesarum, perche co- 
mune a tutti i Cesari divinizzati. 

Quando Serena Augusta e Susanna vi giunsero nella loro 
visita al Palatino, Serena disse a questa sorridendo Vedi 
tu quelle statue erette ai Cesari divinizzati ? Un bel giorno qui 
cadde un fulmine e spicco via la testa a tutte le statue in- 
sieme, strappando eziandio lo scettro a quella di Augusto *. 

Giusta vendetta del cielo, soggiunse Susanna, contro 
quell' orribile sacrilegio che fu Papoteosi di uomini come noi, 
e di uomini in gran parte indegni perflno di questo nome ! 

Serena mostrolle i varii corpi di fabbrica abitati da Au- 

1 Veggasi il NIBBY. Roma. Parte II antica. Art. XL Palatino pag. 418. 
Ediz. rom. 1839. 

* Narra questo fatto Svetonio nella Vita di Galba c. 1. 



i so 197 

<)la, el isse la domus aurea 

li Nerone, divml.> into tu vedi adesso 6 poco a front" 

, e superba casa d'oro, ch> \TOU> ncll'auge della 
potenza si fe' quassA costruire ; la quale dal Palatine sten- 
l-'vasi flno all' Esquilino. II suo vestibolo poggiava a taata 
altezza, cbe contener poteva il Colosso Neroniano, statua <ii 
broozo dorato con raggiera in capo, alia dalla sua base circa 
40 metri '. Corona vanla tre portici, ciascuno de'quali <-orreva 
.per un miglio di lunghezza; ed abbellivanla deliziosi giardini, 
selvette popolate di selvaggina, e un lago artificiale cinto di 
edifizii. Dentro poi era tutto un bagliore di dorature, di inarm i 
lustranti *, di musaici, di pitture, di statue e di decorazioni in 
im-talli preziosi, in avorio, in pietre dure, e in madreperla, 
con una sfoggiata mobilia, in cui i marmi e i legoi pin rari 
e preziosi gareggiavano con le seterie di levante e con arazzi 
e tappeti di gran valuta. I triclinii erano incoronati di lacu- 
nari di avorio, foggiati a mo' di una ghirlanda di fieri, con 
qua e la tubetti invisibili donde cadeva sui commensal! una 
pioggia profumata di acque nanfe e di essenze odorose. La 
jm'i nobile di coteste sale da pranzo era rotonda, e girante 
di e notte intorno a se stessa con un moto analogo a quello 
degli astri. 

Anche ne' bagni avea grande sfoggio di vascbe marmoree 
pregevolissime ; e vi venivano condotte non pur le acqoe al- 
bule, ma fin anco quelle del jnare. Tuttavolta quello che for- 
mava il lustro maggiore della Casa Aurea erano le tante 
statue in marmo e in bronzo, lavori d'arte stupenda traspor- 
tati dalla Grecia. Delle sole statue in bronzo se ne annove- 
ravano non meno di cinquecento. 

Ora di si sfoggiata ricchezza e di tanto sfarzo non rimane 
se non quello che tu vedi; poiche Vespasiano, Tito, Traiano, 
principi assai piu modesti, fecero di moltissime statue e di ori, 

1 V. Svetonio nella vita di Nerone c. 81. 

* I marmi erano 1'iliaco o frigio, il piallo o libico, il pavonazzetto, il 
pranito sienite, il marmo africano o chio, il rerde o tesaalico, il bianco a 
lunense e il fengite lucido come specchio. 



19S AGNESE E SUSANNA - XIV. M.ATIXO 

argenti e gioie un'offerta ai templi, e del terreni ed oiliii/ii 
ftior del Palatine grazioso dono al popolo romano. 

E cosi, disse Susanna, ristoraronlo, in parte almeno r 
del danni sofferti da quel mostro di crudelta e di libidine, 
che fu Nerone. 

Fosse piaciuto al cielo, soggiunse Serena, che tra queste 
pompe profane fosse penetrate quel softto divino, ond'era ani- 
mate Castulo proweditore di Palazzo; ma tu sai com'egli, dopo 
aver qui dato ricetto a molti cristiani e perflno al Ponteflce r 
che vi venne piu fiate a celebrare i divini misteri, fosse tra- 
dito da Torquato e messo a morte in odio della fede. Ora di 
cristianesimo qui non ha altro vestigio che il mio piccolo e 
segreto oratorio, il quale e per me e le mie damigelle quello 
che per Noe fu 1'arca in mezzo all' universale naufragio del- 
r umanita. 

Tuttavia, osservo Susanna, nel palazzo imperiale di Ni- 
comedia gli ufficiali cristiani della Corte possono senza peri- 
colo fare aperta professione della lor fede. 

E vero ; ma dubito assai ch' abbiano a godere a lungo 
del libero esercizio della religione; poichfc Galerio, nemico 
sfidato e implacabile del cristianesimo, non fa che sobillare 
Diocleziano contro di noi. 

Serena ben si apponeva ; e non and6 guari che si awe- 
rarono purtroppo i suoi sinistri presentimenti. 

Mentre Susanna, grazie alia sua protettrice, viveva tran- 
quilla nell' istesso palazzo de' Cesari, la sua arnica Agnese era. 
in gran travaglio nella sua stessa casa. 



KIVISTA DELIA STAMP \ 



i. 

MTIM P. SANCTI S. .T. Instiln.liitne& Fhilosophicae in com- 
pendium redactae, Vol. II. Elhica sive Moralls. Tori- 
no, tip. Speirani, 1893, 8 di pagg. 400. 

Questo volume non 6 inferiore per merito a' precedenti l 
dall'Autore pubblicati, de' quali abbiamo dato a suo tempo con- 
it -//a a' nostri lettori 2 . Esso costituisce insieme col compendio 
<k')la logica e metafisica un corso iutero di filosofia diviso in 
due voluini, tutto acconcio per essere scelto qual testo in quei 

Jnarii, dove si vuole far premettere alia Teologia uno stu- 
dio sodo delle filosofiche discipline. II volume, di cui trattiamo, 
diviso in due parti, secondo 1" online medesimo daH'Autore 
trmitu ii.'lla sua opera piu grande, cio6 compreude 1" Etica 
.generale e 1'Etica speciale. 

Ire doti soprattutto ravvisiamo in quest'opera, le quali a 
jiustro giudizio la rendono altainente commendevole. Esse sono: 
1 i>urezza d" insr^naiiH-nii, attinti tutti alle limpide fonti del- 
r.\(}uinate; 2 solid it a di prove; 3 pienezza di dottrina. 

Quanto alia prima dote, essa 6 f'rutto di quello studio as- 

10 e profondo onde 1'AuUm; da meglio che trent'anni svolge 

1 Principia Philotophica ad mcntem Aquinatis. Editio altera In 8 (p. 

108). Dtspvta lionet Methaphysicae specialty. Vol. I. De natura corporal f et 

ma rational*. Vol. II. Theologia Naturalit. In 8 (p. 700, 448) Duputa- 

tiunes J'fiihsoj'hiat Muralit. Vol. I. Ethica Generalii. Vol. II. Ktkica tpt- 

t*. In 8 (p. 436, 704) Inslitutiones Philosophicae in compendium. Vol. I. 
Logica et Metaphysica. In 8 (p. 680). 

Serie XIII, voL III, i>aff. 1U5 aegrg. 5 TO!. XI, pag. 697 segg. Ser. XIV 
vol. Ill, pap. 68 Mgg. Ser. XV, vol. I, pag. 459 aegg. 



200 HI VISTA 

le opere di quel sommo tra gli scolastici, cui segue con fe- 
deltk ed amore. A questo stesso studio, congiunto coll'acutezza 
del suo ingegno, si deve quella esattezza, direm cosi, scrupo- 
losa che usa si nel proporre le sue asserzioni, come nel pro- 
varle e confutarne gli avversarii. Per ci6 che spetta alia so- 
lidit& delle prove, principalmente quando si tratta di dimo- 
strare qualche tesi di grande momento, 1'Autore prudente- 
mente si astiene dal recar prove fondate su principii soggetti 
a controversie, ma porta quelle che poggiano su veriti gene- 
ralmente ammesse da tutti i sani filosofl. Intorno poi alia pie- 
nezza della dottrina, crediamo di poter affermare non aver 
omesso 1'Autore in questo suo compendio questione alcuna 
importante, ma aver avuto cura di trattare e svolgere ampia- 
mente tutti quei punti di Filosofia Morale, che sono principal! 
e fondamentali. Rechiamone qualche esempio. 

Nell' Etica generale assai importa tra 1' altre cose avere 
una cognizione esatta dell'obbligazione della legge. L'Autore 
vi consacra un intero articolo, nel quale si fa a dimostrare le 
seguenti tesi: 1 che 1'obbligazione morale generalmente con- 
siderata e una cotal necessity conosciuta dalla ragione, la quale 
per se punto non dipende dalla libera elezione della volonta, 
a cui e imposta ; 2 che 1' obbligazione generalmente e for- 
malmente considerata consiste in cio, che la libera azione della 
creatura e la sua omissione sia con necessario nesso congiunta 
con Dio, oggetto finale della volonta ! 4 

Di qui risolve la grave questione del principio dell'obbli- 
gazione morale, distinguendo un triplice principio: il costitu- 
tivo, Fefflciente, il promulgante. II principio costitutivo, dice 
egli, dell'obbligazione morale non e. altro fuorche Dio, in quanta 
bene infinite e pero finale oggetto dell'azione umana. II prin- 
cipio primo efficiente di ogni obbligazione e il potere di go- 
vernare che a Dio compete come a prima causa. II principio 
promulgante e cio che guida 1' umana mente alia cognizione 
della legge eterna di Dio : ond'e che primo ed interno prin- 
cipio alia manifestazione della legge di Dio vuolsi riputare lo- 

* Pagg. 71, 72. 



:i-\ 

10 Inmr n;itiir:ilr drll; ragione ' Conclusion.- di questa 
trina e che chi Mp.-r;i moralmente male, offcnde realmente ; 
* in qualrhr numirra avverte alPoffesa che gli reca f . 

Ktica speciale sono di un'import:m/a tutta lor propria, 

se massiinaiuente le condizioni de' tempi, le question! in- 
torno al suicidio, al duello, alia proprieta, al divorzio, ed al- 
riuitorita politica. La gravity di cosi fatte question! non e sfu:- r - 
gita al nostro Autore, il quale pero le tratta tutte con a<vu- 
ratezza e perspicacia. Cosi, per esempio, nella questione drib 
proprieta impiega ben otto articoli, di cui i principal! sono 
senza dubbio quei quattro in cui 1 confuta Terrore de' Comu- 
nisti e dei Socialisti, diinostrando, che la divisione de' d<>- 
ininii nelle cose materiali e pero la proprieta anche stabile 
di tali beni, e al tutto conforme all'ordine naturale delle cose, 
ed e contraria al medesimo la eguaglianza voluta da' socia- 
list!. 2 Rigetta del pari alcune false sentenze riguardo alia 
priinitiva origine del dominio di proprieta, cui alcuni vorreb- 
bero riconoscere da umana convenzione o legge positiva. 3 As- 

ia i veri titoli originarii del dorainio di proprieta. 4 Fa 
vedere che il dominio di proprieta, strettamente parlando, e 
di diritto naturale, benche sotto qualche rispetto si possa an- 
che dire di diritto positivo 3 . 

Higuardo al divorzio, fatta distinzione tra divorzio perfetto 
ed imperfetto, dimostra le due seguenti proposizioni. 1 Con- 
iugale vinculum suapte natura est perpeluum et indissolu- 
bile. 2 Ratio ducta e sterilitate alterius coniugis aliave dif- 
fieullate consimili minime debilitat rwluralem firmitatem ma- 
ritalis vinculi proxime assertam 4 . La qual ultima conclusione 

<>sta appunto a questo ijne, di sciogliere le principali dif- 
ficolta che si sogliono fare contro rindissolubilita dol matri- 
monio. 

La questione poi dell'autoriti politica e svolta dall' Autore 
con una maestria tutta particolare. Datane la deflnizione, si fa 
a ricercare : an et quo sensu politica auetoritas a Deo imme- 

1 Paffg. 75, 76. Pag. 76. Pag. 190 egg. k P. 280, 231. 



202 RIVISTA 

diate procedat] e risponde con tre asserzioni : 1 Civili* a 
toritas non ex humana conventione sed ex ipsa lege nalnruli 
existit. 2* Principatus politicus, geneiatim el secundum se 
consideratus, ex Deo est immediate, ut naturae auctore. 3 lus 
imperil cum nulla est certa forma reipublicae necessario- 
coniunctum. 

Pin innanzi pone un articolo in cui esamina quale sia il 
soggctto particolare in cui debba risiedere Fautorita propria 
del civile consorzio. Novera tre sentenze 2 . La prima, la quale 
si oppone del tutto alia dottrina cattolica, fu propugnata da 
Rousseau, e vorrebbe che il popolo (e solo il popolo) preso- 
collettivamente fosse ir soggetto dell'autorita politica, si che 
questa non potesse trasferirsi in alcuna persona o ceto par- 
ticolare. L'Autore dimostra brevemente Fassurdita di tale sen,- 
tenza e la vanita degli argomenti su cui si appoggia. La se- 
conda sentenza fu tenuta da molti illustri scolastici. Stando 
alia medesima, nel formarsi di ogni societa civile, la intera 
moltitudine, di che questa consta, sarebbe il soggetto a cui 
Iddio immediatamente conferirebbe 1' autorita, in raodo tale 
nondimeno, che questa pOssa, anzi debba in alcune circo- 
stanze trasferirsi di comune consenso in qualche persona o 
ceto determinate. L'Autore non crede di doversi attenere nep- 
pure a questa sentenza, e ne da buone ragioni. Preferisce la 
terza, secondo la quale il primitive soggetto dell'autorita poli- 
tica non sarebbe necessariamente la moltitudine, ma o la mol- 
titudine o qualche persona o ceto particolare, secondo le cir- 
costanze, in fbrza delle quali F innata socievolezza dell'umana 
natura vien recata alFatto e diventa concreta. 

Finalmente, si leggeranno con uno speciale interesse le 
cose che FAutore ragiona intorno a' doveri della societa ci- 
vile rispetto alia Religione, all' istruzione, alle associazioni % 
ne possiamo tacere del bellissimo articolo intitolato: De liber- 
tatibus hodiernis 4 , in cui esamina le cosi celebri liberta di 
pensiero, di coscienza, d' insegnamento, di stampa, di associa- 
zione ecc. 

1 P. 270 segg. P. 282 segg. s Pag. 311 segg. * P. 331 segg. 



I'KI.LA 8TAV 

Chin. 1-- il v.ilmn.' un'app.Mi'Ii.-i': De mului. libus in- 

/// Kcrlesiam et sindnn politicum ', la quale, per clr 
Ml online, & sommamente pregevole. 



II. 

11. i:. .MA DIM. Vita di Francesco Arese, con docunienti ine- 
fli/i. Torino, Roma, L. Houx e C, 1894, 8 di pp. 544. 

La storia della rivoluzione <T Italia floo al 1870, in tutte 

10 p;irti pubbliche e secrete, oggiinai 6 cosi compiutamente 

iiot<>ii:i. rln' i nostri poster! <iu;isi niuna fatica avran da du- 

e, per inetterne insieme i inateriali, e pochissima per for- 
ma rne il i:iiidixio. La grande voglia d' iminortalarne gli autori 
d i fautori di ogni grado, non pure col marrao e col bronzo, 
ma sopra tutto coi libri, ha fatto si che, nel corso di questi 
ultimi venti anni, o uscito fuori quanto di palese e di nascosto 
metteva conto che si sape:- 

Gli epistolarii, le niemorie, le storie, i ricordi, le vite di 
i' Vittorio, dei Cavour, dei La Farina, dei Persano, degli Az- 
glio, dei Ricasoli, dei Lamarmora, dei Minghetti, dei Manin, 
<l-i (laribaldi, dei Mazzini e di cento altri, nell' Italia ; e i>i 
tutte le altre di ministri, di militari, di diploma tiri, amici e 
servitori di Napoleone III, o di suoi avversarii in Francia, 
banno fornita, sopra gli uoinini e gli eventi, tal copia di luce, 
che ad averne la pienezza, poco piu riinane da desidenu. 

Non a torto dunquo il sig. R. Bonfadini ha pensato, che 
qualche altro raggio si potesse aggiungere, pubblicando, in- 
sieme colla sua biografla politica, una serie ordinata di docu- 
ment i iiKMiiti, tratti daH'archivio private del conte Francesco 

-: il quale, al loro splendore, sarebbe appurso degoo di 
essere annoverato fra i primarii cooperatori della rivoluzione, 
! avere, piu meritamente che altri, una statua nelPOlimpo 

1 I-. 371 .egg. 



RI VISTA 

dell' Italia nuova. Diciamo non a torto, poichfc questi document! 
per verita illustrano sempre meglio alcuni punti, i quali del 
resto sono chiari ; ma giova che alia storia passino sempre 
piil accertati : ciofe dire, per esempio, che T Italia, qual fc stata 
formata dalla rivoluzione, e opera d'intrighi settarii, d'influssi 
e di concorsi stranieri, assai piu che di volere o di virtu di 
popoli : ed inoltre che, non la Francia vi ebbe la parte potis- 
sima, ma la persona di Napoleone III, il quale molto ebbe da 
faticare per vincere le ritrosie della nazione, contraria sem- 
pre all' impresa, che le ha fruttata poi la perdita dell'Alsazia 
e della Lorena ed altre sciagure che non sono finite. Sotto 
questo rispetto, il presente lavoro di R. Bonfadini ha un' im- 
portanza non comune. 

Francesco Arese e Luigi Bonaparte, fino dalla prima gio- 
ventu, contrassero amicizia strettissima in Roma ; e la rinsal- 
darono nella Svizzera e negli Stati Uniti d'America, dove, come 
fratelli, vissero insieme ; n& piu mai, sino alia morte, rimisero 
dell' intrinsechezza che tra loro li legava. Ambedue trescarono- . 
colla Carboneria, TArese in Milano ed il Bonaparte negli Stati 
Pontificii ; e presto ambedue esularono : 1'Arese, perchfe so- 
spetto all' Austria ; ed il Bonaparte, perche profugo dalle terre 
del Papa, contro il quale aveva ingratamente prese le armL 
Ambedue altresi ebbero confidenza con Giuseppe Mazzini e 
cogli adepti della sua Giovane Italia, come del rimanente hi 
ebbero quasi tutti i capi e promotori dei fatti susseguiti. 

Nel 1848, dopo le cinque giornate famose di Milano, PA- 
rese rimpatrio e, prima da diplomatico e poi da soldato, servi 
il Governo provvisorio di Lombardia. Se non che, rotto Teser- 
cito di Carlo Alberto, egli emigro nel Piemonte, dove prese 
stabile dimora e legale cittadinanza. 

Per certo, appresso i disinganni di quei rivolgimenti e di 
quella guerra infelice, egli si staccd dal Mazzini, nella guis;i 
che tanti altri, i quali, succhiato da lui il primo latte repub- 
blicano deintalianild, passarono poscia al piu sostanzioso nu- 
trimento regio del sabaudismo; vincolati pur sempre, con fili 
piu occulti, ai supremi Consigli, alle Alte Vendite, od ai Grand! 



DELLA STAMPA 

Orient! delle sette. Ai quali che il conte Arose riiu;Mi.-s>' M- 
Kretamente unito, non pm'i r.m -i.-urezza asserirsi, man 
done, nei document! editi dal Moiifrdim, o^ni diretta prova. 

Pu6 invece asserirsi, che al sabaudismo non fu tratlo dal- 
. interesse o daU'aintti/ione. Tutt'altro ! Ai anzi in cio una mo- 
80ft bianca, una rara am, una specie di miracolo; perocche, 
all'opposto della pleiade di patrioli, precursori, patriarchi, apo- 
stoli, martiri e confessori dell'Italia-una, niente cerc6 e niente 
ambi mai, accettando con rassegnata cortesia tre grandi cor- 
doni, un gran collare e la vice-presidenza del Senato, perche 
non gli fu lecito schermirsene : e questo, non ostante che altri 
piu ghiotti onori e lauti vantaggi gli corressero dietro e gli 
fossero offerti. Anzi al contrario, ricchissimo com' era di censo, 
molto spese del suo. Che piti ? Mosso da un' ingenua generosita, 
giunse persino a versare in dono centomila lire al Ministero 
delle flnanze ; il quale, avverte argutamente il Bonfadini, 
con nota del 29 dicerabre 1866, gliene rilasciava la ricevuta 
(bisogna dirlo a caratteristica della nostra burocrazia) con 
quclla stessa dizione, con cui si sarebbe stesa la ricevuta pel 
pagamento di una multa di cinquanta ceotesimi ! . 

I servigi ch' egli rendette alia causa della rivoluzione f\i- 
rono di natura assai delicata ; e dal canto suo richiesero un 
riserbo, una destrezza, un accorgimento ed una costanza so- 
pra Tordinario. Per circa vent'anni, egli fu il legato o nego- 
ziatore confldentissimo della rivoluzione, governante in Torino 
o in Firenze, presso Luigi Napoleone. Quindi le Ilia piu gelose 
delle congiure contro 1'Austria, i Principi italiani ed il Papa 
passarono, da una parte e dall' altra, per le sue man! ; a lui 
furono commessi gli affari piti secreti da trattare a voce o in 
wcrilto; egli fece, quando da messaggere, quando da esplora- 
tore, quando da ambasciatore, quainln <la intrrn-ditore; e 
spesso da cuscino, o da parafulinine, come lo soprannoiui- 
narono i Mini>tri pi'iuontesi, che ne invu-;ivan( il soccorso, 
dopo compiuta alcuna di quelle che Carnmillo Cavour ben chi;i 
mava balossade. 

1 Pag. 836-37. 



-; RIVI 

II volume dt'l Uonfadini contieno appunto la storia ili <| 
vurii uflizii e del conlidenziali negoziati condotti <l;iirArese, 
coll' accompagnamento di molte lettere curiosissime sue e di 
altri, che dell' impresa italica furono grande parte. Non appena 
Luigi Napoleone, il 10 decembre 1848, fu eletto a presidente 
della Repubblica francese, che tosto in Torino si penso all'a- 
inicizia dell' Arese col nuovo capo della Francia, ne gli si 
diede tregua, finch 6 non accetto di accorrere in Parigi, a re- 
stringervi i nodi di quella quasi domesticity d' affetto, in cui 
;mibedue da giovani erano vissuti; coH'incarico di portare al 
novello presidente i rallegramenti del re e del Governo sardo. 
Ben sapevasi che colui, oltre 1'inclinazione dell' aniino, era te- 
nuto da segreti obblighi a favorire la cosi delta causa italiana; 
obblighi dai quali non fu rnai prosciolto, e che di poi idi fu- 
rono efficacemente rammentati dal pugnale del Pianori e dalle 
bom be dell'Orsini. 

Con ragione il Bonfadini scrive, che, subito conosciutasi la 
elezione sua, pareva a tutti gli amici del principato liberale 
in Italia, che inaugurasse uu periodo pieno d' incognite favo- 
revoli ravvenimento di Luigi Bonaparte alia piu alta magi- 
stratura della Repubblica francese A . Queste incognite erano 
presagite da tutti coloro, che non ignoravano quanto fossero 
inesorabili le sette carbonaresche nell'esigere dagli adepti Pos- 
servanza dei fatti giuramenti. II vecchio principe di Metternich 
meglio di tutti previde queste incognite, predicendo allora in 
Vienna a Luigi Yeuillot, che il Bonaparte si sarebbe fatto irn- 
peratore, e si sarebbe perduto imperatore rivoluzionarto in 
Italia. E cosi fu; giacche la rivoluzione, che egli intronizzo 
nell' Italia, genero P Impero germanico ; e questo Irnpero a 
S6dan gli rese il cainbio di quel che avea fatto in Italia contro 
i Principi e contro il Papa. 

Ne il supremo Gonsiglio delle societa segrete gli spiano 
la via all' Impero francese, se non a questo palto, che avesse 

1 Pag. 90. 



nA 

lu/.iono d" I' ggi 

nut. li i. 

I! Vin.-fii/o Ciolirrti. n.riM-io <|ci sftrri mil che legit . 
il ll'.n.iparto :ill:i C:irlnii|i'ri:i italiana. css.-ndn pr.-M<i.'iit' d.-l 
Consiglio d-i niinistri in Pifiuontc, m>| dan- all'An-so la mix- 

.0 di portarirli i onnplimonti in Parigi, fjli rarcomand 
con SHO disp.-itvin nilicialo. di sprim<-iv all' illustrc nipote 
delPuoiiKi pin jirande che forse sia vissuto ^i.uninai, coiue la 
sua pntria speri di essere redenta daUa sua rirtft e dalla sua 
potenza *. 

Ma sottd i linri d'i coinjiliiiicnti, 1'Arese portava le prime 
spine drllc snrvilii^ dllo abbiezioni, che durarono quanto 
il potere di Luijri Bonaparte sulla Francia. Egli, in questa sua 
prima L r ita a 1'ariiri. dovcva mendicarvi 1'aiuto di un generale 
rraiii'---.-. (he prend'ssi il comando delPesercito di Carlo Al- 
berto, nella PIMT;I che si meditava di roinpere alPAustria fra 
pochi iiirsi. Ma in indarno: nfe il Hedau, nfe il Changarnier, 
n6 il I^anioriciore, ne il Magnan si piegarono a capitanare 
quest'avventura, che, guidata da un generale polacco, fini j mi 
nella catastrofe di Novara. 

Ben intendono i lettori che non possiamo seguire 1'A 
per I'ampio dedalo d<<rli intrighi, dei manoggi e delle perfl- 
die, in cui fu adoperato alia corte di Napoleone III, sin verso 
il INTO. II n.miadini ne tesse la cronaca, come di un'epopea, 
tanto pin meritoria, quanto meno clamorosa ; e ne canoni//a 
a dirittura Teroe a nome della patria. Ma noi, che stiaruo colla 
morale antica, e diciamo pane al pane e sasso al sasso, non 
possiamo non deploraro che un uomo di si belle qualita na- 
tnrali fornito, siccom'era 1'Arese, le spendesse a far da m-/- 
/ano pel trionfo di iniquita, che della patria sono state la 
rnina. 

i si nitti contro una pietra, perchfc usianio il proprio 

iholo di iniquita. II (!av.nr stc ( . d.-liniva (jueste opere 

1 V. Lei SotitUi tecritet et la SociM, par N. Dhkanipt. Tom. II, 
Chap. X., Avignon, 18H2. 

1 BONFADIM, I?!. 



I! I VISTA 

sue palriottiche colla parola di ribalderie, che tanto sijrni 
in piemontese il termine di balossade. Massimo d'Azeglio chin- 
inava morale da due pesi e da due misure, quella che a que- 
ste imprese si metteva innanzi. Ed a proposito della poll 
praticata dal Cavour verso il re di Napoli, e delle finzioni colle 
quali costui condannava pubblicamente la spedizione del Ga- 
ribaldi in Sicilia, che egli aveva secretamente ordinata ed aiu- 
tava, lo stesso Napoleone III scriveva il 30 agosto 1860 al- 
1'amico Arese : lo sono accorato pei procedimenti del vostro 
Governo rispetto a Napoli... per verita nessun uomo onesto 
puo approvare una politica, che ha tutti i segni della fiac- 
chezza, cioe dire dell'astuzia e della doppiezza *. 

Or questa turpe politica, che poi si e divinizzata qual po- 
litica da galanluomo per antonomasia, questa politica che fa- 
ceva stomaco persino al Bonaparte, non certo delicato in punto 
di morale, era pure riprovata dal dottore Conneau, ombra del 
corpo di Napoleone III, il quale confidentemente scriveva, il 
<> ottobre di quell'anno, al medesimo Arese, non potersi essa 
giustiflcare, se non colla scusa che lo scopo legittima il 
mezzo 2 . E poi i seguaci di questo beir assioma lo appon- 
gono ai Gesuiti ! 

Eppure questo e 1'assioraa al quale s' inchina riverente 
anche il sig. R. Bonfadini, quando, esposto 1'esito felice della 
conquista di Napoli, soggiunge : L'unita d'ltalia era fatta; e 
il conte Arese poteva, con serena coscienza, cornpiacersi di 
avervi contribuito, fino dalla epoca in cui, per farla, complot- 
tava col Mazzini e colla Giovane Italia 8 . Con serena co- 
scienza, eh? Ma allora perche maledire tanto, .verbigrazia, .i 
ladri delle Banche e menarne il romore che ha ferito le stelle? 
Alia fin dei conti, ancor essi avevano uno scopo, buono per 
loro. A qual titolo il mezzo del furto dei quattrini non ha 

1 Je suis navrf de la conduite de v6tre gouvernement vis-a^vts Na- 
ples... r/ellement aucun honnfte homme ne peut approuver une politique 
qui a tout les caracteres de la faiblesse, c'est-a-dire de la, ruse et de la du- 
plicite". pag. 267. 

2 Pag. 269. 3 Ivi. 



h-pttiiiiare lo scopo d'ingrandire la famii:li;i, postoch. il 
lati -lelle province e degli Stati legittima lo Bcoj) 

ingrandire la patria? Questa e la morale d;ii .lu> j-si delie 
<lu.' misure, deplorata gia, benche servisse a fare 1'Italia, da 

>simo d'Azegiio: ed a noi da meraviglia che Taccorto in- 
gegno del Bonfadini non si sia avvisto, cbe questa morale 
pon puo render serena la coscienza di chi la segue, ue far 
onore a chi J'esalta. 

Ma il criterio etico che ha guidato il Bonfudini, nel ^iudi- 
care il concorso dato dal conte Francesco Arese alia fortuna 
della rivoluzione, non la cede al suo criterio logico, nel giu- 
<Hcarne il valore politico. Come la prima fase della rivolu- 
zione italiana, scriv'egli, s'era compiuta mediante la coopera- 
zione effettiva della Francia, e la seconda mediante la coope- 
razione morale dell' Inghilterra, la terza doveva compiersi 
coll 1 aiuto militare della Prussia, non contrastato ne dalla 
Francia, ne dairinghilterra. La politica italiana otteneva cosi 
tre grandi complicita europee, in favore delle proprie crea- 
zioni; e dava una triplice dimostrazione deirabilita sua e del- 
T indipendenza delle sue mosse '. Indipendenza delle sue 
mosse uno Stato, che, flno al 1870, non fu se non un'appen- 
dice dell' Impero napoleonico ; e dopo e divenuto e seguita ad 
essere un feudo dell' Impero tedesco? Via, il sig. R. Bonfadini 
si piglia gabbo de'suoi lettori, i quali non deve poi credere, 
che siano tutta gente da vedere, perche la mostra egli, la luna 
nel pozzo. II caso e che la creazione deiritalia o, meglio, la 
trasformazione del Piemonte in un unico grande Stato, si e 
iatta da quelle tre Potenze straniere, per utile od interesse, 
non degritaliani, ma loro proprio; quantunque poi quella che 
pin vi si adoporo, n'abbia avuto il danno colle beffe. 

Alludiamo alia Francia napoleonica, che da questa t: 
forma/ione non ebbe T aiuto che ne sperava per se di una 
poderosa alleanza in guerra, e n'ebbe invece Torigine d'ine- 
narrabili sventure. Questo era presentito dalla nazione, la quale 
percio fu sempre ripu^nante dal concorrereairinu r r;unlim'nto 

' 1'ag:. 339. 

XV, 9oL X, ftue. 1059. 14 13 april* 1894. 



210 HIYI.-1A 

del Piemonte, ed alia sua rivoluzion:iria conquista di tutta la 
Penisola. La ragione politim i'n magistr.-iliupnti' ,idiloit;i 
Adolfo Thiers, nel suo celeluv discorso al Corpo legislative >, 
che precede di poco la guerra del 1M6, col quale mo- 
quanto insensata fosse la politica imperiale, che, tenendo mano 
di soppiatto a quella guerra, metteva la Francia nel pericolo 
di rimanere presa fra due grandi Stati, i quali facilmente 
contro di essa, attraverso le Alpi, si sarebbero data la destra: 
il che si opponeva a tutte quante le tradizioni sue e la sua 
storia. E che cogliesse nel segno, fu presto evidente. La que- 
stione politico-religiosa poi era sulle bocche di tutti, e riguar- 
dava le sorti del Papato, alia perdita della cui liberta la Fran- 
cia non era e non poteva restare indifferente. 

In queste due ragioni, o piuttosto in questi due supremi 
interessi nazionali, urtava del continue il malvolere del Bona- 
parte, stretto dagl' irnpegni settarii della sua gioventu e dal- 
1'obbligo rinnovato coll'alta Massoneria, nel salire airimpero, 
di secondare in Italia imprese alia sicurezza e dignita della 
Francia nocive e per avventura funeste. Di qui il suo con- 
tinuo tergiversare e contraddirsi, segnatamente per quanto 
concerneva Roma, occupata allora dalle arrni francesi, regnante 
Papa Pio IX, col quale egli era legato da promesse, che 
1'onore e la fede della nazione non gli consentivano di rom- 
pere. 

E di tale difflcilissimo contrasto di Napoleone III col pub- 
blico pensiero ed affetto della Francia, a cagione dell' Italia 
rivoluzionaria, i documenti ora editi del Bonfadini danno prove 
manifesto. Non puo essere di questo luogo 1'accennarli anche 
solo trascorsivamente. Li prenderemo forse in esame in altro 
tempo. Per ora ci basti indicare, che il Bonfadini stesso af- 
ferma il suddetto flero contrasto fra i desiderii dell 1 impe- 
ratore e quelli del popolo suo , riferendo la testimonianza 
del conte di Malmesbury, che fu per molti anni ministro de- 
gli aftari esterni d'Inghiltcrra; poi quella dell' imperatrice 
Eugenia, la quale scriveva all'Arese, dopo la guerra del l v 
cioe il 20 Agosto di quell'anno, com'ella si sforzasse quanto 



per div.Miir i. 1'Iniperatore per 

! Italia era andato corUro a '<> del suo proprio 

paest' 1 : liiKiliiifMt.', jM-r abbivviare, la lettera del 4 ottobn- di 
i|iii'll'anno stesso, sc-ritta in niarrit/. dal im'doiino Napoleone 

mile amico, ni'lla quale arrivava a lar questa eloquente 
confessione: Ve lo dico sm/a iatian/a: 10 qui sono il solo 
che abbia ardore per la causa italiana *. 

Chi queste cose considers <li iinTa\igliar?i rb- la 

1'rancia, ancorchfe inuUila in Kepubblit-a, mai piu 11011 abbia 
avutu buon sangue coll'Italia-una, iiuvntralasi iu quella Roma, 
<-he, calpestando i trattati fatti con essa, occupo, per 
i-iti) d i lla rrussia, durante la iufelice sua gut-rra <1-1 
l>a quosto difctto di buoii .saui:ii.' t': proceduta la alli.'un/a N-llo 
.Stato italianu coi due Iinperi austriaco e gennanico; ed in- 

iie poi la tremenda guerra econoinica e finan/iaria, niossiigli 
dalla Fi-ancia, cln, senza colpo ferire, Tha prostrato e quasi 
iinpossibilitato a valere qualche cosa piu di zero, in pro degli 
alleati. 

Correndo le carte di questo volume, piu volte ci 6 venuto 
iM-nsato: So il conte Francesco Arese potesse Icvare il capo 
<lal sepolcro, e vedere la bella riuscita di questa Italia, per 
<-ui lunnare, qual e, tanto egli spese d'industria v di danaro, 
<-bf direbb'egli? 

II Doniadini pun inagnillcaiv i|iianti> ^li ag.uTaila 1'opera: 
ma se questa dai frutti si ha da stimare, a nulla jziovano i 
suoi paradossi entusiastici, n6 le sue rettoriche ampliflcazioui. 
I/opera resta pur seinpre (juella che e; 1^ ciain 1 '- non la nui- 
tano, e da essa si dovranno giudicare gli aulori, i qnali, al 
trihunale di Dio e della storia, porteranno il :--lb sue 

non ignorate conseguenze. 

1 Je trayaille tant que je putt, & devenir Italienne. Ne craipnez-vous 
pas do prouver a 1'Europe que le metier de Kidempteur (in Italia e altrove 
Napoleoue era acclamato Redentore della patria] est un metier de tot* / 
!. Kiiipereur iiidme a 6t un instant contre le tent intent de ton proprt payt. 
Pag. 185. 

* Je vous le dis sans outrecuidance, mais il n'y a que MOI sent ici, qui 
suis dovou6 a la cause italienne. Pag. 208. 



212 RI VISTA 

Noi per6 abbiamo qualche indizio da congetturare, che que- 
ste conseguenze maleflche passassero forse le prevision! <1-1 
PArese, ed egli, ne' tempi ultimi della sua vita, ne provasse 
amarezza. 

Chi scrive queste pagine, una bella mattina di giugno, s'in- 
contr6 con lui, qualche anno prima ch'egli rnorisse, ai bagni di 
Montecatini. Si stava solitariamente seduti a un tavolino, nel 
boschetto delle Tamerici, sorseggiando Pacqua fresca di quella 
tbnte salutare. Allora ferveva in Firenze Pagitazione contro 
la pubblica bestemmia ed il pubblico turpiloquio; si era te- 
nuto un comizio per promuovere Pesecuzione dell'articolo del 
codice penale toscano, che lo punivaje nei giornali si dibat- 
teva il pro ed il contro delle presevi risoluzioni. Caduto in- 
torno a cio il ragionarnento: - - Si, disse il conte Arese, la 
bestemmia e una turpitudine, indegna ancora della civilta. Ma 
credete voi, che i tanti disgraziati i quali ne hanno Puso, inten- 
dano proprio, colle loro bestemmie, di ferire la Divinita? lo 
non lo credo. 

- Non e credibile, gli rispondemmo ; almeno per la mas- 
sima parte. I piu non riflettono a quel che dicono: bestem- 
miano sopra ira, come per intercalare e per effetto di un mal 
abito contratto da fanciulli. 

Dunque, ripiglio, 1' estirparlo dev' essere piu lavoro di 
educazione, che di codice penale. Tocca ai parrochi mettere 
per tempo in orrore ai fanciulli questo vizio esecrando. 

Conte, voi dite bene ; ed i parrochi lo fanno e non si 
stancano mai, nelle prediche, nei catechismi, nelle loro esor- 
tazioni, d' inveire contro quest' abuso, che e la vergogna della 
Toscana, terra proprio classica della bella lingua e delFosceno 
e blasfemo parlare. Ma che volete? II lavoro del parroco e 
distrutto dalla scuola, dove troppo spesso il maestro, e colle 
empieta e colPesernpio, insegna la bestemmia. 

II conte tacque, si rabbrusco in viso e, con un certo moto 
del capo, parve dire in se stesso: Possibile che in Italia 
siamo giunti a questo? 

Che noi non meiitissimo,- ne punto esagerassimo, ce n'entr6 



DELLA STAMI'A 

i m;ill'\;nl<iv Uuggero Honshu il quale, parlando, n 
. ill |in-.sti iiuifstri <1.'!1'- x-iiole popolari, cosi nel 1883, 

sen/'essere ribattuto, si espresse : Questi maestri eleim-ir 

bestemniiando, come dice Dante, 

Iddio e i lor parent!, 

L'umana spezie, il tempo, il luogo e il seme 
Di lor semenza e di lor nascimenti, 

diventeranno ogni giorno piu incapaci di esercitare un' in- 
fluenza buona e morale stille popolazioni '. 

Cosi di questo lairismo, ossia magistero di irreligione e di 
bestemmia, si addolorassero tanti di quei liberali milanesi, i 
quali sembrano meravigliarsi che la nuova liberta, abbia em- 
pita P Italia di bestemmiatori, di socialisti e di anarcbici ! Qual 
seme, tal frutto. 

III. 

FERDINANDO GANGER. Vila delta Serva di Dio Maria Rosa 
Carafa deUa Spina dei duchi di Traetlo. Napoli, tip. 
Napoletana, 1893, 16 di pp. 288. -- Prezzo lire 2, e per 
posta 2, 20, a beneflzio dell' Opera del sovvenimento delle 
chiese povere. 

Comecche la lettura delle vite de' Santi in generale riesca 
utile e dilettevole; nondimeno questa della Serva di Dio Maria 
Rosa Carafa si raccomanda assai per alcuni pregi tutti suoi. 
E primieramente v' ha di quelli, che dimentichi di ogni studio 
delle cristiane virtu, vogliono attribuire codesta loro vitupe- 
revole ignavia alia qualita del luogo, dicendo, almeno a flor 
di la bbra, non potere la virtii albergare nei palagi dei nobili 
e doviziosi signori, ma dover cercare sua stanza nelle uinili 
case e nelle rustiche capanne. Vieto pretesto, conftitato dall'e- 
sempio di tanti illustri personaggi, e reoentMii'nte da questo 
di Muria Rosa Carafa, nata in Napoli dalla nobilissima stirpe 
de' Carafa dolla Spinsi, che nella signorile sua casa, e fra le 
agiatezze dpir:ivit:i pn>s:ipi;. visse una vita angelica, e ri 

1 Alti ujfc. pay. 1590-91. 



214 RIVISTA 

di tutti quei carismi, di cui lo Spirito Santo suole uMiolliro le 
jinime a Lui piii care. II priino pregio dunque proprio <li que- 
sta Vita dimora in cio, che in essa si propone alle nobili e 
ricche donzelle, che per qualsiasi ragione non potendo abl;m- 
donare il mondo e la casa, vogliono santiflcarsi e aspirare e- 
ziandio a' piu alti gradi della perfezione cristiana nella loro 
famiglia, un modello da imitare sopra ogni altro acconcio a 
t;il uopo. 

II secondo pregio speciale di questo libro si e lo scoprirci 
in quanto pregio ed araore abbia Iddio la novella, ma rigo- 
gliosa pia unione delle Ancelle del Sacro Cuore, dando loro 
in questa Maria Rosa Carafa un modello perfetto di quello a 
cui vuole che da esse si aspiri. E non pure parliamo di quelle 
di Napoli, a cui ella appartenne, e di cui fu la piu bella gloria 
ed il piu chiaro ornamento ; ma di tutti ancora que' drappelli 
di nobili donzelle e di ragguardevoli matrone, le quali, accese 
di quel caldo, che fa nascere i fiori ed i frutti santi, vogliamo 
dire dell' amore di Gesu loro diletto sposo, corrono sotto il 
medesimo vessillo con assai lieti successi Tapostolico arringo, 
dovunque si distende la cattolica Chiesa. II che si parra chiaro 
a chi ponga mente, come Iddio si compiacesse di fregiare questa 
anima eletta di tutte le qualitS, che a compiere siffatto ufflcio 
sono richieste, e principalmente di una grande divozione al 
S. Cuore, e di un acceso amore alia Croce, oltre a non po- 
che nobilissime doti naturali di mente e di cuore. 

In terzo luogo ci pare che il Signore abbia tolto di sotto 
il moggio, e posta sul candelabro nella sua Chiesa questa ri- 
splendente lucerna, afflnche faccia luce a tutta la gente di 
casa, cioe a mantenere e rawivare maggiormente la fede 
ne' credenti, e a rintuzzare la boria di quelli, i quali, oggi 
specialmente, nulla vogliono ammettere, che punto travalichi 
il potere della natura. Basta per mille prove gittare uno 
sguardo sopra alcuno dei ratti o delle visioni, che vogliam 
dirle, di questa anima avveuturosa raccontate in questo libro, 
e leggere cio che in esse vide e prove, per iscorgervi di tratto 
maraviglie a che natura non scaldb ferro mat, nk batte in- 



I'l I 

i primi u--ll' uniilt "1 loro 

CUOi ninnii nclla pi't:' 8 n.-l r.TVc.n- d-lla I'.-iIi-; -d i 

secondi s;irnim<> rosin-Mi. iv ii^hinn mi unlim- ill fnr/f li 

i siipi-nori ;ill;i natura, di ammettere de' fatti innegabili, 6 
<;h.' hanno s<>tt<> d'gli n,-<-hi, smi/n ptTiie assegnan- I'-Tigine. 
I'M altro pn-iMo ch<- t'a comm^ndi-Miltr qu.-Ma \"ita e !'-- 
scritla quasi di maiio dHla incii>sima Serva <li I)i); in 
quanto quasi tutta la uiatcria r cavata lall' iuMuori'- -h 'llu 
in'i|.-jMi:i si-risse delle cosi- d-l suo spirito per (inliin! di-1 
-conli-ssore, colla condiziono y)on> cho si dessero all*' li.iiniiif, 
ma hf PT favorcvoli circo^tanze vennoro in mano dplPAu- 
tore. II qualf dal canto suo scppe tutta codcsta matTia divisare 
con Ix'll'oidiiK-, intranie//andovi copiosi ed acconci document! 
di spirito, drrivali da' somini princij)ii della perff/ion.- rristiana. 
Comprise poi, coin' era, profondamonte dell' insi^in- im-rito 
della eroina, di cui narrava la vita, e aveva s.-.-j-iaf.. 1. -pi- 
rito anche nel sacramento del la P<>iiitenza, ejili usa spesso uno 
t-til.- animate e caldo; il quale, son/a trarln alPesagerato o 
al falso, gli porge le Unto pin proprh* piu vivaci a colo- 
rire la VT.I immajriin' di lei. E non vuolsi qui tacei- COO^e 
non poco alTAutore in iscrivere questa storia giovo la viva 
voco di Paola, gemella dolla S-r\a di Dio, ancora vivente,c.m- 
pagna e testimone di tutta la vita, sottilc conoscitrice de 1 rari 
doni, 'd .-luulatrice delle virtu della dil.-ttissiuia sua sorella. 

i: -' iiivo-lioranno di questa lettura per uif altra ragione 
coloro, che prendono dilotto di lingua o di stile. Poiche, non 
solamente la dicitura doH'Antore fe sempre coltissima e con- 
veniente al soggetto, ma nollo stesse memorio di questa Ma- 
ria Rosa Carafa, delle quali in quo.xio libro si reca un luon 
dato, v'ha lingua si pura, e tanta vagina/a o viva.-ita di stilo, 
che veramente fe cosa mirahile. 

IVr le quali cose tutte noi siamo di avviso che qu<--t<> 
lil.ro d.-IP illustre P. Ganger avra la sorte dei tanti altri da 
lui dati alia luce, vogliamo dire quella d* incontrape r univ.T- 
sale favor- 1 , 6 di tornar-' utili-simo a quanti preiuL-ranno a 
leggerlo. 



SCIENZE NATURALI 



1. Ancora della cura Morandi contro Tafta. Ecoezioni e risposte. 2. Le 
fotografle astronomicbe : la mappa fotograflca del cielo ; atti vita della 
Specola Vaticana ; una difficolta imprevista ; le variazioni di Marte ; 
le vicende invisibili di nn;i cometa. 3. La coltivazione casalinga dei 
liori ; rena o muschio, e ingrassi chimici. 4. I cuoi dei mammiferi, 
rettili e pesci. 

1. In una precedents Appendice di Scienze Naturali (quad. 1044) 
facemmo parola di quel grande ritrovato che 6 la cura del taglione, 
proposta e propagata con si nobile zelo dal Morandi. Per relazioni 
posteriori sappiamo che nel solo mese di Novembre sommarono a un 
centinaio i paesi liberatisi dal flagello dell'afta colla semplice appli- 
cazione del timo; e ci sarebbe facile 1' empire qui parecchie pagine 
recitando gli attestati che ne vennero, pieni non sappiamo qual piu 
se di gratitudine o di ammirazione, all' inventore. Citiamo soltanto, 
comechS di poco anteriore, quello del Rev. Sac. Rocco Bianchi Par- 
roco di Dorga, in quello di Castione della Presolana; il quale, avendo 
insegnato e consigliato ai suoi parrocchiani 1' uso del rimedio, pot$ 
significare al Morandi essersi ottenuta per esso, nelle terre del suo 
popolo, la guarigione di 500 capi di bestie. II che dimostra tutto iu- 
sieme e la spaventosa diffusione dell' epizoozia, e 1'efficacia mirabile 
del ritrovato, che pu6 paragonarsi a quella delle aspersioni dello zolfo 

del solfato di rame, con che si salvarono dallo sterminio i vigneti. 
Ma 1' esempio del citato Parroco dimostra eziandio quanto possano i 
suoi pari in simili circostanze giovare ai loro popolani ignari o diffi- 
denti o neghittosi, con merito non minore davanti a Dio che presso 

1 medesimi. 

Ma per questo stesso e d'uopo che tanto eglino, quanto ogni altro 
propagatore di cotesto salutare e glorioso ritrovato italiano, sappiano 
sostenerlo contro le vane obbiezioni che altri gli opponesse o per sac- 
centeria o per qualche sfavorevole relazione. Che 1'efficacia del timo 
contro il taglione, per la prontezza e certezza dell'effetto, abbia quasi 
del miracoloso, lo dicono niolti degli attestati, adoperando appunto 
quella parola; e dee dirlo chiunque mira ai fatti, che negli annali 
della terapeutica non hanno per poco il loro simile. Gli specific! piu 
accreclitati falliscono in moltissimi casi, testimonio il chinino a cui 
resiste non di rado nell' uomo la febbre, e troppo spesso fino all 'ul- 
timo trionfo. Quella frase tutti guariti che nelle citate testimonianze 
& comune, benchfc si riferisca a centinaia e migliaia di animali in- 



A LI 

TO so non in airline delle . 

elebre in FIMIH-M > in tutt<> il m.nl> il Past- 
Ma se il timo fa mira< oli contro il taglione, non pud fame < 
1' in.hi-triii <1<>H' uotnn <-he a bello studio ne annulla gli effetti. D 
Cav. Prof. Piana, commissario minist'Hale, a <-ui la mra Morandi 
va debitriee di un autorevole e zelante concorao, ci da un' idea delle 
impossibili rondi/iuni, in <-ui eertuni vorrebbero risanate per doppio 

n-olo le loro mucche. t Ho visto delle stalle di flttavoli i: 
quali si trovavano stipate ben 250 vacche, mentre che non v'era da 
toneme piu di 150. Di piu in queste stalle i boviui erano tenuti so- 
pra una lettiera formata di paglia di riso nera ed atnnut/fitn, che 
prima >\i essere raossa nella stalla prosentava gia 1'aspetto del letarae. 
Non e ijuindi da meravigliaro se molte vacche tenute in simili con- 
ili/.i'ni, ad onta dell'applicazione accurata dei lavacri e delle lozioni 
coll' infuso di timo serpillo, hanno oontratto, in segaito all' afta, il 
fl&niHone- segiiito da ganyrena ai piedi, la wastite, Vabortu, ecc. Di 
un' altra stalla, dove gii regnava il contagio della metrite septica, 
racconta il medesimo che essa era di recentissima costmzione, lode- 
vole per altri capi, ma non per quello della ventilazione che raan- 
cava d^l tutto; e meno ancora per lo scolo che metteva in una ci- 
sterna centrale, onde esalavano del continue dei gassi mefitici che 
mozzavano il fiato, e doveano ammorbare lentamente il bestiame. In 
tali condiziqni piu che le medicine, sia contro 1'afta sia contro gli 
altri contagii, era da cercare un albergo per le bestie, che non fosse 
micidiale per sd stesso. 

Di qui si spiega come i pochi esempii d' imperfetto riuscimento 
della cura siono somministrati da mandre numerose ; non gii perchd 
sopra un numero maggiore d' infermi debba necessariamente occor- 
rere alcuna vittima ; citammo infatti mandre di cento e piu capi gua- 
rite senza eccezione: ma perche dove maggiore e il numero, minore 
suol essere 1' accuratezza della medicatura, e il riguardo alia neces- 
saria nettezza. Intorno a cid il Piana riporta, per ribatterle trionfal- 
merite, IP o)biezioni dei proprietarii di corta veduta. La vostra 
cura, dic-ono rssi, richiederebbe 1'occupazione di tre uomini per vt-nti 
minuti almeno per ciascun capo, mentre non abbiamo che quattro, 
cinque o sette famigli per 60, 100 e piu capi. Costoro appena ba- 
stano per le ordinarie lisogne del dare il foraggio, del ripulire la 
t, mungere ecc. > Al che risponde il ch. Autore : Se vero 
che 1'afta epizootica vi arreca danni gravissimi sia per la diminuzinno 
del latte, sia pel deperimento delle vacche, sia per lo svilnppo 
secutivo <li nmlti casi di zoppina, di aborti e di altri malanni ; se ft 
vero '-If tali danni giungono spesso a scemare per metu e telvolta 
per piu ancora le vostre entrate e il vostro capitale, non vi sia grave 



SCIKN/K 

premiere immediatamente, dopo la comparsa della malattia, i prov- 
vedimenti atti a porle un valido riparo che il guadagno sara certo 
maggiore dello scapito. 

Non entrereino a discutere la replica di un in a discepolo del Piana, 
ora assai pratico di economia rurale, il quale sosteneva che, se si 
tenessero piu spaziate le bestie e con istrami di miglior qualita, le 
mandre non ripagherebbero la spesa. Se ci6 e vero, una ragione sari 
da cercarne nelle esorbitanti tasse che aggravano 1' agricoltura : ma 
le tasse non cadono sotto il dominio delle Scienze natural! e noi non 
abbiamo a discorrerne in questo luogo. Cid che noi volevamo, era ad- 
ditare la spiegazione dei pochi riuscimenti iinperfetti che si citano 
della cura del timo. E avvisatamente diciamo itnperfetti, pert-he nelle 
peggiori condizioni altresi 1'effieacia del rimedio si manifesta sempre 
con un miglioramento ; il quale se non approda, in qualeho iudividuo 
piu malandato, all'intera guarigione, lo campa almeno dalla inorte e ne 
rende possibile la vendita : minor male sara bataechiarlo che perdeiio. 

2. Non basterebbe un volume a descrivere i servigi che rende ogni 
di alle scienze positive la fotogratia, divenuta oramai 1'ausiliare in- 
divisibile, quinci del microscopio, quindi del telescopio : ne solo un 
ausiliare, ma in rnolti casi un complemento, di utilita superiore al- 
1'aspettazione. Lo possono attestare gli aatronoini per riguardo a quel- 
1'opera, che, se riesce, avra stabilito nell'eta nostra quasi un capo- 
saldo a cui s'appoggeranno le osservazioni celesti di tutti i secoli 
avvenire, ed e la mappa fotograflca del cielo. Un primo vantaggio 
impreveduto lo reed la fotografla in questa applicazione col correg- 
gere le modificazioni che nella percezione degli oggetti celesli, spe- 
cialmente se dotati di luce fioca, come le nebulose, reca la varia dis- 
posizione dell' orgauo. Chi vede nei trattati astronomici le differen- 
tissime imagini con che viene rappresentata da osservatori ugualmente 
pratici e fedeli, la nebulosa p. e. di Orione, deve perdere ogni fidu- 
cia che egli aveva in siffatte osservazioni, in cui 1'elemento sogget- 
tivo esercita evidentemente si grande influsso. La fotografia al con- 
travio ritrae materialmente 1'impressione ricevuta; e potra dirsene al 
piu che ella non rappresenta se non 1'effetto dei raggi chimici e quelhr 
degli ottici meno sensibilmente ; mi cid non guasta gran cosa all'in- 
tento del potersi nei secoli futuri avvertire le mutazioni che fossero 
avvenute in quei mondi lontani. S'aggiunga il fatto, gia altrove rife- 
rito, dell'essersi gii in sulle lastre trovata impressa 1' imagine di qual- 
che nebulosa, invisibile all'occhio per la debolezza dei raggi lumi- 
nosi, ma bastevole ad alterare chimicamente il preparato fotograftoo. 
Ne meno preziosa per la cognizione del sistema solare e la scoperta 
dei pianeti, che oramai si eseguisce senza volere, essendo ciascun di 
loro costretto a manifestarsi da se. Difatti, richiedendo le fotografie, 



NATI'MAI.I 

inassiinc dlle stelle iiiin>ii, uiia posn, come m 
ore, ogni pianeta, dotato mm* ft di intn proprio, .si spnutnr.'i 
rintrvall> fra le stelle, che conservano tuttt^ la nl;itiv.i j 
e quiiuli, mentre ease sulla lastra si trovano rappresentate eia* 
in turma >ii un punt", il pianeta inveee, a tniHnra 'st6, sara 

rappresentato da una linea, cho tosto 8i ravvisa per qnello che e, 
col solo dubbio, facilmente solubile, del poter pgli essere invece una 
cometa. 

Di questa bell'opera, che ft la eonfezione della mappa celeste, una 
parte ne fu affidata come d ben noto, alia Specola Yatir-ana, 
sotto la direziono del P. Denza vi 8i lavora alacremente; e fu giusta 
rivendicazione quella onde 1'egregio scienziato corresse teste la poco 
onorevole noti/ia data da un periodico straniero, che cioe noil' aim-) 
decorso non si fossero eseguite dalla Specola del Vaticano se non 40 
quadri del catalogo e 20 della carta ; mentre dovea dirsi 259 del 
primo e 87 del secondo : e vuol dire che dopo Algeri, Parigi o 
losa I'Osservatorio Pontiflcio, per questo capo, si segnala 8oj)ra (utti 
gli altri. K noi torniamo ad augurare alia grande impresa un felice 
riuscimento, ma senza smettere i dubbii che flno dal suo primo an- 
nunziarsi manifestammo. Ed ecco il Dott. Max Wolf di Heidelberg 
a metterci anch'egli un nuovo scrupolo, a cni non s'era posto mente. 
Le osservazioni del Wolf sono indirizzate appunto agli astronomi 
fotograft, per awertirli delle variazioni che il tempo reca alia s^n- 
sibilita delle lastre. L' esperienza, dice egli, dimostra che le lastre 
asciutte crescono in seusibiliti per sette o otto mesi dncchft furono 
preparate, e di quindi innanzi la vanno perdendo. Le lastre Lun. 
da lui cimentate avevano in cinque mesi acquistati tro tanti "li 
sibilita. II provenire adunque dalla stossa preparazione non ft jier 
nulla una guarentigia del dovero tutte le lastre essere ugualm 
sensibili, se non si mettano in opera tutte a breve intervallo di temj)o: 
e sari non poco malagevole il determinare a priori la durata 'lolla 
eeposizionn per ottenere 1' imagine delle stelle di una dot^rminata 
grandez/a. I /eta delle lastre un elemento che non si pud trascu ra- 
re. Cosi il \Vc)if : . >.- ne intondera vie nn-^li" la ra^iono, -hi <-"n>iil"ri 
come allVrrore nella sensibilitA f-alrolata possa accojpiar>i li debo- 
lezza chimica ili astri colorati in jriallo, in rosso e 
Be per la piccolezza sieno sul liinito d.'lhi rlass voluta ritrarro. l/av- 
viso del Wolf potra suggerire uunvi ricrtiapli (! awodim^uti 
1'avvenire : ma le Ia>tn> -ia preparate, intanto, si possono : 
con i urta, quali sono? 

Al.liiaino ilKto ch.- la fotografla non accresce solamente la potenza 
i .'Miii" il telesco] le apre n dirittura un oampn j>or sft 

l'il-. I'n nuovo eseiupio se n'ha nolle vicissitudini della cometa 



220 sen 

di Swift (1892), rivelate dalla camera oscura al Prof. Barnard, mentre 
il telescopic non ne scopriva il menomo indizio. In ventiquattro ore 
la cometa fu vista nelle sue imagini trasformarsi, e per ultimo na- 
scere nella sua coda alia distanza di 2 un'altra cometa secondaria, 
donde usciva un nuovo sistema di sprazzi provonionti da lei. 

Vie piu maravigliose furono le metamorfosi dell' ultima cometa 
scoperta a Geneva negli Stati Uniti il 16 dello sooreo ottobre. Una 
fotografia del 19 mostrava una coda diritta, di 4 circa in lunghezza, 
con due sprazzi minori divaricati. II 22 la coda della cometa era 
trasfigurata in modo non piu veduto, spezzata, incurvata, attorti- 
gliata, divisa in nuclei e masse nebulose, simile ad una fiaccola nam- 
meggiante e fumante, investita dal vento. La dimane una parte della 
coda s'era staccata a guisa di cometa indipendente, a 4 o 5 dal nucleo. 

Per ispiegare queste apparenze il Barnard non vede altra via che 
supporre che la cometa abbia incontrato una nube tenuissima di ma- 
teria cosmica, cioe uno sciame di piccole meteore, anziche di materia 
gasosa, che in tal caso la coda e la stessa cometa pel calore del- 
1' urto sarsbbe sfumata. Kicorda poi a questo proposito il Cosmos, 
(n. 467, p. 160) come il Leverrier, considerando le anomalie dell'or- 
bita di Mercuric , si dichiarasse ognora persuasissimo della esistenaa 
di qualche corpo planetario circolante fra quel pianeta e il Sole. Se 
fosse quindi dimostrato che la suddetta cometa, quando ebbe quel 
malo incontro, si trovasse nella vicinanza dell' orbita di Mercuric, si 
avrebbe con cid un primo indizio positive della massa perturbatrice 
congetturata dal Leverrier. 

II soccorso della fotografla verrebbe oramai opportuno anche per 
riscontrare le osservazioni telescopiche del nostro vicino Marte, che 
ci tiene a bada con sempre nuovi indovinelli intorno alia sua costi- 
tuzione. Cid dovrebbe tener piu modesti certi astronomi (e non eono 
mai i piu veramente dotti) che dei pianeti piu lontani e delle stelle 
poste al confine dell' Universo discorrono come se ci fossero stati, e 
ne descrivono persino gli abitatori. Di Marte, s' intende, sanno dire 
che e un pianeta come il nostro, e quivi mari e continenti e nevi 
ai poli e vegetazioue nelle zone meno stemperate. Or si cominci is- 
vece piuttosto dal risolvere i dubbii che sorgono dalle strane e, che 
e peggio, sempre instabili apparenze di quel mondo. Tralasciamo la 
questione dei cosi detti canali scoperti dallo Schiaparelli e del loro 
uiisterioso sdoppiamento. Ecco alcuni altri enimmi presentati da 
M. "Wolf all'Accademia di Parigi dietro le osservazioni e gli appunti 
del P. Lamey. In primo luogo Marte non e rotondo, e le sue depres- 
sion! non hanno sempre lo stesso aspetto. Nel 1800 un arco di 36* 
nella sua periferia era surrogate da una corda : nel 1864 1'arco man- 
cante era di 48. Nel 1802 mancavano 55 al polo boreale, nel 1864 



N ATI-HAM 221 

tft una depreasione rettilinea di 60; e nel 1798, di 70*. In Be- 
luogo vi sono cola dei rigonfiamonti che non hanno nulla di 
analogo sul nostro pianola : si tratta di allure che ai sollevano di 
40, 60 fino a 110 ohilometri sul piano eiroostante. In terao luogo 
Marie ora gonfia ed ora sgonfia. La prova ne e che quando gli os- 
aervatori pit! periti hanno voluto raisurare lo schiacciamenlo polare 
del pianeta, ossia la relazione fra il diametro polare e I'equatoriale, 
il valore ne riuscl ogni volta diverse, non solo per diverei oeserva- 
tori, ma pel medesimo a piccoli intervalli di tempo. Cosl, secondo 
1'Arago, le misure possono variare nel corso di una settimana da 
1 177 ad 1/30; menlre lo SchrOter trovd il rapporto di 1/10. E vero 
che tali divarii si possono foree ascrivere in parte alia somma ir- 
regolarita della superficie del pianeta : ma per determinare positi- 
vamente la natura e la cagione di cosl strane apparenze, nulla pud 
giovare tanto quanto una esplorazione fotografioa ben condotta: e si 
pud tenor per certo che, datone il suggerimento, gli esploratori BOT- 
geranno a gara. 

3. La primavera s'avanza, 1'aria s'intiepidisce, la natura tutta si 
ridesta a grande soddisfaruone dei piccoli fioricultori, che nelle cas- 
sette o ne' vasi schierati sulle finestre o sopra i terrazzi, o in un an- 
golo soleggiato del cortile, ripigliano le loro seminagioni. Non occor- 
rono piu le stufe ne i letti caldi nd le vethne dei giardinieri di pro- 
fessione; ora siamo tutti pari. Di tali modesti coltivatori e coltiva- 
trici di fiori se ne trovano in tutte le classi di persone: e chiunque 
sia che abbia questa ambizione, un vecchio pievano o il suo giovane 
curato; un'annosa zitella o una fanciulla sull' aprile della vita; 
un severe professore o uno studente di primo pelo: voi pensatene 
bene: ognuno di loro ha un cuore che sente, ha un gusto delicate, 
e capace di spendersi in cure sollecite ed attente, e assettato, oo- 
stante, paziente; quante virtu non possiede almeno in germe un 
araante dei fiori? E quante soddisfazioni innocenti non pu6 egli pro- 
cacciaro a se e ai domestic! con questa innocentissima e niente meno 
gentile occupazione?Aggiungetevi che i moderni raffinamenti deirarte, 
o, se cosl vi piace, della scienza, insegnano a facilitare e ringentilire 
questa coltivazione casalinga, spianandone le diffieolta, scemandone 
le noie, e raoltiplicandone intanto i prodotti. Avete un certo nuniero 
di vasi, ma vi manca il terriccio : i giardinieri che lo vendono non 
sono sempre discreti, e il prepararselo da se e una noia, e non tutti 
ne hanno il comodo; e poi ci occorre del concio stagionato; e, vec- 
chio o nuovo che sia, egli e sempre concio e i piu non ci vogliono 
aver che fare. Gia, anche nelle aiuole dei giardini pubblici, fa tut- 
t'altro che bel vedere quell' infiorata di cavallino, distesa come fondo, 
dal quale spuntano per contrasto le viole e i ranuncoli e i pelargo- 



BCIENZE 

nil. Kpli o insomnia un lofam;iio tioritn. O pr> r -h % imn usai-p piuf 
in tali comparse gl'ingrassi ohimiri. cho orarnai h.inno loro 

provp nM i^ianiini meglio ancora Hi* n>-i cainpi? Ne usi egli, il no- 
stn> lloricultore di casa, che se ne chiamera contento. Con quest! noa 
occorre piii torriccio. Coperto, come di solito, il buco di scolo, in 
fondo della testa, con un coccio, si riempie tutta la testa di semplice 
rena fine, .e in quella rena prospereranno le piante come nel 
ordinario, quando sieno aiutate p. es. coll'acqna del Jeannel 
composizione per un chilogramma di polvere, e la seguente : Azotato 
d'ammoniaca gr. 380; Bifosfato d'ammoniaca gr. 300 ; Salnitro bruto 
gr. 260; Bifosfato di calce in polvere fina gf. 50; Solfato di ferro 
gr. 10. Due gramrai di siffatta mescolanza in polvere basta a medi- 
care un litro d'acqua, e di cotesta soluzione se ne amministra alia 
pianta non piii di dup o tre cucchiai da caffe per settimana, inaf- 
fiando le altre volte con acqua comune. II Parville cita un'altra for- 
niola d'ingrasso assai efticace. Solfato d'ammoniaca 60 gr.; Nitrato 
di potassa 20 gr.; Zucchero 20 gr. Si versano 30 o 40 gocce di tal 
soluzione in un litro d'acqua, e s'inaffiano una volta alia settimana 
le piante da appartamento, specie se cominciano ad intristire. Ma, 
eoggiunge egli con ragione, il malessere di tali piante proverra il 
piu delle volte da difetto d'aria e di luce, e a questo non si sup- 
plisce col nutrimento piu abbondante recato dall' ingrasso. 

In cambio dell'arena potra il coltivatore domestico dei fiori ado- 
perare, se gli aggrada, la borraccina o muschio che si voglia dire : il 
qual rnodo si adatta in ispecie per la conservazione di qualche pian- 
ticina fiorita, ohe egli avra colta in un giardino, od anche pei campi 
o pei boschi a diporto. Quivi s' incontrano spesso "dei fiori selvatici 
che sono un incanto ; ma come trasportare in altra terra la pianta 
senza disturbarne la vegetazione che proprio al tempo della fioritura 
e e dev'essere pifl che mai attiva? E pure con un po' di garbo se 
ne viene a capo senza molta difficolta. Tutto e che si levi dal suo 
posto la piantina con un pane di terra, per salvarne quanto 6 pos- 
sibile le barboline. Arrivati a casa s' intinge il tutto in un catino di 
acqua, non troppo fresca, finch^ tutto il terriccio si sia stemperato, 
e le barbe, senza agitarle, ch6 si strap perebbero, ripulite. Riempiuta 
allora per meta una testa con borraccina umida, si spandono delicata- 
mente su quel letto le barboline, se pure non si crede pid fafile 
1'eseguire cotesta, operazione dentro all'acqua stessa, dove le barbe 
nuotando si lasciano meglio spandere come un vuole. Comunque si 
sia proceduto, collocata la piantina nel vaso, si ncoprono le barbe 
con un secondo letto di muschio, e la vegetazione, aiutata coll' in- 
^grasso liquido e coll'ordinario inaffiamento nel modo indicato, ripi- 
gliera e proseguira come se nulla fosse avvenuto. 



M I 

4. Chi si $ ! i provenienza d- 

OK''', ritlett. >verm non sol<> it. 

pi>, e alle inani se porta guanti, ma in cento altri oggett: 

, portafoirli, portamonete, borse d'ogni maniera, dosai 
<li lil:i i'-iMii, f oen to altri. M. Villon, ingegnere chimico, s'd prtto 
il odmpito di l-van -i questa curiosita, o di mostrurci, se non 1'ave- 
Tamo, che essa non era poi indegna di uno studioso dclla Natura, 
poiohd a soddisfarla & d'uopo soorrere poco meno che tutto il regno 
aniinale *. 

I nioi, n-'ii arcad" il dirlo, si traggono per la maggior parte dai 
mammilt-ri. I^e pelli di bue e di bufalo servono a fare le suola dei 
calzari. Di bufalo preparato noil' olio si fanno le cinghie dei mili- 
It- >trisce per uao di affilarvi i rasoi. Dalle pelli delle vacche 
e dei vitolli si traggono i cuoi piil inorbidi pel tomaio o per le cal- 
zature delle donnc. II cuoio dei tori, piu grosso e spugnoso, si suole 
ripartire in due secondo la grossezza, e la falda di verso il pelo serve 
a fabbricarne i mantici delle vetture; dell'altra piu sottile si fanno 
i trame/./.i delle suole. Lo bardature, i grembiuli usati in varie arti, 

>perte impermeabili, sogliono essere di pelle di eavallo. II Villon 
parla delle pelli di bisonte e di bove illinese che s'adoperano a farno 
dei tappeti e de'sacchi impellicciati per riparare i pii-di lal ir.-Ulo: 
ma quanto al bisontc, dopo lo sterminio che se ne compi6 nell'ultimo 
deoennio, e lo descrivemmo a tempo suo, i pochi imlividni Mi[irstiti 
non danno certamente gran lavoro n6 ai conciatori, i\>' ai jwllicciai. 

Lo pelli degli elefauti, riuoceronti e ippopotarai, prosegue il citato 
autore, danno un cuoio rigido e r.->istonte che si adoperu priiu-ipal- 
mente a' lavori di meccanica. 

Di pelle di montone sono le calzature dello signore, i Miili.-tti, i 
guanciali, le fodore, le ghette, molte legature di libri, ed altri la- 
\ >ri che domandano un materiale morbido e pieghevoie. E dove si 
esigono coteste qualita in grailo superire, si ru-orre alle pelli di 

!!<> <> di rapretto, che vengono dalla Crimea, lalU Persia e dal- 
1' Ucrania. 

Delle pelli caprine i popoli ineridionali d' Italia, Francia o S; 
e quei dell 1 Africa settentrionale, fanno tuttora, come a' tempi ome- 
rici, gli otri per trasportare il vino e 1' olio. Ma 1'uso piu nobile d 
Duello che si da loro foggiandnk- a w/w<7mjo o a cvrdovano, nomi 

\;iti da' paosi dove ebbo culla e liorl 1' indu^tria i-Mrri>j>Midt'nte. 
Oggi ancora si pregiano i marofi-hini gialli o rossi di Tetuan, e qut-lli 
, d'Aleppo e di Sniinn.-. Jl <-'>rdovaii'> e in riputa/.i<'nn per 
IH solidita; i maroccliiiii nori IVancesi per la limv.za, mentre 1' Italia 
Levante fornisce i migliori marocchini biain-lii. 
Cot mot, 31 marzo 1894 p. 502. 



224 sci}' 

J3 sagri & propriamente il cuoio brozzoloso di una specie di pesce- 
cane, ma si fabbrica artificialmente con pelli di ciuco, mulo, cavallo, 
e cammello, specie con la parte della groppa, che in lingua tuiva 
si chiama appunto sagri. E 1'aspetto butterato gli si da spargendi>\ i 
sopra dei semi minuti, e cosl comprimendolo, ovvero con una la 
di mint.' appositamente intagliata. 

II cuoio del porco 6 molto usato, come quello del ciuco, dai sel- 
lai, per coprirne i bauli e in altri impieghi. In Cina ve n' ha delle 
conce dove le pelli si preparano con arte da disgradarne gli en- 
ropei. 

II simile avviene nella Manciuria per le pelli canine. Quivi, come 
altresi nella Mongolia, si allevano migliaia di greggi di piccoli cani 
per trarne le pelline. II macello si fa nel fitto della vernata, e le 
pelli conciate e foggiate a tappeti, a mantelli o ad altre forme di 
vestiario sono tenute in gran pregio per la finezza del pelo. In Eu- 
ropa la pelle del cane si fa entrare come quella del maiale e del 
ciuco nelle calzature : ma essa d di grana piu fine, forte, elastica e 
morbida, sicchS se ne fabbricano eziandio i guanti, ed anche le calze 
per comprimere le varici. 

Gatti e topi forniscono un ottima pelle per guanti; e quanto ai 
topi, se';ne fa caccia regolare per questo intento nelle fogne di Pa- 
rigi ed altrove. 

Di cuoio di camozzo o cavriolo o di daino sono i calzoni da ca- 
vallerizza, e i guanti, e i cenci che diciamo di pelle di dante. 

Le pelli di serpenti danno materia ad un commercio considere- 
vole in America e nell' India. In quest'ultimo paese, dove ogni anno 
periscono molte migliaia di persone pel morso delle serpi, il Governo 
inglese promuove con premii la distruzione di questi animali, onde, 
al dire del Villon, se ne uccidono quivi annualmente da 500,000. Non 
6 gran cosa veramente. Agli Stati Uniti si concia la pelle dell 'Ana- 
conda od Eunectes murinus, che altri chiama Boa fiumatico, per uso 
di calzoleria : e mette conto perche egli e un mostro di 4 fino a 7 
metri di lunghezza e alia meta del corpo pud misurare piu di mezzo 
metro in circonferenza. II cuoio e di bella qualita, morbido, marmoreg- 
giato, lustro e di buona grana. S' intende similmente come si trag- 
gana calzature dalla pelle del Boa constrictor, mostro uguale all'Ana- 
conda, se non anzi maggiore, poich& credesi che possa crescere fino 
alia lunghezza di 10 metri. Ma il serpente a sonagli, il quale d' ordi- 
nario non oltrepassa in lunghezza 1 metro, non pud somministrare 
per quell 'uso che dei ritagli: e il simile si dica di altre serpi minori, 
della cui pelle si fabbricano astucci, e cinturini e taschette e altri si- 
mili attrezzi di molta eleganza, massime negli Stati Dniti. Nell' India 
sono molto in uso le pelli conciate della Cobra capello, bello e ter- 



\I I 

ril'ile eerpente, lungo fino a 1 metro e 80 centiiu.-tri : 

if tigrino, emulo |><T grandezza, del Boa constrictor, poiche ae 
ne incontrano di lunghi flno ad 8 metri. A dir brev>. .I.ivun-ju' ab- 
ino sorpenti, e dove abbondano per numero sogliono anche se- 
gnalarn alnin.- d-lla IMP. >;... |,. per L randezzA, il loro cuoio si iii 
ue fra noi quol!" -li-i maimiiif.-ri. 

Non minore e 1'utilita che si ricava dalle pelli di pesci. K una 
specie di peace cane, la Rossetta, che fornisco il vero sagrl ; e in 
g.-n.-rale cotesti squali danm> 1111 nmi.i, <-lu nelle nostre calzature, e 
in altri oggetti di uso, entra assai pift spesso che non iiuatriniarim. 
Alia Mostra iiiarittinia di \Vt>stmin-t.-r nel 1875 erano esposte dll- 
stii^L-e di cuoio di balena lunghe 18 metri, per uso di trasinetteie la 
forza negli opificii; pelli di anguille proparato per tinimenti o per 
uso di cigne da sostenere i cal/...ui; pelli di pesce ame, lunghe (>iu 
di 3 motri o lai'ghe uu metro, ultimo per la calzoleria e la sell-na; 
ctioia di p<>s<-i piatti, come le sogliole, per fame guanti e tasche. Le 
]M'lli d'anguilla e di siluro sono molto adoperate negli Siati Un 
nel Canada ]>er la fahbrica dei guanti. 

Fra i rettili annbii 1'alligatore, specie di caimano, e come a dir- 
oocodrillo americano, sosteut6 per pai-ecchi anni nella Luisiana una 
industria, oramai spenta, come raccontammo in altra Apj>endice, per 
la spensierata indiscrezione dei cacciatori. Ne restano tuttavia le re- 
lijuie nella Florida, ma poco peneranno a svanire anch'esse. Un gran 
numero li alli^atori viene ucciso per diporto e senza utilita ne discer- 
nimonto dai passeggieri che percorrono i ftumi del paese sui battelli 
a vapore. I cacciatori di mestiere escono di notte portando una tor--ia. 
alia quale 1'alligatore rivolge e tien fissi gli occhi, che risplendnno 
allora per riflesso come due brage, dcterminando cosi la mira al colpo 
che lo uccidera senza sciupare la pelle. Questa infatti perde molt" 
del suo prezzo se vi si trovino dei fori: e per altra parte la bestia 
non si pu6 ferire ne sul dosso, ne nei fianchi, che per la durezza 
del cuoio resistono alle palle: non resterebbe quindi che la parte di 
sotto alle zampe, la quale non si vuol toccare, perche ivi appunto e 
il ruoio adattato all'uso, d'aspetto bellissimo e di eccellenti qualita. 

Sarebbe a dire inline degli uccelli, ma se se ne tolga la pelle dei 
ci^ni e quella degli struzzi, di cui si fa scarso uso dai fabbricanti di 
Tentagli, egli e il regno in natura al quale ricorrono meno i r'Mi.-ia- 
tori, trovandolo gia invaso in parte dai cuoohi e in parte dai varii 
industriali che lavorano di penne o di piume. 



8trt4 17, 94. X, fate. ln:,i. 15 14 mpril* MM 



CRONAGA CONTEMPORANEA 



Roma, 16-31 marxo 1894. 

I. 
COSE ROMANS 

1. La questione d'un'eredita lasciata al Papa in Francia. 2. Decision! dei 
tribunal! di Montdidier, di Amiens e di Parigi e loro importanza. 
8. L'XI Congresso medico internazionale in Roma. 4. Lavori del 
Congresso, festeggiamenti e giudizii. 5. Esposizione di medlcina e 
d'igiene 6. Circoli, Istituti, Accademie e Societa cattoliche di Roma. 
7. Profanazione della Passione di Gesii Cristo. 8. Appunti storici. 

1. Dal 1890 in qua si viene svolgendo in Francia nna questione im- 
portante intorno a un fatto d'indole puramente civile, che riguarda 
direttamente il Papa, e che giova narrate. Si tratta d' una ere- 
dita lasciata al Papa da una ricca signora, eredita che gli fu con- 
trastata fin dal 1892. Ecco, innanzi tutto, il fatto che ha dato origine 
alia discussione. 

II 4 di luglio 1890 inoriva nel suo castello di Moreuil, nel dipar- 
timento della Somma in Francia, la Marchesa du Plessis Belliere. 
Questa signora aveva fatto, colle date del 9 ottobre e 16 decem- 
bre dell' anno precedente, un testamento olografo nel quale il Papa 
Leone XIII era istituito suo erede universale. II S. Padre accettd 
1'eredita col beneficio d'inventario; ne fu scritto 1'atto giuridico dal 
tribunale di Montdidier sotto il di 25 luglio 1890, poco dopo la morte 
della Marchesa, e dal Papa furono puntualmente pagate le tasse di 
successione. Ecco nella principal sua parte il testamento. Costituisco 
SIM, Santitd, il Papa Leone XIII, erede universale di tutti i miei beni 
mobili e immobili, senza eccezione, coll'obbligo di adempiere alle altre 
disposizioni enunciate qui innanzi.... Voglio con cid attestare la mia 
adesione inviolabile e il mio affetto alia Chiesa ed alia Santa Sede. 
Dimando isiantemente a Sua Santitd di destinare il mio palazzo di 
piazxa Mia Concordia n. 6, in Parigi, a residenza del Numio apo- 
stolico in Francia, di ordinare che questa destinazione sia sempre ri- 
spettata, e che i bronzi e i mobili portati a Moreuil, e provenienti da 
quel palazzo, vi ritornino per ornamento di esso e non siano mai 
alienati. Dimando pure istantemcnte a Sua Santitd di destinare il 
castello di Moreuil e il suo parco a residenxa estiva del Numio apo- 



V CONTEMPORANEA 

atolico i> Frtmda, laseiando alia Httalin.-inza, mme ho fatto io in 
vita, il permeseo di visitare in oerti giorni della nettimana le < 
zioni di qua-i :oni, oggetti d'arte e la bihlioteca, che vi h > 

riunite. Queete coll'v.i-mi vengono per la maggior parte da n 
dre, di <-ni era <! 'ft ancho volonta mia, cho non M 

mai n N vendute n- disper^n. Dnjin <-i^ segunno wl testamonto altri 
lasciti parti<-olari: <|iiiiuli la Man-hesa prosegue: c Assai mi preme di 
non morire ab intestate, e vnglio essere certa di laeciare dopo di 
xm erode per assicnrare I'adempimento do' miei lasciti c delle mie 
altre ultimo Tolonta, contonute nel presente testamento. Percid, se io 
venissi a morire dopo Sun SantitA il Papa Leone XIII, mio erode, e 
prima che siami stato possihile di sostituirlo, per eeempio durante 
nna vacanza della Santa Sede (oppure se, per qnalsivoglia n>gi- 
aocadesse che, pur sopravvivendo a me, tuttavia Sua Santita il 1' 
Leone XIII non raccoL r li---'' la mia eredita) in difetto di Ini istitu 
mio erede universale, coi medesimi obblighi e condizioni qui sopra 
indicate, Sna Eminenza il Cardinal Mariano Rampolla del Tin<l 
presentemente Segretario (li Stato di Sua Santita e domiciliat 
Roma nel pajazzo vaticann. >. II di stesso della morte, la Marchesa l\i 
Plessis Belliere aveva fatto questo codicillo: c Nel caso, del tutto im- 
probabile, che ne il Papa Leone XLH, ne in difetto di lui il Card. 
Rampolla per qualsiasi ragione, non raccogliessero la mia successione, 
come eredi universali, allora istituisco, ma solamente in difetto di 
essi, mio erede universale Alfonso Conte di Colbert Tnrgis, abitante 
nel BUG castello di Boistrait (dipartimento del Rodano), coll'obl 
per lui di eseguire i lasciti e le altre disposizioni contenute nel mio 
testamento olografo del 16 dicembre 1889, deposto nelle mani del 
notaio Magmer a Moreuil, teetaraento ch'io confenno e mantengo in 
tutte le sue parti. Ma allora lascio a Sua Santita il Papa Leone XHI, 
come legatario particolare, od al Papa esistente nel momento di mia 
morte, coi medesimi obblitrhi e colle medesime condizioni che nel 
mio testamento, il mio palazzo della Concordia a Pttrigi, perchA sorva 
di Nunciatura, ed il mio castello di Moreuil (Somma), come residenza 
estiva pei Nun/ii > , eccetera. 

Coel stavano le cose quando, nel febbraio del 1892, quattro si^: 
conginnte per sangue alia defunta, poreero querela contro 1'erede 
nominate dalla Marchesa <ln Plessis Belli6i-e, adducendo ragioni per 
la nullita del testament/) in favore del Papa. 

ulla questione, mossa dalle dette signore, vi fu un primo giu 
del tribunale di Montdidior. nel febbraio 1892, in mi si dirhia 
valida I 1 eredita lasciata a Leone XIII. E sicoome i difensori delle 

isatrici davano per rapion^ dolla nullita del testament" 1' 'saere 
il Papa non piu Sovrano temporale, ma solo Capo spiritual* !' 



CRONACA 

toliri e quindi non essere lui persona giuridica in Francia, capaoe 
di ereditare ; il tribunale di Montdidier riconobbe solennemente la na- 
tura e le qualita di Sovrano nel Papa, poniamo pure che gli sia 
state tolto colla forza il dominio dello Stato romano. Papa Leone XJ I J , 
dice il deoreto dei giudici di Montdidier, fu istituito erode univer- 
sale della Marchesa du Plessis come rappresentante del potere sovrano 
designate nel diritto pubblico internazionale sotto il nome di Santa 
Sede o di Papato; che questo non e intermittente ne limitato alia 
vita di ciascun Papa, ma si perpetua, in virtu della sua propria isti- 
tuzione elettiva ; che esso e riconosciuto da lungo tempo dalla Fran- 
cia come Stato estero; che questo riconoscimento, manifestato collo 
scambio di rappresentanti diplomatici, colla sottoscrizione di trattati 
in vigore, con negoziati frequenti diretti da Ministri francesi degli 
affari esteri, noil e stato modifioato dopo gli avvenimenti del 1870; 
che questo riconoscimento e un fatto di diritto pubblico e un atto 
di Governo, cui il tribunale civile non pud non riconoscere, senza 
aver competenza per discuterne e giudicar de' motivi; che gli Stati 
esteri sono di pieno diritto, per neceesita, persone morali di primo 
ordine, capaci di acquistare e di ricevere con trattati e a piu forte 
ragione con atti di diritto civile. Gli eredi naturali della Marchesa 
du Plessis nou furono soddisfatti della sentenza de' giudici di Mont- 
didier, sentenza tanto bene fondata, e ricorsero in appello alia Corte 
d'Amiens. Questa, per favoreggiare forse gli appellanti, pronuncid 
una sentenza contraria, dichiarando il Papa incapace di ereditaro in 
Francia e quindi nullo il testamento. Per arrivare a tal mostruosa 
sentenza, ella inveuto una strana teorica, dividendo il Papa come in 
due persone giuridiche, di cui una fosse il Capo della Chiesa cattolica, 
I'altra il Sovrano, riconosciuto per tale dal diritto pubblico europeo; 
e non a questo ma a quello aver voluto la du Plessis lasciare 1'ere- 
dita. La sentenza de' giudici d'Amiens fu data il 21 febbraio 1893. 
11 Papa allora (come un qualsiasi cittadino che nelle cose civili si 
rimette ai tribunali della terra, stabiliti per la convivenza sociale) 
dalla Corte d'Amiens ricorse alia Corte di Cassazione a Parigi, affi- 
dando la causa all'Avv. Sabatier. E da sapere che questa Corte su- 
prema, avanti di giudicare della causa in se stessa, giudica innanzi 
tutto se il ricorso debba essere ammesso o respinto. Quando e respinto, 
la causa 6 definitivamente perduta. La risposta dunque della Corte 
di Cassazione, benche non doveva essere 1'ultimo verbo in tal que- 
stione, era di massima rilevanza e quasi decisiva, e s'aspettava con 
ansia grandissima. Ed al bel principio parve che il ricorso dovesse 
essere respinto. In fatti, i tre personaggi piu autorevoli della Corte 
erano contrarii alia causa difesa dal Sabatier : cio$, il sig. Cotelle, 
relatore ; il sig. Tanon, presidente del tribunale, ed il sig. Manau, 



c<> r*.) 

uratoro dollu h'.-pul.l.li,- 1 . K ri.., milla omigero per arrivaro al 
aoopo, non esHusi -li stu^hi antipapale, manifeetat<i 

am-i -I'-lla Ki-pul.l.lica non e oolite parlam 

neH'ainmissione o no del ricorso, ma solo quando si discute la causa 
in ad stessa. Ma i giudioi non si lasoiarono ingannare. RitiraU.si la 
Corte per deliberate, riontru nell'aula dupo un'ora, e quasi con uiio- 
Htmitd (essendo contrario un solo voto) pubblicd il decreto che ASI- 
HETTI 11. i i "Kso. I giornali parigini avevano seguito con gran pas- 
sione tutto il processo e inolti erano in favore del Papa, oorae il 
Matin, il Figaro, il Soleil, la Libre parole, i Debate, la l{e}>uili<{ue 
/row-owe, il Pays, ecoetera, senza parlare, s' iutende, do' giornali cat- 
tolici. A ache i monarchic!, come il Gaulais, la Gazette de France, 
\' Autorite si diportarono egregiamente. I fogli liberaleschi italiani, al 
solito, hanno ripetuie in questa occasione le loro potulanti iir_ r iuri<- 
ro il Papato, contraddicendo alia logica e al buon senso, non< h- 
alia loro decantata legge delle guarentige. Un insigne esempio di 
tali sciocchezze maligne e un articolo del Corriere di Najtoli, intitolato 
c Che cosa e il i'ajM.' >, del 17 marzo. 

3. 11 fatt<> piii rilevante della storia romana di questa semn<ia 
ineta di uiarzo e 1'apertura e il cominciamento dell'XI COKURXSJO 

HEDICO J5TERNAZIONALK, 6 COH qilOStO I'EHPOSIZIOXK IXTERXAZIOXAI.F DI 

MKDICINA ED loiENE. Di questa parleremo piu sotto. Quanto al Con- 
presso, quest'areopago della scienza medica, il quale gia per se stesso 
sa solenne, per eesere formato da' dotti di tutto il mondo, e riu- 
scito ancor piu solenne per lo straordinario concoreo, tale che ha 
superato quello di tutti gli altri Congressi precedent!. A setteinila e 
jiiu iunno ascendere il numero de' medici. II nome augusto di Roma, 
patria di tutte le genti e 1'azzurro del nostro cielo ha esercitato un 
vero fascino su questi scien/iati. Essi vedevansi percorrere le vie di 
Roma, visitare i monument!, quasi sa/iando un'antica brama. Al 
1'incio in ispecie e ne' tramvai che attraversano la citta, all'udire i 
varii luiguaggi, pareva di essere piu a Vienna o a Londra o a Parigi 
che a Roma. Questo sentimento dell'attrattiva di Roma per que* dotti 
* stato mirabilmente espresso, quasi a nome di tutti, dal prof, fiou- 
<-hard, rappresentant* 1 di Francia, il quale cosl par!6 all'apertura del 
Congresso : c Us soiit nombreux ceux qui ont traversO les monta et 
r6pet6 le cri antique: 1'Italie! 1'ltalie! C'est que nous voulions la 
revoir cette terre riche des dons de tous les climate et dont la beaut 
a recu de 1'homme son incomparable parure, cette terre patrie des 
arts, des lettres, des sciences, berceau de deux civilisations, qui a 
enf ante les gen ies et nourri les he>os. N"ii> 'ti>n> conduits a ussi par 
un sentiment de profonde estime et de sincere admiration pour la 
italienne qu* M<>U- \<\<>M> <laus tout Teclat de sa brillanto 



CRONACA 

renaissance. Nous avons voulu travaiDer avec vous a l'av;i 
de cette science, dont tout progres 6pargne a 1'homme une doul 
et unir nos efforts a ceux de tant de m6decins venus de tant de j 
divers. > Tra i settemila medici venuti a Roma, alcuni erano spediti 
quali rappresontanti official! di quasi tutte le nazioni del mondo: 
gentina, Austria, Australia, Belgio, Brasile, Bulgaria, Chill, Colombia, 
Croazia, Danimarca, Equatore, Egitto, Francia, Germania, Baviera r 
Sassonia, Giappone, Indie oriental! , Inghil terra, Norvegia, Olanda, 
Paraguay, Peru, Romania, Spagna, Canada, Stati Uniti, Svezia, Sviz- 
zera, Turchia, Ungheria, Venezuela, Principato di Monaco, Repubblica 
di S. Marino. II Congresso fu aperto il 29 marzo, nel teatro Costanzi 
illuminato a giorno, alia presenza del Re e della Regina di Savoia. 
II teatro parve quel di un'assemblea di Re, tante erano le medaglie, 
le catene e i nastri onorifici di cui tutti comparvero adorni. Parl6 
per primo il sig. Crispi, primo Ministro, dando il benvenuto agli ospiti 
illustri. In questa Roma universale, egli disse, della quale tutti 
siamo cittadini, voi troverete la patria comune. Roma, madre a tutti r 
diede al rnondo antico, con la civilta, il diritto. E da Roma, grazie 
anche a voi, partira oggi la feconda parola della pace, necessita e 
speranza del mondo moderno. Al Crispi successe il Baccelli, Mini- 
stro dell' istruzione e presidents del Congresso. II Baccelli parld in 
latino, ripetendo anch'egli il concetto di Roma patria comune. t Hie 
nemo habetur extraneus. Hie, ubi omnis terrae pars sua monumenta 
invenit, omne hominum genus unam tantummodo familiam consti- 
tuit. I quali pensieri, come ognun vede, non hanno altro fonda- 
mento di verita che nella Roma cristiana, nelle due civiltd, come disse 
il rappresentante di Francia, nella Roma storica insomma, e non in 
quella che si vorrebbe soprapporre e che i liberali chiamano terxa 
Roma. Gl'illustri stranieri non parlano di questa, e il Crispi e il Bac- 
celli dinanzi a loro, volendo avere un titolo di grandezza, ricorsero- 
alia Roma storica, ai monument! che omnis terrae pars invenit; i quali 
non sono, certo, n6 il tribunale ai Filippini, n& le caserme dei Prati 
di Castello, ne la banca d'ltalia. A quest'ossequio inconscio degli 
uomini della rivoluzione dato alia Roma che essi bombardarono, s'ag- 
giunse quello esplicito d'un rapprtsentante della Spagna, D. A. Fer- 
nandez Caro, cheinneggid alia capitale del cattolicismo. Tutti rivolsero 
gli occhi verso il Crispi ; ma questi prudentemente lascid piovere, 
come facciamo tutti quando & temporale. Sappiamo d'un altro medico- 
americano, di cui tacciamo il nome, (ed egli stesso lo narrd a noi) 
che venuto a Roma colla mira precipua di vedere il Papa, .e non ve- 
nendogli fatto, s'appiglid a questo argomento. Scrisse direttamente al 
Card. Rampolla, dicendo in sentenza cosi: cEminenza, sono in Roma 
e non vorrei partirne senza vedere il S. Padre. M'6 stata offerta una 




Co 

tessera d'invito per intervenire alia fcsta male. Eocola, gliel'ac- 

< hulo in questa mia e gliene faccio un regalo. In oompento m'am- 
metta alia preeensa del Papa. II giorno dopo, il pio Signore rieeveva 
all'albergo 1'invito dell'udienza. Sono cotesti, fatti istrattivi, che non 
credemmo dover trasandare. 

4. Torniamo ora al Congresso. Questo s'aperse il 29 marzo e si chiuse 
aprile. L'apertura, come accennaramo, dovette farei in un teatro, 
non gia al luogo dove sarebbe sembrato piu naturale, e dove si 
-cero i lavori delle varie sezioni, che fu il rli,-l,,,i<n ///, 
sto un sontuoso edificio, o meglio, una serie di edificii, di cui ognuno 
.accogliera malati di diverse malattie, fabbricati fuori delle mura n-ii 
Jungi dal Castro Pretoriu e vic-ino al cimitero del Campo Verano. 
L'opera grandiosa non e ancor finita e costera, dicono, ben sessant.i 
milioni. Per dirla di passaggio, anche in quest' opera apparisce un.-i 
certa mancanza di proporzione nello spendere, a chiunque conosce quan- 
te altre miserie sarebbero da sollevare. Al Policlinico dunque erano asse- 
gnate le sale per i lavori degli intorvenuti al Congresso, lavori che si 
sono spartiti in tante commissioni o sezioni, quante sono le parti della 
scienza raedica e chirurgica: Fisiologia, Anatomin, Patologia, Far>n>i- 
fologia, eccetera, eccetera. Le memorie presentate al Congresso sopra 
varie question! mediche furono 4 raila e forse piu, le quali si stam- 
perannq negli atti del Congresso medesimo. II poco tempo, consecrate 
41 questo lavoro scientific'), era intramezzato, come e il cousueto di 
tali adunanze, da banchetti, festeggiamenti diurni e notturni, non 
escluse le gite ai castelli romani, non sappiamo con quanto profitto 
per la scienza. Ma cos) vanno le cose umane. Di questi festeggia- 
inenti rioordiamo : la festa offerta dal Re nel giardino del palazzo 
apostolico del Quirinale; la serata teatrale al Costanzi; un gran con- 
<jerto musicale ivi medesimo ; la gran merenda alle terme di Cara- 
<-alla: 1' illuminazione a bengala degli antichi monument!; il solenne 
vimento al Campidoglio ; varii banchetti, eccetera; senzu tenor 
to degli onesti svaghi che ogni dottore avrft creduto ben fatto 
rendersi in una cittd come Roma e con un azzurro <li cielo, che in 
<|uesti idorni e stato un incanto. Su tutte queste belle e magne cose 
oi sieno permesse tre osservazioni d'indole diversa. La prima e que- 
sta : un' accoglienza onesta e lieta con qualche moderata festa (spe- 
cialmente in una Roma, a cui gli addobbi son quasi ridicoli) e degna 
di popolo ospitale e grave ; laddove il profondersi troppo in compli- 
menti e cerimonie e per esse spendere e spandere e cosa da piccoli, 
ohe vogliono acquistare onore presso i grandi. Or questo seoondo e 
tato il caso de* nostri padroni nel presente Congresso. L'altra osserva- 
zione, o piuttosto fatto storico, e la gran confusione avvenuta in tali 
festeggiamenti per mancanza di ordinamento ne'capi. Le effemeridi 



di <|uc',iri>rni sono piene di tali aneddoti : alia festa nel giardino del 
ouiriiinle, la meta degli invitati dovette restar faori per i> 
<li posto ; al concerto del Costanzi gl' invitati comparvero a musica 
finita, per difetto di ordinamento ; alia merenda nelle terme di < 
< alia e in varie altre occasion! i primi arrivati si trionfarono ing<> 
mente tutto, a scapito degli altri ; tanto che un giornale liberale - 
a scrivere : La bestia umana si manifesto in tutta la sua natura 
lu'uta. E mentre accadevano tali atti di vergognosa e rapace ingor- 
digia, il Baccelli beatamente rettoricava : Da questi ruderi grandiosi 
esulta oggi per noi ranima di Eoma antica, confidando che voi ne 
continuerete la gloria colle vostre virtu, nella Roma italiana. La 
tfrza osservazione sorvola a coteste debolezze. In Roma 6 il Capo 
della religione che guida gli uomini alia salute eterna, laddove i dot- 
tori della scienza medica, qui adunati, mirano solo, piti che a toglie- 
re, a lenire i mali del corpo ; eppure certuni, ignari della grandezza 
rornana, hanno creduto toccare il cielo col dito per 1'assemblea me- 
dica ; anzi 1' irreligioso Folchetto ha voluto scioccamente mettere a 
riscontro questo Congresso con un Concilio ecumenico. Ecco quanto 
costoro, per non dir altro, rappicciniscono Roma. 

5. Quasi appendice al Congresso medico e la MOSTRA IXTERNA- 
ZIONALE DI MEDICINA E o'loiESE. Essa e al palazzo dello belle arti e 
nell'attiguo edificio dell'Eldorado in via nazionale, e fu aperta solen- 
nemente il 28 marzo dal Ministro Crispi. Le cose esposte sono con- 
tenute nelle sale de' due piani del palazzo, nella gran sala a cristalli 
e negli attigui cortili. Tutti gli oggetti esposti, riguardanti la cura 
medicale e chirurgica e la conservazione della sanita, possono divi- 
derai in 12 grandi classi : la prima comprende disegni d'ediflcii e 
strumenti per ricerche scientifiche di biologia, terapia ed igiene; la 
seconda, gli oggetti di soccorso terapeutico nelle diverse malattie ; la 
t&rza, 1'occorrente per la pubblica assistenza e il salvamento nelle 
disgrazie improvvise; la quarta, i modelli, i disegni di bonificamento 
di citta e di terreni; la quinta, cose pel servizio igienico della citta; 
la sesta, disegni di fabbricati . salubri ; la settima, oggetti e stru- 
menti igienici per 1' interne delle case; Yottnva, cose per la sanita 
corporate; la nona, quelle riguardanti la sanita dell'operaio ; la de- 
cinia, libri, atlanti, fotografie, stampe di recente pubblicazione ri- 
guardo alia medicina e alia sanita; I'undecima, strumenti chirurgici 
antichi, di cui alcuni dell'antico Egitto, del medio evo, libri pur dei 
secoli passati p. es. uno del sec. XTTI c de cauteriis et phlebotomia ; 
la duodecimo,, il necessario per 1' idrologia e la balneo terapia. Non & 
possibile entrare in piu minute descrizioni. Diremo in generale qualche 
nostra particolare impressione. La Germania e 1'Italia hanno piu di 
ogn'altra nazione contribuito alia mostra, e riguardo alle cose eaposte 



CON TEMPO It AN 

i.i ' fn< il>> vedere quanto la nota pazienza tedesca e la 
men to investigatrice e sagaee degli Alemanni abhia fatto progredire 
la scienza medica e chirurgica in trovar mezzi o congegni.innume- 
revoli |MT curare gli umani dolori. La clinira < hirur^ica di Vienna 
ha inamlato forme plastiche perfettissime di membra umane piagate 
o colpite d'altro malore, e a chi place la considerazione del mondo 
rale, tal mostra fa un bel contrasto collo splendore della materia, 
ridotta dali'arte umana all'tiltimo apice di perfezionamonto. Con pia- 
cere si vedono i cadaveri conservati dal Mnrini di Napoli, i varii 
bacilli scoperti da' medici tedeschi, lo cento fogge di poltrone e di 
letti per gl'infermi, le raocolte delle fotografie di persone alienate 
di inente e anche di varie specie di malfattori, 1'ospedale militare 
prussiano, le belle pi ram id i di acque medicinali, di cui e ricca 
1'Italia e che ora saranno piu note ai forestieri, e final men te il gran 
policlinico di Roma, che, fabbricuto che sia, sari da so solo una pic- 
cola citta. 

6. ClRCOLI, ISTITUTI, ACCADEMIE E SOCIET.V CATTOLICHE DI RoitA. 

1. Solenne tomato accademtca all' Arcadia. E stata tenuta il venerdi 
santo per commemorare la Passione del Redentore. La mnsica e la 
poesia s' intrecciarono a celebrare il santo dramma del Oolgota. II 
Card. Di Pietro presiedeva la scelta adunanza. 2. Pel terzo cen~ 
tenario di S. /-Y/////>o Neri. La terza centenaria ricorrenza della morte 
di '[uest'apostolo di Roma cade il 26 maggio del prossimo anno 1895. 
D tempio, detto la Cfiitsa nuova, eretto in mezzo a Roma da S. Fi- 
lippo stesso, si sta tutto restaurando per la generosita del sig. Filippo 
Qiove. Intanto dal Ciroolo dell' Immacolata e sorta una commiasione 
ordinatrice dolle future feste ed a preparare a quelle i Romani. >i 
ti"iie nella Chiesa nuova, il giorno 2G di ciascun mese, un discorso 
intorno al Santo; e gia si 6 dato principio il 26 marzo con gran con- 
corso di popolo. Questo primo discorso fu fatto da Mons. Marini. 
3. Conferenia di archeologia cristiana. Di questa dotta adunanza tenuta 
in questo mese scegliamo dalla relazione del segretario 0. Maruuchi 
jualche notizia piu importante. II presidente della Conferenza. G. B. 
De Rossi, fe' presentare ai dotti ivi adunati il 2 volume degli Anecdota 
Maredsolana, contenente un'antiohissima versione latina della celehre 
lettera di S. Clemente ai Corinti, pubblicata ora dal Henedctlin-i 
I'. M-M-in. Mons. Wilpert presentd la fotografia di alrimi pr 
affn>schi, da lui scoperti teste nella cosi delta cappella greca nl --1- 
mit'Tu di l'ri>cilla. Le pitture sono certamente della prima meta rial 
sccondo tteeolo. Come le altre di quella stessa cappella rappresentunn 
n-'l nn'zzo la cena eucaristica, dove i' convitati mangiano il pane ed 
il mistico peace, a destra Daniele fni i leoni, e, di fronte alia priiim, 
la resurrezione di Lazzaro. Fece rilevare la grande iinportanza di 



234 CRONACA 

queste due ultime scene in pitture cosl antiche, ed in mod( 
della risnrrezione di Latzaro, per 1'uso che si suppone gia uni 
sale in quel tempo, del quarto vangelo, come di libro sacro, in cui 
soltanto si narra quel prodigio. Si trattenne perd in modo specials* 
sul primo ritraente la cena; e vi fece notare la particolarita, finora 
non mai veilute in altre simili composizioni, di un personaggio, i) 
quale spezza il pane ed ha d'innanzi a s& il calice del vino. Rico- 
nobbe pertanto in quella scena 1' azione solenne della fractio panis r 
che per la prima volta comparisce nelle pitture delle catacombe. II 
Gomra. Gamurrini presentd le fotografie di un capitello con rozza scul- 
tura del secolo nono esistente in Lugnano in Teverina. Vi e rap- 
presentato anche qui il sacrificio eucaristico, ma in maniera del tutto> 
diversa dal simbolismo primitivo. Yi si vede effigiato un gruppo di 
fedeli intorno al sacerdote, il quale benedice il pane ed il vino con 
ambedue le mani. Parld alquanto di questo uso della doppia benedi- 
zione, e ne fece un contronto con il rito di alcune iniziazioni pagane- 
rappresentate nei monumenti. 4 Accademia pontificia de' Nuovi 
Liiicei. La relazione delle cose trattate, fatta dal segretario Comm. 
M. S. De Rossi, pu6 vedersi nella Voce della veritd sotto il 25 mar- 
zo. 5 Societd per gli studii biblici. II segretario Francesco Faberi 
ci da, tra le altre, questa notizia, comunicata alia dotta adunanza, 
c II socio prof. Orazio Marucchi present^ la recentissima pubblica- 
zione del Gebherdt intorno al cosi detto Vangelo di Pietro e all'Apo- 
calisse falsamente attribuita al medesimo apostolo: Das Evangelium 
IMI& die Apokalypse des Petrus. Riepilogd brevemente le principal! 
notizie date gia intorno alia medesima dal compianto P. Savi, nel 
passato anno x e leggendo alcuni brani del frammento, in cui si 
narra la passione del Redentore, mostrd la tendenza antigiudaica del- 
1'Autore, e v'indicd le tracce dell'eresia dei Doceti. Fece anche no- 
tare il'carattere assolutamente fantastico e leggendario del documento r 
nella parte che si riferisce alia storia della Risurrezione, e riassunse 
infine le conclusioni ultime, alle quali ora si e giunti riguardo a 
(juesto documento dell'antica letteratura cristiana ; che cioe il co- 
dice scoperto sia dell'ottavo secolo, ed il testo del cosiddetto evan- 
gelo di Pietro sia una compilazione di origine egiziana fatta col con- 
fronto degli evangeli canonici, la quale era certamente gia conosciuta 
nella prima meta del secondo secolo. Conchiuse col notare 1' impor- 
tanza di siifatto testo, ed anche dell'altro della cosiddetta Apocalisse r 
per lo studio di quella letteratura apocrifa direttamente derivata dai 
libri della S. Scrittura, e della quale oggi si tiene gran conto dai 
critici.* 6 Ospedale del Bambin Gesu > . Facciamo nostro un cenno 
accurate del cronista della Voce su quest'ospedale. Esso, eretto gii 
per cura della Duchessa Salviati, coadiuvata da altre signore c si- 



CONTEMPOKAN 235 

:i, nol fal.l.rieatn dolle Zoocolette alia Regola, e traaferito poi ;i 
causa d> del Tevere, alle faldo del Qianicolo preeso il 

rente di S. Onofrio, si rende sempre \>in utile poi poveri figli d-l 
popolo. E specialmente ora, dope la soppressione della sala pei bam- 
bini alia Consolazione, e una vera provvidenza. Vi si ammettono bam- 
bini da uno a 13 anni e vi si trovano 250 letti, in belle sale, dirise 
per ambi i sessi, arieggiate e spaziose, con pareti verniciate in bia 

tutto e tenuto con la piu grande nettezza e con un ordine am- 
mirabilo dallo l-fiu-merite Suore di S. Vincenzo de' Paoli, che assi- 
atono i bambini con cure veramente materue... So i piccoli iniermi 
ono al presente 170, si 6 perche le risorse della pia opera non sono 
in propor/.ione delle domande per essere ammessi all'Ospedale. t Du- 
.3 il Congresso medico, il detto Ospodale fu visitato, a grande loro 
soddisfazione, dalle signore consorti de 1 medici venuti a Roma. 
"mime ant i in -i Quest' tUnione*, fondata non e molto in 

Roma dai giovani del Circolo La Romanina , conta gia molti as- 
aociati e come benemerita della Religione e della patria e degna di 
ssere incoraggiata. Ogni terza domenica del mese pubblica un gior- 
nale intitolato Fede e Patria, in cui da ragguaglio di tutto cid che 
i opera in Roma e in Italia contro la setta anticristiana. Presidente 
doll' t Unione e D. Attilio Peci. La sede e in Roma stessa, via del 

i no vecchio n. 14. 

7. Quando in una Roma si vede messo in deriso il Crist ianeaimo 
cattolico, si pensa naturalmente al dominio temporale del Papa, e si 
dice: Se non vi fosse altro vantaggio della dominazione politica del 
Papa che vedere sbrattata la capitale del Cristianesimo da tanta pro- 
fanazione, quanta ne vereano sti di lei efferaeridi, teatri, conferenze 
e discorsi, sarebbe per cid solo santissima la lotta che Pio LX e 
Leone XIII sostennero contro la rivoluzione. Uno de' inolti fatti, onde 
.-i profana continuamente il suolo di Roma, bagnato dal saugue di 
tanti martiri, 6 stato in questi giorni il dramma della Fassione rap- 
presentato nol teatro Manzoni. c Giuda ebbe molti applausi, narra la 
Tribuna, non perche avesse tradito Gesu, ma perche la sua parto da 
omo indemoniato si prestava all'effetto. Gesil Cristo fu anch'eKli 
chiamato all'onore della ribalta, e vi si presto con niolta grazia, con- 
ducendo per mano la Maddalena. Ottenne un successo plastic- 
Giovanni, la cui parte era sostenuta da un'attrice. La musica fu.ri 
e dentro le quinte interveniva spesso e, so bisogna essere sinceri, 
guastava alquanto la scrupolosa ricostruzione storica, con una mazur- 
cka che precedette il quadro della crociftssione, con una canzonetta 
napoletana, di cui le sacre scritturo non fanno cenno, e linalmente 
con un intermezzo della ('ni-.illrria rustieana. > Or, tutto cid e vei-a 
profanazione ; come vere profanazioni erano le figiinne del voltehano 



236 CRONACA 

rnHietto le qiiali parodiavano le umilia/.n.ni sante del Cristo. 

che a Yenezia si e rappresentato L'Uomo del Barbieri, in mi la di- 

vina persona del Redentore 6 deturpata dalle sembianze d 1 un tri- 

buno rivoluzionario. I cattolici veneti perd, con a capo la Difesa, 

riprovando quelle sconcezze, ottennero che ne tbssero sospese le rap- 

presentazioni. 

8. APITNTI STORICI. 1 Beneficenxa del S. Padre. Nell' anni- 
versario della sua incoronazione, il Papa ha fatto largire dall'elemo- 
sineria apostolica : tre mila lire per letti; dodici mila per sussidii, affi- 
dati ai Parroci di Roma; cinque mila alle vedove ed orfane degli 
antichi soldati pontiftcii ; tre mila pe' sacerdoti bisognosi ; otto mila 
per le povere monache d' Italia. .2 Esito della causa tra il Card. 
Oreglia e I'Amalfitano. La causa, come i lettori sanno, era un'ac* 
di diffamazione contro il Cardinale. La prima sentenza del tribunale 
correzionale, senza entrare nel merito della questione, dichiarava pre- 
scritta 1'azione contro 1'eminentissimo Principe. Ora, la Corte d'appello, 
a cuisi era ricorso, ha dichiarata nulla 1'accusa stessa e condanna I'A- 
malfitano alle spese del processo. Cosi e finita questa triste questiono. 
3 L'Ordine cistercense. La grande famiglia di S. Bernardo, secondo 
una esatta statistica teste pubblicata, conta 211 monasteri. Essa e 
divisa in tre osservanze, piu o meno austere. I religiosi sono 4153 
di numero, le religiose 3750; 196 monasteri sono in Europa, 3 in 
Asia, 3 in Africa, 8 in America, 1 in Oceania. In Italia vi sono 8 
monasteri di uomini e 24 di donne. 4 Morte del confessore del 
Papa. Questi era il P. Daniele da Bassano, de' Minori riformati. Egli 
S morto la notte precedente al 1 aprile, munito di tutti i conforti 
religiosi. Leone XIII, quand'era ancor Cardinale di Perugia, conobbe 
il P. Daniele ad Assisi. Elevato alia cattedra di Pietro trovd il P. Da- 
niele qual penitenziere al Laterano e lo scelse a suo confessore. - 
5 Profanazione all' ospizio di Termini. Dal 1870 quest' ospizio per 
artigiani & in mano di laici, e fu fatto visitare una volta anche al 
Garibaldi. Corse voce che il mercoledi santo, accostatisi alia sar-ra 
mensa alcnni di quegli alunni, ricevuta la sacra ostia, la sputassero 
in terra. Se ne meno grande scandalo, anche dai giornali liberali che 
narrarono la cosa per i primi. Poi, non si sa per qual motivo, tentarono 
alcuni negare il triste fatto. Diciamo tentarono, poichfc dura ancora 1'in- 
vestigazione; un alunno fu espulso dall'ospizio, e 1'autorita ecclesia- 
stica con pubblico Avviso sacro alle porte delle chiese, ne ha ordinato la 
riparazione, che fu fatta con gran concorso. Dio voglia che il reo non 
sia piu d' uno. [6 H Principe Massimiliano di Baden alia bibli> 
vaticana.\ r i si reed il 31 marzo e fu ricevuto da Mons. Isidore Carini, 
Prefetto^ della' biblioteca medesima. S. A. vi si trattenne sino al mez- 
rogiorno ad osservare le oose preziose che vi si racchiudono, come la 



Bibbia groca dol 1 V socolo, la oorriapondenza autografa di Arrigo VIII 
oon Anna Bolena. I Kvaii-. -I an-. regalato ad Innocenzo VIJI dalla 
gina di Cipro, gli autografi celobri dell'A-juinate, del Petrarca, del 
Tasso, ecc. Indi travereava tutta la galleria bramantesca, viaitandn 
i due musei, prof two e tacro e le aale Borgia. 

II. 
COSE ITALIANS 

1. Morte dell'agitatore ungheroee Luigi Kossuth in Torino. 2. La con- 
danna degli accusati nel processo del rito. 3. Un coscritto uotello, 
morto per sevizie soldateeche. 4. Appunti storici. 

1. II 19 marzo, a tarda sera, moriva in Torino Luiyi Konsutli, capo 
de'rivoltosi del 1848, che inossero guerra all'Austria e al BUG present* 
Imporatore, volendo fare dell' Ungheria un regno indipendente. H Co- 
dice italiano composto dallo Zanardelli 6 severiseimo contro chi tenta 
scindere uno Stato e sottrarlo al suo monarca, e il ministro Crispi tiene 
ora in prigione il deputato De Felice Giuffrida, accusato di tal delitto, 
e la spada della giustizia pende su lui. Cid non ostante il Crispi 
mand6 un dispaccio di condoglianza e di elogio alia famiglia del- 
1'estinto, e la Camera italiana, riapertasi il 2 aprile dopo le vacanze 
pasquali, per bocca del suo prcsidente, Giuseppe Biancheri, ebbe a 
dire : c Ogni animo che senta amor di patria, di libertii, e onori ! 
cittadine virtd, non ha potuto non essere profondamente amareggiato 
dalla dolorosa dipartita dell' uomo insigne che della liberta e della 
patria fu si grandeinente benemerito. * Dopo le quali parole aggiunse 
d^l suo 1'Imbriani: Oiwre al niagnanimo rilidlf ! Ora, dobbiam con- 
fessare che tutto cid per noi e inesplicabile, eccetto se si supponga (e 
non v' ha altra spiegazione) che pe' liberal! esistano due logiche e due 
liberta, e si faccia uso dell'una o dell'altra secondo che torna comodo. 
Ma lasciamo questa filosofia, tuttoche storica e piana, e diamo un bre- 
viseimo cenno di Luigi Kossuth. Nacque egli a Monok nella contea di 
Complin nel 1802 da famiglia calvinista. Diveuuto avvocato, si did alia 
vita politica. Nelle rivolture del 1848 egli era gia capo della fazion< 
mocratica ungherese contro Vienna. L' Austria cede in part* 1 alle insi- 
stent! dimande di cotesta fazione, concesse all' Ungheria un'nniinini- 
btrazione separata, com'6 tuttora, e il Kossuth fe' parte del Ministero 
<|ual Ministro delle finanze. Ma i rivoltosi non erano content), volendo 
pienu scparazione dell' Ungheria dall' Austria e, acoppiata la gucrni. 
il Kossuth fu fatto capo del Governo della difesa nazionale con du- 
oentomila uoraini in armi, coi quali giunse fino alle porte di Vienna. II 
KoHHuth era entrato trionfante a Pesth ; ma uscitone quanto prima per 
1'entrata IP Ungheria degli Austriaci e de'Ruasi, trasportd il governo 



238 CRONACA 

a Debreczin, ore in im manifesto del 14 aprile 1849 dichiard la re- 
pubblica e caduta per sempre la dinastia degli Absburgo. Alle vit- 
torie per6 tennero dietro perdite e soonfitte ; e il Kossuth, us 
d'Ungheria, non voile mettervi piu piede, rifuggiandosi prima in Tur- 
chia, poscia in Inghilterra e finalmente in Italia a Torino. Fu il Kos- 
suth buon parlatore, dagli occhi vivi ed affascinanti e di piacenti fat- 
tezze. Quanto all' indole, fu quella d'un tanatico e d'un ribelle che 
una falsa gloria mondana rese illustre, mentre altri ribelli devono 
scontare la loro audacia sul patibolo e negli ergastoli. Aggiungiamo 
che Luigi Kossuth fu frammassone e legato in amicizia co' nostri ri- 
voluzionarii italiani. Adriano Lemmi, capo della setta anticristiana, 
cosi scriveva il 25 marzo a Torino al sig. Ariodante Fabretti : c Pre- 
govi assumere la direzione delle onoranze inassoniche, che saranno rese 
in Torino al nostro glorioso e compianto fratello Luigi Kossuth. Prov- 
vedete con altri insigni fratelli e coi presidenti delle Logge della Valle 
del Po pereh6 sieno degne dell'uomo grandissimo, che dobbiamo ono- 
rare e della istituzione nostra di cui egli sempre e dappertrutto difese 
invitto i principii e propugno instancabilmente le aspirazioni. > Cosi 
il Lemmi. 

2. II 20 marzo si chiuse nel tribunale penale di Roma il noto 
yrocesso del riso, gia da noi esposto in altro quaderno. Ingiusto pro- 
titto, inganno fraudolento della buona fede altrui, trutfa e menda- 
cio sono i titoli che giustificano la sentenza pubblicata, bencb.6 non 
di tutti questi delitti sieno stati egualmente rei i condannati. Que- 
sti sono: Adalgiso Pinto, d'anni 48, da Novara, condannato a due 
anni e otto mesi di reclusione, tre anni di interdizione dai pubblici 
ufflci e 400 lire di multa; Cesare Gallina, d'anni 47, da Asti, do- 
miciliato a Roma, a due anni e otto mesi di reclusione, due anni 
d' interdizione dai pubblici uffici e 400 lire di multa; Costanzo Chnu- 
vet, d'anni 48, di S. Stefano Belbo (Cuneo), domiciliato a Roma, a 
quattro anni di reclusione, quattro anni d' interdizione dai pubblici 
ufficii e 5200 lire di multa ; Federico Merlo, d' anni 39, da Novara, 
a quattro anni di reclusione, e 500 lire di multa. Tutti sono condan- 
nati in solidum alia rifazione delle spese e danni aU'erario dello Stato. 
I due seguenti furono assoluti per mancanza di reato: Felice Rodri- 
guez di Milano ed Angelo Semino di Geneva. La lettura della sen- 
tenza dur6 quasi un'ora e mezzo, ed ebbe fine alle 18 l /g- La sala era 
rischiarata da pochi lumi a petrolio. II pubblico ascoltd quella lettura 
in mezzo al piu profondo silenzio. G-li imputati si alzai-ono quindi in 
piedi ed il Procuratore del Re ordind che venissero subito ricondotti 
in carcere. Lo Chauvet pareva esterrefatto, il Gallina col fazzoletto 
si asciugava il sudore, monnorando parole indistinte. L'uno e 1'al- 
tro, insieme col Pinto, ammanettati si ritirarono scortati da quat- 



CO 

ice del la parte morale ne' futti amani 

in,- -jtiesta deecrizioncella che un L- fa del In 

soena avvenuta poi nel carcere. Appena entrati in pripion- 
Chauvet e il Gallina si ilettero a piangere disperatamente, ed n 
rientrati m-lle rispettive celle, le loro grida si feoero ooel alto da ea 
sere udite da un capo all' altro dell' immenso fabbricato. Ambedne 
dicevaiio di essere rovinati, di essere stati inmuMamentw gettati in 
mezzo ad una strada, e Gallina ripeteva so ven te piangendo: La mia 
famiglia dovra chieder 1' elemosina per le- vie ! Quests soena do- 
lorosa duro fino a mezzanotto ; e tenne desti, oltre il direttor- 
carcere, anche gli altri detenuti piu prossimi. 11 ylo I'into si dimo- 
stro perfettamente tranquillo e preparato alia condanna che lo aveva 
colpito. leri alle 3 il Gallina ricevette la visita de'suoi figli Severina 
e Giuseppe. Indescrivibile la scena straziante che ne sfirui. >u tin 
crescendo continue di pianti, di abbracciamenti, di deliqni c di grida 
disperate. II colloquio avvenne nolle sale della direzione, e dur6 circa 
niezz' ora. Subito dopo avvenne un altro colloquio fra lo Chauvet e la 
sua figlia, signorina Adelaide, accompagnata da una signora sua 
arnica. Anche qui si ripete la scena avvenuta nel precedente collo- 
quio. La separazione poi, che avvenne alle 5, della figlia dal padre 
lu addirittura uno strazio. Noi rispettiamo il dolore di coteste sven- 
turate famiglie, e ne sentiamo pieta; ma quanto ai colpiti dalla giu- 
^ti/ia, non possiamo non vederci dentro la mano di Dio, non a per- 
dizione, ma a salute dei colpevoli. 

3. Non sono, pur troppo, cosa nuova corte crudelU e sevizie, tutte 
soldatesche, di alcuni ufficiali contro i loro subordinate Un fatto 
gravissimo, fra i tanti che restano oscuri, e che e stato recato ftno 
in Parlamento da alcuni deputati, 6 accaduto, giorni sono, a Padova. 
Si tratta d'un povero novello coscritto di cavalleria, di nome Fran- 
cesco Evangelista di Benevento, il quale, non valendo a restare a ca- 
vallo (sia per mancanza di forze, sin per inettitudine), caduto alrm 
volte, ed obbligato con crudele comando a rimontare a oolpi di fnista 
e oolle braccia legate dietro, ricadde miseramente e battuta a terra 
la testa, poco dopo spiro. II Ministro della guerra, Mocenni, alia Ca- 
mera rispose al deputato Zabeo, attenuando, s'intende, il fatto, e dando 
If migliori spiegazioni possibili, e accusando solo di leggerezza il 
tr-nonte Blanc, reo di quella morte; ma tutti gl' indizii ci fan no sup- 
]K>rre che il novello coscritto rimase vittima della solita alterezza 
e sevizia militare. II Xecolo ha pubblicari alcuni <lo umi-nti del iatto. 
oesia certificati di chi fu presente, i quali, anche prima che la cauaa 
bia discussa dai tril.unali, sembrano aver gran peso. Kccone uno, che 
uno a cognizione non inutile de' lettori. Padova, 28 mareo 1894. 
J! giorno Jl raarzo (abitando in via San Prosdocimo e precisamente 



CRONACA 

corte del maneggio) io sottoscritto, Agugiaro Candido fu LI, 
li prof.issione fornaio, d'anni 23, ebbi a vedere, stando al poggi 
-i.uule della casa Barone, il soldato, che seppi poi chiamar.si Kv.-m- 
a.-lista, di Benevento, che era evidentemente sofferente e che, cionon- 
ostaute, il furiere voile che montasse a cavallo; che il soldato stesao 
cadde due volte ; che dopo la seconda cadnta sopravvenne il tenente; 
che il tenente lo obbligo a uiontare la terza volta, facendogli lepire 
le man! per di dietro con una cinghia di cuoio e poscia percuoten- 
dolo in varie parti del corpo e specialmente sulle mani con nn fni- 
stino della grossezza di un manico di scopa ; in seguito a cid cadde 
I>er la terza volta, battendo la testa in terra, e d'allora non fu piu 
capace di muoversi. Cont'ermo anche la circostanza della corda ricor- 
data dal giornale Gazzettino. Confermo pure che il povero soldato 
rimase senza essere visitato dal medico piu di due ore. Posso atte- 
stare che erano presenti al fatto i signori Locatelli Gherardo; Cava- 
gnin, piantone del maneggio stesso ; Locatelli Virginia e sua sorella; 
Diodato Ermio, Candiani, tenenti contabili al magazzino sussistenze; 
Nagliati, furiere al panificio. Sentii poi una voce che gridd : Boie e 
xjjt'c cle aguzini, lo voleu copa/r. In mia coscienza, confermo tutto so- 
pra uarrato. Croce di Agugiaro Candido Testi alia croce : firm. 
Bigato Giuseppe; Sinigaglia Felice. Ecco ora un martire del mi- 
litarismo ! Ma contro la milizia, niuno parlera ; ed e bene, poiche 
non si deve confondere 1'uso coll'abuso. Ben altro sarebbe se si fosse 
trattato di qualche ribelle punito daH'autorita ecclesiastica, d'un qual- 
che apostata giustiziato, d'un Bruno, d'un Sarpi e d'un Savonarola 
qualsiasi. Allora la sevizia sacerdotale e 1'apoteosi de' condannati sa- 
rebbero sulla bocca e sulla penna di tutti i dissennati. 

4. APPUNTI STORICI. 1 La Reyina d'Inghilterra in Italia. Anche 
queat'anno la Regina Vittoria e venuta a passare alcune settimane 
nella nostra penisola, nella gentile Toscana. Essa arrivd il 16 marzo 
e prese stanza alia villa Fabbricotti presso Firenze. 2 Lo sca-mlalo 
d'una crentaxioti-e a Tori-no. E morto cola, non e molto, il Pretore 
urbano Cav. Luigi Martini, il fondatore della Casa benefica pe' gio- 
vani abbandonati. Costui, sotto una bugiarda parvenza religiosa, aveva 
estorto molte elemosine anche dai cattolici. Ma il testamento aperto 
dopo la sua morte ha mostrato chi era il cosi detto padre dei derelitti. 
Era un frammassone della piu bell'acqua. Nel testamento aveva ordinato 
che il suo cadavere fosse cr&maio. La maschera e caduta. L'accom- 
pagnamento del corpo al forno crematorio fu tutto frammassonico, 
e la gente al vedere le insegne della rea setta, meravigliando, di- 
ceva : Era un frammassone ! 3 Coraggio cristiano. 11 cav. Orlan- 
do, sedendo al banco del pubblico ministero nel tribunale d'Anco- 
nu nel venerdi santo, e invitato dagli awocati a dar la sentenza in 



GONTBIIPORANBA 

iisse: Credo che questa sarebbe la prima volta, ' 
i si sarebbe pronunziata una sentenza nel venerdl santo. > Poi, 
scoprendosi il capo e ponendosi la destra sul petto, con voce tonante 
eaclamd : < lo non mi vergogno di manifestare puhblicamente le mie 
>nde conviiuioni religiose; e queete non mi permetteranno mai 
li intorvrniro a I un'udienza che si ten ease domani, a oosto anche di 
disobbedire agli ordini dell' eccellentissmo sig. Presidente, quulora 
edi mi ci volesse obbligare. > II Presidente a questa franca risposta, 
rimando la discussione dopo Pasqua. 

III. 
COSE STRANIERE 

INQHILTBRRA (tfostw Corritpondtma). 1. Una supreraa decisione del 
signer Gladstone : 1'elevazione di lord Roseberry alia dignita di prlmo 
ministro. 2. Un competitore cortese : i faziosi prestamente vinti e 
assoprgettati. 3. Le prime promesse di lord Rosoberry, e quanta 
parte 8e ne potra efTettuaro. 4. La ragione di un momentaneo dis- 
idio fra il capo del nuovo gabinetto e la deputazione irlandese. 
5. Lord Roseberry dissipa i raalintesi dalla sua citta natale di Edim- 
burpo 6. Le disposizioni del nobile primo ministro verso la Camera 
del Pari. 7. Le impression! del popolo inglese per il ritiro del si- 
guor Gladstone. 8. L'uomo di Stato cbe perdiamo. 9. L'uomo di 
Stato cbe acquistiamo. 10. La solita capatina al finest rino dell'Esta- 
blishment. 

1. II breve intervallo coreo fra le due sessioni del Parlamento fa 
colmo di tanto rapide e grandiose vicende, che in quell'angusto spa- 
zio si cela foree il germe di tutto un periodo storico della futura In- 
ghilterra. Da qualche tempo udivansi bensl pronostici del ritiro del 
signer Gladstone dalla vita politica; ma erano come bisbigli, cui non 
suolsi prestare che un orecchio distratto e quasi sordo, finche, niu- 
tandosi in voce sonora e possente, fecero tutti sobbalzare di meraviglia 
e d'una specie d' istintivo sgomento. 

Qli acciacchi della tarda eta avevano curvato il venerando uomo 
li Stato sotto.un peso sempre piu opprimente, e <}nnndo sorsero gravi 
dubbii siill.-x sua forza di sottostare alle fatiche di una nuova 869- 
aione, probabilmente non meno lunga ed agitata dell' altra, stringe- 
valo ferrea necessita di risolversi a qualche cosa, necessity incalzante 
per 1' imminenza della riapertura delle Camere. Se iuindi un cam- 
biamento doveva compiersi nel Qoverno, era mestieri accelerarlo, an- 
/iche differirlo al giorno in cui la Camera dei Comuni fosse nuova- 
mente avvolta nel turbine di passion i che stava per levarsi dalle pro- 
fondita dei snoi dissensi politici. E invero, vedutosi in termine di do- 
vere soegliere, il sig. Gladstone si appiglid al primo partite. Venne U 

XV, vol. X, fate. 1053. 1 H apriU 1894. 



242 CRONACA 

fatidico giorno della dimissione; e lord Roseberry. sul ipiale gia posa- 
vasi 1'universale aspettazione, in c-hiamato ad assidersi nell'alto suo 
seggio. Al nuovo ministero, poi, non concedevansi che pochi giorni 
per apparecchiarsi a comparire al cospetto del Parlamento (12 marzo). 

Ci voile in lord Roseberry il coraggio e 1' abnegazione quasi di 
im Milziade a Maratona, per entrare con tranquilla maesta alia Ca- 
mera dei Pari d' Inghilterra, fra un pugno di amici ed una falange 
di avversarii ; nondimeno, a giudizio universale, egli non si mostr6 
impari alia gravita della condizione presente. 

2. H solo personaggio che avrebbe potuto, in gara con lui, am- 
bire i primi onori nel governo, sarebbe stato sir William Harcourt. 
Cancelliere dello Scacchiere, il quale, tuttavia, seppe, a quanto dicesi, 
indietreggiare con bello e cortese atto, sxibordinando le personal! aspi- 
razioni al vero vantaggio del suo partito. Egli rimane, dunque, Can- 
celliere dello Scacchiere, accoppiando a questa carica 1'altra di leader 
della Camera dei Comuni. 

n grande argomento che militava in favore di sir William, acuendosi 
nel medesimo tempo in obbiezione contro 1'elevazione di lord Roseberry, 
consisteva nella incongruenza di affidare, nell'odierna condizione delle 
cose, il timone dello Stato ad un nocchiero appartenente alia Camera dei 
Pari, tanto infesta ad ogni brama del governante partito popolare; e 
tale obbiezione venne brandita come nna spada particolarmente dai 
piu fieri atleti della fazione radicale, i qnali si ripromettevano di 
formare tra le pareti dei Comuni una specie di grotta colica dalle 
perenni fremebonde irrequietezze, quando si vedessero frustrati nei 
loro voleri. Che anzi tale disegno[ebbe un principio di adempimento T 
allorche il radicalissimo deputato di Northampton, sig. Labouchere T 
propose d' introdurre nn emendamento nella risposta che stavasi 
compiiando al discorso inaugurale della Corona, e con sottili accor- 
gimenti, sorpresa la Camera in buona parte deserta, seppe trarre a 
se una maggioranza di due voti. Languida maggioranza, direte, ma 
superiore alle pin balde speranze dei radical!. Se non che il Governo 
li fece ben presto accantucciare in locum poenitentiae, alzando ferma 
e robusta la voce e contrapponendo alle loro improntitudini cid che 
essi parevano piu desiderare e cercare : una dignitosa minaccia di 
ritirarsi. 

La proposta del signer Labouchere era stata sostenuta pure da 
un numero non irrilevante di deputati .irlandesi, adombratisi e im- 
pennatisi come puledri di buon sangue per alcune frasi circa YHcnne 
Rule contenute in un discorso che lord Roseberry porgeva alia Ca- 
mera dei Lordi e del quale ragionerd qui appresso. 

-3. I divisamenti del Governo, pei lavori della sessione, possono 
compendiarsi nel seguente cenno sinottico del discorso della Corona. 



CONTBlfPORANEA 

Questo, dopo una breve allusione ai continui e pregeroli migliora- 
inonti nello Stato dell' Irlanda, ove il numero del -l.-litti agrarii, sotto 
il n- ll;i le-r^i- "rdinai ^-oao all' in fl mo grado che si 

ii da qiiindici anni a questa parte, annunzia la presentarione di 
un Hill in pro degli afflttaiuoli irlandeei espulsi dai loro poderi. Un 
altro ne promette per la riforma del registro e 1'abolizione del vote 
I'lurale uegli scrutinii politic!. Non sono trasandati i terai: della 
<'hi-'s:i Stal-ilitii nel 1'aesc di dalles e nellu Scozia; della peroqua- 
zione delle imposte nella citta di Londra ; della istituzione del Looo/ 
Government in Iscozia, sulle basi utesso su cui poggia quello onde 
furono teste provveduti 1' Inghilterra e il Paese di Galles; dell'oser- 

> di nna diretta vigilau/a sul trafflco dei liquori. Si vuole con caute 
prowidenze legislative avvisare ai mezzi di promuovere e favorire la 
conciliazione nello dispute del lavoro; si vogliono, di phi, ritoccare 
i Factory and Mines Acts (leggi sulle fabbriche e sulle miniere); 
riformare i metodi delle inchieste circa i casi fatal! nella Scozia. 

II convito sontuoso; le vivande abbondano, ma con tutto ciA 
temiamo di rimanere a denti asciutti, essendoci quelle ad una ad una 
tenacemente contrastate dalla Camera dei Lordi. La tranquillita del 
nostro pasto dipeudera, dunque, dal vigors, dalla perseveranza delle 
gia corn inciate agitazioni contro la costituzione e le prerogative pre- 
senti della Camera alta. 

4. La speranza che i liberali continuino a procedere in ogni coea 

oncordi 6 legittimata da tutte le phi ragionevoli previsioni, sebbene 
in qualsiasi partito si trovino uomini talmente invaghiti delle pro- 
prie fisime, che parrebbe loro di rinnegare la natura, suboniinandole 

ntimento collettivo. 

Un pericolo di scissioue ci sovrastd per un momento, come ho 

i-tto sopra, rispetto al gruppo irlandese, a motivo di un paragrafo 
nella risposta data dal primo ministro a lord Salisbury durante 
1'esame della risposta al discorsp della Corona nella Camera alta. II 
passo, di cui si tratta, suonava cosi : 

c II nobile marfhese ha fatto relativamente aH'7/ow Rule un'os- 
aervazione, alia quale io sento di poter sottoscrivere senza alcun ri- 
'.%\\ ha detto che il Parlamento imperial* 1 , prima di concedere 
moms /.'/<// all'Irlanda, deve lasciar tempo all 'Inghilterra, come prin- 
cipale membro della famiglia in questo regno trino, di oonvincemi 
della sua giustizia. Parra for.se ch'io conceda molto con tale dichia- 

ne, e invero, come ben sanno le Eccellenze Yostre, i inembri 
del Parlamento eletti dall'lnghilterra propriamente delta sono ostili 
i\\Y Home Half. > 

Qucsta sentenzu sembra invob^ere perspicuaiuente il concetto ch 
gli aneliti dell'lrlanda debbano coinprimerei, i suoi voti non farai mai 



24 i CRONACA 

pieni, finchd i fratelli di stirpe inglesi non si pertuadano in fine 
essere buona oil opportuna cosa 1'appagarla. Ora, sarebbe stato piu 
che sufiiciento un semplice sospetto di tale pensiero nella mente di 
lord Roseberry, perchd gl' Irlandeei sentiasero agghiacciarei le vene 
<ial ribrezzo e sconvolgerei tutti i visceri per lo sdegno. Ed ecco spie- 
gato come 1'avversione e la diffidenza, che indi avevano concepita 
per lord Roseberry, erompessero con tanta fuga al primo richiamo 
dell'emendamento del Labouchere. 

5. Aocortosi di avere turbato la pace di un alveare, il nobile 
primo ministro voile ripristinarlo una volta per sempre nel possesso 
di tan to bene, e ne colse il destro in un grandiose ricevimento fat- 
togli dai suoi concittadini di Edimburgo il 17 febbraio scoreo. I fogli 
liberali sfavillarono allora come tanti vivai di lucciole colle saia- 
glianti loro descrizioni dell* magnificenze di tale festa, intrattenen- 
dosi con avida volutta sulk giubilante esaltazione delle dense folle 
che stipavansi per le vie, affine di rendere ossequio al concittadino 
illustre, nonche sui delirii dei quattromila privilegiati cui le stelle 
concessero di stringersi a lui dintorno in una delle piu vaste sale di 
Edimburgo, per ascoltarlo, per applaudirlo. 

Nel discorso proferito in tale occasione, lord Roseberry negd espli- 
citamente di aver mai per un solo istante voluto annettere alle pro- 
prie parole il senso che poscia venne loro attribuito. Siffatta inter- 
pretazione, d'altronde, fa a cozzi colla storia del Parlamento ingle- 
se e coll' analisi delle maggioranze che vi risolsero le piil ardue e 
important! questioni. Non si oerco, non si raccolse allora la maggio- 
ranza degli Inglesi. II primo Reforme Bill fu condotto a vittoria dai 
suffragi degli Irlandesi; parimente il Parish Councils Bill teate 
innalzato a legge. Inoltre, dove ne andrebbe 1' unione, la famosa 
Unione tra 1'Inghilterra, la Scozia e 1'Irlanda, se niun Bill potesse 
avere adito allo Statute Book (Libro degli Statuti) del Regno senza il 
beneplacito degli Inglesi? Tale unione non significherebbe che sogge- 
zione dei piu ad un signore e padrone. Quindi lord Roseberry spiegd, 
come favellando della conversione dell'Inghilterra all'lfwwe Rule, anzi 
invocandola, egli avrebbe in mira due cose, strettamente intrecciate 
sul nocciolo stesso della questione. In primo luogo, se gli elettori 
inglesi riconoscessero un giorno la ragionevolezza dell'/fowe Rule Bill 
e palesassero tale sentimento dinanzi alle urne, ogni arma cadrebbe 
infranta dalle mani della Camera doi Lordi. Dall'altro lato, i prote- 
stanti dell' Ulster, vedendo svanire il favore dell'Inghilterra ai loro 
ingiusti atti ed assurdi privilegi in Irlanda, ridiverrebbero per tor- 
naconto buoni figliuoli, contenti dell'onesto, solleciti di meritarne e 
lucrarne i vantaggi. 

Nel discorso qui compendiato, in cui pud scorgersi quasi un piil 



CONT10 KA 245 

ampio c <iilu ogramma del partito liberal*-, lord Rosebeny si 

.lard propenao alia concession.- <\-\\' ll,,nic Rule alia Scoria, come 
jmre al Distaiabiukment della Chiesa SOWMM e gallese, all 1 introdn- 

della giornata nor male di otto ore di lavoro nolle miniere, ed 
inline all'aumento delle forze navali della natione. 

6. Per quanto riguarda la Camera dei Lordi, il parere di lord 
Roseberry ail tale materia si fc gia da lungo tempo manifeBtato. Egli 
consider:! <|ueU'A8semblea, reea da secoli veneranda, come bisognosa 
per lo meno di qualuhe modificazione, perch6 non disdica ai modern! 
tempi e per attagliarla a quella profonda trasformazione politics e 
sociale che si e venuta preparando e ohe ora con aocelerato movi- 
mento si offettua nell'impero Britannico; ma non considera necessaria 
alcuna violenza per precipitarne il compimento. L' oratore termini 
il auo dire intorno a questo importantissimo tema colle notevoli os- 
servazioni segnenti: 

c Ma io lascio questo argomento, o Signori, alia vostra coscien- 
ziosa ponderazione. Dato il caso che il Qoverno presente dovesse pra- 
ticamente occuparsene, oio non potrebbe accadere che per 1' impulse, 
col sostegno e sotto 1'ispirazione di una grande forza popolare, senza 
la quale noi ci sentiamo assolutamente fievoli ed inotti. Noi aspot- 
tiamo il vostro cenno e la vostra guida, e, quando li avremo, saremo 
pronti a fare quanto voi c'ispirerete. > 

Questo studio, alquanto minuto, siill'atteggiamento del nuovo Mi- 
nistero, sui propositi che dimostra, e sul metodo col quale nella per- 
sona del BUO capo si accinge alia grave e multiforme opera nftida- 
tagli, non sara inutile, spero, a chi voglia formarsi un esatto criterio 
delle speranze che possono riporsi e di quelle che difatto si ripon- 
gono nel nuovo astro levatosi Bull'orizzonte della nostra cosa pubblica 
nella persona di lord Koseberry. Terra egli a scorta de' suoi atti un 
solo grande e fermo principio? Sara egli un atleta della giustizia e 
della rettitudine politica? 

7. La dipartita del signer Gladstone lascia nel paese il sentiraento 
quasi universale di una grave perdita, che oscura ed angustia gli 
animi, quasichd avessero veduto dileguarsi dal loro cielo uno dei su- 
perni lumi piu famigliari e fidati ; sentimento questo ch'ebbe i piit 
eloquenti interpret! negli stessi avversarii del oauuto uomo di Stato, 
e possono darne saggio le belle e commoventi espreesioni usate da 
lord Salisbury nel mentovare in solenne occasione tra i Pnri il no- 
vissimo avvenimento. 

Tale fatto, diss'egli ragionando sulla risposta alia Corona, sari 
come una colonna migliare nella nostra storia contemporanea. Una 
grande camera si 6 chiusa ; un gigante, ohe solevamo vedere ince- 
alla teeta dei nostri esorciti politici sino dai |>iu lontani gi 



CRONACA 

Kui quali riandare possa la memoria di noi qui present!, ha detta 
addio ai campi di battaglia.... A noi non si appartiene ora di ram- 
memorare i suoi atti, perche potremmo trascorrere a controversie dis- 
dicevoli in questa grave circostanza. Ma sari lecito alraeno a noi, 
suoi oppositori, dai seggi di una Camera ove non fiimmo soggetti al 

ino della sua eloquenza, di pagare un tribnto di giusta ammira- 
zione al tulgido intelletto, consacratosi al servizio dello Stato sino dai 
l)rimordii di un nuovo regime parlamentare, nonche all'animosa fer- 
mezza, all'abnegazione, all' autodisciplina, dir6 cosi, colla quale sem- 
pre operd a profltto della terra natale, secondo i suoi convincimenti, 
sino ad un'eta raramente concessa dai cielo ad un uomo di Stato. 

Ancora pi ft enfatico, se 6 possibile, fu il cenno fattone dai signor 
Balfour, quale capo dell'Opposizione alia Camera dei Comuni. 

E superfluo aggiungere che nella stampa quotidiana e peripdica 
piillulano consimili testimonianze di ammirazione e di rimpianto ; ma 
basteranno i due surriferiti esempii per far conoscere 1'intonazione 
di^ tutte e per lumeggiare certe qualita distintive delle sfere superiori 
politiche d'Inghil terra, ed il rigore con cui si osservano le regole di 
buona educazione e della perfetta cortesia fin nelle piu ardenti lotte 
di opinion! e d'interessi. 

8. Non 6 mio intento qui tracciare iina biografia del signor 
Gladstone, o di tratteggiare i suoi fatti sotto molti rispetti meravi- 
gliosi. Sino dai piu teneri anni apparvero in lui i segni di un grande 
destine : tra i domestic! ed amici di casa Gladstone parlavasi gia del 
fanciullo Erberto come di un future primo ministro dell'Inghilterra. 
Persino gli andamenti della sua carriera politica erano stati presagiti 
in penombra da persona che conoscevalo a fondo. Si narra infatti, 
che il suo genitore, benche altero di lui, mentre si esaltava un giorno 
alia sua presenza 1'eletta mente del figlio, rispondesse : E vero, ha 
un bell' ingegno, ma 6 peccato che sia tanto itistdbile! > L' instability, 
infatti, e il lato oscuro della vita pubblica di tal uomo, lato che i 
suoi detrattori naturalmente cercarono di vieppiii annerire. Dopo 
avere esordito quale conservatore, egli si ritira col nome di capo del 
gabinetto piu liberate che abbia forse ma! governato queste isole ; 
il che indica di necessita freqnenti evoluzioni nei suoi principii. Si 
intende che i suoi panegiristi sosterranno esservi stata e potersi ad- 
ditare per ogni evoluzione una adequata ragione. 

Ma, checchS sia di cid, se il Gladstone fu mutevole in ogni altra 
cosa, eg"li rimase disgraziatamente fermo nella sua lotta contro la 
Chiesa cattolica; ma ne sarebbe agevole il notomizzare le cause di 
tal fatto, n& forse il risultato francherebbe la spesa e la fatica. 

9. Nemmeno a lord Roseberry, al quale toccd in sorte il glorioso, 
benche difficile incarico di seguire le orme di un tanto predecessore, 



CONTEMPOIUM \ 
uia near o passat* 

mi Kde amenta giovane, egli fu mandato 

vita a Vi.-nna in particolarr -. *i dice che lasciasse allora 

impressioni a lui vanta.u r i'>H^im<' ii'-di .iniini <li quanti lo awin- 
narono. 

Astrazione fatta dalle parzialita politirho, egli esordi&ce C..M molti 
numeri in auo favore: gode popolaritA, ha gia dimostratn destrezza e 
versatile ingegno nel preaiedere il <'<innty Cmtncil di Londra, e for- 
tunnta pazienza nei comporre da ultimo il desolant^ litiiri" fnt 
ainministratori e gli operai dello. miniere carbonifrre, dnllo mi 
seguenze la nazione si va tiittora risollevando. 

I convinciraenti religiosi di lord Roseberry sembrano essere al- 
qnanto lati ed elastioi, e tuttavia men sujH-rticiali e labili che ii"ii 
sogliano palesarsi in altri uomini consimili. Niun dubbio, del rerto, 
che i cattolici abbiano ogni motive di sperare da lui equa e gene- 
roea considerazione dei loro legittimi voti. 

Mentre lord Roseberry comincia ad esercitare il comando su- 
premo degli eserciti liberali, nel paese s'inizia 1'agitazione oontro la 
Camera dei Pari. Le Trades Unions hanno radunato, in una delle 
scorse domeniche, un comizio nell'Hycfc Park, ove Teloquenza sgorgd 
a larghe polle da ben dodici palchi d'onore o tribune, ed il tutto si 
inc*ronu coll'approvazione di varie risoluzioni invocartti provvedimenti 
immediati su tale materia. 

Esilaranti sono i contradditorii giudizii dei fogli conservator! > 
librali sul carattere della manifestazione e sul numero dei parteci- 
panti. Quelli fanno poco conto dell'nno e dell'altro; questi li magni- 
ficano e levano ai eette cieli. Ovvia e la conclusione che o una delle 
parti contendenti prende certamente a gabbo il pubblico, ovvero fii- 
trambe alterano in senso diverse la verita, molcendo la coscienza con 
sofismi e dimentieando il decoro. 

10. I Vescovi della Chiesa StabUita corrono risico di cadere in 
disgrazia presso il popolo a cagione doll'odio che dimostrano per ogni 
coea che abbia sapore democratico. ^Ia come potrobbero operare diver-- 
samente? La prima innovazionc alia Camera dei Lordi significherebbe 
per essi la perdita dei loro seggi ; di piu, scemata la potenza deLTari- 
stocrazia protestante, 1' edifizio dell' Establi* !> mml non avrebbe pift 
puntelli. 

Le sette dissident! affrettano coi desiderii tale sciogliraento, e per 
oooperarvi hanno deciso, dopo comuni deliborazioni, di aprire le pro- 
prie cappelle a' pnbblici meetings. Ingegnosi sono gli argomenti ad- 
dotti a giustificare tale decisione. Le cappelle sono luoghi di convo- 
gno per bandirvi la veritft ; e, siccome la verita in politica e uno dei 
piu grandi e stringent! bisogni dei tempi nostri, non si fan\ dunque 



248 CRONAGA 

ottimo uso del religiosi recinti, giovandosene per imbevere special- 
mente le popolazioni agricole di retti e sani priix-ipii politic!? Che 
dire, poi, quando si tratti di ottenere il lH*fxt<il>H*hment ed altri -n- 
raili risultamenti pratici e tangibili ? 

Gli Anglieani, dall'altro canto, si armano anch'essi per la vioina 
ten/one, quantunque abbiano lo svantaggio di eseere divisi in con- 
servatori ed in liberali; ci6 che necessariamente inceppa ed affievo- 
lisce la comnne azione. Tuttavia, s' indovina sempre meglio una loro 
astuzia: essi propendono a trasportare la battaglia snl campo del 
principii protestanti. II dottor Benson di Canterbury comincia ad 
inneggiare alia grande opera della Riforma, ed il suo collega in di- 
gnita primaziale, che tiene la sede di York, pone un nuovo studio 
ad abbellirsi delle penne del protestantesimo. Che piu ? Persino le 
aquile della High Church cominciano a chinare il volo a piu umili 
regioni ! 

Averamo ultimamente un Congresso di Nonconformisti delle piu 
different! denominazioni, Congresso convocato per la ricerca di nn 
terreno comune, sul quale poter procedere di conserva, quasiche si 
costituisse una sola Chiesa unita. Riusciti frustranei i conati di ope- 
rare una simile congiunzione coll' Establishment, i valentuomini si 
sono ripiegati sopra s& medesimi, colla speranza di essere meglio ac- 
colti in avvenire, se in questo mezzo potranno bene o male intenderei 
fra di loro. Ma dove ne andrebbero cosiffatte lusinghe, quando si 
effettuasse il Disestablishment nel Paese di Galles? 

In mezzo a tanto rimescolio e non ostante esso, non cessano i segni 
delle lente, ma sicure conquiste che va facendo la verita cattolica in 
questo paese. I progress! della stampa cattolica, poi, sono sentiti e 
confessati anche dai pin grandi giornali quotidiani, come lo Spectator, 
il quale dichiarava non ha guari che le pubblicazioni cattoliche pron- 
dono un carattere ed un' importanza da non poterei piu disconoscere. 

IV. 

Missione Indiana nella provincia di Ontario (Canada). 
(Gffrrispondtnza di un Missionario d. C. d. G.) 

Garden River, gennaio 1894. 

A 30, 50 e 70 raiglia dal lato di ponente del Sault Sainte Marie 
canadese e sulla sponda a tramontana del Lago Superiore trovansi 
la baia di Goulais. la baia di Badjuanang e la miniera di Mamins. Nei 
due primi luoghi vi sono 25 o 30 famiglie piii o meno selvagge; 
nel terzo v' ha solamente tre case di meticci, ove non si parla che 
in inglese. 



\ 

11 i-iiii ha 1'incarieo di \ uostrd de- 

ussi ji.-i- j.r-'.liran- i,. na selvoggio a oo- 

loro ohe quoata sola lin-ua int<-!i<l<niM : ed io mi mossi a con 
mercoledl 3 gennaio corrente. D'estate unn pun giovarei dei vap< 
peschero* ii punta in punta vanno a oarieare il peace; ma 

d'inverno tjuesta opportunita non c'e. Convien mettersi in <-ammino 
mnniti di racchette e accompagnato da alquanti cani, rhe trasportano 
eopra un tobagan il baga^rlio di viamlanto. Codesto tobagan e come 
dire una treggia o slitta, fatto con una semplice tavola sottile e di 
un legno pieghevolissimo, lungo foree due metri, e largo 20 o 25 cen- 
tiint'lri ; nell' un de' capi ricurvo, o meglio e nrrotolato, e quivi 
eono racconiandatc lo funi dei fornimenti. Questo veicolo primordiale 
6 molto agevole in quelle vie ove la neve 6 di poc'anzi caduta, pe- 
atVonda. 

C^uando il ghiaccio s' 6 fatto grosso sulle baie, possiamo metterei 

in viaggio con un cavallo leggiero ed un piccolo tobagan, ma si corre 

lio, ove sopravvenga qualche bufera di neve, d' incontrare per via 

grandi diUicolti, delle quali il lettore potra farei un' idea in fine di 

questa narrazione. 

II mercoledl 3 gennaio, com'ebbi celebrata la santa Messa alle 7, 
e rinserrata beue la mia Cappella, indossai il mio pastrano da in- 
verno, preai meco i pattini, e mi posi in cammino con un eelvaggio 
per mia guida ed i suoi Ire cani, verso la baia di Goulais. Le strade 
sono cuttive ; la neve continuera a fioccare per tutta la giornata ed 
il ghiaccio non 6 resistente nella baia, cosi mi dice il mio domestico, 
e sara d'uopo andare di buon passo per giungere a poeto questa sera 
molto tiinli. Pertanto acceleriamo il passo, ed in breve abbiamo tra- 
passato il Sault Sainte Marie ; quand' ecco venirci incontro un selvag- 
gio di nno de' luoghi ciroonvicini ; ci volge la parola e mi dice che 
viene per menarmi presso una povera informa che chiede di me, lon- 
tano circa 20^miglia e in una direzione diverse da quella ch'era la 
mia. Che si fa ? La mia guida per la baia di Qoulais non pad aspet- 
tare a domani per partire, e se io la licenzio chi mi condurri a quoll- 
Missioni e per qnelle strade che io non conosco? D'altra parte, c'e 
Tina donna che mi domanda gli ultiini Sagramenti. Mi decido presta- 
mente. Vado dall' inferma : la Provvidenza mi trovera bene il modo 
di visitare quella gente, verso la quale io m'era inc-amminato. Ecco 
dnnque che la mia guida se ne va soletta coll' incarico di annunziare 
proflbimo il mio arrive cola, ed io m' imbarco (tale e la dirione ca- 
Mdooa) nella slitta del selvaggio teste incontrato. Camminiamo tutto 
il giorno sulla neve e con un gran freddo'. Verso le 17 arriviamo in 
luogo dove dobbiamo lasciare il nostro cavallino (poney). La nve ^ 
altu forse due piedi e mezzo e non v' e traccia di strada. Metitre il 



'-"< > CRONACA 

lain uomo mette nella stalla il suo cavallo, io entro in una casa \i- 
cina. Mi son fatte cortesi accoglienze. Conversiamo in idioma O'Oki- 
jiuH'ii.*. Quella brava gente e tutta festante, non avendo da piu anni 
ricevuto la visita di Missionarii che sapessero parlar bene la lingua 
loro. C' e un buon vecchio molto ammalato : concordiamo con lui che 
la mattina appresso, tornando indietro da quella donna che avea man- 
date per me, gli porterd il divino Sagramento. Prima ch' io lasci questa 
casa, m'invitano a bere una tazza di th6 con una fetta di pane. Ac- 
cettai riconoscente pel mio compagno e per me, ed ora in viaggio coi 
pattini alle piante, per monti e valli, per mezzo alle foreste ! Tratto 
tratto scorgiamo sulla neve le orme recenti di un capriuolo, di una 
volpe, di una moltitudine di lepri bianchi, finche, crescendo il buio 
a dismisura, non siamo piu in grado di scernere per dove si debba 
andare. Tuttavolta 1' istinto selvaggio guida il mio uomo, e PAngelo 
custode dell' int'erma ci aiutera a non ismamrci. Sulle 8 della sera 
finalmente arriviamo. Presto ! Dov' 6 questa povera donna ? La in un 
canto, per terra, presso una misera stufa. Affralita com' era fu ab- 
bandonata li, quasi senza fuoco, il 1 gennaio, da'suoi figli giovanotti, 
iti a scivolare per sollazzo sul lago ; si trova la sventurata in fin di vita 
quasi assiderata. Io le fo coraggio, preghiamo insieme, e la confesso : 
;i llura ella e contenta. E adesso torniamo indietro e andiamo a vedere 
quell' erma dimora, sperduta fra le boscaglie, ove domani il Re del 
Cielo si degnera discendere durante la santa Messa. 

Secondoch& son fatte le case dei nostri indiani, c'6 una camera 
sola che misura forse 15 piedi per lato; una sola finestretta e una 
porta di tavole molte sconnesse. Quanto a masserizie, due fornelli, 
tre o quattro antiche cassette di bottiglie che servono da sedie, un 
misero e rozzo desco di legno, due specie di letti formati d'una me- 
schina cuccia coperta di vestimenta si strambellate che non si pos- 
sono piu indossare; sopra una cotale scanzia inchiodata . al muro un 
po' di vasellame e due lampade a petrolic, inoltre due cassettoni che 
racchiudono le provvigioni e le coperte, con qualche lenzuolo, per la 
famiglia. Or si tratta di convertire in cappella questa stamberga. 
Una coperta appesa in un angolo scusera il confessionale, un pan no 
giallo sulla mensa, ed ecco fatto 1'altare ; v'aggiungo due grandi ima- 
gini d'Epinal raffiguranti i Sacri Cuori di Q-esu e di Maria. Tutta 
quella gente s' inginocchia per terra aU'intorno. 

Cosi tutto 6 in acconcio per le orazioni della sera. Io mi metto 
a cantare in lingua selvaggia due cantici ad onore della Nascita di 
Gesfr Cristo, faccio una esortazione e recitiamo insieme il Rosario; 
tutto cid dura poco piu di un'ora. Quindi ciascuno alia sua volta si 
viene a confessare, poi si pensa a dormire : ognuno prende il suo 
cantuccio, ed io mi corico in uuo di quei lettucci. Le son notti co- 



CO' 

deete che piovano pel paradise ; mi feci l.'i una buona provrigione <li 
; |>*-1 i imanente del viaggio. Com- le 6 antimeridiane co- 

lebrai la S. Messa, predicai di bel nuovo, amministrai H tutti la S. Co- 
munione, e pregai oon tutta 1'anima per quella buona gent*. Finitu 
la Mew*, e riposta nella valigia la mia cappelletta, il pa<lr<>n< 
caea eetrae dal paiuolo un informe pezao di carne, che fn spaccata 
oertamente a oolpi d'accetta, eesendo gelata: era capriuolo, e con patate 
diveuno una colazione eccellente. Snllo 8, io lasciai oodesta famiglia 
racconsolata e riconoscente. Allora si conveniva daccapo lavorare di 
pattini ; mi sentivo bensl le gambe stanche, perche la notte non die- 
demi ripoeo, ma io portava qui sul mio more il SS. Sacramento pel 
buon vecchio, di cui vi ho gia parlato. Qnando giunsi alia sua di- 
mora, queata era piena di selvaggi e meticci de* dintorni, fatti con- 
sapevoli del mio passaggio. Assistettero devotamente tutti alia Comu- 
nione del vecchio, ed io, al vedcrli cosi adunati, pensai dovereene 
trarre vantaggio; sicche mi accinsi a predicate e poi a cantare, con 
loro grande contentezza. Com'ebbi finito, bisognd pensare a far ri- 
torno al 8ault-8te-Marie, per ripartirne poi la dimane verao la baia di 
Goulais. Un giovane meticcio venne a profferirsi, chiedendo in grazia 
di accompagnarmi : accettai i suoi servigi, e poiche la strada t-ull.i 
neve era stata il giorno innanzi tracciata da buon numero di carrette 
colme di legne da ardere, giungemmo a sera prima che annottasse. 
Era un giovedi. 

II venerdl mattina Io stesso meticcio che in'avea ricondotto il 
giomo innanzi dal Gros Cap (cosi chiamasi il luogo ove visitai 1'in- 
fermo), mi venne a premiere con una carrotta mnnita di pattini leg- 
gerissima, tirata da un poney, della forza d'un grosso cane; prendemmo 
dunque con noi alquante provvigioni, lardo, pane e the. Sino a 
mezzogiorno fece un bel frcddo, e col gran trotto del nostro caval- 
lino potemmo fare di molto cammino. Salvoch^ tratto tratto ci davano 
gravissimo disturbo gl'incontri delle grevi carrette di legne che si 
trasportano in citta. Un italiano non ha manco 1'idea della difticolta 
in cui altri si trova allora. Quando e caduta tanta neve, per oltre a 
2, o 3 piedi d'altezza, dove i carri passano di oontdnuo, la nev> 
mane compressa e diventa durissimo ghiaccio; questo accade sulla 
carreggiata ; ma a dritta e sinistra di questa, che appunto ha la lar- 
ghezza bastevole per un carretto, la neve e come sabbia smossa; or 
quando due carretti s'incontrano, e forza che Tun d'essi, il nn-n-i 
carico, esca dalla carreggiata ed entri nella neve; talvolta i cavalli 
non vogliono obbedire, ed allora vi si sospingono a loro dispetto; e 
specialmente quando non sono piu grossi del noatro pvnfy restano 
affondati o meglio annegati in quella polvere bianca, <li mezzo a cui 
si dimenano e d'onde fanno la piu enorme delle fatiche a trar fnori 



252 CRONACA 

il rarretto cho si traggono dietro. Quel giorno ci accadde di dover 
ripetere queeto grazioso esercizio per sette od otto volte, ed ogni volta 
s'intende da s6 che fummo a un pelo di ribaltarci. 

Dopo le due ci parve opportune laeciar riposare il nostro cavallo 
e fare il nostro pranzo. Senza oerimonie ci i'ermiamo presso una pic- 
cola riviera; a colpi d'ascia atterriamo alquanti raini d'alberi, ed eooo 
in poco d'ora una magnifica fiammata che crepita sulla neve; spez- 
ziamo il ghiaccio della riviera per riempir d'acqua il nostro calde- 
rotto; dopo dieci minuti 1'acqua 6 calda assai da ricevere il the, e 
allora Benedidtef e avanti colle forchette... del padre Adamo. Con- 
dita da buon appetito una fetta di lardo molto grasso e un'eccellente 
pietanza... Se voi ne dubitate, venite qui al Canada a prender parte 
ad uno di codesti pranzi improvvisati all'aperto con un freddo di 15 
o 20 gradi sotto zero. 

Dopo pranzato, ci rimettiamo in viaggio; ma la neve si mette a 
cadere ; sono circa le 3 J / g , anche due ore di cammino e siamo al- 
1'estremita, della Baia. Ci resta di traversarla dall'una aU'altra riva 
sul ghiaccio, se sia ghiacciata ; sara faccenda di 3 / 4 d' ora ; oppure 
girarla a cerchio, prolungando di 10 miglia il nostro cammino. Ec- 
coci alia sponda ! II ghiaccio ha fatto presa. . . ma non e saldo abba- 
stanza; forza 6 pigliare la via piti lunga, laonde entriamo nel vil- 
laggio sottostante, alle 7 1 / 8 pomeridiane. Mi vi aspettavano ; c' S del 
fuoco nella Chiesa. Mentre io bevo una tazza di the, si suona la 
campana, e la gente si aduna per la preghiera: 6 la vigilia que- 
st'oggi della Epifania : annunzio le funzioni per domani : Messa so- 
lenne, Yespri e Catechismo. Parlo, canto e prego nelT idioma sel- 
vaggio ; 6 un giorno di letizia per quella buona gente. Quando 6 fi- 
nita ogni cosa, gli uomini vengono tutti a stringermi la mano e dirmi 
qualche parola di saluto. 

Goulais bay, o come chiamano i selvaggi Kitchiwikwedong, e una 
graziosa baia in capo alia quale una ventina di f'amiglie selvagge o 
meticce rennero a prendere stanza per viverci di pesca. Quella gente 
e tutta cattolica; da piu di 30 anni costruirono l& una chiesett* 
d'assai buona vista al di fuori, ma il cui intonaco di dentro minaccia 
di cader tutto da un di all'altro. Tuttavolta quando v'entrai la sera, 
c' erano nelle pareti e nel soffitto tanti festoni di verzura e di fiori 
di carta che rimasi attonito trovando una cappella cosi pulita e bel- 
lamente adorna. Dietro 1'altare c' e una piccola sacristia con un letto, 
due seggiole, un tavolino ed un armadio. Quivi il sacerdote si racco- 
glie. Va per le refezioni a casa di un selvaggio che dagli altri riceve 
le necessarie provvigioni. In due o tre famiglie si parla qualche po' 
di francese, in altre 4 o 5 un po' d'inglese ; ma tutti per consueto 
parlano 1' idioma selvaggio. Sono in grado di farei intendere in in- 



CONTKMPORANRA 253 

gtonn per le cose del loro meetiere, pel lavoro; ma, come dicono 
anch' eaai, non pousono toner dietro ad una istruzione in Chieaa ae 
non nolla linpua ochipvr; loonde non ritinivano di palesarmi la loro 
contentena, perchd io predicava loro in codesto linguaggio. Rimaei 
fra loro il giorno della Epifania, la diraane che era Domenica, e il 
lunodl, facendo ogni giorno due istruzioni per tutta la Congregarione 
e due volte il Catechismo pei tanciulli ; il restante del tempo era 
speeo nel visitare gl' infermi ed i vecchi, ed ascoltare le Confession!. 
Credo che tutti, nessuno eccettuato, sieno venuti a ricevere la 8. Co- 
munione. 

II lunedi sera, dopo le preghiere, li awisai che il dl segnente di 
buon mattino io desiderava di partire per la volta di Badjnanang, e 
ch' io facevo assegnamento sull'aiuto di alcuni giovani per recarmi 
al luogo indicate. Parecchi vengono allora a profferirsi, e rimane 
stabilito che, dopo aver celebrata la Messa alle 6, e fatto colazione 
alle 7 ci metteremo in cammino con un tobagan tirato da tre cani. 
C' 6 da fare un lungo trasporto di mezzo alia foresta, ove il suolo 
e ricoperto di 4 o 5 piedi di neve. Saremo cinque uomini tutti coi 
pattini. Tre robusti giovanotti precederanno forniti d'ascia per aprire 
la via nel bosco ed ammucchiare la neve; poscia verra il tobagan, 
ed in ultimo come nelle processioni il Missionario. 

Tutta la notte fu un pessimo tempo, cotalchfc la mattina dopo i 
nostri valorosi non avevano punto voglia di partire: fu d'uopo scuo- 
terli e far loro intendere che quel giorno avremmo fomito sol tan to 
meta del cammino. Sulle 8 partiamo, i nostri pattini scavano un 
fiolco profondo nella neve, e colle ascie recidiamo moltissimi rami 
<li piante; non ^ quindi possibile andare innanzi celeremente. Yereo 
1'una pomeridiana facevamo sosta per premiere un po'di fiato e bere 
il the, poi tiriamo innanzi daccapo. Come mai non ci siamo smar- 
riti le cento volte ? Davvero non ci capisco nulla ; comunque, sulle 
3 */ il trasporto era oomplto ed eravamo ginnti precisamente al luogo 
divisato sulla sponda del Lago Superiore, di fronte alia baia di Ha- 
djnanang: cola le mie guide avevano in cuore di porre il campo, ma 
io ne le dissuasi, giacche non ostante le nubi e la neve che fioc- 
cava. ci si vedeva ancora ; inoltre io non avea pi ft d* uopo di coloro 
che mi avevano spianato il cammino per la foresta. Li lioenziai dun- 
que, ed avendo persuaso gli altri due andiamo avanti sul ghiaocio, 
facendo ogni tre minnti nn foro per iscandagliarne la grossezza; n'a- 
vevamo tre pollici in media, fi sufficiente per reggere un uomo a piedi 
od un carretto tirato da cani ; per un cavallo occorrono 4 o 5 pollici 
almeno, e da 10 a 15 per due cavalli. Eccoci dunque in cammino 
per traversare una lunga baia, della quale non saremmo rinsciti a 
percorrere il cerchio in meno di due ore. Mezzo miglio prima di giun- 



254 CRONACA 

gere alia punta ci vien fatto di notare che la, da poco tempo, il 
ghiaccio e stato int'ranto da un impeto di vento, e che i pezzi non 
peranche rinsaldati possono cedere sotto il peso de' n< . Tirare 

innanzi & cosa rischiosissima ; ma ritornare per la via peroorsa per 
fare il giro della baia ! Preghiamo i nostri Angeli custodi che ci 
ciano porre il piede su pezzi saldi, e seguitiamo innanzi. 

La mia prima guida ci precede con un randello. picchiando ovmi- 
que vuol mettere i piedi. In poco d'ora siamo alia meta di quel passo 
difficile ; ma ecco un crepitio, poi un secondo... i pezzi si rompono 
un'altra volta, la guida mi guarda con un certo terrore dipinto in 
volto. Che si fa ? Conftdare in Dio, e andar sempre avanti ; cosl 
facciamo. Poiche ciascuno di noi vide alia sua volta cedere il ghiac- 
cio sotto i suoi piedi, e dopo esserci aggrappati ad altri pezzi >li 
ghiaccio piu saldi, tocchiamo alia perfine la sponda, col cuore che 
forte ci martellava in petto per la paura avuta. 

Ora sono le 5 l l t , mangiamo un tozzo di pane, e riprendiamo la 
via sul ghiaccio per iscorciare il cammino per attraverso un'ultima 
baia. Se nulla ci accade di sinistro, saremo giunti alia meta fra un'ora 
e mezzo ; ma ecco che vien buio, e la neve fiocca fitta fitta ; noi ci di- 
stinguiamo appena 1'un 1'altro. Per mala ventura prendiamo abbaglio, 
e, quando ci crediamo di arrivare, ci accorgiamo invece d'essere tutta- 
via lontani. BenchS geli, c' e molt'acqua sul ghiaccio per cagion del 
vento che ha soffiato poco prima; ond'e che noi camminiamo nel- 
1'acqua e che, raggelandosi quell'acqua sulle nostre scarpe, a breve 
andare abbiamo i piedi convert! ti in grandi masse congelate, e di 
grande impaccio a camminare. lo perd non sentiva il freddo, avendo 
usato la cautela di mettermi 1'un sull'altro (non ridete ; qui non ci 
e la vanagloria del piede piccolo) cinque paia ne pift n& meno d 
grosse calze di lana : ci vorrebbe un freddo enorme per trapassare 
questo materasso di maglia fitta. Verso le 9 della sera (gia 13 ore 
dacche eravamo partiti) giungevamo alle prime case e davamo 1'an- 
nunzio per la Messa della mattina seguente alle 9. 

Anche mezz'ora ed ecco la piccola Chiesa ; un'altra mezz'oretta e 
siamo alia dimora di Daviano; questo & il nome di quel meticcio che 
ha costume di ricevere in casa sua il Missionario. I nostri cani sono 
spossati, e noi del pari. Ci vien porta una bnona cena, col lardo, 
secondo il solito, e poi ci corichiamo. Ma... troppo stance da poter 
prender sonno, io chieggo soltanto a Dio benedetto di non aver 1'emi- 
crania domani. 

A Badjnanang, come sulla baia di Goulais, i selvaggi che nove- 
rano intorno a 15 famiglie, vivono di pesca la state come il verno. 
Son essi di sangue meno misto che non quelli dell'altro villaggio, e 
la lingua indiana v' e ancor pid necessaria. Hanno una piccolissima 



CO KA 

a {iiadrati, con flnestre e porte mal chiudent 
:uai povera. Nei dintorni -1-1 vill^. nte fami- 

canadesi, e poi due o tre case di metmlisti. Jl mercoledi e 
vedi si sono fatte a Hadjnanang le stesse funzini cho alia l>uia di 
Goulais ; adunanza in ehiesa qaattro volte al giorno, senza tener oonto 
delle confession!. Le confession! ! Ci sono molti cristiani di Parigi 

iarebbero a meno dell'assoluzione, con grave sea pi to dell' animu 

, se dovessero andare a prenderla a costo di quegli stenti, che i 
ini>-i poveri hanno a durare. La cappella 6 si piecina che nesMii, 

pud rimanervi dentro, men tre alcuno si confessa ; quelli che 
aspettano delil--nt rimanere sulla porta. Ora in que' due giorni fa- 
ceva tal freddo che, non ostante la stufa che dava calore per quanto 
poteva nella ehiesa, io stava la agghiacciato proprio alia lettera, e di 

i con <|uel freddo soffiava violentissimo il vento, e la neve tra- 
volta in polvere flagellavu i volti come con mille punte di spillo. 
Chi avesse avuto minor fede, sarebbe andato via ; ma quei valorosi 

iani sapevano ch' io non poteva rimaner fra loro, e non volevan 
perdere 1'opportunita di confessarsi nella loro lingua ad un Padre 
. )v ben 1' intenderebbe. La mattina del venerdi tutti i miei fedeli 
era no alia sacra raensa. Dite la verita, se c' e del male presso codesti 
indiani, c' 6 pur anche del bene. 

Dopo la Messa tre uomini mi vengono a prendere per andare sine 
.1 Mamins, quasi 20 mjglia piu lontaiio. Cammin facendo passiamo 
in fondo ad una baia, ove ci vien veduto Io strain, effetto cagionatn 
dalla bufera del giorno innanzi. II ghiaccio 6 tutto rotto e infranto, 
e rotolato e gittato sulla spiaggia a guisa di piastrelle di cristallo 
ammontate adesso in mucchi alti 5 e 6 piedi. La spiaggia si e tutta 
ricoperta, e torna molto difficile il camminare. Vereo le 4 pomeri- 
diane arriviamo a Mamins : 'juivi dimorano tre famiglie di pescatori 
meticci. D'inverno, vivono in mezzo ai boschi alloggiati dccentcmente 
in magazzini di legname ben riscaldati; di state hanno dimora di 
miglior vista in riva al lago. Sono buoni cristiani tutti, tranne un 
uomo che e protestante; hanno molti ngliuoli; ne ho contati dieci 
in eta da apparecehiarsi alia prima Comunione. 

V'livi i genitori parlano in selvaggio, ma i fanciulli non parlano 
che inglese. La sera io recitai le orazioni, predicai in inglese, e li 

"iif'-ssai tutti, adulti e ragazzi. 11 sabato alia Mossa un'altra istru- 
/i<>n'. Katto jtos<-ia il ringra/iamento e la nera colazione, ritornai a 

nanang per la dimane che era Domenica. Per buona venture 

juel di facea bel tempo, liuipido e freddo. Alia Messa solenne, ai 
vespri ebbi intoruo tutto il mio gregge, ed inoltre parecchi prote- 
stanti, tre dei '[iiali hanno dato promessa di farsi istruire, ad un'al- 
tra inia visita, per rendersi cattoliri. 



CRONACA CONTEMPORAN 

Da Badjnanang ridiscesi a Goulais bay e da Goulais bay al Sault, 
su per giu colle medesime difficolta di viaggio avute neH'an<l; 
Ve ne risparmio la noia. Peraltro avrei avuto caro che ci aveste ve- 
duti specialmente in due circostanze. Dopo di essere passati digran 
trotto col nostro poney per mezzo alia baia ghiacciata di Goulais, 
giungiamo in luogo dove 13 giorai prima c'era una strada passabile : 
non ve n'ha piu alcuna traccia, e soltanto vediamo grossi banchi di 
neve accumulata dal vento, e pift o meno congelata, che dobbiamo 
scavare con molta fatica perche possa passarvi il nostro carretto. M;i 
c'6 bene un'altra difficolta; quella neve cosl mossa non resiste pin 
sotto le zampe del cavallo, che vi si affonda sino a mezza pancia, e 
non vuol piu saperne di andare avanti. Siamo costretti a distaccarlo 
ed a trarcelo dietro per la briglia fin dove la strada diventa meno 
cattiva... e poi di metterci al posto del cavallo per condurre fin lit 
il nostro carretto. Per due volte ci tocco di fare questo mestiere da 
cavallo nello spazio di un miglio. II che mi fece pensare al mugnaio 
di La Fontaine. Se avevamo dei cani e un tobogan per codesta parte 
del nostro viaggio, non avremmo avuto questi fastidii. Finalmente il 
mercoledi 31 gennaio era di ritorno a Garden River molto stance, ma 
contentissimo della mia spedizione. 

Coloro che leggeranno questa narrazione avranno un'idea precisa 
delle gite apostoliche che dobbiam compiere in tutta questa parte del 
Canada, vo' dire in tutte le missioni selvagge che quivi sono affi- 
date ai nostri Padri. 

Non vi facciamo miracoli, bench& la fede delle nostre genti attri- 
buisca al passaggio ed alia benedizione del missionario molte grazie 
e guarigioni. Noi manteniamo i nostri cattolici ; di quando in quando 
convertiamo uno o due pagani ed alcuni protestanti ; e ci6 acquistiamo 
a costo di fatiche che a parecchi potranno parere grandissime, e di 
viaggi che, per quanto poetici e pittoreschi sulla carta, non hanno 
altro incanto da quello infuori che vi fanno trovare i pensieri della fede. 

Domando una preghiera pe' miei selvaggi e per le loro vesti nere. 

Un Missionario 0' Ckipwt 
GASTONE ANDREA Aimrs S. J. 



SK I,\ MASSONERIA 

Sl.\ SOCIETA 1H BENEFICENZA 



i. 

v'e questione sociale che sembri aMi in>Mri .lovere 
il tutfo ultimata ed esaurita, 6 quella che pin \ 
f'u airitata intorno alia natura e allo scopo della Frammasso- 
n. i i.. oiiaii<ln altro non fosse, dovrebbero bastare ampiamente 
le sentenze supreme del tribunale senz 1 appello del Sommi 
Pontefici, che la qualiflcarono e la condannarono ripctuta- 
iii.-rite. Rintrona tuttavia in mezzo alle nazioni civili l;i Kuci 
Hica Humanam genus, onde il regnante Leone XIII nitifim 
! nmlteplici sentenze de' suoi predecessor!, le compie e lMli 
ri//a alle necessita odierne. Non e al mondo chi non nhhia 
udito il rombo di questa sublime parola, smagliante di verit. ; < 
ilottrinale e di pratica prudenza. II popolo poi viene aiutato 
mirabilmente ad accettare il yitidizio pontiflcio dalle stesse 
male opere delle sette, che gli 6 forza di VO.I.T.' n^m giorno, 
e spesso risentirne danno e vergogna. Anche il volgo piu 
ni.'i dimandare a se stesso: A che fine si schierano 
vie cittadine le rnostre chiassose dei massoni, colle loro 
in--ogne ormai piu lihore, negli Slati ammodernati, che i gori- 
feloni dolla Ghiesa? Egli e sempre, quasi senza eccezione, al- 
meno in Europa, per glorinYaiv alcun fatto malvagio, non mai 
per onorare un atto veramente virtuoso o una pors.ma cri- 
>ti;ui;iin.'iit<' onosta. OP Italian! si ricordino le dedica/.inni dei 
monument! ad Arnaldo da Brescia e a Giordano Bruno; le 
pompe che battevan bandiera satanica c rh' stomacarono n 
strani e forestieri, e con queste gli sin-pit, ,M mortorii cele- 
brati a defunti pubblicamento felloni alia Chmsa. 

A che si aggiunge, che i massoni stessi, colla sicurezza di 
chi si crede fermo in sella, non si peritano ormai piu di fare 
bella la piazza dei loro pretest areani, <Miipiendo il mondo dei 

XV, vol. X, fate. 1053. 17 r rib 1894. 



258 SK I. A M.\UM;I;IA 

loro Rituali, Statuti, periodic!, bollettini. Abbiamo letto sull. 
cantonate di Roma gl 1 inviti sacri del Gr.\ Or.-, d" Italia, se- 
gnati e benedetti da Adriano Lemmi. Chi puo ignorare le con- 
dizioni intiine della Massoneria ? Ignofa solo i misteri masso- 
sonici chi li vuole ignorare; poiche sono a mano di chi le 
cerca, per picciola moneta, le relazioni delle loro tornate, dei 
loro Conventi, delle loro guerre fratricide tra Potenza e Po- 
tenza (com 1 essi chiamano le Giurisdizioni massoniche di una 
intera nazione), i piati plebei e le conseguenti villanie scam- 
biate tra un Grand' Oriente e un altro, le scisme interne, e i 
motivi disonorevoli di esse ; come accadeva pur ieri nella ri- 
bellione di gran parte dei Triangoli palladisti contro il Lemrai 
nuovo Somrao Ponteflce eletto dal Convento di Roma a suc- 
cessore del Pike, e nelle rivolture dei massoni italiani, di rito 
scozzese, contro il Gr.\ Or.-, romano, sempre lo stesso Lemmi. 
La starnpa cattolica poi di questi ultimi decennii ha versato e 
versa torrenti di luce sui tenebrosi secretumi delle logge, e 
ci tiene avvisati delle principal! novita, che occorrono in gior- 
nata, giacchfe la rnassoneria non e punto immobile, si anzi muta 
pelle come i serpenti, e si rinnova e tende ogni giorno a piu 
profondo pervertimento di scopo e di mezzi. Ora le illustra- 
zioni, procedenti da amici e da avversarii della massoueria, 
concorrono a mettere in sodo i veri intendimenti di essa, in 
guisa cosi irrefragabile, che chi non vi si appone, deve chia- 
mare in colpa se stesso. 

Con tutto cio accade che certa buona gente vi viene in- 
nanzi e con candore niente invidiabile vi assicura che la mas- 
soneria non e po' poi il diavolo scatenato, vi ha tra loro degli 
onorati padrifamiglia niente astiosi del culto religiose, e molto 
zelanti del ben essere civile; e che la loro societa si puo bene 
riguardare come un'opera pubblica di beneflcenza, o di mutuo 
soccorso. Pare incredibile, nondimeno siffatti propositi c* incon- 
tra di udire nell'anno di grazia 1894, da tali che non ci vengono 
gia dalla Zululandia, ma vegetarono la loro vita nel bel Paese, 
che pure e divorato vivo vivo dai massoni regnanti in tutte 
le sue amministrazioni. In Inghilterra, la patria della masso- 



2.".!) 
i.i. :i I ml. lino, pocbi anni fa, in una riunione elettorale, 



i mcssi in mala voce i massoni, si ri//.'i Tarcivescovo 
protestant*', U. r 1'lunket, e oraco!6: < Sono massone da tren- 
t";.!iiii, ' inai in si lungo giro di anni non fui contristato da 
esempii di morale dissolutezza tra i fratelli, il pen-he credo 
assolutaiii'-nte che il loro precipuo intento sia quello di alle- 
viare i dolori e le soflferenze dei derelitti di questa terra *. 
Quanto era innocente Sua Grazia, 1'apostolo del protestanti- 
smo in Ispagna ! 

II. 

Or bene ragioniamo senza esagerazioni ne studio di parti. 
Ci sara facile appurare una verM ferma ed assoluta, che la 
Massoneria e le Massonerie non mirano a beneficenze di ve- 
runa sorte, ne si propongono alcun fine somigliante a fllan- 
tropia. Affermarono bensi tale intento molti massoni, e lo 
jmbblicarono ne' loro libri, lo inscrissero ne' loro codici e 
tuti: ma essi medesimi Thanno disdetto poi e altamente ne- 
gato. Noi abbiamo letto (e puo leggerli ognuno che il voglia) 
innumerabili referti di tornate massoniche tenute in Italia e 
fuori il'Italia e d' Europa, referti stesi da fratelli inassoni; e 
possiamo sulPonor nostro attestare, che tutto vi si risolve in 
diatribe contro la religione, il Papa, il clero, i gesuiti; che 
vi si propugnano disegni ostili al culto, specie al cattolico; 
giacche contro il culto protestante, il maomettano, il buddista, 
il tiiudaico, il mormonico, i buoni massoni non si scaldano il 
fegato, anzi li trattano con fraterna simpatia ; vediamo che vi 
M vaneggia in politicherie d'ogni tinta e grado dalla monar- 
chia costituzionale alfanarchia piu sbracata e furente; vediamo 
vi si trattano affari o lavori, com'essi parlano, d'ogni ma- 
niera, ma che nulla hanno che fare colla beneflcen/a. 

Vi si discorre bensi, e troppo spesso, di temUe blanche, 
che e quanto dire di festini, a cui s'invitano sorelle massone, 
ed anco signore al tutto profane. In queste si sgram-hiseono 

1 Civtltt Cattolica, Corrispondenza d' Ingrhllterr*, nel Quad. 1017, 
pag. 378 (5 nor. 1892). 



LA. MASSONERIA 

le gambe con danze e ballonzi, si rifanno le forze con copiosi 
iianchetti, si rallegrano le brigate con melodrammi e azioni 
teatrali, quali riescono poi anche i cosi detti battesimi di l>>- 
pacchiotti e gli sposalizii massonici. Ma niuno vorra questa 
roba gabellare per carita, se non fosse per carita pelosa. Ca- 
rita pelosa e pur quella che spesso brilla nelle sedute li 
trepuntini per promuovere letture scientifiche alle signore, 
biblioteche popolari, ricreatorii festivi, laicizzazioni di istituti, 
spedali, cimiteri, scuole miste, asili frebeliani, collegi, ospi/.ii, 
orfanotrofii. Che vi si ha di mira? Due guadagni: primo quello 
personale dei cari fratelli e delle piu care sorelle, a cui si 
riservano, esclusivamente, i posti lucrosi, e che vengono na- 
turalmente ad appollaiarvisi come in proprio nido; il secondo 
vantaggio e quello comune alia fratellanza, d'inoculare cioe il 
virus massonico in quanti piii si possa, soprattutto nelle ver- 
gini anime della gioventii, il che in gergo di loggia si dice 
diffondere le massime e le virtu massoniohe. Insomma le ca- 
rita dei FF. sono opere interessate, opere pie a proprio van- 
taggio, e spesso vivai di massoncini in erba, e di giovinette 
tenute in serbanza per rifiorirne a suo tempo le file delle 
mopse. Ecco a che si riduce nel fatto quella beneficenza 
di cui si mena tanto chiasso negli Statuti di varii riti, come 
il francese, lo scozzese, il misraimita ; di che giovera anche 
consultare le belle pagine di Leo Taxil, e la migliore tradu- 
/ione italiana con utili note di Luigi Matteucci. Basti che ce- 
lebri massoni chiamano i loro medesimi fratelli poveri, una 
lebbra schifosa della massoneria, un genio malefico *. II F/. 
1 G/. M.\ agg/. faciente funzione di Gran Maestro, L. Fra- 
polli, in una sua Circolare alia Massoneria universale, fami- 
glia italiana, data dall'Oriente di Firenze, il 31 agosto 1867, 
si scaglia fleramente contro i FF/. accattoni o che speculino 
sulle finanze della loggia, e vuole escluso irremissibilmente 
queirelemento, che pur troppo abbonda in Italia e altrove 2 . 

1 Lto TAXIL, Trots-Points, to. II, p. 411 e sgg. 1 misteri della mas- 
soneria di L(o Taxil^ traduz. eco. per L. MATTEUCCI, Genova, edit Fassi- 
como, 1888 e segg. bel vol. in 4 di pp. 902, a pag. 651 e sgg.^ 

2 Circolare jmpressa per intero, in calce agli Statuti generali, Roma, 
tip. di Roma, 1874, pag. 222. 



si A .' ; I 



mum." i nnstri l'it..ri. ch,- n..j taccian famosa 

generosilA cho rHI- Ingir*' ;mlroL!iii' ::imente 

:e in <-:q>" :i!l> 'li^ni/i.i!.- -ni-.-ll.- tivpimtino, cho i Iti- 
tuali porpotuniii'Tite uniscono colle virtu del sileneio e iMIa 
discresione. Ognuno sa che significhi in lingua povera questo 
gergo furhesco. Non ragioniam di lor, ma guarda e p:> 

in passando notiamo un singolare avvedimento della ca- 
ritn massonica per aiutare le Sorelle a campare la vita grama, 
1 che specialmente in favor loro si scacciano le suore re- 
ligiose dagli spedali, e le maestre oneste dagli istituti gover- 
nativi e municipali. Si e generoso a questo modo, affinche esse 
sieno generose al modo imposto dalla massoneria. E cosi si 
lit hi limosina generosamente, non del danaro massonico, ma 
dol danaro dei concittadini profani. Ci6 che del resto accade 
un po' piu un po' meno in tutte le imprese di beneflcenza, 
nelle quali ha lo zampino la massoneria : i municipii, le farni- 
glie, gli oblatori allucinati vi contribuiscono di borsa, e i lo- 
devoli FF.\ ne raccolgono 1' utile e Tonore. Lo diciamo per 
mettere in avviso alcune buone signore del cuore pietoso, che 
<-orrono volenterose ad inafflare colle loro borse certe male 
jiiante novelle, che portano il cartellino massonico dissimulato. 

.icce'rtino in prima che chi e a capo di certi nuovi istituti 
sin persona onesta e religiosa, si informino se in quelle iin- 
prrse beneflche regni spirito buono, se vi sieno mani nette 
che le amministrino; e sopra tutto non dieno un centesimo 
quando vi si professa il laicismo, cioe un'affettata ed astiosa 
indifferenza per la religione e un sottrarsi air influenza del 
doro, che e da Gesu Clristo costituito naturale promotore e 

'la delle opere di vera carita. 

III. 

Tutte e singole le precedenti asserzioni potremmo raflfbr- 
zare con fatti <-rti e con confessioni spontoi; i-iitori i 

-nni: ma non vogliamo sfondare, come suol dirsi, una porta 
aperta. Sono cose notorie : e in Italia ne abbiamo esempii 
recentissimi e clamorosi. K ioi la cosa parla da se. Chi j> 



262 SB LA MASSONERIA 

immaginarsi che proprio per intento di beneficenza sia costi- 
tuita la massoneria, come noi la vediamo? Ci era egli biso- 
gno, per esempio, di scaglionare i signori benefattori e le si- 
gnore benefattrici in sette gradi, soprapposti per dignita .di 
uni agli altri? o di sparpagliarli in trentatre gradi, o anche 
in novanta e novantadue, come nei Riti di Misraim e di Menfi? 
Si e mai visto che i benefattori dell' umanita si arrogassero- 
titoli ambiziosi e ciarlataneschi ? Certo i socii delle Conferenze 
di S. Vincenzo de' Paoli attendono con onore al loro man- 
dato caritatevole : ma quando mai pretesero d' intitolarsi Gran 
Principi della Gerusalemme celeste, Cavalieri del Sole, Sublimi 
Cavalieri del Triangolo luminoso, Sublimi Ponteflci di Iside r 
Sovrani dei Sovrani, Titani del Caucaso ? Abbondano, la Dia 
merce, tra i cristiani di differenti confessioni le fratellan/e 
beneflche ; tra i cattolici poi possediamo congregazioni reli- 
giose, confraternite e associazioni laiche, senza numero, tutte- 
dedicate al sollievo degl' infelici, sia cogli spicciolati soccorsi,. 
sia colle istituzioni a bene di speciali classi da soccorrere. Ma 
quando mai un uomo limosiriiero ebbe il tarlo d'intitolarsi percid- 
Mago sublime, o Mago eletto, o Pontefice amato dal Pellicano- 
bianco, o Fratel Cavaliere della Sfinge, o Altissimo Potentis- 
simo Gran Sacerdote sacrificatore ? Avvi forse una Suora di 
carita, tra le migliaia che consacrano il flore della vita agli 
infermi, che mai abbia preteso a Maestra Templaria o a Ca- 
valiera della Colomba, o Principessa della Corona? Di siffatti 
soprannomi, che sarebbero ridicoli se non coprissero odiose 
realta, si potrebbe scrivere un indice di presso a millecinque- 
cento varieta. E tutto cio dimostra come i massoni e le mas- 
sone a ben altro mirino che a spargere le loro beneficenze in 
seno ai bisognosi. 

Ma addentriamoci vie meglio nella struttura intima delle 
corporazioni settarie. Per regolare i pretesi benefattori c'era 
egli bisogno di imporre un Codice di 477 articoli, quanti ne 
conta il rito francese? di 266 articoli, come porta il rito 
di Misraim? Piu ricco e il rito scozzese antico ed accettato r 
che prevale in Italia, e si gode la bellezza di 580 paragraft 



cinnui.. . I rontaiv i ni;i/./.i ill I 

<x>lari dfl Ciran-rnrinit.' di I'mina, ch-- pmv prctendono valore 
li loggi, e i Regolamenti local!; giaccbe < ogni Loggia o Ca- 
pitolo pun al.ttare per norm;i dri rispcttivi lavori qu' rego- 
lamenti che piu stima convenient! ! >; e i Rituali, molto piu, 
perche formano parte integrante degli Statuti general! e 
portano conseguenteinente lo stesso rarattere d'inviolabilita i 

: dftti ttitufili, divisi Tun daH'altro, e relativi ai misteri, 
:ii segreti, alia disciplina, alia liturgia, ed alle dottrine di cia- 
scuno d^i .'{3 gradi della massoneria scozzese *. Lo stesso 
<li<-asi dolle inassonerio di Herodoin, dell'Arco reale, e d'ogni 
iiltm online o rito inassonico. Ciascuno ha i suoi statuti, 
che piu o meno si corrispondono nella parte cosi delta domraa- 
tit-a, nella disciplinare e nella cerimoniale. 

E qui si puo dimandare come ci entrino i misteri e i se- 
greti, in codici intesi a regolare un'associazione di beneflcenza? 
Chi ha raai inteso parlare di siffatte cose negrinnumerabili 
-tatuti di corporazioni cristiane, o puramente civili, a scopo 
l-.-nefico? Non ve n'e traccia ne sentore. Laddove nei grandi 
riti che contengono il rnaggior numero di massoni, e sono 
il York o Arco reale, T Herodoin, lo scozzese antico ed ac- 

tato, il irancese, non si parla d'altro che di segreti pro- 
jrii di ciascun grado, di arcani maravigliosi che si promet- 
tono ai candidati o si rivelano nelle iniziazioni rituali in mezzo 
A complicate cerimonie, e si giurano sotto sanzioni gravissime 
e talora sotto pena di morte. I segreti per verita, per noi che 
gli abbiamo studiati nei Rituali di ogni gencraziono, si ri- 
dncono a due: quello del grado di Rosacroce, che proscio^li'* 
1'ini/iato <la ijualsivoglia freno di legge morale, e lo solleva 
alia assoluta liborta della bestia selvaggia (cio che place, li- 
ce), an/i iiPiiupone 1'esercizio degl'istinti sonsiiali come una 
virtu ol.hligatoria. Questa e la privata santiflcazione doirin- 
dividiii: faltro secreto " n'l irrailo <li I\ , o ('aval: 

to; in cui si consacra 1'iniziato come persona puMilu-a, in- 

1 Statuti generali dei Frammattoni. Roma, 1814, . 548. 
* Ivi, 5 



I. A MA>S"M-:i<IA 

segnandogli a zelare nelle sociali relazioni gl'interessi dol Di< 
buono, che per lui e il Genio del Fuoco, Eblis, Lucifero, e 
niinicare gl'interessi di Adonai, che e il Dio biblico, nut in- 
giusto, malefico, crudele. 

Quest! due segreti che si trovano abbastanza chiaramente 
rivelati nei Rituali vigenti noi li esponemrao ampiamente altre 
volte *. Ma sono oggidi scolpiti a caratteri cubitali nei gradi 
del Neopalladismo, di cui troviamo per dir cosi T esplosione 
nelle recentissime pubblicazioni del Taxil, del Meurin, del Ri- 
coux, del Bataille, del Delarive. II nuovo rito Palladico in 
questi ultimi anni prese voga tra le ombre, sotto la direzione 
di Alberto Pike, e si propago ampiamente in America e in 
Europa. Costui s' intitolava niente meno che Sommo Ponteflce 
della Massoneria universale. E bene n'aveva un tal quale di- 
ritto; non perch& tutte le cosi dette Potenze massoniche fos- 
sero per supposto diritto massonico da lui dipendenti, ma in 
quanto che, oltre all'essere egli efFettivamente Sovrano Gran 
Maestro del Supremo Consiglio di Charleston, ciofe capo della 
Potenza massonica avente giurisdizione di rito scozzese an- 
tico ed accettato, negli Stati Uniti del Sud egli godeva d'un 
immense credito nella Massoneria universale, esercitava un 
reale potere come riformatore o piuttosto fondatore del Neo- 
palladismo, scelto tra fratelli massoni di altri riti, ma tutti di 
supremi gradi, e manteneva logotenenti e corrispondenti in 
tutto il mondo, come dimostrano con autentici document! 
Adolfo Ricoux 2 , e il Dott. Bataille 3 . Morto lui pochi mesi fa, 
tocco ad Adriano Lemmi la sua successione, la quale gli e 
tuttavia fieramente contrastata in Italia e fuori. Ad ogni modo 
chi che possa riuscire successore del Pike nei Pontificato pal- 
ladico, non sara erto un massone che -voglia o possa abolire 
le iniziazioni rituali, i misteri, i giuramenti, che nei palladi- 

1 Vedi FRANCO, Massone e Massona, Prato, Giachetti, 1889, 2-16, se- 
conda edizione, al capo 59, 60, 61, 62, 63, ed anco il capo 73 e gli ultimi 
capi. 

* Ricoux, L' Existence des Loges de femmes. Parigi, T6qui (1891), 8 di 
pp. 104, pag. 83 segg. 

3 BATAILLE, Le Diablc aux A"/.Y. e Siecle. To. I, p. 366 e segg. 



>. pin ch' in niuii ultro rito, - <> pifi j^elosamento 

ilt:iti .jM.-uito piil apertamente rincarano la dose dei se- 
iosi di Rosa Croce ed empii di Cavaliere Kadosc. 

liturgia di alcune iniziazioni palladiche fu pubblicata da 
Leo Taxil con ottiina intenzione e con comune vantaggio, so- 
bmente per lettori adulti e studiosi *. Ora, dopo tutto ci6, una 
semplice dimanda: E tutto cotesto ci <1;\ la flsionomia di so- 

t di beneflcenza ? Questo arcane, cosi fieramente (bench ' s 
imitilmente) voluto occultare, 6 proprio di fratelli unitisi per 
soccorrere il prossimo ? Quest' odio o questa ditfldenza contro 

i'i Cristo autore della legge d'amore, ci da idea di una as- 
sociazione amorevole ai poverelli ? Giudichi il lettore spassio- 



IV. 

Altri indizii, e meglio che indizii, ci rivelano T indole delle 
massoniche, per nulla disposte alia beneflcenza. Po~. 
trebbero spiegarci i massoni di buona fede, come conferiscano 

llevare 1'umanita infelice gli altari che nelle diverse mas- 
siinerie si ergono alia nuda Veriti, e T incenso offerto al vec- 
fliio idolo Baphomet a muso di caprone? Potrebbero dirci i 
ITV. 1'iillndisti o Reteurgisti, quale specie di carita benefica 
loro ispireranno, la dea Astarte (la Venus dei latini) e il -i 
inulacro di Lucifero, che il nuovo Sommo Ponteflce palladico 
dovrii trasportare dal Grande Oriente di Charleston al palaz/o 
Horghese, insierae col caprino Baphomet e colla Candida Ve- 
: it;i ? Certamente flnora i Romani non sanno indovinare come 
<]u<'sti vecchi arnesi del paganesimo conferiscano a rinvigo- 
rin- le opere caritatevoli. E pure questa roba c' e : lo dirao- 

no le testimonianze del Bataille, che la vide cogli occhi 
simi, nl .'iiipb- il inondo de'suoi ragguagli, senza che la mas- 
si iiioria abbia osato battere pure una sillaba di negazione. DH- 
1'idolo B;iphomet poi e della Verita sono pieni i Kituali dll:i 

1 TAXIL, T a-t-il det femmes dant la Franc-ifaroHntnef Parigi, De- 
Ihomme et Briquet, Parigi (1891), 16 di pp. VII-404. Vedi il capo: I* Ma- 

sonnerie jjalladique. 



266 LA MASSONERIA 

massoneria scozzese, anche gli stampati in Italia, ove leggemmo 
divote avvertenze, perche la diva apparisca propriamente n'l 
suo costume primitive. In Francia, dice il Taxil che, mancando 
la statua, vi supplisce una Sorella in came ed ossa. II che puo 
essere vero storicamente e rendere meno urgente il trasporto 
della Verita di Charleston a Roma; ma non ispiegherebbe rnai 
come se ne vantaggi la pietosa beneflcenza. 

E che dire della beneflca istituzione dei Giudici fllosofl r 
coi loro tribunali di Appello e la corte di Cassazione? La- 
sciamo andare j tribunali carbonareschi, i quali, com'6 noto r 
bandiscono una sola sanzione alle loro leggi, il pugnale; ma 
i riti francese e scozzese hanno pagine e pagine di Statuti 
per questi giudici, come sceglierli, formarli, praticarli alia giu- 
dicatura. chejsignifica cotesto? Egli e forse ufflcio di questi 
giudici il dare sistema ai boni di pane e di minestra? Anche 
al presente altri Ordini nominano i loro Ulzionisli, cioe Ven- 
dicatori, ossia fratelli destinati alle secrete vendette. Curiosa 
maniera di beneficare ! Si andrebbe nell'un via uno, se no- 
tare dovessimo tutte le cento ragioni intrinseche, dedotte dalla 
costituzione propria della massoneria, da' suoi rituali, dalle 
sue tornate, da' suoi misteri, dai suoi giuramenti ; le quali cose 
tutte, con una evidenza abbagliante dimostrano la pretesa be- 
neficenza dei Figli della vedova risolversi in una menzogna, 
menzogna fabbricata a grande arte, sostenuta a disegno, im- 
posta con mille vituperosi tradimenti alia pubblica buona fede. 

V. 

Ve di piu. Non solo 1' interne organismo massonico pro- 
testa contr > questa fiaba, ma protestano a furore gli stessi 
massoni di maggior credito, oracolando a viva voce; e poi 
gittando in pascolo, a chi vuole, le loro dicerie. In loggia i 
fratelli massoni si vantano incessantemente, non gia di avere 
coperto i popoli delle loro beneflcenze, ma di avervi intro- 
dotto le novita degli Stali ammodernati, e di brigare tuttavia per 
introdurvene altre alia giornata : scuole laiche ed atee, il clero 



8IA SOCIETA DI Bl s'ZA 267 

i to alle caserme, la persecuzione delle corporazioni re- 
s<\ il divorzio imposto alle popolazioni renitenti, la cre- 
mazione del cadaveri, gli ospedali rimessi a rnani venali, la 
conflsca dei beni ecclesiastic!, e via via. E poi loro tripudio 
vanaglorioso 1'attribuire alia massoncria la Rivoluzione fran- 
cese del secolo scorso, e la Repubblica francese del presente, 
Tinvasione di Roma, Tesautoramento del Papato, e in gene- 
rale tutte le guerre mosse contro la Chiesa di Gesii Cristo e 
le ruine accumulate sotto nome di progresso. I nostri lettori 
che non avranno facilmente alia mano le grosse collezioni dei 
giornali e bollettini massonici, ne troveranno, volendo, un 
saggio in ADRIEN LEROUX ex 33.-. La Franc-Afafonnerie sous 
la 3* Rdpublique; sono clue ponderosi volumi editi a Parigi, 
senz'anno, ma probabilmente nel 1886, che contengono le di- 
cerie autentiche dei pift illustri massoni francesi in quest! ul- 
timi anni. Quivi si vedra a occhio come a gara si dichiarano 
autori delle piu esose intraprese contro la religione e la Chiesa, 
i FF.\ Pelletan, Brisson, Le Royer, Emmanuele Arago, de La 
Forge, Constans, Felix Pyat, Cremieux, Andrieux, Spuller, 
Littre, Ch. Brun, Tirard, Paul Bert, Clemenceau, Jules Simon, 
Jules Ferry, Floquet, Gambetta, Galopin, Fleury, ecc. ecc., 
insonnna una geldra di ministri, senatori, deputati. Ci sarebbe 
facile il razzolare altrettanti e piti discorsi, di frammassoni 
italiani, al tutto somiglianti a quelli dei fratelli francesi, poiche 
ne abbondano e soprabbondano i giornali della setta, YUma- 
nitario stampato in Palermo, e gli altri periodic! loro com- 
parsi a Torino, Firenze, Napoli, Catania, senza contare quello 
che da molti anni si stampa in Roma dal F/. Civelli, e quelli 
della massoneria nelle Colonie italiane. 

Chi volesse averne un compendio autorevole rivegga i fa- 
mosi discorsi di Adriano Lemini nei banchetti massonici di 
Bologna, Milano, Firenze, Reggio, Palermo, ecc., riferiti dai 
giornali sorvi della massoneria, e dalla CiviUA Caltolica ac- 
cennati largamente nei quaderni del 1892. La stessa eloquenza 
dovemmo ammirare in un gran numero di relazioni deirEgitto, 
dei Paesi Bassi, dell' America del Sud, e d'altri paesi : gli ora- 



268 LA MASSONERIA 

tori ed anco le oratrici di loggia sono tutti d'un pelo e d'unu 
buccia, si ripetono gli uni gli altri sino alia nausea, pavoneg- 
giandosi di avere create il mondo moderno, ribelle contro la 
religione, la Chiesa, il clero, contro la sana politica e Ton- 
amministrazione delle cose pubbliche. 

E ci6 che e piu curioso, confessano che la professata asten- 
sione dalla politica, e una cilecca giocata alia polizia. Nel 
settembre del 1886, il F. Gonnard al banchetto con cui si 
chiuse il ConVento, cioe TAssemblea generale dei massoni di 
Francia, confessava: La Frammassoneria non di altro si oc- 
cupa che di politica; e se vi fu un tempo, in cui, non per re- 
golamento ma per formalita, si usava dichiarare che la mas- 
soneria non si occupava ne di religione ne di politica, cm 
avveniva sotto 1'impressione delle leggi e della polizia, che ci 
forzava di dissimulare la missione nostra, Tunica missione che 
abbiamo. Infatti le istituzioni pubbliche della Francia sono 
oggidi per una via naturale, poste in mano della Massoneria 
francese *. Gia prima, nel Convento del 1881, il F. Belat 
aveva proclamato: Egli e rigorosamente esatto il dire che 
la Frammassoneria e una istituzione politica, ed e sua gloria il 
meritare una tale qualificazione 2 . Queste due citazioni toglia- 
mo dall'eccellente lavoro del Delarive, pubblicato nei giorni 
scorsi 3 , e che raccomandiamo ai lettori nostri e alle leggi- 
trici madri di famiglia. Del resto simili proteste noi le ave- 
vamo gia lette in molte dicerie di frammassoni illustri, 
in quegli stessi libri che piu sacri si reputano dai FF.\ e 
sono i Rituali onde essi si valgono per le iniziazioni. Ecco 
come gemono i Massoni nel Rituale del grado 19, di Gran 
Pontefice della Gerusalemme celeste: I principi e i preti... 
non tardarono di ridurre la societa, per quanto potea da loro 
dipendere, ad una societa del tutto insignificante, cioe ad una 
societa di beneficenza e di carita... anzi pretesero imporre ch<^ 

1 Journal offic. de la Maq. franq. 1886, p. 545. 

Ivi, 1881, p. 15. 

3 A. C. DELARIVE. La Femme et V Enfant dans la Franc-Maqonnerie 
universelle. Parigi, Delhomme et Briguet, 1894, 8 grande di pp. VIII-746, 
(prezzo L. 7) a pag. 552. 



M \ 9O -Jl'.!* 

la politica o la religione r:tn delle conoscenze p 
iiiriv ;dia Franco-massoneria, e si giunse finance 
n-j:li Statuti tli non potersene affatto discorrere nei masso- 
niri ti avagli. Gio non toglie cho ivi stesso, due pagine innanzi 

lichiari che di politica e di religione e il vero e proprio 
lavoro della Massoneria: Non e panto ditlicile a comprendere 
che, in fln dei conti, la societa dei Liberi muratori, essenl<> 
non piu. ne meno che una cospirazione in pernianenza contr< 
il dispotismo politico ed il fanatismo religioso, non pu6 ecc. f 

Le quali affermazioni cosi formali e assolutamente auto- 
re voli pei massoni non tolsero tuttavia che la sfacciata men- 
zogna rimanesse negli Statifti della Massoneria italiana, la 
quale professa in generale il Rito detto scozzese antico e<l 
accettato. Sotto il paragrafo 325 si ordina: Non e giamiuai 
permesso di parlare in loggia n6 di religione, ne di aflfari di 
Stato. Similmente nelle Costituzioni vigenti nello stesso Rito, 
in Francia e dichiarato come Principio: La Massoneria in- 
terdice nelle sue offlcine (logge) qualunque discussions politica 
o religiosa. La Costituzione del rito francese del 1854 dicbiara 
nell'articolo 1, che la massoneria ha per iscopo la benefi- 
cenza. La Costituzione ora vigente affenna similmente nel 
suo articolo 1, che La Frammassoneria e una istituzione 
essenzialmente filantropica, filosofica e progressive, ed ha per 
suo scopo la ricerca della verita, ecc. Di politica niente. 
Insomnia la menzogna e tuttavia conservata nelle leggi, seb- 
bene il fatto la smentisca pubblicamente e di continuo, sebbene 
nelle grandi assemblee sia di comune accordo rigettata o 
derisa. perche si conserva nei codici la menzoprna? I'-r 
poterla additare agli sciocchi, e ingannare il volgo pecorino; 
in altri tempi si conservava per usarne a discolpa dinanzi ai 
principi e alia polizia. Ma ad ogni modo ben sarebbe cieco 
volontario chi si ostinasse, come il dabbene vescovo prote- 
stante Plunket, a riconoscere nelle Societa massoniche sempli< i 
confraternite, intese alia beneficenza. 

* Guida del t\: Libero Mur.-. nei Idtori di Gran Pontejtce, o 1^ Gra- 
do. Napoli. 1886, 32 pag. 8, 10. 



NICCOLO III 

( ORSINI ) 
1277-128O 



IV. 

Delle cariche civili conferite da Niccolb III a' suoi parenti: 

Continua. 

Dicemmo come degli otto antichi rettorati o govern! di 
province dello Stato pontificio, uno solo, quello del Patrimo- 
nio di S. Pietro, fosse dato da Niccolo III ad un suo nipote, 
Orso figlio di Gentile. Vediamo ora in quali circostanze con- 
fer! a Bertoldo Orsini, fratello di Orso, il governo della Ro- 
magna, aggregata allora a! dominii papali. 

La Romagna, comprendente, nel piu largo senso di tal parola, 
1' antico Esarcato e la Pentapoli, era stata concessa in dono 
ai Pontefici dai Franchi, allorchfc 1' ebbero conquistata sui 
Longobardi nel secolo VIII. Da quel tempo i Papi se ne ten- 
nero signori, ed indubitati documenti comprovano la giurisdi- 
zione sovrana che vi esercitarono. Ma la sua lontananza da 
Roma, centre del governo, la sua posizione in mezzo a 
province del regno d' Italia, quali la Lombardia (col Vene- 
to), la Toscana ed il ducato di Spoleto, e le maggiori rela- 
zioni che quindi aveva colle popolazioni della grande pianura 
padana, di cui il suo suolo fa parte, spiegano come facilmente 
gli ambiziosi re d' Italia nei secoli IX e X a volta a volta 
se ne impadronissero. 

Nel seguente secolo XI i re tedeschi, succeduti nel possesso 
del regno d' Italia ai re nazionali, incominciarono con En- 



iv. iii : . mi i \sroi PA '371 

IV 1> in.-jhiif.Mir.-il.' l.itt.- tn I' IIIIJ..TM .. | : , < 

i imperi li I.Mt.-irin II e di to III. 6 

.piiilch.' nltr<> MOM luniro int'Tvallo di fi-.-.-u.-i. lur:imno sino 
Win dinn<tia sveva nel 1268. Per tutto il su-l 
detto period M <li t>mp<>, rnsurpazione della Romagna, f:ift:i d,-u 
T'd.->--hi, fu tante volte ripotnt,). ch.' si potrebbe quasi din 
permanonte. Non pero mai vi si acconciarono i Papi, che 
s.-iiipre levarono alte voci di protesta contro la forza concul- 

: ice del diritto, n s rnai lasciarono di sperare che venisse 
al trono qualche principe piu rispettoso della giustizia, il quale 
facesse cessare 1' iniqua occupazione e restituisse quella re- 
gione al suo legittimo sovrano. Le loro speranze non falli- 
rono, poich6 T ora dolla riparazione giunse, e questa, sebbcn 
tarda, f\i compiuta ed intera. 

NVl 1208 la tosta di Corradino cadeva a Xapoli sotto la 
mannaia del carneflce, e con lui spognr>vasi una dinastia, che 
per pi A di c^nt'anni, spinta dal demone di improvvida e scon- 
flnata ambizione, aveva perseguitata la Chiesa, osteggiati e 
combattuti i liberi Comuni italiani, conturbate e messe sosso- 
pra la Germania e T Italia, alle quali, nel suo scomparire, non 
lascio in eredita che la piu triste e lagrimevole anarchia. 
S' apri allora vasto campo alle ambizioni dei minori principi 
ed alle passioni de'privati, e per 23 anni i Signori tedeschi, 
cui sp'tt:va di diritto Telezioue dell' imperatore, o niun aiuto 
por^endo a quelli che aspiravano all' imperiale dignita, o ricu- 
sandosi di procedere ad una nuova elezione, sembravano di- 
sposti a lasciar perdere questa suprema autorita, divenuta per 
opera degli Svevi, sinonima di tiranna oppressione. Inflne il 
santo ponteflce Gregorio X, considerando Tautcnt^ iniperiale 
come 1' unica, che potesse mettere un qualche riparo al dis- 
ordine ogni di crescente ed alia confusione, in cui trova- 
ronsi allora awolte Germania ed Italia, e mirando alle fatal! 
conseguenze che da questo stato di cose derivavano all'intiera 
Europa ed alia causa, die a lui tanto premeva, delle Crociate, 
>per6 con tutte le forze e riusci nel 1273 a far eleggere 
iinperatore il pio e prode Rodolfo conte d'Absburgo. 



272 * OIA in 

Le ottime intenzioni del Papa di procurare la pace d'lla 
Germania e dell' Italia e di promuovere gli interessi della (!ri- 
stianita, la merce d' an principe saggio e valoroso, il quale 
stabilisse il suodominio sulle basi del diritto c della giusti/i:i, 
lion furono defraudate. Rodolfo, appagandosi d' esercitare una 
autorita piu diretta ed iraraediata sulla Germania, rispetto in 
Italia i diritti gia acquisiti dai Comuni in quelle province, che 
forma vano parte del regno italico, e pel resto della penisola 
mostrossi pronto a riconoscere i diritti sacri ed antichi dei 
Ponteflci, e sul loro temporale dominio e sul regno di Napoli. 
La Romagna, spettatrice e vittima tante volte di passate usur- 
pazioni, fu tosto oggetto particolare delle trattative che cor- 
sero tra Rodolfo ed il Papa. 

Quanto a riconoscere il diritto del Papa sulla Romagna, 
Rodolfo non fece nessuna difflcolta ; promise anzi solenne- 
mente di restituirgliela. Le diih'colta, se vi furono, nasce- 
vano piuttosto intorno al modo di far cessare cola ogni ve- 
stiglo della dominazione imperiale, e sostituire a questa Tau- 
torita pontiflcia senza contrast! e malcontenti dei tanti, che 
potevano avere degli interessi impegnati in quelle mutazioni. 
Tali difflcolta non furono potute togliere di mezzo ne da Gre- 
gorio X, il quale mori due anni e qualche mese dopo la ele- 
zione di Rodolfo ad imperatore, ne dai tre Papi, che dopo 
Gregorio X in meno di due anni si succedettero sulla sede di 
San Pietro. La gloria di ricuperare, e questa volta definitiva- 
mente e per sempre, la Romagna,. vincendo ogni pratica dif- 
flcolta e conducendo a felice termine le trattative gia iniziate 
dai b. Gregorio X, era riservata al nostro Niccolo III. Egli 
se ne occupo appena fu eletto Ponteflce, impiegandovisi 
con calore insieme e colla sua rara ed usata prudenza. Sol- 
lecitato dalle lettere e dai nunzii del Papa, Rodolfo non pose 
piu tempo in mezzo ad adempiere le fatte promesse, ed il di 17 
gennaio 1278 delegava a suo rappresentante fra Corrado, pro- 
vinciale dei Francescani della Germania superiore ', daudogli 

1 Corrado fu poi fatto vescovo di Toul in Francia al 4 ottobre 1279. 

POTTHAST. 



IV. I.I.I 

pi. -in put.-n per cedere al Papa ogni diritto o pretensi 
iinp.-ruK' Milla Koma^iia * su qualsivoglia altra terra o pro- 
Mo pontitiri,,. Kra Corrado venuto a Itmua, e 
(ini.i messosi'd'accordo col Papa, nel di 4 maggio di |M 
stesso anno 1278, in solenne concistoro, alia presenza di ttitti 
i Cardinal! dimoranti in Roma, come pure degli arcivescovi 
Bonifacio di Ravenna e (liovanni di Bari, e del vescovi En- 
rico di I.uii i, Orlando di Narni, Paparono di Fuligno, Rai- 
moiuio di Marsiglia e di altri cospicui personaggi del clero 
e del laicato, rinunziava a noine di Rodolfo in favore di Nic- 
colo HI e dei suoi successori, nella piu ampia ed incondizio- 
nata maniera, a tutti i diritti ed a tutte le pretensioni che 
egli od i suoi antecessori avessero mai accampato sopra le 
citta ed i territorii di Bologna, Imola, Faenza, Forli, Gesena, 
Ravenna, Rimini ed Urbino. 

Intanto, forse, mentre questo atto compivasi, un cancelliere 
dell' imperatore Rodolfo, chiamato pur egli Rodolfo, aveva 
ricbiesto agli abitanti delle suddette citta il giuramento di fe- 
delta verso T Imperatore. Questi di poi protest6 di nulla sa- 
perne; ed e possibile che il cancelliere avesse creduto, cosi 
facendo, di seguire solo una pratica gia stabilita, senza troppo 
preoccuparsi dell' importanza, che essa aveva in quel momento. 
Checche ne sia, non mancu il Papa di dolersene con Rodolfo, 
il quale invio subito in Italia un altro ambasciatore, maestro 
Gotifredo, preposito della chiesa di Maria-Saal, il quale il di 
30 giugno, in Viterbo, promise solennemente al Papa ed ai 
Cardinali, a nome del suo Sovrano, che annullerebbe quanto 
il cancelliere Rodolfo aveva fatto, e che prescriverebbe ai Po- 
desta ed ai Comuni di Bologna e della Romagna di non ri- 
conoscere piil per loro principe e signore altri che il Papa. 
Cosi fu fatto, e per alcuni mesi fu un continue giungere alia 
presenza del Papa di ambasciatori delle citta di Romagna, i 
quali venivano a prestargli giuramento di sudditi ed a rico- 
noscerlo per loro sovrano. . 

Aggiungiamo ancora a compimento di tutto qnanto ri- 
guarda quest' opera importante del pontificate di N'iccolA III, 

Strit XV, >l. X, fa* 1053. 18 M aprOt 1894. 



274 MCCOLO in 

che fu il riacquisto della Romagna, e 1'appianamento <li tutte 
le controversie che per ragione di dominii -rano state tra la 
Chiesa e 1' Impero di Germania, che NiccoUS, affln di togliere 
ogni pericolo, eziandio per 1'avvenire, che si mettesse in dub- 
bio la validita delle rinunzie fatte, esigette da Rodolfo, che 
con suoi solenni decreti confermasse quanto avevano fatto i 
suoi ambasciatori. Ne di cio pago, voile per maggior sicu- 
rezza che tutti i maggiori Principi dell' Impero germanico ap- 
provassero tutto cio che aveva decretato Rodolfo. II che fe- 
cero si F Imperatore come i Principi con loro pubblici diplomi 
il di 14 febbraio del 1279 '. 

Che tali cure di Niccolo non fossero soverchie, ne furono 
prova i sofismi, che forse fin d' allora trovarono i partigiani 
accaniti delFautorita imperiale, affln di togliere ogni valore 
alia rinunzia di Rodolfo. Uno di tali soflsmi e ripetuto dal 
Villani , cioe che Rodolfo non potesse fare quella rinun- 
zia, perche non era ancora stato consecrate imperatore 2 . II 
qual modo di argomentare, se valesse, si dovrebbe dire che 
tutti gli atti compiuti da Rodolfo nel suo impero di 22 anni 
(1273-1291) furono di niun valore, poiche per quanto visse 
non mai egli ricevette la consecrazione imperiale. 

Peggiore ancora e la riflessione che ivi fa lo storico mer- 
cante fiorentino : Ma quello che i Cherici prendono, tardi 
sanno rendere. Riflessione inopportuna pel luogo, poiche qui 
si trattava non d'una restituzione che i Cherici dovessero fare, 
ma che dovevan ricevere. Se poi siano i Cherici o non piut- 
tosto i laici che non sanno rendere ci6 che una volta hanno 
preso eziandio contro tutte le regole della giustizia, lo dica chi 
conosce la storia della Chiesa e de' suoi temporali dominii, lo 
dicano gli avvenimenti che ogni giorno si compiono sotto gli 
occhi nostri. II fatto stesso degF indugi frapposti da Rodolfo 

1 RAINALDI, ad an. 1279, n 1 I-VII. 

* Ne quests dazione di privilegiare alia Chiesa la contea di Romagna 
e la cittd di Bologna ne'potea ne dovea fare di ragione, intra le altre ra- 
gioni, percki il detto Rodolfo non era pervenuto alia benedizione imperiale. * 
Libro VIII, capo 53 in MLRATOHI, R. 1. S. XIII, 270. 



IV. Slol I VRENTI 275 

alia ivstitii/.inM.' il.-lla Roiuagna e del giuramento che il suo 
cancelliere (e non era quella la i>riina volta !) esigova dagli 

.MM di quella provincia mentre si trattava di lasciarla al 
Papa, chiaramonte inunifesta quale dei due, Chiesa o Podesta 
secolare, sia piii ritrosa a restituire ; se pur la Podesta se- 
colaro parla inai di restituire, fuorche sforzatavi da inelut- 
labile necessita. 

II Rainaldi, dopo avere desunto dai documenti ufflciali la 
narrazione (che noi demmo abbreviata) sul riacquisto della 
Romagna, riprende giustamente coloro, i quali asserirono aver 
Rodolfo ceduto quella provincia, affinche il Papa lo liberasse 
dalla giurata promessa di capitanare una crociata" *. 

II Villani, sebbene non parli di Hberazione dal voto della cro- 
ciala, asserisce tuttavia che Rodolfo fece quella cessione per es- 
sere liberato dalla scomunica in che egli era incorso per non 
aver nel tempo stabilito adempiuta la promessa di capitanare 
la crociata 8 . Questa asserzione del Villani e pur essa erronea. In 



1 Si sbaglia per6 il Rainaldi, attribuendo tale opinione al Malespini. II 
Malespini (o meglio lo scrittore che va sotto questo nome) non parla di 
assoluzione dal voto di andare in Terrasanta, ma B\ di assoluzione dalla 
scomunica, in cui Rodolfo (secondo lui) era caduto per non aver a tempo 
debito adempiuto il voto della crociata. Ecco le sue parole : Lo detto Ri~ 
dolfo promise sotto pena di iscontunicazione d'essere in Melano fra certo 
terming: le quali promissioni non attcnne.... ma rimase iscomunicato. B per 
atere poi sua pace col Papa, e colla Chiesa, e essere ricomunicato, privi- 
leyio, la contea di Romagna come potea di ragione, alia Ckiesa di Roma : 
quindi la possedette la Ckiesa per sua . Istoria Fiorentina, capo 199 in 
MURATORI, R. I. S. VIII, 1019. Lo stesso ripete nel capo 204 (ib. col. 1022); 
e lo stesso trovasi pur detto dal Villani, da cui ' tolta la pretesa Istoria 
Fiorentina del Malespini. Vedansi le sue parole nella nota seg^iente. 

* Ridolfo promise (a Gregorio X) sotto pena di scomunicatione d'es- 
sere in Melano intra certo tempo : la qual promissione per sue imprese t 
guerre d'AUemagna non attenne.... ma rimase cotl scomunicato ; e per wen 
poi sua pace col Papa e con la Chiesa ed essere ricomunicato, si pritilegio 
la contea di Romagna, come potea di ragione, alia Chiesa di Roma, e da 
indi innanzi la possedette la Chiesa per sua. Lib. VII, cap. 43 in /?. /. S. 
XIII, pag. 264. Lo stesso ripete nel capo 53 (ib. pag. 270): Ancora il 
detto Papa (Niccol6 III) fece privilegiare per la Ckies* la contea di Roma- 
gna e la citta di Bologna a Ridolfo re de' Romani, per cagione ch'egli er* 
caduto in amenda alia Chiesa della promessa, ck'aveva fatta a papa Ore- 



276 Nicc:oL6 in 

tutta la copiosa corrispondenza epistolare passata tra Rodolfo 
d'Absburgb ed i Papi suoi contemporanei, Gregorio X, Inno- 
cenzo V, Giovanni XXI e Niccol6 III, corrispondenza sino a noi 
pervenuta quasi integralmente *, non v'e punto mai parola <-h^ 
alluda ad una scomunica incorsa da Rodolfo, o alia sua asso- 
luzione pel motivo recato dal Yillani. Vero e ch.e Rodolfo prese 
la croce, ma non e men vero che le guerre dovute da lui so- 
stenere, e la necessita di assicurare ed ordinare il suo nuovo 
dominio non gli permisero di allontanarsi dalla Germania e 
condurre un esercito. Che se i Papi non lo spinsero ad adem- 
piere la fatta promessa, come pretende in un suo recente ar- 
ticolo il dotto protestante Rohricht 2 , cio non torna punto a 
disdoro dei Papi, ma si a lode della loro prudente discrezione. 

Ne lascieremo passare inosservato il modo con cui TAmari, 
sempre ostile ai Pontefici, s' esprime, dicendo di Niccol6, che 
al Tedesco strappo la concessione della Romagna, tenuta fino 
allora feudo imperiale 3 . Non negheremo che questo periodo, 
compresavi la parola strappo, sia forse letterariamente ele- 
gante. Ma il rappresentare quasi effetto d'una morale violenza 
incussa da Niccolo a Rodolfo, o di un suo procedere soppiatto 
ed artificioso un atto tanto solenne, preparato e discusso 
con molta ponderazione non solo da Rodolfo e da Niccolo, ma 
ancora da almen tre Papi predecessori di Niccol6, sembra 
a noi azione indegna d' uno storico serio. Essa e pure una 
prova di quanto 1'odio non meno che Tignoranza possa impe- 
dire ad uno scrittore la conoscenza esatta e la sincera narra- 
zione dei fatti. 

Ma veniamo oramai alia nomina di Bertoldo Orsini a ret- 



gorio al concilia a Lione, quando il confermd, doe di passare in Itilia, per 
fornire il passaggio d'ollre mare, come dicemmo addietro: la qual cosa non 
aveva fatta per altre sue novita, e guerre, e imprest d'Allemagna. 

1 Essa fu pubblicata in gran parte dal Rainaldi, dal Cenni e da altrl. 

1 E r ist auch nicht dazu getrieben morden* neirarticolo : Der Unter- 
gang des Konigreichs Jerusalem, nelle Jbittheilungen des Institutt f&r Oe- 
tterreichische Geschtchtsforschung, Innsbruck, 1894, fascicolo I del vol. XV, 
pag. 49. 

' La Cfuerra del Vespro Siciliano, vol. I. pajr. 130. 



<l;i iiH'ltn t'-nijM. a\anti Mii- 

jovrmaiv citi;i province, vi ' lo eles- 

IMT loro podesta, e per att'-stuzione di Toloni.-,, <li Lucca, 
cosi i. Mite si condusse in quell' m: nninato 

1'anno, i cittadini gli offersero di rieleggerlo per 1'arino se^uente: 
;il cho t.'gli si ricusi't, rimanendo tuttavia assai anVzionato ai Luc 
chesi si -^li come tutta la saa famiglia l . Tre anni dopo, cioe 
nel ito T ufflcio di vice-rettore del Patrimonio di 

S. I'ietro, sotto la direzione di suo fratello, il cardinale Mat- 
teo Rosso *. Nello stesso tempo aveva avuto occasione di ma 
nifestarsi esperto e prode nelle armi, combattendo nel 1268 
in favore di Carlo d'Angi<\ sui campi di Tagliacozzo, insieme 
con Pandolfo e Giovanni Savelli, con Annibaldo degli Anni- 
lialdi soprannominato Marchese, ed altri gentiluomiui romuni. 
Ottenuta che fu la vittoria, egli era stato dei primi a recarne 
a Roma la notizia 3 . Nel 1270 fu eletto podesla di Arezzo *, nel 
ivT-J lunl.^ta di Toscanella r> e finalmeute nel 1278, poco prima 
della sua nomina a rettore, era stato eletto podesta di Orviot.. . 
II Papa stesso, in una istruzione confidenziale data ad un am- 

1 Eodem anno (1262) fuit potettas Lucae dominut Bertholdut de Ur- 
tinit, qui in regimine multvm gratiose se halutt. Sequititut ttro pro anno 
tequenti quod tittt 'ibidem potettas recipere noluit. Semper tamen m ant it 
ulteriut cum tota domo sva Lucae amicut. Annalet Lucentet, ed. Minutoli, 
pag. 81. 

1 POTTHAST. 

' II GBBOOROVIUS, V, 493', lo chiama Bartkolomaeu* Rubeut degH Onlni 
e a pag. 499 Serlfioldut Rubeut. II Rubeut non sappiamo donde 1'abbia ca- 
Tato. II Bartkolomaeut 6 un errore del testo di Saba Malaspina edito dal 
Muratori, II quale cos\ lo chiama. VIII, col. 844, D-E, mentre a pap. 850, 
A-B, lo chiama col suo vero nome. II quale legge chiaramente nel co- 
dice vaticano 3972, fol. 120*. : Quidam enim milet ttrenuut dt filiit Urti, 
Bertoldut nomine ac Anibaldut qui dicitur Marchio vir amabilit et ttu- 
dent pre cunctit illit de tua progenie bonitati. > Dove il Muratori a pag. 85<> 
dopo Bertoldus ha rcdierat, nel Codice suddetto si legge rediertnt. 

Annalet Aretini in R. I. S. XXIV, 80. 

5 CAMPANARI, Tutcania ed i tuoi monumenti, II, 814. Qui per uno dei 
troppo frequenti error! occorsi all'autore nella trascrizione degli antichi 
documenti si legge Blettaldo in luogo di Bertoldo. 

Cronackt di Orvieto pubblicate dal Gamurrini nelVArcAivio 
Italia HO del 1889, pag. 10. 



278 NICCOL6 in 

basciatore, parla di lui come di personaggio, che non solo 
per Torigine e la parentela, ma per la sua valentia, s'era 
acquistata grande estimazione, cosicche sarebbe stato sconve- 
niente il dargli un ufflcio secondario, in cui egli dovesse stare 
sotto il comando di un altro J . 

Oltre alle doti di saggezza e di esperienza e nella pubblica 
amministrazione e nelle armi che adornavano Bertoldo Orsini, 
egli aveva la qualita di essere parente del Papa, la quale in 
quella occasione piu ch'e in niuna altra mai tornava somma- 
mente opportuna. Imperocche trattavasi di una provincia di 
fresco acquistata e in cui percio dovevasi rendere amata ed 
accetta la nuova dominazione. A questo fine grandemente gio- 
vava al Pontefice 1'aver cola come suo rappresentante non 
solo una persona di sua piena flducia, e di cui egli fosse sicuro 
d'averla arrendevole in tutto ai comandi ed ai consigli, ma si 
ancora tale, che airadempimento de' suoi doveri fosse spro- 
nata dal proposito di non compromettere la gloria assicuratasi 
con quell'acquisto da un Pontefice della sua famiglia. Ch6 certo 
niuno negherk essere stata grande gloria di Niccolo III che 
egli, senza effusione di sangue, senza contrast!, ma per solo 
merito di saper ben condurre gli affari, aumentasse lo Stato 
della Chiesa d'una si ricca e notabile provincia. Ne si deve 
trascurare che la nomina di uno stretto parente del Papa, e 
del casato e del merito di Bertoldo Orsini, dovette tornare 
gradita agli abitanti 4ella Romagna, ed essere considerata 
da essi come atto di particolare benevolenza del Papa, loro 
novello sovrano. Le quali circostanze, senza alcun dubbio, con- 
corsero a far si, che gli sforzi riuniti del Papa, di Bertoldo 
Orsini e delegate Malabranca ottenessero il frutto piu bello, 
che desiderare e ripromettere si potesse un ottimo Sovrano, 



1 Discutendo 1'ipotesi che a Bertoldo venisse affidato il solo comando 
delle milizie sotto 1'autorita di un Legato cardinale o almeno ecclesiastico, 
il Papa scrive : Deceret hoc domum suam, deceret hoc papatus honbrem, 
quod nepos eius et TALIS HOMO quasi marescalcus sub alio militaret 9 Mit- 
theilungen aus dem Vaticanischen Archive, herausgegeben von der K. Ake- 
deinie der Wissenschaften, Wien, 1889, vol. I, pag. 220. 



i^. I'M i 279 

coadiuv.ito da fedeli ministr. la pnriflr:mnn* int-rn.i d( 
Rom;iL r n;i, >i;ita flno allora vittima <li partigiani furori. 

Quindi, se pur non si volesse stabilin* il principio, non ri- 
chiesto ne dalle leggi, ne daH'cquita, anzi contrario al senso 
pratico delle cose, che un Papa non possa mai valerei d-l- 
Popera d'un suo parente, per quanto questi possa aveiv .ii 
pacita e per quanto le circostanze sembrino designer lo a qual- 
che ufflcio, bisognera conchiudere, che opportuna ed intpra- 
mente giustiflcata fu la nomina che fece Niccolft III di Bertoldo 
Orsini a rottore della Romagna. 

Altre circostanze, simili in tutto a quelle che dicemmo, e 
non il solo amore del parenti, suggerirono a Niccolo la no- 
mina di Matteo Rosso suo fratello a senatore di Roma per 
1'anno 1278-79. 

Come gia notammo, uno degli intendimenti di Niccolo III, 
appena giunse al pontificate, Ai di ristabilire in tutta la sua pie- 
nezza 1'autorita temporale dei Papi, non solamente ricuperando 
le province perdute, ma e quests e le antiche pacificando e 
ordinando. Roma, la sede insieme del Papa e del Sovrano, la 
citta capitale della Cristianita, e dello Stato, quella che avrebbe 
dovuto essere il modello delle altre citta per la perfezione dei 
suoi ordinamenti interni, era forse quella che piu d'ogni altra 
ne difettava. II governo municipale, in cui allora incentravasi 
quasi tutta la vita pubblica, era da molti anni a Romt pro- 
fondamente turbato, soprattutto per mancanza di norme fisse 
e durevoli, che regolassero Telezione dei supremi -magistrati. 
Questa perci6, nelle incessanti lotte delle fazioni cittadine, che 
a Roma come in ogni altra citta italiana di quei giorni si 
guerreggiavano, era rimasta e rimaneva tuttora esposta alPar- 
bitrio della fazione vincitrice, la quale, giunta al governo, 
tosto decretava tutti quei cambiamenti di leggi, di umYii e di 
ufficiali, che al suo vantaggio riputasse opportuni. Tra le altre 
innovazioni, recate dalla voglia delle fazioni trionfanti di assi- 
curare la propria signoria, una delle piu fatali era stata quella 
di deferire la suprema magistratura municipale, cioe il sena- 
torato di Roma, a qualche re o principe straniero. 



NICCOL6 111 

Diciamo fatali, poiche Pautorita maggiore che a costoro 
Java il sangue reale congiunto col supremo governo del 
inunicipio, mentre li rendeva meno atti a procacciare gl' in- 
teressi spesso minuti e piccoli d' una sola citta, li spingeva 
facilmente ad essere o meno docili o anche apertamente ri- 
belli verso 1'autorita del Papa. Se poi tal caso avvenisse, chiaro 
e che piu disastrose conseguenze poteva avere la ribellione 
d'un senatore, che fosse principe di sangue reale, che non di 
chi stesse in privata condizione. Una prova evidentissima se 
n'era avnta dieci anni innanzi, allorchfe era senatore di Roma 
Enrico, fratello del re di Castiglia. Costui, quando nel 1268 
1'infelice Corradino, disprezzando 1'esortazioni e le scomuniche 
del Papa, moveva verso Napoli affln di ricuperare quel regno, 
si dichiaro per lui e tutto il suo potere e Roma pose a servizio 
dei ghibellini. Allora furono invase le abitazioni dei principali 
guelfl ed imprigionate le loro persone, ed affln di procacciarsi 
denaro di cui tanto difettava il principe tedesco, furono ru- 
bate le sacre suppellettili ed i depositi, che i privati tene- 
vano nelle chiese e nei monasteri. 

Questi disordini dovettero fin da quel tempo ferire profon- 
damente il cuore del cardinal Orsini, patrizio romano di nascita 
e di sentimenti ; e che egli ne avesse ancora I'anima commossa 
ne 6 prova il linguaggio passionate della bolla Fundarnenta 
Ecclesiae con cui, fatto Papa, voile regolare un punto si impor- 
tante della magistratura di Roma *. Ivi egli fa un quadro la- 
mentevole delle condizioni di Roma nei tempi in cui essa era 
stata sotto il governo di stranieri, quali, per es., la distruzione 
delle mura e la deformita della citta tutta piena di ruine, cui 
niuno stendeva la mano a riparare. Specialmente.egli lamenta 
i tempi del senatorato di Enrico di Castiglia, in cui con sa- 
crilega audacia si erano spogliati i sacri templi, e Roma, citta 
che era stata e doveva essere a tutti specchio della fede, si 
era per cagion di chi la reggeva rivoltata contrp la santa sua 

1 Parlando di una lettera che il Papa 1'anno appresso scrisse ai Ro- 
mani sullo stesso argomento, il Gregorovius dice : Qui per la prima volta 
i Pontefici parlano ai Romani con fraseologia da imperatori. V, 555. 



i\ rl 281 

. ( lo li i'-i !'av.rit. 

8erpMitt'll> natn dalla siir|> v.'l.Miosa li IVd-M-im, ijnp-ratore 
riprovato e deposto dalla (Ihiesa, mostnimlnsi n>- <iu 

t.itri. di nn manifesto nemiro di sua rnadre. CiA fecero, 
aggiunge egli, ; i;<mia. senator! a lei sconosciuti, governatori 
iinpn.v\is;iti. .-he essa da gloriosa che era diventasse ignobile, 
cbe In sn.i r'nii''//.a divenisse instabile, e per le bocche degli 
uomini p;i^sasse come decaduta e inflrmata la soliditu i'll.- 
siia antica costanza f . Percio stabiliva, sotto pena di SCOIHU- 
' di nullita dell'elezione e della perdita dei feudi, privi 

ii, immunita e grazie avute dalla Cbiesa, che (senza licenza 
sp.'-i;jl.- dt'lla S. Sede, da doversi ricordare nelle lettere <ii 
concossione) non si eleggesse mai n^ a viui n& a tempo per 
Si-natore o capo della citta, qualunque ne fosse il titolo, niuno 
o imperatore, o re, o principe. o marchese, o duca, o contf, 
o barone o di altra grande potenza, ed autorita, eccellenza e 
di^nitft : oppure il fratello, il figlio od il nipote di alcun di 
loro; che degli altri niuno venisse eletto per uno spazio mag- 
giore di un anno. Dichiarava pure che con questa proibizione 
non intendeva di togliere ai cittadini romani la capacita di 
essere eletti senatori per un anno, o per meno di un anno, 
quand'anche fossero parenti di uomini ineleggibili e sebbene 
fuori della cittii avossero gradi di ronti e di baroni, purchfe 
fossero di potenza mediocre *. 

L.I infra di Niccolo con questa sua legge era evidente- 
mente di sottrarre Roma ad ogni straniera influenza e nell> 
M t.-inpo di conservare in essa la pace mediante quella 
ffi-my di tfoverno, che, sovratutto quando si trattn <li 
ni^trazione mnnicipale, 6 piu conform.- ai principii del 
niitiirale ed ni veri interessi della popolazione, vale a dire ch. 

1 ffaec ipti Romae praestitcrunt tenatoret incogniti, kaec pranidet 
improvisi, ut gloriota civitat redderttvr inglori*, tua itabilitat voearetttr 
inttabilit, tvaeque conttanttae antiquata toliditas lingui* hominum nota- 
retur infirma. RAINALDI ad an. 1278, n. LXX1V. 

La bolla si trova Intera nel THBTNER, Codes diplom. dominat. pon- 
tifldae, I, n. 871. 



282 oi.o in 

ramministrazione sia diretta e regolata dagli stessi cittadini. 
Egli intendeva che i Roman! stessi avessero d'ora innanzi il 
governo della loro citta, al qual fine dopo aver nel di 27 lu- 
glio mandato a Roma due cardinali romani fra. Latino Mala- 
branca e Giacomo Colonna, afflnche stabilissero le future re- 
lazioni tra il Senatore, il popolo e la S. Sede, nel di 3 ago- 
sto, da Viterbo, Niccolo dichiarava espressamente che intendeva 
lasciare a 1 Romani intero il diritto di eleggere il Senatore e 
di non volersi punto intromettere in quel loro diritto. Questa 
legge e questi provvedimenti di Niccolo III rimasero d'ora in 
avanti norma deiramministrazione municipale di Roma, e la 
sua opportunity fu provata eziandio dal fatto che, quando i 
Papi stessi o i Romani da essa si scostarono, ne vennero non 
pochi inconvenienti, 

Al qual proposito non possiamo lasciare senza biasimo le 
parole con cui il Gregorovius giudica della costituzione di 
Niccolo: Puo darsi, egli dice, che a molti paresse sposata 
a sensi patriottici (e perchd non I'era?), ma essa celava un 
pericolo durevole, avvegnachfe 1' Editto di Niccolo III fosse 
pungolo all'ambizione delle grandi case patrizie, che adesso 
salivano a potenza nuova. Da quest' ora in poi gli Orsini, i 
Colonna, gli Annibaldi, i Savelli, intesero alia podesta. sena- 
toria ; e al pari di altre famiglie in altre citta italiane, fecero 
ogni lor possa per diventare i tiranni di Roma. 

Ingiusta e questa maniera di rappresentare i fatti, poiche, 
pur concedendo che solleticata fosse dalla bolla di Niccol6 
1'ambizione delle grandi famiglie, era essa rivolta ad un no- 
bile scopo, cioe di procurare il vantaggio deila propria citta. 
L'asserzione poi che d'ora innanzi le famiglie nobili romane 
mirassero a diventare i tiranni di Roma, se si parla non delle 
intenzioni interne, ma di esterni tentativi, non sappiamo troppo 
se si possa storicamente provare, poiche, -per attestato dello 
stesso Gregorovius, il fatto fu che niuna delle suddette fa- 
miglie pervenne mai alia signoria di Roma. Del resto, assai 
provvide Niccolo ad allontanare siffatto pericolo, collo stabi- 
lire che il Senatore non potesse stare in carica piu d'un anno. 



IT, 

Alia quale legge n<m l>;n!.' il Gregorovius quando, spiegarxio 
perche in realta poi non accadess< il jMTiroloda lui tMnutu, 
cosi no discorre le cagioni: Sol tan to i rapporti durevoli in 
cui la lotta si trov6 col Papa to, e la divisione dei nobili in 
fazioni, che fra loro si tennero in equilibrio, impedirono che 
Puna o 1'altra Ihmiglia si impadronisse del dominio ereditario 
di Roma, come era avvenuto ai tempi dei conti di Tuscolo. 
No, non soltanto queste due cagioni, ma ancora la ristrettezza 
del tempo assegnato da Niccolo alTuiIicio di senators concorse 
ad impedire lo stabilimento a Roma del governo tirannico 
di una sola famiglia, e questa il Gregorovius avrebbe dovuto 
riferire, se ambiva fama di storico imparziale. 

Ben intesero i Romani il beneflzio, che loro largiva Nic- 
coli> III, e, mossi da gratitudine lui stesso elessero Senatore 
a vita ! . II qual fatto, che i Romani di loro moto elessero il 

1 Discorrendo di questa elezione il Gregorovius e pieno di oscurita e 
di inesattezie: La nobiltd, dice egli, che dominava nel parlamcnto popo- 
lore, aveva di buon grado aderito alle domande di Niccolo III e avert a a 
lui attribuito la podestd urbana flnche fotse vissuto (la quale iusinuazione 
che Niccol6 aveese per se domandato il senatorato a vita, cbe ripugna colla 
dichiarazione fatta dal inedesimo Niccolo di lasciar ioteramento libera la 
elezione ai Romani, 6 una pura, gratuita e maligua supposizione del Gre- 
gorovius); ne fid come a papa, ma come alVOrsini nobile romano: ed in- 
vero ncppur egli ebbe otato di chieder (onto Jin da riuni re per tempre I'of- 
ficio senatorio colla dignitd pontijicia (ma cbi dice che egli volesse ci6 
osare, mentre anzi egli voile colla sua costituzione restituire ai Romani 
stessi 1'elezione del Senatore e il governo della citta ed impedire il governo 
di stranieri? Avrebbero mai i Romani potuto liberarsi dalla dominazione 
dell'Angioino, $e Niccolo III non aveva spirito indipendente e cuor gene- 
roso da liberarsi da ogni vile rispetto verso di lui?) e non ti appflld mai 
tenatore quanlunquc Roma gli avesse conccuo facoltd di ordinare a pia- 
cere stio il reggimento cittadino e di eleygere i senator*. (Non era con- 
veniente che egli assumesse il nome di senatore, essendo cosa insolita ai 
Papi il prendere altro titolo oltre il loro di Papi. Qui poi si aggiunge che 
Niccolo, sebbene uccettasse il diritto di regolare Tamministrazione cittadina 
ed eleggere i senatori, appunto perche si contento di quest 'ultimo diritto 
di eleggere un altro o altri senatori, non poteva chiamar se stesso con 
questo titolo, che egli voleva portato da altri). Ancke dopo di lui, pareccki 
Pontejlci furono dal popolo creati tenatori, non come Papi, ma come oficio 
propriamente pertonale; e poiche etti tolevano accettare la elesiont pur di 
regola dickiarando di voter conservare immuni i diritti del Poniiftcato, t 



'284 NI ceo i.o in 

Pupa senatore, non solo e attestato dalle lott.-r^ !i Nin-ol.'. m, 
ma ancora e per ben due volte dal conteraporaneo romano 
Snba Malaspina *. Ondo proprio non si capisce come il Murn- 
tori ne' suoi Annali d' Italia potesse scrivere : Questo Pon- 
tefice che faceva tremar tutti, s'era anche fatto dichiarar Se- 
natore perpetuo del popolo romano, ed avea posto dipoi per 
suo vicario in quelFufflcio Orso suo nepote. Tanto piu cho 
non conosciamo nessuno scrittore antico, in cui siJegga unn 
simile erronea asserzione 2 . 

poicht diventavano i primi officiali della Citta, ne derivd una conditions 
di essere che nella loro persona di Papi stava di mezzo fra la sovranita 
ed un officio feudale che loro conferiva la Republica. Oscurissimo ci par 
qui il linguaggio del Gregorovius; ma ben comprendiamo come egli tenda 
ad insinuate nei lettori 1'idea, che durasse nel popolo romano del se- 
colo XIII 1'autorita dell'antico popolo romano quando si reggeva a repub- 
blica: la quale e un'idea evidentemente provata falsa da questa sola distin- 
zione, ma capitale; che il popolo romano antico aveva autorita politica; 
mentre nel medio evb il popolo romano non aveva che autorita munici- 
pale, e questa subordinata all'autorita politica del Papa. Falso e poi che il 
Senatorato fosse un feudo od un officio feudale, mentre era una pura magi- 
stratura municipale. 

1 In una lettera del 24 sett. 1279 ai Romani il Papa dice : Nobis dit- 
positionem vestri regiminis, quoad vixcrimus, commisistis Gregorovius, 
V, 553. I passi di Saba Malaspina sono i seguenti : Anno Regii decurto 
dominii, Dms Nicolaus Papa, cui subsequenter per electionem Romani po- 
puli dispositio romani regiminis ad vitam concorditer est commissa, duos 
nobiles cites romanos Senatores antiquo more ad ipsius Urbis regimen de- 
putavit. Cod. Vatic. 3972, fol 13Qx; ed a fol. 140A: (Martino IV) igitur 
coronato, Romani ad devotionem Matris sue romane ecclesie fidelem tuspi- 
rantes, dictum dominum Papam, sicut quondam bon. mem. Nicolaum, in Se- 
natorem eorum unanimiter elegerunt ad victam. 

* II piu antico scrittore che abbia manifestato quest'opinione, citato 
pur esso dal Gregorovius, V, 533 e Lorenzo Bonincontri, il quale viveva 
assai tardi, cioe verso il 1450. Efgli, nelle sue Historiae utriusque Siciliae, 
lib. VI, nel tomo VIII del Lami, Deliciae eruditorum virorum, Firenze, 1739, 
dice solo: Pontifex qui solus ojicium Senatoris administravit. II Gre- 
gorovius, ivi, aggiunge: G-id il Muratori ed il 0-arampi dimostrarono es- 
sere un errore la notizia del Bonincontri ecc. Del Muratori non ci consta 
che abbia confutato il Bonincontri, si solo sappiamo quello che erronea- 
mente scrisse negli Annali d'ltalia. Neppure il Garatnpi, per quanto ci e 
noto,' par!6 del Bonincontri. Egli nelle Memorie della B. Chiara da Ri- 
mini, Roma 1755, pag. 534, confut6 il CARLI, che nell'opera Delle monete e 
dell'istituzione delle zecche in Italia (copiando, com'e molto probabile, il Mu- 



n 

II vero 6 ch' Ni<voir. in. ii iju.-iio, eletto senatore a 
popolo roinano, avrebbe legitdnuuno&M potuto nominare 
senatorato suo vicario e mantenere in quella carica flno 
riuiiif tl.'l suo pnntiiirato nn suo pa rente, ci6 punto non 
fece. Egli, quel Papa nepotista cbe si dice, anzi inventore, se- 
condo 11 Gregorovius, 1< ! m-potismo, si contented! nominare 
senatore Matteo suo fratello per un anno, ciofc dal settembre 
del 1278 sino al 1 ottobre del 1279, e ci6 per ragioni non 
dissimili da quella che gli avevan suggerita la nomina dei due 
suoi nipoti a rettori. Indi, dopo un anno, elesse, previo ac- 
cordo col popolo romano, due senatori di famiglie estranee, 
Pandolfo Savelli e Giovanni Colonna, i quali, a testimonianza 
del Gregorovius, erano forse i due piti insigni romani di quei 
giorni -. I quali fatti dimostrano assai chiaramente quanto sia 
falso che nell'animo di Niccolo III gl'interessi privati dei suoi 
congiunti stessero sopra ai pubblici e generali interessi, e che 
egli non ad altro pensasse che ad arricchire la sua famiglia. 



ratori) aveva scritto che Niccol6 diohiaro Be stesso Senatore perpetuo, ad 
imitaztone del perpetuo Consolato degl'Imperadori. Notlamo ancora cbe nella 
3* edizione del testo originate tedesco, Stuttpard, 1878, vol. V, 464, il Gre- 
8X>roviu8 nel passo allegato nomina solo il Muratori, non il Garampi. 

* II taloroso Pandolfo Savelli fu poi di nuovo senatore nel 1284 sotto 
Martino IV; GREGOROVIUS, V, 567; indi sotto Onorio IV suo fratello, nella 
quale occasione cos\ dice il GREOOROVIUS, V, 578: Pandolfo, terio, te- 
Tero come un Catone, appoggiato alle sue grucce (era podagroto) tenne in 
Campidoglio un reggimento coti valoroto, eke Roma godette dt pace perfttt*: 
le strode divennero ticure, che i malandrini furono mandati alle forche e 
la nobilta feroce non otd mat di tumultuare. Giovanni Colonna fu sena- 
tore anch'egli un'altra volta sotto Niccolo IV, e tanta era 1'ammirazione 
del popolo per lui, che esercito in Roma autorita quasi da sovrano; GR- 
OOROVIUS, V, 582. 



LE AZIONI 

E GL'ISTINTI DEGL1 ANIMAL1 



XVIII. 

Si applica I'esposta teoria ad alcuni cast parlicolari. La cella 
arnmazzatoia delle vespe: la conca del formicaleone, le 
tane delle sfegidi, delta Cteniza fodiens : ed altri. 

Abbastanza s' e dichiarato come la sola rappresentazione 
fantastica di un oggetto (sia egli percepito attualmente dal 
senso o soltanto immaginato) basta talora da s6 e senza con- 
corso dell'appetito, per mero consenso fisiologico a determi- 
nare dei moti negli organi esterni. Teniamo dunque in serbo 
questa forma di procedimento : il quale potrk applicarsi non 
incongruamente a spiegare parecchie fra le azioni degli animali 
ricordate piu sopra, e ad altre, avvertendo di sceglier quelle per 
le quali solo con isforzo si puo supporre il movente di una pas- 
sione, che ne determini il principio e ne guidi il processo; e nelle 
quali al tempo stesso rimane escluso 1' impulse o Findirizzo, 
che potrebbe credersi frutto di esperienza. Ecco una Vespa, 
che ha messo pur ora le ali e per la prima volta si butta alia 
strada, la megera, a vivere di assassinamenti. Innanzi tutto pero 
essa va aggirandosi senza torcere un capello a nessuno, fln- 
che intoppa 1 } dove sia alcun poco di fango : ne raccoglie un 
pizzico tra le sanne, e lo reca ad appiccicare in disparte nel- 
Tangolo di un muro o fra le rugosita di un tronco; poi parte, 
e ritorna con nuovo materiale, di cui viene formando a mano 
a mano un come cannello, aperto solo dalla parte dinnanzi. 
In poco d'ora il muramento e compiuto, ed anche asciutto e 
indurito e adatto alPuso suo. 



LE A/I ' ISIIMI ].| (il I AMM U.I 

K 1'uso ne e ehe, quan.lo la \VSJKI 

( h.- aMiia mi iiiM-ito, non potendolo flnire c<> 
impatviata come 6 colle tenaglie e coll i /;HIIJM- m-i t'-norlo 
afferrato, ed cssa lo trasporta all:< suddetta grotta, ! in <|u 
strette, dove gli e impossibile il dihatt'Tsi e il rigirar>i, in 
poco tratto lo ha morto e divorato. Ora di tali spelonch*- 
rali quolht furia novellina non ne vide mai, onde prenderne 
r i<lea ; e neanche vide il pro che ne traggonoje sue sorelle, 
onde rappn M-IO ancora per se medesima ed invogliar- 

sene. Che cosa 1* induct' adunqrie a intraprendere quella fat- 
tura ? Si puo supporre ch< per legge di natura le sorga in capo 
Tiinmagine del cannello, e del suo uso, sicche r appetite si 
muova airesecuzione del lavoro. Tutto questo puo essere : ma 
non e necessario di supporlo. Rammentiamo alcuni fatti, in cui 
1'uomo stesso opera senza mira ad un fine. Un forrnatore disoc- 
cupato, se egli si troverh davanti un pane di creta, correra, 
senza uno scopo e per inera forza dell' abitudine, a frugarvi 
dentro col fuscello : un chitarista, se ha per le mani il suo istru- 
mento, non si tiene dallo scorrere colle dita niachinahiK'iit^ per 
le corde: lo scrivano scioperato descrive aJlo stesso modo ghi- 
rigori e greche sui ritagli della carta ; e il disegnatore appunta 
la matita; e-chi siede al caniino tormenta il fuoco ; e i bighel- 
loni, seduti sulle panche dei passeggi, solcano, nei momenti di 
riposo, colla punta della inazza la polvere del viale. La mera 
vista della materia idonea detennina, per effetto dell' abitudine, 
Tazione corrispondente. Si supponga una simile connessione di 
atti nella vespa, per abito non mica acquisito ma ingenilo; e 
si avr un movente bastevole a dare il primo impulso; vi si ag- 
giunga Tesistenza indubitata dell'altro abilo arlislico, innato 

K) pure, che guida Tinsetto nell'esecuzione delPopera ; e si 
jivra la spiega/ione piu prosaica si, ma non inverosimile, di 
tutto il futto. 

Lo stesso movente puo ainniftt.'isi che abbiano innumere- 
voli altre azioni eseguite dai bruti in condizioni somiglianti. 
Tal e T operazione cerus^-a, onde le sfegidi paralizzano il 
l>ruco, sopra al quale deporranno 1'uovo : e se ne avra a nu- 



288 LE AXIOM 

trire non la sfegide, ma la prole quando naseoni. I/ opera- 
zione si potrebbe eseguire con esito eguale in varii modi. 
come apparisce da ci6 che le diverse specie presrHironn <li 
ferire diversi centri nervosi: ma ognuna e deteYminata a un 
solo processo ; come e determinata nella scelta della preda. 
La Sphex flavipennis 6*attura quattro grilli ; 1' albisecta, una 
cavalletta; e a questa da due fitte velenqse, Tuna nel collo. 
1'altra fra il jM*otorace e il mesotorace : mentre TAmmoflla 
assale i bruchi inudi, e li ferisce a pugnalate fra il quinto e 
il sesto segmento ventrale. E con che possesso accertano oinii 
colpo ancor le prime volte! Si vede che la natura le crea con 
un abitp compiutamente formato : e tanto solo che scorgano 
la vittima a loro assegnata, a tutto il rimanente corrono na- 
turalmente senza fallire. 

Non e delle sfegidi soltanto, ma di molti altri insetti e di 
mammiferi ancora, ,T istinto del cavar tane o per ordinaria 
dimora, come le formiche e le termiti e le migale e le volpi 
e i conigli e i topi ; o per deporvi le uova, come le sfegidi 
suddette; o per uso di caccia come i formicaleoni. Puo darsi 
che qualche affetto o innato o conseguente all'esperienza, sug- 
gerisca in tali opere delle modiflcazioni speciali ; ma quanto 
al movente primitive dell'opera stessa, meglio forse che al- 
trove egli si collochera in quella natural connessione fra Tap- 
prensione, o attuale o meramente fantastica, e Tazione. Chi non 
ha visto quel mostricino del formicaleone, quando dk principle) 
a fabbricare la sua trappola ? Siccome egli vi si presta dovun- 
que egli trovi un terriccio arenoso, sia pur anche in un piatto, 
non possiamo presumere gran cosa del suo discernimento, e 
quindi neanche attribuirgli la previa apprensione del processo 
e dei frutti della sua futura caccia. La povera bestiolina senza 
dubbio e costituita cosi, che quando si sente smuovere sotto 
le zampine i granelli deH'arena o della polvere, egli tosto si 
sente portato a fare quel che fa : ed e affondarsi col sedere 
nella rena, e cosi indietreggiando descrivere un cerchio 
come la rena in quel fare gli si riversa -sul capo, ed egli a 
manO a mano con uno scatto della testa, rigettarla fuori del 



.1 I 

ipiutn il primn L r i: <.MIM pin i 

affondamiosi "gum- piu ; e cosi \i;i \i;i lin.-h.- ne esce fen 
uria om<-a polvorosa, nel cui otttlro 6gli ai apptattt tutio 

a ninn-he le due tenagli*' di-l nniso, con che afferra le for- 
inicole, capitate per loro svi-ntuni in quel haratro. <;he tutte 
coteste cose fossero premeditate < ral-olat <la un I'm-n 
l-<ine lo credent chi non I'ha visto, sghembo e disadatto che 
fa pieta. Per noi tutta la sua manovra non e d' online c< 
s< itivo, se non in quanto parte pur da un'apprensione: che del 
riinanente il formicaleone tanto poco sa di quel che la, <! 
;i I opera compiuta si maraviglierebbe di se stesso e di lei. >< 
non fosse il formicaleone, che egli e. E diciamo il medesiiuo 
delle Amniofile e Psuinmofile, che, secondo il significato del 
loro noine, costruiscono le loro gallerie nelle coste arenose : 

i ragni trogloditi tra i quali ha celebrita la Cteniza fo- 
diem o scavatrice del Sauvage. Anch'essa, assai verisimilmente, 
non si determina a scavare la sua tana, se non per 1'appren- 
sione del terreno opportuno, che e di terra morbida e puliUi 
di piante, per non aver noie dalle radici. Trovato questo, si 
in- -He all'opera, la quale non descriveremo, perche, supposto 
Tidiito speciflco artistico, abbia il ragno in capo il disegno 
compito o non Tabbia (che non e necessario), Tesecuzione ne 
dee procedere come tra le mani d'un abituato. Prima scavare 
una galleria di forse 30 centimetri, in lungo, proporzionata 
per diametro alia persona dell' inquilino, tappezzata di dentro 
con seta line, e munita all'apertura di un usciolo, rotondo, a 
ril>alta, che e lo stupore dei naturalisti : perocche fra gli altri 
.iw'.liiuenti v'e quello di certe tacche, dove il ragno, in caso 
di visite importune, si arronciglia con alcuni dei suoi pie, men- 
tiv cogli altri si attiene alia tappezzeria interna, e delude cosi 
hi mpacita dei suoi ordinarii nemici. Ma questi ultimi atti 
appartengono per noi ad altra categoria. 

Alia presente si possono ascrivere la fabbricazione della 
tela del ragno, ed eziandio, per mal che ne sappia agli api- 
cultori. i lavori in buona parte delle api. II Flourens parago- 
nava uno sciame di pro-hie con un popolo di sonnaiulmli. II 

17. *W. JT. fatt. 1013. 19 W april* IBM. 



!.]: A/IoNI 

paragone non regge in quanto il sonnanilmlisiuu, cmno si con- 
cepisce comunemente, esclude la riflessione sui proprii jitti. 
e Papprensione altresi degli oggetti circostanti, in quanto non 
si collegano col fantasma dominante, e la memoria del pas- 
sato e altri elementi che noi qui non dobbiamo scartare : ma 
per cio che spetta all'influsso naturale della fantasia sulle azioni 
esterne che ne conseguono machinalmente, il paragone e anzi 
assai appropriate, e puo applicarsi, come stiamo dimostrando, 
a chiarire 1'origine di molte azioni, come delle api, cosi di altre 
specie non meno curiose e maravigliose nei loro istinti. 

Tali sono per le formiche il fabbricare il nido, e il tra- 
sportarvi le provvigioni, ed eziandio le uova di un altro for- 
micaio, e queste rimutar di posto a seconda della temperatura : 
e per quasi tutti gli uccelli la costruzione del nido: e pel cu- 
cule 1'occupazione del nido altrui, e cento e mille altri. II fatto 
del castoro che seguita nella gabbia ad aguzzare i correnti; 
quello della gazza che ruba e nasconde gli oggetti luccicanti 
o vistosi, vetri, gioielli, argenterie, cenci, tutti di nessun uso 
per lei; quello del gatto, che innanzi di soddisfare a un bi- 
sogno scava una buca e poi ricopre; e quell i senza numero 
che hanno per iscopo la salvezza della prole futura, compre- 
sovi le varie fatture degli accartoccini : tutti cotesti fatti po- 
tranno farsi procedere in origine dall'appetito, ed eziandio da 
stimoli, e da un discernimento individuale; ma pei non pochi 
ragguagli in cui tali spiegazioni possono sembrare meno sod- 
disfacenti, era necessario mettere in rilievo il processo che 
abbiamo esposto, non come il solo ma come Tinfimo nella 
attivita animale. 



E 01. IS1 MAM 

\l\. 

1 moti procedenti da appetite. L'appetito rationale nelVuomo: 
sua connessione colla ragione particolare : sua natura di 
ordine sensitive: passioni animali arenti oggetto razio- 
nale; tra, ghiottowia, sensualita razionali, e pur sempre 
animali. Le asioni umane. 

Per quanto sia da ammettore e da rammentare anche al- 
1'uopo, la possibility di moti animali deterrninati per iiniut- 
diato influsso delTimrnaginazione nel modo esposto; un tal 
proc*so nondimeno non potra presupporsi a tutto spiano; -. 
essendo che 1' impulse immediate ai moti, spettanti in proprio 
alia vita anirnale, viene naturalmente daH'appetito. E per v-- 
rit;i Fatto conoscitivo, consistendo e compiendosi in un come 
ricevimento, dell'oggetto appreso, nella potenza, non puo avere 
per questo capo nessuna efficacia a determinare un moto 
corporeo 1 : che se il moto consegue talora dalla mera ap- 
prensione sensitiva o fantastica, cio avverra piuttosto per 
conseguenza materiale e fisiologica, in quanto Torgano cen- 
trale comunica al sistema nervoso la conunozione (quale che 
ella sia) da se concepita. Sicch6 tali moti non ispettano al- 
rattivita conoscitiva e animate se non per conto delJa loro 
prima origine; nel resto sono piuttosto organici, come quei 
della vita vegetativa. Tutfaltra cosa e quando 1'apprensioue 
desta un affetto, il <]uale e come un moto immateriale verso 
1'oggetto, p. e. verso il cibo veduto; o in senso contrario, 
come avviene nella paura, che e quasi un rifuggire mental- 
mente daU'oggetto pauroso 8 : sicche il corpo si muove fl- 



1 Operatic virtuttt apprehensivae pcrficitur in hoe, quod ret appreheiuae 
tunt in apprehedente;... et ideo... astimilatur qtiieti S. Thorn. 1 p. 9. 81, 
a. 1. c. 

* Operatic autem virtuttt appetitivae perficitur in hoc, quod appetens 
inclinalur in rem appetibilem. Bt ideo... operatic virtutft appetitivae ma- 
git attimilatur motui. Ib. 



LE AZIONI 

sicamente per influsso di quel moto immateriale o ubbidcn- 
dogli, se 1'atto e imperato, o secondandolo naturalmente e 
i[ii;isi continuandosi con esso. Cotesto si, e un modo di atti- 
vita esterna d'ordine superiore al materiale e al vegetative. 
Ed essendo altresi Tordinaria via, onde procedono le azioni 
della vita animale, questa soprattutto abbiamo qui a cercar 
di chiarire in tutti i suoi ragguagli. 

Passando adunque a discorrere deirappetito animale in 
quanto 'e principio immediate di azione, e troppo giusto che 

10 consideriamo primieramente nell'uomo, nel quale esso co- 
stituisce ci6 che i Moralist! chiamano la parte inferiore; e 
da origine in lui ad una classe di affetti che, fondandosi evi- 
dentemente su concetti razionali, non apparisce tosto come 
possano ascriversi all'appetito animale. L'esitazione in cio de- 
riva tutta dal non fare il debito conto, e forse dal non aversi 
da alcuni neanche un chiaro concetto di quella potenza, che 
presso gli Scolastici va sotto il nome di ragione particolare 

cogitativa : e si, nello stato presente puo dirsi che per essa 
si eserciti in massima parte la nostra attivita mentale. La- 
voro del nostro intelletto sono, in fatti, i soli concetti, e quindi 

1 giudizii, astratli ed universali, che certo non pigliano gran 
posto nei pensieri neppure dei fllosofl piii meditativi, non che 
dei volgari. Da mane a sera noi non pensiamo per lo piu 
che a persone, ad oggetti e a fatti particolari e concreti: e 

11 pensarne comprende non solo 1'apprenderli sotto concetti 
razionali p. e. di uomo, di libro, di arrive; ma il giudicarne 
come di bello o brutto, _onorevole o vergognoso, utile o svan- 
taggioso; e persino il collegare opportunamente tali giudizii 
in raziocinii, e dedurne conclusioni dotate di una universalitk 
e certezza flsica o morale, che si proporziona ottimamente 
non solo alia pratica della vita, ma alia creazione ancora 
delle -scienze positive. 

Mirando le cose alia leggiera, non pochi fllosofl recenti 
ammettono o suppongono senza discussione che tutti cotesti 
pensamenti sieno lavorio deH'intelletto, come la formazione 
dei concetti e dei giudizii astratti. Ma la fllosofia antica non 



E flMALI 

>i ndere dalle appar* ns> qnMlM 

SSI 'li opt'iM/jimi, I-.,IM' di\. !> ;ifl;<ttn |>T ri;itur;i. Am, 
bensi ch- la ragionc partieolare, poich --gge tutt 
<x>ncetti razionali <e non sopra inri tanUismi com** 1'irn 

imM, MOM i)ii.' competere se nmi ;ul una natura dotata 
<rint'lletto, quale e 1'uomo. Ma, considcrando come quei CMI 

i concretati a rappresentare un individuo non risplendono 
piu della perfetta spiritualita ed astrutt<'/z;i, che e propria 
ilflle imagini intellettuali, gli Scolastici rawisarono in j., 
un'indiibitata prova del procedere quelli da una potenza or- 
ganica, ed appartenere quindi all'ordine della conoscenza sen- 
sitiva ed animale: non gia, scriveva a scanso d'equivoci TAn- 

u-o, che il senso sia capace per se di si alte operazioni, ma 
neiruoino siffatta attitudine gli proviene quasi per ridondanza 
dall'intelletto, cioe dalla perfeziooe^deiranima spirituale, in- 
formante gli organi *. A confermare luminosamente la giustezza 
^li coteste illazioni fllosofiche basterebbero gli svariati e nu- 
nit'rosi esempii, raccolti dalla moderna psichiatria, di sconcerti 
nientali, che, lasciando intatta la imaginativa, scompigliano 
la ragione, determinandone inorbosaniente i giudizii, toglien- 
<lole la possibility di formare una data classe di concetti, ec- 
cetera. l)a siffatti fenomeni conchiudono, non senza apparenza 
di vero, i materialisti, che le operazioni intellettuali sono an- 
ch'esse un lavoro del cervello: ma 1'argomento cade da se, 
quando si distingua colla FilosoHa antica fra il pensiero astratto 
che solo esso e intellettuale, e il concreto che e della ragione 
particolare; la quale ultima nulla vieta che si risenta ai pari 
<lella fantasia, degli sconcerti del suo organo: e la perturba- 
zione che ne risalira per avventura flno alle operazioni del- 
rintelletto, si spiega per la dipendenza di questa facolta dalle 
potenze inferiori, del che non abbiamo qui a intrattenerci. 

Chiarito cosi come nell'uomo i pensieri particolari intorno 
a oggetti non accessibili, in origine, ehe airintelletto, appar- 
tengono realmente alia conoscenza inferiore, perche organica 

1 V. SALIS SBEWIS, Delia conotcenza tcMitiv*, p. I, c. 3, art. 11. 



294 LE AZIONI 

e perci6 animate, non v' e piu difflcoltk ad intendere, ed & 
naturale ad ammettersi, che spettino all'appetito infet~iore, or- 
ganico e animate, gli affetti e le passion!, che con quella classe 
di conoscenza si connettono. Tale e p. e. Tambizione che si 
desta all'apprensione di uno stato attraente per onori ed au- 
torita; cosi 1'avarizia o la cupidigia, nata dall'apprendere 1'u- 
tilitk del denaro; cosi la vergogna e la vanita, che si destano 
per la disistima o la stima in che giudichiamo o supponiamo 
di essere tenuti da altrui ; la curiosita, la loquacita, Taudacia 
e la gelosia, e cosi cento altre passioni, che per Tuna parte 
si fondano evidentemente sopra concetti razionali, e per 1'altra 
si rivelano nulla meno come organiche, sia per la loro evi- 
dente connessione col temperamento o collo stato flsico acci- 
dentale deirindividuo, o sia ancora per la loro trasmissibilita 
ereditaria, della quale si hanno esempii non pochi e assai cu- 
riosi *. La fllosofla poi trova di ci6 un'altra riprova nel fatto 
che i moti di tali passioni non sono liberi e insorgono anzi 
naturalmente come gli appetiti dei bruti, dietro alia corrispon- 
dente apprensione: che anzi neppure ubbidiscono se non molto 
imperfettamente all'impero della volonta. Or ci6 s'attaglia bene 
alia natura di appetiti animali, tanto passivi nei loro moti, 
quanto sono impigliati nella materialita dell'organo, che li 
produce: doveche i moti di un appetito spirituale, come si 
scorge nella volonta, tanto sono liberi quanto & immune da 
ogni materialitk esso e la ragione universale del bene che gli 
si affaccia in quanto lo alletta. 

Ma se 1'appetito corrispondente alia ragion particolare de- 
vesi annoverare senza nessun dubbio fra gli appetiti sensitivi 

1 Citiamo qui quello di un bambino, figliuolo che era di un gentiluo- 
mo, appassionato pei cavalli e per la musica. II bambino era tuttora a balia 
quando il padre mori: e pur cosi piccino, non aveva maggior gusto che di 
veder cavalli, e se la notte non poteva dormire, conveniva per ore ed ore 
rifargli il verso del cavallo e del cocchiere, che altrimenti non chetava. 
Con sempre la stessa ambizione crebbe; e insieme colla passione della mu- 
sica, che per tempissimo gli si svolse, benche nessuno ve lo spingesse; 
onde appariva manifesto che 1'una e 1'altra egli 1'aveva ritirata non dal- 
1'educazione, ma dall'eredita del temperamento. 



B GI MAI I '^C) 

.nim.-ili. altrettanto <-hi:u e peru che, atteso il modo di 
conoscenza a cui si appoggia, esso non compete fra gli ani- 
ni. ili. che airuoini) solo; e che le passion! a lui spcttanti non 
possono trovarsi realmente in n'>sun bruto e solo vi avra in 
essi qualcosa di analogo. C.\<> ' manifesto per tutti i t-asi in 
cui Poggetto, o movente, della passione travalica evi<i-nt>uiente 
le conoscenze di un bruto, come e p. e. dell' onore e del dis- 
onore. Ma per gli altri oggetti ancora, a cui si |>un .-stendere 
1'appetito altresi dci hruti, < manifesto che 1'uomo ha un modo 
suo proprio di concepire, a riguardo di essi le passioni cor- 
rispondenti, in quanto cioe li apprende razionalmente. 

Di qui la vecchia distinzione fra la dilezioue e 1'amore sen- 
sibile, la quale dovrebbe mantenersi per ugual titolo a riguardo 
degli altri affetti : ma non vi si presta la poverta della lingua vol- 

v e della filosofica altresi, che suole contentarsi di com- 
prendere le due classi di passioni sotto denominazioni comuni: 
del che si scopre agevolmente la ragione osservando che, 
d'ordinario, come le rappresentazioni della fantasia s'associano 
e 3* intrecciano ai pensamenti della ragione, cosi Taffetto sen- 
-ihile deve accompugnarsi col razionale, senza che venga meno 
per6 la loro intrinseca differenza. Che se, come awiene talora, 
le due classi di apprensioni e d'affetti vadano dispaiati almeno 
in parte, la diversa loro natura si rivela tosto in cio che gli 
affetti razionali importano minore commozione flsica, che non 
i sensibili: il che s-'accorda appunto colla minore materialita 
della ragione particolare e delle sue passioni, a petto della 
bnaginazione, e degli alletti che delle sue rappresentazioni si 
alimentano. 

Un esempio pur troppo frequente se n' ha in certi de- 
litti commessi, come suol dirsi, a sangue freddo; com> fu 
la vendetta di un cotale, che, siccome egli dipoi conlessava 
'n dolore, provocato da un suo compagno con uno scherzo 
mordace, non monto sulle furie, non si turbo, ma, fisso nel 
pensiero dell'offesa e in un fpddo proposito di vendetta s'av- 
^iim^ ;ill'oirensore, che a vederlo cosi tranquillo neppur pens6 
3. ripararsi, e d'una coltellata nel cuore lo stese morto. Per 



I.K AXIOM 

dire di un altro genere, un cotal altro, di cui potrebbesi ci- 
tare il nome, gastronome ed epicureo consummate, vantava 
una sua costante pratica, che era di non ordinare il pasto 
susseguente, se non a corpo pieno; perocche, diceva egli, chi 
ha fame, appetisce ogni cosa; e a lui importava di ordinare 
un pasto cosi squisito e bene inteso, da dilettarsene a mente 
serena anche uno stomaco satollo. In queste brame e com- 
piacenze di raftinata ghiottornia non aveva dunque parte Fap- 
petito sensibile del cibo, nfe F imaginazione che invano gli 
avrebbe rappresentate le vivande piu ghiotte: ella era tutta 
una golosita razionale: ben inteso che non cessava per questo 
di essere animale; e un animale vero era poi quel TrimaP 
cione, che avviliva la sua ragione a supplemento e servigio 
di piu bassi appetiti. II medesimo si vuol dire della passione 
con che seguitano a frequentare le male pratiche tanti sco- 
stumati, in cui la complessione o 1' abuso attutirono il senso 
o T imaginazione, e quindi 1' appetito sensibile : e non percio 
quella loro tendenza esce nfe fisiologicamente ne moralmente 
dalla specie, a cui la determina senza equivoco 1'oggetto suo, 
che & di tendenza sessuale, come riconoscono tutti i Moralisti. 
La quale avvertenza vale altresi per certe curiosita malsane, 
che si velano collo specioso pretesto della scienza e delFarte^ 
e con tanto solo si scusa 1' offerir loro un largo pascolo nei 
libri, negli spettacoli, nei musei, nelle gallerie: ma airocchio 
della filosofla e della coscienza non saranno giustificate mai 
se non in quanto ne rimanga affatto escluso F impulse non 
solo della sensualita piu grossolana e bestiale, ma eziandio 
della piu sottile e, per cosi dire, umana. E qui non e fuor di 
luogo il notare che le passioni razionali, benchfe meno tumul- 
tuose nei loro moti, come fu detto, non sono niente meno- 
efficaci delle sensibili nelF indurre altrui alle azioni esterne. 
Percio tanto i delitti quanto gli atti virtuosi si veggono pro 
cedere nulla meno, se non anche piA, dagli affetti tranquil li 
e ragionati, che dai caldi ed impetuosi: e, per non citarne 
oho un esempio, fc noto che i popoli di temperamento pin t'ri- 
gido e d 1 imaginazione meno vivace non s'avvantaggiano per 



MM. M.I ?!7 

iiiill:i. quanto .1 i.n.'sij <ii costurni, sui popoli pin raldi ili 
im.'iuinoxi ; nii/i sono ad essi piuttosto int>riori, in 
rita ili riiv<ixt;m/'-. come insegna la stm-ia , la statistica. 

l;il detto fin qui si raccogiie quanto import! il distinguer 
bene nell'uomo coteste due forme, se non anzi due specie, di 
inoti appetitivi, rispondenti Tuna ad una cooosceyza razionale, 
1'altra ad un'apprensione irrazionale. Donde nasce di leggi 1 1 
M na conftisione di concetti, aiutata, come dicevamo, dalla scar- 
dei termini. Imperocche, se si tratta di oggetti accessihili 
alia conoscenza d'un bruto, awerra che la passione siguiii- 
lii-ata con uno stesso nome, p. e. di ira ovver.o di amore ma- 
tTiio, non sia difatto la medesima nel bruto e neiruomo, 
puichfe neiruomo stesso ella non sara una se non in quanto 
i <iue moti si uniscono in un solo. E per converse, trattandosi 
li apprensioni a cui non arriva un bruto, la passione, che ne 

.re neiruomo, sembrera di online superiore alfanimale, e 
le si attribuir& persino, per contrapposto alle altre piu basse, 
la qualiflca di spirituale, mentre ella 6 pur sempre organica ! . 
Sdbiliti per6 i concetti, piu tollerabile e meno dannosa riesce 
I'ambiguita dei termini. 

I'M ora b:stra una parola intorno le azioni che corrispon- 
dono a cotesta specie di conoscenza e di passioni, e che po- 
tremo chiamare umane e razionali, bench^ questi due termini 
sino anch'essi d' inconstante signiflcato. Per le cose esposte 
e chiaro in che consista Tessenziale differonza di tali azioni. 

:i non risiede nella riatura deiratto materiale, ma unic;- 
iiifiite in ci<"> che Tappetito umano si muove a quelle per un 
roncetto o {_ r iinli/in razionale, che Tuomo si fa della cosa o 
l'll'azione e della loro convenienza o sconvenienza. Destato 
<-dsi rajipctito, Tazione puo seguirne tuttora in due diverei 

li: > spontanoamente, come avviene negliatti subitanei pro- 



1 Coal p. e. S. Tomniaso, parlando dell'avarizia, scrive: Avaritia ttt pte- 
<atum spirituale... Avaritia circa corporate obiectum non qua frit delectatio- 
nem carualetn ted tolum animalem... Ratione tamen obiecti, medium ett inter 
peccata pure spiritunlia... et vitia purecarnalia, quae quaerunt delectationem 
pure corporalem circa obiectum corporate. 2. '2** q. 108 a. 6. 



2ns LE AZIONI E OL' ISTINTI DEGLI ANIMALI 

dotti dall'ira o dal timore; ovvero deliberatamente, coirinter- 
vento del libero arbitrio che, associandosi al moto appetiti 
anzi governandolo, la fa sua ; nel qual caso 1'azione si dice ed 
e in pill stretto senso umana. Nell'un caso e nell'altro per6 
ci6 che la contraddistingue e il fondarsi essa sopra concetti 
razionali. Tapto fugge, e afferra, e mangia, 1'uomo quanto il 
bruto: ma 1'uomo, quando agisce da uomo, fugge o mangia 
perchfe pensa che ci6 gli conviene, doveche il bruto non ha 
affatto la nozione di convenienza da applicarla alia fuga o al- 
1'atto del mangiare, e sentirvisi per tal ragione indotto *. E 
qui sta il tutto. Esclusa poi dal cervello del bruto 1'esistenza 
di qualunque concetto, cio che rimane si potra denoininare 
discernimento, apprensione di qualita non soggette al senso, 
giudizio, e con altri termini, che la poverta della lingua ci 
costringe e 1'analogia ci permette comunque, di usare; sen/a 
che il bruto si avvicini perci6 menomamente coll'uomo. Come 
poi il bruto, senza avere nessuna nozione di nulla possa non- 
dimeno agire appropriatamente ad un effetto avuto di mira, 
cio si chiarira facilmente in un prossimo articolo. La diffl- 
colta non e qui, bensi piuttosto nello stabilire come si destino 
nei brtiti i moti, che vi si presuppongono, dell'appetito. 



1 Quaedam ad bonum inclinantur cum aliqua cognitione ; non quidetn 
sic quod cognoscant ipsam rationetn boni, sed cognoscunt aliquod bonum par- 
ticulare ; sicut sensus qui cognoscit dulce ft album et aliquid huiusmodi.... 
Quaedam vero inclinantur ad bonum curr. cognitione, qua cognoscunt ipsam 
rationem boni, quod est proprium inteVectus. S. THOM. 1 p. q. 59, a. 1. 



AfiNESE E SUSANNA 



O 

GLI I 1. 1 nil ANNI DELIA PERSECUZIONE DIOCLEZIANfiA 



x\. 

UN TRABOCCHELLO PREPARATO ALI/INXOCENZA. 

II giovane patrizio, che gia vedemmo fare lo spasiruato 
per Agnese e aliarle d'attorno, quand'ella metteva pie fuor di 
casa, era tomato a 'Roma, ed aveva per lettera reiterate ad 
Agnese le sue proposte di matrimonio, senza riceverne mai 
una linoa di risposta. Di che corrucciato e caduto omai di 
speranza, menava i suoi giorni in grande travaglio. Quando 
in buon punto, com'egli avvisava, venne per suo padre la no- 
mina di Prefetto della citta. Procopio, che tal era il nome 
del giovane, sentissi rinascere.in cuore la speranza, pensando 
che la nuova ed eccelsa diguita, onde veniva insignito Sinfo- 
riano suo padre, dovesse piu che altro abbagliare col suo 
splendore gli occhi di Agnese o almeno de' genitori suoi. II 
dabben giovajie illudevasi, ma d' illusioni vivono quasi sempre 
grinnamorati: onde in essi quel continuo passare da una dis- 
detta all'altra, come chi, volendo cansar Scilla, va incontro 
a Cari'Mi. Meno infelice fu ejrli nei tuntativi iatti con i con- 
giunti di Agnese per muoverli a patrocinare la sua causa. 
Poiche questi, vuoi per timore de" inali che poteva attirare 
a<l<losso alia famiglia e alia Chiesa di Roma il riliuto della 
damigella, vuoi per la speranza del bene che all'uiia e alfaltra 
potrebbe provenire dal suo consenso alle nozze, presero a se- 



.'SCO AGNESE E SUSANNA 

condare le mire di Procopio, e a dare fiera battaglia all" an i 
di lei per indurla a sposarlo. 

Vedevasi dunque anch'ella posta a quell' istesso bivio, a cui 
era ridotta 1'amica sua Susanna; ma non meno di lei sald;t 
nel suo proposito, schermivasi dagli assalti de' parent! e degli 
amici. 

Procopio intanto non lasciava passar giorno che non desse, 
come lo sparviero, le sue volte intorno al nido dell'amata 
tortorella ; ma non era mai che questa si facesse alia finestra ; e 
quando usciva di casa, accompagnata dalla sua governante, 
se ne gia tutta contegnosa e in s ristretta, studiando il passo 
e con gli occhi confitti in terra. Invano il damerino tutto Undo,, 
azzimato e profumato, come una rosa di maggio, davale, a 
mo' del pavone, le rote attorno, ovvero, cavalcando un gene- 
roso baio, facevalo caracollare e corvettare con bella grazia 
su e. giu davanti al palazzo di Agnese. Invano di notte per 
cola ripassava con una brigatella di amici a farle una sere- 
nata al lume di luna ; o vi facea cantare da giullari e mene- 
strelli certi suoi versi sdolcinati e pieni di leziosaggini <l;i 
spasimato. L'uscio e le finestre di quella casa erano per lut 
murate ; e niuno de' domestici, cosi volendo Agnese, vi dava 
segno di vivo. Di che Procopio imbizzarriva oltre ogni cre- 
dere, parendogli la ritrosia e modestia di Agnese un disprezzo 
della sua persona. 

Avrebb'egli voluto rapirla; ma rattenevalo da quell' orri- 
bile attentato il timore dell' infamia, di che avrebbe macchiato 
il suo nome, e piu ancora lo sdegno del padre ; il quale sarebbe 
percio stato costretto ad abbandonare la sua carica di Prefetto,. 
ovvero a punire egli stesso con pubblico castigo il figliuolo. 

Appigliossi pertanto a un altro partito men arrischiato; e 
diviso seco stesso di penetrare in casa della damigella e di 
gittarlesi a' piedi per muoverla con le sue preghiere e le sue 
lagrime a compassione del suo misero stato. 

Ma come giungere flno a lei, che tenevasi chiusa nelle sue 
stanze piu che una conchiglia per entro alle sue valve, o una 
rrisalide nel suo bozzolo ? Qui si vuol giocare d'astuzia, disse= 



I'RABOCCHELLO I 

tra se e se, e come ben conosceva il vulpmi, .I'Arsicio, 
bazzicava in Prefettura, ebbe ricorso a quell' arfasatto, pro- 

{n.logli niuri umnti. <>\- riuscissegli d'introdurlo di ce- 
lato in casa di Agnese. Arsicio glielo promise, ma a ] 
che avrebbegli dato a cornpagno nell'ardua impresa 1 .unic.. 

tone, il traditore de' cristiani, adducendo per ragione che 
colui era un traforello scozzonato come una volpe e capace 
di far la salsa al diavolo. 

Procopio accett6 il patto, ed abboccossi eziandio con que- 
st' altro bindolo, facendo anche a lui come ad Arsicio magni- 
fiche promesse. 

I due bari indettaronsi insieme, e presero i loro avvisa- 
menti per riuscire nel perfldo intento. 

Anzitutto risolvettero di recare con sottile astuzia la gio- 
vinetta ad aprire e leggere le amorose lettere di Procopio; e 
ove queste non facessero breccia sull'animo di lei, avrebbero 
spinto piu oltre i loro tentativi. Essi sapevano per fanja le 
beneficenze di Agnese e la sua gran carita verso gli orfani 
e gli esposti, e giovaronsene per tenderle i loro lacciuoli. 

Un di sul primo rompere dell' alba deposero innanzi alia 
porta del suo palagio una bimba di pochi mesi avvolta in 
cenci, coperta di scabbia e quasi spirante : e se la diedero a 
gambe. Ai vagiti di quella tapinella trasse il portiere, e rac- 
cattatela di terra, portolla ad Agnese; la quale Taccolse fra 
le sue braccia, e si fe a svestirla per nettarla da quel fastidio 
e medicarne le piaghe. Ma in questo vide dalle pieghe della 
vesticciuola della bimba uscire un papiro che Agnese affret- 
tossi a raccogliere, sperando di trovarvi dentro il nome del- 

posta e fors'anco qualche notizia di lei. Aprillo, lo corse 
ii 1'occhio, s'accese di viva porpora in volto, e lanciatolo 
con disdegno a terra, calpestollo, e torno alle sue cure pie- 
tose verso Tinfelice pargoletta. 

< ho conteneva mai quel ibglio? Una lettera tutta sv.-n. 
vole di Procopio. L'artiflzio adunque non aveva sortito altro 
effetto se non di provocare a sdegno 1'aniino gentile e c,-ui 
dido di Agnese. 



302 AONESE E SUSANNA 

Trascorsero alquanti giorni, e Procopio, non ricevendo ri- 
sposta di sorta alcuna, ne il menomo indizio del buon effetto 
che aspettava dalla sua missiva, lagnossene con Arsicio e Stra- 
tone; i quali, mortificati anch'essi della mala riuscita del 
primo tentative, gli suggerirono un altro spediente, e fu man- 
darle invece di lettere ricclii presenti. 

Credete voi, dissegli Arsicio, che le donne si lascino 
pigliare all'esca di mutate paroline? Ci vuol altro! Conviene 
mettere mano alia borsa, e far brillare agli occhi loro vezzi 
e gingilli di gioie da strabellire e primeggiare nelle corn- 
parse. 

Non dici male, ripiglio Procopio. 

- Ma che vuo' tu che ne faccia la pulzella di Via No- 
mentana, tutta imbalsamata di devozione ? riprese Stratone. 

Ah! tutte le donne hanno il baco della vanita, disse 
Arsicio, ghignando. 

Eccettuate pero quelle spigolistre di cristiane, ripiglio 
Stratone. lo le conosco, e ti so dire che elle non degnereb- 
bero d' ufi guardo, non che di un sospiro, i vezzi dello stesso 
Adone, se lor comparisse in carne ed ossa. 

Sarebbe per ventura Agnese cristiana? domando con 
certa ansieta Procopio. 

Non ve lo posso affermare con certezza ; ma sembrami 
d'averla veduta in una riunione di Nazareni. 

Basta: io per cotesto non mi fo n6 in qua ne in la. 
Ha tanti cristiani anch'egli in sua corte Timperator Diocle- 
ziano ! Anzi cristiane pur sono e la moglie e la figlia di lui. 
Perche non potrei avere anch'io una sposa cristiana? Sola- 
mente temo che se Agnese e veramente cristiana, come tu 
sospetti, non abbia a preferire la verginit alle nozze! Ad 
ogni modo giova tentarne Tanimo; e di presente andro alle ta- 
berne argentarie a torne un fornimento di gioie da disgra- 
darne le imperatrici. Frattanto voi aguzzate i vostri ferruzzi ; 
e divisate qualche vostro ingegno da mettermi dentro a quella 
rocca, accennando alia casa di Agnese, e avrete aurei flam- 
manti a iosa. 



TRAROCCHELLO I 

It.rn l;i MI.-IIIM, ,lj;. eolta, '! 

^ntrato in urn l.<.tt'^r:i li i:i<i''lli.'iv, l.-v..nne un anello, in 
mi l.rill;i\;i .11 luliriilissiiiKi luce un solitario legato in nro, pin 
boccola da petto, con in MIC/ZO un caiiu'n li s.juisito la- 
voro, una collana di prosse perle, un paio di anuille t.-iujM- 
state di rubini, smeraldi e zafllri di bellissim'acqua, un i>;ii> 
d'orecchini d'oro con bei pendenti di balasci e un diadema 
pur d'oro coronato da doppia flla di perle intraim'z/atc <li 
gemme, ch'erano una vaghezza a vedere. Chiuse il ricco f<r- 
nimento in un astuccio di rasetto chermisino a onde, operato 
a trapunti e ricami d'oro, e soppannato di seta azzurra, e 
mandollo ad Agnese, accompagnandolo con un suo galante e 
profumato biglietto. 

Agnese gli rispose, rimandandogli il donativo con un s.-m 
plice rendimento di grazie. Questo rifluto fu una fltta al cuore 
di Procopio, il quale, avendo omai esaurito tutti i tentativi 
suggeritigli dalla passione, mise mano a quello che chiamar 
si poteva un tentative da disperato. Qual fosse lo vedremo in 
seguito. 

Ora e a tornare alia sua arnica Susanna. 

XVI. 

IL RITORXO DI SUSANNA E LA FESTA DEL BATTESIMO. 

Di giorno in giorno Diocleziano aspettava una lettera di 
Serena che lo assicurasse della sommissione di Susanna; ma 
passavano le settimane, ed era omai trascorso piu di un mese 
che ella non facevasi viva. II perche, sdegnato il Principe invio 
a Roma un suo confidente, chiamato Curzio, a vedere come 
andasse cotesta faccenda, e se Serena avesse fornito il suo 
comando. Curzio, messosi prestamente in viaggio, se ne venne 
battendo a Roma; e smontato a Palazzo, presentossi all'Aii- 
gusta con una lettera imperiale, in cui Diocleziano rampogna- 
vala del suo prolungato silenzio. Ella promise al messo che 
avrebbe risposto all'Imperatore come si conveniva. 



.'504 AGNESE E Si -ANNA 

Infatti il di seguente, tomato Curzio a palazzo, consegno-li 
una lettera per Diocleziano, in cui candidamente profess;* n- 
dosi cristiana, protestava: se non poter esortare alle nozze rhi 
preferiva a quelle la verginita avuta in tanto pregio nel cri- 
stianesimo. La risposta mandata da Curzio a Diocleziano fu 
nuova esca al fuoco. Al leggerla 1'imperatore monto sulle bi- 
che, e tutto arruffato e serpentoso fe' spedire issofatto a Cur- 
zio 1'ordine d'intimare in suo nome P Serena lo sfratto dalla 
Corte, e di ricondurre a casa sua Susanna, facendola quivi 
in un col padre sorvegliare e custodire flno alia sua venuta 
a Roma. 

Curzio affrettossi a comunicare quest'ordine a Serena; la 
quale, dolente piu della dipartita di Susanna, che del suo ban- 
do, abbracciandola, le disse : Figlia mia, io non ti potro piu 
proteggere; ma quel Dio che difese 1'antica Susanna da' suoi 
insidiatori, difenderh anche te che ne porti il nome, e ne imiti 
la virtu. 

Susanna piangeva, e Serena anch'essa mescolava le sue 
lagrime con quelle della vergine. Abbracciaronsi per Tultiiiia 
volta, si dissero' con voce soffocata dal pianto, addio; e se- 
pararonsi per non piu rivedersi su questa terra. Curzio fe' sa- 
lire Susanna in un cocchio chiuso, e accompagnolla alia casa 
paterna. Gabinio, che nulla sapeva dei recenti ordini di Dio- 
cleziano, fu lieto fuor di misura al vedere la sua colomba 
tornata al nido. Ma breve fu la sua gioia; ch6 Curzio notifi- 
cogli gli ordini imperiali, e mise guardie travestite alia porta 
di casa, con ordine che non lasciassero uscire di la ne il pa- 
dre, ne la figlia. Non era per6 lor divietato ancora di ricevere 
le visite dei parenti e degli amici; il che valse a raddolcire 
alquanto la lor domestica prigionia. 

La prima a ricevere la fausta novella del ritorno di Su- 
sanna a casa fu Agnese; la quale tutta in giolito e in testa 
volo a visitare 1'amica, e gittossele tra le braccia teneramente 
piangendo. Avrebbe voluto dirle mille cose a un tratto; ma 
nella foga della tenerezza e della gioia non pote proferire che 
rotti accenti. Stettero qualche pezza strettamente abbracciate 



DBLBATTESIMO 

; e poiche ohb* 1 ilato giti quol primo impeto di :n' 
pr*sero a contarsi a vicenda le passate avventure, rallegran- 
Insi santam-Mit.' in>i>Miie che il Signore avesscle si amorosa- 
m-Mt pn>i>tt>. Indi, ragionando delle durissime prove e dei 
pericoli a che si vedrebbero per Tavvenire esposte, Tuna da 
parte di Diocleziano e di Massimino, e 1'altra da parte di Pro- 
copio e del Prefetto di Roma, suo padre, vennero nell'eroica 
determinazione di troncare con un taglio reciso a tutti i pre- 
tendenti alle loro nozze ogni speranza col prendere il sacro 
velo della perpetua verginita. 

Gift da pezza era questo il loro voto, ma non avevano an- 
cor potuto, Agnese per Teta e Susanna per le note vicenl>, 
metterlo ad effetto. Accordaronsi adunque insieme che nella 
ventura solennita del Santo Natale avrebbero offerto il loro 
giglio immacolato sulla culla del divino Infante in una delle 
catacombe, ove si fossero celebrati i divini misteri. Che se ci6 
non fosse stato possibile a Susanna, sorvegliata dalla Polizia 
segreta, ella avrebbe pronunziato il suo voto di perpetua ver- 
ging nelle mani del padre a pie' del suo domestico altare. 
Presa questa risoluzione, piti non pensarono le due vergini 
che ad apparecchiarsi alle mistiche nozze con lo Sposo cele- 
ste; e Agnese, tolto da lei comrniato, torno tutta giubilante 
a casa. 

Quel giorno Susanna ebbe eziandio la gradita visita di 
Trasone, de' suoi cugini Massimo e Claudio e di altri per- 
sonaggi. Tra questi era la matrona Lucina, che venue a farle 
i suoi rallegramenti, seco conducendo il fanciullo Crescenzio, 
il ((uale al vederla, ballonzolava tutto arzillo di contento, e face- 
vale gran testa intorno. Queste visile nei primi giorni a^;M 
frequenti, divennero in appresso piu rare; dappoiche gli st-i 
visitatori s'avvidero d'essere anch'essi sorvegliati dalla Poli/ia. 

Frattanto correvano tra i fedeli di Roma tristi novelle sulle 
inten/ioni di Galerio; il quale, tomato a Nicomedia, non !; 
che sobiliare Diocleziano, perche venisse apertamente alle rotte 
coi cristiani. rnppresentnndoglieli come nemici del suo trono 
e delPimpero. 

XT, *>L X, fate. 10',3. 20 95 *prilt 18*4. 



.".IK; N\A 

Le novelle venivano purtroppo confermate dalle lettere 
che i cristiani di Corte scrivevano a Claudio e a Massimo 
loro amici. 

Non era dunque difficile il prevedere che una nuova e piu 
formidabile tempesta sarebbesi scatenala contro la navicella 
di Pietro gia per tre secoli si fleramente sbattuta. Quindi era 
in tutti i fedeli quell' ansieta che prova il nocchiero all'awi- 
cinarsi della procella, ma un' ansieta. che non ingenerava in 
loro sgomento, bensi stimolavane la vigilanza e raddoppia- 
vane 1'ardore per la difesa della propria fede. 

Gabinio, temendo che nel furore della persecuzione avesse 
ad esserie la figlia violentata o rapita, divisato aveva di tra- 
fugarla da Roma, prima che Diocleziano vi arrivasse per ce- 
lebrarvi i suoi vicennali. Ma come deludere i cento occhi 
della polizia e i mille delle spie ? Dove ricoverarsi cosi di ce- 
lato dal nuovo Prefetto, ch'egli non ne avesse vento ?... E poi 
non sarebbe cotesto un perdere egli e Susanna la bella oc- 
casione di conseguire la palma cotanto vagheggiata del mar- 
tirio ?... 

Dopo avere pregato molto, e molto ruminate per 1'animo 
il partito da prendersi, da ultimo fermo seco stesso di non 
cimentarsi a un tentative di fuga d' incertissima riuscita, ma 
di rimanersene in Roma, abbandonandosi interamente nelle 
mani di Dio per tutto quello che piacesse a sua divina Maesta 
disporre di lui e della sua figliuola. Confortavalo anche a 
questo il pensiero ch'egli non era un semplice gregario della 
santa milizia, ma un capitano, cui spettava rincorare coll'esem- 
pio e la parola i soldati della croce nel prossimo combatti- 
mento. 

Oltreche, il Pontefice giovavasi assai dell'opera sua; e in 
que' giorni appunto consultavalo per lettera intorno ai mezzi 
piu acconci da provvedere al minacciato gregge di Gesii Cri- 
sto, sostenendone la fede e rinflammandone il coraggio. 

A tal uopo aveva il Pontefice risoluto di riunire nottetempo 
nelle catacombe di Callisto molti fedeli di Roma, celebran- 
dovi con maggior solennita dell'usato le prossime feste nata- 



I. II. RITORNO l'I 

li/i<*. Al che confortollo anche Gabinio, iogli perfino spe- 

il suo intervento e quello dclla flglia, ove riuscisse loro 
<li tl.'ludere la sorveglianza delle guardi.-. 

Egli avevane gia divisato il inodo con Trasone; e vedremo 
j.iu iiiuaii/i come enlrambi il rocassero ad efietto. 

Frattanto il Ponteflce, avendo segretamente in sua casa 
niti nella fede i due catecumeni delta Frigia, Dionigi e 
Pancrazio, che i nostri lettori impararono a conoscere, non 
voile per tema della sovrastante persecuzione differir loro piu 
a lungo il battesimo, tanto da essi sospirato. E per dare al- 
1' istesso tempo un contentino spirituals alia buona Susanna, 
che lottava con tanta fermezza in difesa della verginita e 
della fede, ebbe il gentile pensiero di far battezzare i due 
catecumeni dal padre di lei Gabinio nella domestica cappella. 
Gliene scrisse, ed ebbene in risposta che non poteva fargli 
un piu grazioso ed ambito favore. 

Fermato pertanto il giorno di cotesta solennita, Susanna 
fe'addobbare a festa il suo Oratorio; e Trasone coi due fra- 
telli Claudio e Massimo recaronsi di buon mattino a casa del 
Ponteflce, ove erano dai due catecumeni aspettati. Ad ecce- 
zione dei tre amici, niun altro era stato invitato alia festa per 
non mettere in sospetto la polizia, da cui era la casa di Ga- 
binio sorvegliata. II Papa, dopo avere benedetti i due catecu- 
iiH>ni, consegnolli a Trasone; il quale seco menolli all'anzi- 
detto luogo, seguito da Massimo e da Claudio, ma con note- 
vole intervallo di tempo, per meglio nascondere lo scopo di 
quella riunione. 

Susanna non capiva in se per la gioia al vedere la b'lla 
conquista che il suo sposo divino aveva fatta nella persona di 
Dionigi e di Pancrazio, amendue nobilissimi di sangue e di 
costumi, e quest' ultimo un vero angioletto d' innocenza, di 
candore e di bellezza. 

Ella stessa, misegli in dosso la bianca veste del battosiim., 
posegli in capo una ghirlanda di fiori, e un'altru ad anna 
collo, e cinsegli i flanchi di una larga fascia di seta, su cui 
ella st;ssa aveva ricamato in oro il monogramma di Cristo. 



*08 AONESE E SUSANNA 

Adesso nulla mancava a Pancrazio per parere un angelo ru- 
bato al paradise. 

Cosi adorno fu introdotto con lo zio Dionigi nella cappella 
messa a gran gala di serici veli e cortine, olezzante di fiori 
e tutta sfolgorante di luci, che riflesse dagli speech! di lucido 
marmo e di cristallo, non che dagli ori e dalle gemme, ond' era 
adorna Pimagine del buon Pastore, campeggiante sulfaltare, 
ne addoppiavano mirabilmente lo splendore. II Sacerdote r,a- 
binio diresse ai due catecumeni una fervorosa esortazione, dopo 
la quale die' principio al solenne rito. II primo a ricevere il bat- 
tesimo fu Dionigi; il quale vivamente commosso e lagrimando di 
gioia, aH'uscire del sacro fonte sclamo: adesso posso dir anch'io 
Nunc dimittis servum tuum Domine. E il Signore esaudi 
i voti suoi, chiamandolo poche settimane appresso agli eterni 
gaudii del cielo. 

Quando venne la volta di Pancrazio, egli era tutto rag- 
giante di celestiale letizia, e pareva come rapito in un'estasi 
d'amore verso il suo Gesu, a cui rendere doveva un giorno 
la sua bianca stola imporporata del proprio sangue. Amendue 
furono levati al sacro fonte da Trasone; il quale, terminato 
1'augusto rito, menolli a pie deiraltare, ove Gabinio, para to 
degli abiti sacerdotali, intono un inno di grazie al Signore. 

Erano, come dicemmo piii innanzi, a cotesta funzione pre- 
senti i due fratelli Massimo e Claudio, il primo de' quali, non 
ancora cristiano, sentivasi a quella vista riaccendere in cuore 
il desiderio del battesimo, da cui per umani riguardi erasi 
fino allora tenuto lontano; e quella nuova chiamata di Dio 
facevasi sentir si forte al suo cuore, ch' egli non potea rat- 
tenere le lagrime ; e tuttavia neppur questa volta diessi vinto 
alia grazia. 

Quando all'uscire della cappella tutti serraronsi attorno ai 
due battezzati per festeggiarli, e congratularsi con loro di 
tanta felicita, Massimo baci6 in fronte Pancrazio, dicendogli: 
-Angelo mio, prega il Signore per me; e glielo disse 
con tale espressione, che ben dava a conoscere la fiera bat- 
taglia ch'egli sosteneva con se stesso. Pancrazio con quel suo 



i r;mdnv ^lirispose;- no, pregher6 pei 

rogher6 il min (M-SI'I, -hVi_ r li ti l;i.vi.-i \m rristbii". un mar- 
tin-, iin santo del paradiso, sei contento? 

lut ^ro; ma Dio parlava per bocca dell' innocenza. 

Gabinio imito i convenuti ad accompagnare i due neofiti 
nel vicino salotto, ove Susanna aveva anunannito a tutti un 
rinfresco, e messi in bella mostra i donativi, coi quali ella 
e il padre suo regalare volevano i due novelli cristiuni; ed 
erano care memorie dei martiri romani, chiuse in borsellini 
di raso e in alcune teche d'argento e d'oro. Quanf essi gradissm 
questi doni, puo argomentarlo chiunque si senta battere in 
petto un cnore ardente di fede e di amore verso Dio e i santi 
suoi. I-Ssi ne resero affettuose grazie a Gabinio e alia figlia; 
e, tolto da loro commiato, tornarono presso il Ponteflce, che 
aspettavali per abbracciarli, benedirli e confermarli col santo 
( .risma nella fede, come fe' poco appresso a jrrande conten- 
tamento delPanimo loro. 



XVII. 

LE VEROINI ROMANE E LA PENITENTE. 

Era a mezzo il decembre ; e tuttavia uno splendido sole, 
liammeggiando in cielo limpido e cristallino, spandeva sulla 
citta dei sette colli un tepore primaverile. Susanna ed Agnese, 
sedute a un verone che guardava sul giardino, lavoravano 
li gran lena intorno alle vesti, ai veli, e alle corone, che 
adornar dovevano il loro mistico spoealizio. 

Tardami, diceva Susanna, ogni ora mille anni di andare 
a nozze col mio Sposo celeste! 

Ed io, soggiungeva la giovinetta Agnese, ardo, mi con- 
sumo per lui. Egli 6 Tunica flamma, Tunico -anelito del cuor 
mio. Oh quanto ho sospirato il giorno beatissirao, in cui po- 
tremo celebrare a pte deir altare il nostro mistico connubio 
con Gesii ! Kirli cotesto il migliore apparecchio pel mar- 
tirin . 



:; l" AONESE E SISANN A 

Sai tu che anche Sotere vuol consacrare al Sitrnore il 
giglio di sua verginita? Che te ne pare? Non e un bell'atto 
in una giovane patrizia e consolare, discendente dagli Aurelii 
Gotta e dai Valerii Massimi Messala, due famiglie che die- 
dero tanti Consoli e Prefetti a Roma? 

Certamente : ma chi te 1' ha detto? 

Hammelo confldato ella stessa. 

E quando ella ha divisato di festeggiare le sue nozze 
con Gesu? 

Nel prossimo Natale. 

Dunque saremo tre spose a pie di un' istesso altare ! Oh 
quanto ne godo! E quali saranno le nostre paraninfe ? 

Memmia e Giuliana, che 1'anno scorso presero il velo. 
II che fe' dare nelle smanie i patrizi Tarpeio e Persio, che ne 
ambivano la mano. E ben mi ricordo di avere udito che il 
primo al riceverne novella, tutto scorrubbiato, sclamu Ma 
chi e cotesto Cristo, che ci ruba le piu nobili, virtuose e belle 
vergini di Roma? 

Agnese rise di quella sbottata del pagaiio Tarpeio, e sog- 
giunse : Qual maraviglia che uno Sposo divino colga i flori 
piu belli nel giardino della sua Chiesa? Non facciamo noi 
altrettanto, quando vogliamo portare flori all'altare? 

Cosi ragionando e lavorando avevano acconciate le bian- 
che vesti, i candidi veli e le ghirlande di rose, ch'erano tutto 
il corredo nuziale. Ma piu che gli esterni apparecchi per la 
prossima festa stavano loro a cuore gl' interni deiranimo, che 
esse venivano disponendo al grand'atto con un raddoppiamento 
di fervore e con frequenti visite alle tombe delle vergini ro- 
mane, le quali negli andati tempi avevano sposato il giglio 
della verginita alia rosa del martirio. 

Sovente recavansi insieme in chiusa lettiga al Cimitero di 
Callisto, in sull^ via Appia, e oravano alia tomba della glo- 
riosa martire Cecilia, coronandola de' piu belli ed olezzanti flori 
dei loro giardini e bruciandovi sopra deliziosi aromi. 

II corpo della martire giaceva in una cripta attigua ai se- 
polcri dei Papi, e scavata in un'area funeraria appartenente 



xvii 

ti'M > n'liilissim:i l-uni^lia de' Orilii, da mi ^lo- 

e martin* IJ-C.TP! 

I! <jiii non sara discaro al lottore di sapere come pii\ se- 
coli appresso, cioe nell'822, quandn .In I'a^pKiN' primo venne 
aperta la sna tomba, trovossi il suo corpo gisuvnto in una 
i di cipresso e ancora intero, con indosso un;i v.-sin tes- 
suta di lili d'oro, qual costumavano le patrizie romane, e chiaz- 
/ata di sangue, e con a pi6 un viluppo di panni lini anch' 
insanguinati. La posa dell'estinta vergine era quanto jii.-,j 
immaginare di piu pietoso, patetico e sublime nell'estetica della 
morte. Vi si vedeva un inisto di dignita, di modestia e di dolore, 
che al contemplarla, ti sentivi correre per la vita un fremito 
di riverenza, di commiserazione e d'amore. II Papa Pasquale 
ne fu si tocco, che, levando di la la preziosa spoglia per deporla 
in marmoreo sarcofago sotto 1'altare della Chiesa eretta in 
suo onore nella stessa casa della Vergine, non ne alton'i 
menomainente la posa; cotalche quando il nuovo sepolcro fu 
anch'esso alia sua volta aperto nel 1599, tutta Roma, secondo 
che ci attestano Baronio e Bosio, accorse a contemplare quel 
maraviglioso spettacolo di Cecilia morta, in tutto somigliante 
dopo 14 secoli a Cecilia morente; e pittori e statuarii si fecero 
a ritrarla a gara in tela ed in marmo, come oggi ancora 
si vede. 

Ed ora tornando alle nostre Vergini, esse frequentavano 
altresi, or Tuna or Taltra ed ora insierne, le catacombe ov'erano 
sepolte le illustri vergini e martiri romane Balbina, Gliceria, 
Taziana, Teodora, Aurea, Martina e Licinia; ma piu spesso 
ancora visitavano le tombe di quelle che avevano in tempi 
piu a loro vicini suggellata la fede e la verginita col sangue, 
e delle quali tante cose avevano udito contare ai loro avoli 
o genitori. 

Dalla meta alia fine di quel secolo stesso avevano in fatti 
conquistata questa doppia corona le vergini Vittoria e Ana- 
tolia, Lucilla e Maria, Eugenia e Basilla, Ruflna e Seconda, 
Agrippina e Flora, Degna ed Emerita, Cirilla ed Anastasia la 
seniore, Benedetta, Daria, Bonosa, Restituta, la flgliuola di 



''I- AGNESE E SI 9 \N\A 

Asterio console, e da ultimo la tredicenne Prisca, di cui Agnese 
era grandemente devota. Cotesti esempi di eroismo cristiiiri'. 
in tenere donzelle del piu antico e chiaro sangue di Rom;i. 
quale scorreva nelle vene di Martina, Eugenia, Teodora e di 
altre moltissime, avevano per tal guisa inflammato Tanimo 
delle nostre vergini nell' amore di Gesu Cristo, che ardevano 
di essere sue spose e di poter anch'esse consacrare la ver- 
ginita col martirio. 

Dopo un diligente apparecchio e un'ansiosa aspettazione 
giunse finalrnente il giorno cotanto sospirato! La vigilia del 
Natale, poc'anzi al tramonto, Trasone se ne venne in cocchio 
a casa Gabinio, accompagnato da un suo liberto e da una 
cameriera, amendue orrevolmente vestiti. Entrato con essi nel- 
I'appartamento di Gabinio Eccoci, disse, agli ordini vostri. 
II mio liberto Fileraone vestir i vostri panni, e voi i suoi;e 
per questa notte egli si rassegnera a starsene qui chiuso nel 
vostro appartamento. Indi, volto alia caraeriera, soggiunse : 
E tu Sabina va all'appartamento di Susanna, a cui somigli 
tanto nella statura e un po' po' ancora nelle sembianze, scam- 
bia con essa le vesti, e prendi il luogo suo. Ricordati di star- 
tene sempre chiusa in camera e di non mostrarti ad anima vi\ii. 

Sabina fu tosto alle camere di Susanna, gi fatta dal padre 
accorta di quanto Trasone aveva da pezza divisato; e scam- 
biate con lei le vesti, passo airappartamento del padre ; il 
quale aveva gia fatta la sua trasformazione. Risero entrambi 
al vedersi cosi camuffati; e poichfc era entrata gia la notte, 
e Tatrio quella sera era stato a bello studio poco illuminato, 
lo poterono attraversare senza dar di se sospetto alle </uardie, 
le quali, ingannate dall'apparenza, e credendoli gli stessi che 
erano poc'anzi venuti con Trasone, lasciaronli passare. 

Saliti in cocchio, avviaronsi verso la via Appia; e giunti 
al cimitero di Callisto, vi trovarono gik riuniti numerosi gruppi 
di fedeli, fra quali la vergine Sotere, venuta anch'essa a ce- 
lebrarvi le mistiche nozze con lo sposo divino, e la sua ca- 
rissiina Aiinese con la lainiglia. Quando questa vide 1'amica 
in quella loggia, ebbene grande sollazzo. Susanna, ritiratasi in 



\ \ 1 1 
ilflU' i-ripti' pin nasrostr. in-loW, |.-i che 

va portata seco in nn involto, < << , in una dalma- 

', allora in uso, in un v>lo, chiamato rica * e in una co- 
rona di ros*; e cosi tra \.-stita, torno presso la sua piccola 
a mica, che le fe' gran festa. 

Gabinio va a I Papa; il quale in abito Pontifical 

entro nella cripta di (><-ilia e sulla tomba della martire si 
fe' a celebrare il divin sarrifizio. Dopo il Vangelo si assise 
sul suo seggio episcopate, e fe' al popolo una c<>mimvente 
Omelia sugl'incomparabili pregi della virginita, che trasforma 
Puomo in angelo. 

M'-ntr'ogli parlava udissi uno scoppio di pianto. Ognuno 
si volse a riguardare; ed ecco trarsi innanzi per mezzo alia 
ralra una Signora con la faccia velata. Giunta a pife del Pon- 
teflce, che in quel nionuMito avea sospeso per la novita del 
caso il ragionare, e sollevato il velo: 

Padre Santo, sclamo, ogni vostra parola e una frecciata 
al cuor mio. Piu resistere non posso allo strazio della coscienza 
che mi rinfaccia i miei peccati. lo sono Aglae !... Quell'Aglae 
che da voi rigenerata alia vita dello spirito, e ora, ahime!... 
morta alia irra/ia di Dio e sepolta nell'abisso del peccato. 

Perdonatomi, o Padre Santo, perdonatemi voi tutti, o fra 
tdli, e pregatf Mdio per me povera peccatrice! Si dicendo, 
siriirhiox/.ava, e lasciava cadere dagli occhi un nembo di la- 
grime, che bagnavano i pi del Pontefice, come quelle del la 
Maddalena i pie di Cristo. 

I. a pulthli.'a p.^nitenza di una gran dama, illustre per na- 
tali. I'ainosa p<-r ric-hr//- e ancor di eta floronte, commosse 
\i\\ astanti. 11 I'apa ne fu irnpietosito, e le disse, come il <li- 
vin Salvatnn- alia Maddalena: Confida, o figliiiula. tutti i pec- 
cati ti sono rimossi. 

l"n niorinorio ili approvazione corse per tuttn radiinan/a; 

1 Era una veate di lana bianca cbe dava fino al tallooe, con manicbe 
lungbe rtno ai polsi, ed era Hstata sul davanti da due strisce di porpora 
ricadenti dal collo ai piedi. 

* Velo da testa con frangia, usato allora dalle donne. 



[4 AGM 11 BANNA 

e il Ponteflce, ripigliato il suo ragionare, colse da qui il de- 
stro per intrecciare alle lodi della verginita e dell' innocenza 
quelle della penitenza, esortando alia medesima il popolo fe- 
dele. Quindi, ricordato il recente trionfo della fede nel mar- 
tirio di tanti legionari cristiani, conchiuse il suo dire con 
queste fatidiche parole. Quella spada che ha mietuto i forti, 
non risparmiera i deboli. Ai niartiri soldati terranno dietro 
i sacerdoti, le vergini, il popolo fedele, una sterminata mol- 
titudine di confessori e di martiri d'ogni eta, d'ogni ceto, 
d'ogni nazione. lo gia li contemplo intorno al trono del di- 
vino Agnello vestiti della veste nuziale, con in mano la palma 
e in capo i lauri della vittoria. lo gli ascolto sciogliere un 
cantico immortale di gloria al Dio de' forti, che li sostenne 
nell'arduo cimento; mentre veggo qui in terra dal loro san- 
gue sorgere, come da eletta semenza, e vigoreggiare e florire 
una nuova cristianita, che tra non molto coprira la super- 
ficie della terra. Verra tempo, e giovami sperare che non sia 
lontano, quando la divina potenza del Cristo abbattera 1'im- 
pero di Satana, e sulle rovine di quello stabilira in questa 
stessa Roma il suo trono. Affrettiamo, o figliuoli, questo 
trionfo coi nostri voti, e piii ancora con le lagrime della pe- 
nitenza, la santita del vivere e 1'eroismo del sacrifizio. Vi- 
viamo in tempi in che cristiano e martire suonano lo stesso. 
Noi felici pertanto, se ci fla dato di attestare a Gesu il nostro 
amore col gittare per lui generosamente il sangue e la vita! 

Le parole del Ponteflce vennero accolte dall' udienza come 
un vaticinio, che il tempo avrebbe indi a non molto veriflcato. 

Terminata 1'omelia, il Santo Padre prosegui il divin Sa- 
criflcio in mezzo ai cantici soavi de' fanciulli, tra quali erano 
Ansano degli Anici, Crescenzio e Pancrazio, che a somiglianza 
degli angeli inneggianti al pargoletto Dio in Betlemme, echeg- 
giare facevano delle loro voci argentine le mute e cieche volte 
delle catacombe. Dopo la Consumazione, ecco venire da una 
galleria di fianco all'altaro una processione di vergini prece- 
duta dalla croce. 

Erano tutte in veste bruna, eccetto tre che indcssavano la 



xvn. i: LA Pl- 

.t l'i;mra, con sopravi un volo che dal capo spiovea 
loro sulle spalle. 

Le brune erano le vergini gia consacrate, e ! 1-i .mro-ve- 
stitc, le candidate; le quali portavano un cereo in nuuio e 
una ghirlanda di rose in capo. 

La processione, dopo aver dato una volta per quel sotter- 
raneo Santuario, recitando salmi, fe sosta davanti alPaltare. 

Allora il Ponteflce si rivolse verso il popolo; e le tre can- 
didate gli si fecero innanzi accompagnate dallo Matrine Mom- 
mia e Oiuliana vergini professe; e prostrate umilmente a' suoi 
pie', dimandarongli il sacro velo. II Papa diresse loro un com- 
movente discorso sugli alti doveri ch'esso impone alle ver- 
gini cristiane, consacrate, non come le vestali al culto di una 
falsa divinita, ma si a quello del Dio vivo e vero, a cui ser- 
bar dovevano immacolato il corpo e lo spirito insieme, e man- 
tenere sempre vivo, non gift il fuoco materiale sull'ara, ma 
quello della caritft in cuore. Indi, benedetto il candido velo, po- 
selo in capo a ciascuna, mentre il coro de' fanciulli intonava 
esultante il Benedictus, alternandone i versetti col popolo 
fedele. 

Quando le tre vergini, deposte le loro corone sulla sacra 
mensa, si ritrassero dall'altare, la penitente Aglae, che fino 
allora era stata prostesa boccone a terra, bagnandola delle sue 
lagrime, levossi; e fattasi innanzi a loro Spose castissime 
di Gesfi, sclamcS, pregate per questa povera peccatrice ! E si 
dicendo, cadde ginocchione, e voile baciar loro i piedi, ripu- 
gnando esse in vano a quest'atto di tanto abbassamento in cosi 
nobile e potente patrizia. II che mosse il Papa a derogare 
per loi all'uso antico, e ad ammetterla senza pit"i alia parte- 
cipazione dei divini misteri. 

La conversione di Aglae, dovuta dopo Dio, agli amorevoli 
ammonimenti di Lucina, di Teodora e di Ottavilhu pie e no- 
bili matrone, trasse seco quella di Bonifazio, suo maggiordomo, 
nel cui a more elPerasi invescata. E cosi awerossi il presagio <li 
Trasone e di Gabinio; i quali, come fln dal principio del racconto 
dicemmo, ammirati della carita di Aglae e di Bonifazio verso 



.'5 H' AON! N (JS ANN A 

gli schiavi, ne trassero buon augurio per la loro conversions. 
Tant'fc vero che Pelemosina data al povero 6 un danaro <-h- 
si mette a interesse sul banco della misericordia di Dio, e 
trutta la remissione de' peccati in questa vita e la beatitudinc 
sempiterna nell'altra ! 

Prosegui il Ponteflce il divin sacriflzio; e dopo la comunione, 
distribui al popolo il pane degli angeli, cominciando dal giovi- 
netto Pancrazio, che quel di per la prima volta accostavasi al- 
1'Eucaristica mensa. Le dolci lagrinie che quell'angioletto di Dio 
versava in quell'aUo, scorrevangli giu per le gote come stille 
di rugiada per le porporine foglie delle rose. I suoi ardenti 
sospiri erano tante frecce d'amore, con le quali egli saettava il 
cuore del celeste sposo dell'anima sua; e alFaria del volto < 
aH'aUeggiamento della persona rendeva imagine di un sera- 
flno del cielo. A lui d'accanto piu non si vedeva il suo amato 
zio e tutore, rapitogli poc'anzi dalla morte, ma si il buon 
Trasone, datogli dal Ponteflce a tutore e custode della sua 
innocenza. In quella cara solennita Pancrazio era il re e le 
tre vergini le regine della festa. 

Terminata verso le quattro del mattino la sacra funzione, 
Fadunanza si sciolse; e ciascuno rincaso prima che aggior- 
nasse. II che s' era agevole agli altri, non era egualmente 
a Gabinio e alia sua flglia ; i quali, usciti di straforo, non po- 
tevano rientrare in casa senza rischio di venire scoperti. Ma 
Trasone aveva gia con un suo sottile ingegno prevenuto questo 
pericolo. 

Egli aveva dato ordine a Giustino suo maggiordomo che 
iacesse quella notte trasportare dai servi a casa Gabinio ghiotte 
vivande e vini generosi a iosa, e consegnasse il tutto ai quat- 
tro cerberi o alle quattro guardie che stavano alia porta, pre- 
gandole di volere ricapitare tutto quel ben di Dio al padrone 
di casa il di seguente, ch' era giorno di gran festa in casa 
Gabinio. Giustino forni puntualmente la bisogna; e ne avvenne 
appunto quello che Trasone prevedeva. 

Le guardie ricevettero a man baciata tutta quella imban- 
digione con animo di trionfarsela allegramente, riserbandone 



XMI >MANK 1 

app'M;i l.i <I'M JUKI parte al padrone di casa, a cui era diretta. 
Diluvi.irono tutta notte e sbombettarono quanto vollero all*' 
! di <i;il>inio; e poiche ebbero ben unto il grifo di lee- 
card! bocconi e vuotati inolti flaschi, sopraftatti <i:ii fumi del 
cibo e del vino gittaronsi a sdraio sulle pancbe, e attaccarono 
r;i>ino a buona caviglia. 

II portiere allora usci in fretta a darne, secondo il conve- 
nuto, avviso a Trasone; il quale, di ritorno dal cimitero di 
Callisto, aspettavalo nel suo palazzo in un con Gabinio e Su- 
sanna ; e tutti e tre senza perder tempo, si misero la via tra 
gambe, e in dieci ininuti giunsero alia cheticbella a casa. 
Ivi trovarono le guardie sepolte nel sonno, cbe russavano pia- 
cevolmente. 

Trasone, ridendo, disse a Gabinio II mio innocente stra- 
tagemma e riuscito a maraviglia : affrettatevi a rimandarmi il 
liberto e la cameriera. Gabinio e Susanna, ringraziatolo di 
cuore, salirono nei loro appartamenti ; e indi a pochi minuti 
ne scesero i due volontari prigionieri, e seguirono il loro pa- 
drone. 

Di tutto Taccaduto non trapelo per buona sorte cosa alcuna 
alia Poli/ia ; che le spie non ebbero vento di cotesta riunione 
nella Gatacomba di Callisto, e molto meno delPandata cola di 
Gabinio con la tigliuola. L 1 istesso Stratone, caduto gia in so- 
spetto, lungi dall'esservi invitato, ne sarebbe stato escluso, ove 
avesse avuto P impudenza di presentarvisi. E cosi tutto pro- 
cedette in soinina pace e con generale soddisfazione della co- 
munita cristiana. 

II n m iv. anno surse per la Chiesa romana relativamente 
tranquillo, essendo allora la Roma de' Cesari tutta occupata 
nei preparativi che vi si facevano per la prossima venuta di 
Diocleziano a celebrarvi il suo trionfo e le feste vicennali. Se- 
nonche quella calma fu di breve durata e foriera della pin 
gran tempesta, che mai si disfrenasse contro la Cbiesa di Dio. 



R1VISTA DELLA 8TAMPA 



i. 

De lege civili matrimoniali pro Hungariae regno, rogata mense 
decembri anni 1893, Specimen generates catholici iudicii. 
Concinnavit IOSEPHUS M. GRANIELLO S. R. E. P. C. CC. RR. 
S. Pauli Barnabitarum. Romae, apud Spithoever biblio- 
polam, 8 di pagg. 43. 

E noto per le pubbliche stampe, come sia stata proposta 
alia discussione del parlamento ungherese una triste legge 
intorno al matrimonio civile, e come clero e popolo cattolico 
siasi levato contro di essa con una fiera ed energica opposi- 
zione. L'Effio Autore nell' annunziato opuscolo con erudite e 
serrate deduzioui mette in piena mostra la velenosa malignita 
che si contiene nella legge suddetta. Ma nello svolgimento 
della questione con savio consiglio attenendosi ai punti capitali 
della dottrina intorno al matrimonio professata dalla Chiesa, 
universaleggia il suo argomento in modo, che nel battere di 
fronte la proposta ungherese colpisce ancora gravemente tutte 
le altre proposte di leggi somiglianti fatte in altri paesi. Donde 
appare la ragione,. per la quale rEiiio Autore ha intitolato.il 
libro: Specimen iudicii generalis. Giacche, apportando quegli 
argomenti dottrinali che riguardano in universale la legge 
presa a considerare, il giudizio, che n'esce, generalem repro- 
bationem exhibet omnium id genus codicum *. 

L'opuscolo e diviso in tre articoli. Nel primo e nel secondo 
si dh per sommi capi la dottriua della Chiesa intorno al ma- 
trimonio per quella parte, che si riferisce agli errori moderni : 

1 Monitum. 



IH. I I A B1 I 

nel t'T/i- con a le o strinpMiti ilt-iln/i-mi <la tak 

s'inferisce, quanto la legge proposta in Ungheria o tutte le 
altiv >li natura somigliante siano inique ed im'.-tt.- <li mail 
gnita a cagione della loro spiccata opposizione alia dnttrina 
insegnata dalla Chiesa. E 1'errore, e 1'ingiustizia, cbe inessi 
li fronte alia vorita ed alia giustizia si palesano in tutta la 
loro mostruosita. 

Nel primo articolo si raccolgono i giudizii pronunziati dalla 
lihii'sa romana contro le civili prescrizioni relative al inatri- 
monio, e quindi quali siano i suoi sentimenti: quid Romana 
Ecclesia sentiat de huiusmodi civilibus praescriplis i . E qui 
Tuna dopo 1'altra ti si rnettono innanzi in tutta la loro forza 
le sentenze di Pio VI, di Pio VII, di Leone XII, di Pio VIII, 
<li Gregorio XVI, di Pio IX e di Leone XIII. Sono citati i do- 
cumenti, donde vengono tratte. Altri di cotesti atti pontiflcii 
sono encicliche a tutto Torbe cattolico, altri allocuzioni, altri 
Brevi od ammonimenti inviati ai Re od ai Governi di questo 
o quello Stato, ed altre istruzioni date or a questi ed ora a 
quei Vescovi. 

Le testimonianze tolte dagli Atti della S. Sede si riducono 
a due capi: dottrina e condanna. In quelle della dottrina si 
espone il vero insegnamento della Chiesa intorno al inatri- 
raonio; in quelle della condanna si appuntano, si riprovano e 
si sfolgorano gli errori, onde e avvelenata nei suoi articoli 
la legge moderna intorno al medesimo Sacramento. L' inse- 
gnamento si puo compendiare nei cinque punti seguenti: 1 il 
matrimonio essere stato da Cristo levato alia dignita di Sa- 
cramento; 2 essere indissolubile; 3 contralto e Sacramento 
non potersi separare; 4 essendo cosa totalmente sacra, appar- 
tenere alia potesta ecclesiastica stabilirne colle sue leggi gli 
impediment! ed il rito; 5 per la stessa ragione spettare alia 
medesima il conoscimento delle cause matrimoniali ed il pro- 
nunziarne le sentenze. Gli errori condannati si assommano in 
questi: 1" il matriraonio, istituzione della societa ; 'J' la K'gge 

nente il divorzio; 3 la separazione del contralto dal Sacra- 

. 14. 



320 RIVI 

nn'nto; 4 il porre impediment! di nullitft non curando punto. 
o riputando di niun valore quei della Chiesa ; 4 la validita dei 
malrimonii contratti solamente dinanzi aH'autorita civile; 5 il 
diritto, che la legge pretende conferire alia potesta civile di 
sentenziare intorno alle cause matrimonial!; 6 1'asserto, che 
Tautorita esercitata inflno a qui dalla Chiesa intorno al matri- 
monio sia stata benigna concessione dello Stato. Gotesti errori 
ed altrettali, onde sono guaste alcune leggi, sono in particolare 
condannati, ora come contrarii alia dottrina dell'Evangelo, or 
come violazioni dei decreti dei Goncilii, or come mostruosi 
attentati contro le leggi della Chiesa, or come inique usurpa- 
zioni dei sacri diritti della Chiesa, e come tali da doversi ab- 
borrire e detestare da chiunque voglia portare il titolo di 
cattolico l . 

Benche le testimonianze arrecate non contengano forse una 
compiuta enumerazione delle gravi sentence pronunziate dalla 
S. Sede contro le inique leggi matrimonial!, sono tuttavia ba- 
stevoli a dimostrare, qual sia il sentimento della Chiesa ro- 
mana sul loro conto. X punto difforme e quello di tutte le 
altre chiese dell'orbe cattolico. Esso batte all'unisono con quelle 
della S. Sede. II che si dimostra dall' Efilo Autore con una 
lista di citazioni, tolte da documenti relativi. 1 quali non 
sono atti di semplici vescovi, che sarebbe cosa troppo lunga 
citare anche questi, ma atti pubblici, solenni, di sinodi dioce- 
sani, provinciali, comuni a forti gruppi di Vescovi convenuti 
nella medesima sentenza. Brevilaiis causa adducemus dumta- 
xat, quae Episcopi docuere vel singillatim in sijnodis dioece- 
sanis, vel una simul in conciliis provincialibus aliisve com- 
rnunibus actis 2 . E qui ti vedi passare in ordinata rassegna gli 
atti usciti dalle varie nazioni : Italia, Francia, Belgio, Impero 
Austro-ungarico, Impero germanico, Olauda, Inghilterra, Ir- 
landa, America settentrionale, e in essa Canada, Messico, Stati- 
Uniti, e deir America meridionale la provincia di Nuova-Oranata. 
La soprabbondante collezione di tante testimonianze in quella 
che dimostra la universalita dello stesso sentire, e altresi un 

1 Pag. 5-14. * Pag. 14. 



MI. LA KTAV 

tno aru'< -rinfiillihilita, in i|iiaiit< .-In- . v - ^iu.l 

itta la Chi'-sa disperea. Le oui iestiinoiihinze po- 
tendosi abbreviare in quei capi di ilottrina e <li condanna 
annovcrati, non e necessarin arrocarue il < i <>iup.-inlio '. 

Passiamo al t.-r/n ariicolu cuiit.'ii.-iitr le deduzioni. > 
({uattro. !. aiiiiuii/iaiuo colla pruva in simto. 

I. II sislerna del mairimonio civile suppone, die nella 
Chiesa romana non si professi la vera dollrina inlorno al 
mairimonio. 

I romani Ponteflci pel lungo corso <li un secolo hanno con- 
lemente riprovato con atti e giudizi di condanne solenni 
le leggi civili spettanti al niatrimonio. Non si puo quindi ne- 
gare, che la loro dottrina sia quella della Chiesa romana. 
Or il Concilio di Trento avendo con solenne decreto ingiunta 
sotto pena di anatema la credenza, cbe nella Chiesa romana 
si professa la vera dottrina intorno il Battesimo, ne consegue, 
che altrettanto si debba inferire rispetto alia sua dottrina 
intorno al niatrimonio. Imperocche, se potesse avvenire, che 
la Chiesa romana fosse in qualechesiasi punto di fede soggetta 
ad errare, sarebbe pure soggetta ad errore in cio che spetta 
alia dottrina del Battesimo; ed in tal caso il dogma cattolico 
definito dal Concilio di Trento cesserebbe di essere dogma 
cattolico. II che essendo impossibile, stante la natura inva- 
riabile del dogma, e quindi da conchiudersi, che la stessa 
ragione esclude la possibilita dH'errore circa qualunque altro 
articolo di dottrina , quale per fermo si e quello, che s' infe- 
risce intorno al niatrimonio. Laonde se gli avversarii hanno in 
conto di vere le opinion!, su le quali edificano la legge pro- 
posta, tengono in istima di errant! nel lalso i romani Pontefici 
e in essi la Chiesa romana siccome quelli, che hanno insegnate 
ed insegnano dottrina alia loro contraria. Cosi T Effio Autore 
argomenta dull' l-JTio Gertlil z . 

II. n sistema degti awersari aperlamenie e necessa- 
fiamente mena diritto alia eresia, che la Chiesa possa cadere 
in errore circa le cose della fede, e dimnamente rivelaie. 

1 Pag. 14-24. Pagg. 25-26. 

8tfi Xr, vol. X. /iwe. 1053. 21 '* prib 1*94. 



HI VISTA 

II Papa e T Episcopate delP Orbe cattolico sono in pieno 
accordo nella dottrina su riferita circa il matrimonio: dunque 
tale dottrina e insegnamento professato dalla Chiesa docente 
dispersa. Inoltre il Concilio di Trento ha deflnito, che il ma- 
trimonio e uno dei sette sacramenti istituiti da Cristo. E sic- 
come ella insegna questo per divina rivelazione, cosi e a dirsi, 
che essa per la medesima rivelazione ne conosca la natura, e 
quale sia il nesso che corre fra il contratto e il Sacramento. 
Piii : lo stesso Concilio ha dichiarato, che circa Tamministra- 
zione dei Sacramenti la Chiesa e investita della podesta di sta- 
tuire o mutare per legge, salva la sostanza, tutto ci6 che la 
prudenza suggerisce piu utile alia comunita dei fedeli. II per- 
petuo esercizio di cotesta podesta nella Chiesa non solamente 
dimostra il possesso, ma ancora dice che e un diritto conferi- 
tole per divina rivelazione colla conoscenza dei limiti, entro 
cni usarlo. II sentire altrimenti tornerebbe lo stesso, che ac- 
cusare di difettosa rivelazione il divino Istitutore del Sacra- 
mento del Matrimonio. Suppongasi difatti, che la Chiesa ignori 
la natura del Sacramento, e il confine della sua podesta legis- 
lativa intorno ad essa ; di quanti errori in fede non potrebbe 
essere cio cagione ? Niuno di sana mente puo trangugiarsi un 
Unto assurdo. 

Cotesta ragione vale pure ne' contrarii. Laonde i giudizii 
della Chiesa, che condannano le leggi civili intorno al Matri- 
monio, versando intorno a cose spettanti alia fede, ne con- 
segue, che quelli i quali con caparbieta le propongono e le 
propugnano, vengono necessariamente a cadere in eresia in 
quanto che mostrano apertamente tenere la Chiesa fallibile 
nelle cose di fede 4 . 

HI. La teorica della legge intorno al matrimonio civile 
non si pud per niun conto accordare colla inerranza della 
Chiesa in materia di costumi, e si oppone di filo all' ar- 
ticolo della santita della Chiesa, che si professa nel sim- 
bolo. 

La legge deve essere giusta cosi relativamente all'atto che 

1 Pagg. 27, 23. 



DEU.A BTAMP4 

pone il legislatore nell'ingiungerla, come relaiivam'iit .-ill 
che pone il suddito nell'eseguirla. Di maniera che non vi 
colpa ne sotto il primo, ne sotto il secondo riguardo. Or second" 
la teoria del inatrimonio civile la discipline occlosiastica e gra- 
vemente peccaminosa sotto Punoe Taltro rispetto. Sotto il prime, 
ossia dalln parte dell'autorita ecclesiastica in quanto cbe a) 
viola gravemente i diritti del principe; b) viola i diritti dei 
coniugi e della prole; c) viola il diritto naturale del connubio; 
d) viola i diritti dei fedeli ai beni spiritual!. Sotto il secondo, 
ossia dal lato dei fedeli in quanto che a) insegna loro e rli 
stringe a tenere in niun conto 1'autorita civile; b) approva ed 
impone irragionevoli separazioni dei coniugi; c) il concubinato; 
d) e V adulterio. Vi e bisogno di procedere piu oltre nella 
enumerazione di peccati cosi gravi, per conchiudere, che nella 
teoria dei legislator! moderni intorno al inatrimonio malo >i 
accorda la inerranza della Chiesa in materia di costumi, e 
Tarticolo della sua santita ? Sarebbe bastato un solo: flgura- 
tevi con tanti e si gravi *. 

IV. Incorrono le censure canoniche ipso facto senza al- 
cttna distinzione tutti quelli, i qnali votano in favore del ma- 
trimonio civile. 

Si dice senza distinzione, indiscriminatim, poiche (poste 
le condizioni volute dai moralisti) non vale niuna scusa o 
pretesto ad evitare le censure fulminate dalla Chiesa contro 
i votanti le inique leggi del matrimonio civile. II che si de- 
duce 1 formalmente dalla generale sanzione, che leggesi al 
n. VII della Costituzione, Apostolicae sedis; 2 dalla allocuzione 
di Pio IX tenuta il 22 giugno 1869; 3 dalla ragione, che la 
scomunica non riguarda 1" animo o ci6 che si pensa, ma il 
fatto *. 

Da questa quadruplice deduzione e messa in piena mostra 
la reita, T ingiustizia, la malvagita, in una parolfi tutta la mo- 
struosita, che chiude in seno la legge del matrimonio civil,- 
ne' suoi errori, nelle sue usurpazioni in danno della podt 
della Cbiesa, e il gravissimo danno spirituale, che incorrono 

1 Pagg. 29, 37. Pagg. 37, 39. 



324 RIVISTA 

i cattolici, che 1'approvano col loro suffragio. Tale si e il senso 
abbreviate dell'opuscolo, tutto iierbo di dottrina e di argomenti. 
Contro dei quali, chi volesse tentare la prova di confutarli 
si troverebbe in assoluto disagio. 



II. 

REGINA DI LUANTO. La scuola di Linda. Romanzo. To- 
rino-Roma, L. Roux e C., 1894, 16 di pagg. 376. 

I romanzi scritti da signore, per ordinario, non possono 
dirsi assolutamente cattivi. Ve n' ha parecchi anzi di buoni 
e assai commendevoli, e come tali abbiamo noi stessi meri- 
tamente lodati, a dir solo di questi ultimi mesi, i romanzi 
della Maddalena Gravenna, della Giuseppina del Carretto, della 
Sarina Umili e d' altre signore *. Quelli stessi poi che non sono 
al tutto irreprensibili, raro e che bistrattino le cose sacre od 
offendano apertamente il buon costume ; cbfe il sentimento re- 
ligioso e quel del pudore, nelP animo della donna piu o meno 
altamente radicati, le son di freno al trascorrere a certe in- 
temperanze. E dunque assai verisimile che, al vedere su per 
le colonne de' giornali o alle vetrine delle pubbliche librerie 
annunziata la Scuola di Linda, romanzo scritto da una si- 
gnora, piu d' un genitore e d' una istitutrice dicano tosto : Ecco 
un libro opportune per le mie llglie o per le mie alunne. Eb- 
bene, noi invece alziamo la voce per gridare all' erta ! 

Di Giuditta disse un poeta, Giambattista Zappi, se ben ci 

ricorda : 

Nnlla di donna avea, 
FuorchS il bel viso e il femminile inganno. 

E noi di questo romanzo diciamo che non ha nulla di mulie- 
bre, fuorche la facile chiacchiera e la perpetua descrizione di 
mode e gale. Ma quella dignita amabile, quella delicatezza di 
sentimento, e soprattutto quel caro pudore ed altre simili doti, 

1 V. Ser. XV, vol. VII, quad. 1038, p. 721 vol. IX, quad. 1041, p. 608 
quad. 1047, p. 342. 



Che famiM tl-'lla donna una rn-atii! e SOgliOQO 

, qui ii'in ] non 

ve n* < s tra. 

li ifl-ji/ia. t h;i inteso di fan- la .si^nora Regina 

di Lnatito colla sua Scuola di Linda t Forse mi lihro d'edu- 
cazione? Ma qui di religione non si parla quasi mai, e quelle 
In.- tiv volte che vi si fa cader sopra il discorso, si fa so- 
lameote per burJarsi delle pratiche di pieta, per contraflare 
e mettere in canzonella il Curato della parrocchia e, quel che 
e peggio, per bocca di una fanciulla e col plauso dei circo- 
stanti. Itella educazione! Quanto poi alia formazione del cuore, 
ben inolte cose abbiamo qui trovato che conducono a depra- 
varlo, ma a farlo buono non e diretta che una sola massima, 
e storta. Bisogna esser buoni sollanto per la soddisfazione 
di esserlo (p. 51). Davvero ? Ma quando una giovinetta tro- 
veri inveco piu soddisfazione ad essere cattiva e a secondare 
le sue passioni, se per reggersi ha sollanto quel principio, che 
fara allora? 

Avrk Tautrice voluto darci piuttosto un libro d'istruzione? 
Mn qui che c' e da apprendere? Non altro che la malizia in 
tutte le svariate sue forme, e principalmetite 1'arte di fare il 
libertino o la civettuola. La Scuola di Linda e la scuola di 
tutti i vi/ii; e il maestro & una donna! 

Forse un libro di divertimento ? II titblo di romanzo sem- 
bra indicarlo: ma chi avra da divertirsi in questo libro? Non 
c' e intreccio, non c' e buono stile, non c 1 e variety, non c' e 
altro che una lunga infilzata di chiacchiere, di pettegolezzi, di 
femminili dispetti, di civetterie, di lascivie. In cose siflfatte solo 
gli animi depravati e rotti al vizio possono trovar piacere: 
gli altri tutti non proveranno che un senso di schifo ed anche 
di ribrezzo, vedendo una signora colJa sua bianca .inarm ri- 
mestar questo fango, 

Senza levarei a volo, avendo 1'ale 
Per dor foree di 6 uou bat^i eeempi. 

Che ha inteso dunque di fare? Noi crediamo di dar nel 
segno affermando che ha voluto faro un' opera d'arte, un (jua- 



326 RIVISTA 

dro, una pittura ; cioe che ha voluto descrivere il mondo qual 
e in verita, e non quale sel foggiano gl' idealist!. Alia buon'ora ! 
Abbiamo dunque che fare con una letterata e forse dottoressa,. 
che e seguace della scuola verislica. E sia ; ma anche consi- 
derate sotto questo aspetto, 11 suo lavoro e sbagliato, radical- 
mente sbagliato ; non si fonda no sul vero, ma sul falso. Dove- 
ha ella trovato que' suoi tipi di signore e di signorine T uno- 
piu abbietto dell' altro ? Ci fosse alraeno in tutto il racconto^ 
una bella figura d'uomo o di donna, su cui posare lo sguardo* 
con compiacenza. No, tutto basso, tutto vizioso, tutto sprege- 
vole. La protagonista Ida e un carattere insipido, debole, mo- 
bile, che comincia male e flnisce pessimamente : e quella stessa 
Valeria, che da principio si attira un poco di simpatia per le 
sue buone qualita, flnisce col divenire esosa e schifosa an- 
ch' essa, per una vendetta atroce e turpe che si prende di Lin- 
da. Gli altri personaggi poi sono tutti piu o meno di questa 
tempera. La nostra letterata sembra trastullarsi a mostrarci 
nella vita domestica pattume, nella vita di collegio pattume,.. 
nella vita sociale pattume: da per tutto vede sempre e solo 
pattume. 

E veritd questa? No: per Tonore dell' umana famiglia 
in generale, per 1' onore in ispecie del minor sesso, che quL 
e il piu bistrattato, noi protestiamo che no. Questo sara ve^ 
rismo, ma verita no di certo. Non e vero che i Collegi fem- 
minili sieno foggiati su quello delle sue Dame bianche: forse 
ve ne sara qualcuno tra quelli ammodernati, che hanno per 
direttore qualche professorino galante e per direttrice qualche 
Mopsa; ma nei Gonvitti diretti da Religiose (e noi ne abbia- 
mo conosciuti ben molti e ben addentro) non abbiamo tro- 
vato neppur 1'ombra delle sconcezze enormi, che 1'autrice non 
si e vergognata descriverci come accadute tra le sue Dame 
bianche: quanta innocenza invece ! quanto candor di costumi!. 
quante altre belle qualita, che ella non sa ne gustare, ne ve- 
dere, perche par che lennanchi il senso del bello ! Similmente, 
delle signore e delle signorine viventi nelle loro famiglie noi, 
che non siamo Gertosini, lie abbiamo conosciute a centinaia^. 



DIM r \ STAUI-A 327 

ieda la signora Regina -It I.n.mto, le sue spud orate 
ire, le sue perflde Gfa/j/vV//,-. * -Hi ultri ndinsi snoi tipi 
mm s.-iio cosi rtvi|ii'Mti, o.mVlla ci vorrpl.l.f i-ir 
ne trovano, e vero, di tanto in tanto; ma il voler gitnli 
da quoste poche eccezioni il mondo femminilo, sarebbe una 
uMi/ia simile a quella di chi dalla mostruosa eccezione, 
<che e la Scuola di Linda, volesse dedurre che d'ordinario i 
romanzi scritti dalle signore sono obbrobriosi. 

l>ira forse che ha inteso descrivero il hi to debole e mal- 
sano della societa ? Ma badi che S. Francesco di Sales, con 
tutta la sua dolcezia, non le risponda: Le api vanno a po- 
sarsi sui flori, e quelle che si gettano sulle lordure, sono le 

:>0. 

Replichera invece che realmente nel cammino della sua 
vita ella non ha incontrato mai altro che cio che ha descritto 
in'l libro? Oh! questo non vorra dirlo, no, perchfe qualche 
maligno potrebbe bofonchiar sotto voce : Dimmi con chi pra- 
tichi, e ti dir6 chi sei. 

Piuttosto si schermir spacciando che questi nostri sono 
scrupoli da preli e da frati. Scrupoli ? Ebbene, legga qui. 
Questa e la Nuova Antologia, gli scrittori della quale non 
sono ne preti, n6 frati, ne scrupolosi : legga dunque. Que- 
sto romanzo, come T altro della stessa autrice, Salamandra, 
ha un carattere particolare, che pu6 deflnirsi: assoluta man- 
canza di sentirnento '.... Se tutti al mondo sono schiavi del 
vi/io a quella guisa, di che mi debbo commovere, quando 
vedo Linda far ci6 che fan tutti ?... Regina di Luanto ha evi- 
dentemente Tintenzione di dare in Margherita, in Valeria e in 
Olimpia tre caratteri di donne buone; ma non ci riesce, per- 
ch non sente proprio nulla, e pero non sospetta nemmeno 
che la prima e bacata, la seconda sfrontata, tloscia la terza... 

1 Intend! 11 sentimento del bello e del buono, perche di sentiment! 
brutti e malvagi il romanxo e pieno e trabocca. E pero noi incliniamo 
a credere che Regina di Luanto sia un pseudonimo; perche non pare 
verosimile cbe una signers abbia la sfrontateixa di flnnar certe pagine 
col proprio nome, e particolarmente quello che VAntologta ha ohiamato 
n indecentittimo quadra. 



328 RI VISTA 1>I I MPA 

La narrazione e un semplice pretesto per avvicembr' 
da magazzino di mode e scenette salad i . 

La signora ha udito il giudizio dei preti e quello <l-'i let- 
terati laici: le piacerebbe ora di sentire un poco anche il giu- 
dizio del popolo? Ha tanto buon senso il popolo in certe cose! 
Eccone dunque un saggio. Noi sappiamo d'un tale che, per 
commissione ricevuta e in pienissima buona fede, and6 a com- 
perare questo libro. Daterai la Scuola di Linda, disse al 
libraio. Oh ! e Una scuola molto brutta, rispose il buon ven- 
ditore: chi e che la cereal Or questa parola, uscita di bocca 
al libraio, come istintivamente e contro il proprio interesse, 
non e a dirsi la voce del buon senso? E se 1'autrice fosse 
stata presente a quel breve dialogo, non avrebbe dovuto sen- 
tirsi bruciare il volto dalla vergogna? 

Orsu concludiamo. Un poeta vivente ha detto: 

Qual, descrivendo cio che ha fatto innanzi, 
Pinge bozzetti e snocciola roinanzi. 

Non vorremmo che a qualche temerario un giorno o 1'al- 
tro saltasse il ticchio d' appliear questi versi all'autrice ; e ap- 
punto per impedirlo le diciamo : Signora, ascolti un consiglio : 

Se la penna trattar suole a tal uso, 
Lasci Apollo e Minerva, e torni al fuso. 



1 Nuova Antol. vol. 134, p. 560. Abbiamo citato 1'altrui giudizio anche 
per questa ragione, cbe non possiamo giustificare il nostro trascrivendo, 
come sogliamo fare, alcuni tratti del libro censurato : ce lo vieta il rispetto 
dovuto ai nostri lettori e a noi stessi. 



BIBLIOGRAFIA 



ASTRO-METEOROLOGICO con Efferaeridi nautiche 

per 1'anno 18U4. Ann<> XII. I // . -, tip, di m. 8. fra 

Corapositori tipografi. S. Marco Calle del Fusori N. 4 i 



dioso vi trova descritto per ogni mese 

10 stato del cicla colle iadicazioni 
delle costellazium e dei pianeti vi- 
sibili. Vi si aggiunga uua copiosa 
scelta di articoli di Varieta, rolativi 
per la massima parte all'Astrouomia 
e ai progress! da lei fatti nell'anno 
decorso e negli altripiii vicini, onde 

11 lettore resta informato appieno del- 
1'undaineuto di quubta nobilissiraa tra 
le scieuze Daturali. 



Seguitianio a rnccomaiidare que- 
to Anuuario, dovuto alia solemn del 
ch. Prof. Ab. M. Tono, direttore del- 
rOsstfrvatorio del Seiuiiiaric I'atriar- 
cale di Venezia. Pei dilettanti, in 
iapecie, di Astronomia DOD conoscia- 
mo in Italia altro inaouale cue possa 
Bupplire aquesto, ne prestaro si buon 
ervigio. Oltre alle nozioui piii ne- 
cessario cbe vi SODO tuttc conden- 
sate con brevita e chiarezza, lo stu- 

APEDDD ANDREA dott. Un fior di semprevivo su la tomba doi 
latini. Roma, tip. di M. Lovesio, 1894, 32 di pp. 92. Cent. 50. 
6 un ragionamento apologetico valorato dallo tostiinonianze di per- 

dello studio della lingua lutina, av- sone dotte o letter 

HilN AUDUCCI GIOVANNI. A Jacopo Antonio Marcello patrizio ve- 
neto parte di orazione consolatoria ed elegia di Francesco Filelfo 
e lettora di Giovan Mario Filelfo. Tolentino, stab. tip. F. Filelfo, 
1894, 16 di pp. XX VI 1 1-28. 

solare lacopo Marcello della perdita 
del flgliuolo Valerio (a. 1461). L'e- 
ditore da uua in i nut a e succosa no- 
tizia della fnmiplin Marcello ed hi 
particolare di lacopo che prese ad 
amare e proteggere i due Filelfl; 
quindi d& un sunto delPoraxione sud- 
detta e colla sua solita diligenza 
cbiarisce varie cose. Di Giovan Ma- 



ll sip. Benaddncci, appassionato 
cultore di memorie storiche, ci re- 
gala ora una dottn e rara orazione 
di Francesco Filelfo ed una elegia 
latina del medesimo, inedita e co- 
piata dal codice Q. 93 inf. dell'Am- 
brosinna di Milano, pin una lettera 
anch' essa inodita di fiiovnn Mario 
Filelfo, tratta dal cod. I, VII, 241 
della Chigiana. Sono questi alcuni 
dei molti scritti, composti per con- 



rio Fidelfo e del suo valore lettera- 
rio si e detto nel quad. 1049 p. 594. 

BLAND1NI GIOVANNI vescovo di Noto. -- II Soivialismo. Lettera 
pastorale per la Quaivsimu del 1894. -\'<jt'>, tip. Xaiumit, 1894, 
" li pp. 30. 
La presente Pastorale fu scritta S. lice. Reviha cosi di questi, come 

dopu i inoti che accaddero in Sicilia. di quelli ond o minacciata la societa 



3.30 



BIHLIOGRAFIA 



tutta dal socialismo espone le cause, 
cbe si riducoDO all'affie volimento della 
fede, al disprezzo della morale cat- 
tolica, all'indifferentismo religiose ed 
all'opera satanica di mettere al ban- 
do dalla societa Cristo nostro Si- 
gnore. Tutte coteste cause sono ger- 
minate da quei semi reissimi, che 
Vinimicushomo ha seminato nel cam- 
po della cristianita, cioe, da quei falsi 
principii e da quelle bugiarde dot- 
trine, che a piene mani si spargono 
nella societa. Da queste sono spun- 
tati il socialismo, Tanarchismo ed il 
nichilismo. Dai feroci denti di questi 
tre mostri sara impossibile campare, 
se non si ritorna a Dio ed al suo Cri- 
sto, che fe' sanabili le nazioni. II Fi- 
gliuolo di Dio venuto al mondo, coi 
suoi esempi e co' suoi insegnamenti 
predicati appresso la sua morte dajrli 
Apostoli, sanola corrottissima societa 



pagana, e perche non potra sanare 
la presente societa, che va rifacendosi 
pagana ? II tutto ata, che si metta 
la mano all'opera, e che i popoli. in- 
dietreggiando dal mal passo, tornino 
al male abbandonato vessillo di Cri- 
sto. E qui mease in vaga e splendida 
mostra le bellezze, la efficacia e glf ' 
eftetti della dottrina del santo Evan- 
gelo, S. Ece. fa vedere come nella 
osservanza di essa vi e vera liberta r 
vera eguaglianza, vera fraternita; lad- 
dove quella del socialismo non con- 
duce alia Hberta, ma al servaggio, 
non all'eguaglianza, ma alia tiranni- 
de di pochi furbi, non alia fraternita- 
di una sognata beatitudine, ma alia 
fraternita della miseria e della piu- 
turpe corruzione. Tale si e il sunto- 
della savia e zelante parola, con che i 
nella sua Pastorale mons. Vescovo- 
di Noto addottrino i suoi diocesani. 



BOERO P. GIUSEPPE S. J. Storia deUa vita di S. Stanislao Kostka 
della Compagnia di Gesu, ristampata a cura e con prefazione del 
rev. P. Raffaele Ballerini della medesima Compagnia. Roma, tip. 
ed. di S. Giovanni, 1893, 12 di pp. 172. Cent. 75. Legato 
L. 1,25 e L. 2,00. 
Questa nuova vita del santo gio- 

vine Stanislao Kostka e stata compi- 

lata dall'Autore sulle testimonialize 

giuridiche dei processi, in guisa che 

la serie dei fatti piu illustri e degli 

avvenimenti piu prodigiosi e riferita 

con le stesse semplici e schiette de- 



posizioni dei testimoni. Lo stile n'e 
piu agevole e piano di quello del P. 
Daniello Bartoli. II libro e inoltre 
adorno di varie e belle incisioni del 



Santo, del B. Pietro Canisio, di Fran- 
cesco Borgia, di Paolo V, del re Si- 
gismondo, del card. Bellarmino, del 
Lavnez, del Bartoli, della camera del . 
Santo e di altri personaggi e luoghi. 
In fine notiamo che questa vita e 
opera del P. Boero, il quale fu va- 
lente agiografo, non meno per il me- 
rito della pieta che per il pregio della . 
coltura letteraria e dell'esattezza sto- 
rica. 



Compendio della vita di S. Giovanni Berchmans della medesima 
Compagnia. Quinta edizione accresciuta e corretta. Roma, tip. ed. 
S. Giovanni, 1893, 12. Cent. 50. Legato L. 1,00 e L. 1,50. 
E una bella edizione di quella cisioni ed aggiunti gli atti della bea- 

flnitezza di lavoro che tutti cono- tificazionee della canonizzazione del- 

scono nella tipografia editrice Des- ramabilissimo giovane. 

clee. Vi sono intercalate alcune in- 



B1HLIOORAPIA 

MP.ACH W. Tedi SCHOBKK. 

-CAPECELATRO ALFONSO card. arciyescoTO di Capua. L'anima 
oon Dio. Preghiere e meditazioni. Roma, SocietA Desclee, Lofeb- 
TTO e C., 1893, 32 di pp. XIV-520. L. 1,7",. Legato, da L. 2,50 
a L. 4,00 e piu. 

Questo libretto ha tre parti ; Ora- Murgico; nell'ultima parte, oltre al- 

tiuni, Bltvttionia Dio,Liturgia. Nel- 1'Ordinarfo della Mesaa in latino e 

la prima parte vi si contengono pre- volgare, vi sono alcuni inni e se- 

ghiere per la messa, per varii tern- guenze della liturgiae pareccbie pre- 

pi e bisogni particolari ; nella se- ghiere di Santi, sempre con una bella 

conda le elevazioni o aspirazioni a versione italiana allato. Vi si sente 
Dio per tutte le domeniche e feste da per tutto quel profumo di senti- 
princlpnli dell'anno, tratte quasi gem- menti nohili e teneri, cbe sono sparsi 
pre dal Vangelocorrente, e sono adat- nell'altre opere di sua Eminenza il 
te a fare che il cristiano si unisca cardinal Capecelatro. L'edizione e di 
alia Cbiesa sua madre e la segua Desclee che abbiamo spesso e me- 
passo patto nelle festt del suo anno ritamente encomiato. 

COLLANA di vite di Santi. Anno XLIV. Disp. 259. - Vita di Santa 
Oiuliana di Mont-Cornillon. Monxa, tip. de' Paolini, 1894, 32 di 
pp. 176. 

COLLETTI ONORATO sac. La vecchia e la nuova chiesa parroc- 
chiale dedicata a S. Maria della Stella e S. Biagio Yesc. martire 
in Faule. Memorie. Saluzzo, tip. S. Vincenzo, 1894, 32 di pp. 56. 
E una breve storia della cbiesa 6 dato un ragguaglio delle opere 

parrocchiale di S. Biagio in Faule principal! eseguite dalla sua fonda- 

(Saluzzo), in cui sono descritte dili- zione, ed 6 esposto lo state presente 
gentemente le varie vicende per cui della medesima. 

pass6 la chiesa sino al giorno d'oggi, 

DATI INNOCENXO .1. S. p. prof. -- Corso elementare di Teologia 
Dommatica, tratto dalle migliori opere in servigio del giovane 
IfH). Edizione 2*, vol. III. Firenxe, tip. Calasanziana, 1893, 16 
di pp. 464. -- L. 3,20. 

DAURELLE GIO ; BATTA sac. dott. -- L' ateismo giudicato dalla 
ragione umana. Seconda versione italiana. Ronui, tip. sociale, 1894, 
10 di pp. 108. 
Ne abbiamo fatto conoscere IMmportanza nel quaderno 819, pp. 888. 

Ii: KKI.L'ic. \. T. Sainto Agnes et son siecle. Ouvrage illustre 
de norabreuees gravures. Lille, Paris, Societ de S. August! n, 

lee etc., 1893, 4 di pp. 303. 

La pia e forbita penna di questa una delle piu belle e care immagini 
ecritt rice francose, gia conosciuta per dell'ideale cristiano iucarnato nella 
altre opere, di cui demmo contezza glorioeissiuia verginella Agnese; la 

ai nostri lettori, ha ritratto in questa quale, pura come un angelo e ar- 






dente di earitii come un serafmo, nel- 
la verde eta di 13 anni spos6 il gi- 
glio della sua verginita alia rosa del 
nwrtirio. A dar piu luce e risalto 
alia virtu di cotesta eroina, la dotta 
scrittrice nella prima parte del BUG 
libro la pone in contrasto coi depra- 
vati costumi della Roma pagana dei 
suoi tempi, coi quali raffronta il ca- 
sto e santo vivere de' cristiani; e in 
brevi tratti accenna le feroci perse- 
cuzioni, ond'essi furono vittime nei 
primi secoli della Chiesa.Quindi nella 
seconda parte toglie a narrate bre- 
vemente la vita e il martirio di A- 
gnese, attenendosj a. quanto ne ri- 
feriscono gli atti suoi e le storie 
della Chiesa; e tratta del culto, col 
quale essa fti lin dai tempi Costan- 
tiniani onorata. Nella terza parte, dal- 
la Vergine modello passa a dir delle 



donnc cristiane in generale de' primi 
secoli, della fratellanza, e caritu 
della priinitiva Chiesa e deH'altissi- 
mo pregio in che vi era tenuta la ver- 
ginita. Finalmente nella quarta ed 
ultima parte descrive I'ultimo com- 
battimento tra Roma idolatra e la 
Chiesa di Gesu Cristo. Quindi non 
manca in quest'opcra il diletto della 
varieta, al quale si aggiunge quello 
della erudizione storica e archeolo- 
gica e di uno stile breve, spigliato e 
spesso rifiorito di belle e vivaci de- 
scrizioni. Ma cio che ce la rende piu 
gradita e quel profumo di pieta crl- 
stiana che ne olezza, e cotanto ricrea 
1'animo contristato alia vista dell' an- 
tico e del moderno .paganesimo egual- 
mente nemico della verginita, della 
carita e della fade. 



DE CRISTOFARO GENN. sac. Alia Croce. Inno, Gos&nxa, tip. 
Riccio, 1894, 16 di pp. 8. Si vende presso PAutore a Cosenza. 
E poesia: noh sempre, legg-endo versi, leggiamo poesie. 

DEH6 ETTORE. - - Nelle Indie e nella Cina. Bozzetti, note di viag- 
gio, usi e costumi. Roma, Societa di S. Giovanni, 1893, 8 di pp. 
162. L. 1. Legato L. 1,50 e L. 2,50. 



L'Autore descrive in questo libro 
le sue osservazioni e impressioni di 
.un viaggio che fece nelle Indie e 
nella Cina. II lettore svolgera certo 
con diletto le pagine, in cui con 
semplicita, vivacita ed affetto tenero 
e narrato ci6 che venne veduto al- 
1'attento viaggiatore a Marsiglia, sul 
Canale di Suez, in Aden, Colombo, 
Singapore, Saigon, Sciang-hai, Nan- 
chino ed in molte altre citta della 
Cina. II piu e il meglio per6 del 
racconto e intorno alia costituzione 
politica della Cina, alia sua istru- 
zione, letteratura, religione e mili- 
zia, con una inflnfta di particolari e 
grande esattezza, frutto di tre anni 
continui di studio che il Sig. Deh6 



ha potuto fare dentro 1'Impero ci- 
nese; tanto che il libro si potrebbe 
intitolare : Condizioni present! della 
Cina (p. 17-141). Le conclusion! di 
questo lavoro sono compendiate nelle 
pagine 127-130 e. appaiono different! 
da quell e di altri scrittori che per 
aver dimorato alcun tempo nei porti, 
ove la mescolanza con altri popol! 
lascia intravedere molto poco sul- 
1'indole genuina del paese, si Bono 
creduti piii che idonei a ritrarci nei 
suoi veri colori il Cinese. Questi per 
il nostro Autore e originale, igno- 
rante assai, superbo e ricco a mise- 
rie d'ogni sorta, piii che non si suole 
comunemente credere in Europa. 
Rnccomandiamo questo libro agli 



mi :{;',:{ 

ci, porchd, oltrache sentiment! cristisni e netto di scon- 
ameno ed istruttivo, e infurniato a cezze. 

'KI' MI< IIKI.K mons. vf -^ino. -- Prolunnne 

la solenne inaugurazione dell'Aecadomia di S. Toamaso d* Aquino 
il >l\ 28 luglio 1892 nol sacro Seminario di lUvino. Ibmia, tip. della 
Pace, 1894. 8 di pp. 

DE s. \.\T1 Ml 'I IK LK. Memorie deUe famiglie nocerine. 

lume II. Napoli, stab. tip. Lanciano, 1894, 16 di pp. 426. 

L. 4,00. Deposito in Napoli presso la libreria Detkon e Rwln-11, 

piazza Plebiscite. 

Lavoro erudito e diligente gia tembre 1890, pag. 595, quando si 
da noi lodato nel fascicolo del 6 set- annunzlu il 1 volume. 

FARABUUNI DAVID mons. Intorno il Glubileo Episcopale di Leo- 
ne XIII. Iscrizioni latine e italiane. Roma, tip. Loveeio, 1893, 
16 di pp. 16. 

Roma e il mondo nei solenni festeggiamenti del Giubileo Episco- 
pale di Sua Santita Papa Leone XIII. Carme latino. Roma. tip. 
sociale, 1894, 16 di pp. 8, 
In quest! lavori si ravvisano le stosse doti, che abbiamo altre volte lo- 

date nel cb. Autore. 

FAYOLLAT P. N. 8. I. L'apparition de N. D. de la Salette. Dis- 
coure. Paris, Delhomme et Briguet, 1893, 32 di pp. 136. 
& un discorso inteso a dimo- mettere in maggior luce gli avvisi 

Btrare 1'apparizione della Vergine dati dalla medesima. 

sopra il monte della Salette e a 

FINO O. M. sac. Brevi considerazioni sui Vangeli delle Dome- 
niche. Torino, tip. F.lli Canonica, 1893, due volumi in 32. - 
Prezzo di ciascun volume L. 1,50. 
Sono brevi omelie, scritte con cbe istruisce e conforta. Esse sa- 

semplicita ed unzione,nelle quali, an- ranno lette utilmente da tutte le 

ziche la foga dell'oratore, predomina famiglie cristiane. 

1'affetto di un buon padre spirituale 

FRANCHINI GAETANO, sac. Cenni intorno alia vita di Ten 
Capucci, educanda nel Monastero della Visitazione 8. M. di Mo- 
dena. Modena, tip. Pontif. ed Arciv. della Imma^olata Concezione. 
1894, 64 di pp. 72. 

G. B. sac. Saggio di una odissea al Divin Cuore. Torino, G. Spei- 
rani e fratelli editori, 1894, 16 1 di pp. 66. -- L. 1. 






BIBLIOGRAFIA 



GARGIULO TEODOSIO M.* can. Sul feretro di Annina De Si- 
mone-Paladini. Leccc, tip. cooperativa, 1894, 8 di pp. 14. 
Poche parole, ma animate dal sof- come paterno verso 1'estinta pia gio- 

fio della fede cristiana e da un afletto vinetta. 

GENOVESE C. N. La questione agraria in Sicilia. (Cause e ri- 
medii). Milano, libr. Palma, 1894, 32 di pp. 34. Cent. 15. 



Savio ed utile fu 11 divisamento 
della Sezione-giovani del Comitato 
diocesano Milanese di pubblicare, cioe, 
di mese in mese opuscoletti di pa- 
pine 64, coir intento di sostituire 
con essi tante collezioni economiche 
di trattatelli scientific!, di manua- 
letti di storia e lettoratura, d'istru- 
zioni popolari, che hanno indirizzo 
anticattolico. Alia utilita di cote- 
sto intendimento congiungendosi la 
pochezza del prezzo annuo della col- 
lezione, che e di L. 1,50, giova spe- 
rare, che quei bravi giovani siano 
ogni di piu confortati alia loro im- 
presa da numerosi associati. 

II frontespizio dell' opuscolo ci 
dice 1'argomento e la partizione del 
contenuto. Le cause della quistione 
agraria in Sicilia ed i rimedii da 
usarsi per discioglierla si svolgono 
in sette paragrafi. Secondo il ch. Au- 
tore la causa prima, come in radice, 
sta nei latifondi, in cui e divisa la 
proprieta. Indi scarao numero di pic- 
coli proprietarii e popolo numeroso 
di proletarii. Fino a trenta anni fa, 
tanto e tanto il contadino vivacchia- 
va, Appresso, la sua condizione peg- 
giord flno a toccare 1'estremo della 
miseria. II quale malanno e derivato 

GROSPELLIER Vedi MERMILLOD. 



dalla iniquita del contratti imposti 
dai flttaiuoli, che lo stremano, e dalla 
moltiplicita delle tasse, che 1'oppri- 
mono. Di questa rea condizione va- 
lendosi i raestatori anarchic! vennero 
spargendo neH'affamata popolazione 
il mal seme del loro principii con 
quell' esito, che sappiamo. Scartato, 
siccome ineflBcace, il rimedio propo- 
sto dal Sig. Ruggero Orlando, che 
sarebbe una specie di tassa per i po- 
veri, come si ha in Inghilterra, il ch. 
Autore espone i suoi, che si ridu- 
cono a due. II primo si e il ritorno 
alia giustizia ed alia carita da parte 
degli abbienti, e alia rassegnazione 
da parte dei non abbienti, piu 1'al- 
leggerimento delle tasse resesi in- 
sopportabili ; I 1 altro la introduzione 
della mezzadria e dell'ff^Wo dei la- 
tifondi conveaientemente spartiti, o 
dell' enfiteusi. Che se i proprietarii 
non s'inducessero a fare cotesta intro- 
duzione, vi siano costretti per legge. 
Quanto a noi, il primo rimedio ci sem- 
bra doveroso e praticabile, e perci6 
meritevole di pronta applicazione : 
quanto al secondo, ci pare non do- 
versi soverchiamente affrettarne la 
pratica, stante le gravi quistioni, che 
vf si riferiscono. 



HOARE BENIA^IIN. A catholic knighthood, a lecture delivered 
before some of the Branches of the Victorian Catholic Young 
Men's Society. (Un ordine cavalleresco cattolico. Conferenza ai 
giovani cattolici della Societa di Vittoria.) Melbourne, the catholic 
publishing company (limited), 16 di pp. 24. 

niMORTALITA (Sulla) corporale delPuomo. Una serata di filosofica 



MA 

conversazione tra un ooel detto Parroco di campagna ed il BUO 

Vicario. Palermo, tip. Tamburello, 1894, 8 di pp. 76. 

II soggetto, propostosi a svolgere logiche. II dialogo poi 6 animate e 

dall'Autore anonimo, ci pare tvolto naturale. 

eon buone ragipni ttlosoflche e teo- 

INDICI !.<><; HI. XII. Disegni antichi e moderni posaeduti 

dalla R. Qalleria degli Ufllzi di Firenzt, vol. unico fasc. 2.* Roma, 
presso i priiu-ipali librai, 1893, 16 di pp. 81-160. L. 1. 
INSTITUT (L') des tastes du Sacr6-Coeur. Publication trimestrielle 
de see travaux historiques, pour la re-constitution officielle de la 
ChretientS. 21 md cahier. Lyon, imp. Jeyain, 1894, 4 di pp. 577-624. 
INVITO (Un) alia scuola della Dottrina Cristiana. Parole d'un Par- 
roco. Orema, tip. S. Pantaleone, 1893, 32 di pp. 120. Cent. 40. 
Copie 12 L. 4,20. Copie 50 L. 15,00. 

Se vi 6 cosa di somma iinpor- mente trattato tale argomento, sven- 
tanza, 6 certamente 1' istruzione re- tando inoltre i pretesti che sogliono 
ligiosa, massime ai giorni nostri in addursi ora dai genitori ora dai flgli, 
cui stiamo cogliendo tanti amari per dispensarsi dai mandare o dal- 
frutti della mancanza di essa. Sia 1'accorrere alia scuola della dottrina 
dunque lode al degnissimo Prevosto cristiana. 
Denti, che in questo libro ba soda- 

KONIG LEO D r S. J. - - Die papstliche Kammer unter Clemens V. 

und Johann XXH. Bin Beitrag zur Geschichte des papstlichen Fi- 

nanzwesens von Avignon. Wien, Verlag von Mayer, 1894, 16 di 

pp. VI-88. 

Le entrate (coi loro varii capi, ri- 6 servito 1'Autore per il suo lavoro, 
servaziooi, confermazioni, traslazioni, 6 il Regettum Clementit PapaeV edito 
territia, decime), le uscite molti- dai Benedettini. II punto raeglio di- 
plici, e gli ufflciali della camera apo- scusso dai rev. Dr KOnig 6 il raf- 
stolica sotto il pontificate di Cle- fronto tra 1'avere e il dare deH'ana- 
mente V e di Giovanni XXII sono ministrazione in quell* intervallo di 
Targomento di questa accurate trdt- tempo (p. 69-74). 
tazione. La fonte principale, di cui si 
KRUMBACHER CARLO. -- Byzantinischc Zcikclirift. (Period ico Bi- 

zantino eilito da Carlo Kruinbacher.) Lipsia, Teubner, 1892-94, in 8.* 

Ogni volume, di pp. 648. Marchi 20. 

II grande incremento che ebbero avrebbero veduto la luce, o trovando 
in quest i ultimi decennii gli studii luogo in periodic! d'indole piii ge- 
bizantini rendeva da qualcbe anno nerale di leggeri aarebbero sftig- 
non pur utile ma necessaria la pub- gite all'attenzione degli studiosi, ma 
blicazione dJ una rassegna che di e molto piii, per dare esatto raggua- 
essi in modo speciale trattasse. E cio plio del pr- -n-ssi di questo nuovo 
nou solo per agevolare la stampa di ramo della grecs Hlologia. 
brevi luemorie, cbe o difficilmente L'impresa, piena di Unte ditli- 






colta, fu coraprpriosaniento assunta 
dal Dr. Krumbacher, professore al- 
rUniversita di Monaco, autore della 
Storia della Lettcratura Bizantina, 
gia da noi presa ad esame (8. XIV, 
v. XII, p. 62 e segg.). Ed egli si pu6 
bene rallegrare dell'esito ; che 1 due 
primi volumi e il primo fascicolo del 
terzo, gia venuti alia luce, hanno 
soddisfatto i desiderii dei dotti e pro- 
mettono al periodico vita lunga e 
florida ognora. Al che contribuira, 
oltre la saggia direzione del Krum- 
bacher, il valore dei collaborator!, 
tra i quali ci basti ricordare il De- 

LAJOLO PIETRO G. Virtu e nobilta. Torino, Roma, Hilano, Fi- 
renze, Napoli, Ditta G. B. Paravia, 1894, 16 di pp. 218. L. 2,50. 
15 un libro d'educazione, e 1'Au- nino; cosi abbiano tutti gl' Italian! 



Boor, 1'Abatc Ducbesne, lo Schluni- 
berger, il Legrand ecc. ecc., i quali 
gia vi pubblicarono eccellenti lavori. 
Nutriamo flducia che la Byzan- 
tinische Zeittchrift, Ja quale tra gli 
altri vantaggi offre ancor quello del 
pubblicare le monografie scritte in 
francese, inglese, ed italiano, sia non 
solo conosciuta ed usata dai non po- 
chi eruditi che in Italia si occupano 
di studii bizantini, ma che anche essi 
concorrano coi lor dotti lavori a man- 
tenere il bel nome che gia si 6 me- 
ritamente acquistata. 



tore ci sembra un buon Piemontese. 
Diciamo buono, perche il libro non 
6 scarso di cose buone, e parla di 
Dio, della Religione, della Fede, della 
Speranza, della Carita, e delle virtu 
cardinal! e morali ; e ne parla in ma- 
niera ordinariamente retta ed anche 
attraente, rifiorendo spesso gl'in- 
segnamenti con sentenze poetiche, 
principalmente di Dante e del Me- 
tastasio. Diciamo Piemontese e forse 
anche addetto alia corte, perch6 tale 
ce lo fa credere la maniera con cui 
parla dei Regnanti d'ltalia. Come 
tutte le nostre gentildonne possono 
con orgoglio rispecchiarsi nolle virtu 



galantuomini e gentili sempre pre- 
sent! le qualita di un Sovrano emi- 
nentemente fllantropico e generoso... 
di un Sovrano che e degno discen- 
deute di quella illustre Casa, ecc. ecc. 
ecc. (p. 157). E di nuovo nella chiusa 
del libro: Un Principe, che porta 
org-ogliosamente il nome venerato 
del Re Galantuomo, e del Padre della 
patria suo avo, ecc. ecc. ecc .(p. 215). 
Sta bene; ma in un libro d'educa- 
zione cristiana, in un libro in cui si 
parla anche della Religione e della 
Fede, se c'era posto per un inno al 
Re e alia Regina, noi ci aspettavamo 
di trovare almeno una parolina sul 
Papa e sulla Chiesa. Che vuol dire 
questo silenzio? 



peregrine di quella nobilissirna Re- 
gina, che 6 il nostro vanto piii bello 
e 1'incarnazione dell'ideale femmi- 

LECTOR LUCIUS. Le Conclave. Origines, histoire, organisation, 
legislation ancienne et moderne. Paris, Lethielleax, 1894, 16 di 
pp. XH-84. 

bitiamo quindi che non sia accolto 
dai cattolici con gran favore questo 
libro, scritto da Lucius Lector, sotto 



Finora non si avevano intorno ai 
Conclavi che storie ispirate per lo 
piu da grande malevolenza verso il 
Papa e la Chiesa. Tali sono per es. 
le opere di Petruccelli della Gattina, 
del Bonghi, ed altre simili. Non du- 



il qual pseudonimo si nasconde un 
valente teologo e canonista ed in- 
sleme un facile ed elegante scrit- 



tore. Mitre 11 pregio deU'tntonzione, I'ur faonndo aulla part* aneddo- 

il li' l.uciua Lector tica qnelle riaerve cbe la Datura 

contiene sinuro dottrine Bulla loro siesta della eoaa rioeroa non esitiamo 

legislazione, ed una grande quantity a collocare 1'opera di Lucius lector 

dl notizie curfose, document! di gran- tra i libri piu istruttivi e dl gradita 

de tnteresse intorno nirultimo COD- lettura. 
clave 6 molte incision!. 

LEOI'VKIH OIACOMO. II trionfo della Crooe. Ragionamento ine- 
dito, pnbblu-ato sull' autografo da Niola Mattioli, Agostiniano. 
Roma, tip. della Paw>, 1894, 16 di pp. !;. 

Quest o ragionamento del grande quella/</ tovrana, regina degli af- 
ed infelice Recanatese, scritto da lui fctti e dei pensieri dcll'ttow cattolico, 
non ancom trilustre, venne ora pub- di cui egli parla in questo "ragiona- 
blicato in occasione della prima Mes- mento; se avesse eeguitato ad amare 
aa celebrata dall' egregio Monaldo, la Croce cbe quivi celebra, in mezzo 
di lui pronipote, il A\ aolenne di Pa- agl' infortunii o veri o immaginarii, 
qua. E ben fece 11 degnissimo P. Mat- invece di abbandonarsi allo sconforto 
tioli a darlo alia luce, cbe, senza e"ad una tristezza cupa e dosolata, 
dire di un certo merito intrinseco, cbe gli awelenu la vita, avrcbbe ac- 
grande utilita, com'egli osserva, pos- quistato la vera fortezza, e sarebbe 
ono ritrarre i giovani confrontando cosi riuscito meno infelice e piu gran- 
Oiacomo adolescente con Giacomo de. Giovane, esclameremo noi pure 
dopo i vent'anni. S'egli avesse ser- col solerte edit ore, quanta materia 
bato in cuore quella fed* Candida, v'ba per to a meditare (p. 10) 1 

LETTURE CA TTOLICHE di Torino. An. XLII. Febbraio. Fasc. H. 

- La figlia del crociato. Episodic del tempo feudale. 4* odizione. 

Torino, tip. Salesiana, 1894, 32 di pp. 140. Cent. 20. 11 prezzo 

dell'associazione alle letture e di L. 2,25 all'anno, franca di posta. 

II romanzo cbe annunziamo ritrae raasegnazione di alcuni peroonaggi 

la fede viva dei Crociati, le perfldie nell'eta di mezzo. 

dei vasaalli e le virtii di cristiaoa 

LOTKSUK1KKK ARCANGELO can. penit. -- Poesie sacre e popolari 
Fiort'llini mariani pel mese di maggio. Ostuni, tip. Ennio, 1893. 
Due volumi in-32 di pp. 288-324. Prezzo dei due volumi: L. 1,60. 
Sono versi pioni di pieta e divo- con miglior garbo di quogta acqui- 

zione, i quali, da un'edizione fatta sterebbero grazia. 

LUOTTO PAOLO prof. Una parola di Dante Alighieri. Torino, 

Collegio degli Artigianelli, 1894, 16 di pp. 54. 

La parola 6 1'ultima di quel noto trare nella barca. L'Alizeri, il Giu- 
yerao, in cui Dante dice cbe Caronte liani, lo Scartazziai ed altri inten- 
Batte col remo qualunque a'ada- dono invece prende suo agio, t'a>- 
gia, Questo s'adagia da molti e in- comoda entro la barca, L'Autore si 
teno per va adagio, va lento ad en- schiera con quosti secondi. Senza 

Strit XV, vol. X, ftuc. 1053. 22 M apriU 1894. 



B1BLIOGRAFIA 



scito a dimostrare il suo assuuto. 
Nessuno almeno vorra negargli la. 
lode di ordinato ed efficace scrittore. 



renderci garanti di tutti e singoli 
gli argomenti di vario genere ch'egli 
adduce ID questo studio molto dotto 
e benfatto, ci sembra ch'egli e riu- 

MAKTINOY (P.) d. C. d. G. -- Une lettre d'Anastase le bibliothe- 
caire. Extrait du Monde Latin et du Monde Slave. Voiron, A. Mol- 
laret, 1894, 8 di pp. 12. 

MATTTOLI NICOLA, vedi LEOPAEDI GIACOMO. 

MERMILLOD card. Oeuvres, recueillies et mises en ordre par 
A. Grospellier. Oeuvres pastorales de Geneve 1864-73. Paris, 
Lyon, Delhorame et Briguet, 1893, 8 di pp. YEH-592. 



Chiesa. Ora annunziamo la prima 
parte di questi scritti, cbe vanno 
sotto il titolo di Opere pastorali. 
Essa contiene lettere pastorali, cir- 
colari e private, tra le quali quelle 
dirette al Consiglio di Stato di Gi- 
nevra, che finora erano quasi tutte 
inedite. 



L'episcopato di mons. Mermillod 
va distinto da tre fasi: la controver- 
sia, I 1 esilio, la pace. In questi tre 
periodi egli, sempre operoso, ha dato 
cogli scritti al suo clero e al suo 
popolo consigli di ammirabile sa- 
pienza e anche di pratica utilita a 
chiarire le question}, che al pre- 
sente continuano a travagliare la 

Oeuvres, recueillies et mises en ordre par A. Grospellier. Eloges 
et oraisons funebres. Lyon, Paris, Delhomme et Briguet, 1893, 
8' di pp. XXXIV-584. 
Si veda quanto fu detto di questa egregia opera nel quad. 1037 p. 604. 

MISCELLANEA di storia italiana edita per cura della Regia depu- 
tazione di Storia Patria. Tomo XXXI. Decimosesto della seconda 
serie. Torino, Fratelli Bocca, 1894, 8 di pp. XXXH-596. 

NARDOZZI ANTONIO. -- Le Georgiche di Virgilio tradotte. 2 a edi- 
zione migliorata ed accresciuta con la versione di Teti e Peleo di 
Catullo. Imola, Galeati, 1894, 16 di pp. 245. 



Questa elegante edizione non e 
una pura ristampa delle Georgiche 
tradotte con tanta perfezione dal Nar- 
dozzi, come noi gia mostrammo in 
una nostra rivista (Ser. XIV. vol. XII 
p. 214). II compianto Autore, nel 
tempo corso dal 1889, quando le pub- 
blico la prima volta, alia sua morte 
immatura (2 di marzo 1892) le ven- 
ne riforbendo in non pochi passi. Lo- 
diamo il consiglio dell' Editore che 
voile riportato a pie di pagina il te- 



sto della prima edizione la dove di- 
scorda dalla presente. In tal guisa 
chi legge ha tutto 1'agio di valutare 
degnamente e la bonta delle muta- 
zioni e qual senso squisito dell'arte 
avesse il Nardozzi che mai non rifi- 
niva di ritoccare le cose sue anche 
nei passi ove altri per ventura non 
avrebbe saputo cbe desiderare dr 
meglio. 

Alia versione delle Georgiche e- 
stata aggiunta 1'altra, non meno pre- 



H1ULIOGRA1 

gevole.deU'epltalamio diTetiePeleo, raplto all'amore della hmlglla e ml 
prrparatn dal Nardozzi per la stampa deooro delle letter* nottre. 
qunndo da un flerissimo morbo fu 

ri.I.I LINO cav. Vita e grandezza del glorioeo Patriarot 
San Giuseppe. Prato, tip. Giachetti, 1894, 16* di pp. 290. - 
L. 2,00. Si vende in Prato e in Roma all'ufflcio degli Ann 
Nostra Signora del S. Cuore. 

La vita e le grandezze di 3. Giu- e delle tradizloni del Padrl delle 
seppe sono pieuamente narrate in anime pie. VI abbiamo ammirato af- 
questo libro. L'Autore, oltre la scorta. fetto grande e un' amablle sempll- 
del Vanpelo si e giovato, a ritrarne cita. 
le vere fattezze, delle interpretazioni 
NO VENA al B. Sante da monte Fabbri, laico francescano. Seumfcr- 

rato, tip. Bartolo, 1894, 32 di pp. 32. 

OLIVART (De) marques, Camarero secrete de capa y espada de 
S. S. Leon XIII etc. etc. Del aspecto internacional de la Que- 
stion Romana. Libro I. De Magenda d la Convenci6n de Septiembre 
(1859-63) Madrid, Fernando Fe, Barcelona, libreria barcolonesa, 
1893, 8 di pp. XVI-272. 

Quest'opera, di cui annunziamo luce riflettono-sotto la sua penna un 
il libro I., e d'interesse universale, piu sinistro bagliore; percbe, com- 
appunto percbe riguarda una que- mentati con quella ampiezza di con- 
stione cbe tocca i piu vitali inte- cetti e con quella perspicacia di men- 
ressi della cattolicita, qual e la que- te, cbe sa tosto scoprirne le cause e 
stione romana o 1'indipendenzadel- antivederne gli effetti ; ne perde mai 
1'Augusto Capo della Cbiesa. II di vista il logico fllo cbe li connette. 
cb. Autore la tratta storicamente, Siamo sicuri che la lettura di que- 
npiegando innnnzi agli occhi de' let- st'opera, la cul traduzione speriamo 
tori quell'ampia tela di raggiri, di non si faccia a lungo desiderare, tor- 
frodi, di tradimenti e di violenze che nerk vantaggiosa non pure al catto- 
condussoro alia detronizzazione del lici, ma eziandio a cbiunque ami co- 
Tero Sovrano di Roma, consumata gliere dalla moderna storia utili am- 
dalle sette e sanzionata dalla diplo- maestramentL 
mazia. I fatti messi nella lor vera 

PAGUANI G. vedi ROLLAND. 

I'KLLEGRINI ANTONIO prof. Piccola storia d'ltalia antica e del- 

1'Evo Medio per la quarta classe elementare. 3* edizione. Parma, 

Ferrari e Pellegrini editori, 1894, 16 di pp. 108. Cent. 40. 

Si veda quanto fu detto di questo Corse di storia nel quad. 947, 7 di- 
cembre 1889, a pag. 605. 
PICCHIORRI GIUSEPPE. XXXX Odi di Q. Orazio Flacco tradotte 

in v-rsi. Rmna, tip. del Senate, 1893, 16" di pp. 166. 

Tradurre Orazio non e impresa prove fatte in questo campo da non 
da prendere a gabbo, specie dopo le pochi illustri letterati e dal Gargallo 






BIBLIOGH 



principalmente. Eppure non ignobile 
palma in questo arring-o ha saputo 
cogliere il ch. Picchiorri, che nella 
Btia versinne da a divedere non BU- 
perflciale conoscenza del Venosino, 
e, per lo piu, ne riproduce felice- 
mente la proprieta, la concisione, la 
robustezza, U giro che suol dare alia 
Btrofa, e talvolta perflno il brevis esse 
laboro, ohscurus fio. A noi per6 non 
aggradano certe durezze di verso, 
che qua e la non di rado abbiamo 
incontrate. Ben rifiutiamo anche noi 



Qticll'armonJa che suona alia dtatotw, 
Como fan lu campane d'una clUesa; 

ma pure il nostro orecchio non sa 
acconciarai alia struttura usata dal- 
1'Autore in molti versi simili a questi 
che togliarao dall'Ode II ad Augusto: 

Cut osplar fara Glore 'I gran poccato?... 
Saxlo, abl, del ludo omal lungo; a cnt place... 
O che, a Maria alma o flgllo. In terra sraetta... 
Qul 1 ran trlonfl trattengantl, e 1 nome._ 

Ma sono piccoli nei fra tanti pregl; 
dunque non ego paucis ojfendar ma- 
eulit. 



insieme col Gozzi 

POLETTO D. G. -- Nel solenne ingresso di S. Ecc. Mons. Pietro 

Zamburlini alia Sode vescovile di Concordia. Padova, tip. del Se- 

minario, 1894, 8 di pp. 45. 

letterato che e il Poletto, il quale 
poi a buon diritto conchiude che 
quant i vogliono la guerra colla Chie- 
sa, per quanto s'arranchino con ispe- 
ciosi argomenti, e per quanto, fal- 
sandolo, chiamino Dante in loro aiu- 



Gravissimo e 1'argoraento di que- 
sta Conferenza: come il pensiero di 
Dante e quello di Leone concordino 
nello stabilire che la Chiesa e lo 
Stato, pur avendo ciascuno la sua 
cerchia in cui svolgere la propria 
azione, debbono andar d'accordo tra 
loro, n6 mai questo avversar quella; 
e 1'argomento gravissimo e trattato 



to, costoro non sono e non possono 
essere ne cristiani, ne italiani, ne 
dantisti . 



in maniera degna di quell' illustre 

POUGEOIS ET. abbS, chan. - - Le general De la Moriciere. Vie 

militaire, politique et priv6e. Nouvelle edition Paris, Tqui, 1894, 

16 di pp. YI-360. 

Nel cuore d'ogni cattolico si con- questa 2. edizione della sua vita ab- 
serverii sempre viva la memoria del- bia lo stesso favore della prima. 6 no- 
1'eroe cristiano, che per la difesa del stro desiderio che qualche persona 
Vicario di Cristo pose a repentaglio di buona volontk ne dia una tradu- 
la sua vita e la sua fama di valente zione italiana. 
generale. Onde non dubitiamo che 

POZZI GIUSEPPE prof. sac. Compendio apologetico della dottrina 
cattolica. Seconda edizione. Milano, G. Palma, 1893, 16 di pp. 
250. - - L. 1,00. 
Di questo bel lavoro abbiamo parlato nel fascicolo 971, p. 610. 

QUESTIONS (La) del Santuario d'Oropa in territorio della citta di 
Biella avanti ai Tribunali. Tip. Subalpina S. Marino, 16 di pp. 20. 

RESOLUTIONES Casuum conscientiae et casuura. Litiirgicorum, qui 
An. Dni 1893 propositi fuerunt Clero Netinae Dioecesis, jussu 



Illiui .! !;.,! Dutiiini I-ain Blandini i -nsis. Cb-' 

fertae, typographi li, Coreo Campano, N. 82, 1894, 8 <li 

~>l. Cent. 70. II deposito e nel Keminario Vescovilo di No to 

in Si-ilia. 

8000 piii anni, cbe no! annun- ti raecomandano per loro Rteate, si 
tiamo queste solnzioni di CM!, e per la scolta delle materie, come per 
sempre con lode. Esse sono un ar- la bonta e la sicurezza della dottrina, 
gomento della operosita di Monsi- con cui si risponde al queciti e si 
gnor Gioranni Blandini, ed insieme appianano i dubbii. 

KJELA Fra ROSARIO capp. Discorsi sacri. Palermo, tip. Pontifi- 
cia, 1893, 8 di pp. 92. Cent. 60. Vendibile a Palermo, via 
8. Agata della Guilla N 5 u. p. pretso Puflicio delle Letture Do- 
memcali. 
Sono otto discorsi pleni di affetto per il Rosario, 1'Addolorata, le Qua- 

In onore di san Francesco d'Asaisi rantore, 1'ultimo dell'anno, e in oc- 

e di santa RosaHa palermitana, per casione della presa di possesso d'un 

I'lmrnncolata concozione di Maria, beneflcio curato. 



AMBKOQIO sac. L'amico del chierioo, ossia brevi e salu- 
tari avvisi al giovane che aspira al sacerdozio. Lodi, tip. veac. 
Quirico e Camogni, 32* di pp. 86. 

6 un caro libriccino che dovrebbe gere quella forma di vivere che lo 
esserealla manod'ognigiovine allie- fa amabile a Dio e agli uomini. Oil 
TO del santuario. Contiene una serie awiai riguardano: la tcuola, lo ttu- 
di piccoli awertimenti tutti pratici, dio, la ricreaziune, i superiori, le 
frutto deU'esperienza, con i quali il relazioni tociali, le contertazioni, 
piovane chierico 6 aiutato a raggiun- gl'inferiori. 

HOLLAND CH. ab. D paradiso in terra od il mistero eucaristico 
spiegato secondo la ragione dogmatica, liturgica, ascetica e morale 
in 60 discorsi che possono aervire d' istruzione, di letture pie e 
di soggetto di meditazioni. Tradotto in italiano dal sac. Giuseppe 
Pagiiani, arciprete di Arceto e miss, diocesano. Heggio-EmiUa, 
stab, tipolit. degli Artigianelli, 1894, 16* di pp. XV 1-478. - 
L. 2,00. 

II rev. abbate Holland, nell'in- pereeucaristicbe,p.e. dell'adorazlone 
troduzione di questo libro, spiega la perpetua, del soccorrere le chieM 
nature e le qualita distintive della povere, del S. Viatioo e dell'espoii- 
divozione al SS. Sacramento; poi in zione del SS. Sacramento. L' opera 
sei capi, da lui detti libri, espone la pud servire, come indica il titolo, 
rerita del domma dell 1 Eucaristia, per Jstruzione, pie letture e medita- 
come Gesu e nostra vittima, cibe zioni: poiche e un utanuale breve 
delle anime, compagno del nostro e succoso di tutto cio che i Padri 
pellegrinaggio e nostro modello nei della Chiesa e i Santi banno scritto 
tabernacoli ; infine discorre delle o- sopra questa materia, cioe quelli che 



142 



BIBLIOQRAFIA 



pin d'ogni altro erano penetrati ed il traduttore avrebbe dovuto disco- 

accesi dello spirito e dell 1 ainore di stand pin dalla lettera. 

Gesu sacramentato. In alcune pagine 

ROMANO NICOLA. Saggio di versione della Cristiade di G. Vida. 

Napoli, A. Morano editore, 1894, 8 di pp. 18. 

L'n plauso sincere al valoroso divina. Poi nel tradurre i due versi 
traduttore. Sono pochi versi, ma etc 
ungue leonem. Come 1' originate ci 
rammenta Virgilio, cosl la versione 
ci ricorda Annibal Caro; benche di 
essa non possa dirsi cbe e una bella 
infedele. Ne stanno ad indizio i primi 
quattro versi. II Vida da principio 



sejfiienti : 

mperi qui ted* 1'arenti* 
Virgin!* intaetae gravidam dttcendit in 

alvum, 



al suo poema con un'onda d'armonia 
maestosa e solenne: 

Qui mare, ./MI terra*, qui coelum numine 

eomplef, 

f-'piHtus ulme, tuo liffat mihi munere regem 
Bi genitum canrre. 

II Romano invece incomincia con 
uno slancio pieno d'estro poetico: 

Splrlto animator, che del tuo name: 
II mar la terra e 11 clelo empl, al mlo petto 
Splra, ch'lo pussa 11 Ko del re due volte 
Generate cantar. 



awedutamente traacura quel 
dam, che a noi sembra una sconcia- 
tura. In fatti, o s' intende nel senso 
ovvio, cioe descendit in alvum gra- 
vidam, ed e falso e contraddetto 
d&\r into eta e cbe lo precede; o s' in- 
tende che voglia dire descendit in 
alvum quam fecit gravidam, e allora, 
oltre che basso, e superfluo. Percid 
il traduttore saviamente Tomette, e 
si contenta di dire: < 

cbe dell' eterno 

Padre dal sogllo nell' intatto seno 
D'una Vergln disease. 

Si affretti pur dunque a pubblicare 
la versione dell' intero poema, che 
ai cultori delle belle lettere fara un 
vero regalo. 



jna non dimentica per6 la maesta, e 
a questo primo verso tutto vita ne 
fa succedere un altro lento, lungo, 
vasto, ad imitazione della immensita 
ROMEO SALVATORE sac. La Madonna di Dante. Studio critico. 

Catania, N. Giannotta ed., 1893, 16 di pp. 32. 

Nel presente opuscolo v'e prima tamente ed espone bellamente le pe- 
-un paragone tra Dante e Frate la- regrine bellezze di quelle terzine, 
copone, quindi si ragiona quanto di- onde Dante, non facendo dimenticare 
versamente nelle tre cantiche della che la Madonna e una creatura, la 
Divina Commedia fa la sua appari- solleva tant'alto, che quasi la divi- 
zione la Madonna (p. 11 ss.). nizza (p. 10). 

11 rev. D. Romeo esamina atten- 
ROZZI TOMMASO prev. di Correggio. Mese di Maria. Trentun 

discorsi per le feste di Maria Verginej canti popolari. Torino, tip. 

pontif. di P. Marietti, 1894, 16 di pp. VIU-408. 
Questi discorsi, pubblicati prima utile lettura per tutti i giorni del 



separatamente, tornano ora in luce 
raccolti insieme, e non dubitiamo 
che il favore incontrato allora siano 
'per trovarlo anche ora, e fornire una 



Mese di Mapgio, per tutte le feste 
della SS. Vergine, e per ultre oo- 
casioni; tanto piii che sono seguiti da 
cunti popolari pienidi vita e d'affetto. 



APIA 






. Des K.iiiniMi.iii- Liilliis I.M,..II unl \\-ik- in Hildero 
dee XIV. Jahrhunderts. / \\oli Lit htdrucktafoln aus der Il< : 
kun.stalt v. J. Schober in Karlsruhe, init Krkl.lningen v. 
helm Brambach. Karlsruhe, verlag v. Ch. Th. Oroos, 1893, f.* 



II H. Rainaondo Lullo [Don Ra- 
m6n I. ul (1235-1315)] appartenne al 
terz'ordine dei Francescani. Egli si 
res* celebre per il suo zelo ardente 
nel convertire i Saraceni, per la pro- 
digiosa moltitudine di opere cbe com- 
pose (un 400) e per la sua dottrina, 
racchiusa nell'Ars Magnet, che desto 
\ grandi lotte tra i Domenicani ed 
i Lullisti nei secoli XIV, XV e XVI, 
obe a cesaarle interposero la loro 
autoritfc i papi Gregorio XI e Paolo 
IV (Dr. Alberto StOckl, vol 2, p. 924- 
052 Geschichte der Philosophic des 
Mittelalters ). II presente layoro con- 
iste nell' illustrazione accurata di 
dodici ritratti della vita e della dot- 
trina del Beato intercalati nel ma- 
noscritto in pergamena 92 di Karls- 
ruhe, il quale conservavasi nel con- 
Tento di San Pietro nella Selva Nera, 
Le figure che rapprcsentano i 
Priitcipia e le Regulae dell'Arte dl 
Raimondo, sono varie e fantastiche 
anal. Vi si scorge con quant'arte e 
buon riuscimento sapessero in quei 
tempi i disegnatori e i pittori dar 



corpo e sembianze vive alle idee piii 
astratte, quanto fosse venerate il pri- 
mato della Chiesa e quale fosse la 
maniera d' insegnare segulta da Rai- 
mondo Lullo, cioe tutta immaginl e 
simboli sensibili, adatti secondo lui 
a Bpiegare i misteri piii nstrusi della 
nostra religione, anzi a dimostrarli 
veri direttamente e apoditticamente 
contro gli Averroisti (vedi Stnkl ib. 
p. 950). La figura VI riporta la pal- 
ma supra tutte le altre; quivi e ri- 
tratta in maniera meravigliosa la 
torre della Falsitu, ove e tenuta pri- 
gione la Verita; Aristotele ed Aver- 
roe BU i cavalli, che tirano due carri 
di guerra, muovono a liberarla; tua 
le redini del cavallo, su cui siede il 
fllosofo arabo , sono governate da 
un cardinale, rappresentante della 
Chiesa. 

I brevi, ma succosi schiarimentf 
della vita fortunosa di Lullo sono 
anche essi pregevoli per il dotto, 
massime se si considers che alcune 
parti della medesima sono ancora 
oscure. 



SEMENZA VINCENZO M. a agostiniano. --La Vita della Fede di 
rinoontro alia Vita deUa sola natura. Conferenze dette nella Ba- 
silica Vaticana, la Quaresima dell'anno 1871. Roma, Cav. Ant. 
.Marini, Coreo Vittorio Emanuele 337, 1894, 4* di pp. 548. 



Tutte in acconcio alle condizioni 
ed ai bisogni dell' eta nostra sono 
queste Conferenze, che il ch. Ora- 
tore a spirituale vantaggio delle 
anime e a gloria di Dio e della sua 
Chiesa rende ora di pubblica ragione. 
In ease egli si fa a confutare vitto- 
riosaniente i modern ierrori nel campo 
della teoria e della pratica; e accioc- 
cbe inegliu apparisca I'assurdita e il 



danno che ne deriva all'uomo indi- 
viduo e sociale in ordine alia reli- 
gione e alia morale, alia politica e 
alia civilta, alia scienza e all'arte, IV 
raflronta con le opposte verita o prin- 
cipii cristiani ; i quali, pel contrasto, 
come le luci per lo sbattimento delle 
ombre nella pittura, spiccano in tutta 
la loro lucidita e viveua. Nelle prime 
conference egli combatte il moderno. 






WBI.I 



naturalismo, ateo o panteista che sia, 
coil fatale rie 1 suoi principii e nelle 
sue conseguenze, contrapponendogli 
il BOY ranatu rale, di cui dimostra la 
ragionevolezza, la necessita e i van- 
taggi, non solo in relazione alia vita 
awenire ma uuche alia presents, di 
cui la Fede e il sostegno e il priu- 
cipio vivificaute che fa sentire la 
sua beneflca influenza taiito allo in- 
dividuo come alia societa, nell' or- 
dine delle idee e in quello delle 
morali e civili azioni. 

Quindi le sue Conferenze hanno 
per oggetto, coine per titolo - Vita 
di fede, contro la incredulita - Vita 
di poverta contro la cupidigia - Vita 
di castita contro la sensualita - Vita 
di obbedienza contro la ribellione, e 
via dicendo. 

Seguono altre Conferenze sulla 
vera Chiesa, ciascuna delle quali 
ha per oggetto un carattere proprio 
della medesima; e questa seconda 
parte delle sue Conferenze e piu 
specialmente diretta a combattere 
gli errori delle sette eretiche e pro- 
testanti. All' istessa appartengono 
alcune altre Conferenze sopra argo- 
menti spettanti al Pontefice, di cui 
mette in chiaro rinfallibilita,aiCon- 
cilii generali, la cui influenza cotanto 
contribul alia civilta del mondo, e 
all'ultimo Concilio Vaticano, nel quale 

SEMPRONIO C. can. Scuola 
Perini, 1893, 16 di pp. 236. 
In questo libro 1'anonimo ispet- 
tore parla di un' ispezione che dove 
eseguire nel paesello Bestitggine. 
L'Autore v' intesse la narrazione di 
fatti, qua e Ik osservati nei suoi 
venticinque auni di vita scolastica, 
fatti, i quali secondo lui mostrano 
che la scuola elementare italiana 
non e ancora uscita d'infanzia, e ci6 
per i tanti malanni, dai quali i cru- 



chiaro apparisce 1'ordine ammirabile 
della Provvidenza diviua verso la sua 
Chiesa. Tengono dietro alle suddette 
altre tre Conferenze contro il razio- 
nalismo, nelle quali il ch. Oratore, 
posta in sodo 1' insufficienza dell'u- 
manaragione abbaudonataasestessa, 
chiarisce la necessita della fede e la 
sua anuonia con la scienza. 

La terza parte con tie ne tre Con- 
ferenze sulla Confessione e altrettante 
sulla S3. Eucaristia, ed altre di vario 
argomento. Nell'ultima parte tratta 
dei doveri de'figliuoli verso i geni- 
tori e viceversa; e chiude 1' opera 
sua con due belle Conferenze sul 
perche delle tribolazioui de'giusti e 
dei peccatori. 

Copia adunque e varieta di argo- 
menti non maucano a questo libro 
La sua opportunity riluce agli occhi 
di chiunque uon ignori i present! 
bisogni della societa invasa dalle 
false teorie del razionalismo e del 
materialismo ; e il suo pregio teo- 
logico ed oratorio apparira manifesto 
a clii, come noi, si faccia a leggere 
queste dotte ed eloquenti Conferenze 
nelle quali, con uno stile chiaro, 
popolare e insieme aggraziato d'una 
bene intesa e naturale eleganza di 
forme, il Sacro Oratore combatte gli 
errori dell'eta nostra e mette in bella 
luce le verita contrarie. 

mrale. Moreiano di Romagna,. tip. 

L. 2,00. 

delmente affiitta (prefaz.). 

Chi scorre quest' opera sino alia 
pagina 178, come abbip.mo fatto nof, 
deve dire fra s6 stesso, pieno di so- 
spetto; qui gatta ci cova! I malanni, 
da cui e afflitta la nostra scuola 
elementare, saranno foree per il ma 
gno ispettore la salutare dottrina e 
la pratica della religione di Gesu 
Cristo. Infatti di tutto vi si ragiona, 









peraino dell' incuf,a:ivne artifloiale, 
i 'H cui si possono arere polli 
ogni mese e at posnono portare al 
mercato, quando si vuole, del gal- 
mnti (p. 142); solo 
ti si tace i -;iniente ed uni- 

camentc puo informare a virtu il 
cnore del giovinetto. Eppure 1'affBn- 
narci solamente pel tillabario e per 
la aomma e un luvoro meaebino (p. 
66) ed insufficient per 1'educazione 
del priovane, affidato alle cure del 
maestro e dlla maestra. Ma per 
bnona fortuna dei nostri oechi gtan- 
ofai dal leprpere, il sospetto scom- 
pare flnalmente nella patina 178 e 
da luop-o ad una triste certezza. Sen- 
iiamo: La razza (umana) 6 una: 



le aawxriazioni religiose POMODO w- 
ere plu, e pr6 1% scuola uon pu6 
esaere aaservita a neatuna aaoci*- 
zione, noD deve avere nesaun color* 
relfffioso, non deVesaere n6 confes- 
aionale, n6 atea, mn totalmente, vir- 
tnnlmente, emenzialment* laica: di- 
Teraamente, il memoraiido avveni- 
mento del 20 setfcmibre 1H"0 uvrebbo, 
per noi Italian!, un ben meachino e 
povero valore, ae il concetto (mat- 
tonico) che inform6 quell' nvToni- 
mento, non animafise, come sofflo vi- 
tale, tutti i gradi dell' educazione 
nazionale. Baati questo: ce n'e 
d'avanzo, per dovere riflutare queito 
libro. 



SIGNORTELLO PASQUALE, sac. -- H conforto de' moribondi, o si* 
modo pratico di amministrare agl'infernii i Sauti Sagramenti e di 
aiutarli a ben morire. 8* edizione, coll'aggiunta di tutto le bene- 
dizioni tolte dal Rituale romano. Napoli, stab. tip. Festa, 1803, 
32 di pp. 640 L. 2,50. Ai soli Parroci L. 1,70. 

SUAU (P.) d. C. d. G. -- Gli eroi della Salsette, ossia Rodolfo 
d'Aquaviva e i suoi compagni Beati martiri della Corapagnia di 
Gesu. Ronia, tip. ed. di San Giovanni, 1893, 8 di pp. 172. 
L. 1,00. Legato L. 1,50 e L. 2,50. 
In questo libro si narrano la vita, fatiche e disagi, sono qui deacritti 



i viaggi, le virtii e i patimenti del 
Boato Rodolfo Acquaviva e dei suoi 
compagni. Atri, patria di Rodolfo, il 
collegio di San Paolo ed altri luo- 
gbi, ove i Martiri sostennero tante 



esattamente e ritratti in belle inci- 
sioni. L'edizione poi 6 stata eaeguita 
colla solita cura e finitezza della 
Casa Desclee. 



SYNODUS (Secanda) dioecesana ab ill. mo ao rev. mo D. Bernardo 
Cozzucli, episcopo Xicosien. Ilorbitensi, habit.-i diobus XIV. XV, 
XVI novembris 1803, Fanormi, ex typ. pontificia, 1893, 16 di 
pp. 204 L. 1, L'i. 



questo il secondo sinodo dio- 
ceaano che Sua Ecc. il Vesc. Cozzu- 
cli ba teste celebrate in occasione 
dol glubileo episcopale del Sommo 
Ponteflce Leone XIII. Ksso contiene 
quattro sesaioni ; nella prima, oltre 
i regolaraenti per il sinodo, ai dis- 



corre della fede cattolica, del culto 
divino e dei sacrament! ; nella se- 
conda, della disciplina ecclesiastica; 
nella terza, della rita degli eccle- 
siastici: nella quarta, dello zelo della 
salute delle anime e delle opere pie. 
Vi sono due discorsi fatti da Mons. 



346 KIHLIOORAFIA 

Vescovo per 1' apertura e chiusura pleni di gapfenza e di criterio pra- 
<del sinodo. I provvedimenti sono tico. 

TAGLIALATELA P. GIOACCHINO D. 0. Memorie della vita e del 

culto di S. Demetrio martire di Tessalonica. Napoli, tip. napole- 

tana, 1893, 16 di pp. 276. L. 3. Si vende a beneficio della chiesa 

del Santo in Morigerati presso 1'Autore, Napoli, Via Duomo, 142, 

presso il Sig. Felice Arenare, vico stretto ai Miracoli, 15, e presso 

il sac. Francesco Arenare in Morigerati (Salerno). 

II lavoro che annunziamo diviso sti, i quali trattano difftisamente di 

jn tre parti. Nella prima si descri- molte question! che ad una tale vita 

vono le geste del martire San De- si attengono (Tomo IV, 8 di ottobre, 

metrio che flori verso la seconda Bruxelles, 1870, pp. 50-209). Oltre i 

meta del secolo terzo ; nella seconda document! riportati dai Bollandisti, 

si riferiscono i miracoli operati dal il ch. Autore si e servito di altri 

Santo; nella terza infine si tratta del scritti e composizioni antiche. Nel- 

culto reso in Oriente ed in Occidente 1'anno 1770 fu pubblicata in Napoli 

al Martire, e specialmente della ve- una Breve notizia della vita.... (con- 

nerazione e dell'ossequio prestato al tinua il titolo di otto lunghe linee) 

medesimo dalla citta di Napoli e di San Demetrio, compilata da Gae- 

dalla terra di Morigerati. tano Roselli senza veruna critica e 

II rev. P. Gioacchino, nell'esporre con dettato assai scorretto. Laonde 

la storia del martirio e del culto di richiedevasi un' altra opera, tanto 

San Demetrio, ha quasi sempre se- piu che il suddetto opuscolo e di- 

guito il commentario, le osserva- venuto raro. 

zioni e le annotazioni dei Bollandi- 

TARDI LORENZO moine augustin. Yie de Sainte Claire de la 
Croix, abbesse du Monastere de Sainte-Croix de Monte falco en 
Oinbrie. Traduite de 1'italien. Nouvelle Edition. Paris, T6qui 6di- 
teur, 1893, 18 di pp. 286. -- Fr. 3. 

La vita di S. Chiara di Montefalco, zie e prodigi singolari. Mori il 17 
che il Sommo Ponteflce Leone XIII agosto 1'anno 1308; ma Tanno della 
ha iscritto nel catalogo dei Santi nascita ci e ignoto. L'edizione 6 resa 
insieme con Benedetto Giuseppe La- piu pregevole dalle molte figure in- 
bre e Giambattista De Rossi, e una seritevi, le quali sono state ritratte 
delle piu ammirabili per virtu, gra- dai dipinti dei piu celebri artefici. 

THOMAE (S.) Aq. --In Evangelia S. Matthaei et S. Joannis com- 
mentaria. Tomus secundus, Evangelium secundum Joannem. Au- 
gustae Taurinorum, typ. P. Marietti, 1894, 8 di pp. 320. -- I 
due volumi L. 8,00. II commento di S. Tommaso non ha bisogno 
delle nostre lodi ; diremo dunque soltanto che 1'edizione e accurata. 

TEATRO (Piccolo) delle case di educazione. Fasc. 83 e 84. L'ono- 
mastico della mamma. Commediola in tre atti, scritta da C. Z. 
Una le paga tutte. Farsa in un atto, scritta per giovinetti da un 
frate minore. Modena, tip. dell'Immacolata Concezione, 1893, 32* 



KHiHAFIA 






tore : si sorbiscono in un flato, ma 
dopo averli sorbiti si dice : ah, come 
e buoDO ! Seguiti, seguiti il sig.Tor- 
nelli, che far* opera santa, e tutti 
gli amanti delle letture ameoe ed 
oneste glie ne sapranno grado. 



li pp. 48-66. Cent. 40 ciascun fascioolo. Preuo degli 84 fasci- 
culi finora pubblicati I. .',20. 

.LI TITO. Ricreazioni, Racoonti e Bozzetti. Modena, tip. 
dell'Imm. Concezione, della Collez. di letture amene ed oneste di- 
spensa 1* Qenn. e Pebb. 1894, 16 4 di pp. -M_'. I'rezzo L. 1. 
Ha ragione da vendore il sig. Tor- sti obe ci ba ora regalati il cb. Au- 

nelli, oggi 11 ruoudo non ba paiionza, 

TOO! tutte le ooae a vapore : non 

ama nemmeno 1 lungbi racconti , 

Tuole piuttosto raccontiiu, scene do- 

mestiche, bozzetti, idillii da sorbire 

in un flato. B tali appunto son que- 

VALENTINI ANDREA. Le mura di Brescia. Brescia, tip. Queri- 
niana, 8 di pp. 18. 

VARANI BATTISTA (beata) dei Signori di Camerino, fondatrioe del 
raonastero delle Clarisse in patria. Opere spiritual! ora la prima 
volta riunite e corrette sopra gli antichi oodici a penna e a stampa. 
Camerino, tip. Savini, 1894, 16 di pp. 367. L. 2,50. Si vende 
in Roma al Collegio di S. Antonio, ed in Camerino presso 1'edi- 
tore Canonico Milziade Santoni. 
Saviissima cosa e da sapergliene raccolti ed illustrati flno a diciotto, 

grado non solo i divoti della Beata, 

ma ancbe quei non pocbi letterati 

cbe tanto oggi si piacciono di ride- 
stare certe memorie degli andati se- 

ooli, ba fatto il Canonico Milziade 

Santoni, col raccogliere in un solo 

volume le diverse opere spiritual! 

della B. Varani, e curarne un'edi- 

zione conforu,e alle regole della mo- 

derna critica. La vita di lei, corsale 

tutta dal 1458 al 152(5, nel tempo 



tutti flore di pieta serafica e spirant! 
fragranza di paradiso. N6 di pregi 
letterarii possono dirsi spogli: di fat- 
to, in quella che come scritti asco- 
tici furono in istima e in amore ai 
Filippi Neri, agli Alfonsi Liguori, ai 
Giovenali d'Ancina; per inerito di 
lingua e di stile riscossero le lodi 
del Crescimbeni, del Quadrio, del Ti- 
raboschi. Noi dunque siamo di av- 
viso che questa pubblicazione sara 
accolta con favore dall'universale, 
n6 sara indarno al promuovere la 
causa della canonizzazione, cbe gia 
sappiamo bene avviata. 



stesso cbe fu un tessuto delle piu 
belle virtii.fu anche fecondadi ncritti 
acconcissimi a infonder lena in chi 
ai mette per 1'erta della perfzione; 
e in questo volume rioi ne troviamo 

VEGEZZI RUSCALLA EMERENZIANO. -- n trovatello. Racconto 
illustrate pei ragazzi. Torino, G. Speirani editore, 1894, li >li 
pp. 160. L. 1,00. 

E un racconto pieno di avven- detta ai lore genitoH. II frutto della 
ture e di sentimenti aflettuosi e cri- lettura puo essere vario, massime un 
jjtiani. Vi sono narrate le viceode di grave ammonimento pei giovani che, 
due fratelli gemelli, rapiti per ven- pospostoogniaflettodi (amiglia,s'im- 



BIBLIOOHAI I A 

brancano coi cattivi compagni. Que- si fosse avuta piu cura delta purita 
sto lavoro sarebbe piu pregevole, ove di lingua. 

VIANNEY JEAN BAPTISTE MARIE (ven.) cur6 d'Are. Sermons, 
publics par lea soins de M. le chan. Etienne Delavoche, archi- 
pn'-tre d'Ainay a Lyon, docteur en th6ologie, et du R. P. Dom. 
Marie-Augustin Delaroche chanoine regulier. Nouvelle '>dition 
augmentee. Lt/ow, Paris, Delhomme et Briguet, 1894, voll. 4 in 
16 di pp. XX-456; 464; 410; 406. 

Sono varii disoorsi per tutte le informal! da sentiment! pii e spiranti 
domeniche dell'anno e per parecchi soavissima divozione. Per c!6 la sem- 
altri sopgetti compost! da quelPanima plice lettura pu6 tornare utile assai, 
santa che fu il Curato d'Ars, e que- come 1'hanno gia sperimentato non 
sto basti per indicare quanto sieno pochi lettori. 

YIGO ILARIO MAURIZIO teol. coU. miss. ap. La Famiglia mo- 
dello, ossia la nuova associazione universale delle famiglie con- 
secrate alia S. Famiglia di Nazaret, spiegata al popolo. Torino, 
tip. F m Canonica, 1894, 32 di pp. 284. Cent. 50. 
La Famiglia modcllo 6 quella che anche questo e condotto in modo 
s'informa alle virtii esercitate nella chiaro, popolare ed assai ameno. Ne 
santa casa di Nazaret, e perci6 que- vi manca la sostunzn, cioe la dottrina, 
ste si propongono qui con tutti i attinta dalle opere di Benedetto XIV, 
particolari ed applicazioni alle ne- di Cornelio a Lapide, dell'Alimonda, 
cessita della presente societa. Vi e dell'Alasia, dello Scavini e di altri. 
anche aggiunto lo statute della pin. Sarebbe bene in un' altra edizione 
associazione alia Sacra Famiglia, la aggiungere a questo bel libro 1' in- 
pagellad'aggregazione e lapreghiera dice; altrimenti e una disperazione 
propria ed altre buone e sante norme. il volervi rintracciare cio che si de- 
Come gli altri lavori del rev. Autore, sidera. 

VIRTU EUCARISTICHE, ossia 1'anima fedele santificata dalla fre- 

quente Comunione. Traduzione dal francese di una pia Signora. 

Reggio-Emilia, libreria religiosa morale, 1894, 32* di pp. 472. - 

L. 1,25. 

Fra i tanti belli libri che trat- e tutto un tesoro delle virtu cri- 
tano dell' augusto sacramento del- stiane e delle preghiere per la santa 
1' Bucaristia, questo che annunziamo Comunione, il quale per giunta 6 
sark anch' esso accolto favorevol- fatto rilevars dall'Autore per s\ dolce 
mente dalle anime divote. Poiche vi maniera che innamora. 

VITA di S. Girolamo Emiliani, padre degli orfani, fondatore della 
Congregazione dei Chierici Regolari di Somasca. Quarta edizione 
nuovamente riveduta e corretta. Prato, tip. Giachetti, 1894, 8 di 
pp. 268. 
Sua Bcc. Mons. Costantino, Ve- stampe la vita di S. Girolamo Emi- 

scovo di Veglia, die'nell'a. 1867 alle liani, scritta dal suo confratello, Mons. 



IlIKLIOORAH V 

C. de' Rossi. Epli 1* aveva rivaduta per modo che 1 laffge con piacere 
edatnpliata, in occasion e del cento- e con pro fit to dello spirito. 
nari" di-lla canonizzaxione del Santo, 

VITA dei Beati Pietro Martire Sanz, Francesco Serrano, Giovacchino 
vanni Alcober e Francesco Diaz dell' Ordine di S. Do- 

nvni"), martirizKiti in Cina negli aimi 1747 e 1748. lioina, tip. 

Perseveranza, 1893, 8 e gr. di pp. 364. 

In questo bel volume, illustrate gerlo non potra non sentirsi inflam- 
oon varie fotografle, si descrlvono mare di nobile emulazione all'ac- 
nobilmente le geste dei cinque liar- quisto di quelle virtii ebe fanno i 
tiri dell' inclito Ordine domenlcano, santi, di quello zelo cbe fa gli apa- 
che furono solennemente innalzatl ttoli, e di quella fonezza cbe fk i 
all'onor dei Beati nell'anno test6 martiri della Chiesa di Geiu Cristo 
decorso ; e cbiunque si faccia a leg- 

"VOLPI G. sac. dott. Gli argomenti storici sul divorzio citati dal- 

1'on. deputato T. Villa alia Camera italiana il 25 gennaio 1893. 

Palermo, tip. del Boccone del povero, 1893, 16 di pp. 54. 

Gli argomenti storici riferiti dal- tra il Papa e Carlo. Magno su quest a 

Ton. Villa in favore del divorzio, materia, (pp. 20-86), sfumano al- 

maulme quello preso dalle relazioni 1'esame critico del rev. D. G. Volpi. 

ZA.GARI ROCCO M. mons. L'operaio e S. Francesco d'Assisi, os- 
sia la riforma cristiana della classe operaia pel Terz 1 Ordine. Im- 
prcssioni e consigli. Con appendice dello stesso Autore: Leone XHI, 
Dante e S. Francesco, n* edizione. Milcmo, tip. Agnelli, 1894, 
82 di pp. 62. 
Della priuia edizione di questo opuscolo gia parlammo con lode nel qua- 

derno 1013 a pag. 608. 

ZAMBALDI G. sac. Scintille del Divino Amore. Sesta edizione con 
notevoli aggiunte. Torino, tip. Salesiana, 1893, 32 di pp. 148. 
Cent. 60. 
Non 6 nuovo questo librino, sia- vita. Ecco p. e. quella cbe viene 

mo gia alia sesta edizione. Segno suggerita Allo tpuntare del tole, e 

che 6 letto. E ben lo merita ; piace cbe a noi sembra carina tanto. 

giova. Dopo gli element! della 

dottrina cristiana messl in versi, 



Di virtu vuui 1 Dibilo nor. 

Tiene una lunga serie di pie aspi- ^^ 4UO!lU ch , , olo - , nTl 



razioni poetiche, per ogni classe di Dmmi dmmi nn'occbiu d'amor. 

persone, e per ogni circostanza della 



GRONAGA CONTEMPORANEA 



Roma, 1-15 aprile 1894. 



I. 
COSE ROMANS 

^r 
1. Solenne beatificazione del B. Giovanni d'Avila nella basilica vaticana. 

2. Pellegrinaggio spagnuolo a Roma in quest'occasione. 3. Discorso 
del Papa ai pellegrini. 4. Insulti ai pellegrini in Valenza, i giornali 
anticristiani di Roma, ferma condotta del Governo spagnuolo e italiano. 

\i. Decreti delle Congregazioni romane. 6. Circoli, Istituti, Acca- 
demie e Societa cattoliche di Roma. 7. Appunti storici. 

1. II giorno 15 aprile fu fatta con gran pompa nella basilica va- 
ticana la beatificazione del B. Giovanni d'Avila, detto il Maestro. E 
la prima volta dal 1870 in qua, che questa solennissima cerimonia 
si celebra novamente in S. Pietro. Questa ripristinazione dell'an- 
tico costume e la presenza di molte migliaia di pellegrini spagnuoli, 
venuti dalla loro patria a venerare il loro concittadino ed il Vicario 
di GK Cristo, furono le cause d'un concorso straordinario di pereone 
accorse alia basilica. La cappella della cattedra era magnificamente 
addobbata con velluto e damasco rosso e frange d'oro; dai due lati 
pendevano i due quadri rappresentanti i principali miracoli operati 
da Dio per intercessione del nuovo Beato, cioe la preservazione d'un 
operaio dallo scoppio d'una mina e la salute ridata ad un'inferma; 
nel centro poi della grande abside spiccava la cosi detta gloria del 
Beato , in mezzo ad una miriade di lumi e ghirlande di lampadari 
disposti in giri concentrici attorno al grande arco della cappella. Del 
B. Giovanni d'Avila, insigne predicatore e apostolo dell 'Andalusia, 
morto nel 1569, parlammo gia nel quaderno 1043, p. 617, e qui basti 
brevemente accennare alia cerimonia della beatificazione. Alia mat- 
tina del 15 dunque, present! molti Cardinali di S. Chiesa, il corpo 
diplomatico, i nobili, il pellegrinaggio spagnuolo e un popolo im- 



menso, fa innanii tutto letto il decretn di beatiflcaziono, dope il quale 
-cald la tenda che oopriva 1' imagine del Beato tra due angeli raffl- 
gurati in atto di portarlo al cielo. Tutte le cam pane della basilica 
sonarono a festa e i canton della cappella Oiulia eseguirono la ma- 
sica tradizionale che finl con un Te Deutn, cantato altemativamonie 
dalla cappella pontifiria e dal popolo. Da Mons. Tancredi Fausti, 
Veseovo di Selencia e Vicario di 8. Pietro fu poi pontificaU la Mess* 
aolenne, accompagnata dai canton della medesima cappella Qiulia 
otto la direzione del M. Moluzzi. Nolle ore pomeridiane, con an 
concorso piil grande ancora di popolo, discese, secondo il consueto, il 
S. Padre nella basilica a venerare il novello Beato. ALTapparire di 
Leone XIII, che in sedia gee ta tori a attraversava la basilica su quel 
mare di teste, inh'niti e ripetuti Viva, scoppiarono in tntta la basilica, 
stipata di gente. Dopo che il 8. Padre ebbe pregato dinanzi al Beato e 
fu data la benedizione, quando mosse, facendo ritorno attravereo la ba- 
silica, ricominciarono gli applausi, i viva e il salnto delle mani levate 
verso il Pontefice, e 1'agitarsi de' cappelli e pannilini bianchi ; spet- 
tacolo commovente che intenerisce fino alle lagrime. Si pensa al Vi- 
cario di Cristo; si scorge la fede del popolo che acclama; si riflette 
al successor di S. Pietro che non pu6 uscir da quelle pareti, mentre 
poco lungi di la, faor delle porte semichiuse della basilica si vedono 
i soldati della rivoluzione, che nel XX. settembre 1870 sfondd le 
porte di Roma e arrivo sino al trono del padre della cristianita. 
In quanto perd i soldati custodivano 1'ordine, noi siamo loro grati, 
checche sia di questa strana condizione di Roma, che un giornale 
cittadino e liberale chiama : Anlite.fi permanent, apietata, senza nritsim 
raffronto, il Papato e V Italia accanto; e lamenta come cosa inaudita, 
che un popolo debba accogliere cortesemente nn altro che gli srrida 
il malaugurio in faccia. fe la misteriosa questione romana. 

2. Oltremodo splendido ed ordinato e riuscito il primo pellegri- 
naggio di circa ottomila spagnuoli, venuti in Roma pel 15 aprile a 
fare ossequio al Papa e ad assistere alia cristiana apoteosi del loro 
illustre concittadino il B. Giovanni d'Avila. Dei venuti, un seimila 
e piu erano sotto la guida di capi, che avevano ordinato il pellegri- 
ntiggio ; gli altri alia spicciolata s'erano aggiunti ai primi ; di cui gran 
parte, tenendo la via del mare, approdd a Civitavecchia su navi della 
Oompagnia transatlantica : Espafia, Leon A"///, Antonio Lopez, Baldo- 
mero Iglesias, San August in, Rabat, Montevideo e Bellrcr. I giorni 14 e 
la questi piroscafi toccarono Civitavecchia, donde treni speciali, encoe- 
dentisi gli uni agli altri, conducevano i pellegrini a Roma alia sta- 
zione di Trastevere. Al Marchese di Coraillas si deve il merito prin- 
de deirorganamento di questo pellegrinaggio. Gli Spagnuoli in- 
> sarebbero venuti pift numerosi, se per ragioni di prudenza il 



CRONACA 

Governo italiano non avesse consigliato quello <li Spagna a noii i 
darli tutti insieme. Infatti, mentre scriviamo queste linee e mentre 
sulle all delle ferrovie parte da Roma il primo pellegrinaggio, 1'altro 
arriva gift in Roma per assistere domenica, 22 aprile, all'altra bea- 
tificazione d'un altro figlio della Spagna, il Yen. Diego da Cadi' 
primi venuti appartenevano in gran parte alia classe operaia; diciamo 
in gran parte, poich6 parecchi erano di alto grado, tra cui 15 Ve- 
scovi e il Cardinal di Siviglia Sanz y Fores. Vera anche un buon 
drappello delle colonie spagnuole, in ispezialti delle Filippine e di 
Cuba. GHunti in Roma, ana quarta parte di essi fu alloggiata per 
cura della commissione ordinatrice ; il rimanente negli alberghi e 
nelle case private. I primi erano cost distribuiti: Santa Marta o lazza- 
retto del Vaticano 500, cordonata di Carlo Magno 200, palaxzo Air- 
temps 100, Via Giulia 31, Trinitarii a via Gondotti 307, Uonserrato 
300, Figlie del Sacro Cuore in via Oitisti 40, S. Calisto 260, S. Pas- 
quale 40, Suore di Cluny 100, Suore Francescane a via Giusti 33, pa- 
laxxo Massimo alle Terme 89. Molte Societa cattoliche romane misero 
a disposizione dei pellegrini le loro sale e da una di queste fu loro 
offerto un inno in musica splendid amente impresso. I due ambascia- 
tori di Spagna alle due corti di Roma, il comitato spagnuolo e una 
commissione del Circolo di S. Pietro accolsero con gran cortesia i 
pellegrini, che ordinati, disciplinatissimi dimorarono varii giorni tra 
noi, visitando chiese e monumenti, e quasi beandosi delle cose romane. 
Quel che non e da trascurare in questa cronistoria 6 la fede, onde 
erano animati i romei spagnuoli, di cui il Papa stesso ebbe a lodarsi 
nel discorso che piu sotto riferiremo. La dimostrarono in varie oc- 
casioni : nella Comunione generale, di circa 5 mila, a San Lorenzo 
fuori le mura, sulla tomba venarata di Pio IX ; in quella pur nu- 
merosa di giovani madrileni all'altare di San Luigi nella chiesa di 
S. Ignazio, distribuita loro dall' eminentissimo Card. Mazzella ; nel- 
1'impeto d'affetto onde in S. Pietro acclamarono il S. Padre e in altre 
occasioni. II giorno 17 era indetta la Messa e la Comunione in S. Lo- 
renzo fuori le mura, celebrata dall'Arcivescovo di Compostella. Fu una 
mattinata piovosa ; pure niuno mancd all'appuntamento e tutto pro- 
cedette a maraviglia. Quella buona gente, scrive un testimonio ocu- 
lare, che non ha conosciuto Pio IX, se non di nome e di fama, si 
gettava sull'urna che ne chiude le ceneri benedette, la baciava, e 
vi posara sopra croci, medaglie, corone, come si fu sulle tombe dei 
Santi. E sarebbero rimasti 11 a pregare, se la voce dei direttori del 
pellegrinaggio non li avesse sollecitati, invitandoli a dar posto agli 
altri. Ai lati del sepolcro, quattro paggi di S. Luigi, quattro bambini 
in costume del cinquecento, ricevevano le elemosine. Nei giardini 



CONTBMPORANBA 353 

del Vaticano s'erano quasi accampati, avendo ordinato il 8. Padre di 
laaoiadi pienameute liberi. E tutti raoooglievono flori, breociolin* e 
un quaisiasi ricordo da portare in Ispagna. Alcuiii di loro, operai, 
volloro finance, par due ore, dar rnano a certi lavori di muratura che 
si stavano facendo da imiratori italiani vicino al casino stivu del 
Papa. Nel gran refettorio del Belve<lere in Vaticauo regad sempre la 
piu soiuetta allegria, rallograta anche dal concerto della gioventu 
operaia di Valenza. II 17, poco dopo il inezzodl, giunse tra loro 1'Am- 
basciatore spagnuolo, il sig. Merry del Val con altri signori pure 
spagnuoli. Ognuno pud immaginare la gioia, i viva e le acclamazioni 
che si suscitarono tra quoi buoni operai. Lo stesso Ambasdatore, la 
sera del medesimo giorno fece con isplendidezza sonuua un ricevi- 
mento ai capi del pellegrinaggio, agli eminent issiiui Cardinal! , ai 
Vescovi spaguuoli e a varii signori delle famiglie patrizie. Anche il 

,. Hampulla, Segretario di State, die' un prauzo in onore del capi 
del pellegrinaggio, il 19 a sera. II medesiino giorno, altri del pelle- 
grinaggio, sacerdoti, studenti ed operai erano ricevuti dal Circolo La 
Roinaiiina, la quale offri loro un rinfresco, distribuendo alcuni ri- 
( -nrdi del giubileo del Papa. II S. Padre confer! le insegne dell'Ordino 
di Crifito al Marchese di Comillas, D. Claudio Lopez y Bru, Grande 
di Spagna, presidente del pellegrinaggio, il quale colla sua inunili- 
ccnza mantenne molti pellegrini e die' le sue uavi pel tra^porto. 
Poniamo fine a questo ragguaglio colla descrizione dell' ultima sera 
degli operai al Belvedere in Yaticano. La descrizione e della Voce 
della veritd: c leri sera (18 aprile) la mensa dei pellegrini a Belvedere, 
considerandosi quale riunione di congedo, atteeo le partenze del priiuo 
gruppo, che cominciano oggi, fu rallegrata dal piccolo corpo uiusicale 
deUa guardia svizzera, il quale egregiamente esegui alcuni pezzi di 
musicii. I mille ottocento commensali gradirono immensamente tale 
improwisata, applaudendo i musicanti, specialmente allorquando questi 
suonarono 1't'nno pontificio e poi Yinno a Leant XIII, composto dal 
maestro della musica di Carpineto, patria di Sua Santita. Al levarsi 
delle mense, alcuni oratori pronunziaruno parole di ringraziamento per 
le attenzioni ricevute in Rouia, di cui dichiararono di portare imperi- 
tura memoria in patria. Uno di essi, un operaio di Madrid, indii 
particolari espressioni di frak j rna riconoscenza alia Societd artutico- 
operaia ruinana, che insieme col Circolo di .Saw Fictro altern6 il ser- 
vizio delle tavole. I medesiini ringraziamenti li ripeterono per le 
Fiylie delta Carit<i, che sopraintendevano al buon andamento delle 

ne e dell'- HUMIX-. Le parole dell'i'|n-raio 1'urono seguite da fra- 
gorosi cvviva. Un altro operaio, delTEstremadura, con piacevole ed 
espressiva popolare dicitura, racconto le impression! ricevute nella 
diuiora a Roma, e disse avere scritto alia moglie che qui si era tro- 

Strit X V, col. X, fate. 10U. 23 98 tfrilt 1894. 



354 CRONAGA 

vato non in terra, ma in paradise. Aggiunse che quando si dense 
a partire, qualche suo conoscente gli domandd se si era impazzito 
per imprendere si lungo viaggio; ma che al ritorno egli eon quel (lie 
raccontera, provera che la pazzia fu invece commessa da chi restd in 
casa. Inutile dire della fragorosa allegria che destarono tali parole, e 
dei hattiinani ed evviva che suscitarono. 

Finalmente e da narrare come partendo i pellegrini da Roma per 
ritornare in Ispagna, quando il treno si mosse dalla stazione di Tra- 
stevere, coll'agitar de'pannilini e de' cappelli davano a Roma 1' ul- 
timo saliit.'t. 

3. Leone XIII ricevette in particolare ndienza i pellegrini spa- 
gnuoli, il 18 aprile in S. Pietro. Dopo aver celebrata la Messa al- 
1'altare della cattedra, attorniato dalla sua nobile corte e da moltis- 
simi Cardinali, dinanzi all' altare venne collocate il trono. Appena 
sedutosi il Papa, il Cardinal di Siviglia lesse a voce alta ed accento 
vibrato un nobile discorso in ispagnuolo, riportato dai giornali ro- 
mani, a cui il S. Padre fece rispondere nella medesima lingua dal 
figlio dell'Ambasciator di Spagna, Mons. Merry del Val. Dopo la ri- 
gposta del S. Padre, fu ammesso al bacio del piede solamente il March, 
de Comillas con la sua signora, quelli del comitato e gl' Indiani 
delle Filippine e di Cuba. Lasciando di descrivere 1' ardore de' pel- 
legrini all' arrivo e alia partenza del Papa, che ognuno pud imagi- 
nare, ecco la principal parte del discorso di risposta, che il Papa 
fe' leggere in suo nome : Questa solenne manifestazione di fede e 
d' inalterabile attaccamento al Vicario di Gesu Cristo nella Nostra 
persona, che voi oggi porgete dinanzi al mondo, e corona degnissima 
di quei tanti festeggiamenti, onde la pieta operosa dei fedeli voile 
onorare il Nostro episcopale Giubileo. Vedemmo i cari Nostri figli 
delle altre nazioni accorrere pur essi a Noi, e con ispeciale gradi- 
mento ne accogliemmo i sensi di soggezione e di amore; ma niuna 
di cotali dimostrazioni fu piu imponente di questa, che porge per 
inezzo vostro la cattolica Spagna, a cui sembra perd spettare sopra 
ogni altra meritamente il primato. Ne deve cid torn a r di rammarico 
ai rimanenti popoli cattolici ; ma per 1'affetto filiale, che tutti egual- 
inente nutrono verso il Pontefice romano, sara anzi loro di compia- 
cimento e di gioia. La storia gloriosa della patria vostra a ragione 
pu6 dirsi ttn monumento, che ne proclama ed illustra la fede. Infl'-s- 
sibile nel rigettare 1' int'edelta maomettana e le insidie dell' eresia, 
con eroici sforzi mantenne essa ognor salda 1' unita delle religiose 
credenze e la fedele sommissione a questa Sede apostolica. Diede 
d* ogni tempo alia Chiesa luminari stupendi di santiti, fra i quali 
brillano per nuova luce e smagliante i Beati GIOVANNI AVH.A e DIEGO 
DA CADICE, che si ebbero testd da Noi decretati gli onori degli altari. 



CONTBMFORANi 

Uibtri fnmlat'.ri ii Onlini religioei, dottori e maestri iani. 
in messo ai quali, come astro maggiore, primeggia quell' J.si'luro di 
Siviglia, che a ragione fu proclamato Doctor egregiu* cum rererentia 
nominantku. E so altro non fosse, i grand! Concilii Toletani baste- 
rebbero da soli per vendicare alia Spagna un nobilissimo posto fra 
le nazioni benemerite del la Chiesa. E queste luminose tradizioni <li 
nazione eminentemente cattolica, essa oggi rafferma con questa no- 
vella prova e spk'ii'li'Iissima di fede. Le quali cose riandando, grave 
dolore recano al paterno aniino Nostro le iatture non lievi che alia 
nazionale vostra grand ezza cagionarono i politici e social! sconvolgi- 
menti, che da presao a uu secolo, e pid ai nostri giorni, han t'une- 
stato e funestano la patria vostra, non mono che gli altri popoli, 
traendoli a decadimento e rovina. Raminontate, o figli dilettisMiui, 
che In grandezza della Spagna fu seinpremai legata strettamente col- 
Fa ttaccamen to di lei alia fede sacrosanta degli avi, anzi da esea prin- 
cipalmente si geuerd. A rialzarla dunque e a preservarla da intero 
stenninio non v' e mezzo piu certo n6 pift efficace che il ritorno as- 
soluto ai principii, che la Religione insegna, ed alle pratiche, che 
essa prescrive. II quale ritorno, come gia con piacere scorgiamo in- 
cominciarsi, cosi le Nostre sollecitudini ei volsero ognora a promuo- 
verlo ed accelerarlo. Colle Nostre encicliche richiamammo i popoli 
all'osservanza del Vangelo ; additammo alia classe degli operai le dot- 
trino del Cristianesimo qual rimedio potente a sollevarli dalle loro 
sofferenze; e ricordando ad essi, che la Chiesa 3 madre premurosa 
del loro bene e aprendone i cuori alia ferma speranza di trovare in 
lei presidio saldissimo, segnammo la via sicura per la incolumita 
dell'ordine sociale, tanto oggidi minacciato. Voi bene lo coinprendeste, 
o figli dilettissimi, ed 6 grato a Noi in questa grandiosa dimostra- 
riono ammirare eloquentemente incarnate il pensiero Nostro e 1' ar- 
dente brama del Nosiro cuore di vedere affratellarsi insieme tutte le 
i sociali sotto 1'egida della carita cristiana, die i vincolo di ptr- 
>ie. Sia che la Provvidenza vi abbia concesso gli splendori del- 
.lonza, t>ia c-he abbiavi riserbato gli onori della poverta, voi oggi 
vi ritrovate intimamente uniti in questa professione solenne dell'an- 
tica vostra Fede, quasi a dimostrare di questa guisa, cid che altre 
'i adoperammo di inculcare, cio6 che i diritti e i doveri e 
degli uni e degli altri trovano nella Religione la loro armonia pi ft 
perfetta. E poich6 cooperatori Nostri nella missione nobilissima di 
santificare e pacificare i popoli devono essere i sacri luinistri; di co- 
mune intendiiuento col vostro Episcopato, voiemmo che si fondasse 
in Roma, e sotto la vigilanza pontificale, un Collegio della vostra 
nazione, ove giovani detti delle varie diocesi bi dispongano al uii- 
nistero sacerdotale, fornendosi di pura e soda dottrina e di mezzi 



356 CRONACA 

valevoli per combattere 1' errore e diffondere la luce della verita. E 
stato questo, o figli carissimi, un nuovo e prezioso pegno della 
fitra sollecitudine per voi e per la patria vostra. Perch& nondimeno 
le Nostre cure e gli sforzi riescano al buon tennine desiderate, e ne- 
cessario altresi che quanti ha cattolici nella Spagna, tutti si persua- 
dano, che il bene supremo della Religione chiede ed esige da parte 
loro unione e concordia. E necessario che dieno tregua alle passion! 
politiche, onde sono lacerati e divisi ; e, abbandonando a Dio prov- 
videntissimo il moderate le sorti delle nazioni, sotto la condotta del- 
1' Episcopate, operino di pieno accordo a promuovere conogni mezzo, 
che le leggi e 1'onesta consentono, i vantaggi della Religione e della 
patria, e compatti resistano agli attacchi degli empi e dei nemici 
della civile societa. E loro dovere inoltre, che sottostiano osseqnenti 
ai poteri costituiti ; e cio a tanto miglior ragione da essi chiediamo, 
mentre a capo della vostra nobiie nazione trovasi una Regina illustre, 
di cui avete potuto amrairare la pieta e devozione verso la Chiesa, 
e la presenza di alcuni fra voi nell'odierna circostanza Ci da ragione 
di ricordarlo. Per queste doti essendo a noi carissima, pubbliche te- 
stimonianze Le demmo del Nostro affetto paterno, e, precipua fra 
tutte, 1' aver Noi levato al sacro fonte 1' augusto figlio di Lei, che 
meritamente Ci auguriamo erede delle regali doti, della pieta e delle 
virtu della madre. Cosi il S. Padre. Quest'ultimo tratto del discorso 
pontificio ha prodotto snbito qualche frutto in Ispagna, avendo gia 
alcuni, secondo i desiderii di Leone XIII, lasciate le lotte e aderito 
alia monarchia vigente. 

4. Qnesto pellegrinaggio spagnuolo a Roma non fii immune da 
prove per parte della fazione liberalesca, fin dal primo sferrare de' ro- 
mei dal porto di Yalenza in Ispagna, senza che questi dessero alcun 
ragionevole appiglio. Tutto il torto resta dalla parte liberate o meglio 
anticristiana, 1'istessa del resto in Ispagna come in Italia e altrove, per 
cui ogni manifestazione di fede cristiana & per se stessa una sfida di 
guerra. Fin dalla sera precedente alia partenza, alcuni cialtroni pre- 
sero a correr la citta, gridando : Viva I'ltaKa, viva Garibaldi, morte 
ai pellegrini! Cominciato poi Pimbarco, que' medesimi sommovitori, 
forse assoldati tra la popolazione eterogenea del Grao, che 6 il porto 
di Yalenza, alle grida unirono i fatti, assalendo con sassi e bastoni 
i pellegrini. Tra la ciurmaglia assalitrice non manco neppure qualche 
malvagia donna inviperita. II Yescovo di Madrid ebbe nel tafferuglio 
strappata la veste da chi tento ferirlo. Che i pellegrini non avessero 
mandate a Yalenza alcun grido antitaliano, come sparsero dapprinci- 
pio per ispiegare questi oltraggi, e un fatto assodato. Invero lo stesso 
liberalesco Popolo romano dovette smentire la falsa notizia da lui 
pubblicata, scrivendo : c Notizie che ci vengono da fonte autorevole, 



CONTEMPORAM 357 

amtntisrono che siano avvenuto a Valenza dimostrazioni <li earattero 
*nti-italiano, in oocasione dell' imbarco doi pellegrini spagnnoli, onde 
earebbe mancata all'ambasciatore di Spagna presso il Quirinale, oonte 
Rascon, 1'occasionc di intrattenerne il nostro Ministro d-fli affari 
eteri. > E ben curioso lo state de' nostri padroni cbe debbono temere 
Ad ogni stormir di foglia per 1'eterna questione ! Cid spioga anche la 
gioia crudele di alcuni fogli antireligiosi di Roma alia noti/ia delle 
legnate , toccate ai pellegrini spagnuoli. II fatto di Valenza, scri- 
veva il Diritto il 14 aprile, indica che in Spagna vi e un risveglio 
sensilule in senso lilerale, e noi ne proviamo la massima soddisfa- 
zione. Alia gioia per gl'insulti di Valenza unirono da parte loro 
lo sfregio, scrivendo p. es. queste gentilezze : < Dopo il Congreeeo 
della seienza in Roma nuova, quello dell'oscurantismo in Yaticano. > 
Cosl il Diritto. E gli Ebrei della Trilntna: cFra qualche giorno le 
vie di Roma saranno nuovaraente affollate di forestieri. Ma qual dif- 
ferenza fra quelli partiti e quelli che giungeranno! Celelrita mon- 
diali i primi, venuti qua per rendere omaggio alia terra che fu cuna 
di civilta e di sapere; fanatici gli altri, che recano incensi e voti 
alia superstizione, nemica giurata d'ogni progresso civile. Ma Roma, 
ospitale verso tutti, accogliera con lo stesso rispetto, se non col me- 
deeimo entusiasmo, anche i pellegrini di Spagna. t Nessuno crederi 
a questo entusiasmo, dopo quo* complimenti. Ad ogni modo il Governo 
italiano, dobbiamo dirlo ad onor del vero, ha fatto il suo dovere, e 
non ha permesso che ai pellegrini fosse torto un capello, prendendo 
tutti i provvedimenti necessarii e spargendo da per tutto guardie e 
soldati. N6 e meraviglia che possa impedire disordini chi vuole ed ha 
in mano la forxa. Se il Governo italiano ha fatto in cid il suo do- 
vere, il Governo spagnuolo e andato piu oltre, prendendo spontanea- 
mente la difesa de' suoi sudditi; poiche, accaduti .d' insult i di Va- 
lenza, non solo tolse d'ufficio il Governatore civile di quella citta, ma 
spedl al Governo d' Italia per mezzo del suo ambasciatore, il Conte 
Rascon, queste due delil>erazioni del Senato e della Camera, appro- 
vate a voci unanimi, il 12 aprile: c II Senato raccoinanda al Governo 
-di far pervenire immediatamente agli Ambasciatori in Roma, Conte 
Rascon e signor Merrj* del Val, 1'espressione unanime di energica 
protesta del Senato contro il criminoso attentato di cui furono v it- 
time in Valenza i Prelati ed i pellegrini, che sotto la direzione del- 
1'alto clero, esercitavano un diritto indiscutibile, imbarcandosi a Va- 
lenza per Roma. > Ecco la deliberazione della Camera: La Camera 
ha veduto con profondo rincrescimento 1'attentato commesso a Valenza 
oontro il iliriito degli Spagnuoli che si recano in pellegrinapgio a 
Roma ; e confida che il Governo comuoichi a tutti i suoi rappresen- 
tanti aH'estero questa sua risoluzione. Questa fermezza del Governo 



T>8 CRONACA 

spagnuolo spicca molto piu se si paragona colla debolezza del Governo 
francese, quando lascid inulte le villanie infllitte ai su<>i sulliti il 
2 ottobre 1891. 

5. DECUETI DELLE CoNOREGAZIONI ROMANE. 1. Sui tllirocoli JW 

la beatificazione del Ven. Didaco G. di Cadice, Cappuccino. II giorno 
primo d'aprile, dopoche il S. Padre ebbe detta la Messa nella sala 
ducale, a cui erano intervenuti moltissimi foreetieri (in ispecie i si- 
gnori del congresso medico e le loro signore) ; verso le 11, si lesse 
nell'appartamento pontiflcio, alia presenza del Papa, il decreto rela- 
tive ai miracoli operati da Dio per intercessione del Ven. Didaco Giu- 
seppe da Cadice, sacerdote dell'Ordine de' Frati Cappuccini. Fu que- 
sti un valente predicatore del Yangelo in Ispagna, edificata da lui 
colla parola e colla santita della vita fino alia sua morte, che av- 
venne nel 1801, a quarant'otto anni di eta. Fin dal 10 febbraio del 
1884 era stato sancito da Leone XIII il decreto sulle virtu croiche 
esercitate dal Ven. Didaco. Restava che il Papa mettesse 1'ultima 
sanzione sulla questione de' miracoli che dicevansi operati da Dio per 
intercessione del detto Venerabile. Rilevantissimo e qnest'affarn ; trat- 
tandosi di decidere se v'ha il siggillo di Dio (che a cid riduconsi i 
miracoli) sulla santita della vita d'un uomo. Per ben tre volte, se- 
condo il consueto, s'era disputato intorno alia verita di tali miracoli 
in tre tornate della Congregazione de' riti, delle quali una dinanzi 
allo stesso sommo Pontefice. Finalmente in quel giorno, 1 aprile, il 
S. Padre, dinanzi al Card. Gaetano Aloisi Masella, Prefetto della 
Congregazione stessa e di altri officiali, decretd solennemente che 
constava con certezza di due miracoli operati da Dio per interces- 
sione del V. Didaco. E questi sono : primo, I'essere spicciato vivo san- 
yue clalle aride ossa del Servo di Dio; secondo, la per f Ma inea 

yuarigione da una tisi polmonare accompagnata da sintomi innrtali nella 
persona di Suor Adelaide Quiroz. Herrera. Decise quindi il S. Padre 
che si poteva sicuramente procedere aUa solenne beatifica/.ioue dl 
Ven. Didaco. -- 2. Decreto della croicitd delle virtu dtl Ven. Vin 
cenxo M. Strambi, Passionista. II Ven. Vincenzo M. Strambi, Paaiio- 
nista e quindi Vescovo di Macerata e Tolentino, nacque a Civita- 
vecchia n^l 1745 ; e, sia come semplice religioso, sia come Vescovo, 
passo la vita nelle opere del ministero apostolico, con gran frutto 
per le anime allo sue cure affidate. Arrivato a tarda eta, Leone XII 
lo invitd a dimorare nell'ultimo scorcio della vita al palaxzo apostolico 
del Quirinale, ove passo a miglior vita, quasi otttiagenario, il 1 gen- 
naio 1824. Uno dei punti su cui si giudica dalla Congregaxione de' riti 
per la beutificazione d'un servo di Dio, 6 se egli abbia csercitato le 
virtu in grado non comune, ma eroico, e si fa menzione speciale 
delle virtft teologali (fede, speranza e carita) e cardinal! (prudenza, 



c<- 

-tizia, tcmporanza, fortoz/ i -n due volte la Congregn/ 

era tornata n 1 to: il 11 maggio d-l lsv. : ,1 is n.iv.-ml.n* 

', i* il 'JO nov.-nil.n- .!.! IS'H. II I'apa nun 
num-iata la sua pan. la. La pronunzio flnalm*nt. il I 1 di april- 
cendo alia sua presenza promulgare il do< 

virtutihu* thci'liitjuliliHit /'/./<-. Spe et Caritate in /'-///// ae j*.rimnni, 
n*c non df cartUn-ilH.ux I'm, lend., . InstiH,,. Tempera 
Wi iris V-n. Servi Dei Vincentii M>- /*/</, in yradu 

heroico. in wu et ad effect urn de quo agitur. 3. Per la causa della 
Von /' >'. .I/'-'//'", t'-innflitana. Fatto il processo apostolico 

nell;i <li Parigi sulla fama di santitA, virtft c miramli della 

Serva di Dio Teresa di S. Agostino, Carmelitana; il 19 deo-embre 
!.! ]-'.i:\ si .lix-iiss.- dalla Congregazione d-' riti sul valoro .!! .J.-tt.. 
processo. La sua valid ita fu approvata dalla Congr. il <lffto 

giorno, e il 21 dfllo st^sso mese venne confermata an< h^ dal Papa. 
4." L'libiti'tio a wip ilnre (lella Madonna del buon consiglio. Gli scapo- 
lari sono (por i)rendere un csempio dalle cose civili) quel che sono 
\f insfirnt? onoriBche degli ordini cavallereschi ; e come questi nella 

. iv.-nxa civile son segni" di ossequio verso qnalche persona, e di 

tie della stessa su chi li porta, cosl qnelli sono indizii di os- 

eequio f> protezione nella c&mttnione de' Santi. La Chiesa dnnqu\ 

secoiulan'ln i <l.>^ideri di molti fedeli, ha istituito un nuovo scapolar** 

detto lolla c Madonna del buon eonsiglio*, sotto il qual titolo e ve- 

n^rat.-i la Mali^> <li Dio a Oenazzano di Roma. La facolt4 d'imporre 

aj'.l.ir.' 6 stata data ai PP. Eremitani di S. Agostino. a cui 

affulata la ctistodia del santuario di Genazzano. Lo scapolare e com- 

li duo particolle di lana di color bianco: in una delle quali 6 

1'immagine della Madonna del buon consiglio colle parole: Mater boni 

Hi: nell'altra, lo stemma pontiflcio colla scritta : Fili acquiesce 

coHftilii* riu*. A tale scapolare vi sono molte indulgenze plenarie e par- 

ziali, di eui ognuno pud prendere esatta oontezza presso i PP. Ago- 

stiniani. II decreto ha la data del 19 e 21 decembre del 1893 ; delle 

quali dato la prima riguarda la Congregazione de riti, la seconda, 

lUpprovazione papule. II ch^ sia detto ai lettori una volta per sempre. 

K.'.IT. IsTITCTI, ACCADKMIK F S'-ciKTA rATTOI.K'HK M RoMA. 

1. Oircolo Fede e Studio*. II 2 aprile, i socii di .pi. '-to rjrmlo 
tennero la consiieta adunanza, nella qualo fu letta da^Mons. Tripepi, 
per l'assf>nza dell'autore, una dissertaziono di I). Filippo Moriconi sul 
tema : La srienta e la risurrezimM. Si consider., in ossa il dogma ri- 
relato della risurr.'zione rispetto alia ragione teologica, ftlosofic* 
e moral . Alia dissertazione tennero dietro alcuni ragionamenti del 
so*-ii, i quali in vario modo illnstrarono il detto tema, desumendo 
argomenti dalle dottrine tomistiche, dagli o<lierni sistemi biologici, 



360 CRONACA 

dalle profezie della Bibbia, dai naturalist! moderni, dalla psicologia, 
dalle opinion! ed errori de' razionalisti. -- 2. Accademie lettera 
L'8 aprile 1' c Accademia pontificia Tiberina solennizzd nelle sale 
della societd filodrammatica, al palazzo Altemps, la risurrezione del 
Salvatore. Alia prefazione di Mons. Lazzareschi, Vescovo di Gubbio, 
segnirono i componimenti poetici e musicali. L' c Arcadia celebrfr 
in una solennissima tornata dell'll aprile la memoria del B. Giuseppe 
M. Tommasi, Cardinale, ascritto a quel ceto letterario col nome di 
Alddamo Aridio. I versi del Papa sulla mortc, mandati al Cantu, e 
messi in musica da Ersilia Fiaschetti, fiirono mirabilmente cantati 
dal prof. Moreschi con I'accompagnamento dell'arpa e uditi con sommo- 
diletto dagli ascoltatori. Alia tornata era presente il Card. Vicario r 
da lui chiusa con un bel discorso. Sappiamo che il Papa, accogliendo- 
1'offerta del componimento musicale, umiliatogli dall'autrice, le ha in- 
viato in segno di gradimento un gioiello artistico. 3. Premiaxioni, 
Nella chiesa parrocchiale di S. Maria in Campitelli de' CC. RR. della 
madre di Dio fu fatta, il giorno 8, la distribuzione dei premii ai gio- 
vanetti d'ambo i sessi che, dalla Pasqua del 1893 alia Pasqtia del 1894, 
frequentarono 1'istruzione catechistjca nelle domeniche. Oltre nume- 
rosi oggetti di divozione e di vestiario, furono distribuite ventotto* 
medaglie di argento, un libretto della cassa di risparraio di Roma 
cavato a sorte fra gli alunni di l a e 2 a classe, che non mai si as- 
sentarono in tutto 1'anno dall'istruzione domenicale, e tre doti, confe- 
rite dall'eccellentissima casa del Duca Massimo a quelle giovanette 
d'oltre quindici anni che pill frequentarono con maggiore assiduitA il 
catechismo. Un'altra distribuzione di premii fn fatta il 9 aprile nel- 
1' istituto delle Maestre pie presso 1'arco de' ginnasii per le alunne 
che frequentano la scuola pontificia in via de' Crociferi. Presie- 
deva Mons. Cassetta, Elemosiniere del Papa. L' educande e le al- 
lieve esterne esposero i loro lavori di maglia, cucito e ricamo. - 
4. Societa primaria romana per gl'interessi cattolici. Questa principale 
tra le societa cattoliche di Roma sorta nel 1871, e presieduta dal 
Conte Adolfo Pianciani, che in questi giorni ha convocato un assem- 
blea generale, a cui assistevano i rappresentanti di 30 comitati di 
detta societa. Le principal! opere della societa sono : molte scuole 
inantenute da varie commissioni ; un asilo infantile c Leone ^TTT > 
1'opera contro la profanazione delle feste ; esercizii spirituali per la 
prima comunione ; offerta annuale di due calici alia basilica di S. Pietro 
e S. Maria maggiore, eccetera, oltre alcune opere temperance, come 
p. es. la funzione settenaria al Oesu per il giubileo del Papa. - 
5. Oircolo dell' Immacolata e Societa de' paggi d'onore di S. Lu 
Del primo e da narrare una gita al santuario di S. Maria ad rupes 
presso Nepi, gita che accoppid in uno la giovialita e la pieta, ottime 



CONTEMPORANBA 

doti che la gioventfc romana ereditd dal suo apostolo S. Filippo Neri. 
Accostutisi i giovani al banchetto eucariatico, si refocillarono poecia 
con agape fraterna, per la gentile ospitaliU de' PP. Franoeac&ni ir- 
landesi. Delia societt de' paggi di S. Luigi 6 da rioordare an geniale 

onimento drammatico in 5 atti S. Pancrazio*, seguito da una 
commediola. I paggi vestiti alia foggia di quelli della corte di Spagna 
ai tempi di S. Luigi Gonzaga, facevano gli onori di casa. Era pre- 
aente il Card. Yicario e altri illustri signori e signore. Non isgradi- 
scano i lettori questi, benche tenui fiori, della storia romana ; poiche 
la letteratura e la storia non si occupa piu oramai, come forse nel 
passato, solo dei Re e degli eroi. 

7. APPUNTI STORICI. 1. Morte del Card. Dusmet. II 4 aprile moriva 
a Catania, confortato da tutti i SHcramenti, il Card. Giuseppe Bene- 
detto Dusmet, Arcivescovo di quella citta. Era nato a Palermo il 15 
agosto 1818. Entrato nell' Ordine Benedettino, e divenuto Abate di 
S. Nicold d' Arena in Catania, Pio IX il 1867 lo preconizzd Arcivescovo 
di quella citta. Nel 1889 fu elevato alia dignita cardinalizia. A lui 
Leone XIII affldd il compito di regolare la fondazione del nuovo col- 
legio di S. Anselmo, di cui altre volte si 6 parlato in questo perio- 
dico. La Sicilia cattolica nel n. del 7-8 aprile tesse piu distesameate 
la vita del definite Cardinale. 2. Morte del Principe D. Baldas- 
sarre Boneompagni. Moriva santamente, il 13 a sera, assistito con tutti 
i conforti religiosi dal P. Armellini, suo confessore e dal Parroco 
P. Desideri. D. Baldassarre nacque in Roma il 1 maggio 1821; visse 
celibe, intento allo studio delle matematiche e fisiche, e de' suoi 
studii e lavori si fregiarono lo pagine del Bollettino de' nuovi Lincei. 
I nepoti, i Principi di Piombino e Venosa, i pronipoti, D. Ugo e 
D. Luigi di Sora, ed i parent! delle famiglie Fiano, Taverna, CafTarelli 
e Massimo assistettero al suo passaggio. D. Baldassarre fu piissimo e 
oltremodo caritatevole, amico intrinseco del P. Secchi, del P. Paria 
e di altri della Compagnia di Gesu, ai quali did aiuto e rifugio nolle 
passate rivoluzioni. Xel tempio di S. Ignazio, che e di patronato della 
famiglia Ludovisi Boneompagni, gli furono celebrate, il 15 aprile, so- 
lenni esequie, come si suole ai Principi romani, assistendovi tutte le 
nobili famiglie di Roma. La Compagnia di Gesu voile rendere all'il- 
lustre patrizio 1'ultimo attestato di affetto e riconoscenza, facendo as- 
iistere alia messa pontificale di Mons. Fausti gli alunni del suo Collegio 
Pio Latino americano, mentre il coro del P. De Angelis, da lui di- 
retto, eseguiva la messa funebre del P. Di Pietro. 3. GoUegio dei 
yiureconsulti di S. Ivo. Questo collegio sorse il 1 agosto del 1886 con 
appro vazione del Card. Yicario. Suo officio d difendere gratuitamente 
ne' tribunal! le ragioni de' poveri, come ancora comporre pacificamente 
i litigi. Ne 6 presidento Mons. Cassetta, Elemosiniere del Papa. In 



CK> 

una udienza, accovlata ilal I J apa al Collo^io <li S. [vn, i d 
reconsulti gli offrirono un volume degli atti del Collegio stesso. D 
S. Padre spedl poi a Mons. Cassetta un Breve a lode ed incoraggia- 
mento di tale j>ia opera. Sane decorum est, dice Leone XIII, in 
sodalitate romanae Curiae coetum vigere hominum, quos par doctrina 
ususque iuris ac' nominis et religionis integritas omnino commendet, 
Sedi apostolicae proprio institute addictum, ad quasvis, mandatu eius, 
causas vcl explicandas vel sustinendas. Est praeterea tomporibus op- 
portunum, eumdemjioc muneris studiique suscipere, ut delatas ad 
se contentiones ex aequo et bono coinponendas curet ac transigendas: 
quod quidem et habet ampliorem laudem, quippe boni pubblici gratia 
liberaliter praestitum. Placet igitur comprobationem et benevolentiam 
Nostram collegio vestro testari : hortari placet, ut, Ivonis sancti pa- 
trocinio exemploque erectum, nobilem cursum tenere insietat, augea- 
tur numero, benemerendo floreat. 



II. 
COSE ITALIANS 

1. La commissione de' Quindigi e le dichiarazioni del Crispi sulle economic. 

2. Colloquio di Re Umberto sulle relazioni tra 1' Italia e la Francia. 

3. II processo contro il De Felice Giuffrida e compagni. 4. Con- 
vegno dell' Imperatore Guglielmo e del Re Umberto a Venezia. 5. Con- 
dizioni morali della soldatesca. 6. Appunti storici. 

1. Cominciamo dalF Italia legale, come sembra giusto e doveroso. 
Tre sono i fatti degni di nota in questa prima meta di aprile : le 
dichiarazioni del Crispi alia nota commissione de' Quindid; il collo- 
quio di Re Umberto con un tal Calmette. compilatore del Figaro; il 
processo contro il deputato De Felice Giuffrida, accusato di cospira- 
zione contro 1'unita d' Italia. 

La commissione de' Quindici, come e ben noto ai lettori, fu co- 
stituita dalla Camera legislatrice, per esaminare se dovesse o no ac- 
cettarsi il disegno, presentatole dal Ministro Sonnino, sul modo di 
aggiustare i conti del regno d' Italia; disegno che conteneva nuove 
imposte e balzelli, per trarre dalle borse de' cittadini ancora nuovi 
danari, a fine di pagar le spese e continuare a far la figura di grandi 
nel consorzio europeo. La commissione, a quel che pare, non era 
punto disposta ad acconsentire alle nuove imposte, volendo piuttosto 
fare risparmi e togliere le spese superflue ; ed in ci6 era fedele in- 
terprete, non solo della Camera stessa, sorta al grido Non piu tasse, 



BU . tfon 

*sco Crispi, cap.. ltato dalja 

>ne a fare economic Mill 1 osercito aggravare 

l' iu 'lisse in sentenza : N6 un oconomia 

in centesimo di meno dello im^..sto diman.Iate. Abbiamo 
e nell 1 interne, la Francia 6 alle j. . 6 de- 

bole, eiaiuo a un i-attivo quinto posto tra le potenze ; so la Camera 
vota le econoruio militari, ella assistera alia tino ,},-} r.--n. !' Italia. 
!>.'nsi,Ti furono manifestati dal Crispi taut- alia Camera, 
nolla tornara .1-17 aprile (come pud vodersi in tutti i sunti delle 
Bffemeri.li quuti-lian,'), quaiito alia stessa commissiono, come hanno 
to p:irini..iu,. tutti i fogli, poniamo pure cho vi sia cjualche va- 
rieta nolle coae a.ri.lontali. Testimoni aurieolari cosi narrano avere 
lui dL'ttninnauziai tjuhviiri; c Siamo a un cattivo quinto rango per le 
poto j,eo. La Svizzera stessa, relativameute, 6 piu forte di noi. 

^ nc! '-'m.luioni interne non 6 prudente assottigliaro troppo 

1'esercito. Qualunque pericolo arrivasse, ci troveremmo senza difesa. 
inarciassa su noi, in poche tappe sarcbbe a Torino. La 
nostra loftcienza dipende dall'ampiezza degli organici degli altri. Peg- 
gio per Teffettivo ; peggio ancora per le armi, le fortiftcazioni e gli 
oeesori. Durammo fatica a raccogliere le truppe occorrenti per la 
SiciJia. La Ma Malena e Taranto esigono che si completino le forti- 
ficazioni; urgouo opere di rinforzo ai confini, cainpi trincserati a Ca- 
strogiovanni >! u/.i^ri. All'estero, in Francia, si e risolto il problema 
col cannono di campagna a tiro rapido. Ovunque si riformano gli 
paggiamenti. Non 6 possibile sottrarci alle consoguenze. Perquanto 
, comincererao a fabbricare fucili. L'esercito 6 il nostro or- 
goglio, I'unic-o baluardo verso i nemici stranieri ed interni. II Go- 
verno non pu6 asbiimersi la responsabilita di demolirlo. Fa-ieinmo 
molti sacrifi/i, ma pel momento della prova eravamo impreparati. Sa- 
rebbe opera di cattivo patriota consentire in questo momento a pro- 
posto, il cui risultato sarebbe quello di esporre 1' Italia a possibili 
periroli. Cosi la pensa dunque il capo del Governo snlla qtiastione 
.sparmi e dolle imposte. Vedremo che cosa si decidera in futuro. 
Probabilmente i-imtiniieranno a fare i grandi nella vita politica e ad 
asere grami nella vita civile. E pensare che questej non quella, ft 
il fine della societa, non essendo la vita politica ch per la 

felicita ile' cittalini. 

I'. lu Umberto, prima di partire per Venezia a saluUire 1'Imperator 
GiiKlielmo II, il quale da Abbazia nell'Istria, ove villcggiava, Tolle 
fere una visitina alia <-itta delle lagune, ebbe qui in Homa un col- 
loquio con Gaatone Calmette, scrittore del Figaro di Parigf. In tale 
abboccamento Umberto toccd varii punti rigtiardanti i reciproci rap- 



364 CRONACA 

porti tra 1'Italia e la Francia, intendendo con cid dissipar dubbii r 
manifestar desiderii, rintuzzar le offese quotidiane delle effemeriili 
francesi all' Italia, eccetera. Di tal colloquio crediamo bene offrire 
una parte, come saggio, ai lettori, qual e stato stampato da un gior- 
nale officioso di Roma, c So bene (disse Umberto tra le altre cose) 
che in Francia non si parla che di guerra, affermandosi che noi la 
vogliamo, e si pretende anzi che la nazione italiana appicchera il 
fuoco alle polveri ! fi assurdo. Nulla ci permette di fare la guerra r 
n& le condizioni del bilancio, ne la nostra volonta, ne i nostri desi- 
derii, n6 la ragione. L' Italia e un paese troppo giovane per arrischiarsi 
in simili avventure. Noi abbiamo tutto t-acrificato per conquistare 
1'unita nazionale, la quale data appena da un quarto di secolo; come 
mai potremmo giuocarla in una partita, il cui esito 6 incerto per tutti 
i popoli? Quale follia! Bisogna conoscerci troppo poco per attribuirci 
tali progetti. No. Noi abbiamo compiuto troppi progressi da 24 anni 
a questa parte per compromettere in un sol giorno le nostre pacifiche 
conquiste. Non possediamo, ahim&, il bilancio della Francia, che le 
permette qualsiasi spesa e trascineralla forse ad aspirazioni bellicose 
che noi non abbiamo n possiamo avere. A noi occorrono invece delle 
economie serie e cerchiamo in questo momento, lealmente e corag- 
giosamente, di fame un po' dovunque senza che 1'onore e la sicurezza 
della patria ne abbiano a soffrire. State sicuro che, anziche una mi- 
naccia di guerra, noi siamo una garanzia di pace. Vi aggiungo che 
questi sentimenti pacifici che vi esprimo sono divisi cosl dagli Im- 
peratori di Germania e d'Austria come dallo Czar. D'altronde, qual e 
il Sovrano che vorrebbe nell'ora presente, e dato lo stato attuale degli 
armamenti, gli incessanti miglioramenti delle artiglierie, eccetera, 
lanciare il suo popolo in una guerra? Da qualunque parte restasse 
la vittoria, essa sarebbe talmente spaventevole, e accompagnata da 
tali ecatombe umane, farebbe spargere tali fiumi di sangue che nes- 
sun Re o Imperatore pud pensarvi sen/a fremere per il suo esercito, 
per il popolo suo. Viene adunque ingannata la Francia quando le si 
parla di minacce da parte nostra ; e la stampa, in tale materia come 
in tante altre, oltrepassa i limiti permessi alia imaginazione. La 
Tribuna, cho ci reca questo colloquio, ha raccolto ancora i giudizii 
de' giornali francesi sul colloquio stesso. Citiamo le sue parole : 
"L'Eclair rileva la contraddizione esistente fra le dichiarazioni di Re 
Umberto e il linguaggio e 1'attitudine di Crispi. II Gaulois osserva 
rispettosamente a Re Umberto essersi la stampa italiana mostrata pift 
violenta della francese. II Gil Bias scrive: Le intenzioni pacifiche del 
Re saranno dimostrate, quando 1' Italia uscira dalla triplice. II Journal 
dice che le dichiarazioni del Re poco montano, perchd Umberto re- 
gna, ma Crispi governa. Naturalmente la Lanteme, 1' Intransigeant e 



Co- .KA 

no le stease idee, ma con la solita forma piu vio- 
i. > Cos! male officioso. Per dire tutta la verita perd si 

dove aggiungere che, a questi primi giudizii poco favorevoli, ne aono 
succeduti altri favorevoli, onde accettasi la proposta del K<- I'tnborto 
come un priixcipio di niwicinamento tru i due pa' <ia parte 

nostra non abbiamo da aggiungor altro, so non che dal coUoqui 
Be Umberto abbiamo imparato che una guerra sarebbe per 1* Italia 
un giocare I'unitd itazionak ; che per 1'uuitu nazionale fu sacrificato 
tutto; che le conquiste del Ooverno d'ltalia sono state pacifiche. Sono 
sen ten ze degne d'essere considerate. 

3. II giorno 7 aprile, dinanzi al tribunale di guerra di Palermo 
Bi die principio al processo contro il deputato De Felit-e LHuffrida e 
i compliei, accusati di ribellione contro lo Stato italiano. I complici 
Bono: i signori ('"irnlli, Fetrina, MimtaUo, Cassisa, Bosco, Barbato, 
Vorro, Pico, Benzi e Quli. Arrivati costoro in tribunale fu loro letto 
1'atto di accusa. In questo si rift la storia do' noti avvenimenti in 
Sicilia, del telegramma spedito dal De Felice in Roma (in cui si <li- 
oeva alia signora Vercelli : Peppino arrestato, provveda ), della per- 
quisizione seguita, delle carte sequestrate, eccetera. Dai documenti, 
come si dice nell'atto di accu^a, si rileva evidentemente il reato di 
oospirazione contro la sicurezza dello Stato. Ai lettori non sara discaro 
leggere alcune di queste lettere che gli accusati si scrivevano a vicenda. 
Lettere del Cipriani al De Felice, c Marsigtia, 6, 9, 93. Ignorano che 
il mondo fu ed 6 asservito dalla forza e che 6 con questa che deve 
svincolareene. fi la rivoluzione che ci diede quel che abbiamo ; e la 
rivoluzione che ci dara quello che ci manca, ed 6 alia rivoluzione 
che dobbiamo accingerci, a preparare ed educare le masse che istinti- 
vamento per fame e per sete di liberta sono rivoluzionarie. > cPartyi 
27, 9, 93. La frase: La Sicilia e in famine mi ha messo 1' inferno 
addosso. Inutile che aggiunga che ad un tuo cenno volerd ove vi sara 
da combattere. Dal canto mio oggi steseo mi metto all'opera e scrivo 
in Romagna e dappertutto ovo ho amici, csortandoli a tenersi pronti 
etl attendere gli eventi. Avantilla gloria, 1'avvenire, 1' immortalita e 
degli audaci. > Ecco una lettera del De Felice al Petrina: < 6 ago- 
to 1893. Coopera con tutti i mezzi possibili a tenere sempre uniti i 
ferrovieri di co&ta, organ izzandoli per lo sciopero, che dovr4 avvenire, 
ove I'amministrazione pereista nei suoi vessatorii propositi. Agisoi in 
muniera che i lavoratori tutti al momento opportune facciano causa 
coinune coi ferrovieri. GIUFFJUDA. > Tra le carte di costui fu trovato 
ancho questo frasario, confessato da lui, l^nchd, come aggiunse, non 
ne avesse fatto ancora uso ; ed era cosi concepito : Dinamite 38, In- 
sorgere 10, Vaticano 101, Cipriani 37, Reggia 100, Barricate 71, ec- 
cetera. E per ora basti ^ucsta soinniaria notizia. Strano 6 vedero gli 



<:i;nv\r.A 

antichi cospiratori contro i Borboni e il Pap;i, <livonuti capi del Go- 
verno, sentenziare sui cospiratori nuovi contro il regno d'ltalia. 

4. Guglielmo II, Imperatore di Germania, recatosi ad Al> 
paese nel mezzogiorno dell'Austria, per ragioni di salute, pent- 
visitare Venezia. Be Umberto lo precoree d'un giorno cola, per ac- 
cogliere il suo amico ed alleato. Guglielmo arrivd il giorno 7 aprile, 
accolto con gran cortesia, mentre la gondola reale passava tra gli 
applausi pel Canal grande. Si rec6 con Umberto a visitare la chiesa 
di S. Marco, 1'arsenale e gli altri monumenti della citta. II giorno 8, 
che era domenica, il Sovrano germanico si reed a bordo della Multke 
per assistere alia funzione religiosa e il lie Umberto andd ad udir 
Messa nella cappella del palazzo, a cui per ordine del Re stesso, do- 
vettero assistere tutti gli official! di corte, non che Ton. Boselli, Mi- 
nistro di agricoltura e commercio, che accompagnd il fie a Venezia. 
c II nostro uomo, scrivono da Venezia all' Unita Cattolica, si trovava 
presso quell'ora a visitare la stazione marittima, e mentre lo si in- 
vitava ad esaminare altri bisogni del sito, egli, tratto premurosamente 
1'orologio, accennd a volere andarsen*. Ancora pochi minuti, Eo- 
cellenza, gli disse chi lo accompagnava. Non posso, rispose il Mi- 
nistro; alle undici precise ho la Messa!... La gente che lo attorniava 
si guardo in faccia. Un Ministro italiano tanto premuroso di recarsi 
alia S. Messa. Senza alcun dubbio, Paolino Boselli non aveva espresso 
mai in sua vita un sentimento cosi devoto; bisognava che Plmpera- 
tore di Germania venisse a Venezia per trasformare i nostri padroni 
in persone. tanto ossequenti ai precetti della Chiesa. Manco a dire che 
la lena affrettata dei gondolieri concesse all 'on. Boselli di adempiere 
al suo fervoroso e pio desiderio. A tal proposito ci ricorda che anche 
il Crispi, andato a Berlino ad accompagnare parimente il Re Umberto, 
assistette alia Messa a S. Edvige. Niun giornale anticristiano nel narrar 
cid ha detto che il Boselli o il Crispi hanno recato incenso alia su- 
perstizione, come han detto de' romei spagnuoli che vennero ad as- 
sistere alia Messa del Papa in Roma. Perche tal divario? Ai lettori 
il noil arduo problema. 

5. Pubblichiamo volentieri una relazione d' un sacerdote sotto le 
armi, ove e descritto al vivo lo stato religioso e morale della solda- 
tesca. Secondo noi relazioni sitt'atte sono pennellate storiche piu im- 
portanti delle eteme discussioni parlamentari. La relazione e stata pub- 
blicata dalla Lega Iwnbarda, e Pecclesiastico e Luigi Fantozzi, caporal 
maggiore di cavalleria a Verona. Questi tempi, egli scrive, sotto 
le divise militari, costringono a battere dei cuori ecclesiastici ; tale 
e il mio che addolora per trovarsi lungi dall' altare, cui incessante- 
mente sospira. Solo mi oonforto quando posso fare un po' di bene 
alle anime dei miei compagni d'arme. Li vedo di continue insidiati, 



i < i\ I'K M i 'i > ii \ '. . 
ia un v..rtioe d' irrolijrii.no, -li imm>ralita ohe li trn- 

;gior guasto, a mio credere, lo hanno 
>li lil.ri j'.-rti'li "s<->ni. Si logge e Bi legge 

in tuttf le ore d'o/.io, <|u-l rhe capita, j> r lo j.iu stampa a ; 
-i coinunica ai compagni il veleno, il duU.io, 1 
e perslno 1'odio a qnanto v' ha ili piu sarro. Quiiuli lo sr'-ttiriamo, 
il rual coetame e le bestemmio di o<nri oolorc imnnhino; n^ i pi a 
fermi reggono sempre al torronte devastatore. Ma oome riparare a 
tanto male? II povero soldato lontano dalla famiglia, Ion (aim dal 
prete, uon ha chi lo guidi nel bene, ohi ^li jmrli di Dio, di n-li- 
gione. II solo che facilmente lo accosti e con fnitto e un buon libro ; 
nn libro che mescoli il dolce all' utile, che sfolgori vizio e viziosi 
mentre lo rafforea e nella fede e nella speranza. Mosso da questo 
pensiero, c*oi miei piccoli risparmi comperai parecchi vohimi che eb- 
bero esito soddisfacentissimo. Com' e bello qutl libro! diasemi un ser- 
gento. E nn altro : <.>ucl libro mi fa ricordare quello che OMM> dimen- 
ticato. Par che sian fntti per me, mi fanno tanto bene; ne hai altrif 
mi chiedeva un Tenente dopo aver letto varii scritti di Gennaro Avo- 
lio e di D. Bricolo. Indi 6 nata in molti una grande avidita di leg- 
gere siffatti libri. Ma come soddisfar a tutti? Ove trovare centinaia 
di volumi che occorrerebbero ? * E qui lo zelante sacerdote invoca 
la carita fiorita de' cattolici, affincb.6 cooperino a una specie di mis- 
sione eccellente, qual 6 quolla di fornir di buoni libri i noetri 
soldati. 

6. Apprnm STORICI. 1 Cotigresso agrario. II 15 aprile si di4 
principio nell' Eldorado al Congresso agrario internazionale. Erano rap- 
presentate le camere di commercio, gl' istituti agrarii, i consorzii, le 
a-'ademie e i periodic! agrarii. 2 Le Sttore negli ospedab. A To- 
rino v' ha un' ospedale oftalmieo in mano di laid. Tempo fit avven- 
nero fatti vergognosi. L' inchieeta che se ne fece, suscito scandali 
peggiori per le ire di parte; talcW si venne allo scioglimento del- 
1* amministrazione exl alia nomina d* un regio commissario che fu il 
senator Lessona. Or costui che 6 stato fino a ieri avvereo alle snore 
negli ospedali, dopo esaminato tutto, ha fatto questa confessione che 
va in giro pe' giornali : Sino a poco tempo fa, ha detto egli in sen- 
tenza, io fui avverso alle monache; mi pareva che la loro presenza 
al letto di nn ammalato fosse una violenza alia sua coscienza; mi 
pareva che le monache, pid che al corpo, badassero allo spirito. Oggi, 
dopo aver visto da vicino che cosa sia un ospedale, dove non * 
la monaca, devo ricredermi, e dico che la monaca in un oepedale A 
non solo un beneficio pel malato, ma una salvagitardia supreitta dtlla 
moralitd. Gli scandali dell' ospedale oftalmieo non sarebbero staff 
poesibili, se la vi fossero state le monache. Pen-id, se si proporra di 



368 GRONACA 

introdurne, io applaudird di cuore. Cos! il Senatore Lessona, che ha 

chiamato 8$ stesso un conrertito. 



III. 
COSE STRANTERE 

FRANCIA (Noitra Corrispondenza). 1. L 'Imperatore d'Austria in Francia ; 
il trattato del Camerun; la sovranita del Papa ed i tribunal! francesi. 

2. La legge sulle Fabbricerie delle chlese. 3. Gli anarchic! e la 
Repubblica. 4. Le finalize. 5. II Tombuctu e 1'ampliamento colo- 
niale. 6. II collocamento del Prefetto al palazzo municipale di Parigi. 

7. La morte del Cardinal Thomas. 

1. II 30 marzo il signer Carnot riceveva in gran pompa il conte 
Hoyos ambasciator d'Austria, il quale gli porse in nome del suo So- 
vrano le insegne dell'Ordine di S. Stcfano. E questo un attestato 
di gratitudine per la benevolenza che il popolo francese addimostrd 
yerso 1'augusto Sovrano dell'Austria, durante la villeggiatura di lui 
per quindici giorni a Cap-Martin, vicino a Nizza. II signer Carnot 
aveva mandate per via telegraflca i suoi augurii di bene arrivato al- 
1'Imperatore in quella che giungeva al Cap-Martin, ove dimorava 
1'Impera trice; e 1'Imperatore ne lo ha ringraziato nella piu amiche- 
vole maniera. Francesco Giuseppe innanzi di partire manifesto al 
sign or Carnot ed al popolo francese la propria riconoscenza, e il Pre- 
sidente della Repubblica si affretto a rispondergli parimente. Que- 
sto ricambio di comunicazioni e stato notato molto in Europa ed ha 
fatto ottinia impressione in Francia; qui le propensioni benevole per 
1'Austria, onde il clero ed i cattolici solerti non si erano mai dipar- 
titi, progrediscono notevolmente, e si appalesano in tutte le classi di 
persone. Cotalche le buone relazioni, che si mamtennero sempre dal 
1871, vieppiu si afforzeranno. La visita dell'Imperator d'Austria al- 
1'Imperatore di Germania ad Abbazia, non ha punto scemato la buona 
impressione della sua dimora in Francia. 

Le pratiche colla Germania han messo capo ad un trattato, ond'& 
precisato il confine tra il Camerun tedesco e i possedimenti franceei 
in Africa. D'ambo i lati i zelantissimi (les chauvins) accusano il loro 
Governo di avere in questa occasione sacrificato gl'interessi della pa- 
tria; prova lampante che si fece opera di conciliazione e buon ac- 
cordo. La Germania ha ottenuto di andare al Congo .per la Sangha, 
ed al lago Tchad con una sponda dello Schari; la Francia ha ottenuto 



IIANEA 

''!" per uno afflnenti. I dae paesi gaaren- 

" >.!!!. -ito, a quelli che da essi dipendono, trattain 

eguale come ai loro connazionali. Con questo si ha una preziosa gua- 
rentigia del buon indirizzo del possedimenti de' doe paesi, e si e 
costituita una tal qnole sicurti in soli do tra Francesi e Tedeschi in 
quella parte dell'Africa. questa e anche un'opera di pace. 

:u (Into il triste spettacolo di vedere un gia ministro degli 
affari esteri, il signer Flourens, che e pure un uomo di vaglia, de- 
nunziare su pei giornali i saoi antecessori. Ei fa rimprovero nel Fi- 
garo ai signori Ferry e de Courcel d'aver tradito gl'interessi della 
Francia, col subordinare la propria politica al principe di Bismarck, a 
cui avrebbero finanche palesato i segreti diplomatic!. II Ferry avrebbe 
eeplicitamente rinunciato all'Alsazia e Lofena per ottcnere alia sua 
politica coloniale il concorso della Oermania ; e parimente avrebbe 
rigettato le profferte della Russia e via dicendo. II Ferry & morto e 
non pud piii difendersi; ma il barone de Courcel risponde che il se- 
greto professionale impedivagli di dare altra risposta da quella infuori 
dell'assicurazione che ne egli ne il Ferry "si sarebbero mai acconciati 
ad una politica contraria alia dignita della Francia e del suo ambascia- 
tore. D 'altra parte si rinfaccia al sig. Flourens di aver consegnato 
documenti officiali del suo ministero all'ambasciatore di Russia. A 
fronte di siffatte rivelazioni c'6 da temer forte che i diplomatic! stra- 
nieri diffidino alcun poco della Francia. 

Un'altra rivelazione ha destato increscevole sensazione in tutta la 
Francia. II generale Borius, capo della casa militare e del gabinetto del 
Big. Carnot, avrebbe dato incarico al sig. de Beanchamp, addetto mi- 
litare a Copenaga, di rivolgersi alia principessa Yaldemaro (nata prin- 
cipessa d'0r!6ans) per conoscerc da lei quali fossero le disposizioni 
deUo Czar verso la Francia. La principessa doveva anzitutto cercar 
di sapere se la Francia potesse fare assegnamento sullo Czar nel caso 
di guerra ofFensiva. Parve si strano alia principessa siffatto incarico, 
che stimd doverne senz'altro parlare col conte d'Aunay, ministro di 
Francia a Copenaga; e questi ne mosse lamento al suo capo gerar- 
chico. II sig. d' Aunay venne accusato di aver data notizia ai gior- 
nali di questa rivelazione; egli protestd nel modo piu energico cid 
essere falso; ma tuttavolta fu dostituito. Com' d naturale, questa 
punizione ha viepiil ribadita la persuazione che il fatto era vero. Nel 
qua! caso, la rivelazione anzidctta viene a raffermare che non vi ft 
verun trattato colla Russia. Si va dicendo che, se chi attornia il 
sig. Carnot, anzi e il suo primo consigliero, e costretto a ricorrere a 
vie indirette per conoscere cid che ha in animo lo Czar, la conse- 
guenza naturale 6 che non esiste trattato veruno. 

Strit XV, vol. X, fate. 1053. 24 98 opriU 1894. 



37U GRONACA 

La Corte di Cassazione h;i annull.itu la sentenza della Corte di 
Amiens, che cassava la decisione, onde il tribunale di Montdidier 
avea riconosciuto per valido il testamento della Marchesa de I'lessis 
Belliere, morta li 4 luglio 1890, lasciando in retaggio al S. Padre il 
BUG castello di Moreuil, il suo palazzo in Parigi, ed inoltre la somma 
di 400,000 Iran chi. La Corte d'Amiens sostiene che la detta Marchesa 
avea designate il S. Padre solamente come Capo della Chiesa, e che 
il Papa in questa sua qualita non poteva possedere beni immobili in 
Francia. La Corte negava scientemente la sovranitd. del Papa ; il che 
non era solo grave ingiuria, ma flagrante ingiustizia. II Papa e stato 
sempre riconosciuto qua! Sovrano, si in Francia come in ogni altro 
paese. L'Austria, la Germania, 1'Inghilterra posseggono palazzi pei 
loro ambasciatori in Parigi, e si vorrebbe proibire al Papa di accet- 
tarne uno pel suo Nunzio ! Pertanto i giornali ed i giureconsulti piu 
autorevoli han preso vivamente in esame la quistione e fatto palese 
la scorrettezza della sentenza della Corte d'Amiens. 

2. I Consigli di fabbrica, ovvero di Fabbricerie delle chiese par- 
rocchiali, si sono radunati addi 2 aprile per igtabilirne il bilancio 
parrocchiale. Un certo numero di Fabbriceri han dato la rinuncia 
piuttostoche assoggettarsi alia legge nuova. Molti Vescovi e soprat- 
tutto i giornali religiosi hanno protestato. Mons. Arcivescovo di Cam- 
brai in una sua circolare alle Fabbricerie chiama 1'anzidetta legge 
una enorme e dotta macchina moderna, fatta per ismuovere pochi 
granelli d'arena. Souza che 1'approvi in verun modo, 1'Arcivescovo 
invita le Fabbricerie ad uniforinarsi alle norme fissate dalla nuova 
legislazione ed a stendere bilanci che possano andar forniti dell'ap- 
provazione della competente autorita. Non c'e che dire : e una con- 
discendenza. 

Ben e vero che, in occasione della interpellanza del sig. Denys 
Cochin sulla proibizione degli emblemi religiosi fatta dal Sindaco di 
Saint-Denis, il ministro de' culti sig. Spuller gli rispose nella ma- 
niera piu solenne, a' 3 di marzo : <i Nelle quistioni religiose deve 
dominare un principio superiore, deve dominarci la tolleranza; non 
gic\ la tolleranza nel senso stretto, ma un vero spirito di tolleranza 
illuminata, umana, sublime, che trae radice non solo dalla liberta 
dell'animo, ma dal calor del cuore. E tempo omai di combattere contro 
i fanatismi, e contro i settarii d'ogni sorta. La Camera pu6 fare asse- 
gnamento sul Governo nel tener saldi i dritti dello Stato, ma anche 
sullo spirito novello che lo anima e che ha per iscopo di conciliare 
tutti i cittadini e condurre la pace nella nostra societa francese. Noi 
continueremo la politica conforme alle tradizioni di questo paese, 
quella'cioe della indipendenza della potesta civile nel suo dominio 



Co 

onte nlln ^hiosn, o msl pun* In jx.lif 

in unit :rr* i 

fraiir.-si ;ille idee del buon senso, della piustizia e dolln 

rita. 

I radicali Btrillano al tradim-Tit-.. al patto con la Deetra, e 
pellarono il Governo intorno allo c gpirito novollu . I! trig. Spuller, 
come il sig. Casimir-P6rier presidente del Consiglio, per? nelU 

loro dichiarazioni che levavano tanto maggior clamore. Ma, venuta 
1'occasione di una domanda del sig. Baudry d'Asson, i ministri di- 
chiararono ancora che la legge sulle fabbrii-orie 'llle chiese sarobbe 
eseguita secondo il mio spirito secondo la lert*ra. Ben vero che 
essi non potevan rispondere altramente, perchfc il Governo esiste per 
eeeguir le leggi, buone o cattiva. Non c'6 da intr.it toners i Hull'me- 
guimt-iito di una legge, ma bensi sulla nutura di ossa e chiedere al- 
'orrenza, che sia corretta. La domanda perci6 del sig. Baudry 
I'Asson non poteva sortire alcun effetto. 

La Chiesa. il S. Padre come i Vescovi, han dato oertamente ba- 
stevoli prove del loro spirito di conciliazione. Tutti i fri<>rnnli serii 
sono unanimi a tale riguardo. Ma colla stessa unanimity rilevano che 
finora il Governo ha comprovato il suo buon volere soltanto con pa- 
role abbastanza vaghe da non impegnarlo, per quanto spesso piaccia 
ai ministri di ripeterle. II 1 aprile il sig. Spnller all' inanj^razione 
di un liceo di giovinette a Tersailles, le ha ripetute nn'altra volta. 
Al tempo stesso egli proclamava che il novello liceo aveva per fine 
di cattivar le donne alia Repubblica, alia dcmocrazia. Ma i licei delle 
ginvinette hanno in realta per iscopo, di strappar le donne alia Chiesa, 
di fame tante miscredenti e libere pensatrici. 

Mentre i Ministri parlano di spirito novello e di conciliazione, il 
eig. Dnmay direttore dei culti, dipendente dai cenni del sig. Spuller, 
dirige una circolare confidenziale ai prefetti per invitarli a t<nore il 
Ministero al corrente delle nomine e delle mutazioni ecclesiastirhe, 
ma soprattutto a fornire ragguagli intorno al contegno e alia con- 
dotta dei singoli ecclesiustici promossi d'ufflcio. I giornali osservano 
pertanto che il sospetto e la delaziono hanno libero il corso. 

3. Gli anarchici continuano nei loro misfatti. Ai 5 di febbraio il 
Vaillant che avea lanciato la bomba nel Palazzo Borbone, fu \:\ 
ziato, dopo aver rifiutato qualsiasi conforto religiose. Mori gridando: 
c Morte alia borghesia ! viva 1'anarchia ! > e dando prova inoontrastaMle 
di coraggio. Non c' ohe dire : em un uomo convintn, un fanatico. 
La sua tomba nel cimitero de' giustiziati ad Ivry divenne quasi un 
oentro di manifestazioni anarchiche. Per otto giorni fllati, vi accor- 
Bero a migliaia anarchici, socialisti ed altrettali, cercando di tenervi 



372 CRONACA 

concioni e deporvi emblemi. Per la qual cosa 1'autorita ha fatto scom- 
parire la tomba ed impedire 1' accesso al cimitero ; e con cid sono 
finite incontanente le manifestazioni. 

Ma le minacce di vendetta da parte degli anarchici non tarda- 
rono guari ad attuarsi. II 12 febbraio Emilio Martin addetto al 
traffico scaglid una bomba in mezzo agli avventori del Gaffe Termi- 
nus, attiguo aUa stazione di S. Lazzaro. Una decina di persone ri- 
masero ferite, e due di queste morivano in appresso. II malfattore 
fuggi, ma fu acchiappato dalla polizia e dalla folia corsagli dietro e 
contro cui tird parecchi oolpi di rivoltella per difenderei. Non ostante 
i suoi dinieghi, tornd agevole riconoscerlo. Egli e Emilio Henry, 
figlio di uno dei general! della Comune, e come tale fu protetto dal 
Consiglio Municipale, che aveva assegnato a lui, non meno che a BUG 
fratello, un posto gratuito in un collegio municipale. Codesto Henry 
fc letterato, fu impiegato nel traffico a Parigi, a Berlino, a Londra, 
conosce parecchie lingue, e non avea ragione alcuna di essere scon- 
tento della sua condizione. Si narra ch da due anni erasi dato di 
gran lena alle pratiche spiritiste, teneva commercio con gli spiriti, 
specialmente con quello di suo padre, ch'egli consultava intorno a 
tutte le nozioni rilevanti. 

Pochi giorni dopo, un tale che chiamasi Rabardy prese a pigione 
una camera in un modesto albergo della via S. Giacomo, e con- 
fisse con alquanti punteruoli di legno una bomba di sopra all'uscio 
in guisa, che 1'aprirlo la facesse cadere e scoppiare. Indi scrisse al 
commissario del rione che egli, stance della vita, si uccideva, ed in- 
vitavalo a recarsi a confermare la sua morte nel suddetto albergo. 
Era dunque un agguato teso alia polizia. Ma la bomba cadeva e 
scoppiava prima che la polizia arrivasse, e feri alcune persone che 
erano su per la scala ed in una camera la presso. Una di quelle per- 
sone mori di poi. Codesto Eabardy rifece la stessa trama in un 
albergo del sobborgo S. Martino ; ma quivi la bomba ruzzold per terra 
senza che scoppiasse. H corpo dei vigili, dopo aver fatto sgomberare 
la casa e spalancar porte e finestre, die fuoco alia bomba median te 
un filo elettrico all'uopo adattato; e cosi la bomba pote scoppiare 
senza recare grave danno. 

L'attentato fallito alia Maddalena destd maggior romore. Sulle 3 
pomeridiane del 15 marzo s' udi uno scoppio tremendo alia gran 
porta d' ingresso. La gente accorreva, e si trovd fra le due bussole UH 
uomo per terra, col ventre e il petto squarciati dalla bomba; ei re- 
spirava ancora, sicche giunse a tempo il sacerdote Josselin, che era 
in sacristia, a dargli 1'assoluzione in articulo mortis. In codest'uomo, 
che mori quasi subito, si ravvisd il conciapelli Pauwels, d'origine 



( .( iN I I-. M I '< >l( A N MA 

belga, annrchico militanto, si : Krancia e oerco d*l la polizia. 

codes to nomo mi , -va avuto in animo di entrare 

in quolla chiesa e di aapettare lapredica delle 4 pomeridiane per git- 
tare la sua bomba nel mezzo dei fedeli. Ma per un inconvenieute 
della porta, avvenne un urto cho gli f& scoppiare in tasca la bomba 
prima che potesse entrare. Nel laboratorio municipale fu asaodato, 
che quella bomba era stata eguale per forma e compotizkme chimic* 
a quelle altre collocate dal supposto Rabardy e a quelle ond'erasi 
valso Emilio Henry. Ma queglinp, che avean veduto il Rabardy, nol 
ravvisarono per tutt'uno col Pauwels. 11 pigionale dei due alberghi 
s'era fornito delle carte che un operaio meccanico, poscia ritornato, 
areva penlute, e che porta il nome di Rabardy. Chi fc questo falso 
Rabardy se non appunto il Pauwels? dacche, oltre costal, la polizia 
non ha trovato verun indizio sul conto suo. Quel che sembra certo, 
si e, che tanto lo Henry quanto il Pauwels stettero gia in relazione 
e con Paolo Reclus e col Vaillant. 

II Governo ha colto 1' opportunity di quest! nuovi attentati per 
dimandare alia Camera ulteriori facolta, a fine di agevolare 1'opera 
della polizia contro gli anarchic! ; ma finora la polizia non impedl 
verun attcntato. Essa ha catturato molte persone, supposti anarchici, 
de' quali la maggior parto ha poi dovuto rimettere in liberta, per 
mancanza di prove. Ma non ha trovato i realmente pericolosi, i Reclus, 
i Pauwels ed altri. Siamo dunque allo stesso punto di prima: restrizioni 
liberticide imposte alia Chiesa non hanno recato alcun impaccioagranar- 
chici e agli altri bricconi nei loro misfatti. Da quindici anni si adopera 
accanitamente contro la Chiesa che soffre e non cerca di vendicarsi 
se non beneficando, e ora i socialist! appunto se la prendono colla 
Repubblica, pur rivendicando la comunanza de' principii. I repubbli- 
cani che tengono il potere, asseriscono, a chi loro da retta, che in- 
tendono compiere la Repubblica mettendo in pratica ed attuando nelle 
public-he istituzioni i principii della c grande Rivoluzione > . E sono 
costretti di colpire, adesso appunto, i propagatori degl'stessi identici 
principii. Per conservare 1'ordine esistente, gia abbas tan xu minacciato 
dagli anarchici e dai socialist!, il Governo, sorretto dalla maggioranza 
della Camera, ha dovuto combattere il disegno di re vision e della co- 
stituzione messo innauzi dai radicali Gobelet, Millerand e socii, che 
pure e abbastanza couforme ai principii invocati da tutti i repubblit ani; 
poiche tutti quanta sono d'accordo nel riconoscere che la costituzione 
d'adesso 6 piuttosto monarchic^ che non repubblicana. 

4. L'anno 1892 si chiuse con una diffalta di 133 milioni; 55 dei 
quali par cagione delle scemate rendite e il rimanente per ispese 
fatte fuori deH'ordinario. Gli 6 certo che il 1893 non dara risulta- 



374 CRONACA 

menti raigliori, giacche le rendite sono riraaste basse e i credit! sup- 
plemented hanno sorpassato 90 milioni. Per 1'anno 1896 si prevede 
un aumento per la difesa nazionale di 140 milioni, mentre le rendite 
non danno a sperare che una somma di 20, od al piti 25 milioni. II 
risparmio di 68 milioni ottenuto colla conversione e lungi assai, come 
vedete, dal bastare a rimettere il bilancio in equilibrio. 

Oltre a cid, il sig. Burdeau, ministro per le finanze, promette al- 
cuni alleviamenti: ii vino sara alleviate di 72 milioni sopra 150, men- 
tre I'afeoo/, che e gia gravato di balzelli per 272 milioni, paghera 
190 franchi per ettolitro invece di 156. Tutto questo e abbastanza 
problematico. II fatto sta che i nostri vignaiuoli del mezzodi sono ina- 
priti, minacciano di non pagare 1' imposizione, eccetera, ove lo Stato 
non li soccorra nello spaccio dei loro vini. L' invilimento nei prezzi 
di questi e addivenuto una pubblica calamita. Ne lo Stato potra re- 
carvi rimedio, se non in parte: scemando cioe le tariffe delle ferro- 
vie, sopprimendo il dazio 20 centesimi il litro a Parigi, mentre 
il vino si vende a 10 e 15 centesimi nel mezzodi della Francia e 
togliendo qualche altro balzello. Se non che il male precipuo consiste 
nella frode. Durante gli ultimi anni cattivi, si sono fabbricati parec- 
chi milioni di ettolitri di vini artefatti, che al pari di certi vini di 
Spagna, vengono a costare anche meno dei vini nostrani. Negli auni 
1892-93 si sono importate enormi quant ita di vini spagnuoli, preve- 
dendosi 1'aumento dei dazii d' introduzione. Adesso il commercio ha 
una tragrande quantita di vini artefatti e spagnuoli, e cerca di spac- 
ciarsene prima di comperare vini nostrani. II Governo favori la fab- 
brica dei vini artefatti col ribassare i dazi sullo zucchero e sull'a/- 
eool necessarii a questa mal sicura industria. 

5. Addi 10 gennaio la colonna comandata dal colonnello Bonnier 
occupd Tombuctu col consenso degli abitatori di quella citta. Alquanti 
giorni dopo il Bonnier nel tornare co* suoi verso Kasses fu sor- 
preso di notte dai Tuareghi, che ne fecero strage, alia distanza di 
parecchie miglia da Tombuctu. Ma questa deplore vole sciagura non 
sara di nessuna efficacia contro il possedirnento della suddetta citta, 
ove gia trovasi un presidio bastevole, poscia rannerbato dal colonnello 
Joffre. A dispetto della nimicizia dei Tuareghi che I'attorniano, Tom- 
buctu seguitera ad essere \\n saldo appoggio per la signoria francese, 
che si basa su Kabara, porto di Tombuctu, e stazioni molte e una 
squadriglia sul Niger. Le comunicazioni col Senegal sonp assicurate. 

Avendo considerate 1'ampiezza dei possedimenti coloniali, la Camera 
h;i consentito che si trasfonni in Ministero la sottosegreterla delle 
Colonie ; e a Ministro di queste e stato eletto il senatore Boulanger. 

6. Siccome il Ministero delle Colonie avea bisogno dell'edificio 



CO .T.) 

:imU> jmili^' i > (nuovo Ixmvre), il 1'refetto ne ha 

i to migrare. II Minister gli ha dato online <li premiere dimora 
nelle sue stanze al nuovo Hotel de VUU, cioe ol nuovo palazxo del 
Municipio. II Conaiglio municipalo che iin allora erasi oppoeto ai 
looamento della sede prefettizia nel palazzo cmnunule, fece uu'altra 
prova all'uopo. Si radunarono i Mii membri fuori del tempo della 
sessione per far dettare da una commissiono un' informazione otfi- 
ciale agli elettori a fine di lamontarsi della condotU del Ooverno. 
Ma si canso con gran cure la parola c protesta > : il Consiglio mu- 
nicipalo si " fatto riguardoso al vedere 1'euergiu del Uoverno. I giornali 
oificiosi gli fecero capire che il Ministro potrebbe sopprimere I'assegno 
illegalo di 0000 franchi, che il Consiglio ha fatto a' 8uoi membri 
e a sapere, che i socialist! e gli altri politicanti che comi>ongono il 
Consiglio municipal**, hanno caro sopra ogni altra cosa di riucuotere 
assegni e non li perdere. 

7. Sua Eminenza il Card. Thomas, Arcivescovo di Rouen, 6 ui<>rto 
addl 9 raarzo, in eta di 68 anni. La sua vigorosa vecchiezza potea 
dare sporanza di piu lunga vita ; ma una malattia sopravvenutagli lo 
ha in porhi giorni rapito. L'illustre defunto era nato a Paray-le-Mo- 
nial. E noto che il suo contegno politico, sebbene conforme in tutto 
agli ammoniinenti del Sommo Pontefice Leone XIII, ando soggetto 
soventi volte a censure. Ma, nel riguardo prettamente ecclesiastioo, 
gli fu scmpre resa giustizia da tutti. 



IV. 

AMERICA (Nottra, Corrt'tpondenta). 1. Le angnstie economlcbe nepli Statt 
Uniti. 2. L'accentramento delle ricohezze. 3. La beneficenza. 
4. La scuola laica e la statistics del delitti. 5. I romantic! assalti al 
convogli ferroviariL 6. Voci di protesta contro le mene anticatto- 
liche. 7 Una condanna del Wetter* Watchman. 

1. cosa da meditare con profonda e certo non lieta meraviglia, 
come mai contrade cosi fiorenti di prosperita naturale, in compleaBO 
doviziose, anzi quanto mai opulente, abbiano potuto essere sopraffatte 
la un'Va di tanto crudoli calamita economiche, quanto quelle di cui 
sentimmo le fiere strette nell'ultimo biennio. lo penso quindi che non 
vi sara discaro di conoscere le cause ond'esea trasse 1'origine, nonchd 
1' indole dei rimedii scelti ad ovvianri. V'intratterro poscia dei fatti 
jiifi strettamente connessi colle nostre materie morali e religiose. 

II fenomeno economico, visibile per chiunque fra noi dimori, e 



376 CRONACA 

una grande pemiria di valsente sin dalla. mota delPanno scorso, ac- 
compagnato da languor* ed estenuamento del trafflco, da una lunga 
'sequela di fallimenti, in primo luogo fra le Banche e poi fra le ditte 
mercantili, da mancanza di lavoro per gli operai e da un tale bru- 
lichlo di mendicanti per ogni dove, quale non erasi da lunghissima 
pezza veduto. Tutte le class! di commercianti furono in preda alle 
pifl angosciose ansieta, cercando qualche riparo al grande male della 
pubblica sflducia, la quale spingeva i creditor! nella scorsa estate a 
ritirare i loro depositi dalle Banche, prosciugando il mercato del da- 
naro in maniera da lasciarlo arido ed assetato. Indi il Presidente de- 
gli Stati Uniti fu indotto a convocare quella che suole chiamarsi una 
speciale sessione * straordinaria di ambedue le Camere del Con- 
gresso, per avvisare ai rimedii. Naturalmente il buon esito di una 
simile impresa presuppone Paccurata cognizione e ponderazione delle 
cause che produssero i deplorati effetti. Ora, il concetto che di quests 
cause poterono formarsi i nostri legislatori, generd dae grandi atti: 
la revoca dello Sherman Silver Bill (la legge di Sherman sull'ar- 
gento) e Pabrogazione del Mac Kinky Tariff Bill (la legge di Mac 
Kinley sulla tariffa). 

II Silver Bill del senatore Sherman, messo in vigore circa tre anni 
innanzi alia sua abolizione, era stato frutto di una transazione fra 
due avversi partiti soTti nel Congresso, Puno molto propizio e Paltro 
aiTatto impropizio al free Silver. Sotto questo nome volevasi imporre. 
al Governo degli Stati Uniti Pobbligo di comperare tutto Pargenty 
che venisse presentato alle sue zecche, e cio al prezzo corrente del 
mercato. 

Enorme e la produzione dell'argento nella regione mineraria dei 
Monti Eocciosi, e Pesigenza che dispiegavasi allora verso lo Stato si- 
gnificava, in buon volgare, che la nazione avrebbe dovuto vincolarei 
quale perpetua cliente coi proprietarii delle miniere, pagando mese 
per mese, giorno per giorno, tutti i loro lavori. Pingue a/Tare, senza 
verun dubbio, per quei valentuomini ! 

Adunque, siccome fra le contese il Congresso rimaneva incep- 
pato, per rendergli liberta e moto, si decise di eleggere una Com- 
missione, colP incarico di procurare, sotto la presidenza del Senatore 
Sherman, un componimento fra la poderosa schiera dei silver men ed. 
i loro oppositori. II parto della Commissione prese il nome di Sher- 
man Mlver Bill. Disponeva esso che gli Stati Uniti s' impegnassero 
ad acquistare ciascun mese una quantita di metallo bianco corrispon- 
dente alPammontare di quattro milioni e mezzo di dollari ed a met- 
terlo in circolazione sotto forma di specie . debitamente coniata. Per 
tre anni consecutivi, i dollari d'argento piovvero sul paese, o, quando 
superflui, si abbicarono fra le vdlte dei gelo&i sotterranei. Le monete 



CONTEMPORANBA 

argentee dilagarono percid in taiita sproporzione cogli altri mez/ 
circolazione che rinvilirono, ed un dollaro d' argento non ritenev* 
genuinamente che pooo piil dtlla meta del suo valore legate, il quale 
nondimeno veniva mantenuto in gara coll' oro e con qualunqae di- 
risa. 8u tale false fondamento, 1* intero ediftzio del cambio comincid 
a vacillate: onde la fiducia svanita, il ritiro dei depoeiti, e quindi 
un < panico generale , come dicesi nolle Dorse. 

Ora lo Sherman Bill $ state soppresso ; i proprietarii delle miniere 
devono limitare le proprie operazioni in piu normale misura, molti 
di essi hanno chiuso i pozzi, e negli Stati occidental! se ne provano 
di conseguenza perturbazioni e iniserie. 

Quanto al Mac Kinley Tariff Bill, vi sovverri certo dello sgomento 
ch' esso cagiond all* Europa, nel suo nascere, or saranno tre auni, 
essendo stato immaginato non meno a danno degli industrial! stra- 
nieri che a profitto e lucro dei fabbricanti nostrani. Era esso una 
delle opere del partito Repubblicano. Ora e massima dei Democratic! 
che il miglior mezzo di promuovere il pubblico bene consiste nel 
proteggere, non gi& i pingui manifatturieri non mai sazii di facili e ra- 
pide fortune, bensl i consumatori, ai quali e mestieri agevolare il 
soddisfacimento dei loro bisogni ai migliori patti possibili, presso 
qualunque trafficante, sia o no americano e dovunque dimori sotto il 
sole. Salendo poi sopra il soglio del potere, nello scoreo marzo, non 
soltanto essi recavano seco il loro prediletto principio, ma avevano 
pur sott'occhio il contristante spettaoolo del dissesto nazionale. Ed 
ecco come il Mac Kinky Bill venne incondizionatamente messo dall'un 
dei lati ; e, sebbene i Democratici non proclamino schietto e netto il 
regno del lihero scambio, pur tuttavia stauno stendondo in ambe le 
Camere del Congresso un nuovo Tariff Bill piil consentaneo ai loro 
principii ed alle richieste del caso prasente. 

Ma le nuove leggi altresl hanno I 1 immediate effetto di privare gli 
operai del lavoro; e, come appunto i padroni delle miniere dell'Oveet 
sono costretti a frenare la lena dei lavori, cosi gli industriali del- 
1'Est veggonsi restringere e diminuirc i canali dello smercio, ed i 
primi a soflrire in entrambi i casi sono i lavoratori, le cui mercodi 
ed i cui mezzi stessi di vita stanno in balla dei flussi o riilussi 
del commercio. Beninteso, il legislatore spera e presagisce che il po- 
polo tutto assaporera i frutti del suo nuovo sistema, .juando il tempo 
li abbia recati a maturitd. Ma < N> assui probabile che prima di quei 
giorni siano sfuggite dalle mani dei Democratici lo redini del potere, 
perch6 i latrati del ventre sono pift forti delle carezzevoli promesse, e 
se nuovi legislator! architettassero un nuovo regime, informato del 
loro spirito, non si avrebbero forse che nuove rovine aggiunte aJle 



378 CRONACA 

prtsenti. E cosi dove si andra a parare? Vedete un poco! Non difefr- 
tano certamente le ricchezze fra noi; ma d'altronde una cosi vasta 
mole di afFari gira di necessita con perenne moto sulla rnota del cre- 
dito, che assai pift delle esistenti dovizie preme la pubblica fidncia, 
sulla quale uopo e che il credito stesso si fondi e si rinvigorisca. 

Nel resto anche per 1'osservatore europeo, un notevolissimo fhitto 
della nuova TarilTa sara I'istitruzione di una income tax, o imposta 
sulle rendite. Ogni rendita, pereonale od altra, superiore ai 4000 dol- 
lari, viene tassata del 2 p. c. per il di piil del suddetto limite. Per 
I'Ainericano, poi, couiffatta innovazione segna una fa.se importantis- 
sima nel nostro nazionale sviluppo, non dissimile da ci6 che venne 
foree invidamente chiamato legislazione di classe*, riconoscimento 
d'una specie di aristocrazia danarosa. 

2. N6 tale interpretazione 6 destituita d'ogni fondamento. Si sono 
contati, in quests Repubblica federale, 4,047 millionarii, ciascuno 
del quali possiede in media una fortuna di tre milioni di dollar! e 
piu. Queste persone, o queste famiglie, per altro, non rappresentano 
che tre centesimi d'unita per cento delle famiglio raccolte all'ombra 
degli Stati Uniti; e 1'analisi comparata delle statistiche, sia del censo, 
sia della popolazione, dimostra come qnel pugno di 4,047 Cresi pos- 
segga il 20 p. c. della sostanza delPUnione. 

Proseguendo le ricerche ed i confront!, si vede come, inclusi quest! 
fortunati tru i fortunati, il 71 p. c. della ricchezza nazionale sia nelle 
mani di nove decimi ctelle famiglie ; mentre, dall'altro canto, il 52 
p. c. delle famiglie della Repubblica non dispone che del 5 p. c. della 
ricchezza complessiva. (V. Political Science, Quarterly, d3cembre 1893, 
p. 593. The concentration of wealth, ossia 1'accentramento della ric- 
chezza). 

II rapido incremento dei patrimonii gia cospicui si spiega di leg- 
geri in una terra esuberante di giovane vita qual 6 questa. Si aprono 
miniere, si abbattono foreste, si costruiscono strade ferrate : il valore 
dei fondi nelle citta, svolgentesi con vertiginosa celerita, sale alle 
nuvole ; le Industrie pullulano, i commerci si espandono, e tutto va 
come STill'olio. Ma ora il tempo di tali favori e di agevolezza si va 
chiudendo, e per giungere ad accumulare ricchezze bisogna battere 
sentieri pift comuni. E ben vero che il cosiddetto * aumento spon- 
taneo dei redditi della terra apparisce tuttora una sorgente inesau- 
ribile di ricchezza; ma in pari tempo 1'esito dell' ultimo censimento 
indica che il suolo eziandio passa nella signoria di un numero propor- 
zionatamente esiguo di abitanti. 

Tale condizione di cose non si appalesa, per verita, alia superficie. 
La gente si mostra cosi florida e bene in arnese, gode tante morbi- 



CONTEIiPORANl 

dezzo e tanto sla, suppellettili delle case, n 

passatempi, n-i <lip<>rti, oh.> il tipo comune della I'.i rn--ricna 

sembra (Mjuipararei a .pi. -11-. .11 un grado inolto superiore in Kuropa. 
Tutti aarmn, pero, che tra n-.i, in generate, non -,i !;mrio riaparraii. 
Si vive nel Insso e nella mollezza, senza alcun pegno di stabilita 
della proprin sorte ; laonde gli agi e le pompe vanno a detriment*) 
dell'avvenire. Bene spesso la base di una vita di bel tempo & di poco 
superiore ad un salario ; ne vi abbandona mai un eerto stupore nol 
vedere 1'apparente abbondanza affatto separata dall 1 indipendenza. 
La purte piu eletta della < classe media >, che possiede veramente 
ijualche cosa del proprio, nou accuinula, ma usufrimce. Cosi un com- 
plesso di circostanze accidental! concorre a favorire i [x>chi opulenti 
e ad enfiarne vieppifl 1'npulenza ; mentre alia conquista dell' indi- 
pendenza da parte delle clasei piu uumerose fanno ostacolo, non sol* 
tanto le loro abitndini spendereccie, ma eziandio il predominio che 
iui commerci assicurano ai poteuti sindacati i capitali gigant i schi ed 
i monopolii. Questi iufatti, attirauo a se in breve tratto i lucri che 
p(trebbero procacciare 1' indipendenza a molti piccoli negozianti. 

3. L' inopia di tanta parte del nostro popolo, nella cattiva sta- 
gione ora passata, fu lenita, come suole aocadere, in simili casi, da 
numerosissime beneficenze. 

Chicago, sopra la quale si posavano gia con invidia gli occhi del 
mondo intero, durante 1' Esposizione Colombiana, come sopra una 
specie di metropoli universale, Chicago, dico, non attrasse minoro 
attenzione quest' inverno come ricovero di moltitudini senza pane e 
senza tetto, perche disoccupati .' Si ha un bel riflettere, quanto foaoe 
cola inevitabile, in qualunquc caso, una reazione agli artificial} splen- 
dori, ai titanici conati, agli sforei sovrumaui della Mostra universale. 
Rimanc sempi-e vero che il vedere cosi d' un subito una tale citta 
infcstata d.i tanti e coal orridi squallori, appena chiuse le porte della 
Bianca Citti, i cuori dovevano stringersi di commisera/ione. Ma le 
citta sorelle non potevano darle soccorso, avendo ciaacuna le proprie 
schiere di poveri da nutrire. Senonche il cielo e stato clcmente ; < i 
ha concesso un inverno mitissimo, a segno tale ohe nei principii del 
mar/o sentimmo gia alitare le aure primaverili, e col ritorno della 
buona stagione le caritatevoli associazioni, tanto nobilmente operoee 
nell' inverno, credono di avere eompiuto hi parte piu gravosa del 
loro uffici". 

4. Nel campo morale abbiamo due fatti caratteristici da rilevare 
e considerare. II primo e una confessione uffioiale che i -i 
moltiplieano e la -i lacinorosi si dilata, d 'anno in anno; 1'al- 

<" il rinmidimento delle mene di coloro che vorrebbero ad ogni 



880 CRONACA 

costo vedcre perseguitata la Chiesa cattolica. Yi addurrd a questo 
doppio rispetto le testimonialize d'uomini di altro culto. 

II professore Ellis Thompson, ecclesiastico presbiteriano, al quala 
6 affidata la cattedra di economia politica nell' Universita di Pensil- 
vania, e conferenziere di economia a Yale e Harvard, si e studiato 
di analizzare le cause del rapido aumento dei delitti negli Stati Uniti. 

c Un tempo, egli dice, non eravi cittadino che non desse mano 
alia scoperta di qualche grande delinquente e che non si sentisse 
di essere il braccio della legge per la salute pubblica e ptr la comune 
incolumita. Ora, invece, noi assistiamo alle affannose indagini della 
polizia, come ad un giuoco di astuzia che ha per noi un semplice in- 
teresse intellettuale, e tal flata facciamo ed accettiamo scommesse ri- 
spetto alia loro buona o mala riuscita. 

... Piil celere dell'aumento delle ricchezze e della popolazione 
& 1'aumento degli assassinii, tentati o consumati, dei suicidii, delle 
rapine, delle frodi e di altri atti, che denotano il rilassamento della 
coscienza popolare, o della sociale autorita, ovvero di ambedue in- 
sieme. 

Esaminando poscia le possibili cagioni di tale doloroso fatto, il pro- 
fessor Ellis Thompson rigetta 1' insinuazione che sia da addebitarsene 
1' immigrazione degli Europei, perchS il male non & confinato in 
certe classi di gente o in certi luoghi piu che non sia per es. il 
grippe. Venendo quindi, con un processo d'induzione, alia sola spie- 
gazione che apparisca soddisfacente, egli istituisce un parallelo tra le 
condizioni nostre e quelle della colonia di Yittoria, in Australia, ove 
simili effetti si sono fatti risalire a simili cause. 

La colonia di Yittoria godeva, egli dice, sino a poco tempo fa, di 
una rara floridezza ; ma prospero tanto che il suo popolo comincid a 
pensare di non aver bisogno di Dio, se non tutto al piu nel secreto delle 
pareti domestiche. Ivi i piu sono cristiani, di nome almeno, ne si 
contano nel loro mezzo molti liberi pensatori. Nondimeno, fu deciso 
che le scuole dovessero essere del tutto laiche. II parlamento CCH 
loniale votd 1'esclusione del nome del nostro divino Kedentore da 
qualunque libro di testo adottato per le pubbliche scuole; si vietd 
severamente di usare sia gli edifizii scolastici, sia le abitazioni dei 
maestri, per le riunioni religiose e gli atti di culto, sebbene in molti 
distretti della Yittoria, e in poche parti soltanto degli Stati Uniti 
scarseggiuo di soverchio altri luoghi adatti all'uopo... > 

II professor Thompson narra poi in quali spaventose proporzioni 
siansi moltiplicati i delitti nella Colonia. Mentre la popolazione cre- 
sceva soltanto del 32,25 p. c., il numero degli arresti per delitti 



CONI1 MTOKANEA 

gravi saliva del .",!.. 1'J j.. rinripalmente fra i nati nella 

ria. 

Le autoritu dolla Colon ia australiana, 11 parlamento stesso conob- 
bero il proprio torto e rinsavirono. In America non mancarono, nft 
mnncano gli egregi uoiuini, i quali con serii amraonimenti cercano di 
rendero accorti i compaesani dei sinistri ed ineluttabili efTetti dclla 
scuola laica. I due dottori Hodge dell'universita di Princeton prega- 
rono istantemente gia i presbiteriani di fondare proprie scuole parroo- 
chiali. II defunto James Russell Lowell, ininistru degli Stati Uniti in 
Inghiltorra, dichiarava perfettamente legittima la richiesta di un'equa 
ripartizione del fondo scolastico. II president*? Eliot di Harvard diede 
onorifit-a preferenza alle scuole parrocchiali, a motivo della morale 
educazione che iinpartiscono ai giovani. II dottor B. L. Dabrey, della 
Chiesa presbiteriale meridionale, ebbe a dolersi che gli American! 
siano peggiori degli idolatri sotto questo rispetto, approvando in pari 
tempo con molto calore gl' insegnamenti della Gerarchia cattolica ro- 
mana : che cioe c 1'educazione della gioventft deve essere cristiana ; 
che P istruzione laica, empia ed atea, e un' ofTesa ai diritti paterni, 
un perniciosissimo attentato contro la gioventft stessa e contro Pumano 
consorzio. > 

5. La parola c rapina > usata dal professor Thompson, nei pass! 
sopra citati, abbisogna di qualche schiarimento, forse non inoppor- 
tune, ne sgradito ai vostri lettori. Egli alludeva genza dubbio anche 
agli assalti dei convogli ferroviarii, divenuti qui tanto frequenti ; il 
cui racconto pud destare curiosita e talvolta pure strappare un mesto 
sorriso. 

Un tempo, audacissimi malandrini preparavano di quando in quando 
imboscate ai treni in qualche remota e solitaria prateria, ed in caso 
di riuscita se ne andavano di compartimento in com parti men to, inti- 
mando ai viaggiatori di consegnare i loro averi. Oggidl, perd, Parte 
ha fatto grandi progress!. In un solo semestre dello scorso anno 1893, 
avvennero non mono di 82 (dico ottantadue) attentati contro i con- 
vogli ferroviarii negli Stati Uniti, parecchi anche nolle deserte cam- 
pagne, ma non tutti, e purtroppo non di rado i depredator! corapi- 
rono le loro prodezze nei suburbii stessi o nei prossimi dintorni 
delle grandi citta ! E siccome i giornali hanno gareggiato nei descri- 
vere con minutezza, coi pi ft vivaci e commoventi colori, ogni episo- 
dio, ogni scena, ogni aneddoto, cosl non vi e^statofgiovane di belle 
speranze cui mancasse P opportunity quasi ogni secondo giorao, per 
sei lunghi mesi, di studiare le imprese e la tattica di questi caralieri 
erranti d'ultimo modello. 

Infatti, la maniera dei vecchi malandrini 6 rozza ed antiquata. 



382 CRONACA 

Oggidl si opera coil regole fisse ed abili evoluzioni. II segnale del- 
1'azione sembra essere invariabilmente questo, che un Roberto il Dia- 
volo, gia insinuates! come viaggiatore nel treno, fa capolino d'im- 
provviso iiella locomotiva, con una pistola puntata alia fronte del 
macchinista o del fuochisti, seppure non apre la danza col fare la 
festa all'uno ed all'altro. Ora quella brava gente non ha forse mai 
indossato in vita sua una divisa militare, e, quando pure I'avesse, 
Bon potrebbe in quel frangente giovarsene gran fatto, tutta assorta 
com'd nei suoi lavori intorno alia caldaia, ai fornelli ed alle valvole 
senza aver prima pensato a munirsi di un'arma. Quindi essa suole 
Baggiamente arrendersi al primo tratto ed obbedire al cenno di fer- 
maro subito il convoglio. Or questo appunto aspetta la banda dei com- 
pagni in agguato. Ecco rimbombare una tremenda scarica d'armi da 
fuoco, tanto per ammonire i viaggiatori a starsene ciascuno come il 
sorcio intanato e tremante nel suo nascondiglio. Non resta oramai 
che da applicare una buona dose di dinamite sdl'Express car che 
contiene la cassa -forte col tesoro. Priina, per6, si fa sal tare in aria lo 
sportello: il custode si arrende o muore. Se il conduttore del treno 
si fa vivo, vien inandato d'un balzo all'altro mondo. Allora la dina- 
mito compie 1'opera, e in una raaniera o nell'altra la cassa forte deve 
rimauere aperta, senza sciupio di tempo. 

Puo darsi il caso che ai predoni piaccia qui di seguire pure la 
tradizione dei loro vecchi, di attraversare cioe ad uno ad uno i com- 
partimenti, svaligiando gli smarriti passeggeri. Allora le scene, co- 
munque tragiche per le povere vittime, rivestirebbero un aspetto co- 
mico agli occhi di un invisibile ed intangibile testimone ; n6 tutti i 
giornali vogliono rinunziare al lusso di qualche lepidezza. Tutti i 
malcapitati hanno perduto la testa : la pistola travolge nel suo ful- 
mineo passaggio quanto havvi di prezioso, ed in un baleno gli eroi 
si dileguano. Seinbra, tuttavia, che quest'ultima opwazione non ri- 
muneri abbastanza il rischio d' imbattersi un bel giorno in un con- 
duttore dalla testa calda od in qualche passeggiero ghiribizzoso prov- 
veduto per caso di armi. Si preferisce come piu comoda cosa di 
portarsi via senz'altri fastidii il gruzzolo della cassa forte, ch pud 
animontare auche a 60,000 dollari, se non piu. 

Un curioso aneddoto & che una volta il governatore ed il grande 
sceriffo di un certo Stato si trovavano entro il treno cosi assalito, 
e la bisogna si consummo prima ch'essi od i loro compagni di viaggio 
avessero potuto comprendere cid che avveniva. 

Le compagme ferroviarie non dispiegano contro tali malfattori 
ogni dovuta e possibile energia, ma cid pure ha la sua buona ra- 
gione. Temnno esse che le bande indispettite mandino all'aria addi- 



HANK A 

ra gli it v gli, come hanno gia fatto una volta per iin- 

padromV o r-he sapevano ben custodito e difeso. s 

iizionn fu tanto oompiuta, che non si rinvonno pid nulla, 
e gli st"- lorosi si stimarono fortunati di pot^r^ spulozzar** a 

pre< -ipizio col capo anoora illeso sopra le spalle. 

8. TVnp> in serbo per una promima Oonifpondena il ra< 
degli intrierhi qui onliti <-.,ntro la pace della Chiesa eattolica; ma per 
dimostrarvi sin da ora com'essi non abbiano il favoro, n^ tampoco 
I'approva/.ione di alcuna autorevolo classe sociale in generale, vi 
terd, a mo' di esempio, le diohiaraaonJ di uno o dne nomini dav- 
vero eminenti. II gift nominate professor Ellis Thompson oosi ohitide 
la sua dotta dissertazione contro la scuola laica: 

A perpetuare questa sciagurata conquista, abbiamo la A. P. R. 
(American Protective Association), fondata dall'antica iazione orangi- 
sta (protestanti cromwelliani del Nord d'Irlanda), i quali in un se- 
colo di esperienza non hanno qui imparato che una cosa, cio^ a ver- 
gognarsi del proprio nome orangista, carabiandolo in quellodi A. P. 1. 
Questa fazione 6 in gran parte composta e venne fgrse formata in ori- 
gine da stranieri, non onorati della cittadinanza americana. 

Anche il dottor Washington Gladden, nel fascicolo di marzo della 
Century, condanna severamente VAmeriavn Protective Association, scri- 
vendo : 

c Le agitazioni di costoro sono affatto inopportune. Leone XIII 6 
for-" il pift illuminato ed operoso Pontefice che abbia mai occupato 
il soglio papale : ogni atto della Chiesa, sotto la sua dirczione, fu 
int^so alia conciliazione colla moderna civilta... Ecco il pontiflcato 
che i fanatici anticattolici hanno scelto a bersaglio delle loro frec- 
ciate: di fronte ai suoi impulsi, coel ricchi di belle speranze, costoro 
ci domandano di riattizzare le ceneri giu quasi fredde delle discordie 
religiose! 

Condoniamo 1' incongruenza delle frasi all'onesta dell'intenzione I 

7. Domenica delle Palme, 18 dello scorso mese di marx, fu in- 

dirizzata a' fedeli dell'Arcidiocesi di St. Louis la prima romunica- 

uffi-iale del nuovo Arcivescovo Coadiutore ed Amministratore 

apostolico Mons. J. J. Kain. Essa e una solenne condanna di un gir- 

nale ivi pu)>lili<-ato ed 6 del tenore seguente. 

c LKTTERA CIHCOLARE 
< Al lido Clero dell'Arcidiocesi di San Luigi, 

c Caro e Rdo Signore, 

t II Western Watchman (e la sua ristampa del Sunday Watchman], 
giornale sottimanale, redatto dal Sacerdote Davide S. Phelan, pub- 



384 CRONACA CONTEMPORANEA 

blicato in questa citta, e professandosi c dedicate agli interessi della 
Chiesa Cattolica nell'Ovest , e da Noi giudicato un giornale del tutto 
indegno di essere introdotto nelle nostre famiglie cattoliche. Noi lo 
riteniamo atto a sovvertire la disciplina ecclesiastica, e persino peri- 
coloso alia fede del nostro popolo cattolico; quindi Ci troviamo oo- 
Btretti a premunirlo contro la sua influenza funesta ed a scongiu- 
rarlo a non accordare ol detto giornale il suo appoggio ne il suo in- 
coraggiamento. 

E poiche il sacerdote redattore non si da nessun pensiero delle 
Nostre ammonizioni, anzi con testa arditamente persino la Nostra au- 
torita in queste materie, Noi riteniamo quale Nostro solenne dovere, 
come custodi degli interessi della Chiesa, di cosi pubblicamente pre- 
munire i fedeli sottoposti alia Nostra cura pastorale contro un gior- 
nale che si vanta, falsamente, di essere 1'espositore del pensiero cat- 
tolico. 

Ordiniamo che questa lettera sia da voi letta nel tempo di ogni 
Messa che sara celebrata nella vostra chiesa, la prima Domenica sus- 
segiiente al giorno che 1'avrete ricevuta. 

Devot. vostro in Ori$to 

J. J. KAIN 
Arcivescovo-Coadiutore ed Amministratore. 

St. Louis, Mo. 15 Marzo 1894. > 



UN MEMORIALS VE&IA STATI I XITI 

j^ PXJTTI i 



i. 

11 Memoriale, di che si tratta, consiste in una peti/i< 
tutti i Governi, in cui si domanda la costituzione di un /!//// 
traio internazionale in favore della pace universale. In i>ul. 
bliche adunanze, in Congressi solemn, in parecchi Parlamenti 
lu proposto questo argoniento, fu discusso e fu giudicato de}- 
simo di sonnna considerazione. Contuttocio inflno a qui i i 
niasto circoscritto a gruppi di persone e di deputati onor- 
li->imi si, ma di autorita piuttosto particolare. Ora il <li\i 
arbitrate ha preso uno slancio universale; di qui la sua piu -h- 
speciale importanza. Imperocche la quistione non e present;) Ui 
a questo od a quel congresso, non e proposta in questo od in 
quel Parlamento, sibbene a tutti i Governi dell'orbe univorso. II 
Governo degli Stati Uniti ha preso 1'incarico di fame egli st- 
l;i spe<lizione per via diplomatica. E questo, non colla sottoscri- 
zione del semplice suo nome, ma col nobilissimo corredo dellr 
sottoscrizioni di tutti i commissarii, che furono dai diversi 
verni inviati quali proprii rappresentanti alia mostra universale 
di Chicago, dove e stata formolata la petizione e sottoscritta per 
mezzo di una commissione costituitasi a questo fine. E quinli 
Tuna dopo 1'altra si offre allo sguardo di chi scorre il MMimri. 
la sottoscrizione dei singoli commissarii in caratteri foe-sir, t Hi 
tutti ordinati in lunghissima lista. Spartiti secondo i molti e 
different! Governi, a cui appartengono, ti si presentano i nomi 
dei commissarii degli Stati Uniti e di tutte le altre repubbli- 
che dell' America e di quelli dell' Inghilterra, della Francia, 
della Spagna, dell' Italia, del Belgio, dell' Impero germanico, 
deir Austria, della Russia, della Turchia, della Persia, dollsi 

1 Memorial fur international arbitration to the Ooternmentt oj the 
World. 

StrU IV, vol. X, flue. 1064. 1 7 mmgfio IBM. 



IN MEMORIALS DEGLI STATI 1'MTI 

Cina e del Giappone e di Umti altri SUiti ininori. Ne vi IIKHI- 
cano i nomi illustri ili S. Km. il Cardinnle Gibbons, d>l 
legato Apostolico MODS. Satolli, dell'Arcivescovo di Nuov;- 
York Mons. Corrigan e di altri Prelati. In somma la quistione 
de\r Arbitrate internazionale per la pace non e piu quistione 
particolare: essa e oraraai divenuta quistione universale, al 
cui scioglimento di comune accprdo piglieranno parte tutti 
i Governi. II passo, che ha dato verso Tattuazione, si pu6 dire 
un passo di gigante. 

II. 

Quello, che si dornanda nella petizione, si e, che i Governi 
vogliano accordarsi, mediante relativi trattati, uell' istituire 
urfalta Corte di giustizia inlernazionale con gradimento uni- 
versale, alia quale vengano deferite quelle contese, che sorle tra 
due Governi non poterono definirsi per mezzo di pratiche diplo- 
matiche; e che quindi il couoscimento di cotali litigi e il giudizio 
sia rimesso alia Corte suddetta, ed alia sua sentenza definitiva 
siano soggetti i contendenti J . Istituzioue nobile, grandiosa, tale 
che basterebbe da sfe sola ad irnmortalare il secolo in cui vi- 
viamo! Se non che, come suole accadere quaudo si tratta di 
grandi imprese, le ditticolta che si atfacciano non sono poche 
e per giunta sono tutte gravissime. 1 commissarii sopra questa 
opera non le dissimulano, anzi le coniessano. Ma per questo 
non si perdono di animo, ne disperano punto che si possa 
giungere coi tanti sforzi uniti a lieto fine. A tale etfetto nel 
Memoriale e posta uri'Appendice, nella quale si mettono in 
mostra due fatti: Tuno dei quali da animo e confidenza pel 

1 Praying that they will unitedly agree by mutual treatiet to submit 
for settlement by arbitration all such international quettions and dijerencet 
as shall fail of satisfactory solution ly the ordinary peaceful negotiations. 

Dal Messagprio del Presidente degli rtati-Uniti in (Jata del 4 dec. 
1893 si ricava che, flno dal 14 feb. 1890, Senate e Deputati aveano deciso: 
To 'invite from time to time, as Jit occasions may arise, negotiations with 
any Government with which the United States has or may have diplomatic 
relations, to the end that any dijferences or disputes arising betneen the two 
governments which cannot be adjusted by diplomatic agency may be re- 
ferred to arbitration and be peaceably adjusted by such means. 






A TI.TTI I . 

es*o .||.]|;i impresa, e 1'altro persuade e strin-_'e ;i .In 
porn i l;i maiio iill'opera con tntto rimpe^no. Imperocdie nd 
priiim laito ti si sdiierano innan/i Tun dopo Paltro settantasei 
casi, in rui 1'arliitrato le ottima prova, in quanfndie per in 
cosiflatto si appi.-marono contose e disaccord. 

:ii di dilFerenti St.-Jti, con snddistazione ili ;unl>edne le j> 
dei contendenti. <>r mm si potrebbe nttenore altrettanto uiii- 

-:ileggiaiido il mezzo a tutti i Governi del mondo ( Adun- 
|ii'' sn allo studio della quistione, e se ne dia la soluzione. 
Noll'altro tatto invece colic ciliv ;ll a mnno si l-iiino vedere 

,ivi daiini P-c-jiti al niondo dalln guerre. I'.^r-<lit;i <li u.. 
mini: la guerra Franco-germanica del 1870 rosin la pcnlitu 
di :C^.UO(). Jiamii cconoinici nrllo sj)ose di oserciti straor- 
dinarii in armi,con un accrescimento annuale delle medesime: 
nel IW.J vi si sjx'sero f. 2,228,000,000 ; al presente si SJMMI- 
dono f. i,0<)9,(KK),()00. (ili esercizii delle milizie, cho s..i:li.?isi 
fare ni sinjr(li anni, costano f. 50,000,000. Tanto in Europa : 
in Aim-pica la guerra civile di secessione neirli Stati-l'niti 

f. 6,5<w >,((><),( MM). Chi potrebbe inoltre ridire i danni rh. 
ivano, quali conseguenze, dallo sperpero di tanti milioni 
e miliardi e dallo sperpero di tante forze di giovontu \\. 
rosa, che 6 obbligata alle armi?La guerra nei suoi CMiitinui 
apparecchi e nei suoi scontri 6 una vera devasta/ione della 
societii. Chi non vorra che si tolga di nifz/o nn inalaniio, ch.- 
grava pesantissimo su la societ;'i <* 

III. 

11 Si^. W. K. r.lackstoiu' t'oinmiss;iri<i <li onore ci ha gen- 

tilmente sped i to un t-scmplare del Memoriale, suo lavoro, ac- 

compagnato da una sna l'ttera piena di cortesia a nom>' della 

. In essa, datoci conto che [>'T me//o delT ono- 

revolt* Walter n. dresham S.-r.-Uiriu di State. d"-li Slati-l'niti, 

era - -culta tavorexolmente la peti/ioiie. die rnpje del 

Memorial.* \'n<.<,>r<> spacciafe di nfli.Mo a tutti i Hoverni del 

mond<, ^gj.MimMv. die >i maiulava audio a noi, uilinche 

MIIIM iju'll' osserva/i'-ni, ,:h.- giudieassimo piu roiive- 



388 UN MEMORIALS DEGLI STATI UNITI 

nienti '; credersi ormai, che sia giunto il tempo opportune <li 
educare il popolo ed accrescere il sentimento popolare intorno 
all' importante argomento <li una pace durevole fra le nazioni. 
Avendo la prova del fatto dimostrato che, deflnita la quistione 
per via di arbitrate, invece della guerra, dei rancori e delle 
gelosie si ebbero a risultato relazioni piu strette di amicizia, 
bisogna quindi fare un potente appello per la universale ac- 
cettazione dell' arbitrate internazionale 8 . 

Gratissimi di tanto invito diciamo primieramente che la qui- 
stione di tale arbitrate non e cosa nuova per la Civilid Cattolica. 
Si e trattato di essa in piii articoli e in tempi diversi. II primo e 
uscito nel 1863, un altro nel 1871, un terzo nel 1889, e qua e Ik 
in altri articoli secondo le circostanze, che si offrivano. All" uno 
die occasione il discorso tenuto da Napoleone III ai senatori 
e ai deputati ed una sua lettera, all' altro Popuscolo dell'Ur- 
quhart, aH'ultimo il Congresso della pace tenutosi in Roma 3 . 
Richiesti con tanta cortesia, esporremo anche ora la nostra 
modesta opinione intorno alia gravissima quistione, col vivo 
desiderio che si trovi modo dalla sapienza dei governanti di 
scioglierla in pro' della umanita con approvazione universale. 

IV. 

Nella costruzione di un ediflzio, oltre la bonta del disegno, 
si vogliono aver di mira due cose precipuamente, cioe, che il 
suolo, su cui si piantano le fondamenta, sia stabile e che il 
lavoro nella levata della fabbrica proceda dall'imo al sommo a 
stretta regola d'arte; cosicchfc esso tengasi fermo all'impeto dei 
venti ed all'urto delle acque. Se 1'una o 1'altra di queste due cose 
vi manca, 1'ediflcio piu o meno tardi fara pelo e si sfasciera. 
Ad un ediflzio si puo rassomigliare 1'opera dell'arbitrato in- 
ternazionale. Quanto alia bonta e vaghezza del concetto non vi 

1 We venture to request that you will give such editorial at you may 
deem proper. 

1 .... Ought tebe a powerful appeal for the universal adoption of inter* 
national arbitration. 

1 V. Serie V, vol. VIII, pag. 513; Ser. VII, vol. VI, p&g. 485, e vol. 
VII, pag. 730; Ser. VIII, vol. I, pag. 268; Ser. XIV, vol. IV, pag. 385. etc. 



A TIT II I 

^cheridirv. I.'universale sontini'-ntn di mnanitn, se non fosse 
altro, basta da s a ferlo apprnvare ed apprezzare ah 
E chi, per cost dire, non sorridcrk alia idea, cbe cessata 
ogni guerra il mondo viva in perpetua pace? \A quistione si 
versa quindi tutta intorno alia natura del lerreno, su cui e 

'ssario porrcil fond:unont< dfll'ediflzio, e intorno alia re- 
gola di arte con cui conviene costruirlo, in guisa che duri in- 
crollabile contro qualunque assalto. 

(Juale in primo luogo dovrebbe essere la qualita del ter- 
reno, sul quale innalzarlo? Non quella \\**\\'ntilf. per quanto 
sia grande in s6 stesso. L'utile, non vi e dubbio, e motivo 
assai potente: ma da se solo non basta. Imperocchfc e cosa 
mobile e variabile secondo la stima degli individui, secondo 
le diverse circostanze, secondo i tempi e le nazioni. Utilissima 
cosa e il risparmio di migliaia di vittime e dei grandi tesori, 
che sono ingoiati dalle guerre. Gio nonostante suppongasi, che 
entri a padroneggiare gli animi Tardore di qualche passione, 
o dell'onore, o deirambizione, o di altro simile movente. Si pas- 
ser& sopra con facilita e su lo scempio di tante vittime e su lo 
sperpero dei tanti milioni di dollari. In tale circostanza nem- 
meno cadrS in mente delle parti di accordarsi pel ricorso all'ar- 
bitrato internazionale. Ondech6 noi crediamo, che la sua isti- 
tuzione non avrebbe impedita nft la guerra di Crimea, ne quella 
della secessione degli Stati-Uniti, ne la gigantesca combattut.i. 
non 6 guari, tra Francia e Germania. II cozzo delle idee, del- 
le ambizioni, degli interessi era si forte, che 1'utilita della pace 
avrebbe indarno fatto sentire la sua voce. Puo benissimo acca- 
dere, che alTuna delle parti in litigio torni a conto la pace 
proponga Tarbitrato; ma se Paltra fosse persuasa rius< ii |. 
piu utile il contrario, e si sentisse per giunta cosi forte in 
anne da tenersi per poco sicura della vittoria, Paccordo circa 
Tarbitrato sarebbe impossibile sul fondamento della semplice 
utilita. 

iirk: costituito Tarbitrato internazionale di comune con- 
senso, i Governi si recheranno a dovere il ricorrervi in cax 
<li litigio. Adagio: se si tratta di litigi intorno a cosa di non 



390 UN MEMORIALS DEGLI STATI UNITI 

grande rilevanza, non ne dubitiamo. Non cosi se sorgn qui- 
stione o lotta intorno ad un gravissimo interesse nazionale. In 
questa occasione credete voi, che una grande potenza voglia 
soggettare tanto interesse alia decisione di un arbitrate? Noi 
non lo riputiamo probabile. L'lnghilterra, a modo di eserapio r 
durando le present! circostanze, non s'indurri mai a sottoporre 
a qualsiasi arbitrate il litigio, che le viene mosso intorno alia 
occupazione dell'Egitto. Avere in balia il passaggio del M;ir 
Rosso ed il canale per il mantenimento e la difesa del suo im- 
pero delle Indie e di tale importanza, che, salvo la mutazione- 
delle circostanze, ovvero il costringimento di forza armata, non 
vorra per niun conto sottoporsi ad un arbitrate. Dalla distin- 
zione qui su data si spiega facilmente il perche siano riusciti ad 
esito felice i settantasei casi di arbitrate, che si annoverano e 
si schierano innanzi al lettore. Esaminati ad uno ad uno non e 
difficile il conoscere, che n& all'una n& all'altra delle due parti 
contendenti tornava a conto venire alle armi, o perchfc la per- 
dita sarebbe stata phi grande del vantaggio, o perchfe Toggetto 
della discordia risguardava particolari cittadini da potersi fa- 
cilmente accordare, o perchfe T utile o 1' onore nazionale non 
vi era gran fatto impegnato. Laonde se si volesse argomen- 
tare in questo modo: sul principio dell'utilita proveniente dalla 
minore spesa e dalla perdita di niuna vita si sono potuti, merc& 
Farbitrato, troncare settantasei litigi tra gli Stati contendenti 
senza ricorrere alia guerra; dunque sul medesimo principio, 
merce un arbitrate internazionale, si potra venire a capo di 
torre di mezzo pacificamente qualunque litigio, che per mala . 
sorte nascesse tra i dilFerenti Stati, cotesta conseguenza non 
si terrebbe salda di fronte alia logica. linperocche, essendo 
Futile variabile secondo le diverse circostanze, ne consegue 
che sia pure variabile Tapplicazione del suo principio. Di guisa 
che altro sia quello, che si fa in questi e in quei casi, ed altro 
quello che si fa in altri casi di natura o di gravita diversa. 
I trattati, che si fecero dopo la guerra del primo Napoleone, 
furono solenni e Je quistioni furono risolute in essi da tanti 
capi ooronati e col concorso di tanti sperti diplomatici, che si 



A Trm i 

!i un 
itrat.. intrnia/innal.'. 11 principio, su cui si li.ridan.n.., d 

it in. -i!. .mo HgWd* principal e rppuM.liche, Ai 
<juelln deire<|iiilil>rio di r.'ciprurj inte.ressi. KMi-M.'. mm 
unmini. t.-inpi e irc.iMan/.", mut;in.n<i pure le i.|.-, in favore 
iltri interessi, per i quali qiwH'cquilibrio forum to con tanta 
latica sqnilihratosi ruinn. 

V. 

Si vuole una base vermm-nte solida? Ebbene questa non 
puo essere altra che il diritto. Kss. ^ iur/n nionil,', ,-ho lega 

:icatena tutte le volonta, fol^oreggiante <li due proprieta, 
che sono invariability e unirersalitd. C.ermoglio d>ll;i nntura 
razionalc dell'tiomo, ne esce ornato delle sue doti. Imli come la 
natura <^ seinpre la stessa in se e comune a tutti gli uomini 
di tutti i tempi e di tutti i luoghi, cosi 6 dol diritto. r^\\ ha 

10 stesso valore pel grande e pel piccolo, pel forte e pel de- 
bole, sonza alcuna distinzione vuoi di ^rado, vuoi di condi- 
zione. Tale e pure il sentimento popolare. Sorge un liti^io tra 
du^ di qualechesiasi diversa condizione? Si cerca prosso quale 
delle due parti stia il diritto, e, trovatolo, la controversia 6 
ri-luta in suo favore. In sul rompere della guerra di Crimea 
si vidcro cornparire note e contronote delle parti a worse. 

una n-cava in ni-'/xo tutti <jui>irli argomenti, in forza del 
quali compari sefe nol dirittn o la parte aw^rsa nel 

torto, P (piindi il popolo giudicasse in chi cad.->s-- la colpa 
della guorra pel violato dirilto. 

Ci si dira : civdi'to voi che la forza morale d.-l diritto 
valga ad impodiro. in (rt occasion! spocialui.-nto. il cozzo 
delle anni tra due St.iti venuti in di>-..rdia f . I-N-.-i riuscir;\ 
vana del pari di qu.-lla d.-l priucipio dell'utile. An/i a piu 
forte ragione: giaccho il diritto e, tor/a morale e percio invi- 
sihil": iaddove 1'utile ,' r.ir/a iKi^.-i. <!). innmalia i sonsi e 
trascina t'acilinente la nient'- >d il ruore. Verissimo. 

11 traudolentn e 1'assassino sjiinti d;il principio utilit-irio vio- 
lanu il diritto e n calpestano ! IrL'L'i. Non varra n nulla in 
cotesti casi il diritto^ Tutt'altro: esso vi esplica tutta la sua 



UN MKMORIALE I'K'.LI sTATI UNITI 

forza iiupriinendo nei rei il marchio dell' iniamia. Fate che 
-la frode e 1'assassinio esca alia luce del di, che il pubblico 
magistrate, conosciuto il reato, pronunzi la sua sentenza: eccovi 
di tratto il frodolento e 1'assassino dal phi alto grado di stim;i 
e di venerazione, che forse godevano, cadere, a cagione del 
marchio dell' infamia impresso dalla violazione del diritto, nel 
piu basso grado della disistima e del vilipendio universale. 
Esempi antichi e recenti di persone tenute in altissimo conto, 
scoperte ree di ladronecci, di frodi e di altre somiglianti vio- 
lazioni del diritto, ruinate perpetuamente nella pubblica stima, 
valgano di pruova. Suppongasi ora costituito 1' arbitrate in- 
ternazionale : ad esso si dovranno tleferire i litigi, che per 
mala ventura si accendessero tra due Stati. Gli arbitri scelti, 
udite le ragioni pro e contro, pronunzieranno la sentenza se- 
condo le eque norme del diritto. Credete voi che lo Stato, 
giudicato nel torto secondo equita, vorra, non ostante la cu- 
pidigia di qualche grande utile sperato dalle arrai, riflu- 
tarsi all'accordo deflnito? Noi non lo pensiamo. Giacchfc teniamo 
per certo, che fra i Governi civili non vi abbia alcuno, che vo- 
glia incorrere nella taccia di sgherrano o di masnadiere presso 
la pubblica opinione. Tale per 1'appunto dovrebbesi giudicare 
quel sovrano, che rompesse una guerra tenuta universalmente 
per iniqua, stante le'stragi e i danni immensi, che ne segui- 
rebbero. Per altra parte avendo qui sopra asserito, che il 
principio deH'utile non basterebbe da sfe a rappattumare i con- 
tendenti, non abbiamo con cio inteso di escluderlo. L' utile e 
una molla assai potente, ma come detta la sana ragione, esso 
debbesi subordinare al diritto, e riuscendo a congiungerlo 
nelle decisioni delle liti col diritto, si avrebbe una forza a cui 
niuno resisterebbe. 

V. 

Nella lettera, che accompagna il Memoriale, si esorta ad 
educare il popolo ai sentimenti della pace universale e farlo 
progredire nella stima di si importante argomento, creden- 
dosi ormai giunto il tempo opportune per questa opera: Be- 



A Tl Til I - 

that this is an opportune time to educate the people 
and advance popular sentiment upon the important subject of 
permanent peace among the nations. Savissimo consul 
La pubblica opinione, quando venga appoggiata su rettiss 
imrme,. non solo pu6 giovare di molto all'attuazione dell'ar- 
bitrato internazionale, ma stabilito che esso sia, riuscira un 
ii>rte ausiliare alia forza delta sue decision!. 

Diriiuno, appn<nriatn sn rottissiiin> norme, e questo non solo 
relativamento a quella parte della societa, che si suole ap- 
pellare popolo, ma ancora rispetto a quell'altra, che si no- 
mina colta P forma il nf rbo dflla popolazione in opera di oo- 
gnizioni e di giudi/ii. ImpiM-cx-chr- ci sembra evidente, che in 
ci6 che spetta al diritto, sia entrata e pigli piede fra cotesta 
gente Yanarchia. Tali e cosi dixersi sono i priwipii che si 
fanno correre con inntabilita da recare stupore. N6 vuolsi di 
cio far le meraviglie. Imperocche, rovesciata la base della 
esisten/a di un Dio reale, e di un Dio legislatore per Topera 
del razionalismo, 1'origine di ogni diritto e collocata prosso i 
parlamenti,odata in balia della coscienza individuate. Laondechi 
]>otrebbe stupire, se e sorta e vigore^ia Tanarchia delle inentl 
intorno alle norme della oneslft, della morale e del diritto? 
Indi i i>iM irrossolani errori nell'ordine politico e nelP online 
aociale. Nel primo tu vedi oppresso il diritto della liberta di 
coscienza, oppresso il diritto dei genitori circa la educazione 
della prole, annullato secondo il libito il sacro diritto della vo- 
lonta dei testatori, conflscati a man salva i beni dei cittadini 
sotto il titolo d'imposte divenute ormai intollerabili. ftira lo 
-LMiardo nei diversi Stati, in cui 6 spartlta la societa europea, e 
tu vi vedrai con piu o meno ampiezza estesa nelle menti e nel- 
ropernre cotanta mostruosita di errori. Altrettanto e da dirsi del 
secondo. Si proclama qua il principle del non intervento e la 
<jiipllo delP intervento, qui si giura leale osservanza dei trat 
t.-iti ed altrove si reputa diritto 1'infrangerli appena scritti t si 
bandisce il diritto della unita nazionale, s'inciela il fetto coin- 
piuto, si dichiara sacro il diritto della rivolta. Inflne per colmo 
li cotesta anarchia eccovi il socialismo con tutta la mostruo- 



.'i'.'i IN < MKMOHIALE DEGLI STATI I MI I 

sita lfii suoi principii. E egli possibile in tali circostnn/.' volga- 
rizzare fra le popolazioni un concetto comune circa la forum 
zione dell'arbitrato internazionale? A noi sembra che no. La 
pubblica opinione, invece di essere ausiliaria alia costituzione 
ed all'esercizio del medesimo, riuscirk a grave ostacolo stante 
1'anarchia circa quei principii e quelle leggi, che dovrebbero 
servirgli di regola e nel costituirsi socialmente, e, costituito, 
neiropera delle sue decision!. Sarebbe prima necessario di ret- 
tificare le idee con quei principii, che il Creatore ha stampato 
nella stessa natura umana, conosciuti e proclamati dagli stessi 
pagani. I mezzi all'uopo sarebbero la cattedra dei professor! 
e la stampa. Ma come volete, che Tuna e 1'altra riesca stru- 
mento di rettiflcazione delle menti, se appunto e dair una e 
dall'altra si predicano tutto di quei principii, che cagionano 
1'anarchia delle menti? Leggete di grazia ad esempio ci6 che 
ha scritto un professore: 

La esperienza di tutti i secoli e Ik per attestare che il 
diritto nasce nel tempo, si effettua nel tempo, cainmina col 
tempo, si sviluppa col tempo, si sviluppa cio6 coH'uomo, con 
i popoli, colla umanita, adattandosi a tutti i bisogni e si dif- 
ferenzia con Teta, coi gradi di coltura, coi costumi, con tutto 
1'organismo fisico, intellettuale morale degli individui e delle 

nazioni La officina, ove si elabora, e la coscienza del po- 

polo II diritto adunque deve essere compreso non come un 

principio identico presso tutti i popoli e in tutte le epoche 
della civilta, ma come un principio storico cho canibia col 
carnbiare dei costumi e delle condizioni di sviluppo storico, 
sendochfe la sua sorgente e nella coscienza nazionale, come 
successivarr^nte si mostra dalla storia i . 

Ci man a quindi la unita delle menti, indi la uniu'i delle 
volonta, e percio lo sforzo per conseguire Tattuazione delPArbi- 
trato internazionale sara fiacco o nullo e si risolvern in espres- 
sioni di semplice desiderio. La forza e Futile primeggieranno 
sul diritto con movimento vario e sempre pericoloso. 

1 La fllosofia positiva e gli ultimi economists inglesi per R. SCHIATTA- 
RBLLA, professore pareggiato nella R. Universita di Napoli, Parte seconda, 
Sezione IL, art. I. pag. 108, 109. Ulrico Hoepli, Milano 1876. 



: ;{.") 

VI. 

le, opinione pubblica rettiflcata, eccovi i tre 

prim-ipii ^r;ilii:iliii.Mit- p<>Mi. sn i ,ju;ili ci pare doversi co- 
stituire 1' Arbitrate inti'rnazionale. Passiamo ora a cercare le 
leggi sccondo le quali dovrebbe essere costituito. 

II cnrio'ttndi un arbitrate) intoniazionale non e cosa nuova. 
I. 'Abbate di Saint-Piern> scrisst- nol ITl.'i un libro col ti- 
tolo: Projet de paix perpeluelle, e nel 1718 stamp6 il suo 
Discours sur la Polysynodie in cui proponeva, che i dissidii 
tra i r.ovrrni fossoro doiiniti da un tribuuale od arbitrate 
'iinp#o. Prima <li lui il (Jrozio ne avea dimostrata la som- 
11 in . che fosse messo in opera tra i principi 

cristiani. l;.>-at;( rautoritii di (Iic<>rone e citati parecchi esempi 
antichi di (ioverui, che prima di decidere le loro brighe colle 
anni avevano tentato la prova dell'arhitrato, conchiud^va j, r itista- 
raente: a piu forte ragione si dovrebbe ci<"> ian dai popoli 
cristiani in litigio: Et turn ob hanc causam, turn ob alias cau- 
sas utile esset, imo quodamniodo necessarium, conventus quos- 
dam hdbeH christianarum potesiatum, ttbi per eos quorum 
res iion interest, aliorum controrersiae deftniantur: inw el 
rations ineantur cogendi paries, ul aequis legibus pacem ac- 
cipianl. l Ma coteste furono voci sparse al vento e la proposta 
del Saint-Pierre fu giudicata dal (lard. Dubois un Rere d'un 
homme de bien * e dal Leibnitz fu delta cosa romanzesr 

_randi ne parvero le dillicolth! Opiniaiuo, che anche ai no- 
stri tempi non sia una istituzione di facile coinpiiuonto ; ma 
opiniamo pure che la necessita ralforzata dalle esigenze del 
diritto sia per essere alia line lo stroinunio in mano della pn>v- 
\idc>nza per effettuarla a vantaggio della uinanita. 

La natura sociale deiruonio, che spinge col bisogno a cuu- 
piere Tordinainento divino della comunan/a, la produrra. Iinpe- 
rocche come,moltiplicatesi le faniii^li* 1 , il lisogno,stanti lo mutue 

1 De Jure Belli et Pacts. Lib. II, 55, XX III, n. 4. 
1 A. DBSCUBES. Dictionnaire d'Hittoire et de Qiograpkic, art. SAJHT- 
PIERRE (Charles abbe). 
Lett, del 1112. 






306 UN IklKMnHIAM-: M-:U.I MATI I NITI 

loro relazioni inevitabili, rese necessaria la societa cittadina, e 
moltiplicatesi le citta, lo stesso fe necessaria la formazione d^li 
St;iti; cosi il bisogno, cagionato dalle intime relazioni, che si 
vanno stringendo tra i popoli, forzera i Governi del diversi Stati 
ad annodarsi a piu stretta comunauza. I trattati commercial li. 
i trattati doganali, i trattati di mutue guarentige ed altrettuli 
ce li mostrano inoltrati in questa via. II loro fine, non v' ha 
dubbio, si e di eliminare in quanto e possibile gli appigli a 
brighe ed a contese e indi a rotture, che tornerebbero a grave- 
nocumento non solo dei dissidenti, ma ancora degli altri Stati. 
Aggrandite e rese piu intime le relazioni tra popolo e popolo, 
si verrk a un punto in cui i particolari trattati non basteranno. 
Indi la necessita di tagliar corto colla istituzione di un Arbi- 
trate internazionale. 

Un profondo fllosofo scriveva, mezzo secolo fa, intorno a 
questo argomento cosi : Le nazioni tendono pel naturale loro 
svolgimento ad una comuniia cFinteressi, che non puo essere 
regolata se non coi principii di ordine e di giustizia; tendono 
dunque e giunger debbono inevitabilmente ad una societa in- 
ternazionale particolare, in cui ciascuna sara inter essata ed 
obblfgata a volere il mantenimento dell' ordine. E questa so- 
cieta e per naturale tendenza comune a tutti i popoli, cosic- 
che, se la natura. non sara turbata nei suoi movimenti, tutti 
i popoli a poco a poco vi si congiungeranno con positivo le- 
game: giacche Tintreccio di inleressi, la comunicazione di 
verita, la simpatia di affetti sono legami atti a stringere tutti 
gli uomini, e si propagano in modo che la nazione anche piti 
remota puo sentirsi urtata e sconvolta dagli sconvolgimenti 
politici di una qualunque parte del globo *. 

VII. 

Lo svolgimento ad una comunita d'interessi e ormai giunto 
al punto, in cui 1'associazione internazionale si e resa un do- 
vere morale ed un interesse sociale per tutti i Governi, indi 
la necessita di stabilirla sotto la tutela del diritto. Or associa- 

1 TAPARKLLI, Saggio teorico di diritto naturale, n. 1361. 



:i<-o unit: v i <li ni.-iiti e di voleri msegui- 

iiH'titii di un ini>di>siino fluo. I'u' -ll:i sussistere ed operare 
colesta unita sen/a una autohta, cbo la regga? Egli e c-rt... 
ehe no. E percio, corrondo ai Govern! la necessita di costi- 
ttiire un'associazione di diritto, sono pure necessita ti merce il 
< oinune loro consenso a deterniinare un'autorita superiore, la 
quale valga a decidere i litigi, che possono sorgere tra i po- 
poll associati, ed eccovi 1'arbitrato internazionale apparire una 
istituzione doverosamente necessaria. II che riluce di maggiore 
evidenza se si considera, che nel caso nostro si tratta di dare 
il bando alle guerre dalla societa. Qualechesiasi (ioverno, prima 
di correre alle armi e con esse tagliar il nodo della contro- 
versia, se vuole operare razionalmente, e obbligato a tentare 
ogni via per venire ad un equo componiniento. L' operare 
altrimenti sarebbe un' operare di bestie feroci, ed il sangue 
dei caduti e i danni cagionati griderebbero vendetta al trono 
della giustizia divina. Cosi la pensavano anche i pagani, e Ci- 
cerone scriveva in questo senso : Cum duo sint genera discep- 
tandi, unum per disceptationem, alterum per vim, cumque 
illud proprium sit hominis, hoc belluarum, confugiendum 
est ad posterius, si uti non licet priore. Chi non vede, che 
I'arbitrato internazionale offerirebbe la maniera razionale qui 
suggerita, ed ancora la piu facile ad evitare U terribile c 
delle armi? 

Conchiudendo, lo svolgiinento di relazioni estesissime fra i 
differenti popoli produce il dovere morale nei Governi di tu- 
telare scambievolmente i governati: il mezzo piu acconcio a 
compiere cotesto dovere si e di rendere di diritto quella as- 
sociazione che giii esiste di faUo. L'associazione richiede una 
autoritd, che regga e sostenga la unita dei nieinbri cospiranti : 
imli I'arbitrato internazionale, a cui si atlidi I'autorita <li JTH 
curare la pace decidendo i litigi sorti fra gli associati. 

VIII. 

Postoche alia fine si debba venire a qu-sio punto, con <|uli 
leggi si dovrebbe lavorare 1'alzata deU'edilizio disegnato^ Ci 



IN I 

srmbra che su per giu potrebbero tenersi in ijualche conto 
le seguenti: 

1. I Govern!, che comporrebbero Tassociazione, sono !i 
Stati o di regni indipendenti : dunque sarebbe un'associa/ione 
t'olontaria e niuno di essi dovrebbe esservi costretto. Peggio 
per quello che non volesse esserne parte! Egli cadra in so- 
spetto presso i suddili o presso gli <'sb,-rni di molinare qualche 
disegno ambizioso, special mente se ibsse potenza di primo 
ordine. 

2. Provenendo 1'autorita da darsi agli arbitri dal libero 
consenso degli associantisi, potr& essere piu o meno temperata, 
piu o meno estesa, secondoche si riputera piu acconcia al con- 
seguirnento del fine. 

3. Tutti i Governi accomunatisi in ordine alfarbitrato 
debbono obbligarsi ad accettarne le decisioni, che saranno 
pronunziate intorno ai litigi sottomessi al suo conoscimento. 
Altrimenti a che pro' la sua costituzione? Vero e che, per 
tale sottomissione, verrebbero a perdere un po' della loro 
indipendenza ; ma il vantaggio che ne deriva e cosi grande 
da fame un largo compenso. 

4. Stando alia proposta del Memoriale, la cerchia del- 
Tarbitrato da istituirsi e ristretta a quei dissidi, che non possono 
comporsi per via diplomatica: dunque e' non dovra uscirne, 
mischiandosi nell'operare sociale dei contendenti. 

5. Deferita a lui la causa, avendo egli stretto dovere di 
conoscerla a fondo per formare un giusto ed equo giudizio, 
ha il diritto che niuno lo impedisca nel fare quelle inquisi- 
zioni, che giudichera piu opportune al fine. 

6. II diritto di sua natura primeggiando sopra la forza, 
ragioni e sentenza debbono essere bilanciate su le sue norm'-, 
senza il menorno riguardo alia maggiore o minore potenza 
relativa dei litiganti. 

7. II giudizio dovendo produrre il piu che si pu6 Tar- 
monia degli intelletti colla evidenza della giustizia, ne conse- 
gue, che quello il quale esce dall'arbitrato comparisca rive- 
stito di cotale evidenza. Questo pen') non toglie, che in simili 



A I 

lO mm ran- void- ouihiv di 
qiirlia . r;irliitr:itu poss;t iiiv.-.-.- di IMKI 

me valfi>i di un;i tran>a/i.)!i.- falla -radii. 
b'due le parti. 

ContuttOCiu piio avndfiv. <!. l;i ><Mit'n/.a o la tr.r 
n m riris'i:iianii quanto aliVllrH.) quella lliracia rh.- loro 

rieoe. \<>n .' ditlu-ile indovinani" il caso. Siippun<t<; 
d.-irrito il liti.nio alfarbitratu, .si a.-.vnda m.-lla puhhlica 
1; disriissione pro' o contn. quosto o queU'esitu li'iiniti\.. 
qiiistinii.-. Supponetr, rh.- ^ia liln-ni alia niedesiiiia stainpa : 
altrottanto, usi-ita dj- sia la sentenza o transa/iuin-. Chi non 
vcde riinanere da coteste discussioni grandeun-nti' <Iarii)'!_ r i;iata 
la sua autorith e quindi la sua ellicacia presso il'-l vul^o, stante 
I'ahbiiiaiiu'iito di (juella evidente giusti/ia, cln; puro : n^ces- 
saria a lint- di accordaro ^I'intclU'tti discord!^ l)i <]iii appurisce 
la n'cvssita, che, deierita la quistione all'urbitrato. sia iiuposto 
silenzio per lefrge alia stampa, e con piu forte ragione ap- 
presso. I na causa passata in giudicato non 6 piu <la toccar>i. 

IX. 

Convenuto tra i Goverui di costituire 1'arbitrato internazio- 
nale, eccovi presentarsi il nodo piu forte d'll- diilicolta. Con 
quali individui si dovra costituire? Con delegati dei diversi 
Stati alia inaniera del Bundesrath gennanico ? No: in esso 
gli Stati sono rappresentati a gradi di voce secondo il grado 
della loro potenza. Nel caso dell' arbitrate la controver- 
sia da risolversi si ?ersa circa il diritto, e questo tanto vale 
pel piccolo Stato, quanto pel grande. Si dn\raiun> <'M-lu- 
dere da esso i delt'ji-ati d-i (iovi-rni o Mivraiii in dissidio, pri- 
varli della loro rappresentanza? Tant'e: cosi la pensa il (iruzio 
e noi pure : perche giudicante e giudicato debbono essere 
due persone distinte : che tali potrebbero consid.-rarsi gli ar- 
bitri rappresentanti le nazioni queivlanti, o per lo nieno ne 

bbero in sospetto. La scelta dcjjfli arbitri o da farsi a 
inano a niano, che sorgono le dillu-olta diploinaticht-, che ri- 
chieggono 1' opera delP arbitrate, ovvero dovra costituiisi in 



i<)l) UN MEMORIALE DEOLI STATI UNIT! 

seggio perpetuo o stabile? Nel primo supposto non sarebbe qu>I- 
1'arbitrato internazionale, che si domanda, ma un arbitrato li 
occasione e temporaneo, e cento difflcoltk sarebbero molto pro- 
babilmente mosse ogni volta dalle parti dissident! circa la scelta 
degli arbitri. Costituitosi stabile, in quale citta dovr& fissare 
la sua dimora? E qui nuove difficolta. Se esso avesse stanza in 
una cittk appartenente a una delle parti in discordia, dovrebbe 
non senza disaggradevoli inconvenienti mutare la sede per ces- 
sare da se il sospetto di qualunque influsso proveniente dalla 
potenza o governo del luogo. Sappianio quali e quante ragioni 
o meglio pretesti furono allegati dai novatori del secolo XVI 
contro il Concilio di Trento a cagione della sede, in cui si 
teneva. Sia dunque neutro il luogo e da tutti i Governi accet- 
tato. Gli arbitri avranno voce deflnitiva, oppure subordinate 
alia decisione del presidente, e poi chi sar& il presidente? Ma 
sia deflnitiva o subordinata, qui ci troviamo di fronte a qui- 
stione pregiudiziale di gravissimo peso. Essa e la quistione 
della flducia. Crediamo noi, che i Governi in dissidio se ne 
staranno colle mani in mano, e non si daranno attorno valen- 
dosi delle relazioni di amicizia, di famiglia, o degli utili di 
commercio, o di altri interessi somiglianti, a fine di rendere 
favorevoli alia propria causa questi o quei Governi e in questo 
senso trarli ad influire su i loro delegati component! P arbi- 
trato ? Noi non lo crediamo. Si supponga pure, che gli arbitri 
siano integerrimi : ma si sa che in certe circostanze, di fronte 
all'interesse, all'amore delle proprie famiglie, la povera na- 
tura balena e si dk alia fine per vinta. La flducia nel caso 
presente deve essere luminosa e universale, in quanto che 
sono popoli interi e grandi potenze che vi hanno interesse 
materiale e morale ed onore impigliato nella causa del dis- 
senso. 

X. 

Vi pu6 egli essere un arbitro, le cui amplissime doti siano 
ralido argomento a tanta flducia? 

Si: vi e. E questi secondo il nostro parere e il PAPA. 
Ah ! ci si dirk sorridendo : voi tirate 1'aiuolo alia vostra 



A TUTTI I 00 VI 

parte. E ch? vonvst> tornaro il niondo ai tempi delle scomu- 
ie? Quel tempo e passato. 

Non vi e bisogno di ricorrere alle scomuniche, Noi opiniamo, 

cbe se al mondo vi .' uomo cfae quale arbitro oflra in se g\m- 

rentige di totale flducia, tale uomo e il Papa. II che si prova 

i due argomenti : 1* dalla persona del Papa in quanto tale; 

2* dalla storia. 

Argomento priino, dalla persona del Papa in quanto tale: 

1. La pntenza del Papa e di sua natura spirituale, e 
percio molto meno di qualunque altra soggetta ai capricci ed 
ai rigiri della politica, siccome alieni dal sublime suo mi- 
nistero. 

2. II Papa suole essere vecchio e di eta molto provetta, 
e celibe, e prete, qualita, che aggiunte al suo potere di sua 
essenza spirituale escludono Terrore e la passione con novan- 
tanove probahilita su le cento. 

3. In forza della sua dignita egli deve al cospetto del 
mondo ritrarre in se la forma di quel divino Re pacifico, che 
rappresenta. Ondeche il suo studio precipuo dovrh essere quello 
<li accordare le parti discordi coll'affermazione del diritto evi- 
<U i nte, unico mezzo efflcace in cotali circostanze. 

4. A questo va unito il suo piu grande tomaconto. Giac- 
che, come per gli altri Governi o sovrani il loro piu grande 
interesse consiste neH'ampliare i loro dominii ; cosi per la di- 
gnitft pontificia il piu grande interesse consiste nella difesa 
aperta del vero e del diritto. In questo sta tutto il suo lustro 
e la sua forza. 

5. La sentenza pontificia riuscir^i pi-'i accetta alia parte, 
che vince e mono acerba alTamor proprio di quella ohe avralla 
contro, siccome sentenza uscita non da labbra comuni, ma da 
una grande potenza morale. Vero e che non tutti la ^imlicano 
tale per evidenza religiosa, ma e pur vero, che amici e ne- 
mici convengono nel giudicarla tale nel mondo. 
Argomento secondo, dalla Sloria: 

1. I Papi si mostrarono disinteressati in opera di signori** 
di dominii. Non mai si sono serviti della potenza morale, che 

XT, vol. X, fatf. 19S4. 2 7 mayyio 1894. 



402 UN MEMORIALE DEGLI STATI I'NITI A TITTI I UOVKRNI 

godevano immensa nel medio evo, ne della potenza 
per aggrandire i proprii Stati. Essi sostennero il dirittn <i 
imperatori di Bisanzio flno airestremo. Divenuti sovrani di 
uno Stato per uno slancio di gratitudine di popoli, abluuido- 
nati alia rapacita di orde barbariche da chi doveva difenderli 
e per donazioni fatte loro da legittimi principi, si tennero 
paghi di tanto e non piu. Tale 6 la testimonianza della storia 
vi -race. I Papi non hanno mai cercato, ne hanno mai colto 
la occasione di estendere i loro dominii a spese della giusti- 
zia, quando niun altro sovrano ha saputo evitare cotesto sco- 
glio senza naufragare, e avec toute noire philosophic, noire 
civilisation el nos beaux livres, il n'y a peut-<?tre pas une 
puissance europeenne en etat de juslifier toutes ses posses- 
sions devanl Dieu el la raison l . 

2. I Papi si mostrarono difensori e vindici del pubblico 
diritto anche ai nostri di come furono sempre. Essi si mostra- 
rono vindici condannando le rivolte dei popoli contro i loro 
principi, e condannando pure gli arbitrii dei principi, dei go- 
verni contrarii alia liberta dei padri di famiglia circa Ja edu- 
cazione della lor prole, e contrarii alia liberta di coscienza 
pur manomessa con inique leggi. Si scorrano gli Atti dei Papi 
dal principio del secolo flno al sillabo di Pio IX ed alle Enci- 
cliche di Leone XIII e si vedra, quanto furono ferrai nel ven- 
dicare il diritto violate sotto diverse forme, posponendo ogni 
loro interesse, le ingiurie, i sarcasmi e le minacce. Che di- 
ciamo minacce? Si vogliono dir fatti. Se Pio VII e divelto 
dalla sua sede, e fatto prigione da un potentissimo imperatore, 
non fu perche sostenne il pubblico diritto del suo Stato. e 
quello che riguardava 1' Inghilterra, negando di associarsi 
al blocco continentale ? E il Papa rinchiuso in Vaticano non 
e una voce che non cessa di rivendicare il diritto calpestato? 
Cercate e trovate, se potete, un uomo, che vi dia maggior 
guarentigia di flducia. 

1 Cf. DE MAISTRE, Du Pape, Ch. 4 5, 6. 



DEGLI HITTIM HKTIIEI 

E DKLLK LORO MIOKAZIONr 



KK'KRCHR DI ARCHROLOGIA BIBLK'O-ITALH'A 



SOMMARIO: I Traci-Frfgii e 11 loro supposto Idioma ario. La iscrlrlone di 
Praisog e giudizii del Comparetti. Nostre illazioni. Gli Eteocretesi erano 
Hethei. Geoprafia e cronologia della Frigia non ben considers ta oella 
quistione dell'arianita de' Frigii e del loro linguaggio. Riscontri di YO- 
caboli frigli con radici arie datici dal D'Arboig de Jubainville. IJp-.y.i- 
-;iata, ZaXxux, Z4v-:a, Zs->|ia, BaYlo;. Chi ftirono i Traci preistorici. So- 
miglianze molteplici fra Hethei-Pelasgi e i Traci preiatorici, nell'arti, 
nella religione e nella civilta. Conchiusione. 

\. 

II i-aval di battalia d'in sul quale armeggiano i difensori dcl- 
IVirianit^ do'I'ri^ii o de' Traci, de' Misii e de' Dardani, ^ Tidioma 
;"u i<> die loro si attril*uisc\ 'J'utti codesti popoli parlarono 
lin^iiM firi.'i. dnnqu i t'uroiio arii di stirpe. Nel quale entiinfiua 
oosi Tantecedente come il consep;uente poggiano in falso. Anche 
ainmessala v-rii;< doirantecedente, Tillazione tuttavia puo esser 
falsa; conciossiachfc la stirpe l'un popolo mal si argomenti 
dall'idioma usato da lui. Senzache quanto si asserisce d'una 
lin^ru.i :'iri;i parlata da' Friirii. !;' Traci, d;i' Misii e da' Dar- 
dani, non 6 provato; come uon * provuta Pidontitf) dolTidioma 
fri^ r io col trace, da cui nomlini'-no si tolgono alfimc voci cre- 
dut<' ;irie, a fin di dimostraiv Tarianita dolhi lingua 1'rigia. 
In verit^, una causa pati-orinata con argoiniMili londati sopra 
nit-re supposizioni, non pu<' dirsi buona, ne Siippiamo int>n- 
'n abbia potuto trovare sin qui tanti difensori e cosi 
forniti d'inggno c di duttriua. 



404 DEGLI IIITTi.M O IIKTIIKI 

La prima supposizione adunque dellVirianit;! dflhi lingua 
tracofrigia e Pesistenza stessa di cotesta lingua. Interviene qui 
per la lingua frigia quello che osservammo a proposito dolla 
lingua scitica. Due decine di vocaboli si vogliono far passare 
per una lingua, la quale si chiamera frigia e per soprassello, 
aria, perciocche qualcuno di cotesti vocaboli si trovi nella 
famiglia delle lingue indoeuropee. Ma se voci straniere si pos- 
sono introdurre, e di fatto s'introducono, per diverse vie nel- 
Tidioma d'un popolo, chi & si dissennato che quell' idioma e 
quel popolo voglia per questo denominar dalla gente straniera,. 
cui quelle poche voci appartengono? Se ci6 fosse, si potrebbe 
chiamar la nostra, lingua tedesca perche sono in essa parecchi 
vocaboli d'origine tedesca, e noi stessi dovreramo considerarci 
di stirpe tedesca. Ora questo e appunto quello che si fa per 
rispetto de' Frigii. Si dice aria la loro lingua, la quale piu 
non esiste, solo da cio che alcune poche parole, attribuite al- 
T idioma frigio, hanno somiglianza con parole arie. Ma da pochi 
vocaboli non si puo dedurre la natura e 1'indole d'una lingua,, 
si solo e principalmente dalla sua grammatica. Quando dunque 
si afferma che P idioma frigio & un idioma ario, non ci si de- 
vono proporre soltanto alcuni nomi isolati, ma si e in obbligo 
di fornirci qualche testo sia pur brevissimo, dove sien nomi 
e verbi che formino sentenza. Per mala ventura testi siffatti 
in lingua frigia non esistono, e qualcuno che si ritiene per 
tale dimostra la falsita dell'opinione di coloro che fanno del 
frigio un idioma ario ed Arii anche i Frigii. 

NelP iscrizione trovata a Praisos ('? xoug Ilpaaaou-j), in mezzo 
alle rovine dell'antica citta, taluno vi scorse un idioma frigio, 
come Frigii sono di pari creduti gli Eteocretesi, nella cui ca- 
pitale, Praisos, P iscrizione fu scoperta. II Senatore Compa- 
retti nel suo dotto lavoro : Le leggi di Gortyna e le allre iscrir 
zioni arcaiche cretesi, che da solo forma il III volume dei 
Monumenti italici, cosi scrive: * Se poi questi Eteocretesi fos- 
sero Frigi, come taluni han pensato non inverosimilmente, ed 
a quel linguaggio, di cui troppo poco sappiamo, o ad una va- 
sua possa riferirsi questa iscrizione (di Praisos), lasce- 



E LORO 

:".-iltri ii: , Aoeennando poi tll( 

i0s rillustiv Kllinista teinlini o.ntr;i: ;>ini<mo di colo- 

-{ji' ii Deecke, i quali ricoreero allVtnisco e 
< cn'drtt.Tn <iiiiiosti;ir- interprelando in duo modi affatto li 
versi quelle ismzioni con questa chiave. Puo darsi sia una 
varietA del Frigio. Ma, sia qualsivoglia il linguaggio dellc 

i/iorii <ii Leninos, non trovo in questo frammento di Prai- 
sos tanto da affermare che sia il niedesimo, benche anche qui 
qualche ragiono condurrebbe a pensare al Frigio f . Cio posto, 
noi (iiciiuiio che neiropinione del Comparetti il Frigio non 
pu6 essere un idioma ario ; mercecch6 se fosse tale, dovrebbe 
avere qualche analogia col greco. Ora il Comparetti, parlando 
di-lln lingua dell' iscrizione di Praisos, dice ch' essa certa- 
mente non greca. E pin oltre soggiunge: Tutto e oscuro, ;il 
meno per me, in questa iscrizione di cui mi e affatto ignoto 
il linguaggio; forse altri riuscira a diradare queste tenebre; 
intanto non 6 inutile ricordare che gia Omero riconosceva 
i lr'ta come abitata da stirpi diverse e di varie favelle (Od. 
19, 175, 5XX7) 8'5XXu)v yXfi>aoa pe\u*(\i.i*sr)) distinguendovi gli Achei, 
i Dori, i Cydonii, i Pelasgi e gli Eteocretesi. Questi ultimi non 
erano certamente Greci e apparteuevano a quelle popolazioni 
deir isola, anteriori alia venuta dei Greci, che Erodoto chiama 
barbare. La sede principale degli Eteocretesi era appunto 
Praesos, ove fu trovata questa fscrizione in linguaggio non 
greco 3 . 

Se dunque il linguaggio degli Eteocretesi, che son tenuti 
da dotti uornini per Frigii, non e greco, anche i Frigii, se- 
condo costoro, non posson dirsi Arii, perciocche popoli diversi 
da' Greci e anteriori a' Greci nell' isola di Greta. II che ci con* 
ilncn ad eta remotissime e alle piu antiche migrazioni delle 
genti asiatiche. Infatti Omero chiama i popoli che abitavano 
Creta al suo tempo, co' loro nomi, de' quali alcuni ci fanno 
manifesta I'origine greca e con cio I'eta non antica in che di 

1 COMPARETTI, Mon. ital. Vol. Ill, pag. 452. 
1 Loc. cit p. 451. 
Loc. oit. p. 452. 



DEGLI HITT1M II KM IK I 

Grecia passarono nell' isola. Ma degli Eteocretesi. de'Gj 
nil e de' Pelasgi, che noi pensiamo esser tre nomi iliv.-rsi di 
tribu afflni, non si puo assegnare se non un'eU\ lontanissim.-i, 
la quale confirm con le origin! stesse di Greta. Per noi gli 
Eteocretesi, come scrivemmo altrove, sono gli Hethei, con- 
ciossiache 1'elemento 2te6? del loro nome si debba consi- 
derare -- "Hieio? = KTJTSIO;. La citti di Greta che oggi chia- 
masi Si-rfa o meglio Deiete, (antico veneziano Sellia) si chiam6 
prima "Htsia i e Kr;t:a 2 . D'altra parte il nome degli Eteocre- 
tesi e loro proprio non dato da' Greci, ed e anteriore ad 
Oinero. Dunque male s' interpreta ricorrendo al greco ice6c, 
vero. L' iscrizione di Praisos, sede principale degli Eteocre- 
tesi, scritta in idioma ignoto, non greco, non fenicio, conferma 
la nostra opinione gli Eteocretesi essere Hethei. Ne vogliamo 
passar sotto silenzio la tecnica donde nella stessa iscrizione 
ciascuna linea di scrittura 6 divisa dall 1 altra con una linea 
parallela. II Comparetti spiega questo allineamento quale in- 
dustria dello scalpellino acciocchfe potesse andare diritto e non 
deviare in sii o in giu nell' incidere i vocaboli. Ma noi avvi- 
siamo che siffatto modo di scolpire le iscrizioni era 1' effetto 
d'una tradizione che gli Hethei di Greta portarono seco dal- 
TAsia, dove 1'uso degli Hethei di dividere con linee parallele 
la scrittura e costante, come si puo vedere nelle iscrizioni di 
Hamath, di Aleppo, di Jerabis, di Tyana, e sul Hone di Ma- 
rash 3 . Dal fln qui detto si puo legittimamente inferire, i Frigii 
di Greta riconosciuti da' dotti con molta probabilita, negli Eteo- 

A A 

cretesi, non esser Arii, se pure non si voglia convertir in Aril 
anco gli Hethei hamiti. 

Un'altra supposizione che si fa in questa quistione dell'a- 
rianith de' Frigii riguarda la geografia e la cronologia, in 
quanto che primieramente non si tien conto de' confini incer- 
tissimi della Frigia fln da' tempi piu antichi e molto piu, se- 



Kpf ( T]g 



'Htea, presso LAERZIO, Lib. l r 



' STEPH. B. 
p. 28. 

Cf. K. MULLEB, G. G. M. Vol. I, p. 514 e segg. 

3 Cf. W. WEIGHT, The Emp. of the Hittites, Plate I e segg. 



! I. Kin son 
detti Frigii, I ri-ii i Tr-iani. i Misii, i Ionian!, |< .Ma 

_ria nel corso de' secoli si stese e allnrp'. tanto !a n.m- 
>' sotto il suo nome la maggior parte dell' Asia Minore. 
Seconds riamente non si fa ragione delle mutate omlizioni 
.ii aniirhissiini e preistorici, dopo rimmi^razione degli 
Arii IM -II' Asia Minore e nella Or -tentrionale, dove, senza 

dubbio, dnveva seguire dapprirna rintroduziono di v<><-i 
nell'idioma frigio, per vicinanza di confini e relazione li in- 
merci; e poscia per la signoria de' Givci d'Asia nelle terre 
de' Frigii, la totale trasformazione o piuttosto 1'estinzione della 
lingua friirin priinitiva non aria. Cotalchfc dove nel principio 
i vocaboli arii passati nella lingua nativa de' Frigii erano po- 
chi, sotto la dominazione de' Greci erano pochi i vocaboli lriu r ii 
nella lingua de' Greci asiatici. Le conseguenze logiche di que- 
ste nostro considerazioni sono queste: 1 Che voci dateci da 
Esichio, dall'Etimologico Magno e da altri antichi scrittori, 
con rindirazione di voci frigie, son voci di provenieuza etni-.i 
incerta, potendo essere tanto frigie quanto lidie o d'altra con- 
trada dell' Asia Minore, dove in tempi diversi abitarono popoli 
livorsi; 11 che se alcune di siffatte voci si dimostrano dai 
inoderni glottologi per certarnente arie, esse non appartengo- 
no all'antico idioma frigio, ma in esso vi sMntrodussoro dairli 
Arii in tempi posteriori, e per6 non possono servire di prova 
allVirianit;'i della stirpe e del linguaggio de' Frigii. 

Abbiamo consigliatamente detto potersi ammettere siccome 
voci arie quelle soltanto che -per tali sono certamenle dimo- 
strale da' glottoloiri moderni; perciocchA nel maggior numero 
de' casi 1'arianita de' vocaboli frigii non solo non e dirtiosirata, 
ma non e rispettato neppure il metodo comparativo che si 
adopera per dimostrarla. Voniamo agli esempii. 

II processo ordinario di fare il riscontro fra una voc data 
per frigia ed un'altra aria che le deve corrispondere foneti- 

iente e con identico signiflcato, e questo. Si prend^ il l)i- 
zionario petropolitano del Roth e si vede quale radice ver- 
bale o nominate si rassomigli nel numero e nella qualita delle 



408 DEGLI mrriM o HETHEI 

consonant! nel supposto vocabolo frigio: quindi si leggono i 
varii signiflcati della radice sanscrita, e qualora ve ne sia uno 
che pirt o meno da presso s'accosti a quello della voce frigia, 
si conchiude all'eguaglianza e all'identita dell'ario col frigio. 
II sig. D'Arbois de Jubainville strive: Une danse phrygienn* 4 

s'appelait brikismata derive d'une racine BRIK, danser, a 



laquelle on ne trouve d'autre equivalent dans les langues indo- 
europeennes d'Asie que le Sanscrit BHR AQ tomber et le zend 
BARAQ cbanceler * . Esichio ci conserv6 il nome interpre- 
tato daH'autore, cosi: Bptx-'qiaTa, Spx 1 ) 17 ^ ^puYwnalj. Bricismata 
pero suppone una forma sing. x6 Bp:'xia|ia, signiflcante danza 
ftigia, Spx*] ^ <&puY tax1 ^ Ma il verbo danzare, danser, il D'Ar- 
bois ce 1'addita, senza esitazione, in BRIG, radice di cui Bpt- 
xt'o|jiaTa sono un derivato. Vedremo appresso se Bptx possa 
esser ben altro che un verbo in significato di danzare; e per 
ora esaminiamo le radici che, secondo 1'autore, corrispondono 
a Bptx in Sanscrito e in Zendo, sia per la fonetica e sia per la 
signiflcazione. II sanscrito Bhra$ vuol dire tomber , il zendo 
Baraf chanceler . La nostra difflcolta di non poter inten- 
dere cio che qui asserisce Tautore, viene dallMgnorare che vi 
sieno mai state danze menate con soli capitomboli o stramaz- 
zoni, questo importando quel BhraQ^=tomber. Owero danze 
eseguite barcollando a guisa di ubbriachi o di baccanti, cio 
volendo quel Bar a$= chanceler. Adunque, supposto ancora che 
Bptx sia un verbo che significhi danzare, e sia inoltre uguale 
foneticamente a Bharap e a Bara$, nessuno concedera mai 
che il danzare possa essere lo stesso che cascare b barcol- 
lare, e pero ne il Sanscrito ne il Zendo ci dimostrano Taria- 
nita del nome frigio Bptxfo|jiaTa. 

Senonchfc gli antichi scrittori e i loro commentator! e il 
Thesaurus dello Stefano, anzich6 un verbo riconobbero in 
Bptx- di Bptx-'ajiora, jl nome de' Frigii, attesoche questo nome 
ci si presenta sotto le forme seguenti: Bp-' = Opu^ (HBSYCH.); 
Bpc'ye? = cpp-jyec (HESYCH. STEPH. BYz.); C 0noto>; 5e xol Bpiryot 
xal Bpsye; xal Op-iye? ^ a'JToi (STRAB. XII. p. 550); Bpcxo:, 

1 Op. cit. p. 277. 



!: LORD 

M-KH, I.. HOLSTBN. ad S < >iileche Bpouon* 6 lo stesso 

che ^'JY 15 ! 1 ** dove B0ttinteini>'>i l;ui/a. Com<> si suona e si 
balla < la Scozzese , la Siriliana >, cosi si sonava e bal- 
lava la Frigia cioe il Bpteana. II riscontro dunque fatto 
dal dotto autore non regge sotto nessun rispetto. II raedesimo 
M 'lica d'altri riscontri, dove si spiegano COD radici sanscrite 
di signiflcato vago e generico, voci frigie, la cui lettura 
cnVssa incerta. Tali sono: ZXxia che Tauiore afferma derivar 
da una radice GHEL pousser; Ziiva porte da GIIK1>, 
prendre , Za-^ia source da GHEU, GHU, verser . 

(.i')v<-ni disamiuar brevemente cotesti esempi d' identity 
ir.i nonii trigii e radici verbali sanscrite. ZXxta (all. ZeX/ 4 to), 
secondo Esichio, e lo stesso che Xi^ava, cioe Terbe che ser- 
vono per fare i brodetti : herbae jusculis servientes, olet*a, che 
Tautore traduce Idgumes, restringendo il siguificato di Xxva, 
olera, alia specie di piante che per frutto portano il legume, 
sinonimo in Irancese, di gousse, baccello, guscio, nel qual<- >i 
chiiii If il seme; dove che Xi^ava, olera, SOQO semplicemente 
gli erbaggi. Legumen, quidquid ex terrae satis in siliquis 
nascitur, ut sunt fabae, pi sum, deer, lens el similia, quae evel- 
lunlur e terra, non subsecanlur (FORCELL. s. v.). Se la voce 
ZiXxta deriva dalla radice GHEL, pousser, venir fuori, rara- 
pollare, crescere, dovremmo dire che questa operazione sia 
eeclusivamente propria de' soli legumi, ZXxux, come spiega 
Tautore, cio che e falso. Dunque la radice GHEL e male in- 
vocata, sia perche di signiflcato troppo generico e vago, e H.I 
perche non corrisponde ad una proprieta essenziale del nome, 
col qualo si riscontra, si bene, ad una propriety gencrica e 
che questo inedesimo nome ha comune con altre cose. Legu- 
mi e rampollo, crescenza, uscita non sono nomi convertibili, 
attesoche non tutto cio che vien fuora o che cresce e legume. 

Piu meraviglioso ci sembra il riscontro delKautore tra il 
frigio Z^Tva, porta, e la radice GHED, prendere. Anche qui 
la lezione non e certa, perciocche dove Fozio legge TrSXijv: 
Ziva, 4>p'JYto4 ^ Xifo, aujjiaivet 51 TTJV TrjXrjv (PHOT. Lex. 52, 6), 
altri leggono JCTJT/^V (ALBERT, magis placet J^JY^V) e THeringa 



410 i.i HUTI'M o IIF.THKI 

nientemeno che -uy*)v! Ma concedasi pure all'autore che 
significhi porla, che cosa ha da fare la porta con OIIKD, 
prendere? Se Ze-j|ia o ZeOjxa. Ze-jfxav (ScALlG.), Zeujjix/rr/ dli:- 
SYCH.) signified fonle, 7ir)y>,v, presso i Frigii, perche deve ne- 
cessariamente venir dalla radice GHEU o GHU? Forse per- 
che cotesta radice ha un significato analogo, quello di versare? 
"Ma tutti sanno che siffatte somiglianze di signiflcato Ira ra- 
dici d'idiomi diversi vi sono, ma non possono essere se non 
puramente accidentali; senzach6 1'idea di versare non risponde 
adeguatamente al concetto di fonte, che e prima di tutto, locus 
unde perennis aqua erumpit et ipsa aqua jugis erumpens. 
Di qui il caput fontis o il caput aquae, dove non entra per 
se T idea del versare, giacchk la fonte puo anche esser chiusa 
e cessar di versare. 

Un altro nome frigio che si vuol riscontrare e interpretare 
con 1'ant. persiano, col zendo e col sanscrito, & Bayx:o;. Impe- 
rocche bagha in antico persiano ed in zendo ha il significato 
di divinila, nome che si vede, leggermente modificato, in altri 
idiomi parecchi della famiglia indo-europea, come negli slavi, 
dove Bog vuol dire dio *. Bagaios, nom du dieu supreme, en 
Sanscrit bhaga-s 2 . II nome ci e dato da Esichio cosi : BayaTo;, 
6 fiitato;, r^ ZE*J; Op'jy'.o;, Hy a ?> ^0X6;, Ta-^-jc. Faluus, sive Jup- 
piter Phrygius, Magnus, Mulius, Velox. Questo Bayalo; e com- 
parato con Bayw?, Magnus, Biytov, [xsya, (HESYCH., SUID., Zo- 
NARAS c. 375), dove il Dindorf aggiunge: Albertus comparat 
Hesychii BxyaTo;, vel conjicit esse ^,"io; cum digammo. Poste- 
riorem sententiam probat Toupius Emend. Vol. 3, p. 474, con- 
ferens Hesychii tep6v, jjisya 3 . Si potrebbe aggiungere Biyo? che, 
secondo Esichio, signih'ca presso i Laconii ^aauc-j;, He e STJXX- 
;, Capitano 4 . 11 significato dunque della radice pay- in 
tc,;. Hiyoc, Biy:o; stando ad Esichio, sarebbe quello di 
grande, ;isyar, ed e certamente un attributo, dal quale la di- 

1 PRKROT, Hist, de I' Art. <lu ,is I'Anti^uitt', T. V. p. 1. u. 

* D'AKBOIS DE lUBAINVILI.E, Op. CJt. p. 218. 

:! THF^AURUS, s. v. 

v Cf. L. DINDORF in THESAUHO s. v. 



]' ! >!!<> MI'.HA/IONI 411 

Yin: per eccellenza e 

l>io. Dim seul est grand. Ma <la ciT. nun s'L r u che Bar,'- = 

ofo; signiflchi per se Dio o Divinild come nel sanscrito bha- 

ga-s, e pero le due radici Bay- in Bxyafoc e Wa0- in bhaga-fj 

>sfndi idfnticlif, il riscontro non regge. Se dunque i 

lorarono un dio di nome Bayxro;, un loro <iiove, Zt*^ 

<J>p'jyioc d' Esichio, Tadorarono sotto il concetto di (Irande e 

non gia come semplicemente dio o la divinity. 

Ma quand'anche si concedesse come legittimo il riscontro 
voluto, e che BoYato; si;i un nome Ario, i sostenitori dell'aria- 
nita de' Fri^ii non vi jruad;i. r nerelihero gran fatto. (ion- 
siach6 cotosto dio sarebbo un <lio non <!<' l-'ri^ii antichissimi o 
preistorici, de' quali noi qui solo trattiamo, ma do' Frigii <li 
t*Miipi posteriori, cioe del tempo de 1 Greci asiatici, il che vuol 
dire quando tutti i popoli (k-11'Asia Minore presero lin^u, 
ariani. Ktl in vero, I'antichissima religione do' Friirii, la quale 
fu in sostanza, quella medosima degli Hethei, non conobbe 
cotesto dio Bageo, ma venero principalmente Atys e la Grand*' 
Ma<lre, due diviniti che non gli Arii a" Frigii. ma che quest! 
di>dt-n ;i.i:li Arii Greci d'Asia e poscia a quelli della (irecia 
pfopria. 

l)opo ! (juali cose, sen/a }>iu insistere in altri esfinj.ii di 
vocaboli frigii o supposti tali, strini:i;ino cosi Targomento. 
le voci frigie che si dicono appartenere allf lin^iif ai-if, sono 
realmente tali, ovvero tali non sono. Se realnifiitf son. arif, 

esse non provano IVirinnita lflla stirj dflla lingiui de" Fri-n, 

perch*' poche di numero e vonute altrundo, cioe passatf n'l- 
ridinina Frigio per comnierci ed altre relazioni con pnpnli 

dimonuiti negli stessi luoghi. Sf poi, come noi crcdiamo, 
nun SODO arie, manca il foinlaiiifnto sti-ss-j dol risc(.n(ro r..n 

boll <li linguo ariaiif. In qualunqiiu ipotesi. r-'sta s.'inpre 
in-'lnttal.ilf Tar^romento cronologico, che al tempo .!' 1 ri-ii 
antichissimi pivisinrid non vi 1'nrono Arii nfll'Asia Minore, 
si solanifntf Hfthfi o I'.-.lfi-ati d'gli Hethei. tra (jiifsti indu- 

niionte erano i Frigii. 

Quanto abbiamo detto df' Frigii si d.-vf intfii-i ndio 



412 DEGLI HTTT1M HETHEI 

de' Traci frigii, se vera e 1' identita di queste due genti, e noi 
non abbiamo difficolta di ammetterla, tanto solo die si riporti 
a tempi antichissimi e preistorici, e nel senso spiegato da noi, 
di migrazioni di Frigii, di Misii e di Dardani de 1 tempi ant<-- 
troiani, in Tracia e nella Macedonia. Imperocche solo in que- 
sta ipotesi si potranno conciliare le piu strane cose e le piii 
contraddittorie che gli antichi ci raccontano de' Traci. 

E in effetto, tutto ci6 che si predica d'una civilta trace, 
delle muse traci, de' poeti, teologi e musici traci, Eumolpo, 
Orfeo, Lino, Museo, Tamiri; quanto si narra della loro po- 
tenza marittima e dell'occupazione delle isole dell'Egeo prima 
de' Fenicii ; della loro venuta nell' Attica, dove fondarono il 
tempio di Demeter in Eleusi e v' introdussero i famosi misteri ; 
e donde mossero sotto la condotta del loro Re Eumolpo, al 
conquisto dell' Attica ; tutto ci6, diciamo, non si accorda con la 
barbaric, 1'ignoranza, la crudelta e il selvaggio vivere dei 
Traci che ci e pur noto dalle antiche storie. Eliano * cita il 
^eguente passo di Androzione : Dicono che degli antichi Traci 
nessuno sapesse lettere. Che anzi cosa vergognosissima cre- 
dettero i barbari abitanti in Europa, che tutti le sapessero. 
Miglior conoscenza ne avevano i barbari d'Asia. II perche ar- 
discono dire, che non vi fu mai in Tracia verun Orfeo sa- 
piente, e che quanto di lui si racconta non e che favola. Ma 
se distinguiamo i tempi, e per veri Traci intendiamo gli an- 
tichissimi Frigii preistorici, che conquistarono la Tracia e vi 
portarono seco 1'arti e la civilta hethea dell' Asia Minore, 
non i popoli barbari venuti in Tracia in eta molto posteriore 
e vi presero dal luogo il nome di Traci, ogni cosa rimane 
chiara ed intelligibile. Imperocchfe la vantata civilta de' Traci 
non sarebbe in questo caso se non quella de' Pelasgi, e i Traci- 
Frigii rappresenterebbero un ramo parallelo della grande na- 
zione de' Pelasgi. 

Ora chi ben consideri attentamente tutto ci6 che gli antichi 
scrittori ricordano de' Traci preistorici e lo confronti con quanto 

1 AELIAN., V. H. VIII, 6. 



K LORO M!< ill AXIOM -il. 1 : 

gJi stessi scrittori <M fan no conoscere de' Pelasgi, la stretta 
relazione di sofniglkm/.-i Ira la civilta, la religiono, 1'arti 
la signoria de' Traci-Frigii e de' Pelasgi e manifesta e 
quasi diremmo, palpabile. Vediamo, infatti, comrade, citta ed 
isole ahitate dagli uni e dagli altri, e in tan to li distin 
guiamo nella notte de' tempi, in quanto che i nomi sono di- 
versi. Famosi ricercatori di miniere e lavoratori di rnetalli 
lurono i Traci, e ne fan fede Lemno, Thaso, il Bermio, il 
Pangeo e le note leggende del loro Re Mida. Ma siffatta lode 
l*hanno comune con gli Hethei-Pelasgi, come di pari a' Traci 
ed a' Pelasgi si attribuisce 1'introduzione de' misteri eleusini 
in f rrecia e il culto de' grandi iddii e particolarmente quello 
della Grande Madre e d' Apollo. Amanti della musica e inven- 
tori di musici strumenti furono i Traci-Frigii e gli Hetei-Pe- 
lasgi della Lidia (Asia) e della Pteria, che ne' bassirilievi di 
Euiuk ci mostra diverse forme di strumenti, e la lira a cinque 
corde si vede scolpita sulla stela votiva di Marasch. 

Un' altra considerazione non fatta flnora, e cbe stimiamo 
molto importaute per vie meglio intendere gli stretti rapporti 
Ira Traci e Pelasgi in eta remotissime, si e 1* origine della 
civilta ellenica cbe gli antichi concordemente ascrivono alle 
dottrine teologiche, alia poesia, alia musica, alia danza, al- 
1'arte di fabbricar in pietra e al vivere non piu sparsi e in 
capanne, ma raccolti in citta e, flnalmente, all' introduzione 
'Irlla scrittura; dottrine ed arti, delle quali si dicono inven- 
tori e propagatori Eumolpo, Orfeo, Museo e Lino. Ma quando 
si ricerca chi fossero costoro e donde venissero e a qual gente 
appartenessero, si veriflca qui lo stesso fatto della confusione 
Ira Traci e Pelasgi, che ciofe quanto si afferma esser d'ori- 
gine trace si attribuisce similmente a' Pelasgi e viceversa. 
Eumolpo fu detto ora padre ed ora flglio di Museo; Re del 
Traci, conquistatore dell' Attica e istitutore de' misteri d'Eleusi. 
Orfeo 6 dato parimente per padre a Museo; 6 Trace, foiui.i 
tore de' Misteri, senator di lira, cantore, teologo. Museo, flglio 
d'Eumolpo o di Orfeo o di Lino, alcuni lo fanno Trace, altri 
l.lMisinio; fe cantore e danzatore; ritrova il dattilo, come Or- 



414 DEGLI HITTIM O IIKTIII.I 

feo Tesametro; fa conoscere i rimedii de' morbi, 1'arte di va- 
ticinare e 1'espiazioni. Finalmente Lino, poeta, cantore e n. 
stro d' Ercole nell'arte di sonar la cetra, padre di Muse< 
vuol fratello o maestro o discepolo d' Orfeo, flglio di Licaone 
e di Ethusa, Arcade, e, secondo altri, Tcbano e il primo che 
porta e diffonde in Grecia gli elementi della scrittura, le 
lettere. 

Ora cotesta parentela fra tutti e quattro i celebrati crea- 
tori della civilti ellenica, parentela in cui si scambiano sem- 
pre le qualit;\ di padre e di flglio, chiaramente dimostra che 
Eumolpo, Orfeo, Museo e Lino anzi che persone reali, Sieno 
rallegoria d' un epoca e d' una gente in che priinieramente 
fiori e dalla quale fu diffusa per tutta la Grecia la civiltii. 
Quando poi si riguardtno le diverse parti ond'essa princi- 
palmente si cornpone, come la teologia, ciofe la scienza della* 
religione, la musica, la scrittura e I'edificazione in pietra 
delle citta, la stretta am'nita fra Traci ed Hethei-Peki 
diviene sempre piu spiccata ed incontrastabile. Imperocche le 
piu antiche divinita de' Traci e le ceremonie del loro culto 
sono le medesime che quelle degli Hethei-Pelasgi : come si 
vede per il culto della Grande Madre e di Cotys e nelle Co- 
tytie, dove lo stesso nome injlica 1' origine hethea, e, flnal- 
mente, nell' identita de' misteri Pelasgici di Samotracia . e 
di Eleusi, di cui si fanno inventori od introduttori in Grecia 
Traci e Pelasgi. Della musica sia vocale, sia strumentale, 
scrisse Strabone che la sua prima origine e la sua priuia 
stanza fu in Asia ed in Tracia *, ma pretende che in Asia fu 
portata di Tracia, attesoche i Frigii sono coloni de' Traci, cio 
che noi provammo esser falso, e solo il contrario doversi ri- 
tenere per istoricamente vero. Lo stesso giudizio convien por- 
tare contro Strabone quando dice che la somiirlianxa della 
religione e del culto di certe divinita fra Traci e Frigii asia- 
tici, dipende dalFessere i Frigii <T origine trace 8 . 



1 STRAU. \, III, 17. 
1 STRAB. X, III, 16. 



p.'tta :iirinviM/.inn' ed iritroduzione ! 

Muni o di'H'alfalM'lo in < Irecia, ;i prop. 

admo e ivramino le tcstimonianzo degli antichi ; ma quel 
vanto di (ladino cio& degli Hethei o Sirii, d'aver priroo tro- 

Ii- li-tN'i-e ' t;ttt.'l oMiusreiv a' (ircci, u\[ 6 eoutrastato 
da' Traci; conciossi;icln'> Alcidamante dicbiara Orfeo trace in- 
r d.'llr l.'tf.-io', mentre Tacito ci fa sapere che, secondo 
alcuni, t'u Lino tebano *. Senonchfc Dionigi il Mitologo, citato 
da Diodoro, non rnd> Lino inventore delle lettere, si bene 
Cinliim: < (.nc.'il,- tnttavia che Lino confonnasse alia pronun/.ia 
i le lettere pnrt;it>> da (iadino, dando a ciascuna il 
norne foggiatone la forma cio6 il carattere. Ma so^iunjje 
che le stesse lettere furono cbiamate fenicie, perciocchfe di Ke- 
nicia recate a' Greci, o specialmente pelasgiche, poich6 i Pe- 
lasgi primi si servirono degli introdotti caratteri 3 . Dondo segue 
che anch* per la scrittura, ci6 che si attribuisce a' Pelasgi, 
< h- C;nlmo 6 Pelasgo anche perOtiiredo Miiller come per noi, 
sebbeue per diversa ragione, viene di pari attribuito a' Traci, 
il che fa chiaro segno dell'aftlnita non dubbia di (ju-ste due 
genti, od anche della loro identita, la quale sarebbe forse co- 
spicua se non la velasse diversita di nomi. 

< i resta Tultimo riscontro fra Traci e Pelasgi nelfarte di 
falihricare le citta con pietre e di cavar e lavorar i metalli. 
Ma di questa fu detto altrove, e pero toccheremo solamente 
di quella. I/allegoria contenuta nella leggenda di Orfeo e degli 
altri poeti traci, che cio6 con la dolcezza del canto e degli 
istniinenti musici onde si accompagnavano, i sassi stessi spic- 

;tnsi e correvan dietro aC passi loro, significava 1'uso di 

niire in pietra le citta priinamento introdotto fra' rojzi e 
barbari popoli della Grecia, dalla civilta che vi portamno le 
genti d'Asia, cio6 gli Hethei-Pelasgi, i quali dair<>ta piu Ion- 
tane, sia nell'Asia Minore e nella Cappadocia, sia in Gr 



1 ALCIDAM. declam. contra PALAMED. p. 186. 
TACIT. Lib. II, c. 14. 
Dioa Sic. Ill, LXYI. 



416 DEGLI fflTTlM HETHEI E DELLE LORO MIGRAZIONI 

in Italia e nelle Isole, lasciarono stupendi monument! dell'art*- 
loro neU'ediflcar citta e fortezze con grand! macigni ora rozzi 
e posti Tun sopra 1'altro senza squadrarli, ed ora commetten- 
done insieme le facce poligonali spianate con magistero d'arte 
maraviglioso. Se dunque le piu antiche citta di Tracia anzi le 
prime, furono murate in pietra, Tarte di cosi fabbricare tanto 
e propria de' Traci quanto de' Pelasgi, e perci6 fra gli uni e 
gli altri fa mestieri riconoscere anche da questo lato, quella 
affinita od identita che ci siamo proposto di dimostrare. 

In questa lunga discussione cio che piu di tutto avr& fatto 
impressione nell'animo del lettore, e la universalita dell'opi- 
nione che noi abbiamo combattuta. Antichi e moderni, da Ero- 
doto al D'Arbois de Jubainville, tutti sono concordi nell'affer- 
mare che i Frigii furono una colonia di Traci, e perci6 Eu- 
ropei di stirpe e di linguaggio. Ma gli antichi nulla seppero 
degli Hethei, e i moderni non ne fecero quel conto che avreb- 
bero dovuto fare. Questa e 1'origine e la causa della nostra 
opposizione forte ed aperta ad una sentenza comeche univer- 
sale ed antica, ma non pronunziata con piena cognizion di 
causa ; ignorando gli uni e trascurando gli altri un elemento 
etnografico importantissimo dell' Asia Minore, qual e quello dei 
popoli Hethei, di cui nessuno storico od etnografo pu6 pas- 
sarsi oramai leggermente, senza mancar al suo dovere di sto- 
rico e al rispetto della storica verita. 






on DWMirii mam i u 



i. 

Avevaiuo giii da to alle stanipe la secooda parte del no- 
stro lavoro sull' Enciclica : De Studiis Scriplurae Sacrae *, 
<|ii:<ndo ri venne alle man! un insidioso e severe artioilu coo- 
tro di essa, pubblicato nel periodico acattolicu inglese The 
Contemporary Review *. L'autore di questo scritto non e del 
tutto ignoto a' nostri lettori, essendo egli quel medesimo ano- 
nimo diplomatico , di cui avemmo ad occuparci I" aono 
scorso nella risposta alle censure da lui fatte alia politica di 
Leone XIII. 3 

Lo scopo evidente del presente suo lavoro contro TEnci- 
clica, non altrimenti che di quello contro la politica del Santo 
l';lre, di oscurare o velare almeuo gli splendori che dal 
trouo poiitificio, occupato con tanta gloria da Leone, raggiano 
su tutte le nazioni. Censurando la sua politica come gretta, 
egoista e perniciosa agl'interessi piu vital! della Chiesa e della 
societ^, PAnonimo ci rappresentava U Ponteflce come un 
idealista , pieno di idiosincrasie e debolezze > 4 , il quale, 
sacrificando ogni cosa, faceva tutto servire ad incarnare in 
un fatto politico concrete una sua opinione astratta 5 , quella 
cioe della necessita di riacquistare le poche iniglia quadrate 
<li territorio, conosciuto una volta sotto il nome di Stati pon- 
tiflcii 6 . Censurando <>ra la sua Enciclica, I'Anonimo rincarn 
la dose, dandocelo a divedere 1) come un uomo cbe non ha 
/indizio proprio, ma pensa.con la testa altrui, e quel che e 

1 Vedi il Quaderno 1050 del 17 marzo 1894 pp. 652-666. 

* Num. 340, aprile 1804, pp. 576-608. Londra, Isbister and Company. 
' Vedi i Quaderni 1019, 1020, 1021 e 1029. Questo lavoro, sot to il titolo 

di: La Politica di Lcont XIII e la Contemporary Rev it n, 6 stato pubblicato 
in un opuscolo separate e tradotto in france, tedeaco, ingleae e spagnuolo. 

* Contemporary Review^ ottobre 1892, pp. 458, 459. 

* Ibid. p. 459. Ibid. p. 477. 

XV, vol. X, fate. 1054. 27 9 maggio 1894. 



418 IN itirr.oMATic.0 

peggio, con la l i -t;i li c.Tti tcologi, i quali vunno superli 
di sapersi occupare de' pin iniricati problem! della Hibbia con 
quella medesima disinvoltura colla quale Hegel soleva trattare 
tutte le question! scientifiche : a priori * ; 2) come 1'autore di 
una strana e spaventosa innovazione (startling innovation,*) 
per la quale la Chiesa nulla guadagna e mette ogni cosa a 
repentaglio ; infine 3) come un indegno Ponteflce, il quale, 
mentre a nome della ragione, ci mette, colla sua Enciclica, in 
un labirinto di difflcolta e contraddizioni, dal quale e impos- 
sibile alia sagacia delFuomo trovare una uscita, a nome della 
religione scalza dai proprii fondamenti i nostri sentiment! di 
timore riverenziale per gli attributi divini, togliendo dalle 
spalle di uomini fallibili la responsabilitk delPerrore, e dichia- 
rando esser noi obbligati od a negare la sua esistenza, ovvero 
a tacciare d'ignoranza lo stesso Iddio 3 ! 

Eppure TAnonimo, che cosi scrive del Papa e del suo in- 
segnamento a tutta la Chiesa, vuol fare! credere se essere 
un devoto flglio del Santo Padre 4 ! Egli che pubblicamente 
ricusa di accettare la dottrina autorevolmente proposta nel- 
TEnciclica 5 , ed apertamente nega che i libri del Vecchio e 
del Nuovo Testarnento, tutti, interi ed IN TUTTE LE LORO PARTI, 
sieno stati scritti per dettato dello Spirito Santo ed abbiano 
Dio per loro autore 6 ; egli che, con penna blasfema, descrive 
Dio, quale ci si rivela nel Vecchio Testamento, come un mo- 
stro d'iniqnita il quale e sempre intento a cercare il proprio 
interesse, eccita gli uomini gli uni contro gli altri, gli instiga 
a peccare, ed e connivente a' peccati de' suoi favoriti 7 , egli 
si professa, non ostante tutto ci6, cattolico, e cattolico intelll- 
gente e buono 8 ! Credat ludaeus Apella: non ego. 

Giudicando dal suo linguaggio, e segnatamente dalFalto 
disprezzo che egli nutre per tutta la Ghiesa cattolica docente 9 , 
e dalla profonda stima che egli addimostra per gli scrittori 
acattolici razionalisti od infedeli, come per esempio Wellhou- 

1 C. R. Aprile 1894, p. 578. Ibid. p. 607. pp. 606, 607. 
k pp. 578, 581, 591. ecc. 5 p. 608. Ibid, passim. 7 p. 595. 
8 pp. 577, 578, ecc. p. 592 



I i \ 

. Tiii'in: ii-.'. i cul attacchi contra la i:ihlia -i- 

MI--: ; Til la parola, stiipidarnMitf ropia, M 

6 Lfli i-vi.l.Miti 'iTMri: L'iudii-ando. <liriamo, 
ruth- (<;. -, noi lo diremmo un p-invam' .-.1 inosp 

lista, il quale fa mnstra !'! siii. valni-p, prnponondorome 
coso nn<>v>e cose sue, le cose dett\ tfinporibus Hits, da al- 
tri iii-miri <> dtraitori della Chiesa c della Hibbia. 

II. 

C.h-- L.^.ti.' XIII, con la sua Enciclica del 18noveinbre 1 
non abhia fatto un mutamento e molto rneno una sparenlosa 
innorazimu* n.^lla dottrina dolhi (Ihit's.-i ri.^unrdo alia natura ed 

Msi<iin- ddfispirazione del sacri Libri, apparisce chiaro a 
chiunque vofrlia spassionatamente leggere qiiello stupendD 
docuinento. Ivi infatti il Santo 1'jidiv. iiis'^iiando cho i libri, 
rit^nuli dalla (ihiosa quali sacri e canonic!, tutli e iutti i uteri 
e in {uttf le loro parti, t'urono scritti per dettato dello sj>i- 
rito Santo ed hanno Dio per Autore, e conseguentemente, con- 
dannando la sentenza di coloro i quali limitano 1'ispirazione 
ad alcune parti soltanto delle Scritture, o concedono chdtah- 
bia errato lo stesso agiografo, non solo apertamente dichiara 
rh<> la dottrina da lui proposta 6 Tantica e costante fede dolla 
Cliiosa, ma ne addita altresi le prove dedotte da' solenni de- 
creti de' Concilii e dalla tradixione della stessa Chiesa attestata 
da' Padri e Dottori di essa. Haec esl anliqua et constans fides 
Ecclesiae, solemni etiam sententin in Concilits definita Flc>- 
rentino et Tridentino: confirmata denique atque express! cs 
declarata in Concilia Yaticano... Hoc (etiarn) rat tun semper 
Itabnere SS. Patres. 

Nou insistiaiiu) (jui su questo punto, ess^ndoci di - 
ex-professo occupati no" quaderni precodonti ', dovo riforiinmo 
ed illustrainiiio tutte quelle autorevoli trstiiiionianzc ddfan- 
tichita in risjiosta allo aborrazioni dflla nitora Scuola. Aggiun- 
gereino soltanto che il Santo I'adn 1 , no! dichinriuv rho Dio 

uton- do' Libri sacri, e che pcro in essi non puo 

1 Vedi il Quad. 1048, pp. 407-408 ed il Quad. 1060, pp. 661-664. 



420 UN DIPLOMATICO IPKRCRITICO 

nersi alcun errore, espressamente osserva che ci6 deve inten- 
dersi dei luoghi autenlici ', e delle sacre Lettere, quales ab 
hagiographis editae sunt. D'onde segue che chi, volendo con- 
traddire al Ponteflce, si serve, come fa il nostro Anonimo, 
di una versions (in cui, per 1'incuria de' copisti o tipografi, 
ovvero per abbaglio o per la poca perizia dell'interprete, e 
facile incontrare errori, putacaso, ne' nomi, nelle date ecc.) 
deve anzitutto accertare, co* raezzi ben noti a' critici, che la 
sua versione in quel punto, ove egli crede di vedere un errore 
o una contraddizione, sia fedele all'originale. Senza di' cio, e 
chiaro che la sua opposizione alFinsegnamento pontiflcio non 
avrebbe neppur 1'ombra di un solido fondamento. E questo vale 
eziandio se la difficolta contro quell' insegnamento si fondasse 
sull'autorita della Volgata latina; poiche il decreto Tridentino 
che la riguarda, siccome non ha mai esclusa 1'autorita degli 
altri codici o delle altre versioni, quas, al dir dell'Enciclica, 
Christiana laudavit usurpavilque antiquitas, cosi non ha punto 
inteso di assicurarci che neppure in menome cose, neppure 
in una cifra numerica o nel nome proprio di una persona o 
di ua luogo vi possa essere incorso qualche errore di copista 
o di traduttore. La Volgata fu dichiarata autentica, in questo 
senso che essa possa e debba dirsi vero e genuine fonte della 
Rivelazione, di guisa che non solamente non se ne possa dedurre 
veruna falsa dottrina in cose di fede, o regola erronea in ge- 
nere di costumi, ma che inoltre esprima fedelmente tutto ci6 
che appartiene alia sostanza del divino scritto primitive 2 . 
Alle sopraddette testimonianze adunque de' Concilii e Pa- 

1 Qui in locis autTienticis Hbrorum sacrorum quidpiam falsi conti- 
neri posse existimant, ii profecto aut catholicam divinae inspirationis no- 
tionem pervertunt, aut Deum ipsum erroria faciunt auctorem . Ci6 no- 
tiamo non solo per ragione della sua vitale importanza in questa questions, 
ma altresi perche 1'Anonimo (p. 680), traducendo in lingua inglese per be- 
neflcio de 1 suoi lettori il testo latino dell'Enciclica, omttte nella sua Ter- 
sione le parole in locis authenticis 1 Un'omissione piuttosto grave per 
un ipercritico diplomat ico! 

' Intorno a questo punto legga il lettore 1'opera dell' E. mo Franzelin 
De Trad, et Script, (pp. 567 e seq.) e quella dell'E.mo Mazzella De Vtr- 
tutibus infutis, D. IV. art. VL 



K LA BIBBIA 421 

ilri il.-lla Chiisa rimandiamo rAnoniiuo ipercritim. il qu 
ove inai si degnasse di ponderarle con qnalche diligenza, po- 

le forte ritrarne il convinciinento, non solo di aver ca- 
lunniato il suo Santo Padre nelPaccusarlo di aver mutato 
la dottrina della Chiesa, ma altresi di non potere egli, senza 
aperta contraddizione, professarsi cattolico, e negare Tassenso 
alia dottrina che Dio sia 1'autore della sacra Scrittura in- 
tera in tutte le suo parti , dottrina riconosciuta e definite qual 
domma cattolico dalla suprema ed infallibile autorita della 
Chiesa. Diciamo forse, poichfc I'Anonimo intelligente cattolico , 
riservandosi espressamente il diritto di giudicare e deflnire 
quando e dove la Chiesa parla infallibilrnente, non sembra es- 
sere disposto a concederle questa prerogativa, se non nel caso 
in cui le decisioni di lei sieno d'accordo colle sue opinioni. 

Per gli altri casi, egli gravemente osserva, che la 
nostra Chiesa e si mirabilmente oostituita; che il suo Sommo 
Ponteflce pu6, come Papa Onorio (sic), dare una sanzione 
ancor pin. solenne (di quella data da Papa Leone alia dottrina 
della ispirazione) ad errori pericolosi e dannabili, senza com- 
promettere T infallibilita della Chiesa o perdere quella che a 
lui spetta *. 

Non essendo dunque le citate decisioni de' Concilii e del 
Ponteflce rispetto alia Bibbia in armonia colle sue opinioni, 
I'Anonimo nega la loro infallibilita e rigetta le loro decisioni 
come erronee, pericolose e dannabili. In cio quantunque egli 
abbia torto marcio, pure e logico. Muta antecedentia, diceva 
S. Agostino, si vis vitare sequentia. 

III. 

II metodo seguito dall'Anoniino ne' suoi attacchi contro la 
inerranza della Bibbia, mostra quanto giustamente il Santo 
Padre avegge nella sua Enciclica deplorato coloro, i quali nel- 

1 Our Church is BO marvellously constituted. That its Sovereign Pon- 
tiff may like Pope Honorius confer a much more solemn sanction 
upon dangerous and damnable errors without in the least compromising 
her infallibility or forfeiting his own (p. 581). 



422 UN DIPLOMATICO IPKUCHITICO 

rimhigare e produrre i monumenti dell'antichita, i costumi e 
le leggi delle nazioni e le testimonianze di cose consimili, sem- 
brano avere per loro principale intento quello di scoprire m'i 
sacri Libri macchie di error! e di contraddizioni, per cui in 
tutto se ne inferrai e vacilli 1'autorita. E cio fanno con troppo- 
infesto animo e con giudizio non abbastanza equo anche pa- 
recchi, i quali hanno tal fede ne' libri profani e ne' document! 
deirantichitfi, come se in questi non possa cadere nemmeno 
il sospetto di errore, ed invece a' libri della Scrittura sacra r 
per una apparenza soltanto appresa di errore, e nemmeno 
rettamente discussa, ricusano pure una simile credenza *. 

Tale il caso del nostro Anonimo ipercritico, come appa- 
rira evidente dall'esame de' cosi detti fatti concreti da lui 
citati per provare, contro 1' insegnamento dell' Enciclica, che 
non solo possono trovarsi, ma che in realta si trovano ne' luo- 
ghi autentici de' sacri Libri innumerevoli contraddizioni ed 
errori. 

Nell'esporre la vanita ed il nessun valore di questi fatti 
terremo Tordine seguito dall'Anonimo, mostrando allo stesso 
tempo con quanta ragione asserimmo nel nostro commentario 
sull' Enciclica 2 , che le difficolt& contro la veracita della Bibbia, 
strombazzate con tanto apparato scientifico dagli ipercritici mo- 
derni, sono difficolta vecchie e rancide, gia da lungo tempo- 
esaminate e risolte dagli apologisti ed esegeti cattolici. 



1 Ecco il testo dell'Enciclica : Dolendum enim jnultos esse qui anti- 
quitatis monumenta, gentium mores et mstituta, similiumque rerum testi- 
monia magnis ii quidem laboribus perscrutentur et proferant, sed eo s&e- 
pias consilio ut*erroris labes in sacris Libris deprehendant, ex quo lllo- 
rum auctoritas usquequaque infirmetur et nutet. Idque nonnulli et nimis 
infesto animo faciunt nee satis aequo iudicio ; qui sic fidunt profanis libria 
etjdocumentis memoriae priscae, perinde ut nulla eis ne suspicio quidem 
erroris possit subesse, libris vero Scripturae sacrae, ex opinata tantunt 
erroris specie, neque ed probe discussa, vel parem abnuunt fidem. 

' Quad. 1050, p. 665. L' Enciclica, parlando di siffatte difficolt^ aveva 
gia osservato che non pauca ilia, quae contrarii aliquid vel dissimile 
viderentur aflFerre (eadem fere sunt quae nomine novae scientiae nunc obii- 
ciunt), non subtiliter minus, quam religiose componere inter se et conci- 
liare (Patres) studuerunt . 



K LA ninuiA 423 

occoci giiinti al punto vitale della n>*ti 
l.'Anonimo ;iiluiu|iic asserisce che second <> rKsndo, il Levi- 
ed i Numori, Most ' dec n.- to numoros< .or regolare 
^li oloraiisti rd i sacriflcii, le quali lggi noi doM.iam credere 
essere state ispiratc da bio. Se non che Dio stesso (Jehova), 
parlando per la bocca del suo profeta Gereraia (V r II, 22) di- 
chiarava con en la si, che Egli non areva MAI (never) ordinato 
cosa alcuna intorno agli oloraiisti ed a' sacriflci. Nel Levitico 
XIX. 5-6) 1'^giamo: Se immolate al Signore un'ostia paci- 
fic;! a lin d'averlo propizio, nel di in cui In iimnolata e net 
<ft appresso la mangerete. Ed in un altro luogo del raede- 
simo libro (XXII. .'H)) troviamo il seguente chiaro ordine ri- 
spetto alia identica (very same) ostia paciflca: Voi la mange- 
rete lo stesso di : non ne resterd nulla per la mattina del 
di seguente. lo il Signore. Un altro esempio : II libro dei Nu- 
raeri positivamente afferma indue diversi luoghi (XX, 23-28; 
XXXIII, 38, 39) che Aronne mori sul monte Ilor e che fu ivi 
>"I^olto; mentre il Deuteronomio (X, (>), dall'altro lato, asserisce 
oon non minor forza, che Aronne mori a Mosera, che 6 sette 
stazioni distante, e che fu 1 debitamente sepolto. 

( !io posto, senza darsi pensiero di discutere i fatti allegati, 
TAnoiiiino conchiude: Nessun giudice, nessun tribunale di 
u r iHsti/in. m-ssun uomo imparziale nel mondo incivilito oserebbe 
iiuiiifcnere che queste incompatibili asserzioni non conten- 
gano contraddizioni ed incoerenze. E se i noslri teologi (cio& 
i cattolirh ci6 affermano, sara solo in virtu del principio che 
una cosa \*\\h essere e non essere allo stesso tempo. Principio 
che noi non siamo ancora disposti ad ammettere. 

IV. 

M;i ' poi vero che lo surriforite asserzioni sieno real- 
mente incompatibili ? Tale ' la tjuistione che ogni giudice, 
ogni tribunale di giustizia ed ogni uomo imparziale dovrebbe 

1 L'Anonimo tiene obe Mosd non scrisse, nd detto i libri che da 1 teo- 
logi cattolici grli sono comunemente attribuiti. C. R. n. 328, sprite 1893 
pap. 473. 



424 UN DIPLOMATICO IPERCRITICO 

proporre a se stesso prima di pronunziare il suo verdetto che 
in realta si trovano contraddizioni ed incoerenze nelle sante 
Scritture. 

II primo caso e quello dell' opposizione, riguardo a' sacri- 
lici, tra 1' Esodo, il Levitico ed i Numeri da una parte, ed il 
profeta Geremia dalP altra. La difflcolta non ci e riuscita 
nuova, essendo essa stata proposta e sciolta da S. Girolamo r 
S. Agostino, S. Tommaso ed altri ne' loro commentarii sul testo 
del predetto profeta *. Voltaire, che soleva pigliare le sue dif- 
flcoltk segnatamente da S. Tommaso, lasciando sempre da 
banda la soluzione che ne d il Santo Dottore, la ripete nel 
suo Trattato sulla tolleranza, e da lui o da qualche altra 
ipercritico antico o moderno 1' ha presa il nostro Anonimo, 
proponendola a' suoi lettori inglesi come una sua scoperta, 
degna di questa fin di secolo ! Su tale punto non cade dubbio, 
ed il lettore potrk convincersene comparando il testo francese 
di Voltaire con quello inglese dell' Anonimo da noi letteral- 
mente tradotto in italiano alia pagina precedente. 

VOLTAIRE ANONIMO 

Dans YExode, les Nombres, le According to Exodus, Levitt 

Ltoitique, le Deuteronome il y a des cut and Numbers, Moses enacted nu- 

lois tres-s6veres sur le culte et des merous laws regulating burnt offe- 

cbatiments plus severes encore. Plu- rings and sacrifices, which laws we 

sieurs commentateurs ont de la peine must believe to have been inspired 

a concilier les remits de Moi'se avec by God. And yet Jahveh himself, 

le passage de Jeremie.... Jeremie, dit speaking through his profet Jere- 

expressement que Dieu ne demanda miah , declares most emphatically 

aucun sacrifice a leur peres. Traitt that he never gave any directions 

sur la Tolerance, Ouvres Completes, whatever about burnt offerings and 

Vol. VI, p. 266. Edit. Paris, 1817. sacrifices. C. R. pag. 584-585. 

Due osservazioni basteranno a dimostrare che nessuna con- 
traddizione esiste tra la dichiarazione fatta da Dio per bocca 
di Geremia e le prescrizioni dell' Esodo, del Levitico e del 

1 Vedi COBNELIO A LAPIDE, Comm. in Jeremiam, Oper. Vol. VI, p. 534 r 
Edit. Napoli, 185C. Fra gli autori a noi piu vicini hanno scritto sulla stessa 
difficolta CLEMKNCE (Difesa de' libri del vecckio Testamcnta), GUENE, (Let- 
tere di alcuni Ebrei a Voltaire). Du CLOT, (La Bibbia Sacra dijeta dalle 
accutc degl' increduli) ed altri. 



B LA BIBBIA 

Niimeri. IM-MIMO ci<> di" a^-'risce PAnonimo, 

che liio abl.ia di.-hiarato di non aver MAI ordinato cosa al- 
mna intorno agli olocausti ed alle vittim<>. !. parole del sacro 
to sono: lo non parlai a' padri vostri e non ordinal lore 
nrl di in cui li trassi dalla terra d'Egitlo, cosa alcuna intorno 
agli olocausti ed alle vittime * . Dunque la dichiarazione <li- 
vina e determinata in qua n to al tempo; Dio non dice di non 
aver mat ordinato cosa alcnna intorno apli olocausti ed alle 
vittinx-. in;i h<nsi di non aver cio fatto nel d\ o net tempo 
lili.-n'. u!i l-ilirei dalla serving deir Egitto. Ora, 2) e un 
iatto accertato dalla storia che la religione mosaica che pre- 
scrive olocausti e vittime non f'u istituita se non dopo che gli 
Khrei erano stati trntti dalla terra d' Egitto *, e che segnata- 
iiH'nte i sacrificii non furono ordinati se non come un preser- 
vative, dopo la loro caduta nelP idolatria, quando cioe, tro- 
vandosi nel deserto a' piedi del monte Sinai, adorarono il vi- 
d'oro. Tale 6 la vera e solida soluzione della difflcoltii 
Too anni fa dall'Angelico Dottore: Non enim Dominus hoc 
i sarriflcii, propler se volebat; sed ut per hoc ab idolo- 
lt i tn'n revoraret. Unde ANTE adorationem vituli, de quo Eocod. 
XXII, nulla praecepla de sacrificiis data sunl 3 . 

II Dii (Hot, rispondendo alia medesima difflcolta, osserva 
ch\ se invece di addurre, siccome ha fatto Voltaire, e prima 
di lui Tindal, un passo staccato, questi critici avessero aggiunto 
ci" che precede e cio che segue, la contraddizione tra il Pen- 
uco e Geremia sarebbesi ben presto dileguata. Leggasi 
adunque questo capitolo (il settimo) e particolarmente tutto 
il versetto 20, e vedremo chiaro, che Geremia non si propone 
gi& di negare che Iddio chiesto avesse sagrifizi li nel deserto 
e che gliene avevano offerto; ma egli mira a far loro inten- 

1 JEB. VII, 22. Non sum locutus cum patribus vestris et non praecepi 
is, in die qua eduxi eot de terra Aegypti, de verbo holocautomatum et 
Tictimarura. 

VIOOURODT, La Bible et let dtcouvtrtet modernet, Tom. II, pag. B2. 
Edit. Paris, 1884. 

3 Ssepotitio in Jeremiam Prophetam, Cap. VII. Oper. Vol. XIV, p. 597. 
Edit. Parma, 1863. 

t 



UN DII'LOMATICO IPERCRITICO 

dere, che rubbidienza alia sua legge si era quella che chiesto 
aveva anziche altro e prima che qualsiasi olocausto *. 

Ci rincrescerebbe il dover supporre che 1'Anonimo iper- 
critico ignorasse quelFaureo dettato giuridico: Distingue tem- 
pora et concordabis iura . Diremo piuttosto che ha preso un 
abbaglio. Volendo trovare ad ogni costo una contraddizione 
tra Geremia ed il Pentateuco, ha fatto che Dio negasse per 
bocca di Geremia per ogni tempo, quello che egli nega solo 
per un tempo determinate. Potremmo dire di pin, notando 
che F ipercritico, nel citare il testo di Geremia (VII, 22), OMETTE 
precisamente le parole nel d\ in cut li trassi dalla terra 
d'EgittOf ed in loro vece sostituisce la parola mat (never) ! E 
questo il metodo scientiflco dell'ipercriticismo biblico moderno? 

V. 

Se volessimo giudicare dai saggio che di questo metodo 
di omissioni e sostituzioni ci offre Fillustre ipercritico della 
Contemporary Review, saremmo costretti ad affermare che & 
proprio cosi e non altrimenti. Eccone un altro luminoso esem- 
pio nel secondo fatto concrete di contraddizioni bibliche 
da lui citato. Questo si fonda, come vedemmo, sopra due 
testi del Levitico (XIX, 5, 6, e XXII, 30) dove il supposto 
sacro Scrittore, parlando, secondo che afferma il nostro Ano- 
nimo, 6fr'//'iDENTiCA (very same) ostia pacifica, dichiara nel 
primo testo che quell'ostia sara mangiata nel di in cui fu 
immolata, e nel d\ appresso , e nel secondo testo dice che 
bisogna mangiarla lo stesso di, e che non ne restera nulla 
per la mattina del di seguente. 

La contraddizione in questo caso sarebbe evidente, se fosse 
vero quello nhe FAnonimo, corrompendo il sacro testo, afferma 
con tanta sicurezza, cio& the, in tutti e due i luoghi, si parli 
deH'identica ostia pacifica. Che non sia cosi appariri 1 ! chiaro 
al lettore, comparando i due testi citati e segnatamente il 
verso 5 del capo XIX col verso 29 del capo XXII. 

1 La Sibbia Sacra dtfesa ecc., traduzione italiana, Vol. 2, p. 217. Edit. 
Torino, 1854. 



B LA lUIMiIA 

LKVITICO XIX LJWTICO XXII 

5. Se immolate al Signore un'ottia 29. So Immolate al Signore un'ottia 
pacijlca u lln d'averlo propizio, per rendimento dt grasie, affiucbft 

6. Nel cli, in cut fu itnmolata e nel egli vi sia propizio, 

d\ approsso, la mangerete; tutto 30. Voi la mnnpereto lo steftso dl: 

quollo poi cbe no resti il torzo nonne restera nulla per lamattina 

giorno, lo darete alle flamme '. del di seguente. lo il Signore '. 



ipi'ivritim, fectele al suo metodo 
vnieile inuramtM)t>, nella sua cilazione, il verso 29 e, mentre 
questo p;irla espressamentr <li nn'ostia per rendimento di 
grazie, egli vi sostituisce deliberntimuMite thc very same peace 
ollerings cioe Yidentica ostia paciftca, identiHcando cosi una 
if ml suo genere! Nello stesso modo che, secondo la sana 
lilosofla, ogni uomo 6 un animale, ma non ogni ariimale e un 
uonio. o>si. srcondo la legislazione mosaica, ogni ostia per 
rendimento di grazia era un'ostia paciflca, ma non ogni ostia 
pacifica era un' ostia per rendimento di grazia. Quindi come 
si farobbe compatire, se non disprezzare, il fllosofo il quale 
bfO?asse contraddizione neH'aflerniare alcune qualit.Vdeiruomo 
in (jiuiiitii i uomo, che si negano dell'animale in quanto e tale, 
cosi e non altrimenti si farobbe almeno compatire quelTiper- 
critico biMico, il quale ragionasse, come fa il nostro Ano- 
nimo, int(.rno all'ostia per rendimento di grazia e 1'ostia pa- 
ciiica. < 1-irat duplex hostia pacifica, dice Cornelio a Lapide 3 , 
una quae offerebatur in gratiarum actionem pro prosperitate 
obtenta; altera quae offerebatur ad prosperitatem vel bene- 
flcium alicui impetrandum. 

Ne questo 6 tutto. Trattandosi di un Biblical scholar , vale 
a dire di un perito nolle cose bibliche, bisognerebbe supporre 
rli.- egli, prima di asserire che nel Levitico vi fosse contraftdi- 

1 Si iminolavoritis kottiam pacijicorum Domino, ut sit placabilis, fio 
die quo fuerit immolata, comedetis cam, et die altero: quidquid autem re- 
siduum fuerit in dioin tertium, igne comburetis. 

Si immolaveritit hottiam pro gratiarum actione Domino, ut powit 
we placabilis, Eodeui die comcdetis earn: non remanebit quidquam in 
mane alterius diei. Ego Douiinus. * 

Comnt. in Leviticum, c. HI, Oper. V. 1, pag. 511. Edit. Napoll, 1854. 



426 UN DIPLOMATICO IPERCRITICO 

zione nelle prescrizioni riguardo all'ostia paciflca, avesse <li- 
ligenteinente letto e studiato quel libro. Ora questo 6 pre- 
cisamente quello che il nostro Anonimo ha trascurato. Se non 
fosse cosi, dovremrao accusarlo di mala fede, il che ripugna 
a' nostri sentimenti di delicatezza verso gli scrittori nostri av- 
versarii. 

Infatti non altrove, ma nelMstetso libro del Levitico, lo 
scrittore sacro al capo VII, 11-17, spiega la differenza nel 
rito dell'ostia in rendimento di grazia in quanto essa si di- 
stingue da qualunque altra. Questa e la legge dell'ostia pa- 
ciflca offerta al Signore. Se Voblazione sard per rendimento 
di grazie^si offriranno pani non lievitati aspersi con olio, & 
schiacciate azime unte con olio, e fior di farina cotta, cioe 
torte fritte intrise con olio : E anche de' pani lievitati insieme 
coll'ostia di ringraziamento, che s'immola nel sacrifizio paci- 
fico; de' quali (pani) uno si offerira al Signore per primizia, 
e sara del sacerdote che spargera il sangue dell'ostia: Le 
carni della quale si mangeranno lo stesso giorno e non reslera 
nulla fino al seguente mattino. Se (poi) per ragion di voto+ 
o per libera elezione uno offrira qualche ostia, ella sara si- 
milmente mangiata lo stesso di; ma quando alcuna parte ne 
avanzasse pel d> dipoi sara lecito di mangiarla: Ma qua- 
Iqnque parte ne resti al terzo giorno, sara consumata col 
fuoco. 

E cosi il capo VII del Levitico, ignorato dall' Anonimo, di- 
mostra la perfetta concordia di cio che, nello stesso libro, fe 
detto al capo XIX con quanto e riferito al capo XXII. ' 

VI. 

Veniamo adesso allo strano caso di Aronne, il quale, se 
crediamo alle Scritture, come esse sono interpretate dall'Ano- 
nimo ipercritico, sarebbe morto e stato sepolto, allo stesso- 
tempo, in due diversi luoghi, cioe sul monte Hor ed a Mosera. 
Cosi, nell'opinione deH'Anonimo indubitatamente asseriscono,. 
contradiceudosi, il libro de'Numeri (XX, 23-28; XXXIII, 38-39> 
e quello del Deuteronomio (X, 6). 



R LA HIBIilA 429 

La soluxione e ovvb. Supponga il N'ttorv .In- il monte Hor 
fosse rispetto a Mosera quello one, per escmpio, e il collo 
Capitolino rispetto a Homa, vedrebbe egli seriamente una con- 
traddizione o incoerenza nello storico che asscrissc, in una 
parte del suo libro, che un tale e morto ed 6 stato sepolto 
sul colle Capitolino, ed in mf ultra parte, parlando dello stesso 
uomo, dicesse che quegli e morto ed e stato sepolto a Roma? 
Certamente no ; purche, s' intende, egli non ignori che il Ca- 
pitolino e uno de' sette colli della Citt& eterna. Ora lo steaso 
vale pel monte Hor rispetto al territorio chiamato Mosera. Non 
e questa una nostra scoperta: noi Hm pa ram mo, anni fa, dal 
celebre Dott. A. F. James, membro della Societa asiatica di 
Parigi. II faut admettre, die* egli, che Mosera est le nom de 
la source ou du lieu oil les Israelites campcrent au pied du 
inont Uor, lieu qui, a raison de sa projcimitd de ce mont, 
a els' identifie avec lui l . 

Lo stesso c'insegno il celebre De Laborde nel suo Com- 
mentario sul capo XXXVII de' Numeri (p. 181, c. 2): Le mont 
Uor- el Mosera ne sont qu'un meme endroit, qui toutefois n'a 
aucun rapport avec le Moseroth des Nombres XXXIII, 30 ; e 
I>iu recentemente fuinmo confermati in questa opinione dal- 
Terudito William Smith, D. C. L., LL. D., il quale, uel suo 
Dictionary of the Bible *, insegna che Mosera era aitiguo 
al monte IJor che Aronne ascese, e dove mori. 

Senonche TAnonimo, confondendo, a quel che pare, Mosera 
con Moseroth, asserisce che Mosera dista sette stazioni dal 
monte Hor. Se cosi e, lo pregheremmo di voler ponderare le se- 
guenti parole del sullodato De Laborde : Associer ces deux 
noms (di Mosera e Mo&eroth), c'est contrarier la verite, vio- 
leuter le texte, pour arriver forcement b un reseau inextricable 
de difflcult6s. Se poi Moseroth fosse realmente distante sette 
stajsioni da Mosera, e percio dal monte Hor, come non ose- 

1 Nel bictionnatre kittoriqtn, arcMologique etc. del Calmet, 4* Kditlone, 
MIONB, Vol. 3, p. 60S. 

* , Probably the people encamped in this spot (lloaers) adjacent to 
the mount which Aaron ascended, and where be died. Vol. 2, pag. 4J>4, 
Edit London, 1863. 



430 UN DII'LOMATICO IPERCRITICO 

ivmiiio ail'tTinarlo, cosi beppur lo neghiamo. 1 milo <!<' 

che insegnano i Critici su questo punto, ci siarao inconti 
in nove diverse sentenze * ! II Vigouroux, peritissimo in queste 
materie, osserva al nostro proposito che La route que sui- 
virent les Hebreux, si ello est suffisamment flxee par les tra- 
vauxderexploration sriontiftque du Sinai jusqu'au Djebel Mouca 
inclusiveinent, ne Test plus de mome partir de la montagne 
de la Loi. II reste encort3 quelque chose a faire aux explora- 
teurs tuturs 2 . II che, a fortiori, lascia moltissimo a farsi 
dal nostro Anonimo ipercritico per diinostrare che Ira Mosera 
ed il monte Hor vi e una distanza di sette stazioni. 

VII. 

Un altro caso in cui 1' Anonimo e pienamente convinto di 
avere scoperto una contraddizione palpabile (a palpable 
contradiction) e quello della conoscenza che la Scrittura allo 
stesso tempo afferma e nega aver avuto Saulle di Davidde 3 . 
La contraddizione, secondo lui, occorfe nei capi XVI e XVII 
del 1 libro dei Re. Infatti, nel capo XVI, 21, 22 si afferma 
che Davidde ando a trovar Saulle, e si presento dinanzi a 
lui; ed ei gli pose grandissimo affetto e lo fece suo scudiere , 
e che Saulle mando a dire ad Isai (padre di Davidde): Si 
stia Davidde presto di me, perche ha trovato grazia negli 
occhi iniei. Piii innanzi, al capo seguente , narra che Saulle, 
nel giorno del celebre combattimento di Davidde con Goliath, 
ebbe una conversazione animatissima col SIM giovane amico 
e si adopero a dissuaderlo dall'intraprendere un siffatto peri- 

1 II critico Trochon, nelle sue note sul Deuteronomio, quantunque opini 
che Mosera e Moseroth non fossero due luoghi diversi, pure cosl scrive : 
Aaron mourut pendant que le peuple 6tait camp6 k Mosera .... Le mont 
Hor est indiqu6 comme 1'endroit de la mort d'Aaron. Mosera 6tait par con- 
sequent dans le vuisinage du mont Hor.... Aaron ne mourut pas dans le 
camp : celui-ci n'e'tait pas sur le sommet de la montagne, mats le long d'un 
de tes versant, ou a ses pieds, pr6cieement sans donte a Mosera. (La Saintc 
Bible. Le Deuttronome. p. 74. Edit. Paris, 1888). 

' La Bible et les dlcouvertes tnodernes. Tom. 2, pag. 597. Edit. Pa- 
ris, 1884. 

C. R. p. 585. 



;:ipito; m;i. V.M|.MI|<. di. |. ML- parol'- a nulla 

mo, <-<>nx,'nti HnsilnuMitf, e i-i\-sti havi.M.' d<>ll> sue 

vesti L r li miso in <-apo 1111:1 <-'lata <li rame e lo arm<'> <Ii CO- 

/.a . Dunque, ripiglia 1'Anonimo, Satille o Davj.l.N- si co- 
noscerano molto bene in qu>l iri.irno storim prima di 
I-' nondimiMio, stnmo a dirsi, quando, 7M<?f/0 stesso ginrno, il 
din-Mo fu compito o Saulle scorse Davidde che andava coritro 
il Filiston, pgli (secondo il sacro testo) non conosceva affatto 
cln fosse quel giovane '; nfe lo conosr>v; ,\bn>r, I'umicn di 
IaviIH. . '.-.'-Saull.' fu obbligato ad interrojran^ lo stesso 

Dnviild,': C.iovinetto, di quale stirpe sei tu? E Davidde disse: 
lo son fi^liuolo del tuo servo Isai di Bethlehem! 

V'e un proverbio injjlese che dice: Birds of a !'atlnr 
flock together > che reso in italiano significa : Uccelli della 
stessa piuina si adunano insieme. I/Anonimo ipercritico ha 
piato anche questa difflcolta daH'infedele e razionalista Vol- 
taire, le cui parole sono: II est plus difficile de rtpondre a 
crux qui no peuvent coniprendre comment Saul ignore quel 
est ce David, comment il ne reconnait point son joueur de 
harpo, son ecuyer, qui portait ses armes 2 . 

I/Anonimo, credendosi sicuro del fatto suo, conchiude que- 
sta parte del suo critieismo delPEnciclica con la seguente ca- 
ratteristica domanda, che egli dirige ad ogni coscienzioso 
catlolico: Se un razionalista critico si fosse contraddetto nello 
stesso palpabile modo, e poi, voltandosi con calma, avesse af- 
l'Tinato che le duo asserzioni, anzich6 contraddirsi si corro- 
borano a vicenda, che cosa penserebbero i nostri teologi d< 
tnatici delt intelletto di quesCuomo, ed in quali termini si 
'><*ro i noxtri casuisti intorno alia ma morale f A 
questa domanda, rendendo al Diplomatico iporrritico pan per 
focao-ia, rispdnderemo in un prossimo ijuiulcrno, ncl quale ci 
occuperemo della soluzione <li questa P. di altre simili dimVolta. 

1 He had not the faintest idea who he was pa?. 585. 
< La Bible enfin Bxpliquet, nota 48 sul libro dei Re. CEuvres com- 
pletes vol. VI, parte 2, paff. 118& Edit. Paris, 1817. 



6LI ULTIMI ANNI DELIA PERSECUZIONE DIOCLEZIANfcA 



XVIII. 

L'EBITTO DI DIOCLEZIANO 
E I MARTIRI BELLA CARITA E BELLA FEBE. 

Correva il febbraio delPanno 308 4 quando nella Domenica di 
Passione usci in Nicomedia r editto tristaraente celebre di Dio- 
cleziano, che vietava Tesercizio del culto cristiano, e coman- 
dava si abbattessero le Chiese, si dessero alle flamme i libri 
sacri, si punissero con marchio d'infamia gli onorati cittadini, 
e i plebei venissero condannati alia schiavitu. 

Cotesto editto eragli stato strappato di mano dal furetite 
Galerio, il quale, invasato d'odio satanico contro i cristiani, 
flnse una loro congiura contro la stessa persona di Diocle- 
ziano, mandando di celato per due volte appiccar fuoco al 
palazzo imperiale di Nicomedia e incolpandone i cristiani, cui 
caricava eziandio di altre accuse calunniose, quali il voler 
sottrarsi alia leva, il cospirare segretamente a favore di Co- 
stanzo Cloro e di Costantino e il macchinare novita contro lo 
Stato, tutte cose acconce a ingenerare sospetti e ad alienare 
dai cristiani Tanimo del vecchio Imperatore. All'anzidetto editto 
tennero dietro lettere imperiali spedite a Roma e ai Prefetti 
delle Province con ordine d' incarcerare i Vescovi e di co- 
stringerli a sacriflcare agli Dii. A queste seguirono altre let- 
tere con ordini piu pressanti, che estendevano la persecuzione 

1 LACT. De Mori. Per set. c. 9 e 10. Eusebio peraltro colloca la data 
della promulgazione deU'Editto nel mese di Marzo (V. Hist. Sccl. Cap. VIII. 
. 2), ma i modern! critic! attengonsi peneralmente alia data di Lattan- 
zio, che sarebbe il 28 febbraio. 



\\III. II I.JTTO DI DIOCLEZIANO 

ad ogni ceto e roii'li/ion <li persone ; condannando ogni 

no <-h" riiiuiasse di sacriflcare a perdere la vita Ira i tor- 
ni'-nti. 

Allora cominci6 tanto in Oriente come in Occidente qu-lhi 
crudel camitirin:i, che allago le province dell'impero in un 
mare di sangue, ad eccezione di quelle ch'erano governate da I 
Cesare Costanzo Cloro, principe buono, mite e favorevole al 
cristianesimo '. 

Davasi da per tutto la caccia ai cristiani; e per coglierli 
piti sicuramente al laccio, tendevansi loro insidie fin suite 
piazze e sui mercati. Nulla potevasi vendere ne comprare, e 
nemmeno attinger acqua dalle pubbliche fontane, senza aver 
prima ofterto un granello d'incenso agli Dii sovra are posticce 
erette in ogni luogo. N'erano in Roma piene le piazze, coin-- 
il Forum Olitorium, o piazza degli erbaggi e delle civaie, il 
Pislorium, in cui vendevasi il pane, il Piscatorium, ove tene- 
vasi mercato di pesce, il Boarium, ove smerciavansi le carni 
bovine e il Forum Cupedinis detto anche Macellum viae 
sacrae, nel quale facevasi, come si disse a suo luogo, derrata 
grande d'ogni sorta di camangiari. 

Di qui facciasi ragione delle angustie a cui erano ridotti 
i cristiani, costretti a provvedersi da se stessi e nelle proprie 
abitazioni delle cose piu necessarie alia vita. 

Trasone faceva da' suoi servi macinare e far il pane, e ma- 
cellar le carni in sua casa per provvedere ai bisogni dei pri- 
gionieri e dei poveri cristiani, e ne spediva loro notte tempo 
le provviste; e all' istess'opera di carita dedicavansi le altre no- 
bili e ricche famiglie cristiane, che gia imparammo a cono- 
scere, specialmente quella di Agnese. 

Da casa Trasone uscivano una notte carichi di pane pei 

1 Questo Cesare, per mettere a cimento la fedelta de' suoi, propose loro 
o di rinunclare al cristianesimo, o al posto ohe occupnvano in Corte. Gli 
uni si sttennero al primo partito, gli altri al accondo. Costanzo dW lo 
sfratto a quelli e ritenne quest! presto di se, dicendo che chi era infedele 
al BUO Dio, esser non poteva fedele al suo Principe. Cos\ la pensava quel 
sa^erio; ed oh piacease al cielo che tutti i Principi pensassero all'lsteaso 
knodo! 

XV,9ol.X, fa*. 1054. 28 9 mayyio 1894. 



434 AGNESE E SUSANNA 

prigionieri e i cristiani piti poveri della citta, Ciriaco, Sisin- 
nio, Largo e Smaragdo, quando abbatteronsi in una scolta 
notturna di vigili che andavano in ronda per la citta, capita- 
nata dal tribune Essuperio. 

Alto la, grid6 loro il tribuno. Chi siete e dove andate? 
A cui Ciriaco: 

Siamo cittadini, e andiamo a portare il pane agli affamati. 

A quest'ora, ripiglia tutto accigliato il tribuno, vanno a 
zonzo i ladri e non i galantuomini; e il carico che voi por- 
tate e tutt'altro che pane. Lasciate chMo vegga... 

I quattro portatori deposero tosto e scopersero le loro 
gerle e i loro canestri. II tribuno guarda, osserva, e dice 
Si, questo e pane, m,a sotto?... sotto gatta ci cova! Ola, soldati, 
vuotate i canestri... Cosi fu fatto, ma non vi si trovo che pane. 
Allora il tribuno, che avvisava gik di avere in mano Dio sa 
qual bottino, deluso nella sua speranza, disse con mal garbo 
ai portatori: 

Vo' sapere a chi portate quest' infornata ? 

Gia vi dissi, rispose Ciriaco, che agli affamati. 

Eh! di affamati e piena Roma. Rispondetemi a tono: a 
chi portate il pane? 

Ai prigionieri e a parecchie famiglie povere della Su- 
burra. 

Chi lo manda? 

Una persona assai beneflca, rispose Ciriaco. 

- Chi 6 costui? 

E persona che fa il bene e non lo dice. un benefat- 
tore occulto. 

Ah... ah... occulto? Ma voi lo conoscete? 

Certamente ; rna non sara mai che ne riveliamo il nome. 

Trovero io modo da strapparvelo di bocca. Gia cotesto 
segreto mi di sospetto... basta... Ditemi chi sono cotesti pri- 
gionieri, che quel vostro flguro alimenta? Sarebbero per ven- 
tura quei delle Terme? 

Ciriaco non rispose. 

- Tu taci ? II tuo silenzio ti tradisce. Ho capito. Tu, i tuoi 



\\iii. i.' i 1'irro DI i 

ipagni, --hi vi inanda. si.-i.- tutti friti-Hi .. 

me. Ration vuolo adunrpio che facciate lorcomi' 
rivolto alia sua rnflsnada Soldo ti, disse, ammanettateli e con- 
durHt'li in galtnbuia; e tutt.'i qii''sta.grazia di Cerer< 
stra, accennando ai ran'stri di pane. 

Tre giorni nppresso i prigionieri vennero condannati ai 
lavori puhhlici nolle arenarie, dove trovarono moltissimi cri- 

:ii, e tra gli altri un venerando vecchio chianiato Satur- 
nino, che trafelava, e di frequente stramazzava sotto il peso 
delle corbe piene di arena. Ond'essi, sentendone pieta, corre- 
vano a sgravarlo del soverchio peso, e ne caricavano le pro- 
prie spalle. II che facevano anche con gli altri, sempre che 
vedevanli spossati dalla fatica. 

I guardie do vedendo, strabiliavano, poiche non pareva 
lor possibile sacrificare se stesso per amore del prossimo ! E 
quello che vieppiu rapivale in aminirazione, si era Tudire i cri- 
stiani in mezzo a que 1 faticosi lavori, e sotto il saettare di un 
sole che bruciava le cervella, cantare soavemente inni di lode 
al Signore ! 

A que' giorni Massimiano Erculeo era tomato con prnmde 
apparato di milizie da Milano a Roma; e uno de' suoi primi 
pensieri fu dare esecuzione all'editto del suo Collega Diocle- 
ziano. Eg\i seppe dal tribune Spurio, incaricato di sorvc^rliare 
i condannati ai lavori forzati, che i cristiani, lungi dall'avere 
Tanimo sconfltto per rumiliazione e la iatica, ne godevano, 
mutuamente aiutavansi nel lavoro. 

Questa notizia, non che raddolcirgli T animo verso cosi 
buoni e pazienti prigioniori, tilirlo aspreggit") piA fliM-amente 
che mai. Kgli fe' rimuovere di la il diacono Sisinnio, rh' ora 
la guida e il sostegno dogli ultri ; e diello nelle inani del 
Prefetto, il quale mandollo rinchiudere nel carcere Tulliano 
sotto la sorveglianza dol < (nnmrntariense Aproniano ! . Ouesti, 
spiando di notte il priiri<mii'n, vide su di lui sfolrnnin una 
luce celeste, che rischiaro le tenebre della prigiom. 

1 II Commentariense aveva la sopraintendenra delle prfgioni e a lui 
upettava presentare i prigionieri al tribunale. 



436 AGNESB E SUSANNA 

Era questo uno dei segni soprannaturali piu frequenti, col 
quale il Signore piacevasi attestare, siccome vedemrao ne' ca- 
pitoli precedent!, la santita de' servi suoi. Se non che questa 
fiata awenne un doppio prodigio; poiche da quell'aureola la- 
mi nosa spiccossi una voce celeste che fece udire queste parole: 
Venite benedicti Patris mei, percipite regnum quod vobis 
paratum est ab origine mundi. 

Colpito da queste parole e dalla visione, Aproniano corse 
tremebondo a pie del suo prigioniero, e chiesegli con vive 
istanze il battesimo, protestandosi pronto a dare anch'egli per 
Gesu Cristo la vita. 

Sisinnio annul alia sua domanda, e mostrossi disposto a 
compiacernelo. 

Di che Aproniano fuor di se per Pallegrezza, giovandosi 
del suo potere sui prigionieri, il fe' passare notte tempo in 
sua casa, ch'era attigua al carcere ; e quivi da lui venne am- 
maestrato nella fede e battezzato. 

Tra questo battesimo d'acqua e quello di sangue non corse 
di mezzo che un giorno. Poiche Aproniano, presentando per 
ragione del suo ufflzio il prigioniero Sisinnio al tribunale, di- 
chiarossi anch' egli cristiano, lamentandosi di avere perduti i 
suoi giorni nel culto de' falsi Numi. 

Hai ragione di dire che perdesti i tuoi giorni, dissegli 
stupefatto e adirato il Prefetto ; dacche questo sara 1' ultimo 
di tua vita ; e senza piii condannollo al taglio della testa. Indi 
volto agli assessor! suoi, soggiunse: se non si uccide incon- 
tanente costui, molti per sua cagione periranno. Aproniano 
venne tosto condotto fuor di porta Salaria, e quivi deca- 
pitato. 

Ne ando guari che anche Sisinnio, e con lui Saturnino, 
dopo atroci tormenti conseguirono la stessa corona, decollati 
a due miglia dalla citta nella via Nomentana * ; e appo loro, 
con picciolo intervallo di tempo, due delle loro guardie, Papia 
e Mauro, de' quali narra la storia che, essendo present! alia 

1 Furono i loro corpi dal prete Giovanni e da Trasone sepolti nel cl- 
noitero di quest'ultimo in sulla via Salaria. 



\VIII. I.' 1.1- MTU I.I I.I.M I | /UNO 

ii aii/.id.'tti inartiri, e vedendo la luro s.\ni 
main /a !!' tonii.'iiti, ruim- a mi comundo di Satur- 

nuio il trijiode e il braci.'i.- <li brunzo, su cui egli era stato 

Lil ^ni'ii< invitaU) a bruciare incenso agli Dei, fossero ca- 

iuti in iruniuini a terra, avevano riconoscinta la divina po- 
tenza di Cristo. Onde, confessandolo ad alta voce ivi stesso, e 

in saldi in questa confessione in mezzo ad a trod torture, 
lueritarouo anch'essi la corona del martirio, barbarainente uc- 
cisi a colpi di piombarole '. 

Piil lunga e atroce battaglia era riserbata al diacono <ii- 
riaco, gia molto innanzi negli amii. 

Egli venae alle mani di un giudice, ch'era una belva fe- 
roce ben degna del suo imperiale padrone. Costui, avuto a se 
Ciriaco, dopo averlo in vano sollecitato a rinnegare Cristo, 
mise mano a torturarlo. E dapprima comando gli fosse ver- 
sata in capo pece liquefatta e bollente, dicendogli con amaro 
sarcasmo Tu se' vecchio ed hai i canuti. Or io vo' ringio- 
vanirti, annerendo i tuoi capelli. 

Ciriaco tacque; e sol quando senti quella rovente lava sulla 
sua testa, sclanio Sia gloria, a te Signore, cbe mi apri le 
porte del cielo. 

Indi fu fatto stirare Bull'eculeo e flagellare; e il pazieute 
veglio altro non disse tra que' martori se non cbe : Ahbi 
Gebu mio, pieta di me, misero peccatore ! 

Venne poi la volta di Largo e Smaragdo, ai quali fu ag- 
giunto Cresceuziano, nobile romano, di recente imprigionato 
per la fede, e anche quest! mostrarono uguale costanza ne' tor- 
menti; in mezzo a' quali quest'ultimo spiro, sclamando: Ti rin- 
grazio, o Cristo, che mi chiamasti alia tua grazia ed amicizia. 

1 1 loro corpl veunero dal prete Giovanui raccolti e tumulati Delia via 
Nomentana ad Nymphat S. Petri, ossia nel cimitero Ostriano. Questa vatta 
neeropoli si svolge di la dal Cimitero di S. Agnese. Ivi, secondo un'antica 
tradiiione, S. Pietro battezzava in una casa sovrastante al cimitero; ed ivi 
pur veoeravai la prima catted ra, BU cui S. Pietro iatruiva il popolo di 
Dio. II cimitero Ostriano e ricco di pitture a fresco rappresentanti parecchi 
fbtti dell'antico e nuovo Testamento, alcune imagini del Salvatore, un'effl- 
gie della Vergine e raolte iscrizioni aMai belle per aotica semplicita e a- 
pore cristlano. 



438 KSK I-'. SI'SANNA 

II suo corpo., gik livido dai flagelli, scarniflcato <l;ill<> un- 
ghie di ferro e riarso ne' flanchi da facelle ardenti, \ 
gettato a terrore di tutti davanti al tempio di Pallade a pie 
della salita dell' Orso. Ma, sopravvenuta la notte, il prete 
vanni raccatollo; e untolo di odorati unguenti, lo seppelli in 
un arenario della via Salaria nel cimitero di Priscilla. 

I superstiti in un con altri prigionieri cristiani d' ambo i 
sessi in numero di ventuno, tradotti per ordine di Massimiano 
alle terme di Sallustio fuor delle mura in sulla delta via Sa- 
laria, ivi vennero decapitati; e i loro corpi lasciati in pasto 
ai cani e agli avoltoi. Senonche il nuovo Tobia del Vangelo, 
il prete Giovanni, accorse di notte al luogo del loro combat- 
timento, e con lui un altro sacerdote, chiamato Antimo, che 
per cola abitava, e insieme raccolsero le recise teste e i corpi 
dei martiri, e trasportaronli nella casa di quest' ultimo, ore 
per otto di conservaronsi con le carni fresche e le membra 
flessibili senza dar segno di corruzione. 

LTabitazione di Antimo e H terreno annesso alia medesima 
erano proprieta di Lucina; e tornava quindi facile ai cri- 
stiani di andarvi a tutto lor agio. Peru, correndo allora tempi 
assai fortunosi, faceva d'uopo usare molta cautela per non atti- 
rare su quella casa gli sguardi sospettosi della f'olizia. 

La padrona del luogo aveva ordinato che s' indugiasse il 
seppellimento dei martiri, sia per dar campo alia devozione 
di molti fedeli, che vi si recavano di notte a venerarli, sia 
per lasciare che sbollissero alquanto gli umori popolari e il 
risentimento dei magistrati, rimasti scornati per T invincibile 
fortezza di quegli eroi della fede. 

L'ottavo giorno dalla loro morte era il destinato alia loro se- 
poltura. II Ponteflce Marcellino col suo clero; Trasone, Ottavilla, 
Teodora, Agnese co'suoi genitori, Sotere, Anastasia la giuniore, 
ed altre dame e gentiluomini recaronsi alia spicciolata e tra 
le tenebre della notte a casa del prete Antimo, ove gk\ avevanli 
preceduti Lucina e il suo consorte, il senator Piniano, accom- 
pagnati da molti famigli con carri pel trasporto delle sacre 
spoglie. Quando parve al Ponteflce venuto il tempo di dare 






\\ in. i.'i.i'im. LI : 

>:I-T;I tai 'ccbi sacer- 

doti e ilianmi, poMtili'-'' -<>\T:I MM modesto altare, ove Antiino 
soleva ogni di celebrare il divin sarriiixio; e dopo il Vangelo 
tesse uii Minirniflco elogio di questi imM-lli cauipioni della fede, 

iineiiinrando anche quelli che priina di loro era no saliti 
con la corona e la palnia del martirio al cielo. 

Terininatn il Pontificate, la pia adunanza recit' salmi ed 
inni devoti intorno a quelle venerate salme; e quindi tutti a 
gara si fecero a baciarne le niani, i pie e le recise teste, e 
a toccarle con le loro pezzuole e a tagliarne ciocche di ca- 
pelli e brandellini di veste, che poi si appendevano in serici 
borsellini o in donate teche al collo. Delle quali reliquie tocc6 
anche parto alia prigioniera Susanna, recatale in una teca 
d'oro dalla sua tenera arnica Agnese. 

Dato sfogo per tal guisa alia fervida devozione de' fel-li, 
i sacerdoti ricongiunsero le sacre teste ai busti, sparsero di pre- 
ziosi aromi, d' odorate erbette e di flori que' venerati corpi ; 
e poscia involtili in bianchi lini caricaronli sui carri e tras- 
portafonli, in un col corpo di S. Ciriaco, in un podere della 
detta Lucina sulla via Ostiense a sette miglia da Roma *, ove 
furono dalla medesima di sua mano rinchiusi in avelli di pietra. 

Non and6 guari che T istesso prete Antimo, gia fedel cu- 
stode di quel sacro deposito, merit6 da Dio eguale corona ; e 
gliene porse parimente il destro un atto di cristiana carit^. 
In di che certi villici per cola intorno sacriflcavano al Dio 
Silvano, il sacriflcatore di repente invaso dal denionio, afferra 
furibondo una spada, e dassi a scorrazzare per la cainpagna, 
ferendo quanti scontra sul suo'cammino. Tutti prendono spau- 

I Lucina possedeva suU'Ostiense, come^snll'Appia, grandl latifundi, in 
uno de' quali la sua antennta dell' istesso nome, vissuta ai tempi npoito- 
lici, avcva fondato, oltre al cimitero di Callisto, anche questo della via 
Ostiense. % 

II ch. DE Rossi e di avviso che la Lucina wnioro esser possa la nobile 
Pomponia Grecina, moglie di Claudio conquistatore della Bretafroa, stretta in 
parentela colle famiglie del Cecilii e de'Cornelii; la quale, dopo la sua 
conversione, avrebbe adottato il mistico agnome di Lucina. 

Le pallerie sotterranee del detto cimitero rimanpono inesplorate; e sol- 
tanto dal cimitero sopratterra si raccolscro numerose iscrixioni. 



440 AGNESE E SVSANNA 

riti la fuga; e alcuni rifuggitisi a salvamento nel podere di 
Lucina, narrano il doloroso caso ad Antimo; il quale, sen/;i 
por tempo in mezzo, e pieno di flducia in Dio, muove incontro 
alPossesso, e gli grida In nome del mio Signore Gesu Cristo 
t'arresta e deponi la spada. Quegli arrestossi di colta, gitto 
da se il ferro micidiale, e divenuto a un tratto mansueto al 
pari di un agnellino, segui Antimo che lo condusse a casa sua. 
Pass6 il zelante sacerdote tre giorni orando e digiunando; 
in capo a'quali 1'indemoniato fu libero, torno in senno, e voile 
essere istruito nella fede e battezzato con tutta la sua fami- 
glia e molti di quei villici stati testimoni del prodigio. 

Questi nel primo slancio della loro fede abbatterono 1'ara 
di Silvano, e ne spiantarono il bosco. II che per altro cosse 
grandemente agli altri villici rimasti pagani; i quali, deferita 
la cosa al Prefetto, ebbero da lui il mandato di trascinare 
Antimo innanzi all'abbattuto altare di Silvano, e di costringerlo 
a sacrificare a quel Nume. Ogni lor tentativo per6 cadde a 
vuoto. Laonde, indragati contro di lui, trascinaronlo flno al 
Tevere, e legategli le mani a tergo e un sasso al collo, vel 
traboccarono dentro. Ma 1'angelo del Signore lo sciolse da' suoi 
legami, lo trasse fuor dell'acqua e lo ricondusse al suo ro- 
mitaggio. 

II di seguente, vedendo i gentili che molti cristiani di quei 
dintorni andavano* secondo il costume, a visitarlo, berteggian- 
doli dicevano: Andate pure a visitare il vostro Antimo, che 
giace in fondo al Tevere. E quelli Che dite mai ? L'abbiamo 
noi visto teste vivo e sano come un pesce, e ci ha pregato, 
secondo il suo costume, ogni bene da Dio. 

Ma voi sognate, ripigliavano quelli. Poiche noi stessi 1'ab- 
biamo ieri trascinato pei piedi fino al flume, lacerandogli le 
carni e ammaccandogli tutta la persona; e j)oi legategli da 
tergo le mani, 1'abbiamo con un gran sasso al collo precipi- 
tato nel Tevere. 

Che ci state voi a contare, ripicchiavano i cristiani, se 
noi 1'abbiamo veduto or ora con gli occhi nostri vivo, sano 
e senza un livido o una scalfltura nella persona ? 



\\1II. I'li.HTO 1)1 DloCLEZIANO 441 

Ebbeno, vediamo chi <li noi dice vero, ripresero i 
e frugati dalla ruriosita, corsero al romitaggio. 

Quale noo fu 11 loro stupore, quando veriticar poterooo 
coi propri occhi la verita del miracolo?! Caddero tutti a pie 
di Antimo, chiedendogli perdono e insieme la grazia del bat- 
lesinio. OtteMiero quanto dimandavano; ma questo medesimo 
ebbe a costare ad Antimo la vita. 

Imperocchfe il Prefetto, avvertito delle tante conversion! 
operate da Antimo, raand6 catturarlo, e se lo fe' venire din- 
nanzi. Non rispanuio con lui ne promesse, ne minacce, n6 
torture ; ma tutto in vano quanto allo srnuoverlo daJla sua fede. 
11 perch& condannollo nel capo; ed Antimo ando a raggiun- 
gere in cielo i beati martin, de' quali aveva con tanta pieta 
e religione serbate in terra le spoglie. Ne fu il solo; poichfc 
ancbe i suoi discepoli Massimo, Basso e Fabio conseguirono 
in diversi modi T istessa corona, uccisi nelP istesso luogo, ove 
solevano fare orazione, e quivi ancora sepolti *. Di tante batta- 
glie vinte dai campioni della fede in Roma, Trasone e Claudio 
erano stati quasi sempre testimoni oculari, e avevano condotto 
seco a quel trionfale spettacolo il Senator Massimo, acciocche, 
confortato dalla vista di tanto eroismo, s'inducesse finalmente 
ad abbracciare la fede degli eroi. Ne and6 faJlito il loro di- 
segno; che la carita e il coraggio de'martiri non ineno che 
il sublime disprezzo delle grandezze di questo mondo, gene- 
ralraente osservato ne' fedeli, massime nelle due vergini Su- 
sanna ed Agnese, avevangli iatto profonda breccia nel cuore. 
Mnd'egli sentiva vergogna e rimorso di avere cotanto differ! ta 
la sua conversione per sola pusillanimita ; poiche del resto 
aveva, come a suo luogo vedemmo, in grandissimo pregio il 
cristianesimo, i cui doinmi e precetti di altissima sapienza 
erangli abbastanza noti. Un di pertanto, accompagnato dal 
fratello Claudio, presentossi al Pontefice, e pregollo che -i 

1 Gli atti di quest! martiri notauo qui che il Seuatore Piniano, marito 
di Lucina, nel cui podere furono quegli eroi della fede sepolti, ralleprossi 
Mai del loro trionfo, e ch' indi a poco anch'eprli addormentossi placida- 
mente uel bacio del Signore. 



442 AGNESE E SUSANNA 

degnasse di metterlo nel ruolo de' catecumeni; e presero tra 
loro modo ed ordine alia solennita del battesimo, che sarebbesi 
celebrata indi a un paio di settimane. Ne questo era il solo 
frutto del sangue de' martini, che altri moltissimi della nobilta 
e del popolo avevano parimente chiesto con istanza di essere 
a Cristo rigenerati, veriflcandosi anche una volt* il detto di 
Tertulliano che sanguis martyrum semen est christianorum. 

II novello catecumeno voile dare egli stesso la lieta no- 
vella alia sua cugina Susanna ; la quale all' udirla bril!6 di 
gioia, ed espressegli il desiderio che si facesse battezzare, 
come Dionigi e Pancrazio, nella sua cappella. Ma essendo allora 
la sua casa sottoposta a piii severa sorveglianza per parte della 
polizia, T istesso Gabinio giudicd