(navigation image)
Home American Libraries | Canadian Libraries | Universal Library | Community Texts | Project Gutenberg | Children's Library | Biodiversity Heritage Library | Additional Collections
Search: Advanced Search
Anonymous User (login or join us)
Upload
See other formats

Full text of "La Civiltà cattolica"

CIVILTA CATTOLICA 



Beatua populus cuius Dominus Deus eius. 
Ps. 141, 15. 



ANNO 71 -I92O 



VOL. 3. 



ROMA 

DIRBZIONE E AMMINISTRAZIONE 

Via di Bipetta 248 

1920 



PROPRIETY LETTERAR1A 

APR 15 



Roma, Tip. Befan i. 



LETTERA PONTIFICIA 

ALL'EPISCOPATO VEXETO 



DILECTIS F1LIIS NOSTR/S PETRO S. R. E. PRESS. CARD. LA FON- 
TAINE PATRIARCHAE VENETIARUM ET BARTHOL. S. R. E. 
PRESB. CARD. BAC1LIERI EPISCOPO VERONENSI VENERA- 
BILIBTJS FRATRIBUS ANTONIO ARCHIEPISCOPO UTINENSI 
CETERISQTJE EPISCOPIS VENETAE REGIONIS 

BEKEDICTUS PAPA XV. 

DILECTI FILH NOSTRI AC VENERABILES FRATRES 
SALUTEM ET APOSTOLICAM BENEDICT! 03 EM 



Intelleximus ex iis litteris, Jquas dudum communiter.ad 
Nos dedistis, magna vqsurgeri sollicitudine ob eos populares 
motus, quibus istius Eegionis tranquiJlitas in praesens con- 
turbatur ; non solum quia perdifflciles sunt atque arduae 
quaestiones de quibus agitur, sed etiam quia ipsa Fides in 



AI DILETTl FIGLI NOSTRI, I CABDINALI PIETRO LA FONTAINE PA- 
TRIARCA. DI VENEZIA E BARTOLOMEO BACILIERI VESCOVO DI 
VERONA, AI VENERABILI FRATELLI ANTONIO ARCIVESCOVO DI 
TJDINE ED ACHJ ALTRI VESOOVI DELLA REGIONE VENETA 

BENEDETTO PP. XV. 

DILETTl FIGLI NOSTRI E VENERABILI FRATELLI 
SALUTE|ED APOSTOLICA BENEDIZIONE. 

Abbiamo appreso dal vostro recente Indirizzo, in quale ansieta 
voi vi troviate per causa delle agitazioni che in questi giornicon- 
turbano la tranquillita di cotesta Regione ; ansieta che e cagionata 
non solo dalla difficolta di comporre conflitti di tal genere, ma anche 
dal fatto che ne pericola la stessa Fede. Noi partecipiamo di cuore a 
coteste vostre angustie, e per i vostri stessi motivi ; molto pKi che 



4 LETTERA PONTIFICIA ALL'EPISCOPATO VENETO 

discrimen adducitur. Istam !N"os curam vestram ex animo 
easdemque ob causas participamus ; eo magis quod ISTostra- 
rum partium est maxime et christianam animorum recon- 
ciliationem revocare et sempiternae populorum saluti pro- 
spicere. Primum omnium, recte vos propria quaedam in 
operariorum utilitatem instituistis Officia, quae quidem, 
principiis christianae sapientiae adhibitis, quasvis inter eos 
qui vel rem conferunt vel operam contentiones dirimerent. 
Et certe, uti ad Bergo mensem Episcopum haud ita pridem 
scrip simus, magno usui esse possunt haec Officia, dummodo 
et catholicis principiis nitantur, et in iis quae ad religio- 
nem, mores doctrinamque (pertinent, potesta'ti EccJesiae 
oboedienter subsint. 

Namque ad sanationem malorum quae in huiusmodi cau- 
sis exsistunt, Ecclesia tantum certam babet medicinae effi- 
cacitatem, congruenter aeternis iustitiae legibus, quam hodie 
humanum genus magna voce undique efflagitare audimus. 
Atque hae sunt omnino servandae leges, intra tamen pro- 
prios ipsarurn fines, ut,iustae stabilesque Derrnaneant. Quare 
cum locupletes hortamur |ut largitati atudeant et aequi- 



6 Nostro sacro dqvere richiamare gli animi alia riconciliazione cri- 
stiana e procurare la salvezza eterna dei popoli. 

Innanzi tutto, voi avete fatto bene a istituire gli Uffici del Lavoro, 
per dirimere le rarie controversir tra capitals e mano d'opera, alia 
luce dei principii oristiani. E o^rtamente, coine abbiamo scritto non 
ha guari al Vescovo di Bergamo, questi Uffici poasono essere di grande 
utilita, sempre cheqi iapirino ai principii cattolici e che per la parte 
spettante alia religione, ai costurni ed alia dottrinia, professino ossequio 
all'Autorita Ecclesiastica. Ed invero, per ovviare i inali inerenti a 
siffatti problemi, soltanto la Chiesa ha aicarezzae stability di rirnedii, 
conforn^emente alle leggi eterne della giustizia, la quale ai giorni 
nostri sentiamo invocare per ogni dove a gran vooe dagli uomini. 
Queste leggi bisogna applicare, ma nei limiti loro proprii, affinche 
rimangano giaste e durevoli. Perci6, mentre da uua parte diciamo ai 
ricchi : siate larghi nel dare, anzi ispiratevi pifc alia equita ed alia 
carita che non ail* stretta giustizia, dall'altra diciamo ai proletari : 
state in|guardia per la vostra Fede, 1 quale pericola quando eccedano 
le vostre preteoaiooi. Qui sta appunto 1'insidia degli avversari, di 
far chiedere troppo, anche daila Chiesa ; e quando non si ottenga quel 



LETTER A PONTIFICIA ALL'EPISCOPATO VENETO 5 

tatem potius sequantur quam ius, turn proletaries sedulo 
commonemus, caveant ne, si quid immoderatius expostulare 
contendant, sua ipsomm Fidfes periclitetur. Haec enira insi- 
diosa est adversarionim ratio ut, etiam ab Ecclesia, immodica 
exigere suadeant ; quae ubi multitude non adepta sit, ipsam 
ad defectionem concitent. Itaque ab omni agendi intempe- 
rantia abstinendum est ; quae quidem semper adest cum vel 
vis adhibetur atque odia inter civium ordines foventur, vel 
quae sunt in ipsa hominum fraternitate et aequalitate pluri- 
mae natura dissimilitudmes negliguntur, vel demum in hac 
fluxarum rerum adeptione omms humanae vitae finis collo- 
catur. No runt quidem pauperes et egentes quam peculiar! 
studio Nos eos prosequamur, utpote simiiitudini lesu Domini 
propiores. Sed jtamen veremur ne aliquando, dum petunt 
quod sibi debetur, usque eo perveniant ut, officiis posthabi- 
tis, invadant in aliena iura, quae sancta, non aliter ac sua 
propria, prorsus habenda esse Eeligio iubet. Docent quidem 
adversarii alienum ius laedere, iis vaide probantibus quiho- 
minis beatitatem in hac mortali vita omnem ponuntj; atqui 
violatum ius in aeternum reclamat. 



elie si brama, si incita il popolo a defezione. E neciessario diinque 
astenej si dalle intemperanze ; ed intemperanza certo vi ha sempre, 
quando si usa la forza o si insinua 1'odio di classe, o si disconoscono 
le varie disuguaglianze social! volute da natura pur nella stessa 
uguaglianza e fraternita umana. e quando infine si fa consistere tutta 
la finalita della vita nella coiiquista dfci beni' terreni. Sanno bene 
i proletari quale speciale affetto Noi nutriamo per lore, perche 
piu somigiianti all 'imagine di Gesu Cristo. Tutta via Noi temiamo che 
essi non si laseino talora andare tanto oltre nel rivendieare i proprii 
diritti. da dinienticare anche i doveri, e da invadero cosi i diritti al- 
trni ; i quali pure, come prescrive la Chiesa, si devono oonsiderare| 
non altrimenti che i loro diritti stessi, come sacri e inviolabili. 
bensi verp che gli.avversarii insegnano a ledere questa giustizia; nel 
che trovano apertamente favorevoli coloro che limitano tutta 
intera la felicita dell'uonio a questa vita mortale; ma la giustizia 
conculcata protestera per sempre. 

Restino dunque f edeli alia Chiesa i proletarii, quantunque sembri 
dar meno degli avversarii: poiche essa, mentre non da a sperare cose 
eccessive o fallaci, promette soltanto cio che e giusto e durevole : 



6 LETTERA PONTIFICIA ALL'EPISCOPATO VENETO 

Quapropter sint dicto Ecclesiae audientes proletarii, 
^uamvis minus ea dare quam adversarii videatur ; non enim 
immodica et fallacia, sed quae iusta sunt ac diuturna pro- 
mi ttit : ac meminerint earn, quam quam omnium matrem, 
ipsos, juti diximus praecipuo / quodam studio complecti ; 
divitesque, si quando defendat, non quia divites, sed quia 
iniuste vexatos defendere. Item locupletes Ecclesiae obse- 
qUantur, materno ipsius amore et aequabilitate conflpi. 

Vos vero, dilecti Filii Nostri et Venerabiles Fratres, in> 
pensam date operam ut pacifice populus suum assequi con- 
tendat : cumque in hanc rem catholicae praesertim cousocia- 
tiones conducant, vestrum erit .curare modis omnibus quo 
ipsae cotidie magis ubique vigeant ac floreant. In his lecti 
de populo homines praecipue allaborent; iuniores actuosam 
virtutem afferendo, seniores prudentiam, consilium usumque 
rerum praestando : cJerus autem nee agitationet? nee multo 
minus seditiones partecipet, sed potius, optima quaeque 
verbis et exemplo suadens, concitatos animos opportune 
tranquilJet. Hap igitur consociationes ^N"os cum operariorum 
turn domino rum benevolentiae magnopere commendamus ; 



e si ricordino, che sebbene sia madre di tutti, essa, come abbiam 
detto, ha una predilezione per i poveri ; ed anche nei casi in cui le 
tocchi prendere le difese del ricchi, non li difende in quanto ricchi, 
ma in quanto ingiustamente aggrediti. Cosi pure il ricco sia ossequente 
alia Chiesa, confidando nel suo inaterno affetto e nella suapiena 
imparzialita. 

E voi, o diletti figli Nostri e Venerabili fratelli, adoperatevi a 
tutta possa, ainnche il popolo nelle sue contese non lasci le vie 
pacific he; e poiche al raggiungimento di un tal fine sono di va- 
lido aiuto le organizzazioni cattoliche, sara vostra speciale cuTa che 
esse da pertutto si consolidino e sempre piii fiqriscano. Lavorino in 
esse principalmente i migliori del laicato; contribuendovi i giovani 
con la loro operosita, e gli anziani con la saggezza del consiglio e col 
frutto della esperienza. II clero poi non prenda parte alle agitazioni 
e|molto meno alle sedizioni ; ma piuttosto cerchi di instillare nelle 
masse tanto coll 'esempio quanto con la parola ogni piu saggio pen- 
siero, e procuri di esortare opportunamente alia calma gli animi 
eocitati. 

Nbi pertanto raccomandiamo vjvamente queste associazioni 



LETTERA PONTIPICIA ALL'EPISCOPATO VENETO 7 

ac fore confidimus ut plurimum ipsae, Deo favente, ad com- 
mune boimm conferant, maxime si numquam ab Ecclesia- 
sticae Auctoritatis obsequio discedant nee a lege christianae 
caritatis. 

Caelestium autem munerum auspicem ac paternae be- 
nevolentiae Nostrae testem, vobis, dilecti Filii IsTostri et 
Venerabiles Fratres, cunctoque clero ac populo vigilantiae 
vestrae credito, Apostolicam Benedictionem peramanter 
impertimus. 

Datum Eomae apud Sanctum Petrum die xiv mensis In- 
nil MCMXX, Pontificatus Nostri anno sexto. 

BEMDICTUS PP. XV. 



al),'affetto sia degli operai come dei padroni, e confidiamo che, con 
1'aiuto di Dio, esse saranno di somma utility al bene comune, special- 
mente se non si scosteranno inai dalle direttive dell'Autorit^ eoole- 
siastica e dal precetto dell'amore fraterno. 

E in auspicio dei celesti favori nonche in pegno della Nostra 
paterna benevolenza, impart iamo con effusione a voi, diletti Figli 
Nostri e Venerabili Fratelli, al clero ed al popolo affidati alle vostre 
cure, 1'Apostolica Benedizione. 

Dato a Roma presso San Pietro, il 17 Giugno 1920, nelPanno sesto 
del Noatro Pontificate. 

BENEDICTUS PP. XV. 



LA NTJOVA PAROLA DEL PAPA 

PER LA PACIFICAZIONE SOGIALE 



I sintomi della rivoluzione e della guerra, gia da noi 
tante volte denunziati - guerra intestina e sociale, succe- 
duta alia guerra esterna e mondiale, lotta di classe seguita 
alia lotta del popoli, frutto essa pure delle passate rivolu- 
lioiii e causa delle nuove - si vanno sempre piu aggravando, 
diffondendo e, che e peggio, traforandosi anche sottilmente 
e iargamente, per colpa di pochi o mestatori o illusi del Ji- 
beralismo vecchio e del sowersivismo nuovo, anche tra le 
file cattoliche, anche fra gli operai cristiani e fra gli stessi 
pifo quieti ooltivatori delJe nostre campagne. 

Cid reca certo vivissimo dolore a quanti amano il vero 
bene del popolo e della societa tutta quanta, ma non deve 
recare troppa meraviglia, chi -consider! la malvagit degli 
uomini e dei tempi, Poiche a questi non possono certo sot- 
trarsi neppure i cattoiici piu f erven ti ; onde troppo facil- 
mente, se molto bene non se ne guardano, vengono a ri- 
aentirne i tristi effetti ed a parteciparne i danni. Tanti so no 
-ripetiamo -gli agguati, le insidie, gli error! che H minac- 
oiano ; tante le .seduzioni che li circonvengono, e che non 
solo traviano gli individui, ma talora le associazioni, istitu- 
zioni e federazioni cattoliche ; tale infine lo spirito univer- 
salmente diffuse, come aura pestifera, penetrate nelle stesse 
vene della societa moderna, per il vanto della sua trista ci- 
vilta, della sua stampa, della sua scuola, della sua vita do- 
mestica e civile. 15 spirito di liberty o piuttosto licenziosita, 
ohe & indipendenza da ogni debita sudditaijza all'autorita 
oostituita, anzi da qualsiasi legge o ritegno, spirito di cu- 
pidigia agognante a sempre maggiori ricchezze, a sempre 
piti intensi godimenti o volutt& materiali ; spirito insomma 
di pretto naturalismo, o laicismo, come lo chiamano, gia 
oosl fortemente deplorato dal Santo Padre Benedetto XV, 
fino dalla sua prima Enciclica, quale fonte esiziale dei mag- 




LA NTJOVA PAROLA DEL PAPA 9 

giori mail e della piu profonda corruzione della famiglia 
umana ; quindi veleno della felicita non meno che della one- 
sta del popoli. Percio avviene ora nell'ordihe morale e re- 
ligioso, come nella vita fisica ai tempi e in paesi dall'at- 
mosfera corrotta, che ancfre i sani se ne risentono, almeno 
con nn indefinite mal essere, in cui sono pure i sintomi del 
reo veleno. Dal peggio li puo salvare solo una cura vigprosa, 
di rimedio non pure o di antidoto, ma di preventive altresl 
all'infiltrazione dei germi morbosi, di cui certi fatti non 
sono causa, come crede il volgo, ma sintomi od effetti. 

Ora un tale mezzo si ha infallibile, e non si ha altrove 
che nella dottrina e nello spirito della Chiesa, per chi ne 
studia, ne intende e ne segue le galutari ordinazioni, ed 
anche le semplici esortazioni, come direttive sicure. 

Quando un siffatto elementare principle va dimenticato 
fra i cattolici, allora scoppiano tosto e necessariamente 
quei tristi sintomi che noi abbiamo r, < ~- r.nnato : minacce, 
violenze, sommosse e simili fatti, sinora ignoti fra i nostri. 
Essi danno certezza del vizio latente anche fra la esteriore 
apparenza. della piu promettente prosperity! delle nostre asso- 
ciazioni. Le quali,quanto crescono allora di estensione o di 
numero, tanto perdono. di intensione o di spirito interno, 
col prevalere appunto del laicismo^ deplorato sempre e de- 
plorabile ; sebbene coperto del pallio di neutralismo bene- 
'volo o di aconfessionalismo opportunista. 

Tali sintomi - che tennero e ancora tengono agitato il 
Bergamasco, anche dopo la tanto decisiva lettera del Papa 
al vescovo di Bergamo, gia riportata e commentata in que- 
ste pagine -prorompono ora minacciosi anche in alt re n obi li 
province cl'Italia, le quali piu ebbero a soffrire dalla guerra 
e percio piu si risentono del disagio economico e morale che 
la guerra ha lasciato dietro di se : le province del Veneto. 
I fatti sono noti dalla stampa giornaliera e dalla cronaca 
contemporanea: lotte tra contadini e proprietarii, tra lavora- 
tori e padroni, a cui la famosa questione agraria servi da 
pretesto. Di essi a ragione si commossero profondamente 
i vescovi tutti del Veneto, e ne dettero quindi pronto rag- 



10 PEE LA PACIFICAZIONE SOCIALE 

guaglio al Padre comune, al Papa, invocandone il prowi- 
denziale intervento. 

Ed ecco senza indugio il Papa torna ad alzare la sua 
voee, e con la nuova sua lettera a tutto Pepiscopato del 
Veneto, non solo interviene a confortare i Pastori, ma piu 
ad aminonire i popoli, sia per riparare sia per prevenire i 
danni immensi e i pericoli anche maggiori della nuova lotta 
sociale e della nuova rivoluzione, che essa non solo mi- 
naocia ma gia comincia a scatenare sopra la societa. 

Del nuovo documento i nostri lettori non abbisognano 
che noi facciamo qui un commento, quale pure meriterebbe 
e la solertnit dell'atto che si rinnova e la importanza - vital e 
dell'argomeuto, che sempre piu incalza : essi gi& sono da 
se awiati a coglierne 11 vero senso, ad accertarne le imme- 
diate applicaziorii, anzi a trarne pure le remote conseguenze 
contenute nell'ampiezza dei principii. 

Solo un punto non possiamo noi- omettere di toccare, 
ed e quello concernente il clero, al quale il Santo Padre rac- 
comanda piu parti colarmente che cerchi di instillare nelle 
moltitudini tanto con 1'esempio quanto con la paro ] a ogni 
piu saggio pensiero . Ora da cio il clero certamente si sco- 
sterebbe, se lasciasse - come in certe province e lamento 
che sia accaduto e accada non di rado - che le leghe cat- 
toliche seguano o arieggino anche nei discorsi, negli inni, 
nei metodi, o, peggio, in qualsiasi modo aderiscano alle 
socialistiche, oppure i singoli individui, anche contadini in- 
geuui ed operai cattolici, si iscrivano quasi a gara nelle leghe 
stesse dei nostri awersari, sotto pretesto che si tratti di 
mero progresso economicoo miglioramento materiale, stando 
bonamente alle promesse di tolleranza, che usano fare 
irrisoriamente i socialisti stessi, come gi^ i liberali e i massoni 
di ogni colore, loro vecchi maestri e precursor!. 

Anche per questo, dunque, giunge piu che mai opportuna 
la nuova lettera pontifieia, confermando la precedente, e con 
essa accertando quale sia e debba essere il vero programma 
e i sinceri metodi, di pacificazione cristiana e di ristaura- 
zione sociale dei cattolici tutti nell'ora presente. Ad essa 
pertanto rimettiamo fedelmente i nostri lettori. 



EOSB E GIGLI NOVELLI 

NELLA CORONA BELLA CHIESA CATTOL1CA 
LE RECENTI BEATIFICAZIONI l 



O vere beats* mater Ecclesia !... 
Floribus eius nee rosae nee lilia desunt, 
S. BEDA. 

Tra i flori di cui si e nuovamente abbellita in quest! 
giorni la corona della Chiesa, tengono parteprecipua le rose 
olezzanti, che 1'odio a Cristo e alia sua Fede ha imporporato 
del sangne piu no bile e generoso. Spicca phi attraente il 
vivo colore dei loro petali, fra il bianco delle rose elette della 
castita, vedovile e coningale, bellamente intrecciate ai gigli 
candidi della santa verginita, o conservata pura fra le stesse 
usinghe del mondo, o consacrata allo Sposo immacolato, 
nel chiuso giardino del chiostro. 

Ben ventotto so no i Martiri a cui il Sommo Pontefice 
ha conce^so gli onori degli altari nelle recenti beatificazioni; 
e fra essi richiama anzitutto la nostra ammirazione devota 
la schiera eletta dei ventidue eroi che, ai nostri stessi giorni 
(1885-1886), la nascente Chiesa dell'Uganda inviava dal 
centre dell'Africa al Cielo. La Fede, pur sempre ai trionfi 
awezza., celebrava nella solenne cerimonia dei 6 di giu- 
gno, in onore dei beati Martiri negri, tin trionfo novello, 
comnaoventissimo anche per le ragioni speciali che a noi li 
rawicinavano in'modo si sensibile : il fresco ricordo della 
loro passione, e la presenza, alle feste di beatificazione in 
S. Pietro, di due confessori della fede compagni dei Beati, 
e gloriosi superstiti delle vittime della feroce persecuzione 
del re Muanga. 2 . 

1 V. vol. prec. p. 516 ss. 

* Sono Giuseppe Nsingisira governatore, e Dionigi Kamyuka vice- 
governatore d'una provincia dell'Uganda. Vedasi quanto se ne e scritto 
nel precedente quaderao dei 19 giugno, a pp. 560-562. Si noti che, 



12 HOSE E GIGLI NOVELLI 

Queste circostanze memorabili, se hanno richiamato gran 
moltitudine di fedeli aPe funeioni della Basilica Vaticana, e 
se tanta pia curiosita hanno destato e destano tuttora, men- 
tre scriviamo, attorno alle pereone e alle vicende gloriose 
dei due personaggi condotti a Eoma dai Padri Bianchi, per 
rendere piu solenne e piu commovente le feste di beatifica- 
zione, par giusto che debbano anche condurci a queJle serie 
riflessioni che possono riuscire piu fruttuose, senza dubbio, 
dei soli caldi entusiasmi di breve ora. 



* 

* 



La storia dei novelli beati Maitiri incomincia con la 
perversione piu insana e vergognosa di Miianga, re dell'U- 
ganda. Costui, da giovane principe, s'era mostrato affezzio- 
nato e favorevole ai Missionari detti Padri Bianchi , in- 
viati da.Ua S. Sede in quel regno nel 1879 ; e salito al trono 
li aveva richiamati dall'esiglio, a cui la gelosia di suo padre 
Mutesa li aveva costretti gli ultimi anni del suo regno. Cid 
aweniva nel 1885, e nessuno avrebbe mai potuto sospet- 
tare della grave mutazione che, pochi mesi dopo, doveva 
indurre lo sconsigliato sovrano a seyeramente interdire la 
religione cristiana in tutto il suo dominio, e a di venire il piu 
odioso persecutore e carneflce dei suoi sudditi, anzi dei mi - 
gliori fra gli'stessi suoi ainici e domestic!. 

Fra quest! appunto la Fede, predicata dagli zelanti e 
infaticabili discepoli del card. Lavigerie, aveva fatto i .primi 
e pii\ fervent! proseliti, tanto piu che Muanga aveva favorito 
la predicazione dei Mssionari, esortando i famigliari suoi 
a istruirsi nella religione cristiana, e noniinando anche alle 
principal! cariche i migliori fra i neofiti. Tanto anzi si mo- 
strava il re propens^o alia Fede che. come assicura mons. 

come eempre avviene, i nomi di quest! e di altri personaggi qui no- 
minati sono trascritti divereamente da dirersi, secondo I'esigenze del- 
1'ortografia delle diverse lingue. Per il caso presents abbiamo segulto 
Tortografia' adoperata dall'uno e dall'altro nella loro firma autografa. 



NELLA CORONA BELLA CH3ESA CATTOLICA 13 

Livinhac, Vi carlo. Apostolico *, egli stesso aveva appreso il 
Pater nosier e amava recitarlo e farlo apprendere a quelli 
di sua corte. 

II primo a sperimentare i benefici effetti di questo favore 
prestato alia propagazione del Vangelo fu lo stesso Muanga. 
Una congiura per toglierlo di mezzo, formatasi fra i Grandi 
del regno, ingelositi del favore prestato dal re ai Missionari 
e alia Beligione, fu scoperta e sventata da tre dei piu fervent! 
cristiani, che coi loro aderenti (circa due rnila uomini) ave- 
vano offerto se stessi alia fedele difesadelsovrano. Muanga 
fa chiamare il catichiro o primo nainistro del regno, che era 
a capo della congiura, e gli fa conoscere che e di tutto infor- 
mato. Yistosi scoperto il malfattore, riesce con le lacrime 
e con le proteste di fedelt& assoluta a ottenere il perdono per 
se e pei cospiratori, ma da quel giorno non avra pace, finche 
non avra veduto distrutta la Fede nel regno e con essa an- 
nientati quanti la professavano . 

L'errore, che gli antichi apologeti rinfacciavano agli 
imperatori di Eoma pagana, di perseguitare e uccidere i sud- 
diti piu ossequenti e fedeli, e stato sempre 1'errore di tutti 
i governi anticristiani, e non ne ando esente quello^dello scon- 
sigliato Muanga. La vendetta giurata dal catichiro contro i 
cristiani doveva purtroppo compiersi entro breve tempo ; 
1'iniquo ministro adoperera ogni arte per metterli in mala 
vista presso il sovrano, e le passioni piu ignobili di costui 
verranno in suo aiuto a porre in atto il malvagio disegno, 
concepito dal suo odio accanito e dalla sua gelosia ed invidia, 

H piu f ervente fra i cristiani e il piu benvoluto da Muanga 
era Giuseppe Mukaaa, e quel ch'e piu, il re avevaapertamente 
dichiarato di volerlo fare suo catichiro ^ come pure che avrebbe 

1 La sua lettera all'E.mo Card. Lavigerie, da oui abbiamo tolto 
quoste e altre informazioni, pud leggensi nell'opuscolo che il R.mo 
P. Burtin, Proc. gen. dei Padri Bianchi, e valoroso Postulatore della 
presente causa, pubblicd col titolo Let V6n6ralle Martyrs de VOuganda, 
Eoma, 1917, Oltre pbi al processo canonico, ci siamo sernti del rolu- 
metto I ventidue Beati Martiri deW Uganda. Traduzione di D. Mario 
Cardinal!, Roma, Fr. Ferrari, 1920. 



14 HOSE E GIGLI NOVELLI 

messo a capo delle Sue milizie Andrea Kagua altro cristiana 
specchiato. Gli strali della vendetta del primo ministro 
erano naturalmente diretti contro questi fedeli, e non do- 
veva mancargli modo di colpirli. 

Giuseppe Mukasa, sebbene non avesse pin di 24 anni, 
era 1'esempio della novella comunita cristiana, e compiva 
a perfezione 1'ufficio di maggiordomo del re, e come tale aveva 
sotto di se i cinquecento paggi reali, con a capo un altro fer- 
vente cristiano Carlo Luanga. Una carita generosa spingeva 
Giuseppe di continuo a riscattare, a proprie spese, schiavi, 
che faceva JMtruire nella religione, e metteva in liberta. Egli 
stesso era uii abilissimo e zelantissimo catechista ein questo 
esercizio s'impiegava fruttuosamente nelle ore notturne, 
poiche gli uffici, che esercitava, lo tenevano in continua sol- 
lecitudine tutta la giornata. Queste belle virtu lo avevana 
egregiamente preparato a fare a Dio 1'olocausto della sua vita; 
egli doveva essere la prima nobile vittima della persecuzione 
di Muanga. 



* 
* * 



Le prime relazioni che fnrono divulgate intorno alia per- 
seeuzione mettevano gia in chiaro, in maniera evidente, 
ehe i cristiani che rie furono vittime erano veri Martiri, 
perche uccisi in odio alia fede. Ma dai processi canonici fatti 
poi si conobbe manifestamente 1'origine vera dell 'odio di Mu- 
anga contro la fede cristiana, e fece splendere di luce piu bella 
e piu glorio ,sa 1'aureola degli eroici Martiri negri , Da epsi si vede 
come 1'insensato monarca, svestita del tutto la superficial! e 
religiosita, che aveva fatto sperare la sua conversione al 
cristianesimo, se ne alienasse ogni giorno piu per cagione dei 
suoi perversi costumi, e s'inducesse quindi facilmente a 
secondare le insinuazioni dell'empio ministro, fino a conse- 
gnargli nelle mani il piu fedele e il piu intelligente dei suoi 
seryitori, Giuseppe Mukasa. 

Una -testimoniamza, ripetuta piu volte nei processi, 



NELLA CORONA BELLA CHIESA CATTOLICA 15 

ci fa sapere che i musulmani avevano introdotto nell 'Uganda 
le impure e vergognose consuetudini del loro paese, e che 
Muanga, phi che suo padre Mutesa, aveva preso, sotto il 
loro magistero, a praticarle senzaalcun ritegno. Per questo, 
testifica uno della stessa corte (V..Summ. p. 155), Muanga 
si accese di grande collera contro noi cristiani, perche lion 
volevamo acconsentire alle, sue scellerate voglie . Nella corte 
dunque, era stata nutrita dalla Fede un'eletta schiera di 
giovani purissimi, cbe osavano pronunziare.il coraggioso 
non licet, dinanzi a Muanga, al quale niuno, fino atjora, aveva 
osato contradire. A differenza degli altri paggi pagani e nra- 
sulmani, questi paggi cristiani. mentre erauo i migliori ser- 
vitori di Muanga in tutto il resto, e spiccavano fra gli altri 
per le loro elette virtu, erano fermi e risoluti a fargli in cio 
resistenza e non contaminarsi, parati ,potius mori quam foe- 
dari moribus eihnicorum, come leggiamo di altre sante Mar- 
tiri. (V. Brev. Rom., 2 dec.). 

I processi ci svelano il consigliere principal e e il sostegno 
della resistenza dei paggi cristiani, e questi era appunto 
Giuseppe Mukasa. II testimonio Cipriano Kamya (Summ. 
p. 106), dopo aver detto delle false accuse attribuite contro 
Giuseppe, come pretesti, perche la vera ragione sarebbe stata 
vergognosaancheperunMuauga, prosegue: Noi che eravamo 
alia corte comprendevamo bene che queste accuse non erano 
che pretesti... La vera ragione che spinse il re ad odiarlo, era 
lo studio che Giuseppe poneva in allontanare i giovanetti 
che il re invitava ad azioni proibite. Giuseppe, dunque, 
odiando 1'impurita. e geloso custode dei paggi a se affidati, 
non contento di esortare e pregare il re a desistere dai suoi 
abbominevoli disordini, fino talora a prostrarsi innanzi a lui 
in ginocchio, osava esporsi all'odio del sovrano. adoperando 
ogni mezzo ch'era in suo potere per allontanare gl'innocenti 
dagli artigli di quell 'immondo sparviero. La sua sorte fu 
presto decisa. 

Dolendosi un di Muanga amaramente col suo primo mi- 
nistro, che a cagione di Giuseppe i suoi servitori gli fossero 






16 KOSE E GIGLI NOVELLI 

divenuti ribelli, il catichiro chiese al re che volesse conse- 
gnarlo neUe sue mani : avrebbe egli pensato a liberare 
il re dal grave incubo della malvista influenza di Mukasa. 
Acconsentendo lo sconsigliato sovrano parve respirare, 
consolandosi che non vi sarebbero oramai stati piu due 
re nel suo regno . (Summ. p. 224). La uotte precedente 
Giuseppe s'era corroborate, nella santa Comunione, col 
Pane dei forti . Oonsegnato in mano degli sgherri, che 
dovevano condurlo al rogo. sentendo ilcoraggioso confessore 
della Fede che il carnefice Mukaianga ordinava di condurlo 
senza legarlo, disse semplicemente : Come potrebbe acca- 
dere che io, il quale vado alia morte per la Eeligione, mi 
dessi alia fuga t E con piede libero e sicuro mosse verso 
il luogo dove erano state apparecchiate le legna pel suo 
supplizio. Dirai da mia parte a Muanga, disse rivolto al car- 
nefice, che egli mi ha fatto uccidere senza ragione, ma che 

10 gli perdono ; si penta per6 di quello che ha fatto ; in caso 
contrario avra a fare con me dinanzi al tribunal e di Dio . 
Fu bruciato a Mengo, la mattina della domenica 15 novem- 
bre 1885. Era stato battezzato a S. Maria di Eubaga, ai 3 di 
aprile 1881. 

:Non sono le piu inique passioni, unitesi a perdere un 
uomo si raro, quelle che ci fanno stupire dinanzi al suo rogo 
fumante : esse Bono state comuni a tutti i persecutor! della 
Chiesa d'ogni tempo, da Nerone a Elisabetta, a Eobespierre, 
a JMuanga, e a Bela Kun ancor vivo. Lo spettacolo nuovo 
che ci riempie di ammirazione insieme e di consolazione, e 

11 trionfo della Fede in un povero negro, che ha cosl bene 
compresi i suoi doveri di cristiano, e le cristtane speranze, 
da calpestare ogni umano rispetto, ogni temporal einteresse, 
ogni bene di quaggiu, la stessa f?ua giovane vita, per rimanere 
fedele al suo Dio, alia sua santa Eeligione! Quale lezione per 
gli uomini uutriti nelle civilta piu avanzate ! Quale esempio 
e ammonimento per tanti cristiani, che cosl facilmente po- 
spongono i loro veri interesai e quelli dei propri figli a un 
bene leggero e transitorio, che a ogni piu piccola prova 



NELLA CORONA DELLA CHIESA ATTOLICA 17 

paiono vacillare nella Fede ! Dovrebbero, per esempio, ri- 
flettere tanti genitori cristiani, dinanzi a questo eroico 
difensore dell'innocenza, alia loro responsabilitagravissima 
nell'esporre la virtu e la fede del loro figliuoli, anche senza 
veruna necessita, alia corruttela della scuola laica, che, guasta 
non meno della corte di Muanga, strappa Dio e la sua fede 
dai cuori della gioventu, e la gitta fatalmente in braccio al 
mal costume e alia rovina ! 



* 
* * 



La immolazione della prima vittima della cristianita 
dell 'Uganda era diretta ad atterrire special mente i piu gio- 
vani della corte, a ritrarli daUa loro intemerata condotta, 
e ad allontanarli dalla Fede. Muanga 1'aveva insipientemente 
sperato ; e invece col versare il sangue del primo Martire, 
egli aveva irrorata, senza volerlo, la giovine cristianita di 
una rugiada fecondatrice. 

Giuseppe Mukasa, amatissimo da tutti, perch& pio, perche 
virtuoso e benefice, fu universalmente rimpianto dai cristiani 
e dai paggi in particolare. Alloreh& essi, diceun testimonio, 
seppero della coraggiosa fine del loro capo e protettore non 
si lasciarono punto abbattere, e lungi dai perdere il corag- 
gio, si mostravano pieni di gioia, e si dicevano Pun Paltro: 
Stiamo saldi ! Quando piacera al re di farci uccidere, anche 
noi sapreruo morire sull'esempio del nostro capo Giuseppe . 
(Summ. p. 225). E quanto dicessero davvero, i fatti dovevano 
mostrarlo; la carneficina dei paggi cristiani e dei migliori 
fra i servitori-di Muanga era assai vicina. 

I Missionari, a cui, dopo Dio, va tutto il merito d'aver 
in si breve tempo educate, in terreno si sterile, con lo zelo 
e con 1'esempio sopratutto, tanto gloriosi germi d'eroi, rad- 
doppiarono la Joro opera e sollecitudine per prepararli a 
superare da forti la imminente procella. Come nelle antiche 
persecuzioni, i cristiani profittavano dell'opcurita delle te- 
nebre, per isfuggire alle insidie dei seguaci di Muanga e ve- 

2 - CiviHA Cattolica, 1920, vol. 3, quad. 1681. 2 25 giugn 1920. 



18 ROSE E GIGLI NOVELLI 

nire alia casa della Missione, per istruirsi, pregare, ascol- 
tare la Messa, ricevereil battesimo e gli altri sacramentu 
Col ricordo della Passione di Gesu, del dolori di Maria SS.ma, 
del patimenti e del coraggioso combattimento del Martiri, 
i catecumeni e i neofiti si rafforzavano nella prova e si infiam- 
mavano di ineffabili ardori per il martirio. Erano pochi i 
fedeli, ma come somiglianti, nell'amore a Gesu Cristo e alia 
sua Eeligione, a quelli delle prime generazioni cristiane I 

Avevano i Missionari, come awiene dappertutto, tro- 
vato un valido aiuto, per 1'opera della conversione e della 
istruzione dei fedeli, nei piti intelligent^ e zelanti cristianu 
I giovani non erano da meno degli adulti, e fra essi il prima 
a dare la vita per Cristo doveva essere appunto un bravo e 
coraggioso paggio, fattosi volontario catechista e apostolo 
fra i suoi compagni, il neofito Dionigi Sebugguavo. Erana 
passati appena sei mesi dal martirio di Giuseppe Mukasa, 
quando, la sera dei 25 maggio, il re tornando da caccia, e 
chiamato Muafu, uno dei paggi, sente rispondersi che non 
fe presente, e che era stato incontrato per via con Dionigi. 
Arrivato dopo qualche tempo Muafu, il re gli chiede che stesse 
facendo col suo collega.-M'insegnavailcatechismo-risponde 
il giovanetto. II re monta in collera e rivolge a Dionigi la 
stessa domanda. II paggio tranquillamente risponde senza 
tema, che stava insegnando la religione al oompagno. 

Come potevi farlo, riprende Muanga, se io 1'ho proi 
bito ? E insegnare la religione al flglio stesso del mio primo 
ministro ! - Cid detto, strappa la lancia avvelenata dalle 
mani d'uno del suo seguito e trafigge Dionigi, e ordina a uno 
dei suoi sgherri musulmani, che lo porti fuori del recinto 
e finisca d'ucciderlo. H giovane apostolino, a 17 anni im 
porporava nel suo sangue la stola della sua innocenza. 
catechisti trovano in lui un esempio di zelo, di virtu, e un 
protettore novello. 

La sete del sangue della belva inferocita non doveva cos 
presto saziarsi. n seguente giorno, 26 maggio, doveva invian 
al Cielo altre tre vittime generose, e prima Ponziano Ngodu< 



NELLA CORONA BELLA OHIESA CATTOLICA 19 

trapassato da ]ancia perch& alia domanda del carnefice Mu- 
kaianga, se sapesse pregare, aveva risposto affermandolo. 
Alia sera dello stesso di morirono per Cristo Andrea Kagua 
e, come vedremo, Atanasio Badzekuketta ; nel segunte giorno 
Mattia Mulumba o Murumba e Gonzaga Gonza; il|dl 31 
Noe Mauaggali. 

*** 

Piu memorabile nei fasti della Chiesa dell'Uganda doveva 
rimanere il giorno tre del seguente giugno, in cui il fiore della 
gioventti cristiana fu immolato all'odio feroce di Muanga. 

Carlo Luanga, battezzato il giorno innanzi alia morte di 
Giuseppe Mukasa, messo a capo dei paggi, era stato il loro 
esempio, e il loro fedele custode, pur nella sua giovine eta 
di venti anni. Robusto, amabile, prudente, egli aveva un 
torto solo, e Muanga, si capisce perche, non se ne dava 
pace. Carlo era un fervente cristiano, e il re non aveva 
altro rimprovero a fargli : Voi continuate a pregare, 
gli diceva un giorno, lo so ; ma badate bene, che finiro 
con mettervi tutti a morte . E simili minacce ripeteva, 
per mezzo di Carlo stesso, ai MissioliarL Altre volte, sperando 
vincerlo conlevie della dolcezza, lo scongiurava a nonandare 
piti dei Padri, e a contentarsi di pregare nel suo cuore. 
Ma queste difficili condizioni, e sopra tutto il pericolo in cui 
Carlo si metteva di continue, nel delicato dovere di difendere 
dal nefando tiranno la innocenza dei paggi cristiani, non lo 
fecero mai smuovere d*un passo dalla condotta che gl'impo- 
neva la coscienza. Quante volte il piu tenero dei suoi paggi, 
Kizito, catecumeno ancora sui tredici anni, e gelosissimo della 
sua virtu, insidiato da Muanga, venne a cercar protezione 
preseo Carlo, a cui non mancava mai qualche ingegnoso espe- 
diente per farlo trovar lontano, o |renderlo introvabile ! A 
lui il caro fanciullo confidava Bpesfo le sue pene per vedersi, 
in tanto pericolo, ancor catecumeno, e non essergli ancora 
accordata dai Padri la grazia del santo battemmo. E Carlo 
aveva per lui eempre una parola di conforto. Non temere, 



20 ROSE B GIGLI NOVELLI 

ti sard sempre vicino ; quando verra il momento di confes- 
sare la nostra fede, tu mi piglierai per mano, e andremo in- 
sieme alia morte . 

Si capiva gia da molti segni che la procella stava per isca- 
tenarsi su i paggi cristiani, e che queJlo che ne sarebbe f ra le 
prime vittime doveva essere Carlo Luanga. Egli si affretto 
intanto a battezzare alcuni catecumeni. II giorno 26 mag- 
gio, da noi sopra ricordato, dopo un conciHabolo, in cui il re 
aveva scaltramente'carpito 1'assenso dei dignitari della corte, 
per la strage dei cristiani, fu ordinato a Luanga di radunare 
i snoi paggi. 

Noi, racconta nel processo il glorioso confessore della 
Fede, Dionisio Kamiuka, che ha preso parte alle feste di bea- 
tificazionein Eoma, ci recammo presso il re (nella sala chia- 
mata massengere) con a capo Carlo Luanga. II re era seduto, 
con accanto la principessa .Nassiva ; nell'atrio innanzi la 
casa avevamo visto gran numerojdimusulmani e di carnefici. 
Salutammo il re, e Luanga per il primo... ; poi ci sedemmo in 
terra- aspettando che tutti i paggi si radunassero . Prattanto 
il re ci derideva, e con molti altri insulti, mostrandoci il suo 
cane, diceva: - questo val piu che tutti voialtri cristiani. 

Dopo poco il re chiese se tutti i paggi t'ossero presenti, 
ed essendogli stato risposto che niuno ne mancava, diede 
ordine che fossero chiuse tutte le porte. Disse poi : - Or 
dunque, chiunque ha abbracciato la Eeligione, vada da 
quella parte - e la indicava, aggiungendo : - Chiunque ha ab- 
bracciato la Religione, se rimane al suo posto io 1'uccidero... 

Subito Luanga si levo in piedi... BgH fu il primo a 
recarsi dalla parte dal re designata, e noi tutti cristiani lo 
seguimmo con gioia, n^ alcuno di noi era triste. 

... H re disse allora : - Tutti coloro che hanno abbrac- 
ciato la Eeligione, siano legati; io li mando a bruciare - 
B i carneflci ci legarono tutti. Brano circa le undici ore d< 
mattino . (8umm. pp. 158-160). 

Le ultime parole di Muangajnel mandarh' al supplizio fu- 
rono queste d'insulto, allusive alia Eucaristia: - Andate 



NELLA CORONA BELLA CHIESA CATTOLICA 21 

mangiare la vostra vacca in casa del vostro padre celeste. - 
I gemiti, le grida solite a farsi dai condannati nell'Uganda, 
non s'udirono questa volta. Sorridenti e sereni, destavano 



1'ammirazione di quanti li videro ; e il P. Lourdel che, Pa- 
nimo pieno di angoscia, li stava aspettando .la presso, vide 
sorridere il piccolo Kizito, come se si recasse ad un gmoco. 
Gesu Cristo gia trionfava nei suoi eroi ! 

Passando dinanzi al Padre, lo salutano affettuosamente 

con lo sguardo e mentre prego Cohii che e la forza dei Mar- 

tiri, egli narra, 1'emozioiie mi domina, e sentendo venir 

meno le forze, mi appoggio a % una palizzata di canne, pre- 

gando la Madre dei dolori di venirmi in aiuto. 'Come Lei 

io so no impotente a reprimere la rabbia dei carnefici... ; 

non mi resta che rimirare i loro volti, sui quali si dipingono 

a un tempo una dolce rassegnazione ed nn maschio coraggio . 

Ma 1'eroico P. Lourdel, che a tempo era corso animosa- 

' mente alia corte per salvare i suoi, senza pero poter nulla 

ottenere dal . fero.ce Muanga, aveva ogni ragione di ringra- 

ziare Dio del grande ouo.re che faceva alia novella cristia- 

1 nita dell'Uganda ; e a questo onore (nella sua umilt^, non 

. ci penso neppure) egli, il fervente missionario, aveva le prime 

; parti. I flgli formavano, col fatto, la gloria del padre. 

La sentenza di morte doveva eseguirsi a 60 km., a Na- 

mugongo. Sulla via si fa innanzi uno dei paggi, Mukasa, 

\ messo .in prigione due settimane innanzi per una rissa con 

uno di quei suoi compagni, Giavira, condotto con gli altri 

al supplizio . - II re, dice a lui rivolto il primo carnefice, 

ha ordinato di unirti a costoro, perche tu pure pratichi la 

religione. 

Grazie, risponde lieto il giovinetto ; levando al cielo 
le mani legate ; temevo solo d'essere dimenticato in prigione. 
Giavira saluta il suo offensore, e si protesta lieto di morire 
con lui. - Anch'io, risponde Mukasa, son contento di andar 
teco alia morte ! 

Giunti a Kampala, prima fermata del viaggio doloroso, 
Atanasio, uno dei condannati, prega i carnefici di voler ese- 



22 EOSB E GIGLI NOVELLI 

guire su lui la sentenza, senza condurlo piu innanzi ; e me- 
natoio 1& Jdove Panno innanzi aveva subito il martirio Giu- 
seppe Mukasa, ivi lojtrafiggono con le loro lancie. Bipresa 
la via il dl seguente, 27, un altro paggio, Gonzaga, non po- 
tendo pei piedi sanguinanti, e tutti una piaga, continnare 
nel Jungo camraino, caduto sulla via, presso Lubova, gli e 
troncato il capo. Giunti la sera a Namugongo furono trat- 
tenuti nelle capanne, stretti nelle loro canghe , attendendo 
il giorno in cui tutto fosse pronto per essere condotti al rogo. 



Le vittime innocenti vi salirono la mattina del 3 giu- 
gno, che rested memorabile ; ne so no separati tre dei phi pic- 
coli, all 'ultimo momento graziati, e fra essi Dionisio Ka- 
nyuka, i] superstite venuto questi giorni a Eoma. Singhioz- 
zante per vedersi sfuggire tanta sorte, egli non valeva a ri- 
spondere ai eorapagni che lo salutavano dai loro fasci di can- 
ne, in cui erano stati avvolti. Carlo Luanga, che e allonta- 
nato dagli altri, per essere tormentato in maniera orribile, 
sotto un'acacia, si congeda dai suoi cari col saluto : - A 
rivederci ! fra un'ora ci ritroveremo in Oielo ! 

Spettacolo d'ammirazione agli Angeli, e aglijstessi car- 
neflci, la serenity dei giovani martiri, e 1'invitta loro for- 
tezza ! B non lo sono meno i la'menti dei tre graziati. che 
ottenuto di essere awolti essi pure nelle canne, s'illudono 
sperando che verranno al fine anch'essi bruciati coi.loro 
undici compagni ! 

Mentre arde iJ rogo immane, come gia dalla fornace 
di Babilonia, ne escono le lodi a Dio, che risuonano fra gl'in- 
Bulti dei carnefici. Essi insultano alle vittime ; ma ad uno 
che li sflda di mostrare come Dio venga a liberarli, risponde 
per tutti coraggioso, dai fasci gia in fiamme, Bruno Serun- 
kuma : - Voi potete bruciare i nostri corpi ma non bruce- 
rete cosi la nostra anima ; essa andra in paradiso ! - Una le- 
zione piu terribile aveva da to Carlo Luanga al suo feroce 



NBLLA CORONA BELLA CHIESA OATTOLICA 23 

carnefice Senkole, che 1'aveva voluto martoriare a fuoco 
lento. Agli insulti di costui, che bestemmiava, gettando a 
Dio la sfida che venisse a liberare il paziente, rispose il forte 
imitatore del diacono S. Lorenzo : Insensato! tu non sai 
quel che ti dici. II tuo fuoco e per me fresca acqua. Bada 
tu, di non essere un giorno gittato ad ardere nel fuoco che 
non si spegne ! 

Schiera veramente gloriosa di Martiri, dei quali si puo a 
ragione ripetere la bella lode che S. Ambrogio- tributava 
alia Martire S. Agnese, nel primo libro Delle Vergini: In 
un solo sacrificio si ha un duplice martirio, di castita Puno, 
di religionel'altro 1 . La superi'orita, la sublimity della Fede, 
sopra ogni umana dottrina, non & un ostacolo per -entrare 
nelle menti e nei cuori dei piccoli e dei rozzi, quando non si 
pone con la superbia e col vizio impediment a Colui che 
e il vero autore e consumatore della Fede , e si compiace 
darne intelligenza ai pargoli , mentre ai supeibi resiste , 
non potendo la sua verit& aver adito nell'anima maliziosa . 
L'illanguidirsi e Pestinguersi della Fede nei cuori guasti degli 
uomini che si vantano della progredita civilta di oggi, anche 
quando questa civil t& ^ atea, non e un vero detrimento per 
la verita^di Dio, che resta eterna , ma ^ grande danno e ter- 
ribile ammonimento per la society nostra, che par non si 
aweda del giusto giudizio di Dio, al quale la gloria recente dei 
nostri BB. Martiri, e in generate i progressi continui della 
Fede fra i popoli barbari e selvaggi, dovrebbe far rivolgere 
seria e profonda considerazione. Non pare dunque che Gesu 
Cristo, con tanto esempio e tante lezioni, ripeta alia nostra 
generazione che se 1'abuso e.l'ingratitudine non cessi, le 
c sartt tolto il Eegno di Dio, e sara dato a un popolo che ne 
produca i frutti ? a . 

1 Habetis^igitur^ in una hostia duplex martyrium, pudoris et re- 
ligionis. Giovanni^ Maria Muzey fu ucciso nascostamente nel gennaio 
del sg. anno 1887. Di molti altri martin, che certamente ci furono, 
non si pote fare il regolare processo. 

8 Ideo dico vobis, quia auferetur a vobis regnum Dei, et d.abitur 
genti facienti fructus eius. S. MATT., 21, 43. 



24 ROSE E G1GLI NOVELLI 



* 
* * 



L'odio pagano e musulmano aveva tentato di sradicare 
la Fede e distruggere la nascente Chiesa dell 'Uganda, ma 
indarno. Ed ecco che oggi, appena dopo trent'anni, invece 
.delle poche centinaia di cristiani e di catecumeni, pure in 
gran parte immolate dai persecutor!, oltre a due provincie 
distaccate dal Vicariato Apostolico dell'Uganda, questo da 
solo conta circa 232.000 cattolici, con due Vescovi, 128 sacer- 
doti, di cui 10 indigeni ; 1300 catechisti, 40 religiose europee 
e circa 120 indigene; un piccolo seminario con 72 alunni, ed 
uno grande con piu di 40 studenti di filosofia e teologia ; un 
collegio che conta sopra 180 alunni, e 713 scuole primarie. 
Col martirio dunque non si distrugge la Fede, ma si feconda. 

Somigliante lezione ci offre la gloria del novello Beato ir- 
landese, Oliviero Plunket 1 , Arcivescovo di Armagh e Primate 
d'Irlanda, ucciso a Londra in odio della Fede, nel luglio 1681, 
ed elevato agli onoridegli altari ai 23 d* maggio p.p., giorno di 
Pentecoste. Non e come i precedent! Martiri una vittima del 
paganesimo, e invece un testimonio della verita della Chiesa 
cattolica a condanna dell'eresia, piu inescusabile della stessa 
infedeHa. Educato in Eoma all'appPtolatp e al martirio, il 
Plunket in Koma diede pure chiari saggi della sua pieta e della 
sua dottrina come consultore dell'Indice e come professore 
di Teologia nel Collegio di Propaganda, mentre la feroce 
persecuzione del Cromwell gl'impedJva il ritorno in patria* 
Bese nondimeao a quelle Ohiese servizi preziosissimi pur da 
lontano, trattandone, per incarico dei Vescovi, i piu important! 
negozi presso la Curia Bomana, dando prove non dubbie 
e di abilita negli afEari, e di^zelo instancabile per gli interessi 
della Beligioue. Queste sue rare qualita mossero Clemente 
a. crearlo nel 1669 Arcivescovo di Armagh e Primate d'li 

1 Ci limitiamo a ua breve <5enuo, anche perche intendiamo di toi 
marci sopra, esamiaando jil bel volume del ch. mons. Salotti, Vita 
Jlartiriv del B. Oliviero Plunket ecc. Roma, Fr. Ferrari, 1920. 



NELLA OOEONA DELTA CHIESA CATTOLICA 25- 

landa. Quanto felice fosse etata la scelta, lo diedero in breve- 
a divedere la sua pastoral esollecitudine appeuapote entrare- 
(1670) nella sua sede, e la sua beneficaazionenelrestaurare 
la disciplina ecclesiastica in tutta 1'isola, nell'accrescervi la 
riverenza e 1'amore alia Eomana Sede e nel coltivare la vita 
cristiana del popolo, per tenerlo cosi lontano dai pericoli 
che correva a quei giorni la Fede. 

Questa la causa vera dell'opposizione che I 'opera sua in- 
contro presso gli acattolici e 1'odio che concilio presso di se 
da parte dei nemi'ci della Fede cattolica. Ne e punto meravi- 
glia che il Plunket fosse preso in modo particolare di mira r 
nella persecuzione che nel 1678 scoppio contro i cattolici, 
col calunnioso pretesto di una congiura da essi ordita contro 
il sovrano. Scacciati vescovi e sacerdoti in esiglio, e fulminate 
pene gravissime a danno di coloro che non avessero prestato 
il sacrilege giuramento di fedelta, col quale si voleva ricono- 
sciuta la regia autorita anche nelle cose della Fede, il Pri- 
mate riusci a sfuggire alle insidie dei nemici, continuando na- 
scosto, fra mille difficolta, 1'opera pastorale. Ma poi costrin- 
gendolo la carita a recarsi a Dublino per assistervi il mo- 
rente Mons. Patrizio Plunket, Vescovo di Meath, suo parente, 
ivi fu arrestato. Condotto a Londra e tenuto iu duro carcere 
(1680), dopo uii iniquo processo, in cui fu negate perflno 
quello che non si nega ai peggiori malfattori, il legittimo 
patrocinio, fu condannato a morte per la suaperma profes- 
sione della fede cattolica. 

Non meno astuti del re negro Muanga, anche qui non 
vollero i giudici confessare apertamente la ragione vera 
della condanna del Primate, e servi anche contro di lui la 
famosa accusa di congiura e di tradimento ! 

Degna pure della ferocia barbara del re negro dell'Uganda 
fu la sentenza e la maniera del supplizio : Sarete trascinato 
per la cittd, di Londra a Tyburn ; Id sarete appes'o per il collo ; 
ma calato giu avanti che siate morto ; vi saranno tratli juori 
gli intestini e bruciati avanti i vostri occM .... 

II forte eroe e i suoi carnefici hanno trovato nella storia. 



26 ROSE E GIGLI NOVBLLI 

un giudice 'terribile, che trionfa oggi nel giudizio della 
S. Sede. Era giusto che da Lei fosse glorificatfc in mo do par- 
ticolare colui che,partendo per raggiungerela sua sede, aveva 
scritto: Vivro infino all'ultimo epirito nell'obbedienza della 
S. Sede e in servizio delle anime, benche mi costasse la vita . 

: Se i carnefici non distrussero la gloria del Martire, non sal- 
varono lo stato ne provvidero al bene dei popoli, che ancor 
oggi ne ffemono. La Pede cattolica intanto vigoreggia in 
Irlanda e si dilata sempre piu in Inghilterra e nei suoi .do- 
minii. Col sangue del Martiri non si distrugge la Fede ! 

La stessa lezione andrebbe appresa dall'anticlericalismo, 
che e responsabile delle irmocenti vittime, beatificate in 
S.Pietro la domenicalSgiugno. Maria Maddalena Fontaine, e 
le sue tre compagne, Figlie della Carita, vittime del terrore 
a Cambrai, ai 26 di gingno 1794, non sottoposero il collo alia 
ghigliottina se non perche fedeli a Cristo e alia sua Chiesa e 
vere benefattrici del popolo, sopra tutto dei poveri infermi. 
Ke diverse e il titolo che 1'otdio anticlericale trovava nella 
M. Maria Clotilde di S. Francesco Borgia e nelle sue com- 
pagne Orsoline, uccise a Valenciennes nell'ottobre 1794 *, 
con due Brigidine e una Clarissa Urbanista. 

E non cesseranno per ora, come si prevede, iprocessica- 
nonici per glorificare tante vittime della Bivoluzione. La 
Chiesa non nascondera 1'eroismo di coloro che sono stati i 
suoi migliori figli. La Chiesa deve f arlo anche per rispondere 
alia sua missione di verita ; non v'e infatti condanna piu de- 
cisiva e piu efficace dei princlpii e delle dottrine della rivolu- 
zione francese, che quella di onorarne, in modo si solenne, le 
vittime. E considerino oggi, i cattolici specialmente, se fra le 
conseguenze che stiamo raccogliendone, sia proprio possi- 
bile di mantenere la persuasione che questi principii e 
dottrine siano tali, da doversi confondere -per gloriarsene, 
fra la plebe dell'anticlericaliemo, 

1 V. Le Beate qmndici Vergini Martiri della diocesi di Cambrai t 
Giugno e ottobre 1794, Eoma, Poligr. Laziale, 1920. 



NATURA E ORIGINE DELL'ANIMA 

SEGONDO 1L PROF. F. DE SARLO 



vm. 

Nella ricerca dell a natura dell'anima, il De Sarlo riduee 
a quattro le varie sentenze, omettendo, come fu osservato 
anche da altri a , la vera, cioe la peripatetico-scolastica. 
Quattro, egli scrive, so no le principal! ooncezioni che della 
realta psichica e quindi dell'anima sono state o possono es- 
sere enunciate: o e concepita sul tipo del corpo, o come 
una so stanza contrapposta alia materia e distinta dalle 
manifestazioni psichiche, o e risohita nel complesso degli 
stati di coscienza o infine e concepita come attivita, come 
sviluppo 2 ; o, bisognava aggiungere, e concepita come 
.una so stanza contrapposta alia materia, ma ad essa sostan- 
zialmente unita qual primo principio delle funzioni vitali 
e psichiche. Vero e che quest'ultima concezione puo anno- 
verarsi col classico spiritualismo dualistico, ma non col pla- 
tonico, o cartesiano o leibnitziano, bensi con I'aristotelico e 
scolastico, sistema, che meglio d'ogni altro spiega le rela- 
zioni dell'anima col corpo e la natura del composto umano. 
Ma omessa la sentenza peripatetica, e riflutate con forti 
ragioni le altre, il De Sarlo cerca un'altravia, tracciata da 
un'osservazione accurata della vita psichica, la qual via poi 
non ad altro termina in so stanza che al concetto aristotelico- 
scolastico . 

A stabilire la natura dell'anima, pigliando le mosse dal 
concetto dell'io, costituito dalle note di unita, identita, per- 
manenza attra verso i cangiamenti, potere di reagire agli 

1 Cfr. Eiviata di filosofia neo-scolastica, 30 aprile 1919, p. 175. 

8 Pticologia e filoaofia. Studi e rioerche, Firenze, \918, vol. II, p. 39 



28 NATURA E OBIGINE DELL'ANIMA 

stimoli esterni e di evolversi liberamente verso il fine della 
propria destinazione, 1'autore contrappone di poi il corpo 
come tale all'anima e ammette utia profonda, ineliminabile 
differenza tra psiche e corpo, concludendo che 1'anima dun- 
que dev'esser definita quell'ente reale individuale fornito di 
certe capacita o attitudini, le quali, men,tre richiedono per 
la loro esplicazione Fazio ne di determinati stimoli, prove- 
nienti dal di fuori, hanno pero il loro foudamento ultimo 
nella costituzione dell'anima stessa (II, p. 41). 

L'affermare profonda e ineliminabile la differenza esi- 
stente tra corpo e anima verrebbe quasi a precludere la via 
di raggiungere il vero ; poiche, se!al tutto fosse inelimina- 
bile tal differenza. non sarebbe possibile 1'unione dell'anima 
col corpo per costituire una so stanza vivente, fornita di un 
essere solo. Si cadrebbe nel dualisrho gia condannato dal De 
Sarlo, quando non si volesse intendere per psiche, il che non 
pare dalla definizione che 1'autore da dell'anima, il composto 
st'esso di anima e corpo. Pare pero che lo psicologo pigli per 
corpo, le cose estrinseche alia natura dei viventi e dei cono- 
scenti ; ma anche con tal correzione, la definizione dell'anima 
che pure, come forma alia materia, ha ordine trascendentale 
al corpo, troppo si contrappone al corpo, perche appare con- 
cepita e definita non come natura incompleta> ma come 
un ente reale individuale, con capacita le quali per le loro 
azioni non avrebbero bisogno d'altro che di stimolo dal di 
fuori. 

Ma 1'anima, in quanto come tale esercita I'ufficio della sua 
natura di animare, non si pud concepire senza 1'ordine al 
corpo da lei animate e a lei unito a costituire il senziente, se 
appunto vien detta fornita di certe attitudini ad atti sotto 
gli stimoli esterni, giacche 1'ariima nonunitasostanzialmente 
al corpo non jmo Spartecipare a veruno stimolo estertio cor- 
poreo. Vero e che Panima umana, in quanto intellettiva, ha 
facolta e operazioni non comunicabili col corpo neppur ani- 
mate, ma tutte le altre funzioni della vita sensitiva, per cui 
si esplica sotto gli stimoli esterni, spettano non all'anima 



SECOND O IL PROF. F. DE SARLO 29 

sola, ma anche al corpo, cioe al composto umano. L'anima 
quindi cloveva definirsi non quasi fosse qualcosa esistente 
per se individuale. ma secondo che e il principio intrinseco 
del vivente. Di qui si vede quanto meglio gli antichi proce- 
dessero nella determinazione della natura dell'anima. Giac- 
che non e da negare che lo Stagirita non avesse anch'egli 
fatte, come dimostra nel refutare le altrui opinion! , le sue 
accurate osservazioni sulla vita psichica, prima di definire 
magistralmente come fece 1'anima atto primo del corpo 
fisico-organico x . 

E che bisogni partire dai medesimi principii degli an- 
tichi lo mostra di fatto il De Sarlo stesso, che per arrivare 
a stabilire la natura dell'anima muove dal composto stesso 
umano, da lui presenfcato come so stanza una e incomunica- 
bile nella forma dell '10 cosciente, come 1'unita del principio 
dei vari atti e delle varie funzioni, immutabile attraverso 
le sue mutazioni accidentali, come principio unico di varie 
funzioni, come capacita esplicantesi in varie maniere, sicche 
Pesperienza deWegoitd e il presupposto di qualsiasi forma 
di esperienza psichica e potremmo aggiungere, anche fisica 
(v. II, p. 51). Con cid il nostro psicologo non fa altro che 
ripetere che actiones sunt suppositorum e che 1'uomo e una 
o stanza [individua o persona. 

IX. 

Posti questi principii, parrebbe chel'autore dovesse farsi 
a considerare le funzioni dell'anima per dedurne poscia la 
natura, che per 1'uomo, di cui principalmente si occupa, e 
spirituale e immortale. Ma il De Sarlo segue un'altra via, 
<5he certo non e la piu metodica, e tratta dell'origine dell'a- 
nima. Confutata anzitutto, con buoni argomenti, la sen- 
tenza della eternita e della preesistenza delle anime alia 
loro infusione nei corpi, per la questione della loro origine 

1 Cfr. S. TOMMASO, Comm. al De anima, 1. 2, lect. 1. 



30 NATURA E OBIGINE DELL'ANIMA 

premette che tal problema non puo essere utilmente 
discusso se non a condizione che vengano prese in consi- 
derazione, oltre 1'anima umana, anche tutte le altre anime, 
che indubbiamente esistono sulla terra (IT, p. 60). 

A noi pare invece che tal problema non si^possa util- 
mente e scientificamente diseutere prima di aver accertato 
qual fcia non solo la natura dell'anima in genere, inquanto e 
principio vivificativo del corpo organico fisico, ma in ispe- 
cie, poiche, dovendo 1'esistere proporzionarsi alia natura 
dell'anima, non si puo dire qual modo di venir all'esistenza 
spetti a questa o a quell'anima, se innanzi non se ne cono- 
scano le sue doti ed esigenze particolari. Tsevale il dire che 
qualunque siano le differenze che si pongoiio esi devono 
porre tra la psiche umana e quella degli animali,friman fermo 
che la seconda come la prima non puo non presentare quella 
forma speciale di unita e quelle proprietacaratteristicheper 
cui e impossible porre il fondamento della psichicita in de- 
terminate condizioni materiali >. Giacche il punto di par- 
tenza per la determinazione del modo di origine delle anime 
non ista nella forma d'unita psichica propria della cono- 
scenza sensitiva, ma in qualche cosa di piu, nello speciale 
modo di essere spettante all'anima stessa': se abbia cioe, 
posta pure la unita psichica, il suo essere dipendente o indi- 
pendente da quello .del corpo, sicche spetti in proprio a lei 
e non unicamente al composto risultante|di lei e del corpo. 

U fondamento dell'argomentazione del De Sarlo per 
arrivare a stabilire 1 'origine dell'anima, e che nella genera- 
zione si ha, per leggi flsse, costanti, e determinate di cause, 
la produzione di un nuovo essere, di un nuovo centra di co- 
scienza, di un nuovo evento. Sii questa novita dell'essere 
insiste e osserva che tra 1'essere preesistente e il nuovo 
essere vi e tale disco ntinu.it a, vi e tale hiatus che non si 
vede come possa essere colmato: gia la formazione di una 
nuova individualita puramente organica rappresenta una 
novita, -per cui non si capisce come tale formazione potrebbe 
essere spiegata considerandola come un effetto, per coal 



SECONDO IL PROF. F. DE SARLO 31 

dire, meccanico del process! vital! dell'individualita preesi- 
stente; ma la costituzione di un nuovo centre di coscienza 
implica un vero e proprio distacco e un ordine di fatti con- 
trastante con quello preesistente (II p. 62). 

Oerto vi e una discontinuity tra 1'essere preesistente e il 
nuovo essere, quando si considerino ambedue separata- 
mente nel loro termine o perfezione, non quando 1'uno e 
considerate come causa dell'altro: in tal caso non vi e di- 
scontinuita, ma continuita necessaria, non potendosi dare 
actio in distans. Qui e da ricordareil genuine concetto della 
generazione animale, la quale non avviene, come pare sup- 
ponga il De Sarlo, quasi fosse un puro moto meccanico dei 
processi vitali dell'individualita preesistente, ma per forze 
e cause che importano qualcosa d'altro e piu sostanziale, 
cio& la facolta generativa influente nel seme. Questa e la 
forza che colma quelVMatus. Giacche la generazione significa 
appunto 1'origine di un vivente da un altro viyente per via 
di un principio vivente congiunto: senza un seme vivo de- 
rivante da vivi generanti non si puo avere la vita ne un vi- 
vente che maturi secondo le leggi fisse della natura e arrivi 
alia perfezione di simiglianza col generante nella medesima 
specie. 

Quindi e che il nuovo essere generate ha della no vita quanto 
alia sua individualita, ma non quanto alia materia del prime 
principio della sua costituzione, che gli deriva dai pros- 
simi generate ri, e daijquali riceve, per dirjcosi, col mote 
vitale la vita stessa nel sue primo inizio e fondamento, de- 
stinato, secondo le cause e le leggi determinate da natura, 
a raggiungere la perfetta individualita specifica. E poiche 
la vita importa 1'essere, anche il mode dell'essere e propor- 
zionato alia vita; e quindi 1 'essere vegetale e animale si 
proporziona al mode di vivere dei vegetali e degli animali. 
Da qui segue poi che, osservando come tutte le opera- 
zioni degli animali diversi dall'uomo non dimostrano quelle 
particolari doti che so no proprie del vivere e dell'operare 
umano, deduciamo che dunque Panima dei bruti dev'essere 



32 NATURA E ORIGINS DELL'ANIMA 

di specie differente dalla nostra ne puo avere un mododi 
essere superiore a quello di un'anima totalmente legata al 
corpo organico. Infatti per quanto, anche nel suo svolgi- 
mento separate dal generante, il bmto si perfezioni indi- 
vidualmente, mai non arriva a mutar il mod,o di fare, di 
vivere e di operare che porta seco la piena dipendenza dalle 
condizioni della vita sensitiva. Si ha, e vero, un nuovo cen- 
tro di coscienza sensitiva, tin nuovo essere della specie, ma 
questa no vita non basta a fardiesso qualche cosa che possa 
paragonarsi all'uomo, e la cui anima esiga un medesimo modo 
di venire all'esistenza. 

Che se anche 1'uomo ha nella generazione il medesimo 
processo degli altri animali, il termine pero della sua costi- 
tuzione e perfezione supera quello delle bestie, come ap- 
pare dalle specificamente diverse sue piu alte capacita e . 
-operazioni. In questo di piu che possiede 1'uomo sopra i 
bruti sta la ragione speciale del suo diverso modo di ori- 
.gine quanto all 'anima, la quale per esser spirituale, cioe, 
per avere un modo di essere che le da il sussistere, anche 
indipendentemente dal corpo, di che e segno e prova 1'in- 
dipendenza delle sue operazioni intellettive evolitive, impos- 
sibili ad esplicarsi per gli organi immediati del corpo, esige 
appunto un modo differente di venir all'essere. 

Qui si ci si presenta qualcosa di nuovo in un modo tutto 
proprio, non quanto al termine specifico della natura umana, 
perche, con tutta la no vita dell 'essere, il figlio e uguale al 
padre, ma quanto all'anima, la quale non puo se non solo 
quanto alia sua unione col corpo dipendere dai generanti, non 
gia quanto alia sua produzione, avendo essa 1'esistenza non 
tutta dipendente dal corpo, come 1'hanno le bestie, ma tutta 
sua propria, sebbene la comunichi al corpo vivificandolo. 

La novita, insomma, del nuovo vivente puo intendersi 
variamente: o nel senso che tutto 1'essere, corpo ed anima, 
sia novellameute prodotto ; e cio awerrebbe solo nella 
prima creazione di tutto il vivente; -o nel senso che, sebbene 
;ne il corpo ne 1'anima siano creati, ma 1'anima proceda dalla 



SECONDO IL PROF. F. DE. SAELO 33 

potenza della materia attuata per I'influsso de' generanti, 
ne risulti pero un nuovo individuo con un nuovo essere, pro- 
prio solo del composto, e non di una sua parte, 1'anima, come 
Decade nella generazione delle piante e del bruti; owero nel 
senso che per il concorso del generanti risulti iin nuovo in- 
dividuo con un nuovo essere spettante al composto come 
termine complete di generazione, non come termine dipro- 
duzione o creazione, nel qual senso spetti invece solo a quella 
parte del composto, 1'anima o forma, che per se fu termine 
di concorso divino distinto dalla generazione, come avviene 
nella costituzione dell 'uo mo. Conviene pure osservare che 
1'essere o esistenza, come ultima attualita delle cose, e tran- 
scendental mente proporzionatoalla natura che attua a parte 
rei, imbeve, come a dire, tutta 1'anima condizionandosi alia 
sua natura onninamente, secondoche tale natura o essenza 
tutta, anche quanto alle sue facolta e azioni immersa o si 
leva in parte sopra il corpo. E cio possono manifestare 
erte sue operazioni esigenti facolt& superiori e quindi 
un modo speciale di essere nella. loro radice, ch'e 1'anima, 
in quanto questa, sebbene con tutta se stessa animi il corpo, 
pure non vi s'immerge tanto nel comunicargli il proprio 
-essere, da non ritenerlo proprio e indipendente dal corpo. 

La novita percio non importa, per se, che tutto 1'essere 
secondo i suoi componenti sia nuovo, ma che anche da prin- 
<?.ipii prima esistenti' in seme e virtu, risulti per 11 concorso 
di cause determinate e flsse qualche cosa di nuovo quanto 
al composto. Anche il De Sarlo osserva che la novita ap- 
punto perchetale, nonpreesisteva, ma cio non vuol dire che 
essa non sia determinata, perche nel fatto e determinata da 
quell'ordine di leggi, per cui date certe condizioni, deve ne- 
cessariamente prodursi il nuovo centro di vita e di coscienza 
<II, p. 63). 

La ragione pertanto di novita non basta ne esige che sem- 
pre vi concorra un atto creative di qualche cosa che primu 
non c'era, neppure in virtu, quanto alia sua natura e so stanza. 
Oride non ci pare un principle universale quello che stabilisce 

3 Civiltd Cattotica, 1920. vol. 3, quad. 1681. 8 25 giugno 192' . 



34 NATUBA E OBIGINE DELL'ANIMA 

1'autore, che cio ogni volta che si determinano certe con- 
dizioni, per una necessita derivante appunto dall'ordine 
immanente della realta, si ha la produzione, o, se si ama 
meglio, la creazione di un nuovo principio concrete desti- 
nato a svolgersi secondo certe direzioni e a conse- 
guire quindi determinati fini (Ivi). Se cosi fosse, ne 
verrebbe che sempre all'opera della natura si mischierebbe 
la creazione. 

Qui sta per il De Sarlo la difficolta del concepire le ope- 
razioni della natura nella generazione degli animali. H nuovo 
principio concrete destinato a svolgersi e da lui inteso come 
qualcosa che sussista da se, sebbene sia unito al corpo, men- 
tre il vero concetto della produzione della natura non e che 
il suo termine sia costituito solo di una parte del compo- 
sto, ossia dell'anima, o forma vivificante, ma & tutto insieme 
il composto; anima e corpo, forma e materia. Pero la forma 
o anima dei bruti, la quale non ha azioni che eccedano le po- 
tenze organiche dei sensi si esterni si interni, in tanto esi- 
ste inquanto esiste il composto, cui spetta 1'essere; e viene 
all'essere non perche essa riceva in proprio Pesistenza e la 
partecipi alia materia, come fa 1'anima umana, ma in quanto 
per 1'azione degli agenti naturali vengono causate nel seme 
certe condizioni o alterazioni che iniziano la vita, e lo svol- 
gimento del nuovo vivente. Percio tutto 1'essere dell'anima 
dei bruti dipende nel suo inizio, nel suo svolgimento, e 
nella sua perfezione individuale dalla potenza della materia 
donde e tratta per la via del seme e dell'azione del 
generante. 

Insomnia 1'anima dei bruti non sopravviene alia ma- 
teria ab estrinseco, tosto che 1'articolar del cerebro & per- 
fetto, come direbbe Dante, ma vien tratta, secondo la file- 
so fia peripatetico-scolastica, dalla potenza della materia; 
e percio non viene creata, perche la creazione & propriamente 
eductio rei e nihilo sui et subiecti; e nel caso dell'anima 
dei bruti, se si ha 1' eductio ex nihilo sui e quindi la no vita, 
perch& prima essa non esisteva in se come tale, non si ha 






SECONDO IL PEOF. F. DE SAELO 35 

pero anche Veductio ex nihilo subiecti, perche era in 
potenza e virtu della materia sotto 1'opera naturale dei 
generanti *. 



X. 



Posta da parte cosi 1'anima delle bestie, quanto all'a- 
nima umana vuolsi cercare in qual mo do e per qual ragione 
essa tanto se ne differenzi ed esiga un proprio mo do spe- 
ciale di venire all'essere. La ragione, s'e detto, non ist& nel 
concetto generale dell'anima, ma nel concetto particolare 
dell'anima umana, ossia nella sua natura spirituale, quale 
la dimostra assai bene il De Sarlo per le sue operazioni spe- 
ciflche. Se quindi il modo di essere va proporzionato al modo 
di operare e viceversa, ne segue, .come sopra dicemmo, che 
Panima, come possiede un suo modo particolare di operare, 
co si lo ha anche di essere; e quindi indipendente e separa- 
bile dal corpo e dalla materia che informa e awiva. Come 
dunque viene 1'anima a vivificare il corpo umano ? Astraendo 
dalla questione oscura e agitatissima dell'istante dell'ani- 
mazione spirituale, diciamo che il generante concorre con 
1'azione sua in virtu dell'anima razionale alia costituzione 
dell'individuo nuovo secondo 1'esigenza che fa nella materia 
dell'unione dell'anima col corpo, non in quanto esso crei o 
educa dalla potenza o virtu del seme Panima stessa. 

Qui si appare la discontinuity che nota il De Sarlo tra 
il generate e il generante ; inquanto, mentre il generante 
non pud creare Panima, si solo disporvi la materia, ilgenerato 
invece esige un'anima che non puo dare il generante, cio& 
tm'anima spirituale e per se sussistente e quindi che solo 
puo essere termine di un'azione divina, termine proprio 
di creazione. Solo quindi nel caso dell 'uo mo, e non delle 
bestie, e impossible considerar 1'ultima derivazione del 

1 Cfr. S. TOMMASO, 1, q. 45, a. 8. 



36 NATURA E OEIGINE DELL'ANJMA 

primo, senza ammettere la cooperazione di qualcos^altro , 
cioe di Dio, non solo perche Dio coopera col suo necessario 
concorso di causa principale dell'essere in ogrii azione di cia- 
scun agente e quindi anche dei bruti, ma perche coopera 
con una azione tutta sua propria e unica nella generazione 
umana quanto al termine qual e la creazione dell'anima dal 
nulla; producendola non gia separata dal corpo per poscia 
infondervela, ma nell'atto stesso del crearla, creandola cosi 
unita al corpo e informante il corpo stesso nella ragion di 
anima, conforme esigono le organiche disposizioni vitali in- 
trodotte nella materia dal generante. 

Ue conviene il De Sarlo, scrivendo che concepita cosl 
la cooperazione di qualcos'altro, e lecito veramente porre 
in rapporto la produzione dei nuovi centri di vita e di co- 
scienza con 1'azione divina, perche 1'azione divina in tal 
caso e un'altra parola per indicare quell'ordinamento di leggi 
per cui, in date condizioni, nuovi fatti accadono o nuovi fini 
e valori vengono realizzati (II, p. 64). Tuttavia non ci pare 
ben detto ci6 che soggiunge, che cioe questo ordinamento di 
leggi non e qualcosa che si produca nel tempo, non e 1'effetto 
di un volere staccato, per cosi dire, dall'intelligenza , onde 
e lecito affermare che in certo senso, gli esseri che via via 
hanno origine ed ,esplicano la loro attivit& nell 'universe, esi- 
stettero ab aeterno. Esistettero ab aeterno nell 'ordinamento 
dell 'universe, esistettero come principii poton^nli, i quali 
aspettano chei destini maturino per poter d 'Lure attuali, 
dispiegando nel mondo le varie forme di attivita che furono 
chiamati a dispiegare (Ivi). 

Oerto Pordinamento di leggi, per cui nuovi fatti accadono 
nel mondo, sta ab aeterno nella mente di Dio creatore con 
tutti gli esseri possibili che ne so no retti e governati nello 
svolgere dei secoli e delle et& del mondo; ma non esiste ab 
aeterno fuori di Dio, si solo in quanto, come concede il De 
Sarlo, e un effetto di un volere non staccato dall'intelli- 
genza, vale a dire, in quanto e effetto dell'atto creative di 
Dio.Masecid evero,nonsi puopiudire che tale ordinamento 



SECOND O IL PROF. F. DE SARLO 37 

di leggi fisiche, ossia tale intreccio di cause reali, cause del 
fatti attuali nell 'universe, non sia non prodotto o che non si 
produca nel tempo, perche anche il tempo fu concreato col 
mondo e si inizio col mondo. 

Non deve dunque &ffermarsi che gli esseri che via via 
vengono all'esistenza esistessero a&aetemocreatidallavolonta 
e intelletto divino in questo ordinamento dell'universo 
come principii potenziali, perche i principii potenziali dell'u- 
niverso sono da concepirsi come qualcosa di appartenente 
allo stesso universe creato ed esistente nel tempo, quando 
per principii potenziali non si voglia intenderela possibilita 
che hanno le cose ab aeterno nella mente divina; nel qual 
senso solo esistettero ab aeterno, non fuori, ma nella mente 
che li concepi secondo il loro futuro svolgersi in rerum na- 
tura nel tempo, creato che fosse 1'universo. 

A questi concetti, nell'incertezza del linguaggio, siac- 
costa anche il De Sarlo nelle pagine seguenti, in che parla 
del Potere e Atto creative di Dio, dove pure la parola ame- 
remmo fosse piil esatta. Cosi non bene puo dirsi che U Volere 
supremo, immanente nel mondo quale fondamento ultimo 
delle cause, delle leggi e dei fini in questo operanti, permette 
che una nuova esi,tenza abbia origine, date determinate 
condizioni (II, p. 66). Certo il Volere supremo e imma- 
nente nel mondo in quanto sostiene e governa il mondo qual 
termine del suo volere e della sua mente e lo penetra con la 
sua azione necessaria all'essere e all'operare delle creature 
tutte, ma quanto al permettere, cio fa Dio solo rispetto al 
male, non al bene che pud cavare anche dal male. H bene, 
qual e 1'esistenza di un nuovo essere in determinate con- 
dizioni, e sempre voluto, com'e inteso, assolutamente da lui 
e non solo permesso. Ne vale la spiegazione che aggiunge 
dell'uso che fa del verbo permettere, cioeperindicareilfatto 
che tutte le condizioni indispensabili affinche un nnovo 
raggio di vita e di coscienza si accenda, sono come il pre- 
supposto necessario per la costituzione del nuovo essere . 
Non vale perche anche questo presupposto necessario fc 



38 NATURA E OBIGINE DELL'ANIMA 

voluto, non permesso, da Dio, inquanto ha ragion di bene 
nell'ordine di natura, sebbene in qualche caso col concorso 
divino nell 'opera buona e innocente della natura all'esi- 
stenza di un nuovo individuo, per la raalizia dell'uomo, 
vi si possa connettere la oolpa umana, la quale solo e 
permessa da Lui. Giacche nell a colpa in quanto e un'azione 
dell'uomo va distinta la ragione di male procedente dal 
disordine delia volonta contro il retto ordine imposto dalla 
ragione, e 1'azione stessa fisica che tende per s& indipen- 
dentemente dalla volonta al suo fine naturale, dove la vo- 
lonta stessa non aggravi la colpa col frustrare il fine stesso 
inteso dalla natura ordinata da Dio. Cosl Dio, che non toglie 
la liberta all'uomo, mentre permette il disordine della vo- 
lonta, ne ordina 1'azione fisica elicita e imperata; e si avvera 
per tal modo il famoso detto di S. Agostino che Dio melius 
judicavit de malis bene facere, quam mala nulla esse per- 
mittere x . 

(Continua) 
1 Enchirid. c. 27. 



MER1GGIO D'ETTOPIA 



RAGCONTO STORJCO (1626-1640) 



CAP. VII. Leone d'occidente. 

Tra le imprese piu gloriose, per fede e valore, negli ultimi 
tempi dell'eta cavalleresca, circa il mezzo del secolo decimo- 
sesto, deve annoverarsi la spedizione in Abissinia, condotta 
da don Cristoforo da Gama, figlio del celebre navigatore e 
<3apitano don Vasco da Gama. 

Essa fa parte della grande epopea delle crociate contro la 
barbarie musulmana ; ed alia pari con gli antichi eroi, che sal- 
varano la cristianita d'occidente, deve stimarsi Cristoforo, il 
cui prodigioso valore e la sua morte, simile al martirio per la 
fede, salvarono dal giogo musulmano 1'impero etiopico, unica 
cristianita orientate nel cuore dell 'Africa superstite alia ro- 
vina dell'oriente cristiano sotto la scimitarra dei seguaci 
di Maometto. 

A questo insigne eroe dell'Europa cattolica e debitrice 
1' Abissinia se non fu assorbita dall'islamismo, se sussiste tut- 
tora nei suoi confini 1'antico impero etiopico cristiano, ed U 
suo Neguse-Neghest va ancora a cingere la corona imperiale 
in Axum, I'antica sede dei suoi predecessor!. Lo intesero bene 
gli etiopi del suo tempo, che lo veneravano qual martire. 
Lo comprendeva, ancor meglio dei suoi antecessori, 1'alta 
mente di Seltan Sagad, il quale stimo bene impiegata una 
spedizione militare, nel 1626, per ricuperarne i) corpo, che 
giaceva ancora sul campb della sua ultima battaglia, nell'An- 
got, agli estremi confini orientali del Tigre, occupati allora 
dai Galla, nemici dell 'impero. 

Ancor fresca era la memoria dell 'eroe e delle sue gesta, 
non solo tra i meticci portoghesi, figli o nipoti dei soldati di 



40 MERIGGIO D'ETIOPIA 

D. Cristoforo, ma anche tra gli abissini, alcuni del quali r 
presso che centenarii ,di eta nel 1626, ricordavano di averlo 
conosciuto, nella loro fanciullezza, o di avere assistito alle 
sue imprese. 

Veda, padre - diceva uno di questi vecchi al missio- 
nario P. Barradas - un solo braccio di D. Cristoforo era grosso 
quanto tutte e due le mie braccia - ed in quell 'atto le con- 
giungeva per dare un termine visibile alia comparazione. 

Indi soggiungeva : 

Era tanto giovane; alto, forte e di bello aspetto. 
Tutti parlavano con grande lode della sua forza e del suo 
valore, ma piu grandi lodi facevano alia sua bont& e genti- 
lezza verso tutti e specialmente verso i poveri; e molti lo 
riguardavano anche come santo. 

Ed io - aggiunse un altro vegliardo. quasi della stessa 
eta - non ho visto da vicino D. Cristoforo, ma, quand'ero 
fanciullo di nove anni vidi la battaglia dei portoghesi contro 
i musulmani. Tutte le cime delle ambe erano coperte di abis- 
sini, per vedere quale delle due parti fosse vincitrice per 
mettersi con essa, pereh.& nessuno della nostra terra osava 
prenderele parti di D. Cristoforo, eccetto qualche centinaio r 
stimando piu che temeraria 1'impresa. E vidi io stesso i 
musulmani fuggire, e intesi tutti gridare : ecco che i mu- 
sulmani fuggono! vedi come corrono t'uggendo , e allora. 
dopo la vittoria, molti si riunironoallapartediD.-Cristoforo. 

La longevita non e rara in Etiopia; onde non e meravi- 
glia che alcuni dei testimonii di veduta fossero ancora super- 
stiti nel 1626. Ma molti di piu erano in vita, tra quelli che f Ti- 
ro no presenti o presero parte ai combattimenti. quando. nel 
1603, entro in Abissinia il piu iflustre dei missionarii gesuiti r 
il padre Pietro Paez, che raccolse dalla loro bocca le narra- 
zioni dell'eroica gesta e li consegno nella sua Storia di Etio- 
pia 1 . Di questa si servi, aggiungendovi la propria espe- 
rienza, il P. Emanuele d'Almeida (entrato in Abissinia nel 

1 Berum Aethiopicarum Soriptores occidentales inediti, curante C. BEC- 
CAKI S. I. Vol. II-III, Romae, 1905-1906. 




vii. LEONE D'OCCIDENTE 41 

1624) nella sua Historia de Ethiopia a alta on Abassia * 
piti accurata nella critica storica. 

Onde non riuscir certo sgradito ai lettori che ne tessiamo 
qui, per sommi capi, la meravigliosa narrazione. 

Vani erano stati, prima del secolo xvi, i tentativi dei 
musulmani per insignorirsi deJl'impero etiopico. Piuvigorosi 
sforzi rinnovarono, negli inizii del secolo XVT i -musulmani di 
Adal, regno sullacosta orientale africana, alle bocche del Mar 
Bosso, con capitale Zeila. II sultano di Zeila, Mohammed, 
fu sconfitto, nel 1515 circa, lasciando morto sul campo il 
comandante delle sue mill zie; ed anche questa voltal'Etiopia 
fu salva per il valore del suo Imperatore David, con altro 
no me detto Onag Sagad, o anche, col suo no me di battesimo, 
Lebena Dengh'el, che contava venti anni di eta ed otto di 
regno, quando riporto ^ittoria sni musulmani. Eegno cosi 
altri dieci anni in pace e prosperita, quando i musulmani di 
Ad el, capitanati da Ahmed, vizir del sultano di Zeila, inva- 
sero di nuovo 1'Etiopia e se ne impadronirono quasi per'in- 
tero nel 1528. 

Ahmed, chiamato dagli abissini col soprannome di Gragne 
ossia mancino , d'animo feroce e risoluto, si comport 6 alia 
maniera dei grandi conquistatoii dell 'is! am, devastando 
chiese e monasteri, depredando ogni cosa, e col terrore co- 
stringendo tutti a farsi musulmani. E pur troppo la maggior 
parte degli abitanti, signori e popolani, abbracciarono 1'isla- 
mismo. La corona del martirio non fiorisce sui rami separati 
dall'unita della Chiesa cattolica. 

Vedendosi del tutto abbandonato e prossimo all'estrema 
rovina sua e dell'impero, il Negus David penso di chiedere 
aiuto al Ee di Portogallo D. Giovanni III. promettendo anche 
soggezione al Eomano Pontefice e di accettare da lui un Pa- 
triarca, per la quale dignita proponevagli un tale portoghese, 
Giovanni Bermudez, che trovavasi allora in Etiopia, venuto vi 
nel 1520 con D.Eodrigo de Lima, ambasciatore di Ee Ema- 
nuele di Portogallo, e rimasro vi dopo il ritorno di D. Eodrigo 
1 lb., vol. V-VI-VII, Eomae, 1907-1908. 



42 MBRIGGIO D'ETIOPIA 

in Portogallo. II Beimudez si reco a Roma, da Papa Paolo III, 
1 e di la in Lisbona, dove fu ricevuto da Re Giovanni III 
con onore e mandate nel 1539 a Goa, per ripartire poi di 
la alia volta di Etiopia. 

Intanto 1'Imperatore David, incalzato sempre piu dalle 
feroci milizie del Gragne, abbandonato dai suoi, andava fug- 
gendo di amba in amba, sinche riparo nella inespugnabile 
Amba-Damo, difeso dal Baharnagasce Isacco, il solo rimasto 
fedele tra i signori abissini. Ivi David mori nel 1540 e fu 
sepolto nel monastero di Abba Aragaui, anche ora detto 
Debra-Damo . 

Gli succedette il figlio Claudios, ilqualedall 'Amba-Damo 
si ridusse nello Scioa, accompagnato solo tla un'ottantina 
di persone. Intanto, 1'anno seguente, 1541, D. Stefano da 
Gama (figlio del celebre Vasco) allora governatore delle 
Indie mosse una spedizione navale nel Mar Rosso sino a Suez, 
per distruggere 1'armata che i turchi appareechiavano per 
iuvadere Goa e i dominii portoghesi delle Indie. ISbn riusci 
pienamente allo scopo, ma devasto molti luoglii e citta del- 
1'Arabia e catturo quante navi incontro dei Turchi. Indi si 
ridusse all'isola e rada di Massaua per vedere come potesse 
introdurre nelJ'impero etiopico il Bermudez, supposto Pa- 
triarca dell 'Etiopia l . 

Ivi ricevette un'ambasciata di Sebela-Uanghel, madre 
dell'Imperatore Claudios, rimasta nell'Amba-Damd, la quale 
chiedeva istantemente aiuto contro il Gragne. 

D. Stefano tenne consiglio con i capitani e cavalieri della 
sua armata, i quali tutti si offrirono generosamente per quella 
impresa di gloria a Dio, e certamente conforme alle intenzioni 

1 Diciamo o supposto Patriarca , perche il Bermudez non fu ve- 
ramente n6 vescovo e neauche sacerdote ; egli non rioevette mai rego- 
lare ordinazione e consacrazione, nd ebbo da Papa Paolo III ricono- 
scimento dell'ordinazione che egli diceva avere avuto dull' Ab una Marcos 
in Abissinia, n6 alcun conferimento della dignit^ di Patriarca. E non- 
dimeno si spacci6 per tale, e riusci a trarre in inganno molti. Vedi 
BECCARI, op. cit. vol. V, pag. LIII seg. ; e L. PASTOK, Storia dei 
Papi, vol. V, pag. 425 seg. (Roma, Desclee, 1914). 



vn. LEONE D'OOCIDBNTE 43 

del Ee di Portogallo. Piti degli altri mostravasi volenteroso 
il minore e giovanissimo fratello del goveruatore, D. Cristo- 
foro, al quale fu affidata 1'impresa. 

Era il 9 luglio 1541. I primi raggi del sole nascente dalle 
onde del Mar Eosso avvoigevano iu faville d'oro gli a^beri 
imbandierati ed i fianchi panciuti deJle navi portoghesi del- 
1'armata delle Indie, ancorata nella vasta rada tra 1'isola di 
Massaua e la costa di Archico, placida come laguna, vapo- 
rante nella nebbia mattutina. 

Legalee, arcuate nelleprode, risalenti a petto e collo d'oca 
nella prua, ed incastellate a poppa, formicolavano di guerrieri 
armati di tutto punto. A mano a mano, calati i palischermi, 
andavano sbarcando sulla costa di Archico. Ball 'alto del 
castello di poppa sulla capitana, il governatoreD. Stefano, 
col bastone del comando in mano, impartiva gli ordini. 

Sulla spiaggia attendeva lo sbarco un capo abissino in 
compagnia di alcuni signori e soldati della sua terra. Era il 
baharnagasce Isacco, ossia governatore del mare , avendo 
dall'Imperatore d'Etiopia il comando delle province marit- 
time con capoluogo Debaroa. 

Primo a prendere terra fu il giovane condottiero, rivestito 
di forte ed elegante armatura scintiliante al sole. II baharna- 
gasce gli venne incontro salutandolo, con poggiare la destra 
al petto ed inchinare il capo e le spalle. D. Cristoforo si levo 
1'elmo dal cimiero di piume, e rispondendo al saluto, con un 
inchino, fu a stringergli la mano, mentre il baharnagasce, 
in segno d'amicizia e riconoscenza, lo bacio in volto. 

Ordinata la piccola spedizione, in tutto quattrocento 
portoghesi con otto pezzi di artiglieria, cioe due cannoni e 
sei mezzi mortai, e duecento etiopi del baharnagasce, mossero 
alia volta di Debaroa. Li accompagnava Giovanni Bermudez, 
il supposto patriarca di Etiopia, ed un sacerdote. 

Faticoso fu il viaggio per il caldo della stagione e per 
mancanza di cavalli e di bestie da so ma, cosi che tal volta 
bisognava trasportare in dosso i bagagli, e trascinare ajbrac- 
cia le artiglierie nei passi piu difficili. In questo lavoro, il 



44 MERIGGIO D'ETIOPIA 

fortissimo condottiero dava a tutti 1'esempio, ponendo, primo 
d'ogni altro, mano alia grave fatica. Dopo sei giorni di cam- 
mino, pervennero a Debaroa, citta del Tigre e residenza del 
Baharnagasce, dove vennero loro incontro in processione 
molta gente e molti monaci con le croci in mano. Tutti erano 
discesi dalle ambe nelle quali eransi rifugiati, e facevano, 
attorno alia schiera dei portoghesi, un coro di lodi, ringrazia- 
menti e invocazioni alia misericordia del Signore affinche 
aiutasse quei valorosi cristiani in difesa della loro povera 
cristianita, e gridavano con tanta pieta, versando lagrime, 
che D. Cristoforo ed i compagni ne rimasero commossi e non 
poterono anch'essi trattenere le lagrime. 

Cristiani fratelli - disse loro 11 valoroso condottiere - 
state di buon am'mo e confortatevi nella fiducia in Dio ! Ec- 
comi venuto in questa terra, non per brama di conquista, ma 
per cacciarne gli empii musulmani nemici di Dio e del no me 
cristiano. Confido nella misericordia divina che presto vi ve- 
drete liberi dai presenti travagli. 

Cid detto, in bell'ordine di parata, precedendo il clero 
abissino, le schiere portoghesi portaronsi alia chiesa per 
ringraziare 1'Onnipotente e propiziarne 1'aiuto. Indi si ac- 
camparono nelle tende fatte apparecchiare dal Baharnagasce, 
accolti e festeggiati con ogni manifestazione di letizia da 
quella popolazione. 

]STel giorno seguente, D. Cristoforo distribui il piccolo' 
esercito secondo 1'ordine e le parti da sostenere nei combatti- 
menti, ed assegno a ciascuno dei capitani, che erano sei, cin- 
quanta soldati, riserbando il restante centinaio alia guardia 
del vessillo regale. Le memorie dei missionarii ci hanno 
conservato i nomi di questi valorosi ufficiali, che divisero con 
D. Cristoforo i rischi di quell 'imp resa, animati del medesimo 
ardore di fede : Giovanni de Fonseca, i due fratelli Emanuele 
e Vincenzo da Cunna, Francesco Velho, ed altri due fratelli: 
Onofrio e Francesco d'Abreu. 

Da cavaliereonorato, D. Cristoforo pensd subito di man- 
dare alcuni dei suoi a porgere ossequio in suo no me all'impe- 



VH. LEONE D' OCCIDENTS 45 

ratrice madre, Sebela Uanghel, nella inaccessibile amba Damd 
a una giornata di cammino da Debaroa. Furono scelti per 
questa spedizione Emanuele da Cunha e Francesco Velho 
con le rispettive compagnie, guidati dal Baharnagasce Isacco. 
Quale non fu la loro meraviglia, quando, giunti a pie del- 
Vamba, videro i fianchi di quell'altura scoscesi e dirupatida 
ogni banda, si che non appariva nessuna via per guadagnarne 
la cima. 

. Molta gente erasi radunata sul ciglione della rupe, guar- 
dando le schiere portoghesi in assetto d'armi mai veduto in 
quelle terre. Al segno convenuto delle trombe dato dal Ba- 
harnagasce, risposero dall'altura altre trombe, etosto datravi 
sporgenti, munite in punta di carrucole, si videro calare 
grandi ceste legate a forti corregge. II Baharnagasce invito 
i due capitani a prendere posto con lui nelle ceste, e cosi 
vennero tirati sino alia sommita, rimanendo le milizie accam- 
pate a pie dell'am&a. 

Condotti con onorevole accompagnamento alia dimora 
della sovrana, Sebela Uangliel li accolse con vive manifesta- 
zioni di giubilo, versando lagrime di gioia e lodando Dio che 
si degnava di mandargli queJ soccorso per liberarla dalle ri- 
strettezze, dove, come a guisa di prigioniera, dimorava da 
molto tempo. Indi si fece ad interrogarli, con molta prenmra, 
del loro viaggio, ed informarsi minutamente di D. Cristoforo 
e delle sue genti, della nazione portoghese e del Ee D. Gio- 
vanni III. 

Posto termine all'udienza li f ece ospitare con grande onore 
e sontuoso apparato nelle sue dimore. Erano queste, com'e 
consueto in Abissinia, alcune capanne entro un recinto di 
pietra e terra battuta su d'una co.llinetta. Poco distante, 
parimente ricinto di muro a secco, sorgeva il monastero, 
detto Debra-Dam6, celebre per essere stato fondato da uno 
dei nove santi solitarii, Abba Aragaui. Tut'to intorno era 
pianura ben coltivata, con molte cisterne che conservavano 
1'acqua piovana raccoltavi durante 1'inverno. 

giorno seguente, col solito mezzo delle ceste, dopo che 



46 MEBIGGIO D'ETIOPIA 

furono discesi i due capitani, si cald anche 1'Imperatrice col 
suo seguito, per condursi a Debaroa, scortata dalle milizie 
portoghesi. 

Su una mula coperta di gualdrappa di seta, che scendeva 
sino a terra, cavalcava 1'Imperatrice, rivestita di abiti di 
finissimi tessuti indiani, rawolta in un burnus o mantello di 
setino grigio con f range d'oro. Un velo di fina seta le copriva 
il volto,lasciando liberi soltanto gliocchi, secondo il costume 
delle signore abissine quando vanno fuori di casa. Inoltre 
alcuni paggi reggevano attorno a lei un ampio baldacchino 
di seta rossa, che aguisadi tenda copriva interamente Pirn- 
peratrice con tutta la cavalcatura e con i paggi che la assi- 
stevano al morso ed agli arcioni, cosi da non essere veduta 
da nessuno, eccetto per dinnanzi. 

Giunta nei pressi del campo di D. Cristoforo, questi le 
venne incontro in abito di gran gala di seta e d'oro, a capo 
di tutta la sua gente ordinata ed in isplendido assetto di armi, 
mentre tutte le artiglierie e le spingarde sparavano due volte 
a salva. L'Imperatrice si fermo, e volendo dare speciale mostra 
di onore e gradimento. ordino che si ritraesse il baldacchino, 
ed essa scoprl un poco il volto. 

II giovane condottiero la saluto con profondo inchino, e 
le disse : 

Venuti, noi e Ja nostra gente, per ordine di nostro fra- 
tello D. Stefano, governatore delle Indie, in soccorso e ser- 
vigio di V. Maesta, siamo tutti risoluti dicombattere, pronti 
a morire per la santa f ede cristiana e per la dif esa dell'impero 
di V. Maesta. 

Diede segni di grande gioia 1'Imperatrice, e rispose : 

Ci e di molto gradimento ed ammirazione il valore 
onde vi offrite a si grandi travagli e pericoli. Ne noi, ne Plm- 
peratore nostio flglio, ne verun altro principe di Etiopia po- 
tremmo ripagarvi degnamente di cosl grande beneflcio, ma 
solo Dio Onnipotente. 

Indi, le milizie portoghesi, facendo ala al corteo della Im- 
peratrice, la accompagnarono alle sue dimore. 



VH. LEONE D'OCCIDENTE 47 

Due giorni dopo, recatosi a farle visita, con tutti i suoi, 
schierati in ordine di battaglia, innanzi alia tenda imperiale, 
le diede mostra di combattimento, destando grande letizia 
ed ammirazione nella sovrana e nella sua corte, che ne conce- 
pirono grande fiducia. Tenuto di poi consiglio, si determine 
di dare annunzio della loro venuta alPJmperatore Claudios, 
rifugiatosi neJlo Scioa, e di svernare a Debaroa sino a tutto 
ottobre, che e la fine dell'inverno in quell e regioni. 

In quel tempo, D. Cristoforo attese agli apparecchi di 
guerra, e ricevette risposta dalPImperatore,- che lo invitava 
a muovergli incontro, partendosi egli dallo Scioa, per riunirsi 



insieme. 



n 5 dicembre si mosse da Debaroa- il piccolo esercito. 
Andava innanzi D. Cristoforo con 250 portoghesi scelti e 
bene armati; indi seguiva il bagaglio con cento altri porto- 
ghesi e due capitani. In coda veniva PImperatrice col seguito 
di molte donne e damigelle, scortata dai suoi duecento abis- 
sini e da cinquanta portoghesi comandati da un capitano. 

Sempre infaticabile, il giovane condottiero guidava Pa- 
spro cammino ed il faticoso trasporto delle artiglierie, tro- 
vando sempre il modo di superare le difflcolta e dando anche 
1'aiuto delle sue forti braccia, si che la meraviglia dell'Impe- 
ratrice e delle sue genti cresceva di giorno in giorno a pioye 
si straordinarie. Allo stesso tempo teneva desta la vigilanza 
di tutti, e due volte al giorno visita va il campo ed ogni cosa 
per accertare se tutto procedesse in ordine e per provvedere 
dove fosse bisogno. 

Dovunque passava, fuggivano i musulmani del Gragne r 
che in pochi tenevano soggette col terroreintere popolazioni, 
e queste vedendosi libere andavano incontro ai portoghesi, 
e facevano atto di soggezione all'Imperatrice. Per tal modo, 
durante il dicembre ed il seguente mese di gennaio del 1542, 
D. Cristoforo ando riducendo all'obbedienza varie terre del 
Tigre. 

II primo di febbraio pervenne a pie dell'amba Senet, 
appena accessibile per trevie ripidissime e fortemente difesa 



48 MERIGGIO D'ETIOPIA 

da una guarnigione di mille e cinquecento musulmani. Per 
non lasciarsi alle spalle si valida fortezza, determine di 
prenderla d'assalto. Invauo tento dissuaderlo 1 'Imperatrice 
come da impresa superiore alle forze umane, e Jo stesso Gra- 
gne se n'era potuto insignorire solo per tradimeuto; ma 1'ar- 
dimentoso condottiero tenne fermo nel proposito. Piantate 
intorno all'amba le artiglierie, lancio i suoi dapprima ad 
un simulate assalto con finta ritirata, onde menarono grande 
baldoria i musulmani, con grida di giubilo e strepito di trom- i 
be e tamburi sino a tarda notte. 

Grande fu il cord9glio dell 'Imperatrice per 1'accresci- 
mento di baldanza nei nemici. Ma D. Cristoforo le mando a 
dire, che stesse di. buon ammo ed attendesse la dimane 
per vedere che uomini fossero i portoghesi e come avrebbero 
saputo combatteie. 

Sul primo mattino, quando i nemiei tenevansi ormai 
sicuri nella inespugnabile rocca, i portoghesi ripresero 1'as 
salto, divisi in tre schiere per le tre vie di accesso, mentre 
le artiglierie e ]e spingarde battevano sul ciglione tenen- 
done lontani i difensori. Quando furono alia sommita im- j 
pegnaiono la zuffa asprissima, e sulle prime ebbero molti j 
feriti e furono respinti due volte. D. Cristoforo, tra i primi, 
sostenendo fortemente 1'impeto dei difensori, li costrinse 
a ritirarsi piii in alto . Intanto le altre due schiere riuscivano 
a ricacciare i musulmaiii, uccidendo il loro comandante, 
mentre combatteva con si straordinaria forza e valentia, 
da trapassare con la lancia, da banda a banda, un portoghese 
tuttoche bene armato, e abbattere un altro a terra privo di 
sensi, con un solo colpo di scimitarra sull'elmo. 

Cosi si furono ritirando i musulmani verso il mezzo della 
pianura che si stendeva sull'amba, pensando di potersi 
difendere, ma circondati non ebbero scampo, e furono tutti 
uccisi, tranne pochi, i quali per salvarsi si diedero giu per 
gli pcoscendimenti della roccia, ma incontrarono la morte 
in quei precipizi. 

Insieme col bottino, nove cavalli e dieci mule, oiide man- j 



vn. LEONE D'OCCIDENTE 49 

cavano i portoghesi, si trovarono nel campo musulmano 
molte schiave cristiane che furono subito liberate, e molte 
donne musulmane che furono risparmiate e destinate ai 
lavori domestici. 

Passati in rassegna i suoi soldati, D. Cristoforo vide che 
ne mancavano otto, morti durante 1'assalto, e quaranta erano 
rimasti feriti. Fece curare con molta diligenza i feriti; ed 
in quest 'opera diede grande aiuto 1 ' Imperatrice con le 
damigelle della corte. Gli otto soldati furono seppelliti nella 
moschea, benedetta e trasformata in chiesa. 

Questa prima insigne vittoria diede grande animo a tutti 
e flducia di migliore avvenire all 'Imp era trice ed ai suoi, 
che non rifinivano di magnificare il valore di D. Cristoforo 
e dei portoghesi, quali uomini veramente straordinarii e 
mandati da Dio per la salvezza dell'Etiopia, come si era visto 
in quella giornata ed in una impresa di gran lunga superiore 
alle forze umane. 

Sparsane la fama, accorrevano dai dintorni gli abissini 
per vedere coi proprii occhi quella inespugnabile rocca, che 
era stata loro di tanto terrore, recando in do no al piccolo 
esercito vittorioso ogni copia di prowisioni. 

"trascorso in Aniba Senet tutto il mese di febbraio, sin- 
che i feriti si furono ben rimessi in forze, D. Cristoforo mosse 
-all'incontro dell'Imperatore, con soli trecento cinquanta 
soldati, avendone gia mandati quaranta con Francesco Velho 
a Massaua per riportarne polvere ed altre munizioni neces- 
sarie. 

Ma il Gragne si avvicinava con grande eseicito per dargli 
battaglia, e di giorno in giorno gli esploratori portavano 
notizie del gran numero dei combattenti murulmani. 

Non si perdette d'animo il valente condottiero e deter- 
min6 di non ricusare battaglia. Eadunati i capitani ed i sol- 
dati, disse loro con voce franca e risoluta : 

II nemico infedele e vicino ; non e conforme all'o- 
nore del no me cristiano sfuggire il combattimento come 
rse avessimo timore. Ma non e neanche utile a noi, dacchfc 

4 OMtta Cattofaa, 1920, vol. 3, .quad. 1681. 4 25foiugno 1920. 



50 MEBIGGIO D'ETIOPIA - vn. LEONE D'OCCIDENTE 

non & possibile, ne tornare indietro, ne inoltrarci per le terre 
gi& occupate dagli infedeli, senza ridurci alia fame ed alle 
angustie di continue e moJeste guerriglie. Vale meglio af~ 
frontare animosamente il barbaro in campo aperto. La vit- 
toria & nelle mani di Dio, il quale pud darla ai pochi come 
ai molti ; e se non piace a Sua Divina Maest& darci la vit- 
toria, saremo contenti di morire combattendo per la santa 
sua fede. 

Approvarono tali detti i capitani ed i Koldati, affidan- 
dosi interamente nelle mani di Dio. 

II sole, gisi. prossimo al tramonto, si cald dietro le ambe 
d'occidente, incoronandole di una gloria di raggi, senza 
penombre crepuscolari, com'e consueto nelle terre sotto la 
zona equatoriale, e destd gli ultimi riflessi d'oio scintil- 
lante sulle armature della piccola schiera cristiana, bacian- 
dole con un presagio di vittoria. 



ANTICHE APPARIZIONI DI CROC! 

E LE SOKTIDELCRISTIAKESIMOHELLACINA 



I zelanti missionari della Cina celebreranno in questi anni 
il secondo centenario di un awenimento notevole nella loro 
storia, adempiendo con cio il voto dei loro venerabili predeces- 
sor! nell'apostolato : Giacche Iddio, essi hanno scritto, ha voluto 
ripetere questo miracolo quattro volte (cinque volte, come poi si 
vedrd) e ben giusto che sia pubblicato in questo monumento af- 
finche non perisca la memoria di si insigne beneficio l . Diciamo, 
in questi anni, e non in quest' anno, perche i fatti miracolosi di cui 
si tratta, accaddero in un periodo di tempo abbastanzalungo, 
cio dal 1718 al 1725 ; sicche resta una certa liberta per fissare 
SI tempo di una solennita commemorativa, di qualunque genere 
essa sia. Per un miracolo della stessa specie, 1'apparizione di una 
croce a Gerusalemme, sotto 1'episcopato di S. Cirillo (f 386), 
le Chiese oriental! hanno serbato si vivo il ricordo, da secoli e se- 
coli, che per commemorarlo hanno istituito una festa liturgica 
speciale nel ^iorno anniversario 2 . Per noi, che possiamo sola- 
mente unirci da lontano ai nostri fratelli, mediante la carita co- 
mune che lega i figli della stessa Chiesa cattolica, non sarafuori 
di luogo ricordare in che consistono questi miracoli, e cercare d'in- 
tenderne il significato. 

Quale e questo documento di cui parlano gli antichi missio- 
nari ? Fu, essi dicono, largamente diffuso in tutto 1'impero 
cinese 3 . Per grande fortuna, abbiamo potuto ritrovarneune- 
semplare, a nostro parere, di una grande rarita. Mandate nel 1722 

1 Quia quater Deus idem ostendit miraculum, ne rei tarn insignfo pe 
real aliquando memoria, hoc monumentum exsoulptum est. Cosl, parlando 
deirincisione,"2alla fine del testo del documento descritto piti oltre. 

2 II 7 maggio : chiesa armena, greca, slava, rumena. NILLES, Ka 
lend, utriusque ecclesiae etc. I, 153 ; II, 416, 561. 

8 Lettres edifiantes et eurieuses, prefazione della prim a edizione 
(quella che citiamo sino alia fine ; quest a importante prefazione mane a 
nolle seguenti) al volume XVI. Ibid., prima lettera ; del P. Jacques S. I 
all'abbate Raphaelis, da Canton, 1 nov. 1722. 



52 ANTICHE APPARIZIONI DI CKOCI 

dai gesuiti del Tche-kiang al Padre generate Michele Tamburini, 
e ancora conservato accuratamente fra i manoscritti del Collegio 
romano l : sottile t'oglio di carta di seta, che sara la fonte prin- 
cipale di queste pagine. Sappiamo che le Lettere edificanti fran- 
cesi 2 e tedesche ( Weltbott) 3 1'hanno gia pubblicato in sostanza, 
due secoli fa. con le debite approvazioni, ma non intero nelle 
prime, abbastanza scorretto nelle seconde, e in queste e in 
quelle con qualche inesattezza riel disegno. Da esso solo, dunque, 
trarremo la nostra n&rrazione accompagnando ogni parte del 
testo con qualche spiegazione topografica. 
Prima croce (parte super.) 

L'anno di Kangh-hi * 57, al ventiquattresimo mese della set- 
tima luna (20 agosto 1718) fra le sette e le nove di sera, nella citta di 
Tsi-nan, Dio mostr6 nell'aria la santa croce il cui piede si appog- 
giava sopra una nuvola risplendente. Nello stesso tempo una striscia 
di fuoco 5 partiva dall'oriente e si dirigeva tra il settentrione e 1'occi- 
dente, lasciando sulla sua traccia una quantity di fulgide stelle. Giunta 
al termine del suo cammino, questa striscia di fuoco scomparve, e con 
essa la croce e le stelle ; e si udi un fragore di tuono. Questa apparizione 
e questo rum ore ebbero a testimoni inuumerevoli abitanti della mede- 
sima citta . 

Tsi-nan, situata a qualche centinaia di chilometri a sud di 
Pechino (verso la quale citta si dirige la striscia), sulla riva 
destra ed a poca distanza dal Fiume Giallo, in una delle piu 
fertili pianure della Cina, che si estende fino al mare, capitale 
della provincia di Chan-tong, conta oggi piu di 100.000 abi- 
tanti sparsi sopra un territorio il cui perimetro supera quello 
di Parigi ; e una citta industriale e letteraria. In quel tempo, 

1 Biblioteca Vitt. Emanuele in Roma mss., fondo gesuitico, 1256, 
n. 23. Lo riportiamo qui, aggiungendo che, a giudizio di Mons. Eey- 
naud, presente vicario apostolico del Tche-Kiang orientale, sarebbe 
1'unico esemplare conosciuto, e probabilmente 1'unico che esiste. 

* Sup. Nella 2 ediz. vol. XIX. 

8 Lettere edificanti in tedesco, n. 226; e n. 294, nota finale. 

* Nome di periodo, quello dell'imperatore allora regnante Ch6ng 
tsou. 

* II Weltbott attribuisce erroneamente il movimento di questa stri- 
scia alia croce stesaa. Del resto 1'autore P. Stocklein ha composto egli 
stesso la finale della lettera del P. Jacques, parte con la prefazione 
del P. du Halde, parte con il testo esplicativo posto sotto al disegno, di 
mode che egli solo rimane responsabile di questo sbaglio involontario 



E LE SOETI DEL CRISTIANESIMO NELLA CINA 53 

come ai giorni nostri, era il centre di un importante commercio. 
II P. du Halde la chiama una citta grandissima e molto popo- 
lata *. I missionarii della Compagnia di Gesu vi dirigevano una 
cristianita abbastanza numerosa, raggruppata intorno alia sua 
chiesa. 

Seconda croce (parte inf.) 

Nella stessa citt^, di Tsi-nan, nel medesimo anno, iT'quattordice- 
simo giorno della ottava luna (8 settembre 1718),"fra le sette e le nove 




- 



1 Storia della Cina, I.Jp.^212.jjjFerjijjtenipi^u!.)stri si vcutt id 
grafla del P. Richard S. I. Geographic de V empire de Chine, p. 88. 



54 ANTICHE APPARIZIONI DI CBOCI 

di sera, la santa croce apparve novamente nell'aria, ma questa volta 
molto piu grande, e di un candore abbagliante (circondata di stelle) e 
contornata da ogni parte da una corona perfettamente rotonda di nu- 
vole leggere. Inclinata da principle, si spost6 durante un quarto d'ora, 
da mezzogiorno a nord, conservando sempre la stessa posizione. Poi 
rialxandosi, e rimanendo sempre dritta, percorse il cielo durante un se- 
oondo quarto d'ora, (ma in una direzione diametralmente opposta, cioe) 
dall'oriente all'occidente. Tutta la citt& contemplo questo prodigio, 
che avvenne il giorno della festa della Nativita della Santissima Ver- 
gine *-. 

Le due apparizioni precedent! avvennero a pochi giorni di 
distanza ; la terza alia fine dell'auno seguente. 

^ 

Terza croce (a destra). 

Nel piccolo villaggio di Kin-kia kiao, del distretto di Hien-yu- 
yao, dipendente dalla citta di Chao-hing, provincia del Tche-kiang, 
una famiglia cristiana che si chiamava Lu, aveva fatto costruire a pro- 
prie spese. una piccola cappella dal tetto di paglia, per venerarvi urfimma- 
gine sacra di Dio [nota inf.] e riunirvisi nei giorni festivi per la pre- 
ghiera comune. L'anno di Kang-hi 58, nel primo giorno della quarta 
luna (31 decembre 1719), alle sette e un quarto di sera, apparve im- 
provvisamente sul tetto della cappella 2 una croce, bianca, di una luce 
abbagliante, con nuvole ed un'infinit^ di stelle. L'apparizione durd 
piii di un quarto d'ora ed ebbe a testimoni undici cristiani ed una 
moltitudine di inledeli. Quel giorno era la festa di S. Silvestro *. 

La regione, in cui si trova Kin-kia-kiao, e cosi descritta in un 
viaggio di missionarii che si recavano da Niug-po a Pechino. 
Passammo per Yu-yao, citta appartenente a Chao-hing. Tutto 
il paese e formato da grandi pianure benissimo coltivate. Da 
Chao-hing a Hang-tcheou si vedono ininterrottamente case 
e villaggi che farebbero pensare ad una citta continuata. Le case 
degli abitanti sono ben costruite e presentano un aspetto piu ri- 
dente che la maggior parte dei nostri casali europei 4 . Chao- 
hing, scrive il P. du Halde, e situata in una delle piu belle pianure 

1 Per errore 1'incisore delle Lett. edif. ha posto delle stelle intorno 
alia croce e dentro la corona, mentre quella sta sopra un fondo lisoio 
con le estremit^ allargate, per attaccarsi alia corona con la quale fa 
corpo a modo di un disco o piuttosto di un'ostia. 

* Supra aediculae tectum. Le Lett. edif. traducono male sur le toit 
de Veglise , d'onde viene 1'errore del P. Chaney, del quale parliamo 
piu innanzi. La chiesa propriamente detta stava a Hang-tcheou. 

8 Abbiamo messo in corsivo i passi che mancano nel compendio 
delle Lettere edificanti. 

Du HALDE, I. p. 73. 



ElLElSORTI DElTCRISTlANESIMO NELLA CINA 55 

t& 3 A- 

del mondo, tagliata da canali, tanto che nessuna citta rassomiglia 
di piu a Venezia. Ma e da preferirsi a quest 'ultima per la fluidita 
e la limpidezza delle sue acque x . Anche qui esisteva una cristia- 
nita ed una chiesa affidata ai padri della Compagnia di Gesu. 

Tre anni ancora passano prima dell'ultima apparizione ricor- 
data nel documento. 

Quarta croce (a sinistra). 

L'anno di Kiang-hi 61, nel decimo giorno della quarta luna (23 
giugno 1722) alle sette di sera, una grande croce bianca, di cui il tronco 
e le braccia erano molto prolungate, apparve sulla citt di Hang-tcheou, 
capitale del Tche-kiang. Risplendeva di luce, altissima nel cielo, fra 
Porieute e il mezzogiorno. Rimase visibile una mezz'ora e scomparve 
ineensibilmente. Tutta la citt fu testimone del prodigio, che avvenne 
la vigilia di San Giovanni Battista . 

Qui la croce appare immersa quasi fino alle braccia in un 
vorticedi onde in movimento che si allontanano daambo le parti 
flenza toccarla. 

I testimoni non mancarono : Tutta la citta , dice il docu- 
mento. Ora, Hang-tcheou, oggi decaduta dopo le guerre dei ri- 
belli del secolo scorso, contava a quel tempo piu di un milione 
di abitanti 2 , sia nella cerchia delle sue mura, di 20 chilometri 
di circonferenza, sia nei suoi numerosi sobborghi. Marco Polo che 

la visitd, la chiamava, ftn dal suo tempo, la meravigUa del 
mondo per la sua grandezza e la sua magnificenza. Un prover- 
bio cinese dice che & il paradiso della terra , e ai nostri giorni, 
porta il nome di Parigi dell'Oriente . 

II documento del 1722 non poteva parlare di una quinta ed 
ultima apparizione, la quale avvenne nelTanno 1725. Questa e 
nota per mezzo di una lettera indirizzata al P. generale Tambu- 
rini, la quale senza dubbio era anch'essa accompagnata da un di- 
segno esplicativo. Non abbiamo potuto ritrovarlo, ma di questa 
informazione ci resta un frammento, bench& molto breve, 
sufficiente, in una lettera del P. Ladislao Orosz, allora in Italia 
e sul punto di partire per la sua missione; ^ indirizzata al 
P. Socher, in data del 4 agosto 1726. Eccone la traduzione, 
secondo il testo tedesco del Weltbott 3 : 

Ubid. p. 74. 

1 Secondo una statistica di quel tempo: DU HALDE, I. p. 192. 

Weltbott, n. 281. 



66 ANTIOHE APPABIZIONI DI CROCI 

Quinta croce. 

Ci vien detto da Roma ohe un nuovo prodigio celeste e awenuto 
teste nell'impero cinese l . II 15 giugno 1725 fu vista nel cielo una croce 
luminosa, elevata al disopra di un calice, dalla cui apertura uscivano 
tre ohiodi, con la testa in su, appunto come sono rafflgurati nello stemma 
della nostra Compagnia 2 . 

* 
* * 

Nelle tenebre di questa vita, in caliginoso loco, la fede nei mi- 
Bteri rivelati e gli insegnamenti della Chiesa, bastano ai fedeli 
per lore guida alia salvezza eterna. Essi non hanno altra regola 
e non abbisognano di altra luce. Tuttavia, se piace alia Prowi- 
denza, per fini sempre degni della sua saggezza e del suo amore 
per gli uomini, intervenire talvolta per vie straordinarie al fine di 
awertirli o consolarli, deve essere permesso di cercare di com- 
prendere il suo linguaggio, con tutta sottomissione all'interpre- 
tazione autorevole della santa Chiesa. Queste manifestazioni so- 
prannaturali, quando si tratta di prodigi celesti, sono rarissime, 
come conviene ad un miracolo di questo genere ; e, cosa note- 
vole, prendono per lo piu la stessa forma : la croce, il signum 
Filii hominis. 

Non si e mancato, ogni volta, di pensare quale poteva essere 
il loro significato, Certo, non occorrono grandi sforzi per com- 
prendere la croce : essa parla abbastanza chiaro da se stessa. Ma 
ben a ragione si cercava se nelle circostanze che accompagnavano 
1'apparizione vi fossero altri insegnamenti da scoprire. Passia- 
mole rapidamente in rassegna. La croce appare a Costantino (312), 
e gli vien detto che vincera in questo segno ; & portata alia testa 
delle milizie ; i soldati la mettono sul loro scudo, e la loro vittoria 
e assicurata. La croce appare in Gerusalemme (7 maggio 351), 
in pieno giorno, durante ore intere, piu risplendente del sole, 
stendendo le sue braccia dal Golgota all'orto degli Ulivi 3 . San 
Cirillo, testimone oculare, annunciando questo prodigio all'im- 
peratore Costanzo, non ebbe difficolta di commentarlo. La croce 
appare durante 1'assedio di Baiona (10 aprile 1451), alia levata 
del sole, durante piu di un'ora, agli occhi di tutta la citta e degli 

1 Senza 1'indicazione del luogo che doveva trovarsi nell'originalc. 
1 Wie in dem WappenschUd unserer Gesellschaft. 
MIQNI, Pair, graec., XXXIII, p. 1165. 



B LE SORTI DEL ORISTIANESIMO NELLA CINA 57 

assedianti. In questo istante la cittadella tolta ai nemici assicura 
la conquista della Guiana. Era il eompimento deU'opera della 
Pulzella di Orleans; era ci6 che tante volte ella aveva jpredetto, 
cioe che la terra di Francia sarebbe stata un giorno liberata dagli 
invasori. Si ha ben diritto di vedere in questo avvenimento mera- 
viglioso, il quale segna il coronamento della missione disanta Gio- 
vanna d'Arco, I'intenzione della Provvidenza di porre 1'ultimo 
suggello del soprannaturale alia sua impresa, affinche finisse, 
come era cominciata, con il segno visibile dell' intervento di- 
vino 1 . Finalmente, per ricordare ancora un -altro esempio 2 , 
la croce appare a Migne, diocesi di Poitiers (22 dicembre 1826), 
la sera, alia chiusa di una missione, dinanzi a tremila spettatoii 
riuniti sulla piazza della chiesa 3 . Qui il commento e facile, il 
predicatore lo ha fatto involontariamente egli stesso ; perche 
1'apparizione comincia all'istante in cui egli magnifica la vittoria 
di Costantino, grazie al segno di salute. La croce non e ritta, ma 
distesa sui presentl, non soltanto mostrata, ma anche come 
imposta, la quale circostanza, unita alia precedents, e suffi- 
cientemente spiegata dalla storia. 

Anche le apparizioni dello stesso segno nelle terre di Cina de- 
vono avere il loro signiflcato. Due cose sono certe : la prima, che i 
fatti sono innegabili, perche ne fanno certezza le relazioni di au- 
tori degni di fede, e dietro ad essi milioni di testimoni ; la seconda 

1 Questo confronto con le apparizioni della Cina non e nostro : si 
trova nella prefazione del P. du Halde, 1. c., il quale cita pure 1'atte- 
stato scritto e firmato dal Dunois, capo degli assedianti; ma ne 1'uno 
ne 1'altro fanno allusione alia missione di Giovanna d'Arco. II Dunois 
credeva che fosse finita con la sacra di Eeims, e lo disse al processo 
del 1456 : quest'errore, vittoriosamente confutato al processo di bea- 
tificazione (Cf. AYKOLLES, S. I., La vraie Jeanne d'Arc., IV, 177), hatratto 
in inganno gli storici, durante piu di tre secoli. Non e da meravigliarsi, 
dunque, se il P. du Halde non ha interpretato come si doveva 1'avve- 
nimento dell'assedio di Bajona. 

* Si sa che 1'apparizione di una croce a Gerusalemme al tempo di 
Giuliano Papostata e un errore di alcuni antichi storici, da Teodoreto 
(P. G. LXXXII, 1114) a Teofanio (ib. CVIII, 106) dovuto ad una falsa 
lettura di un'orazione di S. Gregorio N. (ib. XXX, 670). Cf. SOCRATE 
(ib. LXVII, 430) e SOZOMENO (ib. 1285). 

8 II ROHRBACHEK ha pubblicato una relazione con disegno e pro- 
cesso verbale dell'Ordinario, riepilogando il tutto nella sua Storia Ec- 
desiastica, lib. XCI. 



58 ANTIOHE APPARIZIONI DI CROCI 

che e impossibile assegnarne una causa naturale. Alia prima no- 
tizia, i due estensori europei delle lettere del missionarii, il P. du 
Halde nella sua EpUre aux Jesuites de France J , e il P. Stocklein 
nelle sue note del WeUbott 2 , si mantennero in un certo riserbo. 
Non mettevano in dubbio la realta di questi fatti ; ma esitavano 
suH'interpretazione che conveniva dar loro : Aspettiamo gli 
eventi, dicono ambedue.Gli eventi sono giunti; e oggi sappiamo 
che queste croci annunziavano un secolo di persecuzioni 3 . Ci6 
apparira piu chiaro dal seguente sincronismo. 

Dopo 1'ingresso in Cina dei missionarii della Compagnia di 
Gesu, ed i lavori successivi dei Bicei, degli Schall, dei Verbiest, 
per non citare che i principal!, ai quali poi si aggiunsero quali 
zelanti ausiliari i domenicani e i francescani, il cristianesimo, non 
ostante alcune alternative di avversita, era andato sempre pro- 
gredendo, fino a penetrare nel recinto del palazzo imperiale, ove 
i missionarii erano riusciti a costruire una chiesa ; parecchi prin- 
cipi e principesse del sangue avevano abbracciato la fede cri- 
stiana e per poco si spero perfino che 1'imperatore seguisse il loro 
esempio. Le numerose cristianita, sparse su tutto il territorio 
dell'impero, contavano nel 1722 trecentomila fedeli. Tale era la 
condizione della religione cristiana in queste region!, quando 
l'imperatore Cheng-tsou mori il 20 decembre 1722. Durante il 
suo lungo regno (1662-1722) aveva sempre mostrato ai missio- 
narii segni manifest! del suo favore ; ma con suo figlio e succes- 
sore Cheu-Tsong, la cui intenzione, fin dai primi giorni del regno, 
fu non solo di perseguitare i cristiani, ma di abolire ogni trac- 
cia- di cristianesimo, comincio la roviha. Piu di trecento chiese 
furono o distrutte o convertite ad usi profani, o divennero tempii 
del demonio, dove gli idoli furono sostituiti al vero Dio. Piu di 
trecentomila cristiani si trovarono privi di pastori e dati in balia 
al furore degli infedeli. Le fatiche ed i sudori di tanti uomini 
apostolici si xjdero ridotti al nulla, senza che nessun barlume di 
speranza venisse a portare un sollievo a tanti mali 4 . L'autore, 
da cui togliamo questo breve cenno, scriveva poco' tempo dopo 
gli avvenimenti, verso il 1730; non poteva conoscere i fatti susse- 

1 Lett. 6dif. XVI, prefazione. 

*N. 226, p. 22. 

* Questo fu gia osservato da varii autori, p. es. dal P. Chaney (inf.) 

Du Halde, III, p. 154. 



E LE SORTI DEL CRISTIANESIMO NELLA CINA 59 

guenti, il periodo sanguinoso che comincera nel 1746 e dara alia" 
Chiesa ed al cielo intere legioni di martiri 1 . 

Cinque anni prima della morte di Cheng-tsou, due decreti di 
tribunal! dei mandarini caddero sulle mission! come un fulmine 
a ciel sereno : erano dei mesi di gennaio e maggio 1717 ; 1'uno 
proibiva il commercio con gli europei, 1'altro rinnovava gli antichi 
editti di proscrizione, emanati contro i cristiani 2 ; furono confi- 
scate chiese e fatte numerose vittime. Assai grande fu in prin- 
cipio la costernazione dei missionari, come dimostrano le loro 
lettere delPanno 1718. In questo tempo per 1'appunto, appare 
la prima croce, e tre volte ancora si rinnova 1'apparizione durante 
il periodo di tranquillita, che, dopo questo allarme, finisce con 
la morte del vecchio imperatore. Finalmente essa appare una 
quinta ed ultima volta, in piena persecuzione. come per far ve- 
dere la sua correlazione con le precedent!, e aft'ermarne il signifi- 
cato, se non fosse stato ancora ben compreso. A questi popoli 
dell'oriente, di cui gli occhi e lo spirito, per abitudine secolare, 
si rivolgono verso il firmamento, il Tsien, lo Chang-ti, o per ado- 
rarlo o per cercarvi il segreto dei loro destini ; a questi infedeli, 
ai quali, secondo la parola di un santo padre, e piuttosto riser- 
vata la grazia dei prodigi 3 , la Provvidenza apriva in quelle 
visioni quasi un raggio del vero cielo che i predicated dell'Bvan- 
gelo venivano a far loro conoscere. A questi neofiti, ancora de- 
boli nella fede, quelle visioni ricordavano, alia vigilia delle grandi 
tribolazioni, le parole di Nostro Signore : II discepolo non e 
sopra del maestro. Se hanno perseguitato me, anche voi sarete 
perseguitati, ma abbiate fiducia ; per questo segno sarete vit- 
toriosi con me . 

1 Non fu del tutto interrotta 1'evangelizzazione della Cina, mentre 
i missionarii in questo vastissimo impero, ora approflttandosi di qual- 
che breve tempo di tregua, ora vivendo come i santi dei quali parla San 
Paolo (Hebr. XI, 37-38), egentes, angustiati, afflicti... in montibus, in 
spelunds et in cavernis terrae, non rifuggivano da qualsiasi fatica e pe- 
ricolo, pur di mettere in salvo qualche avanzo delle loro cristianita. Si 
vedano le ultime Lettere ediflcanti, e nella 2 a ediz. la lett. del P. Roy, 
v. XXIII, p. 408, il Weltbott, dal num. 521 passim, e CHANET S. I. La 
colonie du Sacr6 Coeur dans les Ctvennes de la Chine. 

1 Lettera del P. de Mailla, da Pechino, 5 giugno 1717, Lett. 6dif., 
XIV, p. 86 ; WIEGER S. J. Textes historiques, p. 2071. 

8 S. GREGORIO M., horn. 29. II principio si trova in S. Paolo, I. 
Cor. XIV. 22, in riguardo al dono delle lingue. 



60 ANTICHE APPARIZIONI DI CEOCI 

*** 

II P. Eomano Hinderer, zelante missionario gesuita, che diri- 
geva'allora la cristianita del Tche-Kiang, ha lasciato una breve 
descrizione di tutti quest! fenomeni in una lettera del 24 novem- 
bre 1722 indirizzata al suo Provinciale P. Hallauer ; non aggiunge 
nulla sulle due prime apparizioni, ma si intorno alle due seguenti, 
che appartengono alia sua missione. Cosi circa Papparizione di 
Kin-kia-kiao nota anzitutto le profonde tenebre di que"a notte 
del 31 decembre (feste di Natale) bey dunsterer Nacht, poi che 
la croce apparve sopra una piccola cappella, coperta di paglia, 
aus Stroh gebautem Betthaus ; e aggiunge : Questi undici cri- 
stiani, poveri contadini, coltivatori di un podere ? Meyerhofi, 
tutti miei convertiti, vi stavano in quel momento riuniti in pre- 
ghiera, quando il fenomeno apparve, spaventando i pagani 
del vicinato, che accorsero credendo che fosse un incendio *. 
Inoltre nolle sue Lettere annue (1720) egli ci a conoscere la storia 
di questa piccola missione, la quale, dice egli, e debitrice, dopo 
Dio, ad una contadina di nome Lucia, della stessa famiglia 
Lu, insigne per i santi costutni, la pieta ed un zelo ardentissimo 
per la salute delle anime, che mai si rallento per 40 anni r 
dial tempo che 1'aveva attinto alle sacre fonti del battesimo. 
Parecchi pagani, che essa battezzo, le dovettero la loro salute 
eterna. Eaggruppati alcuni neofiti nei dintorni, insieme con 38 
catecumeni diligentemente istruiti da lei nella nostra fede, me 
li offri insieme con un terrene' per fabbriearvi una chiesa; in 
tanto eresse quest'umile oratorio 2 dove nella mia assenza (il 
P. Hinderer stava solo a Hang-tceou con un altro missionario) 
li riunisce per la preghiera nei giorni festivi. I pagani stessi 
affermano che il cielo spesse volte ha ricompensato la sua pieta 
con insigni prodigi . 

Osserviamo da canto nostro, che la croce, la quale sempre al- 
trove si mostra innalzata nell'aria, questa volta e ^enuta a posarsi 
con compiacenza sul tetto di paglia di questa modesta cappella. 
II piccolo edificio e stato costmito per venerarvi un'immagine 

1 Weltbott, n. 199. 

2 Lo stesso sopra il quale apparve la t;erza oroce. 



E LE SOKTI DEL CRI8TIANESIMO NELLA CINA 61 

di iNostro Signore. Forse si potrebbe credere che questa 
irconlocuzione indichi piuttosto che un crocifisso, un'im- 
magine del Sacro Cuore, se si pensi che il yillaggio di Kin- 
kia-kiao faceva parte della menzionata cristianita del Tche- 
kiang, diretta , come si disse , dal P. Eomano Hinderer. 
Questi fu grande apostolo della devozione al Sacro Cuore 
di Gesii, tanto che il sno primo biografo non ha esitato a porlo 
immediatamente dopo santa Margherita Maria e il venerabile 
P. Claudio de la Colombiere 1 . Egli propago questa devozione 
in Cina durante circa quaranta anni di missione 2 , non mediante 
nuove invenzioni, ma tale quale 1'aveva ricevuta in eredita, con 
le sue pratiche ben conosciute, di cui una delle principali, rac- 
<jomandata da S"ostro Signore stesso, era la venerazione delle 
immagini del Sacro Cuore in seno alle famiglie, promossa altresi, 
fino da quel tempo, da tutti gli altri missionari gesuiti neH'im- 
pero Cinese 3 . 

Anche la quarta apparizione viene a visitare la missione del 
P. Hinderer. il suo amato gregge, Schaflein, oviculae, come nelle 
sue" lettere si qompiace chiamarlo, a Hang-tcheou, capitale del 

1 De la saintete de Marguerite- Marie Alacoque, dn P. Claude de la 
Colombiere et du P. Komain Hinderer, les principaux promoteurs connus 
jusqu'a ce jour de la devotion au 8. Coeur de Jesus, Friburgo in Brisgovia, 
1760. Opera citata dal P. Letierce (Etude sur le 8. Coeur, II, 104) che 
ne da il titolo tradotto e nota con ragione che 1'autore P. Schauenburg 
non conosceva 1'apostolato del PP. Croiset, de Gallifet, de Hoyos, Car- 
daveraz e d' altri. Cf. Chaney S. J. Vie du P. Romain Hinderer de la Com,' 
pagnie de Jesus, I'apotre du S. Coeur dans Veglise de Chine au XVIII sidcle. 
Tournai, 1889. PLATZWEG S. J. Lebensbilder deutschen Jesuiten, 1882, 
p. 199-211. Weltbott, n. 199 in fine e 685, Lett, del P. Henriquez. Le 
Lett. <mn. citate sono prese dal fondo ges. del mss. della Bibl. Vittdrio 
Em., 1386 n. 2. 

2 II P. Hinderer, nato in Alsazia, a Meiningen nel 1669, entrato 
in noviziato nel 1686, giunse in Cina nel 1707 e vi morl il 26 ag. 1744. 
Nei testo originale la circonlocuzione suddetta sarebbe letteralmente 
la faccia [ossia 1'immagine] sacra di Dio . Abbiamo tradotto ed inter- 
pretato come sopra, ma per maniera d'ipotesi e d'analogia con la chiesa 
di Hang-tcheou, dove certamente era venerata un'immagine del S. Cuore. 

8 Si veda per esempio la lettera del P. du Gad, S. I. (Lettres 6difi- 
antes, 2 a ediz. XXXIII, p. 15) Quale consolazione non sarebbe per 
voi vedere in tutte le case dei nostri cristiani l'immagine di questo Cuore 
divino e di sentirli recitare ogni venerdl le preghiere stabilite per ono- 
rarlo . 



62 ANTICHE APPAR1Z1ONI DI CBOCI 

Tche-kiang, di fronte alia sua chiesa, costruita da lui e da lui 
dedicata al Sacro Cuore, la prima eretta, dice egli, sotto questo 
vocabolo in tutto 1'impero cinese *, e centre dell'apostolato della 
sua cara devozione. Tutta la citta la contemplo, egli dice, men- 
tre i miei cristiani cadevano in ginoechio per adorarla 2 . 

Ma che cosa significa questa croce accompagnata da stelle, 
e che con esse passa intatta in mezzo ai flutti ? Non si trove - 
rebbe la risposta a questa domanda, in questi brani di lettere di 
questo santo missionario ? 

AL primo annunzio della persecuzione, egli scrive, ho esor- 
tato le mie pecorelle a mettere tutta la loro fiducia nel sacro 
Cuore di Gesii ; io stesso sono andato dinanzi al suo altare, nella 
mia chiesa, e ivi prostrato ho fatto il voto di celebrare ogni anno 
la sua festa, se si degnava salvare la nostra missione 3 . Bgli 
fu esaudito. Per una eccezione veramente miracolosa, in mezzo 
al cataclisma universale, la piccola missione del Tche-kiang trov6 
grazia agli occhi del vice-re e fu risparmiata. II P. Hinderer era 
riuscito a commuoverlo, ma che cosa sono questi mezzi umani ? 
aggiungeva. La mia unica sicurezza e nel divin cuore del mio 
Salvatore, a cui soltanto siamo debitori di questo' beneflcio 4 . 

Simihnente, rispetto alia quinta apparizione della croce, noi 
abbiamo ragione di credere che la lettera di informazione al 
p. generate Tamburini, in cui essa viene narrata e rappresen- 
tata sia stata scritta dallo stesso P. Hinderer 6 , atteso che, 
appunto allora, egli era stato nominate visitatore delle mis- 



1 Ecclesiam SS. Cordis Jesu primam huius imperil sub hac invo- 
catione erectam. Meglio informato delle cose d'Europa avrebbe potuto 
scrivere: la prima del mondo, dopo le rivelazioni di Paray-le-Monial. 
Fino allora non vi sono che altarini di camera, oratorii, cappelle ed 
altari nelle chiese. Quanto alia data dell'erezione, pud essere calcolata 
dalle Lett, annue del 1719-1720: residentia 88. Oordis Jesu non pridem 
eoepta, dunque verso il 1717. 

2 Weltbott, n. 199. 

8 Lettera datata da Hang-tcheou, 27 settembre 1725, inedita ; Bib. 
Vitt. Emm. mss. 1254, n. 32. In altra lettera dice che fece questo voto 
insieme col suo compagno il P. L. Porquet, gesuita francese. Welt. 293. 

4 In iis spem nullam unquam posui, sed in solo SS. Corde lesu, 
cui in acceptis refero et ipsa haec media suggesta et omnem eorum pro 
gloria Dei emcaciam. Stessa lett. del 27 sett. 

6 Riassunta piti su nella lettera dekP. Orosz, Weltbott n. 281. 



E LE SOETI DEL CRISTIANESIMO NELLA CINA 63 

sioni. In essa avrebbe espressamente indicate la coincidenza si- 
gnificativa che deriva da un'altra delle sue lettere seguenti, scritta 
dalla sua residenza di Hang-tchfou, il 28 luglio 1725 : Ab- 
biamo celebrate quest 'anno a Macao [dove la maggior parte degli 
altri missionarii si erano rifugiati], la festa del Sacro Cuore di 
Gesu, con grande devozione e consolazione indicibile tanto dei 
nostri che di una multitudine innumerevole dei nostri cristiani 
convertiti, ed abbiamo voluto celebrarla per otto giorni di se- 
guito. Xello stesso tempo ho stabilito una confraternita del Sa- 
cro Cuore, che alia mia partenza ho lasciato in grande prospe- 
rita 1 . Se si osserva che questa ottava di feste terminava pre- 
cisamente il 15 giugno 2 , giudichino i nostri lettori se non vi era 
in quell 'apparizione finale un segno di benedizione in favore di 
questi pii missionarii, dei loro fedeli e del loro capo. 

II P. Hinderer terminava la sua lettera con queste parole 
veramente profetiche : Ho la fiducia che per la misericordia 
del divin Cuore di Gesu, le nostre mission! di Cina non solo si 
rialzeranno dalla rovina, ma diventeranno un giorno piu fiorenti 
che mai . Anche questa volta la speranza di quest'uomo aposto- 
!ico non e stata delusa ; ne vediamo 1'adempimento sotto i no- 
stri occhi, e vorremmo ritrovarne 1'immagine ed il presagio nella 
quarta croce. Nel momento della catastrofe del 1723 erano 
aella Cina trecento mila cristiani ; ai giorni nostri raggiungono 
quasi il numero di due milioni 3 . 



1 Weltbott, 293. 

* La festa del Sacro Cuore cadeva in quell' anno il 7 giugno. Noi 
crediamo che il voto del P. Hinderer, anche per la sua autoriiA di 
visitatore sia stato imitato da tutti i suoi confratelli e che tutte le cri 
stianit& della Cina siano state cosi consacrate al S. Cuore. Citiamo U 
testo originale della sua lettera, il quale [appartieue alia storia della 
ievozione al S. Cuore di Gesti : Minime dubito quin si tota missio uno 
iwimo et uno corde ad hunc gratiarum fontem cum fiducia recurrent, salva 
ricvret, majore etiam quam, hactenus soliditate firmanda. 

3 II numero ^va crescendo di anno in anno. Cosi 6 eresciuto di 30.000 
circa nel 1919, in cui la statistica dell'annuario di Zi-ka-Wei conta esatta- 
mente 1.954.693 cristiani. 



RWSTA BELLA STAMPA 



LA VITA DI ANTONIO FOGAZZARO 



SECONDO TOMMASO GALLARATI SCOTTI. X 

Questo libro ha avuto una buona stampa e la meritava . 
Cosi Ton. Filippo Meda esordisce in Vita e Pensiero la sua cri- 
tica della Vita di Antonio Fogazzaro, scritta da Tommaso Gal- 
larati Scotti 2 . E quanto alia prirna parte ha ragione: la buona 
stampa va dal foglio popolare al periodico letterato, dal Marzocco 
alia Nuova Antologia, dalle penne liberali a quelle di credenti e di 
amici cattolici, da G. S. Gargano 3 al march, on. Filippo Crispolti 4 
ed al march. Piero Misciattelli 5 . Chiunque abbia seguito con qual- 
che attenzione 1'eco di questa stampa, come noi per debito di uf- 
ficio, dovra facilmente convenire che il libro 1'ha avuta veramente 
buona. Ma dovra convenire del pari che esso la meritava H Qui 
e il punto : e qui noi siamo veramente dolenti, ma in coscienza 
obbligati di diehiarare subito e spiegare il nostro dissenso, II quale 
non e istintivo, ne superficial, molto meno dettato da impeto di 
pregiudizio, o da smania di contraddizione, ma da un'attenta 
e spassionata lettura, che su certi capitoli specialmente diveuna 
ripetuta meditazione. E ne abbiamo anche a studio ritardata la 
recensione per meglio maturare il nostro giudizio e piu posata- 
mente considerare 1'altrui. 

Cosi abbiamo notato nello stesso giudizio altrui in questa 
buona stampa cioe, che il libro veniva ineontrando - tali ri- 
serve alle lodi, tali critiche miste alle approvazioni, alle gentilezze, 
alle morbidezze dello stile, che mettevano in dubbio il merito e 
anche un poco la piena coerenza della buona stampa che 1'affer- 
mava. Cosi t'on. Meda stesBo flno dal bel principio non esita a 

1 TOMMASO GTALLARATI SCOTTI, La vita di Antonio Fogazzaro. Mi- 
lano, Baldini e Castoldi, 1920. 

1 Vita e Pensiero, X (30 maggio 1920), p. 339. 

* Una vita di A. Fogazzaro, nel Marzocco (18 aprile 1920). 

t ' Fogazzaro netta Vita di T. Oallarati Scotti. Nuova Anto* 
logia, del 16 maggio 1920. 

t La~ coscienza rfligiosa di Antonio Fogazzaro nella Nuova Antolo* 
gia, del 1 giugno 1920. 



LA VITA DI ANTONIO FOGAZZARO 65 

staccarsi dai molti che han.no reso conto al pubblico italiano del 
libro del Gallarati Scotti , e credo che 1'opera sua appaia discu- 
tibile, quando voglia considerarsi come intesa a far rivivere la 
fisionomia interadi Antonio Fogazzaro : cioe atutto.il Fogazzaro . 
<Juindi accenna a concludere in uno scarso entusiasmo per il me- 
todo col quale questo libro e stato concepito e foggiato ; metodo 
(per usare una parola che egli desid ra sia presa in senso relative 
ed analogico) troppo agiografico ; e pure, dichiarando ctie non 
saprebbe spiegare questa sua proposizione, perche le impressioni 
,non si spiegano, si espongono , egli 1'espone in questa formula, 
veramente audace : che noi conoscevamo megJio Fogazzaro 
quando non conoscevamo nei particolari la sua anima,.. che 
insomnia il libro del Gallarati Scotti, mentre arricchisce di un 
materia^e prezioso il laboratorio nel quale i posteri studieranno 
la crisi psicologica e morale che a cavaliere di due secoli, 1'ultimo 
ed il nostro, ha determinate una fenomenologia religiosa, la 
<juale in Italia e stata per una parte il riflesso, per altro la trasfor- 
mazione del conflitto spirituale creato dagli eventi politici che 
-condussero alia unita nazionale, non giova alia fama di Antonio 
Fogazzaro . - Certo, il modernismo fu qualche cosa di ben peg- 
gio, anche in Italia, forse in Italia sopra tutto, molto peggio di 
cotesta fenomenologia, riflesso e trasf ormazione del conflitto ecc. ; 
ma non fosse stato altro che questo, ci6 basterebbe perche il libro 
che ne illustra il fautore, il difensore o il rappresentante piu fa- 
moso in Italia, mentre non pu6 giovare alia fama di lui, non 
possa meritare le lodi di chi lo legge un poco a fondo. Onde non 
intendiamo la sollecitudine del critico a negare che questo suo 
giudizio voglia significare che egli faccia una estimazione meno 
favorevole del libro. Perche, se il libro puo essere lodato per alcuni 
pregi, massime letterarii, non pud per lo spirito, per 1'intento, 
per 1'ideale, ossia quello che il Meda chiama 1'obbiettivo sem- 
prc tenuto presente dall'Autore . Cid e di rappresentare il Fo- 
gazzaro quale un modello di cattolico, tale che e se anche 
incompreso, chiude altamente la serie dei maggiori cattoiici del 
suo secolo , come altamente chiude la sua Vita il Gallarati 
Scotti. E questo e certamente un poco troppo ! 

Non meno gravi - sebbene anche meglio ammorbidite dalla 
consueta gontilezza signorile - sono le riserve che fa il Cri- 
spolti, notando altre origini, non accennate dal biografo, delle 
parziali deviazioni del Fogazzaro. Egli addita a due ottimismi in- 
lo Scotti forse non rileva perche non sembrano del tutto 

_ Civiltd Cattolica, 1920 vol. 3, qnad. 1681. 5 26 giugno 1920. 



66 LA VITA DI ANTONIO FOGAZZAEO 

alien! nemmono daH'animo suo : -primo e il credere che 1'ardore 
mistico... possa educare la gran moltitudine degli uomini ; tanto 
piu che il biografo si riferisce per I'appunto a quel false e mor- 
boso misticismo a di cui si pascevano o illndevano a gara i mo- 
dernisti e di cui fu pure vittima il Fogazzaro ; 1'altro ottimismo 
ingenuo e supporre che la fede manifestata con le opere della 
carita abbia certezza di essere riconosciuta e venerata cosi da far 
cadere tutte'le indiffcrenze e le ostilita circostanti : la qualo certezza 
e smentita dalla ragione non meno che dalla esperienza della 
ostinazione e tristezza umana, raassime contro la Chiesa. A siffatto 
ottimismo tanto esagerato verso gli alieni dal cristianesimo e 
nemici della Chiesa, va congiunto il pessimismo verso gli amici r 
anzi verso la Chiesa stes^a, in cui il Fogazzaro vede di preferenza 
le piaghe, e cerca un suo risanamento, ossia rinnovamento, ma 
di proprio gusto, o piuttosto di-spirito ereticale, se si consider! 
oggettivamente, in se stesso, come si deve considerare, lasciando 
stare le intenzioni del romanziere. Onde il Crispolti giustamente- 
soggiunge che nel Fogazzaro, 1'urgenza di un tale rinnovamento 
della Chiesa, anche limitato ai termini a cui lo limito in morte, 
nacque altresi da una continua supposizione amara, che non e 
nemrneno questa rilevata dallo Scotti, perche ad una tale amarezza,. 
non ostante belle imparzialita, sembra anch'egli partecipare . 
Verso gran partt della gerarchia ^il Crispolti continua -del clero r 
di quel laicato che e piu stretto ad essi, spiro sempre nel Fogaz- 
zaro e intorno a lui un vento di fronda. Le accuse di mescolare 
essi indebitamento la politica alia religione, di condannare que- 
st 'ultima ad una astiosa immobilita, d' immiserirla in forma- 
lisini vuoti d'opere, egli le tenne sempre per buone. E allo spet- 
tacolo di miserie reali che qua e la alcuni appartenenti a quei ceti 
gli dettero, egli non seppe contrappdrre un esame largo e spas-- 
sionato di cio che in quei ceti vi fosse largamente di buoni e do- 
verosi influssi della religione anche nella politica, di rapida pro- 
gressivita sociale, di una carita, i cui frutti apparivano tanto pip 
vasti e fecondi, quanto piu si confrontassero colla secchezza e 
la sterilita di quei rif ormatori sui quali egli aveva contato tanto 
e di cui presto gli toccd disilludersi. L'uomo che, appartenendo 
al partito liberale, fu in tutti i suoi libri un libero e severissimo 
giudice di esso, accolse invece senza revisione tutti i pregiudizi 
che esso aveva sparso sopra il complesso mondo chiamato cleri- 
cale... Quindi era attratto alia missione riformatrice come ad 
una speci' di manovra Contro un nemico segnato . 



SECOND O TOMMASO GALLARATI SCOTTI 67 

E a questo nemico segnato, fino dalla sua giovinezza, egli 
non la perdono mai: e meno che mai nella vecchiaia. Di che 
il Crispolti da colpa anche ad una speciale disposizione della 
mente di lui, scrutatore profondo degli uomini, ma d'uno per 
uno. non del loro insieme, e pm degli nomini creati artistica- 
mente da Ini che di quelli reali ; onde sebbene egli sospendeva 
leaimente il sospettoso giudizio generale, quando poteva awici- 
nare nn singolo dissidente e scrutarlo a parte - di che 1'ami- 
cizia verso il Crispolti stesso puo essere nna prova - avesse 
pure avuto modo di moltiplicare a dismisura questi gindizi in- 
dividual! di rettiflca. gli sarebbe sempre rimasto nella mente 
1'immagine immutabile di una awersa e biasimevole schiera Ion- 
tana : quella cio& di gran parte del clero, che egli chiamava, non 
certo per benevolenza, clero gesuitico , della gerarchia eccle- 
siastica in genere, dei cattolici schietti e militanti in ispecie, di 
quelli che da lui e da' suoi venivano designati comunemente col 
caritatevole nomignolo di farisei . 

Noi non neghiamo del tutto la particolare disposizione della 
mente, attribuita dal Crispolti al Fogazzaro ; sebbene crediamo 
debba chiarirsi pure con quanto aggiunge il Gargano nel Mar- 
zocco 1 t restringendone notabilmente 1'attribuitagli facolta di 
creare artisticamente. 

Ma piii assai che siff atta disposizione speciale, stimiamo che 
abbia concorso a farlo cosl deviare, la disposizione generale del 
liberalismo, ossia la formazione o meglio deformazione mentale, da 
questo impressa nei suoi seguaci - la cosi detta mentaliid liberale - 
comune anche ai deboli cattolici che al liberalismo fanno ossequio e 
pagano il tributo. E pur troppo s'incontrano molti di costoro, che 
per quanto accarezzati, beneficati, compatiti, modificano appena 

1 Nel Fogazzaro manca quasi completamente quest a divina fa- 
colta di creare. Egli sceglie fra le persone che ha d'intonxo i tipi che vuol 
riprodurre ; e poiche rimane in questa limitata realta esteriore, non. 
adopera che il suo spirito di osservazioue che e grande certamente... 
ma il metodo non pud riuscir sempre quando resti invariato. Vi sono 
delle ragioni estranee all'arte che inducono ; ad alterare alcuni tratti 
ed alcune circostanze, ma se manca la forza d'integrazione, che sa impa- 
fltare, dir6 cosi, tutti gli elementi sparsi nella yita per plasmare delle 
persone che prendono il loro posto in mezzo a noi, come nuove arrivate 
da un luogo misterioso donde 1'artista ce le ha condotte per mano, noi 
non comprendiamo ,nulla nella loro vita, noi non arriviamo a vederle 
che come degli esseri che hanno sul viso una maschera sotto la quale 
ci sforziamo indarno di cogliere i tratti reali ed umani (Loc. cit.). 



68 LA VITA DI ANTOIflO FOGAZZAEO 

il loro giudizio avverso o il loro malanimo verso qualche indi- 
viduo piu noto, ma non cessano dalle prevenzioni e dal dispetto 
verso il clero in generate, vedono quasi tutto male nei cattolici, 
quasi tutto piagho nella Chiesa, e con una vita morale, ma poco 
frequente ai sacramenti, si atteggiano spesso, come il fariseo, a 
condannare d'ipocrisia i loro fratelli di fede, specialmente quei 
religiosi che cssi meno conoscono e piti rifuggono dal conoscere 
da vicino, quasi per poterli piir conscienziosamento osteggiare. 

Ad ogni modo, da qualunque parte venga una tale disposi- 
zione, a noi si fa chiaro che essa nella pratica vizia radicalmente 
il giudizio, la vita, 1'opera di un cristiano, ne svia facilmente le 
dottrine, ne rende pericolosa la propaganda. Cosi si awerd nel 
Fogazzaro, divenuto - certo suo malgrado - vessillifero di un 
moto creticale che trascino tante anime alia perdizione. 

Non vediamo dunque come, senza gran pericolo, si possa pro- 
porre a modello, e percid senza riserva si possa lodare chi volendo 
tesserne la storia, ne fa praticamente, anche proponendosi e 
protestando il contrario, e anche in punti i piu delicati, cbe 
toccano la fede e la disciplina cattolica, ne fa 1'apologia, 1'esal- 
tazione, la quale riesce infme ad una fc ntata difesa dei suoi me- 
todi e delle sue dottrine, come ad una tacita condanna della 
Chiesa che ie ha riprovate: onda s'ingenera la peggiore im- 
pressione nei lettori non troppo famigliari alle gravissime que- 
stioni, e lo soandalo noi fedeli. 

Ora in ci6 sta per noi la sostanza della Vita che lo Scotti scrive 
del suo maestro, mentre ai suoi lodatori, anche fra cattolici, que- 
sto e forse un aocessorio, e il principale o il tutto e nella consi- 
derazione artistica e letteraria. 

Certo, vorremmo anohe noi distenderci piacevohnente nella 
critica letteraria, come nell'analisi delle molteplici opere del ro- 
manziere e del poeta ; ne vorremmo allora risparmiare, in questa 
parte, le lodi al suo biografo, cbft mostra, egli pure, belle doti 
di letterato e di critico 1 . AUora le nostre critiche, per quanto 
gravi, apparirebbero veramente addalcite dagli encomii ; ma con 
che frutto? Forse con questo solo: che agli amici, o almono ai 

1 Con troppa severiU per6 il Gargano domanda (uel Marsocco, 1. c.): 
Ma ha il libro del Gallarati Scotti anche un valore por la critica lette- 
raria? Quando siamo cioe illuminati sull'anima dello scrittore, pos- 
siamo sentire sotto una diversa atmosfera 1'opera di lui? Certo pos- 
eiamo spiegarcela, nella sue manchevolezze soprattutto : possiamo me- 
glio intenderla storicamnt, per adoperare una parola del gergo lette- 



SBCONDO TOMMASO GALLAKATI SCOTTI 6$ 

molti di essi, nuovi o gia immemori delle controversie sopite, 
non morte, del modernismo, nasconderebbero il pericolo o la 
reita del veleno occulto tra i fiori della letteratura, ed agli av- 
versari, anche ai moderati discepoli del romanziere vicentino, 
aggraverebbero il loro pregiudizio solito, che le lodi f ossero una 
ipocrisia, un artifizio rettorico per crescere forza alia condanna, 
come il Fogazzaro stesso, per il suo costante pregiudizio libera- 
leaco, insinua in qiialche luogo del Santo , a proposito del 
critici del suo intrinseco Giovanni Selva. 

A gran torto, poi, lo Scotti iiell'amarezza deH'animo giovanile^. 
esacerbato dalle antiche polemiche - la cui importanza vitale egli 
non capi allora, ne capisce ancora in tutto, sebbene adontato dei 
tradimenti onde fu vittima da parte dei P. JBaldini (uno pseudo- 
nimo del Rinnovamento ), dei Murri, dei Minocchi, dei Loisy 
e di altri infelicissimi sacerdoti apostati - inveisce contro la 
bassa, acida, petulante eritica dei farisei del giornalismo settario j. 
a gran torto, se non esclude coloro che franno energicamente 
combattuto per debito di coscienza queUi che ad essi parevano, e 
poi si mostrarono sempre pin negli effetti, profondi traviamenti 
ereticali; se loro attribuisce di avere discusso o negata la onest^. 
fondamentale delle intenzioni del Fogazzaro, laddove delle 
intenzioni non era questione, ma degli scritti, delle idee in se 
stesse, la cui natura non muta per la buona intenzione delPautore. 
E tuttavia egli riconosce con lealta : ^} giusto che il Santo sia 
stato considerate dai suoi nemici piti che come un'opera di let- 
teratura, come un programma di riforma cattolica. Voleva essere 
una battaglia e lo fu . 

Ora qualche cosa di simile non potrebbe dirsi di questa sua 
Vita di A. Fogazzaro ? E 1'eff etto - ripetiamo - non di- 
pende dalla onesta foudamentale delle intenzioni dell'au- 
tore, che niuno vuole certo mettere in dubbio; non dipende da 
aitro elemento soggettivo; dipende fairobbiettivo, dallo spirito 
che 1'informa, dalle idee che insinua, massime contro il go- 
verno e rinsegnamento tradizionale della Chiesa contro il clero 
e la gerarchia, anche|nel suo apice, in cui si affenna col Pogaz- 
zaro che raramente lo Spirito rifuJge (p. 384). 

raric/: ma artisticamente, no, per quanto al dire del diligente biografo 
arte e vita siano veramente nel Fo^azzaro due fiamme di uno stesso 
fuoco.... L'opora d'arte ha una sua.vita indipendente che non s' illumina 
ee non della propria luce soltanto. Se in essa vi sono delle ombre, 
queste non si diradano per le notizie biografiche di colui che quella 
vita ha voluto suscitare nel mondo, e restano aeile manchevolezze . 



70 LA VITA DI ANTONIO FOGAZZARO 

Ad ogni modo, noi ci dimentichiamo sempre, anche a malin- 
cuore, del nostri gusti letterari e delle question! che li riguardano, 
quando ben altre question! incalzano, questioni che toccano la 
vita della Chiesa, la custodia del deposito sacro della sua rivela- 
zione, il rispetto della sua gerarchia, la difesa del clero e dei catto- 
lici piu esposti alle persecuzioni dei miscredenti. la vita quindi 
delle anime, che & la nostra vita e tutta la ragione della nostra 
dura fatica. Molto piti vogliamo sorvolare su le questioni delle 
persone, sui dissensi di forma o altri di ordine secondario. Di- 
ciamo anzi - e godiamo di affermarlo - sia pure in contrapposto 
alle impressioni di altri, come del citato on. Meda - che in 
qualche senso lo Scotti ha per noi rivelato un nuovo Fogazzaro. 
Ed esso e migliore in parte delle sue opere letterarie ; e un Fo- 
gazzaro, non diremmo mistico - perche di questo epiteto e 
ben piu alto il senso vero e troppo se ne abusa nella Vita dello 
Scotti - ma non alieno dalla pieta cristiana, che egli sembra irri- 
dere e talora discredita nei suoi romanzi ; un Fogazzaro alieno 
dalla cupidigia della ricchezza e dall'oziosita della mollezza, 
uomo di cuore, non ostante certe malignita dei suoi scritti, 
nelle frequent! satire contro il clero; un Fogazzaro insomma di 
grandi doti, chiamato a grandi cose, come e piu, forse, di altri 
fluoi contemporanei del laicato cattolico, se non fosse [stato 
guasto dal liberalismo, prima che dal modernismo, e percid fatto 
incoerente. E checchfc insinui contro di noi il suo biografo, noi 
ameremmo assai megHo lodarlo senza riserva che criticarlo, spe- 
cialmente ora che egli & morto nella pace della Chiesa e in 
bnona parte ricreduto del suo modernismo: tanto anche noi 
leggendo in questa Vita pagine commoventi di lotte e di do- 
lori, sentiamojdi compiangerlo, di scusarlo, di ammirarlo anzi, 
In quanto ebbe di buono e di cristiano. Questo Fogazzaro intimo 
ra bene far conoscere, ma noi vorremmo che il Gallarati Scotti 
oi avesse dimostrato meglio quanto afferma, riportando le prove 
e gli esempi piu specificati, additandoci i particolari di quella sua 
vita domestica, delTasserita esemplarita di sposo, di padre, di 
cattolico praticante, massime in ci6 ohe piu ne mostra la tempra, 
come vittoria del rispetto umano, frequenzafalla'chiesa e^ai 
Sacramenti, amore coniugale, e via via. 

II biografo invece pare che abbia]inteso di preferenza a lumeg- 
giare il Fogazzaro letterato, liberale e riformista, quantunque non 
n abbia dissimulato tutte le T>iu evident! manchevolezze. "R nn\ 
non ardiremmo convenire in ci6 di che dubita il MisciatteUi, nella 
amichevole ma sincera sua critica, dopo riportatele gravissime pa- 



SECONDO TOMMASO GALLARATI SCOTTI ' 71 

role del Gallarati Scotti su la natura, il carattere di Benedetto , 
il santo del Fogazzaro: - Quell 'uomo era troppo debole, troppo 
morbosamente sensuale perche se no potesse trarre una forza, 
una volonta virile senza esitazioni ecc. - II Misciattelli soggiunge: 
In questo giudizio sev.ero ma esatto sul personaggio del Santo 
il biografo manifesta forse il proprio pensiero su la natura e il 
carattere di Antonio Fogazzaro, e ci dispensa dal rilevare come 
tal natura non permettesse all'uomo di svolgere e di attribuirsi 
nel seno della Chiesa quella mission^ di riformatore delle coscienze 
la quale fu in cima ai suoi desideri x . Altro che riformatore altrui! 
che rinaovatore della Chiesa di Dio! Ad ogni modo, in questo 

1 Nuova Antologia, art. cit., p. 272. Conveuiamo invece p^ena- 
mente col Misciattelli stesso, quando conforme a ci6 esprime il giudizio 
proprio, continuaudo : a II romantico Fogazzaro nou poteva sperare di 
rivaleggiare su questo campo con il suo grande predecessore Alessandro 
Manzoni, coscieuza diritta ed austera e potentemente geuiale di poeta 
classico. Noi riusciamo pertanto a comprendere 1'invincibile avversione 
che per motivi docisamente opposti il Fogazzaro uomo ed artista sascit6 
in larga sehiera di uomini di mondo, pagani nella vita e nel penaiero, e 
in un altro gruppo di uomini dalla fede cristiana rigida ed inflessibile . 
Ma egli ha torto quando accomuna troppo f acilmente gli uni con gli 
altri, quasi che questi, come quelli, rifuggissero dall'uomo piuttosto che 
dalle sue idee e dalla sua propaganda esiziale, per quanto potesse apparire 
ed essere f atta in buona fede e con rette intenzioni, come si disse. E piu 
ancora quando soggiunge: Noi ci permettiamo tuttavia di osservare come 
ne i primi ne i secondi potessero sentire e quindi giudicare con giustizia, 
ioe con verace spirito di carita, la vita interna, la tragedia di quell'anima. 
Tragedia che dal mondo dei sensi si riflette e propaga nel mondo delle 
idee . Ecco qui, al solito, spostata la questione. Che tragedia !I cattolici, 
e noi tra essi, come primi critici, risoluti, ma non mai scortesi, del Fo- 
gazzaro - se non potemmo, non ci arrogammo mai di sentire, nep- 
pure dovemmo ne volemmo mai giudicare la vita interna. la tragedia 
dell'anima, del Fogazzaro. Un tale giudizio - ripetiamo - noi lo lasciamo 
sempre a Dio, e quindi al Ministro di Dio, nel tribunale della Confessione; 
ed auguriamo che fosse mitissimo. II nostro invece toccaya 1' opera 
esterna, 1'errore e la propaganda di esso ; onde un'altra tragedia ben 
piu larga e miserevole, se ; di tragedia si vuol parlare : il traviamento di 
tante menti e 1'illusione o la perdizione di tante anime. Di qui la nostra 
opposizione pronta e inflessibile, voluta dalla giustizia non meno che dal 
verace spirito di carita . - Nel resto, il Fogazzaro, come il bravo suo 
biografo, non doveva portare questa sua tragodia iuterna al sole, 
quasi per comunicarne ad altri 1'epidemia tragica >>, come avvenne 
tra la gioventu e le donne specialmente, se non voleva vederla com- 
battuta, anche con qualche colpo troppo fiero, da chi vi trovava un 
pericolo generate nella diffusione del contagio, del modernismo spe- 
al mente. Chi ebbe ragione? Lo mostrd 1'eff etto. 



72 LA VITA DI ANTONIO FOGAZZAEO 

senso ha ragione Ton. Meda di aft'ermare che il libro non giova. 
alia fama del Fogazzaro : tanto piu che il biografo si studia co- 
stantemento di trovare e mettere in rilievo 1'accordo perfetto 
tra 1'opera esterna del letterato e la vita interna deH'uomo e del 
cristiano. 

Che se il libro non giova alia fama dell'uomo, meno giova all'e- 
dificazione del lettore, stando anche al giudizio dei suoi lodatori r 
come sopra abbiamo accennato. Ma non giova noppure alia tesi 
del biografo, sia per ci6 che tocca la persona del Fogazzaro^ 
che chiuderebbe la serie dei maggiori cattolici del suo secolo r 
sia per cio che riguarda le sue idee, i suoi metodi, la sua scuola. 
Qui inf atti il biografo stesso ci loda sopra tutto tre falsi indirizzi r 
per noi f onti di errora il misticismo , che fu sentimentalismo per- 
nicioso, illusione manifesta nella sua concezione stessa deH'amore ; 
il rosminianismo, non tanto il filosofico, in cui il poeta non si adden- 
tr6 molto, ma il riformista, e in parte anche giuseppinista del vr-c- 
chio suddito dell'Austria, quello delle Cinque Piaghe della Chiesa; 
infine il liberalismo e non quello dei Montalembert o dei Lacordaire- 
dalle nobili illusioni, ma quello proprio dei Cavour e dei vecchi re- 
galisti, dalle machiavelliche cospirazioni e dalle astute ipocrisie, 
ohe forse egli avrebbe riprovato, se fosse stato di migliore accorgi- 
mento. Sentimentalismo, rosminianismo e liberalismo cavouriano 
gii inclinarono 1'animo alle novita religiose, e quindi lo sospin- 
sero logicamente al modernismo, di cui egli si trovo ad essere un 
tempo, quasi senza addarsene, il volgarizzatore piu popolare, se 
non il caposcuola, il maestro piu originale. 

Fu questa la sua gloria per alcuni ; per noi fu la sua somma 
sventura, checche sia della consapevolezza e gravita della colpa.^ 
personale, di cui Iddio solo e giudice. E in cio dissentiamo reci- 
samente dall'autore; anzi crediamo per giunta di poter bene 
dimostrare legittimo il nostro dissenso coi dati stessi della sua 
biografia. Essa ci sembra perci6. sotto rispetti assai diversi, anzi 
opposti a, quelli dell'autore, un importante contributo alia storia 
del modBrnismo, sebbene per le ragioni da noi accennate la sti- 
miamo riprovevole e perniciosa, non fosse altro perche esalta fra 
ti maggiori cattolici chi fu assertore o complice di moti, di tne- 
todi, di dottrine, di riforme condannate dalla Chiesa. 

Ma questa dovra essere ancora materia di una piu larga e 
motivata dimostrazione. 



D.r PROSDOC. CERATO, Prof, theol. mor. in Sfminario Patavino. 
Matrimonium a Cod. I. C. integre desumptum cum adnotatiun- 
culis. Editio tertia. Patavii, Typis Seminarii. 8, 306 p. L. 5,50. 



Nel vol. Ill dell'anno 1918 a 
pag. 549, tributammo le dovute 
lodi alia prima edizione di questa 
eccellente monografla. Ed eccola 
novamente presentata al clero, 
riveduta ed assai ampliata, avendo 
PA. messo a profitto molte parti- 
colarit& occorsegli per Pinterpre- 
tazione della nuova legislazione, 
tanto nello studio proprio, quanto 
negli altri commenti pubblicati 
finora. Egli ha sottomesso qual- 
che opinione ad un nuovo esame, 
come per esempio quella del- 
1'obbligazione disgiuntiva degli 
sponsali ; la questione della li- 
cenza rlchiesta alia liceita del- 
Passistenza, conforme al can. 
1097 (n. 94) ; una fattispecie in- 
teressantissima sull'impedimento 
di affinity in '1 grado di linea retta 
(n. 160) ; Passistenza del sindaco 
al riconoscimento civile della nuo- 
va unione d'un divorziato (n. 118) 
ed altre molte. 

Alcuni miglioramenti sono cer- 
to ancora possibili, e qualche as- 
serzione non ci convince piena- 
mente. A' pagine 7 e 106 avrem- 
mo volentieri trovata un'espressa 
dimostrazione della inseparability 
del fine secondario del matrimonio 
dalla possibilita, almeno presunta, 
del fine primario, in colui il quale 
intende contrarlo ; se questa inse- 
parabilit^i venga trascurata, ne 
possono nascere gravissime confu- 



sioni tanto nella dottrina, quanto 
nella pratica. In fine del n. 18, 
si sarebbe potuto ricordare anche 
rimpedimento di crimine. il auale 
non e stato soppresso come quel- 
lo originato da rapporti illeciti, 
ed e, come questo era, occulto 
ed infamante. Al n. 68, non ci 
sembra doversi ritrovare nel ca- 
none 1073 del Codice, significato 
anche il voto semplice di castita. 
emesso talvolta dalla moglie, la 
quale avrebbe consentito alia sa- 
cra Ordinazione del marito; Popi- 
nione che questo voto fosse impe- 
dimento dirimente ad altre nozze 
dopo la morte del primo marito* 
gi^ prima di Benedetto XIV era 
stata pienamente confutata, ne 
possono bastare a canonizzarla oggi 
le parole generali di quello statuto- 
Non ci sembra tanto inamissi- 
bile 1'opinione ricordata al n. 92, 
che eostennero il Card. Gennarif 
ilP. Ojetti e qualch'altro (Arendt, 
Anal. Deer. Ne temere pag. 272): 
che cioe, il parroco impedito, per 
una censura dichiarata, dall'assi- 
B tere validamente ad un matri- 
monio, possa dar licenzadi assi- 
stervi ad un altro saoerdote, fino 
a tanto che conserva la superio- 
rit^ abituale sulla parrocchia ; non 
e questa una gi urisdizione delegata 
dal parroco cosi censurato ; ne 
pare che faccia tanto a Dronnsito 
la regola luris 79 in 6. A pag 



74 DIRITTO 

194 non ammetteremmo tanto 
facilmente la probability certa del- 
1'opinione ivi accennata. , Final- 
mente la massima parte dei teo- 
logi e dei canonist! oggi non ricono- 
sce nelle costituzioni di Paolo III, 
S. Pio V e Gregorio XIII, fatte 
leggi universali nel canone 1125, 
una semplice applicazione del pri- 
vilegio Paolino, bensi vi vede un 
esercizio del potere ministeriale 
delle somme Chiavi di Pietro, sul 
matrimonio legittimo e eonsu- 
mato degli infedeli, esercizio fatto 

LUDWIG von PASTOR. Die Stadt Rom zu Ende der Renaissance. 
Freiburg im Br., Herder, 1915, 8, XVIII-135 p., L. 7,20. 

Col sesto volume della sua Sto- ,Ulisse Aldrovandi (1556); e soprat- 
ria dei Papi - il quale comprende tutto un giur\sperito diFrancoforte, 



- STORIA 

nel caso particolare in vantaggio 
della Fede. 

L'A., umile come e, arrenden- 
dosi a quanto scrivono altri, diffida 
talvolta un pochino troppo del 
proprio giudizio. Cosi pure al 
n. 162 riporta intera, come as- 
solutamente da seguirsi, una dis- 
sertazione di piu pagine, apparsa 
nel febbraio u. p. nel Monitore 
Ecclesiastico di Roma, la quale 
non sembrer& a tutti d'uu valore 
giuridico-dottrinale del tutto in- 
contrastabile. 



Giulio III, Marcello II e Paolo IV - 
Ludovico Pastor, che gia nei pre- 
cedent! aveva dato sempre uno spe- 
ciale rilievo ai momenti delTarte 
e della cultura in ciascun pontifi- 
cato, si trova condotto a quel ter- 
mine in cui la famosa et del Rina- 
scimento pare quasi sfiorire etramu- 
tarsi, per dar luogo gradualmente 
alle moderne condizioni dell'arte 
e della vita. Giunto a questo pun- 
to, che precede di poco le radicali 
trasformazioni di Sisto V, parve 
opportune allo storico rivolgere 
lo sguardo iudietro e delineare un 
quadro di Roma al cadere. del Ri- 
nascimento, raccogliendone gli ele- 
ment! da testimoni di veduta, da 
scrittori cioe ed artisti contempo. 
ranei. Sono principalmente Leo- 
nardo Bufalini con la sua pianta 
di Roma del 1551; co' suoi esattis- 
simi disegni, Martino van Heems- 
kerck ; Antonio Lafrery con la sua 
preziosa collezione di incisioni 
Speculum Eomanae magnificen- 
tiae ; similmente con la pianta del 
1577, il Du Prac; il natural'sta 



Giovanni Fichard, il quale trovan- 
dosiinRomanell'autunno del 1535, 
appuntava, per uso suo e sul posto 
istesso, le proprie impressioni su 
quanto gli accadeva di sentire ed 
osservare. Ma questo bellissimo 
quadro, pieno di notizie e di no- 
vita, avrebbe acquistato due tanti 
d'interesse, qualora 1'erudizione 
scritta fosse stata accompagnata 
da una parallela illustrazione in 
figura. Ed e questo appunto che 
il Pastor, dietro invito di molti au- 
torevoli studiosi, ha fatto col pub- 
blicare, stralciandolo da quel vo- 
lume della Storia, 1'anzidetto ca- 
pitolo, con qualche leggero ri- 
tocco e adornandolo di copiosa ed 
eletta serie di vedate della Roma, 
oggi scomparsa, ma sussistente a 
mezzo il seeolo xvr, e di molte 
altre relative a monument! di quel 
tempo, tuttora conservati, benchd 
non sicuri di scampare al piccone 
demolitore, che dal 1870 in qua 
ha dato prova gia di una mirabile 
energia e di ubbidienza perfetta- 
mente cieca. II volume elegantis- 



STOEIA - AGIO GRAF JA 



75 



simo, fondato nell'erudizione piu 
sicura, bench e sgombro dell'appa- 
rato delle citazioni, e una guida ad- 

TROMBETTA Cav. US. Alia merce del barbari. Gli Austriaci 
nel Friuli (Diario). Bagnacavallo, Tip. Bagnacavallese, 1919. 



dirittura suggestiva attraverso la 
citta di Roma nel classico cinque- 
cento. 



Questo Cav. Uff. _ Trombetta 
eJun T prete, e lo raccogliamo dalle 
pagine del suo diario su la violenta 
invasione degli Austriaci seguita 
alia ritirata di Caporetto, che va 
dal 25 ottobre 1917 al 3 novembre 
1918. Non r cipiace che siasi dissi- 
mulato nella testata del titolo 
questo suo grado di sacerdote. 
ben piu glorioso che quello di 
Cav. Uff. ; ma piu ci displace 
il tono basso e talora triviale del 
diario, specialmente nelle frequent! 
scandescenze e invettive contro gli 
Austriaci, rinfacciando loro il cat- 
tolicismo ad ogni passo, dove il 
cattolicismo non ci entra davvero e 
<love altri invasori, non cattolici, 
avrebbero fatto - e fecero altrove - 
anche peggio e molto peggio. 

II sacerdote, sia pure nell'im- 
peto di una giusta indignazione, 
<leve serbare dignita, non mai 
scendere agli sfoghi irosi, alle vil- 
lanie, alle imprecazioni, biasime- 
voli anche in un Cav. Uff. ( oa- 
rogne, canaglie, farabutti , e cento 
siffatte gentilezze) ; e nemmeno 
pu6 trascendere nelle esagerazioni 
a carico del nemico, come fa il 
Trombetta quasi con un continue 
fuoco di improperii e altre male 
parole. Tra tutto questo fuoco di 
fila, nondimeno, tra il molto f ango 
accumulato senza risparmio contro 
il nemico di ieri, lo storico di do- 



mani, uno storico sereno potra 
ricavare dal diario un doloroso 
materiale di fatti, e non tutti a 
infamia doi nemici, come crede 
1'autore. II Trombetta vera- 
mente non fu sempre trattato 
cosi male dagli Austriaci, stando 
alia sua stessa narrazione, sebbene 
egli per un male inteso patriot- 
tismo, propenda a interpretare ogni 
cosa in senso odioso. 

Cosi, per darne un solo esempio 
(p. 19), quando conta di un uffl- 
ciale, che vedendolo entrare alia 
Sede del Comando stringe i pugni 
e con gesto desolate mormora un 
Jesus Maria , egli dice che ci6 
rivela tiftta la stizza , la nausea, 
la stanchezza che covava nella sua 
psiche teutonica. Non era invece 
piu probabile che quell 'atteggia- 
mento dell'uffiziale austriaco - non 
identico a teutonico - e la sua 
esclamazione dolorosa - non se- 
guita da bestemmia contro i preti 
che si avanzavano - prorompesse 
dal disgusto di un'anima cristiana 
per qnegli orrori della guerra ? Non 
vogliamo difendere gli Austriaci 
ove hanno peccato, tutt'altro! 
Ma vogliamo conservato,anche ver- 
so di loro, il buon senso italiano, 
o piuttosto cristiano, e massime da 
un sacerdote il sensus Christi, che 
cerca nella caritd di Cristo la comu- 



ne salute, degli amici e dei nemici. 

BENVENUTO BAZZOCCHINI 0. F. M. Un Apostolo del- 
1'Umbria, ossia il Giornale delle predicazioni del B. Leopoldo 
da Gaiche 0. F. M. (Scritto s da lui stesso). Trevi, Tip. Economica, 
1919, 8, 233 p. (Rivolgersi P. A. Bracci, Assisi, S. Damiano: 
Perugia). 



76 

In tempi da noi non 
remoti, percorse con zelo d'apo- 
stolo le citt e le terre dell'Umbria 
il B. Leopoldo da Gaiche (f 1815), 
il quale commosse i popoli non 
solo con 1'efficacia del suo esem- 
pio, ejdella sua parola, ma anche 
con la grazia del miracoli, ripor. 
tandone meravigliosi frutti di vita 
cristiana. Viva n'e anche oggi la 
memoria in mezzo alle popolazioni 
da lui - evangelizzate, le fquali, 
epecialmente dopo gli onori dei 
Beati tributati dal Sommo Pon- 
tefige Leone XIIF(12;marzo'1893) 
al santo missionario. accorrono 
devote, sperimentandone di con- 
tinue il valido patrocinio, al san- 
tuario di Montehico, dove riposano 
e si venerano i suoi resti mortali. 

Con questo volumetto il ch. P. 
Bazzocchini ha voluto come rin- 
verdire in mezzo al popolo cristia- 
no, specialmente nell'Umbria, i 
commoventi e gloriosi ricordi del 
B. Leopoldo, per accrescimento di 
devozione e affrettare, fosse pure 
d'un sol giorno , come egli di- 
chiara, il felice avvenimento della 
eua solenne canonizzazione. Pre- 
mettendovi un buon compendio 
della santa vita del novello apo- 
stolo dell'TJmbria , il P. Bazzoc- 
chini pubblica, in queste ,pagine, 
il Giornale della predicazioni 
del Beato, scritto di propria mano, 
e tuttora inedito. 

Sebbene il B. Leopoldo non lo 
avesse compilato per il pubblico, 
ma solo per suo private uso e per 
norma dei suoi compagni, provvi- 
denzialmente ci ha conservato le 
migliori e piu sicure memorie sulla 
estensione e sul frutto delle missioni 
ed esercizi spiritual! da Lui predi- 
cati. Anche cosi concise com'e, 
viene a supplire al difetto che 



AGIOGRAFIA 

molto l'editorenota nelle 5 varie biogra" 
fie del Beato, mancanti [in quelJa* 
parte_ che piu, resta memorabile 
nella sua vita,;; la sua operositaf di 
predicatore provvidenziale nella 
regione umbra ; e in quello che pu6 
richiedere aualche chiarimento. 1'e- 
ditore ha molto bene supplito con 
opportune e non infrequent! note. 
Nella sua stessa brevit& il dia" 
rio ha Peloquenza di cui non Jdi" 
fettano mai le cose|dei Santi. An- 
che certi brevi cenni ci commuo- 
vono,come quello della visita, dopo 
trent'anni, alia casa paterna, dove 
si trattiene per lo spazio di circa 
tre Ave Maria (p. 134); o 1'altro, 
con 1'esclamazione periculis ubi- 
que (p. 1-51), a un grosBo quadro 
che gli cadde una volta addosso, 
mentre se no va a letto, senza 
far gli un gran male . Piu elo- 
quente e il suo silenzio soora 
tante cose che possono naonua/e 
a sua lode, come pu6 vedersi dalle 
illustrazioni dell'editore a parecchi 
passi, come (p. 166) per la mis- 
sione data a Bazzano nel 1796, 
della quale s'ha una relazione 
del parroco del luogo. Si nota pure 
la grande discrezione del Beato 
nel passar sopra a difficolt^ incon- 
trate talvolta nel suo ministero. 
come alia missione di Lusrnano 
del 1785 (p. 146), o a farvijun'di- 
scretissimo accenno (p. es. p. 143). 
Molto rare sono le allusion! 
alia storia contemporanea. pur 
piena di tanti avvenimenti gravis- 
simi. Qualcuna ne 'troviamo negli 
anni 1798-1799, provocata daUe 
difficolt& e interruzioni che^|alla 
missioni del Beato recarono le 
famose imprese del Direttorio ri- 
voluzionario, e in particolare la 
swedizione contro Roma. II B. Leo- 
poldo vide, fra 1'altro, distruggere 



AGIOGEAFIA - ASCETIC A 



del 1791 egli ricorda una pro- 
ficua missione a Piediluco in 
compagnia del P. Giuseppe Or- 
landi, ex gesuita ed ora Religiose 
francescano . 



nel 1773 e poi risuscitare, dopo ben 
40 anni, la Compagnia di Gesu, 
nel 1814, ma di questo avveni- 
mento non vi ha nel giornale che 
un rioordo indiretto. Nel gennaio 

ELlAS REYERO S. I. Obras ^espirituales postumas del Ven. P. 
Luis de la Puente de la Compafiia de Jesus etc. Valladolid, Tal- 
leres Tip. Cuesta ,. 1917, 8, 235 p. 

Al compianto P. Reyero (man- 1'editore ha avuto di mira sopra 



<jato ai vivi or sono pochi mesi),stu- 
dioso assiduo sulla vita e sugli scritti 
di quel famoso ascetico che fu il 
Ven. P. Luigi da Ponte (f 1624), 
vennero provvidenzialmente nelle 
mani parecchi degli autografi degli 
critti spirituali postumi del Servo 
di Dio. Esaminandoli attenta- 
mente, presto si avvide non sola- 
mente che le cose di gia pubblicate 
differivano non poco dagli origi- 
nali, ma che una parte ne rimaneva 
ancora inedita ; venne quindi 
nolla risoluzione di far di quelli 
una edizione piu accurata, unen- 
dovi gli scritti tuttora ignoti. 

Veugono in primo luogo i Senti- 
menti e avvisi spirituali, scritti, 
secondo soKde ragioni arrecate 
dal P. Reyero (p. 33), fra 1'ultimo 
decennio del xvi sec. e il primo del 
seguente. L'autore, come era natu- 
rale, non li scrisse punto per ren- 
derli di pubblica ragione, e quindi 
non li divise in capitoh' e para- 
gran, come furono divisi poi, p. 
p. nolla edizione di Bilbao del 
1895. Anche il P. Reyero diede 
loro una divisione, guardando cosi 
al oontenuto come alia utilita pra- 
tica dei lettori. Pei testi latini, 
usati dal Venerabile, il P. Re- 
yero li diede tradotti nel con- 
testo e rimand6 gli originali nelle 
note ; a p. 73 poi e riportato solo 
in castigliano il n. 3 che nell'ori- 
ginale e in latino. Come si vede, 



tutto un fine pratico ; 4 e questo 
ci spiega pure come vi manchi 
ogni raffronto con le precedent! 
edizioni, ne rimangano chiare le 
parti inedite della presente. Solo 
in principle degli avvisi spirituali, 
(46 brevi sentenze, tutte di mano 
del Venerabile) egli dice, c. XIX, 
che in tutte le edizioni anteriori, 
da se conosciute, manca il 23. 
Agli editori passati dovette sem- 
brar fuori di luogo, perche vi si 
parla di nonne da seguire nella 
recita dell'umcio, del rosario ecc. 
dijcui non si fa menzione nei num. 
precedenti. Ci sembra perd che 
si riferisca al 21 e 22, nei quali 
e parola della perf ezione e pace con 
cui si devono fare tutte le opere, 
fuggendo I'ansieta e la fretta 
di passare dall'una alPaltra. 

La seconda parte contiene se- 
dici Meditasioni, scritte da] Vene- 
rabile per suo uso, probabilmente 
pel tempo degli Esercizi spirituali. 
E certo edificante il vedere il pio 
e dotto asceta, elevato da Dio a 
un grado altissimo d'orazione, ado- 
perare tutte le umane Industrie 
per riuscire perfetto nelle sue pra- 
tiche di pieta. E superfluo aggiun- 
gere quanto queste meditazioni 
possano riuscir proficue per tutti, 
per essere il Servo di Dio uno dei 
piu fedeli interpret! del libro del 
S. Fondatore. 

Segue una raccolta di lettere 



78 



ASCETICA - SCIENZE NATURALI 



del da Ponte, in parte gi& cono- 
sciute dall'antico biografo del Ve- 
nerabile, il P. Cachupin ; altre 
pubblicate dal Mayr, alcune in 
fine ritrovate dal P. Reyero, che 
ne ha raccolte 62. L'editore non 
pubblica qui che quelle spiritual^ 
in numero di 23. chiaro che, con 
piu diligenti ricerche, si potrebbe 
anivare a un ricco epistolario, per- 
che e noto che il ven. Servo di Dio 
ebbejuna larga corrispondenza 
spirituale ; ed e da sperare che al- 
tri voglia continuare le ricerche, 
anche con fortuna maggiore di 
quella del compianto P. Reyero. 
Speriamo pure che altri dia 



mano a compiere, rivedere e pub- 
blicare la nuova vita, che doveva 
esser quasi pronta per le stampe, 
preparata dallo stesso P. Reyero. 
Servira per commemorare degna- 
mente il grande asceta, nolle non 
lontane feste centenarie (1924) 
e a ravvivare la causa di beatifU 
cazione del Venera.bile, di cui sono 
gi& 160 anni (1759) che fu ema- 
nato il decreto dell'eroismo delle 
virtu. 

Intorno allo stato presente 
della Causa, 1'editore ha dato, in 
principio del volume, un'accurata 
notizia, dopo un buon sunto della 
vita del Venorabile. 



G. BIGOURDAN, membre de 1'Institut et du Bureau des Longitudes. 
Petit atlas celeste, comprenant 5 cartes en deux couleurs etc. 
Paris, Gauthiers-Villars & C. 1920, 8, 56 p., 2 fr. 



Che non sia cosa facile orien- 
tarai dinanzi alia moltitudine delle 
stelle in una bella notte serena, ben 
lo sannoiprincipianti, pure deside- 
rosi di rendersi familiari gli astri 
principali e i loro aggruppamenti 
o sia le costellazioni. Viene oppor- 
tune in loro aiuto un astronomo 
di professione con questo piccolo 
atlante celeste, di cinque nitide 
cartine, distinte in rosso e nero. 
Due di esse rappresentano la ca- 
lotta boreale e australe, quali si 
ofirono allo sguardo d'un osser- 
vatore posto entro la sf era cele- 
ste ; tre altre si distribuiscono tra 
loro la regione equatoriale ed ec- 
clittica fino a 50 di declinazione 



nord e sud, prendendo 8h d'ascen- 
eione retta ciascuna. Vi sono indi- 
cate tutte le stelle fino alia 5* 
grandezza. distinte secondo segni 
convenzionali. Ma oltre a questo, 
un testo chiaro e succinto spiega 
1'uso delle carte, e da le norme 
pratiche piu facili a ritrovare per 
via di allineamenti soprattutto, ta- 
lora per altri indizi, le stelle volute. 
Compiouo 1' opera alcuni cataloghi 
di nomi usati tuttora e d' altri dis- 
messi, poi alcune notizie storiche, 
e in particolare le coordinate ce- 
lesti delle principali stelle delle co- 
stellazioni, ordinate per alfabeto. 
Volumetto di piccola mole, ma e- 
gregiamente concepito. 



CRONACA CONTEMPORANEA 



Boma. 10-24 giugno 1920. 



I. 

COSE ROMANE 

1. La beatificazione di quindici Sacre Vergini martirizzate nei giorni 
del terrore. in Francia. 2. Due recise smentite. 3. II II Con- 
gresso Eucaristico Diocesano di Roma. 4. AH'Istituto Mas- 
simo alle Terme. Commemorazione degli alunni caduti in guerra. 

1. Fra gli orrori della rivoluzione francese la Chiesa vide rinverdire 
le glorie de'suoi martiri. Alludiamo, fra gli altri, alle quindici Sacre 
Vergini, che ai tempi del Terrore diedero il sangue per la fede e furono 
teste elevate all'onor degli altari. Esse furono della diocesi di Cambrai, 
ma di due citta e di due Congregazioni diverse : Suor Maria Maddalena 
Fontaine ed altre tre, Figlie della Carita della casa di Arras ; Madre 
Maria Clotilde Angela di S. Francesco Borgia ed altre dieci,0rsoline del 
Monastero di Valenciennes, noverando tra esse una Clarisse e due 
Brigidine, rifugiatesi tra loro dopo la chmsura del proprio mona- 
stero. Correva il tempo piu reo della Rivoluzione, e nella con- 
trada di cui parliamo, I'istrumento sanguinario del governo rivolu- 
zionario era un apostata, G. Lebon. Prima fu la volta delle 
Suore di Arras, che arrestate il 5 febbraio 1 794, vennero condotte in- 
nanzi ai giudici e condannate a morte. Il loro delitto, in sostanza, 
era d'esser religiose e devote a quella fede cattolica che dalla rivolu- 
zione era stata proscritta e in nome della quale esse ricusarono di 
prestare il giuramento che i rivoluzionari pretendevano. Si manten- 
nero costanti nei lunghi mesi della prigionia e il 26 giugno 1 794 fu il 
giorno della loro immolazione: 1'una dopo 1'allra, con eroica fortezza, 
posero il collo sotto la ghigliottina, e le loro teste rotolanti a pie' del 
patibolo segnarono uno dei piu bei trionfi della fede. 

Del pari le Orsoline di Valenciennes, con la stessa procedura r 
vennero incarcerate e condannate. Per 1'esecuzione, il loro stuolo piu 
numeroso fu suddiviso in due : dopo che dal carnefice venne loro letta 
la sentenza, cinque di esse salirono il palco ferale, il 17 ottobre dello 
stesso anno, e 1'una dopo Paltra, con mirabile serenita lasciarono il 
capo sotto la mannaja ; e indi a pochi giorni, il 23, la beata sorte tocco 
alle altre sei. 



80 CRONACA CONTEMPOEANEA 

Sono esse le eroine, che il 13 corr. la Chiesa sollevo all'onore 
degli altari con il consueto solenne rito della beatificazione, nella 
Basilica Vaticana. La domenica innanzi s'era avuto il singolaris- 
simo spettaqolo dei martiri negri dell 'Uganda ; ma non meno bello 
era questo delle quindici Vergini, al cui martirio non si poteva 
pensare senza commozione guardando il quadro dove si vedeva da 
un lato la ghigliottina col carnefice pronto al sanguinoso mestiero, 
e in prospetto le angeliche Suore genuflesse e disposte al su- 
premo sacrificio, nell'atto di seguir la prima* che gia montava sul 
palco delsupplizio. 

Molte Religiose dell'una e dell'altra Congregazione assistettevano 
jn S. Pietro alia glorificazione delle loro consorelle Martiri, e si puo 
immaginare con che anhno: tanto piuchelacerimonia, simile in tutto 
alle altre precedenti, ne differ! per una piccola circostanza, atta a com- 
niubvere ; e cio fu che il Postulatore della Causa pote bensi offrire al 
S. Padre, come di consueto, le Vite e il Mazzo di fiori , ma non 
pote, come e anche uso, offrire reliquia alcuna delle Beate : perche i 
loro corpi verginali, dopo la decapitazione, furono gettati alia rin- 
fusa nella fossa comune tra la moltitudine degli altri cadaveri, e se ne 
smarri ogni traccia. 

Con gli onori decretati a queste Eroine, si e chiuso il ciclo dei gran- 
diosi riti, che nelle decorse settimane hanno fatto 1'ammirazione e la 
gioia di tante moltitudini, nostrane e forestiere. S'e chiuso un ciclo, 
ma se ne apriranno altri; perche la progenie dei Santi nella Chiesa cat- 
tolica non e finita e non finira. 

2. Due recise smentite a fantastiche novelle di giornalisono quelle 
date autorevolmente dall' Osservatare Romano il 10 e I'll corr. La 
prima fu a un giornale cattolico, Le XX si&cle, il quale pur con ogni 
riserva riferiva che il Papa, sollecito di ristabilire le relazioni tra il 
Vaticano e la Repubblica francese, avesse date istruzioni al Partito 
Popolare di non appoggiare piu oltre il Ministero Nitti,la cui politica 
antifrancese si acuiva; e ci6 il Papa avrebbe fatto dopo essersi accer- 
tato che con questo suo procedere raccoglierebbe plausi a Parigi. 

Ora il foglio ufficiale della S. Sede, nel numero del 10 corr., in prima 
pagina e nella forma tipografica che usa in simili circostanze, dopo 
riportate le parole del giornale anzidetto, aggiungeva: Siamo auto- 
rizzati a smentird nel modo piu assoluto tali informazioni per quanto 
accolte con ogni riserva dallo stesso giornale che le pubblica. La 
S. Sede e e rimane completamente estranea alia condotta e agli 
atteggiamenti, come di tutti i partiti politici, cosi del partite po- 
polare italiano . E cio viene in buon punto a confermare quanto 
i nostri lettori gia sanno dell'atteggiamento costante e delle recise 
affermazioni del nostro periodico su questo argomento. 

E poiche un altro giornale, UEcho de Paris, a proposito della re- 
cente Enciclica sulla pacificazione dei popoli, sosteneva al contrario 
del precedente, che con essa il Pontefice era venuto in sostegno del 
vacillante Ministero Nitti, in quanto che costui, prop ugnando, per 



COSE ROMANE 81 

gli interessi economic!, quella politic a di conciliazione frapopoli vinti 
e vincitori, clie era voluta dal Papa per motive religiose, la mani- 
festa concordanza sarebbe stata certa rilevata da buon numero di 
cattolici italiani e li avrebbe predisposti a dare adesione al presente 
gabinetto ; I'Osservatore Romano del 12 corr., in una nota della re- 
dazione, torno a ripetere la smentita, rafforzandola con una nuova 
eircostanza. Esso scriveva : Solo aggiungiamo, a togliere finalmente 
ogni eventuale velleita di insistenze u tale argomento, che PEnci- 
clica pontificia sulla pacificazione dei popoli era stata preparata an- 
che prima dell'armistizio del 1918, mentre la sua pubblicazione fu 
ritardata, inattesa della firma dei trattati e di f rente all'incalzare di 
-avvenimenti, che distraevano e preoccupavano Popinione pubblica. 
E ribadiva infine che la S. Sede per la sua alta missione mondiale 
posta all'inf uori e sopra indistintamente ad ogni atteggiamento 
e condotta di governi e di partiti, non ne puo essere comunque 
coinvolta , 

La seconda smentita f u al Giornale d'ltalia, il cui corrispondente 
londinese, ricamando altre interpretazioni sull'origine e gl'intenti del- 
PEnciclica, vi voile vedere un effetto della Politica britannicain 
Vaticano . Esso scriveva, non senza particolareggiate circostanze, 
che nella visita fatta, non e molto, dal-ministro inglese Balfour al 
Sommo Pontefice, questi avrebbe espresso il desiderio di vedere il 
Vaticano rappresentato nella Lega delle Nazioni, e che anzi un me- 
moriale della Segreteria di Stato era gia a tal fine nelle mani di 
Sir Giorgio Riddel. Che il Balfour da parte sua avrebbe condiziona- 
fcamente promesso di ottenere in Inghilterra una benevola consi- 
derazione della proposta papale, e in ricambio, il Vaticano si sarebbe 
impegnato di adoperarsi con una certa sua azione conciliatrice nei 
riguardi delPIrlanda in ri volt a contro 1 'Inghilterra ; il che appunto 
egli avrebbe inteso di fare con la recente Enciclica sulla pace. 

A queste notizie YOsservatore Romano dell' 11 corr. rispose 
dicendosi autorizzato a dichiararle nei modo piu esplicito destituite 
di qualsiasi fondamento . E aggiungeva : Abbiamo gia avuto altra 
volta occasione di smentire una qualsiasi espressione di desiderio 
da parte della S. Sede di partecipare al Consiglio della Lega delle Na- 
zioni ; le informazioni odierne'ci offrono 1'occasione di ripetere circo- 
stanziatamente che il Santo Padre non fece Cenno alcuno a Lord Bal- 
four di simile .argomento, ne la Segreteria di Stato ha steso mai 
riota o meinoriale in proposito*: cost che non puo esservi alcuno il 
quale dichiari di avere nelle sue mani un tale documento. Altrettanto, 
e .ancora nella forma piu categorica, aggiungiamo per cio che riguarda 
PIrlanda. Ne il Ministro degli esteri britannico tratto affatto delle 
condizioni delPIrlanda, degli avvenimenti che vi si vanno svolgendo, 
delle lore conseguenze politiche, nella sua visita al Santo Padre, 
me Questi ne fece a sua volta parola... >. 

E di smentite, basta. 

3. Nei giorni 15 e 16 corr., s'e tenuto il secondo Congresso Euca- 

Civiltd Cattolica, 1920, vol. 3, quad. 1681. 6 26 giugn* 1920. 



82 C&ONACA CONTEMPOBANEA 

ristico Dioeesano di Roma; e secondo dopo quello che 1'anno seorso 
si aduno nella chiesa di S. Apollinare. II felice successo che quello ebbe- 
fu motive per provvedere quest'anno una sede piu vasta, ed e stata 
scelta S. Maria degli Angeli. S'inizio con grande inter vento di Vescovi 
e prelati, di molti rappresentanti di associazioni eucaristiche, di Col- 
legi e di Ordini religiosi e con molte adesioni. In capo a tutti era 1'E.mo 
Card. Pompili, e presidente effettivo S. E. il Vicegerente, Mons. Pa- 
lica, che aveva ai lati Mons. Pascucci e il Parroco Rovella, segretario 
del Congresso. Le adunanze furono feconde, oltre che numerose.. 
per Pimportanza dei teini trattati, e per la premura da tutti dimo- 
strata nella discussione. Con assai favore fu udito il R.moP. Schuster 
Ab. di S. Paolo, che tratto del ciclo liturgico e della sua efficacia per 
il culto eucaristico. E Dio secondi lo'zelo del degnissimo oratore, spe- 
cialmente per cio che intese, quando fece voti che si diffonda 
sempre piu fra il popolo la conoscenza e la vita liturgica. come quella 
che meglio dispone alia divozione Eucaristica ed a sua volt a ne 
deriva . Temi di non minor momento, benche piu particolari fu- 
rono quelli trattati nel secondo giorno, sul modo di promuovere il 
culto eucaristico nolle parrocchie e la Comimione frequente tra gli 
uomini : nei quali si venne a pratiche conclusioni, ribadite e 
illustrate da una viva discussione, 

Intanto, prima d'ogni altro tema, il parroco de Sanctis aveva fatta. 
una relazione intorno al come s'e praticato nelle parrocchie il culto 
eucaristico dopo il primo congresso dell'anno scorso, epote dare con - 
fortanti ragguagli sull'aumento degli adoratori di Gesu Sacramentato. 
sull'aurnento delle comunioni pasquali, su nuove pratiche iniziate, e 
su antiche rinvigorite. Speriamo che anche questo secondo Congresso, 
abbia a portare i migliori frutti. 

4. Nelle due domeniche 13 e 20 giugno di quest'anno, le'aule del- 
1'Istituto Massimo alle Terme, che sogliono risonare del brio di nume- 
rosissima gioventu studiosa, furono teatro di memorabili riunioni, 
promosse dalla pieta religiosa e dalla nobile arnicizia. La prima do- 
menica fu consecrata alia memoria dei giovani ex-alunni caduti'in 
guerra, compiendo un grave, duro, terribile dovere, ma pur sempre 
dovere, e compiuto con queH'animo forte e generoso, che per innu- 
merevoli testimonianze f u loro riconosciuto da colleghi e superior! 
militari in campo, e procedeva e s'alimentava dalla fede e dalla 
coscienza cristiana. Sono ben ottanta vittime immature della morte, 
i cui norni scolpiti in una lapide all'ingresso del Collegio resteranno 
in perpetuo ad attestare le'virtu cristiahe e civili apprese in un Isti- 
tuto inteso di nome e di fatto alia verace educazione della gioventu 
italiana. La lapide fu scoperta la sera del 13 tra varii discorsi e degne 
commemorazioni dei caduti, dinanzi a frequentissima udienza di 
alti ufficiali deU'esercito, di famiglie e di alunni. Ma gia la mattina, 
con pari concorao delle famiglie e di ragguardevoli personaggi, del 
Prefetto e del Sindaco di Roma, era preceduta nella cappella mag- 
giore dell'istituto una messa solenne di suffragio, cioe la parte sotan- 



GOSE ROMANS 83 

ziale e sola giovevole ai can. alunni defunti, cui niun sollievo appor- 
terebbe la vana fraseologia ufficiale, quale vedemmo sparsa a piene 
mani nolle commeniorazioni laiche moltiplicate nei tristi anni decorsi. 
La domenica 20 giugno fu giorno di ringraziamento del felice- 
mente scampati della guerra, i quali riuniti la mattina dinanzi all'al- 
tare si vollero ritemprare con la preghiera e coi Sacramenti, come 
gia negli anni della lore adolescenza ; e nel pomeriggio accompa- 
gnando in solenne processione la divina Eucaristia per il grande 
atrio del Collegio, divenuto per il momento tempio aperto all'adora- 
zione, ringraziarono riyerenti il Dio degli eserciti, il Dio della pace. 
La f ede cosi riuniva il frequente stuolo degli alunni antiohi e novelli, 
quali precedendo, quali seguendo Cristo in Sacramento, quali - ed 
erano dei piu alti gradi insigniti - onorandosi di reggere le aste del 
baldacchino : li riuniva coi loro superiori e maestri, col P. Miccinelli, 
ora preposito provinciale. gia alunno e poi Rettore del Collegio, col 
P. Dell 'Olio, gia professore e oggi Rettore, che portava il SS.mo, e 
col Preside P. Biacchi, col P. Giuseppe Massaruti, instancabile 
direttore della Congregazione, che invito tutta 1'udienza con felicis- 
simo discorso a rendere grazie all'Altissimo e a propiziarlo per nuove 
grazie negli anni av venire. 

Un'agape fraterna termino quella giornata piena di tante care 
memorie. 

II. 
C08S ITALIANS 

1. Nuovo ministero Giolitti. 2. L'indisoiplinatezza e il dispotismo 
arbitrario tra i ferrovieri: sciopri inconsulti. 3. Sollcvazione 
delle leghe rosse nei Comuni della Carnia. Lotta delle leghe blanche 
nella Marca trevisana. 4. Intanto il mondo si 'diverte. 

1. Dopo sei giorni di interregno, venne rannuncio ufficiale del- 
I'incarico dato all'on. Giolitti per la costituzione di un nuovo mini- 
stero: e il 16 le Stefani pubblicava la lista dei component! il Gabinetto 
im questa forma: Presidenza e Interni, Giovanni Giolitti; Esteri, 
Carlo Sforza; Colonie, Luigi Rossi; Giustizia ed afEari del Culto, Luigi 
Fera; Finanzc, Francesco Tedesco; Tesoro, Filippo Meda; Guerra, 
Ivanoe Bonomi; Marina, Giovanni Sechi; Isferozione pubblica, Bene- 
detto Croce; Lavori pubblici, Camitto Peano; Agricoltura, Giuseppe 
Micheli; Industria e Commercio, Givlio Alessio; Poste e Telegrafi, 
Rosario Pasgualino- Vassallo ; Terre liberate, Giovanni B/aineri ; La- 
voro, Arturo Labriola. 

E dunque anche questo un ministero di molti colon, dal sociali- 
sta riformista o indipendente, Bonomi, Labriola, a! radicale, Alesaio 
Fora, Pasqualino Vaesallo, ai popolari, Meda, e Micheli, ai Hberali de- 
mocratioi, Tedesoo, Peano, Ranieri e Rossi, oltre i tare membri del Se- 



84 CKONACA CONTEMPORANEA 

nato. Per compensate i popolari del minor numero di portafogli, fu 
rono loro assegnati cinque sottosegretariati per gli onorevoli Bertini, 
Longinotti, Pecoraro, Bertone e Degni. Oltre la creazione del nuovo 
portafoglio per il Lavoro viene costituito un nuovo nfficio di segreta- 
riato della presidenza che fara anche da segretario del Consiglio 
e ne fu dato Pincarico all'on. Porzio. Si dice che la Massoneria sia in 
agitazione perche due dei suoi alti papaveri, Labriola e Pasqualino- 
Vassallo, hanno accettato di collaborare coi popolari nel ministero. 
Lustre per i gonzi. Con tali combinazioni pare ottenuto 1'accordo 
fra i rappresentanti dei partiti parlamentari: resta a vedere quanto 
durera il loro consenso nello svolgimento del programma di governo. 
Rimangono all'opposizione, oltre i socialisti, i gruppi del Rinnova- 
mento e quello di Destra con qualche frazione di radicali, che male si 
adatta a rnettersi in coda dei giolittiani. Tutta 1'attenzione per ora e 
volta alPattesa dello comunicazioni del Governo che furono messe 
all'ordine del giorno per 1'apertura del Parlamento fissata al giovedi, 
24 giugno. 

Intanto una circolare brevissima del presidente del Consiglio 
ai prefetti del Regno annunciando la f ormazione del nuovo minister 
conteneva questa frase : II programma che mi propongo di seguire 
puo riassuniersi cosi: giustizia sociale, restaurazione economica e 
finanziaria, osservanza delle leggi . Queste promesse rispondono al 
desiderio di tutti gli onesti. 

2.1 primi a non osservare le leggi e governarsi a capriccio, senza 
curarsi del pubblico danno, sono i ferrovieri, la classe ,piu favorita 
tra gli impiegati dello Stato, alle cui insaziabili pretensioni non basta 
gia divorare tutti i proventi dell'azienda. Dominati dalla teppa so- 
cialista e rivoluzionaria, aggiungono la prepotenza, non intendendo 
accettare nessuna autorifa, opponendo il disordine sisteniatico a tatte 
le imposizioni della disciplina. Nello scorso maggio, per esempio, un 
lungo treno composto di 25 carri carichi di pezzi d'aeroplani e d'altro 
materiale da guerra diretto dalla Francia in Romania, giunto a Bre- 
scia venne abbandonato dai macchinisti: e quando ne vennero sosti- 
toiti altri, tutti i ferrovieri della stazione cessarono dal servizip e non 

10 ripresero che quando il treno per la Romania fu ritirato su un bi- 
nario morto. Allo stesso modo, qualche giorno dopo, un altro treno di 
merci in arrivo dalla Francia e diretto a Belgrade e Bukarest venne 
fermato dai ferrovieri del deposito di Bussoleno sot to pretesto che 
erano armi destinate alia Polonia contro la Russia. Fu accertato che 

11 treno portava biscotti, tessuti, un impianto teleferico, apparecchi 
elettrici e qualche automobile: di armi neppur 1'ombra: d'altronde 
Bukarest e Belgrado fihora non si trovano in Polonia ne in paesi 
alleati dei polacchi: ma a nulla valse. II treno rimandato a Modane 
fu avviato per la Baviera. 

Qui si trattava di merci e di interessi stranieri: ma quelli dello 
Stato non erano rneglio trattati. Un grosso manipolo di truppe che 
doveva da Torino essere mandate in Libia per le recenti manifesta- 



COSE ITALIANE 85 

zioni ostili cola scoppiate, come accennammo, dovette servirsi di 
autocarri invece della ferrovia per giungere a Geneva: e cola fu do- 
vuto imbarcare su nave da guerra perche a nessuna nave, mercantile 
era permesso dall'Associazione della gente di mare riceverli a bordo. 
Lo stesso era avvenuto a Taranto, a Bari, ad Ancona. II fantasma 
della guerra non era che un pretesto: esso non poteva valere quando si 
trattava di trasportare regie guardie o carabinieri per ragione di or- 
dine pubblico: eppure a Bologna, la sera del 4 maggio, quando il Go- 
verno voile spedire~tm rinforzo di carabinieri per la via di Firenze e 
Viareggio, dove erano avvenuti gli incredibili fatti gia narrati a suo 
tempo, i ferrovieri in ossequio agli ordini del Sindacato non vollero 
prestar servizio. Altrettanto tocco ad un treno di passaggio ad An- 
cona che portava quarantacinqiie carabinieri senz'armi diretti aMi- 
lano. Un altro convoglio con 30 muli scortati da 30 uomini di truppa 
provenienti dal Veneto e diretto a Napoli ebbe la stessa sorter e quel 
che sembrera inverosimile, qualche volta anche la sola presenza di 
guardie o carabinieri congedati o mandati in licenza basto ai piu ar- 
denti campioni sovietisti ' per opporsi al proseguimento del treno, 
con quanta perdita di tempo e piacere dei viaggiatori se lo immagini 
il lettore. 

Ma tutto e ancor poco: gli animi dei rivoltosi, sentendosi impu- 
niti, dovevano naturalrnente crescere dl audacia. Infatti ecco nuovi 
e piu vasti arbitrii degli improvvisati dittatori mettere a soqquadro 
i centri commerciali della penisola. Ne citiamo un caso. Uno dei capi 
della stazione di Cremona fa eseguire certe manovre di carri carichi 
di cannoni diretti a Terni, nonostante la renitenza del manovale 
sindacalista. Qualche giorno dopo i dirigenti 1'organizzazione dei 
ferrovieri presentano alia Direzione compartimentale ferroviaria la 
domanda che sia rimosso il capo stazione per i suoi modi alteri coi 
subalterni. Respinta la domanda, viene proclamato lo sciopero a Cre- 
mona il 10 giiigno: il 12 anche i ferrovieri di Milano simettono in iscio- 
pero per solidarieta: e si fanno tutti gli sforzi possibili per imporre lo 
sciopero generale in tutto il paese, affine di obbligare il Governo a ce- 
dere, rimovendo un ufficiale dello Stato non colpevole che di aver f atto 
il suo dovere. Lo stesso era gia avvenuto nel oompartimento di To- 
rino per allontanare un capo del personale viaggiante che non aveva 
voluto scioperare nel gennaio. Lo stesso nel compartimento di Mi- 
lano per toglier di mezzo un capo deviatore, non reo d'altro che di esi- 
gere nei dipendenti la stessa esattezza che egli portava al lavoro. 

Ormai la Direzione delle ferrovie aveva capito che seguendo la 
via delle comcessioni sarebbe impossibile qualunque disciplina: e 
questa volta prefer! afirontare qualunque battaglia ed uscire dalle 
pastoie. All'abbandono del servizio defia maggior parte dei ferro- 
vieri cerco supplire con volontari e soldati, organizzando pochi treni 
piii necessari specialmente per i rifornimenti delle vettovaglie e le 
comunicazioni postali. L'energia e la buona volonta riuscirono a do- 
minare le difficolta del primo momento, mantener 1'ordine, far rina- 



86 CllONACA CONTEMPORANEA 

scere la fiducia e richiaraare molti di quelli che avevano abbandonato 
il posto solo per timort di rappresaglie, ricordando come fossero stati 
male protetti dalle autorita nell'ultimo sciopero. 

I soviettisti non lasciarono nulla d'intentato per intimidire e 
sppraffare i non scioperanti ed estendere il movimento rivoluzionario. 
Difattiin qualche altro centre, come Livorno, si era fatto causa 
comune coi ferrovieri di Cremona e di Milano; e negli stessi giorni 
era scoppiato un altro sciopero sopra le ferrovie secondarie in tutta 
la penisola sotto pretesto di miglioramenti economici. Tutto cio 
aweniva a dispetto degli ordini emanati dal Sindacato e dai diri- 
genti le organizzazioni, a cui i soviettisti non davano piu ascolto, 
riscaldati dalle declamazioni del Malatesta e cornpagni. Mentre cosi 
si mettevano le cose, a Milano il 22 giugno gli scioperanti tennero un 
comizio all' Arena : e come di solito all'uscire daH'aniiteatrb si formo 
una colonna di manif estanti che, avvicinandosi al centre della citta 
trovo sbarrate le vie. I piu si persuasero e si sciolsero : ma il gruppo 
dei malintenzionati, bene armato di rivoltelle, comincio una bat- 
taglia disperata che in piu episodi duro fino a tarda notte e riprese 
la mattina seguente, volendo imporre lo sciopero dei tramvieri. Un 
delegate di polizia e un maresciallo dei carabinieri sorpresi e cir- 
condati furouo barbaramente trucidati. Atti di vandalismo e di 
caccia alPuomo, tentativi di abbarramenti, piccole prove di quella 
rivoluzione che sentono predicare e aspettano ogni giorno. Intatito 
otto morti e una trentina di feriti sono da aggiungere alle vittime 
passate. 

Lo sciopero cesso per stanchezza e, reazione : il capo stazione 
che i ferrovieri volevano allontanare da Cremona, almeno per un 
giorno, fu mantenuto al suo posto. Nessuna concessione venne fatta 
alle intimazioni della teppa, di cui forse piu di trecento vennero im- 
prigionati e messi sotto processo. 

3. Chi vuol avere un idea del come vadano le cose in Italia, tenga 
dietro^a cio che venne svolgendosi nella Venezia sul finire dello 
scorso maggio. In mezzo a quelle regioni cbe subirono la desolazione 
della guerra e il turbine della invasione vi e tutto da fare, da riparare. 
da edificare. Un mondo di gente disoccupata che domanda lavoro 
potrebbe essere adoperata con recipfoco vantaggio del pu.bbUco e del 
particolare: manca il danaro. II Governo aveva stabilito un fondo di 
cinquecento rnilioni che si dovevano ripartire alle cooperative assun- 
trici dei lavori; ma quando si venne all'atto pratico, dopo poche set- 
timane, 'le somme necessarie per i pagamenti degli operai erano in ri- 
tardo, anche ai proprietari delle case diroccate dbpo un primo acconto 
del sussidio promesso era venuta meno ogni altra sovvenzione, donde- 
malcontento e ragioni di disordini, Le cooperative qualche volta d'ac- 
cordo con le sezioni locali del Genio civile, nell'intento di evitare mali 
peggiori, avevano iniziate opere pubbliche specialmente stradali, 
le piu adatte ad occupare braccianti, senza averne la prima approva- 
zione dal potere centrale. Ma come tener fronte alle spese dei salari 



OOSE ITALIANE 87 

;he si dovevano sborsare alia fine della settimana? In certi luoghi si 
poterono ottenere grossi prestiti dalle famiglie piu danarose, indu- 
cendole a firmare cambiali fino a 700.000 lire di anticipo delle somme 
che il Governo avrebbe certamente versato. Per 1'opposto il Governo 
finoTa non ha versato nulla: e le cooperative si dichiarano creditrici 
dello Stato per una somma di cinque o sei milioni. 

La contesa si in&cerbi dal fatto che il Governo non intendeva di 
pagare lavori da lui non ordinati, sehza il debito esame e collaudo: 
e il collaudo era affidato a determinati ingegneri i quali, dovendo por- 
tarsi sopra luogo per i necessari rilievi, avevano bisogno di tempo 
per dare le loro conclusioni : il che protraeva lo stato di sospensione 
e ritardava la liquidazione dei conti . Di qui a Udine prima, pbi in Car- 
nia comiriciarono le proteste, poi la serrata. delle cooperative che 
non avevano piu danaro disponibile da pagare gli operai: e finalmente 
un movimento di insurrezione comunista propagatosi d'accordo in 
tuttalaCarnia. II 20 maggio si comincio col tagliare le linee telegrafi- 
che e telef oniche: si tento interrompere la f errovia pontebbana con la 
dinamite: in diciotto comuni del circondario di Tolrnezzo i soviet - 
tisti o invasero i Municipi cacciandone i Sindaci e innalzarono ban- 
diera rossa. Giunte le notizie a Udine, furono spediti 400 tra soldati 
e carabinieri che arniati di mitragliatrici si diressero sui Comuni in- 
sorti, -sequestrarono le bandiefe rosse, rimisero in seggio senza resi- 
stenza le autorita locali. Allora fu risoluto lo sciopero generale che 
dalla Carnia il 24 maggio si estese a tutto il Friuli, aggravando-la 
condizione in cui gia si trovaA^a il Veneto per lo sciopero di Verona e 
intralciando la vita commerciale e civile di quel vasto settore 
d'ltalia. 

In quest! movimenti della Carnia, capitahati dalle leghe rosse, 
nessuna parte per lo piu avevano presa le associazioni bianche. Esse 
invece si sollevarono in una massa compatta di cencinquantamila 
lavoratori nella Marca trevigiana per ottenere dall'Associazione agra- 
ria tra i proprietari e datori di lavoro la firnia di un nuovo patto co- 
lonico, gia discusso e avviato fin dall'aprile scorso, manonmaicon- 
cluso. I contadini di tutta quella ridente plaga che comprende Motta 
di Livenza, Oderzo, Treviso, Montebelluna, Castelfranco Veneto e 
Asolo, riuniti in 40.000 famiglie coloniche e inquadrati con'salda or- 
ganizzazione in centosessantasette leghe nell'Unione del lavoro di- 
retta da Giuseppe Corazzin, a superare , Popposizionf degli agrari 
si accordarono in qiiesta forma di lotta : non iscioperare, per non ca- 
gionare la perdita irreparabile della produzione : continuare il lavoro, 
ma non fare verun pagamento e nessuna consegna di prodotti fino a 
tanto che fosse stretto il nuovo patto. Vennero quindi bloccati dalle 
squadre di vigilanza i mercati della regione, perche nessuno vi portasee 
che vendere ; furono essiccatl i bozzoli per.cura dell'Unione : si ordi- 
narono grandiosi convegni e corteggi di lavoratori con carri di bozzoli 
e strumenti di lavoro - a Castelfranco, per esempio, convennero 25.000 
persone - svolgendo uno spiegamento di forze che poteva essere. pau- 



88 CRONACA CONTEMPORANEA 

roso, ma era ben governato e generalmente contenuto con quella 
moderazione che si puo ottenere in simili affollamenti, specialmente 
se si fa confronto con i soliti metodi della teppa socialista. In qualche 
caso di eccitazione 1 'inter vento del presidents dell'Unione basto a 
ricondurre la calma. La stampa roasa o verde narro molti orrori, 
con -grave indignazione contro le Jeghe bianche e le lore rnalefatte di 
questi giorni. I giornali cattolici della regione, testimoni oculari, 
provarono false le asserzioni di violeUza e maltrattamenti a persone. 
La forza pubblica presente non ebbe motive di inter venire. 

II prefetto della provincia, spinto dalla pressione dei Coinuni 
impegnatinellalotta, siabboccocoi Deputati popolari della regione 
e finalmente si risolvette a por mano per comporre un dissidio calmo 
si ma di vitale importanza per la provincia. II 15 giugno si chiude- 
vano i negoziati con la piena vittoria delle leghe bianche sul contratto 
di affitto a danaro pei singoli o per le collettivita di lavoratori : durata 
-9 anni ; il canone di affitto diviso in una parte fissa per tutta la du- 
rata del contratto e in una parte variabile, determinata da una com- 
missione provinciale composta da due rappresentanti degli agrari, 
due dell'Unione del lavoro e un presidente seel to da loro o dal 
tribunals. Un solo rammarico : che cioe il patto non sia stato con- 
cluso due onesi prima. 

4. In mezzo a si triste coiidizione di cose e dinanzi alle tristi pre- 
risioni di un piu minaccioso avvenire i nostri posteri stenteranno a 
credere che tra la gente fosse diffusa tanta spensieratezza e cosi folle 
avidita di feste, di lusso, di godimenti di ogni genere, come provano il 
moltiplicarsi delle bische, dei cosi detti caffe-concerto, dei cimemato- 
grafi, e ogni piu volgare ritrovo . Dalle statistiche riportate dai p ubblici 
fogli si vede che a Milano, per esempio - e il f atto non e niolto diverse 
a Torino, a Roma, a Napoli e nelle altre grandi citta -I due terzi della 
popolazione frequentano ogni sera qualche luogodi divertimento; e 
col variare delle stagioni, variano le attrattive,. ma non diniinuiscono 
le cifre, poiche le corse dei cavalli, le gare dello sport, gli spettacoli 
all'aperto richiamano quei curiosi che rifuggono dall'aria ammorbata 
dei loeali rinchiusL II fisco dello Stato e del Municipio hanno un bel 
aguzzare gli artigli e bollare biglietti d'ingresso e aggiunger tasse su- 
gli spettacoli; Ja gente paga e affolla i treni matutini, le trafnvie|in- 
terprovinciali, Pippodromo, il velodromp, gli sferisteri, i foot-ball, i 
giardini, iritrovi, icaffe, i concerti musicali, le trattorie, le sale da 
ballo, i teatri di lusso e le scene popolari con una frenesia sempre 
crescente. Un calcolo approssimativo di quanto rendono allo Stato 
al Comune le tasse sulla spensierata allegria del buon popolo ambro- 
siano in una sola giornata donienicale dei mesi prima verili da circa 
cinquantamila lire, di cui quasi la meta, 24.000 lire, provengono da 
bollo sui biglietti dei cinematografi, e piu di 8000 lire dai teatri. A 
questo devono aggiungersi le quote che il fisco riscuote sui giuochi 
di scommessa alle corse, allo sferisterio, ecc., che non e poco, raggiun- 
gendo la bella cifra di un milione e mezzo all'anno. 



NOTIZIE GENERALI 89 

Se oltre di questa mania festaiola si guarda anche la a vidita del 
godimento piu personale, piii ricercato, che .si estrinseca nel lusso, 
nell'uso del profumi, dei gioielli, anch'essi sottoposti recenternente a 
nuovi balzelli, dalle, stesse statistic he si ricava che nella sola Milano 
le tasse sui profumi nell'anno fiscale 1918-1919 diedero la somma di 
lire 12.146.640: nel presente anno che si chiude al 30 giugno hanno gia 
dato oltre 14 milioni! Anche la vendita di gioielli, che si fa a prezzi 
incredibili per gli alti cambi, .diede nel precedente anno 2.351.230 e 
nel presente fino a tutto marzo 3.247.503 lire. Ma quante vendite oc- 
culte sf uggono all'applicazione delle leggi ! 

E quanti di questi spensierati si lamentano oggi del caro-viveri 
e domani saranno vittime inconscie della rivoiuzione economica e 
sociale ! 

III. 
C08E STRANIERX 

(Notizie generali). 1. L'uso della lingua czeco-slovacca nelle funzioni 
religiose. 2/Essad Pasci assassinate a Parigi. 3. Inaurre- 
zione dei nazionalisti turchi e arabi. 4. RepubbHca irlandese e 
un'eco di essa a Roma. 5. Conferenza di Boulogne r sur-Mer. 
6. II prime congresso dei Sindacati cristiani all'Aja e il boicot- 
taggio contro I'Ungheria. 

1. La Stefani aveva anmmziato genericamente la concessione 
dell'uso della lingua czeco-slovacca nelle funzioni religiose, senza. 
deterrninare i casi, a cui la concessione si restringe. Ma VOsservatore 
Romano, del 13 corr., in una sua corrispondenza particolare di Praga.. 
da un'esatta contezza del decreto. Secondo esso, duiique, la conces- 
sione e data in questi termini. Nelle Messe cantate, il canto delPEpi- 
s tola e del Vangelo puo essere ripetuto anche in volgare ; nell'ammi 
nistrazione del Battesimo e del Matrimbnio si potranno fare in czeco- 
slovacco le interrogazioni ai padrini ed agli sposi, le esortazioni a. 
questi ed ai battezzati e le orazioni per essi ; del pari le preci nelle 
esequie e le preci nelle processioni di San Marco, delle Rogazioni e- 
del Corpus Domini, ma sotto speciali condizioni rimesse al giudizio 
deH'autorita ecclesiastica. Nelle feste dei SS. Cirillo e Metodio, Ven- 
ceslao, Ludmila, Procopio e Giovanni Neponmceno e in otto dei piu 
celebri Santuari nazionali, si puo celebrar la Messa cantata in lin- 
gua slava antica, su messali stampati in caratteri glagolitici e debita- 
mente appro vati dalla Santa Sede. 

Queste sono le concessioni che il S. Padre, esaudendo i voti- pre- 
sentatigli dall'Episcopato Boemo e Moravo, benignamente ha fatto ; 
essendo esse un omaggio reso a care ed antichissime tradizioni, non 
occorre dire se la notizia del decreto pervenuto alle mani di Mons. Kor- 
dac, Arcivescovo di Praga, sia stata accolta con la piu viva soddi- 
sfazione dal popolo e dalla stampa. 



90 

2. La ri volta e il delitto forniscono ampia materia alia cronaca 
di questo cosi agitato periodo post-bellico. In una volta sola giungeva 
la notizia d'un doppio attentato : 1'uno, il 12 corr,, al Cairo, contro il 
Presidents del Consiglio Egiziano, Nassin pascia, con bombe che 
f ortunatamente fallirono il segno; 1'altro, il 13, a Parigi, contro Essad 
Pascia, capo dejla Delegazione albanese alia Conferenza della Pace, 
con due colpi di rivoltella, che purtroppo non andarono vani. Intorno 
alle cause dell'assassinio chi ne adduce una, chi un'altra. L'autore 
dell'attentato, che e uno studente albanese di 25 anni, dichiar6, 
dopo il suo arrestp, di aver compiuto Pimpresa senza premedita- 
zione : avendo riconosciuto Essad Pascia, avevaposto mano all'arma 
omicida con un gesto spohtaneo; per il ricordo vivo delle sofferenze 
da Essad inflitte al popolo albanese. Invece un amico di Essad con- 
fido. ad .un giornale che 1'uccisione era certamente premeditata, e 
che non sarebbe da stupire se 1'uccisore 'fosse stato strumento di 
qualche societa segreta. 

Essad Pascia aveva poco piu di 40 anni e fra-le geste non gloriose 
della sua.rapida camera militare e civile, s'e ricordata anche quella 
d'aver fatto assassinare Hassan Riza, comandante la piazza di Scu- 
tari, al tempo della guerra balcanica del 1912. Ecco lui ora alia sua 
volta assassinate; e per giunta il giorno dell'assassinio, 13 giugno, 
colui che ne e stato autore'si augura debba essere ogni anno giorno 
di festa per gli Albanesi. 

3. Dell'uccisione di Essad s'e detto doversi imputare ai nazionalisti 
albanesi malcontenti del capo della loro Delegazione a Parigi, perche, 
secondo essi, non caldo abbastanza nel propugnare la causa dell'Al- 
bania indipendente. La quale interpretazione troverebbe un rincalzo 
cosi nella sollevazione dei nazionalisti albanesi contro 'gl'italiani di 
Vallona, come in genere dei nazionalisti turchi in Oriente. Giacche 
sul littorale del Marmara e del Mar Nero, milizie hazionaliste, coman- 
date da Mustafa Kemal, si sono messe in moto contro i contingent! del- 
1'Intesa, e a sud di Costantinopoli nella regione di Ismidt vi sono stati 
anche combattimenti. E coi t'urchi si.agitano gli arabi della Mesopo- 
tamia e della Siria, e il sobbollimento si fa largo e minaccioso. Che 
pero la conferenza degli alleati a Boulogne ha trattato anche del modo 
come far fronte ai pericoli che sorgono nelle regioni turco-asiatiche : 
e per ora la Grecia fara avanzare le sue soldatesche da Smirne (90.000 
uomini) e gli inglesi vanno concentrando gli effettivi e le flotte sulla 
strada di Costantinopoli per far la guardia agli stretti. Che abbiaa 
riaccendersi un incendio ? Ma quando si pensa che la Polonia e in 
guerra vera e propria coi bolscevichi russi, che 1'Irlanda e in fremiti 
e in rtvolta, che 1'Europa un po' da per tutto e travagliata da crisi, 
da scioperi, da conflitti con spargimenti di sangue, chi oserebbe dire 
che siamo in pace ? Dio faccia che pur tra tanto caos il seme benefico 
dell'Enciolica Pacem Dei non sia caduto invano ! 

4. In Irlanda lo stato delle cose e sempre grave e la Camera dei 
'Comuni ne ha fatto oggetto di discussione. I disordini piu recenti 



NOTIZIB GENERAL! 91 

sono quelli di Londonderry, dove, il 23 corr., si riaccesero conflitti 
violent! fra unionist! e sinn feiners: una guerra civile con morti e 
feriti Fra gli altri 1'Ispettore generale aggiunto Roberts, traversando 
Dublino in automobile, fu fatto segno a colpi di rivoltella, e anche 
egli riniase ferito. Un drappello di milizia, che si recava a Rosna, 
venne assalito dai sinn feiners, e tre soldati caddero feriti e parecchi 
f urono fatti prigionieri.I reggitori della stessa citta di Dublino vennero 
invitati a bandire la legge marziale, ma non ritennero opportune 
di farlo. 

V'e poi la repubblica irlandese, della quale recentemente si ebbe 
un'eco anche in Roma, quando, per le feste del novello Beato Oli- 
viero Plunket, essendo venuto fra gli altri il signer O'Kelly, egli 
appunto in qualita d'inviato straordinario di quella Repubblica, 
offri un ricevimento in un albergo della citta. E vi inter vennero due 
o trecento irlandesi di origine e sentimenti irlandesi e furono cantati 
inni e pronunciati discorsi in senso nazionalistico o repubblicano, 

Ora il fatto venne portato innanzi alia Camera dei Comuni. dovQ 
ne furono chiesti ragguagli al Governo, e per giunta qualche giornale 
non tacque la pippria meraviglia, perche il Vaticano non avesse 
impedito quel ricevimento. Ma I'Osservatore Romano del 20 corr., 
in una sua nota, rispondeva meravigliandosi alia sua volta che ai 
Oomuni e nella stampa inglese non si fosse tenuto conto d'un'infor- 
mazione dell'agen/ia Renter dell' 11 corr., nella quale s'affermava su 
notizie di fonte certa che a quel ricevimento era rimasto del tutto 
estraneo il Vaticano, ne v'era intervenuto personaggio alcuno della 
Curia Romana. Inoltre il foglio si diceva in grado di aggiungere che 
quel convegno fu assolutamente private e di soli concittadini irlan- 
desi ; e che il Vaticano non solo vi fu estraneo, ma non ne ebbe 
sentore. Come poteva dunque impedirlo, se fu un ricevimento che 
non lo riguardava affatto ; cui esso anzi ignorava, e che era stato 
promosso da tale con cui il Vaticano non ebbe mai relazione ? 

5. Intanto il Consesso della Pace continua a trascinare f aticosa- 
mente innanzi le singole questioni del trattato. Nel mese entrance si 
dovra tenere coi tedeschi un convegno a Spa, e come preliminare ad 
esso, il 21 corr., se ne e tenuto uno tra soli alleati a Boulogne-sur-Mer. 
Vi si doveva trattare la questione dell'indennita tedesca e della ri- 
partizione di essa tra gli alleati, il disarmo della Germania, la questione 
d'Oriente e la questione russa ; ma intorno alia prima non si pote 
giungere a un accordo, e la decisione f u rimessa a un'altra conferenza 
che si terra a Bruxelles il 2 luglio, qualche giorno prima di quella di 
Spa. Neppure la questione russa fu risolta, e solo si determine che le 
trattative di ordine economico cominciate a Londra con i delegati 
conomici russi, Krassin e compagni, saranno continuate, restando 
pero infceso che non si tratta del riconoscimento politico del governo 
dei soviet. Quanto alia questione del disarmo della Germania fu ap- 
pro vato il disegno dei periti militari ; e per quella dell'insurrezione 
nazionalista d' Oriente reata ci6 che abbiamo detto piu sopra. 



92 CRONACA CONTEMPORANEA 

Neppur dunque questa volta si e dato un passo definitive), e la spe- 
ranza dei popoli tante volte delusa nelle passate conferenze deve an- 
cora appoggiarsi ad altre conferenze venture. 

6. Fra le conferenze puo mettersi qaella che il 19 corr. si apri 
all'Aja, vale a dire il primo Congresso internazionale dei Sindacati 
cristiani. Vi erano rappresentanti d'ltalia, del Belgio, di Francia, di 
Olanda, di Svizzera, di Lussemburgo, d'Austria, di Germania e anche 
d'Inghilterra, di Danimarca e d'Ungheria. Tra i rappresentanti di 
quest'ultima fu notato il sig. Huszar, gia presidente del Consiglio 
ungherese. Inoltre assistevano di persons, due membri del governo 
olandese, e aderirono altri ministri e lo stesso presidente del Consi- 
glio, il quale anzi inter venne a una seduta per dare ai congressisti il 
saluto del Governo. 

A presidente del Congresso fu eletto 1'olandese Serrarens, il quale, 
assistito da tre vice-presidenti, un italiano, un francese, un tedesco, 
e da tre segretari, uno di Olanda, uno del Belgio, uno delPAustria, 
dopo un discorso d'introduzione, mise in campo il primo tema dei 
lavori del Congresso : la fondazione definitiva della Confederazione 
dei Sindacati cristiani. Essa e da fondarsi anche per controbilanciare 
quella avversaria dei sindacati socialist! o rivoluzionarii, la quale, 
proprio in questi giorni, sta mettendo in opera, come dicono, il boi- 
cottaggio dell'Ungheria, rea agli occhi dell 'internazionale rossa di 
voler rimettere Pordine entro i proprii confini, dopo la devastazione ' 
fattavi dall'uragano bolscevico. Per dir qualehe fatto, uii tele- 
gramma da Vienna del 22 corr. anhunziava che, in applicazione 
del boicottaggio , era stato soppresso anche sulle ferrovie meri- 
dional! il traffico dei viaggiatori diretti in Ungheria, e che era stato 
sospeso il traffico delle merci sul Danobio. 

Ora contro i Sindacati rossi, autori di queste nuovo sofferenze 
all' Ungheria, ha protestato il governo ungherese, e si protest6 
anche nel Congresso dell'Aja,. dove inoltre fu nominata una com- 
missione per esaminare sul posto lo stato reale delle cose e vedere 
con quali mezzi si potra aiutare il popolo dell'Ungheria, . 



OILE (Nostra corrispondenza). 1. Crisi di govdrno e disordine sociale. 
2. Congiura militate. 3. Prossima elezioue del Presidente della 
repubblica. 4. Disegno di legislazione sociale presentato dai cat- 
tolici 5. Nuovi Vescovi. 6. Legge sull' istnizione primaria e 
religiosa. 

1. Gli avvenimenti hanno provato quanto dicevamo nella nostra 
ultima corrispondenza (Civ. Catt. 1918, vol. 3, p. 381) sulle conse- 
guenze del trionfo dell' Alleanza liberale nelle elezioni del 3 marzo 
1918. In fatti. la corsa alia conquista dei principali impieghi pubblici 



CILE 93 

e le srnodate ambizioni del radical! hanno cagionato il piu triste di- 
sordine nel governo ed il dissolvimerito della stessa Alleanza. Siamo 
gia al nono ministero, senza contare le varie crisi parziali. L' Al- 
leanza, pur avendo la maggioranza nel senate e nella camera, non 
riesce sinora a costituire un ministero, che possa attitare 'almeno la 
parte fondamentale del suo programma, perche gl'intrighi della 
stessa maggioranza rovesciano i proprii ministri. . 

Non e quindi strano, che il cambio precipiti, gli scioperi si suc- 
cedano con troppa frequenza, la carestia ed il rialzo dei prezzi va- 
dano crescendo, ^d il disordine sociale si propaghi in modp pauroso. 

2. Prova di questo disordine e stata anche la congiura militare, 
che pete essere sventata a tempo. Dall'anno 1891 non si era corso 
un pericolo di rivoluzione, piu grave di questa congiura. I militari 
che preparavano il colpo di stato dichiarano di non essere stati 
mossi se non dal pericolo del massimalismo che si faceva sempre 
piu imminente per il disordine sociale. Ma, dal processo che si 
svolge, traspare gia 1'azione secreta della massoneria. Vi sono 
implicati tre generali, alcuni colonnelli e parecchi comandanti. 

3. L' Alleanza ha visto distaccarsi dal suo seno un gruppo dei 
piu autorevoli, che ha preso il nome di Unione liberate, in occasione 
della prossima elezione (25 giugno) degli elettori designati per 1'ele- 
zione del presidente della repubblica. II partito conservatore (catto- 
lici) andra solo alle elezioni, e non sara difficile che ottenga il terzo 
dei voti, onde sara di fatto 1'arbitro della susseguente elezione (25 
luglio) del Presidente. Non si puo prevedere su quale candidate potra 
cadere probabilmente 1'elezione. Si fanno i nomi di I. Tocornal, 
Ydnez, Alessandri. 

4. l stato presentato dai cattolici al Senato un dise'gno di legi- 
slazione sociale, ben preparato, con notabili vantaggi per gli operai, 
quali nessun partito politico aveva osato proporre, senza pero Ian 
ciarsi oltre i limiti di quello che e attuabile. Vuole la costituzione 
di sindacati in tali .condizioni che si prestino all'istituzione di tribu- 
nali arbitrali e dei contratti collettivi di lavoro. Propone come ideale 
la compartecipazione degli operai ai frutti del capitale impiegato 
nelle fabbriche, dove essi lavorano. 

5. Quattro diocesi, che erano vacanti, hanno avuto i nuovi ve- 
scovi, e cosi sperimentano i benefici effetti della presenza dei loro 
pastori : in Santiago I'arciv. Mons. Crescente Errazuriz, eruditis- 
simo e storico valente del Cile ; in La Serena mons. Carlo Silva Co- 
tapos, canonista rinomato, gia vicario di Santiago ; in Concepci6n 
1'illustre pedagogista mons. Gilberto Fuenzalida, antico alunno del 
Collegio P. L. americano in Roma; in Ancud il P Antonio Castro 
della Congregazione dei SS. Cuori, stato per molti anni rettore e poi 
provinciale nella sua Congregazione. 

6. La legge delFistruzione primaria obbligatoria con Pinsegna- 
mento religiose cattolico per tutti (dispensando solo quelli i cui 
parenti lo chiedono) fu appro vata dalla camera ; nel senate vi fu- 



94 CRONACA CO.NTEMPORANEA 

rono fatte mutazioni che richiedono una nuova discussione alia 
camera. Cos! non e ancora legge della repubblica. 



AUSTRALIA .(Nostra corrispondenza). 1. I Vescovi dell' Australia. 
2. Congresso Irlandese-australiano in Melbourne. 3- Spese di 
guerra sostenuto dd&T Australia. 4. Ecclesiastic! defunti. 

1 . In occasione della partenza degli arcivescovi e del vescovi 
dell 'Australia per recarsi a Roma, il popolo cattolico ha voluto dar 
loro particolari attestazioni di afEetto e devozione. Per il loro amato 
arcivescovo Mons. Kelly, che nel 13 febbraio 1920 compie il suo set- 
tantesimo anno di eta, i cattolici di Sydney hanno celebrate pubbliche 
riunioni. nelle quali lodata la sua infaticabile operosita a pro della 
religione e dell'educazione, hanno proposto di offrirgli in dono una 
carrozza automobile. 

In presenza del Delegate Apostolico, di molti prelati e di nume- 
roso popolo, mons. Kelly ha conferito la consecrazione episcopate a 
mons. Barry, coadiutore ed assistente di mons. Delany, arcivescovo 
di Hobart in Tasmania, dove il nuovo vescova e stato accolto da 
tutti con vive manifestazioni di gioia. 

2. Dopo la grande adunanza, tenuta di recente in Philadelphia, 
si e radunato anche a Melbourne, il 3 novembre 1919, nella sala della 
cattedrale, un congresso degli irlandesi-australiani, preseduto dal 
Premier del Queensland. L'ordine del giorno, -appro vato, come fu 
proposto da mons. Redwood, arcivescovo di Wellington (Nuova Ze- 
landa), si esprime cosi : 

Noi, delegati del congresso australiano -irlandese, radunati in 
Melbourne, affermiamo il diritto del popolo d'Irlanda di scegliere la 
propria forma di governo e di governare il proprio paese senza intro- 
missione di qualsiasi altra nazione. Noi aggiungiamo anche la nostra 
voce all'appello delFIrlanda presso le nazioni per il suo riconosci- 
mento internazionale, e promettiamo il nostro appoggio al capo 
eletto dell'Irlanda, Eamonn de Valera. 

Mons. Mannix, arcivescovo di Melbourne, fece osservare che il 
congresso erasi radunato, non per dettare una politica per PIrlanda, 
ma per sostenere la medesima politica che il popolo irlandese si e 
scelta deliberatamente. 

Un altro punto dell'ordine del giorno, vigorosamente caldeggiato 
da mons. Kelly, propone va di raccogliere danaro per venire in aiuto 
al popolo irlandese nel conseguimento delle sue aspirazioni. 

3. Ad una interrogazione del sig. West, nel parlamento, il Ministro 
sig. Poynton rispose che le spese dell' Australia per la guerra, sino al 
30 giugno 1919, ammontano a lire sterline 134,600,000 ; cioe : paghe 
ed altre spese militari (incluse le spese del governo Britannico per il 
mantenimento delle milizie australiane alia fronte) L.st. 110,000,000 ; 
spese navali e di trasporto di soldati L.st. 24,000,000. 



AUSTRALIA 



95 



4. La diocesi di Bathurst (Nuova Galles del sud) ha, perduto nel- 
1'ultima settimana di agosto 1919, il suo terzo vescovo, mons. Gio- 
vanni Dunne, con grande compianto del clero e del popolo. Altri de- 
funti, la cui memoria resta in benedizione sono : mons. Gilleran, 
vicario generale di Hobart, ed il sac. G. Robinson, che edifice la 
chiesa di N. Signora delle vittorie a Melbourne. 
Melbourne, 28 gennaio 1920. 



OPERE PERVENU1E ALL A DIREZ10NE 



Arte. 

Riccl E. d. O. Leggende di S. Lodovicoe 
di Sanf Ercolano dipinte nella cappella del 
palazso dei Priori in Perugia, da Bene- 
detto Bonflgli. Perugia, Cooperativa, 1920, 
8, 32 p. 

Congregazione del virtuosi al Pan- 
theon. Nel IV centendrio dalla morte di 
Baffaello Santi da Urbino. Roma, Vati- 
eana, 1920, in f. 

Agiografia. e Biografia.. 

Sacra Rituum Congr. - Luoana. Beatifl- 
cationis et canonisationis Servae Dei Gem- 
mae Galgani Virg. Positio super Introduct. 
Causae. Bomae, ex typ. Pont, in Inst. 
Pii IX, 4, 1920. 

March J. M. S. I. Sanlgnacio de Loyola. 
Autobiografia y eonstitneion oanonica de 
la CompaSia de Jesus. Barcelona, Casul- 
leras, 1920, 16, XVI-98 p. 

Hanion A. S. I. -Sainte Marguerite Marie. 
Sa vie intime. Paris, Beauohesne, 1920, 
16, X-272 p. Fr. 7. 

Vita di Santa Margherita Maria Ala- 
coque dell' Ordine della Visitazione di 
Santa Maria, pubblioata dal monastero 
di Paray-le-Monial in oooasione della so- 
lonne oanonizzazione. Versione italiana 
a oura del Konastero di Roma. Roma, 
Deiclee, 1920, 8, 332 p. V. p. 462. 

Cravenna Brlgola M . La Beata che sta 
per etsere canoniznata. Milano, Oliva, 8', 
28 p. L. 0,50. V. p. 453. 

Martlndale C. C. S. I. Princtt of hit 
people I. St. John tks Evangelist. London, 



Burns Gates et Washbonrne, 1920, 16, 
XIV-144 p. 

Reseiia de las solemnes honoras fnne- 
bres con que la S. Iglesia metrop. de 
Guadalajara, honro la mem. del Ponte- 
flce Pio X. Guadalajara, 1920. 8, 64 p. 

Hamon A. S.I. R4v. Mere Marie de la 
Providence. (1856-1871). Paris, Beauohesne, 
1919, 8, 546 p. Fr. 12. 

Noberasco F. can. Suor Maria Giuseppa 
Rossello. Savon*, Sooieta per la diffosione 
dei buoni libri, 24, 34 p. 

De Llobet eveque de Gap. Une page de 
Apostolat. Soeur Marie Marthe Therese. 
Paris, Bonne Presse, 16, IX-338 p. 

Bernardl V. can. Vita di Suor M. Marta 
dell' Addolorata. Vedelago, tip. delle So- 
oieta, 1919, 8, 92 p. 

Sighlnolfi. L. Domenico Maria Novara e 
Nicolb Copernico allo studio di Bologna. 
Modexa, Ferragnti, 1920, 8. 32 p. 

Amalbert. M. Genevieve Rennet deGou- 
tel. Paris, Beauohesne, Jt20, 16| XXIV- 
258 p. Fr. 7. 

Bovero C. Carolina Martinolo. Torino, 
libr. del Saoro Cuore, 16, 112 p. 

Hollnese L. A. Giordano Bruno. Torino . 
c Lottnre oattoliohe , 1920, 24* 200 p. Li- 
re 1,20. 

GeogreLfla.. 

Grlbaudl P. La geografia insegnata net 
corse popolare. Classe 5*. Torino, soc. ed.. 
internazionale, 8, L. 2,50. 

Lanzoni P. Geogrnfia tconomica com- 
mtrrciale univergale. 6 ed. interamente ri- 
fatta. Milano. Hoepli, 1920, 18, XIV-448 p. 
L. 6. V. p. 



k Son eMondo poeaibile dar conto delle molta opre, <vbe i Tengono inviate, con queili 
ollecitndine che si Torrebbe dagli epregi antori e da noi, ne diamo intonto on annunzic 
sommario, ohe non importa alcun fiuAizio, riarbandoi di tocn&rvi eopra a se*onda dell '*p- 
e 4*11* paio onea*o ael parixiio.. 



96 



OPERE PERVENUTE 
JPoesie. 



Collonier C. Lea proaateura et lea poetea 
-latins. 600 versions. Paris, Beanohesiie, 

1918, 16, 604 p. Fr. 5 

Fidenti A. Traaparenze d' anima. Ge- 
neva, Artigianelli, 1920, 16, 270 p. L. 4,50 

Viola A. sac. L'Arpa Criatiana. Due so- 
netti. Castel di Sangro, 1919, 18*. 

Pirbll A. Liriche. Camerino, Marchi, 
120, 24, 46 p. 

Vargas Tamayo J.- S. J. Las cien me- 
.jorta poesiaa (Liricas) Colombianag. Bogota, 
libreria Colombiana, 16, XX 288 p. 

Oratoria. 

Janvier. La magnificence. Paris, Lethiel- 
lenx, 16, Fr. 0,45. 

La perftttrance. Sixieme oon/erence. 
Paris, Lethiellenx, 16, Fr. 0,45. 

Carbone C. mons. L' Ambasciatore df 
Cieli. Dioorso. Napoli, Chiurazzo, 1920, 
8, 32 p. 

Tixier A. sac. La pietd nei giovani. 
Conferenze Trad, di F. N. sulla V. ed. 
francese. 2 ed. Torino, Roma, P. Marietta, 

1919, 16, XVI -384 p. L. 5. V. Civ. Catt. 
1914 3 p. 734. 

Pesslon P. J. ehan. L'eaprit chrftien et 
Veaprit ecclSsiastique. Discours. Aoste. 8", 
54 p. 

Delerue F. La parole educatrice au Latt- 
chiame de Premiere Communion Paris, Beau- 
ehesne, 1910, 16, VIII 336 p. Fr. 7. 

Rinolft G. teol. La morale cattolica nel- 
I'ora preaente. Conferenze catechistiohe. 
Torino, P. Marietti, 1919, 16, 464; 376; 
426 p. L. 12,60. 

Ascetica. 

S. Alfonso M. de' Llguori. I dolori di 
Maria Santissima. Riflessioni tratte dal 
Vopera * Le glorie di Maria . Torino, soo. 
ed. internaz. 32*, 330 p. L. 1,50. 

Ava^cino N. Brevi meditazioni sulla 
vita e dottrina di N, S. Oesu Cristo. Tra- 
dotte da ' Q. BALMNI. 3 ed. Monza, Arti- 
gianelli, 19iO, 32, 384 p. L. 3. 

Marinl T. mons. In oratione ferventes... 
Mannale di pieta ad nso dei seminarist!. 
Monza, Artigianelli, 1*10, 24*, X 11-486 p. 
'L. 5.50 (Legato). 

Direttorio pratioo del Hosario vivent*' 
tra i fanoinlli. Torino, Convento S. Do- 
menico, 1919, p, 604 9. 



ALLA DLREZIONE 

Cardinal! M. flora novissima lesu. Ele- 
vazioni snlla nltime parole di Gesa in 
oroce. Roma, Via S. Filippo 11, 24, 60 p. 
L. 3. 

Lecompte S. I. Lea retraitea fermtea au 
Canada. Montreal, 16*. 

Oilman Fertile A. Le preghiere dei bam- 
bini. Torino, Soc. ed. internaz., 32, 160 p- 

Ugo da San Vittore. Soliloquio. Firen- 
ze, Giannini, 191H, 24, 38 p. L. 2,20. 

Preces Gertrudianae Ed. nova. Fri- 
bnrgi i. Br.. Herder, 24, XX-274 p. Bil. 
L. 3,60. V. p. 170. 

I dlclotto Sabatl della Vergine Imma- 
oolata di Lourdes. Torino, Soo. ed. int-er- 
nazionale, 32, 96 p. L. 1. 

Letture. 

Macchi I. Paganlnl E. Je Us, f apprende 
Lectures fran^aises gradu6es. Vol. I. To- 
rino, Soo. ed. internaz. 1920, 16, 176 p . 
L. 3. 

Letture religiose. 

Vlgna L. mons. Dallo studio a Dio. To- 
rino, Soo. ed. internazionale, 1920, 24, 
164 p. L. 2. 

Facchinettl V. O. F. M. Siate allegri! 
3 ediz. Milano, Ghirlandn, 16, XXXVI- 
288 p. (Cfr. -Civ. Catt. 191. 1. 241). 

Marinl T. mons. Penaieri dal Vangelo. 
Torino, Soo. ed. internazionale, 16, 268 p. 
L. 5. 

De Galard Beam S. Le pauvre. Paris, 
Beauchesne, 1920, 16, 60 p. Fr. 1,50. 

Varieta. 

Rlcordo delle feste giubilari dell'E.mo 
Card. G. Franfeioa Nava nella sede di 
Catania, 165 - 1920. Catania , Salesiana, 
1920, !. 28 p. 

La Estrella del Mar. Revista quinee- 
nal ilustrada. Madrid, 8. V. p. 454, 

II Santuarlo dl Monteverglne. Bol- 
lettino mensile illustrate. Santunrio di 
Montevergine (Avellino). Assooiazione an- 
nna L. 6. 

Rose e gigli. Gioraalino mensile dei 
ploooli rosarianti. Torino, S. Domenieo, 
Assooiazione, L. ii,50. 

Gorla C. can. In vista di un avveni- 
mento solenne e consolante. Monza, Arti- 
gianelli, 1919, 18, 22 p. V. p. 452. 

Milanese F. Tre queationi vive. Milano, 
S. Leg Euoaristioa., 1920, 16, 62 p. 
L. 1,50. 



CON APPRO VAZIONK DBLL'AOTORITA EcCLBSI A8TTCA 



IL PROBLEMA DELLA TEREA 



Una frase pericolosa. Conneesione dell'aspetto economico e sociale del 
problem a. La socializzazione del suolo. Analisi dellesue ragioni 
storiche. 



e un problema solo, ma una somma o meglio, un vi- 
luppo di gravi e delicate question!, che attra verso gliavveni- 
menti della guerra sovvertitrice, si SOAO violentemente ri- 
deste, domandando immediate soluzioni. 

E le soluzioni sono germogliate come funghi in ogni campo . 
Ill stata una pioggia, una grandinata di proposte, di riforme, 
di mozioni che il dilettantismo economico, il demagogismo 
temerario, il politicantismo interessato, salvo s'intende 
alcune lodevoli eccezioni, ci hanno regalato dai congress! e 
dalle tribune parlamentari . 

E il fenomeno - quasi diremmo comico - si e che la fio- 
ritura deitanti disegni sulla questione terriera, dai piu audaci 
ai piu temperati, dai piu fatui e chimerici ai piu ragionevoli 
e attuabiU, si e presentata al gran pubblico plaudente sotto 
un'unica formula, che ristretta dapprima nella terra ai 
combattenti si amplio di poi generosamente nell'altra, che 
gode oggi una grande celebrita : la terra ai contadini . 

La fortuna della frase non pud farci stupire. E un fe- 
nomeno che si rinnova nelle maggiori crisi sociali, e che an- 
che dai poco familiari con la psicologia delle moltitudini puo 
agevolmente spiegarsi : un'espressione vaga, turgida, senza 
un rilievo stabile, che lascia a tutti i cervelli piena liberta 
di insinuarvi ogni significazione ; un'espressione sonora che 
schiude agli appetiti eternamente insoddisfatti prospettive 
spettacolose, come puo riuscire ingrata alle orecchie prole- 
tarie t x 

1 II partito nazionale irlandese prese per suo motto : fhe land to 

the people (la terra al popolo), ma con ragione; perche e notorio che gran 

parte del suolo d'lrlanda e stato ingiustamente confiscate da pochi in- 

vasori inglesi e di piii protestanti, persecutori accaniti del cattolicismo. 

] Uiviltd OaUolica, 1920, vol. 2, quad. 1682. 7 7 luglio 1920. 



98 IL PEOBLEMA BELLA TERRA 

Percio i govern!, i partiti, le organ! zzazioni di classe, tutti 
gli speculator! siiUe moltitudini popolari, si sono fatti un 
dovere di gridare per ogni dove la magica frase. Gli uomini 
del potere se ne son fatto un parafulmine contro 1'ire bieche 
dei reduci della guerra, che gettano occhiate gelose sulle for- 
tune improwisate dei cosi detti pescicani ; gli altri 1'hanno 
esposta come la sintesi di un mirabolante programma di 
restaurazione post-bettica; gli ultimi 1'hanno lanciata come 
esca appetitosa per fare proselitismo a buon mercato. 

Natural mente, attorno alia formula, divenuta cosi mi- 
pro vvisamente celebre, si e formata una copiosa bibliogra- 
fia, esercitazione, per lo piu, declamatoria, di Gracchi im- 
provvisati, che conoscono la terra attraverso qualehe 
esametro delle Georgiche virgiliane o qualehe ristretto 
manuale di economia politica. 

Sebbene la piu pane si e sbracciata a fame le lodi, non 
mancarono tuttavia alcuni, come sempre avviene, che vi 
trovarono di che criticare largamente. 

Cosi, mentre per alcuni 1'espressione la terra ai conta- 
dini e un'espressione simpatica (vedi, p. es., il discorso 
dell'on. Mauri al secondo congresso nazionale del P. P. tenuto 
a Napoli,) per altri e un'espressione vuota ed illusoria, x ; per 
altri degna d'essere combattuta* ; per alcuni & addirittura 
criminosa *. 

Noi non nutriamo tenerezze svenevoli, ne biliose astiosita 
contro la formula tanto decantata. Senza cadere nelle esa- 
gerazioni o degli anuniratori o dei detrattori, pensiamo che 
si puo, si deve anzi qualificare come pericolosa, quando yiene 
con leggerezza lanciata tra le folle cosi pronte alle infatua- 
zioni piu deplorevoli. 

Un grido di questo genere, animato dalla facile eloquenza 

1 PRATO,lk terra ai contadini o la terra agli impiegatit Treves, Mi- 
laao 1919, p. 108. 

L'ou. Serrati al convegno di Firenze, 15 gounaio 1920 : Combo tt 
la tesi- della ferrovia ai ferrovieri e della terra ai contadini. 

3 MARCH i, Addio borghesia, in Volowtd 31 maggio, 1919. 



IL PROBLEMA BELLA TERRA 99 

di un propagandista qualsiasi, haun gran potere di sugge- 
stione malefica sul popolo, il quale nel suo semplicismo in- 
cauto, e ben lontano dal torcere 1'elastica frase ad un si- 
gnificato plausibil'e. E la prova sperimentale si e avuta nelle 
recenti invasion! delle terre, e non di quelle incolte o mal eol- 
tivate, ma con preferenza di quelle in cui la cultura non la- 
sciava nulla a desiderare. Chi potrebbe non iscorgere in que- 
ste ingiusti ftcate violenze del numero contro il diritto di 
privati proprietari, ia forza suggestiva del motto la terra 
ai eontadini , di cui si abuso nelJa propaganda elettorale 
deile ultime elezioni politiche ? 

Ma se come un mito palingenetico, o come uno squillo 
da comizio non deve tollerarsi da chi tiene all'ordine ed a^- 
1'equilibrio sociale. cio non \ieta, ch'essa formula possa essere 
presain esame epropostaallo studio, per fissare see quale inter- 
pretazione debba assumere, perchedall'unapartenon siano 
travalicati o abbattnti gli argini del diritto e dell a giustizia, 
e dall'altra sia dato all'assetto fondiario unamaggiorecousi- 
stenza di equit& e di efflcienza economico-sociaJe. 

Cio soJleva uno dei principal! problemi della terra, che 
noi ci proponiamo di studiare in queste pagine. 



"& questo un problema di produzione o non piuttosto un 
problema di distribuzione? E un problema economico o un 
problema sociale? Per coloro che nello sfaldarsi e sgretolarsi 
della compagine sociale presentono qualche cosa di piu 
e di peggio'diuna bancarotta economica, la bancarotta 
del sistema to tale della nostra civilta, il problema deve 
con la sua soluzione tendere a pacificare la classe tanto nu- 
merosa dei contadini, a sedare la fame (direbbe 1'on. Mauri) 
ch'essi hanno della terra, per ottenere cosi uno strato ampio 
quanto saldo ed impervio alle infiltrazioni corrosive del 
massimalismo demolitore. 

Altri invece, premuti dal grave dissesto, a cui la guerra - 
soppressione mostruosa di tanta ricchezza demografica ed 



100 IL PROBLEMA BELLA TEREA 

economica - ci ha fatalmente condotto, ansiosi per le in- 
certezze di un domani catastrofico, non vedono altro scampo 
ai mail incombenti che 1'aumentata produzione. ... Se uon 
vogliarno errare, scrive Vittorio Scialoia, dobbiamo proporci 
un unico fine : 1'aumerito della produzione. Se, invece di 
proporci questo fine economico, che e il vero fine dell'agri- 
coltura, noi ci proponiamo soltanto fini di natura giuridica- 
come la divisione delle terre - o fini di natura sociale - come, 
per esempio, la distribuzione della terra ai contadini 
il risultato, dal punto di vista della produzione, non sara 
certo soddisfacente. Lo studio dei problemi deve essere 
essenzialmente tecnico... Bisogna far fruttare la terra che 
meno produce e bisogna trarre qualche partito anche da 
quell a che pare infruttifera, fin dove si puo... 1 . 

Considerare a questo modo il proWema della terra, fino a 
restringerlo ad un problema tecnico, e uno sconoscere la in- 
terdipendenza e 1'intima connessione delle quistioni econo- 
mico-sociali. 

Per noi i due problemi, benche speculativamente distinti, 
praticamente si confondono iusieme, giaccheil primo dipende 
dal secondo in modo che 1'uno non puo essere sciolto se non 
in ordine all'altro. 

La terra, alma parens jrugum, e la grande riserva econo- 
mica, di cui Dio ha dotato la famiglia umana, perche que- 
sta, usandone i frutti, potesse alimentare, protrarre, difen- 
dere, rallegrare Ja vita 2 . 

Oosi lo scopo finale della terra, la precipua ragione di 
essere nelle attinenze con 1'uomo, la sua propria e naturale 
funzione e l' utilizza^ione economica. Tutti i pro- 
blemi, che in un modo o in un altro la riguardano, debbono 
suboxdinare le loro soluzioni alia sua funzione produtti\ 7 a. 
Un ordinamento giuridico, un processo tecnico, un frazio- 
namento del suolo che ne frustrasse il fine, che riuscisse ad 

1 1 problemi dello State Itcdiano dopo la guerra. Bologna, 1819, p. 159. 

1 Salmo CXIII, 16: Terram autem dedit filiis hominum* Of. Ge- 

nesi I 28 e 29: Replete terram et subiicite earn... 



IL PROBLEM A BELLA TERBA 101 

impedire, a menomare, alterare quel rendimento che la so- 
ciet& ha bisogno e diritto di chiedere, non puo essere ragio- 
nevolmente consenfrito, ma deve piuttosto sostituirsi con 
altre disposizioni giuridiche, altri procedimenti tecnici, assetti 
distributivi, i quali diano affidamento che la terra sia non 
un prato per isdraiarvisi gli oziosi, non una bandita per un 
piccolo numero di gaudenti, non un bosco destinato alia 
rapina, ma che sia quello che la Provvidenza voile : madre 
di spigheedi frutti, nutrice degli uomini, alma par ens jrugum. 

Come il legislate re, il sociologo, il filosofo che studiasse 
il coniugio, e volesse regolarlo senza darsi pensiero, ne 
punto ne poco del fine primario di questo istituto, ossia 
della procreazione ed educazione della prole, costruirebbe 
nel vnoto, cosi lo studio so dei problemi agrari che non 
considerasse il . fine primario della terra devierebbe verso 
fallaci soluzioni. Se egli vuole ch'e le sue indagini e i suoi 
progetti abbiano valore, deve a questo primo scopo mirare 
e ad esso ispirarsi. 

E allora i due problemi proposti possono confluire in un 
unico quesito : Quale sistema di appropriazione guarentisce 
alia terra la sua funzionalit^, economica >> ? Con quale di- 
stribuzione si ottiene una produzione maggiore ? 



Si e risposto in varii modi a questo problema. Alcuni si 
affidano alia proprieta collettiva, al monopolio statale o 
comunale, socializzazione delle terre; altri alia grande pro- 
prieta con la grande e perfezionata cultura odierna, indu- 
strializzazione del suolo; altri alia piccola e media proprieta, 
spezzamento del latifondo. Non mancano di coloro che pre- 
feriscono la soluzione che d& Pevoluzione spontanea e il libero 
giuoco degli interessi dentro 1'ambito di un'azione statale t 
moderatrice e stimolatrice delle energie naturali. 

La soeializzazione sia dell a terra, come in genere di tutti 
gli stmmenti di produzione, e propugnata dai socialist! in 
forza di principii che sono la negazione recisa di verita chia- 



102 IL PROBLEMA BELLA TERRA 

ramente insegnate dal diritto stesso di natura. La pro- 
prieta privata. al dire di co store, non ha nessuna legittima- 
zione morale; la terra non e d'individui privati, e del popolo : 
s'impone adunque una rivoluzione che restituiscail suolo alia 
societa. - La terra, scrive il socialista Bauer, fu in antico 
proprieta del popolo; con il rinforzarsi della potenza dei prin- 
cipi, la propriety del popolo passo ai principi, i quali la die- 
dero in feudo agli uomini del loro seguito, ai vescovi ed 
abati, obligandoli in compenso a servire in corte e nell'e- 
sereito. Per secoli e secoli il feudalismo e stato il fonda- 
mento dello Stato, finche con la fine del medioevo esso e 
caduto . La terra che i signori avevano ricevuto soltanto come 
feudo divento ftnalmeute loro privata proprieta, non piu 
gravata dalle servitu feudali ; ed essi 1'ampliarono annet- 
tendovi gli Allemenden, che erano ancora propriety collet- 
tiva delle co munita dei contadini, e vincolando i contadini 
al suolo. Cosi nacque la grande proprieta, cosi 1'antico 
^possesso popolare del suolo trapasso nelle mani della no- 
bilt^ e della Chiesa. II riconquisto al popolo di cio che e 
stato sua proprieta comune sara il compito, piu grande 
ed importarite della rivoluzione sociale 1 . 

Questo compito che per il socialista Bauer ^ un augurio 
e un desiderio nou soddisfatto, per i leninisti invece e una 
realta che esalta e commuove le viscere deirAvanti! I 
Bolscevichi, persuasi, come ogni buon socialista, che ogni 
guaio dei mortali fa capo indiscutibilmente alia proprieta 
privata, hanno gia. decretato la nazionalizzazione delle terre 
dalla quale si attendevano 2 , come ex opere operato, la fe- 

1 La socializzazione della grande proprieta, nella Critica sodale, 15 
feb. 1920, p. 37. 

* Dopo due anni sono ancora in attesa. Al 5 congresao generate del 
lavoratori dei trasporti fluviali tenuto a Pietrogrado, Lenin diceva 
chiaramente : II paese d rovinato. Le calamita, la fame, il freddo, i bi- 
aogni general! hanno raggiunto un tale grado da rendere la condizione 
inaoffribile . In un altro discorso all'assemblea dei sovieti di Mosca 
dioeva : L'inverno eta per finire i bisogni del paese e la fame si acuiscono 
sempro piu, come anche, in generale, tutto quanto e annesso al ripriflti- 
namento delle forze oreatrici e, in particolare, la criai dei trasporti . 



IL PROBLEMA BELLA TERRA 103 

licita ineffabile della pace e della ricchezza. Ecco qualche 
brano delle leggi fondamentali della Repubblica socialista 
federative*, mssa dei sovieti. 

Mirando come a scopo primario alia soppressione di 
ogni sfruttamento dell 'uo mo per Puomo, alia eliminazione 
della divisione delle class! social!, all'esterminio senza pieta 
degli siruttatori, allo stabilimento dell'organizzazione so- 
cialista della societa e alia vittoria del socialismo in tutti i 
paesi, il terzo congresso nazionale dei deputati operai, con- 
tadini e soldati delPesercito rosso ordina : 

a) Alftne di attuare la socializzazione delle terre. la 
proprieta privata del suolo e abplita e tutte le terre sono 
considerate come appartenenti all'intera nazioneesono tras- 
messe ai lavoratori senza alcuna indennita sul fondamento 
dell'uguaglianza d'uso . 

6) Le foreste, le miniere e le acque chehanuo an'impor- 
tanza nazionale, cosi come i beni mobili ed immobili delle 
masserie modello e degli stabilimenti agricoli divengono 
proprieta nazionale 1 . 

II concetto, tuttavia, dei leninisti e dei socialist! odierni 
sulla socializzazione della proprieta terriera, non e certa- 
mente un concetto nuovo ed originate. Esso sta in fondo a 
tutti i sogni dei comunisti, che possono risalire flno a parec- 
chi secoli av. 0., ftno a Platoee (429), i) quale nell 'opera della 
Repubblica e nel trattato delle Leggi architettava, fra le nu- 
vole del suo idealismo, uu ordinamento sociale in cui lo 
stato e il signore esclusivo d'ogni proprieta ch'egli ammini- 
stra, investe e distribuisce a suo talento. 

Lungo il corso della storia della Chiesa quel concetto riap- 
pare quale deviazioue dell'idea della solidarieta cristiana per 

Cfr. Corriere d' Italia 21 .maggio 1920. In un articolo del 19 aprile 
1920, lo stesso Lenin scriveva : Cost mire una nuova disciplina del la- 
Toro, trovare nuove forme dei rapporti sociali fra gli uomini, create 
uuove forme e misure per richiamare gli uomini al lavoro, eoeo un lavoro 
per molti anni e decenni. (Avanti! 1 giugno 1920). 

1 RAOUL LABKT, Une legislation communiste. Eecueil des lois, dS- 
crets, arrStfoprinoipaux du gouvernement bolcheviste. Paris, 1920, pag. 2-3. 



104 1L PROBLEMA DELLA TERRA 

opera degli eretici : come degli Ebioniti nel primo secolo, 
degli Gnostic! nel secondo, del Manichei nel terzo, e piu 
tardi del Pelagian!, Albigesi, WicJefiti, Ussiti e molti altri. 

II concetto rinasce nei teorici e agitato ri comunisti, che 
si succedono ininterrotti dal secolo xvm al xix,Je culminano 
con 1'Engels, col Lassalle, col Marx, formulatore del sociali- 
smo scientiflco. 

Ma tutti costoro, a dir vero, agitano una comunione uni- 
versale di beni, o aimeno dei mezzi di produzione, fra i quali 
pu6 annoverarsi la terra; ma altri anche senza ammettere 
in tutto le ideologie comuniste, pretendono che aimeno il 
suolo sia sottratto agli abusi della propriety privata, trasfor- 
mandosi in propriety collettiva. I patrocinatori piu noti di 
nuesto ristretto programma socialists so no il belga Emilio 
de Laveleye x e 1'Americano Enrico George 2 , a cuiconsentono 
buon numero di scciologi, fra i qual spiccano lo Stuart Mill *, 
Herbert Spencer 4 , Achille Loria 6 , Flurscheim 6 ed altri. 

. ' *** ' . 

Ma su che cosa costoro si fondano per gridare contro J'a- 
vara siepe del mio e del tuo ? Quali ragioni storiche, filosofiche, 
economiche suffragano 1'abolizione della cosi detta scMavitit 
della terra? 

H De Laveleye sostiene con un ampio apparato di eru- 
dizione storica, come un fatto fondamentale, universale e 
primo rdiale fra i popoli la forma indivisa della proprieta 
terriera. 

Solo per una serie di successivi progress!, e ad un' epoca 
relativamente recente, si e costituita la proprieta individuale 
applicata alia terra. Finche Puomo primitivo vive di caccia, 
di pesca, di frutta selvatiche non pensa all 'appropriazione 
del suolo... Sotto il regime pastorale la nozione della pro- 
prieta fondiaria comincia ad apparire ; ma si applica solo a 

1 De la yroprMU et ses formes primitives. * Progress and poverty. 
Principles 1. II C. II. 6. * Social statics C. IX. Analisi della 
proprieta capitalistica. Auf friedlicJtem Wege. 



IL PROBLEMA BELLA TERRA 105 

quello spazio che il gregge abitualmente percorre, e del con- 
flitti sorgo no circa i limit! di questi pascoli. L'idea che un in-, 
dividuo isolate possa rivendicare una parte del suolo come 
esclusivamente prop ria no nvieneanco rain mente ad alcuno. 
Le condizioni della vita pastorale vi si oppongono assolu- 
tamente. 

Ma a poco a poco una parte della terra e momentanea- 
mente messa a cultura e si stabilisce il regime agricolo, ma 
il territorio che il clan o la tribu occupa, resta sua proprieta 
indivisa... Piutardi, la terra coltivata e distribuita in lotti, 
ripartiti a sorte tra le famiglie; e coslsolo 1'uso temporaneo 
e attribuito all'individuo. II fondo continua a restare la 
proprieta collettiva del clan... 

Per un nuovo progress dell'individualizzazione, le parti 
restano in potere dei gnippi difamigliepatriarcali, che hanno 
la stessa dimora e lavorano assieme perl'associazione... Fi- 
nalmente appare la proprieta individuale ed ereditaria, ma 
essa e tuttora impigliata fra le reti di diritti sovrani, fide- 
commessi ecc. Dopo un 'ultima evoluzione, assai lunga per 
verita, essa si stabilisce deflnitivamente >> 1 . 

Da questi fatti il sociologo belga pensa di poter conclu- 
dere che la proprieta dei campi, a quel modo come oggi si 
concepisce, proprieta esclusiva, non di una tribu o di un co- 
mune di un gruppo, ma dell'individuo, propriety ch'egli 
chiama romana, o quiritaria (perche ne attribuisce ai Eomani 
1'introduzione) non e istituzione della natura e del sano 
istinto dell 'uo mo, ma rappresenta piuttosto una deviazione 
dalle leggi naturali. una degenerazione dovuta alia frode, 
alia violenza, all'inganno, aU'egoismo ; donde la necessita 
di ritornare al primitivo concetto dell a propriety collettiva, 
se si vuole che le disuguaglianze, i disordini, le miserie degli 
uni e le ricchezze esorbitanti degli altri, cessino di scuotere 
e dissolvere 1'umanita dolorante. II costume germanico e 
slavo, scrive egli, che assicurava a ciascuno Vuso di un fondo 
da cui poteva cavare la propria sussistenza e i) solo conforme 

1 De la propriAU et des see formes primitives, Paris, 1877. P. 4-6. 



106 IL PEOBLEMA BELLA TERRA 

alia nozione razionale della proprieta. La teoria della pro- 
prieta, generalmente ammessa deve del tutto rifarsi, perche 
essa riposa su premesse che stanno in antitesi COD i fatti della 
storia e con le stesse conclusion! a cui si vuole pervenire 1 . 

Lo studio del De Laveleye e uno fra gli esempi piti cospicui 
con cui una certa critica riesce sempre a piegar la Ftoria 
in qualsivoglia direzione. Eaccogliendo nell'ampia messe de- 
gli avvenimenti umani una serie di fatti. e allineandoli con 
cura sapiente sulla falsa riga di una tesi, lasciandone poi 
molti altri nell'ombra, e chiaro che il giudizio viene incana- 
lato verso le conclusioni desiderate. Ma queste non cessano 
pero d'essere insussistenti, quahtunque imbellettate dallo 
spolverio dell'erudizione. 

L'autore rifa con cura minuziosa la storia della pro- 
prieta fondiaria tra i Eussi, gP Indian!, gli Arabi, i Oinesi, 
gli Scozzesi, gli Spartani, i Eomani, gli Svizzeri, i Tur- 
chi ed altri popoli piuttosto recenti, ma poi non si d& 
cura di studiare le forme di questa proprieta nei grandi 
popoli dell'antichitd ; quali furono gli Ebrei, gli Egiziani, 
gli Assiri, i Babilonesi ed altri, dei quali si hanno in copia 
documenti che dimostrano com'essi possedevano il concetto 
e Puso della propriety privata, prima che i Eomani si dessero 
il disturbo di andare da loro a predicarla ed imporla. 

La Bibbia, anche per coloro che non vogliono conside- 
rarla come ispirata, e senza dubbio un'opera fra le piti anti- 
che e di un gran valore storico. E appunto nella Bibbia sj 
danno indiscutibili prove, come fra gli antichissimi ebrei 
vigesse il regime della privata propriety del suolo. Giacobbe 
compra, per cento agnelH, della terra, dove alza le sue tende 
e costruisce un altare invocandovi il Dio fortissimo d'l- 
sraele 2 . Efron vende per quattrocento sicli [d'argento un 
suo campo ad Abramo, perche quest! vi seppellisca Sara 3 . II 
desiderio stesso del campo altrui, della casa, dell'asino, del 
bo\e costituisce un delitto vietato dal decalogo *. 

*DE LAVELEYE, op. c. prefazione p. XVIII. * Genes! XXXIII, 
19 e 20. Genesi XXIII. Deut. V. 21. 



IL PROBLEMA BELLA TERRA 107 

Anche fra i piti antichi Egizi la proprieta individuale era 
assai progredita. Essendo avvenuta una grande carestia 
che si potrasse per sette anni, i sudditi di Faraone si presen- 
tarono al suo intendente generate, Giuseppe, e gli offrirouo 
se stessi e le proprie terre, pur di ottenere-di cheallontanare 
lo spettro della fame. E cosi Giuseppe compro tutta la 
terra de^'Egitto, (giacche ciascuno premuto dalla carestia 
vendeva le proprie possession!), e cosi 1'acquisto Faraone, 
con tutti i popoli da un capo all'altro, eccetto la terra dei 
sacerdoti, ai quaH si dava una determinata quantita di 
grano dai pubblici grariai, e percio uon furono costretti a 
vendere le proprie possession! 1 . 

Alia Bibbia fa eco 1'archeologia e la storia ; e i maggiori 
eggittologi come il Birch, il Lenormant, il Maspero, Ed. Me- 
yer, hanno dimostrato la veracita della Genesi. Anche gli As- 
siri e i Babilonesi, fino dai tempi piu remoti, si adattarono 
al regime della proprieta individuale, come risulta dagli 
studi di Oppert, Sayce, Peiser, Giorgio Smith. Secondo que- 
sti eminenti archeologi i popoli oriental! ben presto si die- 
dero alia vita dell'agricoltura e fino dalle eta piu vetuste 
non solo si appropriarono degli oggetti mobm, ma anche 
del suolo che coltivavano 2 . 

Fra i popoli Greci, come anche fra i Eomani, la proprieta 
privata della terra e assai piu manifesta. Le ricerche del 
Fustel de Coulange e di altri danno una smentita alle affer- 
mazioni del De Laveleye s . Gli stessi Mir della Eussia e gli 
Zadruga dei Serb! I'Allmende dei cantoni svizzeri, ed altre 
forme di possessioue collettiva sono ben altro che soprav- 
vivenze di un antico comunismo agrario, come pensa il 

1 Genesi XL VII, 20, 21, 22. 

* V. PESCH, Lehrbuch der Nationaloelconomie. Freiburg, 1905. I, 
p. 183. CATHREIN, Das Privatgrundeigenthum und seine Gegner, 4* ed. 
p. 61. GARKIGUET, Regime de la propri6t6, Paris, 1907, p. 47... 

8 In Revue des questions historiques. Aprile, 1889. E neiia sua opera 
La cite antique 3 edit. p. 335 dice : Les populations de la Grece et 
de 1'Italie, des 1'antiquitf- la plus haute, ont toujours connu et pratiqu6 
la propriety priyee . 



108 IL PROBLEMA BELLA TERRA 

De Laveleye, ma piuttosto istituzioni di data relativamente 
recente. 

In generale pud affermarsi che nonvife nessun popolo che 
abbia raggiunto un grado qualsiasi di eivilta in cni non si 
trovi la privata proprieta del suolo. E se s'incontra fra i 
popoli la proprieta collettiva, insieme con questa tro vasi quella 
individuale e privata. Insieme con Pager populi, o Pager 
publicus, esiste Pager privatus, PJieredium l . 

Che se storicamente sono false, le conclusion! del De La- 
veleye, non sono meno false sotto il rispettologico. Dato pure 
che la storia dell'agricoltura, ci dimostrasse come un fatto 
comune fra i popdli primitivi, il collettivismo agrario, si po- 
trebbe da questo fatto concludere per la ragionevoleza o 
per la necessita del ritorno a quel regime che la civilta ha 
sorpassato, condannato e soppresso? Mala schiavitu, il despo- 
stismo, la divisione delle caste, 1'idolatria, che hanno fra gli 
antichi popoli un carattere di universality assai piu auten- 
tico di quella del comunismo agrario, dovrebbero rimettersi 
in vigore, per ritornare alle gioie di quella natura da cui 
saremmo deviati ? 

Se un insegnamento pud legittimamente chiedersi alia 
storia dell'agricoltura, questo e che la proprieta collettiva 
puo, tutt'al piu,essere tollerata in uno stato di barbaric e di 
poca densita demografica ; ma essa non e punto conforme 
al progresso dell'agricoltura, all'aumento della popolazione, 
alia divisione del lavoro, ad uno stato superiore di civilta. 

Le ragioni storiche non legittimano dunque la socia- 
lizzazione della terra ; ma tanto meno le ragioni filosofiche 

ed economiche. E cio vedremo in susseguenti articoli. 

\ 

* V. VARBONE, De re rustica, I. 10. 2. 



I DIRITTI O PRIVILEGE 

TOLLEEATI O CONCESSI DALLA S. SEDE 
AI GOVEENI CIV1LI 1 



XIX. 

S. Possono cessare e cessano veramente anche i diritti e pri- 
vilegi espressi nei Concordati ? 

La risposta e facile. Basta richiamare alia mente i prin- 
eipii del diritto ecclesiastico e del diritto stesso civile. Qua- 
lunque sentenza si accetti intorno alia natura dei Concordati 
e al vincolo die ne deriva 2 , e certo che essi - quantunque 
non siano nel proprio e stretto senso della parola trattati 
internazionali 3 , mancando la parita giuridica dei con- 
traenti, ossia trovandosi le due societa, ecclesiastica e ci- 
vile, in di verso grado e ordine, a differenza di due Stati o na- 
zioni che stringano fra di loro un mutuo accordo - rivestono 
la forma ed il carattere di mutue convenzioni tra lo Stato e 

1 Continuazione. Vedi quad. 1678. Quivi (a p. 317, nota 2), per 
una svista del correttore, fu scambiata la citazione del Griobbio: invece 
di lOoncordaU, Monza, 1900, leggasi Lezioni di diplomaeia ecclesiasti ca, 
Roma, 1901, voL II, p. 161. 

1 Cfr. BALD i, De nativa et peculiari indole concordatorum apud scho- 
lasticos interprets, Romae, 1883, p. 77 ss. ; FINK, De concordatis, Lo- 
vanii, 1879, p. 25 ss. ; DE ANGELIS, lib. I, tit. 4. Appendix de concordatis; 
C AVAGNIS, op. oit. I, p. 397 ss. ; TARQTJINI, 1. c. p. 73 ss. ; HAMMERSTEIN, 
1. c. p. 214 ; CAPPELLO, op. cit. I, p. 330 ss. ; WERNZ, op. cit. I, n. 171 ; 
GIOBBIO, I concordati, Monza, 1900, p. 35 ss. ; BARBA, op. cit. II, p. 386 
ss., ecc. 

8 AUDISIO, luris naturae et gentium privati et publici jundamenta, 
Romae, 1852, p. 363 ; BALDI, 1. c. p. 34 ; HAMMERSTEIN, 1. c. p. 210 s. 



110 I DIRITTI O PRIVILEGI TOLLERATI CONOESSI 

la Chiesa. Percio i principii che riguardano le convenzioni 
in genere 1 , sono applicabili anche ai Concordat!. 

Quali sono quest! principii ? I principii fondamentali e 
generali, che si applicano a tutte le convenzioni, nessuna 
eccettuata, perche si fondano sul diritto stesso naturale, 
sono i tre seguenti : 1 la materia di qualunque contratto 
o convenzione dev'essere possibile edonesta; 2ogni contratto 
contiene, o espressa o sottintesa, questa clausola o condizione: 
^nisi bonum publicum aliud exigat ; 3 la convenzione perde 
il suo valore, quando sopravvenga una mutazione sostanziale 
circa il soggetto o 1'oggetto di essa, poiche in tal caso gli ele- 
menti costitutivi della convenzione sono mutati, non essendo 
piu il soggetto o 1'oggetto quello di prima. Abbiamo detto, 
e a bella posta, che questi principii sono fondamentali e 
generali e che si fondano sul diritto stesso naturale, affinchk 
nessuno - sia pur regalista o liberale-osi negarli. Difatti 
sono ammessi e proclamati non solo dal diritto canonico 2 , 
ma anche dal diritto romano 3 , dal diritto italiano 4 e da 
tutti i codici modern! 5 . 

Cio premesso, facciamo subito osservare che i motivi 
giuridici da noi accennati nella risposta alia domanda pre- 
cedente, motivi che sono causa di cessazione dei diritti o 
privilegi accordati dalla Sede Apostolica, si riferiscono tutti 

all'uno o all'altro dei principii suddetti. La conclusione, 

1 Usiamo la parola convenzione anziche la parola contratto o patto, ' 
perche la voce contratto ha nel diritto romano un signincato tecnico li- 
mitato in contrapposto a patto, e la voce convenzione, piu generica (fr. 
1, 3, Dig. de paclis, II, 14), abbraccia tan to i eontratti quaiito i pat ti. 

2 Cap. 8. X. de pactis. I. 35 ; cfr. can. 1529. 

3 D. 50. 17. de K. I. L. 185; D. 45. 1. de V. O. L. 137. 4. 5; 
D. 45. 1. de V. 0. L. 27, pr. 35, 1. 123; D. 17, 1, mand. L. 3, 3, 
22 ; D. 12, 6. de condict. ob turp. cans. L. 8 ; D. 35, 1, de condit. 
L. 71,i 1. L. 72, 4 ; D. 45, 1, de V. 0. L. 83, 5. L. 134, pr. ; 
D. 18, 1, de contrah. empt. L. 34, 2 ; D. 28, 7, de condit. inst. 
L. 9 ; 2. Inst. 3, 19. 

Cod. Civ. art. 1104, 1119-1122, 1298-1299, 1498.1606, 1514 ecc. 
Cfr. per. es,, il Cod. Franc, art. 1131, 1235, il Cod. Germ. 138, 

1 Cod. Austr. 878, il Cod. Spagn. art. 1276. 



DALLA S. SEDE AI GOVERNI CIVILI 111 

pertanto, che ne scaturisce, e logica ed innegabile. Se i prin- 
cipii sono certi e come tali sono ammessi dal diritto canonico 
e dal diritto civile, anche la conclusione dev'essere certa e 
ammessa necessariamente dal diritto, e, per (tonseguenza. 
riconosciuta da tutti i giuristi senza distinzione alcuna. 
Percio e assurdo il negare che non cessino i diritti o privilegi 
apostolic! quando, per es., viene a mancare il soggetto giu- 
ridico di essi, quando 1'uso diventa illecito, ecc. Poco im- 
porta che i privilegi siano inseriti in una convenzione stipu- 
lata fra il principe civile ed il Eomano Pontefice, owero 
che siano espressi in una Bolla o in un Breve. La sostanza 
del privilegio e sempre la stessa, 1'intrinseco valore giuridico 
dell'indulto e sempre il medesimo. La forma di concessione - 
sia questa un Concordato oppure una Bolla od un Breve - 
e una circo stanza di fatto meramente estrinseca ed acciden- 
tale, che non muta la natura dei privilegi, ne li sottrae, in 
ordine all'estensione, agli effetti e all'uso, ai principii gene- 
rali del diritto. 

Notisi bene, a scanso di equivoci, che noi parliamo dei pri- 
vilegi o diritti spirituali, secondo il concetto esposto altrove, 
e non di altri diritti, per es., della spontanea cessione di beni 
temporali fatta dalla Chiesa nel Concordato in favore dello 
Stato, poiche fra gli uni e gli altri diritti vi ha una differenza 
sonama rispetto alia convenzione concordataria. I diritti spi- 
rituali, come sopra abbiamo detto (n. II) e come diremo piu 
diffusamente nella risposta alia 9 a domanda, non possono 
alienarsi; laddove i diritti che riguardano, per es., i beni 
temporali possono certamente cedersi ed alienarsi *. 

Forse taluno potra domandare: i suddetti principii si 
applicano veramente, oltreche alle convenzioni private, an- 
che alle convenzioni pubbliche, ai trattati internazionali e, 
nel caso nostro, ai Concordat! ? La risposta affermativa 
non pud essere dubbia, ne puo ammettere delle restrizioni. 

1 Cfr. STIABEZ, Dcfensio fidei cathoUcae, lib. IV, cap. 34, n. 23 SB.; 
DELUGO, De iuetitiaeti-ure.diBp. 23, n. 107 SB. ; SCHMALZGB. lib. Ill, 
tit. 5, n. 270 as. 



112 I DIRITTI O PKIVILEGI TOLLERATI OONCESSI 

La ragione e chiarissima. Trattasi di principii general! ri- 
guardanti gli element! costitutivi ed essenziali - che sono : 
la capacity di contrattare, il consenso valido del contraenti, 
1'oggetto determinato chepossa essere materia-di convenzione 
e la causa lecita per obbligarsi-di qualunque patto o mu- 
tuo accordo fra due o piu persone, sia private come pubblico, 
stipulate in una forma owero in un'altra. Tutti gli autori 
di diritto internazionale ne convengono. 

II Fiore J insegna : Le condizioni essenziali per 1'esi- 
stenza di un trattato (internazionale) sono quelle senza 
delle quali il trattato non puo concepirsi esistente: le con- 
dizioni necessarie poi sono quelle senza delle quali il trat- 
tato pud essere attaccato di nullita; le prime sono richieste 
dalla sostanza stessa del trattato, le seconde sono quelle 
che, senza appartenere alia sua essenza, sono indispensabili 
perche il trattato possa essere riconosciuto come valido. 
La prima condizione essenziale per 1'esistenza di un trattato 
si e che 1'obbligazione sia flsicamente e moralmente possibile. 
Quando diciamo flsicamente possibile, intendiamo dire che 
1'obbligazione possa essere eseguita di fatto dalla nazione; 
quando poi diciamo moralmente possibile intendiamo dire 
che 1'obbligazione non debba essere contraria ai principii 
eterni della giustizia, e che non debba contraddire il fine 
morale e sociale che la nazione e obbligata a conseguire 2 . 

I trattati internazionali, per usare le precise parole del 
Kltiber, che compendia egregiamente tutta la dottrina giuri- 
dica intorno a questo punto, cessano di essere obbligatorii 
nei seguenti casi : 1 par le consentement re"ciproque des 
parties inte'resse'es ; 2 lorsque 1'une des parties, d'apre's 
la faculte" qu'elle s'en est re"serv6e, se desiste de la conven- 
tion ; 3 lors de la stipulation d'un terme, a l'e"poque de 
son e'che'ance ; 4 quand un certain but est atteint, lorsque 

1 Op. cit. part. I; sez. 3 a , cap. 4, p. 219, ediz. cit. 

1 Cfr. pure KLUBER, 1. o. 141-144; GOROZIO, op. cit. lib. II, 
cap. 15 ; DE MARTENS, 1. c. 48-51 ; WHEATON, op. cit. to. I, part. Ill, 
chap. 2, p. 227 ss. ; HEFFTER, 1. c. 83-85 ; VATTEL, 1. c. 152-161. 



DALLA S. SEDE AI GOVERNI CIVILI 113 

le trait^ n'avait eu d'autre objet que de parvenir a ce but ; 
5 lors de Paccomplissement d'une condition r&solutoire 
exprime'e dans le traite"; 6 lorsque ^execution d'un traite 
devient physiquement ou moralment impossible ; 7 lors du 
changement essentiel de telle ou telle circonstance, dont 1'exi- 
stence e"tait suppose'e ne"cessaire paries deux parties (clausula 
rebus sic stantibus), soit que cette condition ait & stipuUe 
expresstment, soit qu'elle resulte de la nature mdme du traitt ; 
S par la defection de 1'une des parties, qui refuse 1'exe'cu- 
tion du trait^ en question, ou mme d'un autre tout a fait 
different... ; 9 par 1'entier accomplissement enfin des ob- 
bligations qui font 1 'objet de la convention 1 . 

Se dunque gli stessi trattati internazionali perdono il lofo 
valore, fra le altre cause, lorsque I 'execution devient physi- 
quement ou moralment impossible e lors du changement 
essentiel de telle ou telle circonstance, soit que cette condition 
ait ete stipulee expressement, soit qu'elle resulte de la nature, 
meme du traite , e chiaro che nei casi predetti anche i Con- 
cordat a pari, se non a fortiori, perdono il loro valore, e 
che pertanto, in forza della soprawenuta mutazione, ces- 
sano gli indulti o privilegii concessi dalla S. Sede. L'evi- 
denza dell'applicazione e si manifesta che riteniamo inutile 
insistere piu oltre. 

Due osservazioni dobbiamo aggiungere per rendere com- 
piuta 1'esposizione della dottrina. Osserviamo in primo luogo 
che se la convenzione non ha un oggetto unico, ma molteplice, 
se cioe consta di diversi articoli, fra loro distinti e separati, 
per ragione della materia, la convenzione per se e ipso facto 
non cessa, qualora soprawenga uno dei motivi accennati ; 
cessa 1'obbligatorieta del vincolo, derivante dall'accordo in- 
tervenuto, solamente in ordine a quell'oggetto speciale o 
articolo cui si riferisce il motivo giuridico. Questo prin- 

1 Loc. cit. 164, 165. Cfr. HEFFTEB, 1. c. 99 ; DE HASTENS, 1. c. 
58 ; WHEATON, 1. c. p. 255, 10 ; VATTEL, 1. c. 198 ss. ; BBEUNING, 
De causis iuste soluti foederis, Lipsiae, 1762, p. 28 ss. ; WSCHTEK, De mo- 
dis tollendi pact a inter gentes, Stuttg., 1779, p. 15 88.; FIORE, 1. c. p. 271 s. 

g OiviltA Cattolica, 1920, vol. S.gquad. 1PS2. 8 8 luglio 



114 I DIBITTI PRIVILEGI TOLLERATI O CONCESSI 

cipio si applica, com'e evidente, anche ai Concordat!. In se- 
condo luogo osserviamo che se la Chiesa con le sue leggi (cfr 
can. 3) non abroga i Concordat! ne deroga alte disposizioni 
in ess! contenute, non pud nella stipulazione dei patti concor- 
datarii - e sarebbe assurdo supporre il contrario - venir 
meno a quei principii che si fondano sul diritto divino, natu- 
rale e positive ; percio questi principii non ammettono e 
non possono amnaettere alcuna restrizione rispetto alle con- 
venzioni stipulate fra il potere ecclesiastico ed il civile, 
fra la Chiesa e lo Stato 1 . 

Concludiamo : i diritti o privilegii accordati dalla Sede 
Apostolica ai govern! civili cessano sempre per i motivi in- 
dicati, nulla importando che la concessione sia fatta per 
via di Concordato owero direttamente per mezzo di Bolla 
o di Breve, poiche la forma di concessione non muta ne la 
natura ed il valore dei diritti o privilegi, ne il contenuto giu- 
ridico della convenzione. 



1 Osserviamo di passaggio che, venendo a cessare per un motivo 
o per 1'altro il Concordato, cessano per ci6 stesso tutte le disposizior.< 
in esso contenute, per es. i privilegi accordati ad enti ecclesiastic!, ai 
Capitoli cattedrali, alle Collegiate ecc., di qualunque natura o carat- 
tere siano. La ragione e evidente. I suddetti privilegi sussistono in 
forza del Concordato, e solo in virtu di esso; percio venendo a cessare 
il Concordato, che ne e 1'origine e la causa giuridica, cessano necessa- 
riamente anche i privilegi. Alia stessa guisa che, cessando la legge, 
cessano le varie disposizioni che formano 1'oggetto di essa. Ora il Con- 
cordato e una vera e propria legge particolare. Si definisce difatti : 
Lex pontificia et civilis lota pro particulari quadam re.pvllica ad ordi- 
nandas relationes inter Ecclesiam et Statum circa materiam aliqua ra- 
tione utramque potestatem sive societatem cancer nentem, quae adiunctam 
habet vim pactipublici inter Sedem Apostolicam et illam rempublicam initi 
et utramque partem vere obligantis . Cfr. WERNZ, I, n. 165; CAVAGNIS, 
I, p. 387, n. 623; TAKQUINI, 1. c. p. 73; CAPPELLO, I, p. 325 s., ecc. 

Trattandosi di concessione fatta per mezzo di una legge non po- 
trebbe dagli enti interessati invocarsi, neppure dopo cento o mille 
anni, per usare I'espressione dello SCHMALZGKTJEBER (lib. II, tit. 26, 
n. 29),laprescrizioneoppureil ius quaesitum. giuridicamente assurdo, 
secondo i piu elementari principii del diritto, che possa aver luogo la 
prescrizione, ovvero che nel caso predetto possa aversi il ius quaesitum. 
La cosa "e talmente chiara che non occorre aggiungere parola. 



DALLA S. SEDE Al GOVERNI CIVILI 115 

XX. 

.1. 

9. Pud la S. Sede, senza ledere Valtrui diritto, revocare 
gVindulti o privilegi concessi ? 

necessario che ci fernuamo a trattare abbastanza dif- 
fusamente questa questione - per quanto la ristrettezza dello 
spazio ce lo permette - sia per mostrare 1'insussistenza di 
certe affermazioni della scuola regalista e liberals, sia per chia- 
rire un punto dottrinale di grande importanza rispetto alia 
presente trattazione, il quale anche da qualche autore cat- 
tolico & esposto in termini poco esatti o almenoassaioscuri. 

Perche la questione sia discussa sotto tutti i varii aspetti, 
e percio la risposta riesca esauriente, bisogna esanainare i 
seguenti punti o quesiti giuridici : 1 se 1'atto col quale il 
Komano Pontefice accorda un indulto o privilegio al principe 
civile sia una vera donazione ; 2 se il principe civile, in forza 
della concessione, acquisti un vero e proprio diritto tanto 
rispetto ai terzi quanto rispetto al Eomano Pontefice ; 3 
se il E. Pontefice possa validamente e lecitamente revocare 
gl'indulti o privilegi accordati. 

1 j certo che la concessione di un indulto o privilegio 
apostolico e una specie di donazione, come noi stessi abbiamo 
detto (n. V) ; pero e altrettanto certo che 1'atto con cui la 
S. Sede accorda privilegi o diritti spirituali, di cui ora par- 
liamo - per es. il diritto di nomina o di presentazione ai be- 
nefici ecclesiastici - non e una vera e propria donazione. Di- 
fatti, secondo il diritto romano 1 , la vera e propria donazione, 
(detta inter vivos, per distinguerla da quella mortis causa, 
non ammessa dai Codici moderni come distinta dalle di- 
sposizioni testamentarie) richiede essenzialmente Valienazione 
della cosa in favore del donatario, ossia il trasferimento del 
dominio di essa dal donante al donatario. H Doveri scrive 2 : 

1 Inst. lib. II, tit. 7. de donationibus ; Dig. Kb. XXXIX, tit. 5. de 
donat. ; Cod. lib. VIII, tit. 53 (54) de donat. 

* Istituzioni di diritto romano, Firenze, 1866, vol. II, p. 243. 



116 I DIBITTI O PRIV1LEGI TOLLERATI O OONCESSI 

Qualunque sia la forma adoperata, affinche la donazione 
esista, e essenziale che rivesta i tre caratteri sopra dichiarati : 
cioe 1'ultroneita, ralienazione, la liberalita . Pd.rimente il 
Cujacio insegna : Et est proprie donatio alienatio rei, quae 
liberalitatis causa fit, hac mente, ut nullo casu recipiatur x . 
11 diritto canonico antico segue il diritto romano 2 ; il 
diritto nuovo (cfr. can. 1529) si attiene alia legge civile del 
varii Stati. Ora i Codici moderni richiedono come elemento 
essenziale e costitutivo della donazione il trasferimento at- 
tuale e irrevocabile del dominio, cioe Valienazlone della cosa 
a vantaggio del donatario 3 . Cio posto, ne segue con tutta 
evidenza' che solo quei beni e quei diritti possono essere 
oggetto di vera e propria donazione, i quali siano di loro 
natura alienabili. E quindi ben a ragione il Suarez 4 , par- 
lando dei privilegi, pone questa distinzione fondamentale : 
Est autem circa haec privilegia generaliter spectandtim 
an res concessa per privilegium... talis sit, ut potuerit a 
principe alienari... . Orbene i privilegi o % diritti spirituali 
non possono dal Eomano Pontefice essere alienati, com'e 
a tutti noto : dunque non possono formare oggetto di una 

1 Op. cit., in libros quinquaginta Digestorum. lib. XXXIX, tit. V, 
de donationibus, vol. 3, col. 232 (ediz. cit., Prato, 1837). Cfr. pure VINNIO, 
In quatuor libros Institutionum Commentarius, lib. II, tit. 7 ; EINECIO 
(HEINECCIUS), Elementa iuris civilis secundum ordinem Institutionum 
tt Pandscto'. am, part. VI. Pandect, lib. XXXIX. tit. 5, 123 ss.; VOET, 
Comment, ad Pandectas, lib. XXXIX, tit. 5; SAVIGNT, Trattato di dirittf 
romano, to. IV, cap. 3, 98 ss. ; LESSIO, De iustitia et iure, lib. II, cap. 18, 
dubit. 2 ; DE LUGO, op. cit. disp. 23, n. 128 ss. 

1 Decretr T i di Gregoiio IX, lib. Ill, tit. 24. de donationibus. 

Lo SCHMALZGKUEBEE (lib. Ill, tit. 24, n. 2) insegaa : Ad eius (do 
nationis) essentiam requiritur 1, ut res donata non fdeiit aliuudo debit a t 
saltern de iure, sive ex iustitia. 2. ut donans habuerit pote^tatem do- 
nandi, seu alienandi rem suam... . Off. KEIFFENST., in lib. Ill, tit. 24, 
n. 1. s.; FAGNANO, in cap. Prudentes, n. 3, de donat. lib. Ill; WEKNZ, op. 
cit. Ill, n. 255 ; SANTI-LEITNEE, Praileetiones iuris canonici, lib. Ill, 
tit. 24, n. 4, p. 197, ediz. 4; DE ANGELislib. Ill, part. I, tit. 24, p. 371 s. 

CL-. Cod. Civ. Ital. art. 1050, Cod. Franc, art. 893 s., Cod. Austr. 
943, Cod. Spagn. art. 623 s., ecc. 

Delegitis, lib. VIII, cap. 27, n. 3. 



DALLA S. SEDE AI GOVERNI CIVIU 117 

vera e propria donazione. !N"e si dica che se il E. Pontefice 
non trasferisce nel principe il diritlo, trasferisce pero Veser- 
cizio di esso, e^che cio basta per avere il concetto della vera 
donazione. Non basta, rispondiamo, poiche la vera e pro- 
pr'a donazione richiede essenzialmente, secondo il diritto 
accennato, il trasferimento del dominio della cosa, corporea 
od incorporea ; e questo trasferimento del dominio vero e 
perfetto della cosa non si ha e non puo aversi quando si 
concede 1'esercizio solo, e non il diritto. In tal cau>, per 
usare 1'espressione precisa del Suarez l , la concessione del- 
1'esercizio non est donatio, sed commivsio tantum . 

In questa conclusione convengono necessariamente, ri- 
spetto ai diritti o privilegi espressi nelle convenzioni concor- 
datarie, anche coloro i quali dicono che i concordat! rive- 
stono il carattere giuridi^) di veri patti bilaterali, giacche^ 
nei singoli casi e in ordine ai singoli Concordat!, bisogna 
esaminare quali materie possano veramente essere oggetto 
di un vero patto bilaterale fra l'autorit& ecclesiastica e la 
crvile. 

2 Tl principe, in forza della concessione di un indulto 
o privilegio fatta dal Eomano Pontefice, acquista un vero 
e proprio diritto - ius strictum - rispetto ai terzi, ma non 
rispetto al concedente ciofc al E. Pontefice. Come notano i 
giuristi, bisogna distinguere tre sorta di diritti: il ius mtre 
precarium, il ius quaesitum e il ius strictum. H primo si ha 
quando viene concesso ad alcuno un diritto senza la stipula- 
zione di un vero patto fra colui che lo accorda e chi lo riceve, 
di modo che il diritto rimane revocabile validamente elf si- 
tamente ad arbitrio di chi lo ha concesso ; il secondo pro- 
duce un doppio vincolo, assai diverso 1'uno dall'altro, poichfc, 
rispetto ai terzi, e uno stretto diritto di giustizia, mentre, 
rispetto al concedente, non e tale, quantunque abbia mag- 
gior stabilita del diritto meramente precaiio ; e non es- 
sendo vero diritto di giustizia, ne segue che pud sempre 

1 Loc. cit., n. 8. 



118 I DIRITTI O PRIVILEGI TOLLERATI OONCESSI 

essere revocato validamente, anche senza causa, non pero 
lecitamente. H terzo e oggetto della giustizia commutativa, 
e di f rente a tutti e sacro ed inviolabile; di guisa che il pos- 
sessore non pud essere, in via ordinaria, private valida- 
mente di tale diritto senza il suo consenso x . 

Quando il sovrano ottiene dalla S. Sede un indulto o pri- 
vilegio in materia ecclesiastica, non acquista il diritto precario 
e nemmeno, secondo i principii della dottrina giuridico-teo- 
logica, il ius strictum, bensl il ius quaesitum. 

3. H Eomano Pontefice non revoca mai Jsenza una causa 
giusta e proporzionata i diritti o privilegi concessi. A jtutti, 
infatti, e nota la regola 16 a iuris in 6 : Decet concessum 
a principe beneficium esse mansurum , ripetuta espres- 
samente nel Codice (can. 70) 2 . 

In ordine alia revoca dei privilegi, bisogna distinguere 
la validita dalla liceita. Qualunque privilegio in materia 
spirituale concesso dal Eomano Ponteflce puo essere da lui 
revocato validamente 3 anche senza causa, perche il Eomano 

1 Cfr. DE LUGO, op. oit. disp. 1, n. 2 as., disp. 23, n. 14; SCHMALZGR. 
lib. Ill, tit. 14, n. 3 88., tit. 38, n. 247 s. ; SUAREZ, De virtut. et statu relig* 
tract. VII, lib. VI II. .De paupertate, cap. 5, n. 29 ; RIGANTI, 1. c. Reg^ 
18 Oancell. Apost. de non tollendo ius quaesitum, n. 1 88. ; METEK, op. cit 
I, n. 453 ; TAPARELLI, op. cit. I, n. 344 ss. 

1 Circa 1'interpretazione di questa regola, che compendia, si pu6 
dire, tutta la dottrina canonica riguardante la revocabilit dei privilegi, 
il REIFFENSTUE (Tractatus de regulis Juris, cap. II. De regulis Juris in 
Sexto, reg. 16*, nn. 3, 6, 6) cosi ecrive: Per verbum Decet dicere vult re 
gala, quod ouiniuo convenieaa sit, et deceat quidem principem, ut be- 
neflcia, gratiaa etjprivilegia a se vel antecessore coucessa permanere per 
mittat: ad id tamen absolute]non obligetur... Ceterum, curjdeceat principem, 
ut concessa a se vel anteoessore beneftoia ac privilegia manere et durare 
pennittat, ratio est ; turn quia etiam princeps ex suo consensu aeque ao 
privatus obligatur propter aequitatem et rationem naturalem dictantem, 
ea, quae semel placuere, esse servanda... Verus sensus regulae hie- estj: 
beneflcia, privilegia, et aliao gratiosae conoessiones principum sine deter- 
minatione temporis, vel clausula restrictiva concessa, durare et manere 
debent : personalia quidem usque ad mortem privilegiati : realia vero 
etabiliter, ita ut neque a conceded te, neque a suocessore auf erri conveniat, 
nee cossont sine iusta eaque gravi causa . 

' Cid vale, si noti bene, anohe per il giuspatronato cosidetto di di 
ritto, tanto ecolesiastioo quaato laioale. Facoiamo notare questo, percho 



DALLA S. SEDE AI GOVERN! CIVILI 119 

Pontefice, trattandosi appunto di diritto in materia spirituale, 
non si e spogliato di esso, ne poteva spogliarsene mediante 
Tin vero e proprio patto che dasse luogo ad un vincolo di 
giustizia * ; e percio egli conserva tutta la pienezza del suo 
potere e la trasmette inalienabile ai suoi successori 2 . 

Siccome il vincolo di giustizia sorge dal diritto stesso di 
natura, ed il Eomano Pontefice non e autore, ma solo inter- 
prete del diritto naturale, e chiaro ch'egli non puo scio- 
glierlo senza giusto naotivo ; invece, quando concorra una 
causa giusta, il Papa, interpretando il diritto naturale, di- 



alcuni autori usano un linguaggio poco chiaro ed esplicito. Non si tratta 
'di sentenza piii o meno probabile, bensi di dottrina oerta. Cfr. la reg. 42* 
della Cancell. Apost., che ha per titolo: De derogations iurispatronatus . 

Lo SCHMALZGRTJEBER (lib. Ill, tit. 38, n. 247 s.)"scrive: Quaeritur 
2. an, et a quo derogari iuri patronatus possit? Et 1. quidem dubitatur, 
;an Summus Pontifex citra patroni consensum beneficia conferre, et de- 
rogare iuri patronatus possitf Resp. posse de plenitudine potestalis, et qui- 
dem cuivis patronatm, sive ecclesiastico sive laico; quia ab ipso concessxis 
est... Ut licita sit derogatio requiritur causa rationabilis, iusta... Quod 
maxime procedit in patronatu per fundationem, constructionem, dota- 
tionem... Addidi, ut licita sit derogatio; nam ut valida sit, nulla requiritur 
causa; et ratio est, quia ea, quae ex voluntate Pontificis conceduntur, 
ipso contradicente, cessant . 

II LESSIO (op. cit. lib. II, cap. 34, dubit. 9, n. 35) al dubbio Utrum 
Pontifex possit derogare iuri patronatus conferendo beneficia non praesen- 
4atis risponde: Dico primo, Pontificem posse derogare, sive patronatus 
sit ecclesiasticus sive laicus, est communis sententia DD. in cap. Cum di~ 
lectus, de Jure patronatus . 

Cfr. GONZALES, ad reg. 8 Cancell. Gloss. 18, n. 1; PIRHING, lib. Ill, 
tit. 38; n. 133; Riganti, Reg. 42 Cane. Apost., n. 82; LAMBERTINI, op. 
cit. part. Ill, lib. II, art. 11, quaest. 9; VIVIANI, 1. c. lib. IV, cap. 1, 
n. 122; BARBOSA, ad Cone. Trid. Sess. XXIV, cap. 15, de reform, n. 22; 
DE LUCA, op. cit. disc. 66, n, 2. s. 

Per il diritto nuovo basta ricordare il can. 1470, 1, 2. 

1 Da ci6 appare, come sopra (n. XV) abbiamo osservato, quanto 
sia impropria, per non dire inesatta, 1'espressione di certi autori, i quali, 
senza fare le dovute distinzioni, chiamano patronato di giustizia quello che 
e di diritto. 

1 Cfr. cap. 20 X, de elect. I, 6; cap. 4, X, de cone, praeb. Ill, 8; 
cap. 14, de praeb. Ill, 4, in Sexto. V. SCHMALZGR. lib. Ill, tit. 5, n: 271 
ss, tit. 38, n. 247; G-onzales ad reg. 8 Cane. Gloss. 18, n. 1; STTAREZ, Defen- 
sio fidei eath. lib. IV, cap. 34, n. 19 ss. 



120 I DIRITTI O PRIVILEGI TOLLERATI O CONCESSI 

chiara, che in questo o quel caso specificamente determi- 
nate 1'obbligo di giustizia cessa 1 . 

Perche poi la revoca, oltreche valida, sia anche lecita, si 
richiede sempre un giusto motive; e quando si abbia una 
causa giusta e proporzionata, possono revocarsi non sola- 
mente i privilegi graziosi, ma ancora i privilegi rimuneratorii 
e perfino i convenzionali 2 . 

Le cause legittime per la revoca dei privilegi sono spe- 
cialmente queste : la giusta pena per 1'abuso del privilegio e 
per altri delitti, il grave pregiudizio di un terzo derivante dal 
privilegio, la cessazione della causa principale per cui fuaccor- 
dato il privilegio, la pubblica utilita 3 . 

Questa dottrina e ammessa anche dai giuristi.Citiamo per 
tutti il Voet, insigne giurista protestante, la cui autorita non 
pud essere da alcuno messa in dubbio. Eectius sentiunt 
- dice egli - qui revocations facultatem principi tribuunt 
in iis privilegiis, quae ex mera eius liberalitate, non praece- 
dente vel subsequente conventione et obligatione, profluxe- 
runt... eo quod haec non alio, quam precarii iure, videri pos- 
sunt haberi atque possideri ab illis quibus acquisita sunt... 
Besoldus delibat. iur. ad Pand. lib. I. n. 13. Hugo Grotius 

1 Cfr. SUAREZ, De legibus, lib. II, cap. 14, lib. X, cap. 6; De vir- 
tute et statu relig. tract. VI, lib. VI, cap. 9, tract. VII, lib. VI, cap. 16; 
DE LUGO, op. cit. disp. 22, sect. 1, n. 2, disp. 23, sect. 1, n. 14, disp. 24, 
sect. 13, n. 312; SCHMALZGR. lib. I, tit. 2, n. 56 s. 

Questo atto del Eomano Pontefice non e, come dicono alcuni impro- 
priamente, una vera e propria dispensa, bensi una dichiarazione o inter - 
pretazione del diritto naturale. Difatti osserva benissimo il SUAREZ (De 
legibus, lib. II, cap. 14, n. 22): Ad hunc ergo modum intelligenda est 
haec relaxatio iuris naturalis, quae in hoc genere dispensationis admisce- 
tur, quae revera in rigore iuris non est dispensatio iuris naturalis . 

2 Cfr. SUAREZ, 1. c. lib. VIII, cap. 27, dove sotto il titolo An privi- 
legium semel concessiim revocari possit a concedente, vel ab aliquo alio , 
1'esimio A. tratta magistralniente la questione sotto i varii aspetti giu- 
ridifi; Dejensio fidei cath. lib. IV, cap. 24, n. 27 ss.; SCHMALZGR. lib. V, 
tit. 33 n. 219 ss.; REIFFENST, in tit. cit. n. 220 ss.; PIRHING, in tit. 
cit. n. 187. 

8 Cap. 60. X, de appell. II, 28 ; cap. 9, X, de decim. Ill, 30; cap. 24, 
X, de privilegiis. V, 33 ; cap. 45, X, de sent, excom. V. 39; cc. 71, 77, 78* 



DALLA S. SEDE AI GOVERNI CIVILI 121 

manuduct. ad Jurispr. Holl. lib. I cap. 2 n. 24. Matth. de 
auct. lib. 2 cap. 2 n. 51... Si vero mediante contractu, interve- 
niente causa onerosa, ob aliquod factum impletum vel implen- 
dum, aut dationem praesentem vel futuram privilegiaconcessa 
constet... ne ex plenitudine quidena potestatis ac maiestatis 
eorum revocandorum, mutandorum, aut imminuendonim 
potestatem sibi princeps iure arrogaverit; nisi iustae legiti- 
mae et satis graves de novo emergant retractandi causae, in se- 
queutibus executiendae, Besoldus, in delibatis iuris ad Pand. 
lib. I, n. 13, Zoesius ad Pand. h. t. n. 30 1 . 

Da quanto abbiamo detto risulta con somma evidenza 
che tu.tti i privilegi in materia ecclesiastica concessi dai Eo- 
mani Pontefici ai governi civili sono revocabili sempre vali- 
damente, ed anche lecitamente, quando concorra un giusto 
motive. 

La storia ecclesiastica ci ricorda parecchi esempi di revoca. 
Per tacere di altri, Clemente VII, in pena del famoso sacco di 
Eoma compiuto dalle truppe di Carlo Y nel 1527, revoco 
1'indulto di presentazione concesso da Adriano VI al detto im- 
peratore Carlo V; S. Pio V revoco 1'indulto di nomina accor- 
dato da Pio IV al re di Porto gallo ; Pio IX colla Cost. Per obi- 
tum del 1862 soppresse la giurisdizione palatlna nell'Italia in- 
feriore, e nella Cost. Cum catholica del 26 marzo 1860 dichia- 
rava che gli usurpatori dello Stato pontificio ed i loro com- 
plici erano incorsi nella perdita omnium quorumcumque 
privilegiorum, gratiarum et indultorum sibi a Kobis sen a 
Eomanis Pontiflcibus praedecessoribus quomodolibet conces- 
sorum ; lo stesso Pio IX con la Cost. Suprema del 10 ottobre 
1862 aboli la Legazione o Monarchia sicula, derogando ai pri- 
vilegi ex quacumqne causa etiam per mam contractus et re- 
munerationis concessis . 

1 Op. cit. lib. I, tit. 4, n. 21. 



122 I DIRITTI PRIVILEGI TOLLER ATI CONCESSI 

XXI. 

10. I diritti o privilegi degli anticni Stati esistono tuttora, 
ciod sono passati ai nuovi Stati, sorti sutle rovine di quelli 
abbattuti dalla guerraf 

Prima di rispondere direttamente alia domanda, e neces- 
sario che premettiamo tre osservazioni. 

In primo luogo osserviamo che nel caso di dubbio intorno 
al passaggio o trasferimento degl'indulti o privilegi concessi 
dalla S. Sede, e quindi all'attuale loro sussistenza, bisogna 
sempre stare per la libert& della CMesa, poiche trattasi d'in- 
dulti o privilegi contrarii al diritto comune. questo un prin- 
cipio certissimo che si deduce dalla comune dottrina degli 
autori circa 1'uso e 1'interpretazione dei privilegi. 

L'esimio Suarez * insegna : In hac igitur dubitatione, 
communis doctrina est, distinguendum esse inter privilegium 
quod est purum beneficium, seu favor, nulli praeiudicium af- 
ferens, nee iuri communi derogans, et rigorosius privilegium, 
quod derogat vel iuri communi, vel alicuius tertii. Inter quae, 
lit supra diximus, est differentia... Privilegium derogans iuri 
communi regular it er est reputandum odiosum in ordine ad in- 
interpretationem, et ita restringendum est potius quam- 
extendendum. Ita docet Innoc. in cap. Quod dilecto..., ubi 
etiam Panorm. dicit esse certam et communem doctrinam 2 . 

Questo principio riguardante i privilegi in genere vale 
particolarmente per il giuspatronato, e in modo specialissimo 
rispetto al patronato regio. In tanto si deve ammettere questo 
patronato - lo stesso dicasi del diritto di regia nomina - in 
quanto ex certis atque indubiis argumentis constet omnino de 
veri tituli existentia 3 . Cid si desume chiaramente dalla dot- 

1 De legibus, lib. VIII, cap. 27> nn. 2, 5. 

1 Cap. 12. jX. de.off.fiud. ord. I, 31; (can. 68. Cfr. SCHMALZGR. lib. 
Ill, tit. 38, n. 238 ss.; lib. |V, tit. J33, |n. 125 SB.; Pirhing, in h. t. n. 14. 

3 SCHMALZGR. lib. Ill, tit. 38, n. 239; Keiffenst. in h. t. n. 13 8.; 
Barbosa, in Gone. Trid. Sees. XXV, cap. 9, de reform, n. 30 ss. 



DALLA S. SEDE AI GOVERNI OTVELI 123 

trina del Concilio di Trento, Sess, XXV, cap. 9, de reform., 
confermata,in ordine al giuspatronato in genere, dal can. 
1454, che suona cosl : Nullum ius patronatus admittatur 
nisi authenticis documentis aut aliis legitimis probationibus 
evincatur . Ora pet cio stesso che si dubita se il trasferimento 
del giuspatronato sia awenuto o no, manca la certezza della 
prova richiestdj e quindi il patronato deve ritenersi come non 
esistente. 

Osserviamo in secondo luogo che se il governo civile da 
principio sia illegittimo - per es. se abbia conquistato per usur- 
pazione il potere politico mediante moti rivoluzionarii o in 
altra guisa, spodestando il principe legittimo - e poi, per ra- 
gioue del bene pubblico, secondo i principii del diritto natu- 
rale, diventi, in progresso di tempo, legittimo, non pud attri- 
buirsi ed esercitare quegli indulti o privilegi che spettavano 
al sovrano spodestato. H motivo e evidente. II soggetto giu- 
ridico dei privilegi e il principe vero cioe legittimo; il governo 
civile che a lui succede non e da principio soggetto capace 
a riceverli, appunto perche illegittimo; e quando poi diventi 
per ipotesi legittimo, il trasferimento dei privilegi non pud 
piu aver luogo, poiche, secondo il diritto canonico, alia vali- 
dita della trasmissione di essi da sovrano a sovrano, da dina- 
stia a dinastia, si richiede, come condizione sine qua non,la, di- 
retta e immediata successione legittima nei diritti della sovra- 
nita. 

In terzo luogo osserviamo che il privilegio, una volta e- 
stinto o per mancanzafdel soggetto giuridico o per mutazione 
sostanziale ojper altrojmotivo qualunque, non torna a rivivere 

- non reviviscit, secondo la frase giuridica - se non inter- 
viene un nuovo atto da parte del concedente. La ragione ema- 
nifesta. Dal momento che il privilegio e cessato, la Chiesa 

- parlando del diritto di regia nomina o di regio patronato - 
6 diventata libera, e tale essa rimane flnchela Sede Apostolica 
non accordi un nuovo indulto che confermi in tutto o in parte 
il precedente. La reviviscenza ha luogo soltanto, entro certi 



124 I DIRITTI O PRIVILEGI TOLLERATI CONCESSI 

limit! e sotto certe condizioni, quando trattasi di privilegi 
locali x . 

Cio premesso, diciamo, rispondendo all'ultima domanda, 
che, per varii motivi giuridici esposti in questa trattazione, 
nessuno dei miovi Stati, sorti sulle rovine di quelli che furono 
abbattuti dalla guerra, e succeduto nei diritti o privilegi 
concessi dalla S. Sede agli antichi governi. La risposta nega- 
tiva deriva logicamente da quanto siamo venuti esponendo 
con sereno giudizio e fedele applicazione dei principii del di- 
ritto canonico e civile. Nessuno puo mettere in dubbio che il 
soggetto giuridico dei suddetti diritti o privilegi - in seguito 
al crollo delle dinastie, al dismembramento degl'imperi e 
dei popoli, alia costituzione di miovi Stati - non sia mutato ; 
nessuno puo negare che gli avvenimenti politici seguiti durante 
1'immane guerra mondiale non abbiano recato una mu- 
tazione vera, profonda, radicale nello stato pubblico delle 
cose, mutazione che in se abbraccia i vari motivi da noi ac- 
cennati, per i quali cessano i privilegi. Non crediamo neces- 
sario, ne opportune discendere ai particolari. I cortesi lettori, 
che ci hanno seguito con benevola attenzione, possono da s& 
stessi fare le opportune applicazioni, secondo la giustizia del 
diritto e la verita della storia, ai singoli Stati. 

Prima di metter fine a questo breve studio, esprimiamo 
1'augurio vivissimo che i nuovi governi riconoscano alfine 
la pienalibertaeindipendenza che per diritto divino compete 
alia Chiesa cattolica, specialmente in ordine alia scelta dei suoi 
ministri, e che sappiano ispirarsi al vero bene dei popoli, il 
quale non puo aversi senza la pubblica e sincera professione 
deiZ principii cristiani, senza 1'unione e concordia con la Sede 
Apostolica, che e maestra di verita, vindice di giustizia, tu- 
trice dei supremi interessi dei popoU e delle nazioni. 

1 Cfr. cap. 2, |X, de rel. dom. Ill, 36; |cap. 25, i. f. X. de V. S. V. 
40; can. 75. ' 



MER1GGIO D'ETTOPIA 



RACGONTO STORJCO (1626-1640) 



CAP. VIII. Aspra tenzone. 

Era il sabato, vigilia del)e Palme, 1? aprile del 1542. 

Cristoforo da Gama pose il campo sul declivio meridio- 
nale d'una collina. a pie della quale stendevasi verso mez- 
zogiorno][una pianura erbosa per circa una lega, in ogni di- 
rezione, a guisa della pa] ma della mano, sino alle alture 
circostanti occupate dai musulmani. 

Ad occidente, la collina, dopo lieve avvallamento, risaliva 
contigaa ad altri monti piu alti ; ad oriente, le sue falde, piti 
ripide, erano lambite da un ftumiceUo che scaturiva da una 
fonte non molto lontana. 

La pianura, luogo del primo scontro delJ'eroe cristiano 
col feroce vizir maomettano, ritiene ancora 1'antico no me 
di Afgol, che gli era comune con la collina e col flumicello, 
ed e situata, ad ugual distanza quasi, di mezza giornata di 
cammino, tra la recente Makalle, a nord, e 1'antica Antald, 
capoluogo de^'Enderta. a mezv;ogiorno. 

Circa tre secoli e mezzo doi>o, il campo di Afgol ed i suoi 
dintorni videro altri cristiani europei in guerra, con tutt'al- 
tri intenti, contro gli abissini x . 

La dimane, domenica delle Palme, apparvero sulla cima 
d'un co lie alquanto lontano, cinque cavalieri musulmani 
esploiatori, i quali, osservato da quell'altura il campo dei 
portoghesi, diedero volta con prestezza. Subito Cristoforo 
mando due soldati a cavallo per esplorare dalla medesima 

1 Nel 1868, gl'iuglesi contro il Negut Teodoro; nel 1895-96, gli 
italiani, nolle giornate di Amba-Alagi e di Makalld. 



126 MERIGGIO D'ETIOPIA 

altura il campo nemico ; e vennero riferendo la grande mol- 
titudine del nmsulmani che piantava le tende a ridosso 
di quel colle. A mezzo il giorno venne sull 'altura lo stesso 
condottiere dell'esercito musulmano con circa trecento uo- 
mini a cavallo,sventolando tre grandi bandiere, due bianche 
con mezzaluoa rossa, ed una rossa con mezzaluna bianca. 

Poco dopo cominciarono ad apparire altre schiere di 
cavalieri e di pedoni levando in alto tante bandiere e con 
tale strepito di tamburi, di trombe e di grida, da far. credere 
ad un numero sterminato. Scendevano a mano amano,ordi- 
nate, sul declivio del colle in vista dei portoghesi, movendo 
contro il loro campo, onde D. Cristoforo pensd che si volesse 
dar subito battaglia, ed apparecchiossi con risolutezza. Ma 
i nemici non fecero che avvicinarsi alquanto e per tutta la 
notte continuarono con grida e con molti fuochi a minacciare 
il campo portoghese. Questo rimase all'erta, e i soldati pronti 
con le micce accese per le spingarde e per le artiglierie, 
sparando di tanto in tanto un colpo di cannone; ed al ba- 
gliore della fiammata appariva il loro campo assai piu folto 
di armati che non durante la giornata. 

Fattosi giorno, venne dal campo nemico un araldo, con 
il seguente messaggio del Gragne : 

Ahmed-ibn-Ibrahim, vizir del potentissimo sultano 
di Ad el, a Cristoforo da Gama, che dia ascolto alle sue pa- 
role : Grandemente ci meravigliamo del tuo stolto ardimento, 
per avereosato di entrarejn queste terre con si poca gente ; 
ben ti mostri da cio ragazzo ingenuo e senza esperienza, come 
ci hanno rapportato. Vogliamo aver compassione della tua 
giovane ed inesperta eta, onde sei stato ingannato da una 
donna e dalla sua gente, che uon hanno neanche tenuto fede 
al proprio sovrano; e pero ci degniamo di usare con te della 
nostra magnanimity e consueta clemenza, perdonandoti 
la tua inconsiderata audacia, a condizione che ti renda a noi 
subito nel nostro campo, con tutti i tuoi, o che, se non ti 
aggrada la nostra compagnia, te ne ritorni immantinente al 
tuo paese, facendoti sicurt^ che non sarai molestato dalle 



VIII. ASPRA TENZONE 127 

nostre genti. Ed ora, ricevi quello che ti mandiamo : un 
cappuccio da mouaco ed un rosario, perch& non sei buono 
ad altro, e non merit! il no me di capitano ; e te etuttiituoi 
portoghesi non vi teniamo se non in conto di monaci. 

Sorrise di compatimento, a queste insane parole, il gio- 
vane condottiero, e, con molta finezza cavalleresca, fece 
onore all'araldo, regalandolo di prezioso abito di seta rossa 
e d'un cappello di paglia delle Indie con fermaglio di gran 
valore. 

Ritorna al tuo signore-gli disse accomiatandolo - 
e digli che gli manderemo risposta col nostro araldo. 

Indi lo fece accompagnare sino all'uscita dell'accam- 
pamento. Radunato subito il consiglio, si determine di non 
mandare al Gragne un portoghese, non fidandosi di quel 
barbaro musulmano, ma uno schiavo di carnagione bianca. 
Vestitolo con abito conveniente, lo fece montare su una mula 
e gli consegno per i] Gragne, scritta in arabo, affinche la 
leggesse, la risposta seguente : 

Noi, Oristoforo da Gama, facciamo sapere ad Ahmed- 
ibn-Ibrahim, che siamo venuti in questo paese per ordine 
del gran Leone del mare e potentissimo signore della terra, 
U quale ha costumanza di soccorrere i piudeboli; e perd 
avendo saputo che il cristianissimo Imperatore d'Etiopia, 
suo fratello nelle armi, ^ stato spossessato dei suoi regni 
da gente infedele e nemica della santa fede cattolica, gli 
ha mandate in aiuto 1'esercito che tu yedi, il quale, sebbene 
piccolo, 5 bastante per tenere testa alle tue moltitudini, 
confidando nella divina misericordia. Siamo venuti, non 
per tornare indietro, ma per cercarti e darti battaglia; e 
vedrai tra poco come combattono e.quanto valgono i por- 
toghesi, bench& pochi di numero. Ed ora, ricevi in contrac- 
cambio il nostro dono : uno specchio e pinzette da soprac- 
ciglia, quali usano le donne . 

II povero aialdo ebbe gran paura nel presentare il mesr 
saggio ed il dono. II barbaro condottiero lo guardo con oc- 



128 MERIGGIO D'ETIOPIA 

chi ferocissimi ; ma, ostentando magnanimita, si contenne, 

e gli disse con apparente calma : 

Tranquillati. Non siamo usi a maltrattare gli araldi. 

15 grande la temerit& di chi ti manda ; ma non e meno grande 

il suo coraggio nell'osare di misurarsi in cosi poco mimero 

con noi. Gli sia reso questo onore, e te ne do testimonianza, 

rimandandoti libero e senza molestia. 

Dopo questo scambio di cortesi insolenze e bravate, 

consuete in quei tempi, si cominciarono i combattimenti. 
II Gragne determine di stringere tutto intorno il piccolo 

esercito di appena 350 portoghesi, circondandolo con il suo 
di quindici mila pedoni, armati di lancia e scudo, di mille 
e cinquecento a cavallo, e di duecento archibugieri turchi, 
che erano i piu accaniti. Questi, in fatti, si appressarono 
di molto,e costruita una trincea di pietre e terra, recavano 
molto danno al campo portoghese, talche fu necessario cae- 
ciarneli. E vi riuscirono sessanta portoghesi, con un'im- 
petuosa sortita e con 1'aiuto delle artiglierie. 

Vedendo che il nemico erasi proposto di assediarJo e 
prenderlo per fame, D. Cristoforo rigolvette di dare bat- 
taglia campale con tutte le sue forze, prima di ridursi agli 
estremi. Avanti 1'alba del giorno seguente, che fu il 4 aprile 
del 1542, fece levare il campo, ripartendo i soldati in mo do 
da tenere in mezzo 1'Imperatrice con i suoi duecento abis- 
sini e col bagaglio, e da procedere compatti nell'avanzata, 
riserbando a se la retroguardia per il maggior rischio in trat- 
tenere il nemico che gH si sarebbe lanciato alle spalle. 

Quando i musulmani si accorsero di tal movimento, 
levarono grida di gioia, pensando disopraffare il piccolo eser 
cito non appena dal colle dove erasi attendato si fosse tra- 
sferito in aperta campagna. E mossero contro con grande 
strepitare di tamburie squillaredi trombe. I turchi ripresero 
1'offensiva con i loro archibugi, e lo stesso Gragne si ag- 
giunge ad essi con la cavalleria per fare impeto, accompa- 
gnato dalle tre grandi bandiere. 

.D. Cristoforo ordino ai suoi di non isbandarsi, ma di 



ASPRA TENZONB 129 

tenersi unit! e adoperare intanto le artiglierie e le spingarde, 
con le quali si lavoro animosamente tanto da non lasciare 
awicinare la cavalleria nemica, uccidendone molti. Ma 
i turchi continuavano a combattere con grande violenza e 
si avvicinavano piu da presso, onde D. Cristoforo ordino 
ad Emannele da Cunha di affrontarli con una compagnia 
di cinquanta soldati. 

La zuffa s'impegnd accanitissima con estrema resistenza 
del turchi, che uccisero 1'alfiere ed altri tre portoghesi, fe- 
rendo di spingarda in una gamba lo stesso da Cunha, il quale 
iu percio costretto a ritrarsi con i suoi. 

D. Cristoforo correva da per tutto, dove piu acre era 
la pugna, animando i suoi soldati, molti dei quali erano gi& 
feriti. E mentre cosl esponevasi a maggior pericolo, una 
palla di archibugio lo colpl ad una coscia. E nondimeno 
continue, cosl ferito, a combattere ed a sostenere Pimpeto 
dei nemici dovunque era bisogno. 

Era gi& il mezzogiorno ; e quel pugno di eroi non dava 
segno di scemare nelle forze dell'animo, benche stanchi nel 
corpo. Sdegnavasi il Gragne di non poterli abbattere con 
tutte le sue numerose milizie, e spronando il cavallo, seguito 
dai suoi cavalieri, rinfocolo la pugna rimproverando i suoi 
soldati. Nella smania di finire quella giornata con vittoria 
compiuta si spinse assai presso ai portoghesi, si che lo rag- 
giunse una palla di spingarda, la quale trapassogli la gamba, 
e insieme il cavallo, che cadde morto. 

Eialzandosi, il fiero musulmano vide scorrergli molto 
s angue dalla ferita e non poter piu reggersi in piedi, onde 
i suoi lo portarono via a braccia, ed abbassando tre volte 
le tre bandiere diedero il segnale della raccolta. 

Accortosene D. Cristofoio, fece sonare le trombe e dar 
nei tamburi e, con impeto serrato si lancio contro 1'esercito 
musulmano che avea di fronte, volgendolo in fuga ed inse- 
seguendolo, sinche giudico prudente di non awenturare i 
suoi, stanchi e senza cavalli, al pericolo di venire circon- 
dati dalla cavalleria nemica. 

3 OiviltA Cattolica, 1920. vol. 3, quad. 1682. 9 8 luglio 1920. 



130 MERIGGIO D'ETIOPIA 

Diede percio segnale di raccolta, e tornando al campo- 
vide 1'Imperatrice con le sue damigelle intente a fasciare di 
propria mano i feriti, adoperandovi parte delle loro vesti. 
Egli stesso diedesi a medicare i feriti, non potendo farlo 
il cerusico, ferito nella mano destra; e dopo che ebbe tutti 
curati, penso a se ed alia propria ferita, che, per awentura r 
non era tanto grave. 

Undici dei ptfrtoghesi caddero nel combattimento, e 
mandolli a raccogliere il pio condottiere, per seppellirli ono- 
ratamente. Ma restarono morti sul campo non pochi ne- 
mici, tra i quali, quattro dei principali capitani e trenta 
degli archibugieri turchi che erano la piu valida forza del- 
1 'e sercito musulmano . 

Quella notte, D. Cristoforo mando secretamente un 
messo ai quaranta poldati che aveva mandarti a Massaua 
con Francesco Velho, per annunziare loro il buon saccesso 
di qnella giornata e ordinare che se ne venissero a lui in 
tutta fretta, sperando di compire 1'impresa. 

Aspettarono alquanti giorni, sinche i feriti avessero po- 
tuto riprendere le armi ; ma fu vana 1'attesa per il ritorno 
dei quaranta portoghesi. D. Oristoforo si macerava nelFa- 
nimo, per la perdita di tempo, pensando che intanto il mu- 
sulmano andava riapparecchiandoki e ricevendo aiuti per 
un nuovo e piti violento assalto. Determino dunque di rom- 
pere ogni indugio e di prevenire il nemico, nutrendo nel- 
1'animo grandi speranze che la misericordia del Signoie, per 
cui combattevano e nelle cui mani avevano rimepse le loro 
vite, si fosse compiaciuta di dar loro la vittor 1 '^. 

, rt ,.-, i "'. lf .^,,;v'; *** ' 

Prima che rompesse il giorno. nella Domenica in Albis,. 
i guerrieri portoghesi mossero cautamente verso il campo 
musulmano. Ma furono visti, quando giunsero da presso, 
ed uscl loro incontro uno dei capitani infedeli, venuto di 
fresco con tre mila pedoni e cinque cento cavalieri. Indi- 



Vin. ASPRA TENZONE 131 

gnato il barbaro come uu si scarso manipolo osasse ancora 
resistere, anzi prendere 1'offensiva contro un esercito quasi 
cento volte superiore di forze, giuro per Allah e Maometto 
di sterminare i portoghesi, e si sferro con grande impeto 
contro di essi. Se i suoi avessero combattuto con pari valore 
e risolutezza, certo avrebbe ottenuto 1'intento. Ma, per 
timore delPartiglieria, non osarono avanzarsi tutti insieme. 
Soltanto cinque dei suoi cavalieri si lanciarono animosa- 
mente in mezzo alle file dei portoghesi e morirono, insieme 
con lui, combattendo con valore straordinario. 

II Gragne, ancora mvando per la ferita, si fece portare 
fuori della sua tenda, su una sedia a spalle di uomini, dove 
potesse dirigere la battaglia, ed ordino alia cavalleria di as- 
saltare d'ogni parte le piccole schiere cristiane. Si impegno 
con nuovo ardore la zuffa, senza notabile frutto dall'una 
e dell'altra parte. 

Allora si segnalarono otto dei portoghesi, che soli mon- 
tavano a cavallo, rompendo con grande ammo cola dove 
piil forte era Pimpeto dei nemici ; e non cessando quelli che 
erano a piedi di combattere come meglio potevano. Gi& tutto 
intorno il campo nemico era seminato di cadaveri di musul- 
mani, quando un improwiso accidente fu per volgere con- 
tro i cristiani la fortuna della pugna: prese fuoco uno dei 
fornimenti di polvere, uccidendo due portoghesi e ferendone 
altri. Ma servi invece a loro favore,' perche, al terribile 
scoppio ed all'immensa nuvola di fumo sollevatasi, i cavalli 
dei musulmani, spaventati, si diedero a corsa sfrenata r 
trascinando i cavalieri assai lontano; onde i portoghesi 
rimasero piu liberi di assaltare le milizie a piedi, e vi 
diedero con si grande impeto che vi seminarono la con- 
fusione e lo scoraggiamento, si che i musulmani comincia- 
rono a fuggire in disordine, non aspettandosi quell'assalto, 
ed abbandonarono i loro accampamenti. 

Presero allora grande animo i guerrieri cristiani ed in- 
seguirono il nemico, oltre il k>ro campo, uccidendone molti,. 
e certo avrebbero dato loro decisiva sconfitta, se avessero 



132 MERIGGIO D'ETIOPIA 

avuto cavalJi. Vedendo dunque i suoi stanchi dullMnsegui- 
mento, D. Cristoforo sono a raccolta, e li raduno tuttinel 
campo abbandonato dal nemico, trovandovi le tende ancora 
intatte e molto bottino. 

Grande fu il giubilo di tutti, benche non poco temperate 
dalle perdite di soldati, il cui numero andavasi assottigliando. 
Quattordici erano morti', e li seppellirono con gra.nde com- 
pianto. I feriti passavano la settantina, e quattro dei pifr 
gravi morirono di poi. 

Per poter meglio curare questi feriti, D. Cristoforo penso 
di accamparsi alle rive del fiume non molto lontano, ma 
quando furono 11 presso, videro che ivi siriposava una parte 
dell'esercito musulmano con lo stesso Gragne. Pieno di 
rabbia, a tale improwisa comparsa, il feroce condottiero 
esclamo : 

Maledetti questi monaci (cosl chiamava sempre 
i soldati portoghesi), nou la flniscono di mettermisi tra i 
piedi ! 

E con molta fretta si levo, continuando il cammino per 
altri giorni sino a porsi in sicuro in un luogo forte tra le 
montagne. 

Di li a due giorni giunsero i quaranta portoghesi che 
erano andati a Massaua, senza effetto, non avendovi trovate 
le navi dell'armata di D. Stefano. Li accompagnava il Ba- 
harnagasce con cinquecento abissini a piedi e 30 a cavallo. 

Instancabile nel proseguire con vigoria 1'impresa sino a 
felice compimento, D. Cristoforo si dispose tosto a muovere 
contro il Gragne, per cacciarlo dal suo rifugio, e con i nuovi 
venuti si avanzd per dieci giorni di cammino sinche pervenne 
di fronte all'amba molto forte dove erasi ridotto il musul- 
mano. Ma IHnizio dell'inverno, venuto prima del tempo in 
quell'anno, e le frequenti piogge gl'impedirono di tentare 
quelPultimo e decisive sforzo, onde determind di svernare 
a jpie di un'altra amba, in vista di quella del Gragne, detta 
di Ofla 1 ai conflni orientali del Tigre, e quasi nell'entrata 
delPAngbt. 

1 Uofla, presso il lago AsciangM. 



ASPBA TENZONE 133 



* 
* * 



Intanto il Gragne andavasi apparecchiando e radunando 
forze, ricevendone dall'Arabia, donde gli vennero, tra gli 
altri, novecento turchi archibugieri, trenta cavalieri e died 
pezzi di artiglieria da campo, tutta gente agguerrita e ri- 
soluta nei combattimenti. 

Sulla fine di agosto, D. Cristoforo fece una scorreria nel 
Semen, contro i musulmani che stavano in quella regione 
abitata da giudei, con felice esito, traendone molto bottino, 
specialmente ottanta cavalli di cui aveva grande bisogno. 
Ma per non assentarsi a lungo dal suo campo, per tema 
che se ne accorgesse il Gragne, lascio il bottino affidato a 
trenta dei suoi portoghesi, ed egli fece speditamente ritorno 
appena a tempo, giacche il Gragne gia metteva in campo 
le sue innumerevoJi milizie per dargli subito battagJia. 

Si dolse grandemente D. Crisfoforo di non avere con se 
quei trenta soldati e gli ottanta cavalli, e determine di non 
accettare battaglia, e di tenersi sulle difese sino al loro ar- 
rivo. Ma non gli riusci, e le cose precipitarono con tanta 
rapidita che diedero il tracollo al piccolo e valoroso mani- 
polo cristiano. 

In fatti, il giorno seguente, che fu il 28 agosto del 1542, 
il campo portoghese si trovo asserragliato d'ogni banda dalla 
moltitudine dei nemici. Primi e piu impetuosi, i novecento 
turchi aprirono la battaglia con lo sparo degli archibugi 
e dei dieci pezzi di artiglieria, recando grave danno ed ap- 
pressandosi sempre piu all'assalto delle trincee. 

H giovane condottiero senti che le trincee, poco forti, 
non avrebbero a lungo resistito all'impeto ed a tanta mol- 
titudine, onde fece una violenta sortita con cin quanta sol- 
dati e riusci a respingere per largo tratto gli assalitori, uc- 
cidendone molti ; ma per non iscostarsi troppo, prese a ri- 
tirarsi, continuando a combattere, ed in quella gli vennero 
nccisi quattro soldati e molti altri f eriti ; egli stesso fu colto 
da una palla di spingarda in una gamba, che gU restd ferita, 
benche potesse ancora camminare. 



134 MERIGGIO D'ETIOPIA 

Rientrato D. Cristoforo, uscirono, in varie riprese, i 
suoi capitani continuando a respingere gli assalitori per 
lungo tratto, ma con notabili perdite ; e due di essi, i fratelli 
Francesco ed Onofrio d'Abreu caddero valorosamente, il 
primo combattendo, 1'altro, accorso in aiuto delfratelJo, col- 
pito da palla di archibugio, mentre portavane il cadavere 
dentro il campo. 

La faticosa alternativa di sortite e di accanita difesa 
alia trincea duro ancora, stremando di forze e di numero 
il manipolo dei prodi portoghesi, molti dei quali giacevano 
morti sul campo, e con loro due altri capitani: il Fonseca 
ed il Velho. Gli altri, in gran parte feriti, continuavano 
a combattere, mentre appena i piu gravi erano raccolti nelle 
tende dell'Imperatrice, dove essa e le sue ancelle li medica- 
vano e fascia vano, lagrimando a tanto scempio edisastro. 

Benche ferito alia gamba, D. Cristoforo, a guisa di leone 
indomito, non si perdette d'animo, e fece un'impetuosa e 
disperatissima" sortita con la bandiera reale, tanto da spaz- 
zare per lungo tratto i nemici. Ma, per non avere piu di otto 
cavalli, non gli era possibile allontanarsi dal campo, e ri- 
traendosi a poco a poco coni suoi venne colpito da una palla 
di spingarda, che gli spezzo il braccio destro. E non di 
meno, il valonmssimo condottiero, fattosi legare il braccio, 
impugnata la spada con la sinistra, si lancio di nuovo fuori 
della trincea, gridando ai suoi, che lo seguissero. 

Gli si fecero attorno i pochi portoghesi ancora validi, cer- 
cando di trattenerlo dallo sconsigliato divisamento, perche 
morto lui, piu disastrosa sarebbe stata la sconfltta. Ma non 
riuscendo a persuaderlo, lo presero a forza e sollevatolo a 
braccio lo misero sopra una mula, trascinandolo lontano dal 
campo, iniziando alcuni la ritirata dietro di lui, mentre altri 
scamparono seguendo Plmperatrice. 

Dolorosa fu la ritirata, perche alcuni feriti, non^potendo 
sostenersi, ne tenere dietro agli altri, caddero in ma no dei 
barbari, che li ftmrono, come uccisero crudelmente piu di qua- 
ranta portoghesi assai gravemente feriti, rimasti negli ac- 



ASPRA TENZONE 135 

<campamenti. Uno di quest! seppe vendicare la morte del com- 
pagni e la sua con atto audacissimo. Stavasi il poveretto, 
per le molte ferite, giacente sotto un largo riparo dov'era 
radunata molta polvere da cannone, e per non lasciarla a 
profltto del nemico eontro i cristiani, rotolandosi, come pote, 
per il suolo, afferro una miccia accesa e se ne stette ad 
aspettare, quando, entrativi i turchi, die fuoco alia pol- 
- vere travolgendo nel terribile scoppio con se molti di quei 
barbari. 

Intanto,per Poscurita della notte, D. Cristoforo con quat- 
tordici compagni, tutti qual piu qua! rneno feriti, poterono 
sfuggire alle mili/ie del Gragne, che si erano date ad inse- 
guire i resti delle schiere portoghesi. Sull'albeggiare, si 
allontanarono dalla via battuta e si ridussero in una valle 
folta di alberi, ed ivi si trattennero accanto ad una piccola 
fontana per medicarsi e riposare alquanto. Fecero smon- 
tare D. Cristoforo e lavategli le ferite, non avendo di che 
medicarle, pensarono, secondo 1'uso di quei tempi, di ado- 
perare il grasso della mula che 1'aveva portato. E cosl, uc- 
cisala, unsero con 1'adipe le ferite di lui e le proprie, fascian- 
<lole alia meglio. 

Tenevansi cola al sicuro, quando piombarono loro so- 
pra d'improvvigo dodici turchi e venti arabi acavallo,oon 
incondite grida di giubilo, e circondatili d'ogni banda, non 
diedero loro neanche il tempo di rendersi conto di quei che 
succedeva. Un solo dei portoghesi, che era poco feilto, ebbe 
modo di scampare dandosi alia fuga ; tutti gli altri forono 
presi e legati. 

Grande fu la gioia di quei barbari quando riconobbero 
D. Cristoforo dalle arrai che portava. Finalmente il terribile 
capitano era caduto vivo nelle loro mani! 



BVOLUZIONE 

STABILITY DELLE SPECIE? 



I. 

II raondo della vita moltitudine e varieU negli esseri organizzati 
concetto di specie il grande problema la risposta delle leggi 
della natura i testimoni del fatto la sentenza dell'economia 
della natura nel governo dei viventi. 

Non ha la natura spettacolo piii attraente e sublime del inondo 
della vita. Schiere senza numero di esseri dalle fattezze nettamente 
definite s'agitano ciascuno sotto le vesti d'un involucre corporeo, 
architettato di parti plastiche, che armonizzano col tatto, cui 
esse concorrono a formare, e da coi dipendono per necessity di 
esistenza. Essi soli i privilegiati, che dispongono di movimenti 
autonomi e reagiscono alle forze esterne con carattere di spiccata 
finalita; essi, che assimilano sostanze eterogenee, riparano Tor- 
ganismo alterato, e danno origine ad altri individui foggiati 
sulla propria impronta. Sono queste le prerogative dei viventi,, 
che popolano ogni lembo della terra, dal profondo degli oceani,. 
ove strisciano inghiottendo fango le oloturie, sino alle vette 
eternamente nevose delle montagne, dove festosa saltella ai raggi 
del sole la pulce dei ghiacciai. 

La natura voile ostentare lo sfarzo nell'attizzare la fiaccola 
della vita sotto le piu svariate sembianze, e nel disseminarla a 
profusione sul nostro globo, quasi intendesse emulare con lo splen* 
dore di tante fiammelle viventi il fulgore degli astri. II presidente 
della sezione zoologica deU'Associazione britannica, il signor 
A. E. Shipley, dichiarava nel 1909 che soltanto nella classe degli 
insetti, i naturalist! hanno gia descritto 436.000 forme different! 
le une dalle altre. Ora, se si pensa che la massima parte delle re- 
gioni tropicali, chiamate a buon diritto il paradiso degli esapodi, 
rimane affatto ignorata dagli entomologi, e che anche nelle con- 
trade meglio esplorate, le famiglie mono vistose di questi esseri 
sfuggirono in parte alle ricerche, si dovr^, con venire con Alfredo 
Biiissel Wallace, che il numero delle forme degli inSetti potrebbe 
venire quadruplicato. Pertanto non si deve tacciare di esagerazione 



EVOLT7ZIONE STABILITA BELLA SPECIE? 137 

1'insigne entomologo Bowdler Sharps, che calcola a piu di due 
milioni le specie degli insetti presentemente viventi sulla terra. Se 
poi a questi s'aggiungono le bizzarre forme degli animali marini, 
che formicolano negli oceani senza sponde, le peregrine fogge 
degli uccelli, delle piante e di tutto il mondo microscopico, si 
avranno alcuni tratti espressivi del quadro, che rappresenta la 
grandiosa manifestazione delta vita. 

In seno a tanta moltitudine e diversita di esseri riesce agevole 
rawisare dei gruppi d'individui, che raccolgono in se il maggior 
grado di somiglianza nei caratteri morfologici, anatomici, e fisio- 
logici e nelle abitudini della vita, come membri d'una famiglia, 
vincolati dal legame di una comune discendenza. La somma e il 
complesso di questi individui tendono ad attuare un esemplare, 
un prototipo, che noi chiamiamo specie, e di cui ciascuno esprime 
in se stesso piii o meno distinti i caratteri costitutivi. La 
specie non e dunque un mero trovato subbiettivo deH'intelli- 
genza umana, ma una concezione imposta dalla realta obbiet- 
tiva dei caratteri coniuni, che si manifestano nei singoli indi- 
vidui. Molto assonnatamente il dott. Giuseppe Colosi conchiude 
un suo esame critico di alcuni casi di mutazione sperimentale 
con queste parole : Eimane fermo che ogni specie presenta in 
tutti i suoi rappresentanti dei caratteri fissi, immanenti finch 
la specie esiste come tale, caratteri che vengono salv r aguardati 
da quella proprinta intrinseca che Giglio-Tos ha chiamato auto- 
soteria, mentre i caratteri offerti dalle cosi dette piccole -specie 

dalle pretese mutazioni sono del tutto contingent! l . 

Accanto alia comunanza dei caratteri specific! si svolgono le 
variazioni individual!, che spesso partecipate da numerosi sog- 
getti danno origine alle diverse varieta nell'ambito della stessa 
specie. E qui s'affaccia la tanto dibattuta questione, se le varia- 
zioni individuali si rafforzino gradatamente a traverso le gene- 
razioni, e progredibcano nella lunga serie dei secoli, deviando dalla 
forma prototipa sino ad alterare i caratteri specifici, varcandone 

1 confini, e trasformandosi in quelli d'una nuova specie. In altri 
termini si tratta d'indagare se nell'albero genealogico degli 
individui d'una stessa specie si trovino a capostipiti ancora es- 
seri simili ai discendenti attuali, talche si possa asseverare che 

1 Monitore zoologico italicvno - Firenze, 1919, n. 10, pagg. 179-180, 



138 EVOLUZtONE STABILITY. BELLA SPECIE t 

tufcti gli antenati, ad esempio, del gatto furono sempre gatti, 
quelli della bertuccia non altro che bertucce, e cosi quelli del cam- 
mello, dell'aquila, del gambero, doll'olmo, del salice e di qual- 
siasi altra forma vivente. II problema di sua natura ridesta tutta 
1'attenzione dell'uomo, cui punge 1'onesta curiosita di accertarsi 
se i suoi progenitor! si rassomigliavano a lui, ovvero ne erano di 
molto difformi. 

La soluzione dell'importante probkma riinane pertanto affi- 
data per sua indole all'mdagine delle scienze naturali, ed essa si 
riduce ad accertare un f atto verificatosi in natura nei tempi da 
noi remoti. Le prove dimostrative dovranno quindi desumersi 
dall'osservazione dei dati positivi, offerti dalla natura, e dalla 
genuina e spontanea interpretazione loro, escludendo come anti- 
scientifiea ogni spiegazione arbitraria o violenta. Per questo noi 
prescinderemo qui da tutti i sistemi filosofici, e da qualsivoglia 
prevenzione o idea personale, che potesse offuscare la serenita 
della discussione. Con questi criteri, che segnano la via scientific^ 
per la soluzione del problema, ci sforzeremo di far parlare la 
natura per istrapparle la voce della verita. 



* 
* * 



Le ricerche scientiftche nello studio dei fenomeni naturali 
riposano tutte sopra il postulate fondamentale della costanza 
delle leggi della natura, come altamente proclamano gli scien- 
ziati nei preliminari di tutti i loro trattati. Bastera ascoltarne 
uno, il Tyndall, che eosi si esprime : Gli scienziati provano col 
presente i fenomeni naturali del passato, di guisa tale che la loro 
unica guida e 1'uniformita della natura 1 . Con questa normn- 
tl geologo, che nelld sue escursioni s'imbatte in un ammasso di 
ciottoli a spigoli arrotondati e fra di loro cementati, non esita 
a rawisarvi una roccia tipica, il conglomerato, di cui assicura 
con tutta verita che quei frammenti petrosi vennero ridotti a 
quella forma nei tempi andati rotolandosi lungamente per le 
correnti dei fiumi o pel moto ondoso del mare. Egli non erra nella 
sua asserzione, perche applica al passato un procedimento, usato 
tuttodi dalla natura, e di cui fu spettatore egli stesso dalle rive 

1 Vdi GATNOE, The new materialism, pag. 102. 



EVOLUZIONE O STABILITA BELLA SPECIE? 139 

del torrent! e dt,i fiumi o dalla sponda marina. Cosi distingue 
un'antica formazione petrosa corallina dal presente sistema di 
costruzione seguito dalle colonie dei polipi nella fabbrica dei 
loro esoscheletri. Altra volta egli, percorrendo una valle, dal- 
1'esame delle pareti e dei depositi morenici, sempre sotto la 
seorta del medesimo criterio, riconoscera 1'antica presenza d'un 
ghiacciaio. che vi laseid le sue impronte. Ma e superfluo mol- 
tiplicare gli esempi, quando 1'esistenza stessa di tutti gli esseri 
viventi suppone, come base fondainentale, questa uniformita di 
operare della natura. 

Osserviamo pertanto come si comporti la natura nel pro- 
pagare la vita, ed in qual guisa la partecipi a tanti milioni d'in- 
dividui diversi. Qui 1'esperienza e alia mano di tutti, ed il fatto 
ci testifica con evidenza che tutti gl'individui delle singole specie 
animali e vegetal! discendono da genitori al tutto siniili nei ca- 
ratteri specifici. E quanto accade nel presente, sappiamo essersi 
rinnovato nei tempi storici, senza che 1'uomo abbia mai potuto 
assistere alia formazione d'una specie nuova. Da questo fatto 
positive sgorga limpida la soluzione del nostro problema, che cioe 
anche nei tempi preistorici la natura abbia rnanteniito lo stesso 
procedimento a traverse i discendenti delle singole specie. Se si 
vuol concludere altramente, e forza o rinunziare al postu- 
late fondamentale delle indagini scientifiche nel canipo delle 
scienze naturali, ovvero addurre un fatto altrettanto certo quanto 
1'osservazione sperimentale, che ci dimostri avere la natura nel 
tempo preistorico mutato la legge presente della propagazione detle 
specie. II primo preclude la via ad ogni cognizione sciontifica, 
il secondo in realta non esiste. 

Anche tra gli scienziati. cui arride la soluzione del problema 
nel se-nso trasformista, quelli, che valutano spassionatamente 
la portata degli argomenti positivi, confermano 1'assenza d'una 
qualsiasi prova convincente a favore del cambiato procedere della 
natura nelle epoche antiche. II prof. Yves Delage, dell'Universita 
di Parigi, si esprime in quest! termini : Sfc si resta sul terreno 
jsclusivo dei falti, si e costretti a riconoscere che la formazione 
delle specie le une dalle altre non e punto dimostrata... non si ri- 
contra nulla nei fatti, che valga a forzare la convinzione di co- 
loro, che rifiutano ogni altra prova, tranne quelle desunte dall'os- 



140 EVOLUZIONE STABELITl DELIA SPECIE? 

servazione 1 . La scelta adunqne tra 1'evoluzione, e la stability 
delle specie non rimane piu arbitraria per chi intenda rintracciare 
la verit^, seoondo i canoni della scienza positiva. 



* 



Ma se la natura non off re alcun fatto probative a favore della 
trasformazione delle forme prototipe dei viventi, essa invece ha 
custodito, sottraendoli aile forze distruggitrici, non pochi monu- 
ment! dei prinii tempi della comparsa della vita sulla terra, che ri- 
mangono testimoni autentici della stability delle specie. Sono fos- 
sili appartenuti ad organismi, che vissero in sul mattino delPera 
paleozoica *, la piu antica, che conservi gli avanzi dell** vita, e che 
ci mostrano i loro attnali discendenti sotto le medesime vetnste 
sembianze, a dispetto di tutte le vicissitndini dei secoli trascorsi. 
Lungo la costa americana, nella zona agitata delle maree a fondo 
sabbioso, si muove a guisa d'un verme, di cui Simula I'aspetto, la 
Li'ngula pyramidata, curiosa bestiola della famiglia dei brachio- 
podi. Prowista di conchiglia a due valve di tinta cornea, porta 
un penducolo nove volte piu lungo del oorpo, e reca sull'orlo del 
mantello (ripiegatura della pelle) una serie di setole, che s'adagiano 

1 YVES DM.AGE. IShtrtditt et lea grands problemes de la biologie ge- 
ntrale, Paris, 1903, pag. 322. 

2 I geologi nella storia della terra hanno gtabilito una successione 
di cinque division! di strati, corrispondenti ad ere, suddistinte eiascuna 
in varii periodi. Cominciando dalla piu antica, esse si succedono cosl : 

l a Era : Arcaica o azoica Periodi 

Cambriano 



2* Era: Primaria o paleozoica 



Siluriano 
Devonian o 
Carbonifero 
Permiano 

Trias 

Giurese 

Cretaceo 

I Eocene 
Miocene 
Pliocene 



3 a Era : Secondaria o mesozoica. 



6* Era: Quaternaria o neozoioa 



Glaciale 

Post-glaciale 

Attuale 



EVOLUZIONE O STABILITl DELLA SPECIE? 141 

le une sulle altre per impedire 1'entrata della sabbia nelle branchie. 
Seava gallorie nell 'arena, entro cui volentieri soggiorna, e predi- 
lige gli ambient! tiepidi. 

I suoi antenati, come la Lingula Lewisi, dalle identiche fattezze 
giacciono sepolti sin dal secondo periodo dell'era paleozoica, il si- 
luriano, e i discendenti non mutarono mai gli aviti lineament! 
a traverse tutte le numerose generazioni, che la tramandarono sino 
ai tempi odierni. 11 Delage, trasformista, parlando della lingula, 
scrive : La persistenza senza interruzione di questa forma dai 
prim! tempi dell'era paleozoica e uno dei piu luminosi esempi della 
possibility d'una vita senza evoluzione modificatrice in seno alia 
variabilita delle condizioni d'ambiente x . Accanto alia lingula 
altri brachiopodi del genere Crania, sopravvivono rappresentati 
da quattro specie nei mari settentrionali d'Europa e nella baia di 
Vigo nella Spagna. I fossili dei loro antenati sono il ritratto fedele 
delle forme odierne, e vantano il primato di antichita su quelli della 
lingula, avendo la loro tomba negli strati piii prof ondi del siluriano. 
Piu o meno coetanei ai fossili della lingula si riscontrano quelli 
di due altri generi di brachiopodi ancora superstiti, le rinconelle 
(Ehynconella) e le discine (Discina). i cui moderni nepoti, frequent! 
nelle acque della Scandinavia, non hanno punto perduta la tra- 
dizionale flsionomia degli avi. 

Ma tra gli animali viventi chi vanta progenitor! immutati nel- 
1'eta piu remota sono a buon diritto le Pleurotomarie, gasteropodi 
i cui fossili risalgono all'aurora della vita sulla terra, comparendo 
negli strati della fauna a Olenellus del periodo cambriano, oltre 
il quale non si rinviene traccia sicura della vita 2 . Sempre tra i 
fossili piti antichi troviamo ancora le spoglie del Pollicipes signatus 
tuttora vivente, artropodo dell'ordine dei cirripedi, del siluriano 
di Gothland, la Nucula, mollusco dei lamellibranchi, sepolta an- 
oh'essa nel siluriano, come pure nello stesso periodo il Palaeopho- 
nus nuncius architettato sullo stampo dei nostri scorpion!. Al- 
trettanto dicasi del genere Limulus, che fa parte dei merostomi, 
e s'awicina agli aracnidi, e del Nautilus, mollusco cefalopode dalla 
vasta conchiglia concanierata, che solca velocemente le acque del 
mare Indiano e dell'oceano Pacifico, nuotando a ritroso per rim- 

1 DELAGE, TraiU de zoologie concrete, Vermidiens, 1897, pag. 324. 
Vedi HAUG, Traitt de geologic (1908-1911), pag. 590. Cf. inoltre 
CU^NOT, La g&ndse des espdces animates, 1911, pag 427. 



142 EVOLUZIONE O STABILITl BELLA SPECIE? 

balzo della spinta dell'acqua lanciata fuori dalla cavita respira- 
toria lungo 1'imbiito. 1 fossili di questi due ultimi animali adornano 
i terreni del periodo triassico, con cui s'inizia 1'era mesozoica. 

Nella cronologia geologica si annovera tra i contemporanei 
del nautilo il Ceratod-us Forsteri (Krefft.), vertebrate del gruppo 
del dipnoi, che costituiscono le forme piu altamente organizzate 
di tutta la classe dei pesci. I discendenti del Ceratodus abitano 
i fiumi dell' Australia, e misurano talvolta un metro e mezzo di 
lunghezza; essi sono la delizia dei coloni e degli indigeni per le 
le loro carni prelibate, rosee al pari di quelle del salmone. Se per 
ipotesi si fosse fotografato un ceratodo all'epoca mesozoica, la stessa 
lastra fotografica potrebbe ancora oggidi servire a stampare 1'im- 
magine degli individui, che guizzano nei fiumi australiani. Anche 
lo Sphenodon (Hatteria) punctoiius Gray, tozzo rettile rincocefalo 
della !N"uova Zelanda, sarebbe ancora riconosciuto quale rampollo 
' non degenerc dai suoi antenati, che lasciarono i loro scheletri nel 
penniano di Sassonia, alia fine dell'era paleozoica. 

Per brevita omettianio 1'accenno ad altri fossili dello stesso 
valore dimostrativo ; ricordando da ultimo che i protozoi si man- 
tennero immutati dall'inizio della loro esistenza, e che delle alghe 
diatomee fossilizzate non si scoperse ancora nessuna specie diversa 
dalle presenti. Tsotiamo altresi che nel riferire queste forme fos- 
sili ci siaino ristretti a bello studio alia scelta esclusiva di quelle 
che rimontano ai piu remoti periodi della storia geologica ; poiche 
si sa che tutti gli avanzi di organismi dell'ultimo periodo geolo- 
gico non discordano dai presenti. Si ricordi infine che il pri- 
vilegio di tramandare le proprie spoglie mediante il processo 
della fossilizzazione non venne accordato dalla natura che ad un 
numero di specie relativamente assai ristretto. Del periodo cam- 
briano infatti non possediamo alcun fossile della fauna terrestre, 
quantunque sia accortata Tesistenza di continent] cambriani con. 
le rispettive manifestazioni della vita. 

Da\ 7 anti a questi monumenti delTimmutabilita delle specie, 
qualsiasi interpretazione non ammette piu discussione, e la so- 
luzione del nostro problema riceve una solenne conferma, che non 
lascia piu campo ad esitazione alcuna. Qui la natura parla col lin- 
guaggio piu eloquente, quello dei fatti, e protesta con evidenza 
che essa, durante il corso di tutti i secoli, si attenne nel propa- 
gare grindividui delle singole specie alle stesse modalita, che ap- 



EVOLTJZIONE O STABILITl BELLA SPECIE? 143 

plica tuttora sotto il riscontro del nostri sguardi. Ne si pu6 pensare 
cho questi fossili siano un'eccezione della natura a favore di di- 
versi gruppi privilegiati di esseri viventi. Soltanto allora si do- 
vrebbero riguardare questi esempi come eccezioni, quando la 
natura dimostrasse, con egualc ricchezza di document! positivi, la 
iegge contraria: altrimenti si cude nel controsenso di flngere 1'ec- 
cezione, senza avere prima assicurata la regola. Ora, come gia so- 
pra abbiamo detto, la natura non ci somministra neppure un solo 
fatto a prova della derivazione delle specie le une dalle altre nel 
senso del trasformismo. Quindi i document! paleontologici, con 
tutto il rigore scientiftco, ci costringono ad ammettere come voce 
uscita dalla natura e verita comprovata dall'esperienza la stabilita 
delle specie. ISTessun'altra teoria diversa potra mai sfuggire alia 
smentita da parte di questi testimoni incorruttibili della natura, 
stati presenti alia realta dei fatti. 



Eiesce molto istruttivo, per illuminare la soluzione del nostro 
problema, un rapido sguardo all'economia della natura, previ- 
dente ed ingegnosa, nell'assicurare 1'esistenza e la propagazione 
degli individui delle singole specie. II solo governo degli animali 
ci trasporta col pensiero ad una folia senza numero, che, non 
mai sazia, con ininterrotta insistenza, di giorno e di notte, e per 
un tempo indefinite, domanda il necessario alimento per sosten- 
tare la vita. Per il rifornimento dei viveri a tanto bisogno non 
si deve contare che sullo sfruttamento dello strato esterno della 
crosta terrestre, le cui risorse, per quanto vistose, sono tuttavia 
ristrette di fronte alle continue richieste. Occorre altresi prov- 
vedere all'abitazione, alle difese contro gli avversarii, alJ'alle- 
vamento della prole, all'igiene degli ambienti, ossia del suolo, 
delTacqua e dell'aria, ed a tutte le esigenze molteplici della vita. 
A questo intento la natura ha inserito neU'intimo di ciascun ani- 
male un impulse sensitive, che lo induce ad atti specificati, la cui 
finalita intesa dalla natura rimane da lui ignorata. Quest' im- 
pulso, a cui Tindividuo non si ribella, suolsi chiamare istinto ; 
esso ne tutela 1'esistenza ed il benessere individuale e sociale. 
Enrico Wasmann cosi lo illustra a brevi tocchi : 

E istinto quello della larva maschile del lucano (cervo vo- 



144 EVOLUZIONB O STABILITl BELLA SPECIE? 

lante), che prima della sua perimorfosi, si ammannisce un boz- 
zolo molto- piu grande della crisalide, tenendo conto delle lunghe 
coma future dell'insetto, che si svolgeranno dalla larva. Questa 
non ha raai visto un lucano perfetto, e tanto meno pu6 indovi- 
nare per riflessione propria, di essere destinata ad un lucano ma- 
schio con poderose corna. fi pure istinto quello, che guida la 
femmina del bruco accartocciatore (il sigaraio) nel trinciare e 
avvolgere a mo' d'imbuto le foglie di betulla, in cui depone poi 
le sue uova, sciogliendo un problema ingegnosissimo tecnico- 
matematico, entrato nella scienza umana solo con Huyghens nel 
1673. II piccolo insetto non puo conoscere il problema ne per espe- 
rienza ne per riflessione, anzi non pu6 neanche sapere che egli 
ora deporra delle uova, dalle quali s'hanno a svolgere altri pic- 
coli accartocciatori. fi istinto quello dell'uccello giovino, ignaro 
di qualunque nido della sua specie, che combina alcuni steli ed 
erbuccie o simili per un tiepido nido, in cui covera i futuri pic- 
cini. Keppur 1'uccello pu6 mai sapert, avanti la prima incuba- 
zione, per esperienza e riflessione propria, che esso deporra uova, 
le quali dovranno essere covate per fornire una nuova genera- 
zione della sua specie. Istinto pure quello del cane, che sofferendo 
di tenia, mangia la canapaccia (Artemisia vulgaris) senz'aver 
mai awicinato prima quella pianta ; poiche dovrebbe appunto 
aver studiato medicina per appigliarsi, di notizia propria, ad 
una cura cosl efficace. Istinto finalmente e ancora quelio del 
bambino lattante, che esprime vagendo la sensazione della fame, 
e cerca il seno materno ; poiche e impossibile ch'egliabbiacono- 
sciuto prima per esperienza o riflessione personale, la finalita del 
suo vagito e del tentative di succhiare l . 

Meravigliose e svariatissime si riscontrano le modalita del- 
1'istinto nella scelta degli alimenti fatta dagli individui delle 
diverse specie; altri seguono il regime vegetariano, altri il car- 
nivoro, alcuni piu fortunati divorano tutto, non pochi invece, 
oatinatamente esclusivisti, si lasciano morire di fame anziche 
gustare qualsiasi altro cibo, che non sia quell 'unico imposto dalla 
natora. L'ingorda larva del fllugello, o baco da seta, disdegna 
ogni boccone dalla foglia di gelso infuori, senza della quale, an 
corohe circondato dall'abbondanza dei fogliami piu prelibati, 

1 ENRICO WASMANN. Istinto e intelUgenza nel regno animate. Ver- 
sione italiana su la terza edizione tedesca. Fironzo, 1908, pagg. 34-35. 



EVOLUZIONE O STABILITl DELLE SPECIE? 145 

perisce d'inedia. La sfinge dell'euforbia non ammette alia sua 
mensa che il tittimallo ; la calandra i chicchi di frumento, il bra- 
chycerus algirus i bulbilli d'aglio, le ammoflle e le eumeni sol- 
tanto le larve delle farfalle crepuscolari, i pompili non appeti- 
scono che i ragni, ed il Philanthus le api. La larva della testa 
da morto non inghiotte che foglie di patata e di poche altre so- 
lanacee ; e tra i divoratori di cortecce e di legni d'albero si no- 
tano tre specie affini di saperde, tra le quali la saperda Charcarias, 
a cui non garba che il pioppo nero, la saperda punteggiata, che 
pretende 1'olmo, e la saperda scalare il ciliegio morto. Ogni specie 
ha i suoi gusti strettamente limitati, senza" relazione alcuna con 
quelli di famiglie loro congeneri, e con assoluta indipendenza di 
stomaco. 

In tal guisa la natnra utilizza senza sperpero le riserve alimen- 
tari, e ne trae il massimo rendimento, disponendo che quanto 
1'una specie rifluta, 1'altra ricerchi con bramosia, e quel mate- 
riale, che gia forni il sostentamento a traverse 1'intestino d'un 
individuo, e'cosi depauperate venne espulso, ritorni nel ventricolo 
d'un altro e ne ristori le forze, come accade per lo scarabeo. Gli 
stessi cadaveri, che infesterebbero 1'ambiente, divengono il pastb 
preferito d'una folia d'animali beccamorti, che presiedono all'i- 
gieae universale. I. Henri Fabre fa notare a questo rigaardo che 
fa natura ha istituito, a favore delle campagne, due categorie 
di risanatori infaticabili, che non ripudiano lordura alcuna. 
Gli uni, come le mosche, i silfi, i dermesti, i necrofagi e gl'iste- 
ridi, s' incaricano della dissezione dei cadaveri. Essi tagliuz- 
zano, e frammentano e distillano gli avanzi della morte per resti- 
tuirli alia vita. Una talpa sventrata dai ferri del lavoro imbratta 
il sentiero coi visceri omai violacei; un ramarro giace sull'erba stri- 
tolato dal piede d'un viandante,' che stoltamente credeva far opera 
saggia; un uccellino ancor impenne caduto dal nido s'e sfracel- 
lato miserevolmente ai piedi dell'albero, che lo reggeva ; mille 
e mille altri di siffatti avanzi d'ogni provenienza stanno dissemi- 
nati qua o la a minacciare coi loro miasmi, se nessuno vi pone 
riparo. Ma non temete ; appena notato:|un cadavere in qual- 
ohe angolo, ecco i piccoli beccamorti accorrere a schiere. Lo 
lavorano, lo vuotano, lo consumano sino all'osso, o atmeno lo ri^ 
-ducono all'aridit^ d'una mummia. In meno di ventiquattro ore, 

4 Uiviltd Cattoiiea, 1920, vol. 3, ,quad. 1682. 10 -9 luglio 19K. 



146 EVOLUZIONE O STABILITl DELLE SPECIE 1 ? 

la talpa, il ramarro, I'uceellino sono scomparsi con plena soddi- 
sfazione dell'igiene *. 

La prudenza esige che non si permetta il soggiorno delle 
immondezze sui suolo... La scienza ci afferma che i piii terribili 
flagelli deH'umanita hanno per loro agenti degli infinii organism!, 
i microbi, affini alle muffe, cho rasentano 1 confmi del regno ve- 
getale. Miliardi e miliardi di questi formidabili germi pullulano 
nolle deiezioni durante il corso d'un'epidemia ; essi contaminano 
1'aria e 1'acqua, primi alimenti della vita, e si spandono sulla 
biancheria, sui vestiti nostri e sui viveri propagando il contagio.... 
Orbene i piu important! nostri dit'ensori contro il pericolo delle 
immondizie nelle nostre regioni sono appunto i geotrupi... Questi 
Bono degli appassionati becchini. che nascondono sotterra molto 
di piti di quanto occorra per il proprio consumo. E poiche 
questo lavoro si compie con diversa misura da legioni di colla- 
boratori grandi e piccoli, si comprende come 1'epurazione del 
suolo se ne risenta in larga copia, e 1'igiene generale abbia di che 
rallegrarsi coll'avere a suo servizio questo esereito di aiutanti. 

Le piante altresi, e per riflesso una moltitudine di esistenze, 
rimangono cointeressate a motivo di questi seppellimenti. Quanto 
il geotrupo interra ed il dl seguente abbandona, non va punto 
perduto. Nulla si spreca nel bilancio del mondo, e la somma to- 
tale dell'inventario resta costantemente la stessa. 11 mucchietto 
d'immondizia, sotterrato dall'insetto, fara rigogliosamente ver- 
deggiare il vicino ciuffo di gramigna ; vi passa il montone e rade 
il mazzetto d'erba, e questo e tanto di guadagnato per il co- 
sciotto, che 1'uomo aspetta. L'industria dello stercorario ci avriit 
procurato un saporito boccone da forchetta 2 . 



Ancora piu squisiti e mirabili si rivelano gl'istinti concer- 
nenti la propagazione della specie e 1'allevamento della prole. 
II rospo ostetrico (Alytes obstetricam Laur.), abitatore di ridotti 
ombrosi e buche cavernose, raccoglie con premura i cordoni delle 
uova, mentre vengono deposte dalla madre, e con delicati movi- 
menti delle zampe posteriori le trasporta dalle calcagna alia 

1 I.-H. FABRE, Souvenirs entomologiques. Ginquidme strie, pa- 
gine 170-171. 

* Ibid., pagg. 172-176. 



EVOLUZIONE O STABILITl DELLE SPECIE? 147 

regione sacrale, dove ben ordinate le trattiene ravvolte da so- 
stanza glutinosa. Con questo fardello al dorso, il batrace s'aggira 
per qualche settimana attendendo alle faccende consuete, avendo 
cura d'inumidirle di tratto in tratto nell'erba bagnata dalla ru- 
giada. I)opo circa 17 giorni, ecco che i girini s'agitano gia nelle 
nova e sono pronti a sgusciare. Allora il tenero padre, avvertito 
dal movimento dei neonati, scende neiracqnia, dove i figli fretto- 
losi sbucano dal guscio per c6mpiere il ciclo della metarnorfosi, 
e rendersi simili al genitore. E questi, dopo d'averli colJocati nel- 
1'ambiente, che loro assicura 1'esistenza, li abbandona senza 
forse mai piu vederli, e ritorna alia vita solitaria. 

II cercerido tubercolato circonda 1'uovo da lui deposto nella 
cella d'una conveniente razione di came fresca per la larva na- 
scitura, che non apre bocca se non per divorarsi uno speciale 
curculionide di grande statura, il cleono oftalmico. L'imenot- 
tero per accontentare il gusto della futura prole afferra colle 
mandibole la testa del robnsto curculionide, e col pungiglione 
a colpo sicuro gli offende i centri rnotori, cioe i gangli toracici 
in guisa da paralizzarlo nei rnovimenti, conservandogli una vita 
innocua per la sua larva. Questa dopo qualche settimana uscendo 
dalFuovo si trovera attorniata da parecchi cleoni, che piu feroci 
di lei si lascieranno pero spolpare, ridotti dalla preveggenza del 
valente chirurgo all'impossibilita di reagire. Con analoga ma- 
no vra, ma di piu difficile esecuzione, rammofila immobilizza 
i tarchiati bruchi delle farfalle notturne, dal corpo dieci volte 
piu voluminoso del suo. e sul petto di ciascuno disteso nella sua 
tana adagia un uovo, da cui uscira il proprio rampollo, che si fara 
adulto a spese della vittima. 

E omai inutile moltiplicare gli esempi, quando tutta la storia 
dei costumi degli animali s'impernia nell'intreccio dei piti mera- 
vigliosi e svariati istinti, con cui la natura guida le loro azioni 
a raggiungere il benessere degli individui e dell'intera societa dei 
viventi. Ma questo scopo di suprema importanza sarebbe de- 
stinato a fallire, qualora ogni individuo non fosse fornito d'una 
corrispondente e adatta organizzaaione per mandare ad ef- 
fetto le operazioni, che gli vengono^hnposte con tanta efficacia 
dall'impulso istintivo. 11 vasto studio delPanatomia ci rivela 
appunto a chiare note le armoniche conformazioni degli organi 
alle rispettive t'unzioni, al cui esercizio vennero foggiati dalla 



148 EVOLUZIONB O STABILITl DELLE SPECIE? 

natura. Se si prescinde dai casi patologici e teratologici, che 
non toccano la regola generate, non e possibile trovare anche 
un solo organismo, che non disponga di organi mirabilmente 
perfefcti e consoni all'ambiente in cui vive, al regime ed alle 
proprie abitudini. Soltanto 1' ignoranza potra accusare la na- 
tura di non aver raggiunto la massima perfezione nell'architet- 
tura sapiente degli organismi di tutte le specie in conformity 
coi loro istintl. 

L'osservazione ed un ricco corredo di prove sperimentali della 
scienza moderna hanno dimostrato che gli atti istintivi dei vi- 
venti si connettono in gran parte a riflessi fisiologici, deterniinati 
solo da meccanismi nervosi innati, incapaci di mutamento al- 
cuno. Molti istinti si possiedono in'grado perfetto all'istante della 
nascita, altri si possono perfezionare secondo date direzioni 
fisse coll'esercizio e coll'esperienza, ma non mai sradicare o 
trasformare, poiche 1'istinto porta di natura sua all'utile ed al di- 
lettevole dell'individuo ed alia sua conservazione. Per altro Fi- 
stinto non cade sotto la scelta dell'animale, che ne ignora la 
finalita, e non e capace di altra conoscenza oltre quella che si 
riferisce alia cerchia di quest 'impulse innato. Fate che Fam- 
biente non somministri al filugello la foglia di gelso. ed il me- 
schino, anche tra le piii abbondanti provvigioni di altri alimenti, 
morra di fame, poiche' tutti gli sono ignoti. Mutate al rospo oste- 
trico il pietoso istinto di addossarsi le uova e di trasportarle a 
tempo opportune nell'acqua, e la sua posterity Sara tosto estinta; 
poich& la madre, che pur le ha deposte dal suo interno, dopo 
quest'atto non le riconosce, e piu non se ne cura. Guai all'igiene 
universale, se gl'incaricati di questa cambiassero istinto. 

Supporre quindi che gl'istinti possano variare e un av- 
venturare I'esisteuza degli individui, dello specie, e la loro pro- 
pagazione, rompere il concerto dell'economia della natura, che 
ha calcolato il vettovagliamento sopra queste tendenze innate, 
6 un infettare 1'ambiente e rendere impossibile la vita. Che se 
Fistinto non muta, non muteranno neppure la struttura degli 
organi e Farcliitettura delle forme, che sono come gli strumenti 
per attuare le azioni istintive, nepotranno trasformarsi, altrimenti 
saranno impedite le funzioni e la vita degli individui. Se le potent! 
mandibole ed il pungiglione del cerceride tubercolato avessero un 
giorno a mutar forma, essi non rispondertbbero piu alia difficile 



149 

operazione chirwgica, che con raffinata maestria esercita per alle- 
stire la mensa alia prole nascitura, ed in tal caso e madre e uova 
andrebbero distrutti, A maggior ragione dovrebbe temere per se 
e per la propria discendenza I'ammofila, quell'anatomico d'inarri- 
vabile destrezza, qualora il prodigioso suo istinto e gli organ! 
con cui lo mette in pratica, subissero anche una leggera modifi- 
cazione, o 1'organismo della sua vittima spostasse la posizione del 
gangli nervosi. Onde il Fabre, che profondamente ne studi61a 
biologia, cosi conchiude : 

Se quest 'imenottero si mostra maestro in questa sua arte, 
gli e ch'esso e fatto per esercitarla ; e perche esso e dotato non 
solo degli utensili,ma altresi della maniera di servirsene. E que- 
sto dono 1'ebbe tramandato dal suo primo progenitore e 1'ebbe 
perfetto sin dall 'origine; il passato nulla vi ha aggiunto e 1'av- 
venire niente gli aggiungera. Tale era, tale e e tale sara sempre. 
Se voi non vi vedete che un'abitudine acquisita, che 1'eredita tra- 
smette migliorandola, spiegateci, di grazia, come mai#uomo, 
che rappresenta il piu alto grado d'evoluzione del vostro plasma 
primitive, si trova privo di cotale privilegio. Un insetto da nulla 
trasmette a suo figlio le proprie abilita, e 1'uomo non lo pu6 fare. 
Che vantaggio incalcolabile per 1'umanita se fossimo meno espo- 
sti a veder succedere al padre laborioso il figlio indolente ed al- 
1'ingegnoso il cretino ! ^ 1 . 

Anche nel regno vegetale le different! strutture delle corolle 
dei fiori hanno stretta relazione con le diverse forme d'insetti, 
per modo che le singole specie di piante non possono venir util- 
mente visitate da qualsiasi insetto, ma soltanto da quelli di una 
determinata foggia, che e per esse la piu conforme. fi manifesto 
che le tinte delle corolle, la posizione degli stami, ed i profumi 
hanno ana connessione di fine con gli insetti impollinatori o pro- 
nubi, i quali non visitano che piante dai fiori di un dato colore o 
di uno speciale aroma. Molti fiori infatti dopo Pimpollinazione 
cambiano colore, ed altri emanano odori piu intensi di giorno 
o di notte secondo che le visite sono effettuate da insetti diumi 
o notturni. II caprifoglio reca una corolla foggiata a lungo tubo, 
che raccoglie il nettare, per succhiare il quale occorre una pro- 
boscide allungata, quale e quella delle sfingi^e di altre farfalle 
crepuscolari, le quali sono attratte dal fortissimo odore, che la 

1 JH. FABRE. Souvenirs entom. Deuxidme strie, pag. 55. 



150 EVOLUZIONE O STABILITA DELLE SPECIE? 

pianta svolge piii intense verso sera. Piu meravigliose ancora 
appaiono le conformazioni fiorali per assicurare 1'impollinazione 
nelle orcliidee frequentate dai ditteri, nella famiglia delk labiate, 
preferite dagli imenotteri e specialmente dalle api e dai bombi, 
e ' nelle aristolochie, visitate da minuscoli ditteri. In quosti ed 
in tanti altri casi, variare I'istinto o modiftcare la forma degli 
animali sarebbe compromettere 1'esistenza loro e delle piante 
insieme. 

Del resto molti organi di struttura complessa e finamente 
delicata come 1'occhio. al sopraggiungere d'una qualsiasi modi- 
ficazione in una loro parte essenziale, diventano tosto inservibili 
e quindi inutili e d'impaccio. Altri invece. come la placenta e 
I'amnios, organi fetali, se non si posseggono al tutto perfetta- 
mente allestiti, e nel secondo caso citato col relativo liquido 
amniotico, tornano micidiali o almeno di grave nocumento al- 
1'individuo, che li deve usare. S'aggiunga inflne la legge della 
correl&fione degli organi per cui ogni organismo forma un tutto 
complete, nel qnale le diverse parti non possono variare senza 
che tutte le altre non vadano soggette a corrispondenti modifi* 
cazioni , e chiaro apparira cho la trasformazione delle forme 
dei viventi costituisce un attentato alia loro esistenza. 

Tanto basti ad illustrare il nuovo valido argomento dedotto 
dall'osservazione per Timinutabilita delle forme archetipe con cui 
s'identificano le specie naturali. Kell'ordine storico della natura 
la trasformazione delle specie coinvolge necessariamente lo squi- 
librio e la rottura di quel mirabile concerto, che armonizza 
gl'individui delle different! specie, gli animali e le piante, senza 
del quale non sarebbe piu possibile la vita. Pertanto 1'asserzione 
dell'illustre Yves Delage : lo sono al tutto convinto che si e o 
non si e trasformista, non per ragioni tratte dalla storia naturale, 
ma a motivo delle proprie opinioni filosoflche l dice il vero in 
quanto che i fautori delle teorie trasformistiche muovono da 
puri preconcetti, non dalle prove dei fatti. 

(Oontinua)* 

P. LEANDRO GAIA S. I. 

1 DELAGE, 



IL PENSIEEO CEISTIANO DEL CINQUECENTO 

NELL'ARTE DI EAFFAELLO 



In quegli anni della plena maturita del suo talento : l Eaffaello 
ricevette dal Papa un incarico, tra tanti ond'era quasi sopraffa'tto, 
ohe doveva fruttare all'arte cristiana i piti perfetti modelli 
della composi/ione storica. Leone X, gran signore in ogni cosa, 
.s'era posto in animo di ornare nei giorni di solenni cerimonie la 
cappella Sistina di magnified arazzi, o tappeti istoriati, quali ve- 
nivano tossuti nelle Fiandre, e che importati gia in Italia vi 
avevano destata Pamrnirazione generate e Pambizione de' buon- 
gustai. Piii tardi, quell'industria fu impiantata anclie da noi, 
in Eoma particolarmente : allora pero, vokndone, eonveniva 
procurarli dal settentrione, e a gran prezzo. A Eaffaello per- 
tanto f u cominesso di preparare i cartoni, cioe i disegni in graii- 
dezza d'e-secuzione, a colori leggeri di colla. Torminati verso 
Natale del 1516, furono spediti a Bruxelles per essere traspor- 
tati in tessuto di lana, di seta e d'oro, da un artista che aveva 
nome Pietro van Aelst. Erano dieci quadri, desunti alia storia 
di S. Pietro e di S. Paolo, per ognuno del quali il pittore ricevette 
cento ducati d'oro, e Parazziere 1500, che importerebbe, oggi, 
100 000 franc hi incirca. I primi tre erano ginnti a Eoma a prin- 
cipio di luglio 1519, altri quattro in autunno, e furono appesi 
la i)rima volta nella' cappella Sistina il giorno di S. Stefano di 
quell'anno, con istupore di tutta Eoma. Era quanto di piu splen- 
dido fosse mai stato lavorato in tal genere in ogrii tempo. 

Ora cio che in quest 'opera da la misura del genio portentoso 
dell'artista, si e 1'essersi egli sostenuto a tanta, altezza senza pa- 
tire per il torribile confrouto dell'opere, che quivi stesso Pavevano 
preceduto. Le pareti della cappella, nella zona sotto le fmestre, 
contenevano le storie di Mose e di Oisto per mano dei piu valenti 
pittori toscani e umbri del quattrocento. Kella volta la crea- 
zione del rnondo e la storia dei primordi del genere umano. con 

1 Vedi quaderno del 19 giugiio 1920. 



152 IL PJENSIERO CRISTIANO DEL CJNQUECENTO 

i Prot'eti e le Sibille pronosticanti la Bedenzione, dipinti da- 
Michelangelo, rappresentavano lo sforzo titanico del genio piu ori- 
ginale di tutto il Einascimento. Tali erano i termini del con- 
fronto. W bene quivi non doveva mancare il concorso dell'Urbi- 
nate, di tanto suporiore ai quattrocentisti, per ogni conto, di 
tanto differente dal Buonarroti per indole, e che pure ne' suoi 
t'acili e felici adattamenti era cosi nobile sempre e, ovunque in- 
ter venisse, stampava I'impronta originate del genio. Pertanto, 
fn jnerito di Leone de' Medici compire per mano del suo artista 
prediletto 1'ornamento della cappella papale, coutinuando con 
le storie della Ohiesa nascente i due c-icli storici postivi gia dai 
suoi predecessor!. 

La bellezza di queste composizioni si apprezza rneglio, com'& 
facile intendere, sui modelli originali che non sui tessuti derivati 
da quelli, per quanta maestria ponessero i fiamminghi in ripren- 
dere ogni finezza delle carni, dei capelli. e d'ogni mirmzia. I car- 
toni pero, mandati a Bruxelles, non furono pur troppo restituiti ; 
alcuni anzi andarono perduti, sette soltanto se ne conservano, 
e sono oggi uno dei piu preziosi ornamenti del Kensington Mu- 
seum di Londra. Non e alcuno che prenda qaalclie diletto nelle 
cose dell'arte, il quale non ricordi la Pesca miracolosa, quel deli- 
zioso idillio evangelico, illuminato da un lampo di maesta divina. 
II racconto diS.Luca (c. 5}mainouerastato tradotto in linguag- 
gio piti fedele, piu semplice, e piu elegante insieme. Ecco sui lago 
dalle amene sponde le due barchette cariche di pesci, che per' 
poche dita non affondano. In quell a di Pietro e Gesii seduto a 
poppa, in atto di benedire, e il buon Pietro gli si prostra innanzi 
a mani giunte, con espressione d'indicibile umilta, e sembradire 
le parole testuali : Partiti da me o ^ignore, che sono un po- 
vero peccatore ^>. Dietro a lui il I'ratello Andrea con ]e braccia 
aperte s'inchina pieno di riconoscenza e di stupore : due bei tipi 
ruvidi, schietti, popolani, eppure capaci di alte missioni, quali 
appunto c'immaginiamo i dodici scelti da Cristo. Altrettanto di- 
cono i due nerboruti giovinotti dell'altra barca, Giacomo e Gio- 
vanni, intesi a trarre su dall'acqua con gran fatica la rete colma 
di pesci, intanto che all'estremo dello schifo un barcaiuolo si stu- 
dia con la persona e col remo di tenere in bilico quel carico in- 
solito. L'alta dignita ed il signiflcato ideale di tutta lascenas'in- 
trecciano ad un tomperato realismo : alia dolce maesta del 



NELL'ARTE DT RAFFAELLO 153 

^Maestro, serena, pacata, nell'immutabile altezza del la divinita r 
e contrapposta la bonarieta popolana del discepoli; e le stesse 
studiate mirmzie delle reti, le svariate forme dei pesci, fino 
agli uccelli acquatici e alle conchiglie dipinte dinanzi, in primo 
piano, fanno un feliee temperamento, die rieonduce il pensiero 
alia verita storica, ed e il vero tocco dell'arte. 

11 somigliante ritroviamo nella Consegna delle chiari a 8. Pic- 
trOj conimento pittorico impareggiabile del Pasoe agnos meos, 
pasce oves meas > nel cap. 21 di S. Giovanni. Anche qni la figura 
di Cristo, con le pecorelle, e a un ostremo del quadro, alquanto 
staccata dal grnppo degli undici apostoli, mirabilmeute distri- 
buiti : eppure essa e il centro di tutto. Dinanzi a qiieste compo- 
sizioni il pensiero corre spontaneamente a quolle di Masaccio 
nella chiesa del Carmine a Firenze, contemplate e gustate quin- 
dici anni innanzi dal giovane Eaffaollo, e ch'egli ora nobilitava 
di stile, illeggiadrira, canonizzava. 

Ts"on e raro, forse anzi e consueto, nei grandi artisti e non del 
pennello soltanto, ma di tutte le maniere, della parola stessa, ora- 
tori, musici, poeti, quando giungono al pieno possesso delle 
proprie facolta, repressa la giovanile esuberanza, tendere come 
per istinto alia suprema chiarezza e semplicita dei mezzi. Tale 
fc 1'impressione che fanno i magnifici cartoni per gli arazzi. 

Se non che quella semplicitfi stessa, clie ne fa dei modelli 
perfetti di pittiira storica, degli esempi inarrivati per 1'interpreta- 
zione degli Evangeli e degli Atti degli Apostoli, sembra a taluno, 
e forse non a torto, che non si conciliasse altretfcanto con 1'esi- 
genze proprie dell'arte tessile, la quale di natura sua e essen- 
zialmente decorativa, arnica percio di soggetti pomposi, di ric- 
chi costumi, tra magnifiche architetture, con scene popolate, 
piene di vita e di movimento. C'immagineremo per esempio YO- 
lentieri riprodotte in arazzi le splendide fantasie di Paolo Ve- 
ronese. Prevarrebbe allora, in confronto della storia, 1'effetto de- 
corativo. Ma Eaffaello, o sia ch'egli non riflettesse per inespe- 
rienza, o che i soggetti gli fossero irnposti senz'altro, s'attenne in 
quasi tutti i suoi cartoni alia jjredetta via della graride semplicita 
storica. fi ben vero si che, forse il suo istinto geniale gli fece 
cercare un parziale compenso nelle stupende inquadrature degli 
orli, che non sono la parte men bella degli arazzi, eseguite sotto 
la sua direzione da queH'incomparabile decoratore, che fu Gio- 



164 IL PENSEBEO CEISTIANO DEL CINQUECENTO 

vaiini da Udine. Tuttavia, alcuni degli stessi dieci disegni hanno 
la fortuna di soddisfare anche alia pretesa deeorativa summen- 
tovata. Uno di questi - ed e sott'ogni rispetto un capolavoro - 
& la Onarigione dello storpio alia porta del tempio denominata 
la porta bella qaae dicitur speciosa (Act. 3, 2). Quivi il rac- 
conto storico stesso forniva al pittore 1'elemento decorative, nelle 
suntuose colonne vitinee del tempio di Salomone, ch'egli pote 
ricopiare da quelle dell'iconostasi nella CoDfessione della basilica 
Vaticana, provenienti appunto da Gerusalemme secondo la tra- 
dizione ; mentre il miracolo avvenuto coram populo, in mezzo 
a una folia svariata, presentava moviniento, vita, intensa 
espressione d'aft'etti i pifi acconci ad una superba composizione. 

Tutto tragico movimento e pure 1'altro cartone relativo ancora 
a S. Pietro, cioe la Morte di Anania mentitore e defraudatore 
del denaro offerto a Dio. Mentre sopra un magnifico sl'ondo d'ar- 
cliitettura classica si presenta la Predicazione di R. Paolo nell'A- 
reopagoj piu magnifica ancora per 1'efficacia di passioni diverse 
eccitate negli uditori dalla penetrante parola dell'Apostolo, 
secondo la interpretazione fedelissima degli Atti (c. 17). Stupiti 
gli uni, altri diffident! o sospesi, ovvero alien! del tutto, quali 
inclinati a credere, o guadagnati appieno, come Dioriisio 1'Areo- 
pagita e una donna chiamata Dainari, che dimostrano gia in 
volto 1'adesione alia verita novellamente intesa. II racconto di 
S. Luca forniva da se argomento di cosi bella varieta. 

La cecitd del mago Elima, che cercava di distogliere Sergio 
proconsole dalla fede, fa quasi il parallelo del castigo di Anania, 
ed & anch'esso un quadro pieno di passione edi verita: d'esattezza 
storica cioe e di naturalezza, colta sul vivo. La compunzione del- 
1' infelice private aU'improvviso del lume degli occhi, la mossa 
incerta del passo, il brancolare con le mani quasi tastando 1'aria, 
tutto questo e ripreso con un realismo ineraviglioso, senza che 
per6 s'abbassi il decoro della scena, rialzata dalla dignita del pro- 
console romano sulla sedia curule, dell'apostolo Paolo che vibra 
con la ruario levata la flera sentenza, in mezzo allo stupore di 
tutti i circostanti. 

Ma oltre la solennita dei soggetti le storie dell'apostolo 
Paolo davano all'Urbinate occasione gradita di prevalersi, negli 
accessorii, della conoscenza sempre piu profonda, ch'egli era ve- 
nuto acquistando dell'antichita classica. II soggiorno stesso di 



NELL'ARTE DI RAFFABLLO 155 

Boma 1'aveva sempre piu intimamente introdotto nello spirito 
antico. Egli era stato forse il prinio, per esempio, a notare la diffe- 
renza profonda che e nell'arco di Oostantino trale sculture rozze 
sgraziate di quel tempo e qaelle che vi sono delle spoglie (del- 
1'arco) di Traiano e di Antonino Pio... eccellentissime e di porfetta 
maniera 1 . Accrebbe poi ancora quell'amore e quella conoscenza 
insieme 1'incarico avuto da Leone X di sopriutendere agli scavi 
alle antichita di Boma, tanto che si puo ben dire che antivenisse 
col suo giudizio i criterii della moderna archeologia. Che anzi 
correndo col pensiero dietro alle bellezze della Boma imporiale, 
quali argomentando dagli avanzi ricostruiva nella fervida fantasia, 
pensava addirittura che non fosse impossibile vederle restituite 
in efi'etto. Ma se quelli erano sogni, essi s'accostarono almeno alia 
realta in alcune splendide ricostruzioni ideali, come quella intro- 
dotta nel cartone del Sacrificio di Listra, uno dei piu perfetti la- 
Tori e perfettamente intonato allo spirito classico che doveva, 
ancho a titolo storico, rappresontare. Lo storpio miracolosamente 
guarito da Paolo, gittate le grucce, s'avanza pieno di fede e di giu- 
bilo : le turbe festose acclamanti. in procinto gia di sacriflcare a 
Paolo e Barnaba; i due apostoli, indegnati per la venerazione ido- 
latrica; tori, arieti, 1'ara, le colonne, le statue, formano una compo- 
sizione meravigliosa, decorativa in estremo, quale appunto ri- 
cerca lo stile dell'arazzo, con perfetta imita di pensiero, tutta 
yita, tutta movimento, e pure testualmente conforme alia nar- 
razione degli Atti degli Apostoli (c. 14, 7 ss.) ; mentre fra tanta 
solennita di azione rispunta la grazia congenita di Baffaello 
ne' due fanciulli, che accanto all'ara separano con inconscia 
serenita lo sdegno degli apostoli dall'entusiasmo dei sacriflcatori. 

*** 

Oltre le Logge e gli arazzi, non si.possono passare sotto 
silenzio aloune altre composizioni storiche di Baffaello, che 
riunite alle anzidette farebbero la piu splendida e insieme la 
piu fedele illustrazione della Bibbia, cosi dell 'antico come del 
nuovo Testamento. Nessun altro artista ne del medio evo ne 
dell'eta moderna potrebbe misurarsi con lui, ne vantare tanta 
lirnpida semplicita quanta si ricerca quei soggetti angusti. 

Di prima bellezza, per es. e magistrale per ogni conto, e il cosid- 

1 Lettera di Kaffaello a Leone X, v. PASSAVANT I, 508. 



1T>fi IL PENSIERO CRISTIANO DEL CINQUECENTO 

detto Spafsimo di Sic-ilia, dipinto per una chiesa di Palermo, poi 
trasportato a Madrid, che potrobbe essere una delle stazioni d'nna 
splendida Via Crucis: cioeGesu che cadesotto la croce attomiato 
dallaMadro, dalle pie donne, da manigoldi o soldati. Tuttel'espres- 
sioni, la nobilta dell'Uomo Dio sofferente, la compassiorie, la vita, 
gli atti, 1'aggruppamento delle persone, il colorito, ogni parto con- 
corre nella perfetta unita d'una composizione sublime. Questa pa- 
gina dell a vita di Cristo lion fu illustrata mai con tanto sentimento 
di pieta e di arte insieme. Questo quadro e quello della Pi eta, 
cioe Maria dinanzi a Gesu morto - di cui pur troppo uon ci rimane 
che una bella incisione di Marcantonio - fanno dire al Miintz 
che '< queste due pagine famoso dimostrano non soltanto la pro- 
digiosa versalita' del genio di Ralfaello, ma attestano al me- 
desimo tempo la sua fedele devoxione alle tradizionali credenze 
cristiane. Non e forse uno spettacolo singolare vedere ad un tratto, 
in quell 'ambiente cosi t'rivolo, Raffaello pieno di brio e di gloria- 
invaghirsi di temi cosi pietosi e trattarli con un aft'etto cosl 
caldo e cosi eloquente, che non avrebbero disdegnato i pittori 
piii religiosi del suo tempo, Fra Bartolomeo, Michelangelo, Al- 
berto Durer ? Bisogna riconoscere, che accanto al pittore .straor- 
dinario, c'era in lui un uomo dalle couvinzioni profonde - fnoi 
diremmo dalla jede prot'onda) - e che in mezzo a quella esistenza 
mondana, in quel turbinio di foste, il Sanzio sapeva trovare le 
sue ore di raccoglimento e di compun/ione >. Verissimo ! E fu 
questa che gli valse i conforti supremi e la morte cristiana, onde 
corono la breve carriera di trentasette anni appena. 

Chissa? Forse presago della prossima fine, quello spirito ec- 
celso si compiaeeva di vdsioni celesti. In quegli anni stessi cadono 
la stupenda estasi di 8. Cecilia, S. Margherita in gloria, 
la Madonna di S. Sisto, il grandioso quadretto della Visione 
d'Ezechiello. 

Tutto questo sterminato ciclo di pitture storiche, religiose, in- 
trammezzato da miracoli di grazia e di verita sparsi nelle Ma- 
donne e nei ritratti, doveva essere concluso e terminato con la glo- 
riftcazione del Figlio di Dio, sul Tabor : la Trasfigurazione. Ec- 
colo la circonfuso di luce il Cristo, anzi raggiante di luce : il 
suo volto si fece splendido come il sole, il vestimento candido 
come neve dice il Vangelo. Eccolo librato in aria tra Mose ed 
Elia, maestoso in volto, ma dolce e pieno di misericordia, con 
ineffabile espressione. I due profeti lo mirano e parlano con lui ^ 



NELL'ARTE DI RAFFAELLO 157 

toa i tre discepoli Pietro, Giacomo e Giovanni, abbacinati, non 
reggono allo splendore sovrumano- e si prostrano col viso a terra. 

A pie del monte gli altri apostoli stanno combattendo per 
liberare un indemoniato, secondo il racconto evangelico; e non 
riuscendo, accennano a Colui che sta sul monte, dal quale sol- 
tanto pu6 venire la salute. Cosi si ristabilisce 1'unita artistica delle 
due parti del quadro, gia unite per la sequela storica, che difficile 
sarebbe stata ad esprimere. Qui gli effetti di contrasto toccano 
il sommo : la pace celeste paradisiaca in alto, la lotta in basso 
-contro il nemico delPumana natura; lassu la quiete dell'estasi, 
qui sotto 1'incomposta agitazione dei piu terribili affetti, la pre- 
ghiera supplichevole, lo spavento, le convulsioni, il conforto, 
la fiduciosa aspettativa. 

La scena superiore e tutta di mano di Baffaello, come tutta 
1'idea della composizione. La scena inferiore invece, nonpotuta 
terminare dallo sfinito maestro, fu eseguita da Giulio Eomano, 
suo scolaro. Colpito da febbri violente in sul cadere di marzo 1520, 
Baffaello Sanzio il piu grande pittore del mondo, pittore emi- 
nentemente cristiano, da cristiano moriva in Eoma il venerdl 
santo 6 aprile 1520. Non lo stravizio, ma una febbre maligna 
presa nell' attendere agli scavi tra le ruine, lo porto in 
mezzo al rimpianto universale alia tomba. II capolavoro incom- 
piuto della Trasfigurazione fu posto in capo alia bara de' suoi 
funerali. 

* 
* * 

Ma la giusta osservazione del Miintz teste riportata ha un 
valore piu ampio assai. Sarebbe cioe esagerazione immaginarsi 
Che 1' umanesirno, in mezzo al quale tocco pure a Baffaello 
di vivere, avesse quasi rifatto pagano il mondo. Qun-nto 
allo spirito delle classi eolte, ne abbiamo dei sintomi nei sog- 
getti artistic! e nella composizione stessa de'le biblioteche. 
Dai cataloghi di quelle formate a Urbino, a Firenze, a 
Boma, a Kapoli, a Pavia. si rileva con istupore la forte propor- 
zione onde 1'antichita cristiana e lo stesso medio evo erano as- 
sociati all'antichita pagana. Dante e Petrarca non lasciarono 
mai di comparire con onore accanto a Omero ed a Virgilio ; Ari- 
stotele e Cicerone facevano buona compagnia aiPadri della Chiesa. 
Bicordiamo la camera della Segnatura. Nellc arti valeva la me- 
desima tolleranza. Mai non fu cancellata una pittura di Giotto, 



158 IL PENSIERO CRISTIANO DEL CINQUECENTO 

per dare luogo al gusto novello. Quanto al popolo piumodesto, 
la corrente umanistica paganeggiante non aveva modo suffi- 
ciente di penetrazione negli strati umili della societa. Gli odierni 
criteri non si possono trasportare a quei tempi senz'altro. Era 
inventata bensi la stampa: ma non tanto dift'usa da potere, come 
oggi, invadere universalmente ogni cosa: niente giornali, ne pe- 
riodic!, ne foglietti volanti. In fondo il popolo italiano era sem- 
pre t'edele e cristiano, con tutte le sue miserie. Indi si spiega come 
i nove decimi almeno delPopere di Eaffaello sono di soggetto re- 
ligioso o intese a illustrare la Chiesa, il Papato, la religione nei 
suoi piu augusti misted. 

Infatti questo appunto e un indice prezioso dello spirito 
popolare, e non del popolino soltanto, ma delle stesse classi 
piii elevate : quali fossero cioe i soggetti commessi agli artisti. II 
lettore, che ci abbia seguito con pazienza in queste pagine, avra 
piu d'una volta fatta da se questa riflessione : quanto natural- 
mente al tempo di Eait'aello il mondo colto, signorile, istruito, 
volgesse il pensiero a cose di religione ; ne i ponteflci soltanto o 
prelati o monaci o gente di Chiesa, ma tutti generalmentf. Quel 
medesimo Agostino Chigi, per esempio, che fu ricchissimo finan- 
ziere, amante piu che un pochino del hisso e dei piaceri ; che aveva 
chiamati ad ornare la sua deliziosa villa della Farnesina i piu 
valenti pittori del suo tempo, Peruzzi, Sodoma, Sebastiano del 
Piombo e Eaffaello stesso ; sapeva por6 largheggiare in benefi- 
cenza e dimostrare, a Eoma e fuori, anche in opere di culto la sua 
fede cristiana e il suo spirito di Mocenate. Per lui Eaffaello aveva 
disegnato architettura e mosaici deU'elegantissima cappella 
funeraria in S. Maria del Popolo. con quel magnifico Dio Padre, 
che domina dall'alto della cupoletta le sottostanti leggiadre per- 
sonificazioni dei pianeti. Per lui similmente in S. Maria della 
Pace aveva di propria mano dipinta una delle sue cose piu per- 
fette, quelle incomparabili Sibille coi genii alati reggenti le scritte 
dei presagi : veri miracoli di grazia, di dignit& e di ordinanza, che 
fecero 1 'ammirazione di Michelangelo, quando fu chiamato come- 
perito a stimarle. 

Per un altro giovane e ricco banchiore, fiorentino d'origine r 
romano di nascita, Bindo Altoviti, emulo del Chigi nell'amore del- 
1'arte, aveva il Sanzio dipinto lo stupendo ritratto, oggi conser- 
vato alia pinacoteca di Monaco, e la bolla tavola detta la Ma- 
donna, dell' imp annata, che tuttora si vede al palazzo Pitti. 



NELL'ARTE DI RAFFAELLO 159 

Gia abbiamo rammentata la Madonna di Foligno, che secondo 
il Vasari fu un dono di Sigismondo de' Conti alia chiesa d'Ara- 
celi. L'altra Madonna detta del baldacchino, che e alia galleria 
Pitti, e che s'attiene ancora alia maniera di fra Bartolomeo, gli 
era stata commessa dalla famiglia Dei di Firenze per la propria 
cappella in S. Spirito. Cosi da Maddalena degli Oddi per la chiesa 
di S. Francesco a Perugia la famosa Incoronazione di Maria, 
la quale nella pinacoteca Vaticana rappresenta, pure con un 
forte trasparire del genio, la prima maniera ancora peruginesca 
del giovane ventiduenne, i primi accenni di quell 'ascensione, che 
si vede quivi accanto culminare nella Madonna di Foligno e nella 
Trasfigurazione. E per quella gara che era ne' signori di quel 
tempo in favorire le cose belle, le religiose massimamente, avvenne 
che donna Atalanta de' Baglioni - dopo che furono banditi gli 
Oddi - volesse anch'ella per la sua cappella in S. Francesco un 
quadro per mano di Eaffaello ; e questo fu tale opera che segna 
addirittura una data nello svolgimento della vita artistica di lui, 
GesiJi, portato al sepolcro, quella tavola, dipinta nel 1507, passata 
di poi alia galleria Borghese, con la quale il giovane Urbinate 
a ventiquattr'anni superava tutti i suoi contemporanei. 

Se non che da tutte queste opere qui rammentate trasparisce 

10 spirito religioso dei committenti. Ma il giovane pittore di 
Urbino, che in patria prima e a Perugia ed a Firenze, per 1'as- 
sidua consuetudine con la societa piu eletta si veniva continua- 
mente affinando, si trovo avere nella suprema maestria dell'arte 

11 rnodo piu degno di significare il suo proprio pensiero, occor- 
rendogli di dimostrare ad amici e benefattori l'antmo ricono- 
scente. A Taddeo Taddei, il quale, come racconta il Vasari, nel 
lungo e principale soggiorno di lui in Firenze lo voile sempre 
in casa sua e alia sua tavola... Eaffaello, ch'era la gentilezza stessa r 
per non essore vinto di cortesia, gli fece due quadri che tengono 
della maniera prima di Pietro e dell'altra, che poi studiando ap- 
prese, molto migliore . Uno di questi quadri era niente meno che 
la Madonna nd prato, la perla della galleria di Vienna. Ed a Lo- 
renzo Nasi, col quale ebbe amicizia grandissima, quando prese 
moglie fece, anch'egli il suo regalo di nozze e fu una nostra Donna 
col Bambino, al quale un S. Giovannino tutto lieto porge un 
uccello con molta festa e piacere dell'uno e dell'altro ; e nell'at- 
titudine di amendue una certa semplicita puerile e tutta amore- 



160 IL PENSIERO CRISTfANO DEL CINQUECENTO 

vole... e disegn6 parimente la Nostra Donna, che ha un'aria ve- 
raniente plena di grazia e di diviriita... 11 qualo quadro fu da Lo- 
renzo Nasi tenuto con grandissima venerazione mentre che 
visse... E questa la cosiddetta Madonna del cardellino, giusta- 
mente vantata dal Vasari, plena d'espressione celeste, che oggi 
sta nella Tribuna degli Uffizi. Dono veramente reale ; niun so- 
vrano potrebbe fare 11 piti bello. Anche un atto di cortesia 
s'aggirava insomma intorno a un pensiero di religione. Eaf- 
faello donava le sue graziose Madonne, non quadretti insulsi, 
insignificant! soggetti di genere, quali oggi vediamo riempiere 
le sale delle nostro esposizioni annual!, biennali, quadrien- 
nali, tanto piu presuntuose d'ordinario quanto piu vuote di 
pensiero e piu scadenti di merito. Benche, opporra forse qualcuno, 
non essere da fare tanto caso della qualita di quei doni, tale es- 
sendo il costume di quell'eta. Appunto ! E che volevamo altro 
se non riconoscere anche nei soggetti trattati dal piii grande ar- 
tista del cinquecento, e nelle richieste che gli venivano da ogni 
parte, come lo spirito cristiano fosse sempre in fondo al pensiero 
di quegli uomini, che rappresentavano una coltura altamente 
raffinata si, tutt'altro che immune da macchie e manchevolezze, 
ma descritta talvolta atiche dagli storici a troppo foschi color! ? 
La vita e le opere di Baffaello Sanzio hanno anche per questo 
rispetto il valore di document!, eloquenti, irrefragabili. 

Concludendo adunque, vediamo che, non ostante la deprava- 
zione morale di quell' eta, cui doveva portare riparo il Concilio di 
Trento, il pensiero cristiano ha sempre tanto vigore di vita che 
anima ed inspira i capolavori dell'arte italiana nel suo apogeo. 
Che 1'arte di Baffaello, e per i temi trattati e per 1' altissima 
perfezione ideale onde li tratta. e arte cristiana essenzialmente. 
Ne sara mai abbastanza stimato il valore morale ed apologetico 
del fatto che le prove supreme della pittura, non solo cristiana, 
rna di ogni tempo, sono in Boma e nella dimora del pontefici 
romani principalmente, nella cappella Sistina, nelle stanze e nelle 
logge di Baffaello. Onde chiunque voglia conoscere la perfezione 
toccata fin qui dall'ingegno umano nell'arte del pennello, con- 
viene che qui soprattutto la ricerchi: ad limina Apostolorum. 

C. BRICAEELLI S I. 



DUE NUOVI STUDII ,' 

CURSUS METRICO E RITMICO DELLA PROSA LATINA. 
(Eev. G. GULLOTTA e Eev. P. Di CAPUA) 

II rev. sacerdote Giuseppe Gullotta, studiando la Bibbia Vol- 
gata di S. Girolamo ed avvertendo nell'andamento del testo una 
certa particolare scorrevolezza ritmica, si fece ad esaminare ac- 
<3uratamente buon numero di versetti, tolti dai varii libri, e con 
qualche sua meraviglia trovd che le clausole classiche del cursus 
metrico ciceroniano vi sono. quasi sempre scmpolosamente os- 
servate. II saggio che ne da in un breve opuscolo (pp. 13-20) *, 
riportando parecchi tratti con 1'indicazione grafica delle clausole, 
tanto nei membri, quanto nei singoli incisi del periodo, ci sem- 
bra in vero soddisfacente, e se il ch. autore continui le indagini 
e giunga, come sembra probabile, ad una pifr compiuta dimo- 
strazione, gli studii che si stanno facendo sulla Volgata potrebbero 
trarne vantaggio, specialmente pel nuovo criterio, offerto dal 
cursus e non privo d'importanza nella determinazione critica 
dei testi. 

Si potrebbe chiedere, se non trattisi forse di un caso, dovuto, 
non tanto al pioposito di scrivere secondo le regole del ritmo 
quantitativo, si alia buona dizione ciceroniana, che possedeva 
senza dubbio S. Girolamo, e ad un certo naturale buon orecchio, 
sensibile per se stesso al ritmo, senza punto riflettervi. Ci6 non 
sarebbe sufficiente, osserva 1'autore, a spiegare il fenomeno; de- 
v'essere opera riflessa e non spontanea (p. 6), tanto piu che il Santo 
medesimo, nella prefazione al libro d'Isaia ed a quello' di Ezechiele 
accenna allo s tudio speciale da lui posto nello scrivere per cola 
(membri) et commata (incisi), secondo che in Demosthene etTuttio 
solet fieri. Ora si sa che Cicerone, applicando le clausole metriche 
precisamente ai cola ed ai commata, ha impresso a queste voci 
un significato metrico, ed in tal senso sono state poi adoperate 
da Quintilliano e dai grammatici. S. Girolamo adunque dovette 
anch'egli adoperarle in tal senso e cosl dovettero essere intese 
dai lettori contemporanei. Lo fece per dare alia lettura maggiore 
perspicuita : Nos quoque utiUtati legentium providentes, interpre- 

1 GIUSEPPE GULLOTTA, H ritmo quantitative nella Vulgata. Perugia, 
Unione tipografica cooperativa, 1917, 8, pp. 24. 

5 Qivilta Cattolica, 1920 vol. 3, quad.;jl682. 11 10 luglio 1920. 



162 DUE NTJOVI STUDII SUL f CURSUS METRJCO 

tationem novam, novo scribendi genere distinximus (Praef. in Isa- 
iam)... quoniam per cola et commata, manifestiorem legentibus sen- 
sum tribuit (Praef. in Bxech.). Jj vero che questi passi si riferi- 
scono piu direttamente alia manie ra di scrivere nel codice, ri- 
facendosi il copista alia linea ad ogni inciso e ad ogni membro del 
periodo, "come si pud vedere, ad esempio,nel celebre codice di A- 
miata della Laurenziana di Firenze ; mancando allora 1'interpun- 
zione, il lettore era grandemente agevolato nell'aggruppare gram- 
raaticalmente le parole e cogliere subito il senso del periodo. Sic- 
come pero la Bibbia doveva leggersi nelle officiature liturgiche e; 
con certe determinate inflessioni melodiche agli incisi, ai mem- 
bri ed alia fine del verso, e piu che ovvio pensare che S. Girolamo 
non trascurasse le clausole, gia in uso pei testi destinati alia 
solenne recitazione liturgica, e quindi ai cola e commata desse il 
senso di pose ritmiche. 

Ma piu d'ogni ragione probabile vale il fatto.il Gullotta, dato 
un prospetto delle varie clausole ciceroniane, passa all'esame 
dei testi a titolo di semplice saggio, prendendoli dall'edizione 
Sisto-Olementina del 1861, pubblicata coi tipi di Propaganda. 
Piu innanzi reca pure un saggio dal codice Amiatino (p. 22). 

Dimostrata che sia 1'esistenza voluta e costante del cursus, 
non v'ha dubbio che le lezioni, dove non s'incontri la clausola, 
vanno senza piu scartate, in confronto di altre che la contengono. 
Gosl pure le stesse distinzioni antichissime dei codici, dove si 
prende linea ad ogni inciso e membro di frase, e le posteriori pun- 
teggiature della Bibbia possono qua e cola correggersi a norma del 
cursus. L'Autore (p. 22, n. 3) reca uu esempio dal codice di A- 
miata, dove per errore del copista la parola nihilque e lasciata 
all 'inciso della linea precedente, mentre appartiene al membro 
seguente, come aveva gia corretto il Wordsworth. Ora la clausola 
metrica (molosso e trocheo) dimostra che il Wordsworth ebbe 
ragione : Nihilque Ilium ndc&it. Quanto alia punteggiatura, 
buone ci sembrano le correzioni. Ma non si potrebbe appro vare 
a p. 19 lo spostamento della virgola nel versetto della Sapienza 
(1, 1) in questo modo : Sentitg ds Dftmlno (cretico trocheo), inbo- 
nitate et in simplicitate cordis quaertte Ilium (ditrocheo). Nella 
proposizione Sentite de Domino in bonitate (<ppovr ; aaxe Ttepl roO 
Kupfou Iv aYaOdTTjTt), se si separa il complemento in bonitate, 
non solo senza ragione rimane sospeso il senso incompiuto della 
frase sentite de Domino, ma si forza il cohtesto, che con la se- 
guente copulativa (et in simplicitate cordis quaerite ilium) viene 



E RTTMICO BELLA PROSA LATINA 163 

a distinguere due specie di atti intorno a Dio, mente e cuore ; 
si contraddice altresi a tutta la tradizione esegetica, che se ha 
discorso intorno il senso esatto delle parole, non ha perd messo 
in dubbio la divisione del periodo 1 . Del resto non pare si possa 
dire che manchi la clausola alle parole In bdnitate (esametrica). 
] bmttina dawero, anche perche non ha qui la debita censuraj 
per giunta e usata assai raramente e non si annovera tra le clan- 
sole ciceroniane, giacche nella prosa metrica si evitavano con, 
cura le cadenze proprie del verso. Kon Jripugna tnttavia che 
S. Girolamo 1'abbia talvolta adoperata e ad ogni modo essa si 
piega eguahnente bene al canto dei recitativi litnrgici. 

fi noto che Papa Darnaso aveva incaricato il Santo di rive- 
dere la piu antica versione della Bibbia, e piu in particolare il 
salterio, per 1'uso che doveva farsene nelle oflficiature liturgiche. 
Sarebbe dunque assai importante 1'investigare con maggiore di- 
ligenza la revisione del salterio, appunto per la mira che ha do- 
vuto avere S. Girolamo di rendere le clausole facilmente acconce 
alle formole del canto nelle medianti e finali di ogni versetto ; 
formole certamente in uso, fin dai primi secoli, anzi fin dalla Si- 
nagoga, da cui le tolse la Chiesa, senza voler affermare con questo 
che si siano conservate identiche nei tempi posteriori ; ma il me- 
todo del recitativo melodico e senza dubbio lo stesso. 

Se cosl e, non potremmo accogliere una cdnclusione del ch. au- 
tore (p. 22), che 1'opera geroniminiana, appunto per 1'osservanza 
del cursus ciceroniano, & stata scritta piu per gli uomini colti che 
non per la plebe e appartiene alia letteratura d'arte . fi stata 
scritta per 1'uso liturgico e quindi pel popolo, particplarmente 
il salterio. Invece con vero de'siderio e con crescente aspetta- 
zione accogliamo la promessa che il Bev. Gullotta fa, chiudendo 
1'opuscolo : Le mie ricerche sull'argomento, incoraggiate anche 
dal prof. Ernesto Monaci e da altri professori, risalgono al feb- 
braio 1916 e saranno piii largamente comunicate agli studiosi 
non appena compiute. 

Fn altro indefesso studioso del cursus, il rev. Francesco Di Ca- 
pua, ci fa sapere che medita un'opera alquanto piu vasta sul 
ritnio della prosa latina, tanto classica quanto medievale, con- 
vinto, che certi fenomeni del ritnio prosaico non si sono finora 
compresi, ne si possono ben comprendere senza seguirne tutto 
Toscillante cammino a traverso la successiva evoluzione lingui- 
1 Cir. CORNELT, Vomm. in librum Sap. (Parisiis, 1910, pp. )36-37). 



164 DUE NUOVI STUDH SUL CURSUS METRICO 

stica e lungo la persistente tradizione scolastica . x Convien dun- 
que attendere ed aspettare il suo verbo, certo assai autorevole, 
perch di uomo che ha dedicate i suoi anni migliori a quest! studii, 
come ne f anno fede le varie sue important! pubblicazioni. 2 

Per6 nell'opuscolo che presentiamo, gia piu cose riassume 
brevemente, ofifrendo insieme alcuni ottimi saggi del ritmo pro- 
saico, nelle opere latine delTAlighieri, come il De Nonarchia, 
la Quaestio de aqua et terra, il De vulgari eloqufintia e le Epistolae. 
II sommo poeta, com'era proprio di tutti gli studiosi di quei 
tempi, s'era dedicate da giovane in Firenze e poi in Bologna 
al lungo studio dei dictamina, fino a prenderne quella consuetu- 
dine che era privilegio di pochi, secondo che scrive egli stesso 
nel De vulgari eloquentia, I, 1, 3 : ad habitum vero huius pauti 
perveniunt, quia nonnisi per spatium temporis et studii assidui- 
tatem doctrinamur et regulamur in ilia. E che 1'Alighieri fosse 
tra questi pochi, e dimostrato assai bene dal Di Capua. In que- 
ste opere dantesche, ai luoghi loro esattamente determinati dalle 
regole della Scuola, non solo si rawisano le varie cadenze del 
cursus, proprie del medio evo e quindi solamente ritmiche enon 
metriche, ma sono sempre scelte e disposte con tanto gusto let- 
terario, che non appare di leggeri in altri scrittori. Ifon basta cioe 
gittar qua e cola cadenze ritmiche anche per tutto jlo scritto, ma 
conviene sceglierle con arte e disporle per modo nella movenza 
o struttura del periodo, che si eviti il soverchio della sonorita 
o la noia di un periodare monotono e disgustoso. 

Stabiliti tanto bene i criterii, che regolano queste prose dan- 
tesche, il ch. autore pu6 procedere con sicurezza alia deter- 
minazione critica del testo letterario'mediante il nuovo ed impor- 
tante elemento del cursus. Sono interessanti gli esempi parecchi 
(p. 18-23) di correzioni al testo, suggerite gia da critici, come 
il Eaina, il Fraticelli, lo Zingarelli, senza che questi si addassero 
punto dclla presenza del cursus. Alcune lezioni, come prova 1' au- 
tore, vengono ad evidenza confermate e si possono dare oramai 

1 FRANCBSCO Di CAPUA. Appunti sul Oursus o ritmo prosaico 
nelle opere latine di Dante Aliyhieri con note criticJie sulV epistole dan- 
tesche. Castellammare di Stabia, tip. Di Martino, 1919, In. 8, p. 35. 

* Eccone alcune: Le clausole melriche nell'apologetica di TertulUano 
(Ow. Oatt. 1915, voL 3, pag. 609.) De numero in vetustis sacra- 
mentariis (Ivi 610.) H Oursus* ele olausole negli Oremus* e nelle 
prose liturgiche (Ivi.) lluOursus* nel De consolatione di 8ev. 
Boezio (Ivi). L'ortografia da adottarsi per l& Volgata Clementina 
(Ivi, 1912, vol. 4, pag. 639.) 



E RITMICO BELLA PEGS A LATINA 165 

per definitive; altre devono certo rigettarsi, perche contrarie aUa 
norma del cursus, certamente osservata da Dante. 

Non puo far meraviglia, che scoprendosi negli scritti dell'Ali- 
ghieri un elemento nuovo e da lui adoperato con finissimo gusto, 
si rivelino nello stile bellezze nuove, pero entro i termini del 
latino medievale, che non e certo quello dei classici. Forse e un 
po' esagerato quanto scrive 1' autore a chiusa dello studio, pur 
volendo concedergliene la sostanza : Dopo le pazienti analisi 
ritmiche, rileggendo le epistole dantesche, sembra a noi di pene- 
trare piu intimamente nei meati deH'anima del grande poeta e 
intenderne meglio tutte le sfumature dei sentimenti. Uno spirito 
divino par che aliti di nuovo attraverso quelle ossa aride del suo 
latino medievale : sono voci di pianto e ruggiti di leone, ironie 
sferzanti e invettive sanguinose, rifiuti sdegnosi e preghiere 
sommesse... sono aure fresche mattutine di albe radiose e so- 
lenni visioni di pace... e un'onda musicale di ritmi e cadenze 
le avvolge e le segue, cosi da farti piangere e urlare pregare e ma- 
ledire (p. 26). 

II Di Capua sfiora altresi la questione, se le regole del cursus 
abbiano influito sul nascente volgare ; pensa che si, ma non 
crede ancora maturi gli studi per darne piena sentenza. Dante 
non le uso : doveva ben capire che il latino non era 1'italiano : 
cid che in quello era lecito ed anche bello, in questo riusciva impos- 
sibile e anehe mostruoso (p. 25). La sentenza tanto assoluta 
ed universale non corre, perche la prosa italiana, non meno 
della latina, si acconcia magnificamente a tutte le regole del 
cursus ritmico del medio evo, ed anche del cursus metrico clas- 
sico, le quali al nostro orecchio italiano appaiono belle e sonore 
ancorche ridate a tenore dei soli accenti. Ad esempio, nelle opere 
del Bartoli e del Segneri, per citare due secentisti, la sonorita 
ritmica e piu che evidente, sebbene temperata dal buon gusto 
finissimo e pero da grande varieta di cadenze. Ma quelle ordi- 
narie del cursus ritmico (il veloso, il planus, il tardus) prevalgono 
senza dubbio, specialmente poi nei tratti piu vigorosi, dove, come 
nel quaresimale del Segneri, 1'oratore s'infiamma e si spinSe 
a voli di eloquenza piu alti. 

II ch. Di Capua ci dia altri simili saggi, tanto istruttivi ; ma 
la sue note, erudite e necessarie a piena intelligenza del testo, 
metta a pie' di pagina e non le raccolga tutte insieme in fine dello 
scritto, con molto incomodo di chi legge. 



BIBLIOGRAFIA 



THOMAS PEGUES O. P. professeur de Saint Thomas au College 
Angelique (Rome). La Somme th^ologique de Saint Thomas 
d'Aquin en forme de cat^chisme pour tous les fideles. Nouvelle 
edition. Paris, Tequi. 1919, 16, XL-574 p. Fr. 7. 
Questo piccolo volume, lodato pria fede, almeuo per la convin- 



dal Sommo Ponteflce Benedet- 
to XV con un breve all'autore, 
ha il nobile intento di far scor- 
rere anche in mezzo al popolo 
cristiano qualche vena del gran 
flume della sapienza contenutanella 
Somma dell'Angelo delle Scuole 
S. Tommaso. I dotti quindi non 
hanno qui se non da encomiare 
il criterio svelto e sobriissimo, 
onde il dotto professore roglie le 
conclusion! dell'Aquinate e le di- 
stribuisce in forma di catechismo : 
laddove i fedeli gusteranno un 
favo di quella varia e profonda 
scienza, che li invoglier& di mag- 
giore e piti solido cibo nella istru- 
zione religiosa. a poter in qualche 
raodo render ragiono della pro- 



zioue di saperla spiegata e difesa 
dal genio sublime di S. Tommaso. 

Altra lode dell'autore e 1'avere, 
nelle materie dalla Chiesa piu par- 
ticolarmente definite ed ordi- 
nate, come nella disciplina del 
Matrimonio, riportate le disposi- 
zioni del novello Codice del Di- 
ritto Canonico. 

Cosi questo popolare volume, 
la cui prima edizione fu smal- 
tita in poco piii d'un mese, ben- 
che non aspiri al grado di alta 
apologetica, sara pero un nuovo 
compendio di soda veritsi catto- 
lica e di teologia, alia mano di 
tutti. e quasi un manuale d'enci- 



clopedia della dottrina, della mo- 
rale e della pratica cristiana. 

OLGIATI FRANCESCO. - - Religione e vita. Saggi apologetici. 

I. 2* edizione. Milano, Vita e pensiero. 1020, 16. VIII-303 p. 

L. 4.50. 

Diciamolo subito, e un bel 
libro; di forma disinvolta, attraen- 
te ! si far leggere, speriamo, da 
molti, e ce n'& bisogno. II ch. 01- 
giati, piuttosto che impancarsi a 
discutere sul metodo antico e nuovo 
dell' apologia oattolica, mostracol 
fatto qual via essa debba seguire 
per essere efficace, ed egli ci riesce. 
Non discute, ma nel primo saggio 



il catechismo di Serrati e Vapologia 
popolare, propone, senza posa e cosl 



discorrendo, norme molto assen- 
nate per ispuntare le fine arti dei 
semmatori di errore ; e qua e 14 
anche nei seguenti illumina di pre- 
ziose osservazioni la sua via. 

II 2<> saggio, il dttettantismo di 
Ernesto Eenan, e apologetico indi- 
rettamente : e uno studio critico 
coscienzioso sul valore del f amige- 
rato scrittore francese. Kenan 6 
un critico, uno storico, un poeta ? 
no, e un dilettante di cattiva risma, 



APOLOGETICA - PEDAGOGIA 



167 



risponde 1'Olgiati ; e noi crediamo 
che ogni lettore imparziale dovra 
dargli ragione. Tuttavia, quauto a 
noi, lo spirito di Ernesto Renan ci 
e sembrato sempre cosi camaleon- 
tico, che ci pare difficile, per noB 
dire impossible, il deflnirlo in una 
parola. In lui, che vuol essere sto- 
rico secondo il concetto che la sto- 
ria e scienza e non arte, domina 
ancora la concezione che la storia 
e arte, e pel Renan, e questo epeg- 
gio, e arte di mal affare. 

II 3 saggio, Nicole Simon e 
VEucaristia, a noi pare riuscito 
meno age vole degli altri,m a bisogna 
tener conto che in un argomento 
si alto, anche le obiezioni piu scioc- 
che costringono 1'apologista ad 
entrare in question! alte e spesso 
difficili. 

II 4 saggio, lo studio suR'anar- 
chia, fa risaltare con una logica di 
ferro il verissimo dilemma: o anar- 
chia o cattolicismo ; e lo dovreb- 
bero meditare tanti illusi, che van 
proponendo sempre nuovipalliativi 
ai nostri mali. 

Al 5 saggio, Roberto Ardigd 
e gli scandali clericali, non si 
pud opporre certamente che sia 
interessato o meno oggettivo. 

II 6, la pretesa imbecillitd di 
8. Luigi Gonzaga ecc., dimostra 
trionfalmente la tesi con fatti sto- 



rici che niuno pu6 negare.e mette 
nel suo vero aspetto la educazione 
della purezza. 

II 7, su la morale disinteressata 
in Marc'Aurelio e in Emanuele 
Kant, conduce alia logica conclu- . 
sione, che di morale vera non ce 
n'e che una, quella del cristiane- 
simo. 

L 'ultimo saggio, il problema del 
dolore in Buddha, Schopenhauer e 
Leopardi, ci e parso un poco fretto- 
loso di arrivare alia fine, e questo e 
gia un indizio che il libro si legge 
volentieri; ma con tutto ci6 la 
mente, terminata la lettura, e co- 
stretta a confessare che di tutte 
le soluzioni che si sono tentate del 
terribile problema, la sola ragione- 
vole e qu ella che da il cristianesimo. 
Senonche ci sarebbe piaciuto che si 
f acesse risaltare di piu specialmente 
nell'ultimo saggio, il bisogno di 
umilta nella ricerca e che non om- 
nia possumus omnes. E vorremmo 
che tutti si persuadessero col nostro 
oh. A. che la testura degli articoli di 
S. Tommaso e un ottimo metodo 
"per 1'apologistacattolico (p. 113). 

Se a questi saggi il ch. A., co- 
me lascia sperare, ne fara seguire 
degli altri, sara sempre piu bene- 
merito della soda istruzione reli- 
giosa, specialmente della gioventu, 



in cui egh' va gia segnalato. 

GIOVANNI VIDARI. Element! di pedagogia. Vol. II. La teoria 
della educazione. Milano. U. Hoepli, 1918, 16, VIII-490 p. 
L. 7,50. 

ID. Vol. III. La didattica. Ivi. 1920, 16, VIII-352 p. L. 7,50. 



Nella consueta elegante forma 
tipografica della notissima colle- 
zione dei manuali Hoepli , que- 
sti due volumi compiono Tintero 
trattato sugli elementi di pedago- 
gia, del cui primo volume, I 
dati della pedagogia , demmo 



larga notizia nel nostro periodico 
(1916, vol. 2, p. 454, seg.). Fa- 
cemmo allora notare che, tra i 
manuali moderui di pedagogia, 
questo del Vidari si avvantaggia 
per equanimita di etile nel trat- 
tare Telemeuto religioso nell'edu- 



168 



PEDAGOGIA 



cazione. benche egli lo consider! 
accessorio. e piu una, certa sere- 
nita obiettiva, ondo riconosce ed 
acooglie molti principii e molte 
nonne praiiche della pedagogia 
tradizionale cristiana, benche, a 
rigore di logioa, nou dorivino da 
alcune false premesse da lui sta- 
bilite. 

Troviamo, per es., nel secondo 
volume (pp. 203-222) una critica 
ben ragionata sul metodo edu- 
cative della Montessori, del quale 
il Vidari sa cogliere con acume ed 
esporre con chiare/za gli elementi 
buoni ed i tratti original!, interpre- 
tando giustamente il principle 
montessoriano della libert nel- 
1'educazione , ed esprimendolo fe- 
licemente nella breve conclusione 
seguente : il principio della li- 
berta accettabile solo in quanto 
s'intenda, non in modo naturali- 
Btico e biologico, ma in modo spi- 
rituale e morale, cioe come liberta 
che cerca la legge, che si subordina 
alia legge, e che poi, a suo tempo, 
si integra nella coscienza della 
legge dapprima inconsapevolmente 
e ingenuamente accolta (p. 213). 
Accettiamo questa conclusiorie, che 
coincide con i veri intendimenti 
della Montessori, come dimo- 
etrammo gi nel nostro periodico 
(1919, vol. 2, p. 223). Se non che, 
la coscienza della legge dal Vi- 
dari e intesa nel modo soggettivo 
del Kant; giacche, com'egli aveva 
gia crednto di stabilire nella sua 
Etica (Milano, Hoepli, 1911), 
asseriace ora perentoriamente : 
L' imperativo [della coscienza] 
non trae la sua forza d'impero da 
altro che dallo stosso Voler puro o 
dalla Ragione, ed e, per tale 
aspetto, incondizionato, cioe ca- 
tegorico ; e non ha origine in una 
legge o in una volonta anteriore 



al volere della ragione, la quale 
pertanto e per se stessa legislatrice 
o autonoma . (Vol. II, p. 135)^ 
Non e necessario ripetere qui la 
confutazione del vecchio errore 
kantiano, demolitore della stessa 
ragione, in quanto le sottrae ogni 
fondamento r?*le di conoscenza e 
di coscienza morale, riducendola 
ad una pura illusione. La ragione 
non e legislatrice o oreatrice 
della legge, ma e rwelatrice o pro- 
mulgatriee della legge eterna. Per 
questo errore f ondamentale, la teo- 
ria dell'educazione del Vidari ap 
pare come una costruzione campata 
in aria, senza foudamento di realta, 
giacchd basta 1'asserzione della 
coscienza autonoma <> di un altro 
teorico qualsiasi (p. es. un socia- 
lista. un auarchico) per dissolverla 
in fumo col medesimo argomento 
onde il Vidari 1'ha costruita, e cioe 
il soggettivismo. Non e quindi ne- 
cessario far notare altri errori in. 
particolare, che hanno piu o meno 
stretto legame col soggettivismo 
kantiano, come il laicismo scola- 
stico dello Stato, sostenuto dal Vi- 
dari (II, p. 427). E cosi, nel III vol. 
La didattica, pur sostenendo la 
necessity dell'istruzione religiosa, il 
Vidari le toglie il fondamento reale 
dell'esistenza di un Dio personale,. 
o almeno della sua dimostrabilit& 
asserendo essere evidente che il 
rapporto dell'io col Tutto o con 
I'Assoluto o con Dio non pu6 es- 
sere oggetto di una conoscenza 
scientiflca (p. 317) ; e perci6 1'i- 
struzione religiosa non puo avere, 
secondolui, se non una funzione 
propriamente praticomorale (ivi). 
Tanto basti, oltre quello che ne 
dicemmo sul primo volume, per 
avviso di quegli studiosi che 
dovessero consultare questo ma- 
nuale. 



BIOGRAFIA 



169 



Teol. ATTILIO VAUDAGNOTTI. Un Direttore di Semmario. 
II Can. Eugenic Mascarelli. Memorie biogra,fiche e lettere scelte 
di direzione spirituals. Torino. Lib. del Sacro Cuore, 1920, 8, 
VIII-265 p. L. 4,20. 



II can. Mascarelli, nato a To- 
rino nel 1876, vi chiudeva santa- 
mente la vita il mattino del 1 
gennaio 1919, nella et di 43 
anni appena. Le sue memorio 
biografiche non vengono dunque 
certo in ritardo, e merita gran lode 
il ch. Teol. Vaudagnotti, che non 
ha posto tempo in mezzo per 
far conoscere 1'opera illuminata e 
piu le virtu interiori che il Masca- 
relli esercitd fin da giovinetto, 
e che tanto dovevano risplendere 
negli uffici esercitati, specialmen- 
te come Vicerettore del Semina- 
rio metropolitano (1908-1918). 

Non si raccontano in questo 
libro, nota fin da principio PA., 
fatti straordinari di santita, ne 
si tentano ravvicinamenti con 
quei Servi di Dio dei quali puo 
occuparsi la suprema Autorit& 
ecclesiastica . Cio non impedi- 
sce che vi sia niolto da imparare 
e da imitare ; e questo e ci6 che 
importa in somiglianti memorie, 
tan to piu che le cose straordi- 
narie, se fanno sempre una gran- 
de impressi one, non sono, gene 
ralmente, quelle che piu muo- 
vono. Aggiungeremo che sono 
tante le cose edificanti che si leggo- 
no nel libro, e cosi rari gli esempi 
delle virtu sacerdotali del can. Ma- 
scarelli, che abbiamo finite col do- 
mandarci se questo stesso non 
sia straordinario, e se non sarebbe 
il caso di applicare 1'elogio dello 
Spirito Santo, in chi possedesse 
anche solo alcune delle sue virtu, 
nel grado in cui egli le possedette : 
Quis est hie et laudabimns eum t 

Per ricordare soltanto un pun- 



to, il canonico Mascarelli fu rW, 
conosciuto eccedore 1'ordinario, 
nel suo' spirito di attaccamento, 
di obbedienza e di atnore alia Chie- 
sa e al Papa, cho continuamente 
ritorna nei suoi detti e nei suoi 
soritti. Questo spirito lo induceva 
a scrivere a uno dei suoi allievi, 
il di di S. Ignazio di Loiola 1913 : 
Metto la mia risposta sotto il 
patrocinio di questo gran Santo,, 
a cui voglio un gran beneper qual- 
ohe migliaio di ragioni, ma sopra- 
tutto per quelle sue famose regole 
del sentire cumEcclesiachQ mihanno 
procurato tanta liberta di spirito 
e tanta pace di cuore (p. 238). 

Abbiamo accennato ai suoi 
scritti. Alludiamo specialmente al 
suo prezioso diario, da cui il Teol. 
Vaudagnotti trae cosi belle ed edi- 
ficanti pagine, e la sua corrispon- 
denza, quella, in particolare, coi 
suoi alunni. Le prime riguardano 
sopra tutto il periodo della for- 
mazione del can. Mascarelli ; e 
ce ne rivelano le sante aapirazioni, 
le lotte, le pene, le gioie sante, io 
una parola la vita interiore, e il 
dramma sempre nuovo del la- 
voro della grazia nella nostra mi- 
sera natura, e della corrispondenza 
di un'anima geuerosa all'opera di 
lei. II diario fu incominciato dal 
Mascarelli nei suoi sedici anni 
(1892), e continuato regolarmente 
fino al 1902, dal quale anno, dice 
PA., fino al 1918 non pote piu 
eontinuarlo che a sbalzi (p. 9). 

La corrispondenza, per la quale 
il Mascarelli mostra una felicissi- 
ma disposiziono, fu per 1'illumi- 
nato e fervente direttore una vera 



170 



BIO GR APIA - SOIENZE NATURALI 



palestra di zelo ; e 1'averne ripor- 
tati nel presente volume nou po- 
chi saggi, servira a conservare e 
diffondere consigli e conforti uti- 
liasimi, che il piissimo aacerdote 
indJrizza a individui particolari. 
Ise lettere, scritte special mente 
ai suoi alunni, dispersi dal santua- 
rio per il servizio militare durajite 
la guerra,rivelanola sua prudenza, 
non meno che la sollecitudine ve- 
ramente patera a, con cui seguiva 
le prove, spesso dure, dei suoi fi- 
gli, per conservarli a Dio e alia 
Chiesa, e trarli salvi dal pel ago 
del mondo. 



Vogliamo terminare con una 
osservazione. Dopo Dio, tutto il 
bene che si riuni e fruttifico nel 
can. Mascarelli, si pu6 dire che 
si deve alia cristiana educazione 
della famiglia, e alia formaziono 
spirituale che da giovane studente 
ricevette, con aHri giovani, in 
casa dello zelante sacerdote D. De- 
maria. L'opera di questo pio ed 
umile ministro del Signore,cosibene 
descritta nel c. II, dovrebbe ser- 
vire di sprone e incoraggiamento 
a molti, specialmente per coltivare 
e fomentare nella gioventii le vo- 
cazioni ecclesiastiche. 



IL P. ALFONSO M. BRODELLA d. C. d. G. Brevicenni biografici. 
Roma. Arte e Layoro , 1920, 12, 62 p. 



, Quando si sparse la notizia del- 
la morte del P. Alfonso Brodella 
S. I., avvenuta nel Collegio di Lee- 
ce, ai 23 maggio del 1919, al rim- 
pianto dei confratelli faceva eco 
quello di quanti 1'avevano cono- 
sciuto, e avevano potuto apprez- 
zare lo sue rare e amabili virtu. 
In particolare parteciparono al 
vivo dolore per Ja dolorosa perdita 
i suoi concittadini di Mondragone 
(Caserta), e i confratelli nel sacro 
ministero, nella diocesi originaria, 
di Sessa Aurunca, dove era Eet- 
tore del Seminario e canonico del- 



la Cattedrale, quando, vincendo 
le difficolta piu gravi, alia fine del 
1 906 entrd nella Compagnia di Gesu, 
II breve ma affettuoso elogio, 
che qui presentiamo ai lettori, 
fu scritto da uno dei suoi piu af- 
fezionati alunni, il ch. mons. Sos'O 
d'Angelo, che aveva avuta la 
sorte di ammirarne a lungo gli 
edificanti esempi, e sperimentarne 
la bonta tutta paterna. Egli sara 
grato a chiunque gli vorra inviare 



notizie (Roma, Piazza Minerva, 
74) pel una seconda edizione di 
questi edificanti cenni biografici. 

IBERICA. El progreso de las ciencias y de sus aplicaciones. - Re- 
vista semanal. Direcci6n y Administraci6n : Observatorio del Ebro- 
Tartosa. Numero extraordinario (323-324). Abril, 1920, 1,50 ptas. 
Da tempo volevamo parlare numero straordinario, pubblicato 

di questa valorosa rivista" di di- 

vulgazioue scientifica, che e giun- 

ta gia al suo settimo anno di vita, 

ed ha in breve raggiunto tanta per- 

fezione, da far veramente onore 

non solo alia direzione dell'O*er- 

vatorio dell'Ebro (Tortosa), ma 

alia stessa nazione spagnuola. Ce 



ne off re ora opportuna occasione un 



con grande eleganza e buon gusto, 
or e qualche mese. I cultori delle 
scieuze naturali, col percorrere 
il ricco fascicolo, possono farsi 
un'idea degli intenti del perio- 
dico, e della seriet^ con cui la Di- 
rezione (composta da PP. della 
Compagnia di Gresu) si adopera 
a metterli in atto, ricorrendo alia 



SCIENZE NATURALI 



171 



collaborazione dei piu noti cultori 
del diversi rami delle scienze. 

Si apre il fascicolo con alcune 
fotografie del museo delle scienze 
natural! di Madrid, del quale 
(p. 244) si tesse brevemente la 
storia. cominciando dalle origin* 
(1771) fino al presente ordina- 
mento, le sue pubblicazioni ecc. 
In una cronaca ibero-americana 
(che corrisponde al fine speciale, 
ma non esclusivo, della riyista) 
si fa conoscere la Societd stereo- 
grafica spagnuola; si da notizia 
della Commissione geografica in- 
caricata di portare a compimento 
la mappa militare del Marocco ; 
si illustra con belle riproduzioni 
fotografiche il grandioso monu- 
mento che la colonia italiana in- 
nalza a Buenos Aires al glorioso 
suo conterraneo Cristoforo Co- 
lombo. Segue una cronaca gene 
rale delle scienze, dove troviamo 

OBSERVATOIRE DE ZI-KA-WEI. Calendrier annuaire pour 
1920 (18 a annee). Zi-Ka-Wei, tip.de la Mission catholique, 1920, 
16, 182-111 e tav. 2 dollari, 



illustrato, p. es., 1'apparecchio per 
la previsione delle maree, della 
Casa Kelvin Bottomley di 
Glasgow (p. 230). Vi si legge pure 
un'attraente nota (aempre con il- 
lustrazioni) sull'origine dei crateri 
della luna, ecc. 

Tmportante e 1'articolo del 
P. Barnola S. I., del laboratorio 
biologico di Sarria, sulle Meduse. 
Vi ha dato occasione un lavoro 
del ch. oceonografo di Barcel- 
lona, D. J. Maluquer, dal titolo 
Note per una monografia delle me- 
duse del littorale catalano. Molto 
bene sono riuscite le illustrazioni 
a colori che accompagnano 1'at- 
traente articolo. Del ch. dott. J. 
Torroja e 1'articolo sulle offlcine 
aeronautiche, e le celeb ri in venzioni 
del Torres Quevedo. 

Augurii di prospera e lunga vita 
alia benemerita dotta rivista. 



II Calendario-annuario cinese- 
francese, pubblicato ogni anno dai 
solerti missionari gesuiti di Zi- 
Ka-Wei e un vero repertorio di 
dati meteorologici, di singolare im- 
portanza per quei climi ; di dati 
astronomici, adattati al calendario 
cinese ; di notizie statistiche e am- 
ministrative ecc., cui si aggiungono 
le Attualita astronomiche, cioe 
ragguagli su particolari argomenti. 
Esse riguardano quest'anno il nuo- 
vo telescopio delTosservatorio a- 
strofisico del Canada, la Nova 



Aquilae III, 1918 Stella tempora- 
ria, che attird a suo tempo grande 
attenzione degli astronomi ; la va- 
riazione diurna della temperatura 
a Lu-Kia-Pang, studio importante, 
piu che altro, come esempio di 
metodo. Ma non e tanto 1'uso pra- 
tico che possa avere in Europa, 
quanto la copia di notizie precise 
e sempre nuove,interessanti la vita 
scientifica nell'estremo Oriente, 
il titolo che ci rende cosi gradito 
e prezioso il denso volumetto arri- 
vato da quei lidi lontani. 



CKOiNACA CONTEMPORAISEA 



Roma, 24 giugno - 8 luglio 1920. 



I. 
COSE ROMANS 

1. La festa di S. Pietro. 2. La festa del Papa e la lotta coutro le mode 
invereconde. 3. La commemorazione del Protomartiri romani. 
4. Una bella dimostrazione d'operai cristiani. 5. Nuove lettere 
pontificie che toccano le agitazioni operaie. 6. Muniflca offerta 
del S. Padre per le scuole di catechismo a Koma. 7. II porto di 
Roma ad Ostia. 

1. La festa del SS. Apostoli Pietro e Paolo e stata contrasse- 
gnata dalla solita pompa e dal solito concorso di folia. S la festa ro- 
mana per eccellenza, e ogni figlio di Roma, fedele alia religione degli 
avi, non omette in quel giorno di visitare la basilica vaticana, per 
venerarvi la tomba del Principe degli Apostoli e baciarne la statua 
di bronzo, rivestita per la solennita degli abiti pontifical!. 

II prinio a dar 1'esempio e stato Benedetto XV, che giusta il co- 
stume, la sera della vigilia discese da' suoi privati appartamenti nella 
Basilica, a pregare sulla tomba del Pescatore. Prego anche dinanzi 
alPaltare recentemente dedicate alia nuova Santa Margherita Maria 
Alacoque ; sul sepolcro del suo immediato Predecessore Pio X ; e 
dopo che ebbe anche'Egli impresso il bacio sul santo piede logorato 
dalle labbra della Cristianita, fece ritorno nel Palazzo Apostolico 

Un'altra particolarita, anch'essa consueta, della festa fu 1'offerta 
che una rappresentanza della Societa Primaria Romana per gl'In- 
teressi cattolici con a capo il Principe Don Giuseppe Lancellotti, 
fece d'un calice d'argento, deposto la mattina della festa sul sacro 
avello del Principe degli Apostoli. 1 'offerta che a no me del popolo 
di Roma la Societa Primaria ha preso a fare, in luogo del Magistrate 
della citta, il quale dal 1870 in qua ha trascurato quest 'omaggio a 
S. Pietro, per fare Omaggio al nuovo spirito laico allora introdotto 
in Roma. 

2. S. Pietro fu il primo Papa, e la festa quindi del 29 giugno di sua 
natura e la festa del Papa. Con questo speciale riguardo essa da qual- 
che anno si va celebrando specialmente in Italia ; e quanto cio sia 
degno ed opportune ognuno lo vede soprattutto nelle condizioni 



CRONACA GONTEMPORANEA - COSE ROMANE 173 

present!. Quando infatti vediamo che le basi stesse della compagine 
sociale vacillano, e senza ritegno si professa di voler tutto travolgere 
nel caos della rivoluzione, qual rimedio potrebbe darsi piu idoneo 
che quello di rawivare nel popolo J'amore e 1'oasequio di Chi in terra 
rappresenta per eccellenza il principio dell'autorita e dell'ordine ? 
Ora questo, grazie a Dio, abbiamo visto fare nello scorso 29 giugno, 
in molte nostre diocesi, come si cava dai giornali cattolici delle varie 
regioni, e dai quali volentieri qui compendieremmo le notizie, se piu che 
altro non ci premesse di rilevare il merito speciale che questa velta 
vi hanno avuto le Donne Cattoliche. Come i nostri lettori sanno, in 
piii d'un'occasione recente il Romano Pontefice ebbe a raccomandare 
la lotta contro le mode invereconde. Cio fece nello scorso ottobre, 
quando nelPudienza data alia Presidente e alle Delegate dell'Unione 
femminile cattolica italiana, presenti in Roma pel primo Congresso, 
le esorto fra 1'altro che stringessero fra loro una lega peccombattere 
le mode indecenti non pure in se medesime, ma anche in tutte quelle 
persone o famiglie alle quali puo giungere efficace 1'opera loro . 
Cio fece nello scorso gennaio, quando ai Signori e alle Dame del Pa- 
triziato e della Nobilta Romana, adunati innanzi a se in Vaticano per 
la consueta presentazione degli augurii, dopo aver lamentato il mal 
vezzo delle mode indecenti, esortava del pari a stringersi in santa 
lega contro le esagerazioni e le sconcezze della moda, allontanando 
da se e non tollerando negli altri cio che non e consentito dalle leggi 
della cristiana mo'destia . 

Ora 1'esortazione del S. Padre non do veva cadere in vano, e se ne e 
avuto un saggio appunto nello scorso 29 giugno. ~L'Osservatore Romano 
del 2 luglio scriveva infatti : Ogni voce di devozione e di augurio, 
ogni parola di obbedienza e di affetto, che per la Festa del Papa 
e pervenuta da tutte le Donne Cattoliche e da tutte le parti d'ltalia al 
Papa aveva quest 'anno una stessa nota gradita. L'affermazione del- 
1'opera compiuta e il proposito del nuovo lavoro, dice vano nolle mi- 
gliaia di telegrammi pervenuti al Santo Padre, con quale obbedienza 
e accolta la sua parola, eseguiti i suoi desiderii, compiuti i suoi voti . 

E noi per conto nostro aggiungiamo di sperare che le generose 
donne non restringano lo zelo alia festa di S. Pietro, ma prose- 
guano senza ristare, ora che al nobile apostolato vengono invitate 
anche dalla recente lettera dell 'Episcopate Veneto sulla mo- 
destia cristiana nel vestire . 

3. Poco prima e connessa con la festa di S. Pietro vi fu la com- 
memorazione dei Protomartiri romani, che i Cultores Martyrum 
hanno ripreso a tenere dopo la forzata interruzione della guerra. 
Si tratta dei moltissimi che sotto Nerone, accusati calunniosamente 
dell'incendio della citta, vennero fatti morire nelle crudeli maniere 
che tutti sanno dalla storia. Erano tutti discepoli degli apostoli e f u- 
rono primizie dei martin che la Chiesa romana, fecondo campo di 
martiri, avanti la morte degli Apostoli, mando al Signore . (Marti- 
rologio, 24 giugno). La commemorazione scientifica e religiosa insieme 



374 CRONACA CONTEMPORANEA 

si tenne la domenica 27 giugno e, quel ch'e meglio, sul luogo stesso 
dove quegli eroi del nascente Cristianesimo patirono il martirio, 
vale a dire nell'area che fu gia quella del Circo e dei giardini Nero- 
niani. E niente di piu bello che il riscontro tra quei classici ricordi 
della primitiva Roma cristiana e il luogo stesso dove avvennero i 
fatti ricordati. L'oratorc f-u 0. Marucchi, che con esposizione rigoro- 
samente storica, ma viva e colorita, fece passar dinanzi alia mente 
dei folti uditori le scene tragiche della persecuzione di Nerone, del- 
1'incendio di Roma, dei supplizi orrendi inflitti ai cristiani, e del mar- 
tirio degli Apostoli Pietro e Paolo. E quando fu al termine della sua 
calda dissertazione, dalle recenti beatificazioni prese il motive d'un 
felice raffronto : cioe a quei primi martiri di Roma messi a morte 
nelle diverse maniere che Tacito narra, fra 1'altre quella per la quale 
tanti di essi rivestiti di materia infiammabile furono fatti ardere a 
maniera di torce per i divertimenti notturni dei giardini neroniani,' 
1'oratore pote ravvicinare i recentissimi prirni martiri dell'Uganda, 
anch'essi avvolti entro fascine di canne e bruciati vivi in odio alia 
stessa fede di venti secoli or sono. 

Quando il Marucchi fini, calavano le ombre del tramonto, e allora 
da S. Maria del Camposanto, presso cui la commemorazione s'era te- 
nuta, si vide uscire una processione di austera solennita: recava il 
SS.mo Mons. Tacci, Maggiordomo di Sua Santita, preceduto da 
una fila di diaconi e di sacerdoti, secolari e regolari, e seguito da 
una folia di devoti. II sacro corteo, tutto luminoso di faci, uscendo 
fuori dal Camposanto teutonico, giro nelle adiacenze della Basilica 
lungo tutto lo spazio che si sa corrispondere all 'area dell'antico 
Circo, e poi rientro dond'era uscito ; mentre alle voci salmodianti 
della processione s'univano dall'alto le squille dei sacri bronzi e 
gli edifici circostanti si corona vano di fiaccole. 

4. Un altro fatto degno di menzione, in quella stessa domenica, 27 
giugno, fu lo spettacolo di pieta cristiana, dato da una folia d'operai 
iscritti aM'Opera dei Ritiri e alia Lega di Perseueranza. Quest'opera e 
nota omai in piu citta d'ltalia, e a Roma in particolare, grazie allo zelo 
del P. Domenico Gori d. C. d. G., essa cresce rigogliosa, come si vede 
dalle nuove sezioni aggiuntesi di fresco a quelle che gia fiorivano 
prima della guerra. Vi si accolgono operai di tutti i mestieri, ma quelli 
soli che, sentendo oltre i bisogni economici, anche quelli dello spirito, 
vogliono avere 1'agio di provvedervi. E cio essi fanno innanzi tutto 
neiRitiriSpirituali, dove, lasciata per pochi giorni la propria casae il 
proprio mestiere, vengono accolti e mantenuti, per badare, in una pia 
solitudine, allariforma della propria vita morale; e poi nella Lega di 
Perseveranza. che essendo distribuita in tante sezioni, secondo i di- 
versi rioni della citta, ciascuno ogni mese ha I'-agio di accostarsi 
ai Sacramenti e mantener vivo lo spirito di pieta concepito nei Ritiri. 

Ora lo spettacolo che dicevamo fu quello che si vide, la mattina 
del 27 giugno, nella Chiesa del Gesu, dove riunitesi le nove sezioni, 
quante ora se ne contano a Roma, si compi la benedizione dei nove 



COSE ROHANE 175 

vessilli. Gli operai adunati erano una massa di oltre due mila, che tra 
1 'ammirazione degli altri fedeli, occupavano la parte superioredel va- 
sto tempio,assistitidaipresidenti delle sezioni e, in apposite bancate, 
dalle raadrine e padrini dei nuovi vessilli. Cantarono da prima, con le 
loro voci robuste, i cinque Salmi di Maria : udirono una breve allocu- 
zione e poi la S. Messa celebrata dall'E.mo Card, de Lai; il quale, 
a suo tempo, coadiuvato da altri sacerdoti, distribui loro la S. Comu- 
nione. Terminata la S. Messa, lo stesso E.mo Cardinale, benedisse le 
bandiere, ciascuna delle quali era portata innanzi a luidal vessillifero, 
e accompagnata dalla madrina o dal padrino e dal rispettivo pre- 
sidente della Sezione. 

Ne la funzione era finita : alia cerimonia di chiesa segui quella 
fuori di chiesa : la processione. E il lunghissimo corteo degli operai, 
schierati per quattro, con ciascun vessillo inalberato dinanzi a cia- 
scuna sezione, usci dal tempio ; e col corteo usci il baldacchino, soste- 
nuto anch'esso da operai e sotto il quale, il R. P. Carlo Miccinelli, 
Provinciale della Provincia Romana d. G d. G., recava il Santissimo. 
E qui lo spettacolo fu meraviglioso, perche in quella piazza del Gesu 
cosi centrale e di cosi intense movimento non poteva non far colpo la 
vista di una f alange compatta d'operai come quella, messi insieme non 
per le solite dimostrazioni proletarie, piene di odio e di grida incondite 
e di facce e d'imprese sinistre, ma per una devota processione del 
Sacramento, con aspetto sereno e serena coscienza, pregando e can- 
tando e professando in piena Roma, la propria fede. La processione 
fece il giro della piazza fra 1'ammirazione di quanti passavano per la 
popolosissima arteria, sostando i piu aH'insolito spettacolo con atteg- 
giamento di fede o almeno di rispetto. 

Questa f u la funzione del mattino : nel pomeriggio poi, quando per 
iniziativa dell'Opera dell'Apostolato della Preghiera e della Consacra- 
zione delle famiglie al Divin Cuore, vi fu a S. Pietro un pellegrinaggio 
delle Zelatrici romane all'altare dedicate da S. S. Benedetto XV a 
S. Margherita M. Alacoque, ancora una volta i bravi operai fecero 
la loro comparsa, e nel lunghissimo corteo, che percorse la Basilica, 
spiccavano con le loro schiere anche i loro vessilli. 

Non paiano superflui questi particolari, perche mostrano che la 
religione esercita ancora efficacia sul cuore del popolo, e questo e 
il solo raggio di speranza tra le fosche previsioni delFawenire. 

5. Oltre le note lettere che su le agitazioni degli operai, pene- 
trate anche tra le file cattoliche, il Santo Padre spedi al Vescovo 
di Bergamo e piu recentemente all' Episcopate Veneto da noi gia 
riportate, due altre egli ne scrisse ancora, che toccano lo stesso 
argomento : all'Episcopato lombardo ed all 'Episcopate emiliano; di 
esse riportiamo i tratti piu rilevanti. Nella prima, data il 10 giugno 
1920, il Santo Padre cosi parla : 

Opportunamente Voi, nella lettera che Ci inviaste in comune, 
dei mali di cui va oppressa 1'eta presente andate ricercando le cause 
e proponendo i rimedi. Che soccorrano alle necessita degli operai 



176 CKONACA CONTEMPORANEA 

non mancano certamente istituti e provvidenze ; e Voi, mentre da 
parte Vostra andate consigliando intorno a cio, giustamente fate 
proprie e riferite come #, Voi indirizzate tutte quelle argomentazioni 
che Noi intorno a un siffatto soggetto esponemmo, non molto tempo 
addietro, al Venerabile Fratello il Vescovo di Bergamo. E in realta, 
come Voi stessi accennate, oltre che essere pressoche eguali le con- 
dizioni di tutta la Provincia Milanese, i punti fondamentali di dot- 
trina cattolica, i quali richiamammo al popolo di Bergamo, sono tali 
da ricevere appunto si larga applicazione e cosi ampia spiega- 
zione; come pure torna evidente aver noi da un fatto singolare 
pigliato occasione per istniire ed ammonire i cattolici di un princi- 
pio che si deve universalmente da tutti professare. E poiche, come 
vedete, gia a tal segno so.no giunte le cose, che non tanto e da temere 
che dai padroni sia fatto strazio dei diritti dei lavoratori, quanto 
che i lavoratori invadano i. diritti di coloro che possiedono, Voi la 
causa degli uni e degli altri dovete difendere, i primi esortando a 
dare altrui e a comunicare dei propri beni con mano soccorrevole, 
rammentando ai second! che i diritti degli altri non possono essere vio- 
lati. In questo specialmente vorremmo che la prudenza e la verita 
vostra, insieme intrecciate, si segnalassero splendidamente . 

NelPaltra lettera, del giugno, prendendo motive dallo scritto di 
omaggio e di ringraziamento che 1'Episcopato emiliano Gliaveva indi- 
rizzato a proposito della mentovata lettera al Vescovo di Bergamo, il 
S. Padre risponde: Abbiamo trattato, come sapete, di cosa che merita 
una sollecita vigilanza giacehe per le quotidiane difficolta e dispute, 
gli animi s'accendono in modo che a mala pena riescono a dominarsi. 
Soprattutto conviene sentire e operare rettamente. Certo e lecito a 
quelli che vivono nelle strettezze procacciarsi una migliore fortuna : 
ma volerlo ottenere con i tumulti e con la violenza, senza discer- 
nere tra quel che e giusto o quello che e ingiusto, non e lecito. Dove 
vada a riuscire 1'azione di quei nostri uomini, che nel difendere i di- 
ritti degli operai, non si guardano daH'imitare ed emulare le organiz- 
zazioni socialiste, non v'e chi non lo vegga. Laonde o diletto Figlio 
Nostro,e Venerabili Fratelli, questo dovete voichiedere eprocurare, 
questo debbono tutti quanti stanno a capo di associazioni d 'operai 
cattolici, che cioe gli operai prendano a combattere la loro buona 
battaglia osservando la giustizia e mantenendo la disciplina. 

E un linguaggio molto chiaro, e non occorrono commenti. 

6. A suo tempo, riferimmo del primq Congresso Catechistico Dio- 
cesano tenuto a Roma, mesi or sono, e della sua felice riuscita e dei 
voti espressi. Ora una lettera di Benedetto XV al Card. Vicario, in 
data della festa dei SS. Apostoli Pietro e Paolo, ci richiama ad esso. 
In quella lettera ricordando il Santo Padre le idonee provvidenze, 
che il Congresso trovo per dare all 'opera catechistica il rinvigorimento 
richiesto dalla tanto accresciuta popolazione di Roma, dalla piii 
diffusa istruzione nelle umili classi e dalle piu intense brame di sa- 
pere, egli ne esprime il suo alto compiacimento. In particolare, tra 



COSE ROMANE 177 

i vari voti del Congresso, egli aggiunge di averea cuore, per il carat- 
tere che rivestono di piu impellento urgenza, quelli emessi circa i 
corsi di coltura religiosa per gli adulti e circa Pordinamento delle 
scuole medie e superior! di Religione . Che pero, chiaritane Pim- 
portanza, e richiamandosi in modo particolare all'esortazioni del 
nuovo Codice, vivamente raccomanda ai membri del Clero seco- 
lare ed a quelli del Clero regolare di prestare ai Parroci, nelPadem- 
pimento di cosi grave e delicato ufficio, il valido, fraterno, volente- 
xoso aiuto che Popera esige e che la carita di Cristo consiglia . E 
poiche a Lui non pud sf uggire la necessita anche dei mezzi materiali, 
e in una misura ne piccola ne passeggera, gli provvede anche a 
questo, incitando gli altri bensi, ma andando innanzi coll' esempio 
della sua munificenza. Ecco le parole del Santo Padre : Mentre 
alia beneficenza cristiana additiamo come oggetto degnissimo fra 
tutti le novelle iniziative dirette all 'incremento dell 'istruzione reli- 
giosa del Nostro diletto popolo di Roma, vogliamo t.nche in questa 
parte procedere tutti, come con la parola, cosi con 1 'esempio; e rimet- 
tiamo nelle mani di Vostra Eminenza la somma di lire 200.000, quale 
ulteriore documento del concetto altissimo che Noi Ci formi?mo della 
cosa e dell'interessamento tutto speciale col quale intendiamo caldeg- 
giarla . Ed ora e da augurare che una cosi alta parola ed un cosi no- 
bile esempio trovino eco nei favoriti dalla fortuna e in tutti coloro 
che hanno fiamma di carita in petto, mentre tanto si lamentano le 
ro vine prodotte nei popoli dalla miscredenza e dall'ignoranza della 
religione. 

7. II giorno di S. Pietro s'inaugurarono ad Ostia i lavori del porto 
di R-oma, E la grande opera che finalmente viene a maturita e per 
la quale Roma riacquistera il suo antico sbocco commerciale; Roma, 
diciamo, perche quando da qui a due anni, come si calcola, il tronco 
di ferrovia sara terminato, il tragitto si compira in soli quaranta mi- 
nuti, da Piazza Venezia al mare. 

La solennita dell'inaugurazione fu corrispondente all'impor- 
tanza dell'opera. Intervennero il Re col Principe Ereditario, e una 
folia d'uomini del governo, del municipio e del mondo parlamen- 
tare e ufficiale. La religione vi porto i suoi riti e la sua parola per 
mezzo di Mons. Bertini, Vicario Generate d'Ostia. Dopo che il Re 
ebbe inaugurato i lavori, rimovendo con la pala un po' di terra e sca- 
vando un breve solco, il mentovato mons. Bertini che gia prima 
della cerimonia aveva celebrata la santa messa, benedisse la zona dei 
futuri lavori, stando tutti a capo scoperto. Furono tenuti pm di- 
scorsi : dall'ing. Paolo Orlando pel Comitato Nazionale Pro Roma 
Marittima ; dall'on. Peano, ministro dei Lavori Pubblici ; dal 
sen. Apolloni sindaco di Roma ; ma piu che i discorsi giovera la be- 
medizione di Dio invocata sull'impresa. 



Civtit* Cattolica, 1920, vol. 3, quad, 1682. 12 10 luglio 



178 CRONACA CONTEMPORANEA 



1. Riaportura del Parlamento. Le comunicazioni del Governo. 
2. L'esposiziono finanziaria del ministro del Tesoro. La Camera 
approva I'esercizio provvisorio per sei mesi. 3. Sanguinosa ri- 
volta di Aricona moti rivoluzionari nelle Marche e altrove. - 
5. Morte di alcuni uomini illustri. 

1. II nuovo ministero si presento al parlamento il 24 di giugno. 
Dalle comunicazioni dell'on. Giolitti, lasciando da parte le molte 
promesse solite di tutti i minister!,- rileviamo quelle che egli poi, 
per dare prova di pronta e pratica attivita, depose subito dopo 
ordinate a disegno~ di legge da discutersi con urgenza. La prima 
riguardava una modificazione dell'art. 5 dello Statute, gia accet- 
tata dall'on. Nitti, per la qualo si dispone che di qui innanzi i trat- 
tati e gli accordi internazionali, qualunque sia il loro oggetto o la 
loro forma, non saranno validi se non dopo 1 'appro vazione parla- 
mentare, e senza tale prevent! va appro vazione non vi potra essere 
dichiarazione di guerra. Perche poi il Parlamento possa esercitare 
la sua vigilanza sulla politica estera, egli propose la istituzione di 
commissioni permanent! nelle due Camere, alle quali il Governo dara 
notizie dei negoziati e comunichera i document! che toccano le 
question! di maggiore gravita, .cominciando per I'appunto da quell! 
che ora spettano all'assetto 'dell' Adriatic e alle sue dipendenze. 

Nel carnpo economico, per colmare 1'enorme vuoto finanziario, 
parlo di poteri speciali che egli richiederebbe per costringere a col- 
tivare grano in tutte le terre che ne possono produrre, o per ricor- 
rere a speciali requisizioni : accenno ad esplorazioni del nostro sot- 
tosuolo per iscoprire tesori ipotetici di materie prime, a lontane 
speranze di sostituire il carbone con le forze idroelettriche, a econo- 
mie future in tutti i servizi pubblici. Quanto aH'immediato presente, 
i provvedimenti studiati con appositi disegni di legge sono questi : 
a) avocare allo Stato i sopraprofitti di guerra : b) procedere ad un'in- 
chiesta parlamentare sulle spese di guerra ed alia revisione dei rela- 
tivi contratti : c) rendere piu forte mente progressiva la tassa sulle 
succession! : d) aumentare di molto Pimposta sulle automobili, mo- 
tociclette e autoscafi privati: e) imporre 1'obbligo di rendere nomi- 
nativi i titoli al portatore di qualsiasi specie, azioni, obbligazioni, 
rendita di Stato, cartelle fondiarie e simili, eccettuandone i buoni 
del Tesoro. La massa di questi titoli rappresenta circa 70 miliardi 
che in maggior parte sfuggono alle tasse di successione e sfuggi- 
rebbero anche a quella sul reddito e sul capitale . II presidents del 
Consiglio chiuse il suo non lungo discorso con un appello agli ita- 
liani tutti, perche tutte le classi sociali cooperino alia ricostruzione 
e sal vino il paese dalla rovina. Avendo allora un socialista leva to 
il grido : E 1' Albania ? L'on. Giolitti si rialzo per dichiarare recisa- 



COSE ITALIANE 179 

mente che il Governo non intende mantenere il disegno di protet- 
torato su quel paese, ma di volerne la indipendenza . 

Fu questa la sola spuntatura di politica estera : quanto a po- 
litica interna, il presidente del Consiglio nel suo diseorso-programma 
diede parola di abbandonare il sistema dei decreti-legge e tornare 
all'osservanza dello Statute. Quindi aggiunse qualche dichiarazione 
che riscosse gli applausi dei popolari e suscito le disapprovazioni dei 
socialisti. Riguardo alle associazioni dei lavoratori, disse, lo State 
dove mantenere la piu assoluta imparzialita : tutti devono svolgere 
liberamente 1'opera loro, finche non esce dai confini segnati dalla 
legge. E quando si tratta di eleggere rappresentanze operaie a far 
parte di corpi deliberanti o consultivi, 1'elezione dovTca farsi col si- 
stema della rappresentanza proporzionale . E poco appresso, par- 
lando delle Provincie e dei Comuni, espose il proposito di concedere 
una larga autonomia, sostituendo alia tutela governativa una 
estesa applicazione del referendum e dell'azione popolare . Da ultimo 
per 1'istruzione pubblica stimo urgente il bisogno di intensificare 
1'alta istruzione tecnita. di sostituire al numero eccessivo di scuole 
classiche, le agrarie e quelle di arti e mestieri veramente pratiche 
e di istituire gli esami di Stato, unico mezzo serio per avere un 
efficace controllo sul profitto degli allievi e sull'attitudirie dei pro- 
f essori all 'insegnamento . 

2. Alia discussione per 1'esercizio provvisorio venne messo in- 
nanzi lo stato finanziario del Tesoro : e ne fece una chiara esposi- 
zione nella seduta del 28 giugno il ministro Meda, parlando special- 
mente del bilancio presuntivo per 1'esercizio dal 1 luglio 1920 al30 
giugno 1921. Le entrate sono calcolate complessivamente in 10 
miliardi 500 milioni. Le spese normali invece ascenderebbero all 
niiliardi 535 milioni, superando gia le entrate di piu che un miliardo. 
Ma alle spese normali sono da aggiungere le spese straordinarie di- 
pendenti dalle condizioni economiche e politiche succedute alia guer- 
ra, che oltrepassano le prime, e nonostante le riduzioni sempre mag- 
giori che il Governo si promette di attuare, non possono prevedersi 
per 1'esercizio predetto in meno di 13 miliardi e 200 milioni. A for- 
mare questa somma contribuiscono 1) il disavanzo per il grano e 
i cereali, in 5500 milioni : 2) le spese che ancora incombono ai minister! 
della Guerra, della Marina e delle Colonie, in 2850 milioni : 3) le 
spese per le Terre liberate o redente col risarcimento dei danni, in 
2000 milioni : 4) le spese di trasporto marittimo dei cereali ecc., in 
1300 milioni : 5) il disavanzo dell'azienda ferroviaria in 600 milioni : 
6) Pindennita caroviveri, teste concessa al personale in servizio at- 
tivo in 650 milioni r 7) gli oneri di assistenza militare, in 300 milioni. 

Da tutto cio consegue che nell'esercizio 1920-21 vi e un disavanzo 
di circa 14 miliardi. Per diminuire cosi enorme difEerenza sono pre- 
parati i nuovi ordinamenti dei tributi con la tassa progressiva sul 
reddito globale e 1'imposta straordinaria sul patrimonio, e le ridu- 
zioni di spese con le semplificazioni amministrative. Una intensa 



180 . CBONACA CONTEMPORANEA 

e regolare produzione, la tranquillita all'interno sono le due partite 
piu sicure per il bilancio del Tesoro, insieme con la stabilita del rap- 
porti internazionali . Anche la questione del pane dovra trovare 
una soluzione per isgravare lo State di un peso formidabile : in ogni 
caso la salvezza e nella visione chiara della realta e dei doveri che 
essa impone. II Governo intende por mano anche con energici atti 
al risanaraento delle finanze : ogni esitazione potrebbe riuscire esiziale 
al paese. 

II ministro del Tesoro aveva chiesto 1 'appro vazione dell'esercizio 
provvisorio per sei mesi. L'estrema sinistra fece valere la sua op- 
posizione per bocca soprattutto del Modigliani, che voleva restrin- 
gere la concessione a un solo mese. Ma il contrasto mirava piuttosto 
alia questione politica dell'intervento in Albania, di cui parleremo 
altrove. II disegno di legge per 1'esercizio provvisorio, messo in vota- 
zione a scrutinio segreto nella seduta del 29, venne approvato senza 
difficolta con 316 favorevbli e 91 contrari sopra 407 votanti. 

3. Un nuovo scoppio di quel malumore anarchico, che i socia- 
listi bolscevichi fomentano apertamente in tutto il regno, mise teste 
a ribellione ed a sangue Ancona e le Marche. II moto ebbe principio 
da Ancona, dondeun battaglione di bersaglieri doveva partire, si 
credeva, per PAlbania. Un branco di teppisti, intruffolatosi nella 
caserma per connivenza di pochi soldati, vi eccito un ammutina- 
mento la notte del 25, abbarrando le porte e disarmando gli uffi- 
ciali. Gruppi di rivoltosi tentarono uscire con mitragliatrici, inva- 
dendo le vie adiacenti per dominare la citta. La caserma fu dovuta 
circondare di reticolati e sbarramenti con mitragliatrici e cannoni 
che in poco d'ora avrebbero abbattuto ogni cosa. II colonnello del 
reggimento richiamo i soldati al dovere, e la maggior parte accetto 
prontamente il suo invito. I soli capi della ribellione furono passati 
a giudizio. 

Mentre cosi svaniva rapidamente la sommossa militare, altra 
peggiore ne avevano disseminata in citta i campioni della piu lu- 
rida ciurmaglia rossa. Con armi rubate ai negozi svaligiati o tolte 
ai soldati sopraffatti e violentati, montati su autocarri s'impadro- 
nirono dei forti che dominano la citta, il Savio * 1'Aspio ; con le 
mitragliatrici presero di mira un treno di viaggiatori che partiva 
per Bologna, uccidendo e ferendo molti di loro : assalirono le guar- 
die tentando sforzare la loro caserma, e si fortificarono poi presso 
la Camera del lavoro. Per tutta la giornata del 26 e del 27 si com- 
batte qua e la per le strade verso la caserma Villarey, dove era co- 
minciato il movimento, e verso il rione Arc hi ed il Borgaccio, centro 
della teppa. Al cader del giorno una torpediniera d'alto mare, a cin- 
quecento metri dalla riva, dovette tirare contro i rivoltosi che, in- 
calzati da tutte le parti, si erano rinserrati in quei paraggi e si disper- 
sero poi sulle colline dominanti la citta. 

La sommossa, domata man mano da carabinieri e regie guardie 
col concorso degli stessi bersaglieri tornati alia disciplina, da Ancona 



OOSE ITALIANE 181 

si ando ripercotendo nei minor! centri della regione. A lesi, alcuni 
dei fuggiti da Ancona avevano messa la citta a tumulto, create un 
governo provvisorio, assalita la stazione, distrutto qiiel che poterono 
e organizzata la resistenza, che fu pero presto superata il giorno ap- 
presso da 200 guardie soprarrivate. A Morro d'Alba, presso Siniga- 
glia, il parroco fu spogliato e legato dietro un automobile portato in 
giro per le vie del paese e finalmente abbandonato ignudo dinanzi 
alia sua abitazione. Anche a Pesaro, ad Osimo. a Fabriano, a Ma- 
cerata, a Chiaravalle vi furono lotte dei rivoltosi contro carabinieri 
e guardie, violenze per imporsi in vece delle autorita stabilite : lo 
stesso era avvenuto a Rimini, a Forli ed al trove con piu o meno 
gravita. Si faceva credere che la rivoluzione era trionfante in tutta 
Italia : era una gazzarra di socialisti, rspubblicani, comunisti, anar- 
chici, e sopratutto ladri, truffatori e malviventi che vedevano co- 
minciare il loro impero sqspirato. Venuto meno il fuoco della ribel- 
lione a mano.armata, si ebbe un tiltimo sfogo negli scioperi ordinati 
non si sa per qual motive ne per quale scopo. Certo le sommosse 
avevano fatto numerose vittime dalle due parti, benche forse non 
tante quante potevano temersi. Contro di chi o perche protesta- 
vano gli scioperanti 1 ^j 

Si dice che siansi scoperte e raccolte prove di una trama ordita 
contro la. sicurezza pubblica dello Stato. Vedremo che cosa fara 
il Governo contro i pubblici sobbillatori per assicurare una buona 
volta 1'ordine e la tranquillita dei cittadini. 

4. Nella notte dell'8 giugno moriva improvvisamente in Bologna, 
sua citta natale, il senator Augusto Righi, uno dei piu minenti 
cultori delle scienzo fisiche in Italia. Laureate ingegnere a 23 anni 
nel 1873 e nominate professore di fisica all'Istituto tecnico di Bolo- 
gna, vi dette subito inizio alle sue predilette ricerche suH'elettricita 
che doveva essere il suo preferito campo di lavoro: e gia su quel prin- 
cipio, studiando la magnetizzazione dell'acciaio, vi segnalo il feno- 
meno dell'isteresi che il Warburg non pubblico se non alcuni mesi piu 
tardi. Designate professore di fisica all'universita di Palermo e nel 
1885 trasferito a quella di Padova, non molto dopo venne finalmente 
a Bologna, che doveva essere il centre della sua ininterrotta attivita 
scientifica per piu di trent'anni. 

I suoi lavori piu noti sono quelli che toccano la natura dell'elettri- 
cita e 1'analogia dei suoi fenomeni con quelli della luce, descrivendo 
1'ottica. delle oscillazioni elettriche con nuove esperienze per tra- 
sformare le lunghe onde herziane in onde piu brevi e riprodurre tutti 
i fenomeni propri delle radiazioni lumiiiose. Abilissimo esperimenta- 
tore, aveva saputo creare e modificare molti strumenti di ricerche con 
ristrettissimi mezzi,'a cui suppliva il suo intuito geniale, ottenendo 
nuovi risultati - come le ombre elettriche prodotte t dai raggi cato- 
dici investigando la natura corpuscolare della elettricita e la costi- 
tuzione elettrica della materia, scoprendo i raggi magnetic!, le 



182 CBONACA CONTEMPORANEA 

rotazioni iono-magnetiche e cento altri fenomeni che arricchirono la 
scienza. 

In piu di mille duecento memorie da lui pubblicate non vi e 
raino delle scienze fisiche a cui egli non abbia portato un contribute 
iinprontato sempre di metodo severo e di lucida esposizione. Queste 
stesse qualita unite a gentilezza di modi facevano ricercare assidua- 
mente le sue lezioni : e la ricorrenza giubilare del suo insegnamento 
a Bologna nel 1907 riusci una non comune attestazione di stima e 
di affetto dei suoi uditori, anzi di tutto il mondo scientifico, i cui 
maggiori istituti lo avevano come membro onorario. 

Alia solenne manifestazione di lutto a cui presero parte le rap- 
presentanze dell'Universita, del Comune e dello Stato, seguite da 
immenso corteggio, non manco il rito cristiano dell'assoluzione alia 
salma nella chiesa della Maddalena : segno di quella fede che e la 
prima e la piu sublime delle scienze. Ne furono invece esclusi i di- 
scorsi per espressa volonta del defunto. 

Una settimana dopo anche Firenze era attristata da lutto cittadino 
per la perdita del senatore march. Pietro Torrigiani. Entrato gio- 
vanissimo nella vita pubblica, aveva lasciato presto il mandate legi- 
slative per assumere la carica di sindaco della citta, succedendo al 
principe Tommaso Corsini: e in tale qualita il suo nome illustre si trova 
associate al compimento della bell a facciata di santa Maria del Fiore, 
alle splendide feste inaugurali del maggio 1887, ai nobili ricevimenti 
susseguitisi in quegli anni quando la regina Vittoria, principi, scien- 
ziati, artisti di ogni paese avevano trovato in Firenze quasi il giardino 
preferito di lore ritrovo : nessuno meglio di lui quanto alia nobilta del 
casato e alia signorilita del tratto, poteva rappresentare la sua citta 
in tali coiitingenze. Alia dignita del gentiluomo egli seppe unire co- 
stante rispetto alia religione : come primo magistrate cittadino, inter- 
prets dei sehtimenti cattolici della maggioranza della popolazione, non 
manco mai di recarsi ufficialmente il giorno di san Giovanni a ren- 
dere omaggio al celeste patrono di Firenze. Era presidentedell'O- 
pera di Santa Croce, dell'Istituto della Quiete, della societa Dan- 
tesca, e capo di guardia della Misericordia. Nel sincere sentimento 
di fede, che aveva sempre conservato neH'animo, aveva chiesto ed 
ottenuto nella piu grave eta di potersi comunicare spesso con la 
dispensa del digiuno. Aveva di pochi giorni oltrepassati i 74 anni. 
I f unerali, onorati dalle autorita dello Stato e del Comune, furono 
accompagnati dal rimpianto sincere e dalla piu sincera venerazione 
che gli avevano meritato la bonta squisita del gentiluomo e la 
virtu del cristiano. 



NOTIZIE GBNEEALI 183 

' <% 

III. 

COSE STRANIERE 

'(Notizie speciali) 1. La Conferenza d' Spa. 2. Le nuove Nunziature 
apostoliche. 3. La questione irlandese e un discorso del Cardi- 
nal Bourne. 

\ 

1. II 5 luglio ha avuto principle la Conferenza di Spa, terra del 
Belgio sotto Verviers, presso il confine della Germania, alia quale Con- 
ferenza spetta un grave incarico. Con gli alleati vi sono rappresentanti 
tedeschi, perche si tratta di venire a una determinazione definitiva 
degli obblighi imposti alia Germania dal trattato di Versailles. I punti 
infatti che si dovranno definire sono : le clausole militari, le ripara- 
zioni, la consegna del carbone, le clausole economiche, la punizione 
dei colpevoli e la questione di Danzica. Questa conferenza di Spa fu 
iinmediatamente preceduta da quella che tra soli alleati si tenne a 
Bruxelles, 2-3 luglio, e che a sua volta sussegui a quella di Boulogne- 
sur-Mer, della quale dicemmo nella passata cronaca. I tedeschi mo- 
strano ora, come in passato, la loro riluttanza per il troppo grave 
peso che per essi e il trattato di Versailles ; e in piu d'un'occasione 
hanno fatto intendere che, se non venga mitigato, 1'intera esecuzione 
di esso supera le loro forze. D'altra parte gli alleati dicono che le dif- 
ficolta addotte dai tedeschi sono pretest! per sottrarsi ai loro obbli- 
ghi. Noi auguriamo che Pequita presieda ai consigli degli adunati 
nella piccola citta belga, e ne esca tma pace veramente tale, cioe 
giusta. 

2. Mentre in Francia il ristabilimento delle relazioni diplomatiche 
con la Santa Sede trova incagli ed ostacoli, altre nazioni gareggiano 
per riallacciare queste relazioni col Papa. Cosi a Berlino si e voluta 
una Nunziatura, e Mons. Pacelli, passato cola da Monaco, do v 'era 
stato finora, ha presentato recentemente le lettere credenziali. Anche 
per Budapest il Nunzio apostolico e gia designate ; e presto ne sara 
designate un altro per Bucarest, avendo gia il Santo Padre dato il 
gradimento richiestogli dal Re di Rumenia, per la nomina del Si- 
gnor Demetrio Pennescu a Inviato Straordinario e Ministro Plenipo- 
tenziario di quella nazione presso la Santa Sede. Inoltre e la volta 
anche della Svizzera, dove fin qui non v'era stato altro che 
un rappresentante ufficioso della Santa Sede, mandatovi in occasione 
della guerra, per la pietosa opera del Papa a pro dei prigionieri. L'espe- 
rimento, come si vede, favorevole di queste relazioni durante la guerra 
ha fatto desiderare che 1'Inviato ufficioso divenisse ufficiale e perma- 
nente, cioe un Nunzio vero e proprio. E in questo senso ha deliberate 
il Consiglio federate svizzero, e la sua deliberazione e stata assai bene 
accolta e con gran favore commentata dai maggiori giornali di quella 
nazione. Tanto piu che grandi elogi sono stati fatti del presente In- 



184 ORONACA CQNTEMPORANEA 

viato ufficioso della Santa Sede, Mons. Maglione, ed e stato espresso- 
1'augurio che egli sia il Nunzio designate. Piu di tutti, i giornali catto- 
lici sono stati unanimi nel mettere in luce il valore dell'avvenimento,. 
sia nel riguardo internazionale sia per quello particolare del catto- 
licismo in Isvizzera. Ma checche sia, e certo di buon augurio, fra le 
trepidazioni del momento storico in cui ci troviamo^ il volgersi di 
tante nazioni verso Roma papale. 

3. II giorno 16 giugno nella cattedrale di Westminster si tennero 
solenni funzioni in onore del novello Beato Oliviero Plunket, Arci- 
vescovo di Armagh e Primate d'Irlanda. Come si rileva da una corri- 
spondenza particolare dell' Osservatore Romano dell '8 luglio, il vasto> 
ternpio era gremito, e v'erano i piu noti personaggi cattolici inglesi. 
Degno della circostanza fu il discorso di S. Emza il Card. Bourne, 
Arcivescovo di Westminster, il quale, parlando del grande rnartire 
irlandese, non pbteva non parlare delPIrlanda. Ne rifece la storia do- 
lorosa della lotta di religione, quando 1'Irlanda intensifico la sua 
unione col centre della fede, e PInghilterra invece, privata, contro la 
sua volonta, di tale necessario legame, si allontano ogni giorno piti 
dall'antica fede, che era stata la sua vita e la sua gloria per quasi 
mille anni. Venne cosi spezzato il legame fra i due popoli, legame che 
avrebbe potuto favorire la cordiale fratellanza; mentre la nuova gra- 
vissima divisione esacerbo i precedent! dissidii e culmino in un lungo 
periodo d'incessante e sanguinosa persecuzione. Ogni colpo vibrato 
dai protestanti alia tradizione cattolica d'Irlanda rese piu difficile 
la soluzione della perenne questione irlandese ; e se oggi a moltissimi 
tale questione pare insolubile, nessuno ne ha piu colpa-di coloro che 
nel xvi secolo furono i promotori e fomentatori della scissione reli- 
giosa fra le due isole. Si scavo cosi un abisso tra i due popoli, e Pultimo 
martirio doveva essere riserbato al glorioso Oliviero Plunket, la cui 
recente glorificazione e lecito sperare sia 1'inizio di nuova pacificazione 
fra i due popoli. Certo la condizione di cose non e stata mai tanto 
grave quanto oggi, e nonostante i molti favorevoli cambiamenti, 
Pawenire dell'Irlanda resta si grave d'ansieta, di dolori e d'angustie 
da destare le sollecitudini del mondo intero ; ma in unione ai nostri 
fratelli irlandesi - proseguiva il Cardinale - noi leviamo i nostri cuori 
al Signore, al Salvatore di noi tutti, al Sovrano di tutte le nazioni, 
al Datore di tutti i beni, al Dio della Pace. Noi Pimploriamo perche 
ristabilisca la vera e fraterna pace conforme ai dettami della giustizia. 
Noi desideriamo ripetere ancora a tutti i nostri fedeli cattolici d'ln- 
ghilterra, che non v'e questione piu importante e di piu urgente so- 
luzione che una pronta, rapida, giusta, permanente sistemazione dei 
destini dei nostri fratelli Irlandesi . 

L'insigne Porporato proclamava poi di porre questa grande que- 
stione sotto il patrocinio speciale del B. Oliviero e terminava invocando- 
il giorno nel quale tutti gl'Irlandesi, superata la diuturna lotta, pos- 
sano godere anni di pace e di prosperita. 



INGHILTERRA 

INGHILTEEEA (Nostra corrispondenza) l . 2. Parlamento e governo. 
3. La politica irlandese. 4. La politica del lavoro. 

2. Non a torto il ministero di Lloyd George e stato chia- 
mato dall'ex ministro Asquith : ii governo del superuomini. Pochi 
uomini in fatti hanno preso sopra di se la cura di tutti i pro- 
blemi, di tutti gli affari, di tutta la vita passata, presente e fu- 
tura, nazionale ed internazionale, di guerra e di pace. Cosi starino 
in realta anche ora le cose, sebbene al Consiglio di Guerra degli anni 
precedenti gia e succeduto un ministero normale quanto al numero 
e alia distribuzione dei ministri. Ma, se piccolo e realmente il nu- 
mero degli uomini che governano, di st< rminata estensione e il lavoro 
presente, con cui la coalizione dei conservatori e di alcuni liberal! 
si propone di ricostruire il regno, anzi il mondo, su nuove basi. Per 
ragione degli ultimi avvenimenti una parte notevolissima delle fa- 
tic he ordinarie del governo presente riguardano tutto il mondo. Se 
si eccettua 1' Am erica (ritornata a formare una nazione da se dopo che 
il Senate comincio a cancellare, se non a correggere, gli errori del 
Presidents Wilson) le altre nazioni, la Russia, la Turchia, la Persia, 
la Germania, 1' Austria, la Francia, 1'Italia e il resto aspettano dal 
governo inglese qualche parola nella soluzione delle loro molteplici 
difficolta. Sopra tutto poi e sopra tutti si solleva la figura del Primo 
Ministro Lloyd George, I'uomo unico che sta sopra a tutta la forza 
militare e politica, e porta con se il privilegio dell' ultima parola. 

Ma, pensando a tutte le altre regioni, il Governo non tralascia di 
attendere vigorosamente alle cose proprie, sia di tutto 1 'immense 
Impero, sia del Regno Unito. Quanto alPImpero, non c'e nessuno dei 
vasti domini inglesi che non senta la scossa impressa alia sua vita 
dal presente governo inglese. come non ce n'e nessuno che non senta 
i fremiti di una profonda ed oscura agitazione. II governo pero af- 
fronta tutte le difficolta con animo fiducioso, e per tenere legati me- 
glio tanti popoli alia Corona Inglese ha usato verso di loro spe- 
ciali riguardi in tutte le sue relazioni, anche tariffe preferenziali nel 
commercio, e specialmente ha mandate unaschiera di impiegati intel- 
ligent! e fedeli. Tutta via assai fosco e 1'av venire dei Dominii e delle 
Colonie inglesi, siano antichi o recenti, grandi o piccoli. La stessa 
isola di Malta, per prendere in Europa un esempio vicino, non e 
esente da difficolta, a sciogliere le quali non si sa quanto valga la 
cosiddetta autonomia che dovrebbe 'avere il suo principle Panno 
venturo 1921. II governo pero ha provveduto anticipatamente, sta-- 
bilendo in quell 'isola novamente la sede della forza navale me- 
diterranea, e nominando suo governatore uno dei piu grandi generali 
dell'esercito, Lord Plumer, il quale personalmente imprime l'orma 
del suo risoluto carattere a tutte le parti del suo vario ufficio, ed 
esercita un'azione diretta su tutte le forme della vita locale. 

Le cure principal! intanto del governo sono rivolte alia nazione. 

1 Contin. V. Quad. 1680 p. 571 sgg. 



186 CRONACA CONTEMPOEANBA 

Quale trasformazione e rinnovazione dovra descrivere chi com- 
porra un giorno la storia di quest! tempi ! Non mai come ora il go- 
verno estese la sua azione BU tutta la vita nazionale. Se la liberta 
civile e in ragione in versa della ingerenza governativa nella vita 
comune ; se un popolo e tanto piu libero quanto meno il governo lega 
con leggi le azioni dei sudditi, questo e forse uno dei tempi in cui 
ci e stata meno liberta nella nazione. II governo tutto invigila e tutto 
vuole regolare. 

Un esempio speciale di questa vigilanza riguarda i viveri ; 
istituita durante la guerra, non si sa quando finira. Naturalmente 
si levano delle proteste di tanto in tanto contro di essa. Non 
tutti restano soddisfatti, quando si dice, esser necessario d'im- 
pedire che i produttori ingannino i negozianti, che i negozianti in- 
gannino i rivenditori, che i rivenditori ingannino i consumatori. Ma 
siamo dunque, si chiedono alcuni irritati, siamo dunque diventati 
in questi cinque anni una nazione d'imbroglioni ? II governo si sente 
cosi forte da poter trascurare le critiche, e crede di aver tanta ragione 
da dover continuare nella sua via. Qltre la vigilanza diretta ce 
n'e un'altra indiretta sopra quasi tutte le altre cose. II ministero 
di salute pubblica, di creazione recente, port? Pesame sopra le 
persone delle varie eta e condizioni, e spinge 1 'azione governativa 
perfino nel terreno chiuso dei matrimonii da contrarre o sciogliere, 
e della maternita. Su nuovi metodi e messa tutta 1'educazione na- 
zionale della gioventu, esercitata in tutte le scuole ed anche fuori 
delle scuole con Pistituzione dei Boy-Scouts. Questa istituzione, 
ancora discussa in vario senso, tende ad imporre una specie di 
uniforme nazionale non solo al corpo, ma, per dir cosi, all'anima 
dei giovanetti e delle giovanette inglesi, e viene promossa con 
grande ardore dallo stesso governo in tutto Pimpero. L'istruzione 
anzi ed una specie di formazione intellettuale nuova con la diffu- 
sione di idee e di forme e di tendenze proprie, fatta in tutti i modi 
possibili, specialmente con la stampa, puo dirsi uno dei punti prin- 
cipali patent! e latenti del programma governativo : e qui si mo- 
stra piu che altrove il carattere naturalista, positivista, puramente 
umano dei governi democratici. La formazione morale delle giovani 
generazioni dovrebbe costituire una delle forze principal! dello 
Stato, e cosi tutta la vita continua nel movimento incominciato du- 
rante la guerra. Soltanto il servizio rnilitare resta piu libero e alquanto 
modificato da quello che era prima della guerra. La coscrizione ri- 
comincia ad essere libera, ma Pesercito nelle idee del governo e non 
solo piu dispendioso in comparazione degli anni precedent! la guerra, 
ma anche piu forte, per il .numero, per la formazione dei soldati 
e per la scelta degli ufficiali. Esso deve corrispondere alia nuova con- 
dizione militare, la quale, come ha spiegato il ministro W. Churchill, 
ha esigenze maggiori di prima. 

Intanto per Pattuazione delle idee ministeriali, come per ogni 
buona amministrazione, e necessaria una, solida base finanziaria. Su 



INGHILTERRA 187 

questo argomento i piu acerbi biasimi sono stati mossi al governo, 
che predica 1'economia e da esempi di inaudita prodigalita. Si giida 
da ogni parte che le spese non devono essere superior! alle entrate 
per non accrescere il debito nazionale salito a paurosa altezza. Ma 
le opere non corrispondono alle parole ed ai propositi Sara utile 
uno sguardo ai bilanci dell 'anno prossimo finanziario 1920-21 che 
comincia col mese di aprile. 

La spesa della nazione e calcolata nel modo seguente : 

Esercito Ls. 125.000.000 

Marina 84.000.000 

Forza aerea 21.000.000 

Servizi civili 557.000.000 

Interessi per debiti nazionali 400.000.000 



To tale Ls. 1.187.000.000 

Intanto le spese dei tempi normali, secondo i calcoli fatti dallo 
stesso ministro Chamberlain nello scorso ottobre, per una buona 
amministrazione non dovrebbero salire oltre le Ls. 808.000.000. 
Sicche 1'anno che sta per cominciare non e considerate come nor- 
male. L'impressione di quelle cifre sara maggiore se si confrontano 
con 1'anno 1914, quando si ebbero le cifre seguenti: 

Esercito Ls. 29.000.000 

Marina ." 51.000.000 

Servizi civili 92.000.000 

Debito nazionale . 36.000.000 



Totale Ls. 208.000.000 

Ci vuol poco a vedere la differenza enorme nelle spese dello Stato, 
e sommessamente si chiede da piu parti, come possa essere sostenuta 
una si forte spesa, e se non si trovi la nazione sulla strada della sua 
rovina. 

Qualcuno potrebbe chiedere: ma il Parlamento che cosa fa? H 
Parlamento uscito dalle ultime elezioni general! lasciava al mini- 
stero mana libera in tutto senza alcuna opposizione seria. Le ele- 
zioni parziali successive diedero spesso vittorie anche strepitoseal 
Partito del Lavoroj'ma non furono pero tali da mettere menomamente 
in dubbio la maggioranza numerica del minister. II ritorno quasi 
trionfale di Mr. Asquith alia Camera dei Comuni desto qualche at- 
tesa e molta curiosita generale. Parve che 1'opposizione avesse tro- 
vato infine un uomo capace di stare di fronte al'Primo Ministro. Ma 
Ton. Asquith, con tutta Pautorita del suo passato e della sua espe- 
rienza, non e presentemente che un grande capitano con una grande 
bandiera in mano, ma con ai lati pochi avanzi di un esercito disfatto. 



188 . CRONACA CONTEMPORANEA 

Oltre a cio egli ha portato un ardore di opposizione che va oltre if 
segno e seema Peffetto del suoi colpi. Cio non ostante il vecchio par- 
tito liberale, rimasto all 'opposizione col no me di Liberali indipen- 
denti, risolleva la testa. Ed il ministero, che piu volte e stato scon- 
fitto nelle lotte elettorali e sente il discredito, in cuiecaduta tutta la 
coalizione dinanzi al paese, ha pensato di riordinare meglio le sue 
forze e formare degli Unionisti o Conservator!, guidati dal Ministro 
Bonar Law, e dai liberali coalizionisti im solo partito nuovo, col 
nome di Partito Nazionale Democratico, o Nazionale riformista, retto 
dal ministro Lloyd George. L'idea desto breve agitazione. S'incon- 
trarono presto gravi difncoltae si conchiuse solo di rafEermare meglio 
1'unione e riunire le forze nelle varie regioni elettorali o Costituencies. 
II che fu fatto con un notabile vantaggio nelle elezioni parziali piu 
recenti. 

Con un parlamento di questo genere, il ministero solo governa 
indisturbato, e ij governo di Mr. Lloyd George si vale largamente 
delle circostanze per fare il piu grande tentative, che siasi fatto 
finora, di governare e ricostruire una nazione con le sole forze 
umane,conla sola ragione naturale, come e proprio delle democra- 
zie contemporanee. II risultato finale di questo tentative non si puo 
prevedere, ma vi sono due lati di questa politica ministeriale che 
gettano un'ombra fosca ed una immensa responsabilita snl go- 
verno presente. e sono la po]itica del lavoro e la politica irlandese. 

3. Segnata e celebrata la pace con tutti i piu dichiarati nemici, 
1'Inghilterra si puo dire che e in vero stato di guerra con 1'Irlanda. 

La lotta e impari, ma terribile da entrambe le parti. In breve 
si puo dire che per 1'Irlanda questo e il tempo delle baionette e 
delle bombe, cioe dire della violenza militare e delta insurre- 
zione violenta. I 35.000 soldati regolari inglesi e i 200.000 uomini 
dei Sinn Feiners non si danno ne tregua ne quartiere Siamo in 
un punto in cui da una parte la violenza del governo inasprisce 
ogni giorno piu Pira e gli sdegni degli insorti; dall'altra parte la 
violenza e gli eccessi degli insorti inaspriscono sempre piu la vio- 
lenza governativa, e le cose vanno ogni giorno di male in peg- 
gio. E inutile, anzi pericoloso scendere ai fatti e casi particolari. 
Si avrebbero scene di lacrirne e di sangue, di orrore e di indi- 
gnazione che turbano Panimo, invece di rischiarare la mente. 
Sara bene invece rispondere ad una domanda che si fa da varie 
parti sulla condotta dei cattolici nella lotta presente. 

Per rispondere a questa domanda niente vale meglio che il 
riferire alcune parole di S. E. il Card. Logue Arciv. di Armagh. 
In una lettera indirizzata al Vescovo di Nottingham, appunto 
sul presente argomento, cosi, diceva fra Paltro Pillustre Prelate: - 
L' Irlanda e in una condizione da far pieta. Da una parte ab- 
biamo la repressione e dall'altra la ribellione. Pero V. E. puo 
esser certa che la maggior parte del popolo non ha che orrore e 
indignazione pei delitti commessi. Sia che gli Irlandesi stiano coi 



INGHILTERKA 189 

Sinn Feiners, o che stiano con altri partiti politic!, essi non vo- 
gliono violenze ne spargimento di sangue. Ci si grida continua- 
mente : Ma perche i Vescovi e i sacerdoti non condannano questi 
delitti e non li arrestano ? - Ogni volta che e stato comraesso un 
delitto, Vescovi e Sacerdoti non hanno risparmiato parole per con- 
da nnarlo. Pero alcuni pretendono, come pare, che il clero e la 
gerarchia debba continuamente sonare la stessa corda. Ancorche 
essi f acessero cosi, tutta via non potrebbero influire a reprimere i delitti 
sino a che continua quello stato di cose che ne e la causa o il 
pretesto. Essi sono opera di societa secrete e queste societa se- 
crete continueranno fino a che continuera la repressione violenta . 
Siffatto linguaggio chiaro e sereno non fa che esporre un fatto, 
ma insieme contiene una bella difesa. Ne meno di quelle parole 
Talgono allo stesso scopo alcuni ammonimenti dati al popolo dallo 
stesso primo Prelato d'Irlanda in una lettera circolare scritta dopo 
1'attentato cortro il Vice-Re, Lord French. Dopo di avere, come 
conveniva, condannato il misfatto, e ricordato che gli Irlandesi non 
sono trattati bene dal governo e si trovano in condizioni assai 
difficili, raccomandava al suo popolo, di sostenere la prova con 
ispirito cristiano, dignita e con pazienza, senza dare appiglio 'a 
nuove oppression!. Sopra tutto non deve esserci nessun pensiero 
di rappresaglia. Questo sarebbe la rovina . Tali parole sono un 
documento di prima importanza per chi vuole giudicare con se- 
renita. Finalmente il ministero ha presentato al Parlamento un 
disegno di legge intorno alia autonomia, o meglio ad un'autonomia 
dell'Irlanda : 1' Home Rule Bill . II ministero ha tutto il modo 
di fare approvare le sue idee e la sua condotta nel Parlamento, 
ed avra i voti che desidera. Ma fuori del Parlamento esso incontra 
larghe disapprovazioni e biasimi. 

La prima osservazione generica, ripetuta anche autorevolmente 
da un personaggio autorevole come Lord Cecil, e che sarebbe una 
contraddizione stridente, un'ironia beffarda il dire che si accorda 
ad un popolo la liberta di governarsi, e fare percio una legge non 
voluta e dichiaratamente respinta da quel popolo. Una seconda 
osservazione, anch'essa d'indole generale, e chejjquesta legge, la quale 
dovrebbe soddisfare gli Irlandesi e porre un termine alia agitazione 
presente, invece non contenta nessuno ed inasprisce la stessa agi- 
tazione. Un'ultima osservazione, che riferiamo, riguarda i provve- 
dimenti proposti dal governo e specialmente quello fondamentale 
di scindere 1'Irlanda in due parti e creare due parlamenti diver siv 
per ciascuna parte. Non sembra in verita a molti, tra cui e l'ex-mi- 
Tiistro Asquith, saggia misura lo squarciare in due parti PIrlanda, 
mentre si vuole provvedere a rafforzare l'unita del regno e del- 
1'Impero. 

In f orza di questa legge 1 'Irlanda avrebbe due parlamenti : uno 
per la parte meridionale, un altro per la parte settentrionale pro- 
testante deH'Ulster. Oltre questi due parlamenti ci sarebbe un su- 



190 CRONACA CONTEMPORANEA 

premo Consiglio d'Irlanda - Council of Ireland - i cui membri 
sarebbero mandati in numero uguale dai due parlamenti. I Parla- 
menti constano di una camera ciascuno, con deputati eletti se- 
condo il sistema della rappresentanza proporzionale. I poteri di 
questi parlamenti si estendono, entro i limiti proprii di ciascuno, 
alia istruzione, al lavoro e alia agricoltura, al mantenimento del- 
1'ordine interno, escluso tutto cio che si riferisce alia Corona, alia 
pace o alia guerra, alle relazioni con altre nazioni o coi dominii, 
al commercio con 1'estero, ai cavi sot torn arini e al telegrafo, alia 
aviazione, ai fari, al conio delle monete, ai diritti di fabbrica ai 
dazi doganali e altre imposte indirette. Quanto al Council of 
Ireland , sarebbe composto di quaranta membri presi dai due par- 
lameati, 20 per ciascuno, e di un presidente nominate dai Re. II 
potere esecutivo resterebbe sempre per tutta 1'Irlanda nelle mani 
del Re che delegherebbe la sua autorita a un Lord Luogotenente, 
la cui nomina ed il cui ufficio non resterebbe alterato dai cambia- 
menti di minister!. L'Irlanda potrebbe anche mandare 42 membri 
al Parlamento inglese di Londra. Oltre a cio dovrebbe contribute 
alle spese dell'impero con Ls. 18.000.000 annue, di cui il 56 % do- 
vrebbe essere pagato dalle province meridionali, il 44 % dalle set'- 
tentrionali. 

4. Dopo questo sguardo alle cose d'Irlanda, diciamo un'ultima 
parola sul movimento del lavoro. Nell'insieme puo dirsi che questo 
partito va crescendo in numero, in istima, in audacia. Nel Parla- 
mento il numero dei suoi deputati e andato crescendo. Ma 1'au- 
mento del numero non e ne puo essere tale da dare fastidi al 
governo. Cio che I'avra potuto turbare e stato invece il numero 
dei voti che il partito ha raccolto nel paese nelle varie rielezioni 
parziali. Anche quando non e stato eletto il proprio candidate, i 
voti riportati sono stati spesso altrettante vittorie parziali. Le sim- 
patie del pubblico per esso sono cresciute a misura che il governo 
presente veniva perdendo la stima e la fiducia. Non fa meraviglia 
se, esagerando certi risultati, si e in qualche momento parlato di 
un minister del lavoro. Ad impedire questo awenimento o ad 
allontanarlo, anche il ministro Churchill in un discorso che fece 
molto rumore, avvertiva qualche mese addietro che il disgrega- 
mento delle forze, le quali sostengono oggi il ministero non pud 
fare altro che spingere i lavoratori al potere, mentre sono ancora 
in un grade di sviluppo che non li rende atti al governo . 

Tali parole sollevarono larghi commenti e polemiche. Per i la- 
voratori 1'on. Clynes, che era gia stato Food Controller)), rispose 
che anche il lavoro puo trovare uomini pratici di grande valore 
capaci di amministrare le cose pubbliche, sebbene non siano uomini 
politici nel senso ordinario della parola, ne siedano alia Camera 
dei Commu ; ed esso pure pu6 fare appello a valorosi diplomatici 
capaci di sostenere e attuare la propria politica in tutte le parti 
del mondo. 



INGHILTERRA 191 

Senza dubbio, come notava il corrispondente politico del Times, 
la probabilita di un governo del lavoro non potra calcolarsi se 
non nelle future elezioni. Per il presente avra ragione il ministro 
Churchill ; essendo impossibile che i vecchi 60 membri del Par- 
lamento, seguaci di Mr. Adamson, possano mantenere un iriini- 
stero in una camera composta di 700 deputati. 

Tuttavia la discussione fece fare un passo innanzi al partito, 
e i liberal! indipendenti si sono awicinati di piu ad esso. II vi- 
sconte Haldane giunse anzi a dichiarare in un discorso tenuto 
il 13 marzo che solamente il Lavoro ha un programma, in cui si 
provvede meglio ai bisogni delle nuove nazioni. 

. I Lavoratoti stessi pare che si sentano piu vicini al potere, e 
lo hanno mostrato, dando prova di moderazione ed affermando 
principii di ordine in un'occasione che segna una data memoranda 
nella loro storia. 

II gidrno 11 marzo tutte le sezioni del Lavoro si riunirono in 
una plenaria assemblea per definire una volta per sempre il modo 
da seguire per ottenere la nazionalizzazione delle miniere . Di- 
nanzi ai lavoratori si proposero nettamente due proposte, espresse 
in modo da escludere qualsiasi dubbio sui voti. La prima per 
I'azione politico, nel senso di una propaganda viva in prepa- 
razione di nuove elezioni general!. La seconda per I'azione di- 
re.tt.a nef senso di uno sciopero gerierale di tutti i lavoratori. II 
risultato fu il segue nte. 

Lay prima proposta ebbe : 

Voti favorevoli 3.732.000 

Voti contrari . 1.015.000 



Maggioranza a favore . . . 2.717.000 
La seconda proposta ebbe invece : 

Voti favorevoli 1.050.000 

Voti contrari . 3. 870.000 



Maggioranza eontraria . . . 2.820.000 

Da tutto 1'insieme risulto che il partito non si considera piu 
come un corpo morale che non ha nulla da perdere ; bensi come 
un corpo morale che gia ha oggi molto da perdere e non vuole 
mettere in giuoeo tutto cio che ha acquistato ed il posto politico 
a^ cui si sente salito. Cio apparve bene dai discorsi tenuti, i quali 
sarebbero -di molta itnportanza per chi studia da vicino questo mo- 
vimento. Basti qui riferire alcune parole del presidents Mr. Thomas. 
Premettendo che non trattavasi piii di stabilire il principio della 
nazionalizzazione ma solo si trattava del mezzo con cui assicu- 



192 CRONACA CONTEMPOEANEA - INGHILTERRA 

rarne 1'attuazione, la questione. disse, non riguarda e non pud 
riguardare solo i minatori... II diritto di sciopero, (a cui i lavora- 
tori devono la loro condizione presente) non puo essere piu contra- 
stato. Ma al pari di altri diritti esso porta seco gravi responsa- 
bilita e non puo essere usato con leggerezza e precipitazione. 
Fatti recent! ci danno ferma fiducia di una vicina probabilita di 
un Governo del Lavoro, in cui il nostro partito dovra essere il 
guardiano ed il difensore di tutta la comunita e non il sostenitore" 
di una sola parte del popolo . Dop<^ cio parlo del riguardo con cui 
devono essere trattati i governi, che sono i rappresentanti della 
volonta pubblica, aggiungendo che, se certe azioni non possono 
tollerarsi negli altri contro un governo del Lavoro, neppure adesso 
possono concedersi ai lavoratori contro un governo diverse; giacche 
i Lavoratori non debbono pretendere nessun privilegio negate 
ad altri, ne possono pretendere lecita per se una azione che con- 
dannano negli altri . 

Simili idee furono s volte anche da altri, e non manco chi giu- 
dicasse quello sciopero come il mezzo piu crudele, piu ingiusto, piu 
contrario alia volonta del popolo. E la grande maggioranza del 
Partito quel giorno si mostro profondamente rinnovata e prepa- 
rata ad una vita nuova. 

I minatori in tan to non si appagarono subito, e chiesero im- 
mediatamente aumento di salario. L'agitazione segreta non fu spenta, 
e si riaffaccia dopo i primi momenti, ne si sa quanto dureranno 
nella pratica quei consigli di moderazione. Anzi uma nuova forza 
occulta pare che covi in tutta la classe operaia, forza tale la cui 
esplosione potrebbe minacciare la compagine dello Stato. Per 1'iro- 
nia pero delle cose, come qualcuno ha osservato, tocca per 1'ap- 
punto al presente Priino Ministro Mr. Lloyd-George 1'officio grave 
di frenare gli indocili e chiudere loro la bocca, a lui che pochi 
anni fa con foga giovanile suggeriva ai lavoratori di essere audaci 
be audacious e di spalancare bene la bocca to open their mouth 
wide . Sara anche Mr. Lloyd-George un reazionario ? 



CON APPROVAZIONK DBLL* AoTORITi ECCLESIASTICA 



L'ULTIMA SOLENNE SESSIONS DEL CONCILIO VATICANO 

E LA 

PRIMA COSTITUZIONE DOGMATICA DELLA CHIESA DI ORISTO 
(18 Luglio 1870) 



Da pochi gionii, mentre scriviamo - ai 18 del luglio che 
voljre - & passato il cinquantesimo anniversario dell 'ultima 
solenne sessione del Concilio ecumenico Vaticano. Pochi su- 
perstiti, allora nella giovinezza degli anni e nella vivacita 
della immaginativa, ne ricordano aucora e ce ne possono 
ritrarrecon la viva parola il pittoresco e grandiose spettacolo. 
E tra essi noi particolarmente siamo debitori a chi vi inter- 
venne quel giorno tra i pin giovani, destri ed operosi steno- 
grafi, ed ora ne veglia da parecchi decennii congelosa cura 
gli archivii *. 

Ma !a parola e inetta a rappresentare tutta la bellezza 
e la grandiosita di quell'assemblea, la quale accoglieva in- 
sieme il fiore dei Pastori della Chiesa, la voce di tutta la cri- 
ptianita, in una solenne sessione che di esso Concilio era 
la quarta e doveva essere I'uHima, fuori di ogni attesa umana. 
E assai piu e inetta qualsiasi parola o pittura vivace a toe- 
care la bellezza intima e la sublimita intrinseca di quello 
spettacolo: bellezza morale e sublimita spirituale, che sfugge 
all'occhio materiale ed anche all'osservazione dell'uomo 
superficiale, e pure e 1' unica consistente e duratura. Essa, 
dopo cinquant'anni, richiama piu che mai i nostri pguardi 

1 Monsignor Antonio Cani, al quale vogliamo qui professare la 
nostra viva gratitudine per la cordiale generosita, onde ci favori nello 
studio del prezioso archivio. Ma purtroppp 1'incalzare delle questioni 
del presente e le cresciute angustie del periodico ci impediscono di 
trarne per ora tutto quel profitto che vorremmo, neU'ampiezza e nella 
-documentazione della trattazione, a utilita doi nostri lettori, 
J - Uivilto Cattolica, 1920, vol^lfquad. 1683. 13 29 luglio 1980. 



194 L'ULTIMA SOLENNE SESSIONE 

attenti, i nostri cuori ansiosi, come ad una fonte di gioia 
e di speranza ultraterrena. E eosl deve richiainare lo studio 
di tutti i figli della Chiesa e, se ne fossero capaci, anche la 
eonsiderazione dei suoi estranei e nemici. 

L'una e 1'altra sorge dall'attp del magisterio supre- 
mo che quell 'assemblea esercita non solo per i present!,, 
ma per i futuri, non solo per 1'una o 1'altra scuola 
di dotti, per questa o quella classe di fedeli, ma per 
tutta la universality della famiglia cristiana. E rispetto a 
questa sessione ultima in ispecie, risplende piii ancora dalla 
eomma importanza del documento, che quell'atto di magi- 
stero promulga : la Costituzione Pastor aetermis, intorno 
al Eomano Pontefice ; dalla provvidenziale opportunity 
della solenne definizione che pronuncia : quella della infal- 
libilitst Pontifieia,. Poiche di questa definizione segnatamente 
noi dobbiamo ora ripetere, a intervallo di mezzo secolo, 
quanto allora proclamarono illustri prelati, quitnto pre- 
sentirono semplici fedeli, e con essi professaroro altresi. i 
nostri predecessori in questo periodico, quando scrissero r 
alia vigilia appunto della so ] enne definizione, essere que- 
sta definizione 1 'opera piu grande del Concilio Vaticano r 
1'idea suprema per cui esso fu voluto da Dio 1 . 



II. 



In quella memoranda mattina del lunedi, 18 luglio 
feria seconda dopo la sesta domenica di Pentecoste - 
nella patriarcale Basilica dedicata 'a Dio in onore del 
Principe degli Apostoli, radunati cinquecentotrentacinque 
prelati invocavano la luce dello Spirito Santo, di cui erasi 
celebrata la Messa dalP enunentissimo Cardinale Barili, 
e stretti intorno al loro Capo e Maestro, udivano leggersi 
il passo dell' Evangelic, Venit lesus, tratto dal capitolo 
XVI di san Matteo,ove si narra della confessione fatta da 
san Pietro della divinita di Cristo e il premio che egli ne 
1 Cf. Civ. Catt., Ser. VII, vol. XI, quad. 488, p. 171 



DEL CONCILIO VATIC ANO 195 

riporta di primato fra tutti gli Apostoli e di fondamento 
visibile della Chiesa di Cristo. Finite il canto dell'inno Veni 
Creator Spiritus, e 1'orazione corrispondente, dal Papa stesso 
recitata, si dava lettura all'assemblea della Costituzione da 
deflnirsi, che Pio vescovo, servo dei servi di Dio, appro - 
vante il sacro Concilio, a perpetua memoria della cosa 
promulgava, quale Costituzione dogmatica prima, intorno 
alia Chiesa di Cristo . 

Terminata la lettura, come narrammo della solenne ses- 
sione precedente, vennero interrogati i Padri se loro pia- 
cessero i decreti e i caiioni che si contenevano in quella 
costituzione; indi successe 1'appello nominale, in cui cia- 
scuno di essi alia chiamata del proprio nome doveva rispon- 
dereconlaforinulaPZac^ovvero Non placet. Cinqnecento tren- 
tatre dettero voto affermativo, due soli negative, e furono 
Monsignor Kiccio, vescovo di Caiazzo, e Monsignor Fitz- 
gerald, vescovo di Little-Roel< negli Stati Uniti di Ame- 
rica, provando rol loro esempio la liberta del voto in 
quell 'assemblea.Presentati i voti al Pontefice, egli sancialfine 
decreti e canoni con la nota solennita della formula: I de- 
creti ei canoni che so no contenuti nella Costituzione or ora 
letta, piacquero a tutti i padri, due eccettuati : e Noi, ap- 
pro vante il sacro Concilio, questi e quelli, cosi come furono 
letti, definiamo e con apoStplica autorita confermiamo . 

Un'acclama'zione vivissima si levo dai Padri dell'assem- 
blea, e dall'aula conciliare si propago quasi con elettrica ra- 
pidita all'immensa foPa che accalcavasi fuori dell'aula entro 
il maggior tempio della cristianita. Posata la foga dell 'uni- 
versal e entusiasmo, Pio IX si fece a rivolgere la parola ai 
Padri, ma si trovo subito interrotto da nuove e piu pro- 
lungate acclamazioni l . 

Infiue, arrestato anche questo secondo scoppio di univer- 
sale entusiasmo, il Papa pote riprendere la parola, e pro- 
nuncio allora una brevissima e tutta paterna allocuzione: 

1 Vedi la Cronaca del Concilio nel citato volume della Civ 
Catt., (quad. 489), p. 362 sgg. 



196 L 1 ULTIMA SOLBNNE SESSIONS 

t La somma autorita del Pontefice Romano - egli disse 
non opprime ma aiuta, non distrugge ma eliflca, e spessis- 
sime volte conferma nella dignita, uaisce nella carita e ras- 
soda e difende i diritti dei Fratelli, cio& dire dei Vescovi . 
Indi, alludendo alle note difficolta e ai dissapori di alcuni 
prelati, quelli della minoranzaallontanatisi dal Concilio, pro- 
seguiva : Percio quelli che oragiudicano nolla commozione, 
sappiano che non si trova nella commozione il Signore. Si 
rioordino che, pochi anni sono, tenendo la sentenza opposta, 
abbondarono nel nostro sentimento e nel sentimento della 
maggior parte di qnesto autorevolissimo consesso ; ma allora 
giudicarono nello spirito delVaura soave. Forse che nel formare 
uno stessojgiudizio possono esistere due coscienze opposte I 
Non mai. Illumini dunque Iddio i sensi e i cuori; e poiche 
Egli solo fajneraviglie grandi, illumini i sen>i e i cuori af- 
finche tutti possano aocostarsi al seno del pa Ire, inlegno Vi- 
cario in terra di Cristo Gesu, che li ama arieatemente e de- 
sidera vivamente di essere unito con loro, perchfc cosi con- 
giunti insieme nel vincolo della carita possi;i no combattere 
le battaglie ^del Signore, sicchfe non solo non ci irridano i 
nostri nemici, ma ci temano piuttosto, e le anni delJa malizia 
cedano in cospetto della verita, e cosl tutti possano dire con 
sant'Agostmo : Tu mi hai chiamato nell'a'ninirabile tuo 
lume ed ecco io^edo J . 

Oosi in un rapido tratto di sshietta eloqiienza Pio IX 
scolpiva il punto: tutto lo spirito di quella soieoiiedeflnizione, 
tutto Pintento e il signiflcato profondo. II quale non era di 
esaltazione esclusiva del Capo, ma diglorifioaz one collettiva 
del corpo intero della Ohiesa di Cristo ; g^or-iftcazione che 
sgorga dalla intima adesione dell'orgauismo tut^o al suo 
capo, dal quale rifluisce nelle membra la vita. Quindi, nella 
forma dell'augurio, il Papa esprimeva in certo mo do unanspi- 
cio, pronunciava un vaticinio, di cio che doveva avverarsi 

1 Of. Oollectio Lacenftis. Ada et decreta sacrorwm, conciliorum recentio- 
rum. Vol. VII : Acta et decreta sacrosancti oecumenici Concilii Vftti- 
cani (Friburgi Brisgoviae 1890), 481-498. 



DEL CONCILIO VATIC AN O 197 

nella storia susseguente della Chiesa e che nel corso del mezzo 
secolo trascorso noi riscontriamo pienamente awerato : 
meglio rinserrato il vincolo dell'unita nella Chiesa ; affezio- 
nati sempre piti i vescovi ed i fedeli tutti al Papa, e tutto il 
corpo mistico di Cristo, da un capo all'altio della terra, mira- 
bilmente fortificato e compatto per le lotte di ognrgfatta, 
che senza tregua si succederono, via via piu accanite, 
per tutto il passato cinquantennio. 

un argomento questo, ron di uno, ma di mo]ti articoli, 
di volumi anzi, in cui tutta la storia dei dieci histri porta la 
sua luce dimostrativa, e la porta con quei fatti a tutti notorii^ 
ma ancora bi?ognosi dello storico oculato che li raccolga 
insieme, li coordini, li illustri. L'argomento eccede dunque, 
nella sua ampiezza e nella complessa difficolta, i limiti e il 
proposito nostro, di una commemorazione anniversaria, e 
percio sommaria: ma richiama|pure un nostro sguardo at- 
tento e^ un cenno comprensivo, onde la commemorazione 
risponda, quasi un'eco, a cio che i cattolici sentono di piu 
prot'ondo nei loro cuori. 



III. 



L'allocuzione di Pio IX rispondeva appunto alia dimcolta 
ed al timore degli avversarii della definizione; i piu dei quali 
in seno al Concilio non negavano la verita della dottrina in 
essa contenuta; negavano la opportunita del definirla. Essi 
temevano, cioe, che la definizione potesse essere od apparire 
Una glorificazione della persona umana, piti che delJa istitu- 
zione divina, un'esaltazione del Capo a scapito delle membra, 
un onore del Papa a danno dei vescovi, un vantaggio|della 
Sededi Eoma, non della Chiesa universale. Sotto le formepitl 
svariate la dimcolta ritorna sovente, o[per essere ribadita a 
per k ;essere ribattuta, nelle Congregazioni generali, che si ten- 
nero prima per la discussione generale del decreto[ e furono 
tredici dal 14 maggio al 3 giugno, poi per la discussione 
speciale in numero di ventidue, durando dal 6 giugno aJ 



198 L'ULTIMA SOLENNE SESSIONE 

16 luglio. In esse amendue le parti combatterono con 
ardore, discutendo liberamente e maturamente il decreto e 
ciascuna sua parte, ciascun inciso, con tutte le ragioni del 
pro e del contro, e niun mezzo umano trascurando che 
potesse giovare a illustrazione della verita. 

Ne si possono percorrere senza un senso di stupore quei 
ponderosi volumi che ci danno riuniti i discorsi dei Padri, 
quali furono raceolti dagli abili stenografl e poi dagli oratori 
stessi generalmente riveduti; nei quali la contro versia e trat- 
tata sotto ogni rispetto da avversarii e da difensori, concor- 
rendo anche Popposizione alia maggiore dilucidazione e al 
trionfo piu confortante della dottrina cattolica 1 . Ma dopo 
cinquant'anni, e anche facile, chi abbia non solo studiato i 
freddi document!, ma ascoltato le vive relazioni dei contem- 
poranei e dei presenti al grande avvenimento, e facile reu- 
dersi ragione delle difficolta, che dividevano una parte dei 
sinodali, piccola al paragone della maggioranza, ma pure 
calda e rispettabile minoranza, la quale ebbe anch'essa, 
a uostro credere, nella permissione della Provvidenza, una 
sua propria e singolare missione. 

fi notorio infatti che tali difflcolta, in quanto erano di 
ordine estrinseco, misero in pensiero sulJe prime e per 
gran tempo gli stessi Bminentissimi Presidenti del Concilio. 
Cosl ancora, a mezzo Paprile, Pintrepido De Angelis voleva 
tempo^eggiare nella trattazione, e il dotto De Luca consi- 
gliava prudenza, e lo stesso inf aticabile Card. Bilio, presidente 
della Commissione de fide, non si dava fretta nessuna, anzi 

1 Acta GongregationumgeneraHumquae a Patribus Sacrosancti oecumet 
nici Concilii Vaticani usque ad eins intermissionem habitae sunt, Sanctift* 
simi Domini Nostri Pii PP. Noni a quo Concilium indictum iussu eft 
auctoritate, typis impresaa ut in eiusdem Concilii Tabulario asserven- 
tur. Eomae, ex typographia Vaticana. - Alludiamo qui, in ispecie, al vo- 
lume III, pubblicato nel 1877, che d& gli atti della discussione generale: 
Ditceptationes compleetenv qw> pertinent ad schema OonstitiMionis primae 
de Ecclesia Ohristi generatim consideration, e al vol. IV,^edito nel 1878, 
ohe ia {due parti reca i diacorai concernenti la discussione speciale, col 
titolo leggerinente modiflcato : Acta... summorum Pontificum Pii IX 
et Leonis XIII iussu et aurtoritate impressa, ecc. 



DEL CONCILIO VATIC ANO 199 

procedeva per altra via, nella discussione della seconda Co- 
stituzione della fede cattolica , poi della questione del 
piccolo catechismo; e anche quandofudistribuitolo schema 
de Ecclesia , voleva seguito rigorosamente 1'ordine, che 
pareva piu logico, delle questioni. Ora in esso il punto 
del primato del Papa appariva in ultimo, al capo unde- 
cimo, e da principle non conteneva neppure 1'espressa defini- 
zione della infallibilita, la quale non vi fu aggiunta se non 
dopo le forti insistenze della maggioranza, come un miovo 
capitolo - caput addendum - distribuitone il proprio schema 
ai Padri. 

Molti testimoni si accordano a dire che i president! rima- 
nevano esitanti perl'azione della minoranza, giacche questa, 
in ultimo, vedutasi vieppiu assottigliata e indebolita, cercava 
ditirare inlungo la discussione, di guadagnare tempo. ISTe si 
puo escludere chei clamori degli avversarii eleloro tristi previ- 
sioniavessero un gran peso su quellecoscienze dignitose,piene 
del senso della Joro alta responsabilita. Ma non e meno certo 
che, fino dal 1865, iCardinalistessi, che componevano allorala 
prima commissione centrale o dirigente per i lavori prepa- 
ratorii del Concilio, non avevano neppure toccata la contro- 
versia dell'infallibile magistero del Papa, e anche nel 1869, 
in seno alia commissione dogmatica preparatoria, pure con- 
venendo a unanimita che essa era una verita da potersi 
definire di fede, tutti i consultori, uno eccettuato, erano 
stati concordi nel parere che non si dovesse proporla 
.al Concilio, ma aspettarne dai Vescovi il primo impulse J . 
Cosi di essa nessun cenno erasi fatto nella bolla di convo- 
cazione del Concilio Aeterni Patris Unigenituft (29 giugno 

1 Ci fu anche riferito da un teatimonio del f atto, che lo stesso Mons. 
San tori, segr. della Commissione dommatica de Fide previa al Con- 
cilio, raccontava agli stenografi alunni del Seminario Romano, come 
in una riunione estiva del 1868 alia proposta di un Consultore difare 
nello schema cenno della Infallibility un altro Consultore, il P. Per- 
rone, aveva opposto che ci6 non era necessario perche trattavasi di 
verita praticamente tenuta nella Chiesa. Questo parere prevals, e di qul 
sarebbe awenuto che nello schema non si fece parola della infallibilita. 



200 L'ULTIMA SOLENNE SESSIONE 

1868); e neppure, come si disse, nel primo schema, presen- 

tato dalla menzionata Commissione pfeparatoria al Concilio. 

Certo, la maggioranza del vescovi piu autorevoli, assi- 
stita dai teologi prfr illuminati, non tardo ad orientarsi: ne 
punto esito circa la necessita e la opportunita di una defim- 
zione. Tanto, in pieno secolo xix, tutti sentivano clie un 
Concilio ecumenico non poteva trascurare le grandi cor- 
renti dell'errore che penetravano in seno alia Chiesa stes^a, 
quali il gallicanesimo, il gmseppinismo, il febrtonianismo e 
simili, continuati dal liberaHsmo, eintesi a negare, o ad oscu- 
rare almeno, la divina costituzione della Chiesa, attenuando 
Pautorita e Pinfallibilita del magistero del suo Capo vi- 
sibile, il Papa. 

Bisognava cioe combattere, oltre i nemici estrinseci e ma- 
nifest!, anche gli avversarii domestici: bisognava escludere i 
pericoli interni non meno che gli esterni ; specialmente 
quando 1'inf ezione del loro veleno toccava 1'organismo stesso 
della Chiesa, nelle prerogative del suo capo *. 

1 fi notoria 1'accusa mossa allora alia. Giviltd Cattolica, di cui si ha 
1'eco in molti scritti degli oppositori, e anche nel recente articolo del 
Oorrespondant (20 luglio 1920) dovuto alia penna del ch. DE LANZAC 
DE LABORIE, su 1' Eglise catholique au milieu du dix-neuvi&me sidcle 
(1823-1878) et le Concile du Vatican... Si voleva che la Civiltd avesse 
seatenato 1'agitazione con imprudenti pubblicazioni, come quella^di 
una corrispoudenza francese, data in luce nel febbraio del 1869, pre- 
ceduta dalla proposta, fatta nel giugno 1867 (cioe un anno prima del- 
1'indiziono del Concih'o), per un Voto a S. Pietro, con cui onorare la 
prerogativa dell 'infallibility della sua Cattedra. A questa accusa fu 
ptu volte risposto nel nostro periodico, e di proposito anche in un lungo 
articolo, del 20 giugno 1870: L' agitazione riguardo all' infallibility 
pontificia*. Non vi ritorneremo dunque sopra, per mostrare I'insussi- 
stenea del troppo on ore che questa accusa ci fa, di avere raesso in 
campo la controversia dell'infallibilita per occasione del Concilio. 

E in ispecie, quanto alia famosa corrispondenza francese, che e 
ancora deplorata da recenti scrittori, come quello del Correspondant, e 
ci i'u tanto rimproverata dagli avversarii, ripeteremo ci6 che allora fu 
scritto : Ammettertmo volentieri che sia loro servita di " pretesto ,, a 
creare 1'agitazione che da lunga mano apparecchiavano in occulto, contro 
1'infallibilita pontiflcia ; ma negheremo sempre che 1'abbia causata, per 
ci6 che valeva intrinsecamente: molto piu dopo le larghe spiegazioni che 
demmo intorno ad essa : le quali gli stessi avversarii, o per verita o 
per finzione, dichiararono di avere per buone e sufficient! (Ivip. 6). 



DEL CONCILIO VATICANO 201 

IV. 

Ora, mediante 1'ampio schema della dottrina cattolica 
come siamo venuti esponendo nei precedent! articoll l - 
si erano presi di mira i nemici esterni, anche i piu dichiarati 
ed estremi, come quelli che impugnano i preamboli stessi 
della fede e i principii della ragione ; si era preparata la con- 
danna dei molteplici errori derivati dal razionalismo , 
e abbozzata insieme una sintesi di tutte le difese o apologie 
piu sicure contro le infiltrazioni penetrate anche nelle scuole 
cattoliche. La prima parte, infatti, riguardava i fondamenti 
della fede e leprecipue question! chela coticernono nelle sue 
relazioni con ]a scienza e la ragione ; la seconda voleva essere 
una dichiarazione della dottrina cattolica contro gli errori 
circa i dogmi speciali, prima intorno a Dio e al Yerbo In- 
carnato, poi intorno all'uomo, sia riguardato secondo la 
sua natura, sia secondo la sua soprannaturale eleva- 
zione. Questa seconda parte, per le note vicende e la susse- 
gu'ta sospensione del Concilio, non pote venire alia discus- 
sione, nonch^ a definizione ; la prima invece, di gran lunga 
piu importante nelle presenti condizioni della societa, dopo 
molteplici discussioni e radical] modificazioni, approdo infine 
alia Costituzione prima, che ebbe il titolo de fide caiholica; 
e fu, al dire del Card. Manning, un'affermazione la piu am- 
pia e la piu ardita dell'ordine soprannaturale, che siasi mai 
gettata in faccia al mondo . 

Eestava dunque che ad essa facesse riscontro la condanna 
dell'altra classe degli errori, quelli piu intern! alia Chiesa e 
concernenti la Chiesa stessa e il suo Capo : da! quali errori 
appariva manifesto quant! grand! mali fossero derivati alia 
famiglia cristiana nel passato, e quanti maggiori se ne minac- 
ciassero nell'awenire, sopra tutto col crescente discredit 
del principio d'autorita nel mondo. A cio mirava appunto 

1 Cf. quad. 1667 (6 dicembre 1919); quad. 1671 (1 febbraio 1920); 
quad. 1677 (1 maggio); quad. 1679 (5 giugno). 



202 L'ULTIMA SOLENNE SESSIONE 

lo schema de Ecclesia Christi: il quale chiariva da prima la 
natura della Chiesa, le sue proprieta, in quanto e societa re- 
ligiosa, le sue doti in" quanto e perenne, percio indefettibile, 
infallibile e investita di vera potesta, non solo di ordine, ma 
di giurisdizione; e in secondo luogo trattava del suo Capo 
visibile, cioe del primato del Romano Ponteflce, della perpe- 
tuita di esso primato e della sua uatura. Ma, come si disse, 
anche in questa seconda parte non era dichiarato il punto, 
se la infallibilita attribuita alia Chiesa, in quanto e maestra 
e colonna di verita, spettasse, per uguale diritto e con uguale 
estensione, al Capo visibile di essa, il Eomano Pontefice ; 
-e 1'omissione era dovuta appunto a quelle difficolta e trepi- 
dazioni che abbiamo sopra accennato. 

Che selecosefossero andate secondo il naturaleloro corso, 
doveva avvenire di questo stesso schema, della Costituzione 
de Ecclesia, quello che della precedente de doctrina catholica: 
la discussione e definizione della prima parte non avrebbe 
lasciato spazio alia secbnda, massime per Paftrettata sospen- 
Mone del Concilio. In vece, awenne tutto il contrario : 
1 'ordine ando invertito : la seconda parte passo al luogo della 
prima, e il punto capitale da principio omessovi, non solo vi 
fu aggiunto, ma fatto centro di tutta la discussione, ed in- 
fine oggetto precipuo della esplicita defmizione. 

Ora per quale strano concorso di circostanze cio awenne? 

V. 

Gli storici del Concilio si stendono a spiegarlo, e meglio 
degli altri il Granderath, lungo il tomo terzo della sua Sto- 
ria del Concilio Vaticano condotta sopra i documenti auten- 
tici w 1 . Ma tutti convengono infine, non ostantele diversita 
dei particolari - e noi 1'abbiamo anche da chi segul da vicino 
gli studi dell'assemblea - che 1'impulso piu forte venne dagli 
avversarii stessi, dall'agitazione strepitosa cioe, per essi ar- 

1 G-RANDERA.TH, Qescbichte des Vatikanischen Konzils (cfr. Civ. Oat, 
tolica, 1904, vol. 3, p. 322, vol, 4, p. 65; 1907, vol, 2, p. 451, vol. 3, 
p. 189). Traduz. francese: Histoire du Ooncile du Vatican. Bruxelles- 
Dewit, 1912. 



DEL CONCILIO VATICANO 203 

chitettata e promossa : onde segui, come fu detto in pieno 
Concilio e ripetuto anche dal iiostro periodico, che col troppo 
gridare inopportuna la definizione della verita, la resero per 
cio stesso necessaria : quod inopportunum dixerunt necessa- 
rium fecerunt. Certo, su questa ragione sopra tutto si appog- 
giaro no quell e centinaia di Padri - centocinquanta da prima, 
poi fino a quattrocento - i quali, vedendo le esitazioni e len- 
tezze dei president! e dello, stesso Card. Bilio, come si disse, 
ricorsero direttamente al Papa con una forte rimostranza 
(23 aprile), supplicando che fosse sollecitata la presentazione 
dello schema sul punto tanto combattuto : Poiche - essi 
dicevano -con ardore ogni di piu violento si pubblicano scritti 
che impugnano la tradizione cattolica, avviliscono la dignita 
del Concilio, perturbano gli animi dei fedeli, accrescono le 
divisioni degli stessiVescovi,einfine gravementedanneggiano 
la pace e 1'unita della Chiesa, poiche d'altra parte si appros- 
sima il tempo in cui sara forse necessario sospendere le adu- 
nanze del Concilio e percio si corre ilpericolo cherestiinsoluta 
Tina questione che .agita gli animi ; affinche le anime dei 
cristiani non siano piu lasciate in balia ad ogni vento di dot- 
trina, ne il Concilio Ecumenico e la Chiesa cattolica restino 
esposti agli improperii degli eretici e degli increduli, e cosi 
non diventi irrimediabile il male, che gi& troppo si vede ag- 
gravato, i sottoscritti Padri supplicano V. Santita, Beatissimo 
Padre, che per il mandato a LeiJ commesso da Cristo Signore, 
di pascere le pecorelle e gli agnelli, e per 1'omcio ingiuntole 
di confermare i suoi fratelli, si degni applicare il rimedio 
che eil solo effioace a si grandi mali, quello cioe di comandare 
che lo schema dell'infallibilita del Sommo Ponteflce sia pro- 
posto senz'altro indugio alle deliberazioni del Concilio l . 

Questa medesima ragione addusse poi il card. Bilio nella 
Oongregazione generale del 29 aprile, per anteporre la di* 
scussione del nuovo schema a quella cheallora dibattevasi 
del piccolo catechismo uniforme, da introdurre per tutta la 

1 Oolleotio Lacensis, Acta et decreta etc. VII, 977. Ci Card. HERGEN- 
B6THER, Storia imiversale della OMesa, vol. VII (Fiienze 1911) p. 612; 
GKANDEBATH, Histoire.du Ooncile du Vatican, to. III. p. 1*, p. 11 ss. 



204 L'ULTIMA SOLENNE SESSIONE 

Chiesa : perche in quest! ultimi tempi - egli disse - i fe- 
deli si so no trovati angustiati la coscienza da gravi timori 
intorno a questa importante questione, e la inquietudine 
sparsa da per tutto turba la pace della societa cristiana . 
E a ragione -come esordiva allora il nostro periodico il gia. 
citato articolo sopra questa agitazione appunto a riguardo 
dell 'infallibilita pontificia 1 - in un secolo cosi poco teologico, 
anzi cosl alieno da quanto sa di teologia,appariva cosa che fa 
grande meraviglia il commovimento eccitatosi in ogni paese 
civile e in ogni ordine di persone a cagione del Concilio Va- 
ticano e piuttosto a cagione di quell 'unicoj punto dell'in- 
fallibilita 1 pontificia, nelJa cui definizione il mondo aveva 
concentrata tutta la importanza dell'assemblea conciliare. 
Ma non meno giustamente i nostri piedecessori conchiude- 
vano, come dobbiamo conchiudere noi| pure, a proposito 
dell'agitazione stessa che fu poi deplorata da^quei medesimi 
che neavevano poste le cagioni: I cattolici schietti piu ve- 
ramente dei liberali ne deplorano i danni e deplorano go- 
pra tutto le offese gravissime che si sono recate a Dio, in 
questi passati mesi di commovimento : ma in quella che si 
addolorano del male, benedicono pero la Provvidenza dello 
stesso Dio, che ha saputo in modi cosi ammirandi far servire 
tutto questo male al bene della Chiesa ed al.trionfo della ve- 
rita. Conciossiache, tolto il fiero contrasto di tanti oppu- 
gnatori, i quali hanno renduta necessaria la definizione che 
dicevano inopportuna, ignoriamo se i voti della cattolicita 
sarebbero stati coronati si presto e si appieno. Onde per 
questo verso i cattolici debbono viva gratitudine ai loro av- 
versari e la prof esseranno con pregare il cielo che faciliti ad 
essi quella 'docilita [di mente alia definizione del Concilio, 
senza cui non v'ha salute *. 

VI. 

Che se 1'opposizione, con gli eccessi dell'agitazione da 
essa provocati, giovo, suo malgrado, ad affrettare la defini- 

1 Cf. Oiv. Oatt. (20?giugno 1870), Serie VII, vol. XI, p. 5 segg. 
Ivi, p. 19. 



DEL CONCIUO VATICANO 205 

zione, meglio e piu legittimamente concorse, con le inces- 
sant! difficolt& e dubbiezze che moveva, a perfezionarue la 
formula, a chiarirne i termini, a motivarne le ragioni, a 
fissarne inflne con 1'ultima precisione 1'ampiezza e il va- 
lore. 

Un simile rigore di critica, del rtesto, si era esercitato 
gi& su la precedente costituzione de Fide, e ne aveva fatto 
per poco ritirare il primitive schema, attribuito al dotto 
consultore teologo, poi cardinale, Franzelin: e ci6 non per 
la sostanza della dottrina, ma per la forma dura, astrusa, 
inelegante, quasi di tesi scolastica, troppo lontana dalla niti- 
dezza e nobile eleganza del Tridentino ; onde, poi, da tutte 
le discussioni, correzioni e modificazioni era uscito dalle 
Commission! lo schema della Costituzione deflnitiva de 
Fide, quale fu approvata e noi ora ammiriamo, .dallo stile 
semplice, lucido e dignitoso, conveniente alia nobilta di 
una definizione conciliare. 

Non tanto per la forma, invece, ma per la sostanza 
si battagliava dall'opposizione mtoruo allo schema de Ec- 
clesia, specialmente quando ne fu invertito 1'ordiue e ag- 
giuntovi il capitolo dell'infallibile magistero del Eomano 
Pontefice. In questo prevalse da ultimo la formula stesa 
da un altro consultore, non meno scolasticameute rigoroso 
del Franzelin, ma pin letterariamente colto, di cui il ve- 
scovo di Brixen aveva fatto rilevare il merito, rimasto al- 
lora, come poi, nell'ombra. 

II dettato*di tutta la costituzione, cosi studiato, discusso, 
vagliato con la piu rigida scrupolosita, in ogni inciso, in 
ogni termine, sotto 1'occhio acuto diteologie diprelati, eoppo- 
sitori e difensori, venne inftne steso permodo che, mentre chia- 
risce nella sua pienezza la verita cattolica, previene le obbie- 
zioni degli avversari e ne condanna 1'errore, con la semplice 
e diretta esposizione della sincera dottrina, prima che con la 
esplicita riprovazione, espressa nel canone, il quale chiude 
ciascuno dei quattro capitoli della Costituzione con 1'ana- 
tema a chi insegni il contrario della verit& deflnita. 



206 L'ULTIMA SOLENNE SESSIONE 



VI. 



Ora fra tutte le obbiezioni per gravita e frequeuza pri- 
meggiava quella che fu accennata sopra, come il piu an- 
sioso timore degli oppositori di buona fede, e parve aggra- 
varsi con la inversione dell'ordine, voJuta dalla maggio- 
ranza nel primo schema de Ecclesia, per dare luogo alia di- 
scussione e definizione della infallibilita pontificia : diciamo il 
timore che sembrasse data al Papa la preferenza su tutta la 
Chiesa, quasi chela considerazione del Capo potesse sussistere 
senza quella del eorpo, di cui e parte prima ed essenziale. 

Ad ogni rnodo, 1'obbiezione ebbe la sua risposta, e 1'as- 
surdo timore il suo rimedio nel tenore medesimo della Costi~ 
tuzione, e fino nel titolo stesso : Constitutio dogmatica prima 
de Ecclesia Christi. E cosi fu intitolata la Costituzione, non 
gi^ de Romano Pontifice - come prima era designata corren- 
temente, nel linguaggio usuale delle discussioni - per dare a 
conoscere chiaramente e per esplicitamente protestare sino da 
principio, che in essa non riguardavasi gi^ il Papa indipen- 
dentemente dall ' esercizio della sua missione divina, rna solo 
come investito di essa, cioe in ordine alia Chiesa, in quanto 
Capo e fondamento visibile della Chiesa stessa. Sotto il quale 
rispetto non era davvero, e non appariva illogico a nessuno, 
che per degne ragioni si trattasse prima del Capo che delle 
membra, prima del fondamento che dell'intero ediflcio. 

Per la ragione medesima fu detta la Costituzione prima, 
a significare che doveva essere seguita da una seconda, e sa- 
rebbe stata perl'appunto la prima parte proposta del primitivo 
schema intorno alia Chiesa in generer, e forse anche da una 
terza, concernente le attinenze e relazioni di essa Chiesa verso 
la societ^ civile e i suoi reggitori, se non che di questa per i 
sospetti dei governi, aizzati primieramente dalla Baviera, 
per opera in ispecie del ministro Hohenlohe e dello storico 
Doellinger, erasi gia sospesa la discussione, se non del tutto 
smessone il pensiero, come avrebbe preferito il segretario 



DEL CONCILIO VATICAN O 207 

di Stato, Card. Antonelli, r ; alle prese coi politic! poco intel- 
ligent! e tanto pifr sospettosi. x 

H titolo voleva dunque significare' 1'inseparabilita della 
concezione o considerazione della Chiesa da quella del Papa; 
onde Pinanita dell'obbiezione e la futilita della trepidazione, 
vera o simulata, degli avversarii della definizione. 

Ma piti assai ci e dimostrato questo dalla semplice ana- 
lisi dell' autore vole dtfcumento, sul quale torneremo con 
piu agio in un prossimo quaderno. 

1 A siffatte disposizioni dei politic! e governanti francesi, parteci- 
pate anche da cattolici liberal!, alludeva per 1'appunto la tanto'ealunniata 
corrispondenza di Francia, pubblicata dal nostro periodico nel quaderno 
453, del 5 febbraio 1869 (Serie VII, vol. V, p. 345 segg.), fra le Cose 
spettanti al future Concilio : Per ci6 che riguarda la Costituzione, che 
esso crede minacciata dal Syllabus; per ci6 che riguarda le sue relazioni 
colla Chiesa, disgraziatamente fondate sugli Articoli organici /per cio che 
riguarda un'antiquata pretensione teologica, che gli fa sostenere come 
dottrina dello Stato la dichiarazione del 1682 ; il Governo francese 6 in 
uno stato di diffidenza riguardo al future Concilio . (pag. 347). E rispetto 
ai cattolici liberali soggiungeva piu avanti : I cattolici liberali temono 
che il futuro Concilio proclami la dottrina del Syllabus, temono che pro- 
clami 1'infallibilita dommatica del Sovrano Pontefice: e siccome il Governo 
partecipa dei loro timori, cosi affetta per essi una certa cotal simpatia... 
Da qualche settimana fanno girare il motto seguente: Se il Papa e di- 
chiarato infallibile, saii, di mestieri mutar 1'espressione del Simbolo e dire 
non gia come prima Credo in Ecclesiam, ma bensi Credo in Papam; quasi 
che il credere nella Chiesa escludesse il credere nel Papa . Ad essi infine 
il corrispondento opponeva i cattolici, che riceveranno con gioia la pro- 
olamazione del futuro Concilio sull'inf allibilita dommatica del sommo Pon- 
tefice. Essoriuscirebbead aunullare la f amigerata dichiarazione del 1682, 
senza che fosse necessaria una speciale discussione di quei malaugurati 
qitattro articoli, che furono per si gran tempo 1'anima del Gallicanismo . 
E in questo senso, non per escludere ogni discussione della proposizione 
da definire, conchiudeva: Nessun opero si dissimula che il Sommo Pon- 
tefice, per un sentimento di augusta riserbatezza, non voglia da per se 
prendere 1'iniziativa di una proposizione che sembra riferirsi a lui diret- 
tamente. Ma si spera che la manifestazione unanime dello Spirito Santo 
per la bocca dei Padri del futuro Concilio ecumenico, la definira per accla- 
mazione . Per questa semplice espressione di una speranza e chiaro che 
nen si potevano muovere tante tragedie, se non vi fosse stata la predispo- 
sizione e il concerto negli avversari i quali cercavano pretesti per 
rumoreggiare. 



NEL CBNTENARIO 

DALLA NASGITA DI GIACOMO ZANELLA 



I. 



Degno, se altri mai, di essere additato alle moderne gene- 
razioni di poeti,in quest'ora di disagio universale e di irre- 
quieti desideri dei popoli e delle plebi, e 1'anima di Giacomo 
Zauella. Egli, nato e vissuto in un'eta non meno attristata da 
passioni politiche, da glorie e infamie promosse in nome della 
giustizia, della civilt& e della redenzione politica, sebbene 
cedesse agl'impeti dell 'aura popolare .che trascino anche lui 
nel vortice, mantenne pero sempre un certo equilibrio di 
animo, di pensieri, di intenti alti e morali, e diede esempio di 
virtfr caritative e sacerdotali. 

II nome di lui per venire a lode e a gloria ^offri il contrasto 
degli ammiratori e degli avversari ; ma ]e storie nostre lette- 
rarie, per quanto partigiane, non potranno ormai piti obliare 
la data della sua nascita, 9 settembre 1820, e il poeta di 
Chiampo e dell'Astichello vivr^, ftnche i versi sulla Conchiglla 
fossile orneranno le nostre antologie. La leggiera e pregiudi- 
cata critica dell'Imbriani, piti noto per aver usurpato le fame 
altrui col'suo sarcasmo che per averle demolite come usur- 
pate, disse usurpata anche la fama dello Zanella ; ma oggi- 
mai, per quanto da lei s'ispiri anche Benedetto Croce, il 
curatore della terza edizione delle Fame usurpate del pro- 
fessore napoletano, e caduta nell'oblio. E dawero a rileggere 
quelle povere pagine ci sentiamo quasi umiliati del pensiero 
italiano, e della burbanza di certi vantati spiriti saputi, i 
quali misuravano 1'altezza del genio col baro metro del- 
1'empieta e dell'anti clerical! smo. Anche il Croce, come 1'Im- 
briani, nega allo Zanella la co no scenza del campo della filosofia, 



3?EL CENTENARIO DALLA NASCITA DI GIACOMO ZANELLA 209 

*certo della fitosofia che era di la da venire, cioe la crociana, 
perche Taltra filosofla il cantbre vieentino, che n'era stato 
maestro, la oonosceva almeno tanto quanto i professor! che ai 
suoi tempi la insegnavano nei licei del bello italo regno. H fi- 
losofo dell'impressione artistica gli fa carico inquantoche il 
suo pensiero non seppe mai uscire dalle affermazioni , come se 
lo Zanella avesse dovuto nei suoi scritti letterari o biografici 
o nelle sue poesie inserire dimostrazioni di quanto da buon 
fllosofo afferma. Bella pretensione in un poeta! E si che poi i 
nostri bravi critici camminano a ritroso con altri poeti, anche 
piu grandi dello Zanella e piu filosofi di lui, e biasimano il di- 
vino Alighieri perche nelle sue canzoni e nei poema sacro ha~ 
messo tante dimostrazioni e chiarimenti dellesuefilosofiche 
e teologiche affermazioni. Tanto e difficile appagare tutti i 
gusti e la critica incostante dei critici ! 

Ma mentre,peri critici della bassa Italia, il poeta vieentino 
secondol'Imbriani eunverseggiatore superfluo, perche le sue 
qualitapoetichesono affatto nulle; perche non arricchisceil uo- 
stro mondo fantastico ne d'un concetto ned'unaimmagine)) 1 ; 
e secondo il Croce, la poesia dello Zanella e poesia da semi- 
nari : la didascalica, poesia per seminari e per accademie 2 ; 
per la media e 1'alta Italia, forse per merito della latitudine, 
lo Zanella, come giudicava il Graf professore a Torino, e poeta 
vero e poeta grande ; e nominavainprova che per tale lo sa- 
lutarono Giosue Carducci, Isidore del Lungo, Marco Tabarrini, 
Giuseppe De Leva, Antonio Fogazzaro, Augusto Conti, Gino 
Capponi, Alessaudro D'Ancona, Guido Mazzoni,Cesare Guasti 
Edoardo Eod, Alinda Brunacci Buonamonti. Sembra che 
possa bastare s . 

E il peggio si e che per 1'Imbriani lo Zanella e il poeta 
del positivismo, del positivismo Italiano . Onde quasi volesse 

1 V. IMBUIANI, Fame usurpate, Terza ediz. a cura di B. Croce, 

, Laterza, 1912, p. 244. 

1 La letteratura della Nuova Italia, Bari, Laterza, 1914, vol. 1, 
. 301. 

3 Prefazione alia nuova edizione delle Poesie di G. Zanella, Firenze, 
e Monnier, 1910, p. XLII. 
2 - Civiltd Cattolica, 1920, vol. 3 ynad. 1683. 14 29 luglio 1920. 



210 NEL OENTENARIO 

tirar dalla sua il prete poeta, riportandone i versi, trascrive 
sempre il nome di Dio con la minuscola : a tali miserie umilia 
gli uomini, il pregiudizio anticlerical e ! Ma lo Zanella, che, 
come nei suoi Scritti vari si scaglia contro il positivismo,. 
co si fu salutato nei versi il poeta deJta scienza e dell a fede r 
trasfuse appunto nelle sue rime la lotta filsofica del suo tempo- 
tra il positivismo e la dottrina cattolica. lo m'inchino, di- 
ceva nei 1867 nei discorso d'apertura del suo corso letterario- 
all' University di Padova, io m'inchino riverentemente alia 
scienza moderna ; ma non posso indurmi a credere che altro- 
al mondo non esista se non cio che soggiace all'analisi del 
fornello e delle storte. Per quanto una filosofia, detta positiva, 
siasi studiata di limitare le nostre ricerche ai soli fatti sensi- 
bili ; per quanto siasi provata di staccare 1'attenzione del- 
1'uomo dall'idea per ridurlo a contentarsi delPapparenza, 
sente 1'uomo intorno a se qualche cosa di arcano e d'indefini- 
bile, della cui realt^ non e meno certo, che della presenza degli 
oggetti i quali tocca con mano. Oltre il mondo che noi abi- 
tiamo ; oltre i mondi che ci sono rivelati dal telescopic ; esi- 
stono mondi inaccessibili al senso, ma non meno noti allo spi- 
rito, che vagheggia in essi 1'idea della verita, della giustizia 
della bellezza, e dell'ordine : nobilissimi mondi, ove le animfr 
eccelse sogliono ripararsi dagli assalti della fortuna e dal 
contagio delle umane scelleratezze w 1 . 

Tali concetti egli seppe con finissima arte mettere in versi j 
percio come canta il progresso delle scienze fisiche, geologi- 
che, e industrial!, canta insieme la fede degli avi e la religione 
materna, canta gl'intimi affetti che 1'uomo sublimano oltre 
orizzonti non terreni a speranze infallibili ; per le quali nella 
tomba ritrova la culla di una vita imperitura, e di un avve- 
nire meraviglioso. A tale altissima filosofia di leggere nei qua- 
derno della natura le sillabe di Dio, e d'ammirare nell'uni- 
verso e nelle sue vicende 1'orma della pro widenza divina non 
s*e sollevato il Croce con la sua tedescheggiante fllosofia dello 
spirito, e con la sua estetica dell'espressione ; non e riuscito, 

1 Scritti vari, Fireuze, Le Mounier, 1877, p. 197, e 213 ecc. 



DALLA NASCITA DI GIACOMO ZANELLA 211 

comelo Zanella, a scandagliarel'arcano del create, e conden- 
sarne il succo nei suoi volumi. Percio in tutta la critica che fa 
deUo Zanella vede solo una commedia di equivoci, un dissidio 
fra scienza e religione, nel che il filoeofo napo^etano non si 
palesa che un dilettante di teologia. Vero e che sentenzia aver 
lo Zanella verseggiato assai bene il tema del dissidio tra 
scienza e f ede, secondo la sua abilita, da provetto letterato che 
sa dire in forma aristocratica le cose della vita moderna e pra- 
tica ;. ma per lui le rime del poeta sono sermoni variati COD 
pitture e miniature ossia con descrizioni artistiche e con mer- 
letto di poesia. 

Da questo modo cii considerare la poesia dello Zanella, 
appar chiaro come nel giudizio del Croce noji entri la pura 
contemplazione del bello secondo il suo sistema, ma il giudizio 
della materia cantata, Pargomento stesso trattato, che a lui 
non garba perch& non si accorda coi suoi pensieri. Eppure se 
avesse letto bene la filologia classica dello Zanella, vi avrebbe 
ritrovato pensieri pari alia sua teoria estetica, cioe che 
funesto in ogni tempo alia letteratura italiana & tornato il 
pregiudizio di credere che pensiero e parola siano cose diverse, 
le quali separatamente si possano coltivare con gloria *. 
Ma il Croce fa come 1'Imbriani : di una bell 'ode del poeta stral 
cia qualche pensierino, qualche descrizioncella, qualche mi- 
niatura e poi afferma che tutta la poesia e descrizione e mi- 
niatura e merletto ; come accadrebbe a chi in una tela di Baf- 
faello flssasse solo le teste o i merletti degli abiti, o i paesaggi 
'del fondo, e ne presentasse cosi 1'opera artistica in frantumi, 
senza elevarsi all'insieme del grande concetto. B a persuaders! 
quanto poco penetri il critico nel pensiero profondo del poeta 
basta leggere Je sue superficialissime osservazioni su la poesia 
Microscopic e telescopiOj dove tutti i concetti sono, per dir 
co si, materiati di realta e storia sotto gentili imagini poetiche. 
Lo Zanella non iscompagnava la forma dal pensiero, ed aveva 
altissima idea del poeta come cultore sincere dell'onesto e ded 
bello ideale. Nel santuario di Temide e delle muse il poeta. 
1 Stritti vari. p. 48. 



212 NEL CENTENARIO 

diceva lo Zanella, cerchi di riaccendere sull'altarele flamme so- 
pite : canti Dio e l'umanit : 1'amore e la famiglia ; 1'uomo 
politico, che muore iunanzi tempo fra le cure di Stato per 
creare 1'unita e 1'indipendenza di un popolo ; canti il piu leale 
dei Be, che versa nelle battaglie il proprio sangue e quello 
dei figli per restituire lo scettro ad una terra, che Dio aveva 
fatta Regina, e che per le sue colpe era esclusa dal novero 
dell'altre nazioni 1 . 

Con queste parole il poeta designava se stesso e 1'opera sua ; 
<e insieme faceva vive vive presentire tutte quelJe ragioni 
della buonafortuna dei suoi versi che non sono peranco venute 
meno eche, colCroce, si potrebbero raccogliere in motivipo- 
litici, che rendevano gradita la voce di un sacerdote pio e 
patriota, inneggiante alia liberta, al progresso, all'industria; 
in motivi intellettuali non solo di idee conciliatorie, mafortidi 
pensiero religiose, escientifico ; in motivi morali nel nobile ca- 
rattere del nuovo poeta; in motivi letterari, chedimostravano 
come fosse sorta una novella forma di poesia, non imbellet- 
tata di manipolazioni tradizionali, ma awivata dal sofflo 
della vita moderna. Onde diceva bene il Graf, concludendo la 
sua pref azione alia nuova edizione delie poesie dello Zanella : 
Dal giorno che, passano quarant'anni, Giacomo Zanella 
stampo la prima volta i suoi versi, parecchie voci, che avevan 
levato alto clamore, cessarono di farsi udire. Non passeranno 
molt'anni, e altre cesseranno egualmente di farsi udire. Quell a 
di Giacomo Zanella non gia: dacche la voce sua e voce di vera 
poesia, di rettitudine e di amore ; voce del tempo presente ; 
voce ancora del tempo awenire e delle cose che sono per na- 
scere 2 . 

II. 

Si fece questione se lo Zanella fosse un classico o un ro- 
mantico. Vissuto nell'eta pugnace del romanticismo, il poeta 
vicentiuo tenne, come a dire, una via di mezzo : medio tutis- 

1 Scritti vwi, p. 199-200. 
Ediz. cit,. p. XLIV. 



DALLA NASCITA DI GIACOMO ZANELLA 213 

simus ibis. Fu romautico nella materia e classico nella forma r 
e tanto classico che si accosta, meglio delCarducciedelPascoli 
e di altri poeti moderni, al fare dei nostri grandi poeti e parti- 
col armente del Leopard 1 '. 

Suo intento parve fosse di tradurre in poesia il vero come 
1'intendeva il Manzorii. Onde il romanticismo zanelliano 
serabra per appunto quel sistema romantico, che emanci- 
paudo la letteratura dalle tradizioni pagane, disobbligandola, 
per dir cosi, da una morale voluttuosa, superba, feroce, cir- 
coscritta al tempo, e improwida anche in questa sf era ; anti- 
sociale, dov'e patriottica, e egoista, anche quando non & 
ostile; tende certamente a render meno difficile 1'introdurre 
nella letteratura le idee, e i sentimenti che dovrebbero int'or- 
mare ogni discorso. E dall'altra parte proponendo anche in 
termini generalissimi il vero, 1'utile, il buono, il ragionevole, 
concorre, se non altro, con le parole, allo scopo del cristiaue- 
simo ; non lo contraddice al meno nei termini . A questa teo- 
rica manzoniana della Lettera sul romanticismo e informato- 
il pensiero dello Zanella. Percio non fa meraviglia che il Man- 
zoni, visitato dallo Zanella a Brusuglio, gli facesse accoglienza 
cordialissima, ne sapesse a memoria la Conchiglia, affermasse 
al Fabris che i versi di Zanella sono belli tutti , e tra i pochi. 
libri che teneva sul tavolo fosse il volume di quei versi 1 . 

L'arte dello Zanella, conforme egli esigeva dall'indole 
della letteratura italiana, ha veramente ragione, immagina- 
zione e sentimento come costitutivi della sua bellezza. In lui 
tu senti quell'equilibrio classico, che ad altri parra frutto di 
ragionamento, ma e invece vena di profondo senso estetico,. 
appre-so dal lungo studio dei classici e tramutatoglisi in sangue 
e vita. La poesia era per lui un ministero. Percio nel Passeggio> 
solitario diceva ai suoi autori : 

sacerdoti del pensier! Se ognora 
Fido vi fui; se alia piiz fredda bruma 
Con voi sovente mi trov6 1'aurora, 

1 F. LAMPERTICO, Qiacomo Zanella. Eicordi. Vicenaa, Galla, 
p. 430. 



214 NEL CENTENARIO 

Fate eke il grande amor, che mi consuma, 
Alia virtU sia piti saoro; e se talora 
Insultasse al pudor, pera la piuma. 

La lettura del suoi carmi ci lascia nell'anima sempre un 
buon pensiero, come quelli deJ Manzoni, col quale ebbe 
anche analogia di tendenze e canti politic! liberaleggianti. 
H sudato verso di lui, anche dove la lima 

Non sempre uguale il suo lavor comparte, 

ha varieta di suoni e di metro ; e i suoi sciolti si sostengono 
con una forza d'arte che rammenta il Parini, di cui ebbe, 
se non la tempra, il cuore. Egli che diceva di non cercare 
nell'artel'imitazionedella natura, ma J'idea, cio 1'impronta 
di quell'arcana bellezza che tutti confusamente appren- 
diamo ; ma che solo 1'artista sa esprimere col magistero del 
disegno e della parola : nel paragonare poi in un sonetto 
Natura ed arte, pose il sommo dell'arte nell'agguagliare la 
natura ; ma in quell'agguagliarla che non e imitazione mate- 
riale di verismo, benslordine onde la natura sa armonizzare 
le parti del suo mirabile Javoro. ^} sempre insomma la me- 
desima impronta di quell'idea che la natura ci offre come 
modello sicche 1'arte nostra si fa a Dio quasi nepote. 

Per si alto concetto letterario, lo Zanella, che pure aveva 
tanto letto gli scrittori stranieri, e ne aveva dato all'Italia 
studi e belle versioni, non se ne lascio traviare il gusto, 
per quanto talvolta, come 1'ape, attingesse sugo da flori 
esotici. Voleva che gl'italiani non imbastardissero il loro 
carattere letterario con contaminazioni eimitazioni straniere. 
Quando io leggo gli scrittori stranieri, diceva, mi pare 
di essere un viaggiatore, che si porta a visitare, quelle 
citta, que' flumi, quelle montagne: mi fo concittadino di quel 
popolo : dimentico per qualche tempo la patria, per vivere 
aecondo le altrui costumanze e sentire come sentono gli al- 
tri ; ma quando finalmente ritorno in patria, sento che que- 
eta via, queste usanze, questa gente piu non si confanno al 
mio genio ; mi contento del pane di casa ; anzi mi glorio di 
appartenere ad una nazione, che in molte cose, anche neUa 



DALLA NASCITA DI GIACOMO ZANELLA , 215 

letteratura, ha sembianza propria che la distingue, e non in 
peggio, dalPaltre nazioni x . 

Ma il genio dello Zanella, se era romantico ne^a materia, 
e nella forma classico, non era pero classico per un classicismo 
ammanierato da seicento e settecento, bensi perseguiva quella 
forma classica che ha 1'occhio alia vita dell'arte, non aUa ma- 
terialita dei mezzi ; percio ammetteva anche una variability 
della forma che chiamava accessoria. Quando, io dico, inse- 
gnava, che lo scrittore italiano deve mantenersi fedele alia 
forma che piu risponde all'indole della nazioiie, non e ch'io 
non rieonosca una forma aceessoria," la qua! e di necessita dee 
variare col tempo. E chi sara che voglia ostinarsi nell'uso 
di una forma antiquata, quando la societa, di cui la lettera- 
tura non e che lo specchio, soggiace nei reggenti, a un mu- 
tamento eosi pieno e profondo ?... Fa d'uopo, pertanto, 
che gli odierni scrittori, si guardino da tutto cio che sente 
di .artificial.^, e superfluo : le pomposita degli esordii, le 
amplificazioni dei racconti, i discorsi introdotti nella storia 
per isfoggio di rettorica sono da lasciarsi come A r estiti lo- 
gori. La prosa si nutra di pensieri piu che non si adorni di 
irasi : cerch 1 ! vigore e chiarezza nella semplicita, che distin- 
guei nostri scrittori dl Trecento. La poesia lasci da banda 
un linguaggio, che uua volta pote dirsi de' Numi, ma ora 
non e piii inteso che da pochissimi : rifugga dall'allusioui a 
sistemi e dottrine, che la scienza moderna ha chiariti falsi : 
cerchi d'ispirarsi alle scoperte del tempo : eviti sopra tutto 
le prolisse descrizioni vanissime nell'arte del verso, che non 
Jia vita e calore che dal sentimento 2 . 

E come diceva e insegnava, cosi praticava. I suoi versi 
litraggono la vita del suo tempo ; ma vi aggiungono quel 
(chiarore di fantasmi e di imagini che anche quando sem- 
brano elevarsi nell'indefinito del mistero, nonperdononulla 
del loro lume, anzi danno al mistero 1'aria di maggior altezza 

* Seritti vari, oitat. p. 202. 

* Scritti vari, p. 204. 



216 NEL CENTENARIO 

e verita, come lo sfondo azzurro e luminoso delle montagne- 
in un quadro di scena domestica. 



III. 



Ma lo Zanella non solo fu poeta ; fu anche un ottimo- 
maestro ed educatore, e seppe vedere e misurare il buono & 
il male del vecchi sistemi. Noi deploriamo, scriveva, 1'e- 
ducazione che aliora si dava alia gioventu, quei cellegi, quelle 
accademie, quei pedagoghi, quel latino, quel greco ; ma da 
quella educazione io posso dirvi che uscirono avvocati, giu- 
dici, prefetti, statist!, generali, che 1'Italia si terrebbe f elice 
di avere nella nuova generazione. Ho conosciuti vecchi ma- 
gistrati e capitani, che consolavano 1'ozio, a cui erano con- 
dannati dall 'Austria, leggendo Orazio e Tacite ; e colle la- 
crime della riconoscenza sugli occhi ricordavano i loro antichi 
maestri)) 1 . Essi erano stati istruiti e cresciuti cen que' me- 
todi che crearono tutti i grandi italiani dei tempi passatu 
Assidua lettura dei classici greci elatini: settimanale com- 
ponimento ora in verso, ora in prosa, con mimite diligenze 
circa lo stile ; di matematiehe e di scienze fisiche e naturali 
quel tanto che basti agli usi della vita, e puo far conoseere al 
giovane se il suo ingegno sia fatto per esse, in modo da ap- 
plicarvisi poscia con frutto 2 . Percio non approvava quel 
metodo di prescrivere molteplici materie di studio ai giova- 
netti e dopo trent'anni di insegnamento poteva dire anche- 
lui, come il suo Eovato nel consiglio della Direzione del 
Ginnasio liceale di Padova, quando nel 1852, 1'Austria in- 
troduceva il nuovo metodo d'istruzione secondaria, scimieg- 
giato poscia dall'Italia: Conosco da mezzo secolo le teste 
dei giovani. Sono anguste come vicoli ; e voi volete farvi 
passare un carro di fieno: aggiungete buoi e buoi, ma il 
carro non passa 8 . 

1 Scritti vari, p. 222. 

* Ivi, p. 279. 

3 Scritti vari, 290. 



DALLA NASCITA DI GIACOMO ZANELLA 217 

Di cio vediamo la prova ai nostri giorni, quando do- 
vremmo invece raccogliere il fmtto delle magnifiche sorti 
e progressive. Ma fino dal suo tempo aveva ben visto anche 

10 Zanella, che si era persuaso come nel sistema vecchio me- 
glio e piu si studiava che non nel nuo\o. La ragione che- 
ne additava e degna di essere richiamata alia memoria di 
chi oggi tanto deplora lo scadimento delle nostre scuole* 
Lo Zanella era stato direttore del Ginnasio-liceale di Vi- 
cenza e di Padova. e vedendo il peggiorare dell'istruzio ne- 
ed educazione, cercandone le ragioni, aveva trovato che la 
piu intima ragione del poco studiare che allora general - 
mente si faceva, non dipendeva gia dalle compresse a.spira- 
zioninazionaU,odachecchealtro, ma dal pocoo nUm legame- 
che correva fra maestri e discepoli. L'Au stria prima delle 
riforme voleva che per quattro anni i giovanetti studias- 
sero sotto un unico professore, e sotto un unico professore 
facessero i due anni di umanita. Era un savio provvedimento. 
che dava sufiftciente spazio ai maestri ed alunni di conoscersi 
scambievol mente. Colle riforme austriache il giovinetto vide 
d'ora in ora succedersi nella scuola diversi professori di di- 
verse materie ; compieva ginnasio e liceo senza essersi legato 
d'animo, con alcuno di loro.)> E facendo poscia il paragone 
con 1'Italia, poiche Jo Zanella parlava nel 1870, soggiungeva : 
Nell'ordinamento italiano il giovanetto cangia d'annoin 
anno i professori, finche tocchi il liceo ; cosicche appena 

11 maestro giunge a conoscere 1'indole e 1'ingegno de' suoi 
scolari, che se li vede tolti. Questo io tengo per gravissimo 
danno, anche perche cangiando persone si cangiano metodo- 
e dottrine J . 

Gravissimo danno infatti n'e derivato, come tutti vedono, 
alle nostre scuole dall'aver voluto imitare nel metodo e nella 
molteplicita delle materie da insegnarsi gli stranieri. Sicche 
il male andamento dell'istruzione secondaria e in generale 
delle scuole nostre non e solo del tempo presente, ma vec- 
chio di ptii che cinquanfanni. Onde ci piace riportareuna 

1 Scrini vari. p. 224. 



218 NEL CENTENAEIO 

pagina, anche se lunga, del professore poeta, perche ha tutto 
il sapore dell'ora presente, e rispecchia quanto ogni giorno 
si ode da mille parti. 

Lo Zanella parlando specialmente dei Veneti, anzitutto 
ricorda, che, se sotto la gloriosa Kepubblica, e sotto ii Go- 
"verno italico, e anche sotto 1'austriaco, prima delle riforme 
sopra accenuate, mancava per gl'italiani alcuna cosa nel- 
Pistruzione, non erano certamente i mezzi di acquistarla, 
ma piuttosto il buon volere e 1'amore della fatica. Difetto 
questo, sancito proprio dalle leggi italiane con le esenzioni 
<degli esami, coi ripieghi per aprir la porta delle aule snpe* 
riori, a quanti non ama-io la fatica e 1'amore della scienza, 
ma solo la conquista oomechessia del diploma e della carta 
;di passaggio. 

Ma accadde, dice lo Zanella, che vedendo come nelle 
scienze e nelle arti fossimo rimasti addietro delle altre na- 
zioni, e non volendo per una certa albagia riconoscere la 
vera causa, ch'& in noi, ci siamo rivolti a gettarne 1'accusa 
sulle scuole, come non adeguate ai bisogni dei tempi ; e 
,iamo andati a prendere i nostri programmi da nazioni per 
indole, per costume, per movimento d'industrie e di com- 
merci, affatto diverse da noi. Portando in Italia i loro me- 
todi, abbiamo creduto di portare con essi lo spirito che li fa 
prosperare presso quei popoli ; ma ci siamo ingannati di 
grosso ; e questo continue succedersi di programmi, d'inchie- 
ste, di commissioni ministeriali, c'e chiarissima prova . 
Ma in Italia, come in Francia, a questa ragione, noi ne ag- 
giungiamo ancora un'altra, ed e quell'aria di volere ammo- 
dernare tutto, e nelle scuote specialmente con tale riforma 
dimostrare che le vecchie per lo piu nelle mani di sacerdoti, 
non fossero ben indirizzate verso il sapere e i tempi moderni. 
Di qui I'accanirsi contro le scuole private, la mutazione 
-continua dei programmi, affinchfe non apparisse chelescuole 
'della nuova Italia anticlericale stanno ferme o seguono il 
entiero dei gesuiti, degli scolopi, o dei Vescovi. 

. Ed e doloroso, continua lo Zanella, a dirsi come le 



DALLA NASCITA DI GIACOMO ZANELLA 219 

scuole, ordinate nel' modo che sono, tendano a fare ancora 
piu grande questa mancanza (cioe della volonta di impa- 
rare in Italia). Altri popoli possono condursi in fatto di edu- 
<?azione con norme che noi non possiamo. Presso le schiatte 
germaniche, per esempio, 1'amore della famiglia, che v'e 
fortissimo, ed una letteratura sana e virile, compiono cio 
che le scuole non danno che a rneta, cioe la coltura intellet- 
tuale e morale dell'uomo. Da noi invece si bada nelle scuole 
^al solo elemento intellettuale ; ne certo i giovani trovano, 
nella famiglia e nella letteratura, che corre nelle mani dei 
piu, bastante rimedio al difetto della cultura scolastica. 
Nelle nostre scuole si formano, se pure si formano, gl'inge- 
gni ; non si fanrio, anzi piuttosto, si disfanno i caratteri . 
^E lo ZaneJla, che al suo tempo concedeva che .potesse la 
,scuola ancora formare gl'ingegni, che direbbe ora che la sto- 
ria di cinquant'anni testimonia che 1'istruzione nostra non 
ha formato gl'ingegni, e che ] 'Italia tra le nazioni civiH tiene 
.ancora 1'innmo grado della cultura popolare ? 



IV. 



Quanto poi al carattere y le scuole pubbliche italianehanno 
dato frutti molto amari. Basta incontrarsi con certi gruppi 
anche civili di studenti, udire i loro discorsi, conoscere i loro 
iatti per persuadersi che tutto si impara nelle scuole fuor- 
che la morale, il bel parlare, e il decort) e il rispetto altrui. 
Non crediate, continuava lo Zanella, che io intenda che la 
scuola debba cangiarsi in esercizii di prediche morali e re- 
ligiose ; diro anzi che se fossero cancellate dai programmi 
certe lezioni di morale, che mi paiono essere messe 11 per 
ipocrisia, non mi dispiacerebbe ; ma deploro che si trascuri 
'quell 'insegnamento umano e no bilissimo, che sgorga natural - 
mente dalle stesse materie che s'insegnano ; e di cui il va- 
l^nte ed onesto professore si giova a creare e fortificare il 
carattere de' suoi alunni. Si cerca la scienza, non il prezzo 
della scienza ch'e Ja virtu. Uno spirito arido, pesante, infor- 



220 NEL CENTENAR1O 

ma tra noi 1'istruzione, sia tecnica, sia classica ; spirito- 
positivista da una parte, scettico dalPaltra ; spirito distrut- 
tore di quelle no bin idee e di quei generosi entusiasmi, che 
infiammando in altri tempi i nostri giovani ne elevavano 
il more. Abbiamo portato il gelo della critica ed il calcolo 
dell'interesse nell'eta dell'immaginazione e dell'affetto ; che~ 
generazioni si preparino all'Italia, non voglio ne devo dire. 
Senza 1'elemento morale 1'ingegno non frutta, o frutta piu 
sovente vergogne. Senza gli onesti e forti caratteri una na- 
zione non vive ; ed il carattere nasce dal culto delle idee, 
che iiell'odierno insegnamento o sono lasciate da parte o 
anche derise )> 1 . 

Co si nelle nostre scuole si par] era di patria, di eroi pa- 
triottici, di risorgimento nazionale ; ma non gia di risorgi- 
mento degli animi, degU eroi della virtu, della morale intima 
che e il fondamento della virtu vera e non ipocrita. Bandita 
la religione dalle scuole secondarie, in omaggio alia liberta 
del pensiero, v'e entrata la Jiberta del turpiloquio, la li- 
berta dei costumi, la liberta del disprezzo religiose e 1'awi- 
limento del carattere e 1'infamia e il puzzo del bordello. 
Eppure senza lo studio della religione non c'e vera vita mo- 
rale nei piu ; neppure si puo intendere il genio non solo di 
Dante e dei nostri maggiori classic!, ma ancora 1'altezza delle 
nostre arti belle e della nostra gloria passata. Pessimo frutto 
dell'anticlericalismo nostrano, cancro d'ltalia edell'istruzione 
ed educazione pubblica, e appunto 1'ignoranza voluta della 
religione cristiana nelle scuole, per cui la voce dei nostri 
piu grandi scrittori morali e intellettuali non ha piu influsso 
sullo spirito dei giovani, che leggono Dante, il Petrarca, il 
Manzoni peggio che non facciano Virgilio ed Omero, perche 
a ben intendere questi pure han per le mani la mitologia pa- 
gana, mentre a ben capire quelli, e specialmente il divino 
poeta, ignjorano perfino la storia sacra, e la dottrina del ca- 
techismo. 

Con- tanto strombazzare di filologia, nemmeno nello- 

1 Scritti vari, p. 210-212. 



BALL A NASCITA DI GIACOMO ZANELLA 221 

studio degli antichi i moderni insegnanti *pareggiano i vec- 
chi maestri. perche non li sanno far amare dagli scolari. 
Quanti dei moderni uomini usciti dalle nostre scuole classiche 
potrebbero ripetere quanto dice di se lo Zanella? lo vi 
oonfesso, scrive, che i Greci e i Latini sono i piu cari com- 
pagni della mia vita; che da loro attinsi insegnamenti e 
conforti ineffabili ; che per loro mi sento traspertato in un 
mondo piu sereno epiil sinceramente grange. Ebbi la sorte 
che ottimi professori m'introducessero nell'aurea antichi ta. 
Essi non mi soffocarono 1'animo con soverchio peso di com- 
menti grammatical!, fllologici e critici; ma m'insegnarono 
a riscaldarmi sopra un'orazione di Livio, a piangere sopra 
un Jnogo di Virgilio... Da Dante al Machiavelli, dal Poli- 
ziano al Leopardi in Italia lo studio degli antichi fu rivolto 
.a nutrire i) pensiero o a nobilitare lo stile : senza cio io lo 
credo per noi il piu frivolo degli studi *. 

Tale era il metodo degli antichi professori : saper dalla let- 
tura dei classici sollevare gli animi dei giovani alia lode delle 
virtu e al.biasimo dei vizi; al quale scopo non omettevano 
anche, a un bisogno, di correggere le esagerate espressioni 
degli antichi, i vani loro apprezzamenti dei fatti, gli error! 
morali e religiosi. Per tal modo anche dalla mitologia trae- 
vano utili ammaestramenti e un contorto alia formazione 
del carattere ; e in cio facevano consistere non piccola parte 
del loro magistero e del frutto delle loro lezioni anche di 
scienza piu alta, e arida. 

Oggidi, invece, diremo ancoia con lo Zanella, certi pro- 
fessori crederebbero di troppo abbassarsi, se non si tenes- 
sero costantemente nell'altezza della scienza; temerebbero 
di buscarsi titolo di eodino e di bigotto, se suggerissero a 
discepoli qualche verita morale ; per poco anzi noii arrossi- 
rebbero, se loro per caso uscisse dalle labbra il no me di Dio 2 . 
Ecco pertanto come lo Zanella col suo esempio ci si fa 
maestro, non solo dell'arte della poesia, ma dell'insegnare 

1 Ivi, p. 226. 

1 Scritti vari, p. 220. 



222 NEL CENTENARI6 DALLA NASOITA DI <H ACOMO ZANELLA 

ai giovani come ricavar fmtto dagli studi per 1'istruzione 
della mente <e I'educazione del carattere. La sua parola ab- 
biamo voluto richiamare oggi che un rinnovamento dello 
spirito generale e augurato e desiderate da tante parti e 
da tanti partiti. Ma un vero rinnovamento non si avra, se 
aon con un cammino a ritroso, con un ritorno ai metodi 
della nostra grandezza passata, con una rivendicazione di 
quella liberta di scienza e d'istruzione che non sia un mo- 
nopolio partigiano, ma un possesso comune, scevro degli 
spauracchi dei pretesi pericoli della patria e dell'avvilimento 
del credito dello Stato. 

Lo Zanella ci addita in se stesso il metodo del nostri 
studi e la via per riformarci. La sua Musa e la piti morale 
che parli nei nostri tempi e tanto si solleva di franco al Car- 
ducci, spesso con non minore impeto e splendore, di quanto 
la religione cristiana sopra le larve del paganesimo riscal- 
dato e rifatto. Non negheremo allo Zanella le sue penom- 
bre nei recessi dell'arte ; ma e bene che nel centenario dalla 
sua nascita 1'Italia ne reintegri la lode, e additi ai suoi figli 
la sua educativa arte, elevantesi tra lo stile dei moderni e 
il sermon prisco , come quella di maestro incorrotto, di 
sacerdote del pensiero, di canto re della scienza e della fede, 
di testimonio di quella religione materna, che e retaggio di 
tutto il popolo italiano. Eeligione che non tarpa le penne al 
genio, ma anzi gli e ala a volare e poggiare alle sublimi 
altezze dell'Alighieri e del Manzoni: due caratteri granitici 
d'arte e di religione divina ; due fari, 1'uno del piu alto clas- 
sicismo cristiano, ancor sostenuto dai voli mitologici, Paltro 
del piu sacro romanticismo, spoglio d'ogni fatua veste pa- 
gana, che iniziano ed aprono due eta nella nostra lettera- 
tura, nella seconda delle quali astro di fulgidissimo raggio^ 
sempre il genio di Giacomo Zanella. 



EVOLUZIONE 

STAB1LITA DELLE SPECIE? 1 ' 



II. 

La variability degli individui nelle specie la costanza dei caratteri' 
specific! le serie tra forme diverse ed il loro signiftcato dif- 
ference e Bomiglianze, e necessity di quest'ultime Antonio de 
Monnet de Lamarck eSposizione del suo sistema 1'osserva- 
zione dei fatti e gli argomenti lamarckiani esame del valore 
scientifico della teoria. 



La forza dimostrativa delle prove da noi addotte afavore dcUa 
stabilita delle specie riceve nuova luce, qualora venga messa a 
confronto con le parvenze di argomenti, su cui appoggiano i 
trasformisti le loro teorie. Per chiarezza e brevit& preraetteremo 
alcune osservazioni generali, atte a prevenire ogni equivoco o 
fallacia. 

Sarebbe innanzi tutto erroneo rappresentarsi gl'indivldui di 
qualsiasi specie animale o vegetale come una collezione di ri- 
produzioni stereotipe, stampate sui caratteri dei loro genitori, 
con perfetta identita di struttura. Ogni individuo invece, oltre 
le caratteristiche della specie, ammette una plasticita nella forma 
architettonica e nei singoli organi, da cui risultano le varia- 
zioni individuali, che differenziano i viventi dai sistemi rigidi dei 
corpi della natura inorganica. 

La variabilita individuale tuttavia non si manifesta ad un 
tempo in ogni senso, ma bensi secondo alcune direzioni, o come 
suol dirsi, e lineare. Essa inoltre, pur avanzando nella medesima di- 
rezione, non raggiunge mai ne varca determinati limiti imposti dalla 
specie, e quando a questi s'avvicina capricciosamente retrocede, 
oscillando perd sempre intorno ad un punto medio, con un anda- 
mento che fu giustamente assomigliato alia variazione pendolare. 
questo un dato al tutto certo dell'esperienza, espresso dal Blan- 
chard con le seguenti parole: Le ricerche e le osservazioni dimo- 
1 Continuazione. Vedi quad. 1682 (17 luglio 1920), p. 136 segg. 



224 EVOLUZIONE O STABILITl DELLE SPECIE? 

strano chiaramente che, mentre la variabilita degli esseri viventi 
nello state naturale si svolge in gradi differentissimi, tuttavia, 
ancho nelle sue manifestazioni piu meravigliose, resta limitata in 
un cerchio oltre il quale essa non puo passare. 1 . 

Forse il profano rimarra stupito, sentendo che nei molteplici 
element! e caratteri, propri di ciascun individuo, raolti dei quali 
sfuggono alle nostre indagini, le stesse variazioni numeriche delle 
parti costitutive degli organi oscillino con una certa ampiezza 
intorno ad un valore medio, diverse da specie a specie. II dott. 
Federico Baft'aele, professore d'anatomia e fisiologia compa- 
rata nell'universita di Palermo, riferisce 2 che in un esame di 
640 cadaveri umani, 66 offrivano anomalie, 40 presentavano 13 
paia di coste anziche 12, laddove 2 non ne avevano che 11 ; in 
8 casi le vertebre presacrali erano 23 soltanto, ed in uno non so ne 
contarono che 22. Indagini di tal genere hanno svelato una mag- 
giore variabilita anatomica negli uomini che nelle donne, come 
ne fanno fede il Wood ed il Macalister per conto delle anomalie 
muscolari, ed il Wilder, che sopra 125 individui con dita sopran- 
numerarie noto 86 essere maschi e 39 femmine. 

L'illustre embriologo di Vienna Eabl esegui su tal proposito un 
ampio e profondo studio sulla costituzione strutturale della 
lente dell'occhio, o cristallino, nei diversi gruppi dei vertebrati. 
]E noto come quest'organo sia foggiato di fibre o nastrini micro- 
scopici, disposti tipicamente nei diversi vertebrati, e raggrup- 
pati a formare delle lamelle radiali di un numero costante per ogni 
specie. Nei cristaflino, ad esempio, della salamandra acquaiola 
si trovano in media 100 lamelle radiali, 221 in quello della sala- 
mandra terrestre ; 500 st-anno nella lente della raganella, e 600 
in quella del rospo ; 4300 ne ha il cavallo, 2500 il coniglio, oltrts 
2600 il maiale, piu di 3500 il gatto e 2180 1'uomo. Cio significa 
che le lamelle del cristallino in tutti gl'individui di dette specie 
s'accostano ai numeri sopra indicati con lieve eccesso o difetto, 
ma nan accade mai che in un indimduo qualsiasi esse sorpassino il 
limite prescritto dalla natura alia specie, cui I'individuo appartiene. 
Alle identiche conclusioni pervennero molti osservatori, tra 
cui il celebre zoologo tedesco Heincke, nelle sue accurate ricer- 
che su le diflerenze anatomiche tra specie affini e razze d'unf 

1 BLANCHARD, La vie des Stres animes, p. 102. 

* FEDERICO RAFFAELE, L'individuo e la specie, pagg. 107 e segg. 



BVOLUZIONE O STABILITA. DELLE SPECIE? 225 

medesima specie nella classe del pesci, e specialmente tra le arin- 
ghe. Onde a buon diritto 1'esimio dott. Federico Baffaele as- 
serisce : L'individuo pud variare soltanto entro i limiti della 
specie, la specie entro quelli del genere e cosl via... Vediamo che 
si pu6 sempre distinguere con sufficiente sicurezza, sia un in- 
dividuo dall'altro in una medesima specie, sia una specie da 
un'altra pur molto affine ; e che questa distinzione si pu6 fare 
in maniera puramente obbiettiva e indipendente dal nostro ap- 
prezzamento personale, sol che ci diamo il fastidio di esaminare 
attentamente tutta la composizione, o, parlando piu scientifi- 
camente, 1'anatomia si grossa che minuta dell'individuo o della 
specif. Possiamo infatti convincerci, assai facilmente, che due 
individui d'una stessa specie, anche quando ci sembrino simi- 
lissimi, tanto da poterli scambiare 1'uno con 1'altro, differiscono 
in realta sempre in qualche cosa, e molto probabilmente, scb- 
bene in piccolo grado, in tutta la loro organizzazione ; quel ch 
e simile e soltanto il carattere specifico 1 . 

Sempre sul fondamento di numerose osservazioni si pote for- 
mulare 1'importante regola, che, quando due individui apparte- 
nenti a specie diverse si avvicinano molto, o sono addirittura 
identici in uno o piu caratteri, essi saranno di tanto piu different! 
in altri caratteri. Possiamo quindi conchiudere con Federico 
Baffaele: Cosi gl'individui, ora awicinandosi, ora allontanandosi 
in qua o in la, per questo o per quel tratto da quell'ideale tipo, 
che sarebbe il perfetto modello della specie, non lo raggiungono 
mai, ma ne meno se ne allontanano oltre certi limiti. e nel com- 
plesso rimangono a una distanza presso che costante da quello 
irraggiungibile ideale 2 . Da ultimo negli individui si possono per 
eccezione riscontrare delle deformazioni dell'organismo causate 
da malattie, owero delle mostruosita, che come forme patologi- 
che e teratologiche escono dall'orbita del comune e regolare pro- 
cedere della natura., in virtu di cause perturbatrici accidentali. 
Sinora infatti a nessun assennato corse per la mente che, ad 
-esempio, un uomo od un animale tubercolotico, a motivo delle 
alterazioni patite dal morbo, s'incammini a trasformarsi in un 
individuo di specie diversa. 

* Ibid. pagg. 110-111. 
1 Ibid. pagg. 141. 
,3 Cwfftd CattoUca, 1920. vol. 3, quad. 1683. 15 29 luglio 1920 



226 



Non & raro in natura imbattersi in individui appartenenti 
a specie distinte, i quali si possono ravvicinare per alcune qua- 
lita determinate, o caratteri singolari, espressi in una data di- 
rezione con gradi d'intensitd, crescente o decrescente, per modo 
da costituire ci6 che dicesi nna serie. Cosi fra molluschi di specie 
affini torna agevole improvvisare una serie, tenendo conto sol- 
tanto delle loro conchiglie, ordinandole secondo le dimensioni, 
o le volute delle spire, o le convessita o le ornamentazioni del 
guscio, per guisa che ne risulti quasi un graduale passaggio dal- 
1'una forma all'altra. Persino mettendo a confronto uno struzzo, 
un nandu ed un'aquila, riscontriamo una serie, ad esempio, se- 
condo il numero delle dita, che sono due nel primo,trenell'altro 
e quattro nel terzo di questi uccelli. II termine di riferimento per 
disporre in serie individui diversi non si restringe ai caratteri 
d'un solo organo, ma puo estendersi al complesso di piu organi 
ed anche di tutto 1'organismo. Frequenti sono le osservazioni 
eseguite sulle serie scheletriche dei vertebrati, e sulla loro denta- 
tura, come pure sugli esoscheletri degli animali inferiori, tanto 
viventi quanto fossilizzati. 

E qui cade in acconcio di discutere se le serie, anche piu com- 
plete e quasi perfette, che per avventura si potessero ritrovare 
nell'esame di numerosi organismi, abbiano, come tali, qualche 
significato, o valore dimostrativo, a favore della loro filogenesi, 
quali stadi successivi di passaggio, che ricordino le tappe prin- 
cipali della trasformazione delle specie dalle piti semplici alle piu 
complesse. II che significa in altri termini investigare se, dal solo 
fatto che piu organismi di specie different! formano una serie 
per la somiglianza di numerosi caratteri individual!, si possa logi- 
camente dedurre la loro origine per trasformazione, secbndo la 
nota formola : costituiscono una serie; dunque derivano 1'uno 
dall'altro . Una elementare riflessione e piu che sufficiente a 
convincere quanto sia antiscientifica siffatta deduzione, ed a 
quali grossolani errori essa necessariamente conduca. 

Se si fanno schiudere parecchie dozzine di uova, deposte 
da una stessa gallina, i pulcini divenuti adulti mostreranno no- 
tevoli diiierenze di statura, di colore nel piumaggio, di forma degli 



EVOLUZIONE O STABILITA DELLE SPECIE? 227 

organi, congiunte perd con numerosi tratti di somiglianza. Con 
poca fatica si potranno allora ravvisare tra quest! gallinacei 
delle serie rif erentisi alia gradazione delle tinte, alia f oggia del 
becco, allo sviluppo scheletrico e via dicendo. Qr beno, se fin- 
giamo che tutti questi individui vengano impigliati e rawolti 
ia una sostanza resinosa, e conservati senza alterazione per al- 
quanti secoli, come tocco a non pochi insetti nelle ambre fossili ; 
il futuro geologo, che li scoprisse, e vi riconoscesse a bell'agio 
delle serie, andrebbe ben lungi dal vero, qualora sentenziasse che 
gli uni discesero/dagli altri per successiva trasformazione. Ab- 
baglio piti enorme non potrebbe darsi che giudicare derivati per 
evoluzione organismi sgusciati contemporaneamente dalle uova 
d'una stessa madre. 

Analogamente accadrebbe applicando il criterio delle serie 
nella supposizione che per un cataclisma andassero sepolti e fos- 
silizzati tutti i bovini oggidi viventi in una data regione, i quali 
oflrono -molteplici gradazioni per la curvatura delle coma, le di- 
mensioni delle ossa, lo sviluppo della coda, ecc. Tutti sanno che 
la chiocciola scava nell'estate una piccola buca per nascondervi 
da 40 a 50 uova, da cui sbucheranno i piccoli molluschi, i quali 
tosto si fabbricheranno per difesa una minuscola casa, la conchi- 
glietta, entro cui passano in letargo la rigida stagione. Con gli anni 
e col crescere del corpo del mollusco anche la conchiglia aumenta 
di capacita e di concamerazioni, adattandosi a puntino alia sta- 
tura deH'animale. Se noi facessimo perire in ciascuna delle diverse 
eta del mollusco alcuni di quei cinquanta individui d'una co- 
vata, le loro conchiglie costituirebbero una delle serie piu armo- 
niose, che mai si possano desiderare. La serie adunque ,in quanto 
tale, e spoglia di qualsiasi altro documento, non puo fornire un 
argomento in appoggio della filogenesi. 

Ma v'ha di piu. Si danuo scheletri al tutto simili fra di loro 
per modo da confonderli 1'uno coll' altro, e che pure appartengono 
ad individui di specie indiscutibilmente diverse. Tale e il caso, 
citato da esimii osteologi e dall'insigne paleontologo Gaudry r 
dello scheletro osseo deH'asino, della zebra e d'un cavallo scelto 
tra quelli di statura corrispondente agli altri due. Di fronte a 
questi tre scheletri un naturalista metterebbe a rischio la 
propria fama, presumendo di affiggere a ciascuno il cartellino, 
col nome speciflco dell' individuo, che rimpolpava quell'ossa. 



228 EVOLUZIONE O STABILITl DELLE SPECIE* 

Grave monito questo a certi paleontologi faciloni, che costrui- 
scono con somma disinvoltura sopra scarsi resti fossili 1'intero 
organismo con tutti i piu minuti particolari morfologici ed ana- 
toraici dell'individuo, come se essi di presenza 1'avessero stu- 
diato vivo nei tempi preistorici. Le ricostruzioni fantastiche, 
anziche far progredire la scienza, la espongono al discredito. Di 
qui appare ancora quanto sia esagerato il valor* sistematico da 
aJcuni attribuito allo scheletro dei vertebrati, in guisa da smi 7 
nuire 1'importanza delle altre parti del corpo, anche di quelle 
che pure hanno funzioni di maggior momento nella vita degli 
organismi. Si pensi soltanto che a scheletri non troppo dissimili 
poasono, ad esempio, andare congiunti stomachi differentissimi, 
come quelli dei ruminanti. 

Del resto, non e neppure possibile concepire una moltitu- 
dine svariata di esseri, aventi comune finalita e mezzi limitati 
al suo conseguimento, senza che si trovino associate differenze 
e somiglianze. Si ponga per ipotesi di affidare ai piii esperti mec- 
canici 1'esecuzione di 1000 coltelli different!, che non oltrepassino 
la lunghezza di 20 cm., lasciando libera la scelta deljnateriale 
e la bizzarria della forma. STon sara far tor to al loro genio negare 
la possibility d'eseguire 1'incarico, qualora s'intenda di scartare 
quelli che offrissero un qualsiasi tratto di somiglianza. Questa 
viene imposta dal fine determinate, che e quello di tagliare, e dai 
mezzi, che non sono illimitati. Or bene la natura, superando la 
genialita di qualsiasi mente umana, ha risolto con la massima va- 
rieta molti problemi di questo genere. Cosi, ad esempio, essa e 
riuscita a foggiare organismi, che vivano e si moltiplichino, e tutti 
si reggano su 6 zampe, e non oltrepassino la lunghezza di 12 cm., 
e di questi ne costrui due milioni di forme diverse, quante ap- 
punto, come abbiamo ricordato, sono le specie d'insetti oggi vi- 
venti sopra la terra. Qual meraviglia pertanto che s'incontrino 
fra coteste forme delle somiglianze, quando noi stessi non sap- 
piamo immaginare come possa accadere altramente! Non di- 
mentichiamo in fine nelPesame delle somiglianze degli indivi- 
dui di specie diverse, di perdere di vista le discrepanze esterne 
ed interne, che sempre si accompagnano. Con queste avvertenze, 
dirette conseguenze dell'osservazione, diverra piu agevole^e chiara 
la discussione delle teorie trasformistiche sull'origine delle specie. 



EVOLTJZIONE STABILITi DELLE SPECIE? 229 



II primo autore, in ordine cronologico, che concepi e prese a 
svolgere una teoria generate sulla trasformazione delle forme 
organicht, fu Antonio de Monet de Lamarck, |nato a Bazentin 
nella Piccardia Fanno 1774 e morto a Parigi nel 1829. Studio me- 
dicina, indi botanica, ed all'et& di 50 anni venne incaricato di 
riordinare le collezioni degli animali invertebrati nel museo fon- 
dato a Parigi jjdalla Convenzione. Appunto in questo lavoro 
di classificazione, fd alia vista di certe collezioni, assai^ricche 
d'eaemplari, egli osservo come questijapparissero distribuiti in 
eerie per modo da far intravedere come^una fusione delle specie 
le une nelle altre. Gli baleno allora alia mente 1'idta dell'instabi- 
lita delle specie, quasi esse per un continuo divenire avanzino 
perfezionandosi sotto 1'influsso di leggi naturali immutabili. 

Gli animali. secondo il concetto del Lamarck, costituiscono 
delle serie progressive, che s'iniziarono e tuttora si rinnovellano 
mediante generazioni spontanee, per le quali gl'individui cosl 
spuntati fuori si modificano gradatamente, dando origine a 
specie piu perfette. II processo dell'evoluzione viene iniziato 
dalle mutevoli circostanze delPambiente, le quali importano 
nell'animale cambiamenti di abitudini. Le nuove usanze de- 
terminano nuovi atti, che divengono abituali, e costringono certe 
parti dell'organismo a restar di preferenza in esercizio, mentre 
altre cessano ogni loro attivita. L'uso cosi rinnovato di un organo 
gli comunica vigoria, lo fortifica, 1'ingrandisce e ne aumenta la 
potenzialita ; laddove, lasciato inerte, 1'organo infiacchisce, si 
deteriora, regredisce e da ultimo scompare. Questi nuovi carat- 
teri, acquisiti in forza dell'uso e del non uso, sono trasmessi per 
eredita a traverso le generazioni, per modo che i discendenti si 
modificano lentamente e si trasformano. 

II Lamarck illustra con esempi come awenga che il bisogno 
crei 1'organo necessario, e 1'uso lo fortifichi e 1'accresca notevol- 
mente. Eccoti un mollusco gasteropodo, cui punge la necessita 
di palpare i corpi, che innanzi a se incontra nel suo cammino. 
Sotto lo stimolo di questo bisogno fa sforzi per toccare cotesti 
corpi coi punti piu avanzati del suo capo, e con siffatti sforzi 
vi spinge serrate masse di fluido nervoso e di liquido nutritizio. 



230 EVOLUZIONE O STABILITA DELLE SPECIE? 

3Te consegue che in quegli estremi tratti della testa i^nervi in- 
sensibilmente si distendono, ed a lungo andare sorgeranno i de- 
siderati tentacoli. Durante una carestia di viveri un meschino 
uccello pativa la fame ; il bisogno lo sospinse sull'acqua per pre- 
dare e sfiiggire alia morte d'inedia. II tapinello inesperto al nuoto 
dilata le dita de' suoi piedi, tentando di vogare; ecco allora <-he 
la pelle s'abitua a stirarsi e distendersi. II coraggioso uccello col 
tempo diventa un palmipede. Intanto un suo confratello, che 
in riva d'un corso d'acqua spiegava tutta la sua energia nell'al- 
lungare il collo ed i piedi per beccart nel fango badando a non 
impigliarvisi, finalmente ne esce con le forme del trampoliere. I 
mminanti inv( ce, usi a dar di cozzo co] capo a vicenda, stimo- 
larono la formazione di sostanza cornea ed ossea nella regione 
percossa, e ne uscirono con la fronte ornata delle terribili 
corna. 

All'incontro i serpenti dovettero abituarsi a strisciare sulla 
terra, ad accovaceiarsi sotto 1'erbe, a rigirarsi in ispazi ristretti, 
e cosi ne riportarono la forma allungata del corpo. Lezampe, dive- 
nuto inutile ingombro, atrofizzarono e scomparvero. Consimile 
sorte tocchera agli occhi della talpa, abituata aUe oscurit^ delle 
gallerie sotterranee, come gia dimostra il loro impiccioliniento 
regressivo. L'uomo stesso deriverebbe da un quadrumano. il 
quale, lasciata la vita arboricola, avrebbe acquistato novelle 
abitudini causate dalla vita sociale. Tuttavia quest'ultima asser- 
zione parve al Lamarck alquanto arrisebiata, e nel suo libro 
Filosofta zoologica si mostro per questo conto titubante e non 
del tutto convinto. 

Eiepilogando ora il sistema trasformista del Lamarck, esso 
si compendia neH'adattamento all'ambientej nell'uso e non- 
uso e,, nella trasmissione per via ereditaria dei caratteri acqui- 
siti, con aperto ripudio di qualsivoglia finalita in natura. Vediamo 
se questa teoria corrisponda a verita. 



* 
* * 



II Lamarck, come abbiamo accennato, ebbe la mossa a con- 
cepire il suo sistema dalla vista della disposizione in serie di nu- 
merose forme di organismi di specie diverse, che si potevano con- 
templare nelle collezioni del museo di Parigi. Se pertanto la sua 



EVOLUZIONE STABILITl DELLE SPECIE? 231 

teoria poggiasse sopra quest 'unica prova di fatto, egli avrebbe 
<;ostruito un castello privo di fondamenta; poiche gi& abbiamo 
dimostrato che le serie non raccliiudonp alcun documento scien- 
tifico a favore della derivazione delle specie per via evolutiva. 
Egli poi invoca innanzi tutto nel processo dell'evoluzione 1'am- 
biente, quale autore delle variazioni degli organism! ed inizia- 
tore delle trasformazioni per adattamento. 

Nessuno osd mai sollevare il dubbio sulle variazioni dipen- 
denti dalPazione delle molteplici condizioni d'ambiente sopra gli 
organism! viventi. Sono troppo note le modificazioni nella pelle 
dei mammiferi, che diviene ricca di fitti peli nelle region! fredde, 
e se ne spoglia quasi affatto nei climi caldi. La luce e la tempe- 
ratura modificano in mille guise difl'erenti i color! degli animali, 
la prima operando quale eccitante sulPorganismo, cui stimola 
a produrre determinati pigmenti nelle zone illuminate. II pro- 
teo, anfibio cavernicolo delle acque sotterranee della Carniola, 
muta la tinta roseo -carnicina in colore t'osco quando per qualche 
mese venga trattenuto negli acquarii rischiarati dalla luce solare. 
Si danno pero pigmenti su cui la luce non esercita efficacia al- 
cuna, come quelli del pesce Amblyopsis spelaeus, e dei crostacei 
Asellus e Niphargns, sempre incolori nell'ambiente oscuro e nel- 
rilluminato, laddove altri si sviluppano con vivacita anche nelle 
tenebre, come accade delle larve delle rane e dei tritoni, e del 
famoso dittero Drosophilaj custodito dal Payne all'oscuro per 
49 generazioni. Altra condizione dell'ambiente e la temporatura, 
ohe provoca il cangiarsi del colore in alcuni aiiimali secondo 
le stagioni, come la donnola, 1'ermellino, la lepre alpina ecc. 

Tuttavia queste e. molte altre variazioni causate dall'ambiente 
concernono qualita accidentali, non intaccano punto 1'organizza- 
zione specifica degli esseri ne importano trasformazione di organo 
alcuno. Ecco come il prof. Giuseppe Calderoni corrobora con la 
forza dei dati quest'asserzione: L'esperienza ci attesta che le con- 
dizioni dell'ambiente producono sugli esseri organic! i seguenti 
effetti, e cioe, se sono favorevoli, vi si adattano, se no, o periscono 
immediatamente, o conducono una vita stentata, che finisce col 
condurli all'estinzione. II lupo. la volpe, 1'awoltoio, la mosca, il 
cane, 1'Anagallis arvensis, il vilucchio, il cardoncello ecc. vivono 
in diversissimi climi senza aver subito che variazioni accidentali. 
I serpenti tropicali aH'incontro e la balena non sopportano ri- 



232 BVOLUZIONE O STABILITl DELLE SPECIE? 

spettivamente le temperature basse ed elevate. Molti pesci che 
provengono dal nord, incontrando la calda corrente del Golfo 
(29, 4 C. fra Cuba e la Florida) muoiono, e i loro cadaver! s'accu- 
muiano sul banco di Terranova. Le locuste migratrici, spinte dai 
venti in luoghi ad esse non propizi, non vi si perpetuano, ed & 
allontanato il flagello, che verrebbe dai terribili ospiti. 

La vite, 1'olivo, 1'arancio, il grano ecc. in certi terreni e in 
certi climi, benche assistiti dalParte umana con gelose cure, in- 
tisichiscono e piuttosto che trasformarsi finiscono col venir meno. 
Certi viventi di semplicissima organizzazione, che sono rimasti 
tali fiuo dalle prime epoche, palesano la opposizione, che vi e tra 
il fatto e la teoria, dopochk le innumerevoli vicissitudini e mu- 
tazioni di ambiente, che hanno dominate nella storia geogenica, 
non sono state bastevoli ad evolverli. Verso il fine del pliocene, 
riunite le Americhe, gli animali meridionali invadono il setten- 
trione, senza che per questo sia mutata la loro natura. Le note- 
voli mutazioni di ambiente dell'epoca glaciale avrebbero dovuto 
influire potentemente a variare le specie organiche, invece e 
allora che finiscono di comparire le nuove specie. Se noi (scrive 
il Neumayr) consideriamo ora la fauna marina dei piu recenti 
periodi, vediamo che le conchiglie ed altri tipi di animali in- 
vertebrati della fauna diluviale, concordano perfettamente coi 
tipi viventi. Sono awenuti cambiamenti nella distribuzione 
geografica, ma la forma delle singole specie non subi alcun can- 
giamento sensibile *. 

tAbbiamo avuto occasione di notare altrove la costanza 
di moltissimi tipi attraverso lunghe epoche, durante le quali, 
attesa la enorme lunghezza di esse, sarebbe non solo inverosi- 
mile, ma affatto inammissibile supporre una ferrea costanza del- 
1'ambiente ; supposizione che sarebbe anzi contro la stessa teoria 
neo-lamarckiana, la quale per ispiegare la comparsa delle nuove- 
specie abbisogna delle mutazioni dell'ambiente ; e d'altra parte 
(stando sempre alia teoria) il fatto della comparsa di nuove forme 
accanto a forme persistent! esclude la costanza nelle condizioni 
dell'ambiente. 

Diverse piante hanno caule prostrate . e sono costrette ad 
usuf ruire scarsamente del beneficio dell'aria e deH'irradiazione 
solare, porche dominate da altre di maggior altezza ; si potrebbe 

1 NEUMATB, Storia. detta terra, Torino 1896-97 vol. II, pag. 496. 



EVOLUZIONE O STABILITl DELLE SPECIE? 233 

dimandare perche Tambiente non ha svolto in^esse cirri e viticci 
a somiglianza di altre, o non le ha fatte volubili. I cetacei (stando 
alia teoria) vivendo in acqua, per effetto di convergenza di ca- 
rattere, hanno preso aspetto pesciforme; si potrebbe anche qui 
domandare come 1'influsso dell'ambiente non ha svolto le bran- 
chie, organi ad essi certo piu vantaggiosi e meglio adatti, atteso 
1'ambiente nel quale conducono la vita ; e si potrebbe anche 
chiedere perch& non ha impresso qualche carattere di convergenza 
alia salamandra acquaiola e al coccodrillo e all'ippopotamo, che 
vivono abitualmente in acqua ; o anche perche non ha sviluppato 
tra le dita delle salamandre acquaiole la membrana natatoia 
mentre 1'ha sviluppata nel tritone palmato, nel coccodrillo, nel- 
1'ippopotamo, nella rana, ecc., e perche in questi stessi 1'ha svi- 
luppata solo tra le dita posteriori r . 



* 
* * 



Altrettanto vano e, dinanzi ai fatti, il ricorso del Lamarck 
all'uso e non-uso per awiare gli organismi all'evoluzione. E pri- 
mieramente quando 1'individuo si suppone in tali circostanze 
d'ambiente, che esigano in lui 1'uso d'un organo indispensabile 
alia vita e da esso non posseduto, il vivente deve inesorabilmente 
soccombere, se perdura in quelle condizioni. A nulla gli giove- 
ranno i desiderii ed appetiti lamarckiani, accompagnati da sforzi 
ultrapotenti per determinare il divenire dell'organo assente. ISTelte 
piante siffatti appetiti sono al tutto inconcepibili, come pure 
uegli animali, a cui ripugna qualsiasi tendenza verso un oggetto 
da loro ignorato. Se trattasi poi degli uomini, che potrebbero 
assolutamente essere capaci di consimili desiderii, i conati che per 
impossibile tentassero a tale scopo sarebberof ritenuti per segni 
infallibili di squilibrio mentale. Lo stesso Lyell fu costretto a di- 
chiarare : Allorchfc Lamarck ci parla di sforzi del sentimento 
interno, di influenza di fluidi sottili, di atti dell'organizzazione 
come cagioni per le quali gli animali e le piante possono acqui- 
stare nuovi organi, esso ci d& parole in luogo di cose ; e dispre- 
giando le regole severe dell'induzione, ricorre a finzioni non meno 

1 CAi*DERoyu,L'evoluei<nujei8UoiUntiti, Roma. 1907, pag. 194-196. 



234 EVOLUZIONE O STABELITl DELLE SPECIE? 

ideali della virtu plastica e delle altre chimere del geologi del 
medio evo >> 1 . 

Per gli organ! esistenti nell'individuo 1'uso in generate ne 
f acilita lo svolgimento e loro conferisce robustezza, ma non li ac- 
cresce oltre i limit! posti dalla specie ne, molto meno, li trasforma. 
Non esiste alcun fatto naturale o di esperienza che lo provi. Qua- 
lora si fosse avverata in natura 1'asserzione del Lamarck, il cuore 
deH'uomo, che pulsa in tutti gl'istanti della vita, non sarebbe 
piii contenuto nella gabbia toracica; la lingua delle donne usci- 
rebbe dalla bocca, la mano destra stonerebbe nella simmetria 
umana. Anehe gli esempi degli occhi minuscoli della talpa e de- 
gli uccelli, che hanno smesso di volare, non depongono punto 
a favore degli effetti del non uso, che determina la riduzione e 
la scomparsa dell'organo. 

Infatti tra gli abitanti di luoghi oscuri, insieme con animali 
ciechi, prosperano altri dagli occhi normalmente sviluppati, ed 
in piena luct vivono insetti ed altri organismi che non vedono. 
Se fossero organi ridotti, dovrebbero conservarsi tali anche nelle 
Jt'asi embrionali, e non arreatare di poi quasi d'improvviso il loro 
svolgimento. Ora appunto gli embrioni delle talpe, dei pesci 
Stygicola ed Amblyopsis spelaeus, dei crostacei Troglocaris e Cam- 
bams hanno gli occhi svolti con le stesse proporzioni di quelli, 
che abitano le regioni illuminate. La natura voile che cotesti ani- 
mali fossero muniti di occhi assai piccini, e noi non troviamo che 
ridire. L'onicoforo Peripatus provvisto d'occhi sta sernpre nas- 
costo durante il giorno, e non si muove che la notte in cerca di 
preda ; portato per forza alia luce, si dibatte con veemenza, finche 
lasciato andare veloce si rifugia al buio. E perche dal periodo 
dell'eocene in qua non e ancora scomparso 1'occhio di talpa, 
ed il padiglione -auricolare immobile nell'uomo non s'e ridotto? 
Ci spieghi il Lamarck perche il nostro polmone destro e piu svi- 
luppato del sinistro. Perche il pavone, 1'uccello lira ed altri hanno 
di molto piu ampiamente sviluppate le penne timoniere della coda 
anziche le remiganti, cui per altro tengono in maggior esercizio ? 

A conferma degli eff etti del non -uso si suole ricorrere ai gatti 
del Giappone e dell'isola di Man, i quali non hanno coda, senza 
ponderare che questi felini appartengono ad ana razza dalla 

1 LYELL, Princ. de gfal., parte IV, cap. I. 



EVOLUZIONB O STABILITl DELLE SPECIE? 235 

coda brevissima, si da parere a prima vista che ne siano 
privi. 

Si cita anche il dito mignolo del piede dell'uomo, impicciolito 
perch& impacciato nel movimento dalla pressione della scarpa ; 
ma il guaio si e che anche presso i selvaggi, che sempre cammi- 
narono a piedi nudi, esso non ha anmentato le sue modeste di- 
mensioni. Omettiamo altri fatti consimili, perche di molto dis- 
cussa autenticita. Anzi abbiamo 1'eserupio d'una lucertola, in 
cui si potrebbe asserire che la riduziono dell'organo ha prece- 
duto il non-uso, ed e il Seps chalcides del mezzodi dell'Europa, 
il quale non risparmia 1'esercizio delle sue minutissime zampet- 
tine, benche figurino ben poca cosa a confront^ del corpo del 
sauro. Ma v'ha di piii. Tutte le modificazioni, come osserva il 
Cuenot x , che concernono 1'adattamento funzionale dell'indi- 
viduo all'ambiente, e quelle che si vogliono riguardare come 
eft'etti dell'uso e del non-uso, non esercitano alcuna azione sul- 
1'evoluzione delle specie. E cio perche allo stato presente della 
scienza si puo omai ritenere che i caratteri acquisiti, nel senso 
stretto e precise di questo termine, che s'applica al caso no- 
stro, non sono punto trasmissibili per via ereditaria. E quegli 
scarsi fatti addotti dai lamarckisti ammettono almeno un'in- 
terpretazione diversa, altrettanto plausibile, notando pero che 
se realmente si desse un'eredita dei caratteri acquisiti, non si 
dovrebbe essere nell'impaccio per -citarne gli esempi. 

II Cuenot inoltre richiama 1'attenzione sull'impossibilita della 
trasmissione dei caratteri acquisiti, invitando a riflettere che 
un carattere, il quale venue modificato dalle condizioni dell'am- 
biente, era a sua volta un carattere acquisito : tanto e vero cbe 
pote essere variato appunto perche non era fisso per^legge eredi- 
taria. E poich& detto carattere acquisito dei parenti non era ere- 
ditario, non sara tale neppure il nuovo acquisito dti discendenti. 
Che se per avventura non fosse cosi, esso sfuggirebbe al dominio 
dell'ambiente, che lo caus6, rinnegando la propria paternita. 
Quando pertanto i zootecnici attribuiscono le differenze morfolo- 
giche delle razze ai diversi modi d'allevamento e di uso, errano 
grossolanamente. Le dissonanze biomorfologiche sussistevano 
gia priina, e furono quelle che suggeriroho all'uomo di aumen- 

1 L. CU^NOT, La g&ndse des espices animates, Paris, 1911, p. 188-89. 



236 EVOLUZIONE O STABILITA DELLE SPECIE t 

tarle con 1'arte, e tentar di spingerle all'estremo limite per pro- 
prio vantaggio. Come ognuno pu6 agevolmento comprendere, 
basta la sola impossibilita della trasmissione del caratteri acqui - 
siti per adattamento all'ambiente a dimostrare assurda la teo- 
ria del Lamarck, che su di essa s'appoggia come sopra la base 
fondamentale delTevoluzione delle forme. 

Non accenniamo neppure alia falsit& dell'asserzione lamar- 
ckiana, che tutta la natura organica sia il risultato di cause 
cieche e meccaniche, poiehe dal caos non si origina 1'ordine n& 
Farmonia teleologica, quale si osserva nella natnra vivente, e 
di cui porgemmo un breve saggio nell'ultimo argomento in con- 
ferma della fissita delle specie Similmente dicasi della genera - 
zione spontanea, supposta dal Lamarck, e dimostrata assurda 
dalla scienza. 

In conclusione, tutti i fattori escogitati dal Lamarck per in- 
terpretare 1'evoluzione delle forme speciflche si riducono a mere 
asserzioni verbali, destituite di qualsiasi valore probative. In 
questo sistema tutto e da dimostrare, e per di piu, tutto e indi- 
mostrabile. II nostro breve esame critico ci fece appunto toe- 
car con mano che 1'azione dell'ambiente, 1'uso ed il non-uso, 
la trasmissione dei caratteri acquisiti, quando si riferiscono alia 
trasformaziono delle forme organiche, non sono che formole ideali r 
a cui non corrisponde effetto alcuno reale in natura. 

(Continua). 

LEANDRO GATA S. I. 



MER1GGIO D ETTOPIA 



RAGCONTO STOR1CO (1626-1640) 



CAP. IX. Aurora di sacrifizio. 

Levossi a rumore tutto J'accampamento musulmano, 
quando entro la squadra col prigioniero D. Cristoforo. D'ogni 
parte accorrevano a vedere quell'uomo, che con poche milizie 
aveva osato affrontare un esercito cento volte superiore. 

Attendevalo il Gragne nella sua jspaziosa ^tenda, circon- 
dato dai suoi capitani. 

Benche disfatto dalla stanchezza e dalle ferite, il giovane 
eroe portoghese non dava segno di avvilimento, e stette 
con la testa alta al cospetto del barbaro. 

Guardaronsi i due uomini, che per sette lunghi mesi si 
erano combattuti accanitamente con forze dispari. Negli 
occhi del inu.suJm.ano ardeva la gioia di potere assaporare a 
suo agio la crudele vendetta che meditava. 

Sereno nella sventura, cristianamente accettata dalle 
mani di quel Dio che nei suoi arcani consigli da e toglie la 
vittoria, il fortissimo guerriero non lasciava di mostrare 
nell'atteggiamento del volto e nel lampo degli occhi la caval- 
leresca alterezza propria della sua condizione e del suo animo 
invitto. 

Dopo aver guatato con ferocissimo odio e disprezzo il 
prigioniero, il barbaro stese )a mano, additando un mucchio 
di teste di goldati portoghesi, circa cento settanta, quanti 
ne erano morti o caduti in mano del suoi soldati, e gli disse : 

Bcco i tuoi compagni, coni quali ti vantavi di toglieimi 
]e mie conquiste ! Eiconosci ora la tua stoltezza. Ma, in ri- 
guardo deila tua audacia, voglio farti grande onore. 



238 MERIGGIO D'ETIOPIA 

E volto si ad alcuni schiavi : 

Spogliatelo e vergheggiatelo ! 

Fremette entro se stesso, ma non rispose parola a si vile 
affronto il cavaliere cristiano. Levo gli occhi al cielo ado- 
rando i decreti di Dio, che 1'aveva dato in mano ai suoi ne 
mici, mentre gli strappavano le vesti e gli legavano a tergo 
le mani, con grande suo tormento nel braccio spezzato. 

Dopo le battiture, il feroce tiranno gli fece percuotere il 
volto con i calzari dei suoi schiavi, e mandollo in giro per 
tutto 1'accampamento perche gli fosse fatto ludibrio dai suoi 
capitani e soldati. 

II pensiero di Gesu Cristo alia colonna poteva es-sere, non 
che di conforto, di gloria a quell'eroe, che, come i pari suoi 
di quei tempi di fede, poneva il vanto maggiore nel com- 
battere e dare la vita per la religione di Cristo. 

Non e a dire gl'insulti e le ignominie che poterono fare 
ad un cristiano, odiato mortalmente. quei barbari senza 
cuore e sentimento alcuno di umanita. 

Fattolo ricondurre alia sua presenza, il tiranno, mostran- 
dogli le pinzette donnesche che gl: aveva mandato, gli disse r 
- Le ho conservate a bella posta per te. Eccole; ora ne 
hai bisogno! 

E ordino ad uno degli schiavi che con quelle gli strappasse 
i peli delle ciglia. Di poi, f attagli versare cera liquefatta nella 
barba le fece dar fuoco, con gravissimo tormento dell'eroe 
cristiano che rimase sfigurato nel volto, ed in si crudo scem- 
pio non faceva se non volgere gli occhi al cielo, chiedendo per- 
dono dei suoi peccati ed offrendo 1'anima al Creatore. 

Lo rimirava il barbaro, con diabolico gusto, ma non sazio 
nella sua belluina sete di vendetta ; onde, non per pieta, 
ma per nuovo scorno, fattegli slegare le mani e gettare ad- 
do sso uno straccio d'abito vilissimo e sucido, lanciavagli 
insulti e sarcasmi : 

Dove sono i tuoi monaci ? Piu della meta hanno 
perdutoja testa. Ah! Ah! Gli altri ti hanno abbandonato 
da vili. Ma, non essendo buoni ad altro che a fare i 



IX. AURORA DI SACRIFIZIO 239 

(i monaci)) quali siete tutti, voglio usare merce e clemenza 
con essi e con te, tanto solo che li mandi a chiainare e 1'in- 
duci a venire al mio cospetto. Allora solo, mi movero a cle- 
menza e ti rimandero con essi alle Indie, dove avrete da con- 
tare chi e Ahmed -ibn-Ibrahim ! 

Fremette il generoso e leale cavaliere cristiano a tale pro- 
posta di musulmana perfidia, e rispose con risolnto accento : 

Se tu, o barbaro infedele, conoscessi che tempra d'uo- 
mini sono i portoghesi, non perderesti il fiato in vane ciance 1 . 
Di me puoi fare quel che ti talenta, poiche sono in tuo potere; 
ma tieni ben fermo che, anche se' mi dessi la meta delle tue 
terre, io non farei venire a te pur un solo del miei. I portoghesi 
non hanno costume di vivere con i cani infedeli, nemici loro 
e della santa fede di Cristo mio Signore. Verra giorno, che 
essi sapranno vendicare il vile affronto che tu fai a me ed alia 
nostra fede ! 

Non sostenne il barbaro quelle coraggiose parole che gli 
sferzavano 1'animo orgoglioso,e nell'impeto dell'ira, snudo la 
scimitarra e scagliandosi come una belva sull'imperterrito 
eroe, gli spicco la testa dal busto. 

Rimasero sconcertati gli astanti a quello spettacolo, e dif- 
fusa per il campo la notizia del fatto, levaronsi a tumulto i 
turchi, sdegnati contro il Gragne che di suo arbitrio avesse 
tolto loro di poter portare vivo al Gran Turco un prigioniero 
ed ostaggio di tanto valore, qual era il fortissimo capitano, 
fratello del Governatore delle Indie. 

Percio determinarono di ritornarsene a Zebid in Arabia, 
donde erano venuti, traendo seco la testa di D. Oristoforo 
ed i portoghesi che avevano presi prigionieri. 

Uno di questi riusci, durante la notte, a scappare ; e per- 
venuto al luogo dove erasi rifugiata Plmperatrice con i super- 
stiti portoghesi, annunzio loro la morte del valorosissimo 
D., Cristoforo. 

A si dolorosa novella ruppero tutti in alte grida di cordo- 
glio. Ne fu minore il compianto della Imperatrice, la quale, 
per parecchi giorni, con tutte le sue donzelle, tenne gran lutto 



240 MERIGGIO D'ETIOPIA 

e pianse la morte del giovane condottiero come se fosse stata 
del suo proprio figlio. 

A poco a poco, andarono raccogliendosi i portoghesi in 
immero di cento venti nel medesimo luogo dov'era 1'Impera- 
trice. Ivi seppero che uiia cinquantina del loro, condotti dal 
capitano Emanuele da Cunha, andando alia ventura, erano 
entrati, senza saperlo, nelle terre del Baharnagasce, ed ave- 
vano in animo di recarsi a Massaua per far ritorno alle Indie. 

II manipolo superstite si trasferi conl'Imperatrice in ima 
delle montagne del Semen gi& conquistata da D. Cristoforo, 
dovefurono bene accolti.Pochigiornidopo,l'ImperatoreOJau- 
dios, con pochissima gente, giunse a pie della montagna, egli 
vennero incontro i cento venti portoghesi inalberando la ban 
diera della Misericordia , cosi appellando una bandiera che 
si erano fatta con in mezzo un'immagine della B. Vergiae 
della Pieta, dopo aver perduta nell'ultima disastrosa giornata 
la bandiera reale. 

Bimase grandemente coster nato PImperatore, vedendoli 
cosi pochi e udendo della morte di D. Oistororo, che egli 
bramava tanto conoscere per averne udite le meravigliose 
imprese e lo straordinario valore. Ne tenne gran lutto, e con 
lui, dovunque perveniva la dolorosa nuova, tutti in Etiopia 
rinxpiansero la fine dell'eroe cristiano dal quale aspettavano 
salvezza. 

Ma i consigli di Dio so no diversi dai cousigli dei figliuoli 
degli uomini. La morte dell'insigne eroe portoghese fu il 
condegno compimento della sua impresa, la quale, iniziata 
per la fede cristiana, suggellata dal .suo sangue in mo do simile 
al martirio, fu condotta al termine della liberazione dell'Etio- 
pia dal giogo musulmano da Dio solo, nelle cui mani, e non 
negli eserciti, ela vittoria. 

Quella schiera di miperstiti con i cinquanta altri ritornati 
da Massaua, dove non avevano potuto trovar modo di navi- 
gare alle Indie, in tutto circa cento settanta, furono lo stru- 
niento della vittoria nelle mani di Dio. Congiunti alle poche 
milizie dell'Imperatore, levando in alto il Vessillo della Mi- 



IX. AURORA DI SACRIFIZIO 241 

sericordia dalla quale ripetevano ogni aiuto edogni vanto, 
piu che dalle loro armi, essi diedero piu volte battaglia al 
ferocissimo Gragne. 

ETella grande giornata, che decise le sorti dell'Etiopia, 
e fu circa la fine di quell'anno 1542, i portoghesi, settanta del 
quali a cavallo, chiesero edottennero dall'Imperatoreilposto 
d'avanguardia, insieme con duecento cinquanta cavalieri e 
tre mila cinquecento pedoni abissini. Nella retroguardia te- 
nevansi con 1'Imperatore altri duecento cinquanta a cavallo 
e quattromiJa cinquecento a piedi. Gosi disposti aftrontarono 
Pesercito del Gragne, forte di milleduecento cavalieri, tredici 
mila pedoni, e duecento turchi archibugieri, accampato nelle 
vicinan-ze del gran lago Dambia. 

I turchi, come sempre, sferrarono con grande impeto ; 
ma i portoghesi che contro di essi avevano particolare corruc- 
cio, non diedero loro tregua finche non li volsero in fuga in- 
sieme con i musulmani che si tenevano dietro di loro. Sde- 
gnato a tanto, il Gragne accorse egli stesso col proprio figlio 
a rianimare i suoi combattenti, e si fece tanto da presso ai 
portoghesi, che questi lo riconobbero e gridandosi Pun Pal- 
tro esser quello il momento di vendicare la morte del loro 
comandante, tutti silanciarono in quella parte. Pecero unfuoco 
osi fitto con le spingarde, che uno di loro riusci a colpire con 
ana palia al petto il terribile condottiero, il quale si abbatt& 
sull'arcione anteriore della sella. 

Si levo tosto un clamore assordante, di giubilo tra i cri- 
stiani, di angoscia tra i musulmani, i quali, abbassate le ban- 
diere si diedero alia fuga portandosi il loro condottiero mo rto. 
Ma messo in rotta tutto Pesercito, quei che lo portavano lo 
abbandonarono sul campo per salvare con piu speditezza 
lapropria vita. Solo il capita no dei turchi rimase combattendo 
con grande valore, sinche resto mo rto per mano dei porto- 
ghesi. 

Questi si volsero allora ad inseguire i turchi, e ne uccisero 
la maggior parte ; soltanto una quarantina poterono fuggire 

4 Viviltfi Cattolica, 1920, vol. 3, quad. 1683. 16 30 luglio 1930. 



242 MERIGGIO D'ETIOPIA 

insieme con la moglie del Gragne e con i trecento quaranta 
cavalieri della sua guaitiia, portando seco il tesoro. 

Bntratinelcampo,i vincitori vi trovarono immenso bot- 
tino ed una grande moltitudine di schiavi cristiani, special - 
mente fanciulli e donne, tra i quali chi ritrovava le sorelle, 
chi la moglie, chi i figli. 

La gioia di si grande e strepitosa vittoria nonebbelimiti, 
tanto essa fu inaspettata, da sembrare a tutti un sogno, 

L'Imperatore ed i suoi non cessavano di levare al cielo e 
ringraziare i portoghesi, all'aiuto dei quali riconoscevano 
principalmente la liberazione della lunga ed aspra tirannia 
musulmana; e nel fervore della gratitudine, molti si butta- 
vano ai loro piedi a baciarli e levavano alte grida di lode e 
benedizione. 

Eadunati attorno al Vessillo della Misericordia , quei 
guerrieri cristiani protestarono la loro riconoscenza di tanto 
insigne vittoria unicamente all'aiuto di Dio ed alia protezione 
della Vergine della pieta, nelle cui mani prima di iniziare 
la giornata si rano interamente affidati; e le resero le piu 
vive grazie per il prodigioso favore onde li aveva protetti, 
giacche nessuno di loro era morto, pur essendo alia fronte 
del combattimento, dove piu micidiale era la mischia. 

La testa del feroeissimo Gragne, spiccata dal busto, fu 
portata all'Imperatore, il quale la mando all'Imperatrice sua 
madre, e di la per tutti i regni dell'.impero, affinche tutti 
vi riconoscessero la prova della grande vittoria, e quelli che 
per timore dei musulmani gli si erano ribellati tornassero 
all'ubbidienza del legittimo sovrano. 

Cosi era stata vendicata la morte dell 'insigne eroe cristiano 
Cristoforo da Gama, e veniva colto, con insperata larghezza,. 
il frutto della sua generosa impresa. 



* 
* * 



Eestava a rendere degno onore al suo corpo ed alia su a im- 
peritura memoria. A questa celebro le piii solenni esequie che 



IX. AURORA DI SACRIFIZIO 243 

pot& 1'Imperatore, appena si ritiro, per isvernarvi, a Gubai nel 
Goggiam, dove raduno una grande moltitudine di chierici e 
monaci, che furono circa seicento, ed invito d'ogni parte 
i poveri, del quali vi accorsero piu di sei mila. 

Secondo il costume etiopico di celebrare i funeiali alia 
maniera deUe solennita festive, 1'Imperatore largheggio con 
tutti di banchetti e di doni. Ai poveri fece distribuire copiose 
limosine e vestimenta, e fattili accogliere nelle tende, diede 
loro a mangiare e bere in abbondanza, durante i giorni del 
funerale. Con particolare liberalita e con isplendidi banchetti 
tratto gli ecclesiastic!, i quali cantarono piu volte 1'ufficio 
funebre. Consisteva questo ufficio nella recita di tutti interi 
i cento cinquanta salmi del Salterio, senza lezioni n& antifone, 
ma intramezzati da innumerevoli Alleluia, che sono I'unica 
antifona comune a tutte le solennita, siano esse di giubilo r 
o siano di lutto. E diedero inizio al solenne ufflcio prima di 
cantare i salmi, ad una cantilena, a guisa di introduzione, dove 
si diceva alternativamente : 

Denghestobu mota, Alleluia, alleluia, alleluia... t 
Mota Denghestobu, Alleluia, alleluia, alleluia... 

Onore condegno al corpo dell'eroe non fu potuto dare, 
perch& non fu possibile trovarlo, n& allora ne dopo. per quante 
ricerche ne avessero fatte i missionari e particolarmente il 
P. Pietro Paez. 

Dopo circa ottantaquattro anni dalla sua morte, nel 1626, 
quando pm cospicuo il sole della vera fede cattolica andava 
innalzandosi verso il pieno mefiggio, con la venuta del Pa- 
triarca Mendez, Dio voile che fossero onorati anche i resii 
mortali di quell'insigne eroe cattolico, che con la sua gene- 
rosa impresa e col sacriflzio della sua vita ne aveva annun- 
ziata la prima aurora. 

Condusse la spedizione a ricuperarne il corpo, per ordine 
dell 'Imp eratore Seltan Sagad, il nuovo vicere Tecla Ghiorghis 

1 Dengliestobu e I'alteramento abissino del portoghese Dom Christovao, 
com'e scritto in uno del loro annali La cronaca abbreviata , tradotta 
daE. B^GUINOT, Eoma, 1901, pag. 27. Mota signiflca mori. 



244 MEEIGGIO D'ETIOPIA 

con piu di settemila soldati e vi impiego due mesi, dal settem- 
bre agli inizi del novemj)re del 1626. Accompagnavalo il pa- 
dre Girolamo Lobo con alcuni vecchi abissini e discendenti 
portoghesi piu vicini aUe tradizioni del testimoni di vista. 

ftarravano questi, che il barbaro condottiero musulmano, 
dopo che i turchi si furono partiti recando seco la testa di 
D. Oistoforo, fece dividere il resto del corpo in quattro 
quarti, e nxandatine treperogni dove a terrore delle popola- 
zioni abissine, fece seppellire il quarto rimanente nel campo 
stesso di Ofl& sotto un mucchio di pietre, a ricordanza della 
battaglia dov'era stato disfatto il piccolo esercito portoghese. 
Dicevasi anche essersi manifestati alcuni prodigi in quel luogo, 
come il cielo volesse gloriflcare un tanto eroe cristiano. II che 
saputo, il Gragne, per rendere a suo mo do disonorata quella 
tomba, vi mando a seppellire il cadavere di un cane. JSTondi- 
meno le popolazioni vicine continuarono ad avere in onore 
quel tumulo, e gli stessi Galla, quando invasero quell e terre, 
lo tenevano in grande riverenza, sino~a recarsi cola per rimedio 
delle loro infermita e portarne terra come reliquia, ed invocare 
la sua intercessione come d'un gran santo; onde erano gelosi 
che nessuno togliesse loro quella specie di santuario. 

Sulla scorta di tali notizie, la spedizione procedette cau- 
tamente affine di eludere la vigilanza di quel popolo belli co- 
sissimo, e final mente ebbe la ventura di trovare il cumulo di 
pietre e, scavatoyi sotto, le ossa della gamba con parte del 
baoino ; onde non era dubbio che si trattasse dei resti mor- 
tali del grande eroe. Anzi venne a confermare l'autenticit 
della tradizione, il fatto di aver ritrovato pure i denti di un 
cane, che, per essere piu forti, erano ^rimasti a testimoniare 
1 'ultimo affronto fatto da! Gragne all'odiato condottiero 
cristiano. 

H 3 novembre del 1626, il padre Girolamo Lobo giunse 
a Premona con i resti mortali di D. Cristoforo. Li accolse il 
padre Tommaso Barneto, ivi allora vicario, in un prezioso 
panno di seta, e con solenne processione del clero e dei se- 
minaristi con ceri accesi, al suono dei^tamburi e tra le salve 



IX. AURORA DI SACRIFIZIO 245 

di spingarde, ando a depositarli in chiesa. Ivi accorsi, i fedeli 
inginocchiavansi a baciarli con grande devozione, versando 
anche lagrime per lo strazio sofferto da quell'insigne eroe ad 
onore di Dio e della sua santa fede. 

Furono conservati a Fremona, sinche ebbevi occasione di 
mandarli a Goa, al vicere delle Indie, D.Francesco da Gama 
conte.di Yidigueira, nipote di D. Cristoforo . Glieli porto in 
fatti il medesimo padre Barneto, mandate a Goa, ed insieme 
offrl in do no al vicere D. Francesco anche J'elmo di D. Cri- 
stoforo, donate dall'Azage Beda Mariana, che lo conservava 
come preziosa reliquia, al vicere Tecla Ghiorghis, e da questo 
al padre Barradas che lo consegno al padre Barneto. ISTarra il 
padre Barradas che Beda Mariam aveva anche una bell a mi- 
niatura de-lla Madonna col Bambino, statadiD. Cristoforo, e 
non voile darla a nessuno per niun conto, tenendosela caris- 
sima, degno ricordo di quel santo martire comeeglietutti 
gli abissini del suo tempo chiamavano e veneravanoilloroin- 
signe liberatore. 



* 
* * 



Se non compete a D. Cristoforo, nel pieno senso con- 
sacrato dalla Chiesa, il titolo di martire , che essa da ai 
suoi eroi morti nella testimonianza della fede, non glie ne 
manco certo 1'animo e la generosa inteuzione, e gli spetta 
senza dubbio il piu alto vanto di eroe cristiano. Sembra^anzi 
che Dio abbia voluto dare al suo sacrifizio il merito e gli 
effetti del martirio in quanto e semen christianorum se- 
menza di cristiani . 

In verita, dalla sua morte, per circa un secolo (da mezzo 
il XVI a f mezzo il XVII) quanto duro la missione dei Ge- 
suiti, la chiesa abissina rinacque dallo scisma e dall'eresia 
e crebbe alia pienezza della vita cristiana, illuminata dalla 
fede cattolica, alia quale aprl le porte dell'Etiopia IMmpresa 
di D. Cristoforo. 

Subito dopo la vittoria, in fatti, 1'Imperatofe Claudios 



246 MEBIGGIO D 'ETIOPIA 

ehiese un Patriarca cattolico al Ee di Portogallo Giovanni III. 
Questi si rivolse al Sommo Pontefice nel 1546, e domando 
a S. Ignazio, per 1'Etiopia, alcuni padri della Compagnia 
novellamente fondata, uno dei quali, 1'insigne apostolo San 
Francesco Saverio, opera va gia grand! meraviglie nelle 
Indie. Solo nel 1554 si compirono le trattative, e nel 1557 
entrarono in Etiopia i primi col P. Andrea Oviedo vescovo. 
Da allora si succedettero frequenti, sino al 1630, le spedizioni 
di missionarii per quell 'impero, alcuni dei quali, prima di 
raggiungere la meta, morirono durante i viaggi assai tra- 
vagliosi, altri colsero la palma del martirio, primo il padre 
Abramo Giorgi, che fu ucciso dai turchi in odio della fede a 
Massaua nel 1595, consacrando col suo sangue, oome pro- 
tomartire della Compagnia in Etiopia, quel porto per cui 
passarono tanti suoi confratelli verso la terra della Loro mis- 
sione. 

II seme faticosamente sparse germogliava Jentamente, 
e prese rigoglio ai tempi del padre Pietro Paez, ma la messe 
piu copiosa, frutto dell'immenso lavoro di tanti anni, era 
riserbata da Dio alia venuta del Patriarca Alfonzo Mendez, 
quando il flore dei grandi eon 1'Imperatore e con la parte 
piu notabile del popolo erano gia nel grembo della Chiesa, 
ed andavane crescendo il numero a tal punto da potersi dire 
1'Etiopia un regno veramente cattolico. 

Eiunitasi alia Madre, la chiesa abissina fruttificava, col- 
tivata dai missionari, sparsi per ogni dove dal Patriarca. Ed 
in una con 1'opera dei missionarii dava grande incremento 
alia fede cattolica tra il popolo il chiaro esempio dei piu 
grandi personaggi dopo 1'Imperatore, principalmente : il 
Eas Sela Cristos, i due vicere Buc6 e Caba-Cristos, il sag- 
gio e valoroso capitano Fecur-Egzi e 1'insigne e dotto sena- 
tore Tino, che potevano dirsi, ed erano veramente, per cri- 
stiane virtu, per dottrina, per zelo, non meno che per valore, 
nobilt^ e doti naturali, le prime e salde colonne della vera 
fede in Etiopia. 

I consigli della Provvidenza sono imperscrutabili. Tanto 



IX. AURORA DI SACRIFIZIO 247 

rigoglio avrebbe avuto ancora breve durata ; ma, la messe 
delle anime per la gloria fu veramente quale 1'avevano pre- 
parata le fatiche ed i sacrifizii di quasi un secolo.Nellaper- 
secuzione scatenatasi, non pochi abissini incontrarono ge- 
nerosamente per la fede ogni sorta di travagli e la morte 
al pari del missionarii, i quali, parte furono cacciati in esilio, 
parte colsero la palnaa del martirio, e gli ultimi tra essi, 
nel 1640, suggellarono col loro sacrifizio la fine del secolo, 
la cui anrora era stata annunziata ed aperta da 1 sacrifizio 
genefoso dell'eroe cristiano D. Cristoforo da Gama. 

Subito dopo 1'anno 1626, che segna il pieno meriggio cat- 
tolico dell'Etiopia, si iniziarono i travagli della chiesa abis- 
sina. Ad una ad una, tre delle maggiori colonne vennero a 
mancare in breve tempo: Bucd, Caba-Cristos] e Fecur-Egzi 
caddero in varie battaglie, combattendo valorosamente, 
degni, per virtu guerresche e religiosa pieta, di eterna me- 
moria al pari del condottiero portoghese. 

Stavasene il vicere Buc6, nel Damot, provincia meridio- 
nale del Goggiam, il quale si estende entro 1'ansa chetraccia 
1'Abai o^Mlo azzurro amezzogiorno del gran lago Dambi^, 
attendendo a ridurre interamente al cattolicismo il popolo 
del suo vicereame, con i missionarii, ai quali avevafondata 
una residenza a Ligenugus, e con il suo stesso esempio ed 
opera assidua di persuasione. 

Fioriva cosl, in tutto il Goggiam, governato allora da 
Eas Sela Cristos, e prendeva increment la vita cristiana 
per lo zelo di ambedue gl'insigni personaggi, quando venne 
a turbare le opere della pace una subita invasione dei piu 
bellicosi tra i popoli, che minacciavano di continue 1'impero , 
etiopico : i Galla, detti per la loro moltitudine e la tenace 
violenza formiche dai denti di ferro . 



INTORNO ALL'ORDINAMENTO DEGLI STDDI NEI SEMINAKI 

S1CONPO LE RECBNTI DISPOSIZIONI DELLA S. OONGREG. DBI SEMINAR I 

E DELLE UNIVERSITA DEGLI STUDI x . 



La promulgazione del Codice di Diritto Canonico ha dato fe- 
licissima occasione e piti vigorosa mossa al perenne rinnovamento, 
onde la Chiesa di Gesil Cristo, nelle opere e nel fervore della vita 
cristiana,rifiori8cesemprediindefettibile giovinezza, senzabisogno 
di moltiplicare nuove leggi, ma richiamando i suoi figli alle antiche, 
e nel richiamarveli dichiarandone la profonda sapienza, che pre- 
vede e sa adattarsi alle esigenze dei tempi mutati. 

Siffatta sapienza rinnovatrice risplende particolarmente nel- 
1' Ordinamento dei Seminari , pubblicato di recente dalla Sacra 
Congregazione dei Seminari e delle Universita degli Studi, alia 
quale presiede, con indefessa operosita, 1'E.mo Cardinale Gae- 
tano Bisleti. 

Non & dunque nuovo nella sostanza quello che ora dispone il 
presente Ordinamento dei Seminari benche con qualche novita 
di forma, e secondo le nonne antiche novamente promulgate dal 
Codice di Diritto Canonico. Sotto il titolo XXI De Seminariis 
(Can. 1352-1371), contenuto nella IV parte del libro III, parte che 
tratta del Magistero ecclesiastico, parecchi canoni contengono le 
principal! disposizioni, che i Sommi Pontefici, dall'epoca del S. Con- 
cilio di Trento fino ai nostri giorni, hanno emanato per il retto an- 
damento degli Istituti di edncazione ecclesiastica . Cosi esordisce 
il nuovo documento, dando chiaramente a vedere 1'antica sapienza 
di quanto intende riproporre con nuovi e piuparticolareggiatiri- 
chiami, aggiungendo subito: o Esse, tuttavia, per quanto sagge, 
non possono esercitare sull'andamento dei Seminari una influenza 
efficace, se non vengano messe in pratica con lo spirito e con 1'in- 
tendimento con il quale furono prese. Percid questa S. Congrega- 
zione si fa un dovere di richiamare 1'attenzione dei Eev.mi Ordinari 
d'ltalia su quelle, delle suddette disposizioni, a cui, come alle piii 
important!, ^ necessario attenersi, perch& il Seminario sia real- 

1 S. CONGRKQ. DEI SEMINARI E DELLE UNIVERSITA DEGLI STDDI, 

mento dei Seminari. Roma, Tip. poliglotta Vaticana, 1920. 



INTORNO ALL'ORDINAMENTO DEGLI STUDI NEI SEMINARI 249 

mente, quale deve essere, un vero e perenne semenzaio di Ministri 
del Santuario . 

Queste disposizioni riguardano, com'enaturale, la doppia forma- 
zione propria dello stato ecclesiastico, Tuna nella pieta e nei co- 
stumi, Faltra nelle lettere e nelle scienze ; 1'una, comediconoora, 
in reciproca funzione dell'altra , cioe di maiiiera che la educa- 
zione morale informi. come 1'anima il corpo, la formazione intellet- 
tuale, e questa non sia puramente profana, ma si colleghi con Fal- 
tra in tale intima armonia da cospirare alia perfetta Sapienza cri- 
stiana, la quale, se e meta alia comune dei fedeli, e in modo emi- 
nente ai sacerdoti. 

Siffatta unita non risplende perfetta se non nella formazione edu- 
cativa cristiana, ed a maggior ragione in quella doi sacerdoti, quali 
maestri della sapienza cristiana; ed e tanto antica, quanto antico, 
anzi eterno e Dio stesso, ed eterno e Fordine stabilito nelle cose 
dalla mente divina. Unita, non livellatrice brutale, come pretende, 
contro Ja natura stessa delle cose, la moderna anarchia ed ogni 
forma di falsa democrazia, ma coordinatrice e subordinatrice ge- 
rarchica della immensa varieta delle cose umane tra di loro, secondo 
Fordine dei flni particolari, e delle umane alle divine secondo il 
fine ultimo dell'universo. 

Niuno creda che sia, come suol dirsi, a longe petita questa con- 
siderazione sui primissimi principii e che non abbia relazione pros- 
sima con la formazione educativa. Tutt'altro : vi ha la relazione 
piu immediata, so si considera il vizio principale e profondo ond'e 
tralignata questa formazione, nei tempi moderni, e precipita dal 
decadimento che tutti vediamo ad inevitabile sfacelo. 

Si scorge una sorte di perfetto parallelismo tra la confusione 
delle lingue, alia torre di Babele, e la confusione scolastica odierna: 
1'una ebbe origine ed efl'etto immediato dalla prima collettiva ri- 
bellione degli uomini all'autorita di Dio ; la seconda e nei piu 
stretto legame con la piu famosa tra le moderne insurrezioni sociali 
della superbia umana contro la medesima autorita. 'L'encidopedi- 
smo precede, accompagna, segue la rivoluzione del 1789, e 1'enci- 
clopedismo appunto, cio& la molttplicita ^ 1'anima, o piuttosto il 
cattivo demone che infesta, peryade, possiede diabolicamente tutta 
Fistruzione e formazione scolastica moderna. 

fi un fatto, che atterrisce con la sua spaventosa evidenza, 
il disordine, la babele che tutti veggono nella moderna formazione 



250 INTORNO ALL'ORDINAMENTO 

giovanile.I piu aweduti ne rawisano ormai concordemente la causa 
nell'enciclopedismo, nella disgregazione, in una parola nella man- 
canza di unita in tntta 1'opera educativa, e si affannano a ridarle 
qnesta unita, escogitando i piu svariati e contraddittori sistemi. 
T& una smania febbrile, convulsa, di sistemi, di teorie, oggi piu cho 
mai, per ricondurre ad un tutto le sparse membra della cultura, 
per formare 1'uomo. Ma tutti i tentativi vanno fuori strada, perch^ 
si allontanano sempre piu, schivandolo, per partito preso, 1'unico 
fondamento dell 'unita. 

STon v'e altro rimedio che tornare all'antico, all'antico non in 
quanto tale, ma perche e il fondamento perenne, la ragione intrin- 
seca di ogni cultura. Come nell'ordine morale, il profeta Isaiain- 
tonava : redite praevaricatores ad cor, 1 cosi nell'ordine intellettuale 
bisogna ritornare al cuore della cultura, al centro vitale dell'unita 
ond'era governata nei tempi andati, e non potrrl non esserlo in tutti 
i tempi, per quanto se ne allarghino i confini e si estendano le 
umane cognizioni. 

]S"on e certo mancata giammai 1 'unita nella formazione del 
c-lero, 1'unita sostanziale al cui vertice la sapienza cristiana ; 
ma ci6 non toglie che si possa deviare, e si sia anche talora, qua 
e cola deviato parzialmente, neU'intento dinon discostare di troppo 
il sacerdote dai tempi in cui vive e dagli uomini che deve dirigere 
nella vita dello spirito. 

Se e sapientissima, e del pari antica la norma, inculcata dal 
can. 1364, che ai seminarist! si dia tale istruzione nelle discipline 
profane quale conviene al ceto comunemente colto e segnata- 
mente alle particolari /condizioni dei chierici nel paese dove essi 
dovranno esercitare il sacro ministero, pu6 accadere che insieme 
con questa comune coltura si accolga anche il metodo ond'essa 
e data nelle scuole moderne, cio& il metodo della molteplicita e 
quindi della superficialita e dell'inorganico disgregamento. 

Ond'e opportune il richiamo della Sacra Congregazione alle 
disposizioni antiche, le quali prevengono o impediscono siffatte 
deviazioni, senza percio ricacciare la formazione in altri tempi che 
non sono piu i nostri, anzi adattandola alle presenti necessita nel 
modo piu perfetto, come vedremo. 

Non & nostro intento trattare quidelle disposizioni che riguar- 

1 Is.. 46, 8. 



DEGLI STUDI NET SEMINABI 251 

dano la istituzione morale dei seminarist!, ma fattone cenno, passare 
a quelle che riguardano la formazione intellettuale, sullaquale 
piu notabili sono state le mutazioni di metodo presso i moderniepiti 
prossimo ci sembra il pericolo di contaminazione con 1'andazzo 
corrente, non solamente negli stessi studi, ma, per contraccolpo, 
anche nella educazione morale. La ricerca e la stima esagerata della 
copia delle cognizioni molteplici, e percio stesso disparate e super- 
ficial!, non pud non intaccare 1'animo stesso e pervertirne il giu- 
dizio, che si portera a tenere in pregio le apparenze a danno della 
sostanza, con grave nocumento del giudizio morale. 



*** 



All'unita, dianzi ricordata, si riferiscono in verita, tutte le di- 
sposizioni richiamate dal documento della S. Congregazione in 
riguardo alia formazione morale del giovane clero. Prima fra 
tutte quella che prescrive, per una pa'rte, Yesclusiva destinazione 
del Seminario al suo fine : la preparazione dei giovani allo stato 
celesiastico, senza intrusione o concomitanza di altri fini, pur 
lodevoli in altri istituti, ma estranei alia natura del luogo eccle- 
siastico, quale sarebbe per esempio quello di preparare alle civili 
carriere o al conseguimento dei diplomi scolastici governativi; 
e parimente la separazione da qualsiasi classe di alunni che po- 
tessero avere comuni gli studi con i seminarist!, ma non profes- 
sino la vocazione ecclesiastica. evidentissima la ragionevolezza 
di tale disposizione, poiche qualsiasi altro fine alieno nocerebbe 
alia cultura propria del sacerdote, e la comunanza di vita con 
i non chiamati al sacerdozio recherebbe pregiudizio alia forma- 
zione perfetta ed alia costanza nella vocazione per i veramente 
chiamati allo stato ecclesiastico. 

Nondimeno, se e utile e talora necessario, a giudizio dei Eev.mi 
Ordinari, aprire a giovinetti laici un luogo di educazione sotto 
la tutela della Chiesa, cio potra farsi-aggiunge la S. Congregazione 
- ma a condizione che si tengano in tutto separati dai seminarist!, 
non solo nelPabitazione e nel tenore della disciplina, ma anche 
nel programma degli studi. 

Sino dal ConciUo di Trento fu prescritto, e piu volte dai Sommi 
Pontefici confermato e richiamato, 1'obbligo per ogni diocesi 
di avere un seminario, e per i Vescovi di avere ogni cura per la 



252 INTORNO ALL'ORDINAMENTO 

formazione del seminarist!, mandandoli anche, se altrimenti non 
fosse possibile, al rispettivo seminario regionale o interdiocesano, 

in mancanza di questo, al seminario di un'altra diocesi. fi ben 
naturale dunque che la S. Congregazione ne rinnovi il ricordo, 
richiamando il canone 1354 con le altre disposizioni intorno alia 
formazione dei seminarist! alia virtu ed alia santita propria 
dello stato sacerdotale, sotto la guida del Direttore spirituale, 
negli esercizi di pieta appropriati, e con 1'aiuto di confessori e di 
maestri sacerdoti, nei quali essi abbiano esempio di vita santa, a 
norma dei canoni 1360, 1367 e 1369. 

Sn due punti, gia dichiarati dalla S. Congregazione Concisto- 
riale nella circolare del 16 luglio 1912, si richiama poi 1'atten- 
zione. II primo, sui Prefetti di camerata, che dovranno essere 
sacerdoti bene istruiti, pii, e percio stesso rispettabili potendo 
deputarsi a questo ufficio i novelli sacerdoti, per uno o due anni, 

1 quali ne avranno anch'essi beneficio, come da una specie di 
tirocinio" tra la vita strettamente disciplinata del seminario alia 
vita piu libera del ministero sacerdotale. L'altro punto riguarda 
le vacanze autunnali parimente regolato dalla medesima 8. Con- 
gregazione Concistoriale : dati, secondo la prudente discrezione 
dei Eev.mi Ordinarii, dieci o quindici giorni agli alunni affinehk 
riveggano i loro parenti, si richiamino nel Seminario o nella vil- 
leggiatura, ed ivi si dia loro il modo di ricrearsi onostamente per 
riprendere con maggior animo gli studi nel susseguente anno, in 
guisa pero che non abbandonino interamente i libri e coltivino 
sompre con lo stesso amore le pratiche di pieta . 

Da questi cenni si vede chiaro come la cura materna della 
Chiesa sia sollecita, perche nella formazione spirituale dei giovani 
leviti ogni cosa cospiri con armoniosa unita all'unico scopo della 
santita sacerdotale, onde, come dal sale della terra dovranno 
essere santificati i popoli. 

*** 

A norma della medesima unita varegolata anche Paltra parte es- 
senziale alia formazione del sacerdote: la dottrina. Gia perse stesso, 
secondo la sapienza dell'antico adagio: studere est orare, lo studio, 
non solo delle matefie sacre, ma anche delle profane, intrapreso in 
ispirito di obbedienza alia vocazione divina dichiarata autenti- 
eamerite" dal Vescovo, in ordine al ministero tra le cose divina 






DEGLI STUDI NET SEMINARI 253 

11 piii divino di cooperare con Dio alia salute delle anime, e un 
atto continuato della virtu di religione, ed anche, per Foggetto, 
una glorificazione di Dio nella contemplazione scientifica di Lui 
e delle sue creature; giacchenon e altro lo studio degli uomini se non 
osservare il mondo universo delle' creature, che Dio tradidit dispu- 
tationi eorum risalendo nell'ordine delle cause alia Causa prima 
e cercando di intendere quanto si puo delle perfezioni dell'Es- 
sere increato dall'anaJogia delle cose create, neH'ordine natu- 
rale, e dai tesori della rivelazione, nell'ordine soprannaturale. 

Se ogni studio degli uomini, affinche sia veramente umano, 
nel senso del sano umanesimo, deve ridursi a questa armoniosa 
unita di coordinazione e subordinazione. molto piu lo studio dei 
sacerdoti. E percid, la S. Congregazione vuole che 1'istruzione sia 
subordinata al fine per il quale furono istituiti i Seminarii, perche 
finis mensura mediorum.Cio&: devono concorrere alia retta forma- 
zione del sacerdote non solamente le cognizioni, per se prese, 
ma i tre capi onde si sostiene Fopera della scuola: il metodo, i libri 
di testo, e soprattutto il programma degli studi. 

Nel leggere questa parte del documento della S. Congrega- 
zione, si nota subito la viva sollecitudine che si conservi Fantico 
ordinamento degli studi con i rispettivi metodi di sperimentatis- 
sima saggezza didattica, e che vi si ritorni, se, per seguire pro- 
grammi e metodi recenti, fosse stato abbandonato. 

Ora, come si e detto, e propria dell'antico ordinamento Funita 
in ogni singola parte ordinata all'unita del tutto. Vorremmo 
dare qui come un breve sunto, compendiando, ma adattan- 
dolo piu di proposito ai Seminarii, quanto scrivemmo gia in 
questo periodico, in uno studio, dove ponevamo a raffronto la 
scuola moderna che non istruisce e non educa con Fantica che 
Funo e Faltro attuava 1 . 

Eccone un succinto specchietto: 

L'educazione o fofmazione morale e 1'istruzione cospirano 
ail 'unita della perfetta sapienza : altissima unita alia quale tutte 
le altre vanno subordinate. 

All'unit^ dell'educazione conferiscono, come si e visto per 
sommi capi nel documento della S. Congregazione, la omoge- 
neita degli alunni, tutti chiamati al Santuario, tutti incammi- 
nati allo scopo unico della perfezione sacerdotale ; d'altra parte, 

1 Civ. Oatt. 1916, VoL 1-4; Scuola che non istruisce e non educa. 



254 INTOBNO ALL'ORDINAMENTO 

la unita delPopera dei superior! e dei maestri, infine, l'unit& del- 
1' ambiente ossia della vita comune del Seminario, senza devia- 
zioni, o distrazioni perturbatrici. 

All'unita deU'istruzione e essenziale l'unit& dello scopo, che 
non e altro dalla formazione o educazione dell'intolletto. A tale 
scopo devono contribuire, prima d'ogni altro, la potenza attiva 
dello stesso intelletto, il quale nello svolgimento istruttivo, dalla 
potenza passa all'atto, si attua continuamente in conformita del 
processo naturale della cognizione; inoltre, 1'opera del maestro, 
cioe il metodo d'insegnamento, che guida Fintelletto ad attuarsi: 
Docens causat scientiam in addiscente, reducendo ipsum de po- 
tentia in actum dice S. Tommaso l ; il quale metodo, propria- 
mente detto,e il metodo orale nella vi vavoce del maestro; ma ean- 
che fissato per iscritto nei librl di testo. Infine vi contribuiscono 
le cose stesse conosciute, cioe il programma. 

E cpiesto e 1'ordine naturalissimo, informato all'unita, seguito 
dal documento della S. Congregazione. Al primo elemento, cioe 
alia natura dello svolgimento intellettuale, che procede dalla 
cognizione sensitiva alia intellettuale, dalla confusa alia chiara 
e distinta, dal noto all'ignoto, si informa 1'opera e 1'ordine degli 
altri due elementi. Eicorda, in fatti, rispetto al metodo, il nostro 
documento, la precisione e la chiarezza dell'esposizione, lo svi- 
luppo progressive delle materie, gli esercizi pratici, le ripetizioni 
giornaliere e periodiche delle cose spiegate, le dispute fra gli sco- 
lari (tanto raccomandate da S. Carlo Borromeo e dal B. Gregorio 
Barbarigo) . Sono qtialita proprie del metodo, conosciute da 
tutti, ma non cosi da tutti saviamente attuate, principalmente le 
ripetizioni periodiche e le dispute, che sono la parte principale 
del metodo sapientissimo degli antichi, andato in disuso. 

Nell'ordinamento antico della scuola, la settimana era per 
tal modo divisa, che dei sei giorni, quattro erano destinati alia spie- 
gazione della materia con qualche parte data alia ripetizione 
giornaliera ed agli esercizi pratici; uno, di vacanza settimanale, 
intramezzava i quattro per dare agio alle menti degli alunni 
di riposare ed insieme di digerire, in certa guisa, la materia 

1 Summa iheol. P. I. Q. 117, a. 1. Citato opportunamente in uno 
studio molto importante G. TINOANI sull' Azione intellettuale del mae- 
stro secondo 8. Tommaso d'Aquino, in Scuola Cattolica di Milano, 
1 Luglio 1920. 



DEGLI STUDI NEJ SEMINAR! 255 

spiegata ; il sabato era consacrato alia ripetizione settima- 
nate ed alle dispute. B 1'anno scolastic'o istesso era diviso in 
due parti quasi uguali: la prima, destinata alia spiegazione, la 
seconda alia ripetizione, cosi che, alia fine, tutta la materia era 
vitalmente assimilata e 1'intelletto organicamente disciplinato, 
senza fatica. Quale meravigliosa sapienza di metodo cosi natu- 
rale e consentanea alle forze dell'intelletto ! Comparandolo col me- 
todo invalso nelle scuole moderne, dove, in tutti e sei i giorni, 
si infarciscono le menti degli alunni di ogni sorta di cognizioni, 
affaticandole, ed ingurgitandole sino a soffocarle, apparevieme- 
glio la moderazione e 1'alta sapienza degli antichi, profondi co- 
noscitori dell'uomo ! 

I libri di testo, pochi, brevi e compendiosi, disposti con chia- 
rezza rnetodica, rispecchiavano questo procedimento didattico 
naturalissimo, avendo riguardo principalmente alia viva opera 
del maestro ed alia liberta di svolgimento delle forze intellettuali 
dell'alunno. I moderni libri di testo sono invece voluminosi, con 
pretensione di tenervi racchiuso tutto lo scibile, t'arraginosi ed 
opprimenti. Anche per questo grave difetto di metodo, dovreb- 
bero questi esser tenuti lontani dalle scuole dei Seminarii, ben- 
che la S. Congregazione si mostri giustamente sollecita di non am- 
metterli per la principalissima ragione del vizio morale della 
neutralitd e, peggio ancora, dei gravi errori onde sono iufetti; vizio 
che pregiudica non tanto all'unita subordinata dell'istruzione 
intellettuale, quanto principalmente alia piu alta unita della for- 
mazione cristiana e sacerdotale. Siano assolutamente eliminati 
dai seminari non solo i libri infetti di spirito antireligioso e settario 
e quelli di letteratura atea e materialistica, ma ancor quelli che 
si dicono neutri e non sono informati ai principii del Vangelo, 
e quelli che potessero in qualsiasi modo essere di scoglio alia de- 
bole virtu di giovani incauti . Cosi la S. Congregazione degli Studi, 
riferendosi alia suddetta circolare della S. C. Concistoriale. 

Anche quei libri di testo che fossero consentanei alle condi- 
zioni richieste dalla S. Congregazione, se per6 seguissero il me- 
todo farraginoso ed enciclopedico corrente, non dovrebbero, per 
la ragione dianzi esposta, ammettersi nella scuola, ma bensi 
nella biblioteca degh' alunni, affinch& la lore formazione intellet- 
tuale nonvenga turbata. Quando essi saranno disciplinati nel la- 
voro metodico scolastico, sapranno, con piu maturita di giudi- 
zio e preparazione, scegliere ed assimilare vitalmente il meglio, 



256 TNTORNO ALL'ORDINAMENTO DEGLI STUDI NEI SEMINAR: 

tra la moltitudine di cognizioni disparate contenute in quei 
manuali. 

Per quanto riguarda il metodo antico, che si vuole ripristinato, 
quanto piu sara possibile, nei seminarii, una cosa e da notare. 
Nei tempi andati il lavoro scolastico era meglio e piu soavemete 
distribuito, in modo da non affaticare soverchiamente le forze 
dei giovani studenti, mediante la vacanza settimanale, le va- 
canze pin frequenti delle solennit& festive, ora soppresse, e le 
vacanze piu lunghe di Natale e Pasqua, che davono agio sia di 
riposo, sia di studio private piu geniale. E cosi 1'anno scolastico 
correva per dieci interi niesi, dal novembre a tutto intero agosto. 
Le vacanze, dette autunnali, allora veramente conformi alia sta- 
gione onde hanno il nome, duravano per i due mesi di settem- 
bre ed ottobre, mesi piu adatti alia villeggiatura e piu lieti della 
dolcc vendemmia e del rinfrescamento della temperatura. Nella 
moderna divisione dell'anno scolastico, si e condensato tutto il 
lavoro in otto niesi, che si riducono spesso a sei, in modo da 
sforzare troppo le attitudini naturali dell'alunno, onde viene 
una concitazione febbrile, che giunge al suo parossismo durante 
gli esami, anch'essi, come si fa nelle scuole pubbliche, continuati 
e trascinati talora per piu di un mese senza frutto di istruzione, 
in una specie di ansiosa aspettazione, atta a snervare le deboli 
forze dell'animo giovanile. 

possibile tornare, anche in questo, all'antico ? ]S"oi crediamo 
che si pu6 prendere una via di mezzo. Le lezioni potranno durare 
dil novembre a tutto il mese di luglio, per nove mesi. intra- 
mezzate dalla vacanza settimanale e dai periodi di vacanza di 
Natale, Pasqua e Pentecoste. Nella prima quindicina di agosto 
vi e tempo sufficiente per gli esami finali, e con la solennita dell'As- 
sunzione si darebbe principio alle vacanze autunnali. 

Siffatta proposta potrebbe venire accolta senza turbare 1'or- 
dinamento ormai invalso ; ma non e la partizione del tempo quella 
che piu importa al buon andamento degli studi, quanto 1'ordi- 
namento dei programmi, onde e stato gi'avemente sconvolto 
I'insegnamento odierno. A tale ordinamento bisogna attendere 
piu di proposito, richiamandolo ai suoi veri principii per ripri- 
stinarlo nella sostanza e, a norma di essi, adattarlo in parte ai 
bisogni presenti, come e ben dichiarato dal documento della 
S. Congregazione degli studi. 

Ne tratteremo, con miglior agio e ponderatezza, altra volta. 



RI VISTA DELL A STAMPA 



It, P. RABDSSIER S. I. 

E UNA PROVVIDENZIALE OPERA CATECHISTICA. 

mancammo di far conoscore ai nostri lettori la biografia, 
pubblicata, sono circa sette anni, di quel piissimo e zelantissimo 
flglio di S. Ignazio che fu il P. Luigi Stefano Babussier, morto a 
Poitiors ai 9 di dicembre 1897 (V. Civ. Catt., 1913, 3, 598). L'ac- 
curata versione italiana che ora ne pubblica il P. Doineuico Laz- 
zarini 1 , per far meglio conoscere, al clero specialmente e ai re- 
ligiosi in particolare, gli esempi delle elette virtu, e della feconda 
opcrosita del Padre, ci offre opportuna occasione di mettere in 
inaggior rilievo i suoi rari meriti, e 1'importanza mm ordinaria 
dell'istituto catechistico di cui fu il principale autore. 

L'operosita dell'apostolato del P. Eabussior fu certamente stra- 
ordinaria, se si guarda il vasto campo del suo miniatero sacer- 
dotale, sopra tutto nel proporre alle conmnita religiose e al clero 
gli Esercizi spiritual! di S. Ignazio : e basterobbe, a persuadersene, 
la semplice lista che FA. cita a caso p. 68, per dare un'idea delle 
fatiche dal pio religiose sostenute, non solamente dentro i confini 
di Francia, ma anche in Spagna, Belgio e Inghilterra. Ma non e 
questa vastita di azione che rende illustre il P. Eabussier ; molti, 
pure fra i suoi confratelli, potrebbero, nel confronto, rimanergli 
in ci6 superiori. II merito suo principalo fu la grazia ed effi- 
cacia tutta speciale che egli ebbe nello spronare e guidare alia 
virtii e alia perfezione molte e molte anime, che ebbero la sorte 
d'incontrare in lui un direttore veramente modello. 

Certo, come apparisce piu volte da queste pagine, il P. Ea- 
bussier non era una guida spiritualo di facile contentatura ; bi- 
sognava infatti seguirlo davvero, anche nell'arduo, nell'eroico, 
o si doveva cercare altra direzione. E nondimeno le molte testi- 
monianze che ne ha raccolte, su tal punto, 1'A. (pp. 73-118) ci 
mostrano in lui un direttore discreto, illuminate, paziente, com- 

1 LUIGI STEFANO RABUSSIER della Compaguia di Gesii. 1831-1897. 
Traduzione dal francese del P. DOMENIOO LAZZARIKI d. C. d. G. Eoma, 
Tip. Poliglotta Vaticana, 1919, 12, 304 pag. 

5 Ctvtito Cattolica, 1920 vol. 3, quad, lf'83. 17 31 luglio 1920. 



258 rL P. RABUSSIER s. i. 

passionevole, e perfino largo e pieghevole. II P. Eabussier, dice- 
nna testimonianza (p. 82), non conduceva tutte le anime per la- 
medesima via ; n si serviva con tutte dei medesimi mezzi, ma si 
adattava al temperamento morale e spirituale di ciascuna. Nella 
direzione, egli non avea un sistema personale; seguiva con una 
certa larghezza gl'insegnamenti dei Santi adattandosi al movi- 
mento dello Spirito Santo in ciascun'anima, come diceva egli 
stesso. Cio dava allo anime docili una grande impressione di 
benessere spirituale, ma a quelle che non lo erano interamente, 
ispirava una specie di timore e di spavento ; perche il buon Pa- 
dre non dimandava mai se non cio che si poteva dare, ma que- 
sto sapeva esigerlo con gran fermezza . 

Con tali doti, confermate da tutti gli altri testimoni, e facile 
comprendere che quando il buon Padre aveva incontrato un'a- 
nima docile e capace di andar avanti nella vita interiore, non 
si risparmiasse in nulla : Per salvare una vocazione, far avan- 
zare un'anima eletta, sostenere quelle che erano provate, assi- 
Btere gl'infermi ed i moribondi, egli non indietreggiava davanti 
ad alcuna sofferenza (p. 83). 

II lettore trova, percorrendo queste memorie biografiche, la 

ragione intima deJla forza dell'apostolato del P. Eabussier. Bgli 

era un uomo spirituale in tutta la forza del terinine, e tale 

divenuto per la via delle rinunzie e dell'orazione. In un ritiro 

che fece nel 1851, per decidere della sua vocazione, il fervoroso 

giovane, parlando di un distacco sensibilissimo, chiestogli dal 

Signore, da un condiscepolo, peraltro eccellente, egli poteva scri- 

vere che da quel giorno intese staccarsi da tutto il resto (p. 22). 

Altri sacrifici fece generosamente di se e delle cose sue a Dio ; e 

in particolare ricorda la biografia (p. 56) quello dell'insegna- 

mento, al quale egli era anche destinato dai superiori, senza che 

potessero applicarvelo per una grave malattia d'occhi soprav- 

venutagli, da cui poi presto rimase libero. Accettando con amore 

la prova, il P. Luigi non solamente si metteva nella via assegnatagli 

dalla Prowidenza, ma prendeva a percorrerla come gigante , 

corroborandosi ai sacrifici assai maggiori, che gli erano riserbati. 

La biografia ci mostra nel P. Eabussier, come abbiamo ac- 

cennato, un uomo d'orazione, e in un grado punto comune. E 

degno di nota ricordare come il fervente religioso non giungesse 

ad esser tale se non fra lunghe e penose prove, in mezzo alk 1 

desolazioni da parte di Bio ed anche degli uomini , per mezzo 

dell'obbedienza e delFumiliazione, come pote scrivere egli stesso 






E UNA PROVVIDENZIALE OPERA CATECHISTICA 259 
(p. 44). Da questo spirito, che la Grazia ando, con gli anni, sem- 
pre piu promovendo e arricchendo in lui, ebbe origine tutta 
la buona riuscita del suo ministero aptistolico ; c poiche il suo 
santo proposito di mettere tutto il proprio cuore nella vita 
interiore (p. 53) non fu dawero in lui lettera morta, il P. Ea- 
bussier ebbe un dono singolare di promuovere, nelle anime a se 
affidate, una intensa vita interiore ; tanto da potersi a lui dare 
(p. 73) il titolo ben meritato di apostolo della vita interiore . 

Di qui si deve pure riconoscere il dono singolare che egli 
ebbe di quello che gli scrittori ascetici chiamano, con S. Paolo, 
discernimento degli spiriti ; e parecchi esempi dall'A. addotti 
mostrano come, non senza ragione gli fosse talora attribuita 
perfino la scrutazione dei cuori (v. p. 78 ss.). 

L'importanza massima che il P. Eabussier diede, in tutto il 
suo sacro ministero, alia vita interna, suggeri al suo zelo 1'idea 
di un'opera speciale, diretta a coltivare con cure tutte proprie 
le anime che, pur vivendo in mezzo al mondo, si sentissero dallo 
Spirito di Dio mosse con maggior fervore, a favorire in se stesse e 
negli altri la vita spirituale. Eipugnandogli 1'idea di poter passare 
come un fondatore di un'opera nuova, la sua umilta esito da prima 
non poco ; ma alia fine, sentendo [che Dio lo voleva, si determind 
a presentare ai suoi superiori la proposta; e col loro benepla- 
cito (p. 121) ebbe cosi origine quella che egli chiamo Assoeiazione 
delle Zelatrici del Sacro Cuore, il cui regolamento fu appro vato 
(1879) da mons. de la Tour d'Auvergne, allora Arcivescovo di 
Bourges. L 'opera, che fu accolta e molto lodata da altri prelati, 
li vide presto render frutti preziosissimi in parecchie citta, dove 
il P. Eabussier era conosciuto pei suoi ministeri ; n& il bene si li- 
mitava alle ascritte, come lo dicevano le ammirabili conversion! 
ottenute nelle famiglie, e le numerose vocazioni alia vita religiosa. 
Una delle cose che piu consolavano il Servo di Dio, come egli 
stesso confessava, era Tefficacia dell'Opera per combattere la 
mescolanza della vanita con la pieta, o delle 'dottrineequivoche 
con la fede . Si rallegrava pure di veder distrutti, in forza del 
regolamento, migliaia di libri cattivi ; e fomentato fra le Zelatrici, 
in mo do particolare, 1'amore alia Chiesa e alia persona del Som- 
mo Pontefice ; I'unione dei cuori nella carita (pp. 134-125). 

II P. Eabussier aveva prevoduto certamente le difficolta che 
sarebbero sorte contro 1'opera ; ma forse egli stesso non avrebbe 
immaginate le opposizioni incredibili che essa doveva susci- 
tare fra gli stessi buoni. Le cose andarono tanto innanzi che il 



260 IL P. RABUSSIER S. I. 

M. E. P. Beckx, allora Generale della Compagnia, senza voler 
condaunare 1'opera, per timore di non distruggere un 'opera 
di Dio , come egli scriveva, si vide astretto a ordinare al P. Ea- 
bussier di astenersi dal propagarla, e di lasciarne la direzione. 

II buon Padre fu fedelissimo a. seguire in tutto gli ordini e i 
desideri del suo Superiore, e a difenderne le disposizioni dinanzi 
a quelli che vi si mostravano contrari o ne mormo^vano. L'am- 
mirabile condotta del P. Luigi non bastd a cal ire gli animi 
eccitati da passione o da zelo mal regolato ; i Sup" ' >n credettero 
ottimo consiglio di allontanarlo da Bourges, dovo U gmppo delle 
zelatrici era piu numeroso ; e la prova fu abbra'- ' kta dalle sue 
figlie spiritual! con una fede che il Padre seppe so^fcenere in modo 
ammirabile (p. 130). 

Acoloroche, non rendendosi ragione dei gravi motivi che ave- 
vano avuto i Superior! di richiedere dal Servo di Dio il duro sacri- 
fizio, e troppo inferiori allo spirito da cui egli era animato, ~ne 
mormoravano, faceva rispondere con questa memoranda sentenza: 
Tin buon religioso non puo mai dire di essere perseguitato dai 
suoi Superiori. Perchfr ? Perch& egli domanda loro unicamente 
e sempre di dargli il pane della volonta di Dio. La sola vera sof- 
ferenza sarebbe se fosse abbandonato alia sua propria volonta; 
questo sarebbe un togliergli il pane di bocca. II mio cibo e di 
fare la volonta del Padre mio |(ivi). Col partire del P. Eabussier 
per la sua nuova destinazione (a Eouen), dopo sedici anni di 
dimora a Bourges, 1'opera delle Zelatrici non era punto distrutta ; 
anzi in quol tempo (sett. 1884) mons. Coullte ottenne da Sua 
Santita Leone XIII juna benedizione -speciale per il regolamento, 
e il Pontefice si degno dargliela in iscritto (p. 134). 

La prova fortified il P. Luigi a nuo^e intraprese per la gloria 
di Dio, e sopra tutto a dedicarsi con maggiore attivita alia san- 
tificazione del clero, col promuovere sempre piu la vita interiore 1 . 
Di un'opera in particolare daremo una breve notizia ai lettori. 
Fin dal mese di marzo del 1886 egli aveva ricevuto da Dio degli 
inviti insistent! di cominciare una societa di religiose, il cui spi- 
rito fosse tutto imbevuto di quello degli Esercizi spirituali di 
S. Ignazio e della sua Eegola, adattata a una comunita di donne. 

1 Da questo suo apostolato a favore del clero sorse quolla ohe il 
P. Rabusaier ohiam6 la Lega Santa del Satro Ouore di Gesii, o Asso- 
ciarione di Saoerdoti per la liberfc e I'esaltazione della S. Chiesa , 
lodata e benedetta nel 1910 dal S. P. Pio X. L' ampio statuto e rife- 
rito dall'A. in appendioe pp. 270-294. 



E UNA PROVVIDENZIALE OPERA CATECHISTICA 261 

L'apostolato, riguardato come fondamentale ed essenziale, sa- 
rebbe stato 1'Opera del Catechismi, in fay ore di tutte le class! 
social! con nna specialo preferenza per i piii poveri e i piu ab- 
bandonati (p. 138). L'Istituto, che sorse di fatti, e che egli 
voile chiamare Santa Famiglia del S. Cuore, nacque, come era na- 
turale attenderlo, da alcune delle piti fervorose Zelatrici coltivate 
nello spirito dal P. Eabussier. Mons. Petit, Vicario Gen eraledella 
Eochelle, che gia da anni s'era dedicato con zelo alPopera delle 
Zelatrici, preconizzato Vescovo del Puy, e ritiratosi a Lourdes 
per otto giorni di esercizi sotto la direzione del P. Eabussier (mag- 
gio 1887), prese con lui gli accordi per la importante opera. Que- 
sta aveva gli inizi nella sua nuova Diocesi, del Puy, dove ai 
26 maggio 1888 giunsero tre Zelatrici per gettarvi le fondamenta 
della Santa Famiglia,' che doveva propagarsi poi largamente in 
brevi anni, con quei frutti che sono oramai noti. 

L'Istituto della Santa Famiglia del Sacro Cuore, fu approvato 
dalla S. Sede nel 1907. Con una soda formaziono di parecchi anni, 
spirituale e dottrinale. le Eeligiose che vi si ascrivono si adde- 
strano all'insegnamento del catechismo e alia formazione di cate- 
chiste. Oggi che I'insegnamento religioso e cosi trascurato nella 
scuola e nella stessa famiglia, 6 da lodare Dio dei benefici frutti 
che la giovane opera e andata e va sempre piu raccogliendo. Pre- 
sentemente Flstituto, oltre a parecchie case aperte in Francia,. 
si epure stabilito in Belgio, in Olanda e in Italia (Eoma, Via 
Gaeta, 11); ed & gi& pure giunto a vedere aperta al suo zelo la 
missione del Dahomey. La stessa opera delle Zelatrici doveva 
divenire per questa nuova Congregazione un ausilio prezioso 
nell 'apostolato dei catechismi 1 . fi impossible non vedere in 
questo awerata una memorabile parola, scritta gi dal P. Ea- 
bussier, nel mezzo stesso delle sue maggiori prove : Tutto cid 
che nasce puramente dallo Spirito Santo e dalla vita interiore 
non muore ; oppure muore ma per risorgere ! 

1 Chi vuol vederne il Eegolamento, benedetto dal S. Padre (1904), 
lo trorera nelPAppendice p. 257 ss. 



B1BLIOGRAFIA 



VI CONGRESSO EUCAEISTICO NAZIONALE. (8-12 settem- 
bre 1920). Pubblicazione bimestrale a cura del Comitato Dio- 
cesano Dirozione : Bergamo, S . Antonino, 1 1 . Abbonamento 
ordinario L. 3; sostenitore L. 5. 



All'allegrezza troppo giusta del 
Bergamaschi, nel vedere scelta la 
loro illustre citta, come sede del 
VI Congresso Euoaristico Nazio- 
nale, nel prossimo settembre, ha 
risposto subito l'attivit& delle ope- 
re necessarie a degnamente prepa- 
rarlo. Fra queste non v'ha dub- 
bio che debba considerarsi di prin- 
cipale importanza la pubblicazione, 
voluta dal Comitato Diocesano, di 
un Bollettino con lo scopo preci- 
puo di tenere informato il pubblico 
del lavoro largo e intenso, che ferve 
in Itab'a, e in Bergamo particolar- 
mente, perche alia affermazione di 
fede... verso il SS. mo Sacramento 
dell'amore di Dio, sia assicurata 
la migliore riuscita . 

I sei numeri che fin qui ce ne 
anno stati spediti ci fanno coal 
conoscere il Regolamento del Comi- 
tato ; la formazione del Consiglio 
direttivo e la illuminata distribu- 
zione delle Commission! (non e 
stata dimenticata quella degli ap- 
provigionamenti) ; i resoconti delle 
adunanze ecc. Ma il Bollettino non 
si limit a a quest a, che e come la 
parte ufficiale ; non vi mancano 
articoli eucaristici dottrinali e 
torici, e fra questi ricordiamo 
quelli sulle Suore Sacramentine 



di Bergamo, sui Congressi euca- 
ristici, ecc. In modo speciale 
e consolante vedere la parte che 
alia preparazione del Congresso 
prende tutta la Diocesi, e come vi 
partecipino le diocesi sorelle, con 
a capo i loro venerati Pastori, con 
le loro .adesioni ed offerte. Contri- 
buir^ non poco alia glorificazione 
di G-esu Sacramentato e alia edi- 
ncazione comune la statistica delle 
opere eucaristiche, che giunge 
al Comitato dalle diverse Diocesi. 
E tutto d a sperare fiduciosa- 
mente, con I'Ecc.mo Mons. Marelli 
Vescovo di Bergamo, e monsi- 
gnor Angelo Bartolomasi, Vescovo 
di Trieste e Capo d'Istria, Presi- 
dente del Comitato per i Congressi 
Eucaristici italiani, nella loro let- 
tera circolare all'Episcopato ita- 
liano, che il vivo risveglio di piet& 
e di amore a Gesii Sacramentato 
varr^ a ricondurre piu presto le 
popolazioni nostre ad una sincera 
pacificazione degli animi, e adot- 
tenere da Dio un intervento straor- 
dinario di misericordia per queste 
nostre Diocesi itab'ane cosl turbate 
dopo tante dolorose prove . SI, 
e inutile illudersi : non est in aliquo 
alio .solus, se non nella bont& e 
potenza del Salvatore del mondo ! 



263 

R1CORDO DELLE FESTE GIUBILARl dell'E.mo Card. G. Fran- 
cica Nava nella Sede di Catania. 1895-1920. Catania. Sc. Tipogr. 
Salesiana, 1920, 4, 28 p. 



Se e cosa clie sempre com- 
muove il vedere il padre festeg- 
giato dai figli riverenti e affettuosi, 
se ne allieta 1'an.imo e si conforta 
in modo tutto particolare quando 
la persona che n'e 1'oggetto n'of- 
fre titoli simili a quelli che i fedeli 
Catanesi hanno trovato nel loro 
venerate Pastore, 1'E.mo Card. 
Francica Nava, in occasione del 
suo faustissimo Giubileo episco- 
pale. Questo Kicordo infatti, che 
ne pubblicano in segno di letizia 
e a memoria dei posteri, ci attesta 
un fatto certissimo ed evidente : 
che i venticinque anni di episco- 
pato di S. Em.za sono stati fe- 
condi, per la nobile citt& e dio- 
cesi, di vantaggi inestimabili, e 
di opere destinate a rendere an- 
che nell'avvenire frutti preziosis- 
simi di religione, di pieta, e an che 
di benessere temporale. 

Ce ne assicurano, oltre la let- 
tera affettuosamente patema del 
S. Padre Benedetto XV, le voci 
di lode dell'E.mo Card. Lualdi, 
Arcivescovo di Palermo, con quel- 
le dell'Episcopato siciliano ; degli 
E.mi Valfre di Bonzo, De Lai, 
Mercier e di tanti altri illustri 
personaggi. Deve essere riuscito 
in particolare consolante pel fe- 
steggiato lo spontaneo e affettuoso 
Indirlzzo del Clero, il quale si dice 
mosso a queste nuove feste (le 
prime furono per il XXV di consa- 



crazione episcopale) principal* 
mente dai grandi benefici, che, 
in cinque lustri di episcopale go- 
verno T Arcivescovo ha profuso 
alia sua Archidiocesi. 

Piu eloquente, sotto un rispetto, 
e la voce dei fatti, la Cronologia 
dei XXV anni , dai memorando 
di 18 marzo 1895. Questi fasti 
gloriosi ci parlano della generosa 
carit del Pastore verso i pove- 
relli, fin dai suo solenne ingresso 
in Catania ; verso i giovani chie- 
rici a incremento degli studi ; 
nella edificazione e restaurazione 
delle chiese ; nella erezione di or- 
fanotrofi, ed altri pii istituti ; 
di scuole di religione ; nella dif- 
fusione e incremento della stampa 
cattolica ; nelle associazioni cate- 
chistiche ; nei circoli cattolici ecc. 
L' opera del pastore pio e indefesso 
si rileva dalla cura posta nelle 
sacre visite, nell'incremento della 
divozione al S. Cuore di Gesu, 
della Madonna, della Patroua 
S. Agata ; nel coltivare nello spi- 
rito il Clero, nel promuovere la 
vita religiosa, nella celebrazione, 
in fine, del Sinodo diocesano. 
Quando si pensi a tanto bene, spon- 
tanea e 1'esclamazione ecce sic 
benedivetur homo I che sgorga dai 
cuore, con 1'augurio ad multos 
annos ancora, a utile e santifica- 
zione di si importante e religiosa 
Archidiocesi. 



ALMANACH CATHOLIQUE FRANQAIS POUR 1920. Pref. 

par Mgr. A. Baudrillart de 1'Acad. FT. Publication du Comite 

catholique de propaganda frangaise a 1'etranger. Paris, Bloud et 

Gay edit., 1920, 12<>, 448 p., FT. 5. 

L'infaticabile operosit^ dei cat- anche da questa forma cosigradita 

tolici francesi ha saputo trarre utile a tutti e popolare, qual'e 1' 'almanac- 



264 



ATTTJALITA 



co, per la divulgazione del buoni 
principii e delle idee sane nell'o- 
pera di restaurazione dopo la ter- 
ribile guerra. Dai titoli, appena 
sfiorati, si pud argomentare 1'im- 
portanza della materia, benche vi 
si noti alquanta fretta nel racco- 
glierla. 

II calendario, con qualche cen- 
no liturgico delle feste, e biografico 
dei eanti del giorno ; un succinto 
specchietto sul Papa, la Santa Sede 
ed il Sacro Collegio, con notizie 
sull'opera benefica del Papa du- 
rante la guerra ; una piu larga 
informazione dell'episcopato e del- 
le diocesi francesi, con i princi- 
pal! istituti di educazione, opere 
diocesane e benemerenze del clero 
durante la guerra ; la descrizione 
particolareggiata delle fiorenti u- 
niversit& cattoliche diParigi, Lione, 
Lilla, Angers, Tolosa ; la lunga 
lista delle grandi opere ed associa- 
zioni cattoliche d'ogni fatta ; la 
stampa (alcuni giornali sono per6 
da notare come liberali benevoli, 



scuole dei cattolici, ecc., sono tutte- 
notizie importanti e consolantis- 
sime, contenute in un terzo del 
volume. Tra la copiosa materia 
degli altri due terzi, accenniamo 
soltanto alle COBO piu notabili. II 
dizionario biograflco dei piu illu- 
stri personaggi cattolici francesi 
viventi ; che sar& continuato negli 
anni seguenti(ma bisogner an che 
correggerlo togliendo qualche uome 
rion L sicuro); le recenti canoniz- 
zazioni e beatificazioni riguardanti 
la Francia ; una trattazione, molto 
opportuna, sulla vita religiosa della 
famiglia nell'uso-dei Sacramenti e 
nello spirito cristiano rispetto alia 
modaedalleusanzemondane; ospe- 
dali e case di cura ; le opere sociali ; 
santuarii e pellegrinaggi ; efemeridi 
dell'annata religiosa, ecc. ecc. Inol- 
tre, per la parte amena, novelle ed 
incisioni di buon gusto. Se ne togli 
alcune idee e preferenze, spiega- 
bili per la nazionalit francese, 
questo elegante volume pu6 interes- 
sare molto anche gli stranieri ed 
in particolare noi italiani. 



distinti dai giornali cattolici) e le 

ROBERTO PARIBENI. Guerra, e politica nel Paese di Gesu. 

Con una carta della Palestina. 2 a edizione. Roma, Ausonia, 1920, 

16o, XII-170 p. L. 6. 

Scritto con sagace criterio e 
con equanimity di spirito, questo 
volumetto da una succinta e chia. 
ra idea sulla geografia e sulla 
storia della Palestina, e special- 
mente sugli avvenimenti checul- 
minarono nella conquista della 
Palestina per le anni inglesi.' Ma 
1'autore iUustra poi da van lati la 
questione stessa dei Luoghi santi, 
quanto al loro assetto politico e 
nazionale, e ragiona de' partiti, 
che fanno capo a' Giudei col Sio- 
nismo, ai Cristiani e ai Mussul- 



mani, additandone le brame e gli 
antagonismi. 



II Paribeni, gia ufficiale del di- 
staccamento italiano in Palestina, 
spettatore curioso e imparziale. 
vide gli avvenimenti sul campo e 
nel momento del loro svolgersi e 
conchiudersi : e scrisse quanto 
narra e osserva, in Gerusalemme 
stessa; e non e per lui poca lode 
1'aver eerbato, nel suo tranquillo 
stile, quella moderazione di giu- 
dizio e di sentimenti, che manife- 
stano una seria meditazione previa 
allo scrivere invece del difetto di 
riflessione, e di sano criterio, ch 
purtroppo fu spesso di moda in 
questi ultimi tempi. 



FILOSOPIA 

VICTOR CATHREIN S. I. Philosophia Moralis in usum Scho- 
larum. Editio nona et decima ab Auctore recognita. Friburgi Br., 
B. Herder, 1915, 16<>, XVIII-524 p. L. 9. 



La riuscitissimae tanto fortuna- 
ta Philosophia moralis del P. Cath- 
rein si era dovuta pxibblicare 
immutata nella sua ottava ristam- 
pa (1911). Presto fu necessaria 
una nuova edizione, pubblicata 
allo scoppiar della guerra, e quin- 
di pervenutaci, come si vede, con 
un lustro di ritardo. Vogliamo 
nondimeno ricordarla ai nostri 
lettori, e per la perfezione tipo- 
graflca con cui e stata eseguita, 
e per le nuove diligenze poste dal 
ch. A. a fine di renderla sempre 
piu degna del favore si largamente 
incontrato. 

Non sono veramente molte ne 
sostanziali le mutazioni e le ag- 
giunte ; ne noteremo due sola- 
mente, che ci sono sembrate le 
principal!. La prima si trova sotto 
il num. 458* replicato (cosi 1'A. 
ha potuto conservare la numera- 
zione delle precedent! edizioni), e 



nomisti, che negano ai proprietari 
dei fondi nelle grand! citta, per 
attribuirlo allo Stato, il diritto di 
proprieta sugli enormi increment! 
che detti fondi acquistano, spesso 
in breve numero di anni. L' A.li con- 
futa cor parecchie e solide ragioni 
e in particolare mostrando la f alsita^ 
del loro argomento, che quei grand! 
accrescimenti di valore siano pro- 
dotto dello Stato o del governo. 
L'altra aggiunta che volevamo 
ricordare (p. 429) e intorno all'o- 
pinione di coloro che fondano il 
potere di esigere i tributi negli 
emolument] che i cittadini ricevono 
dalTautoritsl pubblica. Dice giu- 
stamente 1'A. che tale fondamento 
sta nella necessita stessa del bene 
comune : Sicut enim auctor na- 
turae vult civitatem et auctori- 
tatem publicam, ita etiam confert 
auctoritati omnia iura, quae ad 
conservandam et bene regendam 
civitatem sunt necessaria . 



riguarda I'opinione di alcuni eco- 

CAROLUS FRICK S. I. Logica in usum Scholarum. Editio 
quinta emendata. Friburgi Br., B. Herder, 1919, 16, XII-366 p. 
L. 5,60. 

Migliorato in piu punti e ac- 
cresciuto rivede la luce nella sua 
5 a edizione il bel trattato di Logica 
del ch. P. Frick, ben noto ai no- 
stri lettori (v. 1909, 3, p. 356). Os- 
serviamo anzitutto, e con grati- 
tudine, che 1'egregio A., con be- 
nevola deferenza a un nostro sug- 
gerimento, ha modificato (ora 
n. 463) p. 337 la sua asserzione in- 



torno all'opinione del Galluppi 
circa il criterio di verita. 

Le diverse aggiunte e il rior- 
dinamento della materia hanno 
indotto 1'A. amutareancherordine 



dei numeri marginal! : questi da 
445 che erano, nelle precedent! edi- 
zioni, sono ora portati a 490. 
E le aggiunte non sono di poco 
momento. Basterebbe notare la 
tesi speciale (n. 164 ss.) che 1'A. 
ha aggiunta sulla retta definizione 
della verit4 logica, con la esclu- 
sione (n. 171) delle false defini- 
zioni. 

Vogliamo pure ricordare le 
tesi X a e XI a aggiunte, quella sul 
relativismo e lo psicologismo, con 
la conseguente refutazione dell'e- 
volusionismo logico, e del prog- 



266 PILOSOFIA 

matismo ; questa sul soggettivismo 
o idealismo nelle sue diverse forme. 
Ma a confutazione del pragma- 
tismo si vegga la speciale tesi 
XXXIII, che 1'A. ha aggiunto, 
trattando dei falsi criteri della 
verita. 

Nonostante le presenti gravi 



PEDAGOGIA 

difficolta tipograflche di tutti i 
paesi, il libro noa e meno nitido 
ed elegante che nelle precedent! 
edizioni, ed in qualche punto (p. 
es. nei titoli delle pagine) e anche 
migliorato. Sarebbe bene, nella 
particolare lista delle tesi, indicarne 
la pagina, come nell'indice generale. 



Dr. PIER GIUS. BRIGNOLO. Element! di Pedagogia. Vol. 1., 
per il lo corso normale . Educazioneed antropologia pedagogica. 
Torino. Libr. Viano, Via Alfie-ri, 4, 1920, 16, VIII-294 p. L. 6. 



Ecco un ottimo manuale di 
pedagogia per le scuole normali. 
Ottimo nella dottrina, perche fon- 
dato sopra i principii della edu- 
cazione cristiana e della filosofia 
tradizionale, ed insieme conforme 
al sano progresso nei recenti 
-studii della pedagogia moderna. 
Ottimo anche nei metodo, perche, 
non discostandosi dalla linea trac- 
ciata dai programmi, com'e ne- 
cessario per un manuale scolastico, 
1'A. precede con chiarezza espo- 
sitiva e con ordine, in modo da 
imprimere bene nelTanimo dei fu- 
turi maestri i buoni principii edu- 
<jativi, passando poi a dichiararli 
ampiamente per via di ragiona- 
mento e dell'autorita dei grandi 
maestri, ed infine difendendoli 
dalle obiezioni e dai pregiudizi 
correnti. 

Ci sembra particolarmente utile 
all'erudizione ed al profitto degli 
scolari la copia dei tratti e delle 
sentenze riportate da varii pe- 
dagogisti (anche dai moderni au- 
tori di manuali pedagogici) dai 



poeti, dai classici e dai grandi edu- 
catori. specialmente dalle opere 
del compianto prof. Allievo, di 
cui 1'A. si gloria meritamente di 
essere stato discepolo. Si veda come 
saggio del metodo, sopra descritto, 
dell'A. il capitolo L'atmosfera re- 
ligiosa, dove stabilisce saldamente 
e con ogni argomento diautorita, 
la necessita ed efficacia dei prin- 
cipii religiosi nell'educazione, e 
confuta di poi una moltitudine di 
obiezioni e sofismi contrari. Sia- 
mo sicuri che gli istituti cattolici 
non mancheranno di accoglierlo 
come libro di testo per le scuole 
normali, e intanto, nei prossimo 
anno verranno alia luce gli altri 
4ue volumi per il corso compito, 
si che potranno allontanarsi, al- 
meno dalle nostre scuole, tanti 
altri manuali pedagogici erronei 
e perniciosi, che infestano le scuole 
dello Stato. Giova anche sapere 
che 1'A. e professore, gi da molti 
anni, nella Scuola Normale pa- 
reggiata dell'Educatorio Isabella 
per le figlie dei militari, in -Torino. 



CHIARA CHIARI. La dottrina cattolica e la pedagogia. 2 a ediz. 

ampliata e corretta. Torino. Libr. ed. internaz. Roma, F. Ferrari 

ed. 1918, 16, 288 p. L. 2,50. 

Parlammo di questo buon fetti (Civ. Catt. 1915, vol. 3, pag. 
trattato pedagogico-catechistico, 217), ed insieme con le meritate 
quando venne alia luce la sua pri- lodi aggiungemmo alcune osser- 
ma edizione presso 1'editore Buf- vazioni. In questa novella edizione, 



PEDAGOGIA - LETTURE RELIGIOSE - LETTURE AMENE 267 



1'A. ne ha tenuto conto, non solo 
^men-dando quello che vi era di 
imperietto in alcune espressioni, 
ma aggiungendo anche molto di 
nuovo e piu chiaro. Per es. nel 
1 cap. della II p. H problema edu- 
fativo-religioso e Vora attuale, 1'A. 
deserive molto bene i pericoli del 
aentimentalismo , del pragmati- 
smo, del modernismo, affinche J1 
pedagogista oristiano non si lasci 
ingannare da certa fllosofla spiri- 
tualista . Similmente, e meglio 
dichiarato il giusto senso in cui 
pud parlarsi di educazione fisica. 
Notiamo di passaggio una piccola 
inesattezza a pag. 217, dov'e detto 



abate il ben noto P. Paolo Se- 
gneri della Compagnia di Gesu. 
Ben meritate sono dunque le pa- 
role di elogio, che accompagnano 
questa novella edizione, da parte 
di due illustri ed autorevoli perso- 
naggi: di Sua Em.za il Card. Maffi, 
nella prefazione, e dell'Ecc.mo Or- 
dinario dell' A., mons. Conforti, ve- 
scovo di Parma, in una lettera, 
dalla quale prendiamo volentieri 
come conclusione il suo giudizio 
sul libro : una vera norma diret- 
tiva, sicura e completa per le per- 
sone che si dedicano alia santa 
missione dell' insegnamento reli- 
gioso . 



: N. PARNISETTIS.I. La grande promessa del Sacro Cuore 
di Gesu. Spiegazioni ed esempi. Torino. Libr. del S. Cuore, 1920, 



La grande promessa , di cui 
parla il R. P. Parnisetti, e quella 
"tanto cara ai divoti del Sacro Cuore 
di Gesu, che assicura la grazia di 
una buona morte a quanti divo- 
tamente si accostino alia santa 
Comunione per nove primi ve- 

TEMISTOCLE MARINI, Mons. Pensieri dal Vangelo. Torino, 
Libreria editr. internaz., 1920, 16, 270 p. L. 5. 
Sono considerazioni brevi, ma servire per esercizio di medita- 



nerdi del mese, di seguito ; e di 
essa il pio autore da qui, con sem- 
plici e nitide risposte, la spiega- 
zione, la conferma e alcuni esempi 
di rara edificazione. II libriccino 
merita larga diffusion e tra le anime 
cristiane. 



succose e ricche di piu ampie appli- 
cazioni e sviluppi, fatte particolar- 
mente per i sacerdoti che non po- 
tendo, per le fatiche dei loro mini- 
te'ri, attendere allo studio di opere 
maggiori, hanno bisogno di un 
nucleo massiccio di buoni pensieri, 
per isvolgerli nella spiegazione del- 
1'evangelo al popolo. 

La trattazione di ogni argomen- 



zione. 

La dizione e semplice, scorre- 
vole, schiettamente italiana. Le 
pratiche applicazioni conformi ai 
tempi presenti. 

Gli Evangeli spiegati sono noa 
solo quelli di tutte le domeniche, 
ma anche quelli delle feste princi- 
pali dell'anno, come ancora quelli 
dei comuni dei Santi o di parti- 
colari circostanze. 



to 6 ordinata in modo che pud 

AMELIA HECKER. Desiderio Lari. Romanzo. Milano, Scuola 
tip. salesiana, 1920, 16, 275 p. L. 6. 

Tra i libri sempre piu cercati presenta un fondo buono ed 
di amen a lettura, questo- romanzo elevato per le scene, talvolta 
della colta signorina Hecker troppo minute, sempre per6 nobili, 



268 



LETTURE AMENE - SOIENZE NATURAL! 



modeste e serie, e per 1'intrec- 
cio, che si svolge sul Lago di 
Como, a Roma e a Firenze, 
con casi impensati, e pur del 
tutto natural!, dove uella conclu- 
siono di un connubio tra un povero 
poeta orgoglioso, ma non cattivo, 
e una ricca signorina cattolica 
americana, domina 1'austera fi- 
gura della madre della giovi- 
netta, ancor protestante, ma di 
alti pensieri, la quale si eclissa nel 
barlume della conversione, merc6 
dell'amicizia COD un vescovo oat- 
tolico. 

E un romanzo della vita mo- 
derna, schivo d'ogni men pu- 
dico intreccio, e contenuto in 
grande correttezza morale e mo- 



derazione di linguaggio, con ri- 
flessi profondamente religiosi, sic- 
che potr correre per molte mani 
senza biasimo, per quanto la 
conclusione del libro, fondata sul- 
la conoscenza dell' appassionato 
cuore umano, e au tutta la tela 
dell'intreccio, lasci il lettore in 
u na mesta sorpresa, ondeggiante. 
come i fatti umani, tra il diritto 
e la passiono. 

Con piu slancio, e con animo 
piu aperto, la signorina Hecker 
potrebbe darci altri bei libri di 
amena lettura, essa che conosce 
i segreti dello scrivere e ha un 
b el garbo di penna scorrevole, sor- 
re tta da prof onda f ede e larga cono- 
scenza della vita randagia moderna. 



RECETTES DOME8TIQUE8 ET RU RALES. Formulaire du 
COSMOS . Paris, 5 rue Bayard. 16, 482 pag. 
un bel volumetto pubblicato sto vantaggio, che per lo piu non 



dalla benemerita Maison de la 
Bonne Pressc, nel quale sono rac- 
colte le f onnole e ricette per i mille 
casi e problemi di scienza utile e 
pratica che occorrono nella vita 
domestic^, disseminati nelle centi- 
naia di fascicoli del Cosmos, il 
noto periodico della stessa casa 
editrice. II ricettario contiene un 
po' di tutto : dal modo di preparare 
le conserve di frutta, di distruggere 
gli insetti noiosi e nocivi, di smac- 
chiare i tessuti e i pavimenti : al 
metodo per farsi un erbario, per 
regolare il barometro, per indovi- 
nare il tempo. La raccolta ha que- 



si contenta di indicare la ricetta, 
ma ne spiega il modo di applica- 
zione ; il che giova assai per i meno 
esperti delle manipolazioni. Si 
consultino, peresempio, gli articoli 
dedicati alia conservazione delle 
uova e quelli per la coltivazione del 
flori negli appartamenti, e gli altri 
per la fabbricazione di saponi eco- 
nomici e cento altri ancora. Non 
mancano opportuni disegni e vi- 
gnette, a far meglio intendere la 
spiegazione. Alia fine del volums, 
una tavola alfabetica agevola le 
ricerche tra le piti che trecento 
formule illustrate. 






CBONACA CONTEMPORANEA 



Roma, 9-29 luglio 1920. 



I. 

COSE ROMANS 

1. II giorno onomastico del Santo Padre. 2. II ministro plenipoten- 
ziario di Ungheria presso la Santa Sede presenta le lettere ore- 
denziali. 3. Pubblicazione del decreto per le virtu eroiche del 
ven. Champagnat fondatore del Piccoli fratelli di Maria. 4. Scio- 
peri di tramvieri ed elettricisti : manifestazioni soviettiste ribut- 
tate dalla cittadinanza. 

1. II 25 luglio, ricorrenza del giorno onomastico di Sua Santita, 
diede occasione alle consuete dimostrazioni di affetto e di venera- 
zione per la persona del Santo Padre. Fin dalla vigilia il Sacro Col- 
legio fu il primo ad offrire lieti auguri all'augusto Pontefice che lo 
accolse nella sua biblioteca, intrattenendosi affabilmente con gli 
eminentissimi Porporati ai quali, contraccambiando gli auguri, im- 
parti 1'apostolica benedizione. La Santita Sua riceveva nello stesso 
giorno per gli stessi omaggi riverenti la sua nobile Anticamrra : e 
il giorno appresso accoglieva il presidente del Circolo S. Pietro , 
comm. Croci, accompagnato dai membri del Consiglio i quali presen- 
tarono , insieme,coi voti e con le festose congratulazioni, uno sma- 
gliante cesto di fiori e frutta artisticamente composto. Un altro 
simile cesto lavorato dai giardinieri pontifici era stato offerto la 
vigilia dai cav. Seganti, maestro di Casa dei SS. PP. AA. Anche i Ca- 
merieri segreti e quelli d'Onore di spada e cappa di numero attesta- 
vano al Pontefice la loro devozione coi voti piu rispettosi a nome 
proprio, e a quello dei loro colleghi. 

2. Lunedi 26 luglio il conte Somssich, inviato straordinario e mi- 
nistro plenipotenziario di Ungheria, venne ricevuto nella sala del 
trono in solenne udienza dai Sommo Pontefice per la presentazione 
delle lettere con cui il suo Governo lo accreditava presso la Santa 
Sede, iniziando la sua missione con nobili sentimenti di rispetto e 
di fede. Egli era accompagnato dai segretario della Legazione, signer 
Aladano Borsviczeniji di Kisvaria, e da mons. Giovanni Csiszarik, 
consigliere di Legazione e consulente ecclesiastico al ministero degli 
Affari Esteri, addetto temporaneamente alia Legazione stessa. II 



270 OBONACA OONTEMPOBANEA 

Santo Padre, ringraziando del sentiment! espressi, invito Pin via to 
ungherese nelle sue stanze private, dove si intrattenne con lui in 
particolare colloquio, ed ammise poi le persone del seguito presen- 
tategli dallo stesso ministro. Passato quindi ad ossequiare Tern. Car- 
dinale segretario di Stato, il conte Somssich scendeva nella basilica 
vaticana secondo il pio costume a venerarvi la tomba del Principe 
degli Apostoli. 

3. La domenica 11 luglio nelPaula concistoriale del palazzo Va- 
ticano, alia presenza del Santo Padre, si tenne solenne radunanza 
per la lettura del decreto sulle virtu esercitate in grado eroico 
dal ven. servo di Dio Marcellino Giuseppe Benedetto Champagnat, 
sacerdote marista, istitutore della congregazione dei Piccoli fratelli 
di Maria. Circondavano il trono pontificio il card. Vico, prefetto della 
S. C. dei Riti, e il card. Granito di Belmonte ponente della Causa, 
i prelati ed uificiali della stessa Congregazione col rev.mo P. Luigi 
Copere, procuratore generale della societa di Maria (Maristi), postu- 
latore della Causa stessa, il Preposito generale dei Piccoli Fratelli 
e il loro procuratore generale, fr. Candido. 

Dopo la lettura del decreto il rev. P. Copere in un rispettoso in- 
dirizzo rivolto al Pontefice espose le principali notizie della vita 
del servo di Dio e dell 'opera di lui, cominciata mentre era vicario a 
La Valle piccola parrocchia nelle montagne del Pilat. Addolorato 
nel vedere 1'ignoranza religiosa delle vicine popolazioni-e 1'abban- 
dono morale del fanciulli ebbe 1'ispirazione di formare maestri per 
insegnare il catechismo e ristaurare la vita cristiana, che 1'empieta 
e le persecuzioni della rivoluzione avevano cercato di distruggere. 
Comprata una casetta nel 1817 con 1600 lire prese a prestito, ivi in- 
traprese la formazione religiosa di due giovanetti che furono il primo 
seme dei Piccoli Fratelli di Maria . Quando nel 1836 da Grego- 
rio XVI era appro vato 1'istituto della Societa di Maria e il P. Colin 
ne era eletto primo superiore generale, il ven. Champagnat rimet- 
teva nelle mani di lui 1 'opera incominciata : ma gli era nuovamente 
confidata dall'ubbidienza religiosa, invece delle missioni nella Ion- 
tana Oceania, alle quali aspirava di partecipare co' suoi confratelli. 
E a quell'opera egli consacrava se stesso nell'esercizio di una austera 
poverta, nella continua preghiera, visitando le scuole dei fanciulli, 
insegnando la dottrina cristiana. N on poteva vedere un fanciullo senza 
desiderare di fargli conoscere quanto il Signore 1'avesse amato. Egli 
intui i bisogni del suo tempo : capi che 1'anima dei figli del popolo 
sarebbe preda delle passioni settarie e brutali : e voile opporvi un 
argiiie salutare con la istituzione dei Piccoli Fratelli che avrebbero 
ricondotto il popolo alia fede. E Dio benedisse i suoi santi desideri, 
L'istituto prospero : esso conta oggi 6000 religiosi con quasi 800 case 
frequentate annualmente da piu di 100.000 fanciulli. Sono dunque 
milioni di anime che in un secolo di apostolato i buoni Fratelli di 
Maria hanno indirizzato ad amare il Signore e fuggire il peccato. 
Tale e iLfrutto delle virtu del servo di Dio il cui sepolcro e reso glo- 



COSE KOMANE 2 71 

ricso dalle numerose grazie che vi ottengono i pellegrini che accor- 
rono all'Herniitage per venerarlo. 

All'indirizzo il Santo Padre rispose con un forbito discorso nel 
quale, citando il vangelo della domenica Attendite afalsis prophetis, 
espose come il ven. Champagnat nascesse appunto nel 1789, nei tempi 
in cui, invece della dottrina di Cristo, i nuovi dottori insegnavano 
i principii avvelenati della rivoluzione. 

Erano profeti che si atteggiavano a vindici del diritti del popolo, 
preconizzando un'era di liberta, di f raternita, di uguaglianza ; e chi non 
li avrebbe detti ammantati a guisa di agnelli in vestlmentis ovium ? 
Ma la liberta preconizzata da quei profeti apriva Padito, non al bene 
ma al male ; la fraternita predicata da quei profeti non salutava Iddio 
come unico padre dei fratelli ; e 1'uguaglianza annunziata dagli stessi 
profeti non poggiava sulla identita. dell'origine, non nella comune re- 
denzione* ne sulla non diversa destinazione di tutti gli uomini. Ahime 
erano profeti che predicavano una eguaglianza distruggitrice della dif- 
ferenza di classi voluta da Dio nella societa. : erano prbfeti che dicevano 
fratelli tutti gli uomini, per togliere 1'idea della soggezione degli uni 
agli altri : erano profeti che proclamavano la libert di fare il male^ 
di chiamar luce le tenebre, di confondere il falso col vero, di preferire 
quello a questo/ di sacrificare all'errore ed al vizio i diritti e le ragioni 
della giustizia e della verita. Non e malagevole intendere che quei pro? 
feti, presentatisi in vesti di agnelli, intrinsecamente, ossia nella realta^ 
dovevano apparire lupi rapaci : qui veniunt ad vos in vestimentis ovium, 
intrinseous autem sunt lupi rapaces ! . E qual meraviglia che contro 
questi falsi profeti dovesse risuonare una parola terribile : guardatevene ! 
attendite a falsis prophetis ? . Marcellino Champagnat senti quella 
parola; anzi comprese che non era detta solo per lui, epens6 di farsieco 
di quella parola medesima presso quei figli del popolo, che egli sapeva 
piu esposti a cader vittime dei principii dell'ottantanove, a motivo della 
propria inesperienza e della ignoranza dei genitori in cose di religione* 

E continuando 1'applicazione della parabola illustro bellamente 
gli incrementi dell'opera del ven. servo di Dio e dei buoni frutti pro- 
dotti dall'albero buono in opposizione ai frutti pessimi dell'albero 
della falsa lifcerta,cioe della licenza e della corruzione. Tale era 1<* 
missione affidata dalla divina Provvidenza a Marcellino Champagnat, 
e Faverla adempiuta fedelmente e titolo necessario e sufficiente 
alia sua santificazione. 

II Pontefice chiuse il discorso invocando le benedizioni celesti 
sopra la Societa di Maria e la Congregazione dei Piccoli Fratelli di 
Maria, augurando che continui fra essi una nobile gara neirimitare 
le virtu di quei venerabile servo di Dio che all'uno e all'altro sodalizio 
appartiene . 

4. Anche a Roma, come in altre citta, a poca distanza dai pre- 
cedent! si ebbe nelle scorse settimane la delizia di un nuovo scio- 
pero, anzi di piu scioperi incavallatisi 1'uno con 1'altro per 1'eleva- 



272 C*ONAC CONTBMPORANEA 



zione del proletariate. Ma a Roma le cose ebbero una maggiore gra- 
vita e conseguenze piu notevoli che per tutto altrove, e meritano 
ohe se ne dia piu disteso commento. 

A dar intiera ragione dei fatti eonvien dire in prima che i ferro- 

vieri delle Ferrovie secondarie, amministrate non dallo Stato ma 

da particolari societa, i tramvieri delle tram vie extraurbane e gli 

addetti alia navigazione interna da circa un mese scioperavano senza 

che se ne sapesse una ragione ben definita, avendo essi dato a mo- 

tivo ora qualche nuovo miglioramento eeonomico - eppure erano stati 

gia concessi recentemente per!60 milioni di aumento ! - ora 1'inqua- 

dramento degli impiegati non ancora compiuto, ora altri pretesti 

di regolamento disciplinare. Si disse che con le loro esigenze vole- 

vano obbligare le societa a rinunciare 1'esercizio delle ferrovie e farlo 

assumere dallo Stato, con nuovo aumento finanziario per tutte le 

categorie. Comunque fosse, le societa non davano segno di moversi : 

lo sciopero minacciava di doversi trascinare indefinitamente e finir 

male. I mestatori di professione si maneggiarono per suscitare nuove 

turbolenze, allargando lo sciopero ad altri pubblici servizi fino a pro- 

vocare uno sciopero generate, e cosi imporre 1' inter vento del Go- 

verno a far piegare le societa alle loro pretensioni, o fors'anco dar 

principio a un coinmovimento piu grave'di cui non si sarebbe potuto 

prevedere 1'esito. A questo stesso fine erano stati diretti gli scioperi 

parziali dei ferrovieri dello Stato in vari centri, dicui gia si e narrate 

in altro quaderno. Fallita quella prova, i capi del movimento richie- 

sero la solidarieta delle leghe dei tramvieri urbani in prima, pre- 

parando le altre a partecipare ad uno sciopero ad oltranza ed a qua- 

lunque costo per salvare 1'onore e la resistenza delle organizzazioni 

proletarie . La risoluzione presa dalla Confederazione del lavoro fu 

diramata ai vari centri dal sindacato di tramvieri da Roma il 14 

luglio, mettendo in isciopero trentamila tramvieri urbanioltreiqua- 

rantamila ferrovieri secondari. S ben vero che di questi pero buona 

parte, stanchi della vana agitazione di cui non vedevano la ragione 

e impensieriti delle perdite fmanziarie che pativano e delle peggiori 

a cui si esponevano, andavano gia riprendendo regolare servizio. 

Le societa, infatti, per metter fine al lungo disordine avevano pubbli- 

cato una diffida agli scioperanti di tornare al lavoro : i renitenti 

sarebbero considerati come licenziati ed obbligati a nuova iscrizione 

secondo il disposto dell'articolo 115 della legge.Cosi erano state riat- 

tivate le linee secondarie della Sicilia e della Sardegna, la ferrovia 

Metaurense, la Circumvesuviana, quella di Cancello-Bene vento, di 

Stresa-Mottarone, di Mandela-Subiaco, di Ortona-Castel di Sangro, 

le tram vie pro vinciali di Napoli, la ferrovia dell'Alta Valtellina Son- 

drio-Tirano, ed altre assai. 

Quantunque Bologna, Firenze, Modena, Torino ele altre maggiori 
cifct& in'generale si sottomettessero alia imposizione della Confede- 
razione, non e per6 che a molti non ripugnasse 1'uso di un'arma che 
feriva prima d'ogni altro il ceto operaio, privandolo del mezzo piu 



COSE ROMANE 273 

econcmico di trasporto. Tl sindaco di Milano si rivolse ai dirigenti 
di Roma perche lo sciopero fosse ristretto a ventiquattro ore : ma 
-non ebbe risposta. A Roma i dirigenti, nonche mitigare, pensavano 
"anzi ad inasprire la lotta in modo stupido e, come apparve poi, peri- 
coloso per quegli scavezzacolli che credettero di osare ogni cosa senza 
ritegno del pubblico. Nello stesso tempo dello sciopero tramviario 
gli elettricisti si agitarono per avere un aumento di mercede, e non 
ottenutolo quale lo pretendevano, cominciarono il brutto giuoco di 
sospendere la corrente elettrica in citta circa le 22 per una ora dap- 
prima, poi per due o piu a loro talento. Immagini chi puo la con- 
fusione e i pericoli del movimento di tutta una popolazione gettata 
cosi d'un tratto nei buio fitto. Persone travolte da vetture nelle 
strade, gravi accidenti negli ospedali, parapiglia nei teatri e nei 
pubblici ritrovi, confusione e timore dappertutto. 

Si penera a credere da quei che verranno - se saranno civili - 
che in una citta come Roma la vita pubblica fosse in balia del capric- 
cio dipochi che per ottenere il loro vantaggio personale imponevano 
oin danno gravissimo a tutta la cittadinanza : e piu ancora si mara- 
viglieranno che questo si sia potuto ripetere quante volte e piaciuto, 
senza che rie 1'autorita del municipio ne quella del Governo volesse 
o potesse impedire il'folle gesto di quei pazzi o la prepotenza di quei 
malfattori. La cittadinanza parve bensi sopportare con una certa 
filosofia tutte le stranezze con cui i cosidetti rappresentanti del 
proletariate si sbizzarrivano alle sue spalle, ma il malumore si accu- 
niulava quasi inconsciamente nei fondo della pubblica opinione : e 
"fini per iscoppiare per uri urto impreveduto. 

Dopo inutili negoziati la vertenza tra le societa e i f arrovieri delle 
secondarie si era arenata sul punto dell'articolo 115, stimando le 
societa che gli scioperanti si dovessero considerare come licenziati 
obbligati a nuova iscrizione, e ricusando gli altri di sottomettersi 
^a tale esigenza. II Governo, a cui gli scioperanti si erano rivolti, 
fu di parere di rimettere la soluzione alia commissione dell'equo trat- 
tamento : la quale naturalmente rispose che nei caso di uno scio- 
pero concluso con accordo ratificato dal Governo, il Governo poteva 
richiedere dalle societa la non applicazione dell'articolo 115, salvo 
le sanzioni disciplinari individual! ecc. Le Societa dovettero quindi 
cedere alia pressione Governo e non applicare quella legge che prima, 
consenziente il Governo stesso, avevano applicato. Quanto sia dan- 
nosa questa debolezza nell'autorita dello Stato si vide subito dopo. 

Sparsasi la notizia dell'accordo e delle sue condizioni, anche i 
tramvieri romani stabilirono di tornare al lavoro la mattina del 20: 
>e per dare segno della vittoria riportata dall'organizzazione prole- 
taria fabbricarono delle bandierine di carta rossa che innalzarono 
come trofei sulle aste delle carrozze tramviarie. La gente, sorpresa 
dalla novita, quando ebbe compreso il significato del simbolo socia- 
lista o soviettista, si ribello: f u un impulse subitaneo e generate per obbli- 
.gare i tramvieri a togliere quegli emblemi rivoluzionari che trattavano 

Civittd Cattolien, 1920, vol. 3, quad. 183. 18 31 luglio 1020. 



274 CRONAGA -OONTEMPORANEA 

1'aziendamunicipalecomeproprieta della Camera del lavoro. E sicco-r 
me i tramvieri tentayano opporsi, ogni resistenza f u presto vinta a f uria 
di'popolo con ogni solido argomento di pugni e bastoni: i tramvieri 
malconci e furenti rientrarono ai deposit! e tornarono in isciopera 
per dispetto. Ebbero anzi 1'audacia di mandare una deputazione al 
ministero dell'Interno protestando contro il contegno della cittadi- 
nanza e lagnandosi della assenza della forza pubblica (!) Ma ne ebbero 
risposta di poca soddisfazione. Per rifarsi e sfogare la bile cercarono 
di sommuovere il proletariate ,' ordinando uno scioporo generale: 
ma ben pochi se ne curarono. Invece un gruppo di gente piu riscaldata 
guidato da nazionalisti, iniziarono una inanifestazione antisocialista r 
altri piu maneschi tentarono volgersi contro la direzione deH'Avanti/, 
ben difesa dalle guardie ; altri assalirono la tipografia dove il giornale 
era stampato e le diedero il guasto. 

Tutto cio aveva inacerbito le cose. Dopo un giorno di tregua, 
ecco nel pomeriggio del 22 alcune carrozze trarm iarie piene di oporai 
dell'azienda armati di paletti e di bastoni uscire dai depositi e girare 
correndo per la citta al canto degli inni socialisti accompagnato da. 
gesti minacciosi. Era la second*a provocazione. La gente assali i mal-' 
capitati che stentarono a salvarsi dalla furia popolare. Corsero anche. 
colpi di rivoltella : le colluttazioni e I'inseguimento duro fino a sera. 
I deputati socialisti Modigliani e Pagella f urono feriti da bastonate: 
un onesto impiegato municipale cadde ucciso dai tramvieri. La ca- 
valleria, i carabinieri, le guardie do vettero inter venire per contenere 
gli avversari e rimettere 1'ordine profondamente turbato dalla spa- 
valderia di un branco di idioti ubriacati dalle idee soviettiste decla- 
mate nei comizi del socialism. Le bastonature parvero buona medi- 
cina a guarire la sbornia. I tramvieri ripresero tranquillo servizio il 
23 senz'altri incident!. Senza approvare la violenza del rimedio, gli 
effetti ne f urono certo giovevoli al pubblico bene. La reazione popolare 
contro Poltracotanza socialista avra insegnato qualche cosa a quei 
signori ? 

A proposito dell'Avanti e dei guasti commessi nella sua tipografia. 
osserviamo che anche qualche giornale cattolico si disse pronto per 
solidarieta professionale ad aprirgli la propria ecc. Troppo zelo, si- 
gnori ! compatire un assassino ferito, passi: e atto umano di pieta. 
Ma affilargli le armi che gli eran cadute di mano sarefbbe un atto stolta- 
ed immorale. 



275 

II. 
COSE ITALIANS 

1. La discussione alia Camera intorno alle dichiarazioni del Governo. 
2. II programma di governo del ministro della Istruzione, del mini- 
stro del Lavoro e Previdenza sociale, e di quello delle Colonie. 3. 
Replica del presidente del Consiglio : voto di fiducia. 4. La pro- 
posta di legge per il divorzio agli Uffici : proteste contrarie da tutte 
le regioni d'ltalia. 5. Morte del conte Bonasi. 

1. II programma del Governo diede materia a una lunga discus- 
sione, di cui non giova riferire che pochi punti di qualche impor- 
tanza per conoscere le idee dominanti nei vari parti ti parlamentari. 

Uno dei primi a parlare fu 1'on. Turati, il quale tuttavia dichiaro 
di parlare non a nome del partito socialista, che piu non lo segue, 
ma in suo nome proprio per la sua coscienza, per il paese e per il 
socialism . Ripete che la borghesia e fiiiita : 1'on. Giolitti e ultima 
sua risorsa... 1'ultimo sperimento di governo borghese : e nel pro- 
gramma di lui rilevo una sostanziale debolezza, vedendosi passate 
sotto comodo silenzio le question! piu gravi e scottanti del prezzo 
politico del pane, degli scioperi nei pubblici servizi, dei nuovi rap- 
porti da istituirsi tra capitale e lavoro, della questione adriatica, 
per la quale anzi il presidente del Consiglio ha preferito rimettersi 
alia Commissione parlamentare. su cui verrebbe cosi a pesare tutta 
la responsabilita ! Ancheiprovvedimentifinanziaristimo insufficient! 
a sanare il bilancio ed evitare il fallimento : condannd sopratutto 
le spese militari e la inflazione burocratica: suggeri, fra 1'altro, la 
soppressione del diritto di successione legittima al di la di quei ri- 
stretti gradi di parentela che corrispondono ai veri rapporti famigliari 
nella vita moderna : insistette sulla cooperazione, sulla liniitazione 
del diritto di proprieta perche il proprietario e istintivamente con- 
trario agli interessi generali delPumanita (!) Declamo poi sulla neces- 
sita della produzione, del miglioramento delFagricoltura, dell'elettri- 
ficazione e altri sviluppi industrial!, gia noti a tutti i borghesi meglio 
che ai socialisti e mando i ministri a consultare gli esempi di Cavour per 
risolvere i grandi problemi dell'ora presente, primo fra tutti 1'avvia- 
mento del proletariate alia sua emancipazione . 

Di ben altro contenuto fu il discorso che nella seduta del 30 giugno, 
a nome del gruppo popolare tenne 1'on. Tovini. Con chiara analisi 
indico la ragione intima che condusse alia crisi ministeriale: la volonta 
di avere un governo che sostituisse alia politica di ieri un orientamento 
fermo e deciso . La politica di ieri era quella del lasciar fare e del- 
1'aspettare che gli eccessi provocassero automaticamente dei prov- 
vidi compensi e cosi si ristabilisse, col passar del tempo, ilfenomeno 
dell'assestamento e della pacificazione . A questo modo, mancando un 



276 CRONACA CONTEMPORANEA 

indirizzo di governo, i vari interessi di classe e di partito si organiz- 
zano creandosi autorita' proprie, stabilendo piccoli govern! con una 
rete di istituzioni, di controlli, in tutti i punti strategic! del campo 
sindacale, bancario, amministrativo, cooperativo, industriale, agrario: 
e intorno e dentro a tali movimenti c'e un fermento caotico di impa- 
zienze di ribellioni, di follie individuali e collettive ,. E giustamente 
aggiungeva la gravita del disordine morale in cuisi trova lanazione 
essere anche piu impressionante della stessa condizione spaventevole 
finanziaria ed economica Se in tanta confusione si intravedesse un 
moto, uno scopo precise, foss'anco 1'ordine comunista, si avrebbe un 
punto d'orientamento - da discutere - ma i fatti di oggi non sono ne 
comunismo, ne socialismo, ne leninismo : sono del puro nichilismo nel 
senso letterale della parola . 

A cercar riparo contro tale anarchia il gruppo popolare approva 
le comunicazioni del Governo, ma chiede inoltre di sapere seesso in- 
tenda conservare lo statu quo nelle Terre redente fino alle elezioni po- 
litiche : completare il suo programma tributario con la riforma tribu- 
taria dei Comuni : adattare il sistema proporzionale nelle elezioni 
amministrative . L'oratore pero osserva che anzitutto e necessario 
assicurare la vitalita del Parlamento e quella dello Stato. Alia prima 
deve concorrere la funzione dei Gruppi e 1'intesa fra essi che porti a 
un lavoro fecondo. Se il partito socialista mette come pregiudiziale 
1'impotenza del regime borghese, non vi potra essere proficua attivita 
parlamentare. Per la vita dello Stato bisogna rinsaldare nell'animo 
dei cittadini la fede nella sua azione, senzadiche ogni riforma rimarra 
lettera morta. Quando la sfiducia e il conseguente spirito di ribellione 
invade non un ristretto numero di cittadini, ma dei ceti interi, delle 
region! intiere, allora 1'applicazione piu severa della legge penale non 
serve piu a nulla, o almeno non serve a restituire la fiducia collettiva 
dei cittadini, che e il libero riconoscimento dell'autorita . E quindi 
assolutamente necessario che tutti gliorgani central! dello Stato siano 
rinnovati di maniera che tutte le forze vive e operanti della nazione 
possano partecipare alia direzione e revisione dell 'attivita economica 
e finanziaria del paese. Qui Ton. To vini cito i vari rami di applicazione 
di tale rappresentanza, specialmente nello sviluppo del movimento 
cooperativo, della cui legislazione vi sono proposte che dormono da 
mesi negli scaffali del ministero : e presento un ordine del giorno come 
sintesi dei principi di azione del suo gruppo. 

Nella seduta del 5 luglio anche il radicale on. Girardini tratto 
il problema della politica di disordine interno come quello che influisce 
sullo stato finanziario, deprime il credito all'estero e il prestigio in- 
ternazionale. In nessun paese come in Italia si sono vedute intere 
classi di pubblici impiegati associarsi ai ribelli: i ferrovieri che si at- 
~tribuiscono il diritto di indagare le ragioni per cui viaggiano le merci 
o le truppe o gli agenti del Governo e impediscono 1'esecuzione dei suoi 
ordini. In Francia, in Inghilterra, in America si resiste al moto di dis- 
fioluzione. In Italia si lasciarono vituperare gli emblemi nazionalie si 



OOSZ ITALIANS 277 

fece Papoteosi della diserzione. L'oratore attribui questo disordine 
alia debolezza del ministero precedente e pose le sue speranze nel 
programma dell 'on. Giolitti. .< 

Della politica interna si dolse pure 1'oft. Pirolini, pel repubblicani; 
il quale trovo snervante la lotta continua fra governo e socialisti. 
Lamento la sfiducia generale nelle class! dirigenti, perche non hanno 
saputo dare al popolo una pace : per uscire dalla crisi bisogna dare il 
potere alle classi lavoratrici. Comincia la guerra del proletariate con- 
tro la borghesia, la guerra dei popoli contro i loro oppressor!. I re- 
pubblicani vi sapranno trovare il loro posto. 

L'on. Federzoni invece si occupo della questione albanese e pro- 
pose un ordine del giorno per ricondurre la politica italiana dell'Al- 
bania al solenne impegno di Argirocastro per 1'indipendenza di quel 
popolo nei confini stabiliti nel 1913 , affermando pero che Poccupa- 
zione italiana della baia di Valona e indispensabile ad assicurare la 
pace e la liberta nelF Adriatic.. . ed a garantire 1'indipendenza alba- 
nese contro le mire greche e iugoslave. Violentemente interrotto dai 
socialisti che volevano impedirgli di parlare, Poratore rimprovero 
agli avversari di dare ansa col loro atteggiamento alle aspirazioni 
iugoslave a danno dell 'Italia. Ma dall'Estrema si rispose con volgari 
ingiurie e con urla di Abbasso le frontiers! E nella seduta del giorno- 
appresso. 8 luglio, il socialists Lazzari svolse un ordine del giorno* 
per provare che 1'interesse del popolo italiano esige Pimmediato ab- 
bandono delle occupazioni militari della Libia, dell'Albania, dell'Eri- 
trea, della Somalia, di tutte le region! abitate da indigeni non ita- 
liani, per finirla con le avventure coloniali. 

E tanto basti aver accennato di questa discussione dispersa in do - 
dici giorni con cinquanta ordini del giorno preparati ma in gran partfr 
fortunatamente ritirati. I socialisti furono fra i piu attivi : uno, Pono- 
revole Fr. Rossi, avendo rilevato esservi pendenti 20. 000 procedure- 
penali per reati politici-militari e 3000 incarcerati per diserzione- 
propose in un suo ordine del giorno Pamnistia completa per tutti i 
reati di natura politica e militare ch< non abbiano avuto per effetto 
la frode a danno dello Stato compresi i recenti fatti di Ancona e- 
delle Marche, e ne prese occasione per avvertire che e ormai giunto il 
momento in cui la borghesia deve cedere il potere al socialismo . Un 
altro, Pon. Maffi, domando una legge di assicurazione contro le malat- 
tie, ma fini col ritornello che le malattie non possono essere curate se 
non quando la gestione dello Stato sia in mano del popolo (?). Un 
terzo, Pon. Romita, voile istituire un'inchiesta parlamentare sulle 
origini e la condotta diplomatica della guerra e sul modo con cui fu- 
rono esercitati i pieni poteri : ma la inchiesta fu reietta. Altri altre 
proposte in di verso senso lanciate nel vuoto. 

2. Come intermezzo alia discussione precedente, quasi a comple- 
mento del programma ministeriale, nella seduta del 6 luglio presera 
la parola tre membri del Gabinetto. Primo, il sen. Benedetto Croce,. 
ministro della Pubblica Istruzione, il cui discorso suscito maraviglia- 



278 CRONACA CONTEMPORANEA 

per qualche idea meno antireligiosa del solito gergo settario dominante 
nel dicastero della Minerva. II Croce confesso, almeno in parte, che la 
scuola va male : per migliorarla accetto la proposta dell'esame di 
Stato propugnata dal Partito popolare. Per rispondere alle critiche che 
prevedeva da niolte parti comincio con ammettere che la conse- 
guenza di quell 'esame sarebbe un ravvivamento della scuola privata 
e un vantaggio per la scuola cosidetta confessionale . Pero e assurdo 
parlare di compromessi col clericalismo o di ascosi intenti politici 
sociali. Egli sa di non essere strumento di alcun partito reazionario, 
ma unicamente rappresentante dell'idea liberale alia quale si deve la 
creazione della scuola di Stato, altissima conquista dello Stato mo- 
derno . E la vuol difendere in modo conforme all'idea liberale, cioe 
con la liberta. Le paure degli avversari gli sembrano indizi di poca 
fede nella ragione e nella liberta . Per conto suo non credo che il 
pensiero moderno e critico possa esser represso . D'altra parte, e 
questa fu 1'affermazione piu notata, egli non puo neppure accettare 
il motto della scuola neutra o della scuola atea, ossia di una scuola 
priva di ogni spirito animatore, indifferente a cio che deve essere il 
suo fine essenziale come e il suo principio vitale, 1'educazione. Una 
scuola siffatta non e mai esistita e non esistera mai . Del resto il mi- 
nistro fara ogni sforzo per essere imparziale verso tutti i partiti: 
ma quale sia 1'imparzialita del liberalismo,cin quant 'anni di esperienza 
ce 1'hanno insegnato abbastanza ! 

Quanto al provvedimento gia concesso dal ministro Baccelli per 
gli esami negli istituti mantenuti da enti morali, non aveva potuto 
mandarlo ad effetto per mancanza di tempo alle necessarie ispezioni 
scolastiche. Diede altre spiegazioni ed altre promesse per migliorare 
le scuole tecniche e professionali ed aumentare il numero degli inse- 
gnanti, ma nulla disse quanto al migliorarne la qualita che e ben piu 
important e. 

A sua volta il ministro dei Lavori e Previdenza sociale parlo dei 
disegni di legge in preparazione riguardanti le assicurazioni contro la 
disoccupazione, 1'invalidita e la vecchiaia, le malattie e gli infortuni 
agricoli, plaudendo all'opera dei suoi predecessor!. Stimo necessario 
-estendere i provvedimenti di protezione anche all'artigianato e al la- 
voro domestico. Quanto al problema della cooperazione gia preparato 
dal ministero precedente, 1'oratore voile ampliarlo in modo da per- 
mettere alle Cooperative 1'assunzione della maggior parte dei lavori 
dictate, ottenendo dallo Stato stesso per la via degli Istituti di emis- 
sione i mezzi finanziari a cio necessari. 

Altro problema gravissimo e quello del Consiglio superiore del la- 
voro e della rappresentanza che vi deve avere la classe operaia diretta- 
mente o per via delle organizzazioni ; tanto per il lavoro industriale 
quanto per 1'agricolo, il domestico e 1'artigiano, a sezioni indipen- 
denti fra loro per guisa da evitare che la classe meno progredita possa 
pesare sulla piu progredita. 

II ministro delle Colonie, on. Luigi Rossi, diede conto dello stato 



COSE ITALIANS 279 

presente delle cose in Libia e in Cirenaica, senza aggiungere nuove in- 
formazioni a quelle gia note. La tranquillita pare ritornata tra le tribii 
della Libia : il ministro affermo essere intenzione del Governo di li- 
mitare 1'occupazione militare alia costa : affidare invece rammini- 
strazione interna ai capi arabi che godano fiducia fra le popolazioni ; 
proteggere le imprese private con massima liberta ma con tutela in~ 
violabile della popolazione locale contro ogni sopraffazione e abuso. 

3. Nella seduta del 9 luglio si venne finalmente alia conclusione 
del dibattimento con la votazione su un ordine del giorno degli on. Co- 
losimo, Falcioni, Facta in questa semplice forma: La Camera appro va 
le dichiarazioni del Governo . II presidente del Consiglio premise qual- 
che parola di replica a qualche critica degli avversari, sopratutto in- 
torno alia voluta scarsita delle informazioni di politica estera. Ripete 
di volere 1'indipendenza dell'Albania e 1'accordo pacifico con la Ju- 
goslavia ; per Fiume non voile rivelare il suo pensiero, riser vandosi 
piena liberta d'azione. Insiste invece sulla nominativita dei titoli: 
su tale questione il Governo non intende transigere. I provvedimenti 
proposti non basteranno : altri saranno necessari per evitare il falli- 
mento dello Stato, e specialmente la riduzione delle spese. Alle quali 
parole la sinistra socialista rispose con le grida: Confisca! Espropria- 
zione! Sciogliete la guardia regia ! Al che opportunamente ribatte che 
i socialisti istituirebbero una guardia rossa piu numerosa della regia. 
E continuando a replicare contro 1'Estrema sinistra disse non potersi 
tollerare lo sciopero nei servizi pubbliei : esser necessario uno Stato 
forte per tutelarel 'ordine e il rispetto alia legge: risanareil turbamento 
degli spiriti, imporre pace all'interno e rialzare il credito alPestero. II 
programma del Governo si riduce a due punti : superare a qualunque 
costo le difficolta cagionate dalla guerra ; fare una politica che renda 
impossible il rhino varsi di altre guerre . 

Alle parole dell 'on. Giolitti seguirono le dichiarazioni di voto dei 
capi-gruppo : radicali, liberali di destra, riSormisti, democratici, popo- 
lari approvarono in massima il programma governativo con 264 voti: 
combattenti, repubblicani e socialisti con qualche indipendente gli 
furono contrari con 146. 

Rimandiamo ad altro quaderno 1'apertura della discussione sui 
nuovi disegni di leggi finanziarie prehentati dal Governo. 

4. Mentre la nazione si dibatte tra le disastrose conseguenze della 
guerra e le scosse convulse dell'anarchia rivoluzionaria che minac- 
ciano la dissoluzione di ogni vincolo sociale e la rovina del paese, c'e 
stato chi ha pensato di gettare in mezzo alle nostre popolazioni la 
face della discordia e del turbamento della f amiglia con una proposta 
di legge per il divorzio. Ma che cosa non sa suggerire la demenza set- 
taria a un branco di energumeni pur di osteggiare in qualunque modo 
la Chiesa ! 

II disegno di legge, presentato da due socialisti, Marangoni e Laz- 
:zari, avvolge la concessione dello scioglimento in formole restrittive 
- solita maschera per ingannare gli idioti - cioe al solo caso in cui il 



280 GRONACA CONTEMPORANEA 

matrimonio non risponda al suo scope fisiolbgico e sociale della pro- 
creazione, per la separaaione del coniugi e dopo due anni dal passag- 
gio in giudicato della sentenza relativa . Nella riunione degli Uffici 
della Camera, 8 luglio, la proposta messa all 'ordine del giorno diede 
subito occasione a una battagliapolitica. In essa i socialisti, com'era 
facile prevedere, per escludere i popolari diedero i loro voti a candi- 
dati radicali o combattenti pure he fossero divorzisti : da questo 
blocco , in otto uffici si formo la maggioranza favorevole alia pro- 
posta, e in uno solo, il primo, la maggioranza contraria. Cosi dei nove 
membri che formano la Commissione che dovra riferire alia Camera 
sul disegno di legge tre sono socialisti ufficiali Bacci, Marangoni, 
Trozzi : uno socialista riformista, Berenini : due radicali, Lapegna,. 
Pietriboni ; un combattente, Gasparotto ; un democratico, Finoc- 
chiaro-Aprile ; tutti favorevoli. Uno solo riusci contrario, il costitu- 
zionale Bellotti. dell'ufficio I. Dei popolari, nessuno. Quest i'fatti e gli 
intrighi partigiani che vi si nascondono hanno scosso 1 'attenzione degli : 
onesti. Non e la prima volta che da socialisti e massoni si tenta le- 
vare in alto la bandiera del divorzio, ma sempre inutilmente fino ad 
oggi. Dagli Ufl&ci la proposta deve passare alia discussione della Ca- 
mera : e gia da tutte le regioni d'ltalia sorgono voci di protesta e d'in- 
dignazione contro la nuova vergogna che pochi settari vogliono in- 
fliggere alle nostre popolazioni cattoliche. Ne daremo ragguaglio nella, 
prossima cronaca. 

5. II 23 luglio mori in Roma a 82 anni ilconte Adeodato Bonasi. 
Era nato nel 1838 in quel di Modena. Professore di diritto ammini- 
strativo a Pisa, aveva pubblicato opere giuridiche assai stimate.. 
Deputato nel 1886, fu sottosegretario agli Interni con Crispi, poi 
commissario regio a Milano, prefetto a Roma e guardasigilli nel' 
secondo ministero Pelloux. Senatore nel 1896, fu presidente del- 
PAlta Camera e poi del Consiglio di Stato. Alia vita di lui passata 
in mezzo alle lotte politiche Dio concesse ben miglior fine : su di 
essa volentieri riferiamo quanto ci viene comunicato da un amico :: 
La sua morte non fu soltanto cristiana, ma profondamente pia. 
A mezzo il giugno, acquistata la convinzione delPimminente sua 
fine, voile gli fosse recato il Viatico ; indi a qualche giorno ricevette 
1'Estrema Unzione poi il 21 1'Indulgenza plenaria in articulo mortis, 
il tutto con sensi di fede e religiosita vivissimi. Resistendogli a lungo- 
la fibra, il non breve inter vallo, nel quale a poco a poco, pur con- 
servando tra dolori acutissimi 1'intelligenza, gli si spense la vita, 
santifico con la preghiera, con un filiale abbandono nelle mani di< 
Dio, con lo spirito di cordiale umilta. Tenerissimo spettacolo (e fu 
cosa di quasi ogni di, anzi nell'ultimo di piu volte il giorno) era il 
contemplare il venerando vegliardo richiedere umilmente il padre 
spirituale che lo benedicesse ; compiaciuto, farsi con altissima rive- 
renza un grande, lento segno di croce ; poi stringere tra le scarne mani' 
il crocifisso, imprimervi iterati, affettuosissimi baci e confidente- 
mente fissare la divota imagine della Vergine, che tenevasi dinanzii 



COSE ITALIANE 28 1 

al letto nella parete di contro. Esortato una volta dal sacerdote,. 
mentre appunto baciava Gesu in croce, a(i,,pfferire le sue pene si 
acerbe al divino Paziente, in espiazione delle commesse fragilita: 
Si, Padre, riprese subito, ma dica colpe, non fragilita. II 16 luglio, 
ricorrendo la festa della Madonna del Carmine, voile un'altra volta. 
corroborarsi col Pane dei forti, omai certo che poco piu poteva tar- 
dare 1'estremo cimento. Nonostante fosse si stremato di forze, ad- 
dolorato, e nei calori eccessivi della stagione, non voile dalla mez- 
zanotte alle otto del mattino gustare ristoro alcuno ne stilla sorbire 
di refrigerante bevanda. Ricordatogli dipoi che non era tenuto a co- 
municare digiuno^rispose essergli stato ben noto : tuttavia avere vo- 
luto astenersi per riverenza al divin Sacramento. Con si preclari: 
esempi di virtu, che edificavano e commovevano quanti ebbero la 
sorte di esserne testimoni, con la dignitosa pro testa di morire figlio 
sottomesso della Chiesa cattolica, apostolica, romana ripetuta con 
particolare espressione entrambe le volte che ricevette il Viatico, 
con dimostrazione di tenero affetto alia Madre di Dio la cui preghiera 
Memorare, o piissima Virgo si aveva scritta di sua mano a tergo 
d'un'immaginetta e mai ogni sera, come confido al padre spirituale, 
aveva omesso di recitare, confortato dalla paterna benedizione del 
Vicario di Cristo ricevuta con sentimento di gratitudine e intima 
confusione, si spense questo nobile gentiluomo d'intemerati costumi, 
di alta cultura giuridica, amante della semplicita quanto nemico della 
vanita e d'ogni fasto mondano. 

Le molteplici virtu civili e politiche praticate nel lungo corso 
degli anni suoi ben lo rendono degno che la memoria ne viva ono- 
rata e perenne nell'annali della Patria terrena. da lui fedelmente 
ed utilmente servita cogli uffici piu eccelsi ed ambiti. Ma la franca 
professione della fede dei padri suoi accoppiata alia profonda pieta, 
attinta alia prima educazione, onde tanto il suo tramonto rifulse, 
non lasciano luogo a dubitare che il chiarissimo nome del Conte 
Adeodato Bonasi sia scritto a caratteri indelebili nell'aureo im 
perituro libro della vita eterna . . 



Ill 

, COSE 8TRANIERS 

i 

(Notizie generali). 1. La chiusura della conferenza di Spa. 2. La Po- 
lonia in lotta coi bolscevichi J'armistizio. 3. La Francia e la 
Santa Sede. ;4. La morte della gi& imperatrice Eugenia, vedova 
di NapoleoneJIII. 

1. La Conferenza di Spa, apertasi il 5 luglio, s'e chiusa il 16, dopo 
una lunga seduta, nella quale si termino Paccordo coi tedeschi. Sa- 
rebbe finita prima, come si credeva, se la questione del carbone non 



282 CEONACA COJSTTEMPORANEA 

fosse stata difficile a definite. E anche dopo che fu definita, la De- 
legazione tedesca firmo il protocollo ma con riserva sull'articolo set- 
timo ed ultimo, il quale prevede, in caso di mancata esecuzione 
degl'impegni per la consegna mensile di due milioni di tonnellate di 
car bone, 1'occupazione del "bacino della Ruhr ; sono le parole del 
comunicato ufficiale della Conferenza. Tuttavia il dott. Simons, della 
delegazione tedesca, pur rammaricandosi delle minacce di coer- 
cizione da parte degli Alleati riconobbe lo spirito di concilia- 
zione col quale furono condotti i lavori della Conferenza. Nono- 
stante il prohmgato soggiorno dei delegati a Spa, non tutte le parti 
del programma potettero essere trattate : quella, maggiore, delle 
riparazioni fu rimessa a un'altra Conferenza, che si terra in agosto 
a Ginevra. 

Intanto fra gli alleati a Spa fu conchiuso e firmato un accordo 
per regolare alcune questioni nascenti dall'applicazione del trat- 
tato di pace. Quest 'accordo determina la ripartizione delle somme 
che la Germania dovra pagare a titolo d'indennita, e stabilisce che 
1'Inghilterra ricevera il ventidue per 'cento di queste somme, la 
Francia il cinquantadue, 1'Italia il dieci, il Belgio 1'otto, il Giap- 
pone e il Portogallo riceveranno ciascuno il sette e mezzo per mille; 
finalmente cio che rimane vale a dire il sei e mezzo per cento, sara 
ripartito fra la Grecia, la Romania, la Serbia e le altre Potenze che 
hanno diritto a ripartizioni. L'accordo fu firmato dall'Inghilterra. 
dall 'Italia, dalla Francia, dal Giappone, dal Belgio e dal Portogallo. 

2. In Polonia alle fauste notizie di vittorie, sono seguite quelle 
infauste del ripiegamento e della disfatta. Sembra che nella turbo- 
lenta Russia bolscevica la guerra mossale dalla Polonia abbia avuto^ 
la virtu di riunir tutti nella difesa della patria comune. D'altra 
parte, se sotto lo sgoverno bolscevico.tutto va come da tutti si dice 
da un pezzo (e i socialist! italiani che si ostinavano a negarlo, de- 
cantando invece la Russia come il regno della felicita, recativisi in 
missione hanno dovuto verificare coi loro occhi che essa e piuttosto 
il regno del caos, della sporcizia, della fame) s'e pero avuto cura di 
metter su un forte esercito rosso, e per riuscirvi, i bolscevichi non 
ebbero ritegno di mettervi a capo i generali dell'antico regime, a di- 
spetto di tutte le loro teorie contro il militarismo e contro la guerra. 
E questo e appunto 1'esercito che ora minaccia la Polonia. Dopo 
alcune prime vaghe notizie di successi parziali dei bolscevichi, che 
non impedirono al generalissimo dell'esercito polacco d 'essere accolto 
trionfalmente a Varsavia per le vittorie fin allora riportate, le no- 
tizie si fecero piu precise e piu insistent! e i comunicati dello Stato 
maggiore polacco, prima vibranti di vittoria, s'attenuarono e par- 
larono di reazione nemica, e poi di sfondamento nemico operate in 
lino o in un altro punto della fronte e poi di citta occupate dal ne- 
mico. In breve la sorte delle armi si muto talmente che la giovane 
nazione tutta se ne commosse e si grido al pericolo che era pericolo 
anche per 1'Europa. L'Episcopato pubblico una lettera per esortare 



COSE STRANIERE 283 

alia resistenza ; 1 socialist! per conto loro pubblicarono un proclama ; 
e un proclema soprattutto fece affiggere il Governo, che coininciava ' 
- Cittadini della Repubblica : la patria ha bisogno di voi -. Intanto 
il grave pericolo mosse anche gli alleati d'occidente, e 1'Inghilterra 
e la Francia, per bocca dei loro capi di governo, dichiararono di vo- 
ler assistere la Polonia con tutti i mezzi. L'ultime notizie, al mo- 
mento che scriviamo, sono che il governo polacco avendo chiesto 
I'arniistizio. questo e stato accettato dai Soviety. 

Chi poteva pensare che dopo la grande guerra e i tanti armi- 
stizi, ci dovesse essere subito un'altra guerra e un altro armistizio, 
nonostante la Lega delle Nazioni fatta per impedir le guerre ? 

3. In altra cronaca dicevamo che il disegno di legge sulla ripresa 
delle relazioni diplomatiche tra la Francia e la Santa Sede trovava 
incagli ed ostacoli. E non e meraviglia che cio fosse, perche se la 
Camera dei deputati, con le recenti elezioni, si e per gran parte rhi- 
no vata, non cosi quella dei senator! , tra i quali predominano ancora 
gli antichi umori giacobini. Con tutti gl'incagli e gli ostacoli pero" 
sembra non potersi dubitare del buon esito, quale e aspettato da tutti 
buoni francesi, e un ultimo argomento ne e 1'informazione ripor- 
tata dalle agenzie sotto la data del 22 luglio, che cioe la Commis- 
sione parlamentare francese per le finanze ha appro vato c'on 21 voti 
contro 12 i credit! chiesti dal Governo per il ristabilimento dell'Am- 
basciata presso il Vaticano, e con 18 voti contro 15 tutto 1'intero 
disegno di legge. 

4. In mezzo alle nuove fortune della Francia, e scomparso dalla 
scena del mondo un personaggio, le cui gramaglie erano un segno 
non rneno di tristezza per se, che di dolorosi ricordi fra la Francia 
medesima : alludiamo alia vedova, di Napoleone III, morta I'll 
luglio, a 94 anni di eta. Eugenia di Montijo era nata in Ispagna, il 
5 maggio 1826, e il 29 gennaio 1853 divenne sposa dell'Imperatore 
dei Francesi, da cui tre anni dopo ebbe un figlio che fu 1'unico. As- 
sunta da semplice stato ai fastigi d'un trono imperiale e di un tale 
trono, chi avrebbe pensato alle tragic he vicendeinche f u poi travolta v 
quando, scoppiata la guerra franco-prussiana, vennero i tristi giorni 
della sconfitta, lo sconquasso della nazione, Pabbattimento del trono 
e 1'esilio ? Lascio la Francia il 4 settembre 1870 e riparata prima in 
Belgio, indi in Inghilterra, in un castello, quivi fu raggiunta dal 
decaduto imperatore e dal figlio. Dal culmine della grandezza, come 
schiantata da un uragano, si ritrovava di nuovo in piana terra : 
ma le sventure per lei non erano finite. Indi a qualche anno, 9 gen- 
naio 1873, in quel castello medesimo vide morire 1'augusto consorte, 
dopo averlo assistito amorosamente nella lunga malattia. Da quel- 
1'ora visse tutta pel figlio giovinetto, ma indi a sei anni, perdette 
anche il figlio, uccisole tragicamente dalle zagaglie dei zulu, contro 
i quali egli, ventitreenne, si era recato a combattere a fianco" degli 
inglesi. La sventurata madre peregrine sino ad Ulundi per racco- 
gliere la salma del figlio estinto ; e d'allora, chiusa nel suo profondo 



284 CBONACA CONTEMPORANEA 

lutto all'amarezza di tanti ricordi e dolori non ebbe altro conforto 
in terra che nella sincera fede e nella viva pieta, di che per sua sorte 
era animata. 

I funerali sono stati celebrati, il 20 scorso luglio, a Farnbourough 
in Inghilterra, e vi assistettero, oltre il Principe Napoleone con la 
consorte Principessa Clementina, anche i Sovrani inglesi, i Sovrani 
spagnuoli, gli ex-Sovrani portoghesi, gli ambasciadori d'ltalia e 
di Svezia in rappresentanza dei relativi Sovrani. Dopo la Messa, 
la cassa mortuaria da otto artiglieri fu portata nella cripta con un 
corteo, dove andavano innanzi la Regina madre, la Regina di Spa- 
gna seguite da Re Giorgio e dal Re di Spagna ; e dietro essi il prin- 
cipe Napoleone e la principessa Clementina con la Regina Maria vi- 
sibilmente commosse, i quali tutti, al termine della funzione, bacia- 
rono il feretro sul quale era stato deposto un crocefisso d'argento. 
Iddio conceda all'anima travagliata la pace eterna. 



PER LTOBOLO DI S. PIETRO 



Sebbene la lista del secondo trimestre riusci notabilmente piir 
tenuo della prima, la bonta del Santo Padre si degno di gradirla 
con eguale compiacf nza, avendo riguardo al buon cuore dei suoi 
figli. Egli ci voile quindi onorati con la seguente lettera, che 
noi ci facciamo un dovere di jriportare, anche perche valga di 
premio insieme e d'incitampnto ai nostri fedeli associati e generosif 
oblatori : 

Dal Vaticano, 10 Luglio 1920. 

Rev.mo Padre 

IS giunta nelle venerate mani di Sua Santita Ja somma di 
L. 5552,20 che sono state rimesse alia Civilta Cattolica , durante 
il secondo trimestre del corrente anno, per 1'Obolo di San Pietro. 

La Santita Sua si e degnata di accogliere tale ofterta con pa- 
terna benevolenza, riconoscendo in essa una novella prova della 
venerazione dei pii oblatori verso la persona del Vicario di Gesu 
Cristo e del loro attaccamento alia Santa Sede. 

Con animo vivamente grato 1'Augusto Pontefice invoca sui 
singoli offerenti 1'abbondanza delle celesti ricompense, ed in au- 
spicio delle medesime nonche in attestato di paterno affetto 



OPERE PERVENTTTE ALLA DIREZIONE 285 

Imparte ben di cuore a ciascuno di essi, ed in primo luogo alia 
P. V. Eev.ma ed ai Eedattori della benemerita Eivista, 1'Apo- 
.stolica Benedizione. 

Con sensi di stima distinta passo al piacere di raffermarmi 
di V. P. Eev.ma aff.mo nel Signore 

F.to P. Card. GASPAEBI. 



OPERE PERVENU1E ALLA DIREZIONE 1 



Teoloffia. 

Pesch Ch. S. I. Praelectiones dogmaticae. 

'Tom. V De gratia.. De lege div. poait. 

VI. De aacramentia in gsnere. De Bapt. 

Confirm. Euoh. Friburgi, Br. Herder, Ed. 

IV, fc XII-378, XVIII.470 p. L. 19. 

Sanda Q. Synopsis theologiae dogmaticae 
specialis. Vol. I. Fnburgi i. B, 19.6, Her- 
der, 8, XXIV-384 p. L. 6,70. 

Grabmann U. Kinfiihrung in die Summa 
Theologiae des hi. Thomas v. Aquin. Fri- 
burgi Br. Herder, 1918, lft, VIII-134 p. 
L. 3,60. 

Lehmkuhl A. S. I. Theologia moralis. 
Ed. XXVIII. Friburgi Br., Herder, 19H, 
voll. 2, b, XXVIII-900, XVI-936 p. L. 28. 
T. C. C. vol. II, p. 553. 

Quaestiones praecipuae morales novo 
iuri canonico adaptatae. Friburg i. Br. 
Herder, 1918, 16, VIII-100 p. L 2,25, v. ivi. 

P. Andrea della M. del Buon Con- 
sigllo, pass. La Divinitd di Qesii Cristo 
e il culto di Maria SS. Roma, Tatitnto 
Pio IX, 1ZO, 8,' VIII-15'2 p. 

Renter I. S. I Neo~confessarius practice 

instructus. Emeadavit A. Lehmkuhl e. 

-O.Tertia ed. J. B. Umberg e. 0. Friburgi 

Br., Herder, 18, XII-472 p. L. 11,20, v. 

vol. II, pag. 554. 

Lingueglia P. sac. Per il ripristino della 
Facolta teologica nelle Univatsitd del Regno. 
"Torino, Berruti. 16, 18 p. 

Studii bibliCJ. 

Hoberg G. Liber geneseos. Ed. altera. 
Friburgi Br., Herder, 24, 418 p. L. 3,60. 
Kurze G. De Engels-und Teufelsglaube des 



Apostels Paulus. Freiburg i. Br. Herder, 
1915, 8, VIII-168 p. L. 4,40. 

Tissot J. M. Let temps et les moments 
dans I' Apocalypse. Anneoy, Roche, 1920, 
8", IV 120 p. 

Roslaniec Fr. Sensus genuinus et plenus 
locutionis < Filing hominis a Christo Do- 
mino adhibitae. Romae, typis vaticanis, 
1920, 8, VIII-208 p. 

Orientalia. Commentarii de rebus Aa- 
syro-Babylonicis, Arabicia, Aegyptiaoia 
etc. editi a Pontifieio Inatituto Biblioo. 
(Suppl. ad. <Biblioa). Roma 1, Piazza 
della Pilotta 35, 8, L. 12. 

Apologia.. 

Manzoni A. Osservazioni sttlla morale 
cattolica. Parte I e II. (Postuma) e pen- 
sieri religioai. Studi introduttivi, oom- 
inenti e app. di A. COJAZZI. Torino, Soc. 
ed. internaz., 16, VIII-576 p. L. 10. 

Ballerlni G. Breve apologia pei giovani 
studenti contro gl'increduli dei nostri giorni. 
6 ed., interamente rifatta. Parte 2 a . La 
Beligione. Firenze, Libr. ed. Fiorentina, 
1920, 16, 272 p. L. 3,50. 

Scremin L. Leggendo Ernesto Kenan. 
Padova, tip. Seminario, 1920, 24", 168 p. 
L. 0,70. 

THritto. 

Synodus Dioecesis Suessanae habita 
dlebua XII -XIII -XIV mensia aprilia 
MCMXX. Catanae, Saleaiana, 1920, 8, 
136 p. 

Laurentius I. S. J. Conspectus Codicis 
luris Canonici. Friburgi Br. Herder, 1919, 
8, XVI-123 p. L. 8. 



i Non essendo poaaiblle dar conto delle -noite opere, ode o vengono i iviate, COL qnella 
ellecitudiae che ai vorrebbe dagli egregi an ton e da noi, ne diamo intanto UD annunzio 
-ommario, chenon importa alcun giudizio, riaerJbandooi di tornarvi aopra a aer.onda.dell op- 
tp*rtunita e dello apazio concesio nel periodico. 



286 



OPERE PEB^ENUTE ALLA DIREZIONE 



Priimmer D. U. O. P. Manuale juris ec- 
cleaiastici. Ed. Altera ancta et secundnm 
Cod. I. Can. recognita. Friburgi Br., Her- 
der, 1920, 8, LII-700 p. M. 35. 

Risi N. S. J. II Codice ecclesiastico vita 
t guida del Sacerdote. Torino, Soo. ed. in- 
tern. 16, 80 p. L. 2,50. 

Salucci B. sac. II Sacerdote secondo il 
Codice di Diritto. Canonico. Torino, Cav. 
P. Marietti, 1920, 8, VHI-196 p. 3. 

De Smet 0. S. T. 1. De sponnalibug et 
matrimonio. Ed. III. ad normam Codicis 
reoognita. Brugis, Beyaert, 1920, 8, vo- 
lumi 1-2. Fr. 30. 

Sole I. De delicti* el poenis. Romae, 
Pustet, 1920, 8, VIII-452 p. L. 18. 

Bittremleux Ph. S. Th. d. Lessius et le 
droit de guerre. Bruxelles, Dewit, 1920,8, 
168 p. 

Graziano S. / delitti economic*. I. / 
giornnli. Roma, La Sintesi > . 8*, 56 p. 
L. 4. 



Monaco N. S. I. Praelectiones metaphy- 
sicae specialis. Parte I. Cosmologia. Ro- 
mae, Istituto PioIX,8, XII-352 p. L. 12,50. 

Cathrein V. S. I. Philosophia moralis. 
Ed. IX. Friburgi Br. Herder, 1915, 18, 
XVIII-524 p. L. 7,35 

Frlck C. S. I. Logica Ed. V. Fribnrgi 
i. Br. Herder, 1919, 16", XII-366 p.Fr.5,60. 

Probes J. S. J Lehrbuch der expert - 
mentellen Psychology. Erster Band. Frei- 
bure i. B. Herder, 1917, 8, XXVUI-604 p. 
L. 16,80. 

Gruender H. S. I. An introductory course 
in experimental psycholgy. Vol. I. Chicago 
Illinois, Loyola Univ., 1920, 8, p. 298 

Socioloffia. 

Cathrein V. S. 1. Die Einheit dee sittli- 
Chen Bewusstseins der Kenschheit. 1-3 Band. 
8, XII 694, XII-654, VIII 592 p. L. 28,20 -f 
15,60 Friburgi Br., Herder 

Peed A. O. 3. B. aroiv. di Aoerenza e 
Matera. Ora et labor a ! Cause erimedi del- 
I'odierna crisi sociale. Torino, P. Marietti, 
1920, 8, 32 p. L. 1,20. 

Ministero per I 1 industrla e commercio. 
II lavoro a domicilio ed il salario minima. 
Roma, Soo. Poligrafioa, 1920, 4, VI-376 p. 
L. 10. 

Rucabado A. El cinemaMgraf en lacul- 
tura i en els costume. Conferenoia. Bare e- 
lona, Institttt de onltura per la dona, 
1980, 16, 40 p. 



SCOCCO G. La cinematografla e arte? 
Aseoli Piceno, 1920, 8, 20 p. 

Buoflocore 0. Femminismo cristiano. 
(La Cultura.) N'apoli, 1920, 16, 48 p. 

Calcerano M. Energia del lavoro fem- 
minile. Unione tip. palermitana, 1920, 16. 

Lanzerottl . La federazione nasionale 
delle cooperative di consumo. Editrice < La 
stampa nazionale 8", 48 p. 

La cooperazione di consumo, di pro- 
dusione e lavoro. Geneva, Lombardo, . 
1920, 80. 

Federazione delle cooperative di con- 
sumo. 8. 

Pedagoffia,. 

Roioff E. Lexikon des Pddagogik. Vol. 5*. 
SULZKR bis ZYKISMUS. Preilmrg Br., Herder, 
8. XVIII-1308 p. L. 120. V. 1919, 3, *81. 

Scieaze. 

Catalogo astrograflco 1900. 0. Sezione 
Vaticana. Volume IV. Roma, Vatioana, 

1919, 4. 

Memorle della Pontifioia Aocademia 
romana dei Nuovi Linoei. Serie 2, Vol. &. 
Roma, Istifcuto Pio IX, 1919, 8, 298 p. 

Blanchl F. Nuovo sistema di difesa cow- 
fro la gran dine e le scariche elettriche at- 
mosffriohe. Pontedera, tip. Ristori, 1919, 
8% 50 p. 

II forno elettrico. Organo mensile del- 
1'Associazione italiana del forno elettrioo. 
Roma, Via Tre novembre, 151, Associa- 
zione L. 30, oolonie italiane L. 35, Estero 
L. 45. 

Lanzerottl E. Le noatre miniere tren- 
tine del carbone bianco. Genova, Lombardo, 

1920, 16, 32 p. 

Basso A. Ricerche morfologiche sulla 
Taenia eohinooooons >. (Estr. Arch. 
Zoologioo) Napoli, Giannini, 1920, 8, 
165-194 p. 

Storia e geografia.. 

Bichstatter C. 8. I. Die Here-Jet* ve- 
rehrung des deutachen Mittelaltert. 2 B. 
Paderborn, 1919, 8, XVI-286 p. V. vol. 2 
p. 656. 

Feltz W. M. S. J. Dag Register Qrt- 
gort I. (Erg. Stimmen der Zeit) Freiburg 
i. Br., Herder, 8, XV1-224 p. 

Pastor L. Die Stadt Rom su ende der 
Renaissance. Freiburg i. Br., Herder, 8*, 
XVIII-138 p. L. 7,20. V. p. 74. 

Joly O. Notre Damt de Lourdes et la 
grandt guerre. Paris, Tequi, 1920, 16, 
XII-288 p. Fr. 3,50. 



OPERE PERVENTJTE ALLA DESEZIONE 



287 



Congresso (II) Enoaristioo marohegiano 
tenuto a Loreto (27-29 agosto 1919). Mon- 
talto N., S. Giuseppe, 1920, 6, 19<J p. 

Muriel D. S. I. Historia del Paraguay 
desde 1747 hasta 1767. Trad, por el P. P. 
HERNANDEZ e. S. ( Coll. tie libros referentes 
a la hist, de America > XIX.) Madrid, 
Snarez, 1919, 16, 660 p. 

P. Clemente da Terzorio, capp. LeMis- 
sioni dei Minori Cappuccini. Vol. VI. 
Turchia asiatica. Roma, tip. Manuzio, 
1920, 8, 518 p. 

Felice da Porretta O. M. G. / Dome- 
niceini di Santa Jinria Novella. Firenze, 
Ducoi, 1920, 16", 24 p. 

Tralna G. can. Tramonto della cultura 
siciliana 9 (Estr. La Sici liana ). Siri;ousa 

1919, 16*. 

Paldl E. Per I'indipendenzi dell' Eyitto. 
Roma, La Speranza, 1920, VIII-136 p. L. 5. 

Memoria de las fiestas con qae 1'Eeua- 
dor ha oelebrado el Til centenario de la 
Orden Meroedaria. Quito, 1919. 8, XXXII- 
844 p. 

Eaufmann C. M. Hantlbuch der alt 
chrMlichen Epigraphik. Freiburg i. B., 
Herder, 1917, &, XVI-518 p. liit.263 Abb. 
L. 24. 

Tarduccl F. / Pelasgi. Cagli, tip. sociale 

1920, 8, 28 p. 

Lefebure B. S. I. L'abbaye du Mont- 
Cesar a Louvain. 2 ed. Bruxelles, Dewit, 
1920, 8, 24 p. 

Brunori D. can. L'Eremo di S. Oirolamo 
di Fiesole. Fiesole, Eigacoi, 8, 56 p. 

II prlmo decennio della Pontlficia 
scuola superiore dl musica sacra In 
Roma. IH10-1920. Memoria pubblicata 
dalla Civil ta Cattolioa *. Roma (IX) 
1920, 8, 46 p. 

La prlma confraternita del Sacro 
Cuore di Gesii In Roma. (Estr. dalla Ci- 
viltd Catiolica). Roma, Vatioana, 1920, 
32, 40 p. 

II Santuarlo della Madonna delle 
Graxle sul Colle Covlgnano (Rimini). 
Rimini, Artigianelli, 1920, 82, 32 p. 

Pannonclnl I. II sentiment* religioso a 
Firenze dalla caduta della Repubblica alia 
fine del '500. (Estr. Rast. Naz.)Romn, 1920, 
8, 34 p. 

Gulcclardini F. La storia d' Italia sugli 
originali manofcritti a cura di A. GHE- 
KARDI. Firenze, Sansoni, 1919, 8*, voll.1-4 
CXCII-322 ; 456; 450 ; 456 p. L. 60. 

Trombetta sac. OH atutriaci nel Friuli. 
Diario. Bagnaeavallo, 1919, 8*, 212 p. L.8. 
T. p. 75. 



Chlappelll A. Oli incunabili della bi- 
blioteca privata di mans. Niccolo Forte- 
guerri di Pistoia. Pistoia, Paoinotri, 1920, 
fe, 20 p. 

Rogglero 6.; Rlccnleri 6.; GhisleriA. 
Testo e Atlante scolastico di geografla mo- 
derna. Faso. 1, 2, 3. Bergamo, Arti gra- 
fiche, 1920, 8", L. 7,45. 

Grlbaudi P. La &eografla insegnata nel 
corso popolare. Torino, Soo ed. internaz. 
80, 50 p. L. 2,60. 

Agiogra/ia e Biogra/ia. 

Liguorl A. can. S. Antonino abate. Inno. 
Piano di Sorrento, 1919, 32. 

Gentile L. can. Vita di S. Secondo. Asti, 
1920, 16;, 144 p. L. 2. 

Laccrdalre E. O. P. Vita di S. Dome- 
nico. Trad, del P. Fanfani O. P. 2 ed. 
Torino-Roma, P. Marietti, 1920, 8, VIII- 
370 p. L. 4,50. 

Rouault F. abbe. Admirable historic de 
Joseph. Paris, Tequi, 1919, 16, 140 p. 
Fr. 2. 

Cennl biografici dl Santa Margberlta 
M. Alacoque. Versione dal Francese per 
cura delle Visitandine di Roma. Roma, 
Desclee, 1920, 16, 64 p. 

Vita di Santa Margherita M. Alacoque, 
Versione italiana per cura delMonastero 
della Visitazione di Roma. Nuova edi- 
zione. Torino, libr. del Sacro Cuore, 16, 
208 p. 

Languet G. vessovo di Soissons. Vita 
M S Margherita Maria Alacoque. Version* 
italiana per cura del Monastero della 
Visitazione di Roma. Firenze, Barbera, 
1920, 8, XVI-650 p. 

Beltrami A. sac. La Sposa del S. Cuore 
S. Margherita M. Alacoque. Torino, libr. 
ed. internaz. 16*. 172 p. L. 2,50. 

Barbleri Cl. ao. S. Giovanna, D' Arco . 
Milano, Ghirlanda , 1920, 16, 328 p. 
rj. 6,50. 

Germano dl S. Stanlslao pass. Vita di 
S. Gabriele dell'Addolorata studente pan- 
rioniata. Roma, Vatioana, 1920, 16. XXII- 
416 p. L. 5. 

Gentile L. can. Vita di S. Paola reman*. 
Torino, P. Marietti, 1920, 16, VItt-184 p. 
L. 2,50. 

Salotti C. mons. Vita e martirio dtl 
Beato Oliviero Plunkett. Roma, Ferrari, 
1990, 8, 274 p. L. 7,50. 

Braumst erger 0. S. I. Petrut Canitiut. 
Freiburg i. Br. Herder, 16, XII-334 p. 
1-. 5,76. l 4'- : -' 



-288 



OPERE PERVENULE ALLA DIREZIONE 



Troisi A. d. H. Vita della Ben fa Luisa 
di Mar iliac. Roma, Vaticana, 1920, 8*, 
XI 1-362 p. L. 8. 

PodeBtk F. La Beat a Luim de Maril- 
lac- Le Gras. Hilano, S. Lega Euoaristioa, 
8, 130 p. 

Glovannardi P. O. Ancora gul Martire 
ritl Sigillo sacramentale a Rimini. (Kst.r. 
stndi franoescani) Arerzo, Beucoi, 1920, 
8, 30 p. 

Roupain E. S. I. Un caractere (Le card. 
Meroier) S.eme ed. Paris, Teqni, 1920, Ki, 
[V-128 p. Fr. 2. 

II P. Alfonso M. Brodella d. C. d. O. 
Brevi oenni biografioi. Roma. 1920, &, 
-64 p. V. p. 170. 

Blanched! I. La madre Brigida di Oesu 
fondatrice delle Religiose Orsoline di Pia- 
cenza. (1610-1(579), Geneva, 1920, !<?, 176 p. 
L. 2,25. 

Novelll N. sac. Suor Gemma Tomassoni 
della S. Famiglia di Spoleto. Montalto 
Marohe, tip. 8. Giuseppe, 1920, 16, 36 p. 
L. 1,50. 

Calvi O. B. sac. La vita di Don Bosco 
narrata alia gioventii. Torino, Soo. ed. 
internaz.. 16, XII -204 p. L. 5,60. 

Caviglia A. < Don Bosco >. Profile sto- 
rico. Torino, Sooieta ed. inter nazionale, 
16, 160 p. L. 2,50. 

Cojazzl A. sac. Don Bosco diceva cos/,. 
Torino, Soo. ed. internaz., 1920, 32, 66 p. 
L. 0,70. 

Valle P. II ven. Giovanni Bosco. Torino, 
Soo. ed. internaz., 24, 132 p. L. 0,80. 

Monroy J. Mer. El Ven. Siervo de Dioa 
Fr. Francisco de Jesus Bolanos. Tom. I. 
Quito, 1918, 16o, 316 p. 

El m. r. P. M. Fray Antonio Albnn. 
Ivi, 8, 38 p. 

Vaudagnoiti A. teol. Un direttore di Se- 
minario. II canonico Eugenio Mnscarelli. 
Torino, Berrnti, 16, VIII 268 p. L. 4,20. 
V. p. 169. 

Czerminskl Ks. M. T J. 0. Maksymilian 
Ryllo. Krakow, 1911-12. 16, XVI-344, 352 p. 

Nella gloria del Santl. Torino, Let- 
tare cattoliohe 32, 112 p. L. 0,80. 

Garcia J. Ptrez Bayer ty Salamanca. 
Salamanca, 19:8. 8*, 670 p. Pes. 3. 

In memoria dl S. . Rev ma Mons. D. 
Antonio Lambert! vesoovo di Conversano. 
Putignano, De Robertis. 1919, 8, 160 p. 

Sundas E. M. sao. / nostri eroi. Allo- 
onzione. Cagliari, 1920, 16. 



Pavanl O. Un vescovo belga in Italia 
nel secvlo X, Studio storioo oritioo su Ba 
terio di Verona. Torino, S. T. E. N. 1920, 
8. 184 p. L. 5. 

Tortorici A. m. o. Vita del B Tommano 
da CoHtacciaro Gnbbio, Bagnali, 16, 64 p. 

Czerminskl X. M. T. J. X. Jan Beyzym 
T. J. Oftaru milosci. W. Krakowie, 16, 
250 p. 

Vannlnl A. Notizie intorno alia vita 
all opera di L'elso Cittatiini sieua, San Ber- 
nardino, 1920, 16, VII l-W) p. 

In memoria del can. teologo Prof. 
Mons. Adolfo Cellini. Bipatransone, Ba- 
rigellttti, l2u, 8, 3* p. 

Lett ere. 

De Labusquette R. Autour de Dante. 
Les Beatrices. Paris, Pioard. b, X-816 p. 
Fr. 30. 

Zippel G. Lectura Dantis. Conferenza. 
Firenze, Sansoni, 8*, 44 p. L. 2,50. 

StUdi danteschl diretti da U. BAKBI. 
Vol. I. /irenze, Sansoni, 1920, 8, I7t> p. 
L. 12,60. 

Bongioanni A. Tonelli F. La gram- 
matica latina e italiana coordinate per la 
/ ginnasiale. Torino, soc. ed. internazio- 
nale, 1920, 16, 312 p. L 6. 

Bronzln A. sao. Exsulis lyra. Liber IV. 
I'areuzo, Coana, 1920, b, 24 p. 

Tommaseo N. Dizionario della lingua 
italiana oompendiato ed ainmodernato da 
G. BIAOI. Torino, Unione tip. editrice to- 
rinese, 120, 8, punt. 40-50, pag. 1381-1712. 
VEL-Z (Fine) L. 11. 

Oratoria. 

Krleg C- Sci'nsa pastorale Libra III 
Omiletica. Torino, P. Marietti, lIO, 8, 
XVI-614 p. L. 16. 

Duplessy E. abbe. Dominicales. Tom. II. 
De la Saint-Joseph d la St.-Pierre. Seme 
6d. Paris, Tequi, 1920, 16, 498 p. Fr. 6. 

Palller J. abbe Instructions d'un quart 
d'heure. Paris, Tequi, 1920, 8, 56 p. Fran- 
ohi 7,50. 

lacoucci V. Oratio * De Sanctorum cae- 
litum honoribus decernendis Beatae loannae 
de Arc in solemni consistorio habita. Ro- 
mae, Polyglottis Vaticanis , 1920, 24. 
12 p. 

MiUot J. vie. gen. de Versailles. Re- 
traite de premiere Communion solennelle. 
Paris, Tequi, 1920, ie<>, 310 p. Fr. 5. 






CON APPROVAZIONB DBLL'AUTORITA ECCLBSI ASTICA 



BENEDICTI 

DIVINA PROVIDBNTIA 

PAPAE XV 

MOTV PROPRIO 

DE SACRIS SOLEMNIBVS ANN! QTJINQTJAQESIMI EX QVO S. IOSEPH 
B. M. V. SPONSVS ECCLESIAE CATHOLICAE PATEONVS RENVN- 
TIATVS EST. 

Bonum sane et salutare fuit no mini christiano quod Deces- 
sor Noster immortalis memoriae Pius IX castissimum Virginia 
Deiparae Sponsum eundemque Verbi Incarnati I^utricium 
loseph Ecclesiae Catholicae Patronum declaravit ; quae res 
quoniam decembri proximo quinquaginta erunt anni, cum 
auspicato evenerit, vehementer utile futurum ducimus si ea 
toto orbe terrarum solemni conimemoratione celebretur. 



Fu buona e. salutare cosa per il popolo cristiano che il Nostro an- 
ttcessore d'immortale meraoria Pio IX decretasse solennemente al 
Castissimo Sposo di Maria Vergine e Custode del Verbo Incarnate, 
: S. Giuseppe, il titolo diPatrono universale della Chiesa; e poiche di 
questo fausto avvenimento nel prossimo dicembre ricorrera il cinquan- 
tesimo, stimiamo assai utile ed opportune che esso venga degnamente 
celebrato da tutto 1'orbe cattolico. 

Se noi diamo uno sguardo a quest! ultimi 50 anni, ci si para di- 
nanzi un mirabile rifiorimento di pie istituzioni, lequali attestano 
come il culto del Patriarca santissimo sia venuto a mano a mano svi- 
luppandosi tra i fedeli ; che se poi consideriamo le odierne calamita 
ond'e afflitto il genere umano, appare ancor piu evidente 1'opportu- 
nita d'intensificare un tal culto e di diffonderlo maggiormente in 
mezzo al popolo cristiano. Infatti, in seguito aH'immaneguerra, nella 
Nostra Enciclica intorno alia riconciliazione della pace cristiana , 
abbiamo indicate che cosa mancasse per ristabilire dovunque la tran- 
quillita dell'ordine, considerando particolarmente le relazio^ni che in- 
tercedono tra popolo e popolo e tra individuo e individuo nel campo 

] Viviltd Cattolica, 1920, vol. 3, quad. 1684. 19 12 agosto 1920. 



290 SS. D. N. BENEDICTI DIVTNA PROVIDENTIA PAPAE XV 

Bespicientibus quidem hoc spatium praeteriti temporig r 
obversatur No bis ante oculos continuatio quaedam seriesque- 
pie institutorum, quae cultum sanctissimi Patriarchae apud 
Christ! fideles pensim usque adhuc crevisse indicent : verum, 
intuentibus rerum acerbitates quibus hodie humanum genus 
conflictatur, hanc ipsam pietatem multo studiosius foveri in 
populis, mul toque latius propagari appaiet oportere.-Etenim 
post tarn gravem belli contentionem, quid ad communem 
ordinis tranquillitatem restituendam deesset, ostendimus 
nuper encyclicis illis litteris de pacis reconciliatione Chri- 
stiana , in quibus civiles potissimum turn populorum turn 
hominum inter ipsos rationed consideravimus. Nunc autem 
altera est perturbationis causa attendenda eaque longe maior, 
utpote quae in venis atque visceribus humanae societatis 
insideat. Scilicet eo tempore calamitas belli gentes occupavit, 
cum penitus eas naturalismus ' inf ecerat, maxima illasae- 
culi lues, quae, ubi invaluit, caelestium bonomm desiderium 
debilitat, flammam divinae caritatisopprimit, hominem sa- 
nanti et elevanti Christi gratiae subtrahit, eumque, fidei lu- 



civile. Ora fa d'uopo considerare un'altra causa di perturbazione, e 
molto piu profonda, come quella che si annida proprio nelle intime vi- 
scere dell'umana societa. Poiche allora s'abbatte- sulle umane genti il 
flagello della guerra, quando esse gia erano profondamente infette di 
naturalisino, cioe di quella gran peste del secolo, che, dove attecchisce, 
attenua il desiderio dei beni celesti, spegne la fiamma della divina 
carita e sottrae I'uomo alia grazia sanante ed elevante di Cristo ; 
finche toltogli il lume della Fede e lasciategli le sole e corrotte forze 
della natura, lo abbandona in balia delle piu insane passioni. E cosi 
awenne che moltissimi si diedero soltanto alia conquista dei beni ter- 
reni; e mentre gia s'era acuita la contesa tra proletari e padroni, 
quest 'odio di classe si accrebbe ancor piii con la durata ed atrocita della 
guerra ; la quale, se da un lato cagiono alle masse un disagio eco- 
nomico uitollerabile, dall'altro fece affluire nella mano di pochissimi 
favolbse fortune. 

S'aggiunga, che la santita della fede coniugale e il rispetto della 
paterna autorita sono stati da molti non poco vulnerati per causa 
dolla guerra ; sia perche la lontananza di uno dei coningi ha rallentato 



MOTV PROPRIO 291 

mine denique orbatum et solis naturae infirmis corruptisque 
viribus instruction, effreuatis animi cupiditatibus permittit. 
Conver?a igitur unice studia ad res caducas nimis multi mor- 
tales cum haberent, cumque proletaries inter et locupletes 
inf ensissimae aemulationes et simultates intercederent, mutuas 
classium inimicitias adauxit acrioresque reddidit belli diutur- 
nitas et magnitude, ideo praesertim quod hinc intolerandam 
multitudini annonae caritatem, illinc subitam fortunarum 
affluentiam perpaucis attulit. 

Accedit eo in cumulum, ut coniugalis fidei sanctitas pa- 

triaeque potestatis verecundia non parum detrimenti apud 

plurimos bello ceperint. propterea quod et alterius coniugis 

longiiiquitas offlciorum vincula in altero relaxaret, et custodis 

absentia temeritatem maxime puellarum ad indulgendum sibi 

licentius impelleret. - Itaquedolendum est multo esse magis, 

quam antea, corruptos depravatosque mores, eaque re ip- 

sam causam socialem , quae dicitur, ingravescere in dies 

adeo ut extrema iam sint malorum extimescenda.Estenim 

flagitiosissimi cuiusque votis atque exspectationi maturus 



nell'altro il vincolo del dovere, sia perche 1'assenza di un occhio vigile 

ha dato ansa alia inconsideratezza, specialmente femminile, di vivere 

ft proprio talento e troppo liberamente. Percio dobbiamo riscontrare 

con vero dolore che ora i pubblici costumi sono assai piii depravati e 

corrotti di prima, e che quindi la cosi detta questione sociale si e 

andata aggravando a tal punto da ingenerare la minaccia di irrepara- 

bili rovine. S'e infatti maturate nei voti e nell'aspettazione di tutti i 

sediziosi 1'avvento di una certa repubblica universale, la quale sia fon- 

data sulla uguaglianza assoluta degli uomini e sulla coniunanza dei 

beni, e nella quale non vi sia piu distinzione alcuna di nazionalita, 

ne piu s'abbia a riconoscere 1'autorita del padre sui figli, ne del po- 

tere pubblico sui cittadini, ne di Dio sugli uomini riuniti in civile 

consorzio. Cose tutte, che se per sventura fossero attuate, darebbero 

luogo a tremende convulsioni sociali, come quella che ora sta de- 

polando non piccola parte di Europa. E appunto per creare an- 

che tra gli altri popoli una simile condizione di cose, noi vediamo 

concitarsi le plebi dal furore audace di pochi e verificarsi qua e la 

ininterrotte e gravi sommosse. 



292 SS. D. N. BENEDICTI DIVINA PROVIDENTIA PAPAE XV 

ortus cuiusdam uiiiversalis reipublicae, quae perfecta homi- 
num aequalitate et bonorumcommunione, tamquamprincipiiB 
innitatur, et in qua nee ulla sirit nationum discrimina, nee patris 
in filios, nee publicae potestatisincives,necDeiagnoscaturin 
homines consociatosauctoritas. Haec si deducanturinusummi- 
ros terro res sequi necesse est; et eo s nunc quidem non exigua Eu- 
ropae pars experitur ac sentit. Atqui condicionem eiusmodi ce- 
terisetiampopulis quaeri videmus, concitatisquepaueomm fu- 
rore et audacia plebibus,magnas hicillic turba s subinde existere. 
Equidem hoc rerumcursuNos injprimis solliciti, Ecelesiae 
filios sui commonefacere offlcii ex occasione haud praeter- 
misimus, ut datis proxime ad Episcopum Bergomatium lit- 
teris, itemque ad Venetae regiouis Episcopos. lameaudemob 
causam ut nostros homines, quotquot ubique sunt, qui manu 
et labore victurn sibi comparant,in officio retineamus, eosque 
a contagione socialism!, quo nihil christianae sapientiae est 
inimicius, intactos conservemus, eisdem praesertim Sanctum 
Joseph perstudiose proponimus, quern peculiarem et vitae 
ducern observent et patronum colant. 



Noi pertanto, piii di tutti preoccupati da questa piega degli av- 
venimenti, non abbiamo tralasciato, quando se n'e offerta 1'occa- 
sione, di rioordare ai figli della Chiesa il loro dovere, come facemmo 
ultiraamente con le lettere indirizzate al Vescovo di Bergamo ed ai 
Vescovi della regione veneta. Ed ora per lo stesso motive, per ri- 
cordare cioe il dovere a quelli di parte nostra, quanti essi sono do- 
vunque, che si guadagnano il pane col lavoro, e per conser \rarli 
iramimi dal contagio del socialismo, il nemico piu acerrimo dei prin- 
cipii cristiani, Noi con grande sollecitudine proponiamo loro in modo 
particolare S. Giuseppe, perche lo seguano come speciale loro guida 
e lo onorino qual celeste Patrono. 

Egli infatti visse una vita simile alia loro ; tanto e vero che Gesu 
benedetto, mentre era 1'Unigenito dell'eterno Padre, voile esser chia- 
mato il Mgliuolo del Fabbro . Ma quella umile e povera sua con- 
dizione di quali e quanto eccelse virtu egliseppe adornare ! diquelle 
virtu cioe che dovevano risplendere nello Sposo di Maria Imrnaco- 
lata, e nel padre putativo di Gesu Cristo. Per ci6, alia scuola di Giu- 
seppe, imparino tutti a considerate le cose presenti, che passano, 



MOTV PROPRIO 293 

Is enim simili, atque ipsi, vitae genere aetatem exegit: 
cuiusratione reiChristusDeus, cum esset aeterni Patrisunige- 
nitus, fabri Filius appellari yoluit. At earn loci fortunaeque 
humilitatem quantis quamque excellentibus ornavit virtuti- 
bus ; nimirum iis quibus elucere decebat eum, qui vir esset 
Mariae Immaculatae, quique lesu Domini Pater putaretur. 
Quare, Joseph magistro, discant omnes praesentia, quae fluunt, 
sub lumine spectare futurorum, quae permanent ; et huma- 
nae incommoda condicionis spe consolantes caelestium bone- 
rum, ad ea, [divinae Yoluntati obsequendo, id est, sobrie 
et iuste et pie vivendo, contendant. Quod autem proprie ad 
operarios attinet, placet ea referre quae Decessor Noster 
fel. rec. Leo XIII simili in causa edixit ; sunt'enim^eiusmodi 
nt nihil aptius dici posse videatur : Harum cogitatione re- 
rum debent erigere animos et aequa sentire^egeni et quot- 
quot manuum mercede vitam tolerant : quibus si emergere 
ex egestate et meliorem statum acquirere concessum est 
c non repugnante iustitia, ordinem tamen providentia Dei 
constitutum subvertere, non ratio, non iustitia permittit. 



alia luce delle future che durano eterne ; e consolando gli inc vitabili 
disagi della condizione umana con la speranza del beni celesti, a 
quest! aepirino con tutte le forze, rassegnati al divino volere, sobria- 
mente vivendo, secondo i dettami della pieta e della giustizia. Per 
quello poi che riguarda specialmente gli operai, Ci place qui riportare 
le parole che proclamo in una analoga circostanza il predecessors 
Nostro di f . m. Leone XIII, poiche esse son tali che, a parer Nostro, 
piu a proposito non potrebbero esser dette : Alia considerazione di 
queste cose i poveri, e quanti vivono col frutto del lavoro devono 
sentirsi animati da un sentimento superiore di equita ; che se la giu- 
stizia permette loro di sollevarsi dall'indigenza e di conseguire un 
maggiore beneseere, e pero proibito dalla giustiisia e dalla stesea 
ragione di sconvolgere quell'ordine che e state costituito dalla di- 
vina Provvidenza. Che anzi e stolto consiglio il trascendere alia vio- 
lenza e cercar miglioramenti attraverso rivolte e tumulti, i quali, 
il piu delle volte, non fanno che inasprire vieppiu quei disagi che si 
volevano naitigare. Se i poveri pertanto vorranno procedere saggia- 
mente, non confideranno nelle vane promesse dei demagoghi, ma 



294 SS. D . N. BENEDICTI DIVINA PRO VIDENTIA PAPAE XV 

Iramo vero ad vim descendere, et quicquam in hoc genere 
aggredi per seditionem et turbas, stultum consilium est, 
mala ilia ipsa emciens plerumque graviora quorum lenien- 
do rum causa suscipitur. Non igitur seditiosorum hominum 
promissis confidant inopes, si sapiunt, sed exemplo patro- 
cinioque beat! losephi, itemque materna Ecclesiae caritate, 
quae scilicet de illorum statu curam gerit quotidie maio- 
rem x . 

Crescente autem nostrorum religione erga|Sanctum Joseph, 
simul proclive factu est, ut eorum religio in Sacram Familiam 
Nazarethanam, cuius augustum Caput is fuit, capiat incre- 
mentum: alterum enim ex altero sua sponte efflorescit. Nam- 
que ab Joseph ad Mariam recta deducimur, per Mariam au- 
tem ad omnis sanctitatis fontem, lesum, qui domesticas 
virtutes suo ipsius in Joseph et in Mariam obsequio consecra- 
vit. Ad haec vero tanta virtutum specimina omnino se chri- 
stianae familiae renovent cupimus atque conforment. Ita, 
quoniam familiae fundamento communitas humaui generis 
constituta est, cumsocietati domesticae plus firmitatis accesse- 



piuttosto nelPesempio e riel patrocinio di San Giuseppe e nella 
carita materna della Chiesa, la quale di giorno in giorno si prende 
di loro una premura sempre maggiore 1 . 

Col fiorire cosi della divozione dei fedeli yerso San Giuseppe 
aumentera insieme, per necessaria conseguenza, il loro culto verso 
la Sacra famiglia di Nazareth, di cui egli fu 1'augusto Capo, sgor- 
gando queste due divozioni 1'una dall'altra spontaneaniente. Poiche 
per S. Giuseppe noi andiamo direttamente a Maria, e per Maria, 
al fonte di ogni santita, Gesu Cristo, il quale consacro le virtu dome- 
stiche con la sua obbedienza verso San Giuseppe, e Maria. A questi 
meravigliosi esemplari di virtu Noi quindi desideriamo che le cri- 
fltiane famiglie si ispirino e interamente si rinnovellino. In tal 
modo, poiche la famiglia e il fulcro e la base deH'umano consorzio, 
rafforzando la societa domestica col presidio della santa purezza, 
della fedelta e della concordia, con cio stesso un novello vigore e, di- 
remmo quasi, un nuovo sangue circolera per le vene della societa 

1 Kpist. Enoycl. Quamquam pluries. 



MOTV PROPRIO 295 

rit, eius nimirum munita sanctius et castimonia et concordia 
et fide, eo ipso iiovum quoddam robur et novus quasi sanguis 
per omnia societatis humanae membra diffundetur, influente 
usque quaque virtute Christ! ; nee solum privatorum morum 
sequetur emendatio, sed etiam communis vitae civilisque 
disciplinae. * 

Nos igitur eius plurimum confisi patrocinio, cuius vigi- 
lantiae pnmdentiaeque Deus TJnigenam suum Incarnatum 
Virginemque Deiparam commendatos voluit, omnibus Catho- 
li-ci orbis Episcopis auctores sumus, ut tarn necessario rei chri- 
stianae tempo re fideles ad opem Sancti Joseph eo vel studio sius 
implorandam cohortentur. Cum autem plures haec Aposto- 
lica Sedes modos probaverit sanctum Patriarcham vene- 
randi, in primis quarta quaque feria et continenter per men- 
sem proprium, eos omnes volumus in una quaque dioecesi, 
instant e sacrorum Antistite, quoad possit, frequentari. 
Sed praecipue, quoniam praesentissimus morientium adiutor 
merito habetur, cui lesus ipse cum Maria morienti adfuerint, 
Veuerabilium Fratrum erit ilia piorum sodalitra, quae Joseph 



umana, che viene cosi ad essere vivificata dalla virtii ristauratrice 
di Gesu Cristo : e ne seguira un lieto rifiorimento non solo del pri- 
vati costumi, ma anche delle istituzioni pubbliche e civili. 

Noi pertanto, pieni di confidenza nel patrocinio di Colui, alia 
cui provvida vigilanza si compiacque Iddio di affidare la custodia 
delPincarnato suo Unigenito e della Vergine Santissima, vivamente 
esortiamo tutti i Vescovi dell'orbe cattolico affinche, in tempi si 
burrasc-osi per la Chiesa. inducano i fedeli a implorare con mag- 
giore impegno il valido aiuto di San Giuseppe. E poiche parecchi 
sono i modi approvati da questa Sede Apostolica con cui si puo ve- 
nerare il santo Patriarca, specialmente in tutti i mercoledi dell'anno 
e nelPintero mese a Lui consacrato, Noi vogliamo che, ad istanza 
di ciascun VescovOj, tutte queste divozioni, per quanto si puo, siano 
in ogni diocesi praticate. Ma in modo particolare poiche Egli e me- 
ritamente ritenuto come il piu efficace protettore dei moribondi, es- 
sendo spirato con 1'assistenza di Gesu e di Maria, sara cura dei sacri 
Pastori di inculcate e favorire con tutto il prestigio della loro autorita 
pii sodalizi che sono stati istituiti per supplicare S. Giuseppe 



296 SS. D. N. BENEDICT! D. P. PAPAE XV - MOTV PROPBIO 

pro decede ntibus exorando condita sunt, nt a Bona Morte r 
ut a Transitu S. Joseph , ut pro Agonizantibus , omni 
auctoritatis suae suffragio et favore prosequi. 

Ad memoriam vero celebrandam pontificalis Decreti, 
quod supra memoratum est, praecipimus et mandamus, ut 
intra annum a die vm mensis Decembris proximi, toto orbe 
catholico, in honorem S. Joseph B. M. V. Sponsi, Ecclesiae 
Catholicae Patroni, quo et tempore et modocuiqueEpiscopo 
videbitur, solemnis supplicatio fiat; cui quotquot interfuerint, 
eissingulis plenariam peccatorum veuiam, usitatiscondicio- 
nibus, lucrari licebit. 

Datum Bomae, apud sanctum Petrum, die xxv mensis 
lulii, in festo S. lacobi Apostoli, anno MCMXX, Pontificatus 
Nostri sexto. 

BEKEDICTUS PP. XV. 



in pro del inoribondi, come quello della Buona morte , del Tran- 
sito di San Giuseppe , per gli agonizzanti di ogni giorno . 

Per commemorate poi il suddetto Decreto Pontificio, ordiniamo e 
ingiungianio che dentro un anno, a cominciare dall'8 dicembre p. v., 
in tutto il mondo cattolico, si celebri, in onore di.S. Giuseppe Patrono 
della Cbiesa Universale, una solenne funzione, come e quando cre- 
dera opportuno ciascun Vescovo : ed a tutti quelli che vi assiste- 
ranno, Noi concediamo fin d'ora, alle consuete condiz.ioni, 1'Jndxil- 
genza Plenaria. 

Dato a Roma, presso S. Pietro, il 25 luglio, festa di S. Giacoma 
Apostolo, 1920, nell'anno sesto del Nostro Pontificate. 



IL PATROCINIO DI S. GIUSEPPE 

E LA PKOVVIDENZA DELLA CHIESA 

NELLA QUESTIONS SOCIALE 



II M otu Proprio, che f regia le prime pagine di questo[qua- 
derno, avr& certo risvegliato nell'animo cristiano deinostii 
lettori i piu dolci sensi della gioia e della riconoscenzafigliale 
verso il nostro comune Padre e Maestro, il Papa, Bene- 
detto^XV. II quale mentre ci richiama alia vita di cinquanta 
anni or so no, ravvivando la memoria diun solenne attofpon- 
tificio^ne rinnova in un certo mo do gli effetti santi e salu- 
tari, e provvede insieme ai bisogni presenti, segnatamente ai 
piu terribili ed iucalzanti. E tali so no appunto quelli che ora 
minacciano 1'anarchia e il soqquadro di tutti gli ordini della 
societa, la lotta di classe, la ribellione dell'operaio e del 
povero, stante la pessima soluzione della questione sociale, 
tentata in nome dell'ateismo, del materialismo, del socia- 
lismo. del comumsmo o bolscevismo e simili, frutti essi pure 
del laicismo e del vecchio liberalismo anticjericale che ora 
6 punito da se stesso, dove ha piu peccato, nella sua vi- 
ziosa progenie. 

Anche in questo atto dunque di natura, come ognuno 
vede, cosi strettamente religiosa, si scorge la materna prov- 
videnza della Chiesa, la quale si stende, con un meraviglioso 
intuito dei tempi, a prevedere e a prevenire, o dove non pud, 
a riparare almeno e sanare al possibile i mali della stessa 
societ^, civile. 

Anzi questi mali stessi, come richieggono piu pronto e piti 
poderoso riparo, cosi per se divengono piu forte occasione di 
nuovi e opportuni provvedimenti ; quindi bene spesso di un 



298 IL PATROCINIO DI S. GIUSEPPE E LA PRO V VIDENZA 

verace progresso nella dottrina e nel culto, nella disciplina e 
nella liturgia, nella vita e nella pieta dei fedeli, come tutta 
la storia della Chiesa ci dimostra. 

Tanto noi abbiamo veduto nell'opera- del Concilio Vati- 
eano, della quale abbiamo intrattenuto piti. volte i nostri let- 
tori. E tanto dobbiamo riconoscere anche nell'atto con cui 
Pio IX parve intendesse quasi coronare 1'opera stessa, in una 
sua parte appena iniziata, dopo che la violenza della rivolu- 
zione aveva tentato invano di sopprimerla, ma era riuscito 
pure a sospenderla. Diciamo 1'atto che egli compiva appunto 
nel primo anniversario della solenne apertura del Concilio, il 
di 8 dicembre del 1870, dichiarando solennemente San Giu- 
seppe universale Patrono della Chiesa Cattolica ; 1'atto me- 
desimo che Benedetto XV, suo successore, conferma ora e 
rinnova con nuove e particolari applicazioni ai tempi che cor- 
rono ed alle speciali question! che stringono nell'etapresente, 
avendo in mira non solo i fini spiritual! e religiosi, che sono 
certo i precipui, della Chiesa, maivantaggi stessi temporal! 
e civili della societ& minacciata. 



II. 



L'atto solenne di Pio IX, richiamato ora da Benedetto XV 
col suo Motu Proprio, si riferisce, del resto, al Concilio Vati- 
cano, mentre ad esso in qualche modo si continua e ne attua 
un desiderio. Cosi il decreto stesso afferma, ricordando 
le suppliche e i voti sempre piu insistentemente rinnovati 
da vescovi e prelati della Ohiesa nel sacro Concilio ecumenico 
Vaticano, i quali facevano eco a molte altre precedent! ri- 
hieste e aspirazioni ardentissime, gi^ espresse per il pas- 
sato da pastori e da popoli : che cioe a riparo dei tanti mali, 
a conforto^di tante tristezze dei tempi infelici, a scudo contro 
gli accaniti assalti dei nemici moltiplicatisi .ogni di senza 
posa, fosse costituito il grande Patriarca S. Giuseppe a Pro - 
tettore della Chiesa universale. 

i troviamo infatti, negli atti del Concilio Vaticano, tre 



BELLA CHEESA NELLA QUESTIONE SOCIALE 299 

postulati, e tutti sottoscritti da un buon numero di sinodali, 
i qualiconcorrono, e quasi con le motivazioni stesse, nel me- 
desimo intento. Non sara inutile dare un ceimo su ciascuno 
di essi, perche assai poco noti e meno considerati 1 . 

II primo porta la firma di ben cento cinquantatre 
Padri del Concilio, ed oltre la proclamazione di san Giu- 
seppe a patrono della Chiesa, gli vuole attribuito anche il 
primato del culto di dulia, dopo la sua Vergine Sposa, Madre 
4i Dio. 

Muno ignora esso dice che il Beato Giuseppe, per 
singolare provvidenza di Dio, fra tutte le altre creature fu 
^letto ad essere Sposo della Vergine Madre di Dio, e non per 
generazione certamente, ma per amore, per adozione e per 
diritto di matrimonio, Padre del Verbo Incarnato. Sicche 
leggiamo che non solo nei sacri vangeli e dalla stessa beatis- 
sima Vergine e spesso nominato Padre di Cristo, ma che lo 
stesso Signer nostro Gesu Cristo, nei giorni della sua carne, 
si degno sottostargli umilmente come a padre. 

Queste cose seriamente considerando gli infrascritti Ve- 
scovi e insieme ben conoscendo che da gran tempo vi e un 
ardente desiderio nel mondo che il pubblico culto di S.Giu- 
seppe sia accresciuto quanto e conveniente, pregano viva- 
mente e supplicano che ilsacrosanto Concilio ecumenicoVati- 
ano, piegato da tanti e cosi fervidi voti, con 1'autorita sua 
solennemente decreti : 

1. Che, siccome il Beato Giuseppe, quale padre di 
Oristo, fu fatto tanto migliore di tutte le creature quanto piu 
^ccellente nome che quelle ebbe in retaggio, cosi a lui, me- 
diante la sacra Congregazione dei Eiti, sia attribuito in avve- 
nire il pubblico culto di dulia nella Chiesa cattolica e nella 
sacra liturgia, dopo la beata Madre di Dio, innanzi a tutti 
i Santi; 

2. Chelo stesso S. Giuseppe, al quale fu gia commessa 

1 Cf. Acta et decreta sacrorum O&nciliorum recentiorum. Colleotio La- 
oensis. To. VII (Friburgi Brisg. 1890), 895-897. Noi diamo quideitratti 
citati la traduzione fedele e, quanto si pud, letterale. 



300 IL PATROCINIO DI S. GIUSEPPE E LA PROVVIDENZA 

da Dio la tutela della sacra famiglia, sia ritenuto, dopo la Bea- 
tissima Vergine, qnale primario Patrono di tutta la Chiesa 

Un altro postulato, piu breve ma non rneno comprensivo, 
hi sottoscritto da cento diciotto Padri, edichiara, volgendosi 
direttamente al sommo Pontefice: Siccome la divozione del 
popolo cristiano verso S. Giuseppe cresce ogni giorno e la me- 
ravigliosa bontsl e potenza di quest o Santo ci si manifesta pure 
ogui giorno piu con miovi e innumerevoli benefieii, e la Chiesa 
tutta sembra volere che sia festeggiato col maggiore culto 
e con piu alti onori decorato, cosi gli infrascritti Padri del 
Concilio Vaticano, prostrati ai piedi della Santita Vostra, sup- 
plicano umilissimamente, perch& quegli che fu dal Signore 
costituito custode del Figliuolo suo TJnigenito, e che verso 
Gesu e Maria adempie indefessamente con amore fedelissiir.o 
e con diligenza somroa i doveri di Padre e di Spofo, sia anche 
dalla Vostra Beatitudine eletto e dicmarato Patroro e Piotet- 
tore della Chiesa universale, la quale il corpo di Cristo, e la 
festa del Patrocinio di lui da per tutto e da tutti sia celebrata 
con rito di prima classe e con ottava . 

Un terzo postulato in fine, assai piti disteso e motivate^ 
fu quello sottoscritto da quarantatre Generali di diversi Or- 
dini religiosi e presentato il di 9 Marzo del 1870, a nome loro 
e delle Pamiglie regolari da essi governate. Essi concorrono 
nel supplicare umilmente e istantemente che alia maggior 
gloria di Dio, a onore della santissiira Vergine Madre di Dio, a 
difesa e consolazione di tutti i fedeli cristiani il sacro Concilio 
ecumenico Vaticano vogMa con una costituzione conciliare 
solennemente dichiarare, costituire e decretare il santo Pa- 
triarca Giuseppe, padre nutrizio del Signer nostro Gesu Cristo 
e sposo della stessa beata Vergine' -Maria, per esimio primario 
Patrono della Chiesa universale . Ouiridi. venencJo alia moti- 
vazione, tra le moltissime ragioni che li muovor.o e quasi li 
apingono , essi ne t.occano di volo queste tre principal!, che 
meglio chiariscono i precedent! postulati:- La prima e che sic- 
come tutte le'citta, tutte le diocesi, anzi tutte le nazioni cristiane 
hanno eiascuna il suo patrono celeste e solennemente lo ono- 



BELLA CHTESA NELLA QUESTIONE SOCIALE 301 

rano di un culto speciale, cosi e grandemente ragionevole 
che tutto insieme il popolo di Dio debba affidarsi in raodo par- 
ticolarissimo al Patrocinio di qualcuno trai santi eonorarlo con 
grandi solennitsa e comuni esultanze. E che tra tutti i Santi 
debba essere eletto a cio il beato Giuseppe, sposo della beata 
sempre Vergine Maria, nonvi enessuno chepossa dubitarne. 

La seconda ragione e che gia so no innumerevoli i cristiani 
che per divina ispirazione si so no posti sotto il patrocinio di 
lui e che vivissimamente desiderano di vederlo molto onorato 
in tutta la Chiesa; oude e sommamente convenevole che, 
avendolo Iddio stesso onorato con piu splendido titolo, 
con quello di Giusto , la Chiesa tutta parimente lo esalti 
con grandi onori. 

La terza inline, che penetra piu profondamente alle ul- 
time ragioni dell'atto, siappoggia su la dottrina di S. Tom- 
maso che la Chiesa e Cristo sono quasi una sola persona: 
onde sorge la convenienza che la Chiesa stessa si riponga 
*sotto il patrocinio di Colui che Cristo ebbe a custode e 
nutrizio in terra, e cosi pure da lui, tutta quanta, implori 
la difesa contro le innumerevoli schiere dei suoi nemici, coii- 
fidando di ottenerla da chi salvo 1'iiifanzia di Gesu dalle in- 
sidie dell'astutissimo e crudele Erode che lo cercava a morte . 

Ognuno vede come in questi postulati siano riuniti e 
riaffermati i motivi precipui, di ordine intrinseco e uni- 
versale, che toccano la Chiesa tutta quanta e la divina 
economia dell'Opera redentrice e salvifica propria di Cristo, 
ma per lui partecipata alia sua Vergine Madre e dopo lei 
al suo fedele custode Giuseppe. Ma in questi e chiaro che 
fiono impliciti tutti gli altri, come quelli che si riferiscono 
alia speciale efflcacia dell'esempio e del patrocinio di S. Giu- 
seppe su la famiglia cristiana e in ispecie sopra la classe 
sociale piu umile, ma piu numerosa ed essenziale alia con- 
vive nza civile l . 

1 In un altro postulate si trova pure un'allusione all'efflcacia 
dell'esempJo e del patrocinio di S. Giuseppe su la classe operaia in 
ispecie; nel postulate, sottoscritto da trenta Padri del Cotscilio, a favore 



362 IL PATROCINIO DI S. GIUSEPPE E LA PROVVIDENZA 



III. 



A queste ragioui allude in sostanza, e tutte in certo modo 
le riepiloga e le coni'erma il decreto dell'immortale Pio, COD 
cui S. Giuseppe, sposo della Vergine Immacolata, Madre di 
Dio, e costituito Patrono della Chiesa cattolica . 

Esso ricorda infatti comejlddio voile attuata in Giuseppe 
la sublime realta di cui 1'antico figlio di Giacobbe era tipo: 
lui costitui signore e principe della sua casa e della sua posses- 
sione ; lui elesse a custode dei suoi tesori regali ; mentre a lui 
diede in isposa la Vergine Madre del Verbo di Dio incarnate, 
in suddito e figlio adottivo il figlio stesso di Dio, che Giuseppe 
con aft'etto paterno abbraccio, crebbe e nutri per la vita di 
tutto il popolo fedele: sublime dignita per cui la Chiesa la 
venero con sommi onori e lo invoco con particolare confi- 
denza nelle dimcolta. E qui ai motivi generali il decreto 
aggiunge quello piu speciale, che commosse unitamente i 
pastori e i popoli, in ordine agli uomini e ai tempi correnti r 
Perche in questi tristissimi tempi - esso pro segue - la 
Chiesa stessa, assalita per ogni lato da nemici, si ved& 
oppressa da tanto piu gravi calamita, che gi& gli empi si 
danno a credere che le porte dell'mferno debbano prevalere 
contro di lei, i vescovi di tutto 1'orbe cattolico porsero al 
Sommo Pontefice le suppliehe loro e dei fedeli alia loro cura 
affidati, chiedendogli che si degnasse costituire San Giu- 
seppe Patrono della Chiesa cattolica . E su cio conchiude: 
Di poi, avendo nel sacro Concilio ecumenico Vaticano rin- 
novato piu caldamente le stesse suppliehe e voti, il Santis- 
simo Signore nostro Pio Papa IX, mosso dalla piu recente 
e luttuosa condizione delle cose, per affidare se e i fedeli 

delle societ^ di operai, modellate su quella di Adolfo Kolping (1846): 
sub patrocinio collocata 8. Josephi, opificis illius sanctissimi, in cuius 
domo et officina De.us homo factus Ipse habitare et tanquam opifex operari 
dignatus fist. Cfr. Acta et decreta, cit. v. VII, c. 900, 



DELLA CHIESA NELLA QUESTIONS SOCIALE 303 

tutti al potentissimo patrocinio del santo Patriarca Giu- 
seppe, voile soddisfare ai desiderii del sacri prelati, e lui 
solennemente dichiaro Patrono della Chiesa eattolica 1 ... 

Co si, cinquant'anni or sono, solennemente compievasi 
un rito che lasciava, senza dubbio, indifferente o sprez- 
zante il mondo profane, ma che commoveva profoudamente 
il mondo cattolico, e fra le tristezze del tempi che si aggra- 
vavano, ne sollevava 1'animo ai pensieri ed alle speranze 
sublimi degli aiuti c dei conforti celesti. 

Ed notabile - e per aggiungervi rilievo noi abbiamo 
voluto riportare qui per disteso le proprie parole e dei po- 
stulati e del decreto stesso -e notabile come alle alteragioni 
intrinseche si viene a congiungere, con un peso insolito, il 
motivo estrinseco, delle speciali difficolta dei tempi, delle 
acuite persecuzioni contro la Chiesa, se non ancora esplici- 
tamente quello che ora sentiamo piti vivo, delle inasprite 
lotte e delle crescenti rivalita sociali. 

Ma la provvidenza dello Spirito, che governa la Chiesa, 
giungeva piu avanti che non IMntuito acuto della mente 
umana, certamente assai lontana dal prevedere la impor- 
tanza e la estensione di quell'atto, quale poi fu mostrata 
alia luce della storia del susseguente cin quant ennio . 

E a simile considerazione appunto ci richiama il recente 
Mofu Proprio di Benedetto XV. 



IV. 



11 nuovo documento esordisce infatti dal riconoscimento 
di questa verita : esalta i frutti salutari che sgorgarono dal- 
1'atto prowidenzialedell'immortale.Pio IX; efra essiricorda 

1 Sul fine dell'articolo riportiamo per intero il testo autentico del 
decreto (cf. Pii IX P. M. Acta, vol. V, p. 282-283); non essendo stato 
allora pubblicato nel nostro periodico, il quale, come e noto, in quel- 
1'ultimo trimestre del 1870 ando sospeso per le tristissime vicende e della 
iniqua occupazione di Roma e della tirannica oppressione seguitane, di 
cui ora i massoni preparano, e certi cattolici si dispongono a parted- 
parne, i feeteggiamenti cinquantenari. 



304 IL PATROCINIO DIS. GIUSEPPE E LA PEOVVIDENZA 

segnatamente il mirabile rifiorimento di pie istituzioni che 
da quello ebbero radiceedincremento per tutto lo spazio degli 
ultimi cinquant'anni, sempre piu fomentando tra i fedelila de- 
vozione al Santo Patriarca. Ma piu ancora insiste a riaffer- 
marne la evidente opportunita per i nostri giorni, a chiarirne 
le ragioni, additarne le vie piu spedite e per promuovere 
i maggiori progress! della divozione e per accreseerne i mi- 
gliori vantaggi. E certo, niuno dei modi approvati dalla Sede 
Apostolica, con cui si pud venerareil santo Patriarca - sia 
ogni di, sia un giorno speciale per settimana, sia un mese 
proprio neU'anno - niuno si vuole trascurato : tutti e per 
ciascuna diocesi vengono inculcati; e segnatamente sono 
raccoraandati i sodalizi che dal Santo implorano la par- 
ticolare assistenza in tutto il corso della vita, ma piu nel 
suo tramonto, come il sodalizio antico della buona morte 
e altri sodalizi piu recenti. Oosi verra ogni di meglio onorato 
il grande Patriarca quale patrono celeste. E il primo frutto 
di questo culto, come il preoipuo benefizio di tanto patro- 
cinio, sara quello dell'imitazione: il rifiorire della santita. 

Quindi sopra ogni cosa e manifesto che preme al Pontefice 
di vedere seguito come speciale guida , come esempio di virtu, 
chi e venerato come intercessore di grazia, auto re di prote- 
zione: peculiarem vitae ducem observent. 

Come speciale guida percio epropostoil santo operaio di 
Nazareth, il capo della sacra Famiglia, agli individui, alle fa- 
miglie, alle classi tutte del popolo f edele. Ma singolarmente e 
propo sto a quelle piu minacciate nella f ede e nella vita cristiana, 
perle presenti condizioni sociali, dallo spirito di ribellione e 
di superbia, dalla iugordigia delle ricchezze e dei piaceri, 
quindi dalla irrequietezza e dal malcontento, derivato anche 
negli infimi ordini della societa dalla scandalosa apostasia 
delle classi superiori, della nobilta e della borghesia. 

Questo e il punto centrale del nuovo documento pontificio, 
quello che gli da 1'impronta piu singolare ed iiisieme la piu grave 
importanza sociale, come apparira agevolmente a chiunque lo 
consider! con qualche attenzione. Per questo altresi noi lo 



DELLA CHIESA NELLA QUESTIONS SOCIALE 305 

vediamo ricongiungersi in istretta connessione coi precedent! 
document! dello stesso Pontefice Benedetto XV, e nominata- 
mente con quello piu recente che il Papa stesso menziona, 
1'Enciclica intorno alia riconciliazione della pace cristiana. 
In essa egli mostro checosa ancora mancasseal pieno ristabi- 
limento della comune tranquillita dell'ordine quidadcom- 
munem ordinis tranquillitatem restituendam deesset ma consi- 
dero particolarmente le relazioni civili degliindividuiedei-po- 
poli tra loro. Ora considera un'altra causa piu profonda che 
ova nelle viscere stesse della societa : e 1'inf ezione intima che 
avvelena le genti umane con la gran peste delsecolo,il natu- 
ralismo, il quale va passando, ormai e gran tempo, dall'ordine 
speculative, dal giro delle idee, al campo pratico per semi- 
narvi, frutto dell'errore, la corruzione el'anarchia. 



V. 



Attenuate in fatti o soppresso 1'anelito dello spirito oltre 
la cerchia della bassezza terrena, spenta la fiamma della carita 
4ivina, attizzata in cambio la face delJa passione animalesca, 
1'uomo moderno - dal palazzo alia capanna, dalla scuola all'of- 
ficina - pare abbandonato ad una spaventosa vertigine di de- 
cadimento, sotto vanto di elevazione e di progresso : onde, 
nonche levarsi al volo di qualche perfezione morale, neppure 
sa piu scorgere altri beni che quel fango su cui striscia e di cui 
disputa alvicino,al suo prossimo, la conquista. Quindi, non 
bastando questi beni limitati emanchevoli alia soddisfazionedei 
singoli, nonche all'appagamento di tutti, ne scoppia inelutta- 
bile la lotta tra gli uni e gli altri, tra quelli che piu ne hanno 
^ quelli chepiti agognano di averne, tra ricchi e poveri, tra ope- 
rai e padroni. E come prima tra nobili e borghesi, cosiora tra 
borghesi e proletari divampa 1'odio piu incendiario : odio di 
<}lasse, omai divenuto natura e- quasi vanto della moderna 
civilta anticristiana, ed esasperato anche oltremisura dalla 
durata ed atrocita della guerra e dalle sue tristi conse- 
guenze morali, intellettuali ed economiche, a cui il docu- 

2 Civiltct Cattolica, 1920, vol. 3, quad. 1681. 20 12 agosto 1920. 



306 IL PATROCINIO DI S. GIUSEPPE E LA PBOVVIDENZA 

mento accenna in pochi tratti forti e scolpiti. Tra esse el'im- 
prowiso impoverire e 1'intollerabile languire da una parte, 
il subito arricchire e Pesorbitante sfoggiare dalPaltra, e so vent e- 
per la scossa di tanto squilibrio repentino, coi piu rovinosi 
effetti nell'una e nelPaltra parte, e in chi sale e in chi discende 
su la traballante scala sociale. Ma non meno esiziale e Paffie- 
volirsi la santita della fede coniugale, che ha dato pure Juogo in 
Italia alle insane proposte delle leggi sul divorzio e simili, va- 
gheggiate dai nemici della societa e della famiglia, socialisti e 
massoni, collegati nel medesimo intento d'iniquita. E con 
la fedelta dei coniugi giace indebolita del pari la riverenza 
dei figli, 1'amore e il rispetto dell'autorita domestica ; infine, 
straripata dalla guerra, dilaga la coiruzione dei pubblici co- 
stumi, e per consegnente ne va acuita in estremo lacosi detta 
questione sociale , come logico corollario, a tal punto da 
ingenerare la minaccia di irreparabili rovine . 

E qui il documento accenna, in alto linguaggio, al sogno 
della famosa Internazionale dei socialisti, dei comunisti y 
degli anarchici, i quali non divariano f ra loro se non per grada- 
zione di temperamento o per esitazione nelle applicazioni pra- 
tiche dei principii ideali in cui convengono. E questa 1'mter- 
nazionale della violenza, preparata dagli scioperi, dalle so m- 
mosse, dalle leghe o federazioni di ogni sorta, non eccettnate 
quelle cosi dette bianche>;, quando imitandone i metodi e 
il linguaggio, appianano la via all'irrompere del socialismo 
anche nelle nostre campagne, finora piu custodite e intatte. 
Internazionale della violenza. sorta a lato, e non a contrasto, 
della internazionale della finanza, di cui e spessomancipia, 
mentre se ne grida avversaria irreconciliabile; onde la grassa 
borghesia della banca e della borsa insaziabile ha corrotto da 

~ 

gran tempo le plebi, ha vincolato i reggitori dei popoli, ha domi- 
nate nei consigli delle nazioni, ed ora agogna ad assicurarsene 
le sort! per aggiogarle ai suoi turpi guadagni. Internazionale 
della vioJenzae ((internaziona^*) della finanza,asservital'una 
e 1'altra, inconsapevole o no, ad una terza internazionale 
piu misteriosa ed occulta: quella della setta segreta, del mas- 



DELL A CHIESA NELLA QUESTIONE SOCIALE 307 

sonismoanticristiano,dell'ebraismo plutocratico, senza patria 
e senza religione, la quale si prepara una prevalenza inattesa, 
di lucro e di dominio, anche nell 'auspicate trionfo del bolsce- 
vismo. In tuttecoteste forme d'internazionale viziose e fra 
se connesse, anche quando stanno in apparente contraddi- 
zione, e costante invece ed essenziale 1'opposizione all'unica 
internazionale vera, alia Chiesa cattolica, mater christia- 
norum verissima, che accoglie in se e stringe fra loro e gli 
individni e i popoli tntti pei la vera felicita: e in siffatta 
opposizione alia Chiesa ed al vero bene degli uomini si fa 
manifesta per 1'appunto 1'opera di Satana, dell'awersario di 
ogni bene e nemico de 1 genere umano . 

VI. 

Di fronte a una tale corsa di awenimenti, onde preci- 
pita all'abisso 1'autorita civile e con essa la soeieta umana, 
il Vicario di Cristo ha levato forte la voce, ad ogni occasione, 
intimando ai grandi ed ai piccoli le sublimi lezioni della fede, 
la parola salutare del]' annunzio di amore e di pace - Evan- 
gelium pads - che egli ha, per divina missione, da trasmettere 
lungo i secoli alle generazioni umane. 

E qui aneora egli leva la voce allo stesso fine, cogliendone 
il pretesto dalla ricorrenza cinquantenaria di un fatto reli- 
gioso, a cui meritamente attribuisce una rara efflcacia sociale, 
non solo su gli individui, ma su le famiglie, su le classi tutte, 
specialmente sulepiubisognose e le piu pericolanti nellaloro 
smania di rapide e sconsigliate ascensioni. 

Sorrida pure 1'uomo volgare, il sapiente del secolo : 1'ef- 
ficacia sociale viene da un elemento ?oprannaturale, che an- 
che il credente puo troppo facilmente obliare, fra le neb- 
bie presenti del materialismo imperante, ma percio si vuole 
tanto piu insistentemente inculcare : viene dalla forza dell'e- 
sempio, dalla sublimita dello spettacolo che il Lavoratore 
di Nazareth porge a tutto il popolo cristiano . Quindi ripete 
il Pontefice: Alia scuola'di Giuseppe imparino tuttl a con- 



308 IL PATEOCINIO DI S. GIUSEPPE E LA PROVVIDENZA 

siderare le cose present!, che passauo, alia luce delle future 
che durano eterne ; e con.solando gli inevitabili disagi della 
condizione umaua con la speranza del beni celesti, a quest! 
aspirino, con tutte le forze, rassegnati al divino volere, so- 
briamente viveiido, secondo i dettami della pieta e della giu- 
stizia. Semplicita sublime di sapienza, di filosofia cristiana! 

Per quanto poi riguarda specialmente gli operai, il 
S. P. Benedetto XV, riportando le parole del suo prede- 
cessore di f. m., Leone XIII, li conforta a viyere ani- 
mati da un sentimento superiore di equita e di saggezza; 
onde, pure cercando debitamente sollevarsi dalla indigen- 
denza e avvantaggiarsi tempo ralmente, non intendano scon- 
volgere 1'ordine costituito dalla divina Provvidenza, non 
trascendano a violenza, a ribellione, a tumulti ; non si affldino 
a gonfie parole o vane premesse di demagoghi, ma alia voce 
materna della Ohiesa, alia luce consolante che brilla dalla 
santa Famiglia dell'umile Operaio di Nazareth. 

Cosi, mentre andrasalva, anziiiobilitatadivinamente, nella 
diversita essenziale degli individui umani e delle class! so- 
cial!, la grandezza morale delle piu laboriose e delle piu 
umili, rifiorira con la divozione a Giuseppe il culto della sua 
sacra Famiglia, e con questo 1'elevazione e la santificazione 
della famiglia cristiana, che a quei meravigliosi esemplari 
di virtu si ispira e si rinnovella. In tal modo - conchiude a 
ragione il Pontefice - poiche la famiglia e il fulcro e la base 
dell'umano consorzio, rafforzando la societa domestica col 
presidio della santa purezza, della fedelta e della concordia, 
con cio stesso un novello vigore e, diremmo quasi, un nuovo 
sangue rifluira per le vene della societa umana, la quale viene 
cosi ad essere viviflcata dalla virtu ristauratrice di Gesu Cri- 
sto: e ne seguira un lieto rifiorimento non solo dei privati 
costumi, ma anche delle istituzioni pubbliche e civili . 

Cosi rifulgera, anche per questo, la materna provvidenza 
della Chiesa nella questione sociale, e quindi in tutta la ne- 
cessaria.ristaurazione della stessa societa civile. 



BELLA CH1ESA NELLA QUESTIONE SOCIALE 309 



quo S. loseph Deiparae Virginis Immaculatae sponsus 
pafholicae Ecclesiae Patronus constituitur. 

Quemadmodum Deus losephum ilium a lacob Patriarcha progeni- 
tum praepositum constituerat universae terrae Aegypti ut populo 
frumenta servaret, ita teroporum plenitudine adventante, cum Filium 
suum Unigenitum, mundi Salvatorem, in terram missurus esset, alium 
selegit losephum, cuius ille primus typum gesserat. quemque fecit 
Dominum et Principem domus ac possessionis suae, principaliumque 
thesaurorum suorum custodem elegit. Siquidem desponsatam sibi 
habuit Immaculatam Virginem Mariam, ex qua de Spiritu Sancto na- 
tus est Dominus Noster lesus Christus, qui apud homines putari digna- 
tus est filius loseph, illique subditus fuit. Et quern tot reges ac prophetae 
videre exoptaverant, iste loseph non tantum \tidit, sed cum eo conversa- 
tus, eumque paterno affectu complexiis, deosculatusque est ; nee non 
solertissime enutrivit quern populus fidelis uti panem de caelo descensum 
sumeret ad vitam aeternam consequendam. Ob sublimem hanc dignita- 
tem, quam Deus fidelissimo huic. servo suo contulit, semper Beatissi- 
mum losephum post Deiparam Virginem eius Sponsam Ecclesia summo 
honore ac laudibus prosequuta est, eiusdemque interventum in rebus 
anxiis imploravit. Verum cum tristissimis hisce temporibus Ecclesia 
ipsa ab hostibus undique insectata adeo gravioribus opprimatur calami- 
tatibus, ut impii homines portas inferi adversus earn tandem praevalere 
autumarent, ideo Venerabiles universi Orbis Catholici sacrorum Antisti- 
tes suas ac Christifidelium eorum curae comcreditorum preces Summo 
Pontifici porrexerunt, quibus petebant ut Sanctum losephum Catholicae 
Ecclesiae Patronum constituere dignaretur. Deinde cum in Sacra Oecu- 
menica Synodo Vaticana easdem postulationes et vota enLcius renovas- 
sent, Sanctissimus Dominus Noster Pius Papa IX nuperrima ac luctuosa 
rerum conditione commotus, ut potentissimo Sancti Patriarchae losephi 
patrocinio Se ac Fideles omnes committeret, Sacrorum Antistitum votis 
satisfacere voluit, eumque CATHOLICAE ECCLESIAE PATRONUM 
solemniter declaravit; illiusque festum die decimanona Martii occurrens, 
in posterum sub ritu duplici primae classis, attamen sine octava ratione 
Quadragesimae, celebrari mandavit. Disposuit insuper uthae die Deipa- 
rae Virgini Immaculatae ac castissimi losephi Sponsae sacra huiusmodi 
declaratio per praesens Sacrorum Rituum Congregationis Decretum 
publici iuris fieret. Contrariis non obstantibus quibuscumque. 
Die VIII Decembris anni MDCCCLXX. 

C. Episc. Ostien. et Velit. Card. PATRIZI S. R. C. Praef. 

D. BAKTOLINI S. R. C. Secretarius. 



OEOPA J 



in. 

Un'escursione al Santuario. 

La via che da Biella conduce al Santuario sale lungo la 
valle del torrente Oropa, ed e dove piu, dovemeno sfogata, 
ma sempre dolce e ridente. Sale da prima fra luoghi popolati 
d'uomini e d'industrie, ma subito conle sue svolte offre como- 
dita di prospettive. Biella, da cui poco prima si e usciti, ec- 
cola sotto lo sguardo coi mille f umaioli della sua grandeopero- 
sita industriale, col rigoglio lussureggiante delle sue campagne, 
coi campanili delle sue chiese e della sua cattedrale, coll'opu- 
lento aspetto delle sue case, de' suoi palazzi, delle sue strade, 
dove vive e si muove un popolo laborioso e vigoroso e pur 
si pieno di buona grazia. 

Si raggiunge Cossila S. Grato, poi S. Giovanni di Cos sila, 
indi il Favaro, dove si e gia a mezzo del cammino e comincia la 
partesuperio re della vallata,fra i cuialti fianchi la via in certi 
passi par come aifondata, e mentre con un margine aderisce 
alia parete montuosa che incombe ripidissima da un lato, col- 
1'altro costeggia il precipizio, nel cui fondo scorreil torrente 
a cascatelle. 

Chi fa a piedi quella strada, come hanno fatto per se- 
coli infinite schiere di pellegrini, va su con la meute e col cuore 
fisso all 'invisibile stella che lo attira; ma pur non puo, nella 
fatica dell'erta, non sentirsi alleviate da tanto sorriso dina- 
tura. Esso cammina tra un'amenitab perenne d'ombre, di verde, 
d'acque correnti ; e dovunque volga lo sguardo, lungo la val- 
lata o su pei declivi montuosi, non vede che paesaggi suffusi 
di pace e di serenita idilliaca : baize apriche, seni ombrosi, 
verdi prati, chiome nere di boschi, e a valle o su per la costa 

1 Continuazione. V. quad. 1680 pag. 526. 



OROPA 311 

taciti casolari, e armenti e mucche pascolanti. Da che pero in 
.anni recent! fu costruita la tramvia elettrica, i piu si servono 
di essa; ma pur tra le angustie del convoglio, il pellegrino che 
guarda intorno si sente inebriato a quelle vergini delizie di 
natura, e gli pare talvolta d'andar su come in trionfo sotto 
i frassini e gli olmi e gli abeti e i tigli, che ogni tanto fanno 
;arco solenne al suo passaggio. 

Dopo il Favaro lo sguardo va volentieri in su verso la 
mefca, che pero non si scopre se non quando le si e d'appresso ; 
salvo 1'indizio che ne danno da lungi le cappellette votive del 
Sacro Monte. Allora, il pellegrino devoto apre il labbro alia 
preghiera a salutare la Yergine che omai sente vicina, allet- 
tatovi anche dalla pia bellezza di quell'estremo scorcio della 
valle, dove gia spira 1'aura del Santuario. La salita dura an- 
-cora e durera si no al termine, ma e un dolce salire tra 1'ombra 
silente di quella valle, f ra gli aliti salubri delle conifere, tra i 
soffii refrigeranti della brezza, che mette anche un lieve fre- 
mito nella selva. Si sale si, ma a salire omai conforta la 
viciuanza stessa del termine, che sospinge il cuore e fa acce- 
lerare il passo. E quando il pellegrino si trova finalmente di- 
nanzi all'ingresso del Santuario, esso puo rallegrarsi anche del 
cammino fatto, perche ha percorso una dozzina di chilometri 
in salita e sta a 1180 metri d'altezza. 



II Santuario e una vasta compagine di edifici, tutti colle- 
gati a disegno ein forma di unperfetto rettangolo apiuripiani. 
Dei due lati piu corti, quello volto al sole meridiano eformato 
dal gran cancello d'ingresso ; e 1'altro a settentrione e di 
fabbrica come il resto, ma presso cui la maesta. della nuova ba- 
silica e della sua cupola sta per formare il coronamento so- 
lenne del Santuario. A mezzo il rettangolo s-'erge la facciata 
monumentale attra verso cui si en tra nella porzione dove fc 
la Chiesa e il vero e proprio Santuario. 

L'edificio col suo capo a nord e co' suoi piedi a sud sta en- 



312 OEOPA 

tro una cerchia montuosa, dove grandeggiano due giganti,il 
Tbvo ed il Murone, dai flanchi aspri e dalla f ronte torva. Ma 
pur serrato da gioghi, che sanno la rabbia delle bufere alpine, 
il Santuario vi riposa come nella pace d'un presepio, non solo 
per la bellezza pittoresca del suolo e delle pendici, ma molto 
piu per quel sereno raggio che quivi tutto illumina ed addol- 
cisce e che vi e invisibilmente diffuse dalla divina Stella del 
Santuario . Ilpellegrino, giunto che sia, va in cerca dell'alloggio- 
che egli sa di trovare entro il sacro recinto stesso : i grandi 
corpi di fabbrica infatti, che formano la gran mole del Santua- 
rio, sono i piu per 1'alloggio. E qui e la prima meraviglia del 
pio luogo. Quei corpi di fabbrica sono gallerie e padiglioni a di- 
versi piani di diversa capacita, ma tutti fatti di camereincosi 
gran numero da poter fornire ricovero e letto a piu migliaia 
di persone a un medesimo tempo. E. vero che ad Oropail con- 
corso delle genti e si grande, da soverchiare talora ogni capa- 
cita d'alloggio, e sono quei casi, ne' quali occorre supplire al 
difetto, allestendo prowisoriamente a dormitorii anche icor- 
ridoi. Ma d'ordinario bastano lecamere, dove a ciascuno spite 
e provveduto, oltre il letto, la biancheria ; e ai poveri, in piu, 
la minestra e il pane due volte al giorno : e tutto questo gra- 
tuitamente per tre giorni, e anche di piu, se il minor numero 
dei posti occupati lo consente. Gratuitamente, dicevamo, e 
ognuno puo calcolare quel che cio importi, quando si sappia 
che ogni giorno lassu, nei mesi estivi specialmente, gliospiti 
si contano a centinaia, e nelle feste a migliaia, e ogni anno 
a decine e centinaia di migliaia. Dal che nasce anche un'altra 
riflessione, ed e, che quando nei giorni di maggior folia tutta 
il sacro recinto e i dintorni brulicano di gente d'ambo i sessi 
e d'ogni et& e condizione, e in sulla sera la luce brilla entro 
le finestre di tutti i piani e degli ammezzati, uno puo dire con 
ogni verity : ecco gl'inquilini della Madonna ! . Alia quale 
riflessione, se non fosse commovente, gli potrebbe venire 
anche dasorriderepensando che tra quegli inquilini vi ha non 
di rado anche di quei pereonaggi di vita pubblica che, uffi- 
cialmente, non se la dicono troppo con la Madonna, ma 



OROPA 313 

che lassu non isdegriano d'avere il loro posto tia la 
divota famiglia di lei! Sono inquilini dunque cui Ella fa le 
spese d'una gratuita ospitalita di tro giorni a ciascuno e 
anche di piu, quando si possa senza scapito dei soprav- 
vegnenti; ospitalita senza eccezione di persone e verso i 
bisognosi anzi piularga; senza restrizione di numero, perche 
vasta quanto lo spazio del vastissimo edificio, compresi 
anche i corridoi e la chiesa, ove la necessita lo richiegga ; 
senza riguardo a stagione, perchS anche d'inverno, quando sul 
Santuario grava la tristezza invernale, e la valle e il monte, i 
boschi, tutto tacesotto un bianco silenzio funereo, non tace la 
carita ospitale di Oropa, che accoglie quanti la richieggano, 
massime per la notte di ISTatale, e li ricovera e li rmtrisce e li 
riscalda. 

Tra gli alloggi vi so no quelli della galleria dettn dei Cano- 
nici, che e tutta una bella fila di stanze decorosamsnte ar- 
redate e fornite. Ve fra 1'altro ilcaminetto, che I'ospite estivo 
trova coperto da un paravento, ma vi \ r ede accanto tuttavia 
una piccola catasta di legne tagliate a modo e cosi secche e 
bene stagionate che paiono dire: prendeteci e accendete. 
Tanto piu che intricata fra le punte delle legne v'e anche 
la carta straccia, si che a fare il fuoco basta un zolfanello. 
Cosi I'ospite estivo non pensa certo a quel zolfanello, benche 
anche in cio egli vegga un segno di quella generosa materna 
ospitalita che godono i fortunati visitatori della Madonna 
d'Oropa. 



* * 



Ma gli edifici, che formano 1'intera struttura del Santua- 
rio, non possono certo esser tutti per 1'alloggio. Tanto piu che 
ad Oropa, fuori del Santuario, non vi ha che solitudine di 
boschi e di montagna, e tutto quanto e necessario e utile 
alia vita di chi vi abita, deve trovarsi o esser fatto la dentro. 
V'ha dunque luoghi di refezione e di ristoro, altri in as- 
setto vistoso, altri popolari, a seconda delle borse e degli 
awentori ; benche a non pochi di qnesti basti il margine del 



314 OROPA 

prato o della selva per rifocillarsi alia rustica di quel che 
ban recato seco dal paese ; ed altri dilungatisi per obliqui 
sentieri, vanno a certi noti casolari fuor di mano, dove li 
invita da Jungi ] a scritta lusingatrice : Polenta e latte . 

Ma non si vive solo di pane, e se v'ha cosa che si cerca 
in un Santuario son proprio i ricordi del Santuario. E cosi a 
lato ai Eistoranti ed ai Gaffe v' ha ricchi negozi, 
dalle cui vetrine oggetti sacri d'oro d'argento, d'ogni prezzo 
d'ogni forma, di pura divozione o anche d'ornameuto, fanno 
bella mostra di se ed attirano frotte di compratori e com- 
pratrici. Non occorre poi dire degli altri servizi minori, 
ma non meno richiesti per la vita di quel grosso paese che 
e il Santuario. E cosi v'e 1'ufficio postale col telegrafo e tele- 
fono, la farmacia e il medico, il tabaccaio,la bottega del bar- 
biere, il forrio, il macello ed altre simili officine e mestieri. 

Tutto questo da noi qui riferito insieme, potrebbe far so- 
spettare a taluno d'una certa aria sconveniente al pio luogo, 
quasi di ' soverchia materialita o anzi d'intrusa mondanitsl 
e dissipazione. Ma nou e cosi : ad Oropa ogni aria estraiiea par 
non possa prevalere su quella che e la natia, ed ha per se la 
tradizione de' secoli. Lo rilevava spontaneamente anche uno 
scrittore profano, Giuseppe Giacosa. il quale, dopo no tat e 
queste medesime particolarita, soggiungeva: ma il silenzio 
che vi regna, ma 1'andatura composta della gente, ma non 
so quale indefiuibile placidezza solitaria che vi dura anche 
quando epiu fitta la folia, ma la grande solennita dell'altezza, 
vi fanno seiitire che quello e luogo di raccogiimento e di 
pace >> l . E questo che egli scriveva piu di vent'anui or so no, lo 
verifica anche il visitatore odierno del Santuario, benche da 
quel tempo debba esser cresciuta (se non altro per il movimento 
dei visitatori d'ogni specie agevolato dalla tramvia elettrica), 



1 II Santuario cTOropa, nel volume IL BIELLESE. Pagine raccolte 
e pubblicate dalla sezione di Biella del Club Alpino Italiano, in occasione 
del XXX congresso nazionale in Biella. Milano, 1898 (con ricchissime 
iliustrazioni ), pag. 150 



OEOPA 315 

1'apparenza, diciamo cosi, profana di questa parte del San- 
tuario medesimo. 

Del resto essa e fuori della facciata, che s'erge, come di- 
-cemmo, a mezzo il rettangolo degli. edificii, e ne separa la 
parte dell'ingresso da quella interna del Santuario. Questa 
facciata, che si deve alia munificenza del Card. Maurizio 
di Savoia, ed e di maestosa apparenza per le sue colonne, 
le sue uicchie, e una bella balaustra in alto, e in basso per la 
scalea a piu ripiani e il maguifico colonnato a pill ordini di 
colonne, forma il vero ingresso al Santuario ealla parte piu 
centrale degli edificii. 

In questa parte e la biblioteca del Santuario, dove si 
va a rintracciar le notizie dai tanti volumi e volume! ti che ne 
narrano la storia generale o parziale ; e la cut serie copiosa e 
andata crescendo sino ai nostrigiorni anche per parte d'autori 
non soliti scrivere di Madonne e di Santuarii: segno anche 
questo di ci6 che possa la diviua Signer a .di Oropa. Quivi 
anche e il Tesoro dei parati e arredi sacri, di gran valore per 
I'antlchita e per il pregio. Sono dispostiinlucenti vetrine di 
mogano, in alcune delle quali e tutta una festa di stoffe, e 
sou piviali, pianete, dalmatiche e simili; in altre e tutto un 
fulgore d'ori, d'argenti, di gemme scintillanti, e so no osten- 
,sori, croci, calici, pastorali. Gia ci venne fatto di ricordare, 
tra i preziosi cimeli, la pianeta, quivi conservata, fatta del 
manto di broccato azzurro che il b. Alnedeo IX offri di sua 
mano alia Madonna d'Oropa; ma di altri ancora ci sarebbe da 
dire se la vialunga non ci sospingesse. 

In questa medesima porzioned'edificii, ha il suo luogo la 
famiglia fissa del Santuario, la quale e fatta del Canonico Eet- 
tore, chene e il capo; dei sacerdoti addetti al servizio della 
chiesa, esono orai Eeligiosi Eedentoristi ; e d'una comunita 
femminile, e so no le Figlie di Maria. V*e poi una folta schiera 
di persone aggiunte pei minori servizi. 

Le Figlie di Maria, che come dicemmo, so no sotto la guida 
delle degnissime Sucre Giuseppine, servonp in diversi uffici, 
ma la loro maggior fatica e quella delle biancherie. Quando 



316 OROPA 

si pensi che, soprattutto nei mesi della grande stagione, lassu 
v'e uu rieambio in media di mille pereonealgiorno, e ogni per- 
sona dev'esserfornitaalmeno diduelenzuola, d'unai'edera edi 
un asciugamano, ognun vede quale straordinaria quantita Le 
oceorra ogni giorno. E lo spettacolo, di ohi s'afiacci in[eerte 
ore all'uificio di distribuzione e quello di monti che si disfanno, 
e sono le biancnerie pulite, prese e diramate per tutte le Tie 
del Santuario . e di monti che si rifanno, e FODO le biancherie 
usate,-che da tutte levie tornauo alluogofdond'erarojpartite. 

Grandissimo in Drouorzione e anchel'uso delle biancherie 
e dei paramenti di chiesa per le funzioni ei celebrariti senza nu- 
mero. A dir solo delle messe, quali lunghe liste di sacerdoti 
sempre nuovi ! Or coil tanto uso e consnmo occorre un pari 
lavoro di ripulimeuto e di ristauro : e a cio si prov^ede col- 
1'aiuto straordinario che nei mesi estivi vien recato al Santua- 
rio da volenterose giovinette di Torino, le quali, alunne delle 
Suore Giuseppine, e sotto il loro sapieiite magistero, lavorauo 
con tanto amore e fmezza, che in quel tesoro ,di broccati, 
damaschi, sete, rasi, velluti, amoerri, tocched'oro e d'argento, 
chegrado grado passano sotto le loro abili mani, a cose fatte 
non si sa discernere la stoft'a rimendata da quella sana. 

Questo lavoro, se non dalle Figlie di Maria, e fatto presso il 
loro appartamento, dove le pie lavoratrici per quei mesifor- 
mano anch'esse una piccola [comunita aggiunta alia piu 
grande. 

Quanto poi alia comunita religiosa maschile dei PP. Ee- 
dentoristi, il posto loro nell'ediflcio piu che altro e la chiesa, 
che e tutto il campo^della loro indefessa opera giornaliera, 
Es.si sono al Santuario da anni recenti, ma in quanto religiosi 
ridanno ad esso 1'aspetto de' suoi tempi piu remoti, allorche, 
come oggi essi, vi furono i monaci Benedettini e Cisterciensi, 
con cui percio idealmente si ricongiungono ; e in quanto 
figli di S. Alfonso, la scelta loro e veramente degna, come di 
figli ed eredi d'un si eccelso amatore di Maria e celebratore 
delle glorie di Lei. 

Sopra le due comunita e sull'intera Opera del Santuario- 



OEOPA 317 

presiede il ragguarevole uomo, che ogni tre anni viene eletto 
Eettore, e che essendo scelto tra i membri del Capitolo di 
Biella, si chiama Canonico Eettoie. Fortunate colui sul quale 
cade tauta scelta : piu che un'opera d'uomini, egli e chiamato 
a governare la Casa di Maria ! 



* * 



Quando si dice il Santuario, s'intendono, come e owio, 
aiiche gl'immediati diutorni di esso ; cioe diquel suolo e di 
quelle pendici, dov'esso si adagia e si protende, entro la cer- 
chia montuosa signoreggiata dalle due vette del Tovo e del 
Mucrone. Su quelle vette acuminate, nei pomeriggi estivi, noil 
di rado s'indugia la nuvola, che vela da quella parte legger- 
meiite il ssreno, e tal volta e foriera di procella. Allora si allarga 
e si addensa, e dal suo fosco seno guizza il lampo, scoppia la 
saetta e si rovescia un torrente di pioggia. E il temporale 
estivo, dopo di cui si rispiana il sereno e quelle creste taglienti 
e qaelle cime poco prima flagellate dal nembo, eccole risplen- 
dere fralacarezzad'oro dell'ultimo sole. 

fi arduo salire in cima a quei dirupati gioghi, e non e aiizi 
senza gran pericolo : ma pur si sale a qualche altezza, anche 
sal fianco del Miicrone, dove vaneggia un laghetto alpiuo, che 
tra la ferrigna asprezza di quei gioghi sta come un cristallo 
solitario : e da esso scaturigce il torrente Oropa. E sul giogo 
opposto al Mucrone si va alia Galleria Eosazza, che e un tra- 
foro scavato nelle viscere della montagna, e per traverse il 
qmle dalla valle d'Oropa si riesce come per incanto a quella 
verdissima di Andorno. 

Soprattutto souo dilettosi i sentieri che movendo dal San- 
tuario oftrono eomodita di amene passeggiate e di vaghe pro- 
spettive. TsTe per chi va lassu d'estate, e d'ostacolo la stagione ; 
perch& son luoghi ricchissimi d'ombra e, per 1'altezza del 
sito, tali che 1' estate non vi puo: di luglio e agosto vi spira 
il zeflro d'aprile. Unodegli ameni sentieri testfe ricordati porta 
al Campo santo ; che ad Oropa (e questa e un'altra meravi- 



318 OROPA 

glia del pio Luogo) non vi vanno solo, a moltitudini, i vivi,. 
ma tanti d'essi da Biella e d 'alt-rove vogliono esservi traspor- 
tati anche morti: cosigrandeela fiducia chela celeste Madre 
di Oropa ispira ai suoi devoti per la vita e per la morte! Esso 
sta in un'insenatura del monte e consta di due parti: nella 
spianato, una selvetta di lastre e di cippi f unerari, biancheg- 
gianti tni aiuoleecon in mezzo la croce; e sul pendio,sepolcri 
monumental! che tra il nero fogliame della selva spiccano pit- 
torescamente. II luogo e ermo ed alpestre, e pur quanda 
nella svolta del sentiero, appaiono d'improwi.so i bianchi 
marmi, sembra come un cimitero di grande citta : tante sono 
le tombe, e cosi belle e alciine cosi sontuose. Tra esse spicca 
anche quella d'un uomo che si segnalo nei fasti dell 'Italia re- 
cente,Quintino Sella, nn cui solenne monnmento sorgea Eoma, 
dirimpetto al gran palazzo delle Finauze, in memoria del- 
1'opera di lui a pro del dissestato pubblico erario. Ma quello 
fu monumento erettogli dagli altri ; ch^ quanto a se egli 
modestamente morendo nella sua Biella, non chiese se non 
che la sua spoglia mortale, senz'alcuna pompa, fosse por- 
tata a seppellire all'ombra del Sa.ntu.ario d 'Oropa : dove, in- 
fatti, riposa da quasi quarant'anni *. 

A risalire da quelle tombe tutto quel pendio montuoso si 
riesce sul dorso, dove sono le Cappelle del S. Monte. Di cap- 
pelle votive ad Oropa ve ne ha parecchie, antiche le piu r 
e sparpagliate nei dintorni.Ma qui intendiamo le cappelle di- 
sposte ordinatamente sulla schiena del S. Monte e che dedicate 
ai misteri della vita e mortedi Maria SS.a, si denominano cia- 
scuna dal mistero che vi e rappresentato, non a colori, ma 
con statue di grandezza naturale o quasi, assai atte a col- 
pire 1'ingenua fantasia dei fedeli. Le porte delle cappelle son 
chiuse, salvo un'inferriata, per la quale 1'occhio spia tanto 
piu bramosamente, quanto per 1'angustia dello spiraglio e^ 
piu diflftcile abbracciare intero lo spettacolo. Ecco p. es. la 
Cappella della Dimora di Maria SSma nei Tempio : una vasta 
sala di solenne architettura con archi e sfondi, e in essa le 

1 Cfr. Unitd Cattolica del 16 marzo 1884. 



OROPA 319 

donzelle del tempio che in diversa posa ed espressione inten- 
dono al lavoro. In posto cospicuo siede la Superiora o Diret- 
trice, sotto la cui materna vigilanza le giovinette, Chi fila, 
chi cuce e taluna anche legge, pereh'e col lavoro delle mani 
non manchi il pascok) spirituale. La Vergine e sulla destra, 
accanto alia Direttrice : ed e seduta con in seno un bianco 
lino in atto di cucire, mentre ai suoi piedi son due premu- 
rosi angioletti a servirla ed altri dall'alto le fanno corona! 

Xon tutte le scene sono della stessa ampiezza e grazia : 
innanzi a taluna per certe ingenuita di concetto e di atteg- 
giamenti puo venir anche da sorridere. E tuttavia quanti 
e quante fanno il giro di quelle cappelle, e vi bisbigliano 
preci, e vi lasciano 1'obolo o inseriscono tra le maglie dell'in- 
ferriata qualche fiore silvestre ! 

In queste cappelle la Vergine e rappresentata negli atteg. 
giamenti propri di ciascun mistero e della virtu che vi si ce- 
lebra : e sta bene che in un Santuario di Lei siano messi sotto 
gli occhi dei devoti tutti i singoli suoi pregi e le singole sue 
glorie. Ma la gloria di Lei che di tutte 1'altre e radice e com- 
pendio, e quella della Maternita divina ; onde nessuna piu 
bella rappresentazione di Maria che la semplice sua figura 
di Madre col Divino Pargoletto. Tra tutte le immagini 
- disse leggiadramente il p. Cattaneo - quelle, a mio cre- 
dere, portano il vanto, nelle quali Maria si figura col suo 
dolce Bambino o stretto al braccio, o pendente al collo, o 
recato in seno. Quando miro queste immagini, mi par di 
vedere il cielo col suo sole, la conchiglia con la sua perla, 
la palma col suo frutto, 1'anello con la sua gemma, il trono 
d'oro col suo Salomone J . 

Or di questa specie e appunto 1'immagine che per eccel- 
lenaa e la Madonna di Oropa ; e ad essa e tempo omai che ci 
volgiamo rientrando nel recinto del Santuario e 1& propria- 
mente dov'e il suo centre e il suo cuore, la chiesa. 



1 Opere del P. CARLO AMBROGIO CATTANEO d. C. d. G., nuova edi- 
zione. Milano, 1903, vol. Ill, p. 74. 



320 OEOPA 

*v 

Le pie moltitudini vanno ad Oropa per il luogo santo 
dov'e la celeste Oalamita, che ve le attira dalle piu lont.ane 
contrade. Esso sta nella piazza principale del Santuario, 
che ha intorno i portici attribuiti al luvara e in mezzo la 
fontana (il burnel) a simbolo forse di Colei che tra i mortali, 
e ad Oropa piil che altrove, e di speranza fontana vi- 
vace l . E di semplice architettura, ma piii d'ogni altra bel- 
lezza, vale quella che le viehe dagl'infiniti cuori d'argento e 
tavolette e c[uadri e oggetti votivi di ogni sorta che rive- 
stono le colonne, le pareti, le navate laterali, gli anditi, il 
portico, e staremmo per dire, ogni cantuccio : tutte note 
d'un inno silenzioso all'infinita liberalita di Maria. 

E pari a questa muta pieta delle pareti e quella viva dei 
f edeli che vi si adunano per le messe, per le prediche, per le 
funzioni e in tutti gl'intervalli, da mane a sera.E pregano ta- 
citi o cantano a grandi cori,o ascoltano la divina parola,o si 
affo llano ai conf essionali e, la mattina, alia sacra mensa. Tutti 
poisi accalcano, per quanto si pud, nella cappella della Ma- 
donna, ahime! fuor d'ogni proporzione angusta all'immenso 
ardore dei divoti. Quelli cui non riesce penetrarvi s'addensano 
sulla porta, e fanno coda, o aderiscono lungo le pareti esterne 
o in qualunque modo s'indugiano da presso. I fortunati son 
quelli di dentro, che mirano da vicino e senzaostacolol'Imma- 
gine taumaturga, e genuflessio in piedi pregano innanziad esga, 
con una fede, che sembra ardere nel loro occhio fisso, al pari 
di quelle faci, che illuminano la statua. Ed e una fede fatta piu 
profonda dal silenzio, che intorno regna, pur tra tanta folia, 
appena rotto da qualche singulto sommesso, dai bisbigli delle 
labbra oranti, dal suono argentine delle monete, che tante 
mani anche poverelle, lasciano cadere nel profondo seno del 
gazofllacio. Ma al silenzio s'alterna di tempo in tempo il 
suono e il canto ed allora gli affetti, prima contenuti, si spri- 

1 DANTE, Parad. XXXIII, 12. 



OROPA 321 

gionano possenti, e alle voci sposandosile note dell'organo, 
un fervidissimo coro di laudi sale a Dio e a Maria. 

Tra tante folle di devoti, non e possibile impedire che vi si 
traforino dei non devoti. Ma sono intmsi, che si sperdono nella 
moltitudine e non nuocono alia bellezza dello spettacolo che 
offre di continue la chiesa del santuario di Oropa. E spettacolo 
di piet& fervida e pur composta e serena, ma tanto piu atta a 
far colpo anche in uomini [non avvezzi a commuoversi per 
fatti religiosi. Ecco quel che anni sono suggeriva a Yittorio 
Bersezio la vista dei fedeli stipanti la chiesa di Oropa, e 
della f ede che aleggiava su di essi : E una f ede - scriveva 
egli - semplice, umile, fors'anco puerile, ma la cui ingenuita 
stessa ispira rispetto e commuove. Fra le tante migliaiadi 
visitatori... e assai probabile che non pochi scettici capite- 
Tanno colassu, disposti a schernire e compassionare quella 
che essi chiamano superstizione. Invece giunti la in mezzo 
nessuno schernisce, nessuno sorride. Quell 'am biente, tutto 
impregnate di fede, vi avvolge: se non credete, desiderate 
credere, invidiate quei credenti 1 . 

Ora il segreto di si mirabili effetti, chi non lo sa ? e 
nell'umile cappelletta che sta dietro 1 'altar maggiore della 
chiesa, e piti propriamente in quella Statua che vi si venera 
da secoli, ed e la celebre Madonna nera di Oropa. Benche 
nascosta, essa da quella sua nicchia grandeggia,come da uu 
trono, Kegina delle Alpi 2 , quale sara cantata nelle im- 
minenti feste centenarie, e Eegina dei cuori, quale fu sempre, 
per le tante grazie e prodigi onde da quel trono, regalmente 
muuiflca, benefico mille generazioni e ne fu alia sua volta 
benedetta. E regina e, come tale, ornata di manto e dia- 
dema, ritta in pie', con il Bambinello sul sinistro braccio 
e sulla mano destra un aureo porno sormontato dalla croce. 
35 nera, ma piu]_bella del sole agli occhi de' suoi divoti, pei 

1 Feste e pellegrinaijgi a Oropa, nel cit. vol. Ii Biellese]r>, p. 155. 

1 La regina delle Alpi e il titolo del libretto, musicato dall'insigne 
M. Magri, espressameute per le feste prossime della quarta centenaria 
incoronazione. 

3 Uivilt* Cattolica, 1920. vol. 3, quad. 1684. 21 13 agotto 1920. 



322 OROPA 

quali le tante gioie che ne irradiano la fronte e il petto,, 
non furono mai si belle, come quivi adoperate ad abbellire 
la Gioia dei loro cuori e del mondo. 

* * 

Or come essa e il principle e cagione di tutte le gran- 
dezze e meraviglie del pio Luogo, cosi e il termine di tutto 
quanto quivi si muove e si fa. Tra le forme d'ossequio di 
cui ad Oropa e termine la S. Immagine, sono le processioni, 
denominate ciascuna dal paese donde provengono. Uomini 
e donne in abiti da festa, veugono, dalle terre vicine, a faie 
omaggio alia Madonna, sotto la guida del parroco vestito di 
cappa. Vengono in bene ordinato corteo e tra pie cantilene, 
con innanzi il Crocifisso ed altri sacri vessilli. Le donne 
vanno innanzi, gli uomini indietro, il primo dei quali reca 
in mano solennemente un vassoio ricolmo di monete, che 
e il tribute del paese alia Santa Kegina, che essi vanno a 
venerare. E giunti infatti che siano alia chiesa, il parroco,. 
che in dietro a tutti, precede sino all'altare, dinanzi a cui 
1'uomo del vassoio consegna il tributo : e con esso ciascuiio 
offre alia Vergine il tributo dei propri affetti. 

Tra le processioni la piu solenne e quella che si tiene- 
il di della festa del Santuario, nell'ultima domenica di ago- 
sto, ed e la processione di Biella. Quella festa che e la mag- 
giore di quante nell'anno si celebrano ad Oropa, richiama 
il maggior numero di divoti ; sicche la moltitudine inonda 
i piazzali^ i portici, tutti gli spazi del sacro recinto, e trabocca 
di fuori nei dintorni campestri. la festa piu cara e dove 
a tutti piace trovarsi, e comincia fin dalla sera innanzi. 
Nella chiesa gremita si prega e siadora il SS.mo esposto, e 
all'una dopo mezzanotte esce la Messa. S'inizia allora la 
sfilata dei partecipanti al banchetto eucaristico, che con- 
tinua per tutte 1'altre messe sino alia tardamattinata.Alla 
luce dell'alba la moltitudine degli oranti s'accresce di quelli 
che nell'alta notte non vegliarono, e dalle diverse vie del 



OROPA 323 

Santuario si vedono volgeie il passo verso la chiesa. Comin- 
cia cosi la grande giornata, dove a onorar la Vergine tutto 
concorre, anche il sole chiaro e inondante della stagione 
abitualmente propizia, e la serena bellezza dei monti che 
fanno intoruo corona, e 1'azzurro sfavillante dei cieli. 

E nel vasto ambito del pio Luogo tutto & moto e vita 
per il sovrabboudar di genti varie di coudizione e di abito, 
per il rimescolarsi di colori e di forme, per un vasto rumore 
di voci e di pronunce different! ; si che a mirar specialmente 
lo spazio che cinge la chiesa si direbbe la piazza d'una citta 
in giorno di fiera : ma seiiza clamori, senza chiassi scom- 
posti. E una temperata allegrezza, un onesto contegno,cpme 
di gente che sa. di trovarsi su terra sacra e la veiiera. Le 
processioni, in quel giorno, sono parecchie, 1' ultima e 
quella di Biella. E un lunghissimo corteo dove al posto 
del Parroco v'ha il Vescovo della Diocesi in mitra e pa- 
storale, e con lui il Capitolo e dietro, in forma umciale. il 
Sindaco e la Giunta. La processione a passo lento e grave 
precede fra clue dense ali di popolo. Salita la scalea e tra- 
versato il portone della facciata monumentale, sfila lungo 
i portici del luvara, finche giunta dinanzi alia chiesa, piega 
ad angolo retto verso di essa e \i entrap mentre dall'interno 
1'accoglie il suono trionfale degli organi e dall'alto Paccom- 
pagna iJ concerto festoso delle campane. Essa e il tributo 
ufflciale che la citta di Biella rende annualmente alia Yer- 
gine, sua iusigne Patrona. 

Nondimeno questa festa piu solenne rispetto alle altre 
dell'anno, non e la piu solenne tra le feste di Oropa. Ve 
n'ha una che lassu si celebra ogni cent'anni : essa e la piu 
soleime ed e- quella dell'Iricoronazione del S. Simulacro, che 
sar& celebrata, per la quarta volta, il 29 di questo mese. IsToi 
parlammo a suo luogo clelle altre Incorouazioni precedent! : 
non possiamo parlar di questa che ancora non & awenuta. 
Ben pero ci e dato prevedere che sara solenne tra le solenni e 
ne abbiamo un segno in cio che il S. Padre v'inviera un suo 
proprio Eappresentante. Per le altre Incoronazioni i Papi del 



324 OROPA 

tempo mandarono 1'Indulgenza plenaria in forma di giubileo : 
questa volta il Pontefice felicemente regnante vi vuol essere 
anche personalmente rappresentato . S' aggiunga che P In 
via to Poutificio, & Sua Em. il Card. Valfre* di Bonzo, unito 
da speciali vincoli a qucl Santuario. Egli fu gi& Arcive- 
acovo di Vercelli, e, come tale, successore di S. Eusebio, 
a cui la tradizione fa risalire le prime origini del Santuario 
d'Oropa, e alia cui diocesi questo Santuario appartenne sino 
all'uscire del secolo xvrn. Quando poi, negli ultimi anni, 
da Vercelli, fu assunto alia Nunziatura Apostolica di Vienna, 
fece capo ad Oropa, e ai piedi della Vergine bruna venne a 
prostrarsi, per consecrarle la nuova missione, prima di re- 
carsi ad occuparne 1'altissimo ufficio. Ed ora tomato, none 
molto, da Vienna, e premiato con la Porpora Eomana degli 
eminent! servigi da lui resi alia Santa Sede e alia Chiesa, ec- 
colo scelto con manifesta opportunita a tornare ad Oropa, per 
rappresentarvi il Papa alle prossime feste, e per poire sulla 
fronte di quella Vergine il diadema della quarta Incorona- 
zione centenaria. 

Questo % f atto, che porra come il suggello aUe celebrazioni 
di Oropa, porge anche a noi materia di un voto con cui vo- 
gliamo concludere. Ed e che la maggiore solennita, dal S. Padre 
conferita alle feste centenarie per mezzo del suo insigne rappre- 
sentante, valga a fare dolce violenza al Cuore materno della 
Verginee neimplori il benigno sguardo sull'Italia e sul mondo, 
nelle pressanti necessita di questo momento storico. Cadendo 
questa quarba Incoronazione centenaria in tempi non quieti 
per 1'umana famiglia, ma di gravi angustie pel presente, e di 
piugravi trepidazioni pel future, voglia la Vergine di Oropa 
incoronata dall'Inviato di Oolui, che teste invocava la piena 
riconciliazione tra i popoli tutti e tutte le classi sociali, voglia 
alia sua volta coronare le secolari sue misericordie restituendo 
al mondo travagliato quella pace, che pur essendo finita la 
guerra, ancora non v'e e da tutti s'invoca e si sospira, pace 
vera e universal e. 



IL PROBLEMA DELLA TERRA 1 



II. 

InsuBfiistenza delle ragioni filcEcfi che per giustificare la socializzazione 
del suolo. 

La storia non si presta a giustificare Ja socializzazione 
del suolo; epercidi fautori di questo nuovo ordinamento hanno 
tentato di rivolgersi alia filo Sofia del diritto per chiederle 
dei titoli che potessero costituire una legittimazione della 
loro utopia. E non e stato difficile trovarne. L'armamentario 
della sofistica non fc sempre aperto a tutte le tesi, a tutti gli 
equivoci, a tutti gli assurdi ? QuaP& quella causa, per quanto 
disperata, che non trovi difensori ed ingarbtigliatori in gran 
numero ? 

La socializzazione ha cosi avuto i suoi awocati, di cui e 
questa la principale dif esa: - Tutti gli uomini sono uguali e 
godono dello stesgo diritto all'esistenza. Chiunque viene chia- 
mato ad assidersi alia mensa della vita, come tutti- r coloro|che 
Phanno preceduto, come tutti coloro che lo seguiranno, 
ha ugualmente diritto all'aria, all'acqua, alia luce, al calore 
e alia terra. 

Ecco, ad esempio, come si esprime Enrico George in 
una lettera aperta^a Leone XIII, a proposito della Rerum, 
Novarum. 

Questo mondo e la creazione di Bio. Gli uomini che vi 
stanno per il breve periodo della loro vita terrestre, sono tutti 
ugualmente creature della sua fcontaed egualmente sottopost* 
alia sua prowidenza. Per la sua costituzione Puomojdipende 
da bisogni fisici in modo che la loro soddisfazione e richiesta 
non solo per mantenere la vita fisica, ma anche perfar progre- 
dire la vita intellettuale e morale. Dio ha voluto che la BOddis- 

1 Contmuazioue. Ved. quad. 1682 (17 luglio 1920), p. 97 segg. 



326 IL PROBLEMA BELLA TERBA 

fazione di quest! bisogni dipendesse dall'attivita stessa del- 
1'uomo, dandogli il potere ed imponendogli 1'obbligo di la- 
vorare... Dio non ha imposto all'uomo di far mattoni senza il 
fuoco : col bisogno e col potere di la vorare, Egli hafornito an- 
cora all'uomo il materiale per lavorare. Questo materiale e 
la terra - 1'uomo essendo fisicamente un animale terrestre, 
il quale non puo vivere che sulla terra e della terra, ne 
f ruire degli altri elementi, oome 1'aria, il calore, 1'acqua senza 
far uso della terra. Essendo tutti egualmente creature di 
Dio, con uguale titolo a vivere sotto la sua prowidenza la 
loro vita, e a soddisfare ai loro bisogni, hanno tutti lo stesso 
diritto ad usare la terra, ed ogni ordinamento che negasse 
questa eguaglianza e moralmente ingiusto 1 . 

Caino ed Abele, quando erano soli sulla terra, potevano 
pure dividersela fra loro. E, data questa convenzione, cia- 
scuno avrebbe potuto rivendicare contro Paltro il diritto 
esclusivo alia sua parte. Ma nessuno dei due poteva sostenere 
legittimamente una tale pretensione di f ronte al primo uonao 
venuto dopo di loro al mondo. Perche, non venendo alcuno 
sulla terra senza il volere di Dio, la sua presenza attesta il 
suo|eguale diritto all 'uso dei doni diDio.Negargli adunque 
1'uso della terra fra loro divisa, sarebbe state un assassinio 2 . 

Queste idee sono la ripetizione fedele di quelle ch'egli 
aveva espresso in un'opera,|che ebbe il suo quarto d'ora di 
celebrita, e fu tradotta nolle principal! lingue del mondo : 
Progress and Poverty. Anche qui 1'autore giuoca sullo stesso 
equivbco con cui si scambia il diritto astratto col concrete 
diritto all'esistenza. Anche qui /o stesso acrobatismojdialet- 
tico, col quale si vuole dedurre il diritto effettivo al suolo, dal 
diritto che si ha alia vita. L'egual diritto di tutti gli uomini 
di usare della terra e cosa tanto evidente, come 1'ugual di- 
ritto a respirare 1'aria e un diritto proclamato dal fatto della 

1 HENRYJGEOEGE. The condition of labor. An open letter to Pop 
Leo XIII. New York. 1891, p. 4. Tradotta in italiano da LUDOVICO 
.^ Torino. - 1891, Cfr. Civilta Cattolica, 16 genn. 1892, p. 194^ 
* HENRY GEORGE, op. c. p. 7. 



EL PROBLEMA BELLA TERRA 327 

loro esistenza; giacche noi non possiamo supporre chedegli 
uonaini abbiano diritto a stare in questo mondo, ed altri no. 
Se noi siamo qui per lo stesso volere del Creatore, non siamo 
tutti qui rivestiti di un pari titolo al godimento della sua li- 
beralita, con un pari diritto a servirci di cio che offre impar- 
zialmente la natura ? l . 

Certamente, nessuno vorra contrastare il diritto che ha 
ogni uomo a vivere e a provvedere ai suoi bisogni coi prodotti 
del suolo, e questo diritto, fondato sulla natura specifica 
dell 'uomo, e uguale in tutti gli esseri umani. Ma questo di- 
ritto astratto egenerico ecosa bendiversa dal diritto concrete, 
attuale, particolare. II primo e unico, come & unica la natura 
specifica dell'uomo ; 1'altro e molteplice e variabile, perche 
in balla al flusso della realta, cosi multiforme e complessa. 
II diritto alia vita, discendendo dalla sommita ideale per farsi 
concrete e individuarsi nel fatto, assume rilievi, colori, atteg- 
giamenti indefinitamente varii. Questi e un deficiente o un 
paralitico, vivra della beneficenza pubblicao privata: quegli 
e sano e robusto, vivra del lavoro delle sue braccia. Questi e 
fannullone ed abulico, otterra minor copia di beni ; quegli 
e laborioso, solerte, framettente; avra una parte maggiore 
al comune benessere. Questi ha trovato alia sua culla una 
somma di onesti risparmi dei suoi genitori; potra vivere agia- 
tamente, ammjnistrando la sua eredita; quegli non ebbe altra 
eredit^ che i suoi mu.<?coli; ed ai mu?coli deve amdare le sue 
speranze. 

Cosi dal diritto astratto alia vita non sorge necessaria- 
menteil diritto concrete alia terra, ne ad una uguale porzione 
di essa, n^ ad una uguale somma dei frutti, ne per ciascuiio 
gli stessi vantaggi ; ma solo che ogni uomo ha diritto, diritto 
personale e non reale, a procurarsi col suo lavoro sia diretta- 
mente sulla terra, sia nelle Industrie modificatrici dei prodotti 
terrestri, sia nel trasporto di questi stessi prodotti naturali o 
artificial!, sia con altre forme di operosita mtellettuale, este- 

1 HENRY GEORGE, Progress and Poverty. New York, Jon. W. Lovell 
p. 243. 



328 IL PROBLEMA BELLA TERRA 

tica, morale - i mezzi necessari ed utili alia vita. E per questo ' 
avra bensi bisogno del frutti del suolo, ma non degli uguali 
diritti del suolo medesimo. La terra puo benissimo fornire a 
tutti gli uomini gli aliment! e tutti i mezzi di sussistenza, 
ancorche alcuni di loro non ne abbiano proprieta privata 
e nessuno il possesso collettivo. 

La terra, dice Leone XIII, sebbene divisa fra i privat\ r 
resta nondimeno a servigio e beneflzio di tutti, non essendovi 
uomo al mondo, che non riceva alimento da quella. Chi non 
ha beni proprii vi supplisce col lavoro, tantoche puo affer- 
marsi con verita, mezzo universale da prowedere alia vita 
dell'uomo essere il lavoro impiegato o nel coltivare un terreno 
proprio, o nell'esercitare un'arte, la cui mercede in ultimo si 
cava dai molteplici frutti della terra, e in essi viene commu- 
tata 1 . 

Ne si dica che chi ha diritto al lavoro deve,perche quel 
diritto non sia illusorio, godere del libero uso di cio che gli e 
necessario al lavoro, conseguentemente della terra 2 . 

II diritto al lavoro e, ripetiamo, diritto personals e non 
reale. Infatti sarebbe veramente strano che il macchinista, 
perchfe ha diritto a lavorare, dovesse a suo talento adoperare 
la prima macchina che trovi, e il lustrino potesse, in omaggio 
ai proprii diritti, fermare un qualsiasi cittadino per lustrargli 
le scarpe. 

II diritto al lavoro e una manifestazione particolare della 
liberta individuale; come questa, non e cosi ilUmitata ed as- 
soluta, fino a degenerare nella negazione dei diritti altrni. 
Esso adunque richiede che non sia ingiustamente intralciata 
la libera operosita umana, e che sia cosi configurate 1'ordina- 
mento economico, che tutti possano trovarvi una qualche? 
occupazione. 

1 Encicl. Rerum novarum. 

2 Cfr. HENRY GEORGE, Progress and Poverty, p. 242. 



IL PROBLEMA DELLA TERRA 329 

*** 

DalPuguale diritto alia vita non puo logicamente dedursi 
nn ugual diritto alia terra e per conseguente una legittima- 
zione del collettivismo agrario. Ma se una deduzione rigorosa- 
nxente logica dovesse ottenersi, questa sarebbe contro gli 
stessi principii del George, che vorrebbero restringere la so- 
cializzazione soltanto al suolo. 

Infatti, se il diritto a vivere crea il comune diritto alia 
terra, perche necessaria ed indispensabile alia vita, allora 
molti altri beni non solo immobili, ma anche mobili dovreb- 
bero essere socializzati ; pereh& non so no meno necessarii 
alle esigenze della vita. Perch& non dovrebbero socializ- 
zarsi , ad esempio, le abitazioni, le stoffe, gli animali, le varie 
produzioni della terra, se queste non sono meno necessarie 
per vivere ? Con qual diritto si dovrebbe socializzare la 
proprieta fondiaria e lasciare poi sussistere la proprieta in- 
dustriale ? 

Un comunismo dunque che si estendesse non solo a tntti 
i mezzi di produzione, ma anche a tuttiigeneri di consume, 
sarebbe, se non altro, assai piu logico, perche non si ferme- 
rebbe a mezza strada nelle applicazioni delle sue premesse. 

Ma la terra, come Paria, il sole, il vento, euna ricchezza 
naturale, un regalo gratuito della Prowidenza, un bene co- 
mune dell 'eredita primitiva di tutta la specie 1 . Tutto Pin- 
sieme di questo ambiente naturale, che di per se stesso non e 
un prodotto umano, ma e la base indispensabile di ogni pro- 
do tto, il mezzo imprescindibile, necessario per il manteni- 
mento stesso della vita, e di per s^ stesso un tesoro comune, 
sul quale ciascun uomo nascendo acquista un diritto impre- 
gcrittibile e sacro 2 . 



1 STUART MILL. Principii di economia politico, in Biblioteca dell'econ. 
l a serie, vol. 12, p. 608. 

2 GIOVANNI CARELLO. La cosmopolis condenda col riscatto della terra. 
Torino 1915, p. 2. 



330 IL PROBLEMA BELLA TERRA 

A chi & dovuto, si domanda uno dei piu roventi nemici 
della proprieta privata, 1'affltto di un fondo ? - AI produttore 
del fondo, senza dubfro -. Ma chi ha prodotto la terra ? 
Dio. - In questo caso, proprietario, ritirati. 

Ma i] creatore della terra non la vende, egli la dona, e 
donandola non fa accettazione di persona. Come dunque, 
fra tutti i suoi figliuoli, alcuni trovansi considerati come pri- 
mogeniti ed altri come bastardi ? Come mai se 1'eguaglianza 
delle parti fu di diritto original e, 1'ineguaglianza delle condi- 
zioni 6 di diritto postumo ? l . 

Notiamo dapprima che la parita della terra con altri beni 
naturali, su cui non va estesa la proprieta, come sarebbero 
I'atmo&fera, gli oceani, la luce e simili, e del tutto ingiustifi- 
cata. 

Se identica e 1'origine, non & identica la loro natura. 

Mentre all'aria, ai venti, ai mari 2 non puo applicarsi un 
titolo giustificativo di appropriazione, come 1'occupazione 
e il lavoro, mentre tali beni possono offrire i loro servigi al- 
1'uomo, in modo chel'uomo puo sfruttarne qualunque parte 
senza nuocere ad alcuno, giacch& so no praticamente illi- 
mitati ed inesauribili ; mentre, date siffatte condizioni, 1'ac- 
cesso comune e libero a cotali beni non puo risolversi in un 
confusionismo genera to re di violenze e disordiui ; la terra in- 
vece per la sua stabilita e consistenza puo accogliere e mani- 
festare i segni giustificativi dell'occupazione, puo di venire il 
serbatoio di sforzi accumulati che accrescono a dismisura la 
sua fecondita, puo dunque so tto stare all'ordinamento della 
proprieta privata ; deveanzi sottostarvi se 1'interesse sociale, 
deUa produzione e della- concorde convivenza degli uomini, 
co si richiedonoj lo deve, se questo 6 un postulate della civilta. 

Ma il nodo principale della difficolta, su cui i socializza- 
tori della terra pensano di trovare una trincea inespugnabile, 
sta in quel policromo effato : - La terra e un tesoro comune-. 

1 PKOUDHON. Qit'est-ce qwe la proprittt. Paris, 1849, p. 22. 

2 Bisognerebbe eccottuare i mari litorali, sui quali si potrebbe disou 
tere se possano o no soggiacere all'appropriazione. 



IL PROBLEMA BELLA TERRA 331 

S. Tommaso ha gia da tempo rispostoa questa obbiezione, 
issando nettamente il significato che deve essere attribuito 
voce comune. 

La comunita delle cose si attribuisce al diritto naturale, 
non gia perche il diritto di natura detti che tutte le cose deb- 
mno possedersi in comune, e niente si abbia da possedere 
jome proprio, ma perche secondo il diritto di natura non vi 
5 distinzione di possessione x . 

Sicehe la terra e una ricchezza comune, prima di tutto in 
un senso negative, giacche nessuno e stato determinatamente 
ndicato dalla natura, perche si abbia o no questa o quella 
>arte del suolo : questa determinazione sorge da un fatto 
contingente. In secondo luogo ha un senso positive, perche 
dalla terra ogni uomo deve in un modo o in un altro, diretta- 
mente o indirettamente, attingere la propria alimentazione. 
per questo evidentemente non e necessario il comune pos- 
sesso della terra. Non tanto con la proprieta fondiaria, ma 
col sudore della propria fronte deve ottenersi il pane. In sw- 
dore vultus tui vesceris pane 2 . 

Nella Rerum Novarum, Leone XIII, dietro le orme di 
S. Tommaso e di tutto 1'insegnamento tradizionale cattolico, 
iosl risponde a questa obbiezione: L'aver dato Iddio la 
erra ad uso egodimento di tutto il genere umano, non si op- 
pone punto al diritto della proprieta pri'vata, poiche quel 
iono |egli fece a tutti; non gia in quanto tutti ne doves- 
Jero avere un comune e promiscuo dominio, bensi in quanto 
non assegno veruna parte del suolo determiuatamente ad al- 
3uno, lasciando cio all'industria degli uomini e al giure spe- 
nale dei popoli. La terra per altro, sebbene divisa fra i privati, 
esta nondimeno a servigio e benefizio di tutti, non essendovi 
lomo al mondo che non riceva alimento da quella . 

1 Comiminitas rerum attribuitur iuri natural!, non^quia ius naturae 
iictet omnia possidenda communiter et nihil esse quasi proprium pos- 
lideuduin, sod quia secundum ius naturae est distinctio possessiouum 
Bumma Th. 2. 2. q. LXVI, a. 2 ad lim. 

1 Genesi, III. 19. 



332 IL PROBLEMA DELLA TERRA 

*** 

Ma un'altra considerazione potra ancora meglio dimo- 
strarci la miseria logica del gran jjprincipioj uocialistico.|;La 
terra, si dice, e proprieta comune, appartiene al popolo . E sia. 
Nazionalizziamo dunque tutte le terre, espropriamo gli espro- 
priatori. - Benissimo. - Ma a chi dovra essere affidata quee.ta 
propriety ? Allo state? al comune? al sindacato? alia eol- 
Jettivita insomnia - qualunque essa sia. Qui sta il punto. 

Questa collettivita dovra certamente si'ruttare i fondi 
con esclusione di altri comuni, di alt-re coHettivita. E alloia. 
tutte le critiche, tutte le recrimiEazioni, tutte le diffkolta 
con cui si cpmbatte la proprieta privata, si rovesciano contro 
la proprieta comunale o nazionale. Se un individuo ECU puo 
di fronte ad un altro individuo va'ntare alcun diritto di pro 
priet^ fondiaria, come lo puo un popoJo di fronte ad unfaltii 
popolo, se la terra e il tesoio non di questo o di quell'altio 
popolo, ma di tutta la famiglia umaca ? Con qual diritto 
i Lombardi, ad [esempio, colth-erebteio ]a Tallata uberto- 
sissima delPo, e ne escluderebbero i montanari della^ S^-iz- 
zera confinante ? E perche dei baeini carboniferi^delJa Francia 
settentrionale non dovrebbero partecipare gli [Svizzeri e 
gl'Italiani che ne sono deltutto sforniti ? 

La proprieta collettiva comunale, domanda P. Leioy- 
Beaulieu, sarb forse piu giusta che la priyata proprieta ter- 
riera ? Non tutti i comuni avrebbero la stessa estensione di 
territorio relativamente alia popolazione; non tutti avreb- 
bero un suolo egualmente fertile... Gli uni allora, invocando 
1'occupazione, il lungo possesso, il JaToro, il tacito contratto, 
la legge, potrebbero mettersi al sicuro dalle rivendicazioni 
degli altri ? Ma come 1'occupazione, il lungo possesso, il la- 
voro, il tacito contratto o la legge, che non sono punto suffi- 
cienti a giustificare la "proprieta individuale, sarebbero poi 
valide giustiflcazioni per la proprieta collettiva di un comune 
che il caso ha posto inun suolo ricco, rispetto ad altri;comuni 
che il caso ha collocate in un territorio povero ? Se la pri- 



IL PROBLEMA BELLA TERRA 333 

vata propriety fondiaria & un furto ed un'usurpazione, la 
proprieta fondiaria comunale non e meno un'usurpazione 
ed un latrocinio; i ruvidi abitatori della montagna hanno il 
diritto diprecipitarsi sugli abitanti della vallata o dellapianura 
e strappare loro una parte del raccolto. I popoli poveri, come 
quelli del centro o del nord dell'Buropa, delle steppe o delle 
pianure central! dell 'Asia, hanno ancora lo stretto diritto d'im- 
porre uu tribute ai popoli che si trovano su territori piu fer- 
tili. Si ritorna al oaos,all'assenza d'ogni diritto, eccetto quello 
della forza *. 

jSe si vuole essere coerente al principio della comune pro- 
priet& della terra, bisogna non solo abolire la proprieta indi- 
viduale ma anche la comunale, la nazionale e qualsivoglia 
altra proprieta, per metteretutto nelle mani delgenereumano 
senza distinzione di luoghi o di schiatte. H collettivismo 
internazionale sarebbe cosi 1 'ultima parola che si dovrebbe 
necessariamente accettare. Ma di fronte ad una enormita 
di questa fatta, si spiega il perch& una gran parte dei socia- 
list! preferisca fare di meno della logica, anzichfe spingersi 
ad un'ultima conseguenza che mostra i caratteri dell'impos- 
sibilita pratica e dell'assurdita teorica. 



* 
* * 



Un'altra accusa mo ssacontro la ^proprieta fondiaria ^ que- 
sta: 1'asseuza di un titolo valido a legittimarla. II titolo filo 
soflco, ossia il diritto innato nell'uomo di affermare i] suo do- 
minio sulle cose esteriori, diritto che germina dalla necessita 
della sua conservazione e dai bisogni complessi impost! dalla 
conservazione sia inlividuale come familiare e sociale, e sem- 
plicemente un potere che non si trasf orma in un effettivo eser- 
cizio senza un fatto che costituisca il fondamento giuridico 
della proprieta. 

Per i patrocinatori deila nazionalizzazione della proprieta 
rurale, questo fatto sarebbe il lavoro. Cio che ^ prodotto del 

1 Essai sur la repartition des richesses, Paris, Guillaumin', 1883, 
p. 67. 



334 IL PROBLEM A BELLA TERRA 

lavoro, puo essere oggetto di proprieta individuale, e poiche> 
la terra non e una "creazione del lavoro dell'uomo, non puo 
essere sottoposta all'approvazioneparticolaredegli individui. 

II George fa di questo argomento il suo cavallo di batta- 
glia. Che cosa e che costituisce la base giuridica della pro- 
priteta t Chi e che da all'uomo la facolta di dire di una cosa: 
e mia? Donde pullula il sentimento che gli riconosce il suo 
esclusivo diritto di f route a tuttif ISTon deriva anzitutto da 
cio che Puo mo ha diritto su se stesso, e di potere esercitare le 
sue facolta, e di godere del frutto del suo lavoro?... Come 
Puomo appartiene a se stesso, cosl il suo lavoro, fatto con- 
creto, in qualche forma gli appartiene... Non vi puo essere 
nessun altro giusto titolo di appropriarsi qualche cosa che 
non sia derivato dal titolo di produttore l . 

Questo diritto di proprieta, che ha la radice nel diritto 
dell'individuo su se stesso, e Punico diritto pieno e complete 
di proprieta. Esso e inerente alle cose prodotte col lavoro, 
ma non a cio che e create da Dio. Cosi se un uomo prende 
un pesce dal mare, acquista un diritto di proprieta su 
quel pesce, il quale diritto esclusivo egli puo per vendita 
o donazione trasferire ad altri. Ma egli non puo acquistare 
un simile diritto di proprieta sul mare, in modo che possa 
venderlo o donarlo, o impedire che altri se ne giovi... Oppure,. 
se egli coltiva del grano, acquistera un diritto di proprieta 
sul grano che il suo lavoro produce. Ma non potra acquistare 
un diritto di proprieta sul sole che lo fece maturare, ne sul 
suolo sul quale crebbe 2 . 

Secondo questa nozione della proprieta, che e del resto la 
nozione del Locke e del Bouseeau, come ancora di un buon 
numero degli economisti della scuola classica, quali Eiccardo,. 
Carey, Bastiat, Portalis ecc., bisogna dividere in due classi 
gli oggetti esteriori : alcuni so no i prodotti dell'uomo, altri 
sorio donigratuiti della natura. Solo i primi, chepossono con- 
siderarsi come manifestazioni esteriori dell'operosit& umana, 

1 Progress and Poverty, p. 240. 

* The condition of labor. An open letter to Pope Leo XIII. 
York 1891, p. 4... 



1L PROBLEMA BELLA TERRA 335 

e quasi 'dncorporazioni del lavoro , debbono essere oggetti 
di appropriazione, cosl, dice il George, come il pesce, frutto 
dell'azione della pesca, ma non il mare appartiene al pesca- 
tore; come il grano, frutto del lavoro agricolo, ma non il 
suolo appartiene al contadiuo. 

Ma questo principio (inesatto, come vedremo) che solo il 
lavoro sia fondamento giuridico della proprieta, puo essere 
facilmente capovolto e riuscire ad una direzione ben diversa 
da quella a cui mira il sbcialismo agrario. II suolo pro duttivo 
non ha forse, a causa del lavoro, ricevute modificazioni cosi 
profonde da potersiconsiderarecome un prodotto dello sforzo 
umano ? II diboscamento, la correzione dei fiumi, le costru- 
zioni edilizie, la sistemazione stradale, gl'impianti idraulici, 
le oolmate, il drenaggio, il dissodamento, tutte le opere di 
boniflca, tutti i miglioramenti fissi ed inseparabili dalla 
terra medesima, che da nutrice di rovi e di sterpi ne fanno 
la madre di biade e di messi, non danno il diritto di anno- 
verarla fra i prodotti del lavoro ? 1 . Chi coltiva il suolo non 
produce solo il grano, ma inserisce nella terra unapotenzia- 
lit& produttiva che essa non aveva dalla natura, e che come 
la messe e un prodotto dell'uomo. Un giardino, un vigneto, 
n orto, una risaia non sono una creazione del lavoro ? 2 

Certamente, 1'uomo non crea ex niMlo ; ha bisogno di 
una materia sulla quale la sua operosita paziente ed indu- 
striosa sommer& 1'uno dopo 1'altro i suoi sforzi sapienti i 
1'uomo mesce, divide, ordina, trasferisce, modifica, crea, in 

1 II campodissodato dalla mano e dalFarte del coltivatore non e piu 
quel di prima: da silvestre e divenuto fruttifero, da sterile ferace. Quest! 
miglioramenti prendono siffattamente corpo in quel terreno, che la mag- 
gior parte ne sono inseparabili . Cosi LEONE XIII, nella enciclica Eerum 
novarum. 

8 Ecco come il P. TAPAKELLI svolge da pari suo questo stesso con- 
cetto : Ha 1'uomo il natural diritto di proprieta sui mezzi di conserva- 
zione ; ma questa proprieta si estende naturalmente anche ai fondi 
da cui questi mezzi si traggono ? Per rispondere al quesito debbo io do- 
mandar prima: I frutti delle fatiche p.ereonali sono eglino proprieta di 
chi fatica ? A tal quesito la risposta non e malagevole. Se in vista della 
sola umanita io non posso essere astretto alservizio altrui,... egli e chiaro 
che ci6 che io opero e di mio diritto, essendo parte di me perche mio ef j 



336 IL PROBLEMA BELLA TERRA 

una parola, delle forme, ma non delle sostanze. Queste deve 
mutuarle dalla natura. E allora non vi e nessun prodotto 
in cui non si trovi un elemento, che 1'intelligenza puo chia- 
ramente distinguere, ma che e spesso praticamente inse- 
parabile; elemento che non e prodotto dall'uomo. La casa 
e opera dell 'no mo, ma le pietre, 1'arena e le altre materie, 
non sono un prodotto del lavoro : una macchina e un'opera 
dell'ingegno umano; ma il ferro, il vapore, il carbone non 
sono altro che doni della natura. Se dunque la proprieta 
fondiaria fosse ilJegittima, perche contiene un elemento 
che non e frutto del lavoro, allora nemmeno la proprieta 
industriale potrebbe giustificarsi, ne.a rigore qualsivoglia 
altra proprieta. 

* 
* * 

Ma e poi il lavoro titolo primitive ed esclusivo della 
proprieta? Che costituisca un mezzo valido, perche 1'uomo 
possa legittimamente acquistare, nessuno lo esclude ; ma 
che sia 1'originario titolo della proprieta, non e possibile 
ammetterlo. 

Perche il lavoro possa darsi, bisogna presupporre un pos- 
sesso ahtecedente su la materia, a cui il lavoro si applica, 
se per lavoro s'intende 1'azione modificatrice o trasforma- 
trice degli oggetti esteriori, e non il semplice atto con cui 

fetto, e 1'effetto 6 parte della sua cagione, giacche e contenuto nella cagione 
e da lui dipendente. 

Or se 1'uomo ha diritto alle proprie opere, la proprietd, estende na 
turalmente i suoi diritti sui fondi stabili, giacche naturalmente essi abbi 
sognano di coltura stabile per provvedere al genere umaixo uello stato di 
naturale propagazione. Coloro che ool Mirabeau sostengouo che al mo 
meuto che 1'uomo ha raccolto il frutto, i terreni tornano (secondo natura) 
al possedimento comune o debbono supporre che il terreno dissodatoft 
i pozzi, i canali, le piantagioni, gl'inneati ecc., non sieno nell'ordine di na- 
tura necessari all'uman genere moltiplicato; o che non sieno opera del* 
1'uomo ; o che 1'uomo possa seco asportarli colla vendemmia e colle 
mesai ; e che altri abbia diritto sulle opere del primo colti vatore. Le prime 
tre asserzioni sono smentite dal fatto, 1'ultima dal dritto di naturale indi 
pendenza per cui ciascuno lavora a se solo . Saggio teoretico di diritto na+ 
turale, nn. 406 e 407. 



1L PROBLEMA BELLA TERRA 337. 

.altri s'impossessa delle cose e che costituisce Voccupazione. 
Questa non e altro che esercizio dell'operosita deli'uomo, 
quello invece e un esercizio economicamente produttivo. 

Se il lavoro soltanto desse il diritto all'appropriazione, 
vi sarebbero beni, che non potrebbero legittimamente ap- 
partenere all'uomo. I prati, i boschi, i frutteti, gli animali, 
un tesoro casualmente trovato, e molti altri beui consimili 
servo no all'uomo, ancorche non intervenga il lavoro pro- 
priamente detto, ma solo 1'bccupazione. Questa dunque, 
non quello, e il fatto iniziale determiiiante della proprieta. 

Qaesta prova razionale viene confermata da un fatto 
d'istinto, che puo osservarsi non pur nell'uomo, ma perfl.no 
nel bruto ; vale a dire da quella uaturale indignazione con 
cui ci sentiamo rapire il gia posseduto. Osservate due fan- 
xjiulli che corrono a gara per afferrare un pomo : il vincitore 
che ne avrebbe portato in pace la perdita, se fosse state pre- 
venuto da] competitore, con qual senso di sdegno sel vede 
rapire, se questi, abusando di una forza superiore, glie lo 
voglia strappar di mano ! E con quale stizza vedete ringhiare 
una mastino a cui il compagno voglia strappar di bocca 
un brano di quelJa carne che gia egii afferro ! Lungi da me 
11 pensiero di dare al cane idea di diritto : egli si muove, o 
piuttosto e mosso pel naturale istinto ; ma questo istinto 
ci mostra che la Provvidenza creatrice vide esser necessita 
nell'animale il possesso pacifico del bene occupato, e ne im- 
presse n,ei bruti stessi un cotal rispetto naturale che frena 
non di rado il phi forte anche a fronte del piu debole 1 . 

( Continua) 

1 TAPARELLI, 'Saggio di diritto naturale, n. 403. Cfr. LIBERATOKE, 
Principii d'economia politica. Roma, 1889, p. 151. VERMEERSCH, Quae* 
stiones de iustitia. Brugis 1904, p. 279. ANTOINE, Corso d'economia 
-aoeiale, Siena 1901, p. 463. GARRIGNET, R6gime de la propri&t. Paris, 1907, 
p. 205. STECCANELLA, Del comunismo. Roma 1882, p. 165. RYAN* 
Distributive Justice. New York, 1919, p. 24. C ATHREIN, PhilosopMa 
moralis. Friburgi, Brisgoviae 1893, p. 208. 



4 Oivilto Cattotiea, 1920, vol. 3, quad. 1634. 22 13 agosto 1920. 



EVOLUZIONE 

STAB1LITA DELLE SPECIE? 1 



III. 

La trasmissibilita dei caratteri Carlo-Roberto Darwin e la sua teoria 
la selezione naturale 1'illusorio potere dell'agente trasforma- 
tore delle specie 1'abbaglio del Darwin. 

Lo studio della teoria del Lamarck ci ha condotti a toccare 
una parte soltanto della vasta ed intricata questione, che ri- 
sguarda la trasmissibilita dei caratteri. fi ovvio che il problema 
non si pud risolvere con un'unica risposta d'indole generale, data 
la moltitudine dei caratteri disparatissimi, ed i loro possibili 
legami con cause differenti. Non solo i caratteri specifici, ma an- 
che quelli, che sono proprii della razza, si possono trasmettere, 
come ci conferma la costante esperienza, la quale eccettua sol- 
tanto il caso degli indrvidui inostri. II sesso invece non oftre tale- 
prerogativa, laddove certi caratteri teratologici, quando sono ve- 
ramente innati, ed escludono una causa esterna d'arresto di svi- 
luppo, od un trauma intra-uterino, vengono talvolta ereditati 
per qualche generazione, e poi scompaiono senza lasciare traccia* 

Comuni sono infatti gli esempi di dita soprannumerarie, o 
saldate in due blocchi, che si tramandano per via ereditaria. In 
generale i caratteri innati propriamente detti, siano essi anato- 
mici, fisiologici o pficologici, possono venir trasme a si dai parenti 
alia prole, senza tuttavia implicare una uecessita di fatto che 
si estenda a tutti gl'individui. 

Ben poco e quel che la scienza puo dire sulla durata della 
Irasmissione dei caratteri innati, sulle regole con cui si compie, 
e sulle modiftcazioni, che per avventuia sopiav\engono neisuc- 
cessivi passaggi. Una causa frequente d'errore in questa materia 
& la poca critica nelP esaminare se an determinato carattere 
individuale sia in realta innato owero recisamente acquisito ; poi- 
ohe la confusione su tal punto ha originato i piu gravi abbagli- 

1 Continuazione. Ved. quad. 1683 (7 agosto), p. 223 segg. 



BVOLT7ZIONE STABILITl DELLE SPECIE? 339 

Per carattere acquisito s'intende quello, che compare nell'orga 
nismo senza essere prima state presente o rappresentato in qual- 
che modo nelle due cellule germinali avanti la loro fusione, o 
nell'ovocellula fecondata. Esso pertanto e una modificazione 
delt'organismo provocata da una causa esterna ed accidentale, 
di guisa che, se questa fosse mancata, il cambiamento non si 
sarebbe giammai prodotto. I fattori di tali modificazioni si ri- 
ducono generalmente a oerte malattie, alle mutilazioni, alle con- 
dizioni universali deU'ambiente, come la temperatura, la luce ecc. 
ed all'uso e non-uso degli organi. Orbene tutti gli effetti di quest! 
fattori - e sono appunto i veri caratteri acquisiti - non si tra- 
smettono per Peredita. 

Le malattie infettive, come il tifo, la difterite, la scarlattina 
ed altre, producono nell'uomo un'immunita duratura. che diventa 
tin carattere acquisito, personale, il quale tuttavia non passa 
ai discendenti. E quei casi speciali di bimbi non infetti, nati 
durante il corso d'una di queste malattie della madre, qualora 
anch'essi ne escano immuni, non provano punto la trasmis- 
sione del potere immunitario, ma soltanto che le tossine materne 
per la via della placenta pervennero al feto, e ridestarono in lui 
Pimmunita, come se esso fosse stato direttamente colpito dal 
morbo. Le lente intossicazioni invece, come 1'alcoolismo ed il sa- 
turnismo, e cosi pure la tubercolosi e la sifilide, causano altera- 
zioni caratteristiche nel paziente, le quali a loro volta possono 
modificare anche le cellule germinali, in modo da indurre muta- 
zioni edistrofie nei discendenti, tali che ricordano quelle deipa- 
renti, benche se ne distinguano sempre. Se poi s'aggiunge la tra- 
smissione delle disposizioni, cioe del terreno adatto, si compren- 
der^, di leggeri come il morbo dei parenti possa ricomparire nella 
prole, ma non per via diretta di eredita. 

Similmente le mutilazioni diqualsiasi genere, tanto artifi- 
ciali quanto naturali, non si tramandano mar ai discendenti. Si 
amputd la coda a giovani topi per 22 generazioni susseguite, e 
sempre i nuovi rampolli andarono provvisti del geloso fregioin 
tutta la sua integrita. La circoncisione presso gli ebrei, lo storpia- 
mento dei piedi fra il popolo cinese, Pautotomia delle zampe nei 
granchi marini confermano il fatto, mentre i supposti esempi, 
che sogliono recarsi in contrario, o non sono autentici, o si ridu- 
cono a casi di mere coincidenze. Sul declinare della buona sta- 



340 ' EVOLUZIONE STABILITY DELLE SPECIE? 

gione, in ottobre, narra il Fabre, quando lo scarabeo si e este- 
nuato negli scavi, nei trasporti delle pillole e nel modellare le 
sue pere, i mutilati, inabili al lavoro sono in maggioranza. Tanto 
nelle mie gabbie quanto all'aperto scorgo amputati di tutte le 
gradazioni. Gli uni hanno perduto del tutto il dito nelle quattro 
zampe posteriori ; gli altri ne conservano ancora un mozzicone, 
due odanche una sola delle articolazioni ; i piu risparmiati serbano 
alcuni membri intatti. 

Eccoti la mutilazione invocata dalla teoria. E qui non si 
tratta panto d'un accidente che si aweri dopo lunghi intervalli ; 
ogni anno predominano gli storpi nel tempo in cui stanno per 
entrare nei loro quartieri d'inverno. Nei loro ultimi lavori non 
li vedo piu impacciati di quelli a cui furono risparmiate le tribola- 
zioni della vita. Si gli uni come gli altri dimostrano la stessa 
agilita di movimenti e destrezza neU'impastare il pane di muni- 
zione, che loro agevoler& il sopportare filosoflcamente le prime 
asprezze del verno. Nel disimpegno delle attivita di stercorario 
i nionchi gareggiano cogli altri. 

E questi amputati fanno razza ; passano la stagione cruda 
sotto terra ; si ridestano alia primavera, rimontano all'aria libera 
cd assistono per la seconda ed anche per la terza volta alle grand! 
feste^della vita. I loro discendenti dovrebbero approfittare d'un 
miglioramento, che rinnovandosi ogni -anno, dacch6 si danno 
scarabei al mondo, ha avuto certo il tempo di stabilirsi e pas- 
sare in consuetudine saldamente radicata. Ma nulla di tntto cid. 
Ogni scarabeo, che rompe il guscio per uscir dall'uovo, s'affaccia 
senza eccezione alcuna, sempre prowisto dei quattro tarsi di 
prammatica a . 

Non insistiamo piu avanti sulla non trasmissibilit& dei carat- 
teri acquisiti in virtu delle condizioni dell'ambiente e dell'uso 
e"del non uso, avendone gia trattato nell' esame . critico della 
teoria del Lamarck. Chi bramasse piu ampi ragguagli potrsl con- 
sultare tra gli altri il Cu&not, che tratta la questione nella sua 
opera La genese des especes animates, specialmente a pagine 179- 
190. Ed ora, dopo questa digreaaione non inutile, riprendiamo il 
filo della nostra discussione. 

1 1.-H. FABRE. - Souvenirs entomologiques - Cinqui6me s6rie. 



EVOLTJZIONE STABUJTl DELLE SPECIE? 341 



* 

* * 



La teoria del Lamarck non trovd accoglienza favorevole nel 
mondo scientifico contemporaneo ; le critiche presto svelarono 
1'insussistenza anzi la mancanza di prove, sicche a breve an- 
dare cadde nell'oblio e presso alcuni divenne oggetto di derisione. 
Era riservato a Carlo Darwin di riprensentare il sistema trasfor- 
mista sotto forma phi seducente, accompagnato da corredo ap- 
parentemente ricco di osservazioni e di prove di fatti, in guisa 
da assicurarsi un inatteso ed entusiastico trionfo. 

Carlo Boberto Darwin ebbe i natali a Schrewsbury il 12 feb- 
braio 1809; studio a Cambridge, ed a 22 anni intraprese^a bordo 
del Beagle il viaggio d'esplorazione deH'America del sud e di 
alcune isole del Paciflco, facendo parte d'una spedizione scien- 
tifica promossa dal governo inglese. Di ritorno si trattenne an- 
cora 6 anni a Londra ed a Cambridge, indi per la sua mal ferma 
salute si ritiro in una villa del paesello di Down, nella contea di 
Kent, dove attese a' suoi studi, e mori il 19 aprile.1882. Kel 1859 
espose al "Dubblico la &ua teoria col libro L'oriqine delle specie, 
e cerco appresso di illustrarla e d'interpretarla con altri suoi 
scritti. Si spense nel colmo della gloria, esaitato dai suoi ammi- 
ratori ; la sua salma venne deposta a Westminster, vicino a quella 
di Isacco Newton. 

Secondo la concezione del Darwin, tutte le forme dei viventi 
costituiscono una serie progressive, che cammina a passo lento, 
senza mai arrestarsi, verso il perfezionamento deH'organismo, 
per azione di cause fortuite esterre ed interne, e delle leggi della 
natura. A tale intento concorrono le piccole differenze evaria- 
zioni, talora appena percettibili, degli individui della stessa spe- 
cie, le quali stanno in relazione con le mtitevoli condizioni d'am- 
biente, che circondano gli organismi. Coteste minime r variabilita 
^dividuali si trasmettono per eredita, si stabiliscono e si accunrn- 
lano attra\ r erso le generazioni, modificando gli organipreesistenti, 
trasformandoli e creandone dei nuovi, sino a forma re specie^di- 
stinte Questo processo e diretto da un fattore^costante,[il quale 
si osserva in natura, ed imposto da due cause : la tendenza degli 
organismi a moltiplicarsi largamente, e 1'approvigionamento ri- 
stretto offerto dalla terra. Da qaesta limitazione dell'alimento 



342 EVOLUZIONE STABILITl DELLE SPECIE? 

deriva necessariamente che una parte soltanto degli esseri, che 
vengono alia luce, potra sopravvivere, e a tale effetto dovra im- 
pegnare una lotta continua per I'esistenza. In una determinata 
zona ogni individuo avra per competitor! le schiere del suoi si- 
nail!, con cui si disputa >e 1'alimento e il Iwgo da occupare, e al 
tempojstesso gli toccher& difendersi da nemici d'ogni genere e dalle 
stesse [condizioni dell'ambiente. 

In questa lotta jimarranno vittoriosi gl'individui, che dispon- 
gono di maggiori variazioni utili circa le^abitudini, la struttura 
organic&|ed|il potere riproduttivo, per cui sono meglio adatti ; 
periranno invece fatalmente quelli affetti di variability nocive. 
1 discendenti dei piu adatti, che avranno ricevuto per eredita 
i caratteri vantaggiosi inim grado piiispiccato, saranno i fortu- 
nati prescelti a sopravvivere, e miglioreranno cosi le variazioni 
individual! con un progresso nell'organizzazione. E col rinnovarsi 
di questo processo si fa la scelta degli organismi meglio confor- 
mati, i quali intalmodo avanzano verso forme evolutive sempre 
piu perfette. 31 fattore pertanto che dirige la trasformazione 
delle specie^e la cernita o selezione naturale. E come 1'uomo me- 
diante la selezione riesce a svolgere prodigiose varieta tra gli 
animali domestic! e le piante coltivate. cosi la natura col tempo 
produce ben maggiori trasformazionije piu durevoli, accumu- 
lando differenze minime sotto la forza della selezione naturate. 

Del ricco corredd di esempi, con cui il Darwin illustra la sua 
teoria, ricordiarno la riduzione delle ali negli insetti, che abitano 
le^isole sperdute negli oceani. In tale congiuntura di luogo gl'in- 
setti alati vengono facilmente trasportati dal vento a grandi 
distanze sul mare, dove li attende la rnisera sorte di morire an- 
negati. 'Tornaporo percid assai piu vantaggioso essere mediocri 
od anche inabili^volatori, e cid viene appunto comprovato dal- 
1'osservazione delle ali di questi isolani, le quali appaiono scar- 
samente sviluppate^od appena accennate. Similmente il gra- 
duale allungamento del collo ha protratto notevolmente questa 
parte del corpo alia giraffa, con segnalato servizio assicurandole 
la vittoria fra tutti gli erbivori nella lotta per I'esistenza : perche 
carpendo, in*grazia dello smisurato collo, le foglie dei rami piii 
alti degli alberi, pote in tempo di carestia scampare alia morte 
d'inedia. 

Oltre alia selezione naturale, che elimina i meno idoneiecon- 



EVOLtJZIONE STABILITl DELLE SPECIE? 343 

serva i piii adatti operando con estrema lentezza sul complesso 
-delle piccole variazioni individual!, il Darwin ammette altri fat- 
tori secondarii, cioe le circostanze dell'ambiente, quali sono il 
clima ed il nutrimento, 1'uso e 1'abitudine, il non-uso esimili. 
Tuttavia anche queste causenonvalgonoa nulla se non si trovano 
subordinate od almeno congiunte con la selezione naturale, che 6 
per il Darwin la grande chiave, la quale apre i segreti del pro- 
cesso evolutive. Due sono pertanto le note principal! che con- 
tra ddistinguono il darwinismo dal lamarckismo : la selezione 
naturale fattore onnipossente delle trasformazioni, e 1'ardito ten- 
tativo di spiegare con questa una numerosa congerie di fatti tolti 
dall'osservazione della natura, dall'embriologia e dalla paleon- 
tologia. Per ragione di metodb rimandiamo la discussione di 
questa seconda parte agli ultimi capitoli del nostro studio, dove 
.saranno distribuite sotto rubriche speciali e prese in esame tutte 
le principal! difficolta messe in campo dalle varie scuole evolu- 
zioniste, dal Darwin sino ai giorni nostri. 



11 grande ed unico caposaldo di tutta la teoria darwiniana, 
e la selezione naturale, che s'effettua tra gli organismi nella lotta 
per 1'esistenza, e questa idea geniale venne suggerita all'autore 
dalla selezione artiflciale, praticata in ogni tempo dalPuomo con 
esito fortunate ed a tutti ben noto. Ma, se ben si osserva, tutte 
le migliorie ed i perfezionamenti ottenuti nella selezione coi di- 
versi metodi dell'arte umana, sono ben lungi dall'essere clas- 
sificati tra le trasformazioni organiche. Qualsiasi risultato di 
quest'arte, anche il meglio riuscito, si restringe ad amplificare negli 
individui prescelti certe variazioni vantaggiose preesistenti, ma 
non mai giunge a crearne una nuova. Quando trattasi di varia- 
bilita flsse, come nel caso di alcuni caratteri di razza, allora 
la selezione artificiale uon crea ne modifica nulla, e si riduce ad 
un semplice metodo d'isolamrnto dei cosidetti tipi puri. Non 
cosl nelle mutazioni oscillanti, in cui si pud con la selezione pro- 
vocare 1'ingraridimento di determinati caratteri pre sistenti, 
spingendoli a progredire fi.no ad un limite impossible a supe- 
Tarsi. B qui la selezione artiflciale migliora la razza, ma non crea 
.^Icunche di nuovo. 



344 EVOLTJZIONE STABILITl DELLE SPECIE? 

Inoltre tutti gli individui selezionati per via artificiale, quando> 
si lasciano liberi in natura, ritornano prestamenk al tipo pri- 
mitivo, come se sotto le cure severe dell'arte umana si trovas- 
sero in uno stato violento, da cui tentano di liberarsi appena sia 
lore reso possibile. Se pertanto il potere della selezione naturale 
non oltrepassasse quello della selezione artificiale, Darwin 1'a- 
vrebbe invano escogitata per ispiegare la trasformazione orga- 
nica delle specif. E cosl pare che la pensino anche non pochi 
trasformisti. tra i quali il Delage, x che con validi argomenti 
nega alia selezione naturale ogni attivita fattiva nell'evoluzione 
delle specie. Ecco in succinto le sue prove. 

Nessuno oso mai negare che ad ogni generazione il niimero 
degli individui variati sia di molto inferiore a quello dei normali. 
talche la variazione sempre si present! quale un'eccezione, laddove 
la maggioranza nella specie non va soggetta a cambiamenti. Ora 
se poniamo che nella prima generazione varii un individuo sopra 
mille, nella successiva generazione la variazione non si estendera 
che alia millesima parte d'un millesimo di tutta la schiera degli 
organismi. riducendosi con questa proporzione in breve prati- 
camente a zero. E poiche, come- si vede dall'esperienza, ifattori 
della variazione si mostrano nel fatto piu deboli di quelli ddla 
stabilita, dovra questa neces^ariamente prevalere sa di quella. 
Se cosi non fosse, ma invece piendessero il sopravrento gl'indi- 
\idui variati, a qufst'ora noi non dovremmo imbatterci che con 
uomini a dita soprannumerarie, dai visceri invertiti, dal labbro 
leporino, tutti mancini, cispi e guerci, con la sequela delle altre 
variazioni di questo stile. 

L'impotenza della selezione naturale appare altret.1 da ciu 
che la maggior parte dei caratteri, i quali si suppongono da essa 
sviluppati, sono in realta i meno utili all'organismo, quali si ci- 
tano, adesempio, i colori nascosti del ventre del picchio, e millo 
altre consimili variazioni relativamentc di poca o niuna impor- 
tanza. Se la selezione invece operasse in conformita delle idee 
del sno inventore, i caratteri piu fissi negli organismi dovreb- 
bero essere quelli, che presentano un grado maggiore di utilita. 
Ma 1'opservazione ci manifesta 1'opposto, mostrandocidi regola piu 
invariate le disposizioni anatomiche, le quali non dipendono punto 

1 YVE.S DELAGE, L'ertdite et les grands problemes de la biologic gi 
nirale, pp. 396-424. 



EVOLUZIONE STABJLITl DELLE SPECIE? 345 

dall'adattamento e dall'utilita. Inoltre esiste una lunga seri 
di caratttri utili, che sfuggirono certo all'azione selettiva, dac- 
che la loro utilita non si verifica che quando si possiedono ncl 
pieno loro sviluppo. Tali si debbono riguardare innanzi tutto 
i colori mimetici, i cui stadii primitivi, non offrendo vantaggio 
all'individuo, rimangono trascurati dalla selezione, e cosl pure i 
fanoni della balena, i pedicelli ambulacrali del riccio di mare, 
e via dicendo. 11 Wolff cita 1'esempio della Vallisneria spiralis, 
pianta acquatica dai fiori femminili, che si schiudono galleg- 
gianti sul pelo del liquido, mentre i fiori maschili rimangono som- 
mersi. Al tempo della fecondazione questi ultimi, per rottura del 
peduncolo, che li trattiene sott'acqua, salgono a galla per com- 
piere l'impollinazione. Ora nessnno pone in dubbio che nell'i- 
potesi tvoluzionista )a rottura di quest'organo nelle Vallisnerie 
d'altri tempi dovette prodursi per modificazioni lente e progres- 
sive della resistenza del peduncolo. durante le quali la selezione 
si mantenne inoperosa per la mancanza di utilita, che ne pro- 
veniva alia pianta. 

Se non che, anche nella supposizione di variazioni, che in qual- 
siasi grado siano possedute, tornano utili all'individuo, la selezione 
non vi riscontra un vantaggio sufficiente per mettersi alPopera. 
Infatti se fingiamo, per un eccesso di compiacenza, che la giraffa 
sia stata tanto favorita da allungare rmdiantelOOO generazioni 
di un metro di piii il collo che portava il suo progenitore, i di- 
scendenti ad ogni generazione avrebbero innalzata la tt sta di un 
millimetre di piu verso il cielo. Orbene, anche ntlle dure circo- 
stanze della carestia, 1'avero il collo un millimetre piii lungo 
non riesce un vantaggio ad animali, che si pascono dellf foglie 
degli alberi. In tale congiuntura i primi a soccombere non sa- 
ranno quelli dal collo accorciato d'un millimetro, ma bensi i me- 
schinetti piccini appena slattati. E questa sventura deineonati 
mette nel piu grave impaccio la teoria del Darwin ! 

Un'altra ragione, chf attesta 1'incapacita della selezione a 
trasformare le specie, nasce dalle stesse variazioni individuali, 
che rispecchiano soltanto modificazioni isolate, e non si fanno 
risentire al tempo stesso sopra un gruppo di diversi caratteri per 
apportare un efficace vantaggio all'organismo. E cosi Findividuc . 
che per una fortuita modificazione, si trova superiore agli altri r 
se nella lotta non vienc assalito da questa parte fortificata, non 



346 EVOLUZIONE O STABILITl DELLB SPECIE? 

avr& vantaggio alcuno. S'aggiunga che in natura lo stesse variazioni 
utili vengono di continue distrutte daH'annmissia, cioe dall 'unione 
promiscua, mancandovi una forza direttrice che impedisca 1'ac- 
coppianiento d'individui normal! coi variati, cio che invece si ot- 
tiene nella selezione artificiale. Da ultimo, se la seleziono naturale 
esercitasse qualche efficacia sulla trasformazione organica, per 
quanto tenui fossero i suoi effetti. si dovrebbero di fatto av- 
verare entro un lasso di tempo molto piu breve di quello ri- 
hiesto dalla teoria. E Q sa adunque si manifesta impotente, perche 
rimane indifferente di fronte alle piccole variazioni, che si osser- 
vano realmente negli individui, ed entra in azione nt lie grandi 
modificazioni, che punto non esistono. 

Dopo queste considerazioni il Dtlage cosi conchiude : Tut- 
tavia 1'attivita della selezione naturale non e nulla. Essa si li- 
mita a sopprimere le variazioni al tutto nocive ed a mantenere 
le specie nel suo carattere normale. Lungi dall'essere uno stru- 
mento per 1'evoluzione delle specie, essa ne assicura la stability 1 . 
E questa la sentenza ragionata d'uno scienziato, per altro parti- 
giano delle teorie trasformiste ; e noi che cosa vi potremo ag- 
giungere ? Ci sia lecito notare che al sopraggiungere di nuove e 
difficili condizioni d'ambiente, non poche esperienze comprovano 
che gl 'individui risparmiati sogliono essere quelli, che piu s'acco- 
stano al tipo normale della specie, e non gli altri che divergono in 
qualche direzione. Ecco quanto scrive ilBumpus rispetto aipasseri 
uropei importati in America : La selezione naturale distrugge 
un numero maggiore di quegli uccelli, che sono maggiormente 
allontanati dal tipo ideale, e la sua attivit& si spiega piu intensa- 
mente nel favorire quegli uccelli, che piu s'avvicinano alia costi- 
tuzione anatomica ideale 2 . 



* 
* * 



Anche 1'esempio del Darwin sulle ali ridotte degli insetti abi- 
tatori delle isole non conclude punto a favore della selezione natu- 
rale. Infatti, e certo che le ali recano agli animali, che ne sono prov- 
visti, qualche utilita, altrimenti non avrebbero ragione di esistere. 

1 DELAGE. Vhtortditi... pagg. 419-420. 

* Variation in Animals and Plants, p. 343, di H. M. Verney (Inter- 
national Scientific Series, 88). 



EVOLUZIONE STABILITl DELLE SPECIE! 347 

E pur ammettendo che si diano alcuni insetti, che volando sul mare 
v'incontrano la morte, & per6 altrettanto certo che altri periscono 
in diversi modi nelle hole appunto perche inabili volatori. Ne si 
puo escludere il caso che siano dal vento risparmiati i piu destri 
volatori, perche capaci di resistergli, e si lascino trascinare da 
esso quanti si trovano impicciati e tentennanti al volo. 

E come si pud ragionevolmente ammettere, come fa il Darwin, 
che in grazia della selezione si sia costituito 1'organo meraviglioso 
complicato dell'occhio umano e degli insetti, per derivazione da 
Tina serie di trasformazioni graduali, che facevano capo ad un 
rozzo apparecchio visivo, formato d'un semplice nervo capace di 
Ticevere gli stimoli luminosi,mainettoarappresentare leimmagini 
degli oggetti ? II Darwin stesso comprese che qui egli imponeva 
ai suoi seguaci nn atto di fede irragionevole; ma egli supero questo 
ostacolo col farsi coraggio. Citiamo le sue testuali parole : lo mi 
ricordo benissimo il tempo nel quale il pensiero dell'occhio mi fece 
rabbrividire, ma io ho superato questo stadio di debolezza; tutta- 
via anche ora sovente alcune particolarita di struttura dipoca 
importanza mi fanno rattristare. La vista di una penna della coda 
di un pavone, ogni volta che la guardo, mi rende ammalato. l . 
Fortunatamente, gli scienziati finora non ammettono a prove d'una 
teorja ne 1'audacia delPautore ne le sue indisposizioni fisiopatolo- 
giche. 

E degno di essere riportato quanto osserva 1'inglese Gerard : 
Si afferma comunemente che ad assicurare la trasmissione di una 
variazione utile alia generazione successiva e sufficiente che essa si 
presenti in un solo individuo. Ma gli e cosa evidente, e necessario 
che questo sia accompagnato da una femmina. Ora a meno che si 
ammetta che anche questa abbia una variazione nella medesima 
direzione, non si puo Pupporre che la variazione venga trasmessa. 
In ogni caso, data la eccessiva piccolezza di queste modiflcazioni 
utili,nonsipuopensarechein causa di essa awenga una scelta ses- 
^uale, che ne favorisca la trasmissione. E, per esempio, due rettili 
non si accoppieranno certo solamente perche sono forniti amendue 
di membra anteriori, che presentano una primitiva tendenza 
a trasformarsi in ali ; di piu nel regno vegetale, ad onta di quanto 
afferma negli Amori delle piante Erasino Darwin, 1'idea di una 
qualunque scelta sessuale e ancora piu grottesca. Percio 1'accop- 

1 C. DARWIN to Asa Gray, 3 aprile 1860. 



348 EVOLUZIONE STABILITl DELLE SPECIE? 

piamento deve essere lasciato al caso e quindi i risultati saranno 
conformi alle ordinarie leggi della probabilita... Ma un'altra con- 
seguenzanesgorga;edechelateoria darwinistica trova in se stessa 
la ragione della propria ineluttabileinsufficienza..Adontadi quello 
che dicono i sostenitori della selezione naturale, tutto questo non 
e altro che caso, ed essa non e fondata su altro che sul caso. E, poi- 
che 1'uomo pud scegliere e sceglie infatti gljjndividui per accop- 
piarli, fc puo per cio produrre coU'allevamento quei risultati ehe 
vuole, Darwin si vale di questo fatto per dimostrare che la natura 
e capace di produrre dei risultati tali che 1'uomo non puo nemmeno 
immaginare, mentre invece essa non possiede una cosi grande po- 
tenza di selezione. 

II punto debole della selezione naturale e appunto questo, 
che essa non e una selezione. I risultati che le sono attribuiti non si 
debbono ad essa, cosi come Wellington non doveva il suo grado di 
generale alle palle, che non lo colpirono a Seringapatam. Se i ri- 
sultati della selezione naturale non sono indirizzati a dare un de- 
terminate sviluppo, essi non pos'sono darlo per altra via chejper 
il caso.... Come osserva giustamente il Mivart, 1 la teoria darwini- 
stica ha il grande vantaggio, che invoca a proprio favore nient'altro 
che qualche possibilita attuale o ancestrale; di guisa che i suoi so- 
stenitori non hanno un compito difficile, ma con un poco di pa- 
zienza possono immaginare quanto loro occorre 2 . 

Ma per non dilungarci oltre in question! evident], si d^rebbe 
che il Darwin celiasse nell'assegnare alia selezione naturale 1'ufficio 
di grande fattore dell'evoluzione delle specie. Infatti secondo il 
Darwin tutto il lavorio della selezione consiste nel distruggere gli 
individui inetti e nel rispaimiare, ossia lasciare in pace, gli orga- 
nismi, che dovranno sopravvivere ed evolversi. Ora lasciar vivere 
degli individui non significa trasformarli,ma tutt'alpiupermettere 
che altri eseguisca quest 'incarico, cioe operi da vera causa trasfor- 
matrice. Dunque il Darwin ci addita nella selezione una causa che 
non e tale, e ci nasconde il vero fattore da lui ignorato, e che in 
realta non esiste. Laonde con tutta verita il Barclay ebbe a scri- 
vere : Se la selezione compie qualcosa, cio fa "olo per la morte e 

1 Tablet, 26 maggio 1888, p. 837. 

* G-. GERARD. L'aniico enigma e la sua nuovissima soluzione. Ver- 
sione sulla 2 a edizione inglese, 1906, pagg. 191-196. 



EVOLUZIONE STABILITY DELLE SPECIE! 349 

non per la vita 1 . La conclusione pertanto viene spontanea : se il 
fondamento della teoria del Darwin, ossia la selezione naturale, 
non & che una mera illusione, tufto il sistema su cui si fonda non 
ha maggior consistenza d'una bolla di sapone, vagheggiata dai f an- 
ciulli, i quali mentre 1'ammirano se la vedono dileguare nel nulla. 



Del resto anche la famosa lottajper 1'esistenza sussiste piii nell'im- 
maginazione che nella realt& ; poiche di regola comune ogni indi- 
viduo, senza violenta rivalita e grazie alia svariata moltitudine 
degli istinti, trova in natura di che campare la vita. Noi vediamo 
anzi perpetuate e con costante floridezza prosperate quelle stesse 
specie, i cui individui souo per la massima parte destinati a veuir 
ingoiati quale alimento di altri organismi. E cio perche la prowida 
natura ha dotate quelle specie d'una prodigiosa fecondita. Sipensi 
alia rapidita con cui i micromiceti e le alghe unicellulari si molti- 
plicano, alia moltitudine delle uova che depongono i pesci. e cioe 
tra i meno fecondi 25.000 la trota ed il salmone, 160.000 il luccio, 
290.00 la tinea, 3,0.000 la perca, 330.000 il carpione, 547.000 lo 
sgombero, 3 milioni 1'ipoglosso, parecchi milioni lo storione ed il 
siluro, 6 milioni la Platessa uulgaris, 9 milioni il rombo ed il nier- 
luzzo, 13 milioni il muggine ecc. Similmente numerose specie d'in- 
setti, di crostacei, di piante, che prodigano i loro frutti e semi ed i 
proprii organismi con profusione inesausta. 

Chi non ha mai osservato addossate le vespe sopra avanzi di 
O3sa o di frutta, i nugoli di maggiolini su d'una tenera pianta, le 
schiere di mosche addensate su recipient! unti di sostanze dolciastre 
in guisa da annerirli, i bruchi voraci stipati su poche foglie? Accade 
forse fra tauta moltitudine ingorda qualche scena di rivalita bru- 
tale per contendersi il ghiotto boccone ? Che se questo per aN'ven- 
tura avesse ad accadere, non gia in qualche caso sporadico e per 
istinto' innato di avversione. ma come regola ordinaria, allora 
1'altimo che dovrebbe rallegrarsene sarebbe appunto il Darwin, 
dacche le vittime della lotta si conterebbero fra gh individui gio- 
vani ed i vecchi, siccome i piu deboli di forze. Sui vecchi la selezione 
non ha piu alcun potere, perche gia pervenuti allo stadio dell'infe- 

1 I. W. BARCLAY, New Teory of organic Evolution, p. 90. 



360 EVOLUZIONE STABILITY DELLE SPECIE? 

condita, mentre la scomparsa del giovani conduce a breve scadenza- 
all'estinzione di tutte le specie. 

Ma sarebbe faticabuttatainsi&tere sopra una teoria unicamente 
fondata su fantastiche supposizioni, le quali dovrebbero intitolarsi 
i sogni d'un naturalista , e che servono tutt'al piu per dilettare 
le menti del volgo, che abbocca ad occhi chiusi quanto gli viene 
proposto. 

Concluderemo dunque 1'esame del sistema del Darwin con 
le parole dell'eminente biologo Hans Driesch : II darwinismo 
insegnd, per cosl dire, come si possano fabbricare delle case di stile 
tipico e determinate col semplice lanciare delle pietre alia ventura. 
... II solo fatto che nell'organismo si compiono deiprocessi dirego- 
lazione, quale la rigenerazione dell'arto in una salamandra, for- 
nisce, come si sa, una efficace confutazione^del darwinismo tipico, 
giacch^ applicato a questo caso, lo schema darwinista si riduce a 
una manifesta assurdita x . 

LEANDRO GAIA S. I. 
(Conttnua). 

1 HANS DRIESCH. Tl Vitallsmo, traduzione autorizzata, pp. 179-18U 



L'APOSTOLATO BELLA STAMPA NBLLA SPAGNA E IN ITALIA. 

H 30 luglio del 1890. a Madrid,, in una sala della parrocchia 
di S. Ludovico, radunavansi sJonni tra i piu fervorosi e zelanti 
signori cattolici di quella capital" Avovali convocati un reli- 
gioso della Compagnia di Gesir. il T. 'Yancesco Garz6n. 

Era la vigilia della festa d'i S. Unu'/io di Loyola, ed il figlio 
sentiva piu vivamente nel suo animo !'wo di quei detti del suo 
gran Padre ai primi flgli della Compagnia : ite, incendite, inflam- 
mate omnia ! Proponeva, inf atti, ai convenuti di suscitare la prima 
scintilla di un incendio benefieo da propagare per tutta la Spa- 
gna e per le vaste contrade di lingua spagnuola oltre oceano : 
un'opera intesa a pubblicare e divulgare gratuitamente tra il po- 
polo stampe ed opuscoli di buona lettura. 

Fidando nell'aiuto di Dio e nello zelo dei cattolici spagnuoli, 
1'umile religioso si presentava con in mano la piccola somma 
di cento pesetas. E fu questa davvero la prima modesta scintilla, 
perch& servl alia stampa e divulgazione del programma delPopera, 
cio& a moltiplicare le scintille, onde presero fuoco i cuori gene- 
rosi e tutti propagarono insieme tanta luce di verita e tanto 
calore di opere buone, promosso tra il popolo da circa quat- 
tordici milioni di libri e di opuscoli, quanti ne ha sparsi, dal 
primo gennaio 1891, giorno della fondazione, sino al primo gen- 
naio di quest'anno 1920, I'Apostolado de la Prensa. 

Tutto ci6 & stato compito e continua a progredire con la coo- 
perazione del clero e del laicato cattolico militante, dai signori e 
dalle signorp dell'aristocrazia e del censo, dagli operai e dai popo- 
lani. Vanno segnalati, per ordine di tempo, i primi membri del 
primo consiglio direttivo : marchese del Busto, conte del Campo 
Alange, sig. Carlo Gil Delgado, duca di Bailen, sig. Vittore Pia- 
dera, marchese del Llano de Don Javier, sig. Antonio Eodriguez 
Beraza, sig. Giuseppe M. Alvarez, sig. Benigno Bolanos diret- 
tore del giornale El Gorreo Espanol, e sig. Giov. Gius. Campos^ 
e per munificenza, piu di tutti va ricordato il sig. marchese di 



352 L'APOSTOLATO BELLA STAMPA 

Comillas, ed inoltre il sig. Ventura Carraieria ed il sacerdote Ata- 
nasio Merchan. 

Ma ella e principalmente opera di Bio, che si e degnato di be- 
uedirla per bocca del suo Vicario, Leone XIII, il quale mando al 
presidente ed a tutti gli associati AQlVApostolado de la Prensa 
una lettera, data dal Vaticano il 15 uiaggio 1893, piena di encomii 
e di incoraggiamenti, con la concessione d'indulgenza plenaria 
nelle feste di S. Giuseppe, del SS. Nome di Gesu e del S. Cuore 
di Gesu. Gratissime e molto lusinghiere notizie ci sono pervenute 
- dice il Sommo Pontefice - intorno all'associazione spagnuola 
che s'intitola Apostolado de la Prensa, istituita a Madrid circa 
due anni fa. Essa ha per nobilissimo scopo di lavorare indefessa- 
mente per propagare gratuitamente nei ceti popolari letture mo- 
rali e religiose, e per mezzo di esse ritornare alia loro antica pu- 
rezza i costumi depravati della societa. Proposito questo lode- 
vole e salutare quant 'altri mai, e sopra ogni modo opportune alle 
necessita dei nostri tempi . E la ragione di tale opportunity e 
pur troppo comune con la Spagna a tutte le nazioni moderne 
governate dal liberalismd, che vi ha scatenato la piii st'renata li- 
cenza. II Sommo Pontefice, dopo aver descritto in brevi ma 
efficacissimi tratti la licenza corruttrice della cattiva stainpa, 
soggiunge : E dunque opportunissimo e grandemente benefice 
che i cattolici si destino e raccogliendo le loro forze adoperino 
in difesa della verita le medesime armi che gli avversarii impu- 
gnano per combatterla^>. 

Tra queste armi. due principalmente ne ha scelte V Apostolado 
de la, Prensa : il periodico settimanale La Lectura Dominical, 
che con le attrattive della varieta e delle illustrazioni insinua 
tra il popolo le sane idee e lo tiene lontano dai fogli dannosi alia 
sua fede ed ai cristiani costumi ; ed una serie di duecento opu- 
scoli apologetici in forma popolare, sopra i punti di dottrina cat- 
tolica comunemente impugnati dagli increduli dei nastri tempi, 
da costituire tutti insieme un trattato compiuto, al quale hanno 
collaborato scrittori varii del clero e del laicato. In fatti, ambe- 
due le pubblicazioni sono le phi largamente diffuse. La Lectura 
Dominical va da trentadue a trentacinque mila copie la settimana. 
Gli opuscoli apologetici, ciascuno di sessantaquattro pagine in 
sedicesimo, al puro prezzo di costo di sette centesimi, sono stati 
sinora, in varie edizioni, diffusi in otto milioni e mezzo di copie, 
delle quail due milioni e^inezzo interamente gratuite. 

Le altre opere di maggior mole, taluna di piu volumi, pubbli- 



NELLA SPAGNA E IN ITALIA 353 

cate sino al 1920, raggiungono il numero di circa cinque milioni 
e mezzo di copie, in sei milioni di volumi, tutte in vendita al 
pnro prezzo di costo, giacche 1'istituzione bf nefica, come non ha 
alcun intento di lucro, cosi non mette da parte nessun profitto 
in denaro, ma tutto quello che entra in cassa per vendita dilibri 
o per contribuzione generosa dei socii, tolte le necessarie spese 
di amministrazione, viene adoperato in nuove pubblicazioni o 
ristampe. Queste, oltre la serie apologetica, che di per se stessa 
offre grande varieta di argomenti, sono divise in tre sezioni. La 
prima e piu copiosa contiene libri di pieta, d'istruzione religiosa, 
di ascetica cristiana ad uso dei fedeli, scelti tra le opere piu sti- 
mate e piu adatto al popolo, di autori antichi e moderni. Cosi, 
il Trattato sulle piccole virtu del P. G. B. Boberti S. I. del secolo 
decimottavo, e la Guida della devoeione a Maria SS. del Frassi- 
netti, del secolo decimonono, stanno accanto ai molti recenti ma- 
nuali di pieta, composti dal P. Garzon stesso, primo ideatore del- 
I'Apostolado, e dal suo confratello P. Vincenzo Agusti. Le opere 
ascetiche del P. Xieremberg, e del P. Eibadeneira della Com- 
pagnia di Gesii, 1'antico gioiello letterario che e La perfecta casada 
(La maritata perfttta) del celebre Fra Luis de Le6n, La vera de- 
vozione alia 88. Vergine del beato Grignon de Monfort, II devoto 
di Maria del P. Paolo Segneri, Le glorie di Maria di S. Alfonso 
dei Liguori, con altre opere di questi ed altri autori classici del- 
1'ascetica cristiana, come il ven. Fra Luigi di Granata, S. Teresa 
di Gesu, ven. P. Da Ponte, P. Alfonso Eodriguez, si trovano 
nella medesima sezione insieme con le piu moderne opere di pietti 
o di apologetica del P. Bresciani, del P. Secondo Franco, delPo- 
ratoriano inglese Federico Guglielmo Faber, di mons. de Segur, 
cc. Tra questi ci pare molto opportune e adatto ai tempi pre- 
senti il Trattato di teologia popolare del P. Francesco Morell S. I. 
ed i sei volumetti di Meditasioni spirituali del P. F. Garzon, toltr 
<la quelle del P. Da Ponte, con aggiunta di preludii, colloquio e 
frutto, disposte per ciascun giornp dell'anno e con particolare 
rispetto alle festivita. 

La seconda sezione, di letture amene, comprende una scelta 
^ii opere, che hanno anche importanza letteraria nelle varie na- 
zioni, come i Promessi Spo&i del Manzoni, Le mie prigioni del 
Pellico, la Fabiola del Wiseman, le Veglie di Pietroburgo di Giu- 
seppe De Maistre, gli Ultimi giorni di Pompei del Bulwer Litton, 
Oliviero Twist del Dickens, ecc. Altre opere narrative, parimente 
scelte, di autori piu recenti o meno conosciuti, come il P. Van 

5 Oivilta^Cattolica, 1920 vol. 3, qnad.;i68i. 23 14 agssto 1920. 



354 L'APOSTOLATO DELLA STAMPA 

Tricht S. I., il nostro P. Giov. Gius. Franco S. I., Pierre 1'Ermite, 
il fecondo P. Alberto Eisco S. I. ed altri che sarebbe Jungo 
ennmerare. 

La terza sezione, detta storica, raccoglie una cinquantina di 
volumi di vite di Santi, alcune delle quali sono di recente compo- 
sizione. Degni di nota, per la gioventu, i due volumi : Santos 
Ninos e Ninas Santas (piccoli Santi e piccole Santr). 

Se si pensa che ciascun volume delle vite di Santi, da 250 
a 300 pag. in 16, in bella e nitida edizione, ornata di figure, legato 
in cartone con eleganti fregi, si da per soli 60 centesimi la copia ; 
che i volumi delle letture amene, da 400 a 500 pagine, legati in 
tela inglese con fregi, si possono avere a L. 1,20 la copia ; che le 
opere dell a prima sezione, di 300 pagine, legate parimente in 
tela costano una lira; altre da 200 a 350 pagine, legate, si vendono 
per 60 centesimi ; se si tiene innanzi agli occhi questo vilissimo 
prezzo, ed i milioni di volumi pubblicati, si comprende subito 
quale opera ammirabile di sacrifizio e di generosita e r Apostolado 
de la Prensa e quanto grande copia di buona semente abbia sparso 
tra il popolo, potendo ognuno con poche lire comprare parecchi 
volumi e distribuirli gratuitamente a tanti famelici del pane della 
vita spirituale ! 

Vero e che i prezzi indicati sono quelli del 1918, ed al pre- 
sente, per 1'enorme, incredibile rjncaro della carta (dieci e piu 
volte tanto!) sono alquanto cresciuti, ma rimangono sempre 
tali da tenere alta la bandiera della carita cristiana, in quest'o- 
pera di misericordia spirituale, e da non intiepidire lo zelo e la 
generosita dei cattolici spagnuoli. Del resto, converra che i prezzi, 
presto o tardi, ritornino alle condizioni normali, ed auguriamo 
che 1' Apostolado de la Prensa raddoppi ancora i milioni di volumi 
di sana lettura e moltiplichi a decine di migliaia le copie della 
sua Lectura Dominical, affinche sempre piu effieacemente possa 
conseguire il suo scopo in dit'esa della verita e dei buoni costumi 
cristiani nel popolo *. 

Oltre 1'opera -editoriale , come suol dirsi oggi, dell'J.pos/o- 
lado de la Prensa, ne e sorta di recente, in Ispagna, un'altra per 
sostenere le pubblicazioni stesse della buona stampa specialmente 
della quotidiana e della periodica popolare, e promuoverne la 
diffusione,'in varia forma, con associazioni che fanno capo al Centra 

1 La sede dell' Apostolado de la Prensa & a Madrid, S. Bernardo, 7 f - 
dove si pu6 avere il catalogo delle pubbl ; caztoni. 



NELLA SPAGNA E IN ITALIA 355 

de Action Sacerdotal Ora et labwa , nel Seminario Pontificio di 
Siviglia, sino dal 1908. Vi sono varii altri centri , come sogliono 
dim cola, collegati al medesimo scopo : dame propagandist^ , 
sezione di seminarist.!, comitati diocesani, e principalmente 1'Asso- 
eiazione o Confraternita dei Legionari, approvata daH'Autorita 
ecclesiastica e arricchita di grazie spirituali anche dalla S. Sede, 
che conta ora 70 mila soci. Sembra che la direzione principale sia 
ora nel Centro de la Bnena Prensa, istituito di recente nel Semina - 
rio di Madrid, e che 1 'opera abbia il titolo generico La Grande Obra 
de la Buena Prensa, come possiamo arguire dalle relazioni che ci 
vengono comunicate, nelle quali troviamo molti titoli dellevarie 
organizzazioni coordinate insieme. 

I primi passi di questa Grande Opera sono veramente con- 
solanti: il Tesoro della Buona Stampa, raccolto per.sottoscrizioni e 
donatiyi, circa im milione e mezzo di pesetas, di cui la rneta e 
stata di recente donata dal Sig. Manuel Villegas, morto nel pas- 
sato febbraio, legando in eredita alia Buona Stampa, quanto 
aveva guadagnato onestamente col suo lavoro, iniziato da sem- 
plice garzone di commercio. Inoltre, la Prensa Asociada, agenzia 
cattolica di int'ormazione, la quale trasmette ogni sera per telefono 
o per telegraf o le principal! notizie a circa 80 giornali e periodici 
cattolici, e spesso anche manda loro articoli scelti di grandi scrit- 
tori cattolici. Infine oeni sorta di aiuto morale e finanziario alle 
case editrici, giornali. biblioteche, giornalisti cattolici, secondo i 
mezzi e I'opportunita ; e si propone di pubblicare a Madrid un 
grande quotidiano cattolico. Al presente pubblica il foglio setti- 
manale El Legionario e varii opuscoli di propaganda, nelle quali 
pubblicazioni hanno gran parte i Padri Missionarii Figli del Cuore 
di Maria, particolarmente il P. Dueso, i quali danno alia luce il 
periodico settimanale illustrato El Iris de Paz (Madrid, Buen 
Suceso, 18). 

Nel Dia de la Prensa Catolica (29 giugno) di quest'anno si sono 
raccolte per la buona stampa, 25 mila pesetas nella sola diocesi 
di Madrid. 



Opere consimili per la divnlgazione della buona stampa 
sono sorte da tempo e noriscono nelle altre nazioni. come la no- 
tissima Bonne Presse di Parigi (5, rue Bayard) con il suo quoti- 
diano La Croix, le molte Croix de Province, i non pochi e svariati 



356 L'APOSTOLATO BELLA STAMPA 

periodic! e le moltissime pubblicazioni popolari; come le varie 
associazioni nella Germania : Katkolische Pressverein fur Bayern, 
un'altra fur Sachsen, la fiorentissima unione Verein vom hi. Karl 
Borromdus con piii di 350 mila socii, ripartiti in 4500 associa- 
zioni locali x , I'Augustinusverein zur Pflege der katholischen 
Pressc, ecc. Ma sebbene svariato e il -loro scopo e molteplice 
1'operosita, intesa a promuovere o a divulgare la bupna stampa, 
o libri, o giornali, o biblioteche circolanti : ci sembra nondimeno 
<3he nessuna, per quanto sappiamo. possa gareggiare con VApo- 
stolado spagnuolo nflla gratuita, assoluta o parziale, e nolla 
larga diifusione di libri e di opuscoli d'istruzione religiosa. Ad 
ogni modo, notabilissimo e 1'esempio dell'istituzione spaguuola, 
e degno di essere da per tutto imitate, 

Da noi, in. Italia, non vi ha un'opera che possa starle ve- 
ramente a paro, benche da tempo ne esistano molte, pin o meno 
vicine allo scopo della diffusione e gratuita : dalla collezione di 
centinaia di volumetti a buon mercato delle Letture cattoliche 
fondate dal ven. .D. Bosco (Torino. Corso Beg. Margherita, 176) 
ai volumetti pubblicati dalla Societd Savonese per la diffusione 
gratuita del buoni libri (Savona, Cancelleria Vescovile). 

Due principalmente vanno notate in Italia per fervida opero- 
sita, una diocesana, I'altra nazionale. La Societd diocesana Buona 
Stampa di Milano (Via Kramer, 5) col foglio mensile Crociata 
moderna, fa principalmente opera di divulgazione, o come si dice 
ora, di propaganda , in varii modi, della stampa periodica e 
dei buoni libri pubblicati anche da altre case editrici cattoliche. 
In modo particolare cerca di destare la coscienza, dei cattolici ad 
astenersi dai cattivl giornali (come il Corriere della sera che, 
col suo liberalismo subdolamente anticattolico, tanto veleno 
di errori sparge nella Lombardia ed altrove), ed a promuovere ed 



1 La Societd. di S. Carlo Borromco, che ha la sede centrale iiiBonn, 
celebrain quest'anno il suo settantacinquesimo anno di vita. Essa distri- 
buisce in prestito libri alle famiglie ed associazioni cattoliche, a rnaniera 
di una gigantesca biblioteca circolante^ la quale alimenta o rinnova rai- 
gliaia e rnigliaia di parziali biblioteche popolari e giovanili. Ln. sua ope- 
rosita e cosi vasta, che supera qualsiasi altra istituzione simile, non solo 
in Germania, ma anche in tntte le altre nazioni. Basti notare che supero 
di gran lunga tutte le altre associazioni nel provvedere i soldatidi buone 
letture, accompagnando 1'esercito da per tutto, anche tra i prigionieri, 
con non meno di dieci ' milioni di libri e pubblicazioni varie. Togliamo 
queste notizie falVOsservatore Romano del 2 luglio 1920. . 



NELL A SPAGNA E IN ITALIA 357 

aiutare la nostra stampa. A questo scopo speciale, la societa 
milanese ha pubblicato e diffonde in molte migliaia gli opuscoli 
del fecondo e zelante scrittore popolare, il cappuccino P. Samuele 
Cnltrera, i quali, per lo stile rapido, vivacissimo ed attraente, 
per la copia, varieta ed efficacia degli argomenti, sono forse qnanto 
di pm adatto si puo escogitare a sollevare nel clero e nel popolo 
cristiano un salutare movimento di battagliera operosita contro 
la stampa malvagia e di santo zelo a pro della buona. Non occorre 
aggiungere che essi meritano la piti larga diffusione, insieme con un 
altro opportunissimo opuscolo: La Buona Stampa e i suoi soldati, 
il quale, tracciata brevemente la storia dell'opera ed i suoi statuti, 
passa a v deserivere i mezzi come propagarla e farla fiorire nelle 
sezioni locali, il modo pratico di tenere conferenze popolari, con 
ischemi e tracce; ed, in fine, aggiuuge uno scelto catalogo di buoni 
libri ed opuscoli di coltura e propaganda ;> popolare *. 

"L'OperaNazionale della Buona Stampa, fondata dal regnante 
Sommo Pontefice nel 1915, la cui sede e a Eoma, via della 
Scrofa, 70, eben conosciuta dai nostri lettori, per le notizie che ne 
demmo altra volta 2 . Sinora essa ha atteso alia pubblicazione di 
un foglio mensile, Lettere aperte, che ha 1'intento di tener desta- 
1'atteuzione sul problema della buona stampa in Italia, e si e 
fatta iniziatrice di alcune proposte, tra le quali due principal- 
mente": un concorso per un articolo sulla Festa del Papa, che 
ebbe esito consolante 1'anno scorso, riuscendo premiati alcuni 
tra i sessanta giornali e periodici che vi presero parte ; e la pub- 
blicazione di un giornaletto per i fanciulli, di cui si sentiva la 
mancanza in tanto dilagare di foglietti laici, piti o mono pernicior,i,. 
che vanno per le mani dei ragazzi (come il Corriere dei piccoli 
pubblicato dal Corriere della sera). Questa secoDda proposta e ora- 
bellamente attuata ; giacche col concorso di generosi oblatori si 
e potuto dare inizio al Corrierino, i cui primi numeri, splendicla- 
mente adorni di figure a vivaci colori, disegnati con gusto e m^e- 
stria, vanno ormai per tutta Italia ad allietare ed istruire util- 



1 P. SAMUELE CULTRERA cappuccino, L'arma d'oggi, o la Stampa. 
L. 0,60. II clero e la Stampa. L. 0,60. La vittoria della Stampa. 
L. 1. GAVROCHE, La Buona Stampa e i suoi soldati (Pagine di storia 
e di propaganda). Milano 1920. Societa editrice Bnona Stampa ,. 
Via Kramer, 5. 

8 Civ. Oatt. 1918, vol. 2, p. 456. 



358 L'APOSTOLATO BELLA STAMPA 

mente i nostri fanciulli, senza turbarne la fede e 1'innocenza 1 . 
Siamo sicuri che tutte IP t'amiglie cristiane non mancheranno di 
accogliere e promuovere il grazioso periodico affinche possa soste- 
nersi, giacche non ha bisogno di migliorarsi molto, essendo com- 
parso, sin da principio, quasi perfetto, anche nella veste tipo- 
graflca. 

Tra le altre pubblicazioni deLTOpera Xazionale della Buona 
Stampa, oltre i molti fogli volanti ed opuscoletti d'occasione, 
mandati ai parroci ed agli associati, e degno di nota YAlmanacco 
Manuale della Buona Stampa 2 , in cui e pubblicata la lista quasi 
compita della stampa periodica cattolica per tutta Italia, dalla 
quale si ricava la seguente statistica : quotidiani 24, riviste di 
eultnra 40, periodici di propaganda religiosa e sociale 173, perio- 
dici di propaganda religiosa 120 (senza contarvi i Bollettini dei 
Santuari), bollettini ufficiali diocesani 99, bollettini parrocchiali 
303, che fanno in tutto 759 pubblicazioni periodiche. 

Un'opera importante, promossa dall'O. X. B. S., e quella della 
formazione solida degli scrittori per i giornali, con borse di studio 
e con sussidii, anche perch e possauo seguire i corsi &e\VIstituto 
di coltura filosofiea e religiosa per il laieaio, istituiti nella Pontificia 
TJniversita Gregoriana, secondo la mente del S. P. Benedetto XV. 

Tutta questa operosita, della quale abbiamo fatto qualche 
cenno, e rivolta in Italia, generalmente, a far conoscere i buoni 
libri e le pubblicazioni cattoliche 3 , e molto poco alia diffusione 
gratuita o semi-gratuita, alia quale specialmente e inteso I'Apo- 
stolado de la Prensa in Ispagna. 

Vorremmo proporre che 1'Opera Xazionale della Buona Stampa 
imprendesse qualche cosa di simile a quello che fa la beneftca 
istituzione spagnuola, particolarmente in rig uardo alia collezione 
apologetica completa in duecento opuscoli. Da noi si potrebbe 
iniziare una simile collezione con trattatelli apologetici popolari, 
sia ristampando gli antichi, tra i quali ve ne sono di molto belli, 



1 IL CORRIERINO. Abb. per quest'anno 1920 maggio-dicembre 
L. 7,50; abbon. d'incoraggiamento L: 10. Rivolgersi: Oorrierino, Via 
della Scrofa, 70, Eoma (11). 

2 Presso 1'Opera, Via della Scrofa 70, Roma (11). 

8 Per questo speciale riguardo, va anche ricordata e raccomandata 
al Rivista di letture (abbon. annuo L. 5, Milano. Via Moscova, 15) col 
rigpettivo Manuale di letture (L. 8, ivi). 



NELLA SPAGNA E IN ITALIA 359 . 

come La religione dimostrata alia intelligenza della gioventu di 
G. Balmes, pubblicata in buona traduzione italiana a Firenze 
nel 1896, sia invitando gli scrittori cattolici a comporne del nuovi 
(come quelli, ad es., attraenti e popolari del P.Alfonso Stradelli S.I., 
pubblicati dalla sopra menzionata societa savonese), sia anche 
traducendo dalla collezione spagnuola i piu opportuni al nostro 
popolo. Un'intesa tra 1 'Opera Nazionale e le altre opere per la 
Buona Stampa gioverebbe molto alia coordinazione e coopera- 
zione efficace di tutti al medesimo scopo, che e quello della dif- 
fusione delle buone letture istruttive per rimediare alia lagrime- 
vole ignoranza religiosa del popolo. E per otten^re la diffusione 
larga, larghissima, com'e necessario, bisogna promuovere la gra- 
tuita distribuzione al popolo, e la semi-gratuita o a puro prezzo 
di costo a coloro che vogliono esercitare il loro zelo e la loro carita 
gentrosa in questa forma di apostolato. cosi necessaria, cosi effi- 
cace, cosi opportuna ai tempi presenti. 

Ma questo e forse il punto che meno si comprende in Italia, 
dove pochissimi, anche tra i buoni, anche tra quelli che piu ama- 
ramente deplorano il dilagare della cattiva stampaeisuoitristis- 
simi effetti, si mostrano persuasi della necessita di personal! sa- 
crifizi per opporvi una simile diffusione della stampa buona, come 
anche per sostenere piii generalmente le opere nostre di cultura 
cattolica. Le quali hanno bisogno esse pure di danaro per mante- 
nersi, non potendosi reggere per tutto lo zelo e il disinteresse di 
pochi, spesso piu ricchi di buona volouta e di erudizione che di 
censo. Di che si lamenta, come gia piu volte il Segretario dell'O- 
pera nazionale della buona stampa, cosi anche, in questi giorni 
appunto, il Segretario del Centro Nazionale di cultura , sta- 
bilito del pari dalla Unione Popolare l . E troppo ragionevole 

e il lamento, massime col rincaro incredibile e crescente della 
.carta, della stampa, di ogni cosa. Noi lo proviamo, per esperienza, 

ogni giorno, e preghiamo che vi pensino i nostri amici e facciano 

corrispondere all'aggravarsi delle quotidiane angustie il dilatarsi 

del loro zelo e della loro generosita. 

1 Cf. Corriere d' Italia, del 13 agosto 1920: Programmi e propositi 
del Centro nazionale di eultura. 



BIBLIOGRAFIA 



IL VII CENTENARIO DI S. DOMENICO. (1221-1921). Bol- 
lettiuo mensile illustrate. Ammin. Basilica di S. Domenico, 
Bologna. - Abbon. per un anno L. 25, sostenitore L. 75 (con 
diritto a tutti i 24 fascicoli). 



Molti centenarii si vanno ac- 
cumulando per 1'anno venture ; 
fra essi non v'e chi non vegga 1'im- 
portanza che ha quello di S. Do- 
menico, il VII dalla sua santa 
morte (1221). Cio hanno inteso as- 
sai bene gli ottimi figli di S. Dome- 
nico, che a preparare gli animi a 
celebrare la gloriosa data con 
f rutto, e con accrescimento di culto 
al S. Patriarca, hanno ottimamente 
ideato il Bollettino, di cui presen- 
tiamo ai lettori il primo fascicolo. 

Dobbiamp dire che e indovi- 
nato. Si presenta bene all'occhio 
pel suo dignitoso formato, per la 
finezza della carta. per la eleganza 
dei caratteri e dei fregi, per le riu- 
scitissime e bene scelte illustra- 
zioni ; ma molto' piu se ne trova 
soddisfatto 1'intelletto, per gli ar- 
gomenti trattati, allo scopo di far 
conoscere la personality di S. Do- 
menico e 1'opera sua nella storia, 
nelle scienze, nell'arte, nella teo- 
logia, nella vita . 

Presenta al pubblico il periodico 
1'E.mo Card. Gusmini, Arciv. di Bo- 
logna, il quale notti sommo bi- 
sogno di illustrare storicamente 
1& meravigliosa figura (del Santo) 
e la potent sua opera religiose - 
sociale , anche per debito di giu- 
stizia contrp le falsificazioni della 
Btoria, o meglio degli scrittori par- 



tigiani di storia ; lo loda e lo bene- 
dice in una sua lettera il R.mo 
P. Theissling, Maestro^Generale dei 
Frati Predicated, che ha avuto gia, 
nel tempo del suo paterno governo, 
la bella consolazione di^veder cele- 
brato con tanta solennit e frutto 
il VII Centenario del suo Ordine 
provvidenziale. 

II R. P. Egidio M. Guinassi, 
provinciale Domenicano, pubblica 
un primo articolo per delineare la 
nobile e pura personalitadi 8. Dome- 
nico. II P. Alfonsi 0. P. commenta 
e illustra molto bene il ritratto che 
Dante fa di S. Domenico nel 
XII canto del Paradise, mostran- 
do come il sommo poeta ha colto 
e reso con insuperabile precisione 
il vero carattere del Santo Atleta 
(p. 7). II Dr. Peleo Bacci, R. So- 
vraintendente ai monuraenti, fa 
conoscere e illustra due documenti 
ignorati, su lo scultore e archi- 
tetto domenicano fra Guglielmo da 
Pisa, che si vuole abbia avuto 
parte nell'esecuzione dell'arca di 
S. Domenico a Bologna. Del Cen- 
tenario di Dante, che ricorre pure 
1'anno prossimo, ragiona il ch. 
prof. Mesini; in fine il R.mo P. Lo- 
dovico Ferretti tratta di ire di- 
pinti di Raffaello per cMese dome- 
nicane, illustrando 1'articolo con 
la meravigliosa Madonna del 



ATTTJALITl - TEOLOGIA 



361 



ragione, negli abbonamenti sosteni- 
tori, che danno diritto alle due an- 
nate, le quail formeranno un ma- 
gnifico volume. La Direzione del 
Bollettino e presso Santa Maria 
Novella, Firenze. 



peace , dipinta dall'Urbinate per 
S. Domenico Maggiore di Napoli. 
Ilfperiodico si pubblichera per 
il biennio agosto 1920-agosto 1922, 
e date le difficilissime condizioni 
tipografiche d'oggi. confida, e a 

CHRISTIANUS PESCH S. J. Praelectiones dogmaticae. Tom. I. 

Institutiones propaedeuticae ad sacram Theologiam. Editio 

quinta. Friburgi Brizgoviae, B. Herder, MCMXV, 8, XXVI- 

482 p. L. 10,90. 
ANTONIUS STRAUB S. J. De Ecclesia Christi. Oeniponte, 

F. Rauch (L. Pustet), 8, XCII-500 p.; 916 p. 

1. Con molto ritardo (causa importante argomento. L'A. ha 



1'uragano della guerra) abbiamo 
ricevuto questa 5* edizione del 1 
volume delle Praelectiones dogma- 
ticae del ch. P. Pesch, uno certo 
del piu pregiati fra i volumi di 
, questo pregevoliseimo corso teo- 
logico. L'abbiamo percorso tutto 
con attenzione e amore.riconoscen- 
dovi facilmente la rara diligenza 
posta dal ch. A. nella ristampa 
delle sue opere. 

Le Instittitiones propaedeuticae 
restano non solo nella sostanza, 
ma anche nella forma, quelle che 
erano nella quarta edizione, aven- 
dovi 1'A. conservato lo stesso or- 
dine, la stessa divisione, con la 
stessa numerazione dei paragrafi. 
Nondimeno frequenti ritocchi ap- 
pariscono in piu luoghi, special- 
mente per quanto riguarda le 
citazioni di opere, di quelle ic 
particolare pubblicate dopo la 
stampa della 4 a edizione. Ricor- 
diamo, ad es., i due volumi dello 
Straub, De Ecclesia Christi. 

La piu note vole delle aggiunte 
e data dall'Appendice De Evange~ 
liis et eorum inter se relatione, 
dove 1'A. raccoglie, e opportuna- 
mente illustra quanto la Commis- 
sione biblica ha dichiarato, 1'ul- 
timo decennio, intomo a questo 



cura di annotare le diverse rispo- 
ste della Commissione, citando te- 
sti in esse accennati, o indicando 
i numeri delle Praelectiones, dove 
1'argomento e stato toccato, o 
dando ragione degli errori a cui 
quelle risposte miravano. 

Fra le aggiunte piii rilevanti, 
fatte nel corpo stesso delle Praelec- 
tiones, le prime abbiamo incon- 
trate al n. 122, sulle vicende del 
giudizio dei critici intorno al van- 
gelo di S. Marco, e al n. 126 in- 
torno ad alcune recenti obiezioni 
sulla genuinita di quello di S. Gio- 
vanni. Piu notevole e 1'aggiunta 
al n. 289, sotto la lettera 6) p. 202, 
intorno alia genuinita del testo 
Tu es Petrns ecc. e ad alcune 
obiezioni che lo riguardano ; e 
1'altra nel n. 305, dove sono con 
ampiezza maggiore svolti gli ar- 
gomenti intorno al fine voluto 
da Cristo nella istituzione della 
sua Chiesa. 

L'A., come e noto, segue la 
sentenza di coloro che ammet-. 
tono duo subiecta infallibilitatis 
inadaeqtiate distincta (n.459).0ra, 
ribadendo questa opinione, cita 
fra i contrari, il menzionato 
P. Straub, De Ecclesia Christi, 
II, 1062, dicendo che le sue obie- 



362 



TEOLOGIA 
adeo debiles, ut vix surnpta pro universitate fldelium 



zioni sono 
immorari is opus sit ecc. A noi 
per veriti le obiezioni del P. 
Straub non sono sembrate cosi 
deboli ; ma senza entrare ora in 
una discussione, che eccederebbe 
i limiti di una breve recensione. 
vogliamo solo far notare 1'osser- 
vazione che il P. Straub (n. 1063) 
fa intorno all'opinione del Fran- 
zelin, De div. Trad. th. XII, sch. 1, 
meravigliandosi che si arrechi da- 
gli ayversarii 1'autorita di questo 
insigne teologo per il duplic'e 
soggetto dell'infallibilita. Infatti, 
sebbene il Card. Franzelin aramet- 
tesse la inadaequatam distinctio- 
nem in svbiecto infalUbilitatis, 
pure cosi la intese, da riconoscere 
veramente unum subiectum in- 
fallibilitatis immediatum et in- 
dependens caput Ecclesiae , coree 
si esprime il P. Straub. Altri- 
menti non bene s'intenderebbe 
tutta la dottrina del Franzelin, 
e in particolare il contesto del 



et pastorum, quatenus fieri non 
potest ut omnes simul deci- 
piantur . Schiffini, De vera Ee- 
ligione, n. 238. 

2. Cog]iamo molto volentieri 
1'opportuna occasione di racco- 
mandare la rieordata opera del 
R. P. Straub sulla Chiesa. I due 
grossi volumi non sono certamente, 
nel pensiero dell' A., destinati al- 
1'uso scolastico ; ma essi formano 
uu sussidio preziosissimo per chi 
insegna e per chiunque voglia 
approfondirsi nella dottrina tanto 
importante sull'opera meravigliosa 
del Eegno di Dio sulla terra. 

Le question! vi sonotrattate 
profondamente, e alcune, come 
quella sui doni straordinari degli 
apostoli. con insolita ampiezza (n. 
195 ss.). Peccato che lo stile e 
la lingua rendano non poche volte 
assai difficile il pensiero dell' A. 
Alcune volte i testi potrebbero 
abbreviarsi (si veggano p. es. 



passo citato: Subi-ectum infalli- le fitte settantasei pagine della tesi 



bilitatis... est turn visibile caput 
Ecclesiae per se spectatum, turn 
hoc ipsum visibile caput veluti 
componens et informans corpus 
Ecclesiae docentis . Non e cio il 
medesimo che dire che 1'infalli- 
bilita del corpo, derivata dal 
Capo componens et informans de- 
riva veramente ab infallibilitate 
Eomani Pontificis per se sumpti ? 
Del resto, ognuno vede che se si 
insiRte sulla infallibilita inadegua- 
tamente considerata, si puo consi- 
derr.re anche un terzo soggetto, 
cioe Yinjallibilitas in credendo, con- 



VIII), o anche solo accennarsi, 
quando sono notissimi e alle mani 
di tutti (p. es. n. 262 MATT. 2, 1-6 
sulla venuta dei Magi, e n. 187, 
ID. 20, 20-23) ; ma e certo che gli 
studiosi della teologia de Ec- 
clesia troveranno in quest! vo- 
lumi con gran cura scelti e an- 
notati tutti i testi piu important! 
della Scrittura, dei Padri, dei Con- 
cilii, ecc. E se talora il lettore 
potra dissentire, in questa o quella 
opinione dal ch. P. Straub, e certo 
pero che nedovraamrniraresempre 
la sodezza e sicurezza della dot- 



c essa a tutta la Chiesa adaequate trina. 



SOCIOLOGIA 



363 



ALESSANDRO CANTONO. II movimento sociale cristiano fem- 
minile. Pensiero ed azione. Torino-Roma, Cav. P. Marietti, 1920, 
32o, XII-224 p. L. 2.50. 

nire poi nel trattare con maggiore 
ampiezza del programma sociale 
cristiano. 

In un'ultima parte fa conoscere 
il meccanismo delle associazioni 
professional!, da delle necessarie 
cognizioni sulla cooperazione, 1'in- 
dustria agraria, sxill'azione politica 
della donna, ecc. Infine vi e lo sta- 
tuto generale per 1'Unione fem- 
minile cattolica delle donne, con 
i due particolari regolamenti : 
quello dell' Unione delle donne 
cattoliche d'ltalia e quello della 
Gioventu femminile cattolica ita- 
liana. 

Auguriamo al prezioso volu- 
metto una grande diffusione, sopra 
tutto fra le studentesse cattoliche, 
che sono destinate a intensificare 
e dirigere il moto femminile cri- 
stiano, nelle sue forme nuove di 
azione e di apostolato, 

Dr. D. IOSE M. a LLOVERA pbro, prof, de la Asignatura en el Se- 
min. Cone, de Gerona. Tratado elemental de sociologia cristiana. 
Tercera ed. notablemente aumentada. Barcelona. L. Gili, 1916, 
8, XIl-364 p. Pes. 4. 

valore dell'opera, e la chiarezza 
del pensiero, espresso in una forma 
concisa ed esatta, nonche 1'ordine 
lucido che mostra un'educazione 
mentale attinta dalla Scolastica. 
L'erudizione ampia ma non 
ingoinbrante, la ricchezza delle 
note bibliograflche, la solidit& e 



II movimento femminile cri- 
stiano da qualche tempo ha in Ita- 
lia rafforzato il suo ritmo, e fa 
molto sperare del suo grande con- 
tribute alia causa della Chiesa e 
della societa. Bisogna che questo 
moto sia illuminate e nutrito di 
sana cultura cristiano-sociale, per- 
che non degeneri nel vuoto senti- 
mentalismo, che si esaurisce ben 
presto nelle fi animate di un'ora. 
II Cantono, cosi ben noto fra noi in 
materia di studi sociali, ha raccolto 
in questo volumetto quanto e ne- 
cessario che sia conosciuto e com- 
preso dalle donne che fanno parte 
dell' Unione femminile cattolica ita- 
liana. 

Dopo una rapida sintesi della 
storia dell'azione cattolica femmi- 
nile, 1'A. svolge il programma cul- 
turale sociale, cominciando da 
quello liberale e socialista, per fi- 



In mezzo alia copia delle 
opere di sociologia, che ci ha 
regalato una colluvie di trat- 
tati incompiuti o affrettatamente 
gomposti da dilettanti, ed incom- 
petent!, questo del Llovera e uno 
di quei pochi che puo soddisfare 
tutti. 

Sulla base della quadruplice 
causa (efficiente, materiale, for- 
male, finale) il ch. A. costruisce 
il sistema della Sociologia cristiana, 
riepilogando tutto cio che i nostri 
grandi maestri hanno insegnato 
in questa materia. 

Dote precipua, che decide del 



rettitudine delle idee, la varieta 
stessa dei caratteri, con cui e ac- 
curatamente compilata 1'edizione, 
fanno di .questo libro un manuale 
prezioso sotto tutti i rispetti. 
Non ci meraviglia quindi che sia 
stato premiato al primo concorso 
dell" Action Social Popular, e cho 



364 



SOCIOLOGIA - LETTTJEE RELIGIOSE - POESIA 



abbia gia raggiunto la terza edi- 
zione. 

Avremmo desiderate solo che, 
parlando del sistema della parteci- 
pazione ai beneficii, 1'A. avesse enu- 
merate le varie forme di parteci- 
pazione mista rilYazionariato, si- 
stema di remunerazione che in 



Francia, in America, in '. Inghil- 
terra ed altrovo e Rtato applicato 
con buon successo. 

L 'opera si cliiude con un breve 
studio sulla questione sociale. Un 
dizionarietto alf abetico delle mate- 
rie facilita fl lavoro di consulta- 
zione agli studiosi. 

Teol. D. GUIDO BLOTTO. -- Giovinezza che promette. - Qua- 
dretti d'ambiente. Biella, Un. Biellese, 1919, 100 p. L. 2. 
Se e promettente il titolo, assai tutti i suoi bozzetti non immagi- 



piu promettente ci pare il conte- 
nuto, e sano, fresco, vigoroso 
1'ambiente descrittovi, come 1'aria 
delle sue montagne, come 1'am- 
biente delle Alpi austere. L'autore 
poi, che in rapidi tocchi d'artista ci 
ritrae questi quadretti , vi si mo- 
stra ancora piii che brioso coloritore 
d' ambiente , un operoso e ac- 
corto edu'catore di anime, un for- 
te condottiere di giovani, ch'egli 
non vuole solo buoni per so, ma 
anche per gli altri, in seno alia fa- 
miglia. alia scuola, alia societa. 
nella fabbrica, nel fondaco nel- 
1'officiua, per le vie e per le 
piazze : giovani intrepidi, catto- 
lici praticanti e milltanti, apo- 
stoli generosi. Cosi egli dice loro 
nella prefazione, cosi fa loro sen- 



narii, ma vivi e reali, viene a dimo- 
strare la grande facilita con la 
quale i giovani possono esercitare 
un quotidiano ed efficace aposto- 
lato di bene . 

Xoi conoseiamo 1'ambiente 
giovanile qui dipintoci ; e sap- 
piamo che vi e ben dipinto al 
vero, senza esagerazioni, anche 
senza alcana pretesa letteraria , 
ma per ci6 stesso tanto piu effica- 
cemente. Facciamo quindi auguiii 
che si fivveri il pio voto dell'autore; 
e non solo nella -industre cittadina 
del Piemonte, o nelle sue operose 
vallate, ma in tutte le nostre 
maggiori e minori citta, come nei 
villaggi piii remoti, si port! con que- 
sto un contribute efficace all' opera 
santa, che il sacerdote zelante 
vagheggia, di dare alia Religione 
ed allaPatriauna falangedi giovani 
apostoli cristiani, dai quali solo si 
pu6 sperare un avvenire migliore . 



tire in ogni pagina del suo libro. E 
questo e piccolo, ma vario, attraen- 
te e pratico, siccome quello che in 
tutti i suoi episodii graziosi, in 

Aw. NICCOLO PARENTE. L'ultima bra di Saffo. Carme di 
M. GIUSEPPA GUACCT, recato in versi latini. Aversa, Tip. Novielli, 
1914, 19 p, 
Sulla tragica fine attribuita 

alia poetessa di Lesbo, la illustre 

M. Giuseppa Guacci-Nobile A. 

aveva composto un CARME (L^ul- 

tima ora di Saffo) grazioso e deli- 

oato, quale sapeva creare la sua 



eletta e fervida fantasia. Con vivo 
compiacimento abbiamo letto la 



versione in versi latini fatta dal- 
1'avv. Niccol6 Parente, tutta co- 
sparsa della venusta classica vir- 
giliana. Notiamo la grazia e mae- 
sta nella descrizione della sven- 
turata poetessa, avviantesi allo- 
scoglio di Leucate, oppressa da 
affannosi \e tetri pensieri : 



POESIA - GEOGRAFIA 



365 



Alba sub tunica mitlier maestis* 

sima tamquam 
Accensa indomita coelesti lumina 

flamma. 
Incedit nigris humeros perfusa 

capillis 
Ac viridante simul frontem redi- 

mita corona 
Cinxit olimpiaco quam iam cer- 

tamine cantu. 

II ch. avvocato maneggia an- 
che con maestria il verso saffico 
oraziano, dove ritrae i sentiment! 
di Saffo, espressi dalla Guacci: 

Pallide o vesper, veneranda salve, 

O quies coeli, el mare tu serenum 

sol ubi glauca occiduus quiescens 

Tingitur unda. 
Tutto 1'episodio spira mesti- 



zia, ed il Parente conserva sempre 
fedelissimo il sentimento, da sem- 
brare un carme originale piu che 
una traduzione. 

Al venerando vegliardo che si 
fa incontro all'infelice per conso- 
larla, essa esclama : 

me deseruit, Pater, omne 

Solamen terris : tot curis anxia vita 
Quam quaero invisam immattira 

abrumpere morte. 
Jam mihi laeta juit... 

Traduce poi la squisita ode saf- 
fica, ultimi accenti dell a poetessa 
greca. 

Diciamo insomma che molta 
lode merita il ch. Aw. per la bel- 
lissima traduzione, sperando di 
leggere altre scritturo consimili 
della sua penna. 



G. RUGGERO, G. RICHIERI, A. GHISLIERI. Testo e Atlante 
scolastico di Geografia moderna. Compandio rifatto dai prof. 
G. Ricchieri e C. Errera. Tre fascicoli. Bergamo. Istit. ital. d'arti 
grafiche, 1920, 80, 68 con 20 tavole ; p. 117 con 32 tavole ; p. 100 
con 16 tavole. L. 2,25 ; 2,80 ; 2,40 con Taumento del 50 %. 

Questo compondio di Geogra- rimaneggiamenti fatti ; ma pro- 



fia moderna, gia tanto in uso nelle 
classi inferiori delle scuole medie, 
e stato rifatto e ammodernato dai 
prof. Ricchieri ed Errera non solo 
nel testo, introducendovi quelle 
possibili modificazioni, che gli in- 
certi trattati delle diverse paci 
concludenti la guerra mondiale, 
permettevano di accogliore per ora, 
ma anche nelle tavole dell' Atlante 
che va annesso ad ogui fascicolo. 
Per6 gli autori, mentre cosi gio- 
vano al bisogno delle scuole no- 
stre, non credono di appagarsi ai 



mettono nelle venture edizioni 
una piena e perfetta rinnovazione 
del testo e delle carte. 

Con tutte le incertezze dell' ora 
pfesente, con tutte le dissimulazioni 
storiche digravi fatti recentf, poco 
gloriosi, e anche con qualche esa- 
gerazione d'int5nti politici, questo 
compendio, merce del sussidio di 
un maestro che sappia spiegare, 
chiarire ed emendarne i difetti, 
sara buona guida ai nostri gio- 
vincelli nello studio della geo- 
grafia e della storia moderna. 



CRONACA CONTEMPORANEA 



Roma, 23 luglio - 12 agosto 1020. 
I. 

COSE ROMANS 

1. Azione cattolica contro il divorzio e a favore della scuola 

Corsi sociali. 2. II nuovo ministro di Romania presso la Santa 
Sede presenta le lettere credenziali. 3. La benedizione degli 
Agnus Dei e la Porziuncula in Vaticano. - - 4. L' offerta an- 
mi ale del Calice alia Basilica Liberiana. 5. Una lettera del Sommo 
Pontefice per la Polonia invasa dai bolscevichi. 

1. Da che agli Uffici della Camera le elezioni dei Commissarii 
riuscirono favorevoli al disegno di legge sul divorzio presentato dai 
socialisti, si e destato un coro di proteste da tutte le associazioni 
cattoliche d'ltalia, comprese quelle, e in prima linea, di Trento e 
di Trieste. Cosi nell' Osservatore Romano larubrica fissa 'della 
Campagna contro il divorzio e ogrii giorno fitta di relazioni e di 
documenti: conferenze, comizi, parole di Vescovi, testimonianza 
della stampa avversa. Con le associazioni maschili nella protest* 
hanno fervidamente gareggiato le femminili, delle Donne Cattoliche 
e della Gioventu femminile cattolica. II che e tanto piu da osser- 
varsi, in quanto che la legge del divorzio che il socialista Maran- 
goni vorrebbe far penetrare nella legislazione italiana, sembra abbia 
incontrato lo speciale favore di certe sconsigliate dell'altra sponda, 
che si agitano non poco in favore di esso, bench e di solito nascoste 
coraggiosamente sotto il velo dell'anonimo. 

Un altro fatto notabile, per rispetto alia legislazione e alle fu- 
ture "sorti d'ltalia, e la Giornata pro schola che si tenne nello 
scorso mese e si va tenendo dai cattolici un po' da per tutto. Sono 
innumerevpli adunanze, e comizi e conferenze di propaganda in 
favore della scuola libera, che e il gran problema il quale aspetta 
la sua pronta soluzione e si vuole assicurare. 

Si aggiunga (e lo poniamo qui per affinita di materia) 1'inizio dei 
Corsi sociali da tenere in varie citta, il prime dei quali e stato quello 
assai ben riuscito di Cagliari, a cui parteciparono piii di cin- 
quanta aluiini. Tali corsi sono alcuni giorni di lezioni sulle prin- 
cipali questioni sociali, trattate al lume del principio cristiano 
dai nostri migliori studiosi di tali materie. Si tengono in di- 
verse citta per dar comodo di parteciparvi ai rappresentanti delle 
diverse regioni d'ltalia, continentale e insulare ; e vengono assai 
opportuni, giacche fra tanto fervore e contrasto di opinioni in 
materia sociale, e grande il pericolo anche pei cattolici di deviare 
incautamente, - e cosi non fosse ! - dai principii della morale 
eterna. 



CRONACA CONTEMPORANEA - COSE ROMANE 367 

2. Giovedi ; 29 luglio, il nuovo Ministro di Romania presso la Santa 
Sede, S. E. il Dottor Demetrio Pennescu present 6 alia Santita diNo- 
stro Signore le lettere che lo accreditano in tale alto uffieio. Fu ri- 
cevuto dal Santo Padre nella Sala del Trono, dove accompagno con 
nobili parole la presentazione delle credenziali. II S. Padre rispose 
ringraziando del sentiment! espressigli ; indi invito il Ministro 
a recarsi nelle private sue stanze, dove lo trattenne in particolare 
colloquio. Quivi S. E. presento a Sua Santita i personaggi del se- 
guito, Signer BarbiLCostantinescu, segretario di legazione, e Mon- 
signor Nicolescu, consulente ecclesiastico ; e dopo, preso commiato, 
si reco ad ossequiare 1'E.mo Card. Gasparri, Segretario di Stato. 

3. Sino dai tempi molto antichi, come fu gia dimostrato su questo 
periodico (1907, vol. II, p. 568 segg.), e inuso a Boma la benedizione 
e distribuzione delle sacre cere dette volgarmerite Agnus Dei 
per rinnnagin* 1 impressavi del sacro Agnello. Com'e noto, sono di 
cera vergine (il cui significato simbolico e espresso nelle preghiere 
della benedizione) e si benedicono, immergendoli nell'acqua santa, 
dov'e stato prima infuso il balsamo e il sacro crisma. Al presente la 
benedizione del Papa si suol fare al principle del suo Pontificate, 
indi ogni cinque anni e straordinariamente nell'Anno Santo. 

Come leggiamo nell'Osservatore Romano del 2-3 agosto, la be- 
nedizione degli Agnus Dei dal 1 870 non si era piu f atta, quando 
la ripristino Leone XIII nel Giubileo del 1900. E Pio X mantenne 
quel che il suo Predecessore aveva rimesso in uso e del pari 1'ha 
mantenuto Benedetto XV, il quale benedisse gli Agnus Dei nel 
prim'anno del suo pontificate, il 25 luglio 1915, festa di S. Giacomo 
Apostolo, suo Patrono, ed ora, dopo cinque anni, li ha ribe- 
nedetti. 

La cerimonia si tenne con solennita, domenica 1 agosto, sulle 
ore' 11, nell'Aula Concistoriale, dove con Prelati e Ufficiali della 
Corte Pontificia, erano riuniti il P. Abate Generale dei Cistercensi 
e i Monaci dello stesso Ordine della Comunita di S. Croce in Geru- 
salemme, i quali godono il privilegio di apprestare le sacre cere. As- 
sistevano anche alcuni vescovi e altri invitati. Della bella e sin- 
golare cerimonia diremo solo che il S. Padre benedisse da prima 
col convenuto ceremoniale 1'acqua contenuta in una grande conca 
d'argento ; indi, dopo avere infuso in essa, in forma di croce, il bal- 
samo e il S. Crisma, benedisse gli Agnus Dei col rito prescritto 
dal Ceremoniale, dove sono ricordate le sptrituali virtu attribuite 
alle sacre cere. Cio fatto, depose il pluvialee assuntoil grembiale 
infondeva nell'acqua gli Agnus Dei ritraendoli poi con un mestolo 
d'argento dorato, e ponendoli suvassoi d'argento. Dai monaci quindi 
erano portati ad asciugare sumensole a cio apparecchiate con can- 
didi lini. L'immersione, cominciata dal S. Padre, fu proseguita da 
Mons. MaggiordomoedaiMonsignoriElemosiniere segreto e Sacrista, 
i quali cinsero anch'essi i grembiali e, immerse le cere, le ritraevano 



368 CRONACA CONTEMPOKANEA 

a mano a mano coi mestoli d'argento. E sol quando quest 'opera- 
zione fu terminata, Sua Santita dal Trono reeito le preci di chiusa 
e pose il suggello con PApostolica Benedizione in forma solenne. 
. Una divozione, famosa nei fasti Francescani, e che, quanto 
alia pratiea, il Santo Padre accredita col suo augusto esempio, e 
quella dell'Indulgenza della Porziuncula, altrimenti detta if Per- 
dono d'Assisi. Come troviamo minutamente riferito daM'Osservatore 
Romano, nella parte ufficiale, il Santo Padre per acquistar detta 
Indulgenza, nel pomeriggio del 1 agosto si reco privatamente nella 
Cappella Paolina, Parrocchia dei SS. PP. AA. Allo stesso fine la 
mattina seguente, 2 agosto, celebro nella mentovata Cappella la Santa 
Messa; e finahnente alle ore 18 di quel giorno medesimo vi torno 
per la terza visita, accompagnato dalla sua Corte e scortato dalla 
Guardia Nobile. Quivi fu recitata la tei'za parte del Rosario, dopo 
la quale essendo stato esposto il SS.mo Sacramento e detto il Salmo 
Miserere e le Litanie dei Santi e cantato il Tantum Ergo , Mons. 
Sacrista impart! la Trina Benedizione col Venerabile. 

4. Per la festa di S. Pietro riferimmo 1'offerta che la Societa, 
Primaria Romana per gl'interessi cattolici suol fare, ogni anno, 
di un calice, in luogo di quella che sino al 1870 veniva fatta dal 
pubblico Magistrate di Roma, quale tribute di devozione cittadina^ 
verso il Principe degli Apostoli . Una simile off erta lo stesso Magistrate 
soleva fare alia Basilica Liberiana il 5 agosto, festa di Maria San- 
tissima della Neve. Ma poiche venuto il 1870, anche questo ossequio 
alia Madonna, come quello a S. Pietro, i pubblici Ufficiali non lo giu- 
dicarono piu confacevole coi tempi nuovi, subentro anche qui la 
Societa Primaria Romana. tlna rappresentanza di essa, la mattinu 
del 5 agosto, si reco dunque a S. 'Maria Maggiore, e offerse il calice 
d'argento con la consueta cerimonia, nella Cappella della Madonna 
della Neve. II calice rimase esposto, tutto il giorno, sulla mensa 
dell'altare di quella Cappella, con la sua patena, che era poggiata 
sopra un mazzo di gelsomini bianchi, di quelli che nelle f unzioni di 
quel giorno, secondo un uso, devotamente pittoresco, si fanno 
piovere dall'alto della Cappella Borghesiana, a ricordare sensibil- 
mente la neve che da il titolo della festa. 

L 'off erta era accompagnata da un'elegante epigrafe latina, del 
P. Sante Chiavarelli d. C. d. G. 

5. Nell' ultima cronaca dicemmo del grave stato di cose in cui si 
trova la Polonia, e come fosse stata costretta a chiedere I'armistizio 
e che questo era stato accettato dal governo soviettista. Ma men- 
tre si riteneva che le ostilita sarebbero state sospese, e sitraevacome 
un respiro di soddisfazione, invece gli eserciti bolscevichi hanno 
continiiato ad avanzare e con tale vigore che gia si parla dell'investi- 
mento di Varsavia. Una minaccia cosi grave, anche pel resto d'Eu- 
ropa, tiene in trepidazione gli animi, e il Santo Padre, Benedetto XV, 
commossone, ha scritto una Lettera a S. E. il Card. Vicario, che 
qui riportiamo integralmente : 



COSE EOMANE 369 

Signor Cardinale, 

Con vivo compiacimento abbiamo appreso che Ella, seguendo 
il Nbstro suggerimento, ha ordinato che Domenica prossima nella 
Venerabile chiesa del Gesu siano innalzate fervide solenni preghiere 
all'Altissimo per invocare le misericordie del Signore sulla sventu- 
rata Polonia. 

Gravissime ragioni Ci inducono a bramare che 1'esempio dato 
da Lei. Signor Cardinale, sia seguito da tutti i Vescovi del mondo 
cattolico. E nota infatti la materna ansiosa sollecitudine colla quale 
la Santa Sede ha seguito sempre le fortunose vicende della Nazione 
Polacca. Quando tutte le Nazioni civili si inchinavano silenziose 
dinanzi alia prevalenza della forza sul diritto, la Santa Sede fu sola 
a, protestare contro la iniqaa spartizione della Polonia e contro la 
non meno iniqua oppressione del popolo polacco. Ma ora viemolto 
di piu ; ora non solo e in pericolo la esistenza nazionale della Polonia, 
ma tutta 1'Europa e minacciata dagli orrori di nuove guerre. Quindi 
non e soltanto 1'amore verso la Polonia, ma e 1'aniore verso tutta 
1 'Euro pa che Ci muove a desiderare che i fedeli tutti si uniscano aNoi 
nel supplicare 1'Altissimo affinche per intercessione della Vergine 
Santissima, protettrice della Polonia, voglia risparmiata al popolo 
polacco questa suprema sciagura, e nello stesso tempo voglia al- 
lontanare questo nuovo flagello dalla dissanguata Europa. 

Pregando Iddio perche i cuori de' fedeli siano sensibili all'ap- 
pello del Padre, impartiamo con tutto il cuore a Lei, Signor Cardi- 
nale, PApostolica Benedizione. 

Dal Vaticano, li 5 agosto 1920. 

_BENEDICTUS PP. XV. 

La funzicne, della quale il S. Padre in questa venerata Lettera 
si compiace, rallegrandosene col Cardinal Vicario, si tenne la do- 
menica 8 agosto, nella chiesa del Gosu, alle ore 19. Fu celebrata da 
Mons. Palica, Vicegerente, e, oltre.un folto pubblico, v'assistevano 
i Cardinal! Cagiano d'Azevedo e Silj, alcuni membri del corpo di- 
plomatico presso la Santa Sede, e molti veecovi e prelati. 
Si recito il rosario, si cantarono le Litanie de' Santi, e in ultimo fu 
impartita la Benedizione del SS.mo. Sull'altare di S. Ignazio era 
esposta la reliquia del b. Andrea Bobola d. G. d. G., Martire e Pa- 
trono della Polonia. 

Secondo il desiderio dal Papa espresso in questa medesima sua 
Lettera, simili funzioni doArranno tenersi non a Roma soltanto ed 
in Italia, ma da per tutto. E Dio esaudisca queste suppliche, egli 
che, secondo una preghiera della liturgia di questi giorni (Dome- 
nica X! dopo PenlcMste) con 1'abbondanza della sua pieta supera 
cosi i voti come i meriti de' suoi supplicanti . 

Anche contro questa lettera del Papa, cosi paterna e cosi pre- 
veggente, il ^retto spirito della stampa liberalesca, nonche Tastio 
della sovversiva, ha trovato che ridire. Veramente, anche qualche 
foglio liberale, come il Oiorno di Napoli, vi hr veduto giusto : un 

Q ~^~Civilta}Lattol*9a,, 18SO, vol. 8 quad.*tfl64. '24 14 agosto 1820. I 



370 CRONACA CONTEMPORANEA 

appello del Papa a tutta la Cristianita perche si oppotiga al dilagam 
della teoria asiatica materiata oggi nel pericolo di nuove guerre il 
cui incendio minaccia propagarsi'non alia sola Polonia... ma all'Eu- 
ropa intiera . Ma altri purtroppo, e in maggior numero, vi hanno 
scorto, o piuttosto finto di scorgefvi, un 'appro vazione o appoggio, 
quantunque indiretto, agli eccessi possibili e alle pretensioni tutto 
del nazionalismo polacco, e quindi una contraddizione con la pre- 
cedente condanna dei nazionalismi ingiusti, della politica utilitaria 
, e delle guerre che ne sono il frutto. Chi ha fiore di buon sense vede 
subito la inanita dell'obbiezione, come la malignita della calunnia; 
vede quanto sia diversa cosa resistere all'orda selvaggia del bolsce- 
vismo ed opporsi allo schiacciameirto di una nazione cosi generosa 
e cattolica, anche quando avesse ceduto alle illusioni di un patriot- 
tismo troppo caldo, all'esempio, alle promesse, o alle speranze fatte 
balenare dalla stessa politica delPIntesa, che ora 1'abbandonae 
1'insulta. 

E notabile, a questo proposito, 1'ultimo discorso del primo mi- 
nistro d'Inghilterra, Lloyd George, del 10 c., succeduto a quella 
del nostro ministro degli Esteri, on. Sforza. In esso - scrive, plau- 
dendo, il corrispondente della Stampa di Torino (1 1 agosto) - Lloyd 
Gorge ha dato implicitamente ai russi (bolscevichi !) finance il via- 
tico per Varsavia : e 1'ha dato con quella fredda politica che per 
la sola verita noi abbiaino denunziato altre volte. 

Ora 1'Inglese fa 1'indignato contro i Polacchi e la loro guerra ; 
la dice ingiustificata e persino giunge a dohrsi sinceramente - 
sincerita politica! che sia stata f atta contro gli ammonimenti della 
Francia e dell 'Inghil terra . A chi lo fara egli credere ? Se egli coi 
suoi alleati avesse voluto impedirla davvero, con quella vigoria, 
non diciamo prepotenza, con cui ha impedito, ad es., altre preten- 
sioni o disegni nazionalistici del piccolo Belgio o della trascurata 
Italia, certo la giovane Polonia, per quanto bellicosa e minacciata 
dall'invasione bolscevica, non si. sarebbe ardita di muovere, inolto 
meno di troppo avanzarsi contro la Russia nelle aspirazioni del 
suo nazionalismo. E verita, dunque, e sincerita riconoscere, cio 
che riesce evidente ad ogni uomo non accecato da passione naziona- 
listica, che si rinnova qui il caso della seconda meta del secolo xvm, 
quando nel triplice smembramento tutte lo nazioni civili s'inchi- 
navano silenziose alia prevalent della forza sul diritto - com* 
dice Benedetto XV - e la S. Sede fa sola a protestare contro la 
iniqua spartizione dellr, Polonia e contro la non meno iniqua 
oppressions del popolo polacco . 

Ai giornali intanto, come alia Tribuna m nisteriale , ha ri- 
sposto gia vittoriosamente I'Osservalore Rom-ano, del 12 e del 14 
agosto, mostrando in particolare come I'es-ig^azione e la colpa, 
qualunque sia, dell'avanzata polacca non e ragione sufficiente per 
negare Tesistensa nazionale alia Polonia, o lasciarlst in balla all*, 
barbaric dei bolscevichi col pericolo della stessa Europa. 



COSE ITALIANE 371 

i jr. 

COSE ITALIANE 

1. Le leggi finanziarie dinanzi alia Camera. 2. Le relazioni italiaue 
nella politica intemazionale esposte al Parlamento dal ministro 
degli Esteri. II trattato di S. Germane approvato. La Camera 
prende le vacanze. 3. Attentati criminosiper opera del sovversirL 

1. Non e certamente caduto dalla memoria il rumoroso prote- 
stare che da certe parti della Camera si faceva, or non ha molto, sul 
dispregio hi cui era lasciato il Parlamento esautorato dal Governo, 
il quale si arrogava di legiferare senza curarsidel Consiglio supremo 
della nazione. Questa volta il Governo. rispettando serupolosamente 
le prerogative parlamentari, accumulo il lavoro sui banchi della Ca- 
mera, obbligata a tenere fino a tre sedute al giorno, sperperando 
le discussioni qualche- volta dinanzi a poche decine di deputati trafe- 
lanti sotto gli ardori canicolari. Pareva un impegno d'onore tra 
la Camera ed il Governo, una corsa di resistenza alia fatica. 

Le questioni del programma ministeriale erano in massima parte- 
di nonlieve importanza, sopra tutto per le conseguenze economiche. 
Per citarne alcune, ricordiamo in prima la legge sulla noniinativita 
dei titbli. Per essa e resa obbligatoria la conversione di tuttii titoli 
al portatore in nominativi. emessi dallo Stato, dalle provincie. dai 
Comuni, dalle societa per azioni, edi qualsiasi altro ente, nonche dei 
depositi vincolati a termine fisso. fatta soltanto eccezione peri 
buoni del Tesoro ed.i depositi al risparmio. II titolo nominativo s'in- 
tende appartenere all'iiltimo intestatario del titolo stesso. Non e am- 
messa la validita delle controdichiarazioni. Fu delegata al Governo 
la potesta di fissare i provvedimenti atti a rendere piu speditaedeco- 
nomica la conversione. Fucondonata ogni multa o penale per omessa 
demmcia di titoli al portatore, in atti precedenti, purche sia fatta 
entro un termine da stabilire. Sui titoli esteri al portatore fu tripli- 
cata la tassa, e imposto Pobbligo di denuncia particolareggiata ogni 
semestre. La legge fu approvata nella seduta del 4 luglio. 

Altro gravissimo disegno di legge riguardava le tasse di succes- 
sione o trasferimento a titolo gratuito per causa di morte o per atto 
tra vivi, o di passaggi di usufrutto per la presa di possesso di benefizi 
o cappellanie. L'argomento toecava da vicino i punti fondamentali 
del diritto di proprieta, e i socialisti ne profittarono per sciorinare le 
facili teorie del loro programma di distruzione, proponendo 1'aboli- 
zione radicale del diritto ereditario . A nome di un gruppo di eompagni 
Pcm Matteotti chiese che nel primo articolo fosse stabilito la succes- 
sione legittima o la disponibilita testamentaria noja doversi ammettere 
che per quote inferior! a lire 100.000 ed a favore di eredi che non pos- 
siedano gia altrimenti un reddito famigliare superiore a 6000 lire per 
persona della famiglia, o altre 50.000 th complesso . Fu pure re- 
spinto un emendamento che voleva epcludere le succession! oltre il 



372 CEONACA CONTEMPORANEA 

<juarto grado : ma gli eredi oltre questo grado furono equiparati agli 
stranei. In gcnerale le tassedisuccessione, che in quest! ultimi tempi 
-avevano gia avuto a sopportare cinque inasprimenti succossivi, 
fino alia tariffa del novembre-l 919, ne. ricevettero uno ancor piii acuto, 
tanto da riuscire in certi casi ad assorbire in poche volte tutta la so- 
stanza dell'eredita. 

La nuova tariffa, allegata al disogno di legge approvato nella se- 
duta del 28 luglio, e divisa insette titoli: fra ascendent! e discendenti 
in linea retta in primo grado ; oltre il primo grado. fra coniugi ; tra 
fratelli e sorelle ; fra zii e nipoti ; fra prozii e pronipoti e cugiiii ger- 
mani; fra altri parent! oltre il quarto grado, affini, e fraestranei.Per 
dare un saggio di tali gravezze citeremo le tarifte del primo e dell'ul- 
timo titolo. Tra ascendenti e discendenti per linea retta in primo 
grado^la tassa per le somme fino a 1000 lire e di lire 1 per 100 : fino a 
5000 lire 1,50 per 100 : fino a 10.000 lire 2 per 100 : fino a 25.000 lire 
2,50 per 100 : fino a 50.000 lire 3 per 100 : fino a 100.000 lire 4 per 
100 : fino a 250.000 lire 6 per cento ; fino a 500.000 lire 9 per cen- 
to: fino a 1 milione 14 per 100 : fino a 2 milioni 16 per 100 : fino a 
S^milioni 18 per 100 : fino a 10 milioni 21 per 100 : fino a 20 milioni 
24 per 100 : oltre i 20 milioni 27 per 100. Tra parenti oltre il quarto 
grado, affini e fra estranei, la tassa fino a 1000 lire e di lire 1 8 per 100 : 
fino a 5000 lire 19 per 100 : fino a 10.000 lire 20 per 100 : fino 25.000 
lire 22 per 100 : fino a 50.000 lire 35 per 100 : fino a 100 000 lire 40 
per 100 : fino a 250.000 lire 46 per 100 : fino a 500 000 lire 52 per 100 : 
fino a 1 milione 59 per 100 : fino a 2 milioni 62 per 100, fino a 5 mi- 
lioni 65 per 100 : fino a 10 milioni 68 per 100 : fino a 20 milioni 72 per 
[100 : oltre i 20 milioni 75 per 100. 

Le tasse invece per i trasferimenti a scopo di teiieficenza sono 
del 5 per 100 : per i passaggi di usufrutti per le prese di possesso dei be- 
nefici e delle cappellanie sono del 3 per 100. 

Venne pure discussa la legge sopra 1'avocazione allo Stato dei so- 
praprofitti di guerra e quella delle disposizioni contro gli alti prezzi 
con pene e multe ai produttori negozianti o rivenditori all'ingrosso 

al minuto cho si concertino in qualsiasi modo con altri allo scopo 
di impedire o di limitare la libera concorrenza nolle vendite di materie 
prime, generi alimentari od altre merci di uso popolare . Anche gli 
accaparratori o incettatori sono puniti con pene fino a cinque anni e 
5000 lire di multa. fi fatto obbligo ad ogni negoziante che espone in 
Tendita la merce di apporvi il prezzo in chiare cifre. La legge da fa- 
colta al ministro dell'Industria e al Commissario doi consumi di pro- 
cedere a inchiesta sul costo reale dei generi alimentari e delle merci 
di uso popolare per determinare, in quanto lo credano necessario, 

1 prezzi massimi di vendita a cui dovranno attenersi i produttori, 
intermediari e rivenditori. Aspettiamo di vedere che razza di buon 
morcato inondera le felici contrade d'ltalia ! 

La questione invece delle elezioni .amministrative, nonostante 
gli sforzi dei popolari, non pote essor uondotta a termine,data la stret- 
tezza del tempo e la divisione dei partiti. Rimandata la deliberazione 



COSE ITALIANS 37$ 

al venture ottobre insieme con quella sul voto delle donne,le elezioni 
prossime dovranno farsi necessariamente secondo la legge in vigore. 

La Camera si sciolse il 9 agosto per le solite vacanze estive. 

2. Fino dalla seduta del 22 luglio il ministro degli Esteri rispon- 
dendo a interrogazioni mosse da parecchi deputati ayeva dato alia- 
Camera una relazione particolare intorno alia conferenza di Spa e- 
ai vantaggi - veri e ipotetici - che 1'Italia avrebbe da essa ricavato : 
ne abbiamo dato un accenno nella cronaca precedente. Rimaneva- 
pero sempre da trattare la questione generale della politica ostera: 
ad essa Ton. Sforza rispose nella seduta del 6 agosto, in occasione- 
della ratifica finale del trattato di San Germane. Le sue dichiarazioni 
ebbero per oggetto le relazioni italiane con la Grecia e con 1'Albania,. 
I 'atteggiamento verso la Pblonia e la Russia e da ultimo la questions 
adriatica. la piu torment ata, eppure la piu stringente ed imperiosa. 

II ministro con certa moderazione espose la condotta del mi- 
nistero e la direzione della sua politica di fronte a quei governi. II 
trattato Tittoni-Venizelos del 29 luglio 1919 tra 1'Italia e la Grecia. 
doveva impegnare le duo parti a sostenersi reciprocamente nelle 
loro rivendicazioni di dominio sia in Epiro ed Albania sia nell'Asia. 
Minore. con la cessione alia Grecia del Dodecanese, eccotto RodL 
Data la nuova situazione che i fatti e le necessita politiche avevanc* 
creata, questo accordo, di cui non restavano all'Italia che gli oneri,. 
era evidenteinente divenuto caduco . Da una parte infatti il Governo 
ha rinunciato ad ogni occupazione o protettorato sopra 1'AIbania, di 
cui ha riconosciuto la piena indipendenza : dall'altra le decision! 
degli Alleati circa 1'Asia Minore hanno mutata la condiziono degli 
interessi di ciaseuno dei contraenti : 1'Italia riprende quindi piona li- 
bertad'azione, conservando pero il cordialc desiderio d'intesa fra 
i reciproci interessi e la ferma intenzione di giungere a soddisfacenti. 
accordi . ^ 

Questa- denuncia era tanto piu necessaria per ragione di lealtaVerso 
l'Albania. Poiche un'abile propaganda dal nord e dal sud aveva fatto- 
credere agli Albanesi che senza la nostra rioccupazione militare di. 
Valona I'integrita albanese sarebbe rispettata da tutti, noi abbiamo- 
ritirato le nostre truppe da Valona, mantenendo in nostro potere si- 
curamente guernita di artiglieria e di truppe Tisola di Salseno cho do- 
mina e neutralizza la baia di Valona . L'oratore non si nascondeva,- 
che la decisions potesso non trovare unanimi i consensi >>; le contra- 
dizioni infatti con le dichiarazioni di poclii mesi addietro sulla posi- 
sizione indisponsabilo di Valona per la difesa itr.liana che causarono^ 
lo sporpero di setto miliardi, oitro i morti e lo scftcco militare-diplo- 
matico. erano ^'oppo palesi e stridenti. ^ 

Ma orr.ai, dope la pubblicazionc dei patti intornazionali che dove- 
vano essere segreti, era impossibile fare altrimenti, incorrere cioe- 
nelle spese enormi di una spediziono non propprzionata agli incerti 
vantaggi da ritrarne, facendo forse il giuoco di altri vicini intenti a- 
giovarsi dei nostri errori. Finita conlaguerra europea la necessita, 
di occupazioni militari, conchiuse Ton. Sforza, noi non vogliamofare 



374 CRONACA CONTEMPORANEA 

oogli Albanesi che una politica di amicizia. Dissipate il doloroso equi- 
voco, partiti dopo un brillante combattimento che niostro agli illusi 
di Valona che mai la forza ci avrebbe fatto ritirare di la, noi possiamo 
esser certi che saran gli Albariesi che in un prossimo future cerche- 
ranno da, noi aiuti e collaborazione . Al tempo la conferma dei Heti 
pronostici. 

Venendo a toccare della sorte dell'infelice Polonia, per cui trepi- 
dano tutti gli aiiimi onesti in questi giorni angosciosi, il ministro degli 
Esteri niostro di attribuirte ad errore generoso lo sforzo da lei ten- 
"tato di allargare fino a Kiev i confini della sua indipendenza. Sopraf- 
fatta da forze maggiori, ammaestratadaU'esperienza.oggi la Polo- 
nia non mira piu a un pollice di terra che non sia puramente polacca , 
secondo le convenzioni del trattato di Versailles. I voti dell'Italia 
sono per una rapida pace e la sicura indipendenza della Polonia . 
Quanto alia Russia dei comunisti, si e fatta fin qui la politica del 
blocco : ma senza risultato. Tale politica non e conforme al teiupe- 
ramento italiano, che per il suo generoso sentimentalismo seinpre e 
pronto a simpatia per i popoli o governi sui quali pensa che si eser- 
citi una violenta pressione straniera . A parere dell'oratore, uoccorre 
che il bolscevismo viva e muoia da se ; e non sia martire o pseudo- 
martiro . E procedendo piuoltre, egli espresso la sua opinieneperso- 
n^le che piu vi saranno contatti liberi con la Russia d'oggi, e piu la 
nostra sana limpida mentalita latiiia non amera staccarsi da un si- 
curo sia pur rapido evolversi delle nostre secolari tradizioni . Percio 
<(l'Italia ha gia conchiuso da tempo una intesa col governo di Mosca 
per 1 'ammissione di un agente russo qui e di un agente italiano in Rus- 
sia i quali lavoreranno allo sviluppo delle relazioni economiche fra 
i due, paesi nelPinteresse comune >\ L 'agente russo Voroski e atteso a 
giorni e godra la piu libera ospitalita : ben inteso che non dovra rne- 
scolarsi in modo alcuno nella politica interna : lo stesso faral'agente 
italiano a Mosca . Volere o no, il governo di Mosca esiste, ne noi 
possiamo desiderare che 1' Euro pa continui in uua vitafittizia, igno- 
rando la Russia . 

Restava la questione piu scabrosp^. la questione adriatica: ma della 
sua soluzione nulla di nuovo pote rivelarci 1'on. Sforza. Disseneces- 
sa,ri i confini segnati dalle tradizioni italiane e formulate, secondo 
lui, proprio da Dante ; Mazzini, Cavour : all 'Italia si deve, come 
un vanto inestimabile, la distruzione della monarchia asburghese : 
questo devono ricordare i iugoslavi e imirsi con gli italiani per lavo- 
rare a comune vantaggio. Noi dobbiamo desiderare - egli conchiuse - 
una prossima soluzione che^comunque ci e garantita da patti inter- 
alleati... perche I'ltalia non abbia ostacoli al suo fianco che le tolgano 
azione ed influenza . 

Nelle ultime sedute dell'8 e 9 agosto venne posto in rapido esame 
il trattato di San Germano. L'on. Mattei Gentili dei popolari svolse^ 
un ordine del giorno, firmato anche dagli onorevoli Tovini e Mauri, 
<3ol quale si diceva che la Camera, pur constatando che il trattato 
non corrisponde ai principii che dovrebbero ispirare la pace trai po- 



OObE ITALIANS 375 

poll e non tutela sufficienteniente gli interessi italiani, deliberadira- 
tificarlo per non ritardare piu oltre il congiungimento alia madre pa- 
tria delle terre italiane rederite e in vita il Governo a provvedere d'ac- 
cordo col Parlamento, non appena in esso siedano gli eletti di quelle 
terre, alia sistemazione delle nuove provincie nella compagine nazio- 
nale sulla base delle piuarnpie autonomie locali . L'on. Treves invece, 
con altro ordine del giorno sottoscritto da sedici compagni, dichiaro 
di rinutare la ratifica del trattato, rimettendo Paimessione di quelle 
terre alia libera consultazione delle popolazioni. Solo la federazione 
dei popoli, la nuova internazionale socialista potra chiudere la guerra 
e dare Passetto economico e politico desiderate dal mondo. In so- 
stanza, benche quasi unanimi fossero le critiche al trattato, esso 
venne appro vato per la parte che riguarda gli interessi italiani. 

3. Negli Stati Uniti il no me italiano passa un brutto quarto < I'ora. 
Nelle scorse settimane infatti si vedeva sbarcare a Napoli, prove- 
niente da Nuova York, una banda di anarchici dei nostri paesi et-pulsi 
da quella repubblica dopo lunga prigionia. I poveri galantuoinini 
troveranno certo miglior sorte nella madre patria, doveimpera il Ma- 
latesta, a cui tutto e permesso per sovvertire il paese senza che nessuno 
gli possa torcere un capello. Anarchici, comunisti, estremisti, bor- 
daglia insomnia che egli guida alia rivoluzione, vanno studia,ndo i 
mezzi per prepararne il trionfo. Da un certo tempo si moltiplicano gli 
-attentati crimiiiosi specialmente contro i depositi militari o i rnagaz- 
zini dello Stato ; non passa giorno che non avvenga qualche furto o 
almeno qualche tentative di furto di armi e di materie esplosive, 
senza che per lo piu si riesca a scoprire gli autori del fatto, i quali 
mostrano di avere un'audacia non comune e di non operare a ca- 
priccio, ma per un fine e con una tattica assai bene ordinata. 

Raccogliamo dai giornali una serie di tali attentati commessi nel 
solo mesediluglio contro le polveriere. La serie cominciacon Passalto 
alia polveriera di Pesaro, dopo i fatti di Ancona. Negli stessi giorni si 
tentava la scalata al forte di Montalbano nei dintorni di Spezia. II 
giorno appresso scoppiava il deposito di esplodenti a Belluno. Nella 
notte sopra il 7 luglio una rnasnada di anarchici della Spezia ritentava 
di avvicinarsi al forte Falconara di quella piazza marittima : assaliva 
armata il corpo di guardia, ma era ricacciata a colpi di fucile. 

II 9, nuovo attetitato al deposito di munizioni di Val di Surigno. 
L'l 1 , altro assalto di inalandrini alia polveriera di S. Bernardino a Ve- 
rona. Pochi giorni dopo altri tentativi a quella di Piacenza. Ai 17, cm- 
quanta tubi di gelatina sono sottratti dal forte Savio di Ancona, e ven- 
gono tro v r ati sulla strada della Palombina. Di li a qualche giorno si rin- 
nova Pattentato contro la polveriera di Valgrande. Ai 22, sanguinoso 
seontro di assalitori contro la polveriera di Capo di Chino pressoNapoli. 
II 25 prendono f uoco in modo inesplicabile i depositi di nafta e ben- 
zina nell'arsenale di Venezia, chene va distrutto in largo giro cori im- 
mensi danni e spavento indicibile della citta. II 26. dal forte Bernar- 
dino presso Udine vongono tubati 25 quintali di balistite : il giorno 
-appresso trecento casse di balistite vanno in fiamme a Marina di Co- 



376 CROJTACA CONTEMPORANEA 

cina. II 28 una mano di turbolenti assale la polveriera del Piano di 
Mugnone presso Firenze. Un terribile scoppio di altra polveriera, 
quella di San Gervasio, pure a Firenze, segui il 10 agosto, con 
morti, feriti e altri gravissimi danni; ma si vuole attribuito a 
cause fortuite. Nella notte sul 31 due malfattori aggrediscono 
la sentinella alia polveriera Perdito di Piacenza : ma sono niessi 
in f uga dai soldati accorsi aH'allarme. 

E la serie non e compiuta : ma tanto bastaa darindizio della te- 
nacita di quella gente e del pericolo che si prepara. 

Ill 
"[COSE STRANTERE 

(Notisie generali). 1. Pclonia e Eussia. 2. La liberty d'insegnamento 
in Olanda. 3.f Congress! cattolici in Francia e in Germania. 

1. II 31 luglio era il giorno fissato per le trattative d'armistizio 
tra polacchi e russi bolscevichi ; e difatti i delegati delle due parti 
s'incontrarono quel giorno a Baranovich. Se non che, venuti al punto, 
i bolscevichi chiesero di voler trattare anche i preliminari di pace, 
meritre i polacchi non avevano istruzioni se non pel solo armistizio r 
e cosi le trattative si dovettero sospendere 

Intanto il governo britannico aveva mandato al Governo di Mosca 
una nota, dove proponeva un rapido armistizio. e quanto alia pace 
una generate conferenza a Londra. Ma a questa nota il governo russo 
dette una risposta negativa, riuscendo di trattare il solo armistizio 
senza i preliminari di pace. 

Continuarono quindi le ostilita e con tanto vigore da partc dei 
bolscevichi, che lo stato delle cose divenne per la Polonia d'una 
estrema gravita ; tanto piu che il problema degli aiuti ad essa di armi 
e di eserciti alleati era ed e di assai difficile soluzione per la lunghezza 
e la difficolta della via, aveiido la Germania dichiarata la sua neu- 
tralita. Allora il governo inglese, con unmemoriale del Bcorr., propose 
ai bolscevichi una tregua di dieci giorni; al clie il governo di Mosca 
rispose. che due ore prima di ricevere il soprn, detto memoriale aveva 
ricevuto da Varsavia la risposta del Governo polaceo, il quale av- 
vertiva d'esser pronto ad inviare delegati a Minsk per la conclusione 
di un armistizio e per i preliminari di pace, cioe in altri termini per 
la continuazione dei negoziati, iniziati il 31 luglio a Baranovich: 
che i delegati delle due parti combattenti si riunirebbero a Minsk 
I'll agosto. Dopo di che la risposta conchiudeva : Partecipando 
al Governo britannico 1'apertura dei negoziati a Minsk, il Governo 
riisso esprirne la convinzione che le vedute esposte dal Governo bri- 
tannico, e cioe la cessazione delle ostilita, la ripresa delle relazioni 
tra la Russia e la Polonia e la completa indipendenza della Polonia, 
saranno raggiunte riel modo piu semplice e piu pratico per mtz/o 
di negoziati diretti . Cosi nello sua risposta il governo bolscevico, 
il quale r-iusciva a mantenere quei negoziati diretti, che fin da prin- 
cipio essi volloro, e gli alleati invece si propone vano di impedire 



COSE STRANIERE 377 

con la loro proposta d'una conferenza generale di pace a Londra r 
per non laseiare la Polonia in balia del vincitore. 

Purtroppo dunque, anche nelle trattative di pace, la Polonia non 
potra essere assistita, e quests, in un modo o in un altro, non puo> 
tornare se non a suo danno. 

2. I giornali hanno riferito nelle scorse settimane la bella vit- 
toria che i cattoliei olandesi riportarono recentemente, ottenendo 
con una legge approvata dalla Camera, la liberta d'insegnamento 
per le scuole elementari. In virtu di essa tutti i maestri delle scuole 
elementari private, siano laici come ecclesiastici, veiigono equiparati 
a quelli delle scuole pubbliche e, al paridi essi, stipendiati dallo Stato 
e in, egual misura. La *sola condizione imposta alle scuole private 
perche possano godere del beneficio, e che ciascuna conti non meno 
di venti scolari. La legge, cht passo coi voti in maggioranza della 
Destra, costituita dai cattolici e dai conservatori protestanti, su 
quelli della sinistra, formata dai liberali protestanti e dai socialist!, 
e solo per le scuole elementari ; ma essendo con essa stato ammesso 
il principio della liberta per le prime scuole, v'e ogni ragione di sperare 
Che presto essa verra applicata anche aH'insognamento superiore. 
che pero la conquistata .liberta, come leggiamo in una corrispon- 
denza particolare deU'Ossermfore Romano del 29 luglio. fit festeg- 
giata assai lietamente. A tal fine il deputato Kolkman, gia ministro 
della Giustizia, riuni a un baiichetto in casa sua il -Consiglio di di- 
rezione del partito cattolico con il Presidente dei Ministri e con i due 
Presidenti, della Camera e del Sena to, ed altri personaggi politici ; 
da essi con fervorosi discorsi, fu celebrata la grande vittoria e in 
particolare al deputato Wynborg, valoroso e vigoroso relatore della 
legge, dai gruppo pp^rlamentare cattolico fu fatto il presente d'un 
ricco mazzo di fiori. 

3. In mezzo allo tante notizie di lotte, di delitti, di scioperi, di 
ribellioni, che vengono da ogni parte e che rendono si pie no d'an- 
gustie e di asprezzo quosto periodo dopo la guerra, il quale dovrebb& 
essere di pace, e confortante il veder rifiorire qua e la le belle adu- 
nanze cristiane, che non hanno altro intento se non quello di rico- 
struire. dopo tante ruine. Cosl a Caen si e tenuta una di quelle Set- 
timane sociali di Francia >, la euiserie fu ripresa 1'anno scorsoa Metz. 
Essa comincio il 2 corr e si svolse con grande fervore e con gran 
numero di inter venuti : tra c\ii piolti autorevoli rappresentanti del 
pensiero sociale cristiano, anche di altre nazioni. Molte le quistioni 
trattate, ma tutte sul fondamento inconcusso dei principii cristiani 
riassuuti dalla Rerum Novanmi >\ La Settimana Sociale fu onorata 
da una Lettera pontificia, diretta dai Card. Gasparri al Prosidente 
signor Eugenio Duthoit. 

Prima della settimana sociale di Francia, si era tenuto a Monaco 
di Baviera, dai 18 al 20 luglio, un congresso delle associazioni ope- 
raie cattoliche della Germania inferiore : era il 21 della serie, ma 
il 1 dopo la guerra. Fu inaugurate solennemente con una Messa e 
eon tin discorso delPArcivescovo, Mons. Michele de Faulhaber, che 



378 CRONACA CONTEMPORANBA 

parlo dell'Encielica Rerum novarum e disse fra 1'altro che. quan- 
tunque scritta 30 anni fa, essa sernbra dettata ieri ; tanto essa tocca 
e prevede i problem! anche piu moderni. 

Alia seduta d'inaugurazione, tra gli altri personaggi, assisteva il 
Nunzio Apostolico di Germania, Mons. Pacelli, il quale anche parlo 
nell'assemblea, in tedesco, impartendo in ultimo la benedizione 
del S. Padre. II Congresso - come leggiamo nella corrispondenza 
particolare che ha su di esso rOsservatore Romano del 31 luglio- 
ha dimostrato che ne la guerra ne la rivoluzione ne i pericoli attuali 
hanno potuto distruggere negli operai cattolici I'amore perlareli- 
gione, per la Chiesa e per il Papa . 

FRANOIA (Nostra corrispondenza). 1. Due avvenimenti provviden- 
ziali. 2. Lo spirito nuovo ormai contrario all'anticlericalismo. 
3. Lo spirito nuovo per 1'ordine sociale. 4. Le elezioui 
politiche del 16 novembre 1919. 5. Nuovo senso della laicitd 
dello Stato. 6. Trattative per la ripresa delle relazioni coix la 
S. Sede, e metodo seguito dal governo. 7- Lo sciopero generale 
del 1 maggio e la vittoria dell'ordine. 

1. Le solennita delle recenti canonizzazioni e beatiacazioni, par- 
ticolarmente gloriose per la Francia, si sono incontrate nel niede- 
simo tempo con due avvenimenti notabilissimi della politica reli- 
giosa e sociale del governo francese. In questa coincidenza i cat- 
tolici francesi hanno visto un segno della protezione di Dio. 

Uno di questi avvenimenti e stato proprio voluto in occasione 
della canonizzazione di S. Giovanna d'Arco, cioe la riconciliazione 
diplomatica, ufficialmente ed altamente proclamata, tra la repub- 
blica e la Santa Sede. L'altro e la vittoria dello spirito d'ordine e 
del buon senso francese sugli scioperi rivoluzionarii ; che quaiitun- 
que non sembri avere alcuna relazione con le solennita romane, 
almeno secondo le viste umane, noi vogliamo riconoscervela secondo 
le mire della divina Provvidenza. 

2. Ambeduc questi avvenimenti sono frutto delle elezioni del 
16 novembre 1019, le quali, a loro volta, sono conseguenza logica 
dello spirito nuovo create dalla guerra. forse questo spirito nuovo 
la conversione, se non totale, almeno parziale della Francia ? No, 
certamente, ma esso e una testimonianza della vitalita religiosa esi- 
stente nel fondo delPanima francese, vitalita troppo spesso addor- 
nientata, ma sempre pronta a ridestarsi. 

L'effetto pratico di tale ridestarsi e che, per I'immensa maggio- 
ranza dei francesi, 1'anticlericalismo appare oraniai una cosa morta. 
L'anticlericalismo, indebolito gia dai pro pri eccessi, fu disfatto dalla 
disastrosa impreparazione alia guorra, attribuita dai piu alia guerra 
antireligiosa, onde principalmente nutrivasi la nostra politica, dalla 
union sacree che ha ravvicinato tra loro cuore a cuore, Fran- 
oesi d'ogni classe e d'ogni opinione, e, soprattutto, daU'eroico sacri- 
ficio del clero nell'esercito, nel paese, nelle terre invase. 



FRANCIA 379 

GH anticlerical!, ridotti ad una minoranza. infimaedimpotente, 
potranno, entro corti liniiti, avere ancora qualche esito parziale, 
ina non hanno piu dalla loro ne il governo, ne il popolo. Lo spirito 
di avversione alia religione e state sostituito dallo spirito di tol- 
leranza, non intesa come condiscendenza sdegnosa e serapre unpo' 
precaria, ma definita da voci autorevoli come rispetto sincere. 

Gia nel 191 6 il Deschanel, future presidents della Repubblica, 
diccva, applandito dagli stessi liberi pensatori dell'Accademia : 
II pensiero che non rispetta la fede, non e un pensiero veramente 
libero ; e aggiungeva : Chi disprezza le forze religiose si espone in 
politica a strane delusioni . 

Nello stesso anno, il Millerand, futuro presidente del Consiglio, 
in una frase originale,in cui si mostra il contrast tra lo spirito vec- 
<;hio e lo spirito nuovo, disse : La Repubblica, pur senza pensare 
&lla rinuncia di nessuno dei suoi principi fondamentali, particolar- 
mcnte a quello della laicita, certo non dimentichera 1'esempio dato 
da quei francesi ai quali erano state imposte leggi rigorose, e sapra 
oonciliare tra loro la necessita di difendere il principle delle leggi 
tutelar! e quella di mantenere nel seno della patria figli che hanno 
dato prova di essere degni della loro madre . Nella bocca del popolo 
questo spirito nuovo si esprime in forma volgare cosi : Dope la 
guerra non si dara piu molestia ai preti . 

3. Quantunque col nome di spirito nuovo s'intenda abitual- 
mente lo spirito religiose, purt deve riconoscersi 1'esistenza d'un 
altro spirito nuovo, lo spirito sociale. 

Qnesto spirito, nato anch'esso dalla guerra, e piu complesso del 
prime, consists generalmente nell'aspirazione a godere della pace, 
nella serenita del lavoro e del focolare domestico, dope r disagi, le 
lotte, i sacrifici della guerra. 

Questa aspirazione, naturale e legittima, puo essere salutare, ma 
non va scevra da pericoli, se la religione non la nobilita e non la di- 
rige. Essa puo generate Pegoismo, trascinando le anime piccole e 
volgari ad anteporre il ciascuno per se alia solidarieta ; puo sti- 
molare la concupiscenza col prarito sfrenato del benessere; puo sca- 
tenare Pindisciplinatezza, nelPinsofferenza del giogo necessario delle 
leggi e dell'autorita. 

Tali eccepsi, li abbiamo visti spuntare e minacciar gravi pericoli ; 
ma, grazie alia religione, al patriottismo ed al buon st nso di anime 
che la guerra ha pure ravvivato, si sonolevaticampioniintelligenti 
e genei'osi che, per assicurare alia patria piu che a se stossi i beneficii 
della pace, hanno risolutameute combattuto ifa-utoridelPanarchia. 
Questo nuovo spirito sociale, dunque, si e manifestato con due ten- 
den/e, simili per la comunanza di origine, ma opposte per il loro 
pensiero animatore. E queste due tenderize, gia da tempo in contesa 
tra loro, si sono impegnate risolutamente in due combattimenti de- 
cisivi : sul terreno elettorale, il 16 novembre 1919 ; sulle pubbliche 
vie, il lo maggio 1920. 

4. Le elezioni del 16 novembre 1919 furono preparate e condotte 



380 CRONACA CONTEMPORAlfEA 

dal Clemonceau, ma interpretate nel loro vero significato dal Mil- 
lerand, il cui programma ottenne non solo a Parigi, ma in tutta la 
Francia la soverchiante maggioranza del suffragi. Questo programma, 
puo esprimersi compendiosamente, in ordine alia questione religiosa, 
in una formula di adattamento della divisa laica alia pace religiosa, 
secondo la frase gia citata del 1916. 

Tale formula e certamente ibrida ed equivoca, ma esprime al vivo 
un periodo di ribollimento nelle idee e di transizione negli atti, un 
periodo, pero, di progresso notabile e insperato. 

Per lunghi anni, la laicita fu la bandiera dei nemici della Chiesa, 
ebbe forma recisamente aggressiva e valse a coprire tutti gli attsn- 
taticontro le scuole cattoliche.contro le congregazioni religiose, contro 
il patrimoiiio ecclesiastico. 

Dopo la guerra, gli uomini politici si sono profondamente tra- 
sformati nello spirito, pur restando uomini politici, cioe i meno 
coraggiosi di fronte all'opinione, porcio incapaci di confessare le loro 
colpe, di riconoscere la malvagita intrinseca delle leggi antireligiose ; 
e nondimeno aspirano con certa sincerita di cuore alia pace religiosa, 
desiderano con ardore dipromulgaiiaerassodarla.Riprendonoquindi 
lo antiche forme, ma vi recano un sonso nuovo. 

5. Lo Stato laico sara per essi solamente lo Stato separate, ma 
non nemido della Religione. Ritenendo cho due potenze non 
sono fatalmente avverse solo perche non unite, proclamano che 
il fatto della laicita dev'essere inteso in guisa da non ferire in 
nulla il sentimdnto religiose. 

Tale trasformazione permise ai vescovi francesi e alia moltitu- 
dine degli elettori cattolici di venire, se non entusiasticamente, al- 
meno con qualche buona speranza, ad una intesa elettorale con i 
partiti di sinistra, esclusi i radicali estremisti e i socialisti. Si puo 
tollerare un, fatto senza accettarne i principii, accogliere una pro- 
messa senza rinunciare alia propria indipendenza. E i cattolic 
stirnondo che 1'interesse- nazionale, qui in piono accordo con 1'inte- 
resse religiose, chiedesso in primo luogo la disfatta dei settarie.dei 
rivoluzionari, hanno riconosciuto, o piuttosto tollerato il u fatto delta 
laicita, secondo. la nuova interpretazione o mitigazione, cioe con 
la clausola espressa che questo fatto non dovosse portart nessu n 
danno alia religione. 

La maggioranza della Camera e sorta da questo patto ; una mag 
gioranza oscillante fra i due terzi e i tre quarti deH'assemblea. Tale 
maggioranza e squivoca. eerto, perche, mentre per alcuni de' suoi 
jiK^mbri. la laicita e un fatto irrevocable, per gli altri e solo un fatto 
transitorio; ma essa rappresenta un progress indiscutibile, poicho 
non ha potuto costituirsi so nori con 1'impegno del rispetto della 
pace religiosa e non puo reggersi se non con 1'appoggip di un grup po 
notabile di cattolici, il piu numeroso che si sia visto alia Camera, 
alcuni dei quali appartengono al Ministero. 

II primo offetto di questa coalizione, nota col nome di blooco 
nazionale)), e stato la disfatta dei due partiti anticleficali : i radi- 



FRANCIA 381 

call estremisti e i socialist! . Questi hanno perduto quasi la meta 
dei seggi, quelli, che nel 1914 erano partito soyrano, formano ora 
un gruppetto impotente. 

La disfatta del socialismo, che aveva mostrato tendenze palesi 
verso il bolscevismo, fu il soffocamento della rivoluzione, la quale 
sarebbe stata un pericolo imminente per tutti i popoli d'Europa. 

6. II periodo elettorale, aperto il 16 novembre 1919, si chiuse 
il 1 8 gennaio con la noniina del Deschanel al posto del Poincare e con 
il ritiro d,el Clemencenu sostituito dal Millerand. 

Quali vantaggi effettivi sono seguiti dal nuovo ]>otere in ordine 
al patto elettorale coi cattolici ? 

Primo fra tutti, la trattazione interne alia ripresa delle rela- 
'zioni diplomatiche col Vaticano. 

Tale questione, sollevata piii volte nel corso della guerra, aveva 
avuto per campioni anche uomini di sinistra, ma non trovo appog- 
gio nei precedenti ministeri, tiraorosi di un rifiut-o o inetti a disfarsi 
del vecchio pregiudizio, come il Clemenceau. La vittoria del Descha- 
nel e la scelta del Millerand chiarirono 1'orizzonte ; era nota la loro 
opinione favorevole. Lo sc&mbio di telegramrni piu che cortesi tra 
il Somino Pontefice e il nuovo Presidente e la cerimonia religiosa nella 
eattedrale di Bordeaux, fin dal prime viaggio presidenziale, furono 
un degno preludio dell'atto decisive. 

Questo, e vero, in omaggio alia vecchia me n tali t a, laica, fu com- 
piuto come domanda di credito per il ristabilimento dell'Ambasciata 
presso la Santa Sede e fu giustiiicato con la ragiohe che, non es- 
sendo piu contrastata la laicita dello Stato, la Repubblica era libera 
di entrare in relazione con una potenza religiosa ; ma questa pre- 
cauzione, come notava il giornale La Croix, fece piuttosto sorridere. 

Per comprendere ora perche la proposta ministeriale non fu 
subito approvata, bisogna rcndersi conto della tattica che il governo 
ha dovuto seguire contro 1'opposizione radico-socialista. 

Questa annunciava 1'intenzione di intralciare e d'irritare la di- 
scussione con tuttele antic he e possibili difficolta tra la S. Sede e la 
Repubblica, con lo scopo di assottigliare la maggioranza dei Depu- 
tati, affine di incoraggiarf le resistenze del Senate. j$ 

Anche nel Senate, pero, le antiche tendenze sono in minoranza ; 
ma lo scopo degli anticlericali consiste nell'aftermare e accrescere 
questa minoranza, accodandovi alcuni irresoluti, e cosi far naufra- 
gare il disegno governativo. Ora, se la Camera appro vasse la ricon- 
ciliazione, a grande maggioranza, gl'irresoluti del Senate incline- 
rebbero a seguirla ; nel caso contrario, si lascerebbero forse trasci- 
nare daH'opposizione. 

Da cio il metodo seguito dal governo: risolvere tutte le possibili 
difficolta prima del pubblico dibattimonto. E questo e appunto Tog- 
getto delta missione del sig. Doulcet a Roma, missione che sembra 
procedere con felice successo. 

Ma v'e di piu : mentre il governo, per una parte ha mandate 
un incaricato d'afTaifi presso il Vaticano, per 1'altra ha volute, 



382 CRONACA CONTEMPORANEA 

in occasione della Canonizzazione di 8. Giovannad'Arco, compiera 
una manifestazione religiosa. 

La missione del signer Hanotaux, membro dell' Accademia FTP. n- 
cese e gia ministro degli Esteri, riannoda in una occasione memora- 
bile i legami rotti, quindici anni sono. e, sottoun certo aspc-tto, offre 
un significato piii alto che non la nomina di un'ambasciatore per- 
manente. Questi, secondo il disegno di legge, dovr<a restringere la 
sua opera agli interessi puramente politici; invece Pambasciatore 
strpordinario ha avuto 1'incarico di esprimere al Papa la gratitu- 
dine ufficiale del governo francese per i suprerni onori conccssi dalla 
Chiesa ad una eroina di Francia. 

7. Per tali ftti 1'opposizione non puo non essere sconcertata, 
massime la parte socialista. Questa non sa rassegnarsi alia disfatta 
patita nelle elezioni del 16 novembre e non sogna altro che una 
rivendicazione immediata. 

Per ben definite il suo atteggiamento, conviene ben distinguere 
ciascuna delle due potenze che la costituiscono. Da un lato, e il par- 
tito socialista unificato, organizzazione essenzialmente politica, 
aspirante alia conquista del potere o con le elezioni o COD la forza; 
dall'altro, la Confederazione Generate del lavoro, o C. G. T., (Con- 
fMtration Gineralc du Travail], raggruppamento corporativo, desi- 
deroso di rovesciare 1'ordine sociale e di stabilire la dittatura ope- 
raia, sia con un'evoluzione economica, sia con lo sciopero generalo. 

Ora, tanto il partito socialista, quanto la C. G. T., desiderosi d'i 
rifarsi delle disfatte patite, seguendo l'impulso degli estremisti piu 
che le deeisioni ponderate dei loro capi, dopo un periodo di agita- 
zioni e di prove, tentarono il gran colpo in occasione del lmaggio. 

Qualche giorno avanti questa data fatidica, la federazione dei 
ferrovieri, accusando il proprio consiglio direttivo di moderatismo, 
se non di reazione, lo rovescio, sostituendolo con uno prettamente 
bolscevico. Questo decreto lo sciopero generale immediate su tutte 
le reti, non per rivendicazioni professionali, ma per la nazionalizza- 
zione delle ferrovie, (in altri termini, per la manomissione da parte 
dei sindacati federati nella dire zione di questo grande servizio pub- 
blico) e chiese alia C. G. T. la proclamazione dello sciopero generale. 

Questa esito, ma poi cedette e ingiunse successivamente a tutte 
le federazioni di lavoratori la sospensioiie del lavoro, fino a che si 
fosse ottenuta dal Governo la promessa di nazionalizzazione delle 
ferrovie, cioe di fatto, fino alia vittoria della rivoluzione. 

Questa interruzione della vita nazionale avrebbe permesso ai 
mestatori di proclamare la dittatura dei soviet... 

II Governo allora arresto immediatamente sotto 1'accusa di at- 
tentato contro la sicure/za dello Stato i principali istigatori della> 
sommossar, particolarniente il nuovo consigHo dei ferrovieri, e mjrando 
alia testa, ordino contro la C. G. T. azione giudiziaria a swopo di 
scioglimento. Le compagnie ferroviarie, a loro volta, licenziarono i 
colpevoli di propaganda rivoluzionaria ; ed una gran moltitudine 
di cittadini offrirono coraggiosamente 1'opera loro in sostitu zione 



FRANCIA 383 

degli assenti. Ma quel che piu valse, fu I'attitudine degli operai stessi, 
del quali i noil federal! resisterono compatti, e i federati, o ricusa- 
rono d'ubbidire o rimandarono le loro tessere. 

Cosi i servizi ferroviari essenziali non vennero mai sospesi, e nele 
altre corporazioni Tastensione dal lavoro fu molto ristretta. E lo 
scioglimento dell a C. G. T. o, piu esattamente, la procedura perialfv 
iniziata in vista di tale scioglimento, non solo non sollevo le bar- 
ricate, ma provoco appena qualche commozione. 

In breve, dopo tre settimaiie di peripezie, piu o meno rumorose r 
un duplice voto, delle maggioranze riunite delle due parti, sanci 
la disfatta rivoluzionaria. E, mentre la Camera con 526 voti con- 
tro 90 approvava la risolutezza del governo, il Consiglio nazionale- 
della C. G. T.. convocato d'urgenza per risponders alia provoca- 
cazione ministeriale, riconosceva con 96 voti contro 11 che, per 
il momento presente, bisognava riprendere il lavoro, rimettendo 
a miglior tempo Fattuazione dei loro disegni. 

Con 1'aiuto di Dio, questa vittoria sociale avra ben ampie ripercus- 
sioni, e grazie alia ferma volonta del Governo e della Camera, e al- 
1'azione dei lavoratori cristiani, uniti in federazione nazionale ispi- 
ra^ta agli insegnamenti della Rcrum Novarum per opera del compianto 
Alberto De Mun, si pote attuare un programma di vero progresso 
sociale. 

NOT intanto. crediamo fermamente che, al domani della solenne 
consacrazione della basilica del Sacro Cuore, una benedizione di 
Dio e scesa sulla Francia, si che, secondo la parola del santo cardi- 
nale Guibert, il tempio di Montmartre debba essere ad un tempo 
la cittadella della patria in pericolo e il palladio della pacificazion& 
sociale. La prima parte di questa profezia sieavverata.il Sacro 
Cuore provvedera all'avvframento della seconda. 



Una lettera dell'E.mo Card. Segretario di Stato 
al Direttore della " Civilta Cattolica . 

Per la fausta occasione dell'onomastico del Santo Padre r 
che in qualche modo e pure festa dei suoi figli. avendo anche 
noi presentato alia Santita Sua I'oinaggio flgliale dei nostri au- 
giirii riverenti, Egli nella immensa bonta del suo cuore paterno 
voile deguarsi di gradire rumife omaggio, non solo, ma di far- 
cene esprimere il sno sovrano gradimento dall'Eminentissimo 
Cardinale Segretario di Stato con una lettera, tutta paterna, 
d'incoraggiamentQ e di conforto. 

Non senza qualche esitazione la facciamo pubblica : tanto 
ct giimse inattesa e superiore ad ogni merito della debole opera 
nostra. Ma infine ci induciamo a riportarla in queste pagine, 
perche, se essa e di supremo conforto a noi, la cui vocazione 6 
servire e gloria 1'ubbidire, potra essere anche di assicurazione 



384 LETTEKA DEL CARD. SEGKETAR1O 1)1 STATO 

e di conforto ai nostri lettori e aniici piii fedeli, i quali, fra le 
contraddi/ioni, le oscurit.a, 1<- an.sie dell'ora presents, a ragione 
cercano in noi e amano sopra ogni altn> <-o,sa la dt-rozione e I' at- 
taccamenlo verso la Stmtu Srde, verso la causa della Chiesa, ed 
inline - quelto che e inseparable ~ verso la Persona del Capo 
visibile della Chiesa stessa. il Papa. EC-CO il prezioso docuinento : 

Dal Yaiicri.no. 29 1nglio 1920. 
Kev.mo Padre, 

Quantunque sia ben nota la singolare e viva devozione di co- 
testo Collegio della Cir ilia Catlolica verso la Santa Sde-, tuttavia 
il 8anto Padre si degn6 riceverne volentieri una novella cont'erma 
nell' aft'ettuoso iudirizzo umiliatogli dalla, P. V. Eev.ma per la 
fausta ricorreuza del suo onomabtico. 

E ben a ragione : poifihe se 1'attaccamento di cotesta beneine- 
rita Eivista verso la causa della Chiesa e- cospicua nell'opera in- 
telligente fe solerte ch'essa va spiegando da tanti anni nel rnondo 
cattolieo, riesce nondimeno sempre gradita al Capo visibile della 
Chiesa stessa la manifestazione di quei sentinienti che informano 
tale santa attivita. 

Pertanto 1'Augusto Pontefice esprime loro, per mio mezzo, 
vive azioni di grazie ; e nientre ricambia questo pio omaggio con 
fervidi voti di ogni prosperita, in auspicio dei divini favori e in 
83gno di speciale beuevolenza, imparte di cuore a V. P. ed agli 
altri revereudi Padri di cotesto Collegio 1'Apostdlica Benedizione. 

Con sensi di ben sincera siima passo dopo cio al piacere di 
rafifermarmi 

Delia P. V. Bev.ma 

AfE.-mo nel Signore 
P. C. GASPARRI. J 

Con la piu viva commozionei [di figli devoti e riconoscenti 
ringraziamo il Santo Padre, e invitiamo i nostri let-tori ad unirsi 
con noi rsello stesso spirito di gratitudinc e di amore al Papa, 
ma insieme anche nella fervida preghiera, perched tutti possiamo 
essere sempre degni dell'encomio e della benevolenza paterna, 
forti, laboriosi e perseveranti, fino alTultimo sangue, fino alia 
morte, in una medesima derozione e attaccamento a Cristo nella 
sua Chiesa e nel suo Vicario in terra, il Papa ! 



S. aiEOLAMO 

E IL TESTO DEL NUOVO TESTAMENTO 



I nostri Jettori, neHe poche parole gettate 1& alia sfug- 
gita nell'articolo S. Girolamo a Roma l intorno alia re- 
visione del N. T. da lui fatta per incarico di Papa Damaso, 
Jianno provato forse, piu che soddisfazione, vivo desiderio disa- 
pernepartitamente il netto.A tali desideri condiscendendo, ve- 
niamo qui a spiegare un poco diffusamente questo argomento, 
che e uno del pill puri titoli di gloria per il Dottor massimo, 
di cui celebriamo in questo settembre il 15 centenario, 
e per la Sede Apostolica, a' cui servigi il dotto prete aveva 
mesFO la sua vasta scienza e la sua penna. S pure una pa- 
.gina di apologetica per la Chiesa cattolica, pagina breve si, 
rna non da trascurare. Di fronte ai nostri avversarii, che 
da ogni minima ombra pigliano pretesto per denigrare 
la Chiesa, sarebbe da parte nostra colpevole stoltezza tra- 
scurar niente che valga a difendere i diritti della verit^ e 
della giustizia. Non abbiamo qualche anno fa veduto un 
-erudito protestante, E. S. Buchanan, lanciare alia Chiesa 
Tomana le piu insulse e atroci calunnie, appunto per la 
Yolgata del N", T., venuta fuori dall 'opera congiunta di 
Damaso e di Girolamo 2 ? Alte invettive di questo dotto, 
ma fanatico, protestante rigponderanno, nelle pagine che 
qui seguono, altri protestanti non meno dotti e certamente 

1 Ved. il 1 s vol. di queefanno 1920, p. 492, verso il fine e la nota. 

8 Ved. 1'articolo Critica e settarismo. Stravaganze di un dottore pro- 
testante, nella Scuola cattolica, 1917, vol. 2 (ser. 5, vol. 13) p. 343-354. 
Dopo scritto quest'articolo il medesimo Dott. BUCHANAN in una breve 
nota (Bibliotheca sacra, 74 [1917] p. 610-613) tornd a sostenere le in- 
credibili bizzarrie di un evangeliario latino del sec. XII contio 1'au- 
"torita di tutti i codici greci e di tutte le versioni, comprese le latino, 
del Nuovo Testamento! Bisum teneatis, amioi! 
\ Civittd Cattolica, 1920, vol. 3, quad. 1685. 25 26 agtsto 1920. 



386 S. GIROLAMO E IL TESTO 

piti giudiziosi ed oggettivi, prendendo implieitamente e> 
quasi senza volerlo le difese della Chiesa cattolica e del' 
suo Capo. 

* 
* * 

Per ben intendere Popportunita e il valore della revi- 
sione del N. T., e specialmente del Vangeli, fatta da S. Giro- 
lamo, ci e d'uopo dare uno sguardo allo stato in cui si tro- 
vavano le version! latine del N. T. a quel tempo, circa Pauno 
380. Dio ne guardi da nulla detrarre del valore di quelle 
antichissime traduzioni dei libri sacri, che nutriro no la pieta 
dei nostri primi padri nella fede; valore da tutti i critici 
piii o meno riconosciuto. Ma non si puo negare che nella 
seconda meta del secolo quarto una doppia tara ne diminuiva- 
il pregio, Puna di nascita, Paltra contratta nei forse due 
secoli di trasmissione da mano a mano ; in altre parole due 
fontidicorruzione,l'una diorigine, Paltra estranea, 1'avevano 
allontanata dal testo piu puro e piu fedele alia genuina le- 
zione dei sacri autori. In origine le versioni latine dei Van- 
geli erano state fatte su manoscritti greci, gia discretamente 
lontani dai tempi apostolici, e uei quali s'erano qua e la in- 
filtrate delle aggiunte spurie, di un carattere popolare e direi 
quasi semileggendario 1 . Per esempio, in S. Matteo 20, 28, 
alia fine delle belle parole del Salvatore, in occasione della 
ambiziosa domanda dei figli di Zebedeo, leggevasi : Vos 
autem quaeritis de modico crescere et de maximo minui. Cum 
autem introieritis ad caenam vocati, nolite recumbere in supe- 
rioribus locis ne forte dignior te superveniat et accedens is qui 
te invitavit dicat tibi: adhuc inferius accede, et coniundaris. 
Si autem recubueris in inferiori loco et advenerit Jiumilior 
te, dicet tibi qui te inmtavit: accede adhuc superius et erit 
tibi hoc utilius . La seconda parte di questa toppa sovrap- 
posta non e che una parafrasi di cio che leggesi in S. Luca 

1 Ved. E. JACQUIER, Le Nouveau Testament dans VEglise chre- 
tienne (Paris 1913) p. 381 sg. 



DEL NTJOVO TESTAMENTO 387 

14, 7 ss.; la prima frase e materia affatto nuova piu o rneno 
adatta al contesto. Citiamo ancora dal Vangelo di S. Luca 
23, 2, 5: tra le accuse lanciate dai Gindei contro Gesu 
innanzi a Pilato, si aggiungeva che egli sciogliela nostra 
legge e i profeti ... storna da noi i nostri figliuoli e le mogli r 
perche non si lavano e non si mondano come noi . 

Allato di tali aggiunte altre particolarit& di quelle an- 
tiche version! latine so no brevi omissioni di frasi e talora 
di versetti intieri *. So no specialmente frequenti verso il 
fine del Vangelo di S. Luca. Nei solo capo 24, per esempio, 
ben otto se ne oontano ; le principal! sono : 1'andata di 
S. Pietro al sepolcro di Gesu ; il saluto di Gesu risuscitato 
al primo entrare dai discepoli : ( et dicit eis pax vobis ; ego 
sum, nolite timere ) ; il v. 40 ( et cum hoc dixisset ostendit 
eis manus et pedes ),e in fine, nel racconto dell'Ascensione, 
et ferebatur in caelum... adorantes eum : circostanze 
tutte omesse nei vecchi manoscritti latini. 

Altro genere di corruzione, che gia trovavasi in parte 
alTorigine delle nostre versioni, cio& nei testi greci donde 
furono tratte, ma che and 6 crescendo col tempo, erano nu- 
merose aggiunte o modificazioni per agguagliare il racconto 
di un Evangelista al parallelo di un altro. I manoscritti a 
noi giunti di quella eta ce lo dicono col fatto, e S. Girolamo 
stesso espressamente se ne lagna nella Prefazione, in cui 
dedica a S. Damaso il suo lavorp 2 : 

Grande errore, cresciuto qual folta boscaglia nei nostri 
codici, si & questo, che, quarido circa un medesimo fatto un 
evangelista dice qualcosa piu di un altro, i copisti, creden- 

1 Id. ib. p. 388. 

2 Magnus siquidem hie in nostris codicibus error inolevit, dum 
quod in eadera re alius evangelista plus dixit, in alio quia minus 
putaverint, addiderunt ; vel dum eundem sensum alius aliter expressit, 
ille qui unum e quattuor primum legerat, ad eius ex em plum ceteros 
quoque aestimaverit emendandos. Unde accidit ut apud nos mixta 
sint omnia et in Marco plura Lucae atque Matthaei, rursus in Mat- 
thaeo loannis wt Marci et in ceteris reliquorum quae aliis propria 
sunt inveniantur . 



388 S. GIROLAMO E IL TESTO 

dola mancare nel secondo. ve 1'aggiunsero ; ovvero, quando 
il medesimo pensiero con altre parole veniva espresso, letto 
per il prirao uno del quattro, al tenore di quello conforma- 
rono gli altri. Donde una grande confusione regna nei 110- 
stri manoscritti, trovandosi in S. Marco molto di S. Luca e 
di S. Matteo, e viceversa molto di S. Giovanni e S. Marco 
in S. Matteo, e in ognuno quello che degli altri e proprio . 



* 
* * 



Tale pratica devesi certo attribuire in gran parte alia 
propensione generale per un testo piu pieno e piti armonico, 
e quindi all'arbitrio, se non al capriccio, dei singoli ama- 
nuensi. Ma un'altra causa piti generale e meno soggettiva 
era alloia entrata in giuoco. Nella prima meta, se non gia 
nel primo quarto di quel secolo, si era fatta ad Antiochia 
una revisione del sacro testo del K". T. precisamente con 
]a mira, consapevoleo no, diformarun testo alpossibile com- 
pleto, chiaro, scorrevole, elegante 1 . Per eleganza si ridus- 
sero alJe regole della classica grecit& le forme sia nominali 
sia verbali,e la sintassi. Per chiarezza e fluidita fu aggiunto 
es,plicitamente il soggetto e Poggetto dove era soltanto im- 
plicito ; fu sostituito il nome al pronome; fu mutato 1'ordine 
delle parole o altro elemento della frase e cosl via. Final- 
mente per ]a pienezza, che solo fa al nostro caso, si raccol- 
sero ed accoppiarono le different! lezioni di vari codici o 
famiglie; un Vangelo si rinzeppo con pezzi tolti da un altro ; 
si aggiunse qualche parola qua e 1& per chiarimento o com- 
pimento. Cosl ne venne, per esempio, che la formola deJla 
orazione domenicale fu in S. Luca perfettamente uguale 
a quella di S. Matteo ; che in S. Matteo vi fu accollata la 
dossologia h'turgica : perche tuo e il regno e la potenza e 
la gloria per tutti i secoli. Amen ; che il Signore nel ser- 
mone della montagna vieta ai suoi discepoli non gi^ sem- 

1 Vedi JACQUIBR o. c. p. 45 sg. ; 497 sg. ; 503 sg. ; VIGOUKOUX, 
Dictionnaire de la Bible, rol. 5 col. 2122. 



DEL NUOVO TESTAMENTO 389 

plicemente di adirarsi, ma di adirarsi senza ragione (ebcfj) 
(Mat. 5. 22) ; e a chi fa la limosina o la preghiera di nascosto 
promette dal Padre celeste non solamente il premio , ma 
il premio in publico (Mat. 6, 4, 6). E cosi via, mille altre 
simili minuzie per quantita, ma non indifferent! per il senso. 
Con tutte le migliori intenzioni del mondo ne venne fuori 
il peggior testo che fino allora si fosse veduto x . 

Tal recensions e perch e secondava la generale tendenza r 
che gia udimmo descritta dal nostro Girolamo, e per 1'auto- 
rita della scuola antiochena che 1'aveva formata e pro- 
mossa, si diffuse tantosto per la Siria e per 1'Asia minore, 
di la raggiunse Costantinopoli, dalla quale, divenuta in quel 
torno la capitale dell'impero, usci rafforzata di nuova auto- 
rita, trionfo in Oriente, dilago in Occidente, insomnia prese 
ad invadere tutta la Ohiesa. Le condizioni erano allora 
quanto mai favorevoli ad una rapida diffusione. Data pace 
alia Chiesa, facilitati i viaggi dall'una all'altra estremita 
del vasto impero, unite tutte le Chiese in una medesima fede r 
spinte le une verso le altre dal bisogno di rischiararsi e so- 
stenersi a vicenda, gli scambi fra Oriente e Occidente di- 
vennero frequentissimi. Con questo si aumentava nei no- 
stri paesi la conoscenza del greco, e allagavano i manoscritti 
greci, soprattutto i codici sacri che erano il cibo quotidiano 
delle anime assetate d'istruzione religiosa. Cosi vennero por- 
tati fra noi gli esemplari della recensione antiochena, avi- 
damente ricercati ed apprezzati, preferiti agli altri con quel- 
1'istinto, onde ancor oggi si cerca sempre 1 'ultima edizione 
corretta ed aumentata. Avutili tra mano, si corse a confron- 
tarli con i codici della versione latina, e dove quest! non 
corrispondevano al greco, naturalmente si ritoccarono, si con- 
formarono al greco, creduto in tutto conforme all'originale 
de-srli autori ispirati. Di qui una colluvie di nuove lezioni r 
di qui una infinita varieta di test!, di qui, come scultoria- 

1 Ma js'intende ohe ftutte le modiflcazioni introdotte non tocca- 
rono {a sostanza della divina parola, e quindi an che il testo antiochena 
e buona fonte della rivelaziona. 



390 S. GEROLAMO E IL TESTO 

mente si esprime lo stesso Girolamo scrivendo a S. Damaso, 
tot exemplaria quot codices : quante copie, altrettanti 
tipi. 

*** 

Appunto per rimediare agli inconvenient! della varieta 
fra tutti ed alle imperfezioni dei singoli, ossia per dare alia 
Chiesa un testo uniforme e buono, il Sommo Pontefiee S. Da- 
maso, si rivolse al suo fido segretario, al prete dalmata, 
che la Provvidenza, coi viaggi in Oriente, con vast! studi 
sacri e profani, col prolungato soggiorno in Antiochia e in 
Costantinopoli, con la perizia delle lingue, aveva ottima- 
mente preparato all'arduo e delicato incarico. Ne Ja fiducia 
del Sommo Gerarca fu delusa, come vedremo e udiremo 
piu altamente che mai dalla voce della critica contempo- 
ranea. 

Quali no rme abbia seguito il S. Bottore nella sua revi- 
sione, ce lo dice egli stesso nella gia citata lettera di dedica a 
papa Damaso : Questa prefazioncella promette solo i quattro 
Vangeli, con quest'ordine : Matteo, Marco, Luca, Giovanni 1 . 

Non & inutile questa osservazione intoino all'ordine degli 
Evangeli, poiche gli antichi manoscritti latini avevano co- 
stantemente 1'ordine Matteo, Giovanni, Luca, Marco. Ma 
cio non fa gran fatto al nostro scopo ; andiamo ai criteri 
direttivi dell'arduo lavoro : eccoli con le parole dell 'auto re, 
altrettanto chiare che brevi : promette dunque gli Evan- 
geli corretti col riscontro dei codici greci, ma antichi. E 
perche non troppo si allonta.nassero dalla dicitura, a cui 
sono abituati i latini, ci contentammo di emendare la dove 
il senso pareva diverso, lasciando il resto come stava 2 . 

Semplici detti, ma pieni di senso. Due no rme dunque, 

1 Haec praefatiuncula pollicetur quatuor tantum Evangelia, quo- 
rum ordo iste est: Mattheus, Marcus, Lucas, Johannes . 

2 Evangelia.... codicum graecorum emendata conlatione, sed ve- 
* terum ^ quae ne multum a lectionis latinae consuetudine discreparent, 
ita calamo temperavimus ut, his tantum quae sensum videbantur mu- 
tare correctis, reliqua manere pateremur ut fuerant. 



DEL NTJOVO TESTAMENTO 391 

Tina rispetto il testo greco, 1'altra riguardo alle version! la- 
tine. Di queste ultime diremo poeo : Girolamo le ha volute 
risparmiare, lasciandovi tutto cio che non differiva, per il 
.sense, dai codici greci da lui scelti per ottimi, senza curarsi 
di dare uniformita ed eleganza anche negli element! pura- 
mente formali della lingua. Fu grand ventura; perche cosi 
.ancor oggi, attraverso il rimaneggiamento geronimiano, pos- 
siamo cogHer la mano dei primitivi traduttori. Quando, 
per esenapio, osserviamo che la voce greca dp/tepeu? e tra- 
dotta in Matteo e Luca sempre come princeps sacerdotum; 
in Marco quasi sempre (16 volte su 21) summus sacerdos, 
.in Giovanni quasi sempre (19 volte su 21 ) pontifex, rettamente 
conchiudiamo che i Vangeli furono volti in latino almeno da 
tre persone different!. Se qualche difetto, di sostanza o di 
forma, cost rest6 anche nella recensione geronimiana, esso e 
largamente compensato dal no bile esempio, che diede in cid 
il Dottor massimo, del rispetto dovuto ai venerandi monu- 
menti della antichita e della tradizione cristiana. 

Quanto al testo greco notiamo il rilievo che S. Girolamo 
da all'antichitsi, dei codici: codicum graecorum emendata 
conlatione sed veterum . Con tali parole protestava il S. Dot- 
tore d'esser passato sopra a tutti quei codici recenti della 
recensione antiochena, ch'erano allora i piu comuni ; signifi- 
cava d'essere andato direttamente a codici del m secolo 
.almeno, a codici anterior! (almeno per il testo) ad ogni recen- 
sione, a codici quindi che piu di tutti avevano probabilita 
di accostarsi agli autografi sacri e piu puro riprodurne il pri- 
mitive tenore. L'esame diretto dei documenti ele conclusion! 
'della moderna critica confermano pienamente leaffermazioui 
della lettera a papa Damaso. I critici inglesi Wordsworth 
White (i migJiori giudici in questa materia perche autori 
-di una edizione critica dei Vangeli geronimiani, la quale sara 
solo superata da quella che prepara la,Pontificia Commis- 
.sione per la revisione della Volgata), i due critici inglesi mo- 
strano con abbondanza di esempi e di argomenti, come S. Gi- 
rolamo dovetteaver tra mano codici similissimi alia famiglia 



392 8. GIROLAMO E TL TESTO 

del manoscritti piu antichi che a noi siano giunti, alia famii- 
glia del codici Vaticano (B) e Sinaitico (X), similissimi in 
particolare al Sinaitico, ma con speciali elementi di un tipo 
ora perduto, e per6 anch'esso antichi ssimo 1 . Con tali mezzi, 
voluti e scelti con sagace criterio, furono dai sacri Vangeli 
sbandite le spurie interpolazioni, le corruzioni, le accon- 
ciature posteriori d'ogni maniera. II valore di tale emenda- 
zione, il valore cio& di quella che fu poi la Volgata del N. T., 
solo si pot& pienamente conoscere al sec. xix, dopo il lento 
e liingo lavorio della eritica testuale applicata al sacro codice 
del N. T. Ma per intender bene un tal fatto di primaria ime- 
portanza, ci conviene tornare al secolo iv e seguire con un 
rapido sguardo la storia del testo greco. 

* 
* * 

Quella marcia trio nf ale della recensione antiochena verso 
la conquista di tutto il mondo greco, da noi gia notata al se- 
colo iv, continue sempre piu rapida e fortunata nel media 
evo, per un complesso di 'cause facili a dedursi dalla storia 
politica e letteraria dell'Oriente greco. Ne accadde che al 
sec. xiv quel tipo di testo aveva soppiantato interamente 
i rivali, e solo oramai veniva trascritto dagli amanuensi. 
Quando poi lelettere e i letterati dell'Ellade invasa dai Turchi 
sirifugiarononell'Occidente rinato allo scudio dell'antichita, 
i manoscritti piu numerosi e piu recenti, i manoscritti della 
Volgata greca (cosi ci sia lecito chiamare 1'anzidetta recen- 
sione), invaserole nostre biblioteche e di 1& passarouo alle ti- 
pografie. Cosi propagavasi, anche fra di noi, incontrastato il 
testo antiocheno-bizantino, e diveniva, come fu chiamato, 

1 Cfr. Novum Testamentum D. N. Jesu Christi latine secundum edi- 
tionem 8. Hieronymi. (Oxford 1898) vol. I, p. 653-672. Alcuui critici 
dubitarouo o negarono (ma recando solo vaghe apprensioni invece 
d'argomenti), che S. Girolamo adoperasso codiei greci di un tipo ora. 
perduto. Gli oditori iaglesi ribadirono a proposito degli Atti degU Apo- 
stoli (op.-cit. vol. 3, [ivi 1905] p. X-XIII). Dl resto quet e que- 
gtione affatto secondaries 



DEL NT70VO TESTAMENTO 393v 

il textus receptus 1 ^ testo comunemente adottato. Fu Punico 
testo letto e studiato per quattro secoli, il testo, ricordiamolo, 
piil difforme dalla recensione di S. Girolamo, divenuta col 
tempo la nostra Volgata, divenuta appunto in quel mentre 
edizione ufflciale della CMesa cattolica, per sanzionedeJ Con- 
cilio Tridentino. Di tale opposizione del testo greco alia ver- 
sione geronimiana appro fittaro no i Protestanti come di arma 
contro la Chiesa, rinfacciandole di non leggere la divina, 
parola se non mutila e corrotta. 

. Ma di tali ciechi iusulti dell'errore la verit& prese lenta,, 
ma fiera vendetta, e servissi come di stnimento precisamente 
deLla critica protestantica. Cominciossi al sec. XVIH a racco- 
gliere e registrare in margine al textus receptus le divergenze 
dei manoscritti, delle versioni, degli antichi scrittori cristiani. 
La intrinseca superiority di molte lezioni differenti dalle co- 
muni, il valore dei manoscritti piu antichi, si fecero strada a 
poco a poco ; il credito del testo volgare comincio ad essere 
scosso, andopoi sempre piu perdendo. finch& al secolo xix,au- 
mentati di intensity e dibuoni metodigUstudi,ritrovatinuovi 
eimportanti documenti, codici e versioni, il textus receptus fu 
cacciato dal primo posto nelle edizioni, fu al piu rilegato nelle 
note, fu detronizzato per sempre. No mi illustri,come Lach- 
mann, Tiechendorf, Tregelles, Westcott e Hort, e per toccare 
anche il sec. xx, von Soden, con principii e metodi fra loro 
diversi, in nessuno dei quali entrava neppuie per ombra 
il desiderio di faronore alia Volgata latina 2 , per vie differenti 
giunsero tutti sostanzialmente al medesimo risultato, a un 
testo ben lontano dal textus receptus, assai conforme alia 
recensione di S. Girolamo. Era l'implicito,spontaneoomag- 

1 Cosi detto da una boriosa prefazione dei celebri fratelli Elzevir 
alia loro edizione del 1633 : Textum ergo habes (dicono al lettore) nuno 
ab omnibus receptum. Ved. JACQUIER. op. cit. p. 425; VIGOUROUX, 
Dictionn. 5, 2129. 

2 Un altro rinomato protestante, Adolfo von Harnack, in un' opera 
ohe toato oiteremo, lo fa espressamente osservare : Dass die Vulgata 
Aadurch zu Ehren gelcommen ist, ist ohne Absicht geschehen; aber deshalb^ 
urn so wertvotter . (Zur Revision ecc. p. 108). 



394 S. GIROLAMO E IL TESTO 

gio di tutta la critica di oltre tin secolo e di tnttelescuole, 
all'eccellenza del lavoro compiuto dal Dottor massimo per 
incarico del Pontefice S. Damaso. 

fi ben- vero che a questa sentenza dei dotti critic! mal si 
poteva rassegnare la massa dei Protestanti ; sapeva loro male 
dorer rinunziare a un testo in cui i loro padri e tutta la loro 
chiesa, per oltre quattro secoli, avevano fondato 1'unico or- 
gano, secondo essi, della divina rivelazione, e rinunziarvi 
per abbracciare insomma il testo della Chiesa romana. Le 
societa bibliche continuarono, sino a questi ultimi anni, a 
diffondere o nel testo o nelle versioni moderneil textus receptus. 
Ma omai anch'esse, omai anche i piu restii, hanno dovuto 
cedere alia forza dell'evidenza, anzi della corrente e, come ha 
detto uno dei loro maestri x , e come conferma 1'esperienza 
d'ogni dl sempre meglio, il teoctus receptus & defunto senza 
compianto e senza ritorno. fi un non dispregevole trionfo 
della Chiesa romana, il cui principal merito, dopo Dio, va tri- 
butato a S. Girolamo. 



*** 



A questo implicito omaggio della critica moderna all'in- 
telligente lavoro del nostro Dottore, possiamo aggiungere 
1'espresso giudizio recente di due fra i dotti pit! riputati della 
Germania protestante. Ermanno von Soden e, tra essi, 
1'autore della piu moderna edizione critica del N. T. grero *; 
opera veramente gigantesca, enorme repertorio di una massa 
immensa di fatti e di osservazioni, sulla quale dovranno an- 
cora per molto tempo fondarsi gli studi della filologia neote- 

1 R. GREGORY, Prolegomena alia editio o<1ava critica maior di C. Ti- 
Bfhendorf. (Lipsia IS 94) vol. 3, p. 257; riprcdotto dal medesimo in 
Textkritik des^N. T. (Lipsia 1902) p. 966. 

2 La pregevolissima edizione cattolica, con )a recensione del tasto 
e apparato critico del Vogels, 6 veniita alia luce solo in questi ultimi 
mesi (Diieseldorf, L. Schwann. 1920). Di eesa si dara con to ai let tori 

-in altra occasione. 



DEL NTJOVO TESTAMENTO 395 

tamentaria. Essa non va scevra dadifetti; ma il giudizio del 
von Soden ha certamentepeso . L'emdito critico classifica tutti 
i manoscritti ora esistenti del N.-T. in tre grand! class! o fa- 
miglie, da lui chianaate H, T, K, che tutte sarebbero recension! 
fatte tra il sec. m e iv sul medesimo fondo o testo. Scope, che 
deve prefiggersi e solo puo raggiungere, a suo giudizio, la cri- 
tica, e di arrivare, attraverso e dietro le tre recensioni, a questo 
testo piu antico, conrnne fondo di esse, dal von Soden percio 
segnato I-H-K, testo che ci rappresentera nella miglior ma- 
niera a noi possibile, se non perfetta, il primitive dettato dei 
sacri autori. Ora appunto di tal testo piu antico I-H-K erano 
i codici adoperati da S. Girolamo, a tal testo va per conse- 
guenza vicinissima la sua revisione; e se con esso non coincide 
perf ettamente, si e appunto perche il S. Dottore, come no- 
tammo, risparmio Pantica versione latina,non volendola in 
tutto conformare col suo testo greco, dove il senso non fosse 
guari diverse. Ma insomnia, a giudizio del von Soden, la Vol- 
gata latina e in complesso il miglior testo del N. T. che noi 
ora possediamo^Dello stesso parere,ma ancor piu esplicito, 
e un altro piu celebre capoccia del protestantesimo tedesco ; 
basta nominare Adolfo von Harnack. Indue stud! pubblicati 
1'uno nel 1915 sugli scritti giovannei *, 1'altronel seguente 
sulle Lettere cattoliche 3 , mette la Volgata al primo posto 
fra gli strumenti di sana critica, e volgendosi contro i critici 
precedent!, anche contro il von Soden, si lagna che non ne 
abbiano abbastanza tenuto conto nella ricostituzione del 
testo greco. Piu splendida lode non avrebbe potuto desiderare 
dagli stessi cattolici la Bibbia ufficiale della Ohiesa romana, 

1 H. v. SODEN. Die Schrijien des N. T. 1. parte (Untersvchungen), 
:gezione3. (Die Textformen) 350 (pp. 1524-1532) ; 442 (pp. 1798-1802) ; 
510 514 (p. 2007-2020). 

* In Sitzungsberichte d. 'preuss- Akad. d. Wissenschaften. Berlin 1915, 
p. 534-573. 

8 Zur Revision der Prinzipien d. neut. Textkritik, (Behrage z. Ein- 
leit. in das N. T. VII). Leipzig 1916, 130 pp. Vedasi in conferma M. 
HETZENATIER. De recognitione prindpiorum criticae textus N. T. seoun- 
dum A. de Harnack. (Lateranum, 1920, N. 2). 



396 S. GEBOLAMO E IL TESTO 

il paziente lavoro, dal suo Dottor massimo oompito per or- 
dine del suo capo, papa Damaso. 

Non dispiaccia udirne tre esempi, tra i molti che ne reca 
1'Harnack, tratti dalle lettere del Principe degli Apostoli, 
del primo Papa : tre luoghi, dove la Volgata sola, o quasi 
sola, ci ha conservato, a giudizio del ch. critico, il testo ori- 
ginale. - 1 Petr. 2, 23 Gesu tradebat iudicanti se iniuste , 
cioe a Pilato; cosi la Volgata meglio che tutti gli altri : iu- 
dicanti iuste cioe a Dio.-Ivi, 3,22. Le parole deglutiens 
mortem (il soggetto e ancora Gesu) ut vitae aeternae haeredes 
efficeremur , stanno solo nella Volgata, e pur sono genuine, 
conchiude 1'Harnack dopo una paziente analisi. Cosi essa 
soltanto ci avrebbe qui conservato una particella, e non di mi- 
nimo valore, della parola di Dio (p. 86). - 2 Petr 2, 8; il solo 
testo ragionevole (dice il nostro critico) e quello dato dalla 
versione latina insieme con la copta : gli abitanti di Sodoma 
e Gomorra con i loro atti illeciti martoriavano 1'anima 
giusta di Lot. Simplex sigillum veri , esclama PHarnack 
(p. 106, b.). Tutti gli altri testi dicono che Lot medesimo 
martoriava se stesso ! 

* * 

Gli scritti del Professore di Berlino, purora menzionati, ci 
offrono occasione, o meglio c'impongono il dovere, di preve- 
nire un possibile malinteso. L'Harnack rimprovera ai critici, 
nominatamente al Tischendorf e ai due inglesi Westcott e 
Hort, che, lasciatisi abbacinare dai codici Vaticano (B) e 
Si-naitico (X), abbiano prodotto un testo difforme dalla Vol- 
gata latina, la quale meritava piu volte la preferenza. H 
ch. critico berlinese oppone costantemente la Volgata a 
quei due celebri manoscritti, mentre noi poc'anzi riferi- 
vamo dal Wordsworth e dal White, che precisamente a quei 
due codici si accosta la Volgata. 

Ma e facile comporreledueproposizioni,in a.pparenza con- 
trarie. vSe si considerano solamente la Volgata e i codici Vati- 



DEL NUOVO TESTAMENTO 397 

cano e Sinaitico nelle loro (diciamo cosi) individuality, sitro- 
veranno certo fra loro divergenze, come ce ne sono sempre 
anche fra i membri di una stessa famiglia; e PHarnack avra 
ben ragione di asserire che la Volgata sta col codice Alessan- 
-drino (A) contro quegli altri due di poco piu antichi. Ma se si 
considerano invece nei loro caratteri generali, se si mirano in 
tutto il vasto albero dell a tradizione si complessa e numerosa, 
non si penera a scorgere che la versionegeronimiana e quei 
due venerandi codici del testo greco appartengono al mede- 
simo ramo e concordano fra di loro quali membri di una stessa 
famiglia, contro le numerose e gravi divergenze delle altre 
forme di testo x , in particolare contro il textus receptus o an- 
tiocheno-bizantino. Insomma consenso pubblico di partito 
e dissenso private di famiglia, ecco in qua! modopotrebbero 
brevemente definirsi i due aspetti sotto cui pud considerarsi 
la Volgata nostra rispetto ai due codici Vaticano e Sinaitico. 

Del re?to le osservazioni dell'Harnack toccano propria- 
mente le Lettere apostoliche, nelle quali il cod. Vaticano in 
particolare e meno buono del solito, e 1'Alessandrino invece 
e migliore che nei Vangeli. E insomma il dissidio fra il cri- 
tico di Berlino e i suoi predecessori non ist& che nei minoreo 
maggiore awicinamento alia Volgata; e concludiamo chela 
tendenza della critica con 1'andar del tempo volge a ricono- 
scere sempre maggior importanza, maggior valore alia revi- 
sione di S. Girolamo. 

Le possiamo dunque con ragione applicare quel detto 
di Tullio : Opinionum commenta delet dies, naturae iudicia 
<x>nfirmat 2 . 

1 Osservazione analoga in HARNACK, Zur Revision p. 96, nota 3. 

2 De natura Deorum 2, 2, 5. 



L'IMMORTALITA DELL'ANIMA BELLUINA 

SECONDO 1L PROF. F. DE SARLO 



XI. 



Determinata 1'origine dell'anima 1 , il De Sarlo investiga- 
se abbia una fine, e domanda : Perche dovrebbe perdu- 
rare solo la psiche umana ? * E soggiunge : t Molte ragioni 
che valgono per questa non c'e motivo di non estenderle 
alle altrepsichi . Diaino un'occhiata a queste molte ragioni. 

La prima sarebbe questa, che siffatte altre psichi, tro- 
vandosi ad un grado inferiore di sviluppo, avrebbero, di- 
rei, quasi maggior diritto alia persistenza, perche potessero 
esplicare in mo do piu perfetto e completo le capacita piu 
'caratteristiche della vita psichica . Questa ragione pretende 
che nelle altre psichi diverse dall'umaria esistano capacita. 
possibili ad esplicarsi piu perfettamente di quello ehe ab- 
biano fatto fin qui. Chi pud dire che nel genere dei bruti 
ci sia stato progresso dalla loro apparizione sulla faccia 
della terra a questa parte ? Chi puo negare che gli anixnali 
non abbiano operate sempre allo stesso modo, ne oggi appa- 
iano capaci di quel progresso che osserviamo invece in qua- 
lunque piu misero membro del genere umano f Di grazia, 
di quali capacita caratteristiche della vita psichica si parla ? 
Forse di quelle della vita psichica sensitiva f Ma gli ani- 
mali hanno gi^t dato prova di avere svolto nel genere sensi- 
tive ogni loro capacita e arte. L'odorato del cane, la vista 
delle aquile, 1'astuzia dei ragni e cento altri fatti partico- 
lari degli istinti degli animali dimostrano una perfezione 
che ci desta meraviglia e quasi invidia. Ma fuor del loro agire 

1 Ved. quad. 1681 (3 luglio, 1920), p. 27 ss. 

1 Psicologia e filosofia. Studi e rioerche, Firenze 1918, v. II, p. 74.. 



L'lMMORTALlTl DELL'ANIMA BELLUINA 399' 

istintivo tutto si arresta : e il progresso e le capacita di piu 
alta vita psichica falliscono. 

Chi ci assicura, ripiglia il De Sarlo, che tutte le anime- 
non avvertono con un senso di insoddisfazione il bisogno 
di svolgersi e di salire nella seal a degli esseri ? Ci assicura, 
non il darwinismo, ma 1'osservazione della vita degli arti- 
mali, i quali tutti hanno il loro desiderio e i loro appaga- 
menti nella vita materiale, tutti simili come frateUi a 

. quel cane che abbaiando agugna 
e si racqueta poi che il pasto inorde, 
che sol a divorarlo intende e pugna. 

Soddisfatto il bisogno presente, 1'animale piu non chiede. 
Di piu per avere brama di salire nella scala degli esseri, bi- 
sognerebbe conoscere prima questa scala e la differenza dei 
suoi gradi, giacche senza conoecenza non c'e neppur desi- 
derio. Ora conoscono forse le anime dei bruti la scala degli 
esseri ? Apprendono forse il disagio di trovarsene al fondo 
o a quel posto che hanno ? Bramano forse i cani di aver 
piu ardire e piu ingegno che non posseggano ? Brama forse 
il pipistrello di veder la luce come i passeri ? Desidera forse 
la scimmia di fabbricarsi case come 1'uomo ? Ma se tutta la 
loro vita e vita dei sensi, soddisfazione dei bisogni dei sensi, 
determinazione e impulse delle circostanze attuali sensitive, 
perche i bruti non hanno la scelta del loro fine, ma sono na- 
turalmente, vale a dire immobilmente, determinati ad unum, 
cioe alia loro particolar vita sensitiva nell'ordine vegetative 
aumentativo, locomotivo, e generative, come possono levar 
il muso dalla terra al cielo e spingere i loro appetiti fuori 
della cerchia dei loro bisogni verso nuovi oggetti, di cui non 
possono apprendere il va^ore, perche non ne sentono non 
solo il difetto, ma il bisogno, la spinta o necessita ! 

Chi ci assicura, insiste il De Sarlo, che alia stessa ma- 
niera in cui (le anime dei bruti) appaiono fornite della vo- 
lontd di vivere, nou abbiano anche 1'impulso a progredire ? 
Col sottolineare che 1'autore fa la volonta di vivere, pare 
ammetta nelle bestie un quissimile della volonta di vivere- 



400 L'IMMORTALITA DELL'ANIMA BELLUINA 

che e in noi. Ma i bruti, come non hanno intelletto, cosi non 
hanno volonta, essendo due facolta al tutto spiritual!, come 
appare dai loro oggetti superior!, poich& gli oggetti -e lo 
ammette anche il De Sarlo con altre parole - specificano 
le facolta o potenze attive. La volonta di vivere nelle bestie 
altro nou e che 1'appetito sensitive, la tendenza naturale 
a nutrirsi, a perpetuarsi neUa specie, a difendersi dai ne- 
mici, al che bastano i sensi esterni ed interni con le pas- 
sioni di cui vanno fornite, per mezzo dei quali riescono ad 
-appreudere le cose anche nella loro assenza con la fanta- 
tasia, ricordare luoghi e pericoli, distinguere le cose utili 
dalle nocive, i nemici dagli amici. Cosi la rondine, che rac- 
coglie il fango per fabbricarsi il nido, nol fa gia perehe gli 
piaccia o sia bello il fango, ma perehe lo trova utile non 
meno della paglia. Da questo istinto della vita, da questa 
k>tta anche feroce per 1'esistenza non e lecito concludere 
che gli animali abbiano anche 1 'impulse a progredire. Per 
quanto conoscano con la perfezione sensitiva cio che e iine, 
mezzo, causa o effetto di quel che fanno, non lo conoscono 
pero sotto la ragion formale di fine o di mezzo, di causa o 
di effetto, ma soddisfanno alle necessita della vita seguendo 
i process! delle operazioni loro determinati dalla natura 
.giusta ciascuna specie: non posseggono virtu o vizii, ma 
analogic delle virtu e dei vizi in certe inclinazioni loro asse- 
.gnate dalla natura specifica ; non mostrano inclinazioni mo- 
rali o religiose, non docibilita se non flsse entro le loro de- 
terminate inclinazioni istintive ; non parlano e, se appren- 
dono qualche suono di vocaboli, lo ripetono pappagalle- 
scamente senza intenderne il senso, senza mostrar maggior 
desiderio di studio e perfezione. 

Non hanno dunque gli animali impulse al progresso, 

perehe il loro progresso e gi& al termine. Qual progresso mi- 

:gh'ore potrebbero fare le api nel costruire le loro cellette cos 

geometricamente esatte, nello scegliere il nettare dai fiori, 

nell'unirsi in societa e nel difendersi dai loro nemici eotto 

capo ? fi questo un termine di tal perfezione, che 1'uomo 



SECOND IL PROF. F. DE SARLO 401 

con tutto il suo intelletto e con tutta la sua arte non arriva 
a superare, ne a pareggiare, perche la natura nelle sue opere 
e piu mirabile dell'artificio. E opera di natura o istinto e 
1 'opera degli animali, cosi ordinata da Dio, che li muove 
secondo il mo do proprio di ciascuna specie, per mezzo delle 
tendenze loro impresse, come muove i corpi inorganici per le 
proprieta puramente fisiche. Cosi, dice 1' Aquinate, il va- 
lore del movente appare nella cosa mossa, come in tutto cio 
che e mosso dalla, ragione si palesa 1'ordine della ragione 
movente, sebbene le cose mosse dalla ragione non abbiano 
la ragione, qual e il moto del dardo, 1'artificio degli orologi 
e ogni macchina mirabile eostruita dall'ingegno umano. Ne 
altrimenti tutte le cose naturali sono opere dell'arte divina, 
poiche 

la natura lo suo cor so prende 
del divino intelletto e da sua arte. 

Ammiriamo quindi nelle opere dei bruti i 1 moto dell'arte 
divina, e certe sagacita, inquanto hanno natural e inclina- 
zione a speciali ordinatissimi processi, appunto perche ordi- 
nati dall'arte somma di Dio 1 . 

Noi conosciamo cosi poco, soggiunge il De Sarlo, della 
natura psichica degli animali, che non siamo affatto autoriz- 
zati ad escludere certe possibilita . Coijosciamo poco, e 
vero, della 'vita psichica particolare di questo o quell'ani- 
male, di questa o quella specie di animali ; manongi^ della 
vita psichica del genere degli animali, perche vediamo che 
essa non ha mai saputo superare certi limiti, cio& i limit! 
della vita sensitiva. Per ammettere certe possibilita do- 
vremmo averne dei fondamenti reali ; altrimenti cio che 
concepiamo come possibile, non e altro che sogno, non una 
realta possibile in rerum natura. Orbene qual fondamento 
reale hanno mai date gli animali a siffatte supposizioni d 1 ' 
un loro progresso,in tanti secoli che vivono sulla terra e 
alcuni sono compagni domestici dell'uomo, del suo progresso, 
e spesso della sua istruzione ? Se avessero avuto in sfc qual- 

1 1. 2, q. 13, a. 2 ad 3. 
2 - CiciltA Cattolica ) 920. vol. 3, qt^ad , 1685. 26 26 agosto 1920. 



402 L'IMMORTALITA DELL'ANIMA BELLUINA 

cosa che desse ragione a tali ipotesi, in tanti anni che i cani 
vivono con 1'uomo e lo accompagnano nelle sue piu diverse 
occupazioni, non solo a caccia, ma a spettacoli, a case scien- 
tifiche ecc., avrebbero dovuto dar qualche segno di migliore 
addestramento alia istruzione, al miglioramento del loro 
awenire. Invece dal cane di Tobia a quest'oggi, con tutto 
il progresso umano, sotto gli occhi, nessun cane ha appmo 
nulla di nuovo o di piu che non abbia sempre fatto o potnto 
fare, anche nei suoi costumi morali. Chi aspetta o crede pos- 
sibile un progresso nelle bestie, rassomiglia allo sciocco 
di Orazio, che si asside alia sponda del fiume attendendo per 
varcarlo che scorra tutto : 

Rusticus oxspectat, dtim defluat amnis ; at ille 
Labitur et labetur in omne volubilis aevum 1 . 



XII. 



Molto riieno vale la ragione che il De Sarlo accenna, 
quando aggiunge che, concependo 1'immortalita dell'a'nima 
umana come dovuta a lei,perche partecipa in certaguisa della. 
natura degli obbietti universal! ed eterni che contempla 
e a cui[aspira con le sue funzioni piu propriamente spirituali, 
si rischia di stabilire una specie di graduazione non t'acil- 
mente intelligibile o di limitarla a quegli individui, che per 
circostanze speciali (eta, per es., educazione, influenza del- 
1'ambiente ecc.) o per doti naturali, possono assurgere a 
quel grado^di sviluppo psichico per cui realmente allo gpi- 
rito umano si rivela un mondo inaccessible alle psichi in- 
feriori (II, p. 75). Cio sarebbe vero, se 1'immortalita del- 
1'anima umana dipendesse, non dalla sua natura intrinseca r 
ma fosse solo un frutto delle sue azioni, una conquista della 
sua istruzione e delle sue doti migliori rispetto a quelle di al- 
tri individui. Dalle operazioni intellettive, e volitive no 1 
deduciamo col ragjonamcnto la natura immortale dell'anima 

1 Epist. I; ep. 2;j;42-43. 






SECONDO IL PROF. F. DE SAELO 403 

umana, non la facciamo o costituiamo. Fatta tal deduzione 

/ 

certissima e inoppugnabile, diciamo senza tema di sba- 
gliare : Tutti gli uomini nati da uomini sono uguali, hanno 
la stessa natura secondo i 1 corpo e secondo 1'anima : quindi 
tutte le anime umane sono imm'ortali. Nell'arringo dell'im- 
mortalita non ci son anime o psichi superior! o inferior!, phi 
o meno immortali. L'istruzione, 1'educazione, 1'ambiente," se 
si vuole, potranno svolgere a perfezione le piu o meno alte 
doti naturali intellettive e particolari di ciascun'anima o 
individuo, ma tale svolgimento e perfezionamento non solo 
non mut era la natura dell'anima, che anzi la suppone tal 
quale, perche tali doti e il loro e, c ercizio non possono non es- 
sere, come emanazioni naturali, proporzionate all'anima 
stessa e quindi gia di un ordine superloie, tantoche po- 
tranno rimanere nell'anima anche separata dal corpo non 
solo in virtu, ma ancora in atto. 

Ci fa quindi meraviglia 1'interrogazione che soggiunge 
1'autore, scrivendo, nella sua ipotesi : E che cosa allora 
si deve pensare dell'immortalita e della persistenza dellc 
psichi degl'idioti, degl'in,sufflcienti(intellettualmente, moral- 
menteo esteticamente), degl'infanti, degl'incolti in genere ? 
Si deve sempre pensare, rispondiamo, che, superior! allebestie 
irragionevoli, sono pari in natura, se non in ricchezza e svol- 
gimento di doti naturali agli altri uomini. Un infante, un 
idiota, un insufficiente, un incolto, per tal difetto di eta 
o di istruzione o d'ingegno,non vanno in bando dell'umana 
natura e del novero degli uomini, ma sempre ne fanno e 
restano.parte, sebbene bisognosa d'aiuto. di difesa, di com- 
passion e ecc., ne sono in uno stato da non poter essere im- 
"mortali ;qiianto alia persistenza dell'anima. Qual numero 
senza numero di bambini battezzati ci insegna la fede, che 
vrvono'^gia non solo immortali, ma beati nella visiorie di Dio I 



404 L'lMMORTALITA DELL'ANIMA BELLUINA 

XIII. 

Non possiamo percio accettare la conclusione che ne 
trae il chiaro professore : Come si vede, scrive, la rueute 
dinanzi al pauroso problema del destine umano deve ne- 
cessariamente rimanere perplessa . B fornxola un'alternativa, 
indice di tale sua perplessita: O la psiche, sbggiunge, di 
tal valore e significato che merita sempre e in ogni caso 
di essere in qualche maniera conservata, owero essa e ua 
atto transitorio, contingente, avente valore di semplice mezzo 
e quindi non avente dritto alia persistenza a cui puo aver 
dritto solo cio che e fine e che ha dignita per se . Tal dilemma 
verrebbe a dire : O tutte le anime sono immortali, o solo 
alcune di speciale dignita intrinseca. Di questi due mem- 
bri il De Sarlo elegge genericamente il primo, ma aazitutto 
stabilisce con buone ragioni la immortality dell'anima umana. 

Per6 nel trattare tal problema non possiamo non no- 
tare una certa contradizione, segno di |vera perplessita 
nell'autore. Poiche, mentre si dovrebbe dal dilemma con- 
cludere che dunque solo 1'anima umana per la sua dignita 
e immortaie, egli preoccupa Ja s'oluzione con Passerire che 
tutta la psiche, anche quella degli animali, vuol essere nella 
considerazione pareggiata all'umana, e quindi si appresta 
a dichiararla pure immortaie, come fa di f atto, mentre poi 
nel ragionare dell'anima umana pone da parte la psiche 
dei bruti e restringe 1'immortalita, in^forza de] citato di- 
lemma, alia sola anima umana. 

Pitl chiaramente poi pone il problema, domaudando se 
vi sia una forma di essere che si presenti come assoluta- 
mente pref eribile e come meritevole di conservazione rispetto 
ad ogni altra. La risposta non puo essere dubbia : la forma 
di essere che, esistendo non solamente per altro, - com'e 
di tutti i fenomeni - ma per se e che per di piu avverte, si 
sa e si possiede e che per cio stesso e capace di affermarsi, 
di contrapporsi, di far valere la sua indipendenza^di fronte 



SECONDO TL PROF. F. DE SARLO 405 

a tutto il resto, tale forma di essere ci si presenta come for- 
nita delle prerogative necessarie per una reale permanenza 
(II, p. 77). 

Questa conclusione parrebbe quella che scioglie il pro- 
blema, e dell'alternativa sceglie quel termine che importa 
appunto solo 1'anima umana, a cui pare si convengano le 
note assegnate dal De Sarlo all'anima, per la persistenza e 
immortalita. Invece tal conclusione, da noi supposta, non 
scende cosi, ma assai diversamente perilnostro psicologo. 
II quale deduce : La conclusione. a cui si giunge col ragio- 
namento fatto e che ogni forma di psichicitst dev'esser dichia- 
rata indistruttibile : ogni anima perche tale e in quanto 
tale, e e non puo non essere, in un certo senso, immortal e. 
Sillaba di Dio non si cancella ; e quale sillaba piu meritevole 
di esser conservata in quanto sempre fattura di Dio ? 
(IL p. 77). 

Ci par di sognare. A che dunoue e senate il dilemma I 
A che proporre un criterio per la scelta del termine dell'al- 
ternativa, se poi se ne accolgono ambi i membri, e ogni psi- 
che e di tal ^'alore, e significato, come dice il primo membro, 
che merita sempre e in ogni caso di essere conservata ? Certo 
concependo ogni anima come una sillaba immediata di Dfo, 
come una fattura di Dio direttamente intesa per 8, nell'am- 
bito della natura, se ne fa un ente sussistente, un termine 
proprio dell'azione divina, qualche c'osa che sempre esce 
totalmente dal nulla. In tale ipotesi non si ,DO treble negare 
che ogni anima debba anche essere immortale. 

Ma esige ogni anima di essere cosi fattura di DioT La 
psichicita, conceprca come includente 1'essere o forma inten- 
zionale di un oggetto estrinsecofe reale distinto dal cono- 
scente, esige forse sempre un'anima per s^ sussistente e 
tale che nelle sue operazioni sia indipendente dal corpo T 
Ma non distingue forse anche il De Sarlo traattivita psichiche 
di ordine inferiore e attivita psichiche superior}? Kon dice 
egli forse che, mentre per le attivitii psichiche di ordine 
inferiore e e\idente' a cooperazione del cfomo. ner le fun- 



406 L'IMMORTALITA DELL'ANIMA BELLUINA 

zioni piu propriamente spiritual! - data appunto Ja com- 
spondenza che ci dev'essere tra funzione e obbietto - il 
corpo compie un ufficio affatto Fecondar'o ? Orbene la dif- 
ferenza tra queste piu e piu alte attivita o potenze attive e 
solo accidental dal piti al me no, o e anche specifica e radi- 
calmente sostanziale ? Anima e spirito so no sempre la stessa 
cosa,o solo lo spirito informante un corpo importa in s& qual- 
cosa di superiore a quell'animach'e totalmente e puramente, 
secondo la suasostanza e tutte, niuna esclusa, le sue potenze 
o attivita, forma del corpo e della materia, e pero in ogni sua 
azione e operante sempre con la cootperazione, non secondaria, 
ma essenziale del corpo organico cui spettatoo i sensi ? Qui 
sta la difficolta. 

XIV. 

Ma tal difficolta il De Sarlo non se la pone, sebbene 
qua e la rechi argomenti giovevoli alia soluzione della que- 
stione, in mano di altri, non di lui. Percheegli mantiene, 
in mezzo a tutte le ricerche e gli studi, la parity della natura 
psichica per tutte le anime, siano dei bruti o degli uomini. 
Onde soggiunge : Tale affermazione, lo sappiamo bene, 
sembrera paradossale a molti, ma noi non crediamo che vi 
sia ragione di indietreggiare dinanzi alia verita, anche se questa 
possa sembrare a prima vista inusitata e forse stravagante ' 
(II, p. 77). Ma e forse questa una verita cavata dal De Sarlo 
nelle sue ricerche e nei suoi studi? Bisulta forse dalle 
.peraltro acute osservazioni sparse a piene mani in questi due 
volumi di psicologia e fllosofla? No, non e per nulla un ri- 
sultato, una cousegaenza degli studi e delle ricerche del 

De Sarlo ; e piuttosto un frutto dell'incerto concetto della 

i 

vera natura dell'anima in quanto e forma del corpo e fa 
con esso un medesinao composto organico. Anch'egli piarla 
altrove del corpo m/orm^odall'anima, ma non crediamo die 
sija arrivato a vederne il vero concetto. Pare ch'egli non 
riesca a superare 1'inganno fantastico di concepire anche 



SECONDO IL PROF. F. DE SARLO 407 

rnnima del bruto come so stanza che possa stare da se, che 
abbia 1'essere per se, mentre 1'essere della forma del bruti 
non puo concepirsi diverse dall'essere del composto : questo, 
questo e propriamente il soggetto dell'essere, non Panima, 
come suo componente o forma, la quale non puo ottenere 
1'essere cho nel composto, perche, ripetiamo, tutte le sue 
operazioni - per la corrispondenza, diremo col De Sarlo, che 
dev'essere nou solo tra funzione ed obbietto, ma ancora tra 
funzione e anima che n'e la radice e fonte emanativa - di- 
mostrano in lei natura di totale dipendenza dal corpo nel- 
1'essere e nell'operare. Cio signifiea che 1 'anima dei bruti, 
non avendo, come 1 'anima umana, 1'essere per se, non puo 
sussistere separata e fuori del corpo, e quindi non e so stanza 
per se stante. Donde segue che il concetto dell'anima come 
sempre sussistente va oorretto. 

Anzi osserviamo che il concetto dell'anima. non etimologi- 
camente, ma originariamente, importa per se come in atto 
esercito, la funzione di animare, in quanto attua con la sua 
uiiione al corpo la vita nel composto che altrimenti non ci sa- 
rebbe. Si dice anima perche anima il corpo. Da cio si deduce 
che la no'stra cognizione riflessa dell'anima e sempre come 
unita al corpo, finche 1 'animal e permane vivo ; morto invece, 
sogliamo dire che il corpo non ha piu anima, e disanimato ; 
giacche la morte appunto e separazione dell'anima dal corpo. 
L'anima dunque nel concetto formale connota il corpo ; 
ma per distinguere .se un'anima possa o non possa sussistere 
fnori del corpo, non basta tal concetto dell'anima e della psi- 
chicita : conviene penetrare piu profondamente nelle sue 
operazioni psichiche ed esaminare e accertare se possegga, 
purnella unione col corpo, qualche speciale sua operazione 
indipendente dal corpo ; poiche in tal caso. se e vero, com'e 
verissimo, che operari sequitur esse, ne verra che 1'operazione 
indipendente ci fornisca il testimonio e la prova della sua 
indipendenza nell'essere. Vi si intreccera allora la que- 
stione se 1'anima sensitiva sia nell'uomo tutt' una con la 
razionale ; ma tale unita vsara ammessa, come fa il De Sarlo, 



408 L'lMMORTALITA DELL'ANIMA BKLLUINA 

per testimonio di coscienza, e per tant'altre ragioni. A 
quest'altre ragioni si appella anche 1'autore ; ma non e qui 
luogo di recarle o discuterle. 

Attenendoci all'argomento presente, stabilita la diversity 
e superiority di certe operazioni spiritual!, umane sulle pura- 
mente sensitive, conviene chela filo Sofia entri nel campo della 
psicologia col ragionamento e con 1'applicazione di quei prin- 
cipii metafisici e reali, ammessi pure dal De Sarlo. Ma in tale 
applicazione ci pare che il De Sarlo filosofo contradica al De 
Sarlo psicologo. 

Poiche, mentre lo paicologo assegna e distingue fatti 
psichici di ordine inferiore nei bruti ne sa additarne 
uno che sia di ordine spirituale ; e all'anima umana, oltre i 
fatti sensitivi, attribuisce anche gli spiritual!, che sono atti 
specificamente diversi, e quindi important! funzioni o attivita 
opotenzeo facolta specificamente diverse- per la.Jcorrispon- 
denza che ci deve essere, ripeteremo col De Sarlo, trafunzione- 
eobbietto e, meglio,per la specifica proporzione richiesta na- 
tural mente tra gli atti e gli obbietti, giacche, come actus spe- 
cificantur ab obiectis. cosi potentiae specificantur ab actibus - 
il filo.sofo invece confonde i principii radical] di fatti psichici 
different!, eio& 1'anima dei bruti con la umana, e ne fauna spe- 
cie sola, negando cosi il principio usato come psicologo, e 
posto come filosofo che operari sequitur esse, e modus operandi 
sequitur modum essendi. 

(Continua) 



EVOLUZIONE 

STAB1LITA DELLE SPECIE? 1 



IV 

II neo-lamarckismo la legge dello sviluppo ondulatorio dell'Eimer 
il neo-darwinismo i determinant! del Weismann il mimetismo 
secondo il Wallace ed il suo ricorso alle intelligenze angeliche 
la teoria di Ugo De Vries I'evoluzionismo moderate le altre 
teorie secondarie 1'ologenesi. 

La teoria del Darwin, che parve togliere il velo all 'enigma del- 
1'origine delle specie, inebbrio, al primo apparire, la maggior parte 
degli studiosi suoi contemporanei, i quali ne accolsero senza riserva 
tutti i postulati e li presero a fondamento delle ricerche nell'or- 
dine delle scienze naturali. Scomparso il maestro, il darwinismo 
conserve il suo credito per qualche decennio ancora, sinb a che, 
scemato 1'entusiasmo e messo il sistema di fronte ai fatti, per- 
dette alquanto del suo splendore. S'intravvide allora che si po- 
teva dubitare, se non dell'evoluzionismo, omai assurto a dogma, 
almeno delle opinioni darwiniane, le quali dovettero cedere il 
campo,siapurein parte, a nuove tendenze trasformiste. Gli evolu- 
zionisti rimasero distinti in tre scuole principali: quella dei danvi- 
nisti rigidi, del neo-lamarckisti e dei neo-darwinisti, a cui s'ag- 
giunsero i seguaci della teoria della mutazione di Ugo de Vries. 
Se si toglie qualche gruppo qua e la di dissident!, di dubbiosi, o 
di pessimisti, che disperano della soluzione del problema, le scuole 
suddette sono ancora quelle che oggidi accolgono il maggior 
numero di discepoli. 

I darwinisti rigidi, tra i quali Ernesto Haeckeled il Plate, pro- 
pagarono quasi inalterata la dottrina del maestro, e non vi apporta- 
rono no vita di rilievo, tranne qualche piu esagerata applicazioue. 
I uto-lamarckisti, sotto 1'impulso speciahnente del paloontologo 
americano Cope, dell'Hyatt, dell'Eimer, e del nlosofo inglese Spen- 
cer, tentarono di ridare vita alia concezione del Lamarck, riabel- 

1 Continuazione vedi q lad. n. 1684 (21 agosto 1920) p. 338 ss. 



410 EVOLUZIONE O STABILTTA DELLE SPECIE? 

lendone la veste con novt.lli ornament!. Essi insistono suH'impor- 
tanza dell'uso e del non-uso degli organi, sull'azione modificatrice 
delle condizioni dell'ambiente, come la temperatura, 1'alimento 
e simili, e sulla conseguente trasmissione ereditaria del caratteri 
acquisiti, negando alia selezione naturale qualsiasi potere rile- 
vante nella trasformazione delle specie. 

L'Eimer vide nelle condizioni dell'ambiente dei potenti ecci- 
tanti dell'organismo, il quale lentamente s'adatta a questi novelli 
stimoli ed alle variazioni interne, e muta le sue fuuzioni, determi- 
nando cosi il cambiamento degli organi. Secondo quest 'autore, 
certe variazioni nuove spuntano negli animali dapprima entro 
tratti limitati, e soprattutto verso la parte posteriore delcorpo, 
donde avanzano col crescere dell'organismo, dirigendosi verso il 
capo, come le onde del mare vanno alia spiaggia. E questa la 
f amosa sua legge dello sviluppo ondulatorio degli organismi. In 
virtu di essa tutti gli esseri sono trascinati in un continue flusso 
evolutive verso direzioni definite, che costituiscono il processo del- 
I'ortogenesi, per modo che le specie non indicano se non gli stadi 
di questo incessante divenire. Non mancano tuttavia dei gruppi 
d'individui, che ad un dato istante sospendono la loro corsa evolu- 
tiva, e sfuggendo alia corrente, che li trainava, s'arrestano d'im- 
provviso, conservandosi da quel punto immutati nell'avvenire. 
Questo fenomeno venne dall'Eimer contraddistinto col vocabolo 
di genepistasi. 

A confutare il neo-lamarckismo, dopo quanto esponemmo a 
proposito del Lamarck, basta ricordare quanto abbiamo gia di- 
scusso. L'uso ed il non-uso, le condizioni dell'ambiente, 1'adatta- 
mento degli organismi a questo, e le serie, con cui si confondono 
i supposti processi dell'ortogenesi, dinanzi alia realta, non si pos- 
sono invocare quali fattori della trasformazione della specie. La 
supposizione dell'Eimer, che la funzione modifichi e crei 1'organo, 
involge 1'assurdo della possibilita delle operazioni negli esseri 
senza i corrispondenti organi. In tutto questo non abbiamo altro che 
gratuite asserzioni. Come sentenza finale sul neo-lamarckismo ri- 
portiamo 1'osservazione delFillustre prof. Carazzi sopra un opu- 
scolo di Daniele Eosa, dal titolo II Lamareki'smo e le farfalle. 

In questa interessantissima Nota il Eosa adduce un argo- 
mento decisivo contro la teoria neo-lamarckiana. Dalle esperienze 
fatte col calore (uova del nord tenute ad alta temperatura, bruchi 



EVOLUZIONE STABILITA DELLE SPECIE? 411 

del sud portati in Germania) si ottengono individui variati nel 
<x>lore. Altrettanto si & ottenuto variando il nutrimento. Dei va- 
riati alcuni danno prole leggermente variata ; dunque la varia- 
zione e ereditaria. Queste esperienze confermano che nelle far- 
falle il fattore temperatura entra nella determinazione di alcuni 
caratteri, della colorazione sovratutto. Ma prima di tali esperienze 
quelle farfalle si erano certamente sviluppate durante dei secoli 
sotto determinate temperature, con le quali si continuavano i ca- 
ratteri consueti. Ora questi caratteri. si sono mutatiappena simuto 
il fattore temperatnra; dunque 1'azione di questo fattore, per 
quanto continuata per secoli, non ha prodotto eft'etti ereditari ! 
La stessa argomentazione vale per tutte le esperienze consimili, 
e toglie ogni valore alle tracce di eredita che in esse f uro'no osser- 
vate. Cosi gli esperimenti che continuamente sono citati come par- 
lanti eloquentemente in favore del-lamarckismo dimostrano tutto 
il contrario di cio che si pretende far loro dimostrare l . 



La scuola dei neo-darvvinisti, che annovera il Wallace ed il 
Weismann tra i piii insigni maestri, nega recisamente la trasmiSr 
sibilita dei caratteri acquisiti e 1'eredita delle modificazioni delle 
diverse parti del corpo, dette variazioni somatogene. L'unico 
fattore dell'evoluzione e la selezione naturale, la cui attivita con- 
siste tutta in mantejiere o eliminare le variazioni prodotte nella 
sostanza germinale, cioe nolle cellule riproduttrici, e che si distin- 
guono col nome di variazioni blastogene. Queste, se vantaggiose 
all'organismo. sono rispettate dalla selezione e trasmesse per ere- 
dita ai discendenti ; altrimenti rimangono distrutte. 11 Weismann 
ideo un'ingegnosa quanto complicata teoria sulla selezione germi- 
nale, di cui diamo qui uno stringatissimo cenno. 

Nella cellula si danno due protoplasmi, quello del corpo cellu- 
lare o morfoplasma e 1'altro del nucleo o idioplasma. II primo si 
nutre, aumenta e si divide; ma ogni sua modificazione e subordi- 
nata all'attivita direttrice dell'idioplasma, che presiede a tutti i 
mutamenti di forma, di struttura e di proprieta in ogni istante 
della vita cellulare. Ogni singolo carattere ereditario e capace di 
avere una modificazione indipendente nell'organismo, si trova rap- 

1 Ratsegna delle scienze biologiche, 15 dicembrc 1919, pag. 147. 



412 EVOLTJZIONE STABILITl DBLLE SPECIE? 

presentato nell'idioplasma delle cellule germinal! da un'associa- 
zione indissoluble, chiamata determinanle , formata di unita 
ultramicroscopiche a struttura definita, dette biofori, aggregati di 
molecole chimiche, dotati di vita, che si nutrono, s'accrescono e 
Bimoltiplicano. Tutti quest! numerosissimi biofori dell 'idioplasma, 
invisibili all'occhio anche armato dei piu potenti strumenti d'in- 
grandimento, sono le unita fondamentali del protoplasma ed 
uscendo dal nucleo e disseminandosi nel morfoplasma diventano 
i fattori dei caratteri delle cellule. Quando un determinante s'inde- 
bolisce per la scarsita del nutrimento, o per la diminuzione del po- 
tere assimilatore, anche 1'organo da esso rappresentato e regolato 
intristisce ed entra in via di regressione; in caso contrario esso pro- 
duce uno svolgimento piu vigoroso dell'organo, corrispondente 
ad una variazione germinale progressiva. 

Cosi, per applicare la teoria ad un esempio citato dalWeismann, 
quando la talpa cambid la vita libera con quella sotterranea, 
gli occhi rimasero senza uso, e d'allora in poi la selezione sospese 
il suo lavorlo. In conseguenza di cio, i determinant!, che si riferi- 
vano all'occhio, restarono piu affievoliti che non quando la sele- 
zione opera va, ed entrando in cornpetizione per il nutrimento e la 
posizione occupata cogli altri determinant! del plasma germinale, 
in queste condizioni d'inferiorita iniziarono la regressione lenta 
e continua, che 1! doveva condurre a scomparire insieme con 1'or- 
gano divenuto inutile. Si rinvigorirono invece i determinant! 
delle zampe anterior! per 1'esercizio dello scavare, le quali per ef- 
fetto della selezione acquistarono maggiore robustezza e sviluppo. 
I determinanti sempre migliorati o deteriorati, venendo trasmessi 
col plasma germinale a traverse le generazioni, anche i corrispon- 
denti caratteri passano ai discendenti con progressive aumento, 
o con proporzionata regressione, efiettuando a passi insensibili 
la trasformazione della specie. 

II Wallace a s,ua volta si sforzo d'illustrare la potenza della 
selezione naturale, additando uno dei suoi piu evident! prodigi. 
il mimetismo, efficace mezzo di difesa dell'animale e della pianta. 
Se sipensa, osserva 1'autore, ad una schiera d'individui dalle tinte 
insignificant! appartenenti alia stessa specie, e che abitano una 
data regione, sorgeranno tra costoro di quell! che, o con le loro mi- 
nime variazioni appariranno piu simili at color! dell'ambiente, 
o perche per un istinto si recheranno in luog'ii, conform! alle colo- 



BVOLUZIONB STABILITl DELLE SPECIE t 413 

razioni del proprio organismo. Individui cosi favoriti sfuggono piii 
agevolmeute allo sguardo del nemiei, dal cui dente sarauno rispar 
miati, e cosi grazie alia selezion* 1 naturale tramanderanno ai loro 
poster! i caratteri protettori. I discendenti rinnoveranno il feno- 
meno del padri loro, e le tinte si migliorerarino per lenta evolu- 
zione, fino a simulare con prodigiosa perfezione quelle dell'am - 
biente, e cosi apparir,! 1'omocromia nelle sue piii svariate forme. 

In modo consimile la selezioue naturale avrebbe causa to la 
formazione di tinte assai vivaci e di segni distintivi sull'organismo 
di certi animali per collocarli maggiormente in vista, acciocche 
non andassero confusi con altri. II vantaggio ehe torna a questi 
segnati non e tenue, quando essi appartengono a specie non com- 
mestibili ; perche a quel segno vengono riconosciuti dai predatori 
e non sono scambiati con quelli di specie affini e mangerecci. La 
corrispondenza tra la vivacita delle tinte e gli organismi non com- 
mestibili sarebbe, secondo il Wallace, tanto perfetta da poter in- 
f erire dall'esistenza di un vago colore il privilegio di non essere gra- 
diti bocconi allo stomaco dei carnivori. A tale colorazione si van- 
taggiosa a certe specie 1'autore non manco di applicare il bel nome 
di tinta premonitrice. 

Bastano questi brevi accenni sulle dottrine dei capi-scuola del 
neo-darwinismo per mostrare I'impotenza del sistema ad inter - 
pretare 1'evoluzione delle specie. L'importanza estrema da loro 
attribuita alia selezione naturale, non si riduce ad altro che ad in- 
grandire le proporzioni dell'abbaglio toccato gia al Darwin nell'as- 
segnare,comedimostrammo, a questo fattore un'efficacia, che non 
gli compete nella trasformazione degli organismi. Di eguale valore 
scientifico e il ricorso del Weismann alia teoria dei determinant!, 
trovato che sarebbe geniale, se non avesse il torto di essere una 
mera supposizione, destituita di qualsiasi appoggio sulla realta 
dei fatti. Ora il campo delle supposizioni non ha altri limiti che 
1'assurdo ; laonde i determinanti del Weismann lasciano ancora 
libero 1'orizzonte ad infinite altre invenzioni consimili, e che go- 
dono dello stesso grado di possibilita. Argutamente perci6 il 
Delage, dopo un accurato esame della concezione del Weismann, 
mostra come la teoria costringa ad ammettere questo dilemma: 
che i biofori, costitutivi dei determinanti se sono possibili, sono 
inutili ; se sono utili, sono impossibili l . 

1 DELAGE. L'htrtditt...., pag. 741. 



414 EVOLUZIONE STABILITl DELLE SPECIE? 

Persino 1'attraente e non forzata interpretazione del Wallace 
sul gran mezzo di difesa, che dovrebbe essere il mimetismo, sup- 
posto fmtto della selezione, sottomessa alia prova dell'esperienza^ 
si trova in aperto contrasto con numerosi fatti accertati. II ludd 
colloco dentro spaziosa gabbia un numero notevole di ortotteri 
della famiglia degli acridi, dopo aver loro amputate le zampo per 
renderli immobili, e li confuse tra le foglie brune di quercia, dello 
quali simulavano a meraviglia la tinta. Introdottivi alcuni uccelli 
insettivori, appartenenti a quattro specie diverse, questi non esi- 
tarono un istante a ravvisare tra le foglie quei bocconcini ricer- 
cati, ed in men che non si dice 1'inghiottirono tutti a dispetto 
dei colori mimetici protettori. Kel Soudan la maggior parte delle 
lucertole e degli uccelli insettivori vive esclusivamente d'insetti 
ortotteri, che presentano l'omocromia piu perfetta. Lo stesso fe- 
nomeno avviene in grande tra i piu abili imitatori dell'ambiente, 
che sieno in natura, cioe certi abitatori dclle acque marine, quali 
le doridi, molluschi che simulano le spugne, la Lamellaria, il 
Cycloporus papillosus ecc. 

Altrettanto pure si deve dire delle colorazioni premonitrici, 
ritenute dal Wallace come indici di organismi, che uon sono 
graditi alia mensa dei carnivori. Al quale proposito giova anche 
ricordare che quelle specie credute comunemente non comme- 
stibili sono tali soltanto per la scarsita delle nostre conoscenzc; 
laddove vengono talora ricercate da altri animali a noi meno 
notfc Basti 1'esempio delle coccineUe.insetti dai colori vivaci, che 
punto non garbano al palato dei batraci e degli uccelli, mentre 
tornano saporite alia famiglia delle lucertole. Ad ogni modo, 
anche ammessa in tutta 1'estensione del suo significato la spie- 
gazione del Wallace a riguardo delle colorazioni degli organi- 
smi, non ne seguirebbe che queste siano effetto della selezione 
naturale. la cui attivita, se tale puo chiamarsi, e meramente 
negativa. 

Del tutto curioso poi e il ricorso che fa il Wallace alPoper 
degli angeli, facendoli intervenire nel lavorio della trasforma- 
zione, conforme alia Sua recente opinione manifestata nel libro 
II mondo della vita. Quivi insegna che quando la terra venne 
ridotta a condizioni adatte per ricevere la vita, so/hiere di an- 
geli ebbero Pincarico dal Creatore d'infoudere dei centri vitali, 
sufficiehti ad iniziare 1'organizzazione della materia con le piu 



EVOLTJZIONE STABILITA DELLE SPECIE? 415 

semplici espressioni vitali. Furono ancora angeli quelli che dires- 
sero le cellule nel loro accrescimento e sviluppo, che prepararono 
il matoriale necessario alia manifestazione della vita. Kelle fasi 
successive altre intelligenze angeliche erano necessarie per di- 
rigere le grandi linee della variazione nei suoi difjerenti sensi, in 
armonia col disegno da eseguire, e per evitare una rottura sulla 
via particolare, che sola puo condurre alia forma umana >> l . 
Strani concetti, strano linguaggio. Se la trasformazione delle 
specie non si puo effettuare senza il concorso degli angeli, sa- 
ranno questi i veri fattori dell'evoluzione, e tutti gli altri, in- 
sufficionti od inutili; passiaino a cose piti serie. 



Tin fatto insolito, osservato per la prima volta nel 1886 dal- 
1'insigne botanico olandese Ugo De Vries, gli porgeva 1'occa- 
sione d'intraprendere una lunga serie d'esperienze, i cui risul- 
tati dovevano servire di fondamento alia sua nuova teoria della 
mutazione. In un luogo presso Amsterdam, dove crescevano 
spontanee delle piante della specie Oenothera Lamarclciana, egli 
sorprese tra queste degli individui stranamente aberranti dal 
tipo normale. Da queste forme variate, con opportune isola- 
inento ed autofecondazione di esse, il De Vries riusci a trasmet- 
tere inalterate le variazioni nei discendenti, improvvisando in 
pochi anni un certo numero di forme nuove e costanti nell'orto 
botanico di Amsterdam. In tal guisa il naturalista vide svol- 
gersi sotto i proprii occhi la trasformazione delle nuove forme, 
alle quali impose, come ad altrettante piccole specie, i nomi 
di Oenothera nanella, Oe. riibrlnervis, Oe. lata, Oe. gigas ecc. 

Confortato da siffatti inattesi risultati, il De Vries elaboro 
la teoria della mutazione. secondo la quale per causa innata 
ed ereditaria sorgono di colpo e bruscamente in alcuni individui 
delle variazioni notevoli, che per isolamento ed autofeconda- 
zione si trasmettono alia posterita. L'evoluzione delle specie per- 
tanto non avverrebbe piti per 1'accumularsi lento e progressive 
delle piccole variazioni individual!, bensi per Fesplodere d'un 
tratto di spiccate variazioni negli organismi in* dati momenti. 

1 ALFRED EDSSEL WALLACE. Le Monde de la Vie, traduit de 1'an- 
glais Geneve, 1914, pag. 536. , Vedi anche pagg. 533-535. 



416 EVOLUZIONE O STABILITl DELLE SPECIE? 

La selezione naturale, intervencndo allora, assicura il trionfo 
delle forme dalle variazioni prh vantaggiose, rimovendone le 
nocive. Ecco spiegato il grande enigma dell'origine delle specie, 
con un'evoluzione saltuaria di tipo miovo. 

Come e owio comprendere, darwini^ti e neo-darwinisti si 
commossero, vedendo distrutta la propria teoria delle insen- 
sibili variazioni individual! e dei progress! vi perfezionamenti, 
insieme con le forme di transizione, che sono come il pernio 
delle loro dottrine. Quindi una lotta per attenuare la importanza 
dei risultati di Ugo De Vries, mentre altri scienziati, mossi dal- 
1'esperienza, facevano btion viso alle nuove opinioni del bo- 
tanico olandese. Se non che un discepolo del De Vries, il signer 
H. H. Zeijlstra, verso il 1911, rovesciava d'un tratto la sedu- 
cente teoria del maestro, e col microscopio svelava la vera causa 
delle portentose variazioni, che esplodevano a trasformare gl'in- 
dividui da una specie in un'altra. Lo Zeijlstra scorgeva nel 
tessuto vascolare del legno di quelle piante annidati miriadi di 
batterii del genere mierococcus, micromiceti endofiti, i quali al- 
terando I'organizzazione interna. producevano rigonfiamenti 
nelle foglie, accorciamenti nei loro picciuoli ed intristimento nei 
fusti. La causa delle brusche variazioni era un intruso parassita, 
che dal terreno, che lo ricettava e ne favoriva lo sviluppo con la 
ricchezza dei concimi azotati, si trasportava nei tessuti delle te- 
nere pianticelle, e quivi viveva a loro spese. Le credute specie 
nuove non erano altro che semplici forme malate, le quali pre- 
sentavano, come e naturale, delle variazioni patologiche 1 . 

Intanto il prof. I. Costantin si faceva spedire dall'orto bo- 
tanico d'Amsterdam alcuni esemplari dell' enothera nanella, 
per coltivarla al Museum di Parigi, in ambiente libero dal micro - 
coccus, che 1'infestava. L'esperienza comprovola scoperta dello 
Zeijlstra, che cioe le variazioni erano dovute ai micrococchi; 
ed infatti ben presto 1' enothera nanella, coltivata a Parigi, 
non molestata dalle schiere dei parassiti, torno ad essere YOe- 
notkera Lamarckiana, svestendo le forme nane. per indossare 
quelle normali. La micologia aveva dunque inflitto il colpo mor- 
talo alia teoria di Ugo De Vries, annientandone la pietra fon- 
damentale. 

1 Oenotera nanella de Vries, eine Krankhafte Pflanzenart, Biol 
OentralbL , 1911, vol. 31. pagg. 129-138. 



EVOLUZIONE O STABILITY. DELLB SPECIE? 417 



* * 



Un'altra teoria, che raccolse il consenso di qualche studioso, 
quella dell'evoluzionismo temperate, proposto dal Eeinke 
e dal Wettstein, ed accarezzato da parecchi biologi. Secondo que- 
Bta scuola, le diverse specie vegetali ed animali non avrebbero 
avuto un origine da Tin solo ceppo comune, come pensano co- 
munemente i trasformisti, ma sarebbero derivate per evoluzione 
da different! tipi primitivi, di cui non si accerta il numero, creati 
immediatamente da Dio. La trasformazione da queste forme pri- 
mitive non sarebbe pero avvenuta per un processo continue 
di attivita, ma come a tappe, alternandosi periodi brevi di la- 
vorlo evolutive con altri piu lunghi d'immutabilita degli orga- 
nismi. II trovarci noi in un periodo di sosta spiegherebbe come 
oggi non vediamo punto apparire nuove specie di viventi. 

II trasformismo mitigato, accogliendo il principle dell'evo- 
luzione, ha contro di se gli argomenti che stanno per la stabilita 
delle specie, e non pu6 allegare per se alcuna prova difatto. 
Anche per questo sistema sono vere le parole non sospette del 
Cuboni : In verita la formazione di una vera nuova specie, 
nel senso che i naturalisti danno a questa parola, e un fatto 
che finora non ha mai ottenuto la conferma sperimentale, nep- 
pure da Burbank)) 1 . L'ipotesi della polifilogencsi si differenzia 
dall'evoluzionismo classico per essere meno conseguente ; giac- 
che anch'essa ammette i fattori esterni ed interni delle trasfor- 
mazioni, sottraendone pero dall'azione, senza motivo plausibile, 
i ragM tipi primitivi, e concedendo loro a capriccio i supposti 
periodi di sosta e d'arresto. La paleontologia protesta altamente 
contro cotali arresti, mostrando la successione non interrotta 
di nuovi tipi, che sostituiscono gli scomparsi, o s'associano con 
altri, che si mantengono immutati attraverso le ere. Inoltre, 
pur restando nella cerchia dello stesso tipo. anche in questa 
ipotesi 1'evoluzione mitigata avrebbe dovuto produrre enormi 
differenze : a modo d'esempio nel tipo dei rettili la perdita degli 
arti, e nei placentati la formazione dello stomaco dei rumi- 
nanti, e mille altre. Onde la polifilogenesi aggiunge nuove pec- 

1 Dal periodico: Conference e prolusioni, Anno I, n. 1, Eoma, di- 
cembre 1907. 
3 Civiltd Cattolica, 1920. vol. 3, quad. 16^. 27 27 agosto 1920. 



418 EVOLUTIONS O STABILITl DELLE SPECIE? 

che a quelle deH'evoluzionismo schietto, mentre non reca alcun 
argomento nuovo a suo proprio favore, tranne le solite variazioni 
individual!, che in realta non oltrepassano mai i limiti della- 
specie. 

Sarebbe inutile anche solo accennare tante altre teorie se- 
condarie e personal!, sorte qua e la per puntellare il vacillante 
edifizio evoluzionista. Esse non sono altro, in generale, che modi- 
ficazioni dei grandi sistemi, da noi esaminati, o supposizioni pu- 
ramente soggettive, o tutt'al piu fondate sopra interpretazioui 
violente di qualche fatto. Non mancarono quelli che finsero 
un'evoluzione regressiva, che precede a ritroso dal perfetto al- 
1'imperfetto per via degenerativa, od anche per procosso pato- 
logico, laddove altri tentarono la soluzione del problema nei 
fenomeni di teratologia. L'americano Macfarlano ultimamente 
aggiunge ai soliti fattori dell'evoluzione il proambientamento , 
somma armonica di diversi stimoli dell'ambiente, che in ogni 
organismo corrisponde alle azioni stimolanti. Secondo quest'au- 
tore, i primi organismi a vita autonoma avrebbero abitato le 
acque dolci ; essi si rassomigliavano ai batteri, e per evoluzione 
si trasformarono nolle alghe cianoficee. 

Citiamo ancora per ultimo esempio I'Ologenesi del prof. 
Daniele Eosa, teoria la cui caratteristica piu saliente, sebbene 
forse non la piu essenziale, e questa che in essa ciascuna specie 
si evolve tutta quanta (in tutti i suoi individui e su tutta la sua 
area) in una medesima direzione, finch& essa si scinda in due 
nuove specie, le quali ulteriormente si evolveranno e sdoppie- 
ranno in simil modo, avendosi cosi un'evoluzione lungo linee 
dicotomicamente ramificate, nella quale ogni specie e prede- 
terminata nella precedente come un individuo lo e nell'uovo 1 . 
Gli esseri primitivi racchiudevano in potenza, nel protoplasma 
germinale, i fattori di tutte le forme, che dovevano appresso ma- 
nifestarsi sulla terra, e con lo scindersi degli idioplasm! nei loro 
discendenti, questi si evolvevano attuando le potenze ereditate, 
e divergendo maggiormente fra di loro e complicandosi nella 
struttura sino a produrre tutte le diverse foggie di organismi. 
II prof. Federico Eaffaele, commentando il lavoro ingegnoso 
del Eosa, cosi conchiude : E naturalmente esclusa ogni pos- 
sibilita di esperimento per verificare le qualita degli idioplasm! 

1 DANIELE ROSA, Ologenesi, p. VII. 



EVOLTJZIONE STABILITl DELLE SPECIE! 439 

ancestral! postulati dall'ologenesi : e quanto all'accordo di que- 
sta teoria con i fatti osservati o osservabili, esso non ha, a mio 
parere, nessun valore probative, perche per ipotesi la teoria 
ammette che cio ehe e avvenuto nella evoluzione degli esseri 
viventi era gia inevitabilmente destinato, ne poteva altrimenti 
avvenire. Per accettare dunque 1'ologenesi non ci resta che com- 
piere nn atto di fede, e quindi non indagare oltre, ma riposarci 
colla ferma convinzione che tutto e come doveva essere. E al- 
lora, io mi domando, perche non ammettere piuttosto la crea- 
zione, come rammetteva il vecchio Agassiz per esempio ; tanto 
piu che lo stesso Rosa, mi sembra non esservi assolutamente 
contrario quando dice : - Certo a chi volesse sostenere che la 
costituzione del primo organismo, in cui erano in potenza tutti 
gli organismi posteriori, sia stata voluta, noi non sapremmo espli- 
citamente contraddire (pag. 237) l . 

Ci sia lecito pertanto aggiungere come corollario un'osserra- 
zione dell'Agassiz, riportata dal Calderoni, e che si applica a 
tutte le teorie trasformistiche : Kon sono tanto i fatti che com- 
provano la teoria, quanto la tepria che penosamente e adat- 
tata ai fatti. Ogniqualvolta sorgono fatti che sono contrarii a 
qualche legge della teoria, si stabilisce un'altra legge che fa 
eccezlone alia prima. Cosi la legge della progressivit& degli or- 
ganismi ha accanto a se quella della regressione e della accele- 
razione di regressione. La legge di ereditarieta trova accanto 
a se quella di adattamento nei casi in cui un organismo non sot- 
tost& all'ereditarieta. Vi e la legge dell'eredita abbreviata per 
ispiegare certi caratteri del feto; ma poi, quando questo vi si 
ribella, entra in campo quella dell'eredita falsificata. La legge 
di eredita omocrona trova di riscontro a se la legge della pre- 
cedenza di sviluppo degli organi divenuti piu important! nella 
vita dell'organismo. Sono leggi che frequentemente derogano 
ad altre leggi, o che ad esse si sovrappongono. La natura non fa 
cosl ; procede per una via regale, e con semplicissimi mezzi rag- 
giunge i suoi fini. II sistema dell'evoluzione delle specie e stato 
presentato come quello che in modo semplice e naturale ne 
spiega 1'origine ; ma nel fatto off re una spiegazione complicata 
faticosa ed artifiziosa 2 . 

1 Monitore Zoologico Italiano, Firenze, 1919, n. 6, p. 104. 

* GIUSEPPE CALDERONI, ISevoluzione ed i suoi limiti, pagg. 197-198. 



420 EVOLTJZIONE STABILITl DELLE SPECIE? 

Che se il metodo seguito dai trasformisti per dichiarare 1'ori- 
gine delle specie sempre si riduce ad ammettere come avverata 
1'evoluzione, per indi procedere all'interpretazione dei fatti, 
noi crediamo al contrario, di dover domandare alia natura come 
essa di fatto proceda nel propagare le forme dei viventi. Questo 
e metodo scientifico, fondato sulla realta dei fatti ; quello dei 
trasformisti e aprioristico, tutto fondato nella supposizione. 

Si metta per un istante, dice il Blan chard, 1'ipotesi a confront o 
con la realta della natura, e tosto apparira la stridente contra- 
dizione clie vi corre. Supposti gli esseri capaci di modificarsi en- 
tro i piii vasti limiti, ed ammesso un tipo a capostipite di forme di- 
versissime, si ricorre allora alia variability delle specie, che opera 
di continue in seno alia natuia. ISoi sottoponiamo intanto all'esame 
piil coscienzioso una moltitudine di piante e di animali, ed ecco 
ogni dubbio dileguarsi. Si rifcontrano, ^ vero, di frequente strette 
somiglianze tra indi\idui distribniti suampie regioni, talvolta vi si 
notano variazioni nolle dimensioni, nei colori e nell'aspetto ; tut- 
tavia nessun carattere importante rimane in loro raodifieato, ma 
sempre si conserva inalterato il tipo specifico, ed il naturab'sta non 
esita a travisarlo, qualora egli sia fornito di sufficenti cogni- 
zioni... In conclusion e, se si considera la natara con animo libero da 
ogni idea preconcetta e spoglio di qualsiasi preoccupazione estra- 
nea alia scienza, ma coJ solo intento di prestar fede ai fatti sco- 
perti dall'osservazione e dall'esperienza, 3e specie vegetali ed ani- 
mali si mostrano sino dalla loro comparsa sulla terra provviste 
di tutti quei caratteri, che le contraddistinguono nel tempo at - 
tuale x . 

(Continua) 

LEANDRO GAIA S. I. 



1 E. BLANCHARD, La vie des tires animes, Paris, 1888, pagg. 281- 
87-88. 



PER LA LEVA E LA FORMAZIONE DEL CLERO 



II clero e 1'escrcito eletto della Chiesa: bisogna rinvigorirlo 
costantemente, ringiovanirlo, rinfrescarlo, cou la leva di nuove 
milizie. E questa leva non vuole essere coscrizione tumultuaria 
di una tiirba d'inetti; ma scelta e formaziono sapiente di una 
eletta di valorosi. 

Ora e tanto piu necessaria una leva siffatta anche per 1'Italia, 
quanto piu deplorano tutti i sinceri cattolici le perdite immense 
portate dalla guerra. Le quali sono bene in Italia inferior! per 
numero, ma non forse per gravita, a quelle della Francia, dove 
il clero vanta e piange insieme presso a quattro mila vittime. 
E sara questa una gloria che sentiamo spesso esaltare, e ben 
giustamente, di fronte al silenzio oltraggioso o al travisamento 
calunnioso che ne fanno i nemici implacabili della Chiesa; ma 
e una gloria ben pesante - osserva anche uno scrittore fran- 
cese - e se non vi si prende guardia, sara una di quelle glorie 
che portano alia rovina . Tanto e vero, e confermato dalla 
triste esperienza, cid che diceva il beato curato d'Ars: Lasciate 
una parrocchia venti anni senza sacerdote, e vi si adoreranno 
le bestie . 

Percio noi vediamo, con giusta compiacenza, sorgere uomini 
zelanti e pastori operosi a promuovere questa gran causa, che e 
la causa di Dio e della sua Chiesa, ma e anche la causa del popolo 
e delle nazioni. Poich& del voro bene del popolo si tratta appunto 
noil a preparazione dei suoi maestri e delle sue guide nello spirito, 
quali debbono essere i sacerdoti di Cristo. 

Cosl, anche ultimamente, udimmo risonare la voce di non 
pochi vescovi preveggenti, i quali denunziano il grave pericolo, 
della scarsita del clero, imminente alia societa gia tanto mi- 
nacciata ; e qualcuno, come tra noi il vescovo di Livorno 1 , ne 
fece altresi oggetto di lettera pastorale nella Quaresima, con 
1'intento di promuovere a tutto potere la vocazioni ecclesia- 
stiche, giusta le crescenti necessita dei tempi, e promuoverle an- 
-. che mediante il concorso di tutti i laici volenterosi e intelligenti, 

1 Mons. SABATINO GIAKI, vescovo di Livorno, Vigesima Lettera Pa- 
storale. Sul dovere di dare alia CJiiesa degni sacerdoti. Livorno, 1920. 



422 

che iutendono essere questo un grave e urgente dovere cojnune, 
fattosi pin imperioso per le aggravate necessita del tempi. 

E non solamente il bisogno stringe per il clero secolare, ma 
non meno per il clero regolare; anzi piti ancora forse, quanto 
maggiormente il secolo si va alienaudo dallo spirito di sacri- 
fizio, dalla stima, dall'amore della perfezione della vita religiosa 
uolla piii stretta sequela dei consigli evangeiici. 

Che se la scarsezza dell'uno e dell'altro clero si fa sentire 
gravissima per i paesi cattolici, che si dovra dire dei paesi di 
missioni f l E alhidiamo particolarmente a quelle missioui, onde la 
politica atea- che tale eanche quella dell'Intesa, purtroppo, nomi- 
natamente dell'Inghilterra-ha sbandito gli antichi missionari, col 
pretesto che fossero di origine germanica, chiudendo con ci6 la via 
della salvezza a infinite anime awiando alia sterilita tanti glo- 
riosi campi di evangelizzazione, fra il silenzio o il debolissimo ri- 
chiamo degli stessi cattolici accecati dal nazionalismo. Ma su 
cio e debito e proposito nostro di ritornare ad insistere.' 8 

1 Di qui e sorta appunto !' Opera di S. Pietro Apostolo , per far leva 
di missionarii fra gli indigeni stessi dei varii paesi di missioni, e per for- 
marli nel miglior modo all'apostolato dei loro compaesaiii. Al che si ado- 
perava da prima, con 1'elogio e 1'incoraggiamento del Santo Padre stesso, 
anche 1' Opera della S. Infanzia, nel mantenere in Seminario alcuni dei 
fanciulli da essa salvati, che diano serio affidamento di essere chiamati 
al sacerdozio . Ma poi, quest'opera della formazione del clero indigeno 
essendo venuta ad assumere un'importanza speciale dopo la lettera apo- 
stolica del 30 novembre 1919, Maximum illud, e non potendo quindi 
La Santa Infanzia attendervi con premura, ampiezza ed intensita di 
azione, senza venir meno al suo scopo primario, come scrive 1'E.mo 
Card. Segretario di Stato, il Santo Padre ... e venuto nella determina- 
zione di affidare all'Opera di San Pietro Apostolo, gia sorta con questo 
scopo, 1'incarico di raccogliere sussidi in tutto il mondo per il fine sopra 
detto, e di provvedere con essi, sotto la dipendenza della Sacra Congre- 
gazione di Propaganda Fide, all'educazione e alia formazione del clero 
indigeno delle missioni . Acta Apostolicae Sedis, XXI, 8 (2 augusti 1920), 
p. 345 sq. La determinazione del Santo Padre e la gravissima let- 
tera scritta in suo iiome all'E.mo Cardinale Van Eossum, Prefetto della 
S. Congregazione di Propaganda Fide, indica abbastanza e la somma im- 
portanza dell' opera in sc e la specia4e opportunita di essa per i nostri 
tempi, senza che noi aggiungiamo altre parole di raccomandazione e 
di encomio. 

* Ce ne dara occasione 1' Appello ai cattolici dell'universo per sal 
vare le missioni della Germania.pubblicato a nome dei raini tedeschi del- 
1'Opera della Propagazione della Fede, della Santa Infanzia ecc., in 



PER LA LEVA E LA FORMAZIONE DEL CLERO 423 

Ora benche possa sembrare premature il nostro intervento, ore- 
diamo supremo dovere di chi deve attendere a tutelare e promuo- 
vere con tutte le sue forze la civilta cristiana, anzi cattolica - men- 
tre alziamo il grido contro la laicizzazione della societa e della 
stessa parte ehe si dice cattolica, delle sue opere, della sua azione 
propaganda sociale promuovere insieme una leva di clero, nu- 
merosa e fidata non in massa, come suol dirsi, ne tumultuaria, 
perche la turba non farebbe altro clie confusione, ma bene scelta 
e bene formata, congiungendosi alia leva dei chierici, la formazione 
e la santificazione dei sacerdoti. 

In Francia vi e anche una serie di pubblicazioni periodiche, 
iniziata e diretta dal gesuita P. Delbrel, e tutta ordinata a un 
simile fine apostolico, del reclutamento del clero , come porta il 
suo titolo: essa vi ha da tempo larga diffusione, ora cresciuta 
col chiudersi dei giorni angosciosi della guerra, e con la diffusione 
ha ottenuto pure frutti copiosi di apostolato 1 . 

In Italia non possiamo sperare tanto, ma tanto piii sentiamo 
il dovere di appoggiare tutti gli sforzi e tentativi che si fanno non 
solo da pastori e da vescovi, ma anche da altre persone disinteres- 
sate e volenterose. Ora un'accolta di esse ha diramato gi& larga- 
mente un invito o appello, e si e costituita in comitato per pro- 
muovere la meritoria impresa, invocando insieme la coopera- 

irancese : Appel aux eatholiqiies de V Univers pour savver les missions al- 
lemandes. Munster en Westphalie 1920. E questo un opuscolo degno della 
maggiore attenzione, come l'appello e degno dell'appoggio piucordiale 
e vigoroso da parte di tutti i sinceri cattolici, cioe da quanti non sieno 
travolti dal moto, che diremmo ereticale, anticattolico, del gretto nazio- 
nalismo. 

1 Un 'opera assai bella e di rara opportunita dello stesso P. Delbrel S.I., 
e quella intitolata: Les Stminaristes recruteurs des S&minaires, la quale 
bbe 1'onore di essere raccomandata, con una lettera di vivo elogio, dallo 
stesso E.mo Prefetto della Congregazione degli Studi e dei Seminari, 
Card. Bisleti, in data del 30 giugno 1920, in cui fortemente s'insiste per 
1'appunto sull'obbligo che tutti i fedeli abbiano a cuore di contribuire, 
secondo le loro forze, alia moltiplicazione degli operai evangelici . 
A questa bella opera di apostolato concorre, fra gli altri periodici, 1'ot- 
tiaia rivista giovanile francese Frdres d'armes, Revue du jeunecatTiolique 
(cfr. n. 97, 5 e annee, 15 juillet 1920, p. 64). E noi siamo lieti di cogliere 
<juest'occasione per vivamente elogiare e raccomandare, il piccolo, ma 
bea opportune periodico, di spirito schiettamente cattolico, e non 
di sola cultura ma di pieta e di azione, aliena dal falso nazionalismo. 



424 PEE LA LEVA E LA FORMAZIONE DEL CLERO 

zione del laicato, col dimostrare il dovere grave ed urgente che 
non solamente i Vescovi ed i Sacerdoti e le persons sacre in gene- 
rale, ma tutti, nessuno eccettuato, abbiamo di procurare alia 
Santa Chiesa degai sacerdoti. 

Considerata pertanto la gra vita del bisogno e la importanza del 
rimedio, vogliamo, con una eccezione ai nostri usi, riportare qui 
Pappello di questo piccolo ma fervido Comitato, gia costituitosi 
volonterosamente, sotto la presidenza dell'E.mo Card. Silj, affinche 
da per tutto si corrisponda con 1'adesione o con la istituzione di 
simili centri di azione, che tutti collimino al comune intento: 

La guerra, oltre ai tanti mail iuevitabili che ha prod otto e che e inu- 
tile dissimulare, ha diradato largameute le flla doi miuistri del Santuario, 
ne ha allontanato non pochi di quelli che vi erano bene avviati: in guisa 
che, se non si pone immediato rimedio, in un non lontano avvenire, molto 
chiese e cure di anime rimarranno vedovate del legittimo pastore, e 
molte opero di zelo mancheranno di operai. 

J) vero che Jo spirito di Dio pose i Vescovi a reggere e governare la 
sua Chiesa, e prima di tutti e su di tutti il Sommo Pastore, il Eomano 
Pontefice ; ma chi ama Cristo e la sua Chiesa, ed ha viscere di carita per 
la salvezza dei fratelli, non pud assistere indifferente alia minaccia cho 
sovrasta al mistico gregge, nc puo soffocare nel silenzio i delicati sensi 
svegliati da Dio nel nostro cuore per la salvezza nostra e dei prossimi ; 
tanto piii se e un'anima sacerdotale. Quis infirmatur, et ego non infirmor? 
Quis scandalisSatur, et ego non nrorf (II. Corinti, X, 29). 

Ond'e che in tutt'i tempi, specie in quell i di maggiori bisogni della 
Chiesa, uomini di zelo furono mandati dalla Provvidenza per formare 
squadre di operai per la maggior gloria di Dio e la salvezza delle anime. 
Si ricordi un S. Ignazio di Loiola, un S. Vinoenzo d^i Paoli, un S. Filippo 
Neri, un S. Carlo Borromeo, un B. del Bufalo , un Ven. Don Bosco. e 
cento altri antichi e recenti. 

Eicordiamo noi stessi, un venticinque anni fa, quanto bene fece il 
Padre Valentini dei Signori della Missione, di f. m., sorretto dalla carita 
della Contessa Cerasi dapprima, e dalla munificenza del grande Leone 
di poi, con 1'opera grandiosa del Collegio Leoniano, ove tante vocazioni 
furono formate, e donde tanti ministri di Dio uscirono che allietarono 
con lo zelo e col sapere la Chiesa. 

Occorre dunque formare e presto molti e buoni operai alia Chtesa. 

Alcuni dicono : ci devono pensare i Vescovi, ci deve pensare il Papa 
vpni videant. I Vescovi ci penseranno certamente, anzi ci hanno gia pen- 
sato, e sappiamo dei provvedimenti ordinati dalla Congregazione degli 
Studi e dei Seminari. Ma si rifletta un poco a che sono ridotte le mense ve- 
scovili, lo rendite dei Seminari, di fronte al costo delta vita, alle difficolta 
dell'istruzione privata o religiosa, per chiedere 1'impossibile da chi pur 
vorrebbe tutto tentare. Si aprano pure tutti i piccoli Seminari, che sono 



PER LA LEVA E LA FORMAZIONE DEL CLERO 425 

come i vivai delle vocazioni al Santuario ; ma, cresciute necessariamente 
le rette per le nuove condizioni della vita, quanti vi entreranno ? Quanti 
vi potranno entrare ? Quauti vi rimarranno fino al sacerdozio ? Quante 
vocazioni sterili di quelli che per mancanza di mezzi saranno tenuti lon- 
tani dal Seminario! Eicordiamo la giovinezza del B..Curato d'Ars e del 
Venerabile D. Bosco. 

Forsechei Vescovi ed il Papa devono essi soli a studiarsi di procurare 
alia societa ottimi operai evangelici ? Ma non e nell'interesse di tutti, 
anche dei secolari, di dare al mondo e il sale che condisce, e la luce che il- 
lumina, e la guida che conduce ai pascoli di vita etorna ? II mondo avve- 
nire trovera salute in Cristo, nel rispetto al Papa e in preti santi e dotti. 
Formiamoli dunque questi nuovi apostoli , questi pionieri della civilta 
cristiana ; e per6 invitiamo tutti gli uomini di buona volonta a quotarsi 
secondo le proprie forze e secondo che il Sigaore loro ispiri, per aiutarci 
ad aprire un Istituto per la formazione di vocazioni ecclesiastiche, accot- 
tando giovani dituttele diocesi d' Italia, ma che diano buoni affldameuti 
perlariuscita ; chemanterremoin tuttooinpartegratuitamente, secondo 
gli aiuti che ci verranno. 

Intanto in apposito album verranno designati: Fondatori quelli che 
a proprie spese manterranno un alunno, pagando la retta annuale o fon- 
dando una borsa perpetua di studi : Benemeriti quelli che paghe- 
ranno 1000 lire una volta : Promotori quelli che ne pagheranno 
500 : Zelatori e selatrici quelli che raccoglioranno offerte anche di 
un soldo. 

Gli alunni pregheranno particolarmonte peri loro benefattori vivi e 
defunti; speciali suffragi si faranno in morte dei signori delle prime 
tre categorie, ed una messa quotidiana perpetua sara celebrata per tutti 
gli oblatori. 

Oltre alle vocazioni sacerdotali, intendiamo coltivare la formazione 
di giovani laici, futuri coadiutori del Clero, che, posti sotto la speciale pro- 
tezione del Santo Patriarca, si chiameranno Fratelli di S. Giuseppe, 
giusta il desiderio gia insinuate dal regnantePonteficeinquellachesidiri- 
geva al M. K. P. Pio Mortara dei Canonici R. L. con lettera della Segrete- 
ria di Stato, 83-22-8. 

Oltre a cio si intende attuare, dove e come si pu6, la convivenza 
del Clero, secondo il Can. del diritto Canonico vigente 134. 

istituito un Consiglio di Amministrazione, con a capo 1'Eminen- 
tissimo Sig. Card. Augusto Silj e sette membri del Comitato promotore 
per la convivenza del Clero. x 

- 

1 Per informazioni dirigersi: 

Prof. D. MlCHELE C. \KROZZI 

Via Beucompagni 79, Q. 25 Roma. 

Le oblazioni si possono inviare o al detto professore o a Sua Ec- 
cellenza Revma Mons. Giovanni M. Zonghi, Arcivescovo di Colossi. 
Piazza della Minerva 74, Roma. 



426 PER LA LEVA E LA FORMAZIONE DEL CLERO 

Ma sopra tutto siamo lieti di pubblicare 1'approvazione che 11 
Santo Padre ha dato alia zeJante istituzione di questo vero aposto- 
lato di leva e di formazione del clero, con la splendida lettera del suo 
B.mo Segretario di Stato all'E.mo Card. Silj, che qui del pari 
riportiamo : 

Dal Vaticano, li 19 luglio 1920. 

E.mo e Rev.mo Signer Mio Oss.mo, 

Mi onoro comunicare all'Emiuenza Vostra Rev.ma che 1'Augusto 
Pontefice si e degnato prendere in benevola considerazione 1'esposto pre- 
sentatogli dall'Eminenza Vostra circa la formazione e la santificazione 
del clero. 

doloroso il constatarlo, ma e un fatto notorio di cui non sarebbe 
facile attenuare la reale gravita, che oramai in ogni diocesi anche in Ita- 
lia scarseggiano a dismisura i sacerdoti, e molti di essi, specialmente se 
vivono nolle citta e nolle grosse borgate, sono cosi circondati da dimcolta 
d'indole morale e economica, che si impone di provvedere alia loro di- 
f esa, se non si vuole vederne compromesso il sacro miuistero. 

A questa duplice opera di formazione e di santificazione del clero 
1'Eminenza Vostra giustamente vorrebbe associati sacerdoti e laici, perche 
da una parte 1'avere un numero sufflciente di sacerdoti santi e cosa che 
interessa 1'intera societa ; e d'altra parte tutti, sacerdoti e laici, possono 
con la preghiera, con 1'azione, con 1'obolo collaborare efficacemente coi 
Vescovi nella missione importantissima di formare i proprii sacerdoti e 
di metterli in condizioni di poter attendere totalmente alle opere di sacro 
ministero senza eccessive preoccupazioni ne del pane ondo vivere ne del 
tetto sotto cui passare sicuri le brevi ore della giornata che non siano con- 
sacrate alia Chiesa e all'assistenza degli ammalatL 

L'Augusto Pontefice pertanto, che di tutte le diocesi porta vive in 
cuore le sollecitudini, non puo che compiacersi del valido contribute che 
1'Eminenza Vostra intende portare all'opera deisingoli Vescovi per la 
formazione e la santificazione del clero ; e fa fervidi voti che la provvida 
iniziativa trovi largo consenso nei cattolici tutti e sia fecondata dalle 
celesti benedizioni. 

Di questo e auspicio la Benedizione Apostolica che Sua Santita si 
compiace impartire con affetto all'Eminenza Vostra e a quanti la coadiu- 
veranno nella santa impresa. 

Bacio umilissimamente le mani a Vostra Eminenza e mi onoro pro- 
fessarmi con profonda venerazione 

di Vostra Eminenza Rev. ma 
Umil.mo dev.mo Servitor vero 

P. Card. GASPARRI 
A Sua Eminenza Rev.ma 

il Signor Cardinale AUGUSTO SILJ 

Presidente dell'Opera Pia per la formazione e la santificazione del Clero 

ROMA 



ANGORA SULL'OPERA PROTESTANTE 

IN ITALIA 



paesi d'lnghilterra e d 'America, la fede che prega e 
la fede che paga , disse, a proposito del proselitismo protestante 
in Italia, Luigi Luzzatti 1 , il quale sa bene, che in pun to di danaro 
per il trionfo della propria fede, gli ebrei suoi correligionarii 
non sono meno generosi dei protestanti inglesi ed americani ; 
con questa differenza perd, che gli ebrei profondono il danaro 
dentro il circolo, chiuso dolle tende d'Israele, facendolo servire 
a dominare i cristiani; i protestanti, invece, ne largheggiano 
fuori dei loro recinti, per fare incetta di seguaci, quali che siano, 
pur di toglierli al cattolicismo. Gli ebrei mirano ad accumulare 
il danaro nelle loro mani rastrellandolo dai cristiani, sti- 
mando diritto legittimo del loro popolo eletto impadronirsi 
delle spoglie d'Egitto ; i protestanti anglo-americani ten- 
tano di comprare anime, pensando che le conversioni , come 
ogni altra business , possano trattarsi alia maniera degli affari 
commerciali. 

^"on pochi di essi fanno un vero mercimonio sulle anime, 
come ne hanno dato prove di fatto, nella compra di preti apo- 
stati, i metodisti italo-americani insediatisi a Roma in via XX 
Settembre - via Firenze, legati con la massoneria e con i piii 
sguaiati anticlerical! della citta; in tutte le altre manifestazioni, 
il proselitismo protestante americano, in generate, ha molti 
tratti comuni con Tindole commerciale di quel popolo. 

fi certamente singolare, e per noi cattolici molto strana la 
psicologia dei metodisti americani, i quali - come ci riferisce il 
periodico cattolico America di New York (20 marzo 1920) - 
si sono proposti di raggiungere un milione di conversion! 
sino al mese di giugno ; per il gennaio 1920, ne confcavano gia 
57 mila. Proprio come un commerciante si propone di incet- 
tare, entro un dato termine, un certo numero di capi di bestiame 
o d'altra merce. Questi propositi si estendono piii larghi fuori 

1 Corriere della. sera, 21 maggio 1916. 



428 ANGORA SULL'OPERA 

delP America, in danaro sonante. E bisogna vedere quali somm& 
favolose raccblgono nelle loro mani alia grande impresa ! Kel gen- 
naio di quest'anno si radund, in Atlantic City, la World Survey 
Conference oh the Interchurch World Movement, che possiamo 
tradurre approssimativamente in italiano, cosi : Congresso per 
la vigil anza mondiale tenuto dal M ovimento mondiale di tutte le 
chiese (fuori dell'unica vera Chiesa di Gesu Cristo, laChiesacat- 
tolica). Ora questo congresso stabill di raccogliere entro un anno, 
piu di 326 milioni di