(navigation image)
Home American Libraries | Canadian Libraries | Universal Library | Community Texts | Project Gutenberg | Children's Library | Biodiversity Heritage Library | Additional Collections
Search: Advanced Search
Anonymous User (login or join us)
Upload
See other formats

Full text of "(Secondo) resoconto dei risultati della inchiesta ornithologica in Italia"

FOR THE PEOPLE 

POR EDVCATION 

POR SCIENCE 



LIBRARY 

or 

THE AMERICAN MUSEUM 

OF 

NATURAI HISTORY 



Sound at 1 
A.M.N.H. 



\ 



1908 



MINISTERO DI AGRICOOTURA, INDUSTRIA E COMMERCIÈ^ /. /y /? / ^ 



DIREZIONE GENERALE DELL'AGRICOLTURA 



UFFICIO ORNITOLOGICO 

SECONDO RESOCONTO 

DEI KISULTATI DELLA INCHIESTA ORNITOLOGICA IN ITALIA 



^vi't 



AVIFAUNA ITALICA 



^1 " ' 



lUOVO ELENCO SISTEMATICO DELLE SPECIE DI UCCELLI 

STAZIONARIE, DI PASSAGGIO O DI ACCIDENTALE COMPARSA IN ITALIA; 

COI NOMI VOLGARI. COLLA LORO DISTEIBUZIONE GEOGRAFICA, 

COX NOTIZIE INTORNO ALLA LORO BIOLOGIA, ED UN ESAME CRITICO DELLE VARIAZIONI 

E DELLE COSIDETTE SOTTOSPECIE 

COMPILATO DAL DOTTORE 

ENRICO HILLYER GIG-LIOLI 

Professore ordinario di Zoologia e Anatomia dei Vertebrati 

nel R. Istituto di Studi Superiori in Firenze, Membro del CoTiitato ornitologico internazionale 

e Direttore dell'Ufficio ornitologifo 




FIRENZE 

COI TIPI DELLO STAR. TIPOJÌRAFICO S. (IITSKPPE 



KM)-; 



/ tf 



MINISTERO DI AGRICOLTURA, INDUSTRIA E COMMERCIO 

DIREZIONE GENERALE DELL' AGRICOLTURA 



UFFICIO ORNITOLOGICO 

SECONDO RESOCONTO 

DEI RISULTATI DELLA INCHIESTA ORNITOLOGICA IN ITALIA 






AVIFAUNA ITALICA 

NUOVO ELENCO SISTEMATICO DELLE SPECIE DI UCCELLI 

STAZIONARIE, DI PASSAGGIO O DI ACCIDENTALE COMPARSA IN ITALIA; 

COI NOMI VOLGARI, COLLA LORO DISTRIBUZIONE GEOGRAFICA, 

CON NOTIZIE INTORNO ALLA LORO BIOLOGIA, ED UN ESAME CRITICO DELLE VARIAZIONI 

E DELLE COSIDETTE SOTTOSPECIE 

COMPILATO DAL DOTTORE 

ENRICO HILLYER aiGLIOLI 

Professore ordinario di Zoologia e Anatomia dei Vertebrati 

nel R. Istituto di Studi Superiori in Firenze, Membro del Comitato ornitologico internazionale 

e Direttore dell'Ufficio ornitologico 




FIRENZE 

COI TIPI DELLO STAB. TIPOGRAFICO S. GIUSEPPE 
1907 



> A^ji^ :JW-^6 



SOMMARIO 



INTRODUZIONE .... Pag. xi 

/EGITHOGNATH/E 1 

PASSERES-OSCINES . . . ivi 

CoRViD^:: ivi 

Corvus ivi 

Coloeus "7 

Nucifraga 9 

Pica 11 

Cyanopica Vò 

Garridus 14 

Pyrrlioco^'ax 15 

Oriolid^ : 19 

Oriolus ivi 

Sturnid^: : 21 

Sttu'iius ivi 

Pastor 23 

ICTERID^. :...... 24 

AgelceKS ivi 

Fringillid^. : ivi 

Fringilla ivi 

Montifnngilla .... 29 

Petronia 30 

Passer 32 

Coccothraiistes .... 38 

Ligurmus 39 

Chloroptila 41 

Chrysomitris 42 

Carduelis 43 

Serinus 47 

Cannabitia 48 

^giofhus 52 



Pyrrhula . . . . Pag. 54 

Bucanete.'i 5G 

Carpodacu.s 57 

Pinicola 58 

Loxia 59 

I^MBERIZID^. : G3 

Euspiza ivi 

Miliaria G5 

Emberiza 66 

Calcarms 77 

Alaudid^: 79 

Melanocovypha .... ivi 

Otocorys 81 

Ammomane,H 82 

Calandrella 83 

Galerida 86 

Chersophihis 88 

Alatala ivi 

Lidhda 92 

MOTACILLID^ : 94 

Anthus ivi 

Budytes 102 

Motacilla 115 

Calobates 118 

TuRDiD^: ...... 120 

Saxicola ivi 

Dì'omolcea 131 

Monticola 133 

Menda 135 

TurdiLS 140 

Oreocincla 153 



IV 



A'édon Pag. ló'i 

Enthacvs 157 

Ci/anernla In9 

Calliope 101 

Io})thia 162 

Ruticilla lf>8 

Pratincola 171 

SvLviiD^ : 174 

Sylvia ivi 

Monarhiis 182 

Pyrophthaliìia .... 185 

Melizophilits 186 

Agrohates 188 

Phylloscojnts 190 

Hypolais 197 

Ar.rocephalus 201 

Calamodus 204 

Liisciniola 200 

Locustella ^ 207 

Potamodm . . . . . 208 
Cettia ivi 

Drvm(ECid^: 209 

Cisticola ivi 

PvCNONOTlDyE : 211 

Pycnonotus ivi 

TroglodytiD/k : .... 212 
Troglodytes ivi 

CiNCUD^: 214 

Cinclus ivi 

ACCENTORID.^ . . . . . 217 
Accento)- ivi 

Paride : 221 

lieyulus ivi 

^jgithalus 225 

Acredula 226 

PaìiuriiH 2ìV2 

Pams 28B 

CyanistcH 289 

Poecile 242 

Lophophanes 248 

SiTTiD.f: : 250 

Sitta ivi 

CerthiiUìI:: 254 

Cfrthin ivi 



Ticliodroma . . . Pag. 257 

Laniid^. : 259 

Imiiìus ivi 

Ampelid.*:: 272 

Amjìdis ivi 

MUSCICAP1D>E : . . . 274 

Muscicapa ivi 

Erythrofitcviìa .... 277 
Butalis ivi 

Hiruxdinid^k: 279 

llinmdo ivi 

Chelidon 282 

cunicola 285 

Cetile 287 

MACROCHIRES 290 

Cvp.SELiD.i: : ivi 

Cypselu.s ivi 

Caprimulgid.t-: : . . . . 298 

Capriiìudgus ivi 

SAUROGNATH^ 308 

PICI ivi 

PiciD.*:: ivi 

Dryocopus ivi 

Picus 305 

Picoì'deti 311 

Gecinus 312 

Iyngid^: 315 

lyiì.r ivi 

DESMOGNATH^ 317 

COCCYGES ivi 

Cuculid^k: ivi 

Cucnhis ivi 

Coccystes 319 

Coccyzus 320 

ANISODACTYL.'E .... 3-22 

Alcedinid.ic : ivi 

Alcedo ivi 

Meropidjc 324 

Merops ivi 

CoRAcnn,i: : 327 

Coracias ivi 

Upupid.'h : 32!i 

Upupa ivi 

STRIO ES 332 



Strigid^. : . . . . Pog. BB2 
Strix ivi 

Bubonid^e: 335 

Syrniuvì ivi 

Nyctala 337 

Glazccidium 338 

Athene 340 

Scops 348 

Asio 350 

Bubo 352 

ACCIPITRES 355 

Falconid^: ivi 

Ciì'cus ivi 

Circa'étus 360 

Haliaetus 361 

Aquila 362 

Hieràétus 369 

Ai'chibuteo 370 

Buteo 372 

Pernis 382 

Milvus 383 

Gennaia 386 

Falco 389 

Eypotriorchis .... 394 

^salon 397 

Cerchìieis 398 

Astur 402 

Accipiter 403 

Pandionid^: 406 

Pandion ivi 

Gypaètid^: 407 

Gypaétus ivi 

VULTURIDiE : 409 

Vidtur ivi 

Gyps 410 

Neophron 411 

STEGANOPODES .... 413 

Pelecanid^: . . . . .ivi 

Pelecanus ivi 

Phalacrocoracid^: . . . 415 
Phalacrocorax .... ivi 
Microcarbo 418 

DvsPORiDyi:: 420 

Sida ivi 



HERODIONES . . . Pag. 422 

ArdeiDìI-: : ivi 

Ardea ; ivi 

Egretta 425 

Bubidcus 428 

Ardeola 431 

Ardetta 432 

Botaurus 434 

Nycticorax 435 

CicoNiiD^: 437 

Ciconia ivi 

Plataleid^: 439 

Platalea ivi 

Ibid^: 440 

Plegadis ivi 

ODONTOGLOSS^ . . . .443 

Phcenicopterid^ : . . . ivi 

Phcenicopterus .... ivi 

ANSERES 445 

Cygnid.e: ivi 

Cygnus ivi 

Anserid^e 447 

Bermela ivi 

Anser 449 

Anatidìe : 459 

Dendrocycna ivi 

Chenalopex 460 

Casarca 461 

Tadorna 462 

Anas 463 

Chaidelasmua .... 465 

Spatula 466 

Dafila 467 

Mareca 469 

Marmaronetta .... 471 

Nettion 474 

Querquedula 476 

Netta 478 

Fulix 479 

Bucephakt 484 

Harelda 485 

Cosvionetta 486 

CEdemia 487 

Somateria 489 



VI — 



Erismatum . . . Pag. 491 

Mergida:: 492 

Mergus ivi 

Mergellus 495 

SCHIZOGNATHyt 497 

COLU.MB.E ivi 

ColumbiD/k: ivi 

Columha ivi 

Ttirfur 502 

PTEROCLETES HOC 

PtEROCUDvK: ivi 

Pterocles ivi 

Syrrhopfes ó08 

HEMÌPODII òli 

Turnicid.k: ivi 

Turnix ivi 

GALLINiE 513 

PlIASIANIDil-:: ivi 

Phasianus ivi 

Perdici d^k: 515 

Francolimis ivi 

Perdix 516 

Starna .■ 520 

Coturnix 522 

Tetraonid/T-: : 524 

Tetrao ivi 

Lyrurus 526 

Bonasa 528 

Lat/opiis 529 

PULICARLE 531 

JIallid^k: ivi 

Rattus ivi 

Oì-tygome.tra 533 

Crex 537 

Gaflmukt 588 

Porphyrula 540 

Poì-phyrio 541 

Ftilira 514 

ALECTOHIDES 547 

(jRUlDyi:: ivi 

d'US ivi 

Aiithrojjoide.s 648 

OtiiuD/k: 550 

Ofi.s ivi 



Hoiibara . . 

LIMICOLA . . 

CEdicnemid^k : . 

(Edicnemus . 
Ci;rsoriii).k : . 

Cursorìits . . 
Glareolid^i-: : . 

Clareola . . 
Charadkiid^:: . 

Charadi-ius . 

Sqiiatarola . 

Eudromias . 

JEgiaUtis . . 

Chettusia . . 

Hoplopterus . 

Vanellus . . 

Strepsilas . . 

HcRviatopuH . 
Scolopacid^- . 

Recirrvirostra 

Himantojìus . 

Phalavopus . 

Limicola . . 

Pelidna. .. . 

Actodromas . 

J'rìnga . . . 

Calidris. . . 

Machetes . . 

Bartrctmid 

Tì'ingo'ides 

Totanus . . 

Terekia. . . 

Limosa . . . 

Scolopax . . 

(iaUiìiago . . 

Numcniiis. . 

GAVI^ .... 

Sterniuìf: : . . 

Sylochelidoìì . 

Thalassf'us 

Sterna . . . 

Sternida 

UydrochcUdon 
Larid^t: .... 



Pag. 



552 
554 

ivi 

ivi 
556 

ivi 
.557 

ivi 
560 

ivi 
563 
564 
565 
570 
572 
573 
575 
576 
577 

ivi 
578 
580 
582 
583 
588 
590 
591 
592 
594 
595 
596 
605 
606 
609 
612 
618 
623 

ivi 

ivi 
624 
628 

(;:52 
(;3:5 

6;« 



Rhodostethia . . . Pag. 638 
ChroocephaluH .... 640 

Gelastes 645 

Larus 647 

Eissa 659 

Stercorariid.e: . . . . 660 

Megalestris ivi 

Stercorarius 662 

TUBINAKES 666 

PUFFINID.E : ivi 

Puffinus ivi 

Pkockllariid.ì; : .... 674 

Procellaria ivi 

Oceanodroma .... 675 
Oceanites 676 



Bidweria ... Pag. 677 

ALC^ 678 

Alcid.e: ivi 

Alca ivi 

Meryulus 680 

Uria 68i 

Fratercula 683 

PYGOPODES 686 

CoLVMBiD^t; :...,. ivi 

Colymbus ivi 

PODICIPEDID^ : . . . . 692 

Podicipt's ivi 

INDICE DEI NOMI SCIENTIFICI. 703 
INDICE DEI NOMI VOLGARI. . 7l5 



INTRODUZIONE 



Vent'aiini fa io davo alla luce la mia prima Avifauna 
Italica il), volume che doveva servire di base ai lavori 
della inchiesta ornitologica in Italia; esso fu preceduto 
da un elenco ^ìii conciso (2), mentre procedeva, pui' troppo 
con minor alacrità, un lavoro più grandioso con tavole 
colorite per ogni specie, lavoro non ancora ultimato oggi, 
non certo per alcuna colpa mia (o). Questi lavori sulla 
« Ornis » del nostro paese, con altri minori, riassumevano 
i risultati di studi prediletti che rimontavano alla mia ado- 
lescenza, giacché il primo è del l86o. Tre anni dopo la 
pubblicazione della mia Avifauna Italica, vide la luce nel 
medesimo formato il primo volume del Primo Resoconto 
dei risaltati della inchiesta ornitologica in Italia, e con 



li 1 GiGLiOLi E. H. Avifauna Italica, elenco delle specie di uc- 
celli stazionarie o di passaggio in Italia, colla loro sinonimia volgare 
e con notizie più specialmente intorno alle migrazioni ed alla nidi- 
ficazione. Firenze^ 1886, (in S" pp. VII-625). 

(2) GiGLiOLi E. H. Elenco delle si^ecie di uccelli che trovansi in 
Italia stazionarie e di passaggio, colle indicazioni delle epoche della 
nidificazione e della migrazione; in Annali dell' Agricoltura N.» 36. 
B07na, 1881 (in S° pp. 133). 

(3) GiGLioLi E. H. Iconografia dell' Avifauna Italica^ ovvei'o ta- 
vole illustranti le specie di iiccelli che trovansi in Italia con brevi 
descrizioni e note. Tavole di A. ManzeUa. Pubblicata in fascicoli in 
folio di 5 tavole e 5 pagine di testo ognuno. Fase. I-LV. Prato-Fi- 
renze, 1879-1906. 



un' anno d'intervallo vennero pubblicati gli altri due(l). 
E quasi superfluo che io rammenti come la inchiesta or- 
nitolo.eica in Italia e fuori fu il risultato di una decisione 
presa dal primo Congresso Ornitologico internazionale riu- 
nitosi a Vienna nell'aprile 1884, nel quale ebbi l'onore di 
rappresentare l'Italia, d sugli Atti del quale presentai al 
nostro Governo una Relazione speciale, pul)blicata pochi 
mesi dopo dal Ministero di Agricoltura, Industria e Com- 
mercio (2). Contemporaneamente quel benemerito Dica- 
stero, d'accordo con quello dell'Istruzione, impiantava un 
fy/ìrin (h-nitologico con sede presso la Collezione Centrale 
degli Animali Vertebrati italiani nel Museo Zoologico del 
R. Istituto di Studi Superiori in Firenze; fondatore di 
quella Collezione e Direttore di quel Museo sin dal 1875, 
fui naturalmente chiamato a dirigere l'Ufficio Ornitologico, 
il cui primo atto fu appunto la compilazione della mia prima 
Avifauna Italica. 

La pubblicazione di questa, come quella dei succes- 
sivi tre volumi sui primi risultati della inchiesta ornitolo- 
gica del paese nostro, ed anche quella del presente volume, 
venne fatta sotto gli auspici del Ministero di Agricoltura 
ed è opera dell'Ufficio Ornitologico. 

Negli anni trascorsi dalla pubblicazione del Primo 
Resoconto aui risultati della inchiesta ornitologica in Ita- 
lia ad oggi, l'Ornitologia tra noi ha fatto soprendenti pro- 
gressi, la bibliografia ornitologica italica si è oltremodo 
arricchita e per merito del compianto cav. Sigismondo 



(1) GiGLiOLi E. H. l'rimo Resoconto dei risultali della inchiesta 
ornitologica in Italia. I. Avifauna Italica, un voi. in 8", pp, VII- 706, 
con una carta dell'Italia colle stazioni ornitologiche, Firenze, 1889. — 
Jl. Avifaune Locali, un voi. in 8,„ pp. VlIl-69;?. Firenze, 1890. — 
III. Notizie d'indole gknekale. un voi. in 8°, pp. VI1-51H. Firenze, 1891. 

(2) GiOLioLi E. H. Il primo Congresso Ornitologico internazionale 
tenuto a Vienna dal 7 al 14 Aprile 1884. Negli « Annali dell' Agricol- 
tura » pel 1885, jjp. 52. h'oma, 1885. 



— XI — 

Brogi abbiamo pure saputo fondare e mantenere sin qui 
un periodico ornitologico, « Avicula » ; periodico modesto — 
ha per insegna il Passero nostrale, « Parvus sed omnino 
Italiciis » — ma pur utile, specialmente per le notizie rac- 
colte; si stampa a Siena a spese della ditta Brogi. Mol- 
tissimi poi dei collaboratori nella inchiesta hanno pubbli- 
cato delle .4 ?j//«?«n^ locali, di maggiore o minore importanza, 
ma sempre utili, se non sempre utilissime; non è però qui 
il caso di citarle e molto meno di farne recensioni. Debbo 
però dire qualche cosa di più su due lavori recenti d'in- 
dole generale e complessiva sull' « Ornis » del paese no- 
stro (1), giacché fanno epoca nella storia ornitologica del- 
l'Italia essendo entrambi di molto merito e degni del 
maggiore elogio. Trattando ambedue la medesima materia 
lo fanno in modo ben diverso, ma ugualmente felice ; e 
sono ancora diversi affatto dal presente volume il quale 
si occupa ancora del medesimo soggetto. 

L'opera del conte Arrigoni è di carattere direi più 
tecnico ; la prima parte, che vorrebbe svolgere i Principi, 
della Ornitologia generale, lascia alquanto a desiderare ; 
ma la seconda parte, che è un vero trattato di Ornitolo- 
gia italiana, è degna di sincero encomio, e dico questo con 
vero compiacimento, sebbene in molti particolari, come 
si vedrà più oltre, io dissenta dall'amico Arrigoni, il quale 
con paziente lavoro ha accuratamente condotto a termine 
un'opera che rimarrà una delle miglioi'i nel suo genere. 
Uguale merito ha avuto il prof. Martorelii, che sono pure 
lieto di annoverare tra i miei vecchi e buoni amici ; il suo 
poderoso volume adorno di molte e spesso bellissime illu- 



(Ij Arrigoni degli Odi>i, conte dott. E. Manuale di Ornitologia 
italiana ; un voi. in 16» di pp. 903, con molte tavole ed incisioni nel 
testo. Milano^ 1904. — Martorelli prof. G. Gli Uccelli cV Italia, de- 
scritti popolarmente e figurati; un voi. in 4^ di pp. 678, con tavole 
a colori e moltissime incisioni originali nel testo. Milano, 1906. 



— XII — 

strazioni oi-i^jinali dovute al suo abile pennello, scritto 
con stile piano (|uasi privo di tecnicismi, ci offre un qua- 
dro attraente della svariata nostra avifauna; grandissimo 
merito in questo hanno le figure in gran parte fotoinci- 
sioni da bellissimi acquarelli dell'Autore, il quale ha stu- 
diato gli uccelli non solo sul tavolo del suo gabinetto, ma 
viventi nell'aperta campagna, in modo che le illustrazioni 
sono di esseri viventi nell'ambiente loro naturale; il vo- 
lume del Martorelli è senza alcun dubbio per questa ra- 
gione non solo il migliore nel genere che noi abbiamo in 
Italia, ma è alla pari degli ottimi pubblicati all'estero e 
non dubito che avrà una benefica influenza tra i nosti'i gio- 
vani studiosi, attirando non pochi a coltivare la affasci- 
nante scienza oi-nitologica; lode dunque a lui. Però nel 
testo vi sono punti nei quali non concordo col Martorelli, 
e certo non saio mai jìartigiano della classificazione da lui 
adottata, che è poi (piella ultima del mio amico Sharpe. 
Facendo un confronto tra le specie enumerate nel 
presente volume e quelle che lo sono nel Primo Resoconto 
sui risultali della inchiesta ornitologica in Italia, 1S89- 
1891, si troverà un notevole aumento, sebbene qualche 
specie allora enumerata sia scomparsa dall'elenco per ef- 
fetto di studi più estesi ed accurati che le hanno tolto la 
validità. Nel 1891 io enumeravo 453 specie come italiane, 
e oggi ne enumero 496 ; le specie soppresse {Biidi/tes) sono 3, 
dunque l'aumento reale è di 46, che sono per la più parte 
specie di comparsa accidentale, la cui accertata presenza 
da noi devesi unicamente ad indagini più estese e più ac- 
curate e ad una diffusione maggiore delle cognizioni or- 
nitologiche in Italia, frutto evidente della inchiesta ini- 
ziata vent'anni fa. Sono, credo, responsabile per la parte 
maggiore di tali aggiunte, come si vedrà compulsando il 
testo; e, come in passato, ne assumo tutta la responsabilità, 
tanto più che trattandosi come ho detto, nel più dei casi. 



— XTIT — 

di « comparse accidentali » è più la fortuna che il me- 
rito quello di averle trovate; e mentre credo sia dovere 
il registrare la comparsa di una specie in Italia, anche se 
vi sono dubbi sulla autenticità del caso, purché esistano pro- 
babilità favorevoli — a condizione beninteso di esporre quel 
caso con scrupolosa verità — ritengo puerile la gara che 
alcuni Autori, e anche tra i più competenti, hanno cer- 
calo di sollevare in proposito; in tali casi l'assolutismo è 
un non senso e la buona fede riconosciuta va rispettata 
come vuole il Galateo. Ben altra importanza hanno le ag- 
giunte dovute ad uno studio accurato di certe specie e 
quelle dovute a casi di neogenesi, come i due da me sco- 
perti nella Ruticilla nigra e neW Athene Cliiaradifr.. 

E questo ci conduce alla vexata qucrstio delle sot- 
tospecie e delle forme considerate tali. Al giorno d' oggi, 
che tra i cultori delle Scienze Naturali soffia il vento della 
analisi a tutto costo, mentre la sintesi si trascura o non 
si sa più fare, sorge, colla istituzione della sottospecie — di- 
ciamola così — un pericolo gravissimo per la parte sistema- 
tica e descrittiva della scienza; nelle pagine seguenti si 
vedrà con quanta leggerezza nuove forme con nuovi nomi 
si vanno creando, più per soddisfare pur troppo una vanità 
puerile che per stabilire veri fatti e per rivelare casi 
nuovi. Si giunge alla superminuta descrizione di individui, 
alla confusione dei caratteri individuali con quelli spe- 
cifici, e cosi si sminuzzano a torto anche le specie comuni 
e meglio distinte, si moltiplicano in modo incredibile i 
nomi scientifici, e, lo temo molto, si giungerà al caos as- 
soluto, alla distruzione completa di ogni sistema tasso- 
nomico. 

Accettando la grandiosa ipotesi darwiniana, come io 
ho sempre fatto, si deve riconoscere che una definizione 
assoluta della specie non è più possibile ; quale è il Na- 
turalista il quale oggi tenterebbe di dare il quantitativo 



— XTV — 

della specie ? La specie esiste però in Natura, cosa che 
nessuno può seriamente negare, ma la specie è variabile 
e non è una entità fissa e determinata come una volta 
si credeva. Da ciò risulta chiaro che vi sono specie che 
sono pili distinte, altre che lo sono iiìcììo ; le prime 8i 
staccano in modo marcato dalle specie congeneri, le se- 
conde, meno ben definite, stanno vicino, spesso assai vi- 
cino, ad una o più forme congeneriche, sempre però da 
esse staccate; le prime sarebbero, nei casi normali, di for- 
mazione più antica, le seconde sarebbero staccate da poco 
dal loro capostipite. Nel concetto di taluni queste ultime 
sarebbero le cosiddette sottospecie, mentre altri considerano 
la sottospecie come una entità minore che starebbe tra la 
specie e l'individuo (1). Io sarei di quest'ultimo parere, ma 
allora va chiaramente detto che queste sottospecie non sono 
ancora staccate dalla specie dalla quale derivano, vale a 
dire che si trovano di esse individui con caratteri interme- 
diari tra la specie parentale e la nuova forma in vìa di evo- 
luzione. Abbiamo un bell'esempio di questo nelle varie 
forme o razze del Corvus Corax come si legge nel mio testo 
riguardante questa specie. A casi consimili soltanto e colle 
più rigidi cautele va applicata la nomenclatura trinomia, 
e ciò per ovvie ragioni. Per me il pericolo sta appunto 
nella mala definizione della sottospecie e nell'abuso della 
trinomia, usata anche per le specie accennate sopra, stuc- 
cate sebbene molto simili ad altre congeneriche; per que- 
ste adopero la nomenclatura binomia, giacché bisogna 
guardarsi bene, se non vogliamo cadere nella massima 
confusione, di falsare il grandioso, semplice e naturale 
concetto linneano, che si esplica jiella sua nomenclatura 
binojni;i. Conio esempio di queste specie recenti, affini ad 
altn^, ma da esse staccate, rammenterò il J'asser dumc- 

(1 . cu-. Haimi-mm V'./'v './, r,ij>«ìi.h,< .t.-. il) e iius > ifipfi. p. '^(^2, 

London. 



— XV 

sticus ed il P. Italiae, la Chloro'ptila Citrinella e la C. cor- 
sicana, la Mèrula torquata e la M. alpestris. 

Per quanto riguarda gli uccelli, basta gettare un'oc- 
chiata sui lavori recenti di Kleinschmidt, Tschusi, Hartert, 
por citare soltanto i caporioni, per capire in quale gine- 
praio noi cadiamo ; e tutto ciò è deplorevole e a forte de- 
trimento della Scienza. Il colmo di questa, diciamo così, 
«evoluzione», lo ha raggiunto Kleinschmidt, il prolifico 
e confusionario Pastore di Volkmaritz (Prussia), come ap- 
prendiamo da due sue recenti pubblicazioni (1): egli in- 
venta una nuova dottrina, predicando che non esistono 
né specie né sottospecie, ma che la « vera specie natu- 
rale « si trova nel « Formenkreis » (ciclo di forme) o 
« Lebensring » fciclo di vita); ciò consiste in un gruppo 
di specie più o meno affini, ed un « nuovo nome capitale » 
diventa necessario per queste specie naturali composte ; 
così gli Usignoli contribuiscono a costituire un Erithacus 
poeta, i Pettirossi un Erithacus dandaliis e via di seguito! 
E i generi ?! Ma basta così !! Aggiungo che Kleinschmidt 
é stato uno dei più prolifici fabbricatori di sottospecie, e 
non commento oltre. 

L'insigne e caro nostro Salvadori, disturbato nel suo 
quieto, ordinato e proficuo lavoro da questo turbine inno- 
vatore (si tratta della prolificazione delle cosidette sotto- 
specie), ha avuto la santa pazienza di riprendere in esame 
sotto tale riguardo il caso delle tre specie di Passeri 
(escluso il P. montanus che sta a sé) che vivono in Italia; 
e dopo aver minuziosamente esaminato e confrontato non 
meno di 357 esemplari da ogni parte d'Italia, impiegan- 
dovi diverse settimane, ha dovuto concludere, cosa che 



(i) Kleinschmidt, Berajah, Zoographia infinita. Liei'. I. Saxkola 
borealis. Taf. I-IX. Seiten 1-22. Halle-a-S. 1905 — Io. Falco, unregel- 
mussiy iin Anschluss an das Werk « Berajah, Zoographia infinita » , 
erscheinende Zeitschrift, Jahrg. 1905. Halle-a-S. 



— XVI — 

lui ed io sapevamo prima, che: « le tre forme o specie 
di Passeri italiani.... sussistono realmente con lievi varia- 
zioni individuali o prodotte da ibridismo là dove due spe- 
cie s'incontrano, e le varie forme animcsse dai^li Autori 
più recenti non hanno valore neppure di sottospecie » (1). 
E io sono, come si vedrà — e lo ero prima di leggere il suo 
scritto — enfaticamente dell'opinione dell'ottimo amico Sal- 
vadori. L'idea poi di considerare forme subspecifiche del- 
V Acì-edida caudata VA. Irhiji e VA. aicula è forte, ma la 
manìa della sottospecie giunge al parossismo quando si 
vedono il Lanius meridionalis ed il />. (df/eriensis, specie 
quanto mai ben staccate e caratterizzate, considerate mere 
sottospecie del L. Excubifor, come fa Hartei't nel IV fa- 
scicolo dei suoi « ]'ogel der 2^ttl("ia}'htiscJier Fauna ». 

Concludendo questo doloroso argomento, cioè la pro- 
lificazione arbitraria e straordinaria di sottospecie, vero 
cancro della Zoologia descrittiva e sistematica, e tornando 
sulla mia proposta di mantenere ad ogni costo la mira- 
bile nornenclatura hinomia, usandola anche per le specie 
da poco emerse e per conseguenza poco diverse nei loro 
caratteri distintivi, ma facilmente riconoscibili e dhtinte 
darreì'o; farò notare che oltre i mali inerenti alla inutile 
moltiplicazione di termini, la noinenclatura frinomia do- 
vrebbe implicare il concetto della discendenza: ad esem- 
l)io, quando si dice Menda torquata alpestris, si indiche- 
rebbe la derivazione di questa {oYms.([-à\\'<\ Menda I orqnata 
(i neo-ornitologi scriverebbero Menda torquata torquata!), 
ma chi mi assicura che non sia il contrario e che invece 
la M. torquata non sia una derivazione dalla M. aljìestria? 
In (|uesto caso per quanto mi risulta non vi sono individui 
con caratteri comuni alle due forme, le quali sebbene 



(l) Sai.vai»oui T. Note iiitoinn ni Passpii /talia/ii. in Atti Ji. Ac- 
t-ai]. Se. (li Tufiiiu. XIjI. 'l'orino. li'Ol». 



— XVTT 

molto affini sono intaccate e vanno perciò designate con 
binomia senza allusioni filogenetiche. 

Dunque per sottospecie o razze geografiche o specie 
incanenti, cioè in via di formazione, io intendo quelle 
forme le quali per effetto del conato e dell'ambiente hanno 
variato in un dato senso dal loro capo-stipite, dalla specie 
cioè dalla quale derivano, ed alla quale appartengono 
ancora per la presenza di individui con caratteri inter- 
mediari che ad essa le connettono. Non essendo tali sot- 
tospecie ancora separate dalla specie madre, non si pos- 
sono considerare od enumerare separatamente, e, ad esse 
soltanto, si deve applicare la nomenclatura trinomia. Spero 
di essermi espresso chiaramente. Naturalmente gli ibridi 
e le variazioni individuali sono casi ben diversi e non 
possono essere confusi con le specie incipienti o sottospe- 
cie; e molto meno i casi di neogenesi che a mio parere 
possono dare origine ad una specie vera e propria, forte- 
mente staccata dalla specie genitrice. 

Nelle pagine che seguono dovrò pur troppo toccare 
assai spesso questo tasto increscioso, ma mi preme di 
persuadere i Colleghi che appartengono alla cosi detta 
« nuova maniera », tra i quali conto alcuni carissimi amici, 
che quando combatto le loro innovazioni non sono mai 
mosso da astioso spirito di partito ; in Ornitologia, come nel 
resto, cerco il Vero, e non vorrei figurare né tra i Conser- 
vatori ostinati né tra gli Anarchici, non essere né un « lum- 
per ■» né uno <^ splitter » . Eppoi va ricordato che come 
per le altre Scienze biologiche, « zoological nomenclature 
is a means, not an end, of zoological Science y>; e oggi quella 
benedetta nomenclatura ideata da Linneo per facilitare e 
chiarire il lavoro del Naturalista, é diventata l'ostacolo 
maggiore degli studiosi, la sorgente massima di confusione. 

La ripetizione poi del medesimo nome con valore ge- 
nerico, specifico e subspecifico, lo scrivere ad esempio: 



— XVIII 

Pica pica pica. Oriolus oriolus oHolus, Chloris chioris 
ch/oris, Coccothraustes^ coccothrauntes coccothì^austes, 
è tale puerile incongrua assurdità che rivolta il più lu- 
dimentale buon senso; per me sono anche contrario alla 
semplice l'ipetizione nel senso generico e specifico sol- 
tanto (1). 

Nei lunghi anni trascorsi dalla pubblicazione del mio 
« PHiuo Refioconto » ad oggi, l'Ufficio Ornitologico ha 
sempre funzionato, la inchiesta ornitologica in Italia ha 
continuato e continua, e le pagine seguenti lo piovano, 
mi pare, ampiamente. Per ragioni di convenienza non sono 
però tornato a ripetere il metodo seguito nei tre volumi 
di quel «Primo Rcfiocoìito ^ ^ ma ho creduto far meglio 
riprendendo la forma più concreta e concisa seguita nella 
mia prima Avifauna Italica, facendo però tesoro di quanto 
era utile e nuovo nei moduli per la inchiesta mandatimi 
troppo tardi per esser utilizzati pel « Primo Resoconto ». 
Col metodo seguito nel presente « Secondo Resoconto », 
non era possibile citare volta per volta i nomi dei miei 
Collaboratori i quali in molti casi davano notizie già date 
da altri; vedendo poi come passavano gli anni senza la 
comparsa di un « Secondo Resoconto », un certo numei-o 
di essi pubblicarono le notizie sotto la forma di Avifaune 
locali. Onde, sebbene io non abbia potuto utilizzare per 
intiero il materiale che essi m'inviarono, credo mio do- 
vere di ricordare qui i loro nomi, ringraziando cordial- 
mente ciascuno di essi per le notizie fornitemi. Ecco l'elenco 
ripartito in oi'dine geografico: 

Piemonte : 

Moiiticoiif, i»rof. dott. Carlo, /l.s7/ 
Dcrriard, c;iv. Maurizio, Aosta. 

LoMUAHKIA : 

Pozzo-Lodi, Noliili (Vatt'lli, Jirinsco (Milano) 



(1) Cfr. •> Ihis ,. 1904. p. 291. London. 



XTX 

Fabani, sacerdote Carlo, Morhegno 

Bonelli, dott. Giuseppe, Brescia 

Abeni, iug. Crescenzio, Gordone (Brescia) 

\'ercellorii, rag. Carlo, Tjecco 

Del Curto, ing. Antonio, Piuro (Sondrio; 

Radice, nob. Igino, Milano. 
Trentino : 

Bonomi, prof. Agostino, Rovereto 

Azzolini, dott. Enrico, Rovereto. 
Veneto : 

Vittorelli, A. D., Bassano 

Dal Nero, Vittorio, Verona 

Mosca, Paolo, Frassene-Agordo (Belluno) 

Vallon, Graziano, Udine 

Dal Fiume, Cammillo, Badia Polesine 

Spinola, march. Giacomo Ugo, Colognola (Verona; 

Praloran, Giovanni, Belluno. 
Emilia : 

Boldrini, dott. Gaetano, Sala (Bologna). 

Mattei, Giov. Ettore, Bologna 

Foschini, avv. V., Ravenna 

Picaglia, prof. dott. Luigi, Modena 

Del Testa, prof. dott. Alberto, Cesena. 
Liguria: 

Bormioli, Severino, Altare (Savona) 

Piccone, cav. Enrico, Alhissola (Genova) 
Toscana : 

Picchi, signorina Cecilia, Firenze 

Renault, cav. Arturo, Firenze 

Amerighi, nob. Amerigo Firenze 

Cambi, notaro Elvidio, Gavorrano (Grosseto) 

Damiani, pi'of. dott. Giacomo, Elba (isola; 

Pilastri-Zanetti, dott. Gorgona (isolai. 
Umbria : 

Gasparini, prof. Vincenzo, Fano 

Silvestri, dott. Filippo, Bevagna (Perugia) 

Bianchini, dott. prof. Arnaldo, Rieti. 
Lazio : 

Lepri, march. Giuseppe, Roma 

Calamanì, Alfredo, Roma. 
Abruzzi : 

D'Amico, Teodosio, lels^i 

Simiele, Vincenzo, lelsi 

De Leone, dott. Nicola, Penne (Teramo) 



— XX — 

Campania: 

Caniiaviolln, dott. Enrico. Napoli 

Sodano, Antonio, S. Annsfas/ti (K!ì\)o\\\ 
Calaiuue : 

Pisani, dott. Francesco, Uossduo ;( oscn/a) 

Lnciforo, marcii. Armando, Cotronc. 
Rictma: 

Bertnccio, Baldasarrc, Cutania 

Angolini, ])rol'. (liovanni, MfssiiKi 

E qui m'incombe dire qualche cosa intorno a quei 
collaboratori nella inchiesta ornitologica che io inclusi sotto 
la rubrica di « Seconda Categoria », dandone un elenco 
sin dal 1889(1); intendo dire dei Fanalisti e dei Semafo- 
risti sparsi lungo le nostre coste, i primi dipendenti dal 
Ministero dei Lavori Pubblici, i secondi da quello della 
Marina. In altri paesi e specialmente nella Gran Breta- 
gna dati utili ed importanti, più specialmente a riguardo 
delle migrazioni di uccelli, vennero raccolti da quei fun- 
zionari, come è provato dalle Relazioni pubblicate da un 
Comitato speciale nominato dalla British Association far 
the (ulvancement of Science^ composto di Ornitologi com- 
petenti e presieduto dal chiarissimo prof. Alfred Newton 
»di Cambridge (2); nonché dal poderoso volume che con- 
tiene i risultati (li tali osservazioni pei- l'Irlanda (3). Da 
noi, dietro le istruzioni da me date, i due Dicasteri inte- 
ressati, con gentile pi-emura, diramarono a tutti i fanali e 
le stazioni semaforiclie moduli ad hoc da essere ii(Mni)iti 



(1) GiQLlOLi E. H. Primo Resòi-onto sui risultati (Itila iiir/i/pstti 
oniitologica in Italia. Pari. I. p, !(!. Firenze, ISS'K 

(2) Ttcports OH the Mif/ration of Jìirds, I-VII. Loiulon, 1880-87. — 
Jitport of tlie Comiìiittee appointnl for tlic pin-jiosv of inakiiig a Ditiisl 
of the ohsrrvations ori the Miijratioìis of lììriJs at UijhtìiOìtscs autl liiilit- 
vesseLs 1880-87' London. 

(;V) BaurinOTon, R. M. Tlir Ma/ralwii vf lìirils as ohsrma al 
Irixh lighthoiises ami liyhtshijts ; un voi. in 8" di pp. XXV-()77. I)u- 
blin, 1900. 



XXI — 

dal personale in servizio; tale inchiesta" iniziata sin dal 
1885 è stata continuata con una certa regolarità sino a 
questi ultimi mesi, e alla fine dell'autunno e della prima- 
vera i moduli mi furono quasi sempre regolarmente tra- 
smessi dagli Ulìfici del Genio Civile e dalle stazioni della 
Difesa costiera. Ma pur troppo il personale agente non 
aveva, salve rarissime eccezioni, le cognizioni elementari 
necessarie, né potetti mai ottenere che mi venissero man- 
dati anche frammenti (ala, piede o testa) degli uccelli 
presi, bastanti onde poterne determinare la specie, come 
venne fatto altrove; va però notato che le catture (in- 
torno ai fanali s'intende) sembrano essere meno frequenti 
da noi che sulle coste dell'Europa boreale. Onde i moduli 
venivano spesso ritornati in bianco, o con appunti di carat- 
tere così vago e generico a riguardo degli uccelli veduti, da 
non poter servire allo scopo voluto ; quel personale, debbo 
dirlo a sua lode, era però animato dalle migliori inten- 
zioni, e le osservazioni meteorologiche erano notate con 
scrupolosa esattezza. Sinora dunque non ho avuto dati 
sufficienti per poter compilare un riassunto delle osser- 
vazioni concreto ed utile, vale a dire tale da poterne de- 
durre qualche dato sintetico sull'andamento delle migra- 
zioni anche di alcune soltanto delle specie migratrici meglio 
note; onde temo molto che malgrado la indiscutibile buona 
volontà di fare, sarà diffìcile ottenere qualche risultato 
veramente concludente. In ogni modo ringrazio i due Di- 
casteri i quali hanno voluto così generosamente venirmi 
in aiuto, e così pure i Fanalisti ed i Semaforisti che hanno 
cercato di fornirmi osservazioni sul passo degli uccelli 
lungo il nostro esteso litorale. 

Ma anche facendo eccezione della sinora insufiflcente 
prova di raccogliere ai Fanali e alle stazioni semaforiche 
del nostro litorale, materiali utili per venire a benfondate 
e sicure conclusioni intorno alle migrazioni degli uccelli 



XXII — 



nostrali, poco si è fatto altrove dopo la stampa del mio 
« Primo Resoconto » (Parte III, pp. 72-227) su questo im- 
portantissimo argomento. E vero che la mancanza di una 
Legge unica in materia di (.-accia e la conseguente man- 
canza di permessi speciali in epoca di divieto a scopo 
scientifico, ha considerevolmente ridotto le possibilità per 
tali ricerche, fatte sinora più specialmente dai tenditori 
e cacciatori con reti. Qualchecosa però si potrebbe tare, 
ed in questo caso ogni contributo è utile, ma siamo an- 
cora ben lungi dalla meta che si dovrebbe raggiungere. 

La mancanza di permessi speciali di caccia a scopo 
scientifico ha naturalmente reso diffìcile assai il prosegui- 
mento delle indagini intorno alla nidificazione, le quali 
andrebbero condotte a termine, almeno in tesi generale. 

Lo stesso debbo dire per ciò che riguarda le osser- 
vazioni sulla alimentazione degli uccelli, che dovrebbero 
fornire una base alla qualifica di utile o meno per certe 
specie al riguardo dell'agricoltura e della silvicoltura. Ma, 
lo ripeto, questa parte della inchiesta ornitologica, la cui 
importanza è ovvia, si presenta tuttora irta di difficoltà: 
in primo luogo solo coloro che hanno conoscenze botani- 
che ed entomologiche alquanto estese potranno utilmente 
occuparsene; in secondo luogo sono ricerche lunghe, mi- 
nuziose e noiose, e ci vuole una dose non comune di pa- 
zienza, molta accuratezza ed ordine nelle analisi, onde 
trarne utili risultati. 8i tratta, come è noto, di esaminare 
il contenuto del tubo digerente e specialmente del gozzo 
e dello stomaco di centinaia e migliaia di uccelli, facen- 
done un'accurata analisi qualificativa e quantitativa; e 
per avere dati attendibili, questa analisi va ripetuta su 
molti individui della stessa specie di ogni età e sesso, in 
località diverse ed in diverse stagioni. Nel terzo ed ultimo 
volume del mio « Primo Resoconto » (pp. 352-448) ho dato 
un semplice saggio di queste speciali ricerche; dopo, qua!- 



— XXIII — 

cimo tra i miei collaboratori ha avuto il merito non pic- 
colo di continuare a raccogliere materiali, e qualche pub- 
blicazione si è anche fatta in riguardo, — ma siamo ancora 
ben lungi dal potere sintetizzare in modo anche relativa- 
mente concludente. 

L'ultimo capitolo importante della inchiesta ornitolo- 
gica è quello che si riferisce a ciò che si può definire 
una « Statistica ornitica » , vale a dire la raccolta di no- 
tizie attendibili per un congruo periodo di tempo nelle 
diverse provincie d'Italia, onde avere il modo di sapere, 
approssimativamente almeno, se si verifichi aumento ov- 
vero diminuzione nel numero di individui delle diverse 
specie nelle varie località. Sono ricerche, come è ovvio, 
di non lieve importanza e si sono iniziate con risultati 
interessanti (« Prinio Resoconto », parte III, pp. 418-477), 
ma moltissimo rimane a fare da questo lato, eppoi si tratta 
di osservazioni continue e non definitive. 

Brevi saranno le mie conclusioni stavolta, e ram- 
menterò semplicemente che se nell'Italia nostra la inizia 
tiva data alle indagini ornitologiche dal Primo Congresso 
ornitologico internazionale tenuto a Vienna nel 1884 fu 
assai fertile e proficua, non lo fu meno in molti altri paesi; 
al Primo Congresso Ornitologico ne seguirono altri tre : 
Budapest 1891, Parigi 1900 e Londra 1905; tutti con ca- 
rattere estesamente internazionale e tutti con numerosa 
assemblea; io ebbi l'onore di presenziarli" tutti come de- 
legato italiano, colla eccezione di quello di Budapest, pel 
quale mi pervenne in ritardo l'invito ufficiale a rappre- 
sentarvi l'Italia. Nel giugno 1895 vi fu poi a Parigi la 
riunione di una Commissione internazionale convocata allo 
scopo di concordare i mezzi per proteggere le specie di 
uccelli riputate utili all'agricoltura, e anche a questa fui 
il delegato dell'Italia. Molto è stato fatto e utilmente certo, 
ma non poco rimane a farsi e più specialmente nel senso 



— XXIV — 

di giungere ad un'intesa legislativa internazionale per sal- 
vaguardare interessi che si lianno in l'oniune con altii 
paesi, anche non limitrofi al nostro. 

Rinnovando i miei ringiaziamenti cojdiali ai moltissimi 
collaboratori diretti ed indiretti, debbo qui un grazie spe- 
ciale al mio Aiuto ed amico prof. doti. Enrico Balducci, 
il quale si è assunto il compito non lieve dell'indice dei 
nomi volgari, che ho ritenuto utile ristampare con ag- 
giunte e correzioni, giacché il numei'o straordinario e la 
grande loro varietà, dà una fisionomia tutta speciale e 
propria alla Ornitologia popolare di'l nostro bel paese; ri- 
tengo che nessun alti-o ha una, così ricca sinonimia di 
nomi volgari. 

Vj per finire con un prognostico ornitologico, dirò 
della cattura avvenuta il 23 dicembre corrente a Rosarno, 
Palme, Reggio Calabria, di uno splendido esemplare ma- 
schio adulto della Calliope ranifsrhalkcnsis, mandato poi 
con altra cacciagione a Firenze, ove venne acquistato da 
un raccoglitore privato; dirò pure della cattura di un certo 
numero di individui della lara lìernicla lìrenUi in Lom- 
bardia, in Toscana e nelle Puglie e della comparsa di un 
branco di SouuUeria ìuoUìssìuki sulla Laguna Veneta; 
fatti che fanno prevedere catture interessanti di indivi- 
dui erratici di specie rare nell'iniziato inverno. 

Enrico H. Gwi.kjli. 

Dal R. JMuseo Zoologico dei Vei'tebrati. 
Firenze, -il (licei)ihre 1006. 



AVES CAR1NAT.1 



ìEGITHOGNATH^ 



PASSERES-OSCINES 



(Corvi). 



1. Corvus Corax, Liuu. (ex Rzac.) 
Corvo maggiore. 

Corvo imperiale, Corvo reale, Corvo maggiore {Aut. Ital.) 
— Corv, Crov, Crovass {Pieni.) — Gros corbe, Croas, Corbeau 
[Aosta) — Crouas (Ctmeo) — Scorbatt, Còurv [Ossola) — Crouas, 
Cournajas real, Cornàgg, Crovu {Bass. Piem.) — Crovasc, Cor- 
nac. Scourbat, Chourv, Courv, Croass iNovar.) — Crov, Cour- 
bat, Scourbat (Lomb.) — Corvat, Corvgross (Valt.) — Corf, 
Corbàt [Morhegno) — Croff gross (Berg.) — Corvo grande, 
Corvo grosso (Veron.) — Corvo, Cori (Bell.) — Corvo, Corbo, 
Grola {Ven.) — Cro, Corzh (Feltr.) — Corvón de montagna 
{Padova) — Corvo da eroda (Cadore) — Croat (Sacile) — 
Corvatt (Friuli) — Corv, Corvòu, Corvaz, Corvo de mont, 
Cro, Grol (Jrent.) — Corvaz, Corvo reale (Rovereto) — Crni 
gavran (Dalm.) — Corf (Bresc.) — Crov d'Noè (Varzi) — 
Curnación gross (Mod.) — Corv imperiai (Boi.) — Courpata 
(Nizz.) — Crovo (Savona) — Crovo imperiale (Avenzano) — 



— 2 — 

Crovo impejà, Crovo de monti {Oen.) — Corvo, Crovo {Spezia) 

— Corvo {Elba) — Corvo marino {Maremvia) — Corbu, Corbo 
(Corsica) — Corvo, Corvo grosso (Roma) — Cuorvo (Nap.) 

— Corvo (Canipohas.) — Cucorvu {Otranto) — Corvu {Rossano, 
Cosenza) — Corbo reale (Calabr.) — Corvu, Cuorvu {'Sicil.) — 
Corvu imperiali (Messina) -v Crny&cchìvi (Terranova Sicil.) — 
Nicola (Pai.) — Crobu, Crobu nieddu, Crobu mannu (Sard.) 

— Ciaulnn, Corvu (Mali). 

Il fatto nuovo più interessante a riguardo di questa spe 
eie è che essa si scinde, pare, in un numero di « razze geo- 
grafiche » che vanno ora dette con termine più esatto « sot- 
tospecie » o « specie incipienti » . Le differenze tra queste 
stanno nelle dimensioni generali, nella forma e dimensioni 
del becco, nella forma di alcune penne e anche nel modo di 
vivere; non meno di tredici di tali sottospecie furono recen- 
temente riconosciute da Hartert ( Vogel d. paliiarkt. Fauna 
pp. '2, 8. Berlin, 1903) nella Regione Eurasica (1). 

In Italia noi abbiamo due di queste forme: Quella tipica 
(cioè la forma nordica descritta da Linneo) alla quale si è 
voluto dare la rinforzata denominazione di Corvus Corax Co- 
rax L., ma che io, nemico di grottesche ripetizioni di nomi, 
amo meglio designare coli' antica nomenclatura binomia, da 
riservarsi ora per le specie evolute; vive sul continente (Alpi) 
e, pare, lungo la penisola sull'alto Appennino. 

All'Elba, in Corsica, nella Sardegna e probabilmente in 
Sicilia, trovasi una sottospecie recentemente distinta dal Klein- 
schmidt col nome di Corvus Corax sardus, Kleinsch. (Orn. 
Monatshei'. XI, p. 92, 1903). Si distingue pel becco più breve 
e più alto in modo che il culmine descrive una curva conti- 
nua, ed avrebbe dimensioni generali alquanto minori; notai 
pure che è gregaria, e nel 1877, ed ancora nel 1889, la vidi 
in Corsica in branchi numerosi ; eravamo però in autunno 



(ìj Per Regione Eurasir.a intendo In Paleartica di Sclater toltane 
la sezione corrispondente della Regione Artica circumpolare. 



ed erano probabilmente giovani. Nel 1894 ebbi in dono dal 
conte prof. Ugolino Martelli un Corvo maggiore, da lui uc- 
ciso all' isola di S. Antioco (Sardegna) il 9 agosto 1894; ed i 
caratteri, di questa sottospecie, allora non ancora separata, 
erano in esso tanto marcati, specialmente quelli del becco, che 
credetti avere un C. tingitanus (1) Irby, del N. 0. dell'Africa, 
ritenuto allora per specie distinta, e ne annunziai la cattura 
neir " Avicula ,, di Siena (I, p. 4, 1897j. Ben più tardi ebbi 
occasione di esaminare e confrontare molti esemplari del 
Corvo maggiore dalla Sardegna e notai con sorpresa che essi 
avevano quasi tutti il becco breve, alto, a culmine arcuato, 
e, se non sempre giungevano ad averlo come nell'individuo che 
io avevo ritenuto per un C. tingitanus^ pure presentavano bec- 
chi spesso intermediari tra quello ed il becco più lungo, meno 
alto e diritto alla base, del tipico C. Corax. Recentemente poi 
nelle ricche serie del Museo Rothschild a Tring ho avuto agio 
di esaminare e confrontare molti esemplari del C. Corax da 
diverse parti della Regione Eurasica, e mi sono persuaso : 
che la forma che vive nelle nostre isole maggiori va distinta 
col nome subspecifico datole dal Kleinschmidt ; che questo 
6. Corax sardus è perfettamente intermediario tra il C. Corax 
ed il C. Corax tingitanus, nel quale sono ancora esagerati i 
tratti caratteristici della nostra forma isolana : che infine l' in- 
dividuo da me riferito al C Corax tingitanus non è che 
un'esemplare bene caratterizzato del C Corax sardus. 

Il C. Corax è sedentario e localizzato in Italia, i gio- 
vani soltanto sarebbero erratici e gregari, non direi migranti. 

Secondo i concetti non recentissimi, ma da molti man- 
tenuti, questa specie è distribuita attraverso l'intera Regione 
Eurasica ed in tutta quella Boreo- Americana. 



(1) Questo individuo è cosi vicino al Corviis Corax tingitanus del 
Nord Ovest dell'Africa che il mio amico J. I. S. Whitaker nel suo 
lavoro magistrale sulla Avifauna della Tunisia [Birds of Tunisia, 
Voi. II, p. 19, London 1905) lo ritiene per un vero tingitanus; ed egli 
è ormai autorità riconosciuta per gli uccelli del Nord dell'Africa. 



2. Corvus Corone, Limi. 
Cornacchia nera. 

Corvo maggiore, Corvo reale, Cornacchia nera {Aut. Ital.) 

— Crouas {Pierri.) — Corbe, Corbeau (^os^a) — Cournajas, Crov 
{Cuneo) — Cróv, Crovas, Cornàgg, Cròvu, Cournaj iBass. Piem.) 

— Courbat, Scourbat, Cornaggia negra {Lomb.) — Crovass nei- 
gro {Novar.) — Corv, Crov, Scorbatt {Pav.) — Corvatt {Valt.) 

— Corv. {Mantov.) — Corvo, Grola, Cornacia ( Ven.) — Qòre 
{Friuli) — Corf {Agovdó) — Cornazh, Cornazha {Feìtre) — 
Corniola {Cadore) — Gróla^ Corvo {Padov.) — Cornacia ne- 
gra {Istr.) — Gavran {Daini.) — Corv {Rovereto) — Corv, Gról, 
Cro {Treni.) — Cornacia {Bresc.) — Cournacc {Crem.) — Tacla. 
Curnaccia negra {Mod. Boi.) — Amnacia, Mnacia {Romag.) — 
Graglia, Graia, Graiglia {Nizz.) — Goa {Gen.) — Crovo {Spezia) 

— Corvestrun {Garfagn.) — Cornacchia nera {Tose.) — Mo- 
nacchia {Marche) — Corvo, Corvo mezzano, Marzolo, Ma- 
rino {Roma) — Ciaula, Ciarda, Craula {A^ap.) — Corvu {Calabr.) 

— Corvu {Sicil.) — Crobu, Crobu nieddu {Sard.). 

Nessuna notevole novità ho da aggiungere riguardo a que- 
sta specie; rimane constatato che in Italia è sedentaria e ni- 
dificante in poche località della regione alpestre e nelle Alpi 
Apuane ; è scarsa, erratica ed invernale altrove. 

Le Cornacchie nere dell'Asia orientale sono considerate 
sottospecie distinta col nome di C. Corone orientalis^ Eversm. 
La specie poi è distribuita attraverso la Regione Eurasica 
penetrando nel nord ovest dell' India e nella Cina. 

3. Corvus Cornix, Limi, (ex Ge.sn.) 
Cornacchia bigia. 

Cornacchia, Mulacchia, Cornacchia bigia, palombina o dal 
mantello, Mulacchia nera (Aut. Ital.) — Cornajàs gris, Cour- 
naja, Crouassa, Cournac d'acqua, Cornaggia (Pieni.) — Cour- 



— ò — 

najas gris, Crovas bianch (Cuneo) — Croas bianch, Crov, 
Cróvu, Cornagg {Basso Piem.) — Scnrbat, Cheurv, Cornaja, 
Cornass bastone, Cornaja molinara {Novar.) — Scorbatt' 
Cheurv {Ossola) — Cornagia ( Tortona, Novi) — Taccola, Coiir- 
bat gris, Scourbat gris, Cornaggia zenerina {Lomh.) — Bartin, 
Crov bartel, Crov bertin {Pav.) — Cornagia grisa {Berg.) — 
Cornacia, Cornacia del tabàr {Bresc.) — Cornagia, Corvat 
(Vali.) — Cournacc bianch, Cro bertin {Cremon.) — Crov 
hevten {Varzi) — Cornacc {Mantov.) — Cornacchia grisa (Prtrm.) 

— Tacla, Curnaccia bertèna {Mod.) — Curnaccia bisa, Cur- 
nacia, Mingon {Boi.) — Marcón, Curnación, Amnacia zina- 
réna {Ravenna) — Cornacchia [Vicenza) — Cornacia, Gròla, 
Gròla bianca, Gròla zenerina, Corvo molinar, {Ven. Treni.) — 
^òre {Friuli) — Corvo dal mantèl, Corf del mantèl {Bell.) — 
Corvo biso o da bosch (Cadore) — Cornazh, Cornazha (Feltre) 

— Gróla, Corvo, Cornacia, Grola zenerina (Padova) — Zola 
(Rovereto) — Cornacia cenerina (Istria) — Vrana (Daini.) — 
Graglia, Graia, Graiglia (Kizz.) — Cornaggia seneinna (Gen.) 

— Crovo seneinn (Arenzano) — Corvo, Crovo (Spezia) — Cor- 
naggia (Savona) — Cornacchia bigia (Tose.) — Cornacchia 
{Pisa, Marche) — Cornacchia, Mulacchia (Fior.) — Cornacchia 
di piano (Gavorrano, Grosseto) — Cornacchia, Corvo paloni- 
bino (Roma) Ciaula, Ciola, Cornacchia (Nap.) — Curnacchia 
{Bari, Otranto) — Ciavola (Campobasso) — Ciàvula (Rossano, 
Cosenza) — Corbo ianco (Calabria) — Corvu jancu (Mess.) — 
Ciàola maltisa (Lentini) — Curnacciu (Modica) — Ciaula mal- 
tisa, Curnacchia (Terran. Sicil.) — Curvacchiu, Cuorvu jancu 
(Sicil.) — Cuorvu marinu (Castelb.) — Cruvacchiu (Caltag.) — 
Guarnaccia (Petralia) — Ciavula maltisa (Cat.) — Ciaula 
grigia (Girg.) — Carroga barza, Carroga braxa, Corronca, 
Carroga (Sard.). 

È specie questa alquanta instabile nelle dimensioni e 
nella coloritura, e trae inoltre una cagione di variabilità nel 
suo frequente ed esteso ibridismo colla specie precedente; non 



— 6 — 

è dunque sorprendente che gli " nplitters ,, moderni della spe- 
ciografìa ornitica. abbiano trovato facile compito nella divi- 
sione del C. Cornix, del resto specie ben definita, in varie 
forme ritenute per subspecifiche; e così il Kleinschmidt {Orn. 
Monatsher. 1903, p. 92j ci ha regalato un C. sardonius dalla 
Sardegna, mentre Hartert trova la medesima forma nelle Cor- 
nacchie bigie della Corsica ( l 'ogel d. palaarkt. Fauna^ p. 10, Ber- 
lin 1903), e vorrebbe farne la sottospecie insulare mediterranea, 
C. Cornix sardoniux per distinguerla dal C. Cornix Cornix del- 
l'Europa continentale. Ho esaminato e confrontato molti 
esemplari della Cornacchia bigia dalla Corsica, dalla Sarde- 
gna, dalla Sicilia e dalla nostra terraferma, essendo questa 
specie sedentaria comune ovunque in Italia, e non trovo va- 
lide ragioni per distinguere gli esemplari continentali da 
quelli isolani ; pongo dunque in quarantena il C. Cornix sardo- 
nius, per ora almeno; notai però che gli individui dalla Sarde- 
gna hanno le parti bigie alquanto più chiare, distinzione che 
seppure costante non ritengo sufficente per una separazione. 
Il C Cornix abita la Regione Eurasica e specialmente 
la sua metà occidentale. 



4. CorvUS frugilegus, Linu. [ex Aldrov.i 
Corvo. 

Corvo, Corvo nero (Aut. Ital.) — Cournajàs, Cournac 
{Piem.) — Grola, Corneille {Aosta) — Crov (Cuneo) — Scorbat, 
Cheurv (Ossola) — Scorbat, Cheurv, Quagnà, Cruasc (N^ovara) 

— Cróv, Cornàgg, Cròvu, Curnaj (Basso Pieni.) — Corvo, 
Corv, Crov, Courbat, Scourbat, Scurbatt, Scorbatt (Lomh.) — 
Croff, Cornagia negra (Berg.) — Crov, Grola (Mantov.) — 
Corf (Bresc.) — Coro, Corvat, Corv (Valt.) — Corvo, Corbo, 
Croato, Zorla, Corvo nero, Corvo negro, Gròla, Corvàtt (Ven.) 

— Crovàtt, Corvàtt (Friuli) — Cro, Corzh (Feltre) — Cór- 
nacia (Istria) — Kopad (iJalm.) — Corv (Rovereto) — Corvo, 
Corv, Grol, Grola, Grò (Trent.) — Taclon, Córv neigher (Mod- 



— 7 — 

Boi.) — Coruv (^0^.) -^ Cornaccion {Parma) — Amnacia 
negra, Mnacia {Ravenna) — Menaccia, Munacia, {Cesena, Forlì) 

— Graglia, Graia, Graiglia {Nizz.) — Crovo {Gen.) — Goa 
{Savona, Arenzano) — Corvo, Crovo {Spezia) — Corvo nero, 
Corvo reale, Corbo {Pisa) — Graccio {Lucca) — Corvo {Fior.) 

— Corbu, Corvo {Corsica) — Monacchia {Umbria) — Cor- 
bacchion, Monacchia {Marche) — Corvu {Rieti) — Corvo, 
Cornaccliia nera, Cornacchione {Roma) — Cornacchia nera, 
Ciaola, Craula, {Napoli) — Cuervo {Bari) — Graulu, Craulu 
{Otranto) — Corvacchin {Rossano, Cosenza) — Ciàvula, Cuorvu, 
Corbo {Calabria) — Cuorvu di passa e di sinteri (Sic.) — Corvu 
di passa {Mess.) — Curnacchiu, Curvacchiu {Cat.) — Cru- 
vacchiu {Lentini) — Ciaula piamuntisa {Spaccaforno) — Ciaula 
{Terran. Sicil.) — Cuvettu, Cuvettu piem untisi {Modica) — 
Paula, Ciaula, Ciàvola, Curnacchia {Terranova Sicil.) — 
Carroga, Carroga niedda, Crobu [Sard.) — Corvu, Caulun, 
Aràb {Mali.). 

Il fatto più interessante riguardo a questa specie in Italia 
sarebbe la sua eventuale nidificazione qua e là lungo la ca- 
tena alpina dal Friuli alla Valtellina; non ho però fatti nuovi 
da aggiungere a quelli dati nel precedente Resoconto; e non 
saprei accogliere l'asserita nidificazione di questo Corvo nella 
regione del basso Garigliano (Perrotta). Da noi è quasi pret- 
tamente invernale, ed in grandi voli si vede dal settembre- 
ottobre all'aprile, e più abbondante alle due epoche del passo. 
Questa specie è distribuita in tutta Europa con estensione 
sino all'Asia centrale e N. 0. dell' India. 

5. Coloeus M^onedula (Linu.) (ex Gesn.) 
Taccola. 

Taccola, Cornacchia, Mulacchia, Monacchia, Corvacchia 
{Aut. Hai.) — Cornajàs pcit {Piem.) — Cróv pcit, Crovin 
{Bass. Piem.) — Ciaula, Cournaja {Xovara) — Scorb^ttin ciar, 



Corvett, Taccola, Corvin (Lonib.) — Taccol, Corbatell {Como) 

— Gaza bajareula (Bresc.) — Corvett {Mantov.) — Corveto, 
Tacola, Pola, Cornacia de Tore {Ven.) — Corveto zenerin (TV 
ron.) — Qòre, Qòne {Friuli) — Corv piccol, Corvet, Corvetto, 
Croella {Treni.) — Zoletta, Tàccola {Rovereto) — Cavka (Daini.) 

— Tacla, Curnaciot {Mod.) — Corv d'campanil {Boi.) — Cur- 
nacia rumàn {Ravenna) — Elve {Nizz.) — Coriiaggetta {Gen.) 

— Corvetto, Corvo de'campanili {Fior. Pisa) — Gracchiola 
{Bient.) — Cornacchiella {Vecchiano) — Merlo marino {Casti- 
glione, Maremma) — Corvastrella, Corbastrella {Gavorrano, 
Grosseto) — Cornacchia, Monacelli a piccola {Marche, Rieti, Vi- 
terbo) — Corvetto, Corvo dei campanili, Monacchia, Cornac- 
chia, Corvo piccolo {Roma) — Cornacchia {Nap.) — Ciola, 
Ciaula {Bari) — Cola, Ciola {Lecce) — Ciàvula e timpa (Ros- 
sano, Cosenza) — Ciàvula {Calabr.) — Cola, Ciaula (Sicil.) — 
Ciaula, Ciaula grigia {Girg.) — Ciàvula {Castelb.) — Pola, 
Ciaula di Campanaru {Terran. Sicil.) — Carroga, Tacula, Car- 
roghedda de campanile (Sarà.) — Ciaula, Caula, Cola {Malt.). 

La nostra Taccola varia alquanto nelle dimensioni e nel- 
l'avere il mezzo collare bianchiccio più o meno esteso e 
chiaro ; ho confrontato numerosi esemplari dal continente, 
dalla Sardegna e dalla Sicilia, ed ho potuto stabilire che le 
accennate variazioni indicano la presenza in Italia di due 
forme apparentemente^ diverse, le quali sarebbero le due sot- 
tospecie distinte dall'Hartert nella Taccola europea coi nomi 
di Coloeus Monediiìa spermologus (Vieill.) occidentale, e Co- 
loeus Monedula coìiaris (Drumm.) orientale {Vogel d. paldarkt. 
Fauna p. IB. Berlin^ 1903) ; da noi mancherebbe la forma ti- 
pica della Scandinavia, mentre sarebbe più frecjuente (e se- 
dentaria) quella detta C. Monedida spermologus, nella quale 
il semicollare è meno marcato e bigio. Il mezzocollare più 
chiaro in basso e più prolungato in avanti è carattere distin- 
tivo della cosidetta C. Monedula collaris, e tale carattere è spe- 
cialmente palese in un maschio adulto preso ad Istia (Gros- 



— 9 — 

seto) il 20 febbraio 1901 (N. 3828 della Coli. itaì. Ucc) ed in 
un altro maschio, ucciso a Perugia il 10 marzo 1891 (N. 3289, 
Coli. ital. Ucc.) ; non è improbabile che questi individui siano 
immigranti ; va però notato che havvi a Castiglione della 
Pescaja, nel Grossetano, una grossa colonia di Taccole. Per 
quanto mi consta la Taccola è in Italia specie sedentaria, 
localizzata in colonie, errante limitatamente; e parzialmente 
migrante. 

Il Coloeus Monedula vive in Europa, nel nord dell'Africa 
e nell'Asia occidentale e centrale. 



6. Nucifraga Caryocatactes (Linn.) (ex Gesn.) 
Nocciolaia. 

Nocciolaia, Ghiandaja nucifraga, Ghiandaia nocciolaia, 
Nucifraga gocciolata. Corvo franginoce {Aut. Ital.) — Verrou, 
Gai d'montagna, Rompa-nòs, Tigriè {Piem.) — Giroley (Aosta) 

— Giaj d'mountagna, Bert franseis (Cuneo) — Gai fol (Susa) 

— Gai marin (Castel Delfino) — Rompanos, Nicciolera (No- 
vara) — Nisciolera, Gascia nisciolera (Ossola) — Nisciolera, 
Gagia nisciolera (Vali.) — E,ompa-nos (Lomb.) — Gaggia ni- 
sciolera (Como) — Gaza nisolera (Berg.) — Rompinos (Mod.) 

— Rompinose, Grolin (Veron.) — Noselera (Mant.) — Cor- 
nacela de Tore (Rovigo) — Gaia da nosele, Gaia noselera, 
Gaia mata (Cadore, Feltre) — Gaiola dalle noselle (Agordo) 

— Snosolera (Padova) — Gaia noselera (Bdl.) — Frache 
nòlis (Frhdi) — Brisson, Corvo maccià, Rompinose (Ven.) 

— Gazza marina (Rovereto) — Papenòlis (Pontebha) — Gazza 
noselara. Gazza gherla (Trent.) — Gazza nera, Gazza de 
montagna (Cavalese) — Gaggia nicciolera (Val di Ledró) — 
Eleva, Avelaniè, Pessa-avelana (Xizz.) — Sciacca nisseue 
(Gen.) — Corvo marino (Senese) — Rompenoce (Kap.) — 
? ? Acceddu punicineddu, Punicineddo di voscu (Sic. fide Do- 
derlein) — Carrughedda giajulada (Sard.). 



— 10 — 

La Nocciolaia a becco corto, relativamente, e robusto, 
che è la forma propria all'Europa boreale e centrale, detta 
enfaticamente dai trinomisti Xiici fraga Cnryocatactes Caryoca- 
tactes, è sedentaria e nidificante, ma non comune, nelle fore- 
ste della nostra catena delle Alpi, normale suo limite meri- 
dionale. Diventa irregolarmente erratica negli inverni rigidi, 
ed allora può giungere sin nella bassa Italia, e, pare, anche 
in Sicilia e nella Sardegna ; non ho però mai veduti indivi- 
dui presi in questa ultima isola. E inoltre non improbabile 
che i branchi di Nocciolaie che a lunghi ed irregolari inter- 
valli fanno comparse da noi al sud e lontano dalle Alpi, 
appartengano alla specie seguente — sinora poco distinta dai 
nostri cultori di Ornitologia — migrante sporadicamente 
dalla Siberia verso ponente ; la scarsa mia esperienza confer- 
merebbe questa ipotesi. Tutti gli esemplari di questa forma 
che conservo nella Collezione italiana provengono dalla zona 
alpina e cioè da : Aosta, Torino, Valdieri, Domodossola, Pon- 
tebba e Caneva di Sacile (Friuli). Nel 1889 si ebbe nel Tren- 
tino un passo straordinario di questi uccelli ; incominciò ai 
primi del settembre e durò tutto o quasi l'ottobre ; il pro- 
fessor A. Bonomi di Rovereto, dal quale ebbi tale notizia, 
affermava che fra i molti esemplari catturati v'erano indi- 
vidui delle due forme ora distinte. 

Questa specie sarebbe propria all'Europa centrale e set- 
tentrionale, ma essendo assai spesso confusa colla .seguente 
non è facile definire i limiti orientali della sua diffusione. 



'7. Nucifraga macrorliynclius, C. L Brehm 
Nocciolai.^ a becco sottile. 

Sono ora d'accordo con Hartert ed altri che con ragione 
il Brehm abbia separato questa forma, la quale si distingue 
subito pel becco molto più sottile, per le dimensioni al- 
quanto minori e per il bianco delle penne della coda più 
esteso, dalla nostra Nocciolaia europea, stazionaria, a becco 



— 11 — 

robusto, breve e poco acuminato, che è la Nucifraga Caryo- 
catactes di Linneo. 

La N. macrorhynchus vive nell'Asia settentrionale, ove 
si estende dai Monti Urali alla Corea, ed ove è sedentaria e 
nidificante. In Europa non giunge che irregolarmente e sem- 
pre nella stagione fredda, ed ha penetrato ad occidente sin 
nelle isole Britanniche , dal settembre al novembre 1900 vi 
fu in Europa una grande invasione di questa specie e molti 
giunsero allora in Olanda (Cfr. Blasius R. Zeit. f. Orn. 
Genn. 1901. Blaauw, " Ibis, „ 1901, p. 159). 

In Italia giunge accidentalmente, ma talvolta in gran 
numero : nella Coli, centr. italiana, su dieci esemplari di Noc- 
ciolaia tre appartengono a questa specie, e vennero presi 
rispettivamente a Chiavari (I, 1857), Torino (XII, 1882), e 
Rovereto (XI, 1900). Si direbbe che è questa la Nocciolaia 
che fa irregolarmente copiose comparse da noi, e non quella 
che vive sedentaria lungo le Alpi. 



8. Pica rustica (Scop.) ex Klein.) 
Gazza. 

Gazzera, Cazzerà comune, Gazza, Putta {Aut. Ital.) — 
Berta, Ajassa, Gassa (Pieni.) — Sajàssa, Saja {Basso Pieni.) — 
Checa, Gaglia {Novara} — Berta Checa, Cecca, Gaza {Lomh.) 

— Gaza ladra {Berg.) — Berta d'ia eoa longa {Pav.) — Gaza 
de la cua longa {Bresc.) — Berta {Vaìt.) — Checca, Gaza 
dia eòa longa {Jlantov.) — Gaza mora. Gaza ladra {Viceìiza) 

— Gaza nera {Bassano) — Checca, Gaza mora, Gaza de la 
eoa lunga {Veron.) — Gaza, Gaza bastarda. Gaza negra, 
Checa, Caziola, Gaza de la eoa longa {Ven.) — Badascule, 
Cheche {Friuli} — Gaiola da sorgo [Agoi'do) — Gazza {Bell.) 

— Gazha, Gada, Chéca {Feltre) — Cazzola {Sacile) — Gaza, 
Chécca, Gaza checa, Gaza de la eoa longa {Padova) — Checca 
{Istria) — Svraka {Dalm.) — Gazza dalla eoa longa, Gazza 
mora, Gazza ladra. Checca, Berta (Treni.) — Berta d' la couva 



— 12 — 

longa (]'arzì) — Gaza de la cua longa {Cremori.) — Sgazza 
dalla eoa (Piac.) — Gazza negra, Gazza cudona, Gazza dalla 
covva longa (Mod.) — Gaza dalla cova longa {Parm.) — 
Gaza, Gazza neigra *(i^oZ.) — Argàzad'la coda longa {Ra- 
venna) — Argàza dalla coda longa {Romag.) — Gassa, Pia 
{Nizz.) — Gazzana [Altare) — Berta {Genova) — Gaza {Spezia) 

— Gazza, Gazzera, Cecca, Agazza, Agassa {Pisa) — Cecca, 
Gazzera {Fior.) — Pica, Cecca (J>en). — Gazzera {Grosseto) 

— Cecca {Valdich.) — Gaggia {Garfag.) — Pica, Gazella 
(Viterb.) — Gaggia codaluuga, Gaggia ladra, Gaggia {Marche, 
Umbria) — lazzula {Rieti) — Gaggia, Gazza, Gaggia dome- 
nicana {Marcele, Roma) — Cola, Caiazza, Mita {Xajjoli) — 
Cola {Barletta) — Pica {Campobasso) — Gazza, Mita {Bari, 
Otranto) — Carcarazza {Calabr.) — Carcarazza, Pitarra, Car- 
carazzu (Sicil.) — Pica {Cefalo) — Ciricaca, Carcarazza, {Girg.) 

— Caula o Ciaula baida {Malt.). 

Confermo la mancanza assoluta di questa specie nella 
Sardegna; fatto singolare, tanto più che giunge in Corsica, 
pare però in modo accidentale, giacche in due lunghe visite 
da me fatte a quell' isola non ne vidi che un solo esemplare, 
e fu il 16 settembre 1877, nei pressi di Corte, come già pub- 
blicai nell'ultimo volume (p. 632) del mio " Primo Resoconto 
sulla inchiesta ornitologica in Italia ,,. E nel rimanente d'Ita- 
lia generalmente sparsa, sedentaria e comune. Non ho mai 
veduto da noi individui col groppone assolutamente nero, che 
sarebbe il distintivo degli esemplari Iberici {Pica melanotos, 
Brehm). Casi di albinismo non sono infrequenti in Italia, nella 
Coli. ital. centrale conservo una femmina presa a Firenze nel 
novembre 1894 (Ucc. N. 3670) assolutamente bianca. 

La Gazza nostrale {Pica Pica Pica, dei modernissimi), vive 
in tutta Europa, eccetto la penisola Iberica ; nell'Asia Minore 
e nella Persia. Nella Spagna e nel Portogallo la rimpiazza 
la P. rustica melanotos. Altre sottospecie più o meno affini 
vivono nell'Asia centrale e orientale, nell'Africa settentrionale 
e nell' America boreale. 



— 13 — 

9. Cyanopica Cooki, Bp. 

Gazza azzurra iberica. 

Il 20 dicembre 1901 venne trovato sul mercato di Nizza, 
unito ad uccelletti comuni uccisi nei dintorni, un esemplare 
maschio adulto di questa specie, acquistato da me ancora fre- 
sco dai fratelli Gal, coscienziosi naturalisti locali, collabora- 
tori diligenti nella inchiesta ornitologica, che mi hanno 
fornito da un trentennio ampi materiali per la Collezione 
centrale dei Vertebrati italiani e non poche rarità, e sulla 
scrupolosa onestà e la buona fede dei quali, molte volte espe- 
rimentate, non ho il minimo dubbio. Dico ciò perchè con 
una leggerezza appena scusabile in vista della giovanile ine- 
sperienza un recente scrittore di cose ornitologiche ha pub- 
blicato ingiustificati dubbi intorno all' autenticità delle pro- 
venienze nizzarde 

Tornando all'individuo della C. Cooki, oggetto di questa 
nota, aggiungerò che esso non presenta traccie di esser vis- 
suto in schiavitù. Non si può però assolutamente escludere 
la possibilità che fosse importato con cacciagione dalla Spa- 
gna, ma ciò è poco probabile specialmente per le circostanze 
in cui venne trovato. Nel dubbio anche lontano io ho cre- 
duto doveroso porlo colle accennate riserve nella Coli, italiana 
ove porta il N. 3892 della serie ornitica. 

Sarebbe dunque la prima volta che questa interessantis- 
sima e bella specie viene annoverata, non solo tra le avven- 
tizie in Italia, ma, per quanto mi risulta, come presa fuori 
della penisola Iberica, ove è confinata, assai localizzata e 
certamente non migrante ; soltanto una violenta bufera da 
ponente od altra potente causa tellurica potrebbe spiegarne 
la fuoruscita. 

È noto che le sole specie congeneriche, affinissime, vivono 
nel N. E, dell'Asia, e sono la C. cyanus (Pali.) dalla Siberia 
orientale, Corea e Yeso, e la C. Sicinhoei. Hart. della Cina, 
appena separabili ; ed esse diversificano dalla specie iberica 



— 14 — 

soltanto per avere apici bianchi alle timoniere (accennati in 
alcuni individui di quest'ultima) e tinte più bigie sul dorso 
e sul ventre. 



IO. G-arrulus glandarius (Linn.) (ex Gesn.) 
Ghiandaia. 

Ghiandaia, (Ghiandaia comune, Gazza ghiandaia. Berta, 
Bertina {Aut. Ital.) — Gai, Gaja, Berta. Berton, Ghè, Ga 
{Piem.) — Gaj, Bert, Ghè, Garzanna, Garzan-na, Gheja 
{Boss. Pieni.) — Gasgia, Gasgiòt, Gaza, Gaza feria {Lomb.) — 
Sgaza, Sgazza granerà (Pav.) — Gaza carner (Berg.) — Ga- 
gia {Como, Valt.) — Gaza soucuna (Cremon.) — Chéca, Fèria 
{Brescia) — Gaza feria (Mantov.) — Gaza furlon'na {Parm.) 

— Sgazza berta e camera {Piac.) — Gaza, Gaza rossa, Gaza 
rabiosa. Gaza zucona {Ven.) — Gaza zucona {Veron.) — 
Gagia {Beli.) — Giaje mate, Cheche {Friuli) — Gaja, Gajola 
{Cadore) — Gaia {Feltre) — Gaza magiona {Rovigo) — Gaia 
{Sacile) — Fera, (4àza fera, Gaza rabiosa {Padova) — Soja 
{Istria) — Sojka {Daini.) — Gazza, Checca (Rovereto) — Gazza, 
Gaggia, Ghiaza {Trent.) — Berta, Gazzana {Varzi) — Gaza 
rossa, Gaza cucciona, Gaza giandèra {Mod.) — Argaza, Gian- 
dara, Taudara (Boi.) — Argaza, Gaza, Giandara {Roniag.) — 
Gai {Nizza) — Ajazza {Altare) — Gazzan-na {Gen.) — Gaza 
(Spez.) — Go {Garfag.) — Ghiandaja {Tose.) — Ghiandaia, 
Pica [Lucca) — Ghiandaia {Corsica) — Gaggia brusca {An- 
cona) — Pica {Rieti) — (4hiandaia, Pica, Pica ghiandaja, Pica 
palombina {Roma) — Pica {Marche) — Gaggia brusca. Gaggia 
{Sinig., Umbria) — Pica comune {Nap.) — Pica {Xap. Bari) 

— Mita de fagghiata {Lecce) — Pica, Cissa {Calab.) — Giaja 
{Sic.) — Giai {Catania) — Giaì {Lentini) — Caragiau {Modica) 

— Cicula {Palermo) — Carnagiadu {Terran. Sicil.) - (4iai, 
Giau, {Castelb. Mad.) — Corvu caragiaju {Girg.) — Tiruni 



— 15 — 

{Messina) — Carragiau, Cirricaca, {Pah) — Pica {Cefalù) — 
-Raja (Caltag.) — Piga, Marra piga (Sarei.). 

All' infuori delle differenze inerenti a diversità di sesso 
e di età, questa specie presenta spesso variazioni individuali 
nelle dimensioni e nella intensità del colorito delle penne ; ma 
negli esemplari italiani, tanto del continente, che della penisola 
o delle isole, la medesima variabilità si avvera, senza che sia 
possibile scorgervi gli estremi per indicare, non dirò una sot- 
tospecie, ma neanche una varietà locale ; e a tale scopo ho 
esaminato e confrontato centinaia di individui da ogni parte 
d' Italia. Onde ritengo semplicemente assurdo lo aver sepa- 
rato, anche subspecificamente, le Ghiandaie prese in Sardegna 
da quelle del nostro continente, come hanno fatto il Klein- 
schmidt {Or7i. Monatsber. Griugno 1903, p. 92), il Tschusi 
{Orn. .Jahrb. Luglio 1903, p. 140) e pur troppo il bravo 
Hartert [Vógel d. palclarkt. Fauna, p. 30. Berlin 1903); e ad 
un mese di distanza, il primo battezza la sua grande sco- 
perta col nome di Garrulus icJmusae, il secondo con quello di 
Garrulus glandarius sardus! Mi par di assistere ad una gara 
puerile su per un'albero di cuccagna ! Eppure la nomencla- 
tura ornitologica ha già una immane quantità di dannosi ed 
inutili termini sinonimici. Del resto le Ghiandaie della Re- 
gione Eurasica hanno subito un notevole aumento dal lato 
trinomio, vale a dire nella fabbrica di sottospecie più o meno 
ben definite; ma io intendo limitare la mia critica all'Italia. 

Il G. glandarius sarebbe proprio all' Europa a mezzo- 
giorno del circolo artico. In Italia è sedentario e comune 
ovunque. 

11. Fyrrhocorax alpinus, Vieill. (ex Gesù.) 
Gracchio. 

Coracia, Corvo corallino, Gracchio, Pirrocorace alpino 
{Aut. Hai.) — Vissi, Cioja, Gioja d'montagna {Piem.) — Cioja 
o Gioja del bech giaun {Cuneo). — Gavetta {Colle di Tenda) 



— 16 — 

— Pagion, Pigion {Ossola) — Crascin, Crasc(FaZ^) — Scer- 
batili, Corbatin dal bech giall, Scorbattin dal becch giald 
(Lomb.) — Taccola {Meiidr.) — Cierla, Grola, Trigatei {Como) 

— Taccia (Morhegno) — Pigion, Cola {Xouara) — Taccola, 
Gri de montagna {Berg.) — Corvo-merlo, Merlazza {Veron.) 

— Zorle, Merlaza, Corvo-merlo {Ven.) — Zurla {Beli.) — Qu- 
vrin, Mièrli di montagne, Qorin (Friuli) — Agagons {Pon- 
febba) — Colica {Daini.) — Zola dal bec zald, Zaola {Rovereto) 

— Zhurla, Zhorla dal bech zal, Paola {Cadore, Feltre) — 
Zàola, Cra {Treni.) — Giaola {Giudicarie) — Ciòla {Riva) — 
Graglia, Graia pattarougia {Nizz.) — Corvo de becco giano 
{Gen.) — Corvo piccolo {Lucca, Alpi Apuane) — Corvo di 
becco giallo {Gavorrano, Grosseto) — Ciàola {Ascoli-Piceno) — 
Carrogbedda de monti, Stacola {Sard.). 

Sono dolente di dover constatare che a proposito di que- 
sta specie e della seguente }iartert {Vogel d. palaarkt. Fauna, 
pp. 35, 36) ha fatto un pasticcio volendo essere troppo rigido 
esplicatore della giustissima legge della priorità e volendo 
adoperare la edizione X"' del l^ystema Naturae di Linneo (1758), 
scartata con ragione in favore della XII* (1766) dai Zoologi 
della buona scuola. È evidente che Linneo nel 1768 nella sua 
Upupa Pyrrhocorax, citando di Aldrovandi solo il libro ed 
il capitolo {Orn. I, lib. 12, e. 8) non seppe e non volle di- 
stinguere come diverse le due Pyrrhocorax che il dotto Bo- 
lognese figura in modo perfettamente riconoscibile {Op. cit. 
ibi, pp. 768, 769); egli dà però la preferenza alla specie col 
" Rostnun arcuatum e la pone accanto all' Upupa e ad un 
Ibis, dunque al Gracchio corallino ; ed infatti nella breve dia- 
gnosi dice: " rostro pedibusque rubris ,,. Invece nella sua XII* 
edizione, assai ampliata e corretta, il sommo Linneo riconosce 
le nostre due specie e le mette più a posto nel genere Cor- 
vus, ma per errore dà ad entrambe un becco giallo, così il 
suo Cor VHS Pyrrhocorax perde il distintivo più ovvio in quelle 
brevi diagnosi ; mentre nel citare le tavole di Aldrovandi 
riferisce la tavola 763 che con tanta evidenza rappresenta il 



— 17 — 

G-racchio corallino, al nuovo suo Corviis Graciiliis, " rostro 
pedìhusque luteis ,, / 

Cosi se il termine Pyrrhocorax può adoperarsi con va- 
lore generico non deve in nessun caso essere usato con valore 
specifico. E anche possibile però che nello scrivere le diagnosi 
delle due specie (C. Pyrrhocorax, C. Graculus, S. N. XII 
edit. p. 158, n.* 17, 18) Linneo non avesse davanti a sé che 
un giovane ed un adulto del Gracchio a becco giallo ; leg- 
gendo quelle diagnosi senza badare alle citazioni questo mi 
pare evidente. Tanto più dunque per evitare confusioni è 
meglio seguire gli Autori buoni che ci precedettero e conti- 
nuare a distinguere i nostri Gracchi coi nomi qui adottati, 
e non fare come fa Hartert il quale chiama Pyrrhocorax 
pyrrhocorux (L.) il Gracchio corallino a becco rosso lungo ed 
arcuato, e Pyrrhocorax graculus (L.) il Gracchio a becco giallo 
breve e diritto, usando un termine specifico da oltre un se- 
colo applicato alla prima specie. Questo caso è un esempio 
eloquente del male che fanno i troppo fervidi innovatori ; 
una delle prime vittime di ciò è appunto il dott. conte E. 
Arrigoni degli Oddi, il quale chiama Pyrrhocorax pyrrhoco- 
rax il Gracchio a becco giallo {Man. di Orti. Hai. p. 484) 
cioè la specie presente, alla quale va mantenuto il nome spe- 
cifico di alpinus, indubbiamente datogli dati Vieillot [Nuov. 
Dici. d'Hist. Nat. VI, p. 568, 1816), e ora consacrato da quasi 
un secolo di uso esteso. 

Questa è la specie che io vidi in Corsica, ove il White- 
head la trovò abbondante, onde è assai probabile che giunga 
talvolta in Sardegna, come ha asserito il signor Pietro Bo- 
nomi, ma io non ho sinora veduto esemplari provenienti da 
queir isola ; è però certo che in Italia trovasi di rado al di 
là della regione centrale. Il notaio E. Cambi scrive che nel 
Grossetano si vede al piano, d' inverno, in branchi più o meno 
numerosi. È abbondante lungo la catena alpina e sulle Alpi 
Apuane. 

Il P. alpinus vive nell' Europa meridionale e nell' Asia 
occidentele e centrale. 



— IS- 
IS. Pyrrliocorax erythrorliainptius ( Vieill.) 

Gracchio corallino. 

Coracia alpigiana, Coracia di montagna, Gracco, Grac- 
chio forestiero, Gracchio corallino, Gracchio alpigino {Aut. 
Ital.) — Ciava, Ciaves, Ciqja, Gioja {Pieni.) — Gioia o Gioia 
dal bech rous {Cuneo) — Cola (Novara) — Craasc, Scorbatin 
dal becch ross {Lomh.) — Taccola {Corno) — Taccia, Crasc 
{Vali.) — Corvo-merlo dal beco rosso (Veron.) — Zorca, Zorla 
{Ven.) — ^uvrin {Friuli) — Agacons {Pontehha) — Pola {Bell.) 

— Zola, Zàola, Giòia dal bech ross {Trent.) — Grola {Rovereto) 

— Zurla dal bech ross, Paola, Zhurla, Zhorla dal bech zal 
{Cadore, Felti-e, Belluno) — Qorin {Cividale) — Graia patta- 
rougia (Nizz.) — Grovo do becco russo {Gen.) — Giada 
{Ascoli- Piceno) — Ciavola {Veroli) — Corvo rosa {Kap.) — 
Ciavula, Giaula cu pizzu russu, Corvu cu pedi russi, Ciaula 
tunisina {tSicil.) — Ciavula cu pizzu russu {Castelb. Mad.) — 
Carroga, Staccola, Staccola de' monti a peis arrubius, Gar 
roghedda de' monti {iSard.). 

Dopo di aver constatato nel trattare la specie precedente 
come Linneo nel 1768 confuse insieme quella e questa, men- 
tre nel 17()6, riconoscendole distinte, torna a far confusione 
e anzi non pare più ricordarsi del becco corallino della sua 
antica Upupa Pyrrhocorax ; dopo di aver pure constatato 
come Hartert arruffa la matassa scambiando i nomi specifici, 
parmi logicamente doveroso di fare pel Gracchio corallino 
quanto da anni si è fatto pel Gracchio, e perciò ho adottato 
il nome specifico proposto per questa specie dal Vieillot 
{Kouv. Dici. d'Iiist. Nat. Vili, p. 2, 1817). Lo faccio però 
ben a malincuore, giacché per questa specie il termine spe- 
cifico Crraculus era sanzionato da uso secolare. 

Nella Coli. ital. centrale {Cat. Ucc. N. 1368) conservo 
una femmina adulta presa a Terracina il 28 novembre 1879; 



— 19 — 

era isolata, evidentemente smarrita. Il marchese Giuseppe 
Lepri trovò questo uccello stazionario sulle più alte vette 
della Sabina, donde scende di rado. 

Questa specie vive in quasi tutta la Regione Eurasica. 
In Italia è più sparsa, ma più localizzata della precedente. 



OFIIOIjID^^ 

(Orioli) 



13. OriolUS G-albula, Linu. (ex Gesn.) 
Rigogolo. 

Rigogolo comune, Oriolo (Aut. Ital.) — Ourieùl, Ourieu, 
Beccafigh. Garba, Garbeo, Garbou, Gherbè, Galbè, Sgarbeo, 
Scalombèo, Compare-pèreu, Barba perou, Ardsan {Pierri.) — 
Garbò, Sgarbè, Sgherbè, Gentilòm {Bass. Piem.) — Loriol 
{Torin.) — Merlou garabò (Vere.) — Galbò, Merlo galbè 
(Ossola) — Merlo garbel (Nov.) — Sgarbè (Vm^z.) — Galbò, 
Galbèr, Galbee, Papafìgh, Galbeder {Lomb.) — Galbeder 
(Bresc.) — Galpeder {Cremori.) — Galpedàr {Mant.) — Galbè, 
Voghera {Pavia) — Sgarbér {Piac.) — Galbeder (Parma) — 
Galbeder {Mod.) — Sgalbeder [Vergato) — Arquib beccafigh, 
Argaib {Boi.) — Raghevul [Cesena., Forlì) — Arghebul, Ar- 
ghébol {Romag. Ravenna) — Gaulo, Gra^volo [Umbria) — Glorio 
{Ancona) — Graulo {Sinig.) — Gravio, Graolo, Gàvolo, Glorio 
{Marche) — Begióra, Megióra, Miglioro, Migliora, Compare- 
piero, Barbapiero {Ven.) — Papafìgo, Brusola {Veron.) — 
Repéndol {Bell. Bass. Tic.) — Compare-piero {Trev. Pad.) 
— '■ Suri, Papefig, Lurli, Luri [Friuli) — Papafìgh, Papafic 
{Roveret.) — Vilipendolo {Trento) — Brusola {Vicenza) — 
Miliésa, Brusola, Bigioia {Pad.) — Melesia {Rovigo) — Beccafigo 
zalo {Istria) — Zuma, Vuga {Dalm.) — Louriou, Auriou 



— 20 — 

{Nizz.) — Garbè, Garbiero (Gen.) — Sgarbèo, Garbèo (Spe- 
zia) — Rigogolo (Pis. Fior.) — Golo { Coseni. Valdich. Sen.) 

— Ribobolo {Pi.sa) — Gobulo (Lucca) — Gogolo (Valdich.) 

— Birigogolo, Beccafico reale (Grosseto) — Gregorio (/. di 
Giglio) — Rubbiolo, Galbedro (Garf.) — Lauru (Rieti) — 
Giallone, Gravolo gentile (Roma) — Goro (Viterbo) — Villano, 
Vollaro, Vollero, Volano, Avellano, Avolano, Rollo (Nap.) — 
Vollano (Capri) — Aiilano (Giffoni) — Gravolo, Ravolo {Cam- 
pobasso) — Godia, Pizzicodia (Bari) — Gaudio (Barletta) — 
Rigocoli (Brindisi) — Fusufai, Fusufau, Sicufau, Sicufai, 
Saccufau (Terra d. Otranto) — Gàjulu {Rossano., Cosenza) — 
Galanu, Galinu, Acceddu giallu, Frusuleu, Crusulèo, Muzzu- 
fainu (Calabr.) — Galano (Ca.mlnovo Calabr.) — Ajulu (Sicil. 
Pai.) — Ajula (Sirac.) — Pintu miraula (Castrog.) — Na viola 
(Avola) — Scorraggiau (S. Mauro) — Gabrieli, Alberi (Caltag.) 

— Auriolu (Pai.) — Gaudia (Girg.) — Crusuleu (Mess.) — Aju 
l'agugghia cu lu filu, Aggruppa filu (Cai. Sirac.) — Gruppu 
filu (Cat.) — Pappaciciaù (Giarrè) — Naccaluoru, Aggruppa 
film (Castelb.) — Rivobu (Mazzara) — Tinti 'mbrogli (Comitini) 

— Ajula, Auberi, Galberi (Terran. Sicil.) — Lauriddiu, Aju 
l'aguggia cu lu filu (Modica) — Canariu aresti, Canariu 
salvaticu (Sard.) — Bieca mortus (Cagl.) — Garbè (Carlo- 
forte, Sard.) — Taira safifra (mas. adul.), Taira hadra (femm. o 
giov. (Malt.). 

Specie estiva comune, e ovunque sparsa in Italia ; ma 
più abbondante nelle provincie centrali e settentrionali e 
più scarsa nelle nostre grandi isole. E proprio esilarante ve- 
dere questa ben nota e ben marcata specie denominata, faute 
de mieux, pur di modernizzare, come suol dirsi, e caricare 
inutilmente e grottescamente la nomenclatura, Oriolus oriolus 
oriolus ! 

UO. Galbula vive nelle parti meridionali e centrali della 
Europa, nel nord dell'Africa e nelle zone corrispondenti del- 
l'Asia occidentale e centrale, durante l'estate. Sverna nel- 



— 21 — 

1' Africa meridionale giungendo al Madagascar, e nelle pro- 
vincia N. 0. dell' India per 1' Asia. 



STUJFiNinu^ 

{Storni) 



14. Sturnus VUlgariS, Linn. ex Barr. 
Storno. 

Storno, Storno comune, Stornello {Aut. Ital.) — Stourn, 
Strunèl {Pieni.) — Storno, Sturn, Stóran, Stornèllo, Stro- 
néllo {Bass. Piem.) — Stornin de tor, Stournel, Storin {Nov.) 

— Stournell, Stournin (Ossola) — Stùran {Casteggio) — Storno, 
Stornell, Storen, Storaen (Lomb.) — Stornél, Sturen (Bresc.) 

— Sturnell (Vali.) — Sturlen (Crem.) — Stòrio (Mani.) — 
Stornelo, Storno, Striola (Ven.) — Storlin (Veron.) — Strulo 
(Bass.) — Striolo {Vicenza) — Striòlo, Stornalo, Strulo {Pa- 
dova) — Sturnell {Friuli) — Cvrijak {Dalm.) — Stornell 
{Bell.) — Storlim, Storlin, Stornei, Stornello {Treni.) — 
Stourdan {Varzi) — Stouì-an {Voghera) — ^tovèì {Par m.) — 
Storn, Sturnel {Mod.) — Stoorl {Reggio) — Sturnel, Sturnal 
{Boi.) — Storen {Romag.) — Stòran {Ravenna) — Storan {Ce- 
sena., Forlì) — Storneu, Estrouneu, Strouneu (Nizz.) — Sturno, 
Stumello {Gen.) — Stornèo {Spezia) — Storno (Tose. Roma) 

— Sturnu (Rieti) — Sturno (N^ap. Bari) — Sturno (Campo- 
basso) — Sturno (Lecce) — Sturno, Sturnejo, Sturniellu (Ca- 
labria) — Sturneddu, Sturnu, Sturneddu di passa {Sicil.) — 
Sturnu di passa {Messina) — Sturnieddu di passa (Modica) 

— Struneddu (Terranov. Sic, Cat.) — Sturnieddu (Castelb. 
Mad.) — Struddu, Starru pinta, Storneddu, Sturru grandi- 
natu, Sturnu picchiettatu o pinta, Sturru giajulau, Sturreddu 
{Sard.) — Sturnell (Malt.). 



— 22 — 

Nulla avrei da aggiungere riguardo a questa ben cono- 
sciuta specie ; noterò una certa frequenza di casi di parziale 
albinismo, qualche caso di isabellismo in giovani individui, 
un caso di iride gialla (femmina adulta presa a Gavorrano 
4 dicembre 1890, Coli. ital. Ucc. N. 3256) ed un caso sin- 
golare di becco deforme colle punte incrociate (maschio adulto 
12 gennaio 1887 da Pavia, Coli, ital i'cc. N. 3481); ne ven- 
nero uccisi tre così, nello stesso branco. Questa specie, la quale 
come tutte presenta variazioni individuali, è stata frazionata 
in diverse sottospecie, e per citare quelle più vicine a noi sol- 
tanto, rammenterò lo Sturnus vulgark fciroensis, Field., forse 
buona specie, stazionaria nelle isole Fàroe, e lo ISturnus vul- 
garis purpurascens, Gould, che giunge nella penisola Balcanica 
e nella Dobrudscha ed è nel medesimo caso. 

Lo S. mdgaris vive in tutta Europa, estivo nelle parti 
più settentrionali, residente altrove, e nell'Africa settentrio- 
nale. In Italia è abbondantissimo ovunque durante il passo 
ed il ripasso ; sverna nelle nostre provincie centrali e- meri- 
dionali ; rimane a nidificare in copia soltanto in quelle set- 
tentrionali, più scarsamente in Toscana. 



15. Sturnus uniCOlor, La Mann, in Teiiim. 
Storno nero. 

Sturnieddu, Strunieddu, Sturnu o Sturnieddu niuru, o cu 
pizzu giallu, Sturnieddu paisanu, Strunieddu niuru (Sic.) — 
Struneddu paisanu cu pizzu giarnu (Terran. Sic.) — Stur- 
nieddu niru {Castelh. Madonie) — Sturnu nieddu, Sturnu, 
Struddu, Sturru, Storneddu nieddu {Sarà.). 

Per 1' Italia questa specie rimane sedentaria e confinata 
in Sardegna e nella Sicilia ; non ebbi alcuna conferma della 
notizia da me data nel 1890 {Primo Resoc. della inch. orn. 
in Italia Avifaune Locali, p. 032) della sua eventuale com- 
parsa nelle parti meridionali della Corsica, ove del resto non 
è di certo specie residente ; ma la sua comparsa in quel- 



— 23 — 

r isola, mescolata con branchi dello Storno comune, non è cosa 
improbabile, tanto più che accidentalmente giunge anche sul 
continente Italico. Però l'asserzione del Birbeck {'■'■ Zoolgist, ^, 
1854, p. 4250), citato dall' Arrigoni, " che vive in Corsica, ,, 
merita conferma. 

Lo S. unicolor vive nell' Europa meridionale, nel Nord 
dell'Africa e nell'Asia occidentale. 



16. Pastor roseus eLìnn.) (ex Aldrov.) 
Storno roseo. 

Storno roseo, Storno terreo, Storno marino. Tordo roseo, 
Merlo roseo {Aut. Ital.) — Merlo reusa, Strunél d' marina 
(Pieni.) — Stourn reusa {Cuneo) — Storn réusa, Merlo marin 
(Bass. Pieni.) — Storno rosa (Lonib.) — Storaen marin (Pav.) 
— Stornèi de Mar (Brescia) — Storlin d'America, Storlin 
rosa (Veron.) — ■ Stòrio ross (Mani.) — Merlo rosso, Merlo de 
Russia, Merlo color de rosa (Ven.) — Stórlo color de rosa 
(Rovigo) — Mierli ross (Friuli) — Murvar, Cvrijak pramaljecni 
(Dalm.) — Merlo rosa, Storlin rosa (Treni.) — Sturnèl marèn, 
Merel american (Mod.) — Sturnal marein, Sturnell dumeni- 
can, Sturnell maren (Boi.) — Storen marin (Romag.) — Storan 
marin, Storan bianc (Ravenna) — Merlou rosa (Nizz.) — Merlo 
reusa (Gen. — Merlo main (Spezia) — Merlo marino (Sesto 
Fiorentino) — Storno marino (Tose. Roma) — Storno delle 
more (Marcite) — Sturno rosa, Mièrolo rosa (Nap.) — Sturnu 
o Sturneddu russu (Sicil.) — Malvitz rosa (Mali.). 

Non avrei nulla da aggiungere a quanto già scrissi in- 
torno a questa magnifica specie in Italia. Pare cosa accertata 
che ogni anno qualche coppia nidifichi da noi, ma non si è 
ripetuto il caso straoj'dinario di una numerosa colonia, come 
avvenne a Villafranca nel Mantovano nel 1875. Il Cav. A. 
Renault ne vide due a Poggio a Cajano, Firenze, V8 novem- 
bre 1885. Nei casi ordinari giunge alla fine di maggio e nel 



— 24 — 

giugno, per partire prima che finisca l'estate; qualcuno però 
rimane da noi anche nell' inverno. 

Il P. roseiis vive nel S. E. dell'Europa, nell'Asia occi- 
dentale e centrale, nell'India e nell'isola di Ceylan. 



ICTEFiinu^ 

(Jtteri) 



1*7. Agelaeus phoeniceus (Linn.) 
Ittero a .spalline rosse. 

Ittero 'dalle ali rosse, Ittero dalle cuopritrici rosse {Aut. 
Ital). 

Anche riguardo a questa specie americana, di acciden- 
tale coviparsa nell'Europa occidentale, e presa una sola volta 
in Italia con probabilità di legittima cattura — cioè di indivi- 
duo giuntovi coi propri mezzi di locomozione e non fuggito 
di gabbia — non ho nessuna novità da aggiungere a quanto 
con altri ho già scritto. Arrigoni la esclude dalle specie ita- 
liane, ma senza giustificare un tale ostracismo ; nessuno, 
credo, vorrebbe includere un Ittero nell' Avifauna Eurasica 
ed Italica, ma le comparse anche accidentali vanno notate. 



FFlINGIIuIuIDJE 

(FringìUe) 

18. Fringilla coelebs, Lhm. 

Fringuello. 

Frangoui, Franguel, Fringuel, Franga^, Schinsoun(P/*'//^) 
— Quiuson, Pin^on (Aosta) — Frangùs, Franguei, Franguèlo 
(Boss. Piem.) — Schinson, Quinquin (Susa) — Pinsoun, Fran- 



— 25 — 

goei, Cin«in (Cuneo) — Ciochett {Rivoli, Piem.) — Spetaciot, 
Quinsoun (Canavese) — Qinciounio {Lanzó) — Frangoul, Frin- 
guell, Cinciuin, Ciui-cin {Nov.) — Barbacerio {Val Soana) — 
Fico, Franguel {Vali.) — Franguell, Fràngueu {Lomb.) — 
Franguell, Fringuell, Franguei {Tortona, Novi) — Fringuel 
{Vogherà) — Franguel ( F«r22) — Frangoul, Frangol, Fringuel 
{Pav^) — Franguen {Bresc.) — Francol {Crem. Piac.) — Fran- 
gol {Parma) — Fringuel {Mod.) — Fringual, Franguel {Boi. 
Rav. Mani.) — Fringuel, Fineo {Ven. Bass.) — Zavàtolo, Za- 
vàtol {Bell. Trev.) — Franguel {Veron.) — Frangèll {Friuli) 
— Finch {Treni.) — Fineo, Fringuel {Valsugana) — Fine {Ro- 
vereto, Valle di Non e di Sole) — Flinch {Mori) — Finch {Giu- 
dicarie) — Finch, Franguel, Camanéf {Rendena) — Zovatol, 
Fineo, Finch {Cadore Felfré) — Sfranzell {Cividale) — Fineo, 
Fringuèlo {Padova) — Montano, Pacagnoso {Istria) — Fin- 
kulija, Pinjanjavac, Snigavae {Dalm.) — Chinsoun {Nizz.) — 
Frenguello {Gen.) — Fringuello, Filinguello {Pisa, Sen.) — Fi- 
lunguello {Fior.) — Spincione, Frilunguello {Elba) — Pinziolo 
{Corsica) — Pincione {Tose. Garfag.) — Filunguello {Lucca) — 
Franguèo {Spezia) — Frangvéll {Boi. Rav.) — Frenguello, Fren- 
guella, Frenguellessa {Marche) — Franguillu {Rieti) — Frin- 
guello, Pincione, Spincione {Roma) — Frungillo, Frongillo 
{Nap.) — Fringiedd {Bari) — Frungillo {Campobasso) — 
Frangiddru, Frangieddru {Lecce) — Spinzo, Spinzero, Spinzu, 
Spinso, Spingiuni {Calabr.) — Pinzuni, Spunzuni, Aggerina 
{Sicil.) — Fringuellu, Fringuellu muzzolinu {Modica) — Pin- 
zuni {Castelb. Blad.) — Passarellu, Alipinti {Sard.) — Frin- 
guello {Carloforte) — Passareddu, Cloni {Cagliari) — Spùn- 
sun, Sponsoun {Malta). 

Comune ovunque in Italia, sedentario ; abbondantissimo 
alle due epoche del passo e nella stagione fredda, pel numero 
di immigranti e di svernanti. Anche qui la moda innovatrice 
ha voluto far le sue ed il nostro vispo e famigliare Frin- 
guello è diventato due volte celibe, mentre vengono, colla 



- 26 - 

trinoinia esultante degli innovatori di nomenclatura, legate 
a Ini tutte le specie poco diverse che gli fan corona; così la 
forma seguente, considerata da loro mera sottospecie della 
loro F. ccelebs ca'lebs. 

La F. atìlehs vive in Europa, penetrando, durante l'emi- 
grazione, nel nord dell'Africa e nell'Asia occidentale. 



19. Fringilla spodiogenys. Bp. 

Fringuello tunisino. 

L'esemplare da me pubblicato nel 1898 (" Avicula, ,, II, 
p. 97, Siena) è rimasto sin qui il solo di questa specie colto 
in Italia ; si conserva nella Collezione centrale dei Vertebrati 
italiani (N. 3615 Uccelli). Ripeterò qui quanto scrissi allora 
in riguardo. 

Il 2 dicembre 1895 il noto tenditore Armido Capaccioli, 
dopo una lieve nevicata, tendeva le sue reti a Santa Lucia 
nei pressi di Prato, e in un con altri catturava uu Fringuello 
da lui subito distinto come diverso dai soliti e considerato 
come varietà o " bastardume ,, come essi tenditori dicono. 

Venendo a Firenze riferi il caso al mio amico dott. En- 
rico Azzolini da Rovereto, appassionato cultore dell' Ornito- 
logia. Il dott. Azzolini sapendo che io raccolgo volentieri le 
varietà delle specie nostrali, disse al Capaccioli di portare 
lo strano Fringuello a Firenze, ma questi lo aveva posto in 
una stanza con molti uccelli destinati per richiami e non potè 
prenderlo che il 15 del susseguente marzo. Quel giorno venne 
al Museo, ma io ero assente e lo erano pure i miei tassider- 
misti ; chi vide l'uccello, persona inesperta, lo credette cosa 
di nessun conto e nel maneggiarlo lo uccise. L'uccello morto 
venne poi lasciato a casa del dott. Azzolini, il quale era fuori 
di Firenze, onde questo prezioso esemplare corse grave ri- 
schio di andar perduto ; solo il terzo giorno il dott. Azzolini 
tornò a casa e preparò alla meglio quel Fringuello, da lui 
ritenuto mera varietà della specie comune. Non fu che il G 
ottobre 1897 che questo uccello venne per la seconda volta 



— 27 — 

al Museo ; il signor Riccardo Magnelli riconobbe subito che 
era una Fringilla spodiogenys, ed io vedendolo poco dopo non 
ebbi che a confermare la sua determinazione. 

E un maschio adulto in abito invernale, molto chiaro 
sulle parti inferiori, ma nel resto tipico ; venne alquanto a 
soffrire pel ritardo della preparazione e fors' anche pei tre mesi 
di schiavitù. Il dott. Azzolini volle generosamente farne dono 
al Museo. 

La F. spodiogenys abbonda nell'Africa settentrionale, dalla 
Tripolitania verso ponente ; Hartert ed altri recenti scrittori 
la ritengono, con altre forme dell'Africa settentrionale e delle 
isole atlantiche adiacenti, mera sottospecie della nostra F. 
ccelebs, alla quale somiglia molto anche nel canto e nei co- 
stumi ; io però la considero specie distinta. 

Debbo in ultimo dire che questa non sarebbe la prima 
cattura di questa specie sul lato boreale del Mediterraneo ; 
Degland e Gerbe {Orn. Eur. I, p. 27-1, Paris, 1867) menzio- 
nano due catture avvenute nei pressi di Marsiglia, una nel- 
l'aprile 1861. 

Aggiungo che non ho mai veduto o saputo di esemplari 
della F. spocUogenys portati viventi in schiavitù dal N. del- 
l' Africa. 



SO. Fringilla Montifringilla, Limi, (ex Gesn.) 
Peppola. 

Peppola, Sordone, Fringuello montanaro, Fringuello mon- 
tanino {Aut. Ital.) — Frangoui d'montagna, Mountàn {Piem.) 

— Fringuèll muntagnin, Muntanin, Mountanel {Bass. Piem.) 

— Schinzon d'montagna {Suso) — Montàn, Monta, Monn, 
Mountanel ; Fasareul, Frangoui montaen [Lomb.) — Franguel 
muntan [Valt.) — Fasaròl {Bresc.) — Montanel [Berg.) — 
Mountàn {Milano) — Pringuel d'montagna {Varzi) — Fran- 
guell muntagnin, Montanin {Tori. Novi) — Frangol de mon- 
tagna {Crem.) — Fràngol montanàr {Parm. Piac.) — Fringuel 



— 28 — 

muntan o d'miintagna {Mod.) — Montàn (Mantov.) — Fran- 
guel montanér (Z^oZ.) — Franguèl muntan, Muntana {Ravenna) 

— Montan, Fineo montan, Montagnaro {Ven.) — Chéch, Mon- 
tano (Bell.) — Pacagnoso, Montan. Zavatul (Friuli) — Chéch 
(Feltre) — Fineo montan, Montanélo (Padova) — Franguèl 
montan [Vigezzo) — Montàm, Montàn {Treni.) — Faggiaròla 
{Riva) — Fasaròla {Val di Ledro) — Frazzaróla {Rendena) 

— Moneghella (Istria) — Snigavae o Finkulija planinski 
{Daini.) — Muntagnin (Savona) — Montanin (Areìizano) — 
Franguèo de montagna (Spezia) — Chinsoun corso (Nizz.) — 
Franguèl montagne (Altare) — Frenguello montagnin (Gen.) 

— Peppola (Tose.) — Fringuello marino (Sen.) — Tramontano 
{Lucca) — Nivaiolo (Corsica) — Franguillu montanara (Rieti) 

— Muntana (Cesena, Forlì) — Fringuello montanaro (Roma) 

— Franguello montanin, Franguello turco (Sinig.) — Frin- 
guello montanaro (Aìicoìia) — Frenguello gattaro, Frenguello 
turco (Marche) — Frongillo o Frungillo spagnuolo (Nap.) — 
Fringiedd turehieseo (Bari) — Frangiddru riestu (Lecce) — 
Spingiuni montagnolu (Calabria) — Spunzuni barbariscu 
{Mess.) — Pinzuni vavariscu (Pai.) — Spunzuni vavariscu 
{Cat. Mèss.) — Spunsun salvagg (Malta). 

E specie nidificante in tutta la zona subartica della re- 
gione Eurasiea, lungo il limite delle foreste; immigrante 
ed invernale nelle zone centrali e meridionali di quella re- 
gione. Qualche eoppia nidifica anche in Italia lungo le Alpi ; 
merita poi conferma l'asserzione che nidifichi anche sui monti 
dell'Italia centrale. Da noi è però specialmente invernale e 
di doppio passo. 

E notevole la relativa frequenza di casi di ibridismo tra 
questa specie ed il Fringuello comune. 

E strana la mancanza della Peppola in Sardegna, men- 
tre nella Corsica giunge di passo in ottobre, epoca in cui ne 
ebbi diversi nei pressi di Corte. 



— 29 — 

SI. Montifringilla nivalis, Linu. ex Briss. 
Fringuello alpino. 

Arpan, Passra d'mountagna {Pieni.) — Quinson de mon- 
tagna (Aosta) — Fringuell de la fioca {Carig.) — Frangile! 
dia fiocca, Nevareul [Cuneo) — Freu, Franguel di al bianche 
Frangiiel dia nev [Nov.) — Franguel d'ia nev o di al bianc 
{Ossola) — Usell de la nef, Bianchin, Culmanier {Vali.) — 
Franguel de la nev, Franguell dei A.lp, Montagnin, [Conio) — 
Monta [Bresc.) — Franguel dia nev {Mani.) — Fineo de la 
neve, Fineo bianco ( Few.) — Finch della nev, Finch bianch, 
Mattòn bianch. Fine bianc [Rovereto) — Fineo della neve 
[Treni.) — Fine montan {Val di Non) — Fineo russo (Flemme) 

— Franguel de la neve {Veron.) — Talòch bianch {Bell.) — 
Zovatol di montagna [Agordo) — Fringuèl d'ia ne va {Mod.) 

— Fringual dalla neiv {Boi.) — Chinsoun de li neo, Chinsoun 
de montagna {Nizz.) — Frenguello da neive [Gen.) — Uccello 
di Vetore {Ascoli- Piceno). 

Stazionario sulle Alpi -e sulle vette maggiori dell'Appen- 
nino; ne scende appena alle falde, nella stagione rigida, e ben 
di rado si allontana dalle alte montagne ove nidifica ; è stato 
preso a Marradi {Coli. ital. Ucc. N. 226, maschio adulto feb- 
braio 1873), mai a Firenze. Non sembra oltrepassare le parti 
centrali della nostra penisola, e manca per quanto mi risulta 
sulle nostre isole. 

La ili. nivalis vive anche sui Pirenei ed è rappresen- 
tata da forma affinissima, ma distinta nel Caucaso. 



— 30 - 

23. F*etronÌa sylvestris, Jaub. et Barth-Lapomm. (ex Briss.) 
Passera lagia. 

Passera montanina, Passera alpestre, Petronia, Passera 
lagia [Auf. Itaì.) — Passaroun, Passra marenga [Piem.) — 
Passra d' mountagna, Passuun [Bass. Piem.) — Passurun 
[Tortona^ Noci) — Passara montagnina, Passara greca, Pas- 
sara o Passaroun de montagna [Lomh.) — Passera monta- 
gneula {Como) — Passera montagnina [Bresc.) — Passara 
montanara ( Veron.) ■. — Zelega, Selega o Celega foresta, Ce- 
legon, Passara montanara {Yen.) — Zelega megiarola {Bass.) 
— Passerascia {Mendr.) — Passera montana {Rovereto) — 
Selega foresta, Selega de la macia zala {Pad.) — Maton da 
eroda, Taloch rosso, Bevi-ojo, Piombin {Cadore, Belluno) — 
Passra muntanéra {Mod.) — Passva mareina {Boi.) — Passera 
bastarda {Vergato) — Passara muntana (Rav.) — Passerassa 
{Nizza) — Passuun {Gen.) — Passera lagia {Tose.) — Lagia 
{Lucignano, Valdichiana) — Passera forestiera {Pisa) — Pas- 
sera ragia {Lucca) — Passera làgora {Garfagn.) — Passera 
montana ( Umbria) — Passaru montanaru {Rieti) — Passera 
montanara (Viterbo) — Passero montanaro {Ancona) — Pas- 
sero montanaro, Passero della fava gialla. Passero dalla gola 
gialla {Roma) — Capotorto {Campobasso) — Passaru muto 
{Jel.si) — Passaràino, Passaràgnola, Passaràina, {Naj}.) — 
Passaltario {Bari) — Passarastru, Passarastra {Sicil.) — Pas- 
sara di voscu {Castelb. Mad.) — Passaru mutu {Girg.) — 
Passara muta {Terran. Sicil.) — Pirpir {Petralia) — Cruculeu 
de monti, Curculeu de monti {Sard.) — Asfnr tal beit sal- 
vagg (Malta). 

E davvero difficile trovare una sinonimia piìi ingarbu- 
gliata di quella dei nomi specifici dati alla Passera lagia ; 



— 31 - 

quello di stuUa, consacrato dal lungo uso,- è però basato su 
un'errore originale e Gmelin ne léce un pasticcio ; onde, non 
volendo adottare la per me odiosa omonimia generica e spe- 
cifica, chiamando questa specie Petronia petronia (Linn.), si 
deve a mio parere, seguendo Jaubert, Barthelemy-Lapomme- 
raye e Fritsch, dargli il nome col quale l'ottimo Brisson sin 
dal 1760 l'aveva chiaramente designata, da lui scritto però 
silvestris. 

La Passera lagia è per l'Italia specie comune in località 
montuose, sparsa ovunque, sedentaria ed immigrante in- 
vernale. 

Recentemente (" Avicula, ,, VI, p. 104, 1902) il conte 
E. Arrigoni degli Oddi ha creduto di dover distinguere come 
ben marcata sottospecie la Passera lagia della Sardegna, e 
l'ha nominata Petronia petronia hellmayri, Arrig.; essa sarebbe 
caratterizzata per: " la mancanza assoluta della tinta fulviccia 
sulle parti superiori, che è rimpiazzata da una colorazione 
hruno-oUvastra poco accentuata^ pel dorso e per le strie sulla 
testa di un tono più nero, e per le dimensioni di poco minori. ,, 
Tale distinzione è accettata dall'Hartert ( Vogel d. palaarkt. 
Fauna, p. 146, Berlin^ 1904), il quale aggiunge la Corsica 
all' " habitat ,, di quella supposta forma. Io non ho esaminato 
esemplari corsi, ma ho potuto fare un accurato esame di 
esemplari sardi, su due dei quali l' Arrigoni basa la sua di- 
stinzione ; tre di questi che conservo nella Collezione italiana 
{Ucc. r\} 3966, 3966, 3967) due maschi ed una femmina adulti, 
uccisi a Villanova e Canaglies nell' Ogliastra il 28 e 6 giu- 
gno 1903, — confrontati con esemplari toscani, — sono più 
scuri, di un bruno terreo (non olivastro), sulle parti supe- 
riori, ove le macchie scure e chiare sono meno cospicue ; 
hanno sopracciglie e fascia chiara mediana sul vertice meno 
marcate, macchia gialla sul davanti del collo, pare, meno estesa, 
e parti inferiori un poco più scure ; non ho trovato nessuna 
differenza nelle dimensioni. Va poi notato che quei tre esem- 
plari erano nidificanti e con penne logore. 

Io ritengo però che né le differenze da me notate, né 
quelle su cui l' Arrigoni basa la sua diagnosi distintiva, siano 



— 32 — 

tali da giustificare la divisione proposta; onde non accetto per 
ora la sua sottospecie. In ogni modo sarebbe bene estendere 
il confronto su una serie assai più ricca di esemplari che non 
quelle che egli ed io avevamo a nostra disposizione. Una 
Petronia sylvestris, maschio adulto, ottobre 1880, da Palermo, 
(Coli. ital. Ucc. n. 2*246), non differisce affatto da quelle del 
continente italico. 

Del resto ben poco staccate da quella tipica, mi sembrano 
le altre forme recentemente distinte come sottospecie: P. pe- 
tronia madeirensis^ Eri. (isole Canarie e Madeira), y\ ^efroM/a 
barbara., Eri. (Tunisia, Algeria e Marocco), P. petronia exiguus 
(Hellm.) (Crimea, Caucaso, Armenia); non le ho però esaminate 
e le giudico soltanto dalle descrizioni date da Hartert. 

La P. sylvestris vive nella Europa centrale e meridio- 
nale e sarebbe rappresentata da forme più o meno affini nel 
restante della regione Eurasica. 



33. Fasser montanus, Linu. (ex Aldrov.) 
Passera mattugia. 

Passera mattugia. Fringuello campestre [Aut. Ital.) -=— 
Passra d'sàles, Ciricch, Miarina, Miarola {Pieni.) — Passerot 
de montagna [Aosta] — Passarot di sales o d'rasa pcita {Cu- 
neo) — Passarot muntagnin, Passuéta, Passaroto montagnin, 
Passuréta [Pass. Pieni.) — Zip (Novara) — Passar, Passerin, 
Passarott (Ossola) — Passarot muntagnin, Passarotto, Pas- 
suetta [Tortona., Novi) — Passaretta, Passara boscajeula, 
P. buseula, P. busarina, P. gabbareula [Lomb.) — Passeretta, 
Passarin gabareu, Baggin [Pav.) — Pasera [Berg.) — Passera 
biiserina [Prese.) — Passera busanna [Crem.) — Passara busa- 
rina [Mantova) — Passerina, Passera boscareula [Como) - — Pas- 
sara garaottina o grautina, Passara crautina [Veron.) — Passer 
(Vali.) — Celeghetta megiaròla [Ven.) — Sansiròt [Bell.) — 
Passare di ciamp [Friuli) — Passerella, Passera piccola, P. mon- 
tagnola (/v'orerei) — Zilega scémpia {Vahnqana) — Zelegato 



— 33 — 

{Tesino) — Passer picciol {Val di Non) — Passera fagòta {Mori) 

— Panega sseta {Sacile) — Passare minude {Cividale) — Se- 
lega megiarola, Megiarola, Seleghetta {Padova) — Panegas 
de montagna {Cadore) — Zeleghetta megiarola [Vicenza) — 
Zhiligheta [Feltre) — Orebac planinski {Dalm.) — Passuetta 
{Arenz.) — Passera montagnera {Nizza) — Passua monta- 
gnin-na {Gen.) — Passua teracina (Spez.) — Ciaciarello {Sarz.) 

— Mattngina {Tose.) — Passera mattugia, P. matterugia, 
P. migliarina, Mattngia, Mattugina {Pisa) — Passera strega 
{Fucecchio) — Passerucchia {Lucca) — Passera strega o sal- 
ciajola {Bient.) — Passera piccola, P. matusa, Matusa {Sen.) — 
Passera topaiola {Elba) — Salcina, Passera salcina ( Valdich.) 

— Passaren campagneu {Varzi) — Passra moungheina {Piac.) 

— Passra garganéla {Parm.) — Passra mata, P. salsèna {Mod.) 

— Zelega {Vergato) — Zèlga {Romag.) — Pasra d' camp, Pas- 
saròt, Passaraina {Boi.) — Passeraca, Passaréca {Ancona) — 
Passero bucajolo, Passaréca, Celiga, Séliga {Marche) — Passaru 
niccliiàriolu [Rieti) — Passerotto, Passerino { Viterbo) — Mat- 
tusino. Passerino, Passero mattusino, P. d'alberi, P. gentile, 
P. campagnolo {Roma) — Passar© canzirro, P. cunzirro, Pas- 
sarella i marina {Nap.) — Passero turchiesco {Bari) — Passaru 
sulitariu {Lecce) — Passera o Passaru di campagna {Sic.) — 
Gasfur o Asfur tal beit abiaad {Malt.). 

La Passera mattugia è comune e stazionaria in tutta 
Italia, ed anche immigrante nella stagione fredda ; in Sar- 
degna è però scarsa e sembra mancare alla Corsica ; conservo 
un maschio adulto preso a Decimomannu (Cagliari) il 29 ot- 
tobre 1896 (Coli. ital. Ucc. n. 3591) ; e ho avuto recente- 
mente (26^ V, 1905) due esemplari da Cagliari, un adulto 
maschio ed un nidiaceo appena impennato. Il prof. F. Mazza, 
il quale gentilmente me li mandò, scrive che questa specie 
pare essere in aumento nel mezzogiorno dell' isola. E soggetta 
a variazioni nelle tinte, oltre ai casi non infrequenti di isa- 
bellismo, albinismo e melanismo, ma per ora i cacciatori di 



— 34 — 

sottospecie in Europa l'hanno lasciata stare; hanno però fatto 
ampia messe tra le Passere mattugie esotiche. 

Il P. montanus colle sue sottospecie vive in quasi tutta 
la Regione Eurasica ed in quella Indo-Malaica. 



24. Fasser hispaniolensis (Temm.) 
Passera sarda. 

Cruculeus, Cruculèu, Curculeus, Bidisò, Furfuragiu. Fur- 
furinus, Gedda de palazzu [Sarei.) — Passaru sbirru, Passaru, 
Passereddu, Passara comuni (Sicil.) — Passarelli (Sirac.) — 
Passaru di canali (PaJizzi) — Passerieddu (Modica) — Pas- 
sim sbirru [Casfeìb. Mad.) — Passim [Terran. Sic.) — Pas- 
sero, Passeron [Carloforte, Sard.) — Asfar tal beit issud(J/(7Zf«.). 

In questa specie, abbondantissima e sedentaria in Sar- 
degna, nella Sicilia, a Malta e nelle isolette vicine, si nota 
una certa variabilità nel maschio, il quale, quando non vec- 
chio ed in abito invernale, può somigliare assai al Passer 
Italia'. Ritengo poi che nei punti in cui le aree di queste due 
specie si avvicinano, casi di ibridismo non sono infrequenti; 
tale a mio parere potrebbe essere la spiegazione degli indi- 
vidui intermediari nei caratteri che si trovano in Calabria 
e nella Sicilia ; ne ho uno da Palermo, maschio, 10 novem- 
bre 1877 (Coli. ital. ;,'cr. n. 2400), e ne ho veduti diversi 
raccolti a Messina dal dott. Pistone ed altri dal dott. De Fiore 
nella provincia di Catanzaro. Il citato esemplare da Palermo 
mi sta innanzi, e davvero, eccetto la mera indicazione delle 
strisce nere sui fianchi, esso non differisce da esemplari del 
P. Ifalice dello stesso sesso presi nella medesima stagione in 
Piemonte ed in Toscana, coi quali 1' ho confrontato. 

Eppure con un coraggio degno di miglior causa, Tschusi 
e Hartert hanno diviso il I\ hi.^paniolen.'ii.s del Temrainck in non 
meno di sei sottospecie, mantenute nel recentissimo trattato 
dell' Hartert (Vògel d. palaarkt. Fauna, p. 16(5, Berlin, 1904). 
Esse sono per 1' Italia : Passer hÌKpaniolensÌH liispaniolensis 



— 35 — 

(Temm.) Sardegna, P. hispanioìeìisis arrigonii, Tschusi, Sar- 
degna e Corsica ( ! ?), P. Mspaniolensis maltoe, Hart. Malta e 
Sicilia, P. hispaniolensis hrutius, De Fiore (1). Calabria e Ta- 
ranto. 

10 ho esaminato e confrontato moltissimi esemplari del 
P. hispaniolensis dalla Sardegna, dalla Sicilia e da Malta, 
isole che sono Vhabitat di questa specie nel paese nostro, tutte 
rappresentate nella ricca serie che conservo nella Collezione 
italiana, ma confesso che non ho saputo trovare tanto da 
poter costituire varietà locali, non dirò sottospecie; onde non 
posso accettare le distinzioni indicate sopra ; pur notando 
che, volendo seguire il criterio attualmente di moda, sarebbe 
più logico il considerare il P. hispaniolensis^ il P. Italim ed 
il P. domesticus quali sottospecie recentemente evolute da una 
sola e medesima specie, e non già dare per tali le variazioni 
individuali di una di esse ; si torna così al caos pre-linneano 
ed alle fantastiche creazioni del buon Pastor Brehm in epoca 
a noi più vicina. 

Aggiungo che il Passero che vive abbondante in Corsica 
è senza dubbio il P. Italiw, e rie ho esaminato centinaia ; ciò 
non impedisce che casualmente qualche individuo della specie 
presente possa attraversare lo Stretto di Bonifazio e passare 
dalla Sardegna nella Corsica ; io però non ne ho veduti. 

11 P. hispaniolensis vive, oltreché in Italia, nella Spagna, 
nella Grecia e nella Turchia, attraverso il nord dell' Africa, 



(1) Va ricordato che il De Fiore considerava questa forma, che 
ritengo possibilmente un ibridismo, mera varietà del P. Italice ; in- 
fatti la chiama P. Italice (Vieill.) var. hnitius (Fiore, Materiali per 
un' Avifauna Calabra. p. 28, 1890). Non ho qui gli esemplari sui quali 
il De Fiore fondò la sua varietà brutius, ma mentre scrivo stanno 
innanzi a me un Passer Italice maschio in abito nuziale preso a Ca- 
tanzaro 15 maggio 1885 (Coli. ital. Ucc. n. 2698), ed un'altro colto a 
Poggio a Cajano (Firenze) il 5 aprile 1885 (Coli. ital. Ucc. n. 2594) ; 
essi sono perfettamente simili, onde, anche come varietà, la forma 
" brutius ,, non ha, credo, ragione di essere ; questo non toglie però, 
come dissi, la possibilità di ibridismi. L' esemplare ora citato non mo- 
stra che una colorazione un poco più cupa sul dorso, e questo non 
basta certo per avvalorare l' ijjotesi di ibridismo. 



— 36 — 

incluse le isole Canarie orientali e quelle del Capo Verde, 
nell' Asia occidentale e centrale, giungendo nel nord del- 
l' India. 

35. Passer Italiae Vieill.) 
Passera. 

Passera nostrale, Passera capannaja, Passera reale (^liU. 
Ital.) — Passra, Passarot, Passra d' muraja, Passra tourela 
(Pieni.) — Passarott doumesti o d'rassa grossa {Cuneo) — 
Passarot, Passarin, Passera, Passua {Ba-'^s. Piem.) — Passarot 
colombera {Novara) — Passera, Passarot, Passarin [Tortona, 
Novi) — Passara, Passarin, Passaroun [Loiub.) — Passera de 
colombera, Colono bareu [Pavia) — Pasera merder [Berg.) — 
Passera grossa, P. de campanil, P. smerderà [Bresc.) — Pas- 
ser [}'alt.) — Passera, P. grossa [Creni.) — Passaron [Vo- 
ghera) — Passaren {Varzi) — Passra [Piac.) — Passra [Parm.) 

— Passara [Mani.) — Passra da cOp [Mod). — Passera co- 
mouna [Boi.) — Passra [lìav-^ Boi.) — Passara, Passarot 
[Romag.) — Zélega, Sélega, Célega, Sélega grossa, Selegato, 
Becacopi {Ven.) — Panegàss {Conegl., Belluno) — Zélega ma- 
terasso {Bass.) — Passera, Passeroto, Becacopi, Pasara (IVro??.) 

— Passare taliàne {Friuli) — Panegassa, Panegassot {Sacile) 

— Zélega grossa {Viceìiza) — Passer, Passera, Passera grossa, 
Zilega doppia, Zelegon {Treni.) — Zhelega {Cadore) — Zhi- 
liga, Zheléga, Zhiliga de razza granda, Zbiligót {Feltre) — 
Passara dal becc grues {Cividale) — Selegón, Seléga grossa, 
Panegassa {Padova) — Passera {Nizza) — Passua {Cen.) — 
Passua muina, Passua moliniia {Spezia) — Passera reale. Pas- 
sera grossa. Passera capannaja {Tose.) — Passera grossaia 
{Pisa, FucecchiOf Empoli) — Passera di tetto {Fiesole) — Pas- 
sera casolina, Passerotto [S. fiimignano) — Cardaino [Cor- 
sica) — Passerotto (/. di diglio) — Passaru [Rieti) — Pas- 
sera, Passero, Passero tettajolo {Roma) — Passariello, Pàs 
sero, Passaro, Passar© casarinolo {Nap.) — Passaru [Lecce) 



— 37 ~ 

— Passaru [Calabr.) — Passare {Bari) — Passereddu {Sicil.) 

— Passaru du Distrettu [Mess.]. 

Questa è specie italica per eccellenza, essendo il suo 
" habitat ,, limitato al nostro paese ; di rado sconfina dal lato 
del Tirolo e della Provenza ; ovunque abbonda ed è natural- 
mente sedentaria. E così per il Trentino sino al Brennero 
e per la Corsica, ma non per la Sardegna, la Sicilia, Malta 
e le isole adiacenti, ove, come abbiamo veduto la rimpiazza 
la affine specie precedente. Oltre a frequenti casi di isabel- 
lismo e di albinismo, il P. ItaJioe presenta non di rado varia- 
zioni individuali nella colorazione più o meno intensa, ma 
esse non caratterizzano mai razze localizzate. Gli esemplari 
dal Nizzardo vennero distinti, a torto, dal Tschusi col nome 
di Passer italice gaìlioi! (Cfr. Orn. Jahrb., 1903, p. 19). 



S6. Passer domesticus (Limi.) ex Ciesn. 
Passera oltremoxtaxa. 

Passera europea {Aut. Ital.) — ■ Passerot, Moineau (Aosta) 

— Pàssua [Bass. Pie.m.) — Passera, Passarot, Passarin [Tor- 
tona^ Novi) ■ — Passaron de Francia [Lomb.) — Passera fran- 
zesa {Como] — Passara forestiera {Veron.) — Zèlega piccola 
{Vicenza) — Cèlega [Ven.) — Passare, Passarot, Passarot (il 
maschio) [Friuli) — Panegas nostran {Cadore) — Celegato, 
Celega, Panegarol {Istria) — Orebac pokucar, Rebac {Dalm.) 

— Campagnol {Monfalcone) — Passera {Xizz.) — Passua de 
passaggio {Gen.). 

Vive sedentaria e fa comparsa nelle nostre provincie 
continentali limitrofe ; così nel Nizzardo e nella Liguria e 
Piemonte, nel Veneto orientale e nell' Istria ; e nella città di 
Nizza, Udine, Gorizia e Trieste lio veduto mescolati insieme 
questa e la P. Italice, osservazione facile nella primavera e 
nell'estate sui maschi adulti, i quali allora si distinguono 



- 38 — 

benissimo, le femmine essendo invece sempre molto simili. 
Questo spiega i casi non infrequenti in quelle località di ibri- 
dismi tra le due specie; nella Coli. ital. {Ucc. n. 3301) con- 
servo un bellissimo esemplare di tale ibridismo, colto a Udine 
nell'aprile 1887 ; è un maschio adulto in abito nuziale, dono 
dell'amico G. Vallon. 

Il P. domesticus colle sue sottospecie, buone o cattive 
che siano, vive in tutta Europa media e settentrionale e nel- 
l'Africa, giungendo entro il tropico; ed in buona parte della 
Regione Indo-Malaica. 



ST". Coccotliraustes vulgaris, Pali, (ex Willugh.j 

Frosone. 

Frosone, Frusone (Auf. Ital.) — Frisonn, Frousoun, Dur 
bech, Bech dur [l'iem.) — Fruson, Sfrison, Frixioun [Bass, 
Pierri.) — Cassalinsole {Stisa) — Frisoun, Sfrisoun, Sfrison 
{Lomb.) — Frison (Pav.) — Frizù, Sfrizù {Brescia) — Frisù 
{Berg.) — Sfrison [Crem. JlTanf.) — Frisòn (Varzi, Tortona, 
Novi, Parma) — Frison, Bec dur, Teston, Bec gross {^[od.) 

— Fruson {Correggio) — Farson, Sfrison {Boi.) — Frison 
{Vergato) — Bec gros, Farsòn, {Romag.) — Bèc gros {Rav.) 
Frison {Ven.) — Frisott {Friuli) — Sfrison [Bell.) — Sfrisott 
{Cividale) — Beccogro.sso {Rovigo) — Sfrison ( Veneto) — Sfrison. 
{Istria) — Dracokljun {Daini.) — Sfrisóm {Rovereto) — Sfrison, 
Frison {Trentino) — Frison {Riva) — Frisò, Frisù (T'aZ di Ledro) 

— Pessanous, Pessa-nos {Nizza) — Schir [Altare) — Frixiun 
{(ìeìì.) — Scosson, Scossa-nuci {Spezia) — Frusone (jTo.s'c.) — 
Fregione [Lucca) — Nociotto {Garfagnana) — Pizzigone {Cor- 
sica) — Frosone, Frusone, Frocione, Frogione, Frigione {Roma) 

— Pacca-osso {Umbria., Marche) — Paccalosso {Ancona) — 
Frocione {Viterbo, Rieti) — Frusone, Frusolone, Frosolòne 
{Nap.) — Fringiddone, Fringieddone {Bari) — Spezzafer, Piezz 
gruess, Frangiddastr, Spezza-fierr, Fringiddastra {Puglie) — 



— 39 — 

Frasnne, Frusóne [Lecce] — Pizzurossa [Rossano, Cosenza) — 
Spinso imperiale, Frisuni, Pizzicafirru [Calabr.) — Scaccia 
mennuli, Bec-dur [Sicilia) — Spunzuni imperiali [Messina) — 
Tistimi [Lentini) — Scaccia miennnli [Modica) — Becciigrossu 
[Terrari. Sicil.) — Re de l'ali pinti, Sciaccia-mendole, Pizzu- 
grossu, Biccu-grossu (Sard.) — Frisciòn [Carloforte Sai'd.) — 
Asfur o Ghasfar tal zebbugg [Malt.). 

Generalmente uccello invernale nell'Italia, ma anche ni- 
dificante e sedentario nelle nostre provincie settentrionali e 
centrali, non però in abbondanza. 

Forme affini, ma distinte, come semplici sottospecie, rap- 
presentano il nostro Frosone nell'Asia orientale e centrale e 
nell'Africa settentrionale. Oggi la forma tipica, che è la nostra, 
figura col nome di Coccotliraustes coccothraustes coccothraustes! 

28. Ligurinus Chloris (Linn.) fex Gesn.) 
Verdone. 

Verdone, Verdello, Calenzuolo {Aut. Ital.) — Verdoun 
[Piem.) — Verdòn, Gialdòn [Bass. Piem.) — Verdoun, Ver- 
don, Verdér, Amorot, Amarot, Lamarot [Lomh.) — Verdon 
[Vali.) — Amarót, Verdér [Bresc.) — Amarott [Crem.) — 
Verdér [Mani.) — Vardon [Piac.) — Verdón [Varzi, Tortona, 
Novi, Parm.) — Verdér, Verdon [Mod. Boi.) — ■ Cavrinzòl, 
Vardón [Boi.) — Anton {Romg.) — Anton [Ravenna) — 
Verdon, Zaranto. Ceranto, Saranto, Teranzo, Schiaranto, Gaz- 
ziero. Schiarante, Scerante [Ven.) — Gazziero [Poles.) — Se- 
menzarul, Cirant [Friuli) — Cerànt [Bell.) — Zherant, Ferant 
[Cadore) — Zharant [Feltré) — Scerante [Rovigo) — Ceranto, 
Zeranto, Zenestro [Istria) — Zelendur, Vrdun [Daini.) — 
Tarànz [Roveret. Riva, Stenico) — Tarànt [Trento, Val di 
Non, Val di Sole) — Svarzelon [Valsugana) — Taranto [Ca- 
valese) — Teranz, Squaiarol, Teragna zala, Pizzacànef {Val 



— 40 — 

di Ledro) — Verdoun (Nizz.) — Verdun (Gen.) — Calenzuolo, 
Calenzolo (Casentino, Fior.) — Verdello (^'«^) — Carenzuolo, 
Calenzolo [Pisa] — Carenzolo (Fticecchio) — Verdone ( la/ <?/ 
Chiana) — Verdone (7. di Ciglio) — Verdone [Lucca, Pisa, 
Corsica, Roma) — Frosone [Marche) — Lucro [Perugia) — 
Erdone [Eieti) — Sciurolo [Xap.) — Chirolo ( 1 'dolano Aneli.) 

— Mairino [Bari) — Vitaruolo [Campobasso) — Cardillo selva- 
tico, Verdulino (Jelsi) — Erdóne [Lecce) — Virdune, Virduni, 
Verdone [Calabr.) — A'irduni, Viridduni, Viridaceola [Sicil.) 

— Verdarolu, Birdaloru, Papalinu, Verde d' oro, Canarin 
areste, Vardorolu (Sard.) — Verdòn (Carlo forte Sard.) — 
Verdun {3Ialt.). 

Comune, niditicante e sedentario in Italia ovunque, e an- 
che immigrante e svernante. Lo vediamo figurare in opere 
recentissime come Chloris chloris chloris ! I Verdoni più co- 
loriti della Francia meridionale, della Spagna (e Portogallo), 
e dell'Africa settentrionale, sono stati subspecificamente sepa- 
rati col nome di L. chloris aurantiiventris^ Cab. forma che si 
trova casualmente da noi rappresentata in individui vecchi 
del tipo comune, onde non credo di doverla distinguere da 
questa, neanche come una sottospecie; conservo nella Coli. ital. 
(Ucc. n. 3484) un maschio adulto preso a Migliarino [Fisa.) 
il lo giugno 1894, che non saprei distinguere dai più tipici 
L. chloris aurantiiventris dalla Tunisia. I Verdoni orientali e 
cioè della Palestina e della Siria sono pure stati distinti col 
nome di L. chloris chiorotica Bp. non so però se con ragione, 
non avendone esaminati. 



— 41 — 

S9. Chloroptila ^'^ Citrinella < Linn.) (ex Gesn.) 
Venturone. 

Venturone, Citrinella, Fringuello citrinello (Aut. Ital.) — 
Canarin d'mountagna, Canarin d'Savoja (Piem.) — Canarin 
d'mountagna {Cuneo) — Canarin de Malenc (ì^alf.) — Ver- 
doliu, Canelin de montagna (Lornh.) — Sgarzolin verd, Ca- 
nalin aed montagna {Pav.) — Canarin de montagna, Legorin 
de montagna [Como] — Verdarì, Verdér, SverzeVi {Br esc.) — 
Zedronel, Serin (T'erojz.) — Verdolise, Cedronel, Searin [Yen.) 
— Sfredelin [Bell.) — Zitronel, Zedronél [Roveret.) — Zitro- 
nello iValsugana) — Lugherót {Val di Ledro) — Fradelin 
(Cadore) — Tarin, Serin (Xizz.) — Lugao córso {Savona) — 
Lugain corso {Gen.). 

Questa bella specie propria dell'Europa centrale, sembra 
avere il suo limite meridionale lungo le nostre Alpi, ove 
sebbene non abbondante nidifica ed è sedentaria ; giunge poi 
ad intervalli non regolari nell'autunno, immigrante d'Oltr'Alpe 
nell'Alta Italia e ben di rado più al S. ; l'Azzolini ne ebbe 
uno nel piano di Firenze il 20 X. 1904. Gli ho avuti nidi- 
ficanti da Domodossola e da Prè St. Didier (Aosta) ; nel 
Trentino non pare che nidifichi, ma fa comparse irregolari 
nell'autunno. In Italia la C. Citrinella è però stata sino a 
questi ultimi tempi confusa colla affine, ma distinta, specie 
seguente, onde 1' essere suo, da noi, ha bisogno di ulteriori 
studi ; a tale proposito debbo notare che si trovano sul con- 
tinente italico individui con caratteri alquanto intermediari 
tra le due forme; fatto che potrebbe trovare la sua spiega- 



li; Hartert ( Vog. d. palàarkt, Fauna pp. 65-82) riunisce sotto i] 
termine generico Acanthis (dato iu origine da Bechstein all'^. Lina- 
ria], le specie dei generi : Carduelis, Chrysomitris Cannabina, j^Egio- 
tlius e Chloroptila ; io amo più mantenerli separati, malgrado la re- 
cente sos'^tituzione che il Hartert fa del termina generico di Carduelis 
a quello di Acanthis. 



— 42 — 

zione in ibridismi eventuali, ma che può anche essere indizio 
della presenza della C. corsicana nel nostro continente. Sono 
in questo caso, nella bella serie di Venturoni che conservo 
nella Collezione italiana, un maschio adulto dicembre 1881 
da Torino ( Ucc. 2083) e un maschio ed una femmina novem 
bre 1875 {Ucc. n.' 474, 1297) da Villafranca (Nizza). 

30. Chloroptila corsicana (Konig) 
\'enturone córso. 

Venturone meridionale (Aiif. Ifal.) — ? Tarin, Serin 
(Nizz.) — ? Lugao còrso {Savona) — ? Lugain corso (^yen.) 
— Lueru (Corsica) — Canariu, Canariu de monti, Canarieddu 
de monti {Sardegna). 

Questa specie vive sedentaria e nidificante sui monti nella 
Corsica e nella Sardegna ; è più abbondante nella prima di 
queste isole. Neil' autunno diventa erratica, e non soltanto 
scende al piano, ma compie, pare, parziali migrazioni, limi- 
tate normalmente alle isole suddette. 

La C. corsicana si distingue dalla C. Citrinella per le di- 
mensioni alquanto minori (1' ala misura 74 mm. invece di 
78 mm.), per avere il dorso bruno, il groppone meno citrino, 
fronte, gote, mento e regione circumoculare di un giallo piii 
puro e più esteso. Conservo nella Collezione italiana esem- 
plari tipici di questa specie dalle due isole indicate. Ho men- 
zionato sopra gli esemplari con caratteri intermediari avuti 
dalla regione delle Alpi marittime, ed aggiungo soltanto che 
in essi prevalgono però sempre i tratti della C. Citrinella. 

31. Clirysoinitris spinus (Limi.) (ex Aldrov.) 

LUCARINO. 

Lucarino, Lecora, Lugarino, Lugaro {Aut. Ifal.) — Lu- 
garin, Tarin, Verdin, Virafeuie {Pieni.) — Lucarin, Lugaén 
{Bass. Piem.) — Vigorin (Vere.) — Rigolin, Rigorin (Ossola) 



— 43 — 

— Legurin, Ligorin, Lucherin, Lugarin, Loegarì, Lugari, 
Lugorin (Lomh.) — Legurin {VciU.) — Logherì, Lùgheri 
(Bresc.) — Logheii (Berg.) — Lugaren (Crem.) — Lugarèn 
[Varzi) — Ligorein [Piac.) — Logarèn [Parma) — Lugarèn 
[Mod.) — Lugarein [Boi.) — Lugarèn [Rav.) — Lugarin, 
Lùgaro [Ven.) — Lùjar [Friuli) — Lugro, Lugrin, Lugrèfc 
[Bell.) — Lugherin, Lugher [Cadore) — Lugherin [Feltré) 

— Lujer [Cividalé) — Lugarin (Istria) — Zelencica [Daìm.) 

— Lugherin [Rovereto) — Lugherin [Trentino) — Dugarin 
[Tesino) — Lughierin [Val di Non) — Lugherl [Val di Le- 
dro) — Lieucre [Xizz.) — Lugain, Lug&o (Gen.) — Liigain 
[Spezia) — Lucherino [Pisa) — Lucherino {Casentino) — 
Lucarino [Tose.) — Lucarino, Lugorin (Marcile) — Organettu 
[Rieti) — Lecora, Lugarino [Roma) — Ecora, Lecora, Rie- 
cola, Lécura [Nap.) — Zairo {Bari) — ? Fanieddu giallu 
[Lecce) — Luvaro [Reggio, Cai.) — Lecuru [Sicil.) — Lucaru. 
Licaru [Mess. Cat.) — Licuru [Mess.) — Ganarin de monti, 
Cardilina groga {Sard.) — Lugao [Carloforte, Sardegna) — 
Ecora [Malt.). 

Il Lucarino è scarsamente sedentario e nidificante in 
Italia, è però specialmente specie invernale per noi, ma non 
giunge regolarmente e nella medesima abbondanza ogni anno. 
È uccello largamente sparso nella Regione Eurasica. 

33. Carduelis elegans, Steph. 
Cardellino. 

Cardello. Cardellino [Aut. Ital.) — Cardlin, Carlin [Pieni.) 

— Cardelin, Chardonneret [Aosta) — Cardanin, Sganzlin, 
Carzlin, Cardèn-na, Ciardoulina [Bass. Piem.) — Ciardolinna 
[Cuneo) — Ravain [Vere.) — Lavarin [Valt.) — Cardelin, 
Cardarin, Gardelin, Gardili, Ravarin, Raarì [Lomh.) — G-ar- 
dili, Raarl [Bresc.) — Raarì [Berg.) — Lavarin [Valt.) — 



— 44 — 

Ravarin d'ia Regina (Pav.) — Lavareu (Crenioìi.) — Ravarèu 
{Vogh.) — Sganzlen {Varzi) — Cardai n. Sganzlin, Cardènna 
{Tortona, Novi) — Cavasterlein {Piac.) — Scalzaren (Parm.) 

— Gardlt'n, Scalzaren (^fod.) — Gardlein {Boi.) — Gardlin 
(]'ergato) — Gardlen {Pav.) — Gardlin, Cardlén {Roing.) — 
Gardelin, Gardelo {Ven.) — Gardel {Frinii, Istria) — Òesljugar 
{Daini.) — Gardelin {Roveret.) — Gardelin [Treni.) — Ghiar- 
delin {Val di Xon) — Gardelì {Val di Ledro) — Cardouniera 
{Nizz.) — Cardainhà {Arenzano) — Cardain-na {Gen.} — Car- 
dain {Spezia) — Cardellino, Carderino, Carderngio, Cardello, 
Calderugio, Caporosso {Tose.) — Calderino, Calderugio {Lucca) 

— Calderino {Valdicli.) — Cardellina {Corsica) — Cardarello 
{Marche) — Cardella {Rieti) — Cardello, Cardellino {Roma) — 
Cardèllo {Nap.) — Cardillo, Cardilicchio, Capebianc, giov. 
{Bari) — Cardillo {Otranto) — Candiddu {Rossano, Cosenza) 

— Cardello, Cardillu, Cardijuzzu, Ramaci, il giov. {Calahr.) — 
Cardiddu, Cardillu, Cardujacaluni (Sicil.) — Cardillinu ( Ter- 
ran. Sicil.) — Cardilina, Cardanera, Caldiddiu [Sard.) — 
Cardaina {Carloforte, Sard.) — Gardell, Gardil {Malt.). 

Stazionario ovunque, nidificante e comunissimo in Italia; 
in qualche distretto dell'Alta Italia par essere piuttosto spe- 
cie estiva, secondo alcuni osservatori, ma ciò merita conferma. 
Nell'autunno fòrti colonne immigranti ci giungono d'Oltr'Alpe 
e molti rimangono a svernare in Italia, emigrando col giun- 
gere della primavera. Da lungo tempo i nostri tenditori so- 
gliono distinguere gli immigranti dagli esemplari nostrali, 
asserendo che i primi sono più grossi e più robusti e ciò 
specialmente pei maschi ; anzi in Toscana i tenditori chia- 
mano questi " Cardellini lombardi ,, (viaggiano separati dalle 
femmine); nel Senese questi Cardellini immigranti, più grandi 
e, dicesi, più coloriti (va notato che sono maschi), si distin- 
guono come " Cardellini montanari ; ,, giungono a metà ot- 
tobre. Furono soltanto i miei collaboratoì-i toscani nella in- 
chiesta ornitologica i quali rilevarono in modo speciale questa 
differenza tra i Cardellini immigranti e quelli sedentari ; ma 



— 45 — 

ebbi verbalmente simile asserzione da altre parti d'Italia. Per 
la Sardegna il signor Pietro Bonomi osserva che questa spe- 
cie presenta interessanti variazioni individuali nelle dimen- 
sioni e nella intensità dei colori. 

Ho detto tutto ciò perchè recentemente gli " splitters ,, 
hanno lavorato con vero entusiasmo alla divisione della spe- 
cie sotto esame, ed oggi vediamo il C. elegans sezionato in 
almeno tre sottospecie europee, due africane e due asiatiche ; 
ritengo specie ben distinta la C. caniceps, Vig. dell'Asia. Sol- 
tanto le prime hanno un' interesse speciale per noi, esse sono : 
il CardueUs cardiieìis carduelis (Linn.), che sarebbe la forma 
tipica, distribuita nell' Europa continentale dal 65° Lat. N. 
al Mediterraneo; il Carduelis carduelis britannicus, Hart. con- 
finato alle isole Britanniche ; e il Carduelis carduelis Tschusii, 
Arrig. limitato alle isole di Corsica e di Sardegna ; i due 
ultimi non mancano, a giudicare dalle diagnosi differenziali, 
di avere caratteri in comune. (Cfr. Hartert, Vogel d. pald- 
arkt. Fauna, p. 67, Berlin, 1904). Ora, sebbene io riconosca 
che vi sono forti indizi per ammettere la esistenza almeno 
di razze, le quali forse col tempo si potranno scindere in 
forme veramente distinte, allo stato attuale ciò non mi pare 
dimostrato, e nemmeno la localizzazione delle forme reputate 
separabili, la quale potrebbe dare maggiore valore ai carat- 
teri triviali di diversità che si sono voluti sottolineare. Li- 
mitandomi all' Italia, rammenterò : che già i non scienziati 
distinguevano due razze di Cardellino ; che pel primo l'Arri- 
goni volle dare l'exequator ornitologico ad una di esse creando 
la sottospecie Carduelis carduelis Tschusii (Cfr. " Avicula, ,, 
VI, p. 104, Sieìia, 1902), fondata da lui su due esemplari 
sardi ed estesa poi, credo da Hartert, ai Cardellini della 
Corsica ; che Arrigoni nel separare il Cardellino sardo da 
quello del continente italico, aggiunge, che non solo questo 
è diverso dal primo, ma differisce pure dai Cardellini del 
resto di Europa in modo da meritare di esserne distinto come 
sottospecie. 

Ho voluto studiare il caso, naturalmente interessante per 
me, con un confronto abbastanza minuzioso di un'ampio ma- 



— 46 — 

teriale, comprendente esemplari dei due sessi, di varia età e 
colti in epoche diverse sul nostro continente, in Corsica e 
nella Sardegna. Ed ho dovuto constatare che i caratteri dati 
dalTArrigoni come distintivi del suo C. carduelis Tschiisii (1) 
hanno appena valore individuale e non sono certamente li- 
mitati ai Cardellini presi in Sardegna, incontrandosi anzi 
spesso su individui nostrali continentali. Ho notato che tra 
questi ultimi vi sono dei maschi adulti presi nell' autunno 
(presumibilmente immigranti) i quali hanno dimensioni al- 
quanto maggiori di altri che sarebbero stazionari ; ma invero 
la differenza non è grande ; così, per citare una sola dimen- 
sione, dirò che l'ala nei maschi adulti varia in lunghezza tra 
80 e 76 mm, ; ed ho misurato un esemplare colto nel Sassa- 
rese nel giugno in cui le ali misurano il massimo trovato su 
esemplari continentali, cioè 80 mm. 

In conclusione, pur constatando nella Carduelis elegans 
d'Italia una tendenza a variazioni nelle dimensioni e nel tono 
dei colori del piumaggio, tendenza che non è davvero limi- 
tata al Cardellino, ma che si vede in tante altre specie, 
notando come i caratteri ritenuti differenziali pei Cardellini 
sardi si riscontrano anche su individui del nostro continente 
e viceversa ; — non eredo poter seguire coloro i quali smem- 
brano il nostro ( '. elegaìis', e non accetto come distinto il C. 
e. Tschwiii ; almeno coi dati che attualmente possediamo. 

Non escludo però il caso che la forma tipica del C. ele- 
gans possa essere semplicemente invernale da noi ; mentre il 
nostro Cardellino indigeno e sedentario possa essere in via 
di costituire una sottospecie distinta. Ma, ripeto, a me pare 
prematura ora una tale distinzione, non essendovi tratti diffe- 
renziali costanti. Va poi ricordato che noi in Italia, sulla linea 
delle grandi migrazioni, con tal coppia di ospiti invernali che 
ci giungono d' (Jltr'Alpe, ci troviamo spesso nella quasi im- 



(1) I distintivi (lati clall'Arrigoiii \w\ suo Carduelis canìiKlis 
Tschusii, sono : Rossocreniirsino molto più cupo, donso distinta mente 
lavato di olivastro, dimensioni minori ; ala 78 mm. 



— 47 — 

possibilità di sapere distinguere individui indigeni da indivi- 
dui forestieri. 

Oltre alla suaccennata tendenza a variare, il Cardellino 
ci offi'e il caso non infrequente di ibridismo con specie affini, 
beninteso allo stato naturale in libertà ; nella Collezione 
italiana conservo un Carduelis elegansy^Chrysomitris Spinus 
{Ucc. n. 1362) ed un C. elegansxLigurinus Chloris {Ucc. n. 1111). 

Il C. elegans vive in Europa al sud del 65° Lat. N. e 
nel nord dell' Africa, penetrando nella zona corrispondente 
dell' Asia occidentale. 



33. Serinus hortulanus, Ivoch. 
Verzellino. 

Verzellino, Verdolino, Raperino, Scrino d'Italia (J[?<f. /teZ.) 

— Snis iPiem.) — Serin, Sirin, Saien [Bass. Pieni.) — Zver- 
zelin {Vere.) — Serin {Tortona-Noci} — Verzelin, Sgarzerin, 
(Lomb.) — Sgarzolin {Pav.) — Sverzerin, Verdarì, Sgarzolin 
(Como) — Sverzerin, Verzerin [Valt.) — Verdarì {Bresc.) — 
Sverzeri {Berg.) — Sgarzerin, Verdosin {Milano) — Verdulén 
{Crem.) — Vidarèn, {Piac.) — Vidarèn [Parma) — A^idarèn, 
Verzarèn, Raparèn {Mod.) — Verzarein, Varzlein, Verzlen (Boi.) 

— Verzlin [Ronig.) — Varzlèn (Raven.) — Sverzarin (Veron. 
Mantov.ì — Verdarin, Verdarì Verzelin, Sgarzolin, Sverzolin, 
Frisorin Frigorin, Verdolin, Sfrisarin, Frisarin (Ven.) — Tre- 
mentin ( Vicenza) — Fraselin (Feltre) — Sfrisarin {Rovigo) — 
Verzelin {FriiiU} — Sfredelin [Bell.) — Sfrigolin {Istria) — 
A^rzelin {Dalm.) — Verzelin, Sverzelin, Sgarzerin {Trent.) — 
Serin [Nizza.) — Siaen {Gen.) — Rapalin {Spezia) — Sver- 
zellino {Fucecchio) — Raperino, Raperugiolo {Pisa, Fior.) 

— Crespolino, Raperino {Seìi.) — Crespolino, Raperino {Val- 
dich.) — Verzellino {Lucca) — Siverino [Corsica) — Sverzolin, 
Verzellin {Marche) — Verdolino, Verzolino ( Umbria) — Var- 
zlèn {Cesena, Forlì) — Verzellino {Ancona, Roma,) — Raparilla 



— 48 — 

[Rieti) — Cardino, Vitaruolo (Jelsi) — Cardolella, Zevardiello 
{Xap.) — Cardillo selvaggio (Campobasso) — Lapariedd (Bari) 

— Rapparello, Virdejnzzu {Calahìw — ? Cardùla [Gaìlipoìi) 

— Rappareddu, Rapparedduni {Sicil.) — Canaria de monti, 
Canariu areste, Canariu birdu (Sard.) — Verdolin {Carlo- 
forte Sarei.) — Apparel (Malt.). 

Sparso in tutta Italia, sedentario nelle provincie centrali 
e meridionali nonché nelle isole ; estivo più specialmente nel- 
l'alta Italia; abbondante nell' inverno per immigrazione nelle 
nostre provincie di mezzogiorno. Il moderno nome elegantis- 
simo per questa specie, secondo Hartert, sarebbe Serinus cana- 
ria seHnus (L.), non comprendo il perchè del secondo nome. 
Questa specie vive in tutta l'Europa centrale e meridionale, 
nel nord dell'Africa e nell'Asia Minore. 



34. Serinus Canaria (Limi.) (ex Gesn.) 
Canario. 

Canario, Passero di Canaria [Atit. Itah) 

Non ho nulla da aggiungere né da togliere a quanto già 
scrissi intorno alla eventuale comparsa di questa specie in Ita- 
lia. È detta dagli innovatori, per amore della trinomia e non 
pare per altre ragioni, Serinus canaria canaria (L.). 

Vive nelle isole Canarie, a Madera e nelle Azzorre. 



35. Cannabina Linota i J. F. Gmel.) 
Montanello. 

Fanello, Montanello, Montanello maggiore Aiit. Ital.) — 
Linot, Fannet, Giajet [Piem.) — Fanel, Fanett {Cuneoì — Mon- 
ten. Brune), Cini (Xov.) — Fnnett {Varzi.) — Fanell, Fanett, 
Finett. (Lonih.) — Ocanell {Berg.) — Fanel (Bresc.) — Finell, 



— 49 — 

Finett ( Valt.) — Fanell iCrem., Pine, Mant.\ — Fanell {Parm.) 

— Fanel, Fanell, Faganel (Mod. Boi. Rav.) — Faganélo ( l ew.) 

— Fainel {Veron.) — Fagnélo, Montanéla [Padova) — Fa- 
ganell [Friuli) — Faganél [Bell.) — Faganel nostran [Cadore) 

— Faganello [Istria) — Prosorica, Faganel [Dalrn.) — Fadanel 
[Koveret., Rica) — Fadanello [Treni.., Valsugana) — Faganél 
[Cavalese) — Lignota [Nizz.) — Fanetto (Gen.) — Fanetto 
[Voltag.) — Faneto [Spezia) — Faringuello (7. del Giglio) — 
Fanello, Montanello [Fior.) — Montanello [Pisa) — Fanetto 
[Corsica) — Gricciolo (Seìi.) — Fanellu [Rieti) ■ — Fanello 
[Marche^ Roma) — Zenzella [Xap.) — 'Ngannaparùlo (Bari) — 
Faniellu russa [Otranto) — Minuócciulu (Calao.) — Fanieddo 
[Taraìito) — Zuinu, Zuinu di rocca, Zuinu roccaloru, Zuinn 
marzeddu (Sic.) — Minutulu veru (Cat.) — Bastarduni (Castelb. 
Mad.) — Ziinu, Ziinu d'erba janca, femm. e giov. l Messina) 

— Fanellu, Zuvinu, Chiochiò [Terranova Sicil.) — Zino [Pai.) 

— Fanellu, Passericu, Passarellu, Passareddu (Sard.) — Fa- 
netto [Carloforte Sard.) — Goyin, Goyin tal warda [Malt.). 

Sparso ovunque in Italia, stazionario e nidificante ai 
monti; assai più abbondante però dall'ottobre al marzo, 
quando a quelli sedentari da noi, si uniscono branchi d' im- 
migranti dal Nord, i quali svernano nelle nostre provincie 
centrali e meridionali; abbondante pure alle due epoche del 
passo. 

È specie che varia alquanto individualmente nelle dimen- 
sioni e più ancora nel tono del rosso che tinge la fronte ed 
il petto nei maschi adulti ; ma, ripeto, sono a mio vedere 
mere variazioni individuali, le quali, credo, non giustifichino 
affatto la costituzione di una sottospecie distinta per individui 
ritenuti esclusivi alle sponde settentrionali del Mediterraneo e 
perciò dell'Italia peninsulare, e, suppongo, delle isole adiacenti. 
Tale presunta forma distinta è la Acanthis cannàbina medi- 
terranea, Tschusi [Orn. Jahrh. 1903, p. 139.), che io non so 
accettare. Il Hartert [Vògel der palaarkt. Fauna, p. 75) non 



— 50 — 

solo accoglie la separazione proposta da Tschusi, ma lo se- 
gue nel ritenere distinto dalla Acanthis cannahina cannahina 
(L.) il Montanello che vive nelle isole Atlantiche, nel Ma- 
rocco, nell'Algeria ^ Tunisia e potrebbe anche capitare in 
Italia ; esso sarebbe, pare, più piccolo e da ciò il nome dato- 
gli di Acanthis cannahina nana (Tschusi). 

Noi in Italia siamo, in riguardo alla distinzione di 
razze o sottospecie che siano, di uccelli per noi sedentari 
ed anche immigranti, in condizioni eccezionalmente difficili; 
è così pei Montanelli, e non sempre si possono accogliere le 
asserzioni dei tenditori. Cercai notizie in proposito dall'Ita- 
lia settentrionale e, mercè la cortesia del dott. E. Azzolini, 
ho saputo che nel Trentino i tenditori distinguono appunto 
tre razze della C. Linota. La prima è quella nidificante ivi, 
detta (-engiarol: è piccola, il maschio in primavera presenta 
il petto per intero e la fronte di un rosso carmino, dorso mar- 
rone uniforme ; nidifica ai monti in luoghi aridi in piccoli e 
grossi branchi ; alla fine di agosto ed in settembre apparisce 
ai poggi ed al piano a branchetti (nidiate) e non si lascia fa- 
cilmente prendere colle reti ; ai primi di ottobre è già scom- 
parsa. I Montanelli della seconda razza, che diconsi " di S. Te- 
resa, ,, compaiono appena scomparsi i sedentari, cioè verso 
la metà di ottobre e il loro passo dura una ventina di giorni ; 
ripassano nella seconda metà di aprile e se ne prendono mi. 
gliaia alle tese: sono alquanto più grossi dei primi ed i maschi 
in primavera hanno il carmino sul petto diviso in due grosse 
macchie chiare vivissime che spiccano su un fondo quasi 
bianco; dorso marrone-cannella. I Montanelli della terza razza 
sono detti " moretti ,, e passano in branchi fitti alla fine di ot- 
tobre e di novembre; molti svernano a Rovereto ed anche in To- 
scana: sono piccoli ed il loro abito primaverile (mast'hi)consta 
di un rosso carmino scuro poco appariscente, che tinge le estre- 
mità delle penne del petto le quali non sono a fondo biancheg- 
giante; il rosso è cupo e poco appariscente anche sulla fronte. 

La C. Linota vive in tutta Europa al sud del ('A° Lat. N., 
e nel nord dell'Africa; nell'Asia occidentale e centrale la rap- 
presenta l'affine C. fringillirostris (Bp. e Schleg.). 



— 51 



36. Cannabina flavirostris (Liun.j 

Montanello forestiero. 

Fanello nordico, Fringuello de' monti, Montanello Riska, 
Fanello Riska (Aut. Ital.) — ? Fanet de la Regina (P«y.) — 
Faganèlo foresto (T ew.) — Monta, Montanél forestier (Bresc.) 
— ? Fadanel marin {Roveret.) — Lugherin della Svegia (Ren- 
derla} — Fanetto de montagna (Gen.). 

Assai raro e di accidentale comparsa in Italia; vanno ac- 
colte con tutta riserva le asserzioni di catture e più ancora 
quelle di avvenuta nidificazione da noi. Per conto mio debbo 
dichiarare che non ho mai avuto un esemplare in carne e che 
questa specie è rappresentata nella Collezione italiana da tre 
soli esemplari di autentica cattura in Italia: due nel Geno- 
vesato uno nel Trentino ; 1' ultimo che ebbi è una femmina 
uccisa nei dintorni di Genova nell'ottobre 1873 ( Ucc. n. 2030). 
Il cav. Enrico Piccone di Albissola, Genova, trovò un maschio 
in una gabbionata di uccelletti vivi ; era stato preso nelle vigne 
di Leggino il 20 novembre 1887, dopo lieve nevicata. Seppi 
poi di un esemplare preso a Rovereto il 2 ottobre 1891. 

Due sottospecie asiatiche sono state distinte dalla forma 
tipica, il cui habitat sarebbe: le isole Britanniche e la Nor- 
vegia, ove nidifica in aree limitate ; altrove in Europa è spe- 
cie erratica. 



— -,0 



37*. ^Egiothus Linaria^NLinu.) (ex. Gesn.) 

OlKJANETTO. 

Siserino, Organetto (Aut. Ital.) — Tarin, Tarin d'mar 
(Piem.) — Organett, Cardinalin, Fanell de montagna, Fanell 
de la Regina, Fauilì, Fanili d'inverno, Fazareula, Prussiani, 
Cardinalin cécé [Loinh.) — Fanett de la Regina {Fav.) — Car- 
dinali (Berg.) — Capitanin, Fanellin de montagna, Finett ba- 
stard (Como) — Cardinalin (Vali.) — Fanet (Bresc). — Fanell 
de la Regina (Cremo)).) — Organin {Vicenza) — Fanel piccolo, 
Fainel montin {Ver.) — Frizarin, Sfrizari)i, Faganèlo montan, 
Fainel montin, Organin mondonovo, Cardinalin {Ven.) — Sver- 
zai (Friuli) — Congolin, Conghlit (Cadore) — Cécé, Lugarino 
tedesco, Ceree, Lugrin todesch (Bell.) — Lugherin todesco (Fel- 
tì'e) — Faganèlo foresto iP adona) — Re dei Faganelli (htì'ia) 

— Fadanel marin gros (Roveret.) — Lugherin todesch Tode- 
schél (Treììto, Riva) — Lugarin todesco (Valsugana) — Lu- 
gherin bastard (Cavalese) — Fanell a' la Regenna (Partii.) — 
Fanel furaster (Mod.) — Tarin (Xizz.) — Fanetto corso (Gtn.) 

— ? Cardinaletto, Fanello gentile (Roìna). 

In Italia è di comparsa irregolare, ma sempre nell' au- 
tunno; talvolta in abbondanza nelle nostre provincie setten- 
trionali, molto più di raro e più scarso giunge in quelle cen- 
trali; io non ne ho mai veduti presi a mezzogiorno della 
Liguria. È, ritengo, sempre un immigrante e non so di al- 



(1*) Anch' io sono ligio per la nouiunclatura alla legge della prio- 
rità; ma, trattandosi del medesimo Autore, non la spingo a tale ferocia 
da preferire un sinonimo specifico dato poche linee sopra sulla stessa 
pagina ])er 1' equivalente oramai sanzionato da uso più che secolare. 
È perciò che non adotto per ijucsto uccello il nome specifico di fimii- 
nica (L.), recentemente tolto per maggiore confusione dall'oblìo in cui 
giaceva àe^ì 1706 o giìi di li. 



— 53 — 

cun caso autenticato della sua nidificazione entro i nostri 
confini geografici. È facilmente confuso colla specie seguente; 
e questo spiega a mio parere i casi segnalati dell' avvenuta 
nidificazione della presente specie lungo la Catena Alpina, da 
osservatori non del tutto incompetenti. 

UÀ. Linaria è specie sub-artica circumpolare. 



38. -^]giotlius rufescens (Vieill.j 

Organetto minore. 

Organetto, Organetto minore {Aut. Ital.) — Tarin d'mar 
pcit {Piem.) — Fannin d' la Regina (Novara) — Cecciarin 
{Como) — Cardinalin (Valt.) — Svèrzul (Frulli) — Congolit, 
Conghlit, Conghlic (Cadore) — Ceco grande (Bell.) — Cécé 
(Feltre) — Faganèlo foresto (Pad.) — Fadanel marin piccol 
{Rovereto) — Cardinalin (Pav. Vali. Mod.) — Fanèl de la Re- 
gina, Papaci (Bresc.) — Fanèl furaster, Fanèl cinen {Mod.) 
— Organen [Boi. — Tarin (Nizz.) — Fanèl muntan (Ravenna). 

Anche questo uccello, che forse non a torto si considera una 
mera sottospecie della precedente, giunge da noi irregolarmente 
per svernare; ma è più frequente e certamente si spinge più 
al sud ; inoltre è bene accertata la sua eventuale e non fre- 
quente nidificazione nella nostra regione alpestre, onde va 
annoverato tra le specie stazionarie da noi. Nella ricca serie 
che conservo nella Collezione italiana, due soli individui ven- 
nero presi in Toscana; sono maschi: il primo (Ucc. n. 576) 
venne colto a Barberino di Mugello nèll' ottobre 1872, il se- 
condo (Ucc. n, 3070) nell'ottobre 1887, a Fiesole; sono le 
catture nostrali più meridionali da me constatate. Ma vengo 
a sapere dall' Arrigoni che il comune amico Whitaker ha 
avuto un maschio di questa specie ucciso in Sicilia; caso per 
ora unico. 

L'^. rufescens è specie nidificante e generalmente distri- 
buita nell'Europa occidentale e centrale. 



— 54 — 

Recentemente è stato ripescato il nome specifico cabaret 
(P. L. S. Muli.), ma siccome non mi pare ben provato che 
quel nome venisse dato a questa piuttosto che alla specie pre- 
cedente, ho preferito conservare quello più noto dato dal Yieil- 
lot, come del resto ha fatto il chiarissimo Ornitologo e mio 
amico T. Salvadori. 



39. Fyrrhula Rubicilla, Pali. 
Ciuffolotto maggiore. 

Fui lungamente esitante ad ammettere la validità di que- 
sta forma come distinta dal nostro comune Ciuffolotto, e ciò 
per avere osservato individui con caratteri alquanto interme- 
diari per le dimensioni generali e per quelle del becco più 
specialmente; per la lunghezza dell'ala però (86-87 mm.) en- 
trano nei limiti assegnati alla P. europam^ cioè alla forma pic- 
cola. Ma r habitat diverso ed il fatto che i grossi Ciuffolotti 
non fanno comparsa da noi che nella stagione fredda, immi- 
granti dal N. E. dell'Europa, mi ha persuaso della opportu- 
nità di considerarli distinti dalla forma che è sedentaria in 
Italia. La sola differenza però è la notevolissima diversità 
nelle dimensioni, la P. Rubicilla, essendo assai più grande; così 
nel maschio di questa l'ala misura da 93 a 98 mm. in lun- 
ghezza, mentre che nella P. etwopwa questa varia tra 81 e 
88 mm. ; e cosi per il resto. Non ho notato apprezzabili dif- 
ferenze nel colorito delle due forme, che variano di certo en- 
trambe individualmente nel tono delle tinte, tanto pei maschi 
come per le femmine. Andrebbero poi meglio studiati gli in- 
dividui i quali sembrano presentare caratteri intermediarli, 
fatto che potrebbe però anche spiegarsi con un ibridismo prò 
babile in forme le cui aree si sovrappongono nell'Europa 
centrale ed orientale. 

La ]\ Rtihicilla abita la Scandinavia, la Germania orien- 
tale, la Russia e la Siberia occidentale, e nei tardo autunno 
o durante 1' inverno fa non infrequenti comparse in Italia, 



oo 



specialmente nelle nostre provi noie settentrionali. Questo fatto 
rende difficile il controllo delle migrazioni dei Ciuffolotti, ed 
andrebbe meglio studiata quella presunta della P. europcea. 

Nella Collezione italiana conservo cinque esemplari della 
P. Hiibicilla {ree. n.' 3956, 1033, 2028, 2005, 494) di cui quat- 
tro maschi ed una femmina, presi rispettivamente a Rovereto 
(25 I. 1903); Domodossola (8. I. 1881); Genova (XII. 1864, e 
8. XII. 1880); Barberino di Mugello (3 XII. 1882), questo ul- 
timo individuo misurava in carne 180 mm. dall'apice del becco 
alla estremità della coda, ala 98 mm.; Domodossola (8. I. 1881). 
Gli individui che presentano caratteri intermediari, ma che 
in fondo vanno forse riferiti alla P. europcea sono tre {Ucc. 
n.' 556, 1118, 3045); due, maschio e femmina da Domodos- 
sola (8. I. 1881, 17. II. 1879), e uno da Barberino di Mu- 
gello (17. X. 1887). 

Il nome « di moda » di questo Ciuffolotto suona I^yrrliula 
pyrrhula pyrrhula (L.) ; e avanti sempre! 



40. Fyrrliula europaea (Vieill.) 
Ciuffolotto. 

Cifolotto, Monachino, Ciuffolotto {Aut. Ital.) — Cifolot, 
Piouvann {Piem.) — Piovano {Aosta} — Cifoulot, Ciuffolot 
[Cuneo] — Pappagal d'mountagua [Brà] — Botarea, Teup^ 
Canònich [Vere.) — Ciffulot [Tortona^ Novi) — Cifulót, Ci- 
fulón, Cifolotto, Sciguun {Bass. Piem.) — Buvreul {Novara) 
— Gemon^ Gemoun, Cifulott {Valt.) — Zifolot, Subiot, Ci- 
folot, Gemòn {Lomb.) — Gemoun, Giumon, Kimpen {Como) — 
Sifolott, Gemmòn {Pavia) — Sifoulótt, Sòbiot, Siibiot {Bresc., 
Mant.) — Siglot {Berg.) — Sifulott {Cremori.) — Zufflòt 
{Piac.j Parm.) — Subiot, Fringuèl marèn {Mod.) — Stufflótt, 
Scifulot, Zufflot {Romagna) — Stuflot, Stuflott {Boi.) — Sbrut- 
tun {Ravenna) — Siolonzo, Ziongolo, Ziolonzolo {Veron.) — 
Fineo subioto, Siolonzo, Subioto, Moneghin, Zufolo, Zufoloto 



— 5G — 

(Ven.) — Lugherin todesch (Agordo) — Sivilot (Friuli) — 
Snbiotto, Gimpel {Istria) — Crnokljuncic poderljeni {Daini.) 

— Zifolót, Ghimpen, Zifolom, Fineo subioto (Rovereto) — 
Ghimpel, Fineo subiotto (Trento) — Subioto, Ghimpelo [Vaì- 
sugana) Ghimpel (Valli di Non e di Sole) — Zifolon (Giù- 
dicarie) — Ghimpel [Riva) — Sigolót, Zifolot {Val di Ledro) 

— Kimpl {Gardena) — Chinsoun marin, Pivouana (Xizz.) — 
Ferson (Altare) — Sciguun {Gen.} — Franguèo maìn {Spezia) 

— Fringuello marino {Garfag.) — Becotto (('esentino) — 
Ciuffolotto, Monachino {Fior. Sen.) — Zufolotto (Fiesole) — 
Becotto {Signa) — Fringuello marino (Fisa Valdich.) — Bor- 
gognone {Bient.) — Filinguello marino {Gavorrano, Grosseto) 

— Ciuffotto (Ancona) — Fr8nguillu marinu (Rieti) — Ciuffo- 
lotto, Fringuello marino {Roma) — Monachino, Monachella 
(Nap.) — Cazzamendule [Lecce) — Passera americana (Sicil.) 

— Pirrù-Pirrù (Pai.) — Durraisa hamra {Malt.). 

Stazionario, ma non molto comune ; nidifica ai monti 
tanto nell'Alta come nella media Italia ; col freddo scende al 
piano diventando erratico; ed allora, mescolato probabilmente 
ad immigranti d'oltr'Alpe, giunge anche nelle nostre provin- 
cie del mezzogiorno ; è però di comparsa accidentale nella 
Sicilia ed in Sardegna, ove secondo il Bonomi sarebbe av- 
ventizio nell' inverno solo nel Sassarese. Vive nelle isole Bri- 
tanniche e nell'Europa media ed occidentale. 



•41. Bucanetes githagineus (Licht.) 
Trombettiere. 

Trumbettier (Malt.). 

Anche intorno a questa specie, di rara ed accidentale 
comparsa in Italia, ho poco da aggiungere a quanto già 
scrissi. Dopo la pubblicazione del " Primo Resoconto sui ri- 



b( 



sultati della inchiesta ornitologica in Italia, ,, ebbi tre nuovi 
esemplari di questo singolare uccello per la Collezione ita- 
liana : due da Nizza, maschio e femmina presi il 23 gennaio 
1891 {Ucc. n.' 3315, 3316) ; ed un maschio colto a Massaciuc- 
coli (Lucca) il 15 novembre 1895 (Ucc. n. 3811). Recentemente 
è stato ripreso il termine generico Erytlirospiza per questa 
specie e le congeneri, termine da abbandonare, perchè ado- 
perato dal Buonaparte nel 1839 pei Carpodacus in senso 
lato; basta leggere ciò che egli dice nel suo articolo su questa 
specie (Icongr. Faun. Italica^ I) ; egli davvero non designa il 
Trombettiere come tipo del nuovo genere da lui ivi proposto 
come semplice equivalente dei termini generici preproposti 
Eryfhrofhorax, Brehm (I831j e Hcemorrhous^ Swainson (1837), 
dimenticando che v'era il precedente Carpodacus, Kaup fl829j, 
per quel gruppo di uccelli. 

Il B. githagineus tipico abita l'Africa settentrionale, com- 
preso TEgitto ; vennero subspecificamente da esso separati i 
Trombettieri dell'Asia occidentale (dalla Palestina al Punjab;, 
e quelli delle isole Canarie : B. githagineus crassirostris, Blyth, 
B. githagineus amantum, Hart. 



43. Carpodacus erythrinus (Palli 
Verdone bastardo. 

Verdone bastardo, Ciuffolotto scarlatto {Aut. Ital.) — 
Teranzo forestier (Verona) — Tasurier (Malt.). 

Per mie osservazioni proprie io non avrei nulla da ag- 
giungere intorno a questa specie a quanto ho scritto in pro- 
posito nei due volumi precedenti sall'Avifauna Italica. È di 
comparsa accidentale in Italia, ma è stata presa quasi ovunque 
e persino a Bari (Coli. ital. Ucc. n. 2074) ed a Malta. È notevole 
la relativa frequenza delle catture avvenute in Toscana ; così 
dei dieci esemplari nostrali che conservo nella Collezione ita- 
liana sette sono stati colti in Toscana. Tra questi è l' indivi- 
duo che ebbe il Bruscoli alla fine di agosto 1840 e che egli 



— 58 - 

presentò al III Congresso degli Scienziati italiani tenuto in 
Firenze nel settembre 18-il ; esso sarebbe uno dei tipi della 
F. incerta, liisso, fide Bp. Noto ancora che tutti questi esem- 
plari vennero presi tra la fine di agosto ed i primi del no- 
vembre, i più in settembre e ottobre ; e che non vidi mai 
un'esemplare italiano nell'abito scarlatto dell'adulto, sebbene 
sia stato detto che ne sono stati colti alcuni così da noi. 

La forma tipica abita il N. E. dell'Europa e la Siberia 
sino al F. Lena ; due sottospecie ne estendono l' liahifat ad 
oriente ed a mezzogiorno nell' Asia ; sono il C. erijfhrinus 
Grebnitskii, Stejn. ed il C. erythrinus roseatus (Plodgs.) 



43. Pinicola enucleator (Liun.) 

Cardinale. 

Ciuffolotto enucleatore, Ciuffolotto delle pinete {Aut. Ital.) 
— Cardinal (Piem.) — Pessa-nos (Nizza). 

Specie rarissima in Italia, ove fa comparse accidentali 
nella zona alpina solo nel cuore di rigidi inverni. Nella Colle- 
zione italiana è rappresentata da tre esemplari: maschio e fem-- 
mina bellissimi colti a Nizza nel gennaio 1889 [Ucc. n. 3185, 
3186), ed una femmina presa nell'inverno 1876 nel Trentino 
iUcc. n. 820). Arrigoni (Man. Orn. ital. p. 446) dà inoltre due 
catture nel Padovano: un maschio febbraio 1893, ed una fem- 
mina ottobre 1894 (sua Collezione) ; e cita una femmina presa 
presso Rovigo nel dicembre 1878 (Race. C. Dal Fiume); pone 
in dubbio, non saprei perchè, la cattura in Liguria di un 
esemplare che era nella raccolta del Magni-Griffi, ora nel 
R. Museo Zoologico di Roma, e l'asserzione del Risso, da me 
comprovata coi fatti, della eventuale comparsa di questa spe- 
cie nel Nizzardo, caso del resto meno singolare di quelli nei 
dintorni di Padova e di Rovigo. 

La /'. enucleato)' abita la zona boreale della Regione 
Eurasica. nidificando lungo i confini nordici delle foreste di 



— 59 — 

Conifere ; nell'estremo Oriente di detta Regione è rappresen- 
tata dalla sottospecie più tozza con becco più grosso distinta 
come P. enucleator Jcamtschatkensis (Dyb.)- 



44. Loxia Pytyopsittaeus, Borkh. 
Crociere maggiore. 

Crociere delle pinete {Aut. Ital.) — Crosnobel grande 
{Ven.) — Crosnobel grand {Bell.) — Crosnobol, Ciòcher {Ro- 
vereto) — • Bek stort gross {Brescia) — Becco storto, Crosno- 
bel grande, Osel todesco [Cadore). 

Specie rara ed avventizia in Italia ; nella Collezione ita- 
liana ne conservo quattro esemplari, tutti maschi: 8. XII. 1901, 
Albino presso Bergamo {Vcc. n. 3851); XII. 1869, Verona 
( Ucc. n. 728) ; I. 1887 e 17. IX. 1890, Nizza ( Ucc. 3095, n.> 3263). 
Vive e nidifica nella Scandinavia, nella Russia settentrionale 
ed in Polonia, donde da noi giunge come scarso immigrante 
soltanto, per quanto mi consta. Questa specie è stata, come 
a ragione nota l'Arrigoni, spesso confusa con grossi individui 
del Crociere comune, ma il suo becco è ben diverso. 



45. Loxia Curvirostra, Linn. ex Gesn. 
Crociere. 

Crociere, Becch' in croce {Aut. Ital.) — Becc-an-cros {Pieni.) 
— Bec croisé Perroquet {Aosta) — Becch stort, Bec-stort, Bec 
in eros, Beccotorto {Bass. Piem.) — Beccstort, Becincros 
{Tortona Xovi) — Becc iu eros, Becch stort {Lomh.) — Bech 
in crus, Becker {Valt:) — Bek-stort {Bresc.) — Becc in crus 
{Berg.) — Becch in crous {Milano) — Becch in erósa (Piac, 
Parm.) — Bèch in eros {Mant.) — Bec stort, Bec in eros 
(Mod.) — Bec in craus {Boi.) — Becc in eros {Rav. Boi.) — 



— 60 ~ 

Becc in erosa (Cesena, Forì'n — Beco in erose, Beeo storto 
(Ven.) — Crosnòbel {Bell.) — Cornóbile [Recoaro) — Beco 
in erose rosso o verde (Conegl.) — Beco in eros, Becc Stuart, 
Crosnóbl {Friuli) — Crosnòbel piccolo {Cadore) — Osel tede- 
sco {Bell.) — Crusnober {Agordo) — Crosnòbel {Vicenza) — 
Crosnabel {Pontehhà) — Kljukok {Daini.) — Ciócher, Bech in 
eros, Crosnòbel {Rovereto) — Crosnobol, Crosnobolo {Trentino) 

— Becchancros, Bechtort, Crosnobol ( Val di Ledro) — Kos- 
ehnob {Luserna) — KrumpsnefF {Sette Comuni) — Pitapin 
(Nizz.) — Beceo-torto {Gen.) — Béco storto {Spezia) — Beeeo- 
in-eroee {Caseìit.) — Crociere {Fior.) — Becco storto, Becc'a 
forbice {Pisa) — Crocione {Bient.) — Crociato, Becco in croce 
(Marche) — Becco storto {A7icona) — Becco in croce, Crocione 
{Roma) — Pizzo storto {Jelsi) — Pizz' in croce. Pizzo 'n croce, 
Beeeostuortu, Becco 'n croce, Becco 'ngrociato {Nap.) — Becco 
a croce {Calabr.) — Pizzu-tortu, Beccu-tortu {Sic.) — Beeeu 
in cruci, Pappaiadiscu {Mess.) — Pizzu erueiatu, Pizzuni pe- 
laranu (Pai.) — Pizzu- tòrtu, Biccu-trottu, Bieeu-tortu {Sard.) 

— Ortulan geddumu imsallab (Malt.). 

Sedentario, ma localizzato nella nostra zona alpina, nei 
monti dell'Italia centrale scarsamente e nella Corsica, ove è 
nidificante in alto nei boschi Conifere : per lo più di com- 
parsa irregolare e talvolta in numerosi branchi, ovunque, dal 
luglio al gennaio ; è però assai più raro nelle provincie me 
ridionali, in Sicilia e nella Sardegna. Darò un'esempio delle 
comparse straordinarie del Crociere colle parole del professore 
A. Bonomi di Rovereto (Trentino), il quale, scrivendo per la 
inchiesta ornitologica, dice : " Il 1<S89 fu anno di straordinario 
passaggio di Crocieri ; nei dintorni di Rovereto si videro i 
primi in Vallunga il 26 giugno, e già su monti dovevano 
passare abbondanti perchè al 1" luglio ne vidi 52 che nasco- 
stamente si ponevano in vendita. Abbondantissimi ai primi 
di agosto, il passaggio si mantenne tale per quasi due mesi. 
In tutte le vallate trentine fu catturato in quantità conside- 



— Gi- 
revole. Il passo continuò in modo decrescente l'ottobre, il no- 
vembre e qualche individuo lo vidi ancora ai 20 dicembre. 
Erano per la massima parte individui giovani, e nove su dieci 
avevano il becco incrociato normalmente. Rimarcai per la 
prima volta che abbandonavano i boschi di Conifere per slan- 
ciarsi sulle campagne ove era coltivata la Canape {Cannabis 
sativa) dei cui semi sono ghiottissimi ,,. 

E specie variabile assai, individualmente s' intende, nelle 
dimensioni generali e sopratutto in quelle del becco, nonché 
nel colorito indipendentemente dal sesso e dalla età; pare che 
essa abbia in ciò la tendenza a formare anche razze locali. 
Non può perciò sorprendere che i seguaci zelanti del buon 
Pastor Brehm abbiamo trovato il modo di dividere la Loxia 
Ctirvirostra, L. dell'Europa in cinque sottospecie, inclusa la 
forma tipica. E nella recentissima opera dell'amico mio Har- 
tert [Vogel d. palaarkt. Fauna, p. 117) vediamo separate e 
diagnosticate oltre la Loxia curvirostra curcirostra, le se- 
guenti : L. curvirostra Mspana, Hart ; L. curvirostra anglica, 
Hart. ; L. curvirostra scotica, Hart. ; L. curvirostra balearica 
(Hom.) ; temo avremo tra non molto una L. curvirostra ita- 
lica ed una L. curvirostra corsicana ; abbiamo già nell'Africa 
settentrionale una L. curvirostra poliogyna, distinta dall'amico 
mio J. I. S. Whitaker su esemplari tunisini ed algerini; ed 
a Cipro una L. curvirostra Guillemardi, Mad. alla quale pare 
si vorrebbe unire il Crociere della Corsica e della Sardegna ; 
e nella Cina havvi una L. curvirostra albiventris, Swinh. e 
nell'India una L. curvirostra himalayensis, Blyth ! Queste di- 
stinzioni sono principalmente fondate sulle proporzioni e la 
forma del becco, tanto variabile individualmente, come ho 
già notato, in questa specie ; fatto facilmente spiegabile dal 
grande e svariato uso che fa questo uccello di quell' organo 
in condizioni diverse. Con tali sistemi si va direttamente 
alla diagnosi di ogni singolo individuo con assegnazione di un 
nome proprio, e si giunge all'infinito; cosa direbbero questi 
" splitters ,, se un'Antropologo si pigliasse il divertimento di 
classare gli uomini di una contrada basando le sue diagnosi 
differenziali sulla forma e sulle dimensioni del naso!? 



— 02 — 

Da tutto ciò si comprende che la L. Ctu'viroi<tra abita 
1' intera Regione Eurasica ; ed è rappresentata da forme af- 
finissime nella Regione Boreo- Americana, che sono la L. ame- 
ricana, (Wils) e la L. nieodcana, Strickl ; le quali da taluni 
non sono considerate distinte e da altri non diverse dalla no- 
stra L. Curvirosfra ! 



46. Loxia bifasciata, < '. L. Brelmi 
Crociere fasciato. 

Specie rara e di accidentale comparsa in Italia, ove pochi 
individui sono giunti dall' Europa boreale, ove è stazionaria 
e nidificante. Oltre i tre individui già da me citati nei vo- 
lumi precedenti di questa serie, ho potuto porre nella Colle- 
zione italiana due nuovi esemplari, entrambi maschi : uno 
preso il 7 giugno 1890 nei pressi di Nizza {Ucc. n. 3264) ; 
l'altro catturato a Cardone in Val Trompia sopra Brescia 
il l'2 luglio 1903 {Ucc. n. 3968); l'ingegnere Crescenzio 
Abeni il quale mi lece generoso dono di quest'ultimo esem- 
plare, mi scrisse che un' altro individuo era stato preso nei 
medesimi luoghi il 25 giugno, ma venne mangiato da un 
gatto. È singolare invero la comparsa di questa specie iper- 
borea in Italia nel cuore dell'estate ; ma le migrazioni dei 
Crocieri sono notoriamente strane e misteriose. 

Nel Museo Civico di Rovereto, Trentino, si conservano 
due esemplari di questa specie ; una femmina presa al roc- 
colo Lanaro in Serrada nel gennaio 1889, ed una seconda 
colta alla Cisterna di Trambilleno il 20 dicembre del mede- 
simo anno ; ebbi questa notizia dal prof A. Bonomi. 

La L. hi fasciata vive nell'estremo n(»rd dell'Europa; una 
forma aflfinissima, L. elegans Hom. la rappresenta nelT Asia 
boreale; ed un'altra pure poco diversa, L. leucoptera, Gm. 
nell'America settentrionale; sarebbero mere sottospecie di una 
specie sola, alla quale si dovrebbe allora dare il nome di 
L. leucoptera, Gm. che io avevo adottato nella mia Avif. 
Itaì. del 1886 (p. 44). 



63 



EMBEFtlZID.^ 

iZigoIf) 

4'?. Euspiza melanocepliala (Scop.) 

ZlGOLO CAPINERO. 

Zigolo capinere, Ortolano a testa nera {Aut. Iteti.) — 
Notoàn de Levante {Gen.) — Sia d'Africa (Savona) — Notoan 
de Provenza [Arem.) — Silo testa negra [Spezia) — Ortolan 
de Dalmazia, Re d'Ortolan {Veron.) — Ortolan de Trieste 
(Ven.) — Re di Ortolan [Friuli, Trieste) — Cento ziroli. Re 
dei Ortolan [Istria) — Vinar, Curlinkavac, Lozic, Cikus, Pi- 
staloreh [Dalm.) — Re de l'Ortuani [Bari) — Zivuln mo- 
nadi, Ziulu testa-nera, Ziulu svario [Mess.) — Duraisa rasa 
seuda [Mali.). 

Uccello estivo per noi, non abbondante lungo il litorale 
adriatico e ionio, ove nidifica; scarso e accidentale nel rimanente 
d' Italia. Dalle osservazioni del De Romita e del Paolucci non 
sembra essere regolare nella sua venuta nel Barese e nel- 
1' Anconitano, mentre nel Veneto pare fosse una volta più 
comune ; \ . Dal Nero ne constatò 1' avvenuta nidificazione 
nei pressi di Verona il 5 maggio 1887. Delle altre località, 
la Liguria è quella ove meno di rado è stato preso. Acciden- 
tale in Sicilia ed a Malta ; non so di catture avvenute in 
Sardegna. 

L' E. melanocephaìa è specie comune nella buona sta- 
gione nel S. E. dell'Europa nell'Asia Minore e nella Persia; 
sverna nel N. 0. dell' India. 



— 64 — 
-48. Euspiza aureola iPall.j 

ZlGOLO DAL COLLARE. 

Avventizia e rarissima per noi ; oltre i cinque casi già 
ria me annoverati di catture in Liguria, da Kizza a Sarzana, 
e quello più dubbioso a Brescia, debbo aggiungerne due 
nuovi : un maschio giovane colto nei pressi di Rovereto nel 
Trentino nell'ottobre 1898, che si conserva in quel Museo 
Civico, e che io ebbi per esame in carne ; ed un maschio adulto 
donatomi in pelle che sarebbe stato ucciso nei dintorni di 
Bordighera il 10 ottobre 1878. 

Il conte E. Arrigoni cita poi altri quattro casi della 
comparsa della E. aureola in Italia : un maschio adulto 18 
ottobre 189-4, e uno giovane, novembre 1901, entrambi nel 
Padovano (sua Collezione) ; un maschio giovane trovato 1' 8 
settembre 1901 sul mercato di Udine dall'amico G. Vallon, 
esemplare che ho esaminato ; un giovane preso nel Veronese 
nel novembre 1902, che si conserva nella Collezione Carto- 
lari (Arrigoni, Man. Orn. ital.^ p. 391). Questi ne ha poi 
nvuto un quinto, cioè un maschio quasi adulto, preso alle 
reti nel Pistoiese il 18 novembre 1!105; lo vidi ancora vivo 
in gabbia il 14 gennaio 1906 ; si conserva nella Collezione 
della marchesa Paulucci. Pare che le comparse fatte da que- 
sta bella specie nell' Italia nostra avvengono tra il settembre 
ed il dicembre, cioè durante il passo autunnale. 

La E. aureola è comune e nidificante nella Siberia e in 
tutta 1' Asia orientale temperata. 

49. Euspiza luteola iSparrm.) 

ZlGOLO A TESTA DORATA. 

Dobbiamo al chiaro amico mio prof. Giacinto Martorelli 
la notizia della cattura di un maschio adulto di questa specie, 
propria all'Asia centrale, in Italia ; ciò avvenne nell'ottobre 



— 65 — 

1896 a Dervio presso Como (" Avicula, ,, V, p. 131, iSiena, 
1901 ). Per ora non risulta che siano note altre catture della 
E. luteola da noi, ma va rammentato che fu presa due volte 
suir isola di Helgoland, quella terra promessa dell'Ornitologo 
europeo. 



50. Miliaria Frojer''^(P. L. S. Muli.) (ex Bellon.) 
Strillozzo. 

Strillozzo, Strillozzo maggiore, Braviere, Petrone {Aut. 
Ital.) — Predicatour, Ambroun, Tupin, Cantaris, Ourgai 
(Piem.) — Cantabarl, Ciattaròn (Bass. Piem.) — Miardoun 
{Vere.) — Cantabari {Tortona^ Novi) — Pradèr, Pradiroù, 
Pradireù, Màchet, Prioun, Pravòn {Lomh.) — Prion (Pav.) — 
Predèr (Bresc.) — Tètà-raiss (Berg.) — Pravòun (Milano) — 
Prader {Cremon.) — Spatzòn (Piac.) — Pràdàr (Parm.) — 
Petròn (Mocl.) — Ptraun, Ptron, Pardir {Boi.) — Stardan, 
Stordacc (Romg.) — Stardiacc [Rav.) — Brustolon, Strilozzo, 
Petàsso, Petàzzo, Petàz, Petonzo, Fiston, Strilozo (Ven.) — 
Petàs, Sdamali, Sdrunàl^ Pucinarili {Friuli) — Pionzon, 
Smeardón {Roveret.) — Pioch {Feltré) — Sdrunal, Trentacin- 
gliris {Cividalé) — Pocvrkas, Strselj {Dalm.) — Pitabla {Nizz.) 

— Sciattaron, Màtan, Ciataròn {Gen.) — Ciattarun, Silun 
de montagna {Spezia) — Stiaccione, Braviere {Lucca) — Stiat- 
tardo, Stiattajone {Pisa) — Lodola maschio, Stiattardo, Stril- 
lozzo, Spicchierone (Fior.) — Schiattaione, Braviere {Firenze) 

— Schiozzo {Bient.) — Sbraviere {Fucecchio) — Sermollo 
{Casentino) — Strillo {Ancona) — Striglio, Strillo, Strillon, 



(l) Come esempio della inutile confusione generata dalla rievo- 
cazione della X* edizione del '" Systema Natura ,, di Linneo (negando 
a quel grande il rudimentale diritto di correggere se stesso, come fece 
nella sua XII* edizione), — abbiamo oggi per questa ben nota specie 
il nuovo e mirabolante nome di Etnberiza calandra calandra., L. 



— 66 — 

Strillacchio {Marche} — Strjozzo {Roma) — Strigliozzu {Rieti) 

— Ciriro, Strillacchio {Jelsi) — Cicerone, Strulacchio, Stur- 
làcchio, Storlacchio, Struàcchio, Strilacchio {Xap.) — Cicirone 
{Bari) — Frusone (Lecce) — Stridula (Calah.) — Ciciraru 
{Reggio, Calabr.) — Ciceruni ObVaV. ) — Ciceruni, Zizinon {Fai.) 

— Cicciallu [Petralia) — Orgiali, Orgiali de denti, Cincirri a 
dentes, Macottu, Strilorzu, Dentice (Sard.) — Petarón {Carlo- 
forte, Sarei.) — Durraisa (Malt.). 

Sedentario e comune ovunque in Italia, abbonda in modo 
notevole in Sardegna ; nelle nostre provincie settentrionali 
diventa erratico o parzialmente migrante. 

E specie sparsa e comune nella metà occidentale della 
Regione Eurasica. Come le Lodble alle quali somiglia alquanto 
nei costumi, va spesso soggetto a varietà isabelline ed albine. 



51. Emberiza Citrinella, Linn. 

ZlGOLO GIALLO. 

Zivolo giallo, Zigolo giallo, Ortolano giallo {Aut. Ital.) 

— Ambra, Giaunet (Piem.) — Pajarina {Cuneo) — Petit de 
vigne, Gianet {Aosta) — Pajarina, Giaunè, Sia pajéra. Sia 
pagèa, Pagèa, Spagt'a {Jki.s.s. Piem.) — Amer (Pinerol.) — 
Terrazot, Pecit de vigna (.S«.s'a) — Miarola (l'ere.) — Majarda 
jauna {Nov.) — Paièra, Sia paiéra {Tortona, Novi) — Ver- 
direu, Spajardola, Spajard, Squajard, Squajardola, Smajard 
(Lomb.) — Gialdon, Pajarana {Conioi — Squajart (Bre.sc.) — 
Pajurana (Berg.) — Spaiarda, Ginldon {Vaìt., Mant.) — Sma- 
jart {Cremon.) — Spajard {Piac.) — Spagias (Parm.) — Spa- 
jard, Pajaron {Moti.) — Pajarez, Urtlan pajarez iBol.) — Pa- 
jariz {Vergato) — Zal {Ce,'<ena, Forlì) — Zul niuntan {l'av.} 

— Smegiàrdo, (ìirabrun {\'en.) — Róssola, Tirasoldi {Capo- 
site) — Smajarda {Veron.) — Smajàrd, Smiard {Friuli) — 
Verda {Bell.) — Smearda {Trent.) — Zaldarola (Mezzolomb.) 



— 67 — 

— Emmerling [Sette Comuni) — JFaràsega {Feìtre}^ — A^erda 
bella [Cadore) — Smiardo {Sacile) — Ortolan zalo, Squaiandóla 
{Padova) — Meggia smeàrdola, Squajàrdola (Valsugana) — 
Ginèura ( Val di Non) — Amarot ( Val di Ledro) — Smearda, 
Zaldina {Riva) — Marizalda {Rendena) — Cikùs, Zutac {Dalm.) 

— Sirron, Siga noustrala {Nizz.) — Sia giana {Arenzano) — 
Sia paggcBa {Gen.) — Silo {Spezia) — Zirla gialla {Lucca) — 
Zivolo o Zigolo giallo {Fior. Pis.) — Zigolo rapaio {Fior.) — 
Ni/zola gialla, Setajola {Sen.) — Pagliaresca {Valdich.) — Pial- 
letto {Bient.) — Pagliareccia. {Rieti) — Ziola gialla, Palia- 
vesca [Marche] — Vezzania {Ancona) — Zivolo di testa gialla, 
Serramolle, Sermolla {Roma) — Pettigiallo {Castel di Sangro) 

— Zicco {Nap.) — Zivuiu o Ziulu giariiu {Sicil.) — Ziulu 
gialla, Ziulu gialinu (Mess.) — Zizù, Zio {Terran. Sicil.) — 
? Orgiali [Sard.) — ? Karmec {Malt). 

È specie sedentaria e nidificante ai monti nell' Italia 
centrale e settentrionale, ma in numero limitato ; diventa 
abbondante per immigranti all'epoche del passo, specialmente 
in quello autunnale, ma è assai meno frequente nel nostro 
mezzogiorno : il De Romita la dice accidentale in Puglia, ed 
è scarsa o rara in Sicilia ; e, per quanto 'a me risulta, manca 
affatto in Corsica e nella Sardegna. 

Non tanto di rado si trovano da noi individui maschi 
dello Zigolo giallo con due piccoli e stretti baffi di penne 
color castagno sotto gli angoli della mandibola inferiore ; tali 
individui sono stati distinti dal Pophani col nome di Embe- 
riza citrinella var. Brehmi, Homeyer MSS. (Cfr. " Ibis, ,, 1901, 
p. 453, pi. 10). Più raramente vedonsi da noi individui con 
j^enne color castagno sparse sulla gola, mentre nel distretto 
di Orenburg in Russia lo Zarudny ha segnalato la cattura di 
esemplari nei quali la gola e la regione post-oculare era di 
un color castagno vivo, simile alla colorazione di quelle parti 
nella Emheriza leucocephala , l'unica differenza essendo che il 
bianco di questa specie era giallo come nei tipici E. Citrinella. 
Lo Zarudny avrebbe distinto tali esemplari col nome di E. Mol- 



— 68 — 

lesoni'ì, ma li considera meri oasi di variazione individuale, 
forse afnvici ed indicanti un comune progenitore a quelle due 
specie (Ergà'nz. z. Oni. Fauna Orenh. Geb. p. 74, Orenhurg^ 1897, 
tradotto dal russo in Orn. Jahrb. 1902, p. 58j. Non potrebbe 
tale variazione interessante, invece di essere un fenomeno 
atavico, indicare la evoluzione di una nuova specie, od essere 
semplicemente un caso di ibridismo? Hartert (Vog. d. pala- 
arld. Fauna, p. 169) designa col nome di Eniheriza citrinella 
erythì'ogenys, Brehm, quale distinta sottospecie, tali individui, i 
quali secondo lui abitano la regione che dalla Prussia orien- 
tale si estende alla Siberia occidentale sino al leuissei e dal 
64° Lat. N. sino al Turkestan, alla Persia e all'Asia Minore. 
E però un caso interessante che merita di essere meglio stu- 
diato. Tornando a tale variazione dello Zigolo giallo in Ita- 
lia, aggiungfrò che tali casi sembrano essere più frequenti 
nel Friuli, ed infatti l'ottimo Vallon nelle sue annotazioni 
annuali sulla Avifauna di quella provincia pel 1902 (" Avì- 
cula, 1903, p. 23) ci dice di aver avuto in quell'anno (autunno) 
tre esemplari riferibili alla var. Brehmi, ed uno che egli ri- 
ferisce alla var. Mollesonii ; ma dalla descrizione da lui man- 
datami non sarebbe tale in modo completo come quelli de- 
scritti dallo Zarudny e quello figurato dal Popham (;' 76/.s, ,, 
1901, pi. 10). Appunto in questi giorni il Vallon mi ha fa- 
vorito per la Collezione italiana una E. Citrinella, maschio, 
uccisa ad Udine il 10 novembre 1904 che è nel caso sopra 
acconnato : il disotto delle penne della gola sono di color 
castagno, colore che non appare all'esterno per i margini ed 
apici gialli o ceciati di quelle penne. 

52. Emberiza leucocephala, S. G. Gmel. 

ZlGOLO (lOr.AROSSA. 

Zia forastera (Lomh.) — Ortolan de montagna ( Feron.). 

Specie sparsa attraverso tutta l'Asia, boreale e centrale, 
che giunge da noi durante le migrazioni autunnali in modo 
irregolare, ma non è eccessivamente rara. Capita più frequeu- 



— (19 — 

temente nel A'eneto, nella Liguria ed in Toscana. Non saprei 
su quali fatti l'Arrigoni basi l'asserzione sua che è più facile 
avere questa specie da noi nella primavera, giacche tutti gli 
esemplari da me esaminati erano stati pr^>si in autunno o 
neir inverno ; i nove che conservo nella Collezione italiana 
vennero colti tra il 20 ottobre ed i primi del febbraio, i più 
nel novembre, e lo furono a : Cremona, Mentone, Genova, 
Marradi, Prato (due), Firenze (due) ed Arezzo. 

53. Emberiza Cirlus, Linn. (ex Aldrov.) 

ZlGOLO NERO. 

Zi volo. Zi volo nero, Zigolo nero, Cirio [Atit. Ital.) — 
Zizi, Barbisa, Ziboula {Pieni.) — Trasola grisa. Sia, Sia mon- 
tagnin-na (Bass. Piem.) — Majarda neigra (Novara) — Sia 
o Zia barbanegra, Ortolan spajardaa, Zioùn {Milano) — Spa- 
jard-aed mountagna {Pav.) — Sciai {Varzi) — Spionsa spajar- 
dèra, Spionsa de mont (Bresc.) — Spions {Piac, Parm.) — 
Pajaron, Zivula negra {Mod.) — Spionza {Mani.) — Pasarez, 
Passarezz, Zul maren {Boi.) — Pionza smajardada {Vero7i.) — 
Piuca {Ven.) — Zippo {Istria) — Zizi, Pionsa smearda {Rove- 
ret.) — Zigolo {Vicenza) — Verda brutta {Cadore) — Zi {Sa- 
cile) — Cìa, Zia, Sia, Pionsa mora {Padova) — Cikus brkas 
{Dalm.), — Siga, Sirou {Kizz.) — Sia nostra {Arenzano) — 
Sia montagnin-na (Gen.) — Silo {Spezia) — Zi volo comime, 
Zigolo, Zigolino {Pisa) — Zirla, Zirla nera (Lucca) — Zi- 
golo, Nizzola [Valdich.) — Zivola {Viterbo) — Zigolo {Umbria) 

— Ziola {Ancona) — Zita, Zi volo, Zigolo, Ziolo, Ortulan, 
Paiolo {Marche) — ■ Frisone fru-fru {Bari) — Zivolo, Zivola, 
Pagliereccia {Roma) — Zicco {A^ap.) — Perruzza, Muziature 
(Calabr.) — Zigulu {Rossano, Cosenza) — Ziulu o Zivulu, Zi- 
vulu vavariscu {Sicil.) — Zinzicula giarna {Cat. Sir.) — Zizi 
{Castrog.) — Zuinu {Modica) — Jardinaru pettu russu (Girg.) 

— Zivula {Castelb., Pai.) — Orgiali grogu, Macottu giannu, 
Zizi, Zingia, Pispanta {Sard.) — Ortolan issued {Malt.). 



— 70 — 

Comune e stazionario in Italia, anche nelle nostre isole, 
essendo uccello caratteristico della regione circum-mediterra- 
nea penetrante scarsamente nell'Europa centrale e nell'Asia 
Minore ; molti poi giungono a svernare da noi e più spe- 
cialmente nelle nostre provincie centrali e meridionali. 



54. Emberiza Hortulana, Linn. (ex Gesn). 
Ortolano. 

Ortolano, Ortolano giallo lAut. ita!.) — Ortolan [Piem.) 
— Terairola [Pinerol.) — Liabrù [Brà) — Liabèu [Alba) — 
Ourtoulan, Trasola {Cuneo) — Ortran, Ortranin, Nottuàn 
[Bass. Piem.) — Ortran, Ortranin {Tortona Novi) — Ortolàn, 
Ortlan, Ortolà, Tirabùs (Lomb.) — Ortlaen {Pav.) — Tirabùs 
(Bresc.) — Ortolà (Berg.) — Urtulan (Cremow. Vali.) — Ourt- 
lan (Varzi.) — Ortlan {Piac.) — Ortlan {Parm.) — Ortolanin 
[Mantov.) — Urtlan, Urtlen, Urtlanen [Mod.., Boi., Romg.) — 
Ortolan (Few. Friuli) — Ortolam, Viazul, Viasugn, Duradì 
(Roveret.) — Giuradif {Mezzolombardo) — Ortolanel {Sacile) — 
Ortolan, Duraldi {Padova) — Ortolan {Trento) — Ortolan, Ver- 
dolisa {Tesino) — Zippo (Istria) — Cikus rebac o planinski 
{Dalm.) — Ortolan Ourtoulan, {Nizz.) — Notoàn, Nuttuan 
(Gen.) — Ortolan {Spezia) — Ortolano {Tose, Roma) — Zigolo, 
Ortolano, Verzania {Marche — Ortolaro {Ancona) — Ortolano, 
Urtulano {Nap.) — Ortuano) {Bari) — Muziature {Reggio, 
Calab.) — Ortulan, Ortulanu {Sicil.) — Jardinaru {Girg.) — 
Ortulan [Malt.}. 

Specie estiva e generalmente sparsa e nidificante in Ita- 
lia, più specialmente nelle provincie centrali e settentrionali, 
ma non ovunque ugualmente abbondante; lo è di più alle 
epoche del passo, specialmente durante quello primaverile. 
Nelle nostre provincie meridionali pare sia soltanto di passo. 
Sarebbe sedentaria in scarso numero in Sicilia, ove rimar- 
rebbe durante l'inverno; è mancante o molto rara in Sarde- 



— Ti- 
gna, da dove non ne ho veduti. Ha una sinonimìa scientifica 
abbastanza ricca essendo il recipiente di almeno una dozzina 
di nomi specifici. 

L'^. Hortulana è sparsa attraverso la porzione occiden- 
tale della Regione Eurasica, giunge sino a Kobdo (Mongolia) 
e Gilgit (Kashmir); sverna in Abissinia. 



55. Emberiza, caesia, Cretzschm. 
Ortolano grigio. 

Sia. Sia muntagnin-na (Basso-Piem.) — Sia (Tortona-Novi) 
— Notoàn di mostasci (Gen.) — Zigolo rugginoso (Marche) — 
Ziuln niru (Mess.). 

Specie rara e di comparsa accidentale in Italia; più fre- 
quentemente è stata colta nella Liguria. È singolare il fatto 
che da noi capiti nel!' inverno, cosi tra i cinque esemplari 
nella Collezione italiana uno è del 19 dicembre, un altro del 
4 gennaio, due del marzo; vennero presi: quattro a Nizza e 
uno a Sinigaglia. Neil' ottobre 1903 ne ebbe uno a Udine, 
maschio semi-adulto, il Vallon ; vengo a sapere infine dal- 
l'amico Conte Arrigoni che nel R. Museo Zoologico di Roma 
si conserva un esemplare preso a S. Marinella, Lazio, il 
2 maggio 1895. 

Il suo '■'■habitat ,^ è il S. E. dell'Europa e l'Asia occiden- 
tale: sverna nel N. E. dell'Africa e nell'Arabia meridionale- 



56. Emberiza Cia, Limi. 

ZlGOLO MUCIATTO. 

Zivol muciatto, Zivol de' prati, Zivola matta (Aut. Ital.) 
— Fanèt, Fanin, Barbisa, Barbisin, Barbisoun, Terairola, Am- 
bra grisa (Piem.) — Trasola de montagna. Zia (Cuneo) — Sia, 
nostra {Basso Piem.) — Vinaccina (Nov.) — Zipp., Spionz 
(Vere.) — Zia, Sia, Sièta, Ziott, Zion cenerin, Spajard cenerin 



— 72 — 

(Lomb.) — Sia, Spiounza (Pav.) — Sipol, Zipp,, Frisa {Vali.) — 
Spionzina {Como) — Zipola, Zietta [Mendr.) — Spions {Berg.) — 
Zia {Milaìio) — Spionsa de mont (Bresc.) — Pionza montina, 
Zigheto (Veron.) — Zio, Ciò, Ziga, Zioto (Yen.) — Cip {Beli.) 

— Ziotta {JJaas.) — Cipp (Friuli) — Cia, Zia {Roveret.) — Zip, 
Zippo, Lispo [Treni.) — Pionza {Vicenza) — Zilgnóch {Feltre) 

— Zipp (Cividale) — Sia, Sióto {Padova) — Cikus, Cikavac 
i Daini.) — Zivola matta {Mod.) — Urtlan d'prà {Boi.) — Siga 
sendrona o sendrada, Siga cendrona {Nizz.) — Sia nostra. Sia 
russa, Sia montagnin-na (Gen.) — Silo d' inverno {Spezia) — 
Mugiatto {Pisa) — Zigolo o Zivolo muciatto (Pis., Fior.) — 
Zigolo {Casentino) — Nìzzola prataiola, Muciattola, Nizzola 
muciattola iSen.) — Nizzola ( Valdich.) — Zirla, Zirla muc- 
ciatta {Lucca) — Zigolo mugiatto {Sesto Fior.) — Nizzola ce- 
nerina (Sarteano) — Ziola marina {Marche) — Ziola monta- 
nara {Ancona) — Zivola matta, Zivolo scuro, Pagliereccia 
{Roma) — Ciurlo, Zicco, Ziccone (Xap.) — Ziiilo (6'. Giov. 
in Fiore) — Zivulu {Palerm.j — Zinzola, ' Nzinzola, Zinzi- 
cula {Cat. Sirac.) — Zivùla di montagna {Castelh.) — Viziola, 
Zi ala fini ri nu, Ziulu {Mess.) — Pispanta {Sard.) — Ortulan sal- 
vagg, Quanal salvag {Malt.). 

Questa specie è sedentaria in Italia, giacché nidifica sugi: 
Appennini e sulle Alpi, ma diventa comune soltanto nell'au 
tunno e durante l'inverno per la venata di molti d'oltr'Alpe 
Non è citata dalla Corsica ed è rara in Sardegna. 

È sparsa attraverso l'Europa centrale e meridionale e nel 
l'Asia Minore; sverna anche nell'Africa settentrionale. E rap 
presentata da tre sottospecie nell'Asia centrale ed orientale 



73 



5*7. Emberiza rustica, Pali. 

ZlGOLO BOSCHERECCIO. 

Pionzin (]''eyon) — Zia da tordi, Strapassua [Gen.). 

Giunge raramente da noi e quasi ' sempre nell'autunno, 
ma è stato preso anche nell' inverno, nella primavera e nel- 
l'estate; cosi conservo un'esemplare {Coli. ital. Ucc. n. 2587), 
maschio adulto, ucciso nei pressi di Nizza il 27 agosto 1884. 
Più spesso è capitato nella Liguria; oltre quelli già citati nei 
precedenti volumi sull'Avifauna Italica, noterò un bel maschio 
preso a Voltaggio (Alessandria) il 19 ottobre 1900 {Coli, iteti. 
Ucc. n. 3783), favoritomi dal dott. N. Camusso: quasi contem- 
poraneamente ne ebbe due, maschio e femmina, il Yallon a 
Udine. 

Evidentemente giunge mescolato ai voli di zigoli mi- 
granti. E specie dell'Europa boreale orientale e vive in tutta 
l'Asia settentrionale. 



58. Emberiza pusilla, Pali. 

ZlGOLO MIXORE. 

Strapassua {Arenzano) — Pionzin {Veron.) — Muciatto 
minore (Marche). 

Anche questa è specie propria alla Russia orientale bo- 
reale e, a tutta l'Asia settentrionale, svernando nelle regioni 
centrali e meridionali di quel continente e nelle sue isole, 
come pure nell'Africa settentrionale. In Italia giunge alle 
epoche dei passi, ma irregolarmente, e forse non tanto di 
rado come si crede, giacché va facilmente confusa collo Zi- 
golo di padule o Migliarino [E. Schoeniclus.). E stata catturata 
un po' dappertutto in Italia anche nella Puglia ed in Sarde- 



— 74: — 

gna. Oltre gli esemplari da me già citati, ne ebbi altri tre, 
tutti da Cremona, due presi alla metà di ottobre, uno alla 
metà del gennaio. 

59. Emberiza Schceniclus, Linn. 

JMlCI.IAKINO. 

Migliarino, Ortolano dei canneti, Migliarino di padule 
(Ant. Iteti.) — Passera d'iesca, Scrivan (Piem.) — Sia mon- 
tagnin-na, Strapassua {Banso-Pìem.) — Psi-Psi {Nov.) — Pionza 
( Vere.) — Zia, Pionza, Spionza, Sia del capnsc negher, Zien 
(Lomb.) — Passera dei cann, Zien (Como) — Spiunz (Valt.) — 
Ziott (Mikino) — Spions de la larga (Berg.) — Spionsina russa, 
Spionsina forestera (Bi'esc.) — Spions {Cremon.) — Spionzina 
{Mantov.) — Miarèn (Mod.) — Miarein, Zel. Pasra d'val (Boi.) 

— Zol, Zul (Boi. Rav.) — Zul (Romg). — Ciato, Ziàto, Siéto, 
Ciéto, Sélega palugana, Siàto megiarino o megiarolo, Siàto 
a beco sutilo. Ciò, Sio, Ciepp, Siato, Zia, Pionza (Few.) — Piuca 
(Bass.) — Giù, Gin (Friuli) — Peùca (Feltre) — Ciato de palù 
(Padova) — Chiepa (Trev.) — Cia (Bell.) — Peonzo (Istria) — 
Cikus vodar (Dalm.) — Pionza (Roceret.) — Zia de canna, 
Forazese (Trento) — Zoparola, Ciato, Ziato {Vahuij.) — Sigoun 
(Nizz.) — Sia da canne, Sia boschinna, Strapassua (Gen.) — 
Migliarino, Muciattino (Tose.) — Nizzola di padule (Seu). — 
Muciatto (Valdich.) — Passerin d'acqua, Cacciafrusto ^Marche) 

— Ziola d'acqua {Ancona) — Cannucciara (Rieti) — Zivolo di 
palude. Ortolano d'acqua (Roma) — Passarella e canne, Zicco 
de canne (Nap.) — Frisone (Bari) — Zivula di pantano iSieil.) 

— Ziulu di pantanu (Terran. Sicil.) — Orgiali, Orgiali de is 
cannas, Orgiali de is cannissonis, Orgiali de is mostassus 
(Sard.). — Ortulan tal sidra (MaltaK 

Specie comune e sedentaria nell'Italia media e meridio- 
nale, particolarmente nei luoghi paludosi ove sono estesi e 
folti canneti ; sarebbe invece soltanto estiva in alcune parti 



— 75 — 

dell'Alta Italia. Da noi è pure di doppio passo ed invernale. 
Una maggiore esperienza di questa specie mi fa ritenere che 
essa sia meno variabile di quanto molti ritengono; cosi in 
centinaia di esemplari esaminati ho trovato sempre il becco 
piccolo e prettamente emberizino. Variano più individualmente 
nelle dimensioni generali, senza però mai raggiungere quelle 
della specie seguente, ed in una serie numerosa si vedono, in- 
dipendentemente dall'età, sesso e località, individui più grandi 
ed individui più piccoli ; ma non credo sia il caso di distin- 
guere in questa specie una forma o rsizza piccola ed una. graìide, 
come altri hanno proposto ; parlo per l'Italia soltanto. Nell'Eu- 
ropa orientale Hartert riconosce due sottospecie distinte, al- 
tre due nell'Asia ed una nel Basso Egitto; di esse non ho 
ragione di occuparmi per ora, colla eccezione della E. Schoe- 
nicliis canneti (Brehm) forse uguale all'^. intermedia (Bp.) del 
S. E. dell'Europa, la quale, se è davvero distinta, potrebbe 
capitare anche in Italia. 

La E. ScJìoenicliis è sparsa attraverso l'intera Regione Eu- 
rasica, penetrando nel N. 0. dell'India. 

60. Emberiza palustris, Savi 
Passera di fabule. 

Migliarino di padule, Ortolano o Monachino di padule {Auf. 
Ital.) — Ortolan de palud, Passera di cann (Lomh.) — Tettarais, 
Trida rais {Vali.) — Spionson (Bresc.) — Spions {Cremon.) — 
Passera canera (Jlod.) — Siàto, Ciato, Siéto, Ciéto Pionza, 
Sélega palugana, Siàto a beco grosso, Pionzon, Ciato de palù 
(Veìi.) — Pionza (Rovigo) — Siaun (Gen.) — Passera di pa- 
lude {Bient., Pisa) — Monachino di padule {Tose.) — Zigolo 
(Lucca) — Passaro i canne {Naj).) — Zurlo (Bari) — Pas- 
sar u di pantanu (Sicil.) — Passaru di acqua (Mess.). 

Specie ben distinta dalla precedente, caratterizzata dal 
becco pirrulino e dalle dimensioni generalmente maggiori ; 
nel colorito e nella biologia non differisce dall'^. Scho&niclus. 



— 76 - 

Vive stazionaria in Italia in località adatte e specialmente 
in Toscana, in alcune delle provincie meridionali, ma più 
scarsamente, e nella Sicilia ; sembra mancare in Sardegna e 
nella Corsica, caso che merita però ulteriori indagini. 

Neil' Italia settentrionale sarebbe estiva e nidificante in 
alcune provincie, ma nel Veneto pare essere anco sedentaria 
ed è stata presa nell' inverno ; è sempre assai localizzata. 
Mancano dati per poter dire se sia veramente migratoria; è 
certamente erratica. Fuori d' Italia è citata dalla Francia me- 
ridionale, e dalla Spagna. Debbo dire che non mantengo la 
opinione già da me espressa sulla impossibilità di separare 
la E. jit/rrhtiloYdes, Pali, del delta del Volga, dalla JC. palu- 
stri.s, Savi dell'Italia, baso questo mutamento di opinione so- 
pra un più esteso confronto da me fatto di esemplari tipici 
delTuccello nominato dal Pallas, provenienti dalle foci del 
Volga, con esemplari tipici dell' uccello nominato dal Savi, 
colti a Massaciuccoli ; nei primi le parti superiori, il grop- 
pone e le timoniere sono assai più biancheggianti, ed il bianco 
delle parti inferiori è più puro ; le dimensioni e la forma del 
becco però non differiscono sensibilmente ; il nostro uccello 
è sempre più scuro, ma varia in ciò, e posseggo un' esem- 
plare, maschio adulto, preso a Bari il 15 ottobre 1884 [Coli, 
ital. (Ice. n. 2G09j, nel quale le penne delle parti superiori 
('dorso, groppone e timoniere) accennano ad essere biancheg- 
gianti ; molto meno però che nei tipici individui di E. pyrr- 
huloides dal basso Volga. Variano notevolmente in questa 
specie le dimensioni del becco, il quale pur conservando la 
forma pirruliua, alta, tozza e gonfia, è in certi intlividui senza 
distinzione di sesso, età o località, un buon terzo più piccolo 
che in altri ; tali individui, che hanno ricevuto più di un 
distinto nome specifico, sono a mio parere ibridi coll'i:^. iSchoe- 
niclus ; caso che non deve sorprendere, se anche relativamente 
frequente, visto le affinità morfologiche e biologiche delle due 
specie, le quali vivono inoltre spesso promiscuamente a con- 
tatto. In una serie di 31 individui che mi stanno innanzi 
solo 5 presentano caratteri intermediari nelle dimensioni del 
becco, che conserva però sempre il carattere pirrulino; sono 



— 77 - 

tutti maschi e, con una sola eccezione, presi in Toscana. Va 
notato che nelle femmine della E. pahistris il becco è quasi 
sempre alquanto più piccolo che non nei maschi. 

Per dare un' idea delle diversità di opinioni che esistono 
tra gli Ornitologi su questa singolare ed interessante specie, 
dirò che il dott. Bowdler Sharpe in quella vasta enciclopedia 
ornitologica che è il Catalogne of Birds in the British Mu- 
seum, XII, p. 473, London, 1888, mantiene per gli esemplari 
con becco pirrulino il genere PyrrTinlorhjjncha, da me propo- 
sto nel 1865 e poi abbandonato, e considera specificamente 
distinte la P. pahistris, Savi e la P. pyrrlmlo'ides, Pali. Il 
Dresser \ Birds of Europe IV, p. 241) considera la Eniberiza 
palustris del Savi specificamente identica all' E. ScJioeniclus, 
L. ritenendo distinta la forma E. pijrrhidotdes, Pali. L' Ar- 
rigoni {Man. Orn. ita!., p. 409 j ritiene la differenza di solo 
valore subspecifico e denota la specie in esame Emheriza 
schceniclus palustris. L'Hartert finalmente tratta bensì come 
specificamente diversi il Migliarino e la Passera di padule, 
ma, come fece pel primo, ha diviso la seconda in diverse 
sottospecie, separando così la E. pyrrhidmdes pyrrJiido'kles, 
Pali, dalla E. pyrrhuloides palustris, Savi. 

La E. palustris oltre che in Italia vive, pure nel sud 
della Francia e nella penisola Iberica. 



61. Calcarius lapponicus (Linn.) 

ZlGOLO DI LaPPONIA. 

Ortolano della Lapponia, Zigolo della Lapponia \Aut. 
Ital.) — Ortolan foresto, Ortolan dei prà (Yen.) — Pionza 
foresta, Ortolan dalla neve [Roveret.). 

Uccello subartico e circumpolare, il quale capita in Ita- 
lia nell'autunno, irregolarmente, ma assai più frequentemente 
di quanto si credeva qualche anno fa, forse per le indagini 
ornitologiche ora tanto più estese nel nostro paese. Cosi nella 



— 78 — 

Collezione italiana ne conservo non meno di dieci esemplari 
colti dairil ottobre al 12 aprile: a Vicenza (tre), a Milano, 
a Nizza, a Pistoia, a Firenze (tre), ad Arezzo. L'esemplare 
da Nizza iColl. Hai. Ucc, n. 2912j preso il 12 aprile 1886, 
è in abito nuziale completo; uno da Sesto iFirenzei è isa- 
bellino {Coli. dal. Ucc, n. 3916). Ne ho veduto poi diversi 
altri esemplari presi in Toscana e nel Veneto, onde non posso 
considerarla specie di rara comparsa da noi. 



6S. Calcarius nivalis (Linu. 

ZlGOLO DELLA NEVE. 

Ortolano nivale. Ortolano della neve. Ortolano di mon- 
tagna, Zigolo della neve (Aut. Jtal.ì — Ourtoulan bianch. 
Ambra dia fiocca {Cuneo) — Ortolan de la nev {Lomh.) — 
Urtlan d'ia neva (Mod.) — Urtlan dalla nèiv {Boi.) — Zul 
bianc (Rav.) — Ortolan d'montagna (Mantov.) — Ortolan de 
la neve, Ortolan bianco, Ortolan de montagna {Ven.ì — Orto- 
lan de nev, Ortolan di montagne {Friuli) — Osèl de la neve 
(Trento) — Smearda bianca, Fine russo (Rovereto) — Taloch 
(Agordo) — Osello de la neve (Valsugara) — Osel della neve 
(Ba.s.s.) — Osel della neve (Cadore) — Taloch bianco (Feltre) — 
Siga de mountagna (Nizz.) — Sia da neive, Sia da inverno 
foestéa (Geyi.) — Zigolo della neve, Zigolo bianco (Tose.) — 
Nizzola bianca (Sen.) — Passero turco (Marche) — Durais 
baida (Malta). 

E cosa davvero notevole come questa specie circumpo- 
lare artica, che è certamente tra gli uccelli Passeracei quello 
che va più vicino al Polo Nord, rallegrando coi suoi trilli i 
ghiacci dello Spitzberg, della Terra di Franz Joseph e della 
Groenlandia boreale, giunga frequentemente in Italia ove io 
l'ho veduto in carne a Bari, e so che è slato preso a Malta! 
Non giunge però regolarmente ogni anno nell'Italia centrale, 
ma pare che così avvenga per le nostre provincie settentrionali. 



— 79 — 

Negli anni rigidi si è veduto in branchetti nei dintorni di 
Firenze (San Cresci) ; giunge sempre nel tardo autunno e 
rimane parte almeno dell'inverno. Gli esemplari che conservo 
nella (Collezione italiana vennero presi tra il 10 novembre ed 
il 10 febbraio. 

Non so persuadermi a separare genericamente questa 
dalla specie precedente, come molti fanno, compreso 1' illustre 
amico mio Salvadori. Il Hartert (Vogel. d. paldarlt. Fauna, 
p. 202), adotta per questa specie il termine generico Passe- 
rina, usato per uccelli ben diversi, e per seguire l'andazzo 
moderno, pel fatto che alcuni Ornitologi apaericani hanno 
scisso la ben marcata specie linneana, l'ha camuffata col nome 
di Passerina nivalis nicaìis (L.) ; la sottospecie alla quale ciò 
si deve sarebbe la P. nivalis Toicnsendi, Ridgw. delle sponde 
del mare di Bering, mentre specificamente distinta sarebbe 
il C. hyperhorens, Ridgw, delle isole centrali di quel mare. 



(Lodole) 



63. Melanocoryplia Calandra (Liun.) (ex Cresn.) 

Calandra. 

Calandra, Re die lodne (Pieni.) — Calandra, Calandro, 
Lodlon [Bass. Pieni.) — Rey di alouettes (Aosta) — Calan- 
dron, Re de le sarlode (Lonib.) — Re de sarlode (Prese.) — 
Calandra, Calandrèna (Mod., Boi.). — Calandron (Boi.) — Ciur- 
léna, Calandra (Ravenna) — Calandron, Lodolon (Veron.) — 
Calandra, Calandron ( Ven.) — Calandre (Friuli) — Calandrin 
(Roveret.) — Calandrona (Treni.) — Lodola cantarina (Feltre) 
— Calandria de Spagna, de Sipro, de Malaga, Filandrón de 
Spagna (Padova) — Cevrljuga, Kotarka (Daini.) — Calan- 



— 80 — 

dra {Nizz., Hen., Tose.) — Palandra (Sarteano) — ]^eùda 
(Corsica) — Calandrotto (Marche) — Calandra, Calandrone 
(Roma) — Calantra (Nap.) — Calandrone (Bari) — Calan- 
dra (f^cce) — Calandra i('alabr., Mess.) — Carannulu (Len- 
fini) — Carannula [Modica] — Calannira, Carannuloni, 
Calannaruni {Jerran., Sicil.) — 'Ncuddarata (Petralia) — Ca- 
rannula, Carannulu (Cat.) — Calanniruni (Girg.) — Calan- 
nula (Caltag.) — Calandra. Calandruni (Palerm.) — Calan- 
dria manna, Calandrioni, Calandra reale (Sard.) — Calandra, 
Lodoa (Carloforte, ^Sard.) — Calandra (Mali.). 

La Calandra è specie comune e sedentaria nell' Italia 
centrale e meridionale, specialmente sul versante mediterra- 
neo, nella Sicilia e nella Sardegna ; è scarsa in Corsica e 
nella Liguria ; rara nella porzione 0(;cidentale delle nostre 
Provincie settentrionali ; più frequente, ma non comune, nel- 
l'Emilia e nel Veneto, ove avrebbe nidificato ed ove (dintorni 
di Mestre) è anche stata presa nel gennaio. 

E specie propria all'Europa meridionale, all' Africa set- 
tentrionale ed all' Asia Minore. Nella Persia, nell'Afganistan 
e nel Turkestan vive una sottospecie affine M. calandra 
psammochroa, Hart. 

6-4. Melanocoryplia yeltoniensis Forst.) 
Calandra nera. 

Intorno a questa specie ho ben poco da aggiungere a 
quanto scrissi vent'anni fa {Avifauna Italica, p. 58, Firenze, 
1886). Io non ho mai veduto un' individuo sulla cui cattura 
in Italia non cada dubbio, ma nella Collezione Magni-Griffi 
(ora nel Museo Zoologico universitario a Roma) è un' esem 
piare che dicesi essere stato preso nei dintorni di Sarzana 
nel 1868. 

La M. ì/eltoniensis abita le steppe dei Kirghisi, tra il 
Volga ed il Turkestan ; e ben raramente s' incontra più ad 
occidente. 



81 



65. IVIelanocoryplia sibirica (.T. F. Gmel ex Palli. 
Calandra siberiana. 

Anche questa è specie più asiatica che europea, e pro- 
priamente delle steppe del S. E. della Russia, della Siberia 
occidentale e della Transcaspia. Da noi giunge ben di rado, 
eppure ai cinque casi rammentati nei due precedenti volumi 
dell' « Avifauna Italica » di catture avvenute nel nostro paese, 
debbo aggiungerne altre tre, cioè: un maschio adulto colto il 
22 gennaio 1896 a Malagrotta, nei pressi di Roma, un esem- 
plare che sarebbe stato preso in Liguria nel 1869 (ex Coli. 
Magni-Griffi), questi due sono nel R, Museo Zoologico di 
Roma ; infine un maschio adulto catturato nel marzo 1896 
nel Padovano, che si conserva nella Collezione Arrigoni a 
Monselice (Padova). 

Non vedo ora ragioni per separare genericamente que- 
sta specie, isolandola così dalle altre Calandre. 



66. Otocorys ''^^ alpestris (Linn.) 

LoDOLA GOLA GIALLA. 

Lodola foresta {Ven.) — Lodola de la gola giala iVeron.) 
— Lodla russa (Romg.) — Calandruni svariu [Mess.). 

E specie rara, di comparsa irregolare in Italia nelF au- 
tunno e nell'inverno, ed è stata presa in Toscana (anche men- 
tre scrivo 14. XI. 1904 ho saputo di un' esemplare trovato 
in questi giorni sul mercato di Firenze), in Puglia (Bari), nella 



(1) Il termine generico equivalente Philammus, Gray, usato da 
Salvador! ha forse la priorità, ma quello di Eremophila, adottato re- 
centemente da Hartert, è stato diversamente applicato; preferisco, nel 
dubbio, conservare quello proposto da Buonaparte. 



— 82 — 

Campania e persino in Sicilia; ma sono casi accidentali af- 
fatto. Ove capita meno raramente è nell'Italia settentrionale e 
specialmente nel Veneto; la vallata dell'Adige pare essere una 
delle vie preferite da questa Lodola circumpolare nelle sue 
irregolari discese al di qua delle Alpi, ed è, per quanto a me 
risulta, il distretto di Verona quello ove più spesso è stata 
colta nel paese nostro. Il Dal Nero, appunto nel Veronese, ne 
ebbe 5 dal 1879 al 1890, colti tra l'ottobre ed il gennaio. 

Va notato che recentemente gli esemplari boreo-ameri- 
cani sono stati subspecificamente separati da quelli della zona 
subartica Eurasica; e siccome Linneo diede il nome alpestris 
ai primi, se viene confermata la differenza, i secondi (tra i 
quali sono i nostri) vanno distinti col nome di O. alpestris 
flava (Gm.). Nei confronti da me fatti trovai soltanto il becco 
alquanto più lungo in esemplari americani ; sarebbe poco. 



67'. Amnioinanes cinctura Gouldi. 

LOUOLA DEL DESERTO MINORE. 

Sinora non abbiamo che un solo caso bene constatato 
della comparsa di questa specie entro la regione italica sul- 
l'estremo suo lembo meridionale, ed è 1' individuo avuto dal 
Wright a Malta nell'aprile 1867, che si conservava nella Col- 
lezione Dresser in Inghilterra, ove potetti esaminarlo nel 1882. 
E specie la quale dall' Arabia si estende attraverso 1' Africa 
settentrionale sino alle Isole del Capo Verde. 

Recentemente il genere Ammoìnanes, le cui specie pre- 
sentano come tutte le altre Lodole, una notevole variabilità 
individuale costituente anche razze locali più o meno ben ca 
ratterizzate, è stato campo fej'ace delle gesta dei così detti 
" .<?p/?7fer.'? ,, , ed i giovani Ornitologi alla moda si sono dati 
con entusiasmo alla creazione di numerose "sottospecie,, con 
relativa trinomìa e con evidente danno alla chiara e veritiera 
interpretazione dei fatti. Oggi, dopo nini lettura attenta di 
quanto ha scritto in proposito l'amico mio Hartert nel recen- 
tissimo suo trattato sugli uccelli della Fauna Paleartica, io 



— 83 — 

mi trovo assai imbarazzato a collocare quel!' unico individuo 
capitato a Malta, ed a dire se si tratta di una o dell' altra 
delle '' sottospecie,, che portano oggi i nomi di: Ammomanes 
phcenicura arenicola (Sundev.), A. phmnicura cinctura (Gould); 
A. phoenicura Zarudnyl {Hart) e A. phainicura phcenicura 
(Frankl). Una cosa posso però asserire con certezza, ed è che 
l'unico rappresentante del genere sinora capitato in Italia è 
splendidamente figurato dal Dresser [Birds of Europe, IV. 
pi. 234j. 



68. Calandrella bradiydactyla (Leisl.) 

Calandrino. 

Calandrella, Calandrello, Calandrino {Aut. Ital.) — Alo- 
uette [Aosta) — Calandrina, Lodi {Lomb.) — Gic-giac, Ca- 
landra [Vali.) — Lòdolin [Mani.) — Calandrin {Mod.) — 
Calandrèn {Boi.) — Lodolin, Totolin, Calandrin [Ven.) — 
Ciarlina (Cimadolmo, Trevigiano) — Lodola tamburèla {Veron.) 

— Lodule di campagne {Friuli) — Lodolin, Lodolin foresto, 
Calandrin, Berluàto {Padova} — Calandrina {Feltre) — Lo- 
dolin, Calandrin, Calandrella {Roveret.) — Cevrljugica (Daini.) 

— Piciona lauvetta, Ciourra {Nizz.) — Rugnetta {Savona) — 
Grivein (Arenzaìio) — Terainha (Gen.) — Calandrino, Calan- 
drello, Lodolino {Tose.) — Lodola (/. di Giglio) — Calan- 
drèna {Rav.) — Calandrino, Strellacchino {Marche) — Strel- 
lacchina (Ajicona) — Calandrella, Lodolino (Nap-) — Faldedda 
{Bari) — Cucciardina (Calahr.) — Calandredda (Sicil.) — Qua- 
gliarina, Quagghiarina, Guagghiarina {Mess.) — Ciciredda 
{Castrog.) — Ciurlidda (Petralia) — Cacaviola, Calanniredda 
{Terran. Sicil.) — Calandrina, Taccaterra, Attaccaterra, Ter- 
raia, Callandriedda, Terajola {Sard.) — Bilbla {Mali.). 

Uccello proprio alla regione circummediterranea, erratico 
e scarso neP'Europa centrale; attraverso la Persia giunge sino 
nel Balucistan e nel N. 0. dell'India. 



— Se- 
lli Italia t' specie estiva e nidificante, più abbondante nelle 
Provincie meridionali e centrali comprese le isole, e la Corsica; 
in alcune località litoranee, alle epoche del passo e più spe- 
cialmente in quella primaverile, giunge numerosissima. Ge- 
neralmente i Calandrini giungono in Italia verso la metà di 
marzo e partono tra la metà dell'ottobre e quella del novem- 
bre. Come tutte le Lodole, questa specie presenta considerevoli 
variazioni individuali nel tono del colorito, nelle dimensioni 
generali ed, entro i limiti specifici, in quelle del becco. 



69. Calandrella minor '^^ fCab.) 
Calanurixc j»ki. Pai.las. 

Specie propria all'Africa settentrionale ed a gran parte 
dell'Asia, nonché al S. E. dell'Europa, che fa rare comparse 
in Italia. Oltre ai quattro casi di tale accidentale comparsa, 
già da me citati (Avif. Ital. p. 59, Firenze 1886 e Avif. Hai. 
p. 120 Firenze^ 1889), di cui uno, quello di Sarzana (mag- 
gio 1862) è alquanto dubbioso; debbo ora registrarne altri 
quattro, e questi esemplari (con due dei primi) si conservano 
nella Collezione centrale dei Vertebrati italiani qui in Firenze. 
Essi sono: un maschio ed una femmina presi nelle vicinanze 
di Nizza il 1° dicembre 1900 ed il 14 dicembre 1901 i (\it. Ucc. 
3819, 3886); un maschio preso a Grosseto il 16 gennaio 1900, 
notevole per avere le striature scure sul petto appena accen- 
nate, mentre ai lati del petto due macchie oscure rammen- 
tano quelle della (\ hrachydactjila, dalla quale però differisce 
per le dimensioni minori nonché per la forma del becco e 
dell' ala, caratteristica alla specie sotto esame {Cat. Ucc. 
n. 3765); una femmina uccisa a Sesto Fiorentino il 7 gen- 



(1) Hartert {V(i(/. d. pah'iarkf. Fainui. i>. '21U) inette in quaran- 
tena il nome originale di pispoletta data dal I*allas a questa .sj)ecie, 
adducendo la ragione che vi potrebbe es-sere confusione col termine 
.specifico di uguale derivazione Spinólelta (che va corretto in Spipoletta) 
dato da Linneo ad xnVAlauda (|)OÌ Aìithus). 



— 85 — 

naio 1903 {Cat. Ucc. n. 3957). I due precedenti, da Grosseto e 
da Bari, furono colti nel marzo. Come si vede questa specie 
capita da noi durante l'inverno, in epoca nella quale la co- 
mune C bradi ydactyla non si trova in Itiilla o iucomincia 
appena a farsi vedere nelle nostre prò vinci e meridionali. Ar- 
rigoni registra un'esemplare nella sua collezione presa nel Ve- 
neziano {sic) nel maggio 1894; mi permetto di dubitare della 
esattezza di quella data. 

Nel 188G (Avif. Ital. p. 59) studiai accuratamente la qui- 
stione delle diverse forme di Calandrino con becco corto ed 
ala con secondari ed omerali brevi, e dopo un esteso confronto 
dei diversi tipi venni alla conclusione che, colla possibile ec- 
cezione della C. hcetica della penisola Iberica, le altre anda- 
vano a parer mio riunite sotto il nome di C. pispoletta, e 
venivo enfaticamente ad una tale conclusione per le forme 
distinte coi nomi di C. pispoletta ("Pali.) e C. minor (Cab.), che 
non possono in nessun modo essere separate. Oggi mantengo e 
confermo quella mia decisione; soltanto, persuaso dalle giuste 
ragioni date dal Hartert, adotto il nome di Cabanis; tanto 
più che recentemente anche Arrigoni {Man. Orn. ital. p. 371) 
cita ed enumera oltre la C. pispoletta, la C. minor tra le spe- 
cie italiane sulla fede del Dresser e basandosi appunto sul- 
l'esemplare da Malta, già da me studiato e che trovai non 
diverso dalle C pispoletta colte altrove in Italia. 

Non intendo qui entrare nel ginepraio di forme appar- 
tenenti a mio parere, al tipo C. pispoletta o Diinor, che sono 
state mantenute distinte dall' Hartert nella sua recentissima 
opera, trattandosi di materiale per noi esotico. 



— 86 — 

T'O. G-alerida '^ cristata i Linn. ex Aldrov.j 
Cappellaccia. 

Cappellaccia, Lodola crestuta, Allodola cappelluta (Aut. 
Ital.) — Lodnoun, Oupada, Lodna corridoura, Caplua (Piem.) 

— Lodola, Traciola, Cioffù (Ctineoi — Parù'ia Sahtzz.) — 
Prucia (Carign.) — Capussina, Capellnniia, Lodra oapussina 
(Bass. Piem.) — Lodoula capussena ( Varzi i — Capussinna, 
Lodra capellina {Tortona, Novi) — Calandra, Calandra ca- 
puzòl [Lonih.) — Calandra (Bresc.) — Calandra col capèus 
(Berg.) — Lodola (Matitov.) — Lodola del ciuf (Valt.) — Lódla 
(Piac. Parm.) — Caplóna, Calandra peznena, Lodla d' la ca- 
poccia (Mod.) — Lodla dalla popla, Lodla da la pupla [Boi.) 

— Lòdla capluda {Romg.) — Caplvita, Lodla {Ravenna) — 
Capelóta, CapeMa, Lodola capeluda, Capehiga {Yen.) — Lo- 
dule chapelude, Lódole chapelote, Chapelute, Lodi chapelate 
(Friuli) — Capeluda, Capilua (Padova) — Capellua (Istria) — 
Bahnljaca, Kukuljaca, Uhoraca (Dalm.) — Capelóta, Capellétta 
(Roveret.) — Frallódola, Lodola dal ciuff (Trent.) — Lodola da 
ciuffo ( Valsugana) — Coupada, Oupada, Piola de vigna (Xizz.) 

— Lodoa [Savona, Arenzano, Spezia) — Lodoà dò suffo (Gen.) 

— Cappellugola (Tose.) — Lodola nostrale, Cappellaccia, Lo- 
dola cappellaccia, Gràcchiellaccia {Pisa) — Allodola cappellac- 
cia, Lodola col ciuffo [Fior.) — Ciuffetta, Pantiera (Sarteano) 

— Lodola cappellana [Grosseto) — Cappellaccia (Elba) — Ca- 
landra {(larfag.) — Cappellaccio (Lucca) — Lodola cappelluta 
[Lucca, Roma) — Lodola {Ancona) — Loaccia (Rieti) — Lo- 



fi) Hartert propone di tonmre ad usure la ortografia originale 
del Boie (\^'2S) sebbene errata, pel fatto che abbiamo un genere Ga- 
lerita, Fab. (1801) tra i Coleotteri; ed ha ragione (Vug. d. palìiarkt. 
Fauìia p. 22G). 



— 87 — 

dola dal cappello, Calandra col ciuffo, Capparuccia {Marche) 

— Ciuffa, Merdara {Viterbo) — Tappata, Calandrella {Cam- 
pobasso) Allodola cappelluta, Tuppusa {Jelsi) — Monnezzara, 
Cucciàrda monnezzara {Nap.) — Cocciarda {Bari) — Cucu- 
ghia, Cucughiata {Puglie) — Cucosa (Lecce) — Calandruni, 
Ciciarune, Cùcugghiata {Calabr.) — Lodona o Lodula fcupputa 
{Sicil.) — Coccocciuta, Cucucciuta {Pai., Girg.) — Cucucciu- 
tedda, Cùcugghiata (Mess. Cai.) — Capiddina {Girg., Sir., Cat.) 
- — Scurriviola, Curriviola (Castrog.) — Cuccia (Terran. Sicil.) 

— Capuzieddu, Cuccuciuta {Modica) — Calandra, Calannira 
(Casfelb., Mad.) — Cuklaita rara {Mali.). 

Specie comune e sedentaria nell'Italia tutta, compresa la 
Sicilia; secondo Salvador! sarebbe estiva per certe provincie 
nostre settentrionali; manca affatto in Corsica e nella Sarde- 
gna. La G. cristata è generalmente sparsa nell' Europa con- 
tinentale e manca nelle isole Britanniche. 

Notoria tra gli Ornitologi è la grande variabilità indi- 
viduale di tutte le Lodole, nella colorazione e nelle dimen- 
sioni; ma poche di esse variano quanto la nostra comune 
Cappellaccia. La divisione di questa specie in " sottospecie ,, 
distinte con nome proprio, basate principalmente sul tono 
della colorazione e sulle dimensioni del becco, è a mio pa- 
rere una vera follia; eppure gli Ornitologi "alla moda,, della 
giovane scuola vi si sono dati all' impazzata, ed ora per la 
sola regione circummediterranea vediamo definite e nominate 
nell'opera recente di Hartert {Vog. d. palclarkt. Fauna p. 227) 
non meno di una diecina di " sottospecie ,,- e non parlo di 
quelle più propriamente asiatiche ed africane, né del gruppo 
che circonda la iberica G. TheMce, Brehm, che sarebbevera- 
mente distinta. 

Oltre la Galerida cristata cristata (L.) avremmo secondo 
essi in Italia la G. cristata meridionalis, Brehm; un' altra di 
queste forme, la cosidetta G. cristata senegallensis (P. L. S, 
Muli.), sarebbe stata presa in Sicilia secondo Sharpe [Cat. 



— 88 - 

Birds Brit. Mus. XIII. p. 630), e quell' esemplare, raccolto 
dall' Oates, è nel Museo Britannico; mi affretto ad aggiungere 
però che l'amico Sharpe non la considera ora diversa dalla 
G. cristata. 



TI. Chersophilus Duponti ( Vieill.) 

LOJJOLA DEL DUPONT. 

Il dott. Bowdler Sharpe ha separato questa specie dal 
genere Certhilaucla per l'unghia dell'alluce curva e relativa- 
mente corta e per la piccolezza della prima remigrante [Cat. 
Birds Brit. Mus. XIII, p. 525. London, 1890). È uccello della 
Tunisia, dell'Algeria e della penisola Iberica meridionale. Già 
il Malherbe {Faun. Orn. de la Hicile, p. 107j raccolse senza 
prove di fatto l'asserzione che questa Lodola era stata uccisa 
in Sicilia, Io pel primo ne ebbi un individuo autenticamente 
italiano, ucciso con Lodole panterane [A. arvensi.s) a Piom- 
bino) il 20 dicembre 1900 ; è un maschio, e lo ebbi fresco, 
inviatomi come varietà della Lodola comune {Coli. ital. Ucc. 
n. 3792j. Questo caso venne pubblicato a mia insaputa con 
data sbagliata, dal conte dott. E. Arrigoni degli Oddi (Atlante 
Ornitologico, II, p. 250. Milano^ 1902;. 

T'S. Alauda arvensis, J-iinu (ex Frisch.j 
Lodola. 

Lodola, Allodola maggiore, Lodola panterana, Lodola 
campestre, Panterana (Aut. Ital.) — Lodna {Pieni.) — Lo- 
dola, Traciola {Cuneo) — Alouette des champs {Aosta) — 
Lodoula, Lodna, Lodra, Grivéa {Basso Pieni.) — Lòdra, Lo- 
dola, Lodna (Tortona^ Novi) — Strobioun {Carig.) — Lodola, 
Lodana, Odola, Serloda {Lomh.) — Sarloda, Ciorlana {Bresc.) 
— Lodola, Odola, Odola de campagna {Valt.) — Lodula 
( Varzi, Cremona) — Lodola {/'iac.) — Lódla {Parm.) — 



— 89 — 

Lodla {Mod.) — Calandra {Mani.) — Lodla, Spéppla, Giaron 
{Boi.) — Lòdla, Starlaca (Romag.) — Starlaca {Ravenna) — 
Lodola, Lodolon, Giarda {Ven.) — Alòdola, Calandron, Odola 
{Fadoca) — Lódule {Friuli) — Lodola {Istria) — Cevrljnga, 
Mrknljica (Dalm.) — Calandra, Cialàndra {Treni.) — Gourieu 
{Nizz.) — Ciattarun {Savona) — Grivea, Grivea de Corsega, la 
cosidetta A. cantarella, Bp. {Gen.) — Mignarda (Spezia) — Lo- 
dola, Lodola buona, Lodola reale, Lodola di passo, in collina, 
Lodola buona panterana, al piano (Pisa) — Lodola panterana, 
Panterana, Pantera, Pantiera {Fior.) — Lodola, Lodvacchio, 
Lodracchio, Lodolacchio (Lucca) — Lodola vera {Fucecchio) — 
Cucciarda [Elba) — Peùda (Corsica) — Allodola panterana 
(Sen.) — Lodola buona {Valdich.) — Lodola, Lodola canterina, 
Lodola di passo, Lodola di montagna, Cantarella {Roma) — 
Tarragnola ( Umbria) — Sterlacca {Ancona) — Calandra, Lodola, 
Sterlacca, Strellacca [Marcile) — Nodula {Rieti) — Allodola 
( Viterbo) — Calandrella (Jelsi) — Cucciarda, Terragnola {Nap.) 
— Terragnola (Bari) — Taragnola (Lecce) — Cucciarda 
{Campobas., Calabr.) — Adulidda, Lodicca, Lodana cicciruni 
(Cat.) — Calandruni (Mess.) — Calaunuroni (Caltag.) — Lo- 
nora, Lodina iTerran., Sicil.) — Lodula (Modica) — Calan- 
driedda, Calandria, Chilandra (Sard.) — Aluetta, Aluet (Malt.). 

Sparsa ovunque in Italia, stazionaria e abbondante, 
anche nelle nostre isole ; questa specie immigra pure da noi 
in numero sterminato ; i passi di queste Lodole forestiere 
sono in ottobre e novembre e nel marzo ed aprile. I caccia- 
tori sostengono, come fanno del resto per tante altre specie, 
di saper distinguere le Lodole di passo da quelle paesane, 
ed il Buonaparte ha voluto in certo modo confermare quella 
credenza distinguendo specificamente col nome di A. canta- 
rella la nostra Lodola sedentaria. Ma tale distinzione non 
regge e non è stata accolta che da pochi Ornitologi anche 
in questi tempi di analisi e sminuzzamento feroce. Il fatto 
è che variabili come sono tutte le Lodole nessuna supera in 



— 90 



ciò r ^. arvensis , si tratta ben inteso di variazioni indivi- 
duali che perdono ogni valore quando si passano in rassegna 
numerose serie di individui da l(»calità diverse ; esse interes- 
sano specialmente il colorito o, per essere esatti, il tono di 
esso, ma, entro certi limiti, le dimensioni generali e sopratutto 
quelle del becco variano pure. Fu dunque con piacere che 
lessi quanto ha scritto in proposito l' Arrigoni [Man. Orn. 
Hai. p. 364 e nota) lieto di essere con lui su ciò in perfetto 
accordo. Tra le variazioni locali relativamente frequenti va 
ricordata quella meJan'ica che non di rado s' incontra tra le 
Lodole della campagna romana, che offre un singolare pa- 
rallelo con quelle della Quaglia e del Beccaccino, le quali 
vennero perciò specificamente distinte {S(/n(jeeus Lodomoì e 
Gallinago Sabinei), molto a torto. Del resto oltre alle T^odole 
chiare e quelle scure fnon al punto di costituire melanismoj 
ed ogni possibile gradazione tra i casi estremi, come nelle 
altre specie di questa famiglia sono frequenti i casi di albi- 
nismo più meno completo e sopratutto di isabellismo. 

Il Hartert {Vog. d. paJaarkt. Fauna, p. 246. Berlin, 1905) 
opina che in Italia la Lodola residente vada subspecificamente 
distinta e chiamata A. arcensis cantarella, Bp. ; e ritiene che 
la forma tipica che egli designa come A. arvensis arvensis, 
L. giunga da noi immigrante per svernare. Mi duole di non 
essere del suo avviso, ma sinora non mi è riuscito riconoscere 
due forme nettamente caratterizzate tra le nostre Lodole pan- 
terane, mentre, ripeto, le variazioni individuali sono infinite 
in questa specie. 



7'3. Alauda gulgula, Fraukl. 

LoDOLA MINORE. 

Nella mia Avifauna Italica, p. 67, nota, Firenze, 1886, 
sotto la rubrica della A. arcensis, richiamai l'attenzione dei 
Colleghi in Ornitologia su di una Lodola non molto diversa 
nel piumaggio da individui della comune specie ora citata. 



— ì»l — . 

ma straordinariamente più piccola ; eccone le dimensioni a 
confronto di quelle di una Lodola comune del medesimo sesso 
di dimensioni medie {Coli. ital. Ucc, n. 2189) : 



Alauda arvensin, femm. uorinale. 



Foligno 




Luug. tot. 


0.180 mm 


Ala 


0,120 » 


Becco a fronte, 


0.010 » 


Tarso 


0.026 » 


Coda 


0.07G » 



Alauda femm. nana, Firenze 

0.135 mm. 

0.087 » 

0.011 » 

0.024 » 

0.055 » 



Questo individuo pigmeo, ma con becco relativamente 
lungo e sottile, venne preso a S. Cristina presso Firenze il 
12 novembre 1882 e si conserva nella Collezione italiana 
iUcc. n. 1986); è una femmina adulta e l'ebbi in dono fresco 
ed in carne dai fratelli Bucciolini, col[nti dalla sua notevole 
piccolezza. Era unico e nei ventiquattr' anni da allora tra- 
scorsi non ne ho veduto altri simili. Scrivendo nel 1886 io 
dubitavo fosse un esempio isolato di nanismo della A. arven- 
sis, e dissi che nel caso si rinvenissero altri esemplari simili 
meritava forse di essere considerato specie distinta ; onde pre- 
posi per esso, con le debite riserve e accadendo di trovarne 
altri, il nome di A. nana. Ora ho ripreso a studiare il caso 
singolare rimasto isolato, e valendomi della maggiore espe- 
rienza in materia e delle recenti migliori pubblicazioni in 
Ornitologia, mi è sorto il dubbio che la piccola Lodola di 
S. Cristina potesse essere un'esemplare smarrito della diminu- 
tiva Lodola asiatica A. gulgula, Frankl. (alla quale va unita 
VA. coelivox, Swinh.), sparsa nell'Asia centrale e meridionale e 
specialmente nella Cina e nell' India, Pienamente d' accordo 
cogli amici Sharpe (Cat. Birds Brit. Mus. XIII, pp. 566, 
575. London^ 1890) e Oates (Fauna Brit. India, Birds, II, 
p. 326. London, 1890), che tra V Alauda arvensis q V A. gul- 
gula la sola differenza sta nelle dimensioni notevolmente minori 
di quest'ultima, che presenta poi le stesse variazioni nel co- 
lorito e^ entro certi limiti, nelle dimensioni, della prima ; — 
aggiungo che 1' esemplare di S. Cristina coincide perfètta- 



— 92 — 

mente nelle dimensioni con quelle date da Sharpe per 1' A. 
gtilgula, e così pure nei caratteri più salienti del colorito, cioè 
la quasi assenza di strisce scure sui fianchi e la tinta più 
chiara delle cuopritrici interne dell'ala ; ma, ripeto, il colorito 
nelle Lodole, trattandosi di tono, non ha gran valore. Del 
resto, parlando dell' A. giilgula, Oates dice esplicitamente : 
" Colorito così uguale a quello dell'i4. arcensis da non richie- 
dere una descrizione a parte. Difterisce per essere costante- 
mente più piccola ,,. Dunque parmi di non eccedere riferendo 
l'esemplare di S. Cristina alla Lodolina asiatica, sempre colle 
debite riserve, e notando che in quell' esemplare il becco è 
alquanto più sottile che non negli individui di A. gulyula 
(var. scura) dall' India coi quali 1' ho confrontato. Il Hartert 
che vide e studiò poi questo esemplare interessante, è per- 
fettamente concorde meco nella sua determinazione. Sarei però 
molto imbarazzato a riferirlo ad una più che ad altra delle 
sei sottospecie riconosciute dal citato amico, VA. gulgula es- 
sendo, ripeto, variabile quanto 1' A. arvensis. Come mai sia 
capitata nella provincia di Firenze è una delle stranezze mi- 
gratorie che sappiamo male spiegare, ma delle quali abbiamo 
parecchi esempi. In ogni modo è un caso assai interessante. 



7*4. Lullula arborea (Limi, ex ^Villuo;ll.). 
Tottavilla. 

Tottavilla, Allodola dei prati, Mattolina, Covarello, Lo- 
dola arborea {Aut. Ital.) — Loduin, Ludvigh, Taragna, Su- 
biaròla {Pieni.) — Loudoulinna Loudnin [Cuneo) — Qaplina 
{Alba) — Petronella, Lodrin (Baas. Pieni.) — Turlo, Odola 
de crap, Lodovigh, Lodiich, Sarlodi (Lomb.) — Tùrli, Turlo, 
Odolin de crap ( Valt.) — Lodolì (Berg.) — Lodoik, Sarlodi 
(Bresc.) — Loduisch {Cremori.) — Lodula {Varzi) — Lòdola 
(Mani.) — Lodlen'na {Ptac, Parni.) — Ludlèn, Ludlèna, 
Lodletta, Cutùi {Mod.) — Lodla di pra, Lódla d' pré, Lo- 



— 03 — ■ 

dleina {Boi.) — Calandra {Ravenna) — Berlua, Calandrili 
{Ven.) — Calandra, Merlongato {Veron.) — Berluato [Bass.) 

— Calandra {Bell.) — Calandrai {Friuli) — Angiola {Feltre) — 
Calandra nostrana {Cadore) — Belluato, Berluato, Berinato, 
Barluato, Lodolin {Padova) — Barinato (Rovigo) — Lodolina 
{Istria) — Pitalja viduljaka, Vidulinka (Dalm.) — Ràdola, 
Lodola {Trentino) — • Lau vetta {Nizz.) — Petronilla (Arenzano) 

— Collaeto (/Savona) — Petronella (Gen.) — Lodoin {Spezia) — 
Piturlo {Garf.) — Lodolina (Sesto fior.) — Lodolicchio, Lodo- 
lino (Sarteano) — Bonicola {Pisa) — - Bonicola, Mascolina, 
Lodola mattugia, Lodolino, Tottavilla (Fior.) — Piturlino 
{Lucca) — Lodolicchio, Lodola di passo {Elba) — Lodola 
(/. di Giglio) — Penda {Corsica) — Covilello, Trullora (Sen.) 

— Lodolino (Casentino, Valdich., Marche, Ancona) — Lodla, 
Starlaca (Romag.) — Sorluica (Rieti) — Covarello (Umbria) 

— Allodolina, Coarella {Viterbo) — Tuttuilla, Tottavilla 
(Roma) — Cuarella, Covarella, Cuvarella {Nap.) — Picchi- 
chiera (Bari) — Cucciarda (Lecce) — Calandrella, Cucugghiata 
(Calabr.) — Cncugghiatula, Passera di boscn, Calandredda, 
Passareddu di voscu (Mess.) — Tuvittola (Cai.) — Ludanedda 
(Girg.) — Calandredda d'arvulu (Castelh., Castrog.) — Tuvit- 
tula, Currintina (Terran., Sic.) — Linguinedda surda (Mo- 
dica) — Lonara cantaredda o cantatura, Londria (Palerm.) — 
Calandria, Calandrina, Accuccadita, Calandriedda, Chilandra 
{Sarà.) — Chilandrina (Sass.) — Cuklaita {Mali.). 

Specie comune, stazionaria, nidificante ai monti e colli 
in tutta Italia, comprese le isole ; giunge immigrante nume- 
rosa nell' autunno e sverna nel piano. 

Anche per la Lidlula arborea., che è variabile quasi qwanto 
le altre Lodole, il Hartert riconosce diverse sottospecie euro- 
pee ; esse sarebbero tre, oltre la forma tipica, resideiiti nel- 
l'Europa settentrionale ed invernali da noi. La nostra forma 
residente non ebbe però ancora un nome, grazie tante. Una 



— 94 — 

quarta forma sarebbe propria all'Alia. Aggiungo che non ho 
saputo trovare due forme separabili tra i moltissimi esem- 
plari italiani di questa Lodola esaminati. 

La L. arborea vive in tutta Europa, nell'Africa setten- 
trionale e neir Asia occidentale. 



MO TA. CILLIDu^ 

[Pispole^ Cutrettole) 



7*5. Anthus campestris (Linn. ex Briss.) 
Calandro. 

Spippoletta, Pispoletta, Allodola o Lodola dei campi, 
Calandro [Aut. Jfal.) — Stroubioun, Piourousa, Cerlach (Piem.) 

— Curetin, Terenn-a, Lodrin [Bass. Pieni.) — Titro, Curren- 
tin, Térénna (Tortona, N^oci) — Piossa (Lonib.) — Gicgiac 
[V'alt.) — Gazzettina {Como) — Sguisetù {Berg.) — Sguisetù 
{Bresc.) — Piossa (Cremon.) — Sguissettina {Mantov.) — ■ 
Lòdla {Piac. Parm.) — Spiplon, Spepla, Calandra {Boi.) — 
Fiston foresto, Gambalonga {Ven.) — Calandròn (Fritdi) — 
Tordina foresta {Padova) — Passera marina {Roveret.) — 
Fiston, Gambalonga {Trento) — Zvrljinka, Cirlinkavac, Gi- 
ricinka {Daini.) — Pioulin {Nizz.) — Grivea {Savona) — 
Ciarla {Gen.) — Spia di Ortuan {Spezia) — Ciurletto, Ciur- 
lettino, Avina {Pisa) — Calandro {Bient. Fior.) — Uccello- 
dolo {Fior. Chianti) — Re di Lodole, Lodolino, Lodola pic- 
cola {Casentino) — Sarlodi {Signa) — Ciurlodi {Sesto Fior.) 

— Corriere, Corrisodo {Sen.) — Corri-corri {Flba) — Peùda 
{Corsica) — Lodolicchio (/. di Giglio) — Gerla, Spioncella 
{Hoina) — Babbusso, Spioncello {Marche) — Strellacchino 
{Ancona) — Cepollàro, Calandrone, Cucciarduola, Cepollara 



— 95 — 

{Nap.) — Code-lenghe (Bari) — Currentnni [Calahr.) — Cii- 
rintuni (Sicil.) — Currintina, Spagnulettu {Cat.) — Curin- 
tina [Castrog.) — Curintinu {Modica) — Lodina pispisa {Oirg.) 
— Pispoledda, Fanfarroni, Fanfarrone, Pispanta, Calandria 
{Sard.) — Bilbloun {Mali.). 

Uccello estivo per noi, e nidificante in luoghi adatti, 
tanto nelle isole che sai continente ; ma è assai più abbon- 
dante alle epoche del passo e specialmente durante quello 
primaverile. Qualche individuo si trova in Italia nella seconda 
metà di novembre, ed è stato ucciso presso Roma nel gen- 
naio, ma sono casi rari; ritengo erronea l'asserzione che questa 
specie sia comune durante V inverno in Corsica. 

È sparsa in quasi tutta la Regione Eurasica; nella sta- 
gione invernale penetra nel cuore dell'Africa e nell'Asia me- 
ridionale. 



"76. Anthus Ricliardi, Vieill. 
Calandro forestiero. 

Titro, Currentìn, Térènna [Tortoìia, Novi) — Bovarot 
de brughera (Lomb.) — Gic-giac, Sguizzetta di gamb lungh 
{Vali.) — Piossù (Bresc.) — Tordinou [Ven.) — Gambalonga, 
Fiston foresto {Padova) — Calandri n {Friuli) — Tordinon 
{Roveret.) — Trepteljka ostrugasta {Dalm.) — Cros Pioulin 
{Nizz.) — Ciarla grossa {Gen.) — Spepla furastera {Mod.) — 
Cepollàro gruosso, Sitolo montagnuolo, Sitolone {Xap.) — 
Curintuni furasteri {Sicil.) — ■ Calandria, Calandriedda a bieco 
fini {Sard.) — Bilbloun salvagg {Mali.). 

Questa bella specie è rara, ma non rarissima, in Italia, 
ove giunge irregolarmente nell'autunno e rimane anche l'in- 
verno. Dei nove esemplari nella Collezione italiana, quattro 
vengono da Cremona, uno da Como, uno da Udine, uno da 
Busalla (Genova) e due dalla Toscana ; presi tra il 9 settem- 



— 9(; — 

bre ed il 25 ottobre. Non ne vidi mai dalla Sardegna. Pare 
che rare volte abbia nidificato da noi, e Vallon ne ebbe un 
nido con 4 uova presso Pordenone il 12 maggio 1884. È 
comune nell' Asia settentrionale ed orientale e sverna nel 
mezzogiorno di quel continente e nel N. E. dell' A.frica. 

Una forma più piccola, mera sottospecie, la rappresenta 
nell'Asia centrale e meridionale. 



"7*7. Antlius pratensis (Liim. ex Charlet.) 
Pispola. 

Spipola, Prispola, Pispola {Atit. Itaì.) — Vainèta, Vai- 
nèta d'i camp, Vainètà d'I mèi, Ovina [Piem.) — Grasseta, 
Ouvinna {Ciineo) — Ouvina, Vainetta, Sisi, Sisì da pra, Sisì 
da prou (Bass. Piem.) — Turdin, Sisì da pra {Tortona, Novi) 

— Vinaseina, Vit-vit {Ossola) — Lodula at montagna (Vi- 
gezzo) — Guzzetta, Gussetta, Guzzettina, Gussettina, Sguz- 
zetta, Sguisseta, Sguissetina {Lomh.) — Sguizzetta, Ghizze- 
tin {Vaio.) — Cié-cié {Como) — Sguiseta {Berg.) — Sguisseta 
{Bresc.) — Guizzetta (Cremoìi.) — Guzzettin {Pav.) — Gaz- 
zétta (Vigev.) — Sguissetta {Mantov.) — Scira, Pispola {Varzi) 

— Sguizzetta {Piac, Parm.) — Spiplèn, Spiplèna, Spipetta 
(Mod.) — Giaron, Spepla {Boi.) — Speppula, Spiplon ^Romg.\ 

— Speppula, Spepula {Ravenna) — Speppul (Cesena, Forlì) — 
Scozzèta, Sguzzèta {Verg.) — Fista, Fistaròla {Ven.) — 
Sguseta {Veron.) — Fista piccola {Cadore) — Uite, Fiste 
(Friuli) — Zhit {Feltre) — Zivo, Fisto (Istria) — Smigica, 
Fista blatarita {Dalm.) — Guigna, Vigna, Guignetta ilìove- 
ret.) — Vit, Fist {Trento) — Sista, Fista, Vita {Valsugana) 

— Pioulin {Nizz.) — Si-sì de monte (Arenzano) — Sbi-sbì 
{Savona) — Si-sì da pra {Cen.) — Sjjia dee quagie, Fifina (Spe- 
zia) — Prispola (Garfagn.) — Prispolino, Mangia botte, Pri- 
spola (Pisa) — Pispola (Fior.) — Prispolino iBient.) — Pi- 
spolino (Sesto fìorent.) — Pispola, Tordina, Babbusso (Val 



— 97 — 

dich.) — Pispolo {S. Gimignano) — Babbusso {Arezzo, Umbria, 
Ancona, Roma) — Peùda {Corsica) — Babbusso, Tordino, 
Pispola {Marche) — Sitolo, Cucciarduòlo {Nap.) — Spinzidd 
{Bari) — Calandrella e chiami. Nzuzù {Calabr.) — Ziveddu, 
Zivedda {Mess.) — Vispisedda {Modica) — Fitì {Giarrè) — 
'Nzinzicula {Cat.) — Lodana cantatura iCat., Pai.) — Pri- 
spanti de campu, Pispanta (Sard.) — Pespus tal giargir, 
Tis {Malta). 

Da noi è comune e sedentaria ; nidifica ai monti nelle 
Provincie settentrionali, ove sembra essere generalmente estiva; 
scende al piano durante 1' autunno e sverna nella media e 
bassa Italia e nelle nostre isole insieme a moltissimi immi- 
granti d'oltr'Alpe. 

L' A. pratensis è sparso attraverso la Regione Eurasica 
ed è stato preso anche nella (xroenlandia meridionale. 



'78. Antlius cervinus (Pali.) 
Pispola gola rossa. 

Guizzetta bastarda {Cremon.) — Sguseta foresta {Vei'on.} 
— Pista foresta, Tordina picola foresta {Ven.) — Pista, Pista 
foresto {Padova) — Trepteljka rusogrla {Dalm.) — Pioulin de 
mountagna, Pioulin [Nizz.) — Si-sì da glia russa {Gen.) — Pi- 
spola gola rossa o pancia rossa {Tose.) — Pispola {Fior.) — 
Babbusso gola rossa {Ancona) — Spinzidd papalino {Bari) — 
Nzuzù {Reggio Calabr.) — Zivedda pettu russu, Zivedda 
coddu russu {Sicil.) — Tis ahmar {Mali.). 

Debbo confermare quanto scrissi intorno a questa spe- 
cie sin dal 1886, che cioè essa è assai meno rara in Italia 
di quanto si crede ; si può dire che in alcune provincie è di 
passo quasi regolare tanto nell'autunno come in primavera. 
È scarsa in Sicilia e non ne ho veduto dalla Sardegna. Da 



— !)S — 

noi sarebbe esclusivamente uccello di passo. UÀ. cervimii> è 
specie comunissima in tutta l'Asia boreale, svernando nel 
mezzogiorno di quel continente; nidifica anche nell'Europa 
N. E. La sua diffusione è simile a quella della specie pre- 
cedente, ma spostata ad oriente, giungendo essa quasi rego- 
larmente nella parte occidentale della Regione Boreo-Ame- 
ricana. 



'7Q. Anthus trivialis (Linn.i 

Prispolone. 

Pispola maggiore, Prispolone {Aut. Ital.) — Vainèta 
{Pieni.) — Pipì, Ouvinua {Cuneo) — Ouvina, Vainetta, Gras- 
setta, Turdin, Titro, Spia da Nottuan {Jiass. Piem.) — Tur- 
dinna {Tortona^ Novi) — Doùrdina {Ossola) — Dordina, Ai- 
guina, Iguina, Tordina {Lomh.) — Guina {Berg.) — Durdina 
{Valt.^ Mani.) — Aiguina, Dordina {Bresc.) — Doùrdina {Cre- 
mori.) — Doùrdina {Pav.) — Sira {Varzi) — Torden'na {Pioc, 
Parm.) — Turdèna, Spiplèn {Mod.) — Prèspla {Sassuoìo) — 
Sturdeida {]^ign.) — Rudleina (PavuUo) — Spepla, Tordina 
grossa (Zocca) — Turdeina {Boi.) — Turde'na {Ravenna) — 
Spipola {Vergato) — Tordina ( Few., Poles.^ Trentino) — Dordin 
{Friuli) — Pitaréla {Bell.) — Tordina {Bell.j Feltre) — Pitarola 
{Cadore) — Dordine {Cividale) — Pliska iDalm.) — Piola, 
Pioulin {Nizz.) — Spia de Nottoàn {Gen.) — Pagiaissa {Spe- 
zia) — Prispolone {Pisa., Fior.) — Pispolone [Casentino) -- 
Tordino {Sen.) — Pispolo, Pispolone (»S'. O intignano) — Tordina 
{Valdich.) — Aguina {Lucca) — Peùda {Corsica) — Spipulon 
{Cesena, Forlì) — Ficitola, Faiola {Umbria) — Tordino, Pi- 
spola, Babbusso {Marche) — Lodolino (Siìiig.) — Favarella 
{Ancona) — Tordino ( Viterbo) — Grassinale, Turdinu {Bari) 
— Ficetola {Campobasso) — Migliarino {Nap.) — Silise (Ros- 
sano, Cosenza) — Fra vetta {Catan.) — Nzuzù {Reggio Calabr.) 



— 99 — 

— Zividduni {Mess.) — Re delle Linguinedde {Sictl.) — Liu- 
guinedda sarda, Linguinedda cantatura (Fai.) — Pispanta 
{Sard.) — FarfaiToni iCagl.) — Pespus tal giargir {Malta). 

Si trova comune in Italia tutto l'anno, giacché è estivo 
e nidificante nelle nostre provincie settentrionali ai monti, 
invernale nelle provincie centrali e meridionali; diventa spe- 
cialmente abbondante durante i due passi, e più, pare^ du- 
rante quella autunnale che s' inizia nell'estate ; scarseggia 
però nelle isole. È specie soggetta a variare nelle dimen- 
sioni. 

Abita specialmente la Regione Eurasica occidentale, non 
giungendo, pare, nell'Estremo oriente : sverna nell'Asia me- 
ridionale e giunge allora anche nell'Africa australe. Nell'Asia 
orientale lo rappresenta 1' affinissima sottospecie A. tri via! is 
macidatus. Jerd. 



80. AnthUS Spipoletta ' (Linu.; (ex Ray) 
Spioncello. 

Fossaccio, Pispola di padule, Spioncello {Aut. Ital.) — 
Veinèta d'èva, V. d' mountagna, V. d' gias (Piem.) — Gras- 
seta da èva {Cuneo) — Vainetta, Sisi d'acqua, Sisi d' aegua 
{Bass. Pieni.) — Uizzetta (Vere.) — Sisi d'acqua {Tortona., 
Novi) — Vit-vit, Guzzetta, Vinascina, Svita {Ossola) — Svit- 
Svit [Nov.) — Gussettoun, Guzzeton, Sguissettoun , Svit, 
Guzzetta, Spionci, Spionza {Lomh.) — Guzzettóun [Milano) 

— Guzzettón {Pav.) — Guzzettòon {Vigev.) — Sguizzeton, 
Didudél {Valt.) — Sguissisù {Bresc.) — Guizzeton (Cremon.) 

— Sguisseton {Mantov.) — Spiplèn, Spépla, Spepla d'val {Mod., 
Boi.) — Rudleina {Pavullo) — Sguizzetta {Mir.) — Spippulón 



{1) Hartert ritorna alla erronea ortografia oli Linneo e chiama 
questa specie in forza dei jDrecetti della cruda priorità spinoleUa: 
■doveva adottare anche il maiuscolo iniziale! 



— 100 — 

iRaienna) — Spiplina [Vergato] — Spepula de valli (Cesena, 
Fori}) — Fistoli {Ven.) — Sguseton {]'eroìi.) — Fistàzza {I\(- 
dova) — Zhitón (Feltre) — Uitatt (Friuli) — Fista granda 
[Cadore] — Guitta (Monfalcone) — Fista {Dalm.) — Sgnsèton 
( Vittorio] — Fistone [Bell.) — Guignaz, Gnigna grossa. Fi- 
sta grossa [Roveret.) — Pioulin d'aiga [Xizz.] — Si-Sietta [Aren- 
zano] — Sbi-sbi [Savona) — Si-sì [Geti] — Panigaèo [Spezia) 

— Fossacchio, Fossajone []*is.) — Fossaccio, Pispola della 
neve [Fior.] — Fossaccio, Fosso ( Valdich.) — Prispola [Lucca) 

— Fossacchia [Fucecchio^ Fiesole) — Babbusso [Umbria] — 
Gerla scura [Roma] — Sitolo, Situlo vaccaro (Nap.) — Zivedda 
di pantanu (Sicil.) — Sivedda di paatanu [Pai.) — Yispanta, 
Pispanta de riu (Sard.) — Tis salvagg [Mali.]. 

Nidificante sui nostri monti, anche in Sardegna (con- 
servo una femmina che era accoppiata, uccisa il 25 giugno 
1898 sulla vetta del Gennargentu) ; abbondante soltanto 
lungo le nostre Alpi. D' inverno scende al piano, ove è rag- 
giunto da immigranti : è perciò anche di doppio passo. Non 
è però generalmente comune, e scarseggia nelle provincie 
meridionali e nella Sicilia. 

Varia talvolta nelle dimensioni. Ho poi una femmina 
[Coli. ital. Ucc. n. 3657) singolarissima, poiché rammenta nel 
fondo bianco delle parti inferiori l'esemplare figurato in se- 
conda linea dal Dresser [Birds of Europe, III, pi. 140), ma 
è diversa da tutti gli individui di A. Spipoletta da me esa- 
minati ; corrisponde in certi caratteri coli' .1. pennsi/hanicus 
(Lath.), ma i confronti eseguiti mi hanno persuaso che non 
è quella specie, presa però già due volte a Helgoland. Si di- 
stingue specialmente dall' A. Spipoletta in abito corrispon- 
dente: per le dimensioni minori, pel bruno più rossiccio 
delle parti superiori, e per le macchiette scure, piccole e ben 
definite del petto. Venne presa alle reti a S. Cresci (Firenze) 
il 24 aprile 1898. 

L'.l. Spipoletta è propria all'Europa centrale e meridio- 
nale, e all'Asia occidentale: giunge d'inverno nell'Africa 



— 101 



settentrionale. Tre sottospecie più o meno distinte la rappre- 
sentano nell'Asia orientale e il citato A. pennsylvcmicus nel- 
l'America boreale. 



81. Antlius obscurus (Lath.i 
Spioncello, marino. 

Spioncello oscuro o settentrionale {Aut. Ital.). 

Questa specie poco diversa nell'aspetto, molto diversa 
nei costumi dalla precedente — - della quale forse non a torto 
è stata ritenuta una mera sottospecie — vive lungo il lito- 
rale marino nel N. 0. dell'Europa; in Italia fa rare com- 
parse. Dopo i quattro casi della cattura dell'^A. obscurus in 
Italia (Malta, Coirsica, Genova, Carmagnola), da me ricordati 
sin dal 1886^ non ho più saputo di esemplari presi nel no- 
stro paese. Come già scrissi [Avif. Italica, p. 141. Firenze, 1889) 
io non divido i dubbii espressi dall'amico Salvador! sulle 
comparse di questo Spioncello da noi, e molto meno quelli 
sulla esatta determinazione dell' esemplare ucciso a Carma- 
gnola. 

Secondo Hartert, il quale li ha esaminati, i due esem- 
plari conservati nella Collezione italiana del R. Museo Zoo- 
logico di Firenze (da Carmagnola e da Genova) appartengono 
alla forma scandinava, nella quale, in abito nuziale, le parti 
inferiori diventando rossigne conservano le macchie scure 
sui fianchi; è stata distinta col nome di J^. Spipoletta littora- 
lis, Brehm. 

Una forma singolare dello Spioncello marino è stata re- 
centemente scoperta nelle isole Faroer, distinta come sot- 
tospecie dall'Hartert col nome di A. Spipoìetta Kleinscìimidtìi. 



10-2 



83. Budytes cinereocapillus(Savi) 

Strisci A.ioL A. 

Cutrettola gialla, Cutrettola di primavera, Cutrettola 
capo-cenerino, Strisciajola {Atif. Jfal.) — Balarinna, Bonarinna 
{Cuneo) — Buarin-na, Buarinn-a giana, Gianetta, Bavarinna 
gialda, Bàlenn'a giana {Bass. Piem.) — Buarinna giana, Gia- 
netta [Tortona, Novi) — Buarina, Pradireu iValt.) — Gial- 
dirola, Piss-piss [Ossola) — Squassèn, Squass-còv da vali (Mod.) 

— Pria [Treviso) — Bricè (Veron.) — Coacassola, Cassola [Ca- 
dore) — Zaletta, Boarina (Padova, Rovigo) — Scassacoda [Istria) 

— Ovcica [Daini.) — Creo [Uoveret.) — Buvaréna [Ravenna) 

— Buaréina [Boi.) — Boarena [Cesena, Forlì) — Boarina gialla 
[Ancona) — Peracia giauna [Xizz.) — Gianetta [Cen.) — Boa- 
rina [Spezia) — Strisciajola [Toscana) — Strisciajola (Lucca) 

— Codazzinzola, Boarina ( Valdich.) — Prispola (/. di Giglio) 

— Pispola (Umbria) — Pappamosche mas,, Verrìnea fem. 
(Nap.) — Giallinedda masculu (J/es.s.) — Vispisedda (CVi.s^e/ò.) 

— Pispisa vizzitana [Pai.) — Coetta, Madiscedda, Merisceda 
[Sard.) — Cnrisarida (Sassaì'i) — Giarnell, Kappamosch [Malt.). 

Specie prettamente estiva per noi, o per essere precisi 
per l'Italia continentale e per le parti settentrionali di quella 
peninsolare, ove nidifica, in località adatte, in abbondanza, 
colla curiosa eccezione del Trentino ove è di comparsa ca- 
suale. Nel rimanente del nostro paese la Strisciajola si presenta 
numerosa alle due epoche del passo, ma non rimane l'estate. 

Giunge da noi alla fine di marzo, ed il suo passo au- 
tunnale s' inizia alla fine di luglio e continua durante l'a- 
gosto. Sarebbe S])ecie circum-mediterranea svernante nell'Af- 
frica. 

Va notato come il dott. Enrico Azzolini, il quale ha fatto 
uno studio minuzioso e completo delle lìudijtes italiane, tra 



— 108 — 

molte altre osservazioni ne ha fatte alcune dimostranti al- 
l'evidenza la diversità che passa tra le Strisciajole e le Cutti; 
nomi assai ben scelti dal Savi perchè onomatopeici, espri- 
menti cioè il canto: strisciato, lungo, a base di r e che si 
può esprimere con « uiì'vr » , nelle prime ; brevissimo, accen- 
tuato e senza r nelle seconde, espresso con « uii ». Ma an- 
cora più importante è il fatto rilevato dall'Azzolini che nelle 
Strisciajole le ali sono arrotondate e trasparenti, come egli, 
1' esprime; mentre nei Cutti sono appuntate e rigide. Caso 
interessante che egli in seguito a minuziosi confronti su 
esemplari adulti esprime colle seguenti cifre, che danno la 
media differenza in ^\^ tra la remigante più lunga (2^^) e 
quella più corta ( 10^) della mano ad ala chiusa per le diverse 
specie : 

^ . ... ^ B. melanocephalics, 30. 96 "/o 
otriscia]ole s . . ^-, „„ 

f B. cinereocapillus, di. yd » 



Catti 



Io non entro in maggiori particolari su questo impor- 
tante argomento, perchè si trovano nello studio sui Budytes 
dell'ottimo Azzolini ^') , il quale ha voluto usarmi la rara 
cortesia di comunicarmi il suo manoscritto prima di darlo 
alla stampa. Basti dire per conchiudere che la diversità nella 
forma dell'ala e la conseguente differenza nel volo, è tale da 
servire al pratico per distinguere le specie. 

Colla moderna confusione generata dalla ignoranza del 
giusto concetto della « specie » e dall' abuso che si va fa- 
cendo della mal definita, « sottospecie », riesce consolante ed 
istruttiva la conclusione alla quale giunge il dott. E. Azzo- 



B. 


citreolus . . 


. 32. 53 » 


B. 


fìacus . . . 


. 32. 64 » 


B. 


borealis . . 


. 34. 4L » 


B. 


Rayi . . . 


. 35. 37 » 


B. 


plumbeiceps 


. 36. 44 » 



(1) AzzoLi.Ni, Enrico. Budytes italiani (Strisciajole e Cutti). Pub- 
blicazioni del Museo di Rovereto (Trentino) N. 42. Rovereto 1906. 



— 1U4 — 

lini in seguito al suo accurato e completo studio delle nostre 
Budytes ; egli ci dice: « esse sono bensì forme molto affini, 
ma fra l' una e l'altra vi è sempre una divisione netta; né 
ci sono mai collegamenti, o passaggi, da una all'altra ». J]d 
egli viene a tale conclusione in seguito ad estesi confronti 
non soltanto sn esemplari preparati, ma, e sopratutto, su 
esemplari viventi, nei quali i caratteri specifici e quelli in- 
dividuali sono ben più ovvi che non nei primi. Va ancora 
rammentato che tutte le specie nostrali di Jhtdytes (e con 
ogni probabilità anche quelle esotiche) presentano serie pa- 
ralelle di abiti stagionali, di età e di sesso; e se gli indivi- 
dui assolutamente adulti dei due sessi giungono ad essere 
molto simili nei colori, tutte le specie hanno un'abito autun- 
nale, un'abito primaverile ed una veste chiara giovanile, che 
si potrebbe dire bianca, per la quasi assenza del giallo carat- 
teristico; veste che assai assomiglia a quella autunnale dei 
non assolutamente adulti. Ed anche qui il dott. Azzolini di- 
chiara: « Ma siano adulti non tipici, o giovani, le specie sono 
perfettamente distinguibili una dall'altra. 

Sharpe ha dato soverchia importanza alla fascia soprac- 
cigliare, ritenendola carattere specifico; sta in fatto invece 
che non ha alcun valore in quel senso, giacché tutte le spe- 
cie possono avere ed hanno effettivamente in uno dei loro 
abiti fasce sopraccigliari ; io lo ritengo un carattere atavico, 
posseduto dal capostipite delle Budytes^ al quale capostipite, 
a mio parere, si avvicina di piii il B. flavus, che le ha sem- 
pre e nell'abito definitivo le conserva. Minor valore avrebbe 
poi il colore delle dette fasce sopraccigliari, il flavismo es- 
sendo frequente e comune a tutte le specie del genere. 

L' amico mio carissimo E. Hartert nel monumentale 
lavoro che sta compilando sulla Avifauna Eurasica, non mi 
pare sia riuscito a sbrogliare la matassa intricata delle Bu- 
dytes, considerate da lui sottospecie del Ji. /lavtis, che io pure 
ritengo capo-stipite del genere; ma volendo adottare la di- 
visione in sottospecie sarebbe, credo, meglio partire dalle due 
forme sopra citate cioè delle Strisciajole con la specie pre- 
sente a capo, e delle Ctdt) con il II. /laois jilla testa. 



— lOó — 



83. Budytes melanoceplialus (Licht.) 
Strisciamola capo-nero. 

Cntrettola capo-nero, Catti capo-nero, Catrettola capi- 
nera {Atif. Ita!.) — Bricè da la testa negra [Veron.) — • Boa- 
rina foresta [Trent.) — Minist, Pliska zuta o crnoglava 
{Dalm.) — Balainha da testa neigra {Gen.) — Strisciajola 
capinera {Pisa) — Ballerina [Garf.) — Beverina o Boarina 
turca {Marche) — Boarina gialla {Ancona) — Pappamosche 
capignora {Bari) — Giallinedda testa nira o niura {Mess.) 
— Vispisa di sciumi {Gastelb. Mad.) — Pispisa carbonara 
{Pai.) — Pispisa o Vispisa di ciumi {Girg., Castelb.) — Obrosc 
{Maìt.). 

Colla eccezione delle Puglie e della costiera orientale 
della Sicilia — ove apparisce regolarmente tutti gli anni al- 
l' epoca del passo primaverile, fine marzo, aprile e anche 
maggio, mista alle specie congeneri ed ove non può dirsi 
scarsa — questa specie ben distinta è rara in Italia. Non 
ho veduto esemplari catturati nell'Alta Italia, ma mi consta 
che durante la primavera è stata presa scarsamente quasi 
ovunque altrove, da noi. Nel passo autunnale sceglie evi- 
dentemente altra via giacché qui non si vede, o ben di rado ; 
dubiterei molto che abbia nidificato nelle Madonie in Sicilia, 
come è stato asserito. 

Il B. mélanocephalus è specie del S. E. dell'Europa, del- 
l'Asia occidentale e centrale e del N. E. dell'Africa; sverna 
nel!' India e nell'Africa orientale. 

Come ho già notato è su esemplari di questa specie col 
carattere atavico delle fasce sopraccigliari bianche che è stata 
fondata, in parte, la pseudo specie B. paradoxus, Brehm, e su 
altri con fasce sopraccigliari gialle la non meno malfondata 



— 106 — 

P>. .imnthophrys, Sharpe; onde a mio parere quei due nomi 
vanno cancellati dal Systema Avium e relegati nella sinoni- 
mi-i del />. itielanocephaluft e in parte del />. horealis. 



84. Budytes flavus Limi, ex Gesn.) 
Cittì 

Cutti, Cutrettola gialla {Aut. Ital.) — Boarina, Ballarina, 
Ballarina verda, Pouvrina (Piem.) — Balarinna, Bouarinna 
[Cuneoj ■ — Balarina, Buarin-na, Buarinna giana, Gianètta, 
Bavarin-na gialda, Balèn na giàna {Basso Piem.) — Vaccherina 
(Xof.) — Gialdirola, Piss-piss {Ossola) — Buarinna giàna, 
Gianètta {Tortona^ Xovi) — Boarina, Ballerina, Boarota 
(Lonib.) — Buarina, Pradireu ( r«Z^) — Boari [Berg.) — 
Boari delle basse. Boari, Squassacli, Spassaci! (Bresc.) — 
Bouvalena da prà ( Voghera) — Buaren [Cremon.) — Boarina 
zalda [Mantoc.) — Boarèn'na {Piac, Parm.) — Squassén, 
Buarèna, Cova-longa, 8quass-còv da vali [Mod.) — Batt-còva 
iCasinalho) — Buareina zàla {Boi.} — Boarina, Boarina giala 
(Veron.) — Montagnin (Trevis.) — Boarola zhala (Bell.) — 
Codascassola {Sacìle) — Pacéch [Feltre) — Coacassola zhala, 
Coacassola bella {Cadore) — Boarina ^ Padova, Pockjo) — Boa- 
rinato. Scassola, Boarina zala, Boariuàto zalo, ]\Iacaco ( lew.) 

— Pastorèle zale, Bandule {Friuli) — Boarina zala, Zaletta 
(Polesine) — Boarina {Roveret.) — Sbinzacoa (.Vori) — Kii- 
-garle, Kuvogelle {Sette Comuni) — Basserschiss {Terragnolo) 

— Squassacoa, Spazzacoa {Trentino) — Pliska utaz o pasti- 
rica (Ikdm.) — Peraca giauna, Peracia giauna {Xizz.) — Gia- 
metta {Cen.) — Boarina {Spezia) — Batticoda gialla, Striscia- 
jola {Casentino) — Cutti, Anguinella, Strisciaiuola (Pisa) — 
Batticoda, Cutrettola gialla, Cutti, Cutti giallo (Fior.) — 
Codinzinzola, Codatremola gialla {Sen.) — Bestiavolina ( Bient.) 

— Codazzinzola, Boarina ( Val di Chiana) — Batticoda, Co- 
dazinzera iSarteano) — Prispola (/. di diglio) — Ballerina 



— 107 — 

gialla {Gaì'f., Lucca) — Pispola, Pispola gialla (Umbria) — 
Guzzi, Guzzi, Codetta gialla di primavera {Roma) — Boarena 
gialla [Cesena, Forlì) — Boarina gialla, Guzzi {Ancona) — 
Gialletta, Boarina, Parapecore gialla, Guardapecore, Beverina, 
Godatremola gialla {Marche) — Pappamosche, Gassarinola 
(Nap.) — Gurissola {Capri) — Pappamosca, Gialluidd {Bari) 
— Gucciumaneddra, Cucciumandeddra, Scuscie (Lecce) — Pi- 
spisa, Gatusara {Reggio^ Calabr.) — Giallinedda {3fess.) — Zin- 
znla o Pispisa di primavera {Cat.) — Vispisa di primavera 
{Modica) — Vispisa, Vispisa giarna {Castelh.^ Mod.) — Pi- 
spisa virritana {Pai.) — Pispisa giarna {Girg.) — Merisceda, 
Goetta, Madiscedda {Sard.) — Goetta groga {Cagl.) — Culi- 
salida {Logudoro) — Curisarida iSass.) — Kappamosch, Giar- 
nell, Cappamosch {Mali.). 

Il Budytes flcivus giunge da noi in aprile regolarmente 
ed abbondante, seguendo da vicino il B. cinereocapillus ; è 
incerto se qualche coppia rimanga a nidificare nelle nostre 
Provincie settentrionali ; ripassa nell'autunno, primi d^agosto, 
settembre e primi di ottobre, meno copioso che non nella 
primavera, seguendo ancora il B. cinereocapillus. Estivo per 
l'Europa, sverna in Africa. Ha una colonia staccata nel- 
1' Estremo Oriente, estiva nella parte N. E. dell'Asia, pene- 
trando nell'Alaska ; svernante nell'Arcipelago Malese. 

Ritengo ora che il B. beema (Sykes) sia una semplice 
varietà del Gutti comune, non specificamente e neppure sub- 
specificamente separabile da esso ; non di rado vedonsi da noi 
maschi adulti del B. ffavus con tutti i caratteri coi quali si 
volle distinguere prima nell' India e poscia in Europa tale 
varietà, che per l'Italia è stata distinta dal De Romita, dal 
Salvadori e da me, con relativi dubbi (Cfr. Giglioli, Primo 
Resoconto inch. orn. in Italia, III, p. 503. Firenze, 1891), 
Arrigoni (Man. orn. ital. p. 312) la distingue tuttora coi nomi 
Motacilla /fava beema. 

Il B. flavus non è soltanto sistematicamente il tijjo del 
genere (da taluni a torto messo in disparte), ma si potrebbe 



— 108 — 

ritenere come anche tipo morfologico di questo gruppo di 
Motacillidi. Esso è caratterizzato specialmente per la costante 
presenza nel maschio adulto di una fascia sopraccigliare ben 
marcata, usualmente bianca, ma che può essere anche più o 
meno tinta di giallo. Ora nel B. flatu.s, che io ritengo essere 
la forma attualmente più affine al capo-stipite dei Budytes, 
che doveva essere provvisto a mio parere di fasce sopracci- 
gliari ben marcate, ed ancora più in specie affini del gruppo, 
è stata data, a mio credere, soverchia importanza alla presenza 
od all'assenza, allo sviluppo ed al colore delle fasce soprac- 
cigliari, carattere che in individui assolutamente adulti delle 
varie specie del genere, anche in quelle caratterizzate dalla 
sua assenza, può comparire come semplice atavismo ; minor 
importanza va poi data allo sviluppo maggiore o minore di 
tali fasce sopraccigliari, e meno ancora al colore bianco, gial- 
liccio o giallo che possono acquistare. Nelle femmine e nei 
giovani le fasce sopraccigliari sono quasi sempre presenti in 
tutte le specie di Biidytes. 

Dopo questo è quasi inutile aggiungere che anche pren- 
dendo a considerare i soli maschi adulti di alcune specie di 
Budytes non è sempre cosa facile al non pratico il distin- 
guerle ; onde i nomi volgari distintivi e quelli dati su eti- 
chette in esemplari conservati in raccolte scientifiche, sono 
spesso sbagliati. Solo uno studio accurato delle epoche dell'ar- 
rivo e della partenza di questi uccelli eminentemente migra- 
tori, dei loro costumi osservati in aperta campagna, del loro 
canto e voci di richiamo, ed il confronto di individui viventi 
od appena uccisi, può fare costatare le vere differenze che 
esistono tra le diverse specie o forme di Budytes non solo nei 
maschi adulti, ma nelle femmine e nei giovani nei vari abiti 
che assumono ; il risultato di questi confronti va poi confer- 
mato mediante la determinazione fatta con ogni possibile 
accuratezza, dell'area di nidificazione di ciascuna delle specie 
o forme distinte. Un tale studio ha fatto, come già dissi, il 
mio amico dott. Enrico Azzolini, durante vari anni di mol- 
teplici ed accurate osservazioni eseguite all'aperto a S. Cresci, 
nelle vicinanze di Firenze, ove è grande il passo dei BudyteH, 



— 10!) — 

arrivando a risultati positivi che egli ha ora pubblicato e 
che per sua cortesia ho in parte utilizzati in questo mio 
volume. 



85. Budytes Rayi, Bp. ^*^ 

CUTTÌ TESTA GIAIXA. 

Cutrettola testa gialla, Cutrettola del Ray {Aut. Ital.) — 
Gianetta cu de setrùn {Gen.). 

Specie estiva nel lembo occidentale dell'Europa, sver- 
nante nell'Africa occidentale; ha però il suo « habitat » più 
esteso nell'Asia orientale e centrale, giungendo alle provincie 
S. E. della Russia e svernando nell'i^sia meridionale e nel- 
l'Africa orientale. 

Per noi è rara, di comparsa affatto avventizia; capita 
alle epoche del passo, più facilmente in Liguria che altrove. 
Il B. Rayi si stacca alquanto dalle altre specie congeneri; 
ma ha l'ala stretta e lunga dei Catti. 

Nella Collezione italiana ne conservo quattro esemplari 
{Cat. Ucc. n.i 938, 2041, 2042, 2219): il primo è un maschio 
adulto quasi in abito primaverile completo, che ebbi in cam- 
bio dal Museo Zoologico della R. Università di Genova^ 
venne preso nei pressi di quella città e preparato dal fresca 
da L. De Negri, manca la data di cattura; il secondo ed il 
terzo, maschio e femmina, vennero colti a Sestri ponente 
(Genova) il 27 aprile 1879 ed il 1 ottobre 1880 (questo con 
un compagno) ; 1' ultimo, pure femmina, fn colto il 25 feb- 
braio 1881 nelle vicinanze di Nizza. 

Spesso sono stati creduti appartenenti a questa specie 
esemplari del B. flavuSj affetti da flavismo e perciò con fasce 
sopraccigliari gialle. 



1 II nome specitìco campe.sti'is recentemente ..oplicato a questa 
specie, venne data dal Pallas nel 1776 ad un Cutti la cui descrizione 
si applica meglio al giovane del B. flavus. 



ih) 



86. Budytes borealis Suudev.) 

Cittì capd-scuro. 

Cutrettola boreale, Catrettola caposcuro (Auf. Ital.) — 
V Coa Cassola, Boarola (Bell.) — ? Boarina, Boarinato (Ven.) 
— Boarine ultime (Rovereto) — Pliska zelenka (JJalm.). 

Abbondante in Italia nel passo primaverile, ma arriva 
usualmente dopo il B. cinereocapiìhis ed il B. fJavui< : nella 
provincia di Firenze si vede giungere nell'aprile e ai primi 
del maggio. 

Non credo sia stato trovato nidificante da noi ; ripassa 
in scarso numero nell'autunno, in ottobre; cioè dopo le due 
specie sopra citate. Dei resto questa specie vien spesso con- 
fusa col B. cinereocapillus e talvolta anche col />'. meìanoce- 
phalus; è però stata presa ovunque in Italia, specialmente in 
primavera e ciò per l' ovvia ragione che in quella stagione 
i maschi adulti più facilmente si distinguono; io la ritengo 
specie di doppio passaggio regolare in Italia. Il />'. horealis, 
come lo indica il suo nome, è uccello estivo per l'Europa e 
per l'Asia boreali; sverna nel mezzodì dell'Asia e nell'A- 
frica. 

Sotto i nomi di B. paradoxus, Brehm e di B. xantho- 
phrys (Sharpe) si sono a torto registrati come esemplari di 
specie distinte, individui di />. horealis col carattere atavico 
di fasce sopraccigliari rispettivamente bianche giallastre o 
gialle, più o meno distinte; io conservo diversi esemplari in 
quel caso nella Collezione italiana e ne ho veduti altri. 

Abbiamo già veduto che quelle due supposte specie, che 
vanno assolutamente cancellate dai nostri elenchi, sono an- 
che in parte fondate su esemplari del B. melanocephalus.^ 
mostranti i medesimi casi di atavismo. 



— HI 



87*. Budytes plumbeieeps, Azzolini 

CUTTI CAPO-PLUMBEO. 

Dobbiamo la scoperta di questa bella, robusta e, per me, 
ben distinta specie, alle lunghe e pazienti osservazioni del 
dott. Enrico Azzolini, appassionato e strenuo studioso degli 
uccelli in vita ed all'aperto e non meno abile nei confronti 
di Gabinetto. 

Il B. plumbeieeps fa le sue rare e non regolari comparse 
nel Pian di Sesto-fiorentino alla fine del passo dei Budytes 
anche nel maggio inoltrato ; ripassa, ancora in scarso numero, 
nell'autunno, fine settembre e ottobre. Per ora, per ragioni 
ovvie, non sappiamo nulla intorno alla sua distribuzione, 
né ove nidifichi ed ove sverni. I primi individui di questa 
specie vennero avvertiti dall' Azzolini nel maggio 1899. Ne 
tolgo la descrizione abbreviata dal Ms. del dott. E. Azzo- 
lini, descrizione controllata da un'accurato esame di una mezza 
dozzina di esemplari conservati nel E,. Museo Zoologico di 
Firenze e nella Collezione Azzolini. 

Il maschio assolutamente adulto, in primavera, ha capo 
e cervice di un bel color plumbeo, che diventa un poco più 
scuro sui lati della testa, mai nero neanche quando man- 
cano le fasce sopraccigliari ; penne auricolari punteggiate di 
giallo-verde. Parti superiori di un bel verdone olivastro quasi 
uniforme che si tinge di giallo verso il groppone ; parti in- 
feriori tutte di un bel giallo carico, mai splendido come nel 
B. pavus, e talvolta freddo (quasi fosse velato di verde), come 
nel B. borealis ; gola tutta gialla con contatto immediato col 
plumbeo dei lati della testa. Sul petto si vede spesso una 
grande collana nerastra, fatta al solito di sette macchie, ma 
che pare unita per il modo in cui sono tenute (nel vivo) le 
esuberanti penne ; del resto macchie nerastre che fanno col- 
lana e scudo pettorale vedonsi su tutte le specie di Btidytes, 
ma in questo caso la collana, quando c'è, è più unita e cospi- 



— 112 — 

cua. Le fasce sopraccigliari possono mancare ; quando vi sono 
son corte e, nel vivo, ridotte lineari ; usualmente bianche, 
sono talvolta tinte di giallo pallido. Non diverse da quelle 
delle specie congeneri la coda e le ali ; queste hanno in 
modo tipico il taglio caratteristico dei Cuttl. L' aspetto di que- 
sta specie vivente è singolare: guardata di fronte rammenta, 
una Rondine per il becco breve e più ancora per la testa 
piatta che si allarga subito dopo il becco, per gli occhi re- 
lativamente piccoli, per la esuberanza di penne intorno al 
collo, che appare corto, rientrato e portato in modo che vi 
è una linea sola dal becco alla spalla ; mentre l'aspetto unito, 
sericeo e morbido delle penne ribadisce il confronto sopra 
espresso. Il becco è corto, robusto ; i tarsi sono larghi, ne- 
rissimi, il piede relativamente piccolo e tozzo. 

La femmina adultissima, in primavera, ha il plumbeo 
del capo velato di fulvo-olivastro, che tinge pure le parti 
superiori, rischiarandosi verso il groppone. Le parti inferiori 
sono di un giallo più o meno velato da una tinta rossiccia, 
carnicina sul petto e sulla gola. Le fasce sopraccigliari sem- 
brano essere costanti, ma sono brevi, terminando in una sfu- 
matura subito dietro all'occhio ; sarebbe pure costante la col- 
lana pettorale scura, formata da sette macchie sfumate, sempre 
staccate. 

Il maschio vecchio, in -autunno, mostra il capo e la cer- 
vice di un color cenere olivastro, il dorso verde scuro che 
diventa più chiaro sul groppone. Le parti inferiori sono di 
un giallo pallido svanito. La femmina vecchia, nell'autunno, 
presenta un residuo di fulviccio-olivastro sul capo; il grop- 
pone e sopracoda lavati di verde chiaro, che diventa più cupo- 
e velato di bruno sul dorso. Gli orli delle remigranti e cuopri- 
trici e delle timoniere sono più o meno tinti di giallo. Gola 
bianca, collana pettorale con macchie ben divise e macchia 
più larga sotto, nel mezzo ; il rimanente delle parti infe- 
riori sono bianche tinte di giallo, e di leggero carnicino mat- 
tone ai lati del collo. 

I quasi adulti nell'abito chiaro autunnale hanno le parti 
su^ieriori di un bigio cenerino chiaro ; un po'di fulvicpio sulla 



— 113 — 

fronte, dorso un po' più scuro, groppone cenerino chiaro, le 
penne come quelle del sopracoda marginate di giallo-verdo- 
gnolo. Sopracciglia bianchiccie, corte, ma ben marcate; auri- 
colari bianche con puntini bigi. Le parti inferiori sono di un 
bianco sericeo, attraversato sul petto da lieve collana sfumata, 
carnicine e tinte di giallo pallidissimo sull'addome e sotto- 
coda. Remiganti e timoniere brune ; le remiganti secondarie 
allungate e le cuopritrici dell' ala marginate di giallo pallido. 
Il dott. Azzolini fa un confronto minuzioso tra il B. 
plumbeiceps ed il B. borealis, che sarebbe per certi riguardi 
la specie più affine ; ne tolgo i tratti differenziali più salienti : 



B. plumbeiceps 

Becco più robusto, alto e corto 
che ili tutte le specie congeneri, 
che gli permette di conquistare ed 
uccidere i più grossi Acridium. 

Capo piatto e largo, plumbeo se- 
riceo. 

Tarso largo nero lucido, piedi 
tozzi robusti. 

Gola, lati del collo e petto esube- 
rantemente impennati; gola gial- 
la fino a contatto col plumbeo dei 
lati della testa. 

Femmina uguale al maschio 
nelle dimensioni e sono i giganti 
del genere. 

Caratteristica la forza e la ro- 
bustezza. 



B. borealis 

Becco esile e debole con man- 
dibola superiore che facilmente 
si piega; non cerca di attaccare 
che i piccoli Ortotteri come lo 
Stenobrothufi. 

Capo tondo e stretto, nero-opaco. 

Tarso sottile nerastro, piedi 
snelli. 

Gola, lati del collo e petto po- 
veri di penne che facilmente si 
scompongono; gola col suo giallo 
diviso da bianco dal nerastro dei 
lati della testa. 

Femmina più piccola del ma- 
schio, dà i pigmei del genere. 

Esile e debole. 



Vi sono inoltre notevoli differenze proporzionali tra que- 
ste due specie nelle ossa degli arti; nel B. plumbeiceps lo 
sterno è più robusto, più largo in alto e con carena più alta; 
il cranio è più grande, più largo nella regione frontale, più 
depresso al vertice. Il dott. Azzolini ha poi notato non po- 
che specialità caratteristiche nel portamento, nel modo di 



— 114 — 

volare e di camminare e nei diversi tratti della biologia del 
B. plumbeiceps. 

In ogni modo questo Cuttì torte e prepotente, sinora 
ignoto agli Ornitologi, merita tutta la loro attenzione. Nella 
Collezione Centrale dei Vertebrati italiani conservo tre esem- 
plari di questa specie, [Cai. Ucc. n'. 3015, 3858, 400): due 
maschi adulti, Fano 26. IV, 1887; e Campi Bisenzio (Fi- 
renze) 10, V, 1901 ; una femmina adulta 18, V, 1902 S. Cre- 
sci (Firenze). 

Per maggiori particolari su questa e le altre nostre specie 
congeneri si veda la interessante monografia dell' Azzolini (1). 



88. Budytes citreolus Pali.) 

CuTTi CITRINO. 

Cutrettola testa gialla orientale (Aut. Itaì.). 

Questa bellissima specie presenta caratteri quasi inter- 
mediari tra le Budytes e le Motacilla in senso ristretto; vive 
nel N. E. dell' Europa e nel N. 0. dell' Asia, tra il fiume 
Petchora ed il fiume lenisei, nel Turkestan e nell'Asia cen- 
trale ; scende a svernare nell' India. Giunge accidentalmente 
nella Transilvaniaedè capitata a Helgoland. In Italia (Liguria) 
il B. citreolus è stato citato come avventizio dal Calvi ; ma 
ho già detto che si trattava di un'esemplare del ben diverso 
B. Rayi^ erroneamente riferito alla presente specie. Chi l'ebbe 
per la prima volta da noi è il giovane ed energico Ornito- 
logo dott. conte E. Arrigoni degli Oddi (Avicula, IV, p. 82, 
Siena 1900), il quale ricevette da certo G. Trovò tre esem- 
plari colti il 29 aprile 1900 allo Scanno dei Tre Porti (mare 
di Venezia) ; erano maschi adulti in abito perfetto ; due si 
conservano nella sua collezione a Monselice, il terzo, mi venne 
gentilmente ceduto dietro congruo cambio dal dott. Arrigoni, 



(1) Azzolini, E. Budytes italiani. ])ubblicazioni del Museo di 
Rovereto n. 42. Rovereto. iliO*;. 



— 115 — 

e si trova ora nella Collezione italiana centrale del R. Museo 
Zoologico di Firenze (Ucc. n. 3778). Questi tre esemplari sono 
i primi e sinora i soli registrati come presi in Italia. 



89. Motacilla alba, Linn. ex Gesn. 
Ballerina. 

Ballerina, Cutrettola, Cutrettola piombina, Col trottola, 
Codotremola (Atit. Itaì.) — Ballarina d' fóurnèl, Ballarina 
dal collar, Ballarina grisa (Piem.) — Balarinaa fournera o 
di fournei {Cuneo) — Buarina, Buarin-na, Balarin-na, Buva- 
rin-na, Bavarinna, Bàlen-na (Bass. Piem.) — Tremacoùva {Os- 
sola) — Tremacua, Tremacua dal cap neigro, Quattroecci {Kov.) 

— Bouvalena ( Varzi) — Balinna, Buarinna, Balénna [Tortona, 
Novi) — Ballerina, Boarina, Bovarina, Boarota, Bovarota, Fra- 
tina, Qùatremola, Tremacoa, Tremacova {Lomb.) — Boaròt 
{Pav.) — Balarota, Qùatremula bianca, Ballarota {Valt.) — Boa- 
rina, Coalonga, Spassacli (Bresc.) — Balarotta, Ballerotta (Como) 

— Balarota (Berg., Milan.) — Bouarotta (Cremon.) — Boarina 
{Maìitov.) — Signacoa (Piac.) — Battcova (Val di Taro) — 
Scovazzènn-na (Parm.) — Squass-còv, Scuvazèna {Mod.) — 
Scuvazzleina {Sassuolo) — Squassa cova ( Vign.) — Squassena, 
Pegrajola (Paviillo) — Pegrarola {Montese) — Quattremola 
(Piev.) — Squassa caf {Mirand.) — Buareina {Boi.) — Buarèna 
bianca {Romg.) — Guardianina {Vergato) — Cudazzèna {Raven., 
Boi.) — Scudazzena (Cesena, Forlì) — Batticoda, Ballerina, 
Boarina, Vìspoìsi (Umbria) — Guardapecora, Parapecora bianca, 
Boarina, Sgolancia, Batticoda, Coditremola bianca, Codinzin- 
gera (Marche) — Boarina bianca {Ancona) — Boarina, Bezzet- 
tina, Sguasserotto. Batticoa, Ballarina, Scàssola, Scassa códola, 
Codacassola, Boarióla o Boaróla bianca {Ven.) — Tremacoa, 
Squazzacoa, Squassacoa, Caterinéla {Veron.) — Coacassola ne- 
gra (Cadore) — Boaróla [Feltre) — Squasseróto, Coalonga {Pa- 



— ll«i — 

dovei) — Baticoa, Boarina bianca (Polesine) — Bàndule, Co- 
debandule, Bavaróte, Pastorèle blauche, Schassecode (Friuli) 

— Codacassola (Bell.) — Coa, Squassacoa (Roveret.) — Squas- 
sacoa bianca, Boarola (Valsugana) — Sgassacoa {Val di Non) 

— Sguassacoa (Val di Sole) — Squassacua bianca {Kira, Val di 
Ledro^ Giudicane, Cavalese) — Casora (Badia) — Cassola (Gar- 
dena) — Mausmack [Luserna) — Stoasmack {Sette Comuni) 

— Pliska, Tegarica, Cingulja (Dalm.) — Ballarina grisa 
{Nizz.) — Paggiaetta {Savona) — Balenna, Biancola, Gian- 
eoa {Gen.) — Balaina gianca {Spez.) — Cutrettola, Batticoda 
bianca {Fior.) — Ballerina, Biancola {Pisa) — Codetta, Sco- 
dazzola [Lucca) — Codinzonzola, Coditremola bianca {Sen.} 

— Batticoda o Baiticodola nera [Casentino) — Cassatola (Bient.) 

— Cuccustrettola, Batticoda bigia, Batticoda di tetto [Fiesole) 

— Coditremola [Sarteano) — Batticoda [S. Gimignano) — 
Codazzinzola, Zinzella ( Valdich.) — Codetta (Rieti) — Codone 
{Grosseto) — Biancola [Elba) — Codazinzola, Uccello del dia- 
volo (Viterbo) — Culitremola {Corsica) — Codetta, Codetta 
di pecore {Roma) — Monacella, Codatremola bianca, Coditre- 
mola, Cucciamannella (Nap.) — Codajanca [Capri) — Zinzieri 
[Abruzzo) — Gualanella [Gifjbni) — Cucciamannella, Cuccia- 
cannella [Campobasso) — Monaca, Monacheddia Aciedd d' la 
neva, Codanzinzola (Bari) — Cucciumanneddra [Lecce) — 
Codiattola, Sisicula, Sissicula nigra, Pispisa, Abatti-cuda ni- 
gra (Calàb.) — Cuccimannedda, Vatticuda [Rossano, Cosenza) 

— Pispicia jancet [Mess.) — Vispisa [Sirac.) — Vispisa bianca, 
Nivalora [Castelb. Mad.) — Vispisa, Pispisa iLentini) — Vi- 
spisa [Terran. Sicil.) — Pispisa bianca, Vispisa vranca [Girg.) 

— Pispisa janca o vranca [fai.) — Cnlisaida, Coetta bianca, 
Madiscedda, Madischedda, Coetta [Sard.) — Culisalida [Logu- 
doro, Sard.) — Zaqaq, Zacac, Zio-zac (Mali.). 

Abbondante ()vun(|ue in Italia e sedentaria, ma il nu- 
mero ne cresce considerevolmente nella stagione fredda per 
r immigrazione di molte, le quali svernano in Italia per poi 



— 117 — 

ripartire in primavera ; queste giungono dalla metà del set- 
tembre alla metà dell'ottobre, e partono nella prima quindi- 
cina di aprile. Nidifica dall'aprile al giugno, ed alleva spesso 
due covate. Abita 1' Europa tutta, ma è soltanto di scarso 
passo nelle isole Britanniche ; giunge anche nella Grroenlan- 
dia ; trovasi pure nell'Asia occidentale e, come specie inver- 
nale, nell'Africa settentrionale e centrale. Ha tutta una serie 
di specie e sottospecie affini e rappresentanti, specialmente 
nell'Asia centrale ed orientale. 



90. Motacilla lugubris, Temm. 
Ballerina nera. 

Ballerina nera. Ballerina vedova (Aut. Ital.) — Cateri- 
néla mora ( Veron.) — Biancola da giia neigra {Gen.) — Pi- 
spicia svaria {Mess.). 

Questa specie propria all'estremo lembo occidentale del- 
l' Europa e predominante nelle isole Britanniche, come uc- 
cello sedentario e parzialmente migrante, capita raramente 
in Italia e più facilmente nella Liguria ; ma è stata presa 
pure in Piemonte, nel Veneto, in varie località dell' Italia 
centrale, in Sicilia e nella Sardegna. Ha perfettamente ra- 
gione Arrigoni notando che questa specie capita da noi forse 
più frequentemente di quanto si crede, e che i giovani della 
M. lugubris nel primo abito vanno spesso confusi con esem- 
plari a colorazione cupa della M. alba ; va però rammentato 
che i primi si distinguono sempre dai secondi non solo per 
il bigio del dorso più scuro, ma per avere le penne del grop- 
pone e le cuopritrici superiori della coda nere. La M. lugu- 
bris sverna nella penisola Iberica e nel N. 0. dell'Africa; da 
noi capita alle due epoche del passo e nell' inverno, e sempre 
gli adulti hanno la gola nera, che la specie precedente rive- 
ste soltanto in primavera. 



118 



Hartert, che ha evidentemente molto amore per le sot- 
tospecie, la considera una sottospecie della ^f. alba, ed infatti 
la chiama M. alba hif/ubris, Temm. 



91. Calobates boarula Limi. 

CUTRETTOLA. 

Codinzinzola, Cutrettola, Boarina, Ballerina gialla iAut. 
Ital.) — Boarina, Ballarina, Ballarina giauna, Pouvrina (Piem). 

— Balarinna, Bouarinna (Cuneo) — Buarinna, Buarinn-a 
giàna, Gianétta, Bùvarin-na gialda, Bavarinna gialda, Bà- 
lenn-a giàna (Basi^o-Piem.) — Bouvalena giana (Varzi) — Boa- 
rinna giana [Tortona^ Xovi) — Gianétta (Voltaggio) — Trema- 
coiiva gialda, Balarina gialda, Gialdirola (Ossola) — Tremacua 
giana (Nov.) — Boarina, Tremacoa, Squassacoa, Squassaclina 
(Lomb.) — Remiz (Como) — Ballarina, Qùatremula gialda 
{Vali.) — Uslina, Passarina [Fav.) — Boaróta {Bresc.) — Ba- 
lerina (Berg.) — Squassa eoa (Mantov.) — Boareina (Piac.) 

— Scovazzen-na {Parm.) — Squas-còv, Squassèn, Buarèna, 
Salèna Squass-còv-zal (Mod.) — Squass-càv-zal [Sassuolo) — 
Quattremola {Piev.) — Buareina (Carpi) — Pegrajola no- 
strana (Pavullo) — Squassa-caf (Mirandola) — Boareina (Boi.) 

— Buaréna /ala, Scudazzena {Romg.j — Guardapecora, Para- 
pecora gialla, Batticoda, Beverina (Marche) — Boarina gialla 
d'acqua (Ancona) — Boarina, Boarola (Ven.) — Boarina zala 
( Vicenza) — Squassaco'a, Squassarola, Batticòazala (Padova) — 
Boarina, Baticoa, (Polesine) — Passerin [Feltre] — Coacassola 
de montagna (Cadore) — Armentaresse, Armentarelle, Boa- 
rine (Friuli) — Squassaroto, Squassacoin (Veron.) — Seccia- 
rola {lioveret.) — Boaróla, Boarin, Boarina {Trento, Valsu- 
gana) — Buerota ( Val di Fedro) — Scoassacóa (Avio) — Squas- 
sacoa zalda (Giudicarle) — Pliska zutulja, Mraz, Pastirica 
[Dalm.) — Pera^a roussa, Peracia (Xizz.) — Cua lunga (Aren- 



— 119 - 

zano) — Baleinna, Balainha da cua lunga {Gen.) — Balaina 
zala (Spezia) — Cutrettola [Fior.) — Zizolo (Prato) — Bal- 
lerina gialla (Fisa) — Batticoda o Batticodola gialla {Casen- 
tino) — Giallerina (Elba) — Culitremola {Corsica) — Zizirla, 
Boarina (Valdich.) — Cuccustrettola, Batticoda gialla o di 
fosso {Fiesole) — Boarina (S. Gimignano) — Coditremola gialla 
(Sen.) — Codizzinzola, Codone giallo {(rrosseto) — Prispola 
(/. di Giglio) — Pispola (Umbria) — Coanzinzula (Rieti) — 
Codetta gialla, Codinzinzola, Boarina (Roma) — Pappamosca, 
Cassarinola (Nap.) — Zumba-fuess (Bari) — Vatticuda, Cn- 
livitola (Rossano^ Cosenza) — Sisicula gialla, Abatti-cuda gial- 
lina (Galabr.) — Pispisa giarna (Sicil.) — Giallinedda, Pi- 
spicia di frischia, Pispicia gialla (Messina) — Vispisa (Terran, 
Sicil. e Castelb. Mad.) — Pispisa di canali (Girg.) — Saitta, 
Saittuni (Pai.) — Coetta groga, Coetta, Madiscedda (Sard.) 
— Zaqaq tal dell (Malt.). 

Sparsa in tutta Italia e sedentaria ; nidifica nei luoghi 
montuosi e non è gregaria ; col freddo scende al piano e al- 
lora s' immischia ai pochi immigranti svernanti da noi. 

La C. boarula ha una larga diffusione geografica ; giac- 
ché, sparsa in Europa, lo è parimenti attraverso il continente 
asiatico e vive pure nell'Africa settentrionale. Dopo un esteso 
confronto di esemplari da ogni parte del suo habitat mi sono 
da anni persuaso che queste Cutrettole non si possono divi- 
dere in due o tre specie o meglio sottospecie, come alcuni 
fanno ; è vero che gli esemplari dall'Estremo Oriente hanno 
la coda relativamente più breve,- mentre quelli dell' Europa 
l'hanno generalmente più lunga, ma qua e là s' incontrano 
spesso individui i quali di quel carattere rappresentano i 
casi estremi. Lo Sharpe è del mio avviso. 

Hartert (Vog. d. paldarkt. Fauna, pp. 298-301. Berlin., 
1905) riconosce tre sottospecie di Cutrettola : M. boarula 
boarida, Linn., M. boarula melanope, Pali. dell'Asia, e la M. 
boarida Schmitzi, Tsch. delle isole Madeira ed Azorre; la 
prima sarebbe la nostra forma europea. 



— 120 — 

Nella Collezione italiana (6 ce. n. 3'232) conservo un ma- 
gnifico caso di albinismo, giallo e bianco ; è un maschio uc- 
ciso il 15 gennaio 1890 a Cremona ; esso non ha nulla a che 
vedere coll'esemplare siciliano rammentato dal Ruggeri {Primo 
resoc. inch. orn. in Italia, III, p. 57. Firenze, 1891) come ha 
detto l'Arrigoni (_Man. orn. Hai., p. 836). 



Tunnin.^ 

(lordi) 



9S. Saxicola CEnanthe (I^iuu. i (ex Uesu.) 
Cllbianco. 

Massajola, Culbianco {Aut. Ital.) — Cubianc, Cubianch 
de la moutte o de terra, Pitamoute, Pitamoutàs, Ciuciata p, 
Carcatepe {Pieni.) — Culbianch, Cubianc, Cugianco de tera, 
Pitamoute {Bass. Piem.) — Culbianc, Ocel dei sas, Steinvo- 
ghel, Carcatepe {Novara) — Cubianch, Cubianch de la segla 
{Lomh.) — Culbianc {Prese.) — Cubianc, Culbianch [Vaìf.) — 
Colturen (Cremon.) — Culin bianch {.^[aìitov.) — Cu bianch 
da terra (Varzi) — Culbianch {Piac, Parma) — Culbianc, 
Cultarèn (Mod.) — Cultarein {Carpi, Sass.) — Covatura, Cul- 
bianc muntanar (Pavidlo) — Covaterra (Montese) — Culturin 
{turandola) — Culbianc (Boi., Romg). — Culbianco, Culèto, 
Zopparolo, Biancheton (Few.) — Coda bianca {IMI.) — Culett 
{Friuli) — Culbianc, Culbianco {Trentino) — Cubianco, Cu- 
bianc, Pavarin gran {Cadore) — Culbianc {Feltre) — Zopa- 
rólo {Padova) — Bilenguza, Prdavac {Daini.) — Queu blanc, 
Abicou {Nizz.) — Martinicca, Marticca {/Savona) — Cugianco 
da bosco {Arenzano) — Cu gianco de tera {Gen.) — Ciiogianco 
de monte {Spezia) — Codino, Codibianco, Culo bianco {Pisa) 



— 121 — 

— Culbianco, Codibianco {Fucecchio, Empoli) — Codibianco 
(aS'. Gimignano^ (figlio) — Petragnola {Casentino) — Massajola 
(Fior.) — ìilsLCìoìs. (Volterra) — Paglia in culo (Montale.) — 
Culbianco, Codibiancola {Lucca, /Sen.) — Pietraiola [Vaìdich.) 

— Codabianca, Codetta ( Viterbo) — Codetta {Rieti) — Codo- 
bianco, Codetta d'estate {Roma) — Gastrica {Marche) — Ga- 
strica di maese, Secciarola {Ancona) — Coda-bianco, Coda-janco, 
Monacella, Pretarola, Fumata, Palombella, Codeianco, Codi- 
jancu {Nap.) — Palummella {Capri) — Paghionica matta, Pa- 
ghiouica di parete {Bari) — Culijancu, Cudijancu, Cacapareti 
{Lecce) — Feliara (*S'. Giov. in Fiore) — Cudaianca {Calabr.) 

— Cuda janca o vranca {Sicil.) — Mataccinu, Culu jancu 
{Mess.) — Culubiancu, Caccasciarra, Cudabianca {Cat.) — 
Cudibianchi {Castelh. Mad.) — Coabiancti, Culubiancu {Sard.) 

— Cugianco {Carloforte Sard.) — Cuda bianca {Malt.}. 

La Saxicola (Enanthe è specie estiva e abbondante ovun- 
que in Italia; giunge da noi alla fine di marzo e neiraprile: 
riparte in settembre e ottobre; qualche raro individuo ri- 
mane più tardi e ne ebbi uno dal Mugello il 18 gennaio 1889; 
io non ho conferma dell' asserito svernamento di questa spe- 
cie in Sardegna, ove, secondo il Bonomi, sarebbe di doppio 
passo. 

Abita tutta la Kegione Eurasica ed è giunta ac idental- 
mente nell'America boreale (Alaska) ; sverna in Africa e nel- 
l'Asia meridionale. 

È interessante il fatto, recentemente confermato, che una 
forma di questa specie, diversa soltanto per le dimensioni 
notevolmente maggiori, nidifica nella Groenlandia meridio- 
nale, trovasi di regolare passaggio lungo l'estremo lembo oc- 
cidentale dell' Europa, e sverna nell'Africa occidentale. Questo 
Culbianco gigante ebbe nome dal Gmelin, e va chiamato 
S. (Enanthe leiicorrhoa (Gm.); non è impossibile che capiti 
anche nell' Italia occidentale alle epoche del passo. 



122 



93. Saxicola Stapazina (Linn.i 

MOXACHEI.LA. 

N. albicolUs (Vieill.). 
N. aurita, Temm. 

Massajola bianca, Monachella, Stapazzina iStrapazzinai a 
gola bianca [Aut. Ital.) — Cubianc {Tortona, Novi) — : Culbianc 
muntana (Mocl.) — Gastrica forestiera {Ancona) — Culbianco 
poejol dal mostaccio {Veron.) — Favret papemoschin {Friuli) 

— Busnaca, Busnaca dal mostaccio (Roveret.t — Mozzetto (Vi- 
cenza) — Cubianco de montagna (Cadore) — Culbianco, Cul- 
bianco foresto (Padova) — Bilenguza, Prdavac (Dalm.) — 
Queu blanc (Nizz.) — Marticca, Martinicca {Savona) — Scap- 
paxin (Arenzano) — Scapascin da giia gianca iOen.) — Clio 
gianco de monte (Spezia) — Culbianco, Monachella (Lucca) — 
ìlonsicheilsi (Tose, Roma) — Codibianco (/. di Giglio) — Ga- 
strica o Castrica forestiera (Marche) — Codeianco S. Martino 
(Nap.) — Paghionica (Bari) — Monachedda (Rossano, Cosenza) 

— Mataccinu jancu (Mess.) — Curidda janca, Munachedda (Mo- 
dica) — Munacedda biunna, Cuda bianca furestera {Pai.) — 
Culubiancu {Sard.) — Quda bianca, Duminican, Dumnican 
(Mali.). 

La sinonimia di questa specie è stata confusa con «luella 
della Monachella a gola nera, e il nome specifico dell'una è 
stato a vicenda applicato all'altra; anzi vi fu un tempo che 
furono ritenute per maschio e femmina della stessa specie. Re- 
centemente (" Ibis, „ 1904, p. 75. London) il nostro chiaro 
Salvadori ha definitivamente sciolto la matassa, provando 
come il nome di Stapazina spetti a questa specie e non alla 
Monachella a gola nera, alla quale va senza dubbio dato il 
nome di occidentalis proposto dal Salvadori sin dal ISSI; ha- 



— 123 — 

sta leggere la diagnosi del Linneo {S. N. I, p. 331, n, 14, 
1766j per esserne convinti. 

Questa specie giunge da noi insieme alla precedente, ma 
in numero assai più limitato ed è molto meno diffusa, in 
modo che è sconosciuta affatto in alcune provincie ; è dif- 
ficile per ora precisare la sua area di diffusione in Italia 
perchè è stata e sarà per un pezzo confusa colla seguente 
specie affinissima, recentemente distinta dal "Whitaker. E 
però probabile che le Monachelle che giungono nelle nostre 
Provincie sul versante adriatico appartengano in prevalenza 
a questa specie, cioè S. Stapazina, che è quella orientale. 

Qualche coppia rimane certamente da noi durante l'estate 
e nidifica. Nella Collezione italiana questa forma è rappre- 
sentata da sette esemplari, tutti maschi, presi a Nizza, Pi- 
stoia, Prato, Firenze, Sinigaglia, Bari e Taranto, e catturati 
tra il 5 ed il 21 aprile, colla ecceziene dell' esemplare da Pi- 
stoia, preso nel gennaio, caso singolarissimo. 

La Si. Stapazina vive nel S. E, dell' Europa, nell'Asia 
occidentale e nel N. E. dell' Africa. 



94. Saxicola Caterinae, Whitaker 
Monachella occidentale. 

Il mio amico J. I. S. Whitaker ha pel primo distinto 
questa specie dalla precedente (" Ibis, ,, 1898, p. 624), notando 
che ne diversifica per avere la fronte bianca sino alla base 
del becco, le scapolari spesso di color ceciato ed il disotto delle 
ali (remiganti primarie e secondarie) chiaro. Nella S. Stapa- 
zina invece, una sottile fascia nera si estende tra la fronte e la 
base del becco, le scapolari ed il disotto delle ali sono di un 
nero più o meno intenso ; tutto ciò si applica ai maschi adulti 
delle due forme. Io ho potuto confermare queste differenze 
su esemplari italiani, pur notando che il caso è parallelo a 
quello delle due specie di Monachella a gola nera^, e mi trovo 
in perfetto accordo coll'amico Whitaker ; aggiungerò che nella 



— 124 — 

>S. Stapazina i maschi vecchi diventano, nelle parti chiare so- 
pra, di UTi bianco sericeo, mentre in quelli della iS'. Caterincv 
rimane sempre una lavatura di ceciato sul chiaro, sopra e 
sotto ; inoltre in questa forma la macchia nera auricolare è 
meno estesa, include appena l'occhio al disopra, mentre nella 
*S'. Stapazina l'occhio rimane bene incluso nella macchia auri- 
colare, che si estende più in giù ed è assolutamente più 
grande ; di più in quest'ultima specie il bianco sulle timo- 
niere (escluse le mediane e le esterne) si estende assai più ; 
al punto che si vedono esemplari con queste penne total- 
mente bianche. Non tutti però i Colleghi in Ornitologia sono 
di tale avviso, alcuni non ammettono la esistenza delle due 
forme come specie distinte, altri ritengono chn sono separabili, 
ma che già ebbero un nome, onde quello proposto dal Whi- 
taker cadrebbe in sinonimia. Ora, è innegabile che le diagnosi 
di Linneo, Vieillot e Temminck, largamente espresse, ponno 
facilmente calzare alle due specie ora separate ; ma ha risposto 
a questo il AVhitaker credo giustamente, facendo notare (ad 
esclusione del Linneo che egli non discute) che la Mona- 
chella più comune e nota nel!' Europa meridionale è senza 
dubbio quella alla quale, dando ragione a Salvadori, io ho 
rientegrato il nome linneano, tanto malmenato, di Stapazina. 
Il tipo su cui Vieillot basò la sua alhicollis non è trovabile; 
però dalla sua descrizione risulta chiaro che aveva sott' oc- 
chio la forma con parti superiori di un " beau hlanc, ,, 
nella quale " une bande noire traverse et envélopjje Voeil ,, ed 
avente " len couvertures chi dessuft et du des.soìis des ailes de 
cette couleur (noire) ainsi que ìes pennes, ,, dunque quella orien- 
tale. Esistono invece i tipi sui quali Temminck fondò la 
sua aurita; sono nel Museo di Leida e Whitaker ha potuto 
accertare che appartengono alla Monachella con fronte, sca- 
polari ed ali al disotto nere f" 7/;/.s-, ,, 1903, p. 408). Inoltre 
la S. aurita var. ìihi/ca e la S. amphileuca di Hemprich ed 
Ehrenberg, chiamate in ballo dal Dresser (" Ibis, ,, 1903, 
p. 90), vanno indubbiamente riferite alla .S'. Stapazina, L. ^" 
S. albicollis^ ^'ieill. = .S'. aurita, Temm. In conclusione io 
accetto la opinione del Whitaker in (|uesto caso e mantengo 



— 125 — 

distinta la forma che egli ha nominato N. Caterince, con que- 
sto nome. 

In Italia cogli elementi che ora abbiamo, non siamo in 
grado di poter dire quale di queste due Monachelle sia più 
frequente, né quale sia l'area prediletta da ciascuna nel no- 
stro paese. Dalla scarsa mia esperienza risulta che esse giun- 
gono da noi contemporaneamente e presso a poco nella me- 
desima proporzione ; cosi nella Collezione italiana di fronte 
ai rammentati sette esemplari della *S'. Stapazina, posso col- 
locare nove esemplari della X. Caterince, di cui due sole fem- 
mine, presi tutti a Nizza con una sola eccezione che mi 
venne da Palermo ; catturati tra il 12 aprile ed il 22 maggio. 

Le femmine di queste due forme non sembrano differire; 
e sono uguali nelle dimensioni e, per quanto sappiamo, nelle 
abitudini. Il Whitaker dice che la sua *S'. Caterince è distri- 
buita dal N. 0. dell'Africa al S. 0. dell'Europa, e perciò la 
denomina "forma occidentale:,, anch' egli trovò le due in 
Tunisia, ma la presente era assai più abbondante; infatti in 
venti esemplari di Monachelle nella sua collezione uno solo 
era riferibile alla più orientale S. Stapazina. 

Essendo le due specie confuse insieme in Italia è inutile 
che io aggiunga che i nomi volgari nostri si applicano ugual- 
mente all'una ed all'altra. 



95. Saxicola occidentalis, Salvad. 
Monachella a gola nera. 

iS. stapazina, Temm. (nec Linn.). 
iS". rufa^ Dress. (nec Steph.). 

Stapazina, Strapazzina, Monachella colla gola nera {Aut. 
Ital.) — Culbianch d' mountagna {Cuneo) — Cubianc {Tor- 
tona., Novi) — ? Culbianc (Mod., Boi.) — Queu blanc {Nizz.) 

— Scappaxin (Arenzano) — Scapascin da gùa neigra {Gen.} 

— Cùo gianco de monte {Spezia) — ? Massajola capobianco 



— 12G — 

{Tose.) — ? Codibianco pietrino (/. di Giglio) — y Mona- 
chella a gola nera {Tose, Roma) — ? Codeianco monaco 
{Naj}.) — yOrasteca monacella (Gaeta) — ? Codijanca mona- 
cella [Ischia) — ? Palummella monacella [Capri] — ? Matac- 
cinu cu r ali niuri (Sicil.) — Culu biancu (Sani.). 

Una volta chiarito l'equivoco del nome specifico di Sta- 
pazina dato a torto dal Temminck a questa specie, in passato 
ritenuta il maschio delle Monachelle a gola bianca (la vera 
ìN. Stapazina conglobata colla S. Caterina?) ; constatato che il 
termine specifico di rufa è similmente stata applicata alle 
Monachelle a gola bianca ed a quelle a gola nera promiscua- 
mente, e, colle regole di nomenclatura, in antecedenza dallo 
Stephens alle prime; — non rimane che ad adottare il nome 
proposto sin dal 1887 dal chiarissimo Salvadori, come io 
faccio, per distinguere questa forma occidentale di Monachella 
a gola nera da quella orientale che è la S. melanoleuca 
(Glildst.). 

E notevole il parallelismo perfetto che esiste tra queste 
due specie di Monachella a gola nera e le due specie di Mo- 
nachella a gola bianca, non soltanto nella loro distribuzione 
geografica, ma anche nella estensione del nero intorno alla 
testa e nelle tinte generali del piumaggio. Infatti la aS'. occi- 
dentalis maschio adulto si distingue a colpo d'occhio da quello 
della S. melanoleuca, per avere il nero della gola assai meno 
esteso, limitato alla regione gulare propriamente detta e non 
esteso a tutta la parte anteriore del collo, come nella specie 
orientale. Pare inoltre che nelle femmine della prima specie, 
quando adulte, la gola sia sempre nera, mentre soltanto in 
quelle vecchissime della seconda si vede quel carattere. 

La .S. occidentalis giunge da noi alla medesima epoca 
delle due specie precedenti e di quella che segue, cioè nella 
seconda metà dell' aprile o ai primi del maggio ; poche cop- 
pie rimangono a nidificare e partono o ripassano nel settem- 
bre e ai primi dell'ottobre; è pure poco abbondante. In Italia 
la distribuzione di questa specie è chiaramente occidentale, 
così posso dire che senza eccezione tutti gli esemplari di 



— 127 — 

Monachelle a gola nera che ho esaminato provenienti da 
Nizza e da Genova sono S. occidentaUs, e di nove individui 
che conservo nella Collezione italiana quattro provengono dal 
Genovesato, cinque dal Nizzardo ; vennero presi tra il 15 
aprile ed il 10 settembre ; ne ho uno da Nizza ucciso il 19 
luglio. Un esemplare da Genova, maschio adulto preso nel 
maggio, è notevole per avere il dorso nella regione mediana 
quasi nero. 

Ritengo che questa specjie nidifichi da noi sui monti 
della Liguria e nella regione delle Alpi marittime ; non ri- 
cordo di aver veduto esemplari presi all' E. della Liguria, 
onde i nomi volgari toscani, romani e napoletani, nonché 
quelli della Sardegna sono molto probabilmente appartenenti 
alla specie seguente. Non ho mai veduto maschi adultissimi 
di S. occidentaUs quasi assolutamente bianchi e neri, come è 
il caso nella -S'. melanoìeuca ; anche nei più vecchi il dorso 
almeno è fortemente tinto di un ceciato rossigno. 

La S. occidentaUs vive nel N. 0. dell'Africa e nel S. 0. 
dell'Europa. 



96. Saxicola melanoìeuca (CTiildst.) 

Monachella a collo nero. 

Monachella bianca e nera {Aiit. Ital.) — Oulbianc pcejol 
{Verona — Favreto (Few.) — Favret [Friuli) — Busnaca 
{Rovereto) — Bilenguza {Dalm.) — Culbianco {Pieve, Fiumalbo, 
App. mod.) — Monachella a gola nera {Tose , Roma) — Pie- 
traiola ( Valdich.) — ? Codibianco pietrino (7. di Giglio) — Ga- 
strica forestiera {Marche) — Paghionica {Bari) — Codeianco 
monaco {Xap.) — Paluramella monacella {Capri) — Crasteca 
monacella {Gaeta) — Codijanca monacella {Ischia) — Mona- 
cheja {Calahr.) — Mataccinu cu l'ali niuri {Sicil.) — Matac- 
cinu monacu, Mataccinu cu l'ali niri, Monachedda {Mess.) — 
Curidda janca cu l'ali niuri {Modica) — Aliniuri {Castelb., 



— 1-28 — 

Mad.) — Munacedda cu l'ali niuri [Caìtag.) — Cuda janea 
cu l'ali niuri {Pai.) — ::' Culu biancu (Sarei.) — Quda bianca 
bastarda, Duminican, Dumnican (Malf.). 

Questa specie che ritengo ora ben distinta dalla prece- 
dente, ma che è tuttora confusa da molti colla S. occidentale, 
pare essere più diffusa, sebbene non abbondante, nel nostro 
paese. Ho potuto acquistare la certezza che sul nostro ver- 
sante adriatico non si vede mai la specie occidentale, e cosi 
in Sicilia, forse in Sardegna, nel Napoletano, in Toscana e 
nel Veneto. Per noi dunque la *S'. mehmoleuca ha una diffu- 
sione orientale. Essa giunge in Italia alla medesima epoca 
e presso a poco nelle stesse proporzioni delle tre specie pre- 
cedenti ; non posso dire se rimanga a nidificare nelle Puglie, 
ove il De Romita dice che si vede in ogni stagione; nidifica 
in Calabria e in scarso numero nella Romagna Toscana, nel 
Friuli, ove il Vallon ne ebbe un nido colle uova il 12 mag- 
gio 1884; nidifica pure in discreto numero nel Trentino e 
io conservo nella Collezione italiana una coppia presa sul 
nido al Ponte di Trambilleno presso Rovereto, il 18 giu- 
gno 1903 [Ucc. n'. 3991, 3992). Ci lascia, colle precedenti 
tre specie, nel settembre o ai primi di ottobre. Nella Colle- 
zione italiana io conservo undici esemplari della iS. meluno- 
leuca provenienti da Rovereto (due), Prato (due), Camugliano 
(Pisa), Bari (due), Taranto, Palermo, Malta (due); presi tra 
il 5 aprile ed il 22 settembre. 

In questa specie i maschi adulti hanno il nero esteso 
su tutto il davanti del collo ed in abito primaverile le parti 
chiare diventano quasi assolutamente bianche; le femmine 
sono assai meno rossigne ed acquistano, non sempre e tardi, 
il nero sul collo; anche i maschi in abito autunnale sono 
meno rossigni che non quelli della specie precedente. 

La S. nielanoleuca vive nel S. E. dell' Europa, nell'Asia 
occidentale e n<^l N. E. dell'Africa. 



— 129 



9*7. Saxicola plesclianka (Lepech.) 
Monachella a dorso nero. 

Saxicola leucomela (Pali.). 
*S'. morio, Hempr. et Ehrenb. 

Anche intorno a questa specie ben marcata e' è stata 
non poca confusione; cosi il Dresser confuse la S. leucomela 
(Pali.) colla 8. lugens, Licht. dell'Egitto e colla affine S. ha- 
lophila Tristr. della Tunisia, specie che si distinguono a prima 
vista dalla nostra per avere il vessillo interno delle remi- 
ganti largamente marginato di bianco, in modo che la su- 
perficie inferiore delle ali è molto biancheggiante, mentre è 
nera nella specie sotto esame. Seguendo Oates (Faun. Brit. 
India, Birds, II, p. 73. London, 1890), il quale per il primo 
avrebbe rettificato la nomenclatura e la sinonimia di questa 
specie, ho adottato il nome di Lepechin, non solo perchè ha 
la priorità, ma perchè non è stato male applicato come quello 
(quasi contemporaneo) del Pallas che io avevo usato sin qui. 
La aS'. morio Hempr. et Ehrenb. sarebbe poi questa stessa 
specie, ma questo nome è stato pure male applicato, eppoi 
non sarebbe che un sinonimo dei nomi anteriormente dati 
a questo uccello da Lepechin e da Pallas. 

Una curiosa confusione a proposito di questa specie è 
stata commessa recentemente dall' Arrigoni {Man. orn. ifal. 
pp. 246, 247); evidentemente male interpretando un mio 
scritto, mi fa dire che 1' unico esemplare conservato nella Col- 
lezione italiana delR. Museo Zoologico di Firenze (Ucc. n. 1989) 

— che è poi il maschio adulto ucciso a Cornegliano (Genova) 
nel novembre 1850 e che io ebbi dal signor Egisto Lombardi, 

— ha le remiganti marginate largamente di bianco ; e su que- 
sto introduce la S. lugens, Licht. in Italia, ove sinora non è 
stata ancora avvertita; confonde poi la sinonimia speciale e, 
ciò che è più stupefacente, separa il mio esemplare da quell'altro 



— 180 -- 

simile affatto preso pure a Cornegliano, ma nel dicembre ISGO 
(cioè dieci anni dopo; conservato nel Museo Civico di Storia 
Naturale a Genova, e lo colloca in altra specie cioè la aS'. morio 
che egli chiama N. higens morio! E tutto questo dimenti- 
cando afifatto quanto io avevo pubblicato diciotto anni prima 
{Avif. ital. p. 89, Firenze, 1886). 

La N. pleschanT^a è specie di comparsa affatto acciden- 
tale in Italia, io non conosco de visu che i due citati esem- 
plari colti a Cornegliano Ligure e quello che faceva parte 
della raccolta Magni-Griffì, ora nel Museo Zoologico della 
R. Università a Roma, che sarebbe stato preso a Vernazza 
(Spezia) nel 1862 : è un maschio adulto in abito estivo in 
cattive condizioni e ha l' aspetto di essere stato preparato 
non dal fresco, ma da una pelle sdruscita. Arrigoni ne cita 
un quarto, come catturato il 18 aprile 1902 nellaValle del 
Bisenzio (località sospetta) che si conserva nella sua raccolta 
a Monselice, 

Questa specie ha larga diffusione geografica, giacché dal 
S. E. dell'Europa si estende attraverso l'Asia sino ai con- 
fini N. 0. dell' India e lungo l'Africa N. E. sino all'Abis- 
sinia. 



98. Saxicola deserti. Riipp. iu Temm. 
Monachella del Deserto. 

La comparsa di questa specie ben definita, che si avvi- 
cina però pei caratteri alle due precedenti, non era stata 
avvertita sinora in Italia, ma la registrai sin dal 1886 tra 
quelle che potevano capitare accidentalmente nella nostra 
Regione (Avif. Ital. 1886, p. 471j. Questa mia profezia do- 
veva avverarsi, e nel gennaio 1892 ricevetti dal signor Car- 
melo Martorana in un con altri uccelli un'esemplare di que- 
sta specie che il Martorana riteneva essere la comune Mona- 
chella a collo nero (S. melanoìeiica) ; è un maschio adulto in 



— IBI — 

abito autunnale e venne ucciso alle falde del Monte Pelle- 
grino (Palermo) il 20 novembre 1891 ; si conserva nella (^col- 
lezione centrale dei Vertebrati italiani nel R. Museo Zoolo- 
gico di Firenze (Ucc. n.° 4114). 

Sin dal 1883 avevo ricevuto in dono per la suddetta 
Collezione dal cav. C. A. Wright, il noto Ornitologo di 
Malta, una Monachella presa in quell'isola nel settembre 1867, 
che tanto il donatore come il Dresser ritenevano fosse la S. 
deserti^ ma dopo averla studiata e confrontata dovetti per- 
suadermi che era semplicemente un esemplare alquanto ano- 
malo della S. melanoleuca. 

Dopo questo è quasi superfluo aggiungere che 1' esem- 
plare di Palermo è il primo a registrarsi preso in Italia. 

La *S'. deserti ha una larga diffusione geografica, giacché 
dall' Algeria si estende all' Egitto nell' Africa settentrionale, 
svernando in Abissinia e nella Nubia ; è abbondante nell'Asia 
Minore giungendo al centro sino nel Tibet, svernando nel- 
r India. 

Avevo scritto quanto sta sopra quando con cartolina in 
data del 18 dicembre 1905, seppi dall'amico prof. Gr. Marto- 
relli, che egli aveva avuto un' esemplare di questa specie, 
il quale sarebbe dunque il secondo preso nel paese nostro. È 
un maschio adulto in abito autunnale ; fu preso dal signor 
Vittorio Fracco il 3 ottobre 1905, a Fino Mornasco (Como) ; 
è poi stato gentilmente ceduto al Museo Civico di Storia Na- 
turale di Milano. 



99. IDromolaea leucura (J. F. Grmel. ex Latb.) 
Monachella nera. 

Culbianco abbrunato {Aut. Ital.) — ■ Merlou a cova bianca, 
Queu blanc, Pignatié, Queu blanc pignatié, Cuberna [Nizz.) 
— Merlou ciappà da cua gianca {Arenzano) — Merlo a cua 



— 132 — 

gianca (Gen.) — Carrubeddu {Sicil.) — Mataccinu nini o 
niuro (,Ve.9.s.) — Culubiancu (Sarei.). 

Specie sedentaria e, dicesi, parzialmente estiva, ma scarsa 
e notevolmente localizzata in Italia ; è senza dubbio più fre- 
quente da noi nella Riviera di Ponente in Liguria che al- 
trove. E stata presa sui dirupi litoranei delle Cinque Terre 
(Spezia), e, per quanto a me consta, una volta soltanto sul 
Monte Argentario, Toscana. E data come scarsa, ma seden- 
taria sui monti sopra Messina ed anche nel sud della Sicilia, 
e così su quelli del Capo meridionale in Sardegna; io però 
non ho veduto esemplari da quelle due isole. 

La D. leucura è sparsa attraverso la penisola Iberica e 
lungo il litorale meridionale della Francia ; passando per 
l' Italia giunge anche in Grecia ; abbonda nell'Africa setten- 
trionale dal Marocco alla Tripolitania, ove sarebbe in parte 
invernale. 



lOO. Dromolaea leucopyga (C. L. Brehm.) 
Monachella nera a testa bianca. 

Monachella testa bianca {Atit. Ifal.). 

Non ho nulla da aggiungere a quanto scrissi nel 188<> 
(Avif. Ital. p. 90j intorno a questa bella specie, capitata una 
volta soltanto sull' estremo lembo meridionale della Regione 
italica ; nessuna nuova cattura è stata avvertita dopo quella 
avvenuta il 18 aprile 1872 a Tal Cappuccini presso La Va- 
letta, Malta. Quell'esemplare si conserva nel R. Museo Zoo- 
logico di Firenze {Coli. ital. Ucc. n. 2072). 

La I). leucopyga è specie comune e sedentaria nel N. 
dell'Africa e nell'Asia occidentale. 



— 138 — 

lOl. Monticela saxatilis (Linu.; (ex Gesn.) 
Codirossone. 

Codirosso maggiore, Tordo sassatile, Merlo sassatile, 
Codirossone {Aut. Ital.) — Passra solitaria roussa, Couarous 
gros, Couarous bouè {Piem.) — Moineau solitaire {Aosta) — 
Passra soulitaria roussa, Roussigneul, Cuorossón, Merlo ciapà, 
Merlo ciapón [Bass. Piem.) — Coarosson [Tortona^ Novi) — 
Passra soulitaria, Merael ad riva, Merael sicilian {Varzi) — 
Còvaróussón Coùvaroùsson, Coùvaroùssoùlon {Ossola) — Merl- 
rouss {Nov.) — Corossouloun, Carossol, Carossi, Corossi {Lomb.) 

— Colosserun {Mendr.) — Corossol de mont {Bresc.) — Ca- 
ròsol {Berg.) — Covròss real, Clirossolon, Ciirossolon de mont, 
Cuarossòn (Valt.) — Còdòr, Covròss real {Mod.) — Culroslon, 
Meral sassar {Montese) — Coroslon, Merèl-sasser {Zocca) — Mè- 
rel sassar, Meral sasséll, Meral sassard, Merel sassol {Boi.) — 
Squarussolon, Merel sassar {Vergato) — Budrangon {Cesena, 
Forlì) — Tordo sassarolo, Codirosso maggiore, Codarancio 
{Marche) — Re di Codirossi {Ancona) — Corossolon, Squa- 
rossolon. Codirosso de monte, Coarossoloa de montagna ( Fe?^.) 

— Codarossolon {Bell.) — Codaross di montagne {Friuli) — 
Codirosso di montagna {Istria) — Mirula crvenrepa {Dalm.) — 
Quarossolón {Roveret.) — Coarossolón, Consolatón {Trento^ 
Valsugana) — Grossolón {Tesino) — Coaróssa grande {Val 
di Non e di Sole) — Quarossolón, Coaròs gross {Riva) — 
Quarossò {Val di Ledro) — Quarossòn {Giudicarie) — Sco- 
rossolòn {Avio) — Squarussolon de montagna ( Veron.) — Co- 
darosson {Sacileì — Codarosson de montagna, Codaross sal- 
vadego {Cadore) — Codarosson, Coarosson {Feltre) — Squa- 
russolon foresto {Padova) — Coaróssa de monte (Rovigo) — 
Queu rous berna {Nizz.) — Merlo russo, Merlo garbuggia, 
Cuarussun (Savona) — Cuarósson {Arenzano) — Cuarussùn, 



— 134 — 

Merlo muntali (Gen.) — Tordo ciia rossa {Spezia) — Codi- 
rossone, Codirosso maggiore, Codirosso sassatile {Fior., Sen.) 

— Codirossolone, Codirossone, Codirosso grosso {Pisa) — Cul- 
rossolone {Lucca) — Tordo marino {Fior., la Consuma, Um- 
bria) — Tordo di rocca iSen.) — Codirosso reale (/. di Giglio) 

— Codirosso maggiore. Merlo di montagna. Merlo di sasso 
{Roma) — Coderusso montanaro, Coderusso bastardo, Mièrolo 
i montagna, Mièrolo i rocca, Coda-russo gruósso, Codarusso 
bastardo, Merlo de rocca (Nap.) — Fugarola ad., Fugarola 
fumata giov. {Capri) — Passeru sulitariu, Merlo petrolu 
{Reggio Calabr.) — Cuda di focu di li vanti, Cuda di focu 
barbarisca (Mess.) — Cudurussuni, Cudirussuni, Spagnulettu 
{Sicil.) — Merru di passa (Mess., Caf). — Beccaficu imperiali 
{Modica) — Codarussa {Terran., Sicil.) — Sulitariu di rocca 
{Castrog.) — Solitariu coa-arrubbia, Culurubiu, Sulitariu eoa de 
fogu, Cularrubiu {Sard.) — Gan-bublu {Mali.). 

Specie estiva comune, ma non abbondante in Italia ; 
giunge in aprile e maggio, riparte nel settembre ; nidifica ai 
monti quasi ovunque. Il Bonomi ne ebbe uno d' inverno a 
Cagliari, evidentemente un individuo sperso. 

La M. saxatili.s abita 1' Europa centrale e meridionale 
neir estate ; è sparsa attraverso l'Asia, sverna nell' India e 
nell' Africa. 



lOS. Monticola Cyanus (Linn.) fex Gesn.) 
Passera .solitaria. 

Passera solitaria, Tordo solitario {Aut. Rai.) — Passera 
solitaria bleu, Passra bleu (Piem.) — Passra soulitaria bleu, 
Passera solitaria, Passua salutia, Meri ciapareu, Merlo ciapà 
{Haas. Pieni.) — Passera soulitaria {Lomh.) — Passera sulitaria 
{Vali.) — Passra solitaria {Afod., Boi.) — Passra sulitéria 
{Rav.) — Passero solitario {Umbria) — Passero solitario (Mar- 



— 135 — 

che) — Passara solitaria ( Ven.) — Passar o Pàsser solitari 
(Friuli) — Merla solitaria, Passera solitaria, {Trentino) — 
Passera, Passera solitaria {Felfre) — Passaro solitario [Sacile) 

— Passara, Merlo foresto (Padova) — Mirula, Modrokos 
(Daini.) — Passera solitaria (Nizz.) — Merlo casuengo, Merlo 
casengo (Savona) — Merlo ciappà, (Gen.) — Merlo rocaé 
[Spezia) — Merlo marino (S. Terenzo) — Passera solitaria 
[Tosc.^ Roma) — Merla tettaiuola (Pisa) — Merlo casajolo 
(Grosseto) — Merla (7. di Giglio) — Merlo petraiolo (Corsica) 

— Passarli solitaria (Rieti, Nap. Capri) — Passaro solitario 
[Bari) — Petru merula (Rossano, Cosenza) — Merru i rocca. 
Passarli solitaria (Caìabr., Sicil.) — Merru o Mierrii di rocca 
(Mess.) — Passera solitaria (Modica) — Mierra solitaria (Ca- 
stelb. Mad.) — Salitaria di rocca (Pai.) — Salitaria, Meurra 
de arrocca (Sard.) — Meril, Cicca di Dia (Mali.). 

Specie sedentaria, comune e sparsa nell' Italia insalare 
e peninsulare; estiva nelle nostre provincie settentrionali 
(colla eccezione di alcune parti dèi Veneto), che lascia in 
settembre ed ottobre per svernare in quelle meridionali. Non 
è ovunque abbondante e da qualche località sarebbe recen- 
temente scomparsa; così nel Bolognese. 

La M. Cyanus è sparsa attraverso l'Europa meridionale 
e l'Asia centrale e meridionale (inverno), e trovasi nell'Africa 
fino all'Abissinia, pure svernante. 



103. Merula nigra,, Leach ex Schwenck. 

Merlo. 

Merla, Merlo, Merlo co^iiune (Aut. Ital.) — Merle, Meri 
(Pieni.) — Merlou, Meri, Méral {Bass. Pieni.) — Merlou 
(Cuneo) — Merlo, Mérel (Lomb.) — Mèral, Mirai (Pav.) — 
Merlo d'oribaga (Como) — Merlo, Merlo de bosch (Brescia, 
Vali.) — Mèrael {Varzi) — Mèrol (Piac, Farm.) — Mèrel 



— 136 — 

(MocL, Boi., Vergato) — Merlo dal bécch giall, m. Merlo dal 
bécch negro f. {Pieve) — Merel da raacia {Pavullo) — Merla 
da macion (Finale) — Mèral {Boi., Rav.ì — Merlo, Merlo 
negro (masch.) Merla (femm.) (Ven.) — Merli, Mierli, Mierli 
neri, Merlott (Friuli) — Merlo (Trentino) — Merlo da bosco 
(Cadore) — Merlo teran (Polesine) — Merlo terragnolo, Merlo 
montagnolo (Padova) — Kos (Daini.) — Merlou (Xizz.) — Merlo 
(Gen. Spezia, Tose, Corsica, Roma, Napoli) — Merlo forestiero, 
var. con parti inferiori rossastre (Fior.) — Mièrolo, Mièrulu, 
Menila (Nap.) — Mierlo (Bari) — Menila (Rieti) — Gogca 
pizzoverd {Puglia) — Pizzi giallo, mas. Menila, fem. (Lecce) 
— Miedduni, il masch. Meddurina, la femm. Merru, Merula, 
Merlu (Calabr.) — Merni di sipala {Reggio Calabr.) — Merru 
(Sicil.) — Merru niuru (Mess.) — Merru, Merra (Lentini) — 
Mierru o Merru niuru, o di sciara (Castelb. Mad.) — Smerru 
(Caltag.) —Merlu (O'irg.) — Merula, Meurra (Sard.ì — Merlo 
(Carloforte Sard.) — Malvits issiied, Malvits tal troffa 
(Malt.). 

Sedentario, ovunque abbondante e nidificante in Italia; 
neir autunno però giungono da noi moltissimi Merli d' ol- 
tr'Alpe in cerca di un clima più mite e cibo più abbondante; 
arrivano dalla metà di ottobre alla metà di novembre, par- 
tono tra il febbraio ed il marzo. Poche specie variano più 
di questa nell'abito, e pochissime presentano più facilmente 
anomalìe nel colorito delle penne del nostro Merlo ; ciò che ha 
dato occasione ad alcuni Ornitologi poco provetti di stabilire 
delle nuove (pseudo) specie, delle quali la più recente sa- 
rebbe la M. ruhricollis, Zonghi Lotti (« Avicula », 1898, 
p. 146). 

E puerile chiamare questo uccello, Merula merula, come 
alcuni ora fanno ! Ma assai peggio sarebbe il seguire Otto 
Kleinschmidt, il quale, volendo sorpassare il Pastor Brehm 
di buona memoria, fa la stupefacente scoperta che il Turdus 
merula di Linneo non è il nostro Merlo, ma una j^oli specie 
che va scissa nei suoi elementi, cioè le varie sotto specie che 



— 137 — 

la compongono; chiama la specie linneana T. Vernus, e di- 
stingue rispettivamente coi nomi di: Turdus Vernus Menila 
(Linn.) il Merlo della Scandinavia, Turdu,s J'emus monfamis 
(Dresser ! ! !) il Merlo della Francia meridionale e dell' Italia con- 
tinentale, e distingue ancora, senza per ora (bontà sua.'j pro- 
porre un nuovo nome, il Merlo della Sardegna (Cfr. Jouni. 
f. Orn. 1903, p. 440). 

La M. nigra vive in tutta la porzione occidentale della Re- 
gione Eurasica; Hartert ha separato come sottospecie distinte 
i Merli delle isole Canarie e del Marocco. 



104. Merula torquata (Linn.) ex Gfesn. 
Merlo col collare. 

Merla torquata, Merlo col collare. Merlo col petto bianco, 
Tordo col collare (Aut. Ital.) — Griva savojarda, Cia-ciacch, 
Coua neira (Pieni.) — Ciaciàra, Ciacch-ciacch {Saluzz.) — 
Griva magnina, Ciach-ciach {Bass. Pieni.) — Meri ciapà 
{Tortona^ Novi) — Margon, Merla du cullarit, Meri de sto- 
mich bianch (Novara) — Tourdera moura (Varzi) — Merlo 
de montagna, Mèral d' mountagna, Viscardin, Merlo del 
stomegh bianc (Lomb.) — Merlo montan, Merlo de montagna 
(Vali.) — Viscardon (Pav.) — Viscarda col golaa, o negra 
(Como) — Viscarda negra (Mendr.) — Merla montana (Berg.) 

— Merlo dal colar, Gardena (Bresc.) — Mérol marèn (Piac.^ 
Parm.) — Mèrel d'ai stomeg bianc, Mèrel marèn, Mèrel dal 
culler (Mod.) — Meral gris (Boi.) Merlo marino (Umbria) 

— Merlo o Tordo col petto bianco (Marche) — Merlo turco 
(Sinig.) — Merlo a peto bianco. Merlo da la fassa, Merlo co la 
colana (Ven.) — Gardena negra. Merlo dal colar (Veron.) — 
Colaina (Bell.) — Mierli de golaine (Friuli) — Collobich 
(Pontebba) — Collarina ( Valsugana) — Tordo dal collar, Tordo 
dalla fassa (Trento) — Gardena collarina (Rovereto) — Gar- 
dena dal collarin, Gardena negra (Mori) — Gardena collana 



— 138 — 

(Cavaìene) — Merlo dal colare {Viceuza) — Tordol o Tordo 
dalla coUaina {Cadore) — Tordo dalla collana, Tordo fassan 
(Feltre) — Merlo da la collana, ]\Ierlo da la piastra i Padova) 
— Merlou piec blanc (Nizz.) — Merlo franco tGen.) — Merlo 
col collare, Merlo col petto bianco (Tose.) — Merlo forestiero 
(Pisa) — Merlo col vezzo, Tordo col collare (Casentino) — 
Merlo di Russia (Mugello) — Tordo di montagna (Seìi.) — 
Mièrolo a piastra (A7//J.) — Merru a collana (Mess.) — Merru 
varv^ariscu (Sicil.) — Marvizzu o Turdu di passa iCasteìh. 
Mad.) — Merru pettu jancu, Turdu carbunaru (Pai.) — 
Meurru, Meurru a cannacca, Merula giajulada (Sard.) — Mal- 
vits tal sidra baida (Malt.). 

Questa è la specie che abita l'Europa centrale e setten- 
trionale, svernando nel mezzogiorno, e si distingue dalla affi- 
nissima .1/. alpestri^, colla quale è stata sino a recentemente 
cojìfusa, pei caratteri seguenti: Tinte generali di un nero- 
bruno cupo, marginature chiare alle penne sopra e sotto esi- 
lissime, appena distinte, poco marcate anche sulle cuopritrici 
alari esterne ; penne ascellari scure con stretto margine bian- 
castro; penne sottocaudali nerastre con leggera marginatura 
biancastra, e cosi le penne del gastreo e dei fianchi. Collare 
pettorale di un bianco quasi puro. Nell'abito estivo diventa 
quasi nera eccetto il bianco collare; il becco diventa quasi 
tutto giallo scuro. 

Da quanto scrive l'Arrigoni [Maìi. orn. ital. p. 236) 
questa specie nidificherebbe nelle Alpi del Piemonte; amerei 
vedere controllato e confermato tale caso. La M. torquata 
compare però in Italia più comunemente nell'autunno, in 
minor copia, pare, della specie seguente ed è più scarsa al 
ripasso in primavera. 

Nella Collezione italiana ne conservo otto esemplari, al- 
cuni adulti e tipici : Un maschio adulto da Viechio (^IMugello), 
14, XI, 180!»; una femmina adulta da Subbiano (^Arezzo), 
31, III, 1901 ; due maschi da Raggiolo (Arezzo), 26, X, 1896; 



— 139 — 

un maschio da Borgo S. Sepolcro, 21, X, 1885; un maschio 
adulto da Portoferraio (Elba), 8, III, 1S81; due maschi gio- 
vani da Roma, 5, XI, 1890. 



105. Merula alpestris, Brebm. 
Merlo col collare meridionale. 

Mèri ad montagna (Ossola) — Merlo de muntagna. Merlo 
muntan ( \'alt.) — Gardena dal colar {Avio, Treni.) — Gherla 
(Terragnolo) — Merlo dalla collana (Fassa) — Merlo colàn 
(Primiero) — Cranabit (Folgaria) — Collarina (Borgo) — 
(Gardena, Treni.). 

Questa specie, ben poco staccata dalla precedente, nidifica 
nell'Alpi e anche sull'alto Appennino, ma si vede più facil- 
mente in Italia durante la stagione fredda ; è probabile che 
allora si mescoli a branchetti della M. torquaia svernanti al 
piano, colla quale ha da noi certamente in comune i nomi 
volgari, onde non li ripeto ; dai più esperti cacciatori queste 
due forme affini non vengono distinte ; si veda ciò che già 
scrissi in proposito (Avif. Hai. p. 170. Firenze, 1889). 

La M. alpestris si distingue dalla specie precedente : per 
le tinte generali più brune, per le larghe marginature bian- 
castre delle penne sopra e sotto, marcatissime sulle ali ; per 
le penne ascellari- spesso bianche affatto, quelle del soiiocoda 
con larga striscia biancastra lungo lo stelo, oltre la margina- 
tura chiara ; penne del gastreo e dei fianchi con una macchia 
basilare biancastra nel mezzo, che si vede soltanto sollevan- 
dole. Collare pettorale tinto di ocraceo. Nell'abito estivo non 
diventerebbe nero e non perderebbe le marginature chiare 
delle penne. 

Non è improbabile che si avverino casi di ibridismo tra 
le due forme affinissime di Merlo col collare ; per ora man- 
cano i dati per definire esattamente l'area che spetta a cia- 
scuna e la diffusione di entrambe. 



— 140 — 

La M. aìpestris pare essere certamente più meridionale 
nel suo " habitat ,, e più abbondante da noi in Italia che 
non la M. torquata. Nella Collezione italiana ne conservo 
dodici esemplari : un maschio adulto tipico da Domodossola, 
5, IV, 1879 ; una femmina da Sestri Levante 4, III, 1876 ; 
cinque (4 maschi ed 1 femmina) dal Mugello (Barberino), 
colti in gennaio, febbraio, ottobre e dicembre ; un maschio 
da Raggiolo (Arezzo) 9. X, 1900 ; tre (2 maschi ed 1 fem- 
mina) da Spoleto, tutti del dicembre; un maschio da Bari- 
sardo (Sardegna). 30 IX. 1903. 

La M. alpestì'is sarebbe confinata all' Europa centrale e 
meridionale. 



106. Turdus atrigularis, Temm. 
Tordo dal fetto xeko. 

Tordo di gola nera {Aid. Ital.). 

Ho ben poco da aggiungere a quanto ho già scritto 
intorno alla accidentale comparsa di questa specie asiatica 
in Italia. Ai quattro casi autentici della cattura nel nostro 
paese del T. atrigularis da me menzionati, Arrigoni (Mai), 
ornit. ital. p. 231) ne aggiunge altri due : un maschio? preso 
nel 1868 presso S. Terenzo (Lerici), avuto dal Magni-Griffi 
e attualmente nel Museo Zoologico di Roma ; ed un maschio 
giovane ucciso nei dintorni di Roma nel dicembre 1897, e 
conservato pure nel Museo Zoologico universitario romano. 
Io posso ora aggiungerne un settimo ; giacché in data del 
12 dicembre 1904 1' ottimo amico G. Vallon mi scrive di 
averne avuto un esemplare a Udine; è un maschio giovane, 
e fu preso sui colli di Moruzzo il 9 dicembre. Ho trascurato 
i casi dubbiosi come quello dell' individuo conservato nel 
Museo Civico di Milano, citato pure dall' Arrigoni. 

Condivido tanto bene i dubbi espressi dal compianto mio 
amico H. Seebohm, quando (Caf. liinls lirit. Mtis. V, p. 232) 



• — J41 — 

poileva questa specie, colle due seguenti, nel genere Merula^ 
che le escludo tutte. 

Ho già detto come la pretesa femmina del T. ruficollu^ 
Pali, colta a Yarone presso Riva (lago di Garda) il 1° gen- 
naio 1868, conservata nel Museo Civico di Rovereto, risultò 
essere invece una femmina del T. atrigularis. Questa specie 
è propria all'Asia occidentale centrale, estiva per la Siberia,, 
invernale per 1' India. 



±0*7. Turdus obscurus, J. F. Grinel. 
Tordo chiaro. 

Tordo oscuro, Tordo pallido {Aut. Ital.). 

Anche questa è una specie asiatica che giunge ben di 
rado in Italia e sempre, pare, nell' autunno o nell' inverno. 
Nei precedenti volumi della mia Avifauna Italica ho annoverata 
sei catture del T. obscurus avvenute da noi, a queste ne ag- 
giungo altre quattro : un maschio proveniente da Napoli e tro- 
vato sul mercato di Torino nel gennaio 1891, ora nel R. Museo 
Zoologico di quella città; un maschio preso in Val d'Era nel 
febbraio 1897, ora nella Collezione del marchese C. Ridolfi a 
Meleto ; una femmina giovane avuta a Milano dal prof. G. Mar- 
torelli, nell'ottobre 1898, ma proveniente dalla Maremma To- 
scana, ora nel Museo Civico Milano ; un maschio adulto uc- 
ciso il 20 ottobre 1899 nei pressi di Pinerolo e donato dal 
signor Enrico Marchisio alla Coli. ital. nel R. Museo Zoolo- 
logico di Firenze {Cai. Ucc. n. 3770). 

Il conte E. Arrigoni [Man. orn. ital. p. 226) ne cita altri 
tre casi, ma non li ritiene assolutamente certi; sarebbero: 
un esemplare ucciso presso Lonigo (Rovigo) il 15 novembre 
1890, ricordato dal Gianese (Boll, del Naturalista, 1891, p. 19, 
Siena) ; uno ucciso a Ferme (Abruzzo) nel novembre 1899, dal 
De Leone, il quale ne fece dono al sig. E. Locaciulli (" Avi- 
cula^ ,, 1900, p. 75); uno, colto pure nel novemhre 1899, nel 
Senese, e che sarebbe nella Collezione Brogi a Siena. Arrigoni 



- 142 — 

menziona inoltre un'esemplare citato dall' Untersteiner come 
preso a Varone (Riva) sul lago di Garda nel gennaio 1858. 
Egli rettifica poi la data di cattura dell'esemplare avuta dal 
Magni-Griffi, ora nel Museo Zoologico della R. Università di 
Roma; sarebbe avvenuta nel 187(') ad Oliveto a Fungaja. 

Abbiamo così ben 14 catture di questa specie dell'Estremo 
Oriente, avvenute in quasi ogni regione italica. 

Il T. ohscurus è specie abbastanza comune nell' estremo 
oriente asiatico, Siberia E. Giappone, Cina ; sverna al S. 
giungendo nell'arcipelago Malese. 



108. Turdus dubius, ^^ Bechst. 
Tordo oscuro. 

Altro Tordo dell' Asia orientale, che capita accidental- 
mente in Europa e nell'Italia. Nella mia " Avifauna italica ,, 
del 1886, menziono cinque casi autentici della cattura del T. 
dubius avvenute tra il 1829 ed il 1879, a Torino, Brescia 
(due), Genova e Radda (Firenzej ; nella mia " Aiifauna Ita- 
lica ,, del 1889 aggiungo una sesta cattura sulla fede del si- 
gnor 0. Ferragni, che sarebbe avvenuta nel Bresciano in 
ottobre 1888, non ho veduto quell' esemplare, il quale non 
si trova nel R. Museo Zoologico di Firenze, come dice l'Ar- 
rigoni ; infine nella mia Iconografia delV Avifauna italica, 
sp. 108, pubblicata nel 1893, citai un settimo individuo preso 
vicino a Siena ai primi del novembre 189'2 e fattomi esami- 
nare dal compianto amico mio Apelle Dei ; e ricordai anche 
l'esemplare avuto dal conte E. Arrigoni degli Oddi da Ber- 
gamo il 18 febbraio 1893. Questi {Man. orn. ital. p. *22H) 
aggiunge altri due casi e cioè : uno colto sui monti della 
Spezia nel 18(55, avuto dal Magni-Grifii, ora nel Museo Zoo- 



(1) Si torna al nome del Bech.stein {Natunj. i\ . \k 240 il795i, 
che ha notevole priorità su quello di fuscatus, ju-oposto dal Pallas 
nel 1811 iZoogr. Ro.sso-As. I, j). 451;, essendo eliminati i dubbi espressi 
dal Salvadori {Elenco Ucc. Ital. p. 108, 1887 1. 



— 143 — 

logico della R. Università di Roma; ed un' individuo maschio 
adulto preso nei pressi di Verona nel novembre 1899, e con- 
servato nella sua Collezione. 

Va rammentato che individui non adulti del T. dubius 
sono stati assai spesso confusi coli' affine, ma ben distinto, 
T. Naumanni, Temm., onde le asserzioni della comparsa di 
quest' ultima specie da noi vanno accolte con riserva : nel- 
1' abito giovanile le due specie ora citate si rassomigliano 
assai. 



109. TurcLus Naumanni, Temm. 
Tordo del Naumann. 

Questa bellissima specie, che è ancora propria alla zona 
temperata dell'Asia orientale, donde rare volte si svia giun- 
gendo in Europa, è già comparsa negli Elenchi di uccelli 
italiani ; ma sinora, come ho detto parlando della spe()ie pre- 
cedente, per erronea determinazione di esemplari immaturi 
del T. dubius, poco diversi dai giovani del T. Naumanni. 
Toccò all'amico mio e chiaro Ornitologo prof. Giacinto Mar- 
torelli il primo esemplare autentico del T. Naumanni preso 
in Italia : una femmina colta a S. Pancrazio (Brescia) il 2 
novembre 1901, che si conserva nel Museo Civico di Storia 
Naturale a Milano. 

Ed ora ho il piacere di aggiungere a quello un secondo 
individuo catturato in Italia ; è un magnifico maschio adulto 
nell'abito rossigno caratteristico; venne preso il 21 marzo 1904 
nei pressi di Caneva di Sacile (Udine) in un branco di T. iliacus, 
ed infatti mi fu serbato dal compianto amico mio Comm. Emi- 
dio Chiaradia come una varietà di Sassello, o Seselin, come 
egli lo chiamava. Questo prezioso esemplare si conserva nella 
Collezione italiana centrale a Firenze {Cat. Ucc. n. 4041). 

Va ricordato che l' inverno 1903-1904 fu notevole per 
un' invasione di specie nordiche in Italia; a branchi ci giunse 
VAmpelis Garrulus, e comparve per la prima volta in Italia 
il Colymhus Adamsii. 



— 144 — 



HO. Turdus pilaris, Limi, ex Gesù. 

TORDELA GAZZINA. 

Tordela gazzina, Cesena, Tordo mezzano (.iut. Ital.) — 
Grivàs d'mountagna {Pieni.) — Griva d'mountagna, Ciaciara 
Cuneo) — Griva de montagne [Aosta) — Coua neira, Ciac- 
ciac, Tordeuia corsesca. Calandra [Alba, Boss. Pieni.) — Ciac- 
ciac {Tortona-Novi) — Calandar, Viscard, Viscarda (Ossola) 

— Viscarda {Mil., Pav., Como^ Valt.) — Gardena bajàreula, 
Viscèra (Berg.) — Gardena bajarola (Bresc.) — Gardena da 
mont (Mani.) — Gardena {Cremori.) — Turdera ad Sardegna 
{Varzi) — Dòrd (Piac.) — Colombèn'na {Parm.) — Clumbèna;, 
Clumbèlla, Ciacàron {Mod.) — Turdèla {Pacuìl&} — Palomb, An- 
guanella {Zocca) — Turdazza (Mirandola) — Clumbèna, Clum- 
beina (Boi.) — Siseccia {Ronig.) — Colombella ( Vergato) — 
Zizeccia {Ravenna) — Zessa {Cesena^ Forlì) — Tordo marino, 
Tordella, Tordella marina {Marche) — Tordella gaggiera {An- 
cona) — Turdu rosciolu {Rieti) — Tordo ciàco o ciacaròn, 
Ciach, Merlo gagion, Gazzanèla, Tordo colombin ( Ven.) — 
Tordo o Merlo gazzotto, Gardena {Veron.) — Tordo smarér 
{Bell.) — Zenevron (Friidi) — Zenevron, Gineprone {Istria) 

— Gardena {Roveret., Trent.) — Gardena gazzana, Ginepron, 
Bagolara {Roveret.) — (Thiardéna {Val di Non) — Dresghe 
{Renderla) — Gardenòla baiarella {Val di Ledro) — Gazzàm 
{Terragnolo) — Kranebetvogel {Luserna) — Cranabetter {Pri- 
miero) — Kranabetvoghel {Sette Comuni) — Merlo ciach {Sa- 
cih) — Zenevon {Cividale) — Gazanéla, Tordo gazaro {Padova) 

— Tordo {Rovigo) — Tordo dalla eoa nera {Pel tre) — TordoI 
o Tordo negio o chach {Cadore) — Dronj, Gjerak, Plem 
{Daini.) — Tourdou montagne {Nizz.) — Griva, Córso {Sa- 
vona) — Turdeuia de Corsega o corsesca (Gen.) — Sturlenga 
{Spezia) — Tordela forestiera, Sassellara, Tordela, Tordiera 



— 145 — 

{Pisa) — Colombella (Garf.) — Stordeola (Lucca) — Cegessa, 
Cesessa, Cesena (Casentino) — Tordela gazzina (Fior.) — 
Tordela alpigina (Sen.) — Tordela, Cesena (ValcUch.) — Graggi 
(iSarteano) — Tordiccia marina o di montagna (Roma) — 
Calandra (Veroli) — Tordea piccola (Nap.) — Tordeca, Tur- 
deca (Bari) — Turdèa (Lecce) — Turdulice (Rossano, Cosenza) 
— Turdu polinu, Turdu russu carisu, Turduruni, Turdurici 
(Sicil.) — Re di li Marvizzi (Mess. Cat., Sirac.) — Marvizzu 
imperiali (Terran., Sicil.) — Re di Tardi (Castelb.) — Mar- 
vizzo imperiali (Caltag., Castrog.) — Turdu, Turdu culum- 
binu, Turdu colori de cenisciu (Sard.) — Malvitzun (Mali.). 

È specie della metà occidentale della Regione Eurasica, 
nidificante nella zona settentrionale, svernante in quella me- 
ridionale; il suo limite orientale sarebbe la vallata del le- 
nisci. In Italia giunge usualmente in ottobre-novembre e 
riparte o ripassa in febbraio-marzo ; non è ugualmente ab- 
bondante ogni anno, e scarseggia nelle nostre provincie me- 
ridionali. Confermo quanto ho già scritto intorno alla sua 
presunta casuale nidificazione nella nostra regione alpestre; 
non ebbi ancora prove positive che ciò sia realmente avve- 
nuto, e se non fosse per la già notata asserzione del com- 
pianto conte A. P. Ninni riguardo l'Agordino nel Cadore e 
quella del Vallon il quale vide due di questi Tordi sul Fin- 
nocchio in Friuli nel giugno 1900 — essendo essi entrambi ac- 
curati osservatori — io sarei molto restìo ad ammettere la pos- 
sibile nidificazione della Tordela gazzina in Italia. In ogni 
modo è cosa che merita ulteriori indagini. 



111. TurdUS iliacus, Linn. ex Beli. 
Tordo sassello. 

Tordo minore, Tordo sassello, Malvizzo (Aut. Ital.) — 
Grivetta, Griva roussa, Roussetta, Griva subiolina, Subiarèl, 
Subiarela, Subiarola, Subiolòt (Piem.) — Tourd subioulin^ 

10. 



— 146 — 

Subiot {('((ueo) — (jrri vette (Aofita) — Tourd chilous, Turd 
cursin, Durd corsin, Corsin, Turdin, Durdin {Bass. Piem.) 

— Turdren dal snevar [Varzi) — Uslacch, Schlacch [Vere.) 

— Turd coursin [Tortona, Novi) — Zippar, Chek (Ossola) — 
Dòrdin, Dressin, Spinard, Zipp, Zipper [Lonib.) — Tordin-zipp 
[Pav.) — Sdordin, Sdordì [Berg.) — Spinard [Bresc.) — Ziv 
[Como) — Zif [Mendr.) — Spinard, Durd spinard, Ziif, Siflf 
[Vali.) — Spinart, Durden [Cremon.) — Squaiard {Mani.) 

— Tòrd (Piac, Parm.) — Tord peznèn o marèu, Turdèn, 
Tord d'i'ala rossa, Spinard, Scillet [Mod.) — Tord sassàt [Sas- 
suolo] — Spinarci [Carpi) — Susanèl [Zocca) — Taurd sassar, 
Susén, Susinèll [Boi.) — Susino, Susinello ( T'ergr^^o) — Can- 
tarèll, Tord sassól, Tord sassard [Ravenna) — Tordo cantarin 
[Cesena, Forlì) — Tordo rosciolo [Umbria, Marche) — Tordo 
gaggiaro, Tordella gaggiara dall'ali rosse [Ancona) — Tordino 
[Sinig.) — Tordeto, Tordo spinariòl, Qisarin, Qesarin, Sisarin, 
Tordo seselin. Tordo ceselin, Seselin, Sisilin, Celeghin, Sièsarin 
[Ven.) — Tordo spinaròl o spinardo, Tordo cossetto [^^erou.) 

— Spinaròl, Ceselino [Bell.) — Tord zigalim [Roveret.) — 
Tordo cigalin, Zip [Cembra) — Zigalim [Amo, Folgaria) — 
Dort cigali (Tione) — Tordo spineròl [Trento) — Tordo spi- 
narolo [Valsugana) — Tordo spinardo o zigalin [Riva) — 
Tordo sguizzaròl [Torbole) — Cigalin (Ciudicarie) — Sgrisul, 
Dordei pizzul (Friuli) — Tordo siselin [Mcenza) — Tordol o 
Tordo zheselin [Cadore) — Tordo zhisil('»t (Feltre) — Tordo 
[Rovigo) — Dronjcic [Dalm.) — China, Toardou ghina [Nizz.) 

— Tordo corsin [Arenzano) — Turdo còrso [Savona) — Turdo 
corsesco [Gen.) — Arpezin [Spezia) — Tordo sassello [Fior.) 

— Tordo alpigino iSen.) — Alpigino [Valdich.) — Tordo 
marino, Zirlone, Fischione [Oarf.) — Tordo piccolo [Fiesole) 

— Alpigino [Sarteano) — Tordo rosciolo. Tordo rossolo {Roma) 

— Maluizzo [Veroli) — Marvizzola [Xap.) — Turd zir (Bari) 

— ? Prinzu (Lecce) — Romagnolu (Ro.'<sano, Cosenza) — 
Marvizza furestera (Mess.i — Turdu russa, Turdu zitu (Pai.) 



— 147 — 

— Malvizzu pettu russu {Oiyg.) — Tarda piticu, Turdulu 
de mata [Sarei.) — Malvits rar {Mali.). 

Anche questa è specie propria alla metà occidentale della 
Regione Earasica, erratica in quella Boreo- Americana (è stata 
presa in Groenlandia) ; nidifica nella zona boreale, sverna in 
quella media e meridionale. Da noi è un' uccello invernale ; 
giunge in branchi più o meno copiosi in ottobre-novembre, 
ci lascia in febbraio-marzo, e non è ogni anno ugualmente 
abbondante. 

Casualmente sembra nidificare nelle nostre Alpi, ma a 
tale riguardo posso ripetere quanto dissi a proposito della 
asserita nidificazione della Tordela gazzina in Italia : il caso 
merita ulteriori indagini e ineccepibile conferma. 

Anche il T. iliacus scarseggia nelle nostre provinole me- 
ridionali. Va qui rammentato l' affine T. Coburni, Sharpe, 
che non conosco ; specie che sarebbe esclusiva all'Islanda ed 
alle isole Faroer (inverno), la quale, se distinta, potrebbe 
forse capitaj'e anche da noi nella stagione fredda. 

112. TurdUS musiCUS, Linn. ex Schwenck. 
Tordo. 

Tordo, Tordo comune. Tordo mezzano, Tordo bottaccio 
[Aut. Ital.) — Griva, Griva ceca, Griva del genever [Piem.) 

— Tourd {Cuneo) — Durd, Griva, Turd, Turdo {Bass. Piem.) 

— Torod {Nov.) — Durd, Turd {Tortona., Novi) — Tourdren 
da r uva {Varzi) — Dord, Dort, Dourd {Lomb.) — Durt 
(Bresc.) — Durt {Berg.) — Durd {Valt.) — Durt, Durden 
{Cremon.) — Dord {Mantov.) — Tord {Piac, Parm,) — Tord, 
Tord gròss, Tord stiffet, Tord d'I'ala zalà {Mod.) — Tourd ( Vign.) 

— Turdein {Carpi) — Tord, Taurd {Boi) — Tord {Rav.) — 
Tordo, Tordo sigaròl, Tordo da uà, Tordo cich o zich {Ven.) 

— Tordo da uà (Veron.) — Dordei, Dordèl {Friuli) — Tordo 
d'uva (Bell) — Tordo siselin {Basi^.) — Tord, Tord dall'uà, 



— 148 — 

Zip, Zipóm (Roveret.) — Tordo dall'uà, Tordo, Tort (Tren- 
tino) — Zipparól (Riva) — Tord, Torz ( Val di Ledro) — Drossel 
{Ampezzo) — Troasel [Luserna) — Trossela, Troscheta [Sette 
Conuini) — Tordo o Tordol zhit [Cadore) — Tordin [Feltre) — 
Dórde [Friuli) — Dronj [Daini.) — Tourdou [Nizz.) — Turdo 
[Arenzano) — Tai;dou nostra {Gen.) — Tordo [Spezia) — Tordo 
gentile [Tose.) — Tordo bottaccio, Bottaccio (i^/or.) — Tordo 
grosso [Fiesole) — Tordo reale {Pma, Oarf.) — Tordo [Pi^i) — 
Tordo, Tordo bottaio [Casentino) — Tordino [Sarteano, Um- 
bria) — Tordo, Tordo gentile, Tordino [Marche) — Turdu 
[Rieti) — Tordano [Corsica) — Tordo, Tordo comune (iJoma) 

— Marvizzo [Xap.) — Turd yBari) — Malvizzo [Ca m poba-sso) 

— Malivizzu [Rossano, Cosenza) — Mar vizza (Calabr.) — 
Turdu veru, Marvizzu, j\[alvizzu [Sicil.) — Malvizza (Mess.) 

— Malbizzu (Lentini) — Trudu, Murtiddus, Turdu, Ismur- 
tiddu [Sard.) — Tordo [Carloforte Sard.) — Trudus [Logu- 
doro) — Coiloro ^Fonni) — Còilongo (Mamojada) — Malvitz 
kambi [3falt.). 

Specie caratteristica della porzione occidentale della Re- 
gione Eurasica ; in Italia è scarsamente sedentaria, nidifi- 
cando ai monti ; abbondantissima durante l'inverno, dal set- 
tembre all' aprile, e alle due epoche del passo, specialmente 
nelle nostre provincie centrali e meridionali. 

Tutti i Tordi presentano spesso variazioni nel colorito, 
casi di albinismo, isabellismo e di melanismo, ma nessuno 
quanto il T. vmsicus. 

A proposito del pericolo di voler mutare a forza nomi 
applicando ciecamente e a sproposito la " legge della priorità ,, 
negando ad un Linneo 1' elementare diritto di correggersi 
(come fece nel Syst. Xat. 176B a riguardo degli errori com- 
messi nel Syst. Nat. 1758), — si legga ciò che è stampato 
neir " Ibis, ,, 1904, p. 065, ove è esposto il caso del Turdiis 
musicus verso il 7. iliacus,\ cui nomi specifici secondo Har- 
tert vanno semplicemente scambiati, con magna confusione 
degli Ornitologi novpllini ! 



149 



113. Turdus S^vainsoni, Cab. 

Tordo dello Swainson. 

Tordo americano {Aut. Ital.). 

Nei volumi precedenti della mia Avifauna Italica, ho an- 
notato la comparsa in Italia nel 1842 e nel 1878, a Genova ed 
a Rovereto (Trentino), sempre nell'autunno, di due esemplari 
erratici di questo Tordo diminutivo ed elegante, proprio al 
versante atlantico della regione Boreo-Americana e migrante 
al Sud sino alla vallata dell'Amazzone. Menzionai pure un 
terzo individuo, il quale era nella collezione Magni-Griffi. a 
Siena e trovasi ora nel Museo Zoologico della E,. Università 
di Roma; sarebbe stato colto a Sarzana nel 1869, al dire 
del prof. Magni-Griffi, Non ho esaminato quest' ultimo esem- 
plare, mentre ho potuto studiare e confrontare gli altri due, 
il primo trovandosi nella Collezione italiana del R. Museo 
Zoologico di Firenze. 

Aggiungo ora una quarta accidentale comparsa del T. 
Sicainsoni nel paese nostro, ed è l'esemplare preso all'Elba 
il 2 novembre 1901 ed ora, pare, esistente nel Museo di Por- 
toferraio; lo ebbe il prof. Giacomo Damiani e ne annunziò 
la cattura {Atti 8oc. Ligure Se. Nat. 1901). Esso sarebbe poi 
stato determinato dal prof. Martorelli come esemplare del 
T. Aììcice, Baird; ma è cosa nota che quello non è invero 
diverso dal T. Sicainsoìii, e l'Arrigoni poteva bene risparmiarsi 
la pena di rivangare i dubbi e le confusioni sorte intorno a 
quest'ultima specie, rievocando i nomi ustulatus ed Alici<B, in 
pace sepolti nella sinonimia del T. Sicainsoni da Seebohm e 
da altri competenti. Infatti nel Man. om. ital. dell' Arrigoni 
(pp. 219, 220), troviamo gli esemplari di Genova, Rovereto 
e Sarzana citati sotto il nome di T. ustulatus Sicainsoni, men- 
tre quello di Portoferraio figura col nome di T. ustulatus Ali- 
cice; per fortuna sono sotto il medesimo numero! 



160 — 



114. Turdus Fallasi, Cab. 
Tordo del Pallas. 

Non posso che mantenere nel modo il più assoluto quanto 
ho pubblicato nella mia Avifauna Italica del 1889 (p. 183) 
intorno alla solitaria comparsa di questo piccolo Tordo, pro- 
prio all'America boreale orientale, in Italia; e cioè nella 
Liguria, pare nei pressi di Vado, circa il 1854. Conservo nella 
Collezione italiana {Cat. Ucc. n. 2064) quel sinora unico esem- 
plare e non so di altre catture di questa specie avvenute in 
Italia e nell'Europa. 

Non intendo perdere tempo nel discutere la nomencla- 
tura abbastanza confusa di questa specie e di alcune forme 
affinissime; farò soltanto osservare che il Seebohm {Cat. 
Birds^ Brit. Mus. V, p. 199) l'aveva chiarita sin dal 1881 ; 
e che il nome aonalaschkm (meglio toialascce) è stato appli- 
cato ad una forma occidentale, del litorale Pacifico dell'Ame- 
rica boreale, la quale, se distinta, più difficilmente potrebbe 
giungere in Europa che non la forma atlantica : dico ciò 
perchè il conte Arrigoni {Man. orn. itaì. p. 220) pure esclu- 
dendo il T. Fallasi dalle specie di accidentale comparsa in 
Italia, crede di poter chiamare il mio esemplare T. aonala- 
schkcB Fallasi ! 

Chi vuol avere una chiara idea delle caratteristiche del 
T. Fallasi e confrontarle con quelle del T. .s'/r^m-sow/', non 
può far meglio che dare un'occhiata alla tavola 634 della 
grandiosa opera del Dresser « Birds of Europe » voi. IX. 
(Supplement), ove queste due specie .sono ottimamente figu- 
rate a colori. 



— 151 



115. Turdus viscivorus. Limi, ex Gesn. 

TORDELA. 

Tordo maggiore, Tordella, Tordela {Auf. Ital.) — Grivàs, 
Arena, Ceras, Sgher, Grivoun {Pierri.) — Griva [Cuneo] — 
Argaion, Regagginn, Regaiùn, Tonrdeuia {Bas.s. Pieni.) — 
Argaiun, Regaiun [Tortona, Xovi) — Dressa (Voghera) — 
Tourdèra [Varzi) — Drèsch (Ossola) — Dress, Dresson [Lomb.) 

— Dressoùn [Milano) — Gardena, Ciacola, Dresa (Berg.) — 
Dress [Vali.) — Gardena grossa, Tresa (Bresc.) — Dourdaza 
(Cremon.) — ■ Dordazza, Gardena (Mantov.) — Tordo gazàro^ 
gazerò o stecaròn, Merlo gagiòn, Tordo gagiòn (Ven.) — 
Tordo gazòto (Veron.) — Dorde, Dordazze, Dordule [Friuli) 

— Tordo gazzer [Bell.) — Gardena tordera (Roveret.) — 
Gardena, Tordo gazzàro [Trento) — Gardena (Valsug. Flemme, 
Val di Sole) — Gadàro (Tesino) — Ghiardèna (Val di Non) 

— Gardenòla [Val di Ledro) — Gardena grossa (Stenico) — 
Dresga (Rendena) — Gherla [Avio) — Torde, Tordita [Luserna) 

— Garzena [Tione) — Gazaro (Padova) — Tordo gajér o 
gazher, Tordo colombin [Feltre, Belluno) — Tordo gazan 
[Vicenza) — Tordol o Tordo gaion [Cadore) — Giadule, Sgar- 
dule [Cividale) — Bravar^ Bravarica (Daini.) — Stordela 
[Piac, Parm.) — Sturdèga, Sturdèda, Turdazza (Mod.) — 
Sturdeiga (Sassuolo) — Sturdeida (Vign.) — Dgessa (Montese) 

— Sturlèda (Finale) — Gorluda [Zocca) — Sturdazza (Pavidlo) 

— Sturleida [Carpi) — Visciarana (Reggio E.) — Raglan, Gher- 
lada, Gherluda [Boi.) — Gesso (Vergato) — Raziòn [Cesena^ 
Forlì) — Ragion, Tord rangiuon [Ravenna) — Tordo (Vi- 
terbo) — Tordegola (Sinig.) — Tordaccia (Rieti) — Tordaccia, 
Tordo faggiaro [Umbria) — Torda, Tordena, Tordella, Tor- 
desca, Tordo briscaro. Tordo gaggiaro (Marche) — Sera 
[Nizza) — Grivea nostra [Savona) — Tnrdena, Turdeiìia no- 



— 162 - 
strà {Gen.) — Tordela, Tordiera {Fior., Pisa) — Tordescaia 
^Sen.) — Tordo guazzalo, Gazzarre {Valdicìi.) — Stordeola 
{Lucca) — Stordesca (Garfagn.ì — Tordeccia, Tordessa {Elba, 
I. (li Giglio) — Trizzine {Corsica) — Tordiccia {Roma) — 
Tordea {Xap.) — Turdea {Bari, Campobasso) — Turdu (Lecce) 
— Tarda, Chiaracurdaca, Turdulicia {Calabr.) — Turdu {Ros- 
sano, Cosenza) — Marvizzuni (Mess.) — Malvizzuni, Re di li 
Malvizzi o di li Turdi {Sicil., Pai.) — Turdulici (Pai.) — 
Capo mal vizza {Girg.) — Tarda {Castelb., Mad.) — Turdu 
suerinu, Tarda culumbinu, Trudu culumbinu {Sarà.) — Mal- 
vitzun (Malt.). 

È specie sedentaria e generalmente sparsa in tutta Ita- 
lia, ma non è ovunque ugualmente frequente. Nella stagione 
fredda molte Tordele vengono a svernare da noi, tra il no- 
vembre ed il marzo. E una delle prime a nidificare e si sono 
trovate le uova depositate anche in febbraio. 

Il T. viscivorus è sparso nella parte occidentale della 
Regione Eurasica, giungendo ad oriente sino al lago Baical, 
a mezzogiorno sino alla estremità occidentale dell' Himalaia. 
Però recentemente Hartert ha separato la Tordela europea 
da quella asiatica, la quale, se diversa, porterebbe il nome 
di T. Bonapartei, Cab. 



— 15B — 

116. Oreocincla' varia Pali.) 

Tordo dorato. 

Tordo a squame {Aiit. Ita!.). 

Questo superbo Tordo, proprio all'Asia orientale, capita 
accidentalmente in Europa e nell' Italia durante le migra- 
zioni autunnali, e sembra giungere da noi più frequente- 
mente di quanto si poteva supporre una quindicina di anni 
fa. Nei miei due volumi sulla Avifauna Italica, pubblicati 
nel 1886 e nel 1889, citai cinque catture ben autenticate di 
individui dell' 0. varia avvenute in Italia tra il 1854 ed il 
1873: tre con data precisa vennero presi il 7, 17 e 14 otto- 
bre, gli altri due sono indicati come presi nell' inverno. Ram- 
mentai pure la presunta cattura di un sesto esemplare, che 
sarebbe avvenuta a Marciana (isola dell'Elba) nell'autunno 
1885 {fide G. Damiani), ma quell' individuo che visse qual- 
che tempo in gabbia non fu veduto da veri competenti, e, 
morto, si gettò via. 

L'8 novembre 1889 venne preso al laccio in un bosco 
di Arbutus a Frosini nel Senese, un maschio adulto di que- 
sta specie, che si conserva nella Collezione italiana del R. Mu- 
seo Zoologico di Firenze {Cai. Ucc. n. 3250); ed il 9 dicem- 
bre successivo fu uccisa una femmina adulta nei pressi di 
Roma; era probabilmente la compagna del maschio citato 
sopra e si conserva nel Museo Zoologico della R. Università 
di Roma. Il 2 novembre 1894, una femmina adulta di questa 



(1) Questo termine generico venne proposto da Gould (P. Z. S. 
1837, p. 145); il Salvadori osserva {Elenco Ucc. Ital. p. 110) che Gould 
intendeva scrivere Oreocichla, termine più api3ropriato, ma ciò non 
risulta affatto dal testo di Gould, e Salvadori a ragione accetta la 
dicitura originale; però altri hanno fatto il mutamento, cosi Sharpe 
{Genera and Species of Birds, IV, p. 136. London. 1908); ed io lo de- 
ploro. Né credo accettabile la trasferta di questi tordi al genere 
Geocichla, come alcuni fanno seguendo il Seebohm. 



— 154 — 

specie fu colta nella regione Domare vicino a Gardone in Val 
Trompìa (Brescia); la ebbe l' ing. Crescenzio Abeni, il quale 
ne fece dono alla Collezione centrale dei Vertebrati italiani 
in Firenze {Cat. Ucc. n. Sò-lOj. Un'altra femmina bellissima 
e assai grossa venne presa ai lacci presso Montalcino (Siena) 
il 27 gennaio 1902, e ne feci acquisto in carne per la colle- 
zione italiana [Cat. Ucc. n. 3800). Abbiamo così nove (forse 
dieci) catture di questa bella specie nel paese nostro. 

A queste Arrigoni {Man. orn. ital. p. 240) ne aggiunge 
altre sei : Arco (lago di Garda) 1861 (Althammer) ; Porretta 
(App. bolognese) inverno 188H (Fiori); Foggia 1897 (Avi- 
cula, I, p. 34) incerta; Roma, data incerta, dalla collezione 
Lezzani ora nel Museo Zoologico universitario Roma ; Valle 
di Bisenzio, due, maschio e femmina (fide Manzella). Ma debbo 
dire che una metà di questi casi almeno non si possono ac- 
cettare senza benefizio d' inventario. 



11*7. Oreocincla daumaLath.) 
Tordo dorato indiano. 

Nulla ho da aggiungere, togliere o modificare a quanto 
scrissi nei volumi precedenti della mia Avifauna Italica (188(5 
e 1889) intorno al solitario caso della presunta cattura di que- 
sta specie nei pressi di Savona; sinché permane il dubbio la 
0. dauma, colle riserve chiaramente e lealmente espresse, 
deve occupare un posto negli Elenchi di Uccelli avventizi 
capitati in Italia. 

UO. dauma abita l'Himalaia e sverna nelle provincie 
centrali dell' India e nel Burma. 



— 155 



118. Aédon Luscinia "^ fLinu. (ex Gesn. ) 

Ri'SIGNOLO. 

Rusignolo, Rosignolo, Usignolo (Aut. Hai.) — Roussi- 
gneul, Arsigneul (Piem.) — Ransigneiil {Cuneo) — Rossignol 
{Aoda) — E,usgneu, Arsgneu, Ursgneu, Ursgnò, Ruscigneu 
(Bass. Piem.) — Roussgneu (Varzi) — Roussigneul, Roussi- 
gneu (Ossola) — Rossigneii, Lisignò, Rossignòl [Lomb.) — 
Rossigneu {Mil.) — Rosigneul {Berg.) — Lisigneu (Como) — 
Russigneu, Usignen (Valt.) — Rosigneu (Pav.) — Rosignòl 
{Bresc.) — Usignol (Cremon.) — Rosgnéul (Mantov.) — Ross- 
gneu [Piac] — Lesgneul {Parm.) — Lusgnol, Rusgnol (Mod., 
Boi.) — Rusgnol (Ronig.) — Lusignòl (Vergato) — Rossi- 
gnòl, Russignòl (Veìi.) — Rusignul (Friuli) — Rusignòl, Ros- 
signòl, Uscignol (Trentino) — Rossignòl (Rovereto) — Rossi- 
guuel (Val di Non) — Slavulj, Gorski (Daini.) — Roussignou 
(Nizz.) — Ruscigneu (Gen.) — Rossignèo (Spezia) — Rosi- 
gnolo (Pisa) — Usignolo (Fior.., Sen.) — Rusignolo (Tose, 
Roma) — Osignolo, Rossignòl (Marche) — Usignuolo (Vi- 
terbo., Bari., Campobasso) — Ruscigliolu (Rieti) — Rossignolo 
(Corsica) — Ruscignuolo, Riscignuolo (Nap.) — Risignuolu, 
Riscignuòlo (Calab.) — Rusignolu, Nottulanu, Ceusu di notti 
(Sicil.) — Rusignolu, Risignolu (Mess.) — Rusignuolu (Mo- 



[ì) Non vi è dubbio che Linneo incluse sotto questo nome an- 
che la specie seguente, che forse era quella a lui nota de visu; ma 
egli cita una sequela di Autori precedenti, dai quali prese quel bel 
nome appropriato, — onde non vorrei essere jjiù realista del Re e 
contribuire al vespaio della nomenclatura ornitologica seguendo co- 
loro che danno un nome specifico nuovo al Rusignolo comune. Cosi 
Salvadori adotta il nome di vera., proposto da Sundevall e che po- 
trebbe riferirsi invece alla specie seguente, e Sharpe resuscita il 
nome megarhyncha di Brehm per questa e dà il nome di Lii.scinia alla 
specie seguente, nome che ebbe pare significato generico ! 



— 15(5 — 

dica) — Ricignolu [Terreni. Sicil.) — Kussignolu {(t'ìrg.) — 
Riscignolu iCaltag.) — Rosignolu, Passarilanti, Piciorru, Ros- 
signoln, Rnssignolo [Sard.) — Rossignol {Malt.). 

È specie estiva generalmente sparsa in Italia ed abbon- 
dante; ma in alcune contrade, per esempio in Puglia, non 
è tanto frequente. 

Qualche individuo sembra svernare casualmente da noi; 
cosi ne ebbi uno dal Mugello il 10 gennaio 1884, che non 
mostrava traccie di esser stato in schiavitù; ne sono stati 
uccisi ancora nei pressi di Firenze il 21 novembre ed in di- 
cembre. Di solito però giunge dalla metà di marzo all'aprile 
e parte in settembre-ottobre. Alleva spesso due covate in 
maggio e giugno -luglio. Se non fosse per i gatti, i quali ne 
fanno strage, questo Re dei Canori sarebbe assai più comune 
intorno alle nostre città. 

UÀ. Luscinia è uccello estivo in tutta l'Europa centrale 
e meridionale, sverna nell'Africa. 



119. Aèdon Pliilomela^Beclisti 

RrSIGXOLO MAGGIORE. 

Rusignolo forestiero, Rusignolo maggiore, Rusignolo 
orientale (Aut. ItaJ.) — Rossignolo di Germania, Rossignolo 
tedesco (Te».). 

Questa specie capita, per quanto mi risulta, ben di rado 
nel nostro paese; e per mia personale esperienza non avrei 
nulla da aggiungere a quanto scrissi nel 1886 (Avif. Ital. 
p. 105) intorno alle sue accidentali comparse in Italia, se- 
nonchè il 7 giugno 1889 venne ucciso a Nizza un secondo 
maschio adulto dell'ai. PhUomela, che potetti avere per la 
Collezione italiana, ove si conserva accanto al primo, cattu- 
rato nell'aprile del 18S4. 

E però notevole il fatto che questa specie orientale si 
è fatta prendere specialmente in Liguria: delle cinque cat- 



— 157 — 

ture registrate per l' Italia quattro avvennero nella Liguria 
(2 Nizza, 1 Genova, 1 Sarzana), la quinta, un maschio, av- 
venne a Belluno, nell'aprile 18!)9 {fide Arrigonij. 

Il prof. A. Bonomi {Quarta e Quinta Contrib. Avìf. Tri- 
dentina pp. 3(j, 31. Rovereto, 1895, 1903) ci dà poi la inte- 
ressante notizia che mons. Tait ebbe un nidiaceo del Rusi- 
gnolo maggiore tolto dal nido con altri due sotto la cascata 
di Sardagna presso Trento, il 13 aprile 1895; lo allevò e fu 
esaminato quasi due anni dopo dal Bonomi, il quale ne ri- 
conobbe la esatta determinazione. Farebbe che altri esem- 
plari di questo Rusignolo venissero presi nel Trentino a Per- 
gine ed a S. Michele. 

L'^. Philomela sostituisce la specie precedente nell'Eu- 
ropa orientale centrale e giunge anche nella Svezia; abita la 
Siberia occidentale e l'Asia centrale, ■ sverna nel N. E. del- 
l'Africa. Nell'Asia centrale viene a contatto coU'^. (^toIzU 
(Cab.). 



120. Erithacus Rubecula (Limi.) 
Pettirosso. 

Piccirouss, Petrouss (Pieni.) — Piciourouss {Cuneo) — 
Pettross, Pettoross, Pecétto, Pice-ross, Picciuróss, Picétt 
[Basso Piem.) — Pettrouss, Pettorosso {Tortona, Novi) — 
Pett-rouss ' Varzi) — Martinet, Magonet, Martinen (Xov.) — 
Pett ròuss, Petta ròuss (Ossola) — Pet-rouss, Pettiross, Pi- 
ceruss, Picet, Sbisèt_, Sbizèt, Sbesèt, Barba-rouss (Lomb.) — 
Picial, Piciall (Berg.) — Sbesèt, Sbiset (Bresc.) — Picett, 
Cipett (Como) — Pettross, Picett, Picial, Piciaross ( 17/7^.) — 
Machel (Mani.) — Pett-rouss {Cremon., Romg.) — Petròss, 
Pett-ross (Piac, Jlod., Boi.) — Pet-ràss (Sassuolo) — Patràss 
(Vign.) — Petranz (Finale) — Pettross (Parm., Mani., Boi.) — 
Pitér, Piter-ross, Pitaran (Boi.) — Pittiros ( Vergato) — Pét-ross, 
Pitaràn {Raven.) — Pétorosso, Betarello, Betàs, Beta rèi, Pe- 
tarèl, Petirosso, Beto ( Ven.) — Betusso [Bass.) — Favret 



— 158 — 

{Treviso) — Pitaro {\'er.) — Pitaro, Petarelo tPoIesùìei — Bét 
{Bell.) — Scrizz, Petaross (Friuli) — Pitter, Piter d'onfebba, 
Rovei'ef., Riva) — Pittardél, Petirosso (Trento) — Pettuzzo 
(Vaìsuganu) — Pettorosso (Tesino) — Pettirosso (Vai di Non, 
Vai di KÌoIe) — Pettaròss (Val di Ledro, Ciindicarie) — Betùz 
(Primieì'ó) — Pettùz (Sette Comuni) — Pettaro, Pettorosso 
( Vicenza) — Pettiross (Cividah) — Bet, Betùzh, Betarél, Pitarél 
{Cadore, Feltre) — Petarelo, Petrisso, Petussèto ^Padova) — 
Meduska, Banjakusa, Badnjakusa (Daini.) — E-igau, Rigao 
(Nizz.) — Piccetto (Arenzaìio) — Pecietto (Gen.) — Pianto 
{Spezia) — Pettirosso (Tose, Corsica) — Pettiere (Fior., Sen., 
Valdich:) — Pittiere (Volter.) — Pittirosso {Pisa, Fucecchio) 

— Picchierrosso (Grosseto) — Picchieri iSarteano) — Pittiero 
(Garf.) — Reguzzolo {Rio, Elba) — Diego {Campo, Elba) — 
Pettoroscio (Marche) — Pettoroscio, Betoscio (Umbria) — Pet- 
tururusciu (Rieti) — Pettirosso, Pettorosso (Roma) — Pette- 
russo, Piettorusso, Riviezzo (Xa})-, Capri) — Piettruss (Bari) 

— Pietti-russu, Riezzu, Ruezzu (Otranto) — Pittirussn, Pet- 
turussu, Ruvazzu (Calabr.) — Pietturussu (Sicil.) Pittirri 
(Mess.) — Pittimi (Cefaìii) — Pittiddu (Castelb., Mad.) — 
Pittuzzurnssu (Modica) — Pett 'arruviu, Barbarrubia, Grisù, 
Ziddi, Baingiiiciecu, Consigliere, Frate-gavinu, Ogo-de-boi, 
Ghiru, Traddera (Sard.) — Pettorosso (Carloforte Sard.) — 
Chirisi (Logudoro) — Pettiross (Malt). 

Vive ov^unque da noi, abbondante e famigliare; nella 
buona stagione si ritira nel più dei casi ai monti, ove nidi- 
fica; nell'autunno scende al piano e nella stagione rigida ral- 
legra colla sua elegante presenza e col tremulo canto armo- 
nioso i giardini anche nelle città. Nell'autunno ed inverno 
vedonsi da noi numerosissimi immigranti, dei quali, pur troppo 
si fa ogni anno nelle nostre Maremme una vergognosa strage. 

UE. Rubecula varia facilmente nella intensità delle tinte, 
e su ciò, si sono fondate diverse sottospecie le quali spesso 
non esistono che nella fervida immaginazione di alcuni 



— 159 — 

" splitters ,,. Va però fatta eccezione per il Pettirosso delle isole 
Britanniche, E. Rubecula melophila, Hart. che presenta notevoli 
diversità nelle dimensioni, nel colorito e nel modo di vivere 
sopratutto ; non è abitualmente migratorio, ma è stato preso 
nelle provincie renane della Germania, onde è ben possibile 
che capiti nella stagione fredda anche in Italia ; infatti nella 
Coli. ital. Ucc. 2093, conservo un maschio adulto da Greve, 
(4, 111, 1883) che somiglia assai al Pettirosso britannico, se 
non è lo stesso. 

UE. Rubecula è specie dell' Europa e della regione cir- 
cummedi terranea. 



ISl. Cyanecula Wolfì (C. L. Brehm) 
Pett' azzurro a macchia bianca. 

Codirosso con petto ceruleo, Pett' azzurro, Silvia a gola 
cerulea {Atd. Ital.) — Gorz bleu (Piem.) — Stomibléu, Icét 
dia stella [Cuneo, Basso Piem.) — Gorzbleu (Nov.) — Morett 
marèi, Coarossa pettazzur [Pav.) — Pettazzin, Pctt'azur [Mi- 
lano) — Piciàl bleu ( Valt.) — Carossi de la stela {Bresc.) — 
Morat de la stela [Berg.) — Pettazziur [Piac, Parm.) — Pett- 
azzur [Mod.) — Petazor, Piter turchein [Boi.) — Coarossa 
foresta [Ven.) — Squerossolo o Squarussolo da la botta d'ar- 
gento [Veron.) — Codarossol da palud [Bell.) — Petaross 
turchin [Friuli) — Petto celeste. Petto azzurro [Trentino) — 
Coarossa de Svezia {Padova) — Coarossa foresta o della Re- 
gina ( Vicenza) — Codarós dal petto turchin (Feltre) — Coarossa 
foresta [Rovigo) — Gorgiu bleu, Grisa o Piec blu [Nizz.) — 
Peccetto da sorchi, Péto bleu [Savona) — Cuarossa da Madonna 
{Arenzano) — Caa rossa a peto bleu [Gen.) — Coarossa de palude 
[Spezia) — Pett'azzurro [Tose.) — Pettazzurro, Codarancio 
maschio [Marche) — Petto turchino [Marche, Roma) — Co- 
derusso (Nap.) — Pettu blu o bru [Mess.) — Cuda russa a pettu 
blu, Pettu-blù, Pettu-azzurru [Terran., Sicil.) — Pettu az- 



— 1(50 — 

zurra {(rirg.) — Cucia russa a pettu bru, Pettu-zurru, Pet- 
tu bru (Paler.) — Coa de fogu {Sard.) — Qudiross s:idirtu 
kahla ^Malf.). 

Questa specie è propria dell'Europa centrale ed occiden- 
tale durante l'estate, nidificandovi ; sverna nell'Africa setten- 
trionale, neir Asia occidentale, ed accidentalmente ueW Eu- 
ropa meridionale. In Italia si vede, anche con una certa 
abbondanza, nelle provincie centrali e settentrionali alle due 
epoche del passo : cioè marzo- aprile e settembre-ottobre. La 
sua nidificazione da noi è stata più volte asserita, special- 
mente per la Lombardia, ma non è stata provata ancora. 
Rare volte s' incontra da noi durante 1' inverno ; ne ho 
un'esemplare, femmina edulta, ucciso a Massaciuccoli (Lucca) 
il -4 gennaio 1886 {Coli. ital. Ucc. Cat. n. 2810). È specie di 
comparsa accidentale in Sardegna e rara in Sicilia. 

È facile distinguere la C. Wolfì dalla C. suecica nei 
maschi in abito primaverile; nella prima campeggia nell'az- 
zurro pettorale una macchia bianca sericea, oppure non havvi 
macchia ; nella seconda si nota invece nell'azzurro del petto 
una macchia rossa-castagna. Io ho già fatto notare [Avif. 
Rai. 1886, p. 108) che vi sono individui maschi adulti in 
primavera nei quali le punte delle penne della macchia bianca 
sono di color rosso-castagno e ne posseggo due nella Colle- 
zione italiana, iCat. Ucc. n.' 2118, 2809), il primo 10, IV, 
1883 da Montepulciano, il secondo 3, V, 1885 da Prato. Ho- 
voluto spiegare il caso interessante sia coll'atavismo, sia con 
un non improbabile ibridismo ; mantengo quanto scrissi al- 
lora, e non accetto la sbagliata ipotesi messa fuori dall' Ar- 
rigoni {Man. orn. ital. p. 265) che nei casi da me citati si 
tratti d' individui non completamente adulti, giacche sono 
entrambi adultissimi. 

Sta in fatti che trattandosi di individui in abito autun- 
nale, di giovani e ancora di femmine, non è facile distin- 
guere le due specie di Ci/anecula. Per la grande loro affinità 
queste due sarebbero piuttosto da considerarsi mere sotto- 
specie di una sola forma specifica. E durante il passo autun- 



— 101 — 

naie le due specie sembrano viaggiare insieme attraverso 
l'Italia. Va però notato che da noi, durante i due passi, la 
C. Wolfì è senza dubbio e notevolmente la più abbondante. 



13S. Cyanecula suecica (Limi.) 

PeTt' AZZURRO A MACCHIA ROSSA. 

Pett'azzurro orientale [Aut. Ital.) — Squerossolo o Squa- 
russolo da la botta rossa [Veron.) — Petto azzurro [Rovereto] 
— Gorgiu bleu {Nizz.) — Cuarossa da Madonna {Arenzano). 

Nella mia Avif. Ital. 1886, p. 108, ho lungamente espo- 
sto come questa specie, propria all'Europa settentrionale ed 
orientale ed estiva ancora attraverso tutta l'Asia boreale e 
centrale, si trova in Italia. Vi giunge frammista alla specie 
precedente, ma assai meno numerosa, anzi può dirsi rara ; 
non pare capitare ogni anno da noi, e non potrei affermare 
recisamente che ripassi per l' Italia nell' autunno, giacche al- 
lora è ben difficile distinguere gli individui delle due specie. 

Da circa vent'anni non ho aggiunto un solo individuo 
di C. suecica alla Collezione italiana, nella quale sono sempre 
i sei esemplari citati nel 1886, tutti maschi adulti in abito 
primaverile, sul cui petto spicca in campo azzurro una mac- 
chia più o meno grande e più o meno scura di un rosso ca- 
stagno ; tutti provengono dalla Liguria (Nizza e Genovesato); 
fatto notevole. 

La C. suecica sverna nel S. dell'Asia e nel N. E. del- 
l'Africa. 



1S3. Calliope camtscliatkensis (J. F. Gmel.) 
Calliope. 

Non ho nulla da aggiungere intorno alla prima cattura 
autentica di questa magnifica specie in Italia, giacché ne 
diedi già ampio ragguaglio {Avif. Ital. 1889, p. 196); essa 

n. 



— U)2 — 

avvenne il 15 dicembre 1880 a Monteccbia sui Colli Euga- 
nei, presso Padova; e per somma cortesia del conte dott. E. 
Arrigoni degli Oddi, al quale capitò la fortuna di questa 
bella primizia, e dietro a congruo cambio, quell' esemplare, 
allora unico, venne acquistato alla Collezione italiana ( Cai. 
Ucc. n. 3000). 

Un secondo esemplare della C. camtscJmtJxensis ebbe in 
carne il signor Camillo Dal Fiume, fervido Ornitologo; è 
ancora un maschio adulto e venne preso nelle reti l'H otto- 
bre 1899 presso Loreggia nel Padovano; si conserva nella 
sua collezione privata a Badìa Polesine. Due altri esemplari, 
adulti entrambi, ha avuto dal Vicentino nel dicembre 1898 
il sullodato conte E. Arrigoni degli Oddi, il quale li con- 
serva nella sua collezione a Monselice (Mail. orn. ital. p. '2()7). 

E notevole davvero la cattura di questi quattro esem- 
plari della Calliope nel Veneto e i tre ultimi a breve in- 
tervallo. 

Finalmente da notizia datami il 14 marzo 1904, dal- 
l' ing. P. Dal Vivo, un quinto esemplare di questa bella e 
cospicua specie sarebbe stato preso nelle vicinanze di Em- 
poli dal signor Giuseppe Ricci, nel gennaio 1903; esso andò 
disgraziatamente distrutto ed io non lo vidi. 

La C. camtschatkensis vive in tutta l'Asia boreale, sver- 
nando al S.; io la trovai abbondante in migrazione nel 
Golfo di Petceli, quando vi fui colla « Magenta ^> nell'otto- 
bre 1866. 



1S4. lantliia cyanuraiPall.i 

Cod'azzurro. 

Non avrei nulla da aggiungere intorno alla solitaria 
comparsa di questa specie asiatica in Italia a quanto ne scrissi 
nella mia Avifauna Italica 1886, (p. 110); e per mia perso- 
nale esperienza non conosco altri esemplari della /. c>/anura 
fuorviati sin nel paese nostro, oltre quell' unica femmina, 
trovata dal conte Rosselmini in un mazzo di Pettirossi sul 



— 163 — 

mercato di Pisa alla fine del novembre 1879. Ma leggo ora 
nel Manuale di Ornitologia italiana del conte Arrigoni (p. 268), 
che in quella (molto eclettica) collezione Magni-Griffi, i cui 
avanzi sono ora nel Museo Zoologico della E,. Università di 
Roma, era un'esemplare di questa specie che, si dice cattu- 
rata a Luni nel 1867. In diverse visite fatte alla collezione 
suddetta prima a Siena e poi a Roma, io non ho veduto quel- 
l'esemplare: evidentemente mi sarà sfuggito, onde non posso 
dire nulla intorno alla sua identità e meno che nulla intorno 
alla sua pretesa cattura a Luni! 

Non mi consta di comparse bene autenticate della /. 
•cyanura in Europa, ma si asserisce che capita talvolta 
nella Russia orientale; è specie sparsa nell'Asia orientale. 



1S5. Ruticilla Plioenicurus(Linu.j 

Codirosso. 

Codirosso ordinario (Aut. Ital). — Bouciard (Piem.) — 
"Cui rouss, Couvaroussa {Cuneo) — Culross, Couvaroussa, Cua- 
rossa, Cuarossetta {Basso-Piem.) — Cuarossa cita, Farciola 
d'montagna (Nov.) — Fariola at montagna (Vigezzo) — Couva- 
roussa (Varzi) — Coùva roùss, Coaross {Ossola) — Coarossa, 
Couaroussa, Covaroussa, Codirouss, Morett, Moraet, Mornireu 
{Lomh.) — Corossola, Corossoletta {Como) — Ciiross, Cllrossol, 
Muratt {Valt.) — Morat {Berg.) — Couarossa {Mil.) — Carossi, 
Cua rossa {Bresc.) — Cua rossa (Cremon.) — Carussola {Piac.) 
— Covròss (Parm.) — Còv-ross {Mod.) — Covarossa {Pievepe- 
ìago) — Quatrosla, Quatròmla {Zocca, Pacullo) — Coross, Cul- 
rous {Boi.) — Coròs {Romg.) — Codrenz {Cesena, Forlì) — 
Codirossola (Verg.) — Cul-rànz, Cod-ranz {Raven.) — Codi- 
rancio, Codirossa {Sinig., Umbria) — Codarancio, Codarancia, 
Battiala {Marche) — Codorosso ( Viterbo) — Codorosso, Codi- 
rosso {Roma) — Coarossa (Fe?i., Mani.) — Squarussolo o Sque- 
rossolo iVeron.) — Coarossol {Bass.) — Squarusola, Codarossol 



— 164 — 

{Bell., Vie.) — Codaruss (Friuli} — Scodaross [Pontebba) — 
Colossora (Mendr.) — Quaróssol, Coarossol, Coaross (Roveret.) 

— Sconsolat, Quaróssol ( Trento) — Coróssolo ( Valsugana) — 
Codorosso {Tesino) — Coaross piccola, Sconsolai {Val di Non 
e di Sole) — Ziriò (Fassa) — Quaròss, Squarossolato (Val di 
Ledro, Giudicarle) — Roatvogel, Roatsbanz {Sette Comuni) — 
Squerussolo ( Veron.) — Codarós, Coaros (Feltre) — Squarùssola 
{Padova) — Crvenrepa, Klanjavica (Dalm.) — Queurous verou 
{Xizz.) — Cuariissetta (Arenzano) — Cua russa montagninha 
[Gen.) — Cua rossa [Spezia) — Codirosso (Tose.) — Culrosso, 
Curosso (Lucca) — Culrosso, Rosignolo di muraglia (Sen.) — 
Codirosso (Pisa) — Codirossino (Fiesole) — Codirossolo (Ca- 
sentino) — Nuaggiolo [Corsica) — Codarussiello, Coderusso, 
Codirusso prevatariello, Caponera (Xap.) — Zéllécchia (Capri) 

— Codaross (Bari) — Cudirussa [Lecce) — Cacafoco (Reggio 
Calabr.) — Cuda-russa, Cacamarruggiu (Sic.) — Cuda di focu 
(Mess.) — Curidda russa (Modica) — Cudarussa facci bianchi 
(Girg.) — Coarubia, Coa de ferru, Coa de fogu (Sard.) — Coa 
rossa (Carloforte, Saì'd.) — Ta dembu, Qudiross, Beqqafig ta 
dembu (Mali.). 

Specie estiva abbondante, specialmente alle epoche del 
passo, in Italia; giunge in marzo-aprile, parte in settembre- 
ottobre; nidifica ai monti. È scarsamente invernale nelle no- 
stre Provincie meridionali, onde alla stregua può figurare tra 
le nostre specie stazionarie. 

La R. PhoRnicurus vive nella metà occidentale della Re- 
gione Eurasica; sverna nell'Africa e nell'Asia occidentale. 



— 165 — 

136. Ruticilla titys fScop.) 
Codirosso spazzacamino. 

Codirosso spazzacamino, Codirosso moretto, Moretto {Atit. 
Iteti.) — Couarouss, Bouciard di rocch, Passra neira, Couaroussot 
(Piem.) — Couvaroussa, Bonciard, Piroulet fourneroun, Cua- 
rossa, Cuarossetta (Basso Piem.) — Piroulet, Fourneroun 
( Cuneo) — Couva roussa mòura ( Varzi) — Coùva roùss ad mon- 
tagna, Cova roùss spazzacamin {Ossola) — Fariola ( Vigezzo) — ■ 
Magnan, Fornarò (Nov.) — Couarossa, Coarossa, Moraet (Lomb.) 

— Corossolet neglier, Covaross ferree {Como) — Murattòn, Cii- 
ross fere {Vali.) — ■ Roussigneu de muraja {Milano) — Colossera 
negra {Mendr.) — Corossi de muraja {Bresc.) — Morat carbuner 
{Berg.) — Covróss da l'invéren (Parm.) — Còvros négher, 
Magnanèn (Mod.) — Spazzacamein, Murett {Boi.) — Cod- 
ranz {Eomg.) — Cod-ranz, Culross {Ravenna) — Codirossola 
di monte ( Vergato) — Codirosso, Codarancia nera {Marche) 

— Codirosso nero [Ancona] — Coarosso moro ( Ven.) — Squa- 
russolo o Squerossolo spazzacamin ( Veron.) — Corossolo {Bass.) 

— Codarossol da sass {Bell.) — Scodaross, Codaross {Friuli) 

— Coa rossa {Polesine) — Fravo {Istria) — Crvenrepa, Kla- 
njavica {Dalm.) — Parolot {Roveret.) — Quarósolo nero o 
dei crozzi ( Trento) — Coróssol o Quaróssol spazzacamin ( Val- 
sugana) — Codomóro {Tesino) — Coaróss della neve, Pa- 
rolot {Riva) Parulot {Luserna) — Corossolo moro {Borgo) 

— Carbonéra {Pellizzano) — Coarossa mora, Spazzacamin 
{ Vicenza) — Codaros negro , Codarós de montagna {Feltre) 

— Codaross spazzacamin {Cadore) — Queu rous pignatié 
{Nizz.) — Ciapusso {Arenzano) — Cua russa moa {Gen.) — 
Codirosso spazzacamino {Tose.) — Currosso (Lucca) — Co- 
dirosso ■ ( Val di Chiana) — Codirossa petto nero ( Umbria) — 
Codirosso di pancia nera {Roma) — Coderusso, Codarussièllo 
{Nap.) — Codirosso prevetariello {Capri) — Codaross (Bari 



— im — 

— Falaetta fumata {Lecce} — Cuda-russa (Reggio Calabi-.) 

— Cuda russa di rocca (Sic.) — Cuda russa cu pettu iiiuru, 
Cada di focu pettu-niru, Cuda russa cinirusa (Mess.) — Cu- 
ridda russa (Modica) — Cuda russa (Castelb., Mad.) — Cuda 
russa carbonara (Girg.) — Cudarussa vavariscu o varvariscu 
(Pai.) — Coa de fogu (Sard.) — Qudiross issued (Mali.). 

Specie sparsa e sedentaria in Italia, ma non ovunque 
comune ; nell'estate vive sui monti, coi freddi scende al piano 
ed è raggiunta da immigranti d'oltr'Alpe. Nidifica ai monti, 
specialmente nelle nostre provinole centrali e settentrionali, 
in quelle meridionali è specialmente invernale. 

E noto come i maschi possono generare conservando 
r abito immaturo, molto simile a quello femminile ; tali in- 
dividui vennero a torto considerati specificamente distinti ed 
ebbero il nome di R. Cairii, Gerbe. 

La R. fifi/fi è specie prettamente europea e non sembra 
trovarsi ad oriente della Vistola e del Dniester ; ma s' in- 
contra durante 1' inverno nel N. E. dell' Africa. 



IS'7. Ruticilla nigra, Gig,)- 
Codirosso nero. 

Il 1° dicembre 1902 ricevetti dal signor Giuseppe Meloni 
di Lanusei, Sardegna, le pelli fresche accompagnate coi busti, 
di due Codirossi assolutamente nuovi per me e diversi da 
qualsiasi forma veduta in oltre quaranta anni di esperienza 
ornitologica. Quei due uccelli erano stati presi vivi in un 
fienile a Loceri, villaggio nei monti dell' Ogliastra sopra a 
Lanusei e subito .sotto il massiccio del Gennargentu, il 25 
novembre 1902, dopo una forte burrasca da tramontana ; vi 
si erano rifugiati per riparare dal vento furioso. Il pastore 
che li prese, non avendo una gabbia, li chiuse in una lan- 
terna e così li portò al signor Meloni, al (|uale giunsero tut- 



— 167 — 

torà viventi, ma col piumaggio alquanto arruffato. Egli tentò 
di farli rinvenire, ma invano, e, temendo che si guastassero 
maggiormente, li uccise, li mise in pelle ed ebbe la buona 
idea d' inviarmeli subito insieme coi due corpi, avendo avuto 
cura di determinarne il sesso ; io controllai subito sui busti 
quella sua determinazione e confermai facilmente il maschio, 
non cosi per la femmina, nella quale 1' ovario era stato in 
gran parte esportato. 

Ciò che colpiva maggiormente in questi due uccelli, era 
il color nero intenso del piumaggio di entrambi ; solo le 
timoniere mostravano traccie del rosso-ranciato così caratte- 
ristico della coda delle Ruticilìa. Confesso che a prima vista 
li credetti esemplari della E. titys tinti artificialmente di nero, 
ma dopo una lavatura accurata ed un'esame minuzioso delle 
penne anche col microscopio, dovetti convincermi che quel 
colore era naturale. Il caso però non cessava di essere oltre- 
modo strano e dirò imbarazzante ; giacche il fatto di avere 
due esemplari identici, eccetto per lievi differenze spiegabili 
per la -diversità del sesso, ostacolava seppure non escludeva 
(se altre ragioni non vi fossero) l'ovvia spiegazione del me- 
lanismo. Malgrado ciò esitai lungamente a ritenerli una nuova 
forma, cioè una specie non nota alla Scienza, diversa da 
quante erano conosciute nel genere Ruticilìa j alla quale ap- 
partengono senza dubbio alcuno. Fu l'amico mio Gnor. AValter 
Rothschild il quale, venuto in quei giorni a Firenze, dopo 
un lungo esame dei due uccelli e dopo animata discussione, 
mi persuase che era meglio descriverli e nominarli, e ciò feci, 
non senza riserve, e solo perchè non trovai, come non trovo 
oggi, una migliore spiegazione del loro essere, x'k.nzi diedi a 
lui la mia breve descrizione e gli prestai i due tipi e sinora 
unici esemplari della presunta nuova specie perchè li facesse 
vedere in una prossima riunione di Ornitologi a Londra. Ciò 
avvenne ad una seduta del British Ornithological Club nel- 
l'agosto 1903 ; la mia descrizione fu stampata nel Bull. B. 
0. G. XIII, p. 79, e più tardi comparve nell' " Ibis, „ 1903, 
p. 581. 



— 168 — 

Da quanto ho saputo il parere degli Ornitologi presenti 
all'esame dei due uccelli non fu concorde, alcuni mi dettero 
ragione, altri non si dichiararono ; solo Hartert avrebbe so- 
stenuto 1' ipotesi del melanisnio ; ipotesi che vedo divisa an- 
che dal conte Arrigoni {Man. orn. ifal. p. 261), il quale pur 
ammette di non aver veduto i due uccèlli in discussione! 

Anche il dimorfismo non offre una plausibile spiegazione 
del caso strano, che forse la neogenesi soltanto potrà spiegare. 

Dunque per ora, colle debite riserve, e in attesa di nuovi 
fatti, mantengo questa nuova forma come specie distinta ; ed 
eccone la descrizione sommaria : 

Nel maschio, evidentemente adulto in perfetto abito au- 
tunnale, le parti superiori sono di un nero intenso, legger- 
mente lavato di olivastro scuro sul dorso ; remiganti nere, 
vessillo esterno delle secondarie leggermente marginato di 
bigio cupo ; cuopritrici alari nere ; cuopritrici superiori della 
coda di un bruno ranciato nerastro ; così le timoniere, spe- 
cialmente sulla porzione basale dei loro vessilli interni, di- 
ventando più fuligginosi alle loro estremità, le due centrali 
sono interamente di quel colore ; però gli steli di tutte le 
timoniere sono di un bruno-ranciato, più chiaro sulle super- 
ficie inferiore. Gola, lati della testa, collo, petto, fianchi, penne 
ascellari e cuopritrici inferiori dell'ala, di un nero intenso 
con leggeri riflessi olivastri. Margini interni delle remiganti 
bigiastre ; addome bigio-nerastro ; cuopritrici inferiori della 
coda di un nero olivastro. Becco, piedi ed unghie nere, in- 
terno della bocca giallo- arancio ; palpebre nere. 

La femmina, pure adulta ed in abito autunnale com- 
pleto, differisce assai poco dal maschio ; il che costituisce una 
notevole particolarità di questa specie singolare, giacché è 
cosa nota come nelle RuticiUa il piumaggio è diverso negli 
adulti dei due sessi. Nella H. niijra la colorazione della fem- 
mina è uguale a quella del maschio, soltanto il nero è meno 
intenso, più smorto ; e sulle parti inferiori le tinte bigie ed 
olivastre sono più palesi. Inoltre le marginature bigie delle 
remiganti secondarie sono più apparescenti sulle ali, e le ti- 
moniere sono più scure. La femmina è un po' più piccola. 



— 169 — 

Aggiungo alcune delle dimensioni date in confronto con quelle 
di una coppia di adulti della R. titys : 



Lunghezza dell' ala 

» della coda .... 

» del becco (culmine). 

» del tarso .... 



Huticill 


1 nigra 


Huticilla titijs 


d' 


g 





,' 


mm. 


mm. 


mm. 


mm. 


83 


83 


86 


84 


62 


62 


65 


60 


10 


9 'A 


11 


10 


22 


21 V2 


24 


23 



Come si vede chiaramente le differenze tra i due indi- 
vidui della II. nigra sono minime, mentre sono entrambi no- 
tevolmente più piccoli di individue corrispondenti della R. 
titys, che sarebbe la specie più affine. 

Feci ancora, aiutato dal mio assistente prof. Enrico Bal- 
ducci, un confronto minuzioso degli sterni e della cintura 
pettorale nelle due specie suddette, e trovammo che nella 
R. titi/s quelle ossa sono più robuste ; in entrambe le R. nigra 
le clavicole sono più esili e meno curve, le scapole più brevi 
e più sottili, mentre i coracoidi sono decisamente più lunghi 
ed hanno cresta meno sporgente che non le ossa corrispon- 
denti della R. titys. In questa specie lo sterno è più largo, 
mentre è notevolmente più stretto e più lungo di un milli- 
metro nella R. nigra ; in questa poi il manubrio è più grande 
e le apofisi episternali sono pure più grandi, ma più esili. 
In complesso dunque lo sterno della R. nigra è più esile e 
meno robusto di quello della R. titys. 

Ed ora richiamo 1' attenzione dei nostri Ornitologi su 
questa singolare forma di Ruticilìa, comparsa cosi inopinata- 
mente nella nostra Sardegna ; i due tipi si conservano nella 
Collezione italiana nel E. Museo Zoologico di Firenze, ove 
portano i n.^ 3906, 3907 del Catalogo degli Uccelli. 

Avevo scritto quanto sta sopra quando mi venne sot- 
t'occhio la dotta ed interessantissima memoria del signor 



— 170 - 

William E. D. Scott della '' Wortliington ^Society f'ov the incesti- 
gation of Bird life, ,, di Washington (1); egli avrebbe trovato 
neir America boreale non meno di nove specie di uccelli che 
sono in condizioni identiche a quelle nelle quali è apparsa la 
mia l'uticilla nigra, e le spiega colla neogenesi, come sopra 
avevo già accennato pel caso presente, ossia per la forma- 
zione ex ahrupto di una forma o specie nuova affatto, modo 
di origine studiata accuratamente nelle piante come è ben 
noto dall' illustre Olandese prof. Hugo de Vries^ e che egli 
chiama ^^ processo di mutazione^ ,, ma che sinora lo è stato 
ben poco negli atiimali viventi allo stato libero. È l'ipotesi 
colla quale ho spiegato, come vedremo più oltre, la comparsa 
di un'altra nuova forma nella nostra Avifauna, cioè della 
Athene Chiaradice. Concludo dunque che la comparsa di que- 
sta bella e ben distinta specie di Codirosso, alla quale ho 
dato il nome di A*, nigra, può trovare benissimo, e trova, la 
sua spiegazione come un caso patente di neogenesi ; e tale 
spiegazione non ha ragione di essere modificata anche se 
non si trovassero poi altri esemplari di questa forma, giac- 
che la neogenesi non implica una stabile riuscita della nuova 
forma creata, vale a dire che la forza della eredità così po- 
tente negli organismi può sempre promuovere un ritorno 
alla forma parentale; che, nel caso presente, è presumibilmente 
la Jt. titys, specie in sé abbastanza mutabile. 



1S8. Ruticilla IVIOUSSieri (Olph-(Talliard) 
Codirosso aiaìekixo. 

Ebbi la l)uona fortuna di poter avere il primo e sinora 
unico esemplare di questa bella specie catturato in Italia. E 
un maschio adulto e fu ucciso col fucile nei dintorni di 
Nizza il 22 novembre 1890 ; venne trovato su quel mercato 
in un mazzo di uccelletti presi contemporaneamente, dai fra- 



'1) Scott. W. E. \). <)n flit- j>rub(iì)le oriyhi of m-tdin Bfn/s. in 
" fScÌPJire .. fnew .series) XXJI. ]>. '210. Neìv lo//,-. I. IX. 1!>05. 



— 171 — 

telli Gal, i quali me l' inviarono fresco. Si conserva nella 
Collezione italiana di Firenze {(\it. Ucc. n. .3313). 

Questa specie è abbondante lungo il litorale dell'Africa 
settentrionale dal Marocco sino alla Tripolitania, ma pare 
sedentaria nelle sue abitudini e ben di rado attraversa il 
Mediterraneo; è stata presa più volte nella penisola Iberica, 
ma sempre nel mezzogiorno. Abbiamo però un caso delia sua 
cattura ben più al nord, quello avvenuto nella magica isola 
(per l'Ornitologo) di Helgoland nell'estate 1842, e registrato 
dal Gràtke. 

La R. Moiissieri è ancora interessante perchè forma il 
passaggio e l'anello connettente tra le Ruticella e le Pratin- 
cola; Hartert recentemente {Nov. Zooì. IX, p. 325, 1902) ne 
ha fatto il tipo del nuovo genere Diiììootocus. 



129. Fratincola Rubicela (Linn. ex Charlet.) 
Saltixpalo. 

Saltinselce moro, Saltimpalo, Saltinpalo, Sas-sicola mora 
[Aut. Iteti.) — Pounta d'mèlia, Pitamoute, Pitamoutàs (Pieni.) 
— Simacusti, Simabuschi, Puntireu (Bass. Piem.) — Osel dei 
sas, Sassero {Nov.) — Moreù. Moreùl, Scimareùl (Ossola) — 
Morett, Picett, Scimireu, Zierè, Perasc, Gigat, Pighireu, 
Scima brocch, Zima brocch, Pizzamei [Lomb.) — Mureu ne- 
gher, E-azzacola, Picet, Cicciau, Galinetta (Como) — Taràgn 
Taragnin d'inverno {Valt.) — Zimabroch, Gigaet, Gigiet 
{Pav.) — Machett, Macheti de montagna (Berg.) — Machett 
(Milano) — Vitcec, Grisitt [Menclr.) — Machét borèla, Machèt 
nostra {Bresc.) — Machet (Crem.) — Pontareu (Varzi) — 
Buschén (Piac, Parm.) — Barada, Teston {Mod.) — Asta, 
Beca stecc (Boi.) — Occ d'bo (Ronig.^ Rav., Boi.) — Viscecca 
(Cesena., Forlì) — Selt-in pel (Raven.) — Predicatore, Bat- 
tiale, Pizzo a crocro, Cargante, Porcaiolo ( Umbria) — Mar- 
chettù (Rieti) — Prete il maschio. Nonna la femmina (Cor- 



— 17-2 — 

.sica) — Battiala, Occhio di bove, Predicatore (Marche) — 
Occhio di bove, 3attilale {Ancona} — Mozzetto, Machét, Ba- 
tiale moro, Favarèto, Favarèto moro (Ven.) — Machet da 
eroda {Belluno) — Zimaerbe, Qimaerbe, Battiàle, Brusapolver 
(Roveret.) — Batiale {Trento^ dliiulicarie) — Saltimpalo [Valsu- 
ganà) — Smack [Fassa) — Zhimal, Zhimalét [Feltre) — Batiale 
{Polesine) — Formentin, Armentarutt, Por^hiarute, Grisùtt, 
Grisùte {Friuli) — Fikakavac, Mestre, Lovre {Daini.) — Fou- 
tentega noustrala {Nizz.) — Simmacusti {Savon.) — Sima- 
cousti {Arenzano) — Buschi n {Geìi.) — Fricialase (Spezia) — 
Saltimpalo (Fior., Pis.) — Saltinselce, Saltanseccio, Saltan- 
punta (Fior.) — Saltampalo, Saltinpalo (Lucca) — Saltastecce 
{Casentino) — Saltan vette, Scrocchino, Salimpunta. Prete 
(Empoli) -— Saltinpunta (Bieìii.) — Fornajolo, Saltinvetta, 
Saltinpalo, Saltancecce, Frocasini (Sen.) — Scrocchetto, Fru- 
stàsino, Saltasecca, Spunta calocchie (Pis.) — Saltampalo 
(Lucca, Fucecchio) — Saltimpunta (Sarteano) — Montagnino 
(Garf.) — Saltanselce (S. Gimignano) — Sfcruzzimpalo, Pran- 
simpalo (Elba) — Scoterzolo (/. di Giglio) — Saltabastoni 
(Viterbo) — Saltabastone, Zompacardi (Roììia) — Miettem- 
punta d' inverno, Petrarulu (Xap.) — Cacamargiale (Bari) — 
Caca-mmargiali, Jabaputtane (Otranto) — Percia-sipali {Ca- 
tanzaro) — Forgiareddu (Reggio Calabr.) — Cacamarruggiu, 
Salta'-npizzu (Sic.) — Pigghia muschi (Cat.) — Sputama- 
ruggiu (Modica) — Cacamarnggiu paisanu (Pai.) — Trozzu 
(Terran., Sic.) — Punta de canna, Panteri, Concu de moru 
(Sard.) — Sartiarellu (Cagl.) — Puntinpalo (Carloforte., Sarà.) 
— Bucakcak, Buccak, Bucciac (Malt.). 

Questo vispo uccelletto, che può dirsi prettamente eu- 
ropeo, scarseggia soltanto nella Scandinavia; è sedentario e 
abbondante in Italia, ove si vede ovunque in ogni stagione. 
Preferisce i monti nella buona stagione e diventa alquanto 
erratico al piano durante l' inverno, quando giunge anche 
nell'Africa settentrionale. 



173 



130. Pratincola RubetraLinn. ex. Brissj 
Stiaccino. 

Saltinvangliile, Stiaccino, Montanello iAut. Ital.) — Pi- 
tamoute, Pitamoutas {Pieni.) — Pounta d'mèlia {Cuneo) — 
Testa d' mort {Susa) — Simacusti, Simabuschi, Pantireu 
{Basso- Piem.) — Moreù, Morelli, Scimareùl [Ossola) — Osel 
dei sas, Sassero {Nov.) — Scimireii de montagna, Taragn, 
Macchet, Picett, Montanell (Lonib.) — Zimabroch, Gigaet 
{Pav.) — Meareu, Razzaccia, Cic-ciacc, Galinetta, Ciup-tech 
{Como) — Taràgn, Fenarèii {Vali.) — Machét de passada 
{Bresc.) — Machet (Berg.) — Ciiltiirèn {Piac, Parm.) — Te- 
ston, Salt'in pai, Barada {Mod.) — Occ ed'bó {Romg.) — Salt 
in pai, Pitèr [Boi.) — Asta {Ravenna) — Battiale, Occhio di 
bove. Predicatore {Marche) — Gastrighino {Ancona) — Mon- 
tan, Batiale (Few.) — Negrisol {Ver.) — Grisett, Grisutt, 
Grisute {Friuli) — Machét {Bell.) — Zimaerbe, Zimàtol, Ci- 
matol, Grisàtol, Cibezech {Roveret.) — Batiale [Valsug.) — 
Matózzo [Tesino) — Forabósc {Val di Ledro) — Auzéla di 
pradi [Val di Non) — Grisàtto (Riva) — Favaréto, Batiale 
foresto [Padova) — Predavac, Kovac (Dalm.) — Foutentega 
marsenca, Marsencola {Nizz.) — • Simmacusti de primaveja 
(Savona) — Simacou.sti {Arenzano) — Simma-custi, Simma- 
buschi [Gen.) — Friseialase (Spezia) — Saltinvanghile (Fior.) 
— Stiaccino [Pisa) — Saltinseccia, Saltincicci, Piagnacela 
{Sen.) — Scrocchino (Bient.) — Siicè (Garf.) — Schiaccino 
(Fucecchio) — Salimpunta di poggio [Fiesole) — Saltimpalo 
(V^aldiclì.) — Tomlo, Tuina, Piagnucolone [Sarteano) — Gra- 
naiola [Elba) — Saltabastone con la gola bianca [Roma) — 
Miettempunta di state, Miettempònta d'està [Nap.) — Petra- 
riilu [Capri) — Gacamargiale [Bari) — Caca-mmargiali, Jaba- 
puttane [Otranto) — Percia-sipali (Catanzaro) — Cannicciàrn, 
Forgiareddii [Reggio Calahr.) — Caca-sipali, Cacamarruggin, 



— 174 — 

Saltin-pizzu iSìcil.) — Cacapalu, Broscunculu, Proscunculu 
(Mess.) — Conca de moru, Sartiarellu (Sard.) — Buccak tal 
qudi (Maìt.). 

Specie estiva in Italia e frequente, ma non ovunque, 
COSI sembra scarseggiare nelle nostre provincie meridionali e 
nelle isole ; è certamente più abbondante alle due epoche del 
passo. Giunge in marzo-aprile e parte o ripassa in settem- 
bre-ottobre. Nidifica sui monti, due volte, tra il maggio e 
l'agosto, anche in Sicilia. 

La P. Rubetra è sparsa durante la buona stagione in 
tutta l'Europa; sverna nell'Asia occidentale e nell'Africa e, 
pare, in scarso numero anche nel mezzogiorno dell'Europa. 



(/Silvie) 



131. Sylvia nisoria (Bechst.) 
Bigia padovana. 

Celega padovana, Bigia strisciata {Aut. Ital.) — Buscarin, 
Beccafigo, Fenugià, Ciarletta, Ciarlettua (Ba.sso-Piem.) — Bec- 
cafigo (Voltaggio) — Cicciarina [Crem.) — Padvana {^fanfov.) 
— Lesgnoèul maivn iPiac, Parm.) — Becafig gròss (Mod.) — 
Bianchetòn, Becafigòn, Selega padovana (l'ew.) — Bianche" 
ton, Becafigo {Ve)'.) — Rosignolo bastardo (Povigo) — Bian- 
chetòn delle basse {( oìiegliano) — Bianchetòn, Moratùle bian- 
cone (Friidi) — Canevelòn {Alto Trevigiano) — Nisoria, Ri- 
sona {Roveret.). 

Questa bella specie è limitatamente estiva per l'Italia e 
singolarmente localizzata ; si può quasi asserire che è specie 
sconosciuta nelle nostre provincie centrali e meridionali e 



- 175 — 

nelle isole. Nell'Alta Italia, vale a dire nella Valle Padana, 
è variamente distribuita: è scarsa, ma nidificante nel Pie- 
monte; più comune nella Lombardia, specialmente intorno 
a Cremona; piuttosto abbondante nel Veneto, ma non ovun- 
que; dalle osservazioni di Dal Nero risulta che nel Veronese 
era in passato assai più frequente che non ora, nidificando 
specialmente ai monti, ma anche al piano; nel Friuli, se- 
condo le osservazioni del Vallon, giunge in maggio, nidifica 
in maggio e giugno e parte nell'ottobre. Nella Liguria ca- 
pita di rado alle epoche del passo ; ne ho due, maschio e 
femmina giovani, uccisi a Nizza il 2 gennaio 1878. Salva- 
dori ne uccise due nelle Marche, entrambi giovani, 15 ago- 
sto 1855 e 30 agosto 1871. In oltre trent' anni di osserva- 
zioni in Toscana io non 1' ho veduta mai, né ho saputo che 
altri ne abbia vedute. È stata recentemente citata dal Luci- 
fero come avventizia in Calabria; non ho però mai veduto 
esemplari dall' Italia meridionale. 

La N, nisoria è estiva e nidifica nell' Europa centrale ed 
orientale ; trovasi anche nell'Asia centrale e sverna ivi al 
Sud e anche in Africa; ma l'area sua di diffusione è ancora 
malnota. 



13S. Sylvia orpliaea, Temm. 
Bigia grossa. 

Bigia grossa, Orfea {Aut. Ital.) — Sbrougliounoun {Pi- 
neroìo) — Capneir d'mountagna {Cuneo) — Capneir d'moun- 
tagna o gross. Moretta, Beccafigh, Ciccibeù (Basso-Piem.) — 
Beccafigo [Voltaggio) — Becca mouri [Varzi) — Beccafig 
zenerin, Moneghella [Lovih) — Grisett, Bianchett [VaJt.) — 
Becafigo foresto, Moneghella, Bianchetón [Ven.) — Moratu- 
lòn, Moratùle [Friuli) — Beccafigon [Vicenza) — Caonero 
foresto [Padova) — Staglic', Plavka vela [Dalm.) — Bouscar- 
lassa, Bouscarla passeriera, Bouscarla boundassiera grossa 
(Nizz.) — Fava, Giugo [Arenzano) — Giligo-giùgo [Gen.) — 



— 176 — 

Bartinon [Boi.) — Monaca grossa {Appennino Pistoiese) — 
Bigione, Bigia grossa {Tose.) — Bigione {Lucca) — Sepajola 
{Casentino) — Beccafico grosso ( Valdich.) — Beccaficone {Sen.) 

— Falaetta, Faceto! a ( Lecce) — Schieccià listata {Reggio Caìahr.) 

— Beccaficu grossa [Sicil.) — Beqqafig abiad {Malt.). 

Estiva e sparsa in Italia, ma non ovunque comune, 
anzi in alcune provincie sembra essere sconosciuta; è rara 
nelle provincie meridionali e non mi risulta che sia stata 
veduta né in Corsica né nella Sardegna. E certamente ab- 
bondante in Toscana specialmente intorno a Firenze, nella 
Liguria ed in alcuni distretti del Piemonte e della Lombar- 
dia. Giunge da noi in aprile maggio, parte tra il settembre 
e l'ottobre. 

La N. oì'phcea è uccello estivo per l'Europa meridionale 
e centrale, quivi però scarseggia; è abbondante ed estiva 
nell'Africa settentrionale, dalla Tripolitania al Marocco. Tro- 
vasi nelle medesime condizioni nell'Asia Minore, ove viene 
a contatto colla affinissima »S. Jerdoni (Blyth) dell'Asia cen- 
trale e meridionale, colla quale secondo Tristram s' incrocia 
normalmente in Palestina. Quest' ultima sverna nell' India, 
mentre la 8. orphcea tipica passa la stagione fredda nel- 
l'Africa equatoriale. 

Va notato però che le dimensioni del becco variano fa- 
cilmente nella nostra S. orphcva^ e questo fatto si accentua 
negli individui asiatici, in modo che quelli indiani, a becco note- 
volmente più lungo e più esile, vennero appunto perciò distinti 
col nome di .S. Jerdoni. Non intendo qui discutere il caso, 
ma debbo dire che in esemplari dell'Asia Minore si hanno, 
pare, individui intermediari, per le dimensioni del becco, tra 
la forma europea e quella indiana, e non tutti gli Ornitologi 
ammettono che si possano separare specificamente le due 
forme. In ogni caso io dubito fortemente che gli esemplari 
di >S. orphwa raccolti a Cattaro possano essere riferiti alla 
*S. Jerdoni, come ha fatto recentemente il Kollibay [.loiirn. 
f. Orn. 1904, p. 115). 



177 — 



133. Sylvia cinerea, Bechst. (ex Briss.) 
Sterpazzola. 

Scoperagnola, Sterpazzola, Sterparola, Silvia cenericcia 
{Aut. Ital.) — Canavrola, Canavròta, Canavròta grisa, Bian- 
chet. {Pieni.) — Farfougn ( Voghera) — Tartavela {Alba) — Bu- 
scarin, Senrina, Ciarlettua, Beccafigo {Bass. Pieni.) — Beccafìg, 
Pizzafìg {Ossola) — Gazzalina, Gasgefctina, Stregazza, Mor- 
narin, Sardagna, Sardagnina, Sartagnola, Sardagnola {Lomb.) 

— Bianchett, Alett {Valt.) — Aleta, Bisbai {Como) — Gozéta 
{Bresc.) — Fourmenten, Cicciarina {Cremori.) — Becafich 
bastard {Mantov.) — Favaroèul {Piac, Parm.) — Beccafìg 
{Mod.) — Sterpazola {Boi.) — Stropparella {Marche) — Strup- 
parella di maggio {Ancona) — Capoceciola {Viterbo) — Can- 
nucciara (Rieti) — Biancolina, Ganavróla, Becafigo seléga, 
Canavela, Roséto {Ven.) — Bianchéta {Veron. Padov.) — Beca- 
figo, Biancheta, Canevarola {Polesine) — Bezetina {Bass.) — 
Boscardèla {Bell.) — Moratùle {Friuli) — Bianchet da bosch 
{Cadore) — Bajarella rossa, Gosetta, Ciacià, Fora bosch, Bo- 
scardina, Brisega {Roveret.) — Gazzétta {Trento) — Baiarélla 
[Riva) — Foracésa {Giudicarle) — Bianchetta {Cembra) — 
Slizza {Rendena) — Volic'^ Zvrljika, Plàvka mala {Dalm.) — 
Bondassiera, Bouscarla boundassiera moyena {Nizz.) — Ca- 
néto {Savona) — Ciarlettua, Ciarletta {Arenzano) — Becca- 
figo do peto gianco {Gen.) — Fissa mue {Spezia) — Sterpa- 
gnola, Beccafichino {Pisa) — Sterpazzola, Scoperagnola {Tose.) 

— Sepajola {Casentino) — Beccafico passerino {Sen.) — Ster- 
pajola {Lucca) — Beccafico {Fiesole) — Passera siepajola {Sar- 
teanó) — Cicerina, Cecerina {Valdich.) — Scopacciola {Elba) 

— Gricciaiola (/. di Giglio) — Beccafico {Umbria) — Mac- 
chetta {Roma) — Fucetola cannavalo o cannavale {Nap.) — 
Facedua {Bari) — Beccafico {Cassano delle Murge) — Schieccià^ 

12. 



— 178 — 

Frabettedda i fava {Reggio Calabr.) — Fra vetta (Cotrone) — 
Bianculiddu, Vranculiddu, Beccaficu, Acidduzzu di fava, Ocu- 
liminti, Occhipisciati (Sicil.) — Favarotta (Girg.) — Bic- 
cafigu, Sfcampacresuras (iSard.) — Beqqafig ahmar (Malt.). 

La .S'. cinerea è per noi, come pel rimanente dell'Europa, 

specie estiva comune quasi ovunque; abbonda di più alle 

due epoche del passo, cioè in aprile e nell'ottobre. Sverna 

nell'Africa e nell'Asia occidentale, essendo specie sparsa in 

utta la parte occidentale della Regione Eurasica. 



134. Sylvia Curruca Liuu.) (ex Gesn.) 
Bigiarella. 

Bigiarella, Scoperagnola minore, Pizzicamosche, Scatta- 
rello {Aut. Ital.) — Canavròta d'boussoun, Scalavrina [Piem.) 
— Buscarin {Tortona, Novi) — Canivarola, Canavirola, Bu- 
scarin {Basso Piem.) — Beccafig zenerin [Lomh.) — Morna- 
rin {Pav.) — Becamòre {Bresc.) — Becamure {Berg.) — Bian- 
chett {Valt.) — Becafich, Beccafich bastard [Mantov.) — 
Beccafig cinèn {Mod) — Canéto, Biancheta, Canevarola, 
Canapin, Becafigo canapin, Becafigo seléga (Yen.) — Bian- 
cheta picola iVeron.) — Biancheta {Conegl., Ceueda) — Be- 
zèta {Bass.) — Moratiile, Qhacarùte, {Friuli) — Bianchetta, 
Bajarella bianca {Roveret.) — Bianchetta, Ciacerèla, Baiarola 
{Treni.) — Foracésa (Giudicarie) — Canevela rossa, Beca- 
figo zelega {Vicenza) — Becafigo, Biancheta, Canevarola (i-*o- 
lesine) — Pogrmusica, Ceveljinka, Zvolicusa {Dalm.) — Bou- 
scarla, Bouscarla boundassiera {Nizz.) — Ciarlettua lumbarda, 
Caccia l'ase {Gen.) — Bigiarella, Scoperagnola {Tose.) — Bi- 
gione piccola (Fiesole) — Beccafico {Valdich.) — Stropparella 
{Marche) — Strupparella di settembre {cincona) — Fucetola 
passeregna {Nap.) — Bianculiddu, Janculiddu, Vranculiddu 
{Sidl.) — Spuntaschebi, Monachedda, Beccaficu {lerran. Si- 



— 179 — 

cil.) — Acidduzzu di macchia, ? Testa chinmmina {Girg.) — 
Topi de mata, Stampacresuras, Biccafigu [Sard.) — Beqqa- 
fig irmiedi {Mali.). 

Anche la S. Curruca è specie per noi estiva, ma è as- 
sai meno comune e sparsa in Italia della -S'. cinerea. Così l'ho 
trovata rara nelle nostre provincie centrali e meridionali, 
mentre è abbastanza frequente durante la buona stagione 
nell'Alta Italia e specialmente nel Veneto, ove nidifica di 
certo. Giunge in aprile e passa o riparte tra l'agosto ed il 
settembre. Sverna nell'Africa. In xA.sia sarebbe rappresentata 
dalla poco diversa S. affinis, Blyth, estiva e comune nella 
Palestina, ove però il Tristram non credette di poterla se- 
parare specificamente dalla S. Curruca. 



135. Sylvia subalpina, Bonelli in Temm. 
Sterpazzolina. 

Cic-ciac di bociul {Vigezzo) — Buscarin, Ciarlettuinn'a 
{Basso Pieni.) — E-ossèto foresto ( Ven.) — Monegheta {Beli.) 

— Bianchetina {Veron) — Rossèto (Padova) — Crvenocica, 
Nehajka (Daini.) — Bouscarla passeri era, Bouscarleta [Nizz.) 

— Mujà (Arenzano) — Mula (Gen.) — Ciarlettua (Voltag.) — 
Sterpazzolina (Jose.) — Beccafico piccolo, Beccafichino (Fie- 
{sole, Sen.) — Occhi rossi (Sen.) — Sepajola {Casentino) — 
Scopacciolina (Elba) — Gricciaiola {1. di Giglio). — Mona- 
china (Appennino pistoiese) — Pitarén (Ravenna) — Fucetola 
d' inverno (Nap.) — Sibalecchia (Bari) — Frabettedda i fava 
{Reggio Calabr.) — Fra vetta (Cotrone) — Perciacaja occhi 
pisciati, Cacasipali (Sicil.) — Buarottu, Cacasipala (Mess.) — 
Spuntascebi, Pappamuschi (Terì'an.^ Sicil.) — Pappamuschi 
cu pettu russu (Girg.) — Percia cai {S. Niìifa) — Occhipisciati 
{Pai.) — Topi de mata (Sard.) — Bufala grisa, Asfur tal 
harrub (Malt.). 



— 180 — 

Questa specie è sparsa in Italia, ma non è ovunque fre- 
quente ; così è rara nel Veneto. È generalmente specie estiva, 
giungendo in aprile e partendo in settembre, ma non pochi 
individui passano l' inverno nelle nostre provincie centrali 
e meridionali e nelle isole, specialmente in Sardegna. Non 
credo che si possa mai confondere colla «S'. Curruca. 

Varia alquanto nelle dimensioni e nella intensità delle 
tinte, e sono particolarmente in tale caso i maschi adulti e 
quasi adulti in riguardo al rosso castagno-vinato che colora 
le parti inferiori. Non pare però che sia il caso di stabilire 
divisioni subspecifiche. 

La 6'. subalpina è propria all' Europa meridionale, al- 
l'Africa settentrionale ed all'Asia occidentale. 



136. Sylvia COnspicillata, La Mann, in Temm. 
Sterpazzola sarda. 

Sterpazzola di Sardegna, Sterpazzola con gli occhiali 
{Aut. ItaL). — Ciarlettua, Giaretta (Savona) — Acidduzzu di 
favari cu l'occhi janchi (Sicil.) — Acidduzzu di fava (^Jess.) 

— Acidduzzu di macchia, Occhi janchi (Girg., Terraìi., Sicil.) 

— Incipri, Cirinciò {Pai.) — Topi de mata. Cherri-cherri, 
Moschita (Sard.) — Asfur tal gamiem, Ghasfur el harrub {Mah.). 

Questa specie è comune e sedentaria nelle isole di Cor- 
sica, Sardegna, Sicilia, Malta e Pantellaria, ma vi è anche, 
pare, estiva e di passo (aprile ed ottobre). Si trova pure lo- 
calizzata in alcuni distretti della Liguria e delle nostre 
Provincie centrali ; così nei dintorni di Savona e di Civita- 
vecchia. Martorelli la trovò lungo il Serchio nel Lucchese. 

Abita l'Europa meridionale, l'Asia occidentale e l'Africa, 
settentrionale; quivi nella Tunisia e nell'Algeria è sedenta- 
ria ed abbondante. 



181 



±3*7. Sylvia deserti, Loche 
Sterpazzola del deserto. 

Mercè confronti più estesi ho dovuto persuadermi che 
l'esemplare di Silvia deserticola che avevo creduto sinora es- 
sere la S. nana (Hempr. e Ehrenb.), è invece la S. deserti, 
Loche, specie affine che si distingue dalla prima per avere 
le parti superiori di color biondo isabellino uniforme, mentre 
nella prima le parti superiori sino alle cuopritrici superiori 
della coda sono lavate marcatamente di bigio. Le figure co- 
lorate di queste due specie pubblicate dal prof. A. Koenig 
(Journ. f. Orn. 1895. pp. 143. 277. tab. I. Leipzig) mostrano 
chiaramente queste differenze. A mio discarico debbo però 
rammentare che quando scrissi intorno alla S. nana in Ita- 
lia le due specie, che sono invero ben distinte, erano confuse 
insieme (Cfr. Seebohm, Cat. Birds B. M. V. p. 26. London, 
1881) e portavano il nome più antico, cioè quello di Hem- 
prich ed Ehrenberg. 

Del resto la S. deserti, Loche, vive più vicino a noi. 
giacche abita l'Africa settentrionale, dal Marocco a Tripoli, 
e le isole Canarie; la S. nana invece vive nell'Asia centrale 
e sverna nell' India N. 0. 

Il sinora unico esemplare della S- deserti preso in Italia 
ed in Europa {Coli. ital. Ucc. n. 2252 nel R. Mus. Zool. di 
Firenze), venne, come ho già detto, catturato colle reti aperte 
dal conte Calini, ai confini della provincia di Cremona, il 
7 novembre 1883 ; me lo inviò, come isabellismo della S. su- 
balpina, il signor Odoardo Ferragni di Cremona, il quale 
l'ebbe dallo studente Italo Celli; visse in gabbia per alcuni 
giorni; è un maschio adulto. 



— 182 — 



138. Monachus Atricapillus Lina. (ex. Gesn.) 
Capinera. 

Capinera, Capinere {Aut. Ital.) — Capnegher, Capner. 
Bertagouin [Lornb., Pierri.) — Capneir, Testa neigra, Capi- 
nera {Basso Fieni. ) — Capneir {Cuneo) — Capnejar [Vigezzo) 

— Cap-neigro (Nov.) — Capnégar {Ossola, Voghera, J\[ant.) 

— Capnéghaer [Pav.) — Tièsta néigra {alta Trebbia) — Co- 
negher {Como) — Capnegro (il/ewdr.) — Capnegher (Brescia, 
Vali., Crem., Mod.) — Capnigher {Berg.,Parm.) — Capneigher, 
Chepneigher {Boi.) — Chepnègher {Eomg.) — Chepnegar {Ra- 
venna) — Chepnir {Cesena, Forlì) — Prete {Marche) — Te- 
stanera {Ancona) — Caponèro, Capinére, Caonèro, Caonèra, 
Cao-negro, maschio, Cao-rosso, femm.^ (Few.) — Caponeri, 
Chaoneri {Udine) — Caponèro, Capinèr, Capinéra {Treni.) — 
Caponèro {Roveret.) — Coàcle {Terragnolo) — Capinero ( Veron.) 

— Crnokapica {Daini.) — Bouscarla testa negra, masc, Bou- 
scarla testa roussa, fem. {Nizza) — Testa neigra {Gen.) — 
Testanegra {Spezia) — Capinera {Tose.) — Capibigia, femm. 
{Pisa) — Bigiola (Fior.) — Sepaiola {Casentino) — Beccafico 
{Valdich.) — Grricciaiola (/. di Giglio) — Terraiolo, Capinera 
{Corsica) — Capinera grossa, mas., Capirossa, femm. {Grosseto) 

— Capunera {Rieti) — Caponera, Beccafico ( Umbria) — Ca- 
ponera {Viterbo) — Caponera d'edera {Roma) — Capofoscola, 
Capofosca, Fucetola, Separola, Capanèra, Focètola capa-nèra 
{Nap.) — Facedua capignora {Bari) — Capiniura, Capi-gnora, 
masc, Falaetta de sepàle, Tabaccosa, femm. {Terra d'Otranto) 

— Capinera, Testa-nigra, Scheccià {Calab.) — Cozzinivura 
{Rossano, Cosenza) — Fravettedda (Cotroìie) — Capufuscu (Sicil.) 

— Testa nira, Testa niura, mas.. Testa russa, femm. {Mes.s.) 

— Bofuscu {Cat.) — Testa niviredda {Modica) — Munachedda 
testa-niura {Terran., Sicil.) — Testa niura {Castelb. Mad.) — 



— 183 — 

Capo fuscu granni (Girg.) — Alipinti, Capu-niuru, mas., Ca- 
pufuscu, femm., {Pal.ì — Capinera, Conca niedda (Sarei.) — 
Conca de moru, Conca morn [Cagl.) — Filomena,, mas., Mo- 
schita, femm. (Sass.) — Beqqafig rasu seuda (Mali.). 

Comune ovunque in Italia, in tutte le stagioni; alcune 
però emigrano col freddo dalle provincie settentrionali, altre 
ci giungono poi d'oltr'Alpe; queste arrivano dai primi di 
agosto agli ultimi di ottobre e partono nella seconda metà 
di aprile. 

La Capinera varia alquanto nella intensità delle tinte, 
specialmente sul dorso, ma tali variazioni non sono davvero 
limitate agli individui abitanti la Sardegna, onde non vedo 
come si possano distinguere questi ultimi dalle Capinere del 
continente Italico e Europeo, come ha creduto di poter fare 
il conte Arrigoni istituendo per le Capinere sarde la sotto- 
specie Sylvia atricapilla Paulticcii (Cfr. ^' Avicula^ ,^ VI. pa- 
gina 103. Siena) su due individui, più scuri sulle parti su- 
periori ; lasciamo pure passare il canto « più dolce e melodioso » 
di questa pseudo novità. 

Il ili. AtricafUlus vive in tutta Europa e nell'Asia oc- 
cidentale; sverna anche nell'Africa giungendo all'Equatore. 



139. Monaclius liortensis (Bechst. ex J. Y. Grmel.) 

Beccafico. 

Beccafico ordinario. Bigia, Bigione {Aut. Ital.) — Cana- 
vrola, Canavrota [Pierri.) — Pittafigh [Piner.) — Canavi- 
rola {Cuneo) — Canavirola, Beccafigo, Buscarin (Basso Piera.) 
— Ciarlettua (Volfagg.) — Beccafìch (Vigezzo) — Pizzafig 
(Ossola) — Beccafigh, Beccafigh grosso, Sardagna, Sarda- 
gnola (Lomb.) — Beccafìch (Valt.) — Becafik (Bresc.) — Be- 
cafic (Berg,) — Beca fìcch (Cremon.) — Bianchett (Mani.) — 
Beccafìgh (Piac, Parm. Mod., Boi.) — Surdòn (Reggio) — 
Urtlan (Boi., Romg.) — Bartinón, Beccafig (Ravenna) — Be- 



— 184 — 

cafigo (Vm.) — Figarola, Becafigo [Veron.) — Becafigo, Pa- 
pefig {Friuli) — Fabbro {Istria) — Volic', Mrkulj (Dalm.) — 
Biancbet (Bell.) — Becaficb {Roveret., Treni., Riva) — Be 
cafigo ( Valsugana) — Slissóta (T'es2wo) — Bouscarla vera [Nizz.) 

— Pittafigo {Savona) — Beccafigo {Gen.) — Becafigo {Spezia) 

— Beccafico reale, Beccaficone, Beccafico {THs.) — Beccafico, 
Bigione {Fior.) — Beccafico reale {Fies.) — Beccafico {Valdich., 
Umbria) — Bigione (Elba) — Gricciaiola (/. di Giglio) — Strop- 
parella, Beccafico {Marche) — Beccaficu {Rieti) — Beccafico, 
Macchetta {Roma) — Beccafico, Fucetola verace, Focètola (A^flf/).) 

— Facedua {Bari) — Verdulina, Verduleddra {Lecce, Otranto) 

— Beccaficu {Cotrone) — Flabbettedda, Frabetta, Fravetta 
{Calabr.) — Beccaficu {Sicil.) — Vranculiddu, Janculiddu, Bian- 
culiddu {Girg., Pai.) — Biccatìgu (Sard.) — Beqqafig {Mali.). 

Specie estiva per noi, abbondante ovunque, meno, pare, 
in Sardegna; giunge in aprile, nidifica in maggio e giugno 
e 'parte in settembre e ottobre. E specialmente abbondante 
durante il passo autunnale. Come nidificante è certamente 
più comune nell'Alta Italia, ma nidifica nelle provincie cen- 
trali e meridionali ed anche in Sicilia. 

Il M. hortensis è specie della metà occidentale della 
Regione Eurasica; sverna nell'Africa, penetrandovi assai 
al Sud. 

Il resuscitare per questo uccello ben noto il nome al- 
quanto incerto e dimenticato di ^S". simplex del Latham, come 
quello di Sylvia Sylvia per la Sterpazzola, sarebbe cosa amena 
se non fosse deplorevole. Del resto il nostro Beccafico co- 
mune, sebbene sia innegabilmente una ben nota e ben mar- 
cata specie, ci presenta un caso ancora più strano, quello 
cioè di essere stato due volte descritto e figurato e collocato 
in famiglie diverse e staccate che non erano Silvidee, dal 
primario tra gli Ornitologi viventi (Vedi Bradyornis WoocUrardi 
in Cat. Birds B. M. Ili, p. 311, pi. XIV. — e Muscicapa Fssheri 
in Proc. Zool. Soc. London, 1882, p. 690). E nessuno ha ve- 
duto e studiato più uccelli del mio vecchio amico Sharpe. Ho 



— 185 — 

voluto notare questo caso come ammonimento a coloro che 
vedono così facilmente differenze tra individui diversi di una 
medesima specie, e creano nuove specie e sottospecie alla rinfusa. 



140. P'yroplitlialinanielanocepliala(J. F. Gmel.) (ex Getti). 

Occhio rosso. 

Occhiocotto (Aut. Ital.) — Testaneigra montagninna ( Tort.^ 
Novi) — Bianchett [Vali.) — Caonero foresto {Ven.) — Ca- 
ponero forestier {Veron.) — Cernokapica/Nehajka (Dalm.) — 
Bouscarla scarcapapiè, Pacacaou, Ciacia (Nizz.) — Oxelo da sexi 
(Aì'enzano) — Testa neigra montagainha (Gen.) — Capinera 
nera, Occhio-rosso, Cecca (Pisa) — Occhiocotto (Fior.) — Bi- 
gina {Sen.) — Ceciora {Lucca) — Bigia (Sarteano) — Scopac- 
ciolo (Elba) — Gricciaiola (/. di Giglio) — Capinera [Garf.) 
— Beccafico, Caponera ( Umbria) — Caponera, Caponera gen- 
tile (Roma) — Testa nera d' inverno {Marche) — Testina 
nera. Testina {Ancona) — Sibalecchia {Bari) — Occhio cuotto 
{Nap.) — Cicchitedda, Caca-sipala o Cacasipali cu l'occhi russi 
{Mess.) — Occhi russi {Cat.) — Occhiddi russi {Modica) — 
Munachedda, Spuntascebi, Occhipisciati {Terran. Sicil.) — Ca- 
pufuscu picciulu, Capufuscu cu l'occhi russi {Girg.) — Mu- 
nachedda, Munacedda, Munacedduzza {Pai.) — Ogu de boi. 
Conca de moru, Filomela, Filomela de mata, Moschita, 
Imbecidda {Sard.) — Bugrisa, Busueida, Grhasfur tal mal- 
temp {Mali.). 

Questa specie è frequente e sedentaria nelle parti cen- 
trali e meridionali d' Italia, dalla Liguria in giù, e cosi in 
Corsica, Sardegna e Sicilia; è però senza dubbio più abbon- 
dante neir inverno in quelle provincie. È rara ed accidentale 
nell' Italia settentrionale. 

La P. melanocepliala abita la regione circum-mediterra- 
nea ed il S. 0. della Russia. 



— 186 — 



141. Pyroplitlialina Rùppellii (Temm.) 
Occhio rosso del Iìììppell. 

Questa bella specie, il cui « habitat » pare essere assai li- 
mitato — giacché nidifica in scarso numero in Grecia. nel- 
l'Asia Minore e, secondo Loche, nell'Africa settentrionale 
(Algeria) e sverna probabilmente nella Nubia e nell'Abissi- 
nia — ha fatto, per quanto mi consta, tre comparse in Ita- 
lia : La prima sarebbe l' individuo che fu ucciso nel 1869 
nel Vallone di Butri presso Lerici (Liguria), che faceva 
fai ; della collezione Magni-Griffi e che è ora nel Museo 
Zoologico della R. Università di Roma (fide Arrigoni, Man. 
ovn. ifal., p. 289). La seconda sarebbe il maschio adulto che 
ebbi in dono dal signor A, Barbiera nel 1899 e che conservo 
nella Collezione italiana (Ca^. Ucc, N. 3707); fu preso alle 
reti nelle vicinanze di Messina il 20 marzo 1882, e visse 
qualche tempo in schiavitù. La terza sarebbe il maschio 
adulto, avuto dal prof. V, De Romita, preso alle reti nei 
pressi di Bari il 24 marzo 1898 (Cfr. De Romita, Nuove 
aggiunte all'ornitologia pugliese, p. 9, — in Ann. R. Ist. Tec- 
nico di Bari, XVIII. Bari, 1899). 

Io non ho veduto i due esemplari di Lerici e di Bari, 
ma non posso dubitare menomamente della loro esatta de- 
terminazione. E possibile che la P. Riippellii capiti più fre- 
quentemente in Italia ; io l'avevo già indicata tra le possi- 
bili comparse sin dal 1886 {Avif. Italica, 1886, p. 472). 



14:S. Melizophilus undatus (Bodd.) 

Magnaxina. 

Magnanina, Sterpagnola, Beccafico di Provenza, Silvia 
di Provenza iAut. Ital.) — Magnanin (2'orf., Xovi) — Bian- 
cheta rossa (Veroìi.) — Crvenocica (Dalm.) — Boundassiera, 



— 187 — 

Bouscarleta de coualasiera, Ciacia (Nizz.) — Mujà {Arenzano) 

— Magnaninha {Gen.) — Carcassùco (Spezia) — Magnanina, 
Sterpagnola, Codetta (Tose.) — Usignolin d' inverno (Signa, 
Empoli) — Sterpazzola (Lucca) — Occhiorosso (Valdich.) — 
Occhirossi (Seti., Grosseto) — Scopacciola (Elba) — Griccia- 
iola (/. cU Gìglio) — Stopparella o Strupparella di monte 
(Ancona) — Facetola favaiola (Nap.) — Turdulillo (Capri) 

— Caca-sipali, Cacasipali o Caca-sipala russu (Mess.) — Spun- 
tascebi russu (Terr. Sicil.) — Topi de mata, Cherri-cherri, 
Ogo de oe, Moscliita (Sard.) — Asfur tal siggiar ahmar, G-a- 
sfur ta slgar tMalt.). 

Sedentaria nell' Europa occidentale e meridionale, nel- 
l'Africa settentrionale e nell'Asia occidentale. In Italia la 
Magnanina è sedentaria dalla Liguria in giù e nelle isole, 
compresa la Corsica, ove 1' ho veduta io stesso ; è comune 
specialmente sul versante mediterraneo, scarseggia su quello 
adriatico ; è però sempre molto localizzata. È specie rara 
nell'Alta Italia. Pare diventi erratica e parzialmente mi- 
grante nell'autunno e nell' inverno. 



143. Melizophilus sardus (La Marm.) 
Magnanina sarda. 

Occhiocotto sardo, Magnanina sarda (Aut. Ital.) — Schizzu 
(Corsica) — Cacasipali niru i Sicil.) — Caca-sipala nira (Mess.) 
— Spuntascebi niuru (Terran. Sicil.) — Fratascià (Pantella- 
ria) — Topi de mata, Cherri-cherri, Ogo de oe, Moschita 
(Sard.) — Bufala grisa (Mali.). 

Questa specie è sedentaria ed abbondante tanto in Cor- 
sica quanto in Sardegna in località adatte, cioè nei terreni 
sparsi di cespugli e nei scopeti ; così pure nella Sicilia, ove 
però è meno frequente. Fa rare comparse sul continente ita- 
lico e più specialmente nella Liguria. 



— 188 — 

Il M. sardiifi vive ancora nella penisola Iberica, nell'A- 
frica settentrionale, nella Palestina e, dicesi, in Grecia. Ya 
notato che nella Palestina è stata recentemente distinta una 
Magnanina col nome di M. RothscMIdi , Madaràsz. 



144. Agrobates galactodes Temm.) 

E,USIGX0L0 AFKICANO. 

Paglierolo rugginoso, Rusignolo d'Africa (Aut. Ital.). 

Confermo pienamente quanto ho già scritto intorno alla 
comparsa casuale di questa bellissima specie in Italia {Avif. 
Ital, 1886, p. 125. Avif. Ital., 1889, p. 223). Allora vennero 
registrate sette catture avvenute in Italia : una incerta nel 
Romano, una nel Veneto senza indicazione precisa di luogo, 
tre nella Liguria (Nizza, Genova e Sarzana) e due a Malta. 
Va ricordato che Durazzo la citò molti anni fa dal Genove- 
sato e Doderlein la cita dalla Sicilia. A questi individui io 
debbo ora aggiungere una femmina adulta presa nelle vici- 
nanze di Nizza il 3 maggio 1900, che è stata aggiunta agli 
altri quattro esemplari ed è già nella Collezione italiana del 
R. Museo Zoologico di Firenze. Faccio notare che gli esem- 
plari con date di cattura accertati furono presi, da noi, nel 
maggio e nel settembre. 

Li A. galactodes è comune e nidificante nella penisola 
Iberica; abbonda in tutta l'Africa settentrionale dal Marocco 
all' Egitto e s' inoltra sino alla Guinea ad ovest e sino allo 
Scioa all'est. 



145. Agrobates familiaris (Ménétr.) 

RUSIGNOLO LEVANTINO. 

Questa specie è il rappresentante orientale della prece- 
dente, alla quale è molto affine, ma abbastanza diversa per 
esserne facilmente distinta; le differenze stanno nel colore 



— 189 — 

delle parti superiori e sono appunto quelle che distinguono 
le due specie di Silvie deserticole, onde si può dire che A. fa- 
miliaris : A. galactodes :: S. nana : *S'. deserti. — UÀ. fami- 
liaris abita la Grecia e la penisola Balcanica, l'Asia occiden- 
tale sino al Turkestan e giunge attraverso la Persia sin nelle 
Provincie N. 0. dell' India. Capita accidentalmente in Ita- 
lia, ma, per quanto a me consta, meno raramente dell' ^. ga- 
lactodes; e, ciò che è singolarissimo, è capitata più frequen- 
temente in quell'estremo lembo occidentale della nostra re- 
gione che è il Nizzardo. Infatti nella Collezione italiana io 
conservo non meno di sei esemplari catturati nei dintorni 
di Nizza nei mesi di marzo, maggio, settembre, dicembre e 
gennaio ; li ebbi in carne o freschi, e ripeto qui che non 
ammetto il dubbio espresso dal Salvadori [Ucc. it., p. 144) 
intorno alla provenienza di tali esemplari, dubbio in nessun 
modo giustificato e che respingo. La signorina Cecilia Pic- 
chi conserva, nella sua ricca collezione a Firenze, un ma- 
schio adulto preso nel giugno 1894, pure nel Nizzardo, 
(Cfr. " Ornis ,, XII, p. 458. Paris^ 1904). Conservo pure un 
esemplare femmina preso alle reti a Villatte vicino a Udine 
il 10 settembre 1886, avuto vivo dal Vallon e da lui gene- 
rosamente donato alla Collezione italiana. 

Oltre agli otto esemplari citati sopra, ne vanno registrati 
altri tre catturati in Italia : uno nell'aprile 1864 nei pressi 
di Sarzana, collezione Magni-Griffi, ora nel E,. Museo Zoo- 
logico di Roma ; due maschi, 18 giugno e 25 luglio 1892 
nel Padovano, fide Arrigoni (Man. orn. ital., p. 330). Le date 
di cattura di questi due esemplari, che sono nella collezione 
Arrigoni a Monselice, sono notevoli e potrebbero fare dubi- 
tare che il Seebohm potesse poi non esser nel torto quando 
affermava che 1'^. familiaris nidifica in Italia iCat. Birds Brit. 
3Ius., V, p. 37). 



— 190 — 



146. Phylloscopus borealis (Blas.) 

Lui BOREALE. 

11 22 settembre 1903 quell'entusiastico ed instancabile 
Ornitologo e caro amico mio signor Graziano Vallon, ebbe a 
Udine un maschio adulto di questa specie iu abito estivo, 
cioè colle due fasce chiare attraverso le ali poco appariscenti. 
È la prima volta che il P. borealis si avverte in Italia^ ma 
sin dal 1886 (Avifauna Italica, 188G, p. 472) io ne avevo 
preconizzato la possibile comparsa da noi. Il signor Vallon, 
da me pregato, volle generosamente donare questa " rara 
ams ,, alla Collezione italiana del R. Museo Zoologico di Fi- 
renze, ove figura nella ricchissima serie ornitica iCat. Ucc, 
N. 4020). 

Il F. borealis nidifica nella zona boreale della Regione 
Eurasica, dalla Finmarca (Norvegia;, attraverso la Siberia, 
sino oltre lo stretto di Bering nell'Alaska, penetrando così 
nella regione Boreo-Americana ; sverna nell'Asia meridionale 
e sopratutto nella Malesia, giungendo sin nelle Molucche. E 
stato preso ad Helgoland. 

Io non vedo la utilità di frazionare il genere PIììjIIo- 
scopus, che è uno dei gruppi più naturali ; questa specie, 
secondo taluni, sarebbe da porsi nel genere Acanthojmetiste. 



l'ézT. Fhylloscopus sibilator (Bechst.) 

Lui VERDE. 

Lui verde, Silvia sibilante {Aut. Ital.) — Tuie [Piem.) — 
Ciaucin, Ciu-cin verd [Cuneo) — Cincia verd, Buscarin verd, 
Sisi, Boén, Ciarlettuin {Bass. Piem.) — Touiou [Alba) — 
Boen (Voltag.) — Zuit-zuit, Ciuit verdogn (Nov.) — Tui, 
Tuin, Tuit (Ossola; — Tui, Tuin, Beccafigh verd (Lomb.) — 
Tiiit (Valt.) — Tuituit (Pav.) — Tui sciir (Prese.)— Tui verd 



— 191 — 

{Berg.) — Tul verdulen (Cremon.) — Taì, Beccafigh vérd, 
Limunzèn {Mod.) — Pipì {^Sassuolo) — Occ de bò {Boi.) — 
Graolina, Gavolino, Gradetto, Pai, Gialletta (Marche) — La- 
gnoso (Ancona) — Civin, Zaleto, Verdesin, Ciuin, Salgarela 
(Ven.) — Verdesin, Ciuin, Ocioboin, Salgarela (Veron.) — 
Zaléte, Canevela (Padov.) — Zaleto, Caneto, Lui (Polesine) — 
Zalet (Bell.) — Uitt (Friuli) — Pri, Pennizza (Istria) — Zeni- 
cica, Senicica (Daini.) — Tul, Tuin, Tiiit, Subiòt (Trent.) — 
Foin vert, Foinaz (Rovereto) — Tuio (Tione) — Ciui (Vi- 
cenza) — Qiu-ciau (Friuli) — Zhuit, Ciuit (Cadore., Feltré) — 
Luì, Caneto (Rovigo) — Petouin (Nizz.) — Boin de prima- 
veja (Savona) — Boen (Arenzano) — Tuì-tuì (Gen.) — Luì, 
Boain (Spezia) — Lui, Luì verde (Tose.) — Luì {Pisa) — 
Chinino verde (Lucca) — Occhiu de bove (Rieti) — Luigino, 
Occhio a boe (Umbria) — Volanella, Gualanella (Na}).) — 
Fici-fìci (Rossano, Cosenza) — Virdeddu (Reggio Calabr.) — 
Virduliddu, Virdeddu, Virduliddu de li grossi (Sicil.) — Vir- 
deddu, Virdidduni (Mess,) — Pittiddu virdi (Castelh. Mod.) — 
Bufala (Malt.). 

Specie estiva per noi, come per la maggior parte del- 
l' Enropa ; giunge abbondante tra il marzo e l'aprile, nidi- 
fica meno copiosa specialmente nelle nostre provincie cen- 
trali e settentrionali, parte e ripassa, meno abbondante che 
non in primavera, tra l'agosto ed il settembre. Sverna in 
Africa. 

L' Erlanger ha voluto distinguere tra individui della 
regione circum-mediterranea (Tunisia) un P. sibilator flave- 
sceìiSj che non ha, per quanto a me risulta, alcuna ragione 
di esser distinto, anche come sottospecie. 



— 192 — 
148. Phy Uose opus Trocllilus (Linn.j ex Barr.) 

Lui GIALLO. 

Regolo comune, Regolo maggiore, Regolo cenerino, Lui 
grosso, Luì giallo, Trochilo {Aut. Ital.) — Ciaucin {Pieni.) — 
Ciu-cin giaun i Cuneo) — Touiou [Alba) — Buscarin, Tui, Lui, 
Boèn, Sisì, Ciucin giaun [Bass. Pieni.) — Pluvi f Vigezzo) — 
Tui, Tuin, Tuit (Ossola) — Tuit, Ciuit giaun, Zuit (Nov.) — 
Ciouvi (Varzi) — Tui, Tuin, Beccafigh piscinin (Lortib.) — 
Tui-tuit (Pav.) — Vidaren, Tuin, Morett (Como) — Tiiin, 
Tilinott, Tiiit {VaìL) — Tnm gross, Tui zald (Berg.) — Tui 
vert, Becagnók, Trentapez (Bresc.) — Tui [Mantov.) — Tuèn 
(Piac, Parni.) — Limunzèn, Sterlèn (Mod.) — Simunzen, 
Pipi [Sassuolo] — Reatein, Reatin, Stufilen (Boi.) — Lui 
(Romg.) — Vardèn (Ravenna) — Cini, Pui, Graolina, Grao- 
letto, Re di uccelli, Gavolino (Marche) — Ciuin, Ciuci, Ca- 
landrin, Fogièta (Ven.) — Tuit, Verdesin, Ciuin, Ocioboin 
[Veron.) — Fuin [Vie. Bass.) — Ciui [Viceììza) — Caneto, 
Zaleto, Pioparin {Poles.) — Ocio de bo [Bell.) — Papemo- 
sghin {Friuli) — Pri, Pennizza (Istria) — Zenicica, Senicica 
[Daini.) — Foin (Roveret.) — Tuit, Tui, Tait [Valsug., Treni.) 
— Tui-tui ( Val di Xoti e di Sole) — Foim, Fuim (Riva) — 
Tuio (Giudicarie) — Tuio, Ocio de bo (Cadore) — Papamo- 
schin, Zaléte, Zaléto, Becafigo [Pad.) — Luì, Caneto (Ro- 
vigo) — Bouscarletta, Petouva [Nizz.) — Boin (Savona) — Boen 
(Gen.) — Boain, Lui (Spezia) — Beccafico finocchio, Luic- 
chio. Lucherino (Pim) -- Lui grosso. Lui giallo (Fior.) — 
Chinino giallo (Lucca) — Lui (Vahlich.) — Pui (Roma) — 
Uocchie de voje, Riillo (Xap.) — Facedua gialletta (Bari) — 
Perciaruvetti (Sicil.) — Perciarivetti (Mess.) — Sperciaru- 
\ettu (Leìitini) — Virduliddu, Sperciamacchi [Cali.) — Riiddu 
grossu (Girg.) — Buin (Carloforte, Sard.) — Bufula, Rossi- 
gnol bastard (Malt.). 



— 193 — 

Abbondante durante le due epoche del passo, marzo- 
aprile e agosto-settembre; anche estivo e nidificante special- 
mente nelle nostre provincie centrali e settentrionali. È stato 
asserito che qualche esemplare sverna in Sicilia e nella Sar- 
degna, ma non ne ho le prove, ed è nota la rarità di que- 
sta specie in Sardegna; scarseggia pure sul nostro versante 
adriatico. 

Il P. Trochilus è specie estiva per quasi tutta Europa, 
e sino al Jenisei in Asia; sverna nella Persia e nell'Africa. 

149. Phylloscopus Bonellii (Vieill.) 

Lui BIANCO. 

Lui bianco. Luì del Bonelli {Aut. Ital.) — Tuie {Piem.) — 
Luì {Tortona, Novi) — Cincin bianch, Luì, Buscarin, Boe- 
iietto, Tui, Sisì {Bass. Piemonte) — Ciu-cin bianch, Ciaucin 
(Cuneo) — Tuì, Tuin, Tuicin, Beccafigh bianc, Beccafig piccol, 
Beccaligh (Lomb.) — Tùit, Ttiin [Valt.) — Tul-tuit (Pav.) — 
Bianchèt ( Vali.) — Tuì bianc (Bresc, Berg.) — Tuèn {Parm.) — 
Lui-bianch, Pipì (Sassuolo) — Ciuida (Zocco) — Luì bianch 
{Mod., Boi.) — Verdesin bianco, Salgarèla {Veron.) — Papa- 
moschin, Ciuin, Zaleto {Ven.) — Luì, Caneto {Polesine) — 
Foim bianc, Bianchèt (Treni.) — Foin (Rovereto) — Dalin 
(Bell.) — Tuio (Cadore) — Uitt, Ciu-ciau (Cividale) — Zeni- 
cica, Senicica (Dalm.) — Boen gianco {Arenzano) — Boin 
gianco (Savona) — Boén giunco (Gen.) — Luì bianco (Fior.) 
— Lui (Valdich.) — Fiaschettino (Sen.) — Chinino bianco 
(Lucca) — Appappa muschi (Sicil.) — Manciamuschi biancu, 
Virdeddu jancu, 'Mmuccamuschi jancu (Mess.) — 'Nbecca- 
muschi, Appappamuschi jancu (Girg.) — Vranculidda (Pa- 
ler.) — Bufula (Mali.). 

Anche il P. Bonellii si vede più facilmente durante le 
due epoche del passo da noi, cioè nell'aprile e nell'agosto- 
settembre; è per r Italia specie estiva, giacché nidifica cer- 

13. 



— 194 — 

tamente nelle nostre provincie centrali e settentrionali. Ma 
non si può dire comune, e scarseggia nel mezzogiorno e 
nelle isole. 

Vive nell'Europa meridionale e nell'Asia Minore; sverna 
in Africa. 



150. Fliylloscopus rufus (Bechst.) 
Lut. 

Luì, Regolo comune, Lui piccolo, Lui comune. Silvia 
veloce {Aut. Ital.) — Ciaucin, Bechin, Tuie (Piem.) — Tou- 
iou {Alba) — Cincin pcit, Buscarin, Boenetto, Sisl, Lui, Tui 
{Bass. Piem.) — Tuit-tuit {Nov.) — Pluvi {Vigezzo) — Tui, 
Tuin, Tuit (Ossola) — Buscarinèn (Varzi) — Tui, Tuin, 
Beccafigh piscinin (Lomb.) — Tui-tuit (Pav.) — Tui, Tuin 
piccol (Berg.) — Tuit, Buit, Canavetta (Como) — Canavella 
(Mendr.) — Tuin (Vali.) — Tui invernél (Bresc.) — Verdulen 
{Cremon.) — Tuèn, Oriseli, Macabè {Piac, Parma) — Lui, Lui 
cinèn {Mod.) — Pipi (Sassuolo) — Pitir (Zocco) — Stufilen 
[Boi.) — Vardèn d' invéran (Ravenna) — Graolino, Graoletto, 
Gavolino, Re di uccelli, Pui (Marcite) — Ciccino, Cini (An- 
cona) — Papamoschin, Ciuin, Zaleto (Yen.) — Zaléto (Pa- 
dov.) — Bulit (Treviso) — Lui, Caneto (Rovigo) — Verde- 
sin, Ciuin, Ocioboin, Salgarèla (Veron.) — Papemos9hin 
(Friuli) — Pri, Pennizza (Istria) — Zenicica (Dalm.) — 
Foim, Foin, Tuin, Tui, Tuit (Treni.) — Foinot (Rovereto) — 
Petouva (Nizz.) — Boin (Savona) — Boenetto (Aì'enzano) — 
Boinetto (Gen.) — Lui, Boain (Spezia) — Lui (Fior.) — Luì, 
Lui piccolo (Tose.) — Chinino (Lucca) — Luigino, Occhio a 
boe (Umbria) — Pai (Roma) — Riillo (Na}).) — Ualanicchio 
(Bari) — Pilusu (Reggio, Calabr.) — Appappamuschi, 'Mbucca 
muschi, 'Nbeccamuschi (Sicil.) — Moschitu, Mmucca-muschi, 
Ambucca muschi (Mess.) — Beccamuschi, Riiddu, Zivineddu 



— 195 — 

{Tei'ran. Sicil.) — Beccaficu di cerza [Modica) — Riiddu 
(Girg.) — Appappa muschi [Pai.) — Topi de mata, Papa mu- 
schitu {Sard.) — Bufala tal xitua [Mali.). 

Questa specie è sedentaria in Italia ed abbondante quasi 
ovunque, ma viaggia col volger delle stagioni ; cosi nell'au- 
tunno scende dai monti, ove nidifica, al piano ; molti poi 
lasciano le provincie settentrionali per svernare in quelle 
centrali e meridionali ed allora questi vispi uccelletti abbon- 
dano nelle Puglie, in Sicilia e nella Sardegna. Inoltre non 
pochi ci giungono d'oltr'Alpe per svernare, e tra l'agosto ed 
il settembre e tra il marzo e l'aprile molti passano per il no- 
stro paese. 

Il P. rufus è specie europea, ma si trova pure in Africa 
e nell'Asia occidentale, durante l'inverno. Venne, credo a 
torto, disseppelito per essa il nome di collyhita (alcuni scri- 
vono collyhista in correzionej Vieill.; recentemente si è ripe- 
scato il nome minor (Forst.j. 



151. Pliylloscopus tristis, Blyth 

Lui SIBERIANO. 

Il 28 novembre 1897 il signor Odoardo Ferragni ucci- 
deva lungo il Po nelle immediate vicinanze di Cremona un 
Lui solitario e singolare, diverso nell'aspetto e nel grido di 
richiamo dal P. rufus ^ che solo poteva ivi trovarsi in quella 
stagione. Colpito dalle differenze notate egli mi spediva poco 
dopo quell'uccelletto nel quale riconobbi facilmente un'esem- 
plare del Luì siberiano, specie la cui possibile comparsa in 
Italia io avevo annunziato sin dal 1886 {Avif. Italica 1886, 
. p. 472). Il Ferragni pubblicò questa novità in una nota 
nell' « Avicala » (voi. II, p. 1. Sieìia, 1898). Questo esemplare, 
il primo registrato in Italia, venne da me acquistato per la 
Collezione centrale dei Vertebrati italiani del R. Mus. Zoo- 
logico di Firenze, ove figura nella serie ornitica [Cai. Ucc. 



— 196 — 

n. 3616); il sesso non venne accertato con sicurezza per 
effetto della fucilata, ma pare essere un maschio. 

Un secondo esemplare del P. triatis preso in Italia lo 
trovò il mio amico Vallon sul mercato di Udine il 5 dicem- 
bre l'JOl; egli me lo fece esaminare e potetti convincermi 
della sua corretta determinazione (Vallon, Fauna Ornit. 
Friulana, p. 7. Trieste, 1904). 

La comparsa accidentale di questa specie orientale in 
Italia è uno dei tanti casi dovuti a disturbata migrazione 
nell'atto della partenza; il Giitke ebbe il P. tristis a Helgo- 
land, ove capitò ben otto volte. Questa specie è estiva e 
nidificante dalla Petchora al lago Baikal e nel Cashmir; 
sverna nel Balucistan e nell' India. 



15S. Phylloscopus superciliosus i J. F. Gmel.) (ex Lath.) 

Luì FORESTIERO. 

Proregolo {Aut. ItaL). 

Nella mia xìvifauna Italica 1889, p. 224 ebbi occasione 
di confermare pienamente con ampi particolari la comparsa 
accidentale di questa diminutiva specie asiatica in Italia. Si 
trattava allora di un unico esemplare maschio preso nelle vici- 
nanze di Milano il 27 settembre 1847, conservato nella colle- 
zione del cam pianto senatore conte G. B. Camozzi- Vertova alla 
Ranica presso a Bergamo. N'tai allora che il P. superciliosus 
era stato preso parecchie volte nell'Europa centrale e come 
il Gatke nel suo giornale ornitologico tra il 4 ottobre 1846 
ed il 26 ottobre 1876, aveva registrato non meno di 59 esem- 
plari di questa specie comparsi sull' isola di Holgoland. Con- 
cludevo dicendo che non sarebbe strano che questo grazioso 
uccelletto si facesse vedere ancora nel paese nostro. 

Infatti da allora sono stati presi altri tre individui del 
P. superciliosus in Italia: Una femmina colta col vischio nei 
pressi di Udine il 9 ottobre 1893, avuta viva dall'amico mio 



— 197 — 

G. Vallon e da lui generosamente donata alla Collezione 
italiana di Firenze; un maschio, preso pure alle panie, il 
19 ottobre 1894 a Nizza, ed inviatomi in carne dai fratelli 
Gal; ed un maschio giovane preso ad Udine il 27 settem- 
bre 1896, che si conserva nella collezione Vallon. Va notata 
la costante comparsa di questa specie al principio dell'au- 
tunno. 

Il P. superciliosus è comune in tutta l'Asia, nidifica 
nella zona boreale e sverna in quella meridionale. Moltissimi 
individui si posarono sulla « Magenta » quando quella R. 
nave, sulla quale io ero imbarcato, rimase quasi tutto l'ot- 
tobre 1866 all'ancora nel golfo di Petchili, Cina settentrio- 
nale; emigravano al sud. Per questo ed altri piccoli Lui è 
stato fatto il genere Reguloì'des. 



153. Hypolais icterina (Vieill.) 
Canapino maggiore. 

Canepino maggiore, Cannevarola, Beccafico canapino, 
Canaparola [Aut. Ital.) — Massalau, Ciaucin, Ciaucin d'ia 
gola bianca, Ganavrota d'ia canna {Piem.) — Oiu-cin (Cuneo) 

— Ciaucin, Cincin, Buscarin verd (Basso Piem) — Ourtlanen 
(Varzi) — Tuinott (Lomb.) — Ortolanin (Pav.) — Tuinott, 
Gozitina zalda (Bresc.) — Tuinot (Berg.) — Canareula, Can- 
varoéul (Piac, Parm.) — Canvaròl (Mod.) — Canvarulein (Pa- 
vullo) — Canvarin (Finale) — Canvaròl, Canevarola (Polesine, 
Boi.) — Canavèn, Canavèna (Ravenna) — Gialletto (Ancona) 

— Zalèto, Boscara, Ciaccolèta (Ven.) — Canevarola (Padov.^ Ro- 
vigo) — Uitt, Beccafigo, Papefig (Friuli) — Zalet (Belluno) — 
Baiarélla zalda, Foim gross (Rovereto) — Foin, Fuin, Tui 
(Trent.) — Foinaz (Arco) — Uì (Ossana) — Fuiton [Castel- 
nuovo) — Zuti volic' (Dalm). — Bouscarletta, Petouin (Nizz.) 

— Pausa giana (Savona) — Ciarletta nostra (Qen.) — Bec- 



— 198 — 

cafico canapino, Canapino maggiore {l'ose.) — Giallino (Fior.) 
— Beccafico giallo (Fiesole) — Beccafico selvatico, Beccafico 
cannajolo (Lucca) — Lui, Beccafico (Casentino) — Beccafico 
canapino iVaìdich.) — Beccafico (Umbria) — Beccafico, Ca- 
caciarri (Roma) — Volanara, Volanaro (Xap.) — Occhio mujùlo 
(Capri) — Facedua gialletta (Bari) — Viriddimi, Virriduni, 
Chicchitedda (Sicil.) — Riidduni, Riiddu duppiu (Girg.) — 
Beccaficu d'erva (Pai.) — Bufala (Mali.). 

E specie estiva per noi ; giunge in aprile e maggio, ci 
lascia in settembre ed ottobre; giunge pure di semplice pas- 
saggio. Non è ugualmente sparsa ed abbondante in Italia; 
così non è frequente nel Piemonte, più abbondante nella 
Lombardia e nel Veneto, ma mancante in qualche provincia; 
è comune nella media Italia, scarseggia nelle provincie me- 
ridionali e più ancora nelle isole. 

.Nella buona stagione VH. icterina è sparsa quasi ovun- 
que in Europa, e nel N. E, dell'Africa; cosi nella Tunisia; 
sverna nell'Africa meridionale. 



154. Hypolais polyglotta (Vieill.) 
Canapino. 

Canepino (Aut. Ital.) — Buscarin verd, Ciarletta, Ciar- 
lettua (Basso Piem.) — Pizacanof (Vali.) — Ortolanin (Pav.) 
— Canareula piccola iPiac.) — Canevarola (Rovigo) — Cane- 
varòl (Feltre) — Uitt (Friuli) — Figarola, Musolongo, Buicioin 
(Veron.) — Foim, Foin, Fuitón, Tui, Ui (Treni.) — Bajarélla 
zalda (Rovereto) — Canarena (Cesena, Forlì) — Canvarèn (Ra- 
venna) — Canvaròl (Boi.) — Gialletto (Marche) — Petouin 
(Nizz). — Pansa gìana (Savona) — Ciarlettua (Oen.) — Bec- 
cafico giallino (Pisa) — Beccafico selvatico, Beccafico cannajolo 
(Lucca) — Beccafico giallo (Fiesole) — Lui, Beccafico (Casen- 
tino) — Beccafico canapino (Valdich.) — Beccafico (Umbria) — 



— 199 — 

Beccamoro (Sen.) — Volanàro, Volanara (Nap.) — Facedua 
gialletta {Bari) — Cannataru {Reggio^ Ccilabr.) — Riiddu dup- 
piii, Cicchitedda (Sicil.). 

Questa specie è generalmente dal volgo confusa colla 
precedente, epperciò molti dei nomi volgari sono gli stessi 
per r una e per l'altra. In Italia la H. polyglotta è specie 
estiva generalmente sparsa, ma non è ovunque frequente ; 
giunge in aprile nelle provincie centrali e parte nel settem- 
bre dopo av^ervi nidificato; scarseggia nelle provincie meri- 
dionali e sembra mancare affatto nelle isole di Corsica e di 
Sardegna. La sua diffusione in Italia in rapporto alla specie 
precedente ha bisogno di ulteriori indagini; pare sia più occi- 
dentale. 

Trovasi nell'Europa meridionale occidentale, scarsamente 
nelle contrade centrali, nidificandovi; e cosi nell'Africa N, 0., 
dalla Tunisia al Marocco; sverna nell'Africa occidentale e 
centrale. 



155. Hypolais olivetorum (Strickl. in Grould) 
Canapino levantino. 

Canepino {Aut. Ital.). 

Non ho nulla da aggiungere intorno alla comparsa av- 
ventizia di questa specie in Italia a quanto ho già scritto 
in proposito {Avif. Ital. 1886, p. 132. Avif. Bai. 1889, p. 235). 
Per ora dunque non abbiamo da registrare che tre comparse, 
due delle quali non bene precisate : l' esemplare della colle- 
zione Magni-Griffl, ora nel R. Museo Zoologico di Roma, 
che non ho esaminato e che sarebbe stato preso a Sarzaaa 
nel 1882 ; l'esemplare conservato nel Museo Civico di Pavia, 
acquistato a Torino come proveniente da Nizza ; e finalmente 
il maschio adulto preso a Bari il 3 maggio 1885, conservata 
nella Collezione italiana del R. Museo Zoologico di Firenze 
{Cai. Ucc. n. 2695). 



— 2(X) — 

UH. oUvetorum, specie distintissima, è estiva e nidifi- 
cante nella Grecia e nell'Asia Minore; è stata presa nel- 
l'Algeria (Tristram), in Egitto e nell'Abissinia, onde sverna 
probabilmente nell'Africa centrale orientale. 

Per questa e per le specie seguenti è stato creato l'inu- 
tile genere Iduna. 



156. Hypolais pallida (Hempr. e Ehrenb./ 
Canapino chiaro ellenico. 

Caneparola forestiera, Canepino pallido {Aut. Ital.) — 
Praskavica, Ceretanka, Cvrlinjcica (Dalm.). 

Questa specie, estiva ed abbastanza comune nella Dal- 
mazia, fa rare comparse da noi; alle cinque catture da me 
registrate sin dal 1886 {Avif. Ital. 1886, p. 133) avvenute a 
Sarzana (due), a Genova, a Rovereto (Trentino) ed a Pisa, 
l'Arrigoni (Man. orti. ital. p. 310) ne aggiunge altre due, 
cioè : un secondo individuo catturato a Pisa nel maggio 1884, 
insieme all'esemplare da me citato e pure acquistato in carne 
dal Brogi di Siena; ed uno preso a Bergamo il 1-4 settem- 
bre 1898 (fide Brogi). Non ho avuto occasione di esaminare 
questi ultimi, e ripeto che sarebbe bene confrontarli con in- 
dividui della affine specie seguente. 

La //. pallida abita durante la buona stagione la Dal- 
mazia, l'Albania, la Grecia e l'Asia occidentale, giungendo 
nel N. 0. dell'India; trovasi pure nell'Egitto, in Abissinia, 
e nell'Africa equatoriale durante 1' inverno. 



201 — 



l^T. Hypolais opaca TLicht. in Cab.) 
Canapino chiaro iberico. 

Canapino opaco (Aut. Ital.). 

Fu nel 1886 {Avif. Ital. p. 133) che io aggiunsi alle 
specie avventizie capitate in Italia questa specie interessante, 
la quale nel S. 0. dell'Europa rappresenta assai bene VH. 
pallida, dalla quale si distingue facilmente per avere il becco 
assai più largo e più depresso. Infatti VH. opaca abita la 
penisola Iberica ed il N. O. dell'Africa sino alla jTunisia, 
ove abbonda nella buona stagione; sverna nell'Africa occi- 
dentale tropicale, Senegambia e Guinea. 

Allora avevo un' unico esemplare di questa specie preso 
in Italia, un maschio adulto colto nei pressi di Nizza il 4 ago- 
sto 1883; ora la Collezione italiana ne possiede altri due, 
pure provenienti dall'estremo lembo occidentale della Ligu- 
ria^ sono entrambi maschi e vennero presi nei dintorni di 
Nizza nel settembre 1888 ed il 4 settembre 1891. 



158. Acrocephalus palustris fBechst.) 
Cannatola verdognola. 

Silvia palustre, Cannajola verdognola {Aut. Ital.) — Ca- 
navrota, Ransigneul die canne o die canne pcit {Cuneo) — 
Passera cannerà piccola {Lomb.) — Ciocheta (Berg.) — Becca- 
figo, Lusgnol d'acqua {Mod.) — Lusgnol d'val {Boi.) — Mu- 
solongo verde. Cane varola (Ferow.) — Foracanèle (Ven.) — Se- 
galin, Zalét {Bell.) — Risarò), Foracanelle, Zaccacanelle {Tren- 
tino) — Roussignouloun {Nizz.) — Roussigneu de padù {Gen.). 

La distribuzione di questa specie in Italia è singolare : 
giunge nelle nostre provincie continentali dal Piemonte al 
Veneto (valle Padana) in aprile, vi nidifica e parte in set- 



— -202 — 

tembre; non è comune, ma localizzata in piccole colonie: 
cosi intorno alla polveriera di S. Paolo presso Torino; in 
tali località è fàcile averla ogni anno nell'estate. È scarsa 
in Liguria, e per la mia non breve esperienza manca affatto 
nelle nostre provincie peninsulari e nelle nostre isole; infatti 
io non ho mai veduto esemplari presi nell' Italia centrale e 
meridionale, in Corsica, Sardegna e nella Sicilia; il conte 
Arrigoni pare essere stato più fortunato, almeno egli ricorda 
esemplari dalla Toscana, Sardegna e Sicilia esistenti nella 
sua collezione (Man. orn. Hai. p. 318) ; dice pure che è fa- 
cile confondere questa specie colla seguente, specialmente 
nell'autunno, e questo potrebbe forse spiegare il divario tra 
noi due. 

UÀ. palustris., che non mi sembra così simile diWA.stre- 
perus come taluni vorrebbero, è specie estiva per l'Europa 
centrale occidentale e meridionale e per l'Asia occidentale; 
sverna, dicesi, nell'Africa centrale; il cav. Whitaker ne ebbe 
alcuni esemplari dalla Tunisia, e consta esser stato preso 
nell'Algeria, ma non vi è comune. 



159. Acrocephalus streperus Vieill.) 
Oannajola. 

Beccafico di padule grigio. Beccafico dei canneti, Can- 
najola minore. Beccafico di padule {Aut. Rai.) — Lescarina, 
Canavrousa {Pierri.) — Paiarzin [Basso Pieni.) — Pizzigacann, 
Beccafig piccol. Passera di cann, Ricch e pover {Lomh.) — 
Rossigneu de paliid ( Vali.) — Passera canneléra (Bresc.) — 
Passera canèra (Mani.) — Canvaréin {Piac.) — Canvaroéul da 
canetti (Piac. Parm.) — Beccafig da vali o da padui {Mod.) 
— Canarol {Boi.) — Foracanèle, Ferare ( Ven.) — Musolongo, 
Canevarola ( Veron.) — Foracannelle, Canarol, Beccafici! de 
palù (Trentino) — Risarol ross [Rovereto] — Coiona-ca^ni, 
Quaiarol [Mezzolombardo, Laris) — Canarola, Canéto [Padov., 
Polesine) — Canevarola (Rovig.) — Trstelj, Cvrcic [Daini.) — 



— 203 - 

Roussignouloun, Roussignou aigaglié {Nizz.) — Ruscigneu 
cannajeu {Savona) — Ruscigneu da canne (Gen.) — Cannajola, 
Beccafico di padule (Tose.) — Cannajola piccola {Chiusi) — 
Cannaj olino {Lucca) — Sparacannelle {Fucecchio) — Beccafico 
{Umbria) — Beccafici! di canniti! o di maju {Sicil.) — Acid- 
duzzu di bona nova {Cat.) — Beccafìcu di margiu {Mess.) — 
Turdu {Sard.) — Baal second {Mali.). 

Specie estiva e di passo in Italia, ove giunge in aprile 
per partire, dopo avere nidificato, in settembre-ottobre; qual- 
che individuo rimane anche più tardi nelle isole. L'^. sire- 
perus non soltanto è localizzato ai luoghi paludosi, ma non 
è ugualmente sparso e comune da noi ; è poco comune nelle 
Provincie meridionali. Non è citato dalla Sardegna, ma si 
trova in Corsica, onde non dubito che capiti anche nella vi- 
cina isola. 

E specie estiva generalmente sparsa nell'Europa media 
e meridionale e nell'Asia occidentale; sverna nell'Africa e 
nel Balucistan. 



160. Acrocephalus arundinaceus (Linn. ex Briss.) 
Cannareccione. 

Cannajola maggiore. Silvia rossiccia, Cannareccione [Aut. 
Ital.) — Re di Roussigneui {Pieni.) — Ransigneul die canne 
{Cuneo) — Re di Ransigneui, Rusgneu gross, Ruscigneu foe- 
sté {Basso Piem.) — Cré-cré, Beccafigh gross, Passera di cann, 
Ricch e pover [Lomb.) — Passera cannerà. Cannette i^Mil.) — 
Passera cannerà {Cremon.) — Rossigneu de paliid {Vali.) — 
Passera canneléra {Bresc.) — Pàssra canària (Parm.) — Lusgnol 
o Rusgnol da vali {Mod.) — Canaròl {Mod., Boi.) — Re dei Ros- 
signoli (Marche) — Rossignolone {Ancona) — Rusgnolòn {Rav.) 
— Foracanèle, Canaròna, Canevelòn, Sélega canaròna, Celega 
palugàna, Canelon {Ven.) — Passara palugana, Passara cana- 
ròl (T'ero7^., Polesine) — Re di Rusignul (Friuli) — Vacca de 



— 204 — 

palù, Tort dalle cannelle, Beccafigh gross (Trent.) — Palusara, 
Beccafigóm {Rovereto) — Fraschettom (Mori) — Palugàna, 
Frarétta, Canevarolón (Padov.) — Beccafigo de palù, Canaròl 
(Feltre) — Passara palugàna (Rovigo) — Vodar (Daini.) — 
Roussignouloun, Roussigneu aigaglié (Nizz.) — Ruscigneu 
lumbardo. Calandra, Ruscigneu cannajeu, Ruscigneu lombardou 
(Gen.) — Usignol di passo (Toso — Caneroncione [Pisa) — 
Cannareccione (Tose, Bient.) — Cannaiola grossa (Vaklich.) — 
Cannajola, Cannajolone da padule (Z?/ccrt) — Cannajola grossa 
(Fiicecchio) — Beccafìcone, Rosignolo marino (Roma) — Fu- 
cetolone, Focetolone d'acqua, Ruscignuolo d'acqua (Nap.) — 
Facedua gross (Bari) — Frabettuni i li vanti (Reggio, Calabr.) — 
Re de li beccafichi (Sicil.) — Rusignolu di margiu, Rusignu- 
luni {Mess.) — Acidduzzu di caccia nova (Pai.) — Turdu 
(8ard.) — Baal, Gerab (Mali.). 

Il Cannareccione vive da noi tra l'aprile e l'ottobre; La 
le medesime abitudini della specie precedente e frequenta le 
stesse località, ma è più sparso e certamente più cospicuo; 
lo direi più comune. Scarseggia però nelle Marche e nelle 
Puglie e non abbonda nelle isole. 

UÀ. arundinaceus è generalmente sparso nell'Europa 
centrale e meridionale; così nell'Asia occidentale e nel nord 
dell'Africa ; sverna nell'Africa centrale ed australe. Lo Sharpe 
(Handl. Gen. Sp. Birds, IV, p. 187, London, 1903) resuscita 
il nome specifico di turdoYdes, Meyer, non saprei per quali 
ragioni. 



161. Calamodus sclioenobaenus i Limi.) 

FORAI'AGLIK. 

Paiarzin, Fenuggià (Tort., Novi) — Fenuggià ( Voltag.) — 
Risen (Cremon.) — Paiarolin (Mani.) — Risareu (Pav.) — Pas- 
sera carecciera (Como) — Taragn del furmentòn (Valt.) — 
Meari (Bresc.) — Foracanèle, Macarousin (Ven.) — Risarólo, 



— -205 — 

Canéto {Padov.) — Caneto, Risazin, Risarolo {Polesine) — 
Palughin (Feltre) — Foracanelle, Risarcì, Zaccacanelle (Trent.) 
— Risarcì {Rovereto) — Sevaric' {Dalm.) — Pajaròl, Fòra- 
paja {Mqd.) — Paiarin {Finale) — Fcrapai (Boi.) — Siga- 
Icun, Canebcun (Nizz.) — Quaggin {Arenzano) — Fcrapagge 
{Gen.) — Bcain {Spezia) — Fcrapaglie {Tose.) — Calcapa- 
glicne {Lucca) — Qnagliottino, Re quagliottc {Elba) — Bec- 
caficc {Umbria) — Perciasipali {Cotrone) — Beccafici! di si- 
minatu {Sicil.) — Chichitedda {Pai.) — Violin (Mali.). 

Giunge da nei in aprile e parte in ottobre ; frequenta 
i luoghi palustri, ove nidifica in maggio e giugno, special- 
mente nelle nostre provinole centrali e settentrionali. Non 
sembra che nidifichi in Sicilia, ove però è relativamente ab- 
bondante allo epoche del passo ; sarebbe invece poco comune 
in Sardegna e così nelle nostre provincie meridionali. Debbo 
però notare che l'amico mio march. Armando Lucifero lo 
ritiene invernale in Calabria, caso che merita ulteriori con- 
ferme. 

Il Calamodus scìiOBnobcenus è specie estiva in tutta la 
Regione Eurasica a ponente del Jenisei ; sverna nel sud 
dell'Africa e probabilmente dell'Asia occidentale. Anche per 
questa specie, senza una ragione ovvia, lo Sharpe (Handl. 
£ren. Sp. Birds, IV, p. 187. Londoìi, 1903) ripristina il nome 
specifico phragmitÀs, Bechst., e la colloca nel genere Acroce- 
phalus insieme alla specie seguente. 



16S. Calamodus aquaticus (J. F. Gmel. in Temm.) 
Pagliarolo. 

Massacan (Pieni.) — Paiarzin, Fenuggià {Tori., Novi) — 
Risireu, Risareu, Usellin o Beccafigh de risera {Lomb.) — 
Mearì (Bresc.) — Risen {Cremon.) — Favin (Mantov.) — Pajaròl, 
Fòrapaja {Mod.) — Paiarol, Paiarin (Finale) — Pajaròl {Boi.) 
— Risèn {Ravenna) — Canevarola, Risarolo, Canèto ( Ven.) — 



— 20(i — 

Riseto, Risin, Risarin (Veron.) — Caneto, Risarin, Risarolo 
(Polesine) — Risaról, Paiaról, Forazése {Treni.) — Risarcì a 
strise (Rovereto) — Osel da stobia i Istria) — Sevaric' (Dalm.) 

— Caneboun {Xizz.) — Fen uggia {Gen.) — Pagliarolo {Tose.) 

— Paglierino {Pisa) — Calcapaglione (Lucca) — Forapaglie 
(Valdich.) — Beccafico (Umbria) — Quagliottino {Elba) — 
Beccaficu di margi, Vranculiddu di margi (SicìL) — Beccaficu 
di margiu {Mess.) — Cacapalu, Amu)"àru (Modica). 

Anche questa è specie estiva per noi ; arriva in aprile 
e parte in ottobre e anche più tardi, giacché il Doderlein 
la trovò suU'Anapo (Siracusa) in novembre. Non è ugual- 
mente distribuita in Italia, ove si trova nelle medesime con- 
dizioni della specie precedente, ma è meno sparsa e direi 
meno abbondante in generale, sebbene sia comune in alcune 
località ; cosi in Lombardia, nel Veneto, in Toscana e nella 
Sicilia ; in altre, come in Liguria, è abbondante soltanto alle 
epoche della migrazione. Scarseggia nelle provincie nostre 
meridionali di terraferma; non l'ho avuta dalla Sardegna. 

Pare essere confinata, durante la buona stagione, al- 
l' Europa meridionale e centrale, tra l'Atlantico ed i Monti 
Urali, e si trova pure nell'Africa settentrionale; è probabile 
che sverni al sud di questo continente. 



163. Lusciniola melanopbgon (Temm.) 
Forapaglie castagnolo. 

Castagnolo {Atd. Ital.) — Cao-nero foresto ( Yen.) — Ri- 
sarin scuro {Veron.) — Caneto, Risarin, Risarolo {Polesine) — 
Sevaric' {Dalm.) — Forapaglie castagnòlo. Pagliarolo {Tose.) 
— Calcapaglione {Lucca) — Forapaglie {Valdich.) — Becca- 
ficu russu {Sicil.) — Beqqafig alimar {Mali.). 

Specie sedentaria in Italia^ ma non ugualmente distri- 
buita ; così nelle nostre provincie settentrionali occidentali 



— 207 — 

è sconosciuta o quasi, è accidentale nell' Emilia, localizzata 
ed in qualche località anche copiosa nel Veneto; sedentaria, 
ma rara in Liguria, abbondante relativamente in Toscana, 
specialmente nel basso Lucchese e nella Maremma ; rara 
nelle Marche, rarissima nelle Puglie ; sedentaria, ma non 
comune in Sicilia ; è citata come rara dalla Corsica e dalla 
Sardegna. 

La L. melaìiopogon è specie circum-mediterranea orien- 
tale e non s' inoltra molto nell'Europa centrale ; il Whitaker 
non la cita dalla Tunisia ; in Asia giunge attraverso la Persia 
sino alle provincie N. 0. dell' India. 



164. Locustella nsevia (Bodd.) ex Daubent. 
Forapaglie macchiettato. 

Locustella, Forapaglie macchiettato {Aut. Ital.) — Mas- 
sacan [Piem.) — Fenareu {Como, Vali.) — Erbarol, Erbarolo 
(Ven.) — Risarolo, Fistel (Viceìiza) — Orbarolo [Padova] — 
Risarcì, Zaccacanelle, Foracanelle, Paiaròl (Treni.) — Orba- 
rci, Risarol verd [Rovereto) — Scavezza canelle {Mezzolom- 
bardo) — Tancica [Dalm.) — Bruna (Xizz.) — Fenuggià 
grixo (Gen.). 

Specie relativamente rara da noi, fuorché, a quanto sem- 
bra, nel Nizzardo, ove è abbastanza frequente durante il passo 
primaverile, meno in quello autunnale; accadrebbe l'opposto, 
pare, in alcune provincie dell'Alta Italia. Nidifica scarsamente 
nel Piemonte, forse nella Lombardia, e certamente nel Ve- 
neto, 'nel Friuli e nel Trentino. E di accidentale comparsa 
in Toscana, e sembra mancare affatto più in 'giù nella peni- 
sola e sulle nostre isole. 

La L. ncBvia è estiva per 1' Europa e per l'Asia occi- 
dentale centrale ; sverna probabilmente nell' Africa setten- 
trionale. 



•208 — 



165. Potamodus luscinioides (Savi) 
Salcia.iola. 

Salciajola, Canuajola del Savi (Auf. Ital.) — Lescarina, 
Lescarinna, Pajarola [Cuneo) — Paiarol iMod.) — Castagnol 
(Boi.) — Rossignol de vai (Veì'on.) — Ruscigneu da sarxi 
{Gen.) — Salciajola, Cannajola {Tose.) — Rosignolo di padule 
(Lucca) — Riisignoluni {Sicil.) — Bufala grisa rara (Malt.). 

Questa bellissima ed elegante specie è estiva e non co- 
mune in Italia, ove è poi molto localizzata; giunge in aprile 
e parte nel settembre. Non ho potuto confermare l'asserzione 
del Gragnani che sia stazionaria nel basso Lucchese, da dove 
r ho sempre ricevuta nella buona stagione. È del resto un 
uccello poco conosciuto, difficile a vedersi, più difficile ancora 
ad aversi, perchè vive nel più folto dei canneti in padule 
ed ama i più estesi. Dalla mia esperienza sarebbe rara o 
scarsa ovunque in Italia eccetto che nella Toscana ; pel Ve- 
neto (basso Veronese) abbiamo le osservazioni di Dal Nero, 
il quale la dice localizzata ed estiva (aprile-agosto) nelle Valli 
di Zerpa e Legnago ; ed ancora è frequente e nidificante nel 
basso Friuli, ove il Vallou la trovò localizzata lungo il Corno. 
Pare essere sconosciuta affatto nel mezzodì ; è stata citata 
dalla Sicilia, non ancora dalla Corsica e dalla Sardegna. 

La P. luscinioides abita i paesi circum-mediterranei, e 
scarsamente l'Europa occidentale, giungendo in Inghilterra; 
trovasi, pare, nell'Asia centrale ; sverna probabilmente in 
Africa. L'asserita comparsa in Italia della P. fluviatilis (Mey. 
e Wolf ) non è stata provata ; è specie dell'Europa orientale. 



166. Cettia Cettii (La Marm.) 

RUSIGNOLU DI PADULE. 

Usignuolo di fiume, Rusignolo di palude o padule. Sil- 
via o Cannajola del Cetti (Aut. Ital.) — Cià-cià (Mantov.) — 



— 209 — 

Occ ros (Boi.) — Rusgniòl biànch (Ravenna) — Rossignol 
d'acqua (Veron.) — Rusignul di palud, Rusignul matt (Friuli) 
— Krovarica (Dalm.) — Roussignouloun, Roussignouloun du 
Var, Rossignolon de Baragna (Nizz.) — Ruscigneu d'egua 
(Arenzano) — Ruscigneu de padù (Gen.) — Usignuolo di pa- 
dule (Tose.) — Occhio rosso (Pisa) — Rosignolo di padule 
(Pisa, Lucca) — Rusignolo acquaiolo (Umbria) — Machetto 
di padule (Roma) — Rusignolu di lagu o di fiumi (Sicil.) — 
Rusignoluni di cannitu (Mess.) — Ricignuolo di fiumi (Mo- 
dica) — Gadduzzu (Castelh. Mad.) — Acidduzzu di cannitu 
(Mazzara) — Rosignolu de riu, Passarilanti, Passarilante d'ar- 
riu, Rossignolu (Sard.) — Beqqafig (Mali.). 

La C. Cettii è uccello sedentario in Italia, sparso, ma 
non ovunque comune, essendo poi localizzato ai luoghi pa- 
ludosi. Cosi è raro in Piemonte, nella Lombardia, nelle Marche; 
poco frequente nell'Emilia ed in Liguria ; abbastanza comune 
e sedentario nel Friuli, ove nidifica tra l'aprile ed il giugno ; 
è poi abbondante in Corsica e più ancora nella Sardegna. 

Questa è specie prettamente circum-mediterranea; nell'Asia 
è rappresentata dalla affinissima C. orientalis (Tristr.) che sa- 
rebbe estiva nel Turkestan, invernale nel N. 0. dell' India. 



DIR YMCE CID^^ 

(Cisticole) 



16'7. Cisticola cursitans (Frankl.) 
Beccamoschino . 

Re pcit. Re cucala (Cuneo) — Pittamuschin, Beccamu- 
schin (Bass. Piem.) — Risareu (Pav.) — Czin (Mani.) — Pia- 
mosch (Mod.) — Beccamosch (Boi.) — Caneggio (Ancona) — 

14. 



— 210 — 

Czin de palù, Cicci de palù, Macaronzin iVen.) — Becamoschin 
(Veroìì.) — Caneto, Risarin {Polesine) — Palatin (Friuli) — 
Canato, Papamoscliin {Padov.) — Caneto {Rovigo) — Sivalica, 
Muhozobica {Daini} — Caneboun, Sigaloun {Xizz.) — Pitta- 
muscin, Zinzì {Gen.) — Sizin {Spezia) — Beccamoschino, Tinti, 
Finti, Finzi {Tose.) — Beccamosche (Pisa) — Martellino (Lucca) 

— Porta strjozzi (Roma) — Favodda (Bari) — Falaetta di 
macchia (Otranto) — 'Nbuccamuschi {Reggio, Calabr.) — Car- 
rabbedda {Sicil.) — Carrubbeddu, Riiddu di pantanu {Mess.) — 
Riiddu {S. Ninfa) — Carrabidduzza, Carrabedda ( Terrari. Sicil.) 

— Acidduzzu di fienu {Castelb.) — Appàppa-muschi (Girg., 
Mazzara) — Topi de mata, Pi-zi, Papamuschitu, Punta- 
canna (Sard.). 

Questo vispo uccelletto, che ha una larghissima diffu- 
sione geografica, giacché è sparso nell'Asia centrale e meri- 
dionale ed in quasi tutta l'Africa, è sedentario in Italia, 
ma non ovunque frequente. Si trova tutto 1' anno abbon- 
dante in località adatte, nelle nostre isole ed in alcune delle 
nostre provincie meridionali e centrali, come nelle Puglie 
ed in Toscana ; è scarso nelle Marche ; principalmente di 
passo nella Liguria ; raro assai nelle provincie settentrionali. 
Trovasi, probabilmente nelle medesime condizioni, nell'Eu- 
ropa meridionale, a ponente ed a levante del paese nostro. 



211 



j° YCJsrojsro Tin^^ 

{Bulhul). 



168. Pycnonotus barbatus, Desfont. 

BULBUL FOSCO. 

Quest' uccello è comune e sedentario nel Marocco, nel- 
l'Algeria e in parte della Tunisia, e si estende nell'Africa 
occidentale sino al Gabun ; Temmiuck asserì che era stato 
rinvenuto nella Spagna, ma sembra che quella sua asser- 
zione non sia stata comprovata da ulteriori osservatori e 
che il P. barbatus non sia più stato trovato sul continente 
Iberico. 

Conoscendo tali circostanze, e pel noto fatto che questi 
uccelli non sono migratori, con non poca titubanza io mi 
sono deciso ad annoverare questa specie tra quelle di com- 
parsa accidentale nel nostro paese in base al ca^o seguente: 
Il 24 dicembre 1899 venne trovato dai fratelli Gal sul mer- 
cato di Nizza in un mazzo di Tordi e Merli, uccisi col fu- 
cile nei pressi della città il giorno innanzi, un maschio 
adulto del P. barbatus, che mi fu mandato, fresco ancora, 
col nome di " Turdus obscuras. ,, Questo individuo non ha 
traccie di essere stato in gabbia, ed inoltre non mi consta 
che questa specie venga tenuta in cattività ; onde, non es- 
sendo poi impossibile la comparsa eventuale sulla sponda 
settentrionale del Mediterraneo, di questa specie tanto co- 
mune su quella meridionale, io non potevo rifiutare a quel- 
l'esemplare un posto nella Collezione italiana ; ve 1' ho col- 
locato con le debite riserve e vi figura col N. 3818 (Cat. Uc- 
celli}. È un caso parallelo a quello della Cyanopica Cooki. 



— 212 — 



TUOGLOn YTID..^ 

(Scriccioli) 



169. Troglodytes parvulus, Koch. 
Re di jMacchia. 

Reattino, Scricciolo, Re di macchia [Aut. Ital.) — Pcit- 
Re, Reot, Reatèl {Piem.) — Rey peteret, Roitelet {Aosta) 

— Re pcit, Re cucala {Cuneo) — Sent-rubb {Asti) — Re 
castagna, Re castagnèt. Re di usei {Vere.) — Cincin, Cin- 
cin da neive, Reattin, Uslin da neiv, Centrubb {Basso 
Piem.) — Cent-rùbb {Voghera) — Re-tin {alta Trebbia) — Re- 
da GìcG {Varzi) — Ré-ré^ Re di scés, Castignetta {Ossola) — 
Zerì&tt {Varese) — Redi beucc, Bo-gros, Re d'i usei, 8auta- 
beucc, Reatei {Nov.) — Re atjucei, Santa hencc {Vigezzo) — 
Riotin, Reattin, Re di scés, Re di pès, Re di usei, Centopès, 
Oslin del fredd, Oslin del fregg, Gallinazin, Sbusases {Lomb.) 

— Cent-rùbb, Reatìn, Galinassìn, Re di pes [Pavia) — Eugg- 
dae béu {Vigevano) — Reottin {Milano) — Basaseze, Reati, 
Forabosch {Berg.) — Forascies {Como) — Reattin, Trenta 
pes, Forabòcc, Forabeucc {Vali.) — Reati, Sènto-pis {Bresc.) 

— Riatt {Regoledo) — Galinazen {Cremon.) — Oslin dal fredd 
{Mantov.) — Treintapès, Pipi {Pine.) — Re d'joslèn, Reatèn, 
Arietèn {Parm.) — Uslein dal fràd {Sassuolo) — Uslin dal 
fred {Finale) — Arietèn, Uslèn dal fredd, Rè d'maccia {Moti.) 

— Uslein dal fredd. Papà d'ia Pizzacra, Arietèn, Ariaten 
{Boi.) — Ariattin {Vergato) — Còccia {Ravenna) — Coda 
{Romg.) — Re di macchia, Forafratte ( Umbria) — Ceccio, Cér- 
cene, Foraboschi, Forafratte {Marche) — Beccaccino {Ancoìia) 

— Rusèto, Galinazin, Reatin, Buzéto, Roséto, Rezeto, Soriolo 



— 213 - 

(Ven.) — Cercer, Imperatorin, Imperator, Imperatorell, Rea- 
tin, Tre-tre, Sbusasese (Veron) — SgarèJa {Vicenza) — Ruseto 
{Rovigo) — Sgerela {Bass.) — Reùzzol (-BeZZ.) — Stv uzzet {Sacile) 

— Seri ss, Favita, Fàvite (Friuli) — Grajuzzo {Istria) — Strkic', 
Strko, Ranjiak, Strizic' {Daini.) — Réattol, Imj)eratorél {Riva, 
Roveret.) — Reàttol {Trento) — Redàtol,Reàttolo, Reattin {Val- 
sug.) — Réatolo {Cavalese) — Trenta- pès {Val di Non e di Sole, 
Rendena) — Reàttol, Imperatori, Imperator, Imperaur, ( Val di 
Ledro) — Forabosch {Male) - Foraboschi {Mezzolombardo) — 
Raschie {Fassa) — Cucha, Kutscha {Gardena) ■ — Ochsenvogele 
Razettle, Datimi e {Sette Comuni) — Piz-pot {Nanno) — Reguz 
{Primiero) — Redino {Cavrastó) — Imperatoràtol, Peratolot 
{Avio) — Oselét del bosch, Regùz, Galinazhéta, {Feltre) — Reuz, 
S-ciaruzol, Tre-tre, Rosciuz {Cadore) — Petoua, Petouva, Re- 
gina {Nizz.) — Castagnetta {Arenzanó) — Reatin {Gen.) — Cra- 
cra, Reatin {Spezia) — Scricciolo {Tose, Pisa) — Sborro {Ca- 
sentino) — Recacco, Reattino {Lucca) — Re di macchia, Recacco 
{Fior.) — Re, Re cacchino {Pis.) — Reatino, Re cacco {Garf.) — 
Beccaccino {Sarteanó) — Foramacchie {Sen.) — Re di macchia 
{Valdich.) — Macchiaiolo, Muraiolo {Corsica) — Beccacietta- 
sbucciafrutte {Rieti) — Re di uccelli {Viterbo) — Beccacciola, 
Forasiepe {Umbria) — Re d'uccelli, Sbucafratte {Roma) — 
Chech-chech {basso Garigliano) — Sperciasepe, Reillo, Riillo, 
Revillo, Regginello, Pèrcia-sepe {Nap.) — Parlila {S. Giov. in 
Fiore) — Arcerottola {Gallipoli) — Favuddu {Barletta) — 
Fauzza {Lecce) — Riillu, Piciddu {Reggio Calab.) — Rre d'oceddi 
{Rossano, Cosenza) — Re d'aceji {Catanzaro) — Riiddu di rocca, 
Jadduzzeddu {Sicil.) — Pulicicchiu {Mess.) — Riiddu percia- 
mura {Cat.) — Aucidduzzu musca, Percia-ruvettu {Modica) — 
Perciagazzia, Riiddu percia-gaggia o percia-chiaja {Caltag.) — 
Castagneddu {Castelb., Mod.) — Carrubbeddu, Riguddiu {Pai.) 

— Puzone di veranu, Razzina, Stampamura, Topi de mata, 
Moschi ta {Sard.) — Pilloni de beranu {Cagl.) — Scriciolu, 
Puzone de veranu {Sass.) — Asfur tal maltemp {Mali.). 



— -in — 

Abbondante e sedentario in tutta Italia, eccetto a Malta, 
ove capita accidentalmente. Durante l' inverno scende al piano 
dai monti, ove nidifica, ed allora penetra ovunque anche nelle 
case delle città. Molti arrivano in Italia d'oltr'Alpe, giungendo 
dalla fine di settembre alla metà del novembre ; partono nella 
prima quindicina di marzo. 

Il T. parvulus vive in tutta l'Europa, nell'Africa set- 
tentrionale e nell'Asia occidentale. Non vedo ragione per 
mutare il nome generico di questo uccello così ben noto sotto 
quello che da quasi un secolo porta, onde non adotto quello 
di Anorthura proposto dal Rennie e usato dal Sharpe. Nel- 
l'Europa boreale vi sarebbero tre razze geografiche, leggi 
sottospecie, dello Scricciolo nostrale, cioè : la T. parvulus hir- 
teìisis, Seebohm, dell'isola di St. Kilda (Ebridi); la T. parvu- 
lus borealis (J. C. H. Fisher j delle isole Faeroer ; e la 7". imr- 
vulus bergensis, Stejn. della Norvegia. 



CINCLin^^ 

[Merli acquaioli) 



17*0. CinclUS aquaticus, Bechst (ex-Gesn.) 
Merlo acquaiolo. 

Merla acquatica, Acqua] ola comune, Merlo acquaiolo 
{Aut. Ital.) — Merlo d'éva, Pioumbin, Pioungioun, Merla 
pesquéra [Pieni.) — Merlo d'éva, Pioumba (Cuneo) — Merlo 
d'eau (Aosta) — Merlo pescou. Meri d'acqua, Meri acqua, 
Meri acquareu. Merlo ciapà, Pescamartin (Basso Piem.) — 
Fular, Foular, Meri pescadeur (Nov.) — Scannapès (Vere.) — 
Fólar, Merlo d'acqua, INIarghett (Ossola) — Merael acquareu, 
Mèri aquaréu (Varzi) — Storno o Merlo d'acqua, Merlo 



— 215 — 

acquireu {Lomh.) — Meràl d'acqua, Mèrael d'acqua {Pavia) — 
Merlo acquarci (Brescia) — Merla acquarcela {Berg.) — Merlo 
acquireu (Valt.) — Merlo d'acqua {Mani.) — Mèrol sassoèul o 
sassol (Piac.) — Mèrol de piastra (Parm.) — Mèrel d'acqua 
(Mod.) — Meri acquar (PavuUo) — Merel aquar ( Vergato, Por- 
retta) — Giarol, Meral acquarol (Boi.) — Meral marén, Giarol 
(Ravenna) — Giarol (Eomg.) — Tordo d'acqua, Merlo acqua- 
rolo (Marche) — Merlo de aqua (Ven.) — Merlo aquarolo 
( Veron.) — Mierli d'aghe (Friuli) — Merlo da acqua (Feltre) — 
Mèrlo d'aqua (Beli.) — Merlo d'acqua, dell'acqua, acquarol 
(Treni.) — Merlo acquarol (Rovereto) — Merlo dall' aga (Fassa) 
— Merlo dall'acca (Val di Non) — Kos vodar (Daini.) — 
Merlou d'aiga, o aigaiè (Nizz.) — Merlo pescau (Aì'enzano) — 
Merlo pescoù (Gen.) — Merlo d'aigua (Spezia) — Merlo acqua- 
iolo (Tose, Roma) — Merlo acquaio [Garf.) — Merlo acquaccio, 
Merlacquaccio (Lucca) — Merlo acquaccio (Quiesa) — Merlo 
pescatore (Corsica) — Mierlo o Mièrolo d'acqua (Nap.) — Merlo 
d'acqua (Campobasso) — Miedduru d'acqua (Calabr.) — Uccello 
d'acqua (Castel di Sangro) — Merlu o Merru d'acqua [Sicil., 
Pai.) — Aceddu di San Giuvanni niuru (Pai.) — Adduzzu 
o Gadduzzu d'acqua (Castelb. Madonie) — Merra d'acqua (Mo- 
dica) — Meurra de arriu, Sturru de acqua, Sturru de riu [Sard.). 

S' incontra questa specie sedentaria e non migrante in 
ogni parte d' Italia ove sono località adatte, cioè corsi d'ac- 
qua in montagna; nel forte della stagione fredda scende al 
basso, ma di rado s' inoltra in pianura. La trovai abbon- 
dante in Corsica, specialmente intorno a Corte, ma non sem- 
bra essere tanto frequente in Sardegna. Ripeto, che non 
credo sia immigrante d'oltr'Alpe in Italia, ed i casi accen- 
nati per la Lombardia (Valtellina) e per il Nizzardo (Avif. 
Italica^ 1889, pp. 251, 252), sono a mio parere spiegabili dalle 
abitudini erratiche di questo uccello nei forti geli. 

Il C. aquaticus è soggetto a variare non solo con l'età 
e per il sesso, ma anche individualmente, e tali variazioni 



— 216 — 

si palesano nelle dimensioni e più ancora nelle tinte delle 
penne, specialmente sulle parti inferiori, ove il castagno ros- 
siccio può diventare un bruno scuro quasi nero. Questo può 
sino ad un certo grado dare origine in date località ad una 
predominanza dell' uno o dell' altro caso, e forse a razze lo- 
cali. Ma, con buona pace degli « splitters », io non so per- 
suadermi che in Italia vivano varie specie di Merli acquaioli. 
Come già scrissi nel 1889, non divido l'opinione dell'amico 
Salvador! e non distinguo specificamente i Merli acquaioli a 
pancia nera iC. meìanogaster ^ Brehm.) da quelli a pancia più o 
meno rossiccia, sebbene abbia notato che la prima forma predo- 
mina in Corsica. Meno ancora ammetto come forma ben distinta 
la C. albicollis ( Vieill.) basata, ritengo, in parte su individui non 
adulti. Recentemente l'Arrigoni {Man. orn. ital. pp. 206-210) 
non solo ha riconosciuto come subspecificamente diversa dal 
Cinclus cincìus la C. cinclus melanogaster, ma accenna a se- 
parare anche il Merlo acquaiolo corso, sull'esame di un solo 
individuo, proponendo per esso il nome di C. cinclus Saps- 
worthi. Domando dove mai andremo a finire a questa stre- 
gua? Il Sharpe nel suo ultimo elenco degli Uccelli [Handl. 
of the Genera and Species of liirds, IV, p. 100. London, 1903) 
riconosce quattro forme di Merlo acquaiolo in Europa, che 
sono: il C. aquaticus, Bechst. Europa centrale ed occidentale; 
il C. britaìiìiicits, Tschusi, isole Britanniche; il C. alhicoUis, 
(Vieill.), Europa meridionale e regione circummediterranea; 
ed il C. cinclus (Linn.), Europa boreale; quest'ultima forma, 
erratica od avventizia nell'Europa centrale ed occidentale, è 
poi il C. melanogaster di Brehm e dei suoi seguaci. Io per- 
sisto a credere che quelle quattro forme non si possano se- 
parare specificamente e che si possano incontrare frammiste 
in ogni parte dell'area abitata dal C. aquaticus, cioè l'Eu- 
ropa tutta ed il lembo settentrionale dell'Africa, escluso 
l'Egitto. Onde anche una separazione meramente sub-specifica 
non è facile. 

Due almeno di queste forme s' incontrano in Italia e 
sono rappresentate da località diverse nella bella serie di 
Merli acquaioli che conservo nella Collezione italiana; sono 



— 217 — 

il C. aquaticuH alhicollis (Vieill.) ed il C. aquaticus meìano- 
gaster, Brehm ; quest' ultimo rappresentato da una razza un 
po' più piccola, ma che non credo separabile dall' uccello tipico 
della Scandinavia;, ebbe il nome di C. e. Sapsworthi, dall' Ar- 
rigoni, e sarebbe 1' unica forma vivente in Corsica; io però l'ho 
avuta anche in Toscana. Il Merlo acquaiolo della Sardegna 
pare poi essere intermediario tra le due forme sopra ricor- 
date ; venne distinto come C. e. sardu.s, Hart. In questo stato 
di cose, e anche dopo l'esarne di ricche serie di esemplari dei 
diversi tipi da ogni parte di Europa a Tring, e constatata 
la presenza di esemplari con caratteri intermediari tra le 
credute diverse sottospecie, ritengo per ora almeno difficile lo 
smembramento di questa specie nelle diverse forme proposte ; 
certamente questo è il caso per il paese nostro. 



Ji^CCENTOFtlJDJE 

{Accentori) 



l'*'!. Accentor collaris (Scop.) 

SORDONE. 

Follerà, Ciaffò, Ciaffeu, Parouèl {Pieni.) — Fola, Boulou. 
Folariga (Cuneo) — Matuna, Stornin (N'ov.) — Frison o 
Passra o Franguel d'montagna {Os'sola) — Mataròt, Materòt, 
Matellòt, Matilon [Lomb.) — Montes, Mattarott [Como, Vali.) 

— Maciùn (Morbegno) — Mataròn (Mendr.) — Matròt, Marto- 
rél (Bresc.) — Matelù (Berg.) — Surdon (Mod.) — Mattone 
[AiJjJ- reggiano) — Passra mùntanara [Boi.) — Talòco ( Ven.) 

— Matonzin, Matòn, Passera mata ( Veron.) — Talòch griso 
{Beli.) — Maton (Roveret.) — Mattón {Treni.) — Passeramatta 
{Valsug.) — Matoraccio {Pranzo, Riva) — Fineo foresto [Pa- 
dov.) — Matona {Sacile) — Passer solitari {Cividale) — Grison 



— 218 — 

da eroda {Cadore) — Talóch, Mosécca {Feltré) — Giù va {Dalm) 

— Queu rous, Follerà (Nizz.) — Turdou sarvaego (Arenzaìio) 

— Bardo, Grixiùn, Sia da coi (Gen.) — Sordone {Tose.) — 
Grottajone, Uccello della neve (Casentino) — Freddolotto (Ra- 
dicofani) — Tordo marino bastardo {Campiglià) — Gogò [Sen.) 

— Mattacchiano (Lucca) — Sassarolo {Marche) — Sordone 
(Umbria) — Chiummalorn, Chiummalora muntanara (Sicil.) 

— Ferrarli, Ferrareddu (Mess.) — Minutulu (Lentini) — Chium- 
maloru {Castelh. Mac/.). 

Vive sedentario da noi, di estate sulle alture delle Alpi 
e dell'Appennino, donde scende al piano durante 1' inverno. 
Non ne ho veduti che pochi esemplari dalle provincia meri- 
dionali della nostra penisola e conservo un maschio preso a 
Foggia il 22 ottobre 1893 (Coli. ital. Ucc. n. 3468); ma è 
sedentario, od invernale al dire di alcuni, nella Sicilia ed è 
ricordato dalla Sardegna; è stato preso all'Elba e secondo ogni 
probabilità vive sugli alti monti della Corsica, sebbene non 
sia stato citato da quell' isola. 

UÀ. collaris è specie montana e rupestre che abita 
l'Europa meridionale, è rara od avventizia nell'Europa cen- 
trale; recentemente il Tschusi ha creduto bene di distinguere 
su futili caratteri gli esemplari provenienti dai monti della 
Dalmazia e della penisola Balcanica e li designa col nome 
di A. collaris Reiseri, sebbene fossero già stati distinti dal 
Brehm col nome di A. suhalpinus. Mercè la gentilezza del- 
l'onor. Walter Rothschild ho potuto confrontare il tipo del- 
l'^ suhalpinus di Brehm *e due co-tipi dell'^. collaris Reiseri 
dello Tschusi, con quelli che conservo nella Collezione italiana, 
e posso assicurare nel modo piìi positivo che non havvi la più 
piccola differenza tra i nostri esemplari e quelli dalmati. Il 
Sordone si trova anche nell'Asia Minore e nel Caucaso ; ma 
questi ultimi vennero distinti col nome di A. collaris caucasicus 
dal medesimo Tschusi. 



— 219 — 



1*72. Accentor modularis Linn.) 

Passera scopajola. 

Magnanina, Accentore cantarino, Passera scopajola {Aut. 
Ital.) — Carbounè, Barbisa, Vittoneta {Piem.) — Moretta, 
Vitounetta, Grisareul [Ctmeo) — Buschin (Basso Piem.) — 
Morat, Tarangnel, Ucel d'jeuv coulour ciel (Nov.) — Ucel da 
jeuv CLilur ciel, Taragneul [Vigezzo] — Matèlla {Varzi) — 
Passera mattella, Morettina, Moritina, Passera da sera, Pas- 
saretta de montagna [Lomb.) — Passera matella (Pav.) — 
Matella, Passera de sces. Passera matta (Como) — Passera 
buschina, Passeretta di sces, Passera matèla, Matelina, Guina, 
Sipui ( Vali.) — Passera de sés, Moritina (Bresc.) — Matela 
(Berg.) — Passra matella (Piac.) — Morett (Parm.) — Passera 
matella o mata (Mod.^ P^g-) — Passra boscareina, Passara 
d'stopia (Boi.) — Passra d'macia [Verg.) — Pitanèlla, Passara 
buscajola (Ravemia) — Buscajol, Buscarol {Romg.) — Passera 
muta [Cesena, Forlì) — Passero boschereccio (Marche) — 
Passera frattarola {Ancona) — Morèta, Morettina, Brunèta, 
Petegola (Few.) — Negróla {Bell.) — Passare ciarandine o 
charandine, Ciarandina (^Friuli) — Moretta (Polesine) — ■ Mo- 
latola, Morétta [Treni.) — Moratola [Rovereto) — Palugàna, 
Sélega palugàna [Paclov.) — Popic' [Dalm.) — Bruna [Nizz.) 
— Eousenento (Arenzano) — Fournè, Senuella, Buschin da 
monti (Gen.) — Ferain, Ferao [Spezia) — Scopajola, Passera 
scopajola [Tosc^) — Passera scopina (Fior.) — Stipajuola, Pas- 
serina, Passera stipajola o di macchia (Pisa) — Passera bo- 
scarina (Bient.) — Stipajola [Lucca) — Passerina stipajola 
(Fucecchio) — Passera scoparina o sepajola o stipajola [Fie- 
sole) — Scopajola, Scopina (Casentino, S. Gimignano) — Pas- 
sera scopajola [Sarteano] — Passera matta (Garf. Valcli- 
ch.) — Stipaiola {Elba) — Passera macchia} ola (/. di Giglio) 



— 220 — 

— Passera sepajuola {Sen., Umbria) — Mogula (Rieti)- —■ 
Passera fura siepe (Viterbo) — Passera frattajola o vernile 
{Roma) — Chiummarola, Chiummarella, Zicco d' inverno 
{Xap.) — Facedua (Bari) — ('oddararedda (Catanzaro) — 
Guaddaruni [Reg., Calab.) — Chiummaloru (Siciì.) — Ferra- 
reddu, Carbunaru (Mess.) — Qanal salvagg {Malt.). 

Comuuissima e sedentaria in Italia, eccetto in Sardegna, 
ove sembra essere rara; infatti in oltre un trentennio io 
non vidi che due esemplari da quell' isola : un maschio preso 
il 18 febbraio 1896 a Terranuova Pausania, ed una femmina 
colta nei pressi di Cagliari il 27 ottobre 1896 (ColL ital. 
Ucc. n' 3568, 3592). Durante 1' inverno questo uccello è as- 
sai frequente sulle nostre pianure; in primavera si reca ai 
monti ove nidifica. Non pochi ci giungono d'oltr'Alpe dalla 
fine di settembre ai primi di novembre, lasciando l' Italia 
nella prima quindicina di marzo. 

UÀ. moduìaris è specie prettamente Europea, ma abita 
pure l'Asia occidentale e durante 1' inverno giunge in scarso 
numero nell'Africa settentrionale. Sarebbe forse conveniente 
separare genericamente questa specie e la seguente dalla 
precedente, perchè ne differiscono nella forma dell'ala e in 
altri caratteri; in tal caso andrebbe adottato per le due prime 
il genere Prunella di Vieillot, Sharpe ha invece adottato il 
genere Jharrhaltus di Kaup; entrambi questi generi ebbero 
per tipo 1'^. moduìaris. Però ho creduto meglio per ora la- 
sciare le tre specie unite. 



17'3. A-Ccentor montanellus (Pali.) 

SCOFAJOLA ASIATICA. 

Passera scopajola asiatica {Aut. Ital.}. 

Nella mia Avifauna Italica del 1886 (p. 147) annunziai 
con ampi particolari la prima cattura bene autenticata di 
un' esemplare di questa specie in Italia ; avvenne a S. Da- 



— 221 — 

niele presso Udine 1' 8 novembre 188-4:, e quell'esemplare, un 
maschio adulto, graziosamente cedutomi dall' amico G. Val- 
lou, si conserva nella Collezione italiana del R. Museo Zoo- 
logico di Firenze {Cat. Ucc. n. 2534). Un secondo individuo, 
femmina giovane, venne preso al roccolo dopo forte burra- 
sca, il 4 novembre 1901, a Cancello di Mizzole (Verona) dal 
conte Giovanni Cartolari, il quale lo conserva nella sua rac- 
colta (Cfr. « Avicula », VI, p. 27, Siena, 1902). Io non ho 
esaminato quell' uccello, ma non ho ragioni per dubitare del 
fatto e dell'esatta determinazione. Non posso dire lo stesso 
di un terzo individuo di questa specie che faceva parte di 
quella enigmatica raccolta che era la Collezione del profes- 
sore F. Magni-Grifi&, ove le specie le più rare sembravano 
convergere, e ora è nel R. Museo Zoologico di Roma; indivi- 
duo catturato, dicesi, in Liguria nel 1863! Più volte visitai la 
collezione Magni-Griffi, ma non vi vidi quell'^. montanellus. 
Questa specie è propria dell' N. E. dell'Asia, ma giunge 
e forse nidifica nella Russia europea orientale; la vidi co- 
mune a Pechino nell'ottobre 1866, spesso qualche esemplare 
era portato intorno vivo, legato ad uq ramoscello, da or- 
ni tofili cinesi. 



(Cincie) 



l"?-!:. Regulus cristatus, Koch ex Willugh. 
Regolo. 

Regolo, Regolo col ciuffo {Aiit. Ital.) — Gaietta, Giajet, 
Regina, Quattreuj, Damina, Borgnó, Steile d'or. Stelletta 
(Piem.) — Stella giauna {Vere.) — Testin d'or, Testin d'ou, 
Boenettin, Sisl, Reattin (Bass. Piem.) — Ugiò, Cent-rubb, 



— 222 — 

Giavanin, Usclin dal testin giald, Usel dia madona (Nov.) 

— Stellin, Uscell d' la madonna {Ossola) — Fiouransèn 
(Varzi) — Stelli, Stellin, Occ-de-bò, Oeuce de beu, Codorin, 
Stili (Lomb.) — Steli, Stili (Bresc.) — Co-d'or, Fiorancin 
{Como) — Stellin, Sizin {Vali.) — Stellen, Usellen del frett 
(Cremoìi.) — Reattin [Mani.) — Stlèn {Piac., Parm.) — Occ 
d' bo, Damina, Strlén, Galavron, Reatèn, Arietèn, Aran- 
zèn, Scricciol {Mod.) — Uslein dal fràd (Sassnoìo) — Occ'ed 
bò, Pée d' bò (Carpi) — Uslin dal fred [Finale) — Sterlein, 
Occ d' bù, Papacin {Boi.) — Stlén, San Yinzinzén (Raven.) — 
Retin, San Vicinzin, Stlin (Ronìg.) — Re degli uccelli. Capo 
d'oro (Umbria, Marche) — Re d'uccelli, Rampichino (Marche) 

— Rampinello (Ancona) — Stelin, Galéto, Ocio de bo, Ose- 
lin da la bela cresta, Papemoschin (Ven.) — Michelin, Ste- 
lin senza mostaccio (Veron.) — Repipin, Stelin (Friuli) — 
Reattin, Stellin (Polesine) — Stellin (Roveret., Trento) — 
Stellin, Lunetta, Capo d' or { Vaìsug.) — Stellim, Stellàt 
{Riva) — Stellin, Stellatin (Rendena) — Risibile (Terragnolo) 

— Reginella (Lavis) — Stelòt (Tione) — Gial de òr (Fassa) 

— Fràrle (Sette Comuni) — Papa moschin (Cadore) — Stelin, 
Cao doro (Feltre) — Pri, Repipin (Istriat — Carie', Kralj 
pimplica, Maslinica (Daini.) — Rei, Rey, Petouvin (Nizz.) — 
Testin d'ou (Arenzanó) — Reattin (Savona) — Testa d'ou (Gen.) 

— Fri-fri, Testin d'oo (Spezia) — Fiorarancino, Fiorrancino, 
Arancino (Pis., Fior., Fiesole) — Arancino (Casentino, Valdich.) 

— Capigiallo (Pisa) — Capidoro [Pisa, Garf.) — Fiorino (Lucca) 

— Regina (Grosseto) — Fiorrancio («S'è».) — Arancino, Gag- 
gia (Elba) — Reattino, Fiorrancio, Re d' uccelli col ciuffo 
{Roma) — Radaicchio ( Viterbo) — Tritillo, Schiattanculo 
(Jelsi) — Riginièllo, Cardinali«^llo, Scazzetta da cardinale, 
Regeniello, Realino, Re degli uccelli, Re d'aucielli (^ap.) — 
Re de l'acciedd (Bari) — Re de li ceddri o de li accedri (Otranto) 

— Re d'aceddi (Calabr.) — Riiddu (Sicil.) — Riiddu tupputu 
{Terran. Sicil.) — Re de li riiddi (Cai., Pai.) — Riiddu tup- 



— 223 — 

putu {Pai.) — Papazzinu [Girg.) — Topi de mata, Moschita, 
Conca d'oro {Sard.) — Zierael {Maìt.). 

Comune e sedentario in tutta Italia ; sembra però es- 
sere meno frequente nelle Marche, Puglie e Calabrie. Nel- 
l' Italia settentrionale risiede sui monti durante l'estate, ma 
qualche coppia nidifica anche in pianura ove sono cipressi 
ed altre conifere. Durante 1' inverno viaggia in piccoli bran- 
chi e tra essi ve ne hanno che giungono d'oltr'Alpe; il passo 
si effettua dalla metà di ottobre alla metà di novembre e 
dai primi di marzo alla metà di aprile. Nidifica ovunque, 
tanto nel Trentino come in Sicilia. 

Il R. cristatus è specie sparsa in tutta la regione Eura- 
sica, dalle isole Britanniche al Giappone, dalla Lapponia alla 
Tunisia, ove però è assai più scarso della specie seguente. 



l'75. Regulus ignicapillUS (C. L. Brehm in Temm.) 
Fiorrancino. 

Stella d'or, Regina, Reattin, Sisì, Boenettin, Testin d'ou, 
Testin d'or {Basso Piem.) — Ugiò, Cent-rubb, Giavanin [Nov.) 

— Stelli, Stellin, Stellin de montagna {Lomb.) — Fiocchin 
{Milan.) — Co d'or, Fiorrancin, Fiocchin {Como) — Sizin, 
Stellin {Valt.) — Steli, Stili [Bresc] — Stellen, Usellen del 
frett {Cremoìi.) — Stellin {Mantov.) — Stlèn {Piac.j Parm.) 

— Strlèn, Galavron, Reatèn, Aranzèn {Mod.) — Occ' ed 
bò, Pée d' bò {Carpi) — Uslin dal fred {Vergato) — Ram- 
pichino, Re d' uccelli {Marche) — Rampinello {Ancona) — 
Stellin, Oselin de la bela cresta (Few.) — Stellin {Bell.) — 
Stellin dal mostaccio {Veron., Treni.) — Stellin dai baffi 
{Rovereto) — Stellàt {Arco, Riva) — Capo d'or {Pergine) — 
Reginella {Lavis) — Fràrle {Sette Comuni) — Reattin, Stellin 
{Polesine) — Stelin picolo {Vicenza) — Stélin, Caodóro {Fel- 
tre) — Stelin, Repipin {Friuli) — Pri, Repipin (Istria) — 
Carie', Kralj pimplica, Maslinica {Dalm.) — Rei, Rey, Pre- 



— -224 — 

sident (Nizz.) — Reattin {Savona, Arenzano) — Testa d'ou 
znffetto (Gen.) — Fri-fri, Testin d'oo (Spezia) — Capigiallo 
{Pisa) — Capidoro {Pis., Garf.) — Fiorino {Lucca) — Aran- 
cino {Sen., Valdich., Casentino) — Fiorrancino {Fior.) — Fior- 
rancino, Arancino {Fiesole) — Arancino, Gaggia {Elba) — 
Re degli uccelli (Umbria, Rieti) — Fiorrancio, Reattino, Re 
d'uccelli col ciuffo {Poma) — Realino colla spoletta, Rege- 
niello. Cardinale, Revillo, Re d'aucielli, Regenella {Xap.) — 
Re de 1' aciedd [Bari) — Tuppiddu russu {Rossano, Cosenza) 
— Re d'aceddi {Calàbr.) — Riiddu tupputu {Mess., Pai.) — 
Re di riiddi {Pai.) — Riiddu testa russa {Castelb. Mad.) — 
Papazzinu {Girg.) — Topi de mata. Conca d'oro {Sard.) — 
Ziemel {Mali.). 

Comune e sedentario in tutta Italia ; ha le medesime 
abitudini della specie precedente, colla quale ha in comune 
molti nomi volgari. Giunge anche di passo e per svernare 
da noi, ed allora le due specie si associano spesso insieme ; 
va però notato come in alcune località il R. ignicapillus è 
meno comune del R. cristatus, e viceversa. Posso accertare 
che il Fiorrancino della Corsica, ove lo rinvenni abbondante, 
non differisce menomamente da quello delle altre regioni ita- 
liche. (GtGLiOLi, Primo Resoconto inchiesta ornit. in Italia, II, 
p. (i3G. Firenze, 1890). 

La specie presente ha una dififusione geografica assai 
meno estesa della precedente: abita tutta l'Europa al S. del 
Baltico, l'Africa settentrionale, eccetto 1' Egitto, e l'Asia Mi- 
nore, ma non si estende più ad oriente, specialmente a set- 
tentrione del Mar Nero. 



225 



IT*©. -<Egitlialus Pendulinus (Linu. ex Briss.) 
Pendolino. 

Codibugnolo di padule, Pendolino, Fiaschettone {Aut. Ital.) 

— Pendolin, Pendoulin, Gii {Pierri.) — Taschet, Pendoulin, 
Boursalin, Fiaschet {Cuneo) — Pendolin, Pendolon, Pendoli, 
Pinti, Pentin, Pèntana, Pentanin {Lomb.) — Usel di cann 
{Vali.) — Pendolon {Pav.) — Pendoli {Bresc.) — Occ da bo 
{Cremori.) — Pendolin {Mantov., Polesine) — Pendulèn {Mod., 
Boi.) — Pindulin {Finale, Mirandola) — Pindulein {Boi.) — 
Dutturin d' vali {Romg.) — Duturén {Rav.) — Pendolin {Ven.) 

— Ocio boin, Sonèto {Veì'on.) — Mulinane {Friuli) — Pen- 
dolin {Trentino) — Vjesalica {Dalm.) — Lardeiroun {Nizz.) 

— Pendulin {Gen.) — Fiaschettone {Tose.) — Fiaschetta 
{Lucca) — Codoncino, Fiaschetta {Fucecchió) — Basettino 
{Sen.) — Carrubbeddu {Sic.) — Vurzittulu {Modica). 

Pare assodato che questa specie, il più abile architetto 
di tutti gli uccelli nostrani, sia sedentaria in alcune delle 
Provincie meridionali e centrali d' Italia ; ma per mia espe- 
rienza è specialmente specie estiva che vive da noi dal feb- 
braio al novembre ; lo è certamente nelle nostre provincie 
settentrionali ; si trova iu Sicilia, ma sembra mancare in 
Corsica e nella Sardegna. Da noi sarebbe pure di doppio 
passo. E' un uccello singolarmente localizzato e perciò non 
generalmente conosciuto. 

L'^. Pendulinus abita 1' Europa meridionale e più scar- 
samente la centrale, giungendo sino alle provincie S. 0. della 
Russia ; varie specie affini vivono intorno al Caspio ed al 
Syr-daria, che pare sia il centro di diffusione di questo ge- 
nere. Nella Collezione italiana {Ucc. N. 1509) conservo un 
maschio adulto dell'^. Pendulinus ucciso a Lucca il 22 di 
aprile 1880, interessante perchè è esattamente intermediario 
nei caratteri tra gli esemplari tipici di questa specie e quelli 

15. 



— '22fì — 

deWyE. casphis, Pultzam : ha il castagno frontale che si 
estende sino al vertice, ed il petto largamente macchiato del 
medesimo colore. 

Non vedo alcuna ragione di mutare il termine generico 
e di addottare quello di Remiza proposto dallo Stejneger e 
mascolinizzato dall' Arrigoni in Bemizus ; quanto tempo si 
perde per tali inezie ! 



IT"?. A-credula ' caudata Limi, ex Gesn.) 

CODONA CAPO BIANCO. 

Codibugnolo testa bianca (Atit. Ital.) — Pintin (Milano) 

— Cua-lunga {Vali.) — Cova longa, Peruscioliua (Ossola) — 
Codona, Coatimon (Vicenza) — Ocio de bo (Few.) — Coèta 
a testa bianca (Padova) — Parùssule de code lunge (Friuli) 

— Ocio de bo (Rovigo) — Pelamonat, Caotimóu, Coe longhe 
(Rovereto) — Cotimón (Borgo) — Codimón (Calceranica) — 
Coalónga (Folgaria, Val di Ledro, Tione) — Coalongia (Dennó) 

— Parissola da la eoa longia (Fondo) — Codalonga (Primiero) 

— Finchmóso (Terragnolo). 



(1) Sarà forse v'ero che applicando rigorosamente la legge della 
priorità andrebbe adottato il termine generico yEgithalus per le Co- 
done, ma il vantaggio è nullo ed il danno evidente, perchè da lungo 
tempo quel termine è stato applicato dai migliori Ornitologi ai Pen- 
dolini. Perciò io non lo adotto, anzi lo sconsiglio ed osservo che i 
giovani Ornitologi della " Nuova Scuola „ j)Otrebbero impiegare assai 
meglio il loro tempo che non disseppellendo vecchi nomi oscuri e 
dimenticati e suscitando un vero ostruzionismo nella nomenclatura 
scientifica. Con buona pace del mio ottimo amico Stejneger, il colpe- 
vole in questo caso, vorrei sapere con quali criteri egli riferisce 
l'enigmatica Pipra / europea Herm. catturata sui monti della Sviz- 
zera e della qua!e Hermann .scrisse : *' iSi iiovnm yenus mereatur, 
Aegithalos vocai-i poterit ,, (Obs. Zool. I, p. 214. 1804), ad una Cincia 
codona (Vedi Stejjn. Proc. U. S. National Museum, 1886, pag. 382. 
Washiiìgton, 1887j ? Poteva essere ben altro uccello ! 



— 227 — 

Sappiamo ora che questa specie, di cui gli adulti si di- 
stinguono facilmente per avere la testa tutta bianca, vive 
sedentaria lungo la nostra zona alpestre ; nidifica in alto 
nei boschi di conifere, e scende al piano in autunno, errandovi 
durante l'inverno in branchetti; non giunge che casualmente 
in Liguria, al sud dell'Appennino. GÌ' individui non adulti 
si confoudouo facilmente con quelli della affinissima A. rosea. 

UÀ. caudata abita tutta 1' Europa al N. delle Alpi, ec- 
cetto le isole Britanniche, vive pure nella Siberia, ove però 
ad oriente, come nelle parti boreali del Giappone, la rim- 
piazzarebbe l'affine, seppure diversa, A. macrura, Seebohm. 
E a proposito di quest'ultima forma debbo avvertire che dai 
suoi studi recenti su un esteso materiale Hartert {Vòg. d. pa- 
Idarkt. Fatma, p. 383, Berlin, 1905) conclude che questa è 
identica alla forma o sottospecie della zona boreale della Re- 
gione Eurasica dall' Ov. all' E. ; che essa è la vera Parus 
caudatus di Linneo. Mentre l'uccello che abita la zona sot- 
tostante, inclusa la zona alpestre dell' Italia settentrionale, è 
forma diversa che egli chiama, adottando pur troppo il nome 
dell'enigmatica Pìpra ? di Hermann, A. caudatus europieus. 
Le differenze tra queste due forme nelle quali gli adulti ac- 
quistono medesimamente la testa bianca, mi sembrano nel 
testo di Hartert poca cosa, certo è che noi in Italia abbiamo 
esemplari che s' identificano con l'una e coli' altra nei carat- 
teri considerati estremi, ed altri che occupano posizioni in- 
termediarie, onde non saprei adottare la opinione del Har- 
tert. Ho poi confrontato un maschio adulto dell'^. caudata 
tipica, uccisa a Tataschew, 25 ottobre 1881, con esemplari 
nostri del Piemonte e della Lombardia, e non ho potuto 
trovare la più piccola differenza ; ho confrontato pure due 
giovani nel primo abito, colla testa fuligginosa, bianca sol- 
tanto al vertice; uno ucciso a Mòlmen in Norvegia, 22 lu- 
glio 1887, l'altro nei pressi di Sondrio, 13 maggio 1885, e 
dichiaro che sono assolutamente uguali. In ogni modo, se 
ve ne sono, le differenze debbouo essere infinitesimali. In 
Italia inoltre la faccenda si complica pei giovani rispetto 
alla forma, specie o sottospecie che sia, seguente. 



— 228 - 
IT'S. Acredula rosea Blyth.) 

CODONA. 

Codibuguolo roseo, Cincia codona {Aut. Ital.) — Tupi- 
net, Taschèt, Nani, Boutrouet, Coueta, Cie-cièc, Cassalasou, 
Mounièta {Pieni.) — Monette, Larderette (Aosta) — Puasèt 
(Alba) — Manicnje, Couva lounga {Cuneo) — Parisseura o 
Parisseua da a cua lunga, Parissuin, Cnaluuga {Bass. Pieni.) — 
Gaiofa ( Voghera) — Monaghena dia couva longa ( Varzi) — 
Coa lunga, Paruscioliua {Ossola) — Paruciola da la cuva 
lunga {Vigezzo) — Pampua (A^oy.) — Pentin, Pintin, Spe- 
ransina de la eòa lunga, Trentìn {Lomh.) — Parassin de la 
coa lunga, Pintin {Pavia) — Monachin, Cua lunga (Vali.) 

— Parascieula a coalunga. Penta, Pentin (Como) — Scoa- 
zin, Scoasi {Berg.) — Speranzi de la coa longa {Bresc.) — 
Scouasson {Crenion.) — Scoazzin (Matit.) — Podèin dia coa 
longa Ciribibl, Scoassein {Piac.) — Prisoèl {Val di Taro) — 
Occèn d' bo (Parm.) — Cotimòn, Timunzèna, Capvén, Occ 
d' bò, Quattordsin, Cóv-làngh, Timunzein (Mod.) — Spulzòn, 
Pulzòn (Boi.) — Pudalin de la coda lunga {Pomg.) — Pul- 
zon {Vergato) — Pudalén da la manélla longa {Ravenna) — 
Ocio de bo, Cotimòn, Coa longa, Parusolin, Speronzola de 
la coa longa {Ven.) — Codacin, Codacil, Codazhin, Codazhil 
{Bell.) — Parussule de code lunge {Friuli) — Pelamonàt 
{Roveret.) — Cotimóne {Trento) — tUotimón iValsug.) — Pe- 
ruzzola potasécca o coalonga (Tesino) — Pariss(')la dalla coa 
longa {Riva) — Coalonga {Giudicarie) — Coatimóu {Mori) — 
Codona, Coatimon {Vicenza) — Perussola dalla coda longa 
{Cadore) — Muiniute (Cividale) — Ocio da bo, Coeta {Ro- 
vigo) — Codonet {Sacile) — Ocieto de bo, Coéta {Padova) 

— Moneghela {Istria) — Peruska dugorepa ( Daini.) — Lar- 
deiroun, Lardeirounet {Nizz.) — Parissuin cua lunga {Aren- 
zano) — Berbexin de cua lunga {Savona, Gen.). 



229 

Come ho già detto questa specie si confonde facilmente 
cogli individui non completamente adulti della specie prece- 
dente ; VA. rosea non acquista mai la testa bianca, questo 
colore essendo limitato alle redini e penne intorno alla base 
del becco e ad una larga fascia che, orlata da due fasce 
nere, si estende dalla fronte sino alla nuca ; è alquanto più 
piccola o almeno ha le ali e la coda più brevi che non 
VA. caudata^ e mentre questa ha l'orlo palpebrale giallo, 
questo è ranciato, quasi rosso, nell'Jl, rosea. Aggiungerei, 
tra i caratteri distintivi dell'^. rosea, un fascio di macchie 
scure più o meno marcate attraverso il petto. 

Dopo questo si capisce facilmente come le due specie 
vengano spesso confuse e come avrebbero in comune i nomi 
volgari; anzi questi si applicano talvolta anche alla ben di- 
versa specie seguente. 

Per le ragioni esposte non è facile determinare in modo 
esatto in quali condizioni VA. rosea si trovi in Italia ; sap- 
piamo certamente che una Codona con caratteri simili s' in- 
contra erratica in branchetti durante l'autunno e l' inverno 
nelle nostre provincie settentrionali, specialmente quelle oc- 
cidentali; e che fa rare comparse in quelle centrali. Ma non 
sappiamo ancora in modo positivo se essa sia sedentaria da 
noi o se ci giunga soltanto per svernare, e, se cosi è, in quali 
proporzioni. Debbo però ricordare che il cav. Enrico Piccone, 
osservatore competente e coscienzioso, dichiarava nel rispon- 
dere al rispettivo quesito per l' inchiesta ornitologica in Ita- 
lia, che VA. rosea si trova nidificante nelle valli boschive, 
ai monti sopra la riviera di ponente in Liguria. Nel Canton 
Ticino, secondo A. Ghidini questa è la forma predominante ; 
ivi mancherebbe 1'^. caudata, ma vi capiterebbe VA. Irhyi. 
Infine, per complicare maggiormente il problema, debbo dire 
che casi d' ibridismo tra questa e le due specie precedente e se- 
guente sono, più che possibili, probabili ; ed io ho veduto 
individui che, per la miscela di caratteri dell'una e dell'altra, 
mi parvero evidentemente ibridi. 

In conclusione inclino ora a credere che VA. rosea sia 
assai meno frequente in Italia che non 1'^. caudata ; ed in 



— 230 — 

ciò sono lieto di trovarmi d'accordo coll'Arrigoni. Del resto 
le due sono affine assai. 

h^A. rosea è la Codona propria alle isole Britanniche ; 
si trova in Francia, nei Paesi Bassi, nella Germania occi- 
dentale e, pare, oltre l' Italia, nella parte N. della penisola 
Balcanica. 



l'79. Acredula Irbyi, Sharpe e Dresser 
Codibugnolo. 

Codibugnolo, Codibugnolo terrestre, Codibugnolo grigio, 
Cincia codona {Aut. Ital.) — Scouasson, Couett (Cremoìi.) — 
Scoassein (Piac.) — Ocio de bo, Coeta, Cotimon, Coa longa, 
Parussolin, Speronzola de la coalonga (Ven.) — Occ ad bò 
(Cesena, Forìì) — Cilicchia coda lunga, Perluccia codona {Marche) 
— Padulèn da la manélla longa {Boi.) — Pennanculo, Schiattan- 
culo (Umbria) — Pajainculo, Sporca-painoni (Viterbo) — Lar- 
deiroun (Nizz.) — Carcassùco {Spezia) — Penninculo, Cincia co- 
dona (Pisa) — Codibugnolo, Lanciabue, Codolo, Codoletto 
{Fior.) — Codilungo (Sen.) — Paglianculo {Sen., Roma) — 
Codazzola (Lucca) — Paglinculo (Garfag.) — Fiaschetta (Ca- 
sent.) — Codibugno (Fucecchio) — Cotibugnolo (S. Gimigìiavo^ 
VaMich.) — Pennenculo (Rieti) — Parrelluccia a coda longa 
(Nap.). 

Specie ben distinta, di tipo diverso dalle due precedenti; 
è sedentaria e comune nell'Italia peninsulare, ma vive anche 
sedentaria e frequente nel Veneto, fatto accertato dal conte 
A. P. Ninni nel 1889; e giunge più scarsamente nella Lom- 
bardia e nel Piemonte. Trovasi all'Elba ed è frequente e 
sedentaria in Corsica, ma sembra mancare nella Sardegna; 
vidi però nel Museo Zoologico universitario di Cagliari 
un' esemplare di questa specie, ma la sua provenienza era 
dubbiosa. Manca nella Sicilia, ove è surrogata dalla specie 
seguente, colla quale rimase confusa sino a quattr' anni fa. 



— 231 — 

Dopo questo fatto sarebbe interessante non solo fare più 
minuziose ricerche in Sardegna, ma confrontare esemplari 
dalla Corsica con quelli del continente italico, il che con mio 
rincrescimento non ho sinora potuto fare, giacché durante 
la mia prima gita in quell' isola incontrai più volte bran- 
chetti di Codibugnoli nelle foreste lungo 1' interno, ma non 
ebbi agio di raccoglierne qualche esemplare. 

Da esemplari che ho veduto e che conservo nella Col- 
lezione italiana provenienti dal Piemonte, pare accertato il 
caso di ibridismo tra questa specie e VA. caudata o A. rosea 
che sia ; ricorderò specialmente una femmina uccisa nei din- 
torni di Torino 19. X. 1884 (Coli. ital. Cat. Ucc. n. 2436), la 
quale avendo tutti i caratteri di un A. caudata non adulta, 
meno le dimensioni notevolmente minori, ha la parte infe- 
riore del dorso bigio. 

UÀ. Irhyi, vive pure nella penisola Iberica e nel mez- 
zodì della Francia. 



180. Acredula sicula, Whitaker 
Codibugnolo siculo. 

Pinnazzola o Pirnizzola cuda longa (Mess.) — Munachedda 
cuda longa, Pirnizzola cuda longa {Castelbuono, Madonié). 

Questa bella specie è certamente affine, ma ben distinta 
dall'^. Irhiji, colla quale venne confusa dal Doderlein e da 
me; è vero che io non ebbi in passato occasione di avere 
in mano esemplari del Codibugnolo dalla Sicilia, onde non 
potetti fare un confronto tra essi e quelli del continente, 
ove a Taranto ed in Calabria trovasi indubbiamente la spe- 
cie precedente. 

UÀ. sicula venne descritta e figurata dal carissimo 
amico mio cav. J. 1. S. Whitaker [Bull. B. 0. C. XI, p. 52. 
1901. « Ibis », 1902, p. 54, pi. II), il quale me ne favori 
tre esemplari per la Collezione italiana. Essa sarebbe asso- 
lutamente confinata alla Sicilia, ove vive sugli alti monti 



— 232 — 

boschivi (Madonie) e nel noto Bosco della Ficuzza; i miei 
esemplari sono da questa località e dal Monte Aspro (Ma- 
don iej, presi nell'aprile e nell'ottobre 1901. E la più piccola 
delle nostre Acredula. 

Arrigoni {Mati. orn. ital. pp. 178-183) considera le tre 
ultime specie nostrali di Acredula come mere sottospecie 
deir^. caudata; opino che accettando tale modo di vedere 
sarebbe stato più logico dividere le quattro forme due a due 
in due gruppi. 



181. Fanurus biarmicus Limi. 

Basettino. 

Mustacchino, Cinciallegra co'mustacchi, Basettino {Aut. 
Ital.) — Ussarin (Lomb.) — Todeschin, Ussarin, Ungaresin 
{Milano) — Parascieula di baffi (Como) — Usserin iMaìit.) 

— Canari russo, Mostacì [Bresc.) — Ungarès Tudeschèn, 
Mustachin {Mod.) — Bafiet, Baffiat (Boi.) — Barbetta {Fer- 
rara) — Dottore, Parozzolino barbato, Pudachén da i bafi 
[Ravenna) — Organèto, Sonèto, Ussarin, Mustacin, Mondo- 
novo, Canarèla, Sio de canòra {Yen.) — Gei boini, Mustachin 
{Veron.) — Ebreeto, Mustacin, Soneto, Organèto de la China 
{Rovigo) — Mulinane {Friuli) — Mostaccin, Parissola coi 
baffi {Irent.) — Lardeiroun, Lardiera a moustass {Nizz.) — 
Parisseua mustascetti [Gen.) — Basettino {Pis.} — Codone 
( Vecchiano) — Codoncino (Bient.) — Cannajola comune {Sen.) 

— Monachina {Chiudi) — Mustacciello [Nap.j — Pispisè 
{Sicil.) — Vicinzedda {Mess. Cat.). 

Questa graziosissima Cincia è sedentaria ed abbastanza 
sparsa in Italia; ma non può dirsi comune, essendo assai 
localizzata in colonie staccate, le quali colle bonifiche dei 
terreni paludosi coperti da fitti canneti che predilige, ten- 
dono a scomparire, in modo che vi sono località dove si 
trovava sempre e copiosa alcuni anni la e ove si cercherebbe 



— 233 — 

invano oggi. Esistono tali colonie del P. hiarmicus nella 
Lombardia, più ancora nel Veneto, nell' Emilia, in Toscana 
(quivi si trova nelle paludi di Valdichiana, ove, una volta 
numerose, tendono ora a scomparire come sembra accadere in 
quelle di Massaciuccolij, nelle paludi Pontine, in Calabria nello 
Stagno Burrazzo presso Cotrone ove il march. A. Lucifero 
ebbe i nidiacei il 15 giugno 1892, ed in Sicilia, ove sarebbe 
scarsa nel Messinese ed a Lentini ; altrove fa comparse acci- 
dentali. Manca in Sardegna e, pare, in Corsica. 

Il P. hiarmicus trovasi nell' Europa meridionale e cen- 
trale, incluse le isole Britanniche; nella Russia orientale ed 
attraverso l'Asia centrale e boreale sarebbe surrogata dal- 
l'affine P. sibiricus (Bp ). Recentemente {Ornith. Jahresb. XV 
p. 228) ir Tschusi ha creduto di poter distinguere il Baset- 
tino dell' Italia, Francia meridionale e Spagna, da quello del- 
l'Europa centrale, dandogli il nome di P. hiarmicus occidentalis. 

Negli ultimi rimaneggiamenti del « Systema Aviu;a » , 
il genere Panurus è stato staccato dalle Parid.e e collocato 
insieme alle Suthora (che sono pure Cincie), Paradoxornìs ed 
altri nella famiglia eteroclita delle Timeliid^e, vero « rifugium 
peccatoì'um » di Passeres Acromyodi eterogenei ! 



18S. Parus major, Linn. ex C4esn. 
Cinciallegra. 

Spernuzzola, Cinciallegra maggiore, Cincia grossa, Pa- 
rizola [Aid. Ital.) — Testa-moura, Testa-neira, Cibibi, Ciri- 
bibi, Ciribirì, Ciribiù, Scinsoula, Parussina, Cassalàsou, Liarì 
(Piem.) — Téta neira (Aosta) — Ciaret, Cinciaretta {Alba) — 
Lerda (Piner.) — Pitavia grossa (Cuneo) — Scingherna (alto 
Canavese) — Paruciola gialda ( Vigezzo) — Prussa grossa ( Vere.) 
— Priséura, Parisinna, Parisinn-a, Parisseaa, Parisseura, Pa- 
rusin {Bass. Piem.) — Parusciola, Perusciola (Ossola) — Pa- 
rasseula ( Voghera) — Parazeura , Parasséura ( Vigev. alta 
Trehhia) — Parasséula (Pavia) — Tacassù (Bass. Lomb.) — 



— 234 — 

Testa néigra {Vm'zi) — Parasceula, Parasceura, Sparasceula, 
Sparascenra, Parasseura, Parussola, Speranzina {Lomb.) — 
Parisceiila {Mendr.) — Parascieula. Parasciòl {Vaìt.) — Spe- 
ransina (Bresc. Mani.) — Paishola (Berg.) — Parassola [Ore- 
mo7ì.) — Podein gross, Podein (Piac.) — Sparranzèii {Parm.) 

— Par iinzèna grossa, Parunzèn, Bugègla (Mod.) — Parunzein 
(Pavullo) — Paronzein (Vignale) — Pagoncina (Pieve) — Pa- 
runzina {Finale) — Parunzeina {Carpi) — Sparunzeina {Cor- 
reggio) — Pudachin, Pudalin (Ronig.) — Parlunzèu (Cesena, 
Forlì) — Pudachén (Ravenna) — Caponera, Perluccia, Cilic- 
chia, Cilicchione (Marche) — Buigla, Puigla, Puigula, Poli- 
gola (Boi.) — Paranzino (Vergato) — Perlucciola, Spernuzzola 
[Sinig.) — Capunera {Rieti) — Cilicchia (^wcowa) — Cinichiotto, 
Caponera (Umbria) — Perussola, Parussola, Speronzola (Ven.) 

— Parossola, Speronzola, Zifòtola, Potaseca (Veron.) — Pe- 
russola, Potasèca (Bell., Vicen.) — Zerpignòla (Oderzo) — 
Paruzzola, Sparuzzola, Ciuciribin, Cinciaribin (Polesine) — 
Parussule, Parussulatt (Friidi) — Parissóla grossa (Rover. 
Riva, Val di Fiemme) — Parissóla, Parizóla (Trent. Val di 
Non, Val di Sole, Mori, Giudicarie) — Parussola (Valsugana) 

— Caledrina fincarélla, Parissóla carbonéra, Barinciola (laZ 
di Ledro) Perùzola finca (Tesino) — Parussa (Cenibra) — 
Perussola bona {Borgo) — Parissoela (Tenno) — Parissóla 
granda (Benno) — Marinzola (Avio) — Parissóla doppia 
[Osanna] — Capucina granda (Rendena) — Cinciara, Beduina, 
Fuffignòn, Finfignòn, Sparussola (Padov.) — Peruzhola, Zber- 
pignola (Feltre) — Parussola granda (Cadore) — Cinciribin 
[Rovigo) — Parussoloto (Istria) — Peruska, Cvinjak, Tamplir 
(Daini.) — Lardiera, Lardiera mouneghetta {Nizz.) — Pariz- 
zina (Altare) — Parisseua [Gen.) — Perissèa (Spezia) — Pu- 
ticchia grossa, Capinegra, Cincia, Cincia grossa (Pis.) — 
Potazzina, Perlina, Potazzina grossa, Parlina, Sparlina (Val- 
dich.) — Perlina [Foiano) — Perlonza capinera, Cingallina 
reale i Sarteano) — Cingallina [S. (limignano) — Cinciallegra, 



— 235 - 

Capinera {Fior., Sen.) — Cincera {Bient.) — Cincina, Cinci pa- 
iola {Lucca) — Fiaschetta {Casentino) — Sperlonzina (Chiusi) 

— Cingallegra, Cingallina, Perlonza grossa [Seìi.) — Cincin- 
pottola {Fior.) — Capinera {Corsica) — Caponera, Cincia, 
Spernuzzola {Roma) — Parrella {basso Garigliano) — Par- 
rella, Parrellone, Parrella trentacinqne, Trentacinche, Tren- 
tacinco {Nap.) — Capinera {Campobasso) — Cinciallegra, Ca- 
pignora {Bari) — Farlangói gentile, Pirlingói, Moniceddra, 
Monaceddra {Terra d'Otranto) — Calorie {Rossano, Cosenza) 

— Pirruzzedda, Fici-ficì, Cicarella {Calabr.) — Vicinzedda 
{Sicil.) — Vincinzedda, Pinnazzola, Pirnizzola {Mess.) — Faj- 
cuddu, Fusuddiu {Cat.) — Primavera {Sirac.) — Furticchiu 
{Polizzi) — Chiavitteri, Cirincià {Terran. Sicil.) — Papauzicu 
{Modica) — Carrubbedda {Castrog.) — Munachedda {Castelò.) 

— Munaconi {Cefalù) — Chiaveteri, Cirlinciò (Girg.) — Cirin- 
ciò, Sferracavaddu, Munacedda {Sicil. Paler.) — Caponero, 
Capiti! moni, Ogu de boi, x'^ccuzza ferra {Sarei.) — Parisseu 
{Carloforte, Sard.) — Fiorentin {Mali.). 

Comuni ssima e sedentaria ovunque in Italia sul conti- 
nente e sulle isole; accidentale a Malta. Viaggia col volgere 
delle stagioni dal monte al piano, ove nell'autunno e nell' in- 
verno diventa erratica, insieme a non pochi che giungono 
d'oltr'Alpe a svernare da noi ; quest' ultimi arrivano tra il 
settembre e l'ottobre e partono o ripassano nel marzo. 

Il P. major varia alquanto nella intensità delle tinte e 
specialmente nel giallo delle parti inferiori e ciò anche in- 
dipendentemente dal sesso e dall'età, ma questo non costi- 
tuisce spesso che un carattere individuale ; è anche assai sog- 
getto ad albinismo parziale od assoluto. 

Tenendo presente questa marcata tendenza alla varia- 
zione, dobbiamo pure ammettere che questa specie sembra 
presentare alcune razze geografiche che ponno costituire 
delle vere e proprie sottospecie. Però nel cercare di separare 
e di definire queste ci vuole molta prudenza e larghissima 
esperienza. Io, lo dico francamente, non ho la fortuna di pos- 



— 236 — 

sedere lo spirito iperana litico del mio carissimo amico Ernst 
Hartert, il quale mi pare esageri nello smembramento delle 
specie non tenendo, credo, in sufficiente conto il ciclo delle 
variazioni individuali ; è appunto per ciò che non so seguirlo 
spesso nella sua fertile creazione di sottospecie. A riguardo 
del P. major egli riconosce, oltre la forma tipica sparsa in 
tutta l'Europa continentale, e che è quella del continente 
italico: una P. major Neidoni, Prazàk, delle isole Britanni- 
che; una P. major excelsus, Buvry, dell'Africa settentrionale; 
ed una P. major corsus, Kleinschm. ; non cito le varie sot- 
tospecie asiatiche le quali hanno minore interesse per noi. 
Non è così invece per la sottospecie detta P. major corsus, 
distinta dallo Kleinschmidt, che sarebbe la Cinciallegra della 
Corsica e della Sardegna e si distinguerebbe per dimensioni 
alquanto minori, pel colorito in generale meno vivace ed 
ancora per avere la macchia bianca delle gote meno estesa; 
il giallo poi delle parti inferiori assume sui fianchi una tinta 
decisamente verdognola. Ma tali lievissimi tratti distintivi 
sono essi costanti? Intanto ho dinnanzi un maschio adulto 
da me ucciso presso Corte (Corsica) 4, X. 1889 (Coli. Hai. 
Ucc. n. 3207) che è un tipico P. major corsus ; mentre un 
altro maschio adulto ucciso a Sassari (Sardegna) 20 IX. 1904 
{Coli. ital. Ucc. n. 4025; è simile molto alle nostre Cincial- 
legre continentali; ha però lo spazio bianco sulle gote più 
ristretto. 

A Tring lo scorso giugno ho esaminato otto altri esem- 
plari di questa forma isolana, uno dalla Corsica e sette dalla 
Sardegna e non ho potuto che confermare quanto ho detto 
sopra. Per ora però credo meglio non accettare in modo deci- 
sivo la separazione subspecifica delle Cinciallegre corse e 
sarde, pure ammettendo che una tale distinzione si va de- 
lineando e che potrà nel seguito accentuarsi in grado mag- 
giore. 

Il P. major come specie abita la metà occidentale della 
Regione Eurasica con sottospecie incipienti qua e là. 



— -237 



183. Parus ater, Linu. ex Cxesn. 
Cincia mora. 

Cinciallegra minore, Cinciallegra bruna, Cincia roma- 
gnola {Auf. Ital.) — Testa-moura pcita, Capussina (Pieni.) — 

— Petite larderette (Aosta) — Cassalàsou gris {Brà) — Gap- 
nèger {Aito Canavese) — Testa neira, Pitavia mora, Pitavia 
carbounera {Cuneo) — Parisseura, Parissurin, Parissuin {Basso 
Piem.) — Trentarola, Cavalonghia (Nov.) — Ciuecin, Gigin, 
Ciccina {Lomb.) — Tui-cì, Parasseula d' montagna (Pav.) — 
Parasciolin, Tiiiccin, Ciuecin L1//Z.) — Sitsè, Siitsè (Lecco) — 
Parasciolina (Como) — ■ Parasciulin de mnnt, Parasciolin de 
muntagna, Parasciolin, Moneghin [Valt.) — Zizzovin (3Iendr.) 

— Ciuacina, Cinici {Valtromp. Bresc.) — Montagnì, Monta- 
gnina {SebÌ7io, Bresc.) — Ciciòl (Garda) — Speranzi (Val 
Sabbia) — Ciiiina, Speransineta todeschina (Bresc.) — Paishòla 
piccola, Gigia, Citiici, Ciùlici {Berg.) ■ — Ciben, Tsiben, Ciuina 
{Cremori.) — Ciùina (Mani.) — Fratèn, Fratazèn, Bugègla 
{Mod.) — Paronzeina (Vignale) — Parunzeina cineina [Fa- 
cullo) — Pagoncina [Pieve) — Surèina, Fratezzein, Fraten 
(Boi.) — Cilicchia greca (Marche) — Cilicchietta greca (An- 
cona) — Podacchein (Cesena, Forlì) — Parussola de monte, 
Parussola mora, Ziffotola mora ( Ven.) — Parussola piccola, 
Speronzola mora, Sifotola mora (Veron.) — Parussola todesca 
(Bell.) — Paruzzolin, Cinciaribin senarin {Polesine) — Parus- 
sole mate (Friuli) — Ciciol (Eoveret.) — Parissóla piccola, Pa- 
rissoletta, Parissolin (Trento) — Sparussolin (Padov.) — Pe- 
rùzola (Tesino) — Parissóla o Perùssola mata (Cavalese) — 
Parissóla picciola (Val di Non e di Sole) — Ciciò (Riva) — 
Cupucina (Rendenà) — Cicciòl, Parisolèta (Avio, Lavis, Tione) 

— Parissóla scempia (Ossana) — Ciciòlét (Tenno) — Piza- 
ghé (Primiero) — Spizaghè (Fassa) — Tzutzói (Mezzolomb.) 

— Wutschakà, Wuksakè (Laserna) — Montagnola ( Vicenza) 



— 238 — 

— Perussola da cheba, Peruzzola tedesca {Cadore) — Peru- 
zhola negra, montagnazha o tedesca (Feltre) — Cinciribin 
{Rovigo) — Lardeiroun negre, Lardiera (Nizz.) — Parizzina 
bastarda {Altare) — Mouneghetta {Savona) — Parissuin, Meza 
parisseua {Gen.) — Perissèa {Spezia) — Cincia romagnola, 
Cinciallegra minore, Cincia mora {Tose.) — Capinera piccola 
{Casentino) — Mattorella {Garf.) — Cincina {Lucca) — Cincia 
nera {Valdic.) — Carbonara {Xaj).) — Munacedda, Oculinienchi 
(Sicil.) — Pinnazzola, Pirnizzola {Mess.) — Munacedda di pir- 
tusu o di voscu {Pai.) — Caponero, Accuzzaferru {Sard.). 

Questa specie è sparsa ed abbastanza frequente in Ita- 
lia e nelle nostre isole, ma predilige i monti, ove nidifica, 
e soltanto con forte freddo scende e diventa erratica in bran- 
chetti al piano; così quest' ultimo inverno (1904:-1905) ne ho 
veduto dei branchetti intorno a Firenze, sul Viale dei Colli, 
cosa che non avevo osservato mai, ma abbiamo avuto una 
stagione rigida prolungata assai. Il P. ater giunge da noi 
anche di passo e per svernare, talvolta in abbondanza straor- 
dinaria; ciò avviene d'autunno, specialmente nelle nostre 
Provincie settentrionali; in quelle meridionali non è tanto 
frequente. Nella Sicilia, secondo Benoit e Doderlein, è seden- 
taria, ma scarsa ai monti ; è così in Sardegna e Corsica. 

Questa specie, come tante, presenta una certa variabilità 
nel colorito, e ciò si osserva specialmente sul dorso ove le 
penne di un bigio-ardesia mostrano spessissimo nei nostri 
esemplari, ora più ora meno, una lavatura di olivastro, tinta 
che è accentuata sulle penne dorsali inferiori e del groppone. 
È tale carattere, forse più marcato e più costante, che ha 
fatto ritenere per sottospecie distinta la Cincia mora delle 
isole Britanniche, che ebbe il nome di J\ ater britanniviis, 
Sharpe e Dresser; ed è ancora su tale carattere che è stata 
recentemente distinta la Cincia mora della Corsica e della 
Sardegna, detta P. ater sardus, Kleinsclim. La forma tipica, 
P. ater ater, L. dei trinomisti, non dovrebbe avere traccia di 
olivastro sul dorso, ma questo in modo assoluto e sotto ogni 



— 239 - 

incidenza di luce, non si può dire; ho davanti a me una Cin- 
cia mora proveniente dalla Pomerania la cui schiena è lavata 
di olivastro in grado assai maggiore che non in molti esem- 
plari italiani. Ed a Tring lo scorso giugno ho esaminato 
sei esemplari della ritenuta P. ater sardus, due dalla Cor- 
sica e quattro dalla Sardegna, ed invero non seppi trovare 
in essi differenze apprezzabili colla nostra Cincia mora con- 
tinentale. 

Mi domando dunque se è lecito mantenere le due sotto- 
specie sovra menzionate? A proposito della variabilità di que- 
sta specie benissimo si è espresso Hartert (Vòg. d. paldarkt. 
Fauna, p. 357), ma poi egli mantiene distinte dalla tipica 
le due forme citate ; per non menzionare non poche altre 
asiatiche ed africane, che talvolta però meritano davvero il 
rango di specie. 

Il P. atei' ha una larga diffusione in Europa e nell'Asia 
boreale; recentemente le Cincie more di Cipro (P. cypriotes, 
Dress.) della Crimea (P. Moltchanovi, Menzb.) per non citare 
quelle dell'Asia settentrionale centrale e orientale e dell'Africa 
settentrionale sono state trovate distinte. Non vedo ragione 
alcuna per accettare il genere Periparus di cui sarebbe tipo 
la presente specie. 



184. Cyanistes caeruleus iLiun. ex Bell.i 
Cinciarella. 

Cinciallegra piccola turchina, Cinciallegra cerulea. Cin- 
ciarella {Aut. Ital.) — Cincia, Testa bleu, Testa-moura bleu o 
savojarda, Pruccia bleu, Lerda bleu o pcita {Piem.) — Ciri- 
bibi {Saluz.) — Parussinna (Cuneo) — Larderetta bleu (Aosta) 
— Prussa pcita de mountagna, Prussa molinera, Sbouta 
{Vere.) — Prisola, Parisseura, Parissurin, Parissuin celeste 
{Basso Piem.) — Mounaghena {Varzi) — Parusciola molinera, 
P. quarantina (Nov.) — Paruciola celeste {Vigezzo) — Moni- 
ghina (Ossola) — Mornireu, Speransina, Molinerina, Mone- 



— 240 — 

ghin color d'ari, Monighela, Monighin (Lomb.) — Monichella 
{Pav.) — Moneghella, Parascieula matèla (Como) — Mone- 
ghetta {Mendr.) — Munegheta, Mnneghina, Parasciol ( Vali.) 

— ]\Iolinerì, Molinerina (Bresc.) — Moneghina {Berg.) — Mou- 
lineren [Cremon.) — Fratin iMantov.) — Fratazèn, Cele- 
stein [Piac., Parm.) — Surèna, Bibi-zal, Parunzèna (Mod.) 

— Sureina (Carpi) — Surina (Finale) — Frattazzein, Ro- 
spedin, Fratocc, Fratin [Boi.) — Paranzin piccol (Verg.) — 
Surèna {Romg.) — Perluccetta, Perlin, Cilicchietta, Cilicchia 
turchina (Marche) — Perluccino (Ancoìia) — Fratin, Cinciri- 
bin, Parussolin (Ven.) — Pelaton, Speronzolin celeste, Cin- 
cibin (Veron.) — Frarùtol (Bell.) — Fratin, Celestin, Cinci- 
ribin (Polesine) — Parussolin (Friuli) — Parissola piccola, 
Molinarella, Parissola turchina, Parissoletta, Molinera (Rove- 
ref.) — Molinarella (Trento, Flemme, Valsug.) — Perùzola mo- 
linàra (Tesino) — Parisola molinera (Mori, Riva) — Caledrina 
molinera (VaJ di Ledro) — Perussola turchignola (Cadore) — 
Peruzholin (Feltre) — Parussoléta, Parussola montagnola 
(Padov.) — Celestin (iRovigo) — Parussolina (Istria) — Cvinj- 
cic, Tampliric, Modruljca (Dalm.) — Lardeiroun (Nizz.) — 
Berbexin (Gen.) — Perisseta, Perissuin (Spezia) — Puticchia, 
Cincia, Cincino (Pis.) — Cincia piccola. Cinciarella, Cincia 
puticchia (Pis., Fior.) — Potazzina, Perlonga piccola (Sen.) — 
Potazzina, Perlina o Spallina piccola (Valdich.) — Cincinina 
(Lucca) — Cincia turchina (Fiesole) — Capinera piccola, Cin- 
cina (Casent.) — Perlonzina, Cincia, Cingallina piccola (Sar- 
teano) — Topposa (Rieti) — Sturzapridi (Corsica) — Capoce- 
ciera, Cinicchia (Umbria) — Capocecciola, Speronzola (Roma) 

— Parrelluccia, Zerepella, Parrella blu (Nap.) — Pizzolamenua 
(Puglia) — Perrella (Avellino) — Capotorchiuo (Barletta) — 
Caponèccia ( Vitolano) — Farlong(')i, Pirlingói, Ciciarra, Ci- 
ciarredra (Terra d'Otranto) — Cicarrella (Calabr.) — Per- 
ruzza (Villa >S'. Giov. Calabr.) — Forgiare, Pipitrolla, Pipi- 
truda, Peruzzedda (Reggio Calabr.) — Parraccina, Susuddiu, 



— 241 -^ 

Sagnacavaddu {Sicil.) — Pirnizzola, Mancialiva, Mancia-alivi 
{Mess.) — Fusuddiu {Sirac.) — Munachedda {Castelh., Mad.) 
— Furticchiu [Polizzi) — Accuzzaferru [Sarei.]. 

Frequentissima e sedentaria quasi ovunque in Italia, 
comprese le isole; il suo numero però ingrossa durante l'in- 
verno per l'arrivo d'immigranti dal nord, questi giungono 
in settembre-ottobre e partono in febbraio-marzo. 

Anche nel C. cceruleus la variabilità individuale nelle 
tinte del colorito ed alquanto nelle dimensioni è notevole; 
ma havvi pure in questa bella specie una marcata tendenza 
alla formazione di razze geografiche ossia sottospecie; none 
però sempre facile il definire queste, le cui aree di diffusione 
talvolta si sovrappongono e tra le quali ibridismi non sono 
improbabili. Hartert nel suo studio recente su queste forme 
( Vog. d. palciarkt. Fauna pp. 347 352) è stato al solito ge- 
nerosissimo ; tacendo delle esotiche, egli riconosce oltre la 
forma tipica in Europa quattro sottospecie distinte. Due di 
queste soltanto hanno però un'interesse più immediato per 
noi ; e, con un parallelismo singolare colla specie precedente, 
si tratta della forma speciale alle isole Britanniche C. cce- 
ruleus ohscurus, Prazàk e quella che sarebbe la forma re- 
sidente in Corsica ed in Sardegna, C. ccerideus ogliastrce 
(Hartert); ed il parallelismo si mostra ancora nel modo in 
cui queste due forme differiscono da quella tipica e tra loro 
si rassomigliano ! 

La C. cceruleus ogliastrce, recentemente descritta da Har- 
tert (Vog. d. palciarM. Fauna, p. 849. Berlin, 1905), — a 
Tring lo scorso giugno ho potuto esaminare il tipo, — si 
distingue dalla forma tipica non solo per le tinte più oscure 
e le dimensioni alquanto minori, ma per avere il bianco 
frontale assai meno esteso; se ulteriori osservazioni confer- 
mano ciò, la riterrei anch' io una sottospecie distinta ; da 
quella britannica differisce per lievi caratteri nelle dimen- 
sioni del becco e nel colorito; è un caso, ripeto, molto si- 
mile a quello del P. major corsus, ma mi sembra meglio 
definito. 

16. 



— 242 — 

Nella Coli. ital. {Ucc. n. 3758; ho poi una femmina da Ro- 
vereto, 4 dicembre 1889, notevolmente pallida sopra e sotto. 

Il C. cceruleus è sparso in tutta Europa, giacche anche 
la forma tipica giunge nelle isole Britanniche e nella Sar- 
degna; nella penisola Iberica vi sarebbe pure, secondo Har- 
tert, una sottospecie distinta, che si avvicina alla C. cceru- 
leus ultramarinus, Bp. dell'Africa settentrionale; mentre in 
Russia trovasi la C. cceruleun Pleskii, Cab. che ha l' aria di 
essere un' ibrido colla specie ben distinta C. cyanus (Pali.), 
la cui presunta comparsa in Italia non ha ancora avuto, per 
quanto a me consta, valida conferma. 

E per finire dirò che non meno di quattro sottospecie di- 
stinte del C. cceruleus si trovano sparse tra le isole Canarie. 

185. Foecile palustris (Linn. ex Gesn.) 
Cincia bigia. 

Cinciallegra cenerina. Cinciallegra palustre, Cincia bigia 
{Aut. Ital.) — Capussina {Pierri.) — Testa neira [Basso- Pieni.) 
— Fratin, Noneta (Cuneo) — Paruciola grisa (Vigezzo) — Pa- 
rusciolina, Parusciolina grisa, Parusciolin [Nov.) — Parusciola, 
Parusciolina {Ossola) — Moneghin [Lomh.) — Parasciulin de 
munt, Pariisc {Valt.) — Moneghina, Parasciculina {Como) — 
Parasseulin (Pac.) — Ciùina d'oi, Speransineta de le basse 
{Bresc.) — Ciben (Cremon.) — Sorétta {Piac. Parm.) — Parun- 
zèna {Mod.) — Fratein {Sassuolo) — Paronzein (Vignale) — 
Cineina, Sureina (Pavullo) — Pudajola (Mirandola) — Fra- 
tèn, Fratazèn, Bibì nègher (Peggio E.) — Fratocc, Baffiet 
(Boi.) — Parùssola mora, Parùssola montagnola^ Parùssola 
foresta, Cinciribin senarin, Parussoleta capussina, Peruzolin 
col capusso ( Yen.) — Speronzola de vai ( Veron.) — Cinciribin 
senarin, Paruzzolin senaris [Rovigo) — Parùssola de la calóta 
{Bell.) — Parussole grise (Friuli) — Parissola montagnera o 
montanina ilioveret.) — Peruzz(^la ghée [Tesino) — Zizigh»*e 
(Cavalese) — Lardiera {Nizz.) — Parisuetta {Arenzano) — Mu- 



— 243 — 

neghetta (Gen.) — Cincia bigia, Cinciallegra cenerina (Tose.) 

— Cincina {Lucca) — Capinera grigia {Casentino) — Cingal- 
lina palustre iSen.) — Moretta di macchia (Appennino pistoiese) 

— Caponera ( Umbria) — ? Passero i canne {Nap.) — Muna- 
cedda testa niura {Sicil.) 

Sedentaria e sparsa in Italia, ma non abbondante, ec- 
cetto in talune località come nei dintorni di Torino, di Cre- 
mona, nel Veneto e in alcuni distretti della Toscana; pare 
essere scarsa nella Bassa Italia ; in alcune provincie è più fre- 
quente nell'autunno e nell' inverno. Non è citata dalla Corsica, 
manca, pare, in Sardegna ed è scarsa invernale in Sicilia. 

Sarebbe specie generalmente distribuita tanto nell'Eu- 
ropa come nell'Asia temperata; ma essendo alquanto varia- 
bile, essa è stata una delle maggiori vittime dei moderni 
fattori di « sottospecie » più o meno valide, ed oggi la 
vediamo divisa in non meno di sei forme, compresa la ti- 
pica, nell'Europa e sette nell'Asia. Le prime ebbero i nomi 
di P. palustris paìustì'is, L. Scandinavia e provincie Balti- 
che; P. p. stagnatilis^ Brehm, S. E. Europa; P. p. commu- 
niSj Baldenst. Europa cantrale E.; P. p. longirostris^ Klein- 
schm. Europa centrale 0.; P. p. Dresserij Stejn. isole 
Britanniche; P. p. italicus, Tschus. e Hellm. Italia. Questo 
è il verdetto ultimo di Hartert {Vog. d. palàarkt. Fauna 
pp. 370-374), ed è un numero ridotto, riveduto e corretto. 
Hartert mi favorì a Firenze nello scorso aprile (1905) e 
studiammo insieme le Cincie bigie italiane col risultato che 
vennero riconosciute appartenere ad una sola forma, cioè la 
sottospecie detta appunto P. palustris italicus; mentre se- 
condo i precursori di Hartert erano almeno quattro! E sin 
qui io mi trovo in perfetto accordo coli' amico Hartert. Ma 
sono poi sufficienti per costituire sei sottospecie le lievissime 
differenze tra le Cincie bigie europee? Ecco il punto difficile. 
Nel giugno poi fui a Tring ed esaminai insieme a Hartert 
ed a Hellmayr la ricchissima collezione di Cincie bigie conser- 
vata in quel Museo stupefacente. Pare accertato che le Cincie 
bigie della Scandinavia meridionale e delle provincie Baltiche 



— 244 — 

(cousiderate come P. palustris tipiche) siano più chiare di co- 
lorito, mentre le nostre sono leggermente rossiccie sul bigio del 
dorso e più notevolmente tinte del medesimo colore sui fianchi; 
ecco quanto, ed è ben poca cosa invero. Mentre le altre pretese 
sottospecie europee sono variazioni lievissime delle melesime 
differenze minime di tinte con qualche piccola diversità nelle 
proporzioni del becco. Non havvi dubbio alcuno che la dia- 
gnosi linneana <^ P. capite nigro, dorso cinereo, . temporibus 
albis » le comprende tutte con la specie seguente e tutte le 
sue sottospecie! A me sembra difficile separarle; .sarò un 
conservatore impenitente ed ostinato e me ne vanto, ma è 
tempo davvero di frenare questa morbosa manìa analitica 
che conduce a distinguere i singoli individui a scanso delle 
idee sintetiche le quali servono a definire la specie e anche 
la sottospecie; senza tale sintesi è finita colla parte siste- 
matica e descrittiva, in senso lato, della Scienza. 



186. Poecile alpestris'^^ (Baillyj 

CraCIA ALPINA. 

Cincia bigia maggiore^ Cincia boreale ^Aut. Ital.) — 
Larderetta bianche {Aosta) — Paruciola grisa ( l 'igezzo, Noe.) 

— Parusciolina (Ossola) — ? Parissóla montagnéra {Rovereto) 

— Speronzola forestiera bianca ( Veron.) — Perussòla moseona 
bianchizza, Perussòla piccola {Cadore). 



(1) Seguendo strettamente la legge della prioritji bisoguerebbe 
assegnare a qiie.sta specie il nome col quale pel primo la di.stiuse il 
Baldenstein (Nciie Alpino, II. ]). 217. 18-29\ ma egli non solo usò senza 
ragione la nomenclatura trinomia, chiamandola l'artt.s cinereus nion- 
tanus, ma ebbe inoltre la sfortuna di adoperare due nomi specifici 
che vennero affibbiati a due specie ben diverse del genere ParitJi in 
senso lato: una asiatica (P. cinereus, Bonn, e Vieill.j, l'altra ameri- 
cana (/-•. niofitdiiu.s, Gambel), è vero che ({uest'ultimo nome è poste- 
riore in data (1843). Ma in un gruppo già cosi confuso e disordinato, 
persuaso come sono ora che la Cincia alpina nostra si deve separare 
dal P. horealis, Selys, preferisco adottare il nome datale da JtJailly 
(BìiU. Soc. Hist. Nat. Samie, 1851 p. 22). 



— 245 — 

Hartert nel suo recentissimo studio sulle Cincie bi- 
gie eurasiche di questo gruppo, le quali differiscono princi- 
palmente da quelle del gruppo affine, capitanato dal P. pa- 
lustris, per avere il nero della calotta che si prolunga sul 
dorso ed il bianco delle gote più puro e assai più esteso, 
— le accentra intorno al P. atricapillus^ Linn. specie boreo 
americana ; fatto questo, egli riconosce ben sette sottospecie 
europee e due asiatiche in questo gruppo, — non occupan- 
dosi di quelle americane {Vog. d. palaarkt. Fatina^ pp'. 376, 
381). Naturalmente Hartert considera la nostra Cincia alpina 
mera sottospecie e la designa coi nomi P. atricapillus mon- 
tanus, Baldenst. Io non intendo davvero fare qui la critica 
delle sette sottospecie di questo gruppo ammesse dall'amico 
Hartert; dirò soltanto che per diverse si ripete il caso, già 
notato a riguardo della P. palustris^ di differenze minime, 
talvolta minimissime; rileverò soltanto che la nostra Cincia 
alpina risulta essere notevolmente maggiore nelle dimensioni 
della P. horealis, Selys, della Scandinavia e N. E. dell' Eu- 
ropa colla quale l'avevo sin qui identificata; anzi al dire di 
Hartert sarebbe « merJcUcJi grosser ah alle andern Formen » ; 
è perciò, conscio come sono che Hartert è venuto alle sue 
conclusioni dopo aver confrontato un' ampio materiale, che 
propongo di considerare la Cincia alpina delle nostre Alpi 
come meritevole di costituire una specie distinta. 

In Italia questa specie è strettamente confinata alla 
zona alpestre, ove pare non essere abbondante; vi è seden- 
taria, nidificando nelle foreste di Conifere situate più in 
alto; nei rigori dell' inverno scende in basso, ma beu di rado 
giunge al piano. Nella Collezione italiana ne conservo cin- 
que esemplari, presi rispettivamente a: Domodossola, XII, 
1876; Torino (sul mercato?) X, 1883; La Thuile (Aosta) 
21-26, IX, 1892 : questi ultimi, sono tre, erano certo nidi- 
ficanti, li raccolse e li donò il già distinto cultore di Orni- 
tologia dott. Enrico Festa di Torino. Il conte E. Arrigoni 
[Man. orn. ital. p. 191), asserisce di aver avuto un'esem- 
plare di questa specie dalla Corsica; sarebbe un fatto ben 
interessante. 



— 2-46 — 

Dopo lo smembramento notevole avvenuto di quella 
Cincia che noi sinora consideravamo specie unica sotto il 
nome di P. horealis, Selys, non oso invero dir nulla intorno 
alla sua distribuzione geografica, limitandomi a constatare che 
la nostra P. aìpestris pare essere confinata alle Alpi. Debbo 
però aggiungere che alcune delle forme ritenute diverse dalla 
nostra, potrebbero interessare l'Ornitologo indagatore della 
Avifauna italica e sono: \a, P. saìicarius, Brehm.che giunge 
nelle prealpi della Bassa Austria ; la nordica P. borealis, 
Selys che è migrante; e anche la P. assimilis, Brehm delle 
Provincie danubiane e della Bosnia che giunge forse in Dal- 
mazia. 



IST*. Foecile lugubris ( Natt. in Temm.) 
Cincia dalmatina. 

Speronzola forestiera (Veroìi.) — Tamplir mrki, Peruska, 
Cvinjak, Tamplir [Daini.). 

Specie ben distinta, di rara comparsa nell' Italia pro- 
priamente detta, e soltanto alle nostre frontiere continentali 
ad oriente. 

Il Vallon, accurato e coscienzioso osservatore, la asseri- 
sce abbastanza frequente e nidificante intorno a Trieste, 
confermando quanto aveva notato già l'Eggenhòffner e quanto 
scrissi io pure [Avif. Ital. 1886, p. 161). Vallon più tardi ne 
ebbe due esemplari sul mercato di Udine; uno andò perduto, 
e io ho esaminato l'altro, nel Museo dell' Istituto Tecnico udi- 
nese, raccolto il 7 ottobre 1897. Nella Dalmazia la P. lu- 
gubris è sedentaria e non rara in certe località; è del resto 
specie sparsa nel S. E. dell'Europa. 

Nella Grecia sarebbe rimpiazzata da una forma alquanto 
più piccola, P. lugens, Brehm; e concordo coU'Hartert rite- 
nendola, se veramente si può separare, una mera sottospe- 
cie. Ben distinte sono però le forme che vivono nell'Asia 
occidentale. 



247 — 



188. Poecile anatolise (Hartert) 

Cincia siriaca. 

Questa forma, recentemente distinta dall'Hartert ( Vòg. 
d. palciarkt. Fauna p. 368, Berlin, 1905) come mera sotto- 
specie della P. ìugubris, merita a mio parere il rango spe- 
cifico, essendo ben diversa. Ha il pileo nero ed una macchia 
nettamente definita del medesimo colore che si allarga a 
triangolo sul davanti del collo ; mentre come è noto nella 
P. lugubris il pileo è di un bruno fuligginoso e così la mac- 
chia gulare a contorni mal definiti. Inoltre la P. anatoìice 
è più piccola ed ha il becco più alto, più robusto e più 
breve ; infine le marginature chiare delle penne alari e delle 
timoniere sono più marcate. 

Le differenze notevoli tra queste due specie sono per- 
fettamente mostrate nell'opera classica del Dresser {Birds of 
Europe, III, pi. Ili); la figura superiore è una. P. anafoUce, 
le due sotto sono tipiche P. lugubris. Il Dresser considerava 
la prima maschio adulto della seconda. 

Uhabitat accertato di questa Cincia sarebbe l'Asia Mi- 
nore; è dunque assai strano 1' averne avuto un' esemplare 
ucciso nei dintorni di Nizza. Questo esemplare, menzionato 
anche da Hartert, il quale vedendolo non esitò a dichiarare 
che apparteneva alla forma già da lui distinta, l'ebbi ancora 
fresco dai fratelli Gal di Nizza ; venne ucciso in quei pressi 
il 2 febbraio 1878 e si conserva nella Collezione italiana 
[Cat. Ucc. n. 951). L'ebbi come una P. lugubris, ma rimasi 
sempre alquanto dubbioso sulla esattezza di tale determina- 
zione, per le differenze ben palesi, e perchè non collimava 
bene colla diagnosi di quella specie ; inoltre non avevo allora 
materiale per confronti. Fu la tavola del Dresser che mi fece 
ascriverla alla P. lugubris, pur rimanendo sempre dubbioso, 
e come tale citarla nei due miei volumi precedenti sulla Avi- 
fauna Italica (1886, p. 160, 1889, p. 277). Non posso avere 
dubbio alcuno sulla avvenuta sua cattura nei dintorni di 



— 248 — 

Nizza, giacché, ripeto, l'ebbi fresca; la sua comparsa tanto 
ad occidente del suo habitat noto è senza dubbio stranissima, 
a meno che si trovi che l'area della sua diffusione sia più 
estesa a ponente di quanto ora sappiamo. 

Sinora per quanto a me consta non avvennero altre 
catture di questa Cincia in Italia. 



189. Loplioplianes cristatus (Limi, ex Gesn.) 
Cincia col ciuffo. 

Cinciallegra crestata. Cincia col ciuffo {Aut. Ital.) — 
Larderetta de la creta, {Aosta) — Paruciola dal ciuf {Vigezzo, 
Nov.) — Parusciola ad montagna (Ossola) — Parasciolin del 
zuff (Lomb.) — Parascieulina colla cresta (Como) — Parasciulin 
cun la cresta. Parasciolin di corni (Valt.) — Parussolin co la 
cresta (Ven.) — Piansota (Veron.) — Parussolin foresto {Pa- 
dov.) — Perussola col zhuf o tuffo (Cadore) — Scufìétta, Pa- 
rissola dal eìnff (Eoveret.) — Parissoletta dal cìnff {Trento) — 
Parùssola da ciuffo ( Valsug.) — Parissóla dal zuff ( Val di Non 
e di Sole) — Parissoletta da zufol (Cavalese) — Cicciòl dal 
ciuff {Mori, Elva, Giudicarie) — Parissóla dalla gresta {Ter- 
ragnolo) — Ciciò dalla gresta {Riva) — Parissóla dal zufét 
{Tres, Nanno) — Ciufèt {Primiero) — Capèt {Fassa) — Lar- 
diera, Lardiera de la cresta, Lardeiroun {Nizz.) — Berbexin 
ziiffetto {Gen.). 

Lungo la nostra zona alpina e, per mia esperienza, là 
soltanto, vive sedentaria e non tanto scarsa questa bellissima 
e ben distinta specie. Nel rigido più acuto scende dai boschi 
più elevati, ma non sembra allontanarsi che accidentalmente 
dalle Alpi e dalle Prealpi. La sua eventuale comparsa nel- 
l' Italia meridionale (Campania) accennata con dubbio {Avif. 
Ital. 1889, p. 278) era basata sinora su un solo esemplare 
d' incerta, anzi d' ignota, provenienza, conservato nel Museo 
Zoologico universitario di Napoli ; ma ora abbiamo da regi- 



— 249 — 

strare il caso strano e notevole di un' esemplare, fémmina, 
di questa specie, che secondo asserisce il dott. Enrico Can- 
naviello, sarebbe stato ucciso a S. Anastasia vesuviana (Na- 
poli) nel marzo 1891 ; è un uccello che non può essere fa- 
cilmente confuso con altra specie, onde dobbiamo ritenere, 
se il caso vien meglio accertato e confermato, che la Cincia 
col ciuffo si trovi ancora in qualche località dell'Appennino 
meridionale. 

Il L. cristatus è, come ho detto, una specie ben marcata 
che .presenta però lievi differenze individuali all' infuori di 
quelle non grandi derivanti dal sesso e dall'età, cosa del resto 
comune a tutti gli esseri viventi. Eppure anche qui gli smi- 
nuzzatori hanno cercato di soddisfare la loro mania; e ve- 
diamo accettato recentissimamente da chi non ha certo bisogno 
di tale vanagloria, l'antica divisione proposta dal Brehm — 
il pontefice massimo degli « spUtters » — della Cincia euro- 
pea col ciuffo in : L. cristatus (Linn.) dell' Europa boreale ed 
orientale, e L. mitratus (Brehm) dell'Europa centrale e me- 
ridionale; coll'aggiunta di un L. cristatus scoticus, Prazàk, 
delle parti boreali delle isole Britanniche, Si tratta di diffe- 
renze di semitinte, poco più, e non saprei se ciò basti, per 
fondarvi sopra delle distinzioni subspecifiche. Naturalmente, 
accettando tale concetto^ la forma che vive sulle nostre Alpi 
sarebbe il LophopJianes cristatus mitratus^ Brehm ; si distin- 
guerebbe dalla forma dell'Europa boreale ed orientale, per 
avere dorso e fianchi più brunescenti. 

Il genere Lophoplianes pare essere di origine boreo-ame- 
ricana, giacché sono distinte in quel continente non meno 
di nove specie. Due sarebbero le asiatiche, una l'europea. 



— 260 — 

SITTIJDu^ 

{Picchiotti) 



190. Sitta caesia, Wolf 
Picchiotto. 

Peciotto, Picchio piccolo grigio, Picchiotto, Muratore, 
Picchio muratore [Aut. Iteti.) — Piouus, Pichett, Picch sene- 
rent, Piaugin, Picch bleu, Picch piouns, Picch gouliard, Gou- 
liard, Cieu-cieu (Pieni.) — Pieuq bleu, Pie bleu (Aosta) — 
Picch murau, Pichét [Cuneo) — Beghe, Rampeghin, Picunsin, 
Picatoun, Rampjn (Basso Pieni.) — Pichin (Vigezzo) — Pichet 
pantoulon, Gring (N'ov.) — Picoussèn (Varzi) — Pich togn, Pi- 
cascett, Pich muradour (Ossola) — Piciott, Picascieu, Picozzet 
cenerin, Piombi, Piombin (Lomh.) — Cià-cià, Pichet, Pie galinee 
(Como) — Scioi (Mendr.) — Pizasciàch, Ciott-ciott, Parulè ( Vali.) 

— Rampeghin muradoù, Picosei, Picozzet (Pay.j — Paciaciacch 
(Bresc.) — Picot (Berg.) — Ciò-ciò (Cremon.) — Picozzin sene- 
rin (Milan.) ^— Cicciott, Ciò-ciò (Mani.) — Piccaprèda (Piac.) — 
Picchett muradòr (Parm.) — Smaltavo!, Ciò-ciò (Mod.) — Ram- 
parol (Sassuolo) — Pigat (Pavullo) — Picchio muradoro (Pieve) 

— Berscandel (Montese) — Ciò-ciò raparon (Finale) — Pigh 
murador (Zocco, Pavullo) — Brescandalo ( Vergato^ Porretta) — 
Smaltaról (Boi.) — Ciaciào (Romg.) — Ciacaron, Cià-cià (Ra- 
venna) — Rampichino, Picchio muratore, Ciò-ciò (Marche^ Um- 
bria) — Ciccio, Piombino femmineo (Marcile) — Rampegarolo, 
Rapegarolo bianco, Rovegarolo (Veìi.) — Paciaciacch, Ciò-ciò, 
Beccalegno, Rampeghin (Veron.) — Becaràn (Bell.) — Becca- 
rami, Beccalegn, Beccalàris, Pizzalegn, Pigozet, Rampeghin, 
Rampegarol, Ciòcio (Trent.) — Cui (Friuli) — Beccalegn me- 



— 251 — 

dàn o pizhol o curgiòs {Feltre) — Ciò-ciò, Giò-giò Rampe- 
ghiri {Rovigo) — Roegantin, Rovegantin (Padov.) — Ktiso- 
repa, Hrastovac [Dalm.) — Sieta [Nizz.) — Picùnzetto senein 
{Savona) — Pittunzo muntagnin {Gen.) — Rampeghin ( Voltag.) 
— Picazo {Sarzana) — Picchio muraiuolo, Dottóre {Pisa) — 
Picchio muratore, Picchiotto {Fior.) — Murajolo, Scorzajola, 
Picchio bigio {Sen.) — Picchietto, Chiacchera {Valdich.) — 
Murajola ( Volterr.) — - Muraiola {Sarteano) — Picchio cretaro, 
Cretarola {Rieti) — Picchio formicajo o formicaro {Roma) — 
Picchio murajolo {Viterho) — Picchio {Campobasso) — Pizzi- 
caferru {Calabr.) — Pizzula zucchi {Cat.) — Brancicaloru 
(J/es.§., Pai.) — Pizzula zucchi {Cat.) — Pizzulia zucchi {Ca- 
steli). Mad.). 

Comune e sedentaria in ogni parte dell'Italia continen- 
tale e peninsulare, e cosi pure in Sicilia, questa specie manca 
affatto in Corsica, in Sardegna ed a Malta (1). 

La S. ccesia è ugualmente sparsa ed abbondante nel- 
1' Europa occidentale, centrale e meridionale ; nella Scandi- 
navia e nella Russia settentrionale la rimpiazza la S. euro- 
pcBa, Linn. e nelle isole Britanniche la affinissima, seppure 
distinta, aS. europea britannica, Hart. ; mentre il Picchiotto 
della penisola Iberica è stato già distinto col nome di S. ccesia 
minor, A. E. Brehm, Loche registra la S. ccesia dall'Algeria, 
ma Whitaker non la rinvenne nella Tunisia. 

Debbo notare che nell'opera sua recente, tante volte ci- 
tato, il Hartert considera il nostro Picchiotto come mera 
sottospecie della 6'. europcea, ed ammette per l'Europa sol- 
tanto tre, forse quattro, sottospecie, oltre la tipica, di quella 
specie; mentre in Asia ve ne sarebbero nove. 



(1) Non saprei spiegare l'asserzione di Hartert {Vog. ci. palaarkt. 
Fauna, p. 332) che questo uccello si trovi in Sardegna. 



— 262 — 



191. Sitta Whiteheadi, Sharpe 
Picchiotto coeso. 

Picchio muratore corso [Atit. Ital.) — Pichiu (Corsica). 

Avevo avuto negli anni scorsi la speranza che questa 
bella ed interessante specie potesse trovarsi anche sui monti 
più alti della Sardegna, ma sinora ogni ricerca è stata vana 
e ^are fuori dubbio che la S. Whiteheadi sia assolutamente 
confinata alla Corsica. Anzi debbo aggiungere che nell'otto- 
bre 1889, quando insieme coll'ottimo mio tassidermista si- 
gnor Vincenzo Squilloni, mi recai in quell' isola all' unico 
scopo di accertare quali fossero le località abitate da questo 
uccello, tenute occultate dal Whitehead sotto il termine 
troppo generico di « Monti di Corsica », e feci soggiorno a 
Corte esplorando accuratamente i dintorni e raccogliendo 
notizie, dovetti tornarmene a Firenze senza aver potuto 
avere notizie intorno all' " habitat „ della S. Whiteheadi e senza 
averne veduto un solo esemplare. Assai più tardi seppi dal 
prof. A. Koenig di Bonn che questa specie vive nelle foreste 
di Pinus Ibrido sul nucleo centrale delle più alte montagne 
della Corsica, a Vizzavona, tra Corte ed Ajaccio, quasi allo 
spartiacque della Catena centrale; ivi nella primavera del 
1896 il Koenig ne catturò cinque esemplari [Journ. /'. Orni- 
thol. XLIX. p. 101. Leipzig^ 1901). Più tardi ancora l'Orni- 
tologo inglese signor A. D. Sapsworth, recatosi in Corsica 
nel settembre 1900 appositamente per far ricerca di questo 
Picchiotto, mi scrisse dicendomi che aveva potuto prenderne 
quattro esemplari nella foresta di Pielma non lungi da Viz- 
zavona, in un burrone profondo, folto di alberi giganteschi e 
secolari che sarebbe uno degli ultimi rifugi di questo uccello 
che è evidentemente sull'orlo di una totale estinzione. 

La Collezione italiana nel E,. Museo Zoologico di Fi- 
renze possiede tre esemplari di questa rarissima specie [Cat. 
Ucc. n' 2914, 3343): i primi, maschio e femmina adulti, sono 



— 253 — 

co-tipi raccolti dal Whitehead il 10 e 17 maggio 1884, e fu- 
rono donati dal compianto amico mio H. Seebohm; il terzo 
fu ucciso il 24 aprile 1892 nei pressi di Vizzavona, è un 
maschio pure adulto e venne donato dal march. Luigi Tor- 
rigiani. 

Hartert {Vog. d. palaarli. Fatma, p. 335) considera la fSìtta 
WhiteìieacU mera sottospecie della -8'. canadens'ts, Linn. colla 
quale ha certamente una singolare somiglianza ; ma in que- 
sto caso mi pare che l'amico mio si sia lasciato trasportare 
dal suo amore paterno per le sottospecie. 



19S. Sitta Neumayeri/^^Michah. 
Picchiotto rupestre. 

Picchio muratore dalmatino {Aut. Ital.) — Kravarina, 
Vaccajuola [Dalm.) — Vrljez, Brljez, A'ido (.Ragusa^ Dalm.). 

Ho già dato le mie ragioni per includere questa specie 
che è sedentaria e non infrequente lungo il litorale roccioso 
della Dalmazia, nell'Avifauna italica e non credo necessario 
il tornarvi sopra e molto meno il modificarle. Tanto più che 
dopo di allora ho avuto un'esemplare della S. Neumayeri 
colto a Pisino nel cuore dell' Istria il 10 novembre 1890 
{Coli. ital. Cat. Ucc. 3326). 

Questa specie attraverso la penisola Balcanica si estende 
alla Grecia e all'Asia Minore. 



(1) Se nel testo originale del Michalielles («Isis », 1830, p. 814) 
per un errore tipografico è stato omessa 1' ?', non è una ragione per 
scrivere il nome specifico Neumaijer, come si è fatto recentemente. 



— 254 — 

CEFtTHIID^^ 

(Cerzie) 



193. Certhia familiaris, Limi, ex Gesn. 
Rampichino alpestre. 

Pieuq gris. Pie gris (Aosta) — Rampignet, Picatin, Ram- 
pighin (Cuneo) — Pichet d' la rusca, Rampighet (N^ov.) — 
Rampighin [Vigezzo) — Rampighin (Ossola) — Rampeghin 
(Valt.) — Pizzigaformigh (Mendr.) — - Rampighi [Hresc.) — 
Rampeghin picelo (Vicen.) — Beccalégn [Bellun.) — Beccak'n 
(Cadore) — Beccalegnét (Feltre) — Rampeghin, Rampeghetta 
(Roveret.) — Rampeghin, Rampegarol (Treni. Rica, Cavalese, 
Val di Non, Giudicarle) — Sgranfin (Tesino) — Beccalegno, 
Rampegarolo (Volsug.) — Rampeghin piz fot (Tenno) — 
Scarpelèt (Primiero) — Rampegarol, Rampeghin (!«/ di Le 
dro) — ? Pichiu (Corsica). 

Questa specie, ben distinta, vive abbondante e sedenta- 
ria lungo tutta la nostra zona alpestre, dalla quale ben ra- 
ramente si scosta; pare ora assodato che essa vive pure sui 
monti della Corsica; a me però non riuscì vederne nelle due 
gite che feci in quell' isola. Ma le asserzioni della sua com- 
parsa altrove e nell'Italia centrale mi risultarono sempre 
basate sopra erronea identificazione di esemplari più chiari 
della specie seguente, dalla quale differisce anche pel canto. 

Recentemente Hartert nel suo minuzioso e a mio parere 
troppo analitico studio sulle Cerzie della Regione Eurasica 
(Viig. d. palli arìd. Fauna, pp. 'òli'ì'^21 , Berlin, 1905), ha cre- 
duto poter distinguere subspecificamente la C. familiaris, L. 
dell'Europa e dell'Asia boreali, da quella che vive nelle no- 



— 255 — 

stre Alpi e nell'Europa centrale, che egli chiama C. fam'dia- 
vis macrodactyla, Brehm. Io ho confrontato un maschio adulto 
della C. famiìiarh (IG, X, 1887) da Bòrum in Norvegia con 
un maschio adulto ucciso a Domodossola (XII 1876) e non 
ho potuto trovare la più piccola differenza ; soltanto nel primo 
l' unghia dell'alluce è un poco più breve, ma ha le dita guaste. 
E siccome ho pure notato lievi differenze nelle tinte delle parti 
superiori e nelle dimensioni negli esemplari alpestri da me 
esaminati, non so decidermi ad accettare le conclusioni se- 
paratiste dell'amico Hartert. Aggiungo, e ciò è interessante 
assai per noi, che Hartert ha avuto un' esemplare che refe- 
risce a questa specie dai monti della Corsica, raccolto ivi dal 
Whitehead 6, I, 1884, è un maschio adulto ; egli nota che 
è « maxime affìnis » al Rampichino alpestre, ma alquanto 
maggiore nelle dimensioni e colle macchie bianche sopra 
meglio definite. Hartert però ha creduto di poterne fare il tipo 
di una nuova sottospecie, C. familiaris corsa ; va però pur no- 
tato che in quell'esemplare il becco è più lungo che non sia 
solito nei Rampichini alpestri, ed havvi una macchia bruna 
sulle cuopritrici subalari, caratteri che lo avvicinano alla 
C. hrachydactyla. Del resto Hartert separa il Rampichino di 
questo tipo che vive nelle isole Britanniche, accettando una 
antica proposta del Ridgeway e lo chiama C. familiaris bri- 
tannica, Ridgw.; per non menzionare sei sottospecie asiatiche 
da lui riconosciute. 

Dopo quanto ho detto sopra si capisce che non è facile 
il determinare l'area di diffusione di questa specie. 



194. Certhia bracllydactyla, C. L. Brehm. 
Rampichino. 

Picchio passerino. Cerzia cenerina, Rampichino [Atit. Ital.) 
— Rampiet, Rampicat, Rampighin iPiem.) — Rampjn, Picatin 
{Cuneo) — Rampghin, Rampeghin [Basso Pieni.) — Rampighin 
{Ossola, Nov.) — Rampighen (Varzi) — Rampeghin (Lomb.) — 



— 250 — 

Rampeghin ( \'alt.) — Rampigliì {Bresc, Berg.) — Rampeghin 
{Cremon.) — Rampighein {Piac.} — Rampighèii, Ramponzèn 
{Parm.) — Rampigén Rapan'n, Raparci, Stipla {Mod.) — 
Zent peis (Carpi) — Ramparein (Vignale) — Raparein, Ra- 
parolin (Pamillo) — Raparein iBol.) — Beccaragni (Vergato) 

— Rampighen, Raparen {Boi., Rai.) — Rampinello [Marche) 

— Rampichino (Ancona) — Rampinello (Sinig.) — Rampe- 
ghin, Rampegarólo (Ven.) — Rapegarolo (Bass.) — Bécalegn 
{Beli.) — Rampigin, Rampighin (Friuli) — Rampeghin, 
Rampeghèfcta, Sgranfin (IVew^.) — Bécalegn pìccolo (Cadore) 

— Beccalegnét (Feltre) — Roegantin macia, Roveghin (Pa- 
dova) — Rampeghin (Polesine) — Topic' (Dalm.) — Lecca- 
pertus. Lecca pertus d'aubre (Nizz.) — Pitta fiirmigue (Savoìia) 

— Rampeghin (Gen.) — Picchiarino (Tose.) — Rampighino, 
Abbricagnolo (Pis., Fior.) — Scorzajola (Sen.) — Rampichino 
(ValdicTi.) — Montarino (Lucca) — Picchio rampichino (Fiesole) 

— Rampichino, Picchietto, Picchio rampichino (Umbria., Roma) 

— Picchio scorsolino (Viferho) — Frecachiuppo, Zotero <Xap.) 

— 'Nchiana pericàle (Rossano., Cosenza) — Rre d'aceiji, Ncrocca- 
sipali (Calabr.) — Pizzutortu (Sicil.) — Brancicaloru beccutortu, 
Brancicaloru (Mess.) — Pizzuddu tuortu (Modica) — Pizzulia 
zucchi picciriddu (Castelh., Mad.). 

Sedentario, comune, molto sparso, ma non numeroso, 
in tutta Italia; lungo la zona alpestre vive a contatto colla 
specie precedente e 1' ho avuto da Domodossola e da Rove- 
reto; è stazionario però anche al piano; in alcune provincie 
pare essere migrante, forse sarebbe piìi esatto dire erratico. 
E certamente scarso in Sardegna. 

La C. brachydactyla ha una marcata tendenza a variare 
nella intensità dei colori sulle parti superiori e nel bianco 
di quelle inferiori, che non è mai niveo come nella specie 
precedente, ma più o meno tinto di bigio; così, e più spe- 
cialmente in esemplari avuti dal Trentino, ho veduto in- 
dividui assai scuri, altri molto chiari: io ritengo trattarsi 



— 257 — 

di variazioni individuali ed anche talvolta dell'azione locale 
di condizioni dell'ambiente e dell'alimentazione, e sarei molto 
guardingo nel vedervi caratteri differenziali di valore anche 
subspecifico. Dico questo perchè recentemente la C. hrachy- 
dactyla (che è sparsa nell'Europa centrale, occidendale e me- 
ridionale), è stata variamente suddivisa su caratteri di poca 
o nessuna entità in due forme distinte per l'Europa: C. hra- 
chydactyla hrachydactyla, Brehm, Europa occidentale e cen- 
trale; e C. hrachydactyla idframontana, Hart. Europa meridio- 
nale, compresa l'Italia: anzi il tipo è da Panzano, Chianti, Fi- 
renze. Ma con tutta la deferenza che sento per l'amico Har- 
tert e malgrado il ricco materiale che ebbe a sua disposizione, 
a cagione della patente variabilità nelle tinte in questa spe- 
cie, come già notai, io non saprei acccogliere la proposta sua 
divisione. Eppoi sotto la rubrica specifica della C. hrachydac- 
tyla, Hartert riconosce una sottospecie per l'Africa setten- 
trionale, una per l'isola di Cipro ed una per l'Asia Minore. 
Eppure non più in là del 1883, il Gadow nel volume V del 
grande « Catalogne of Birds », riuniva sotto 1' antico nome 
di C. familiat'is, Li. tutti i Rampichini della Regione Eura- 
sica e di quella Boreo- Americana ! Come mutano i tempi ed 
i criterii! ! 

Whitaker rinvenne il Rampichino piuttosto comune 
nella Tunisia settentrionale, come il Koenig l'aveva trovata 
nell'Algeria; ed il Whitaker dice esplicitamente che i molti 
esemplari tunisini da lui esaminati non differivano in modo 
essenziale ed erano tutti riferibili alla C. hrachydactyla. 



195. Tidiodroma muraria (Limi.) (ex Gesn.) 

MURAJOLO. 

Picchio murajolo, Cerzia murajola, Murajolo {Aut. Ital.) 
— PicaròchC;, Pie muradour, Picch de la mort, Picch murau. 
Pie dl'ale rousse, Pich d'muraja, Parpajon, Pich d'mountagna 
{Piem.) — Pieuq di muraille {Aosta) — Rampeghin ross, 

17, 



— 258 — 

Pittamón, Pitta-agui, Picatin di bauss {Basso Piem.) — Se- 
rena d'muraja, Usel dei ciocché. IJsel de la Trinità {Suso) — 
Gratasas, Pie di mar (Nov.) — Picacin (Vigezzo) — Uscel del 
frecc, Piccascin, Piccascin ad montagna, Parpajoun (Ossola) 

— Soìdka. {Canton Ticino) — Becaragn, Piaragn, Rampeghin 
de mur [Lomb.) — Rampeghin dei Alp {Como) — Pizzaragn 
{Menclr.) — Renza, Becaragn, Madoneta [Valt.) — Becaragn 
[Bresc.) — Barbell de corna (Berg.) — Ragnina {Maìitov.) — 
Piliaragn, Ciappa ragn, Parpajeu {Mod.) — Becaragn (Boi.) 

— Ramperein {liomg.) — Rampinello da torre [Sinig.) — 
Rampinello colle ali rosse {Ancona) — Rampeghin de monte, 
Becasassi ( Ven.) — Rampeghin de zengia ( Veron.) — Rampighin 
di mont (Fritdi) — Becasass (Bell.) — Beccamùr, Pigozèt da 
zèngio, Beccazengi {Roveret.) — Rampeghin de mont {Treni.) 

— Beccacampanili, Beccasassi {Valsug.) — Beccamuri (Fiem- 
mé) — Becca cròzzi {Giudicarie) — Krabelvogela [Luserna) 

— Ragnar {Friuli} — Ale de fogo {Padov.) — Osel dall' ojo 
{Cadore) — Osel della Madonna, Beccamùr {Feltre) — Beca- 
muri ( Vicenza) — Prilipak {Dalm.) — Leccapertus, Leccapertus 
de muraglia {Nizz.) — Rampeghin de muaggia {Savona) — 
Pitta muin (Arenzano) — Pitta-agni, Picunzin de miiagia 
(Gen.) — Paparagno (Spezia) — Picchio murajolo, Murajolo 
{Tose.) — Picchio ragno {Casent.) — Uccello muratore (/. di 
Giglio) — Pizzicamuru {Aless.) — Biccamuru {Sard.). 

Trovasi in tutta Italia sedentario, ma non è ovunque 
abbondante ; nelle nostre provincie settentrionali e centrali 
frequenta i luoghi montuosi ove sono roccie dirupate; è più 
comune lungo la catena delle Alpi; l'ho veduto più volte sulle 
scogliere precipitose dell' Argentaro e dell' Elba. Scarseggia 
nelle provincie meridionali ; e sembra essere raro in Sicilia e 
nella Sardegna, ma stazionario. Nei mesi più freddi questa 
specie diventa erratica, scende al piano ed entra anche nelle 
grandi città ; due volte la vidi su edifizi monumentali in Fi- 
renze, sempre d' inverno. 



— 259 — 

La T. muraria è 1' unica specie del genere sinora, seb- 
bene sia soggetta a non lievi variazioni individuali, massime 
nelle dimensioni e proporzioni ; abita l'Europa centrale e me- 
ridionale, e tutta l'Asia temperata, compresa l'India settentrio- 
nale. Neil' Africa sarebbe stata notata dal solo Riippell per 
l'Egitto e l'Abissinia. 



LiAJVIIDu^ 

[Averle) 



196. Lanius Excubitor, Linu. 
Averla maggiore. 

Velia grossa, Averla maggiore. Laniere cenericcio. Gazza 
sparviera, Eegestola falconiera, Falconello (Aut. Ital.) — Der- 
gna, Sciounga, Sciunsa, Bournera, Gabiourna^ Gabiousna, 
Gabiousna grisa, Farvàla [Piem.) — Gabiousna d' passage, 
Furghérion, Eurghéra grossa, Erauéra, Gaviurna gròssa, 
Caiorno lombardo grosso, Gazanétta [Basso Piem.) — Ga- 
biourna, Gabiosna farchetta [Cuneo] — - Gaviourna ajassera 
[Alba) — Spagassa molinera [Vere.) — Ojassa, Derna giasera 
[Susa) — Dergna berta {Carignano) — Stragazza grossa [Vi- 
gezzo) — Stragazza molinara, Stragazzon [Ossola) — Fougar- 
dron [Varzi) — Stragazza, Stragazzera, Gazetta cenerina, 
Gaza molinera, Gazetton, Gascietòn, Stregazzon, Oresto [Lomb.) 
— Stregazzòun, Gasgetta mornera (Mil.) — Gazeula, Ga- 
zeola frizunera [Berg.) — Sgazzetta marina, Sgasiréula mor- 
nera o marina (Pav.) — Strigàss falcounètt (Vigevano) — 
Gaitón [Bass. Lomh.) — Fougardrón [Staffora) — Caoùrna 
[alta Trebbia) — Dragossa [Como) — Gasgietta [Mendr.) — 



— 260 — 

Gazzot fliival, Gagèta, Rigossol regazzaa i Valt.) — Gaza 
molinera (Bresc.) — Sgarzetton \Cremon.) — Gazzetta rabida 
{Mani.) — Sgazzarolòn {Piae.) — Bufferla grossa, Gazzétta 
munèra o varóla (Mod.) — Gaza munèra [Sassuolo] — Buf- 
ferlaccia (Piece pelago) — Strangladoura (Carpi) — Gazzetta 
bianca [Pavulìo) — Bufferla, Gazzetta o Gazzota grossa, 
Sparavir, Buferla grossa {Boi.) — Parlotta grossa, Buferla, 
Ferlotta, Farluttòn d' inveran (Raven.) — Farlot americhen 
{Cesena, Forlì) — Gàstrica palombina, Gàstrica cenerina {^far^ 
che) — Gastrigotto grosso (Ancona) — Farlutón, Ferlutón 
{RoTìig.) — Verla, , Destelo falconiero {Ferrara) — Redestola 
falconiera, Redestola lora, Regestola lóra o falconiéra, Rese- 
stola falconiera, RedestoI(3n ( Ven.) — Sersacolo, Falconier fo- 
restier, Regestola, Redestola f Veron.) — Giarle zimule {Friuli) 

— Reguést {Bell.) — Scavalcacio spara vier {Roveret.) — Sca- 
valcazza grossa {Trento) — Scavalcazza palottóna o balotona 
{Cavalese) — Scavalciaza (Benno) — Sciavalcacia granda 
{Naìino) — Scavalcacia testona {Cles) — Scabezaccio ( Jerra- 
gnolo) — Scavalcàz [Male) — Mattozza sparviera {Valsugana) 

— Scavalcazza ocatò {Val di Ledro) — Gaggiablina grossa 
{Giudicarle) — Regestolon (Vicenza) — Reiestola {Passano) 

— Redóstol falconier {Feltre) — Velik smracak, Sfracak ve- 
lik, Glusac {Daini.) — Resestola vara, Resestola falconiera 
{Polesine) — Darnega sparvié, Gros darnegas {Nizz.) — Ca- 
jorno terragno {Savon.) — (/ajurno loumbardo {Arenza7io) — 
Caiorno lumbardo {Gen.) — Caiurno grosso {Voltaggio) — 
Gazu/'la (Spezia) — Averla grossa {Pis.) — Velia o Verla 
grossa {Fior.) — Castorchia grossa, Gueja gazzina reale, 
(xazzina reale (Sen.) — Castorchia grossa {Chiusi) — Vastrica 
o Castorchia colombina (Valdich.) — Verla marina (Garf.) — 
Averla gazzerina (Fucecchio) — Gastrica palombina (Roma) 

— Querula (Napoli) — ? Pagghionica curnacchina, ? Cur- 
nacchiulu, ? Pappagghionica (Lecce) — Gruara {Calahr.) — 
Grùara palumbina iCotrone) — ? Gargana, Testagrossa iSi- 



— 261 — 

cil.) — Tistuni, Testa grossa {Terranova^ Sicil.) — Pitigrussa, 
? Passiriargia, Manteddada (Sarei.) — ? ? Cacciamendula {Maìt.), 

Questa specie è certamente stata confusa da Autori ita- 
liani col L. minor, e debbonsi accettare con benefizio d' in- 
ventario le asserzioni che la riguardano ed i nomi volgari 
provenienti dalle nostre provincie meridionali ed isole, e in 
parte quelli dalle provincie centrali. E però oramai bene as- 
sodato che il L. Exciibitor è sedentario e nidificante in alcuni 
distretti del Piemonte, della Lombardia e pare anche del Ve- 
neto. Ma anche nell' Alta Italia è specialmente un uccello 
autunnale ed invernale e dal settembre al gennaio viaggia 
a branchetti^ onde opino che un certo numero di immigranti 
d'oltr'Alpi si aggiungano a quelli erratici che hanno nidifi- 
cato da noi ; non è però mai abbondante. Scarseggia durante 
l'autunno e l' inverno nell'Emilia, nella Liguria, in Toscana 
e nelle Marche, diventando assolutamente raro più al sud. 
Debbo però rammentare che l'amico mio marchese Armando 
Lucifero lo menziona come non raro nella provincia di Ca- 
tanzaro, di passo estivo^ agosto, cosa davvero singolare ; ed 
egli non sembra confonderlo col L. minor che tratta a parte! 
Questo caso va indagato meglio (Cfr. " Avicula, ,, III, p. 85. 
Siena, 1899) ; si tratti forse di giovani L. minor ? Non è ci- 
tato dalla Corsica, e dubito sia erronea l'asserzione della sua 
comparsa autunnale in Sicilia e nel Nuorese in Sardegna 
(Avif. Ital. 1889, p, 294, fide P. Bonomi). 

Il L. Excuhitov sarebbe sparso nell' Europa e nell' Asia 
temperate, dalla Scandinavia al Giappone ; ma pel fatto che 
recentemente sono state distinte diverse forme affinissime non 
solo, ma intergradanti, non è facile definire la sua area di di- 
stribuzione. Queste forme affinissime sono le seguenti : L. ma- 
jor, Pali., L. Homtyeri, Cab., L. leucopterus, Severtz. ; esse 
hanno il medesimo " habitat ,, del tipico L. Excubitor e forse 
colla eccezione della prima, non vanno da esse separate. An- 
che il L. borealis, Vieill dell' America boreale si scosta ben 
poco dalla nostra Averla maggiore. Del resto lo stesso Ogil- 
vie Grant, 1' ultimo monografista delle Lanius, ammette la 



— 262 — 

grande affinità di queste forme, che tiene però separate {Xo- 
vitates Zooìogkce, IX, pp. 453-455, pi. XXV. Tring, 1902). 

Aggiungo che nella bella serie di questa specie che con- 
servo nella Collezione italiana vi sono quattro esemplari che 
hanno la coda del L. Iloìneyeri : due dai dintorni di Firenze 
ed uno dalla non lontana Pontassieve, maschi adulti e presi 
entro l'ottobre ; ed una femmina presa nel dicembre nei pressi 
di Prato. Ne conservo un altro, pure femmina a'iiilta, uccisa 
nell'ottobre a Udine, che ha la coda del L. major. 



IGT. Lanius major, Pali. 
Averla maggiore boreale. 

Si può appena dire " maggiore ,, della specie precedente; 
dalla quale si distingue, non per le dimensioni, ma per avere 
le remiganti secondarie nere eccetto un leggero margine api- 
cale e la base del vessillo interno che sono albescenti fnel 
L. Excubitor la metà basale oltre la marginatura apicale di 
queste penne sono bianche) ; onde nel L. major, all' esterno 
dell' ala chiusa non appare che un solo specchio bianco ; 
inoltre la timoniera esterna ha il vessillo interno per - ., nero 
e le altre sono bianche soltanto all'apice, non alla base, ov- 
vero questa e appena biancheggiante ; infine il groppone è 
cinereo come il dorso, raramente albescente ; noto che il Ga- 
dow (Cat. Birds B. M. Vili, p. 239) dice che nel L. major 
questa parte è bianca; nell'unico esemplare che posso riferire 
a questa forma nella Collezione italiana il cinereo del dorso 
si estende alle cuopritrici superiori della coda : esso ha poi 
le parti inferiori tinte di cinereo con marginature più scure 
alle penne, il che usualmente in questi uccelli è segno di età 
giovanile; Pallas opinava però diversamente per il suo L. 
major. Come si vede le differenze tra un tipico L. maior 
ed un tipico L. Excubitor sono ben poca cosa, ed io dubito 
molto se sia bene tenerli distinti, tanto più che hanno presso 
a poco la medesima diffusione geografica, essendo forse il 
L. major un po'più boreale nel suo " habitat ,, ; va inoltre 



— 263 — 

notato che in nna serie numerosa di questi uccelli si trovano 
facilmente individui con caratteri misti od intermediari, che 
potrebbero anche indicare non improbabili ibridismi tra le due 
forme, seppure vanno davvero considerate tali. 

Ciò che è poi innegabile è che questa forma capita in 
Italia , secondo l'amico mio prof. G. Martorelli (^w litt. 23, 
XI, 1899j egli stesso ne ebbe due esemplari sul mercato di 
Milano, e ne vide quattro, presi in Italia, nella collezione del 
conte dott, E. Arrigoni a Monselice. Nella Collezione italiana 
a Firenze io conservo un solo esemplare riferibile al L. major ^ 
è un maschio che venne preso a Villastellone (Torino) il 24 
ottobre 1885 ; l'ebbi in dono dal signor Giovanni Marcellino, 
e, ritenuto per un L. Excub'dor, non essendo molto bello ri- 
mase in magazzino in pelle, sinché sorta la quistione di que- 
sto gruppo di Averle io riconobbi che aveva, per quanto 
valgono, i caratteri del L. major e lo feci montare {Cat. Ucc. 
n. 3790). 

Il L. major sarebbe l'Averla maggiore della zona boreale 
della Regione Eurasica, dalla Scandinavia al Giappone ; è 
stato preso in Inghilterra, nell' Europa meridionale e, pare, 
anche nell'Asia Minore; ma^ ripeto ancora, sono incerto se 
devesi considerare anche subspecificamente diverso dal L. Ex- 
cubitor ; pochi gruppi di uccelli sono più difficili a determi- 
nare di queste Averle, giacché tra tutte le ritenute specie, 
i. e, L. Excub'dor, L. major, L. Homeyeri ed L. leucopterus, 
si hanno forme intermedie, che fanno catena. 



198. Lanius meridionalis, Temm. 
Averla forestiera. 

Averla meridionale (Atd. Bai.) — Darnega, Darnega 
sparvié (Nizz.) — Caiorno foesté (Gen.) — ? Buaiaat {Mali.). 

Questa bella specie capita quasi ogni anno in Italia, 
nella Liguria occidentale, specialmente, durante 1' inverno ; 
accidentalmente altrove nella medesima stagione. Nella mia 



— 264 — 

Avif. Italica 1886 (p. 173) ed in quella del 1889 (pp. 294, 
295), ho chiaramente dimostrato, esponendo fatti, come il 
L. meridionaìis sia specie che giunge non tanto raramente 
da noi, ed ora per conchiudere dirò che nella Collezione ita- 
liana del R. Museo Zoologico di Firenze conservo non meno 
di otto esemplari di questa specie catturati in Italia e avuti la 
maggior parte in carne, e sono : cinque da Nizza, tre maschi 
e due femmine, presi rispettivamente in dicembre, gennaio e 
febbraio, una femmina il 9 agosto 1889, (caso invero singo- 
lare) ; una femmina da Bolgheri (Maremma Toscana) 21 gen- 
naio ; un maschio da Spoleto, febbraio ; un'altro maschio da 
Roma 18 novembre {Cai. Ucc. n.^ 563, 809, 1309, 1336, 2520, 
2692, 3219, 3885) ; ne ho poi veduto almeno altrettanti. Un 
esemplare nel R. Museo Zoologico universitario di Roma e 
che faceva parte della collezione Magni-Griffi come, preso a 
Sarzana, porta la data aprile 1879, pure caso notevole. 

Dopo questo mi permetto di esprimere una ben legit- 
tima sorpresa quando vedo che Ogilvie Grant, il monografi- 
sta dei Laimis, scrive non più tardi del 1902 che le asser- 
zioni intorno alla comparsa del L. meridionaìis in Italia sono 
erronee {Kovitates Zoologicce^ IX, p. 463). 

Il L. meridionaìis abita la penisola Iberica ed il mezzodì 
della Francia ; sono assolutamente erronee le asserzioni che 
si trovi nelle isole Ionie e nella Grecia, come lo ha lumino- 
samente dimostrato 0. Reiser nella recente bellissima sua 
opera [Materalien zu einer Ornis Balcanica, III, Greichenland, 
p. 569, Wien^ 1905). Anche il prof. G. Kolombatovic' scrisse 
che un tempo il L. meridionaìis capitava regolarmente nella 
primavera e nell'autunno in Dalmazia ; ma anche in questo 
caso trattavasi di erronea determinazione specifica, e non 
havvi dubbio che si registravano per questa specie individui 
del L. minor in abito giovanile. 



265 — 



199. Lanius algeriensis, Less. 
Averla algerina. 

Specie sedentaria in un'area alquanto ristretta dell'Africa 
settentrionale, trovandosi specialmente sui declivi' meridionali 
dell'Atlante, dal Marocco alla Tripolitania ; soltanto nella Tu- 
nisia, particolarmente nei dintorni di Tunisi e Susa, pare 
essere frequente sulle rive del mare. 

Fu dunque con non piccola sorpresa che un giorno del- 
l'estate 1892 ricevetti dal mio preparatore signor Vincenzo 
Squilloni un maschio adulto di questa specie, ucciso nei pressi 
di Scandicci (Firenze) il 2 luglio 1892 ; egli me lo portò cre- 
dendolo un' esemplare del L. meridionalis. Ecco come venne 
preso : quella mattina il signor Attilio Bianchi, mugnaio a 
Scandicci alto, portava ad esercitarsi nei campi un suo cane 
da caccia cucciolo, e questo, cercando nell'erba, abboccò per 
l'appunto un'esemplare di questo rarissimo uccello che avrebbe 
sbranato se il Bianchi non glielo avesse tolto, semivivo an- 
cora, di bocca. Conoscendo lo Squilloni, che è nativo di Scan- 
dicci, e avendo occasione di mandare a Firenze qualcuno, il 
Bianchi, che credeva di aver preso una Velia comune, gliela 
inviò ; e cosi per un mero caso si è potuto constatare la com- 
parsa eventuale in Italia del L. algeriensis. 

Questo esemplare, donato dallo Squilloni alla Collezione 
italiana nel R. Museo Zoologico di Firenze [Cat. Ucc. n. 3408), 
sarebbe sinora il solo preso da noi ; avevo però già preco- 
nizzato la possibile sua comparsa in Italia [Avif. Italica^ 
1886, p. 472j. Pubblicai il caso interessante nella mia Icono- 
grafìa dell'Avifauna Italica., fase. LI, Sp. 80'^'^ 1893. Allora 
io ignorava che un' esemplare pubblicato dal Blasius fosse 
stato preso in Alsazia, nel maggio 1882 ; onde sarebbero 
due sinora gli individui del L. algeriensis catturati in Europa. 



— 266 



300. Lanius minor, J. F. Gmel. !ex Buff.) 

AVKRI.A CENERINA. 

Velia cenerina mezzana, Averla cenerina, Velia minore 
(Aut. Itaì.) — Dergna o Gabiousna douminicaua (Pieni.) — 
Dergna, Gabiosna (Cuneo) — Gaviourna grosa (Aìba) — Ga- 
biosna mesana, Furghéra, Fregherà, Franerà. Gaviurna, Ga- 
zanétta, Caiurno lombardo (Bass. Pieni.) — Stragazun { Vi- 
gezzo) — Stragazza, Stragass, Stragazzon (Ossola) — Gazeula, 
Gagieta, Stregazzon, Sgasireula mornera piccola, Gazetta o 
Gascetta del co neglier (Lomh.) — Sgazzetta mornera (Pav.) 

— Gazett molenér (Bresc.) — Gazeola frisunera picola (Berg.) 

— Gazzott fi il vai o flaval, Rigossol (Vaìt.) — Gazzetta mo- 
linèra (Mant.) — Sgarzetta moulinera (Creni.) — Fougardra 
(Vai'zi) — Sgazzareiua (Piac.) — Gaza da la brétta (Parm.) 

— Bufiferla mzaua, Gazzétta mzana o puiesa (Mod.) — Ar- 
gestola (Mirandola) — Gazzetta arabe o da ciosa (Pavullo) 

— Gazzetta, BufFerla gazzotta, Forlutón, Ferlutón, Sparavir, 
Bnfiferlot (Boi.) — BufFerla grossa (Vergato) — Farlótta bianca 
duminicàua (Ravenna) — Farlot mulnaron (Cesena) — Ga- 
strigotto cenerino (Ancona) — Gàstrica o Gàstrica (Marche) 

— Redestola lora, Redèstola falconiéra, Gherla lora, Ingresta 
o Argestola lora o lorazza ( Veìi) — Sersacolo falconier ( Ve- 
ro7i.) — Regestola falcona (Vicenza) — Giarle zimule (Friuli) 

— Reguést lor (Bell.) — Scavalcaccio, Sparavier piccol, Scà- 
valzàgc (Roveret.) — Mattozzetta, Scavalcazza (Trento) — 
Regèstola iValstuj.) — Revest da montagna (Cadore) — Re- 
destolón (Feltre) — Resestola vara o falconiéra (Rovigo) — 
Sridnjisarac, Sraracak sarac (Dalm.) — Darnega sparvié pi- 
coun (Nizz.) — Caiorno mezzan, Cajnrno lombardo o terra- 
gno iGen.) — Caiurno (Voltaggio) — Gazuóla (Spezia) — 



— 267 — . 

Verla gaggiiia, Ghierla gazzina, Agassella, Averla grossa, 
Averla bigia, Averla gazzina, Averla gazzerina (Pis.) — 
Averla cenerina, Verla [Lucca] — Velia cenerina {Fior.) — 
Gueja gazzina, Gazzina, Gastrica o Castorchia tramontana 
{Sen.) — Castrice [Casent.) — Castorchia o Vastrica cenerina 
(Valdich.) — Guaja {Volteì'ra) — Averla bianca [Fucecchio) 

— Velia gazzina (Fiesole) — Castrocchia (Sarteano) — Velia 
{S. Gimignano) — Guegna cenerina {Gavorrano) — Gastrica 
[Elba) — Gastrica {Umbria) — Gaggiottola, Verla biancona 
{Garf.) — Gastrica palombina piccola {Roma) — Crasteca 
palummiua o casari n a (òas^'O Garigliano) — Gastrica palombina 
{Viterbo) — Gràstica, Gràstola, Quèrcia, Quèrola palommara, 
Guerula, Querula passarella, Paglionica (Nap.) — Pagghio- 
nica grossa {Bari) — Gazzera palombina {Foggia) — Paglio- 
nica o Pagghionica passarina, Parpaggionica {Lecce, Otranto) 

— Gastrapalomba {Campobasso) — Grolàno {Rossano, Cosenza) 

— Feliàra, Gruara (CaZ«6r.) — Grùara palumbina (Co^rowe) — 
Palumbinu, Garacefalu {Reggio Calabr.) — Fuliaru cinnirisu, 
Tistazza o Testagrossa cinnirusa iSicil.) — Tistazza ciunirina o 
rossa {Mess.) — Mulinaru grossu {Modica) — Testa grossa 
.cinnirina {Terranova Sicil.) — Tistazza griscia {Girg.) — Ti- 
stula {Caltag.) — Gargana, Moricana, Murgana, indistinta- 
mente i giovani di tutte le specie di Averla {Sic. Pai.) — 
Passiriargia, Manteddada {Sard.) — Bu-gaiat, Buaiaat {Malt.). 

Specie estiva, sparsa e comune ovunque in Italia; colla 
eccezione della Sardegna, ove sembra rara, e della Gorsica, 
da dove non è citata. Giunge in aprile e maggio e parte in 
settembre-ottobre, andando a svernare nell'Africa. Da noi ni- 
difica in abbondanza quasi ovuncj^ue ; non pochi giungono di 
passo in primavera e nell' autunno. 

Il L. minor è specie estiva nell'Europa centrale e meri- 
dionale e nell'Asia centrale occidentale; invernale nell'Africa 
orientale e meridionale ; non si trova nella Tunisia, ne credo in 
nessuna parte dell'Africa settentrionale ad ovest dall'Egitto, 



— 268 — 



SOI. Lanius Collurio, Linn. ex Briss. 
Averla piccola. 

Velia rossa minore, Passera gazzera, Falconello, Laniere 
collurione, Averla piccola {Aut. Ital.) — Dergna bussonera, 
Dergna d' invern (!), Farvàla jassà, Dergna pcita {Piem.) — 
Gabiosna bussonera {Cuneo) — Spagassa [Vere.) — Furghéra, 
Fregherà, Frauéra, Caiurno, Gazanetta, Gaviurna, Freghea 
{Basso Piem.) — Stragazza {Ossola) — Stragasa pcita {Novara) 

— Gasgietta, Stregazza, Stragazzera, Stregassa, Strigonza, 
Sersacola, Strangesola {Lomh.) — Scavezzacoll, Gazet sca- 
vezzaceli {Bresc.) — Gazuela {Berg.) — Gazzetta zenerina 
(Mani.) — Stragazzetta, Gasgetta {Mil.) — Stran gòss {Brian- 
za) — Gazzot, Rigossol iValt.) — Sgazzett, Sgazzetta (Cremon.) 

— Fougadra ( Varzi) — Sgazzireula, Sgazzetta {Pav.) — Sga- 
saneura {Voghera) — Sgazzareula, Gazoéula molinara {Piac, 
Parm.) — Gazzetta arabida, Bufferla peznena {Mod.) — Gaz- 
zetta Gazzola dalla stizza {Carpi) — Gazzatta arabidda 
{Sassuolo) — Gazzetta da ciosa {Pavullo) — Gazzetta rabida 
{Mirandola) — Bufferla, BufFerlot {Boi.) — Farlótta buscaróla 
o Sparvira (Ravenna) — Bufferla piccola ( Vergato) — Farlot 
{Cesena, Forlì) — Farlótta, Ferlotta, Sparvira {Romg.) — 
Gàstrica gentile {Marche) — Gastrigotto comune (Ancoìia) — 
Regèstola, Redèstola, Cavazua, Scavazua ( Ven.) — Muscaràte 
{Alheroni) — Arzèstola, Ingresta (Conegl.) — Regèstola pi- 
cola {Recoaro) — Gherla {Caorle) — Sersacolo Sàrsacolo ( F«s- 
ron.) — Regùest {Bell.) — Caogrosso (Istria) — Smracak, 
Batoglavac, Smracak smokvar (Daini.) — Verla (Monfalcone) 

— Giarla, Giarle pojane o fajane {Friuli) — Scavalzagc, 
Scavalcacio (Roveret.) — Mattozzetta, Scavalcazza piccola 
(Trento) — Scavalcaz (Folgaria) — Scavalcacc {Tiene) — 



— 269 — 

Scavalcacela (Mezzolomb.) — Scavalciaza [Denno) — Gazófc 
{Arco) — Siberzacol, Siverzacol (Avio) — Matoz {Primiero) 

— Gaggiablina (Stenico) — Gagiapasséra (Pranzo, Riva) — 
Mazzócca {Tesino) — Ocato, Gazòt (Val di Ledro) — Sca- 
vezzacoll {Condino) — Gavazùa, Redèstoa {Padova) — Rege- 
stola picola {Vicenza) — Eevest da montagna {Cadore) — 
Redestól {Feltre) — Giarla, Garle, Garlutt (Cividalé) — Re- 
sestola {Rovigo) — Darnega rouial picoan {Nizz.) — Ca- 
lumo, Calorno nostra (Gen.) — Gazuéla, Gazuéleta {Spe- 
ziai — Averla, Verla, Ghierla scoplna o piccola (Pis.) — 
Averla piccola {Pisa, Lucca) — Averla rossa {FuceccTiio) — 
Velia comune {Fiesole) — Castrocchla {Sarteano) — Ghierla 
(Grosseto) — Velia piccola (Fior.) — Velia mattugla, il glov. 
{Sesto Fiorentino) — Castrlce (Casentino) — Gastrica o Ca- 
storchia bigiarella, Gueja cenerina, Gueja scoplna, Gueja 
scopajola, Gueia, Velia (Sen.) — Gastrica {Elba) — Guaja 
piccola ( Volterra) — Vastrica piccola ( Valdich.) — Capigrosso 
I /. di Giglio) — Verla rossa {Garf.) — Gastrica { Umbria) — 
Castraclu {Rieti) — Gastrica {Roma) — Gastrica asinina {Vi- 
terbo) — Querula cestaregna, Quèrola, Quèrola cenerina, Què- 
rola passeregna (11 glov.), Guerula (Nap.) — Pagghlonica (Bari) 

— Grólano {Rossano^ Cosenza) — Testagrossa, Morgàne [Sicil.) 

— Tistazza nlca (Mess.) — Testa rossa piccirldda {Mess.. Modica) 

— Testa grossa {Jerran., Sicil.) — Futlcàru {Cat.) — Par- 
tarràsu o Partarràsu di voscu {Castelb.) — Passlriargia, Man- 
teddada, Pitigrussa (Sard.) — Pittilongu {Nuoro) — Gaccia- 
mendula [Malt.). 

Specie prettamente estiva per noi ; giunge in aprile e ci 
lascia nell'ottobre, qualcuno rimane anche in novembre e In 
dicembre, ma sono evidentemente individui smarriti. In Ita- 
lia è generalmente abbondante e sparsa ovunque, farebbero 
singolare eccezione le Puglie, ove il De Romita la dice scarsa 
assai, né sarebbe comune secondo il De Fiore in Calabria. 
Molti giungono di passo. 



— 270 — 

Il L. CoUurio è sparso durante la buona stagione in 
tutta Europa sino al 64° di Lat. N. Abita pure l'Asia occi- 
dentale, la Persia e l'Arabia, giungendo alle frontiere del- 
l' India; sverna nell'Africa orientale e meridionale, ma non 
si trova nella Tripolitania, nella Tunisia e nell'Algeria, men- 
tre al Marocco è stato registrato una sola volta. 



SOS. Lanius pomeranus, Spanm. *^' 
Averla capirossa. 

Velia maggiore ferruginea, Averla capirossa, Laniere a 
testa rossa {Aut. Ital.) — Dergna ajassèra, Farvàla, Gabiou- 
sna, Grabiourna, Bournera, Sciounga rossa, Dergna roussa 
{Piem.) — Spogassa ( ['ere.) — Gabiosna roussa (Cuneo) — 
Ause di grosse tèta {Aosta) — Furghéra, Fregherà, Frauéra, 
Gaviurna, Gazanétta, Caiurno, Freghea {Basso Piem.) — Stra- 
gasa (Nov.) — Gascetta del col ross, Gasgieta del co rouss, 
Gasgetta rossa, Stragozza, Stragazzera, Sgazzireula, Sgaz- 
zetta (Lomb.) — Sgasireula, Sgazzireula, Sgazzetta (Pav.) — 
Fougardrun d'ia testa roussa (Sta/fora) — Sgazanéura (Vo- 
ghera) — Strigàss (Vigev.) — Gaitón (Bassa Lomb.) — Caóurna 
(alta Trebbia) — Gazzett, Gasgetta de montagna, Gazèt 
marù [Bresc.) — Coross, Gagieta, Gagieta de montagna (Como) 
— Rigossol, Gazzott {Vali.) — Gazzetta (Mani.) — Sgar- 
zett, Sgarzetta (Cremori.) — Gazuela (Berg.) — Streghezza 
(Mendr.) — Fougardroun d'ia testa roussa ( Varzi) — Sgaz- 
zareula, Sgazzarola tabaccaia (Pine.) — Gazot'ula de la brétta 
rossa [Parm.) ■ — Gazzétta o Bufferla róssa o dalla testa róssa, 
Gazzétta varola, il giovane (Mod.) — Gazzetta da ciosa. Gaz- 
zetta, mas., Bufferla, fem. (Pavullo) — Varola (Mirandola) — 
Bufferla rossa (Boi.) — Bufferla mezzana ( Vergato) — Far- 



(1) D L. auriculatuH, P. L. S. MUll., sarebbe in parte riferibili' 
al L. minor; mentre il L. senator, Linii. (1758) ^'Habitat in Imlii.'i.,.. 
•eppoi la diagnosi nebulosa non corrisponde alla nostra specie. 



— 271 — 

lot domnnichen, Farlot dalla testa rossa {Forlì) — Farlótta 
da la testa rossa, Farlótta rossa {Ravenna) — Gràstrica {Mar- 
che) — Gastrigotto testa rossa {Ancona) — Redèstola a testa 
rossa bastarda, Regèstola falconiera o falcona picola, Gherla 
{Ven.) — Ingresta a testa rossa {Conegl.) — Regèstola grossa 
{Recoaro) — Giarle, Garle, Garlatt, Garlutt {Friuli) — Re- 
gùest bastard {Bell.) — Scavalcaccio o Scavalzaccio dalla 
testa rossa {Roveret.) — Mattozzetta {Trento) — Redéstola 
rossa {Valsug.) — Gaggiablina {Stenicó) — Cavazua, Sgava- 
zua, Regèstola bianca o foresta {Padov.) — Sàrsacolo dalla 
testa rossa {Veroti.) — Regèstola rossa {Vicenz.) — Rede- 
stól {Feltre) — Resestola da la testa rossa {Rovigo) — Smracak 
crvenglavi {Dalm.) — Darnega rouial {Nizz.) — Caiorno te- 
sta russa {Gen.) — Gazuéla (Spezia) — Averla, Verla, Ghierla 
capirossa {Pis.) — Velia capirossa {Fior.) — Averla capirossa 
{Pisa, Lucca) — Capirossa {Lucca, FuceccMo) — Vastrica 
capirossa {Valdich.) — Gazzina rossa, Gastrica o Castorchia 
capirossa, Caporosso, Gueja caporosso, Velia rossa {Sen.) — 
Capirossa (7. di Giglio) — Gueja rossa {Volterra) — Gastrica 
[Umbria) — Castraciu {Rieti) — Gastrica {Viterbo) — Gastrica 
colla testa rossa {Roma) — Crastola, Querula, Quèrola capa- 
rossa, Querula capirossa, Querula capinera (!), Quèrola pas- 
saregna, il giov. {Nap.) — Frusone verace, maschio. Frusone 
fumato, femm. {Capri) — Crastacone [Gaeta) — Quaraquaglie 
{Ischia) — Pagghionica caparossa {Bari) — Caracefala {Cala- 
hr.) — Grolàno {Rossano, Cosenza) — Capirusseddu {Cotrone) 

— Testa grossa, Testa russa {Sicil. Pai.) — Testa russa di 
maggio {Girg.) — Caracefalu, Testa rossa, Tistazza pappajad- 
discu il giov., {Mess.) — Juliaru {Cat.) — Partarràsu {Castelb.) 

— Guttunàru, Cuttunàra {Collesano) — Mulinaru picciolu 
{Modica) — Garcarazzeddu {Terran., Sicil.) — Pitigrussa, 
Passiriargia, Manteddada {Sard.) — Pitilongu {Nuoro) — Bu- 
giddiem_, Cacciamendula, Caccamendula {Malt.). 



07 •) 



Anche questa è specie estiva e nidificante per l'Italia; 
giunge in aprile e parte in settembre-ottobre, qualche indi- 
viduo rimane sino al novembre. E generalmente sparsa, ma 
non è ovunque comune; è specialmente abbondante durante 
l'estate sulle nostre isole, compresa la Corsica. Io posso assi- 
curare l'ottimo Kleinschmidt, il quale ritenne che l'Averla 
capirossa della Sardegna fosse il L. hculius, Hartl. specie 
affine, ma, pare, distinta dell'Africa tropicale, che in quel- 
r isola non si trova che il L. pomeranus, abbondantissimo e 
nidificante, in nulla diverso dagli individui viventi nel rima- 
nente d' Italia. 

Questa specie varia individualmente nella intensità delle 
tinte, ma non havvi alcuna ragione a separare e ritenere 
distinti gli individui sui quali Temminck stabilì il suo L. rn- 
tilans. 

Il L. pomeranus si trova nell'Europa centrale e meri- 
dionale, in buona parte dell'Africa e nell'Asia occidentale, 
giungendo, pare, sino nel X. 0. dell' India. Nella Tripolita- 
nia, Tunisia, Algeria e Marocco è estiva abbondante e ni- 
dificante come in Italia; nella Senegambia e più al sud tro- 
vasi durante 1' inverno. 



(A mpeli) 



303. Ampelis G-arrulus, I^inn. ex Gesn.) 
Bkccofrusone. 

Garrulo di Boemia, Galletto di bosco, Garrulo, Becco- 
frusone (Aut. Ital.) — Dorin [Pieni.) — Dourin (Basso Piem.) 
— Frison di fiochet (Nov.) — Ciarlini de Boemia (Lotnb.) — 
Gàrol de Boemia (Bresc.) — Gàrolo, Gàrulo de Boemia ( Yen.) 



— 273 — 

— Frison dai fioccheti (Veron.) — Coa de seda, Usél luasso, 
Usél della guerra, Passera russa, Gaietto de bosch {Ro&e:ì^t.) 

— Usello della guerra, Usello de Boemia ( Valsug.) — Daurin 
{Nizz.) — Beccofrusone {Tose). 

Il Beccofrusone può dirsi specie subcircumpolare sul li- 
mite delle foreste, giacché trovasi subartica nei due emisferi. 
In Italia giunge sporadicamente nel tardo autunno, irrego- 
larmente, alla spicciolata, non tutti gli anni ; cosi le comparse 
registrate: a Belluno nell'inverno 1893-94, e nell'autunno 
1898; ad Udine nel dicembre 1897; a Fiemme (Trentino) 
nel dicembre 1898. E ad intervalli maggiori, sempre irre- 
golari, lo vediamo giungere a grandi colonne invadenti. 

Tali invasioni si verificano nelle nostre provincie set- 
tentrionali specialmente, ma branchetti ed individui isolati 
giungono sin nelle nostre provincie centrali ; assai di rado 
più al sud però delle Marche e della Toscana, L' ultima di 
queste invasioni ebbe luogo da noi tra l'ottobre 1903 e 
l'aprile 1904; centinaia di esemplari vennero presi nel Ve- 
neto, nella Lombardia, nel Piemonte e nella Liguria; qualche 
branchetto giunse nell' Italia centrale, e cosi un' individuo, che 
conservo, venne preso il 1 gennaio 1904 a Barberino di Mu- 
gello (Firenze), un'altro a Fano il 15 gennaio 1904; l'ultimo 
catturato che vidi fu ucciso a Gardone, Valtrompia (Brescia) 
il 22 febbraio 1904 e venne donato alla Collezione italiana dal 
benemerito ing. Crescenzio Abeni. 

Da quanto mi risulta i primi comparvero nel Veneto 
orientale, ma i grossi branchi si videro ben presto in tutta 
l'Alta Italia, dal Friuli al Cantcn Ticino; sul mercato di 
Nizza giunsero oltre duecento esemplari in pochi giorni, e 
fu detto che provenivano dalla Corsica donde s' importano 
a Nizza nella « stagione » (inverno) migliaia di Merli ; non 
ho potuto però sapere con certezza se fu cosi pei Beccofru- 
soni nel gennaio 1904. Le ultime catture delle quali ebbi 
notizia avvennero il 20 marzo 1904 ad Albenga. In queste 
fughe al sud questo uccello attraversa talvolta il Mediterra- 
neo, e nella collezione Turati a Milano sono alcuni esemplari 
presi in Algeria, che facevano parte della nota raccolta Loche. 

18. 



— '274 — 



M US CICAJPIDu^ 

{!' /glia mosche, 



204. Muscicapa Atricapilla, Linn. (ex Aldrov.) 

Balia nera. 

Balia nera, Pigliamosche vestito a nero {Aut. Ital.) — 
Becafigh, Cich-cich {Cuneo) — Alaett, Alettin bianch e ne- 
gher {Lomb.) — Ali, Alet [Bresc.) — Alèt nigher (Berg.) — 
Alett {Valt.) — Beccamori (Varzi) — Caróssla ciara {Piac.) 

— Cic-ciach (Pai'm.) — Beccamosch nègher, Piià mosch {Mod.) 

— Fratucc (Boi.) — Sgolacchio (Marche) — Gastrichina bianca 
e nera (Ancona) — Batiale moro (Ven.) — Batiale [Ver. 
Beli.) — Batiale, Becafico (Bass.) — Battiale, Batiale moro (Ro- 
veret. Treni. Valsug.) — Badiale (Riva) — Bati-ale negrisól [Ve- 
ron.) — Favaréto, Becafigo foresto (Padova) — Musicar mrki 
(Daini.) — Bouscarla chinsouniera (Xizz.) — Bazanà scilo 
(Gen.) — Sbattiae (Arenzano) — Balia nera [Tose.) — Buc- 
ciajola (Casent.) — Moretta (Pistoiese) — Aliuzza (Lucca) — 
Beccamosche (Valdich.) — Scellavàtto, Scellavàttolo, Scella- 
rattole (Xap.) — Fravetta (Catanzaro) — Acchiappamuschi, 
Carcarazzedda (Mess.) — Monachedda (Modica) — Baria (Cat.) 

— Pappamuschi, Pappaciuscu monacu (Girg.) — Alipinti, Mu- 
nacedda niiira (Pal.^ Sic.) — Biccafigu (Sard.) — Busueida 
(Malt.). 

Estiva, di doppio passo e generalmente sparsa in Italia, 
nidificando ai monti ; è però più frequente nelle nostre Pro- 
vincie centrali e settentrionali, mentre scarseggia nelle Pro- 
vincie meridionali e nella Sicilia ; nella Corsica sarebbe ab- 



— 276 — 

boadante durante il passo, mentre è certamente scarsa in 
Sardegna. Giunge da noi in marzo aprile, parte o ripassa tra 
l'agosto e l'ottobre. 

Io considero questa specie come il tipo del genere, ep- 
perciò non ho accettato i generi Ficedula ed Hedymela alla 
testa dei quali è da molti collocata. La M. Atricapilla è ge- 
neralmente distribuita in Europa durante la buona stagione ; 
sverna nell'Africa tropicale. Recentemente {Journ. f. orn. 1899, 
p. 505), lo sfortunato giovane ornitologo barone Carlo von 
Erlanger, ha creduto di resuscitare come forma distinta da 
questa specie la M. speculigera, Selys Longch. della Tunisia, 
che differisce soltanto, pare, dalla tipica M. Atricapilla^ per 
avere la macchia bianca frontale un po'più estesa; carattere 
che varia considerevolmente in individui nostrali. Recente- 
mente Whitaker nella sua classica opera " Birds of Tunisia, ,, 
I, p. 179, ha riunito giustamente quella forma alla comune 
Balia nera. Nel N. 0. dell'Africa questa specie è estiva come 
da noi e nidificante. 



S05. Muscicapa collaris, Bechst. 

Balia. 

Aliuzza maschio di color bianco, Pigliamosche collo bianco, 
Balia {Aut. Ital.) — Becafigh, Cich-cich {Cuneo) — Alett o 
Alettin del col bianch, Alett (Lomb.) — Ciapamusch (Nov.) 
— Alett colla fassa, Alett cui scussàa (Vali.) — Aleatt, Alin 
{Pav.) — Ali (Bresc.) — Alèt {Berg.) — Alettin {Maìit.) — 
Beccamosch, Pila mosch {Mod.) — Fratòc, Fratucc (Boi.) — 
Gastrichina bianca e nera {Ancona) — Batiale a collo bianco 
{Ven.) — Batiale {Veron.) — Battiale {Boveret.) — Becafico, 
Batiale {Bass.) — Badiale moro dal colar {Riva) — Favaréto 
{Pad.) — Battiale {Feltre) — Musicar (Dalm.) — Bouscarla 
(Nizz.) — Bazanà du collo gianco {Geji.) — Balia, Pigliamosche 
collo bianco {Tose.) — Bucciajola {Casent.) — Sarchianaccio 
(/. di Giglio) — Aliuzza {Lucca) — Scellerattole, Scellevàtto, 



— 276 — 

Scellevàttolo (Nap.) — Calandrella verace, maschio, Calandrella 
monacella, femm. {Capri) — Monachedda {Rossano, Cosenza) 
— Fra vetta [Catanzaro) — Ala pinta, Alipinti (Paler.) — 
Carcarazzedda {Cai., Mess.) — Munachedda (Polizzi) — Mu- 
uachedda di passa [Castelb.) — Pappaciuscu, Pappaciuscuni 
{Girg.) — Papamusca, Biccafigu {Sard.) — Busueida, Zanza- 
rel [MalL). 

Specie estiva in Italia, generalmente sparsa, ma non fre- 
quente ; anzi dalle informazioni più attendibili che ho, seb- 
bene nidificante da noi ai monti, è scarsa per non dire rara, 
colla singolare eccezione della Sicilia, ove dalle osservazioni 
del cav, Whitaker risulta essere più comune della specie pre- 
cedente. Giunge in marzo-aprile e ci lascia in agosto-settem- 
bre. A tale proposito è assai interessante una notizia che 
ebbi dal Sac. Carlo Fabani ; rispondendo alla fine del 1889 
ai quesiti per la nostra inchiesta ornitologica egli dice : « La 
M. coìlaris, quasi sconosciuta in addietro nella Valtellina si 
vede ora nidificare ogni anno in località poco discosta da 
Morbegno, ed aumentare visibilmente in numero » . 

Ripeto quanto scrissi a proposito di questa specie nel 1886 
(Avif. ital. p. 179) ; che sarebbe interessante avere notizie 
precise sulla nidificazione, sulle differenze sessuali e di età e 
sui rapporti e la possibile convivenza di questa specie con 
quella precedente, dalla quale taluni hanno preteso rite- 
nerla non distinta. Senza dubbio è facile distinguere i maschi 
adulti in primavera della M. collaris da quelli della M. Atri- 
capilla, ma non è cosi pei giovani e per le femmine, e anche 
pei maf<chi adulti in autunno. Non posso accettare l'osserva- 
zione dell'Arrigoni a proposito del maschio adulto in abito 
dimesso preso a Fiesole il 22 agosto 1888. 

La M. collaris abita l'Europa meridionale e centrale nel- 
l'estate e sverna nell'Africa; nella Tripolitania e nella Tunisia 
però è specie estiva come da noi. Trovasi pure nell' Asia oc- 
cidentale ; va quindi considerata specie circummediterranea • 



— 277 



S06. Erythrosterna parva Bechst.) 
Pigliamosche pettirosso. 

Piamoseli piscinin {Lomb.) — Batiale picolo {Veìi.) — 
Bazanà du peto russo {Gen.). 

Specie di rara ed accidentale comparsa in Italia, sebbene 
sia non scarsa e nidificante nell'Europa centrale ed orientale; 
è stato asserito che qualche coppia possa nidificare nei boschi 
del Friuli e del Cadore, ma sinora non abbiamo alcuna prova 
di ciò. Diciasette casi della sua cattura in Italia sono regi- 
strati dall' Arrigoni {Man. orn. ital. p. 157) e cioè : sei nel 
Veneto, uno nel Piemonte, tre in Lombardia, cinque nella 
Liguria, uno nell'Emilia, ed uno in Calabria, presso Reggio 
il 6 ottobre, 1890. Aggiungo che io ho avuto un maschio 
adulto da Nizza ucciso a Cimelle, in quei pressi, il 9 novem- 
bre 1902 ; mentre l'amico Yallon proprio un mese prima, cioè 
il 9 ottobre ebbe a Udine un maschio giovane di questa spe- 
cie preso alle reti a Moruzzo. 

La ErijtTirosterna parva abita pure l'Asia centrale, sver- 
nando nell'India ; il Loche la cita dall'Algeria, ma AVhitaker 
non ne ebbe notizia nell'Africa N. 0. E stata recentemente 
collocata nel genere Siphia^ pare per ragione di qualche set- 
timana di priorità ! 



se?. Butalis G-risOla ^^' (Xinn.) (ex Aldrov.) 
Pigliamosche. 

Pigliamosche, Grisola, Boccalepre {Aut. Itaì.) — Cicch- 
chicch {Pierri.) — Licia {Pinerol.) — Cichcich {Bass. Piem.) 



(1) Linneo (Syst. Nat. XII ediz. p. 324, 1766) istituì il genere Musci- 
capa^ ponendo a capo lista la M. paradisi, che è ora a capo del ge- 
nere Terpsiphone; nel seguito delle specie elencate da Linneo troviamo 
al n. 9 la M. AtHcapUla ed al n. 20 la M. Grisola : come mai questa 
puossi prendere per il tipo del genere Muscicapa f 



— 278 — 

— Grugnett, Grisettina, Grisetta, Alètt, Aletin gris, Ciappa 
mósch, Pia-mòsch, Alin, Moschi {Lornb.) — Grisett {Valt.) — 
Fringuellina {Como) — Freret, Aleton, Aletù {Berg.) — Gri- 
sin (Mendr.) — Iches (Bresc.) — Alettin griss, Beccamòre 
(Mani.) — Ciappa mosch, Piiamosch (Mod.) — Chiappamo- 
sche (Pieve pelago) — Parpaiol, Ciapamosch [Boi.) — Sgolac- 
chio (Ancona) — Stoparóla, Orbarolo, Griséto, Gambe de fero, 
Batiale ( Yen.) — Cisàto (Ponte di Piave) — Valesàn (Cimadolmo) 

— Vicia (Monastier) — Alin (Veron.) — Schiussenàlis, Ba- 
tiàlis, S(^hasseàlis (Friuli) — Machet (Feltre) — Griséto, Ca- 
néto, Risarólo (Padov.) — Batialòn, Batiale bizèt (Bell.) — 
Grisàtol, Batiale (Roveret.) — Grisàtol, Batiale (Trento, Val- 
sug.) — Grisatto (Riva) — Sgrizatòl (Cles) — Licio (Terra- 
gnolo) — Zizamosche, Beccamosche (Arco) — Vignarola (Ca- 
stelnuovo) — Griischotele (Luserìia) — Pizzamosche (Giudica- 
rle) — Musicar, Mecak (Dalm.) — Bouscarla chinsouniera 
(Nizz.) — Bazanà (Arenzanó) — Bazanà grixo, Ciappamosche 
(Gen.) — Boccalepre, Pigliamosche (Tose.) — Sgriccio (Appen- 
nino Pistoiese) — Pigliamosche (Pisa) — Beccamosche (Fie- 
sole) — Chiappamosche (Casent.) — Beccamosche (Valdich.) 

— Siccio (Lucca) — Beccafico murajolo (Elba) — Beccafico 
(Umbria) — Moscarolo (Roma) — Moscardo, Pizzenfierro 
(Nap.) — Pappamosche (Capri) — Moscarola (Bari) — Mu- 
scarola, Muscaloro (Lecce, Otranto) — Pilusa (Calabr.) — 
Fravetteddu (Catanzaro) — Appappa muschi, Pizzu moddu 
(Sicil., Mess.) — Muscalureddu, Carcarazzedda (Mess.) — Am- 
mucca muschi (Cat.) — Pappaciuscu, Pappaciuscuni (Girg.) 

— Pizzu longu, Acchiappa muschi (l*al.) — Appappa mu- 
schi (Castelb.) — Papamusca t^Sard.) — Beccafigu (Sass.) — 
Studa candelas, Papalina (Cagl.i — Zanzarel (Malt.). 

Estiva e comune quasi ovunque in Italia ; giunge in 
aprile e parte alla fine di ottobre ed è ancora di doppio passo. 
Meritano conferma le asserzioni della sua permanenza durante 
V inverno in alcune delle nostre provincie meridionali, basate, 



— 279 — 

direi, sulla cattura di qualche individuo smarrito e ritarda- 
tario. 

La B. Grisola è estiva in tutta Europa, trovasi pure 
nell'Asia occidentale e centrale; nella Tunisia è in parte estiva 
in parte sedentaria. Sverna nell'Africa occidentale ed australe 
e nell' India N. 0. 



{Rondini) 



SOS. Hirundo rustica. Limi, ex Frisch. 
Rondine. 

Rondine domestica. Rondine comune. Rondine {Aut, Ital.) 

— Roundoula, Rioundola {Piem.) — Hi rondelle {Aosta) — 
Roundoulina {Vere.) — Roundanina {Cuneo) — Róndola, 
Róndolina {Ossola) — Rondula {Vigezzo) — Roundanina, 
Róndola, Rondanin-na {Basso Piem.) — Rondena, Rondinella, 
Rondon {Lomh.) — Roundanina, Roundinella, Use dia Madona 
{Pav.) — Rondéna {Bresc.) — Rondena {Berg.) — Runden 
{Valt.) — Rondana {Mant.) — Roundanéna {Varzi) — Rondàna 
{Piac.) — Rondanèn-na {Parm.) — Rundanèna {Mod., Romgn.) 

— Rundanelna, Rundaccia {Boi.) — • Rondon dalla furzèla 
{Romg.) — ■ Rondine rossa, Rondine dalla forcina o forcinella 
{Marche) — Rondine rossa o dalla forchetta {Ancona) — 
Rondna, Rundanèna, Rondanéna da la furzélla {Ravenna) — 
Sisila, (pesila Cisila, Sesìla, Rondinola ( Ven.) — Rondena 
{Veron.) — Ciliga {Bell.) — Risile, Sisila, Rondinel {Friuli) 

— Róndola {Treni.) — Rondolo, Róndol, Zesila, Sesila {Val- 
sug.) — Rondena {Val di Ledro) — Zilega (Primiero) — Zi- 
ria {Ampezzo) — Rundula {Rendena) — Odóndra, Rodùndora 
)Badia) — ScTiwalbe {Luserna) — Sbalba, Sbalbera {Sette 



— 280 — 

Comuni) — Rondine, Rondina (Padova) — Rondanina, Ron- 
dinina, Rondane, Rondine {Rovigo) — Zhiliga, Zhiria [Ca- 
dore) — Zhisila {Feltre) — Lastavica {Dalm.) — Arendoula, 
Sisèu, Ciseu {Nizz.) — Rundaninha (Gen.) — Rondanina 
(Spezia) — Rondine (l'ose.) — Rondine vera, Gallina della 
Madonna (Fior.) — Forcinella (Valdich.) — Rondine reale 
(Pisa) — Balestruzzo (Elba) — Rondinella (/. di Giglio) — 
Rondine (Umbria) — Rundina (Rieti) — Róndina (Corsica) 

— Rondinella (' Viterbo) — Rondine, Rondine buona o cam- 
pagnola, Forcinella (Roma) — Ninnunella (basso Garigìianó) 

— Rinnine, Tagliaforbice, Rennénella tagli afùorfece (Nap.) 

— Rinninedda coda-longa (Bari) — Renninella (Campobasso) 

— Rendineddra [Lecce, Otranto) — Ndalandishia [Albanesi 
italici) — Catojàra (Rossano, Cosenza) — Rindinedda (Catan- 
zaro) — Rinnina, Rinninedda (Cotrone) — Rindina, Linda- 
neja (Reggio Calabr.) — Rinnina (Sicil.) — Rinnina di casa 
(Castrog.) — Martidduzzu (Cat., Castelb.) — Martiduzzu (Len- 
tini) — Rinninedda [Modica, Paler.) — Rinnina marzudda 
(Pai.) — Rundini, Rundili, Pilloni di Santa Lucia, Arrun- 
dili (Sard.) — Huttafa tal primavera, Huttafa, Hauiefa (Malt.). 

Giunge usualmente nella prima metà di marzo, e in Si- 
cilia e Sardegna anche negli ultimi giorni di febbraio ; parte 
o ripassa dalla metà di settembre alla metà di ottobre; non 
sono comprovate le asserzioni della permanenza di Rondini 
di questa specie in Italia durante 1' inverno. Va però ram- 
mentato che nella Tunisia e nel rimanente N. 0. dell'Africa, 
ove la Rondine è estiva come da noi, vedonsene sempre qual- 
cuna durante l' inverno, ritardatane o covate tardive, come 
nota benissimo il Whitaker ; ciò potrebbe talvolta accadere 
nelle nostre provincie più meridionali. 

iJa noi durante la buona stagione è abbondante ovun- 
que, ma vi sono località ristrette, città, per esempio Napoli, 
ove non rimane a nidificare. Casi di albinismo completo o 
parziale e di colorazione rossigna delle parti inferiori non 



— 281 — 

sono infrequenti in questa specie. Conservo poi nella Colle- 
zione italiana {Cat. Ucc. 1834, 3449, 3593) tre casi interes- 
santissimi e chiari di ibridismo colla Chelidon urbica^ maschi, 
presi rispettivamente a Bari (25. IV, 1872), Senigallia (1, V, 
1884) e Pisa (15, IV, 1896). 

La H. rustica è specie estiva in quasi tutta la Regione 
Eurasica ; sverna nell'Africa e nell'Asia meridionali. Come ho 
già dichiarato le asserzioni riguardo la cattura della H. Sa- 
ìyignyi, Steph. in Italia, posano sulla presa di individui della 
Rondine comune rossigni (non castagni) sulle parti infe- 
riori. La H. Savignyi è specie non migrante, propria al- 
l' Egitto. 

Ad oriente del Jenisei e più al S. nella Regione Eura- 
sica e in quella Indo-Malaica la nostra Rondine viene a con- 
tatto con una sua consimile di minori dimensioni la H. gut- 
turalis, Scop., che sverna nella Papuasia e nell' Australia e 
che potrebbe benissimo considerarsi mera sotto-specie della 
H. rustica^ cosi poca è la diversità tra le due forme. Anche 
la H. erytJirog astra, Bodd. dell'Asia orientale e dell'America 
boreale tutta, la H. Tytleri, Jerd. pure dell'Estremo oriente 
asiatico, nonché la citata H. Savignyi^ Steph. della vallata 
del Nilo, vennero considerate sotto-specie della H. rustica, e 
non sempre a torto. 



S09. Hirundo rufula, Temm. 
Rondine forestiera. 

Rondine collo giallo. Rondine comune scherzosa, Ron- 
dine di Siberia, Rondine rossiccia [Aut. Ital.) — Rundaninha 
du cu russo {Gen.) — Rinninedda turchiesca (Bari) — Ri- 
nnina di Barberia {Sicil.) — Rinnina monica, Rinnina fu- 
rastera, Rinnina svaria (Mess.) — Huttafa hambra {Malt.). 

E specie di accidentale comparsa in Italia, colia ecce- 
zione delle Puglie e forse della Sicilia orientale, ove sarebbe 
di scarso, ma regolare passo primaverile tra il marzo ed il 



- 282 — 

maggio; capita poi più facilmente nella Toscana ed in Li- 
guria. E assai più scarsa durante il passo, autunnale; quasi 
sempre si vede insieme alla Rondine comune. Ho già espresso 
la opinione che qualche coppia possa aver nidificato da noi, 
ma non ne ebbi ancora le prove di fatto. 

La //. rufida vive nella regione circum-mediterrauea, nel 
N. E. dell'Africa sino in Abissinia; è comune e nidificante 
al Marocco, ma nella Tunisia sembra essere nelle stesse con- 
dizioni che nelle nostre provincie meridionali. Trovasi nel- 
l'Asia occidentale e centrale, giungendo al Nepal: quivi però 
è stata distinta una forma più piccola la H. Scuìlìfi, See- 
bohm, mera sotto-specie. Più all'È. nell'Asia troviamo la 
H. daurica, Linn. e le sue forme affini. 



SIO. Chelidon^'^urbica (Linn. ex Frisch.) 
Balestruccio. 

Balestruccio comune, Rondicchio, Rondine cittadina {Aut. 
Ital.) — Cubianc, Culbianc, Martlot, Martlèra, Ravaireu (Piem.) 

— Cubianc {Aosta) — Roundouloun (Vere.) — Racaurin (Alba) 

— Roundanina, Cui bianch, Cubianc, Cubianchin, Ciigianco 
d'aia (Basso Pieni.) — Sassaréul, Cubianc {Ossola) — Sassa- 
rieul {Vigezzo) — Dardanel, Rondon sassero. Roundon sassa- 
reu {Nov.) — Cubianc, Rondola bianca, Rondanina, Dardan, 
Darder, Dardanel, Dard (Lomb.) — Rondonzei, Roundanina, 
Cu-biaénch, Dàrdaen (Pavia) — Roundón dra schéna bianca 
{Viger.) — Dardèr (Bresc.) — Dardi (Berg.) — Darden {Mil.) 

— Dard, Darden ( Vali.) — Darden {Cremon. Como) — Dar- 



(1) Avendo provato che il genere Chelidon venne usato da For- 
ster nel 1817 come e(|uivalente al genere Iliruìido di Linneo, il Dr. 
Reichenow crede doveroso sostituire ijuesto nome, dato in senso 
stretto al Balestruccio da Boia nel 1822. col termine poco eufonico 
di Chelidonnria (Cfr. Journ. f. Orn. 188i», p. 187), cosa che non mi 
pare affatto necessario ed utile; anzi! 



— 283 — . 

dana (Mendr.) — Rondanina {Mani.) — Rivareu {Vogherà) — 
Cubianc, Gardanen ( Varzi) — Rondaneina, Tartarèfct, Bardar 
{Piac, Parm.) — Rondicchio, Rundicc, Runducc, Rundècc, 
Cnlbianc, Culbianchet (Mod.) — Rundocc, Rundèc, Rundec- 
cia, Rundanena [Boi.) — Rundanèna, Rundecia, Culbianc 
[Romg.) — Rondic (Vergato) — Rondine, Rondinella, Ron- 
dine casalina (Marche) — Rundanèna (Ravenna) — Rondine 
bianca (Ancona) — Rondin, ? Rondicchio, Tartagin, Capriolo, 
Dardaro (Ven.) — Balestrello (Trev.) — Róndol [Bell.) — 
Tartagin, Rondinina (Polesine) — Rondin, Rondul, ^isilin 
(Friuli) — Tarter, Rondola picola, Rondola dal cui bianc 
(Roveì'et., Treni ^ Val di Non e di Sole) — Sdàrzer, Rondo - 
lina (Val di Ledro) — Rondin, Zesila bianca (Valsug.) — 
Dàlder (Avio) — Tarter dal cui bianc (Cavalese) — Rondolin 
(Stenico) — Ciprioto, Zipriotto, Dardarin, Tartagin (Veron.) 

— Rondina dal cu bianch (Cadore) — Rondolet, Rondolét 
dal cui bianch (Feltre) — Gràlica, Kosirica (Dalm.) — Aren- 
doula, Queu bianc (Nizz.) — Cu gianco d'aia (Gen.) — Cùo 
gianco (Spezia) — Balestruccio (Tose.) — Rondinino (Pisa) 

— Rondine (Elba) — Spicarola (Rieti) — Curiancola (Cor- 
sica) — Rondine (Umbria) — Rondine, Rondine di città, 
Rondinella, Barbarella (Roma) — Ninnunella (basso Gari- 
gliano) — Rondinella (Viterbo) — Rennenella, Lampetella 
(Nap.) — Rinninedda palommina (Bari) — Rendineddra 
(Lecce) — Tirinnina (Rossano, Cosenza) — Rindinedda, Rin- 
nina, Rinninedda, Rondine, Lindaoej a (Calab.) — Rinninedda 
barbottula (Sicil.) — Barbottula, Martiduzzu (Mess.) — Rin- 
ninedda (Lentini, Cat. Petralia) — Marzunieddu (Modica) — 
Rinninedda, Rinnina, Martidduzzu (Terran. Sic.) — Codidda 
o Curidda janca {Caltag., iSirac.) — Munachedda (Castelb.) — 
Rinnina martidduzza (Girg.) — Martidduzzu (Pai.) — Run- 
dini, Rundili, Bilioni di Santa Lucia, Barbarottu, Conca de 
moru. Cabu de moru, Arrundili, Culubiancu (Sard.) — Hauiefa, 
Huttafa (Mali.). 



— 284 — 

Abbondantissimo dal marzo all'ottobre, inclusivi, in tutta 
Italia; nelle provincie meridionali non è difficile vedere ri- 
tardatari in novembre, ma non ho potuto avere alcuna prova 
di fatto in conferma dell'asserzione che alcuni svernano da 
noi; come già dissi si son veduti individui di questa specie 
volare sopra la Porta al Prato (Firenze) il 19 novembre 1882 
{Avi/'. Ital. 1886, p. 187). Il Balestruccio ha abitudini assai 
più gregarie della Rondine comune, e forma vere colonie in 
certi quartieri delle nostre città o prescegliendo dati edifizì 
per appiccicarvi in gran numero i propri nidi. Non mi con- 
sta che sia in palese diminuzione nel nostro paese (Arrigoni, 
Man. orn. ital. p. 144). 

La Chelidon urhica è sparsa in tutta Europa e nell'Asia 
occidentale e centrale sino al Jenisei ; nell'Africa settentrio- 
nale è, come da noi, specie estiva. Sverna nell'Africa cen- 
trale e meridionale, e forse nell' India, ove però potrebbe 
essere confusa colla affinissima specie seguente. 

Non conosco la C. orientalis del Somow, data come abi- 
tante la Russia centrale, Governo di Charkow. La C. albi- 
geiìa, Heugl. dei Bogos, Eritrea, è certamente molto simile 
al nostro Balestruccio. 



311. Chelidon casliiniriensis, Gould 

Balestruccio del Cashmir. 

Io non posso che confermare quanto ho stampato in 
riguardo all' individuo maschio adulto, sinora unico, di que- 
sta specie asiatica capitato iu Italia e precisamente a Firenze, 
ove venne ucciso al Poggio Imperiale il 13 ottobre 1885 dal 
dott. Dante A. Roster e portatomi in carne un'ora dopo 
(Cfr. Avifauna Italica 1886, p. 187; Avif. Ital. 1889, p. 316). 
A proposito della critica del conte E. Arrigoni {Man. orn. 
ital. p. 146) su questo argomento, dirò che conosco benissimo 
i caratteri del giovane C. urhica e che non uso confondere i 
giovani cogli adulti. 



— 285 — " 

Del resto la comparsa di qualche individuo della minore 
ed affine C. cashmiriensis tanto a ponente del suo « habitat » 
ordinario, non è poi cosa tanto sorprendente ; giacche le due 
specie vengono a contatto nell'Asia centrale e nelle pianure 
dell' India. Eppoi sono tanto simili che vanno confrontati 
esemplari di sesso e di età ben determinati, e non basta 
consultare delle tavole più o meno esatte. Io ritengo che 
un'accurata indagine farebbe trovare tra i nostri Balestrucci 
qualche altro esemplare di quello del Cashmir. La C. cashmi- 
riensis abita l'Asia centrale ed orientale, dal Cashmir alla 
Cina; sverna nell' India. 



313. Olivicola riparia (Linn. ex Gresn.) 
Topino 

Rondine riparia, Balestruccio salvatico o ripario, Darda- 
nello, Rondine delle rive. Topino (Aut. Ital.) — Martlòt, 
Martlin {Piem.) — Hirondelle de cours d'eau [Aosta) — Cul- 
bianch d'eva, Cubianc d'riva, Rivareu, Cugianco de riva (Basso 
Piem.) — Dardanin, Dardin, Rondena de riva (Lomb.) — 
tioundonzei d'acqua o de riva (Pav.) — Dardo, Dard o Dar- 
den de muntagna {Valt.) — Dàrder bereti (Bresc.) — Ron- 
deni {Berg.) — Tartarin [Mant.) — Rondena, Darden, Darda- 
nell, Caltaren [Cremori.) — Gardanen [Varzi) — Rivarein, 
Ri varò [Piac.) — Tartarètt [Parm.) — Ruudècc da riva o 
da fìum, Rivarol, Cui bianch d'acqua, Rundècc d'arzen [Mod.) 

— Rundaneina da rivaz [Sassuolo) — Rundicc da acqua 
[Carpi) - — Runducc [Finale) — Rondanina d'acqua [Zocca) 

— Rivarol, Tartarei [Boi.) — Rundanèna di fìom [Cesena., 
Forlì) — Rundanèna d' fióm [Ravenna) — Rondine fratino, 
Fratin [Marche) — Fratino iSinig.^ Ancona) — Tartagin, 
Rondinéla picola. Rondinolo, Rondin, Rondin picolo [Ven.) 

— Dardaro, Dardarin [Veron.) — Cocalina [Bass.) — Ron- 
dili [Friuli) — Dàlder, Dalderin [Torbole) — Tartarei de 



— 286 — 

passaggio {Rovereto) — Rondena de riva o de acqua [Val di 
Ledro) — ^ Rondin d'acqua [Vicenza) — Sajavica [Daini.) — 
Tartagin, Rondenina [Polesine) — Martelet [Nizz.) — Frattin 
[Arenzano) — Seneento (Gen.) — Topino (Tose.) — Bale- 
struccio bigio (Pisa) — Balestruccio [Lucca) — Bigino [Fu- 
cecchio) — Occhi di pulce [Sesto fiorentino) — Rondinino, 
Rondine topaiola [Elba) — Rondine sorcina [Umbria) — 
Rondinella marina, Moscone [Roma) — Rennenèlla, Ronne- 
nèlla [Nap.) — Rinninedda castagnazza [Bari) — Rinni- 
nedda [Catanzaro) — Mutaredda, Munacedda, Monachedda 
[Sicil.) — Rinnina suricina, Monacedda [Mess.) — Rinnina 
griscia [Girg.) — Rinninedda da ripa [Pai.) — Rundini o 
Rundili marina, Arrundileddu, Rundili de a riu [Sard.ì — 
Huttafa, Hauiefa [Malt.). 

Specie estiva, frequente in ogni parte d' Italia, ma lo- 
calizzata in colonie in luoghi adatti, cioè ripe alte, verticali 
e sabbiose di corsi d' acqua o nelle loro vicinanze, ove più 
facilmente può scavare le sue gallerie. Giunge da noi anche 
in febbraio, per lo più nel marzo; parte o ripassa tra la 
metà del settembre e quella dell' ottobre. Non è in alcun 
modo confermata l' asserzione che questa specie possa sver- 
nare in Italia; anzi a Pantellaria, ove fui due volte, risposero 
negativamente ; è vero che mi dissero che vi rimaneva durante 
r inverno il Cypselus Melba, ma non seppero provarlo con 
r invio di qualche esemplare in carne in quella stagione. 

La C. riparia ha una estesissima distribuzione geografica, 
giacché abita non solo tutta la Regione Eurasica nell'estate, 
svernando nell'Africa e nell' India ed Indocina, ma si trova 
nella buona stagione in tutta l'America boreale, emigrando 
col freddo nell'America centrale e meridionale. Eppure nel- 
l'Africa e nell'Asia viene a contatto con nove specie affini 
con limitata diffusione. Molto affine al nostro Topino, ma 
più piccola e più chiara è la C. Shellei/i, Sharpe, dell'Egitto. 
Nella Tunisia la C. riparia è, come da noi, estiva, ma più 
scarsa per ragione della scarsità di acque. 



— 287 



S13. Cotile rupestris (Scop.) 

E-OXDINE MONTANA. 

Cablane de montagne {Aosta) — Bargo {Valle del elu- 
sone, Pìnerolo) — Roundanina d'mountagna, Rioundoula die 
roche {Cuneo) — Cubianc d'riva. Rocareù, Cubianc d'ròca 
(Basso Piem.) — Sassaresi d'montagna {Novara) — Sassaréul 
di scoij, Sassarèul d'montagna {Ossola) — Sassarieul at mon- 
tagna {Vigezzo) — Dardon {Lomb.) — Dàrder de corna {Bresc.) 
— Darden de montagna {Volt.) — E,oundón-da-scheùggio 
{alta Trebbia) — E,óndana da mont {Mant.) — Rundècc ma- 
rèn (Mod.) — Rondena de montagna {Veron.) — Rondin de 
monte {Bass.) — Tàrter zengiarol, Tàrter gris, Tàrter bianc 
(Roveret.) — Rondia de monte {Valsug.) — Tartagin, Rondin 
de monte {Vicenza) — RóndoI {Belluno) — Rondol da eroda 
{Cadore) — Tartagin, Rondin {Fadov.) — Rondolét griso o 
da eroda {Feltré) — Sajavica, Cagjavica {Dalm.) — Aren- 
doula de rocca {Nizz.) — Seneentun {Gen.) — Rondine 
{Lucca) — Rondine d' inverno (/. di Giglio) — Róndina {Cor- 
sica) — Rondine di monte, Fratin {Marche) — Rondine 
{Umbria) — Rondine grottara {Viterbo) — Lindaneja di 
muntagna {Calabr.) — Rinnina paisana {Catanzaro) — Rin- 
nina di rocca {Sirac. Mess.) — Nivalora, Nivaloredda, Mo- 
nacedda {Mess.) — Rinnina d' inviernu, Martidduzzu {Mo- 
dica) — Rinnina di munti, Rinnina d' invernu {Pai.) — 
Rinnina di malu tempu (Cat.) — Rinninedda di passu scura 
{Castelb.) — Arrundili marina, Rundine marina, Arrundili, 
Arrundili de a'roca {Sard.) — Hauiefa, Huttafa baida {Malt.). 

Nessuno pone ora in dubbio la permanenza di questa 
Rondine in Italia durante 1' inverno, che fu argomento di 
una delle prime mie note ornitologiche (« Ibis », 1863, p. 474), 
e che è per noi parzialmente migrante o forse soltanto lo- 



— 288 — 

calmente erratica. Sverna non soltanto nelle nostre provinole 
meridionali e centrali, ma anche in luoghi riparati lungo la 
catena Alpina ; cosi non piìj tardi delio scorso febbraio ne 
ebbi una da Morbegno (Sondrio) e seppi poi da quel solerte 
sotto-ispettore forestale signor P. Sammartini, che egli le 
aveva vedute volare in quei pressi sul lato destro dell'Adda 
durante tutto lo scorso inverno (1905). E generalmente sparsa 
in Italia, ma si tiene nei luoghi montuosi, e al piano si vede 
soltanto nell'inverno o durante le migrazioni, e sempre non 
lontano dai monti. Non si può dire abbondante, eccetto nella 
Corsica e nella Sardegna; gli esemplari da quelle isole non 
differiscono da quelli del nostro continente, onde non so 
comprendere, ne pc>sso accettare Ja proposta dell' Arrigoni 
di distinguere gli esemplari sardi. 

La (\ rupestris si estende dalla regione circum-mediter- 
ranea attraverso l'Asia centrale sino alla Cina settentrionale 
e nell' India. Non adotto il nome generico Ptt/onoprogne, 
resuscitato dallo Sharpe per queste Rondini montane, inno- 
vazione non necessaria epperciò dannosa. 



S14. Cotile obsoleta, Cab. 
Rondine montana minore. 

Mantengo semplicemente quanto ho già scritto intorno 
alla eventuale comparsa di questa specie in Italia (Acif. Ital. 
1886, p. 190. Avif. Ital. 1889, p. 321); aggiungo che non 
ho avuto ne saputo di altri esemplari catturati in Italia; 
onde rimangono soltanto i due esemplari registrati nel Ca- 
talogo del Museo Zoologico di Firenze dal dott. Carlo Passe- 
rini nella primavera del 1831 col nome di //. rupestris, e 
dati come catturati in Toscana, e che colle debite riserve 
ho collocato nella Collezione italiana. 

La Cotile obsoleta vive nel N. E. dell'Africa, nella Pale- 
stina, nell'Arabia e nel N. 0. dell'India; e viene ovunque 
a contatto colla C. rupestris. E però marcatamente diversa 
da questa, essendo non soltanto molto più chiara, ma note- 



— 289 — 

volmente più piccola. Per queste ragioni confesso che fui 
assai sorpreso di vedere che l'Arrigoni ha trovato somiglianze 
tra la C. obsoleta e le C. rupestris provenienti dalla Sarde- 
gna, tanto che si è creduto autorizzato a distinguere queste 
col nome di C obsoleta sarda (Vedi « Avicula », 1902, p. 103), 
sostenuto, egli dice, in ciò dallo Tschusi e da altri illustri 
Ornitologi. Mi dispiace per lui e per essi, ma, ripeto, il con- 
fronto fatto mi dimostra che ciò non è esatto e che non 
soltanto gli esemplari sardi della C. rupestris non somigliano 
affatto alla C. obsoleta, ma essi sono assolutamente identici 
a quelli che si hanno dalle altre parti dell'Italia. 



19. 



— 290 — 



MACROCHIRES 



{Rondoni) 



315. Cypselus Apus (Lina, ex Bell.) 
Rondone. 

Rondine maggiore, Rondone {Aut. Ital.) — Pivi, Ron- 
doun (Piem.) — Bibi {Vere.) — Rondolon, Rondon {Ossola) 

— Roudulot, Rondulon ( Vigezzo) — Rondon (Bass. Piem.) — 
Róndón, Rondò, Dàrdan, Dàrden (Lomb.) — Martinett {Como) 

— Rondùn, Rundon, Dardo (FaZ^.) — Rondù negher (.Bresc.) 

— Dardù (Berg.) — Roundoùn {Mil.) — Rondon {Maìif.) — 
Roundon {Cremon.) — Roundòon néghaer ( Vigev.) — Roundón 
{Pavia, Varzi) — Rondon {Piac.) — Rondon (Parm.) — 
Rundòn {Mod. Boi.) — Rondone iPievepelago) — Rundoun 
{Carpi) — Sghet {Finale) — Ròndón negher (Pomg.) — 
Sghittón {Ravenna) — Rondon, Sbiro ( Veìi. Friuli) — Rón- 
dol, Sbiro iBell.) — Dardaro {Veron.) — Zèzla nera, Zeslun 
{Roterei.) — Tàrter, {Treni. Val di Non e di Sole, Giudica- 
rie) — Tartaro {]Mlsug.) — Rondon {Tesino) — Sdàrzer, 
Sdàrzer de campanil, Dàrder {Val di Ledro) — Dalder (Riva) 

— Segón, Seslón (Mezzolomb.) — Bir {Tres) — Birri-birri 
{Terragnolo) — Rondoni {Arco) — Rondol, Rondolon, Sbirro 
{Cadore) — Kosir crnas, Cijepokril (Daini.) — Rondon {J^o- 
lesine) — Barbairou, Barbeirou {Xizz.) — Dardao {Savona) 

— Barbaotto, Sbiro {Gen.) — Rondon {Spezia) — Rondinac- 



— 291 — 

ciò {Pisa) — Sbira, Spirlo {Corsica) — Moracchiolo (i. di 
Giglio) — Rundinone {Umbria^ Rieti) — Rondone {Tose. 
Marche, Roma) — Sbirro, Rennenone, Rondinone (Nap.) — 
Ronninone {Campobasso) — Rinninone {Bari) — Rendune 
{Lecce, Otranto) — Zirru [Rossano, Cosenza) — Rindinuni, 
Rinninuni, Linduni {Calàbr.) — Rinninuni, Runnuni {Sicil.) 
— Rindinuni o Rinninuni {Mess.) — Rinnina (Castelb.) — 
Rinninuni niuru {Girg.) — Rinninuni scravagghiu o scra- 
vaju, Scravagghiuni {Pai.) — Rundonis, Paparottu, Panza- 
niedda, Barzia, Varzia, Sbiru {Sard.) — Sbirri Carloforte, 
Sard.) — Rundun {Mali.). 

Copiosamente abbondante ovunque in Italia e particolar- 
mente nelle mura della nostra gloriosa capitale ; giunge entro la 
prima metà di aprile nelle nostre prò vincie centrali, coll'anticipo 
di qualche giorno in quelle meridionali; per la fine di aprile le 
colonie sono a posto ed i transitanti sono scomparsi. Sino agli 
ultimi giorni di luglio lo stridìo e le splendide evoluzioni 
aeree dei Rondoni rallegrano le vie delle nostre città, poi ad 
un tratto scompaiono; in Firenze questo ha luogo una delle 
notti tra il 27 ed il 31 luglio. In agosto, settembre ed anche 
ai primi di ottobre si vedono branchetti od individui isolati, 
ma sono individui in transito o smarriti ritardatari. Nessun 
fatto è venuto a confermare la antica asserzione che qualche 
individuo di questa specie rimane nel mezzodì dell' Italia du- 
rante r inverno. Si dice però che alcuni dei ritardatari, entro 
i limiti dati sopra, siano giovani tardivi rimpinzati dai ge- 
niitor prima di partire di nutrimento in modo che li lasciano 
vere pallottole di adipe, ma tuttora nudi ed incapaci di muo- 
versi ; il riassorbimento di quella quantità di sostanza nutri- 
tiva basterebbe allo sviluppo delle penne, ed allora, dopo 
alcune settimane di solitudine e di digiuno, questi giovani, 
magri, ma impennati, uscirebbero dalle loro buche per emi- 
grare tosto. Il caso merita studi ulteriori che si potrebbero 
fare benissimo da chi ha a sua disposizione una o più " torri 
da Rondoni ,, come si usano in Toscana. 



— 292 - 

Il C. Apus abita la metà occidentale della Regione Eu- 
rasica nell'estate, l'Africa meridionale durante l' inverno; nel- 
l'Africa N. 0., dalla Tunisia, è specie estiva come in Europa. 
Recentemente si sono staccate diverse forme affini, non sem- 
pre, pare, con giusti criteri. Non dovrei aver bisogno di dire 
che non accetto i termini generici da poco resuscitati, Apus 
e MicropuSj da anni ripudiati ; né che mai mi presterò a per- 
petuare la ridicola nomenclatura che ci regala un Apus apus 
apus! (1). 

In conclusione dirò che ho recentemente esaminato a 
Tring cinque esemplari raccolti a Curzola dal Kollibay, di quel 
Rondone che lo Tschusi ha creduto di poter distinguere come 
Ajìiis apu>i Koìiibayi e che sarebbe pure stato trovato in altri 
punti del litorale dalmato ; ma confesso che non ho saputo 
vedere alcun carattere che giustifichi una tale separazione; è 
cosa ben nota che tra i nostri Rondoni adulti vi sono indi- 
vidui più e meno scuri e col bianco gulare più o meno ben 
definito; ma questo, senza poi alcuna ragione geografica, non 
basta per caratterizzare anche una sottospecie. 

La pretesa forma ('. Apus Kollibayi sarebbe appunto ca- 
ratterizzata per essere scura e per avere il bianco gulure ben 
definito e quasi puro ; ora, come ho detto sopra, anche in 
adulti quei due caratteri variano individualmente. Nella Col- 
lezione italiana tra esemplari col bianco gulare più o meno ne- 
buloso, ne ho due, un maschio ed una femmina, entrambi uccisi 
nel giugno a Firenze e ben adulti, i quali per il colorito 
generale scuro e per la macchia gulare candida e ben defi- 
nita soQO assolutamente simili agli esemplari da Curzola del 
cosidetto C. Apus Kollibayi^ coi quali, mercè la cortesia del- 
l'onor. Walter Rothschild ho potuto confrontarli; essendovi 
poi esemplari che presentano casi intermediari in ogni grado 
tra i tipici C. Apus ed i cosiddetti C: Apus Kollibayi ^ credo 
che la distinzione ideata dallo Tschusi non possa ritenersi 
valida. 



(1) Il termine generico Apu.s era i)reoccupato per noti crostacei, 
e n nello di Micropus è stato variamente usato, anche per piante ! 



— 293 — 

Molto affine seppure distinta dal nostro Rondone comune 
sarebbe la forma orientale asiatica, che ebbe il nome di 6'. 
pekinensis, Swinh. 



S16. Cypselus murinus, Brehm. 
Rondone chiaro. 
Cypselus pallidus, Shelley. 

Rondone pallido [Aut. Rai.). 

Dopo la pubblicazione della mia " Avifauna Italica ,, nel 
1889, la Collezione centrale degli Animali Vertebrati italiani 
nel R. Museo Zoologico di Firenze si è arricchita di altri 
tre esemplari di questa specie : una femmina uccisa alla Spe- 
zia dal prof. A. Bracciforti il 20 maggio 1887 ; ed un mascliio 
ed una femmina adulti uccisi il 10 e 9 agosto 1903, a Ta- 
ranto, dono gentile del signor F. de Ceglie. Questi ebbe ivi, 
dal 4 luglio al 10 agosto 1903, non meno di tredici individui 
di questa specie (8 maschi e 5 femmine) ; e, considerata l'epoca 
in cui i primi furono presi, non è improbabile che avessero 
nidificato in Italia (Cfr. De Ceglie in " Avicula, „ 1903, 
p. 121). Il conte Arrigoni inoltre gentilmente mi comunica 
di aver saputo per lettera dal prof. V. De Romita, che questi 
nel maggio-giugno 1904 ebbe nel circondario di Bari una 
ventina di esemplari di questa specie che viveva e nidificava 
mista al Rondone comune. Nella Tunisia è specie comune 
estiva e nidificante, fatto ampiamente constatato dal Whita- 
ker ; è cosi pure, ritengo per osservazioni mie personali, al 
Marocco. In tal modo si avvera quanto scrissi sin dal 1886 
{Avif. Ital. p. 194). 

Il C. murinus differisce dal (7. Apus non soltanto pel 
colorito generalmente più chiaro, e pel bianco sulla gola più 
esteso, ma per le dimensioni alquanto minori. Vive a Ma- 
deira, nelle isole Canarie, in tutta l'Africa settentrionale e attra- 
verso l'Asia occidentale sino al N. 0. dell'India; è stato preso nel 
mezzogiorno della penisola Iberica; sverna nel sud dell'Africa. 



— 294 — 

Si parla ora di una forma occidentale più scura che sa- 
rebbe distinta col nome di C. murinus Brehmorum, ma da 
quanto vidi a Tring si tratta di ombre di mezzetinte soltanto. 
Mercè la cortesia dell'onor. AValter Rothschild ho potuto poi 
avere in comunicazione da Tring cinque esemplari del C. mu- 
rimi» ; due sono tipici, anzi uno di questi è proprio il tipo 
di ±ìrehm, l'altro il co-tipo ; sono maschio e femmina adulti, 
e vennero uccisi a Siut, Alto Egitto, nel marzo 1850 ; ap- 
partennero alla collezione Brehm, ora a Tring ; essi sono no- 
tevolmente più chiari dei nostri esemplari. Gli altri tre C. 
murinus inviatemi da Tring, vengono : uno da Madeira e due 
dalle isole Canarie (Tenerife e Fuerteventura)e sono tutti adulti. 
Gli ultimi due sono simili affatto agli esemplari presi in Ita- 
lia, e notevolmente più scuri dei due esemplari tipici della 
raccolta Brehm provenienti dall'Alto Egitto ; ma l'esemplare 
da Madeira è assolutamente intermediario per la tinta, tra 
quelli chiari che sarebbero C. murinus tipici e quelli scuri, 
dalle Canarie, che appartengono alla forma occidentale di- 
stinta come C. murinus Brehmorum. Tutti gli esemplari ita- 
liani, ripeto, appartengono a questa forma, la oscura; ma 
dinnanzi al caso presentatoci dall' individuo intermediario da 
Madeira, esiterei nel ritenere distinta la forma scura, non più 
esclusivamente occidentale. 



SIT*. CypselUS aflìnis, J. E. Gray e Hardw. 
Rondone culbianco. 

Rondone indiano {Aut. Ital.). 

Sinora questa specie diminutiva e ben distinta sarebbe 
stata presa soltanto due volte in Italia : 1°, a Genova il 14 mag- 
gio 1890, un esemplare ucciso sul molo Lucedio dal signor S. 
Queirolo, conservato nella sua raccolta privata (Cfr. Sal- 
vADORi in Ann. Mus. Civ. Stor. Nat. Genova, XXIX, p. 549. 
— GiGLiOLi, Primo Resoconto dei risultati della inchiesta orni- 
tologica in Italia, III, p. 504. Firenze, 1891) e attualmente, 



— 295 — 

mi dicono, in possesso del conte B-aggio ; 2°, a Roma il 6 lu- 
glio 1890, un maschio adulto, donatomi poi dal marchese 
ir. IT. Spinola {Coli. ital. Ucc. n. 3240) ; questo esemplare 
sarebbe, dicesi, alquanto più piccolo di quello preso a Genova, 
ma non ho avuto occasione di confrontarli. 

È probabile che questi due uccelli venissero dalla Tuni- 
sia, e debbo avvertire che i Rondoni culbianchi da quella 
regione souo stati distinti col nome di C. Koenigi (Reichenow, 
Orn. MB. II, p. 192, 1894) ; non pare però per ragioni molto 
valide, giacché Hartert, tanto propenso alle suddivisioni, si 
astenne dal considerarli distinti iCat. Birds B. M. XVI, p. 455); 
più tardi però [Ibis, 1896, p. 367) egli dice che somigliano 
al C. galilejensis di Antinori, e che potrebbero al più essere 
ritenuti formanti, come quest' ultimo, una sottospecie e detti 
perciò C. affinis Koenigi. Io non ho i materiali per discutere 
o criticare queste minuzie, ma un confronto fatto con due 
esemplari dell' C. affinis tipico da S. Thomé e da Khandalla 
e due esemplari del C. affinis galilejensis, da Gerusalemme e 
da Ain Fara — gentilmente inviatemi in comunicazione da 
Tring — mostra che, per avere la testa più chiara nella 
regione frontale, il mio esemplare da Roma appartiene alla 
forma detta C. affinis galilejensis. Del resto, ripeto, la diffe- 
renza non è davvero gran cosa ; potrei anzi dire che l'esem- 
plare romano è quasi intermediario tra le due pretese forme so- 
pra citate e non credo davvero che si possa aggiungerne una 
terza, che sarebbe poi quella tunisina ossia il C. affinis Koenigi! 

Il C. affinis vive in quasi tutta l' Africa, nell' Asia occi- 
dentale (Palestina;, in tutta l'India e a Ceilan. Pare essere 
specie non migrante in alcuni luoghi, ma nella Tunisia il 
Whitaker ha constatato che è estiva. 



S18. Cypselus Melba (Linn.) 

Rondone alpino. 

Rondone dello Stretto di Gibilterra, Rondone di mare. 
Rondone alpino, Rondone bianco {Aut. Ital.) — Re d'i pivi. 



— 296 — 

Pivi d'ie roche, Roundouloun (Piem.) — Pivi de montagne 
(Aosta) — Roundon docué (Alba) — Rondulun at montagna 
{Vigezzo) — Pivi di baus, Rondón marin, Rondon gianco, 
Rondon bianc (Basso Pieni.) — Rondon d' riva (ì'arzi) — 
Pivi, Piv, Roundoùlon d'montagna. Pivi (Ossola) — Rondon 
gross, Darden de montagna (Lomb.) — Rondon de lagh 
(Berg.) — Rondù bianch (Bresc.) — Rundon de munt, Ron- 
don bianch (Vali.) — Rondón màren {Parm.) — Rundon 
marèn (Mod.) — Rundon d'mar (App. Mod.) — Rundon d'mer, 
Arcón, Rundon maren (Boi.) — Rundon dalla panza bianca 
(Ravenna) — Rondon de Cipro, Sbiro, Rondón bianco, Ron- 
dón foresto (Ven.) — Rondon marin, Rondon de montagna 
(Veron.) — Róndol grand (Bell.) — Zèzla bianca, Zeslon 
bianc (Roveret.) — Sestón [Trento^ Valsug.) — Farcólò (Val 
di Ledro) — Sbir, Sbirri de croz (Riva) — Bir de montagna 
(Tres) — Róndol dal sass (Fassa) — Rondon bianco, Rondon 
marin (Padova, Rovigo) — Róndol de montagna (Cadore) — 
Rondón o Rondolón de zhima (Feltre) — Kosir grlas, Kosir 
planinski (Dalm.) — Barbeirou piec bianc (Nizz.) — Dardao da 
pausa glauca (Savona) — Rondon (Arenzano) — Rundùn 
(Gen.) — Rondone di padule (Pis.) — Rondone grosso. Ron- 
done bianco (Bient., Marche) — Rondone di mare (Fior.) — 
Rondone (Sarteano, I. di Giglio) — Rondone reale (Elba) — 
Rondone marino (Grosseto, Garfagnana, Roma, Ancona) — 
Petto bianco, Pietto ianco, Rondinone pietto janco (Nap.) — 
Rinninessa (Bari) — Rendune de mare (Lecce, Otranto) — 
Rinninune, Pettujancu (Rossano, Cosenza) — Rinninuni i 
muntagna (Catanzaro) — Rinninuni pettujancu, Rinninuni 
imperiali (Sicil. Girg.) — Pettujancu (Cai.) — Rindinuni, Rin- 
ninuni amiricanu, Rinninuni di livanti (Mess.) — Rinninuni 
di lu piettu jancu (Modica) — Rinninuni di rocca (Castrog.) 
— Rinninuni di passa (Castelb.) — Cirricciacheti, Cirricchia- 
poli (Sirac.) — Paparottu panzabianca, Barzia, Varzia, Yar- 



— 297 — 

zioni, Rundoiii bianca, Varzia de monti (Sard.) — Sbirrotto 
{Carloforte^ Sarei.) — Rundun zakku baida, B-undun ta zaccu 
baida [Malt.). 

Questa grossa e bella specie, la maggiore del genere, è 
estiva e di doppio passo regolare in Italia ; da noi però ni- 
difica, per quanto mi risulta, ben di rado nei campanili delle 
città e villaggi pedemontani ; forma colonie sulle alte mon- 
tagne e più specialmente lungo la catena Alpina^ ove alberga 
nei crepacci delle roccie sin oltre i 2000 metri, ma è localiz- 
zata ; si stabilisce anche nelle nostre isole e non solo sulle 
vette maggiori, ma anche in luoghi rocciosi e precipitosi sulla 
costiera a picco sopra il mare ; vidi una tal colonia in una 
rupe sopra il cosi detto « lago di soda » nell' isola di Pan- 
tellaria nell'agosto 1890. Giunge da marzo a maggio e parte 
o ripassa tra il luglio e l'ottobre ; il dott. Cannaviello comu- 
nica il caso di un'esemplare di questa specie ucciso a Resina 
(Napoli) il 2 febbraio 1898. Io conservo un maschio adulto 
ucciso in un branchetto a Voltaggio (Alessandria) il 28 ot- 
tobre 1885, favoritomi dal dott. N. Camusso, ed una femmina 
uccilsa alla Marsigliana (Grosseto) dal compianto mio amico 
Ulisse Cantagalli il 27 marzo 1898. 

Il C. Meìha trovasi durante la buona stagione nell' Eu- 
ropa meridionale e centrale (Svizzera) ; nell'Africa N. 0., ed 
attraverso l'Asia centrale. Sverna in Africa, nell'India e nel- 
l'Indo-cina. È stata distinta come sottospecie, C. Meìba afri- 
camis (Temm.) un Rondone molto simile, ma alquanto più 
piccolo, che sarebbe residente nelle montagne dell'Africa, dallo 
Scioa al Capo. 



— 298 — 

CAJPFilMUJLGIDu^ 

(Nottoloni) 



S19. Caprimulgus europaeus. Lina, (ex Bell.) 
Nottolone. 

Nottola, Nottolone, Succiacapre, Caprimulgo, Calcabotto, 
Boccalone (Aut. Ital.) — Carcababi, Scanababi, Barassa, An- 
goujavent (Piem.) — Squarata {Vere.) — Volababi, Carca- 
teppe [Cuneo) — Carcababi, Carcabaggio, Carcabagg, Scara- 
baggio (Basso Piem.) — Carcaciatri, Neuciola, Nociola (Nov.) 

— Tetavac (Vigezzo) — Tetta vacc, Nocciola (Ossola) — Boc- 
casc, Piacquaran, Piaccherott, Scarpasciatt, Scalcasciatt, Spiat- 
terlàn (Lomb.) — Piacaràn (Mil.) — Tetta vacch, Tettacrav, Bec- 
caseli (Pav.) — Tetta vach, Carotola (Valt.) — Faidàss, Téta- 
àche (Bresc.) — Squartasatt (Berg.) — Boucassa (Cremori.) 

— Tetta vacche (Mantov.) — Buccassa (Varzi) — Favàlli 
(Piac.) — Fadàbi (Parm.) — Fadapi, Fiadabi, Fiadàbel, Fia- 
dàbech, Ingojavent, Gallinazza, Gallena matta, Baucina, 
Buazza, Tettavach (Mod.) — Findàp (Sassuolo) — Fiallàp, 
Succiavacc (Vignale) — Uslaz neigher (Mirancl.) — Fanale 
(Fiumalbo) — Fiadabi, Fiadaver [PavuUo) — Fialapp, Sfia- 
làpp, Calcabót, Guardanót, Tettavach (Boi.) — Fialapp (Ver- 
gato) — Covaterra, Buccazza (Romg.) — Bucas (Cesena, Forlì) 

— Bucazza (Ravenn.) — Pocciacapre, Covaterra, Boccaccia 
Boccalarga (Marche) — Squarcio (Ancona) — Bocaza, Bocàè, 
Tetavache, Ciuciavache, Tetacavj'e, Coróspo, Latacavre (Yen.) 

— Latticapra, Tetavache, Bocaza (Veron.) — Lattacavre (Pass.) 

— Bo9hass Bochias, Bogass (Friuli) — Latacavre, Tetacavre 
(Roveret.) — Tetacaure (Treni.) — Tetavache, Tetacavre (Val- 
sug.) — Alocco, Bocassa (Tesino) — Tettacavri (Val di Ledro) 



— 299 — 

— ■? Lateina (Rendena) — Lataciàure [Val di Non) — Lata- 
cabre, Lutercago (Terragnolo) — Ciucia cavre {Primiero) — 
Ciucia càvere (Folgaria) — Monzi caure {Fondo) — Teta- 
vace {Cles) — Tettavacce {Cadore) — Bocàza, Tetavache 
{Padova, Rovigo) — Bocca in cao {Istria) — Kozodoj, Leganj, 
Sisavac {Dalm.) — Tartarassa {Nizz.) — Carcabaggiu {Aren- 
zana) — Carcabaggi, Tetacrave {Gen.) — Tettavache (Spezia) 

— Nottolone, Boccalone, Calcabotto, Stiaccione, Succiacapre, 
Fottivento {Fior.) — Ingoiavento {Fiesole) — Funaro {Pistoia) 

— Nottolo {Pis.) — Nottola {Pisa, Fucecchio) — Piattaione 
{Sen.) — Cova-in-terra {Casentino) — Piattone {Valdich.) — 
Nottolaccio (Sesto fiorent.) — Merdajolo (*S'. Gimignano) — Cal- 
cabodda {Lucca) — Voi di notte {Garf.) — Nòttolo {Elba) — 
Dormiglione (/. di Giglio) — Buccaccio {Corsica) — Succia- 
latte {Rieti) — Piattaione (Viterbo) — Piattaglione^, Porta- 
quaglie, Boccaccio, Covaterra, Succhiacapre {Roma) — Chiatta, 
Covaterra {Umbria) — Zinnavacche, Boccalattaro, Dermi, 
'Ngannapastore, Cordaro, Cordaru, Ingannapastore {Nap., 
Calabr.) — Vivicrapio {basso Garigliano) — Guattascio {Capri) 

— 'Ngannapastore {Bari) — Suonnu, Dèrmi, Duormi {Lecce, 
Otranto) — Guardalepre {Foggia) — Cordaru {Rossatio, Co- 
senza) — Cordaru, Pappamuschi {Catanzaro) — 'Nganna foddi 
fuoddi {Sicil.) — Gaddufoddi {Cat.) — Curdàru {Cat.,Mess., 
Modica, Castelb.) — Tudù {Polizzi) — Passalitortu, Succia- 
crabas, Diego de la noce, Avis de las noces, Passiritrotta 
{Sard.) — Bukraik^ Bu-karrak {Mali.). 

Specie estiva generalmente sparsa e comune in Italia, ma 
che non può dirsi abbondante, eccetto talvolta durante il 
passo; e allora si vedono spesso in gran numero. Del resto 
le sue abitudini assolutamente crepuscolari e notturne la ren- 
dono naturalmente poco cospicua. Giunge da noi in aprile- 
maggio e ci lascia in settembre-ottobre. Nelle provincie cen- 
trali e meridionali sono stati veduti e presi individui ritardatari 
in novembre ed anco in dicembre, e nel novembre 1902 ne 



— 300 — 

trovò due il Martorelli sul mercato di Milano ; ma ciò non 
significa che il Nottolone sverni in Italia e le asserzioni in 
tale senso vanno accolte con riserva ; abbiamo poi un caso, 
segnalato dall' amico mio marchese Armando Lucifero, della 
cattura di un'esemplare di questa specie a Cotrone nel feb- 
braio ; era evidentemente un' individuo smarrito. 

È cosa nota come questa specie, indipendentemente dal- 
l'età e dal sesso, varia individualmente non solo nelle tinte 
ora fosche ora chiare del piumaggio-, ma anche nelle dimen- 
sioni ; alcuni Ornitologi hanno creduto perciò di poter di- 
stinguere nel C. europceus degli Autori varie forme subspeci- 
fiche, e Hartert (" Ibis, ,, 1896, p. 370) ha dato corpo a 
tali tendenze colla proposta di distinguere un C. europceus 
meridioìialis, sotto-specie basata su individui più scuri e più 
piccoli, provenienti, pare, sempre dall'Africa settentrionale. 
Altri poi sono andati oltre ed hanno voluto riconoscere 
come specificamente distinta un C. meridioìialis del mezzodì 
dell'Europa. Ora tra esemplari italiani oltre ai tipici C. eu- 
ropceus si trovano facilmente individui i quali presentano 
alcuni dei caratteri del cosidetto C. europcmis meridionalis, 
ma non pare i caratteri completi ; in ogni modo Hartert dopo 
aver esaminato accuratamente la bella serie nella Collezione 
italiana, ebbe a dichiarare che non crede che la forma me- 
ridionale piccola e scura da lui distinta si trovi in Italia. A 
tale proposito debbo notare che il mio amico Whitaker co- 
scienzioso ed accurato osservatore, che ebbe larga esperienza 
di questa specie, non seppe trovare alcuna differenza tra gli 
esemplari raccolti nella Tunisia e quelli presi in Italia (Cfr. 
Birds of Tunisia^ II, p, ^5). 

Il C. europct'us è sparso in gran parte dell'Europa e nel- 
l'Asia occidentale essendo estivo anche nell'N. 0. dell'Africa ; 
sverna nell'Africa australe. 



301 — 



3SO. Caprimulgus aegyptius, Licht. 
Nottolone del deserto. 

Succiacapre isabellino, Succiacapre algerino {Aut. Ital.). 

A quanto già scrissi intorno a questa specie, di rara 
ed accidentale comparsa in Italia {Avif. Bai. 1886, p. 197. 
Avif. Ital. 1889, p. 330), non ho da aggiungere che la no- 
tizia di una nuova cattura, avvenuta nei pressi di Palermo 
il 23 aprile 1899; l'esemplare è una femmina e si conserva 
nella collezione dell' amico mio cav. J. I. S. Whitaker a 
Malfitano. Sarebbei'o dunque sei gli esemplari di questa spe- 
cie sinora registrati dalla regione italica, tre a Malta e tre 
in Sicilia ; ma di uno di questi, non conservato, le notizie 
sono alquanto incerte. 

Il C. cegyptius vive nell'Africa e nell'Asia centrale, com- 
presi l'Afghanistan ed il Balucistan. Nella Tunisia, ove si 
trova al S. dell'Atlante, risulta essere dalle osservazioni del 
"Whitaker specie estiva. Anche il C. oegyptius varia nella co- 
lorazione, gli esemplari più bigi sono stati distinti come ti- 
pici, mentre quelli più isabellino-rossicci ebbero i nomi di 
0. isahellinus, Temm. e C. oegijptius 'saharce, Erlanger; le due 
forme trovansi in Egitto, mentre la seconda sarebbe quella 
dell'Africa N. 0. per parte mia non vedo alcuna valida ra- 
gione per separarle, e dirò soltanto che i nostri esemplari non 
sono distinguibili da quelli tunisini, come era da aspet- 
tarsi. 



3S1. Caprimulgus ruficollis, Temm. 
Nottolone a collare rosso. 

Succiacapre dal collo rosso (Aut. Ital.). 

Ai due esemplari di questa bella e per noi rarissima 
specie, catturati a Malta e già da me menzionati {Avif. Ital. 
1886, p. 197), debbo aggiungere ora un terzo individuo, una 



— 302 — 

femmina presa a Trapani il 3 giugno 1898; si conserva nel 
Museo Zoologico della E.. Università di Palermo, ma io non 
ho avuto occasione di vederla. 

Il C. ruficollis abita il S. 0. dell' Europa (penisola Ibe- 
rica) e l'Africa N. 0. e potrebbe fare comparse più frequenti 
da noi. In Tunisia e nell'Algeria, ove è comune e nidifi- 
cante, varia notevolmente nelle tinte del piumaggio; ho ve- 
duto esemplari quasi isabellini ; anzi la forma più chiara 
della Tunisia e dell'Algeria (al Marocco vivrebbe quella nor- 
male e più scura) che sembra essere localmente costante, è 
stata subspecificamente distinta da Erlanger col nome di 
€. ruficollis dfisertorum. 



SSS. Caprimulgus asiaticus, Lath. 
Nottolone asiatico. 

Non ho nulla da aggiungere o da modificare a quanto 
ho già detto intorno alla presunta cattura di un' esemplare 
di questa specie nei pressi di Genova {Avif. Ital. 1886, p. 198. 
Avif. Ital. 1889, p. 331). 

Il C. asiaticus, in senso stretto, abita l' India, Ceilan e 
la Birmania ; ma considerandolo in senso lato, cioè unendovi 
il C. tamaricis e, naturalmente, il C. nubicus, affinissimi certo, 
il suo «habitat» si estenderebbe all'Asia minore ed all'Africa 
N. E. Nel caso che le due forme ora citate si considerassero 
mere sottospecie del C. asiaticus tipico, questo nome avrebbe 
sempre la priorità. 



303 — 



SAUROGNATHiE 



PICI 



(Picchi) 



SS3. Dryocopus martius (Linn.) 
Picchio nero. 

Picchio nero, Picchio corvo {Aut. Ital.) — Pieuq uer, Pie 
noir {Aosta) — Pich nejar (Vigezzo) — Pich negar, Pich d' 
montagna (Ossola) — Pie neir, Pie d'mountagna {Pierri.) — 
Pie berta (Saluzzo) — Picasch negher (Lomb.) — Pieaseh 
{Como) — Picon negher, Picasc o Pigaz de peghera (Valt.) 

— Becasòk negher {Bresc.) — Picoz negher {Mod.) — Pec 
neigher {Boi.) — Plécch negar {Ravenna) — Spigozo de monte 
{Ven.) — Pigozzo nero {Veron.) — Picc, Picc neri {Friuli) 

— Pigót negro {Bell.) — Pigòz grand, Pigozzóm, Pigoz ne- 
gro {Roveret.) — Pigoz negro, Beccazocchi nero {Trento) — 
Pigozzo, Spigozzo de mont (Valsug.) — Picciacióeh {Rendena) 

— Beeealegn [Val di Ledro) — Beccazoeh {Riva) — Becca- 
cioch negro {Bleggio) — Bechel {Mezzolomh.) — Kóletrà, Pe- 
kzók {Luserna) — Pizzalegn {Male) — Pick neigher {Fassa) 

— Pècar negro {Terragnolo) — Beealegnon {Primiero) — 



— 304 — 

Kolkrà (Sette Comuni) — Beccalegn negro, Pigot moro (Ca- 
dore) — Beccalegnón, Pigozhon, Pigozh negro [Feltre) — 
Tue crni (Daini.) — Pie de moimtagna (Xizz.) — Picunzo 
neigro (Gen.) — Pizziferru, Picuni (Catanzaro) — Colajàp- 
picu (Calab. ult.) — Pizzica ferru niuru (Sicil.) — Pizzica 
ferru nini (^fess.). 

Sedentario, ma poco frequente lungo tutta la catena Al- 
pina; e così sul massiccio estremo dell'Appennino, nella Sila, 
Calabria, donde ebbi parecchi esemplari in carne; ne con- 
servo uno da Cropalati (Cosenza), è una femmina adulta e 
fu uccisa il 19 aprile 1895. Non ho potuto avere nò vedere 
alcun esemplare dalla Sicilia e suppongo sia scomparso da 
queir isola insieme coi boschi di alto fusto fi). 

Ove per mia esperienza questa specie è più abbondante 
è sulle Alpi di Ossola, ove però ci dice il Bazetta tende a 
diminuire col progressivo diboscamento; è però tuttora ab- 
bastanza comune nei boschi di faggio della Valle Vigezzo, 
di Trontano, delle valli Anzasca ed Antrona, nonché nelle 
pinete di Trasquera e di Val Form azza. 

E interessante il fatto che fino alla prima muta i gio- 
vani hanno l' iride scura e diventa bianca-giallognola o bianca 
negli adulti. Confesso che sono un po' scettico sulla presunta 
cattura di esemplari di questa specie in località lontane dalla 
catena delle Alpi e dell'alto Appennino meridionale; e dico 
ciò specialmente a riguardo dell' Appennino parmense, mo- 
denese, bolognese e toscano; ma debbo ricordare che Doder- 
lein, Carruccio e Picaglia la citano dagli alti monti dell'Emi- 
lia. Recentemente il dott. Nicola De Leone (Ricerche ornitO' 
logicìie nel bacino del Salino, p. 7. Teramo, 1906) asserisce 
che il Picchio nero è stato ucciso sugli alti monti dell'Abruzzo. 



(1) Il dott. G. Zodda cita è vero un'esemplare nella collezione 
privata del mio amico A. Pistone a Messina, come preso nel Messi- 
nese ; ma io non ne vidi quando visitili quella raccolta interessante, 
né Fottimo Pistone, strenuo mio collaboratore nella inchiesta ornitolo- 
gica, me ne fece mai parola (Cf. « Avicnla », VI. p. 101. Skna, 1W2). 



— 305 — 

Aggiungo che il Martorelli ne ebbe uno a Milano, prove- 
niente da Foggia e possibilmente, in origine, egli crede, dal 
Gargano. 

Il D. martius è generalmente sparso attraverso la Re- 
gione Eurasica, dalla Spagna (Pirenei) al Giappone (Yezo). 



S24. Picus major, Linn. ex Willugh. 
Picchio maggiore. 

Picchio vario maggiore, Picchio sarto maggiore, Picchio 
rosso maggiore, Culorosso {Aut. Ital.) — Pie, Pie gai, Pie 
dal cui rouss (Piem.) — Pich marchés {Scduzzo) — Pich pcit 
(Alba) — Picunsin, Picunzètt, Picons rouss^ Pico ross (Basso 
Pierri.) — Pich russ {S'igezzó) — Pich roùss, Piccasc, Cul- 
roùss, Pich cui roùss {Ossola) — Picardóla [Cuneo) — Pie, 
Picasch, Picasch del co ross, Picozz, Foralegn, Beccazocch, 
Becasoch, Picoss, Picheuss {Lomb.) — Picalegn, Picot ross 
(Berg.) — Picozz ross [Como) — Picasc o Pi gaz de peghera 
iValt.) — Becasók negher (Bresc.) — Picch iOremon.) — Pi- 
goz negar [Mani.) — Pigheuss neighaer e bianc {Varzi) — 
Pigheuzz {Piac.) — Pigazzen'na (Parm.) — Pighetta, Piga- 
rella, Pigoz testa rossa, Beretta rossa, Braga rossa [Mod.) — 
Pig {Montese) — Pigh [Zocca) — Pigon {Pavidlo) — Pece 
cardinal, Péc gardlèin {Boi.) — Plècch ross {Ravenna) — Pic- 
chio, Picchio montanaro {Marche) — Picchio cardinale [Si- 
nig.) — Picchio muratore {Urbino) — Picchio caca-fuoco 
{Romg.) — Pico, Pigozzo nero, Pigozzo rosso ( Veron.) — Bat- 
tilegno ( Few.) — Becarame, Spigozo {Bass.) — Pigosso {Po- 
lesine) — Picc, Picc de corone [Friuli) — Beccazocco [Istria) 
— Tue, Diteo {Dalm.) — Pigòt todesch [Bell.) — Becazóche 
[Roceref.) — Beccazocchi ross Clrent.) — Pigoz o Pigozzo 
rosso iValsug.) — Beccacióch, Battilègn, Beccarami [Giudi- 
carie) — Pècar ross {Terragnolo) — Fich {Fassa) — Becca- 
legn ross, Pigòt {Cadore) — Pigoséta {Padov.) — Pie, Pie queu 

20. 



— 306 — 

rougie (Niz.) — Piunzo (Savon.) — Picuuzo, Picco (Gen.) — 
Picounsin (Voltaggio) — Picùn, Picazo (Spezia) — Picchio rosso 
[Pisa, Lucca) — Picchiaccio (Garf.) — Picchio sarto, Picchio 
rosso, Culo rosso (Fior.) — Picchio mezzano (Sen.) — Picchio 
rosso (Casent.) — Picchio cavallo, Picchio rosso grosso (Val 
dich.) — Picchiu (Umbria, Corsica, Rieti) — Picchio rosso mag- 
giore, Picchio cardinale maggiore (Roma) — Culorosso, Pic- 
chio focaro ( Viterbo) — Becco de fierro, Tarzopica, Cacafuoco, 
Fuocu 'n culo [Nap.) — Fresone monaciello iCMpri) — Pic- 
cone (Abruzzo) — Piddito (Bari) — Picunéri (Rossano, Co- 
senza) — Picùni, Picunè, Gadduzzu di muntagna, Gadduzzeddu 
i muntagne (Caìabr.) — Picco, Colajàppicco (Aspromonte^ 
— Lingua lunga di turdi, Carpenteria Pizzicaferru russu, 
Appizzaférru, Lingualónga pizzulazuccù (Sicil.) — Pizzica- 
ferru, Carpinteri (Me^s.) — Pizzulia zucchi rwssw. (Castelb.) — 
Percia varrili (Madonìe) — Serra chiavi (PoUzzi) — Lingua 
longa cu lu pinnacchieddu russu (Pai.) — Picchiaroni, Bic- 
calinna, Toccadorza, Papaformigas (Sard.). 

Sedentario e comune in tutta Italia e nelle sue isole, 
eccetto Malta (pour cause) ; pare essere erratico, fors' anche 
parzialmente migrante, in qualche provincia nella stagione 
fredda. Questa specie ed i suoi affini sono per noi i Picchi 
tipici e meglio noti, onde ho preferito di non adottare il 
termine generico Dendrocopus e di conservare per essi quello 
originale, che i più, semplicemente perchè è posto primo nel 
Systema Katurae di Linneo, sogliono conservare per il Pic- 
chio nero ed i suoi affini. 

Da noi il P. major presenta spesso delle variazioni in- 
dividuali nelle parti chiare che' lo sono più o meno, in modo 
che dal bianco quasi puro si giunge ad un bruno abbastanza 
deciso. Gli individui colle parti inferiori brune sembrano 
essere la regola in Sardegna, ma non mancano simili esem- 
plari sul nostro continente e ne conservo nella Collezione 
italiane da Genova, da Firenze e da Rovereto ; il color quasi 
nocciola si estende pure alle macchie sulle gote ed a quelle 



— 307 -- 

sui lati del collo e sulle scapolari. Il conte Arrigoni {Atl. 
Orn. II, p. 76, 1902) ha creduto su ciò di poter separare la 
forma, che egli ritenne esclusivamente sarda, come sottospe- 
cie distinta, per la quale propose il nome di D. major Har- 
terti; ma non credo che esistano gli estremi per ciò. Ho pur 
notato in alcuni individui nostrali di questo Picchio dif- 
ferenze lievi nelle dimensioni del becco e nella lunghezza 
dell'ala, ma sono ben poca cosa, meri caratteri individuali ; 
non di rado vedonsene colle parti nere sbiadite e divenute 
brune. Il Martorelli ne uccise uno giovane presso Borgo - 
franco d' Ivrea nel settembre 1900, notevole per avere una 
fascia toracica rosso-scarlatto, carattere spiccato di alcune 
forme africane ed asiatiche; rassomigliava marcatamente al 
P. Cabanisi Malh. della Cina. 

Il P. major sarebbe distribuito attraverso la Regione 
Eurasica, dalle isole Britanniche alla Corea; ma lungo sì 
vasta distesa viene a contatto con alcune forme afifinissime, 
forse mere sottospecie, come sarebbero il P. canarieìisis, Koe- 
nig (assai simile ai nostri esemplari con parti inferiori scure) 
delle isole Canarie, ed il P. cissa, Pali, del N. E. della Russia e 
dell'Asia boreale ; per non menzionare altre meglio staccate. 



2S5. Pieus leuconotus, Bechst. 
Picchio a dorso bianco. 

Confermo che questa specie fa soltanto rarissime com- 
parse in Italia, e per mia esperienza personale io non avrei 
nulla da aggiungere a quanto scrissi in proposito nella mia 
Avifauna Italica del 1886 (p. 201) e in quella del 1889 
(p. 335). Pare che l'esemplare conservato nel Museo Civico 
di Rovereto venisse ucciso lungo il Sarca nel 1861 ; onde gli 
esemplari di questo Picchio presi entro la regione italica 
sarebbero quattro: due nel Genovesato, uno nel Senese ed 
uno nel Trentino. 

Il P. leuconotus abita la zona boreale ed in parte la cen- 
trale della Regione Eurasica, dalla Svezia alla Corea; sa- 



— 308 — 

rebbero mere sottospecie sue il P. cirris, Pali, degli Urali e 
della Siberia, e, pare, il P. siibcirns Stejn, (che a me sem- 
bra più staccata) dell' isola di Yezo. Osservo però che il 
Hargitt che così le qualifica (Caf. Birch B. M. XYIII, p. 271) 
considera pure mera sottospecie del P. leuconotus la forma 
seguente, P. Lilfordi^ Sharpe e Dress., che io opino essere 
specificamente distinta. 



SS6, Ficus Lilfordi, Sharpe e Dresser. 
Picchio dalmatico. 

Picchio dalmatico, Picchio di Lilford {Aut. Ital.) — Tue, 
Diteo, Diteo sargast {Daini.). 

Questa bellissima specie giunge senza dubbio più fre- 
quentemente da noi che non quella precedente, ma è sempre 
un' uccello raro in Italia e di comparsa accidentale. Capita 
sempre nell' autunno e nell' inverno, onde pare sia specie 
parzialmente migrante. Alle nove catture già da me registrate 
avvenute in Italia ne aggiungo ora una decima, ed è una 
femmina adulta uccisa a Montalcino (Siena) 16 ottobre 1890 
iCoìì. ital. Ucc. n. 1890) ; Arrigoni ne aggiunge un'undecima 
avvenuta ad Ardea (Roma), maschio colto nell'ottobre 1902, 
ora nella collezione Chigi (Man. orn. ital. p. 113). E note- 
vole come la Liguria e la Toscana siano le due regioni ove 
più spesso è stata presa. 

Il P. Lilf'ordi vive nel S. E. dell' Europa e nell' Asia 
Minore. Il Martorelli è tra coloro che lo considerano mera 
razza meridionale del P. leuconotus, al quale è certamente 
molto affine. 



SST*. F*icus medius, Limi. 

Picchio mezzano. 

Picchio vario, Picchio sarto mezzano, Picchio rosso mez- 
zano {Aut. Ital.) — Pich {Piem.) — Pich pcit, Picunsin, Pi- 



__ 309 — 

cunzin {Basso Piem.) — Pie ros cito, Pichet fiora, Pigazet 
(N'ov.) — Beccazocch, Pich o Picozz mezzan (Lomb.) — Pi- 
gascieu, Picaschett, Picaschett rosso {Como} — Becasok {Bresc.) 

— Pighetta, Pighetta mzana {Mod.) — Piciàt {Boi.) — Plècch 
pznen {Ravenna) — Spigozo macia, Pico rosso {Ven.) — Pico 
mezzan {Friuli) — Beccazóch, Pigóz, Pigóz mezàn {Treni.) 

— Pigozzo de la testa rossa {Veron.) — Beccalegn {Cadore) 

— Beccalegn, Beccazhóch, Pigozh, Pigozhet {Feltre) — Pigo- 
séla {Padova) — Pigossetto {Rovigo) — Tue, Diteo (Dalm.) 

— Pie {Nizz.) — Picunzetto, Piunzetto {Savona) — Picunzo 
{Gen.) — Pizaformighe {Sarzana) — Picchio rosso mezzano^ 
Picchio sarto {Jose.) — Picchio rosso piccolo {Pisa, Lucca, 
Valdich.) — Picchio arancino {Casentino) — Picchio cardi- 
nale {Maremma, Roma) — Piccone {Abì'uzzo) — Picùni {Ca- 
tanzaro) — Pizzica ferra testa russa {Sicil.) — Pizzica ferru 
nieu {Mess.) — Pizzulia zuechi russa {Castelb.) — Lingua- 
lónga di turdi {Cat.). 

Confermo la relativa scarsità di questo Picchio in Italia, 
ove è però specie sedentaria generalmente sparsa ; pare es- 
sere più frequente nelle nostre provincie centrali. Si trova 
non comune in Sicilia, ma sembra mancare affatto in Corsica 
e nella Sardegna. Durante 1' inverno diventa erratico, o forse 
scende dai monti al piano. Non di rado da noi è stato con- 
fuso eoi giovani del P. major, nei quali il vertice è tutto 
rosso. 

Il P. medius si trova in quasi tutta l'Europa e giunge 
al Caucaso ; nell'Asia Minore e nella Persia sarebbe sostituito 
dall' af&nissimo P. sancti-joliannìs, Blanf. È stato notato dal 
Martorelli {Gli uccelli d'Italia, p. 474) che gli esemplari ita- 
liani sono più intensamente colorati, generalmente, di quelli 
d'oltr'Alpe; io pure ho notato ciò e cito in riguardo un'esem- 
plare maschio adulto da Spoleto, 22 dicembre 1877 {Coli. ital. 
Ucc. 789), ma non è un fatto costante, mentre lo sarebbe — 
senza però giungere al grado della tavola recentemente pub- 
blicata dall'ottimo Eeiser {Orn. Balcanica III, Greichenland, 



— 310 — 

p. 302, taf. II, Wien, 1905) — nel caso del citato P. sancti- 
johanni-i, il quale anche a me sembra essere tutto al più una 
sottospecie del nostro P. med'ws. Queste due forme vennero 
genericamente separate dai loro affini col termine Dendrocoptes, 
a mio parere per ragioni insufficienti. 



228. Ficus minor, Linn. ex Gesn. 
Picchio minore. 

Picchio vario minore, Picchio rosso minore, Picchio sarto 
minore. Picchio piccolo {Aut. Hai.) — Pich pcit, Picunsin, 
Picounsin, Picunzin {Basso Pieni.) — Pichét d' mountagna 
(Cuneo) — Pichin iVigezzo) — Piccascin d'montagna, Picca- 
scett (Ossola) — Pie ros cito, Pichet fiora, Pigazet [Nov.) — 
Picozzin, Picozzet del co ross {Lomh.) — Picasceu {Como) — 
Pigazzin, Picasceu Picozel ( Vali.) — Pipio {Bresc.) — Picous- 
sin {Pavia) — Picch (Cremon.) — Pigozzina (Mani.) — Pi- 
coussèn (Varzi) — Pighetta pezenèna, Pigarlèna {Mod.) — 
Pigazzàta (Sassuolo) — Piciàt, Sterz (Boi.) — Plecch pécol o 
pznen (Ravenna) — Picheto, Spigozeto ( Ven.) — Pigozzeto 
( Veron.) — Picc pizzul. Picc piciul (Friuli) — Pigozét, Pi- 
gozétta, Spizzétto (Treni.) — Beccalegn (Cadore) — Becca- 
lègn, Beccazhóc, Pigozh, Pigozhét (Feltre) — Pigoséto (Pa- 
dova) — Pigossetto, Pigossin (Rovigo) — Diteo mali, Mravinjàk 
iJJalm.) — Pie variat (Nizz.) — Pionzetta (Altare) — Picun- 
zetto, Piunzetto (Savona) — Picunzin (Gen.) — Pizaformighe 
(Sarzana) — Picchiarino, Picchio minore, Picchio piccolo (Tose.) 

— Picchio rosso piccolo (Pisa, Lucca, Valdich.) — Picchio rosso 
piccolo, Picchio arancino (Casent.) — Picchio piccolo (Marche) 

— Picchietto cardinale, Picchio cardinale minore (Roma) — 
Pizzica ferru niccu (Sicil.) — Lingualónga cu la testa russa 
(Cat.) — Percia varrili niccu (Mess.) — Bicca-linna (Sard.). 

Sparso in tutta Italia, ma non ovunque comune; è spe- 
cie sedentaria per noi, ma diventa erratica durante la sta- 



— 311 — 

gione fredda ; è sedentario, ma scarso in Sicilia ed in Sarde- 
gna, non è stato citato dalla Corsica. Da quanto a me risulta 
questo Picchio sarebbe più abbondante nelle nostre provincia 
settentrionali. È meno variabile delle specie congeneri. 

Il P. minor è sparso attraverso tutta la Regione Eura- 
sica, dalle isole Britanniche al Giappone fYezo), dalla Scan- 
dinavia alle Azzorre ed all'Algeria e Tunisia. Dai Monti Urali 
attraverso la Siberia sino all' isola di Bering viene a contatto 
con una specie distinta, ma affine (alcuni la ritengono mera 
sottospecie), la P. pipra, Pali. E cosi nel Caucaso col P. qua- 
drifasciatus, Radde e nell'Asia Minore col P. Danfordi, Harg. 



SS9. Picoides tridactylus (Linu.) 
Picchio a tre dita. 

Picchio a tre dita. Picchio tridattilo {Aut. Rai.). 

Questa specie è assai scarsa da noi e confinata assoluta- 
mente alle Alpi, ove è pure localizzata; è certamente meno 
scarsa nelle Alpi Venete. Talvolta in modo affatto acciden- 
tale pare che scenda al piano nei grandi freddi, e questo 
sarebbe il caso dell'esemplare citato dall' Arrigoni preso nei 
pressi di Padova nel 1873 ; io non ne conosco altri. Sarebbe 
specie sedentaria nelle alte foreste alpine di Conifere sul ver- 
sante italico, ma su ciò mancano dati precisi; diventa alquanto 
erratico nell' inverno. 

Il P. tridactylus sarebbe sparso attraverso le parti con- 
tinentali centrali e boreali della Regione Eurasica dalla Scan- 
dinavia alla Mongolia, in Europa da Archangelsk sino alle 
Alpi ; ma recentemente a cagione di variazioni locali nelle 
proporzioni del bianco e del nero nel piumaggio è stato di- 
viso in varie forme di grado subspecifico, cosi il nostro P. 
tridactylus e quello della Svizzera e dell' Europa media, più 
nero di quello dell' Europa boreale, venne distinto col nome 
di P. tridactylus alpinus (Brehm); forma però non ricono- 
sci u a dall'Hargitt iCat. PÀrds B. M. XVIII, p. 275, 1890)- 



— 312 — 

Nella Siberia settentrionale poi vi sarebbe la forma molto affine 
che ebbe il nome di P. crissoleucus, Bp. Nell'America boreale 
vivono almeno quattro forme affini, ma specificamente diverse 
da quelle Eurasiane ; ben distinto è poi il P. fuiìehris, Verr. 
di Moupin, e dall'alta regione montuosa della Cina N. 0. 



230. G-ecinus viridis (Linn. ex Gesn.) 
Picchio verde. 

Pich vert, Picas?, Pich réal, Pich marcLes, Picrelàs {Piem.) 

— Pieuq vert, Pie vert {Aosta) — Piuns galinè [Alba) — 
Picc, Picons, Piconso, Piconso gazanà (Basso Pieni.) — Pi- 
cas, Picatàs {Cuneo) — Pich, Piccasc, Pich vert (Ossola, 17- 
gez.) — Picozz verd, Pich gainè, Picasch gainè, Beccasciocch, 
Beccazocch, Picounsòun verd, Catlinoun, Catlinon, Picozzon, 
Fourmigoun {Lomh.) — Picozz, Picàsc {Como) — Picasc, Pi- 
gazz (Valt.) — Pigozz, Becasòk vert {Prese.) — Picot' verd 
{Berg.j — Picch, Caterinaza {Cremon.) — Pigozz verd {Mani.) 

— Piceuss, Picousson {Varzi) — Catlinon (Piac.) — Pigàzz 
{Parm.) — Pigozz, Pigazz {Mod.) — Picchia reale {Pievepe- 
lago) — Pigoss {Finale) — Pèc veird, Pèc gardlein {Boi.) — 
Pigh gros ( Vergato) — Pech vert {Romg.) — Plecch verd (Ra- 
venna) — Picchio cardinale. Picchio verde {Maì'che, Umbria) 

— Picchio cavallo {Ancona, Rapolano) — Picchiu pollastra 
{Rieti) — Pigozzo, Pizzocaro, Pigozzo verde {Veron.) — Pi- 
gozo, Spigozo verde, Spigozo grando ( Ven.) — Pico, Pico, 
Pigót {Bell.) — Picc verd, Picott (Friuli) — Biccazocco verde 
(Istria) — Diteo zuna {Dalm.) — Becazoche verd, Pigòz 
verd {Roveret.) — Pigòz verde (Trento) — Pigozzo o Spi- 
gozzo verde iValsug.) — Pigoz (Anaunia) — Pizzalègn, Piz- 
zalèng (Val di Sole) — Beccazochi verde (Tesino) — Pigoz 
vert {Male) — Beccazoch (Mezzolomh.) — Piciaciòch (Tione) 

— Pick vert (Fassa) — Pt'car berd (Terragnolo) — Pigoson, 
Spigozzon (Bass.) — Beccalegno o Pigot verd (Cadore) — 



— 313 — 

Beccalègn, Beccazhóch, Pigozh verdo {Feltre) — Pigosón, 
Spigosón {Padova) — Pigosson, Pigosso o Pigozzo verde 
{Rovigo) — Pie vert {Nizz.) — Pionz, Galline {Altare) — 
PicLinsu {Arenzano) — Picunzo gallina {Savona) — Picunzo 
verde, Picun vacca {Geìi.) — Picconso {Voltaggio) — Picùn 
{Spezia) — Picchio grosso, Picchio verde, Picchio gallinaccio 
{Fior., Casent., Pisa) — Picchio galletto (Sen.) — Picchio 
galletto o cavallo {Valdich.) — Picchio reale, Picchio polla- 
stro {Grosseto) — Picchio pollastro {Pisa) — Picchio galli- 
naccio {Lucca) — Picchiaccio {Garf.) — Picchio giallo (Vol- 
terra) — Picchio verde, Picchio pollastro {Roma) — Picchio 
giallone {Viterbo) — Tozzolapica [basso Garigliano) — Scassa 
gallenaro, Tozzopica {Nap.) — Gadd di vosco, Piddito {Bari) 
— Formicularu di voscu, Pizzicaferru {Calabr.) — Pizziga 
ferru virdi {Sicil.) — Pizzicaferru virdi {Mess.) — Pizza ferru 
o Pizzica ferru virdi [Paler.). 

Comune, sparso e sedentario in tutta 1' Italia continen- 
tale e peninsulare ; sembra scarseggiare nelle nostre provincie 
meridionali, ma trovasi nella Sicilia. Ebbi in passato alcuni 
nomi volgari dalla Sardegna attribuiti a questo Picchio e li 
pubblicai, ma havvi evidentemente errore giacche oramai 
pare accertato che il G. viridis non si trova in quell' isola. 
L' ultima volta che andai in Corsica, ottobre 1889, fui assi- 
curato dal prof. Combe a Corte che il Picchio verde si tro- 
vava non comune in quei pressi, ma non ne vidi mai e du- 
bito vi fosse errore nella determinazione (Cf. Giglioli, Primo 
Resoconto della inchiesta Ornitologica in Italia, II. Avifaune 
Locali, p. 637. Firenze, 1890). Durante l'autunno e l'inverno 
il G. viridis diventa erratico, ma non è davvero migrante. 

Spesso da noi questa specie presenta variazioni nella 
intensità delle tinte; ho veduto individui curiosamente sbia- 
diti {Coli. ital. Ucc. n} 2043, 2958), rari albini, di un giallo 
canarino, (Coli. ital. Ucc. n. 2076), bellissimi alcuni coi colori 
intensificati, l'uropigio di un giallo d'oro e tutte le parti verdi 
dorate {Coli. ital. Ucc. n. 2035). 



— 314 — 

Il G. Kiridis vive in tutta Europa sino al 0)0" di Lat. 
N. circa, nell'Asia Minore e nella Persia ; nella penisola Ibe- 
rica è rappresentata dall'affine, ma diverso G. Sharpei, Saund. 
e nell'Africa settentrionale dal pure affine, ma distinto G. 
Vailìanti (Malh.). 



S31 Gecinus canus iF. F. Gmel.) 
Picchio cenerino. 

Picchio verde di Norvegia, Picchio cenericcio (Atit. Ital.) 
— Picott, Picc verd, Picc gris (Friuli) — Pigot {Bell.) — 
Beccalegn, Beccazhóch, Pigozh {Feltré) — Pi gozzo verde 
( Vicenza) — Pigosson (Padova) — Picc verd (Pontebba) — 
Pigóz verd (Roveret.) — Pigòz verde (Trento) — Pigozzo, 
Spigozzo verde (Valsug.) — Pizzalègn, Pizzalèng (Val di 
Sole) — Beccazócco verde (Tesino) — Pigózzo verde ( Veron.) — 
Pie vert (Nizz.) — Picunzo s^nein (Gen.). 

Raro da noi e confinato alle Alpi, ove però, sebbene 
sedentario e nidificante, è tutt'altro che frequente ; sarebbe 
meno scarso su quelle Venete ; accidentalmente se ne allon- 
tana e fa rare comparse nel piano nelle provincie subalpine 
soltanto. Il prof. Picaglia (Ucc. del Modenese^ p. 38. Modena, 
1889) ricorda due esemplari come presi nel Modenese, ma 
erano confusi con quelli del G. ciridis, e non dà né data né 
località. Si asserisce poi che stia diventando più scarso nel- 
l'area limitata nella quale vive in Italia. 

11 G. canus si trova in tutta la zona media e boreale 
della Kegione Eurasica (al N. delle Alpi in Europa), dalla 
Norvegia all' isola di Yezo (Giappone) ; più al S. nell' Asia 
orientale lo sostituisce l'affine G. Guerini (Malh.). 



315 



( Torcicolli) 



S3S. lynx Torquilla, Lhm. ex Bell. 
Torcicollo. 

Capotorto, Collotorto, Torcicollo, Tortacollo, Verticollo 
{Aut. Itaì.) — Torsacòl, Stortacol [Piem.^ Ossola) — Storsa- 
cól {Cuneo) — Torza col {Aosta) — Stortacheul ( Vigezzo) — 
Torsacòl, Stortacol, Tortacol, Pitta formighe {Basso Pierri.) — 
Stortacol, Stortacheul, Beccaformig, Storzacheul {Nov.) — Stor- 
tacoll, Fourmigoun, Mangiaformigh, Beccaformigh, Rarape- 
ghin {Lomh.) — Picasceta {Como) — Stortaceli {Valt.) — Vaca 
grossa {Tresenda) — Menacó {Bresc. Cremon. Mani.) — Becà- 
formighe {Berg.) — Stortacol {Pavia, Varzi) — Storsacòl, 
Stoppa-beùgg {Vigev.) — Tortcoll {Piac.) — Coltòrt {Parm.) — 
'Stort-coll {Mod.) — Storcicollo [Pievepelago) — Coltòrt {Boi. 
Rav.) — Gavitorciola {Vergato) — Plitena {Cesena^ Forlì) — 
Cao storto, Colo-storto, Storzicolo, Becaformighe, Formighèr 
{Ven.) — Torzicoll, Storzicol {Veron.) — Codatòrcol {Bell.) — 
Furmiar, Cuel Stuart {Friuli) — Sigogna, Storzicolo {Polesine) 

— Formichiere, Calandrili (Istria) — Storzicol {Roveret.^ Treni.) 

— Storcicol {Giudicarie, Val di Ledro) — Storticol, Estorzicòl 
{Riva) — Storgicòl {Male) — Storzicola {Revo) — Storciacòl 
(Tione) — Formighèr {Valsug.) — Contorcol {Cadore, Feltre) 

— Yijoglava {Dalm.) — Fourmighié {Nizz.) — Torzicollo, 
Piunzo torsicollo (Savon.) — Lengua lunga (Arenzano) — Pitta 
furmigue (Gen.) — Formiguìn, Colo-storto (Spezia) — Capi- 
torza {Sarzana) — StorgicoUo, Torgicollo, Torcicollo {Pisa) — 
TorgicoUo {Fucecchio, Elba) — Capitorsolo (Lucca) — Collo- 



— 316 — 

torto, Becca-formiche (Grosseto) — Girasole, Torcicollo (Fior.) 

— GiracoUo (/. di Giglio) — Capitontova {Garf.) — Storci- 
collo, Collotorto [Sen. Casent.) — Picchio lingua lunga, Torci- 
collo (Marche) — CoUutortu (Rieti) — Torcicollo (Umbria, 
Roma) — Ciorlui, Storcicollo (Mterbo) — Formicòne, Capotor- 
tiello, Pizzeca formicola (Nap.) — Turdulupica Furmicularu 
[Capri) — Pizzua formica (Bari) — Torciara (Abruzzo — For- 
michiere, Gallo di selva (Campobasso) — Furmicalòra, Furmi- 
calùru (Terra d'Otranto) — Gabbùsa (Rossano, Cosenza) — 
Torcicoddu (Catanzaro) — Culerciaru, Furmicularu, Fermicu- 
laru (Caìabr.) — Lingua longa, Furmicularu, Carpinteri (Sicil.) 

— Caputortu, Furmiculuoru, Lingua longa, Formicularu, 
Formicaru, (Mess., Castelb., Girg., Modica) — Furmiculuni 
(Girg.) — Formiculariu, Furmicariu (Caltag.) — Mancia for- 
miculi, Formicularu cinnirusu, Coddu tuortu (Cat.) — Formi- 
gaiu, Papaformiga, Pappafromigas, Papaformigas (Sard.) — 
Sultan issumien, Bu-lebbiet (Malt.). 

II Torcicollo è specie abbastanza frequente in tutta Ita- 
lia, incluse le isole; è generalmente estivo, ma, in numero 
diminuito, si trova da noi anche durante l'inverno, nelle Pro- 
vincie centrali e meridionali e nelle isole, ed io conservo 
esemplari presi nei pressi di Firenze nel dicembre e nel feb- 
braio; in Corsica si vede pure durante 1' inverno, così nel 
Veneto donde (Monselice) il conte Arrigoni me ne inviò 
uno in carne il 22 dicembre 1887, Ma è certamente assai 
più abbondante durante l'estate ed alle due epoche del passo, 
aprile-maggio e settembre-ottobre. 

Ho spesso osservato in questa specie notevoli variazioni 
nella intensità delle tinte, e vedonsi esemplari chiari e scuri 
dei due sessi e di diversa età. 

L'/. Torquilla vive in tutta la Regione Eurasica sino 
a circa il 02" Lat. N. e sverna nel S. dell'Africa e dell'Asia; 
in Africa incontra entro i Tropici e al di là, le tre sole spe- 
cie congeneri che si conoscano. 



317 



DESMOGNATHiE 



COCCYGES 



{Cuciui) 



S33. Cuculus canorus. Limi. 
Cùcùlo. 

Cuculo comune, Cuculo rugginoso, Cuculo francescano, 
Cùcùlo, Cuculio, Cùcolo, Cuccuino {Aut. ital.) — Cuch, Coù- 
cou {Piem.) — Ciuch {Brà) — Cucù {Cuneo) — Cu-cu (Os- 
sola) — Cuccù, Cùcu, Cucù {Basso Piem.) — Coucoù {Lomb.) — 
Cùcù, Coucou, Cucol, Cùchett (Valt.) — Chòcc, Cok, Cùco 
{Bresc.) — Coch {Berg.) — Cucù {Crem.) — Cu cu {Mani.) 

— Coucoù {Pavia, Varzi) — Cucch, Cucù {Piac.) — Cucù 
{Parm.) — Cucch, Cuccù {Mod.) — Còch [Sassuolo) — Cu- 
culio {Pievepelago) — Cuc [Finale) — Ciò [Reggio) — • Couch 
[Boi.) — Coch, Cocc {Romg.) — Cuch [Vergato) — Coch, 
Cocch {Boi. Raven.) — Cuco, Cucù [Ven.) — Cuch {Bell.) 

— Cuce, Cuchusc {Friuli) — Cuco, Cucù [Mria] — Kuka- 
vica {Dalm.) — Cùco [Roveret.) — Cucco [Treni.) — Cucù 
{Giudicarie) — Cucò, Cocò [Val di Sole) — Chicù {Rendena) 

— Cucò {Val di Ledro) — Cuc {Fassa) — Cuccuk [Livinal- 



— 318 — 

longo) — Click (Badia) — Guggo, Kucho [Luserna] — Cu- 
cken {Sette Comuni) — Cucco {Cadore, Rovigo) — Sigalié 
{Nizz.) — Cucco {Gen.) — Cucii, Ciicu {Spezia) — Cuculo, 
Cùcùlo, Cuculio, Cucco {Tose.) — Cucu, Cuccù {Lucca) — 
Cucule {Sarteano, S. Gimign.) — Cuccule {Siena) — Cacculo, 
Cuccule, Cuccù {Grosseto) — Ca-cù (/. di Giglio) — Cuce 
{Corsica) — Cocule {Rieti) — Cucco, Cuccù {Roma) — Cucco 
{ì\farche, Umbria, Viterbo) — Cuculo, Cuccubè, Cuccupè {Nap.\ 
— Cuccubè (Ischia) — Cuccù, Cuc di tortore (Bari) — Cucci 
{Jelsi) — Cuccovaio {Camjjobasso) — Cuccù di tortora, Cucco 
de palumbaru ( Terra d' Otranto) — Cucù, Cuccù, Cucùlu, Tur- 
turaru {Calabr.) — Cuccù di passa, Bùfulu, Bufolo (Siciì.) — 
Turturaru {Modica, Mess.) — Cucca di maiu (Castelb.) — 
Oucou di maju (Castelb. Girg.) — Cuccù bieddu {Cai.) — 
Cùppàru {Fiumedinisi) — Cucù {Mess.) — Cucu (Sard.) — 
Pechedu {Arzana Sard.) — Ku-ku, Dakuka, Kahla, Sultan 
il gamiem {Mali.). 

Uccello prettamente estivo frequente e generalmente di- 
stribuito in Italia e nelle sue isole; giunge ai primi di aprile, 
parte o ripassa verso la metà di settembre, gli adulti sem- 
brano lasciarci oltre un mese prima dei giovani. Nelle Pro- 
vincie meridionali se ne vedono già nella seconda metà del 
marzo, e assai più di rado si sono trovati ritardatari in ot- 
tobre e anche in novembre; quivi come in Sicilia e nella 
Sardegna sembrano relativamente poche le coppie che riman- 
gono l'estate. 

Sono noti a tutti le abitudini parassitarie del Cuculo a 
riguardo della sua progenie, ma per l' Italia non ho ancora 
potuto avere un' elenco relativamente completo delle specie 
di altri uccelli, specialmente Passeracei, nei cui nidi la fem- 
mina depone le sue uova; sono però non poche. Il Marto- 
relli nella sua bellissima opera recente (Gli uccelli d'' Italia 
p. 464), cita non meno di 48 generi, e tra questi v'è il ge- 
nere Podiceps, caso singolarissimo; egli conferma poi il fatto, 
negato da taluni, ma che io pure posso confermare, che cioè 



— 319 — 

nel più dei casi l'ovo del Cuculo somiglia assai per mole e 
per colore a quelle della specie nel cui nido lo deposita abi- 
tualmente. Per l'Europa in generale Rey dà un' elenco di 
146 specie di uccelli nei cui nidi il Cuculo depone il suo ovo. 

Secondo le mie osservazioni l'abito ferrugineo od epatico 
di questo uccello appartiene alle sole femmine, è parzial- 
mente quistione di età, ma può anche incontrarsi in adulte 
e dirsi un caso di vero e proprio dimorfismo ; da noi tali 
casi perfetti non sono frequenti. 

Il C. canorus ha una estesissima diffusione geografica, 
trovandosi nell'estate in tutta la Regione Eurasica, nell' in- 
verno in tutta l'Asia e l'Africa e persino in Australia; sui 
limiti del suo « habitat » nel S. E. dell'Asia incontra l' af- 
fine, ma più piccolo C. saturatus Hodgs. che penetra nella 
Regione Australiana. Fa sorridere la distinzione di una sot- 
tospecie tra i Cuculi che vengono in Europa l'estate, ma al 
buon « spUtter » cav. Tschusi parve meritarla il Cuculo che 
giunge in Romania, e cosi abbiamo anche un C. canorus 
rumenicus^ da porsi accanto al C. Apus KolUòayil 



334. Coccystes glandarius (Linn.). 

Cùcùlo africano. 

Cuculo nero e bianco col ciuffo. Cuculo col ciuffo {Aut. 
Ital.) — Clicco du zùffo {Gen.) — Cuccù tupputo, Cuccù 
africanu (Sicil.) — Giriuni (Mess.) — Turturaru tupputu 
{Modica) — Sultan il gamiem tal toppu {Mali.). 

Specie rara da noi, ove capita più facilmente, ma sempre 
avventizia, nella Liguria ed in Sicilia, ma è stato preso in Lom- 
bardia, nell'Emilia, nel Veneto, nelle Marche, in Toscana, nel 
Lazio, nella Campania e nelle Puglie; non ancora però in 
Sardegna, ove dovrebbe giungere. Fu sempre, per quanto a 
me consta, preso durante la migrazione primaverile, tra il 
marzo ed il maggio; di cinque esemplari che conservo nella 



— 320 — 

Collezione italiana quattro vennero presi tra il 18 ed il 25 
marzo, uno nell'aprile a Nizza, Genova, Borzoli (Genova), 
Pisa e Poggio a Cajano ^Firenze). Il dott. professore Fiori 
ne illustrò uno preso a S. Felice nel Modenese nel luglio 1879. 

E stato preso accidentalmente anche nell' Europa centrale. 

Il C. glandariiis è abbastanza comune durante la buona 
stagione nella penisola Iberica; è estivo in tutta l'Africa 
settentrionale e nell'Asia Minore; giunge in Persia, suo li- 
mite orientale; sverna nell'Africa tropicale ed australe. De- 
pone l'ovo in preferenza nei nidi di Corvidee, 



235. Coccyzus ainericanus(Linn.) 
Cùcùlo americano. 

Sinora la cattura, avvenuta a Piossasco (Torino) il 28 ot- 
tobre 1883 di un maschio adulto di questa specie {Coli. ital. 
Ucc. n. 2171) da me pubblicata {Avifauna Italica, 1886, 
p. 211), è rimasta isolata; onde non ho nulla da aggiungere 
in proposito. Notai sin d'allora le diverse catture avvenute 
in Europa e specialmente nelle isole Britanniche di questo 
Cuculo prettamente americano. 

Il C. americanus è infatti sparso attraverso i due con- 
tinenti del Nuovo Mondo, dal Canada all'Argentina. 



S36. Coccyzus erythrophtlialinus Wils.) 
Cùcùlo americano occhio-rosso. 

Cuculo dagli occhi rossi, Cuculo americano dagli occhi 
rossi iAut. Ital). 

Anche questa specie è stata colta una sola volta in Ita- 
lia, e lo fu nei pressi di Lucca nel 18Ò8; il Savi ebbe quel 
prezioso esemplare in carne e lo si conserva tuttora nel Mn- 



— 321 — 

seo Zoologico della R. Università di Pisa. Ben di rado sembra 
attraversi l'Atlantico, giacche non conosco che un solo caso, 
oltre il suddetto, della sua cattura in Europa; avvenne a 
Killead, Antrim, Irlanda il 25 settembre 1871. 

Il C. erythrophfhalmus abita l'America boreale al S. del 
49" Lat. N., e giunge nelle Antille, nella Colombia e nel 
Perù. 



21. 



322 — 



ANISODACTYLJE 



ALCEDlNin^^ 

(Alcediììi) 



237*. Alcedo Ispida, Linu. (ex Gesii.) 
Piombino. 

Uccello pescatore, Ispida, Uccel S. Maria, Martin pesca- 
tore, Alcione, Uccello del Paradiso, Pescatore del Ee, Piom- 
bino, Picupiolo, Alcedine, Vetriolo {Aut. Ital.) — Serena, 
Merla pesquera, Merla biovà. Merlo pescadour {Piem.) — 
Piounbin [Cuneo) — Martin pescadù, Re der ian-ni. Sirena, 
Pescamartin, Martin pescou. Merlo pescou. Seréna, Piombin 
Basso Piem.) — Martin pescadour, Piombin, Serena [Ossola) 
— Serena [Novara) — Piombin, Piombi, Martin pescou, Mar- 
tin piapess, Becapess, Piombei [Lomb.) — Martin pescador, 
Martin d'or, Fendss [Comò) — Martin pescadù, Martin pe- 
scadur [Valt.) — Pescamartin (Berg.) — Piombi, Ciombì, 
[Bresc.) — Pioumben (Cremon.) — Merael acquareu verd 
(Varzi) — Piombein, Piombèn [Piac.^ Parm.) — Piumbèn. 
Plumbèn [Mod.) — Piumbèin [Sass. Vign.) — Piumbin [Fin. 
Mirand.) — Plumbein, Piumbèin (Boi.) — Piumbèn [Hav.) 

— Piumbin ( Vergato) — Uccellin bel verde, Piombin maschio, 
Beccapesce [Marche) — Uccello bel verde (Ancona, Marche) 

— Piombin, Piombin, Osèlo de la Madona [Ven.) — Piombin 
[Friuli) — Piombin [Trento^ Istria) — Vodoban, Slavic, Mo- 
àre, Karaban, Betic {Daini.) — Piombin (Roveret.) — Sca 



— 323 — 

napesci {Rendena) — Martin pescador {Mezzolomb.) — Martini 
(aS'. Michele) — Merlo pescador (Croviana) — Martina pescaór 
(Arco) — Blavié, Bluet {Nizz.) — Martin pescoù [Gen.) — 
Useo smenièo, Useo Santa-Maria, Martinèo (Spezia) — Uccello 
della Madonna, Pescatore, Re pescatore [Tose.) — Santa Ma- 
ria (Pisa, Lucca) — Chiappapesci {Casentino) — Beccapesci 
(Sarteano) — Piombinello (Valdich.) — Uccel Santa Maria 
{Pis. Fior.) — Piombino, Beccapesci [Fior.) — Uccel bel verde 
{Garf., Lucca, Umbria) — Martino [Umbria) — Picchia mar- 
tinu [Rieti) — Uccello della Madonna, Uccello Santa Maria, 
Piombino, Alcióne [Roma) — Marteniello, Uccello di S. Mar- 
tino [Nap.) — Aciedd di S. Giuan [Bari) — Nicola o Cola 
pescatore, Pietro marinaro, Acciedru de Santa Nicola [Terra 
d'Otranto) — Gaddazza d'acqua [Rossano, Cosenza) — Uccello 
bello, Mieddura d'acqua [Calabr.) — Merru i mari [Reggio Ca- 
labr.) — Martineddu [Catanzaro) — Acceddu di S. Giuvanni o 
di S. Martina [Sicil.) — Accidduzzu di Paradisa [Lentini) — 
Aceddu di Paradisu, Accidduzzu piscaturi, Piscatùri [Cat., Si- 
rac.) — Aucedduzzu di Paradisa, Cuocciu di camula. Pizza o 
Pezza re [Modica) — Cocciu di camula o di campa, Martin pisca- 
turi [Terran., Sic.) — Acceddu celesti [Castrog., Castelb.) — 
Martineddu [Mess.) — Camula, Cuocciu di camula [Girg.) — 
Puzone de Santu Martinu_, Pilloni de Santu Perda o de Santa 
Maria [Sard.) — Ghasfur ta San Martin [Malta). 

Sparso ovunque in Italia e nelle sue isole, nei luoghi 
adatti, cioè lungo i corsi d'acqua, stagni, laghi ed anche 
spiagge marine; quasi ovunque sedentario, diventa erratico 
durante l' inverno. Varia alquanto, indipendentemente dall'età 
e del sesso, nelle dimensioni, e conservo un maschio adulto 
ucciso il 10 gennaio 1901 a Panzano, Chianti, Firenze [Coli. 
ital. Ucc. n. 3812), ed una femmina pure adulta presa a 
Posillipo (Napoli) nell'ottobre 1882 [Coli ital. Ucc. n. 2565), 
notevolmente più piccoli degli individui normali; mai però 
quanto 1'^. bengalensis, Gm. il diminutivo rappresentante del 



— 324 — 

nostro Piombino nell'Asia, ritenuto da molti mera sottospe- 
cie di questo. 

IjA. Ispida, in senso stretto, vive in tutta la parte oc- 
cidentale della Regione Eurasica, e, ritenendola distinta (an- 
che solo subspecificamente) dall' A. hengalensis, non è facile 
definire i limiti orientali nell'Asia del suo " habitat ,, ; UÀ. 
heugalensix s' incontra in tutta 1' Asia orientale e meridionale 
sin nelle Molucche. Il povero barone Carlo von Erlanger, che 
fu appassionato " splitter ,, volle distinguere il Piombino tu- 
nisino col nome di Ahedo Ispida Spafzi, ma ebbe torto come 
lo ha dimostrato il Whitaker. 

I nomi volgari italiani di questo beli' uccello sono spesso 
eloquenti, ma nessuno è così poetico di quello datogli dagli 
Arabi " Kandil-el-Behar, ,, cioè « Lume del mare ». 

Nessuna conferma si è poi avuta della accidentale com- 
parsa in Italia della Ceryìe rudis (Linn.), affermata per la 
Sicilia dal Malherbe {Faune de la Siciìe, p. 142j senza prove 
di fatto ; onde possiamo cancellare quella specie dai nostri 
elenchi. 



MEFtOF^IDu^ 

[ Vespieri) 



S38. Merops Apiaster, Limi, ex Gesù. 
Grottaione. 

Merope, Tordo marino, Gruccione, Grucciolo, Gravolo, 
Grottaione, Vespiere, Dardo, Dardano, Tevolo, Gaulo, Grallo, 
Goro, Golo, Picciaferro (Aut. Itaì.) — Ghepié, Rocaireul, 
Gabiousna d'raarina. Serena d'i pra [Piem.) — Sirena, Sire- 
nón, Seréncm (Basso Piem.) — Vespaieu, Pia-vesp, Vespee, 
Storan ingles, Storan frances, Storan maren, Usel vespee 



— 325 — 

(Lomb.) — Storaen inglés {Pav.) — Apiaster (Como) — Osél 
de légn (Bresc.) — Asiolèr {Mani.) — Roundon d'marfCVe- 
mon) — Dàrd (Piac.) — Tàrter d'mar (Partii.) — Derden, 
Terder {Mod.) — Darden, Dard (Boi.) — Dèrdar (Ravenna) — 
Guaragnasto, Graólo (Ancona) — Grottolo (Sinig.) — Barba- 
rasco, Barbaraschio, Grottolo, Ganasciò, Guaraguasco, Grovol 
(Marche) — Vesparolo, Tordo Diarin, Colodoro, Oselin bel 
verde (Veìi.) — Yespier (Veron.) — Uciell biell verd (Friuli) 
— Taraforno (Istria) — Brigulija, Skvar, Pcelarka, Grgurela 
(Daini.) — Sforzétta (Roveret.) — Tordo marino (Trento) — 
Sera verda o corsa (Nizz.) — Seenna (Arenzanó) — Serenha 
(Gen.) — Tordo main (Spezia) — Dardàn (Beverino) — Clone, 
Ciane, Gruccione, Tordo marino. Gorgoglione (Pis.) — Not- 
taione (Tose.) — Lupo d'api. Gruccione (Fior.) — Gruccione 
(Lucca) — Grottaione, Barbiglione (Sen.) — Grottaione (Val- 
dich.) — Acquaiolo (Elba, I. di Giglio) — Maduraiolo (Cor- 
sica) — Gràvolo, Golo, Mangia api (Roma) — Grottolo 
(Umbria) — Aparulo, Acquarulo (Nap.) — Apaiuolo, Guarà- 
quaglie (Ischia) — Acquaruolo (Capri) — Aparulo, Acqua- 
rulo (Bari) — Aparuolo (Jelsi) — Verderame, Aparuolo (Fog- 
gia) — Luparuolo (Brindisi) — Acquarulu, Apaluru, Lupu 
de api (Terra d'Otranto) — Jovarùlu (Rossano, Cosenza) — 
Chiovarolu (Catanzaro) — Pizzifainu, Pizzafainu, Mussovai, 
Mussovaja, Lapalori^ Pizzaferro (Calabr.) — Muzzufainu, 
Muzzufaia (Reggio Cai.) — Melissofaja (Bova, Calabr.) — 
Appizza-ferru, Pizza-ferru, Apaloru, Apaluoru (Sicil.) — Piz- 
zoferru Re di quagghi, Retiquagghiu (Mess.) — Pizziferru 
(Lentini) — Apajólu (Collesano) — Apaluòri, Apaluoru, in 
primavera, Vignignuolu, Vignignuoli. in autunno (Castelb.) 

— Mangiapi, Mangia l'api (Cumitini) — Pizzòfìerru (Modica) 

— Apiolu, Piana, Marragàn, Pedral de Sanctu Perdu (Sard.) 

— Puzzoni birdi (Foìini, Sard.) — Rundini murinisca (Mail- 
nojada Sard.) — Abiargiu (Lanusei) — Sirena (Carloforte, 
Sard.) — Kart il nahal, Kirt el nahal (Malt.). 



— 326 — 

Giunge da noi regolarmente alla line d'aprile o nel mag- 
gio ; nidifica specialmente nelle provincie centrali e meridio- 
nali, ove sono luoghi adatti, cioè ripe verticali di sabbia 
presso corsi d' acqua, in colonie numerose ; parte in settem- 
bre-ottobre ; si è detto che questi uccelli rimangono talvolta 
in Sardegna durante V inverno, ma non ebbi mai conferma 
di tale asserzione che ritengo erronea. E specie estiva co- 
mune anche in Corsica e nella Sardegna ; scarseggia nell'Alta 
Italia. Si conoscono però alcune colonie di Grottaioni anche 
nell'Italia settentrionale ; rammenterò quella di Salsomag- 
giore, Parma, e quelle notate dal Martorelli sul corso supe- 
riore del Tauaro in Piemonte ed a S. Colombano al Lambro, 
Lombardia. 

Nelle medesime condizioni si trova il M. Apiaster in 
tutta r Europa meridionale nell' Africa settentrionale e nel- 
r Asia occidentale e centrale, giungendo nelle provincie N. 
0. dell' India ; sverna nell' Africa meridionale. 



S39. Merops persicus, Pali. 
Grottaione egiziano. 

Gruccione egiziano {Aut. Ital.) — Serenha fòestea {Geìi.) 
— Pizzaferru svariu (.l/es-.s.) — Kart il nahal rar [Malt.). 

Non avrei nulla da aggiungere intorno a questa specie, di 
rara ed accidentale comparsa in Italia, a quanto ne dissi pre- 
cedentemente fCfr. Avifauna Italica, 1886, p. 217. — Id. 1889, 
p. 357). E per quanto a me consta nessun nuovo caso della 
sua cattura da noi è da aggiungersi a quelli da me allora 
registrati colla eccezione, non bene controllata, dell'esemplare 
conservato nella raccolta del R. Istituto Tecnico di Penne, 
Abruzzo, che sarebbe stato ivi ucciso con altri due, non con- 
servati, nei primi di giugno 1899 (N. De Leone, Ricerche 
ornitologiche nel bacino del Salino, p. 7, Teramo, 19U6j. Il 
dott. G. Zodda la dice di comparsa irregolare sulla costa ionica 



.-- 327 — 

della Sicilia, ma non precisa casi di cattura (" Avicula, „ 
VI, p. 135. Siena, 1902). Onde per ora rimangono accertate 
le catture avvenute: a Genova maggio 1834, due individui; 
una a Palermo, Malherbe, senza data ; due a Malta, Schembri 
settembre, 1840, Wright 25, maggio, 1861 ; una a Bari, De 
Romita, aprile, 1874, 

Il il/, persicus abita 1' Africa quasi tutta e si estende 
neir Asia occidentale e centrale sino all' India N. 0. Nel- 
V Africa settentrionale sul versante mediterraneo sarebbe però 
specie avventizia. 

Merita appena di essere qui ricordata la peregrina as- 
serzione della comparsa in Sicilia del M. viridis, Linn. giac- 
ché priva affatto di autenticità. 



COFtJLCIID^^ 

[Coracié) 



240. Coracias G-arrula, Limi, (ex Gesn.) 
Ghiandaia marina. 

Cornacchia celeste, Picchio marino femmina. Gazza ma- 
rina. Cornacchia azzurra, Cornacchia ciarliera, Ghiandaja ma- 
rina (Aut. Ital.) — Gai marin. Gai d'marinna. Gai mareng 
(Piem.) — Ghè d'marinna {Cuneo) — Sirenón, Serènòn (Basso 
Plein.) — Gaza ciarlona {Lomb.) — Sgàza marina (Pav.) — 
Gazza marén'na o pescarén'na [Parm.) — Gazza marèna o 
mareina [Mod.) — Gazza o Giandara mareina {Boi.) — Ar- 
gàza maréna {Rav.) — Argàza d'mer {Romg.) — Pica marina 
{Marche) — Gaggia marina {Sinig., Ancona) — Gagia ma- 
rina {Ven.) — Giàie marine {Friuli) — Gaza marina {Riva, 
Polesine) — Corvo verde {Istria) — Smrdovrana, Modrovrana 
{Dalm.) — Gazza marina, Gazza celeste {Treni.) — Gassa 



— 328 — 

marina, Gai marin (Nizz.) — Seenun {Arenzaìw) — Serenùn 
(Gen.) — Gaza maina [Spezia) — Gazza marina, Ghiandaja 
marina, Cornacchia azzurra (Tose.) — Gazza marina {Ma- 
remma) — Uccello turco (/. dt Giglio) — Gazzera marina 
(Grosseto) — Pica marina (Umbria) — Pica marina, Pica 
merdaria (lìoma) — Pica marina, Pica verde [Nap.) — Pica 
marina {Bari) — Mita èrde, Pica èrde (Terra d^ Otranto) — 
Carragiau, Pica marina (Calabr.) — Carragià, Carragiai, 
Carragiaju (Sicil.) — Carraggiò {Mess., Cat., Sir.) — Giaiulu 
{Caltanis.) — Carraru {Mess.) — Carragiau, Carraggiou (Len- 
tini) — Carcarazza di mari {Modica) — Carnagiàtu, Carna- 
giaju {T'erran., Sic.) — Ciaula {Pai.) — Giaju {Castrog., Pai.) 
— Scornagiaju, Giai, Giau {Castelh.) — Aviu (Cefalù) — 
Cornagiaju {Collesano) — Cirricaca (Girg.) — Piga de mari 
{Sard.) — Karnanklic, Farrugg, Grisa (Malt.). 

Questa magnifica specie è per noi estiva, giunge alla fine 
di aprile o ai primi di maggio e ci lascia nel settembre-ot- 
tobre. In Italia pare essere più abbondante durante il passo 
primaverile, anzi in alcune province non si vede mai in quello 
autunnale ; è certamente scarsa per non dire rara nelle nostre 
provincia settentrionali, ma talvolta vi nidifica; ciò avviene 
però più di frequente nelle nostre provinole centrali e meri- 
dionali ; non può però dirsi uccello comune in Italia, eccetto 
forse nelle Calabrie e nella Sicilia; in Sardegna sarebbe scarso, 
mentre non è stato citato dalla Corsica, ove però dovrebbe 
capitare. Ho notato una tendenza al prolungarsi delle timo- 
niere esterne in maschi adulti di esemplari nostrali ; dico 
questo perchè tale carattere si sviluppa marcatamente nella 
C. abyssinica^ Bodd. del N. E. dell'Africa, che nel resto è poco 
diversa dalla nostra specie. 

La C. Garrtila è sparsa nell'Europa meridionale durante 
l'estate, scarsa nelle contrade centrali ; e così nel N. 0. del- 
l'Africa e neir Asia centrale, ove giunge sino al Turkestan 
ed al Cashmir; sverna nell'Africa meridionale ed australe, e 
neir India N. 0. 



— 329 — 
( Upupe) 



S41. Upupa Epops, Limi, ex Gesn. 

Bubbola. 

Upupa, Galletto di marzo, Galletto di maggio, Galletto 
di montagna o di bosco. Bubbola, Cristella (Aut. Ital.) — 
Pupù, Pupou, Upia, Capussa, Pupia {Pierri.) — Huppe, Puta 
{Aosta) — Poupoula, Puta {Cuneo) — Galet d'mars, Galet 
d'ra pupù. Gaietto, Gaietto d'marzo, Po-pò, Bobò, Poupou 
{Basso Piem.) — Buba, Bubula, Pupa {Ossola) — Puppola, 
Pupa, Upa, Buba {Nov.) — Bubula, Puppola, Biiba, Boeba, 
Bouboù {Lomb.) — Upupola {Alendr.) — Bòba (Bresc.j Berg.) 

— Biibola {Vali.) — Beoba {Cremona) — Boubóu {Pavia) — 
Poupóu {Bassa Lomb.) — ra Pùpla {Vigev.) — Galletto de 
marzo {alta Trebbia) — Bùbbola {Varzi) — Bubbella, Bùbba 
{Piac.) — Gali marzèul {Val Taro) — Bubla {Parm.) — Bu- 
bulla, Pùpulla, Galet d'marz {Mod.) — Bubla {Carpi) — Pu- 
pólla {Sassuolo) — Puppla {Pavullo) — Pupla {Correggio) — 
Popla^ Loppla, Poppla, Pùpla {Bologna) — Puppla {Vergato) 

— Pòpa {Ravenna) — Upoppa {Cesena, Forlì) — Bùbbola, 
Upupa, Uppica, Gallett {Marche) — Bubola {Ancona) — 
Pouppa, Poppa {Romg.) — Upupa, Paucca {Sinig.) — Buba, 
Galeto de montagna, Galeto de mar {Veron.) — Galéto me- 
giarolo, Galéto de monte, Galéto de bosco, Galéto de marzo^ 
Gaio del paradiso (Few.) — Bubola {Bell.) — Pura, Lupiéta, 
Luppia {Roveret.) — Pura {Trento) — Lupia {Val di Xon e 
di Sole) — Gialùtt de biele creste, Uciell de biele creste 
(Friuli) — Pochéta, Galet {Feltre) — Galet da montagna 



— 330 — 

{Cadore) — Upupa, Galéto mejarólo, Bubu [L^adovà] — Ga- 
leto de monte, Galeto megiarolo [Polesine) — Galletto di 
montagna (Istria) — Kokotic, Bozjipivac {Dalm.) — Putega 
(Nizz.) — Galletto de marzo (Geti.) — Galeto de marso {Spe- 
zia) — Bubbola, Galletto di maggio (Fior.) — Galletto mar- 
zolo, Galletto di bosco {Lucca, Pisa) — Puppola (Seìi.) — 
Bubbola, Puppola {Grosseto) — Bubbola, Galletto di marzo 
( Valdich.) — Galletto marzòlo o marzolino (Elba) — Bum- 
bola (/. di Giglio) — Pappagallo (C'o**sica) — Faluppa [Um- 
bria) — Bubbola {Piati) — Bubbola, Uppola, Upupa, Pup- 
pita {Roma) — Uppeca, Luppeca, Galluccio, Coppulari {Nap.) 
— Coppulari, Coppulata {Capri) — Gallo di selva, Luppa 
{Campobasso) — Bubù {Bari) — Lupolo (Foggia) — Baba- 
lucco ('S. Marco in Laniis) — Pupa, Pupopita, Papuscia 
(Terra d'Otranto) — Pipitune, Pipituni (Calabr.) — Pùpita 
(Rossano, Cosenza) — Pùpita (Catanzaro) — Pipituni, Bru- 
bula (Sicil.) — Paluita, Saluta pipituni (Polizzi) — Titi 
bussu (Mazzara) — Pipituna (Lentiìii, Modica) — Titibubbu 
(S. Ninfa) — Pinnacchiera (Cat.) — Pupùza, Poupousada, 
Pubusa, Galett è marzo (Sard.) — Galletto de marzo (Carlo- 
forte, Sard.) — Dakuka tal pinnacc {Mali.). 

Uccello estivo, frequente e ben noto in tutta Italia e nelle 
sue isole ; giunge tra il marzo e l'aprile, parte in settembre- 
ottobre ; è poi specialmente abbondante alle epoche del passo, 
particolarmente durante quello primaverile. A Malta si vede 
talvolta in febbraio (come nella Tunisia) ed a Palermo il Lil- 
ford ne ebbe una nel novembre, ma sono casi estremi e nes- 
sun fatto si è palesato a conferma dell'asserzione del prof. De 
Romita che la Bubbola sia « stazionaria tutto l" anno » nel 
Barese. 

L' U. Epops vive in tutta la Regione Eurasica, eccetto 
l'estremo lembo boreale, dalle isole Britanniche al Giappone; 
sverna nell'Africa e nell'Asia meridionale ; ivi merge nella 
affine U. indica Reichb. mentre nell'Africa incontra le affini 



— 331 — 

U. marginata, Bp, U. somalensis, Salv. ed U. africana, Be- 
chst. Recentemente 1' Erlanger ha creduto di poter separare 
la Bubbola della Tunisia, chiamandola U. Epops pallida, ma 
faccio notare che le nostre Bubbole variano nella maggiore 
minore intensità del colorito; e giustamente quella suppo- 
sta sottospecie è sepolta nella sinonimia dal AVhitaker. 



— 332 — 



STRIGES 



STRIGID^^ 

(Strigi) 



S4S. Strix flammea, Linn. (ex Gesn.) 
Barbagianni. 

Allocco comune, Allocco bianco, Allocco, Barbagianni 
(Aut. Ital.) — Dama, Dona (Piem.) — Dona (Alba) — Cri- 
vela (Cuneo) — Dama, Damina, Daminn'a (Basso Piem.) — 
Dama, Bella donna (Ossola) — Cravea, Cravareul (Xov.) — 
Louroucch, Loucch, Orloucc, Allocc, Povra dona. Bella-donna 
Sciguetta, Sietta, Bella (Lomb.) — Guf, Povra-dona (Pav.) 

— Dama (Berg.) — Lóch, Sieta, Lok dei ociù (Bresc.) — Bar- 
bagiann (Vali.) — Loucch (Cremori.) — Barbagian (Mant.) 

— Dama (Voghera) — Soràzz (Piac.) — Soràza (Parm.) — 
Sora, Surazza (Mod.) — Lugoun, Surazza, Suraza (Vign. 
Carpi) — Barbagian (Vign.) — Barbazagn (Boi., Vergato) — 
Bérbazvann (Ravenna) — Barbagian, Barbgoan, Barbazùan 
(Romg.) — Barbagianni, Locco barbagianni, Gufo (Marche) 

— Barbagian, Aloco, Barbazàne (\'en.) — Ciuite, Quite, 
Barbezuan (Friuli) — Aloco bianco. Aloco da campanili 
(Veron.) — Aloco bianc, Barbagiàm, Pura (Roveret.) — La 
Pur (Riva) — Balùco (Padova) — Cuk, Drijemavac (Daini.) 

— Sussa lampea, Monega, I\Iounega, Dama (Alzz. > — Rumfun 
(Savona) — Ouco gianco (Gen.) — Aiico (Spezia) — Belladonna 



— 333 — 

{Vernio, Tose.) — Barbagianni {Rieti) — Barbagianni {Tosc.^ 
Umbria, Roma) — Barbagianni, Faciòmm, Facciommo, Fac- 
ciòmmo janco (Nap.) — Varevasciante {basso Garigliano) — 
Facciomme {Capri) - Malaciedd, Malaciedde {Bari) — Fac- 
ciomo {Campobasso) — Facciomu, Castarieddu de la morte 
{Terra d'Otranto) — Facciùne {Rossano^ Cosenza) — Facciola 
{Catanzaro) — Varvajanni, Barvajanni, Barbajanni {Calabr.) 

— Varvajanni, Vecchiazzu, Fuànu {ÌSicil.) — Striula {Mess.) 

— Barbajanni, Piula {Mess., Lentini., Modica^ Terran., Sic.) — 
Piula {Cat., Caltag.) — Piola {Sirac.) — Rusci {Nicosia) — 
Facci d'omu {Ustica) — Faguanu bianca {Castelb.) — Fugana 
{Pai., Castelb.) — Istria, Stria, Strea, Stria bianca {Sai'd.) — 
Bàrbaganni {Malt.). 

Cornane in tatta Italia, tanto sai continente che salle 
isole ; sedentario e nidificante ovanqae : « Uccello quasi co- 
smopolita, ma soggetto a numerose variazioni locali » ; tolgo 
verbafim qaesta frase dal Salvadori, giacché rispecchia in 
modo mirabile le condizioni di qaesta specie nel vasto sao 
« habitat ». Restringendo i confronti entro i limiti della re- 
gione italica, la stessa frase si può ripetere; potrei dire che 
all' infuori delle lievi differenze inerenti all'età ed al sesso, 
è difficile seppure possibile trovare da noi dae Barbagianni 
asso Ultamente uguali nelle tinte del piumaggio. Sulle parti 
dorsali le proporzioni del bigio e del giallo ocraceo variano, 
e cosi le . macchiette bianche e nere quasi ocellari ivi sparse, 
sono più o meno grandi, più o meno numerose. Sulla coda 
prevale ora il bigio, ora il giallo, e non di rado un bianco 
quasi puro li surroga; variano assai le fasce scure trasversali 
sulle timoniere, essendo ora più, ora meno, marcate. Le parti 
inferiori possono essere assolatamente candide ed immacolate, 
con lievi lavature di ocraceo-gialliccio intorno agli occhi e 
sul lembo del disco facciale, oppure l'ocraceo si presenta come 
tinta di fondo più o meno prevalente, e le piume bianco -sericee 
in ogni grado cosparse di puntini scuri, ed il disco facciale 
di color bruno. 



— 334 - 

Quanto ho detto sopra si applica ai Barbagianni di 
ogni parte d' Italia ; eppure anche da noi questa specie così 
variabile presenterebbe una forma locale nei Barbagianni della 
Sardegna. Da anni avevo notato che questi erano generalmente 
chiari, e due esemplari che conservo nella Collezione italiana 
[Cai. Ucc. 3415, 3473) provenienti da Cagliari (14 dicembre 
1892 e 25 dicembre 1893j, entrambi maschi adulti, sono tal- 
mente albescenti che io li ritenevo varietà albiniche indivi- 
duali ; in essi le parti inferiori sono assolutamente candide ed 
immacolate ; e quasi bianche, specialmente nel secondo, sono 
quelle superiori, cosparse di macchiette scure; il giallo-ocraceo 
è ridotto a lievi lavature soltanto, quasi mancanti nel secondo 
esemplare, le timoniere sono bianche colle macchie e fascie 
trasversali scure assai ridotte. 

Questo Barbagianni sardo è stato subspecificamente di- 
stinto dal Kleinschmidt il quale l'ha nominato Strix flammea 
Ernesti, basandosi specialmente sulla coda bianca; noto che 
nella mia serie dal continente italico ho un maschio adulto 
ucciso a Pontassieve 5 aprile 1885 {Coli. ital. Ucc. 2630) 
nel quale le timoniere sono quasi bianche quanto nei due 
esemplari sardi sopra descritti ; le parti inferiori pure assolu- 
tamente bianche; ma quelle dorsali riccamente colorate di 
bigio e di giallo ocraceo, come è usuale nei nostri Barba- 
gianni continentali. In ogni modo il caso merita ulteriori in- 
dagini ed andrebbero studiati pure i Barbagianni della Sicilia 
e della Corsica. 

Il Barbagianni della Tunisia è pure usualmente chiaro 
e per questo ebbe dal Koenig nome subspecifico distinto, 
S. flammea meridionalis ; Whitaker osserva giudiziosamente 
che tali esemplari somigliano assai al S. flammea Ernesti 
della Sardegna {Birds of Tunisia, II, p. 67). 

A Tring nel giugno 1905 studiai e confrontai una ricca 
serie di pelli di questo Strigide tipico, da molte località ; no- 
tai come nell'Europa centrale il Barbagianni è spesso assai 
scuro sulle parti inferiori, con fascie marcatissime sulle ti- 
moniere, e le parti dorsali pure sono assai scure. I Barba- 
gianni delle isole Britanniche sono scuri sopra, bianchi sotto, 



— 335 — 

con o senza macchiette scure, hanno la coda fòrtemente fa- 
sciata su fondo bruno o bruno-gialliccio ; questa forma ebbe 
il nome di S. flammea Kircìihoffìi, Brehm. 

La 8. flammea in senso ristretto abita l'Europa, l'Africa 
e parte dell'Asia ; ma al di là di tale area vasta viene a 
contatto con forme poco diverse spesso poco distinguibili, e 
quasi sempre, intorno ai casi esagerati e tipici di tali forme, 
vivono esemplari con caratteri intermedi e connettenti, che 
costituiscono varietà degradanti all' infinito le une nelle 
altre. 



BUBONIJD^^ 

(Gufi) 



243. Syrnium. Aluco (Limi.) (ex Gesn.) 
Allocco. 

Strige allocco. Gufo salvatico, Barbagianni (Aut. itaì.) 

— Ciùs, Suittoun {Piem.) — Cious, Grave, Ciabrier {Cuneo) — 
UrÒGc, Orocc, Cocco, Aucco [Basso Piem.) — Olòch, Olóuch 
{Ossola) — Cui da ja jeuj {Vigezzo, Nov.) — Louroucch, 
Orloucch, Cloch, Curloucch, Curoucch {Lomb.) — Lourouk 
[Mil.) — Cloch, Tuit, Tositt {Como) — Arlouch, Curloucch 
{Pav.) — Locch, Lok de bosk {Bresc.) — Loch, Loloch {Vaìt.) 

— Lok de bosk {Berg.) — Loucch, Siveton {Cremon.) — 
Alóch {Mani.) — Locch {Piac. Parm.) — Alòcch, Barbagian 
{Mod.) — Alàch {Sassuolo) — Guvòna [Pavullo) — Alocc 
{Boi. Romg.) — Locch {Vergato) — Gufo, Alocco {Marche) 

— Qoèton, Alocato {Ven.) — Aloco grosso, Aloco zenerin 
{Vero7i.) — Aloco {Bass.) — Alòcc {Friuli) — Aloch, Sba- 
regol {Bell.) — Aloco, Alocc senza corni, Dugo {Roveret.) — 
Béghel {Trento) — Boghelé {Valsu^.) — Sbeghel {Xanno) — 



— 336 — 

Loco ( Val di Ledró) — Auvo, Alocca {Sette Comuni) — Sbe- 
regh [Feltre) — Alceo salvadego, Alóco de pala (Padova) — 
Osel cavalaro {Rovigo) — Zuetòn {Istria) — Sovina {Daini.) 
— Tartarassa, Necoula, Ganareu, ? Scriveo de mar {Nizz.) — 
Uruc {Altare) — Ouco, Barbagianni (Gen.) — Aiico (Spezia) — 
Gufo salvatico, Allocco (Tose.) — Locco (Grosseto) — Bar- 
bagianni (Pi^a) — Striga, Stridula {Lucca) — Gufo (Casent. 
Cmbria) — Ciocco {Garf.) — Allocco {Roma) — Zagarogna 
(Catanzaro) — Guléo (Calahr.) — AUoccu (ìSicil.) — Fuanuu, 
Cucca o Cuccù di passa (Mess.) — Fuànu (Caltag.) — Jacóbu, 
Fàunu {Cat.) — Fuànu (Lentini) — Fujanu {Modica) — Fra- 
guanu, Fuguànu {Castelb.) — Fugànu (Pai. Sirac, Caltag.). 

Questa specie è sedentaria specialmente nelle regioni 
montuose e boschive delle nostre provincie settentrionali e 
centrali; ma non può dirsi frequente, eccetto iu alcune lo- 
calità del Piemonte e della Lombardia. Scarseggia nel mez- 
zodì d' Italia e nella Sicilia ; sembra mancare affatto nella 
Sardegna e nella Corsica. In alcune provincie pare essere 
parzialmente migrante, io la riterrei piuttosto erratica. 

Il S. Aluco abita la parte occidentale della Regione 
Eurasica, non s' inoltra però nelle contrade boreali. Presenta 
notevoli variazioni nel fondo del colorito, e da un bigio 
chiaro, più frequente, troviamo ogni gradazione di tinta sino 
ad un bigio-bruno-scuro ; sono poi non rari da noi individui 
di colore rossigno più o meno spiccato; tali variazioni sem- 
brano essere indipendenti affatto non soltanto dall'età e dal 
sesso, ma anche dall' « habitat ». 

Cosi nella Collezione italiana conservo: un maschio adulto 
di un cenerino chiaro da Lari (Pisa) ]2 dicembre 1002 iCat. 
Ccc. n. 40<;6j; due maschi adulti ed una femmina adulta della 
varietà rossigna: Caneva di Sacile (Udine) 15 ottobre 1889, 
La Consuma (Firenze) 5 dicembre 180'2, e Vallombrosa (Fi- 
renze) 1 aprile 1905 {Cat. Ucc. n' 3225, 3414, 4094). Ho poi 
ricevuto in questi giorni da Jole (Siena) una splendida femmina 
uccisa 112!) ottobre 1905, la quale per le tinte del piumaggio, 



— 337 — 

assai scure, sta in mezzo agli individui bigi ed a quelli ros- 
signi. Secondo AVhitaker, nell'Africa N. 0. ove questo Gufo 
è comune e sedentario, la varietà bigia è la più abbondante. 



344. Syrnium uralense (Pali.) 
Allocco dell'Ubale. 

Gufo degli Urali {Aut. Ital.). 

Questa bella specie boreale capita soltanto in modo av- 
ventizio nell'estremo lembo N. E. dell' Italia ; ai tre esemplari 
già da me ricordati ; — uno preso nel bosco di Romains presso 
Latisana (Udine) nel dicembre 1879 {Còli. ital. Ucc. 2685) ; 
due nei dintorni di Trieste, uno il 1° gennaio 1887, l'altro più 
antico senza data precisata ; — va ora aggiunto un quarto 
esemplare, femmina come il primo, preso nel bosco di Cansiglio 
(Udine) nel novembre 1898; si conserva nella collezione Arri- 
goni a Monselice, Padova {Cfr. Arrigoni Man. orn. ital. p. 100.) 

Il S. uralense vive nell'Europa e nell'Asia boreali, ma 
giunge coi freddi nelle contrade centrali. 



S45. Nyctala Tengmalmi ( J. F. Gmel.) 

Civetta capo grosso. 

Sciguettón de montagna (Lomò.) — Siettòn d'montagna 
{Berg., Bresc.) — Sciguettón [Valt.) — Sieta del co gros 
{Berg.) — Qoèta o (^ueta, Zoèta, Zuèta {Ven.) — Zivéta 
dalla testa grossa (Veron.) — Civetta de bosc, Ziveton o Zi- 
véta de montagna iRoveret.) — Ziveta testona [Lavis) — 
Zhiveta da eroda {Bell.) — Zhuita de campagna {Cadore) — 

— Ziveta de mont, Ziveta calzada {Treni.) — Macotta {Nizz.) 

— Si vetta testa grossa {Gen.). 

Specie non abbondante, ma sedentaria e nidificante in 
Italia, confinata però alla catena Alpina dalla quale non si 

2-2. 



— 338 — 

allontana molto neppure durante V autunno e 1' inverno, 
quando diventa limitatamente erratica. Pare essere meno 
scarsa nelle Alpi orientali. Nella Collezione italiana ne con- 
servo sei esemplari, uno solo maschio, [jresi tra il 28 settem- 
bre ed il 5 marzo a Quinto di Verona, Bacile (Udine), Pieve 
di Cadore, Vallarsa (Rovereto), Pinerolo e Nizza. E notevole 
la data, 25 agosto 18G9, di cattura dell' esemplare raccolto 
in collina nel Padovano conservato nella collezione Arri- 
goni. A Verona tra il 1878 e 1881 il Dal Nero ne ebbe ogni 
anno tra il settembre e l'ottobre, prese nei roccoli vicini alla 
città; tra il 1881 e 1890 non ne vide affatto. 

La N. Tengmalmi vive nell'Europa centrale e boreale e 
nell'Asia boreale; una forma affinissima, seppure specifica- 
mente distinta, K. Rìcharchoni, Bp. la rappresenta nell'Ame- 
rica boreale. 

Di due coppie prese al Soldo, Brianza, ora nella colle- 
zione Turati, il maschio dell' ultimo paio colto nell'ottobre 
1905, è più scuro della forma boreo-americana, che solo per 
tale carattere si distingue dalla nostra (Martorelli). 

Come ho già detto {Avif. Itàl. 1889, p. 366), la Surnia 
ulula (Linn.ì va per ora esclusa dai nostri elenchi. 

S46. Grlaucidium passerinum ( Liun., 

Civetta minore. 

Zhuita da bosch {Cadore) — Zivèta piccola [Treni.). 

Questa bella e diminutiva specie, una delle più piccole 
dei Rapaci notturni, è ben rara da noi e non si vede al di 
là della zona Alpina. Rimane tuttora una quistione aperta 
se sia o no sedentaria e nidificante nelle alte foreste di Co- 
nifere delle nostre Alpi orientali, cosa asserita da taluni, 
come A. Bonomi pel Trentino e Tissi pel Cadore. In ap- 
poggio di tali asserzioni rammenterò che la Civetta minore 
nidifica positivamente nei dintorni di Cilli nella vicina Sti- 
ria; ma debbo ancora ricordare che i pochi individui presi 
in Italia, sempre entro la zona Alpina, lo furono nell' au- 



- 330 - 

tunno e sembravano migranti o per lo meno erratici. Nella 
Collezione italiana, oltre i due già menzionati {Avif. Ital. 
1886, p. 226) ne conservo un terzo, maschio adulto ucciso 
di giorno il 20 novembre 1897 con altri due, in un prato 
sul Monte Malgola, sopra a Predazzo in Val di Fiemme 
(Trentino); cercavano insetti! Mi venne donato in carne dal 
dott. Enrico Azzolini {Coli. ital. Ucc. 3620); degli altri due 
uno si conserva nel Museo Civico di Rovereto, l'altro fu 
mandato al Brogi di Siena. Seppi poi da una lettera del- 
l' ing. Crescenzio Abeni di Gardone in Valtrompia (Brescia), 
vero benemerito della Ornitologia italiana, che il 14 settem- 
bre 1898 venne preso vivo in un archetto a Bruti na di Val 
Casere (Inzino) alto Bresciano, un esemplare di questa spe- 
cie, che venne poi preparato pel Museo di Gardone. Ag- 
giungo che tra il 1897 ed il 1903 Arrigoni ebbe quattro 
esemplari di questa specie dal Veronese e dice che tra il 
1894 ed il 1897 A. Bonomi ne avrebbe avuto nove nel 
Trentino. {Man. orn. ital. p. 94). 

Recentemente il Madarasz su caratteri che a me sem- 
brano futili (basti dire che il più spiccato sarebbe il più 
scarso rivestimento di penne delle dita) ha proposto di se- 
parare la Civetta minore dell'Europa centrale da quella del- 
l'Europa boreale, proponendo per la prima il nome di G. 
setipes ! E semplice quistione di stagione, colla medesima 
plausibilità si potrebb)e proporre un nuovo nome pel Lago- 
pus mutus in abito estivo!! 

Naturalmente le due forme, che sono poi una, si tro- 
vano in Italia; ciò non mi sorprende di certo, ma sono sor- 
preso nel vedere la proposta del Madarasz presa sul serio. 
Sarebbe quasi inutile ripetere come l'asserita presenza della 
Civetta minore in Sicilia riposi su due esemplari del G. pu- 
milum del Brasile, erroneamente determinati e conservati 
nel Museo Zoologico della R. Università di Palermo, ove lì 
ho più volte esaminati. 

Il G. passerinum è specie propria dell' Europa centrale 
e boreale ; nella Siberia vive la forma affinissima, seppure 
distinta, G. orientale^ Tacz. 



— 340 — 



S-iT*. Athene Noctua ^Scop.ì 

Civetta. 

Sivitola, Souetta, Sciouetta, Servitola {Piem.) — Pichioda, 
Sevetta (Aosta) — Sivétta, Suétta, Ssciucc, Sngiiettra, Su- 
gretta, Ciò, Siguettra (Basso Piem.) — Sivitoula, Crivela 
(Cuneo) — Scivetta, Sivetta, Svetta (Ossola) — Scigueta, Si- 
vèta, Sivètla, Siètta (Lomb.) — Siéta (Bresc.) — Zivetta 
(Pav.) — Scigueta (Vali.) — Sueta (Voghera) — Mouri (Varzi) 

— Siveta (Cremon.) — Sivetta (Mani. Parm. Moà.) — Zi- 
vetta (Mod.) — Zivattla, Zvàttla (Sassuolo) — Zvatta (Vign. 
Pavullo) — Civetta (Pieve pelago) — Sivton (Finale) — Zi- 
veutta, Cochetta (Piac.) — Zuetta, Zvatta (Boi.) — Zvetta 
(Ferrara, Boi.., Romg.) — Zivetta (Vergato) — Zuéta (Rav.) 

— Cioetta (Marche) — (^oèta, (^uèta, Zoèta, Zuèta (Ven.) — 
Zivèta (Veron.) — Chiussa (Ba,ss.) — Quss (Friuli) — Civita 
(Bell.) — Zivèta, ^iveta (Roveret. Trento) — Civetta (Giù- 
dicarie, Val di Ledro) — Civàta (Rendena) — Civetta, Cio- 
vétta (Val di Non) — Zivèta (Borgo) — Eule, Cevitte, Tschu- 
vitte (Luserna) — Schavita (^ette Comuni) — Civitta (Livi- 
nallongo) — Cevitta, Ciuitta (Badia) — Tzibeta (Terragnolo) 

— Tcioita (Fassa) — Qoeton (Padov.) — Zoèta. Zivèta (Vi- 
cenza) — Zhuita (Cadore) — Zhivita, Zhuita, 7Aioét&. (Feltre) 

— Soeta, Siveta (Rovigo) — Zivetta (Mria) — Cuk, Kuku- 
viza, Cucunija (Dalm.) — Mouneghetta, Maciotta (Xizz.) — 
Zivittura (Altare) — Sivetta (Gen.) — Sivetoa (Spezia) — 
Civetta (Tose. Umbria, Roma, Bari) — Cuccnmeggia, Cocco- 
meggia (Lucca) — Marugella (Elba) — Carcavicchiola (Cor- 
sica) — Ciuetta (Rieti) — Cevetta, Cevèttola (Nap.) — Cuc- 
cuascia (Lecce) — Druutz (Albanesi Italici) — Cuccuvedda 
iRo.>isano, Cosenza, Catanzaro) — Piula, Picciusa, Pigula, Cuc- 



— 341 — 

cu velia, Civetta {Calabr.) — Cucca, Zivìttula (Sicil.) — Cuccù 
{Lentini) — Cuca {Modica) — Cuccumiau, Cuccumeu [Sard.) 
— Qoqqa, Kokka [Mali.). 

Abbondante e sedentaria ovunque in Italia e nelle sue 
isole, e senza dubbio la specie più comune e più nota da noi 
dei Rapaci notturni. Fa eccezione a questa regola Malta, ove 
è rara, e va ricordato che in talune delle nostre provincie 
settentrionali è erratica e parzialmente migrante nella sta- 
gione fredda. 

Questa specie è da noi soggetta a notevoli variazioni 
individuali nella mole e nel colorito ; i casi estremi, cioè i 
più piccoli e più chiari, vennero creduti essere la forma del- 
l'Africa settentrionale, A. glaux (Savign^^) che sarebbe al più 
subspecificamente distinta, come del resto la ritiene Whita- 
ker nella recente magistrale sua opera sull'Avifauna della Tu- 
nisia. Io non ho veduto individui presi in Italia assolutamente 
uguali agli esemplari tipici di questa forma, che è comune 
in Tunisia ; ma non di rado individui che pei caratteri erano 
intermediari tra quella e la Civetta ordinaria dell' Europa. 
Tra questi rammenterò specialmente un maschio adulto preso 
a Putignano (Bari) il 29 gennaio 1904 {Coli. ital. Ucc. 4019), il 
quale, per le dimensioni alquanto minori dell'ordinario e per 
le tinte chiare rossigne, difficilmente si separa dalle Civette 
tunisine ; è una quistione di mezzetinte. Aggiungo che né a 
Malta, né altrove, ho mai veduto Civette colte in quell'isola; 
ho però potuto constatare che la supposizione del mio amico 
Wright, che la Civetta maltese sia la forma africana, non era 
che una mera ipotesi per parte sua. Del resto anche nel N. 0. 
dell'Africa la Civetta varia notevolmente nelle tinte. 

Conservo nella Collezione italiana due esemplari assolu- 
tamente albini di questa specie; due femmine, prese entrambe 
nei nidi e tenute per qualche tempo in gabbia ; una da Sta- 
gno (Pisa) il 9 luglio 1901, morta il 19 novembre 1902 {Cai. 
Ucc. 3895), l'altra da Livorno (presso la Piazza d'Armi) il 
9 settembre 1903 {Cat. Ucc. 3972). Entrambe erano notevoli 
per avere le iridi di un verde blu cupo, che dava agli occhi 



— 342 — 

l'apparenza di essere neri, e che lasciava trasparire sotto certe 
incidenze di luce, soltanto il rosso del sangue che dà il caratte- 
ristico color roseo nei tipici albini. In entrambe le penne sono 
assolutamente bianche nella parte esposta, ma nella prima il 
terzo basale di esse era fortemente colorata di vinaceo, come è 
negli Otis ; inoltre le timoniere e le penne intorno al becco 
erano tinte di giallo chiaro. Neil' " Avicula, ,, Vili, p. 57. Siena 
1904, la ditta S. Brogi avverte di aver ricevuto un maschio 
di A. Noctiia completamente albino, con piedi, becco ed un- 
ghie gialli, occhi neri, ucciso nell'aprile. 

La notevole variabilità della nostra Civetta è stata forse 
causa, in parte almeno, del caso singolarissimo che ha dato 
origine alla forma seguente. 

UÀ. Noctua vive nell'Europa centrale e meridionale, e 
potrei aggiungere nell' intera regione circummediterranea. 

S48. Atliene Chiaradiee, Giglioli 
Civetta del Chiaradia. 

Conosciuta la storia di questa strana forma, vi saranno 
certo alcuni Colleghi i quali mi daranno torto di, averla se- 
parata dalla comune Civetta, dalla quale l'abbiamo per cosi 
dire veduta nascere insieme a co-nidiacei normali e come i due 
genitori non specificamente diversi dalla A. Noctua. Ma, come 
ho altrove spiegato (1), a mio parere si tratta qui di un vero 
e proprio caso di neogenesi., cioè di creazione eoc-abrupto, per 
cause certamente molteplici che sinora sfuggono alle nostre 
indagini, di una forma nuova, con caratteri di grado speci- 
fico. La neogenesi è un caso frequente tra le piante, ma non 
tra gli animali, e, se bene mi appongo, sarebbe la prima 
volta che lo si vede tra i Vertebrati. La importanza della 
formazione repentina sotto i nostri occhi di una specie nuova, 
in condizioni naturali affatto, è tale e getta una così nuova 



(1) GlQMOLi, H. H. Tfw strange rase of Athenc Chiaradire, in 
" /&?.«. ,. 1903, (ser. Vili. voi. III\ p. 1 Loialon, 1908. (Con una tavola 
e 2 figure nel testo). 



— 343 — 

luce sulla origine delle specie, che supera di gran lunga quella 
della scoperta più o meno autentica di una specie o di sotto 
specie sconosciute ! E per questo che, essendo perfettamente 
conscio che l'atto di neogene.d che ha prodotto nelle prealpi 
del Friuli otto, forse nove, esemplari della Athene Chiaradice, 
può per cause varie non avere un seguito, e che questa bella 
e valida specie può aver fatto soltanto una effimera comparsa, 
mi basta che comparsa ci fu e che si possono vedere nella 
Collezione italiana a Firenze, nella raccolta Arrigoni a Mon- 
selice ed in quella Vallon a Udine, quattro individui di que- 
sta specie perfettamente uguali nei caratteri essenziali e rap- 
presentanti i due sessi. Ecco perchè ho creduto doveroso per 
la causa di quella Scienza alla quale ho dedicato la mia vita, 
il mantenere separata la Athene Chiaradke. Non ho bisogno 
di aggiungere che se il caso si rinnova e se, vincendo la forza 
ereditaria che spinge verso il ritorno al tipo parentale, qual- 
che coppia di questa nuova e bellissima Civetta riesce a pro- 
creare dei simili, avremo V Athene Chiaradice indiscutibilmente 
stabilita e certamente la specie più interessante della nostra 
Avifauna. 

Questa Civetta differisce da tutte le specie congeneri, e 
àalVA.Noctua in particolare, pei caratteri seguenti: Dimensioni 
alquanto minori ; iride di un bel bruno; becco alquanto più 
grande e più robusto, di color giallo verdiccio uniforme ; piedi 
più forniti di penne, dita relativamente più lunghe. Il tono del 
colore ed il disegno della macchiettatura sono speciali affatto: 
le parti chiare sono di un bianco puro senza la più piccola 
traccia di tinta ocracea ; le parti scure sono brune (come 
nella N. Tengmalmi) senza la minima lavatura di rossigno; 
infine le macchie chiare sulle remiganti e timoniere^ che sono 
disposte in serie trasversali in tutte le Civette e forme affini, 
sono surrogate da orlature longitudinali bianche marginali 
sui due vessilli. Le macchie chiare sulle parti dorsali, eccetto 
sulla testa^ sono più grandi e più numerose, e di un bianco 
puro ; sulle parti ventrali spiccano sul bianco niveo del fondo 
macchie longitudinali di un bruno scuro nettamente definite; 
anche il disco facciale è di un bianco quasi puro, scuro ai 



— 34-i — 

margini soltanto e nelle filopiume dei contorni con rachidi 
nere. Le penne dell'addome, del sottocoda e quelle che rive- 
stono i tarsi e le dita sono bianche. Aggiungo le dimensioni 
di due maschi delle due forme: il tipo della A. Chiaradice, 
ed un A. Noctua da Pieve di Cadore, 12 gennaio 1888 {Colh 
itaì. Ucc. 3066). 

A. ChiaradicB A. Xoctua 

Lungh. totale m. 0.200 m. 0.220 

Ala » 0,145' >. 0.165 

Coda » 0,065 » 0,075 

Tarso .0,025 » 0.035 

Becco, altezza mandibola superiore. » 0, 0085 » 0, 0075 

Ed ora un po' di storia: ebbi in dono il tipo di questa singo- 
lare Civetta dal compianto amico mio comm. Emidio Chiara- 
dia; egli me la portò vivente il 13 novembre 1899, era stata 
presa quasi già atta al volo nel nido in un muro a secco 
con altri tre, che poi fuggirono, a Pizzocco sopra Caneva di 
Sacile (Udine), sul finire del luglio di quell'anno ; la ragazza 
che le prese ed i membri della sua famiglia dichiararono ri- 
petutamente che erano simili e tutte con occhi neri. Quando 
ebbi queir interessante esemplare trovai che era un maschio 
quasi a completo sviluppo, ma colle penne un po' fruste per 
la vita in schiavitù. Io lo descrissi in una " Nota ,, pochi 
mesi dopo (1), chiamando l'attenzione degli Ornitologi e spe- 
cialmente quelli residenti nel Friuli sul caso singolarissimo. 
Rispose prontamente all' appello il solerte ed appassionato 
cultore di Ornitologia, mio carissimo amico signor Graziano 
Vallon di Udine ; il quale senza badare né a spese né a fa- 
tiche e disagi si recò ben tre volte e soggiornò sull'Alpe di 
Pizzocco nella stagione opportuna, cioè nel luglio 1900, 19U1 
e 1902. La prima gita riesci semplicemente informativa ; 



(1) GiGLiOLi. E. H. Intorno ad una presunta nuova specie di 
Athene., trovata in Italia, in '• Arirula .. IV. fase. 29-30. p. 57. Siena. 
UK30. Ristampata in " Oniis. .. XI, p. 237. Paris, 1901. 



— 345 — 

ma la seconda fruttò un altro esemplare dell' A. Chiaradioe^ 
e, ciò che ci sorprese tutti, la scoperta che esso era nel nido 
(un buco in una rupe) di una coppia di Civette comuni con 
tre altri nidiace! ad occhi gialli e nel resto normali A. Noe- 
tua ! Il Vallon poi seppe di una Civetta ad occhi neri tro- 
vata in un nido nel campanile di Fregona (Belluno) insieme 
con due nidiacei normali ; fu mangiata da un gatto. Nella 
terza sua gita a Pizzocco, 11 luglio 1902, il Yallon trovava 
nel medesimo muro a secco ove venne presa nel luglio 1899 la 
prima nidiata di Civette ad occhi neri, alla quale apparteneva 
r esemplare tipo ora nella Collezione italiana, un nido di 
Athene Noctua con entro cinque nidiacei già impennati, due 
con occhi neri e tutti i caratteri dell' A. Chiaradice, tre in- 
dubbi A. Noctua. Veniva così confermata in modo sicuro la 
scoperta fatta l'anno precedente, che cioè 1'^. Chiaradìw na- 
sceva nel nido dell'^, Noctua ed aveva per co-nidiacei indi- 
vidui di questa specie. Fu quando seppi questo che sorse in 
me r idea che si trattasse di un caso altamente interessante 
di neogenesi. Il signor Vallon fece di più in quella sua terza 
gita a Pizzocco : per mezzo di lacci s' impadronì dei due ge- 
nitori di quella nidiata che conteneva due A. Chiaradifr e 
tre A. Noctua giovani e più tardi me li mando e quindi 
anche due dei giovani, cioè una femmina A. Chiaradice asso- 
lutamente uguale al tipo {Coli. ital. Ucc. 3750) ed una sua 
sorella^ normale A. Noctua {Coli. ital. Ucc. 3894). L'aver po- 
tuto studiare e confrontare i diversi membri di quella inte- 
ressante famigliuola era assai importante, ma non vorrei che 
l'amico mio avesse così eliminato la sorgente della singolare 
forma nuova di Civetta, giacché è molto probabile che quella 
fosse la coppia stessa che aveva prodotto la prima nidiata 
nel luglio 1899 e dalla quale ebbi il tipo dell'^, Chiaradio' ; 
e forse la seconda (luglio 1901) come positivamente la terza ; 
essendo quei tre nidi vicinissimi. Eppoi dal giorno in cui i 
due adulti furono catturati non si sono più avute notizie di 
nuove Civette ad occhi neri. — Quei due adulti {Coli. ital. 
Ucc. 3890, 3891) sono anch'essi strani : Il maschio è il più 
grande, assai chiaro nel colorito, quasi isabellino ; lo confron- 



— 346 — 

tai con ana Civetta dalla Tunisia (tipica A. gìaux), ma ne è 
assai diverso, molto più chiaro ; presenta poi la singolarità 
di avere le timoniere notevolmente larghe. La femmina 
(mamma delle A. Chiarodùr), è invece piccola e scura assai 
nei colorito generale ; in entrambi le macchie sulla testa sono 
più minute e più numerose del solito, ed il disco facciale è 
bigio e bigio-bruno senza bianco. Erano già certamente una 
coppia alquanto aberrante dal tipo usuale della nostra Ci- 
vetta, ma non separabili certo d«i,ll'^. Xoctua con occhi gialli. 
Le singolarità parentali potrebbero essere una delle cause che 
dettero origine alla « forma nuova ». — In quella terza sua 
gita a Pizzocco il Vallon raccolse poi notizia di un' altro 
esemplare di Civetta ad occhi neri, che sarebbe stata preso 
tra quella località e Caneva di Sacile nel 1899, e tenuto 
vivo da un pastore locale per farne zimbello nella caccia di 
uccelletti colle panie ; era forse uno dei fuggiti della prima 
nidiata. Dal luglio 1902 non abbiamo, come ho detto sopra, 
più notizie intorno all' A. Chiarodni% è sarebbe davvero la- 
mentevole che una Civetta cosi elegante e distinta fosse scom- 
parsa del tutto, ma non dispero ancora. E in ogni modo ben 
strano che — trattandosi di uno degli uccelli più comuni e 
meglio noti in Italia (in quasi tutte le nostre città vedonsi 
coppie nidificanti della A. Noctua), — non si sia avverato 
altrove il caso singolare di neogenesi avvenuto a Pizzocco. 

Tanto il Vallon come il ]\rartorelli hanno scritto intorno 
all' A. Chiaradifr, (1), il primo raccontando genialmente le 
vicende delle sue gite per trovarla, il secondo dandoci una 
minuziosa descrizione del secondo esemplare avuto con dotte 
considerazioni e deduzioni sul caso, alle quali però, come ho 
detto già, non posso unirmi ; la sua spiegazione che si tratti 



(Ij Vallon, G. Nota intorno alla nuova specie di Civetta scoperta 
nel Friuli, in « Atti Accad. di Udine », ser. 3, Vili, Udine, l'JOl. — 
Id. « Ueber A. Chiaradice, Giglioli, in Friaid, » in « Orn. Jahrb. XII, 
p. 217 ». Hallein, 1901. — Id. " Fauna Orn. Friulana », in « Boll. 
Soc. adriat. Se. Nat. •> XXI, p. 100. Trieste, 1902. Martorelli, G. 
Ulterìori osservazioni sidVA. Chiaradi(v. (Jkìlioli. in « Atti 8oo. ital. 
Se. Nat. » XL, p. 3.5, tav. 11. Milano. 190'J. 



— 347 — 

di mera variazione accidentale ed anormale nella colorazione 
di individui dell'ai. Xoctua non è in alcun modo accettabile 
per me; meno ancora so accettare la ipotesi di un ibridismo 
messa fuori da qualcuno, giacché come ho altrove spiegato, 
pecca per mancanza di base. Arrigoni (Man. orn. ital. pp. 87- 
90. Milano., 1904) condivide la opinione del Martorelli, già 
da me combattuta, quella cioè che si tratti di « una semplice 
anomalia di colorito », però aggiunge « con caratteri spic- 
catamente regolari e quasi costanti ». Domando a chiunque 
quando mai una anomalia è regolare e costante ì Del resto 
Arrigoni, come il Martorelli, erra quando dice che i quattro 
esemplari conservati dell'^. Chiaradife non sono uguali, men- 
tre lo sono in modo sorprendente ; direi anzi assai più che 
non quattro Civette comuni prese a caso. A proposito della 
speciale colorazione bruna dell' iride nell' A. Ckiaradicc e 
dell'occhio a prima vista ugualmente scuro dei due albini di 
A. Xoctua rammentati sopra, il prof. Enrico Balducci ha 
fatto uno studio istologico comparativo dell' iride dei tre casi, 
ed ha trovato che, pur mancando in tutti lo strato pigmen- 
tare che dà il giallo, la disposizione dei granuli pigmentari 
nello strato inferiore è assolutamente diverso nell' iride del- 
l' A. Chiaradice ed in quelle dei due individui albini di A. 
Noctua (1). 

Per conchiudere dirò che il professore Enrico Balducci 
ha fatto pure uno studio comparativo minuzioso dello sterno 
delle due forme nostrali di Athene, ed ha trovato che quello 
dell' A. Chiaradice, della quale potè studiare due esemplari, 
mantiene in ambo i casi una serie di notevoli differenze cogli 
sterni dell'^. Xoctua (2) ; il che sarebbe sempre a conferma 
della mia ipotesi. Recentissimamente poi questa ipotesi, che 
si tratti cioè della formazione di una nuova specie per lieo- 
genesi, o come la chiama Hugo de Vries pel processo di « mu- 



l) Balducci E. Osservazioni e considerazioni sulla pigmentazione 
delViride neWA. Chiaradice, in « Monitore Zoologico italiano > XVI, 
p. 258. Firenze, 1905. 

(2) Balducci E. Osservazioni sullo sterno deW Athene Chiaradice., 
GiGL, in e Arch. Zoologico > I. p. 375. Napoli. \d('ò. 



— 348 — 

fazione, » ha avuto una splendida conferma dalle ricerche di 
William E. D. Scott, il quale nell'America boreale ha trovato 
casi consimili in non meno di nove specie di uccelli apparte- 
nenti a quella Avifauna ! (1) 



249. Scops G-iu (SLup. 

Assiolo. 

Assiolo, Alloccherello, Chiù, Chiuino, Civettino (Aut. Ital.) 

— Cioucch, Ciouccot, Douseuil (Piem.) — Suettin, Sivettin, 
Ciò, Ciouin {Basso Pieni.) — Chiò, Cioùcch, Ciòuc, Sciou- 
scieul (Ossola) — Sciscieu, Scisciò, Noce, Siveti, Sietì, SissO- 
ziotin, Chiu^ Soucli (Lomb.) — Scisseù, Sivetin, Sivetoin i^Pac.) 

— Lochet, Siseol (Berg.) — Sciscieu {Mil., Vali.) — Soucli 
(Bresc.) — Siveu, Siven {Cremori.) — Ciod {Varzi) — Ciò, 
Ciòs {Piac.) — Ciò {Parm., Mani.) — Ciù {Mod.^ Boi., Rav.) 

— Ciuu ( Vergato) — Chiù, Cliiodo {Marche) — Ciodo, Ciusso, 
Ciusseto, Alocheto {Veron.) — Ciò, Ciù, Ciusso, Ciuss(Tew.) 

— Ciusso, Chiusso {Bass. Vicen.) — Zuss {Bell.) — Giù, Qiucch, 
Catùss, (^uss {Friuli) — Zuf {Istina) — Jejic (iJalm.) — 
Cioè, Ciocco, Ciochet, Zizol (Roveret.) — Sissòl, Cicciòl, Ciot 
{Treni.) — Ciuciol {Anaunia) — Ciciòl {Val di Sole) — Ciót 
{Giudicarle) — Ciò {Pergine) — Ciù {Polesine) — Zhus {Feltre^ 
Cadore) — Macotta, Maciotta {Nizz.) — Allocchetto, Ciò {Gen.) 

— Ciodo {Spezia) — Assiolo, Chiù {Fior., Sen., Elba, Roma) 

— Usciolo {Fior.) — Chiurlo, Chirluchiò, Assiolo (Pis.) — 
Chiucco {Lucca) — Chiurlo-in-chiò {Valle di Sopa, Lucca) — 
Chiù {Valdich.) — Tassolo {Vecch.) — Nottolo {Elba) — Chiò 
(Garfag.) — Chiù {Casent.) — Chiurlo {Sarteano) — Chioo 
{Umbria) — Chiou {Rieti) — Ascio {Veroli) — Gufetto {Vi- 
terbo) — Ascetiello {Nap.) — Cuerniciedd, Lagno {Bari) — 



(1) Scott, W. E. D. On the prohable orif/in of certnin liinis in 
« SrÀence » (iiew seriesì XXII, p. 270. Neu: York. 1, IX, 1905. 



— 349 — 

Curnuteddra {Terra d'Otranto) — Sentii, Scutiddu {Rossano, 
Cosenza) — Chiò {Catanzaro) — Zivittula, Scropiu, Cuccareddu 
[Reggio Caìahr.) — Jacobu, Chiù, Cuccarellu, Chio {Sicil.) — 
Cucca di rocca [Mess.) —r- Chicli (Nicoski) — Jacóbi, Chiù, 
Chiovu, Chiodu, Chinzzu {Cai., Caltag.) — Scópiu, Scissiólu, 
Scipiólu [Mazzara) — Cucca di ruccàro {Sirac.) — Chiù, 
Gioppu, Chiuzzu {Lentini) — Facuopu {Modica) — Chiuppu 
{Terran. Sic.) — Chiò Jacobu {Castelb.) — Zonca, Tonca 
{Sard.) — Qoqqa, Kokka {Malt.). 

L'Assiolo è specie abbondante e specialmente estiva da 
noi, ed anche di doppio passo ; giunge in marzo-aprile, parte 
o ripassa in settembre-ottobre. Pochi individui rimangono a 
svernare nelle nostre provincie centrali e meridionali, in Si- 
cilia e nella Sardegna ; ho veduto un' individuo ucciso a 
Scandicci (^Firenze) l'S febbraio 1879 ; onde a rigore potrebbe 
dirsi sedentaria in Italia. 

Varia notevolmente nel tono generale del piumaggio, 
onde è facile averne dei chiari e degli scuri ; e ciò indipenden- 
temente dal sesso e dall'età. A Firenze è assai comune du- 
rante la buona stagione e la sera si ode in ogni dove il suo 
grido « chiù.... chiù », cosi malinconico, tra i nostri Cipressi; 
nidifica in città nei giardini Boboli e Torrigiani. 

Lo S. Giù è sparsa nell' Europa meridionale e centrale 
(ove scarseggia), nell'Africa settentrionale ove sverna, e nel- 
1' Asia occidentale e centrale, giungendo nelle provincie N. 
0. dell' India. Va però notato che nella Tunisia e nel rima- 
nente N. 0. dell' Africa 1' Assiolo è prevalentemente estivo 
come da noi. Appartiene ad un genere ricco e largamente 
diffuso. Non havvi alcuna ragione per adottare il genere Pi- 
sorhina di Kaup per questi Gufetti. 



350 — 



S50. Asio Otus iLiuu.^ (ex Gesù.) 
Gufo. 

Gufo comune, Barbagianni, Gufo minore. Allocco, Duca 
cornuto, Alloccherello {Aut. ItaJ.) — Duso, Cioucch d'moun- 
tagna, Duso pcit {Piem.) — Se vetta, Chouette (Aosta) — Mes 
duch (Cuneo) — Mes diich, Urócc, Lurocc, Auceo, Lurucc 
(Basso Piem.) — Dug piscin^ Dughin, Sevetton (Ossola) — 
Sceveton, Cui da ja jeui, Olouch di bosch (Nov.) — Louroucch, 
Loucch, Locch, Ouloucch, Alloch, Piccol dugo, Dughin (Lomb.) 

— Cavra besula ( Vali.) — Guf, Ourloùcch co i corn (Pav.) — 
Souitón (Bass. Lomh.) — Ouroùcco {aita Trebbia) — Loucch 
(Cremori.) — Lóch, Aloch (Mantov.) — Lok (Berg.) — Alàch 
(Sassuolo) — Guvo (Pievepelago) — Ciuv (Montese) — Giù gross 
(PavuUo) — Barbagian, Guf (Mod.) — Gran docc (Boi.) — 
Aloe, Gài [Ravenna) — Gufo mezan, Barbazane picelo (l'ew.) 

— Aloco de bosco, Ciusso (Veron.) — Catus, Catùss {Friuli) — 
Gufo (Bell.) — Aloe dai corni, Alocc de bosch (Roveret.) — 
Béghel (Val di Non e di Sole, Giudicarie) — Dus (Val di Ledro) 

— Ciò (Valsiig.) — Quit {Terragnolo) — Bòghele (Borgo) — 
Aloco [Polesine] — Gufo, Aloco coi corni (Vicenza) — Ciò (Ca- 
dore) — Burububù [Feltre) — Jej (Daini.) — Necioula. Pi- 
cioun Dugo, Necoula, Dugo (Nizz.) — Testa gatto (Arenzano) 

— Testa de gatto (Gen.) — Giifo [Spezia) — Gufo, Gufo co- 
mune ( Tose.) — Bufo [Pisa) — Allocco {Casentino, Lucca) — 
Gufo, AloccOj Barbagianni [Marche) — Gufo [Umbria) — 
Alluccu [Rieti) — Gufo piccolo. Allocco colle corna {Roma) 

— Ascio, Ascia, Asciu oornutu {Xaj).) — Gufo, Ngannapa- 
store (Campoba.'iso) — Cornicedda (Bari) — Cornuteddra 'mpe- 
riale (Lecce) — Zagarògna (Rossano, Cosenza) — Cuccù, Scru- 
pìo (Reggio, Cahbr. Catanzaro) — Cuccazzu, Fuanu, Fuganu 



— 351 — 

{SicU.) — Cuccazzu (Mess.) — Curnuteddu {Terranova, Sic.) — 
Faguanu, Fuguanu (Castelb.) -— Gufu {Cat. Castrag. Sir.) — 
Stria, Sfcrea (iSard.) — Omm issubien {Malt.). 

Questa specie è abbastanza sparsa nel nostro paese e 
sedentaria, laa non può dirsi comune; è certamente migrante 
ed alle epoche del passo, ma non regolarmente, può fare com- 
parse numerose; nell'Italia centrale è più facile averla nel- 
l'inverno. Nidifica ai monti nella Sicilia, ma è rara da quanto 
mi risulta in Sardegna, né è frequente nella Corsica, di dove 
non so che di un solo esemplare preso nel dicembre. E as- 
sai meno variabile della specie seguente, ma differisce al- 
quanto individualmente nella intensità delle tinte, eppure so 
di strenui tentativi per scoprire delle sottospecie. 

L'^. Otus si trova in tutta la Regione Eurasica e giunge 
nel N. 0. dell'India; nella Tunisia è sedentario e nidificante. 
Nell'America boreale è rappresentato dall' appena separabile 
A. Wilsonianus (Less.). 



S51. Asio accipitrinus (Pali.) 

Gufo di fabule. 

Strige Stridula, Allocco di padule [Aut. Ital.) — Sivetta, 
Sivettouloun {Pieni.) — Crivela, Giavanel {Cuneo) — Gana- 
vel di fau, Urócc, Lurócc, Barba Giuan, Testa gatto, Aucco, 
Urucc {Basso Piem.) — Sevetton {Ossola) — Louroucch, 
Loucch, Orloucch {Lonib.) — Arloucch, Ourloucch {Pav.) — 
Loucch, Siveton {Cremori.) — Alóch de paltida {Mani.) — 
Guf o Alòcch da vali (Mod.) — Alàoh {Sassuolo) — Alocc 
{Boi.) — Gufo, Alocco, Barbagianni {Marche) — Alocato, 
Aloco de palù {Ven.) — Catus pizzul {Friuli) — Aloco, Gufo 
{Polesine) — Alooh de vai, Aloe de palu {Treni.) — xlloc 
(Roveret.) — (^oeton de vale, Alocón {Padova) — Jej {Dalm.) 
— Necioula, Picioun Dugo, Necoula, Dugo {Nizz.) — Testa 
gatto {Arenzano) — Ouco testa grossa {Geìi.) — Gufo {Spe- 



— 352 — 

zia) — Allocco di padule, Gufo di padule {Tose.) — Locco 
di padule {Grosseto) — Allocco (Liicca, Casent.) — Gufo 
{Umbria) — Civettone, Patalocco {Roma) — Coccoveggia, 
Ciuociuvettola (Xap.) — Cuccuai (Capri) — Cornicedda (Bari) 
— Cuccuvascia, Cuecuàscia, Cuccuvaja, Cuccaiu (Terra d'O- 
tranto) — Ricchieddru {Gallipoli) — Cuccù, Zagarògna, Guliu. 
(Calabr.) — Orba, Orva {Sicil.) — Cuccuni di passa (Mess.) — 
Fuànu di maisa {Cat.) — Cuccù di passa (Modica) — Triorva 
(Terrari. Sic.) — Leu {Fiumedinisi) — Varvajanni (Castelb. 
Castrog.) — Cucca di passa (Girg.) — Stria, Strea, Stria groga, 
Cuccumeu {Sard.) — Omm issubien {Mali.). 

Comune quasi ovunque e sedentario in Italia e nelle sue 
isole; sembra scarseggiare nel Piemonte. E anche di passag- 
gio regolare da noi nel marzo e dal settembre al novembre, ed 
allora in alcune provincie, Liguria, Toscana e Puglie, compa- 
risce talvolta in buon numero. Varia individualmente e senza 
distinzione di età, sesso e località in modo notevolissimo nella 
intensità delle tinte di fondo; ho veduto individui a fondo 
quasi biant^o sulle parti inferiori, altri quivi di un'ocraceo 
ramiato Siiuro. 

UÀ. accipitrinus può dirsi specie quasi cosmopolita, tro- 
vandosi ovunque eccetto nell'Australia. 



25S. BubO maximus, CTerini ex Charleton 
Gufo reale. 

Gufo grosso. Barbagianni selvatico. Gufo reale, Gran Gufo, 
Dugo {Aut. Ital.) — Locch, Ourloucch, Granduc, Barbagiàn, 
Duso, Diavòn d'montagna, Diavòn d'bosch {Piem.) — Lo gioc, 
Hibou (Aosta) — Granduch, Dugou {Cuneo) — Dugo, Toni 
(Susa) — Dug, Dugo, Oocco grosso {Basso Piem.) — Biiblou 
{Casteggio) — Dugo, Dùg, Gran Dùg, Dùs (Ossola) — Bùvv 
(Noe. Vigezzo) — Dugh, Dugo, Diàvol de montagna. Gran- 



— 353 — 

dugo, Guf, Locch, Ourloucch gross, Lorouch (Lomb.) — 
Diig, Diich, Diic (Valt.) — Das, Lochon [Berg.) — Gran-dùgo 
{Pavia) — Dugh (Varzi) — Dùgo {alta Trebbia) — Granduca 
{Mani.) — Dugh (Fiac.) — Gran dug {Parm.) — Barbagian, 
Gran due, Alòcch gross {Mocl.) — Fèlch rèel {Sassuolo) — 
Diavol d' muntagna (Boi.) — Grandugo {Rav.) — Ciu reel 
{Cesena, Forlì) — Gufo major, Dugo, Barbazàne grande, 
Grandugo, Gufo de montagna {Ven.} — Gran bubo, Bubo, 
Granduca {Veron.) — Barbazuan grand, Dug {Friuli) — Zi- 
veton {Istria) — Bukoc {Dalm.) — Dùmel, Gufo reale, Dugo, 
Grandugo, Aloch o Diaol de montagna. Beghe! {Roveret.) — 
Grandugo {Trent.) — Dago ( F«/ di Non ^ di Sole, Giudicarie) 

— Begàl {Rendena) — Pahu {Terragnolo) — Pufù {Folgaria) — 
Dui {Fassa) — Dule {Livinallongo) — Guda {Sette Comuni) — 
Ciò grande {Tesino) — Gufo grande, Aloco grande {Vicenza) 

— Gufo, Dugo {Cadore^ Feltre) — Gran dugo, Dugo {Rovigo) 

— Barbagian, Dugo, Gros due, Dugou {Nizz.) — Diigo, Grava 
{Gen.) — Gufo reale, Gufò grosso {Tose.) — Grandugo reale 
(Sen.) — Gufo reale ( Umbria) — Bufifu {Rieti) — Gufo, Gufo 
grande {Roma) — Gran duca, Gufo {Nap.) — Grand duca 
{Bari) — Bufa {Rossano, Cosenza) — Vuru, Nduccu, Dduccu 
{Calabr.) — Faunazzu di rocca, Facci d'omu {Sicil.) — Cuc- 
cuni {Mess.) — Cucuni {Mess. Cat.) — Faganazzu {Cat. Sirac. 
Caltag.) — Fujanazzu, Aciddazzu o Auceduzzu di notti {Mo- 
dica) — Faguanazzo {Castelb.) — Acciddazzu di notti {Ca- 
strog.) — Orva reali {Marsala) — Lucàru {Pai.) — Omm issu- 
bien {Mali.). 

Sedentario in Italia, ma non ovunque frequente; scar- 
seggia nelle nostre provincie meridionali e nella Sicilia, sem- 
bra mancare affatto in Corsica e nella Sardegna. Se non re- 
regolarmente migrante è certamente di passo in alcune pro- 
vincie, in altre scende dai monti, ove nidifica nei boschi, al 
piano, nella stagione fredda ; entra allora anche nelle città, 
e durante un' inverno ; alcuni anni addietro, uno di questi 

23. 



— 354 — 

grossi uccelli si stabilì per alcuni giorni sul Cupolone del 
BrunellesGo a grande meraviglia dei buoni Fiorentini. 

Il li. maximus è proprio all'Europa, al di là degli Urali 
lo rimpiazza l'affine />. sibiricus, Licht; mentre nell'Africa 
settentrionale è rappresentato dal minore Ji. ascalaphus 
(Savig.), che va escluso dalla nostra Avifauna giacche venne 
citato dall' Italia meridionale per errore. 



355 — 



ACCIPITRES 



{Falchi) 



253. Circus aeruginosus (Limi.) (ex Aldrov.) 
Falco di padule. 

Falco castagnolo, Albanella con il collare, Falco cap- 
puccino, Falco di padule. Falco rossiccio {Aut. Ital.) — Far- 
coun dia testa bianca {Cuneo) — Fare capussin, Làr {Tor- 
tona, Novi) — Làr, Fare, Farco {Basso Piem.) — Falc d'acqua, 
Falchet d'acqua, Falchetton {Lomb.) — ? Falchèt róss {Bresc.) 

— Falch [Parm.) — Fàlch da vali, Félch négher {Mod.) — 
Fèlch nigher {Reggio) — Pojana, Pojana dal lac {Mantov.) — 
Falch capuzzen, Falchètt capuzein {Boi.) — Poiana, Pujan 
{Romg.) — Pojana de vale o de palùo, Pògia, Pogiàna, Pòja, 
Pogiaràco {Ven.) — Falchéto de vale, Spalpio {Veron.) — 
Pojana, Voia {Vicenza) — Paludèr, Falchet paludèr {Bell.) — 
Pojàne col ciaf blanc, Ucielatt, Faìcuzz (P'riuli) — Pojana de 
valle, Falchet d'acqua {Trentino) — Falcheton {Rovereto) — 
Poja de vale {Padova, Rovigo) — Lunja, Zabar (Dalm.) — ■ 
Gronouglie, Granouié, Tartaou (Mzz.) — Farco de padù, 
Farco da testa gianca (Gen.) — Farco {Spezia) — Pogliana 
(Lucca) — Falco marino (Garf.) — Fojana {Quiesa) — Cap- 
puccino, Astore {Bient.) — Falco di padule, Pojana {Fior. Pis.) 

— Falco testa cafifè {Ancona) — Falco dalla testa bianca 



— 356 — 

(Roma) — Falco, Astore (Campobasso) — Nibbio dorato, Far- 
aone dorato, Miedeco, Falcone (Xap.) — Farnarone (Bari) — 
Biisciarda (Terra d'Otranto) — Farcune (Rossano^ Cosenza) — 
Monaci!, Passanti (Catanzaro) — Acedduzzu cu a testa ianca 
(Caìabr.) — Cirbìu [Reggio (hlabr.) — Lagórnia, Arpegghia 
(Sicil.) — Appi'gghia, Arpt'gghia, Farcunazzu (Mess.) — Cu- 
lorcia (Lentini) — Arpia (Sirac.) — Arpiuni, Farcùni (Girg.) 

— Jaddinaru, Nigghiu, Tignùsu, Médicu, Médicu di pantann, 
Pisciaru, Culóccia, Ainazzu (Cai.) — Stori de sa puliga (>Sard.) 

— Capone de canna, Stori de pisci (Cagl.) — Astore marinu 
(>Sass.) — Bu-ghadam, Buadaam, Buadaam ahmar iMalt.). 

Comune e sedentario in quasi tutta Italia e nelle sue 
isole; in qualche provincia scarseggia, come in Piemonte e 
nell' Emilia ; in altre si vede più facilmente alle epoche del 
passo — marzo, maggio ed ottobre — come nella Liguria. 

Pochi uccelli variano individualmente più del C. oìru- 
ginosus, non è facile trovarne due perfettamente uguali ; con- 
servo nella Collezione italiana un maschio (('at. ree. 2157), 
ucciso nel febbraio 1883 a Mesa (Roma), il quale, per aver 
fasce trasversali alla coda somiglia alquanto al C. spilonotus^ 
Kaup, proprio all'Asia orientale. 

È specie generalmente distribuita nella zona temperata 
della Regione Eurasica, sverna nell'Africa, nella Cina e nel- 
l' India. 



S5-4. Circus cyaneus < I>inn.) 
Albanei-la. 

Albanella reale, Albanella, Falco pigargo (Aut. Ital.) — 
Rate, Falchett d'i rat (IHem.) — Falch d' San Martin (Cuneo) 

— Fare senrin (Tortona, Novi) — Falchetton zenerin (Lonib.) 

— Falchaett bianch (Pav.) — Falchet muliner ( Bergamo) — 
Falchetto molinér (Bresc.) — Falchc'tt turchin (Mantov.) — 
Falch da vali. Fèlch zenerèn (Mod.) — Curnacia (Finale) — 



— 367 — 

Falch d' vai, Falchett d' palud {Boi.) — Pujanett {Ravenna) 
— Falchéto bianco ( Ven.) — Falclieto zenerin o zelaste, Fal- 
chete bianco {Veron.) — Falchétto bianco, Falchét zenerin 
{Trentino) — Falchet, Auzhel dalle pi te {Cadore) — Pója 
bianca, Pója bianca de vale {Padova, Rovigo) — Lunja bila 
{Dalm.) — Tartaou, Granouié blanc {Nizz.) — Sivettua gianca 
{Arenzano) — Farco senein {Gen.) — Farco gianco, Farco de 
padù {Spezia) — Albanella, Albanella reale {Tose.) — Falco 
di padule bianco ( Valdich.) — Falco bianco {Ancona) — Falco 
molinaro {Roma) — Falcone ianco, Farcone janco, Miedeco 
{Najp.) — Farnarone {Bari) — Busciarda, Stola {Terra d^O- 
tranto) — Rapimi iancu. Passanti {Catanzaro) — Jurmanaro, 
Aceddazzn iancu {Calahr.) — Albaneddii o Arbaneddu jancu, 
Cristaredda fimminàra {Sicil.) — Albaneddu di passa, Appeg- 
ghia od Arpegghia janca {Mess.) — Farcunieddu jancu {Mo- 
dica) — Farcuni jancu e grisciu {Girg. Castelb.) — Farcuni 
biancu {Castelb.) — Arbanedda janca, Albaneddu o Albadeddu 
carisi (femm. e giov.), Albanedda di passa (Pai.) — Stori 
biancu. Stori de pisci {Sard.) — Bu-ghadam, Buadaam abiad 
prim {Malt.). 

Sedentaria, ma molto meno abbondante della specie pre- 
cedente e più frequente nelle parti centrali e meridionali 
d' Italia che non in quelle settentrionali ; nidifica anche in 
Sicilia, nella Sardegna e probabilmente in Corsica. Da noi 
si mostra anche migrante di doppio passaggio, cioè in aprile 
maggio ed in ottobre; in quelle epoche è più facile averne, 
specialmente adulti, ma si hanno pure durante l' inverno nel 
l'Italia centrale e meridionale. 

Il C. cyaneus abita tutta la Regione Eurasica, spingen- 
dosi al sud nell'Africa e nell' India, probabilmente durante 
la stagione fredda. 



— 368 — 

255. Circus Swainsoni, Smith 
Albanella chiara. 

Albanella mezzana, Albanella pallida, Albanella bianca, 
Albanella dalmatina, Albanella siciliana (Aut. Jfal.i — Falch 
{Mod.) — Cnruacia [Finale] — Falchete bianco (Veron.) — 
Poja bianca {Padova, Rovigo) — Bililunj {Dalm.) — Tar- 
taou {Nizz.) — Sivettna gianca [Arenzano) — Farco gianco 
{Gen.) — Albanella mezzana, Albanella bianca (To.sc.) — 
Falco bianco (Fucecchio) — Falco di padule bianco [Valdich.) 
— Falco bianco {Ancona) — Falco molinaro (Roma) — Far- 
narone {Bari) — Farcunéddu {Rossano, Cosenza) — Aced- 
dazzu iancu, Rapinu iancu, Passanti {Catanzaro) — lurma- 
naro {Reggio (kilahr.) — Albanedda o Arbanedda, Albaneddu 
raru {SiciL) — Arpégghia, Appéggliia (Mess.) — Anigghiu 
jancu {Caf.) — Farcunieddu jancu raru {Modica) — Stori 
de pisci, Storittu biancn {Sard.) — Bu-ghadam abiad, Bua- 
daam {Malt.). 

L' Albanella chiara è sparsa in tutta Italia ed abbastanza 
frequente alle epoche del passo in alcune provincie, centrali 
e meridionali. Il 4 aprile 1885 ad Arenzano e Cogoleto (Ge- 
nova) vi fu un passo straordinario di questa specie in ogni 
abito; in Toscana l'ho avuta specialmente durante il pas- 
saggio primaverile, marzo-aprile. 

Nel Piemonte e nella Lombardia le sue comparse sono 
rare ed accidentali. E però anche specie sedentaria da noi, 
e l'ho veduta in ogni stagione; ma non abbiamo sinora 
notizie positive intorno alla sua presunta e probabile nidifi- 
cazione in Italia. L' ho veduta in Corsica, 1' ho avuta dalla 
Sardegna ed in Sicilia capita non di rado. 

Il C. Swainsoni vive nell'Europa meridionale, nell'Africa 
e nell'Asia centrale e meridionale. La diagnosi del Gmelin 
è troppo nebulosa per essere accolta, onde il nome suo nia- 
croitrus non deve usarsi per questa specie. 



— 359 — 

S56. Circus cineraceus (Montag.) 
Albanella minore. 

Albanella piccola, Albanella rossiccia, Falcone cenericcio, 
Albanella minore {Aut. Ital.) — Fare senrin {Tortona-Novi) 

— Falchetton ceuerin {Lomh.) — Fàlch da vali, Falch zen- 
drèn {Mod.) — Curnaciot {Finale) — Falchet, Galinel {Ca- 
dore) — Falchetton, Falchetto rosso, Poja, Poja bianca {Ven.) 

— Falch zeneren, Falchett de palud {Boi.) — Lunja, Zabar, 
Bililunj {Dalm.) — Esoriveo, Granouié gris [Nizz.) — Sivet- 
tua gianca {Arenzano) — Farco senein {Gen.) — Falco cene- 
rino {Sen.) — Falconetto [Campobasso) — Farnarone (Bari) — 
Miedeco (N^ap.) — Passanti {Catanzaro) — Arbaneddn o Al- 
baneddu cinnirisu, Albanedda, Nigghiu, Cattrocóscie {Sicil.) 

— Arpegghia, Appegghia [Mess.) — Quattrucósci, Tignùsu 
[Cat.) — Falcuni, Falcuneddu jancu {Girg. Castelh.) — Fal- 
cuni jancu, Farcuni {Castelh.) — Stori de pisci. Stori biancu 
(Sard.) — Bu-ghadam abiad second, Buadaam {Malt.). 

Specie certamente non comune da noi, ma è stata os- 
servata ovunque; va rammentato che le femmine ed i gio- 
vani si confondono facilmente con quelli delle due specie 
precedenti dai non pratici. Pare essere parzialmente estiva 
in Italia ed ha certamente nidificato nel Trentino, e a Ri- 
volta d'Adda (Lombardia) nel luglio 1886 ; ho veduto il nido 
col maschio adulto e tre giovani già quasi del tutto impen- 
nati, nel Museo Civico di Milano. Però l' Albanella minore 
si vede da noi più facilmente alle due epoche del passo, 
aprile-maggio e ottobre-novembre, e specialmente in quella 
primaverile e nella Liguria. Tutti gli esemplari che conservo 
nella Collezione italiana, quindici, sono colti in quella sta- 
gione e i più nell'aprile ; vi sono quattro sole eccezioni : 
giugno, settembre, gennaio e marzo. E stata presa in Sici- 
lia, in Sardegna ed è citata dalla Corsica. E notevole l'abito 
melanico che non tanto di rado presenta questo Falco. 



— 360 — 

Il C. cineraceus s' incontra in tutta la Regione Eurasica 
e penetra nell' India. 

Ritengo che Linneo includesse anche questa specie nel 
suo Falco Pi/gargus (Si/st. Nat. 1766, p. 126 n. 11), ma la 
diagnosi parla anche di macchie trasversali sull'addome nel 
maschio, e nella nostra Albanella minore sono sempre longi- 
tudinali ; perciò non adotto il nome specifico linneano come 
Sharpe ed altri hanno fatto. 



S5*7. Circaétus gallicus (J. F. Gmel.) 
Biancone. 

Falco aquilino bianco, Falco aquilino scuro, Terzo d'A- 
quila, Biancone {Aut. Ital.) — Aculota, Poundrà bianca i7'm- 
neo) — Agugia, Scanalévre [Basso Piem.) — Falchetton ( Valt.) 
— Falcon, Aquilóto [Padova, Rovigo) — Falcon [Bass.) — 
Aquila dalla testa grossa [Veron.) — Astór [Cadore) — Cagne 
{Friuli) — Aquilóto, Falcon [Trentino) — Agolàz (Riva) — 
Agola, Astór [Primiero) — Agolacc [Ossana) — Puiana gròssa, 
Aquilott [Mod.) — Aquilot, Pujana grossa, Falchet bianc 
[Bop) — Aigla bianca, Aigla bouschina, Aigloun {Xizz.) — 
Farco grosso [Savona) — Agugia [Gen.) — Farco biison, Farco 
marsaiolo {Spezia) — Biancone [Tose.) — Marzolo [Lucca) — 
Baccalotto (/. di Giglio) — Aquilotto [Roma) — Arpegna, Ar- 
pegnone [Nap.) — Aculotto [Reggio Calabr.) — Falcunazzu 
[Mess.) — Ajuculaccia, Falcunazzu [Cat.) — Farcunazzu 
[Modica) — Aculaccia [Sicil. Pai.) — Stori [Sard.) — Aiqla 
(Mah.). 

Il Biancone è specie sedentaria in Italia e generalmente 
sparsa, ma non può dirsi comune, e nelle provincie setten- 
trionali, colla eccezione pare del N'eneto superiore, è anche 
raro, come sembra esserlo nella Sicilia e nella Sardegna; 
dalla Corsica non è citato, ma è probabile che vi capiti giac- 
ché nidifica all' isola del Giglio ed è relativamente frequenta 



— 3r,i — 

nella Maremma Toscana. Sono veramente notevoli i due co- 
piosi passi che fa quasi ogni anno in Liguria e più spe- 
cialmente nella Riviera di ponente ; ciò avviene in marzo- 
aprile ed in settembre-ottobre, e sarebbe più abbondante 
quello autunnale. 

Non di rado vedonsi individui assai chiari, quasi isa- 
bellini ; ne conservo due nella Collezione italiana, entraml:)i 
maschi, uno da Genova, ottobre 1875, l'altro da Orbetello, 
2 novembre 1891 {Cat. Ucc. 162, 3307). 

Il C. gallicus si trova nell' Europa meridionale e, più 
scarso, nelle contrade centrali; si estende ad E. sino all'Asia 
centrale e vive comune e sedentario in tutta l'Africa setten- 
trionale. Al di là, ed in alcune contrade anche al qua delle 
Alpi, è uccello estivo. 

S58. Haliaétus Albicilla^^^ fLinu.) (ex Willugh.) 
Aquila di mare. 

Aquila comune, Aquila nera, Valeria, Aquila di mare 
{Aut. Ital.) ■ — Acula roussa^ Acula dia couva bianca (Basso 
Pieni.) — Aquila (Lomb.) — Aquila a cóva bianca (Mod.) — 
Aquila d'mer (Boi.) — Aquila, Aquila granda, Aquila de mar 
{Ven.) — Aquilóto (Padova) — Acuila di mar (Friuli) — 
Aquila, Agolàz, Biancone (Trentino) — Oro pacar (Dalm.) 
— Aigla, Aigla de mar (Nizz.) — Aquila de ma (Gen.) — ■ 
Aquila (Spezia) — • Aquila di mare (Tose.) — Aquila reale 
marina (Sen.) — Aquila di mari (Sicil.) — Achiliera, Achili 
marina (Sard.) — Aiqla balda (Mali.). 

E stata presa ovunque in Italia e nelle nostre isole, 
compresa la Corsica, ma non può dirsi frequente. E certa- 

(1) Volendo essere rigorosi nell'osservanza di certe regole di no- 
menclatura si dovrebbe scrivere « Alhhdla », giacché è così in Linneo 
(Syst. Nat. 1766. pp. 123, 124); ma è evidentemente un errore tipo- 
grafico perchè è « Albicilla » nei testi originali degli Autori citati 
da AVillughby a Brisson. 



_ 362 — 

mente sedentaria e nidificante da noi, ed ho avuto un bel- 
lissimo e grosso nidiaceo ancora coperto di fitta peluria ce- 
nerina preso dal nido il 26 marzo 1903, sulla cima di un 
vecchio tronco di Leccio a due metri dal suolo, sul Monte 
Tare a circa 400 metri dal mare, presso Loceri, Lanusei, 
Sardegna {Coli. ital. Cat. Ucc. 3959), Si vede però più fa- 
cilmente durante l'inverno e tali migranti sono quasi sempre 
giovani. 

UH. Albicilla vive in quasi tutta la Regione Eurasica, 
giunge in Groenlandia e sverna nel N. dell' India. Nel basso 
Egitto, delta del Nilo, è residente nidificante e relativamente 
comune. 

In questi giorni il signor T. De Stefani Perez fece 
l'annunzio sorprendente della cattura nei pressi di Monreale, 
Palermo, il 28 giugno 1905, di un'esemplare dell'Aquila di 
mare del Pallas (//. ìeucoì'yphiin, Pali.), specie asiatica che 
giunge però dicesi nel S. E. dell'Europa (Cf. « Naturalista 
Siciliano », XVIII n. 2-3. Palermo^ 1905). Ma poco dopo il 
De Stefani dovette ricredersi, e nell' « Avicula », IX, f. 95-96, 
p. 158, Sie7ia, 1906, egli pubblica una rettifica dalla quale 
risulta- che il creduto //. leucoryphus non era altro che una 
giovane Aquila CIirt/Ka("tus ! Tali errori di identificazione sono 
pur troppo non rari ; in questo caso poi il conte Arrigoni 
mi fece vedere le fotografie di quell'Aquila, onde non v'ha 
dubbio che ora siamo nel vero. 



S59. A.quila Clirysaétus^'^Linn.) ex Willugh. 

A(JUILA. 

Aquila reale, Aciuila rapace, Aquila toscana, Falcone 
dorato (Auf. Ital.) — Aquila, Aquila rèal ilHem. Lomlt. 
Osfiola) — Acula real, Acula, Aigia real (Cuneo) — Laglia, 
Aigle {Aosta) — Agia {Alto Canavese) — Ogli {Val Soana\ 
— Stur {Novara) — Aquila, Aigola {Como) — Aquila {Valt 



(1) Liniu'o scris-<i' ■• (Virysai'fos 



— 363 — 

Bresc. Cremona, Parm.) — Aquila, Aquila reiil {Mod. Boi) 

— Aquila, Equila (Uomg.) — Aquila real (Rovigo) — Aquila 
mora, Aquila reale (Padova) — Acuile {Friidi) - — Aquila (Ro- 
vereto) — Storàzzo {Trento) — Agola, Agola reale {Terragnolo) 

— Agogia, Augia (Borgo) — Achila {Cles) — Agua {Fassa) — 
Egua {Badia) — Eguia (Gardena) — Nadel (Luserna) — 
Aquila negra (Ven.) — Astór (Bell.) — Oro, Oro pravi, Krstas 
{Dalm.) — Aigla (Nizz.) — Aquila rea (Gen.) — Acula (Cor- 
sica) — Aquila reale, Aquila (Tose.) — Aquila (Umbria, Rieti, 
Roma) — Aquila riale (Nap.) — Aquila (Bari) — Petrit (Al- 
banesi italici) — Acula (Calabr.) — Arpa (Catanzaro) — Aqui- 
la, Aquilotta, Acula, Aicula (Sicil.) — Arpa (Mess.) — Achilì, 
Achiloni (Cagl.) — Abila {Sass.) — Aiqla (Mali.). 

Questa specie è generalmente distribuita in Italia e nelle 
sue isole, sedentaria nei luoghi adatti, ove nidifica; i giovani 
sono per qualche tempo erranti, viaggiano, ma non com- 
piono, credo, migrazioni vere e proprie. 

L'Aquila assume nelle varie età livree abbastanza diverse, 
che di rado vedonsi al completo su un'individuo; inoltre 
varia per caratteri individuali e pare che possa anche pre- 
sentare razze locali e forse geografiche. Ciò spiega certe 
distinzioni specifiche e subspecifiche alle quali è stata assog- 
gettata da vari Autori. Per la esperienza mia non ha valore 
questa suddivisione di una specie così bene caratterizzata, 
certamente poi riguardo agli individui italiani. Così VA. Bar- 
thelemyi^ Jaubert, della quale ho esaminato il tipo nel Museo 
zoologico di Marsiglia, mi risultò essere un'esemplare del- 
l'Aquila comune, adultissimo, con alcune delle penne scapo- 
lari bianche ; anche in altre specie di Aquila si vedono le 
scapolari imbiancarsi coU'età. Neppure sono propenso ad 
ammettere come specificamente o subspecificamente distinte 
quelle fasi del piumaggio della nostra Aquila che hanno 
dato origine all'-4. fulva (Linn.) ed all'^. npbilis, Pali. Ed 
infine debbo dire che poco, seppure, diversi, mi sembrarono 
gli esemplari esaminati deir.4. daphanea, Hodgs. dell'Asia. 



— 364 — 

Con tali jjremesse, se il mio concetto di questa specie 
non è errato, VA. ('/wysai'fits ha una ben larga diffusione 
geografica, trovandosi in tutta la Regione Eurasica, in 
quella Boreo- American a e facendo capolino anche in quella 
Indiana. 

S60. Aquila heliaca, Savigny 

A(a'lLA IMPERIALE. 

Questa bellissima specie, nota anche sotto il nome di 
A mogiìnik^ S. G. Gmel. (1), è stata più volte elencata tra 
le specie di comparsa accidentale in Italia, ma sempre a torto 
per effetto di errore nella determinazione di esemplari, sia 
dell'yl. Chrysaè'tus, sia dell'^. clanga. Oggi ogni dubbio è 
scomparso, giacché il 17 settembre 1898 venne ucciso un bel 
maschio dell'/l, /j^/mca, nel caratteristico abito giovanile, sul 
Monte Novacco presso il litorale ionico vicino a Firmo, Ca- 
stro villari, Calabria; io l'ebbi ancora fresco e si conserva nella 
Collezione italiana {Cai. Ucc. 3701). Dunque, come avevo pre- 
conizzato sin dal 1886 (Avif. Itaì. 1886, p. 472j, questa specie 
viene ora ad annoverarsi tra le accidentali comparse in Italia. 

UÀ. heliaca abita il S. E. dell'Europa, il N. E. dell'A- 
frica e l'Asia occidentale e centrale, giungendo nell' India 
e nella Cina. 

S61. Aquila nipalensis, Hodgs. 
Aquila della Steppa. 

Non avrei nulla da aggiungere o da togliere a quanto 
scrissi intorno a questa specie, capitata sinora una sola volta 
in Italia, nei miei due precedenti volumi sulla Avifauna 



(1} Dobbiamo al compianto mio aiiiico W. T. Blanford (« Ibis n 
1894, p. 2H;Ti la esatta determinazione del nome specilico spettante a 
<|Uestji Aquila, e tanto controver.so : la tavola del Ginelin rappresenta 
un'Aquila, ma non eerto la imjteriaie. onde il suo nome mog'diiik si 
deve srartare. 



— 365 — 

Italica (1886, p. '237 ; 1889, p. 390). Quell'esemplare si con- 
serva nella Collezione italiana {Cai. Ucc. 1684). Ho anche 
già dato le ragioni per le quali preferisco chiamarla col nome 
scritto sopra anziché adottare il nome di A. orientali^, Cab. 
suggerito dal Salvadori e usato dall' Arrigoni, e quelle ra- 
gioni le mantengo più che mai. Debbo pur dire che l'unico 
esemplare italiano, quello sopra citato, preso a Genova, pre- 
senta una certa somiglianza con uno degli abiti giovanili 
dell'-4. Adalberti, Brehm del S. 0. dell'Europa; credo però 
che la mia determinazione sia esatta, e quell' individuo è per 
me un' adulto, precisamente nel 3" abito, così bene definito 
dal Martorelli {Monogr. Uccelli di Rapina italiani^ p. 79. 
Milano, 1895) ; non ha più le due fasce alari. 

E nota la confusione magna che è sorta e che pur troppo 
vige ancora tra Ornitologi intorno al nome ed allo stato 
di questa specie, che a me pare così bene definita e di- 
stinta. 

JJA. nipalensis vive nel S. E. dell'Europa e nell'Asia 
occidentale e centrale, giungendo nel N. 0. dell'India; è 
citata pure dalla Siberia orientale. 



S6S. Aquila rapax (Temm.) 
Aquila rapace. 

Il conte E. Arrigoni degli Oddi avvertì pel primo la 
causale comparsa di quest'Aquila, specialmente africana, da 
noi (Avicula, 1899, p. 125). Egli ebbe una femmina nel- 
l'abito bruno scuro, uccisa sullo Stagno di Cagliari (Sarde- 
gna; il 20 novembre 1898; poco dopo molto gentilmente 
egli me la inviò in comunicazione e trovai che l'aveva esat- 
tamente determinata. 

Ciò m' indusse a riprendere in esame il caso di un esem- 
plare maschio adulto di questa specie avuto in dono anni 
fa dal compianto marchese Mario Nerli reduce da un viag- 
gio in Sardegna, ove molto raccolse per me, e tenuto a 
parte per qualche dubbio che ebbi allora intorno alla sua 



— 366 — 

provenienza, in modo che rimase dimenticato tra materiale 
esotico. Potetti persuadermi che era proprio catturato in 
Sardegna e precisamente a Sant'Antioco nel marzo 1876. 
Questo esemplare riveste l'abito ocraceo chiaro della varietà 
alòicans di Rùppell (Cfr. Erlanger, Beitr. z. Avìf. Timi- 
siens, tav. VII, in Joiirn. /'. Orti. 1898). Due dunque sareb- 
bero gli esemplari di questa specie presi sinora in Italia, 
entrambi in Sardegna; essi l'appresentano i due sessi ed i 
due abiti caratteristici. 

Alcuni Autori considerano questi come sottospecie di- 
stinte, ma io inclino a ritenerli piuttosto variazioni indivi- 
duali, specialmente ricordando le osservazioni del Jesse sul 
diverso colore di una coppia da lui uccisa sul proprio nido 
in Abissinia, la femmina era chiara, il maschio scuro. (Cfr. 
Trans. Zooì. Soc. London., VII, p. 201). 

L'i4. rapax vive, pare, nella Bulgaria, ove ebbe il nome 
di A. Cnìlenì, Bree, in quasi tutta l'Africa e nell'Asia occi- 
dentale e centrale, giungendo nel N. 0. dell' India. Assai 
affine ad essa sarebbe 1'^. vindhiana, Frankl. dell'India. 



363. Aquila clanga, Pali. '" 
Aquila anatraia. 

Aquila anatraja, Falcone gridatore (Aut. Itaì.) — Aquila, 
Aquilot [Cremon.) — Aquilot {Pav.) — '? Avion {Varzi) — 
Aquilott, Aquilota, Puiana gròssa (Mod.) — Aquila d'nader 
{Boi.) — Aquiloto macia {Ven.) — Aquila maciada {Padova) 
— Aquila maciada, Aquila picola, Aquileta (Veron.) — 
Aquila, Agola, Agolètta, Aquilot, Enmacià yRoveret.) — Ago- 



(1) Dalle ricerche ilei «■oiiipianto mio amico W. T. Blanford 
e» Ibvi , IH94, ]). 287), risulta cvidi-nte che il nomt' di Gnu-liii, 
F. maciilatii.s. venne realmente aj)])licato a questa specie, ma dipoi 
vi è stata tale confusione generata dall' uso jjromiscuo di esso per 
altre specie più o meno aflini. che preferisco usare il nome di Pallas, 
meno malmenato. 



— Ser- 
gia {Trento) — Oro, Zecar, Zvizdar, Stegavac, Skrikavac 
(Dalm.) — Aigloun, Aigla {Nizz.) — Aquila neigra [Gen.) — 
Aquila macchiata, Aquila anatra] a (Tose. Sen.) — Aquila, 
Nibbio, Miedeco (Nap.) — Bugiardo {Catanzaro) — Tuccolòsia, 
Aquilotta {Pai. Girg.) — Tuccolòssia, Aquilastra, Artigghiu 
{Cat.) — ? Achiloneddu, ? Abiloneddu {Sard.). 

Quest' Aquila è stata presa quasi ovunque in Italia, ma 
non può invero dirsi comune; è assai notevole il doppio 
passo, irregolare, ma talvolta copioso che fa nella Liguria, 
specialmente quello autunnale, ottobre-novembre. Pare che 
abbia più volte nidificato da noi ed io ho dato la notizia di 
un giovane preso sul nido nelle vicinanze di Grosseto nel- 
l'estate 1882 (Cfr. Avif. Ital. 1886, p. 239), ma abbisognano 
notizie più ampie in proposito; sarebbe cosi tra le nostre spe- 
cie sedentarie. Va poi ricordato che con pochissime eccezioni 
tutti gli individui presi in Italia sono giovani nell'abito scuro 
largamente macchiato di ceciato. 

L'.4. clanga abita l'Europa meridionale e centrale, l'A- 
frica settentrionale e ad oriente pare estendersi sin nell'Asia 
centrale ed orientale, giungendo nell' India ; avverto però 
che ivi vien confusa spesso con specie affini. 



364. Aquila pomerana, ^^' C. L. Brehm 
Aquila anatrata minore. 

Acula {Basso Piem.) 

Questa specie sembra fare rare comparse in Italia, seb- 
bene sia abbastanza frequente e nidificante nell'Europa cen- 
trale. Essa è poi notevole per aver dato luogo a singolari 
confusioni, cosi l'.4. Wahlbergi, Sundev. che ha per lungo 



(1) Correzione recente, in verità il Breiam scrisse pomarina; è 
però pur vei'O che egli intendeva dire della Pomerania ! 



— 368 — 

tempo figurato sugli elenchi degli uccelli italiani come di 
comparsa accidentale da noi, non vi è davvero comparsa 
mai e si trattava di due esemplari adulti immacolati di 
questa specie, uccisi in Toscana, e che si conservano: uno 
a Firenze {Coli. ital. ree. 1845) ed uno a Pisa nel Museo 
zoologico di quella Università. Oltre all'esemplare citato ne 
conservo altri due: un maschio giovane dalle vicinanze di 
Bari, ottobre 1875, ed una femmina adulta, 25 agosto 1888, 
da Gorizia {Coli, ital Uec. 2294, 3331). 

Ho veduto esemplari di questa specie presi nei dintorni 
di Genova, ed il conte Arrigoni {Man. orn. ital. p. 41) sa 
di una diecina colti in Italia, aggiungendo il Piemonte, la 
Sardegna e Malta alle località citate. Sappiamo però ben 
poco intorno allo stato di quest'Aquila da noi ; vi potrebbe 
anche essere nidificante, ma per ora dobbiamo considerarla 
come di accidentale comparsa soltanto. Il prof. G. Marto- 
relli ne dà un'ottima tavola nella sua bella « Monografìa de- 
gli Uccelli di Rapina in Italia, (p. 81), tav. TI) Milano, 1895 ». 

Il prof. A. Bonomi {Quinta contrih. alla Avif. Triden- 
tina, p. 9. Rovereto^ 1903), riferisce che mons. A. Tait di 
Trento, nel maggio 1891, vide un giovane di questa specie, 
che era stato levato dal nido sul monte Calisio ; rimane però 
il dubbio che si trattasse invece di un giovane dell'yl. clanga^ 
la cui nidificazione nel Trentino sarebbe meno strana. 

\JA. pomerana vive nell'Europa centrale e attraverso 
l'Asia boreale giunge al Kamtschatka; sverna, pare, in Africa, 
e nell'India; ma mancano ancora dati sicuri in proposito, 
ed è stato assai spesso confusa con altre specie. 



- 369 — 



S65. Hieraétus^'fasciatus (Vieill.) 
Aquila del Bonelli. 

Agugia foestea [Arenzaìio) — Aquilotta, Ajuculaccia 
[Sicil.) — Aquilotta {Mess.) — Aculotta (Modica) — Achili 
de pisci, Achiloni, Achiloneddu {Cagl.) — Abilastru (Sass.), 

Comune e sedentaria in Sardegna; assai meno frequente, 
ma ancora sedentaria in Sicilia; nella Corsica ne vidi una 
giovane il 26 settembre 1877 vicino a Portovecchio, ma non 
sembra essere residente nell' isola. Sul continente italico ha 
fatto comparse quasi ovunque specialmente nelle provincie 
centrali e meridionali, cosi in Piemonte, nella Lombardia, 
in Liguria, nella Toscana, nella Campania, nelle Puglie ed 
in Calabria ; ma non mi consta che vi sia residente e nifi- 
ficante; questi individui erranti sono sempre giovani nel- 
l'abito caratteristico. Noto che anche in Sardegna non è 
tanto facile avere esemplari nell'abito definitivo dell'adulto. 

UH. fasciatus ha una larga diffusione geografica: in 
Europa non sembra varcare le Alpi, ma dai paesi circum- 
mediterranei penetra nell'Africa e nell'Asia, giungendo nel- 
l'Hindostan e persino negli Stati Shan sulle frontiere del 
Yunan verso oriente; e ciò senza presentare variazioni. 



(1) Dopo quanto ci ha detto Blanford (« Ibis », 1894, p. 288), 
non è più possibile conservare il termine generico Nisaètus per que- 
sta e per la specie seguente; esso diventa sinonimo del generico ter- 
mine Spizaètus. Blyth nel 1845 propose per l'Aquila del Bonelli il 
termine generico Eutolma'ètus (adottato ora dal Sharpe), ma io non 
so separare questa dalla specie seguente per la quale Kaup nel 1844 
aveva proposto il genere Biera'étus. 



24. 



— 370 



S66. Hieraètus pennatus J. F. Gmel. ex Briss.) 
Acquila minore. 

Quest'Aquila diminutiva e variabilissima, è per noi rara 
e di comparsa irregolare; fatto notevole giacché è frequente 
e nidificante tanto nella penisola Iberica come in quella Bal- 
canica; da noi non risulta che abbia mai posto il nido. 

Il Martorelli ne ebbe un'esemplare in ottobre 1889 alle 
porte di Milano; ed un secondo lo ebbe ultimamente il Bo- 
nomi pure dalle vicinanze di Milano. Nella Collezione ita- 
liana ne conservo cinque esemplari presi rispettivamente a: 
Caprino (Verona) ottobre 1871; Vado (Savona) ottobre 1884; 
Capo di Noli (Savona) aprile 1854; Sestri ponente (Genova), 
27 aprile 1872; Roma, autunno 1872. Ciò sembra quasi se- 
gnare un doppio passaggio, ma è in ogni caso ben scarso ed 
irregolare; va notato che su cinque tre sono della Liguria, 
ove mi sono note altre catture. So dal prof. Filippo Silve- 
stri che ne venne ucciso uno a Spoleto nell'autunno 1890, dal 
signor Cardelli, che la conserva. Questi esemplari esemplifi- 
cano, credo, le fasi principali dell'abito variabile di questa 
specie, col volgere dell'età. Alcuni Autori hanno voluto di- 
stinguere due tipi, il chiaro e lo scuro, indipende uti dal sesso 
e dall'età, ma non sono ben persuaso che si tratti di un 
normale dicroismo come avviene, pare, nell'/f. Eleonorce. 

UH. pennahus ha quasi la medesima distribuzione geo- 
grafica della specie precedente: paesi circummediterrauei, 
Europa S. E., Africa, Asia centrale. India e Ceilan. Va però 
notato che è specie rara nella Tunisia. 



SeT. ArchibUteo lagopusJ. F. Gmel. ex Bninn.) 
Poiana calzata. 

Falco calzato, Falcone a piedi pennuti {Aut. Ital.) — 
L'aglia {Aosta) — Làr, Làràs, Fare, Farcon, Farco galiua 



— 371 — 

{Basso Piem.) — Puiana calzona, Pniana cera (Mod.) — Fai- 
cat dal bragh {Boi.) — Pojàna bianca, Pojàna imbragada 
{Veron.) — Pojàna, Pojane {Friuli) — Pója imbragada {Pa- 
dova) — Poiana colle braghe, Poiana bianca {Trentino) — 
Gacas {Daini.) — Tartaou {Nizz.) — Agugia {Gen.) — Falco 
calzato {Tose.) — Stori {Sard.) — Qucciarda bil calzetti {Mali.). 

Giunge irregolarmente da noi, sempre nel tardo autunno 
o nell' inverno. So di due sole catture in primavera : una 
femmina uccisa in Polcevera (Genova) nel maggio 1870, che 
si conservava nella raccolta del dott. G. Orsini a Genova; ed 
una, pure nel maggio (1888), avuta a Bari dal professor De 
Romita. 

Sono quasi sempre giovani migranti, nel biancheggiante 
abito caratteristico; e ciò avviene più di frequente nelle no- 
stre Provincie settentrionali, ove, e specialmente nel Veneto, 
in rigidi inverni ha fatto comparse anche copiose. Le sue 
comparse diventano affatto accidentali al sud degli Appen- 
nini, cosi in Liguria, nella Toscana e nelle Puglie; ne con- 
servo però un esemplare, bellissimo maschio adulto, preso a 
Taranto il 19 febbraio 1891 {Coli. ital. Ucc. 4060); è stata 
uccisa in Sardegna, in Sicilia ed anche a Malta, ma non è 
citata dalla Corsica. 

Gli adulti, cioè gli individui nell'abito scuro general- 
mente considerati per tali, giungono ben raramente in Ita- 
lia; oltre quello sopra citato da Taranto, ne conservo uno 
{Coli. ital. Ucc. 2501) da Venezia, del dicembre 1879, fem- 
mina. E dunque per noi irregolarmente invernale, e, direi, 
non nidificante. 

UÀ. lagopus vive in tutta la zona settentrionale della 
Regione Eurasica, e giunge nell'Alaska in quella Boreo-Ame- 
ricana. Sarebbe capitato accidentalmente nell'Africa australe (!). 
Ben poco diversa pare essere la forma che lo rappresenta 
nell'America boreale, A. sancti-johannis (GmeL). 



372 



S68. Buteo vulgaris, Leach ex Willugh. 
Poiana. 

Pojana, Milano, Falcone bozzago, Bozzago, Abuzzago, 
Bozzagro, Ubugazzo, Scajo, Poana, Astore, Falco cappone 
{Aut. Hai.) — Poundrà, Falcoun {Cuneo) — Boundrà, Poundrà, 
Busàr {Pierri.) — Làr, Làràs, Fare, Fàrco, Farcoun, Fàrcon, 
Farco, galinà (Xovi, Tortona) — Eula, Pojana, Ràtouner. Nibi, 
Palacela [Novara] — Pojanon {Ossola) — Pojana, Poana, 
Pojanoun, Soenga, Nibbi [Lomb.) — Pojan, Pojana, Puiana, 
Soenga {Como) — Poana, Nibbi, Lelia, Aigula {Vali.) — Agla, 
Pojana (Bresc.) — Poujana (Cremori.) — Pojana (Ptac.j Parm.) 

— Paiana, Pujan {Mod.^ Boi., Ferrar.) — Pujen [Vergato] — 
Puiena, Pujan {Romg.) — Aigoul {Mantov.) — Pojana, Pojana 
da zoca o d'inverno, Puja {Veron.) — Pogiàna, Pogiàn, Pogia- 
ràco, Pogiàna de tera, Pogiana a eoa corta ( Ven.) — Guia, 
Aviòn (Feltre) — Pojana, Poja, {Vicenza, Rovigo) — Pojane, 
Cagne {Friuli) — Poiana, Agola, Agolaz (Rovereto) — Poiana, 
Poja, Pujana {Trento) — Agolin {Anaunia) — Agola {Val di 
Sole) — Agoia ( Valsugana) — Guia {Primiero) — Gngia, 
Pojana [Tesino] — Poiana (Val di Ledro, Giudicnrie) — Ro- 
dos {Dalm.) — Tartaou {Xizz.) — Farco (Savona) — Agugia 
neigra, Farco galinà, Farco biisùu (Gen.) — Bùsun {Spezia) — 
Falco cappone, Pojana [Tose.) — Capponacelo {Pisa) — Fojana 
(Lucca) — Fojana (Sesto fiorentino) — Porana, Falco da gal- 
line ( Valdich.) — Astore {Sen.) — Falco gallinaio [Maremma) 

— Falco gallinajo {Grosseto) — Nibbio (/. di Giglio) — Falco 
{Corsica) — Pqjava, Puiana {Marche) — Falcone, Poiana {Um- 
bria) — Pojana (Ancona) — Falco bottaoue (Roma) — Falcone 
(Viterbo) — Farghu gallinaru (Rieti) — - Falcone, Farcone 
{Nap.) — Farnarone (Bari) — Farcunazzu [Ros.sano, Cosenza) 

— Rapinante {Catanzaro) — Aceddazzu {Calahr.) — Buzzac- 



— 373 — 

chio [Reggio Calabr.) — Buzzacchiu, Vuzzàcchiu, Miula, Meola, 
Buzzusu, Buzzacchinu, Albaneddu miula {Sicil.) — Farcu- 
nàzzu [Mess.) — Buzzacchi, Bucazza {Cat.) — Falcimi (Caltag.) 
— Alitùni {Castelb.) — Farcuni {Modica) — Astordella, Stori 
de pudda, Storixeddu, Stori {Sard.) — Qucciarda prima {Mali.). 

Comunissima ovunque e sedentaria da noi ; viaggia però 
neir inverno, quando è probabile che giungano pure immi- 
granti dal nord; ed in qualche provincia infatti è notato un 
passo regolare, specialmente nell'autunno. Le variazioni nelle 
tinte e macchie del piumaggio (1) in questa specie sono da 
lungo tempo note, e sono certamente, in massima di carattere 
individuale, indipendenti cioè dal sesso, dall'età e, pare, dal- 
l' « habitat »; sappiamo come l'illustre Savi, fondò la sua F. ijo- 
Cana su uno di tali abiti, frequente nelle Poiane della To- 
scana, seguendo Vieillot ed altri i quali avevano fatte simili 
distinzioni. 

Allora si dava poca importanza alle notevoli variazioni 
nelle dimensioni che questa specie presenta nel medesimo 
modo. Da anni io le avevo osservate, constatando la pre- 
senza in Italia, promiscuamente ad esemplari di dimensioni 
normali, di individui notevolmente più piccoli, cioè con ali 
di 350 a 370 mm. invece della solita lunghezza tra 390 e 
400 mm. (parlo di maschi); e spesso, ma non sempre, tinti 
di rossiccio, particolarmente appariscente come marginatura 
delle penne delle parti superiori e su quelle caudali ; ma 
confesso che non diedi importanza al caso, conoscendo la 
variabilità enorme di questa specie. Nella Collezione italiana, 
nella numerosa serie di Poiane, conservo diversi esemplari note- 
volmente piccoli ; rammenterò un maschio adulto, 14 gennaio 
1880, da Mesa (Roma) con ali di 360 mm., ma normale nella 



(1) Conservo un esemplare albino (Coli. ital. Ucc. 3229), tutto 
bianco leggermente lavato di isabellino ; l'ebbi in carne ed aveva 
iride bruna, ceroma e piedi gialli, è caso rarissimo, mi fu mandato 
da Umbriatico (Cotrone), Catanzaro, dono dell'amico marchese Ar- 
mando Lucifero. 



— 374 — 

colorazione {Cat. Ucc. 14'20;) ed un'altro maschio 15 gennaio 
1899, da Vico d'Elsa (Toscana) molto rossigno, colle timoniere 
fortemente macchiate di un rosso fuoco, ma non tanto piccolo, 
ala 380 mm. {Cat. Ucc. 3704); ne ho due dalla Sardegna, in 
abito normale senza traccie di rossiccio: un maschio da Ca- 
gliari, 4 dicembre 1877, una femmina da Lanusei 24 gennaio 
189G (Cai. Ucc. 780, 3564), entrambi adulti; l'ala misura rispet- 
tivamente 303 e 373 mm. Mentre scrivevo questo articolo 
mi fu portata una piccola Poiana da Vallombrosa ; non aveva 
nulla di speciale nella coloritura, appena mostrando traccie di 
rossigno sul dorso ; misuratala in carne trovai una lunghezza 
totale di 0,490; ala chiusa 0,375 mm. ; era maschio. Fu il 
Martorelli (Monogr. degli Uccelli di Rapina italiani, p. 100, 
Milano, 1895), il quale pel primo riferì alcune di queste 
Poiane piccole e rossigne dalla Sardegna, conservate nel Mu- 
seo Civico di Milano, al B. desertorum (Daud.), facendo però 
notare che quest' ultimo non pare essere che « U7ia piccola 
Pojana dal colorito bruno terreo oppure rugginoso » . Venne 
poi l'Arrigoni {Atlante Orn. II, p. 17, Milano., 1902), il quale 
riferendosi appunto a queste Poiane piccole e rossigne dalla 
Sardegna, le ritenne (come del resto aveva insinuato già il 
Martorelli Op. cit. p. 103), costituenti una forma intermedia 
tra il B. vulgaris ed il B. desertorum. E per complicare la 
faccenda la signorina C. Picchi (« Avicula », 1903, p. 40) 
volle dare un nome a questa forma intermedia sarda, chia- 
mandola Buteo buteo Arrigoni! Ma non basta: il conte Ar- 
rigoni più oltre {Op. cit. pp. 17, 18), riconosce la presenza 
di ciò che egli considera il vero B. desertorum (Daud.) in 
Italia, basandosi su altre piccole Poiane ancora più rossigne 
delle quali ebbe esemplari da Reggio Calabria, Foggia, Roma, 
Padova ed anche dalla Sardegna. Egli però, molto giusta- 
mente a parer mio, mitiga il pasticcio colla dichiaragione 
che ritiene questo cosidetto B. desertorum quale una mera sot- 
tospecie del B. vulgaris. Ed applica le medesime considerazioni 
ad altre orme della Poiana comune in Europa, le quali, sé 
non già avvertite nel paese nostro, vi potrebbero benissimo 



— 375 — 

capitare, e furono distinte coi nomi di B. Zimmermannce, 
Ehmcke, e B. Menetriesi^ Bogd.; ed io potrei essere in questo 
del suo parere come ultima ratio. Un'altra sorgente di grave 
confusione in tutta questa faccenda è stato che non pochi 
Autori hanno confuso e confondono il vero B. desertorum 
(Daud.) che sarebbe poi il B. cirtensis^ Levaill, junr., colla 
piccola razza del B. vuìgaris; mentre quella è, come ve- 
dremo, non solo ben diversa, ma appartiene ad un gruppo 
distinto di Poiane. 

Con grande mia sorpresa, agendo in senso opposto, il 
compianto Blanford considerava non separabili il B. vuìgaris, 
ed altre specie asiatiche da tutti ritenute distinte, dal B. de- 
sertorum, Daud., ed anzi adotta questo nome (a causa della 
sua priorità) per la nostra comune Poiana {Fauna Brit. In- 
dia, BiRDs, III, p. Slt-i, London, 1895j. 

In conclusione, se con un seguito di confronti e di os- 
servazioni si dovrà distinguere dal B. vuìgaris una forma 
più piccola ed usualmente più rossigna, che si camuffa a 
torto col nome di B. desertorum, sebbene la descrizione ori- 
ginale di Daudin non dia davvero 1' idea di una forma pic- 
cola della Poiana comune (1), io ritengo che una tale distin- 
zione non possa avere che un valore subspecifico ed in quel 
caso detta forma non va chiamata B. vuìgaris desertorum 
(Daud.), ma deve avere altro nome; Brehm (1855) aveva già 
distinto un B, minor ed un B. major nelle fasi della Poiana 



(1) Ecco la diagnosi del Daudin : « F. desertorum, « Taille de 
la Buse comune^ et aussi elancée. Bec faible, d'un jaune citrov. Ivis 
rougeàtre. Devant du cou, poitrìne et plum^s anales d'un gris blaìt- 
chàtre; plumage d'un roux ferrugineux, plus clair et flambé de quel- 
ques traits noiràtres sur le ventre; pennes primaires noires; queue 
aloìigée, ègale. roicsse eu dessits, grise à bandes peti distinctes en des- 
sous. Tarses et doigts d'un jaune citron ; ongles noirs. FemeUe un peu 
plus grosse, à teinte de son plumage d'un roux plus pale ». (Daudix, 
Traile d'Orn. II, p. 162, Paris, 1800). Questa diagnosi si attaglia an- 
che, salvo le dimensioni maggiori, al B. ferox (S. G. GmeL), mala- 
mente descritto nel medesimo volume ti-a le Aquile {Op. cit. p. 50). 



— 376 — 

comune, ma Heuglin (1856) applicò iufelicemeute il primo 
nome al B. desertorum. La piccola edizione della Poiana co- 
mune vivrebbe più specialmente nell'Europa meridionale ed 
orientale, capitando certamente in Italia; e in alcune parti 
dell'Africa e dell'Asia. Ma, ripeto, non sarei troppo sicuro 
intorno alla plausibilità di considerarla davvero distinta, 
giacche pare innegabile che esistono individui con caratteri 
intermediari tra essa e la Poiana comune normale. 

Il B. vuìgaris, colle sue diverse forme più o meno di- 
stinguibili, vive in Europa, in Africa, in parte dell'Asia e 
giunge, pare, anche nell'America boreale. È però specie rara 
assai nella Tunisia secondo Whitaker, il quale esprime pure 
il dubbio che i pochi casi noti fossero giovani del B. deser- 
torum. 



369. Buteo leucoceplialus, Hodgs. 
Poiana maggiore. 

Nel settembre del 1890 acquistai dal signor Carlo Bo- 
nomi di Torino una grossissima Poiana, già montata, ma 
ancora fresca; essa era stata uccisa a Moncenisio (Susaj dal 
tabaccaio locale il 10 settembre; passò poi nelle mani del ca- 
pitano Giovanni Trombetta, comandante il distaccamento lo- 
cale dei Bersaglieri, e questi la mandò, come Aquila, in carne, 
al Bonomi, il quale la preparò, avendo constatato che era 
un maschio. Mi fu venduta come un Biiteo ferox; ed infatti 
pei caratteri del piumaggio poteva passare per tale, ma ap- 
pena vedutala fui colpito dalle sue grandi dimensioni: occu- 
pato allora in altre faccende, non ne feci un'esame critico, 
onde rimase sinora nella Collezione italiana sotto quel nome 
{Cat. Ucc. 3243). Ora però rivedendo e confrontando le 
Poiane, ho dovuto persuadermi che questo esemplare non è 
affatto un B. ferox, e questo non soltanto per le dimensioni, 
come si vede dalla tabella data più sotto, ma per la forma 
del piede e le proporzioni delle dita: il piede ha dita piut- 



— 377 — 

tosto sottili e lunghe, in altre parole simili a quelle della 
Poiana comune e aifatto diverse da quelle del B. ferox e del 
B. desertorum. Continuando le mie ricerche ed i miei con- 
fronti ho dovuto convincermi che la grossa Poiana uccisa 
sul Cenisio è un esemplare del B. leiicocephaliis, descritto 
nel 1845 da Bryan H. Hodgson {Proc. Zool. Soc. London 1845, 
p, 37). Questa bella specie, nota pure sotto il nome di B. 
hemilasius, Temm. e Schleg, è la più grande del genere (dal 
quale tolgo beninteso il Geranoaetus melanoleucus (Vieill.) 
dell'America australe, che taluni vi includono); abita l'Asia 
boreale ed orientale, ed è la prima volta che la sua com- 
parsa viene avvertita in Italia e nell'Europa; va però ricor- 
dato come alcuni Autori la confondano ancora col B. ferox, 
cosi Sharpe {Cat. Birds B.-M. I, p. 178, pi. VITI. London, 
1874), il quale poi figura come B. ferox il tipo del B. aqui- 
linus, Hodgs, che è un sinonimo del B. leucocephalus ; onde 
ritengo che la sua area di diffusione si estenda assai più a 
ponente di quanto si crede, e che questa specie possa capitare 
facilmente nei S. E. dell'Europa (Steppe del Volga). 

Nel nostro esemplare le dimensioni corrispondono benis- 
simo con quelle date dall' Hodgson del suo tipo; non tanto 
però la colorazione, che è piuttosto affine a quella del tipo 
del B. aquilinus, figurato come B. ferox dal Sharpe. Ove 
differisce è nell'avere il tarso meno rivestito di penne, onde 
apparisce più lungo, e scutellato, non reticolato, sul davanti 
nella squammatura; quest'ultimo carattero ha però a mio 
parere poca importanza, ed infatti il Hume (« Stray Feathers », 
IV, p. 367) menziona come caso strano l'aver trovato alcuni 
esemplari del B. ferox con tarso reticolato ; anche il Gurney 
dice {List Diurnal Birds of Prey, App. E. p. 136) di averne 
veduto uno in quel caso, ed ha poi notato casi più frequenti 
di ciò nel B. plumipes, Hodgs; mentre il Blanford {Fauna 
of India, Birds, III, p. 394, London, 1895) menziona esem- 
plari del B. desertorum col tarso reticolato sul davanti, ed 
io conservo nella Collezione italiana {Cat. Ucc. 320) un B. 
vulgaris col medesimo carattere, ed è cosa nota che in que- 



— 378 — 

ste quattro specie il davanti del tarso è normalmente scu- 
tellato; nel B. leticocephalus sarebbe l'opposto. 

L' esemplare dal Ceuisio è nella fase rossigna del piu- 
maggio, onde, come ho avvertito sopra, somiglia ad uno de- 
gli abiti comuni tanto del B. ferox come del B. desertorum. 
Ha la testa albescente, e le penne di un bianco più o meno 
tinto di ocraceo hanno una macchia più scura lungo lo stelo; 
le parti superiori, comprese le cuopritrici dell'ala, sono di un 
bel bruno largamente marginate di bruno-rossiccio chiaro ; 
le remiganti primarie sono, nella parte esposta, di un bruno- 
nero, col vessillo esterno lavato di bigio ; il vessillo interno 
dalla smarginatura verso la base è in gran parte bianco con 
fasce oblique scure; le secondarie e terziarie sono biancheg- 
gianti all' apice. Le timonierie sono bigie diventando bian- 
che alla base e sull'orlo del vessillo interno, e mostrano una 
fascia apicale più chiara e tinta di rossiccio e macchie rosse 
ferruginee ai lati dello stelo subito dietro; vi sono pòi un- 
dici fasce trasversali, meno distinte verso la base, di un bruno 
nerastro ; la superficie inferiore di queste penne è albescente 
in modo ben marcato. Le parti inferiori sono di un bruno- 
rossiccio, ogni penna ha una macchia di un bruno scuro lungo 
lo stelo, e queste macchie, quasi lineari sul petto ove do- 
mina il bruno rossiccio ferrugineo chiaro, si allargano assai 
sulle penne dell" addome, ove predomina il bruno rossiccio 
scuro; di questo colore con lievi marginature rossiccie sono 
le penne tibiali; sotto coda di color ceciato con poche mac- 
chie scure rossiccie sulle penne laterali. Iride giallo-bruno; 
ceroma e piedi gialli ; becco ed unghie nere. 

Ho potuto confrontare questo esemplare con una fem- 
mina dallo Shensi settentrionale (Cina) novembre, 1894, che fa 
parte delle Collezioni generali del R. Museo Zoologico di Fi- 
renze; essi sono evidentemente la medesima specie sebbene in 
abito diverso; l'esemplare cinese, più scuro, e assai meno ros- 
siccio, somiglia molto a quello, pure dallo Shensi figurato da 
Oustalet e David {Oiseaux de la Chlne^ p. 1!>. pi, 0. Puris, 1877); 
ha pure le penne tibiali più abbondanti. Aggiungo una ta- 
vola colle dimensioni comparate in millimetri dei due esera- 



— 379 — . 

plari sopra citati e di due esemplari delle due specie seguenti, 
onde mostrare le differenze. 



To- 
tale 

Buteo leucocephalus, va. Cenisio . 0.680 

f. Shensi N. 0.685 

Buteo fet'ox, m. Girgenti .... 0.584 

» » f? » .... 0.585 

Buteo desertorum^ i-.juv. Elmas, 

Cagliari 0.505 

Buteo desertonim^ f. ad. Goletta, 

Tunisi 0.510 



Ala 


Coda 


Becco 


Tarso 


0.500 
0.520 
0.450 
0-460 


0.295 
0.296 
0.225 
0.230 


0.052 
0.054 
0.046 
0.049 


0.086 
085 
0.080 
0.088 


0.395 


0.210 


0.034 


0.060 


0.390 


0.212 


0.038 


0.066 



Ditorne^ii) 
s. D. 

0.042 
0.042 
0.037 
0.040 

0.031 

0.034 



Queste misure sono abbastanza eloquenti sebbene alcune 
abbiano il difetto di essere prese su esemplari montati, ma 
sono prese nel medesimo modo. Quella del becco è presa dal- 
l'angolo della bocca alla punta. 



S'^O. Buteo ferox (S. G. Gmel 
Poiana a gambe lunghe. 



Poiana a coda bianca, Pojana dalla coda bianca {Aut. Hai.). 

Questa specie — propria specialmente al S. E. dell'Eu- 
ropa, N. E. dell' Africa ed Asia occidentale e centrale, giun- 
gendo nel N. 0. dell' India — capita accidentalmente in 
Italia, pare più facilmente alle epoche del passo, aprile-mag- 
gio e settembre-ottobre; i due esemplari che ebbi da Girgenti 
furono però uccisi in quei pressi nel febbraio. Possiamo oggi re- 
gistrare otto o nove catture avvenute nel paese nostro ; le tre 
prime furono già da me notate (Avif. Ital. 1886, p. 246. Avif. 
Ital. 1889, p. 396), le altre sono registrate dall'Arrigoni {Man. 
orn. ital. p. 28) e debbo dire che non ho veduto alcuno de- 
gli esemplari da lui ricordati. Aggiungo l'elenco completo: 
Genova 8 aprile 1869, conservato in quel Museo Civico, si- 
mile nell'abito ai miei da Girgenti; Girgenti^ maschio e fem- 
mina? febbraio 1874, Coli. ital. R. Mus. Zool. Firenze (C'cf^. 
Ucc. 2016^ 2016); Foggia .settembre 1897, m. collezione Arri- 



— 380 — 

goni, Monselice; Reggio Calabria maggio 1899 ed aprile 1900, 
m. collezione Arrigoni, 27 maggio 1900 (Moschella); Capo Spar- 
tìveììto, Sardegna, ottobre 1901, m. collezione marchesa Pau- 
lucci, Certaldo. In aggiunta a questi l' Arrigoni gentilmente 
mi scrive di aver saputo dal Moschella di due esemplari ca- 
pitati a Reggio Calabria il 30 aprile 1904; uno solo però 
venne conservato ed è nella collezione del locale Circolo dei 
cacciatori. 

Se ho qualche dubbio intorno agli esemplari non esami- 
nati da me, ciò dipende dal fatto che la identificazione delle 
varie specie del genere Bideo presenta grandi difficoltà per 
la estrema variabilità di ciascuna di esse, come del resto ri- 
sulta chiaro da quanto ho detto a proposito delle due specie 
precedenti. Così il B. ferox è stato ed è confuso col B. leu- 
coceplialus anche da alcune delle maggiori Autorità in Orni- 
tologia ; esso, come si vede dalla tabella di misure data so- 
pra, non raggiunge le dimensioni del B. leucocephalus, ma 
supera quelle del B. vuìgaris in modo notevole e più ancora 
quelle del B. desertorum. Ma il carattere che, a mio parere, 
più la distingue è la relativa lunghezza del tarso e la bre- 
vità e grossezza delle dita, che dà al piede un carattere sui 
generis^ carattere che ha in comune col B. desertorum, ma 
che non ho incontrato nelle altre specie congeneri esaminate. 
E strano che questo carattere sia sfuggito a tanti osservatori 
e sia stato poco valutato da altri. Nel colorito questa specie 
varia quanto le altre Poiane; non ho però mai veduto un'esem- 
plare colla coda veramente bianca ; tutto al più le timoniere 
sono di un ocraceo chiaro passante al bianco verso la base. 



ST*!. Buteo desertorum (Daud.) 
Poiana afkicana. 

Questa Poiana può essere descritta come un piccolo B. 
ferox, giacché in tutti i caratteri e direi anche nelle varia- 
zioni del piumaggio somiglia in modo marcato ad esso. Oltre 
le dimensioni, notevolmente minori, ne diflferisce, pare, per 



— 381 — ■ 

avere il tarso relativamente un poco più breve ; ma ha le 
dita corte e tozze come il B. ferox, e direi che quel piede 
speciale è una caratteristica saliente di queste due Poiane, 
la cui affinità è palese. 

Ho già alluso alle confusioni enormi che sono state fatte 
a proposito del B. desertorum ; dalla diagnosi insufficiente del 
Daudin, che potrebbe includere anche il B. ferox, alla mag- 
giore confusione fatta dal Blanford, il quale fuse insieme al 
B. desertorum il B. vulgaris, al quale dà il primo nome per- 
chè più antico, ed al pasticcio creato affibbiando il nome di 
Daudin alla piccola razza o sottospecie che sia del B. vulga- 
ris, come hanno fatto tra altri Martorelli ed Arrigoni. Se non 
fossi nemico delle inutili innovazioni di nomenclatura, avrei 
proposto di adottare per questa specie il nome di B. cirtensis, 
Levail. jun.^ che non offre incertezze ; ma a rigore, rileggendo 
la diagnosi originale del Daudin, che ho trascritto sopra in 
una nota, mi pare che sia meglio conservare il suo nome, 
tanto più che il B. desertorum è veramente specie africana, 
incontrandosi dalle sponde meridionali del Mediterraneo sino 
al territorio del Capo di Buona Speranza ; penetra pare nel- 
l'Asia occidentale, ma allo stato attuale delle cose sarebbe 
difficile il dire sin dove. È ancora difficile, per le ragioni dette 
e ripetute sopra, il dire ove sia giunto in Europa; in quanto 
poi alle sue comparse in Italia io debbo sospendere ogni 
giudizio per gli esemplari non da me esaminati, giacché è 
più che probabile che la maggior parte, se non tutti, quelli 
che sono stati citati in Italia come appartenenti a questa 
specie siano, invece individui della forma piccola e rossigna 
del B. vulgaris. 

Conosco de visu un solo caso ben autentico della cattura 
del B. desertorum in Italia, ed è la femmina, che direi gio- 
vane, uccisa ad Elmas, Cagliari, Sardegna, il 10 ottobre 1893 
{Coli. ital. Ucc. 3779), che acquistai dal signor Pietro Bo- 
nomi. Veste l'abito scuro, bruno-rossigno ; la coda è rossa 
lavata appena di bigio, attraversata da undici fasce trasver- 
sali di un bruno-nerastro ; è un'abito che si vede nei piccoli 
B. vulgaris, ma uno sguardo alle dita brevi e tozze basta a 



— 382 — 

dimostrarne la differenza specifica ; è il piede del B. ferox^ 
che è ancora caratteristico del B. desertorum e che mai si 
vede nella nostra Poiana comune. La vicinanza della Sarde- 
gna alla Tunisia, ove il B. desertorum è comune, rende non 
tanto strana la sua eventuale comparsa in quella nostra isola. 



STS. Pernis apivorus (Linn.) fex Willugh.j 
Falco pecchiaiolo. 

Poundrà grossa (Cuneo) — Poundrà, Làr, Làràs, Farco 
galinà, Fàrcon, Fare {Basso Piem.) — Falchett (Ossola) — 
Falcàtt (Sassuolo) — Puiana, Aquilott (Mod.) — Falcat, 
Falchet péce (Boi.) — Pojana bianca (Veron.) — Pója, Po- 
jana (Padova, Rovigo) — Pojana (Bell.) — ? Pojana foresta 
[Trentino) — Agolaz (Rovereto) — Milan, Tartaou (Nizz.) — 
Farco mangia vespe, Àgugiotto, Farco (Gen.) — Farco (Spe- 
zia) — Pecchiajolo, Falco pecchiajolo (Tose.) — Pojana, Fo- 
jana (Lucca) — Falco cappone (Fucecchio) — Puiana (Marche) 
— Farcene pizzuto (Nap.) — Farnarone (Bari) — Adornu 
(Rossano, Cosenza) — Passante, Orru, Ornu, Adornu, Uccello 
{Reggio Calabr.) — Adornu, Passanti (Cotrone) — Lavòrnia, 
Lagòrnia (Sicil. Pai.) — Adornu, Orro, Orru (Mess.) — Far- 
cùni jancu (Modica) — Arpècchia di passa (Cat.) — Falcu- 
nàzzu (Castelb.) — Quccarda, Qucciarda seconda (Malt.). 

Il Falco pecchiaiolo %, credo, il più variabile dei nostri 
Rapaci diurni ; varia nel colore del piumaggio e varia nelle 
dimensioni, e questo promiscuamente, onde anche i più acca- 
niti " splitfer.s ,, non hanno osato crearne delle sottospecie ; 
è ditìicile trovarne due perfettamente uguali, specialmente tra 
i giovani che non hanno rivestito la livrea definitiva del- 
l' adulto, che pare essere un poco più costante. 

In Italia è scarsamente nidificante nelle provincie cen- 
trali e settentrionali ed in scarso numero può dirsi specie 
estiva. Il 18 maggio 1891, il compianto conte A. P. Ninni 



— 383 — 

ne ebbe tre nidiacei in peluria dalla Marina del Cavallino 
(Estuario Veneto), ed altri casi vennero verificati poi dal- 
l' Arrigoni specialmente ; nell'agosto 1903 il principe D. Fran- 
cesco Chigi la trovò nidificante presso Ariccia, Roma; mentre 
nel luglio 1904 Arrigoni ne osservò una coppia, presumibil- 
mente nidificante, in Val d'Elsa. Non conosco che un caso 
di cattura del Falco pecchiaiolo durante l'inverno, ed è quello 
menzionato dal Moschella {Boll, del Naturalista., 1888, p. 28), 
egli ne ebbe uno a Reggio Calabria il 4 febbraio 1888. Da 
noi però non è comune che alle due epoche del passo, aprile- 
maggio e dalla metà di agosto a tutto ottobre, pochi vedonsi 
nella prima quindicina del novembre, e allora soltanto in 
certe località favorevoli alle colonne migranti e non tutti gli 
anni in uguale copia, così nella Liguria, in alcuni luoghi 
della Toscana e della Sicilia ; ma ove il doppio passo pare 
regolare e straordinariamente copioso è nella Calabria e spe- 
cialmente nelle provincie di Catanzaro e di Reggio, ove gli 
" Adorni, ,, anco " Passanti ,, e più enfaticamente " Uccelli^ ,, 
come colà si chiamano, sono oggetto di una caccia di posta 
speciale e prelibata, e nelle giornate favorevoli se ne uccidono 
centinaia. In quella di Reggio il passo di questa specie dura 
anche nel luglio. 

Questa specie è stata osservata ovunque in Italia, è però 
scarsa nelle provincie adriatiche e nella Lombardia ; rara in 
Sardegna e nella Corsica. 

Il P. apivorus abita la parte occidentale della Regione 
Eurasica. sverna in Africa. 



2*73. Milvus Ictinus, Savign} 
Nibbio. 

Nibbio maggiore, Nibbio reale. Nibbio {Aut. Ital.) — 
Falcoun dia coua fourcua {Cuneo) — Nibbi {Lomh.) — Po- 
janù {Bresc.) — Aquilott {Mantov.) — Fèlch, Fàlch reàl, Nibbi 
{Mod. Boi.) — Pogiana, Pojana, Pogiarico, Forfesón, Forbesón 



— 384 — 

(Veìi.) — Pója Forfesón, foresto {Padova, Rovigo) — Poggia, 
Poggiaraco (Bass.) — Agolaz a eoa de Rondola {Rovereto) — 
Milan, Falc forcuto, Pojana de primavera {Veron.) — Stri- 
zorep {Dalm.) — Milau, Aigloun {Xizz.) — Niggio rea {Gen.) 

— Niggio {Arenzano) — Nibbio, Forbicione, Falco {Pisa, 
Sen.) — Potaja {Bient.) — Filancio {Corsica) — Falcone, 
Poiana ( Umbria) — Falco ( Viterbo) — Nibbio, Pojana {Roma) 

— Nibbio riale, Niglio, Niglio reale {Nap.) — Nibbio, Arpone 
{Campobasso) — Nigghio {Rossano, Cosenza) — Forficiuni, 
Nicchiu, Nigghia {Calabr.) — Furficiuni, Nibbiu, Nigghiu 
{Sicil. Cat.) — Nigliu (Castrog., Petralia) — Nigliu, Nigliazzu, 
Nigghiu, Nigghiuzzu {Castelb. Madonie) — Forbiciuni, Fur- 
ficiuni, Furficchiu, Fòrficia, Forbice {Pai., Cefalh) — Miu- 
lini (Cai.) — Moschitta, Moschitu {Caltag.) — Miula, Bacca- 
luoru, Baccalarazzu {Pai.) — Stori, Asturolia, Zueddia, Zuad- 
dìa, Zurulia, Atturolia, Tirulia (Sard.) — Falqun, Astun 
(Malt.). 

Scarso e anche raro nell'Alta Italia, ove si vede più fa- 
cilmente alle epoche del passo e durante l'estate ; comune e 
stazionario nelle nostre provincie centrali e meridionali, spe- 
cialmente sul versante mediterraneo, e cosi in Sardegna e 
Corsica, nelle quali isole può dirsi abbondante; sarebbe in- 
vece piuttosto scarso nella Sicilia. È notevole come sia poco 
frequente nelle nostre provincie adriatiche anche del mezzo- 
giorno. Nelle Calabrie è abbondante specialmente alle due 
epoche del passo, aprile-maggio e settembre-ottobre. 

È specie che varia poco nel piumaggio e nelle dimen- 
sioni. 

Il j]f. Iciinus abita l'Europa centrale e meridionale; 
sverna nell'Africa. 



385 — 



2'74. Milvus migrans i^Bodd.) 
Nibbio nero. 

Falco nero, Nibbio nero, Nibbio bruno. Falcone atro 
[Aut. ItaJ.) — Pojana (Bresc.) — Nibi (Pav. Varzi) — Nibbi, 
Nebbi neigher (Mod. Boi.) — Falco forcuto scuro ( Veron.) — 
Agolaz (Rovereto) — Strizorep mali {Dalm.) — Milan, Ai- 
gloun (Nizz.) — Niggio scilo (Gen.) — Nibbio nero (Tose.) — 
Nibbio (/. di Giglio) — Nibbio niro {Nap.) — Nigghiu di 
passa, Nigghiu niuru (Sicil.) — Nibbiu di passa, Nigghiu 
niru {Mess.) — Niggiu [Modica] — ? Zuaddia (Sard.) — Astun 
{MalL). 

Questa specie è meno frequente in Italia della prece- 
dente, ma è stata presa ovunque ed in ogni stagione; pare 
essere di accidentale comparsa in Sardegna e non è stata 
citata, che io sappia, dalla Corsica. Sappiamo che nidifica da 
noi, come è stato constatato in Piemonte (Varzi), nella Lom- 
bardia, nel Canton Ticino, nel Veneto, nel Lazio e nella Si- 
cilia; l'Arrigoni menziona la interessante scoperta di una 
colonia di Nibbi neri, che varia secondo le annate da 25 a 
100 coppie, nidificanti in un bosco di circa dieci ettari in ter- 
reno paludoso al Grezzan nel Veronese {Man. orn. ital. p. 50). 
Pare essere però specialmente estiva da noi e presenta un 
doppio passo, aprile-maggio e settembre-ottobre; nello scorso 
aprile (1905) ne osservai diverse coppie volanti sul lago di 
Grarda evidentemente stazionarie ; quest' anno (1906) ne ho 
vedute sul lago di Lugano e sul lago Maggiore a Locamo, 
nel giugno, evidentemente nidificanti, ed ho saputo che in 
uguali condizioni si vedono sui laghi di Como e di Bolsena. 
Ho constatato che su quei laghi vivono, come i Gabbiani nei 
nostri porti di mare, gettandosi sull'acqua per carpire al volo 
immondizie galleggianti e pesci. Ne conservo due (Coli. ital. 
Ucc. 1007, 1008) colti ad Escarene (Nizza) m. 21 e f. 18 di- 



— 386 — 

cembre 1JS87 : ed un terzo [Coli. ita/, (ce. 2011M. maschio, nel 
bellissimo primo abito, ucciso a Feggino (Genova), il IH lu- 
glio 1873. La mancanza di una virgola iAvif. ftal. 1886, 
p. '248) fece scrivere al Martorelli {Moiiogr. I ccelli di liapirut 
ital. p. 116) che io ne avevo avuti 8 presi in una sola volta 
nella Valle di Lanzo (Torino), ma invece ne ebbi un solo. /". 
juv. ottobre 1882 {Coli. ital. Ucc. 2504) e la cifra 8 si riferiva 
agli esemplari allora nella Collezione italiana. 

TI M. migrans vive nell'Europa centrale e meridicnale, 
nell'Asia occidentale e centrale, di dove giunge nell' Afgha- 
nistan ; sverna nell'Africa. E specie che varia poco tanto nel 
colorito come nelle dimensioni. 

• Debbo ripetere che sinora nessun esemplare del M. cegif- 
ptius (Gmel.), comune nell' N. E. ed E. dell'Africa, né del- 
VElaiius cceruleus (Desf.i, comune nell'Africa settentrionale, 
è stato preso in Italia. 



2'75. Gennaia Sakeri.F. F. (4iuel. ex Ge.sn.i 
Sacro. 

La nomenclatura dei così detti « Falchi nol)ili » . le spe- 
cie tipiche della famiglia, che furono e sono particolarmente 
adatti alla < caccia, è ed è stata da lungo tempo in così ar- 
ruffata confusione, che ora, ottenuta iinalmente un po' di chia- 
rezza, credo sia meglio evitare ogni inutile innovazione a 
scanso di confusioni maggiori; è per questo che io non adotto 
il nome specifico di Chen'uy. Gray. recentemente applicato a 
questa specie; eppoi sarebbe un peccato eliminare un nome 
divenuto classico negli annali della Falconeria. 

Nessuno oggi può porre in dubbio la presenza in Ita- 
lia di questa bella specie che anzi vi capita assai meno rara- 
mente di quanto credevo quando stampai 1' ultima Avifauna 
Italica e registrai tre catture autentiche del Sacro entro i 
nostri confini. Oggi io ne conservo sei esemplari nella Col- 
lezione italiana {Cat. Ucc. 1861, 3117. 3406. 3646, 3777. 
3356) presi rispettivamente: a Genova, ///. epoca non regi- 



— 387 — 

strata; a Trieste^ m. giov. 8 ottobre 1887; a Lumezzane Val- 
trorapia (Brescia) ff 15 settembre 1893, soli piedi; a Prato, 
avuto in curile, /'. ad. 28 marzo 1898; a Fermignano (Urbino) 
m. quasi ad. giugno 1898; a Lanusei (Sardegna)/', giov. dicem- 
bre 1890. So poi dei seguenti pure presi in Italia : a Mesola 
(Rovigo) 2 aprile 1893, conservato nella collezione del mar- 
chese Carlo Ridolfi ; a Genova, senza data. Museo Civico Mi- 
lano; a Lucerà (Foggia), /'. 22. febbraio 1896. conservata nel 
Museo del Liceo locale (fide Martorelli; ; a Roma, primavera 
1860, conservato in quel E. Museo Zoologico. Arrigoni poi 
ci dice di averne dodici esemplari nella sua collezione a 
Monselice, di cui : cinque dalla Calabria, uno dalla Sicilia, 
due dalla Sardegna, due dal Lazio e due dal Veneto; ag- 
giunge che in Calabria questo Falco fa un passo regolare 
ogni anno nel marzo-maggio, che uno degli esemplari ve- 
neti da lui avuti fu preso a Pontebba nel giugno, che gli 
adulti sarebbero in preponderanza ; finalmente egli crede 
che ulteriori ricerche ci faranno sapere essere il Sacro sta- 
zionario e nidificante in Italia. Questo può darsi benissimo, 
ma intanto è interessante il constatare che almeno ventidue 
esemplari di questa specie sono stati catturati nel nostro 
paese e ciò ovunque ed in ogni stagione. 

La Gennaia Saker vive in gran parte della Regione 
Eurasica, e cioè dal S. E. dell' Europa alia Cina settentrio- 
nale; penetra nell'India e si trova nel X. E. dell'Africa. E 
specie che insieme alla seguente, e per me con essa congene- 
rica, unisce i Girifalchi (Hierofalco) a.ì Falchi veri (Fai'Co){l). 



(1) Arrigoni Man. orn. ital. p. 61) include ti-a le specie italiane 
V Hierofalco islandiis 'Gniel.). specie che già figurò per erronea deter- 
minazione sui nostri elenchi (Cfr. Avif. Ital. 1889, p. 401); essa però 
è quasi assolutaììiente confinata all' Islanda, mentre ])oti'ebbe forse 
capitare in Italia 1'^. gyifalco. Linu. Però l'esemplare dell'Arrigoni. 
l'eminina giovane che dicesi uccisa in Valle Fighe ri nell'Estuario Ve- 
neto dal fìi conte Labia, il 15 gennaio 1880, e che io non ho veduto, 
potrebbe anco essere, quando ciò t'osse ben provato, ima giovane 
femmina della G. saker, che in tale abito è appena distinguibile (Cfr. 
Martorelli. Monogr. Ucc. di Rapina ital. p. 171). Perciò, e per al- 
cuni dubbi rimastimi, con buona pace dell'amico Arrigoni, mi per- 
metto di non includere per ora VH. ùslaìuhis nella nostra Avifauna- 



— 388 — 



2'7G. Gennaia Feldeggi Schleg.ì 
i Lanario. 

Sokol kosor {Daini.) — Falcimi o Farcuni rara (Mess.) 
— Cappucina [Modica). 

E certamente specie sedentaria da noi. ma è scarsa e 
localizzata: nidifica positivamente nel Lazio (Agro romano. 
Subiaco), in Calabria, e nella Sicilia (Modica). È quasi con- 
finata alle provinole centrali e meridionali, ma è stata presa 
un paio di volte nel Veneto (Vallon, Arrigoni); sembra man- 
care affatto in Corsica e nella Sardegna. Nella collezione 
italiana ne conservo cinque esemplari : m. e /'. ad. Mesa 
(Velletri), 28 novembre, 1880 e 21 gennaio 1882; m. juv. Palo 
(Roma) 18 gennaio 1803; m. e f. juv. Modica (Sicilia), no- 
vembre e maggio,. 1879. (Cat. Ucc. n.' 1673. 2012, 3442, 2286, 
2287). Ne ho veduto uno da Urbino, ora nella collezione 
Ridolfi a Meleto (Empoli); è femmina e fu presa nel giu- 
gno 1898. Il dott. G. Altobello di Campobasso annotò la cat- 
tura nel Molise, d'una coppia il 24 ottobre 1899. Ed in questi 
giorni ho esaminato una femmina adulta uccisa il 29 mag- 
gio 1906 a Montefiascone, Roma, che si conserva nella rac- 
colta del signor Cesare Ragionieri, a Firenze. 

E stata ed è tuttora confusa con forme affini, alcune 
tutto al più mere sue sottospecie, come lo sono di certo la 
(t. Erìangeri (Klein.schm.) e la G. tanijpterus (Schl.), entrambe 
dell'Africa settentrionale, la prima del Marocco, la seconda 
dell'Egitto; molto atìfìne sarebbe pure la <!. hiarmicu.'i fTemm.» 
dell'Africa australe, più piccola però. 

La (/. Feldeggi è specie circummediterranea ; sarebbe 
frequente nella Dalmazia ed in altre parti del S. E. di Eu- 
ropa, estendendosi da quel lato sino alla Persia, seppure non 
havvi qui confusione col /•'. habgìoìùctifi (jfurn., il quale è un 
vero Falcone a difa lunghe e ben diverso. Nel N. 0. del- 



_ 389 — . 

l'Africa il Lanario è il Falcone sedentario più abbondante, 
ed è ad esso che gli Arabi, i quali coltivano tuttora la Fal- 
coneria, danno il nome di « Tairel-Hor », cioè « il Falco 
nobile ». 



ST"?. Falco Peregrinus, Tunst. ex Gresn. 
Falcone. 

Sparviere pellegrino, Terzolo pellegrino. Falcone pelle- 
grino, Falcone {Aut. Bai.) — Farcoun {Piem.) — Farchet 
da pernis (Cuneo) — Mocet (Aosta) — Astoù (Sartirana) — 
Falcon coi baffi (Lomb.) — Falchét róss [Bresc.) — Fàlch 
reàl o réel, Félch cun i sbaff o sbaffi, Falcatt [Mod.), — 
Falcon coi baffi [Mantov.) — Fàlch terzol {Boi.) — Falcon, 
Falcheton [Ven.) ■ — Pojana negra {Veron.) — Falchét, Ose- 
laz [Cadore) — Falcon, Falcùzz {Friuli) — Falchèto foresto 
{Padova) — Oselàz {Feltre) — Falcheton {Rovereto) — Asto- 
ràz {Cemhra) — Falcot (Rendena) — Falckit {Sette Comuni) 

— Falcon, Falchetóm, Falcon coi baffi {Trentino) — Sokol 
modro, Sokol zestoki, Sokol koludras (Dalm.) — Faucoun 
(Nizz.) — Sivettua grossa {Arenzano) — Farco pellegrin (Gen.) 

— Farco reale {Spezia) — Falcone, Falco terzolo {Fior. Val- 
dich.) — Falco reale {Pisa, 1. di Giglio^ Roma) — Fargacciu 
{Rieti) — Cacciatore {Pitigliano) — Falcune {Capri) — Far- 
cone pellerino {Nap.) — Farcone, Piddrettu ( Terra d'Otranto) 

— Farcuni riali {Reggio, Calabr.) — Falcimi, Farcùni, Falcimi 
piddirinu {Pai.) — Falcuni raru {Castelb.) — Albanèddu, 
Arbanèddu {Mess.^ Caltag.) — Stori perdighinu, Falcuni pel- 
legrinu {Sard.) — Bies {Mali.). 

Specie sparsa e sedentaria in tutta Italia, ma non ge- 
neralmente comune; sembra essere però discretamente fre- 
quente in quel paradiso dei Falchi di ogni specie che è 
l'Agro Romano. Nei mesi freddi e durante le epoche del 



— 890 — 

passo viaggia, e sono specialmente i giovani che lo fanno, 
ma non credo che sia migratore nel vero senso del termine. 
Tn Sicilia, Sardegna e. pare, in Corsica, è piuttosto frequente, 
ama le costiere scoscese e precipitose e, tra le roccie ai monti 
e sulle isolette rocciose, fa il nido; depone le nova in aprile 
e maggio: nidifica ovunque, tanto nelle isole come sul con- 
tinente, lungo le nostre coste, sull'Appennino e sulle Alpi. 
Trovasi in tutta Europa, in Africa, in Asia e nell'America 
boreale; è rappresentata da forme assai affini nell'America 
australe e nell'Australia. 

Da noi, come nel restante dell' Europa, questo Falco ti- 
pico è soggetto a variare alquanto nelle dimensioni e nella 
intensità dei colori: i giovani provenienti dalla Sardegna 
sono spesso più scuri sopra e più rossigni sotto: tali indi- 
vidui (non esemplari della specie seguente) dettero origine 
al F. Brookii, Sharpe, distinzione specifica sconfessata più 
tardi dallo stesso Autore. Vedonsi non di raro individui coi 
baffi stretti e le gote biancheggianti da taluni ritenuti spe- 
cificamente distinti col nome di F. leucogenys, Brehm; e nella 
splendida serie che conservo nella Collezione italiana ne ho 
diversi; ma accanto vedonsi esemplari coi baffi in ogni sta- 
dio di larghezza, alcuni veri F. meìanogenys, Gould, per tale 
riguardo, nei quali anche le gote sono nere, mentre in altri 
il biancheggiare di queste varia assai ; onde quel carattere non 
ha, a mio credere, valore distintivo. 

E a tale/ proposito aggiungo che recentemente l'amico 
prof G. Martorelli nella bella sua opera or ora completata {Gli 
Fccelìi d'Italia^ pp. 392, nota, 399. Milano 1906), dice di aver 
ricevuto dalla Calabria come Gennaia Feìdeggi un Falcone fem- 
mina di grandi dimensioni, in muta, avendo ancora parte del- 
l'abito giovanile e già gran numero di piume dell'abito adulto; 
egli riconobbe tosto dalle proporzioni delle dita del piede che 
si trattava invece di un vero Falco; e, per la notevole somi- 
glianza che mostra con uno degli esemplari del F. habylo- 
nicus, (rurney, figurati dal Wolf (« Ibis », III. p. 218. pi. VII, 
London 1861) che vive nella Mesopotamia, nell'Asia centrale 
e neir India X.O., credette di poter riferire a ([Uesta specie 



— 391 — 

il Falcone avuto da Reggio. Tale notizia m' interessò mol- 
tissimo e subito pregai il prof. Martorelli ad inviarmi in 
comunicazione quel Falcone, ciò che egli fece con gentile 
premura; appena avutolo sott' occhio dovetti convincermi 
che era semplicemente una grossa femmina del F. Peregrinus 
della varietà o razza detta leucogem/Sj con baffi stretti e gote 
molto biancheggianti ; in una serie di quattro esemplari nella 
Collezione italiana {Cat. Ucc. 1488, 1597, 3633 e 3634) pro- 
venienti da Roma. Nizza, Cala Ostia e Torre di Chia, S. 0. 
Sardegna, occuperebbe il penultimo posto; ho poi recente- 
mente esaminato una femmina giovane da Capoterra. Cagliari, 
grande quanto quella del Martorelli e simile a quella ora ram- 
mentata da Nizza ; ha baffi stretti e gote quasi bianche. Perciò 
senza preoccuparmi^ ora non è il caso, del valore specifico che 
può o no avere il F. hahylonicus, credo che quella forma vada 
tolta dai nostri elenchi nazionali; essa è certamente diversa 
dal 7^ Peregrinus e le sue affinità sono col F. harharus. 



2*78. Falco punieus, Levaill. jun. 
Falcone minore. 

Falcone tunisino [Aid. Ital.) — Stori perdighinu, Stori 
{Sard.). 

Nella mia Avifauna Italica del 1886 (pp. 2Ò2-255), ho 
trattato estesamente di questa specie, ritenuta da taluni una 
mera razza od una sottospecie del F. Peregrinus, da altri 
una forma del F. minor, Bp. dell'Africa australe. Io la credo 
distinta, ma la ritengo però semplicemente una forma del 
F. Peregrinus, simile affatto ad esso nei diversi abiti e nel modo 
di vivere, soltanto assai più piccola; in modo che la femmina 
del F. punieus non raggiunge mai le dimensioni del maschio 
del F. Peregrinus, ed il suo maschio è notevolmente più piccolo ; 
la differenza nelle dimensioni dei due sessi essendo marca- 
fcissima nei Falchi di questo gruppo. Nel caso non improba- 
bile l'io non ho avuto i mezzi per fare confronti), che il F. 



— 392 — 

punicus risultasse identico al /•'. minor, Bp. dell'Africa australe, 
il primo nome andrebbe conservato giacché ha senza dubbio 
la priorità, liipeto inoltre che il Falcone minore è sicura- 
mente la specie designata dal vecchio Belon nel 1555 coi 
nome di Faucon Tunicien ou Punicien, e dall'Aldrovandi col 
termine Falco hmetaniis ; è il « Faucon de Barherie » di 
Brisson e fu per errore che gli Ornitologi odierni hanno vo- 
luto rifeiire alla specie ben diversa, ora distinta col nome di 
F. barbarus, quelle vecchie descrizioni e quei nomi an- 
tichi. 

Il F. punicus è specie quasi circummediterranea e nel- 
l'Africa si estende probabilmente al Sud ; nella zona N. 0. 
e specialmente nella Tunisia e nell'Algeria, sembra prendere 
il posto del F. Peregrinus. 

In Italia mi risulta essere specialmente isolana e sembra 
preferire le piccole isole che stanno intorno a quelle mag- 
giori, particolarmente Sardegna e Corsica; è stata certamente 
presa nell'Arcipelago Toscano, come ho già avuto occasione 
di riferire. Ivi è specie sedentaria e nidificante, ma non ab- 
bondante. In Sicilia, per quanto mi consta, sarebbe stata 
presa due o tre volte nelle vicinanze di Palermo (Cfr. Riggio 
e De Stefani, nel « Naturalista Siciliano », XIV, Palermo, 
1895). Ho ricevuto or ora un maschio in abito giovanile con 
penne di un bruno rossiccio intorno alla nuca; è molto simile 
alla femmina figurata dal Martorelli (Osser. sui Mainmif. 
ed Ucc. in Sardegna, tav. II, p. 14. Pistoia, 1884), ma è un 
po' meno scuro; venne ucciso a Pula, Capo Spartivento, S. 
Sardegna, il 6 giugno 1906. Cosi nella Collezione italiana 
conservo cinque esemplari tipici del /•'. punicus, e cioè un 
maschio e due femmine adulti e un maschio e una femmina 
giovani, o, per essere esatti, in abito giovanile, nel quale già 
si riproducono ; sono tutti dalla Sardegna {Cat. Ucc, 3288, 
848, 3958, 3118, 4115). Io non ho veduto esemplari del F. pu- 
nicus presi sul continente italico. 

A proposito di (juesta specie mi pare che il conte Ar- 
rigoni si sia confuso (Cfr. Man. di ornit. italiana, p. 68), 
giacché ciò che egli chiama « tipo insulare di grandi di- 



_ 393 — 

mensioui », non è certamente il F. punicuSy come egli dice, 
ma può benissimo essere il F. Brookii = F. Peregrinus, come ho 

notato trattando di quest' ultimo ; eppoi non è insulare. 



2*79. Falco barbarus, Salvin ex Limi. 
Falcone di Barberia. 

Questa bella e distinta specie vive lungo la costa set- 
tentrionale dell'Africa, donde rare volte giunge nelle parti 
meridionali d' Italia. È stata presa nella Senegambia e nelle 
Provincie N. 0. dell' India, ma sembra ovunque scarsa per 
non dire rara; in pochi Musei vedonsene esemplari ed è ge- 
neralmente mal nota agli Ornitologi, i quali l'hanno spesso 
confusa col F. punicus di cui ha presso a poco le dimensioni 
(essendo però minore) e le forme tozze e robuste; l'adulto se 
ne distingue facilmente per la nuca largamente ed intensa- 
mente colorita in rosso ruggine, spesso diviso in due grosse 
macchie, e il petto di color salmone chiaro con poche e pic- 
colissime macchie scure. 

Il F. barbarus sarebbe la forma piccola del /'. babylonicus, 
Gurney, che sarebbe un grosso Falcone di colori assolutamente 
identici abitante l'Asia centrale e la Mesopotamia, giungendo 
pure nel N. 0. dell'India; anzi questi due Falconi ofFi'irebbero 
un caso di perfetto parallelismo coi rapporti in cui stanno le 
due specie precedenti, parallelismo che sarebbe benissimo 
espresso dalla formola seguente: F. barbarus: F. babylonicus : : 
F. punicus: F. Peregrinus; tutti, come quest'ultimo, sono Fal- 
coni tipici, colle dita lunghe. Il F. barbarus è stato perfetta- 
mente descritto e figurato da Salvin nell' « Ibis » (1859, p. 184, 
pi. 6), nei Proc. Zool. Soc. London (1876, pi. 23), nella mia 
Iconogr. deìVAvif. Ital. tav. 26 (1892), dal Martorelli, Monog. 
Ucc. di Rapina in Italia^ tav. Ili, (1895). 

Per quanto a me consta, questa specie è stata sinora 
presa tre volte soltanto entro i confini geografici dell'Italia- 
due di queste catture avvennero a Malta: il primo, un maschio 
adulto, venne raccolto dal dott. Gavino Gulia nel 1850, ceduto 



— 394 — 

(ia lui al Parzudaki a Parigi e da questi al Museo di Nor- 
wich, dal quale l'ebbi in cambio \ColI. ital. Ucc. 3522); il 
secondo, acquistato in carne sul mercato di La Valletta il 
22 marzo 1KS5, era nella collezione Dresser a Londra; il 
terzo, pure maschio adulto, venne ucciso a Taranto il 22 a- 
prile 1900, lo ebbe il signor F. De Ceglie il quale gentil- 
mente me lo cedette, ed è un magnifico esemplare iColl. ital. 
ree. 4092). 



380. Hypotriorcliis Eleonorae «mh' 
Falco della Regina. 

Farchetto da J^eginna (Geìi.) — Stori, Zerpedderi (Sard.) 

Questa bella ed interessantissima specie vive in colonie 
sedentarie su alcune isolette scoscese e rocciose all'angolo S. 0. 
della Sardegna, dinanzi a S. Antioco ed al golfo di Palmas, 
dette la Vacca ed il Toro ; secondo P. Bonomi una piccola 
colonia sarebbe stabilita al Capo Caccia N. 0. Sardegna. Il 
10 agosto 1882, essendo sul li. piroscafo « Wa.<ihington », ebl)i 
la buona fortuna di poter sbarcare sull'isola Lampione, al 
S. di Lampedusa, scoglio disabitati' ad altipiano, l'ultima 
delle terre italiche in quella direziqne; vi trovai una colonia 
di circa dodici coppie di //. Fjleonorw. (tIì adulti volavano 
intorno gridando come (rheppi ; potei notare che presentavano 
saggi dei due abiti che riveste questa specie, ma non mi fu dato 
di ucciderne. Sull'altipiano nudo e roccioso trovai diversi nidi 
di questo Falco, a terra, fatti con pochi fuscelli ; erano frammi- 
sti a nidi del Puffìnus Kuhli dai quali l' uccello covante non si 
mosse. Quelli del Falco della Regina contenevano le uova da 
poco depositate come potei constatare vuotandole; in uno trovai 
.'<ette uova, caso singolare giacché il numero normale sarebbe 
tre; la tardiva nidificazione di questa specie, luglio ed agosto. 
era già nota. Rivisitai la colonia di Lampione col R. avviso 
« Marcantonio Colonna » il 19 agosto 1890; ritrovai i nidi 
sulla nuda terra con 2 o 3 uova fortemente incubate, an- 



— 395 — 

Cora fraternamente frammisti a quelli del PuffinuH Kuhli^ di 
cui i pulcini erano già nati. Non so di altre colonie del- 
l'i/. Eleonorce in Italia, ma questo falco è stato veduto in 
altre località sulle coste della Sardegna, su quelle della Cor- 
sica (Whitehead; e a Malta almeno due volte; è stato preso 
una diecina di volte in Liguria, da Nizza alla Lunigiana, e, 
secondo Arrigoni, è capitato pure in Sicilia e nella Calabria, 
lasciando il caso un po' dubbioso dell'Agro Romano. Sono però 
sempre comparse accidentali, eccettuato, pare, per la Liguria 
occidentale, dove tra i monti dietro ad Arenzano il Martorelli 
trovò nel 1904 una famiglia di questi Falchi evidentemente 
stabile e nidificante tra quelle rupi ( Ucc. d'Italia, p. 403). 

Sappiamo che vive in colonie nell' Arcipelago greco 
(Cicladij, sull'isolotto Dragonera presso Majorca, alla Galita 
ed al Galitone, e che è stato preso nella Tunisia, nell'Africa 
orientale e nel Madagascar. 

Molto è stato detto e scritto intorno al curioso caso dei 
due abiti di questa specie ; l' Arrigoni afferma che essi sono 
afiPatto indipendenti dal sesso, dall'età e dalla località, e que- 
sto può essere ; però io debbo ripetere che ho trovato che gli 
individui concolori e scuri erano sempre maschi adulti e 
che i giovani hanno l'abito più o meno chiaro simile a quello 
dell'i/. Subbuteo, e delle femmine ad alte. 

Debbo però notare che nel Museo zoologico universitario di 
Palermo, secondo Riggio e De Stefani ( «. Xaturalista Sici- 
liano » , XIV. Palermo, 1896) si conserva una femmina, uccisa al 
Monte Pellegrino nell'aprile 1891, che riveste l'abito scuro e 
quasi concolore; anche il Martorelli (Ucc. d'Italia p. 403) cita 
un'esemplare dalle Cicladi, segnato femmina, con tale abito. 



S81. Hypotriorcliis Subbuteo Limi, ex Aklrov.i 

Lodolaio. 

Falco, Lodolajo, Barletta {Aut. Ital.) — Farcat d'moun- 
tagna (Piem.) — Farchet di giari, Farchet rate (Cuneo) — 
Mocet di boch {Aosta) — Lar, Fare, Fàrco, Farchetto {Basso 



— 396 — 

Fiem.) — Falcbett (Lomb.) — Falchaett (Pav.) — Falchètt 
(Bresc.) — Falchètt de pasada {Cremori.) — Falchet (Berg.) 

— Falchètt de oslenn {Parm.) — Falchet da bosch o da 
lodel (Mod.) — Fiilchett da ceis, Falcat da zeis {Boi.) — 
Falchètt {Ravenna) — Falchete, Falchete balarin, Storèla 
{Ven.) — Falchete, Falchetin {Veron.) — Falchet {Feltre) — 
Falcuzz {Friuli) — Falchet, Falchet negro, Falchet real 
(Rovereto^ Trento) — Falchette ( Valsugana) — Falcat {Ren- 
dena) — Falcèt {Ossana) — Sekelic, Grlas {Daini.) — Fau- 
ceun {Nizz.) — Cri véla {Savona) — Farce scilo {Gen.) — Si- 
vettua neigra {Arenzano) — Farchète {Spezia) — Falchette 
{Lucca) — Falchette da uccelli {Pisa) — Falce astore {Sen.) 

— Cani vello (/. di Giglio) — Ledelajo {Fior. Valdich.) — 
Falchette ali rosse {Mugello) — Farghittu {Rieti) — Falchette 
da uccelli {Aìicona) — Falco {Umbria) — Falchette {Roma) 

— Ghizz {Bari) — Falco pellegrino {Foggia) — lannaccuto, 
E,apineddu, Cirbie {Calabr.) — Faicùni, Falchèttu, Falcimi 
viddanu {Sicil.) — Albanèdda e Arbanèddu di passa {Mess. 
Cai. Caltag.) — Cozzicaventulu {Lentini) — Farchottu {Mo- 
dica) — Sterixeddu, Steri {Cagl.) — Astoreddu {Sass.) — 
Bies (Malt.). 

Comune, ma non abbondante da noi : si trova ovunque 
in Italia e nelle sue isole; è scarsamente sedentario e nidi- 
ficante (Lombardia, Toscana, Lazio, Sicilia). 

Ho citato un caso ben autenticate della nidificazione 
del Lodolaio avvenuto in quel di Firenzuola (Firenze) nel- 
l'agosto 1881 {Avif. Ital. 1889, p. 407); il principe Chigi 
le trovò nidificante nell' Agre Romane ; ed il Marterelli 
ebbe una femmina dalla Valtellina nel giugno. Si vede 
però questa specie da nei più facilmente durante le epoche 
del passo, aprile maggio e settembre-ottobre, quando segue 
i branchi di uccelletti migranti facendone strage. Pare che 
qualche individuo sverni nelle nostre provincie meridionali. 



— 397 - 

ma io non ne ebbi mai in quella stagione ed opino che i 
più attraversino il Mediterraneo per svernare in Africa. 

UH. Siibbiiteo vive in tutta la Regione Eurasica, giunge 
nell'India e nella Cina. 



S82. uEsalon regulus (Pali.) (ex (xesn.) 
Smeriglio. 

Smerlo, Smeriglio, Sparviere da Filunguelli [Aut. Ital.) 

— Farcàt d'mountagna, Farcatt d'ie passre [Piem.) — Làr, 
Farchétt, Farchetto [Basso Piem.) — Falchett, Folchett 
(Lomb.) — Falchaettin (Pav.) — Ganiel de Franguei (Berg.) 

— Falchett de passada {Cremori.) — Falchett {Parm.) — 
Falchet, Falchtén [Mod.) — Spara vir, Spara viri (Boi.) — 
Falchett da Passer (Vergato) — Falchetèn, Falchett pzén 
{Ravenna) — Falchetin, Falchete (Ven.) — Storéla, Astoréla 
(Feltre) — Storéla (Padova, Rovigo) — Falcùzz (Friuli) — 
Falchetin (Rovereto) — Falchét, Falchetin (Trentino) — Gre- 
dar (Dalm.) — Scriveo, Escriveo (Nizz.) — Farchetto di 
piccin (Gen.) — Farchèto (Spezia) — Smeriglio (Tose.) — 
Falchetto nero (Pisa) — Renello (Valdich.) — Sparviere 
smeriglio (Sen.) — Falchetto (Umbria) — Farghittu (Rieti) 

— Falconciello (Nap.) — Riulo, Rampino (Bari) — Smirig- 
ghiu (Sicil.) — Cacciavèntu furasteri, Cacciaventu di passa 
(Mess.) — Cacciavèntu frustèri (Cat.) — Falcimi di rocca, 
Smiddigghiu, Tistaredda di passa (Pai.) — Vedidore (Sard.) 

— Storittu (Cagl.) — Astorittu (Sass.) — Seker (Malt.). 

Anche questo Falco è sparso in tutta Italia e nelle sue 
isole e r ho veduto anche in Corsica, di dove non era stato 
citato; è comune senza essere . abbondante, e gli individui 
adulti sono rari. Giunge da noi alle due epoche del passo 
inseguendo i branchi di uccelletti migranti ; è uno dei più 



piccoli tra i nostri Rapaci^, ina è anche uno dei più arditi 
e non si perita a cimentarsi con uccelli assai più grossi 
di lui. Sverna da noi ed è relativamente abbondante in quella 
stagione nella Sardegna. È possibile che qualche coppia ni- 
difichi lungo le Alpi, ma mancano notizie precise in pro- 
posito. 

Lo Smeriglio è sparso attraverso tutta la liegione Eu- 
rasica, e sverna nella Cina, nell' India e nell'Africa setten- 
trionale; però il Whitaker non lo trovò abbondante in quella 
stagione nella Tunisia. È stato recentemente resuscitato per 
esso il nome specifico di Meriìlus del r4erini. non saprei con 
quanto vantaggio. 



S83. Cerchneis Tinnunculus l/mn. (.\ (msh. 

(tHEI'FIO. 

Gheppio di torre, di fabbrica, di grotta o di montagna iAut. 
Ital.) — Crivèla (Piem.) — Mocet di ratt (Aosta) — Farchétt, 
Chervela, Crivéla, Crevéla {Basso Pieni.) — Falchett, Fol- 
chett, Falchet di campani. Falchet da sarlode, Gavinel, Ga- 
nivell (Lomb.) — Falchet da ter (Berg.) — Falchett de cara- 
panìn (Mil.) — Falchett da tourr {Cremon.) — Falchaètt di 
campanei (Pav.) — F'alchett (Varzi, Valt.) — Gainel, Fal- 
chet (Bresc.) — Scaviela, Falchett da tòrra {Parni.) — ■ Fal- 
chet da torr o da passer (Mod.) — Falcàtt {Sassuolo) — 
Nibbio, Falchetto (Pievepelago) — Fèlch da passer (Pactilh) — 
Falchet da torra (Reggio, Emilia) — Falcat, Falchiett co- 
moun, Falchett d'turr {Boi.) — Falchett {Vergato) — Falchet 
da tor (Rav.) — Falchett, Fotvent, Spacavent {Ronig.) — 
Falchett da torr (Mantov.) — Storéla, Falchete. Falchete 
balarin, Falchéto cuc o de tore (Ven.) — Falchete toresàn 
(\'eroìi.) — Falchéto (Boss.) — Falchet de tere, Storéla de 
campanil (Feltre> — Astorèla. Storéla (Bell.) — Falcùzz di 
viampanil, \'idul ( Friuli) — Falchet ross, Falchet torresan 



— 399 — 

{Rovereto) — Grambinél {Trento) — Falcèt ross {Denno) — 
Agolin (Mezzolomb.) — Gambinél {Cembrai — Falkèt {J.k- 
serna) — Falckt {Sette Comuni) — Gavinél, Gainél {C'ondino) 

— Falchét {VaUugana) — Sokol, Klil^avac, Fitubinac {Dalm.) 

— Scriveo {Nizz.) — Siettua o Sivettua roussa, Cri véla russa 
(Arenzano) — Siettua (Gen.) — Farchèto (Spezia) — Falchette) 
{Lucca, I. di Giglio) — Gheppio, Guglia {Fior.) — Acer- 
tello, Falchette da uccelli, Falco rosso (Sen.) — Falco tor- 
raiolo, Gheppio {Valdich.) — Falco' collarino (Grosseto) — 
Falchette di torre {]*isa, Roma) — Geppio {Elba) — Falco 
rosso (Marche) — Falchette da uccelli (Ancona) — Farghittu 
(Rieti) — Falco (Uìubria, Viterbo) — Crastecarieglio (basso 
Garigliano) — Cristariello. Cestariello {Nap.ì — Ghizz di 
torre (Bari) — Cristariedd. Trisciungulo [Piigliaj — Casta- 
rieddru, Cistarieddru (Terra d'Otranto) — Cristaredda (Ros- 
sano, Cosenza) — Rapinu, Cristaredda, Cristarieddu, Rapi- 
neddu di loco (Calabr.) — Tistaredda, Cristaredda, Crivéddu 
(Sicil.) — Cacciavéntu, Cristareddu (Mess.) — Izzu (Modica) 

— Cazzavéntu (Sirac. Noto, Caltag.) — Cerni vientu ((7«s^»'o^.) 

— Ticcia, Ticcia cristaredda (Girg.) — Cuccaréddu, Filannéri, 
Filannéri cazzavéntulu, Cazzavéntulu [Cat.) — Crivédda 
{Casfelb.) — Tilibricu zerpedderi, Tirulio, Storittu, Zerped- 
deri (Sard.) — Smetta (Carlo forte, Sard.) — Seker ahmar. 
Spagnolett (Malt.). 

Sedentario in ogni parte d' Italia, uno dei più comuni 
se non il più abbondante e sparso dei nostri Falchi. Pare 
sia anche immigrante ed in alcuni distretti sarebbe più ab- 
bondante durante le epoche del passo e nei mesi invernali ; 
i giovani sono naturalmente erratici. 

È specie sparsa attraverso la Regione Eurasica, pene- 
trando più al Sud in Africa e nell'Asia nella stagione fredda; 
è però anche sedentaria e nidificante nell' India. 



— 400 — 

384. Cerchneis Naumanni (Fleisch.) 
Grillato. 

Falco grillajo, Gheppio minore, Acertello {Aut. Ital.) — 
Farchétt, Chervéla, Cri véla, Crevéla {Basso Piem.) — Falchin 
(Boi.) — Storéla piccia (Ven.) — Falchete toresàn (Veron.) 

— Storéla (Padova) — Falchettin [Rovigo) — Falchetfc cinèn 
(Mod.) — Falchtein [Pavullo) — Scrive© (Nizz.) — Siettua 
(Arenzano) — Crivèla russa {Savona) — Siettua (Gen^) — 
Falco grillajo, Grillalo, Acertello (Tose.) — Arcistrello (Pisa) 

— Falchette roscino {Marche) — Falchette da uccelli, Fal- 
chette macchiato {Ancona) — Cestarielle {Nap.) — Cncca- 
reddu (Catanzaro) — Chiumbinu {Reggio, Calahr.) — Falcuni 
di Malta, Falchetta maltisi {Sicil.) — Cristaredda e Caccia- 
ventu frusteri, Cacciaventu maltisi (Mess.) — Marvizzaru 
(Modica) — Tistaredda furastera (Pai.) — Criveddu {(Jastelb.) 

— Ticcia nicca (Girg.) — Tilibricu, Zerpedderi, Sterittu 
[Sard.) — Spagnelett, Sparvier {Mali.). 

Questo Falchette lindo ed elegante è certamente più 
abbondante durante V estate nelle nostre previncie meridio- 
nali, in Sardegna e nella Sicilia, ove è anche parzialmente 
sedentarie, ed almeno vi s' incontra durante 1' inverno. Pel 
rimanente d' Italia sarebbe specie estiva e di doppio passo, 
diventando sempre più scarsa andando al Nord ; onde è rara 
in Piemonte, in Lombardia e nel Veneto, non comune in 
Liguria e nelle previncie centrali, ove si vede più facilmente 
durante il passo primaverile; pare però che vi abbia nidi- 
ficato come certamente avviene in Sardegna e nella Sicilia; 
ed abbiamo 1' interessante constatazione di ciò sul Monte 
Genero sopra ad Ancona fatta dall'ottime prof. Luigi Pae- 
lucci: ivi tra roccie scoscese a circa 57'^ m. sopra il mare 
questa specie nidifica ogni anno. 

E uccello gregario, non al grado però della specie se- 
guente, e forma spesso colonie più e meno numerose. E quasi 



- 401 — 

prettamente insettivoro e merita bene il nome comune che 
porta; nel settembre 1887 il professor Martorelli incontrò il 
Grillalo in gran numero nel palude, allora prosciugato, di 
Vecchiano, Pisa; vi faceva una caccia attiva alle cavallette 
ed altri insetti che vi pullulavano {Uccelli d'Italia^ p. 410). 
Il C Naumanni è specie circummedi terranea che attra- 
verso l'Asia centrale giunge in Cina e nell' India ; ivi però, 
come in Africa, è un' uccello invernale. Nella Tunisia, ove 
abbonda, è però specialmente estivo, secondo le osservazioni 
del Whitaker. 



S85. Cerclineis vespertinus Linn.) 

Barletta. 

Barletta cenerina, piombina, ceciata, mischia, Falco cu 
culo. Falcone coi piedi rossi {Aut. Ital.) — Ouslé (Piem.) — 
Farchet die cause rousse (Cuneo) — Farchètt, Farchettin. 
Farchétto {Basso Piem.) — Falchaètt senerin (Pav.) — Fàlc 
senrèin piccol (Piac.) — Falchet zendrèn (Mod.) — Fèlch 
zenerein {Pavullo) — Falcat merican, Falchett dai pi ross 
{Boi.) — Fotvént, Spacca vent, Falchet {Romg.) — Falchéto 
piombin, Falchéto da grigi, Falchetin (Veron.) — Falchéto 
balarin {Veìi.) — Storela, Falchéto, Falchéto rosso (Polesine) 

— Balarin, Vidul (Friuli) — Falchéto piombin, Storèla 
(Trentino) — Sokolic' jatar (Dalm.) — Scriveo (Nizz.) — Far- 
chétto (Savona) — Farchettino (Voltaggio) — Farchétto di- 
po rusci {Gen.) — Farchèto american (Spezia) — Arcistrello 
(Pisa) — Barletta, Falco cuculo (Fior. Pisa) — Barletta 
piombina (Sen.) — Barletta, Falco cuculo, Renello {ValdicTi.) 

— Grillajo (Sesto Fior.) — Falchetto piombino (Marche) — 
Falchetto da uccelli, Falchetto ce o crino (Ancona) — Fal- 
chetto (Roma) — Moscardo (Nap.) — Falconett di San Giuan 
(Bari) — Castarieddru, Piddrettu (Terra d'Otranto) — Rum- 
bullottu [Catanzaro) — Diavulicchiu, Chiumbinu (Reggio Ca- 

•26. 



— 402 — 

labr.) — Falcuni palummu, Arbaneddu càusirussi, Farcu 
paluDimu, Chiumminu [Sicil.) — Arbaneddu, Chiumminu, 
Albanèddu causi russi (Mess.) — Ticcia palummina, Falcu- 
nèddn grisciu [Giry.) — Tistarèdda tunisina, Falcuni tuui- 
sinu (PaL) — Farcuni frusteri o di passa (Castelb.) — Cucca 
di passa, Cuccarèddu, Cuccarèdda (Cat.) — Vedidore (Sard.) 
— Storixeddu, Storittu [Cagl.) — Astorittu (Sass.) — Spa- 
guolett eqhal, Yespertin {Mali.). 

Specie eminentemente gregaria, di solo passaggio quasi 
regolai'e in Italia, ove qualche anno giunge in grandi bran- 
chi; ciò avviene nell'aprile e maggio. Assai meno regolare 
e copioso è il suo passo autunnale, ottobre-novembre; anzi 
in Italia, colla eccezione, pare, della Sicilia, il passaggio au- 
tunnale di questa specie pare essere più che raro, eccezio- 
nale. È stato asserito (Del Torre) che la Barletta abbia ni- 
dificato nel Friuli e precisamente sopra Brischis; ma temo 
vi sia qualche equivoco, giacché non abbiamo avuto alcuna 
conferma di ciò dal solerte e dotto Ornitologo friulano Val- 
lon, al quale un tal caso non poteva sfuggire; onde per ora 
non è provato che abbia nidificato da noi. E ben noto come 
nidifichi in grandi colonie nell'Europa orientale. È scarso o 
mancante affatto nelle contrade occidentali del nostro con- 
tinente. 

Il C vespertinus è estivo per l'Europa centrale ed orien- 
tale, invernale per l'Africa S. 0. Nell'Asia lo rappresenta 
una specie molto affine C. amurensis (Radde). la quale sem- 
bra svernare anche nell'Africa S. E, 



286. Astur palumbarius (l.inn. e.\ Gesn.) 
Astore. 

Sparviere da colombi, Sparviere terzuolo, Terzòlo, Astore 
{Aut. Rai.) — Farctoun, Capastr (Pieni.) — Farchtoun, Ca- 
pastr (Cuneo) — Astor. Storélon, Falcheton, Terzòl {Ven.) — 



— 403 — 

Falcon {Padova) — Sparvier da colombi {Bell.) — Pojana 
rossa {Veron.) — Falco palombaro {Rovigo) — Cagne, Ca- 
gnass, Cagliasse {Friuli) — Falchèt, Agola, ? Astoraz' {Rove- 
reto) — Falcheton, Stor {Trento) — Storèla {Tesino) — Spor- 
vél, Spurvél {Gardena) — Lastòr {Cembra) — Istòr {Male) 

— Sparviè {Ampezzo) — Valtou {Livinallongo) — Val tu {Ba- 
dia) — Poiorak {Luserna) — Falch {Parm.) — Sparvér, 
Astòr {Mod.) — Falchetfc da colomb, Falcat da pizon {Boi.) 

— Labar kokosar, Orlic' {Dalm.) — Escriveo {Nizz.) — Sparve 
{Gen.) — Astore, Sparviere da colombi {Tose.) — Falco da 
colombe, Astore {Valdich.) — Falco, Girifalco {Roma) — Fal- 
cone di torre. Sparviere {Nap.) — Asturi {Calàbr.) — Pir- 
niciaru, Spraviruni, Smirigghiu di gaddina {Sicil.) — Far- 
cuni {Girg.) — Asturi, Falcuni {Cat.) — Stori colombinu 
{Sard.) — Seker {Malt.). 

Specie sedentaria e sparsa in Italia e nelle sue isole, 
ma non comune; anzi vi sono provincie ove è di comparsa 
accidentale e in altre si vede soltanto di passo, onde è par- 
zialmente migrante. Ove pare essere più abbondante è in 
alcune località Alpine (Cuneo), in Toscana, e specialmente 
nella Sardegna. Cova da anni nel Casentino (alta vallata 
dell' Arno), ed ho avuto i nidiace! dalla Sardegna ; nidifica 
pure in Sicilia, nel Cadore e sui monti nella provincia di 
Cuneo. I giovani sono più facili ad aversi degli adulti, e 
sono essi, pare, che migrano; il loro passo ha luogo in aprile 
ed in settembre-ottobre-novembre. 

UÀ. palumbarius è sparso attraverso tutta la Regione 
Eurasica, e giunge nell' Himalaia. 

38*7. Accipiter NiSUS (Limi.) (ex Gesn.) 
Sparviere. 

Sparviere, Sparviere da fringuelli minore. Smerlo, Sme- 
riglio, Moscardo, Moscardino, Moschetto {Aut. Ital.) — Farjcàt, 



— 404 — 

Spara ve, Sparava die passre i Pieni.) — Farchet da passarci 
(Cuneo) — Petit mocet (Aosta) — Farchét, Farchétt, Far- 
chétto {Basso Piem.) — Falchett, Sparavé, Ganivell, Poja- 
nella (Lomb.) — Falchett, Ganivell, Gavinell ( Vali.) — Fal- 
chett {Varzi^ Cremoìi.) — Spara vèr, Falcheutt (Piac.) — Fal- 
chett da frangoi (Parm.) — Falchett da passar (Mod.) — 
Sparvier {Finale) — Falchett da la inanella longa, Falcat 
da passar {Boi.) — Falchett ( Vergato) — Falchett dalla coda 
longa (Ravenna ì — Falchett da lódole (Maìitov.) — Falchete, 
Sparvier, Storèla, Pojanéla (Ven.) — Falchetin, Falchetin da 
lodole (Veì'on.) — Sparvier, Filaudèl (Bell.) — Galinel (Ca- 
dore) — Falchetin (Feltre) — Pogianèlo {Rovigo) — Vidul, 
Falcùzz, Sparval {Friuli) — Agolétta, Gambiuél, Falchèt 
gris, Falchèt sparvier (Rovereto) — Falchét, Gambinel (Trento) 

— Falchette, Sparavier (Valsugana) — Agolin (Mezzolomb.) 

— Spara ver (Cagno) — Poiorak (Luserna) — Spinnar {Sette 
Comuni) — Falchetin, Giambinèl {Val di Non, Val di Sole) 

— Falcét, (^avinél (Val di Ledro) — Labric' (Dalm.) — 
Esparvié (Nizz.) — Crivèla grixa (Savona) — Farchetto da 
frenguelli, Siettua grixia (Gen.) — Farchèto {Spezia) — Fal- 
chette {Pisa) — Sparviere, Falce fringuellajo (Fior. Sen.) — 
Falce cenerine (Fiesole) — Sparviere (Valdich.) — Falce {(^m- 
hria) — Sparviere (Marche) — Falco palembine (Roma) — 
Sparviere {N^ap.) — Rampino, Riulo {Bari) — Petritt (Al- 
hanesi italici) — Pidrettu imperiale, Sprunieri (Terra d'O- 
tranto) — Farcu (Calnbr.) — Farcune {Catanzaro) — Astu- 
riceddu (Reggio Calabr.) - Spriveri, Spraveri, Sparveri 
(Sicil.) -- Kalchiettu (Pai.) -- Farchettn (CaMelh.) - Kar- 
chiettu {Cut. Caltag.) — Stri veri, Mancia jaddini (Modica) — 
Vedidore (Sard.) Ferideri, Zerpedderi, Spadderi (Cagl.) — 
Asterittu ferideri (Sass.) — Sparvier, Falqett (Mali.). 

Le Sparviere è uno dei nostri uccelli Rapaci meglio co- 
nosciuti e più abbondanti ; è sparse in tutta Italia e nelle 
isole, ovunque comune, sedentario, erratico nella stagione 



— 405 — 

fredda, e di doppio passaggio al seguito delle masse di uc- 
celletti migranti. Passa in settembre- ottobre ed in marzo-a- 
prile ; non pochi giunti d' oltr' Alpe rimangono a svernare 
da noi. Nidifica nel maggio. 

Vive in tutta la Regione Eurasica, nella Cina e nel- 
r India ; recentemente però si sono separate, forse non sem- 
pre con valida ragione, forme limitrofe affinissime, come sa- 
rebbero VA. pallens. Stejn. del Kamtschatka e del Giappone ; 
VA. melanoschistus, Hume, dell' Himalaia; 1'^. Nisus punicus, 
Eri. della Tunisia; VA. Granfi, Sharp, di Madeira; per non 
parlare del A. Nisus Wolterstorffi, Kleinschm. della Sardegna, 
che è assolutamente fantastico. Va detto che è specie assai 
variabile individualmente. 



388. Accipiter brevipes (Severtz.) 

Sparviere a gambe corte. 

Avevo già annunziata la probabilità della comparsa even- 
tuale di questa specie in Italia {Avifauna Italica 1886, pp. 264 
(nota), 472), quando ebbi la fortuna di ricevere il primo e 
sinora unico esemplare catturato nel nostro paese. È un ma- 
schio giovane e venne ucciso a Reggio Calabria, terra clas- 
sica per gli uccelli Rapaci, il 2 ottobre 1893 dal prof. Enrico 
Balducci, mio assistente, il quale me ne fece dono ; sulle 
prime fu creduto un giovane dello Sparviere comune ; si 
conserva nella Collezione italiana, (Cat. Ucc. 3789). A mia 
insaputa questo caso interessante venne pubblicato da altri. 

UÀ. hrevipes è stato collocato nel genere Astur, ma ec- 
cetto nella brevità dei tarsi, indicata nel suo nome specifiico, 
è un vero Sparviere ; il Gurney lo ha collocato nel genere 
Scelospizias, e forse ciò è meno male^ ma non mi pare ne- 
cessario separarlo dagli Accipiter di cui ha la fisionomia. Vive 
nel S. E. dell'Europa ed è stato preso in Serbia e nel Mon- 
tenegro, onde non è strana la sua comparsa da noi. Trovasi 
anche nelF Asia Minore e nell' Egitto. 



406 



F'A.NDIONIDJE 

[Falchi pescatori) 



S89. Fandion Maliaétus iLinn.) (ex Gesn.). 
Falco pescatore. 

Falco pescatore, Aquilastro [Aut. Rai.) — Acula pescoira 
{Cuneo) — Acula bianca {Basso Pieni.) — Piombò q i^[anfova) 

— Fàlch o Fèlcli da pess {Mod.) — Aquila monachina {Mi- 
randola) — Fàlchet pescadour, Aquilot {Boi.) — Falcon, 
Aquilóto {Padova) — Agolàz bianch {Rovereto) — Ribòlovo, 
Ciplar, Uklijar {Daini.) — Aigloun, Aigla bouscatiera (Nizz.) 

— Farco pescao {Arenzano) — Aquila pesceua {Gen.) — Falco 
pescatore (Tose.) — Alpiggine {Bient.) — Aquilotto {Massa- 
ciuccoli) — Arpia {Maremma) — Arpaggine {Elba} — Pu- 
iana da pesce {Marche) — Aquila pescatrice {Roma) — Aquila 
bastarda {Bari) — Cefalara {Reggio Calabr.) — Aculoccia di 
mari {Sicil.) — Cefalàru {Mess. Cat.) — laddinàru, Pisciàru 
yCat.) — Achili piscadrixi, Stori de pisci (Sarà.) — Achili 
de pisci (Cagl.) — Abila marina {Sass.) — Arpa {Malt.). 

Quest' uccello è sparso, ma non comune in Italia, ove è 
sedentario ; sembra essere più abbondante nelle nostre isole, 
e l'ho veduto in Corsica ed a Montecristo, ove annida. Alle 
epoche del passo anche questa specie viaggia, ma un passo 
regolare, aprile-maggio, non sarebbe stato avvertito che nella 
Lombardia (Cremona) ed in Sicilia (Messina), ed avrei qual- 
che dubbio in proposito ; è probabile si tratti di giovani er- 
ranti in cerca di località adatte alle loro abitudini pretta- 
mente ittiofaghe, per stabilirvisi colla compagna. 



— 407 — 

Il P. Haliaetus in senso stretto è proprio all' Emisfero 
orientale, ma le due forme congeneri, dell'America (P. caro- 
linensis, Gm.) e dell'Australia (P. leiicocephcdus, Gould), sono 
invero appena, seppure, separabili dalla nostra ; nella Colle- 
zione italiana ho esemplari che potrebbero facilmente passare 
per Americani ed Australiani. 

I Falchi pescatori, generi Pandion e Polioaetus, sono stati 
considerati quale formanti un gruppo primario a se " Pan- 
DiONEs ,, posto tra i Rapaci diurni e quelli notturni; ma a 
me pare che il carattere su cui Sharpe ed altri si sono ba- 
sati per stabilire una così fondamentale distinzione, cioè il 
dito esterno del piede versatile, non meriti tanto ; mentre 
meritano invece, questi Rapaci ittiofagi, per tale particola- 
rità, pel volo lento e gabbianesco e per altri caratteri', di 
essere collocati in una famiglia speciale. 



G YPA.É Tin^ 

{Gipeti) 



390. G-ypaètus barbatus (Linn.) 
Arpia. 

Avvoltojo barbuto, Gipeto barbato, Avvoltoio degli 
agnelli {Aut. Ital.) — Avultoio, [Madedmo, Volt.) — Storàzh, 
Falcón {Feltre) — Ai già. Ai già arpia {Nizz.) — A voltolo 
barbilo (Gen.) — Altore {Corsica) — Vuturu barbatu, Acid- 
dazzu barbatu (Sicil.) — Vuturu (Mess.) — Vuturu cu pettu 
russastru (Castelb.) — Bentrusiu de angiom, Bentruxiu, Ben- 
turzu, Anturzu, Antruxiu barbudu, Barbudu, Ingurt' ossu, 
Achila ossaja {Sani.). 

Quest' uccello è divenuto rarissimo sulle nostre Alpi, e 
soltanto s' incontra ancora, pare, su quelle occidentali e spe- 



— 408 — 

cialmente intorno al Colle di Tenda. Tra le ultime catture 
avvenute su quei monti ricorderò: un maschio catturato verso 
il 1874 ed una femmina uccisa il 31 giugno 187G sul monte 
Bego, sopra Cuneo, conservati a Brà nel Museo Craveri ; un 
maschio giovane ucciso il 21 gennaio 1886 a Couaraza presso 
Scarena (Tenda), che conservo nella Collezione italiana, {Cat. 
Ucc. 2590) ; un magnifico esemplare adulto preso sopra Val- 
dieri, agli ultimi del marzo 1887, conservato nel R. Museo 
Zoologico di Torino ; un altro splendido esemplare colto in 
quei luoghi è nel Museo Civico di Genova ; a Roma nel Mu- 
seo Zoologico universitario si conserva un bellissimo adulto 
ucciso pure sopra Valdieri, nel febbraio 1902; ed i fratelli Gal 
mi dissero di aver avuto i nidiacei da Saorgio i'Tenda) senza 
precisare la data. È stato asserito che qualche individuo si 
vede ancora sulle Alpi sopra Chiavenna e così sugli alti 
monti del Cadore, ma nessun fatto recente che io mi sappia 
è venuto a confermare tali notizie ; né so di alcun esemplare 
dell'Arpia veduto o colto nell'Italia peninsulare sulle maggiori 
vette dell'Appennino in questi ultimi tempi. Si trova seden- 
taria in Sicilia, nelle Madonie e nelle Nebrodi, ma in ben 
scarso numero ; il Moschella rammenta un esemplare ucciso 
a Saracinella presso Reggio Calabria nel 1872. Nella Sarde- 
gna è sedentaria e discretamente comune, ed è stata veduta 
in Corsica, ove si afferma che qualche coppia sia sedentaria 
sulle montagne maggiori. È però indubitato che nell' Italia 
questo singolare uccello va diminuendo. 

Questa specie varia notevolmente nelle dimensioni indi- 
pendentemente dal sesso e dall'età, ed ho notato che quelli 
presi sulle nostre Alpi sono notevolmente più grandi di quelli 
che vengono dalla Sardegna. 

Il G. barbatus è sparso sugli alti monti dell'Europa me- 
ridionale e ce)itrale, dai Pirenei al Caucaso ; e quindi sulle 
maggiori catene dell'Asia centrale, sino alla Cina, e sull'Hi- 
malaia. Quello che vive sui monti più alti dell' Africa N. e 
N. E. è stato distinto in due forme ben poco diverse : (j. 
barbatuH atlanUs, Eri. e G. ottsìfragu^, Savign. 



— 409 — 

La posizione sistematica del genere Gypaetus è dubbiosa, 
molti lo collocano tra le Falconidce presso le Aquile, altri tra 
le Vulturidce ; ma sono ora d' avviso che è più logico farne 
una famiglia a sé. 



VUL, T UJRinJE 

{Avvoltoi) 



291. Vultur Monachus, Limi. 
Avvoltoio. 

x'^vvoltojo nero leprajolo, Avvoltoio nero [Aut. Ital.) — 
Mrcinjas kapas, Orlina {Dalm.) — Avoltoio neigro (Gen.) — 
Vuturu^ Buturu, Buturu niuru (Sicil.) — Contruxiu, Ben- 
truxiu, Antruxiu, Benturzu, Bentruxiii nieddu iSard.). 

Questa specie, il più grande dei nostri Rapaci, è raris- 
sima nell' Italia continentale e peninsulare, ove non fa che 
accidentali comparse; cosi ne sono state registrate catture nel 
Veneto (Friuli), in Lombardia, nell'Emilia, in Liguria, nelle 
Marche, in Toscana e nella Calabria, evidentemente indivi- 
dui erratici. Nella Sicilia è scarsa, ma sedentaria ; mentre in 
Sardegna è ancora abbastanza comune e sedentaria ; sembra 
però esservi in diminuzione, giacché era certamente più ab- 
bondante una trentina d'anni fa. Ne vidi uno a Portovecchio 
in Corsica il 26 settembre 1877. 

Il T^. Monachus ha poi una larga diffusione attraverso 
le contrade centrali della Regione Eurasica, giunge nella Cina 
e neir India e vive pure nel N. E. dell' Africa. 



— 410 



29S. G-yps fulvus (J. F. (ìmel. ex Ray) 

(ÌKll'ONE. 

Grifone, Avvoltojo fulvo, Grifone italiano {Aut. Ital.) — 
Avoltqj [^[od. Boi.) — Avariai. Variai (Friuli) — Avoltojo 
(Padova, Rovigo) — Gripina, Mrcinjas celo, Strvinar, Orlina 
(Dalm.) — Votour, Tamisié (Nizz.) — Avoltoio (Gen.) — 
Aquila {Umbria) — Grifone (Nap.) — Avvortoio [Calabr.) 
— Vufcùru, Butùru, Pedderi [Sicil.) — Vuturazzu (3Iess. 
( 'astrog.) — Arpazza [Cat. Modica) — • Mascolina, Mangia 
scecchi {Modica) — Grifìini {Glrg.) — Antraxia, Bentruxia, 
Contruxiu, Anturzu, Benturzu, Bentruxia murru {Sard.). 

Il Grifone trovasi sulle Alpi marittime e non è raro su 
quelle del Friuli, diventando comune sulle Dinariche e lungo 
la costiera Dalmata ; nidifica suU' isola di Cherso. Viaggia più 
degli altri Avvoltoi ed è stato preso nel 1872 nel Pavese 
(Prada) : nel Novarese ne venne colto uno nel 1899 (Marto- 
relli) ; nel 1842, 1853 e 1863 comparve nel Modenese (Do- 
derlein); nel Parmigiano fu ucciso a Diolo (Val di Chero) il 
21 ottobre 1885 (A. del Prato); più volte in Liguria (Calvi, 
Durazzo) ; sul Calvagione (Monti) ; nel Mantovano, Vicentino 
e Trevigiano (Perini) ; nell' ottobre 1884 a Loreo, Rovigo 
(Arrigoni); a Firenze fuori Porta Romana (Giglioli); a Mar- 
radi nel 1859 ed a Bevagna nell'Umbria (Salvadori) ; a Ta- 
ranto ne venne ucciso uno il 22 ottobre 1888 (De Romita); 
due sfiniti si fecero prendere nel settembre 1888 in Calabria, 
uno a Terretti l'altro a Capo d'Armi, prov. di Reggio (Mo- 
schella). 

In Sicilia è sedentario e non raro nei luoghi montuosi, 
ove nidifica in febbraio-marzo ; ne vidi volare sopra Modica 
nel 188J. Nella Sardegna è pure sedentario e comune, essen- 
dovi assai più abbondante della specie precedente. Non è ci- 
tato dalla Corsica. 



— 411 — 

Il (t. fulcus vive neir Europa meridionale e centrale, 
nell'Africa settentrionale giungendo sino al Sudan, e nell'Asia 
occidentale. 

Va rammentata la singolare diversità che passa nel piu- 
maggio e nella forma delle penne tra i giovani e gli adulti 
in questa specie ; differenza sulla quale venne a torto stabi- 
lito un Gyps occidetitalis, che non esiste (Cfr. Savi, Orn. Ital. I, 
pp. 99, 101. Firenze 1873). 



393. Neopliron Percnopterus fLinn.) (ex Gesn.) 
Capovaccaio. 

Vaccaja bigia, Vaccaja scura, Capovaccajo {Aut. Ital.) — 
Crkayica. Bili oro {Dalm.) — Resclucié, Riiscacié {Nizz.) — 
Capovaccajo, Aquilotto [Monte Argentario.^ Maremma Toscana) 

— Baccalotto (/. di Giglio) — Avvoltoio aquilino. Avvoltoio 
bianco (Sen.) — Pascalia [Rossano, Cosenza) — ■ Pasqualia [Ca- 
tanzaro) — Nia [Reggio Calahr.) — Vuturu jancu, Albanèdda 
perdi-jurnàta [Pai.) — - Pasqualinu [Castelb. S. Mauro., Colle- 
sano) — Vuturu biancu [Girg.) — Aciddàzzu di passa [Mess.) 

— Tignusu [Modica) — Mascolinu [Sicil.) — Avultoun, Ai- 
qla [Malt.). 

Vive sedentario sulle Alpi marittime, nella Maremma 
Toscana e specialmente sulle alture presso Piombino, sul 
Monte Argentario ed all' isola del Giglio, tre località dove è 
sedentario e nidificante ; nella Campagna di Eoma, partico- 
larmente a Castelporziano e nel Maccarese, nelle paludi Pon- 
tine ; dalle provincie nostre meridionali, ebbi un giovane tolto 
dal nido presso Matera in Basilicata il 22 giugno 1882, e due 
nidiacei, maschio e femmina, pure presi dal nido viventi, nei 
pressi di Palagianello (Taranto) il 18 ottobre 1887 ; Marto- 
relli ebbe un semi-adulto dalle Puglie nel marzo 1902 ; in 
Calabria è al dire del Moschella e del Lucifero, sedentario e 



— 412 — 

piuttosto frequente ; secondo il march. A. Lucifero nella prov. 
di Catanzaro sarebbe però estivo, giungendo in primavera per 
nidificare sulle rupi, ripartendo nell'autunno; caso notevole 
invero. In Sicilia è pure sedentario, ma al solito, localizzato 
e non abbondante. In Sardegna e nella Corsica questa specie 
sembra mancare affatto, cosa singolarissima, ma confermata 
sinora da tutti gli osservatori competenti. Nidifica tra l'aprile 
ed il luglio, deponendo due uova. 

Il N. Percnopterus non è infrequente sul litorale Dal- 
mato ; è generalmente sparso nell' Europa meridionale, ha 
anche nidificato al N. delle Alpi vicino a Ginevra ; va però 
considerato specie circum medi terranea, inoltrandosi alquanto 
nell'Africa e nell'Asia occidentale. 



413 — 



STEGANOPODES 



{Pellicani) 



S94. Pelecanus crispus, Bmcli 
Pellicano eiccio. 

Nesic (Dalm.) — Pillicanu [Sicilia). 

Questa bella specie giunge accidentalmente in Italia, e 
sono assolutamente puerili le asserzioni in contrario. Ho già 
espresso la mia meraviglia di veder escluso dall'Avifauna ita- 
lica il Pellicano riccio da un' autorità in materia quale è il 
mio vecchio amico Tommaso Salvadori ; e sono poi sorpreso 
come, quasi a malincuore e sulla mia personale autorità, lo 
ammette nella recente sua opera l'Arrigoni (Man. orn. ital. 
p. 782). È davvero strano vedere fatti patenti posti in 
dubbio ! 

Non intendo dunque tornare sul passato in riguardo alla 
comparsa di questa specie in Italia, ma ai casi già pubbli- 
cati mi compiaccio di aggiungere quello di un magnifico ma- 
schio adulto ucciso a Cotrone (Catanzaro) il 3 aprile 189-i; era 
arrivato esausto sulla spiaggia dell'Ionio, presso la foce del fiume 
Neto ; mi giunse in carne a Firenze, dono gentile del senatore 
barone Roberto Barracco ; notai che la borsa gulare era di 
color rosso mattone. Si conserva nella Collezione Italiana 
(Cat. Ucc. 3485). Aggiungo anche un maschio nel primo abito 
giovanile dalla Sicilia, che faceva parte di un grosso branco,. 



— 414 — 

tutto di giovani, comparso sulla spiaggia di Pozzallo, alla 
estremità meridionale dell' isola, nel gennaio 1877, dopo una 
fiera burrasca ; molti vennero allora uccisi e tre di essi al- 
meno erano conservati nel Museo del R. Istituto Tecnico 
" Archimede ,, in Modica. Sulle prime avevo creduto che quei 
giovani Pellicani presi a Pozzallo fossero dei P. Onocrotalus 
(Cfr, Avif. Ita!. 1880, p, 209), ma ho dovuto correggermi. In 
conclusione dirò che gli esemplari del P. crispus autentici 
catturati in Italia e da me esaminati sono sei, cioè : un gio- 
vane preso a Calcio suH'Oglio nel 1855 (E. Istituto Tecnico 
di Bergamo) ; un maschio adulto catturato a Nonantola, Mo- 
dena, primavera 1865 o 1866 secondo Canestrini. (Coli, cen- 
trale ital. Firenze, Cat. Ucc. 1395) ; un maschio giovane e 
due altri simili, Pozzallo, Sicilia, gennaio 1877 (Coli, centrale 
ital. Firenze, Cat. Ice. 2274, e R. Istituto Tecnico di Modica). 
Abbiamo inoltre un'esemplare citato dal Moschella e poi dal- 
l' Arrigoni {Man. oì'ìi. ital. p. 782) che sarebbe stato catturato 
a Melito nella Calabria in dicembre 1889, ed un maschio adulto 
ucciso a Camporeale, Palermo, l'S maggio 1890, conservato nel 
Museo Zoologico della R. Università di Palermo ; io non ho 
veduto i due ultimi citati. 

Il P. crL'ijju.s pesca abitualmente nell'Adriatico alle foci 
del Narenta, vive in colonie nella Bosnia-Erzegovina ; dal 
S. E. dell'Europa si estende attraverso l'Asia temperata sino 
alla Mongolia e alla Cina, e giunge pure nel N. 0. del- 
l' India. 



295, Pelecanus Onocrotalus, lAnn. (ex Gesn.) 
Pellic.xno. 

Pellicano, Onocrotalo (Aut. Ital.) — Pelicàn, Pelicano 
{Pierri. Lomh. Emilia) — Pelicàn, Gróto [Ven.) — Pelican, 
Oca de neve [Polesine] — Pellican {Gerì.) — Pellicano {Tose. 
Umbria, Roma, Nap.) — Tambau {Bient.) — Pellicanu {Terra 



— 415 — 

dCOtranto) — Pillicanu [Reggio, Calabr.) — Pillicanu, Pelicanu, 
Saccu {Sicil.) — Pellicanu {Modica) — Pilucani {Terrari. Si- 
di.) — Pellicanu {Sard.) — Sassla, Pellican {Malt.ì. 

Questa specie capita irregolarmente da noi e ad epoche 
indeterminate, onde è stata presa casualmente quasi ovunque 
in Italia e sulle sue isole. Non di rado in tali comparse giunge 
in grossi branchi, e ricorderò ancora quello di circa cento 
individui che capitò sul Po presso Casale nella primavera 
del 1858. 

Il P. Onocrotalus vive gregario in grandi colonie nel 
S. E. dell'Europa, in quasi tutta l'Africa e nell'Asia occidentale, 
giungendo nell' India. Più ad oriente nell'Asia lo rimpiazza 
il P. roseus, Gm. vel minor E-iipp. simile, ma più piccolo e 
con caràtteri dififerenziali ben distinti. E stato asserito che 
questo Pellicano capita talvolta nell'Europa orientale e nella 
Sicilia, ma sinora tale asserto non è stato provato, per l'Italia 
almeno. E però interessante il fatto che sul Golfo Persico e 
nello Sind (India), ove le aree delle due specie si sovrappon- 
gono, si sono avuti individui con caratteri di entrambe, forme 
intermediarie che riterrei per ibridi. 



PHALACnOCOFtA-Cin^^ 

{Marangoni) 



296. Phalaerocorax Garbo (Linn.) (ex Gesù.) 
Marangone. 

Marangone, Corvo acquatico. Cormorano (Aut. Ital.) — 
Cròv marln {Pavia) — Còrv marèn {Mod.) — Marangon 
{Boi.) — Corv marin {Boi. Romg.) — Corov marèn, Smécc 
{Ravenna) — Smago, Corvo marin ( Ven.) — Smergon {Friuli) 
— Marangone, Cormorano {Trentino) — Yranac, Morski ga- 



— 416 — 

vran [Dalm.) — Cuormouran, Courmouran (Nizz.) — Magrun 
grosso neigro (Gen.) — Marangone, Corvo di mare (Tose.) — 
Mergollo {Massaciuccoli) — Margone (Elba) — Corvo marino 
(Ayicona) — Marangone Cmbria) — Marangone, Mergone 
[Roma) — Caòrvo de mare, Cuòrvo marino, Cuòrvo d'acqua, 
Corvastro (Nap.) — Mierue marino {Bari) — Lenfia, Linfia 
{Terra d^ Otranto) — Corvu marino [Rossano, Cosenza) — Cefa- 
laru (Catanzaro) — Cuòrvo de mare, Marguni (Calabr.) — 
Corvu marinu, Marguni, Maraone, Maraguni, Marauni (Sial.j 
— Margune (Mess.) — Crobu anguiddargiu, Corvu marinu 
{Sard.) — Magròn, Agòn, (Carloforte^ Sard.) — Margun 
(Malt.). 

Specie comune e sedentaria in molte parti d'Italia, ove 
sono lagune e luoghi adatti ; altrove è di accidentale com- 
parsa durante 1' inverno, quando i giovani sono gregari e 
più o meno erratici ; cosi in Piemonte, nella Lombardia e nel- 
l'Emilia ; nelle Puglie il De Romita la dice invernale, io ne 
vidi moltissimi individui sul lago di Lesina nell'ottobre 1902. 
Non sarebbe tanto comune ed è specialmente inveruale in Si- 
cilia; abbonda ed è sedentaria nella Sardegna ed anche, ma 
meno, in Corsica, ove la vidi ad Ajaccio e sullo stagno di 
Biguglia, Bastia. 

Il I\ Carbo può dirsi quasi cosmopolita, giacche vive in 
tutta Europa, in gran parte dell' Asia e dell' Africa, nella 
(rroenlandia, negli Stati atlantici dell'America boreale, e fi- 
nalmente in Australia, alla Nuova Zelanda e nelle isole 
Chatham. E soggetto a lievi variazioni individuali nelle di- 
mensioni generali ed in quelle del becco, ma non hanno al- 
cuna importanza neanche subspecifica. Lungo il lembo orien- 
tale dell'Asia vive la specie più affine, /'. filanientosux (Tenim. 
e Schleg.j. 



— 417 — 



2G'7. Phalacrocorax G-raculus (Linn.) (ex Aldrov.) 
Marangone col ciuffo. 

Marangone largup, Marangone col ciuffo, Cormorano 
medio {Aut. Ital.) — Galica, Vran {Dalm.) — Magrun gianco 
(Gen.) — ? Corv marèn {Mod.) — Marguni, Marangoni pettu 
biancu (il giov.), Cuorvu mariuu tupputu {>Sicil.) — Marguni 
svariu {Mess.) — Cuorvi di mari {Modica) — Crobu de mari, 
Crobu anguiddargiu (adulto), Crobu brenti gianca (il giov.) 
(Sard.) — Agòn {Carloforte, Sard.) — Mangiapallini (isola di 
Lampedusa). 

Questa specie, come scrissi sin dal 1886 {Avif. Ital. 1886, 
p. 27'2), è singolarmente localizzata in Italia ; cosi, si trova 
abbondantissima e sedentaria lungo le coste rocciose della 
Corsica, della Sardegna e delle loro isolette ; giunge talvolta 
all'Elba, e pare essere sedentaria, ma meno frequente, sulle 
coste della Sicilia. Neil' Adriatico è comune nel Quarnero e 
sul litorale dalmato, ove è, di solito, sedentaria e gregaria ; 
di rado attraversa quel mare per fare casuali apparizioni sul 
nostro litorale delle Marche e delle Puglie. È uccello eminen- 
temente gregario e marino. 

Ho riesaminato con cura la quistione delle pretese dif- 
ferenze tra il P. Graculus tipico delle coste dell'Europa occi- 
dentale, e quello del Mediterraneo, che ebbe dal Payraudeau 
molti anni fa il nome di P. Desmaresti ; ho fatto un accu- 
rato confronto con esemplari nordici adulti, ma non ho avuto 
giovani esemplari ; è positivo che i molti esemplari dei due 
sessi e di ogni età di provenienze mediterranee da me esa- 
minati, sebbene presentino lievi variazioni individuali nelle 
dimensioni del becco, hanno sempre questo relativamente lungo 
e sottile, ed in uno dei primi stadi giovanili del piumaggio 
hanno le ^j«r^2 inferiori di un bianco quasi puro ; questi sono 
appunto i caratteri attribuiti al P. Desmaresti, mentre il 

27. 



— 418 — 

P. Graculus tipico dovrebbe avere nell'adulto becco più corto e 
uel giovane le parti interiori non mai di un bianco puro. Nessuno 
degli esemplari dal Mediterraneo è in questo caso ; mentre 
hanno dimensioni alquanto maggiori e becco più corto e più 
grosso due esemplari adulti co-tipi del P. croaticus, Brusina 
da Glavina (isola Cherso) Quarnero, uccisi il 25 marzo 189(i, 
che mi stanno innanzi ; ed il più vecchio di essi, sebbene 
femmina, non è distinguibile da un bellissimo maschio adulto 
col quale l'ho confrontato minuziosamente, un tipico P. (ira- 
culus ucciso a Mayo l'Irlanda) nel marzo 1900 che devo alla 
cortesia dell'amico onorevole W. Rothschild; non rimarrebbe 
come carattere differenziale notevole che l'addome bianco degli 
esemplari giovani nella forma mediterranea. Concludo dun- 
que che, volendo pure ammettere una distinzione subspeci- 
fica (più non si potrebbe) tra i Marangoni col ciuffo nordici 
e mediterranei, bisogna riferire quelli della costa orientale 
dell'Adriatico, nei quali il Brusina credette a torto vedere 
una specie nuova, alla forma tipica delle coste Atlantiche e 
del Mare del Nord ; quelli del Mediterraneo alla forma che 
ebbe il nome del Desmarest. La prima vive dunque sulle 
coste dell'Europa occidentale dall' Islanda al Portogallo e vi 
aggiungo l'Adriatico e forse il'Mare Nero ed il Mar Caspio; 
la seconda sarebbe propria al Mediterraneo. Sono però, ri- 
peto, tutto al più subspecificamente separabili, e dubito an- 
che se ciò sia l'attibile. Il Martorelli, il quale fece confronti 
e misurazioni minuziose delle due forme, venne alla conclu- 
sione che il P. Desmaresti è una pura fantasia {Ccc. d^ Ita- 
lia, p. 319, nota 2). 



298. Microcarbo pygmaeus Pali.) 
Maisanoone nano. 

Marangone nano, Cormorano pigmeo, Marangone minore 
(Aut. Jtal.) — Corvo marin })icolo, Corvéto marin, Corvt'to 
marin foresto, Marangòn picolo, Màzzaro dindio picelo (T'cw.) 
— Kaloser {Daini.). 



— 419 — 

Il Marangone nano è di accidentale comparsa nell'Italia 
propriamente detta e nelle sue isole ; alcuni individui sono 
stati presi isolatamente nel Piemonte, in Lombardia, nel Ve- 
neto, nella Liguria, nelle Marche, in Toscana, nel Napoletano, 
nelle Puglie, in Calabria, in Sicilia e nella Sardegna ; in 
un'occasione, essendo imbarcato per studi talassografici sulla 
R. nave " Washington, ,, il 14 agosto 1882, a breve distanza 
da Selinunte sulla costa meridionale della Sicilia, vidi un 
P. pygmceus volare vicinissimo alla nave ; ed il 25 maggio 
1887, mentre a bordo della R. nave " Murano ,, mi trovavo 
nello stretto di Messina, ne vidi un branchetto di quattro 
individui che si dirigeva verso il Faro. Conosco de visu al- 
meno quattro esemplari colti in Sardegna, due dei quali sono 
ora nella Collezione italiana del E. Museo Zoologico di Fi- 
renze (Cfr, Avif. Ital. 1886, p. 273, ove sono pure citati altri 
casi di catture avventizie avvenute in Italia). Il marchese 
Armando Lucifero ne ricorda tre esemplari, capitati a Co- 
trone, gli ultimi due nell' ottobre 1878. Nella collezione del 
conte U. della Gherardesca è una femmina uccisa ad Orbe- 
tello nel dicembre 1896. Non credo abbia mai nidificato da 
noi, ma ciò avviene in vaste colonie nella Dobrudscia e lungo 
il basso Danubio ; sulle coste della Dalmazia intorno alla 
foce del Narenta è comune e forse nidificante. 

Questa specie vive inoltre in alcune contrade dell'Europa 
centrale e meridionale orientale, nell'Asia occidentale e cen- 
trale e nell'Africa settentrionale (i^lgeria) ; non è certo fre- 
quente nella Tunisia. 



— 420 — 

DYSFOFlIDu^ 

(JSule) 



S99. Sula Bassana (Linn.j (ex Gesn.) 
Sul A. 

Di comparsa accidentale sulle nostre coste; ultimamente 
però, forse perchè le osservazioni ornitologiche in Italia si 
vanno facendo più numerose e più accurate, i casi della 
identificazione e della cattura di questa specie da noi si no- 
tano più frequenti. 

Come ho già detto, il primo caso accertato della comparsa 
della iS. Bassana in Italia venne avvertito nell'inverno (gen- 
naio) 1871 presso Savona; la prima cattura, colla fiocina sott'ac- 
qua, di un giovane nel primo abito, avvenne nel canale di 
Piombino il 7 novembre 1877, l' esemplare si conserva nella 
Collezione italiana del R. Museo Zoologico di Firenze {Cat. 
Ucc. 776) ; il 30 dicembre 1882 ne ebbe una, pur giovane, a 
Mondello, Palermo, il prof. P. Doderlein; contemporaneamente 
o quasi, un' esemplare di questa Sula fu ucciso presso la 
spiaggia di Sampierdarena, Genova, da S. Queirolo ; il 15 
agosto 1888 A. (liulianetti ne vide una posata sull' acqua 
presso Capo S. Vito, Elba; due giovani vennero colti a Reg- 
gio Calabria, ottobre 1898 e 19 gennaio 1899 ; una magni- 
fica femmina adulta venne presa, colla fiocina come la prima, 
sul Capo Spartivento, Sardegna, 1*8 gennaio 1899 e si con- 
serva pure nella Collezione italiana a Firenze [Cat. Ucc. 3(598); 
nel maggio o giugno 1901, fu catturato un'esemplare a Tra- 
pani ; ai primi del gennaio 1902 un adulto fu ucciso in mare 
tra Porto Maurizio ed Oneglia (Salvadori) ; nel gennaio 1903 
il Whitaker ne ebbe un' adulto a Palermo ; una femmina 
giovane si fece prendere viva colle mani da una donna il 
18 giugno 1904, a Montiglio (Piemonte); e finalmente alla fine 



_ 421 — 

del novembre 1904 venne ucciso un giovane nelle acque di 
Civitavecchia. Già menzionai l'esemplare conservato nel Mu- 
seo di Trieste, che sarebbe stato preso in quei pressi circa 
il 1842 ; e ho saputo, per lettera del 10 marzo 1899, dal conte 
E. Arrigoni, che due esemplari adulti sarebbero stati presi 
nel mare di Venezia ; queste sarebbero le sole catture avver- 
tite neir Adriatico. 

Evidentemente questa specie, che vive in colonie sulle 
coste dell' Atlantico boreale, notevolissima quella sul Bass 
Rock sulla costa N. E. dell' Inghilterra ; diventa erratica, 
per lo più durante 1' inverno ; ed allora giunge nel golfo del 
Messico ed entra nel Mediterraneo, facendosi vedere anche sul 
litorale settentrionale dell' Africa ; anzi non sembra essere 
tanto rara lungo quello della Tunisia, secondo Whitaker. 



A'2'2 



HERODIONES 



{Sgarze) 



300. Ardea cinerea, Limi, (ex Bell.) 
Airone. 

Airone, Sgarza, Airone cenerino, Aghirone cenericcio, 
Nonna [Aut. Ital.) — Aironu, Eironn, Giacou-téner (Piem.) 

— Neron {Susa) — Nejroun {Cuneo) — Lirun gros {Lago di 
Viverone) — Ardea, Sgolgia^, Sgolgion, Airón, Perdigiorni 
grosso, Perdigiorno {Basso Piem.) — Giacou d*eva {Alba) — 
Sgòlgia, Sgolgioun, Ocoùn, Sgarz, Airon zenerin, Airon 
(Lomb.) — Ardea {Bresc. Valt.) — Sgoulgión {Pavia) — 
Sgoulgiòon {Vigevano) — Smarga, Smargon {(Jremon.) — Pit 
morgòn (Parm.) — Airon, Airon gròss, Sgai'za gròssa {Mod.) 

— Sghèrz, Catella fumana {Carpi) — Gatta cenerina, Tren- 
t'oss (Coreggio) — Sgherza, Sgarza zenerina, Sgarzon {Boi.) — 
Sgherz real {Ponig.) — Sgbérz zinarén {Ravenna) — Airon, 
Sgàrzo, Sgàrzo zenarin. Garzo, Sgardo ( Ven.) — Sgarzo ze- 
nerin {Veron.) — Sgarzo canoro {Caorle) — Airòn, Airòu blanc. 
Garze, Sgarze, Crotar {Friuli) — Sgarza (Vicenza) — Airon 
zenerin {Feltre) — Sgàrdo zenerin {Padova) — Garz, Sgarz, 
Sgarza, Airon {Trentino) — Gak modras, Caplja, Zeka {Daini.) 

— Goitre gris, Govitre (Nhz.) — Perdigiorni grosso, Perdi- 
giorni senein (Gen.) — Perticòla {Spezia) — Nonna, Gianna 



— 423 — 

(Pisa) — Berta {Massaciuccoli) — Berta grossa (Vecchiano) 

— Sgarza cenerina (Fior.) — Bertela, Bertela cenerina {Lucca) 

— Scarza bigia (Caseìitino) — Cecero [Murlo, Sen.) — Scarza 
(Vaìdich.) — Giannaccia (Maremma Tose.) — Nonna, Scar- 
ziuo (Elba) — Airone, Sgarza {Umbria) — Sgarzetton, Piede 
al giorno, Cicogna (Marche) — Sgarzettone (Ancona) — Airone 
(Rieti) — Airone, Beccapesce, Oca-cicogna (Roma) — Airone, 
Aurione, Ariòne cenerina (Nap.) — Arione imperiale (Bari) 
Arione (Terra d'Otranto) — Aròj (Lecce) — Urseddu (Ros- 
sano^ Cosenza) — Russeddu (Catanzaro) — Cicogna, Cicogna 
chiumbina, Airuni (Calabr.) — Aroi, Aruni, Grassetta impe- 
riali, Airuni cinirisu, Airnni tunisinu, Russeddu cinnirinu 
(Sicil.) — Buturu di Gaddazzi (Pai.) — Janni, Janna zzu, Ga- 
nacciu (Cat. Sirac.) — Airuni masculu o tunisinu (Cat.) — 
Airuni o Russidduni cinirisu od imperiali (Girg.) — Rus- 
sieddu cinniraso (Modica) — Ariuni cinnirinu (Terranov. 
Sicil.) — Perdizornadas, Menga (Sarà.) — Russet irmiedi 
imperiai (Malt.). 

Questa specie è comune e sparsa ovunque da noi, e ri- 
spetto air intera regione italica va considerata sedentaria; 
giacete se in alcune provincie è prevalentemente di passo^ 
in altre specialmente estiva ed in altre ancora invernale, si 
trova in Italia in ogni stagione e vi nidifica. In qualche 
località ove sono estese paludi vive in numerose colonie, dette 
appunto garzate. Va però notato che alle due epoche del 
passo, luglio-settembre e marzo-maggio, e più specialmente 
in quest' ultima, è più abbondante nel paese nostro, che si 
trova evidenteraejite su una delle grandi vie delle sue rego- 
lari migrazioni. In Italia nidifica dal maggio al luglio. 

L'^. cinerea e specie quasi cosmopolita giacche abita 
tutta la Regione Eurasica, generalmente al S. del 60» Lat. 
N.; quasi tutta l'Africa, compreso il Madagascar; la Regione 
Indo-Malaiana, e peneti-a nella Australiana. 



— 424 



301. Ardea purpurea, Limi, (ex Briss.) 
Airone hosso. 

Granocchiaja, Ranocchiaia, Aghirone purpureo, Airone 
rosso (Aut. Ital.) — Airoun rouss (Piem.) — Leiroun {Cuneo) 

— Lirun rus (Lago di Viverone) — Ardea rossa, Airòn ross, 
Perdigiorno rosso (Basso Pieni.) — Sgolgia, Airon rus. Garzo, 
Sgarz, Sgolg (Lomb.) — Sgòlgia rossa, Sgoulgión {Pav.) — 
Sgoulgiòon (Vigev.) — Sgolgia roussa {Milano) — ? Garza 
{Bresc.) — Sgolgion {^'aIf.) — ? Tirabuss (Creìnon.) — Sgarz 
ross, Sguac (Mantov.) — Sghèrz, Airon ross {Mod.) — Ga- 
tella rossa [Carpi] — Sgazella {Mirandola) — Gatta trenta- 
cost rossa {Careggio) — Sgarza rossa, Garzon ross {Boi.) — 
Sghérz róss {Ravenna) — Sgardo, Garzo o Sgarzo rosso, 
Sgardéla rossa, Sgarz {Ven.) — Airon, Crotar (Friuli) — 
Airòn {Bell.) — Garz, Sgarz ross. Sgarza rossa, Airon 
{Trentino) — Gak zmijar, Sakrta {Dalm.) — Goitre rous 
(Nizz.) — Perdigiorni russo {Gen.) — Perticòla {Spezia) — 
Nonna rossa {Pisa) — Berta rossa ( Vecchiano) — Fiascaccio 
{Massaciuccoli) — Bertola rossa {Lucca) — Scarza rossa, Billo 
marino. Becca-ranocchie ( Valdich.) — Gianna o Giannaccia 
rossa {Maremma l'ose.) — Granocchiaja, Ranocchiaja {Fior.) 

— Scarza rossa {Casentino) — Nonna rossa {Sen.) — Gianna 
{Elba) — Sgarza rossa {Fnibria) — Cicogna {Fnibria, Mar- 
cile) — Sgarzettone rosso (Ancona) — Beccapesce, Oca-cicogna 
{Roma) — Rossièllo, Russièllo {Nap. Ischia) — Russieddo, 
Russiedd {Bari) — Fuso {Terra d'Otranto) — Urseddu (Ros- 
sano, Cosenza) — Rnssiellu, Russieddu. Russeddu (Calabr. Si- 
di.) — Russieddu russu (J/orf^Crt) — Russeddu russu {Girg.) — 
Russiddazzu (Terranov. Sicil.) — Rossellu {Sirax;.) — Russeddu 
carisi {Pai.) — Menga, Menga arrubia {Sard.) — Russet 
culur cannella {Mali.). 



- 425 — 

Meno abbondante della specie precedente da noi e ge- 
neralmente di passo, più frequente, in primavera, marzo- 
maggio, meno numeroso nell'autunno, settembre-novembre. 
Ma in scarso numero rimane anche a nidificare in Italia e, 
secondo alcuni osservatori, qualche individuo svernerebbe 
pure da noi, asserzione che richiede però conferma. 

È specie ben nota in tutto il paese nostro e nelle nostre 
isole e può dirsi comune. 

E vero che questo Airone ha delle dita lunghissime, ma 
non saprei seguire il mio amico Stejneger, il quale per esso 
e per l'affine A. manillensis, Sharpe, ha escogitato un genere 
distinto col nome poco eufonico di Phoyx (Cfr. Proc. U. S. 
Nat. Mus. X. p. 311) equivalente al non meno inutile 
termine generico Pyrrherodias di Finsch e Hartlaub, che ha 
la precedenza. 

U A. purpurea è specie estiva nell'Europa meridionale e 
centrale; trovasi nelle parti temperate dell'Asia occidentale 
e centrale sino al Turkestan: sverna nell'Africa. 



SOS. Egretta ' ^^ alba (Linn ex Gesn.i 
Sgarza. 

Sgarza bianca maggiore. Egretta, Airone bianco mag- 
giore {Aut. Ital.) — Lirun bianc {Lago di Viverone) — Ai- 
roun, Leiroun bianch [Basso Pieni.) — ■ Sgòlgia o Sgolgión 
biaénch (Pavia) — Airon bianch (Vali.) — Smarga bianca 
(Cremon.) — Och margòn (Mantov.) — Airon bianc {Mod.) 
— Sgarzeìla {Mirandola) — Sgarza bianca, Airon, Sgherza 
grande [Boi.) — Airoun (Romg.) — Sghérz bianch (Ra- 
venna) — Sgarzo, Garzo o Sgardo bianco, Sgardéla, Sgardéla 
bianca ( Veìi.) — Airon bianco (Feltre) — Airone bianco 



(1) Non uso il termine generico Herodias di Boie, che va se- 
condo Agassi z corretto in Herodms, ed è allora preoccupato per u u 
genere di Coleotteri. 



— 426 — 

{Bell.) — Sgarzo bianco, Airon {Polesine) — Airon blanc 
{Frulli) — Gak bilac, Balasir (l)alm.) — Goitre blanc, Ai- 
gretta {Nizz.) — Perdigiorni gianco {Gen.) — Sgarza bianca 
(Tose.) — Bertela bianca, Garza ^ Lucca) — Gran Airone 
d' Italia {Sesto fìorent.) — Scarza bianca^ Mugnaio grosso 
{Valdich.) — Airone maggiore {Sen.) — Giannaccia bianca 
{Maremma Tose.) — Garza, Garza bianca (Massaeiuecoli) — 
Sgarzettone bianco {Marche) — Sgarza ( Umbria) — Airone 
bianco. Beccapesce bianco {Roma) — Airóne janca, Aurana, 
Aurana janca (Nap.) — Garzettone (Bari) — Cicogna jauca, 
Cicogna ianca rande, Russeddu ianco {Calabr.) — Aroi o Ai- 
runi jancu impiriali {Sieil.) — Aroi jancu {Mess.) — Ariuni 
biancu {Terranov. Sieil.) — Grassetta janca imperiali, Janni 
imperiali l^iancu (Cat.) — Azzetta imperiali bianca {Sirac. 
Lentini) — Cicugna imperiali {Finale) — Russeddu imperiali 
biancu (Girg.) — Cicogna 'mperiali {Castelb.) — Menga bianca, 
Garza bianca^, Cau marinu, Menga bianca manna (Sarà.) — 
Airun abiad, Quack abiat (Mali.). 

Specie generalmente scarsa da noi, ove però è stata tro- 
vata quasi ovunque ed in quasi ogni stagione; ma non risulta 
che abbia mai nidificato in Italia. In alcune provincie è sol- 
tanto di doppio passo, in altre è prettamente invernale; 
questo è il caso specialmente pel basso Veneto, nelle cui « valli » 
durante la stagione fredda questo bellissimo uccello è talvolta 
frequente, cagionando gravi danni ai « vallicultori » per l'in- 
gente quantità di pesce che distrugge; a tale riguardo ram- 
menterò il caso osservato dal compianto conte A. P. Ninni, 
della dimora durante 1' inverno 1.S87-S8 nella « valle » Do- 
gàdo di un l)ranco di circa '200 di queste Sgarze; una di esse 
uccisa l'il febbraio 1888 ed inviatami dal Ninni, aveva nello 
stomaco da 200 a 250 grammi di Miigil .'<alie7ìs, onde da un 
calcolo fatto risultò che occorrevano circa 200 chilogrammi 
di pesce al giorno per saziare tutti quelli ingordi ospiti. 



— 427 — 

L'-E. alba nidifica in colonie nel S. E. dell'Europa, ove 
viene decimata per il commercio plumario; vive in gran 
parte dell'Asia e dell'Africa. 



303. Egretta Grarzetta (Linn.i lex Cxesn.) 
Sgarzetta. 

Airone minore, Sgarzetta, Garzetta {Aut. Ital.) — Ai- 
grette (Pieni.) — Airon, Airon blanc, Sgarzetta bianca (Lomb.) 

— Sgolgetta bianca (Pavia) — Airon (Piac.) — Airòn (Parm.) 

— Airon od Airuncin bianch, Sgherza bianca, Squac (Mod.) 

— Sgarza ceina, Airon pzein (Boi.) — Sgarzetta (Cesena, 
Forlì) — Sgarzèla bianca (Ravenna) — Garzo, Sgarzetta, Sgàr- 
déla picola, Sgardéla bianca, Garzéta ( Ven.) — Sgarzo bianco 
picolo (Veron.) — Sgarzetta (Viceìiza, Rovigo) — Airón bianco 
(Bel.) — Garzetta bianca (Padova) — Sgarzeta, Sgarzeta 
bianca (Polesine) — Sgarzètt blanc (Friuli) — Sgarzetta (Tren- 
tino) — Gak cizmas, Birlica (Dalm.) — Goìtre blanc (Nizz.) — 
Perdigiorni gianco (Arenzano) — Perdigiorni airùn (Gen.) — 
PertJcòla gianca (Spezia) — Airone piccolo (Pisa) — Berto- 
lotto [Massaciuccoli) — Bertola spennacchino (Lucca) — Aghella 
(Vecchiano) — Gianna piccola (Bient.) — Mugnaio (Chiusi) — 
Pennino, Mugnaio, Scarzetta ( Valdich. Maremma) — Ariotto 
(Fucecchio) — Scarza bianca (Casentino) — Scarzino bianco 
(Elba) — Scarcietta ( Umbria) — Sgarzetta bianca (Ancona) — 
Garzetta (Roma) — Auranella (Nap.) — Gazzetta (Barletta) 

— Garzetta (Bari) — Cicogna lanca picciula, Cicognedda 
ianca, Cicognella janca. Gazzetta (Calabr.) — Aretta (Pai. 
Mess.) — Gazzetta, Garzetta, Azzetta bianca (Cat. Sirac.) — 
Airuni jancu niccu (Pai.) — Grassetta bianca, Airuneddu 
biancu (Girg.) — Airuncinu l)iancu, Ariuncellu, Grassottu 
biancu [Terranov. Sicil.) — Russieddu jancu (Modica) — 
Menghixedda bianca, Meuga bianca piticca, Garxixedda bianca 
(Sard.) — Agret, Agret abiad (Mali.). 



— 428 — 

Questa specie elegantissima è generalmente di doppio 
passo da noi, più abbondante in primavera, aprile-maggio, 
che non alla fine dell'estate e nell'autunno; ma qualche cop- 
pia rimane a nidificare nelle provincie centrali e meridionali, 
più di rado in quelle settentrionali; e qualcuna si vede da 
noi durante l' inverno (Toscana, Sardegna;. Viaggia usual- 
mente in branchetti, ma il De Romita notò grossi branchi 
tanto in primavera come nell'autunno nelle Puglie. È spe- 
cialmente comune in Sardegna e nella Sicilia, secondo alcuni 
osservatori, durante l'inverno. Dalia mia esperienza risulta 
che questa specie va diventando più scarsa in Italia. 

UE. G'arzetta, separata genericamente, credo a torto, dalla 
specie precedente da alcuni Autori, vive nell'Europa meri- 
dionale, in tutta l'Asia ed in tutta l'Africa; nella Malesia e 
nell'Australia la sostituisce l'affinissima E. nigripes (Temm.). 



304. Bubulcus lucidus Ratii.) 

SitARZA GlARDA-HLOI. 

Airone guarda-buoi. Airone forestiero {Aut. Itaì.) — Per- 
digiorni foestè {Gen.) — Cicugnedda tunisina (Sicil.) — Spru- 
cavoi (Terranov. Sicil.). 

Di rara comparsa in Italia, ove è capitata accidental- 
mente in diverse località ed in varie stagioni. Cosi si hanno 
due catture autenticate avvenute in Piemonte: a Racconigi 
neir inverno 1828 f^Savi) ed ai lagi di Viverone, Novara, il 
3 giugno 1862, un maschio adulto ucciso dal Comba, che 
conservo nella Collezione italiana a Firenze {Caf. ree. 2378); 
F. Cavazza {« y\ vietila », Vili, p. 55, Sieììa) 1904) annunziò 
la presa di un /i. lueidiis a Molinella, Bologna, il 6 novem- 
bre 1902. Nel Nizzardo capita talvolta nell'inverno (Gal), ed io 
ne vidi un'esemplare in quel Museo Civico, forse quello men- 
zionato dal Verany; ebbi poi un maschio ucciso in quei 
dintorni nell' aprile 1889 (Coli. Hai. ree. 3223). Due volte 



— 429 — 

almeno sarebbe stata presa in Liguria; una, probabilmente 
quella citata dal Durazzo, dal E.. Museo Zoologico universi- 
tario di Genova è passata in quello di Firenze {Coli. ital. 
Ucc. 946); l'altra, proveniente dalla collezione De Negri, è 
ora nel Museo Civico di Genova, in perfetto abito nuziale 
ed ha tutte le apparenze di essere fatta dal fresco; di que- 
sti due esemplari non si hanno però le date. Una femmina 
adulta venne presa a Poggio a Oajano, Firenze, il 25 aprile 
1891, e la conservo pure nella Coli. ital. [Cut. Ucc. 3293) ; 
essa era con ogni probabilità accoppiata col maschio ucciso 
agli ultimi del marzo 1891 dal signor Giaconi a S. Piero a 
Ponti, ed ora conservato nella collezione del marchese Carlo 
Bidolfì a Meleto. Il Gragnani ebbe un maschio adulto^ 
ucciso a Massaciiiccoli, Lucca, il 25 maggio 1901. A Bari il 
De Romita ne ebbe una nell'aprile 1884. Capita pure in Si- 
cilia, ed oltre l'esemplare avuto dal Rafinesque da Trapani 
circa il 1810, che fu il tipo della sua Ardea lucida^ sappiamo 
che il cav. L. Benoit ne ebbe un'esemplare dal Faro, Messina,^ 
nell'aprile 1855; ed il 15 maggio 1891 venne ucciso un 
maschio adulto sul fiume Greto presso Palermo, che si con- 
serva nel R. Museo Zoologico palermitano. Un paio di cat- 
ture sono rammentate dalla Sardegna (Salvadori, fide Cara, 
e Martorelli); una terza è registrata da P. Bonomi (« Avi- 
cula », VI. p. 154. Siena, 1901), femmina uccisa ad Assemini, 
Cagliari, il 5 novembre 1901. Ed infine sappiamo dal cava- 
liere Wright che varie volte la Sgarza guarda-buoi è stata 
presa a Malta ; io ne vidi una nel Museo zoologico univer- 
sitario di La Valletta nell'ottobre 1878. 

Il B. lucidus, accidentale nell' Europa meridionale, si 
estende sino all'Asia centrale da un Iato, ed in tutta l'Africa, 
ove abbonda, dall'altro- Nella Tunisia è sedentario e comu- 
nissimo. 



— 480 — 



305. Bubulcus coromandus fBodd.) 
Giarda Huoi indiano. 

Sinora il maschio adulto in veste nuziale ucciso il 27 
maggio 1862, insieme alla sua femmina, nel cosidetto « pa- 
scolo » presso Villastellone, Torino, rimane il solo esemplare 
di questa specie da me veduto preso in Italia, e posso ag- 
giungere in Europa. Esso fu ucciso dal cav. B. Comba e fa 
parte sin dal 1884 della Collezione italiana (Cat. Ucc. 2377). 
La femmina, uccisa contemporaneamente da certo signor 
Calcina, il quale cacciava quel giorno insieme al Comba, fu 
da quegli ritenuta e divenne irreperibile alla sua morte (Cfr. 
Amf. Ital. 1886, p. 281). 

Mantengo integralmente quanto scrissi allora e quanto 
stampai poi (Cfr. Avif. Ital. 1889, p. 438), rispondendo ai 
dubbi emessi dall'amico Salvadori, il quale non ammetteva 
che il lì. coromandus^ specie propria al S. ed all'È. dell'Asia, 
potesse giungere tanto ad O. del suo « habitat » (Cfr. Sal- 
vadori, Elenco Ucc. ital. p. 244). Recentemente l'Arrigoni 
{Man. orn. ital. p. 665) ripete i dubbi espressi dal Salvadori, 
ed esclude anch' esso, senza alcuna ragione valida, il Guar- 
da-buoi indiano dall'elenco delle nostre specie avventizie. 

Ora ripeterò anch' io che non conosciamo, bene i limiti 
occidentali dell'area di diifusione del B. coromandus, che esso 
è stato positivamente ucciso a Lenkoran sulle sponde del 
Mar Caspio (Cfr. « jbis », 1886, p, 517); e giunge sin nel- 
l'Africa orientale, giacché in una collezione formata dal 
dott. L. Traversi allo Scioa trovai due esemplari di Bubulcus 
che appartenevano indubbiamente a questa specie e non al 
/>. Incidus (Ct'r. Giqlioli, Note su Vertebrati di Assab e dello 
Scioa, in Ann. Mus. Civ. Genova, ser. 2, voi. VI, p. 58. Ge- 
nova, 1888j Siamo dunque ben lungi dall'Asia orientale e 
meridionale, data anche oggi per V« habitat » esclusivo del 
B. coromandus. 



431 — 



306. Ardeola ralloides (Scop.) 
Sgakza ciuffetto. 

Ciuffetto, Sgarza ciuffetto {Aut. Ital.) — Airoun giaiin 
pcit {Basso Piem.) — Sgarzetta (Lomb.) — Sgolgìn (Mil.) — 
Sgarza, Sgolg (VaJf.) — Sgolgin, Sgoulgiaéta [Pav.) — Sgar- 
zetta d'ia eoa [Mantov.) — Cravètta ciuffa {Piac.) — Trenta 
cost, Sgarzetta {3Iod.) — Trent'oss {Carpi, Coreggio) — Trenta 
cast {Boi.) — Santa coste {Forlì) — Tarabusèla {Ravenna) — 
Sgardélo, Sgarzéta o Garzéta rossa, Guà bianco, Corbèto 
bianco, Dragón, Sgardéla bionda, Sgarzèla picola, Sgarzèla 
col zufo {Veìi.) — Guà dal zìifo (Padova) — Sguà bianco, 
Sgarzéta {Rovigo) — Sgarzétt {Friuli) — Sgarzo biondo 
(Veron.) — Aironzin, Garzetta {Trentino) — Gak macak, 
Rumenga, Sagjavica {Dalm.) — Goìtre, Govitroun rous 
[Nizz.) — Perdigiorni gianco {Arenzano) — Perdigiorni pag- 
giaen {Gen.) — Perticòlin {Spezia) — Sgarza ciuffetto {Tose.) 

— Bertela ciuffetto {Lucca) — Spennacchino {Massaciuccoli) 

— Soarza col ciuffo (Sesto Fiorent.) — Scarzetta {Casentino) 

— Scarza ciuffetto, Gallina ceciata {Chiusi) — Scarda {Um- 
bria) — Sgarzetta {Ancona) — Spaccalegna {Rieti) — Spòlleca 
voje, SpoUecavoio, Auranella melata (Nap.) — Zippilloca 
{Bari) — Arione piccinnu {Lecce) — Russedduzzu {Catanzaro) 
— - Cicognedda ianca, Zinni (Calabr.) — Cicugnetta, Cicu- 
gnedda, Cicugna, Percia 'n-occhi (Sicil., Girg.) — Cicugnetta, 
Sciabecchi, Aretta biunna {Mess.) — Pinnacchiera, Piruc- 
chiera {Cat.) — Martineddu {Sirac.) — Grassottu {Terranov. 
Sicil.) — Russieddu giarnu (Modica) — Squajotta, Russid- 
dotta, Cirrinuttedda {Pai.) — Menghixedda groga (Sard.) — 
Blongois, Agret Isfar (Malt.). 

Questa specie giunge abbastanza numerosa nelle pro- 
vincia meridionali e centrali d' Italia e nella Sicilia durante 
il passo primaverile, marzo-giugno ; è in generale molto più 



— 432 — 

scarsa al passo autunnale, settembre-novembre. E, pare, meno 
frequente nell'Alta Italia ed in Sardegna e Corsica; in qual- 
che provincia può dirsi rara. Pare che qualche coppia sia 
rimasta a nidificare da noi, e l'Arrigoni dice di averne tro- 
vato un nido nel bosco di Grezzan, Verona; mentre le os- 
servazioni del Martorelli indicano probabile la nidificazione 
dell'yl. raìlokles in Sardegna: egli constatò che questa specie 
si trova a tutto giugno nel Sassarese, ma non riuscendogli 
penetrare nei foltissimi canneti dello Stagno di Sorso non 
potè cercarne i nidi [Ucc. d'Italia, p. 238). La marchesa 
M. Paulucci ne ebbe un'individuo a San Gimignano, Siena, 
1' 1 1 gennaio 1883, evidentemente smarrito. 

La Toscana, le Puglie, la Calabria e la Sicilia sono i 
luoghi dove pare essere più abbondante durante il passo ; 
nelle Puglie il De Romita la nota di doppio passo in grossi 
branchi; usualmente però da noi compare in branchetti. Si 
nota una certa irregolarità quantitativa nelle colonne mi- 
granti di questa Sgarza. 

L' A. rallo'ides sarebbe specie circummediterranea ; ad 
oriente giunge sino al Turkestan, a mezzogiorno sino al- 
l'Africa australe, ove sverna. Nidifica in grosse colonie fram- 
mista ad altre specie nella Dobrudscia sul basso Danubio. 

Rammento che VA. soloniensis, Gm. citata dal Risso, nel 
Nizzardo, si deve riferire a questa specie. 



307*. Ardetta minuta iLlun. i 

NONNOTTO. 

Guacco, Nonnotto, Aghirone piccolo. Tarabusino (Aut. 
Jtal.) — Fus, Sgourghetta, Don, Pcit airoun {Piem.) — Li- 
run cit {Lago di Viverone) — Ardea pcita, Sgolgia pcita, 
Sgolgin, Perdigiorni piccin (lìasso Piem.) — Guach, Sgolgin, 
Sgolgetta (7.o?w/>.) — Sgoulgin, Quachin {Pavia) — Sgoulgiaétt 
{Bassa Lomb.) — Sgolgètt (Vigev.) — Cavrètt, Sgolgi {Como) 
— Sgulgin, Sgolgin ( Vali.) — Ghirardì {Bresc.) — Cravètta 



— 488 — 

[Piac.) — Sent'oz/ {Parm.) — Smarghett, Cavretta (Cremoti.) 

— Airunzèn, Trenta cost, Cent-cost {Mod. Boi.) — Santa- 
ciist, Trenta coste [Romg. Boi.) — Chitàra, Santa cóst iRa- 
venna) — Trenta-coste, Cento-coste (Few.) — Sgarzeta piccia, 
Trent-osso {Veron.) — Sgarzeta, Trentacoste, Centocoste {Po- 
lesine) — Tarabus {Bell.) — Tarabusét {Felfrei — Sgarzètt 
pizzul [Frulli) — Gakic', Capljic', Pise {Dalmazia) — Goì- 
troun, Govitroun tNizz.) — Perdigiorni piccin {Gen.) — Per- 
ticòlin (Spezia) — Tarabusino, Tarabugino, Nonnotto {Pisa) 

— Trabucchella, Trabocchino, Bertola trabocchella (Lucca, 
Massaciuccoli) — Cinciguatto (Fucecchio) — Cannajola [Vec- 
chiana) — Scarzino, Sgotto {Chiusi) — Guacco, Pennacchino 
(Bient.) — Tarabugino (Fior.) — Scarzetta {Casentino) — 
Tarabugio di fiume (Tose.) — Sgarzetta, Beccapesce, Scar- 
cino ( Umbria, Marche) — Scarzettino (Marche) — Sgarzetta 
piccola (Ancona) — Auranella, Rossellino, Russellino (Nap.) 

— Guaptiedd (Bari) — Arione piccinnu (Lecce) — Ursed- 
dvLzzn (Rossano, Cosenza) — Cicognedda (Calabr.) — Russeddu 
di cannitu (Sicil.) — Sciaboccheddu, Sciabocchi, Sciarbocchi 
(Mess.) — Trumbettedda, Trummltedda (Lentini) — 'Nganna 
cacòiaturi (Cat. Sirac.) — Russieddu picciulu, Inganna-cac- 
ciaturi (Modica) — Cicugnidduzzu (Girg.) - - Menghixedda 
piticca (Sard.) — Blongois, Russet tal Siila (Mali.). 

Uccello generalmente estivo e sparso in Italia, comune 
ovunque ; giunge in marzo-maggio, parte in settembre-otto- 
bre ; abbonda specialmente durante il passo primaverile ; si 
vede talvolta anche in novembre, ed Arrigoni ne comprò uno 
sul mercato di Padova il 10 gennaio 1903; ma sono casi ec- 
cezionali. 

Vive in tutta l'Europa centrale e meridionale, nell'Asia 
occidentale e centrale, giungendo nel N. 0. dell'India; sverna 
in Africa. 



28. 



— 434 — 
308. Botaurus stellaris Limi., ex l^el.i 

TaRAI'.I'SO. 

Trombotto, Trombone, Sgarza stellare, Aghirone stel- 
lare. Tarabuso {Aut. Itaì.) — Butòr, Tromboun, Caponnass, 
Giacou, Sgorgionn. Beccassoun (Pieni.] — Pita salvai {Lago 
di Viverone) - Ardea grisa, Leiroun (Basso Pieni.) — Ta- 
rabùs. Tromboun, Margon \Loinb.) — Tanabùs iMil.) — 
Sgulgion (Valt.) — Ca de sère, Scacc \Berg.) — Tirabuss 
(Cremon.) — Tarabùsch (Bassa Lomh.) — Tanabèugg (Viger.) 

— Tanabùs (Pav. Piac.< — Tirabus (Manfor.) — Tarabùs 
iParm. Mod.) — Fasan d'vall, Fasan (Mod.) — Tarabiis, 
Capon d'val (Boi.) — Tarabus {Rav.} — Cappon bufalare 
(Romg.) — Tarabuso, Sti-abùsin, Torebùso, Torebùseno {Ven.) 

— Tarabel [Veroìi.) — Torobùss (BeU., — Tarabùs, Pe(he- 
crots (Friidi) — Strabuso, Osélo cavalaro [Padova] — Ta- 
rabelo, Tarabusene (Polesine) — Tarabuso (Trentino) — Sgarz, 
Strapoz [Rovereto) — Gacina, Nebunac, Nebogled, Gak pre- 
peljicar (Dalm.) — Goìtre (Nizz.) — Perdigiorni, Grixelau 
(Arenzano) — Perdigiorni grixu (Gen.) — Capon de padù 
(Spezia) — Trabucco, Trabocco (Liicca^ Massaciuccoli] — Ta- 
rabuso, Tarabugio, Trabucine (/^.) — Cappon di padule, Cap- 
ponnaccio (Fior. Sen. Valdich.) — Toro marino (Sen.) — Scarza 
cappona (Fucecchio) — Sgarzetta (Ancona) — Cappon di 
valle. Scarcione ( Umbria) — Cappon di valle. Uccello lepre 
(Marcile, Roma) — Capponaccio (Rieti) — Capóne selvaggio 
o servàggio, Capone servatéco (Nap.) — Lebre marino (Bari) 

— Russeddu, Liebbure d'acqua {Calabr.) — Re di Gaddazzi 
(Sicil.) — Buturu di Gaddazzi (Pai.) — Bittordu, Bittornai 
(Mess.) — Capuni di margi o d'acqua ( (Jaf. i^Sirac.) — Gra.s- 
sotta di margiu {(rirg.) — Paturu (Terranov. Sicil.) — Corvu 
ambidastru, Caboni de canna, Cargia (Sard.) — Cappun im- 
periai ' Maìf.]. 



— 435 — 

Questa specie è sedentaria in Italia, essendo però di solo 
passo in alcune provincie, estiva in altre. Nidifica ovunque 
sono estese paludi, tanto in Sicilia come in Toscana e nel 
Veneto, in aprile e maggio. Colla stagione fredda diventa 
erratica e ciò spiega come è più facile vederne durante l' in- 
verno, specialmente nelle parti centrali e meridionali del no- 
stro paese. È comune ovunque, anche nelle nostre isole, ma 
non può dirsi abbondante, non essendo gregaria come lo 
sono tanti dei suoi affini. 

Vive in tutta la porzione temperata della Regione Eu- 
rasica, giungendo nell' India N. 0. e nell' Indo-cina. Nel- 
l' Africa N. 0. si trova nelle medesime condizioni che in 
Italia. 



309. Nycticorax griseus (Limi, ex Briss.) 
Corvo di notte. 

Sgarza nitticora. Sgarza cenerina, Nitticora (Aut. Ital.) 

— Arvoun, Arvun {Piem. Lomh.) — Leiroun dia piuma 
{Cuneo) — Quàch, Guàch, Airòn, Sgòlgia {Pavia) — Quàk, 
Ajrorm {Mil.) — Quàgg, Ouà-Ouà {Bassa Lomh.) — Airòn 
{Piac. Parm.) — Airon, Còrv marèn [Mod.) — Sgarza zene- 
reina (Boi.) — Sgarzèla {Ravenna) — Airón, Arión, {Ven.) 

— Guà, Airón foresto {Padova) — Sguà, Guà (Rovigo) — 
Sgarzo del penàcio (Veron.) — Airón dal becol negro {Bell.) 

— Tarabuso zhenerin. Tarabuso dalle ongie col péten {Fel- 
tre) — Sgarz cenerin {Friuli) — Gak, Gak pupar (Dalm.) — 
Goitre, Aigretta {Nizz.) — Perdigiorni {Arenzano) — Perdi- 
giorni neigro {Gen.) — Airòn (Spezia) — Nonna col ciuffo. 
Pavoncella di padule (Pisa, Sen.) — Occhio di bove {Sen.) — 
Arione (Massaciuccoli) — Pavone africano (^Sesto fiorent.) — 
Pavoncella africana (Poggio a Caiano) — Corvo di notte, 
Bacco (Chiusi) — Scarzotto {Casentino) — Nonna marina 
{Elba) — Scarcione (Umbria) — Sgarzetta, Corvo marino 



— -i36 — 

{Marche} — Cicogna ( Cmhria, Marche^ Roma) — <Tarzotta 
(Nap.) — (ruapt [Bari] — Capuni, Guai {Catanzaro) — Orale, 
Orali [Reggio Calahr.) — (Jarzotta i Terra d^ Otranto) — Gras- 
setta, Grassotta m'periali {Sicil.\ — Grassetta imperiali (Pai.) 

— Ingarali, 'Ngarali {('at. Sirac.) — Pi nicchi era, Cuorvu di 
notti (Cai.) — Russieddu cinnirusu cu la pinnacera {Modica) 

— Grassottu imperiali [Terran. Sicil.' — Menga niedda 
(Sard.) — Quack, Blongiun imperiai, Russet tal Siggiar 
{Malt.). 

(^uesf uccello singolare è comune da noi, di doppio pas- 
saggio, marzo-maggio e settembre-novembre, più abbondante 
sempre in primavera ; qualche coppia rimane a nidificare in 
Italia nella Maremma Toscana 'Dei, Ademollo), nella prov. 
di Alessandria (Camussoi, nel Friuli (Vallon) ed in Sicilia 
iDoderlein, Dellafonte, Garofalo); e qualche individuo si vede 
durante 1' inverno. Io ne ebbi uno adulto ucciso presso Fi- 
renze il 10 febbraio 18^7, e Salvadori trovò il Corvo di notte 
abbondante in quella stagione intorno allo Stagno di Ca- 
gliari. Onde va posto tra le nostre specie sedentarie. 

Il N. griseus ha una diffusione geografica assai estesa, 
giacché si trova in tutta la parte temperata della Regione 
Enrasica, nella Regione Indo-Malaiana, in quella Etiopica, 
nella Boreo-Americana e nelle parti settentrionali di quella 
Austro-Americana ; altrove è rappresentato da forme molto 
affini. 



— 437 — 

CIOOlSflID^E 

(Cicogne) 



310. Ciconia alba, SchiifF. ex Willuo-h. 
Cicogna. 

Cicogna bianca \Aut, Ital.) — Zigogna, Scigogna, Sigo- 
gna {Piem. Lomb.) — Sigoengna, Cicogna {Basso Piem.) — 
Sigògna (Pavia) — Sigógna [Bresc.) — Zicògna (Parm.) — • 
Zgogna, Sgogna (Finale^ Mirandola i — Zigògna bianca (Mod. 
Boi. Romg.) — Sigogna, Sigógna bianca [Ven.t ■ — Zhicogna 
{Bell.) — Zigogna ( Veron. i — - Cicógna, Cicógne {Friuli) — 
Zicogna {Trentino) — Bila caplja, Hagjirode (Daini.) — Si- 
gogna {Nizz.) — Sigheugna (Arenzano) — Sigheugna gianca 
{Gen.) — Sigugna (Spezia) — Cicogna (Tose. Poma, Xaj). 
Sard.) — Cicogna bianca (Saline, Puglie) — Ndianu servag- 
giu {Catanzaro) — Cicognuni (Reggio Calabr.i — Cicogna 
janca {Sicil.) — x4.ciddazzu biancu (Castelb. Madonìé) — (irua, 
Gvui (Sard.) — Grua o Cicogna bai da (Malt.). 

La Cicogna è di doppio passaggio regolare in Italia, 
marzo-maggio-giugno e agosto-settembre-ottobre : più abbon- 
dante nel passo primaverile. E però ritenuta specie scarsa, 
se non rara, perchè poche sostano da noi e meno si lasciano 
prendere. Meritano conferma le asserzioni sulla eventuale ni- 
dificazione di questa specie in Italia ; casualmente qualche 
individuo sperso è stato veduto durante l' inverno e ricordo 
quello avuto dall' Arrigoni dai Colli Euganei, Padova, il 1 di- 
cembre 1<S85. 

La C. alba vive in quasi tutta Europa e nelle contrade 
centrali nidifica, comunemente nei villaggi e nelle città su 
torri e campanili : si estende parimenti all' Asia centrale ; 



— 438 — 

nidifica pure nella Tunisia e nell' Algeria , quivi in abbon- 
danza ; sverna nell'Africa meridionale e nell' India settentrio- 
nale. Nell'estremo oriente dell'Asia, nella Corea e nel Giap- 
pone è rappresentata dalla maggiore, ma affine, C. Boyciana, 
Swinh. 



311. Ciconia nigra Liun.) 
Cicogna NERA. • 

Sigògna (Pavia) — Fraa (Comò) — Zicògna (Prtrm.) — 
Sigógna negra, nera o mora {Ven.\ — Sigogna o Zigogna 
negra ( Veron.) — Zicògna negra {Mod.) — Zicogna naigra 
{Boi.) — Caplja crna, Crno'zdral {Daini.) — Sigogna negra 
(Nizz.) — Sigheugna neigra (Gen.) — Cicogna nera {Tose. 
Saline Barletta) — Cicógna negra {Nap.) — Cicognuni d'Adorni 
(Reggio (■alabr.) — Cicogna niura (jSicil.ì — Cicogna i)ira 
{Mess.) — Cicogna tSard.) — Grua o Cicogna seuda (Malf.). 

Non è comune in Italia; capita però quasi ogni anno 
soltanto alle epoche del passo, che sono marzo-aprile ed 
agosto-ottobre ; è stata presa in ogni parte del nostro paese 
e nelle isole, ma ovunque è notata per rara o scarsa; il passo 
autunnale pare essere più copioso, ed allora si vedono spe- 
cialmente individui giovani. Nidifica nell'Europa centrale ed 
orientale, nelle fi^reste paludose lungi dall'abitato. 

La C. nigra è specie estiva in quasi tutta la Regione 
Eurasica, sin sulla latitudine della Scandinavia meridionale; 
sverna in Africa e nella Regione Indo-Malaiana. 



— 439 — 
[Spatole) 



312. Platalea Leucorodia ' Limi, (ex Aldrov.) 
Spatola. 

Pellicano. Mestolone, Spatola [Aut. Ital.) — Spàtola, Me- 
stolón, Palóto, Palosso, Bestia palossa, Sculier ( Ven.) — Spatla, 
Becch a spatola [Mocl.) — Palozz {Boi.) — Spatola, risolerà 
{Romg.) — Lopatas, Zlicar, Kasikar {Dahn.) — Spatula [Aren- 
zano) — Spatua [Gen.) — Ciiciao [Spezia) — Spatola (Valdich.) 
— Beccaro vaglia iSen.) — Cucchiarone {Roma) — Palettone 
[Saline, Barletta) — Cetra {Bari) — Spatula (Calabr.) — Cnc- 
chiaredda, Palittuni, Paletta, Palella [Sicil.) — Palidda [Len- 
tini) — Pizzu a cuccliiareddu {Aiodica) — Palitta {Mess.) — 
Moddu, Aceddu paleddu [Cai. Sirac.) — Spatula [Girg.) — 
Gragallu, Gragalla [Sarà.) — Paletta [Mali.]. 

Anche la Spatola non può dirsi comune in Italia, anzi 
in alcune provinole è una rara comparsa ; ma nel Veneto, 
nel mezzodì della penisola, e specialmente nelle Puglie ed 
in Sicilia e nella Sardegna, si presenta di doppio passaggio, 
marzo-aprile-maggio e settembre-ottobre, regolare, sempre in 
scarso numero. E stato asserito che questa specie si vede du- 
rante l'inverno nella Campania (Fr^yiceschini, Monticelli) ed 
in Sardegna (P. Bonomi), ma ciò merita conferma nel senso 
generale; per la Sardegna è indubitato che qualche individuo 



1 1) Recentemente il nome specitico è stato corretto in « Leiid'- 
rotlia ». ma ciò mi pare una pedanteria inutile, visto che Linneo lo 
tolse da Aldrovandi e antichi autori i quali scrivevano « Leuco- 
lodios . 



— 44( » — 

è stato trovato in quella stagione, e il Martorelli ne ebbe 
due il 1 dicembre 1S}:^2 a Sassari {rccelli (V Italia, p. 225. 
MikiiW lOOG). Per quanto a me consta non nidifica da noi; ciò 
avviene però nell'Europa centrale e notevolmente in Olanda 
e nel S. E. del continente europeo. 

La P. Leucorodia abita le contrade centrali e meridio- 
nali della Regione Eurasica giungendo sino al Giappone, e 
la penisola Indiana. Nell'Africa, lungo la costa orientale 
giunge a Zanzibar ; tanto nell'Asia come nell'Africa viene a 
contatto con specie affini, cioè la P. miiiov, Temm. e Schleg. 
e la P. alba, Scop. 



IBIDJE 

[Ibi! 



313. Flegadis Falcinellus ' r.inn.) (ex Cre-sn.» 

Mi UX ATT AIO. 

Chiurlo, Falcinello, Ciurlo marino. Mignatta] o [Aut. Hai.) 

— Sgneppon de mar, Silónz néghaer (Pavia) — Arcàsa 
verde, Arcasa tabachina, Arcàsa mora o negra ( Ven.) — 
Sanguetàr. Arcasa rossa (ìeron.) — Arcàza verde, Arcàsa 
americana. Ibi (Padova) — Pivir franzeis, Falzinel iBoì.) — 
Falcinel (Boi., Coreggia, Carpi) — Pivir franz«'S (Romg.) — 
Ciurl (Mod.) — F'alcinell {Carpii — Terkoc', Turkoc' (/)«Zm.) 

— Becca marina {Xizz.) — Ciurlo de ma, Tantalo (f'reìi.) — 
Ibis (Spezia) — Mignatta jo, Ciurlotto turco {Pisa) — Chiurlo 
(Bient.) — Mignattone [Fior.) — Ciurlotto nero, Ciurlotto 
marino Ma.'isaciuccoU, Vecchiano) — (rallina giudea (Valdich. 
Sei).) — Ibis, Gallina turca (firossetoi — Arcangelo turco 
* Marche) — Corvo marino (Ancona i — Ciarlotto marino, Ciar- 
lotto nero, Ciarlotto gesuita (Roma) — Corvella, Curvèlla 



— 441 — 

{Najy.) — Pidicchiadua, Cicogna iBari) — ('orvo marino, Gad- 
drarànu, Gazarànu [Terra d'Otranto) — Corvellu, Corviellu, 
Corveddu (Calabr.) — Gaddarann, Sanguisugaru {Sicil.) — 
Gaddaranii, Vaddarann (Lentlni) — Gallaranu fSirac.) — Ciur- 
luvuni niuru, Ciurliiviotto niuru (Girg.) — Tarami, Tadanu 
{Sarei.) — Velleran (Maìt.). 

Dì doppio passaggio generalmente scarso e non sempre 
regolare, più frequente in quello primaverile, marzo-giugno, 
che non in quello autunnale, agosto-settembre-ottobre, quando 
si vedono specialmente giovani. Nell'Alta Italia è uccello 
scarso e raro ; in qualche provincia si vede soltanto di passo 
in primavera, mentre nelle Puglie giunge a branchi nell'au- 
tunno. È certamente più abbondante nelle nostre provincie 
centrali e meridionali. Nessuna conferma ha avuto l'asserto 
della eventuale nidificazione di questa specie in Italia, e così 
l'asserzione che alcuni si fermino durante F inverno in Sar- 
degna; rimangono soltanto pochi casi isolati di catture di 
individui evidentemente smarriti, come quello ricordato dal 
Ninni, il quale ne ebbe uno nella Laguna veneta il 10 gen- 
naio 1871. Nella Tunisia è scarsamente residente ed inver- 
nale. 

Il P. Falcinellus, estivo in alcune località dell'Europa 
meridionale, ove nidifica in grandi colonie (Spagna, Camar- 
gue ecc.), vive in quasi tutta l'Asia centrale e meridionale, 
nell'Australia, in i^frica, negli Stati Uniti orientali dell'Ame- 
rica boreale ed alla Giammaica ; più al S. in America è rap- 
presentato da specie affini : P. giutrauna CL.) e P. Riclgwai/i 
(Alien). 

Posso qui rammentare il caso strano di un'altro membro 
di questa famiglia interessante, il Comatibis eremita (Linn.) 
o C. cornata (Ehrenb.), ora vivente nell'Asia Minore e nel- 
l'Africa N., il quale un tre secoli fa circa avrebbe avuto 
colonie in Europa (Svizzera, Baviera, Stiria, Illiria ed anco 
in Italia intorno al Lago Maggiore); ma il fatto è contro- 
verso, eppoi oggi questo uccello manca assolutamente in Eu- 



— 442 — 

ropa. Aggiungo che un' altro Ihis^ il tipico Ibis fcthiopica 
(Lath.i ruccello sacro degli antichi Egizi, noto pel suo can- 
dido piumaggio, sarebbe stato veduto volare in un branco 
di Mignattai dal Lucifero sopra Cotrone l'il ottobre 1878 
{Avif. Calabi', p. 43) ed il Moschella {Ucc. Reggio (^alahr. 
p. 88) ricorda la cattura in Calabria, senza date, di due uc- 
celli che non furono conservati e che potevano essere quel- 
Vlhk. Ma sono casi non bene autenticati, anzi molto dub- 
biosi, onde non potrei per ora registrare quella specie tra le 
accidentali in Italia. 



443 — 



ODONTOGLOSS^ 



PHCENICOJP TEJFtlD^E 

{Fiammanti) 



314. Fhoenicopterus roseus, Pali. 

Fiammante. , 

Fenicottero, Fiammingo, Fiammante {Aut. Ital.) — Fiam- 
menga (Lomb.) — Fenicòtero, Fiamànte (Veìi.) — Flaman 
{Nizz.) — Fiammante {Sen., Elba, Maremma, Nap.) — Pul- 
cinella {Nap.) — Fiammanti (Reggio Calabr.) — Fiamminga 
[Sirac.) — Urgananti [Lentini) — Fiammanti {Girg.) — ; Fini- 
cottirn (Terran. Sicil.) — Nandù di li finestri (Sicil.) — Man- 
goni, Gentarrubia (Sarei.) — Perdigiorni i Carloforte, Sarei.) 
— Fiamingu (Malt.). 

Nel più dei casi questa specie giunge in Sardegna in 
agosto e settembre proveniente dal mezzogiorno, e lascia quel- 
r isola in marzo ed in aprile diretta a mezzogiorno. È però 
indubitato che non di rado i Fiammanti ritardono assai la 
loro partenza, ed il signor A. B. Brooke ne vide in buon 
numero sugli Stagni presso Cagliari il 7 giugno 1871 (« Ibis », 
1873, p. 34); il 12 agosto 1881, vidi io stesso i Fiammanti 
riuniti in largo cerchio nel chiaro dello Stagno di Quartu. 
Anzi, secondo le osservazioni del dott. Lepori, del Bonomi 
e di altri, è fuori di dubbio che alcuni individui se ne .ve- 
dono in Sardegna tutto l'anno. Con tutto ciò pare cosa ora 



— 444 — 

provata che questo uccello non nidifichi mai nell'isola; lo 
stesso accade in Tunisia, ove su « El Baìiira », il ben noto 
Stagno della (-toletta, i Fiammanti abbondano durante l'au- 
tunno e r inverno ; e così in altre parti dell'Africa setten- 
trionale. Nidifica però in vaste colonie sulle « marismas » 
del (Guadalquivir, Spagna meridionale, ed in minore quantità 
nelle paludi intorno al delta del Kodano nel Sud della Fran- 
cia. Sono davvero uccelli ben singolari ! 

Colla eccezione della Sardegna, ove durante 1' inverno 
vedonsi costantemente numerosi branchi di Fiammanti sugli 
Stagni di Cagliari e di Oristano, quest' uccello è di comparsa 
accidentale in Italia; però quasi ogni anno durante le bufere 
invernali qualche individuo si fa vedere in Sicilia ed irre- 
golarmente sul continente italico: così ne vennero presi in 
Calabria, nelle Puglie, nella Campania, in Toscana, in Li- 
guria, nel Veneto, in Lombardia ed anche in Piemonte. Anzi 
qualcuno di tali individui smarriti ò giunto nell' Europa 
centrale e per fino nelle isole Britanniche; ma, ripeto, sono 
sempre casi avventizi. 

Tra le singolarità di questo uccello sono le notevoli va- 
riazioni che presenta nelle dimensioni e nelle proporzioni 
delle gambe, del collo, del becco. Su individui piccoli, non 
infrequenti, è basata l'asserzione che si trovi da noi una 
specie più piccola; e che tali individui pigmei (adulti ben 
s' intende» vadono riferiti al P. erijthvd'us, Verr. (Cfr. (ti- 
GLioLi, Avif. Italica 188G, p. 293). Ma ora sappiamo che il 
tipo di quella supposta specie è un' esemplare mutilato del 
P. ruber, L. americano, che certamente non poteva essere 
venuto dal Gabun, Africa Ov. ! 

Il P. roHens vive, oltrecchè nell'Europa meridionale, nel- 
l'Asia occidentale e centrale, nell'India, a Ceilan, e in quasi 
tutta l'Africa. 



44.J 



ANSERES 



CYGisrinu^ 

[(igni) 



315. Cygnus Olor ( J. F. Gmel.) 
Cigno. 

Cigno reale [Aut. Ital.) — Cign, Sign \ Pieni.] — Cigli, 
Cign domestich (Lomb.) — Cigno tCremon.) — Cign {Piac. 
Parm.) — Zègn [Mod.) — Zegn rezz [Boi.) — Signo, Signo 
domestego, Cièsano, Cesèno (Fé??.) — Signa [Nizz.] — Cigno 
[Gen. Tose. Xap.) — Cigno reale > Tose.) — Cinnu, Cirnn 
{Sicil.) — Cignu [Modiea) — Paparuni [Calabr.) — Sisini, Ci- 
sini {Sard.) — Czinna baida iMalt.) 

Giunge da noi raramente ed irregolarmente, sempre però 
nel tardo autunno o nell'inverno coi maggiori freddi; ma 
è stato preso ovunque in Italia e nelle nostre isole ; nell'in- 
verno 1890-i^>l ne comparvero parecchi nel Catanese, misti 
con numerosi esemplari della specie seguente. E dunque per 
noi specie avventizia invernale. 

Il C. Olor è specie generalmente distribuita attraverso 
la Regione Eurasica, ma non giunge molto oltre il 50" di 
Lat. N. Sverna nel bacino Mediterraneo, sulle sponde meri- 
dionali del Caspio e nell' India settentrionale. 



— 446 — 

316. Cygnus musicus, Bechst. 
Cigno selvatico. 

Cigno salvatico {Aut. Ital.) — Cign \Piem.) — Cign, Ci- 
gno, Cin {Batiso Ptem.) — Cign, Cign salvadegli iAo?«6.) — 
Cing salvadega i .1///.) — Cign sael vàdigh {Pavia > — Cigno (Cre- 
mon.) — Cign {Piac. Parm.) — Zign o Zègn selvadeg ^ Mod. 
Boi. Bomg.) — Zegn salvadigh [Bol.^ — Signo, Signo salva- 
dego, Cièsano, Cesèno [Ven,) — Cigno, Cesèno i Friuli) -- 
Cigno ( Veron.) — Kup, Labud i Daini.) — Cigne sauvage, 
Signa sauvage [Nizz.) — Cigno sarvaego [Gen.) — Cigno sel- 
vatico {Tose. Poma) — Shkittetza (Albanesi italici) — Cinnu, 
Cirnu, Cicciruni {Cai. Lentini) - Paparuni {Calabr.) — Scignu 
(Sirac.) — Cignu {Oirg.) — Cignu {Mess. Terran. Sicil.) — Ci- 
guu, Cisini {Sard.) — Czinna {Mali.). 

Anche questa specie è di comparsa rara ed accidentale, 
ma sempre invernale in Italia, ove capita tra l'ottobre ed il 
marzo ; è stata presa però ovunque da noi e nelle nostre 
isole. 

Neil' inverno 1890-91 comparve in numero straordinario 
misto al C. Olor nel pantano di Lentini, Catania (Cfr. Massa 
C. « Naturalista Siciliano » X. Palermo, 1891). 

Il C. musicus vive e si riproduce in tutta la zona su- 
bartica della Regione Earasica, e così nell' Islanda, di dove 
giunge casualmente in Groenlandia; sverna nell'Europa me- 
ridionale, nel Turkestan, in Cina e nel Cliappone. 

317'. Cygnus Be^viclci, Vunull 

(Jkìno MIN'OKK. 

Questo Cigno capita meno raramente in Italia di quanto 
si crede; è stato spesso contuso colla specie precedente, ma 
le sue comparse sono, come nelle specie congeneri, invernali 



— 447 — 

sempre ed avventizie. E stato citato dalla Lombardia, dal 
Veneto, dalle Romagne, dalla Toscana, dalle Puglie e dalla 
Sicilia; è notevole il fatto di alcune catture relativamente 
numerose: così le undici avvenute nella provincia di Pavia 
nel gennaio 1891, rammentate dal prof. P. Pavesi; e circa 
una diecina, registrate in Toscana. Le ultime di queste a mia 
cognizione sono: i tre individui uccisi dal signor T. Pierotti 
a Massaciuccoli, Lucca, e quello preso nel vicino S. Rossore 
in dicembre 1902. A Bologna poi il 31 dicembre 1890, ne 
acquistò due, maschio e femmina, il prof. A. Fiori. 

Il C. Beirlcìxi ha la medesima distribuzione geografica 
del C. musicus^ ma pare essere più nordico e più orientale 
rispetto all'Europa ; va considerato però come specie subar- 
tica in tutta la Regione Eurasica, emigrando durante l' in- 
verno nella zona temperata della medesima Regione ; capita 
frequentemente nelle isole Britanniche, ma non è notato dal- 
l' Islanda. 



[Oche) 

318. Berniclà ''^ leucopsis Beclist.) 
Oca a faccia bianca. 

Rara assai e di accidentale comparsa in Italia, sempre 
durante l' inverno. Non conosco che cinque catture di questa 
specie avvenute nel paese nostro : una femmina adulta, a Lu- 
gano 26 novembre 1878 (Coli. ital. R. Mus. Zool. Firenze, 
Ucc. 2919) ; un maschio adulto 28 febbraio 1886, a Corana sul 
Po (R. Istituto Tecnico, Pavia); un maschio a Bovolenta, Pa- 
dova (coli. Arrigoni, Monselice); una femmina ad Archiani 
presso Massaciuccoli, 12 dicembre 1901 (coli. Pierotti a Castel- 



(1) Il termine generico Branta avrebbe la priorità, ma è stato 
variamente applicato, onde ho pret'ei-ito usare quello di Bernicla. 



— 448 — 

lina presso Firenze); uno a Foggia, inverno 1878 (Mus. Zool. 
R. Università di Napoli); sarebbero tutti adulti. 

La B. leucopsix è specie artica, ni lifica nella Groenlan- 
dia, allo Spitzbergen, in Islanda, alla Novaia Zemlia; sverna 
nell' Europa centrale e meridionale- e sulle coste atlantiche 
dell'America boreale. 



319. Bernicla Brenta Pali.) ex Jonst, 
Oca colombaccio. 

Anatra colombaccio, Oca colombaccio {Aut. Ital.) — 
Ocheta ( Veron.) — Oca negra foresta, Oca de la colana ( Ven.) 
— Oca negra (Padova). 

Anche questa è specie avventizia per 1' Italia, ma pare 
meno rara della precedente; nella mia Amf. Ital. 188(1, p. 207, 
registro una dozzina di catture, due altre ne aggiunsi nella 
mia Avif. Ital. 1889, p. 459, ed ebbi poi un bellissimo 
maschio adulto ucciso il 10 aprile 1898 presso Ferrara (Coli, 
ital. Ucc. 3645) E notevole che diverse di queste catture av- 
vennero da noi in primavera; la maggior parte però nel di- 
cembre. Venne presa in Piemonte, in Lombardia, in Liguria 
ed in Toscana, non più al sud ; è però nel Veneto ove sa- 
rebbe comparsa con maggiore trequenza. 

La li. Brenta, ha presso a poco la medesima distribu- 
zione della specie precedente, cioè la Regione Artica e la 
zona subartica delle Regioni Eurasica e Boreo-Americana, 
con scarsa migrazione al sud; ma si estende di più, ad oc- 
cidente, nell'America artica e boreale e giunge più vicino al 
Polo. 

Si è notato che gli esemplari occidentali hanno spesso 
le parti interiori più chiare, e si sono volute separare col 
nome di B. (/laucoga-ster, C. L. Brelim ; ma non pare che 
tale distinzione possa reggere con valore specifico. Va pure 
rammentato che sulle sponde artiche e subartiche del Paci- 
fico vive una forma affinissima la />. ììigricaus, d. R. (ìray. 



441» 



330. Bermela rufìcollis (Pall.j 
Oca collo rosso. 

Per questa splendida specie non posso che ripetere quanto 
scrissi nella mia Avif. Ital. 1886, p. "297; essa è capitata, 
per quanto sappiamo, soltanto tre volte in Italia, ed è dun- 
que per noi rarissima. Il primo esemplare venne catturato 
in Lombardia nel 1833, probabilmente d' inverno, e si con- 
serva nel Museo del R. Liceo S. Alessandro a Milano; trovai 
il secondo, una femmina, nella piccola raccolta del conte D'Arco 
a Mantova e sarebbe stato preso in quei pressi, ma non por- 
tava indicazioni di data; il terzo fu preso a Scarperia presso 
Firenze il 12 febbraio 1869, venne donato al R. Museo Zoo- 
logico fiorentino dal conte R. Leonetti, lo esaminai in carne 
e fu oggetto di una mia nota nell' « Ibis » 1869, p. 242 ; si 
conserva ora nella Collezione centrale degli animali vertebrati 
italiani {Cat. Ucc. 153). 

La B. ruficollis è propria dell'Asia settentrionale occi- 
dentale e centrale; nidifica sul basso Ob e lungo il Jenisei, 
sverna intorno al Caspio e nel Turkestan ; di rado indivi- 
dui isolati e spersi giungono in Europa e nell'Egitto. 



331. A.nser ferus, Schiift. 
Oca selvatica. 

Oca paglietana (Auf. Ital.) — Oca sarvàja {Piern.) — 
Oca salvadega {Lomb.) — Oca d'ia nev (Mantov.) — Oca 
salvadga [Mod. Boi.) — Oca favaróna (Ravenna) — Oca sel- 
vadega granda, Oca da le zate carnesine ( Veti.) — Oca granda 
[Bell.) — Oca salvaréga, Och (Feltre) — Oco marin grosso 
(Veì'on.) — Oche salvàdie, Ocie {Friuli) — Oco, Oco marin» 
Oca granda. Oca selvadega {Trentino} — Aucha (Gardena) 
— Alcha, Alcon, Veron, Oco (Badia) — (xans (Luserna) — 

■29. 



— 450 - 

Oke. Occa \t!Ìette ('omuni) — Oca granda [Padova) — Guska 
vlasul.ja [Daini.) — Auca fera, Aucca [Nizz.) — Oca [Lucca] 

— Oca salvatica [I^sa] - Ronco [Vecchiano] — Oca reale 
[Bient.) Oca selvatica, Oca grossa col becco rosso [Cmbria. 
Roma) — Papaia [Nap.) — Paparo a castagne ( Campobasso) 

— Papara paesana (Saline, Barletta) — Oca sarvaggia, Pa- 
paia iSicil.) — Oca paglierina o bianca iflirg.) — Oca de 
mari, Oca areste, Coca aresti, Cisini [Sarà.) — Uizza sal- 
vaggia (Maìf.). 

Questa specie di distingue facilmente dalle congeneri che 
giungono a svernare da noi o vi transitano semplicemente, 
per le dimensioni maggiori, pel colore carnicino chiaro del 
becco e dei piedi e per avere 1" unghia del becco quasi bianca. 
Non risulta essere comune in Italia, ma vi giunge di passo 
in novembre e di ripasso in marzo ogni anno, e non poche 
rimangono a svernare in località adatte e specialmente, pare, 
in Puglia e nella Capitanata, di dove è più facile averne 
nella stagione fredda. Da noi però è generalmente di scarso 
doppio passaggio; è stata presa nell' inverno un pò" dapper- 
tutto in Italia, anche in Sicilia e nella Sardegna. 

E-are volte avrebbe, pare, nidificato da noi : il caso — 
fatto conoscere dal Savi, il quale catturò un pulcino di questa 
specie nel padule di Castiglion della Pescaja nella primavera 
del 1827 — è raro davvero, e non credo abbia avuto ulte- 
riori conferme; non è però incredibile, giacché sappiamo ora 
che VA. ferus nidifica nel mezzodì della Spagna e nel S. E. 
dell'Europa. 

Questa specie vive in quasi tutta la Regione Eurasica, 
nidifica in molte parti dell'Europa centrale, specialmente nella 
Russia, ma anche talvolta al di là del Circolo Artico, così 
nella Siberia. Sverna nell'Africa settentrionale e nell'India. 
Seguendo Alph<'raky [The (reese of Fjurope and Asia, p. 24 
London U>05i, io non distinguo VA. rubrirosfris. Hodgs. orien- 
tale, dall'occidentale A. ferus. 



— 451 



3SS. Anser albifronslScop.j 

Oca Lomhardel]-a. 

Oco marin da la testa bianca ( Veron.) — Oca panza ne- 
gra, Oca maciada, Oca salvadèga foresta ( Few.) — Oca, Oca 
foresta (Padova) — Oca salvadèga {Pav.) — Oca salvadga 
(Mod.) — Oca sarvaega (Gen.) — Oca selvatica scura con la 
fronte bianca (Roma) — ? Uizza baida (Malt.). 

E assai rara in Italia e vi capita soltanto isolata od a 
coppie in branchi di altre specie di Oche selvatiche. Venne 
osservata nella Lombardia, nel Veneto (contrade ove secondo 
Arrigoni non sarebbe tanto rara), in Liguria, nella Toscana, 
nel Lazio e nella Campania; sempre nell'autunno o nell'in- 
verno. Conosco circa una dozzina di esemplari colti in Italia 
(Cf. Avif. Itaì. 1880, p. 300). Non è stata citata dalle no- 
stre isole, caso notevole perchè è specie invernale abbondante 
in Egitto, ed anzi è figurata insieme alla B. riifìcoUis in 
quell'antichissimo affresco scoperto in una tomba a Maydum, 
da me già citato [Avif. Ital. 1886, p. 298). 

UÀ. albifrons ha una larghissima diffusione geografica, 
giacché dalle accurate ricerche dell'Alphéraky, risulta che la 
forma americana, la quale ha usualmente un becco più lungo 
e che ebbe il nome di A. (Tamheli, Hartl. non può esserne spe- 
cificamente distinta. Dunque l'Oca lombardella si trova in 
quasi tutta la Regione Eurasica ed in quella Boreo -Ameri- 
cana; nidifica lungo la zona artica e subartica, sverna nelle 
zone temperata e meridionale, incluso il bacino circum mediter- 
raneo e r Egitto ; più ad oriente giunge nell' India setten- 
trionale. 

Questa specie ha in vita il becco giallo-arancio intorno 
alle narici, lungo il mezzo della mandibola superiore e sui 
margini di quella inferiore; nei rimanente color di vinacce, 
con unghia bianca. 



— 452 — 
333. Anser fìnmarcllieus, Gunner, in Leems 

Oca I.OMUARliKlJ.A MIXOUE. 

Questa specie ben distinta è stata spesso confusa colla 
precedente e lo è ancora da Ornitologi poco esperti. La dif- 
ferenza più saliente tra essa e VA. aìbifrons sta proprio nel 
becco, che, nella distinzione delle varie specie di Oca, ha ca- 
pitale importanza: nell'^. fin marchi cu ^ W becco è in propor- 
zione e nel fatto notevoi niente piccolo^ e anche nella forma 
ricorda ({uello delle Bermela; nel colore, in esemplari freschi, 
è di un roseo carnicino più o meno scuro, non giallo; l'un- 
ghia è bianca. I^a macchia l)ianca sulla fronte sembra esten- 
dersi più sul vertice ed il colore generale delle penne della 
testa e del collo è, pare, più cupo. Il colore dei piedi è de- 
cisamente nel più dei casi un giallo-arancio, onde il nome 
specifico ert/tkropus, oltre ad essere sinonimo in parte della 
specie precedente, ribadisce un errore nella diagnosi. E pure 
stato notato che ueir.4, finimirchicm le palpebre sono gonfie 
e di color giallo, carattere che dà un aspetto speciale a questa 
Oca, che ebbe perciò dagli Ostiacchi il nome di Kirri-si'ìn 
(occhi di Storione). Finalmente nei pochi esemplari che ho 
potuto confrontare la differenza nella statura tra i due sessi 
pare essere più marcata che non nellM. albifrons. Nella mia 
Avif. Ital. 1889, p. -1:65, ho dato una tabella di misurazioni 
comparative prese su esemplari delle due specie. 

{J A. finnuirchicus sembra essere di accidentale comparsa 
invernale in Italia, ove per (|uanto mi risulta non più di 
sette od otto individui sarebbero sinora registrati e non tutti 
sono bene accertati; rammenterò i due che conservo nella 
Collezione italiana del \{. Museo Zoologico di Firenze (Cai. 
Ucc. 2887, 21)10): il primo è una piccola femmina che sa- 
rebbe stata uccisa nei pressi fli Padova, ma la data di cat- 
tura non venne registrata; il secondo è un magnifico 'maschio 
adulto ucciso il 8 febbraio 188r) sul Po vicino a Cremona. 
Abbiamo poi: un esemplare veduto dal Snundei's sul mercato 



— 453 — 

di Roma nell' inverno L869 ( «Ibis», 1869, p. 396); un se- 
condo trovato sul mercato di Roma dal prof. G. Martorelli 
il 4 gennaio 1888 {Ccc. d'Italia, p. 259), e questo è forse 
quello ora nel Museo Zoologico della R. Università di Roma; 
un maschio ucciso a Maccarese nel marzo 1891, conservato 
nella raccolta del principe Aldobrandini; un'esemplare ucciso 
a S. Rossore, Pisa, nel febbraio 1886, ricordato dal marchese 
Lepri (Boll, del Naturalista, Siena, 1896, p. 48j; un'altro 
preso a Mirandola nel febbraio 1901, conservato nel R. Mu- 
seo Zoologico a Modena ; ed una femmina adulta trovata sul 
mercato a Milano nel dicembre 1902 dal prof. G. Martorelli, 
proveniente però da Manfredonia, e conservata nel Museo 
Civico milanese. 

L'^. finmarchicus avrebbe presso a poco la medesima 
distribuzione geografica della specie precedente nella Regione 
Eurasica; nidifica lungo l'Oceano Artico dalla Lapponia al- 
l'estremo lembo della Siberia e nel Kamtschatka; sverna nella 
zona temperata dalle isole Britanniche al Giappone, spin- 
gendosi scarsamente nel bacino mediterraneo; giunge in 
Egitto, nella Persia e nel N. dell'India. Non è citato dal- 
l'America boreale. 



324. Anser brachyrliynclius. Baili. 
Oca a becco corto. 

E la prima volta che questa specie prende posto nella 
nostra Avifauna, e questo, sinora, per un' unico esemplare 



(1) Per questa specie, come per le due seguenti ed altre cinque 
dell' Eurasia orientale ed estranee tuttora alla nostra Avifauna, l'Al- 
phéraky nella sua magistrale monografia (« Geese of Europe and 
Asia », London, 1905), insiste nel mantenere il genere Melanony.ic 
(proposto nel 1901 dal Buturlin per questo gruppo di Oche con va- 
lore subgenerico soltanto), ma non credo che i caratteri su cui esso 
si basa siano abbastanza validi per smembrare il genere Anser come 
è oggi generalmente definito: le Oche con becco provvisto di unghia 
nera formano per quell'unico tratto un gruppo, ma non altrimenti, 
e ciò non basta per farne un genei-e distinto. 



— 454 — 

catturato insieme a diversi .1. segetum nel piano di Sesto, 
Firenze, il 15 dicembre 1897 che venne acquistato sul nostro 
mercato ed era un maschio adulto. Mi giunse in un momento 
in cui ero molto occupato e preoccupato da gravi lutti in 
famiglia, onde passò in Collezione sotto il nome della comune 
Oca granaiola [Cat. (Ice. 4116). 

(Jra, riprendendo lo studio di questi uccelli colla scorta 
di maggiore esperienza e l'ottima monografia deU'Alpht'raky, 
correggo, non solo questa svista, ma un' altra non meno 
grave, come vedremo, riguardante le nostre Oche selva- 
tiche. 

L'xl. hrachyrhynchufi si distingue per il becco breve con 
unghia nera e colorato di roseo-carnicino, i piedi dello stesso 
colore e le cuopritrici esterne dell'ala di un bigio chiaro quasi 
uniforme. Le penne sulla testa e parte superiore del collo sono 
di un bruno più scuro, formando un vero cappuccio. 

Questa specie sembra essere propria dell'estremo lembo 
occidentale delia Regione Eurasica, colla porzione corrispon- 
dente di quella Artica; nidifica allo Spitzbergen e nella 
Terra di Franz Josef, è di passaggio regolare nel N. 0. del- 
l'Europa, svernando in abbondanza nella Gran Brettagna, 
più scarsamente nella Scandinavia, (xermania boreale. Olanda, 
Belgio e Francia; più al Sud giunge di rado, in modo av- 
ventizio affatto, come è giunta da noi. Più ad oriente, anche 
neir Europa e sulle Terre Artiche, la rappresenta 1' affluis- 
simo A. neghctus. Suskin, con becco più lungo; nidificante 
alla Novaia Zemlia, di passo abbondantissimo nella Russia 
europea ed in Ungheria, questa forma, che l'Alphéraky ri- 
tiene per specie ben distinta, potrebbe capitare anche in Ita- 
lia sul nostro versante adriatico, giacché nelle sue migrazioni 
invernali giunge nella Persia e persino nel N. dell'India. Ed 
a tale proposito rammenterò che nella collezione Ninni, ora 
nel Museo Civico di Venezia, è un'Oca che è stata dubbio- 
samente riferita a questa specie dall' Arrigoni (< Ihh< >, 1H98, 
p. 173;; essa venne catturata nell' Estuario Veneto nel feb- 
braio 1890. UÀ. neglectus differisce soltanto dall'.!, hrachyr- 
hynchuH per avere il becco notevolmente più lungo e più robu- 



— 455 — 

sto e per la statura maggiore ; vi sono auche ditferenze più 
lievi nella coloritura delle penne; ma in ciò le specie di Anser 
sono molto simili tra loro e variano alquanto individualmente 
nelle tinte. 



3S5>. Anser arvensis, Brehm 

Oca granatola a becco giallo. 

Anche questa specie ben distinta, e non rara durante la 
stagione fredda in Italia, è stata sinora affatto trascurata e sco- 
nosciuta dalla totalità degli Ornitologi nostri, me compreso, i 
quali I' hanno confusa co\VA.,segetii))i: distinta dal buon Pa- 
stor Brehm sin dal 1830, era caduta in sinonimia colla specie 
seguente, forse a cagione della eccessiva facilità con cui l'ot- 
timo Brehm moltiplicava, dividendole, le specie più comuni; 
anche 1' illustre Naumann aveva riconosciuto come distinte 
le due forme di Oca granaiola. Ma si deve principalmente 
agli Ornitologi russi il ripristinamento di questa specie. 

L'^. ai'censis si distingue dall' J^. .■<egetuni pei caratteri 
del becco che sono naturalmente più accentuati in individui 
adulti nei due casi. Nel primo, il becco è notevolmente più 
lungo e più largo all'apice; diversifica pure nella forma da 
quello dell'^. segetum, essendo assai più depresso superior- 
mente dietro r unghia, che è più corta, più larga e più ar- 
rotondata : la mandibola inferiore è inoltre meno curva che 
nell'J.. aruensis e relativamente meno alta nella parte più 
spessa, guardando il becco chiuso, lateralmente. Nell'adulto 
deir^. arvensis la macchia giallo-arancio si estende su quasi 
tutta la mandibola superiore, colla eccezione dell' unghia nera^ 
e può passare ad un carnicino sfumato verso la base (carattere 
però soltanto visibile in individui viventi od appena uccisi); 
lungo il culmine e ai lati del becco corrono, più o meno 
prolungate, fasce longitudinali nere, partenti dalla base; nella 
mandibola inferiore il giallo-arancio forma una larga fascia 
trasversale subito dietro 1' unghia. Nei giovani il giallo forma 
soltanto una fascia trasversale ed allora pel colore del becco 



— 456 — 

essi somigliano assai all'/I. f<egetunt. Spesso negli adulti del- 
l'^, arvensis la base del becco sopra e ai lati è contornata da 
uua stretta orlatura di penne bianche. Le dimensioni e gli 
altri caratteri non oflfrono spiccate differenze in queste due 
specie, ma per la mia limitata esperienza VA. arrensìx sarebbe 
alquanto più grande. 

In Italia questa specie capita insieme alla seguente di 
doppio passo e rimane da noi durante l'inverno; la ritengo 
non rara, ma non sono in grado di dire se giunge insieme 
all'yl . segetum o se viaggia separatamente ; a me risulta meno 
abbondante di quest' ultimo, ma mi mancano i dati per as- 
serirlo in modo sicuro. Nella Collezione italiana conservo due 
esemplari dell'^. arvensis entrambi adulti: un maschio uc- 
ciso il 30 dicembre 1877 a Bientina, ed una femmina presa 
nel febbraio 1876 a S. Rossore, Pisa (Cat. Ucc. 816, 273). 
Per il fatto che questa specie è stata ed è sempre confusa 
colla seguente, colla quale divide indubbiamente tutti i nomi 
volgari, non mi è possibile aggiunger altro intorno alle con- 
dizioni nelle quali giunge e soggiorna in Italia; richiamo 
su tale interessante argomento l'attenzione di tutti i nostri 
Ornitologi. 

Secondo Alphprak\- l'.4. arvensis sarebbe la specie più 
diffusa e più abbondante delle Oche della Regione Eurasica; 
esso nidifica lungo la zona subartica al di là del 62" Lat. 
N. circa, dalla Scandinavia alla penisola Taim^'^r: e così entro 
la Regione Artica a Kolguev ed alla Novaia Zemlia. Sverna 
neir Europa media e meridionale, ed è in quella stagione 
abbondante nelle isole Britanniche, anzi sarebbe la specie 
più frequente nell' Europa occidentale, ma non pare che ol- 
trepassi le sponde settentrionali del Mediterraneo; sverna 
pure nell'Asia centrale (Turkestan russo e Thian-Shan occi- 
dentale). Più ad oriente questa specie sarebbe surrogata da 
una forma afKnissima, che l'Alphi'raky distingue col nome 
di Anser ('Melanouyx) arvensis sihiricus. 



— 457 — 



3Se. Anser segetum ' (J. F. Gmel.) 
Oca granaiola. 

Oucouii (Alba) — Oca salvadega, Oca paa. Oca sarvaja. 
Oca sarvaega (Basso Pieni.) — Oca salvadega, Oca de la nev 
(Lomb.) — ■ Oca salvadega, Oca marina ( Valt.) — Oca saelvàdga 
{Pavia) — Och saervài (Bassa Lomb.) — Oucòon, Ouchètta 
(Vigev.) — Ocàrza {Alta Trebbiai — Oc de la néf {Bresc.) — 
Oca de la nef (Cremon.) — Oca savàiga ( Varzi) — Oca sal- 
vàdgha (Parm. Piac.) — Oca d' inveran jMantov.) — - Oca. 
salvadga, Oca da la nei va, Oca d'ia ne va o nev (Mod.) — 
Oca di gran o d'ia neiva (Boi.) — Oca d'vall {Ravenna) — 
Oca. Oca faraonzina, Oca selvadéga. Oca piccia, Oca da le 
zate zale, Oca marin (Ven.) — Oche salvadie, Oche, Ocie 
{Friuli) — Oca salvaréga, Och {Feltre) — Oca pizzola (Bell.) 

— Oca faraóna i Padova) — Oco, Oca salvadega (Trentino) 

— Ancha (Gardena) — Alcha, Alcon, Veron. Oco (Badia) 

— Gans (Luserna) — Oke, Occa (Sette Comuni) — Guska o 
Gns krza {Dalm.) — Aucca, Anca fera (Xizz.) — Oca paa 
(Arenzano\ — Oca sarvaega, Oca pàea {Gen.) — Oca da gran 
{Speziai — Oca granajola (Pm, Fior. Valdich.) — Oca pic- 
cola (Bient.) — Oca (Lucca) — Sroca {Rieti) — Oca selvatica, 
Oca piccola col becco rosso (Umbria, Roma) — Papara ro- 
mana (Xap.) — Papara greca (Bari) — Paparune (Calabr.) 

— Oca sarvaggia {Sicil.) — Paparuni (Mess.) — Papara (Pai.) 

— Oca griscia (Girg.) — Oca selvatica. Oca areste. Coca aresti, 
Cisini (Sard.) — Uizza salvaggia iMalt.ì. 



(1) Il nome di f abalis. deito a questa specie dal Latham, ha st-nza 
dubbio la precedenza, ma sotto quel nome erano incluse le due specie 
precedenti ; anche il Gmelin sotto il nome di segetum iuclude^■a forse 
VA. arvensis., ma oramai quel nome ha Ivmgo uso ed è quello ora adope- 
rato con ogni rettifica dall'Ai phérakv per la comune Oca granaiola 
perciò lo mantengo. 



— 468 — 

Io ritengo, colle riserv^e già espresse j)er la precedente, 
che questa sia l'()ca selvatica che capita in maggiore abbon- 
danza in Italia, in transito durante le due epoche del passo 
(novembre-dicembre, marzo-aprile) e stazionaria nell'inverno. 
Pare essere soltanto di passaggio nel Piemonte, nella Lombar- 
dia, neir Emilia, nelle Marche ed in Sardegna ; invernale nel 
Veneto (scarsa), nella Toscana (abbondante), nel Lazio, nella 
Campania 'scarsa), nelle Puglie (copiosissima}, in Calabria, in 
Sicilia (scarsaj. Merita conferma 1' asserzione della comparsa 
da noi di qualche branchetto di quest' Oca nella seconda c[uin- 
dicina dell'agosto iAvAf. Ifal. ms6, p. 300). 

LM. segetum differisce dall' A. arvensis per le tinte del 
piumaggio alquanto più cupe, ma specialmente per avere il 
becco più corto, più alto, di forma più conica ; 1' unghia della 
mandibola superiore è più stretta e più lunga ed acuminata ; 
veduto di fianco questo becco è più alto e non depresso sopra 
come nella specie precedente: la mandibola inferiore è più 
curva e più alta. Il color giallo-arancio sul becco è general- 
mente ristretto ad una fascia sub-apicale che include le due 
mandibole, variando alquanto in larghezza ; il rimanente del 
becco è nero. Sembra mancare nell'ai, segetum la sottile fascia 
di penne bianche che assai spesso circuisce la base del becco 
neir A. arveììsis. Come in questa, i piedi sono di un giallo- 
arancio. 

Per la confusione esistente tra questa e la specie prece- 
dente non è tacile il definirne la distribuzione geografica; 
secondo Alphéraky 1'^. segetum avrebbe un " Tiabitat „ più 
limitato e sarebbe pure meno numeroso ; queir area non pare 
coincidere sempre con quella abitata dall' .1. arveììsis È però 
accertato che le due specie nidificano su Kolguev e nella No- 
vaia Zemlia. In conclusione 1' A. segetum apparterebbe alle 
contrade subartiche e boreali dell'Eurasia occidentale ; r un 
migrante regolare nell'Europa centrale, svernando anche sulle 
sponde del .Mediterraneo, come fa in Italia: non sembra però 
giungere nell'Africa settentrionale. La quistione poi si com- 
plica per la esistenza di forme affinissime, ma distinte, come 
sarebbe l'orientale A. serrirostris Swinh. ed altre. 



- 45! I 



AJSTATIDJE. 

[Anatre) 



32*7. IDendrocycna. javanica (Horsf.i 

Anatra arborea. 

Mantengo integralmente, colle espresse riserve, quanto 
scrissi già intorno alla eventuale accidentale comparsa di que- 
sta specie propria alla Regione Indo-Malaiana nell'Italia [Avif. 
Jtaì. 1886, p. 301. Id. 1889, p. 465). Il caso è certamente 
strano e non si può escludere in modo assoluto 1' agenzia 
umana per spiegare la cattura di questa Anatra in paese così 
lontano dall' " habitat ,, suo ; ma vi sono pure buone ragioni 
per 1' ipotesi che sia giunta da noi coi propri mezzi di tra- 
sporto. 

All'esemplare femmina uccisa nel Canavese il 3 dicem- 
bre 1876, viene ad aggiungersi ora un maschio adulto, colto 
a Vecchiano, Pisa, il 25 settembre 1905 ; il quale, come la 
femmina sopracitata, non pare presentare segni di essere vis- 
suto in schiavitù. Questi due individui fanno ora parte della 
Coli. Italiana di questo R. Museo Zoologico ' Cat. Ucc. 2836, 
4117). Un terzo esemplare, che non ho veduto, sarebbe stato 
preso sul lago di Massaciuccoli il 27 settembre 1901 e si con- 
serva nella Collezione del conte Spada a Lucca (" Avicula, ,, V, 
p. 153 sotto il nome di Casarca rutila. — Ibid. VI, p. 5(5. ret- 
tifica in nota. Siena., 1901-2) ; è un maschio. 

La D. javanica vive in tutta l' India, nell' isola di Ceilan, 
nell' Indo-cina, nella Cina meridionale e nell'Arcipelago Ma- 
lese : ovunque sedentaria. 



— 460 



3S8. Chenalopex aegyptiacus ( Linn. ex Briss.) 
Oca egiziana. 

Questa bella specie africana ha fatto più volte capolino 
in Elenchi di uccelli italiani per esserne poi scartata; io pure 
l'avevo sin qui esclusa (Cfr. Acìf. Ital. 1886, p. 298 notai. 
Ora però mi sono ricreduto, e ritengo possibile la comparsa 
accidentale di questo Palmipede nel paese nostro. I casi pre- 
cedenti di presunte catture vennero registrati in modo piut- 
tosto vago, per la Sicilia, dal Temminck {Man. cV Orn. IV, 
p. 525), dal Malherbe {Fann. Orn. Sicile, p. 215 •. e dal Po- 
derlein (^r//. Sic. e Mod. p. 25Gj ; anzi quest' ultimo cita un 
esemplare preso nelle vicinanze di Siracusa e conservato nel 
Museo locale ; Savi, Salvadori ed altri riportarono più tardi 
tali notizie, lo ho visitato più volte i vari Musei siciliani, 
compreso quello di Siracusa, ma non vi trovai alcun esem- 
plare di questo uccello, d'onde il mio scetticismo. 

Nel 1894 però ricevetti dal signor 0. Ferràgni di Cre- 
mona una femmina adulta del ('. cegyptiocux, uccisa a Bran- 
cere sul Po, non lungi da Cremona, il 23 giugno : era an- 
cora fresca e non presentava alcuna traccia di aver vissuto 
in schiavitù né nelle unghie, ne nelle penne. La conservo 
nella Collezione italiana (Cat. Ucc. 3490). Seppi poi che un 
maschio di questa specie, semi-adulto e senza alcun segno di 
schiavitù, fu preso a S. Fruttuoso, Genova, e si conserva 
nella collezione del marchese Mino Pinelli-Gentile presso 
Alessandria. Neil' iscrivere però questa specie tra le avven- 
tizie in Italia non posso eliminare ogni dubbio, onde lo faccio 
con riserva. 

Il C. (l'giiiìtiacus vive nell' Africa e nell'Asia Minore. 



— 46L — 

339. Casarca rutila (Fall. 
Casarca. 

Casarca, Germano forestiero (Aut. Ital.) — - Germano fo- 
restiero {Tose.) — Fiscuni imperiali {Sicil.) — Fiscuni fara- 
stieri [Cat.) — ? Anatra di meraviglia (Girg.) — ■ Cnluvert 
ta Barbaria alimar {Mali.). 

Di accidentale comparsa in Italia, e sinora soltanto nelle 
Provincie centrali e meridionali. Le catture accertate e regi- 
strate sarebbero sedici, includendone una avvenuta alla Na- 
renta e ricordata dal Kolombatovic' ; esse sono : quattro in 
Toscana, cioè : una alla fine del XVIII secolo, esemplare 
figurato dal Gerini ; una ai primi del 1800, individuo con- 
servato nel Museo Zoologico di Pisa ; un maschio adulto uc- 
ciso nel 1839 conservato nel R. Museo Zoologico di Firenze 
(Coli. ital. Ucc. 456) ; una femmina colta nel Pisano nel gen- 
naio 1898, citata dal dott. G. Gioii (" Avicula, ,, II, p. 3, 
Siena, 1898) ; due nel Lazio, mascbio e femmina adulti, uc- 
cisi al lago di Paola presso Terracina nel gennaio 1896, con- 
servati nel Museo Zoologico della R. Università di Roma, 
una nella Campania, 22 marzo 1854, presso Castel volturno , 
conservata nel R. Museo Zoologico di Napoli. Il Costa ne men- 
ziona poi una uccisa in Capitanata, ma non dà la data. Nelle 
Puglie abbiamo ancora un' esemplare preso a Trani nel 1875, 
e conservato nel Museo di queir Istituto Tecnico. In Sicilia 
sono state registrate tre catture : due, maschio e femmina 
giovani, a Lentini nel dicembre 1847, che si conservano ora 
nel R. Museo Zoologico di Firenze (CoZZ. ital. Ucc. 2249, 1053); 
e un terzo individuo, colto nei pressi di Siracusa, che giace 
nella collezione Rizza in quella città. Infine il Wright ricorda 
la cattura di tre esemplari a Malta, ma ci dà la data di uno 
solo, preso nel dicembre 1854. Da tutto questo risulta che 
le comparse avventizie di questa specie in Italia avvengono 
nel più dei casi nell' inverno. 



— 462 — 

La e. rutila vive e nidifica nella Spagna e in abbon- 
danza nel S. E. dell' Europa, di dove si estende attraverso 
l'Asia, giungendo sino nel Giappone; sverna nell'India e nel- 
l'Indocina. E trovasi pure nell' Africa settentrionale pene- 
trando sino allo Scioa. Nel Tibet, ove abbonda, questa specie 
nidifica a grandi elevazioni, sino a circa 5000 metri sopra il 
livello del mare. 



330. Tadorna cornuta ^s. (i. Gmel.i 

VolpÒC:A. 

Volpòca, Tadorna {Aut. Ital.) — Anara rossa {Veron.) 

— Chérso {Yen.) — Nèdar d'mar yMantov.) — Nadra dal 
becch stort, Belladonna [Mod.] — Volpoca, Belladonna ( /^o/. i 

— Ciccalona (Massesé) — Utva [Dalm.) — Canart d' iver 
ìNizz. I Volpòca {Tose.) — Anatra francese (Roma) — ? Ta- 
dorna (Xa}).) — Africa (Saline, Barletta) — Fiscone {Bari) 

— Creston (Puglie) — Cruciatu, Anatra cruciata (Sicil. Cai. 
Sirac.) — Anitra maltisa [Terrari. Sicil.) — Anatra imperiali 
bianca cu pizzu anascatu, Anitra janca ((iirg.) — Anadiera, 
Anariera (Sarei.) — Culuvert ta Barbaria (Mali.). 

La Volpòca non è abbondante in Italia, ma non può 
dirsi rara ; nelle nostre provincia settentrionali si vede gene- 
ralmente di passaggio o durante i mesi invernali, ma è rara 
in tutte e anche di accidentale comparsa in alcune ; è meno 
scarsa nelle provincie meridionali, ma mai comune, colla ec- 
cezione delle Puglie ove sui laghi e lagune della costiera è 
specie invernale e frequente. In Sardegna è, non soltanto di 
doppio passaggio regolare, ma invernale ed anche sedentaria, 
giacché pare oramai provato che alcune coppie vi rimangono 
a nidificare ; ciò avviene pure, ma casualmente, anche sul 
continente nostro, e qui rammenterò il giovanissimo indivi- 
duo che ebbi da Massaciuccoli, Lucca, il 14 agosto 1H7H 
(Cfr. Arif. Ital. ISSB, p. 303). il quale era appena in età di 



— 463 - 

essere migrante. A conferma ancora di ciò, vengo a sapere 
dal conte Arrigoni che nel 1892 questa specie covò negli 
stagni di Ostia, Roma. 

La T. cornuta, che è senza dubbio una delle specie più 
smaglianti delle Anatre, ha una larga diffusione geografica, 
essendo sparsa in quasi tutta la Regione Eurasica e svernando 
nelle parti settentrionali di quella Indo-Malaiana. E abbon- 
dante durante 1' inverno ed anche nidificante nel N. dei- 
Africa. 



331. Anas Boscas, Linn. lex Cfesn.i 
Germano. 

Anatra salvatica, German reale {Aut. Ital.) — Canart. Ania 
sarvàja, Ania founda {Pieni.) — Ania, Col verd {Cuneo) — 
Ania sarvaega {Novi) — An-nia salvaja, Anga salvadga, Ania 
sarvaiga, Colloverde (^as.so Hem.) — Anida selvadiga {Ossola > 

— Aneda salvadega (Lomb.) — Andròtt saelvàdaegh, An- 
dròtt, Andòtt, mas., Aénda, fem. {Pavia) — Aniòn, Ania, 
Aniètta {LomeUina) — Aénga {Po) — Aénga savàiga ( Varzi) 

— Aura salvadgha {Piac.) — Anedon {Como) — Nedròt sal- 
vadek {Berg. Bresc.) — Nadrot salvadegh [Cremon.) — Ger- 
mana {Mil.) — Nèdar salvadag {Mantov.) — Nàder salvàtegh, 
maschio, Sizòn, femmina {Parm.) — Nadra salvadga, Zisòn 
{Mod.) — Nadrazz, Zizon nader {Carpi) — • Anatra salvadga 
{Pievepelago) — Andra salvadga grossa {PavtiUo) — Zi- 
sion, Zison, mas., Anadra, femm. {Boi.) — German nader 
[Coreggio) — Zisón. mas., Anedra fem. {Romg.) — - Zizón 
ucarén, Zizón zintil, Anàdar d' vali [Ravenna) — Zarmen 
{Forlì, Cesena) — Màzorin, Màzoro, mas., Anara, Arena o Anera 
selvadéga, Anara da zogolo, fem. {Yen.) — Anara salvadega, 
Anara sisona {Veron.) — Mazzorin, Arena salvadega {Vicenza) 

— Masaro, Masorin {Polesine) — Mazorin {Friuli) — Anera 
salvarega, Mazurin {Bell.) — Anera grossa, Mazhoriu {Felfrei 



— 464 — 

— Avana o Arena salvadega (Bass.) — Anedra salvadega, 
^lazolom {Rovereto, Trento) — Anera selvadega {Vaìsugana) 

— Mazurin. Anedra mazurina {J orhoh) — Nedra (Rendena) 

— Anera (^Sette Comuui) — Aunes, Annes {Gardena) — 
Mazzurin {Istria) — Patak, mas., Beretusa, Mrkusa, fem. {Daini.) 

— Cuolvert, mas., Sarcela, fem. (Nizza) — Collo verde (Gen.) — 
Capo verde (Spezia^ Marche) — Germano reale, Collo verde, mas.. 
Anatra, fem. {Tose. Fior. IHsa) — Anatra colloverde {Lucca) — 
Anitra (l'mhria) — Capa verde, Jermanu (Rieti) — Capo verde, 
mas.. Anatra, fem., Paperone, Germano (Roma) — Anitra 
( Viterbo) — Capo- verde, Maliardo, Riale, mas.. Anatra, Anetra, 
fem. {Nap.ì — Maliardo Campoltasso) — Cape-verde, mas., 
Andr, fem. (Bari) — Capo-verde, mas., Anetra, fem. (Terra 
</' Otranto) — Capo verde, mas., Maliarda, fem. [Rossano, Co- 
senza) — Mellardi, Middarda, Capuvirdi, mas., Gaddina, fem. 
(Calahr.) — Coddu virdi (Sicil.ì — Coddu virdi, mas.. Anatra, 
fem. Mess.) — Middarda, fem. {Lentini\ — Cuoddu- virdi, mas., 
Anitra, fem. [Modica) — Anatra furmintina, mas. (Terran. 
Sicil.) — Coddu virdi imperiali, mas. {Girg.ì — Anitra regulari 
iPal.) — Meddarda, Maddarda. Maddarna, Melarda, fem. iPal. 
Mess. Cai. Girg.) — Crabu, Trdi, Anadi concabirdi, Conca- 
irdi [Sard.) — Cnluvert prim, mas., Borka prima, fem. [Malt.\. 

Questa specie è generalmente di doppio passo regolare 
e residente invernale, sparsa e abbondante in Italia ; giunge 
fra noi in ottobre e novembre e anche prima, e riparte, diretta 
al nord, in febbraio e marzo. Ma non pochi sono sedentari 
da noi ed annidano in Sicilia, in Sardegna e quasi ovunque 
in luoghi adatti sul continente, alla line di maggio e nel giu- 
gno ; il Bazetta assicura che qualche coppia nidifica persino, 
nel lago di Devero, a 1850 metri nell' Ossolano. Durante 
l'epoca della incubazione, come accade in altre specie di Ana- 
tre selvatiche, il maschio smette la veste distintiva ed a.ssume 
un abito molto simile a quello caratteristico della femmina 
abito evidentemente protettivo e che è stato detto felicemente 



— 4H5 — 

" ecclissale ,, dal prof. Martorelli seguendo il Millais. Non sono 
rari casi naturali di ibridismo tra questa specie ed altre più o 
meno affini, come la Mareca Penelope^ la Dafila acuta, la N^et- 
tion Crecca e il Chau/elasmus streperus. Il conte Arrigoni dà 
estese ed interessanti notizie intorno al Germano ed ai suoi 
abiti ed ibridismi (Man. orn. ital. p. 710). 

UÀ. Hoscas vive in tutta la Regione Eurasica temperata, 
e così in quella Boreo- Americana ; neU' inverno penetra in 
quelle Indo-Malaiana, ed Austro- Americana. 



33S. Chaulelasmus streperus Linn. ex Ciesn.) 
Canapiglia. 

Cicalona. Canapiglia, Ridenna {Aut. Ital.) — Ania, xA.n- 
nia salvaja, Anga salvadga, Ania sarvaega (Basso Pieni.) — 
Aénda ourbèra, Ourbèra, Gourbèra (Pav.) — Grisetta (Miì.) — 
Albera (Mantov.) — Nadra moretta (Mod.) — Muretta (Carpi) 

— Murett (Finale) — Albar, Albèr (Boi.) — Arbèla (Romg.) 

— Arbala {Forlì) — Arbalón, Arbèla {Ravenna) — Albàr 
(Ferr.) — Albaro {Rovigo) — Pignòlo, Pignòl, mas., Pignòla, 
fem., Tresso ( Ven.) — Pignòle [Friuli) — Màzolo, Mazolim 
(Rovereto^ — Posvizd, Posvizdusa {Dalm.) — Canart gris (Nizz.) 

— Canapiglia (Pis. Fior.) — Morigiana, Cicalone ( Bient.) — 
Marigiana (Fucecchio, Valdich.) — Erbaio (Chiusi, Valdich.) 

— Anitra montanara o terragnola {Roma) — Tridente (.S«- 
line, Barletta) — Francischina grisa {Bari) — Sarsellune 
{Calubr.) — Terzòla {Bianconuovo, Calahr.) — Ervalora, Ir- 
valora i Sicìl.) — Irbalora {Lentini) — Anitra tacchiata, Var- 
variscu, Riddeni (Girg.) — Trigàli (Sard.) — Culuvert second, 
mas., Borka seconda, fem. [Mali.). 

Non può dirsi comune, specialmente nelle provincie oc- 
cidentali dell' Italia superiore : nel Veneto è più frequente e 
così nelle provincie centrali e meridionali d' Italia, in Sicilia 
e nella Sardegna. Non è mai, eccetto in casi straordinari,, 
;jo. 



— 466 — 

abbondante. Tra le Anatre è una delle prime a giungere, ed 
il Salvadori Iba uccisa nelle ]\Iarclie alla fine di agosto; non 
pare però che abbia nidificato in Italia, ma è cosa che me- 
rita ulteriori indagini ; in riscontro ad antiche asserzioni in 
contrario, debbo rammentare quella del Paglia il quale la 
dice nidificante nel ^lantovano (Cf. Avif. Ital. 1881), p. 470t. 
Per quanto mi consta è per noi specie di doppio passaggio 
ed invernale ; giunga alla fine dell'estate ed al principio del- 
l'autunno, parte o ripassa in marzo ed aprile. 

Il C. sfrepeniii ha presso a poco la medesima distribu- 
zione geografica deiri4. Boscas : è nidificante nelle zone tem- 
perate delle Regioni Eurasica e Boreo- American a; svernante 
nella zona meridionale delle medesime e nelle parti setten- 
trionali delle llegioui IndoMalaiana ed Austro-Americana. 



333. Spatula clypeata f.imi. ex All>. 
jMkstoi.oxk. 

Mestolone, Fistione (Aut. Ital.) — Palletr, CoU-vert (Pieni.) 

— Cassul (Cuneo) — Spatola, Beccociatto, Cassù {Basso Pieni.) 

— Cuzzorott, Cazzolott, Cazzulón, Cazzurón (Lomb.) — Caz- 
zulot iMil.) — Cassulón, Palatoun (Pav.) — Ania cassulèra, 
Cassulòtt {Bassa Lomb.) — Cassuròon (]'igev.) — Palot, Cuc- 
ciaron (Cremon.) — Palton, Busion, Tognin, Palott (Mantov.) 

— Palótt iParm.) — Palott (Carpi) — Fafar (Finale) — Palòss, 
Palòtt, Fafer (Mod.) — Fafan, Paloz, Panard, Panèr (Boi.) 

— Fafen, Badilaz (Romg.) — Fàfan (l'avenna) — Palón 
(Feì'r.) — Fófano, mas., Fófana. tem., Palóto, Sculiaro ( Ven.) — 
Anéron (Feltre) — Tofanachio {Padova) — Paloto, Paloton 
(Veron.) — Palóte (Friuli) — Supljaca, Sarabanka (Daini.) 

— Canart serraire (Xizz.) — Collo-verde (Arenzano) — Becco 
ciatto [Cren.) — Palettone (Fior.) — Mestolone (Pi.m) — Cap- 
pellone (67/ «/.sv) — Palettone, Specchio {]'(ildich.i — Becco- 
roveia \ Marche) — Cucchiarone (Marche, Jìanim — Cucchia- 



— 467 — 

rone, Domenicano, Maliardo romano (Xap.) — Pizzilata [Sa- 
line, Barletta) — Bifara {Bari) — Ciicchiarune, Cacchiaruni, 
Mijardo (Calabr.) — Anatra palittuni (Sicil.) — Cucchiaruni 
(Mess.) — Anatra fungiuta, Cucchiaruni monacu, mas. {Pai.) 

— Anatra cucchiaruni, Cucchiarunedda {Girg.) — Anatra 
palettuni {Trap. Marsala) — Favajana {Castrog.) — Biccan- 
gia, Cuciarone {Sard.) — Palettuna (Malt.). 

Specie invernale e di doppio pas.sa;ggio copioso in Italia 
e nelle sue isole; i primi giungono da noi in agosto, la massa 
in ottobre e novembre; parte o ripassa diretta al N. in marzo- 
aprile-maggio. E stata asserita la nidificazione del Mestolone 
nell'Estuario Veneto ; la cosa è ben possibile, ma sinora non 
ha avuto conferma, che io sappia. Il compianto Ninni notò 
nel Veneto che i primi arrivi avvenivano verso il 20 agosto, 
le ultime partenze verso il 20 maggio ; e ricorda di averne 
veduti spesso, uccisi nel giugno e luglio nell'Estuario. Anche 
in questa specie 1' abito eccìissale postnuziale del maschio è 
molto accentuato ; qualche volta il Mestolone si incrocia col 
Germano reale, ma tale ibrido naturale non è frequente. 

La S. clypeata è specie quasi cosmopolita, giacché si trova 
in tutta la Regione Earasica e nella Boreo- Americana per 
la riproduzione, mentre sverna in quelle Indo-Malaiana, Etio- 
pica ed Austro-Americana, penetrando anche nella Regione 
Australo-Polinesiana, essendo stata presa alle isole Hawai. 

334. IDafìla acuta (Linn.i lex Gesn.) 
Codone. 

Anatra di coda lunga, German marino, Coda-lancea, Co- 
done {Aut. Ital.) — Bourchetta, Fourchetta {Carign. Piem.) 

— Ania sarvaja dia couva longa, An-nia salvaja, Ania cua- 
longa (Basso Piem.) — Sforceloùn {Lago Maggiore) — Coua 
lonnga, Covalonga, Coalonga, Coli longh, Collorin (Lomb.) 

— Coualón, Coalón {Pav.) — Francesina {Vali.) — Coua- 
d'roundón (Bassa Lomh.) — Coualóon {Vigev.\ — Fourbeson 



— 468 — 

(Ci'emon.) — Forbsòn, Gardòn (Parm.) — Fagiano della valle 
^Mirandola) — Colanz (Mod. Boi.) — Culanz, Aibàr (Bol.\ 

— Codlanz, Codlens {Iìoing.\ --- Clunzin {Camcicch.) — Cod- 
lauz, Cudlàiiz {Ravenna^ — Colanza {Ferr.) — Asia, Asiao, Co- 
lanzo, mas., Asiàda, fem. ( Ven.) — Forbesòn ( Veron.) ■ Ane)'a 
sabióta (Beli.) — Anera subiotta, Coalonga ( Valsugana) — Co- 
lanzo, Coalonga [Polesine) — Kepas, Vrbar (Dalm.j — Canart 
couva longa iNizz.i -— Cua de Ronndaninna Arenzanoì — 
Coon, Cua lunga, Codone, Marzaièu, Annia de due cile ( (rcn.) — 
Anatrin ^ Spezia \ — Codone (Piv.j — Codolo, Codolone i Chiusi) 

— Campigiana {Fior.) — Fischiaute, Codalancia \ Marche) — 
Anitra eodona {Ancona) — Anitra codilanza (Roduiì — Co- 
dilongo, Codeluoiigo. Coda-luònga, Codalone, Maliardo romano 
fXap.) — Canneioiiga (Saline, Harletta) — ^laddardcj verda- 
tiere, Maliardo verdatero (Bari) — Maliarda, Pilliettu ( Terra 
d^ Otranto) — Cudune {CaMh'.) — Anatra cuda longa. Ana- 
tra di S. Pietro ' Sicil. • — Carrabaru i Lentini) — Carabau, 
Carabaru {("af. Sirac.) — Anatra cuduta (^irg.) — Anitra 
cuduta [Terran. Sicil.) — Agu (Sard.) — Silfiun (Mali.). 

È specie invernale e di doppio passaggio, generalmente 
sparsa e comune in Italia ; giunge dalla metà di agosto alla 
fine di settembre, ci lascia tra la metà di marzo e quella di 
aprile. Il Ninni disse che talvolta si vede ancora nel Veneto 
alla metà di maggio, Ferragni ne vide una sul Po a Cremona 
il 3 giugno e Gragnani la nota nel luglio a Massaciuocoli, 
Lucca, Tali casi lianno fatto ritenere possibile (^he la l>. acuta 
possa nidificare da noi, come affermava pel Veneto il Naccari, 
ma sinora mancano notizie sicure in proposito ; i casi di in- 
dividui isolati, quasi sempre maschi, veduti tra V aprile e 
l'agosto non provano in mod(ì assoluto che questa specie si 
riproduca talvolta da noi, cosa però non improliabile giacche 
la Codona nidilica nella |)enisola Iberica. 

La I >. acuta varia alquanto nelle dimensioni e pre.senta 
molti e svariati abiti di transizione dal giovane all' adulto ; 



— 469 — 

il maschio poi ha un abito postnuziale ecclissale molto mar- 
cato e femminile ; spesso il bianco ventrale di questi è tinto 
di rugginoso, i cacciatori dicono che ciò ha luogo quando 
l'uccello ha vissuto sull'acqua salsa. Questa specie sembra 
accoppiarsi facilmente coll'^. Boscas ed ibridi naturali conse- 
guenti non sono tanto rari. 

La 1). acuta è quasi cosmopolita, manca soltanto nelle 
Regioni polari, nell'Australia e nell'America meridionale. 



335. Mareca Penelope Linn.i (ex Gesn.) 

Fischione. 

Morigiana, Bibbio, Fischione, Penelope \Aut. Ital.) — 
Ania subiarina [Pieni.) — Ania siibiarifia [Lago di Viverone) 

— Ania, Col rouss, An-nia salvaja, Anga salvadga, Ania 
sarvaega [Basso Piem.) — Co róss [JMmb.) — Anga savaiga 
{ Varzi) — Còurouss [AHI.) — Pio [Lago Maggiore, Voghera) — 
Col-rouss, Coross (Vali.) — Coróuss [Par.) — Co-rous, Più 
{Cremon.) — Có-ross, Mio [Mantov.) — Cò-rouss [Piac.) — Vio 
[Parm.) — Scivlon, Cap-ross, Coross da l'eia bianca, Coros 
(Mod.) — Sciflett, Magass, Sgiorz, Stuliot {Boi.) — Tèst-ross, 
Bibal (Romg.) — Ciosso, Cioss,mas.,Ciossèla;, fem., Tiosso, Soffio 
( Few. I — Campanato, Ciosso ( Veron.) — Choss [Friuli) — Anera 
medàna (Feltre) — Fio, Ciosso, mas. Ciossa, fem. [Rovigo) 

— Re de le Reco le {Gaì'daì — Capirosso, Schiosso [Istria) — 
Zvjezdusa [Daini.) — Canart testa roussa [Nìzz.) — Sciguun, 
Testa russa, Ania matta, Annia, Marzaièu, Anatrili [Gen.) — 
Fratino [Lucca) — Fischione (Tose.) — Bibbio (Pis.) — Bibbo 
[Bient.) — Fistione (Fior.) — Capo-rosso [Valdich.) — Anitra 
turca, Anitra dalla chierica [Marche) — Anitra fischiarola 
{Roma) — Caperusso reale, Chiummazzone (Nap.) — Fran- 
cischina caperossa [Bari) — Frischiettu, Carici (Calahr.) — 
Fiscuni, Anatra fìscuni (Sicil.) — Fischiuni (Mess.) — Fri- 
scuni (Lentinit — Anfia, Iiifìa, Anitra fìa [Cat. Sirac.) — Ana- 



— 470 — 

tra di tìschiu {Castrog.) — Anitra friscalora ( Terran. Sìcil.) — 
Anatra fischiatrici, Anatra fischiatrici cu l'ala bianca, mas. 
{Girg. I — Busciu, Anari conc'arrubbia {Sard.) — Silfinn {Maìt.). 

Comunissimo, di doppio passaggio e di stazione inver- 
nale; giunge usualmente alla fine di agosto, ma i grossi 
branchi non si vedono che ben più tardi, tra l'ottobre ed il 
dicembre; la massa parte in marzo ed aprile. È notevole la 
sua scarsezza in Sicilia, mentre abbonda in Sardegna. Però 
questa specie rimane da noi tutto l'anno; durante l'estate 
vedonsi grossi branchi, in gran parte maschi giovani. nel- 
l'Estuario A'eneto, ma questi non nidificano; è però un fatto 
provato che qualche coppia rimane e si riproduce da noi; e 
questo è bene accertato pel Veneto, ove il Ninni raccolse 
uova e pulcini nelle valli Dragojesolo e Serraglia, mentre 
Arrigoni accertò la casuale nidificazione nelle valli Morosina 
e Sora; anche nei pressi di Pavia e di Piacenza questa spe- 
cie avrebbe nidificato; nel Jjucchese, a ]\lassarosa il Gragnani 
trovò i nidi e notò come il maschio assuma una veste fem- 
minile durante 1' incubazione; al)biamo infine il Bonomi il 
quale asserisce che molte coppie nidificano allo Stagno di 
Sorso, Sassari, Sardegna, asserzione che sarà forse un poco 
esagerata, ma che ritengo attendibile. Il Fischione va (hin- 
que considerato specie sedentaria per 1' Italia. 

La M. Penelope e una delle Anatre più variabili : vai'ia 
notevolmente nelle dimensioni e presenta una serie di abiti 
diversi oltre quelli propri al sesso ed all'età; inoltre s'in- 
crocia facilmente colle specie più affini : (lermano. Canapi- 
glia, Codone, Alzavola ecc., onde individui ibridi non sono 
tanto rari. 

Questa specie è distribuita attraverso 1' intera Regione 
Eurasica, sverna in (luella Indo-Malaiana: è notata dalle isole 
Marshall fMicronesiai, ed è capitata accidentalmente neirAmo- 
rica boreale. 



47] 



336. IVEarmaronetta angustirostris (Moneti) 

(tERBIXA. 

C-i-arganella marmorata, Anatra marmorizzata (Atit. Jtal.) 
— Terziola imperiali (Oirg.j — Gerbina, Girbina (Caf. Lentini). 

Questa specie interessante era a ragione reputata fra le 
})iù rare comparse nel nostro paese; infatti nel 1886 io in- 
cominciavo l'articolo che la riguarda colle parole seguenti : 
« È singolare come questa specie, che sembra essere abba- 
stanza comune nella Tunisia, in Algeria e nel mezzodì della 
penisola Iberica, giunga cosi di rado in Italia » ; a quella 
data non erano registrate con certezza che sette od otto 
catture avvenute: tre in Sardegna, delle quali due individui 
vennero inviati dal Cantraine a Temminck, ed il terzo, ma- 
schio adulto, ucciso nel giugno 1839 presso Cagliari, è quello 
spedito dal Cara al Durazzo a Genova, figurato poi dal Buo- 
naparte nella sua « Iconografia della Fatma ftalica » e pas- 
sato più tardi dal Museo Zoologico della R. Università di Ge- 
nova in quello di Firenze, ove si conserva nella Collezione 
italiana iCaf. Ucc. 936). Circa il 1858 tre di queste Anatre 
vennero prese a Vico presso Napoli ed una di esse, un maschio, 
si conserva nel Museo Zoologico universitario di quella città. 
Il Wright ne menziona un esemplare avuto a Malta nel mag- 
gio 1874. Per la Sicilia, il Doderlein (Avif. Sicil. e Mod. p. 355), 
menziona un'esemplare conservato nel Museo di Siracusa, ove 
però io non lo trovai; parla di alcuni esemplari avuti da Gir- 
genti, di un altro veduto dal barone Caruso nel 1866; e con- 
clude col dire che la M. aìigustirostris « non è punto rara in 
Sicilia ». Io però allora non potetti vederne che un solo, ed 
era la femmina che trovai sul mercato di Catania pei- un caso 
fortunatissimo^, uccisa a Lentini il 21 novembre 1881, e che 
conservo nella Collezione italiana di Firenze {Cat. Ucc. 1806). 
I due esemplari esistenti allora nel Museo Zoologico della 



— 472 — 

iv. Università di Palermo provenivano da Malaga! Avevo 
ben ragione di concludere nel 188G che questa specie era 
avventizia affatto in Italia : e nella mia Avifauna Italica 
del 1889, p. 477, di confermare tale asserzione. 

Sino al 1892 non avevo avuto alcuna ragione di mutare 
avviso, quando sul finire del giugno di quell'anno venni a 
sapere che la M. angustirostris era da qualche tempo com- 
parsa in numeroso branco sul lago di Massaciuccoli in quel 
di Lucca. Scrissi per informazioni al signor Raimondo Gra- 
gnani e seppi che, in seguito a burrasca con forte vento da 
S. (J., il U) giugno era comparso infatti sul lago un grosso 
branco di questa rarissima specie; il 28 giugno il Gragnani 
ebbe il primo esemplare da un cacciatore che ne aveva già 
ucciso un altro e li credeva giovani Fischioni {M. Penelope). 
I cacciatori del lago di Massaciuccoli asserivano che il branco 
era di almeno ò() individui. Tra il 28 giugno ed il 24 lu- 
glio Gragnani ne ebbe 10 esemplari i7 maschi e 'ò femmine) 
due dei quali acquistai per la Collezione italiana [(ht. ree. 
3380, 3381). Durante il giorno queste Anatre stavano sul lago; 
la sera, divise in tre branchi, volavano avanti e indietro per 
poi gettarsi fra le canne ed i giunchi del padule: avevano 
le penne assai logore. Seppi poi che il Gragnani ebbe an- 
cora altri esemplari, e non pochi Musei e collezioni private 
acquistarono da lui (juesta rara specie. II 29 agosto il si- 
gnor Giovanni Papasogli mi spediva una bella femmina da 
lui uccisa presso Torre del Lago e il 3 settembre mi mandava 
un magnifico maschio in piumaggio perfetto, uno di 6 in- 
dividui uccisi sul lago quella mattina (Co//, ital. Cat. ree. 338(), 
3387). Nelle diverse lettere che egli mi scrisse allora e poi, in 
risposta alle mie chiedenti notizie, m' informava che diverse 
coppie del primo branco giunto pareva avessero nidificato a 
Massaciuccoli. e che ai primi di agosto vi erano circa 70 in- 
dividui di questa specie sul lago: un individuo venne ucciso 
a Massaciuccoli il 23 ottobre, ma verso la fine di quel mese 
non se ne vedevano più in quei paraggi. 

Nell'ottobre il dott. Lenzi ne ebbe uno a Bientina, ed 
il 11 dicembre mi venne portato un maschio in abito j)er- 



— 473 — 

fetto ucciso su quel laghetto sotto a Monsummano {('oli. ital. 
Cai. Ucc. 3430); ora con altri 3 o 4, che furono pure presi. 
Nel gennaio 1893 ebbi una lettera dal signor Guglielmo 
Gambi di Ravenna, il quale mi taceva sapere di 6 individui 
di questa specie colti in Romagna, uno in agosto 1892 vi- 
cino ad Osimo, gli altri in dicembre nei pressi di Porto Cor- 
sini (Ravenna). L' 11 febbraio 1893 un maschio venne preso 
a Maccarese (Roma), e ne scrisse il prof. A. Carruccio. 

Intanto venivo informato dal cav. B. Bertuccio che la 
M. angustirostris aveva fatto contemporaneamente una ab- 
bondante e straordinaria comparsa nel Pantano di Catania, 
ove soleva prima giungere in modo accidentale, ma non tanto 
infrequente, essendo nota ai cacciatori locali col nome di 
« Gerbina » ; ma nel 1892, tra il giugno ed il dicembre, vari 
branchi di cj[uesta specie vissero in quei folti canneti, ed il 
Bertuccio m' inviò 2 esemplari il 5 agosto ed altri 3 1' 8 
dicembre, da lui uccisi quel giorno stesso quando la Gerbina 
era tuttora abbondante nel Pantano di Catania (Coli. ital. Ucc. 
3385, 3427, 3428, 3429). 

Queste sono le notizie che raccolsi intorno alla straor- 
dinaria invasione in Italia durante il 1892 e nei primi mesi 
del 1893 di questa Anatra; notizie che pubblicai nel fasci- 
colo 52 della mia < Iconografia dell'Avifauna Italica », con 
una bella tavola del sig. A. Manzella (Firenze, 1893). 

Più tardi seppi di due individui presi in Puglia: uno 
nel settembre 1893 a Bari, citato dal De Romita; l'altro il 
20 maggio 1903 a Candellaro presso Foggia, ricordato dal 
prof. Angelini. Il primo era evidentemente un ritardatario 
della invasione 1892-93, Ed ecco quanto. 

Rimane in conclusione il fatto che normalmente la M. 
angustirostris è specie rara e di accidentale comparsa nell'Ita- 
lia centrale e meridionale, mentre farebbe comparse meno 
infrequenti, ma irregolari, nella Sicilia: non so di altri esem- 
plari colti in Sardegna dopo i primi rammentati. Per cou- 
chiudere non debbo dimenticare 1' esemplare esistente nella 
collezione Turati del Museo Civico di Milano, che secondo 
Martorelli venne preso a Venezia; egli però non precisa la 



— 474 — 

località uè la data; sarebbe la sola cattura reii;istrata per 
V Italia settentrionale (Cf. Martorelli. Gli uccelli d'Italia 
p. 283, e nota 1 Milano, liMJGi, ma la provenienza è incerta. 
Questa specie è citata oltrecchè dall'Europa meridionale, 
dalle Canarie, dall'Africa settentrionale e dall'Asia Minore, 
t^iungendo per la Persia ii^l X. (). dell'India. 



SS*?. Nettion ' Crecca I/mn.) 
Alza VOLA 

Garganella d' inverno, Arcitretta, Anatra querquedula, 
Arzavola, Alzavola, Garganello, Sartella, Cercèvolo i^Aut. 
Jtal.) — Ania greca o d'Egitt {Pieni.) — Gargòt {Cuneo) — 
Garganè, Garganella ^ Basso Pierri.) — Arzadègh, Garganell, 
Gargano, Zanzanin {Lomh.< — (largane, (4aergaené i Pav.) — 
Arzadega, Garganell piscen iComo) — Garganell [Valt.) — 
Gaarél {Prese. ) — Gaver {Cremon.) — Anga savaiga ( IVirzi) 
— Garganii'-lo [Alta Prehhia) — Tordèn (Parm.) — Zanzanel, 
Sciorina {Mod.) — Zarzanein {Carpi) — Sarzantin (Finale) — 
Zarzanin (Mirandola) — Pnzzet, Pazzetto, Arzagnel, Arzei- 
quel, Arzaiquel (Jiol.) — Dardein, Nadrein i('oreggio) — Sar- 
sanin ^Mantov.) — Pazzett, Zegher {Romgn.) — Pazzet, Zègar 
(Rat.) — Canaràl {Cesena, Forlì) — Sarsègna, Sarcegna, Zar- 
zegna, Cercegna {Ven.) — Sarsègna. Anarin, Crecola, Maznrin 
( Veron.) — Sarzegna, Sarzeguola, Anarin > Polesine) — Sarse- 
gnòla (Padova) — Cercegna, Cercègne i Friuli) — C'recolèta 
{Feltre) — Crècola (yia.svs-. Bell.) — Rècola, Crècola, Mazurin, 
Anarin (L. di Carda) - Folegheta \ Rovereto) — Sarzegna 
i Istria) — Kr'zulja, Zimcic', Skrgaljica i Daini.) — Sarzella, 
Lappareu, Canart lappareu iXizz,) — (rarganello (Arenzano* — 
Testa rossa Sarona) — Perrncchetto (Cen.) — Gavarèlo, Ani- 



fi) Recenti Autori scrivono .Xrtfiiuìi. con l'esso clif non vpijo r;i- 
j^ioiie per tale innovazione, e inantengo l'antica dicitura. 



- 475 — 

trin (Spezia) — Alxagola, Germanello, (fermano piccolo {Pisa) 

— GermanelJo {Sesto fior.) — Alzavola {Pis. Fior.) — Bozzolo, 
Bozzaracchio (Lucca) — Arzavola ( MassaciuccoU) — Bòzzolo, 
Bozzoletto [Fucecchio) — Barazzola (JUenf.) — Grecorello, Gre- 
gorello, Barazzuolo {Chiusi) — Rccclielle ( Viareggio) — Ger- 
manello, Barazzuolo [Sen.) — Anitrella, Cusciretto, Scronbetto 
{Umbria) — Marzarola, Anitrina, Anitrella, Rotabech, Scroc- 
chetto (Marche) — Crocchi arella {Rieti) — Anitrella i Viterbo)' 

— Anitrella, Anitrella d' inverno {Roma) — Terzella (Foggia) 

— Marzaiuola, Salzetta, Mallardèlla (Nap.) — Terzetola ver- 
nile, Terzedola vernile (Bari) — Mezzarello {Puglie) — Mar- 
zollina (Terra d'Otranto) — Terzina, Sarsella, Middardola, 
Anitrotta, {Calahr.) — Anatra tizzalora marzedda, Trizzola, 
Terziola imperiali (SiciL) — Purpuredda, Trizzutedda (Mess.) 

— Trizzetta, Tirzetta, Trizzotta, Tirzalora (Cat. Sirac.) — 
Cirzotta (Modica) — Mitarda, mas. ( Terran. Sicil.) — PajDar- 
duni {Girg.) — Papardedda [Castelb. Pai.) — Auadoni, 
Anadone, Crabeddu, Circuredda, Circaredda (Sarei.) — Sar- 
sella \Malt.). 

Usualmente uccello di doppio passaggio e invernale per 
noi ; le prime Alzavole immigranti giungono in Piemonte e 
nell'Estuario Veneto al principio dell'agosto, ma la massa 
arriva tra l'ottobre ed il novembre : parte o ripassa nel mar- 
zo-aprile, ed è alle due epoche molto abbondante ovunque 
in Italia. È anche, per noi, specie sedentaria, giacché un li- 
mitato numero di coppie si trovano nel nostro paese tutto 
l'anno e nidificano tanto nelle provincie settentrionali come 
in quelle centrali e meridionali e sulle grandi isole. 

Come in altre specie di questa famiglia, il maschio al- 
l'epoca della incubazione assume un'abito postnuziale regres- 
sivo assai simile a quello della femmina. 

La X. Crecca abita 1' intera Regione Eiirasica, penetra 
nell'Asia meridionale durante 1' inverno, ed è stata presa 
accidentalmente negli Stati Atlantici dell'America boreale. 
Ivi la rappresenta l'affine, ma diversa N. carolinense, Gm. 



— 47^) — 
338. Nettion formosum Georgi. 

A LZ A VOLA ASIATICA . 

Non ho nulla da aggiungere a quanto già dissi nei due 
volumi precedenti della mia Avifauna Italica (1880, p. 312: 
1889, p. 479) intorno alla comparsa accidentale in Italia di 
questa bella specie. Sinora non abbiamo che un unico caso, 
quello cioè del maschio adulto ucciso il 27 dicembre 1881 nei 
pressi di Massa Finalese, comune di S. Felice, Modena, e gene- 
rosamente donata alla Collezione centrale dei Vertebrati ita- 
liani nel R. Museo Zoologico di Firenze dal professore An- 
drea Fiori [Cat. Ucc. 1972). 

Il X. formosum è specie abbondantissima nella metà 
orientale della Regione Earasica, dal Jenisei al Giappone: 
durante 1' inverno giunge scarsamente nell' India e nell' In- 
do-cina; ben di rado arriva in Europa: è stato preso in 
Francia. 

33Q. duerquedula Circia > Limi, ex Uesu.) 
Marzaioi.a. 

Cercella, Cercevola, Cerudola, Marzajola, Cercedula, Gar- 
ganello, Sartella iAut. Ital.) — Sarslot {Pieni. ) — Saslot. 
Gargot, Garganel, Gargano, Garganèlla (Basso Pieni.) — Gar- 
ganèll (Lomb.) — Arzàval, Arsàoula, Arsaouléi, Caerr-Caerr 
(Pav.) — Garganell {Vali.) — Gre (Bassa Lomh.\ — Tarr-tèrr, 
Rasegòti ( \'igecano) — Arzadega, Crè-crè [Mil.) — Rouchett 
{Creinovi.) — Rochètt (Mantov.) — Garganel (Piac.) — Rocchèt, 
Rocchèl (Parm.) — Ruchin (Carpi) — Ruchet (Finale) — Ru- 
di n i Mira?idoki) — Canaròl, Rucchètt (Mod. Boi.) — Ruccat 
iJiol.) — Canarelia, Pazètt (h'onu/.^ — Canarol (Ravenna) — 
Cn^cola, Raganèla, Raganèlo, RigauMo, Fav(')to, Racoh'ta. Ro- 
ch/'to ( Ven.i — Creccola (Vicenza) - Crecoléta iFeltre) — Sar- 



— 477 — 

zegnola, Rocheto {Polesine) — Sarségna (Padova) — Crécule 
{Friuli) — Mazurin, Sarségna, Sarganél, Rochéto ( i'eron.) — 
Sarzègna (Ba.ss.) — Folega (Rovereto) — - Créccola, Mazurin 
(Trentino) — Krzulja, Gragjarica {Daini.) — Sarzella (Nizz.) — 
Garganella (Gen.ì — (4avarèlo, Anitrin (Spezia) — Rocchelle 
( Mareggio) — (xermanello, Marzajolo (Pis.) — Marzajola (Lucca) 

— Rocchetto I Mas.mciuccoli) — (Iranajolo {Bient.) — Marzolo, 
Grana jolo {Fuceccìno) — Carrnccola {Fior.) — Racanella, Gre- 
gorello {Chiusi) — Grecorello {Valdich.) — Gregoli (/. di Gi- 
glio) — Scrocchetto, Candola [Marche) — Anitrella (Umbria) 

— Marzarola {Ancona, Rieti) — Anitrella francese, Anitrella 
d'estate Roma) — Marzaiuola {Nap.) — Terzedola o Terze- 
tola marzarola (Bari) — MarzoUina t Terra d'Otranto) — Mar- 
zarula ( Rossano ^ Cosenza) — Mijardoli, Mellardedda, Marzola, 
Marzarica, Marzarola (Calabr.) — Riddena, ( rhirri-ghirri (^Sicil.t 

— Trizzola (Sicil. Pai.) — Marzola (Mess.) — Mascaruneddu 
{Mess. Lentinij — Girbinu (Lentini) — Trizzola marzudda, 
Trizzola agostina, Trizzola pollina, Sirretta, Trizzotta (Cat. 
Sirac.) — Paparedda i Modica) — Lacirtuni, Favajana, (Girg. 
Sciacca, Menfi) — Ridenna, Riddenna (Terran. Sicil.) — Ro- 
tene (Licata) — Zircola marzudda (Pai.) — Circuredda, Cir- 
curedda di Spagna, Circuredda a conca bianca (Sard.) — 
Sarsella hamra {McJf.). 

Anche questa, essendo per noi di doppio passo abbondante, 
agosto-settembre e febbraio-aprile, è inoltre specie stazionaria 
comune, giacche molte coppie rimangono in Italia e nidificano 
tra l'aprile ed il giugno, ove sono paludi estese, in Piemonte, 
nella Lombardia, nel Veneto, in Toscana, nella Sicilia ed in Sar- 
degna. Durante l'inverno è ben raro il vederne; è specialmente 
abbondante in Italia durante il passo primaverile, nel marzo, 
d'onde molti dei nomi vernacoli che possiede. Sono frequenti 
nella Marzaiola individui colle parti inferiori rugginose. 

La Q. Circia è sparsa su tutta la Regione Eurasica, 
sverna nell'Africa e nella Reo-ione Indo-Malaiana. 



47.S 



340. Netta rufìna l'ali, i 
Germano turco. 

Fischione col ciuffo, Germano turco. Caporosso maggiore, 
Fistione turco (Aut. Ital.) — Ania d'ia scilfia {Lago di Vive- 
rone) — Testón (Mantov.) — Magàsso tresso, Moi'éton. Chiosso 
col zuffo, Magàsso col zufFo, Magàsso foresto {Yen.) — Anàra 
turca (Padova) — Anara indiana, Caorosso (Veron.) — Majas 
{Friidi) — Moretton cresta-rossa (Mod.) — Murton [Finale) — 
Capluson {Mirand) — Stuflot popla rossa, Sciflett dalla pó- 
pla rossa, Chiosso [Boi.) — Zison ture, Magassòn (Ravenna) 

— Gogolj {Daini.) — Ciuffo russo (Oen.) — Fistione turco. 
Germano turco (Tose.) — Fischione turco (Lucca) — Capu- 
rusciu, Morettone (Rieti) — Capone schiavonisco (Bari) — 
Bisciu {Saline, Barletta) — Anatra turca (Sicil.) — 'Natra tur- 
ca, Anitra turca imperiali, mas., 'Mperiali (Caf. Lentini) — Te- 
sta di turcu (Modica) — Anitra tupputa (Terran. Sicil.) — 
Anitra fischiuni americana, Anitra fischiuni imperiali (Girg.) 

— Piberoni, Busciu, Anadi rum chirighista o chighirista 
(Sard). 

Neil' Italia settentrionale questa specie bellissima capita 
d'inverno ed è piuttosto rara; essa non è frequente nelle 
parti centrali del nostro paese, ma lo diventa assai più nel 
mezzogiorno ed in alcune stagioni, cioè nelT inverno ed al 
principio della primavera; in Toscana è stata presa in ago- 
sto a Massaciuccoli, ove è possibile abbia casualmente nidi- 
ficato, e dove si vede talvolta nell'autunno. In Sicilia e nella 
Sardegna nidifica ed è allora comune, e più ancora durante 
r inverno, come ho potuto constatare io stesso in Sicilia. Va 
dunijue annoverata tra le nostre specie sedentarie. Depone 
le uova nell'aprile o ai primi di maggio, ed io ne ebbi da 
Lentini, Catania; il Bonomi ne ebbe in Sardegna. 



— 479 — 

Nella Tunisia vive nelle medesime condizioni che nelle 
nostre due isole maggiori. In questa specie l'abito postnu- 
ziale del maschio è evidente, ma poco marcato, conservan- 
dosi palese la differenza tra i due sessi. 

La Netta rufina dalla regione eircummediterranea si 
estende al S. E. dell'Europa, intorno al Mar Nero ed al 
Caspio, e di là nell'Asia occidentnle e centrale; sverna nel- 
l' India. È stata presa una volta nel X. E. dell'America, il 
2 febbraio 1872, nelle vicinanze del New York. 



341. Fulix ferina Limi, i 
^Moriglione. 

Moriglione, Collorosso iAut. Ital.) — An-nia salvaja, 
Anga salvadga, Collorosso, Moettón, Ania sarvaega^ Ani a 
neigra [Basso Piem.) — Coll-ross (Lomb.) — Moraeton (Pav.) 

— Eossera (Lago Maggiore) — Muretton, CoU-ross ( Vali. ) — 
Mouretton {Cremon.i — Coll-ross {ManioK.) — Fratton {Boi.) 

— Magassòn, Magàsso monaro, Monàro (Veii.) — Munarasso, 
Moretten (Rovigo) — Moréta (Bell.) — Caorosso, Zenerengo 
( Veron.) — Cauròss (Friuli} — Caorosso (Istria) — Golubak 
(Dalm.) — Magass {Cesena., Forlì) — Magass brinòn, Còll- 
róss (Ravenna) — Monàro (Ferr.) — Muretton testa rossa, 
Coll-ross, Capross, Co-ross, Magas {Moti. Carpi) — Scapola 
(Parm.) — Canart (Nizza) — Marzaièu. Annia^ Annia du 
collo russo (Savona) — Moetton {Arenzanoì — Moettùn (Gen.) 

— Testa rossa {Spezia) — Moriglione (P/.s-. Fior.) — Moret- 
tone [Fucecchio) — Morigiaiia (Sesto fior.) — Bosco {Valdich.) 

— Anitra testa rossa (Marche) — Caporosso {Roma) — Ca- 
porusso, Fischon'e, Fischiante, Sciusciante {Nap.) — Agosti - 
nella, fem. (Foggia) — Caperuss {Bari) — Monacune, Mijardo 
{Calabr.) — Cappurrussu, Capurrussu, mas., Moja, fem. (Ter- 
ran. ^sicil.) — Moiu, Moju (Cat. Lentini) — Scavuni, Anitra 
scavuni, Scavuneddu (Sirac.) — Anatra coddu russu o testa 



— 480 — 

russa, Anitra tranciscana occhi gialli (Girg.) — Zingarotta 
|)alina (]*aL) — Busciu, Caburossu (Sard.) — Braimla hamra 
(Maìf.. 

Giunge in Italia in grande abbondanza verso la metà 
del settembre, ma se ne vede qualcuno nelle nostre Provin- 
cie settentrionali anche in agosto ; rimane da noi sino a 
circa la metà di aprile e quindi ci lascia per il nord. E stata 
asserita più volte la eventuale nidificazione del Moriglione 
in Italia, Veneto e Toscana, ed anni fa il Gragnani mi as- 
sicurava non solo che nidificava ogni anno a Massaciuccoli, 
ma che egli ne ebbe i pulcini in luglio ; però non me ne 
fece mai vedere, e ritengo tale fatto come non sufficente- 
mente confermato; onde considero questa specie come pret- 
tamente invernale per noi. Frequenta le paludi, i laghi e le 
lagune ove l'acqua è profonda e lo specchio esteso. Ho un 
maschio adulto singolarmente « rugginoso », ucciso il 3 mar- 
zo 1885 a Peretola, Firenze {('oli. ital. Ccc. 2599); una fem- 
mina poi, affetta da isabellismo. venne colta a Cagliari il 15 
gennaio 1889 [Col. ital. Ucc. 13128). L'abito postnuziale del 
maschio è evidente, ma non toglie la differenza sessuale. 

La F. ferma ha larga diffusione geografica, giacché vive 
in tutta la Kegione Eurasica, nidificando al N. e svernando 
al S. ed allora penetra anche nell' India. Nella Regione Bo- 
reo- Americana la ra])presenta l'atfinissinia /•'. americatia Bp. 



342. Fulix Nyroca (nild.) 

MoKirriA lAl'.ACCATA. 

Tuffetto tuffatore, Colletto, Moretta tabaccata [Auf. Itaì.< 
— An-nia salvaja, Anga salvadga. Col ròss, Ania sarvaega 
(HasfiO Pieni.) — Mourètt, ^Mourac'tt [l^av.) — Mourit()on (17- 
gevano) — Mouretton (Valt. Cremon.) — Morteli [Mantoc.j — 
Moretta tabaccaia [IHac.) Morrètta l'nrw.i — Murètta 

(Mod.) — Murat, Russetta iBol.) — Magass<*n Ha cernia) — 



— 481 — 

Magassèto rosso, Terziòlo rosso, Anara bastarda (Ven.) — 
Moreta {Veron.) — Bilokrilka (Daini.) — Canart variat, Ca- 
nari de l'èus blanc {Nizz.) — Moetta (Aì'enzano) — Euscinha 
[Gen.) — Moretta tabaccata, Rossina, Rossella [Tose.) — Col- 
letto {Bient.) — Morettone {Casentino) — Morettone tabacchino 
(Roma) — Morettone iNap.) — Caueto, Cauetticchio [Bari) — 
Mijardo, ^Monacane (Calabi'.) — Russnhdda i'^icil.) — Pur- 
puredda tabacchina (Mess.) — Scavuzzu (Cat.) — Occhi- 
bianchi (Terran. Sicil.i — Anitra occhi liiscenti (Pai.) — 
Russulidda occhi bianchi, Anitra franciscana occhi bianchi 
{Girg.ì — Niedduzzeddu (Sard.) — Braimla (Malt.). 

La Moretta tabaccata è per noi specialmente di doppio 
passo ed invernale, ma anche sedentaria e nidificante nel 
Mantovano, nel delta del Po, in Toscana, e, dicesi, anche 
nelle provincie meridionali ed in Sicilia ; non avrei però no- 
tizie sicure in proposito. I passi, ora più ora mentì copiosi, 
anche secondo le località, avvengono tra l'agosto e l'ottobre 
e tra marzo e aprile ; questo generalmente assai più abbon- 
dante. Cosi non è specie invernale frequente nel Piemonte, 
nella Lombardia occidentale, nell'alto e medio Veneto; men- 
tre è comune nel Polesine e nel Ferrarese, nell'Emilia ed in 
tutta la nostra penisola, colla eccezione, pare, delle Marche 
e delle Puglie; abbonda in Sicilia, ma assai meno in Sarde- 
gna. È poco accentuato l'abito postnuziale del maschio in 
questa specie. 

La F. Nyroca è sparsa attraverso le zone centrale e 
meridionale della Regione Eurasica occidentale, dalle Cana- 
rie al Turkestan ed al Cashmir; nell'inverno penetra anche 
nella penisola Indiana, e giunge in Abissinia. 



31. 



482 



343. Fulix Fuligula (Limi, ex Gesn.i 

MOUETTA. 

Anatra marina. Moretta, Moretta turca (Auf. Itaì.) — 
Aliga sarvaega, Ania sarvaega {Tortona , Novi) — Anadin, 
Anadin col zuff, Anada col zuifo, Pescareula (/.ow?6.) — ]\Io- 
rett, Moraet [Pav.) — Tomireula (A. Maggiore) — Pescarola 
{Vali.) — ^Moretta iMantov.) — Mouretton [Cremon.) — Mo- 
rettòn ciuff [Hac.) — Moretta, Turchèta {Parm.) — Murt^tt, 
JNIurton, Caplon (Mod.) — ■ Scapla, Scaplouna {Carpi) — Ma- 
retta grossa {Correggio) — Morett dalla pòpla, Murton dalla 
pòpla, Muretta (Boi.) — Pagét, ]\Iagass de la popla {Romg,) — 
Mòrs, Murétt, Morsètt {Ravenna) — Penacin, Magàsso pena- 
cin, Moretòn, Capelozo^ Caonegro, ]Magàsso col sufifo. Campa- 
iiato {l'en.i — Gara véla, Varnola, ]\Ioréta, Moreton {\'eron.} — 
Spernacin, IMagassèto, Magasso moro (Padova) — Crecola 
mora (Feltre) — fioretta {Bell. Trentino) — Stampanato 
{Istria) — Kikasica {Dalm.) — Canart pegounié {Nizz.) — 
Moetta do sufifo, Marsaièu, Annia, Annia neigra {(ìen.i — 
Moretta {Tóse.) — Morettone {Lucca) — Bastardume (Ma- 
remma) — Moretta turca (Fuceccliio) — Barattolà {Valdich.} 

— Caponero, Morettone (Roma) — Nchiummata, Nchiumma- 
rata {Nap.) — Agostinella, fem. (Foggia) — Mijardo {Calahr.) 

— Creston col ciufifo {Puglie} — Caueto acchieua, Aciedd lurd 
{Bari) — Zingarotta, Anitra tupputa {Sicil.) — Tupputu {Cat.) 

— Scavuzzu iLentiìii, Terranov. Sicil.) — Scavuzza {Sirac.ì — 
Niedduzzu, Anadi concaniedda {Sard.i — Braimla {Malt.). 

Specie abbondantissima da noi durante l'inverno, quasi 
ovunque; arriva tra l'ottobre ed il novembre, parte o ri- 
passa tra il marzo e l'aprile. Sarebbe anche sedentaria per 
noi, nidificando al dire di alcuni osservatori tanto in To- 
scana (Massaciuccoli, secondo (rragnanii, quanto in Sicilia 



— 483 — 

(Lentini e Siracusa, secondo Bonfiglio;: ma tali asserzioni meri- 
tano conferma, giacché l'area normale della sua nidificazione è 
tra il 5U' ed il 70" Lat. N. Come nelle altre specie di Fuligii- 
lince V abito postnuziale del maschio adulto è poco marcato. 
La /''. Fuìigida ha larga diffusione geografica, giacche 
vive in tutta la Regione Eurasica, penetrando nelle sue 
migrazioni invernali non solo nelle Regioni Etiopica ed 
Indo-Malaiana, ma giungendo attraverso l'Arcipelago Malese 
nelle isole ]\Iarianne e Palao, appartenenti alla Micronesia. 



344. Fulix Marila Liiin.) 
jMoretta grigia. 

Morettòn. Morettòun \MiJ.] — Moraeton [Pav.) — Pesca- 
reulai Como) — Morettòn (ilfan^ot*.) — Murétt {Mod.) — Mo- 
reton ( Veron.) — Magassèto, Magàsso bastardo, Campanatòn 
[Yen.) — Morettòn ^Padova) — Moro {Friuli) — Stampanatón 
[Isfriai — Crninka (Daini.) — Murton {Boi.) — Muritun 
{Ravenna) — Murett {Romg.) — Moetta grixa [Gen.) — Mo- 
retta grigia [Tose.) — Morettone {Lucca) — Moretta nera 
(FuceccMo) — Niedduzzu, ? Busciu {Sard.). 

Specie invernale di comparsa non sempre regolare e 
non sempre abbondante nell' Italia settentrionale; arriva in 
ottobre-dicembre, parte nel marzo ; scarsa, sempre nell' in- 
verno, nelle nostre provincie centrali; rara ed accidentale 
nel mezzogiorno; è però stata presa in Sicilia, a Malta ed 
in Sardegna. E sempre più facile avere i giovani e le fem- 
mine che non i maschi adulti. 

La F. Marila è però specie largamente distribuita, giac- 
ché abita r intera zona settentrionale della Regione Eura- 
sica e di quella Boreo-Americana : svernando per la prima 
nell'Europa meridionale, nell'Africa settentrionale, raramente 
nell'India, più frequentemente nella Cina e nel Giappone; 
in America giunge sin nel Guatemala. 



48-4 



345, Bucephala Clangula Limi.) (ex Gesù.) 
Quattr' occhi. 

Oanone, Quattr'occhi, Domenicano (Aut. Ital.) — Gar- 
rot, Gargot [Piem.) — An-uia salvaja, Anga sarvaega, Quat- 
tr'oeuggi [Basso Piem.) — Quattr'eucc Lomb.) — Qnattrocc, 
Morett [Pav.) — Bianchetton f Como) — Domenican Mantov.) 

— Moròtt [Parm.) — Quattrocc (Mod.) — Quattr'ucc {Boi.) — 
Bugan, Giurgiul (Komg.) — Quattr'occ (Rav.) — Quatróci, 
mas. ad., Campanato, mas. juv., Campanèle, fem., Campanàti 
(Ven.) -- Campanato, Quattroci (Veron.) — Blancòn, Majass 
blancòn [Friuli) — Stampanato [Istria) — Batoglavica \I)alm.) 

— Canart d'iver [Nizz.) — Quattr'euggi {(ien.) — Quattr'occhi, 
mas. ad., Morettone, fem. e juv. {Fior. Pis.) — Gagnolo, Canone 
[Bieìit.t — Cagnaccio >Massaciuccoli, Vecchiano) — Cappel- 
lone iValdich.) — Fratone < Marche) — Quattr'occhi [Uoiìia) 

— Quatt' nocchie [Nap.) — Aciudda i Lesimi, Gargano) — 
Aciedd lurd i Bari) — Domeuicanu i Calabr.) — Anitra bianca 
cu l'ali niuri [Terran. Sicil.) — Scavuzza, Scavuzzuni, Ani- 
tra domenicana (j'ìicil.) — Muuacuna (Mess.) — Anitra bianca 
cu l'ali niuri (Girg.) — Anari a ulieras, Anadi furistera 
[Sard.} — Braimla zeira Mali.). 

Prettamente invernale per noi, giuuge in novembre o 
dicemìire, parte o ripassa in marzo-aprile. È comune nel- 
l'Estuario X'eneto, non così per le altre parti d' Italia, diven- 
tando sempre più scarsa andando verso mezzogiorno; ma è 
stata presa anche nelle nostre provincie più meridionali, in 
Sicilia ed in Sardegna. I giovani e le femmine sono sempre 
ria noi assai più abbondanti che i maschi adulti. In Toscana 
e nelle Puglie i giovani possono anche dirsi frequenti durante 
r inverno. Non ha mai nidificato in Italia: ciò avviene entro 
la zona sub-artica. L'abito postnuziale del maschio adulto è 



— 485 — 

evidente, ma è sempre facile il distinguerlo dai maschi giovani 
nonché dalle femmine, che sono poi notevolmente più piccole. 
Questa specie ha la medesima larga diffusione geografica 
della precedente, abitando le regioni boreali dell' Europa, 
Asia ed America, e giungendo nelle sue migrazioni inver- 
nali nell'Eui'opa meridionale, nell' India settentrionale e 
nella Cina da un lato, nell'America centrale e nelle Antille 
dall'altro,. Affine, ma distinta, è la B. islancUca, Gm. che vive 
più al N. essendo sedentaria in Islanda e nell'America boreale. 



346. Harelda glacialis (Linn.) 
Moretta codoxa. 

Moretta pezzata. Moretta codona \Aut. Rai.) — Magas 
{Boi.) — Anarina bianca, Anara forestiera [Veron.) — Ma- 
gasséto bianco [Padova) — Magassèto, Magàsso foresto, Ma- 
gàsso bianco. Seréna, Anara a eoa longa, Orchéto marin 
{Ven.) - Anedra dalla eoa lunga (■Trentino) — Kitorepa 
(Dalm.). 

Questa bellissima specie così caratteristica alla Regione 
circumpolare artica, ove è la sua abituale dimora, emigra al 
S. durante 1' autunno, e da qualche tempo compare ogni 
anno nell' Estuario Veneto, e talvolta in gran copia. Cosi 
nell'ottobre e novembre 1887 il compianto conte A. P. Ninni 
potè registrare oltre 100 individui catturati nella Laguna 
di Venezia ; l' Arrigoni nota numerose comparse nell'autunno 
inoltrato del 1891 e del 1896, quando il conte Emilio Ninni 
ne ebbe 13 in un sol giorno. Per la maggior parte sono 
giovani in abiti svariati di passaggio a quello degli adulti; 
questi sono rari. Io ne ebbi due, uno da Venezia, 12 mar- 
zo 1885, un secondo da Nizza, 12 gennaio 1878 {Coli. ital. 
Ucc. 2574, 999). Nel restante dell'Italia è uccello di comparsa 
accidentale, sempre alla fine d'autunno o nell'inverno, ma è 
stato preso in quasi tutte le nostre provincie settentrionali e 
centrali ; in Lombardia, nella Liguria, in Toscana, e persino 



— 48«ì — 

nelle Puglie, ove il De Komita ebbe ana femmina il "20 no- 
vembre 1875, uccisa nei pressi di Bari. Non so di alcuna 
cattura in Sicilia e nella Sardegna. 

Come ho detto la //. glacialis è specie artica; nelle sue 
migrazioni autunnali giunge oltreché sulle sponde setten- 
trionali del Mediterraneo, nell'Asia centrale, nella Cina e 
nella regione dei grandi laghi nell'America boreale. 



34*7. Cosmonetta histrionica ( Limi, i 

FIORETTA ARLECCHINO. 

Nella mia Avifauna Italica 188B, p. 319. Nota 1, ram- 
mentai il caso reso noto dal cav. V. von Tschusi-Schmidhoffen 
e pubblicato dal Dresser [BircU of Europe, VI. p. <)]1) della 
cattura nell' inverno 1852 di un maschio di questa specie, 
pure circumpolare artica, in Tirolo; ma siccome la località 
non era precisamente indicata, e l'esemplare, che si conserva 
nel Museo di Bamberg in Baviera, porta la sola indicazione 
« Tyrol », credetti di aspettare migliore occasione prima di 
accogliere questa bellissima specie tra le comparse acciden- 
tali entro la regione Italica. Tale occasione venne proprio 
50 anni dopo, quando il 2 marzo 1902 il cacciatore Anto- 
nio Puppi uccise due individui giovani della ('. hisfrionica 
nel Canale di Pieve, Estuario Veneto, entro la provincia di 
Venezia. Fortunatamente essi giunsero tosto nelle mani del 
solerte e distinto Ornitologo conte dott. E. Arrigoni degli 
Oddi, il quale con atto gentilissimo dette l' interessante caso 
pel primo annunzio al comune amico conte Guido di Carpe- 
gna Falconieri, che lo pubblicò nel « Bolìeftinn » della So- 
cietà Zoologica italiana (XI, p. 83, Roina, 1902). Più tardi, 
con atto singolarmente amichevole e gentile, il conte Arrigoni 
volle cedere una di queste due rarità alla Collezione centrale 
dei Vertebrati italiani del R. Museo Zoologico di Firenze (Caf. 
('ce. 4118): è una femmina nell'abito unico che rivestono, 
perfettamente simile a f|uella figurata dal Uresser t(fp. rit. VI, 
p. 442). Questi due, per ora, sarebbero i soli presi in Italia. 



— 487 — 

La C. histr ionica è specie prettamente artica circumpo- 
lare, nidifica nell'Islanda, ma non vi sarebbe abbondante; 
in Europa pare raramente scostarsi dal Circolo artico non 
più di una trentina di catture essendo registrate per le con- 
trade boreali e centrali ; ma nell'Asia giunge nel Giappone 
e nell'America scende d' inverno sino nella California. 



348. CEdemia fusca iLinn.i (ex Jonst.) 
Orco marino. 

(xermano di mare. Anitra nera. Orco marino [Aut. Ital.) 

— Varun [Lago di Viverone) — Mouraetón, Mourtón {Pav.) 

— Negrotton, Pescareula grossa {Colico} — Orco marin, 
Clierso nero, Cherso bastardo [Ven.) — Chérso foresto {Pa- 
(/ova) — Cherzo, Orco marin (Polesine) — Moretta [Mod. ) — 
Nadra neigra (Boi.) — Zizòn d'mer [Ravenna) — Brekulja 
crna {Daini.) — Canart negre. Doubla macrusa [Nizz.) — 
Annia sciia {Geìi.) — Germano di mare, Anitra nera {Tose.) 

— Anatra di mare \ Lucca) — Anari a caparuccia, Busciu 
de Spagna {Sard.). "' 

■ L'Orco marino è specie invernale non comune ed irre- 
golare nelle sue comparse da noi; ove si vede più facilmente 
è nelle nostre provincie settentrionali e specialmente nel- 
l'Estuario Veneto; giunge verso la metà dell'ottobre e parte 
alla fine del marzo o ai primi dell'aprile. Altrove in Italia 
è accidentale affatto, ma è stato preso occasionalmente in 
diverse parti della penisola: in Toscana qualcuna si vede quasi 
ogni novembre-dicembre a Massaciuccoli : ne ebbi due dal duca 
di Sermoneta^ uccisi il 29 novembre 1885 sul lago di Fogliano ; 
un maschio adulto venne preso secondo De Fiore a Palmi in 
Calabria nell' inverno 1879 80; capita in Sardegna, ma non lio 
notizia della sua cattura nella Sicilia. Generalmente si vedono 
da noi i giovani, essendo gli adulti assai rari. In questo genere 
il maschio non as>sumerebbe un abito postnuziale. 



— 488 — 

La (K. fusca pare essere specie limitata alle parti bo- 
reali e centrali della metà occidentale della Regione Eura- 
sica; sverna non in abbondanza nell'Europa circummediter- 
ranea, più frequente sulle sponde del I\[ar Nero e del Caspio; 
sarebbe stata presa nella Groenlandia. Nella metà orientale 
della Regione Eurasica la sostituisce l'affine d.. carho (Pall.;^ 
che giunge nell'Alaska; ma nell'America boreale è rappre- 
sentata dalla poco diversa (i,. Deglandi, Bp. 



349. CEdemia nigra Limi, ex Briss.) 
Orchetto marino. 

Macrosa, (Jrco marino minore [Aut. Hai.} — Orco marin, 
Orchéto marin, Corvo marin picolo ( Yen.) — ? Nadra negra 
(Mod.) — Murittén {Ravenna) — Brekulja (Daini.). — Macrusa 

(Xizz.) — Annia neigra (Gen.i — Macrosa {Tose, fide Savi). 

Questa specie è decisamente di rara comparsa invernale 
in Italia, e pochi sono gli esemplari ben autenticati che si 
hanno; TArrigoni {Man. Orn. ital. p. 755j computa a 15 le 
catture avvenute nel nostro jj^ese, e credo non abbia esa- 
gerato. (Giunge più facilmente nell' Italia settentrionale, mas- 
sime nell'Estuario Veneto; ma è stata presa sul lago di Garda, 
a Lazise il 22 gennaio 1891, un maschio adulto; sui laghi di 
Avigliana, Piemonte, nel dicembre 1859, tre individui adulti 
vennero conservati e sono nei R. Musei Zoologici di Torino 
e di Firenze e nella raccolta privata del cav. Reviglio in 
Saluzzo ; fu presa pure in Lombardia, a Pavia 18 novem- 
bre 1887, e a Cremona, 24 settembre e 28 novembre 1884, 
due adulti ; nella Liguria, un maschio adulto che vidi nella 
raccolta Lombardi a Cornegliano, (renova, colto in quei pressi 
nell'inverno 1868; in Toscana, a Massaciuccoli nel novem- 
bre 1830, il maschio adulto menzionato dal Savi e conser- 
vato ora nella Collezione italiana in Firenze, insieme ad uno 
da Avigliana e due da Cremona, maschio e femmina adulti 
(Caf. ire. 1227. 2884, 2918, 2521); Buonaparte la cita dal 



— 489 — 

Lazio e l'Arrigoni ne possiede dalla Sardegna, ma non in- 
dica né date né località. Si noti che gli esemplari citati con 
indicazioni precise sono tutti adulti, onde risulta che, all'op- 
posto di quanto accade usualmente ed anche nella specie 
precedente, in questa sono gli adulti e non i giovani che 
viaggiano. 

L'GL'. nigra vive nella zona boreale della Regione Eu- 
rasica, giungendo ad oriente sino alla penisola Taimyr, Si- 
beria; sverna sulle coste occidentali dell'Europa, nelle sue 
rare comparse più al Sud giunge sulle coste mediterranee 
del Marocco ed é stata presa a Tunisi; é strano che non sia 
più frequente in Italia. Nel N.E. dell'Asia e nell' America 
boreale viene surrogata dalla affine Ql. americana, Sw. e 
Richards. 



350. Somateria mollissima (Linn.) f ex Barili i 

ElDER. 

Edredone, Anatra del piumino {Aut. Ital.). 

Altra Anatra marina nordica che giunge accidental- 
mente da noi nei più rigidi inverni. L'Arrigoni parla di una 
dozzina di catture avvenute in Italia (Man. orn. ital. p. 759); 
io conosco le seguenti : Lago di Lugano, 3 gennaio 1874 
(Ghidini), conservato nella coli. Stolker a S. Gallo; lago di 
Garda, giovane, aprile 1858 (passò dalla Collezione Altham- 
mer a Rovereto in quella Perini a Verona) ; Laguna di Ve- 
nezia, maschio e femmina giovani, 1 ottobre e 20 novem- 
bre 1882 (Coli. Ninni nel Museo Correr a Venezia), altra 
femmina giov. circa il 1889 (coli. Rocca a Venezia), maschio 
adulto e femmina, dicembre 1897 (coli. Arrigoni a Monse- 
lice) ; Trieste, femmina giov. uccisa a Zaule nel dicembre 1884 
(Museo Civico Trieste) ; un maschio adulto ucciso a Tran, 
Dalmazia, 7 maggio 1859 (I. e R. Museo di Storia Naturale 
a Vienna, ex coli. Finger); in Liguria, un maschio giov. ot- 
tobre 1856 a Savona, una femmina ad Arenzano 20 novem- 



— 490 — 

bre LS79, un maschio giov. a Sampierdarena, Genova, 6 ot- 
bre 1881, un maschio adulto bellissimo, (xeno va, imboccatura 
del porto, 24 aprile 1885, eia accompagnato dalla sua fem- 
mina che fuggi (tutti quattro questi esemplari sono nella 
Collezione italiana del E, Museo Zool. di Firenze, Cat. Ucc. 
1500, 2837, 1898, 2619); Toscana, un giovane, dicembre laSG 
a Vecchiano (R. Museo Zool, di Pisa), un giovane preso alla 
foce dell'Arno che esaminai nelTaprile 1905, ma il dottor 
Caifassi non seppe ricordarsi la data di cattura, mi parve 
una femmina, (coli. Caifassi a Pisa), a Ravenna, una fem- 
mina uccisa a Pialassa di Piombone, 28 ottobre 1903 (R. 
Museo Zool. di Roma); Puglie, un maschio adulto, inverno 
1894, che sarebbe stato preso sul lago di Amendola, avuto 
dall'Arrigoni per mezzo del prof. Squinabol e conservato nella 
sua collezione a Monselice; questa è la cattura più meridionale 
registrata. 

La N. mollisshna vive nella Regione Artica e nella zona 
sub-artica europea, e sverna nel Baltico e nell'Europa N. 0. se 
vogliamo considerare separabile, lo è appena, la forma detta 
N. hoì-ealis A. E. Brehm ; altrimenti il suo « habitat » include 
pure l'America artica e sub-artica. Più distinta, ma sempre 
specie affine è la S. Dresseri. Sharpe, che abita le coste atlan- 
tiche dell'America sub-artica. Più diversa ancora è la S. v-ni- 
grum, G. R. Gray, dell'America sub artica sul Pacifico e del- 
l'Asia sub-artica. 



3&1. Somateria spectabilis Linn.i 
Re degli Eh» eh. 

Quest'uccello prettamente boreale — che vive lungo 'le 
coste europee ed asiatiche dell'Oceano glaciale artico, allo 
Spitzbergen ed alla Novaia Zemlia e che si trova alla (Groen- 
landia e sulle due coste sub-artiche dell'i^merica, ove sembra 
scendere più in basso che non lungo f|uelle del Vecchio Con- 
tinente — ha fatto da (]uant(> sappiamo recentemente la sua 
comparsa nel « Bel Paese >. Il primo esemplare lo ebbe il 



— 491 — 

compianto amico mio conte A. P. Ninni a Venezia, ucciso 
alle Pignatelle, Laguna Veneta, il '21 agosto 1888 dal cac- 
ciatore Giovanni Minotto; era un maschio in abito di muta 
estiva incompleta, non era punto diffidente, si tuffava lun- 
gamente ed aveva lo stomaco pieno di Carcinus mmnas ; si 
conserva ora nel Civico Museo Correr, a Venezia ; io ebbi lo 
sterno e la trachea per la Collezione italiana {Boll, del Xa- 
tui-alista, Vili, p. 137. Siena). Ebbi poi un secondo maschio, 
semi-adulto e pure in abito di transizione, ucciso presso Ra- 
venna il 5 dicembre 1892. Un terzo esemplare, magnifico ma- 
schio adulto in abito perfetto, ebbi da S. Remo il 5 aprile 1901. 
Infine una femmina adulta ebbe il conte Emilio Ninni il 20 set- 
tembre 1904, uccisa alla Salina di S. Felice, Laguna Veneta 
(Cfr. « Avicula », Vili, p. 160). Il secondo ed il terzo degli 
esemplari sopra menzionati, sono nella Collezione italiana di 
Firenze {Cat. Ucc. 3791, 3834). Non so di altre catture in 
Italia. 

Le comparse della S. spectahilis sulle coste settentrionali 
dell'Europa, al sud del Circolo Artico, sono rare; è stato però 
asserito che qualche coppia abbia nidificato nelle Orcadi 
esterne. Il fatto della sua comparsa in Italia in stagione an- 
cora o quasi estiva è davvero singolare. 



35S. Erismatura leucocepliala (Scop.) 
Gobbo rugginoso. 

Anatra d'inverno, Gobbo rugginoso (Aut. Ital.) — Anara 
da la testa bianca {Veroìi.) — Magassèto bastardo o foresto 
{Ven.} — Magas furastir [Boi.) — Zalòn, Zalóna (Ravenna) 
— Norva krsuljica {Daini.) — Gobbo rugginoso {Tose.) — 
Starna d'acqua (Naj).) — Tistuni, Anitra tistuni (Sicil.) — 
Anitra mascaruni, Mascaruneddu, Maccaruni [Cat.) — Titil- 
lonaxiu, Cappucinu, Anari de Spagna {Sard.) — Braimla 
{^falt.). 



— 492 — 

Quc^sta specie singolarissima è stazionaria e nidificante 
nella Sicilia e nella Sardegna, ove non è rara: e così in al- 
cune località delle nostre provinole meridionali, come nella 
Laguna di Lesina al Gargano di dove ebbi i giovanissimi 
il 3 settembre 1884, e nelle Saline di Barletta. È assai strano 
che non sia citata dal prof. De Romita nella sua Avifauna 
J'tKjìiese e for.se ciò si spiega dalla non comparsa di questa 
specie nei pressi di Bari. È probabile che stazionaria e ni- 
dificante sia anche in Corsica, ove il Whitehead ne vide e 
ne uccise tra il 14 aprile ed il 28 maggio. Ma è anche specie 
di passo ed invernale nelle parti citate d'Italia, e so per espe- 
rienza personale che è più frequente sulle lagune pugliesi dal 
settembre a tutto dicembre: in questo mese negli anni 1883 
e 1884 circa una trentina di individui da quella provenienza 
giunsero sul mercato di Firenze. Altrove per noi è un uccello 
raro o di accidentale comparsa, ed in alcune provincia setten- 
trionali sconosciuto affatto. Non so di catture avvenute in 
Piemonte, ma è stata presa un paio di volte sul Po in" pro- 
vincia di Pavia, una volta nel Mantovano, poche volte nel 
Veneto e nell'Emilia; ed è sempre stata rara in Toscana e 
nel Lazio, Uml^ria e Marche. 

La E. leucocephala dai paesi circummediterranei si estende 
all'Asia centrale, e nell' inverno giunge nel N.O. dell' India. 



{Smerghi i 



353. Mergus Merganser, l-inn. 'ex Gesù.) 

SmEUCìO MA(i(ilOHK. 

Mergo domenicano, Mergone, (rarganello, Poloro. Smergo 
maggiore (Aut. Ital.) — Erlou. Ania verda (Piem.) — Pun- 
ciàl l/Mgo di \'i verone) — Pcscaréu grós, Pescaròn, An-nia 
pescareula, An-nia pescadura (Basso Piem.) — Resegott {Lago 



— 493 — 

Maggiore) — Resegon {Como) — Fus marein, Fiismarin {Pav.) 

— Rasegoun, Frattoun [Valt.) — Pescarott (Mantov.) — Ge- 
ron, Rasegott (Cremori.) — Gavétta ^Parm.) — Marangon, 
Trivella (Mod.) — Smergh o Smeregh gross {Boi.) — Serolon, 
Serolon del Po {Veìi.) — Smergo grande (Veron.) — Smergo 
{Bass.) — Serula, Serale {Friuli) — Anèron dal bèch sotil 
(Feltrei — Perga, Imperga i Rovigo) — Smargulón {Ravenna) 

— Oras {Daini.) — Canari serraire (Nizz.) — Smergo (Gen.) 

— Segheta, Margùn (Spezia) — Smergo maggiore {Tose.) — 
Seghettone {Pis.) — Pesciaiola grossa (Valdich.) — Sugherone 
{Roma) — Secoue (Nap.) — Siretta grossa, Siretta riali od 
imperiali {Pai.) — Anitra serra grossa, Gran serra imperiali 
{Girg.) — Anadi imperiali, Strallera [Sani.) — Margoun 
(MalL). 

Questa specie è scarsa anche nell' Italia settentrionale, 
un pò meno nel Veneto e nel delta del Po; altrove da noi 
è rara o di comparsa affatto accidentale; in Toscana — oltre 
il maschio ucciso ad Orbetello il 24 dicembre 1862, avuto 
dal Dei di Siena, e la femmina che ebbe G. Arrighi. Griffoli 
nel dicembre 1881 sul lago di Montepulciano, ove ne era 
comparso un branchetto di cinque individui — ebbi per la 
Collezione italiana una femmina presa a Borgo S. Lorenzo, 
Firenze, il 28 dicembre 1878 ; e so di un maschio adulto 
ucciso a Fucecchio nel gennaio 1901 e avuto dal dott. A. 
Lenzi. Xon è menzionata dal De Romita per le Puglie ed è 
citata come avventizia, senza catture precisate, dalle altre 
Provincie meridionali, dalla Sicilia, dalla Sardegna e da 
Malta. In ogni modo è prettamente invernale in Italia e non 
regolare nelle sue comparse. Va notato che ci giungono in 
maggior copia i giovani, e questi sono spesso confusi con 
quelli della specie seguente, specialmente le femmine; gli 
adulti sono rari assai ; io ne conservo quattro, maschi bel- 
lissimi, nella Collezione italiana, tre colti a S. Alberto, Co- 
macchio, ed uno a Lugo; tutti presi tra il dicembre ed il 
febbraio, inclusivi. 



— 494 — 

I vecolii Autori in materia ornitologica registrano dalla 
Sardegna un MerguH imperialis^ Gni. ex Getti; questo sarebbe 
l'Anitra imperiale del nostro Getti {Ucc. di Sardegna, p. 314. 
Sassari, 1776), e dalla confusa descrizione che ne fa il Getti 
inclino a credere, coli' amico Salvadori, che si trattasse di 
un'Oca e possibilmente deWAiìser fé nix. 

II .1/. Mergauser abita l' intera zona boreale della Re- 
gione Eurasica, sv^ernaudo in quella centrale e penetrando 
.nella meridionale. 

Non comprend© il perchè scrittori recenti, alcuni auto- 
revolissimi, adottano per questa e per la specie seguente il 
termine generico Merganser di Brisson. Linneo, da buon 
linneano che era, pose tutti gli Smerghi a lui noti nel suo 
genere Mergiis e non indicò in alcun modo come tipo di esso 
il .V. Aìhellus, alla quale specie i sullodati autorevoli lo ri- 
servano esclusivamente; preferisco non imitarli. 



354. Mergus Serrator, l.inn. 
Smergo. 

Mergo oca, Smergo minore. Smergo segatore, Smergo a 
becco lungo {Aid. Ita!.' — Denc da rastel (Lago di Mverone) 

— Resegott {Lago Maggiore) — Resegon {Como) — Rase- 
goun (Valt.) — Fusalina, Fus marein, FUsmarin d'av.) — 
Geron, Rasegott {Cremon.) — Pescarett (Mantoc.) — (xa vetta 
{Parm.) — Marangon, Segatén {Mod.) — Sgantin (Finaìe) — 
Sghett ( Carpi) — Berga ( Correggio) — Siglon , Smergh (Boi. i — 
Fisulaz d'vall (Romg.) — Pargatt, Fisulaz d'vall (Raiemia) 

— Sf'rola, Smèrga (Ven.) — Smergo {ì'eron.) — Serula, Sè- 
rule (Friuli) — Spèrga {Padova) — Perga, Serola (Jiovigo) — 
Brskavac (Dalm.ì — Serraire, Ganart upàt (Nizz.) — Serretta 
(Gen.) — Margnn, Segheta (Spezia) — Seghettone {Pis. Mas- 
sacmccoli, Fiiceccliio) — Smergo, ^fergo, Smergo minore (^ Tose.) 

— Pesciaiola ( Valdich.) — Anatra americana, mas. ad. (Monte- 
pidciand) — Svasso grosso (Marche) — Svasso [Ancona) — Su- 



— 4!»5 — 

gherone ciiifFuto {Roma) — Secone, Mergo (Nap.) — Muser- 
retta (Bari) — Serretta, Serrettone {Terra d^ Otranto) — 8ur- 
rettuni (Calabr.) — Sirretta tupputa, mas., Sirretta (Pai.) — 
Serra imperiali, Anitra serra [Cat. Sirac. Girg.) — Lavura- 
turi, Serra {Mess.) — Anatra sirretta (Terran. Sicil.) — Scoc- 
calettu, Strallera {Sard.) — Serra {Mali.). 

E abbastanza comune in Italia durante il doppio pas- 
saggio e come stazionario invernale ; i pi"imi branchetti giun- 
gono nel Veneto verso la metà di agosto, ma qualche indi- 
viduo isolato vi è stato osservato nel luglio; parte o ripassa 
entro l'aprile, ed i ritardatari anche nel maggio. La massa 
però arriva in novembre dicembre e ci lascia alla fine di 
marzo. Questi migranti sono quasi tutti giovani, e gli adulti, 
specialmente i maschi, sono rari. Durante la stagione fredda 
lo Smergo è frequente nella Toscana, nelle Puglie ed in Sar- 
degna; pare essei'e però scarso in Sicilia, come lo sarebbe 
nella Corsica. 

Il M. Serrator abita non soltanto l' intera Regione Eu- 
rasica, ma si estende su gran parte di quella Boreo-Ame- 
ricana. 



355. Mergellus Albellus (Linn.) 
Pesciaiola. 

Mergo oca minore, Monaca bianca, Pesciajola, Smergo 
bianco {Aut. Ital.) — Fratin {Lago di Viveróne) — Pescaréu, 
Pescàpess, An-nia pescadura, An-nia pescareula (Basso Pieni.) 

— Pescarin, Resegon (Como) — Pescareula, Raseghin [Volt.) 

— Gavaer, Gavar, Fiismarin (Pav.) — Pescarell {Mantov.) — 
Aura pescareula (Piac.) — Pescaroèula (Parm.) — Trivella, Pi- 
sciatella (Mod.\ — Bugagnol [Boi.) — Anzolèto, Munegheta, 
mas., Pisagù, Pescarin, fem., Serolèta (Ven.) — Anzolèto, 
Smergo bianco, Smergo colombin (Veron.) — Sèrule (Friuli) — 
Pisagrù (Padova) — Seroletta, Perga (Rovigo) — Surèna d'vall 



— 496 — 

iRavenìm) — Bilonorka (Daini.) ' — Serraire (Nizz.) — Smergo 
{Arenzano) — Smergo gianco {Gen.) — Smergo bianco, Mo- 
naca bianca [Tose.) — Pescina (Fucecchió) — Pesciajola [Pis. 
Fior.) — Pesciaiola piccola ( ]'aìdic7ì.) — Pescina ( MassaciuccoU) 

— Scerco {Lago Trasimeno, Umbria) — Svasso (Ancona) — 
Sugherone occhialino {Roma) — Serretiello, Secariello (Nap). 

— Siretta domenicana [Sicil.) — Siretta (Pai.) — Anadi 
bianca, Scoccalettu, Strallera bianca (Sarà.) -r- Serra, Baal 
tal Serra [Malt.). 

Abbastanza frequente in Italia durante V inverno ed alle 
due epoche del passo, specialmente se la stagione è rigida; 
giunge in novembre o dicembre e ci lascia in febbraio. Sono 
assai più comuni i giovani e, pare, le femmine, tra i nostri 
ospiti invernali; scarsi, se non rari, i maschi adulti nel bel- 
lissimo abito niveo. Dai referti dei miei collaboratori nella 
inchiesta ornitologica in Italia, questa specie invernale non 
risulta essere ovunque frequente anche nelle provincie nostre 
settentrionali; così è indicata come piuttosto scarsa in Pie- 
monte e nella Liguria. Si capisce poi come lo sia nelle pro- 
vincie centrali e meridionali, in Sicilia e nella Sardegna ; men- 
tre in Toscana è certamente comune. 

Il M. Aìbellas abita 1' intera Regione Eurasica, nidifi- 
cante al N. svernante al S. Penetra nell' inverno nel!' India 
settentrionale e giunge casualmente nell'America boreale. 



497 



schizognathjì: 



COLUMBI 



COL, UMBIlDu^ 

{Colombe) 



356. — Columba Palumbus, Linn. (ex Gresn.) 
Colombaccio. 

Colombaccio, Palombo, Favazzo {Aut. Ital.) — Favass, 
Coloumb fave [Piem.) — Couloumb sarvaj {Cuneo) — Cou- 
lumb fave {Alba) — Fava, Favàs, Colasse, Grembo sarvaego, 
Pivion sarvaigh, Pevion sarvà {Basso Piem.) — Favass, Tiion, 
Pivioun o Puvion salvadegh {Lomb.) — Favaz {Novara) — 
Pevion selvadegh, Jedon {Vali.) — Pivion sai vadigh (OssoZa) 

— Pavion salvadi {Vigezzo) — Colombàs, Colomb {Bresc.) — 
Coiilomp favass {Cremori.) — Favaz {Mantov.) — Favass, 
Cromb {Varzi) — Favàzz {Piac. Parm.) — Favazz {Mod. 
Boi.) — Clomb salvadegh {Finale) — Pizzon, Clumbazz, 
Favazz {Boi.) — Clumb favazz {Vergato) — Clumbaz (i?om^.) 

— Colombo favaccio o favaro {Ferr.) — Colombo de bosco, 
selvadego, sànsaro o sàlsaro. Colombo sàlsaro grosso, Colom- 
bazo, Favazo {Ven.) — Favazo, Batistòn, Fàvazo dal colarin 
{Veron.) — Grotòn dalla colàna {Bell.) — Colombo salvarégo, 
Grotón (Feltre) — Favaràsso {Padova) — Colomb salvàdi o 

32. 



— 498 — 

de corone (Friuli) — Colombo giandér [Istì'ia) — Colomb 
selvadegh [Trento, Giudicarie) — Colombo favàz [Rovereto) 

— Pizóm selvadech (Mori) — Colomba selvadegia [Tuenno, 
Revo) — Colomb dal bosch [Fassa) — Pargaró {Livanal- 
longa) — Bargarò [Enneberg) — Taube [Luserna) — Taupa 
[Sette Comuni) — Pizon [Lavarone) — Golub, Grmoc', Gri- 
voc' (Dalm.) — Pigeon favart [Nizz.) — Galasso (Arenzano) 

— Cùmbo sarvaego (Savona) — Colasso (Gen.) — Coombo 
[Spezia) — Favazo [Sarzana) — Favaccio [Lucca) — Pa- 
lomba [Chiusi, Valdich.) — Colombo favaccio [Garf.) — Col- 
larone (sedentari), Colombaccio (passaggeri) [Sarteano) — 
Ghiandereccio, Colombo [Elba) — Piccione (/. di Giglio) — 
Colombo collado [Corsica) — Colombaccio {Tose.) — Palomba, 
Palumba collarina, Palombaccio, Piccionaccio ( Umbria) — 
Palomba dalla collarina [Ancona) — Palomba, Palomba da 
corona, Palomba collarina, Palomba dal collare (Marche) — 
Palommacciu (Rieti) — Palombaccio (Viterbo) — Palombo, 
Piccione da ghianda [Roma) — Palummo, Palammo selvag- 
gio, Tarchiato (Nap.) — Lumbardo [Puglie) — Faso [Bari) 

— Palumba, Pecciùne sarvaggia o rièstu (Terra d^ Otranto) 
— .Palamma tarchiata (Rossano, Cosenza) — Palumma, Tur- 
chiarica, Fassa (Catanzaro) — Palamba collata, Palumba ser- 
vaggia, Fassa (Calabr.) — Palombo torchiato (Aspromonte, 
Calabr.) — Tuduni (Sicil.) — Tutani (Caltag. Girg. Cai.) — 
Tiruni (Modica) — Palummazza, Palumma sarvaggia iCat.) 

— Fassa (Mess.) — Tido, Tidoni, Todone, Columba o Co- 
lamma aresti. Colomba salvaticu (Sard.) — Tidòri (Fonni, 
Sard.) — Tudun, Dudun [Mali.). 

Specie sedentaria in Italia, nidificante in quasi ogni 
provincia e persino in alcune delle nostre grandi città, come 
Milano e Torino, ove sono parchi e giardini con grossi al- 
beri; ed allora diventa singolarmente domestica. j\Ia è spe- 
cialmente abbondante alle due epoche del passo, nell'ottobre- 
novembre e nel febbraio-marzo, quando, in certi valichi di 



— 499 - 

montagna, è oggetto di caccie copiose. Nelle provinole 
nostre centrali e meridionali, nella Sicilia, nella Sardegna ed 
in Corsica rimane durante 1' inverno. 

Non è molto variabile normalmente, ma conta, nel ge- 
nere al quale appartiene, alcune specie affinissime, sebbene 
distinte; così la C. casiotis (Bp.) dell'Asia centrale e meri- 
dionale. Di rado vedonsi individui isabellini od albini ; nella 
Collezione italiana conservo un bellissimo caso di albinismo 
quasi assoluto, maschio adulto, ucciso a Boggi presso Reg- 
gello, Firenze, il 10 novembre 1895 (Coli. ital. lice. 3960); e 
un caso di isabellismo completo, maschio giovane, colto il 
7 agosto 1883 a Palaia, Pisa {Coli. ital. Ucc. 3109). 

L'area geografica della C. Palumhus comprende la por- 
zione occidentale della Regione Eurasica, limitata al N. da 
circa il 65° di Lat. ad E. giunge nella Persia boreale, ad 0. 
alle Azzorre ed a Madeira; nel N. 0. dell'Africa vive nelle 
medesime condizioni che da noi. 



35*7. Columba CEnas, J. F. C-rmel. (ex G-esn.j 

COLOÌIBELLA 

Colombella, Palumbella {Aut. Ital.) — Coloumb d'mon- 
tagna, Coloumb sarvai (Pìem.) — • Couloumb tourei [Cuneo) 

— Colomb de montagne {Aosta) — Cromb salva, Cromb sar- 
vaig, Pivion sarvaigh, Pevion sarvà, Crombo sarvaego {Basso 
Pieni.) — Pivioun o Puvion salvadeg, Tiion piccol, Puvion 
da bosch {Lomh.) — Coloumbaréu, Puvion saelvàdaegh (Pa- 
via) — Croumbaréu (Vigev.) — Turbaréu {Voghera) — Pe- 
vion selvadegh {Valt.) — Cornaròl, Colomb cornarol {Bresc.) 

— Favarol, Pertesarol (Cremori.) — Pizzón volantin {Man- 
tov.) — Favàzz piccin {Piac. Parni.) — Sassét, Sassaròl 
{Mod.) — Clomb campagnolo (Pavidlo) — Sassat, Sassaròl 
{Boi.) — Palumbèla, Clumbèla {Ravenna) — Colombo sàl- 
saro, sànzaro verzarolo o selvadègo {Ven.) — Colombazzo, 
Favazzo picolo {Vero)t.) — Colombo salvarègo {Feltre) — 



— 500 — 

Colora b [Friuli) — (rotoli [Bell.) — Colombo (Ampezzo) — 
Columb {Renderla) — Clomp (Cemhra) — Tupa salverà {Gar- 
dena) — Colombo (Rovereto) — Colomb selvadegh, Favàz 
• picol {Trentino) — Golub jamar (Dalm.) — Pigeon sauvage 
(Nizz.) — Cùmbo sarvaego {Geìi.ì — Coombo (Spezia) — Fa- 
vazo [Sarzana) — Colombella (Tose.) — Palombella (Lucca) 
— Colombo (.S. Gimignano) — Palomba, Topacchio, Piccio- 
naccio (Umbria, Marche) — Coppato, Salverol, Piccionacc 
(Marche) — Coparòlo (Ancona) — Palummella (Rieti) — Pa- 
lombella, Piccion di macchia, Piccione topacchio (Roma) — 
Selvaròlo, Coppette iSinig.) — Palommella, ? Palummella della 
cava (Nap.) — Palummo salvaggio (Bari) — Fàsa (Terra 
d'Otranto) — Palumbella, Palumba servaggia, Pahimba col- 
lata marina (Calabr.) — Marineddu iCotrone) — Palumma 
ruccalora, Palummu ruccalorn, Tutone {Sicil.) — Palummu 
sarvaggiu {Pai. Caltag.) — Palumma ramalora e roccalora 
(Petralia) — Picciuni tudisinu iGirg.) — Marinedda (Terran. 
Sicil.) — Ciacella (Modicai — Palumma t'arsa (Cat.) — Pa- 
lumma sarvagia (Mess.) — Tidoni, Tidu, Succella, Colom- 
bella iSard.) — Hamiema ta Zebbugg, Palumbella {Mali.). 

Anche la Colombella è sedentaria e nidificante da noi, 
ma è specialmente abbondante alle epoche del passo, settem- 
bre-ottobre e marzo-aprile e durante 1' inverno; trovasi ovun- 
que in Italia. 

La diifusione geografica di questa specie coincide quasi 
con quella della precedente, giacché la 0. (Unas vive nella 
porzione occidentale della Regione Eurasica ; si estende però 
alquanto più ad oriente, giungendo nell'Asia centrale e piìi 
al 8. in quel continente la rimpiazza l'affine C. Ecersman- 
ni, Bp. 

Nella Collezione italiana conservo un raro ibrido tra la 
C. (Unaseìa. Turtur co mmM»/.v, maschio, ucciso in un grosso 
branco di Colombelle il LO ottobre 1885, presso Cuneo (Cat. 
Ucc. 2856). 



501 



358. Columba livia, Bonuat. ex Gresn. 
Piccione selvatico. 

Colombo torrajolo, Piccioli torrajolo, Piccione marino, 
Piccione selvaggio, Piccione selvatico, Colomba sassarola 
{Aut. Ital.) — Coloumb tourè (Pìem.) — Colomb sauvage 
(Aosta) — Oromb salva, Cromb sarvaig, Crombo sarvaego, 
Pivion sarvaig, Pevion sarvà {Basso Piem.) — Pivioun o 
Puvion salvadegh o da colombèra, Puvion d'campanein, Piz- 
zon salvadegh (Lomb.) — Pevion selvadegh, Jedon {V^alt.) — 
Pizzon da tourr (Cremori.) — Pisù {Bresc.) — Pizzón vo- 
lantin, Pizzón da colombèra (Mantov.) — Clomb salvadegh 
(Mod.) — Pizzon salvadigh, Sassarola [Boi.) — • Pizzon tor- 
rajol (Romg.) — Colombo sàlsaro, verzarolo o sànsaro. Co- 
lombo selvadègo. Colombo toresàn (Ven.) — Colombo favaròl 
(Veron.) — Colombo salvadego (Vicenza) — Colomb salvadi, 
di torr o de corone {Fì'iuli) — Colombo selvatico {Istria) — 
Pizom (Riva) — Colombo salvadeg {Rovereto) — Colomb sel- 
vadegh ( Trentino) — Tupa (Gardena) — Taupa {Sette Comuni) 
— Golub modrulj {Dalm.) — Pigeon sauvage {Nizz.) — 
Cùmbo turraieu {Arenzano) — - Cùmbo da rocche (Gen.) — 
Piccion marino, Piccioli salvatico (assolutamente libero;, Pic- 
cion torraiolo (il semidomestico) {Tose.) — Colombo sassaiolo 
{Garf.) — Piccione, Piccione marino. Colombo {Elba, I. di 
Giglio) — Colombo petraiolo [Corsica) — Topacchio, Coppetto, 
Coparolo (Marche) — Coparòlo [Ancona) — Palombella, Pic- 
cione di rocca. Piccione di torre (Roma) — Palummella de 
la cava, Turchiato, Palnmmo forchiàro o selvaggio {Nap.) — 
Palummo salvaggio {Bari) — Pecciùne o Palumbu de pa- 
lumbaru (Terra d'Otranto) — Palumma gruttarola (Catan- 
zaro) — Palumba collata marina (Calabr.) — Palumma ma- 
rinedda, Ruccalora {Sicil. Pai.) — Marinella, Palumma sar- 



— 502 — 

vaggia o roccalora [Mess.) — Marinedda [Lentini) — Paliimma 
sarvaggia {Cat. Girg.) — Paliimma servaggia {Modica, Ter- 
ra». SiciL) — Ruccazzola {Castelb.) — Succella, Columbu 
aresti, Columbu de is arrocas (Sard.) — Colombi {Carlo- 
forte, Sard.) — Hamiem salvag, Hamiem ta-gebel (Maìt.). 

Comune e sedentario in Italia, ma anche di doppio passo 
secondo alcuni osservatori del Piemonte, della Lombardia, 
del Veneto, della Liguria, della Campania e della Sardegna ; 
ma conservo forti dubbi in proposito, ed inclino a credere 
che si tratti di viaggi erratici e non di una migrazione vera 
e propria; eppoi è cosi facile confondere i veri Piccioni sel- 
vatici con quelli semi-domestici. 

La C. Jivia allo stato selvatico è sedentaria nei luoghi 
montuosi e rocciosi, ove sono spacchi e grotte tra le rupi, 
specialmente lungo il nostro litorale marino; altrove, ripeto, 
si confonde facilmente colla razza semi-domestica o torraiola 
{C. ^Mm'co/a, Bp.), che vive anche nelle nostre città; tra que- 
ste vedonsi spesso individui che ben poco, o quasi nulla 
differiscono dall'uccello prettamente selvatico che è però sem- 
pre più piccolo. Vive sempre in colonie. 

Abita la porzione occidentale della Eegione Eurasica, e 
più specialmente le contrade circummediterrauee, giungendo 
neir India N. 0. Viene a contatto nell'Asia con diverse spe- 
cie affini come la C. intermedia, Strickl. e la C. rupestris, 
Bp. e nell'Africa le sono affini assai la C. gi/mnoci/cIufi, G. 
R. Gray e la C. Schimperi, Bp. 



359. Turtur communis, Selby 
Tortora . 

Tortora, Tortorella, Tortola, Tortora comune ^Aut. Jtal.) 
Tourtura sarvaja (Pieni.) — Tourtoura, Tourtoula {Cuneo) 
Tùrtura, Turdra, Turtra, Tùrdua, Turdro (Basso Pieni.) — 



— 503 — . 

Duldra (Casteggio) — Turdra (Varzi) — Tourtura salvadega, 
Doldra, Dordra, Dordra salvadga, Doiildra salvadga, Dòr- 
dana, Durdan {Lomh.) — Tourtora, Tourtorella [Mil.) — 
Turturela selvadega {Vali.) — Turtura salvadega {Madesimo) 

— Tourtura {Cremori.) — Turtura salvadega [Bresc.) — Tor- 
tora [Mantov.) — Tórtora salvadgha (Piac.) — Tórtra sal- 
vàdgha [Parm.) — Tortra, Turturèna (Mod.) — Turtreina 
(Sassuolo) — Turturina (Finale) — Tortorina salvadga (Pa- 
vullo) — Turtureina (Boi.) — Tortorina (Vergato) — Tor- 
tura salvadga, Tourtra salvèdga (Romg.) — Turturèna, Tor- 
tura (i?a«;ew?^a) — Tórtora, Tortorèla, Tórtora salvadega (Ven.) 

— Tortoréle (Friuli) — Tortora, Tortorella (Trentino) — 
Grlica (Dalm.) — Tourdourelle, Tourdoula (Nizz.) — Tortóa 
(Savona) — Turduinna (Aì'enzano) — Turtua (Gen.) — Tor- 
toèla (Spezia) — Tortora, Tortola, Tortorella (Tose. Umbria, 
Roma) — Tortola boscajola (Sen.) — Colombi (Corsica) — 
Tortorella (Umbria) — Tortora, Tortolina (Marche) — Tur- 
tela (basso Garigliano) — Tortorella, Tortola, Turturella 
(Nap.) — Tortora (Bari) — Turtura de palumbaru (Lecce) 

— Tortero, Turturedda, Turtura, (Calabr.) — Turtura (Sicil.) 

— Turtira (Cat.) — Turtiri, Turtura (Sard.) — Tortora 
(Lanusei) — Gamiema (Malt.). 

Prettamente estiva per noi e comune in tutta Italia; 
giunge in aprile, nidifica in tutte le nostre provincie in mag- 
gio e giugno, parte alla fine di settembre o nella prima 
quindicina dell'ottobre. Naturalmente è anche di doppio pas- 
saggio in Italia, cioè in aprile ed in agosto-settembre. 

La T. communis è essa pure specie propria alla porzione 
occidentale della Regione Eurasica, ove rimane nella buona 
stagione; in Asia giunge sino a Yarkand. Sverna nell'Africa 
centrale giungendo allo Scioa. Nel N. 0. dell'Africa questa 
specie è estiva come da noi. 

Distinta, ma assai affine alla nostra Tortora è la T. 
isabellinus, Bp. che abita l'Egitto, inoltrandosi, pare, nel- 



— 504 — 

l'Asia Minore; è un poco più piccola della nostra specie e 
generalmente più pallida nei colori ; si potrebbe definire come 
una forma deserticola della Tortora nostrale. 

Ora il Wright {Bull. Brit. Orn. Club, X. p. 96. Lotidon, 
1900) cita una Tortora isabellina presa a Malta il 2 mag- 
gio 1885, che poteva essere la T. isabellmus ; mentre il Mo- 
schella ricorda Tortore isabelline da Reggio Calabria (Giglioli, 
Primo ì-e.soc. inch. orn. in Italia^ III. p. 5(3. Firenze, 1891). 
Tali casi meritano di essere meglio appurati, giacche mentre 
potevano essere semplicemente individui della T. commiinis 
affetti da isabellismo, non è esclusa la possibilità che fossero 
esemplari smarriti della T. isahelUnus dell'Egitto; per ora 
però credo meglio di non annoverare questa specie tra le 
nostre comparse accidentali. 



360. Turtur orientalis, Lath. 
Tortora orientale. 

E notevolmente più grossa della nostra Tortora comune, 
alla quale somiglia molto pei caratteri del piumaggio; abita 
l'Asia meridionale ed orientale dall' India alla Dauria ed al 
Giappone. E giunta jdìù volte erratica in Europa, e si citano 
due esemplari presi nella Svezia settentrionale, uno nel dicem- 
bre 1842 (Rasch), l'altro nell'ottobre 1860 (Suudevall); que- 
sto si conserva nel Museo Zoologico di Stoccolma, ove l'ho 
esaminato. Un terzo esemplare venne catturato a Scarborough 
in Inghilterra nell'ottobre 1889 e si conserva nel Museo di 
York; è notevole il fatto che erano tutti giovani nel primo 
abito. 

Al conte dott. E Arrigoni degli Oddi è toccata la for 
tuna di avere e di registrare l' unico esemplare di questa 
specie preso sinora in Italia (Cfr. Arrigoni, Atl. Orn. II. 
p. 328. Milano 1992. — Id. Man. orn. ital. p. 493. Milano, 
1904). Questa rarità venne uccisa il 25 settembre 1901 a 
Tregnago nel Veronese e precisamente nei boschi di pini 



— 505 — 

della Valle dei Rugoloti, ed è una femmina giovane; si con- 
serva nella collezione Arrigoni a Monselice; venne esaminata 
e convalidata dal Salvadori. 

È interessante il fatto che vive pure nell'Asia, dal S. 0. 
della Siberia all'India, ma non estendendosi più ad oriente, 
una Tortora [T. ferrago, Eversm.) quasi intermediaria nei 
caratteri tra la T. communis e la T. orientalis. 

Prima di finire colle Tortore, debbo rammentare l'asse- 
rita cattura di un esemplare selvatico della Tortora col col- 
lare, cosi comune da noi allo stato domestico o semi- dome- 
stico, a Lesignana nel Modenese (Cfr. Doderlein, Avif. Sicil. 
e Mod. p. 345. — Giglioli, Avif. Ital. 1889, p. 508, nota); 
quella specie è generalmente citata col nome di T. risorius, 
Linn. allo stato domestico, e per molti il capo-stipite selva- 
tico di essa sarebbe la T. douraca, Hodgs. che vive nel S. E. 
dell'Europa estendendosi sin nell'India; è comune, dicesi, 
a Valona nell'Albania, onde potrebbe benissimo giungere in 
Italia. Ma tale caso sinora non è stato accertato, eppoi non è 
facile il poter distinguere la comune Tortora col collare do- 
mestica da esemplari veramente selvatici; perciò non credo 
sia per ora opportuno di aggiungere la T. risorms, o T. dou- 
raca che sia, nel nostro elenco. 



— 506 — 



PTEROCLETES 



PTEROCLjID^ 

{Pterocli) 



361. Pterocles arenarius i Pali.) 

(tANGA. 

Questa bella specie è sparsa nelle contrade occidentali, 
meridionali ed orientali della regione circummediterranea e 
giunge nell'Asia centrale e nell'India; abbonda nel N.O. 
dell'Africa e nella penisola Iberica, di dove penetra talvolta 
nel mezzodì della Francia; dall'estremo S. E. dell'Europa 
penetra raramente in Grecia. È dunque strano che non sia 
giunta più frequentemente in Italia. 

Sinora però abbiamo dovuto escluderla dei nostri elen- 
chi, giacche venne provato che il solo esemplare ritenuto 
italico, quello che si conservava nella piccola raccolta Benoit 
nel Museo Zoologico della R. Università di Messina, era stato 
acquistato a Parigi dallo stesso Benoit, e non già catturato in 
Sicilia (Cfr. Avif. Ital. 1886, p. 332). Ma ora mi è grato 
di poter includere la P. arenarius tra le nostre specie av- 
ventizie, e ciò per due individui catturati sulla nostra fron- 
tiera occidentale, sul greto del Varo, nei pressi di Nizza. 

Essi sono : un maschio adulto, ucciso il 2 dicembre 1896, 
ed una femmina, pure adulta, uccisa il 16 dello stesso mese; 
erano evidentemente insieme; li ebbi dai fratelli Gal, ancora 
freschi. Si conservano nella Collezione italiana del R. Museo 
Zoologico di Firenze {Cat. Ucc. 3603, 3604). 



607 



36S. Pterocles Alchata (Linn.) (ex Gesn.) 
Grandule. 

Grandule, Ganga grandule {Aut. Ital.) — Gelinota pic- 
couna {Nizz.). 

Anche più delle timoniere centrali allungate e filiformi, 
la forma e le relative dimensioni del becco potrebbero giu- 
stificare la separazione generica di questa specie e dei suoi 
affini da quella precedente e dal gruppo del quale essa è 
tipo. Io ritengo però che questi caratteri non siano sufficienti 
per una tale separazione e perciò non adotto il genere Pte- 
roclurus^ proposto da Buonaparte sin dal 1856 e resuscitato 
da Ogilvie-Grant (Cat Birds, B. M. XXII, p. 6. London, 
1893) per i Pterocli con timoniere mediane allungate e fili- 
formi ; noto poi che Sharpe nel recente suo « Handlist » 
scrive PterocUdurns. 

La Grandule fisicamente e biologicamente è affine assai 
alla Ganga; ha pure presso a poco la medesima diffusione 
geografica, giacche dalle contrade occidentali, meridionali ed 
orientali della regione circummediterranea si estende attra- 
verso l'Asia centrale sino al N.O. dell' India. Si è creduto 
da taluni di dover separare, anche soltanto subspecifica- 
mente, le Grandule della penisola Iberica e dell' Africa 
settentrionale da quelle asiatiche; quelle occidentali avreb- 
bero nel maschio adulto le cuopritrici esterne alari casta- 
nee con fascia sub-terminale gialla, mentre nelle orientali 
tale fascia sarebbe bianca (Cfr. Seebohm in « Ihis », 1883, 
p. 26); Seebohm propose di ripristinare per la forma occi- 
dentale il nome di pyrenaicus, dato anticamente da Brisson 
a questa specie; ma tale carattere non pare costante, e re- 
centemente il AVhitaker e' informa che i molti esemplari 
africani da lui esaminati hanno la fascia suddetta bianca 
(Cfr. Birds of Tunism, II, p. 239). 



— 508 — 

La P. Alchata è capitata raramente in Italia, ma ab- 
biamo almeno una diecina di casi registrati della sua cat- 
tura da noi, ed i fratelli Gal affermano che essa giunge ca- 
sualmente nel Nizzardo in primavera e nell'autunno. Alle 
comparse già registrate da me {Avif. Jtal. 18SG, p. 332. Id. 
1889, p. 611) — a Nizza, a Livorno (1863), a Faenza (agosto 
1885), in Sicilia a Siracusa (1859) ed a Malta (1843) — debbo 
aggiungerne una, più recente, avvenuta a Sassuolo, Modena, 
alla fine del settembre 1904; l'esemplare venne preso dal 
marchese Taccoli (Cfr. « Avicula », Vili, p. 140). 

Nella Collezione italiana conservo tre esemplari maschi 
di questa specie (Caf. Ucc. 945, 2976, 2673): un adulto 
della forma pyrenaicus, colto nei dintorni di Nizza il 17 mag- 
gio 1872; un quasi adulto, 1863, Livorno ; ed un adultissimo, 
maggio 1859, Siracusa; questi ultimi due appartengono alla 
forma tìpica con fascia bianca sub-terminale sulle cuopritrici 
esterne alari castanee; il primo doveva essere venuto dalla 
Spagna, gli altri due dalla Tunisia. 



363. Syrrliaptes paradoxus (Pali.) 

SlRHATTE. 

La patria di questo uccello curioso ed interessante è 
l'Asia centrale, dalle steppe dei Kirghisi alla Mongolia e 
dalle sponde settentrionali del lago Baikal al Turkestan : re- 
centemente, pare, quest'area si sarebbe estesa a ponente, oc- 
cupando pure la depressione Aralo-Caspica. Di tempo in 
tempo il Sirratte fa delle irregolari e sporadiche comparse 
in Europa, vere invasioni talvolta, durante le quali ha rag- 
giunto gli estremi lembi occidentali del nostro continente e 
delle sue isole; e più volte ha tentato di fondarvi colonie, 
rimanendovi per mesi e mesi e nidificandovi. 

La prima grande irruzione in Europa del Sirratte, ai 
tempi nostri, ebbe luogo nel 1863 e non pochi vi rimasero 
r anno seguente. Questa grande invasione venne mirabil- 
mente descritta dal venerando amico mio prof. A, Newton 



— 509 — 

di Cambridge ; egli fa il calcolo che sommassero ad almeno 
700 gli individui di questa specie giunti in Europa in quella 
occasione e cita 148 catture. Vennero in primavera e nell'estate 
e qualche coppia avrebbe nidificato in Danimarca e nell'Olanda; 
ma di essi si fece strage. Di questa grande colonna migrante 
sappiamo di otto individui presi in Italia : nel Trentino, nel 
Veneto, nelle Romagne (Rimini ed Imola). nell'Emilia ed in 
Piemonte (Novara), tra il maggio 1863 ed il febbraio 1864; 
essi sono stati da me accuratamente registrati [Avif. Italica 
1886, p. 333). 

Dopo quella grande invasione il Sirratte ha fatto di- 
verse comparse sporadiche in Europa, ma in numero assai 
ridotto. Nell'autunno 1871, dopo violenta burrasca, venne 
colto un maschio adulto a Corte (Pieve di Sacco) presso 
Monselice, Padova, e si conserva nella collezione Arrigoni ; 
tra il maggio ed il giugno 1872 ne furono veduti nel 
Nord delle isole Britanniche e forse appartenevano an- 
cora al medesimo esodo ; il 4 maggio 1876 fu ucciso un' al- 
tro maschio adulto a Pavullo, Appennino modenese, venne 
illustrato dal prof. Carruccio e si conserva nel Museo Zoolo- 
gico della R. Università di Modena; in quell'anno, e credo 
entro quel mese, altri individui furono catturati nell'Alta 
Italia ; e nell'aprile 1880 ne venne preso uno a Palmanuova, 
Friuli, registrato dal Vallon. 

Una nuova invasione di questa interessantissima specie 
avvenne finalmente in Europa nella primavera del 1888, 
quando dalle steppe dell'Asia centrale una enorme colonna 
migrante si spinse ad occidente attraversando l'Europa dalla 
Scandinavia al Mediterraneo e raggiungendo in numei'O rag- 
guardevole le lontane isole Britanniche, ove l'Evans calcolò, 
per la Scozia soltanto, un' invasione di almeno 2000 indi- 
vidui. Il primo ad avvertire questo singolare esodo fu l' illu- 
stre Ornitologo di Varsavia Taczanowski, che ebbe un primo 
Sirratte ucciso a Plock in Polonia il 21 aprile; ma da no- 
tizie raccolte poi dal dott. A. B. Meyer di Dresda, risultò 
che uno di questi uccelli era stato veduto a Trebnitz nel 
Brandenburgo nella seconda quindicina del precedente feb- 



— 510 — 

braio. L' Italia fu attraversata obliquamente, nelle sue pro- 
vincie N, E. e centrali soltanto, dal lembo inferiore estremo 
della massa migrante; ma anche per noi è stato un avveni- 
mento ornitologico importante. 

Note particolareggiate su questa invasione, a riguardo del- 
l'Europa intera, furono pubblicate dal dott. A. B. Mej^er e dal 
dott. F. Helm, e, per ciò che interessava l'Italia, dal caris- 
simo e chiarissimo conte T. Salvadori. Io poi diedi [Avif. 
Ital. 1889, pp. 513, 514) un elenco localizzato delle catture 
'avvenute nel paese nostro. Nel Veneto principalmente, ma 
ancora nell'Emilia, nella Lombardia, nelle Marche, nella To- 
scana, nella Liguria orientale, nell'Umbria e nel Lazio, tra 
il 24 aprile 1888 ed il 6 gennaio 1889, ma particolarmente 
entro il maggio 1888, furono veduti circa 147 individui di 
questa specie, dei quali ben 51 vennero presi e 27 conser- 
vati; viaggiavano per lo più in branchetti, gli ultimi veduti 
erano quasi sempre isolati, ed erano senza dubbio individui 
spersi. Il Meyer citò in modo dubbioso una comparsa del Sir- 
ratte in Sicilia, nei dintorni di Palermo, verso la metà del 
maggio, ma né Salvadori ne io ebbimo alcuna conferma di 
tale asserto. Durante l'estate del 1888 diverse coppie nidifi- 
carono nell'Europa centrale ed occidentale, ma non risulta 
che ciò sia avvenuto in Italia; il solo Arrigoni accennò in 
modo dubbio che questo uccello possa aver nidificato nel 
Padovano, ma non ne ebbe le prove. 

Sappiamo di comparse sporadiche del S. paradovus in 
Europa e principalmente nell' Austria-Ungheria negli anni 
1890, 1892, 1897, 1898 e 1899: ma non risulta che alcuno di 
essi giungesse in Italia. 

Nella Collezione italiana [Cat. Ucc. 747, 2620, 3094) con- 
servo tre esemplari di questa specie: una femmina presa viva 
a Predazzo, Val di Fiemme, Trentino, nel maggio 1863; un 
maschio adulto ucciso a Castel d'Ario, Mantova, 1*8 maggio 
1876; ed un'altro maschio adulto colto il 3 maggio 1888 a 
Carpi di Villabartolomea, Verona; essi rappresentano ap- 
punto le tre principali irruzioni del Sirratte in Italia. 



— 611 — 



HEMIPODII 



[Turnici) 



364. Turnix sylvatica (Desfont.) 

Quaglia tre unghie. 

Quaglia tridattila, Quaglia d'Andalusia, Quaglia di Gi- 
bilterra, Turnice (Aut. Ital.) — Quagghia triugni, Cacazzara 
(Sicil.) — Triugni (Cat. Mess. Sirac.) — Taureddu {Spacca- 
forno) — Triungnia [Terran. Sicil.) — Triugni, Coddu niùru 
iGirg.). 

Il barone Carlo de Fiore {Materiali per una Avifauna 
Calabra, p. 42. Roma 1890) ricorda una probabile cattura di 
un' esemplare di questo uccello fatta nel settembre 1885, a 
Maida, Calabria, dal signor A. Callegari ; l'esemplare però 
sarebbe andato perduto. Tale caso non è impossibile, ma è 
strano, giacché la T. sylvatica non sarebbe migrante ed era 
per noi strettamente confinata alla Sicilia meridionale ed oc- 
cidentale, rimanendovi assolutamente stazionaria e singolar- 
mente localizzata. In tali condizioni, fino a circa vent' anni 
fa, questo uccello era ancora discretamente comune sulle 
« sciarre » o brughiere di palmetto [ChamcerojJS humilis) nel 
S.O. della Sicilia, intorno a Terranova, Selinunte, Castelve- 
trano e Mazzara ; ma oggi non si trova più e gli ultimi 
esemplari avuti in carne dall'amico mio J. I. S. Whitaker 



— 512 — , 

gli furono portati da Mazzara nel 1891. Da allora, malgrado 
l'offerta di congrui compensi, non riusci ad averne: ed egli 
è noto e ricco proprietario in quella parte dell' isola. Temo 
fortemente che, come il Francolino, la Quaglia tre unghie 
sia a quest'ora perduta per noi. 

Con dovuta riserva vanno poi accolti i due casi citati 
della cattura di questa specie nell'Italia continentale; cioè, 
quello registrato molti anni fa a Nizza dal Verany, e quello 
più recente, 1873, rammentato dal Caffi in Valtesse nel Ber- 
gamasco. 

Nella Collezione italiana conservo otto esemplari di T. 
sìjlvatica, sei maschi e due femmine, tutti dalla Sicilia e 
presi a Mazzara (4), Palermo, Spaccaforno, Castelvetrano e 
Modica, tra il 1863 ed il 1883. {Cai. Ucc. 3233, 2326, 2253, 
1061, 2155, 2920, 1901, 1809). 

La T. sylcatica non sembra avere una larga diffusione: 
è sedentaria e comune in tutta l'Africa settentrionale a po- 
nente dell'Egitto e nel mezzodì della penisola Iberica; più 
al S. nell'Africa è rappresentata da una forma affinissima. 
più piccola, forse solo subspecificamente separabile, la T. le- 
purana (Smith); più piccola ancora e non molto staccata è 
la T. Dussuniieri (Temm.) dell'Asia meridionale. 



— 513 



GALLINiE 



JPHA. SIAJSriD^ 

{Fagiani) 



365. Fliasianus colcliicus, Linn. (ex Gesn.) 
Fagiano. 

Fasciami, Faggianu, Fasano {Corsica) — Fasanu {Ca- 
labi'.). 

Nella mia Avifauna Italica del 1886 (pp. 334-336), ho 
lungamente trattato di questa splendida specie, ritrovata da 
me allo stato assolutamente libero, endemica e sedentaria, sul 
lato orientale della Corsica, nelle basse colline a bosco ceduo 
tra Aleria ed il Fiumorbo; non vi era però abbondante ed 
ho saputo poi che va sensibilmente diminuendo, in modo che 
temo non sia lontana la sua totale estinzione nell'isola. 
Certo è, che malgrado le premure fatte, non mi è più riu- 
scito di ottenerne esemplari, dopo la coppia avuta per 
mezzo gentile dell'allora nostro Console Generale in Corsica 
comm. F. Bruna; e quei due, maschio e femmina adulti, 
furono presi con lacci a S. Antonio di Ghisonaccio presso 
Ghisoni, il 27 marzo 1881. Il AVhitehead che rimase circa due 
mesi nel 1883 nel distretto da essi abitato, al solo scopo di 
far raccolte ornitologiche, potè averne due soli esemplari. 

Nella citata mia opera raccolsi pure alcuni dati interes- 
santi sulla presenza del P. colchicus allo stato libero in un 
passato non tanto remoto in diverse località dell'Italia pe- 
ninsulare; così, sul Monte Argentario, Toscana, sarebbe 

a3. 



— 514 — 

stato abbondante verso la metà del XV° secolo; e visse in 
varie parti della Calabria sino a circa la metà del XVI° se- 
colo, secondo il De Fiore {Materiali per una Avifauna Calabr., 
p. 39, Roma 1890). Su questo proposito però e rispondendo 
ai dubbi da me espressi sin dal 1886, l'amico mio marchese 
Armando Lucifero ci fornisce nuove ed interessanti notizie; 
nella sua Avifauna Calabra, publ^licata neìV « Avicula > (voi. IV, 
p. 98. Siena, 1900)^ egli scrive, trattando del Fagiano nella Ca- 
labria: « questo uccello continua a vivere ed a nidificare in 
certi nostri boschi litoranei in perfetta selvatichezza. Nella 
provincia di Cosenza e propriamente nei boschi che da Co- 
rigliano si estendono fino a Torre Cerchiara, non di rado 
incontrasi il P. colchicus ; né persona di quei siti rammenta, 
o per tradizione o per storia, che vi sia stato importato ». 
Nel gennaio del 1879 poi, il marchese Lucifero ebbe occa- 
sione di cacciare in quei boschi, nella tenuta del principe di 
Strongoli e nei Corsi del Raganelle, piccolo fiume fra le 
stazioni ferroviarie di Sibari e di Torre Cerchiara, ed ebbe 
la ventura di uccidere due maschi bellissimi di questo Fa- 
giano. Ciò mi sembra assolutamente chiaro e definitivo, 
luminosa conferma delle notizie che io raccolsi nell'Italia 
meridionale nel 1881 e dell' esemplare di P. colchicus, uc- 
ciso in Calabria, che vidi nella collezione De Romita a 
Bari. Sappiamo, del resto come questo Fagiano viva oggidì 
abbondante sul lato opposto dell'Adriatico, nei boschi in- 
torno alla foce del Drino in Albania, ove certamente non 
venne importato dall'Uomo. 

Dopo tutto questo è per lo meno strano il vedere que- 
sta specie esclusa dalla Avifauna italica da un competente 
quale è indubbiamente il prof. G. Martorelli. 

L' « habitat » di questa specie si estende dunque dalla 
Corsica occidentale e dalla Calabria all'Albania, e quindi, 
attraverso la (rrecia, la Turchia europea, l'Asia Minore sin 
nella Transcaucasia e nel delta del Volga. Parlo beninteso 
dell'uccello selvatico ed assolutamente libero e non del J\ col- 
chicus, più o meno imbastardito con specie affini che è stato 
introdotto in diversi dei nostri parchi e riserve di caccia. 



— 515 — 

PEFtDICID^ 

{Pernici) 



366. Francolinus vulgaris, Steph. (ex Gesn.) 
Francolino. 

Francolino, Franguellina, Francolino degli Italiani {Aut. 
Ital.) — ? Pernice gallo {Calabr.) — Franculinu, Tritar!, 
Trittari {Sicil). 

È purtroppo ora specie assolutamente estinta in Sicilia 
e di conseguenza in Italia. Circa cinquant'anni fa si trovava 
ancora frequente, dicono, nel distretto di Trapani e lungo 
il litorale siculo da Castelvetrano a Terranova e specialmente 
nei dintorni delle rovine grandiose di Selinunte. Secondo 
Mina Palumbo 1' ultima coppia di Francolini fu uccisa nel 
feudo Desusino nel 1864: secondo Doderlein invece l' ultimo 
di questi splendidi uccelli fu preso nel 1869, nella tenuta di 
Falconara, nei pressi di Terranova, e mangiato in un ban- 
chetto. 

Nella mia Avifauna Italica 1886 (p. 337) ed in quella 
del 1889 (p. 515), ho trattato lungamente la quistione in- 
teressante del Francolino in Sicilia, avendo raccolto diligen- 
temente tutte le notizie in proposito, ed è superfluo che io 
qui le ripeta. La notizia da me raccolta a Modica nel 1883 
che qualche coppia di Francolini viveva ancora nei territori 
di Suero e Butera in quel di Terranuova, e quella avuta dal 
dott. A. Pistone nel 1885 che qualcuno di questi uccelli si 
trovava ancora nei dintorni di Corleone, non ebbero mai al- 
cuna conferma. 

In quanto poi alla presunta presenza di Francolini nella 
Calabria ultra, in un prossimo passato, il De Fiore (Mate- 
riali p. una Avif. Calabra, p. 40) ha semplicemente ripetuto 



— 516 — 

le notizie già a me da lui fornite, spiegando come le aveva 
prese da uno scritto del dott. F. S. Moretti di Radicena, ed 
esse mi parvero non troppo attendibili ; il Lucifero nel suo 
lavoro su quella Avifauna non menziona il Francolino. 

Nella Collezione italiana conservo otto esemplari di que- 
sta specie ora estinta in Italia, sei maschi e due femmine. 
Meno uno, proveniente dal parco granducale di Artimino, 
Empoli — ove questa specie venne introdotta dalla Sicilia 
all'epoca medicea e vi rimase sino ai primi del XIX secolo 
— sono tutti dalla Sicilia, presi tra il 1850 ed il 1854 a 
Terranova e Caltagirone; due non hanno data ne località 
precisate; uno, maschio adulto e certamente l'ultimo che 
venne preparato, fu ucciso dal maggiore Sabattini del genio 
nei dintorni di Palermo nell'ottobre 1862 e da lui inviato 
in carne nell'alcool a S. M. Vittorio Emanuele II. [Cat. Ucc. 
2353, 639, 237, 238, 1196, 1197, 937, 984). È quasi superfluo 
che io dichiari che non credo, e che non è davvero « noto > , 
essere stato il Francolino importato in Sicilia, come dichiara 
il prof. Zodda (« Avicula », X, p. 42). 

Il F. vulgaris vive a Cipro e nell'Asia Minore, di dove, 
attraverso la Persia e le provincie settentrionali e centrali 
dell' India, giunge nel Manipur; gli esemplari indiani sareb- 
bero alquanto più piccoli di quelli nostrali e dell'Asia occi- 
dentale. 



36*7. Perdix rufa (Linn.) ex Gesn. 
Pernice. 

Pernice comune, Pernice rossa {Aut. Ital.) — Pernis 
roussa. Pérnis gaja, Bartavela die Langhe, Pernis marenga 
{Pieni.) — Bartavela [Cuneo) — Perdrix rossa, Perdrix rouge 
(Aosta) — Pernis rossa, Pernixe rossa, Gambarossa, Mart'nga, 
Guastésa, Pernis marénga, Parnis rossa (Basso Piem.) — 
Coturnis, Cotorno, Cotorna (Lomb.) — Cotourno, Cotornis 
(Mil.) — Alpediga (Mendr.) — Pernisa guastésa (Varzi) — 



— 517 - 

Cotòran (Piac.) — Pernìss, Coturniss [Mod.) — Perniss rossa 
{Boi.) — Parnisa (Ravenna) — Pernise rossa {Yen.) — Per- 
nise rosso [Vicenza) — Spernisa foresta, Cotorno {Padova) — 
Perdis rougia {Nizz.) — Pernixe russa [Gen.) — Pernise 
{Spezia) — Pernice {Tose. ? Roma., ? Nap.) — Pernice, Co- 
turnice {Lucca) — Pernice {Marche) — Pernice {Corsica). 

Questa specie trovasi nelle Langhe del Piemonte, sulle 
diramazioni minori dell'Appennino settentrionale e centrale, 
nelle Marche, nel Volterrano in Toscana, all'Elba, a Monte- 
cristo ed in Corsica, ove abbonda ed ove è 1' unica specie 
indigena, dal capo Corso a Bonifacio, trovandosi anche nel 
piano. E rarissima nel Veneto, ove qualche individuo ra- 
mingo è stato preso nel Vicentino e nel Padovano ; è scarsa 
in Lombardia e nell'Emilia. Dall'Umbria in giù manca affatto, 
per quanto mi risulta, nelle nostre provinole peninsulari ; e 
cosi nella Sicilia e nella Sardegna. Nelle contrade ove vive 
è sedentaria, o molto limitatamente erratica ; nidifica in mag- 
gio e giugno. 

La P. rufa abita l'Europa occidentale giungendo al N. 
nel Belgio e nella Francia settentrionale, la penisola Iberica, 
le isole Baleari, le Azzorre, Madeira e la Grande Canaria. 
Presenta una certa variazione nelle dimensioni e nella inten- 
sità del colorito, in modo che si hanno, pare, razze locali ; 
per tali ragioni il Seoane propose di distinguere le Pernici 
dalla Spagna come una sottospecie col nome di P. rufa hi- 
spanica. Per la sua poca abbondanza e per la ristrettezza del 
suo " habitat., ,, questa specie dà l' impressione di essere in 
diminuzione. 



368. Perdix saxatilis. Meyer 
Coturnice. 

Coturnice, Pernice sassatile. Pernice rossa, Pernice mag- 
giore. Pernice greca, Pernice colombaria {Aut. Ital.) — Pér- 
nis d'mountagna, Bartavela d'Osta {Pieni.) — Pernis gaja, 



— 518 — 

Conloumbanna [Cuneo) — Perdrix de montaigne [Aosta) — 
Crombera, Crombéa, Pernis crombéra, Pernixe còmbea [Basso 
Pieni.) — Parnigia [Nov.) — Parnisa [Vigezzo) — Parnis, 
Pernis [Ossola) — Coturnis grossa, Cotorno, Cotorna, Pernis 
guastesa (Lomb.) — Coturna ( Valt.) — Cotùrna iBresc.) — 
Pernisa guastesa (Varzi) — Coturnisa (Parm.) — Cotorn, 
Coturnìss, Parnis, Parnisa (Mod.) — Pernis (Boi.) — Cotorno, 
Cotorn, Catorn, Catòr, Catòrs (Veìi.) — Coatòrn (Feltre) — 
Cotòr, Catòr [Frhili) — Cotorna iMalè) — Cator {Badia) — 
Catorn (Fassa) — Katùrn [Sette Comuni) — Cotorno, Cotorn 
[Trentino) — Oreb, Jareb grivni, Orebica grivna, Ceterkala 
(Dalm.) — Bartavella, Perdis columballa, Perdis couloumbana 
(Nizz.) — Pernixe cùmbaea [Geìi.) — Cotórnesa [Spezia) — 
Coturnice (Tose.) — Pernice (Umbria, Marche, Abruzzo) — 
Pernice, Pernice rossa (Roma, Nap.) — Pernice (Bari) — 
Telytza (Albanesi italici) — Pernice {Possano, Cosenza) — 
Pirnici, Pernici, Pernice (Calabr.) — Pirnici [Sicil.) — Pir- 
nicaru, Perniciottu, Pirnici branca, Pernici branca lorda 
(Girg.) — Pernici ad., Pirnicaru giov. (Modica). 

Questa specie si trova sedentaria sulle nostre Alpi e da 
quelle Dinariche si estende lungo tutto il litorale Calmato ; 
vive sulle vette maggiori dell'Appennino settentrionale, cen- 
trale e meridionale ; nell' Ascolano viene a contatto con la 
P. rufa (1); al S. di quella regione rimane la unica specie, 
cosi nelle Calabrie e nella Sicilia, ove è comune sui monti 
e nel piano, e presenta una varietà albina che sembra in 
alcune località esser divenuta una razza costante. Nidifica nel 



(1) Nelle località ove le due sjìecie vengono a contatto si verifi- 
cano casi di ibridismo ; a tali ibridi, che io però non rammento di aver 
mai veduto, è stato molto erroneamente dato un nome, e cioè quello di 
P. Labatei, Boiiteille. Secondo i dott. Luciani e Mina di Arenzano tali 
casi non sarebbi-ro rari sugli alti monti della Liguria, e si capisce 
facilmente per la guerra a sterminio che viene latto a quelle Pernici 
e che scema gli individui d' entrambe le specie. 



— 519 — 

maggio e nel luglio ; i pulcini ponno volano poco dopo la 
nascita e ne ho uno cosi, appena più grande di un passerotto, 
ucciso col fucile a Forni di sotto, Udine, il 23 luglio 1904, 
e donatomi dall' amico Vallon. 

La P. saxatilis vive sui monti dell'Europa meridionale: 
Pirenei, Alpi, Carpazi e Balcani ; ma nelle isole di Creta e 
Cipro, in quelle dell' Arcipelago greco ed attraverso 1' Asia 
media tutta, dalla Siria alla Cina settentrionale (Kalgan), 
penetrando per la Persia ed il Balucistan nelle provincie set- 
tentrionali, sub-himalaiane, dell'India, trovasi la affinissima 
P. chukaì'f 0:V2iy. Questa Coturnice orientale ha fatto una 
comparsa nell'avifauna italica, e ciò per un'esemplare tipico, 
da me esaminato, ora nella collezione Arrigoni, che si diceva 
preso a Barzanò, Como, nel maggio 1882 ; ma oltre il poco 
affidamento che davano le circostanze della pretesa sua cat- 
tura, il carattere assolutamente sedentario e non migrante 
di questi uccelli, mi persuase a non ammetterlo anche tra le 
specie più avventizie entro i nostri confini (Cfr. Avifauna 
Italica 1886, p. 340, nota 1). Del resto ho saputo poi che 
alcune coppie della P. chukar erano state introdotte a scopo 
di ripopolamento e liberate sui monti della Liguria. 



369. P»erdix petrosa (J. F. Gmel.) 
Pernice sarda. 

Pernice d'Africa, Pernice turchesca, Pernice di Sardegna 
{Aut. Ital.) — Perdixi, Perdisi, Pradixi, Predixi, Predixis 
{Sarei.) — Pudda de mata {Fornii) — Pernicetta sarda, Per- 
nicetta rossina [Corsica). 

Per noi questa Pernice è strettamente confinata all'isola 
di Sardegna, ove è assolutamente sedentaria ed ancora abbon- 
dante. In questi ultimi an)ii si è tentato di acclimatarla al- 
trove, sul Continente Italico ed all' isola di Favignana, Si- 
cilia, ma, per quanto mi risulta, con scarso successo ; sulla 



— 520 — 

rocca di Gibilterra però la introduzione di questa specie ebbe 
completa riuscita. Anni fa cercai di sapere se la P. petrosa 
attraversava qualche volta lo Stretto di Bonifazio giungendo 
in Corsica ed ebbi allora risultati negativi; oggi però il Mar- 
torelli {Uccelli d'Italia, p. 21) ci dice che per mezzo dei si- 
gnori T. Strazza e conte F. Baciocchi ha saputo che alcuni 
esemplari della P. 2)€trosa sono stati uccisi nei pressi di Bo- 
nifazio e di Ajaccio ; anzi il Baciocchi un giorno colse due 
Pernici una delle quali era la P. rufa, l'altra la P. petrosa! 
Questi poi aggiunse che il suo cacciatore Corso conosceva 
benissimo quest'ultima specie sotto i nomi volgari sopra ci- 
tati ; onde, se questa specie non è stata recentemente intro- 
dotta in Corsica per agenzia umana, bisogna ritenere che 
qualche coppia abbia attraversato lo Stretto di Bonifazio e 
si sia riprodotta nel nuovo suo " habitat ,,. 

La P. petrosa vive oltrecchè nell' isola di Sardegna, in 
tutto il N.O. dell'Africa, dalla Tripolitania a tutto il Marocco, 
e nelle isole Canarie (Tenerife, Gomera, Lanzarote e Hierro). 



3'70. Starna Perdix Liun. ex Gesn.) 
Starna. 

Starna, Pernice cinericcia, Pernice cenerognola {Aut. Hai.) 

— Pernis, Pérnis grisa {Piem.) — Tariga ( Cuneo) — Sterne 
[Aosta) — Sterla, Sterlùs [Alba] — Stèrletta, Pernis sterna, 
Pernis grisa. Sterna, Sterna di passaggio, Parnis grisa {Basso 
Piem.) — Pernis. Pernisetta, Pernigo (Lomb.) — Starne, Per- 
nigon, Parnisetta (Ossola) ^- Perniseto, Pernis, Pernisetta 
{(Jomo, Valt.) — Pernis (Cremon. Prese. i — Perniss {Mantov.) 

— Pernisa noustrana (Varzi) — Parnisa (IHac.) — Pernisa 
{Parm.) — Perniss, Starna (Mod.) — Pernis, Starna {Boi.) 

— Sterna {Ravenna) — Pernise {Yen.) — Spernisa (Perfora) 

— Pernisoto, Pernise picola (Vicenza) — Pernis, Parnis {Feh 
tre) — Pernise {Cadore) — Pernis, Pernigott {Fritdi) — Re- 
be-hun (Sette Comuni) — Pernis {Rovereto) — Perniss, Per- 



— 521 — 

nise, Pernisa [Trentino) — Orebica, Jarebica krza [Daini.) — 
Perdis, Perdis treboula (Nizz.) — Sterla (Savona) — Sterna 
[Gen.) — Starna [Spezia^ Tose, Umbria, Marche, Roma^ Nap.^ 
Bari) — Starna reale, Starna scopina [Tose.) — Sterna [Mar- 
che) — Starna [Calàbr.). 

Sedenteria e comune in collina e anche nel piano in 
tutta V Italia continentale e peninsulare, mancante affatto 
nelle nostre isole ; essendo però oggetto di attivissima caccia, 
cresce o diminuisce localmente a seconda della maggiore o 
minore razionale protezione ; si hanno distretti ove la Starna 
è scomparsa affatto in pochi anni, altri ove si è veduta ri- 
divenire abbondante. Non ho mai avuto alcuna conferma della 
eventuale presenza di questa specie a Francavilla in Sicilia, 
notizia datami nel 1883 dal dott. A. Pistone [Avif. Ital. 1886, 
p. 341). Nidifica anche due volte, in aprile ed in giugno, cia- 
scuna covata consta di 8 a 14 uova, onde con un po' di os- 
servanza alle leggi vigenti sarebbe facile conservare abbon- 
dante questa specie prelibata. 

In diverse parti d'Italia i cacciatori sogliono distinguere 
due forme di Starna: una maggiore ed una minore; ho al- 
trove cercato di dimostrare come le ultime non sono che i 
giovani dell' anno divenuti più o meno erratici in stormi 
[Avif. ital. 1889, p. 525); questi sono la P. damascena di Bris- 
son. Nella Collezione italiana conservo poi due esemplari di 
quella bella varietà, quasi si potrebbe dire razza, nella quale 
tutti i colori sono intensificati, ed il bruno chiaro rossiccio 
cuopre tutta la testa ed il collo ; quei due esemplari vengono 
da : Saline, Maremma, 2 dicembre 1878 e da Orvieto, 17 no- 
vembre 1896, sono entrambi maschi adulti [Cat. Ucc. 1086, 
3594) ; è, credo, la P. montana del Brisson, che presenta vari 
gradi di intensificazione nel colorito. Nelle Starne nostrali i 
casi di isabellismo e di albinismo sono poi abbastanza fre- 
quenti. 

La S. Perdix vive in quasi tutta l'Europa ; nelle parti 
settentrionali della penisola Iberica presenta lievi differenze 
che le valsero i nomi di P. hispaniensis, Reichenow e P. char- 



- 522 — 

vela, Secane, forma che ha tutto al più valore subspecifico. 
Penetra nelle parti temperate dell'Asia occidentale e al centro 
di quel continente viene a contatto colla affine, ma ben di- 
stinta aS. daurica iPall.), specie la quale dopo 1' apertura delle 
ferrovie siberiana e transcaspiana giunge non di rado d' in- 
vernosui nostri maggiori mercati di cacciagione : dico ciò per 
porre in guardia i nostri collezionisti. 



3'71. Coturnix communis, Bonnat. (ex Gesn.) 
Quaglia. 

Quaglia, Coturnice comune {Atit. Ital.) — Quàja, Quaia, 
Quaiott, Quaiaster (Pieni. Lomh.) — Caglie [Aosta) — Caja 
[Cuneo] — Quaia, Quàgia [Basso Pieni.) — Maggenghi giov., 
Quagliastro, Fitte (Mil.) — Quàia, Quaiàstaer, Quaiòtt masc, 
Quaiastrón, Quaiastrin giov. (Pavia) — Quàglia (alta Treb- 
bia) — Quaja (Piac.) — Quajòtt (Parm.) — Quai, Quaja, 
Quaiaster giov., Quaiastrèn pule. Quajot [Mod.) — Avrilot 
{Finale, Emilia) — Quaja [Boi. Romg.) — Quagia, Quaja [Yen.) 

— Cuaje, Cuajatt (Friidi) — Quaia, Quaiat, Palpaquà [Ca- 
dore) — Quajót (Feltre) — Quajo, Quagio, Quajastròni (Pa- 
dova) — Quagio, Quagia [Polesine) — Qnaja, Quajot (Rove- 
reto) — Quaia, Caia (Trentino) — Palparòta (Fassa) — Boxla 
(Gardena) — Wachtel (Luserna) — Bach tata [Sette Comuni) 

— Pipelica, Prepelica (Dalm.) — Caglerà, Cagliera (Xizz.) 

— Quaggia (Savona) — Quagia [Gen. Spezia) — Quaglia 
(Jose. Marche, Umbria, Corsica, Roma, Naj).) — Quagliera 
(Pis.) — Quaia (Marche) — Quagghia [Bari) — Quagghia, 
Quaija [Calabr.) — Quagghia [Sicil.) — Cicuni, Circuri, Tre- 
.spodres, Trepedrè, Quagliari (Sard.) — Summiena [Malt.). 

Abbondante quasi ovunque in Italia e nelle sue isole; 
è generalmente estiva e giunge in gran copia dall'aprile al 
giugno ; moltissime coppie rimangono a nidificare. La massa 



— 523 — 

parte o ripassa tra la metà di agosto e quella di settembre; 
un certo numero rimane da noi durante 1' inverno e quasi 
in ogni provincia se ne sono prese in quella stagione. 
Sono poi note le catture enormi di questa specie che si 
fanno lungo le nostre coste, specialmente all'arrivo in prima- 
vera ; si prendono vive con grandi reti nelle quali incappano 
giungendo stanche e sfinite dal mare, e vive si esportano a 
migliaia sui mercati delle grandi capitali d'oltr'Alpe. 

La Quaglia nostrale presenta facilmente variazioni nel- 
l'abito ; una delle più notevoli è un melanismo parziale che 
imita in modo singolare il tono del colorito di certe Quaglie 
australiane che formano il genere Synmcus ; su un'esemplare 
di tale varietà, colto presso Busto-Arsizio, Lombardia^ nel 
1861, venne stabilito il S. LodoisicP, Verr. e Des Murs, che 
ha figurato in elenchi italiani come specie distinta. Altri 
esemplari di quel curioso melanismo vennero poi, pare, presi 
in Italia ed altrove, ed Arrigoni ne ebbe uno che figura 
{Mail. orn. ital. p. 512) da Milano, il 12 ottobre 1888. Sal- 
vador! parlando del S. Lodoisice accennò che potesse essere 
un caso di atavismo derivante da un progenitore antico della 
nostra Quaglia, affine alle Synoecus; ma se si avessero indi- 
vidui uguali tra loro potrebbe invece essere un caso di vera 
neogenesi. 

La C. communis vive in quasi tutta la Regione Eura- 
sica, penetrando d'inverno al S. in quelle Etiopica ed Indo- 
Malaiana ; nell'Asia orientale incontra la affine, ma diversa, 
C. Japonica^ Temm. e Schleg. ; tra le due specie però ha luogo, 
pare un esteso ibridismo. Sarebbero poi appena sub-specifi- 
camente distinte, seppure lo sono, le forme che ebbero i nomi 
di C. capensis, Licht. (C. africana^ Temm. e Schleg.), C. Bai- 
dami^ Madarsz. ed altre ancora. Ha ben ragione Ogilvie-Grant 
quando esclama che pochi uccelli sono stati più confusi e 
mal compresi della Quaglia comune ed i suoi affini. E a pro- 
posito appunto della C. africana o C. capensis — che sa- 
rebbe la Quaglia comune dell'Africa australe e delle isole 
Atlantiche, distinta dalla nostra principalmente per avere 
le gote e la gola di color castagno rossiccio più o meno voi- 



— 524 — 

gente al nerastro con maggiore o minore eliminazione della 
bella macchia nera ad ancora segnante la gola bianchiccia 
del maschio adulto normale della Quaglia nostrale — debbo 
aggiungere che essa si trova frequentemente da noi e con 
essa trovansi pure individui con caratteri intermediari in ogni 
grado tra le due forme. Mentre scrivo mi stanno innanzi due 
Quaglie, maschi adulti: una, uccisa a Firenze nel maggio 1876, 
ha le gote e la gola di un castagno rossiccio, con in mezzo 
una macchia nerastra lineare, senza collare sotto ; 1' altra 
presenta gote e gola di un castagno nerastro, con sotto un 
collare nero, e venne uccisa a Prato il 20 maggio 1885; {Coli, 
ital. Ucc. 197, 2722). Queste due Quaglie rappresentano evi- 
dentemente due stadi della forma prevalente nel S. Africa 
e nelle isole Atlantiche, che ebbe i nomi di C. africana e di 
C. capensis. La ipotesi ingegnosa del Martorelli (Uccelli d'Ita- 
ìia^ p. 27) che cioè vi possa essere uno scambio reciproco 
stagionale di Quaglie tra l'Europa e l'Africa australe, po- 
trebbe avere un certo fondamento; ma per dimostrarla vera 
occorrono ulteriori osservazioni e constatazioni di fatto; ep- 
poi sono da considerarsi veramente distinte, anche nel minimo 
grado subspecifico, quelle due forme, o sono desse mere fasi, 
stagionali o no, di una sola e medesima forma ? 



TJE TUA ONIDu^ 

{Galli di monte) 



3*72. Tetrao Urogallus, Limi, (ex Gesù.) 
Gallo cedrone. 

Fagiano nero, Fagiano alpestre, Gallo cedrone, Gallo 
alpestre maggiore. Urogallo (-4uf. Jtal.) — Siri, Fasan d'mouu- 
tagna {Pieni.) — Grangallo, Grangal {Susa) — Gali sedron. 
Tozzo, Storg {Como) — Polin salvadegh {Madesimo) — Ce- 
droun. Gali cedróun {Mil.) — Sedrù (Bresc.) — Gaio selva- 



- 525 — 

dégo, Gaio cedròn, Cedron, Zedròn, Zadròn (Ven.) — Gaio 
zedròn {Bass.) — Gal cedroo {Bell.) — Galzhedron, Grotòn 
{Cadore) — Zhédron {Feltre) — Giall Cedron, Giall grand 
{Friuli) — Zèdrom, Gal zedròn, Gallina zedrona {Rovereto) — 
Zedròn {Trento, Valsug., Fiemme) — ^edrón {Val di Non, 
Giudicarie) — Gialzedron, Galzedrò {Val di Ledro) — Gal- 
zedrón {Cavalese) — Sedròn {Borgo) — Zedròm {Arco, Riva) 
— Graldamont i Gardena) — Bilar (Sette Comuni) — Tetrip 
velik {Daini.) — Fasan {Nìzz.) — Gallo grosso de muntagna 
{Liguria occid.). 

Questa nobilissima specie va scomparendo da noi, e se non 
vengono prese severe disposizioni di legge per proteggerla 
non andrà guari che si dovrà annoverare tra le estinte in 
Italia. Da lungo tempo sembra scomparso il Gallo cedrone 
dalle Alpi del Piemonte ; in quelle di Ossola, Novara, secondo 
i risultati delle speciali ricerche del Bazetta, è estinto da circa 
150 anni ; mentre nella Valtellina qualche cattura si avvera 
ancora ; così il Fabani ne registra due esemplari presi nel 
settembre 1891 ed uno nello stesso mese del 1892, in Valle 
del Bitto, sopra Morbegno ; e Martorelli menziona una cop- 
pia presa in Valtellina nel 1905 ; ma non è escluso che fos- 
sero individui introdotti. Ove è meno difficile trovarne è nelle 
Alpi del Cadore, nel Trentino e nell'alto Friuli, ma anche là 
sono in forte diminuzione. La sopravivenza del Gallo cedrone 
in quelle regioni si spiega forse pel fatto che esso abbonda 
sull'opposto versante di quelle Alpi, nei Grigioni e nella 
Stiria e Carinzia. Una oculata e razionale protezione baste- 
rebbe a renderlo nuovamente comune sul versante nostro e 
sarebbe ben facile il ripopolare con questo superbo uccello 
quelle parti della catena alpina dalle quali è scomparso. 

Nelle località ove ancora si trova, il T. Urogaìlus è se- 
dentario nei boschi di Conifere e di Faggi tra i 1000 ed i 
1500 metri ; nidifica a terra nel giugno. Non si allontana 
mai dalle Alpi. Vive abbondante nei luoghi montuosi del- 
l'Europa centrale e boreale, e, ivi, anche al piano ; si trova pure 



— 52G — 

sui Pirenei, manca però nel Caucaso. Lungo gli Urali viene 
a contatto con una forma affine, T. uraìensis^ Menzb. ma la 
nostra specie vive anche al di là di quei monti nella Sibe- 
ria, siuo al lago Baikal ; più ad oriente incontra altre specie 
distinte : T. parvirostris, Bp. e T. J^anitchaticus, Kittl. 

Da noi, per la povertà appunto di individui, non di rado 
succede l'accoppiamento con la specie seguente; l'ibrido, bel- 
lissimo, ebbe a torto il nome di T. medius^ Me3'er, e non 
tanto di rado si prende nei luoghi ove vive tuttora da noi 
il Cedrone, lieceutemeute il dott. Lonnberg ha constatato la 
presenza nella Finlandia di una forma nuova di Gallo ce- 
drone, al quale ha dato il nome di T. Urogallus lugens ; è 
notevolmente diversa dalla normale (Cfr. " Ibis, „ 1906, p. 317, 
pi. XVI. London ; egli ne ebbe due esemplari ed ha saputo 
di altri sei uccisi nelle medesime località in questi ultimi sei 
anni circa ; tutti perfettamente simili ed escludenti qualsiasi 
possibilità di ibridismo. Ritengo, coll'amico Lonnberg, che si 
tratti qui di un caso di " neogenesi ,, simile a quello da me 
illustrato neir Athene Chiaradice, e perciò di altissimo inte- 
resse. 



3^73. Lyrurus Tetrix (Linn.) 
Fagiano di monte. 

Fagiano di monte. Gallo di monte minore, Gallo alpe- 
stre minore {Aut. Ital.) — Fasan, Fasan d'mountagna (Piem.) 
— Faisan, Coq de bruyère (Aosta) — Fagian {V/gezzo) — 
Fasàn m., Fasanella f (Ossola) — Gali masc. ad.. Gallina, 
Sterla fem. ad., Pullastron giov., Sterlea, Gali d'muntagna, 
Gali salvadegh, Fasan iValt.) — Gali d'montagna, Gali sal- 
vatich, Fasan de montagna (Lomb.) — Gallina de montagna, 
Fasanella de montagna f. (Mil.) — Gali de mont (Bresc.) — 
Gaio de montagna, Gaio de monte, Gaio forzèlo o sforzèlo, 
m., Galina forzèla o sforzèla f. (Ven.) — Gal forcèl (Beli.) — 
Gal forzhel, Gal lauriot (Cadore) — Forzhel [Feìtre) — Gial- 



- 527 — 

lin forcelle, Griall piciul, Gialine forcole (Friuli) — Billar 
han, Bilia henna {Sette Comuni) — Wilder hiin (Luserna) — 
Gial sforzel, Gial de mont {Val di Non e di Sole) — SforzeI, 
Gal sforzel {Rovereto) — Sforzèl, Sforzello, Sforcèl, Forcèl, 
Gal sforzel, Gal de mont, Gal selvadegh, Galline selvadeghe 
{Trentino) — Oroz (Dahn.) — Fasan (Nizz.) — Gallo de 
muntagna {Liguria occid.) — ?? Gallo marino {Garf.). 

In Italia questa bellissima specie, come tutti i membri 
della famiglia alla quale appartiene, è strettamente confinata 
alla zona alpina ; altri ed io stesso abbiamo registrato con 
riserva casi riportati della cattura del Fagiano di monte in 
località staccate dalle Alpi ed anche sugli Appennini (Cfr. 
Avif. Ital. 1886, p. 344. — Id. 1889, p. 534), debbo però ricor- 
dare che io non ne ho mai veduti, e, se bene accertati, vanno 
considerati accidentali, casi erratici di una specie eminente- 
mente sedentaria. Il L. Tetrix trovasi tuttora lungo tutta la 
catena delle Alpi, dal Colle di Tenda sino ai confini del 
Friuli; in qualche punto è ancora discretamente abbondante, 
ma è ovunque in diminuzione e andrebbe protetto in modo 
speciale. La lamentata sua diminuzione è ancora comprovata 
dai casi di ibridismo colle specie affini, e non solo col Gallo 
cedrone, ma anche colla B. betidina e col L. mutus. Presenta 
talvolta casi di albinismo parziale o completo, e conservo 
nella Collezione italiana uno, femmina ad. uccisa 1' 8 novem- 
bre 1895 sui Monti di Taceno, Valsassina, Lecco. 

Il L. Tetrix vive in quasi tutta Europa sino al 68° circa 
Lat. N. comprese le isole Bri. anniche; al S. trova i suoi limiti 
nei Pirenei orientali, nelle Alpi, nei Carpazii e nel Caucaso 
settentrionale ; ivi viene a contatto con una specie ben diversa 
L. Mlokosieiciczi, Tacz. Il L. Tetrix si estende poi nell'Asia, 
sino al Kolyma al N. E. ed alle frontiere della Cina, ma 
recentemente dalla Russia meridionale e dalla Siberia occi- 
dentale si sono descritte forme assai affini, ritenute distinte : 
L. viridanus, Lorenz, e L. Tschusii, Johans., onde i limiti 
orientali della nostra specie vanno ancora studiati. 



— 528 — 



3'74. Bonasa toetulina (Scop.) 
Francolino dì monte. 

Francolino di monte, Roncaso, Bonasia {Aut. Itaì.) — 
Fasanot {Piem.) — Francolin (Lomb.) — Francolìn (Mil.) — 
Franculin (Valt:) — Francolì (Bre.sc.) — Francolin, Gaio sel- 
vadego (Ven.) — Francolin (Cadore, Feltre, Friuli) — Fran- 
culin di bosc (Friuli) — Francolin gris (Rovereto) — Fran- 
colini, Francolin, Francolì ( Trew^ino) — Pokoska gluva (Daini.) 
— Gelinola (Nizz.). 

Si trova ancora lungo la nostra catena Alpina, ma va 
diminuendo ovunque, così è quasi, se non del tutto, scomparso 
dalle Alpi marittime e del Piemonte, è divenuto raro su 
quelle della Lombardia e si ha facilmente soltanto da quelle 
Venete e dal Trentino. Sin dal 1886 (Avif. Ital. p. 345) io 
scrivevo : « Anche questo bellissimo e saporitissimo uccello 
è stato quasi distrutto dai lacci inetallici degli Alpigiani, e 
se non viene prontamente protetto con disposizioni speciali 
dalla Autorità, in breve cesserà di far parte della nostra 
Avifauna ». Ed ora più che mai ripeto quella raccomanda- 
zione ! E specie sedentaria affatto, ma diventa talvolta erra- 
tica, come lo prova il caso raccolto dal signor C. Dal Fiume 
(Avif. del Polesine, p. 31. Padova, 1896) di un esemplare 
preso fuori Porta Codalunga a Padova, il 10 ottobre 1892. 
La sua scarsezza lo obbliga talvolta nell' epoca degli amori 
a cercare un compagno tra specie affini, e ricorderò 1' ibrido 
interessante tra queste specie ed il L. mutus^ ucciso sopra 
Ardesio nell'alta Val Seriana, che vidi nella raccolta del com- 
pianto senatore G. B. Camozzi-Vertova alla Ranica, Bergamo 
(Avif. Ital. 1889, p. 534;. 

La B. bettdina, da taluni collocata nel più recente ge- 
nere Tetrastes, abita buona parte dell' Europa continentale 



— 529 — 

al N. dei Pirenei, delle Alpi e dei Carpazii, includendo quelle 
catene di monti nel suo " habitat ,,; e nell'Asia si estende a 
N. dell'Aitai al Kamtschatka, a Sagalin ed alla Cina set- 
tentrionale. Ma va notato che già nell'Europa incontra una 
forma lievemente modificata, ma ritenuta distinta, la B. grisei- 
ventris, Menzb. della Russia orientale (Perm); mentre nell'Asia 
N. E. viene a contatto colla B. Severtzovi, Prjev. ancora più 
diversa ; onde non è facile il precisare bene l'area della sua 
diffusione. Del resto anche la specie nostrale varia alquanto 
nella intensità dei colori ed accenna a dar luogo a razze 
locali. 



37'5. Lagopus mutUS (Montiu) (ex Gesn.) 

RONCASO. 

Lagopodo, Roncaso, Lagopo, Pernice di montagna. Per- 
nice bianca, Pernice di monte. Pernice alpestre, Francolino 
di monte {Aut. Ital.) — Arbénna, Erbénna, Calabria, Cala- 
vria, Couloumbada, Pèrnis bianca, Pèrnis couloumbà, Bian- 
coun {Pieìu.) — Albéina, Albégna {Val Soana) — Francolin, 
Culmastur, Berna, Francoulin (Nov.) — Culmastur, Francolin 
{Vigezzo) — 8berna, Francolin {Ossola) — Erbolana, Roncas, 
Francolin (Lomb.) — Erbulan, Erbulana Runcasc, Roncasc 
{Vali.) — Rumcacci {Berg.) — Arborana {Como) — Taina 
{Bresc.) — Pernise bianca, Pernise bianca de montagna, Ga- 
lina bianca (Ven.) — Pernisa bianca, Galinèla de montagna, 
Pernise della neve, Galina della neve {Veron.) — Galinèta, 
Bianchèta {Feltre) — Pita da giara, Pita bianca {Cadore) — 
Francolin blanc, Franculin di mont {Friuli) — Gallinela 
bianca, Gallinetta bianca, Gallinetta, Daìna, Taìna (Trentino) 
— Gallinella de mont (Borgo) — Galastrella {Brentonico) — 
Giallina de mont {Cles) — Gral de mont {Badia) — Gali- 
netta, Daina, Francolin bianc {Rovereto) — Perdis bianca 
[Nizz.) — Franculin {Liguria occid.), 

34. 



— 530 — 

È ancora abbastanza comune lungo tutta la catena delle 
nostre Alpi, ove vive sedentario presso il limite delle nevi 
perpetue e al di là di quello della vegetazione arborea, ad 
elevazione dai 2000 ai 3000 metri ; ben di rado scende al- 
quanto da quelle alture (Cfr. Avif. Ital. 1889, p. 537). 

Il L. miihis sarebbe specie esclusivamente europea, giac- 
ché è molto incerto se si trovi sugli alti monti de