(navigation image)
Home American Libraries | Canadian Libraries | Universal Library | Community Texts | Project Gutenberg | Children's Library | Biodiversity Heritage Library | Additional Collections
Search: Advanced Search
Anonymous User (login or join us)
Upload
See other formats

Full text of "Storia della marca trivigiana e veronese"

This is a digitai copy of a book that was preserved for generations on library shelves before it was carefully scanned by Google as part of a project 
to make the world's books discoverable online. 

It has survived long enough for the copyright to expire and the book to enter the public domain. A public domain book is one that was never subject 
to copyright or whose legai copyright term has expired. Whether a book is in the public domain may vary country to country. Public domain books 
are our gateways to the past, representing a wealth of history, culture and knowledge that's often difficult to discover. 

Marks, notations and other marginalia present in the originai volume will appear in this file - a reminder of this book's long journey from the 
publisher to a library and finally to you. 

Usage guidelines 

Google is proud to partner with libraries to digitize public domain materials and make them widely accessible. Public domain books belong to the 
public and we are merely their custodians. Nevertheless, this work is expensive, so in order to keep providing this resource, we bave taken steps to 
prevent abuse by commercial parties, including placing technical restrictions on automated querying. 

We also ask that you: 

+ Make non-commercial use of the file s We designed Google Book Search for use by individuals, and we request that you use these files for 
personal, non-commercial purposes. 

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort to Google's system: If you are conducting research on machine 
translation, optical character recognition or other areas where access to a large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the 
use of public domain materials for these purposes and may be able to help. 

+ Maintain attribution The Google "watermark" you see on each file is essential for informing people about this project and helping them find 
additional materials through Google Book Search. Please do not remove it. 

+ Keep it legai Whatever your use, remember that you are responsible for ensuring that what you are doing is legai. Do not assume that just 
because we believe a book is in the public domain for users in the United States, that the work is also in the public domain for users in other 
countries. Whether a book is stili in copyright varies from country to country, and we can't offer guidance on whether any specific use of 
any specific book is allowed. Please do not assume that a book's appearance in Google Book Search means it can be used in any manner 
any where in the world. Copyright infringement liability can be quite severe. 

About Google Book Search 

Google's mission is to organize the world's Information and to make it universally accessible and useful. Google Book Search helps readers 
discover the world's books while helping authors and publishers reach new audiences. You can search through the full text of this book on the web 



at |http : //books . google . com/ 




Informazioni su questo libro 

Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google 
nell'ambito del progetto volto a rendere disponibili online i libri di tutto il mondo. 

Ha sopravvissuto abbastanza per non essere piti protetto dai diritti di copyright e diventare di pubblico dominio. Un libro di pubblico dominio è 
un libro che non è mai stato protetto dal copyright o i cui termini legali di copyright sono scaduti. La classificazione di un libro come di pubblico 
dominio può variare da paese a paese. I libri di pubblico dominio sono l'anello di congiunzione con il passato, rappresentano un patrimonio storico, 
culturale e di conoscenza spesso difficile da scoprire. 

Commenti, note e altre annotazioni a margine presenti nel volume originale compariranno in questo file, come testimonianza del lungo viaggio 
percorso dal libro, dall'editore originale alla biblioteca, per giungere fino a te. 

Linee guide per l'utilizzo 

Google è orgoglioso di essere il partner delle biblioteche per digitalizzare i materiali di pubblico dominio e renderli universalmente disponibili. 
I libri di pubblico dominio appartengono al pubblico e noi ne siamo solamente i custodi. Tuttavia questo lavoro è oneroso, pertanto, per poter 
continuare ad offrire questo servizio abbiamo preso alcune iniziative per impedire l'utilizzo illecito da parte di soggetti commerciali, compresa 
l'imposizione di restrizioni sull'invio di query automatizzate. 

Inoltre ti chiediamo di: 

+ Non fare un uso commerciale di questi file Abbiamo concepito Google Ricerca Libri per l'uso da parte dei singoli utenti privati e ti chiediamo 
di utilizzare questi file per uso personale e non a fini commerciali. 

+ Non inviare query automatizzate Non inviare a Google query automatizzate di alcun tipo. Se stai effettuando delle ricerche nel campo della 
traduzione automatica, del riconoscimento ottico dei caratteri (OCR) o in altri campi dove necessiti di utilizzare grandi quantità di testo, ti 
invitiamo a contattarci. Incoraggiamo l'uso dei materiali di pubblico dominio per questi scopi e potremmo esserti di aiuto. 

+ Conserva la filigrana La "filigrana" (watermark) di Google che compare in ciascun file è essenziale per informare gli utenti su questo progetto 
e aiutarli a trovare materiali aggiuntivi tramite Google Ricerca Libri. Non rimuoverla. 

+ Fanne un uso legale Indipendentemente dall' utilizzo che ne farai, ricordati che è tua responsabilità accertati di farne un uso legale. Non 
dare per scontato che, poiché un libro è di pubblico dominio per gli utenti degli Stati Uniti, sia di pubblico dominio anche per gli utenti di 
altri paesi. I criteri che stabiliscono se un libro è protetto da copyright variano da Paese a Paese e non possiamo offrire indicazioni se un 
determinato uso del libro è consentito. Non dare per scontato che poiché un libro compare in Google Ricerca Libri ciò significhi che può 
essere utilizzato in qualsiasi modo e in qualsiasi Paese del mondo. Le sanzioni per le violazioni del copyright possono essere molto severe. 

Informazioni su Google Ricerca Libri 

La missione di Google è organizzare le informazioni a livello mondiale e renderle universalmente accessibili e fruibili. Google Ricerca Libri aiuta 
i lettori a scoprire i libri di tutto il mondo e consente ad autori ed editori di raggiungere un pubblico piti ampio. Puoi effettuare una ricerca sul Web 



nell'intero testo di questo libro da lhttp : //books . google . com 



HN 1R7C 1 



Kl>46^s 



H.\R\ARD 

COLLEGE 

LIISR^XRT 

BOOKS ON MODERN 
EUROPE^\N HJSTORT 
AVDTHIi CTH.'NTRIES 
OFNORTHERN .M'IUCA 

JUOM TIIK 

BuyiiisT or 

OFNEWTORJC 
C LASS OF 1 QOO 



n\nn ' 



r\ìv\ 



STORIA 

DELLA 

MARCA TRTVIGIANA 

E. VERONESE 

DI GIAMBATISTA VERGI. 

TOMO VIGESIMO. 

CHI COMPRENDE VINDICE GEHEUAXil 
DEXLE MATEBJE, 




Mùccxcr. 



IN VENEZIA 

PRESSO GIACOMO STORTI. 
C9N rVBLiC/iJlFPROVJillONMt 



l^tajL^u^: : ^: ' ^ — 




'i5j^cttip^jf<AM^ 



I N » I e 3S 



J 



GENERALE DELLE MATERIE, 
Che si contengono ne'DocumencL 



XV badìa presso l'Adige • Sn* 
ria (*) T. VII pag. 51 S-*. 
Ordini dati agli ofiziali della Ba« 
dia di non far pagar gabelle alle 
merci de*Vcne«ianx, TJtIV pag. 
a«f. Ved. Badia , e Vangadlz2a • 

Abano abbraciato da Cangran*» 
de. T. VII pag, 4. 

da Abano Plttr§ profintor In Tri- 
vigì dì Fioca T, VII pagv4>o. Era 
6^Uaolo dì Costanzo. Suo testa* 
mento. T. VII pig. 116. Saa 
confessione di fede .t. Vii pag, 
2x8. Znftedo nipote di Pietro , 
e figlidolo di Giovanni npim- 
tiato nel testametito dello ZIO* 
l*. Vlt pag. 1 17. Gerardino fra* 
tello di Zufiredo. T. VII pag. 
Ii7« Maria cognata dì Pietro 

' qn. Giovanni Fue da Abano • T« 
VII pag. 117. Zilla qa, JParis 
4a Abano moglie del qu« Pie- 
trobono nipote di Pietro, f 
VII pag. 117. spezie e Jacopi- 
tia aoreUc qu. Pictrobono. T. 
VII pag. 117. Benedetta qu. 
lenedetto da Abano moglie 
del qo. Madfredo nipote di 
Metro . T. VII pag. 117. 
Acgli Abfltl Nicc9l0 ambasciatore 
de* Padovani a trivigi T. Iti 



Ahlsnto da Milano Trof^ssor in 
Padova T. V pag. 53 %6 57- 

Abiate luogo del Visconti • T. 
XVII pag. 15 18. 

Acafa ; Lodovico d! Barconda 
Principe d' Acaja è a venev 
2ia , e il suo bagaglio passi 
pel Trlvigiano T. VII pag. i s t. 

de Acano Chiesa di S. Pietro in 
Friuli. St9rÌA T. VIII pag. 78. 

degli Acerbi Destderdf qu. L'u* 
ca Veneziano notajo e Can- 
celliere della Kepublica • T« 
XVII. pag. a*. 

Aceto Antonie da Fermo Conte 
di Monte Verde vende aCon« 
te da Carrara Montegranaro , 
ed altre Terre nella Provincie 
Anconitana . T. xvlll pag. 48. 

Achilettò GnglUlmo Auliverii prò» 
curatore de' Trivigfani. T. I 
pag. 60, 

AchìlUt dì Alessandro tmntiode* 
Coneglianesl a Padova , T. I 
pag. 8» 83 99p 

Ada Aiberf » che fu d* Padova 
canipario del Oanutie - di Vi* 
cenxa.< T. II. pag. toj^.^ ^ 

Adalgerìo Gtsnnitto di Giovanni 
Console di Capodistria . f. I 
pag. ss. t 

lUlalgerio Frénctsen detto Pinza* 
nc^ 



C*> In alcuni arncoli si vedrà, che al Tomo si è premessa la 
p^ok StwrU. Questo vnol dire , che nella Storia essendosi pu- 
bHcid aJcani^ Documenrì in fQima di noce , qocU* articolo a 
B»vcxà ia C9«i Documenti | 



4 AD 

lieto tfttimoflio in Seri4Ttlle« 
T. XI pag. 9- 

4e tAdameto Màfte» testimonio in 
Coneglìano. T. I pag. 90. 

Aààmi Siti* ài Michiele amba- 
sciatole de* Bolognesi t Padova 
T. Vili pag. ij8. 

Adda Fiume . T. XVII pag. 4S, 

jideUeb archipresule e Consiglfe* 
le di Ottone Impeiadoie. T. 
I pag. «* 

AdtUìdi moglie dell* Imperadoze 
Ottone. T. IH. pag. 151. 

degli Adelberti Bsrtolommf tes- 
timonio in Venezia alla pace 
cogli Scaligeri • ^« XI pag. 
sa8. 

degli Adelmarì Jgtsttnt notajo 
qa« Niccolò Giudice di Trivi- 
gì . T. XV pag. 47. 

■ ■ " -■■ Jstvoh Notajo anziano di 
Trivigi X VI pag. 7a. T. VII 
pag. |2. T. VII! pag. 9» loj. 
T. IX. pag. 56. 
■ ■ ^Yovs»ni qa. Quidotto no- 
taio e siodico de* Tiivigiani. 
T* XIV pag. 45 49< Ambascia» 
tote de*Tiivigiani al Daca Leo- 
poldo d* Austria . T. XVl pag. 
$6. Notajo Ti XVII pag. aj. 

^ ■ Msre9 notajo Tiivigiano . 
T. V pag. 207 ao8 iii. Man- 
dato ambasciatore ad Enrico 
Imperadore* T. V pag. in. 
T. VI pag. tf 9» Testimonio 
in Trivigi . T. VI pag. i8. 
Notajo . T. VII pag. ij). T. 
VIII pag. 166. Ambasciatore 
a Padova . T. VII pag. i4z« 
Anziano . T. IX pag. lyj. Sin. 
dico . T. X pag. 7« Notajo 
Consigliere . T. X pag. 6a 5 j. 
Console. T. IX pag. iVj 119, 
Manda un fante al p^sidb 
di Ca volano . T. X pag. 1 74. 
Eletto Sapiente ed Anziano T« 
X pag. 96, di nuovo Sapiente « 
T. X pat. III. 

*— -«iRfMii» Viczzip del fodtsù di 



A O 
Verona . Sttrls T. IX pag. 177, 
Ambasciatore de* Triyigiani al 
Re di Boemia T.IXpag.ijo zjx 
xja. A* Veneziani. T. IX pag. 
148. Anziano. T. IX pa^. 6$ 
70. T. X pag. 42. Ambasciatore 
a* Veneziani . T. X pag. sìj. 
Giudice e Sapiente. T. Xpag. 
15 9* Giurisperito eletto Savio 
da* Trivigiani . T. X I pag. 1 7«« 
Procuratore a ricuperare ibe* 
ni e le giurisdizioni del Comu- 
ne. T. XI pag. 184 18 s« Am- 
basciatore a* Veneziani per ri- 
cuperare i beni del Coman«|, 
T. XII pag. 9. Pcesente ad 
una sentenza in Trivigi • T, 
XII pag. ts* Ambasciatore a* 
Vcfie»ani. T. XII pag. j 4* Sin- 
dico alla dedizione de* Trivi, 
giani alla Kepoblica , T. XII 
pag. ìS 19 41 4*. Presta il 
giuramento di fedeltà . T. XH 
pfg* 4«* Testimonio in Trivi- 
gi . T. XII pag. so. Ambas- 
eiatoro a Fcltrc per It causa 
de* confini • T. XII pa^^ «•• 
6u Testimonio io iTrivigi • T. 
XII. pag. 66. 

4délfTtf Conte e Marchese. T. 
I pag. 19* 

Adige, fiume. Rotte fatte negli . 
argini riparate da' Padovani • 
T. V pag. 99» Fiume veccbb . 
T. V pag. x«i. Commercio 
che si faceva tra i Veneziahi 
e i Veroneù per la strada dell' 
Adige. St$rU • T. VII pag. 
49. Una ghiara in mezzo al 
fiume donata da Mastino alle 
Monache di S. Catterina di 
Verona . T. X pag. 17 tf. Pon- 
te e catena levau dagli Sca- 
ligeri^^nella pace co* Venezia- 
ni . T. XI pag. 12 tf. Merci 
de* Veneziani , che si portava» 
no per e^ fiume aggravate 
dal Marchese d* Eéte contro i 
patti. TfilV pag, >4a5.Rfva 
del 



AG. 

é€Ì £amt V<cclao . T Xt] ptg. 
j5 2 5 ìt* Tassato dall' aercito 
Carrarese . T XVII pag. 45 4« 
4$« Borica di Ronembeig Ca« 
pitanio d« ir Adige per Alberto 
^ci d'AUsnia. T. XVII pag. 
26. Adige fio me. T. XVIIipag. 
5 !• Porta tia il poate della bas* 
ti a di Gasdieopo T. XVIlI pag. 
)9* Cresce smisuratamente. T« 
XVIII pag. 59. 

Adorno A»nnl9tto Doge di OenoTa 
mediatore alla pace fica il Car« 
larese e il Visconti • T. XVII. 
pag. %$ 60. 

Adria degli Estensi • Té X. pag. 

Adria Méne* Duca di Adria , e 
Conte di f laviano d^ iii matri- 
monio ana sua figlinola a Mar* 
silio da Canara • t. Xvm pag. 

AdtU»» Tapa manda rintetdetto 
a Mantova • Sfrls . T* VII pag* 
17. 

S. Agata entra nel/a pgcc fra il 
Papa , r Imperadore , è i Prin- 
cipi della Lombardia « ' T. XIV 
pag. 97. 

Agna Villa del Padovano . T. XIV 
pag: 90» T. XVI pag. 25. e 16 

Agolante famiglia Totcaoa in Txi« 
YÌgi. T. XI pag. 40. 

d^lf Agolaoti BsrfUmmt» eletto 
procniafore del Comune di Tei- 
rigì • St9rU . T. IX pag. 17). 
Unitamente a suo ^ fratello mao- 
<da un fante al presidio di Ca- 
volano« T. X pag. 175. 

•— K#rr#-P4#/» di set Zambono 
dimorante in Tiifigi. T.Xpag. 
♦7. T. XI pag. 100, 
ìa Agordo ZdnKér9t§ bandito dn 
lt\ki»o . T. xvm pag. 42, 

Agordo Capìtaniato di speziaiC giu- 
risdizione dd Vescovo di Felcre 
e di Belluno • T. XI pag. 90. 
' Conceduto a Jacopo da Avos- 
canD col ineso « misto impeto 



AI ? 

iti perpetuo . T. Xll pag. 8$« 
Pietro figliuolo di Giovanni nOi^ 
tafo di Pa redo Pievano diAgou 
do. T. XIL pag. 85. Ivano de 
Ripa Capitaoio . T. XII pag. 
xa9« 1 Bellunesi ne eleggevano 
il Capitanio • T. XIII j>ag. 50. 
11 Carrarese vi costituisce per 
Capitanio Andrea de*Bilitoni Bel- 
lunese . T. XVt pag. 124. Sog^ 
getto alla giurisdizione di Bel- 
luno. T. xvm pag. jf la. 

de Agragoana fr. R^lsn-dt omba- 
sciatore di Manfredo di Porzia 
a'Trivigiani . T. VI pas* 57» 
Dell^ ordine di S. Giovanni dell* 
Ospitale di Sacile. T. Vi pag. 
58 $9* Mediatore alta pace fra 
il Conte di Gorizia è i Trivi* 
giani. T. VI pag. i6, 

degli Agra pati D$m*mle» presente in 
Veneua ili' istru mento di pace 
cogli ScaUgeri* T. X pag. iia. 

- Antonio da Padova Cìudice 

Assessore del Podestà di Trivi- 
gi. T. XII. pag. 45* Giurisperi- 
to procuratore di Cansignorio 
dalla Stala a formare una lega 
col Papj^, coir Imperatore òcc. 
T» XIV pag. 15. Bd a rinnova- 
re un'alleanza fra i Veneziani» 
ed i vicentini . T. XIV pag. 41. 

de Agnrdino Cuttrìns qu. Pietro 
moglie di Michele da Milliasto 
Bellunese. T. XIX pag. in. 

de Agusella Otovsmni Padovano • 
T. in pag. 74. 

Aicardidi Berto lo mmto Padovano • 
T. I pag. 8a. 

de Aicatdo Cax^ di Giovanni Pa- 
dovano. T. II. pag 141. 

Aichiboni Atcblhono di Jacopo sio- 
dico de' Trentini . T. Ili ptg. 
138 141. 

de Aimo arnlki»t anziano di Ve- 
rona . T. Ili pag. 5 3^ 

Aimo Mitttoo nobile . Veneziano , 

* Stti9 sentenza contro Rizzaxdo da 
Camino . T. XI j?ag. 140. 

A3 —itf»/* 



«f A r 

MafÉ0. Podestà ili Trivigi. 

T. Xni. pag. 7* 75 7^. 

^^— piétr* Podestà di Trivigi . T. 
XV' pag. 4. Egli è neir esercito 
air assedio di Ctóo^ia . T. XV 
pag. j«. Come Consiglicr del 
Doge . T. XV pag. 4^. Siridico 
de' VeRcziani alla lega contio il 
visconti. T. XVII pag. 98. Po- 
destà di Tie^so. T. XVIlIpag. 

^J^' GsbrttU Sindico de' Venezia. 
ni in Friuli. T. XVI pag. 107. 
Ambasdatore de'Vencaiani al Pa. 
triarca . t. XVII pag. i6. Prov- 
veditore deir esercito de Venc- 
iianì contro il Carrarese . T. 
XVllI pag. 58. En«W in Vero- 
na . T. XVni pag.^ 60. Viceca. 
pitanio di Verona . T. XVIII 

pag. 8SS ,. , . 

Àinaldi Af«»*/i» Giudice ambaacia- 
torc de' Trivigiani . T. II pag. 

degU Ainardi G»ld»ne Trivigiano 
testimonio in Ttivigi . T. 1 pag, 

38. . 

, Artusin9 milite Tnvigiano. 

T. II pa?. 17 7«- 

J. lyunìs'f di Brosino milite. 

T. II pag. a7« Ambasciatore de* 
Trivìgiani a Venezia . T. Ili 
pag. 77. 

F%rUn9 T. II pag. 7S. 

- ptfU T. II pag. 78. Con- 
sole in Castelfranco . T. VII 

pag. 159. . ^. .. 

- Bsrtoltmmeé Giudice arbitro 
nelle differenze fra i Caminesl, 
eli Cened^ T. li pag. 15*. 

..--4- JUarfino Canonico di Trivi- 
gf. T. li pag. J45. 

._- S^ptrclln^ T. V pag. « tf. Scac- 
riato da .Trivigi co* Castelli . T. 
Ili page 102. T. VII. pag. i2<^ 
ia8. V 

, T#f«we# presente ali* espul- 
sione de* Castelli da Trivigi. .T. 
Vii pag. i^«» 



A L 

■ Jthììli bandito da* Trivigìa- 

ni, perchè nimico del Tempes- 
ta. T. JX pag. lao. 

-■ ■ DU»Ui0 qu. Jacopo proces- 
sato dagli Avogadori di Venezia 
per un insulto fatto a Pietro 
Giustiniani. T. IX pag. 77* Man- 
dato da^ Trivigiani ali* esercito 
di Mastino. T. X pag. i6j. Vi 
ritorna con tre cavalli • T. X 
pag. i7r. 

— St»$b4ild9 arbitro pe* Trivi- 
giahi nelle controversie co* Ve- 
neziani pe* borghi di Subarzone. 
T. Ili pag. 69 70, 7a 75» Arbi- 
tro nelle controversie per con- 
fini. T. IH pag. 85» Confinato 
nelle guecre civili de* Castelli^ 
T. Ili pag. loa. T. VII pag. xatfX 
Sapiente di Trivigi. T. X pa§. 
14 tf. Capita ni o de* pedoni Tri- 
vigiani neir esercito di Mastino. 
T. XI pag. 13. Ambasciadore 
de* Trivigiani a* Mastino*. T. XI 
pag. 6t 71 7j 75. 

^— ' PtnMmontt, testimonio in Tri- 
vigi T. XllI pag. 9. 

Ainardino jActpo presente ad una 
sentenza in Trivigi. T. II pag. 

Airolli villa, giura di seguire il 
Podestà di Trivigi , T. II pag. 

96. 

Aitutio V4»ttUo diMichiele amba- 
sciatore de* Bolognesi in Roma- 
gna. T. Vili. pag. 138. 

Alacri Grsnd9HÌ9 di Giovanni no» 
tajo Trivigiano. T. Il pag. 117 
118 137. T. Iti pag. 114 lìì 
157. Sinditfo de* Trivigiani . T. 
IV. pag. 50 84. 

, Gi9vsnni di Grandonio no- 
tajo anziano di Trivigi. T. VIU 
pag. 5 lì ij« Ambasciadore a 
Padova. T. Vili. pag. «4. 

degli Alamanni Ntcctli scriba e 
notaio della curia Ducale di Ve- 
nezia . T. Xll pag. jtf. Manda- 
• to a Trivigi a< prendere il pos- 



A L 

. «ecfo tfelia Città pe* Vctteziiai . 

T, xn pagw 41 42. E di tutti i 

^ Castelli del ter mono , t spe« 

zialmente dì Carolano. T. XU 

pag. 4J 44* 

lUtiifl Almerico di Albetto» e Federi- 
co da Bassano. T. IV pag. 96 98. 

le Alana E»drtc» dottore testimo- 
nio in Padova . T. XIX pag. xy. 

i*Aha«me Ftìifp§ Catdioale elet- 
to Patriarca d* Aqailcia racco- 
mandato dal Re d* Ungheria 
al Carrarese. T. XVI pag. zi. 
Il Carrarese sì esìbisee mediato- 
re pef la pace fra lai, e i Col- 
legati dei IPàìdi. T. XVI. pag, 
«4. Per Alfrg »$tUJe dt «/• Càr 
diitsU si vtQs r énIetf«lKQJUU 
l.E)A• Sentenza del Carrarese 
lopra lediflierenxe, ch*essoave- 
^a colla Comumtà del FrÌH II. T. 
IVI pag. 77. MsoWe gli Udinesi 
iaUa scomunica . T, XVI pag. si. 
Assona sg7f eredi di Federico 
da Porzia |U Vicedomioo ducati 
due mila di quel danaro, che 
£a giudicato ad esso Cardinale 
pet sentenza di Francesco da 
Carrara . T. XVL pag. 92. U 
Carrarese destina di mandar g^n- 
ti in Friuli ia suo servigio» T* 
XVI pag. 94* Aveva molti ribel- 
li in Friuli . T. XVI pag. 95. 
Ragguaglia il Carrarese di varj 
movimenti in Friuli, e lo prega di 
' pronto soccorso. TJCVIpag.97, 

4A]acrino PtHr» Canonico, e no- 
bjo della camera del Rettore 
della Marca. T. IV pag. 6*8. 

Abanesci Cardinale . Francesco 
il Carrara lo ra^aaglia deHo 
^to di sua salute, e della ^er. 

' ta che faceva coir Austriaco. 
r. XVI pag. 67. 

AJarcdo Villa de* Ronchi sul Vf- 
renrJno. T. V pag. 15. 

Aifareda Villa del Trivigfano man- 
la guastatori a Mastino» T. XI 



AL 7 

Albar^do Villa del Vefonese. r, 
-XVIII pag. 5 8. Sua bastia . r^ 

XVIII pag. éo. 
de AllMredo Amdres destinata da* 

Trivigiani ad esaminare i confi- 
ni CD*Bassanesi presso Romano. 

T. X ptg. iip. T. XII. pag. 21 . 
degli Albari Pletr» fuoruscito Bo- 

topnesc. T. IV pag. n, ,,7. 
degli Albcrgon Udowo dottore 

qu. Fraacesco dottore Fiorenti- 
no. T.XVfl paa. 9». 
Alberici Gtrsrdé Vicenano .^T. II 

pag. 100 101 io| IO*. Giudi. 

ce. T. U pag. im 
Alberici Frénetse$ di Ugone foto- ' 

ruscito Boli^nese . T. IV pag* 

laa rad. 
Albertf da Roncano testimonio ad» 

ima carta rogata in Prata da» 

Signori di Porwa. T. I pag. 78. 

Fa Signore di Bastano . T. ir. 

pag. 4a. Ucciso $t, S. Zenone. 

T. XI pag. 9«. Era Capìtara'o , 

Podestà , * omnia alia di Ttivigi . 

T. III pag. no, Ptr venti anni 

circa cernie occupata Trivigi . t,» 

III pag. Ss* Ved. EttUné» 
de Albeno Ubtré^t Siodico da' €©• 

neglianesi. T. V pag. 69. 
de Albero MéHtf da Cònegliaoo » 

T. I pag. 4J. 
i— Olursdé Coasole di Còoc« 

gUano • T. I pag. 42. 
Alberti Bé^n9Ì9mmf O/Halale di 

Bassano. T, lU pag. i%6. 
— — ^urtlU da Bassano. T. IV. 

pag, r7a. Capiuoio io Bassano pec 

Can grande. T. IX pag. 11 14. 
degli Alberti Alkerf. da Verona 4 

T. IV pag. ra9. 
' ■ ■* Psi^taltéme Canonico dì V^ 

rona. Sferis. T. VII. pag. »8. 
— Bonétventurm nocajo Veronese 

da Pontedi Pietra^ . T. IX pag.tf 7. 
— ^ /««•/• Fiorentino presente in 

Venezia alh pace cogli Scalee- ^ 

ri. T. XI pag. laS. 
.Alberti GUwu%ni slndico e Procu« 
A " 4 ra. 



^ A L 

latore de* Venetiani al- Mtrche- 

se d*Este. T. XVII pag. S3 SS. 

- ■■ Jnténto Veronese , ano di 
quelli, che prèsero Jacopo da 
Carrara • T. XVIII pag. t€. 

de Alberto VlvUn§ notajo tn Gia- 
llo de* Trivigùmi • T. Vili pag, 

AtbtTf Imperatore aihico de* Bre- 
jciam e di AlbcRo dalla Scala • 
T. IV pag. iS4« 

da Sant* Alberto Ssrtfl^mmt^ am- 
basciatore de* Bologne»! a Pado- 
va e Ferrara* T. IX pag. 4« 

Sant' Alberto Castello colla riviera 
degli Estensi • T. X pag. 144. 

— — Villa del Triv^ano danlieg- 
giata dalle milizie Venete di 
Mestre. T. XVI pag. xjl. 

Albiganno capitale anticamente del- 
la Liguria • T« XIH pag. So. ^ 

Albina Villa assegnata tUa giuris- 
dizione d'Oderzo . T. XI pag. 
j|9. Detenuta da* Signori di Por- 
zia , ma pretesa da' Trivfgiani • 
T. xn pag. 7. 

de Albineto. Ved. Bono Pietro. 

Albbntf Ntcc§ll e Frsmetii» firateU 
Ji da Vdine . T. V pag. tiS. 
Kiccotò mediatore fra il Patriar- 
ra , e Bòzzardo da Camino . T. 
V pag. 119. 

degli AÌbizjR* Pì0tr9 di Filippa Sin- 
dico e Procuratore de* Fiorenti, 
ni. T. XIV pag. 59. 

de Alcedo oiruMU»i notafo in Ve- 
nezia. T. XVII pag. SS... 

dì AkieTraodino Gersré§ milite Txi- 
v^ano. T. II pag; a7. 

di Aldevrando- Ptetf di Donato da 

• Bassano. T. IX pag. jS. 

degli Ald^erii G^r^iri* xroot^stabf. 
le dr cavalli in Trìv^i • T. XII 

• ptg. 5. 

■ ■' D»ndt9 dottor di leggi am- 
' baseiatore de'.Fiorentini in To- 
rino alla pace de* Veneziani co' 
Genovesi. T. XV pag. 71, 
— Oìlhtrf adtfeotf dì Kiceolò 



T. Xlx. p:^ 



A t 

Mitchese d'Este. 
92. 

Aldinelli JldtntlU qu. Jacdbino 

Bassanese . T. n pag. 41 ii| 

119 i5** Vende molte posseis- 

• sioni a Pietro Corraro Frimice^ 

ciò di San Marco. T. II pag. 

•i$S. 

^— -« PÌ9tré %lio di Aldhiello qa« 
Jacobino canonico di^ Bassano y 
sue contese col Comune* T.III 
pag. 7 « ai. 

degli AldròVandi Bdrt§U^i9 fi- 
gliuolo di Giovanni' da leggio 
notaio e cittadino Mantovano • 
T. XVII. pag. 99' 

degli Aletfrdi Màrt^gdgiU Vero- 
nese. T/ III pag. a? $x tfo. 

•^— > Rmvégntn§ testimonio al tes- 
tamento di Guecello Uà Cam- 
no. T. IX pag; 57* 

■ odéric^ di Tavarino Con- 
missario in Sekravalle « T. Ì9C 

pag. 59. 

— ^ Jl^krd» nel consiglio de*Vta 
xonesi. T. XVIU pAg. »i. Blfv 
to Siodico a dar. Verona ali 
Republica . T. XVIM pag. Sa. 

de Aleis £it» da Fiorenza Fodesi 
di Brescia. T. Ili pag. ijS 14. 

de Aliamo Névdlo^qn. Coradin» 
di Venezia. T. XIV pag. 45» 

Alen Gofr*4$ maestro della Co 
ria del Duca Leopoldo spedi» 
In UngHeria^. 1*. XVI pag. 50, 

Alessandria , suoi Rettoti della Ln 
ga Lombarda. T. I pag. 77* I^ 
comincia a soUcvQrsi contro 1 
Visconti . T. XV in pag. 5*. 

Alessandria d' Egitto . Papa Cfw 
mente concede a* Veneziani ii 
poter navigare a quelle parti c^ 
certo numero di galee. T.XIT 

pag- 5«' 
da Alessandria B§m;,»nr fatto ^ 

giooiero del Carrarese . T. X Yit 

pag. 5«. 
Alessandrini T^mm^s» Scutario 'a^*- 

dovano. T. II p^g. ras- 



A I- 

'MtisssBdré iTtno concede ioàìiU 
genza alh Chiesa di S. Mirco 
éi Venezia • T. I pag. a4< 

JhssMMdré Tapa IV eleg^ l'Abate 
di S. Felice di Bologna, e quel- 
lo dì San Pietro di Pemgia con- 
«tctàtore de'PrÌTilegj dell* Or- 
dine CaiAaMolese . T. IV pag. 
3). Comnrene a Manfredo Ve- 
scovo di Vterooà di assolvere la 
Citt^ dàU* inftidetto . T. V pag. 

'éltfstmdn V. eletto Papa liei Con- 
ti%\i6 di Pisa . T. XIX pag. 34* 

4e Akano Mdreé hotajo Anziano di 
Treviso . T. VII pag. J5 151. 

- AxAbasciacore a Trento • T. Vili 
pag. 17 iì. Ambasciatore de*Tri- 
Vigiani al Cofite di Oorizìa. T.VilI 
pag. 4*. A'Padovani. T. VII! p. 4« 
49. In Priuli . T. Xin pàg. 49. 

•— — Silvestri Sindaco de* Veiooe* 
si. Sfrlé. T. VII pa6. 49. 

* Ntctitrr^ da Capodisnia no- 
taio in Ytào^z . T. XIII pag. 
f^. Presente in Ferrara. T.XIII 
pag. 9T. In Padova . T. XIII pag. 
96, Protonotario deUa Caocelle- 
ifa di Francesco da Carrata. T. 
XIV pag. 31. 

► >■ CttéT9 figtiaolo di KictiblÒ 
Protonotario de] Caxrar^e. T. 
XVII pag. 5j. 

4^H ^lidosl CUriU in favore de* 
Veneziani nella guerra di Chiog- 
gia. T. XV. pag. js. 

^ - Ghvé»ni aderente di Micco* 
ìò Marckese d* Este . T. XIX 

Alino Csr» qn. Rodolfo sindico de* 
'Bassanesi. T. IV pag. 170 i8r. 
T. V pag. itf 17. D« Vicenza. 

A\3^Jé99ktn0 Capitanlo de* Bassa« 

««.T. IV pag. s. 
àcgH AHptandi Psgdn$ collaterale 

dei VÌKom! . T. XVII pag. è9. 

San ietterà a'B€ll«»«i t T. XVIU 



AL ^ 

.JHàtrìu Mtrcbese e Dii^a qn. kU 
merìco Conte e Marchese dona 
al Monastero di Broodolo. T. I 
pag. 4* 

Alfàgé nel Bellunese Contea data 
da Carlo Imperadote a Giaco- 
ma moglie di Cndrìghetto da 
Bòliga|o col mero e misto im- 
pero, come possedeva il detto 
EAdrighetto . T. XI pag. 182. 
Bastia de' Bdluneii . T. XV pag. 

5«. 

Alpone verso Padova. T. Ili pag. tf t • 
Alsugo del Vescovo di Feltre. T. 

I p»g. n. 

di AhafiOre Alhtn§ Trìvigiaoo . T. 
V pag. ii8. Giudice. T. VI pag. 
18. Spedito a Venezia a trattar 
delle rappresiglie . T. VI pag. 
88. T. VII pag. 25. 

Altaduria Villa de*Padovani conce- 
duta agli Estensi. T. II pag. 37. 

de Altemanno sicttU Dottor di 
Verona ., T. IV pag. 136. Figliuo- 
lo di Beioardo. T. IV pag. 148 
t49 153 191 198 loi aotf ao8 
ali. Nunzio e Siodico de* Ve- 
ronesi. T. V. pag. 3. Testimo- 
nio al tesu mento di Alberto 
dalla Scala • T. VI pag. 92* Ad 
una procura di Cangrande io 
Vicenza. T. VII pag. 6%. Dot- 
tore Procuratore di Cane nel 
compromesso in Lodovico Ke 
de' Romani , t in Federico Du- 
ca d'Austria . T. IX pag. 79 80 
81 8 a. Giudica, nella causa fra 
il Comune di Bassano , e Mie- 
colo di Rovero. T. IX pag. 5^ 

degli Alternar! BtrnM ^t Parma . 
T. Ili pag. 74. 

de Alticlino Péips figlio di Pietro 
Giudice. T. IV pyg. lotf. 

de Altineto Niccolò è in Udine al 
Parlamento generale pel suo Co- 
mune di Gemona • T. XI pag. 54* 

Aitino nel tenitorio di Trfv^i . T, 
XllI ptg. 84. 

Al. 



To A M 

Alnvole Villa assegnata alla Po* 
destarla ài Asolo • T. XI pag. 
IJ9. 
AltogTiid» da Lendenara Professor 
dello Studio di Padova ricerca^ 
to del suo parere nella causa 
della scojuunica tea il Patriar- 
ca, ed { Trivigiani , ed eccet- 
tnato dal Patriarca. T^ IV pag. 
i«7* Getmaao dcirAvogaro dt 
Treviso • T. IV p. j 07. Sospeso da' 
Giu<iici arbitri a dar giudizio • T. 
IV pag. Tol* Proferisce il sao con^ 
aulto favorevole a* Trivigiani « 
T. IV pag. 118. 

Altopassio nel territorio di Lucca 
conae^oato da Mastino a*Pio- 
centim nella pace . T.XI pag. t a 6. 

degli Alvarotti Jéut^o Giudice di 
Padova. T. VIUpag. n«. Aro^ 
basciatore de' Padovani a Trivi- 
gì . T. Vin pag. 9u 

Alueiìo Castello de^ Trivigiani pre- 
so da Francesco da Carrara • T» 
XV pa|. ^a. 

de Amagia Conte Villelmo, e Ul- 
rico seniore, e Ulrico Juniore 
testimoni nel Tirolo « T. XIX 
pag. 74* Ulrico Avvocato conte 
di Bulchcpergh testio^onio in una 
caru de* Duchi d* Austria T» 
XIV pag. 8s. 

Amati Sttfén9 Cancelliere del Co- 
mune di Bologna . T. V pag. 8. 

degli Amati S^rsmoitu , ed altri 
nobili aderenti di Paodolib Ma- 
latesta Signor di Brescn . T. XIX 
pag. 91. E di Cabrino Fondalo • 
T. XIX pag. »}• 

jlmbr»il* Cancelliere di Ottone I. 
Imperadore • T^ III pag* 151*' 

jt/»lfr9£U Cumano coadiutore di 
Aoovigi arcicancelliere di Be« 
rengario. T. I-pag. a. 

AmhfgU massi^ro della Canonica 

. di Trivigi. T."! pag. %9» 

Sant'Ambrogio di Grigion Villa del 
Tdvisiaao manda guastatoti a 
Mastino. T. XI pag. x%, 

y 



A M 

degli Ambrosi Gi9Vd*ȓ notajoqtti^ 
Negro da S. Zenone di Verona ^ 
T. X pag. 164. 

Amelia • Rttusrd^ Conte di Caserta 
vicario generale di Amelia. T. 
II pag. ir. 

Sant' Amelio Villa occupata da* 
Canùnesi , ma pretesa da' Trr\u- 
giani. Snrìék. T. IX pag« i6j. 
Gli uomini del Comune pren- 
dono a* soldati di Cane armi e 
cavalli • T. X pag. 78. Manda 
guastatori a Mastioa • T. Xl^ 
pagv *ì. 

Sant' Amelio bosco de' Trivigiani « 
T. XII pag. 4. 

d^ill^ Amico Jétcoftm^ da Bassa no ^ 
T. IV pag. 147 171 177. 

■ G'fvsnul qu. Jacopino , e /*• 
c»^» qu. Giovanni • T. XI pag«. 
19 • 

■■'■■ - Anfnlo officiale di* Bassano ^ 
T. XVII pag. 44. Eletto da'Bas-^ 
sanesi a hut ì capitoli da pre- 
sentarsi alla Republica • T. XVIII 

pag. 94. 

■■ BàrttUimmf oflìziale di Bas« 

sano.^. , XVII pag. 4+. 

degli Ammanati Lì/^f» da Pistoja 
Capiténio di Brescia pe' Viscon- 
ti rT. XU pag. i^jtf. Soddisfatti^ 
da Mastino del ano credito pei 
questa Capitaneria . T.XII p. i j8. 

Ancona Capitale del Piceno . T« 
xni pag. 8 o. Manda un suo am- 
basciatore a Torino alla pace fra 

, i Veneziani , e i Genovesi . T^ 
XV pag. 71- 

da Ancona Girolamo ambasciatore 
a* Trivigiani di Melandino Ban* 
no di Croazia. T. VUIpag. loj.. 

Anconitana Marca entra nella pa- 
ce fra.il Papa , 1* Imperadore , 
e f Principi della Lombardia • T.. 
XIV pag. 57. Marca. T. XVIIJ 
pag. 48. 

de Andalo \Brdneaie9nt Bolognese 
fuoruscito . T. IV pag. su 116^ 

—— ^ Ghvsnni nou]o io Vcncaia ^ 
t; 



A N 

T. XVII f«g, «3. qiuYietlO. T. 
Xn pag. 24 30. 
— - Bsrmsrd» Cittadino 7«neeia« 
00. T. XVU fag. ««. T. Xlt 

ae AndetKen BertoUo Marchese. 

T- 1 pag. ^^7. 
de Andigheriu Otfsrd» Capittnio 

in Bissano. T. XIL pag. io 2t., 
Aodolfi P««t Console di Bassano ' 

T. 11 pag. 41. 

■ A»d»lfé qta. Pact Siodicode* 
Bassafiest • T. Vili po^. 5 9, B» 
vplìn9 figlinolo di Guidone , e 
jimd»lf9 qu. Pace abbrunano una 
casa de'Biasj a Mnssoletite. T« 
XI pag. i4. Accusati al Podet. 
ti di Treviso, e banditi. T. XI 
pag. 27. Assolti dal Conte di Gori- 
zia . r. XI pag. lì. 

■ ijUvdnnt aoìbasciatore de' 
Bassanetì ad Alberto dalla Scala • 
T. X pag. 147* 

■ Bantitmmf de^Beralai da 
B^isszno Todestl in Castelfran. 
co, T. XVI. fa. 131. 

4e Andrazio .f»fi/^*»« aderente d! 
Francesco da Carrara divietie 
suddito de* Duchi d* Austria • ^ 
T. XIV pag. «3 84. 

Judres logegoèrc de' Trìvig^ni, 
T. XI ^g. 81. 

S» Andrea dì Cavasagra Villa del 
Trivi^ìano manda guastatoci a 
Mastino. T. XI pag. aa. 

S. Andtea di Batbarana Villa del 
Trivigiaoo abbruciata nella guer- 
ra da* Trivigiani . T. XI pag. 7«. 

S. Andrea oltre il Muson villa as- 
segnata a Castel^anco . T. XI 
pag. 139. 
4«g>i Afidrighetti Jmc«p§ di Paolo 
Cartamo in Mestre • T. VII 

Anduod Mrt»t0n$ da BSusano * 



IV pag. 96 >8 170 177, 
pag* J5 49. 
— — Gs0'9émni qu. AodlìOCO 
flcx . T. XV4I pag. 4. 



T. 
T. V 

Udi- 



A M if 

— -"- D^tmlmé Sindico degli XJdtae* 
si a Padova • T. XVI pag. 8 r^ 

Jmdr§t»9 Cardinal legato in Lom^ 
batdif stipula istru mento di 
pace col Visconti . T. XIV pag. 
is. 

Angaiano Villa da^adovant conce- 
dala agli Estensi « T. Il pag. 37* 

Angarano Castello. I Padovani or- 
dinano , che aellt due Torri stat 
debbano due Capitani, ed otto 
soldati per ogni torre . T. Ili 
pag. 9. Feudo delie decin»e con- 
ceduto a Giovanni Forsatè di 
Padova dal Vescovo di Vicenza « 
T. Ili pag. 5 5. Del discretto di Vi# 
censa) i Bassanesi possono con- 
durre il loro vino a Bassano seoto 
aa pagar dazio. T. Ili pag. 87* 
11 Feudo delk decime vien coo^ 

.. ceduto ad Barioo e Marcia Foi^ 
aatè dal Vescovo di Vicenza, T# 
ni pa^. 148. Il suo Podestà oc- 
tiene licenza da'Padovani di aiet- 
tere i suoi saltiti nei territorio 
di Bassano , e i Kunane$i di met- 
tere i suoi in Angarano. T. IV 
pag. tf8.' 1 Vicentini prendono 
parte di fare un mercato ogni 
sabbato in Angarano io ctpo 1^ 
ponte di Bassano. T. IV pag. 79* 
1 Padovani dichiarano, die gli 
nomini d* Angarano posino ì- 
beiamente condur vettovaglie pel 
polite di Bassano portandole a 
Padova. T. IV pag. 8o.Confcr« 
mano questa licenza . T. IV. pag. 
8f. Stridori fatti per ordine di 
Marcio Fortacè per motivo del- 
le decime. T. IV pag. idp. Lo- 
renzo Arciprete, e Patavino suo 
Canonico concedono il feudo 
delle decime di Aostano ad 
^alenai de' principali Bassanesi 
nella Chiesa di S. Eusebio. T. 

- IV pag. 173. Altogrado^ Ves- 
covo di Vicenza rinnova il fen- 
do delle decime a Marcio For- 
zate. T. V pag. 10* Vidi V érti' 



st A N 

géU BISSANO ftl préstguhmtm* 
^9 àtgli Atti it ^mtas MMM • 
CUcM battesimale di Sant* Euse- 
bio . T. V pag. %9, TerritoQO Ti* 
centino. T. X pag» 8| t4S« 

da Angarano Zafin di Rambaldo , 
ed Almtìf rubano 700 pecore 
di GuglielmcT da Onigo • T. IX 
pag. 79. 

Angaria ^ che cosa sia • T. Ili pag. 
He. 

Sant'Angelo Villa del Trivìgiano 
manda gnastatori a Mastino . T. 
XI. pag. aa. 

da Sant* Angelo Ti ftirt ambascia- 
tore del CatrarcK a trattar la 
pace bt f rittti • T^ XYI. pag. 14! • 

Sant'Angelo Castello e Comunica 
in Persichctto aderente al Mar- 
chese d*£ste. T. XIX pag. 9U 

de Anglesco ^•Ì4»^9 Padovano • T« 
II pag. jo. 

Anglico Vescovo JlhM%p Caldina- 
k Vicario generale in Italia pel 
Papa. T. XtV pag. 34 58 $7 e 
segg. fino al 69. 

dair Angnillara Conte è creato ca- 
valiere sul ponte di Bergamo. 
T. XVn pa^, 47. 

Anguillara bastia del Carrarese pre- 
sa da* Veneziani. T. XVHI pag. 

Antbaldi EUétrdé di Pietro. T. n 

pag. 91. 
Anivello speue di servigio dovnto 

da un vassallo. T. I pag.Co 88. 
da Aooale Anir$A notajo Tiivisa- 

no. T« XI pag. k». 
Anoale Castello del Trivìgiano • 

Ved. Noale. 
4m9lÌ9 Cancelliere di Corrado Im- 

peradore. T. I pag. t8. 
An9vigt o Arding^ Arcicancelliere 

di Berengario Imperadore. T.I 

P«g* * J- 

4egli Aoselmini A^nnU da Pado- 
va PodesÀ di Bassano . T. IV 
pag. e. 

Aasoga fiomicellQ presso a Sa- 



A P 

Cile. T. H pag. 151^ Torrette 
cagiona molti danni a Sacile» 
ed al territorio . T. IV. pag. 8^ 

dfl{;li Antelminelli CdstmeeU rompe 
in una battaglia presso Porcari e 
Montechiaro 1* esercito de'Guei. 
fi y e fa molti pr^ioni . T. IX. 
pag. 88» Parten^ questa vitto- 
ria agli ambaaoatot» io Italia 
di Lodovico il Bavaro . T. IX 
pag. 9oJLompe i Fiorentini pres- 
so Fiorenza , e va alle porte 
della Cittì . T. IX pag. 88. Prctt* 
de étit forti castelli de* Geno- 
vasi. T. IX pag. 89. S'intitola 
Vicario generarle di Lueca^'di Pis- 
toia , e di Luna . T. IX pag. <>•• 

Antfjgnaao . Il Conte di Gorizia 
dimandava a' Veneziani , che gli 
fosse restituito. T. Ili pag. 175 
i7« 179 t8i. 

AfltWhia. Alhfff Patriarca. T. I 
pag. 117. T. II pag. j. 

Sant'Antotino Villa del Trivigia- 
no. T. XV pag. 47 4S* 

de Antona Frdi^cftc9 Genovese. T. 
XV pag. X07. 

A»KA^m4m9 comestabile dì cavalli 
in Trivigi . T. xn pag. $. 

degli Anzolelli Lt9itsrd9 qu. Fran- 
cesco notaio di Venesia • T.XV 
pag. 74 i«tf« 

de Apiano a^rurdé Signor di Pisa • 
T. XVIII pag. 7 

de Apignano Brsmdtlìsh spedito da' 
Trfv^ani oratore presso alla Ke- 
publica . T. XIX pagw 17 18. 

de Apiano Gngìltl^9 testimonio in 
Trivigi. T. V pag. 137. 

Apotecario ser Silvestro anziano io 
Trivigi. T. XI pag. 99. 

Apollobio £0»Mccursì9 ambasciato- 
re de'Busanesi a Padova . T. 
Ili pag. 119. Testimonio . pas;. 
X9T« Notafo ambasciatore de* 
Bassaaesi a Trivigi . T. IV pag. 
J». 

A^9ll9»t0 q. Guidone da Bassano » 
Tt V pog. 107, 

de 



AQ 

4e Apiomo Jth§rté notaio aauaiiò 
di Trivigì • T. VII pag. i7«. T. 
Vili pag. x4« Ambaiciatoie e 
Sindìco dc"Tiiv%iairi ad Uber- 
to logliata cktio piofetsox di 
legge . T. vni pag, i4-5. 

— — .i«ltf<«/# Camerale dei Capita- 
nio di Caoera . T. XIX pa^ 4<» 

de Apiotino Mdrftiué Txmgiano. 
T. Vili pag. t«9. 

Apatìa s Armata Veneta apedka in 
quelle parti aotto il comando 
di Jacopo Cavalli .T. XV pag.4tf. 

4air Aquila Conte milita nelT eser- 
cito de' Veneziani contro flCar- 
xa/ese. T. XVIU pag. 58* 

idjk Aquikia M$fi9 ^ io Udine al 
parlamento generale pelsitoCo* 
mit^e. T. XI pag. S). 

da Aqaileìa o^x^UIn* Canonico d' 
Aquile ja. T. Xll pag. 155 • 

. — airuAi»»» Sinco . T. XIII 
pag. p. 

JLguileja. PglUgrint Patnarca del 
ff 140 presente in ILatisbona ad un 
diploma di Corrado Imperadote 
in fafoc della Clttcsa di Feltre « 
T. 1 pag. «9. 

il Patriacca cowxàt al Coste 
Guecellone da Clamino il gius 
di teadex giostlzia in Cadore. 
T. I pag. a«. Sae dillètenxe con 
GaeceHone per keni in Cadore , 
-che furono dalla Coneesta Sofia • 
T. I pag. ao. Investe Btachino 
éak. Camino loco pignoris di ogni 
suo ^iosin Cadere • T. I pag. xq, 
1I7«. 

Od^r/ra Patriarca, Hodolfb , e 
Giovaani Canonici / presenti ad 
«na dona2ttme delia Contesa 
Sofia« T. 1 p«g. ^l 

GahiìAi ^tfp^oim testimonio in 
7ordendac • T. I pag. }?• 

ir^lfehtfh quondam Patriarca con- 
cesse liccAZ» al VeacoTO di Tw 



A Q , 13 

vig^ di vendere la orata al Co« 
mane • T. I pag. « o. 

1221. 

B9TflU Patriarca , e sue con- 
tr ivecsie. co* Trivigiani mediato- 
fi xe il Legato Apostolico . T. I 
pag. tf|. Suo gYoramento di sca« 
xe alla decisione del Legato • T. 

I pag. 94* 
laaS. 

Sae contese coTrivigiani per le 
Ville di S. Paolo, di Medade , e d! 
Medulo decbe in sao favore da 
Papa Gregorio IX. T.Ipag.?»- 

''^^' ... 

Omene da Federico Imperadore 

facoltà di demolii cerei pQn- 
ti sulla Livenza , pcrchi era- 
no comodi a*Trivt^ani a dan- 
neggiare il Pciuli . T. U pag. 9* 

Gregorio Patriarca rimette alla 
sua grazia Gabriele eGuecellet- 
to da Prata , t quali donano alla 
sua Cliiesa molti beni . T. II 
pag. JS« Giovanni Arcidiacono, 
Giovanni di S. Stefano , e Bcr^n- 
getio di S. Ulrico Prepositi . T. 

II pag. 35. 

Q^tntrU da Cuccagna Canooi- 
co. T. li paj. 35. 
Greg0rt9 Patriarca fa cambio am 
Corrado da Sacile de' beni di 
qua dalla Livansa . T. I. pag. 58. 
Alberto Vescovo di Concordia 
suo vicedomino , Asc^uino deca- 
no^ Giovanni Arcidiacono . T. 
Il pog. 5«. 

GrBgtrU concede ad Albertino 
Morodni alcuni boschi nel territo- 
rio di Medulo. -T. U pag. i|i. 

i'7J. 

I Sacilesi gli presentano una sup- 
plica per bisogni della lor Ter- 
xa. T. Il pag. !$«• . 

XA74* 

MékM$9md0 Patriarca, e sue con- 
tro- 



14 . A 

. troversflc cen Alberto Conte xii 
Gotizia rimesse in Giudici aibl* 
tri. T. HI pag. j. G Pa- 
triarca fu prk^iero del Come 
Alberto di Goriiia • T. IJI ptg. j« 

f»7«. 

tfstm$ttd* ptononzia sentenze con- 
tfo i Sigoorì da Prata ; e da 
Camino per aver poifo «HJiao- 
vo dazio nel flome Lii^enza • 
T« III pa|{«M« Gabriele daP<a- 
' ta Canonico • T. Ili pag. h* 

jtAtm*ndé concede riovestìcara 
di certi fèudi ad Anico da Cas- 
tello ad istanza di Gerardo da 
Camino « T« III pag» 67. 
ttla. 

Decreto dì un Sinodo Provine 
ciale Aqnilejesey in cui si sco. 
munica f^li usurpatori de* beni, 
e delle giurisdizioni eccksiasri- 
che.T. Ili pag. 89. 
Leonardo Vicedecano del Capi- 
tolo. T. ni fàg* 88. Sue con- 
tese co' Trivigiani pel monastero 
di Piro, ed alici luoghi . r. IH 

" P*S* ''^* 
ii8tf. 
Suo compromesso in arbitri per 

- accomodare le dillérente co* Ve- 
neziani per b jsiurisdizioiie tem- 
porale delle Cittì di Capodk- 
tria , Parenzo , Bmonia , Pirano; 
Kubioo, Umago, e de' Castelli 
di S. LQtetttx) e Montona .^ T. Ili 
pag. Il-», leocardo da Favignano 

• Canonico. T. IH pag. X'ii.Dle* 
trico Decano. T. IH pag. laj. 
Dietiico morto. T. Ili pag. 125 « 

Kappresaglie de* Padovani sul 
' terrttoaio del Patriarcc . T. UT 
pag. X57« Raimondo investe di 
Camolino , e di altri Castelli 
' Gerardo da Camino Capitan ge- 
nerale di Treviso • T. HI pag. 
x7i« Si proseguono gli atti nelle 
^ontrovetsie co' Vcnttiifli p« le 



A p 

terre dell' Istria , e si presenta*^ 
no le Carte essendosi rimessa la 
causa al giudizio di B. Vesco- 
vo di \TdpoIì giudice delegato» 
dal Sommo Pontefice. T. Ili pag. 
X7a fino a x8a. Si accennano 
gli accordi , e i patti fiitù frt^ 
Renier Doge , e Grmria Pa« 

. triarca , la conferma di essi pat« 
ti con aggiunte fra R. Patriar^ 
ca , e lorenao Tiepolo Doge , e I 
patti Atti fra Giovanni Dandolo 
Doge , e^il predetto H. Patikrca • 
T; III pag. 175 174 175 177 is I*. 
Il Patriarca ricercava , che fos- 
se rimosso it ponte fiibbrìcato 
da' Veneziani pretio a Belibrtc/ 

. i& che fosse levata la catena pos^ 
ta nel fiume di S. Giovanni dà 

'.Carctto. T. Ili pag. x8x • 

. Rantolfo di VillaTta Decano <r 
Aquileja. T. IV pag. «• 
rapa. 

IL Patriarca cdhdanna Corrado 

da Sacile , perchè aveva intro^ 

, dottò di nocte tempo molti ao^ 

mini armati nella. Terra . T. X V 

pag. 17. Filippo Prevosto di s. 

Sfe&n6. T. IV pa^' 17. Rti« 

mondo Patriarca \ ano precetto 

. al cleia di Trìv^ per la cada 

i di Medade . T. IV pag. 1^ e 

, segg. Si accenna una sentenata di' 

. tJgoHoo Vescovo d* Ostia e di 

Vdletti fra il Patriarca Bertoldo 

e i Trivj^ani* T. IVpa^.aia^. 

Coannette al Vescovo diTriv^i 

di publicar la scomunica contro 

il Comuini. T. IV pag, m^ ji« 

la^j. 

I Trivjgianì ai appallano al ?a- 
pa da queata scomunica « T. Vi 
pag. ja jj.PenegrinoCanonicow 
IbM. Il Patriarca ondila ìlì Yc^ 
scovo di Padova di pui>£i^r 
questa scomunica per la sua 
CkÙL e diocesi. T. IV p^. )^» 
- Ed anche al Vcicovo di Ceocda » 
Ibid. 



A <5 

totds ìì Patriarca , e Totbertd 
di Camin e Bkqnino fratelli si 
tiompromctcono in arbìtri pc* 
danni , che Tolberto aveva arre- 
rtti alle terre della Chiesa d* 
Aquile Ja . f. IV pasj. 4j. el- 
ione Atcidiacono. iSid. Il Pa* 
tittica non atcetta Pappellazio^ 

* «e alle lettere , eh' egli avevi 

* scritto a* Trivigiaot imponendo 
loro dì ùón dover aiutare i Si- 
Saoci da Frata • 't. IV pag. f }• 
Assolve i dae Canùnesi , e Kit. 
^rdo da Poicenfto dalla sco- 
munica incorsa pe* danni iccati 
alle terre della Chicla d'Aqui- 
le}a . T. IV ptg. f^. Minaccia 
Ja scomunica i* Tii^giani pegli 

* fijncf , che prescavano a' Signori 
da Prata occupatorì de* beni di 
t^uellt Chiesa , e commette al 
Veicofo di TtWgJ di publicar. 
U. t.IV-K45. 

Coiirroversie co'OTrivigìatìi per 
la curia di Medade, e pe*éa. 
di che furono d'EceHno , ed 

* «Itrc giQriadizMni rimesse in gin- 
dici arbitri; T. IV pag. sj. I>i- 

' Jhande del Patriarca . vird. T 4r- 
9lt9U Oersrdè ié Csmin» , Ber- 
toldo e Gregorio -Patriarchi ave- 
vano dato in fendo a' Caminesi 
n Cadore . T- IV pag. 5t. ?tc- 
te Pagano Scolasnco » T. IV pag. 
$7. ti Patriarca -dimanda soc- 
corso a* Padovani contro Gerar- 
do da Camino , che aveva. oc- 
cupato Canipa . T, IV pag. 57- 
Maélno Canonico . T. IV pag. 57* 

^tpa Boftiiàcio delega fi Vesco- 
^ fi Ferrara, ed altri a giu- 
dicai r appellazione della sco- 
Aanict dau dal Patriarca a' 
Triv%itm . T. VI pag. 64. Il * 
▼escoro lod detto sudd elega Ar- 
doiooGanpidco di ferma . T. 



AQ 15 

Gerardo da Canniad xicotìosce 
di aver avuto in feudo dal Pa- 
tiiarca i Castelli di Misco , di 
Serravalle ^ di Hegentato , di Ca- 
volanp, di S, Cassano ossia Cor-, 
dignano. T« IV pag. 78. H ^t- 
triafca presenta le carte delle 
sue ragioni nella Causa della 
scomunica de' Trivigiani . T. IV 
pag* 79* cioè una Bolla di Papa 
Onorio al Pattiarca Bertoldo , 
un'altra di Papa Gregorio, uihi 
sentenaa axbittaria dì Ueonc Ve- 
scovo d*Osria , e di velletri. 
T. IV pag- 8o« Capitoli proposti 
dal Patriarca nella causa sud- 
detta della scomunica * T. IV 
pag. 81. I quali mostrano le sue 
ragioni sopta 11 Monastero di Pi- 
IO , sopra la Villa di Croce , e 
sopra la Cufia di Medade. T. 
IV pag. 84. Capitoli proposti da 
Gerardo da Camino, e da'Trì- 
vigiani nelh causa suddetta. T. 
IV pag. 84 ts* Nuovi capitoli, 
del Patriarca sul medesimo te- 
nore. T* IV pag. ts • I Sadle- 
si presentano al Patriarca va- 
rie istanze sopra i danni cagio- 
fiati dal torrente Ansuga • T. IV 
pag. 8 6. Si accennano alcuni mo- 
lini fatti dal Pattiarca Bertoldo , 
e una rosta, e la curia del Si- 
gnor S^apnhro comperata da-es- 
so Bertoldo . T. IV pag. 87. I 
Sacilesi dimandano al Patriarca 
quattro grazie . V*Ìl V^rtlctU 
Sdeihsl • Composizione delle con- 
troversie per confini tra il Pa- 
triarca , e Kizzardo da Cami- 
no, f. IV pag. 89. H Patriarca 
produce i testimoni per la causa 
contro i Tri volani pel monas- 
tero di Piro , per la curia di Mc- 
dade ec. T. IV pa^. 9^. 11 Pa- 
triarca Gregorio aveva^oncedu- 
to gratis la Villa di Croce pres- 
so laPiavc all' Ospitale di S. Ma- 
' ria 



i« A Q, 

lit de* Crociferi di Venem . T. 
IV [nig.ieo« 

1*97. 

Il Pioctuatore del ?atrìarc« a 
Fenara aeUa casosa della aco- 
nimiica contro i Tcivigiani dà 
r eccezione ad Aitogiado Pio- 
fiessoie in Pado?a eletto a dai 
giadizio in quella causa. T. IV 
pag. L.05. Sospeso a dar giudizio 
per le xagtoni addotte . T. IV pag. 
to8. Controversie del Patri^ca 
col Capitolo di Oìndal del ^iali 
per beni e gioiisdizioai io^rio. 
li; Tolberta Vescovo di Trivigi 
eletto aibitio, e sua sencépsa. 
T« IV pag. leS. 11 consalto de* 
due Lettori di Padoft è livore- 
vote all'appellazione de* '^rivi- 
giani, e la sentenza de* Giudici 
uhifbrnie a questo • T.I /V pag. 
1x8 1X9* Il Sattìarca zimprove- 
za Gerardo dt CanKm di aver 
oflìèso la Chiesa td*Aqaileìi , e 
perciò decaduto da* fendi : Ge« 
nido confessa il tatto, chiede 
miseiicoidia » e Ìl P»tijafra |gll 
oeidona, e lo leinveste de* suc^ 
Kodi. T. IV pag* !««• 
xjoe. 

Pi0$r§ Pattitrca teme «Ila Co- 
munità di Cividal del Friali ri- 
cercandola del ano seotiineiito , 
se dovesse aderire alle esibizio- 
ni del Conte di Gorizia, che si 
«a esibito n»ediatore pei lapa» 
ce £ra esao, e Gerardo da Ca- 
mino • T. IV. pag. 143, Cerar* 
do, e il Pauiarct à compro- 
mettono io Giudici arbitri pei 
le suddette contioverste intorno 
alla Teixa di SaciJe T. IV pag. 
144 i4tf. Assolve Geraldo dalla 
•comanica. T. IV. pag. 145. 
Castello fabbiicato dalPatiiaica 
dirimpetto a Medana dbtrutto 
da* Tiivi^ani • Tom. IV. pag. 
145. Guidone Vescovo di Con- 
cotdia Vicario geneiale del Pa. 
triaica T. rv. pag, 145. 



AQ 

0$t9y§m9 Patriarca partecipa a 
Cividal del Friuli la pace fatta 
con Kizzaido da Camino , . e 
che Sacile rimaner dovesse. in 
loro custodia. T. V. pag» 70. 
Il Patriarca d\ in permuta il 
Castello di Torre a Corrado 9e- 
lizza per nna casa ossia fortili- 
zio, che Corrado aveva in Ci» 
vidale. Tom. V. pag, 71. , 
XJ09. 

Il Patriarca ricusa di investire 
Rizzaido da Camino de* fèudi, 
che egli teneva dalla Chiesa 
Aquilejese, ma intetj^ostesi per- 
sone gli concede U mvesrimra » 
e lo crea Capitan geneiale del 
Friuli. Tom. V. pag. xi8. Al- 
berto Vicaib del Patriaica . T. 
V. pag. XI 8* Kizzaido da Cami- 
no, era ^ntia$o in Udine, ed 
avea tentato di toiprendeic il 
Patriarca T. Y. pag. ix«* 
xjxo. 

I Signori di Mels promettono al 
Pattiaica assistenza e ^vore 
contro Rizzardo T. V pag. x»4« 
1311. 

Giovanni Arcidiacono tesdmomio 
td aoa caira di nizzardo da^ 
Camino. T. ^V pag. x 37* 

Chilone "Arcidiacono Tom. V» 
pag. 194- Tom. VII. pag. ?• 
Gu ecello da Camino ricerca dal 
Patriarca la leinvestituia de*leo^ 
di Caminesi • T. VI pag. as^T* ^ 
1* ottiene . T. V pag. 198. Val- 
ter© Canonica. T. V pag. 198. 

II Patriarca chiede aiuto a* Ve- 
neziaoi contro il Conte di Go- 
rizia , il quale aveva assaltato 
osrilmente il suo Castello Tul- 
mino T. VI pag. 30. 3i« Chiede 
ajuto anche a* Padovani * T. VI 
pÈ%, 30. Replica le istanze a* 
Trevigiani , e nunda due am- 

basciadori. T. VI p»g. 3i« ^ 
gU 



gU ioandano cento cava Hi , e 
trecento pedoni . T. VI pag. j j. 
Il Conte di Gorizia con Saba- 
iiico e nel Ftiali coireserdto. 
T. VI pag. 3S j9 47. EgH è in 
trattato col Conte di Goriaìa , 
ma lum accetta Je proposizioni 
peictò svanta^rofCy e dimanda 
a^uti a'Trivigl^i, e a* Padova- 
ni • T. VI pag. jz» Aiutato di 
miiizùe da*TrivigÌani * T. VI pag. 
J9 41. Soldati ausiliai} spedici 
da'Ttivigiani al Pauiarca . T. 
VI psg. 4^* I Padovani levano 
U loro cavai/cria , eh* era al 
servigio del Patriarca . T, VI 
f^S* 47 4^* Ambasciatori del 
Patiìatca a Trivigi. T. Vi pàg. 
4S. Il Patriarca sdegnato pernon 
aver ricevalo da'Triv^uni , e 
da' Padovani i soccocsi promes- 
si , ti avvisa , com* egli i per 
fare la pace col Conte di Gori^ 
xÌ2 , se non eseguiscono sabita, 
ffiente ie loro promesse. T. VI 
pag. ^0,1 Veneziani mandano 
ambasciatori in^ Friuli a trattar 
di concordia ùz il Patriarca e 
il Conte di Gorizia . T« VI pag. 
51. Sollecita di naovo i Trivi- 
l^ni , e i Padovani per soccor- 
si, alttìmeoti egli era costretto 
a fai la pace col Goriziano • T. 
VI pag. i5. 
1114. 

Il Paniarca h la pace col Con- 
te di Gorizia . T, VI pag. tf 7« 

Domenico Vicario di G. Fatriar* 
ca dimanda a'Trivigiani ^jato 
contro i snoi nemici, e spezial- 
mente contro Guecellone da Ca- 
nòno, che aveva occupato Ca- 
atva e Sacile. T. VII. pag. 15 x 

IJJ7# 

CASf0»$ 4alla Torre partecipa a* 
Trivigiani la sua elezione in 
Patriarca . T. Vili pag. 58. Ri. 
Tom. XX, 



A Q t? 

rtatdo dal la Torre tesoriere e Vi- 
car'o. T. Vili pag. 79. 
vjiS. 

1\ Pattiarca Castone è ricercato , 
da' Trivigiani di esser mediatore 
per conservar la pace tra esti^ 
e lo Scaligero. T. Vili pag. ij 
e segg. I Trivigiani stabilisco- 
no di fornlar col Patriarca lega 
difensiva. T. Vili pag. 94. Ri- 
naldo dalla Torre Tesoriere e Vi- 
cario promette a^Padovani , ed a' 
Txivigiani ogni assistenza . T,VIII 
pag» 9} 94. 
JJ19. 

PA^an» Patriarca fa la pace col 
Conte di Gorizia, e gli cede per 
sci anni la Carnia , e Sacue, 
che aveva ricuperato dalle ma- 
ni di Guecello da Camino. T* 
Vili pag. i8i. Moneta di dana- 
ri nuovi Aquilc}esi . T. VHI 
P«g. i«a. 

Il Patriarca eletto manutentore 
della pace fra Kizzardo da Ca- 
mino , e il Conte di Gorizia • T. 
IX pag. 7, 
ijaj. 

Il Legato del Papa gli ordina di 
pablicar la scomunica contro 
Guecello e RiuardQ às^ Cami- 
no. T. IX pag. 4f, 

Per tre anni il Papa Giovannf 
XXII raccesile i frutti de' benc- 
iizj vacanti nel Patriarcato d' 
Aquilcja . T» IX pag. g9. 
1317. ^ 

il Patriarca dimanda a Gerardo 
e Rizzaxdo da Camino la resti- 
tuzione del Castello di Meduna. 
T. IX pag. 224. 
XJ28. 

Compone le diflnrrenze intorno 
a' confini del distretto di Cane* 
va col comune. T. X pag. xc 
Bernardo di Strasoldo , ed Et- 
tore da Savorgnano, e Odorico 
B da 



éà Cacctgfla , e Sorzulla da Por. 
zia si rendono mallevactorì al 
Tairfarca per Biaquino da Ca« 
mino intorno alla rcstitauoce 
dj Meduna, e di S. Steno . T. 

X pag. 29. Il Patriarca ottiere 
da Trivigiani la sotpensione del* 
le rappresaglie concedute a fa- 
vor di i^iccolò di Clarello* T« 
i P«g. 74 75. 

^.izzardo e Gerardo da Camino 
danno sicurtà al Patriarca per 
)a reitituziooe di Meduna se- 
condo i patti fra loro stabiliti • 
T. X pag. fa 7. Sripula lega e 
confederazione con Alberto e 
Mastino dalla Scala. T. X pag. 
3 27. si accennano i patti di Can- 
grande col Patriarca . T. X pag. 
1284 Guglielmo decano d*Aqni. 
leja. T. X pag. 119. Il Patriar- 
ca spedisce Lodovico dalla Tor- 
re Canonico d' Aqnileia , e Già- 
corno da Carrara Canonico di 
Ctvidal del Friuli al Papa per 
impetrar 1* assoluzione della sco- 
munica, in cui era incorso , e 
viene assolco. T. X pag, x4f. 
>3Ja. 

Sceglie Sacile 'o Cavokoo per 
trattar aggiustamento delle rap- 
presaglie de* Trivigiani conerò i 
Piialani. T. X pag. xss* 

Guglielmo dottor de* decreti de- 
cano e Conservator della Chie- 
sa Aquilejese in' sede vacan- 
te vende per un anno a Nicco- 
lusio della Fratina il Capitania- 
to di Sé Steno con condizione di 
mandar 30 soldad in difesa di 
Sacile. T. XI pag« 5. Contende 
con Biachino da Camino per le 
spese fatte da questo in difésa 
di Meduna. Va adun colloquio 
colla Contessa di Gorizia . T. 

XI pag^ tfv Unito alla Contessa 
di Gorizia tratta la pace eoa 



kizzardo da Camino $ f . ti pé^i 
8. Confermano e ratificano la 
pace suddetta. T. XI pag. 9. I 
suoi procuratori protestano , eke 
la colpa di non essersi Atta la 
pace era del Caininese, e pefd 
dimandano la pena nelcompro^ 
messo imposta , T. XI pag. 14 
js. Il Capitanio di Sacile te- 
mendo di non poter più custo* 
dire la Terra vuole rinunziarla 
io mano de\ Vicario d' Aquile- 
Ja. T. XI pag. 1$ 
»JJ4. 

Guglielmo Conservatore per Berw 
trando Vescovo d* Ostia e di 
VcIIetri Legato Apostolico con- 
cede licenza di poter estrarre del 
ferro dalla miniera di Sa para 
sopra il territorio di Kizsardo 
da Camino. T. XI pa«. ip. Le 
genti di Rizzardo assaliscono Sa- 
cile , e provvedimenti pren per 
difenderlo io uo Colloquio col- 
la Contessa di Gorizia a Modo- 
leto. T. XI pag. is. Guglielmo 
concede privilegi e grazie agli 
Qomiiii di Sacile per la fedeltà 
' e costante divozione loto nella 
difésa di essa terra. T. XI pag. 
a«. Prega i Trivigiani , che le- 
vino le rappresaglie concedute 
contro i Friulani . T. XI pag» 
a9* Ricorre agli Scaligeri aven- 
dolo ricusato i Trivigiani . T. 
XI pag. j*. Ed ottiencf la gra- 
na , e tono levate . T. X pag. 
ja. Il Vicario ^ consegna a* Si- 
gnori di Porzia il Castello d*A- 
viano^ perche non cada in po- 
tere diRizzardo da Camino • T. 
XI pag. j5. Sua protesta contro 
il Parlamento generale, il qua- 
le voleva consegnare alla Con- 
tessa di Gorizia le Terre del 
Friuli, perchè invase da Riz- 
zardo da Camino . T. XI pag. 
45 Sì oppone alle invasioni ài 
Riz£«xdo , e unitamente alla 
Coa- 



' . A Q .. 

Contessa scrìve a* TriviViani ,' 
clic ti sQO esesi^ito, non è p.er 
xecar^ id essi alcun danno. T. 
XI pag. 4J. 

Riztardo da Camino dimanda 
al Patriarca Bertrando la xein- 
yestitura de*saoi fèndi, cbe ac- 
eti ratalncnte annovera . Il Pa- 
ntarcàgli rimprovera i danni 
da efso recati alla Chiesa d*A« 
quilèja , e dice di voler delibe- 
laxe sopra dì ciò • T. XI pag. 
5 a. 11 Patriarca espone al gcnè- 
xal Parlamento del Friuli i dan- 
ni recati da Riuardo 'alla sua 
Chiesa , e il Parlamento deter- 
mina , cK* qgli debba comparir 
a scusarsi , altrimeoil sia deca- 
duto d^* suoi feudi . T. Xl pag« 
5U Sentcnta de\ general Parla- 
inento^.m cui sì dichiara Sliz^ 
zardo decaduto da* feudi , eh* 
^i teneri dìUz Chiesa d*Aqui- 
leja . T» XI ptg, $6» Bertrando 
benefica Bernardo Toppo per aver 
difeso Sacilc, e Canevà contro 
Rizzardò. T. XI pag. s8. Gu- 
glielmo Decano , Morando' da 
Porzia Canonico* T. XI pag. sa 
SJ 56 ija. 

Bertrando manda nn'ambasce- 
lia a* Veneziani , i quali" si mos- 
trano grati delle sue esibizioni • 
StoriM. T. XI. pag. rs* 

Bertrando promette a Mastino 
di restituirgli Ca volano ad ogni 
sua richiesta • T. XI pag. 8d. 
Investe Federico da Savorgnano 
dt* feudi che possedea Rizxardo 
da Camino • T. XI pag. loo. 
Condanna Manfredo di Porzia a 
p:ig9t b dote a Pomina moglie 
rei. di Biaqnino da Camino, dr 
coi era tfanu^finKc , T, XI 

pag. 10/. 



A Q , T^. 

Conférma la eiezione del . vcs^ 
covo di Verona . Stirts . T. VII 
pag, 8 j. Invesce Geratdp, e Riz- 
zardò ftatelli da Camino di que* 
feudi , che furono de'Caminesi di 
sopra avuti da* tempi antichi dal- 
la Chiesa Aquilejcse. T. XI pag. 
152. Manda un Ambasciatore a 
Venezia per sostenere le ragioni 
de' Signori .di Porzia sopra Fon- 
tanèlle e Franceniga • T. XI pag. 
ijtf. Invita i Coneglianesi a dar 
la loro Città sptto Jl Dominio 
della Chiesa . T. XI pag. 149. 
Procura de* Coneglianesi per ri* 
cevere dal Patriarca nel general 
Parlamento del Friuli la ratifica 
delle processe td essi fatte , 
quando diedero se scessi sotto 
il dominio della Chiesa . T. XI 
pag. 151* Bolla di Papa Bene- 
détto al Patriarca ordinandogli 
di sospender 1* interdetto contro 
ì Coneglianesi. T. XI pag. i$j. 
1340. 

Il Patriarca Bertrando presta fa- 
vore a* Caminesi per avere it 
Castello di Ceneda a tradifóen-' 
to • T. XI. pag. 169 170 17* 
17J-. 

Pretende giurisdizione sopra fa- 
volano e Franceniga contri i 
Trivigiani. T. XII pag. 7. Con- 
cede a Nicolussio figlio di^ Fe- 
derico da Savorgnano alcuni feu- 
di, che furono di Rìzzardo da 
Camino . T. Xll^ pag. 8. Rimet- 
te a' Conegfiancsi tutti i danni, 
e le ingiurie che i suoi sudditi 
avevano sofièrto per occasione 
delle rappresaglie da essi date 
contro 1 Friulani , e promette 
pace e concordia. T. xn pa^. 

IO. 

1341». 

II Patriarca si compromette i» 
arbitri per le sue differenze co* 
Veocziaox intorno ai feudo di- 
B a Ca.* 



«I» , A Q 

Compromesso de* Trivigianì ptft 
3e medesime ctìfferense di Ca« 
votano , e ville adìaceod . T. 
XII pag. 41-* 

Piocnratoie cfecto da* Trivigianr 
a compajìre al>a presenza dt* 
NjGiudici compromìssan per ques- 
te differente". T. XH pi|g. 6^^ 
Itolla dì Papa Clemente , che 
elegge Commissari deputati per 
.essa causa . T. XII pag. 66, I 
Trivigiani, e i Veneziani spedi- 
sccno al Papa ambasciatori per 
essa lite . T. Xll pag. 6t. 

li Papa destina Dino da Urbino 
per terzo nelle ditferenae di Cavor 
lano. T. XII pag. té 87. E 41 
Doge sollecita f Trivigiani ad 
eleggere il loro giudice . T. XII 
pag. t6. l quali formano prò- 
.cara in esecuzione del soprai- 
scritto comando . T. XII pag. 
S7. Il Decano della Chiesa Aquir 
}cjese arbitro in queste d'i&ucnr .. 
xc* T. XII pag. U 8p 90/ 

ij49. 

^I Patriarca concede a Plance^ 
aro di sbrofavacca PiAvesutora 
di alcuni feudt, che già furono 
4Ì\ nizzardo da Camino. T.XII 
pag. 115* Tristano da Sa vorgna- 
co Camerario» e Clierubino da 
Cremona Canonico . T. XII pag^ 
^J5 II 6. Il Patriarca concede a 
bacile in sua giuri^izione ìp 

fastaldie di Cavolano, e dì Bl« 
ano . T. XII pag. iji. Con- 
^erma aUa Comunità di Sactle 
i suoi Privilegi iotorao al dazio 
Muda. T. XII pag. 134. 

Investe Leonardo da Sacile di 
«V:uni beni presso Cavolano , 
cbp furono di Bizzardo da Csv 
mìttOt T. XII pag. 15», Conr 



AQ 

fètaa di aver comperato Si# 
cile dalla Contessa di Gorizia ^ 
e dal Conte d* Orcemburch per 
500 marche, e di aver acquis- 
tato Cadoce co* suoi danari ,. e 
colla sua potenza . T. XII pag. 
9% 2, Suo privilegio d*esenziooc 
«gli^ abitanti di Sacile intorno al 
■dazio muda della gastaldia di 
Ca volano , e di Bibano . T. XII 

iJSi. 

ìftce§li Patriarca conferma a Sa» 
Clic le Castaldie di Cavolano , 
e di Bibano già concedute dal 
Patriarca Bertrando , e vi ag« 
giunge le Ville di Vigoaovo, e 
di Orsàglia T. XII p, 164'^ Cu* . 
gliclmo Decano , Franciscolo daU 
la Torre , Ottolino da Bergamo , 
Cambino di Roddam , Ambro* 
5Ìo, Corrado» e Bekramolodal- 
h Torre, Matteo da Padova, 
Guglielmo dt Aqnileia , Gio» 
vanni di Caaate, Matteo da Fa- 
ra , e Jacopo da Parma Cano^ 
flici d*Aquileja • T.XII pag. i6s« 

f T5J. 

Niccoli Patriarca ottiene da Car* 
Io Imperatore la publica Uni- 
versità in Cividal del Frinii • T, 
XIII. pag. ai, 

Aquileja aperta alle incursioni 
rfe* barbari. T. XIII pag. ù*Ut 
frumento di pace fra il Patriar^ 
ca, e i Conti di Gorizia colla 
mediazione di Francesco 'da Car. 
prara. T. XI li pag. ^. 
»l$tf. 

ificcol^ era seguace di Lodo* 
vico Re d'Ungheria nell^guerv 
ra co* Veneziani 1 compreso nel- 
la tregua. T. Xlll pajj. S7-Fel^ 
tre e Belluno Ciità imperiali 
commesse al Patriarca Niccolò • 
T. XIJI pag. 57 71. 
1358. 

fi Patriarca come Vicino generale 
di 



. A Q 

fliTeltrc e di Bell u fio per Tlmpc- 
lidoTc crea Capicaùip in Zoìdo 
J^/ccoIò Cane de'Biceru Bcllu- 
éese, T, XIII pag. 70. Egli è 
«offl]preso nella pace de f Ile d' 
Ì7nghetia co'Veneaani. T.XIII 
pag. 71» CoQfèrma la elezióne 
dì Gaglielflio dalla Scala figliuo-^ 

10 di Cangrande in Canonico di 
Verona . St§rU . T. VII pa^^ 
io9, E quella di Tebaldo Ùz* 
fello di Guglielmo. SurU* T» 
VII pag. 109* 

Vittoria delle genti del Patriar- 
ca unite al Carrarese (Contro il 
Doca d'Austria . T. xiw pag.- 
ar. Dacaie, cht ordina al Po- 
destà di Trivigi di ricevere cor- 
tesemente Matqaardò Patf iafca , 
e regalarlo nel_ suo passaggio 
per la Ctà . T. XIV pag. xu 
Altra ducale dello stesso teno-' 
xe . T. XIV pag. a^. Notifica al 
Doge ài ^cjfe arrivato in Pa«' 
dora . T. XIV pag. aa. 
>!*«•. 

Kegali £itn al Patiiarca Alaz* 
guardo dal Vescovo di Padova , 
da Gtfecellone da Cainioo , e da 
iltri. T. XIV atf. 
a 3 67. 

11 Paufarca ^ lagna col Do^ de\ 
Trivigiani , perchè era offeso ne* 
suoi diritti pe* confini di i, pao« 
U> , e di S* Giorgio » e per le 
rendite, che i suoi sudditi ave- 
vano in' Conegliano y ed in Oder* 
20 . 't* XIV. pag. 25. Àv^va 
gias dì condarre dal ^adorino 
fa la Tnvigiana in Pria li ii le» 
g^ame senza pagat dazio . ti, 
»^ pag. a?.- 

Tiss^ pet Vicenza, e per la! via 
ài Cfftadelli , e di Trivigi , e di 
Coo^IiaQo va in Friufi onora» 
to, e r^alato da* yenezìani . T. 
XIV pag, 33, Sue dt&renze co* 



Veneziani per Oderzo e S. ?aw 
Io. T. XIV pàg, 41. 
iJ7r. 

Eletto a decidere una lite fra 
Pietro dalla ^ala Vescovo di 
Verona , e i Canonici di <|uella 
Città. Sfuria T. vii' pag. 9S. 
T37«. 

Tiene in Friali*" un colloquio gc 
aerale per gettar una gravezza « 
onde sostenere la guerra uni^; 
io al Re d*Ungheiia cpntro i 
Vecieziam. t. XV ptg, 1$. 
, 1 jT'^o. 
Scrive a' Bellunesi di invigilare 
perchè non sieno portate vetto- 
vaglie a* Veneziani , e agli altri 
temici del Re d'Ungheria. T. 
XV pag. 4j. Un suo nipote è 
ftrto prfgioniero de* Veneziani 
nella presa dì Capodisttia . T. 
XV pag. 44. 
1381. 

Reggenti la Chiesa d'Aquila, 
e la Patria del PriulT in siede 
vacante pèr^ la motte del Pa- 
triarca Maiquardo. Commissari 
del Re d* Ungheria ih Friuli si 
liamehtano de* Bellunesi , che 
mandavano biad A*Venez1ani .T. 
XV pag. 5 ?. 54* B pioibiscona 
che dal Friuli non si portino 
più biade in Belluno . T. XV 
pag»{^S5. Federico Conte di Por- 
zia Vicedomino della Chiesa fe- 
de vacante» e j deputati al^'i* 
verna della Patria del Frmìr 
partecipano a^ Capitani in Ser- 
lavalle la lega fatta fra , il 
Duca d'Austria e it Re d'Un- 
gheria. T. XV pag. s8« I sud- 
diti (^el Patriarca avevano la 
custodia della Rocca di Pletto- 
ze sul JBellunese . T. XV pag. 
0o. II Visdopnno manda i suo! 
nun:^; a Tonno a stipular l'fitrt:* 
mento di pace co* Veneziani . 
T. XV pagb /a: 74. Ambatciatorr 
jEDtanda4 a Torino pec questa 
* i P«- 



pace . T. XV pag. 74. Capitoli 
hi essa pace . T. XV pag. 95. 
Si doveva comproracttcrc nel Pa- 
pa intorno alle differenze co* 
Vcnctìani per h Provincia dell* 
Istria . T. XV pag. 99. Come si 
erano compromessi in Papa Nic- 
colò hel 129 1« Ibid. Si accenna 
ìa lega i^tta col Re d'Ungile* 
rra . T. XV pag. loi. Istru men- 
to di pròcara per questa pace. 
T. xy pag. 1 09* l^trumento del- 
la elezione di Federico da Por- 
sia in Vicedomioo fatta da* Ca- 
nonici per la morte di Marquar- 
ào Patriarca . T. XV pag. 1 1 ò. 
Ottobono da Ceneda Decano del- 
la Collegiata di S. Maria di IJdi- 
fic. T. XV pag. 109. Nomi de' 
Canonici , che allora compone- 
vano il Capitolo : Giorgio de* 
Torti Decano , Ermagora da Mu- 
lucio , Giovanni seniore dalla 
Torre, Tommasino de*Pontaro- 
]t da Forlì, Giovanni gianiore 
4alla Torre, Giovanili degli Spi- 
zicelli da Belluno, Ottobono da 
Ccncda, Cristoforo da Spegncn- 
bergo , OdM'tco da Ragogna , 
Giovanni Ribisino da Civid^I 
del Friuli , Matteo de* Kavani 
da Repgio , Antonio de Ùpeto , 
Antonio de Kancona da Udi- 
ne , Tomitiasp da Spegneober- 
go , Giovanni da Udiqe , Gio- 
vanni Proti di Cividal del Friu- 
li , Jacopo da Modena , Moschì- 
ìnp dalla T«rte, e Bartolommeo 
^a Bobbio. T. XV. f, no. Fi. 
lippo d* Alanzone eletto Patriar* 
ca dopo la morte di Maiquai. 
do. T. XVI pag. II. 
ijSa. 

Il Carrarese prende al fatriarea 
il Castello di S. Paolo presso la 
liave • T. XVI pag. 4«« 

Filippo Patriarca 'k in gnerr^ 
fOgU Udinesi, i. XVI pag. tfj. 



A Q 
Elisabetta Regina d* Uogherfa 
scrive a Francesco da Carrara, 
perchè s'interponga a pacificar^ 
le discordie , e le guerre civili , 
che rovinavano il Friuli . T. XVI 
pag. ój. Il Carrarese scrive agli 
Udinesi esibendosi mediatore pec 
la pace. T, XVI pag. «4. 
1384. 

Sentenza di Francesco da Car- 
rara sopra le diftcrenze fra il 
Patriarca , e gli Udinesi • T. 
XVI pag. 77. Si accenna la mor- 
te del, Patriarca Marquardo. T. . 
XVI pag. 7J «^ 9a9j.GliUdi. 
rìesi giurano obbedienza al Car- 
dinal d* Alanzone , ed esso li as- 
solve dalla scomunica . T. XVI 
pag. «r. 

ijls. ^ ^ * 

Il Patriarca d* Alanzone assegna 
agli eredi di Federico da Por- 
zia già Vicedomlno ducati due 
mila di quel danaro , che ii^ 
giudicato ad esso Patriarca per 
sentenza di Francesco da, Car. 
rara . T. XVI pag. 92, Egidio 
le DouUic di Rotoma^o Cano- 
nico . T. XVI pa^. 94, France- 
sco da Spegninbergo vicedeca- 
no , Antonio Ronconi, Bartolom- 
meo da Bobbio , Giovanni , da 
Trieste, Francesco da Udine, 
e Antonio dalla Torre Canonici 
Prebendati. T. XVI pag. 94. IÌ 
Carrarese destina di mandar gen- 
ti in Friuli in servigio del Pa-' 
triarca . T. XVI pag. 94* SÌ ac- 
cennano molte turbolenze del 
Friuli contro il Patriarca . T. 
XVI pag. 9< . 11 Fatriarca scri- 
ve al Carrarese ragguagliandolo 
<li varj movimenti in Friuli, e 
lo prega di pronto ^occorso • 
T. XVI pag. 97* li Pfltriarca e- 
legge per Avvocato della suaf 
Chiesa Francesco da Carrara, 
e lo investe di varj Castelli in 
tànìi. T. XVI pag. i«4, ' 

Ij85 



Icgt fez. U Repablica dì Ve- 
nezia , Antonio dalla Scafa , e 
alcuni nobili Caitcllani , e Co- 
munifX del Friuli per la con- 
servazione delle franchigie , e 
de*dinui della Chiesa d*Aqui« 
Icja , e di tatto i! Friuli; T. 
XVI pag. io5. Ferdinando Pa- 
triarca Gerosolimitano Vicaria 
della Chiesa d'Aquileia: Breve 
di Fapa Urbano ad esso , pere- è 
s* interponga mediatore a seda- 
re le discordie del Friuli,' e le 
guerre fra Francesco da Caria- 
la, e Antonio dalla Scala • T. 
XVl pag. T 09. Presenta agli Udi- 
nesi le lettere papali delle sue 
com missioni . T. XVI pag* la^. 

Cividàlesi uniti in lega col Car* 
xatese ^ e col Yatriarci d' Alan- 
zone si protesuno d* esser ptonti 
m far I2 pice, T. XVI pag. t 3 a. 
Il Carrarese richiama i suoi am. 
basciatori che Aveva, spedito in 
Udine a tratwr la pace* T.XVI 
F^g* 143* Commissioni segrete 
del medesimo per questo og- 
getto . T. XVI pag. 14} . Il Car- 
rarese vuole, che P Istria sia 
consegnata nelle mani del Fa- 
friacca . T. XVI pag. i^. Ma- 
neggi y che gli Ambasciatori del 
Carrarese facevano per la pace. 
T. XVI pag. 145. Veneziani man. 
daao soldari in Frinii contro il 
Carrarese . T. XVI pag. h8. 
di t/dioesl scrivono al Duca di 
Baviera lamentandosi della gaer- 
ta mossa aj Friuli dai Carrare- 
K. T. XVI pag. 149* Bolla di 
V^no Vi al Patriarca Ceroso- 
Jinmoo nunzio apostolico com- 
mettesdogli di pacificare il Fri u- 
If, e di ridurlo sotto Fobbe- 
iitùzà del Cardinal d* Alando- 
ne. Il Fattiarca Gctoeolimitano 
dtpara Ottoboa da Cenoda De- 



A Q ij 

cano d'Aquileja a presentarsi al 
Marchese d'Eite, perche 8Ìenf> 
restituite le terre, e i Castelli 
della Chiesa d^Aquileja occu-. 
pari dal Signor di Padova • T. 
XVII pag, 4. 
ii88. 

I^ettera di ^Giovanni Patriarca 
eletto , e del Marchese di Mora* 
via suo fratello al Carrarese rac- 
conundandogli la difesa della 
Ch'eia d* Aquile ja . T. XVII 
pag. 9. si muovono maneggi di 
pace, o tregua in Ferrara . T. 
XVII pag. la. Il Patriarca elet- 
to pretende , che il Carrarese 
debba rilasciare t Castelli da 
lui ritenuri in Friuli, altrimcn- 
ri è risoluto dì muovergli guer- 
ra . T. XVII pag. 14. 
1J89. 

Isutrumento di pace e di concor. 
dia fra Giovanni Patriarca d*A- 
quileja , e la Comunità di Udi- 
ne per la morte di Federico da 
Savorgnano ncctso . T. XVII pag. 
itf, ifxo Vicario in. spiritóate 
Marquardo dottore de* decreri • 
T. XVU pag. a8. 
xj9a. 

Carlo da Camino eletto Cano- 
nico d*AqntIefa • TJCVII pag. »d. 
1J94. 

Gli Udinesi fanno istanza , per- 
chè sia eletto un Patriarca a lo- 
ro grato . T; XVII pag. fa. 
1404. 

Roberto Re de^Ronoani racco- 
manda ti Patriarca gif a^ridel 
Carrarese . T. XVIII pag. d|. 

Lettera di Antonio Patriarca a* 
Veneziani dolendosi , che da^Giu- 
dici della Curia Veneta sìa sta- 
ta fatta una sentenza a petizione 
di Beatrtee da Camino eDi> 
tro i Conti di Porzia, come 
sentenza di foro iitcompctcìxic', 
T. XIX pag, té. 



pace. T. XV pag. 74. Capìtoli 
4i essa pace . .T. XV pag. p"?. 
Si doveva comprororrcere nel Pa- 
pa intorno alle differenze co* 
Venctiani per h Piovincia dell* 
Istria . T. XV pag. 99. Come si 
erano compromessi in Papa Nic- 
colò hel 1^9 !• Ibid. Si accenna 
ia lega i^tta col Re d'Ungile* 
i^a . T. XV pag. loi. Istrumèn- 
to di procura per questa pace. 
T. xy pag, lop.l^rtumeRtodet. 
la elezione di Federico da Por- 
sia in Vicedomioo fatta da*Ca- 
Clonici per la morte di Marquar. 
do Patriarca. T. XV pag. no. 
Ottobono da Ceneda Decano del- 
la Collegiau di S. Maria di Vàu 
fie. T. XV pag. 109. Nomi de* 
Canonici, che allora compone- 
yano il Capitolo : Giorgio de* 
Toru Decano , Ermagora da Mc- 
lucio , Giovanni seniore dalla 
Torre, Tommasino de'Pontaro- 
]ì da Forlì, Giovanni gianiore 
^alla Torre , Giovanni degli jSpi- 
zitelli da Belluno, Ottobono da 
Ceneda, Cristoforo da Spcgncn- 
bergo, Od^/co da ^agogna , 
Giovanni Kibisino da Civid^l 
del Friuli , Matteo de* Ravani 
da Repgio , Antonio de Upcto , 
Antonio de Rancona da Udi- 
ne , Tommaso da Spegnenber- 
go , Giovanni da Udiqe , Gio- 
vanni Proti di Cividal del Friu- 
li , Jacopo da Modena , Moschi- 
no dalla T«rte , e Bartolommeo 
da Bobbio. T. XV. f, ire. Fi- 
lippo d* Alanzooe eletto Patriar- 
ca dopo la motte di Maiquai- 
do. T. XVI pag. II. 
i3«a^ 

Il Carrarefe prende al f atriar^a 
il Castello di S. Paolo presso la 
liave • T. XVI pag. 46. 

Fjlippo Patriarca h in guerra 
fOgU Udinesi* 'i. XVI pag. tft. 



A Q 

Elisabetta Regina d* Vogheria 
scrive a Francesco da Carrara , 
perchè s'interponga a paci fica rq 
le discordie, e le guerre civili, 
che rovinavano il Friuli . T. XVI 
pag. ój. Il Carrarese scrive agli 
Udinesi esibendosi mediatore per 
la pace. T, XVI pag. «4. 
1384. 

Sentenza di Francesco da Car- 
rara sopra le d inerenze fra il 
Patriarca , e gli Udinesi . T. 
XVI pag. 77. Si accenna la mor- 
ie del Patriarca Marquardo. T* « 
XVI pag. 7J «^ 9a 9 j. Gli Udi- 
nesi giurano obbedienza al Car- 
dinal d* Alanzone , ed esso li as- 
solve dalla scomunica. T. XVI 
pag. «r. 

1385. ^ ^ 

Il Patriarca d'Alanzonc assegna 
agli eredi di Federico da Por- 
zia già Vicedoniino ducati due 
mila di quel danaro , che tu 
giudicato ad esso Patriarca per 
sentenza di Francesco da, Car- 
rara . T. XVI pag. 9*, Egidio 
le Doullie di Rotoma^o Cano- 
nico . T. XVI pag. 94» France- 
sco da Spegninbergo Vicedeca- 
no , Antonio Ronconi, Bartolom- 
meo da Bobbio , Giovanni da 
Trieste , IPrancesco ^ da Udine , 
e Antonio dalla Torre Canonici 
prebendati. T. XVI pag. 94. n 
Carrarese destina di mandar gen- 
ti in Friuli in servigio del Pa- 
triarca . T. XVI pag. 94- Si ac- 
cennano molte turbolenze del 
Friuli contro il Patriarca . T. 
XVI 'pag. 9< . Il Fatriarca scri- 
ve al Carrarese ragguagliandolo 
di vari movimenti in Friuli , e 
lo prega di pronto soccorso . 
T. XVI pag. 97- II Patriarca c- 
Icgge per Avvocato della sust 
Chiesa Francesco da Carrara, 
e lo investe di varj Castelli u\ 
Friuli. T. XVI pag. 104,' 

ii8« 



AQ 

Icgt £tz U Repablica à\ Vc- 
iiezfa, Antonio datla Scala , e 
afcaoì nobili Castcllaaì , e Co- 
munifX del Friuli per la cron- 
scrvarìone dcllt franchigie , e 
dc*diimi della Chiesa d'Aqai« 
Icja , e dì tntto il Friuli; T. 
XVi pag. io5. Ferdinando Pa- 
triarca Gerosolimtuno Vicaria 
delia Chiesa d* Aquileja : Breve 
di Fapa Urbano ad esso , perete 
s* interponga mediatore a seda#. 
re le discordie del FriuUr^ ^^ 
guerre fira France^o da Carta* 
xa , e Antonio dalla Scala • T. 
TiVl pag. »09. Presenta agli Udi- 
nesi le lettere papali delle sue 
commissioni. T. XVI pag* ixS» 
13S7. 

Ctvidàlesì uniti in lega col Car- 
rarese ^ e col Vatriarca d' Alao- 
rone si protestano d* esser pionti 
a far U pace ^ T. XVI pag. 131. 
Il Carrarese richiama i suoi am- 
basciatori che aveva spedito in 
Udine a trattar la pace. T. XVI 
pag. 143. Commissioni segrete 
del medesimo per questo og- 
getto . T. XVI pag. 143 . Il Car- 
tarese vuole, che 1* Isttia sia 
consegnata nelle mani del Pa- 
^iarca. T. XVI pag. r44. Ma- 
neggi , che gir Ambasciatori del 
Carrarese facevano per la pace. 
T. XVI pag. 145. Veneziani man- 
dano soMati in FtiuH contro il 
Carrarese . T. XVI pag. i^S. 
Gif UdiocsI scrivono al Duca di 
Baviera lamentandosi della guer- 
ra mossa aj Friuli dai Carrare- 
se. T. XVI pag. 149. Bolla di 
UtbaTK> Vi al Patriarca Ceroso- 
Jinùuno nunzio apostolico com- 
mettendogli di pacificare il Fri u- 
S, e dì ridurlo sotto T obbe- 
dienza del Cardinal d* Ahmzo- 
ne. Il Patriarca Gerosolimitano 
deputa Ottoboo- da^ Cenoda Pc- 



A Q ij 

cano d* Aquileja a presentarsi al 
Marchese d'Estc, perche sienr» 
restituite le terre, e i Castelli 
della Chiesa d'Aqaileja occu-. 
pati dal Signor di Padova • T. 
XVII pag. 4. 

Inette ra di ^Giovanni Patriarca 
eletto , e del Marchese di Mora- 
via suo fratello al Carrarese rac- 
conundandogli la difesa della 
Ch'osa d' Aquileja . T. XVII 
pag. 9. si muovono maneggi di 
pace, o tregua in Ferrara . T. 
XVII pag. II. 11 Pattiarca elet- 
to pretende , che il Carrarese 
debba rilasciare i Castelli da 
lui ritenuti in Frinii, alrrimen- 
ti h risolato dì muovergli guer- 
ra. T. XVII pag. 14, 
1389. 

Istru mento di pace e di concor- 
dia fra Gh>vanni Patriarca d'A- 
qnileja , e la Comunità di Udi- 
ne per la morte di Federico da 
Savorgnano ncciso . T. XVII pag. 
*6, Suo Vicario in- spirituale 
Marqu ardo dottore de* decreti. 
T. XVU pag. a«. 
i39a- 

Carlo da Camino eletto Cano- 
nico d*AquiIcja • TJCVII pag. *6, 
IJ94. 

Gli Udinesi fanno istanza , per- 
chè sia eletto un Patriarca a lo» 
ro grato. T. XVII pag. fa. 
1404. 

Roberto He de* Romani racco- 
manda «1 Patriarca gif af^ri del 
Carrarese • T. XVIII pag. tf j. 
x4o8» 

Lettera di Antonio Patriarca a* 
Veneziani dolendosi , che da*Giu- 
dici d«lla Curia Veneta sia sta- 
ta fatta una sentenza a petizione 
di Beatricie da Camino eDi> 
tro i Conti di Porzia , come 
sentenza di foro iacompeteftcc'. 
T. XIX pag, té. 

B 4 xi>ij« 



lA A R 

Lodovico Duca di Tech Patriar- 
ca eletto . T. XIX pag. 6z. Com- 
preso nella tregua fra Sigìsmon« 
ko Imperatore , e i Veneziani* 
T. XIX pag. 65. 
14T7. 

I Bellunesi si congratulano col 
Patriarca Lodovico di avere a 
tempo rimediato ad una con- 
giara contro di lui } esibiscono 
se stessi in loro aiùto^ e gli di- 
mandano conto delle operazioni 
de* loro ambasciatori in Cosun- 
.za. T.XIX pag. xoj. Lodovico 
scrive a* Bellunesi inviando loro 
copia de' privilegi imperiali altre 
volte ottenuti da* Fatruichi sopra 
gli onori , e I* amministrazione di 
Feltre, e di Belluno . T. XIX 
pag. loj. 

1418. 

II Patriarca Lodovico raccoman- 
da a Federico , e Prosdocimò 
Conti ài Porzia d'esser fedeli, 
roenue esso io breve è per ve- 
nire in loro a)uto, spezialmen- 
te dopo che i Veneziani aveva- 
no preso Cencda • T. XIX pag. 
zo9* 

X419. 

Il Patriarca promette t* Bella- 
Beai, e à'Felrtini di correre in 
loro soccorso colle genti XJtì'^ 
garesche ogni volta, che fosse- 
io assaliti da' Veneziani • T. XIX 
pag. 119. 
Aragona • Gli ambasciatori del Re 
passano pel Trivigjano • T« VI 

|?*g- 74. 

Arbè sai Veronese preso da* Ve- 
neziani .. T» XVm pag. 5 9, 

de Arbih CtrrMd^ ambasciatore del 
Re di Boemia a Trivigi . T. IX 
pag. rpf. » 

Arbizano io Val Polìcella • T. 
XVIII fag. $9. 

Arcade Villa soggetta a' Conti dt' 
Collalio, T. Xm ptg. S7. 



A R 

degli Arcavoli Jr§ldé Trivì^ntf. 
T. IV pag* ì t 

Arce del Veronese. T.XVIII pag.5« 

degli Arcelli Fittjfjt^ t Bdrt$Ummi0 
fratelli Conti di Val Fidona con^ 
eludono tregua Con Filippo Ma- 

. ria Daca di Milano . T.XIX pag. 
90 9J 97. Filippo Capitan ge- 
nerale deir esercito de' Venezta- 
fli contro Sigismondo • T. XIX 
pag. 1X7. 

' ■ MMrtlt^9 procuracore di Fi- 
lippo e di Bartolommeo fratel- 
li degli Arcelli . T, XlXjpag. 
92 9J. 

Arceto Castello sul ter n torio di 
Reggio. St9rU . Ti X pag. 87 
De' Signori da Fogliano . T. X 
pag. 89. . . 

Archipresbitero Nlectle nanzio e 
«indico de' Bassanesi • T. Ili 
pag. 29 51 jj. 

— BMrfl9mmf T. IH pag. 5 8. 

de Arciglano U^uthm Capiunia 
di genti Padovane • T. VI pag. 
13* 

Arco , e suo borgo • T. II pag. 
15. Castello. T. n pag.xtf.Da- 
to in pegno dal Vescovo di 
Trento a Mastino dalla Scala* 
T. XII pag. IJ7. Giovanni qu.. 
Gerardo Capitanio in Arco per 
Mastino. T. XII pag. x^j. I Si- 
gnori d* Arco governavano col 
rìtolo di Capitani di Mastino . 
T. XII pag» i5j i67> Franccs- 
to Vicàrio . T. Xll pag, x6j. 
Archerò Arciprete della pieve 
di S. Maria . T. XII pa^. x^t. 
Questioni fbi i nobili e x popo- 
lari. T. XII pag. 16). Era fèu- 
do della mensa vescovile di 
Trento dato a' Signori d* Arco • 
T* XI V pag» 12* 

d'Arco Signori loro commercio 
co' veneziani impedito da' Vero- 
nesi. SfrU T. vn pag. 49 50* 
Privilegi concessi a' Signori d'Ar. 
co da Rodolfo Duca d'Austria . 
e da 



AR 

^ (U Mafgaerica Contessa del 
Ti tota» T. XtV pag. i+. 
*— • Jttframd» , P^nciirs , Ulrit$ 
Pd»eitrM , Adélftrié totd si onis- 
^OQO col Vescovo di 'tuàto *on- 
uo ^celiaci . T« II pag« 15 itf 
27 i8- 
*— • oldtìco pMtttTH àxhiìàt Al- 
pa dalle genti Veronesi spedite 
da Mastioo • T. \t pag. 149* 
Gratificato d4 r,giiotìe Vescovo di 
Tredto . T, H pag. xso. Sua 
seotenla conuo akntti suoi vas« 
saYti , da coi appariscono le cru^* 
delt^ , clie ii usavano in que'tem- 
pi a^pr^jon/éri di gaerra « T« 
III pa$. j7. Unito a* Signori di 
Mantova , e di Verona £1 pacfó 
co* Duchi della Catintia. T. IV 
pag« t49. £* consigliato dal Yt* 
tcKTfò di Trento a tion prescire 
aiatò a* Bresciani assediati dair 
ImpcxatOrc Enrico • t. V. pag. 

■ " ■ Ffdériè§ «jo. Ripratfdo de* 
Pòncu nel suo testamento la- 
saa Guglielmo qn. Ugolino da 
Arco tutore a Matteo suo figlfuo* 
io • T« XII (dg. t«7- 
' Hitfli tt OttvMhnì suo ni- 
pote creditori dal Vescovo di 
Trento di if s fiorini aveva^^ò 
lo pégno Arco dal Vestoiv) sVa- 
detto, T. xn pag. ijtf. Sod- 
disfiittf di qdesta somma da Mas- 
tino, "f. XII pag. 138. diovan^ 
lù qu. Geratdo Ca^taoio in Ar- 
co per Mastino . T. xn pag. 
2dj« fi Gerardo e Vinciguerra 
figli di Niccoli Capitanio inch'^ 
esso d'Arco • T. Xll ptg. x«j 

— — • AmfnU 40. l9icc<$lò . Al* 
tetto degli Orti Vescovo di Tren- 
to ^ nnnova la investitura di 
l»<ti \ fendi ) die I suoi pre. 
decessoti avevano avuto dal 
Vescoraio di Trento ; dal- 

^ li qitai lnv«ftìnini li nleva 



, Ali »5 

cbe gli Scaligeri occupavano a* 
Pignori d* Arco il ripatico di 
Kivaj ed altre giurisdizioni. T. 
XIV pag. 12. Sue convenzioni 
e patti col Visconti per laguer. 
la contro Antonio dalla Scala « 
T. XVI pag. 140. 

«— - Vimetgufrrd e d»t§nU fratel- 
li alleati de* Veneziani compre- 
si nella tregua con Sigismondo. 
T. XlX pag. 6s. Come aderenti 
de' Veneziani entrano nella le- 
ga Col Duca di Milano con- 
tro Sigismondo . T. XIX pas. 
88. ^ 

*•— Vind^Uirrs qo. Antonio t«U 
timom'o m Brescia . t. XlX pag, 
98. 

d*Arcotiate Or»f»rì§ qu. Zatìino 
de*Tanverii Cittadino e notajo 
di Milano. T. XIV pag. jó 40. 

degli Arderighi C*rdrdin$ da Par- 
ma Giudice Vicario del fo- 
destì di Tiivigi. t. Iv p4g. jj 
48. 

■ ' ■ Atittk^» da Parma . T. V 
^g. ri* Testimonio al testa* 
mento di Rizzardo da ^amido. 
T* V pag. 159. Giudice. T. VX 
pag. 49. Suo credito pres^ \ 
Trivigìaói avvalorato dalle is- 
tanze de*Parmigiafii . T. Vii pag. 
j8. 

— *• Pietf da Parma giudice e 
Vicario dèi Visconte di Serra- 
valle . T. XI pag. 84. 

Ardfcione Jwoedfé Pode«dl di Pa. 
dova . T, I pag. loj. 

Arduin$ Canoftico di Ferrara. % 
VI pag. 68. 
Gufll 
— _. XII 4^-^, .. ,, 

d'Arena t7j«»# Giudice Padovano 
T. Il pag. <f, e 7. 

— — t9mm4s» Giudice Padovano 
T. lì pag. 76 77. T. IIL pag. 

— -* Uc9f Dottor di leggi Pado- 
vano , T, III pag. 74. 



dc Area GuHuim» Custode di Lio. 
ne. T. XII pag. nj. 



té A R 

«— ^ Pé^ùU figlinolo di Pietro ao- 
tajo di F«aova. T. IV pag. tjo, 

^rcnsperch Castello , e Capiuniato 
in Friali ceduto, per sei anni 
dal Patriarca al Conte di Gori- 
zia . T. Vni pag. i8z, 

4e Arenzoa ^ra»c€$t9 d sottoscri. 
▼e in Torino alla pace «le* Ve- 
oeziani. T. XV pag. ir*. 

Arezzo è io lega co* Bolognesi • 

* T. IV pag. 104. Confato col 
Papa entra «ella pace de* Prin- 
cipi della Xx>mbaidia « T. XIV 
pag. 5H. Ar- 

Arfanu Villa di Conegliaoo. T.II 
f3$« 1*5 • Da* Trlvigiani assona- 
ta a Conegliatto . T. Ili pag. 40 
Era ab anticjno sotto i Trivigia- 
ni per confessione dc*CooegI(a« 
cesi . T. V pag. 69. Villa del 
Cenedese. T.-X pag. ii«. So^ 
getta anclie in temporale al Ve- 
scovo di Ceneda. T» XIX pag. 
144. Sua muda • T. XÌX pa^ 

Argenu degli Estensi • T. X pag. 
144, Kovit^ che ivi si dicevano 
a* mercanti Veneziani coo^o i 
patti. T. XIV pag^ H as. 

d^Argenspa^ C^rr/^d» da Cormono 
OH. Corrado giura pel Conse di 
Gorizia. T. VII pag. 8 9, 

Argine Castaldo presso Chioggia. 
T. IV pag. 162. Sfériéà^ T. XI 
t^i. re. 

degli Argogliosi <?«»ì^«»f da. Poru 
Podestà di Trivfgi « T. IX pag. 
^102 X04 10^ laj. Pimanda ur 
ccnza a* Trivigiani di partire 
dalla carica di Podestà per cer« 
te novità insorte f^Ut Roma* 
gnà » T. IX pag. ro8, 

■■ . 1 Bernard» qu. Giovanni nota- 
lo di Venezia . T. XVIi pag. 
tio. T. XIX pag. 44. 

de Ariano Rl^randin*. , e saa ^mi« 
flUa Veronese fuoruscita ntir^a 
In Tiiyjgi. T. VlU ^g. tao. 

degli Alienti Gratl^i^* giudice fiio* 



tascito Bolognese • T. 17 pag. 

l%* 127. 

■ T»mmds$ fuoruscito Bologne- 
se. T. IV. pAg. X2J 12.7. 

4a Arimini Alberico Podestà di 
Peltre. T. IX pag. U». ^ 

■ J»drea fra gU stipendiar) de^ 
Veneziani alla guerra di Cluog* 
già . T. XV pag. 4J. 

degli Atimondi GnglUlmè da Par- 
si^ siodico de* Veronesi • T, X 
pag. 142. Ottiene da Mastino le 
rappresaglie . T. XI pag. 47. 
Nunzio di Giovanni Arcivescovo 
di Milano ^1 ^Papa . T. Xllf 

Ari mondo PUtr§ Pod^st^ dj T/ivv 
gi. T. XVIII pag. 68 70 71 73 
7S 76 78 79. T. XIX pag. 2t. 
Capitanio generale di Padova giu- 
dice delegato nelle contese fra 
le due Comunità di Bassano, ^ 
di Citudflla per 1* acqua Rosa- 
ta, e $aa sentenza. T. XlX^ag, 
21 27. 

Arìng^U anziaao di Verona • T. 
m pag. $}. 

degli Ariosti B»BÌfé^J* ^^ Bologna 
tesdmonio in Ferrara . T. XIH 
pag. 9u 

Arlesega villa, del Padovano • Tè 
V pag. ijj. 

d* Armagpacco Conte ^ per <ii- 
scendere in fulia contro U Vi« 
sconti in favore del Carrarese. 
T. XVII pag, 41. Coa un gran- 
dissimo esercito. T. XVIl pag. 
49. Arrivi^ in lialia . T. XVI^ 
pag. $1. 

de Armato BérfUmm^ Vctooc^ 
se. T. IV pag. 141. 

Armenia minore oppressa da' ne- 
mici 4i Cristo . T. Xm pag. 81. 

Arnaldi MÀrtimtU0 notaìp di Vi* 
cenza. T. U pag> «6. 

Af^iildà Abate del Monastero Tn- 
selense I»egato Apo^toUco sco. 
munica i Vencpani . T. V p«g. 
109. Cardinal Legato . t. V 



pag. 117. 



At- 



A R . 

Anasìoi 0ti>«ii»# Vicentino •. 1^ II 
pag. jo^.^ 

^cgli Arnasii Albtm da Bologna 
gìadice Vicario del Podestà dì 
Treviso . T. VtlI pag. 74. Am- 
basciatore de* Bolognesi a Pado- 
va e Fenara . T. IX pag. +. 

ilioiaoo P»llt9 Trentino • T. Il 
pag, 15 itf. 

▲roQO Vitla del Trivigiano di \\ 
dalla Piave T. XII pag. 49. 

dair Arpa Hodélfo testimonio in 
Fctrlra . T. XIX^ pag. 99» 

^e Arpo Zé»$»§ Gicidice Trfvigia- 
fio. T. I pag. I). T. Ili pag. 
109. Scacciato da Trivigi co* 
^astelfi . ri in pag. loa, T. 
VII pag. f26 1*8. 

^ >, ■■ Mil'frin§ testimonio in Trì- 
vi^ . T. Il pag. ai a4* Amba- 
«cutoie de*Tcivi0ani al Papa • 
T. n pag. 6). Notaio sindico 
de' TriVigiaoì . Tf. il pag. 145. 
5iiidfco de* Trivigiani . T. Ili 
pag. 69 70 7> 72. e segg. fiao 
j| 84* Giudice. T. Ili pag. tji. 
Giudice arbitro nelle controver- 
sie pei r et èdita Gaidotti • T. 
ili pag, 147. 

•— :- Melile t. IV p. ja. T. V p, 
101 Sapiente di Tiivigi. T.VJ 
pag. ao. Anziano • T. TI pag. 
57 Sf. T. VII pag. ij j5« Giu- 
dice. T. VII pag, 50. Sapiente. 

' T. VII pag. 1)3 175. Gmdice. 
T. yill pag. 109. Giudice Con- 
sole del Comune di Tiiv%i . 

SfrU . T. VIII pag. • j. - 
m , i» Mtlì$ri3é giurisperito testi- 
monio in Serra va Ile air istru men- 
to di pace fra Rizza rdo da Ca- 
mino , e la Chiesa d* Aquileja • 
T. XI pag. 9» ?resenic in Bru- 
gocia alia protèsa del Vicario 
d' A<{vàÌ€\z ctmcro nizzardo. T. 
XI p^. r4. An2Ìaq4 io Triv^t« 
T. XI pag. 99* Giudice Sapien- 
te . T. IX pag. 119- 
V Alhrf§ dì E^eliqo tesumo- 



.A R 7f 

nio in Tfivigi alla rinnovazione 
de patti co* Coneglianesi . T« II 
pag. ^4. 
*— *— Oldérlcè . T. Il pag. 75 , 
e Vecetltnt suo figlinolo • 'f . IC 
pag. I5S. 

— ■ B9ntne9»tr§ Giudice amba- 
sciatore de* Txiv^iani . T. II 
pag. XI 7. G'»dice arbitro nelle 
controversie per V eredità di En- 
sedisfo Guidotti . T. lU pag. 
145. Sua sentenza. T. Ili pag. 
157. Favorevole a Gerardo da 
Camino • T. Ili pag. ioa. T. 
VII pag. ia7« Dottor di legge 
eletto Giudice dal Vescovo di 
Ceneda contro alcuni suoi vas« 
saia*. T. Ili pag. 110. Dottore 
giudice arbitro nelle controver- 
sie fra i Trivìgiani, e il Vesco- 
vo di Felrre per Oderzo eMus- 
solente . T. III. fag. ìjj 154 
ijtf. Testimonio m Trivigi ad 
un atto del Vescovo , ■ T. IV 
pag. 24- Ambasciatore 4 Pado- 
va. T, VII pag. t47. 

— — 6§n'aeufst» . T. IV p, )i, 

— Pìtfr» Giudice Avvocato de* 
Trivigiani . T. Ili pag. ii. T. 
IV p; 11. T. VII pag. 11$ 127, 

— ^ Fr. putr0 del panitodt*Ca- 
minesi, T. Ili pag. los. 

"*— GéhrìfU CapitaniD di Mon- 
tebelluna . T. VII pag. xtfc. 

— r Pittf e Galiat$ mandati da* 
Trivigiani all'esercito di Masti- 
no con tre cavalli . T. X pag. 
164. Pieno ò Alberto di lai 
fratello tornano air esercito di 
Mastino con tre cavalli . Tom. 
X pag. 172. Pietro qu. Gabriele 
Anziano. T. XI pag. 99, 

Rnsign9l9 scacciato da Tri- 
vigi co* Castelli • T. Ili pag. 102, 
T. VII pag. i2tf. 

-V* Ouér;u9 Giudice T.III p.i 5 •* 

— i« Btntdttf Procuratore del 

Comune di T^vigi , T. IV. pag. 

*- Ti- 



ti A S 

•— TU$n§ Giudice . T. t pag. 
10^. Console io CaKcl&aoco. 
t. VII. pag. 159. 

m.^-^ Olivier» . T. VII pag^ 16» £let« 
to Stjpicotc. T. X pag.iai Mj 
1S9. Uno dc'Savi . T. X pag. »^8* 

« * ■ Cstttrìna C CbUrs qu. ttw^ 
Cesco dripatoie di Tri vi^ bene- 
ficate <^a Ckiar| da Camino . T. 
XII pag. loj. 

-tfcgli Arsenti 4ntnilB§ da Forfì 
dottoro esimio qu. iLainerìo pro- 
cnràtoie di Francesco da Cai- 
rara . T. XV pag. 108. 

Arsìe del Vescovo di Fejae . T. 
I psg* JJ* l'iota ;ii sottrarsi 
dalla gintisdizione di Feltre • T* 
Xit pag. »^i« . 

d*Artégna Pignori aderenti agUu- 
dinési contro il Cardinal d*Alan- 
zone Patriarca H, XVI pag, 104. 

Arten Villa tenta di sottrarsi dal- 
ia gin riedizione di Feltre* T* 
XIX pa^. III. 

da ILrten Zénnim» cQngiara con- 
tro feltre . T. XIX pa^ 61. 

Arugnano Villa del Vicentino • 
T. XVit pag. ii^ 

da Arzig;1ana Gersrdìnt qu. AgOf- 
tTno nòtajo di Vicenza . T. ir 

-*— &guct»ng vicentino . T. V p. 97. 

■ J?#«» qu. SÌgifre<io« T. VII! 
pag. 9. 

Asatidri Ainferù» procuraroTe del 
Conte Lodovico di S» Bonifazio. 
T. II pag. 89* 

Ascarani ladroni • T. li pag^ j 4* 

Ascoli capitale ima volu del Pice- 
no . 1*. Xlri pag. 80. 

degli Aserdi Klcceiò da Verona. o£> 
fiziafé in Trivigi per Mastino • 
T. XI pag. 99. 

de Asevolo Bmrreìaimmet procura- 
tore del Comune di Tcivigi • T» 
in pag. 144. A 

da Asiago Guilulmè Giudice Ks- 
saocsc abbrucia una caaa de*Bia- 
*ì t MRSsotente • T. IX .pag* 



2tf. Accasato al Podestà di Tr»*' 

viso , e bandito . T. I;c pag. 17. 

Assolco dal Colite di Gorizi». 

T. IX paig. a8. 
Asigliano Villa assegnata a Mestre • 

T. XI pag. r|8. 
Aslini Jnfiiw da Bassaào. T. IV 

pag, 177. 
Asolano , e soo Pedemonte , e 
. ville di tua ^odcstacta. T. XVl' 

Asolo Castello da Ottone Impera» 
tore fonati) a E.ozso Vescovo 
di Trivigi. T. IH i5t. DalCa* 
pitolo de* Canonici di Ttivigi 
dato ftì guardia al Comune . T. 
II j^ag, 14^. .eecacdpde^Castel-^ 
\\ ivi si rìiiia colie aoe gemiT 
Gexardo da Camino lo^.va ad 
assediare» ma è rispinto.; celi* 
accordo £icto in Asolo vien la* 
sciato a Gerardo » iuichè da* Tri» 
vip;iani gli siano pagate £. jo 
mria. T. Ili pag. los f««.Che 
dopo il pagamento delle L* jo 
mila siti Asolo esente pet set 
mesi dalle collette del Comttne 
di Trivigi . t. Ili pag. i9«. 
Provveduto di milizie da*Tcivi» 
giani . T. V> pagi z^. Provvedu- 
to da*Trivigìani . T. VII pag* 
90. presidiato.. T. VII pagk lox. 
Ócdine che t« mutino- le chiavi 
delle poste del Castello . T. Vtl 
pagk loj. Che i soldati facciano ' 
ja mostra alla presenza de* Ca«* 
pitantdi Bcaida . T. VII pag. i>4. 
Capitani di Braida ^ o di Asolo 

. IMnaldo dk Castello , e in di' 
lui luòjg;o Fiosso di . . • . • , ed 

. Ensedifio ói Giovanni ..»•• T» 
VII. pag. 169, Supplica t Tri. 
vigiani V perchè gli sia mvìtCi- 
■uto il aolito mercato, alHimen- 
ti gli abitanti erano- costretti dì 
abbiindonar la Terrai • T. VIIP 
paj;. K Panadino di Strasio alla 
Custodia pe* Trivigiaitt . T. VJIt 
P'g' ^9 jo. Provvedttoo e pre* 
si« 



A S 

4(2iM dt'Tiivigiaoi . T. Vni 
f^' 55* 1 Tdvigìaoi proibisco» 
DO, che gli Asolaftf vaàino a Ut 
flozEc di Kizzardo <fa Camiao 
in Fcltrc. T. Vili pag.4y.Gia- 
«ominaccio da Cattelccicco Ca« 
titanio • T. Vili pag. 41. Strì^ 
d<m fetd in Asolo da*Tiingia. 
fji . T. VIH. pag^ J6. Difeso con 
geoà Tctf^ane . T. Vili pag» 
ITI. Lavon iam celie fortifica* 
xiofil • I Trivigianl concedono 
loto W potziene tangente a qvél 
Pievato di dna imposidooe , per- 
ch^ la impieghioo in Bno?c fbr- 
.eifiéaaioAi • T. Vili pag. xt2^ 
t TriWgiant licenziano il sopra- 
.capitano , e I soldati ^ qntl 
piesidto ^ Té Vili pag. la». I 
Tiivigi^ol vi sospeodoso il mcr- 
.caco per àmoce de* nemici. T. 
5X pag^ 73* Giovanni de^Genzi^ 
^.ettoxe , e Pietro di Hieniberch 
Capitaoiò. T. IX pag. 73. for- 
tificato da' TxivigÌAni con legna- 
mi proTenienti dà lassano . T. 

IX pag. io8. Dlsoxdifli ivi nati 
in qiiel dì , che il Tfa>pesca 
entrò in Txivigi , T. IX pa^. 
xjj. Capitanio d} Asolo pe*Tri- 
v^ani. T. IX pag. 137* Il Ca^ 
picanio h, ipiprigiooare cinque 
4iofflini di Cavaso per estorcere 
danaio , e i Triv^ni gl'inv 
pongono a doverli nbsciare • T. 

X pag. so. pieve di Asolo man.. 
da guastatori a Mastino. T. XI 
pag. ai.. Castello riparato da^ 
Trivigiaoi. T. XI pa^. 49. Sua 
Pieve . Ibid . Villaggi del terri- 
torio Trivigiano assegnati alla 
IMcstaria.^T. Xì pag. ij«. }{ 
fodcn^ di Asolo doveva esigere 
il ialàtio dà quello di Treviso . 
jn fsg. 167* Djazb dt* cacti 
impcttù alle porche* T. XI pag. 
1S8 jf9. Capitanio e custodi 
pagaci da" Tnvigiaoi , J, XU 
^g* 4» Pp4cstà paj»ato da* Jji- 



A S t^ 

vigTaof . T. XII pag. j. Steftbo 
Concarini Podestà scn'vc aqnel- 

10 di Trivigi' dimandandogli le 
carte, che potevano dilucidare 
la xnattria de' confini fra Roma- 
no , e Bassano . T. XII pag. 04. 

11 Podestà di Treviso dà a quel- 
lo^ di Asolo quelle notizie, di* e. 
gli aveva potute ricavare da* pu* 
biJci r^cri intorno a queVoo- 
^ni. T. XTI p. 45. CVcd. J?4«4- 
»o) I Venerfani mandano amba- 
sciatoti a Padova per giustifica- 
re i loro diritti intorno al fatto 
de* confini di Asolo . T. XII pag. 
«8, Il Podestà di Trivigi scrive 
a quello di Asolo per essere in- 
formato , ic veramente fi)s$e ve. 
ro. che i Bassancsi avessero oc- 
cupato nel territorio di Roma- 
no orca trenta mila campi . T. 
XII pag. 81. (s'dwens, che ivi 
qutif d^cumenn fu ppsfà per 
trrTt di ij46 , méntri devt #/- 
*'rt til 1548) Provvedimenti At- 
ti in Asolo da* Provveditori Ve- 
neziani per la maggior difesa 
del Castello , e della Rocca. 
T. XII pag. 96. Lodovico Vitaf. 
le Podestà. T. XII pag. 8x 96. 
Benedetto Unghcro, e Giorgio 
.colle genti del Re d* Ungheria 
sono verso Asolo. T. XHI pag. 
53. Pietro fialbi Capiranij ri. 
chiede a Trevigiani , che fi)sse- 
ro cancellati dal numero de* 
handiti alcuni Asolani , -che ave- 
vano ben servito nella guerra 
contro il Carrarese . T. XIV p. 
88. Sì accennano le carte pu. 
bliche di Asolo abbruciate pri- 
ma della guerra degli Unghe- 
ri. T. XIV pag. 88. ^ nomina 
Giovanni Sanuto predecessore 
al Balbi. T. XIV pag. 89. Mu- 
nizioni da guerra e da bocca 
mandate in Asolo, eh' erano nel 
Castello di^. Vettore. T. XIV 
pag. 3«. Francesco Dolfino Po- 

drs- 



Jo A S 

tgt\ $ wa letteti ^ al Colle^b 
dì Tcìvigi, in cui si famenzto. 
ne de* traditoti , che diedeio 
CaSteJfraDco al Cauatete, e tU 
chiede piovvèdinieato sapendo , 
]che il Cassa rese, voleva assediar 
Asolo. T* XV pag. 51. Occupa- 
to da Francesco da Cariiua floo^ 
.comprtso nella pace co*'Veòè- 
zianl . T. XV pag. «a. Asolo e 
la sua Rocca fbitificatt dal 
Catrarcse . T. XVI pag. itf. I 
veneziani decretano la eleiione 
del Fodestk ^ e quale esser ne 
dovesse il salario » e la corte . 
T. XVII. pag. *5. Che il Fòdes^ 
t^ mandi alcuni guastaiprì a 
Trivigi per lavorare sulla Liven- 
za • T. XlX pag, 4*. Giorgio 
Viaro Podestà si allontana da 
tinti luogo a motivo della pes* 
rilenza • 't. XtX pag. tió* Un 
prete aveva tenuto di torlo dal 
domìnio, Venero pei darlo agli 
VngHeri . T. XIX pag. 127. 

da Asolo BùntHe9»tré dottore di 
Trivigi , suo giudizio che con- 
danna i Caminesi • T. II pag; 9* 

da Asolo Glruannì Rettore anzia- 
Bò de* Trivigianl . T. V pag. 17 r, 
»85« Notajo anziano • T. VII 
pagfc i37« Votalo anzijano del 
Comune di Trivigi. T. VII pag. 
j69 17?. Sapiente. T. VII pag. 
175. Dimanda a* Trivigiani ri- 
.sarcimento per danni sotferti in 
Asolo al tempo ^ che il Tempes- 
ta entrò m Trivigi . T. IX. pag. 
15 j. Attuano del Comune. T» 
IX pag. 1J5. 

da Asolo Hlefli qn. Antonio , e 
£smalfM notaio ribelH de'Vene- 
siani al tempo , che Lodovico 
&e^ d'Ungheria assediava Tri- 
vi^. T. xni pag. 68. 

àt(^ Asolo 0d9Mrd» dì Arnuno no. 
taio io Trìv^. T. XI pag. ij. 
Testimoiiio. T. XI pag. se. 

da Aaol» Ort#irtii»a anziano de* 



.'A-.T 
Trivigiam • t. X pag. $€, Sa- 
piente • T« X pag. 1$ j. Giudi* 
ce , sindico , e avvocato manda- 
to a^ Padova nelle controversie 
fra i Trivigijnf, e ì Cetiédesi. 
T. X pag. li 4. Sa picare . T. X 

' pag. I s 9* Giudice ambasciatore 
de* Trivigiani a.d Alberto , ^ a 
Masdno , T. XI pag. 17. Sua let- 
tera a* Trivigiani ragguagliando- 
li del suo operare in Verona « 
T. XI pa|5. u JJ, Jf- Spedito 
da* Trivigiani a Mastino per 
informarlo degli aggravjsotfèit^. 

' T. XI pag. 47. 

da Asolo BIétrà Capìtanio dc'|>e- 
doni Trivi^aoi . T^ XI pag. t ? . 

■ ^ ' ' Pr9sd9elm9 di Andrea notaio 
in Trevi»), T. IX pag, «48-7. 

de Assahmè 0d9rìc9 qu. Martino 
Padovano. T. II pag. l^.^ * 

degli Assandri <7«^ /»>?»# Mantova- 
no. T. IV pag. 148 149» Giù- 
risperito . T. IV pag. 15 j «P7 
aox ao5 xo% tn.T.'v p. j.tf* 

da Assisi Jàt9fé Cipitanio di gen- 
ti pel Cariatese . T. XVI p. 94. 

Aspi Gdjar9l9f e ZsUln9 Trivighi- 
ni fautori de* Castelli contro il 
Camincse. T. Ili pag, 106.' " 

Asti Citt^ in bando della Lega 
Ix>mbarda . T. I' pag.' 77. De- 
creto del Visconti , che i Met» 
canti ripiglino ti commercio col- 
le sue Città intetrotto per causa 
del morbo epidemico • T. XVIII 
pag. 21. 

Asticò torrente del Vicentino . T* 
X pag. 79. T. XI pag. iS4» 

de Astis' C*ec9 qu. Filippo da Fot» 
lì . T. XVnì pag. 20. 

Acicbatense Vescovo nunzio di Pa- 
pa Giovanni. XXll. T, Vni pag, 
r5o. 

Atri fiume ia Friuli . T. Xì^ p. 84» 

di Artemps j?«d«//« vassallo del 
Patibrca. T. I pag. 4^ 

.^— f;*fr» eletto dal Patriarca 
Gregorio a prenderò il possesso 
del* 



A T7 . 
dette terre donate aljii- CiJesa 
i^'Aqnìicia da Oabiicle e Ve- 
rèi/otto da Piata . T. Ilpag. j$ 

i— ■ Èrmétnn§ ^ in Udine al Par- 
' lamento generale del Xiloli • T. 
XI gag. 5+. 

■ "' Duriku» qu. Darìfigossio tes- 
ti mooio in Cividaie • T. XVIII 
pag. «4. 

d* Attemps signori maneggiavano 
una tregua colla Comunità di 
Cffidal del Ptiali • t. jyi pag. 

Avanzi Oìromnnl <{ìi, Saòano da 
Bassano. T. IV j>ag« 177^ T. V 
p^%» ^2 ptf. T. Y^II pag» 5 10. 

fc ■ Cnin'ifértt cblerjcp qu^ Basi 
sanò • T. V^ pag. 92, ^6« 

^ Gt9vMh$ ^a. Bassaao qti. 

Avancio, e 

T" N;t<#ii qu. AvanHo abSnj- 
ciaho una casa de* Bias) m Mus- 
so/enrè . T. IX pag. 25. Accn- 
jat/ al Podestà dj Treyist) . T. 
JX pag. i7. Bandftì , Ibid • ^s- 
éoltì dal Conte di Geu-ìzia •. T. 
IX pag. 2^- Testioionj in Bassa- 
ito , T. IX pag. 8|. Niccolò, 
t. It pag. 96 9t <••. T. Vili 
pag. 175. 

Astato trétmeesf teftimom'o ié Pa- 
dova . T, Il pag. f 14. 

«la AveRZOoe,/>riir»;« testimonio 
ad nn istryroento di procura 
del Conte di fonia , t. XVÌ 
pag. loj. 

Averoldo (S'fvsnnl qu. Giraldo cit- 
tadino di Brescia testimonio in 
Venezia , T. XIX pag. 1454 

A^ett <?ava di pietre sul Verone- 
te , X, IV pag. 141 T, XVIII 

AtezvtÀ m^éh§»0 Vicentino . T. 
V pag. Htf. 

Aogbno VilU di Cone^liano . T. 
Il pag» 45, Da* Trivjgiani asse- 
gnata a Concgliu»o . T. HI. pag. 



A cr , V 

de Afa^eio i)9mtmle$ mìlite am« 
basciatore di Enrico Imperatore 
a'Feltrini» T. VI pag. io. 

da AugubfO Jndrea professore di 
diritto , Giudice e Vicario del 
Podestà di Padova. T. V. pag. 
iji. 

Aiigud CUvÀHnl va in soccorso 
del Carrarese contro il Visconti 
con molta gente. T. XVil pag. 
41. E* eletto Capitan generale 
deir esercito Carrarese . T. XVU 
P>g« 45 é Suo. discorso per ani- 
mar le genti . T. XVII pag. 4-^. 

d* Au^usu Vescovo spedito alla 
kegma d* Ungheria dal ì>aca 
Leopoldo . T. XVi pag. 4^. 

da Aviano NìcttU è in Udine al 
parlamento generale* T* XI p. 
54. 

A Viano Castellò consegnato a* Si- 
gnori di Porzia dal Vicario del- 
la Chiesa d*Aqnilc)a per timo- 
re , che cada in potere di ÌLiz. 
zardo da Camino .. T. Xl pag. 
SS» Invaso con esercito dalCa- 
mìncseé T. XI pag, 5« 57. Co- 
munità io Friuli àrnica ed allea- 
ta di Sacile • T. XIX. pag. 43 
44. . 

Avibianense Ci^'Vdnni dì Mellotto 
Canonico. T. XII pag. 115. 

Auleano villa de'Caminesi cc4uta 
a Conegliano. T. I pag. 85* 

Aulmerio P$4trt podestà di Tdvi- 
gi. T. I pag. loj, 

de Aunisto Engtltrì* Trivigiano • 
T. II pag. 71. Anziano e Am- 
basciator de* Trivigiaiii • T. II 
pag. 73 P4 95. 

Auhoredo bosco de* Tidvigiani . T. 
XII. pag. 4. 

Avoscano jAe9f nobile Bellunetc 
qu. Guadagnino . Diploma dì 
. Carlo Imperadore , col quale 
gli dà e concede in perpetuo il 
Capita niato di Agordo , e di 
Zoldo col mero e misto impe- 
to. T, XU fag. ts. Patto età. 
di- 



ti A U . • 

aitore gif uòmini di Frossf» d? 
Livìnalc Longo, e di B.Occ« di 
P lettóre giurano fedeltà al Vicario 
dclllmpcradore . T. XII pag. 119. 

de. Aurcliafìo Avfisrt; da Vicen- 
za Capita nio in Colognt • T. 
XVIII pag. 7«. 

4e Aurilia Slmé»nt qa. Giovanni 
Bassanese, T* li pag. ^i. 

Austria . Anno 1 179. Leopoldo Duca 
d* Austria te&timonio al Diploma 
di Federico Imperatore in fa* 
vore della Chiesa di Fcicre • T. 
1 pag. *7» 
1311* 

Federico e Leopoldo fratelli pre- 
gano BJzzardo da Camino Si* 
gnor dì Tiivìgi a risarcire alcu* 
ni mercanti di Vienna, i quali 
erano stati svaligiati m Cadore t 
T. V pag. i^j. 

federico Duca d* Aostrìa rìchie- 
de a'Trivigiani ztsarcioAento di 
danni , che i suoi sudditi ave- 
vano ricevuto in tempo di Ris- 
sardo da Camino. T. VII. p« 
ji 4i« Va in di lui soccorso 
Enrico Conte di Gorizia anche 
con genti Trivigiane . T. VII 
pag. 40. Si scusano Ì Trivigiani 
per quel rlsarcimeoto dicendo, 
^he t danni eran stati fatti in 
Cadore, che non era del terri- 
torio ài Tjivigi , n^ por celk 
Marca . T. VII pag. 47. 

Federico manda in Italia alcu« 
ni suoi ambasciatori per trattar 
de'publ^ci afiàri. T. vni pag. 
ij. Li raccomanda a*Trivigiani 
partecipando loro Y alleanza con- 
tratta con Roberto Re di Sici> 
Ila, e il matrimonio concluso 
fta Caterina sua sorella, eCar^ 
lo primogenito di Robeno. T. 
VIII pag. ij. Elisabetu moglit 
di esso Federico . T. VIII pag. 
II. 1 Trivigisni rispondono a 



MS 

Federico lettera d! coogratattrf 
zione. T. Vili ptg. 15. Passag- 
gio di Caterina per Trivigi , e 
regali fattile da' Trivigiaiu • T. 
Vili pag. itf. e segg. 
i3»7. 

Federico Re de* Romani ringra- 
zia i Trivigiani de* buoni tratta'^ 
menti fatti alla sorella , e li rag- 
guaglia della buona podtura de* • 
suoi aflEiri. T« Vili pag. 4^* 
2jr8« 

Suo Diploma, con cui concede 
alia Città di Trivigi T.Univer- 
tv^ degli studi . T. Vili pag. 
iS5* Concede a* Triv^iani di 
poecf acrolar soldati ne* suol 
stati. T. Vili pag. 15 S* Manda 
ambasciatori a* Triv^bni . T. 
Vili pag. rÌ7. 
1119. 

Questi ambasciatoti sono svali- 
giati per istrada. T. Vili pag. 
X59* I Trivigiani gli giurano fe- 
deltà . T. Vili pag. x€q 161 
t4x t6i„ I Trivigiani pagano gli 
ambasciatori . T. Vili pag. x 54 
itfs. Scrive a* ConegUanesi esor- 
undoli alia costanza , mentre 
lor prometteva solleciti soccortf 
contro Guecello da Camloo , 
che II molestava . T. VIII pai'. 
X70. Seconda lettera a* medesi- 
mi assicurandoli , che in breve 
è per venire con fotte esercito 
in Italia a liberarli dalla perse- 
cuzione de* loro nemici . T. 
Vili pag. 17 1. Li avvisa, che 
non potendo mandare il fratello 
in loro soccorso, siccome ricer- 
cavano, mandava loro il Conte 
Enrico di Gorizia suo zio ma- 
terno. T. Vili pag. 17 J. Des- 
doa il Conte Enrico alla difesa 
de* ConegUanesi . T. VIU pag. 
X77 I79. I Padovani sì dann« 
sotto la protezione di hti • T« 
VIII pag. 184. 

ijJS. 

Elct- 



'BlcRo giadice arfajcro fra il Re 
d/ Boemia , e Cangrande per le 
reciproche pretese sopra Pado- 
va, T. IX pag. 74- Si publica 
ristru mento del compromesso. 
T. IX pag, 79. Segue V istru- 
metito* T. IX pag, 80. Suasen- 
tenza ptoTÌsionale , T. IX pag. 
• a* 
• ^jatf. 
Congresso tenuto in Germania 
fira X ignori di Baviera, di Boe- 
mia , d* Ausrtia ^ e di Carincia • 
1^ IX pag. 9«. 
i3a7-^ '. 

I>ucbi d'^Ao^a tengono tin col- 
loquio col Re di Boemia « T. X 
pag, $ 5 7 8. 
ijap. ^ 

I Ttivigianirivocano, ed annul- 
lano le dedizìooi %ìk fttte in ad- 
dìetf o a* DucHi d* Austria • T» 

• X pag. 63 . 

Aìbéno e Ottone Duchi d* Ans- 
tth sono investiti da Lodovico 
Imperadòre delle due Citt^ di 
Padova, ediTriv^i, T, XI pag* 

m», _ 

:E H crea Vicarj perpetui in es- 
se ; concedendo loro le derte 
Cittì a titolo di feudo imperia» 
le. T, XI pag. lo^t 
13^0. 

II Paca d'Austria ^ in paria- 
memo eon Carlo Im^ratóre, e 
con Lodovico Ke d* Ungheria. 
T. Xin pag. 85. Un suo eserci- 
to e a Pordenone , e da* Vene- 
ziani ottiene il passaggio pel "Frì- 
vigiano, T. XIII pag. 87*. 
i)<l. 

Tiivìlegj concessi dal- Duce B.o- 
dó\h a' Signor? d* Ateo , e- da 
Maturità Contessa del Titolo # 
t/ XIV pag. ,4. 

Il Duea d'Austria ^ In guerra 
Tomo XX, 



contro li Paviarca. T.XTVpa^* 
ai. 
i}69. 

Le ganti de" Ituchl d* Austria 
mettono in apprensione i Con- 
ti Collalti ,' e i Venewatn . T. 
XIV pag. $a. 
i37e. 

I Sercavallest temono de* Duchi 
d'Austria , fila il Càrtarese li 
assicura, che non vi sarl^ guer« 
rà con quc* Duchi . T. XIV p. 
$4* Sono però in guerra contro 
i Veneziani . T. XtV pag. 55. 
Pace co* Veocziaai , T. JÓV 
pag. 70. 
' »J7j. ' ' * ' 

Alberto e Leopoldo fracetli ftn- 
no pace col Carrarese , it <i^a- 
le cede loro Fé Irte, 3eI1uno, a 
tutta la Valsu^ana . T, XIV p, 
8a, Publico decreto di essi fra- 
telli , in cui si dichiarano le ob- 
bligazioni contratte col Carra- 
rese, finché egli siarà in guerra 
co* Veneziani ìa vigor della 
suddetta cessione» T. XIV. pag, 
«J. 
137^ 

Ammasso di genti f^tto dairAus- 
triaco, che mette in gelosia i 
Veneziani , e i Trivigiani, T, 
XIV p^. 9^. 
r375. 

t Veneziani proibiscono , che 1 
•mercanti Tedeschi portino mer- 
canzie dall'Italia negli stati de- 
gli Aostnacf • T. XT pag. 4. 

l|7#. 

Diploma del' Duca iLeo^ldo , 
col quale concede a nchicsta 
della Citt^ di Belluno a Perce- 
vallo di Voeyacgg Capitanio di 
Belluno tutti i beni, che furo- 
no di Brocca da Castello con- 
fiscati. T. XV pag. 5« Leopol- 
do ^ in Feltre con una truppa 
di gcntì . T. XV pag. 7. I Ve- 
peziani temono , che fàccia unt 
C scor- 



3* . A.tr^ 

tcorieiia sul Tnvigiano. T. XV 
pag. 7* Aà Istanza del tie d'Un- 
gheria Alberto e Leopoldo con- 
cludoflo tregua co* Vcnczrani , e 
col Carrarese . T. XV pag. 9. Il 
Doge comanda , che si publichi 
la tregua. T. XV pag. 11. 
5378. 

Prorogano la tregua co* Venezia* 
ti!. T. XV pag. 12 ij. La tre- 
gua è per spirare , e f Venezia- 
ni si preparano alla difesa . T. 
XV pag. 14. Leopoldo assicura 
la Comunità di Belluno , die 
sempre fii sua intenzione, ed ^ 
che il Castello di Zumelle , e 
quello di Cesana siano sotto !a 
giuiisdiiione Bellunese* T. XV 
pag, 15* Alberto partecipa a*Bel- 
Junesl la pace fatta co* Venezia- 
ni colla restituzione del CasteU 
Jo di S. Vittore , e della Roc- 
chetta » e della Chiusa • T. XV 
pag. 15» Ducale che partecipa 
a*Trivigiant la pace co' Duchi 
d* Austria . T. XV pag. 1 7. Leo» 
poldo scrive a' Bellunesi , che 
debbano soprasedere biella ques- 
tione co*FcItrini pel Castello di 
Zumelle fino ali* su» venuta in 
Selluna. T» XV pag. 17* I Bel- 
lunesi scrìvono al Duca lamen- 
tandosi della proibizione fatta, 
che possano essere trasportate 
fuori di territorio vettovaglie di 
sone alcuna. T. XV^ pag. 18. 
Xeopoldo avvisa t Bellunesi , 
' ch'egli ^ in breve per portar- 
ià presso all'Adige , e che pe- 
i^ essi mandino coCi oratori 
per parlare delle cose loro» T.. 
XV pag, 19. 

X379» 

Alberto partecfpa a* Bellunesi ^ 
come i Venezia ni avevano Restitui- 
to i Castelli di S.Vittore, e della • 
bocchetta . T. XV p. 15. Ne fan- 
no prendere il possesso per due 
loro Proemiatoli • T, XV pag» 



A IT' 
ì6. Avvisa i Bellunesi dì une 
nuova guerra contro i Venezia- 
ni, e delle genti spedite al Re 
Lodovico loro alleato . T. XV 
pag.^ j o. Scrive a* Bellunesi , co- 
me in breve e per venire in 
Belluno ', e che inwnto si ri- 
portino pe'publici afiàrì a Gio- 
vanni di litestain ^o Con- 
sigliere , che spediva a Belluno • 
T. XV pag. 3 f. Leopoldo parte- 
cipa a* Bellunesi , come erano 
seguite le divisioni fra luf , ed 
Alberto suo fratello , e come 
Belluno era toccato dì sua por- 
zione • T. XV pag. 32. Leopol- 
do ordina a* Bellunesi , come 
del tributo, ch'essi erano sob'ti 
a pagargli in Natale, levino una 
somma di L. 11» di danari 
Viennesi , e la consegnino a Gu- 
glielmo di Glanegh per s^e 
avute da lui nella guerra con- » 
tro i Veneziani . T. XV pajf. 31. 
Leopoldo conférma Guglielmo 
da Pissiraga nel Vicariato di Bel- 
luno. T. XV pag» )). 
1380. 

Avvisa i Bellunesi , com*^ esso 
avea destinato di spedire t Bel- 
luno un suo Consigliere pec 
f unire quella parte, cheavreb- 
e trovau rea • T. XV ptg. 37. 
Commette a' Bellunesi di dover 
restituire a Drottone da Feltre 
oltre alla liberti anche tutte le 
robe tue . T. XV. pag» 57. si 
accenna come i Veneziani ave- 
vano sconfitto i Ducili d'Aus- 
tria • T; XV pag. 39. Scrive a* 
Bellunesi ringraziandoli dell^ al- 
legrezza dimostrata , perchè fra 
le divisioni con suo fratello Bel- 
luno ersr toccato ad esso • T» 
XV pag^ 40. Ordina a^BelluQes? 
ad invigilare , perchè non sia- 
no trasportate vettovaglie nella 
Marca Trivigiana • T. XV pag» 

ijSr* 



A U 

teopoldo scdvc a^ B^Ilufiesi , 
the dovcsseta owervarc ciò , 
che avcra decretato per stia par* 
te Kiccolò Vintici y mentre fu m 
Sellano. T. XV pa^. 5»* I Bel- 
&oes! gli scriroflo il loto dis« 
piacere pct avere inteso, ch'e- 
gli età pei cedete Belluno al 
Kc d'Ungheria é T. XV pag. 55^ 
I Belluotsi gli pattecìpano, co- 
me SeriAvalle età venuta sotto 
il eoo doni^nio ^ e gli ptescnta- 
no alcuni capitoli. T. XV pag« 
57. Stipala istf omento di lega 
c»l Re d* Ungheria, f. XV pag, 
52. Ringrazia i fiellunesf del lo- 
ro zelo 9 e fedeltà , e lot pat- 
tedp« , chef fra bt ève sitÌL nelle 
patti di Ttivigi con un potente 
esercito . T. XV pag^ 59. E*" 
fatto padxoae di Trivigi , e i 
Bellunesi si congtltulano dell' 
Mcctcsclmtnto del suo stato . T. 
XV^ jpag. $p.^ lettera della Cit* 
tk dì Trfrigi la Duca nel prin-^ 
cipio del suo dominio ^ T. XV 
pag« 6f, Risposta di Leopoldo 
ptonfìettendo loro assistenza e 
ftvote, e di esser piesto inTri- 
v^i. T. XV pag. 6u Partecipa 
a* Bellunesi di aver fitto ì\ nio 
•Dfemic ingtiesso in Trivigi, e di 
essere stato acclamato da tutto 
il popolo signote della Città , e 
Marchese di tntfa al Provincia , 
T;. XV pag. 62. JR^in^azia i Bcl- 
lonesi dell* ambasceria spedita a 
coogTfltulatsi pei T acquisto di 
Trivigi. T. XV pag.^ 5J. Scrive 
t* medesimi» che per la' custo* 
dia di Trivigi .mandino a lui 
sessanta pedoni . bene esetcitati 
e 6cdcU . T. XV jag. 6j. Suo 
prfviles^, con cui conferma, a 
Cofiegìiano gli statuti, e le an- 
tiche CDvsaetudini , e lo co» 
stituisce indipendente da o^ 
pii altra Città . T. xy pag- « -K 



]^icordi dati al Duca da'Ttiv'- 
giani pella custodia, e pelbuorr 
govetno della Città . T. XV p. 
5r. Risponde a'Trivigiaoi pro^ 
mettendo di esaudire le loto is- 
tanze al suo ritorno in Ttivigi . 
T. XV pag. 67. E li avvisa , che 
è per andate a Milano a tto» 
tat suo suocero ♦ T. XV pag. 
67. E di aver mandato amba- 
sciatoti in Ungheria . T. XV p. 
«7. Dichiata a'Trivigiani , ch'egli 
flon eia pet cedere ad altri il 
dominio dr Trivigf , come era 
itato dbseminato • T. XV pag. 
68.1 Triv^iani lo infornuna del- 
le ostilità osate dal Carrarese . 
T. XV pag. «8. Scfivc a* Bellu- 
nesi, che è pet andate a Mila- 
no . T. XV pag.^ 70.^ Nella pace 
col Re d'Ungheria si dichiara, 
che i Vctìcziani saranno conser- 
vati ne* loro diritti sopta Trivi- 
gi , e il Trivigiano , e il Cenc- 
dese ceduti at Duca Leopoldo . 
T. XV pay. B20 I Trivigiani gli 
Spediscono un' ambasceria per 
ottener molte cose T. XVI p, 
S» Ringrazia i Ttivigiani de!r 
animo pronto alla sua soggezio- 
ne . T. XVI pag. 6» Promette a* 
* Trivigiani un pronto^ soccorso . 
T. XVI pag. IO. 1 Trivigiani g'i 
manda nuovi ambasciatori per 
difendete le loro giurisdizioni 
conto i Venetiani , e contro il 
Cartarcse . T. XVI p. n^ 
ij8a. 

Giuramento di fedeltà prestato 
da'Trivìgiani al Duca Leopoldo . 
T. XVI pag. is. Risponde ali* 
ambasciata de' Ttivigiani accet- 
tando le loto istanze , e pro- 
mettendo che saranno accorda- 
te alla sua veauta in Italia. T. 
XVI pag. 15. I Trivigiani gli 
jinnovano le notizie delle ope- 
razioni del Cattaresc , e gli cs- 
pongono i loio bisogni» e i lo- 
C a ro 



1« 



Air 



TO pcricolf . T. XVI pag. itf. 
Nuove notizie de* medesimi de* 
gli avanzamenti del Carrarese. 
T. XVI pag. i«. I Trìv^ani di 
nuovo sollecitano la sua venuta in 
Italia . T. XVI pag. 19. rispon- 
de et e saranno esaudite le lo. 

10 istanze , e promette vicinassi* 
ma la sua venuu. T. XVI pag. 
2%. T.^so era andato al Re d* 
TJnghctia, e a trovare i! Duca 
Alberto suo fratello . T. XVI p. 
22. Elegge per suo Vicario in 
Belluno Niccolo de* Bombccarf 
da Cr^ont dottor Trivigiano. 
T. XVI ptg. aj. I Trivigiani 
iinrtovano le proteste della loco 
^doltà, k) avvisano delle ope« 
xazìoni del Carrarese , e della 
mancanza delle provvigioni neU 
U Città. T. XVI pag. jo. Tries- 
te si dà sotto la sua protezione • 
e i Trivigiani se ne congratula- 
no. T. XVI pag. ja. I Trivigia- 
ffii gli notificano, come il Car- 
rarese i^cea fabbricare un Cas- 
tello , ed uot bastia a Marvesa • 
T. XVI pag. j^.. Risponde ad 
essi , che presto sarà a Trivigi 
sbiigato , che si fosse di una 
dieta , che artt da tenersi in 
I.intz col Re de' Romani, e di 
Boemia. T.xyi pag. js $é, 1 
7'ivi^iani gli rinnovano Jeistan- 
l.e , perche mandi prestissimi 
soccorsi di genti, e di vettova* 
glie conuo 11 Carrarese • T. XVI 
pag. 3^. Lo ragguagliano come 

11 Carrarese aveà posto I' asse- 
dio alla Città . T. XVI pag. 
39. Rinnovano le lettele iotoi:- 
ro ali* avanzamento de ir asse» 
ilio , e al guasto del territorio 
utto dal Carrarese. T. XVI p. 
<o. Risponde a'Ttivigiani prò* 
inettendo di venir perionalmcn- 
te alla difesa di Trivigi . T. XVI 
p^g. 41. Nuovo ragguaglio de*. 
gli urtn^amcod del C^riaiese 



.A tr 

nel territorio di Trivigi, e con* 
tro la Città . T. XVI pag. 41* 
Risponde a* Trivigiani coofbr- 
tandoli , e spedendo milizie 
con promessa di esser presto c- 
gli stesso con tXttt, T. XVI p« 
42. Li incoraggbce di nuovo t 
resìstere contro il Carrarese prò* 
lus^ttendo di mandar genti subi- 
to, e di venir poi egli stesso in 
persona. T. XVI pag. 43. Nuo- 
vo ragguaglio de* progressi , e 
delle violenze del Carrarese, e 
del cattivo stato della Città sol- 
lecitando la stia venuta in Tri- 
vigi • T. XVI pag. 44. Pro- 
mette di ajuur Trivigi spe- 
zialmente coira|uto del Conte 
di Gorizia , al di cui primog^ 
sito avea promesso Elisabetta sua 
figliuola • T. XVI pag. 4^. Il 
Duca replica le tue promesse a* 
Trivigiani , accenna le genti ed 
il danaro spedito loro, e le sue 
speranze di avere a|uti da altri 
Principi. T. XVI pag. 4tf.I Tri- 
vigiani lo ragguagliano , come 
erano giunte le milizie spedite, 
ma senza vettovaglie , e come 
il Carrarese a* aveva allontanato 
dalla Città . T. XVI pa^.47 48 • Il 
Duca risponde a* Trivigiani pro- 
mettendo nuovamente di spedir 
genti , danaro , «ed altre cose ne* 
cessarle alla difesa, ed animan- 
doli di resistere coraggiosi • T» 
TVl pag, 49. 
1383. 

Leopoldo dà molte speranze di 
ajuti a* Trivigiani fondate sopra 
promesse di molti Principi del- 
ia Germania , e promette di ve- 
nir egli in persona. T. XVI p. 
49- La Regina d* Ungheria pro- 
mette in isposa al primogenito 
di Leopoldo Edv^e sua sorel- 
la , e la corona del Regno di 
Polonia. T. XVI pag. s^* I Tri- 
vigiani lo risgtaziano delle buo. 
ne 



A IT 

: De iaposbionì in loro liVóre , 
.f lo laggoagliano delle opeia* 
2/onj del Cartacese contro la 
Città , e de* danni htù da là! 

. in Val di Mareno • T.^XYI p. 
50. lLe]^Uca a*TrÌT^ani le sue 
promette di mandar soccorsi, e 
di ¥emr« io persona, e intanto 
li anima a resistere coraggiosa- 
mente al^ Carrarese . T. IVI p. 
Si« Va In Norimberga ad aa 
congresso del Re de* Romani ^ e 
di altri Principi. T. XVI p. $a. 
D^ notizia a*Trivigiaoi di una 
confederazione fatta tra esso^ il 
Re di Boemia, gliEletterì dell' 
Impero, e piomette loro vicina 
la saa venata con forti soccor. 
si • T. XVI p. s*« Replica a* 
TrHigiani la liotizia della lega 
suddetta , e U assicura come il 
Ke di BoemiasomiMnistrava mi» 
lizie per iscoitat TCttoTaglie a 
l'rifjgi, T, XVI p. 5J. I Trivi- 
gMni Jo érrisscno ^ che la Citti 
manca dèlie cose pih' oecessa« 
rie , é lo ragguagliano dezli a* 
▼alfzamenti, e delle ostilità del 
Carrarese solleciiaodo la sua ve- 
nata. T. XVl p. s^ Il Podestìk 
di Trivigi conferma al Duca le 
fiocessitì estreme del soo popo- 
lo , ed i pericoli di ana perdita 
vicina per l'assedio del Carra- 
zese , e fa r elogio della fcdeU 
tà de* Trì%igiani . T. XVI p. s ^ . 
Tratta la pace col Carrarese ^ 

I Trir^ani gli maialano amba- 
sciatoffi , perchè lo informino 
de' loro diritw. T. XVI p. .57. 1 
Trivì^ani - gli partecipitno gli 
avanzamenri del Carrarese, e } 
danni tecat , e ilora-bisogrti, e 
cliieggon<^ la sua venuta m 
l0r difesa. T. XVf p, 59r II suor 
CapicaBfo di Trivigi è Corrado 
di Roreoscluken • T. XVI p. 5i. 

II Doge di Venezia asncara del« 
Sa sua amicizia verso U Duca« 



T. XVI p. 6u I Tiiv%jaài grf 
replicano le notizie degli avan^ 

. zaflMnd del Carrarese, e delle 
sae ostilità « e gli richiedono 
prontissimi soccorsi. T* Xvi p* 
òli Rìzzatdo da Camino col suo 

. testamento istituisce la Rcpibli- 
ca di Venezia erede di tutte le 
sue fàcolà, e in caso che rton 
volesse accettare vi sostituisce 
Leopoldo Daca d'Aostria. T. 
XVI p. tf4« 

Il Carrarese prosegue a far la 
guerra col Duca con prosperi 
saccessi . T. XVI p. tf8« ScfiVe 
a'Con^Uaftesi avvisandoli di ave- 
re rinunziato Conegliano al Car- 
rarese, e che però essi doves- 
sero riconoscerlo per loro Si- 
. gnore • f, XVI p. 69. Pace ce- 
lebrata fra il Duca Leopoldo , 
e il^ Carrarese . T. XVl p. 71. 
Ratifica la sentenza di condan- 
na contro Brocca da Belluno ^ e 
suo figlio. T. XVl p. 7j. 

Leopoldo avvisa i Betlufiesi , co- 
me in breve egli ^ per portarsi 
a Bolzano , e però ivi dirigano 
] loro Antbasciatori per tràtta- 

. ze de' loro aflàri, e spezialmen- 
te de' rumori, ch'eraosi susci- 
tati in Città . T. XVI p. «<5. 
Scrive a* Bellunesi di dover ub-^ 
bidire a Rodolfo Gloahen loro' 

. Capitanio nelle scerete commis- 
sioni a lui date. T. XVl p. 8S. 
Suo attesuto di essere debitore 
a* Bellunesi di lite dieci mila , 
le quali appartenevano al Signor 
di Padova, promettendo di resti- 
tuirle fino all' ultimo quattrino . 
T« XVi p. $9. Dichiara innocen- 
ti , e rimeae in tutti gli onori , 
e prerogative Giovanni da Bol- 
zano , e Giovanni da Dogltone 
«niumente ad alcuni altri Cit- 

. tadim di Belluno accasati ditra« 
C j di- 



^% A TJ 

^tuiento presso il Duca . T. XVI 
p. 8^. Commette i* Bellunesi di 
xrasj|K>rtace in Belluno tune le 
inuniaioni, e ìe axmi , che di 
s\xik ragione Jttuio rimaste nella 
Cht\ di Trivigi , obbligandosi di 
lisarcire alle spese col danaro , 
eh* essi gli pagavano ogn* anno • 
T. XVI p. ^8. Ordina ji'J^clki- 
ncsi , che diino dt* danari dovu- 
ti alla si&a camera a QiacomeU 
]o Zancani cento fiorini spesi da 
lui nel viaggio fatto a Vertcxia 
per sua commissioae * T. XVI 
p. 9^. E padrone di Pordenone . 
T. XVl p. 99» Chiede a* Tfivì- 
giani un suo credito per biade 
sommitiistiaic . T. XVI p. i«o. 
Ij88. 

Alberto conclude lega con Gian- 
Galeaitzo contro il Canarese • T, 
XVII p. n- 

'+°^" , j- • • 

Leopoldo come Signore di rri- 

nilcr vuole , che si definiscano 

Jc coottovcssie co' Feltrini , e 

co'BcUuncsi per confini . T. XVIII 

p. Jt7 30 ji Ji. • 

Te lericó Duca é* Austria , il 
Carrarese gli spedisce ambascia- 
tori per wnirsi in lega con l«i, 
«d ottener de* eoccorsi contro 
Brescia. T. XVIII p. si. Non 
può risolvere niente, perche era 
giovine, finche non ha la nspos- 
ta dal Duca Leopoldo. T. XVIII 

p. sr* 

Tedcrico ottiene in lcii4o 4a* 
-vescovi di reUie e 4i JBellttno 
i tre Castelli di Tesobio, di S. 
dietro , e di TelvAna nella Val- 
:^naoa . T. XIX p. 7o. OhicIu. 
de una tregua per cinqa anni 
co* Veneziani . T. XIX p. 71. 

Il Dnca Emesto nel suo iiroif» 
4ial Santo Sepolcro msst pceTxU 



vìgi onorato da' Venedant * T« 
XIX p. 89. 

Congiura in Ftltre per <krla ù, 
Pederico Dsca d' Austria sco- 
perta da'BelluneM - T. XIX p. 
io5. Di<7cvasi che fòsse andato 
a f eltre sotto abito mentito es- 
sendo inimico di Sigismondo . T. 
XIX p. io5. 

Antran Ottvanmi Priore Commis- 
sario del Re d* Ungheria in 
Friuli. T. XV p. sj S4 55. 

Avventurado. XafaUpta ambasciado- 
le de'Vcneiiani a Cangrandc* 
Sforis . T. XI p. 7- 

Avvocato del Vescovo di Belluno « 

T. I p. 9. ; . , 

Avvocazia di Ceoeda di diritto an- 
tico de* Signori di Porzia • T, I 

p. 77 7« 79* 

A v vogato Pnracit Kettore della 
Lega Lombardi pe* Piacentini . 
T. 1 p. 16 

— Jvv€t»fo Sindico pe* Pado- 
vani . T. I p. ut. 

*— — Albirti^f q«- Ugolino da Pa- 
dova Podestà di Bassaoo . T. III 
p. 7, Sue controversie con Pietro 
Aldinelk) Canonico di Bassaho. T. 
Ili p. 7 8. Sapiente di padova . T, 
III p. 6}. U^9lli^0 . T. II p. 50 7*. 

Avvogaro di Trivigi. Vcd. Tem- 
pesta. 

Azzano Castello in Friuli . T. IV 
p. 44. Procura di fortificarsi in 
esso Morando di Porzia. T.XVI 
p. ros. 

de Azzo Ciévéfl Capitan gene- 
rate deircsercicft Carrarese è in 
Cittadella. T. XVI p. 104 105. 

degli Azzogaidi BethtrìsU eletto 
Professore in Trivigi non accet- 
ta. T. VII p. 7r. 

^ — TaUm Czvalier Bolognese 
amhasciatoje di Francesco da 
Catxara a Torino per la pace 
co'Yenesiaiii . T. XV p. 7J. .T. 
2V1 p* 5« IstriuBsoto della sua 
eie- 



XZ 

tkitont in procuratore • T. XV 
p. io«« • 

écgìi Azzofiì Al finterò SUO matri- 
mònio con Tod^ca di Fossaira . 
T. V p« 1 1 tf . Testimonia in udi- 
fìe. T. V p. Ili, lt\ Trivigi . 
T. V p. ut. A4ilitc . T. V p. 
171. Svanisce a scacchre i Ca- 
mioesf. 1*. V p. i«5. Presente 
in Triv||i. T.VX p-i«. Sapien# 
te del eonsiolio . T. VI p. 20 
$6. Anziano. T.VI p» 4.S. ^m- 
l^asciatpre a Padova. T, VII p. 
i8. t)i nuovo Sapiente. T. VII 
P» il 35 i7tf. Plrescnte in Co- 
•egliarfo. T. Vili p. 179. Con- 
siglia sopra le IbrtificaKÌoni del 
Castello di S. Martino di Ccne- 
da . Ti IX p,. 87. Bandito da* 
Ttwigìam , perchè nimico di 
Guecelio Tempesti^ • T. IX p. 
i»Q, Uccìso , quando il Tem- 
pesta, prese Trivigi .^ T. IX p. 98 . 

* ■■■■ AUenUr» qJi. Ciovannì am-. 
basciatore a* Veneziani. T. XII 
p. jV» Ambasciatore al Doge Fa*, 
lieia • T.. XIII p. x6. Al Doge 
Gradenigo. T. Xl?l p. jtf. EÌer-^ 
to da* Triviciani ad inibrmar il 
Principe de* bisogni della Città» 
T. Xlll p. 48^ 

■ ■ ' ■ Alt^nteré Avogaro ambascia^ 
tore de'Triv^ni a Venezia* 
T. XVIII p^ 114. 

• * ' 4^fnt9 Avogaro alloggia iit 
sua casa Uguccbne de* Contta- 
i\* T. XlX p. x^o. 

— Artica detto della ^^sa or» 
tieae le rappresaglie contro i 
Bassanesf. T. IX p. fo8. 

■ yfv^# qu» JLÌ£zolino bandito, 
da' Trivigiani^ perchè nimico 
del Tempesta . T. IX p. i^o. 

*■ ì»ff figlio di Altehiero ban- 

dito da' Ttivigiani con sao pa- 
dre , perchè nimici d^ Gaecello 
Tempesta . T. IX p. 120. Riti- 
rato a Venezia ^ accusato di a^ 
Ver tramato contro la viu dt 



A Z \^i 

Guecellone Tempesta . X« ^X p* 
154 '57. Va all'assedio 4i Tri- 
vigi con Cangrande y e incorre in 
una pena di L. joo pec una leg- 
ge de Veneziani. Sttrìa. T.XII 
p. 13. 

■ « JaefP9 Cavaliere ambasciato- 
te de^ Tri vigili a Venezia. T. 
XVIU p. 24. 

- ' ' ■ /4ca^# Petono ambasciatore 
de' Trivigiani al Duca d'Aus- 
tria, T XVI p. 19. 

i74M^4/<f« qu.lLj^lino ban- 
dito da' Trivigiani , perchè ni- 
mico di Cu ocello Tempesta* T. 
IX p. tao. Ritirato a Venezia 
va ali* assedio di Trfvigt con 
Cangrande , e inct^tre in una 
pena di L. loo. per una legge 
de* Veneziani • ^f^ri4 , T. XII p. 
jj. Eletto savio da' Trivigiani • 
T. XI p. 178. Ambasciatore a* 
Veneziani, T. Xll p. 34. Al Do- 
ge Gradenigo. T. XIII p, 3^. 

-— ^r— Jifeo qu. Rizzoli no malleva- 
dore per Gerardo, da Camino « 
e per Bìjiqntno suo padre. T.II 
p, 75. Testimonio in Trivigi al- 
la ratificazione deiralle^inza fra 
P^fdova, Trivigi ^ e Vicenza. T. 
Ili p. 4ff. ìSnrfit^ dV Trivi- 
giani , perchè nimico di Guecel- 
lo Tempesta. T* IX p. lao* 

— • JÌÌÌ.XJ mallevadore per Of« 
lardo da Camino ^ e per Bia^ 
quino étLO padre • T. ti p. 75 
Ambasciatore de* Trivigiani « 
Venezia . T, III p. 77. Presente 
aH* espulsione d(* Castelli • {T* 
VII p. ia«* 

' 4!t%,oltn$ fratello diAltenle- 
xo testimonlQ in Trivigj ad una 
carta U favore de* Bassancsi . T, 
V p. 66. TestimoniQ . al • matti- 
sponio di ^ò Altenicra «. T. V 
p. TX 5. Milite ^etfore anziano 
de* Trivigiani .^ T. V p. iji 1 8 j . 
S* uniscf^ cog!i aWr nob{U a scac- 
• ciar dalla Cict^ GacccUo da Ca- 
C 4 mi- 



/ 



tùno, e pelò gli vieti permtfs» 
' so di portar anni io saa difesa • 
T. V f . i86. Anziano, T. V p. 
1^5. T. VI p. jtf. T. VII p.7a 
i$i, T, Vili p. 17 it *a.aj* 
Sopragascaldione della Scuola de* 
iiMlirì • T. VII p. 84* Sapiente . 
T. VII p. >«. T. Vili p. itfa. 
Cònsole. T/VII p. rj8. Amba- 
sciatore de' Trivigiani a Venezia • 
T. VIII p* 92 Sapiente del pri. 
ino grado. T. Vili p. leS. Tes^ 
tiikionio in Trivigi con Alterne- 
rò ^sao fratello. T. Vili p. i^ 
j6i itf2. Eletto a tcattar alcune 
dfflferenze co* Veneziani • T. JX 
p. aj *4. 

■ xis,K»Ì!»» e Ois€§m0 vanno 
co* Trivigiani alla guerra di 
Cliio^ia • T. XV p. j j. 

■ Séra figlia di Kizzolino suo 
matrimonio con Beraldino figlioo- 
Jo di Niccolò di Caserìo. T. V 
p. laS, 

■ , -^ SchtntlU <^Q. Kizzolino ban- 
dito da* Trivigiani , perchè nimi- 
co di Guecelk) Tempcsu • T. IX 
p. Ho. Ritiratosi a Veaem va 
all'assedio di Trivigjl con Can- 
gunde , e cade in una pena di 
Is. loe per una le^ de'Ve- 
oeziaol. T. XII p. jj. 



JLlabanico Gl9Và»nt entra nel Friu- 
li col 'Conte di Gorizia • T. VI 
p. 35. A sua requisizione si trat- 
ta dì pace tra il f atriazca e il 
Conte. T. VI p. Si. 

Babi Mkrstlf qu. Antonio ottiene 
da* Padovani le rappresaglie con- 
tro i Trivigiani. T. X p. *o. 

Bacarello GJ0VéUBml qa. Dimatoda 
Baasano. T. IX p. *9» 

BaccavS^ di Colice Villa di Co- 
nq(1iaao . T. li p* 45. 

de' Bacellieri Nicchi da Bologna 
Podest)^ di Vii cosa • TJX p, tf s « 7« 



Baehiglioae £iune, percninaeqi^ 
re conrese &a i Padovani e i Vi- 
centini . T. V. p. 157. T. VI 
p. xae. 
di Baden Marchese. T. HI p. 8tf. 
Badia Villa data in fendoa*Pado- 
rani dall'Abate della Vansadiz- 
za . T. IV p. ia4. I Padovani 
la sottopongono alla protezione 
del Re Federico . T. Vili p, sttf. 
D^li Estensi. T.Xp. 144. Ved* 
Vangadizza e Abbadia. 
Badoaro GUvsmuì Podestà di Pa- 
dova . T.II ^. 19* Jl£irc* Podes- 
tà di Trivigi . T. II p. ai ^4. 
Msri»$ Podestà di Padova • T. 
II p. i8. Trlnt!Ȥ . T. II p. 7P. 
S^c rappresaglie contro i Trivi- 
giani. T.VIIp. i9. AUép9M €\xi* 
Pietro sua lite contro il Comu- 
ne di Trivigi • T. Ili p. 14. Mér^ 
ۥ Consigliere del Doge. T. HI 
p. 77* Màrln^ q. Giovanni • T« 
HI p. i$7. AntjUlU qu. Vita^ 
le Contestabile degli stipendiar! 
Trivigiani. T. VI p. 41. T. VU 
p. T7tf. Af^drtn suoi afiui co' 
Trivigiani • T. VII p. sa. OJ». 
vj»»l qu* Martino sue rappresa* 
glie contro i Triv^iani. T. VII 
p. ay Bava T^wam/» «della con* 
giura^dì Ba jamonte Tiepolo . T« 
VII p. 37. Bandito dal Territo- 
rio di Trivigi . T. Vili p. ia4. 
FlHr§ da S. Giustina della coo« 
g^ura di Bajamonte Tiepolo ban- 
dito dal Territorio di Tnvigi . T. 
Vni p. 114. J/4r;»i Nob. Vcn. 
presente in Trivigi . T. XII p. 
73. Alhén9 Podestà di Trìvigj. 
T. XVIII p. 16. T. XIX p. 7. 
BafiR> Méireè Podestà di Cittadella • 

T. XIX p. 21 27. 
de Bagnacani Alhtrf da Desettea- 
00 parerne di Bonincontio Ve- 
scovo di Verona • Sfru • T. VII 
p. li- 
^agnaeavallo ^ tn alleanza co'Bo* 
logncsi. T« IV p. aef. 

Ba« 



'BftgBagaea JIAirr* nel Consiglio di 

Cliioggia • ^r*rì4i • T. Xl p. i ^. 
WigDoroìz Tilla in Fiiob*. T. XVI 

p. 105. 
lagno Villa dt*Sigoort da Foglia* 

no* St0ris* T. X f. 8^* 
Sspt9l€tt9 testimonio in Cenedà 

ad una raru del Vescovo . T» 

1 p. 79' 
agnoli T. I p. 4. Villa di Cone. 

gliaoo. T.U p.4S. Villa dc'CA- 
A- Biined ccdata a Conciliano • T. 

I ph Ss. villa da' Tmigiani as« 
legnata a Conegliano • T.lllp^o. 

da Bagnolo £»iri^A«//« • T.Ip. 28, 
Aldri^f€tt9. T.I p. 4a« C»rréd9 
lettore della Lega Lombazda de* 
Bcefldani • T* I p. 7^* ^Ììm»* , 
I^Mi»* , e Màrtìrt fassalH del Ve- 
acofo di Ceneda • T» I p* «a 
jlUfrfs Concg^cse • T. IT p. 
14. B«^»Itii» o Bàx»»lftt9 di 
Domino Alberto Console de*Co- 
neglìanesi . T. I p. 84 87 9: Tes. 
ctmoolo io- Coneglfano . T. I p. 
i«2, Bélividh qò Odofìco. T, 

II p. tfo. Sm%rtid9 e ^skrtel4 pa* 
ri delia Curia Generale di Ce* 
oeda. T.ni p. 109. M^drìihetm 
f m T. HI p« iS'« Gtrérd» da 

. Cooegliano T.V p. 171* Bènifétm 
•im0 coniigliece di Cooegliano • T, 
XI p* t%u Tute da Collegllano 
Sapiente nelle contese co'Txivii 
giani • T. XI p. i4«* Consigliai 
xc. T, XI p. isi. 

Méìc91s milite Trtv^iaoo . TJI p.a7 

a Bafncileo de Pigna BdrfUmmtà 
qn. Franceschino notaio di Ve- 
rona. T. XVin p. 8i. 

de Balina Sf^éBÌ presente in To« 
dno. T. XV p. 72. 

Bafino villai il tokweo ossia mu« 
da età de' Sonori d'Aio» . T» 
XIV p. 13. 

Balbi Snurd^ eletto ad onorai la 
vcfluta del He di Cipco a Ve^ 
ficsia • T. XIV p. ^o, Pl#rrf Ca* 
pitanfo ài Aiolo» Tf WptS^» 



B A 4T 

de BaldacMni'. • • é da (armaVica* 
rio in Bologna • T. IV p. i9«* 
Gtrardé Anziano di Trivigi, T* 
VII p. j4. Ambasciatore de*Tri* 
vttiani a Padova • T. VII p. i7tf. 
Giudice sapiente* T. IX p. so 
ii8.ri9* <Upifanto de* Stipendia» 
ri • T. IX p. i^) Camerlengo* 
T. IX p. i$4, Gindice Anaian^ 
di Triv^l . SftU é T. IX p. 187. 

' Eletto a trattar co' Padovani per 
la vicendevole sicorezsa • T* IX 
p. 150 Camerlengo del Como* 
ne. T. X p. j. Vno de'sapieo* 
ti . T. X p. ro* Ambasciatore al 
Ke di Boemia • T. X p. ai a7 
a8 jo 31 j9. Camerlengo in 
Trivigi pel Re di Boemia • T. X 
p. jtf ^9 se. Ambasciatore a Bea« 
trice di S^voja moglie del JLe • 
T. X. p. 58. Ambasciatore a'Ve« 
neaiani« T.X p. s^* I Trivkia* 
ni gli permettono di venire I&e« 
ramente a Trivigi, egli conser- 
vano i suoi dirtm e '1 daaio del 
vino, quando si diedero a Ca* 
ne. T. X p. da. £ Cane fa lo 

. stesso. T* X p. tf$. Va all'eser- 
cito di Mastino co* suoi cavalli , 
e colle sue armi. T. X p. i7r* 
Eletto Savio daTrivigiani.T.XI 
p. X77* Mandato di nuovo all' 
esercito di Mastino • T. XI p* 
^4 Ambasciatore a' Veneaiani* 
T. XII p. 34* Slndico alla dedi- 
zione de'Trivigiani.^ T. XII p. 

^ Jtf 19 41 41* Presta il giuramen- 
to di fedeltà. T.XIIp. 40. Pre- 
seme in Cavolano al possesso pre- 
so da' Veneziani . T. XII p. 4^ 
44» F*/r« mandato dà'Triv^. 
ni all'esercito di Mastino con 
uè CavaUi . T. X p. t6j. z»^ 
lìém$ .preseme in TrtVigf ^ T. XIII 
ptg. >• 

de Baldané B^rtgUtu Veronese. 
T. HI p. «e p7. 

Baldam , decime date in feu- 
do agli Scaligeri dal Vesco. 
vo 



4^ B A 

- vo di Vicenza. T. V p. i$, 
de £ a Messela B»nsfedt Padova* 

DO. T. Il p. 12 5* Odificm Giù* 

dice , e Vicario del Fodtistìk di 

Bastano. T. V p» >«• ~ 

9akari Isolc^ it )oio Re ammazza. 

to. T. XIII p. 8i* 
Btlcgante Gumktnl^t* T.Ip«icV« 
Saleganto ministeriale del Doge di 

Venezia. T. I p. 6%, 
BalugoU Fr4i»^«^«*Amba$€Ìacorede* 

Modenesi . T. HI p. ji. 
Banbcrga 0t$%n9 Vescovo. T. I p, 

B7« E»fU9 Eletto. T. II p. id* 
de lamicio Btmsrdti testimonio in 

Padova . T. VII p. 67» 
Banalle della Diocesi 4i Trento* 

T. XIV p. ij. 
Banarono Villa ponedata dal Pa* 

ttiarca, ma pretesa da*Trivigia- 

01. T. Ili p. 7* 
de* Banchi nobili adereati de' Si« 

gnori d^Arcelli. T« XfX p. 9J* 
Bandera £#?<//»♦ Testimoob in 

Trivigl. T. HI p* 11^ 
Bandino Ved. de* Busi » 
Bando Villa in Friuli nella dio-^ 

cesi di Concordia dau in feudo 

da Riuardo da Camino a Odo-, 

lieo da Cuccagna .. T» V p* 

Bani Villa de'Caminesi cedaca a 
Concgliano. T. I p. 8s* 

da Baone Jiktrn giudice compro» 
missarto * T. I p* 40.. 

de Bapolo MsmftlU Rettora della 
Lega ]^.ombarda pec Vercelli • 
T. I p* 77. 

Baracane Vhrf§ • T. I p. it* 

de Baratti E»rìe9 da Parma fte» 
ccttore della Chiesa di S« Gior« 
gito di CoHaito. T. XII p. loi. 

Baraza Jlmtrìt^ di Conegliano del 
Consiglio. T. XI p. isa. 

Barba N»e§lntw » e T9dé$§^ dejla 
congiura di Baiamente Ticpolo » 
T» VII p. 37* Jvéuuii^^ di Co* 
Rollano dei Consiglio • T» X& 



B A 

de*Barbadcri D»»éfé qn. Gorad» 
Dottor di Leggi Sindico e proca» 
ratorc dc*Fiorenrìni . T. XI V p.5 1. 

Barbano Nìe^Utu della congiura di 
Baja monte Tiepolo bandito dal 
tcciitorb dì Trivigi . T. VHI 

' p. ia4. 

Barbarana Villa del Trivigian« ab. 
bruciata nella guerra da* Vene» 
zìani . T. XI p. 70. 

de Barbarana Mtr^f Vicentino* 
T. II p. 67^ Anziano de* Vicen» 
tini. T* Il p. 100 T02 loj 10$ 
107. Frate Gtrsrd^ Prioie Civi» 
dalese. T. IH p. ia$. 

Barbaiigo MMft* Veneziano consi» 
gliere del Doge * T. II p. j;« 
Wìlìff Visdomino in Ferrara pe* 
Veneziani . T. XIV p, 244 <F««- 
t;4i»»i Sindico de* Veneziani alla 
lega contro il Visconti . T. XVII 
p. ^t. Méf*^ PodesÀ di Castel» 
franco . T. XIX p... aa aé» 

Barbaro Frsmcttf Cavaliere etetto 
ambasciatore de*Veneziaoi a Sìgis* 
mondo. T. XIX p. 151. 

de*Barbaroii Sucl0 da Bologna Vi- 
sconte e Rettore in Ceneda. T» 
XI p; 17» 17» 171. 

de*BaiÌ>avati Ved.Viicoflti Francesco 

de* Barbi nobili- aderenti df* Signo- 
ri d* Atcelli. T. XI^. p. 9h 

da Barbiano Giavtf*»! Conte di 
Cunio entra nella L^e^a de' Prin- 
cipi collcgad concio il Visconti • 
T. XVII p. Ili» Conduce molti 
Bol<^nesi al Carrarese coatro it 

- Visconti. T. XVII p. 41. Jll^e^ 
rlcQ grande contestabile del |Le- 

fno dì Sicilia licenziato dal 
isconti doveva andare in Apu* 
glia . T. XVIII p. 5. Conto di 
Cnnio stipendiato colla sua com- 
pagnia dai Cauarest . T.. XVIII 
p. 77», Conte L9d§vtc9 dì Cnnio 
aderente di Niccolo Marcheso 
d*Este. T. XIX u. 93. 
BarHzano Villa de^CòUaltir T. V 

Bar- 



B' A 

^tho OUvsm»t Consìgliete del Do- 
ge. T. Ili p. 77. 

Msrc9 . T. VII p. ^5. Nìc^ 

t9Ìi Nob. Veo. %VLO palagio a S. 
* Polo , dove era d'alloggio i l Vcsco- 
▼o-di Cencila^ T. XÌI p. a9 3a« 
Consigliere presene ^Ha dedf« 
xlone de Tringiani • T. XIT p* 
3 5« fsntélBBé fodestì di Tttvi- 
p . T. XIV p. ^e. D* Vcn^a 
saotfero di nizzardo da Camino 
beneficato da lui . T. XVI p.tfs 
Bì»nc9 e ?««/• suoi iigliooH be« 

■ «icficad anch* essi ^ T. XVI p. 
és-, ^Z4sr# Fafoo oeir Arsenal di 
Venezia . T. XVIÌ p. jc. O'f" 
4M»»»; serve la Republica so- 
pra le Galee conerò i Genovesi . 
T. XIX jf. ^7. FUtT9 Nob. Ven. 
monaco in S. fortunato di Bas- 

- sano. T. XIX p. SS. 

Barbozia Villa d^l Trivigitno nel- 
la Val di dobiadcne • T. XIV« 
p. 4^ 4^. 

Bardea £cftli»§ Tririgiaoo • T« Il 
p. 75 7^. 

de* Bardi $ln}hMld§t Pìetr» ^ e £r«. 
»scurs}9 figli di Castrone da Fio- 

• xenza abitanti in Friuli • T. XIII 
p. 9. Credid diCasttone verso i 
BelInnesU T. XIII p* 3'» 

Bardoiin luogo del Veroncisc . T. 
XVIII p. «o. 

Bardooali Enstiìt'f qu. Giofahffi 
Consigliere di Tcivigi • T.X p. 44. 

de Barettarii Anf%l$ dottore e 
Podestà di Cremona procurato* 
te di Cabrino Fondalo* T, XlX 
p. ^a. 

Baro appresso il bosco e suo da» 
«o pc^TTrivigiani . T. Vili p. 75. 

de Baro Xibirto protonota tio di 
Culo' JLe di Sicilia • T. II pag. 
91 9u 

Jaroz2tj4c*/r«. T. IV p. 10. i«- 
^•lttt% della congiura di Ba^a- 
monre Tìepolo bandito dal ter- 
xicodp di Tiivigi . T. Vili p. 

' "4« Maestro Uaht^ conginra \ 



B A 41 

l^ontro lo stato de* Venczlafi « 
T. X p, stf. 

Baramino AchlUu milite Triv^ta- 
no .• T. II p. a7. ' 

de BaroncelU Fll\ff Tamorì Sin- 
dico e procuratore de* Fiorenti- 
ni • T. XIV p« }<• 

de Baroncino Alhtrf nobile Tri pi- 
giano • T. 7V p* xp5« Bf/rr«jiM 
anziano. T. VII p. J5. Alhirf 

• favorevole- a Gerardada Camì- 
ru). T. VU D. 1*5. flttrt Méfm 
t9 Console alla custodia di Cas- 
telfranco . T. vii; p. a« 41. 
Banncln» Trivkiano • T. Vili p, 
190. ìtte€9li Trivigiaoo • T. !!• 
p. «44. 

de Baroni Odledtj,» Consigliere e 
^indico a Venezia àt Francesco 
da Gonzaga . T. XVll p. 99. 

Barrir» Professor di Padova . t. V 

P. ?J. 
de Barro BérfUccU Sindico de* 

Veronesi . T. Ili p. ^i. OrtgìrU 
'. di Conegliano del Consiglio • T. 

Xt p. t^r. 
de Bartolino Guaìtmlf qu.Varone 

Veronese. T. IV p. MJ. 
Basadonna OI»va»mt Veneziano • T. 

V p. TtfJ. 

Baseggio ff «il»» ambasciatore de*Ve- 
neziani a Trivigi. T. V p. a'oo. 

> Pietri Capitanio in Trivigi ^ T. 
XIV p. ir 19. 

de Basilii jH«érd§ nota]o qu. CàU 
vano di Padova • T. iV p. r79« 
Sindico de* Padovani T. Vip. 
J6j, Eletto Sindico e procura- 
tore da* Padovani per ht la de- 
dizione della Cini ài Conte di 
Gorizia. T. Vili p. i«8. 

Basilio Jde§f Veneziano. T. I| p. 
33. Pittf siodico de* Veneziatil. 
T. IV p. IO. 

Bassaoeilo presso Pàdova. T. Xp. 

de Bassanelld Ot9vannt di ser Holan- 

• do notaio e cittadino di Padova. 
T.XV p. 74» T. XVI p.'a5 'Jo. 

Bas- 



44 . B A 

iMsaiii FUrsvsmf oficùle 4» Bai* 
sano • T* XVÌL p« 44. Sao fna* 
lino sair acqua KùÀ • T< XIX 
p. a4 «5* 

. lassaoesi jMigaoa It Imo tangente 
pc' lavori fatti in Vicema nel 
ponte di fustella* T# I p« B^ 

Formano «decreto per la eletto- 
ne di un poblico precettore « T« 
Il p< ja. Si coniproiiiettono io 
Marcò Qimim ?odesdb di Pado* 
va per le loro controversie co* 
Vicentini • j. Il p. 40 41 42. 
Sentenza jir Marco Qairini ^ per 
tmf rimangono assoggenati a* Vi- 
centini eoo certi patti e condizio. 
ni* T. II p. 4} 6$, cioè negli 
' eterniti, nelle cavalcate publi- 
«he, e ne*dazj[, t, in p. z^a« 
Ved. i^iirìitfi Marco • Srano sta- 
ti per Inngo tempo soggetti ad 
Ecelino ed Alberico • T. II p. 42. 
Volevano venire «Uè parti della 
Chiesa* T« U p. 42. 
titfr. 

Comperano da* Vicentini U gius 
di imporro e di esigere i das{ 
in Bassaoo. T. II p. 50 $f sa. 
T. Ili p. 1 ja. Ffetto qu. Wi- 
tardo de Vicenza Fodest^ , t« 
Il p* so* . 

Loro ^ discordie co* vfcentini » 
che li volevano obbl^e a fab- 
bricare una casa in Vicenza , se- 
date d«I Vescovo Bartolommeo. 
T. n p. 65*^ Protestano al Po- 
desti di Vicenza pretendendo 
di non essere obbligati a far la 
xassegna de* cavalli T. II p. 67. 
satfjr. 

Comperano un pezso dì terre, 
no iìMsi delk porta del Leone • 
T. n p. 70» 



B A 

11^4. 

Ricorrono al Po<Jestì di Padovi( 
contro i Vicentiai , perchè li vo- 
levano obliare a nobricaec una 
casa in Vicenza. T«IÌ p. 7«. E 
sono aaiistiti, T* li p» 77, 

I Padovani mandano Cmbasda* 
tori a Vicenza b Àvore de'Ba^ 
saoen* T. ti p. S»^ Le contro- 
versie de' due Comuni sono igi-. 
tato rtel Conaglio di Padova • T* 

II p. ti* Nuovi ambasciatoli de* 
Padovani a Vicenza , perchè os- 
servar debbano la sentenza Qui- 
tini. T. II p^ 85« Nuove parti 
de* Padovani sopia (queste discor- 
die • T.' II p. t4. Abboccamen- 
to de'duePodesÀ di Padova e di 
Vicenza per sedare queste dis- 
cordie • T. Il p. S7' Nuovi am- 
basciatori BMndati da* Padovani 
ft Vicenza, perchè non faccia- 
no novitè a*Bassaoe$i • T.np.88« 

Ricercati da* Vicentini di danaro 
per assoldar genti contro i rr- 
belfiy lo concedono #'t. Il p» 99. 
Albertodl Tommaso PodcsÀ tb« 
ia<7. 

Ottengono da^ Padovani lettere 
di raccotfiandazbne presso I Vi- 
centini per la osservaosa della 
sentenza Quirini. T. n p.^ i^r* 
Pcocesiano a* Vicentini di non es- 
ser tenuti se non quanto è pre- 
scritto nella sentenza Quftint • 
T. II p. la a. Enrico da Carmi- 
gnano Podestè. T.IIp.ia^ u^;. 
ia68. 

Bassa n«BÌ told dal domano de* 
Vicentini ritornano sotto i Pado- 
vani. T. II p. ra4 i»s 1*6 ra7 
xa8. T.III p. P4. £ promettono 
di difènderli da ognuno, e con-, 
servarli ne* propr; diritri e pr2« 
vileg}. T. in p. ija. 

Fr. Bartoloameo Inauisitore del 
S. o£> 



B A 

S.Ofido dona al Cornane Ì beni di 
osa certa Areslna morrg ereti- 
ca» e le liole di 5. Felice pfes« 
jo la Brenta • T. II p. 129 . Ta- 

r)0 a* padovani il loro menana- 
ttiboto, T« U p« ijo. 
ta7o« 

Mandano soldati in servigio de* 
Tadovjml. T. II f. 154* 

1*71. 

Vengono otksì e molestati da* 
Vicentint . T. U p* i j 5* Denun* 
ziano a* Padovani fosorpasione 
fitta da on certo Aicatdo della 
casa grande» e della caia mer- 
lata posta nel Castello • T« II 
p. >4x. 
ia7i» 

Bicevono da' ^entiol lettere di 
ficnretza di poter andare e su- 
re In Vicenza colle lor m^'ci e 
cavalli. T, U p, 147 149. 
lati. 

Controversie cogli uomini di So- 
lagoa decìse con sentenza Hi gia« 
dici arH^\ r. II p« i$e, An- 
tonio Magno Podestil. T. Il p. 
j$i; Ottengono da* Padovani Ri- 
colti di poter prendere i ban- 
diti anche fiiori del territorio • 
T. Il p. tss. Antonio de BoiUv 
sio Podesà. T, II p. is$# 
»»74« 

Casa 10 BàsiMO di Beffino e di 
Alberico. T. II p. i$t, CUesa 
di s. Maria In Castello • T. II 
P« rs8, 
1*754 

Albertino Avogaro Podestà on. 
Ugolino. Sue contese con Pie- 
tto Corraro Primicerio di S. 
Marco per motivo di Pietro A I- 
dioeUo . T. Ili p. 7. Il Comune 
di Bastano assume giudizio in ft- 
▼wc di Albertino. T. HI p. 8. 
1 Padovani ordinano con «no 
ztatoto tbe in Bassano star deb- 
ba coottmumente un Capìtanio 
co» sei soldati sopra la Torre 



B A 4$ 

de* Leoni sopra 11 airone nuovo 
quando sari terminato un càpi- 
tanio con is soldati • T. III p, 9. 
Bassanesi devono £ir lavorare 
nella Bocca del éiiraoae. T. 
ni p. f, 
fa7tf* 

Dovevano ftbbricare una casa 
nella Bocca' del CisAoone , ma 
i Padovani rivocano il precetto • 
T. Ili p. II 

1*77. 

Da' Padovani lor viene assegna- 
ta la quarta parte del lavoro 
che SI fiic^va nella strada verso 
J.imlna« T. Ili p. rs itf* Paga- 
menti per questo lavoro. T.|II 
p» 17 x8 i9« I Veneziani ad is« 
ranza di Pietro Corraro Primi- 
tetio scrivono a' Bassanesi pe* 
beni di Asinelio 1 e i Padovani 
sì lamentano essendo Bassano 
soggetto alla giurisdizione diPa« 
dova.T. m p. at Sentenziano 
i PadQVtnì, ch'essi non sono 
soggetti al pagamento del dazio 
de Carri. T. IH p. aa. 
ia7S. 

Compromesso in giudice arbitro 
pe* confini fra Bassano e Carti^ 
gb'ano. T.III p* iS- Matteo de' 
Cortus) da Padova Podestà • T. 
Ili p, a$ a«. Sentenza del giu- 
dice arbitro pe* confini suddeu 
ti. T. Ili p. iS Soldati Bassa- 
nesi nell'esercito Padovano soe* 
to Cotogna « T. Ili p. 29* 

1^79. 

Bassanesi sono alla custodia e 
alla difésa di Trento pe' Pado- 
vani. T. Ili p. Jl J5. Per or. 
dine de* Padovani devono man- 
dare air esercito i jo soldati • T. 
Ili p. jtf. 

Chiesa di S. Maria, latino Ves- 
covo d'Ostia e Velletri e Lega- 
to Apostolico confetnu' t 4 ^^s- 
noràci Instituitl dal Vescovo di 

Vi- 



Vicenza . T. HI p.s$* Feudtf 
écUt decime conceduto dal Ve* 
scovo df Vicenza a Giovanni 
iFoiiate di Padova» T.IILp«5^« 
1 Bassanesi sono neli' esercito 
de^Fadovani a Verona . T. Ili 
!• sS 59* £ aVillanova. T.III 
X* 6o. Ke^tazioni fatte da* 7a- 
'dovaoi ifltoiflo al Podestà di 
ÈassaoOy e alla di lui giarisdi* 
lìone nelle cause civili «ciimU 
«alt» T. ni p. 62. 

Gnirisdrzronc de* Bassanesi neUtf 
cause civili e eliminali da an»- 
lichissìmo tem^. T. HI p, 6$ 
«4 6$ 6f. Sapienti eletti da* Pa-^ 
Rovani per le controversie fra i' 
Bassanesi e i Vicentini per la 
sentenza Qutrinf. T. Ili p. 6j» 
Itotcitano a'Padovaniper la con» 
icrvasìone d* propri diritd e pri. 
vrfegi.T. lU p. tfs» Pedagio al 
Bcme f i Padovani ordinano che 
B vicendm passando con merci 
Io dd>bano pagare • T. Ili p. 
t«» OttengoM» da* Vicentini di 
poter condtirre il loro vino d*^ 
Angarano to Bsssano senza pa** 
gat dazio* T* III p* 87* 

I^ra cootrovcrsTe coglT uomlnf 
dì Solagna e di Pove , e sen» 
ttnsa compronùissaria • T* III p. 
fo» Sentenza diKaioucio giudi- 
cedelPodeià di Padova in favo-' 
K de* BaauBetrcootto^ alcuni da- 
ziari Va^vaot.. T.IIT p/9|* Ivi 
al accennano i loro privile^) pres-^ 
ao t 7adovani e le condizioni , 
colle quali furono dati sotto il 
loro <ù>m!nio. T.III p* 9^ 95*^ 
il Podestà di Padova conunda 
ni Captcanio de* cavalcatori di là. 
éella fteot» » che non dovesse 
■oTestare t Bassanesi in vrgos 
4c* loto patti e prmiegi • T» ^ 
HI yw »t» n lodestà di Pado- 
va fufttac^ eoo editto iì por^ 



i!ar armi proibite in Bassa no a^ 
Padovani e Vicentini • T: III p* 
99. I Padovani resdtufscono al 
Podestà dT Bassano if diritto dì 
giudicare . T". Ili p. 100. Lite 
de' Bassanesi contro il capitanio 
de*CavaIcatori Padovanf. TJH p» 
voe Propongono capitoli al Podes- 
tà dhFadova per provare la Io« 
IO gmrisdizione ,• e i loro pri- 
Icgj •; T. Ili p. lor,. Folco qu. 
Senesio de* Bernardi da Padova 
Podestà • T, HI p, 100. 
1184* 

Si prosegne' là causa contro i Ca- 
valcatori • T. tu p. fo«. Pace 
Giudice de^Tadi Podestà, T.- 
III p« 109» 
riSs.' 

Bassanesi molestati' da*Cavatca-^ 
tori Padovani , ed ordini de* Pa- 
dovani ad essi di non doverli mo- 
lestare ^ T. Ili p. 1 r^ 1 15. Gio- 
vanni di Pietro Kucio da Padova 
Podestà protesta contro ana parte 
presar nel Coniiglio\ perchè era 
contro la forma degli statuti , e 
contro l'onore deTadovanivT^llI 
p^ it.Padovani comandano al Ca- 
pitanio de*Cavalcatori di m>n im- 
pedire le vettovaglie, che vengono 
trasportate in BassanD.T.II£p.ii9. 
xaStf. 

Per ordme de* Padovani doveva- 
no £ire certi bvori in Barsaìro, 
ma ne rivocano il comandamen- 
to. T. III.- p. ijo. Sono accu- 
sati da' Cavalcatori Padovani » 
ma' la sentenza del Podestà di 
Padova è in loro favore*. T. IH 
p. I ; o. Kttovo comando* del Po- ^ 
desta a'Cavalcatori di non mo- 
lestare ì Bassanesi • T. Hip. 155. 
1288. 

Difendono i loro diiittf presso i 
Padovani di poter condurre il 
vino liberamente fuori del loro 
tetciroiio . T. Ili p. 144^ E ir. 
torno a)le vettovaglie» che ven« 



B A 

fiotto eùndottt per Baiano* T« 
III p. 144. Ailbeico giudice de 
Gilmerelh Podestà • T. Ili p. 
}44. Andcea Capodilim Podes- 
tì* T. Ili p. 145. II Vescovo 
di Vicenza Pietro concede il fèu- 
do delle decime ad Enrico e 
Jfamo Forzate. T. Ili p. 148» 

•Comperafio un peszo di terra 
poata io campo marzo dal Guar- 
diano del Convento di S. Dona* 
to presto il ponte di Bassano • 
T. IH p. 154. L' Inquisitor del 
S. Officio libera i beni divken- 
zo Sofimano e di sua madre gii 
condannati d*eresia . TJII p.x 8 j« 
l29o« 

Eleggono un procuratore per a* 
^rc nella causa contro i Pado- 
vani pel dazio sale « T. Ili p. 
19.I» Prancesco Paradisi da Pa- 
dova Podestà. T. Ili p. 191. Il 
Vicario <lel Podestà di Padova 
^'adfca , che i Bassancsi non 
sono tenuti di pagare a*Daziar| 
dì Padova il dazio delle carni . 
T. IV p, 4. Il Comune paga il 
«alano al Capiunio de*CavaIca« 
tori Padovani. T. IV p. s. An- 
tonio degli Ansclmini Podestà. 
*. IV p. tf* 

Convento di $• Praocesco de'Mì- 
fiori • T. IV p. j j. II Comune 
stipula concordia co*Toscani per 
tari debiti contratti co'medesi- 
a^. T. IV p. 16. Casa de Bas- 
sanesi io Vicenza. T. IV p. i8. 
Proceatano al Podestà di Padova 
opponendosi ali* incanto della 
imova gabella sopr^ la macina . 
T. IV p. *i. lì Podestà di Pa- 
dova scrive al Comune, e alte 
Ville soggette pel palmento di 
questa gfdwlla, ma i Bassanesi 
pffotfótano di nuovo di non es- 
ser t«mitf . T. iv p. aj. Però i 
Padovani pxendono pane in con» 



B A 47 

tiglio di obbligarli colla fbrz^ • 
T. IV p. «4. Ma prima pregano 
amichevolmente gli ambasciato- 
ti de* Bassanesi a doverla patta- 
re. T. IV p. as* Ottengono da* 
Trivjgiani licenza di condotte il 
loro vino liberamente pel cana- 
le di Queio. T. IV p. tu 

119J* 

I Padovani dichiarano , che i! Co- 
. mune di Bastano non è tenuto 
di mandar cuttodi ad alena por- 
to del distretto Padovano . T. IV 
p. 47. I Padovani approvano il 
lavoro fatto da* Bassanesi nelle 
fosse di Castelbaldo » T. IV p. 48« 
1194* 

I Bassanesi ti oppongono nuova» 
mente alla nuova imposiaìone 
della macina de'Paddvani . T. 
IV p. S7. Jacopo de* Conti Po- 
destà . T. IV p. 57. La votano 
per la loro potuone nella #a. 
lizzada nella Città di Padova . 
T. IV p, 58. .Sono da* Padovani 
dichiarati esenti dal dazio ma- 
cina. T. IV p. S9. Né obbligati 
a mandar custodi a* porti del 
territorio Padovano . T. I V p. 5 9 
6u Comperano da Fatarino >ton<» 
dino un Terràmento ossia Torre 
e una casa posta nel Castello» 
T. IV p. «e. 
I19S. 

Pendo delle decime conceduto 
da Pietro Vescovo di Vicenza a 
Giovanni de* Saraceni suo nipo- 
te. T. IV p. 64. Papa Bonifacio 
glie Io conferma. T. IV ^, 66. 
Ottengono da* Padovani liceìiza 
di mettere i suoi sakati in An- 
garano , e viceversa il Podestà 
di Angarano di mettere i saot 
nel territorio dì Bastano » T* 
ÌV p. 69. 
ia9«« 

Vicentini preadorro patte 4i h» 
re. un mercato ogni sabbaeo in 
Angarano in capo al ponte <U 
Bat- 



A$ B A 

Bassano. T. IV p« 79* Padovani 
dichiarano che gli uomini d'An- 
garino possino liberamente con- 
dor vettovaglie pel ponte di Bas- 
tano portandole a Padova • T. 
IV p. Ho. Confermano qaesta 
licensa. T.IV pag. 8i. Zambo- 
oeto Capodivacca Podestà . T.IV 
p. 8i. Leonisfo Tolomci aiccuta 
r Arciprete di Bassano di aver, 
gli usorpato alcune poaiessìoni, 
e sentenza del Podestà di Pado« 
va contro T Arciprete. T. IV p. 
f j« Zamboneto qu. Pagalo Pa- 
f adisi da Padova Poderà. T.IV 
p. 9$« La Comonitì dà eseca- 
sione alla sentenza suddetta, e 
risarcisce il Tolomei de' danni e 
•pese. T. IV p. 9S. I Bassanesi 
avevano occupato beni* assegnati 
per la fàbbrica del Duomo di 
Viceoaa, sono però scomunicati , 
«e dimandano l' assolùdone .. T. 
IV p. 9tf. il Vescovo li assolve • 
T, IV jf. >« 97^ 
1197- 

1 Padovani impongono al Capi- 
tanio de'Cavalcatori di non mo- 
lestare quelli che conducono 
mercanzie per Bassano • T« iV« 
p. ti7. 
ia9t. 

Protestano a* Padovani pel lavo- 
ro di una certa suada« T. IV. p. 
i}$. Guidone figlinolo di Pietro 
de Manfredi Podestà T.IV. p.i j 5. 

IjOI. 

Lavorano nella strida ohe da 

Padova conduce a Ltinina, e i 
Padovani approvano il lavoro. 
T.IV. p»i47. 
i|«a. 

Ottengono da Kiccolò da Lozzo 
la permissione , che gli, uomini 
di Feltte, e di Belluno, contro 
i quali egli aveva ottenuto le rap- 
presaglie , possino andare libera- 
mente a Bassano* T.IV p. is^. 
Sono ciaovamcBte da' Padovani 



B A - 

dichiatati b'beri dal dazio del sii 
in vigore decloro patti. T. IV. 
p. 157. 

Mandano ambasciatoti a^ Padova- 
ni per occasione di alcuni lavo- 
ri y che si volevano £i|re nella 
strada, che conduce a'Limina • 
T. IV. p. 16 e. Eleggono un Nun- 
zio a questo oggetto. T. IV. p. 
xtfo. Giovanni Cava fono qu. Ge- 
rardo giudice d^ VitaHano da 
Padova Podestà . T. IV. pag. 
16**, Eccettuati da' Padovani, i 
quali avevano proibito, chenhi- 
no potesse portar vino fuoti del 
distretto. T. IV, p. i6^ 

Nomi de* Bassanesi , che si op- 
pongono agli stridori fatti in Vi- 
cenza per ordine di Marcio For- 
zate sopra le decioAC di Angara- 
no. T, IV. p. 170. Bono Arci- 
prete, Simone qoood. Vgolino, 
Liliolo di Alberto da Crespano 
Canoniei concedono il Feudo deL 
le decime a molte potenti perso- 
ne di Bassano. T.IV. p.i7>- E 
così Lorenzo Arciprete di Aóga« 
rano le decime della sua vilk» 
T. IV. p. 171» Il loro Procura- 
tore in Vicenza protesta a quel 
Podestà dissentendo eh' esso ^• 
dichi la causa delle decime. T« 
IV. p. f7tf. Altra protesta di si- 
mile tenore. T. IV. p. xSr. 
ijotf. 

Altogrado Vescovo di Vicenza im- 
nova il Feudo delle decime a Mar. 
ciò Forzate . T. V.p.io; Sì accen- 
nano le investiture fatte da' Ve- 
scovi Bortolamio, Bernardo, e 
Pietro. T. Vp. ir. Assoggettati 
da* Padovani al dazio macina • 
T. V. p. 14. Nuova protesta de* 
Bassanesi al Podestà di Vicenza 
per la causa delle decime atteso 
che essi sono cittadini da Pado- 
va, r. V. p. ftf. Eleggono pro- 
curatore per agire nella causa 
del- 



B A 
iéìle decime . T. V. p. 12. Jaf o- 
po de Zacclu da Padova Podes« 
tà. T. V. p. a 2. Sono precetta- 
ci da* Padovani a ooo fu adu- 
nanze d^uomirtì armati per mo- 
mo dcUc decime. T. V, p. a?. 
II Cacdtnal Napoleone commet- 
te *ì Vescovo di Fcltre dì esa- 
xnmat questa cauta . T, V. p. aj. 
1 Padovani confermano che i 
firntti raccolti delle decime deb- 
bano essere eoscodici in luogo si- 
curo. T. V. p, 24* 11 Vescovo 
di Veltre come ptadice delegato 
scrive al Podestà di Padova in 
favore de* Bassanesi • T. V.p.as. 
Altogrado Vescovo di Vicenza 
concede it fendo delle decime 
di Aagarano. alta Comunità di 
Bassaoo . T. V. p. a?. Si iìnco- 
minciaoo gU atti forensi' in Por- 
li al tcibunale del Cardinal Ma. 
poleone per la causa delle deci- 
me . T. V. p. j4. Bono Arche- 
te pei commissione del Cardinal 
Napoleone fa citare i Bassa nesi 
al suo tribunale . T. V, p. 35. 
Comperano il feudo delle deci- 
sile da Marcio Porzat^. T. Vp* 
49^ Bonifacio dc'Chizzoni da 
Padova Podestà . T. V p. 49. Ou 
tcofooo Bolla dal Cardinal Na- 
poleone al Vescpico di Vicen^^a , 
perchè il fòro secolare noa t' 
abbia ad ingerire nella causa 
dcHc Decime . T. V p. so. Si 
piosegoooo gli atti ia Porli • T. 
V p. SI. II Cardinal Mapoteone 
dele^ ift questa^ causa Stefani 
no di Giovanni Giordani Canoni- 
co di Padova . T. V p. 51. Il 
Canonico ordina a^Bassanesf df non 
Attestare il Saraceni nelle sue 
decime sotto^ pena della scomu- 
nica . T. V pag. $ 3, Gli spedi- 
scooo nn nunzio per far le lo- 
ro difese, T. V p. 54. Il quale 
lo eccettua dal render giudizio in 
qaest* afere . T, V p. S4 s 5. So- 
Tarn, XX. 



B A 49 

no scomunicati dal Canonica 
Giordano . T. V p. stf. Il pro-> 
curator de' Bassanesi gli nega au- 
toiità di poter far quem)-» T* 

V p. 57* Bonifacio de'Chizzooi 
da Padova Giudice podestà. T* 

V p. ss tfo 63. Palma ed Ade* 
letta da Montemerlo formano 
procura a Marcio Porzatè per 
rtnoRciare al Vescovo di Vicen- 
za ogni loro diritto snl feudo 
delle decime, T.V p«5^. EI^- 
gono nn procuratore per com- 
parire alla presenza del Cano- 
nico Giordani • T. V p. 6ù, Bno« 
no Arciprete, e il Clero diBas« 
sano si appellano al sommo Pon- 
tefice dalla scomunica del Ca- 
nonico Giordani . T. V p. tfó. 
Segue l'appellazione delCoraup' 
ne. T. V p. da. 

1307. 

Ottengono licenza da' Ttivigian! 
di poter condurre il loro vino 
per la Chiusa diQaero. T. Vp. 
66, Lavorano nella strada che 
da Padova conduce a Vicenza , 
e i! lavoro è approvato da* Pado- 
vani . T. V p. tf7 <S. Pietro de* 
Verarj Podestà di Bassano • T. V 
p. «8. 
ijo8. 

Buono Arciprete stipali patti e 
condiaioni colla Simiglia de'Bia- 
^ per fabbricar la Chiesa e 1* 
Ospitale di S. Giovanni Battista • 
T.V p. 9^, Sua procura perot* 
tener la licenza dal Vescovo . T« 

V p. 96, Ottiene dal Vescovo il 
suo assenso, e la ratifica delle 
convenzioni fatte co* Biagi, T.V 
p. ^7. Porta de* Leoni. T. V p. 
9>. Orico di Pogsana Podestà . 
T. V p. 98. I Padovani Tm^oa- 
gono a' Capitani de'lavor} delle 
strade di non dover molestare ì 
Bassanesf • T. V p. 104* E dichia- 
rano che in vigor de* loro Privi- 
legi n^" ^no tenuti a lavorare 

D pres- 



50 B A 

pusfo il fiutone» T. V p. IP4. 
1 Bissancsi dkciulono i loro di- 
lìtd a Padova per certi lavori 
che ivi si facevano. T. V f,ioS 
Padavino a Sale Giiidice Podes* 
tà. T* V p* lotf. Piotesraiio di 
non essei tenuti a qae' lavori in 
vigor de* Jojro patti . T. V p. i©7» 
X Padovani li dichiarano esenti 
da questi Uvorl. T, V p» ip8. 

pxotesuoo a* Padovani di non es- 
ser tenuti a certi lavori in Ro- 
vigo io vigor de' loro pató • T» 

V p. 114* 

JJIO. 

Statuto de* Padovani intorno aT 
Podestà . T. V p. las. Kagionf 
prodotte da Bassaiiest che crede- 
vano di non esser tenuti a lavo- 
rar nella strada che da Pado- 
va conduce a Cittadella ^ T«. 

V p. 1*9. 
Jjir. 

I Padovani approvano i lavori 
fatti da essi io quesu strada. T« 

V p. ì>ìw Sentenza in loro fa- 
vore per occasione della strada 
che da Padova conduce a Vi- 
cenza •. T.. V p. I jx. ProcljMna 
del Podestà di Padova y perchè 
non- sia recata danno a! bosco di 
S. Pietro in- Peua del tetrìtorìo' 
df Basaano . T. V p, ij j. i Pa- 
davanì' ordinano al Podestà di 
«Uven prendere in nota tutti i 
forestieri , che abtnvano in Bas- 
saoo e oél distretto • T'Vpa^s* 
Jijia. 

Ordini e provvedimenti de' Pa- 
dovani imorno al Podestà di Bas- 
sano, e alla sua fiiiniglia* T. V 
p* 15 5* Lavori che d facevano 
in Bassano negli spaldi per or- 
4inc de* Padovani . T. V p. t«4« 
Ordinavo i Padovanf che il loro 
9od»tà coir esercita non debba 
secar molestia o danno a* Bassa- 
s^>» T. ? p* IH Devono pa» 



R A 

gare cento fiorini d*orQa*Pado* 
vani per una volt|i tanto per 
motivo della guerra . T.Vp.itf?- 

Rolando de* Guarnerini Podestà 
avvisa i Padovani , come Cane 
era a Vicenza, e mìnKciavadi 
distrugger B.assano. T.VI p*4J; 
I Padovani vi i^ediscono genti 
alla difesa • T. VI p. 43. Ot- 
tengono da* Trivigiani il poter 
coi^otrc bestie pel loro territo- 
rio* T. VI p. 4«» 
J3I4- 

Richiedono a'Trivigiani che fos- 
sero carcerati e scacciati cercf 
malviventi , che erano nel Pede- 
monte Trivìgìaoo , e che fossero 
libere le condotte delle mercan- 
zie da Padova a Bassano. T.VI 
p. 84» Jacopo 7exe da Padova 
Podestà. T. VI p. «4* Sono di- 
chiarati esenti da* Padovani dal 
pagamento di certe gabelle» e 
t^cialroente da quella della ma- 
cina e dal dazio del sale • T. 
VII p. 4r. Esentai da^Padovani 
da ogni gravezza per anni tre, • 
perchè possino fortificare Bassa- 
nò con nuovi lavori coatro i ne- 
mici . T. VII p. 7p. T. vm p. 

«!• Numeratone de* fuochi di 
Solagna , dì Sanazzaro, di ar- 
tigliano , dì Pove , e del Cismo- 
ee. Ville soggette alla giurisdi- 
ziooe di Bassano. T. VII p«9j. 

S'accordano co' daziari del sa- 
le di Padova . T. VII p. 99» V- 
berto da Vigodarzcre Podestà . 
T. VII p. 99. Ordini e provve- 
dimenti de' Padovani per fi^rti- 
ficar Baisano e difenderlo da* 
cimici. T. Vllp. istf. 

Le viUc dì Solagna, diSanaxza- 
do, e di Cartigliano desideran- 
do di sottrarsi dalla giurisdizione 
de'Bassanesl rimettono le loro 
prc- 



ftetaaSàoi od podestà di3assa- 
no . r. Vili p, s« Galvano 4a 
T^radma Podestà* T^vnip.s. 
rM7.' ^. 

Oàe0goop da* Fadpvafti4>^ potei 
covpec^re ^oo moggi di bia- 
da ocl loro terlÌMrìo* T^ VII! 
p0 54^ Tratiano nuovainente del 
lale £0*dauaxi Fadovaai ^ T. Vili 
p. 5$« Ville soggette alleati. 
T. Vili p. 55. Nipoti putti fra 
il Comune di Bassano , e i da- 
tiaif del ^ale di Fadoira . T. VIU 
p. 76 • Gtovanni figlio^ di Simio- 
oe doxt^t dì graqvmarìca • T. 
Vili p., 74w Vìts Jora' proroga- 
ta da'Padoiraiii V efeii^iaoe d' 
0^ fravesza per «kri «re an- 
ni , actiocch^ postico ibnificac 
la terrà. T. Vili p. «i, 

Kióuae a* Padovani nella pace 
con Cangrande • T. Vili p* 98» 
False fibcizie portate in Treviso 
che Calie a 'Inctmmroavà per ^r- 
preflldeiù Baasano ^ Fadpri, e Tri- 
yigl«r T. VlÙ p.- ria. Holaodo 
de Gaarnerini Podcsà'. T. vni 
p. 110 x87. I Padovani ordina- 
no che le, Ville del territorio' 
Bisaocse debbano óiandar le 
guardie tfuìc iàzioni reali e 
persoriali in Bastano , e coown- 
dano al Fodesià di quel luogo ,> - 
che obblighi i terrieri ad andar 
dentri alfe mura • T. Vili p. 
217* I PadWani vogliono che i 
Batsaoesi siano levati da* bandi 
della Cittì di Vicenza , e can- 
cellati perchè^ possioo avere le' 
renditcr delle possessoni del Vi- 
centino ^ T*^ VII! p. III. Rap* 
pr^gHe de Trtvigiani contro di 
essi. T. Vili p. 149. Lettera di 
Giacomo da Carrara al Comu- 
ne ifooriio a* Daziar) ééì sale .^ 
T. Vili p. 14,. 

nJ9' . 

li neOcT air incama il ^axip sa«' 



le per le ville deUerritotio* T# 
Vili p. 171. busìo de* Buzza^' 
carini Podestà • T. Vllf p. 172 
ìli* fcotesu 0itta da Biodo Ua- 
i^aro Toscano per danaro che il 
Comune ave? preso a censo da 
Jui • T. Vili p. I7S. Rolando 
de*Guarnerìai Podett). T. Vili 
p, i8s 28p. 
15 ao j|ar.* 

^verna^ dn quattro Capitani 
Bassaoes^a nome dello Scaligero • , 
T- I^ p. 1} H* 
ijaa. 

Jilcnni Bassaneai abbcudano «na 
casa d*Biasj in Mvasoleiite. T. 
IX p. itf« Accusati, da Jacopo 
de'Bias) ,* e banditi dal Podes- 
rV dì Treviso . T. IX p.^ a7. As- 
solti dal .Conte dì Gorizia per 
l' aroictzia che aveva co^l Comu- 
ae di Bassaao. T. IX p. a 8, Pro- 
seguono la causa contro Nic- 
colò di Rovero per il danaro 
preso t censo 4^ Bindo. T. IX 
p. a9* 

l^ieuo dal Verme Fodestli» Tp 
TX p. jo 34 3s J7 J8 40 ♦»• 
Sue lettere credenziali al Podes- 
tà di TrivigI per la causa di 
Bindo Xiazaxo da Fiorenza • T. 
^ P- 54 J7 J8 4« 4»; l{ Co- 
mune manda un suo siodico a 
Cangrande a dimandare un nuo^^ 
vo Rettore. T. IX p. J5. Gu^ 
gh'elmo de* Servidei' Podestà per 
sei mesi. %. IX p. itfr 

Genti furmate dello Scaligero ve- 
au^ M Bassaoo mietcono in sos- 
petto i Trivigiani. T. IX p» 54- 
Alcuni traditori tentano df dar 
Castèlftaoco in mano def Podes- 
tà di Bassano. T.IX p.. 5 S.Gu- 
glielmo de*Servidei Podestà • T. 
IX p. 5 5. Cangrande proroga il 
tempo dell' appellazioire nella 
ransa ^» il Comune e Nicco- 
P j^ Ih 



n B A 

!ò di Rovere . T. IX p. 55» 

Eleggono dtie Veronesi in prò* 
curatori per agire nella causa 
suddetta . T. IX p. «7. Orico 
da Pogiana Podestà . T. IX p. 
67 7*. Pregati da' Trivigiani per- 
chè facciano pagare Valentino 
da Fonte di quanto andava ere» 
ditore da alcuni Bassanesi . T. 
IX p. 75. E perchè faccia* 
no restituire due cavalle cariche 
di panni rubate ad no Tnvigia- 
00, Tt IX p. 7tf* Carct di ci- 
tazione £itta dal Comune a Nic- 
colo di Roveto per il danaro di 
Bindo . T. IX p. 8j. Mandano 
ambasciatori a Trivigi intorno 
alle pecore rubate di Guglielmo 
d'Onigo. T. IX p. 9u 
23*6. 

Kappresaglie de' Trivigiani coa- 
tro i Bassanesf • T* IX p. 9^* 
Altre {id isunza di Artico dalla 
Rosa. T. IX p. ie8. Somminis* 
erano i^egname per certi lavo- 
xi da ^tfi nel Castello di Aso- 
lo. T. IX p» lot. 

Comperano vettovaglie per {bi- 
sogni occorrenti della Terra . T. 
;x p. i8. Occupano un pezzo di 
territorio Trivigiano a Romano , 
per cui fi Comune di Trfvigi si 
lamenta presso il Re di Boe- 
mia. T« X p. }u 

Orico da Poiana Podestà s' ac- 
corda con quello di Vicenza per 
prendere i delinquenti » che si 
ritiravano da un territorio all' 
altro. T. X p* ih 

legname de'Bassanesi che per 
Brenta si conduceva verso Chiog- 
jgia. T. X p. 1*4. Dazio solito 
che pagava . Ibid • 

ijl»« 

Orfeo da Pogù'*% foicst\ acri» 



B A 

ve a* Trivigiani per rinvenire i 
confini fra Bassano e Trivigi pres- 
so Romano. T. X p. rjo. Divi- 
si da una strada chiamata il fos- 
sato . T. X p. 1)1. Impetrano 
da Alberto dalla Scala un co- 
mando al Podestà di Vicenza di 
poter condurre in Bassano senza 
dazio tutte le loro rendite pro- 
venienti dal territorio vicenti- 
no. T. X p. 147. 
1 3ì a. 

Oli Scaligeri impongono una gra- 
vezza di 20 mila lire al mese € 
tutte le Città suddite per sup- 
plire alle spese di Brescia, deU 
Je quali a'Bassanesi toccano ia 
loro comparto L. aso al mese • 
T. X p* itfi. 
X3J4. 

Mandano soldati nell* esercito di 
Mastino eh* era in Bretsello • T. 

XI p, 20. 

Bassano consonato a* Veneziani 
dagH Scaligeri- nell* istrumento 
della pace. T. XI p. ittf. Pote- 
vano estrarre le loro renditeli 
territorio Vicentino senza dazio • 
T. XI p. Ti4« Consegnato ad 
Ubertino da Carrara , ed inchiu- 
so neir istrumento di pace fra i 
Veneziani , e gli Scaligeri . T. 
XI p. 127. Decreto degli Scali- 
gerì , con cui rìvocano ed an- 
nullano le condanne e i proces- 
si fitte da' loto Rettori. T. XI 
p. i«j. 

Contese co* Trivigiani pe* con- 
fini verso r Asolano. T. Xll p. 

iK. si nomina Giovanni de'Lam- 
bertenghi olim Podestà. T. XII 
p. 18. £ Andreasio de' Rossi. 
Ibid . Il Podestà di Asolo scrìve 
a quello di Treviso dimandane 
dogli le carte , che potevaiio 
dilucidare la materia dì essi con- 
fini, T. XII p. if* Gli rispon- 
de 



SA 

àé tnandaiuiogtj c^uelle notizie» 
che afca potuto ricavate da' pa- 
blici r^sui* T. Xll p« a5* 
ì l-f^t 

Il Podestà di 1*11 vigi commette 
a quello di Asolo di dovere Àr 
cavate di notte tempo il termi- 
oe , che i Bassancsi avevano 
piantato sul territorio di Roma^ 
no occupando più di due mfla 
campi. T. XII p. 5 3* 
1J45. 

I Veneziani ricetcano al Todes^ 
tk dì Trivisi catte e lumi in- 
torno a*conEni fra Bassano e 
Romano, dovendosi trattare la 
questione con Ubertino daCar« 
rara, perchè i Bas$anesf avevano 
occupato più di mezzo miglio 
del teiritoiio Ttivigiano . t.XII 
p. 54* 1 Veneziani mandano am- 
1»asciatott al Signor di Padova 
pet giustificate i loro diritti in 
essi confini* T. XII p. ó8. 

ti Todenì di Triv^ scfrlve a 
quello di Asolo per essere in- 
formato , se veramente fosse 
vex<r% che i Bassancsi avessero 
occupato nel territorio di Ro*' 
mano circa trenta mila campi • 
T. XII p. 8i. (s* avverta che 
ivi questo documento fu posto 
pet errore al tj4« menti e de- 
ve «asere al xj48.> 
XJ50. 

Yaturo de*Buzzacarini ?odest^ , 
e Francesco da Cividale Giudi- 
ce. Marco notajo de Curro su p« 
plica di essere aggregato alla Clr- 
tadinanza di Bassano , ed è ac- 
cenato. T. XII p. x4«. ' 
ii5*. 

Francesco da Carrara è in Bav 
sano, e maida molti Bassancsi 
in Valsugaiu contro Sicco da 
Cahionazzo. T. XIII p. si- 

1}70. 

Fraocafco da Carrara è in Bas- 



sano. T. XIV p. s^» 

I.a bastia di Solagna è in poff^ 
re de* Veneziani . e il Doge or. 
dina che sia pxesidiau . T. XIV 
p. 3r. 
1374. 

I cinque arbitri eletti da'Vene« 
^ani stabiliscono i coniioi di 
Bassano col^Trivigiano • T. XIV 
P* P». 

Difeso da Arcuano Buzi^carfno 
con dttgento lancie • TJEIV p. 105 • 
1J90. 

Diploma di Giangaleazto Vi- 
sconti , col quale Separa Bas- 
sano dalla giurisdizione di Pa- 
dova , e da qualunque altia. 
SftrU, T. XVII p, no. 
1391. 

Pietro da Pusterla Milanese Po- 
destà pel visconti. Processo for- 
mato contro alcuni ribelli, che 
avevano tentato di tot la tetra al 
Visconti , e daxla al Carrarese • 
T. XVlI p. 4a. Francesco da 
Carrara di un assalto a Bassa- 
no, ma ^ rispinto, T«xVIIp«43« 
U9*. . . 

Gerardo degli Aldi^hieri Capita, 
nio. Ordine del Visconti pei far 
nuove chiavi, e nuove serrature 
alle pottc . T. XVII p. ^8 69 70. 

Iì96é 

Vestono di panno quel messag- 

giero, che portò a Bassano la 

nuova della vittoria ottenuta dal 

Visconti nel Mantovano contro 

Je armi collegato. T.XVIIp.9tf. 

1400. 

£ditto del Visconti, che cessato 

II morbo epidemico possano i 
Bassancsi ripigliare il commer- 
cio colle C'ìtÙL della Lombar- 
dia . T. XVIII p. ai. 

Ordini del Visconti che siano 
date le paghe a* soldati , che 
D } era- 



fi » A 

fcnsò dì gotrnigione io Bassano • 
T. XVIII p. J4. 

Gerardo degli Aldighierì fodes- 
cà partecipa a* bellunesi la sol. 
Jcvaziope '<lel popolo di Bologna 
in fevor del Visconti . T. XVlII 
p. .39. Tilippo Maria Visconti 
spedisce a Bassano un snoVica- 
110 per franare di alcuni a^ri • 
T. XVIII p. 4'. 
1403* 

I Visconti proseguono f lavor! 
solla irretita' per stolget ne il cor- 
so con grave pregiudizio del 
Carrarese, che si vuole opportc- 
re armata mane, T.XVlIIp.^?. 
1404- 

larte de* Venciìafìr intorno alla 
pratica degli atfari per aver Kiv 
sano. T. XVUI p. 61. I Vene- 
ziani mandano Jacopo da Tiene 
a trattar la dedÌ2Ìotie di Basa- 
no . T. XVnr p. 61, Presentano 
! loro capitoli alla Republtcadi 
Venezia intorno al m%lior go- 
verno della terra per esser con- 
fermati. T. XVin p. 65. PVevia 
però ist licenza della Duchessa 
di MiUuJO. T. XVlri p* «5. 
1405- • 

1 Veneziani esentano lemercan^ 
zie de* Bassaoesi , che passano 
per Trivigi da <^nl dazio . T. 
XVin p. «tf. Parte presa nel 
Consigliò di Bassano di mandar 
due ambasciatori alla KepubJica di 
Venezia per congratalaVsi del di 
lei accrescimento ftllce , per 
presentarle alcuni capitoli , e per 
opponersi a*tentarivi che face- 
vano i Padovani e i Vicenrini, 
i quali , volevano sottomettere 
Tassano alla loro giurisdizione. 
T. XVIII p. 54. Andrea Zane 
rodesti. T. XVin p. ^4. 
1406. 

la RepubVica dichiara , che tan- 
|0 Cotogna , quanto BassaHo non 



B A 

debbano essere sotto la giurisdl? 
zione di Vicenza, ma immedia- 
tamente soggette al Dominio Ve- 
neto, e ciò per la grande som- 
ma di danaro che avea costata 
Bassano. T. XtX p. s- Prendo- 
no parte in Consiglio di spedire 
ambasciatote a Venezia j^r op- 
ponersi a' tentativi de*Pe1trÌQi, 
i quali pcocaravano dì tot Pri- 
molano a Bassano, e sottomet- 
terlo alla loro giurisdizione. T. 
Xlt p« tf. Altra parte d! spedir 
nuova mefite ambasciatoti a Ve- 
nezia per £àt inrendere le loro 
ragioni in proposito della Villa 
di Primòlano, la quale era sta- 
ta ghidicau delfo gfurisdizione 
<fi Peltre. T. XIX p. 6. Pietro 
Zaccaria Podestà . t. XIX p. 6» 
Contese della Comunità di Cit- 
tadella per r acqua posata defi- 
nita da Zaccaria Trevisanb Vice- 
Capitanio di Padova , e da Maf- 
feo Barba rigo Podestà di Castel- 
franco • T. XlX p« 11. 
1408. 

Sentenza di Pietro A rimonda Po- 
desti di Padova giudice delega- 
, to nelle contese fra Je due Co- 
munità di Kassano, e di Citta- 
della per 1* acqtia Rosata • T. 
XIX p. -»?. 
i4ir/ 

L* Aoadessi^ del Monastero di 
S, Fortunato presso Bassano ri- 
dotta sola in convento per le 
guerre che aveanq devastato il 
paese, avea rinunziato in mano 
del/Vescovo dì Vicenza il Mo- 
na^ero suddetto 5 ora esso Vcs- 
<]ovo concede il medesimo col- 
le possessioni :^nnesse al P. Ze- 
none dc'Bastianì di Verona crean- 
dolo Priore , e fondando in quel 
luogo un Monastero di Monaci 
Benedetdm. T. XIX p« 37* 
i4ia. 

L* Abate d! S. Giargfò di Vene- 
zia 



B A 

Hi come legato Apostòlico con. 
cede a] Monastero di S. Foitu- 
naro presso Bassano l'Abazia di 
S. Lacb deJ dÌHcetco di Cirta- 
della caduta in disordine nelle 
guerre presenti. T. XlX p. 54. 
Arciprete di S. Giovanni di Bas- 
sano . T. XIX p. 5 f . dietro E- 
AdUani Vescovo di Vicenza tìni- 
tamente al capirolo de* suoi Ca- 
nonici unisce al Modastero di S. 
fortunato di Bassano quello di 
$, lucia di Brenta desolato, e 
quasi distrutto per le inonda- 
zioni del fiume e per le guetxò 
presenti. T. ZJX p* it^ 

Z4IJ- 

Ducale a* BtssMCsi che loda il 
loro valore e coraggio dimos- 
trato contro r esercito degli Un- 
^herl che avevano invaso ilpae* 
«• T. XXX p. 6}« 

I Thx comitiàt al f odest^ di 
TivfgT dì arrestare ì Fcl^riol 
pe insolente usate canm i Bas- 
saitsi prima che spirasse Jaae« 
gua. Ti XIX p. 167^ 

i<f.a> 

Aatcìio Veniet f odest^ ottJcms 
dalk Kej^ubllca la pctmissione 
di abntanarsi da BassAnO a nid(- 
ttva \t una $erisijma pesdleùza •, 
T. XX p. ia7. 

I4>2I. 

II Senta gmdica che il Castel* 
lo dth Scala, e la Villa di Pi- 
mela j) sjarto sotto la giurisdt- 
zioie di Bassano , come lo era* 
no anticamente . T.XIX p* laf. 

da Issano. S^egdtl^o mastro perita 
A€i arre delle fi»tcification} ; 
sapUca i Trivigiant di esser «w 
miato di gigione ^r esser im- 
pietro ne' lavori che st attva- 
tió a htt nella Cttti. T. Vili 
p. y. Ltdfrt alMunte in Vin- 
cent . T. ti p. 50. J»drèriìc0 
risalgo de*5aoi dantìi da' Viccn* 



B A 5^ 

. tini per mantenere h fi:!tttf$df» 
zione di Vicenza . T. ti p. *7r 
Ayvc»t9 cìsarcito de' suoi dan- 
ni da* Vicentini per mante* 
ner la giurisdizione di Vicen- 
zi. T. li p. 71. P/fft-» Contes- 
tabile del Carrarese in BelluDo • 
T. XVI p. US. 

de Bastfani Zenone da Verona xaom 
naco Benedettino ottiene dalVe« 
scovo di Vicenza il Monastero 
di S. l^ortunato presso Bassano. 
T. XIX r- li* 

de Bava 09g!ulm9 milite Trivigia* 
no, T. II p. a7. 

Bavara^o di CoficeVilh da'Trivi- 
cianf assegnata a Conegliano'i • 
T. Ili p. 40, 

Bavero Villa da BiaqttinO cednflt 
a Conegfiano • T. I p. Ir. T. 
n p# 45* Assegnata da' Tri vigia- 
ni. T. in p. 40., Posseduta dal 
Patriarca, ma precesa da' Trivi- 
giani . T. XII p. t. 

de Bavero litcc0Ì9 milite Ttivigia^ 
no . T. Il p. 27. 

Baviera . Congresso tenuto in Ger- 
mania fta Bavari, Boemi, Aus» 
triaci, e Carinttani. T.IX.p.9«* 

Il I>ucA di Baviera promette sòceot* 
si al Duca Leopoldo contro H 
Carrarese.. T. XVI p. ^o 5J- 
Stefano Duca ; gii I^incsi si la* 
mentano del Carrarese della 
guerra mossa al Friuli 1 fispotta 
di esso dandogli bsofie spetan* 
■e di ajuto . T. XVI p. r^T» 9teu 
fano. Federico, eCiovam» fta- 
tei li Conti Palatinr del Reno , t 
Duchi di Bavier» . Ti XVI. p. 
i^9» Spedkcono amboiciacorl a- 
gli udinesi per ttattart della 
guerra ^sesente. T.XVI p. 150. 
Giovanni è disposto di venite m 
persona^ in loi^ ioceorso • T. 
XVI p. 15 1. if. D«c« pt»met* 
te a! Carrarese afutt pu xì eìw 
pertfe 1 suoi statf. T. XVIL p. 
jo. Fassa pel Fiiuli, e pel Tfl- 
D 4 vi- 



5,6 B E 

Tigiano col suo esercito in aiu* 
to del Carrarese • T. XVII p. 
51 54 55* Passano le getid pel 
Trivigiaiio con pìccolo danno del 
Territorio. T.XVII p. j6. Sih 
poco onore , e il Vergeiio lo bia- 
sima. T. XVII p. SI* 

^i Baviera Artide , ed Erm4m»9 
prigionieri di Castruccio nella 
battaglia contro i Fiorentini . T. 
IX p. ^r. 

IPazaleni PatU di Conegliano del 
Consiglio. T. XI p. 152* 

de*Bazalerii B^nsdomdnt q« Ama- 
donio. T. V p. 24. 

Bazano preso da passerino a^ltolo- 
gnesi. T. IX p» 38« < 

da Bazzoleto Pr9savì0 ucciso , e 
derubati i suoi beni • T. VI p. 
2 5« Alberto Tiivigiaoo • T. III 
p. 47. Alhtrto y e Mdddalina sua 
moglie figlia di Marco Queri. 
ni. T. VII p. 8j. Jlkerfù e G#* 
Tdrd§ qn. Prosavio autori prin* 
cipali di una congiura in Tri» 
vigi contro gli Scader! dichia* 
zatt ribelli , condannati a morte , 
e i loro beni venduti airincan* 
to. Sf$rU, T. IX p. J69. Nif 
coli ambasclator de* Trivigiani 
al Duca d'Austria, TJ[VI^T9. 

de Beato NUeoU anuano in Tri vi- 
gi . T. XI p. 9^. 

delle ^ebbe Torre. T. XIV'p.^i. 
Uo ttkfDo della Brenta scorreva 
a quella Torre. T. XI V p. 91. 
Tresài da' Genovesi doveva ac« 
quistaui da* Veneziani • T. XV 
p. 4i»V- XVI p. atf. 

de Bebeo ^Ifa^frodlno Console di 
Trivigi. T.I p. SI* Nota)o. T. 
I p. 6S. 

de. BeccadelH Mimo da Botogna Po- 
destà di Trivigi . T. IX p. 9.' 
Todestà di Padova ucciso da' 
Carraresi. T. IX p. it. 

de Beccaria Ciovsnmi .Anziano di 
Verona* T. Ili p. 55. Mlméldo 
di Pavia spedito a Veiosa da 



B F. 

Mastino per aver dinaro . T« 
XI p. 7. 

de Becheriis Federica Console di Ve- 
rona . StorU . T. VII p. 47. 

de Bedoja PUtro Benedetto Sin- 
dico procuratore de* Trivigia- 
ni . T. Vili ,p. S7. Notajo . 
T. Vili p. 81.' Notaio anziano 
de* Trivigiani . T. IX p. 97. T. 
.'C p. 61, 

Bel caro t>ottor di Leggi figlio di 
Bartolommeo da Padova testimo- 
nio in Trivigi . T. IV p. 178 
Eletto professore in gius civile 
T. Vlt p. 40. Invitato allo stn* 
dio. T. Vlt p. 4tf. 

Beldemando di Emrtghetto Padova- 
no. T. Ili p. ja. 

Belegno Giovanni Consigliere de! 
Doge. T. Il p. 3j. T.II p. 92. 
Filippo • T. II p. no. Podestà 
di Trivigi. T.Up. iì6 117 118 
119. T. Ili p. 47. Fillffo Savie 
eletto da' Veneziani . StorU, % 
XI p. 8 J4« Procnrator presen- 
te in Venezia alla pace cogli Sc-^ 
ligeri. T. XI p. Ti8. 

Belencini csma^ro da Bassaoo .b> 
brucia una casa de' Btasj a Blis* 
solente • T. IX p« ad. AccUato 
ài Podestà di Treviso, e bndi- 
to . T. IX p. a7. Assolto da! 
Conte di Gorizia • T. < p« 
*8. 

de' Belengerii Gìovmnmt nota> • T. 
XIX p. ij4« 

Belforte ponte fattovi appreso da* 
Veneziani, ricercava il fttnar- 
ca che fosse rimosso . T. Ilt 
p. i8a. 

Belgiofoso luogo di delizie di Gin- 
Galeazzo Visconti. T.'XVIUp. 
a9 5«* 

Belgramooe Ambrosino Console di 

Capodisttia. T. I p. 5 5* 
de Bella Borni fueio Canonico dVc- 

rona. T. Ili p. is^* 
de Belladonna QìovmuI ambicia. 
tote di Gtt«ello da Ourno a* 
ri- 



TfÌTignai . T. VÌ p. €9» T, Vii 

Mhdono Cascbllò in frinii • T. Il 
p. 60, 

de Bellagranda C^rrAdlnt iìotajo 
Siodico e pfotaratoxe de* Trivi- 
giani a Venezia . T. Ili p. 77 19* 
Slm9n§ giodice di iTrcvigi • T. IV 
V» %i. Consigliere del Collegio de* 
Nobili di Trivigi. T. V p. ibi. 

XellainM Dtmemif Citudmo di 
CMoggia . T. XI p. «b. 

Sellegiasd ZSU9U Kettote delta Le- 
ga Lomìiarda de* FadovaAi • T« 
1 p. 7tf. 

Belleogarda VPolàitt . Tom* ì pag. 

de* Bellcflzam VtìlHm» giadiee di 
Trento. "r.III p. 1J7. Sente ììì^ 
terriene \t Mestre pe* Padovani 
al ttattatocotrivigiani. T.VllI 
p. 43* QUvà^nl da Trento ha 
in pegno il Castello di Tentio 
dal Capitolo della Chiesa lud- 
derra. T. Xlì p. ijé. 
Se/JojDonte OéufrUo Cancelfierc 

Bajocens. T. II p. 91, 
de* Bellondi ]mffè Padovano . T. 

HI p. 15. 
de* Bellooi Otfhtnè da Talenta 
dottore Consigliere ed uditore 
Cesareo. T. XtZ p* «a. 
BXLLUNO. Giovanni suo Vesco- 
vo riceve in dono da Ottone 
laaperadote tre Cartelli , cioè 
Oderso , Tolceoigo , e Lavazzo • 
T. I p« S. Suo avvocato. T. X 
p. 9» Belluno Città libera , e 
Md^ndente come Tcivigi • T. 
I p. 27* Controversie del Ves- 
covo co* Trtvigiani mediatore il 
fegato Apostolico . T. I p. 6$ 
«4* Chiesa de' malsani benefica. 
ta da Gdbriel da Camino . T. I 
P* 6€, Gtnrisdidoni del Vesco- 
vo di Fehre e di Belluno a 
noncìbtts inf^rius verso TrivIgl 
eccettuato Odeczo date dal Do- 
gè di Veneaia al Comune di 



B E ^7 

Trivigi . T. I p. 68 €9» Odone 
Vescovo giurò la Cittadinanaa 
di Padova . T. I p. Sa. Era 
in società co* Padovani . T. I 
' p. 8}. Galvano Canonico • T, 
lì p. 3 . Adelgerio Vescovo swbi- 
lisce confederazione col Comu- 
ne di Padova , ed è aggregato a 
quella Cittadinanza . T. II p. 
30. Giudice arbitro nelle con- 
troversie fra il Vescovo di Tren- 
to, e Mainardo Conte del Tì- 
tolo. T.IlI p. 41. GavardoCa. 
Donico • T. Ili p. 41. Bellunesi 
eccettuati nel concordato tra Ve- 
nezia e Trivig! in mateiiadida- 
zj. T. II p. 94 91 138. Adel- 
gerio al Sinodo d'Aquileia. T. 
Hip. 88. Pagano Abate del Mo- 
nastero Bellanens. al ^Sinodo d* 
Aquilcja . T. III p. 88. (Ved. 
l'articolo Ftltu per altre noti- 
«e del Vescovo Adelgerio) . Mai- 
tiardfno di Bellano Canonico di 
Ceneda, ed eletto di Torcello. 
T. III p. 126. Jacopo Casalio 
Vescovo . T. IV p. 12. Gerardo 
da Camino Capitan generale del- 
la Città presta il suo assenso 
ad un regalo , che i Bellunesi 
volevano fare al Vescovo Casa- 
lio. T. IV p. 12. I Trivigiani 
scomunicati dal Patriarca si ap- 
pellano in fàccia anche del Ves- 
covo di Belluno di questa sco- 
munica • T. IV p. 16. Niccolò 
da Lozzo ottiene le rappresaglie 
contro i Bellunesi . T. IV p. A tf. 
I Trivigiani dimandano aiuti ad 
essi per sospetti del Conte di 
Gorizia . T. V p. 214. Alessan- 
dro Vescovo dimanda aiuti a* 
Trivigiani per movimenti nella 
Valsugana. T. VII p. itf. (Ved. 
Frltrt) Come alleati de* Pado^ 
vani sono compresi nella pace 
fra questi , e Cangtande • T. VII 
p. 60 6) 6^69, spediscono am- 
basciatori a' Trivigiani infiivore 
di 



dì Cacce Ilo eletto Capitan gene* 
ralc di Fcltre. T. VII p, itfy. I 
Pack>yani si esibiscoiio mediato- 
tori ad una pace tra essi , e i 
TrivigiaDÌ. T. VII p. 174. In- 
grossano r esercito di Guec^llo 
giiinfp in Serravalle • T. Vili p. 
»7» Sì costituiscono mallevadori 
deUa pace fra il Conte di Goti- 
aia, la Città di Trivigf, e Rlz- 
ZMtào da Camino. T. IX p. 4* 
M«nfee4o Vescovo ucciso . T. 
IX p. 14. Otuyiano Canonico» 
T. IX p. ^6. Bellunesi abitanti 
Uk Treviso , che proseguano a 
starvi , benché la Città fosse di 
Cane. T. X p. 6% ds« Si unis* 
cono in ì^ cogù Estensi » e co* 
Gonzagbi . T. X p. 14^ i44« Gli 
Scaligeri impongono unagravez-* 
sa di lire ^0000 al mese a tut- 
te le Città suddite pei supplire 
alle spese di Brescia , delle qua- 
li a* Bellunesi toccano uniumen- 
te a*Fe1trini liie 1200 al mese. 
T. X p. j6i. Lanfìanco de'Pii 
Podestà, i Trtviftiani k>, prega- 
no di non impedire il passaggio 
di certo» sale provveduto nella 
Germania . T. XI p. «4* Gorgia 
da Lusia Vescovo investe Carlo 
Re di Boemia, e Giovanni suo 
fratello del Capitaniato di ^eltre 
e di Belluno. T. XI p. 89. In- 
clusi nella pace de^Veoeziani e 
fiorentini cogli Scaligeri . T. Xt 
p. 127. Cinó da Castiglione Vi- 
cario per Carlo Imperadore. T. 
XI p. I Sj. Giuramento di fedek 
tà e dì ubbidienza prestato da- 
gli uomini di trassi, di Livina- 
le Longo, e di Rocca dì Plet- 
tore a Conato Vicario, generale 
per Carlo Imperatore in Feltre , 
ed in Belluno . T. XII p, 1^9» 
Conato Coblino di Bruna Capi** 
unio. T. Xin p. ^. Cariò Im-. 
peradore rendo grazie a Ga« 
oliclmo Bevilacqua per Tassis- 



B E ; 

tenza prestata presso Can^ranie 
a Conato di Coblin di Bruna nel 
suo o£Szio di Vicario in fcltre,* 
ed in Belluno . T, XIII p. 11. 
Sentenza di Conato Vicario con. 
tro Guecello da Cast;elIo , e Broc- 
ca , perchè avevano avuto trac- 
tato co* nemici dell* Imperadore 
per tradir bro la fortezza di 
S. Pietro in Triba , e poscia 
muover sedizione anche in Bel- 
luno* f. XtlI p. 18. Enrico Ve- 
scovo di FcItrc e di BeUnno • T- 
XIII p. aa. Fucine erette in 
Belluno, e io altri luoghi fanno 
decadere Tarte librile in Vene- 
zia. T. XIII p. 04. Varie rego- 
lazioni per il miglior governo 
della Città concesse da Carlo 
Imperatore^ e spezialmente la 
facoltà di eleggere il Capitanio 
in Agotdo e Zoldo . T. XIU p» 
30. Loro debiti con Castrone de* 
Bardi, ed altri mercanti Vene- 
ti. T^ xni p. jr. Jaco^ Ves- 
covo inves^ce i Signori di Poi- 
ceóigo del Castello, e della giu- 
risdizione di Polcerigo. T. XlII 
p. 41 Veio da Castiglione Deca* 
no e Canonico , Andrea Sacrista • 
T. XIII p. 4r* Belluno Città im- 
periale commessa al Patriarca 
compresa nella tregua fra Lodo- 
vico Re d'Ungheria,, e i Vene, 
ziani . r. XIII p. 57. E nella 

face . T. XIII p^ 7r. Niccotò 
atriarca d'Aqoileja Vicario ge- 
nerala di Fcltre , e di Belluno 
per Carlo Imper adora crea Ca- 
pitanio in :^o}do Niccolò Cane 
de* Bicerii Bellunese . T. XIII p* 
70. Carlo Imperadore concede 
Feltre e Belluno a Lodovico Re 
d* Ungheria . T. XIII p. «$• 
Niccolò di Tommaso Capitanio 
in Feltre ed in Belluno pel Re 
d'Ungheria, t. XIII p. Stf.Ot. 
tone Vescovo avea dato 'm feu- 
do a Cuecellone da Camino nel 
it7tf 



BE 

t«7< il Castelk) di tamtWc • 
T. XIV p. 47. Iscrumeoto di 
tf^nsazione dì ts^ Vescovo aU 
io stesso Camlnesc nel ii^x . T, 
XIV f. 47^ UgoIiflO de'Scrovep 
gni fodesri • Il Catraiese gli 
acrìve, che assicorì i suoi sud- 
diti, fiht non vi è guerra col 
Duca 4'AnsltHu . T. XIV f. %^ 
Gli ordina S còfìsegnat le chia- 
vi* e la custodia della Città a 
ino figlio, e di andate a Tadova • 
TJCIV p. 5 $. Ugolino Podestà li- 
xorna in Belluno • T. Xiy p. s 5 • 
It Carrarese gli qtdttiz di con- 
^nar Ift chiavi/ e Ja fortezza 
ad Antonio <k*L|ipi, ^ di an- 
date a Padova • T. XIV f. 5«. 
Gli ordina di mandare nna spia 
a Conegliano e Sexravallc a ve- 
der cosa operino i V^eéiam 
contro i Duchi d' Austria • T. 
XIV p. 5s« Gli nonflca, che a 
momenti egli sari in Belluno « 
T. XIV. p. S7. Ordina il Car- 
rarese àt sao ^pdcRà di Bellu- 
no di comptftìar tutti i capretti 
vivi , che ii ritrovano- ytael Bel? 
Jnnese per ftr|ìe no re^lo al 
Marchese di Terrara . T. XtV 
p* 70. Nata diflìsrenza fta il Car- 
rarese « i Ventaiani per confinì 
del Beliuòete, e àcì Tiivigiano 
il Sìgn9z ài Padov^ ordina al 
suo Podestà di BeUtino , che 
chiamati (|«attf<» uomini de* più 
vecchi prenda k necessarie in- 
formazioni. T. XIV p, 7r. Or- 
dina ai suo PodeS^ di ricever^ 
in Città Luchino Viscontf colla 
sua femiglia. T.XlV p. 7»« Or- 
dini datigli per certe mura, eh* 
e||ì voleva fiire presso il Cas^ 
tello della Città. T.XIV p. 7^ 
Ducale al Podestà ài Trivigi di 
aprire i passi del Trivfaianp ver- 
so Feltre e Belluno, che erano 
stati ctóttsi . T. XIV p. 76, 11 
Carrarese cede Feltre e Belluno 



B B ^p 

a* Da chi d' Austria , perchè ei- 
si lo a [unno contro i Venezia- 
ni • T. JtIV p. ts 8j 84. Per- 
cevallo di Voeynègs Capitanio. 
Brocca da Castello macchina 
tradimeiJto alla Città ^ fogge 
i sniH beni devolofi al fisco so- 
no dottati 4^1 Duca t^opoldo a 
Percevalle . T. XV p. 0. Si pu- 
bHca la tregua ^a i Duchi d* 
Aostrìa , € laRepublica di Ve^ie- 
sia , e il Carrarese . T. XV p. 
9. Il Duca Leopoldo assicura i 
Bellunesi , che sempre fu sua 
intenzione, ed ^ che il Calte Ilo 
4i Zumellè, e quello di Cesa- 
na siano sotto la gin^dizione 
Bellunese, T. XV p. is. Alber- 
to Duca d'Austria partecipa a* 
Bellunesi la pace fatu co' Vene- 
ziani colla restituzione del Cas- 
tello di $. Vittore, la Rocchet- 
ta, e la Chiusa. T. XV p. rs. 
Consultano iq^mo al mcKio da 
tenersi, perchè il Capitanio di 
Feltre ^ e quello di Zumelle non 
volevano obbedire alle lettere 
del Duca Leopoldo , le quali co- 
mandavano la restituaione di Zu- 
melle . T. XV p. xtf. Leopoldo 
scrive a* Belimi , che debbano 
soprasedete nella questione eo^ 
feltrini per il Castello di Zu- 
melle fino alla sua venuta in 
Belhmo. T. XV p. 17. Scrivono 
al Dnca lamentandosi della proi- 
bizione fiitta , che possano esser 
trasportate fiiori di territoffo 
vettovaglie di sorte alcuna . T. 
XV p. i9« Leopoldo avvisa i 
Bellunesi , eh* egli è in breve 
per portarsi presso ali* Adige, e 
che però essi mandino colà ora- 
tori per parlar deHe cose loro • 
T. XV p. 19. Guglielmo dlGb- 
neg Capitanio. Il Duca Alberto 
partecipa ad essi, come i Veneaia- 
ai aveangli restituirò i Castelli di 
S. Vittore, e dielU Rocchetta • 
T. XV 



Co RE 

T. xV p. 25. Li avvisi di uftt 
nuova guerra contro i VcDczia. 
oi. T. XV p/?3o. Scrive a'me- 
desimi, che io breve e per ve- 
nire in Belluno, e cheiotamod 
riportino pe*publici afiìari a Gio- 
vanni di Litestain suo Conti, 
gliere , che ipedisce a Belluno . 
T. XV p. 3x. Il Duca LeopoU 
do partecipa a* medediiu , come 
erano seguite le divisioni fra 
lui , ed Alberto suo fratello , e 
come Belluno era toccata di sua 
porzione. T. XV p. ^a. Ordina 
ad essi, come del tclbuto, che 
erano soliti a pacargli in Nata^ 
ìt y levino L.iao di danari vienne- 
si , e le consegnino a Guglie!» 
aio di Glaneg per spese avute 
da lui nella guerra contro i'Ve» 
neùani • T. XV p. ja. Confcr-' 
ma nel Vicaiiato Guglielmo da 
Fissiraga . T. XV p. |j. Li av- 
visa , come avea destinato df 
spedke a Belluno un suo Coow 
sigUeie per punire quella par- 
te , che avesse trovata rea . T. 
XV p. j7. Commette a* Bella* 
nesl , che debbano restituire a 
Drotone da Fcltre oltre ailla li- 
berta anche tutte Te robe sue. 
T. XV p. 37. Li ringran» deir 
allegrezza dimostrata , perche 
ù:k le divisioni con suo fratello 
Belluno era toccata ad esso. T. 
XV p. 4o. Ordina ad essr di in- 
leigilare, perchè non sieno nas- 
portate vettovaglie nella Mate» 
Trivigiana . T. XV p.. 43. W Pa- 
tciarca Marquardo dà le mede^ 
siroc commissioui avendo sapu- 
to, che ne mandavano a^Vene- 
siani , e agli altri nemici del 
He d*Ungheria . T. XV p. 4*. 
Federico Vescovo di Bressaooi^ 
piega i Bellunesi a levar certa 
nuova insolita gabella massa dal 
Castellano di Rorpra^to , ostia 
di Flettoic» in pregiudizio de* 



nt 

svLót sudditi • T. XV p. 4€é te^ 
poldo scrive, che dovesseìto os-^ 
servare ciò, che avea decretata 
i^lccolò viot]er,mefitre fii in Bel- 
luno. T XV p« SI. 1 CommSs- 
tari del Re d'Ungheria in Friu- 
li si lamentano di essi, coB^e 
dal loco territorio ^ssavano al- 
lo sMto de* Veneziani vettova- 
glie prevenienti dal Friuli pel 
pasto di Cadore. T. XV p« $j« 
1 Bellunesi si scusano protes- 
tando di aver punico i trasgres- 
sori . T. XV p. 54-. Scrivono al 
Duca Leopoldo significandogli 
il lor dispiacere pes avere inte- 
so, ch'egli era f«r cedere Bel- 
luno al Re d' Ungheria i gli 
partecipano V estrema peffliria 
di biade , che sotfrono ^ per 
non volere i Commissari^ del 
Re , che ne si* no ttasportace 
dal Friuli sul Bellunese • T. XV 
p. S5« Partecipano a Bartolom- 
meo de*Mezziaprili Cremonese dt 
avetto eletto peciosa Podestà. T. 
XV p. s^. Il Podestà eletto ris- 
ponde ric^ariandoli della loro 
elezione , ed accettandola. T» 
XV p, 56« Partecipano al Duca 
Leopoldo, come Secravatle era 
venuta sotto fi tao dominio , e 
gli presentano alcuni Capigli 
rappresentandogli le gravissime 
spese , che aatfrono in quel tem- 
po superiori alle loro forze. T* 
XV p. 57* Mandano alla custo- 
dia di Serravclle soo. pedoni. T. 
XV pv 57. I-e pfeiiti unghere , 
che sono in presidio della Roc- 
ca di Ceneda, invadono il Bel* 
hinrse , e vi secano molti danni. 
T. XV p. 58. Leopoldo li rin- 
grazia del loro zelo e fedeltà, 
e lor partecipa , che fra breve 
sarà nelle parti di Trivigi con 
un potente esercito. T. XV p. 
59* Mandano ambasciatori al 
Duca per congratularsi dell* 



«ecretcimemo del tuo sta* 
to, e per presentargli alcuni 
capitoli dimandando diminuiio- 
fie , e risarcimento delle spese 
iàtte f et suo conto. T. XV p. 
S9* Dimandano al Duca la cu- 
stodia della nocca di Plettor^. 
T. XV p« «•• Dimandano ri- 
sarcimento delle spese fatte , 
quando presero la Valle di Ca« 
▼aso, e Castelcucco, e Setra- 
valle, e ConegHano, ed altre 
fortezze della Trivigiana. T.XV 
f. «•• Vanno alla custodia di 
S. Vittore. T. XV p. ««• Il Du- 
ca partecipa loro di aver fitto 
il suo solenne ingresso in Trivi- 
gi, e di essere sutò acclamato 
da tutto il popolo Signore della 
Cittk , e Marchese di tutta la 
provincia. T. XV p. 62» Li rin* 
giazia dell* ambascecia spedita , 
e sì riserva a pallate de* capi- 
toli proposti, quando s* avvici- 
nerà a Bel Inno. T. XV p« tfj. 
Scrive ad essi che per la custo- 
dia di Ttivìgi mandino a lui- do. 
pedoni bene esercitati e fedeli. 
T. XV p. 63. Che essendo per 
andare a Milano al suo suocero 
esso avea spedito a loro Reinai- 
do de Voeingen suo Consigliere, 
acciocché lo dovessero obbedi- 
re io ogni cosa« T. XV' p. 70* 
Se il Carrarese acquistasse FeU 
tre e Belluno , • che oon sia te- 
nuto di dare a* Veaeziani la 
Casamatu » la Torre di S. BoU 
àOy ne la Chiusa di Qnero. T» 
XV. p. 94* I#«opoldo elegge per 
Vicario Niccolò de' Bomoecari 
Dottore da Cremona. T. XVI p. 
a). GogUelmo di Glanep Capi- 
taoio era andato nel Tiivigiano 
contro il Carrarese. T. XVI p. 
ji. II Carrarese vi manda une- 
sercito a danneggiare il territo- 
jio. T. XVI p. 51, Leopoldo ra- 
^ca Ja sentenza di condanna 



B E 6t 

contro Brocca , e qj^ figlio , t 
quali avevano congiurato coiftfo 
la Cittì di Belluno per darla al 
Carrarese , e ciò perchè Ferce- 
vallo , al quale erano stati do- 
nati i di lui beni dalla Cittì, 
potesse venderli con sicurezza 
sua, e di chi li compera. T. 
XVI. p. 75. Leopoldo avvba i 
Bellunesi , come in breve egli 
è per portarsi in Bolzano, e 
però ivi diriggano i loro amba- 
sciatori per trattate de' loro af- 
fari , e spezialmente dc'rumori , 
eh' eransi susdnti in Cittì. T. 
XVI p. %6, Il Duca scrive loro 
di dover ubbidire a Rodolfo 
Gloahcn loro Capitanio nelle se- 
crete commissioni a lui date, 
altrimenti egli ha ordine 4i 
mandargli i ribelli in Germania. 
T. XVI. p.S8. Attestato di Leo- 
poldo di esser debitore a' BeU 
lunesi di lire dieci mila , le qua- 
li appartenevano al Signor di 
Padova, promettendo di resti- 
tuirle sino air ultimo quattri- 
no. T. XVI. f» 8t. Dichiara in- 
nocenti, e rimette io tutti gli 
onori , e prerogative Giovanni da 
Bolzano, e Giovanni da Doglio- 
ne unitamente ad alcuni altri 
Cittadini di Belluno accusati di 
tradimento. T. XVI p. 89. Com- 
mette ad essi di trasportare in 
Belluno tutte le munizioni, e 
le armi, che di sua ragione e- 
rano rimaste nella Cittì di Tri- 
vigl T. XVI p. 98. Ordina, 
che dieno de* danari dovuti al- 
la sua camera a Giacomello Zan- 
cani cento fiorini spesi da lui 
nel viaggio Atto a Venezia per 
commissione del Duca. T. XVI 
p. p9» Il Carrarese ordina, e 
limita le spese, che far dove- 
vano i Bellunesi ad ogni mese. 
T. XVI p. ii4« Permette a tut- 
ti i banditi di ritornare in Bel- 
lu. 



€^ B E 

Juno eccettoati I tà di statò,* 
t gli assassini. T. XVI p. ii5< 
Valaraoo dt Scitonio Capitad 
generale di Belluno. T. XVI p. 
11^ 124 '15* Il Carrarése ban- 
dìKe le moneie, e i drappi fb. 
jesderf , ed ordina , che sol ma- , 
nete Carraresi abbiano córso in 
Étìlntio. T. XVI p.ri^. Ordina 
c6e sì richiamioo tutti qne' Bel- 
la ilesi, che fossero al serrizìo 
del Signor di Verona , o de* sud- 
diti di esso. T. XVI p. ti?* Al- 
tro bando delle monete forestie- 
le. T. XVI p* 119. à«ndisce 
«lénne istanxe de* Bellunesi in-* 
iorno ^ alle monete » e stabilisce 
die il soldo Veneto corca per 
dieci danari de* piccoli,, e che 
il falore' del ducato fbsse di 
lire tre , e soldi tredici, a ragion 
di moneta Padovana. T« XVI p* 
>2U Pietro dalle Caselle Vica* 
xior pel Carrarese. T» XVI p, 
117 TU, II Carrarese elegge 
per Capitan generale Giovanni 
de* Benzoni da Crema. T. XVI 
p. lij. Il Signor di Primiero 
promette al Capttanio di Felrre' 
e di Belluno di tenere aperti 
e sicuri i snoi pasu per le mer- 
canzie » purché anch* esso fic» 
eia lo stesK> nelfe strade di Pel* 
tre , e ciò per fa guerra , che 
ancor vi era tra il Carrarese , e 
It Scaferò. T. XVI p. la). 
Altro bando delle* monete. T» 
IVI p. 124. Il Carrarese costi- 
tuisce per suo Capttanio in A-'* 
jgordo Andrea de* Bilttoni Bel- 
)nnese. T. XVI p. 1*4 ix$. I 
Bellunesi spediscono un amba-' 
fctatore in Cadore per impc-- 
trare un salvo condotto agli am- 
Vasciatori del Casraiese. T. XVl 
p. las. Il Carrara spedisce a 
BelTwio Francesco dt* Norman- 
nini dii Bassano con segrete com- 
misfionk T» ZVl p* 142* Paga- 



BT? 
menti £itti da* Belluflest alla caV 
mera del Signor di Ptdova se» 
condo la loro tassa annua. T. 
XVII p, |. Voleva Gian. Gale- 
azzo Visconti , che 1* Austriaco 
rinuRziasse a* suoi diritti aopra 
Belluno. T. XVII p. rs. IlCar. 
rarese cede Belluno af Risconti. 
T. XVII p. »d 24# Guelfi Bel- 
lunesi confinati in Feltre' sono 
«chiamati a Milano dzt Visconti 
per maggiormente àlloiitanarit , e 
nel medtdmo tempo ordina, 
éhtsiaiio confinati gli altri Guel- 
fi, se fossero sospetti al Podes^ • 
T. XVII p. }S. Ordine del \ì- 
sconti, , chef siano fatte nuove 
chiavi , e nuòve serrature alle 
porte, t. XVII p. #8 ^9. Il 
Visconti notifica a* Bellunesi, 
c*ome per risparmiare la fatica 
a* suoi sudditi aveva instituto in 
Verona un consiglio coti' égual 
ftUtoritV di quello df Miìa>io. T. 
XVJI p. 70. Lettera de'B^liune- 
si al Consiglio di Verona*, per- 
chè dovendosi ftre' in Bèllàno 
alcune fortezze sia spedito colè 
un abile ingegnere. T. XVII p« 
76. Martino da' Vicomc^<^t!0 Po-- 
desti . T. XVII p.- 77' 80. Il 
Visconti permette al Podestà» 
che possa fate le ntura della 
Citt^ una porzione ali* anno fi- 
no al contpìmento. T.' XVII p« 
to. Mandano ambasciatori a Mi- 
lane a coftgratularsi còfVisicon- 
ti di aver ottenuto il' tuolo di 
Duca , e gli ptesentàno in dono 
mille ducati d*òro. T. XVII p. 
99, Gioannolo de* Rusconi Po- 
destà. T. XVII p.t9. Il Visconti 
li ringrazia. T. XVII p. 90. Il 
Visconti scrive al Podestà, che 
essetfdo- per venire a quelle par* 
ti gH ambasciaderi deirimpera- 
dore esso vada incontro a loro 
colla comitiva de* nobili» e If 
regali di buoni vini» di confia» 
zio*' 



B V. 

vonf, di selvaggina' ed aftrój . 
T- TVU p. pi. I giovani Jcllu- 
nesi obbn22ti pei decreto del 
Visconti di andare allo studio 
éì Pavia sixppli<:ano il Principe ^ 
che per le spese siano ad essi 
concesse ognaono lire so. de* 
piccoli. T. XVU p. 94* Il Vi- 
sconti ordina, che si debba pa- 
blicàre in Belluno, che atteso 
U contagio , the andavasi àvan^ 
stando nelle parti vicine a!Ja pro- 
vincia , non si dovesse in modo 
attuno ricevere chi sì sia pro^ 
ventente da quella parti. T. XVII 
pé PS» Gasparo da Posteria Fo-^ 
desti e Capitàflìp* T. XVII p. 
$6. T. XVIII p. 7. Proclamano 
la ttegtUi conclusa fra il Viscon- 
ti, e i Principi" Collegati. T. 
XVIIl p. 4. 11 Viscofttf notifica 
a4 essi, come aveva ottenuto 
la signoria di Pisa, ed ordina 
che per tre giorni condnui sf 
hccìano processionf. T. XVllI 
p. 7. Si congratulano col Vi- 
sconti, e sii mandano io dono 
mille ducati d*oto . T. XVI II p. ?• 
Ordina a* Bellunesi y che man- 
cino alla «ecca di Verona tutte 
Je monete di bassa lega.T.XVIIt 
p. S« iGiovannì Vescovo di FeU 
tre e di BeHuno allora luogote- 
dente Ducale di Pisa scrive a" 
Bellunesi promencndo di opera- 
ie col pttca, perchè non sìa 
fatta alcuna novità e pregiudi- 
zio per le monete. T. XVIII p. 
9. Il Vncond rinnova V editto 
intorno alle monete. T. XVIII 
p. 9. Attese le istanze de* Bel- 
laoesi xivoca intieramente gli 
ordini dati intorno alle monete 
vecchie e fbresdere. T. XVIII 
p. IO. Notifica ad essi,, come 
si età fitto Signore di Siena, e 
comanda che siano fatte proces- 
doni per tre giorni. T. XVIII 
jpw xx| editto che proibisce le 



B E «1 

monete folse. T. XVIII p. n. 
Ordini dati dal Visconti al Po- 
desti per isradicate la peste , 
che si sperai estinta, ma che 
avea tornato a rinascere. 1*. 
XVIII p. ij. Notifica a* Bellu- 
nesi di essersi fìtto padrone di 
Perugia, e però comanda che 
si bedano processioni per tre 
giorni. T. XVIII p. 14. coman- 
da a' Bellunesi, che debbano 
osserV;lte il sao editto in pro- 
posito delle monete. T. XVIII p. 

16. Cessato il morbo epidemico 
in Piacenza il Visconti avvisa i 
Bellunesi, ehe si sono tiptgfiate 
le solite lezioni, T. XVIU p. 
17- Notifica ad csà d*atet con- 
chiusa la pace in Venezia co* 
Ptincipi collegati T. XVIII p. 

17. Meschino de* Rusconi Po- 
destà. T. XVIII p. x9. Il Pode- 
stà di Peltre scrive a <(uel1o dì 
Belluno pregandolo di^ far pu- 
blicarc il pallio che si Hrk in 
Fcltre, f . XVIII p. t9. Editto 
del Visconti , che cessato il mor- 
to epidemico possano i Bellune- 
si ripigliare il commercio colle 
città della tonabardia . T.XVIU 
p. 22. Ordina al suo Podes^ di 
non ricevere in territorio ^re- 
stieri provenienti da Veneu'a, 
TrivigT, Padova , e Ferrara , nel- 
le quali città infieriva il morbo 
contagioso. T. XVIII p, aa. Ot- 
dina al Podestà di mandargli la 
nota de*^ luoghi del Bellunese, 
ne* quali vi era ancora il mor- 
bo epidemico , o che vi fu dì 
fresco. T. XVIII p. aj. Ordina 
al Podestà , che debba salariare 
una spia pef sapere le nuove 
della Germania , come fiicevasi 
per io avanti , mentre era Pode» 
sta Franchino de* Crivelfi. T. 
XVIII p. 2ff. Diftèrenxe per con* 
fini col Comune di Primier. T. 
XVIII p* 27. Si publica in Bel- 
la» 



(?4 B E 

Inno r apertura dello stadio di 
Piacenza, f. XVIII p. 18. Edit- 
to del visconti , che possano i 
Bellunesi approssimarsi a Bekio* 
|oso attesoché il morbo epide- 
mico eia cessato. T. XVIII p. 
50^ Il Duca d* Austria concede 
jÉicoIcà a* Fdtrioi d* elefigejce i , 
sapienti per diffioite le dtmren- 
zc col Comune di Fiimier, T* 
XVIII p. jo. I Feltrini espcQgo- 
no a* Bellunesi i motivi e le ia« 
gbni di queste dìQèxenze, e lì 
pregino d* eleggere essi il Sapi- 
ente. T. xyitl p^ ji- Rispondo- 
no a' Feluini , che ad essi non 
tocca eleggerlo, poiché essi non 
avevano questione alcuna col 
Comune di Primiero , ^ essendo 
co* Feltrini tutte le difièrenze. 
T. XVIII p. }u 11 Visconti 
commette al suo Poteste, che 
debba ricevere in Città que' sol- 
dati a piedi , ed a cavallo , che 
saranno destinati , e mandati, di 
Giacomo dal Verme, e da Ugo- 
lotto de* Biancatdi. T. XVIIl^ ^. 
3 1» Ordini del Visconti , che si- 
ano date le paghe a* soldad , che 
erano di guarnigione in Belluno. 
T. XVIII p. j4. Il Visconti an- 
nuisce la supplica de* Bellunesi^ 
e permette che le mercanzie 
continuino a passare come per 
lo avanti per la strada di Capo 
di ^nte. T. XVIlI p. j8. Par- 
tecipa a^ medesimi U vittoria 
ottenuta sul Bolognese contro ì 
suoi nemici, ed ordma feste e 
processioni pei tre giorni. T. 
XVIII p. j8. Socino de*Visurini 
podestà e Capitanio. T. XVIII 
p. 39 40. Il Visconti panecipa 
ad essi, come i Bolognesi si e- 
xano dati spontanei a lui. T. 
XVIII p. 39. ed ordina feste ed 
allesrezze ^ e libera la Città dal 
dazio degl' ìstmmenti, e ri la-' 
scia i pt igieni jffcr debiti. T. 



B E 

Xvni pag. 4'o« Carico e Ciò; 
Mainardo Conti di Gorizia con- 
cedono a* mercanti Bellunesi un 
libero commercio ae* loro stat?. 
T. XVIII p. 40. I due ftatcìn 
Visconti' partecipano a* Bellunesi 
la morte del loro genitore Gio* 
Galeazzo. T. XVIII p. 41. Filip- 
po Maria visconti spedisce a 
Belluno un suo Vicario per trat- 
tate di alcyni affari. T. XVIII 
p. 41. Proroga un salvo condot- 
to già concesso da suo padre ad 
alcuni Bellunesi banditi^ T.XVIII 
p. 41. B.occa di Fletto re rubata 
da un certo Archidiacono di 
Capodistria. T. XVIII p. 4j. Ri- 
cevuta degli oflìziali del viscon- 
ti per il conto di mille fiorini 
d* 0x0 air anno, che la Città 
era solita a pagare alla camera 
ducale. T. XVIII p. 44. Editto 
de* Visconti in propòsito di una 
moneta chiamata tercioli. T. 
XVIII p. 4s. Partecipano a* Bel- 
lunesi lo stato tranquillo del lo- 
ro ducato. T. XVIII p. 45. I 
Milanesi e la Duchessa vedova 
scusano a* Bellunesi la loro soU 
levazione contro i Earbavaii. T. 
XVIII p. $1 SS. I Bellunesi 
mandano gnas^tori ali* esercito 
de*Veneziani con^o il Carrarese. 
T, XVIII p. 7J. Pucale a* Bel- 
lunesi, a* quali n partecipa » 
che attesi i danni solèrti da Po* 
nato Giustiniani nella «uerra di 
Genova aveaoli la B.cpia>lica da- 
to in giurisdizione il Castello di 
Zumelle colle rendite di esso. 
T. XIX p. a7. Alessandro Bono 
Podestà. T. XIX p. a? 2830 
31 31 34« Ordine che si publi- 
' chi la sentenza di bando con 
taglia contro Brunoro dalla Scala» 
e Marsilio da Carrara. T. XIX 
p. 30. Ducale perchè si publi- 
chi r armamento delbu B^epublf- 
ca per andare a prendere ilpos. 
tea- 



Sfiso a Zara ^ e degli alni lunghi 
della Dàlinazia. T« XIX p. jj. 
Sì partecipa il possesso preso di 
itara. T.XIX p. ji« J^olu Trivi- 
giani , e del distretto per le 
guerre erano passati ad abitare 
si^l Bellunese • T* XIX p. $«• 
Si^tnondo Imperidore Concede 
a* Signori di Miliario , e da Do- 
glione lé rappresaglie cont'ro i ' 
Veneti, perche al tempo che fa 
presa Belluno dalle armi Imite* 
iiall essi furono danneggiati net. 
le persone , e ' negli averi . T. 
xix p. %6, Sigisniondo commet- 
te a'BcIluries! di sborsare ^óo 
ducati d'oso 2d Enrico V^scà* 
YO di Feltie e dì Belluno da 
lui spedito in Lombardia a trat* 
tare affiti dell* Impero. T. XIX 
p. 6^. Sigismondo notifica ad cs-^ 
ti di aver conchiaso una tregua 
per cinqu^ anni co* Veneziani « 
T. XIX jfé 66. Concede Bellu- 
no in feudo ud Enriòo Conte dt 
Gorizia • T. tlX p. 67. l'orna 
jnaso da Poóte da Como Vica- 
rio e Rettore. T,XIX p. 6^ ?«• 
Il Vescovo Enrico concede ìà 
laudo tre Castelli nella Valsugaria 
a Federico Duca d'Austria* T. 
XIX pag* 70. S^'smondo parteci- 
pa a* Bellunesi di avar d^to il 
governo di Belinóo ài Conte di 
Gorizia comandando a loro di do-* 
vcrlo ubbidire . T. tlX p. 7S. 
Lettera de' Bellunesi a Sigismondo 
significandogli , che al Conte di 
Gorizia atea mandato un suo ^i*^ 
mìglio a prendere il possesso di 
lettre e di Belluno, ma ciòes^ 
KQdo contro' 1 palei della loro 
dedizione di non alienare ad 
alcuno la Città essi lo pregano 
» non permettere, che seguano 
nojtà nel governo. T. XIX p. 
16, Scrivono al Conte Eccole d» 
Camino riddedendOgli sofdad per 
sctiatere al Cucmaestro, U qua* 



è fi éj 

le ^vcva avuto Felfre dit pdi^cf- 
lo , e minacciava di voler anclid 
Belluno a nome del Conte di 
Gorizia. Tom. XIX p. 77. Seri- 
vdno at Conte Entfco , è cti e- 
sjrongono là loro risoluta^ uiten - 
zione , che attesi i privilegi di 
Sigismondo essi non saranno mai 
per aéccttailo in Signore. Tonu 
XIX p. 77. Sigismondo impone 
al Conte Enrico di non violare 
in nessun modo 1 privilegi , i 
diritti e le COnsucpidini de'BeU 
iùnesi,' ma quelli reggere con 
^ustizia e con aipore. T. Xlx 
p. 79. I Vencziao! promettono 
al Duca di Milado di restituir- 
^li quelle Città e Incubi, che 
prendessero, e che già erado dì 
Giangaleazzo , eccetto p«r?v Ve- 
rona, Vicenza, Feltre, e Bellu* 
no, e Zunrelle. T. XIX p. 84. 
il Duca cede e rinunzia a* Ve- 
neuani ogni suO diritto, e tico« 
lo sopra quelle Città, che allo, 
ra erano state tolte al domimo 
Veneto. K*. XIX p. 85. ì Vene- 
ziani vogliono essere infbtokati 
de* beni , che l Trivigiaiii ave- 
Vano sul Feltrino, e aful Bellu- 
nese , e di <juc* che i Felfrinì e 
i Bellunesi libelli alla Republi- 
ca avevano sul Trivkiano. T. 
Xtx p. 89. Gp oratori de' BeU 
lunesi presso Sigismondo iff Co- 
stani:a ragguagliano i capi de!<a 
Città di quanto aveano Operato 
presso i* Imperatore, perdib al 
governo iì Belluno noli fòsse 
mandato nf il Conte di Con- 
^'a, ne Ulrico Scala, t. XIX 
p. t«o. Fartecipano a^ loro am- 
basciatori ih Costanza una peri- 
colosa barruffa^guita in Fel- 
tre fira; il Capitan 10 del Castello, 
e il Vicario della Città. T. XIX 
p. toa. Cosma de*Groti da Arez- 
zo dottore Vicario e Retrote, t. 
XIX pb 102 toj lù^ i«5 Tod. 
S Man. 



66 B E 

Mandano Bontrcursio da MilUno 
10 Felrre per acquietar la bar* 
Xuflà. T. XIJC p#^ loi. Sì con- 
jgratulano ool Patriarca di avere 
a tempo rimediato ad fina con* 
gioia coetro di luii csibisconQ 
se secasi in suo ajuto^ e gli di» 
mandano ronco delle operazioni 
de* loco aoibasciatoti in Costan« 
za^ T. XIX p, loj. IL Patriarca 
scrive a' Bellunesi inviando loro 
.copia de' privij^^j iq^periali al* 
tre vDlt£ ottenuti da* suoi ante. 
««ssoxi jopra gli onori, « Tam* 
ministratone d| Belluno e di 
IFeltie. T* XIX p, 193- JBspon* 
jgono a Sigismondo le luttuose 
^pro circostante speaiahnente 
per la fatQSlia » e Io supplicano 
di spedite ì loto oratoti, che 
da unto tempp erano in Costane 
aa. T. XIX p. ic4. Offrono al 
Vescovo antico de* Scarampf 
duge/ito lire degli utili ricavati 
dalle coi^dan^ie, pretendendone 
assai di più, petcb^ li aveva, 
quapdo aveya il dominio della 
Città spirituale e temporale. T. 
XIX p. los. Avvisano il Vicario 
di Feltre , come in quella Cltt^ 
tratuvasi congiura per darla al 
Duca Federico d'Austria , e per 
zò esibiscono il loro a luto. T. 
XIX p. lotf. Antopio de Kocca 
4e EsfCiflo vicario e Kettote.T* 
JIX p* II >• SigÌanK>ndo avvisai 
Rettoti di Feltre, di Belluno, 
« di Sexravalle« come e^Ii spe- 
disce # quelle parti Dionisio de* 
Marcali Banno di Schiavonia per 
àif^ndttU comrp i Veneti. T, 
XIX p. 115. I Capi dell'esercì. 
fo de* Veoexiaoi scrivono a*Be]- 
junesi esortandoli a ritornare in 
grembo della Republlca, altri- 
pienti intimano guerra, e fuoco, 
e lo^ioat T. XlJC p. iitf. Il Pa. 
fiktca promette a* Bellunesi di 
^W^ io loTQ loceoi^o eq^lf 



B E 

tJnj^berl ogni volta, che fbsierv 
«ssaliti da* VeneziaoL Tom. XIX 
p. 1x9. Il Conte Ercole da Ca. 
mho li esorta a ritornate sotto 
fi dominio Veneto offerendoci 
per mediatore. T, XIX p. 11^. 
Lodovico Capitanio Vicario « 
Eiettore. T. XIX p. 119. Scrivo- 
no a Sigismondo sollecitandolo 
f venir presto In Itafia contro ! 
Veneti essendo essi in gran pe. 
vicolo. T. XIX p« lao. Scrivono 
a Pippo d'Ozerra pregandole di 
eollecitate Sigismondo a mandai 
loro un pronto soccorso. SnrU 
T. XIX p. i54« Ducale a* Bel- 
lunesì accettando 1* oflèrta di 
dar se stessi sotto la KepubUca* 
T. XIX p. i^j. Oardeuno da 
jSalb Vicario e Rettore. T« XIX 
p. laj. La Republica accorda 
al Vescovo Enrico tutte .le ren« 
dite e i fratti de* suoi vescova* 
4!, benché assente. T. XIX p* 
sa5« Ectore ^mbo Podes^ t.- 
XIX p. la 5* 
Pa Belìuno J4fp9 favorevole « 
Gerardo da Camino Tom. Ili p, 
I02. Presente alla sua elexfqoe 
in Capitanio. T. VII p. 127 t2Ì» 
Giudice in Triv^i. Tom. Ili p« 
ijl ijtf. X>«aM»lr» qu. Guglfel» 
mo procuratore di Beatrice e 
Rhtzarda Caminesi. T. XII p, 

Seltramini HtetoU Cancelliere del 
Comune di Gemnra. T. XIII p» 
40. 

de Beltramo angUtlwM Trivigiano, 
T* VI p. 77. eletto sapiente. T. 
VII p. 176, Andrtd Bpmt di Gu. 
glielmo Trivigiano va all' eser- 
cito di Maatiao eoo tre cavalli. 
T. X p. itfj. 

de Belviso /«Kopt da Bolosua e. 
letto profiettore io Trivigi.Tom. 
vn p. ijs. 

9embo Jmtomio Podestà io Ferrara. 
Tom* XVU pag. %},4i^dris Po. 
desta 



B E 

4estì 41 ricensa . TJ XVÌTI p. 

'* 79« Etff Podestà di BeUuco . 
T. XIX p. 1^5. 

de Bene in gcadu Fréncttcp dot- 
tore qu. Giovanni Padovano. T. 
XVII p. 75. 

del Bene Fillff GSpv^nM di Pio- 
recuu nanzio del Papa* T. XIX 

p. ^^ 

Icnedetri ?i*tT9 Sindico de* Tzivi- 
giani. T. XI t p. 14* 

Mm9d€tf Papa XI. Bolla in favore 
del Monastero di Moggio. T. XI 
p. «9. pregato da* Trivigiani per- 
chè levi r interdetto alla Città. 
T. XI p. 141 '4J. Scrive al Pa- 
triaca di Aauilcja ordinandogli, 
che poiché 1 Còneglianesi si era. 
no dati sotto il donainio 4^1 la 
Chiesa, egli sospender dovesse 
r interdetto contro di loro £iU 
minato in tempo, ch^ erans<^- 
gerti al doRiinio Scaligero. T.XI 
p. T5?. Sua Bolla al Patriarca 
dt Grado e a' Vescovi di Tor- 
cello, e dì Eqailb, coHa qi»ale 
gli commette di assolvere la 
Città di Trivigi dall' interdetto 
incorso nel tempo» che gli Sca- 
]»eri avevano il dominio della 
Orò. Tonu-.XI p* 1S$ itfo. Suo 
Breve al Vescovo di Mantova 
dandogli 1' antorità di assolvere 
gH Scaligeri dalh scomanic^in- 
corsa per aver ucciso il Vcsco- 
ro di Verona, prescrivendogli 
k^ penitene che dovevano fate. 
T. XI p. i6u 

5. Benedetto monattero 4» Padova 
V. Padova. 

$en€d9tf Unghero generale dieir 
esercito del Re Lodovico è nel* 
le partì di Asolo e diCtispjgna* 
ga Té XUI p. s8. 

da Benevento Btut^Ummi» Tom* II 

p. 74» 
de* Benfàtì J»àrl$l0 siodica d^e' 
Mantovani. T. IV p. 185. 



ft È ^ «7 

Besìncasf Dè»4if nota}o- esattore 
in Trivigi. T. XI p. 41- 

Benintendi Ruittgl»% notajo Vene- 
ziano. T. Ili p. 14. Stu £icoltà 
concessagli àìt Papa Clemente 
S creare ptocoratori ibid. No- 
tajo Ducale. T. in p. 77* E Sin- 
dico procuratore de* Veneziani. 
T. Ut pag. 79 3j 84 laa i-j4 
180. Sttfsu9 Cancelliero de* Ve- 
neziani. T. XI p. 178. 

del Beno oiru^nni Console diBel<« 
luno. T. XVIII p. 18. 

B9ntiv9gllo de' BentivogU massaro 
della Città di Bologna. SfrU* 
T. VI p. i8j. 

de' Bentivogli Dtméutct in £ivore 
de* Veneziani alla guerra di 
Chioggia. T. XV p. i5« GUvanni 
fatto prigione da* Bolognesi in 
una sollevazione. T.XVIIIp. jp. 

Benvenuti M$rti»9 Trivigiano. T. 
Vili pag. 190. Msttf amba- 
sciatore de* Fiorentini alla pace 
in Torino fira i Veneziani e i 
Genovcfsi , Tom. XV p. 71. 
Oi9V0nnl Niccolò qu. Tiziano 
notaio e Cancelliero del Podestà 
di Serravalle. Tom. XIX p. 14 j, 
BarfldMU Dottore giudice com« 
promissario , nelle controversie 
per r eredità Guidotti, T. Ili 
p. 14;* Sua sentenza, p. x$7« 

de Benu&rt EnrUé ambasciatore a 
Padova pel Re de* Romani, T* 
V p. 114. 

de* Benzoni GUvénnl dt Cremona 
eletto dal Carrarese Capitan ge- 
nerale di Peltre, e BellunaT. XVI 
p*iaj 124. Gl«r;i« Conte di Cre- 
ma come feudatario del Visconti 
entra nella tregua co' collegatt 
della Lombaidia. Tom. XiX p. 
9r 97. 

de* Beraldi Blàquln: T. U p. 84. 

Guectlh, T. III p. xt7é Gé^jArdtt 

scacciata da Trivigi co^ Castelli 

T, HI pag. 101. T. VII p. la^ 

E ^ t%%. 



j^U Miliie TrivigUtò. T, V p. 
ij4 nt» S* unì a fcaeeiare il 
Camiflcsc* T. V p. i«6, Tiivi- 
fùto del grado maggiore. Tom* 
VI p. 5 9* Inrcrfiene alU no^ze 
di To^bfico da Camioo. if Vi 
f. 67» Anuaiio. T. VII p. ix. 
Ttmmssp Afixiano. T« VII p. 138. 
4ldr9VéifUlB9 Console. T. VIIp. 
itfp* T. IX p. ia« signore de* 
makfilf. T. Vili p. 17. T#«»## 
Sapiente* T. VII p. 17^. Aix>ba* 
sciatore de Trivigianì aVenerìa 
T. IX p« 104. Giudice a render 
Ragione* T. IX p. 11 a. Trivigia- 
«o. T X p. ptf. Sapiente. T. X 
p. 151 i$9« ?ì/i>f • TrìTigiano e 
suQ Vratcllo mandano un £inte 
al presidio di Ca volano. T. X p. 
17 s« eletto sapiente a consulta- 
le. T. XI p. la. Testimonio in 
Tiivigi. Stéfis. T. IX p. 171. Eéu^* 
Ul^mmé* Andolfi Fodeatìk in Ca- 
stelfranco^ JC VI p.xji. rr»f^«/«r« . 
figliuolo di Bartolomineo da Bas- 

; sano bandito dal Visconti per 
aver tentato di sorprendere Bas- 
sano , e dailo al Carratcae. T« 
XVII p. 4a 4J. 

BerardJ^ Js^ofè Veronese uno dì 
quelli, che presero Jacopo da 
Casrara. T. XVIII p. «tf. 

MtTéuds maestro canonico dì Tri- 

Vigi. T. II. p. 145. 

BHnféiriè Imperatore concede al 
Vescovo di Ceneda il porto di 
Setdmo , e le selve di Gajo , Gi- 
xana ec. T. I ^. a. T. XUI p. 
39. Concede a' Signori di Savor. 
gnaflo il poter fortificare il loro 
castello. T. I p. 3. 

Bergamo. Gerardo suo Vescovo. T» 
I p. 3 a. KTelk camera del Co- 
mune si radunano i Rettori del- 
la Lega Lombarda^ T. I p. 77* 
Bergamaschi eccettuati neiristro- 
»e«o. d^ allieuza di Carlo Re 
di Sidlia. contro i Ghibenini. Ti 
U^pag, 50 su roTCTano essere 



B % 
mallevadóri nella pace &i %t€* 
scia, Mantova» e Verona. Tom. 
TU p. 5^. Vi giunge Lodovico 
Imperadore col suo esercito, e 
fa la pace fra i Citudini discor- 
di T. IX p. 89. Il Vescovo lu 
ceve commissione dal Caidinal 
Legato di publicare la tregua fra 
i principi delta Lombardia • 
motivo del prossimo Giubileo* 
T« XII p. 'ii4« Bergamaschi en« 
tra no nella guerra contro i Gon- 
%af>hi, e nella tregua poblicatt 
dal Cardinal Guidone . T. XII 
p. no. Assalito dair esercito 
de* Collegati col Carrarese con- 
tro il Visconri. T. XVII p. 47* 

da Bergamo MittUdid» Giudice» 
Xpm. I pag. a7« Lsm/n^c» Giu« 
4ìct e Viscoose del Marchese 
Francesco d* Este . Tom. IV 
pag. 198 21 5* Ott^lin» Cano- 
nico d*Aqttikia. T. XII p* itf5- 

Bergutio Villa del Vescovado d) 
Trento, in cui aveva giurisdi- 
«one il Capitolo di Verona. ^r«» 
riè. T. VII p. S. 

da Berica Jlbéru di Tomsnaao Vi- 
centino. T. II p. 4o* 

Bernardi Pd$l9 scriba de' Veoesii* 
ni. Surts, T. Vll.p. 4t. 

de* Bernardi Séi^liì»^ Bodestà di 
Vicenza. Tom. II p. 149* F*^ 
MiM on. Seabio da Padova Po- 
desà di Baasano. T. Ili p. 100 
loi. PrcKate in Padova. T,vin 
pag. 184 187. JéK9p§ da Por- 
li notalo • Tom. Xll pog. 115. 
OUvs*ml nocajo di Veneaia ipao^ 
dato dal Doge al Podestà di 
Triv^. T. XIII p. da. 

Bernardo Jm^rgs Savio di Terra- 
ferma. T. XIX p. 154* 

Btrnéirit— Capiunio de* Collegati 
contro y Visconti è £ttiopr^Oip 
niero. T. XVIII p. 39. 

Bfr0srd^ figlinolo, di Gaidofle Coi^ 
te Vicentino investito dal Vesco. 
vo di Vicenza dtl feudo delle 
De- 



Deeime di Bastano* T. Ili pt|. 
$é. Conte di Vìcenet tju. Gui- 
done. MeMt^rt* detto Bove rio 
suo figlinolo bastardo legittimato 
da Rodolfo Imperatore. T. Ili 
p* 145* ATeva il fèado delle De- 
cime di Bastano , che per la sua 
morte ritoroò alla mensa vesco* 
^ite di Ficeoxa. T. IV p. «s e 6 
T^ Vp.a?. Aveva tatù, del ka» 
do delle Decime di Bastano, Car^ 
agitano » edAngarano.T.ni p. i^-t. 
fino fó«dO della villa di S.Orto 
dito in feudo da Vtnceslaolm* 
peradore a Giorgio de* CavaliL 
T, XVI p. isf. 

I^MrsUls moglie dtU* Imperador Be- 
cenfàrio. T« I p. i. 

{fjirtékiét ingcpete a* lavori di ?ia* 
ve pe* Tcivigiaai. T. VI p. «t. 

da Bcttalia Hi^c^lm ambasciatore 
de* Boto^neti m Komatna. Tom. 
Viti p. ij8. 

JBextofdsio P:9pr9 notaio e tindico 
de* y'ìctmrà. T, II p. no. 

de* Bertoldi S9Ht^4intn Zsnt^n^u 
medicò <itt. Of nibéoe di fadova. 
T. VII p. iitf ni. 

BTfli^B Conte. T. 1 p. io. 

Btrtruflft giudice vicario del fode- 
t^ di Padovft. T. Ili pag. i^tf. 
giudice e nnntio de* Padovani^ 
T. I p. l^7. 

de Bertramo Gn^Utmp Trivìgiàno 
del secondo grado. T. Vili p^. 
)S 109, 

àtrtntndi Vescovo d* Ostia legato 
Apostolico io Lombardia manda- 
to da FP. Giovanni a ptendeie 
il possesso di Mantova. T. X. p. 
i«7. Forma procttto contro gli 
Scatigeti, e li scomumca. T. JCI 

p* rsj 155 x$7. 

#eft«Ao Castaldia dam dal.Vt^eovo 
ài Tttnte a Pellegtiffio. tttm. U 

di Anello Mh^tit9. T« H p. xs« 
ifrrrr^ T, Il (• tt. 



B K «9 

Bessegft vilk del Triv^ano aveva- 
no beni i Signori di RòVtto. T. 

X p. 9^ T. Xl p. 14. Manda 
gaatutori a MastmOé T. XI p« 
ar. Assegnata a Cattel6ctnco. T. 

XI p. ijf. 

de* Becanei Otr^m» da Venetia 
Abate di S. Giorgio I^tD A- 
pòttolico. T. XIX p. 54» 

di Betze Rtdplfi Vicario generale 
per Sigismondo ifi Sertavalle , e 
per tutta la Valle Serpentina. T. 
XIX p. ioa 104 ìxì tajk 

Bevazano Fr««c#iff« Cittadiito Vene- 
ziano. T. XIX p. 44* 

Bevilac<iuà Vlddlt antiapo di Vero* 
oa. T. Iti p. ^s» QuiUilm^ che 
per errore è stampato de rir»f. 
§:u y mentre deve dire et Vèrt^ 
»d » presente in Venesia ali* 
istramento di pace cogli Scali- 

5 eri, T. X p. a*. Scrive da Pa- 
ova a' Tnvigiani di nUndare i 
loro nnncf nelle loro Contese co* 
Ceoedeti e ColtaltL T. Xp. i$4. 
^* chiamato fattore generale de- 
gli Scaligeri nella risposta del 
Podestà di "Privlgi. T; X p. 154. 
C Vicegefente in Pàdova. T. X 
p. ti7 itf9 176. Pffcltp C»*^rttTi- 
dt impara attittenn a Cbftado 
di Ooblin , per cui Carlo Impe- 
nà(X gji rendt graeìt. Ti XIH 
p. li. Fràncesf^ qu.. Guglielmo* 
Il Podestà di Trfvi|gi lo ttiggua- 
gìia , cùmt i Ttivigiani ticntava- 
fio di pagare la mensuale con- 
ttibfittione. t» XI pw 7!?. Kume- 
ta A Gidvaonf Vtecovd di Tren- 
to quattro mila ftociid ■* nóme 
di Masdn». T. Hip. t)t. Pre- 
sente io V«(òtm «ir ^strumento 
T. XII p. t^$é Procnv^tore e 
Btfntio degli Sca&erì a ftrmac 
una 1^ iròfltro il Vìscòftn. T. 
XMI p. S^. (HHttf cretto Ca- 
valiere in Veroda » qaaodo fìi 
ptflta da* Venexiam, T. XVIU 



« 1 



W* 



70 B f 

p. 6e« Ovafiere Protaracorc del 
vrtcoati a far h pace co*CoIIe« 
gaci della Lombardia.TJCI^ p.^r. 
Biancade Regola di Castello Villa 
del TrÌTÌgiatio. T* XI p. aa« Sua 
tangente di còlte. T. XI p. 74. 
Blaocardo U^§!§tf da Parma Ca. 
va lieve mandato dal Visconti ad 
occupar Vicenxa* T. XVII p. 4* 
Presente alla resa di Padova far* 
ta al visconti. T. XVII p. ai. 
Tassa il Po coli' eseicito del 
Visconti. T. XVII pjy 52. Entra 
in Verona, e vi à una gran 
strage. T. XVII p. jj. Capitan 
generale dell* esercito del Vi^ 
«conti insieme con Jacopo dal 
Vernje. T. XVII p. 50. H Vi- 
sconti lo avvisa della tregua fitu 
ta co* Principi Collegati. Tom. 
XVIII p. 5. Consigliere del Vi- 
sconti. T. XVUI p. 5j. Capita- 
Aio io Verona fugge nella Ctt« 
tadella quando fu presa dal Car- 
rarese* T. XVni p.. 57. 
de* Biancbl Sufd»9 fra gli ftipen- 
' diari de' Veneziani alla guerra 

di Chioggia. T. XV p. 4). 
di Biandrate Conti Béuflémmh e 
Vivete condombi di San Giorgio 
presenti in Torino alla pace ita i 
Veneziani e I Gevovesi.TJCV p«7r 
de* Biasii Of^véumi da Bassano. T. 
Ili p, a9. T. IV pag. 5. Fi»et4k 
mogue di Giovanni. T. Ili pag. 
59. J4c»h컧 qu. Giovanni di Bas- 
sano. T. IV p. 170. Investito 
delle decime di- Baaaano dall* 
Atciprete . T.IV p. i7a. e del- 
le decime di Angarano dall* 
Arciprete. T. W pag. 174 i77. 
JscoiìHé , Ptrdntjtno, e ÀUrtln§ 
fratelli qu. Clarello fratello di 
Jacopino accofdano con Buono 
Arciprete per fabbricar la Chie- 
sa e 1* Ospitale di S. Gio. Batti- 
sta. T. V p. 91* E il Vescovo 
di Vicenza loda e ratifica le 
convenzioni fatte, T. V j^t 57» 



B I 

Essi avevano ottenuto la ffeeo» 
za dal Cardinal ^Napoleone. T. 

V p. 9S« Persmt,sm§ ambasciato- 
re de* Bassanesi a^ Tfivigì. Tom. 

VI p. 84. Ottiene salvo condot- 
to da* Tritigìani per comparire 
davanti al Podestk di Trivigi. 
T. Vili p. I4P. Jscaimé I aU 
cu ni Bassanesi gli abbruciane 
Uffa sua casa in Mntiolente. T. 
IX p. i6. Li accusa al Podestà 
di Treviso, che li bandisce. T. 
IX p. 27 28. Manutentore pel 
Comune di Rassano pel danaro 
di Binilo liazaro. T. IX p. 58 
85* Jscop§ qu. Andrea da Bas- 
sano. T. IX p. 29* 

BUstt de* Tolomei Capitano del 
Popolo di Bologna. T.IV p.iì9% 

Bibano Villa de* Caminesi. T. I p. 
80 87. Di Cooegliano. T. Il p^ 
45. Assegna» da' TrivigianL T. 
Ili p. 40. Del Camioese. T. VII 

p. t52 !$)• 

Bibano di Campardo ,, e suo dazio 
pe* Trivigiani. T. Vili p. 75'- 
Villa del Trivigiano aveva beni 
Rizzardo da Cammo. T. IX p. 
4^. Le Ville della Castaldia di 
Bibano tenute indebiumentc dai 
Podestà dìf Sacile ricusavaoo di 
corrispondere a Trivigi. T.XIp. 
185 i8tf. Posseduta dal Patriar- 
ca, ma pretesa da* Trivigiani 
T. XII p. 7. Villa in Friuli. T. 
XII p. 117. Concessa in giuris- 
dizione a Sacile da Patriarca. T. 
XII p. iji. Privilegio di esen- 
zione del Batriaica agli abitantr 
drSacile intorno al dazio muda 
della gasraldia di Cavolaoo , o 
di Bibano. T. XII p.i5 5* Nao« 
.va conferma a Sacile del Pa- 
triarca Niccolò delle suddette 
Gastaldie* T. XII. p. 1^4. 
da Bibano VtcU§, T. I p. 4a* J^^*- 
p9 sindico de* Trivigiani. T. VII 
p. 125* Notaio di Guecello da 
Camino, T. Vili 2* 79* Testi-. 
nu>« 



ii ■ 

Utoàio ìa CcoeiU. ¥. tt p. ^S» 

^bj JUirf Sindìco de* Padovarìi. 
T. Ili p. «!• Giudice arbitro 
iicilc controversie de* Bassanes? 
con qne* dì Solagna e Povc. 1*. 
ni p. >o. jBtou'f 4a. Alberto^, 
e Alberto di hrì f^liaolo Padd- 
vani. T. V p. isa 155 GB Ere- 
di qu. Alberto hanno le rappre- 
saglie contiro f TiJvigiani. T. VH! 
p. 57. 

de* Bicctii ÌVcc§U Cane Bclloneie 
creato Capit^nid in Xdldo'. T. 
Xltl p. là. 

Bico AUstto Padovano. T.nip.tfj. 

BFgofino Villa del Trivìgiaito della 
Val di dobiadcffc, tona. XIV p. 
4tf 49. 

de* Btgonx! J»drtd beneficaito dà 
Cabrici da Camino. T. I p. «^z 

de* Bienù G'fvdi^ni Gitidi^c del 
Podeitìi di Brescia. T. IV p. 1 9 1 •' 

de* Biliconi Hlcc^lò ttcl Con^igfio 
ài Belluno. T.XV p. ts, Jnd'es 
fiellanese eletto dal Carrarese 
Capitario in M^idó, Tom. XVl 

Bindo Onéetlh mandato dà* TrivF^ 
giani ali* esercito di Mastino. T. 
X pag;. 1^4. Jtét^Kdrdf qti. Bindo 
Trivigiàno va ali* esercito di Ma- 
stino con tre cavalli, "f. X pug. 
171. Hitvro^ dì nuoto. fonr.XI 

p* ^4. 
de BlKonfo frsn^scé d* Aisitì ^o- 
dest^ di Padova. T. V pac. i&^ 
tas. A»dr§a Podestà di Trevì]^. 
T. XVI p. Jia ii'i "4 ia*i»» 

»J4 in. . 

de* Biscossi Plitr^ da Pavia qo. 

Lodovico nota}o; T. tìt p. «7. 
de* Bismantova nobili aderenti di 

Niccolo turchese d* Éste. Toim 

XIX p. 92. 
Bfssagolla Villa del Tiivigiano ab» 

bruciata d^' Veneziani, t. Xi 

p. 70. 
de* tóssaii jr*d#f/p Vicentino, t. 

II p. i«j. Ambaiciatoxe a Bado* 



fio 



f< 



va. T. II p. ir7* 
BkBio Bievato della Diocesi dff 
^ Trento. T. XlV p. 15. 
Boa nel Veronese, ^«iìa T. Vìi 

p. a7. 
Boàtcria spezie d* inlpoSdoae* T. 

t P. 44. , 

de* Boartrii CMmlfl§ fra glt stipeh* 
diar^ ^e* Veneziani alla gvetra 
di Chioggia. T. XV p. 4a. 

É9étin9 professore in Badova. T. 
Ili p. 7. , 

d» Bobbio G'UvM%nl dottore in Pa- 
dova. T. ni. p. 19^1. ÈMrfUm» 
mt9 Canonico d'Aquilefa. Tom. 
XV p. no. T. XVI p. 94. 

Bócca Gtévànmt T. 1 p. ^r. Gié* 
cthldo ibid. 

BOccad! Ghvé»m TódtsÙL di Ber* 
rara. "t". I p. joj los. 

de' Bocafoli Dénut& gi^rfeperito 
teidmoriio in Padova. T.Xp.70. 

Bbccalecca: Lfonàrdt Padfovano, T. 
IV p. 15 X6s 

Boccasenò FHtp}>¥ sindico a Vetìc^ 
zia pe* Trivigiani. T. II p. rjtf', 

Boccassio Viliff Capo ai XX. T. 
ti p. ^a. FttrtftceU ambasciatoro 
de* VeheJriani a Conegiiàno. T, 
XI p. tjj 154. 

de* Bocchi CTTsiitité <fci Brescia 
Podestà dì Treviso. T. BC p. 5* 
54 ss Stf ri8 la». incomincia 
fi suo reggimento e lo esercitav 
t. IX p. 1J4 tit 14J 144 »45 
I4« 145 149 iSi 1S4 ISS rs* 
ttfo. T'. X p^. I. Ùéhrirìt di Co* 
n eglia no del Consiglio. Tonu Xt 

♦ p. 1S1. 

de* Bocchimpami Rlndld^ te^ffloni9 
Édutfa tega inPextats; Tom. IX 

p. 4». 

de* Bodoschitfi Btd^schif^*' eletto 
sapiente.T.VII p.i7<. Console pe' 
Trivigiani in Castelfranco. T; VI 
p. ij. Tìriv^no T. VlIIp;/37 

Boemia Re V. Enrico. 

Boemia Re e Duca della Carintia 
f ntxft nella pace fra i Padovani» 



7^ B O 

e Cà^ìtndc • Tom. VII ptg. 
co 6) é^ 69' Knrlc9 Kt , n- 
rc^ct il.Pocksià di Trivigi , 
f ciche vada alle sue nozze io 
Qeciuania cogl^ AnzianL Tom. 
IX pag. 5 9. Sua esibizione a* 
yadovam. T. 1% p. 46. Con^tea» 
50 t«nuto io Germania fta i Si- 
gnori di Baviera, Boemia, Au- 
Srria^ e Caiincia. T. IX p. p6. 
Giovanni Re. I Marchesi d*Este, 
gli Sc^ligèci e i GoDzaghi fi uni- 
scono in lega contro di lui. T. 
Ji p. 1^1. ^érU Ke, e G;oi/#a. 
ni SUO fratello sono investiri del 
CapÌ|:Miiato di FeltrQ e di BeW 
luno dal Vescovo Gorgia da Lur 
sii» T« XI fi ^9' Avcano libe- 
rato Fc'tie dal giogo Scaligero 
nel <J» primo 4i aefrcmbrc ijj?. 
T. XI p. 91* Le figliuole dìRiz. 
zar«k> dà Camini si danno sot- 
to la loro protezione. T. il 'p. 
^. IneliMÌ nella pap^ de* Vene- 
ziani e fiorentini co^ft Scaligeri. 
T. :CI J. 1*7. 

éi HéQO^à |Lc SI unisce in con- 
fedei azione col Puca Leopoldo. 
T. XVI p. %2 5j. Soniminiatra 
genff p^r iscortai vcccovagHe a 
Triv^. T. XVI pa^. sj. Vuole 
che W Carrarese lestituisca al 
F:rrrìarca tutti i Castelli , eh* tir 
so ^eva occupato in Friuli. T. 
XVH pj 14. 

fofoÀr fméU di Cividal d-el Friuli. 
Tk V p» 70* Aderente di Riz- 
2 ardo da Camino contro Cividal 
d«i Fftiilff T. V p. ii6c 

Hoiao» C$n4ih dì Cividal del Friu- 
li Capitanio di Sacile. T. XI p. 
7'. l^mtazlk la terra rn mano 
drir Vicario d' Aq«HeJQ. T. XI 
}^* TU Interviene al CoUoouio 
^tnéfilt de* Friulaòi a Modolc- 
lo, T. XI p. <«S» frétnéito è in 
Ùdiibe al parlamento ^nettile 
f d' sdb Comune di Cividal del 
Friuli. T. XI Jf. s^» Ambascia.. 



B 

tore del Farriarca a*Coneg!iane« 
si. T. XI p. 150. 

de Bojardi Sdlv4tic§ e Ftlirin» de 
Tirberia aderenti dcgli£sterisi so- 
no inclusi nella pace fra i Prin- 
cipi della Lombardia. T. XIV p. 
62* Di Tirberia nobili entrano 
nella lega de* Friacipi Collega.- 
ti contro il. Visconti. Tom. 
XVII pag. Iti. Gertirdo Consi«> 
gliere di Niccolò Marchése 4* 
Estc. T. XIX p. 91. Nobili ade- 
r^nti di Niccolò marchese d* 
Efite* T. XIX p. 91» Ftltrln» vàs» 
sallo e aderente del Marchese d* 
Fs7e approva e ratifica la tregua 
fatta fra il Duca di Milano, e 
i CollegatL T. XlX. p*, 99. 

Bolani Nìee9l9 Podestà di^Concglia* 
no. T. XIX p. 158. 

Boibcno del Vescovato di Trento , 
in cui aveva giurisdizione il Ca- 
pitolo di Verona, SfrU, T. VII 
p. tf. 

dc^ Boliaehini Girdrd§ Giudice e 
Console. T. Vili p. 104. 

S. Boldo , o meglio S. Ippolito 
Fortezza de* Bellunesi. T. XV p. 
'si. Spese che essi facevano per 
custodirla. T.XV p.^o Se venisse 
io potere del Carrarese , che 
non sia tenuto di darla a* Ve«- 
neziani. T. XV p. 9^. 

Boldu G'fVMnni T. VII p. ^5. 

Bolengo PÌÉfr9 figliuolo di pbnato 
da Bassano. T. IX p. a9t 

BoìUni con Selva f or onda villa 
assegnata a Cpneglìano da* Tri» 
vigianii T. Ili p. 4o« 

Bolli M*ne9 da <:hi<^gia, Tom, ly 

p. i^Jif 
|k>logna. £nrico suo Vescovo. ,T. I 
p. ipj los. Tancredi Arcidiaco- 
no. T. 1 p. loj 105. Uberto Vi» 
cario ibid. 10$ toS 199. Suoi 
Renori' della lega X«ombarda. T. 
I p. 77f ix*« Monastero di S, 
Felice. Pace $uo abate eletto da 
Papa Alessandro coascrvatorc de* 
Prì- 



B O ,, 

Tilyìlegj de* Camlldotest tnrbati 
</aIIà Comunitì di Padòvi. T. 
IV p. 15. Suo monitorio alla 
medesima. T*. IV p. *«. Faìmì- 
oa la scomunica per questo og.- 
getto. T. IV p. 35. Lettera del 
medesimo agi! ecclesiastici tut» 
ti , nella qdàle aggrava la sco*> 
xnunica soddetca . T« IV p, )% 
Dissensioòi civili fra gì' intrinse- 
ci e gli estrinseci. T.IV p. laa. 
Compromesso de* J^àmbertaizi* 
in Kapeo Visconti, é In Alber- 
to dalla Scala, e deglMotrinseci. 
T. IV p. laa ratf. Lettera a* 
bolognesi di Matteo Visconti per 
4)aesta pace • 1*. IV p. 119. Coa- 
eìgllo de* Lambeitai^ii ih Imola 
a* due Giudici. T. IV p. ijs. 
Alberto dalla Scala forma pto- 
cura aBoniaesio de*Paganotd per 
dcffinire queste differenze . T« 
IV p. 1)6. I Bolognesi ratiÈtt- 
no li compromesso , T. IV p. 
Ti 8. Scrivono al Visconti sopra 
l'indigenza di "alcuni fùo/nsdti . 
T. IV p. 1 j9. Lettera di Alber» 
fo e di Bartolofomeo dalia Star 
la al Senato esortandolo a xip 
cevere in cittSi i fuorusciti tecon* 
do la sentenza pronunziata . T. 
IV p. 140. Ottolioo da Mandeir 
lo Fodèst^i . T. IV p. ta9 >J9 
140. E* in società con <}n>etto 
da Correggio , co* farmigiani , 
co' Faentini , con Bagnacavailo , 
con t^ervia , con Arezzo , con 
Pisa y co' Bianchi estrinseci dì 
Fiorenza , e con pistoja . T. IV 
f»^o^* Altra alleanza con Man- 
tova e Verona a ofósa e dife- 
sa. T« IV p. aor. Ordini dati 
4opo questa legi. T.IV p. a© 5. 
E procura. T. IV f. air. Do- 
veva aprire con Yétoiit e Man- 
tova una strada da Bologna a 
Mantova , fabbricare una torre 
f foftezza in Solata , proibire 
che k mei^i non si^oo condot- 



BO 7Ì 

te pet ctnale di Modella , ed 
assediate Btegantmo e Rtzolo 
detenuti dal Mitchese d*£ste • 
f. IV p. ié6 ao7. S'unisce in 
lega con Patma , Verona , Mad- 
tova , e Modena còhtro Azzo 
Marchese d' Estc • T. IV p. 19^. 
T. V p. 5 e 7. Itiiovi lega con- 
tro il Màrtheie Àtzò per to- 
gliergli Fetrarà , é Rovigo. T. V 
p. ). Altiri lega con Vètbna , 
Farmi , Modena , kéggfo , Bre- 
scia e Mantova di o£sa , e di 
difesa . T. V p. 7, Roberto Ar- 
cive«:ov0. t*. V p. iij. Bolo- 
gnesi spediscono a*Trivi|{aài la 
nuova della morte di finneò im- 
peratore . T. VI p. 26. Giovan- 
ni de'Brodari da Slissoffctrato 
Podestà. ScuSa £attta alla su^pte» 
senza da* Trivigiani di non po- 
ter comparire avanti all' Ifhp* 
Enrico , perchè era giunta la 
nudva della sua morte. T. VI 
p. ^7. El^é ih publìco profes- 
sóre dèli' uhiversiti Rambcrtòda 
Cento, che era Vicario del Po- 
destà di triVigf. T. VI p. 30. 
Bolognesi Regalano i messaggiéri , 
che portarono la nuova della 
vittoria avuta da* Padovani cón- 
tro Cane • Snrìà . 1*. tì p. 1(4. 
Bolognesi idvitahó 1 trivigiani ad 
entrar nella tega éoàchiuta tra 
Bologna , Ferrara , é Padova • 
T. VIL p. isr i^i. Tebaldo da 
Castòlnovo l^odèlA . e Monaldo 
de la Sera Capitanio • T. VII p. 
J5^« Congrèsso che ivi si dove« 
va tenére f^a queste dttì. T* 
VU p. IS4 155. Bolognesi come 
alleati de' Padovani sono com- 
presi nella paté £tà qaeid e 
Cangrande . T. VII ^. 60 H} «4 
«9* Mandano dmbaifciatoti a* Pa- 
dovani, epromfchoho ajutò con- 
tro Cane, t. Vili p. «9. Pren- 
dono parte di fortificarsi , e di- 
fendersi , perchè Cangrande col 
suo 



74 BO 

foo lìteicico eia. andata socio 
Modena. Tom. Vili p. ijS. Sua 
umyeiticà; Uberto dà Cremona 
ptofèsaordi legge: Vigilio d«*Fo- 
icaraii professo! di leg^e. Tom. 
Vili p. 24^. Vescovo nnncio di 
7apa Giovftaof per le (iose di 
Perrara. T. vni p. 150. Legad 
Apostolici fermano processo coa- 
tto Cane , e conuo t nemici di 
Trivigi. T. VlIIjp. i$« 164 16% 
itf7« Minaccian di Care eleg- 
gono sapr«ott, perchè provveda- 
Ao ai bisogni delb stato. TVni 
V. 174. Bolognesi speditèooo am- 
basdatoif tf Padova ^ a Ferrara , 
€ al P:^a per le novità insorte 
nella Lombardia, "f. IX pag. j. 
Pregati -da P. Giovanni a som- 
ministrar a|nti alla Chiei^a, on-^ 
de reprimere V insolente 'de*Mi- 
lanesb T» IX p. 44* Scrivono a*" 
Padovani non so di cbe.T. IX p. 
«^r^Vintì da Castracelo in una 
battaglia presso- il' Pordiro. T. 
IX p. 88 90. Vinti daPasserinOy 
€ dagli Estensi , e da* Visconti. 
T. IX p. 88. BOtga di & Feli- 
ce e Panica le incendiati da Pas- * 
scrino^ dagli Ésteosf e da'Viscon- 
«. T. IX p. 88. Lettera di con. 
gtatulasione a* Bresciani per a.^ 
ver acquietatole turbolenze in« 
terne esortandoli alla costanza. 
S^^riM, T.IX p. 182. Beltrtmino 
suo Vescovo. Taddeo de'Pepoli' 
amministratore de* diritti ^^li 
della chiesa. T. XII p. 74. Bo^ 
lognesi entrano nella guerra còn^ 
tro ì Gonùghi , e nella tregua 
publicata dal Cardinal Guidone. 
T« XII p. jio. n Vescovo riccw 
ve commissione dal Cardinalìe- 
gato di pnbticar la tregua fra i 
Principi della Lombardia a mo- 
tiva del prossimo Giubbileo» T^ 
XII p. f 14- Bologna occupata da 
Giovanni Visconti Arcivescovi 
di Milano. T. XII p*'ist e tsf»^ 



ftcJ 

i*. titl p. 4. i" intende com> 
presa nelle cétre della Chiesa. 
T. XII t pig. ^. Esercito della 
Chiesa s* avvicina a BOlogda coU« 
tro i Pcpolf St^U. t. XIII pag. 
110. Gtferre insorte pel Vicariato 
di essa Cittì fra il Papa ed il 
Visconti Pedate, f. ttV p. 15. 
Governata dal Cardinal Legato. 
1*. XIV p. 37* Suo Palagio. 1*. 
XIV p. 59 ^' «J» Aimerico Ve^ 
icovo. T. XIV p. 39. Entra nel- 
la pace &a il Papa , 1' Impera^^ 
dorè , e i Principi della LOm^ 
Cardia. T. XJV p. 57. Si acceo^ 
na altea pace ivi' fatta 0^1)69* 
1*. XIV p. 6t. Comuifitì amiba 
del Carratese; T.XVI p. 7. Av- 
visi al Ùoge degli eserciti del 
Conte di Virth raccolti contro 
fi Carrarese. T. XVTI p. ja. Il' 
Conte di Virtù era col suo eser- 
cito sul Bolognese: T. XVII p.. 
3a. Bolognesi s* accampano sul 
territorio di Aleggio. T. XVII p.- 
ji. Vanno al soccorso de! Car-- 
rarese cforttro il Visconti. T.XVlI 
p.41. Fanno la pace ct>l Viscon- 
ti. T. XVll p. 54 57. Intfcrvcn-' 
gooo ad un coi^tesso in Ferrai 
la contro il Visconti', che pro-- 
curava a danni del Gonzaga di 
svolgere il corso al fiume Min- 
cio. T. XVlì p. 75. Mandano 
ambasciatore a Padova per' otte^ 
nere dal Carrarese un piigioriie-- 
ro accusato di aver tentato con- 
tro lo stato di Bologna. T. XVlf 
p. -79. Loro* diflerenze co* Fioren^ 
tini rimesse ili Francesco <{i Car- 
rara , e nel Gonzaga. T. XVII 
p. 93. Mandano ambasciatori a 
Ferrata ad un parlamento con- 
no il Visconti. T. XVII p. 97. 
Istlumento di ^lega- fra i Ve^e- 
ziam , gli Estensi , i GontagM « 
il Carrarese, 1 Bolognesi,^ e r 
Fiokentini contro il Visconti^ t. 
XVit s^. 97. Si fe la tregua ccrt 
^ Vi- 



B O 

Yhcooti, epfomette che non ta« 
ranno molestati* T. XVIII p.js. 
Còncfaiadono 1« pace col Vlscon. 
tL T. XVIII p. 17 il. Gli Or. 
delafli di Forlì ràtifican» essa pa- 
ce. T. XVIII p, 19. Vittoria ot- 
teoun dal Visconti sul Bolocoe- 
se. T. XVIII p. j8. SellefaiMne 
del Popolo che scaccia i Benti- 
▼ogli, e liccfc m Citt^ il Signo- 
re di Mantova « e i Malateitk T. 
XVIII p. 39« Daaoo spontanei la 
loto Citt^ al Visconti. T. XVllI 
p» 39* 11 Marchese d' Este teii* 
U dì sorprendere Bologna, ma 
-riene rispioto. T. XVIII p. 46. 
La Duchessa Vedova Visconti 
cede Bologna al 7apa. T.XVUI 
p. 50. 
da Bologna Arlwfnié Dottor di 
I.egg^ . Tom. Il p. 3tf. Lén^é* 
flw giacUce del Podestà di 
Verona. T. Ili pag. 96* BartoU 
Medico di Pìetio Cardinale dis. 
Eustachio. T. IV p. ««• Jéctf 
giudice di Trivigi. T*^ IV p. 77. 
JSlétntSé ambascìator dì Enrico 
Imperadot a* Trifigiani. T. V p, 
aia. PUtf Nancio del Pauiar* 
ca a* Trir^iafii. T. VI pag. s*. 
XlfhéUd» Monaco eletto profts« 
sor in Tririgi di gins canonico. 
T. VII p. 40. Frémceteà de* Pre- 
dicatori Vesc^o di Ceneda. T«, 
IX p. 25* T»mmasé Capitanio in 
Mestre. T. XI p. «tf. Plttr», dì 
S. Lorenzo stipendiario del Ve- 
scovo di Ceneda. T. XI p. 169 
t7o,i7a 17 j« OlvvMnM Fisico a- 
mico del Vergeiio, il quale gli 
Ktive alcune lettere intorno al- 
le guene del Carrarese col Vi^ 
SCMtL T. XVII p. 39 44 51* 
JologQtoi Soldi. Sttim. T. VI pag. 

iS4* T. Vili p. ijS» 
ripago Villa avevano beni i Castelli 
che passarono in Guidotti, e poi in 
Capootso, T, m pag. x%% i%9 



B O 7? 

BOlpago VilUi, sìa dì Rizzaido a% 
Camino^ Tom. IX f. 5* Mand» 
guastatori a Mastino. T. XI f . 
al. Vilb' del Trivigiano. T. XI 
pag. iS*!. Chiesa di S. Maria, e 
prete Pioamonto Arcidiacono. T. 
XI p. iSa. Villa soggetta a* Con* 
ti di Collalto. T. XIII p. %7, 

Bolzano borgo. T. IV p. 15?. Fia- 
ti di S« Maria de' Tedeschi. S^»- 
uM. T. VII p. 4a.9 e de* mboii 
p. 4a« Il Duca Leopoldo doveva 

• andarvi in breve. T. XVI p. ttf. 
Egli è in Bolzano. T. XVI p. t^ 
90. Ivi si conclude lega contro 
il Carrarese fta il Visconti e 1* 
Austriaco. T. XVII p» ttf. 

da Bohano Cltm^nu nel consiglio 
di Bellnno. T. XV p. 16. Crìstt» 
/•r« Console in Belluno. T. XVIII 
p. 18. g;«v«»»ì ambasciatore de* 
Bellunesi al Duca Leopoldo. T. 

XV p. «o. Eseguisce la sua am- 
bascbta a Trivigi. T. XV p. 65- 
Accusato di tradimento presso il 
Duca Leopoldo, ma dichiarato 
innocente. Tom. XVI pa|. 89. 
D«»;#/« Notafo qu. Barati Cit* 
ladino di Belluno. T. XIII paf. 
41. NUc^U Bellunese studente i» 
Pavia il gins canonico. T. XVII 
p. 94* P'«rrs Pn»/» ambasciatoti^ 
de* Belloneai al Caf rarese. Tom. 

XVI pw lai. T. XVII p. 3. al 
Visconri. T. XVll p. 89 90. Del 
Consilio di Belluno. T. XVIII 
p. 18. Vin$r9 Console di Bellu» 
no. Tom. XVIII p. 18. VicMi/è- 
Console di Betluno. T. XVIII p.. 
18. Cittadin di Bellnno. T. XVIIt 
p. t8. Ziu%gregtì9 Console dì Bek 
Inno. T. XVIII p. i«. 

Bolaonella Villa del Padovano.. T. 

IV p. 135. 
Bombalo JLnirt^à e Arfn^ di lui 

fratello Conegliaoesi. T. I p.5«* 
Bombato da Conegliano. T« I p«4^« 

Anàrta Siodico.T.I p. 198. T.II 

p. I, B$mk4r^ Canonico di Coo> 

COI» 



7é ^ no 

cordit, T. II p*^ J2« 

d«' Bombectii KietéU Dottore dft 
Cremona Cittadino Tdv^ano 
eletto vicario in Hellano da Leo- 
poldo Dact d^ AiKtùt. T. XVI 
p. »j* 

Bollicene Faniiglit tOiCAlit M Tn« 
v'm, T. ZI p. 4o* 

Bomben NìecéU pieacnte In Sadle. 
T. XV p. lof. 

iBombenf tee Véml ambatcittore de' 
Trìtigtaiii a Teoesii. T, XVIIl 
p. *4« 

Bominebarre JBvrlrt dapifero. J. l 

Boauatdi Altm»t presente tn To» 
rioo alla paté fra i Ventsiaiil è 
f iGenoveai. T* XV f* yu 

$0 Bona Villa, Possessioni che are- 
vano i Bauòletti Txivigi^ni . Sr»- 
rts* T. IX p. ITO» 

BénétctwrtH miHte TnVigiaiio. T.Il 
p. 17. 

de* Bonacolsl Pinmmi^H. T. I p. 
49. Capitan generale di Manto* 
?a. Snrls. T. VII p. aj. T. «I 
pag» 49. Unito in aUeamta con 
Mainardo Conce del Tirolo. T. 
ni p. I )«. 

i^^lavtfiiiijfM da Mantova Podestà 
di verona. Snrì^k T. VII p. aj. 
T. Ili p. 21. T. Iir p. 94. 

«M ^TMldf »tf Si^or di Mantova fa 
pace co* Ducld della Cirinria. 
T. IV p. T4S» fa alleanza con- 
tro le Citt^ della Lombardia e 
Marca Tri rimana. T. IV p. t $<• 
Stipala alleapfea e** Veronesi, ^ 
co* BrescianL Té IV p. xSf. e 
co* Pirmigiftni , e con Giberto 
da Correggbk T* IV p. 192. Al- 
tra alleanza con Bologna e Ve- 
rofift « oftèsa e difesa. T. IV p. 
101. Ordini dati dopo ^sesta lc•^ 
gà. T, IV pag. loa* Mandati di 
pfoduA per qnestt lega, p.air. 
Suo imumeitro df procnrt fé\ 
questa lega» T« IV p. i97« ^^• 
»4/d«, atmrit^ e é*ttT%né fra« 



BO 

telli qu. Giovannino. T« IV p« 
197 lì». T. V p. j 6€» 

m-m jft»0ld9 Signor di Mantova è 
compreso nella pace fra i Tri,.^ 
vigiani e Cangrande. T. VII p» 
<9 6} 64 69. 

-• MtMétéé , e B9t$r^»9 frattlti , e 
FrMBtftc9 figliuolo di llintldoSi-. 
gnor di Modena: loro lega con 
Lodovico il Bavaro , cogli Esten- 
si, e collo Scaligero. T. IX p. 
4A. '% %o* Milanesi contro la 
Chiesi, t. IX p. 44. 

f-« Zi7i»/# da Modena gìitdice e 
Vicarb del Podestà di Treviso. 
T. IX p. 16 »5 »a. 

'^Pmts^inw utrftò asfi Estensi, ed 
a* Visconti Vince 1 Bolognesi. T« 
IX p. 88. Incorso nelle rensure 
eccietiéstiéhc , perchè si faceva 
chiamare Vidirio Imperiale. Su" 
rU T. Vi p. *89. Va a Trento 
« trovar V- Iro^erador Lodovico, 
ed è crealo suo Vicario di Man- 
tov% e di Modena. T. IX p. »9. 

B9méuhnté>it di Amadonio giudice 
àss^sore iti Podestà di Ba<;saro« 
T. IV p. 96 ^8. Testimonio in 
Padova. T. IV p. 117. 

de*Bonafàrii BsIJ^ da Piombino li- 
cenziato in utroque iure qu. 
Francesco Consigliere del Car- 
ratete. T% XVII p. 75. 

Bonaparte OhvsMMl, T. I p. 4ff 5 r • 
C7f«xt da Trivtgi Rettore della 
l^a Lombarda T. I p. 77. Pri- 
gione in Conegliano T. I p. T02. 
C9fU9P»yìàftti e N9rdt^l9. T. II 
p. 7$ '76, B9nMspetì9 Triv^iano. 
T. II p. 1X5. Bé*semèUht9 am- 
baaciatore de* Trivigiant. T. Il 
p. 117* Kéìd:j^Ì9 milite Trivi- 
giano* T. II ^. i7. Ambasciato- 
re a Vtneda. T. II p. 92. Hot. 
diglio, Marmaglia sua moglie 
ftnùo donaz^oe di akrudi li«n{ 
ulla Chièsa di S. Tizàmo dfCe- 
neda. T. II |>. ri 5. 13^ alcuni 
danari ad un certo Nascìmb^ne. 
T. 



t. ti p, tif. Sltìàìco de' Tmi- 
guai. T. It p. T jé. (rjf«^« T. Il 
p. 142. tt.NTdiglh giudice ar- 
bitro nelle cootrovcfrie per Oder- 
zo e Musaoleote 6a i Trivigiani 
e il Vescovo di Fcltre* T. Ili 
j^. 1*7 »J4. Testimonio tlhiprc«- 
seotazioRe dellc^ carte de* Tri- 
vtgtafu. T. IH p. 136. favorevo- 
le a Gerardo da Camino. T. VII 
p. 1*5. PUtr§ $• uni a' maJcon- 
tesii a icacciare i Canùaesi. T« 
V p^ iS«. Sapiente. T. Vi p.jtf. 
T. VII p. 9« i7<. Anziano. T. 
VII p. 6* Podestà di feltrò, e 
Capitaoio m Qf^ero. T. VII j^ 
i0) xtf4 tSS, Ottiene da* Tu* 
vìgianl le rappresaglie contro 
leltte,òyc era stato Podestà. T. 
Vili p. SI. PodesOk di Padova. 
T. VIU p. 97 9«. 0i$rU9 Giu- 
dice e Hettoit da* Trivigiani.T. 
IX pag. Il* "I iJJ "♦ "5 
i»# X17 xit iif. Riceve da* 
Trivigiaoi la custodia il Castel- 
lo di S. Zenone rtiàbbrìcato dal 
4}u. Pietro soo Padre. T. IX p. 
xf j. Era stato ritirato per sei 
Blesi in S. Zenone fiiggeado gli 
Azzoni. T. IX J. xao. Sospetto 
al governo Scaligero. Sfrts. T. 
IX p. 177. Amteciatore al Re 
di Boemia. T« X pag. ai a7 i* 
3« ja j9. A Beatrice di Satoja 
mogHe del Ke. T.X p. 38. Con- 
servato «e* suoi dkitti da* Tii- 
▼igiani , qoando ai diedero a 
Cangrande. T. X pag. tfa. è da 
Gangrande. p. ^5. C^itanio del 
Castello di S. Zenone. T. X jp. 
U. Eletto Savi^ytfa* Triv^ani. 
T. XI p. x7$. Ambasciatore a* 
Veneuani. T. XII p. 34. fr^»' 
rtjw presente iaTtivigi. T.XIII 
pag. 9. Ved. della Parte. 
Boflamena 0d§rìc9 Rettore della le- 
jga Lombarda pec flactoKa» T. 



B O t7 

BoMsio milite del Podéll^ di fu 
dova. T. IV p. 4S« 

Bona^erio Stmhlénu milite Trivi- 
giano. T. II p. a7. 
Sonassi ^I^mo^Iim. T.I p.4r*Trf»» 
sfila Coasole di CooegHano T. I 
p. 4a« Àffll»§. T. I p. 59* <V 
doric§, T. I p. tfr. 

Bonassìo Ow;i«»c Sindieo do* Co- 
neglianesi. T. II p. 14* Arflin§ 
ibid. p. v$. 0»»rl«. T. Il p. 15 • 

de* lonassi fs9U di Conegfiano del 
Consiglio. T. XI p. iS>* Jttnsld» 
del Consìglio. T. XI p. r5i» 

Sonato ìrU§Utf nob. Ven. eletto 
ad onorar la venuta del Ke dì 
Cipro a Venezia. T. XIV p. 20. 

de* Bonasoli Niccoli ^u. GiuliaBO 
Notaio delP Estense. T. XVII p. 
99 no* 

de* Bonazaonti o^itf Canonico di 
Verona. SttrU, T. VII p. 9t. 

Boncambio Fr.GUctflM diBoU^na. 
T. I p. 103 105 108 109» / 

M9»ct* scriba e cancelliero di Al- 
berto e di Mastino dalla Scala. 
T. X p. 9U 

Bondinaiio J^Utc§ Genovese. Tom» 
XV p. »o7» 

Bòndivtto otroé9Bt Tesdmomo in 
.Trivigi. T. 1 p. 4^. 

Boodulmetio Jndrts Consigliere 
del Doge. St9rts T. XI p. i|. 
Kobite Veneziano testimonio in 
Venezia. T. XI p. 98. 

de* Bonelli Lsur» Padovano. T. II 
P. 73 7^. 

de Booello Sim$ne qu. Boitolamio 
sua congiara contro il Vescovo 
di Ceneda per dar la Città e il 
Castello a* Camincsi. T. XI p. 
171 172^ 173» 

de Bon&dino Jnt9»t9 Draperio di 
Ferrara. T. XVII p. 83. 

Bònfàntini U^ert§, T. I p. a3. 

da Boflgafo Endrìrhttt^ testfnonio 
io Eeltie. T. XI p. 9<J. Testimo- 
nio ip Belluno. T, Xl f.ya.Eo» 
dei- 



yt no 

^righetto t Giitcomù. sua moglie 
Investiti delia Coneea di Alpago 
nel Belionese col mtio e misto 
impero. T, XI p. i8i. 
4e* Bongefardi Msrthtmllé Faoiu- 
sciro BoIo|aese. TJV p. 1:^5 ut. 
de* Bongìnkii BtAéfrtiU qa. Gio- 

vanoì. T. V p. 49. 
de* BonguadtfgRÌ Akmàm scriba e 
Notaio io Venezia. T. XIII pag. 
»7. T. XV p. lotf. T.XVI p. IO. 
de* Boni GUvA^nX bandito da Bel- 
luno. T. xvni p. 42. 
Bonielo Ghvdw^i Dottor de^ De* 
ere ti presente in Venexia alla 
pace cc^Ii Scaligeri. Ta XI pag. 
ia8. 
Booifiicio Conte. T. I p» 107. 
Bonifacio Papa eletto nella vigilia 
di Natale del 1*94. T.lVp. 85. 
SooiBicio Papa VIII. delega il V^ 
scovo di Ferrara ed altri a giu- 
dicar 1* appeJlazbne della sco. 
mugica data dal Patriarca d* 
Aquile ja a* Trivigiapi. T. IV p. 
*4 «7. Conferma a Giovanni Sa- 
raceni il feudo delle decime di 
Bastano ad esso conceduto 4a' 
Pietro Vescovo d! Vicenza suo 
Zio. T. IV p. 66. Delega Albe«. 
urto doi Monselice Canonico di 
Trivigi in. una causa fra Btisa 
di Top Vescovo di Trieste, e 
'1 monastero di S. Giorgio mag. 
giore di Venezia. T. IV p. 78. 
Leva r offiaio dell* Inquisizione 
nelle due Citt^ di Padova e di 
Vicenza a* fiati minori, C/lp 
conferisce a* Religiosi^ Domani- 
cani. T. IV p» 155. 
Boni&cio IJ^. conferisce due cano- 
nicati a Carlo da Camino uno 
cella Chiesa d* Aquilcja, e r 
altro nella Cattedrale di Trivi* 
gì. T. XVII p. 66. Due brevi 
di esso in ^vore dello ttndb di 
Pavia secondo il desiderio del 
Visconti* T. XVU p. 171, Unito 
al Re Roberto contro ilViscon- 



no 

ti. r. xviir pag. 47» eonclbde 
lega co* Fiorentini e col Carra« 
rese contro il Visconti. T. XVIII 
p. so. Conclude la pace coli» 
Duchessa di Milano. T. XVIII 
p. 50. E xiacqnista Bologna e 
Perugia ed altre terre della Ro- 
magna ibid. 
S. Bonifacio Castello del Veronese 
preso da* Veneziani. T. XVI II 
p. 5« 60, Ur^nu» Arciprete della^ 
PieveCappellano di Niccolò Ve- 
scovo di Verona. T. X p. 16^. 
Bon{n€tntr§ Dottor di Ic^f Trivi-. 

giano. T; III p. 8a. 
Mfinl»conpr9 qu. Baldasarre fisico^ 
Vescovo dì Verona, suo testa-, 
mento. St9rÌM, Tom. VII pag. 
a4« BtlvUf sua nipote, pag. 
a9. MsIgMrU sua nipote mo-, 
oica in S. Chiara di Verona, p. 
a9 3 e* £afnMi4J»« Canonico suo 
nipote.p.jo 51 324544 45. Bt^ 
nine§9rr§ suo nipoto p» 30 jt, 
figlinolo di Belviso sua sorella. 
P« 44 45* Butddusìo suo frate!!©. 
P; JhOerardp suo nipote Chie- 
rico di Ruperchiara. p. 40. 
Boninsegoa Ghvs»mi, qu. Tomasso 
Notajo di Trivigi. T. XU p. 15. 
^nio PétnU milite Trivigiano. T* 

II p* a7. QUvA^nt ibid. 
de Bonio B9mioU§ Procurato'te di 
Gerardo da Camino. T. Ili p. 141 
Boniolo ChvamHi Canonico di- S. 
Marco e Dottor de*Decreti cjet-, 
to arbitto da' Trivigìani nelle 
difterenae per Cavolano col Pa- 
triarca. T. XII p. ^6 4>i 66. E- 
Jetto Conmissario da Papa Cle- 
mente in esse dificrcnzc. T.XII 
p. 66. 
de Bonisio Gt§vsHmi Notajo di Ven 

nezia. T. XVIII p. 81. 
Bonmassario Lé§mMr4§ e sua fami- 
glia Veronese fìiorisciu rirìrau 
m Triv^ T. VUI p. ix6. 
Bono PUtro de Albincto giudice e 
assessore del Podestà di Viceo* 
za 



B O 

a6 . T. n |>. 164 io$ t«tf. Fr4»« 
ja0i€» Vencsiano danneggiato da* 
Ferfaresi • T. IV p, a?. M4rt»9 
Bob. ▼€«• eletto ad onorar ilRe 
di Cipro . T. XIV p. ao. i»;#rr» 
da Bologna accide Albergetino 
de* Sabadini. T. XVII pag. 19* 
JUtu»dr9 Podestà di Trìvigi . 
T* XIX pag. j9 45* Podestà di 
Belloao* T. XIX p. a? a8 jo 
jx ij 54. J£irr« notajo in Ve- 
fle^ia . T. XVni p. Bj. qa. Ja« 
copo testimonio in Venezia • T. 
XIX p. 8x» Jn^tU Arciprete di 
S. Giorgio di IJasi • T. XIX p. 

Bono della Dfocesi di Trento. T. 
XIV p. ij. 

M9»9m» giudice in Trento • T. Ili 
P« I )7< J*c*f faTorcYoIe a Ge- 
rardo da Camino. T. Ili pag. 
lea. Tom, VII p. 1*5 1*7 Jx9, 
Cindice «ndìco de' Ti i vignai. T. 
HI p« J«s io7« Trocoratore di 
Gerardo da Camino • T. Ili p. 
14 j. Trifiglano. T. IV. p. 41. 
Giadice . T. IV. p. 69. Tom. V 
p. lat. Rettore anjiiano de*Tri. 
vigtani . T. V p. 171 i8j. Am- 
basciatore Padova . T. VII. p. 
it. Sapiente del Consiglio e Gin- 
dice. T. VII p. ij. Ambasciato- 
re a Venezia pc* Trivigiani. T. 
VIII p. los 108 iitf. Giudice. 
T. VIII. p. 114. Tom. IX. p. 9» 
Giadice df Triv^* . T. Vili p. 
15 $9. Sindico de*Trivigianf • 
T. IX p. t. T. XII. p. ij. 

di Bonomo T«aMitf« sapiente di Tri- 
▼^ . T. X. p. f 4«» Gl9vén,nl sa- 
piente Trivlgiano T. VII p. 98. • 

àc Bonosio J»t9m$o giudice arbi- 
tro de* Bassanesi nelle controver- 
sie cog$ nomini di Solagna . T. 
II p. 15 0. rodesti^ di Bassano • 

T. Il p. 15 5. 
Bottoti CtsrtlU ambasciatore de* 
Bassanesi ai Vicentini . T. II p. 
f49« A Padova. T. HI p. 119* 

■ \ 



B O 79 

Kotafo* T. II pag. 4? 129 150. 
Tom. in pag. 90. Sindico de* 
Bassanesi. Tom. Ili pag. 17 
t8 19 li |1 ì€ yivéU49 Noca- 
\. T. II p. 7«* Console de'Bas- 
sanesL T. II p. lai* 

de* Bonsignoti Hlc€*U da Siena Po- 
destà di Padova. T. IV p. i4a« 

de* Bonzanini Zéumk9n9 qn. Jaco- 
blno Sindico do* BtsstnesL T. ni 
p. 9«. 

de* Bon«ano Pltìf Giudice Trìvi- 
giano. T. in p. 1«7. S$^jfl99 ^ 

ed Almengarda di lai suocera 
mandano un fante al presidio di 
Ca volano. T. X p. i75* 

Borsa £»rì;tffr« Notaio Ctncelflete 
delComune di Padova.T.VII p.41. 

Borso suo Daxio'di 15 soldi, e s 
grossi. T. V p. 154. villa del 
Trivigiano. T« IX p. 1 37* B.ego- 
la deve ubbidire al Capitaniodi 
S. T^enone. T. X p. 8a. B.egola 
di S. Ilaria Villaggb del Trivi- 
giano. T. XI p. 49. Villa asse- 
gnata alla Podestaria di Asolo» 
T. XI p. IJ9. 

da Borso F>«r4K>«»ft Giadice e Ret- 
tore de* Trivigiani. T. IX p. ito 
III if| ti^. Ambasciatore al 
Ke di Boemia. T. IX p. iieijc 
iji. Ricercato da due Camine- 
si per avvocato. T. IX p. ij9.. 
Spedito ambsMrtatore al Re di 
Boemia. T. IX p. i44 145. t' 
Veneziani» T. IX p. 15 J. Giudi- 
ce ambasciatore t Venezia. T. 
X p. 8 a. Anziano sapiente. T.X 
p. 9«. AndMsciatore agli Scali- 
geri. T. X p. xotf. Spedito a Pa- 
dova, a trattu la concordia fra 
i Padovani e i Trivigiani. T. X 
p. IJ4. Tutore di Maddalena di 
Ra}o. T. X p. 155 tj6. Giudi- 
ce Anziano. T. X p. X49 >S«. 
Sapiente. T. X p. 15 j 15 9. Man- 
dato a Padova come Radice, 
Àndico e avvocato per difendere 
i diiicti de* Trivigiani nelle loro 
con- 



«o B ^ ^ . 

controversie co* Cènedcsi. T. X 
p. 154. Eletto Savio. T.X f. **^ 
Mandato al Papa per .impetrare 
1* aMoIuEÌone dell* interdetto. 
Tofflf^ Xl pag. 141 i+l^ iStf 

X 5 S xtf e • Presente in Treviso aU* 
asioluzione • Tom. XI ^. i$s* 
Chiede a* Trivifiani scritture e 
carte pella difterenza vertente 
sopra Cavolano e ]pranceniga • T« 

XI p. i9r« G!adice avvocato 
presente in Trivìg? alla senten- 
za del PQdes.t^. T. XII. p. 15. 
Giudice ambaKiatore a* Vene* 
uaoì . T. XII p. 34* Arbitro nel« 
le difierenzc pcr^ Cavolano col 
Patriarca. T. XII p. «6. 88. E* 
Ietto ad informare intorno alle 
pretese degli eredi Camposanii* 
piero per le possessioni di Fon- 
ie , Mttssolente , S. Zenone , e 
nomano. T. XII p. ia5* Fa ci- 
tare alia ^esenza del Podestà di 
Trevigi Kizzardo, e Gerardo da 
Caolino per pretese contro di 
loro. T. xn p. 147. Suo consi. 
glio intorno ad un'annua esibi- 
zione alla nepublica durante la 
guerra de' Genovesi.- T. :tir p. 
ai54. Dato dal Doge per consi- 
gliere a Bertucfo Faliero spedi- 
to in Val di Mareoo t formar 
processo eontro aknoi ribelli • 
T« XIII p. so XI. Ambasciatore 
al Doge Marin Faliero . T. XIII 
p. 2tf. Al Doge Gradenigo. T. 
XIII p. j«» I Veneziani lo con. 
saluno ]pet lit navigazione d'A» 
lessandria concediua dal Papa . 
T. XIII p. 57. Chiamato a Ve- 
nezia per consultare . T. Xltl 
p« 44- Presenta al Principe una 
«applica de' Trivigiani • T. XIII 
p.48* Eletto ad informar il Prin- 
cipe de' bisogni della Cittì . T. 
Zni p. 4t. CuérttBt^ dì Dome- 
nico nouio • T. X p. M* Es>'- 
lore io Trivigr. t. XI p. ^*Ed 
oficiak. T. XI p* SI* fwsmtés* 



B p 

<h'in§ sindico e Procuratore -de* 
Trivigiani per darsi sott9 al vU 
sconti. T, XVir p.aj. Jurb pei 
rito aabasciatòre it* Trivigumi 
a Venezia. T. XVllI p. 14. 

Borbiago Villa del distretto Trivi- 
giano , permutazione fàtu col 
Doge. t. XV p. 38. 

de' Bordonali Gi9vs»»l cootestabiw 
le di pedoni Trivigiani T. V^ 
p. 54. 

Bofdago Villa del Trivigiano che 
confina co^ Padovano. T. XI^ 
p. 78. 

Borganesio giudice di Trivigi • T« 
II. p. 48. 

Borghesi T9min$ presente in Tori« 
no allìa pace fra i Veoeziaui e i 
Genovesi. T. XV p. 71. 

Borgrcadagni GUrgj§ di Amedeo 
nofajo Veneziano . T. XIV p.4-. 

Borgo dì Sogo io talsugailà • T. 
XIII p. 51. 

de Borgo Vicfnu' Giudice Vicenti»" 
no. T. U p. toh 

dal Borgo /r#«.gtadice Viccfltido. 
T. II p. ri8. 

Borgofbne preso dal legato del 
Papa. T. IX p. 18. assalnto dall' 
esercito imperiale . T. IX. p. 89 
Nel Mantova Uo. T. XVlI. pag» 
9é 97. 

di Borgogna Luip Duca e Princij^c 
passa pel Trivigiano a Veuetia • 
t. VII p. 150. 

da Borgoricco a{#v4J»»l sindico de ** 
Baslanesi. T. V p. la 13. P#}- 
^usit notaio statutario di Pado- 
va. T.VlIp. iS7«<7l4rM»»< Dot- 
tore mandato dal Carrarese per 
Vicario dot Podestà in Coneglia- 
no. T. XVI p. 7* 77 8* 84 |5 
8« 91. 

de' Borgnerelli Ktgl^sidhtiu Imo- 
leso, t. XIV p. t8r 

Bérmir Podestà di. Padove . T. VII. 

P- ««• 
de Borolcheto Gm^lutiP prigionìe. 
ro in Ferrara per rsppresagV^e 
eoa- 



BO 

eoatfo il Duc^ d'Austria. Tom. 
XVI p. tf e 21. 

d«*Borroniei B^rvmto da Sin Mi* 
oiate in disgrazia del Carrarese 
per aver seguito le pani del vx« 
tcond , ma rimesso io patria nel- 
la pace . T^ XVn p. 5 5» 

de Borsarìo Aibfm £ivorevoIe a 
Gerardo d^ Camino • T^ IH p. 
ioa. Hlet9U sindica de' Modene- 
si. T. V p. 8. 

de Borsari MclmimU ^dice Vica- 
rio del Podei^ di Treviso . T. 
V. p. ^9. 

B^rscnio PrlBctvsìU siodieo dell' 
aoiversicì de* Mercanti di Vero- 
na. T. Ili ^« 54* 

Esrt9l9mm99 Giudice Kettore della 
Lega Lombarda de' Veronesi. T« 
1 p. 16. 

Bosemino Villa occupata da Sico- 
ne da CastelBovo al Vcscova dì 
Trento, T. XII p. 5^ 

Josdiettf di Modena ia lega, co* 
Bolognesi , Mantovani , e Vero- 
ocsi concio Azzo d' Este • Tom. 
IV p. a II. Aderenti di Niccolò 
Marchese d'Este. T. XIX p.9/-> 

di Bosmone Chiesa beneficata da 
Gabriel da Camino . T. I p. 66. 

Bosnia , Mglé»di»9, suo Banoo. V* 
Croata. 

Bosio Fkti»(« di Fino Vicentino « 
r* H^ p. IO j. Mtrtl§ Giudice dì 
Vicenza. T. IV p. t8. 

Bossago y frutti delle possessioni di 
Gaeceilo. da Camino sequestrali 
da' Trivigiani^ T. VIII p. 79. 

del Bosco inpnasiero beneficato d^ 

, Gabriel da Camino. T« I.p.tftf. 

de Botenburg £»rfCA Maestro disi- 
la Curia del Tirolo^ T. XIV p. 
«S. 

de Boteoigo Tisane procuratore de' 
Trlvigiani. T. li p. 15 5* 

Bocen^ FiufiMe preteso da' Pado- 
?ani • T. X p. io9« Ma che sem- 
pre era auto di giuriadisione 
de' Triv^iani • T. X P« no. Pa- 
Tomo XX» 



B R ti 

lata ivi piantata da* Padovani, « 
T. X p. no. Daz{ che ivi eslg^ 
vano • TJC p. 114 1 1 5 • Fiume che 
sbocca nel Musone. T.XVIp.at 

Botesella Vìvtdm»^ [<{vu Zanetto de 
Sasso. T. III p. 9i. Jsc9^§ qu. 
Vtvbno da Bassano . T. IV p. 
9tf 98 170. 

Botestatno Castello dato io fiondo 
a BJasardo da Camino dal Pa- 
triarca. T. V p. 119. A Gue- 
cello T. V p. 197 i9«. 

da Bottono /#«•/• ne^ Consiglio 
Bassano T. XVIII p. 9$. 

de' Bottacci FiUhniù Bresciano • T« 
IV p. 190. 

de Bove Jsc^§ q\\. Gìovannni Sa« 
piente di Ferrara^ T; XVI p. « j. 

Bovolenta. Statuto de'Padovaniln. 
torno al Podestà. T. V p. ras. 

Bovolini GUvsnnl da Bassano. T. 
IV p. 170. 171 177. Siodico de" 
Bassanesi . T. V p. a8. X>«»«fs . 
T. IV. p* 174. T. V p. ij. T. 

VIII p. 5 9« Bért^Ummi^ qu. 
Giovanni abbrucia la casa de' 
Bias}' a Mttssolente • T; IX p. 
2.6 Accusato zi Podestà di Tri- 
viso è bandito . T. IX p. 17 
Assoltodal Conte di Gorizia. IL. 

IX p. 18. Capicanio In Bassano 
4i Cangrande. T. IX p. 15 r^. 
Otrurdé suo credito verso il Co- 
mune, di Bassano • T. XIX p. tf. 

Bovolone villa del Veronese, ospi- 
tale ivi eretto da Verde dalla 
Scala . T. IV. p. r4J. 

Boxo Jtfiiv*^ giudice di Vicenzf|.« 
T. V p. i^. 

3oftxA RéféuU ambasctatofe de* 
Chioggiotti a Padova. T«tVp.r4« 

Bozolanò Villa de* Signoti da Fo- 
gliano. SftrU* T. X p. 89* 

de'Breati i;j/4j»d« da Modena Dottor 
Vicario del Podesà di Trivlgi. 
* T^ XII p. 45* 

de Bcabaao. Ptrut^lh àÈ Andrea 
quiiaio de* Coneglianesi a Pado« 
va. T« I Pt 8a 8|, 

F BM-t 



U B R 

Braccifbrti ix^ili aderenti de* Stgoo- 
ri d'Arcelli. T. XIX p. 9J# 

d' BracciUini PUtrth»»^ • T. I f». 6i« 

Brag* de Braga mìlite Trivigiano. 
T.ll p.27. Amir9 milite. Ibid • 

Bragadino Mmtc* Veneziano consi- 
gliere del Doge . T. II p* ij. 
Eletto Savio ad esanunar i pat- 
ti co* Carraresi . T. XII p. 5tf. 
yìttrè Capo diXL. SfrÌM. T.XI 
p. IT* Ambasciatore eletto ad 
incoQtrare 11 Re di, Cipro . T. 
^IV p. le. Frs»ceu9 eletto^ ad 
onorar la feoota del Re di Cipro 
a Venezia. T. XIV p. 20 Prov- 
veditore a stipolare un alleanza 
co* Vicentini . T. XIV p# 4*, 
MMre§ Savio ^i Terra Ferma me- 
diatore nelle discordie fra la 
Cittì e il Vescovo di Ccaeda • 
T. XIX p. 141* 

de Bragi J?«/4i»di»a e GtTàriln§ 
fratelli. T. VI p. tS. Gertrdiiio 
tapiente t* bisogni della guerra. 
T. VI p. a». Giudice . T. VI p, 
3j. Anziano • T« VI p. J5 }^« 
Ji§lsBd!u§ sapiente del Consi- 
glio • T. VII p. ;s* Gtrériino 
Giudice ambasciatore de* Trivi- 
giani a Goecello da Camino. T« 
VI.p. 44. Anziano* T.VI p.54« 
Deputato a trattar nn' accordo 
co* Padovani , T. VII p. xo^. 
eletto sapiente. T. Vii p. 17^. 
Cindice . T. Vili p. 15. Con. 
elude pe* Trivigiani nn trattato 
co* Padovani. T. Vili p. 44. T. 
Vili p. 124* Ambasciatore aVe« 
nezia. T. Vili p. ijtf. Eletto a 
trovar danari dal Vescovo di 
Trivig?. T. Vili p. t57. Testi- 
jnonio in Consiglio • T. Vili 
p» x6t. 6/at(4af^f Trivigiano . T. 
Vni p. 190. NUfU Ténsrl giù- 
xiapcrito ambaKiatore a Venezia 
fCr le dedizione de* Trivigiani. 
T. XII p. jf. Mf#ra/# FMi»tii Avw 
vocttQ dal Comufie di Tiivlgt* 
T. XII p. 7# 71 7Ì 7Sf 



B R 

Braìda Castello dal Comune dt Tri, 
vigi restituito ad Alberto Vcsco^ 
vo . T. II p. 95. Rimesso d 
nuovo nelle mani del Comune \ 
Ibid. Dal Capitolo de* Canonie' 
di Trivigi dato in guardia al Co- 
mune . T. II p. 149. Rocca vicn 
data con Asolo a Gerardo de* 
Castelli finché I Trivigiani 'gli 
pagano lise trenu mila • T. Ili 
p. xetf 

Biaida di Asolo un Capitanio e sei 
custodi . T. V p. 154. 1 Trivi- 
giani rinforzano il presidio • T« 
VII p. IS4* Commettono a Me* 
fiore, e Nascimbene Capitani di 
far la mostra de* soldati della 
Pieve di Asolo . T. VII p« t$4* 
Capitianio Bolando da Castello* 
e in 4i lui luo|;o Rosso di •••• 
ed Eosediaio di Giovanni . f . VII 
p. X60 Presidiata da' Trivi^ni 
con vigilanza • T. VIII p. at e 
jo. Assegnaata alla Podettaria 
di Asob. T. XI p. 159* Villa 
del Trlvigfano, che debba lavo» 
rare in Piave. T. XIX f. as« 

de Braida Al • • • . €• miHtc Tri« 
vigiaoo. T. II p. 27. Mtgm^$rt9 
ambasciatore de' Trivigiani e Pa- 
dova. T. VI p. «3» Giudice. T. 
VII ]f. x$5. Ambasciatojc de* 
Triv^iani al Caminese. T. VII 
p. 7j« Giudice Trivigtano • T. 
Vili p. i«4. Ambasciatore aVe- 
neaia. T. Vili p. lotf 1x5. Con- 
sole. T. VÌI! p. 147. Sapicnre. 
T. Vili p. xtf2. Giudice consul. 
nto da Samaritana da Camina.. 
T. IX p. al. Giudice dt Trivi- 
gi. Sfrié. T. IX p. 1^3* Giu«^ 
dice anziano. T. X p. isa. 

Braynecha luogo del Vescovo di 
Bressanone. T. XV p. 4^» 

de la Branca Ménn^ Podcs^ <K ^ 
dova . T. V p. 1 14. Da GaHb 
Podestà di Trivigi . T. Tn p* 
10| lof xxe xfi 119 >aO <iS 
«iJ »J* «47 14^ «SO »5» HJ«- 



8ft 

Pì€tr§ éu Gubbio Todestì d! ftU 
vigf. T. VII p. IS< iSP. 

de* Braocasecchi C»rréÌ9 da Lacca 
Canonico di Tiivigi . T. XI p. 
a8. Decano. T. XI ^. iss »5^« 

BrémdélUU Giudice Tnv^iaiio • T. 
Il p. *7. 

di Btandebargo Marchese Signore 
del Tfrolo e Avogato della chie- 
sa di Trento, s'inimica con Ja- 
copo da Carrara . T. XII p. 107 
io8« Manda |>enci in Talsagana 
in livore di Sicco dt Caldonaz* 
zo contro il Carrarese • T* XIII 
p. 5*. 

4e'Bra2£t BM»dl»9 di Angelo de 
Bandfno nota-Jo di Padova • T. 
XV p. 74- io«. Presente in Tori- 
oo alta pace co* Veneziani • T* 
XV p. 111. T. XVI p, 159. T. 
XVII p. 11. 

de Brazzacco Lunsrdueel» • T. Ili 
p. 67. T. IV p. 17. Jrntldé e 
la Udine al parlamento genera- 
le . T. XI p. S4« Eletto ounauo 
del Patriarca per intimar a niz- 
zardo da Camino no termine 
assegnatogli. T. XI p. 57 S^* 

Bregantino Castello doveva essere 
assediato da' Bolognesi , Manto- 
vani , e Veronesi , perchè dete- 
oato dal Marchese d*Este • T. 
IV p. a 07. 

dt Bre^anze X»!»* giudice de Ri- 
va stndico de' vicentini a Vene* 
zia* T. II p. n 34. Mtlsnp Cht" 
lieo della Chiesa di Breganze. 
T. Ili p. 58 40. 

Brenta confina col Feltrino • T. I 
p. 19. Canal di Brenta. T. I p. 
3 3- Piume ; isole di S. Felice . T. 
II p. tif. T. Ili p. a7 *«. T. 
X p. t). Nuovo alveo verso il 
mare che à doveva fate da'Ve- 
dcxìm, e da» Padovani. T.V p. 
16 1. Suo tanale. T. Vili p. 5*. 
Ugolino dt^ Seao Visconte degli 
Scaligeri di qua dalla Breuta. 
T.x p« io8« Legname de^BMSJh 



«esi che ti co&dnceta verso Chivi^ft 
già . T. X p. la 4* Rompe ad O- 
riago. T.Xl p. r75. Il Doge de- 
siderava che 21 tao esercito gè- 
nera le accampasse di ìk della 
Brenta nella guerra col Carrare- 
se • T. XIV p. 8t. Brenta sul Pa- 
dovano. T. XIV p. 91. Fiume. 
T. XV p. 3 8. Che scorre dalle . 
Mira. Ibid. Un ramo del Fiu- 
me scorreva alla Torre delle Beb- 
be. T. XIV p. 91. Brenta vcc* 
chia che scorre verso la Torre * 
delle Bebbe . T. XVI p. 26 18. 
Che discende da Oriago . T. XVI 
p. 18. L'esercito degli Udinesi 
tenta di passarla sul Vicentino, 
T. XVI p, 104. I Visconti pro- 
seguono i lavori sul fiume per 
svolgerne il corso. T. XVIII p. 
47. Argine fatto presso Bassano • 
da dove esce l'acqua Rosata • 
T. ^IX p. aa. 

Brenrasecca che scorevar alia Mira . 
T. XVIII ps a^. 

de Brentella Bitìn» Capitanio della 
Rocchetta di Spippolilo. T.XVX 
p. 115- 

Brentella presso Padova • T* XVI 
p. 1x8. 

Brentelle avevano beni I Castelli . 1^ 
T. lU p. X04* 

de Brentonico Bsrfhmmf • T. II 
p. x7. Uberto ed Azzo assolti 
dalla scomunica dal Vescovo di 
Trento, T. Ili p. 4|. Promette 
pace al Vescovo . T. 1X1 p. 44- 

Brescia Stm9n§ ambtsciatore de" 
Bassanesi a* Padovani. T. Ili p. 
r7. Ambasciatore a Vicenza. T. 
Ili p. 87. 

Brescia . Suoi Rettori della Lega 
Lombarda. T.'I p. 76, Fr.Oaa- 
la suo Vescovo . T. I p. 103. 
S'unisce in lega co* Padovani ed 
altre Città ontrò i Veronesi . T. 
Hi p. 30 31. Pietro Confalonie- 
Xe . r. Ili p. 3*. Stipula lega ed 
alleante con Verona» e Ma«to- 



t^ B R 

Bracciforti nobili aderenti de* Signo- 
ri d'ArcclIi. T. XIX p. 9J. 

d' Braccil«na PUtr§h»n9 • T,lp, 61* 

Bragé de Braga mìiite Trivigìano. 
T.ll p. a7. Arnif milite. Ibid. 

Bragadino J/«rc» Veneziano consi- 
gliere del Doge . T. II p. 5J. 
Eletto Savio ad esaminar i pat- 
ti co* Carraresi . T. XII p. s^* 
p;«fr« Capo diXL. Sfrté. T.XI 
p. IT* Ambasciatore eletto ad 
incontrare 11 Re di, Cipro . T. 
^IV p. le. Frnmctse9 eletto ad 
onorar la veneta del He di Cipro 
a Venezia. T. XIV p. ao Prov- 
veditore a stipolare un alleattza 
co* Vicentini . T. XIV p. 41, 
Mdn§ Savio ^i Terra Ferma me- 
diatore nelle discordie fra la 
Citt^ e il Vescovo di Ccoeda • 
T. XIX p. 141* 

de Bragi JClMndi»» e Ctrsrdi»» 
fyittMì. T. VI p. t8« Gerardino 
tapiente a* bisogni della guerra. 
T. VI p. *•. Giudice . T. VI p. 
3j. Anziano • T. VI p. js }^« 
Jt»lMdin9 sapiente del Consi- 
glio • T. VII p. ;5* Gtrérdiué 
Giudice ambasciatore de* Trivi- 
giani a Guecelto da Camino. T. 
^I.P* 44- Anziano. T.VI p. 54* 
Deputato a trattar nn' accordo 
ce* Padovani . T. VII p. ic6, 
eletto sapiente. T. VII p. ìjó, 
Ciudice • T. Vili p. 15. Con. 
elude pe* Trivigiani nn trattato 
co* Padovani. T. Vili p. 44. T. 
Vili p. 114. Ambasciatore aVe« 
fliezia. T. Vili p. j}€. Eletto a 
trovar danari dal Vescovo di 
Trivi^. T. Vili p. t57. Testi- 
monio In Consiglio . ^ T. Vili 
p* i6T. 6ì«tr4aà( Trivigiano • T. 
Vni p. 190. NUfU T^nsrl giù- 
liaptriro ambasciatore a Venezia 
fCr le dedizione de' Trivigiani. 
T. XII p. Jf. NìttéU Fnst^Xéà Ay^ 
voctto dal Còmuiie di Txivlgt* 
T. XII p. 7# 71 7J 7Sf 



BR 

Braida Castello dal Comune di Tri, 
vigi restituito ad Alberto Vescoj 
vo . T. II p. 95. Rimesso d 
nuovo nelle mani del Comune \ 
Ibid. Dal Capitolo de* Canonie' 
di Trivigi dato in gMardia al Co- 
mune. T. II p. 148. Rocca vien 
data con Asolo a Gerardo de* 
Castelli finché i Trivigiani ^li 
pagano lise trenu mila • T. Ili 
p. letf 
Biaida di Asolo un Capitanio esci 
custodi . T. V p. 154. 1 Trivi- 
giani rinforzano il presidio • T« 
VII p. IS4* Commettono a Me* 
fiore, e Nascimbene Capiuni di 
far la mostra de* soldati della 
Pieve di Asolo . T. VII p. t$4* 
Capiamo Botando da Castello, 
e in i'i lui luo^o Rosso di •••• 
ed Ensedisio dì Giovanni . T. VII 
p. xéo Presidiata da* Trivigiani 
con vigilanza . T. Vili p. af e 
30. Assegnaati alla Podeatario 
di Asolo. T. XI p. f j9* Villa 
del Trivigranoy che debba lavo- 
rare in Piave. T. XIX p. >5* 
de Braida Al • • • • €• milite Tri- 
vigiaoo • T. II p. 27. Mtgtmf$rt9 
ambasciatore de* Trivigiani a Pa- 
dova. T. VI p« tfj. Giudice. T* 
VII ]f. i$5. Ambasciatore de* 
Triv%iani al Caminese . T. VII 
p. 7i« Giudice Trivigìano • T. 
Vili p. t«4* Ambasciatore aVe- 
oesia. T. Vili p. lotf ns. Con- 
sole. T. Vili p. «47. Sapiente. 
T. Vili p. rtfi. Giudice consul- 
nto da Samaritana da Camino.. 
T. IX p. al. Giudice di Trivi- 
gi. SfprU. T. IX p. 1^5* Giufi^ 
dice anziano. T. X p. tsa* 
Braynecha luogo del Vescovo di 

Bressanone . T. XV p. 4^* 
de la Branca Mdnn^ Podestà ^Fa^, 
dova. T. V p. 114. Da Gubbio 
Podestà di Trivigi . T. VH p. 
iO| lof Ite iia 119 KaO laS 
>iJ »J* «47 •4f »5* '5* «5J.W 
Ftm 



8R 

Pi'fffrt dt Gobbio Podestà ài ttU 
vigf. T. VII p. n8 IS9. 

de* Brancasecchi C0rrsd$ da Lacca 
Canonico di Trivigi . T. XI p. 
aS. Decano. T. XI jp. i$s '5^« 

BrMitdéilhU Qiodice Txmgiaiio. T* 
II p. *7. 

dì Brandebargo Marcbese S^ore 
del Titolo e A vogato della chfe« 
aa di Trento, s'inimica con ja« 
copo da Cattata. T. XII p. xd? 
!«<• Manda genti in Talsogana 
in fàvote di Sicco da CaIdonaz« 
zo conno il Cairaxese. T. XIII 
p. 5*. 

4c*Bta2£t Béu^dln0 ài Angelo de 
Bandino notaio di Padova . T. 
XV p. 74 !©«• Ptcsente in Tori- 
oo alla pace co* Veneziani • T« 
XV p. Ila, T. XVI p. 159. T# 
XVII p. ai. 

de Btazzacco L««»i0rd*cr;t • T. UI 
f. 67. T. IV p. X7. Jlr»9ld9 è 

10 Udine al pailamento geneta* 
le . T. XI p. 54. Eletto nunzio 
del Patriarca per intrmaz a Riz- 
satd* da Camino uo termine 
assegnatogli. T. XI p. 57 s9« 

Bregtnrino Castello doveva essere 
a«iediato da' Bolognesi , Manto- 
vani, e Vetonesi, petcliè dete» 
flttto dal Matchete d'Este • T. 
IV p. ao7. 

da Bre^anze Xi;»« giodice de KU 
va stndico de' Vicentini a Vene- 
zia . T. II p. j } 34. Mtlétm» Che* 
lieo della Chiesa di Breganze. 
T. Ili p. j8 40. 

Brenta confina col Felttlno . T. I 
p. 19. Canal dì Brema. T. I p. 
3 3* Piarne ; isole dì S« Felice . T. 

11 p. 119. T. Ili p. 17 *8. T. 
X p. «3. Nuovo alveo verso il 
mare che il doveva ftte da'Ve- 
aeziaoiy e da* Padovani. T. V p. 
t€i. Suo canale. T. Vili p. stf. 
Ugolino da Se«o Visconte degli 
Scaligeri di qaa daDa Brenta* 
T»X p* io8. I*egname de'BMst* 



, 8 II tt 

«est che ti condaeeta verso Chi»?* 
già. T. X p. xa4« Rompe ad 0« 
riago. T.XI p. 175. IlDogedc« 
sidetava che 11 sao esercito ge- 
nerale accampasse di là della 
Brenta nella guerra col Carrare- 
se. T.XIV p. 81. Brenta sul Pa- 
dovano. T. XIV p. 91. Fiume. 
T. XV p. j8. Che scorre dalle 
Mira* Ibid. Un ramo del Fiu- 
me scorreva alla Torre delle Beb- 
be. T. XIV p. 91* Brenta vec^ 
chia che scorre verso la Torre 
delle Bebbe . T. XVI p. atf a8. 
Che discende da Oriago. T. XVI 
p. a8. L* esercito degli Udinesi 
tenta dì passarla sul Vicentino, 
T. XVI p. 104. I Visconti pro- 
seguono i lavori sul fiume per 
svolgerne il corso. T. XVIII p. 
47* Ai^ne fatto presso Bassano • 
da dove esce l'acqua Rosau • 
T. ^IX p. aa. 

Breotasecca che acorevat alla Mira • 
T. XVIII ps i6. 

de Brentella Bitt»0 Capftanio della 
Rocchetta di Spippolilo* T.XVI 
p. US. 

Brentella presso Padova • T* XVt 
p. xr8. 

Brentelle avevano beni I Cutelfi • 
T. 11^ p« xo4« 

de Brentonico Bért$l9mmf9 * T. II 
p. r7. Uberto ed Azzo assolti 
dalla scomunica dal Vescovo di 
Trento. T. Ili p. 41. Promette 
t*c« al Vescovo . T. Ili p. 44- 

Brescia StmèH9 ambasciatote de' 
Bassanesi a* Padovani. T. Ili p. 
17. Ambasciatore a Vicenza* T. 
Ili p. 87. 

Brescia . Suoi Rettoti della Lega 
Lombarda. T* I p. 7tf. Fr.Oaa- 
la suo Vescovo . T. I p. 103* 
S'unisce in lega co' Padovani ed 
altre Città ontrò i Veronesi . T. 
HI p. jo 31. Pietro ConftloBie- 
xe. T. Ili p. 31. Stipula lega ed 
tUcttflM con Verona, e Maato- 
Fa vt« 



$4 B R 

va. T.III P«4S. Alderìgo iiSt» 
n^Zà. Capitano del popolò . T. HI 
p. 49. Srìpula pace con Majpac- 
4o Conte del Tìiolo , ^ còlla 
Città di Jtcnto. T. ni p. ij7. 
Bresciani prendono parte di sti- 
pular Lega ed alleanza co* Co- 
muni di Mantova, e di Verona. 
T. IV p. i3i. .Segue Tistru men- 
to dì quell'alleanza . T, IV p. 
1^4. -ff . . . . Vescovo. T. IV 
p. 182. Marsilio Polafrbana da 
Padova Podestà • T. IV p. 189^ 
Lega con Bologna , Parma , Mo- 
dena , Reggio , Verona , e Man- 
tova di ofirsa e di difesa. T. V 
p. 7. Assediata da Enrico Iinpe^ 
ladore . T. V p. 141 14» i44 
147. Bresciani ipedbcono un'amo 
bascieria a* Tiivigiani . T. VI p, 
90. Pei mouvo di cene rapprc- 
^glie . T. yil p, J. Suo com- 
mercio co' Veneziani proibito da* 
Veronesi . perchè etano in guer^ 
la con e«a ^ StfrU . ^T. VII p. 
49. Moneta che ivi si batte. T, 
Vili p. 7«. Bresciani favoreToli 
a' Padovani portano le arnii sul 
Verpnese contro Cane. T. VIIJ 
p. 89^ I Bolognesi scrivono let- 
tera di congratulazione ^r avere 
acquetato le discordie civili , e 
li esortano alla costanzn . Sf9ri0 , 
T' IX f, x8j. ^ittch jnioaccia- 
ta dagli Scaligeri d'assedio cop 
un esercito generale • T. X p. 1 1 9 
140. Mastjno si prepara per an- 
dar cont<|r Br^cja eoo f^te er 
«erdto • 9t0ri4 * T« ^^ P» >'4» 
ftpf^ da Mastino df I^ $cala a* 
IO 4i Giugno 13 ja. T.Xp.i5« 
itfo i«i i<* i^J. J-ìppo àe^. 
^miptiiatì ifa Pbtoja Capitanio 
^'Visconti. T-XII p.rj4* Bdir^ 
fp 4cl yisponti cbe gessato il 
xnoibo <pideimcp^poi3aQO i Bce^ 
fdani ripigliale il comineicio 
collfi Cittlk della Lombardia. T* 
lavili p* ?^f l Oneìfi ic\h Ciw 



R R 

t\ eleggono per Signore TranceacA 
da Carrara, ma la. Cittadella sì 
mantiene pe' Visconti. T. XVIII 
p. 50. La Cittadella viene soccor- 
sa dalle genti de'Visconti.T.XVIII 
, p. 50 51* Le genti del visconti 
scacciano i Carraresi . T.XVni p. 
5 u Nel palazzo grande nuovo del- 
Cittadélla si conclude la tregua 
fra il Visconti e i Collegati del- 
la Liombardia . T.XIXp.9o 98 99. 

da Brescia D9stdtn9 Giadice. T. I 
p. 27, Og»th0»9 Giudice e asses- 
sore del Podestì^ di Trivigi . T. 
fi p. 6i. Ttb4ld9 Podestà di Tri- 
vigi. T. IV pv u. Maestro Piar 
tro ingegnere a'javoti di Piave 
pe* Trivigiani • T. VI p. 81. p;#- 
irp fra gli stipendiati de- Vene- 
ziani all^ guerra di Chiotta . T. 
XV p. 4^* P«ri's« Cont^tabile io 
Belluno p^l Carrarese . T. XVI 
p. US. 

Bresanone Decano e Capitolo. St$' 
rU. T^ '^l p« 42. Monastero di 
S. ElÌ6ab(Btta . T. VII p. 4J« F§^ 
dirìeo Vescovo prega t Bellune- 
si a levar c^rta gibplU messa dal 
Castellano di Flettore ia pregiudir 
zio de' snoi sudditi • T. X V ^ , 4^. 

Bressello incendfato dall' eserato di 
Lodovico Impeiadore. T* IZ p^ 
9: Occupato e fortificato da 
Mattino. T.p^I p. rp. Ivi si fot.» 
tifica 1* esercito di lui. T. XI p. 
ai. £ si raduna l'esercito • T. 
XI p. 1^7. Lavori che ivi ci fa. 
ce vano . T* XI p. a? 50 31. Des- 
tinato da Mastino pet piazza d^ 
armi io quella guexr|i . T. XI p, 
3« 40 47. 

Breto Gi9Véu^»i qu. i?rancesco Ve- 
neziano testimonio • TJCIX p«r45. 

Briaoa Villa soggetta a Noale. J. 
^ ^. 61 66, 

«ie'Jndi maestro Lttnsrié aopras* 
tante al riafrcoociamcoto del Fon. 
te di Piave. T III ^ ?'• 

9li4o dpi Vescovato di Trpnio , f n 
cui 



iti kvefi gìarisdU^ionc it capì- 
tolo di Vetooft . St^Hd . T. VII 
p. 6. 

if'Brìgafollé Francate giudice la 
essano • T. Ili p. I7« Enrtf 
giudice ais^ssoTe del PotlestlPdt 
YfcefUfia. T. IH p. Sy. 

de* Bcigallì Ei^rUé Padovano • T. 
Ili p. ^4. Frdmeticò dì lui fca« 
tello. Ibid. 

4e* Brini MèreététH<ed Orti$df no*' 
taj Ferraresi. Y.iV p. i*tf 119. 

Bri^ne preteso da' Vicentini • T; 
III f. 6ti 

de* Brissaxii Bén^U'Oénttì nOtajo del« 
la Camera degli Avogadòrt dt 
Connin ih Tenezia^ e Cancel- 
lerò degli ambasciatòrf alla pa- 
co in Torino j T. XV p. 11 1 e 

de* Btisasoli £»riV« ghidìct in Basw* 
uno. T. 11 p. ISO. 

BftcéL di Biasio. Ved. da Castello • 

Brocéfaf Msrlmti Bresciano • T. Vt 
p. t9u 

de* Brodari? Giévdniti da SUiSofer. 
rato Podestà di Bologna . T. VI 
p. »7 

Jroga Stdimtf giadi^e • T. I p. 
4J< GUc»m9 suo fratello . Ibid • 

BrògnoIU) jf/^trté Vicentino. T. V 
p. 97. 

ài itoifo BdrtuUmmf Giudice det 
PodcK^ di Verona. f« I p. 47 
50. Pltfv qu. Ubaldo da Pon- 
te di Pietra Giudice ptesente in' 
Verona . T. XII p. 14J- TthAÌ" 
èff nel Consiglio di Verona . T. 
XVIH p. 8r. Etetfea Sindico' a 
dar Vekonii alia BfepubHca • X; 

xvm p. 82. 

B rondala suo monastero • Paulo A« 
bare . t. I p. 4. Mòna^ero del- 
la SS. Triniti. T.V p. 19. Pre^ 
so da*GeaoYesi , assediato da'Vc- 
tktlÀAnì . T. XV p. 3j. Campa- 
nile à\ Brondolo cade snlla^ tes- 
ta dì Vi€t9^ ì)orìa Genovese . T. 
3KV p. J4. 



de Brosano Btltrsm^ Vescoro di 
Como Presidente del cons%Ii<^ 
eretto dal Visconti' in Verdùa • 
t. XVII p. 70. 
Brozolo Pr9td*tìué9 qu. PietiO ]àa« 
rito di Mar^eriùi figlino^ di 
Cangraode • Stirìa . T.VII p. 74 
de Brugeriis Btr/mrd$ Priore di Pf. 
ifcaoa. 't. IH p;. 176 iSfli*. B^r» 
•é^rdé Monaco Sannodiense. T. 
Ili p. 17<. 
Brugneia $ tutte le barche che vtu 
andavsftfo do^re^ano pagare il 
quarantesimo a' Signori dr Por- 
sia (tome avvocati della Chiesa 
di Ceneda. T. Ili p. is.j. Ter- 
ra dove i Giudici arbitri' tratta- 
rono Iflf pace fra 'la Contessa di 
Gorizia , la Chiesa d'Aquileja , e 
nizzardo da Camino • 1*. XI p* 
8. Dèlti gfurisdidone di Mo- 
rando da Porzia • T. XI p. 14 e 

de Brugnexa jtgnori ^gono oc- 
cupata li Pieve di Pranceniga 
j^retè^ da* Trivigiani • T. XX p* 
x85 1^1. Conci df porzIà . T* 
XIX p. 59* Dléfrìd» procuratóre 
di l^édexico di Pèrtia . T. I p. 
77 78 79. 

de Bruna Httetlìf' VéicoVo . T. Xtl 
p. To7« Cunétte di Boemia gene- 
rale in Feltre ed in Belluno pet 
Carlo Imperadote . T. Xlt p. 
i%9» Chiamavasi anche Consto 
Cc4>lino. "f. Xttl p. 6 rx. Sua 
sentenza contro Guecello e Bioc- 
ea da CastelIo[BéTlunesi . T. XIII 
p. 18. 1 Trivigiani si lamentano 
delle tn»oIenze fat^e daf certi 
Feltrini ài Comune di <^ero • 
T. xm p. 3?. 

dei Brunelescbi Brunétte da Pio- 
renila Podestà di Fadova. T^IV 
p. go 8r pa 9j 95, Fràtncfitè 
detto Bttri FiottfntÌBO ptigiodie- 
io di Castfmccio nella battaglia 
vContco i Potentini. T. IXp*9«- 

de* Brunollr Bértulimu d» Reggio 
I j giù* 



f$ B R 

Ili adice assesfore Vicario del Pa* 
oesU di Tiìvigi. T. Vili p.^S. 
lAx i«j X07 108 1x0 xx^ 120 
»ax x^4* 

$ruìntf Coatestal^e delCacraiese 
spedito a Conegliaoo* TJCVI p.84. 

Bruni 09rétrd9 Anziano di Verona • 
T. in p. sj. 

Brusacoii B$n£itv4t»ni Anuano de* 
Vicentini. T.II p. xoi loj imj, 
q. Martino • T. Il p. io>. 

de Brusadi T$kéld4 Podestà di Tri* 
vigi . T. IV p. 31 5» 69 77 
145. T. VII p. xa7. 

Iixusaporco Castello de* Tempesta, 
e lavori cite si dicevano in es« 
so , T. VI p. Atf . 

de*Brusati B^sùwté notaio dì Ve- 
rona . Stwris . T. VII p» 49« 

de Brusca Io FMei9 Conte in favo- 
re de* Veneziani alla gottra di 
Chi<^ia. T. XV p* 3S 4»- 

de*B[usegadi Jlhtrf giudice an- 
ziano de* Padovani. T. IIp. 117 
xa5« Giudice di Padova. T.II 
p. 88^. PQrfiiUsi9< milite e socio 
del Podestà di Vicenza • T. II 
p. t4i8. / 

Bruto Qd^rtew prete di S. Mos^ di 
Venezia nodaro . T. X^ p. 14^. 

Biuzarolo Villa assegnata a Mes- 
tre. T. XI p. 138. 

Buca oldérif procuratore de^Co- 

neglianesl . T. I p. a8. fi»^W- 

fnd* di Alberto . T. I p. 42. 

Jlcàrit ConegHanesf • T. I p. 59* 

. GrdUtt9 • T. I p. 79. 

de Bucha KUctU Maresciallo in 
Friuli di Giovaaal Patiìaica. T, 
XVII p. II. 

Bueh$lfir0t9 Marchese. T. I^ p. xp* 

Suchigftaoa Villa j^ecta a Noale • 
T. X p. «X » 

Buda Capitale del Regno d'Un- 
gheria. T. XV p. 77. Bxsideaza 
del Ke. T. XV f. 10% 

de Bodrib Ni^tU . T. HI p. 44. 
T. IV p« 5. Giudìct arbitro nel- 
le ccntroYcr&ie fra il Patriarca. 



B R 
RaiAondo, e Gerardo da Ca« 
mino. T. IV p. 5J« NUc9li ed 
E»rU9 fratelli • T. IV p. tao. 
Nlcctli riceve in custodia da Ge« 
lardo da Canuno Sacik. T. Iv 
f, 144. E le chiavi della ter. 
ra . T. IV p, 145. /4c«fs ade- 
rente di Rizzatelo da Camino 
contro Cividal del Friuli . T. V 
p. 1 1 6. Simtnt presente in Oder- 
zo a un atto di Guecello da Ca- 
mino. T. VIII p. X9X. 

de* Buellari Famiglia Veronese fuo- 
ruscita ritirau in Tri vigi . T. 
Vili p. Mtf, 

Bugiano nel territorio di Lucca 
consegnato a* Fiorentini da Mas* 
tino nella pace • T. XI p. xatf, • 

Buggia Castello del Patria ^a as- 
sediato dal Conte di Gorizia • 
T. VI p. Si 52. 

Bugna Villa in Friuli nella dioce- 
si di Concordia dau in feudo da 
Rizzardo da Camino a' Odorici 
da Cuccagna. T. V p. t]8. 

Buìém9ut9 Padovano. T.III ig. 6}^ 

di Buiniva Conte Capitanio di 
Montebelluna . T.> VII p. xtfo. 

dei Buoi BiUoménd» notajo qu, 
Enrighetto Sindico de* Padova- 
ni. T. IV p. IH. 

de Burbante Xub99 Trivigiano* T, 
Il p. 75. 

Burbanto B^^él milite Txivigiano* 
T. II p. a7. 

de Burbanto mtbrs Rettore An- 
ziano de* Txivigiani . T.Vp. 171 
x8]. i?4«ff presente air espulsfo* 
ne de* Castelli. T. VII p. xa5. 

Bnrbuleo del Bado^no. T.Vpwf4. 

Bnresrd9 Vescovo di Munscer. T. 

. 1| p. X2, Caacelliece di Earko 

. Imperadore. Ibid p; 13. 

de*Burfali PUtré da Venezia • T. 
Vili p. 175. Danaro a lui ce- 

. duro da Biodo Toscano. T. IX 
p. 30 li 84. 

Fttfisio £»i-;a* Bdahna «. T. v p. 

»*4. 

B«r. 



B U 

Burnia Villi assegnata ad Oderzo • 
T. XI p. xj9. 

Busato NicetU massaro dei Capi* 
tinio di Caneva. T.XIX. p«4^« 

Buscino castello del Tiensino. T. 
IV p. 150- 

Bosco Hooastero di.S. Andrea i i 
Trivi^aoì orinano che udii m 
aggravato per on lavora che sì 
fiiceva HI Oderzo . T.IV p.i i. Ja* 
^eopo Abate del Monastero. Ibid. 
T. IV p. i+s. Villa assegnata 
9à Oder«». T. XI p. t}9* 

de Basco da Tederoba PSttré dra- 
piere anibasdatote de*Trivigia- 
wà al Duca d'Austria^. T. Xyl 
^ t^. 

de'BoeJ Bmflémm4§ • T; III p. sa. 

de'Bussi Pi9tr^ da Patitta giudioe 
U i ciioi 'e del fodetià. dì tààoi» 
va • T. Ili p. a a* 

4c Bosso Miftm. Vìoaib dM »o^ 
desia di Fadofa • X» ^V p. 47. 

9iiiii cmkt0 Tic^reatt di Ceneda 
f»' Caimesf ,. e ano tasiaflemo « 
7. II p. Iti II' !!$• fu itBi- 
té di Ti^lbaftoi da Canfeid» per 
m atan» e aòori nel CaiceUodi 
1 Manilio ài Ceneda. T. Il f» 
ai| 114* Fa «110 Capiiaaìo m 
Ccoed». T. II p^ tf4« iVtflbBo 
jaa sua fìglktoia meglfa di Non 
digli» Bonapana- fa dodaaorte 
alk Chiesa di S. fiaiàno' dt Ce» 
., neda« T. Il p. it$«^ Eia da^Cò* 
negUaào. T. II p* tjj. 

Batìgario Jsf»f eleo» |toftsstftfe 
in Trivigi non accetti * T. yH 
p. 71. - 

de* Battigli Jik^t* MftMlctatoie 
de* Bote^si a P«dd^ è Fetf«. 
xa . % »x p; 4. 

Butsn'id:o Casrelfo de*^ood di €d«k 
«ìm. t. Xttt p. 4t» 

BuzzacarioQ doaor di le^ fkàó' 
vwfo gmdiet. T.II p. 4> ^^li^ 
r«»# dottor di leg^ Padóv^éno • 
7. Ili p; Ja ir. B^iMff^vift am- 
bascìjrtote de* Sassatten a YTcen. 



C A »7 

za .'^T.III p.gr.Fresente in BasKt* 
no • T. ni p. to8. Notaio offlzia* 
le • T. lU p. tj5. Pdittsl»9n0 
<ja. Folco. T. VII p. $9. Tes- 
timonio in Padova . T. VII p. 
€7, PémtéU§n§ o Ttfmt soepre- 
tese verso i Trivigiani • T. VII 
p. 107 xso. Ottiene le rappresa • 
glie contro i Trivi^ni . T. X 
1^. ao. Vicccapittnio in Pado» 
va , i Trivigiani gli scrivono in« 
tomo alla rappresaglie ottenute • 
T. X p. ao. Gli Eredi ^a. Fol- 
co hanno le rappresaglie • T. 
VIII p. IS7. Ì>ntl0. Podestà di 
Bassano. T. VIII p. z7a. Eletto 
Sindito e Procuratore da' Pado- 
^n* per far la dedizione della 
Città al Conte di Gorizia • T. 
VIII p. tt8. Péumr: Fodestà di 
Bassano. T.XII p. 146. Va con 
àiotte gentt del Carrarese in Val- 
sugana. T. XIH d. 51. l^éhvì» 
€9 Provvediti de^ Veneziani in 
Trivigi . T. XIX p. «7. Dccapf- 
tato a Verità con an sao ^m 
gUn»»lò f€t aver congiatato con 
Bbirtido daCaccafca. Sfrìs^ T. 
X p. r4Ì t47. 
Bttohnd Jéé9f9 ihilke Trivigfano. 

Q 

dfrWato H0ré ^nfye spedii 
im^aJeiaVo^ a Vene)jd d'agli 
Scaligeri. T. X p. tir* 

C4éìi90. Éii*b de' Conag|l!aAéii a 
PidéM. T. rp^. Ì*J3. 

cadete di^endcnMT éSr Camnfe^ 
it. 'tA f^ ao. Fendi di' Gabrio- 
kF dtf Casbino cedati a Kiatfiil- 
nofv Ott^end é TolB^rtfo . T. I 
p. 9^4 farta Adata i Gerardo 
da Camillo da^ Candii • t. Ili 
p. t^ AM& da* Canùriest in 
ftedo. da Behbléor e da Gregoi> 
fio PoftttiatifWd'Aqirileìaf. T.lV 
p. 55. Sur mad^ . T. V p. i4«» 
Cadore di <]tta' e di là della Tis* 
f + ve 



%t e A 

ve ciato in fèvdo «Bizzàrdo da 
Camino dal Patriacca . T. V p« 
.115. a Guccello • "f. V p. 197 
198. AJcani mercanti di Vienna 
audditi dell* Austriaco ivi svali, 
giati . T. VII p. 47< Koa è del 
territorio di Trivigi , n^ pnr 
compreso nella Marca t^rivigia- 
na • T. VII p. 47* Cadorini in» 
grossano 1* esercito dr Gaecello 
da Camino giunto in Serrava!» 
Je • T. Vili p. 27. Di antica 
ginrisdiauonc de* Caminesi . T« 
IX p. 9« £ra di ragione di niz- 
zardo da Camino con. tutti 1 
Castelli'. T. IX. p. 4tf* Feudo 
jdt* Caminesi di sopra. T. XI p. 
5J $4 5 5 5« 57 .58. SÌ di sot- 
to la protezione di Carlo B.e di 
Xocnua • T. XI p* ^a Era sotto 
la giurisdizione di Caterina ^ 
Seatiice , e Nizzarda da Carni, 
aio . T. Xt p. 9)» Acquistato dal 
Patriarca Bertrando co' ano! da* 
«ari, e coda sua pofeniUi • T. 
XII p. 153. Il Patriarcu soleva 
condurre dal Cadorino per la 
Trivigiana in, Friuli H l^ame 
senza pagar dazio • T. XI V p. 
27. Pe* passi di Cadore si por* 
tavano a Belluno dal Friuli biaw 
de e vettovagli^. T. XV p. 1 j 
S4 55. Il suo Vicario di lìcen- 
sa agli ambasciatori del Carra* 
rese, che possano colla loro £tm 
aaigfia passate per Cadore lìba- 
ri e sicuri. T. XVI p. 125. £^ 
•otto il dominio e distretto de' 
Cono di Gorizia • T. XVI p. 147. 
Talle di Cadore . T. XVIU patf . 
da Cadore Gikint, T.vn p.tj5« 
da Cafànzelk) FéHt^lU. Trivigiano 
con tre cavalli va alP esercito 
di Masrino. T. X p.'i7i- 
de'^Ca&rì Cést9Hén9. Rettore della 
Lega Lombarda per Mantova. 
T. li 76 77. OfràfHUiH. T.n fw 
3 6» Ftllffjh procuratore del Con- 
te lodovico Saotbooiftalo • T« 



C A 

II p. »f. 

maestro Caffsrt ingegnere Padovi^ 

fio. T. II f. 155* 
Càgnano fiumicello in Trivigi, T. 

X p. 2r^ 

Caimbasilita FràmciscéU da Milinè^ 
procuratore di Bereabò Visconti 
a formare ana lega col Papa. 
T. XIV p. 35* 

^Cal di Mcok) Villa del Trivigia. 
tu) t e sua tangente di coke ; T. 

XI Pi 74. 

da Calabria Pietre^ Merestalle tès. 
rimonio a un diploma di Fede 
rico Imperadore. T*II p. zi ii. 

Calaone Villa conceduta agli Es- 
tensi . 1*. ti p. 35. Castello del 
Padovano di giurisdizione EsteiM 
se . T. IV p. 41» 

Cft^vino della dioctri di Trento . 
t. XIV p. 13 

Calb Niccoli spedilo dal Duca Lés^ 
poldo a'Trivis^ai. T. XV p.tfi. 

Calbo Zsn^tù eletto ad onorar !•" 
venuta del He- di Cipro a Vsi- 
ne»a • T. XIV p. ao.- 

de Calbulo FulurU da Forlì P«k. 
destll di Milano. T. IV p. sii. 
Fr^c€sfi9 Podestà di Trivigi . fi. 

^i p* 6% 71 16 7« 84 ^. r.. 

VII p. 7 14 v5 T7 rS As 1 3 24 
49. PodcSiÀ di Padovs). T. VU 
p. lotf 108. Hlcfli'ioàtif^ dì 
Padova. T.VI p. >5 43 «•• T^* 
Vllip. 148. 

Calcatctra nfrUat' notaio Padova* 
no. T. Il p. Z24 1^5 1x6 Mmt»^ 
r» qu. ViWano Caocellicre dal 
Comune di Padova . T. Vili p. 
49* Ottiene le rappresaglie con* 
tro i Txiviglani. T. Vili p. 57* 
Sindico de' Padovani presso gli 
Scaligeri. T; X p. i4i« 

de Calcavegla Jlkirf Ttivigiaao* 
T. H p. f43. 

Calceranica del Vescovo di Poltre •. 
T. I p. 33- ... 

della Ca\cina aUvsn%i giarispcn^ 
to Bologocsfi* T.IVpt^taS. X.T 
i* 7* CaU 



n A 

fca1<Ìafiifl Je'DQchi dellt Càrintìa. 
T. IV p. 151. 

de' Caia erari CUrUnt DOta)o Vi- 
cestino . T. II £.14 4o« /^'•f* 
da Veroha . T. vi p. ja. 

Calderaiio D^lJMundè notaio figlio 
di Endrighcfto stndito de*Pado- 
▼anì • T. li p« 117 11* lao- T. 
Ili p. 5tf. 

Ctlderario a;rMUI»« notafo ^Vene* 
siano. T. VII p. S9« 

de Caldogno Cutimmè tanipaiio 
del Còtoabe di Vicenza. T. Il 
p. 99» 101. Anziano . T. II p« 
sej I07* P*X}é . T. II p. loj. 
Angih Arcidiacono di Vfceoza • 
T. XIX p. J7 5«- 

Ih Caldonatto Ste€9 inClnio nella 
pace de* Veneziani e Fiorentini 
cogli Scaligeri • T. XI p. 127* 
Stcco vecchio datore del Mar« 
cheae di Bràodebuxgo . T.XIIp» 
X07* Assistito da Cangtande e 
dal Marchese di Brandebutg^ 
s*oppoi>e alle genti di Frances» 
co di Carrara inValsogana. T* 
XIII p. sz 5^* Ytd,Cmst0lm0v^, 

da Caldonazto tf Castelnuoto S:h 
€éne e Jétéf suo figlinolo ave^ 
vano In fetido dalli Chiesa di 
Feltte ) tre Castelli di Tesobio , 
di S. Fletto, e di Telvlna . T. 
XIX p. 1^. JéU9f9 alleato dc*Ve. 
^leziani compreso sella tregua 
ton Si|ìsfnotide . T. XIX ^.65* 

di Calmo Piètre Vescovo di Mon« 
te AlbMo commissario eprocu» 
latore df Carlo Imperadore in 
Italift. T. XIV p. 35. 

dé*Catiatorì il#nMrd컫 giudice Vi- 
casio del Fodies^ diTriWgi, T. 
VU p. i4. 

Catigi JbM4im§ giudice Padovano, 
T. V a. x«S. 

da Ca%ae PrffdtràiM^ Podestà di 
Conegliano . T. XI p. 4f . 

de Coliiio B\9^mni Bresdano • T. 
IV p. x^t. 

fM^ém^i Imptiatoxf dt* Greci; e 



C A ti 

JnÌr§nUè suo figliò amici ie* 

Genovesi. T. XV p. 8< 87. 
de* Callamatori QgkrUlÈ massaro e 

depositario del Comune di Bo. 

legna. T. Vili p. rj8. 
Callangani &nglUlmtm9 di Ciridal 

del Frinii . T. V p. 76. 
de Callat J$l€f presente in Tori* 

no alla pace fira i Veneziani, t 

i Genovesi. T. XV p. 71. ' 
de'Callegari tUfe^U. T.ÌIÌ p. sa. 

Oitvdnni Cittadin d* Odetto, e! 

BsrfUmmi» sao figlio . T. XIX 

p. Jì6. 

dt*Calliari r«alMM# ilei Còtisiglia 
di Verona . T. XVIII p. 8t. E- 
letto Shidico a dar VerOte alla 
Rcpoblica . T. XVIII p. Si. 

Caltrario Piitr9Ì^n§ Comestabile df 
pedoni in Trivigi • T. XII p. 5. 

de' Calvi z/i;# di Facino ootajo 
di Padova » T. XVII p. 5<a ^4 
7tf. Sra da Montagnana . T. XVlX 

p. 79 ^2 #4 ii«. t. xvm p. 

24 49 77. 

da Calvisaflo È9%li$i9ntr9 «ndtce o 
assessore del Podestà dì viceo« 
za. T. II p. 49. 

Calza o^uil^wé aakbafCMtore de' 
"trlvigiaoi a Fehrt • f. VII p« 
jj. Sapiente del Consiglio . T. 
VII p. ì). T. Vm p. ,102 So- 
pracapitanfo degli sapendiar) . 
T. VI p. 4a« Anziano . T. VI 1 
p. lotf. Podestà di Conegfiaofi^. 
T* VII p. rso. P;«fra dottore « 
T. II p. éo 75 7tf 84 124 «44» 
Eletto ptocarator del Vescova 
di Trivigi. T. li p. 7* 74. Sia» 
dico a Venezia pe' Trivlgiani : 
iffi ff 9rr9r9 di stémjtm /#rrr Cé^ 
l4f9 : T. II p. ijtf 14». Pi9tr% 
Canonico di Trivigi . T. Ili p, 
109. Gindice arbitro nelle con- 
trovessie f^a i Trìv^ian^ , e il 
Vescovo ài Feltre . T. ;ill p. 
»a7 ii4« T9lk9rt9 nipote di Pie- 
no Canoraco. T. Il p. 14$. Fa* 
vorevok a Gerardo da Camino • 
T. XII 



^« e A 

T. Ili p.Tio. T.yil p.ia^. Egli era 
canonico di Tiìvigi . Ibid • To/. • 
*trf • Sapiente • T. VI p, ao. T. 
VI p. 9'* Testimonio in Udine. 
T. V p, 118. Tolbeito e GuaU 
perto s' anirono a scacciare il 
Caminese da Ttivigi * T. V p, 
j85* Tolberto ricecca al Comu« 
ae di Trivigi le rappresaglie con- 
tro Galeazzo Visconti , e \t à^* 
tiene. T. VII p, 49 50 51 55. 
Ambasciatore a Padova . T« VII 
p. i8. Testimonio in Tiivigi • T. 
IX p. 9 18 ^7» Anziano de'Tri* 
▼i^ani . T* IX p. 67* Giudice . 
per le caose tra i Veneti , e i 
Trivigianic. T. IX p. 100. Ban- 
dito perchè nimico del Tempes- 
ta «^ T* IX p. lao. ZMmfsné't*. • 
T. III p» i$a« Zirdldt Sapiente 
del primo grado . T. Vili p. 15* 
Anziano de' Trìvigiani* T.. Vili 
p« xtf8. 

Calzavacca Bé^rfUmmé^ daViceiK 
za. T. II p. IO*. 

de* Calzoni Az^,^ Anziano io Tri- 
vigi . T. XII p. 34- 

da Camajore Ant9»U fra gli sti- 
pendiar! de* Veneziani alkgti«r« 
ra di Chiog^t». T. XV p. 4|«^ 

Camarini famiglia toscani ta Tri- 
visi. T. X p. 40. 

Cambarati Vìvisn» noiajo di Co- 
negliano. T. Vili p. z8o. 

de Camberasio VmssI»* Contestabi- 
le dei Visconti. T. XVII p.4tf. 

Cambi! Giuliéu^é dottor ìit Bolo- 
gna . T. V p.* 8« 

4e* Cambi! Gltvémnì ambasciatore 
de* Fiorentini in Tocino alla pa- 
ce fica i Veneziani, e t Genovc- 
, sì. T. XV p. 7f. 

Cambisti in Trivigi. T. X p. 1^9* 

de Camerino Jn4r4éi eletto profes- 
sore in Trivigi. T. VII p. m6. 

de Camestro Nitc^U notajo di Tri- 
vigi • T. XII p. 3#. Z^tfékld» 
'di Morginaid». T. I p. 43. 

Camino feudo dellf m^osa ves^o- 



C A 

vile di Ceneda dato a^Ctrarne* ' 
sì di sotto . T.I p. 108 Ili. T. 
Il \>, 8. Castello del Trivigiano • 
T. IX p. lao. Spopolato per le 
guerre procura il Podestà di 
Trivigi di ripopolarlo . T. XI p. 
6j. Fortificato da* Trivigiani . 
T. XI p. 66 <S8. Gli Scaligeri 
comandano , che debba coirts-^ 
pondere a Trivigi. T.XI p. 7s. 
Alcuni trattano di torlo agli Sca* 
Itgert , e darlo ai Veneziani . T. 
XI p. 8j. Castello de* Signori da 
Camino. T. XII p. »}. Chiesa 
di S. Bartolonimeo • T. XIX p. 
XJ7 rj8 ii9. 

da Canuno di sopra famiglia nok 
bile Trivigiaoa , che abitava ^o.^ 
ri della Cittì . T.X p. 119. Da 
Camino di sotto famiglia nobile 
Trevigiana » che abisav» fuori 
della Cittì. T. X p. 119. 
CAMINESI^ 

da CAMINO Ad$l9ttéi figliuola di 

. Gabriele III nominata a^l testai 

mento di suo padre . T. I p. « tf. 

97, e io carta, del 1^64» T. II. 

.p. 74- 

-* Aints9 di Guecello V sue dif-' 
fetenze per 1* erediti del qa» 
Gabriele . T. II p. 73 74# 

•-« Aif^u qu. Gerardo III benefit 
caca da Kizzard# suo frateUa 

' nel suo testamento» T..Vp.iS9. 

-^ Alee o Q,^ÌA figlia di GneceUo. 
ni suo tesumeoto • T* IH p^ . 

II 3* Era moglie di Guizzardom* 
, Ibid . Ordina nei s«io icsqiBiento 

di esser seppellita neUa Chiesa 

di S. Antonio nell* are» dove fii 

. aeppellit» $]u madre . T. Ili p. 

113. 

— Aifé^ o gW* ^^^ «ii BìaquèrMr 

III moglie di Gerardo da Moo- 
selici bóoeficata nel testameato» 
di Aica tua zia. T« Ul p. vi 3. 

-** AUa^ # Qéjé^ figlia, di GcMido 
III Sorella di Kiz^acdo e di 
GueceliOy e B^>g)ie di Tolberto 
da 



e A 

^a-CamiNO h il suo testamen» 
co . T. V p. 145 • E* aeppcl- 
Jità in S. Niccolò di Tiifigi in 
arca ouraorea • T. XII p. toz, 
T. XV p. 48 4<^. 

•^ AUs o C7ìì;« di Guccello V sue 
éitSetcnze per 1* erediti di Guc- 
cellooe di Camino, e per quel- 
la di Gabriele. T. n p. Ji 74- 

^^-^ Jicd o Gd/s dì Serravatle , nio« 
glie di Barcolommeo Boarìaoda 
Sangviaetto . T, IX p. i>. 

•^ Jltiew da Vivaro moglie ditSe^ 
laido III eia figliuola di Osber. 
gcrìo> sua procura per una ven- 
dita . T. II p, tfi. Abitava in 
Serra valle nel paiazzo di Bia. 
<|urflo« T. II p. éy, 

"^ Jtliet naturale di Gerardo III 
beneficata da Rizzardo suo fra« 
tcllo nel suo testamento. T. V 
p. 159. Ivi ti nomina diandro 
un bastaidìno di essa Ailice . T. 
V. p. 159. 

— Amdbllis bastarda di Tolbexto 

VI beneficata di sxio padfe nel 
testamento . SnrU . T.VlII p.«6. 

•— ÀmdbUis m<^Iie di Gutcello 

VII presente al testaniento di 
Nizzardo da Camiao. T. XI p. 

IlK. 

-^ At.i^U moglie del «a. Gocce!- 
lo V unita a* suoi figliuoli H 
lift per r eredità di Gueccllooe 
da Camino , e per quella del 
qu. Gabriele. T. U p. 75 74. 

— ir«#f (/V//» qii. Serravalle , e niz- 
zardo fratelli suppliean» i Tri* 
vigiani pe* aver Avvocati e pro- 
curatori in osa lire , che ave- 
vaao contro il Comune di Tri- 
vigt per terre jn Valdidobiade^ 
ne , e case in Trivigi . T. ix p. 
«19. Kominaco nel testamento 
di suo padie. T, IX p. 16 18. 

^- Bemrif figlia di Gerardo HI , 

e moglie di Enrico Conte dt 

GoiìjÀi I suo testamento . T. IX 

,p. 19* Ordiordi esser seprelli* 



C A 9t 

n neiratca di suo padre, e di 
Rizzardo suo fratello. T. IX p. 
So» Ved. r articolo G»rtOd . 

-** Bcéurlee figlia di Tolberto VI 
e di Cai a beneficata da Chiara 
sua sorella nel suo testamento* 
T. XII p. 104. E da suo padre 
, nel suo testamento • St^rU . T, 
Vili p. 80. 

•— BtAtrlet moglie del qu. Gue- 
cellone curatrice di Biaqaino e 
Tolberto suoi figli compera il 
Castellare di Corbaoesio , e la 
Castaldia di Castelnuovo. T.III 
p. ii« 117. 

— B9étric9 qu. Gerardo VI suo 
matrimonio con Ensedisio Con- 
te di Collalto , per cui si ri. 
chiede Breve di dispensa essen- 
do parenti in quarto grado . T. 

XII p. 1S7. 

— . BesiTic9 figlia di Gueeelfo IX 
moglie rèi. dì Jacobuccio Con- 
te di Forzia , sua lite contro 

• Artico , e GueccIIo Conti di 
Porzia . T. XIX p. itf istf. Era 
figlia di una Carrarese , e so- 
relU di Gerardo. T.XlXp. 157. 
e sorella di Nizzarda moglie dì 
Azzo Marchese d' Este e di Car- 
lo da Camino, fìiggica in Ve- 
nezia «"era ridotta in miseria, 
soccorsa dalla ÌJogaressa Corna- 
ro. T. XIX p. 157. 

— BEATRICE, CéheriHét e JTiv 
x^drdd figliuole di Riizatdo VI 
coneedono libertà a^Conegliaàc- 
si di poter artdaré con sicurez- 
za in Serravano , e in tutte le 
altre terre solerte alle giuris- 
diztòni di esse sorelle . T. XI p. 
«4. Si danno sotto la protezio- 
ne di Carlo Re di Boemia , t 
di Giovanm' Duca di Carintia, 
T. XI p. 92. Erana Signore del 
Cadorino. T. XI p. 95. Beatrt. 
-ce e Rizzarda sotto investite dal 
Vescovo -di Cencda di tutti i 
Castelli e giutisdiziooi , che a- 
ve- 



^^ e À\ 

^revano Risurdo e GtectHonc* 
CtRMiicd . T. xn p. Al. Loto 
Isttnxe p««Mmtte ti Podestà di 
Trb^t per k gi«mdìiloQe di 
5ein. T. xn ^ i^$. 
^ s;#fm^ I <(u, Gtbrkl n dà 
Il possesso ti Comone d} Ttivi- 
^ di «tt Itetele della Mot- 
«» plesso k Lhenat • T. ^ p. 
^t. Rii9[aloo e Gveeello fratel-' 
i tesmooQj io Tntl^ • T. I p. 
4<« Ko ml o a ii oel teactmento di 
6tMc)e m loto frttelloV T. I, 
p. r7 Si tc eeo oa oo I ptni, eh* 
t$A tvtvtnb co* PtdoTtm. T. t 

«i^ » É | O k s m. 90« Óae<^o1to Illi 
mi »w> tut t'Con^lìaiicsi le sue 
«^HséwMi , e ti costftttisce 
aiMdmo t Conaorte di Cooc- 
l^fitni. T* I p* So. l^nnsio e 
yioe«tttore de* Cooeclìanesi giu^ 
i« k cittadioanidi di Padova. 
T^ l p.' 9* 8 j. Loda e ratifica 
la donauone di Gaecello e dt 
ttolberto fatta a* Coaeglia|^esi di 
tlcane ville di loro- giUrtsdizio^ 
me. T. t p. ts. San, donazione' 
m* Conegliancsi dr alcade ville 
ehe anticamente etano de* cen- 
tenari di quel Cornane. T. I^ 
p. 87. Si accennano i patti, co*' 
quali i suoi antecessori si era- 
no sottoitiessi «^ Trivigiani. T. 
I p. 8tf 89. Biaqairto e Gaecel- 
Io compromettono ogni loro'con* 
ttoversia. io fr« Giovanni da Vi- 
cenza. T« 1 p. T03. Sut-senteo- 
aa , che ordina , eom*essi deli- 
bano ittornare ali* ubbidienza- 
de*'Pnyigiam. Ton^ I p. tos* 
Appellano da questa sentènza . 
T. r p. fo7. Sono investiti dal 
Vescovo di Ceneda de^loroieu- 
di • T. I p. to8. Fr< Giovanni 
dichiaca regplaodo- la prima sen« 
trnza, che essi tornar debbano 
alla società di Ttìvigi , se * pia- 
cesse al Papa di unite i due 



. C A 

Vescovati di Trivìgi e di Cci'^e^ 
da , ah rimemi fossero liberi . T. 
I p. X08. Biaquinò e Guecellò 
eleogooo Alberto Vescovo di Ce- 
neda in arbitrò nelle contese 
per la divisfobe dt*benl. T< I 
p. Ito. Nelle sue mani rinun* 
«ano tntd due i loro i^éudi. 
i*. I p. xro. XIX. Biaqiiirio dal 
Vescoto è investito del Conta*" 
do supcnote. T. I p. iij. Bia« 
quino e GueceMo ftcevano col 
Comnoe . dì Trivigi secondo i^ 
patti de* .loro antecessori. T. I 
jf. II s. Erano stati ricevati sot- 
to la protezione de* Padovani. 
T. I p. rrtf/ Biaquinò , Gnecel- 
lo , e suo fratello TOlberto ri.^ 
mettono le loro difiRtrenze ne* 
Podcs^ di Padova e di Trivigi 
giudici arbitri . T. Ir p. 118. I 
Giudici lodano la sentenza di 
fr.Glovanqi , ch^ essi ritornar 
debbano alia società^ de* Tdvi.- 
giaid.T. I p; ri 8. Che la Cu*' 
ria della Motta esser debba di 
Guecellone pagando due mila 
lite. T. I p. xi9« Essi lodaflo»^ 
questa sentenza • Tom. Il p. i. 
Biaquioo è- in contesa co*^ Tre- 
vigiani per un certo lavoro stri- 
la Piare. T. I p. ijx. Biaquioo* 
del contado di sopra ,• e Gtie- 
eelto del contado di sotto sona 
dichiarati decaduti dà tutti i 
feudi del Cenedese pec stmcft- 
za de* quattro parf della Curia: 
Generale di Ceoodà. T. H pag. 
7. PerChà^ etano eotrati con' vio- 
lenza in Portobuiioietto , e ue-^ 
d$o Jacopo- Vicarro eCMonico 
di Cenèd^-. T*. Il pt 8. Biaqui- 
nò è investito* dal Patriarca d*' 
Aquileja- loco pignoris d* ogni 
tao gius nel Cadore. Tom; r 
p.idt Esso concede un feudo- 
ad Andrea di Sanfiore • T. XI 
x8o. Ved. GABRIELE III. 
*— Bté^oint IV, qUi Guocello V.. 
deu 



e A 

4etfo Novello } liri inseite fiz 
jDoici C^miocsi dopo la sua moi- 
re pei la s«a exedicjl • T. II p. 
71 74. 

^^ Bté^l»§ V. ou. Tolberto III. 
Come di Ceoeda* Pietio dalla 
Motu suo tutore vende il Cas- 
tello dì Credalo al Conte Ram- 
baldo di Collalto • SttHs • Tom. 
VI p. ios. Ved. QUECELLO. 

<* Bisfui»4 VI. qn^ Gnecelllo VI. 
flominato da Tolkeito suo £ra« 
tello nel suo tesumcnto. Si9ri4, 
T. Vili p. 80. Tolberto e Kia- 
i|9Ìno ficatelli cedono alla Sigao? 
xia di Venezia Ja èiotuk^ ed al? 
tre loro Tene e Castella. T^m. 
JV p. ie« £. tutte le loro giù? 
rìsdtziofli , e sono dichiarati 
Cittadini Veneziani , e presi in 
protezione dalla Republica. T. 
X p. 4^. 1 Veneziani aUeganp 
' i^uest* iscminento in certe con^ 
tese, che avevano co*Trivigia« 
ni per Cessa e Cessalro • T. X p, 
i*S. I due fratelli, ricevono da 
Paodolfo qu.^ Jacopo di Cavali- 
xo la rinunzia d'na ^ezzo dj 

. terreno sei territorio di Morsa- 
je , 6c ilHco essi lo donano a 
nizzardo Priore di S. Martin 
rotto. T. IV pag. i7. Uniti al 
Patriarca Raimcmdo si compro- 

. mettono in arbitri pe* danni , 
che Tolberto aveva arrecati al^ 
Je terre della Chiesa d'Aquile* 
ja • T. IV p.4j. e a Prodolano. 
T* IV f* $4, Sono assolti dalla 
scomunica incorsa per questi 
danni . T. IV p. 44. Tolberto e 
Biaquino fratelli ce»ciii|on) al 
matrimonio di Altenitro Azzo- 
nt« T. V p. iitf. £ di SaraA^ 
toni con Beraldiao di Caserb « 
Té V p. ia8. Presenti al tesu* 
mento di nizzardo da Camino, 
p Conmiitiar) csecotorl della sua 
volontà . T. V p. ijtf i6o. S*u« 
^tscooQ aofh* easi co* malcpov 



C A ^^ 

tenti a scacciar Qaecello da C%^ 
mino dal dominio di Trivi^t • 
T. V p. ]8tf. Biaquino Capita, 
nio de* Trevigiani nel Cenedese 
contro il Conce di Gorizia . T. 
V p. a«tf. provisore sopra le vet- 
tovaglie nel Cenedese . T.^ V p« 
xia. Otdini datigli da*Trivigia* 
ai pei la difésa di Cavolano , 
e di Regenzndo. T^ V p. aij. 
Testimonio in Triv^i . T. VI p. 
t8. I Trivigiani a sua requisi- 
zione mandano genti a CaiÀino • 
T. VI f, 2j. Eletto sopracapi. 
tanio di Conegiiano. T.VI pag. 
28. Tiene occupata la terra di 
S. Paolo del Goriziano . T. VI 
p. 60. Projpoot un suo parare 
nel Consilio de* Trivigiani • T. 
^11 p. 1)7* Era morto nelijis, 
in coi i Triv^tani eccettuano i 
suoi debitori. T. VIII p. 154, 
Era auto benemerito del Comu- 
ne . T. VII p. i4«« Ved. TOL- 
BERTO VI. 
rvr Btsqul»0 vn. qu. Tolberto VI. 
Suo padre nel testamento lo is?. 
titnisce ttede di ' tutte le sue 
facoltà unitamente a Samarita- 
na sua madre. S$9rUé T. Vllt 
p. f z. Era figlinolo di Samari- 
tana. T. IX %, 21 Prometee al 
Patriarca la xestituzione di Me- 
duna , e di S. Steno , e si ren- 
dono mallevadori per Ini Bar- 
nardo di Strasoldo, Odorico da 
Cuccagna, Sorzalia di Porsia , 
ed Ecfore da Savorgnano. T. X 
p. aS» Conservato oe*suoi^ di-^ 
ritti da Cangrande , e suoi di- 
ritti sopra Cessa e Cessalco con. 
tesi da* Trivigiani , e protetti da* 
Veneziani* T. X p. 9« 98 !•<» 
IO e »o5 t«tf iij« Sue vertenze 
col I>ecano della Chiesa d'Aqut- 
leja per le spese Bitte in di&sa 
di Medana. T. XI p. a. Pomi, 
na dalla Torre sua moglie. T. 
;U p» ibj 175 J7tf, V«d. l'arti- 
cc 



^s e A '. . 

' tevano Rtisardò e Gbecellone 
Caminesi . T. XII p. a8. Loro 
istanze presentate al fodesà di 
Trivigf per la gintisdiuone dì 
Selva. T. XII p. z45* 

<* 5<#f •<*»• I qa. Gabriel II d^ 
il pc^etto al Comune di Trivi- 
,gi di un Dc«lione della Mot- 
u presso la Livenza . T. I p. 
41. Bia<ioiAo e Guecello fratel-' 
li tésnmonj in Trivigi • T. I p« 
4^. Komioati nel testaménto di 
Gabriele IH loro fratello'^ T. i 
p. 57 Si aceenaatio i patti , eh* 
essi avevano to' f adovam , T. t 
p. 9U 

-•-* Bts^uVnr nt. qn. Gaeéello III* 
sottomette a* Coneglianesi le sae 
. giorisdaioni ,. e ^ costituisce 
Cittadino e Consorte di Cone- 
gliano. 1*. I p. 80. ^nnzto e 
procuratore dte' CdoegKanesi giu-^ 
^ra la cittadinaaidi di Padova • 
T. I p.- 9* 8j« Loda e ratifica 
la donazione di Guecello e dt 
"^olberto fatta a* Coaegli*|{iesi di 
tkune ville di loro- giUfisdizio^ 
De. T. T p. ts. Sua donazione' 
a* Coneglianesi dr alcude ville 
che anticamente erano de* cen- 
tenari di quel Comune* T. I^ 
p. 87. Si accennano i patti , co*' 
quali i suoi antecessori si era- 
no 'sottomessi a* Triv^iani. T« 
I p. 8tf 89. Biaquirto e Guecel- 
lo compromettono ogni loro'/con- 
troversla. in £r« Giovanni da Vi- 
cenza ^ T« I p. Toj. Sua-senten-- 
aa , che ordina , eom*essi deb-^ 
bano ritornare ali* ubbidienza- 
de'Ydyigiani • Tòn^ I p. tos' 
Appellano da questa sentenza • 
T. I p« I07* Sono investiti dal 
Vescovo di Ceoeda de'loraieu- 
di. T. I p. 108. Fh Giovanni 
dichiara regplaodo- la prima seo* 
tenza, che essi tornar debbano 
alla società di Tdvigi , se - pia- 
al Tapa di unire i due 



C À 

Vescovati dì Trivigi e di Cei^^J^ 
da , altrimenti fossero liberi . ri 
I p. xo8. Biaquino e Guecello 
«leggono Alberto Vescovo di Ce- 
oeda in arbitro nelle contese 
per la divisione de* beni. T< t 
p. -Ito. Nelle sue inani rinun* 
ziano tutti due i loro ^di. 
T. I p. irò. Iti. Biaquifio dal 
Tescoto è investito del Conta**' 
do supcriore. T. I p. iij. Bia« 
quino e GueceMo ftcevano col 
Comune, di Trivigi secondo k 
patti de* loro antecessori. T. I 
jf. 11$. Erano stati ricevuti sot- 
to la protezione de* Padovani. 
T. I p. Tt6, Biaqjuino , Guecel- 
lo , e suo fratello TOdberto ri.^ 
mettono le loro- difiR^renze ne* 
Podestà di Padova e di Trivigi 
giudici arbitri . T. Ir p. tx8. I 
Giudi^ri lodano la sentenza di 
fr.Giovanqi » che essi ritornar 
debbano alta società de* Trivi.- 
giain.T. I p; ri 8. Che la Cu-» 
ria della Motta- esser debba di 
Guecellone pagando due mila 
lire. T. I p. 119. Essi Yedaa»' 
questa sentenza • Tom. Il p. 2« 
Biaquino è- in contesa co* Tri- 
vigi ani per un certo lavoro stri- 
la Piavìe. T. I p. ijx. Biaquino* 
del contado di sopra,- e Gue- 
cello dici contado di sotto sona 
dichiarati decaduti dà tutti i 
feudi del Cenedese pec sìmrcft- 
za de* quattro parr deila Curia- 
Generale di Cenodà. T. H pag. 
7. Per<Jhi^ etano «otrati con* vio- 
lenza in Portobufioletto' , e uè» 
dso Jacopo- Vicarfo e' Canon ico 
di Cened^-. T*. Il pt 8. Biaqui- 
no è investito* dal Patriarca d* 
Aquileia- loco- pigooris d* ogni 
suo gius ntel Cadore. Tom; r 
p.->d» Esso concede un fcudo- 
ad Andrea di Sanftore • T. XI 
x8o. Ved. GABRIELE III. 
*— BJa^n:»» IV, qui Guecello v* 
det» 



e A 

4eno Ifoveilo } liri iiieoxte ^a 
jDoJti C^mìoc^ dopo la sua moi- 
re pei la s«a eredita • T. II p. 

73 74. 

•-- Bisptlmé V. qu. Tolbctto III. 
Conce di Ceoeaa • Piecio dalla 
Mona suo tutore vefide il Cas- 
tello di Credalo al Conte Kam- 
baldo di Collalto . SttHs • Tom. 
VI p. 105. Vcd. quECELLO. 

«* BiaQUi»9 VI. qui, GuccelIloVI. 
nominato da Tolkexco suo £ra« 
te Ilo nel suo tesumcnto. Si9rt4, 
T. VII! p. 80. Tolbcno e Kia- 
i|^zno fratelli cedono alla Sigao- 
xia di Venezia ia Motta , ed al,. 
ere loto Tene e Castella. T^m. 
rv p. ze« £. tutte le Joto giur 
xisdtzioai , e sono dichiarati 
Cittadiot yeneuani , e presi ia 
pioteuone dalla Kepnblica. T^ 
X p. 4^* 1 Veneziani alleganp 
' (^uest* isciuinento in certe con^ 
tese, che avevano co'Trivigiar 
ni per Cessa e Cessalto • T. X p. 
i*S* I due £rateJli, ricevono da 
Pandolfb qu. Jacopo di Cavali- 
xo la rinunzia d'uà ^zzo dj 

. terreno nel territorio di Mursut 
re , àc ilHco essi lo donano a 
Ritzjodo Priore di S. Martin 
rotto. T. IV pag. j7« Uniti al 
patriarca Raimondo si compro- 

. mettono in arbitri pe* danni , 
che Tolbetto aveva arrecari alt 
le terre della Chiesa d^Aqnile- 
ja . T. IV p«^j. e a Prodolano. 
T* IV f0. $4é Sono assold dalla 
scomunica incorsa per quesri 
danni . T. IV p. 44. Tolberto e 
Biaquino fratelli te»aiiionj al 
matrimonio di Altenìtro Azzo- 
ni. T. y p. iitf. £ di SaraA^ 
zoni con Beraldiao di Caserio « 
T. V p. ia8. Presenti al tesu* 
mento di nizzardo da Camino, 
fi Cfnunàmàx] esecutori della sua 
volontà. T. V p. ijtf 160. S*u- 
^ifscooQ ^ofh* cfsi CQ* malcpnv 



C A 91, 

tenti a scacciar Qaecello da C^ 
mino dal dominio di Trivi^t • 
T. y p. 18 tf. Biaquino Capita. 
nio de' Trivigiani nel Cenedese 
contro il Conte di Gorizia . T. 
V p. 2«tf. provisore sopra le vet- 
tovaglie nel Cenedese. T.^ V p« 
xia. Ordini darigH da*Trivigia« 
a! per la difésa di Cavelano , 
e di Regenzttdo. T^ V p. aij. 
Testimonio in Triv^i . T. VI p. 
t8. I Trivigiani a sua requisì, 
aione mandano genti a CaiÀino. 
T. VI p. aj. Eletto sopracapi, 
tanio di Conegliano. T.VI pag. 
28. Tiene occupata la terra di 
S. Paolo del Goriziano . T. VI 
p. 60. Prtjponc un suo parare 
nel Consiglio de* Trivigiani . T. 
^11 p.ij7* Bra morto neliji8, 
in cui i Triv^ni eccettuano i 
suoi debitori. T. VIII p. 154, 
Era stato benemerito delComu* 
ne . T. VII p. i4tf« Ved. TOL- 
BERTO VI. 
•»r Bié$qnlm9 Vii. qu. Tolberto VI. 
Suo padre nel testamento lo is^ 
ticuisce erede di - tutte le sue 
facoltà unitamente a Samarita- 
na sua nudre. SttrU. T. Vllt 
p. 8r. Era figliuolo di Samari- 
tana . T. IX %f ai Promette al 
Patriarca la xestituzione di Me« 
duna , e di S. Steno , e si ren« 
dono mallevadori per lui Ber- 
nardo di Strasoldo, Odorico da 
Cuccagna , Sorzalia di Porzia , 
ed Ettore da Savorgnano. T. X 
p. 18» Conservato ne* suoi di- ^ 
ritn da Cangrande , e suoi di- 
ritti sopra Cessa e Cessalto con- 
tesi da* Ttivigiani , e protetti da* 
Veneziani • T. X p. 9^ 98 i*o 
101 »o$ latf tij. SvLC vertenze 
col Decano della Chiesa d*A<iuf- 
leja per le spese Bitte in difesa 
di Meduna. T. XI p. tf. Pomi- 
na dalla Torre sua moglie. T. 
^J P» loj 17$ »7tf. V«d. l'arti- 
cc 



94 e A 

colo FOMINA; 

i-» BUqtUno fucuiale di Camioo 
rcsdmocb tà u§ prìrilegio di 
Ouecellone qu. Geraldo togato 
nel monastero di S. Maria del- 
la 7olìna. T. IX p. a|,^ 

•mm C4rh Canonico* d* Aquileia qu. 
Gueccllo IX • Bonifano IX. Papa 
gli conferisce dae Canonicati , 
ano nella Chiesa d* Aquileia , e 
r altro nella Cattedrale di Tri. 
vigi . T. XVII p. 66. Bra nipo- 
te di Pileo Cardinale. T. XVII 

p. 66. 

— Csttrlud qu, Rtszardo VI. Ved. 
BEATRICE q. nizzardo VI. 

•«» Csttrins moglie di Serta valle 
beneficata da suo marito nel suo 
testamento. T. IX p. i8. 

— ChlMrm figlia di Toibcrto VI. e 
di Gaja moglie del Conte Kam. 
baldo di Collalto. St^U. T.VI 
p. aos. T. Vili p. 79. Benefi- 
cata nel testamento di sua ma- 
dre. T. V p, i4tf. Beneficata 
da nizzardo suo zìa nel suo te^ 
ttamento. T. V p. 159. Presen- 
te al testamento di nizzardo d* 
Camino» suo esame e sue de- 
posizioni. T. XI pag. II 8. Suo 
testamento. T. XII p. ler. Suoi 
^ti Tdberto ^^chenella » ed 
Ailice moglie di Ziliolo Tempe- 
sta. T. II p. roj 104 10$. Or- 
na di esser seppellita in S. Nic- 
colò di Trivigi nell'atea mar- 
morea di Gaja sua madre • T* 
XII p. 102. T. XV pag. 48 49* 
5uo palagio in Trivigi nella con- « 
trada di S. Bartolommeo. Tom. "" 
XII p. Ttf7. Nominata sei tes- 
tamenro di Ailice sua figltucfa • 
T. XV p. 48 49 5«. 

•— lìntdé Vescovo di Fellre e di ■ 
Belluno. T. I p. 25 *^ 3ì j9. 

— » E»g9ÌenJs mogHe di Gabriele II 
nominata nel testaoMnto di Ga- 
briele suo figlinolo • T. X p. «7. 

^^ £mg§Uì^iU figlia di Gabrìe» * 



C A 

/e ni. nominam nel ìeitam^mtf 
di suo padre. T. I p. 66 67. 

— Ert§it figlinolo di Gerardo VH. 
fatto prigioniero da* Conti di 
Collalto rrella guerra degli Uf- 
ghcri , e spedito a Venezia . T. 
XV p, ij 14. Prevosto di $. Ste- 
fano . T. XIX p. 6m. Conte di 
Ceneda • I Bello ncsi lo pregano 
di mandargli de' soldati per re-' 
sistere al Cucmaesuo mandato 
dal Conte di Gorizia a prende- 
re il possesso df Belluno . Tom. 
XIX p. 77, Si unisce a' Vene- 
ziani, e si prepara di resistere 
agli Ungheri. T. XIX pag. ii^. 
Scrite lettera afiettnosa a' Bel- 
knest, esortatidolt a ritornare 
sotto H domini» Venet» otferen- 
dosi per mediatore . T. XIX p. 
tip. Bellunesi scrivono a Si- 
gismondo Imperatore contro di 
Itti come r&elle , benché gir 
avesse donato ri Castello di Co- 
sta. T. XIX p. lao. Storie^, T. 
XIX p. 164. I Veneziani pren- 
dono parte io Pregadi di ven- 
dere i beni, che furono di Er- 
cole » e di Gerardo da Camino . 
T. XIX p.. ijr. Signore di VaU 
dimareno, la quale dopo la su« 
mone va sotto il dominio de' 
Veneziani. T. XIX pag. ijj. I 
Veneziani vendono alcune pos- 
Kssiont nel distretto della Mot- 
ta , « di Portobufbletto , che già 
^roAo di Gerardo , e di Ercole 
da Camino. T. XIX p. ij6, 

— • Ferrsntt figlinolo naturale di 
Rizzardo qu.. Scriavalle fii il mm 
testamento , e lascia erede Ser- 
ravalle suo figlhiolo . Tom» IX 
p. 61. 

-* OsArliU I. figliuolo di Guecel- 
io da Montanara con altri suoi 
consorti fk donazione alla Chie^ 
sa di S. Maria ^ Piave. T. f 
p. r4. 

- GthrUU n* ^liuOlo diGoeecU 

la 



DA 
lo n. nominato nel testamento 
di Gabriele III. suo figliuolo . 
T. I p. tfs. Breseote con suo 
padre Guecello al gtortmenro 
de* Coneglianesi di afaur quelli 
di Oderzo . T. I p. a8. Concede 
un £eudo ad Eoiighetto di Ko- 
vexo suo nipote . T. I p. 40. 

•^ GékrUle III. qu. Gabriele II. 
Testimonb in Trivigì in com* 
pagaia di Guècellone tuo fra- 
tello. T. I p. 4U Biaquino qu. 
Guecello , e Guecello e Toibcr- 
to qu. Biaquioo accomodano le 
loro diftcrenze pec divisione di 
beni e fèudi. T. I p. ^j e seg. 
G^title promette, che moren- 
do senxa discendenza mascolina 
i suoi beni saranno met^ diBia« 
quino , e met^ di Guecello e 
Tolbetto . T. I p. 99* Fa il suo 
testamento. T. I p. 6$. Lascia 
un legato a Maria sua moglie, 
T. I p* 66 #7. Nonùna Gucccl- 
Jone e Biaquino suoi fMtelli • 
T. I p..57. Vende nn lirello ad 
Aimo di Tovena . T. I p. «7. 
£' testimonio quando l' Abate 
della Tollina cede h Chiesa di 
S. Giustina di Serravalle al Ve- 
scovo di Ceneda. T. I pag. 7Y. 
A s^ istanza il Vescovo la con- 
cede a Giordano Priore di San 
Benedetto di Padova . T. I pag. 
71 7^« Assegna in donazione aU 
la Chiesa suddetta molti beni • 
T» I p* 73* Bra ancor vivo nel 
iaj8. T* I p* «7* Unito a suo 
fiate Ilo Guecellone vende al Co- 
mune di Trivigi il Castello di 
ZumaUe. T. XV pag. 47. Lite 
£ta diversi della casa da Cami- 
ta pet r «tediti del qo. Gabrie- 
le • T. Il p. 73 74. 

«-- GékrUU qu. Gerardo HI. Trio- 
xe di S. Miccolò di Trivigi . T« 
IX p. al. Commissario di Ser- 
ia va Ile. T. IX p. 18. Benefica- 
lo 4; Iea(cic« m» toi^Ji^i • T| 



C A 95 

IX p. lo. 

— G»;* Ved. AICA • 

— G(r«rdt I. qu. Gueccllo HI. 
deve lodare la vendita di Bia- 
quino suo fratello del Castello 
di Cavolano fatta a Jacopo di 
Cavaliro , e di altre giniisdiuo- 
ni . T. II p. 64. 

«-« Gtrétrd» III. figliuolo di Biaqui- 
no III. Sue liti per l'eredità di 
Guecellone da Camino , e per 
quella dot qa. Gabriele • T. II 
p- 73 74. Viene eletto per tet- 
zo arbitro nelle differenze fita il 
Patriarca d*Aqnileja, e Alberto 
Conte di Gorizia . T. Ili p. 3. 
S' unisce in lega co' Padovani » 
ed altre Città contro i Veronesi • 
T. III. p. 3« 3t. Egli è neir 
esercirò de* Padovani, e de'CoI- 
icgati sotto Cotogna. T. Ili p. 
3 a. A sua istanza il Patriarca 
Kaimondo concede 1* investitu- 
ra di certi feudi ad Artico da 
Castello . T. Ili p. 67 Sue guer- 
re civili co' Castelli . Era della 
parte Bianca , cioè Guelfa « Vie- 
ne eletto Capitan generale della 
Città d: Trivigi , e scaccia t Ca« 
stelli. T. Ili p. loi. T. X pag. 
8tf 87. Era il mese di Decem- 
bre , quando ci^ avvenne • T« 
VII p. 1x6, Novembre a* 15. 
T. VII p. 118. Del 1283. T. VII 
p. T44* Fa eleggere un nuovo 
Podestà . Pefìbera di atterrare i 
Castelli de* nimici, e forma un 
esercito di Padovani , Friulani, 
Vicentini , Ferraresi , ed altri . 
Va all'assedio prima di Asolo . 
e di Mnliparte , dove si erano 
ritirati i Castelli. Attacca bat- 
taglia appresso Fonte ed Asolo, 
e disperde i nemici. Acquista 
Mttlipaite per danaro. Tom. III 
p. T03. Si fii mediatore pec la 
pace Adelgeiio Vescovo di FcU 
tre $ si fa compromesso in esso , 
che pxootmzia k tHZ sentenza, 
T.IIl. 



^ e A 

T. IH pag* ie$* Beneficito dt 
Alca sua uà nel testamento • 
T. Ili P« iij* Capitan generale 
di Trìvigf giudice atbitco nelle 
contioversie tra i Txivigiani e 
il Vescovo di Teltre pexMusso- 
leotc e Oderzo. T. ìli p. iitf. 
Prima lo era stato un*'akra vol- 
ta pet le medesime controver- 
sie. T. Ili p. 133. 13^- U auo 
palava era nella contrada dls. 
Agostino dì Trivigi. T. Ili p 
ij6. I Padovani gli ^nno istan- 
za per 1* eredità Guidoeù cadu- 
ta io Cannerò. T. Ili p. i43« 
Come^ Iq^ttimo amminiitratotcf 
de* suoi alinoli nizzardo e Gtf e? 
celione costituisce procuratoti a 
conaprometterst sopra 1* eredita 
Guidoui. pretesa da Tommaso 
Caponero. T. Ili p. i43« Sen, 
tenza dt* giudici compromissari 
sa queste controversie* T\ ìli* 
p. i\7. T. X\ p. r*o. Compera 
a Castello di C%volaoo , C n'c 
investito dal Tattiv^a BLaimon^ 
do. T. Ili p. 171. Confessa di 
aver ricevuto in ftudo dal Pa^ 
trtarca i Castelli di Misco, S. 
Castano, Crudignano, SerravaU 
le , Kegenzuto , Cavolano colk 
ville annesse . T.III p, 171. Con- 
cede un feudo^ ad Andrea dt 
Saofiore. X* ^^ p. xSou Giudi- 
ce compromiaaario cleno da al- 
cuni Castellani del Friuli per 
istabilir la pace, e la tranquil- 
lità in quella provincia.. T. IV 
p. «• Capitanio di Belluno p(es- 
u il tuo assenso ad ^n regajo , 
che far voleva la Cictl^ al Ve- 
scovo Casalio. T.IV p. u. Sue 
controversie colPauiarca rimes- 
te in Giudici arbitri, e pret/ese 
del Patriarca. T. IV p. S3- Di- 
manda il Pauiarca , che sia di- 
■ttotto il ponte fiitto da Gerar- 
do in Cavolaoo sulla Livenaa , 
p k torri ^ le $>ttezze nel F^ia- 



C A 

K di là della liveoia appretta 
Cavolano, e che restituisca Ca-. 
nipa , e risarcimento, di spese- 
per i soldati mantenuti alla cu- 
stodia di Sacile , e risarcimenta 
di danni per assedio fatto da 
Gerardo al Castello di S. Stefa- 
no , mentre il Patriarca era in- 
fermo , e pet danni quando i 
suoi Autori , abbruciarono la 
villa di |l»overeto, e per rube- 
rie fatte nella villa di Fez , « 
per danai fatti dalle sue genti 
a ?rodolaoa,'i quali danni tutti 
ascendevano alla somma di due 
mila marche di danari Aquile- 
{esi. T* IV pk 54 55 5tf* Occu- 
pa il Castello di Canipa , e il 
Patriarca dimanda soccorso a* 
Padovani contro di lui . T. IV 
p. S7« Ai^qi^ista da Garsendolo 
da Frata , ^ da Vam/erio da &a-. 
gogna gsostissime« troutc nella, 
villa de*Gaiarint« T« IV p. ep. 
Riconosce i feudi avuti, dal Pa- 
triarca Raimondo. T.IV p. 7^, 
Propone i ^uoi. capitoli per la. 
causa .col Patriarca davanti- a* 
Giudici compromissari^ T. IV 
p. 9a 3j S4> <$• Viene rimp^o» 
verato dal Patriarca d*aver of-^ 
feso la Chiesa d* Aquileia » e 
perciò decaduto da* feudi $ Ge- 
rardo coofètsa il tutto , chiede, 
misericordijk. , e il Patriarca gli 
perdona, e lo reimreste de* tuoi 
feudi. T. IV p« lao. Avea de- 
vastato i contorni d^l Castello di. 
Variano con molte genti Trivi- 
giane, eav^a febbricato una ^« 
tczza di ^ «iella Liveoza dirim-, 
petto a Cavolano in pregiudizio, 
del Fatriarca. T« IV pag. no^ 
E un pòn^ su quel fiume • T» 
XV p* lij. Va io Udine , e tcm 
gali fetdgli da quella Comuni- 
tà. T. IV p« ijo. Sue oa^TO 
controversie col Patriarca* AU 
benp Cont« 41 GoiizU ti otibi- 
tee 



e A 

«ce mcdiarore. T. IV pag. 14?. 
Ar^oienti di quelle earte, che 
furono stipo late per occasione 
deli* age^iustamento suddetto . 
Gerardo e il Pactiarca ti coni, 
promettono in Giudici arbitri per 
la Tetra di Sacile . T. IV p. 144. 
Si sottopone a'comandamenti del 
Patriarca, e ricevè T assoluzione 
della scomunica. T. IV p. 145. 
Consegna le chiavi di Sacile a 
Federico di Varmo , e a Nicco- 
lò di Budrio. T. IV p. 14414^* 
Federico, Giovanni , e Mainar- 
do di Vilìalta, Varnero , Adal- 
preio, e Tommaso da Cuccagna 
si costituiscono mallevadori per 
lui . T. IV p. 144 i4tf. r^ >1 swo 
testamento , e lascia credi ^ Rir- 

• zardo e Guecello suoi figliuoli* 
T. IV p. i«i. 1* seppellito nel- 
la CMesa di S. Francesco in Tri- 
vtgi . T.IX p. ao 5«. Avea pri- 
vato i Coneglianes» delle loro 
giurisdiziooi . T. V p. 172. I 
Trivfgiaoi annullano le condan- 
ne , e le grazie fatte sotto il do- 
minio di lui, e'de*6uoi figliuo- 
li , e detestano la loro tirannia • 
T. V p. 174 175. l Trivigiani 
eccettuano ì suoi debitori . T. 
Vili p. IS4. 

•^ Gtrétrd» V figliuolo df nizzar- 
do V qu. Serravallc instituito 
erede de* suoi beni da Maria- 
bella de' Ricchi sua mad^e. T. 
IX p* ji. Loda e ratifica un 
istrumento di vendita fatta da 

- sua madre. T. XI p. i9r. 

•»- Gerard» VI qu. Guecello Vili 
» chiede a'Tiivigiani, che gU sia- 

• no restituite le sue rendite , e 

• tisacciti ì danni fattig,li dalla sol- 
datesca . T. VI p. 66, Tiene un 
collotjuio col Vescovo di Fel- 

' tre , che mette in sospetto ì 
Trivigiani . T. VII p. 141. 1^-»*- 
zardo e Gerardo ftatelli perse. 

: guitatì dagli Azsonl , come se* 
Tomo XX. 



A 97 

^uaci del Tempesta , s! ritirano 
m Camino. T. IX p« lao. Il Pa- 
triarca dimanda ad essi la resti- 
tuzione di Meduna , ed essi ricer- 
cano i Trivigiani, come avesse- 
ro a contenersi . T. IX p. ia4« 
Occupano a* Trivigiani Musm, 
Mnssetta ,- e S. Amelio sotto pre- 
testo d*aver ottenuto ddg!i Sca- 
ligeri r investitura delle loro giu- 
risdizioni. StorU. T. IX p. I6J. 
Kknessi dagli Scaligeri in tutti 
I lora beni'. Storia, T. X p.^io* 
Restituiscono a certi uomini il* 
Oderzo que*beni , che avevano 
occupato. Sfrts . T. X p, 11. 
Dimandano a' Trivigiani milizie 
per presidiar la Motta e Porto- 
butfoletto temendo la venuta di 
Ugone da Duino. T.X p.jo.'.Ot- 
tengono una compagnia di as 
soldati a questo oggetto. T.Xp. 
52. I Trivigiani richiedono ad 
essi la nota della colletta impos- 
ta per pagar r sopraddetti 25 
soldati , ónde farne il comparto, 
e la esazióne. T. X p. }7.RÌ3^* 
zardo mandato ambasciatore a 
Venezia da' Trivigiani . Ti X p. 
5S I Trivigiani a richiesta de* 
Veneziani scrivono ad essi di 
far catturare Marino di Zensono 
bandito , perchè avea rubato ao 
bovi di un macellajo Venezfa- 
no . T. X p. 5 9. Conservati ne* 
loro dititri da* Trivigfani , quan- 
do diedero la Città a Cane. T. 
X p. 6ì 6%, Sigtiori dt Zenso-, 
ne, Fossaka, S* Donato di Pia- 
ve , Croce, e S. Amelio. T. X 
p. 78. I Trivigiani scrivono a 
Rizzardo, perche lasciasse des- 
crivere le biade nelle sue ville • 
T. X p. 79. Erano Cittadini Ve- 
neziani, cà avevano sottoposto 
sestessi , e te k>xo giurisdiuoni 
ad cui • T. X p. 96 98. Loro 
diritti sopra Cessa e Cessa Ito 
contesi d«* Trivigiani , e protet. 
G ti 



oa e A 

M«it!fio dichìtrt, che ooa è a 
uà cofoixioflc 9 cb« i Camiac* 
si di sotto siansi mai sottoposti 
«1 IX^e • T. X p. lao lor. I 
YencKÌani allegano un Istramen- 
to dt* patti fra essi , ci Carni. 
Itesi • T. X p. los io^.GH Sca- 
ligeri ordinano a' Trivigiani di 
spedire a Veneala uno bene in- 
formato de*diritu Camincsi so- 
pra Cessa e Cessalto • T. X p.' 
lì) Danno sicurtà per la resti- 
tuzione di Meduna al Patriarca 
secondo i patti fra loro subili- 
ti . T. X p. ia7. Negano di 
soggiacere a Trivigi » e a* pesi 
de* Trif^iani , e i Trivigiani de- 
putano persone per obbligarli . 
T. Xp.f|4« I Trivigiani coman- 
dano ad essi di dove^ rimettere 
una pupilla della famiglia di 
Ka}6 nei possesso del Castello 
di Raio da essi occupato • T. 
X p* i|5« Gerardo risponde, 
che per la lontananza di suo 
Catello da Camino » e dalla Mot- 
ta non può risolver niente. T» 
X p» ijtf. Si accennano i patti 
fatti fra t due fratelli , e gli 
Scaligeri » TJC p*i 3 $• Sono inves- 
titi dal Patriarca dc*ftudi,che i lo» 
IO maggiori avevano avu^ dalla 
Chiesa Aquilejese • T. XIp«i32', 
Investiiscono di var j beni i Signori 
di Spilimbergo* T. XI p. ija. U 
Podestà di Tftvigi sequestra pres» 
so i merighi di Zensone , ed Iso- 
Jft dì Piave i frutti de*^ beni di 
Kiccardo per uo debito , che es- 
so aveva verso Barbosia nipote 
di maestro Niccolò da Udme • 
T» XI. p. 140. Danno a livello 
vo manso di terra a Beruldina 
qn. Gabriele di Moreno. T. XI. 
!>• itfj. Tentano di avere per 
tradimento il Castdio di Ceoe* 
da • T. XI. p. itff. T70. i7a* 
17 j. Avevano giorisdinooe in 



C A 

Camino , nella Motta , in Por« 
tobufibletto , e nelle ville cir^ 
costanti. T. XII p. ij Ducale 
al Podestà di Trivigi , che gli 
d^ facoltà di procedere contro 
i due fratelli , che avevano pos- 
sessioni in Trivigìana . T. XII 
p. x6» Ottengono dal Vescovo 
di Ceneda per concessone de* 
Procuratori di S. Marco l'inves- 
titura dì que' feudi, che già fn- 
rono del qu. Kiazardo da Ca- 
mino. T. XII p, jo Permetto- 
no i Veneziani , che un loro Cit- 
tadino possa ricevere in custo- 
dia qualche luogo de*Camiaest 
per conservar la concordia fatta 
da questi col Vescovo di Cene- 
da. T. XII p. j a. I Signori da 
Prata, e da Porzia ec. Ved. P«. 
mlBs più a basso . Questioni fo- 
rensi con Stilichia moglie di 
Kizzardo • T. XII p. Sa 8j. II 
Do^e delega il Podestà di Tri- 
vigi per gmdice nelle questioni 
contro i due fratelli, perchè oc- 
cupavano indebitamente moke 
possessioni • T. XII p. 145. II 
Podestà in vigor della suddetu 
Ducale cita alla saa presen- 
za i due fratelli ad istansa di 
Fioravante da Borso, di Madia 
Radesio di Madio ^ e di Taya- 
cino da Concgliano . T. XII p. 
147* Maddalena era la moglie di • 
Gerardo. T. XII p. 14^. 
— Gfrsrd» VII qu. Tolbcrio V Si- 
gnor delb Motta ; il Doge ^li 
raccomanda , che dalle sue giù* 
risdizioni non vengliino cicrarte 
biade per essere portate ii^ Friu- 
li. T. XIV p. 29. Fatto prigio. 
niero dagli Ungheri in una rot- 
u data a' Veneziani presso la 
Piave. T.XIV p.Si. KibeUede* 
Veneziani i ì Conti di CoUalto 
fanno prigioniera sua moglie, e 
suo figliuolo I ,1 Veneziani per- 
mettono y che sua moglie sia 
dia* 



^éitódìtà dt essi Cónti , ma fi 

figliuolo k> YOgUoflO a M^nc£\^ . 

T* XV p; I) 14. Il Patriarca, 
e i riialànt uniti al Kc d'Un- 
gheria prendono la difesa di 
Goe<;ellonc e di Gerardo é T^ 
XV- p^ i%é Gerardo còme ade« 
rente del Re d* Ungheria ìf com-' 
preso nella pace co' Veneziani • 
T. JCV p. 83. #atto prigioniero 
da Francesco da Carrara • T^ 
XVI p* 61. Perde la Motta t 
Fregofla « -T. XVI p. «2. Noroi- 
oato nel testamento di Riziar* 
da suo fratello unitamente a Ja« 
copina sua figliuola . T.XVI p.ó'n 
— Gfrard9 VIIÌ qu. Goecello IX^ 
T. XIX p. 15-7. Vcd. ERCOLE. 
— « OUvut^mn detta Ra^agfiarta ^ 
glisola di Gabriele II beneficai 
ta da Gab»e)e 111 suo fratello 
nel %ì»ó testamento. *f. I p. 674 
^ Qì9vàrfà moglie dì Rizza rdo 
J V betfeficata dal marito nel suo 
rcstamooto^ l'. V p. 159. 
^mm Guécéltè II qn. Gabriele I , é 
saa moglie So^a sonò investiti 
da ^uléode Marchese thl Caiw 
tello di Pieve . T. 1 p. a^. Da 
Scatòrdo di. beni nel Contado 
di Cadore , *t. l ^, 20. Compe<« 
ra di Colomano beni e dìrir* 
ti in Cadore in Villa dì Glera . 
Tjl p'. ad. Il Patriarca d*Aqui!e;a 
Concede a Guécellorie ed a So^ 
£a il gius di reridtr giasfizia in 
Cadore 4 1*. I p. 10. Sentenza di 
Federico Imperatore per alcune 
differenze fra il Patriarca d; A- 
qnileia ed esso per i beni in 
Cadore i che furono della Contes- 
sa Sofia . T. I p. ao. Beneficato dal 
Corttc Alberto di Collalfo nel -suo 
restamerito. •f. i ^, 17 j8. Pre- 
sente^ con suo figliuolo Gabriele 
al ^fnrameotb de* Conegliaoesi 
di a;atar quelli di Oderzo • T. 
I p, a«* Vcd. SOFIA . 
«<« <7iMV#//# III qu« Gabriele II e 



abfiele suo fratello teltlitl()if 
I Trivlgi . T. I p. 4 j . Sono Jrt*r 
vestiti da OttoAe vescovo di 
Belluno del Castellò di ZumcU 
le , che poi lo Veridond al Co- 
mune di trivigi , T. XlV p, 47. 
Ved. BIAQUINO IH. . 

i-^ G^utlU V. qu. Biaquitìo L TcsJ 
limonio in Ceneda; T.^1 p 79- 
Guecello e suo fratello Tplber^ 

- to sottomettono a" Coricgliancsi 
le loro giutisditioni, e si costi- 
tuiscono Cittadini e Corisortt di 
Conegiiano . T. i p. 8d 8r. I 
due fratelli clonano a*Cotieolia- 
flesi alcune Ville di loro giuris- 
dizione , e! sonò ricevua per 
titudini e consorti . T. i p>. 84 
«5 8tf 87.^ Si accendano i patti, 
*o* quali \ lóro antecessori si 
erano sottonlessi a* Trivigìani * 
T. I. p. %% 89. Presente in Ce- 
fìeda alla dedizione che fa il 
Vescovo di Ccnedà i Corieglia- 
Ilo. 'I*. t p, 90. Si accennino ì 
patti , che esso aveva co* Pado- 
vani già fatti da' suoi antecesso^ 
ri. T. I p. 9f. Sua moglie Azo- 
\à^ e sue figliuole dopo là sua 
Inorte muovono lite cort altri 
della casa da Camind per la 
erediti di esso Guecello* 'ti II 
?• 7j 74» Nominato nclli sen- 
tenza de' Giudici arbitri nelle 
eontcsc fra Guecello ^u.^ Tol- 
berto con alcurii Signori di Ce-» 
neda e SerraValie * T. II p. i Jj « 
Ved. BlAQ.umo HI. 

-« OnectlU VI qu. Tolbertò iti 
testimonio alla vendita da BÌa«r 
quino fatta a Jacopo di Cava^ 
liro del Castello dì Cavolano. 
T. II p. tfò. Esame di testimoni 
intorno a Tolbertò suo padre , 
e ad esso Gueeello . Ved. TOL- 
BERTÒ HI. Egli fii prigio. 
niero , o in ostaggio a Vero- 
na . T. II p; m. Governò Cc- 
ocdjtr T. II p. ir4« Unitamen- 
G a ce 



oa e A 

u da* Vcnesiani • T.X p.96 sj. 
Mtstioo dìchitrt , che ooa è a 
uà cofouiooe , cb« i Camine* 
si di lotto sìansi mai sottoposti 
al Dc^e • T* X p. loo lor* I 
Yenetiani allegano un fstra men- 
to dt* patti fra essi , e i Cami- 
fiesi. T. X p. los io5. GliSca- 
lìgeii ordinano a* Trivigiani di 
spedire a Venezia uno bene in« 
formato de* diritti Camincsi so- 
pra Cessa e Cessalto • T. X p« 
lì) DanQO sicart^ per la resti- 
tuzione di Meduna al Patriarca 
secondo i patti fra loro subi li- 
ti . T. X p. ia7. Negano di 
soggiacere a Trivigi , e appesi 
de* Trivigiani , e i Trivigiani de- 
putano persone jper obbligarli • 
T. Xp.fj4« I Trivigiani coman- 
dano ad essi di dove^ rimettete 
una pupilla della famiglia di 
Kafo nel possesso del Castello 
di Ra}0 da essi occupato • T. 
X p. IJ5* Gerardo risponde, 
che per la lontananza ai suo 
Catello da Camino » e dalla Mot- 
ta non può risolver niente. T* 
X p» ijtf. Si accennano i patti 
fatti fra^ i due fratelli , e gli 
Scaligeri » TJC p.i 3 $• Sono inves- 
titi dal Patriarca de*ftudi,che i k>- 
xo maggiori avevano avu^ dalla 
Chiesa Aqutlejese • T. XI p* i Ja. 
Investisconodi vari beni i Signori 
di Spilimbergo* T. XI p. ija. U 
Podestà di Trivigi sequestra pres- 
so i merighi di Zensone , ed Iso- 
Ja dì Piave i frutti de*^ beni di 
Kiccardo per uo debito , che es- 
so aveva verso Barbosio nipote 
di maestro Niccolò da Udine . 
T» XI. p. 140» Danno a livello 
vo manso di terra a Bcruldina 
qut Gabriele di Moreno* T. XI. 
p. itfj. Tentana di avere per 
tradimento il Castello di Cene* 
da. T. XI. p. itff. 170. i7a. 
tJh Avevano giariidi^iooe in 



C A 

Camino , nella Motta , in Per« 
tobufifbletto , e nelle ville cir- 
costanti. T. XII p. ij Ducale 
al Podestà di Trivigi , che gli 
d^ facoltà di procedere contro 
i due fratelli , che avevano pos- 
sessioni in Trìvigiana . T. XII 
p. x6. Ottengono dal Vescovo 
di Ceneda per concessione ót* 
Procuratori dì S. Marco 1* inves- 
titura di que* fèudi , che già fu- 
rono del qu. nizzardo da Ca- 
mino. T. XII p. jo Permetto- 
no i Veneziani , che un loro Cit- 
tadino possa ricevere in custo- 
dia qualche luogo de*Camiaest 
per conservar la concordia fatta 
da questi col Vescovo di Cene- 
da. T. XII p. )2. I Signori da 
Prata , e da Porzia ec. Ved. P«- 
mli^s più a basso • Questioni fo- 
rensi con Stilichia ritoglie di 
Kizzardo • T. XII p. Sa 8j. II 
Doge delega il Podestà di Tri- 
vigi per gmdice nelle questioni 
contro i due fratelli , perchè oc- 
cupavano^ indebitamente moke 
possessioni . T. XII p. 145. II 
Podestà in vigor della suddetu 
Ducale cita alla svlh presen- 
sa i due fratelli ad isnuisa di 
Fioravante da Borso, di Madio 
Radesio di Madio , e di Taya-- 
cino da Concgltano • T. XII p. 
147* Maddalena era la moglie di ■ 
Gerardo. T. XII p. 1^9» 
— Gtrsrd* VII qu. Tolbrrio V Si- 
gnor della Motta ^ il Doge ^li 
raccomanda, che dalle sue giu- 
risdizioni non venghino eirratte 
biade per essere portate in Friu- 
li. T. XIV p. 29. Fatt* prigio- 
niero dagli Ungheri in una rot- 
ta data a' Veneziani pressa la 
Piave. T.XIV p.»i. RibeUede' 
VeneziaBi » i Conti di CoIlaJto 
fanno prigioniera sua moglie, e 
ino iìgituoloi ,i Veneaiaoi per- 
mettono » che sua mogSc sia 
ciis* 



^éiìàdìH dt essi Cónti , ma il 
figlia ofo Io YOglioflO a -M^ngziy . 
T. XV pi I) 14. Il Patriarca , 
e i rcialant uniti al Kc d'Un- 
gheria prendono la difesa di 
Gne(;elÌone e di Gerardo • T« 
XV' p. tSi Gerardo còme ade- 
reiite del Re d' Ungheria ìi conw 
preso nella pace co* Veneziatii • 
T. JCV p. 8|. #atto prigioniero 
da Fraoceseo da Ocrara • T. 
XVI p. 61, Perde la Motta t 
Fregona « -T. XVI p. «2. Noroi- 
oato nel testamento di Riziar- 
da suo fratello uoitamenre a ja- 
copina sua figliuola . T.XVI p.6%d 

— Gfrard9 VIIÌ qa. GueccUo \X* 
T. XIX p. is-y. Ved. ERCOLE. 

— OUvéMUM detti Ra^agrtaila ^ 
glisola di Gabriele II benefica^ 
-ta da GabsWie III suo fratello 

nel suo testamento . *f • I p. 674 
-^^ Oi0vdrtMd moglie di Rizzardo 
JV beifeficata dal marito nel suo 
tcstamooto « 't. V p. 159. 
.« Cuécéll9 II qu. Gabriele I , é 
saa moglie So^a sonò ihfesntf 
da ^uléoiie Marchese ihl Casw 
tello di Pieve . T. 1 p* a^* Da 
Scafiardo di beni nel Contado 
ai Cadore . T. I ^. 20. Compe- 
ra di Colomano beni e diiir« 
ti in Cadore in Villa dì Glcra * 
T,l p. ad. II Patriarca d'Aquilefa 
Concede a Guécellone ed a So^ 
Uà il gius di reridtr giustizia in 
Cadore 4 1*. I p. 20. Sentenza dì 
Federico Imperatore per alcune 
differenze fca il Patriarca d,' A- 
qnileia ed esso per ì beni in 
Cadore , che furono della Contes- 
sa Sofia . T< I p. 20. Beneficato dal 
Conte Alberto di Collalto nel «suo 
rescamento. T. I p. 17 18. Pre- 
sente con suo figliuolo Gabriele 
al giuramento de* Conegllanesi 
di a;urar quelli di Oderzo • T. 
I p. 28« Ved. SOFÌA. 
«<« au0c$ti0 ni 4u« Gabriele II e 



/ C A ' ^# 

Jl^abticle suo fratello tetvtìAòM 
n Trivìgi , T. I p. 4 j . Sono irt* 
vestiti da OttoAe Vescovo di 
Belluno del Castello di ZumcU 
le y che poi Io Verìdond al Co- 
mune di trivigi. "f. XlV p, 47. 
Ved. BIAQUINO HI. . 

i-» GutctlU V. qu. Biaquino I, Tesw 
limonio in Ceneda. T.^I p 79* 
Guecello e suo fratello Tolber- 

- to sòttoiliettono a* Coricgliancsi 
le loro gintisditioni, e si costii^ 
tuisconp Cittadini e Coiisorti dì 
Conegjiano . T. I p. 8d Sr. I 
due fratelli donano a^Coneglia- 
Aesi alcune Ville di loro giuris- 
dizione , e sonò ricevud per 
tittàdini e consorti . T. I p. 84 
Ss 8tf 87. Si accenrianò i patti, 
^o* quali I loro antecessori si 
erano sottoniessi a* Trivigiani • 
T. I. p^ 89 8!>. Prescote in Ce- 
heda alla dedizione che fa il 
Vescovo di Cenedà i Coneglia- 
bo» 't. t p. 90. Si accennano 1 
patti , che esso aveva co* Pado^ 
vani già fatti da' suoi antecesso- 
li. T.I p. 9i» Sua moglie Azo- 
U, t sue figliuole dopo là sua 
taorte muovono lite cort altri 
della casa da Camind per la 
erediti di esso GuecellO^ T^ II 
p« 7j 74» Nominato nelli sen- 
tenza de' Giudici arbitri nelltf 
contese fra Guecello qu. Tol- 
berto con alcnrii Signori di Ce- 
nedà e Serravalle * T. II p. i Jj « 
Ved. BIAQ.umo III. 

*^ OuectlU VI qu. Tolbertò iti 
testimonio alia vendita da £Ìa«' 
quìno fatta a Jacopo di CaVa.^ 
liro del Castello dì Cavolano. 
T. II p. 60. Esame di testimoni 
intorno a Tolberro suo padre, 
e ad esso Guc<?ello . Ved. TOL- 
BERTÒ III. Egli fii prigio- 
niero , o in ostaggio a Vero- 
na . T. II p; ut. Governò Cc- 
oeda, T. II p. 114, Unitsmen- 
G 2 ce 



ftt9 . C A 

fc a litaqnino suo fratello è ia 
lite con alcuni di Ccncda cScr- 
lavalle per motivo di un palaz« 
zo , di pn castellare , case , do- 
glioni e tqxri situate in Cencda , 
e ncf Cpllc dj S. Martino , e 
•sentenza de* giudici arbitri . T. 
JI p. Ila. Rat^/ìcata d« Prosa- 
vìo N9VCII0 Vescovo dì Ccne- 
da . T. II p. I j4. Unitamente ad 
Alberico da j^omano avca tenu- 
to occupato Trivigi per io anni 
/circa. T.III p, 85^ Aveva ven- 
duto a Prpsavio Vescovo di Ce- 
pcJa la sesta parte del Castel- 
lare dJ S. Mattino. T. Hip. 90. 
Fu seppellito in S. Niccolo di 
Trivigi. StorU • T. Vili p. -7,» 
Vcd ^lAQUlNO III. 
{-V- GuitflÌQ VII qu. Gerardo III 
unicamente 9 suo fratello Riz- 
zarlo è investito dol Castello , 
e del Castellare di Vidore da 
Enrigetto Abate di vidore . T. 
Ili p. 170. E così del Castello 
di Selva nel Montcllo . T. XII 
p. Ili z44« Investe di un feu- 
do a Regcnzudo Kolandino di 
Santìore . T. XI p. 1804 Erede 
universale fii I^izzatdo suo fra- 
tello . T. V p. 160, Ved. RIZ- 
ZAKDO IV. Giovanni Soraozo 
{l'.i partecipa la sua elezione in' 
Doge di Venezia. T. V p. i«tf. 
fGerird9 , BJzzardo , e Gue^ello 
^vev^no privato i Concigliancsi 
delle Iqro giurisdizioni . T, V 
p. 172. I Jrrvigiani annullano 
\p grafie, e le condanne fatte 
^ttq il dofniftio dc'Camincsi , 
f detq^anp là loro tirannia . T. 
V p. 974 175 Scacciato dal do* 
piioio ^c' Triyigiani . T. V p. 
i8j 184 185. I Trivigiani eo- 
pettuapp i $aoi creditori • T. 
Vili p. r's4. Ricerc:;! dal Fa- 
tii^rc^ la reinvestitura de*fea- 
^i , che i Caminesi tenevano 
^^lia Clijcsa Aqiiilfjcs? . T. V 



C A 

p. 197. Il Patriarca gli conccv 
de la reinvestitura de* feudi . T. 

V p. 198. Maneggi dì pace co» 
Tiivigiani ,- esso sì esibisce al 
servigio del Comune , e gli 
promette di cedere i Castelli di 
Cavolano , e dì Regenzudo per 
sicurtà, e i Trivigianr lo invita- 
no a Trivigi per la trattazione 
della pace, purché venghi disar. 
pìap. T. V p. 198. Avvisa i 
Ttivigiarù de* preparamenti d*ar. 
mi fitti dal Conte di Gorizia . T. 
"V l p.^j4« Il Conte era suo cognato. 
T. VI p. 7. T. VII p. 19. Chiama, 
to dal Conte di Gorizia per trat- 
tare la pace co' Trivigiani , lo 
partecipa alU Comunità , e la 
avvisa, che il presidio di Cavo- 
lano era fuggito . T. VI p. 14 
75. E' mandato da* Trivigiani al 
Conte per ttanar di pace . T, 

VI p. a7. Mediatore per la pa^ 
ce tra il Conte e i Trivigiani 
ne propone i preliminari . T. V| 
p. 14. E ne spedisce i capitoli* 
T.Vl p.i5. l Trivigiani lo prega- 
no di essere in pronto con sol- 
dati in loro servigio, e di con- 
gegnar loro Cavolano. T. VI p. 
34. Si scusa co* Trivigiani per 
timore del Conte di Gorizia , se 
non consegna Cavolano , e se 
non unisce le sue genti in loro 
favore . T. VI p. 37 Assolda 
genti in Valsugana . Tom. VI 
pag. 16, Le sue scuse per Ca- 
volano sono accettate da* Trivi, 
giani . Tom. VI p. 4o« Ed es- 
so li ringrazia , e rinnova le sue 
proteste ed esibizioni. T. VI p. 
45. Presta il giuramento di fe- 
deltà a* Trivigiani . T. VI p. 48» 
Eletto da essi a trattar dì pace 
f ol Conte di Gorizia . T. VI p. 
58 S9. Si stabilisce una tregua, 
e Guecello vi è compreso • T. 
VI p. 58, Si propongono i Ca- 
pi;oii , T. VI p. 59. I TnUjiia- 

ni 



ti olì co'ncedor.o ìicccza d. fr?r- 
larsi a Treviso olle nozze dfTol- 
berfo . T. VI p. 69, Avvisato 
da* Trivigiani di portarsi in Cc;?c- 
ìlk al congresso della pace col 
Conte di Gorizia. T. VI p. jó, 
È di non ingerirsi nella Villa di 
Titnzano, T. VI p. 87. I sud- 
diti del Conte di Gorizia pre- 
tèndono de* credici da esso . T. 
VII p. 4». Sua ambasceria a* 
Trivié;jar.i , i cjuali pretendono , 
che dar U doveslse irt tsctiHo • 
T. VII }•. 7j. Sua risposta a* 
Trivigiani intorno alle digeren- 
te pel Castello di Self a . T. VII 
p. Tj. Chiede a* ìnedcsìrhi , f^hc 
i suoi Sudditi di SetiaValle |K}s- 
saoo portare le loft) efitrate dal 
tciritorio di Trìvi^i in Serrava l- 
lè ton una Ietterà del Podestà 
di Conegliano. T. VII p. 74. Si 
h menta co* Triiigiàoi per una 
sentenza contro di Ini seguita 
j/i torno il Castello dì Selva , ed 
intorno alla di j'ii iiconcilia;tio- 
he. T. VII p. 9u Partecipa a* 
Trivigiani il matrimortfo còn'cìu« 
so tra un suo figliuofo , ed i^a 
figlia di Alboino dalla Scala. 
T. VII p. ^7. I frivigiani man- 
dano ambia:sceiia pei éon'gratii- 
lirieo'c. f. VII j>. 93. Suediftc- 
tcnic éo* Trivigiani , a dcfllnit 
^c quali esibisce oA congresso 
nello Snto Veneto. T.VIIp.iop. 
Questo fa ftrto in Malghera . T.' 
VII p. Ito. Le differenze verte- 
vano pel Casfcllo di Selva , e 
per la cassi de*Camincsi in Tti« 
vigì . T. VII p. III. Sorìo com- 
piomésse in »ri>itir . T. Vtr p. 
112. Si clcggon'6^ gli aibihi. T. 
Vft p. Ì19. Stia lettera a*Tri- 
figiani , in cui non si mostra 
contento' della cle:tìone del quin- 
to arbitrò* , e propone la Citt3^ 
di Chiotta alla defiinÌ£Ìone del- 
la cattsa .' T. VII p. no tai. 



R:sponcfono ì TrivÌt(iarii , ^«^ 
Guecello debba osservare i v!it^ \ 
ti , e le promesse fatte da* snof \ 
maggiori , altrimenti prore i e- » 

ranno contro' di lui , e. !nc 
Cittadino Trivigiané ; T. VII p. 
i2a. I Trivigiani risolvono^ di 
procedere contro di lui , per- 
chè ricusava di ol^crvare i con- 
cordati , e forrificava i suoi cas- 
telli, e le forteJtec . T. \1I p, 
114. Muove guerra al F<«triarca^ 
ed occupa Caneva e Sacile . T, 
VII p. iji ij-«. Suo accordo co* 
Trivigiani. T. VII p. 145. CU 
ricercarlo i Trivigiani, che ftc- 
cia pagate la porzione della es- 
cavazione delle cerche spettan- 
te a certe ville a lui- sot.getre . 
T. VII p. 157. gì* imponi;onf>' 
di tompatire davanti al Poiestà 
^er dar picggierì^ di custodii e 
i suoi Castelli per Trivigi , cf 
consegnarli ad ogni rìchi>sta , e 
di non labiate uscir biade da 
quelli, né dal suo éontrido. T. 
VII p. r5 9. Sua ambasceria a*! 
Ttivig^nì ; da cui apparisce V 
origine delle discordie e guer.i' 
le the poéó dopo insorsero . 
T. VII p. itf*. 1 t'rivigiani ris- 
póndono a qa'est* ambasciata . T. 
Vtt p. f6j. Si fa padrone dì 
feltre toglicrtdoU al Vcscof o * 
T. VII p. 16 j. T. Vili p. 51- 
Provvedimenti de* Trivlgfanf irt 
favore del Vescovo eoAno Oue-- 
cello. T.^ VII p. 164. ti Cohto 
di GorÌ2Ja prega ? Trivi^ao! a 
favorir Guecello. T. Vllp. f54. 
C^i si scusano di ifon pot^dc/ 
ftrc . T. VII p. 16). Si aceor» 
da col Vescovd, e rimine pa*- 
tifico possessore di Peltri' / T# 
VII p. 156. E éì tclhiéiò / T. 
Vii p. 167. t Bellunesf mahda- 
àò ambasceria a* 'frivrglani irf • 
favore di Guecello clettd Co-' 
pitan generale dì Fehfrr.- 1* VlV 



fot e A 

f. ì'67* I Padovani si esibttco» 
no mediatori alla pace tiaesso» 
e i Trivigiani . T. VII p. 175. 
Con comiiiva di genti armate 
Jelcrcsì , Pslluncsi , e Cadorine 
giunge in SerravAlle. T. Vili p. 
x7» I Tiivtgiani gli mandano 
ambasciatori per le novirà cor* 
lenti . T, Vin p. j5. Invita i 
Trivigiani in Fcltrc alle no«zc 
ci Rizzarlo suo ^glio pnigcni^Q 
con Verde nipote di Cangran* 
de . T, VIIJ p. 38. Invita I 
Coneglianesi . T. Vili p. 99. I 
Trivigiani proibiscono, che nin^ 
fio vada ^lle nozze. T. Vili p. 
40. Gli pciivono intorno alla 
muda di Seriavalle. T. Vili p^ 
«j 64. Tratta co' Trivigiani pe* 
dazi di Serravalle , Todena , e 
Canal di S. Bpldo , e sopra il 
Castello e le poss^foni di Sei? 
va. T. Vili p. 7j. Sua propo- 
sizione a*Trivigiani intorno a*pa« 
ga menti di dazi « ed a*seques* 
tii di Selva e di Bossago .. T. 
Vili p.79 9o. I Trivigiani proibir 
scono a* Nota) di fir istrumen* 
fi di protesta a fichiesta del C«* 
ininese pelle ditferenze sue col 
Con^une. T« Vili p. 8o. Si op# 
pone a'Tiivigiani, 1 quali vole- 
vano aggravare le sue ville di 
Voa colta insoltu • T. Vili p. 
joif I Coneglianesi ricusano di 
pacare ui^^a nuova imposizione a^ , 
Trivigiani senza la saputa di 
Guecello. T» Vili p. ijo. Egli 
k in Oderzo con 1300 soldati , 
che saccheggiavano il paese : 
Ouecello da Camino inferiore 
teoic di lui • T. Vili p. ISO. 
!|n liologna si forma processo 
contro di li^Ì 4a* Legati Apos- 
fólici . T. Vili p. istf 164. E 
in Trivig(. X'XX p. 118, Esame 
di tCftimoni intorno al testa- 
mento di Kiaizatdo , perchè t^sao 
fioo «vcva adempito aMcgati, Tt 



C A 

XI p« 118. In esso^ k nominati 
Amabilia sua moglie. T. XI p. 
iis. Propone una tregua a* Tri- 
vigiani unito a Cangtande • T. 
vili p. 169. Assedia Contglia- 
no , e molesta il tetrltof io • T. 
Vili p. 170. Perde facile tolta- 
gli dal patriarca Pagano . T. 
Vili p. 181. Egli è in guerra 
co* Trivigiani < T. VII! p. i8j. 
Cede le decime , che aveva neU 
la Villa di Vigonovo a Niccolo 
da Frata . T* Vili p. i9i. Sua 
sentenza in favore della Vill^ 
di Primiero • T. IX p. j. §uq 
debito verso il Conte di Gori^ 
zia. T. IX p. s. Doveva rinun- 
ziare a Kixzardo suo figliuolo 
tutte le ^ue giurisdizioni. T. IX 
p. & 7» Beneficato da Beatrice 
sua sorella nel suo testamento. 
T. IX pj ?i. Cpncedc privilegio 
di esenzione a un nobile di Co» 
neglìano • T.IX p.aj. Ottiene di 
essere investito dc'^uoi fèudi da 
Prancescp Vescovo dì C^oeda . 
T. IX p. ^5* Scomunicato dal 
?apa per motivo deirereditìk di 
Kizzardo suo frate Ho . T. IX p. 
45. Suo testamento . T. IX p« 
$7. Lascia di esser seppellito ii^ 
Trivigi dell'arca di suo padre 
in S. Francesco • T. IX. p. 58. 
-- Gnfctlì* Vili q. Biaquino VI. 
Egli è uno anch esso di <iuclli, 
che scacciarono dal dominio di 
Trivigi Guecellone da Camino • 
T. V p. i4<. Ammesso da* Tri^ 
vigiani a ^atte le dignità, prero^ 
sa ti ve , ed onori , di cui era stato 
capace il di lui padre benemerito 
del CofHune . T. VII p. 146, ToI- 
berto e Guecello sup nipote ri- 
corrono al Consigli* di Trevi- 
so, perchè si esamini laqui$:io- 
ne , che avevano con quel Co- 
mune intorno a'dazjdeUe Ville 
di loro giurisdizione . T. VII p. 
9S$« Guecello denunziato segrc«. 



e A 
tameote t*Tnvigìtni per nn ©• • 
nìcidio. T. VII p. itf7. Eletto 
Commìssiiio da tao zio Tot- 

l>eno nel suo testamento • Sf' 

rU . T. Vili p. So. Teme di . 

Gaecello vsupetiore , che era in 
Oderzo con jjoo soldati, e che 
saccheggiava il paese , « perb ' 
dunaoda ajuto a* Tiivìgiani . T. 
Vili p* IS04 Presente a un atto 
di Guecellone qiu Gerardo • T. 
Vili p. I9I. 

•m Gu^^ll» IX qa. Gerardo VI 
Era papillo nel ijse, nel qual 
anno Maddalena sua madre in* 
feudi aJcani suoi sadditi . con 
obbligo di abitar In Fortobutfo- 
letto. T. XII p. 149. Seguace 
di Lodovico Ke d'Ungheria nel- 
la guerra co* Veneziani compre- 
so nella tregua . T. XIII p. S7« 
£ nella pace • T. XIII p. 71. 
Sf era ribellato da* Veneziani al 
tempo dell* assedio di Trivigi 
£itto dal Re Lodovico . T. XIII 
p. tft. Suoi regali a Marqaardo 
Patriaxca d*A<)uiIe|a. T. XIV p. 
26, I]D(^e gli ordina, che dalle 
sue giurMdiziom noa vcnghino 
cstratte biade per essere porta-^ 
te iti Friuli . T. XIV p. ap. Il 
Doge commette al suo Podestà 
di Cooegliano di partecipare a 
lui , e agli altri luoglii de* Ca- 
miaesi la pace fatta co! Carra- 
rese . T. XIV p. t7. Si ribella a* 
Veneziani , e si unisce al Pa- 
triarca , e al Re d* Ungheria . 
T. XV p. 15* Egli è compreso 
nella pace co^ Veneziani come 
aderente del Re. T. XV p. 8j. 
Il Carrarese occupa il suo Cas- 
tello dì Crudtgnaoo .. T. XVI p. 
S9 'a.. I Ttlvtctam gli manda- 
no genti, perchè di&oda Forto- 
fenAoletto • T.^ XVI j^. 62. Era 
■uirito di una Carrarese, e pa- 
dre 4i Beatrice , tiiRizzatda , di 
Gerardo» e di Cado • T.XIX p^i s 7f 



— JéetPimd ficlia di^ Gerardo VII 
beneficata da Maria moglie di 

, Rizzardo da Camino, e da esso 
Rizzardo suo zio . T. XVJ p. tf$« 

— I M*iÌ4il9né moglie del qu. Ge- 
rardo , e madre di Gnecellotoe 
pupillo infeuda alcuni suoi sud- 
diri di moki beni con obbligo 
di abitare in Portobufbletto • T. 
XII p. I4J. ^ 

— MatU moglie di Rizzardo X 
aveva beneficato nel suo testa- 
mento Jacopina figliuola di Ge- 
rardo VII. T. XVI p. 6s. 

— M^rln moglie di Gabriele III 
Beneficata nel testamento di suo 
marito. T. I p. 66 67. 

— MÀrìétkilU moglie di Rizzardo 
V qu. Serravalle, era figlia di 
Leonardo de* Ricchi • T. IX p. 
50. Nel suo testamento lascia 
comihlsinrio suo marito, ed ere- 
de Gerardo suo figliuolo • T. 
IX p. |i. 

— -. Pomlnéi moglie rei. di Bisquino 
Vllysuo pagamento di dote. T* 
XI p. IO). Niccolò di Porzia le 
esborsa 300. fiorini per la sua do- 
te, di cui avessi costituito mal- 
levadore Manfredo suo padre. 
T. XI p. 147* Spese fatte dal 
suddetto Niccolò per motivo di 
essa dote . T. XI p. 148 Era figli- 
uola di Caxlavariò dalla Torre.. 
T. XI p. 149. Car lavarlo e do- 
mina di lui figliuola cedono a 
Tolberto, Gabriele, e Biaquino' 
da Frate , ed a Braealia e Nic- 
colò di Porsia tutti i loro dirit- 
ti, che avevano contro gli ere- 
di di Biaquino qu. Tolberto da 
Camino. T. XI p. t7S. I ^tid- 
detti Signori da Prtta , e da For- 
cia dimandane a Rizzardo e 
Geraldo Camioesi il danaio , 
ch'essi avevano sborsato per la 
dote di essa Fomina • T. XU p. 
S7. 1 due Camioesi si accorda- 
Bo co* suddetti Signori» e Rit- 
G 4 ur« 



F04. C A 

caldo dll in ostaggio Tolberto 
suo -figliuolo • T. XII p. 61, E 
promettono di stare alla sentcn* 
. za di arbitri aciici . T. XII p. 
6^ £ di liberar dalla sicura 
Brizalia da Porzia . T* XII p. 
tfS. Le pretese di Fomina per 
essa dote erano di 900 fiorini • 
T. XII p. ^j. Tolbcrto qu.Riz. 
zardo ereditario nomine di Bia- 
quino, che fu mariro di Forni* 
na paga a* Signori di Porzia L. 
1750 Cétusa & »»mine dttìs Idtrm 
g9n^rab, T. XIII p» 7^ 

*-" XiKK^t'ds qu. Rizzardo VI i suo 
matrimonio con Andrea figlio 
di Giovanni de'PepoIi Signor di 
Bologna, e dispensa Fapale per 
esser parente in 4 grado. T. XII 
p. laj. Ved. BEATRICE qu, 
Rizzardo VI. 

^-« niXf^ardM qu. GueceI!o IX si era 
maritata con Azzo Marchese d* 
Este con dote di ducati asoa 
d'oro. T. XIX p. 157. 

— Rì\%4rd9 III qu. Gttccello V 
esso era morto nel i^6^ , in cu! 
sua madre Azzola, e sue sotel- 
' le £u:evano lite pei la sua cre- 
diti. T. II p. 7j 74 75. 

-*- Iths^rd» IV qu. Gerardo III 
unitamente a suo fratello Gue- 
cello è investito del Castello, 
e del Castellare di Vidore da 
Enrigetto Abate di Vidore . T. 
Ili p. 170. E c»sì del Castello 
di Selva. Ved. GUECELLOVII 
Testimonio ad un compromesso 
de* Castellani del Friuli. T. IV 
p. 6* Sue contiDversie col Pa- 
triarca, e cogli uomini di Cani' 
pa per confini composte da giù* 
àìd arbitri . T.. IV p. «9. Testi- 
monio io Sacile. T. IV p. 145* 
Capitan generale di Trtv^i a 
ftome di Gerardo «00 ptdre- a£> 
fitta beni in Romano , che fìi» 
rona dc^fi Ectlini • T. IV p« 
itfj. E* uurestfto de*«Qoi hvM 



C A 

da Francesco Vescoro di Certe* 
da. T.IX p. as. Aggregato alla 
nobiltà Veneta . T. iv' p. i65. 
Fa pace con Ottobono Patriar- 
ca , ed accorda che Sacile ri- 
maner debba sotto la custodia di 
Cividal del Friuli . T. V p. 70. 
In vigor di questa pace Corra- 
do Pellizza dà in cambio al Pa- 
triarca il suo castello di Torre 
per una casa in Crvidale . T^ V 
p. 7r. Conferma gli statuti del« 
Collegio de* Dottori di Trivigi # 
T. V p. lor. Conclude pace col- 
la Città di Cividal del Friuli . 
T. V p. 115. Testimonio al ma- 
trimonio di Altenicro Azzom . 
T. V p. iitf. E di Sara Azzonf 
con Beraldino di Cascxio. T. V 
p. 128. E' investito dal Patriar- 
ca de* suoi feudi , ed è creato 
Capitan generale del Friuli . T. 
V p. 118. Era entrato in Udi- 
ne , ed avea tentato di sorpren« 
dere il Patriarca . T. V p, la©. 
I Signori di Mels promettono al 
Patriarca assistenza e favore con- 
tro Rizzardo . T. V p. 12^. I 
Coneglianesi gli spediscono il 
privilegio , che avevano ottenuto 
da Ent ico Imperadore . T. V p. 
2j4* Investe di due villaggi O-^ 
dorico da Cuccagna per benefi- 
zi dal medesimo ricevuti • T. V 
p. IJ7. Eletto da Enrico Impc- 
xadore Vicario Imperiale diTri^ 
vigr in vigor di 1 6 mila fiorini 
d'oro. T. V p. tit ij9. Risar- 
cisce alcuni' mercanti di Vieji- 
na , i qaalt erano stati svaligiati 
in Cadore. T. V p. t^ì, Ven* 
de a Tisone da: Camposampiero 
posseanooi in Romano, Musso- 
lente, e S.Zenone. T.VIIIp.tfs. 
TJdlp. uz 125 «Enrico Impera* 
dorè |Ii parttecfpa il privilegio 
dato in favore del Conte Ramtr 
baldo • T. V pr vs<^ Ferito a* 
nmn ìa Tdvi^r T*XI f- n».- 
Fa 



e A. 

Fa lì sno testamento , e lasrìa 
erede Gaccello suo fratello. T. 
V p. IS9* E chiama ali* eredità 
k Chiesa di Roma se suo fra- 
tello non adempisce f suoi leda- 
ti dentro x8 mesi . T. i:t p. 45. 
Muore nel jjia a' 15 Aprije ^ 
T. XI p. il 9. E* seppellito nel- 
la Chiesa di S. Francesco in 
Trivigi neir arca di suo padre . 
T. IX p. ^o 1 Trivigiani ricer- 
cano copia del tuo Testamen- 
to . T. Vili p. «0. Esame di 
testimoni sopra esso TestamcriA 
to , perchè Guecello non aveva 
adempito a* Jegari . T. XI p. 118 
j 1 9» I Trivigiani eccettuano i ere* 
dicori di esso, mentre era stato 
Capitan generale. T. VII! p. 154. 
Beni che etano di sua xagione^ 
T. tx p. 4«. 

*^ ntK\éfd9 V. qu, Serrftvalló la* 
sciato crede da suo padre in egual 
porzione con £4^fr/«//csQOfratcl^ 
lo . T.IX p.f 8. Sospetto a] governo 
Scaligero. Sr^n'^i. T.IX p. 177. 
Ved. Battifblle • Nominato he\ 
testamento di Ferrante suo fi- 
glinolo. T. IX p. tfT.y Commis- 
sario testamentario di Mariabel- 
la de* Ricchi tua moglie, e (>a- 
drc di Gerardo. T. ÌX p. 50. 
Presente in Serravalle al testa** 
mento di Gu^celIo da Camino . 
T. IX p. SI, Ottiene da* Trivi- 
giani le rappreiaglie contro il 
Comune , e gli aominf di Bel- 
luno. T. IX p. «o. Kieeve uii 
comandamento pemifle de'Trivi- 
gitni di dovei pcfgare an debito 
«1 Dominio Veneto. T. IX pag, 
14^. NominAeo in carta del 1 544 
Mn Tebaldo suo figliuola. T, 
xn p. 34. 

**• Àtifjt^érdp TI. qu. Guecello VII, 
4etto Novello , Podestà di TcU 
tte SI lamenta co* Trivigiani per 
h rappresaglie concesse a Pietro 
BoaaparM , • a GogUvlmo d^O- 



C A TOK 

nigo contro i Feluini. T. VJtl 
pag. 5*. Suo padre Io fa sposo 
con Verde figliuola di Alboino 
dalla Scala. T. VII p. 97* Le 
nozze si Anno in Feltre , e si 
invitano i Trivigiani , e i Cone* 
glianesi . T. VIII p. 58. 59. Ma 
i Trivigiani proibiscono , che tìts* 
suno vada a quelle nozze. T« 
VII! p» 40. Guecello suo padre 
dovevagli rinunziare tutte le^sue 
giurisdizioni . T. IX p. 7. Stipu- 
la istrumento di pace con Enri« 
co Conte di Gorizia . T. IX p. 
4* Si dichiara che tutti i suoi 
Castelli , terre , e giurisdizioni 
siano esenti da ogni dominio di 
qualunque Città. T. IX pag. 5. 
Gli si concedono in dominio Sa' 
Cile e Caneva per Un anno. T. 
IX p. s. Siano suoi Selva e Bel. 
pago, come le avevano Riztar^ 
do suo avo. T.IX p. 5. Dopo 
la rinunzia di suo padre doVe.» 
va essere invesnto dal Conte di 
Gorizia di tutti i feudi de* suol 
predecessori . T, IX pag. 6, Sud 
pretese sopra l* avvocatia del 
Vescovato di Cencda . T. IX p, 
6. Le sue terre e giunsdizioai ' 
sono dichiarate libere da qua.! 
lunque dominio, e spezralmentflr 
da quello di Trivigi . T. IX p, 
9» Scomunicato dil P^pa don 
Guecello suo padre per motivo 
dell* eredità di Rizzirdo suo zio. 
T. IX. p. 45. Erede d? Guecel- 
lo suo padre in vigor del testa- 
tijento . T. IX p. 5 7. Investisct 
di alcuni feudi Odorico Signor 
di Cuccagna. T.IX p. 58. Um'- 
to a Niccolo da Carrara , a Ma- 
sriAo , a' Maccaruffi , al Marche- 
se d'Este invade il territorio di 
Padova con too galcat?. T. x 
p. 5. Sue differenze col Patria r. 
ca d*Aqnileia per confini di Cru. 
dignano e di Caneva -composte . 
T. X pv atf. Chiede a* TrmgJa. 
* ni 



jro6 C A 

ni uno di Coldovrè caieetato 
. per debiti di una collctta impo- 
sti prima, ch'esso occupasse la 
Valdidobiadcne . Tom. X p. 85. 
Altra colletta imposta da' Trivi, 
giani sopra le Ville della Vakii- 
dobiadene ritenute da Ritsardo • 
T* X p. TiT. Avvinato con lette* 
la da* Trifigiani , come gli Sca- 
ligeci avevano restituito alla lo- 
xo giorisdizione Aegensudo , 
f ormenica , e Cavdano . T* X 
p. 156. l.a Contessa dì Gorizia ' 
unita al Conservatore della Chic* 
$a d'Aquileja tratta la pace con 
lui. T. XI p. 8. Istrumento di 
quesu pace confermato, e rati- 
ficato da* suddetti* T« XI p. 9* 
Kon mantiene i patti « e il Vi- 
cario d* Aquilcja dimanda la pe- 
na nel compromesso imposta . 
T. XI p, i4« !$•* Capitan gene- 
tale di tutto r esercito Scalige- 
ro sotto Bre«sello . T. XI p. 1 9. 
I«c tue genti assaliscobo Sacile, 
e provvedimenti per difender la 
Terra presi dalla Contessa di 
Gorìtia, e da* Nobili Friulani • 
T« XI pag. 25 *6 a* Chiamato 
Capieanio della gaerra dell* eser- 
cito di U del 7o. T. XI p. jo. 
Tenta di farsi padrone del Ca- 
stello d*A Viano* T. XI p. J5 stf 
5 9* £ntra con eseccito nel Fri u- 
U, e mette sossopra U Provin- 
cia. T. XI p, 4J 59. Il Vicario 
della Cbicsa d*Aqullcia « e la 
Contessa di Gorizia si oppongo* 
no a* progressi di hai con forte 
esercito. T. XI p. 4j« Dimanda 
al Patriarca Bertrando la rein- 
vestitura de* suoi fendi , che ac« 
curatamente annovera ; il Pa<* 
ttiarca gli rimprovera i danni 
da esso recati alla Chiesa d* Aqui« 
kja , e dice di Toler deliberare 
fopia di ciò • T, IX p. 5^« Il Pa« 
ttiaxea espone al general Paxla* 
mento del Friotf 1 daaai reca* 



C A 

ti da Uzzardo alla Chiesa d* 
Aquilefa , e il Parlamento de- 
termina, eh* egli debba compa- 
' lir a scusarsi , altrimenti sia de- 
caduto da* suoi fendi • T. XI p. 
Sj. Sentenza del general Parla- 
mento , in cui s! dichiara niz- 
zardo decaduto da* feudi^ che 
i suoi maggiori avevano avuto 
dalla Chiesa d* Aquile|a . t. XI 
p. s ^. Il Patriarca benefica Ber- 
toldo Toppo per aver difeso Sa- 
cile e Caneva contro nizzardo. 
T. XI p. s8. Muore ; iscrizione 
sopra il sepolcro alzatogli da 
Verde sua moglie , che forma il 
suo elogio. T. XI p. 59* Avea 
preso Sacile e Spilimbergo e Me- 
duna, ed assalito Udine. T.XI 
pu 59. Caterifìa , Beatrice , e 
Kiazarda erano sue figliuole. T. 

XI p. 84. 92. Il Vescovo di Ce- 
neda concede rinvestitola de* 
suoi feudi a* Procuratori di San 
Mafco per esser egli morto sen- 
za eredi maschi. T. XI p. 96. 
T. xn p. 8. 11 Patriarca la lo 
stesso a Federico da Savorgna» 
no. T. XI p* ioo« Viene chia» 
mato ribelle di esso Patriarca • 
T. XI p. 100. Il Pautarca con-- 
cede «Icuni feudi di Ini a Mico- 
lus&io figlio di Federico da, Sa- 
vorgnano* T. XII p. g. Ed a 
Francesco di Sbrojavacca. Tom* 

XII p. iis. Bd a Leonardo da 
Sacile . T. XII. p* 15 a* Palagio 
de*Caminesi in Trivigi distrut- 
to. T. XII p. 50. Ivi ftt fabbri, 
caro il Convento di S. Caterina 
nella Contrada di S. Agostino , 
e brolo ^ ed orco* T. XII pag. 
70 71 7a 7}. 

•-* Xttx^rd9 VII. qu.Caecello Vili 
Ved. r artic«di GERARDO VI. 

««* MivjtrÀ» X. quond. Tolbeno V* 

Egli e compreso ocUa pace fra 

il Re d*ui^beria» e t Veoefcia- 

oi come adaent« del Re • T, 

XV 



XV p. 8j. OHìziafe del Carra- 
rese prigionteio in Fnalì • Tom. 

XVI p« 147. Suo testamento, in 
cai lascia erede di tutte le sue 
fàcoH^ la B^epubllca di Venezia, 
e ii^ caso, che non ToJesse act^ 
cettare 1* eredità , vi sostituisce 
Leopoldo Duca d'Austria • Tom. 
XVI p.«4« Ivi si non^na Ilaria 
sua niogJie già motta • T. XVI 
p. 6$. fene6ca Jacopina figliuo. 
h di Gerardo suo fratello , e 
Fantaleone Barbo da Venezia suo 
suocero. T.XVIp.<s.I Venezia- 
ni deliberano d\ noa accettar^ k 

.eredità suddcft*» T«XVI p. 70. 

•-* SsmaritéBM nioglie rei. di TpU 
berto VI. totrice di fiiaquino suo 
figliuolo: sua sentenza io ma- 
teria feudale • T. IX p. ^z 6e. 
ne^cata da suo marito nel suq 
testamento. SttrìAm T. Vili p, 
8q 81, Ved. TOLBERTO VI. 

n* SérrsvélU qu. Biaqufno IIL fra- 
tello di Geraldo III. Signor di 
Trivigf . SfriM. T. XIX p. i4Jo 
Eseguisce una commissione da- 
tagli da nizzardo Signor di Trì- 
vigi. T. IV p. i«|, Testimonia 
in T"vigi . T. V pag. loi. Pfe- 
sente 4I tesnmerto di Rtzzardo. 
T. Y p. IS9. Il Conte di Goti. 
9Ja £1 istanza a* Tri vigianiy'p^r- 
(he rimettano trx grazia Serra- 
valle» e gU restituiscano I beni. 
T* VI p. 6q. 2^\ì è inclqso uri- 
la pace £cz i Tmigiani, e il 
Conte di Gorizia . T. VI p. 75. 
?er esser rimesso in grazia egli 
esibisce a* Trivigiani unaimpres- 
V^nza dì sci mila lire. T. VI 
p. 75. La quale viene accetta- 
ta. T. VI p. 77. T. VII p. 5, 
Chieda licenza di venire ad abi- 
tar« iz Trivigi. T. VII ^ag. zj. 
£' sopragastaldione del Comu- 
ne. T«,VII p. jsg. Sapiente nel 
Consilio. T. Vili pag. 4- Suo 
diploma di oobikà Veneta per 



C A Ì07 

esso, e pe'aaot discendenti ma- 
schi . SfrtA • T. XIX p. 18 e. Suo 
testamento , , in cui lascia eredi 
Batmlle , e nizzardo suoi fi- 
gliuoli. T. IX. p. ztf* 

«^ S^rrévéHi figlinolo di Ferrante 
erede de^bcm pzterni in vigor 
del teitamemo di suo padre • 
T. IX p. «!♦ 

»«( Sèfi4 Contessa di CoUbaco mo- . 
glie di Gnecello li. dona molte 
sue Cbicte all'Abate della Foli- 
na • T. I p. za. sigefcedo Ves- 
covo di Ceneda concede 1* inve- 
stitura • 4ÌYOÌ personaggi di 
qua' fendi, cbe essi avevano a- 
vuto dalla Contessa Sofia , e ciò 
io vigQr del di lei testamento , 
salvo perq il diritto di GueceU 
Ione . T. I. p.aj z4< Ypd. GUE- 
CELLO Ih 

wt% S»préné figliuola di Biaquino 
II L vedova di Ugone di Tuuo 
Signor Tedesco , riceve Iz res- 
tituzione 4eUa sua dote da Ul- 
rico sao cognato^ e gliela re- 
trocede in a0|tto« T. II p. 4« 
47. Riceve in dono da Adamo 
Priore del Monastero di S« Giu- 
stina di Serravalle il monastero 
suddetto nnitan^ente a* beni an- 
nessi • T. JII pa^. 14^ Permuta 
beni col priora di S. Benedetto 
di Padova per fimdare 11 mona- 
Itero suddetto di S. Giustina ad 
uso di ttipnache ., T. ìli p« j^« 
Abadessa de1« mo^ast«ro di S. 
Giustina conipeia akime pezze 
4ì terra da un certo Nosadiao • 
T. Ili p. lya. Il procuratore df 
essa ne prende il possesso. T. 
IV p. j. Gerardo Capitan gene- 
rate loda e ratiQca Iz compera, 
suddetta • T. IV p. 4. 

V-* SflUcbis moglie di Rizzardo VII 
coateàde con suo marito , e 
pretende che <^VLtì]o dì Venezia 
esser dovesse ii suo ^>cq • Tom. 
;m jw 8z. KispoQdc il rodasi 
dì 



Vo^ C A 

di TrìVìgI , che pcc essere ori- 
gioaria Txivigiana^ doveva esseie 
giudicata in Tiivìgi . T.XIlp.«|. 

i^ TtMd9 qu. nizzardo WPoac- 
$tl é^ Serravalle. T« XI p. 9« 
Ambasciatore de* Trivigiani a 
' Venezia . T. XII p. 34» 

£^ Télhirt9 II qaond. Gabriele II* 
Ved. r aratolo BIAQUINOI. 

«b Télb^rtg HI. qu. Biaqittioo !• 
Esame dj testi moo} intomo a 
Tolberto , e a Guecellone suo 
fratello in controversie co*Ce- 
ncdesi* T. II p*- i ix; Tolberto 
qualche volta si portava in Ce- 
ireda e nel Cenedese , e Guceel- 
]o rimaaeva a Verona • T. II 
p. III. In tempo di guerra fu 
Signore di Ccncda . T. H psg. 
xr* 1^5. Visse in Serravalle, al- 
la Motta, a Verona, T, TI p. 
tiì. Quando andava a Veron» 
lasciava in Ceneda per suo Ca- 
pitanio Catino Butar. T. II. p. 
z 14. Ved. rarrticolo di GU£CEL« 
LO V. 

•*- T$lheff V# au. Rfuardo VII. 
da suo padre e dato iti ostag- 
gio a Brizalia da Porzia per 900 
Sonai, che esso doveva a* Signo- 
ri da Prata per ^ dote di Po« 
mina. T. XII p. tfj. Sue diflfe- 
renze col' Vescfovo di' Ceneda 
pel Castello dì Yaldimarerto ri- 
messe al giudizio de^ Veneziani ., 
T. XIII pag. 37. Restituisce a* 
Conti di Collalto Cessalto , e si 
rimette in arbitri pelle altre dif- 
lerenze . T. XI 11 p. 43. Debito- 
re a* fratelli di Porzia di E. 1750 
per la dote di Pomina eredita- 
rio nomine di BiaquinO. Toliu 
XI» p. 7^ 73. 

-- r9lh9rt0 VI. qu. Guecello VI, 
é Biaquino di lui fratello halnno 
una- sentenza contraria in' certe 
loro •contese co' Trivigiàrti da no- 
ve* dottori di gius dvile e'ca* 
noaìto delk' CitA di Padova • 



C A 

T. IH p. 137, Pongono' un tt^f^^ 
vo dazio sul fiume Livenza , e 
sentenza del Patriarca contro di 
loro. T. Ili p. 14. Presenti al- 
la investitura de* feudi fotta dal 
Vescovo di Ccncda a* Signori di 
Porzia. T. Ili p. isó. Tolbetto 
testimònio ad un comprèmesso 
de* Castellani dèi Friuli in Ge- 
rardo da Caìnino . T. IV p. 6, 
Testimonio in Friuli . T. IV p. 
44* Gli erano state da' Trivigia- 
ni assegnate possessioni in Ro- 
mano , che furono degli Eceli- 
Kni. T. IV p. 16}, Dà al Ves- 
covo di Ceneda Casteloovo . e 
Cofbanesio, il Contado di Tar<4, 
so , ed altre giurisdizioni , e 
riceve in cambio Porcobnffoht- 
to , ed altri beni . T. V p. 7^- 
Confessa di tenere irt feudo dal 
Vescovo di Ccncda Ja Motta , 
Cessalto, è Portóbùiiblctto , che 
^vc^a cambiato con Castelnovo/ 
T. V p. pi. Marito di Caja da 
Camino elèt'to fideicommissa'iio 
nel testamento di sua mo^fe., 
T. V p. i4tf. Nell'esercito de' 
Trivigiani presso Coneglfano con- 
no Enrico Conte di Gorizia^ . 
T. V p. aott. Sapiente de* Trivi- 
giani per provvedere a' bisogni 
della' guerra cól Conte di Goti- 
zia . T. vr p. io 3* 3 ?. E'speJ 
diro air esercito da' Trivigiinl 
per obbligar gli ftipendfì^f ad 
andare in Odine al servigio del 
Patriarca. T.VT p.4a. Sue noz- 
ze, alle qtaair ihterviene il Con. 
te Rànib^ldO , ed altri Signori • 
T. VI p, tf7 tf9. Nel numero 
é^ Sapienti Trivigiani . T. VIP 
p. }}, Testimonio in I*adovà . 
T. VII p. <7. Tolbetto* e Gue- 
cello suo nipote ritorrono al 
Consiglio di Trivigi, perchè si 
esamini fa qulitione, che aveva- 
no con quel Comune intorno a* 
dazj delle ville di loro*gi>tt»«ii« 
zione 



e A 

«ilonc . fT. VII p. 15 5. E' pr«- 
^to da'Vcncwani acciocché la- 
sciasse Korreie l'acqua Trinca- 
vcda. T. VII p. i6o. Sue ditfc- 
reoze con Bartolommeo da Fia- 
ta ti messe in ai bit ri eletti da' 
Tiivigiani . T. Vili p. ji. S*e- 
xa marnato in secondi voti con 
Samarìtana • T. IX p. 2t. Suo 
testamento * Sfrtd , ,T. VIII p. 
77. In cui si nomina Ghiaia sua 
figlinola, Mabtiia sua figliuola 
bastaida , Bcatiice sua figliuola , 
Samatitana sua m^Iie, Guecel- 
lo suo nipote, Biaquino suo fra- 
tello , e Biaquino suo figlinolo • 
Sttria, T. Vili p. 79 8o8i 8t. 
Ved. r artìcolo BIAQUINO ^Vl. 
rv T§mménim9 qu. Gueccllo V. 
Bìoglie di Manfredo de* Dales- 
wannint , sue diftercnze co- 
gli altii Camìncsi pei 1* eiedi- 
^ tii di Guecellone da Cami- 

no, e per quella de* suoi' fra- 
teiii , e del qu, Gabriele • T« II 
p. 71 74. 

— r*mméisin4 qu. Serravajle , e 
moglie di Valentino qu. Fran^ 
Cesco da Fonte , beneficata da 
suo padre nel tuo testamento \ 

. T. IX p. 17. 

— Verde dalla Scala moglie di B.iz- 
2;aido VI suoi sponsali. T. VII 
p. p7. Sue nozze . T. Vili p. 
58 j9 40. Fa mettere una ono« 
rerolc iscrizione sulla lapida se- 
polcrale di suo marito in di lui 
onore nella Chiesa di S. Gius- 
tina di Serrafalle, T. XI pag. 
59. 

da Camino Deol4V4»ct9 detto Pre- 
te , sua istanza a*Trivigiani , per- 
che gli siano pagate arme da 
esso lasciate in Mestre . T. VI 
p. 90. Sci Gl9V4^nl .de qnarte- 
lio nltia Cagnanum • T. X p. 
J4tf« /iM»a Consigliare nel con- 
siglio 4ì Trivigi . Tom. X pa- 
gina ss*^ AinbjuciACorc df' 



C A icj 

Trivi^ani al Duca d* Austria . 
T. XVI p. 19* Mémfì$ testimo- 
nio in Friuli. T. V p. ip7. 
Ca mollo fu sempre della giurisdi- 
zione di Sacile * T, XI p. iotf,-< 

della Campagna Frd9ettc9 Cittadi- 
no di Verona. T. XIII p. tfi. 

Campagnola Frunaste qu. Bellave- 
re. T. V p. II. Pittro Ambas- 
ciatore de* Padovani a Trivigi . 
T. VIII p. TiT. Al Re di Boe- 
mia . T. IX p. 74. Suoi alBiri 
co* Trivigiani . T, Xl p. 69. E 
sue dimande . T. XI p. 70. Giu- 
dice e Vicario di Ubertino da 
Carrara . T. XI p. ia8. Sseebt' 
t9 notajo testimonio in Padova • 
T. VIII p. 184 187. 

Campalto Villa assegnata a Mes- 
tre . T. XI p. ij«. 

de* Campanari Mdfvéndln» amba- 
sciatore de* Padovani a Trivigi. 
T. Vili p. rat* Dottor di leg- 
ge. T. ^ p. laa. 

t Caropane P4a/« Guelfo Bellnne* 
se confinato in Feltro dal Vis- 
conti . T. XV il p. j7. 

a Campanea Mith»U qu. Bernardo 
Veneziano compera la gastaldia 
di Oriago. T. XIX p. 9. Reffin» 
nel Consiglio di Verona • T. 
XVIII p. 81. Eletto Sindico a 
4ar Verona alla Republica • T. 
XVIII p. 8a, 

Campardo della diocesi di Cene* 
da . T. X p« 1x8. 

Campese monasterio , aveva beni 
nella campagna di S. Martino 
de* Ronchi. T HI p. itfj. Villa 
del Vicentino presso il fiume 
Bienta. T. X p. 8j. 

Campiformio Villaggio in Friuli • T. 

XI r- 59. 

CAm^ignolo da Imoh Conte • T. 
HI p. 107. 

Campigo Villa assegnati a Castel- 
franco. T. XI p. IJ9* 

de Campitello Am4à99 da Manto- 
va 



it# ^ e A 

Va fiottio. T. XI p. i^i. 
Catn^lolpe Vilk Assegnata ad Oder« 
• so. T« XI Pi 1J9.^ 
Campo Ostello de* signori d a Casw 

tcUo distratto dal Caminese • T. 

Ili p. 104- 

de Campo ^igrioif fan tori del Mar^ 
chese di BiaodebuigO • T« Xlì 
p. io7« 

di Campo 6^4lr;#/^ dr Coneglìantf 
Consigliere. T. ^ p. is^. Luc^ 
^€bl»t presente in Ferrara . T. 
XIX p. 99* Hlée^lh Z4mhln$ no- 
ia}© di Trivigi . T. X p. II»- 
Plifré Notaio di Tttrigi • T. Vili 
p# t^i0 Anziano 4 T. Vili p. 

Campocervano Villa de'Caroincsi 
ceduta a Conegliano • T. I p. 
«$• T. Il p. 45» T* III p. 4«. 

da CampOcenrariO Glrvdnnl qov 
Sartolommeo conoie Sindico del 
ano Comune licere 1* irtvestìtu- 
la de* feudi antichi ((al VescoYO 
di Cencfda . T. XII. p^ xtfS. 

Campocroce Villa del Ttivigiano, 
Alberta Hettore dellit Chiesa ^ 
T. IV p. jo. Danneggiata dalle 
sniliaie Venete dì Mestre . T. XVt 
p« i}S.^ Abbruciata nella guerra' 
da* Veoexiani • T . XI p. 7e« Da- 
xio j soldt , e 4 grossi •- Té V 
p. »54^ 

da Campofrcgoso' T»mmAst( Doge* 
di Genova . T. XIX p. ^r. 

Campa di Graulo Villa detenuta 
da* Signori di Porzia , ma prete^ 
ta da'THr^ni. T.^ XII p# ?*• 

Campolongo ceduto da* Canunesi a 
Conegliano» T. I p. 85. 

da Campolongo É^n^ di CoAeglia- 
no del Consiglio» T.XT p. 1S2. 

Campa Karao di Bassano . T. Ili 
p. 154. T. V p.^ 9a. 

•— dr Verona, f. IV p. 141. Mo- 
nache di S. Maria dello Vergi-^ 
ni. T. ni p. 9<^ 

da Campa San Martino Bil$9 Pa-- 
dovano^. T, IV p. 14. 



C A 

Cimpo Motioo Villa deteoatd da' 
Signori di Porzia ^ ma pretesa 
da'Trivigiàni. T. XII p. 7. 

da Campo Nogari Z4mh§i^l»é n<y 
tajo qu. Ugone. T. Xll p. loa. 

Campo di Pietra Villa assegnata ad 
Oderzo, t. Xt p. ij9» 

Camposampiero Cdatello del Pado-- 
vand. T. V ^^ X4* I Veneziani 
vi inàndailo per Provvedi ^re 
Bertuccio Zatncani dofù là mor- 
te di Gnglelma Camposampiero • 
T. XII p. 2,}4 Operazioni £itte 
dal Carrarese in quelle vicinane 
ze per divertire 1* alveo del Mu- 
sone • T. XlV p. 55. Foxdiica- 
zioni £itte <i(at Carrarese • T. 
XVI p, 16, il Carrarese leva il 
campo , e s*" avvia verso Pado^- 
va. T. }:vil p. ji. 

d;» Camposampiero famiglia nobi- 
le Trivigianà , che abitava fuo- 
ri della Città. T.X p. 119. No- « 
^ili di Padova ftutOri del Vis- 
conti contro 11 Carrarese rime«. 
si inf patria nella pace ^ T. XVXI 

*— Cti»i%,\d» Ved. Tisoné. 

A-^ EmilU riceve un comando dal 
Podestà di Trivigi di presenta r-^ 
si a Verona con arnu e cavalli • 
T. XI p^ 48. 

'*^ Otrdriin» è ac<^usato da Cono-- 
ne Preposito della Chiesa di Tri- 
vigi • T. I p. 21. Testimonio' in 
Naone ad un' istrumento • T. 1 
?• 37. \ ^ 

— • GUeéHMt figlio di Tisone bene- 
ficato da Gabriel da Camino . 
T. I p. 61, Tesdmonio in Pa- 
dova ad urf accorda cVCone^ 
gHanesr. T. I p.' 84. Prende irf 
affitto in Romano possessioni) , 
che furono degli Ecelini . T^ IV 
p. itfj. 

— • (tfimnni ambasciatóre' de* Pa- 
dovani a Trivigi . T. VII p. 17 1 
174 ìt%* 

— Gf»r/,>/iiit del namero de'Sa-^ 
pien- 



e A 

pìtDti • T. IV p. 24. Alcuni tU 
heììt Padovani gli tubano molti 
haoi . T. VI p. 84. Si jamenta 
co* Trivtgitni di alcune parti prc* 
ae conno f «uoi djmtt. T. VII 
p. rsS. Manda alcuni avviai a* 
Trìvigiani , i <)uali lo ringrazia. 
IK> , e gli raccooundàfto vigilan* 
sa Della custodia del suo Cas* 
tello. T. Vili p. }9. I suoierc- 
di hàntìò le rappresaglie contro 
i Trfvigiani. T.VIIl p. s"?. Am- 
bascerie de' Trivigiani a Pàdova 
a qoest* Oggetto . T, Vili p. «4* 
Guglielmo e Tisone Novello so- 
no spogliati da* Trivigiani di al- 
cune possessioni in Romano , in 
Mussolente, e in S.Zenone. T. 
Vili p. 6$. I Padovani appog- 
giano le loto dimàiide presso 1 
Trivigiani con minaccie di rap- 
presaglie . T. Vili p. «8, I Tri. 
vigbni trattano aggiustamento • 
T. Vili p. 7tf. Guglielmo pre- 
sente a! testamento di Cneccllo 
da Camino • T. IX p. S7« Se- 
guace del Tempesta perseguita- 
to dagli Azzoni era stato cos-i 
tretto di fuggire da Trivigi » e 
xirìiarsi a Comuda . T. IX p. 
lao, JRicerca ì Trivigiani , per- 
chè assolvano dal bando certi 
dì lui seguaci, che lo avevaqo 
aiutato in favore del Tempesta 
oel tumulto giìk noto. T. IX p. 
la 5* Conservato ne* suoi diritti 
da* Trivigiani , quanJo si diede- 
ro a Caogrande. T. X p. 62. £ 
da Caogrande. T. X p.55. Con 
quattro camalli va all' esercito di 
Mastino. T. X p. 171. Stipen- 
dio stabilitogli d«* Trivigiani a 
quest'effetto. T. XI p. 24. Do- 
pò Ja sua motte nel 1 j4» > Ve- 
oesfani vi mandano a Campo- 
sampiero un Ptovredttorc . T. 
XII p. 27. 

• S^rét^ figliuola di Guglielmo ven- 
de a* ycacziani ^ $tì mila li- 



C A tir 

fé il Castello di Trevilte , che 
k> demoliscono • T. Xll p. 27* 
Moglie di Bernardo degli Scan- 
nab«cchi presenta le sue prete- 
se a* Trivigiani intorno alle pos-'- 
sessioni di Mussolente, di Pon* 
te , e di San Zenone . T. XII p. 
ia2. Il Podest^^ di Trivigi infor- 
ma il Doge intorno a queste 
pretese • T. XII p. iis* £d 
opina per un* amichevole com- 
positione. T. XII p. 1x6, 

«*^ TlHné testimonio in Padova ad 
un accordo col Vescovo diPeU 
tte e di Belluno • T. I p, jo« 
Testimonio in Trivigf. T.IIl p. 
loj. Podestà di Trivigi. T. Ili 
116 in* Amico de*Caminesi. 
T. IV p. 16 j. Gli vien permes- 
so di allonunarsi do, Padova pe* 
suoi afiàri per alcuni dì. T. V 
p. 148 • Sua morte, e commis- 
sione di Mastino a* Canonici di 
Verona di unirsi al Vescovo e 
al Clero per accompagnare il 
suo cadavere . Sfrtd . T. VII p. 
79* I suoi eredi contendono co* 
Trivigiani per la sua eredita. T 
VII p. I4 8$« Avea compesato* 
dal Comune di Trivigi , e da 
nizzardo possessioni in Roma- 
no, in Mussolente, e in S. Ze» 
lìone, T. Vili p. ^5. T. XII p. 
122 125. Cuoizza da Carrara - 
mùgWe del qu. Tisone , madre 
e tutrice di Tisone Novello , e , 
Guglielmo fiiuote di Tisone si 
lamentano co* Trivigiani di al- 
cune parti prese coatto i loro 
diritti . T. VII p. xs8. Ved.r 
articolo di GUGLIELMO . 

da Camposanto M9ntémArU fattore 
di Cansigoorio . Sfrid . T, VII 
p. 95. 

Campreto Villa assegnata s Castel- 
franco. T. XI p. ij>. 

Campuli Lfnnrdw da Cawk . T# 
in p. laj. 

Campulo GhvéMn! Conslglk' dtl 
Do. 



m C A 

Do^e . T, n p. 1 J *. 
Cannaccio Cuglitìmo da Bologna 

ambasciatore degli Scaligeri al 

Vescovo di Ceneda. T.XIIp.aj. 
Cinago villa de* Camioesi ceduta 

a 'Concgliano . T. I p* 85. T. 

Ili p. 40. Canago di Felcta. T. 

n p. 4*;. 

<Ìa Canale Andrea Consigliere del 
Doge . T. I p. 68, Plctr9 Podis- 
ti di Treviso • T. XI p. 164 
178 181 184 i8s 187 18S 189 
191. T. XII p. 1 9 X^ 27 ìì 
;4 41 42 144 145/. Gìùymknl C[n, 
Lauro Podestà di CavaizÀfc • T. 
XVI p. 24 25. Vlt9 Podestà di 
Trivigi. T. XIX p. 109 IT5 114 
117 n8. 

Canali i7««ie« presente in Torrno 
^lla pace fra i Veneziani , e i 
Genovesi . T. XV p. 71. 

Canale S. Boldo. T. VlIIp. 6j 7J* 

Canal di Brenta . T. I p. 3J« T.V 
p. istf. T. Vili p. stf. Sotto il 
dominio del Carrarese . T. XV 

. p. 70, Ved, Brenta . 

Canal di Conca presso Chioggia • 
T. XI p. tfi. 

Canal di Piave. T.XIIp* S9*Vod, 
Piave . 

de Canana Béutdrdo comestabile di 
cavalli in Trivigi. T. XII p. 5- 

Canarelgio contrada di Venezia • T. 
XVI p. a7. 

da Canaro Nte^$lò autore deir-as"* 
sassinio macchinato .contro Gue- 
cellone TcmpesM . T. IX p. 1 5 5 
155 157. 

4e* Cancellieri Rtceékrd$ da Pistoia 
nunzio e Procuratore degli Es- 
tensi. T. XIII p. 89. T.XIV p. 
-58. Uberto Podestà di Trevt.^ 
so. T. Vili p. 74 77 19 %ì» 

Canda Villa di Conegliano. T. II 
p.:4$. Assegnata da* Trivigiani» 
T.'in p. 40; 

Cane Fdeint difende Bologna pel 
Visconti. T. XVIH p. 4^. Spo- 
glia la parte gu<:l& d* Alcssao^ 



C A 

dria. T.XVIII p. Si. £iir?*» Pa- 
dovano . T. II p. jo. Mdrtin» 
qu. Zambonetro Padovano sue 
contese co* Forzata per beni da 
essi occupatigli. T. IV p. loj. 

de Canetulo Ldmbtrtlnt • T. XVII 
p. 97. 

Caneva Castello , che tiene il mer- 
cato avanti la porta di Sacile • 
T. II p. isi. Occupato da Ge- 
rardo da Camino. T. IV p. S4 
S7. Faceva tre mercati genera- 
li all'anno . T. ly p. H8. Ha 
scarsezza di legna. T.IV p. 89. 

' Sue controversie per confini con 
Rizzardo da Camino composte 
da giudici arbitri. T.IV p. 89. 
Guglielmo dalla Torre gastaldo . 
T. IV p. 89. Suoi monti. T.IV 
pag. 90. Suoi confini . T. IV 
p. 91. Dato in dominio dal Pa- 
via rea a Rizzardo da Camino . 
T. V p« X 1 9. Occupato da Gue- 
collo . T. VII p. iji. Ceduto 
per sei anni dal Patriarca al 
Conte di Gorizia. T. VIIIp.i8a. 
Ceduto a Rizzardo da Camino 
per un anno. T. IX p. 5. Sue 
difierenze per confini col Patriar- 
ca composto. T. X p. i6, Man- 
si e possessioni di Rizzardo da 
Camino avute in feudo. T. XI 
p. 5J* Invaso con esercito da 
Rizzardo. T. XI p. s^ 57 5 8. 
Beni feudali di Rizzardo dati 
dal Patriarca a Federico da Sa- 
vorgnano . T. XI p. loi le^. 
Difeso da Jacobuccio Conte dì 
. Porzia Capitanio in Sacile . T. 
XVI p. 106. Si rende a Conte 
da Carrara luogotenente in Sa- 
cile pc* Carraresi . T. XVI p. 
154. IlPattbrca ne pretende la 
restituzione. T.XVII p. 14. La* 
voli, che vi facevano farei Ve- 
neziani . T. XIX p. 45* 

da Caneva B€rf9ld$ e in Udine al 
Parlamento generile. T.xrp.54. 

Canile Villa assegoaualla Podestà^ 



s G A 

'; ria dì Ajb1«, T. Xl p. 1J9. 

Caoftano Villa del Trìvigìano aU 
' brnciata ficaia gnerra da' Vcnc- 
iiini ..T.XJ p.70. PofsCfsioDÌ del 
Cornane di Treviso. T.XII p.?« 
baoneggiata dalle milisie Venete 
di,Mc««e, T. XVI.p. ij8. 

Canoale Prtnctif* eletto da' Pado» 
vani sindico per la lorodédizio- 
ne alla Repabliea . T. XVIII 

.• Pf-8«*.,. , ,.'..•. ... 

^a Canossa nobili aderenti di Nic- 
colò Marchese d'Este. T. XIX 
p; ^a. In^nsecf ed. esttinseci.' 
SfTÌÀ* T. X p. ?7# JihtrHno Po-* 
dcstsi di Trivigif T. VII p. Ja 
14 4jt 44 47 49 $0 51 7o. 80 
«4 9x'i^7« "T* X p. $ 9 i^o 19 
io 17. a8 a9 jo 3i 37 4© 4i 
42 44*4^ 4« 4-^ 49 50* 55 59, 
tfo.Sae giattsdizioni ini terri- 
4onp di R^ogio . ^ Sf •ri4 • •#. X. 
p.. Ì5 87. M$nifd%,t§ alta curia' 
dì Roma- pel Vescpro di Trivi- 
gt. T. li p»:à9, Bodf sta di Tre- 
viso .• T. II p. ij^. T. -Ili p. 
47. Podestà' di Padova . T. II p. 
ax'.ritf 117 itZ Z19. ,120 124. 
Ui ti6 ,117 128. GéhrUtf Ca-' 
i^alier aderente di. Bernabò Vi. 
Kònti è {nclaso nella pace fra 
ì Brinéipi della lombàrdia. T« 
ilV p.* 6i tf j.^Saoi danni sof- 
ferti nella guerra .* T. XIV p, 
64. Httt$l^ /àt Èianelk) , e Ntc» 
é$l0 e GuUU' de*^ Gipso sono ìiu 
chlasi nella pace fra i Principi 
dèlia Lombardia • T. XIV p.tfa. 
RMlat^ìH* Podestà di Padova • 
. T', li p. 5 .2* t27. T. IV p. tf. 

de^Canést' HdseMtné Anziano iri 
Trivigi. T. Xl p. 99. ., 

it Canova 8«rrdldi»4' dì Bonaccor*^ 
so notaio Testimonio ìf( Trivf*^ 
^. ^ttrlÉT, T. IX p..i7f Nota-' 
;o Trivisaso . T, XI p. la 50. 
T. XII p. 7«> 7» 7|. Presente in. 
frivigi ad* uh proclama . T. XI 
p« 159* tSo. Siodite e ptocuru 
tothà tX. 



è A h.4 ^ . 

mt de Trivigjafti . T. i^Il fij 
66. Era de Caserio , e iu.elet^ 
to pfocnrafore io* Tnvigtani nel^' 
la éausa ^1 Patriarca per Ca^ 
volano. T. Xll p. «!• Ved. de 
Caserio ^4ri/i;»«. 

de CaiiAgalk) FéuU Visconte pegti 
Scaligeri in Cencda. T.X p.iitf* 

Cantano éame del Feltrino. T. I 

P- i^ 

de* Cantelli MMttt$ da Parma èu 
. ttpoft in TrivigT* T. XI p. r4t. 

de' Canti CatU da Pistoja Podestà 
. di P^ld'ova. T. IV p. ijQ«, 

de* Cantoni Ourlielm0\^Tom»lÌ p. 
J5*. Tesflmoniu. esaminato nelle 
controversie tea i .Veneziani , e i 
Tri vigiani .pe* boschi di Subar- 
zone. T. Ili p. 71.' Ruttiè* am- 
basciatore de* Coneglianesi aVe- 
neaii. ^T. il p. iì6 rjS. Con- 
rsigUeré. T. XI ;p^ 152. 

de Canussto Csndìdt^o di Cividal 
«Tel Friuli. ,T. V p. 70. UMnt 
giara la l^a fra il Patriarca e 

^ gli Scaligeri.. T. ,X pi 129. - 

S. Cangiano parrocchia di Venezia, 
e Niccpiò' Pievano. T. Xl p. 9S .. 
E Cancelliere di Venezia. T. XI 
, p. |2«.-. ^ 

Caorle.. T. IH p. 125. Palazzo dol^ 
Vescovo. T. Ili p..J2«. Andrea 
Vescovo preiente in Venesra al- 
la pace togli Scalq;eri. Tom. XC 
; p.* l'aS. , r ^ , 

de Capalle Ftrrt;* notaio tiodico 
de* Mantovani., T. X p.; t4«« . 

ctc' Caipiunei .. Amtntw ^ dà . . Figin» 
collaterale generale del Visconti.' 
T. .XVII p.. .«« 69. 70. IlVi-* 
sconti gli scrive dna' suat, vittoria 
nel' Mantc/vario. T. XVlf ;p.^ pfi 
PégéMlm» de\ Blassbno Milaifese 
, Conte Palatino. T., sfvit* p. i6, 

de Capitebrolo Oiovdnnì arobaKiày 
tote de' Cenedeir' a Venezia. T/ 

XI^ P- s>5- ^ .. , 

Capodiliitaf A»drid Paj^ovano tói 
deità di BassaiM^. T. HI p; t^%/ 
Él téé 



tt4 C'A 

Fè4éf%f9 f^tnk di VieettMu T« 

U p. iJ5« 

Capodilapo ;:BM$msfétftu T« I p*|l« 
T$Mméd»9, T. I p. 4J« 

ili CajpodipoDte C9St0mfimé flulhe 
Trìvigiano. T, Il p» a? 75. i>'- 
•• Avvocato d«l Commic diPa* 
iloTa. T. Ili p. 5* 

Capo della Pieve di Cavaao, iri 
avcTano beai i CastellL T. Ili 
p. 104. 

Catfodisttia Cittì H pace co' Tri» 
vigiani. T. I f« 55. Àmbiosio 
aao Podeaà. Ibid* Sooo Vescovo 
iotex viene al Sinodo d*AquìIeia« 
T« III p. t8« Prctcì^ dal Patri- 
arca d* Aqoileja contro i Vene- 
»aoi. T* lU p. Ili t7ié fino a 
ti2k Parte del Pregadi , che 
nessun Veneto possa avere tti. 
pendio equestre in Capodiitna, 
o nella Provincia. T. Zìi p. z7« 
Ricuperata dalle armi Venete 
sotto il comando di VfCtox Pi- 
sani. T. XV p* 44. 

àt Capodistria Archidiacooo ruba 
la Kocca di Plettore. T. XVIII 
ptg. 4J. 

Capodi vacca J9t9»u Padovano» T* 
li p. 73. B^rigm: T. Il p, 71 
v6» Podestà di Vicenza. T. II p. 
STtf 117 118 119 ne* Tom, 111 
p. 47* GUvénmt Giudice Pado- 
vano* T« III p« 99* Ambasciato- 
re de* Padovani a Tiivlgi. T. 
Ili p. 14 j. Arbitro nel]* aogin* 
sMflicnto fra i Padovani » e 1 Ve- 
fieaiaoL T* IV p. 17 9. Ric€Sf^ 
di»* aoaiano della Comunanza. 
T. VII p. 5)* Zémh—$tn Pode» 
età di Bassano. T. IV p. 61. 

Capoduro Padovano. T. IV p. !$• 

de Capolo Nic9liB» testimonio in 
Brescia. T. XIX p. si» 

Càpùaegto Jitsr4i»9 Padovano, T. 
li p, 7tfl rtasMMif qu* Aicardi- 
110 erede di^ Ensedisto qu. Jaco» 
yo de* Guidotci assistito n^"^ 
ine ngftmi da* Padovani* T* 



nelle 
III 



C A 
p. ì4i. Elezione di arbitri y ed 
atti fbrensL T. Ili p. 146. Sen- 
tenza de* giudici compromissari 
nelle suddette controversie* T« 
III p. i$7« T. XI p. 190» 

da Caporiacò FtitrUé ed Od^rì** 
fanno permuta di alcuni l>enl 
con Vecelletto da Prata, e con 
Gabriele suo' figliuolo. T. I p. 
14* Jnuleé e FtdsrUé suo fi- 
gliuolo. T. 1 p. 3$ 37. 

Capozola fA9U Padovano* T. IV 
p. la- 

Cappella J^mra milite Trivigiano. 
T. Il p. 17. 

Cappella Villa assegnata a Mestre* 
T. XI p* i3S> 

dalla Cappella TèkéUè da* Trivi» 
gtafii mandato ali* esercito di 
Mastino con tre cavalli. T. X 
p* i6| I7Z. ^MMfrfftri»# sapiente. 
T. Vili p. 4« ttitcèU nel Consi- 
glio di Verona. T. XVIII p. Si. 
Eletto Sindico a dar Verona alla 
Republica. T* XVIII p. 82. 

Cappellani Grtsé»t9 figliuolo di Ia- 
copino citudino di Reggio no- 
talo. St9TiA, T. X p. 90. 

della Cappelletta S. Margherita viU 
la soggetta a Noale* Tom. X p* 

de* Cappelli JFr^v^ies da Modena 
dottor di le^e presente in Bo- 
logna* T. XIV p* «9* 

de* Cappellini flllpf^ Canonico di 
Padova perito in gius canonico, 
e Vicario del Vckovo. T. III 

P. 191. 

Cappello aisva»»! aopraconsole. T. 
Il p. 78. L«r«i»c* proyvedicoie 
dell* esercito de* Veneziani coiw 
tto Sigismondo. T. XIX p* ii7. 

Capponi Uff 9 da Fiorenza*. T* lU 
p. ii4« 

de* Cappucci Jét9f0 da Forlì Giu- 
dice Vicario del Podestà di Bre- 
scia. T. IV p* 19 ri £ dì quello 
di Trivigi* T. Vili p* 158 Ka. 

della Captctu Villa del Trivigia- 



e A 

atw T. XV p. 47 4*. 
Cifrile nel Càdoiino. Tom. Xt p* 

93 >$• 
Oprìllo Villt del Xelliioese. Tom» 

XII p. ijo. 
di Caprino /•//•# Canonico. T« 

IV p. 149* 

Ctpaa i sne vicende tccenoate dal 
Petrarca* T. XIII p* 8o. 

de Carate cUvdKnl Canomco d* 
Aqullefa. T. XII p. tas* 

Caiavello Frsmc$seé abate de* Ge- 
ooresi. T. V p. in*2iérf»0 Vi- 
ce «Podestà di Padova. T. XIX 
p. j. Podestà T. XIX p. S 9* 
Procarator di S. Marco e Prov- 
veditor in Trivigi» T. XIX pas. 
48. L-nérd» Podestà di Tiivi^. 
T. XIX p. i4<». ^ . _ 

Caibonario Alm^ri comestabile 

. di pedoni in Tiivid-. T. XII p» 
S« Pietr» comestabiie di pedoni 
in Ttivigi. T. XII p. U^ 

de Carboneria Jde9f9 di Auiatdo » 
T. II p. 17. 

de Carbonesi. Arìvrlt CuMmìcct di 
Verona • T. Ili p. is^* AuUv* 
rU Rettore della L^ Lombar. 
da per Bologna. T.I p..77. B»» 
ut f seti da Bologna Cavaliere pre- 
sente alla lega £ra il Eatiiaica ,. 
e gli Scaligeri • T. X p. ii9« 
GtUnS9 Podestl^ di. Verona • T. 
HI P« 49 $3 ^i* Pittr0 qtt.GÓ- 
aio foorascito. Bolognese • T« IV 
p. lai la?. 

Ca^bonesio Rigo eletto da' Trjvi- 
g}ans alla custodia de' borghi e 
delle cerche ..T. VI p. i.i *j. 

de Cercano Jsctf qii. Mafeo jni- 
lanese. T. IV p. ia9. 

dalle Carceri £imi^ Veronese 
fuonisctta ritirata in Trlvigi • T. 
Vili p. ia5. 

Cardaseno Flltff^ Ttfv^ano • T. 
Il p* aa. Console alla custodia 
di Castelfranco • T.VIII pad 41, 

de Cardinali G«ld«ii# da Pesaro 
podice iiclk canae civili e cri- 



C A 115 

mtoaii^ in Trento • T.XII p.5 1 s '• 

Cardinali. Giovanni Prec||. Labo» 
rame prete. Uberto Prete. Pan* 
dolfo Prete . Teodino Vescovo 
Portaense. Enrico Vescovo AW 
banense. Teobaldo Vescovo Os» 
tiense, e Velletrense. Ardino- 
ne diacono. Groesiano diacono • 
Sofredo diacono. Albino diaco- 
no. T. I p. 34, Simone Cardi* 
naie. T. II p. 71. Pietro Colon* 

. na Cardinale • T. Ili p« 18 5.» 
Pietro Cardinal diacono di S« 
Eustachio . T» IV p» 6tf» Pietro 
Cardinal diacono di S. Maria 
nova Legato Apostolico . T. IV 
p. ie9> Napoleone Cardinal dia- 
cono di S. Adriano Legato Apos* 
lolico. T. V p. 9 *3 as i4 5» 
sa 73 95 « Arnaldo Cardiaal Le- 
gato • T. V p. 117 i8«. T. VI 
p. 74* Pietro Colonna muore • 
T.IX p. 88. Guidone ^reteCar* 
dinaie mandato in Italia da Pa- 
pa Clemente VI a. procurar la 
pace Ira Mastina, ed. i Manto- 
vani . T. XII p. 109. PubHca 
in Trivigi una tregua fra i Prin- 
cipi della Lombardia • T. XII p. 
109* Demetrio Cardiiul Strigo- 
niense sua lettera agli Udinesi » 
T. XVI p. loS.. Niccolò. Cardi- 
nale di S« Ciriaco Legato Apos- 
tolico nella Marca Triv^na. 
T. XVI p. i%9* Plico Cardinale 
Vescovo Tusculano aio .di Car- 
lo da Camino. .. T. XVII p. «tf. 
Casdmal Legato suf lega col 
Carrarese • T. XVIII ^. 50. Car- 
dinal Branda del titola di & 
Clemente chiamato Cardinal di 
Piacenza Legato Apostolico in 
Lombardia. T. XIX p. «4. Car- 
dinal d'Alantone. Ved. Aqnile- 
ia • Cardinal Albanese • T. XVI 
p. 67* 

da Carerò fiume di S. Giovanni f 
catena posta dà* Veneti in esso 
in pregiuduBio del Paóiatca • T. 
K a III 



Ite C A 

III f. t8i« 

d«'CaHM#i JUfstH0 fcHbt e norr-- 

' jo MU cuiia Ducftle. T. XII 
p. }é 4» 4S 88. Sindico a rati- 
£c9t ]a pace «o* Genovesi • T. 
XIII p* J9* Cancenieie della Rc«> 
^ablica# T* XV p* lotf. Sttfsn»' 
Cancelfiere de* Veaexiani • T.. 
XVI p. IO. 

Carfggìaoo Villa pretesa da* Vi- 
centini . T. ni t». 61, 

Carigolo Binédftft- Console di Bas- 
sano« T. tlT p. ie8«. 

Carintia* Vedi Titolo;- 

Catintfa Duca ». Vtdl Boemia Re •• 
Ottone, Codorico* ed Enrico 
Duchi fanno pace co' Signori di 
Mantova^, e di- Verona . T. IV 
p« 148. irDucm' della' Carintia 
amico defConte di Gorizia , man- 
da ambasciatore- a FadoTi esi«^ 
bendosi mediatore aHa^p^cecoo 
Cangraode .. T. VI' p. 6* <j. 
Congresso- tenuto w Qfrmania 
fra r signori di Baviera, di Boe- 
mia , d* Ausctia , e di Carintia • 
T. IX.p.^9^»^r Tiivigiani rivo- 
cano e annullano le dedizioni 
.già fatte a' Duchi* T.* V p. tfj. 
• àt Carióhi Put^ttir/r Trivigiano . T» 
JI p. 22* Ambasciatore, de' Tri- 
vfgfani. . T. Itp..ii7. p;«rr« e 
Mtm^*tHff dv lui consanguineo' 
jnandati ali** esercito di Mastino - 
da*TiivigTani-. T. XI p. »4« Té* 
Ì9mmt9' Ttivigiano . T. VIII p* 
/ i|7» ZMmk9n9 presente in Tri*' 
▼igì ali* espulsione de* Castelli ». 
T, VII'p^ i«tf«. 

Carli £4frrt/«jmffM di Bassamr. T;- 
V p. ai *tf.. 

CéwUmsgm*^ conferma a' Dolcissu- 
mo Vescovo di Ceneda i Privi» - 
legf ddnt sua Chiesa • T. Ip. t*. 

Csr/»- ke ài Boemia^ • Vedi Boe- 
mia • 

Csrl^Kt di Sicilia Signore* anche- 
di Brescia . T. Ili p. 49* 

c^rlè Dttc» di^ Dmsoso I^guto del 



C A 

. Re d* Ungheria viene in ftaffk ,■ 
e si ferma in Udine • T, XlX 

p. 17. 

Cdrl9 Imperadore concede la Con> 
tea d'AIpago a Giacoma móglie 
di Fndrighetto da Bongajò . T. 
XI p« 182. Suo' diplòiha in fa-- 
vor di Jacopo A'Vòscsinò . T. XII 
p. 8s. Suo dfploma" in favor del 
Vescovo dr Fcltrc'.- *f Ixil p. 9»- 
Signore di Feltre e' di Belluno. 
Tom. XII pag. i'29* Dona- ft 
Mastino il dritto sopra' il lago di 
Garda. T.XIIp.i ór. iLende grazie 
t Guglielmo Bevflacqua. T.XnÌ p« 
XI Concede a Cividal del Friuli la 
publica Università. T. XlII p. 
at. RfVoca^ 1»^ concessione £itta 
al Vescovo^ dì Feltre del Conta- 
do di'Cesana\^e gli altri prìvi- 
leg}. T. xni pag. 22. Conclude 
pace colla Reptfblica di Venezia. 
T^ Xlirp. 17* Silo privile^ in 
fìvore del Veicovo <5Ìiliertf> di 
Ccnedà. T. Xllt p.^28. Concede 
fn fèndo ad attune famiglie be- 
nemerite k Contea di Cesana. 
T. Xlir p. 29*. Forma alcune re- 

folaziom* per 11 miglior governo 
I BellunOé Ti XIII f. jo. Suo- 
Vicario' iff' Feltre ed m Belluno 
Niccolò Patriarca d*'Aqnileia.T. 
Xlir p. 70. Restltubce^ al Ve- 
scovo di Feltre il Contado di 
Cesana. T. XIII* pag.. 77. Egli è 
adf un parlamento col iCe d* Un- 
' gherià^al quale diede Feltre e 
Belluno; T. XIII p. 85* S^itìter.^ 
pone mediatore alla pace del 
Papa , di Francesco da Carrara , . 
ec. col Viscontr. Tom. XI V 
p« t$. yiéne^ in^ Italia , ma'bì^fiW' 
che amico' dè*^ Venemnf' mette 
In timore i Tnvigiani. TT XIV 
p. «7. Airrfva- in Udine coinm- 
petattice e co* figliuoli, t; xtv 
p; a 8. Stipula istrumento di Le» 
ga colFàpr, co*'Marcfiiesi d*E.^ 
ste 



e A . 

fOt , co* Gonzaga » cogli Scaltgc- 
li, col Carraicse e col Visconti 
contro le cosi dette Compagnie, 

- T. XIV f* J4. Suo diploma in 
£if ore. della Simiglia da Cartata. 
T, XXV p. 54. I«jtf omento di pa- 
jce ^i» il?apa, e i suddetti piio* 
dpi della Loi^biiidia. T* XIV p« 
S7» Saà pzce col Papa ,con|ec» 
]l^ta• T. JpIV p. tfi. 

4a Carn^agnol* J^tf de* Tesef 
pxocaiatore del Visconti a fzt 
la tregua )CO^ Collegati della |<om« 
batdia. .T; XIX p. 91* Conte am* 

. inalato in Tiiv^i per una ca« 
dnu è visitato dal Marci^ese d' 

. Esce. T. XIX p. 140. 

Caimigoano Villa da*Padovani coo# 
ceduta agli Estensi* T. II p. jy» 

da Catmigoano EmrU9 Podestà di 
Bassano. T* II p« laa isj. 

C4m€ddsit^9, T. Il p. 75, 

Cacnia* Manuzio Pr^vojttoi^ T. IV 
p. 17* Sua g^staldia ceduta da} 
Patriarca al Conte di Gori^'a per 
sei anni T* Vm ?• >^^ I>an« 
si recati ({al terremoto del ij 47, 
T. XII p. 84. Aderente agli Udì* 
Itesi contro il Cardinal d' Alan* 
xooe Patriarca* T, XVI p« 104, 

4e Carola ^»r,c0 testimonio in U* 
dine. T. XI pag« loo. Ermé^mmé 
giura la le^ fira il Patriarca, e 
gli Scaligeri. T. X p. 129. Ca« 
valiere testimonip in Udine. T. 

^ XI p. loo. Alla investitura de* 
feudi Caminesi. T. XI p. ija. 
presente in Sacilc. T. XII p. io. 

di Carnipla Pellegrino Archidiacono^ 
T- IV p. 17. 

Caroibi c^rr^diné qu. Giovanni 
Siqdico di B^ssaqo^ T^III p. tfj« 
Yed. da Romano. 

de*C|troK B^n^Umméà, da Modena 
Dottore Vicario generale di Nic- 
colò Marchese d' Bst^ T. ^IX 
p. 91* 

de Caronello C$n$(lidM§ Concili- 
Acse. T« VII 2* i«4* /^V ^'^ 



C \ 117 

basciacore de' Coocgttanefli agli 
Scaligeri. T. X p« isS* A* Vene- 
ziani. T« XI pag. Z^.-MìthUh ^ 
PUtré^ e Pd»h da Cooegliano. 
T. XIX p. ii7 ijS ij9* N!te»lè 
nel Consiglio di Conegliano* T« 
XI p. 151. /^^ 

Carpano Pieve so^etu^ a idiote* 
belluat. T* IX p. 14.5* 

Oipenedo Villa del Trivigìano 
manda guastatoti a Mastino. T^ 
;CI p. aa. Abbruciata nella guer» 
ra da* Veneziani. T. XI p. 70» 
Villa anegoata a Mestre. T. XI 
f. r?8. 

Carpenedo Villa del Patriarca. T* 
IV p. for. Occupata da* Trivi* 
giani dopo la morte di EctUno 
e di Alberico. T. IV p, 101. 

Caipeqeo di Medade Villa del Tri. 
vipiano manda guaftatori » Ma- 
stino. T. XI p« al* 

Carpenè di Meolo Villa del Trivi, 
giano , e sua tangente di coIte« 
T. XI p. 74. I 

Carpi Castello del Modenese di 
ragion della Santa Sede* Sfris» 
T. VII p. 14* 

da Catpi Signori aderenti di Rer« 
nabò Viscond *ono inclusi nella 
pace fra i Prìncipi della Lom* 
bardia. T^ x;V p. «j Mércé p;« 
e Catelli entrano nella Lega de* 
Prìncipi Collegati coiitro il Vi- 
sconti. T. XYH ?• III. 

Carpineto Villa e Castello de* $i« 
goori à9i FoglijUK). Sf^rls» T* X 
p. 96 89» 

de Carpo Brdchi di Modena. T. 
IV p. aoe Biirt9l9mmt9 de Moa- 
ra nel Consiglio di Verona. T, 
XVin pag. 81. Eletto Sindico a 
dar Verona alla Republica* T* 
XVIII p. 8a. 

Carrara Villa del Pado^^p.; fendo 
oella decima conceduto dal ve- 
scovo di Padova a Francesco da 
Carrara. T. XIV p» 7i« 



H| 



CÀ&« 



' e A R IL A R E S I • 

da Carrara Jlb9rt^t^$ au, Giovaani 

, Tappafàva baadtto da* Padovani 
ptr pablici debid* T. IV p.xotf. 

^«p» B»nlfmKÌ9 qu. Jacopo. Ved. Ja» 

' copo qu. Francesco* 

m^ Cét§rimà, figlia di Jacopo t* era 

. "'ftttt sposa con Andrea de*Pepo« 

li figlio di Giovanni Signor di 

*' Bolagna , ma era morta. T. XII 
p. 114. 

'km c^»u figHaoIo naturale diFran* 
^ Cesco il vecchio , prende il pos- 
sesso di Sacile t nome de* Si- 
gnori di Padova. T.XVI p.tsi* 
Luogotenente in Sadle per essi. 
T» XVI p. if4. Suo elogio. T. 
XVII pag. 4if Capftaofo di suo 
Itatello contro il Visconti. T. 
XVII pag. 4?. Giovanni Aucnd 
Capiun generale delTeserdto , e 
Conte SQO compagno. T. XVII 
p. 45 4tf. E* ferito in un brac» 
ciò sotto Berpmo. T. XVII p. 
47. Testimonio in Padova. Tom. 

XVII p. 6$» Licenziato dalla le- 
ga , ma che non -debba molesta- 
le i luoghi del Visconti. Tom. 
XVni p. 5. Eletto procuratore 
di Franc^scp suo fratello. Tom. 

XVIII p. ai. Compera da An- 
foirfo Aceto da Fermo Monte- 
granaxo, ed altre terre nella prò. 
Yiocia Anconitana^ Tom. XVIII 

Cmmlnxé moglie del qu. Tlsone 
da Camposampiero s! lamenta 
co' Trivigianl di alcune parti 
prcsQ nel loro consiglb control 
diritti de* inol figliuoli T« VII 
p. t$«. 
»^ JPi»« Bqzzacarfni moglie di 
Francesco il vecchio. Toni. XV 

^ Fréine^^ ìì vecchio qu. Jaco^ 
pò Signor di Padova Mediatore 

-deth pace fra Niccolò Patriarca 
d'Aqufleia, e I Conti di Gori- 
zia. T« xni p. 44« l Veocziaoj 



C A 

gli ricercano le possessioni , che 
fiirono di Marin Falieto. T.xnK 
p. 47. Manda In Valsngana gen- 
ti , e prende levico , e abbru- 
cia rasino. T. XIII p. 5*- Ade- 
rente di Lodovico He d* Vn^ 

f berla nella guerra de*Venezìahi 
compreso nella pace. T. XIII 
pag. 71* Diploma del Ke in suo 
fìvore prendendolo sotto la sua. 
ptotezlone, e promettendogli di 
difenderlo spezialmente coatro la 
Veneta Republica. T. XIII pag. 
7J. Istrumento dì lega a* danni 
del Visconti. T. XIU ^.88. Suo 
privilegb in favore delf arte 
della lana. T.XIII p. 94* Feltre 
fili conferma 1* assoluto dominio 
m perpetuo della Clttk, e del 
distretto. T. XIV p. j . Strumen» 
to de* patti to* quali prende al 
tuo soldo diversi Capitani di 

Snerra • T. XIV p. 4* Accorda 
elle sue differenze co* Venezia- 
ni. T« XIV pag« IO. Unitamente 
agli ahd Collegati contro il Vi- 
sconti stipula V istrumento «di 
pace. T« XIV p. 15. Suo deer«- 
co, che richiima tutti i banditi 
per debiti per ripopolar laCitt^ 
di Padova desolata dalla peste* 
T. XfV pag. 18. Porta afuti al 
Patriarca, e ottiene vittori a con* 
tro il Duca d* Austria. T. XIV 
pag. ai. Va in Udine ad onorar 
la vetrati di Carlo Impecadore.. 
T. XIV p. a8. Suo decreto, con 
cui conferma gli stMutl deir 
Arte della lana in Padova. T. 
XIV p. 30. Entra nella lega con-^ 
tro le co« dette Compagnie. T. 
XlV p. |4« Egli A obbliga per 
S« barbate. T. XIV p. 37. AU 
fera f confini del Trfvi^no , e- 
del Feltrino verso Cesana. Tom* 
XIV p. 44 «9. Ordini dati fez 
questo eèetio dal Doge a*Trtvi;i. 
gianL T. XIT p. 4$ 4« 4» 5*^ 
A8sif ut 1 suoi foddfd , che noo 
vi 



m ì gnm col Duca d*Aiìtmi. 
¥. XIV p» $4. Diplotot di Car. 
io }y« Iinpetadore^ con cui zu 
àoWt la famiglia da Ca^raU, 
che età stata condanoata <K ribeW 
iione ne' tempf addietto da £n- 
xko VII. y e le restitimce tnKi 
i di lei jAtf ?legff ed onoii. Tom* 
XIV p. $fv Frocara di diterltre 
r alveo del Mofone. f. XIV p« 
)4,OfdhM al Aio Podestà in Bel- 
hiDO dì portarsi a Padova. T. 
tiy p. ss^ ^ dì mandate ami 
spìa a Conegliaoo , e al Sétrai^aU 
le a vedere coaa operino i Ve- 
' netianl coDtro i Du^hi d* Aa^ 
stria. T« XIV f. 5^i Avvisa it 
Podestà di Belluno, che 'a mo^ 
menti e^ aita coOr T. XIV ^^ 
^7* Isttumento dì pace col Vi- 
aconti. T. XIV p. 57. Si conferà 
ma la pace gjà fttu ifel ijtfpv 
"f. XIV p. 6i. negata il Mar^ 
che^ ^ Ferrara di ttatd i ca^ 
pretti ti VI dei BeUunese. T. XIV 
p. 7o« Sue ditferertsc co* Vene-r 
ciani pei confini de! Bellunele. 
T. XIV pag. 7T. Otdina al suo 
Podestà di Belluno di / riceveref 
In Città Indcblno Visconti. T^ 
ZIV pag. 71* Ordtra dati al mict 
fÒdeÀ dlBellnnor per certe mn* 
xà^ M egli votevi ftee presso' 
ìì Castellar della Citta. T. XIV 
p* 7*0 Riceva 1^ iflfvesi^tara dal 
Vescovo^ dì Padcfva di varj fda^ 
^. T. XIV f, ' 7 j- I Venexiani 
«oosuliitoo ih pregadi sopra gli 
argini, eh* egli fiiceva nella loro 
gRirtsdizione« T. XIV p. 7}* I 
^cneuam fanno dmitfere i pas« 
ti del Tiivl^f» eogli itati del 
Cai rarese , e richianiano tutti 1 
awMiti^ Jé XIV p. 74* Sospetti- 
don^ it soprasentto coman(fcv 
T. XIV p. 75. Papa GvegOTio XI. 
procnnr di conpocte ledifl[eren«^ 
se tra I Vertexiaoi , e i Cariare*^ 
M. T. XIV p«t 7SJ Xhicale al Io* 



(5 A , : »;f 

desia di Trivigi d! apnre f pa«r 
si verso Padova , Feltte , ed V 
tri luoghi del Carrarese. T. XIV 
p/ 7tf. Dùcale al Podestà di Tii-^ 
v^i, che ordina di custodire i 
lnc|^ essendo per spitare ì\ 
tempo di un compromesso cot 
OCriarese , di chiudere i passi 
a* confini , e di tener in pronto 
I distrlttuali atti ali* armi «Tom. 

XIV p. 7«. Proclama de' Trivi* 
giani, che proibisce la comuni- 
cadone col Padovano* T* XIV 
f, 7f. Incoiate di insidiar la 
vita a* Cittadini Veneti. T. XlV 
p. 79^ carte che prova il ino 
dominio nella Valsugana. TJ^IV 
p. Se. fiotta deir esercito Ve* 
èeto data dagli Unghcri. TJCIV 
f. 81. Cede a* Duchi d* Austria 
Peltro, Bethino, e tutta la VaU 
sngana. T. XIV p- «1. Si publi. 
ca la pace £itta cogli Austriaci, 
e le condixioni di essa. T. XI v 
p. $j. T. XVI p. tf. IVenexian* 
destinano un Colico ftt invi* 
gtlare intorno %* sospetti , che si 
avevamo di lui. T. XIV p. 8s^ 
Conclude la paee.co'Venezidni. 
t. XIV p. la «7 «•* * YfJ^^ 
ttani elesgoqo cinque nobili a . 
arabilire 1 confini fra i torritòtK 
di Padova , di Tiiv^^ di Bassa* 
no, del DOgado di Chioggia, 
e di Cavaraere. t« XlVr f^ i»' 
Divisioni- di essi còdfioi , • Mn* 
tenta. T. XIV pàg. 99. o aagg^ 
Suo decreto, con cui rentituiace 
nella sua ^ania Biasio Signor 
di Strigno* T. XV p. j. Avvisi 
la Kepublica, come H Dik' . 
I.eopoldo col aoir esercito era » 
Fcltre. T. XV pr 7. C'oneltfd^ 
tregua dt>l Duca Leopt^lda T# 

XV p. ^« t Veneaian! si lamenti 
^no 41 fot presso il Ro d' Vn^ 
gheria. T. XV p. >9. Si nccecmo 

. di. aver obbligato il Catrasese « 
lÉtaniidàr la paca colla corda al 
U 4 •^^ 



#4f# e A 

^*«o. T. xy p- j«. sì £i pi- 
gione di Castelfranco, esr pre» 
paia di andai jotco Asolo. T. 
JCV p. SI* goleata ì Tdvigiani, 
.e si fa padf9iie del ^cTJtQjòo le- 
vando da* ca;np4^1| dellf ^ille 
le insegne del puca Leopoldo , 
e mettendovi le sue. T. X^ p* 
69» Tenta di sorprendere di not« 
te Castelnovo In Canal di Pia« 
ve, ma non |lj riesce. T; XT 
f. 7o* Supula istrameoto di pa- 
ce co* VeneziaRJ, T. |^V p. 72. 
Manda i ju.oi arobasi^i^pd a To- 
rino' a- nome suo , e di France- 
tco juniore suo figliuolo. T.XV 
p. 7j 74. T. Xyj p, 9. JSellf 
pace si dichiara, c^* egli tenga 
Koale , Castelfranco , Asolo , Ro? 
mano ec. T. XV p. Sa. Capito- 
j] della pa^e co' yen^anL T« 
Xy pag. 9e« Non doveva esset 
molestata da* yene^iiapi iptornQ 
alle terre e cartelli ^he aveva 
occapap nel Triyigia|)p ec. T. 
. XV p. 91* e segg. Vpd. Venesia. 
Sue pietesf yersa T Veneziani di 
^5 mila ducati già dati ad essi 
da Fina sua moglie. T. ZV pag, 
55* Sue aderenze in T|^vi^L T. 
XVI p. 4I Non ascolta le isun- 
tK de* 7'ìvigU'^ ^r 1^ zesritn^ 
«One delle cose toke. T. XVI 
p. 6» Molesta i Trivigiani fero- 
cemente. T« xyi. p. 7. I Yene- 
fiani dichiarano alcuni capitoli 
compresi pelU pape iatta nel 1 j 7 ? 9 
T. XVI p. 8. 11 JLc d' Ungheria 
gH tacpoinapda il Cjirdinal d^ 
^kpzone. T, XVI p, iù Bastie 
pyì Sile d§ lui fàbi^ricate. T. 
XV| p, |4f Rapili e yìpleoxe da 
Jgi usate nel territorip di Tri, 
vigi. T, XVI p. |tf. Fortifica la 
locea df Asolo, e il sho fetri* 
^xio da Cpmpoiampieto a Pi- 
stfE^lfian^ T? A^y P* «•• f'^ 
f^^ una totiu snlslle* e «sa 
5»)JP Wptowc^nupTnvigi, T, 



XVI p. 18 • Teneva occupai | 
Castelli del Trivigiano. T. XVI 
p. r9* Il Duca pxomette a'Tri- 
vigiani di liberarli dalle moles- 
tie di lui. T. XVI p. fM» Calta 

. di confini stabiliti fta } Yene* 
xiaoi, è I Carraresi coUa me* 
dtaxione del \^aichese d' Sste. 
T. XVI p. 24. Continua a no* 

, lestare i Tiivigi$9Ì, xd a si;pn- 
gete la C^ T, XVI pagK Jp. 

. Prende Col dl^ad^rnp,' ]Fieu , _ 
^ungamossopo , e Caste 1cui:cq 
•T. XVI p. ji. M^i^isTf d* ar- 
mi le fbrtea^ce fatte contro ^ri* 
vici , e Feltre. Tom. XVI p. 
Fabbrica a Narvesa una bj|s;ia^ 
•T.XV| p. j3, E un Castello.. T* 
XVI p« 34 j7. Ed una presso 
pderzo» e un'altra preuo .rps- 
pitale di Piave . T. ?cyi f. 34» 
Stringe il blocco di Triyigi • T, 
XVI j>. |tf 37. J Cpllalii dic)ùV- 
lano di volet esser neutrini! nel- 
le differpnse , chp i Trivigiaiiì 
ayevano.^col figopr di pajoyj^^ 
T. XVI p. 37.*Sji'^vvicin8 tll* 
porta de^ SS. 4» $:oll' esercito. 
T. XVI p. 39 4« 4?. Jro^nc 
rasse4io', e d^ ilgo^to altor^ 
ptorio • IV XVI p. 4P* Asitedia 
Crispignaga preso Asolo • T. XVI 
p. 41. E lo pteode . J. ivj p. 
4a 44. ?rosegue V assedio 4'} Tri. 
ytp* T.XVrp«44» Fabbrica JUM 
)>astia a Qn?fo • T. ì^YÌ p. 44. 
prende il Castello 4i S* Faolp 
presso la ^ave» T. XVI p. 4^» 
^conì sjiediti dal Duca |^eo- 
poldo jcoopo 4ì luii ]^r cui si 
ritira dall'assedio, e si allenta^ 
.Ut . T. XVI p. 4« ^7 '4«fc l.a 
Kegina d'Ungheria spedisce anu 
|>ascìata a lui ',* per^chè £iccia 
una uegua col pnea • T. XVI 
p. $o« Sue operaajpot cóntro i 
Triv^ia^, e m^da nn esercito 
•ni teritorìo di BeUuào, e di 
Mtt«f T. Xyi p. 5t Jl Pttca4» 
Auff. 



<5 * 

jAMfii , .fi &e de' B4>mtiiì , iC 
{ti Elettori dell* Impero si unu 
jrofiok ih lega <;oruro di ^ui. T. 
XVI p, Si' 5J. ^xo$C£3xc F asse- 
dio di Tijvi^i. T. >yi, p. 54. 
Fabbxìca ba^ie a J^ogliano. ,T« 
XVI p* 55. Ki^tfCe la Città agli 
ultimi eterni per la fììme, T. 
XV) ^ stf. Tratta la pace col 
paca coU^ mediamone ipl Re 
de' Romani. J* XVI p. 57.; Qr- 
dina che siano restituite , a' 
Tiivigiani le cojie joJfe jo tempo 
di tregue. J. ;^yi p, 58^ Ritor- 
na aojcfo Jriyftji, e jp;anta iJ suo 
campo a Fontaoe , prence Cru- 
dignano^^pderzo, MÌotpa e^ n^ol- 
^i daoqi 2Ì territorio. T. XVI p. 
59 ^ci ^A* Eli^abetia Reflioa d' Uiv 
ghetta gli seri /e perche s* inter- 
ponga a pa^ciiìcare le guerre jci- 
vilj ^ chie rovinava/io il Friuli . 
T. xyi p. tfj. S/rme alJaComup 
pìfk di jjiìnt esibendosi medii^ 
torc fcx l^ pace. T. ^CV; p,.tf4. 
Scrive alla i^epublica per I^ re^ 
sutn^LÌpne dj alcuni aDimali ru« 
huì dalie genti di Csstelnovo a* 
sudditi Veneti di Fola. T. XVI 
p. 57. Sctiye al Cardinal Alba- 
nese ragguagliandolo dello stap 
di sua salute, e delia gujcrra, 
jrhe fac^a poU* Auff r Japo. Tom, 
ZY} ^ag. 67* Scrive a Giovaoni 
Vol^rjo commettendogli di pre- 
scintarsj al Doj^e^ pd al Consi- 
glio di Gqioya per es^re cer- 
ta, somma di ^a|iaro a lui do- 
vuta. T. XVI p^ tfé. La Comu- 
nità di Udjne gli scrive lettera 
jftffiziosa professandosi obbl^ata 
per i tanti bencfìz; da esso ri- 
cevuti, J. XVI p^ 68. L'Austrir 
«co gli xjnuozia Cpnegliano. T. 
XVI p. «9, I yeneziani dichia- 
rano, cV essQ possa aver per 
Podestà di Padova un nobile Ve- 
peaiano. T. XVI p^ 69. Assicura 
M Aegiiui d*uoghexia, c^<s 099 



C A 1Z9 

ha Ki pensieu) di ^mdur !e j»f 
genti a* danni del Friuli. T.XV^ 
p. 7jo. Pace celebrata fra Ini^ ^ 
l'Austriaco. T. XVI p. 71. Ac- 
compagna con lettere Calcino 
Torniélli Podestà In Cpnepliaao. 
•T. XVI p. 7a. Scrive alla Co- 
munità 5IÌ Cividai del Friuli ko^ 
pia il compromesso fitto in luì 
1^ ìa pace. T. XVI p. 7*. Com- 
inette ài Podestà di Q^negUano 
di portarsi co* suoi soldati a 
Mesco^ T. XVl p. 76. Sua sen- 
tenza sopra le diferenxe, che 
vert(evai)o fra il Cardinal d*AJan« 
zone, e i friulani. T. XV! pag. 
77 8 a. Fa grazia a tutti i pan- 
niti di Qonegliano di ritornare 
alla patria. T. XVI p. 8 a. Ordi- 
na al suo Podestà ih Conegliano 
. fli. fabbricar la torre vicino alla 
pona, J. XVI p. »jf B che lo 
;cenda avvisato subito , /che il 
Conte Morando di Porzia abbia 
pr^so il possesso 4e\ Capit^niato 
Jdi. Sacile. T. XWl p. 9^ Manda 
a Conegliaqo Brune^o suo Cofv- 
testabile, pd Eripapnp 4* Crc. 
mona , e ri/rhiama a Padova Cal- 
jeino de* Totnielli. T. XVI pag. 
84, ptdipa a Giovanni da Bor^ 
sericpo suo Vicario di custodire 
Conegliano. T. XVI p«.85. Pesi- 
iiera sapere quando il Conte 
Mocancio abbia preso jl possesso 
di Sacile. T.XVI p. 84* Promet- 
te immunità per .4<éci a^f a 
phiunquip an4asse fid abitare in 
Trivigi p in Ceneda, J. XVI p. 
86. Fa molti preparativi d*ari|ie 
in ConegU|tqo contro Sacile, e 
IDi^da due ambasciatori in Un- 
ghprit* T.JCVJ p. 88, Suo credi?» 
$p yerso i p^llunesfi. T. XVI-p. 
89. Ordini dau, al suo Podestà 
dì ConegU>.no, T, XVI p.po^t. 
, £samina e corregge gli sratuti 
di Trivitf. T. XVI p. 91* Man- 
iji leatTio Friuli al s^y^odel 
fu 



m C A 

Fttriarca. T. XVl p« f4* Assica« 
la lo SctlmetOy che fton ha in 

rìdete di movergli gaerra^, e 
racgtiiglia delle sne direzioni 
Ì0 FiiuH. T. XVI p. 9$. Il Car. 
dinal d* Alaotone lo prega df 
pronto soccorso* T. XVl p« f 7* 
Lo Scaligero lo rmgratia delle 
onote date* T. XVI p. 93.Con« 
^ cede a* fòrdcnonesi di es^aer 
dal Trtvigiano le loro entrate. T* 
XVI p. 99, Concede Scensa adi 
agricoltori FriuTam di Tenire ad 
abitare net Trifigiano. T. XVl p« 
toi. Pnblica la lega £ittacontra 
le così, dette Compagnie. T.XVt 
p. tei. If Patriarca lo elegge 
AVTOcato della Chiesa d* Aqui*^ 
lefi, e lo investe di varj Castel* 
H del Friuli T.XVI.p* 104. $tte 
tenti in Cittadella contro gli V^ 
Cinesi, che tentavano d? passar 
la Brenta. T. XVT pag. 104. Il 
Conte di Fòrsfa scrive agli !/• 
dmesi» come sf debbano dipor- 
tare per acquistar vantaggi con- 
tro fi signor di Padova. T« XVI 
p. itf$. Lega stijpulàta contro di 
Ini da* Veneztam, dalto SCati^- 
fo, e dalle Comunità d'el FtAi- 
H. T. XVI p. iù6, Tk ritirar, in 
Trìvigiana 1 popoli c olla roba 
entro alle fortezze. T. XVT pag. 
107* Papa Urbano procura di 
pacificare le discordie* del Frib- 
ii, e le ^eire fra il Carrarese,, 
e ìb Scaligero. T. XVl p. top. 
Lo Scaligero molestato dal Car. 
ffarese. T. XVI j>. ne. Ordfn* 
ti* suo Podestà di Triirigf dr non 
render ragione , se non Ih certe 
determinate materie. T. XVI p. 
tir. Ordina a* suor Rettori m 
TrìvIgI di ovviare i danni , che 
recavano' I saccomanni a* sod^ 
diti. T. XVI p» ni. E che W 
formino de* danni recati dirlle 
genti di Mestre. T. XVI p. tu 
' M cbe imtometdoo tutti t- beni,. 



r. A , , 

che { Veneziani averattò ifl TO# 
vtgiana. T. XVI p.iH »i4. 0¥^ 
dina, e limitt le Jpese che ht 
dovevano i Benunòi ad ogni 
mese. t. XVI p. <t4* Ferraeite 
a tutti i banditi d! ritornare in 
Feltre ed in BeflUno eccettuati 
ì rei di suto, e gli assassini» 
r. XVI p.ir5. Bandisce datut^ 
to Io stato Camtrese le' monete, 
e i drappi forestieri , ordinando 
' che sol monete Carraresi e drap, 
pi fiibbricatl in stàtor dovessero 
aver corso e luogo. T. XVI p. 
ritf. Bicfaianlla tatti que* Bellu- 
nesi , che fossero al servizio del 
Signor di Verona , o de^ suddi- 
ti di esso; T. XVI p. ri7. ^« 
vittoria contro le gent? Scaligere 
presso la Brentella. T. XVI fag,r 
1 rt. t Trìvìeiam" sf congratulano 
di questa vittoriir. Tom. XVI p. 
itt. Aftro suo proclan«i sopra 
le monete fbrdtiere. T. XVl p.^ 
119. PVoclania, che chi avesse 
roba o danarf in' VenezSa , e deb- 
biti" verso qualche Veneto do- 
vesse darlo in dota. T. XVI p. 
i»o; Prende le Tórri diNòvaglia*- 
r. XVI p. iid. Esaudisce 1^ i- 
fltaisze die* Bellunesi intorno alle 
monete, e ito il Valóre del 
aoMo veneto , e det ducato. T. 
XVIp. rat. Replica il coman-- 
do df tener fti fermo sequestro Ik 
rendite de* Veneti. T. XVI p. 
sai. Manda Giovanni de* Ben- 
/asbni Capitanio itf Feftte ed in 
Belluno. T^ XVI p. la'j. E An- 
dtea de* Bilitonf Capitàaio in 
Agordo. T. XVr p. 1*4. U '^i- 
carió di Cadore di Ifcenza agli 
Ambasciatori- del Carrarese, che 
posano colla loro fatniglia pas- 
sate per Càdbte liberi e sicuri . 
Tom. XVT p. las. Danni recati 
dalle sue genti alla Chiesa 4*^ 
Aquile)». T. XVI p. ia« ^7* 
Jone una gravezza sopra i catn.» 



e A 
fi detli Cittì^ e del territorio di 
Trtvigi per fortificare, e presi* 
dia re la Cttt^ e i Castelli. Tom. 
XVI pag. xat. Il Papa esorta i 
Veoeziani ad intromettersi per 
la pace fra il Carrarese, e lo 
Scaligero. T. XVI p, n^. Ot« 
tiene vittoria contro lo Scalcerò 
«1 Castagnaio. T. XVI p. 1 13 
j 5 j. Vuole la non de* prigioAi 
fìtti nel conflitto. T. XVI p.ij ). 
Invita al suo servizio quelle mi* 
Hxie , che erano io Mestre. T. 
XVI p« x)4. Il Carrarese giovi- 
ne era a parte del governo col 
padre. T. XVI p. 135. Sno prò. 
clama , che nessun suddito deb- 
ba danneggiare alcun Veneto.T. 
XVI ^. ijtf. L^ genti Carraresi 
in Tnvigi molestano i Venezia- 
su* Tom. XVI p. i|9. Spedisce 
Yiancesco de* Kormannioi a Fel- 
tre, a Belluno, a Trimolano, a 
Castelfranco con commissioni se- 
crete. T. XVI p. 142. Richiama 
I suol ambasciatori, che avea 
spedito in Udine a trattar la pa- 
ce. T. XVI p. J4J. Sue com- 
mitsieni segrete a* medesimu T. 
XVI fi. 14 j. Mancai che i suoi 
ambasciatoti facevano per la pa- 
ce co* nuoistri de*Conegati Triu- 
JanL T, XVI p. 145. 1 Civida- 
lesi sono grandi amici di lui. T. 
XVI. p. 147. Veneziani manda- 
no soÙad in Friuli contro di fui. 
Tom. XVI p. 148. Gli Udined 
scrivono al Duca dfi Baviera la- 
menundosi della guerra mossa al 
Trìnli dal Carrarese. T. XVI p. 
149. Ambasceria dei Daca agli 
tJdioai per ttature della gu<r- 
la pcesente. T, XVI p. ijo rst. 
Fensa di mandar le sue genti al 
campo io SacilcT. XVI p. isa* 
Sf fì padrone di Sacile. Tom. 
XVr p. i$|. E di Caneva. T. 
xyi p. 154. Scrive a* Cividale- 
iii come ù YilcOBti s* era fitta 



C A T«T . 

padrone di Verona, e di Vicen» 
za. T« XVII p. j. Urbano Papa 
procura di pacificare il Friuli » 
e che il Carrarese restituisca le 
terre, e i Castelli della Chiesa 
d*AqLUÌlcfa. T. XVII p. 4 H Pa- 
triarca eletto , e il Marchese di 
Moravia suo fratello gli racco- 
mandano la Chiesa d* Aquileia. 
T. XVII p. 9. Prosegue la guer- 
ra in Friuli contto 1 Veneziani. 
T. XVII p. IO. Scrive a* suoi 
anuci in Friuli , come fili Udi- ' 
ncsi e i loro Collegati dismrba- 
vano iman^gi della pace o tre- 
gua, che si £icevano in Ferra- 
ra. T. XVII p. 11. Rinunzia it 
dominb a suo figliuolo. T. XVH 
p. Tj. Gì! udinesi noverano le 
spese fìtte in questa guerra. T. 
XVII p.i j. Loro allegrezze quan- 
do il Carrarese perdette Padova» 
T.XVII p. 14* II Re di Boemia^ 
e il Patriarca eletta vogUono, 
che rilasci t Castelli da lai li- 
tenuti in Friuli, altrimenti sono ri- 
solati di movergli guerra. Tom» 
XVII p. tjK E' obbligato di ce- 
dere Trivigi, e tntd gli altri 
luoghi. T. XVII p. 20. I Trivi- 
giani detestano h sQa tirannìa. 
T. XVII p. 12. I Veneziani rag.^ 
guagliano il loro Podestà di Fi»^ 
rano, come t Catraresi furona 
vinti , e prese tutte le Città ad 
essi soggette. T. XVII p. aj. 1 
Triv^iani fknoo festivi i ^rnt 
*9* e jo. di Novembre in me^ 
moria di essersi liberati dal Caz» ' 
lareae. T. XVH p. aj.Si accen-^ 
in quanto esso abbia molesut» 
ilFriuU*. T. XVn p. «i. 
-«« FréHMHf9 il giovine figliuolo di 
Francesco il vecchio. Gli amba- 
sciatori a Torino per la paceco*^ 
Veneziani fanno anche a nome 
«no. T. XV p. 73 74. T. XVI p. 
9* E* a parte del governo col 
padre. T* XVI p» ij** Kotifica 
••Ve» 



Ili e A 

V ▼eo«ziani, come amo padre 
^vea Rinunciato il dominio di ?«.-> 
4ova , ed esso era statò, eletto 
;Signoze, edimand^un salvocon- 
dotto per trat,tar le differenze 
jcon essi. 7*. XVII p. j)» E'ot- 
bli^ato di cedere Padova, etut- 
ti « juoi stari al visconti. Tom. 
XVlI pag. 1% ao aj. Il Duca 
di Baviera promette di aiutarlo 
H ricuperare i tuoi stati. Tom. 
XVII p. 30. ^Giuogopo le tue 
genti af Sile a Settimo, e s' io- 
camminano verso Rustega. Tom. 
XVU p. jx. Levatosi coir eser- 
cito da Camposampieto occupa 
tutti I |?prghi di Fadoya. Tom. 
XVII p. jr. Avvisi da Bologna, 
Pavia, e Reggio 4^gfi eserciti 
del Conte £ yirtì^ contro il 
Carrarese. T. ;CVJI p, u. Arxi- 
Taoo 4c* Tedeschi a Pordenone 
in suo ajuto. T. XVI| p. ji. 
Arriva il Duca di Baviera co:i 
nn esercito in suo soccorso. T. 
XVII p.j 3. Esce da Padova coli? 
etptcìtq per imi>edire ogni soc- 
corsOf 7. XVII p. J4. Pone il 
tuo campp in Aifteqano con 
intenzione di dirigersi verso SOr 
cino. T[. XVII p. 3«. Attacca la 
battaglia colle genti del Visconti 
presso Fossa Ita rcrritpdo di Ca» 
ttcllranco. T.:|VII p, jb^ I Prin- 
cipi Collegati contro fi Visconti 
ti radunano a ^adova , p 11 Car- . 
farese è eletto Imperaflore delP 
esercito. T. XVII p. 40. Le sue 
^enti danno un astaltq a Ba ssa- 
no , ma inutilmente. T. XVII p. 
4a '4X. L* esercito de' Collegati 
contro il Visconti prende Ilasi , 
nu non la rocca ^ passa V Adi. 
gè, yinjre in una zuffa i Vi- 
sconziani., ritorna a Padova a 
passar l'inverno. T.^^yil p.45. 
Si fa Capitan genet^le Giovanni 
Aacttd, e Conte da Carrara tuo 
fM>fflpa|oo, T. XVn p. 4S 4tf, 



C A 

•L'esercito passa TAdige. T. XVII 
p. 4tf. Arriva al Mincio, patta 

V Oglio , rispin^e i nemici , che 
isi OppQngono , arriva sotto Ber* 

gamo. Conte da Carrara è fé* 
rito in un braccio, e il Conte 
dali* Angnillara ^ creato Cava* 
liete sul Ponte di Bergamo. 
Tom, XVII pag. 47, Arriva 
sol Milanese , si stabilisce fra 
I aue eserciti di fare un com* 
battimento di quattro Cavalieri 
per patte. T.VIl p. 48. Si fa 
nn corso di cavalli per celebrar 
fa festa di S. Giambatista. Tom, 
;cvri pf43. Ritorna in dietro, e 
ti ferma tul territorio di Gre* 
mona. T. XVII p, 49. Ripassa 

V Oglio , e arriva sul Veronese. 
T. XVII p. 49. Ripassa PAdigc, 
e ritorna sano a casa. T. XVII 
p. 50. PranceiRCO lodala ratifica 
il compromesso , jche i suoi am- 
basciatori in Genova avevano 
fetto nel gran Macsuo di Malta, 
e nel Doge per la pace col Vi- 
fconri. T.XVn p. Sj. Isttumcn^ 
to della pace. T- ?VII p. 54. 
Condizioni di essa. T- ^ XVII p. 
SS. Corrcaoni ed aggiunte all' 
jsttumento. T. KYH f. $8.Eleg- 
ge due gitt4ici arbitri per com* 
porre le differenze con Milano 
flc' Malabatbi. T. XVII p. tfj. I 
Civitatesi rapficaoo questa pace. 
T. XVII p. 64. Ratifica la sna 
commissione a* suoi ambasciato- 
li spediti a Ferrara al congresso 
per opponersf a* tentativi del 
Visconti. T.XVlI p.*7S. Bospon* 
de a due let^cte d^l Marchese 
4' Este. T. XVII p. 77. Sua dif* 
fcrepza col Marchese Niccolò d* 
Este per la dote di Taddea ac- 
comodata da* Veneziani. T. XVII 
p. 78. I Bolognesi pli mandane 
nn ambasciatoti per omnereun 
prigioniero. T. XVII p. 79» Si 
jiccenna guanto Francesco il vcc- 

chio. 



e A . 

éiiOf e il giovane abbiane mo«* 
Testato il Friuli. T. XVII p. 8f. 
tt Marchese d* Este gli sborsa 
U quinta pdlrte 4el suo debito 
Conforme alla sentenza de' Ve« 
itexlaiù. T. XVII p. 9t* Sua sen- 
tenzi come giudice arbitro uni-^ 
to t Francesco Gonzaga nelle 
ditferenze fra le. due Comunità 
df Fiorenza e di Bologna^ Tom. 
XVtl f . 9J. 11 visconti ottiene 
una vKtoria a Mantova- contro 
le armi de* Collegati. T. XVlI 
p. 9^* Manda suoi ambasciatorf^ 
a Ferrara per coll^arsi eontro 
il Visconti. T. XVU p. 97. I» 
^ strumento di qne^a lega. Tom** 
XVII p. 97.' ^i Ul la tregua col 
Visconti. T. XVlll* p. j. Il Vi- 
icooti promette che non sarà^ 
molestato; T'.XVIir pis. I Prin- 
cìpi Collegati conchiudofio la 
pace col Vis<*ònti. T. XVlII p, 
27 x8 19. Concldude if matri^ 
nonio di Marsilio suo' figlinolo' 
^on nna> figliai del Daea d* A- 
drtft' Conte dfFlavtioo.T: XVIII 
p; at. Non' Ttiore' pih custodire 
Castelcaro, perche non gli te-* 
oiVano somnuoistrate da*Fioren«- 
tim le paghe' al Capitino > ed a*' 
fidati pxomtaMe;^ t. XVIII pag. 
aj. Due peritf pelt ordine della 
iLepnblics rinhovainDo* ì confini 
per quel che riguardai solamen-^ 
tè al territorio Padovano colVe*- 
netiàno- già posti nel 1^74* T.' 
XVItl-^^ ^5* Due suoi ^li son 
£itti prigionieri in una battaglia 
txV Bolognese dal Visconti. T. 
XVIÌI' y. 19^ Coodude- la' pace 
cdlla DacEcasa di' Milano, e co* 

figli; T. xvnr p. 42. si vuole 

oppotie a*^ lavori , che si ftce- 
¥fe&o in' Bassano' pet isvolgere il 
corsp^ della Brttìta. T. XVIII p. 
47. Eòtrr ia lega' del Cardinal 
libato ^ e de* Fiorentini, Tonu 
:mil p. st, Vvnvk fcrso Bre^ 



C À »it . 

scU col suo esercito, è i Guelfi' 
della Città lo .elc^ono per %w 
gnore. T. XVllI p. 50. Suo di- 
«piacere per la pace fitta fra il 
Papa, ed i Viscoati. T. XV III ^ 
p. so. Spedisce ambasciatoti a. 
Federico Duca d' Austria' per 
unirsi in Ic^ con Inr , ed otte* 
ner de* soccorsi. T* XVIII p. 
5 7. Va a Trento per andar egli 
stesso dal Duca Federico,- e per. 
de Brescia*. T. XVIII pi- jr. Ri- 
torna' t Padova pél Friuli. Tom. 
XVIII^ p. $1, Acquistt Verona , 
fa ritenere Brunòro e' Antonio 
Scaligeri , vi entra' con' Taddea 
sua moglie , ed è gridato Sigoo** 
re. fi XVIII p.^ 57, Inebniiiicia' 
la guerra co* Venisziatli , . il suo' 
esercito li* rdìnpe,* e rispmge un 
assalto' dato a Verona da essi.T. 
XVIII p. sS $9. Roberto Re de* 
Romttoi', lo anima a proseguire 
le' sue imprese, e spezialmente 
la ricupera di Vicenza ,* aVvtsan« 
dolo d* averlo raccomandato al 
Papa ,. al Doge' di Venbzià , e al 
Patriarca^ d" Aquilefa. T. XVIII 
pag. j(j,' ComariUo del Doge a* . 
Trivigianr di ritirarsi alle ibrtes-^ 
x^,- r d* usair ostilità' coittra il 
Sonòre di Padova per la guerra 
da lui intimata al Govertto Ve- 
neto. T. XVIir p. «8. si confi. 
sCano in Trivigi gli efiètti de*' 
Padovani. T. XVlII p. «8. Dan.- 
ni che patiscono i Trivigianrper 
questa' guerra. T. . XVlir p. C9. 
Proclama de* Trivlgiàni per nn 
bottino fiitto contro 1 Padovani 
Verso Cutelfrarico:- T. XVIIF p. 
7$. Padovani si] ricoverano nel 
territorio di T'rivigi per peri^ria- 
di biade. T. xvnrp.75. R><*.' 
ve al suo sdpetMio AlbeHco'da 
Barbiano. T. XVIU p. 77* Rice-- 
ve a censo da*'Genovoai vcfri'' 
mila fiorini, e fii a* snedesimi 
promosia di non conclnder pa* 
ce 



ti6 ^^ e A 

re o tregua co' Veae^iini senta 
il di loro assenso. T. XVIII p. 
77* Avvantaggi dell' esercito Ve« 

' neziano nel Fievato di Sacco. T. 
XVIII p, 7h l Vcoesiani gli 
prendono Verona. T. XVIII p» 
60 79. I Fiorentini esortano i 
Veneziani a dar la pace al Car- 
rarese, T. XVIII p. 80. Padova 
fi dà alla Repablica. T. XVIII 
p. SS. Egli è prieioniero in Ve- 
fieua con sao ngUaolo. T.XVIII 
p» 91* Avea mandato in Fioren- 
za i suoi Figliuoli con ventimi- 
la ducati. T. XVIII p, 91. 

•— Frsnctsc» icno figliuolo di Fran- 
cesco il giovine) e fatto prtgio- 
oiero in una battaglia sul Bolo« 
gnese dal Visconti* T* XVIII p. 
39' Prigioniero de' Veneziani. T. 
XVIII p. 91. 

*-» OUvémni Abate del mojtiastero 
di S. Stefano di Carrara. Tom. 
Vili p. ili. 

^^•J4c§p§ Vili, primo Principe di 
Padova qu. Marsilio Vili, fa i- 
stan^ presso i Trivigiani, che 
gli SÌ600 restituite certe tenute 
poste nel Pedemonte Trivigiano* 
T. VI p. «8 69^ Sue risse eoo 
Albertino Mussato. T.VII p. 17. 
Testimonio b Padova. T. VII p, 
5f ^7. Ricerca a' Trivigiani i 
beat e i frutti , che furono de* 
Signori da Cavaso , e di Antonio 
4e' Castelli. T. VII p 94. De- 
potato dà* Padovani a tratur un 
accordo co' Trivigiani. T. VII 
p. loé. Chiaouto eredt della 
metà de*^ suoi beni da Pietro d* 
Abano nel suo testamento. T. 
VII p* ti7 118. Col mezzo' de' 
Padovani fk rinnovar le isunte 
•* Triviguni per le sue pretese 
intorno ali* eredità Camposam- 
piero. T. VII p. ijoi ITrìvigia- 
ni dcliberaoo di pagarlo de* pri- 
mi danari , che potessero avere. 
T. VDI p. |7t Ambasceda eoo 



c A ; 

lettera de* medesimi pregando \ 

dilazione al pagamento. T. Vili 
P* |S )9» Interviene in Mestre 
ad un Trattato tra i Padovani, 
ed i Trivigiani. T. Vili p. 4N 
Ad nn altro trattato co' mede* 
dmi Trivigiani. T. Vili p. 44* 
Unito a Marsilio suo nipote ven- 
de al Comune di Trivigi beni e 
poderi in varie ville del territo- 
rio. T.'VIII p. 70 7a. T. XI p. 
184 i8tf. T. Xll p. t) 14* Elet- 
to Capitan geneiale di Padova. 
T. Vili p. I j9. I Trivigiani gli 
spediscono un* ambasceria. T. 
Vili p. ij7. Eletto a' 15. di 
luglio » nel qnal giorno i. Pado* 
vani stabilirono un pallio. Tom. 
Vili pag. ij9. Sue convenzioni 
co' daziar) del sale. T. Vili p. 
ij9. Scrive a' Bassaaesi intoroo 
a* daziari del sale. T. Vili p. 
X49. Consiglia i Padovani a dar- 
si sotto la protezione di Federi- 
co R^ede' Romani, e del Conte 
Enrico di Gorizia. T. Vili p« 
184 tS7. I Padovani rtcusano le 
condizioni di Cane per la pace. 
T. VIII p. 184. Sua approvazio- 
ne come Capitan generale alla 
rièoluzione de* Padovani di dar- 
si sotto la protezione di Fede- 
rico. T. VIII p. 146. Caterina 
sua figlia s* era fatta sposa con 
Andrea de' Pepoli figlio dì Gio- 
vanni Signor di Bologna* T. XII 
p. 124. 

-^ Juff qa« Kiccol<V quinto Prin- 
cipe di Padova.. Papa C lenente 
VI. gli raccomanda la pace del- 
la Lombardia. T. XII p. 77* I 
Veneziani si lamentano pet le 
gravezze imposte a* Veneti, che 
avevano beni in Padovana. T. 
XII p. II. Essi mandano a Ma- 
stino pet certe novità da esso 
Atte al CaKarese b vicentma. 

' T. XII p. 8a. Si lamentano di 
certe novità fttte da lui oe*coa- 



e A 

^m (tf Chìog^ia, contro i patti 
e Je coavenziODi fatte co* Pado- 
vani sia dall* anno ijo4« T.XII 
P'9* 9i« Si ioteressaBO per man- 
tenet la concordia fia Io Sca« 
]%ero , e il Carrarese. T. XII p« 
jot. Jacopo manda gente in soc- 
corso de* Canonici di Trento, e 
fi £i padrone di Pergine, diSeU 
▼a, di Roccabrona » e di Levi- 
co Castelli della Valsugana. T. 
XII p. io7« Papa Clemente gli 
scrive di non prestare ajato o 
Arote a* Popoli di Bologna. T. 
XII p, IS4* e Sfrié$, T. XIII p. 
I09- E lo esorta unitamente ad 
Ubertino di eseguire quanto gli 
liciti, dichiarato da Ildebrandi- 
00 vescovo di Padova. T« XII 
p. I s 9» B di unirsi in lega con- 
erò r Arcivescovo di Milano. T. 
XII p. IS9 160. E^li è chiama- 
to dal Papa Vicario per Carlo 
Imperadore. T.XII p. is9* Ber* 
nardo di Castellono sao Cancel- 
liere è in FiiuU presso il Patri- 
arca. T. XIII p. 9« 

•*— Jé^^f qa. Francesco iJ vecchio 
basurdo cestiiiionio in Padova. 
T. XVII p. tfj. Suo istrnmento 
di convenzione colla Repnblica 
di Venezia per dare Padova sot- 
to il dominio Veneto. T. XVIII 
p. .74* Francesco il giovine lo £1 
morire come ribelle. T. XIX p. 
j. I Veneziani concedono a Ma- 
lia sua figliuola, i ben! del pa- 
dre. T. XIX p. j. Paolo alino- 
lo naturale di esso. T. XIX p. j. 
Il Vescovo di Trivigi concede l* 
investitura del £rudo di Sala a 
Maria figlia di esso Jacopo de- 
voluto alla mensa episcopale per 
«la mone di Boolfiueio suo fratel- 
lo. T.XIX p.iiJ. Booifizfo era 
morto bandito , Jacopo era mor* 
to procotaodo l' onore , e il be- 
ne dello stato de* veneziani» 

. JLuda Cootadoi e» mca tua 



C A fi7 

moglie, e Niccolo Còntariniera 
marito di Maria sua figliuola.T* 
XIX p. i|4« 
** Jée^f qu. Francesco è creato 
cavahere nella presa di Verona. 
T. XVIII p. 57. Difende Vero- 
na da nn assalto de* Veneziana 
ed è ferito. T. XVIII p. $8. si 
rifugia in Castelvecchio pet di- 
fendersi contro i Veneziani. T. 
XVIII p. tfo. Sua moglie parte 
da verona. T. XVIII p.tfi. Esce 
da Castelveccldo , e s'avvia ver* 
so Legnago , vien fatto prigione, 
e condotto nel Castello di San- 
gttinedo. T. XVIII p. « i. Annua 
corrisponsione assegnata da* Ve- 
neziani, t chi lo fece ptiglooe. 
T. XVIII P. 85. 
— • iéu$f , che d crede nn impo- 
store y scrive alla Comunità di 
Cividal del Friuli assicurando- 
la ^chi^ coli* aiuto di Sigismon- 
do io breve egli ^ per venire la 
Italia/ pet tentare la ricupera 
de' suoi stati .e la avvisa come 
un cavallo gli avea rotto una 
gamba. T. XIX p. tja. 
*- Mmr'f figliuola di Jacopo, Ved. 

Jée9f bastardo. 
m^ MÀrstlU vili. qn. Jacopo IV. 
eletto pudico arbitro nelle di£. 
ferenze di Enrico Merlo da' due 
castelli, e Mengossio da Val* 
denon. T. IV p. 192. 
»-« Màrtllh XI. nipote di Jacopo 
Vili, unito a suo zio vende al 
Comune di Trivigi beni e jpode- 
ri in varie ville del terntorio» 
T. Vili p. 70 7*. Tom. XI ff. 
184 i8tf. T. XII p. ij 14. Feri- 
tp gravemente in Padova nella 
zufta de' Carraresi contro Paolo 
Dente. T. IX p. 88. Suediscoi* 
die con Niccolò da Carrara. T* 
IX p. 159* I Triv^iani gli man- 
dano ambasciatori, ma inutik 
mente. T. IX p. itfo. Eletto Ct« 
pitta gcaccik deiU ClttìL T. X 
f. 4$ 



^. 4s f^* Cavaliere cesrìinonio 
10 Padora. T. X p. 70. Tesamo- 
ciio air isttomcnto di lega fra 
gli Estensi; Scaligeii, e . Goiw 
Mghi in Cattelbaldo'. T- X pag. 
141. Sue notze in Padova Atte 
con tnagdifìcenza. T. XI p. 4i» 
Dimandar a^ Trivlgiahi sussidio 
di soldo*, e' ottiene 600 fiorini 
in donoV T« XI p. 4a. Potente' 
appieno' gì!. Scaligeri. T. XI p. 
42W Kirigrtzia i Trivigiani. Tom. 
XI p. 44. Vende a* Trivigiani 
fbrroento per là somtoia di lire^ 
a7«o. é* pHi. T. XI p. 62 75. I 
Ttivfgiaiii' gir scrivono ptfr esi-' 
gére alcuni dat) delle ville del 
Trivigianò sotto^tè a lut. T.' 
XI p. 81. Cahgrande gli scrive 
di preparar soldati per andar 
contro f Trivtgùni. St9rim, T. 
IX p. la^. 

^MééstlU X qu. Iacopino VI. 
detto Marsilietto ftrtto nella zuf. 
£1 de* Carraresi contro Faolo 
X>enté r muove sòllevattone coq« 
no il Podestà' di. Padova, eh' 
era de* Beccadelli, e lo uccide. 
T. IX p."« Gl'ila pegir Scali* 
geti la lega^ fra il Patriarca , e 
Alberto* e Mastiro/T. X p. 129 
F Tenetiahi conlfermaho a' Mar- 
silio di franco eletto' Signor di 
Padova' r patti , e le cònvenzio- ' 
01,- che'gi^ erano sute firmate 
con Ubertino, e con li^arsillo' 
suoi' antecessori. T. XII p« SS* 
Oli mindaho aiAbasciatori per 
esortirlo ad* osservar . la pace 
con Mastino , e coli' Estienìie , e . 
perchè rimo^a una pietra de* 
eonfini con. Asolo, e intórno a' 
un'Atto di Chioggia. T. XI ìp. 
irt'. Nuova- ambasceria de*^ Vene- 
siiff! per coodoletsi di unaf soU' 
levatone' j^roifkossa da alcuni 
OMltònt^nti contro di lui , e con« 
tr0 ii sno"^ statò. T. XII p. €9* 

» M»alt9' Xlt qu. Jacopo X. 



.. .. ' C A ;...., 

vende a Leonardo RenfierT Ve^ 
n^iano il suo feudo di Godego. . 
T. XV p. 19. Fratello df Frap«' 
Cesco Signor dì Padova , il qua* 
le era tenuto tf pagargli certa 
sòrotifi'a di dantfro. T. X>^ p. 9^. 
9j. Nétia pac^ ift Toùno fra i 
Veneziani » e il Carrarese ai sta- 
bilisce, che sia annullato il ca« 
pitok), che risgbif^rda^ Marsilio 
già fiitto nella pace del ij7J J 
al quale Francesco^ sW fratello 
doleva permettere di godere de' 
suoi beni stando ik Venezia* T» 
XV p. 94. . 

•^ Ménilh* XIV. figliuolo di Fràn-' 
Cesco il giovine Signor di Pado- 
va, suo matrimonio con una" fi- 
glia del Duca d' Adria. T.X Vili . 
p. xù Da suo' padre nella guer-^ 
ra contro i Venéitóanf e'ra sfato' 
nundato a' Fiorenza con' altri 
della, fa niiglia da Carrara. Toì». 
XVIII p, 91. I* Veneziani publiV 
^ano una taglia co'nìrò' di. lui. 
T. XIX p.' jo ji. Filippa Maria' 
éi^ca di Milano promette a^Ve." 
neziani di non dar ricetto nelle 
sue terre ni a^ quelli dalla Sca« 
la, ne al CarrareàTe. 1*. XIX p.' 
«5. Sua lettersT a' Francesco di 
Castellalto spedendogli da Au-" 
gusta un suo ÀmigHare con coow 
missioni segrete. "t.XIX p«'rjo« 
Tenta di sorprendere Padova , 
ma scoperto fugge, vien' preso, • 
condotto a Venezia , e decapi- 
Uto. Sfrts\ T^ X p. i4«» • 

-a^NJrciW qu. ube^no VI. ferito 
nella zùtfa di Fabio Dente con«' 
tro' i Carraresi.^ T. IX p. •«. 
sue discordie con M arsi Ilo, 'pìer 
eui si assènu da Padova , e si 
ritira a Venezia. T^ IX p. 1 59. 
I Tiiyigfaoi gli martdano amba- 
sciatori. T.. IX p. r59. Volto m 
nizzardo da Camino , a Masti- 
no, a'Maccaruffi, al Marche. 
se d' Bstc in Vide t| teriitotio 4! 
Pt^ 



■Pftdòvd. T. X p. 4i 

^^ 0hlt\ént qu. Marsilio IX. fì^ti- 
ro a motte nella zofta di Paolo 
Dente cotitro i Carraresi. T. IX 
p. 88. 

^ PapfÀfmvd da Carrara presente 
ad una carta in Padova di Az- 
io Marchese d'Este. T*: II p«r2. 
Presente a un Istru mento di pro- 
tura rogato fiétl* cfseicito Pado- 
vano pre^ò Cologna. Tom» III 
p. io: 

i— R»d$lft qu. Franèes^o ?l vec- 
chid testi motrio iti Padova 't, 
XVIII p. ai. 

Ju TéddiM moglie dì Francesco ?I 
giovine , difrerenze di suo mari- 
to con Kiceolò Marchese d*Escè 
per la sua dote. T. XVlI p. 7^. 
Eaborsi del Matcht^e Niccolò' 
per essa dote. T. XVII p. jr. 
Entra iti Verona con suo marie. 
to in grande uiobfb. -f. XVIIl 
p. 57; . , 

^=- Vhertinp qu. Bonifazio sooi be- 
lìi in Montegalda, e Montegaf- 
della confiscati da' Vìcentinf per 
debiti de* Padovaói. Tom. V f* 

^ Vìrtrtìni qu; Jacopino' unito a 
Marsilictto , e a fartato da Lcn- 
denara ^ccidt il Podestà cK Par 
dova. T. IX p. 88. Giura pcgll 
Scaligeri H lega fra ifParritrca, 
è Albeito e Masino. T. X pag. 
IS9. Signor dì Padova come crc-i 
de dr Tartaro da ticndinary af- 
franca al Capirolo de* Canonici 
di Verona un antiuo livello.S'r»^ 
fi», T. VII p. 81. suoi pattt 
tolla Kepublica di Venezia. T. 
XI f. 119/ Compreso, nella pace 
fra I Venczìam, e gli Seangcrf, 
gli viene dato Bassano e Castel- 
baldo. T. XI p, 1*7. Elegge al- 
cuni deputati , ^etch^ vadinó in, 
compagnia di tre Nobili Venetf 
a riconoscere jllcnne rotte fìitte 
4il?a Brenta ad Otìago. T. tt 
Tonft) iX.^ 



f, 17^. Fa un* escavazioné nè^ 
con6ni del tertittrio Trivigiano,' 
the mette in gelosia i Veifezianu 
T. XII p. x6. Eletto arbitro dal 
Vescovo dì Tremo rielle diffe- 
renze, ch'egli ave^a con xico- 
h« da CaStebovo. T. XII p. sr 

. 5 a. 1 Veneziani tratrmo con luì 
lé controversie pei confini fra . 
Bassano, i IVoman<^. Tom. XII 
P. 54.' 

da Carrata. I Veneziani ordinano, 
èhe si metta fine a"* processi ; 
che si fàòevàno per cercare i 

^ berti allodiali de* Carraresi. T. 
XI» p. 7. E che non si faccia- 
r^o nlteriorr in'^uisizioni di essi. 
Storiii. 't, X p. 150. Vendono 
la Gaitaldia di Oriamo , che fa 

, de' Carraresi. T. XIX p. 8. 

da Caf»ra jMc$pé Canonfco di Ci- 
vidal del Friuli spedito al Papa 
ad Pafgaflo Patriarca pler impeS 
trar r assoluzione da una sco. 
«unica. T; X p. 148. Canonico 
di Trivigi. Papsr Benedetto gif 
dirige una Bolla in faoyre del 
Monastero di Moggio. T. XI p. 
89* presente \à Vditié alta in- 
vestitura de' feudi CtminesL V: 
XI pV rji. Eletta procuratore 
nelle differenze per Cavolano 
fra i Veneziani, e il Pstxiarca. 
T. Xir p; a-f. ' 

da Carrara Papier di CÒhé^ìiéio' 
Consigliere. T. XI p. ijr. 

Carrario Affarti di Michiele. i^Ota- 
jo Trivigiano. T. X p. 6Ì,^E9r* 
iiUmlé notajof TdvigCartO. T. XI 
p. r;. Z4»iht»è qu. Guidone 
Trivigiano. T. X p. i^jd Manda 
bn fante al pregia di Cavola- 
io. T. X p. r7S. Wt>?*»#.Vcne- 

« *iai¥o. T. in p. 7« 

de Carreca Anttnl0 nel coDfsiglic^ 
di Belluno, T. XV p. irf. 

de* Carrezatt Jlk'trttf qu/ Beraldo' 
da Basano. T. IV j. tyo lyx 
t74 '77* CapitaAio m VsLtiztìc/ 
I |er 



tt€ C A 

']»«c CiKgHmdt. T. IX p. tj ìf 
Jìhtrti c Ùhvsm»} suo figliuolo 
abbruciano U casa dt* tìài] a 
Mussolenic. T. IX p. i«« Accu- 
s^iri «1 fodmià éì Treviso ebao- 
<ltr. T. IX p. à7» Assolti dal 
Conte di Gorisit. T. IX p. aS, 
Jvtntnrs qa« Baldo di lassano. 
T. Ili p. 5 f • B9rfìttml9 qu. Ber- 
«!do da Batsam). T. II p. ijs. 
T. HI p. 19 90 ya. TV IV p. 
€9, Siodico de* Baisancsì. T. HI 
,f. ai« Jl»rnlémi9 di Alberto Giu- 
dice e Ctmsole di Bassano. T. 
IX p. 9|. Qiadice ambasciatore 
de* Bassascsi ad Alberto dalla 
Scala. T. X p. 147* Grémfipnt 
<)a. Beraldo Console di Bassano 
T« II p* >J4« J»c»k!»9 da Bassa- 
no. T. JI p. isp. Ofliziale. T. 
JCVII p. 44* Pitfp* qn. Donato. 
T. IV f. 171. 

Carroccio de* Veiooest , Mantova- 
ni , Bresciasi » Padovani , Vicen^ 
tini ec. T. I p. ittj ICS. 

de Cambio Mééiu T. I p. «r. 

Carspatck Castello del Patrtatca. 
T* IH p. 4* 

CarM peeudiaa. T. Vili p. 37. 

Cartigkatio VlBa del Bassaoese de- 
ve far lavorare nella Rocca del 
Cisntone. Tom. Ili p. 9* Feudo 
dielk decime conceduto dal 
Vescovo di Vicenca a* Forzate 
dii Padova. T. Ili p. $tf 148 T. 
V p. fx. Suoi confini con las- 
sano fissati con aencenza di Giu- 
dici arbitri T. Ili p. a$ atf 27. 
Ckiesa di S. Gbrgio. p. a? a8. 
Ordlie del Podescà di Padova di 
poblicar It omova gabella $Dpra 
la tùzótiu Tom* IV p. aj. Che 
non abbia a far daoni al Bosco 
di S. Pietro io Perov. T. V i^ 
1^3* Del territorio di lassano. 
T. V p« i5ff« Segnata per fuo- 
chi Tf« T. VII p. 84. Desidera 
di sottrarsi dalla giuiisdixione de* 
anflii% T. VUI p. s% si met- 



C A 
te air incanto il datìo Sale pel 
Comune di Bassano. Tom. Vili 
p. i7a. 

Carré !ario T$héld$ antiano de* Pa- 
dovani. T. Ili p.45* Ps^li»» ot- 
tiene le rappresaglie da* Trivi- 
giani contro i Friulani, T. X p. 
isd. Vedi anche per dò. T. X 
alla p. ijtf IS4 is$. 

Carturo ViUa del Padovano 1 fèudo 
della decima concesso dal Ve- 
scovo di Padova a Francesco da 
Carrara, T. XIV p. 73. 

de Carturo Gtovdnni qii. Gugliel- 
mo. T. IV p. i7f 174 177. 

di Caraenelleohoge Evtrsrd§ Con- 
te. T. Ili p. 96, 

Casa Jtnins Sindico de* Serraval- 
lesi. T. IX p. !•• Jrd'upné B.et- 
toro della Lega Lombarda per 
Novara, T. I p. 7* 77. 

de Casacalbo Monasccrio di S.Pie- 
tro. T. IV p. 99. 

Casalaurno Villa del Veronese. T. 
I p. 30. 

Casale Villa da* Padovani coocedu- 
u agli Estensi. T. II p. 37. 

Casale Villa del Trivigiano manda 
guastatori a Mastin.>. T. XI p. 
*a. Sua tangente <^\ Colte. T. XI 
p. 7j« Bastia de'Ttivigiani presa 
da Francesco da Carrara. Tom. 
XV p. 8a. 

da Casale JldìgtrU gitidice ia 
Padova. T. Ili p. i«e. Amtdlsìh 
Padovano. T. II p. 141* T. Ili 
p. xs. Ànt$»h, Tom. IV p. n. 
Lucchini mandato da* Veneaiani 
contro il Carrarese con so. lan. 
eie. T. XIV p. 8a. 

Casalgrande Villa de* Signoci da 
Fo^(a«o. SattiU. T. X p. S9. 

Casalio Jéifpp Vescovo diBeihino. 
T. IV p. I*. 

Casamau fiwtezca difesa da* Bel. 
hinesi. T. XV p. s8* Spese eh* 
essi fàtcvaoo per cuteodirla. T. 
XV pw tfo. Doveva essefe testi, 
tuita a* Yenenam dal Cattarcse» 
se 



e A 

se sì facesse padrone dì Feitrc e 
dì Belluno. T, XV p. 94. 

^e Casate Gé^ìtoto Officiale del Vi« 
sconti. T. XVII p. 96, 

Caselle Villa assegnata alla ?odc- 
statla dì Asolo. T. XI p. Tjp. 

dalle Caselle Ptttf Vicario del 
Carrarese fn Belluno. T. XVI p. 
117 lai» Podestà. T. XVI. pag.' 
i»5. T. XVII p. ai, 

Casere Villa da' TrUi|iani asse- 
gnata a Conegliano. T. lU p.40 

Casetio villa del Trifigiano man- 
da guastatori « Mastino. T. XI. 
p. 2 a. 

de Caserio Ottvmrmì Console di 
Trlvigi. T. I p. 51. Giudice e 
procuratore de' Trivigrani. T. I 
p. éS 69» T. T p. xoi. Véim&rì» 
Giudice di Trivigi. T. II p. »o 
t4. W«'f*rto. T. Il p. 84. Stl» 
dmn» procuratore de* Txivigiani. 
T. II p. iSS. Mec#/i Slndìco de* 
Trivlgiani. Toni. IH p, «x 107. 
Francese» afi>itro pe' Ttivigiani 
nelle controversie co* Veneziani 
pc' bmchì di Snbarsoae. T. Ili 
p. 69 70 71 75. pe' Confini, p. 
^S* Btrsldtn» figHuolp di Nicco. 
lo, suo matrimonio con Sara 
di HixoUno degli Azzeni. T. V 
p. 12X. S' unì anch'esso ascac' 
ciace il Caminese» T V. p. 18 «, 
Sletto a nfbcmar gli statuti. T. 
y. p. 195» Anziano. T. Vip. 7^ 
77. Spedito a Veneaa da*Trivi« 
giani a trattar delle rappresaglie. 
T. IV p. 81. T. VII p. ij. Ca- 
piunio in Mestre. T. VI p. 90. 
In Venezia conclude il trattàito 
delle xappresaglle. T. VII p, 25, 
Aazlati». T. VII p. 57. p. 7i. 
T. Vm p.45, T. IX p. ro5 T49 
iSo 151» T. X p. 67 ««. Sapi- 
ente. T. vn p. 175. freaente in 
Conegliaoe. T* Vili p. 17J. Am- 
basciatore a Padova. T. Vili p. 
«4. a Vcnewa. T. Vili p. ij7. 
T« IX p* 104* Eletto a esami» 



C \ Tt7 

nar alcune ditferenze co* Vene- 
ziani. T. IX p^ij a4. Cteditore 
de* Padovani. T. IX p. tftf. Com- 
pera beni di ragione del Vesco- 
vato di Torcello. T. IX p. ia7. 
Giudice eletto a compilar eli 
statuti. T^IX p. Ta9. Eletto «• 
Trivlgiani per accompagnate il 
loro Podestà a Milano. Sfris. 
T. IX p^ i«5. Eletto a tcaetac 
no* Padovani per U vicendevole 
sicurezza. T. IX p. i5o. Uoo 
de* Sapienti. T. X p. tf 10. Giu- 
dice degli Anziani. T. X p. 6t 
62 6$ $4. Sapiente. T. X p. 88. 
/^oziano eletto Sapiente. T. Xp* 
96 99 t4tf 1$?. Eletto sapiente 
a consultare. T, XI p, za. ( Ved. 
de Canova.^^7iiMli»«. > Mpnmcturm 
sh sapiente. T. X p* r59* Con 
4 Cavalli va air esercito di Ma- 
stino. T. X. p. 17». T. XI pag. 
24* Eletto Savio da* Trivigiam. 
T. XI p. 178. < Ved. de Cano- 
va.) Ambasciatore a* Vcne^ani. 
T. XII p. J4. Ntccoli Sindico 
de' Trivictani. T. Xil p. «4. 

di Caserta Come /lì^x4rÀ$» T. H 
p. IO. vicario generale deirim- 
paradore io Amelia. T. H p. ii« 

Caseta Marcio o Martin» presente 
in Padpva. T. Vili p. x«4 1K7. 

Casletense Btrtolanft» Prevosto, e 
CappeUano di Papa ClcmeatcT. 
Xli p. iis. 

S. Cassano Castello di Gerardo da 
Camino avuto In feudo dal Pa- 
triarca. T. Ili p. 171. T. IV p. 
78. Francesco suo ^vano. T. 
IV p. 9t. 

Cassarino Zanetu Canonico della 
Chiesa di S. Marco. Tom, XI 

p. T?l. 

de Cassate Atierf qu. Guidone 
Miianete^ T. IV p. 129* 

S. Castiano Pieve data in feudo a 
nizzardo da Camino dal Patri- 
arca. T. V p. XI9, a Gae«c2lo» 
T, V p. 197 198. 

1 2 S.Cas. 



^ 



11% G A . 

S.Cassiano de Mlsco Fìeve Feudo de* 
Camineti di sepia. T. Xt p. si* 

S. Ca&siano Villa del Txivigiano, 
T. XVI p, 58. 

$. Catsiano Villa de* Signoii da Fo- 
gliano. SttrU , T. X p. 89. 

de* CusoViFtlii'pi da Heggio Dot- 
tor di leggi pcescnte in Bologna 
-T. XIV p. 4«. 

Castagnaro del distretto di Vero- 
na . T. XVI p. iji xjj. 

de Cattagnedo BeBvennt» stodico 
de* Trivigiani. Tom. Ili p. i44« 
Mandato da* Trivigiani a Ferra- 
la. Tom. IV p, 67 8i J06 118, 
Anziano de* Trivigiani. T. V p. 
184. T. Vili p. 16. Mdttt^ eret- 
to da'TrivIgiani procuratore all' 
appellazione della scomunica del 
Patriarca, T, IV p. )x il 45. 
Anziano. T. VII p. 17. Notajo. 
T. VII p. 117. Ambasciatore al 
Goriziano. T. VII p. »j9. No- 
tajo Console. T. Vili p. j. f«r- 
uldm'f chierico suddiacono e 
picbeodaco del duomo di Trivi- 
gì. T. Vili p. 15». 

de Castagnofo CHvénnt qu. Sorto- 
lamio difensore dell* avere del 
Comune di Bologna. T» IX p. 4. 

Castaldiooe P^th di Cividal del 
Friuli. T. IV p. I4J- 

Caatelbaldo, lavori che ù facevano 
da* Fadovani.. T. tV p. 24* Al- 
drovaodino d* Este cede al Co- 
amne di Padova ogni sua prò» 
tensione sul terxeno, su cui era 
«tata fj^bbrjcato il Castello. T. 
IV p» 41 4a. Lai^ori iàtti nelle 
£Mse da' Padovani. T. 'IV pu 48. 
Dazio de* Padovani. T. V p. itfa, 
lUaiane a* Padovani nella pace 
con Cane, T. vni p. 98. I Pa- 
dovani Io sottopongono alla pro- 
ceuone del Re Federica T. Vili 
p. i8tf. Del distreno degli Sca- 
jBgetl, dove fu fatto Tistromen- 
t9 di l«ga contro il B^e Boemo, 
T« X p* i4ik Consegoacoda Ma« 



C A 

itino a* Veneziani. Tom. XI p^^ 
%i6. Da* Veneziani ad Ubertino 
da Carrara T. XI p. 127. For- 
tezza dei Carrarese. T. XVIlf 
pag. 5«. 
da Castelbaldo Céiìvsn§- qu. Borto- 
lamio notajo e scriba a Torino' 
per la pace co* Veneziani. T. 

XV p. Ila. GUvéH^ml qu. Pater- 
gnano abitante in Terranova. T* 

XVI p. 16. 

da CMtelbarco Signori. T. II p. 
15. Se dannécafassero il distret* 
to Bresdano in Valle Lagarina' 
il Conte del Titolo non sia te- 
nuto al risarcimento di alcua 
danno, T. Ili p. xj8. Aldrlghti'm 
M. T, ti p, I tf . jtldrliUtf , 
FidMTìf , Jifjne y e Gugiìtlm^^ 
fratelli promettono di consegna- 
le al Vescovo di Trento Castel' 
Corjio , né fare alleanza con 
Ecelino. T. Il p. 17. Fanno fab-- 
bricare Sertavalle centro Ecelì* 
no.. T. II p. 1 6, Aldrighetto Ca^ 
pitanio in Trento. T. Il p. 19* 
Vicario Imperiale in Vicenza. T« 
V p. 146 149. Condanna la Co- 
munità di Padova debiti ice a 
quella ài Vicenza. T. V i^ 151. 
Suo decreto per dare esecuzione 
a questa sentenza. T. V p. 15'. 
Jlkért» testimonio. T. V p. 66» 
B^nlféici9^ Ftdtrle%^^ t GugUel^ 
m» assolti dalla scomunica dal 
Vescovo di Trento. T. HI pag. 
41. Promettono pace al Vesto- 
to. T. Ili p.. 44. CuglUl$i6» e 
nipoti uniti a* Duchi della Ca- 
rintia faimo pace cù* Signori di 
Mantova e di Verqna. T. IV p, 
149. Gu£litlm« ed\ Aldrighntm 
sono compresi oellk pace fra i 
Padovani e Cangrande. T. VIP 
p. tfo «j ^4-6 9. Loro istrumen-- 
to di procura per questa pace. 
T. VII p. tfa. MsecMkntM firn», 
tore del Marchese di Brande», 
bur^o. T. XII p« 107, ^1^^ as« 
aiate 



e A 

• ètte ?n Verona air obito di Gu- 
glielmo dalla Scala. T. IVIII 
p. 57. Aldrt^hepf e (Tugilelmo 
ftatelli^ alleati de' Veneziani com- 
presi nella tregua con Sigismon- 
do. T. XIX p. <S. AUrigbettP e 
Gu^llelmé fratelli dìLizana, Ot» 
f§nt d* Albano, Mdceahruno e 
A»f*»i» di Cresta , Msccébrun» 
di Beseno, e Qu^lttlm» di Val- 
lagarina tutti della, famigìia di 
Castelbarco, come aderenti de* 
Veneziani entrano nella lega col 
Duca di Milano contro Sigis- 
mondo. T. XIJ p. 88. 
da Casteibritone Gl^vénnl fuoru- 
scito Bolognese. T* IV pag. i2a 
ia7. 
Castelcarco % spese fìtte dal Sig. di 
Padova per la saa costrurìone. 
T. XV p. 92* I Venerianl vo- 
levano che fosse distrutto. T. 
XV p. 9j. Preso dall' esercito 
de' Veneaiam'. T. XVIII p. 78. 
Casrelcaro tenuto in custodia dal 
Carrarese per conto de* Fioren- 
tina. T, XVIII p. aj. 
Castelceso , avevano beni iCastelli. 
T. III p. 104. Villa assegnata al- 
la Podestaiia di Asolo. T. XI p. 
xj9. Possessioni ivi esistenti che 
fixrono de* Signori Castelli pre- 
tese da' Trivigiani, e da Filip4 
pa Dolfino. T. XII p. rj 141 5* 
Castelcorno dato dal Vescovo di 
Trento a' Signori di Caltelbarco 
T. II p. 15. Promettono di con- 
segnarlo in mano di Adelperìo 
d'Arco. T. II p. 17, 
da Castelcorno Sinìhéld*. Tom. Il 

p. »7. 
CastelcQcco Villa assegnata alla 
Fodestatia di Asolo. T. XI pag. 
xj9. Presa dai Duca Leopoldo. 
T. XV p. 60, Fresa dal Carra- 
rese. T. XVI p. 31. 
da Castelcucco ^miglia nobile Tri- 
vijgiana, che abitava fuori della 
Città. T. X p«ii9« BtnifatlBp 



C A tif 

milite Trivigiano. T. II p. 27* 
Al^trt; T. II p. 75. Nlec9ti T. 
V p. n<. Fré9c9iehtn: T. VIII 
p. j$. GAcaminéuU Capitanio in 
Asolo. T. VIII p. 42. Gtoetmi" 
MéKi,§ e GuétrnUf fratelli man- 
dati alla custodia di Asolo. T. 
Vili p. tri. Guérnìtr* qn. Za- 
n»cio compera dal Comune di 
Ttìvigi i beni che furono de'Baz- 
zolettt ribelli. Surié, T. IX p. 
17* I7j. Va con quattro cavalli 
neir esercito di Mastino. T. X 
p. i7r. Infermo nell* esercito di 
Mastino. T. X p. 175. 
de Casteldardo Ardlx,9nÈ bandito 

da Belluno. T. XVIII p. 4*. 
da Castejdesio Etìhrtq Giudice Vi- 
cariò in Feltre. T. XII p. 60 6z. 
Castelfbndo del Trentino. T. IV 

p. i5«. 
Castelfranco, molti aderivano a'Sl- 
gnori da Castello , e furono scac- 
ciati e banditi. X* ^^ P* roj* 
vi dovevano stare due Capirani, 
cioè Canino con sei custodi e 
Bernardino Con quattro , an Con- 
sole, ed un notaio. T. V p. 154. 
I Consoli pe' Trivigiani avvjsa- 
■ no il Comune , come le^ milizie 
Padovane erano ivi giunte. T. 
VI p. tj 14. Provveduto di jli- 
ffesa da' Trivigiani. T. VI p. ì». 
. T. Vii p. 90. Minacciato di as- 
salto dalle genti vicentine dica- 
ne. T. VI p. 71. I Trivigiani lo 
difèndono con nuovi lavori. T« 

VI p. 72 e 82. Ordini dati a* 
Capitani di vegliare' che non vi 
sieno persone sospette. T. VI p, 
91. Che si mutino le chiavi del- 
le porte. T, VII p. loj. I Tri- 
vigiani rinforzano il presidio. T« 

VII p. X $4. £d ordinano che sia 
fetta la mostra de' soldati. T. 
VII p. 154. Consoli Tisone de 
Arpo, e Fepola degli Aioardi. 
T. VII p. 159. I Trivigiani vi 
raccomandano gelosa guardia pec 



no e A 

Jc novità allora rcrrenii. T. Vili 
p. a8. I Ttivigtaiìi proibiscono 
di a&dare alle nozze di Nizzar- 
do da Camino in ff Itre. T. Vili 
p. 41. Stiidoxi fatti da* Ttivij^ia- 
ni p«* crediti Camposampicro. T. 
Viti p. 46. Tumulto Ila i Cit- 
tadini , e i Trìvigiani vi mandano 
una compagnia di soldati per 
acì^uietarlo. T. Vili p. no. I 
Trivipbni licenziano i soldati di 
guardia in vigor della pace con- 
chiusa collo Scaligero. T. Vili 
p. 12 9. Fossessiont di Rizzardo 
da Camino. T. tX p. 4«« Alcu- 
ni traditori tentano di darlo in 
xndno del Podestà di Bassano. T. 
IX p. 5S. Capitanio ^•Trivi- 
giani. T. IX p. 1J7. Si risciva 
la giudicatura ad esso. T. IX p« 
J44 146. QjLial fosse la sua ghi* 
lisdizione nelle cause civili , e 
.criminali, T. IX p. is». II Re 
ordina che i custodi non mole- 
stino i disti ìttuaii. T. X p. ^i 
3J. £ cbe il Capitanio debba di- 
pendere da quello di Trivigi. T. 
2 P>&« 55» Manda gmastatori a 
Mastino. T. XI p. a'. Capitanio 
riceve ordine dal Podestà di Tri» 
vigi di mandar biade a Mertrc 
T. XI p. 81. Villaggi de* Trivi- 
giani assegnati con ducale alla 
Podestaxia. T. XI p. 138. I Tri. 
vigiani stabiliscono pena a co- 
loro che tentassero di sottrarla 
dal Dominio Veneto. T. XI p. 
i4j« Il Podestà doveva esigere 
if salario da- «quello di Treviso.. 
T. XI p. 167. Il Podestà dove- 
vii refìder ragione e giustizia In 
tutti f casi occorrenti in detto 
luogo , e nelle ville, e nelle per- 
sone ad esso luogo spettanti. T. 
XI p. 174* Dazio de* Cani im- 
posto alle porte. T. XI p. i*8 
9Ò9, y^tc del Pregadf che le 
Investiture de* fèudi di Cattel- 
f^anco. sic no date dai Vicario 



C A 

del FoJ«$tà di Tre vis© , ma cu-i 
stodice da quello di Castelfran- 
co. T. XII p. II. Capitanio e 
Custodi pagati da* Ttivigianì, T. 

XII pag. 4. Podestà pagato da* 
Trivigiani. T. XII p. s Vi era 
1* esercito del Re Lodovico. T. 

XIII p. 68. Il Patriarca d*Aqui- 
Jeja pasM per Castelfranco , cui 
va Incontro il Podestà per ordi- 
ne del Doge. T. XIV p, j j. La 
villa di S. Maitfn di Lupart è 
In parte sotto il suo diatretto. 
T. XIV p. 7«. Ordini del Doge 
fcr presidiarlo. T. XIV p. 81. 
Ivi sono i cinque nobili Vene- 
ziani ,a stabilire i confini col 
Carrarese. T. XIV p. 89. Sara- 
ceno Dandolo provveditore ri- 
chiede i provveditori di Trivigi, 
che spediscano palle da schiop- 
po a S. Vittore e alla Rocchet- 
ta. T. XV p. n. Nome de* tra- 
ditori , che lo diedero al Carra- 
rese. T. XV p. 51. Non eooi- 
preso nella pace co* VeòealamL 
T. XV p. 82. Fortificazioni ftit- 
tc dal Carrarese. T. XVI p. ms. 
Bartolommeo Andolfi de* Bersi- 
di da Bassano Podestà. T. XVI 
p. 1)1. Il Carrara vi spedisce 
Francesco de* Noimaonini da 
Bassano eoa segrete commissioni 
T. XVI p. i4a. I Veneziani de- 
cretano \^ elezione del Podestà , 
e quale esser ne doveue il sa- 
lario ,^ e la corte, T. XVII pag. 
a5. Battaglia fatta nel suo ter- 
ritorio a Fossa Ita fra il Carrare- 
se , e le genti del V^seontf. T. 
XVII p, j8. Bottino fatto nelle 
sue vlcioanir da*^ Trivigiani con- 
tro i Padovani. T. XVIII p. 74. 
Ma^ Barbarigo Podestà» Tom. 
XIX f. sa 16. Che il Podmà 
mandi alcuni guastatori a Tri- 
vlgf pei lavorare sulla xivenaa* 
T. XIX p. 4tf. 

da Castelfraoco c%rTédé, Giudice: 
Tri- 



e A 

ttìvì^ino. T. II p. 11. milite p. • 
17. c/4/ì«»« anziano io Trivigi. 
T. XI p* 994 

4a Castetgomberto Gif* Gssfur» Ca- 
flORtco di Vi<r«Rza. T. XIX p« 
37 5«. 

4t CasttllaftO Frdmetsef aderente 
del Carrarese diventa niddito de'' 
Duchi d' Anfitrfa. T. XIV p.Sj 
fi4* Riceve alcune commissioni 
segrete da Marsilio da Carraia 

, in Augusta. T. XIX p. tjo. 

Castellani J»e$fé dì COneglfano del 
CoBiiglio. T. XI p. i^ié 

Cssttllsné Ga$taIdK>nc dì Valdiniaw 
rcnow T. XI p* 14 e is. 

C4sttlU»9 Maestro Dottor di Gramw 
matica io Bassa no. Tom. Ili p« 
119* Motafo figlinolo di Simone 
da BasMrio. T. V p. iS 5) 6u 
Professor d! Grammatica, f . VII 
p. 99* T. Vili p. 9 fi 5tf 77. 
Abbrucia una tisa de* BÌas} a 
Mussoleme. T. IX p. i«. Accu- 
sato al Fodesfk di Treviso, é 
ba adito, T^ Ix p, 17. Assolto 
dal Ctfnte di Cotìzià, Tom. IX 
p. i9< 

da Castellarlo M^ntBit» presente ini 
Brognera ad una protesta del 
vicario d* Aqùileja. T. XI p.14. 

di Càstellerio Signori prestano flju- 
to e favore a* Ctfnti di Gorizia 
cofttro il Patriarca. T. XIII p. 
4^' Lttndrdé interviene in tJdi«r 
flc per testfraonlo alla elezione' 
del Vicedomino. T. XV p. uo. 

Castelli Castello de" Signori Castel 
li distrutto da Gerardo da Ca« 
mino. T« Ili pag. 104. Dato in 
oauggtv al Vescovo di Feltrc. 
T. ni p. io$* 

Castelli <H sotto; Dazio ?i'. soldi 

• grossi. T. V p. 154, Villa asse* 
gnata alla Podestaria di Asolo. 
T. XI p. Tj9. Fossessionl ivi 
esistenti che furono de* Signori 
Castellf protese da* Trivigiani , 
e da Filippi Bòlfioow T. ili g'» 



C A ijl 

ti »4 H. 
de* Caftetli Stgiìocl avevano com^ 
^rato mold beni per |ò. ihila 
lieo. T. tifi 1I4 lU. T. Xir 
p. 9. Favorivano gH Scaligeri, 
ed erano di ptrtc ghibellina. T. 
X p. ia9 t jo. Gnéri§ , t /«#•- 
klmé e BiMlfse'm0 ftatcllt qu.Cor- 
tado loro controversie conGerardo 
da Camino , espulsione dalla Cit- 
t^^ erano ghibelliai della parte 
fossa. T. tiL f4 Ida. r. VII p. 
né. Si riducono alle lor Ville , 
e Gerardo vm in Asolo, e Bo- 
Aifacino a CorK«da. Booifiicino 
è ucciso in usa battaclia. X. IH 
p. jos» Il Vescovo di Feltré si 
fa mediatore alla pacc| sì fa 
compromesso in esso, che prb« 
flunzia la sua sesteiisa. T. IH 
p. IO). £ si coRchiude la pace, 
e Gerardo s* allontana, e le 
tue genti si dbperdono. T. Ili 
p^ 104. Sffis moglie di Gerardo 
passa ad abitar in Triv^i..T. ili p. 
lótf. Gerardo vender al Comune 
di Trivigi rutti i O^stelli e pos- 
sessioni della 5imielia.r t. Ili p. 
100 ìos X07. Bandito da Trivi- 
si con sofia svLt moglie per de« 
htto di tradimento, e confiscati 
i suol beni. Tom. Ili p« lof. e 
Venduti T« III p. 15* i6S» Gts-^ 
là sorella di Sofia. T. Ut p. i5Y 
^^^•GerardoTestimonio irfVerona. 
T. IV p. ijtf. Giura pel Conte di 
Gorizia. T. VII p, 8^ i^, Anto" 
nU fratello di Gerardo e di Ja- 
eobino. T. IH p. i<j4. % dì lui 
beni vcrtnero in possedimento dì 
Jacopo da Carrara. T, VII p. 
94. C*rréd§ e A»tont$ figl? di 
Gerardo dati in ostaggki^ al Ve« 
scovo di Felfre come mediatore 
per la pace col Caminese. T. 
Ut p. los. O.etérdtr <ju^ Anwnio» 
mandato da* Trivigiani all' eser 
cito di Mastino con j. Cavalli. 
T, XI p. 14. Sua lite col C<^^ 
I 4 mu- 



fi^uae d\ Trìvigiy e tenteesa di 

. fktt9 M Veru« Podestìk. Tom. 
211 p. i4< G9rs*49 e B*»if4ctn9 
qu* Corrado aTcano venduto 
certe posaesfioni'A* Jrivigiani^T. 
XII p. ij i^ e 15. 

Ctstellino CaiteUo oel ?icvato dì 
Arco. T. XIV p. tj. 

Castello delle talin/e. T« XI p. 60 
6^ 66, Freso e distrutto da* Ve* 
nczìani , T. XI p. 79. 

Castello di BT;mcad^ villn del Tn'* 
v'rgiano , e sua tangeate di Col* 
te. T. XI p. 74. 

0Ìc Castello 4l^9rtp Podestà di Pa- 
dova. T. V p. IJJ 145. Aftelge» 
rit amb^sriatore di Coccello da 
.Camino a* Trivigiani. Tom. Vili 
P. ?8. 

df Castello Jrtlc9 è investito di 
certi feudi dal Patriarca d*A<)ui^ 
leja. T. ni pag. 67* Podestà di 
Treviso. T. Ili p. loj los fo7. 
T. IV. p. 6 18. T. VII p. 128. 
T, XII p. H. Giudice arbitro 
nelle coptfovetsie fra il Patriar- 
ca Raimondo e Gerardo da Ca» 
mino e i Trivigiani. T. IV p. 
S3 $6. Bot^ékUf Capicanio di 
BraiJa ossia di Asolo. T. VII ^. 
ifo. B$nAyert9 Consigliere ttu 
vigiano. T. VII p. 6, Burfolsmlo 
Bellunese. T. Il p. 47. T. HI 
p. j4. T. Ili p. ix6, E pdori, 
CO di lui nipote p. tx6, Rn^f 
T'III p. t}6,Gn*c9Ìh qu.Marti- 
no e Br9ce^ qu. Biasio, e (^tr» 
térd^ suo figliuolo congiurano 
contro la Citt^k di Belluno , sono 
condannati al taglio della testa, 
fi beni confiscati e donati a Per* 
cavallo di Vocyneg. T. VIIJ p, 
l« jp, T. XV p. tf. T. XVI p. 
7jf BfmbérU e 0%UUlii^9 BeU 
lunesi aderenti de*Camìoesi. T. 
JX Pt ^f C44. Crltt^$f manda* 
(o da^ J(ellnnesi in Cadore. T, 
XVI p. «aSf Cpnaole di Belluno, 



C A 

no debitore di danari al Card!* 
nal d* AlanEone. T. XVI p. pj. 
G*rmrd9 Trivigiano. T, II p. 75, 
Console di Belluno. T. IV pag, 
j^. Gf«v4«»i e C9rrédin§ fratel* 
li pcditi Trivigiani. T.II. p. a8. 
Ol9V4»mt Frnncise9 e in S. Vito 
coi Patriarca Bertrando. T. XI 
p. Stf* Glrl9 qu. Girlo presente 
io Belluno. T. XIII p. 4x« Nel 
Consìglio di Belluno. T. XV p, 
ló. Grsv9lln9 Bellunese. T. IV 
p. la. GTU9I Console di Bellcu 
no. T. XIII p. 19. Mértlnò Bel* 
Innese preKnte in Oderzo. Tom, 
VIII p. 191. Ha in pegno da' 
Caminqsi il Castello di Zumel* 
Je. T, IXp.47. Unito alViscon* 
re di Serravalle riprende Forme* 
niga alli Collalti. T. XI p. 85, 
Mlehlelf ambasciatore de* BcUu* 
nesi al Puca I,»eopoldo, T. XV 
P«. 60. Fsegaisce la sua amba* 
sciata a Trivigì. T, XV p. 5 j. 
Guelfo Bellunese confinato in 
Feltre dal Visconti. T. XVII p. 
37. Bandito come complice di 
un certo Arcidiacono di Capo* 
distria, che avea rub.-tro la Rocr 
ca di Plettoie. T. XVII I p. 4?, 
Wce9l9 testimonio in Serravalle, 
T. XI p. 9* In compagnia del 
Patriarca Bertrando. T. XI p« 
sa. >£* in Udine al parlamento 
generale. T. XI p. ^4« iP««« Tri- 
vigiano. T. Vili p. ipo. Podestà 
di Padova. T. IV p. 164. 

di Castello Stecpii Vescovo pre». 
sente in Venezia alla pace cogli 
Scaligeri. T. XI p. 1*8. 

Castelnovo dato a^Caminesi diaot* 
IO. T. U p. 8. 

Castelnovo e sua Gasuldia com*> 
perata da Beatrice da Camino 

, tntdce diBiaquino e di Tolber* 
to. T. Ili p. 116 117. Fu seiTu 
pre della mensa Vescovile di 
Ceneda. T, XI p. P7 105. Oc. 
C»patp d«' CoucgUanev , e rcs. 



e A 

rfmfto al Vescovo di Ceneda, T, 
XI p. los. 
Cactclnuovo di Corbanesfo dato in 
feudo da* Concglianesi ad En- 
drìghetto di Trivisolo. T. XI p. 
130. Caria: lite per essa fra il 
VcscoTO di Ceneda , e il Comu- 
ne di Coneglitno. T. XII p. 11 • 
Io ventano delle munizioni da 
guerra di S. Vittore , e che fu« 
xono spedice in Castelouovo per 
ordine de' Veneziani. Tom. XV 

p. a7. 

Castelnuovo in Canal di Piave. Il 
Carrarese tenta di sorprenderlo 
di notte , ma non gli riesce. T* . 
KV p. 70. 

Castelnuovo del Carrarese | le gen- 
ti di esso rubano alcuni animali 
a' sudditi Veneti ai Pola. TJCVI 
p* «7. ^ / 

Castelnuovo del Trivigiano, e suo 
' Capftanìo. T. XIX p. iS 19 5^. 
Provveduto di munizioni dal Co- 
mune ài Feltre. T. XIX p. €u 

ida Castelnuovo Albertina da Pado- 

• va Podestà df Treviso. T. VI p, 
7$. J»t§n*» e CastrÉn$ Catelli 
de Ivano alleati de* Veneziani 
compresi nella tregua con Sigis- 
mondo. T. XIX p. 65. BssUic» 
Cspitaoio in Conegliano pel Du- 
ca Leopoldo. T. XV p. «5* dr* 
TédQ fautore de! Marchese di 
Brandeburgo. Tom. XII p. 107. 
GertmU T. Ili p.4i* MsttiQ as- 
solto dalla scomunica dal Vesco- 
vo di Trento. T. Ili p. 45- Pro- 
mette pace al Vescovo. T. Ili 
fé ^4. Fr4Hces49 ambasciatore 
del Patriarca a*Trivigiani e suo 
consanguineo. T. VI p. ja jj. 
Nondo del Duca Leopoldo a* 
TrivigianL T. XVI f. «a. Glrst^ 
d$ presente in Tonno alla pace 
ira i Veneziani , e i Genovesi. 
T. XV p. 71. J^^y» di Caldo. 
«azzo , e Ant§n:§ e Csstfnt fra- 

. felli di CtsulooTO d' Ivano co. 



C A in 

^ me aderenti de* Veneziani en- 
trano nella lega col Duca di 
Milano contro Sigismondo. T. 
XIX p. 88. NltfUh istanza a* 
Padovani che mandino ambascia- 
tori a Verona per alcune sut 
difièrenze. T.IT. p. 88. Htfluftp 
fautore, e seguace del Conte di 
Gorizia contro il Patriarca d*A- 
quileja. T. XIII p. 47. Otfnt 
Conte, e di Tizano. T. XVIII 
p. 9j* X*n\ giura pel Conte di 
Gorizia. T. VII p, 8 p. Xtct»0 

'sue controversie col Vescovo di 
Trento, per cui eleggesi arbitro 
Ubertino da Carrara. T. XII p. 
SI. Xic9»iy e Msrtìm suo fra* 
tcllo aderenti di Francesco d« 
Carrara diventano sudditi de* 
Duchi d* Austria. T. XIV p. 8* 
84. Tfbmldé Podestà di Bologna.T. 
VII p. 15 a. Podestjk di THvigr. 
T. Vili p. 18 j. Vèltri» presen. 
te in Conegliano. Tom. Vili p. 
1-7 9» yifsU» detto GuaspecelCa* 
picanio pel Conte di Gorizia ia 
Monfklcone. T. VII p. 8. Zulù 
é»9 Novello di Geremia testimo- 
nio in Sacile. T. IV p. 145» 

olstelonga avevano beni i Castelli 
T. Ili p. 104. 

di Castelonno Btfr»jri» Cancelliere 
de* signori di Padova. T. XIIl 
pag. 9. 

Castelperpo coi|fina colla Val Po* 
licella. T. V p. i8a. 

Castelrotto del Veronese. TJCVIII 
p.'58. Fortificato dal Carrarese. 
T. XVIII p. 59. Abbruciato da' 
Veneziani. T. XVIII p, %$, 

Casteltocco'nel Feltrino. T.Ip.jj. 

Castelvico Castello de* Signori Ca« 
stelli distrutto dal Camlnese. T« 
III p. 104. 

da Casttllucio Aìmtlf ArcidfacOi. 
no Ttant^enense nunzio di Pa- 
pa Giovanni XXII. per le cose 
di Ferrara. T. Vili p. 150. 

di Castiglia N • , , Conte, T. Ili 
If ^9 Ca* 



iji e A* 

Castiglione Villa asegnata a Ca« 

stelfranco. T. XI f. ij9« 

da Castiglione nobili aderenti di. 
Niccolò Marchese d*£ste.'Toin. 
XIX f. 9*. 

da Castiglione 4»flin4 frate mi- 
nore bravo oratore ha commis- 
sione dal Vescovo di Tripoli di 
predicar la crociata per la Cit- 
ÙL di Padova. Tom, III p. 184* 
Bér^tg da Belluno. Tom. Ili p. 
js«. B«e$lin9 presente in Bella-' 
no. T. XIII P» ♦»• 

Castiglione diCabtino Fondalo Mar-' 
ch^ T, XIX p. 9 Or 

da Castiglione r»>s con sno fra.r 
tcllo manda un fónte al pccsi-^ 
dio di Carolano. T. X p.^ 175. 
€in9 Aretino Giudice e Consi- 
gliere ài Cark> Re di Boemia» 
T. xr F- 9a« Vicario di Feltre e 
dì Belluno per Carlo Imperado- 
re. T. XI p. iSj. F»cU qu. Vi- 
dolino* Cònsole di Belluno. T. 

IV p. II. Ftdfrie^ Cònsole dì 
Belluno. T. X^l p. 19» Ods^srU 
99 dottore di Bellnno» T. XVI1I 
ffé 4* oy^vMnmf uditore e Consi- 
gliere di Enrico Imperadore. T.- 

V p* 157» Ambasciatore dr En- 
rico Imp, a* Trivigianf. T. V p» 
a I %.G$9v0t^mi d'Arezso giudice r 
Vicario la Belluno. T. XIII p.. 
i^ <2o. CUvéfnMÌ Vescovo di Vi» 
cena^r. T. XIX p* |8. Ouid^lùi^^ 
T' I p. 78. PUtf Trlrigrano con 
|. cavalli va all' esercito di 
Maatibo. T.^ X p. ty*^ V^^ De- 
cana e Canonico di Belluno. T» 
XIII p. 4T. 

de Castignoli FréHctse^ Pamato no- 
ufo Trivigtano. T* XI p. ij. 

4e Cafrìkcio Sìm9ut testimonio in 
Cividal del Friuli. T. Xlil p. 9. 

a Casc(«C*««M9*linMnrìeise al Con- 
siglia ie VeiMicsi.. r^au XVIII 

pw f X» 

S. Cataldo i» Txh^flUK T. HI 
f» «5. 



C A 

de Cataldo Méiff Capitanio in Ctf<^ 
volano. T. VI p, 5 4. Spedito 
air Imp. Enrico. T. VI p. *7. 
Anziano. T. VI p. 61 6ì 68. T. 
VII p. j%2 124. Sapiente. Tom* 
Vili p.4.HotajoAnxiano.T.VIII 
p. 6x 66 x|ò. T. X p. 146. T. 
XI p. 99» Eletto savio da' Tri- 
vigianu Tr IX p. xj8. T. X p. 
ZS9 t6%0 Manda uo fante al 
presidio (fì Cavoiano» Tom. X. 
p. 175^^ 
S. Catelioa Villa da' Padovani con- 
ceduta agli Estensi. T. II p. ì7» 
Cataneo Gué^ld» ambasciatore de' 
Trivigiani al Papa. T. It p. 6t. 
T^mmést nel Consiglio di Geno- 
va. T. XV p. 107.^ 
Cataveri di Padova. T. HI p. 4. 
Cattaro presa da' Veneti, ma re- 
stftuita al Ke d^ Ungheria. T^ 
XV p. 8»* 
Catterò Baov^ anzfaoo di Verona* 

T. IH p. 5i- 
Cava^oo del Veronese. T, XVIIf 

pr $8, 
de'Cavalcabò Ténitlft in favore 
de* Veneziani alla guetraf diChi- 
Oggia. T. XV p. J5 4J. Anirtét^ 
tU Marchese Consigliere del Vi- 
sconti. T. XVII p. 15 !<• 
de* Cavalcanti Mmf Canonico di 

Padova. T. XVII p. 77. 
de Cava leda Jii^§ni§^ qu. Paolo no- 
taio Fercareae. T. XVI p.a4 jo. 
de CzrtLÌito Jdt9f§ compera Cavo- 
lano da Biaquina da Catiuno. 
T. II p. tfo. Pm^d^tfo ^u. JacO' 
pò riminzfa in mano di Tolber. 
to da Camino un pezzo di ter- 
ra nel tcrxitorio di Marsuxe. T. 
IV p. n. 
Cavaliri Fiume del Trivigiano. T. 

VI p. 8j, 
de' Cavalli CsvMUin*^ presente io 
Tbrino alla pace fra i Venezia^ 
fii e i Genovesi. T. XV p. 7r. 
Corrmdé unito a Giacomo da- 
Cacrara si ritira in Casufvec» 
chto. 



r A 

«Ilio. T. XVIII p. 60. Ffdtrie» 
Todcsiì dì Vicenza. T.X f . I47- 
Capitahio degli Scaligeri sovvra- 
stante ti Castello delle saline. T. 
XI pag. «o. GUrfit Consigliere 
di Venceslao Imperatorie ottiene 
dal medesimo in feudo sant' Or. 
$0. T.XVI p.t59. Gl9vA»nl Ca- 
floAico di Verona, SfrU, T. VII 
p. 98» Jé^pt e aggregato alla 
nobiltà Veneziana pc^servigj pre- 
stati alla Republica nella guerra 
éi Chioggia, mentre era Capi- 
tan generale dell'esercito. Tom. 
XV p. 4^. f^unzio e procurato- 
re degli Scaligeri a formar una 
lega contro il Visconti. T. XlII 
p. 89. Letmsrdo Goveiaatot dell' 
esercito de* Veneziani in Trìvi- 
gi. T. XVIII p. 63. NleetU fttto 
prigioniero dal Carrarese. Tom. 
XVin p. 58. Pietro nel Consiglio 
dr Verona. T. XVIII p. 8x. E- 
jetto Sindico a dar Verona alla 
Republica. T. XVIII p. 8a. 

de* Xavalzari Famiglia Veronese 
fuoruscita ritirata a Trivigi. T. 
Vili p. iitf. 

de Xavarzano Cittadino notajo àà 
Belluno. T. XIII p. a«. 

Cavarzere 1 senten^ de' cinque 
arbitri Veneziani per le division! 
de* coniiai col Xarrarese. Tom. 
XIV p. 90. Il Xarrarese doveva 
restituirlo a* Veneziani. T. XV p. 
5T« Suo Podestà Giovanni da Xa- 
naie. T. XVI pag^ 34, Divide i 
confini col Padovano. T. XVI p. 
15 a-6 a?. 

da Cavarzere Andrta notaio. T. 
XI p, za8. Scriba e notajo del- 
la curia ducale. T. XII p. j^. 
£letto Siodico da' Veneziani ne- 
gli afiati col Carrarese. T. XII 

Cavasa^a Oapiule, e suo dazio la 
acidi e un grosso. T. V p. 15 s. 

»-S. Andrea suo dazb 15. soldi, 
e 5* grossi. T. V p. tSW 



C A ii< 

Cavaso: beni de* Carraresi ven4u. 
ti al Comune di Trivigi. Tom. 
Vili p. 70 7a. Villa dèi Trivi- 
giano 5 giungono genti armate 
dello Scaligero , che mettono in 
apprensione ì Trivioìani. T. IX 
p. 54. Cinque uomini ài quella 
Villa imprigionati dal Capitanio 
d'Asolo per estorcere danaro.T. 

X p. 50. Pieve del Trivigiano 
manda guastatori a Martino. T. 

XI jpag. ai. Riceve ordine da* 
Trivigiani di ripacare il Castello 
di Asolo. T. XI p. 49. Villa e 
Terra assegnate alla Podestaria 
di Asolo. T.^ XI p. t j9. Villa , 
e capo di Pieve j possessioni ivi 
esistenti che furono de' Signori 
Castelli pretese da' Trivigiani, 
e da Filippa Dolfino. T. XII p. 

, ij 14 15. Valle ; le fortezze di 
essa Valle sono prese da* Capi- 
tani del Duca d'Austria. T.XV 
p. 57. £ i Bellunesi vi spendono 
molto danaro per la custodia.T. 
XV p. 60. 

da Cavaso Signori, i loro beni 
vennero in possedimento di Ja- 
copo da Carrara. T. VII p. 94. 
Ctrsrd: T. II p. ijS* N»rdlU 
GìruHcoU, T. I p. 4a. Jndrés^ 
T. II p. }U 

Cavazza Tommasln» Padovanow T. 
II p. 50 8j g4 TZ5. Gnanf^ amba- 
sciator diPadova.T. II p. 7^ 74» 

Cauco putto Podestà di Tortello. 
T. II p. tf9. 

de' Cauci Benvenuta qu. Niccolò 
di S. Zilio di Verona. Tom. X 
p. 164. 

Cavedene Valle data in pegno da 
Giovanni Vescovo di Trento a 
Mastino dalla Scala. T. XII p. 
1J7. I signori d'Arco la gover. 
navano col titolo di Capitani di 
Mastino. T. XII p. itfj. Della 
diocesi di Trento. T. XIV^. ij. 

di Cavendolino Jscopo Pievano Vi- 
cario della Concessa di Gorlxia 
ia 



n6 e A 

In Trivigf. T. IX p. 70. Rimos- 
so dal Vicariato ad istanza de* 
Veneziani. T. IX p. 7*. Sue spe- 
se fatte per la difesa e fbrnfi- 
(caxione della Cittì. T. IX p.99« 
I 'fiivigiani ne pagano il debito 
T. IX p. 109. 

de Cavendulo Méinr$ Pievano con- 
giura contro Io stato de* Vene- 
ziani. T. X p. 5^. 

da Cavessago Pl0tr$ Bellancse. T. 
IV p. 1». 

de Cavetano GUvsnnt giudice di 
Trento. T. Ili p. 14 r. 

Cavignano Vjlla del Trivigiano. 
Marco Rettore della Chiesa. T. 

IV p. jo. 

Cavobello Bonif4ci9 ambasciatore 
de" Trivigiani. T. VI p. 25.. £•- 
nlfécint mudarlo de Trivigiani. 
T. Vili p. tfo. 

Ctvol^no Castello de* Caminesi di 
sopra. T. I p. no ni. T. XI 
p. Sj 54 5 5 Stf 57 53. Dato a 
Biaquino di sopra. T. I p. 114. 
T. II p. 8. Venduto da Biaqui- 
no da Camino a Jacopo de Qi- 
vaUro.T. II p. tfo tf a.. Pendo pa- 
friarctle conceduto a Oirardo da 
Camino. T. Ili p. 171. T. IV 
p. 78. Ponte fatto da Gerardo 
da Camino sulla Livenza T. IV 
p. 54« Riconoscinto per Feudo 
del Patriarca da Gerardo daCa- 
mino. T. IV p. i*r. Fortezza 
fabbricata sulla Liveoza diiim* 
petto al Castello. T« IV p. 120, 
XJn Capltanio nel Castello. T. 

V p. 155. Dato io feudo a Riz- 
zardo da Camino dal Patriarca. 
T. V p. 119. A Guecello. T. V 
p. 197 198. Ceduto per sicurtà 
della pace a* Trivigiani da Gtie- 
cello da Camino. T. V p. 198. 
Custodito da' Trivigiani T. V p. 
9«6. fortificato p. aro aij. Di- 
feso da* Trivigiani ; Carocio di 
Sostano, e Matfeo df Cataldo 
Capitaw, T. VI p. j 4. H p'c- 



C A 

«dio fngse. T. VI p. 14 i5« I 
Trivigiani lo ricercano a Gue- 
cello da Camino per difenderlo 
da* nemici. T. VI p. 34. Egli 
si scusa per non darlo. T. Vip. 
37. E i Trivigiani accettano le 
scuse del Caminese. T. VI pa|, 
40 45. Dato in fendo a* Cami- 
nesi dal Vescovo dLCeoeda. T* 
IX p. ^5. Di Rizzardo da Ca- 
mino. T. IX p. 4^* Era scelto 
per luogo di trattar aggiustamen- 
to de* Trivigiani centro i Friu- 
lani. T. X p. 155. Restituito da- 
gli Scaligeri a* Trivigiani, men- 
tre era detenuto da Rizzardo da 
Camino. T. X p. i5«. Presidia- 
to da* Trivigiani. ^. X p. 174. 
Freso da Cangrande contro la 
forma de* patti in tempo di tre- 
gua. T. X p. 25. Aveva per Ca- 
pita nio degli Scaligeri ìin certo 
Niccolò. T. XI p. tf2. II Patri- 
arca Bertrando ne prende ilpos.» 
sesso, ma promette • Mastino 
di restituirlo. T. XI p. «9. Da. 
to in fèudo a* Procuratori di S. 
Marco dal Vescovo di Cencda* 
T. XI p. 96, T.XII p. 24.Can- 
te de'JToschi Capitanio pcrCan^ 
grande. T. XI p. ii5* Castaldia 
aveva sotto di se le ville della 
gastaldia di Bibano. Tom. XI p. 
185 i8tf. Detenuta da* Signori 
di Torcia e dal Patriarca , ma 
pretesa da* Trivigiani. T. XI p. 
192* I^oro diritti «opra di essa. 
T. XII p. 7. Data in feudo dal 
Vescovo di Ccoeda a Beatrice e 
nizzarda Caminesi. T. XII pag. 
a8. E slmilmente a Rizzardo e 
Gerardo da Camino. T. XII p. 
30 3 T. Possesso preso del Castel- 
lo dalla Repablica di Venezia* 
T. XII p. 42* I Veneziani pre* 
tendevano averne il diritto. T. 
XU p.'a4. Compromesso in ar- 
bitri de* Veneziani , e del Patri- 
arca per esso, Tt XII p. a^ E 
del 



_ e A 

4t* Trjvigianì. Tom, Xll p. 44» 
Bolla di Papa Clemente che e- 
Jc%git i Commìssarìi per le dif. 
fèrenze fra i Trhrigiani, e 41 
Patriarca, T. XII p. 66. Preteso 
anche dal Vescovo di Cencda , 
come dì sua Diocesi. T. Xll p, 
67' Ambasciatori spediti al Papa 
per esso. t. ili p. dS. Il Papa 
destina «n giadice per queste 
dlflèrenze. T. XIÌ p. 8tf. Proca- 
ratote eletto da* TrivigianL T. 
XII p. 87. Conceduto in giuris- 
dizione à Éacile dal l^atriarca 
Bertrando. T. Xll p. iji. Beni 
ivi posti che gi^ furono di Riz» 
cardo da Camino conceduti in 

' feudo a Leonardo ia Sacilc dal 
Patriarca Bertrando. T*. Xlt p. 
152. Privilegio di esenzione del 
Patriarca agfi abiunti di Sadle 
intorno al dà^o muda della Ga« 
auldia di Cavolano e di Bibano. 
T. XII p. 151 154. t^uova con- 
ferma a Sacile del Patriarca Hic- 
col^ delle suddette Castaldie. T. 
xn p. t64. 

àt Cavolotlgo Ptllégrlnt mandato 
da Antonio dalla Scala iit ^rm- 
Ji. T. XVI p. no. Inatto cava- 
liete in Verot» dal Carrarese. 
T. XVlII p. 57. Nel Consiglio 
de' Veronesi T. XVlII p. «1. 

Cavoriaco, una volta éi castello, 
T. V p. 1*4. 

4e Cavoriaco Jlhirttnf da Parma 
giudice assessore e Vicario del 
Podestà di Trivigi . T. Vii p. 
j$9. Btmérdln» maresdallo de- 
gli Italiani in favore de* Vene- 
alani nella guerra di Chioggia • 
T. XT p. 35. Dlfélmo^y Federlm 
o , e DUtéUm9 suoi figliuoli feu- 
datari del Patriarca d'Aquileja. 
T. Ili p. 6'fyi:9Ì^t€% . T. V p. 
X 1 8 • iTf d«//ras8olto dalla scomn- 
fiica incorsa per aver aderito a Ge- 
xardo da Camino contro la Chic* 
sft d'^Mileli, T, VX p. i4l» 



C 1? ^ M7 

Cala SffltHlh giudice iù Padovg, 
T. Ili p. 100. 

da Cazago Cs%,é^lU$ , e Lunfr^n* 
cbtnp Bresciani . T. IV p. 150^ 
Mentls9 • f. IV p« t9i. 

Cazano Pi€Pr9 nel Consiglio di Ge- 
nova • T. Z% p. i©7. 

de* Cechi Anfni$ da Monte Cale- 
sio ambasciatore del Carrarese 
a Tonno. T. XVl p, 9, 

Cttestìnw Papa. T. IV p. 84. Ki* 
nunzio il Papajlo. T. IV p. 8$. 
la SanuSede vacò sino ali* ele- 
done di Papa BoniÀzio • T. IV 
.P..85. 

de là Cella fr. Stnvtnuté ingegùe^ 
re. Ved. ^r. Benvenuto* 

Ce 'si Mdrtt Consigliere del £k>ge. 
T. XII p. 57. L9r€tn,$ Po4està 
di Treviso 4 T. XIlI p. ay jr 
3^ Ì7 $9 42. Doge di Venezia. 
T. XIII p. ^2 9h t. XtV p. 
IO" 19* 

Ceia I ammali presi dafle genti 
Scab'gerc ne* porti di Ceja a* 
macella} Veneziani. T.Xp.iaj. 

C£K£DA . Dofcisjirao suo Vesco« 
vo. T.l p. !• B.ipaMo Vescovo- 
IT. I p. '« S leardo Vfscotb ri^ 
ceve^ da Ottone lAtperadore due 
pezzi di terreno . T» I p. 7. E 
la Pieve di Oderzo col paese 
della Livedza e della Piave si' 
no al mare • T. I p. 9. Chieta 
di S. Maria, e di $• llziano. 
T. I p. ri. Ved. S. Tiziano. Sì- 
seftedo Vescovo . T. I p. «j. 
Santo Atcìprete , Pietro Vescovo, 
e Come. T. I p. ^j. Sigefred^ 
Vescovo investe diversi personag* 
gi de' beni che furono della Con- 
tessa Sofìa. T. I p. 2j. Wece- 
letto Avvocato. T. I p, aj 14. 
Sigifredo investe Wicefettò d% 
Praia de llia Torre diCenedacon 
tatto il Castellare . T. 1 p. 24. 
Sf obbliga di abitare io Conei- 
gfiano, e procurar presso irpi* 
pa , che la Cbieia €a.cttdrale df 
Cu 



n« C E 

Ccneda sia trasferirà in «Questo 
luogo . T. I P. 18, Ctneda Cit- 
t\ Hbert e indipendcnre come 
Trivìgi . T. 1 p. a7. Si|efredo 
vescovo ottiene da Federico Im- 
pcradore diploma , che né i Tri- 
vigiani» né altri debbano ingerir- 
si nelle sae giurisdizioni tempo- 
rali. T. I p. 3*. Mattio Vesco- 
vo sottopone %\ Comune diTri- 
yigi $e stesso, e i Itx>ghi del suo 
Vescovado . T. I p. j«. Alla sua 
presenza £n righettò di kovero 
confessa , cht un fendo avuto 
da*Camincsi era dpUa mensa e- 
piscopale di Cened» . T« I p. 40* 
Ccncdcsi giurano di essere ìi\ 
Avvenire cittadini di Trivigi, e 
fiyttoposti ali) giurisdizione di 
quel governo , T. 1 ^. ^.j. Il 
Vescovo stipula concordia co* 
Trivlgiani. T. I p. 45. Ugerìo, 
Bj'baldo , e Mariano Canonici . 
T. I p. 4^. 1 feudatari del Ve- 
scovo si obbligano (li pagare oU 
tre le solite pensioni 1* intiero 
soprafSeudo. T* I p. $i. Albcrtoi 
veseovp . T. I p, «*• Investe 
Guecelione da Pratt d) un cer- 
to fèudo • T« I p. tf 8. L* Abate 
del]4 Fc^lina gli cede 1^ Chiesa 
di S. Giustina di Serravalle. T. 
I p. 7?. Esso la concede a Gior- 
dano Priore di S. Benedetto di 
Padova , T. I p. 71 7*. Uge- 
llo , Me' ediano , Pietro, f •resi- 
no , e Lioto Canonici • T. I ?• 
7?. l Signori di Porzia gli pro- 
testano 1 loro and eh! diritti sOf^ 
pra i* avvocarla del suo Vesco- 
vato. T. I p. 77 7I 79. Duel- 
lo o pugn* , che vuol fare Ìl 
Veicolo suddetto . T. I p..77 
yt 79* Promette al Comune di 
Conegliano di operare presso [il 
Pgpa , che si trasferisca • Co- 
negliano ia Chiesa di Ceneda • 
T, I p. 7f 81. Sottomette a'Co- 
Aeglianeii le sue giurisdizioni • 



C E 

T. I p. 81 Riccrino^ o Rugeru 
no Arcidiacono. T. I p. -7$ 90. 
Ccncdesi sono a mmessì^alla Cit- 
tadinanza di Padova . T. I p. 
8t 82 8j. Dedizione del Vesco- 
vo Alberto a Conegliano. T. I 
p, pò, Odorico Canonico. T. I 
p, 90. Alberto compromette o- 
gni sua controversia in fra Gio- 
vanni da Vicenza . T. I p, loj. 
Si riserva la decisione delle sue 
controversie in altro tempo. T. 
i p. los. Investe de' loro feudi 
Guecello e Biaquino Ca^tinesi • 
T. I p. ic8, Podestì^ di Cone- 
gliano si chiama anche Podestà 
di Ceneda . T. I p. lotf. Fra 
Giovanni pronunzia, che i Co- 
ncgliancsi col Cenedcse tornar 
dovessero alla società di Trivi- 
gi, se piacesse al Papa di unire 
I due Vescovadi di Trivigi , e 
di Ceneda , alttimentt fbs^ro li- 
beri. T. I p. ie8. Alberto elet- 
to arbitro nelle conrele r'ra Bia- 
quino e Guecelione per la divi- 
lionc de' beni . T. I p. 1 10. Nel- 
le sue mani rlnunziano, tutti due 
i loro feudi • T. I p. 110 ni. 
Investe Biaquino da Camino del 
Contado superiore. T. I p. iij. 
Prete Pilloto mansionario della 
Chiesa maggiore. T. I p. xij. 
II Vescovo investe a titolo di 
feudo la Comunità di Coneglia- 
no dì alcune Ville. T. I p. ir^. 
1 Cenedesi ritornano ttlla socie- 
tà de' Trivigiani . T. I p. ii8« 
Lodano questa sentenza • T. II 
p. j. I quattro pari della Caria 
generale dichiarano 'decaduti da 
tutti i feudi del Cenedete Bia- 
quino f Guecello da Camino • 
T. II p.7. Jacopo Canpiiico uc- 
ciso da*CamÌQcsi . T. II p. 8. 
Tene de) Cenedcse da Federica 
Imperadore aottoposte a Cone- 
gliano • T. n p. IO. Giovanni 
Vescovo «ooferma a Guecello 
da 



Àà ?rata t feudi del Cenedese • 
T. Il p. }2. Castello -di S. Eli- 
seo preso in possesso da* Sif^nori 
di Porzia . T. II p. 44* Odori- 
co Vescovo giura a'Trivìgiani 
V osservanza de* patti antichi • 
T. II p. 4t. Ciiiest di S. Lo- 
renzo • T. II p. tf A. Frosavio 
Novello Vescovo rinnova a* Tri- 
vfgfani rbtrumedto de^ partì an- 
ciclii. T. II p. 7i' fufOn« sog- 
getti a Tolberto da Cami- 
no , che li governava dispo- 
ticameite • Tom. II p. ha 
113. £ a GaeceUq • T. li p. 114. 
Catino Bata Capitanio in Cene- 
da pe*Caininesx . T. II p. n» 
TI 3 114. Maestro Conte Cano- 
nico. T. II p. US »3*« Diifc- 
xcnze co'Caminesi per un pa- 
lazzo e un castellato , case , do- 
glioni , e torri situata io Ccne- 
da. T. II. p. 13». Prosavio Ve- 
scovo ratifica la ^aentcnaa de* 
giudici arbitri in queste dffte- 
lenae. T. II p. 134. Marcio de* 
Flabiani Vescovo ratifica T ac- 
cordo fatto da' suoi predecesso- 
li colla Comunica diTrivigì. T. 
III p. 5$* Interviene al Sinodo 
d*Aquilefa. T. Ili p. SS. Con- 
cede in ^udo a Castiglione di 
S. Mattino certi beni . T. Ili p. 
S9. E* eletto Hettoffo de* Trivi- 
giani • T. Ili p. 107* Presenta' 
istanza a' quattso pati della Cu- 
ria genera k contfo alcuni suoi 
vassalH . T. HI p. xof. Conte 
Alberto Caooni«o . T. HI p. lop. 
Mainardiao di Belluno Canoni- 
co di Ccneda , ed eletto di 
Totcfllo. T. III p. t24, Pietro 
V«ieovo tnvesft t Signori di Por. 
zia de* loro feudi . T. Ili p. 1 $ o. 
Giovanni Arcidiacono, Alberto 
Canonico. T. Ili p. i$«. Altra 
investitvta a* medesimi S ignoti di 
Porzia . T. HI p. z5». Confer- 
ma ed appton^Hooeti» le giù- 



rttdiziooi , e gli utili , che ave- 
vano i Signori di Porzia, come 
avvocaci del Vescovo . T. III. 
p. i5a. Boschi del Cen^ese, e 
eofre di Ceneda avevano in fcn» 
do ì Mi^noti di Porzia • T. Ili 
p. 153. Il Vetcpvo ba Commis- 
tione dal Paularca di publicat 
la scomunica contro .i Trivigia- 
ni. T. IV p. 34. Francesco de* 
Ramponi Vescovo d\ a Tolber- 
to da Camino Portobuf&letto , 
ed altri beni della Chiesa Cene, 
dese , e riceve io cambio Cas- 
telnovo o Corbanccio , ed altri 
beni e gfuricdiziooj , e il Con. 
rado di Tarso .' T. V p. 71. Ot- 
tenne la permissione^ per qaes- 
to cambio dal Cardinal Napo- 
leone Legato Apostolico. T. V 
p. 73. Tolberto da Camino con- 
ftssa di aver avuto in feudo dal 
Vescovo di Ceoeila la Motta, 
Cessaho , f ortobafibletto , che 
avete cambiato con Caste Inovo. 
T. V p. 91. I Trivigiani alla 
dilesa del Cenedese vi spedis- 
cono BIaq«ino da Camino , e 
Odorieo da FoBsalta • T, V p. 
xo6» Sono invita^ a far la mos- 
tra presso Coa^liano. T. V p. 
aia. Manfredo Vescovo 5 i Trj. 
vigìaai io pregano ad accrescer e 
k ^ardie nella Rocca di Ce- 
neda per maggior cicoeeiza • T. 
VI p. •»!. E di star alle novelle 
dei Ffittli , e oonmni carie ad es- 
si, e sur plorato contro i ne- 
mici. T. VI p. 34. ^spone a* 
Trivigiani ««* anribasceria di Gue- 
eelfo da Camino. T. VI p. 35 
36 44* Presente al giuramento 
di fedeltà prestato a* Trivigiani 
da Guecello da Camino . T.VI p. 
^o. La Piave danneggia il Cene- 
dese • T. V| p. €5. ti fa uà con- 
sresao»in Ceaeda per trattar del- 
la pace fra il Conce di Oortaia , 
e i Trivigiani . T# Vi p. 7* 7« 
I Tri- 



fio e F 

I Tmigiiini presidiano laRocct. 
T. VII p. i$4* Capitaoio della 
Kocca pe* Trivigiani Manfredo 
da Urbino. T. VII p. itfo. I Tri- 
vigiani fi ipedisrooo muratori 
per fiirvi certi lavori nella Roc. 
ca. Té Vili pag. 14. Pretese di 
nizzardo daCamioo sopra TAv- 
votaiia. T. IX p. tf« Francesco 
da Bologna de* Predicatori Ve- 
scovo rinnova 1' in vescitara de* 
feudi a Guecello da Camino f 
Qualfredino Canonico , 1 Zampau- 
Io Canonico, Odoiìco Arcidia- 
cono. T^IX p. 25. ISerravalIe- 
si non computano i Céncdcsi 
compresi nella tregua eoo Cane. 
T. IX p. ^4« Il Vescovo ottiene 
licenza da* Trivigiani dì andare 
ar Trivigi, e starvi per 14. gior- 
ai. T. IX p. 72^ Lodovico Im- 
peradore crea Cangranie Vica- 
fio dell* Imperio in Ceneda. T« 
IX p. 8 9* Castello di S. Marti*; 
no fortificato da* Trivigiani. T. 
IX p. 87. Di^o da un* Capita- 
Ilio mamiato d.a* medesimi. T. 
IX p. 9J« Sottratto dalle marfi 
della Contessa di Gorizia. T.IX 
p. ijo. Le genti* di Cane pren^ 
dono il Castello di S. Martino 
contro la forma de*patti in tem- 
po di tregua. T. X p. is. Tre. 
^ua del Vescovo col Capita nio 
in Serravano per Cane T. X p. 
15* Zannino da Cividale Capi- 
taoio. T. X p. as« Dato in cu- 
stodia a Gerardo da Polcetii^. 
T. Xf»i6, Cenedesi soggetti a 
Trivigi sotto il dominio di Cao- 
grande. T. X p.^s« Sì disamin'h' 
la soggezione di Ceneda a* Tri- 
v^aiìi. T.' X p. i«a. Erano- ri. 
corsi a Mastino per sottraersi da' 
Trivigiani. T. X* p. 10». T Tri- 
vigiani adducono i loro diritti: 
T. X p. xoj* Gli Scaligeii ave- 
vano confermato la giurisdizfonQ 
do' Trivfgiam s^^a UCenedesc. 



T. X p. 103.' 1 TrivigiaAi A>n» 
sultano intorno ad una propósi-: 
zione di unire il Vescovado di 
Ceneda a quello di Trivigi. T. 
X p. lo6» Loro querele portate 
al Podestà di Tiivig!., perchè. 
Ugolino da Sesso Visconte di 
qua dalla Brenta esbeva un pe- 
digio da essi entrando in Setra- 
valle. T. X p, ro8. T/gerio da 
Ceneda Vicario ricéve ordine da' 
Trivigiani di esigere 1 dazj, e 
di pagare Gnalperto da Crispi- 
gnaga Capitado. T. X p. nj. i 
Trivigiani commettono alle Vil- 
le del Cenèdese di intervenire! 
air e^avazione delle fosse di 
Trivip. T. X p. irj. È a* Ca- 
pitani di Cooperare alla cattura* 
de* condannati dal Viceconte', 
degli Scaligeri. Tom/ X p. l'i 5*' 
f acio da Carita'gallo Visconte de- 
gli Scaligeri , e Daniel da iÀedo-' 
Io Capitanìo di S. Martino, T. 
X p. 116. impongono iTrivigia-. 
ni agli uomini dì Ceneda, dr 
Tarso , dì Corbanesfo , e di Ar- 
fànta dì munire i Castelli di Ce - 
i&eda » e di S.- Marcino , é dì u^ 
sare uria- moneta quova. T. X 
p. iitf. Ccnedisi s* tìniscorto in 
lega cogli Estensi, e co* Gcn^ 
ztfgUL T. X p. 143 i4*-^Ìi pr<^ 
segue alla presenza dcjgh Scali-: 
gerì r esame delle pretensioni 
de* Trivigiani sopr* Ccaeda. T. 
X p. I S2. Guglielmo Bevilacqua' 
vtcita i Ttivi|fam a mandare a' 
Paddva r loro nunz} , mentre i 
Ceiiedtsì avevarto spedito' i loro. 
T. X p. 154. Castello di S.Mar.* 
ttnov Bcrtoliho Caligine Capita-; 
nio riceve lettere da* Trivigiani' 
di ttflttar da amico 1* esercito 
del Friuli. T. XI p. 4^ Gli Sca-- 
ligeri vi mandano un certo Nic-» 
Tolò per Capitanìo della Rocca, 
e rimovono quello che vi era- 
di nóme Aibertuccìo. T« ^ P*' 



e E 

•a. Impongono al Capitanki , che 
j Cenedei 1 debbano col loro ter. 
ittocio corrìspondere a Trivigi. 
T. J^I p. 74^0. Vo«ì alle gen- 
ti di Serratane, e di Conq|[lia. 
no riprendono Foiinùoica a Hi 
CollaltL T. XI p. I J.Francesco 
VescoTO dopo la morte di KìZm 
sardo da Camino cottcede V in* 
▼escitara de' taoi feudi a' Pro- 
coratori di S. Marco. *T^ XI p. 
96» Rocca di S. Martino colla 
Caria di Ctatelnòvo non furono 
mai feudali , ma tempre della 
mensa Vcsco?iIe« T. XI pag. 97 
lOf. I Veneziani ordinano a* 
Coneglianesi di non molestare il 
Veacovo intorno a' suoi diritti 
aopta Castelni^ovo* Tom* XI {• 
!•$• Kinporanb gir ordini posi- 
lìvamente. T« XI 'p. ijp. Con- 
sìnra ordita da* Candnesi assi- 
mi dal Patriarca concio i Ceie- 
dcsi, e il Vescovo. Tom. XI^ p. 
169» Costituti di alcuni carene, 
rati, i quali depongoop, che 4 
YÒlef a date il Castello di Cent* 
Àz nelle mani de* C^minesié T. 
XI p* 17 r. Sucio de* BarbaroH 
da Bologna Visconte e Rettore. 
X« XI p. 171 171 ^7ì» Lite ag. 
stata in Venezia col Comune di 
Conegliano per la Curia di Ca- 
stelnuovo. T. XU p. lu Fran- 
cesco Vescovo investe Beatriae e 
Rizxarda Caminesi. de* feudi di 
suo padre Riz^rcfo. T. XII p. 
2S. Pietro de Rugrélla Vicario. 
Tk XU pu a9 ia. I Procuratori 
di' S. Marco danno licenza al 
Vestava di concedere a Rizzar- 
do e Gerardo fratelli Caminesi 
^txe* feudi, che già* furono del 
qu. Rizzardo. Tom. XII p. jo* 
Giovanni de Fonuna soao del 
Veacovo in Venezia. T* XII p. 
$u Concordia fiitta da* Camine- 
si col Vescovo, di Ceneda. X. 
XII p. J2« Il Vescovo pretende 
Tom. XX. 



C E 14$ 

Cavolano dal Patriatea come di 
sua dioc^. T. XII p. ^7* Si d* 
mettono le pretese in arbitri, I 
quaH si riducono in Conegliano. 
T. XII p. 88. Giberto Vescovo 
concede a Giovanni da Campo- 
cervatio , a Marco da Cimetta , 
a Francesco da Zopedo, e ad 
Avancio da Sanfiore procuratori 
de* loro Comuni 1* inv^tura 
de* fèudi antichi, che essi Co- 
muni avevano. T. XII p. ttf7* 
Si accennano le iovesticare At- 
te dal Vescovo Fietro nel laps. 
dal Vescovo Francesco nel vjotf., 
£ dal Vescovo Manfredo nel 
\310p T. Xtl p. itf». Fuchie c- 
rette nel Cenedese fanno deca* 
d«re r atte fabrile in Veneaia. 
T. XIII p. 24. Carlo Imperado- 
re conférma a Gerberto Vescor 
vo tutte le donazioni, e conces- 
sioni £itte dagl* Iniperadori Be- 
rengario , Ottone , e Federico. T. 
XIII ^ a8. II. Vescovo costitui- 
sce giudici t Veneziani' nelle dif- 
ferenze con Tolberto da Cami- 
no pel Castello di Valdimareno. 
X. xni p, j7. I tre Provvedi- 
tori spediti a Treviso dovevano, 
provvedere anche agli afl&ri del 
Cenedese. T. XIII p. $j S4* 
Si doveva anche nel ' Cenedese 
proclamare V armistizio ùz il 
Re d' Ungheria', e i Veneziani; 
T. XIII p. 57. Il Vescovo se- 
guace di Lodovico Re d* Unghe- 
ria nella guerra co* veneziani e* 
compreso hella tr^ua. T. XIII 
p. 5 7* B nella pace. T. XIII p. 
7r« Il Doge comanda a* Trivi- 
giani di permettere a* Cenedcst 
franco 1* asporto delle loro en- 
trate dal Trivì^iano, come essi 
lo permettevano a* Trivigiani. 
T. XUL p, 79. Il Vescovo e*a»- 
dato ni Ungheria , e si lamenta 
de* Veneziani, che gli tenevano 
occupale le soe ragioni. T. XIII 
K pag^ 



144 e È 

p«g, t5« Ducale che esenta pet 
cinque anni dalle fazioni quelli, 
cke andassero ad abitare nel Tri- 
vigitno, e nelCeoedcse desolati 
dalla petrilepta. T. XIV p. 19. 
Provveditori de* Veneziani nel 
Ceoedese ^er timore di guerra 
cogli Austriaci, e col Carrare- 
te. T. XIV p. sa. Il Doge ac- 
cetta r esibizione de* Cenedcsi 
di mettersi sotto la protezione 
della Republica. T. XIV p. 95; 
Oliviero di Fiandra Vescovo di 
Cencda messo al possesso def 
suo Vescovado. T. XIV p. 9tf* 
Il Vescovo rinnova a* procura- 
tori di S. Marco 1* investitura 
del feudo fatta da* suoi prede- 
cessori. T. XIV p. s>tf. T Vene- 
ziani permettono a* mercanti 
Tedeschi di portar le loro mer- 
ci in Germania per la strada di 
di Serravalle, e del Cenedese, 
purché non le portino negli sta- 
ti degli Austriaci. T. XV p. 5. 
Giovanni Ungheio Capitanio del- 
la Rocca di Ceneda invade col- 
le sue geriti il territorio df Bel- 
luno. T. XV p. 58. Nella pace 
co' Veneziani si dichiara , <fhe il 
Ke d* Ungheria non sia tenuto 
in quanto al Cenedese ceduto 
al Duca Leopoldo* T. XV p^g. 
Bi. Ne* alla restituzione della 
bastita di Colle, e della Rocca 
di S. Martino di Ceneda. Tom. 
XV p. 82. Editto del Carrarese, 
che promette immunità per die- 
ci anni a chi andasse ad abitare 
in Ceneda. Toau XTI p. 85. Il 
Carrarese la cede al Visconti, e 
il Visconti la cede a* Vcriezianl. 
T. XVII p. ao 24. Ordine de* 
Veneziani , che Ceneda non sia 
aggravata pe' lavori, che si fa- 
cevano sulla Livenza , facendosi 
in essa degli altri lavori neces- 
sari. T. XIX p. 45. Che i Ce- 
«edesi non siano obbligati a eom- 



.■ e É 

péràre il Sale a Vene£ia , ma a 
Trivigi. T. XIX p. 48. t/n Ca- 
pitano tJnghero consegna Cene- 
da, e la Rocca a* Veneziani 
per tre mila ducati. T. XIX p. 
80. Il Patriarca si lagna che i 
Veneziani aveano preso Ceneda. 
T. XIX p. 109. I Cenedesi di- 
mandano perdono ad Antoòio 
Corraro loro Vescovo degli ec- 
cessi commessi, mentre fa Cit^ 
ti era occupata dagli ungheri* 
T. XIX p. I4I. Il vescovo ha 
il mero e misto imj^ro sopra la 
Città, e sopra il comitato di 
Tarso , Arfanta , Carboncsio , é 
Raine. T. XIX p. 14 j 144. Cas- 
sel di S. Martino. T. XIX pag. 
144* I Cenedesi possono estrar- 
re le loro retidice senza dazio 
da Conegliano , e da tutti gli 
altri luoghi del dominio Vene- 
to. T. XIX p. 14$. Capitoli di' 
convenzione fra i Coneglianesi , 
e il Vescovo di Ceneda Pietro. 
Leoiii per trasportare il Vesco^ 
vado in Conegliano arlmeno' per 
la metà dell* anno T. XIX pag. 
is8. 

da Ceneda >/ÀaM»»f pari giudice^ 
della Curia generale del Vesco- 
vo. T. Ili p. 109* Bsrt¥l§mmÉ0 
qu. Simone Professor di Gram- 
matica e notajo. T. XVI p. loj* 
Frénu*sc9 notaK> <iu. Bortolamio* 
T. XII p. lo*, oétoìr^at Deca» 
no della Chiesa d* Aquileia elet- 
to Procuratore a stipular la pa- 
ce in Torino. TT. XV pag. 109. 
n^eeano della Cattedrale di Udì. 
ne. T. XVII p. 7. VgtrU Vica- 
rio in Ceneda. T. X p. rij 114, 

Cenni FrsnencQ a Dote ambisela-' 
tote de* Sanesi a Triv%i. T. IX 
p. tfa.' 

de Censarina Jéu$f$ e sua fàiùiglia' 
Veronese Aior uscirà ritirarti la 
Trivigi. Tt Vili p. Mtf. 

CentegnaiM) nel VeronesCi St9rié^ 
T. ' 



2 - . CE 

t. VII p.,a7. 
da .Cento R4mb»*to Vicario del Po- 
destà di Ttivigi cJetto pub lieo 
professore in BoJogoa. T.,VI p, 
jo. Giovdnni da Bologna. presen- 
.te in Vcnezi4« Tom* XII p. 29. 
Centorio nel Veronese, SfùrU, T. 
. VII p. 27. 
Ccrcccdo luogo presso Canipa, T. 

IV p. 39. 
de*; Cerchi Verh da Fiorenza Po- 
desrà di Padova. T. Ili p. 9j 
9 8 99. fneetlò da Fiorenza Po- 
destà di Padova. T. IV p. 142. 
P:errp milite assessore del re- 
desta di Padova. T. IV p. 147. 
de Cercalo Phtry ambasciato^re de* 
Bresciani a fcivigì. Tom. VII 

?• J* . > 

de Cerescùo Ubert9 milite Trivi- 
giano. T. II p. a7. 

Ceireta Comune compera da Turi* 
sendo alcune possessioni in .Ca- 
salaurno e in Cogollo. Tom. I 
p. 29, 

4a Gereta, A»tonU Veronese. T. 
HI p. 97. 

da Cergnuolo QttvMnnl qu. Cor* 
rado presente in Cividale. T. 
XVII p. tf4. 

Ctrmispne àk ^arma aderente del 
Visconti co* suoi figliaoli. Tom. 
XVII p. 55. . 

Cerro Villa conceduta agli Esten- 
si. T. II p. 36. 

Cercaria Villa ceduta dal Vescovo 
di Ceneda a Conegliano. T.ìp. 
90. villa del Trivigiano abbru- 

.. cìata da* Veneziani. T. XI p. 70, 

de Cervata Ottoni qu. Éndrico Cc- 

, nedcsc. T* X. p. iS7« 

Cervella Bertrand» contestabile di 
cavalli in Trivigi. T^ XII p. ?. 

Cervia è in lega co* Bolognesi. T. 
IV p. ap4. E* ricevuta nella le- 
ga già stabilita fra i Veronesi , 
Mantovani , Bolognesi ec. T. ,V 
p. tf5. Matteo Vescovo. T. V p, 
iij. Ostaiio da' Folcirli STgnoie, 



Inclusa nella pace de* Ventzfa;^ 
ni e Fiorentini .cogli Scar.^cri, 
T. XI p. ia7» 
Ccsalto Feudo della mensa Vesco- 
vile di Ceneda dato, a' Camine^ 
si di sotto, T. I p. 108 Ha. T, 
II p.^ 8. Castello di Tolbcrto da 
Camino avuto in ftudo dal Ve- 
scevo di Ceneda. T. V p. 91. 
Castaldia di Tolberto da CannV 
no. Storia* T, Vili p. 81. Villag- 
gio preteso da* Veneziani e dà* 
Trivigiani, mentre era de* Ca- 
minesi. T. X p, 96 loo 101 los 
rrj. Castello restituito da Tol- 
bcrto da Camino a* Conti di 
Collalto. T. xni p. 41. Ducale 
al Podestà di Trivigi che ordina 
di sorprenderlo. T. XV p. i-J, 
Del distretto Trivigiano, e suo 
canale. T..XVI p. 178. 
Cesana Podestaria e Contea dispe^ 
ziale giurisdizione del Vescovo 
di Felttc. T. XI p. 90. Contado. 
Carlo Imperadorc lo avea con- 
ceduto al Vescovo diFeltre, ma 
livoca il dipIooFia di concessio- 
ne. T. XIII p. aa. Contea data 
in Feudo da Carlo. Imperadore 
ad alciine famiglie benemerite. 
T. XÌII p. a9. Diploma di Car- 
Io Imperadore, che restituisca: 
al Vescovo di Feltra quel Con- 
tado. T^III p. 77. Il Comune 
tìccve ammissione dal Podestà 
di Trivigi di riporre 4ic* luoghi 
antichi i segni de* confini staci 
tkerari dal Carrarese. T. XIV 

p. 44 45 4<S 47 48 49 5« 77* 
.òli- uomini di Cesana andavano 
a iàrsi far ragione alta curia Jl 



Zumclle. T, XIV p. 47^ Castel- 
Io preteso da* Bellunesi di loro 
. giurisdiziooc. T. XV p. js» 
de C(«ana Antonio figlio di Vetto- 
re bandito da Belluno. T.X vi II 
p. 42* Bortonorto ed Antonio fra; 
telli banditi da Brlliuio. Tom. 
XYIII p. 41. 

K a de 



♦ il e E 

à$ Cetariaa Jàe$f Vezooese* T. 

II p. tfe 9^. 

1^^* Ctd QobiH adcreod di Niccolò 
Maxchese d*Esce« T« XIX P«9i« 

CesM villaggio preteso dt* Vene, 
zittii, e'dt* Trivigiaoi, meotre 
eit de* CtBiioett T. X p. 96 
100 xot xos xxj* 

Cesso de Canne In^ ^^* confini 
Fadovani verso Cmggia. 7. V. 
p. ap. 

(le Cenncs Conte G?«v<ffi»l. T.XIX 
p. XS4« £ Conte Mstie$ p« xss* 

Cevola^ Ogi^tkft dell* ordine de* 
Minori fideiconunissario del Ve- 
scovo di Verona Bontncontro. 
Sr«rì4. T. VII p. aS j8. 

Chesola Villa assegnata a Castel* 
franco. T. XI p. rj9« 

di Chiaramonte il Conte spedito diu 
gli Scaligeri al presidb di Tri- 
vigi. T. XI pé «5. 

di ChiaravaUe E^idìq 4bate« T. I 
p. ?!• Mooasterio. 11 Suo Abate 
riceve commissione dal Cardinal 
legato di pablicar la tregua fra 
ì prìncipi della Lombardia a 
motivo del prossimo Giukiileo. 
T. XU p. XX4, 

de Chiavica B$mngsssi:S9 nou qu« 
Zambonioo Veronese. Tom* VI 

pbignioo B%ruUmì9 presente in To- 
rino alla pace fra LVeneztani , 
ed i Genovesi. T. Xrp. 7t. 

Chicggia, rappresaglie de* Padova- 
ni contro di essa. T. HI p» i|. 
Stipula strumento di conven4Ì9ne 
co* Padovani per confini, T. IV 
b. ij. Chioggiotti ptotestano a' 
Padovani sopra cer^ palififat* 
del tenerne occupata da* Pado- 
vani. T. IV p. i6i« Del discretfi 
to di Venezia, T. IV pag. 279* 
Chioggiotti in ajuto di Fresco 4^ 
Cste per ricuperar Ferrara dal- 
le mani della Chiesa. T* V p? 
ITO* Scomunicati dal Papa. T, 
y pg. 112. Sal^ cbc si portava 



CE 

sul Padovano. T. V.p. i6x 161^ 
MiUsie ivi raccolte sì a piedi, 
come a cavallo mettono in sov 
spetto i Trivigiani* T. VI p. «?• 
Sale* T. VII p. 99. Suo sale che 
si portava in Terra ferma. T.X 
p. xaj xis. L^name d^* Basssr 
nesi , che per brenta si condu* 
ceva verso Chiogg^a. T. X pag. 
X14. Ar^ne fatto da* Padov^int 
• ne' Corani. ^#«rl4. T. XI p. o, 
Nel Consilio si deb*bera intorno 
a quest* agline. Sf^ris.T» XX p. 
sa. Lavori fatti dagli Scaligeri 
nel luopo detto Testa d| Canne, 
che oftendono i diritti de' Ve- 
nexiani. T. XI p.tfo tfi. Formar 
no decreto di far festa solenne 
di S. Cecilia, nel qual dì i Ve. 
aeziani ptcsero il pastello dell^ 
Ssiine. T. XÌ p. 79. I Veneziani 
mandano ambaKiatoii al Signc^f 
di Padova per giustificar^ un 
&tto di Chioggia. T. XII p. tfS. 
I Veneziani ordinano al Podestà 
di invigilare, che i Padovani noc^ 
facciano novità a* confini diChiog- 
gia ^ntco i par^i, e le conven- 
zioni fatte sin dall* anno r 304. 
T. XII p. ^1 9Ì* Spopolata qua- 
si <UU^ peste. I Veneziani pren.- 
4onQ parte di richiamar in Cìu 
ti i banditi. T. XII p. iot.Nìct 
colò Lione Podestà. T. XII pag^ 
loT. Sentenza di cinque arbitri 
Xeneziani per le divisioni d^* 
Confini col Carrarese^ T.XlV p. 
90» e se^. Racconto delle azio- 
^ì cbe opcfa^onq i Trivigiani 
nella gaern( di Chioggia. T, XV 
p. j}. Asse^au dair esercito de^ 
Vene^anì. T. XV p. j4 38. I 
Vene^ni accordano agli stipen- 
diari 11 Sacco della Città. T«^y 
p. 41' Supi molini sulla Intenta, 
vecchia. T.XVI p.a«. Sttoicon, 
fini col Padovano. T, }(VI pag, 
M. Suo Sale che si mandava nel 
Polesine di Rpyigo. T9m. XVIJ 
f. ^tfj. Chi- 



j^ e H 

Ctùiu^ Jdt9hin9 figlio, di f\iaestro 
Keneaetto da Bassano. Tom. IX 

de*. Chiupani ChiufÀnt Viceotuso. 
T. IV p. i«>. 

le* CtÙEoU Méff Giadice amba- 
sciatore de' Brcsciaoi • Tom. 
IT pag. i8i 18) 1^0. ZtdfpU 
^$ o C'fvénni da , ^tesela. Giu- 
dice e Assèispti in Trìv%i , 
T. X p. 121. T^X^Ip. i^. Am« 
basciatore de* Trìvigiani al Doge 
Marin Fallerò. T. XIII p.i5. Al 
Poge Gcadenigo. T. XIII p. jtf. 

de' Chìzzoni B$mtféul$ da Padova 
Podestà di Bastano. T^ V p. 49; 
^p. 58 €6 6j» 

•Cibo PiriìvaU^ .oel Consiglio di 
. Genova T. XV p. |o7« j 

de Cibplo Oéhriele milite Txl?igu- 
no. T. II p. 27. , 

Cicala Andrté Capinnio diì He- 
goo. T. II p. IO. . ^ , 

r/c#rM^-bta$imatQ dal Pctxàrca , « 
Mato. T. XIII p. tf 7 8# Ctu« 
. ^o. T. XIII p. f j;,. 

Clerà Sttfén9 scriba e iiotajD a 
. Venezia. T. XIII p. 27. 

Ck|ano daaio si., |K>Id> < ^ ^ro^si; 

T. V p. 1 54. Villa del Trivigia- 

Q.o manda guastatori a Mastino. 

T* XI p. ai*. Villa spggetta a* 

, Conti di Collaite. T.XIII p. 57. 

de Ciglaoo Fjéifkttteti óot. 'ì'rivi- 
|iano. . T. Vili p. la^» Micheli 
not. T. Vili p. IJ7* Norajo 
. anziane, T. Vili p. i5?, . 

CigQtto Castello del distretto Trivi- 
^ giano. T. IV p. 1*7. 

de .Cilicincri Ji4'sttȤ Bresciano*' T. 
IV p. t8a i«9« Ub9rg$ pi 190/ 

di Ciìla £riÉM»»9,Conte Spedito in 
Vngherià iil Duca leopoIdo'.T.' 
. XVI p: 50. , 

Cjllo Castello del Trentino. Tohi. 

. IV p* 150, 

tilvarisio del Padiovano, Tom. V 

Cittadoloio Villa assegnata ad 0« 



ci HI 

.dé«C0* T. XI p. i|9- 

da Cimetta it/^rc* qu.Pietto^<!otlié 
Sindico del suo C^mu^tc titevè 
r investitura de' Feudi andchl 
4al Vescovo di Ceneda. T« Xll 
p. 16%. 

Cinquechiese ì Vélti^ttm; Vescovo 
commissario dql Re d' Ungheria 
in Friuli,' T. XV p. sj $4 5 5.' 
I)ottor 4e', decreiti Procuratore & 
To(ÌÉo per ja p^ice del ke co^ 
Vfneziafiì. T. XV p. 7} 75. I- 
sthimem^ di ^tpa procura. T. 
:^V .p. foj* ^crive agli udinesi, 
perchè lascino in IiMrtà' Michel 
«Li Rabatta jrigioniet di guerra. 
T. XVi p4^iio8« OUvjn—l Prevo- 
sto teàtinNmio nel Titolo. Tonu 

Xi^ p. 74. 

Ciren. ArimstM9 Vescovo teitimo- 
ni9 nel Tirolo. T. XIX p. 74.^ 

Clrològo M9nmnrtU^9 da. Veroni 
presente alla lega it^ Q Patriar- 
ca e |Ii Scaliceli. T. X,p4 lap.' 

de*,Cipriani FfUrteù creato cava^ 
liete dal Carrarese alla prèsa dì 
V.erona. T. XVlilp. 57« ZtnèhtJ 
giurisperito presente in Venezia 
alla pace cogli Scaligeri, t. xì 
p. ia8< ' , • 

S. Cipriano Monasterioj suoi beni 

. presso Chio^i%. f . XI p. «i. 

Cipro f passa il tempo nell' ozio , 
efra i piacìeri. T. XIII ^« 81. 

,di Cipro Plefr$ Ile > in guèrra co' 
Genovesi, t. XV p. 85 ?<* II. 
BiC, viene a Venezia onerato da' 
Veneziani* "f. ÌlVp..ao. 11 Do- 
ge coflàmette fli ricevere |n Trì- 
vigf la di lui famiglia. T« XIV 
p. a8. ^ 

de' Ctseret p$mtnU$ Uotàfo net 
ConsiglÌ9. di Verona. T« XVlIt 
p. 8i. IBletto Sindico a dar yc^ 
ròaa. alla llepubfica. TonwXVlli 

. P* ««• ^ . 

Cismone Fiume del Vescotd à* 
Feltte £nb che entri nella Brerf*', 
ta; T. I p, 19 aV, ÌjoM de^ 



T5P ^ ^ • 

l4»ssancsc i Padotani ordinano 

fìie in essa star vi debba conti- 
ruamcnte un Capìtanio con otto 
soldati, e che sta fatto il solaio, 
]a coperta , e V armata nella fa- 
tatone dagli nomini di Bassano, 
«li Fontaniva , di Cartigliano , dì 
Povc, e di Osinone. T. Ili p, 
P. Casa che dovevano fabbricar.' 
vi i Bassanesì. T. Ili p. fi. Or- 
bine del Podestà di Padova di 
. vubblìcai la nuova gabella sopra 
la macina. T. IV p. aj. Senten- 
za degli arbitri nella causa de* 
confini con Solagna e San^aza- 
lo. T. V p, loi. Pel territon'o 
«li Bassano. T. V p. xstf, Tofn. 
Vili p. SS. Annoverato per fuo- 
chi otto. T. VII p, 84. Si met- 
te ^air incanto il dazio sale pel 
comune di Bassano. 't. VIII p. 

172.. 

Clsone villa giura di seguire il 
Podcstsl di Trivigi. T. II p. 9^. 
Passiadcro Pievano. T. I p. ij. 

Cittì di Castello entra nella pace 
còl Papà ' fra i Principi della 
Lombardia. T. XIV p. s8. 

da Citù di Castello NìccfU Giudi- 

'. ce assessore del Podestà di Tri- 
vigi. T. Ili p. '4^. 

Ciaadclla Villa de* Camincsi ce- 
duta a Concglìano. T. I p. 85. 
T. II p. 4S. assegnata da'Tri- 
vigiani. T. HI p. 4'» 

Cittadella Castello sul Pado\'ano. 
Chicia di $. Prosdocimo. T.II p.7 J 
T. IV p. 81. T. V p. 14, Ordine de' 
^Padovani al Codesti ed al Comu- 
ne, perchè non sia portato vino 
fuori del distretto. T. IV p. 1 tf4« 
$u;ada acconciata da' Padovani. 
T. V p. 113 119. rj». Statuto 
intorno al Podestà. T. V p. i^s. 
eie non abbia da far danni al 

rjco di S. Pietro in Perno. T. 
p. ijj. E' scelta da' Padova- 
ni , e da* Trlvigiani per fare un 
congresso fra i due loro Podc- 



Gì 

su. T. VII! p' 4^. I Padovani 
la sottopongono alla proiezione 
del Re Federico. T.VIII p. i8<j 
Alberto dalla ^cala è in quel 
luogo. T. X p. 171. Esercito del 
Carrarese per opporsi al passag- 
gio della Brenta deg Ir udinesi.T. 
XVI p, 104. Difesa da Ugoliriq 
de* Ghisilieri con cento lancie. 
X» XVI p. los. Sue contese col- 
la Comunità di Bassano per 1* 
acqua Rosata. Tom. XIX p. n. 
I^rivilegio conceduto dalla Ke- 
publica di Venezia. Tom. XIX 
p. aj. 

da Cittadella Frénetse9 Giudice Pa- 
dovano. T. V p. X14. 'c74/4r^« 
Valentin! da Padova procurato- 
re di Conte da Parrara.T. XVIII 
p. 48. Gioifénnl Bvno prochi. T. 
Ili p. «4, Niccolò Gastaldo dell* 
arte della lana in Padova. Tom* 
XIV p. jo. Pietro, Ti I p. 45. 

Cittanova o Emonia Egidio Vescovo 
al isinodo d* Aquileja. T, ITI p.' 
ìiS, Pretesa dal Patriarca d'Aqui- 
leja contro i Veneziani. T. Ili 
p. la* I7J. fino a 182. Vesco- 
vo destinato dal Papa per assol- 
vere i Trivìgiani dalla scomuni- 
ca^ T. TI p. sf S8 tfr. 

Cividadc Villa djel Padovano. T* 
XVI p. 18. 

di Cividai di Belluno Ste/sno qu. 
Virgilio sue ruberie contro un 
Trìvigtano. T. X p. 74 7S. 

Cividai del Friuli , Bernardo pe« 
ceno. T. IÌI p. tfy. Maestro Gu- 
alterìo Scàlastico. T. Ili p. 67^ 
Frati predicatori ; Jacopo letto- 
re al sinodo d* Aquilcia. T. Ut 
p. 88. Bernardo da Trento De» 
cano. T. HI p. i,*! 1*4. T. IV 
p. 17. Va Iter io scolastico, f. IH 
p. 122. so^g. Maestro Manihp 
Canonico. T. IV p, 75. Contro-* 
vcTsie vertenti fra il Capitola e 
il Patriarca per beni e giutis4i- 
zìonì m Friuli ; ifoibcrto Vcsco- 
- '•' ' -■• • • vo ■' 



e I 

▼o di Tiivigi eletto arbitro , e 
sua sentenza. T. IV p. io8. e 
segg. Wa Itero Canonico. T. IV 
p. 109» Pietro da Pipcrno Pre- 
vosto. T. IV p. 109. Bernardo 
Decano, p. 109 220. Ricercata 
del suo sentimento dal Patriar- 
ca , per U pace con Gerardo da 
Camino. T. IV p. 145. II Patri, 
arca ìc partecipa la pace fatu 
COR Rizzardo da Camino , e ^he 
Sadle limaner dovesse in di lei 
custodia. Tom. V p. 70. Forma 
procura per concluder la pace 
col Conte di Gorizia, e con 
Rizza rdo da Camino, e lo^'o a- 
dcrenti. T. V pag. 115. Cenone 
da Cuccagna canonico. Ibid. Ria- 
1^ da Tfivigi CanowVo. T. V p. 
194. Convento di S. Domenic^o, 
^ di S. Giorgio beneficati da 
Beatrice da Camino. T. IX; p. 
20. Entra nella lega fra il Pa- 
triarca e gli Scaligeri. T. X p. 
X29. Jacopo da Carrara suo Ca- 
nonico. T. X p. 148. Gjaidone 
Decano. T. XI p. 89 14 'S* 
Conuo, e Corrado, Bojano. T. 
XI pae. Ji5« GugHelmo Mairani 
Canonico. T. XI p. 51 5^. Suoi, 
nunzi In Udine al parlamento 
generale. T. XI pag. 54* Curia 
Patriarcale. T. XIII p. 9. Carlo 
Imperadore, le concede la pu- 
blicà universitì. T. XUt p. ai* 
'si compromette nel Carrarese 
per la pace cogli Udinesi. T. 
XVI p. 76, Sentenza di esso. T. 
XVI pag. 77. Essi la ratificano, 
C* XVI p. 81. II Patriarca Gè- 
^ tttolimiuno Vicario ec. presen-, 
t k sue commissioni Papali per 
aq^aetat le discordie civili. T. 
ivi p. i2tf. Uniti alle gerui di 
T.dova molestano gli Udinesi. 
T XVI p. ia7 1^8. Cividalesi 
uuti in lega col Carrarese, e 
Cd Patriarca si protestano di 
estr jronti a ^ la pace., T. 



C I ijf 

XVI p. 13 a. Scrive a* Capitani 

di Savorgnano intorno ad una 
tregua fra i Signori di Attens, 
e intorno a certi prigionieri fat- 
ti in guerra. T. XVI p. 147. II 
Carrarese ooàfica ad essi come 
il visconti s* era fatto padrone 
di Verona, e di Vicenza. Tom. 

XVII p. 3, Istrumento di pro- 
cara per rtfificar la pace fatta 
fra i F|<^entfni i Bolognesi, e 
Francesco da Carrara da una 
parte , e il Visconti dair altra. 
T. XVII p. «4, Onorata della 
ptesenza di Papa Gregorio XII. 
T. XlX p. 35. Vi arriva Bruno- 
ro dalla Scala cogli Ungheri e 
in breve vi doveva arrivare an- 
che rimperadot Sigismondo. T, 
XIX f. 60, Giacomo da Carra- 
ra gh scrive dalla Germania , 
comjc in breve coir ajuto dell' 
Imperadore era pei venire in 
Italia alla ricupera de* suoi sta- 
ti. T. XIX p. ijx. 

da CivìiUle Frenetichino Giudice 
del Podestà di Bassa no. T. XII 
p. 14^* PauIo Bojano Capitanio 
di Sacile. T. XI p^ 7 15. Z^t'^ 
n» Capitanio del Castello di S» 
Martino di Ceneda. T. X p. is. 

Civrani Belletto eletto Savio da* 
Veneziani. Storia, T. XI p. f4. 
GUcomo Capitanio in Koale. *?• 
XIV pag. 54. Ptftr9 Consigliere 
del Doge. T. II p. tao. T. XII 
p. 57- Sindico Ue'Venewani a fai 
1* istru mento delle convenzioni 
con Sacile. T. XIX p. 41. Sin- 
dico de* Veneziani a stipular U 
lega col Visconti. T. XIX p.^8, 
Pietro Priore del Convento dìs. 
Salvatore di Venezia. Tom. VII 
p. 75. 

S* Civrano Villa del Trivigiano , e 
sua tangente dì. colte, Tom* X( 
P- 74. 

Clairano Villa del Tririgiano man- 
da, guastatoli a Mastino. T* XI 
K 4 p. 



i^t e L 

p. a5« Assegnata ad Odtno, T. 
XI p. lif. 
de Clanola Pìtrra qu. Niccolò ines« 
to alla custodia delta porta di 
S. Zeao di Tiivigì. Tom. IZ p. 

de Clapana Dimén$ uno degli or« 

tó Cmizlali GenoYesi di guerra, 

•T. XV p. 107. 
Claiignago Villa del Triv^tano a(>- 

bniciata sella guerra da* Vene. 

ziani. T. XI p. 76« Assegnata a 

SHestre. T. XI p. ij8« 
ClsvtlÌ9 sindico de' Trivfgiaai. T. 

II p- 96. 
de C lavello Btméeeérsié iii&Ì»\oTiU 

bigiano. T. X p. ii Ta« Bemérdt 

qu« Ben?enato sacrista . nella 

Chiesa di Trivìgi. T. IV p, ji. 

Offtuf»»; anuaoo in Trivigi* T. 
1 XI p, ^9* jAC9f9 Ttivigiano^ T. 

VI p«59. Eletto ambasciatore al 
Come di Gorizia, e Re dìBoe- 

- mia. t» VI p. 79. Amia no. T. 
VIIp. ij $5. E* io Vcneiia pe* 
Txivigianh T. VII p. 4.$ +<• Ain-« 
basdatore de* Trifsgiani al Ca*- 
minese. T. VH p. ij. t*' Vene- 
ziani. T. VII p. «I. Console. T« 

VII p. 14T. Scrive pli strumenti 
della pace ita t Tnv^iani ^ e il 
Conte di Gorizia. ,^ e il Camino* 
se. T. VII p. 145- Sapiente. iT. 
VII p. 175. Kbt. ambasciatpre 
de*Trivigiani a Venesia. T. VI» 
p. ^T5 xitf* Notftjo frivigiano. 
T. Vili p. 1+1 i5t. Eletto a 
compilar gli Statuti T. IX p. 
2a9« Notaio anziano di Triyigil 
Sférléu T. IX p. X7t.- Anuado. 
Tom. X p. Stf. Sletto Savio da* 
Trivigianié T. XI pag.. 178. Ve' 
uìmhiHt nota}o Tri vignino. T. 
Vili p. 80 11. Nl€c«U Aoriàno. 
T. vn p. 14. Giudice ambascia- 
tore de* Trivigiani in Friuli. T. 
Vili p. 94* Ambaseiatore a Ve^ 
nezia pe* Trivigiani. T. Vili p. 
tu» Giadict testimooio in Tfw 



CL 

vlgi. T. IX, ^ a7 ^«. . Gipditf^ 
nelle ditfèrenite tra ,i Trivigiani . 
e i VenezianL T. IX p. 94. Sue . 
comandamento. T. IX pa^. 57; 
Anziano. T. IX p. xaj. Giudici 
nelle ditferèrize tra i Trivigiani^ 
e il Vescovo di 'Porcello. T. IX 
p. 118. Eletto Sàvio. T. IX p. 
ij8. Giudice. T. X p. la. £lct. 
to ad estendere un* aìnbasciata 
de* Trivigiani al Re di Boemia. 
T. X p. ij. Ottiene da* Trivi- 
giani le rappresaglie contro i 
Friolanf. T. X p. 7i^ 75. Amba- 
sciatpre de' Trivigiani a Masti- 
co. T. X péjòj^ Anziano. T. X 
p. isj. Savio. Tom. X ^ 168. 
Manda un £inte al presidio df 
Cavolano. T. X p. 175. 

CUfuentÉ IV. esorta ì Trivigiani af 
lasciar libere senza dazio le ren«/ 
dke dèi nfxoisitto di $. Maria 
delle Verini di Veiiezia* ifòm. 
I]^ p. »ro. 

Cltmtwft V. elegge lesato apostoli- 
co in lulia il Cardinal Napoleo«r 
ne* Tom. V pag» 9. Da* il do« 
minio di Ferrea a Roberto Re 
di Sicilia . Tom. V pag. i7q« 
Scomunica i Veneuani perchè 
tentavano di occupare FjStàira* 
T. V' p. r09« Ringrazia i Padofr 
vani degli ajuti prestati alla; 
Chiesa per ricuperar Ferrara in/ 
Vasa da* Veneti. T. V jp. ut 
Commette al Vescovo di Pado- 
va', ed agli Abati di' 1 Ciustic» 
di Padova, e di S.C^òrsio ma^- 
giore di Venezia di dover n** 
viblabiimeote osservare i Ca>i«<' 
tolt della pace stabiliti' fra la' 
Chiesa ef Veneti. T. V p. Myl 

CUimmf VI. scrive a Jftastino ed^ 
a Jacopo di- Caitara , alHiMW 
nendóli che non dovessero |»re« 
stare afùto o favore a* Pepei di' 
Bologna, i quali unitisi a* lan-' 
fredi di Faenza si erano ibel- 
kti dalla Chiesa. T. XIl pt54^ 



CL 

ftfr!s»T, Xin p. 19^ iio.CoR- 
cede il Breve di dispensa pel 
inatiiaaopio fj^a Ensedisio Conte 
<tl Coi la Ito , e Beatrice qu. Gcr« 
àrdo da Camioo. T, XII p. 1/7. 
Scrìve ai Doge di Venezia , pre. 
gai\dolo di ajato contro TÀrèU 
vescovo di Milano, ^ a con« 
discendere a quanto gli' vetr^ e- 
tposto da Ildebrandino Vescovo 
di Padova. Tom. XII p. 157. £ 
così a Mastin dalla Scala. Tom. 
XII p. 15S. E così a Giacomo 
ed Ubertino dà Carrara, f. XII 
p. x$9. Sua letterata Ildebran- 
dino commettendogli di poltrirsi 
personalmente dal £>oge di Ve* 
èeu'a , <^al Marchese d^J^e , da 
Capatesi , e da Mastmo per 
ìinirli in le^a contro 1* Arcive- 
scovo di Milano, cbe aveva oc 
<apato llologna. T. XII p. 159. 
Còncbinde la pace coli' Arcive- 
scovo di Milano e i suoi nipo^ 
ti^ e dichiara con^presi gli £. 
sterni» gli ^Scalìgeri, ed i Gon- 
zaga. T. XÌII p. j. Concede a' 
Veneziani di poter navigare in 
Xlesundria. f. XIÌI p.j8.Kim- 
provera |danfiedo Vescovo di 
Verona di non esser andato èel- 
la Marca. Sfrìs. T. VII p. ts* 
Kaccomanda a' Principi della 
Lombardia Behramioo Vescovo 
di tol(jgti2 da Ini spedito pec 
sedare le tur^lenxe pregandoli 
^1 rinnovai U tregae'^e di con- 
servar k paée. T. XÌI pag. 76* 
l^legge tte Commissari nelib di& 
fetenze per Ca volano fra il Pa- 
triarca e i Triv^giaai. "f. XII p. 
^tf« I Triv^gtant • i Veneziani 
gfi spediscono ambtsciafort jfer 
€isa lite. T. XII p. 58. Scrive 
s Giacomo e Giovanni de* Pe- 
foli pregandoli ad interporre^ i 
loro ttifiz), pecche almeno per 
mottfo ^el prossimo giubileo se- 
S^a Itk paco te UuOBOf «41 



C L . i'fi 

€oozaghÌ4 T; XII p. 108. Àlaa^ 
da in lulia il Cardinal Guida- 
ne , il quale io Trivigi ^ublica 
una tregua fra i Principi delta 
Lombardia. T. XII p.^ 109. Bre- 
ve di dispensa io i^vore di aA- 
drea Pepoli )ftt unirsi in nutrì - 
monio con B^izzacda da Camino.? 
T. Xll p. laj. 

de Clemènte Pitfr$ qn. Giovanni 
Sindico (fé* Padovani, t. VÌI p. 
5j. ÒaBcelfierè. T, Vii j. sj. 

Clèmentini Z.#f»«ri« Vicetiano. 1*. 

Clerichella ÙstdehiQ Sinaico de'Tri- 

vigìani. T. Ili p. ix. 
de Clesii Sonori amici di Mainata 

€o Cónte del tirok). ^t. ili p. 

2j9« Riprémdw di Trento. Tk II 

f4 rs i6é j ' , 

Clingrubure ConaiU Pincerna» T. 

I JJ. a7. ^ 

Clunu^ease Pietre da CorbàttonÒ 
Abate. T. XIV p. 18. 

elusi GuU0»t Abate di S« Michea 
le. T. XV p. 71. 

Cocha^eda , dazio sei grossi. T. V 
p, 154. 

Coda Villa de* Caminesi ceduta • 
Conegliano. T. I p. 85- 

da qodalonga N!ec$U qu» Bortola- 
mio Padovano. T. V p* i(8. 

da Coderta jUrìdné. T. I p« i8.- 
Mé»ifd9tm§ tutore di Tolbértòdir 
Camino. T. i pag. 81 84 é 9ì 
107. Credi qu. £>nifi^. teim;r 
IV p. II. anulf errine Cóoìiole 
in Conegliano. T. XI p* 88« Jé^ 
09 f 9 e ?Uìr9, Té i p« 84.^1 07. 
JéU9f9, T. II p* 7$* Sindico « 
proéuracore de Cotfeglianesi. T. 

II p. 24. da Conegliano. T. Ili 
p. tf7. JéC9finà Vedova di Jaco^ 
p6 vende a Corrado da Caidi* 
iìe Cavolano , ebe era leudò-pa- 
tr{ircale e il Patriarca iiiveste 
Gerardo. T. Ili p. 71. MMlfirtt^ 
partigiano di nizzardo da Ca- 
lino, Tt IX £1 «r ffW ^^•* 

oc- 



U6 CE 

pag. 8$. Ducale che esenta pet 
cinque anni dalle fazioni quelli, 
cke andaeero ad abitare nel Tri. 
vigiano, e nel Cenedese desolati 
dalla pestilerza. T. XIV p* 19* 
Provveditori de* Veneziani nel 
Cenedese per timore di guerra 
cogli Austriaci, e col Carrare- 
se. T. XIV p. $!• Il Doge ac- 
Cetta r esibizione de' Cencdcsi 
di mettersi sotto la protezione 
della Repubb'ca. T* XIV p» 95.^ 
Oliviero di Fiandra Vescovo di 
Cencda messo al possesso det 
«uo Vescovado. T. XIV p. 9^. 
II Vescovo rinnova a* procura- 
tori di S. Marco 1* investitura 
del feudo £atta da* suoi prede- 
cessoti. T. XIV p. 9é. 1 Vene- 
ziani permettono a* mercanti 
'ì'edeschi di portar le loto mer- 
ci in Germania per la strada di 
di Serrava Ile , è del Cenedese , 
purché non le portino negli sta- 
ti degli Austriaci. T. XV p. 5. 
Giovanni Unghefo Capitanio del- 
la Rocca di Ceneda invade col- 
le sue genti il territorio dr Bel- 
luno. T. XV p. $8. Nella pace 
co' Veneziani si dichiara , <fhe il 
Re d* Ungheria non sia tenuto 
in quanto al Cededese ceduto 
al Duca Leopoldo. T. XV p^g. 
82* Ne* alla restituzione della 
bastita di Colle, e della Rocca 
di S. Martino di Ceneda. Tom. 
XV p. 8a. Editto del Carrarese, 
che promette immunità per die- 
ci anni a ehi andasse ad abitare 
in Ceneda. Toau XTI p. 8tf. Il 
Carrarese la cede al Visconti , e 
il Visconti la cede a* VetfezianL 
T. XVII p. ao 24. Ordine de* 
Veneziani , che Ceneda non sia 
aggravata pe* lavori, che si fa- 
cevano sulla Livenza , facendosi 
in essa degli altri lavori neces- 
sari. T. XIX p. 4S. Che i Ce- 
«edesi non siano obbligati a com- 



e È . 

pérare il Sale a Venefla , ina a 
Trivigl. T. XIX p. 48. t/n Ca- 
pitano tJnghero consegna Cene- 
da, e la Rocca a* Veneziani 
per tre mila ducati. T. XIX p. 
80. Il Patriarca si lagna che i 
Veneziani aveano preso Ceneda. 
T. XIX p. 109. 1 Cenedesi df- 
mandano peidono ad Antonio 
Corraro lóro Vescovo degli ec- 
cessi commessi , mentre la Cit^v 
t\ era occupata dagli Unghert. 
T. XIX p. i^t. Il Vescovo ha 
il meio e misto impeto sopra la 
Città, e sopra il comitato di 
Tarso, Arfànta , Carbonesio, é 
Ruine. T. XIX p. 143 i44« Cas- 
se! di S. Martino. T. XIX pag. 
144. I Cenedesi possono estrar-' 
re le loro retidite senza dazio 
da Conegliano , e da tutti gli 
altri luoghi del domìnio Vene- 
to. T. XIX p. 145. Capitoli di" 
convenzione fra i Coneglianesi , 
e il Vescovo di Ceneda Pietro, 
Leòiii per trasportare il Vesco^^ 
vado in Conegliano almeno' per 
la metà dell* anno T. XIX pag. 
158 . 

da Ceneda JUmé»n$ pari giudice 
della Curia generale del Vesco- 
va T. Ili p. T09. Bért¥Ummf 
qu. Simone Professor di Gram- 
matica e ootajo. T. XVI p« 'oj* 
Fj4Hteisc$ notaio qu. Bortolamio. 
T. XII p. 102. o^tob^no Deca- 
no della Chiesa d* Aquileja elet- 
to Procuratore a stipular la pa- 
ce in Torino. T. XV pag. 109. 
Decano della Cattedrale di Udi- 
ne. T. XVII p. 7. UgtrU Vica- 
rio in Ceneda. T. X p. n j ii4« 

Cenni Fréneesco a Dote ambascia-* 
tote de* Sanesi a Trivigi. T. IX 

P* ^*»' 
de Censarina Jé^cof e sua famiglia 

Veronese Ai or uscirà riurara in 

Trivigi. T. Vili p, Mtf. 
Centegaaoo nel Veronese. Sùrié^ 
T. • 



2 ■' . CE 

t. VII p. 27. 

da. Cento Rdmht*t$ Vicario delPo- 

desti di Tiivigi eletto pnbJioo 

professore in Bolc^na. T. ,VI p, 

jo. Giovanni da Bologna, presen- 

.te in Venezia. Tom, XII p. 29. 

Centorio nel Veronese. SforU* T. 

• VII pu 27. . 

Ccrcccdo luogo presso Canipa. T. 

IV p. 39. 
de*; Cerchi VrU da Fiorenza Po- 
destà di Padova. T. ITI p. 93 
93 99. Klccùlò da Fiorenza Po- 
desti di Padova. T. IV p. 142. 
PUtf milite assessore del ro- 
deste dì Padova. T. IV p. 147. 
de Cercalo PUtiy ambasciatore de* 
Bresciani a Trivigi. Tom. VII 
, P. 3. . 
de Cereseuo Ubert9 milite Tri?i- 

giano. T. II p. a?. 
Cererà Comune compera da Tari^ 
sendo alcune possessioni in Ca- 
sa laurno e in CogoIIo. Tom. I 
p. ^9. 
4a Cereta A»toAI$ Veronese. T. 

in p. 97. 
da Cergnuolo Qlo vanni qn. Cor- 
rado presente in Cividale. T. 
XVII p. <J4. . 
Cirrmisone da Parma aderente del 
Visconti co' suoi figliuoli. Tom. 
XVII p. 5S. . . 

Cerro Villa conceduta agli Esten- 
si. T. II p, 36. 
Cercaria Villa ceduta dal Vescovo 
di Ccneda a ConegHano. T. tp. 
90. Villa^ del Trivigianò abbru- . 
. ciata da* Veneziani. T. XI p. 70. 
de Cervata Oitom qu. Endrico Cc- 

nedcsc. T. X. p. 1S7. 
Cervella Bertrando contestabile di 
. cavalli in Trivigi. T. XII p. ?. 
Cervia è in lega co* Bolognesi. T. 
IV p. ap4. E* ricévuta jieJla le- 
ga già' stabilita fra i Veronesi , 
Mantovani , Bolognesi ce. T. ,V 
p. 6$, Matteo Vescovo. T. V'p, 
il}. Osta^io da Polc^t^ S^'gnote, 



CE ' -'147-. 
Inclusa nella pace de* Ventzfa;. 
ni e Fiorentini .cogli Seal*, «cri. 
T. XI p. I27» 
Ccsalto Jeudo della mensa Vesco- 
vile di Ceneda dato, a' Camine* 
si dì sotto. T. I p. 108 Ha. T.' 
II p. 8. Castello dì Tolberto da 
Camino avuto in fèudo dal Ve- 
scovo di Ceneda, T. V p. 97. 
Castaldia di Tolberto da Caini-. 
np. Storta. T. Vili p. 81. Villaga 
gio preteso da* Veneziani e da' 
Trivigiani, mentre era de* Ca- 
mincsi. T. X p. 96 loo loi los 
irj. Castello restituito da Tol- 
berto da Camino a* Conti di 
Colla Ito. T. XIII p. 4j. Ducale 
al Podestà di Trivigi che ordina 
di sorprenderlo. T. XV p. u^ 
Del distretto Trivigianò, e suo 
canale. T..XVI p. 178. 
Ccsana Podestaria e Contea di spe^ 
zia le giurisdizione del Vescovo 
di Feltte. T. XI p. 90. Contado. 
Carlo Imperadore lo avea con^ 
ceduto al Vescovo diFeltre, ma 
xivoca il diploma di concessio- 
ne. T. X,III p. 22. Contea data 
in Feudo da Carlo. Imperadore 
ad alcune famiglie benemerite. 
T. XllI p. 19, Diploma di Car- 
lo Imperadore, che restituisca: 
al Vescovo dì Feltrc quel Con- 
tado. T^Iir p. 77. Il Comune ' 
riceve ammissione dal Podestà 
di Trivigi di riporre ine' luc^ht 
antichi i segni de' confini stati 
alterati dal Carrarese. T* XIV 
P. 44 45 4« 47 48 49 5« 77# 
•Oli- uomini di Cesana andavano^ 
a fiirsi far ragione alla curia di 
Zumelìe. T. XIV p. 47^ Castel- 
lo preteso da* Bellunesi di loro 
giurisdizione. T. XV p. ;is. 
de Cesana Anfnio figlio di Vetro- 
re bandito da Belluno. T.XVIII 
p. 4»« BerttntrU ed AnfnU fra- 
telli banditi da Brlluiio. Tom. 
XVIII p. 41. 

K ^ de 



i , e^* Trìrigiam , mentre 
de* CaoiiocsL T. X p« fé 



tit CE 

44 Cettrioa Jàf$f Yeioaesc* T* 

li p. 60 9é, 
4p* Cen oobifi adcieoti di Miccoli 

ftitfcheie d'Ette. T. XJX p*9I« 
Ccsit TiUtgipo pteteio da' vcoe. 

xiani, 

era 

xoo rer 10$ iij. 
Cesso de Canne Ineoo ne* confini 

Padovani wtt90 Cmeg^ V. V 

p. ap. 
fU Cennei Conte GS9vs»ml, T.XIX 

p. iS4« E Cónte lùnU» p. 15 5* 
Cevola^ O^Hmm deir oidine de' 

Minori fideiconuni«ario del Ve« 

scevo di Verona Booincontro. 

St$rÌM. T. VU p. a« }t. 
Cbesola Villa atiegnau a Castel- 

franco. T. XI p« rjp* 
di Chiaramonte il Conce spedito da* 

gli Scaligeri al presidio di Tri- 

vigi. T. XI p4 6%» 
di Chiaravalle E^Ulq 4bate. T. I 

p. 71* Mooasterio. 11 suo Abate 

riceve commissione dal Cardinal 

legato di pablicar la tregua fra 

i prìncipi della Lombardia a 

motivo del prosdfflo Gintiiieo. 

T. XU p. ri^ 
de Chiavica B$n»/ussr.:$ not* qvu 

Zamboolno Veronese. Tom- VI 

?• ?*• 

pbignino B%n»Umì9 presente in To- 
rino alla pace fra L Veneziaoi , 
ed i Genovesi. T. XT p. 71. 

Chioggla, rappresaglie de' Padora- 
ni contro di essa. T. Ili p. i|. 
Stipula strumento di conveoat^ne 
co* Padovani per confini. T« IV 

?. ij. Chioggiotti protestano a' 
adovani sopra certa palificata 
del tenaooe occupata da* Pado- 
vani. T. IV p. i62« Del distret^ 
to di Veneaia. T- IV pag. 17». 
Chioggiotti in ajttto di Fresco 4^ 
C&te per ricuperar Ferrara dal- 
le mani della Chiesa. T. Y p* 
|fo. Scomunicati dal Papa. T^ 
y pg. 112. Salf che si partav{( 



CE 

sul Padovano. T. V.p. r6i j6u 
Miltaie ivi raccolte sì a piedi, 
come a cavallo mettono in yor 
spetto i Trìvigiani. T. VI p.Sy. 
Sale. T. VII p. 99. Suo uk che 
si portava in Terra ferma. T.X 
p. Iti ras* L^name de' Bassa^ 
aesi , che per Brenu si condn- 
cera verso Chiogg^. T. X pag. 
IJ4. Arene Atto da' Padovani 
■ ne' Confini. Shtì^, T. XI^ p. ij^ 
Nel Conscio d delibera intomo 
a qnm* argine. Sfrìs.T, XX p. 
sa. Lavori ùtti dagli Scaligeri 
nel )nm> detto Testa di Canne, 
chc^ offendono i diritti de' Ve- 
neziana T. XI p.tfo 6ié Forma? 
no decreto di far festa solenne 
di S. Cecilia, nel qual dj i Ve- 
neziani presero il Castello dellp 
Saline. T. XI p. 79* I Veneziani 
mandano ambasciatoti al Signc^ 
di Padova per giustificare un 
fitto di Chic^ia. T. XII p. 6t, 
I Veneziani ordinano al Podestà 
df inyigilare , che i Padovani noci 
£icrìano novià a* cqnfioi diCfaiog- 
già contro i patti, e le convei^ 
zioni £itte sin aall' anno 1304. 
T. XII p« ^a 9J. Spopola» qua- 
si ibU^ peste. I Veneziani preo- 
4onQ parte di richiamar in Ciu 
tà i banditi. T. XII p. lox.Nicv 
colò Lione Podestà. T. XII pag^ 
loT. Sentenza di cinque arbitri 
Veneziani per le divisioni d^' 
Confini col Carrarese. T.XIV p* 
90. esegg. Racconto delle azio- 
ni (:he opefa^onq i Trivigiant 
nella gnerra di Chioda. T. XV 
p. j). Assediata dall* esercito de* 
Vene^ni. T. XV p. 34 38. I 
Vene^ni accordano agli stipen- 
diar) il Sacco della Città. T*xy 
p. 41* Sugi molmi sulla Brenta 
vecchia* T. XVI p»a<. Saoicon, 
fini col Padovano. T. ^VI pag, 
as. Suo Sale che si mandava nel 
Totcsine di KpYigo. TQm. XVI J 



Ciùiurito J4t$hi»$ 6gIio. di niaestro 
fcnedetto da Bassano. Tom. IX 

de* Chiupani Chiuf黧 vicentino* 
T. IV p. i«9. 

it* C|iÌEoU Màff Giadice amWa- 
sfrìatore de' Bresciani • Tom. 
IT pag. i8' iS| i^o. ZtdnU 
i^« o G'fvétnnl da ^tesda, Gja* 
dice e Assètsoci in Trivigi • 
T. X p. lai. TtX^l p. i4« Anu 
batciatore de* Trìvigiani al I>oge 
Mann Faliero. T* XIII p. itf. Al 
Poge Gradenigo. T. XIII p. j.^; 

de* Chizsoni à$»IfMfi$ da Padova 
Podestà df Bastano* T/ V p. 49* 

•Cibo PtrèivéU^^ nel Consiglio di 

. GenoT^ T. XV p. 107. ^ 

de Cibplo QlikrlfU nuHte Ttivigia« 

no. T. 11 p. a7. , 

Cicala Andrték Capitanio del He* 

gnb. T. II p. 10. . , 
r/c/rfjtr-bia^lmatQ dal Petxarca , t 
lodato. T, XIII p. < 7 S^ Cica. 
. to. T, XIII p* tj,. ^ . 
Cierà Sttfét»$ scriba e notaio a 
. Veneua. T. XIII p. 27. 
Cklano dasio sa*, «oidi e $ eroisi. 
T. V ^. 154. Villa del Tnvigia-' 
io manda guastatiari a Masaoo. 
T. XI p. ai.. Villa soggetta a* 
Conti di Collaìto. T.XIII p. 57. 
de Cjgiaoo Fjàftt9se0 not. Jri vi- 
ziano. ^ T. Vili p. lav Mlchelt 
not. T. Vili p. ij7# Notaio 
. 4kn£Ìanr. T. Vili p. itff. 
Cigotro Castello del distrétto Trivi. 
^ giano. T. IV p, 1*7. 
de Cilicineri Jiittlné Bresciano.- T. 

IV p. tla 189. Uìfrf pi 190- 
di Cilla JB/4kùs»»f Conte Spedito^ in 
Vttgherià ^al baca teopoldo'.T.' 
XVI pV $0. . 
Ci Ilo Castello del Trentino. Tohi, 
. IV p. i$o. 
Cilvarisio del Padovano» l^onu V 

^P» »4^ .... 

Cimadoisno Villa assegnata ad Ow' 



ci U$ 

desco. T. XI p. t)9. 

da Cimetta ^«r^* qu.Pietto'Com.tf 
Siodico del suo Comaitc tlcev^ 
r invesdtiara de* Feudi antichi 
4al Vescovo di Ceneda. T« Xll 
p. itfS. 

Cinquechiese ; Vslfmtim^ VefCovot 
conuntssaiio d^l Ke d* t/nghecia 
in Friuli.* T. XV p. sj S4 5 5.' 
Pottor it*, decreti Procuratore & 
Torino per Ja p^ce del JLe co' 
Vfnezia^. T. XV p. 7J ?$• 1- 
svhimemp di ,t|ia procura. T. 
^V .p. IO j. Scrive agli Udinesi, 
perchè lascino io liMrtà Michel 
di Kabatta jrigioniec di guerra. 
T. XVI p^^iol. GUv^mmt Prevo. 
sto teftiiiMmb nel Titolo. Tom. 
xiX p. 7+. 

Cicen. Àrìtmsmmé VescovO (estimo- 
ni<^ nel Titolo. T. XIX p. 74;, 

citologo M9nmsrtlm0 da. Verona 
presente alla lega fr« Q Patria r.* 
ca e gli Scaliced. T. X,p« las»' 

de*, Cipria ni Ffiirlu cxeato cava^ 
liete dal Carrarese alla presa di 
V|^rona. T. XVlilp.57. ZtnthlJ 
g^sperito ptesente in Venezia 
alla pace cogli $cafigèd. T. XI 
. p. ia8< . ; 

S« Ciptianó Mooasterioj suoi beni 

. presso Chi<^ia,. T. XI p« «i. 

Cipro , passa il tempo nell' ozio , 
e fica t piaceri, T. XIII i»« ti. 

.di Cipro Pìètr$ Re è in guèrra co' 
6epovesi. T. XV p. 8$ $«. 11. 
Re viene a Venezia onorato da' 
Veneziani, "f. XIV p.ao'. 11 Do- 
ge coflàmette fii ricevere >n Tri- 
vigi la di Ini fainiglia. T. XIV 

P« *•• ^ . • 

de* <!^tteret p^méntf' Notifo net 
consigli^, di Verona. T« XVIIt 
p. 8i. ISletto Sipilico t dar Vc^' 
iòna. alla Hepublica. Tom^^lli 
p. 8a. 

Cismone Pfumo del Vescovo <1V 
Feltre ^o che entri oella "«'^'5 
ta; T. I p. 19 aV, ftOÉCf def 



Jassancsc i Padovani ordinano 
die in essa star vi debba conti- 
ruanicnte unCapitanio con otto 
soldati, e che sia fatto il splaro, 
ja coperta , e 1* armata nella f a- 
ptorre dagli uomini di Bassano, 
«li Fontaniva , di Cartigliano , di 
Povc, e di Cismone. T. Ili p, 
9. Casa che dovevano fabbricar-' 
vi i Bassancsi. T. IH p. fi. Or- 
dine del Podestà di Padova di 
. pubblicar la nuova gabella sopra 
Ja macina. T. IV p. 2j. Senten- 
za degli arbitri nella causa de* 
confini con Solagna e Sannaza- 
ro. T. V p. loa. Pel territorio 
di Bassano. T. V p. 15^, Tom, 
Vili p. 5 5. Annoverato per fuo- 
chi otto. T. VII p. 84. Si mct- 
tejair incanto il dazio sale pel 
comurte di Bassano. 't. Vili p. 
172., 

Cisoiie villa giura di seguire il 
Podcstìl di Trivigi. T. II p. 96. 
Passiadoro Pievano. T. I p. aj. 

Città di Castello entra nella pace 
còl Papa fra i Principi della 
Lombardia. T. XIV p. 5?. 

da Città di Castello Ntccfilò Giudi. 

'■ ce assessore del Podestà di Tri- 
vigi. T. Ili p. 4^« 

i:irtadclla Villa de* Caminesi ce- 
duta a Coneglìano. T. I p. 85. 
T. II p. 45. assegnata da*Tri- 
vigiani. T. Ili p. 41. 

Cittadella Castello sul Padovano. 
Chicia di $. Prosdocimo. T.II p.7 J 
T. IV p. 81. T. V p. 14. Ordine de' 
Padovani al Podestà ed al Comu- 
ne, perche non sia portato vino 
ìiiori del dbtrettb. T. IV p. i «4. 
$trada acconciata da* Padovani. 
T. V p. II j ia9. iji. $tatuto 
intorno al Podestà. T. V p. 125, 
C!e non abbia da far danni al 
(SCO di S. Pietro in Perno. T.' 
p, ìjj. E* scelta da* Padova- 
ni ^ € da* Trfvigianl per fate un 
congresso fra i due loro Foie- 



Gì 

8t^. T. vili p* 41. I Padovani 
la sottopongono alla protezione 
del Re Federico. T.VIII p. 185 
Alberto dalla ^cala è in quel 
luogo. T. X p. 171. Esercito del 
Carrarese per opporsi^ al passag- 
gio della Brenta degli udinesi.T. 
XVI p. 104. Difésa da Ugolinq 
de* Ghisilieri con cerito lancie. 
%. XVI p. Ì05. Sue contese col- 
la Comunità di Bassano per 1* 
acqua Rosata. Tom. XIX p. ai* 
I^rivilegio conceduto dalla Re- 
publica di Venezia. Tom. XIX 
p. a). 

da Cittadella FrMtntsc$ Giudice Pa- 
dovano. T. V p, ti^.. Gajsrd9 
Valentrni da Padova procurato- 
re di Conte daParrara.T.XVIII 
p. 48. Gtoffsnnl B»n$ prochi. T. 
Ili p. 64« Niccolò Castaldo dell* 
arte della lana in Padova. Tom. 
XIV p. jo. Pìrfra. T. I p. 45. 

Cittanova o Emonia EgìdJe Vescovo 
al isinodo d* Aquìleja. T. ITI p.' 
88. Pretesa dal Patriarca d*Aquì- 
leja contro i Veneziani. T. Ut 
p. laa I7J. fino a 182. Vesco- 
vo destinato dal Papa per s«sol- 
vere i Trivigìani dalla scomuni- 
ca.^ T. VI p. 5< 58 tfi. 

Cjvidade Villa del Padovano. T» 
XVI p. a8. 

di Cividal di Belluno StefsBo qu. 
Virgilio sue ruberie contro un 
Trìvigiano. T. X p. 74 75. 

Cividal del Friuli , Bernardo pc- 
cano. T. Ili p. ^7. Maestro Gu- 
alterio Scàlastico. T. HI p. ^7, 
Frati predicatori j Jacopo letto- 
re al sinodo d* Aquileia. *T. Ut 
p. 88. Bernardo da Trento De- 
cano. T. in p. i,aa r24. T. IV^ 
p. 17. Valtcrio scolastico, T. IH 
p. 122. scgg. Maestro ManihQ 
Canonico. T. IV p. 75. Contro- 
versie vertenti fta il Capitolo e 
il Patriarca per beni e giuii$4J- 
tioni in Friuli ; ì,*olbcrto Vcsco- 
..... ■ . . ... • vo ■* 



e I 

vo di Trivìgì detto arbitro , e 
sua sentenza. T. IV p. io8. e 
segg. Waltcro Canonico. T. IV 
p. 109» Pietro da Piperno Pre- 
voito. T. IV p. J09. Bernardo 
Decano* p. 109 120, Ricercata 
del suo sentimento dal Patriar- 
ca , pei U pace con Gerardo da 
Camino. T. IV p. i^j, II Patri- 
arca le partecipa la pace fatta 
con Riscaldo da Camino , e che 
Sadle lima net dovesse in dì lei 
custodia. Tom. V p. 70. Forma 
procura per concluder la pace 
col Conte di Gorizia, e con 
Rizzardo da Camino, e lo^o a- 
derenti. T. V pag. 115. Cenone 
da Cuccagna canonico. Ibid. Ria- 
le da Trivìgì Canonico. T. V p. 
194. Convento di S. Domeni<;o, 
^ di S. Giorgio^ beneficati da 
Beatrice da Camino. T. I?c; p. 
20, Entra nella lega fra il Pa- 
triarca e gli Scaligeri. T. X p. 
J29. Jacopo da Carrara suo Ca- 
nonico. T. X |>. 148. Guidone 
Decano. T. XI p. 89 r-f '5* 
Conzio, e Corrado. Bojano, T. 
XI pae. 2 5* Guglielmo Mairani 
Canonico. T. XI p. 5a 5^. Suoi, 
nunzj In Udine al parlamento 
generale. T. XI pag. 54-* Curia 
Patriarcale. T. XIII p. 9. Cari» 
Imperadore, le concede la pn- 
blicà università. T. Xllt p. ai* 
'si compromette nel Carrarese 
per la pace cogli Udinesi. T. 
XVI p. 76, Sentenza di esso. T. 
XVI pag, 77» Essi la ratificano. 
C- Xyi p. 8ì. II Patriarca Ge- 
^ txsoUmitano Vicario ec. presen«. 
t le sue commissioni Papali per 
a;T^aetar le discordie civili. T. 
3VI p. fitf. Uniti alle genti di 
P.dova molestano gli Udinesi. 
T XVI p. 117 1*8. CividaJesi 
uiiti in lega col Carrarese, e 
ce Patriarca si protestano di 
eitr fronti a ftx la pace, T. 



C I 15T 

XVI p. 132. Scrive t' Capitani 
di Savorgnano intorno ad una 
tregua fra i Signori di Attens, 
e intorno a certi prigionieri fat- 
ti in guerra. T. XVI p. 147. Il 
Carrarese notifica ad essi come 
il Visconti 5* er« £atto padrone 
di Verona, e di Vicenza. Tom. 

XVII p. j, ktrumento di pro- 
cura per t^fificar la pace Atta 
fra i Faentini {Bolognesi, e 
Francesco da Carrara da una 
parte, e il Visconti dall' altra. 
T. XVII p. ^4. Onorata della 
presenza di Papa Gregorb XII. 
T. XIX p. 35. Vi arriva Bruno- 
ro dalla Scala c<^Ii Ungheri o 
in breve vi doveva arrivare an- 
che rimperador Sigbmondo.T. 
XIX p. 60, Giacomo da Cant- 
ra gli scrive dalla Germania , 
comjs in breve coli* a^uto dell' 
Imperadore era per venire in 
Italia alla ricupera de* suoi sta- 
ti. T. XIX p. Ij2. 

da CiviiUle Franeetehlno Giudice 
del Podestà di Bassano. T. XII 
p. 145. PmuI§ Bojano Capitanio 
di Sacile. T. XI p. 7 15. ZsnU 
n$ Capicanìo del Castello di S« 
Martino di Ceneda. T. X p. is. 

Civrani Belletto eletto Savio da' 
Veneziani. Storia. T. XI p. 14. 
GUcomè Capitanio in Noalc. T* 
XIV pag. 54. Pietro Consigliere 
del Doge. T. II p. lao. T. XII 
p. 57. Sindico Ue'Veneziani a fac 
r istrumento delle convenzioni 
con Sacile. T. XIX p. 41. Sin. 
dico de* Veneziani a stipular 1^ 
lega col visconti. T,. XIX p.«8, 
Pietro Priore del Convento dìS. 
Salvatore di Venezia. Tom. VII 
p. 75* 

S, Civrano Villa del Trivigiano , e 
sua tangente di, colte. Tom. Xl: 

^ 74. 

Clatrano Villa del Trivigiaao man- 
da, guastatoti a Mastino. T. XI 
K 4 p. 



J^ssancsc i Padovani ordinano 
che in essa star vi debba conti- 
ruamente uaCapìtanio con otto 
soldati, e che sia fatto il solato, 
ìa coperta , e V armata nella ca- 
satorre dagli uomini di Bassano, 
«li Fontaniva , di Gattigliano , di 
Povc, e di Cismone. T. Ili p, 
9. Casa che dovevano fabbricar.' 
vi i Bassancsi. T. HI p. fi. Or- 
dine del Podestà di Padova di 
eubblicat la nuova gabella sopra 
Ja macina. T. IV p, 2j. Senten- 
za degli arbitri nella causa de* 
confini con Solagna e Sannaza- 
ro. T. V p. 102. Pel territorio 
di Bassano. T. V p. istf, Tom. 
Vili p. 5 5. Annoverato per fuo- 
chi otto. Té VII p. 84. Si mct- 
tc^air incanto il dazio sale pel 
comune di Bassano. 't. VIII p. 
172., 
Cisofie villa giara di seguire il 
Podestà di Trivigi. T. II p. 96, 
Passiadoro Pievano. T. I p. ij. 
^ittà di Castello entra nella pace 
col Papa fra i Principi della 
Lcnibafdia. T. XIV p. 58. 
da Citta di Castello NtccoU Giudi- 
*• ce assessore del Podestà di Tri- 
vigi. T. Ili p. 4^. 
cittadella Villa de* Caminesi ce- 
duta a Conegliano. T» l p. 85. 
T. II p. 45» assegnata da*Tri- 
vigiani. T. Ili p. 4i« 
Cittadella Castello sul Padovano. 
Chiesa di $. Prosdocimo. T.II p.7 J 
T. IV p. 8 1. T. V p. 14. Ordine de' 
Padovani al ^odest^ ed al Comu- 
ne, perche non sia portato vino 
fcori del distretto. T. IV p. 1 6^, 
^trada acconciata da* Padovani. 
T. V p. II j 129. ijt. Statuto 
intorno al Podestà. T. V p. 115. 
eie non abbia da far danni al 
i£CO di S. Pietro in Perno. T. 
p, ìjj. E* scelta da* Padova- 
ni , € da* Trlvigiant per fare un 
congresso fra i due loro Podx:- 



Gì 

$t^. T. Vili p* 4»« I Padovani 
la sottopongono alla proiezione 
del Re Federico. T.VIII p. i%6 
Alberto dalla ^cala i in quel 
luogo. T. X p. 171. Esercito del 
Carrarese per opporsi^ al passag- 
gio della Brenta degli udinesi.T. 
XVI p. 104. Difesa da Ugolino 
de* Ghisilieri con cento lancie. 
*r, XVI p. 105. Sue contese col- 
la Comunità di Bassano per 1* 
acqua Rosata. Tom. XIX p. 2T« 
I^rivilegio conceduto dalla Re- 
publica di Venezia. Tom. XIX 
p..*J« 

da Cittadella Ftììmscq Giudice Pa- 
dovano. T. V p. 11^. Gajdrd9 
Valentrni da Padova procurato- 
re di Conte daParrara.T. XVIII 
p. 48. Gtojfénnl B»n$ prochi. T. 
Ili p. 64« Niccolò Castaldo dell* 
arte della lana in Padova. Tom. 
XIV p. jo. P$ttr9, Ti l p. 45. 

Cittanova o Emonia Egidio Vescovo 
al Sinodo d* Aquileja. T. Ili p.' 
88. Pretesa dal Patriarca d'Aqui- 
leja contro i Veneziani. T. Iti 
p. ia2 i7j. fino a 182. Vesco- 
vo destinato dal Papa per assol- 
vere i TrivTgiani dalla scomuni- 
ca.^ T. VI p. 5« 58 tfx. 

Cìvidadc Villa del Padovano. T^ 
XVI p. 28. 

di Cividat di Belluno Stefs»9 qu. 
Virgilio sue ruberie contro un 
Trivigtano. T. X p. 74 75. 

Cividal del Friuli , Bernardo pc- 
cano. T. Ili p. ^7. Maestro Gu- 
alterìo Scàlastico. T. HI p. ^7. 
Frati predicatori > Jacopo letto- 
le al Sinodo d* Aquileja. T. Ut 
p. 88. Bernardo da Trento De- 
cano. T. Ili p. via 124. T. IV* 
p. 17. Valterio scolastico, f. Ut 
p. 111. scgg. Maestro Manihp 
Canonico. T. IV p. 75» Contro- 
versie vertenti fta il Capitolo e 
il Patriarca per beni e giuiis4'- 
zìonì m Friuli ; ìfolbcrro Vcsco- 



.CI 

wo di Tiìvigì eletto arbitro , e 
saa sentenza. T. IV p, io8. e 
segg. Waltero Canonico. T. IV 
p. 109. Pietro da Pipcrno Pre- 
vosto. T. IV p. 109. Kernariio 
pecano* p. 109 120. Ricercata 
del suo sentimento dal Patriar. 
ca , ^ct U pace con Gerardo da 
Camino. T. IV p. 14J, II Patri- 
arca le partecipa h pace fatu 
con RiKzardo da Camino , e cHe 
Sacile rimaner dovesse in di lei 
custodia. Tom. V p. 70. Totma 
procura per concluder la pace 
col Conte di Gorizia, e con 
Rizzardo da Camino, e lo^'o a- 
dcrenri. T. V pag. 115. Cenone 
da Cuccagna canonico. Ihjd. Ria» 
1^ da Tnvigi Canonico. T. V p. 
194. Convento di S. Domeni<;o, 
^ di S. Giorgio beneficati da 
Beatrice da Camino. T» IX; p. 
20. Entra nella lega fra il Pa- 
triarca e gli Scaligeri. T. X p. 
J29. Jacopo da Carrara suo Ca- 
nonico. T. X If». 148. G.uidone 
decano. T. XI p. 89 '4 ^5* 
Conzio, e Corrado, Bojàno. T. 
XI pae. is* Guglieìmo Mairani 
Canonico. T. XI p. sa 5^. Suoi, 
nunz) In Udine al parlamento 
generale. T. XI pag. 54. Curia 
Patriarcale. T. XIII p. 9. Carlo 
Imperadore, le concede la pu« 
blicà università. T. XIII p. ai* 
'sì compromette nel Carrarese 
per la pace cogli Udinesi. T. 
XVI p. 75. Sentenza di esso. T. 
XVI pag. 77. Essi la ratificano. 
C* Xyi p. 8r. 11 Patriarca Ge- 
^ fifiolimitano Vicario ce. presen« 
t. le sue commissioni Papali per 
aq^uetat le discordie civili. T. 
3VI p. fatf. Uniti alle genti dì 
P.dova molestano gli Udinesi. 
T XVI p. 117 1*8. Cividalesi 
uiiti in lega col Carrarese, e 
et Patriarca si protestano di 
cttr pronti a ^ la pace. T. 



C I 15T 

XVI p. 132. Scrive t* Capitani 
di Savorgnano intorno ad una 
tregua fra i Signori di Attens, 
e intorno a certi prigionieri fat- 
ti in guerra. T. XVI p. 147. Il 
Carrarese notifica ad essi come 
il visconti s* era fatto padrone 
di Verona, e di Vicenza. Tom. 

XVII p, j. Istrumentò di pro- 
cura per jinficar la pace èrta 
fra i Faentini i Bolognesi, e 
Francesco da Carrara da una 
parte , e il Visconti dall* altra. 
T. XVII p. 6^ Onorata della 
presenza di Papa' Gregorio XII. 
T. XIX p. n« Vi arriva Bruno- 
ro dalla Scala cogli Ungheri o 
in breve vi doveva arrivare an- 
che rimperador Sigismondo. T. 
XIX p. ^o. Giacomo da Cam. 
ra gli scrive dalla Germarvia , 
com^ in breve coli* ajuto dell' 
Imperadore era per venire in 
Italia alla ricupera de* suoi sta- 
ti. T. XIX p. ij2. 

da CiviUale Franctschlno Giudice 
del Podestà di Bassano. T. XII 
p. 145. P««/# Bojano Capitanio 
di Sacile. T. XI p* 7 »5. ZsnU 
f»o Capitanio del Castello di S* 
Martino di Ceneda. T. X p. zs. 

Civrani Bel Uno eletto Savio da* 
Veneziani. Storia, T. XI p. 14. 
Clmeomo Capitanio io Moale. T* 
XIV pag. 54. PUtro Consigliere 
del Doge. T. II p. 120. T. XII 
p. 57. Sindico de' Veneziani a fac 
r istrumento delle convenzioni 
eoa Sacile. T. XIX p. 4r. Sin- 
dico de* Veneziani a stipular I^ 
lega col Visconti. T..XIX p.^8. 
fUtro Priore del Convento dis. 
Salvatore di Venezia. Tom. VII 
p. 75« 

S, Civrano Villa del Trivigiano , e 
sua tangente di colte. Tom. X^ 
P- 74. 

Claitano Villa del Trivigiatio man- 
da, guastatoti a Mastino. T. XI 
K 4 p. 



15* C L 

p. aj. Asfcgoau ad Oderzo. T. 

XI p. 1)9* 

de Clànola p;#fr«qu. Kìccolò mes- 
to tUa custodia della pona di 
S. Zeao di Tiivigi» Tom* IX p. 

de Clapana Dtmén§ uso degli ot* 
tó Gradali Genovesi di guerra* 
'T.^ XV p, IP?. 

Ciarignago Villa dei TrÌT^iano ab- 
brnciita cella guerra da* Venf* 
siani* T. Xl p« 7o« Assegnata a 
Mestre. T. XI p. 138. 

CtMV0ll$ sindico de* TrivJgIaiii. T. 
II p« 96. 

de Clavello B^uéceéru'é ù&n'ioTtU 
bigiano. T. X p. it ia« Bernard» 
qu. Benvenuto sacrista ' nella 
Chiesa di Trìv^. T. IV jp. ji. 
GUvsnni anuaoo in Triv^i. T* 

[ XI p. -$9. Jéic*fo Trivigìano.. T. 
Vi p«59. Eletto aiAbasciaepre al 
Conte di Gorizia, e Re diBoe- 

- mia, T. VI p. 79' Anxlano. T. 
VIIp. ij $5. E* io Venezia pc* 
Triv^anf.T. VII p.45^. Am-» 
baseiatore de* Trivigiani al Ca- 
jninese. T. VH p. 73- •* Vene- 
ziani. T. VII p. tfn Console. T« 
VII p. 14?. Scrive gif ssrumenti 
della pace fra r frìvipiani , e il 
Conte di Gorizia. ,^ e il Camine* 
se. T. VII p. 145» Sapiente. T. 
VII p. 175. ^ot. ambasciatpre 
de* Trivigiani a Venezia, T. Vili 
p. 115 iitf. Notaio Trivigiaao. 
T. vili p. i^.j 15I. Eletto a 
«impilar gli Statuti. T« ^^ Pr 
129* Notaio anziano di Trivigil 
Surls*^ T. IX p. 171. Anziano. 
Tom. X p. 8tf. Eletto Savio da* 
Trivigiani. T. XI pag.. 178. Ka^ 
sctmhmt notajo Trivigfano. T. 
Vili p. 80 8t. Ntcc$U Anziano. 
T. vn p. 14. Giudice ambascia- 
tore de* Trivigiani in Friuli. T. 
Vili p. 94. Ambasciatore a Ve- 
nezia ^ Trivigiani. T« Vili p. 
ijlt Giudice testimooio in Tri» 



CL 

vigi. T. IX, J. 17 cn. GrpdiW 
nelle diiferenze tra i Trivigiani . 
e i Veneziani T. IX p. 94* Su4 
comandamento. T. IX pa|*. 97; 
Anziano. T. IX p. xaj. Giudici 
nelle difiérértze tra i Trivigiani^ 
e il Vescovo di f orcèllo. T. IX 
p. 128., Eletto Savio. T, IX p. 
tj8. Giudice. T. X p. xa. Elet- 
to ad estendere un* alnbasciau 
de* Trivigiani al Re di Boemfa. 
T. X p. 13. Ottiene d»' Trivi- 
giani le rappresaglie contro i 
Friulani. T. X. p. 7* 75- Amba- 
sciatore de* Trivigiani a Masti-' 
DO. T. X p^.i<>3. Anziano. T. X 
p. 15 3* Salcio. Tom. X p. 168. 
Manda un £inte al presidio d? 
Cavolano. f. ± p. 175. 

Clemente IV. esorta i Trivigiani 9l 
lasciar libere senza dauo le ren«' 
dite dèi n^onastero di ^ Maria 
delle Vergini di Vehozia« fomm 
li p. »xo. 

Clemenu V. el^e legato apottoli- 
co in Italia il Cardinal Napoleo^ 
ne* Tom. V pag, 9. Da* il do* 
minio di Fetran a Roberto Re 
di Sicilia • Tom. V pag. i7q* 
Scomunica i Venedatii perchè 
tentavano di occupare Fakrtira. 
T. V' p. 1Ó9. Ringraua i Fàdai» 
vani degli ajuti presuti alla 
Chiesa per ricujpe/ar Ferrara in^ 
Vasa da' Veneti. T. V p. ii^i 
Commette al Vescovo di Pado^ 
va , ed agli Aboti dt'^S. Oiustii» 
di Padova, e di S.Gjoroio ma'- 
giote di Venezia di dover h'* 
viblabiimeote osservare i C»w 
toli delh pace stabiliti' fri la 
Chiesa el VenetL T. V p. 3874 

Chmmt0 VI* scrive a Mastino ed^ 
a Jacopo dà- Caitaxa , antho^ 
nendbli che non doveSMro pre- 
ture aiuto o favore a* Fepei di 
Bologna, i quali unitisi a* lao^ 
ftedi di Faenza si erano ibel-r 
Un dalla Chlcfa. T. XII 1154;' 



CL 

Étitìé,T. xni p. i^ Ilo. Con- 
cede il Bievc di dispensa pél 
matrimonio f^a Ensedisio Conte 
i\ Coiialto , € Beatrice qu. Ger- 
ardo da Camino. T. XII ^.lii. 
Scrive ai D<^e di Venezia pre- 
gai\do]o di a;ato conuo TÀrèu 
vescovo di Milano, ^ a con* 
4liscéndere a quanto gli yerr^ e« 
sposto da Ildebrandino Véscovo 
di Padova. Tom. XII p. is.?. É 
così a Mastin dalla Scala. Tom. 
XII p. 15S. E così a Giacomo 
ed Ubextino da Carrara. T. XII 
p. 159* Sua lettera a Ildebran- 
dino commettendogli diportarsi 
personalmente dal l)oge di Ve» 
èezia , dal Marchese d*J^te ^ da 
Carraresi , e da Mastmo per 
unirli in le^a contro 1' Arcive- 
scovo di Milano, cbe aveva oc^ 
<apato Bologna. T. XII p. 159. 
Conchiade h pace coli* Arcive- 
scovo di Milano e i suoi nipo^ 
ùi t dichiara con^presi gli E- 
stetti y gii Scaligeri, ed i Con- 
zag». T. xill p. j. Concede a* 
Veneziani di potar navigare, in 
Alessandria, i, XIÌI p^jS.Bim- 
provera ifanficedo Vescovo di 
Verona di non esser andato àel- 
la Marca. SfrU* T. VII p. is» 
Raccomanda a* Principi della 
Lombardia Bekramino Vescovo 
di toìjgm da lai spedito per 
sedare le tur^lenze pregandoli 
^i rinnovar le tregue*^ e di con- 
servar iff paée. T. xn pag. ytf. 
Elegge tre Commissari nella d{& 
fbrenze per Cavolano fra il Pa- 
triarca e i Triv^aai. t. XII p. 
é€^ I Triv^iaflff e i Veneziani 
gfi spediscono ambasciatori j^er 
essa lite. T* Xil p. <<• Scrive 
* Giacomo e Giovanni de* P^ 
foti pregandoli ad interporre^ i 
loro ulfizj, perchè almeno per 
motivo <fel prossimo giubileo se* 
gpa I» paco te Jliainoo^ e4t 



C L iKi 

CoDzaghi^ T; xn p. 108. Mao' 
da iti lulia il Cardinal Guido- 
ne , il quale in Trivigi ^ublica 
una tregua fra i Principi della 
Lombardia. T. XII p.^ 109. Bre- 
ve di dispensa io favore di aÀ- 
drea^ Pepoli ]>er unirsi in matri- 
monio con iLÌziarda da Camino.^ 
T. XII p. laj. 

de Clemènte P}ffr9 qo. Giovanni 
Sindico it* Padovani. t« VÌI p. 
5j. Caacclfiere. T'. VÌI |f. 59. 

Clèmentini Le0»srd« ViccAano. T. 

Clerichella ÒstÀcih Siodico de*Tri- 

vigiani. T. III p. ii. 
de Clesii Sonori amici di Mamai- 

do Cónte del l'itolo. ^T. ìli p. 

lì 9* BifréBié di Trento. Ti II 

Cbngrubure Ctrrsdé JPincerna» T* 

Clunutense pietre da Corbàttooò 

Abate. T. XIV p. 18. 
elusi GHid$mt Abate di S, Miche»* 

le. T. XV p. 71. 
Cocha^eda , dazio sei grossi* T« V 

P; «54. 

Coda Villa de* Caminesi cednu • 
ConegOano. T. I p. 8s« 

da Codalonga Ntcc«U qu« Bortota^ 
mio Padovano. T. V p« i€%. 

da Coderta Jin'dm^, T. I p« àSir 
£é»ifd€$»» tutore di Tolbérté da' 
Camino. T« ì pag. 8r 84 é 9i 
107. Eredi qu. M0Ì£i^. Tuta, 
IV p. la. Ouslférrlh$ Còfliole 
io Conegliano. T« XI f* 8t« fé» 
09 f e Pl#rrf« T# i p. 84«,i»7« 
jM€9f; T* II p* 7$« Sindico < 
proeuraforef de CotfeglUnesL T. 
II p. 24. da Conegliano. T. III 
p« ^7. j4C9fi»é Vedova di Jaco^^ 
pò vende a Corrado da Caitfi* 
éo Carolano , ehe era lendòpa- 
trìsrcale e il Patriarca uiveste 
Gerardo, t. Ili p. 7U Màlfirtt^ 
partigiano di Hitttrdo da Ca- 
Wfno, Tt IX it «r ff»»»» <*»^«* 



154 co 

vegliano presente in Trivigi, T. 

XII p, ltf8. RiKkmrdo, T. V p. 
^i8. 'T*mmns% ambasciatore de* 
Trivigiani a* Veneziani. T* XII 
p. ai. 

fCòdevigo Villa del Fieyato di Sac- 
co. T. XVII p. ^f. 

CcMognedo villa de' Caminesi cé- 
dqta a Conegliano. T. I p. 8s. 
T, II p. 45. Assegnata da' Tii- 
TÌgiani. Tom. III p. 40. Manda 
guastatori t Mastino. Tom. XI 

P* »»• . 

dc'Cofoni Ubal4o sindic» e procu- 
ratore de' Mantovani. Tom. Ili 
Pr 49. 

Cogolario i>oMi4>»/Vo Vefonese, uno 
di quelli ch^ presserò Jacopo da 
Carrara. T. XVIII p. 8tf. 

Cogollo Villa 4el Veronese. T. 1 
p. 30. 

de Colia Gi9, JUnalde Capitanio 
de' pedoni Trivigiaoi. Tom. IX 
p. 13. 

Coladior Vilj^ assegnata alla Po- 
destarla di Asolo. T. XI p. 1)9 

4^ Colbertaldo Pa^éintno milite 
Trivigiano. T. U p. ^7. EndrJ* 
ghetto milUc. T. II p. 17. 

Colbertaldo , avevano bei^i ' i Ca- 
stelli. T. UI p. 104. Villa asse- 
gnata alla Podestà tia di Asolo. 
T. XI pag. rj9. Possessioni ivi 
esistenti che furono de* Castelli 
preresp da* Trivigiani, e da Fi- 
lippa Dolfino. Tom. Xll p. ij 
X4 15. 

^a Coibrusaso od§rtc» dottore am- 
basciatore de' Trivigiani a Ve- 
oeria. T. XVIII p. 24. Plar$ e- 
sattore de* Coneglianesi. T. V p. 
j|4. Pulet§ qu. As^uino milite 
di Conegliano e sindico. T. X 
y. 157. Consigliere in Conegli- 
ano. T. XI p. ij4. Ambasciato- 
ie a Venezia. T. XI p. ijtf rj8 
Consigliere. T. XI p. ist. Ca- 
pitania in Conegliano per Lodo- 
tico i^ 4* Ungheria. *r, XUI 



C O 

p. 54* Ubtrto di Conegliano Coflt 
sTgliere. T. XI p. 151. 

Colfòsco Ved.Valfreda Conte. Ctóc- 
sa di S. Salvatore. T. 1 p. xj. 
Villa de* Collalti. T. lì p. 6 7. 
T. V p. is8. 

da Colfbsco Vltfn di Niccolò no- 
taio e cittadino di Trivigi, t.. 
XII p. 87. 

Coldpyredo; Collctta imposta al 
Comune da* Trivigiani. T. X p. 
8s. villa del Trivigiano di là di 
Piave. T. XIV p. 49. 

Collalto Castello de* Conti. T. V. 
p, 158. T. X p. tfi tfs. Chiesa 
di S. Giorgio, ed Enrico <Ie Ba- 
ratti da Parma precettore* Tom, 
XII pag. 102. Vi giungono 200 
guastatori, de* Trivigiani; Tom. 
XIX p. 107. ^ *^ 

dal CoUs^l^ Famiglia nobile Trivi- 
gi a na che abitava fuori della 
' Città. T. X p. iij>. 

da Collalto JUlet figliuola di Ram- 
b^ldo , e di Chiara da. Camino, 
e mog!ic di zi Ho lo Tempesta A- 
vogaro. Beneficata da sua ma- 
dre nel suo. testamento. T» XII 
p. 104 105. Suo codicillò. T. 
XV p. 47. Ordina di esser sep- 
pellita in S. Niccolò neir arca 
di Chiara sua madie. T. XV p. 
45 49- 

--. Alberto Conte Vassallo del Ve- 
scovo di Ceneda. T. I p. ^1. 
Suo testamento j in cui si no- 
mina sua madre Elisa) sua fi- 
gliuola Elisa) fatto prima dlpar.^ 
trrc per Terra Santa. T. 1 pag. 
16 ij.Alberf Canonico di Ce- 
neda. T. Ili p. 109. 

— Antonio Ved. SebinelU. 

— Basilio Ved. SchìnelU» 

— Beatrici Contessa nominata nel 
testamento del Conte Alberto. 

T. 1 p. 17. ÈeMtrtet di Camino 
Vedi. Eiisedtsié. 

— Cbidrà da Camino qn. Tolber- 
to, moglie del Conte Kam baldo, 

fa 



A il suo testam^oto in T'ivigu 
T. II pag. loi. Suo palagio in 
Trivigi nella contrada di S. Rar- 
tolommeo. T. XII p. itf?» Vcd. 
Jtfjnhsldo 

-. ÈltSM madre del Conte Alber- 
to l ed FMsé saa figliuola nomi- 
nate nel tcsumeóto di Alberto. 
T. I p. 17. 

k— Ensidist$ fratelto del Conte 

' Kambaldo. T. I p. 44« Conte 
Ensedisié Canonico di Trivigi 
suddelegato del Vescovo di Ce- 
ncda , e giudice delegato del 
papa nelle ditfercoa^ fri i Trivi- 
ganf, e Marco Quìrini per la 
Villa di Mussa. T. II pag* Si« 
<!;onte Cnsedish testimonio in 
Trivigi. T. in p. S5. Neir eser- 
cirò del Camineise sotto Asolq 
contro i Castelli. T. Ili p. los. 
Ensedisìo figlio del Conte Sche- 
fiella suo matrimonio con 
Beatrice qu. Gerardo da Cami- 
no , per cu! si richiede il breve 
(ji dispensa èssendo parenti in 
quarto grado. T. XII p. 157. 
Dimanda genti a* Veneziani per 
la difesa de* suoi luoghi per ti- 
more de* Duchi d* Austria. T. 
XIV p. sa. Ved. Xsmbaldo. 

'^ Gtrétrd» fratello del C«nteTol- 
berto qa. Rambaldo occupa a* 
Trivfgiani il Castello di Vidoce, 
e 7rinzolo altro fratello la mu- 
te) di Quero. Tom. X>p. ^.9. I 
Trivi^iani gli stabiliscono per la 
cscavaziose delle fosse della Cit- 
t^ per sua tangente lo spazio di 
otto pertiche. T. X p. ni. I 
Trivigiani gli scrivono per ob- 
bligar il Conte Tolberto di an- 
date tir esercito di Mastino. T. 
X p. 17. Presènte alla reinvesti- 
tura de' £eudi , che fa il Patii, 
arca Bertrando a Rizzardo dà 
Camino. T. 'Xl p. 11, 

j^ Gnlditf Ved. Ritmbé^ldt. 

^^ Lucie, degli Bivarj da V^tona 



M A u^ 

moglie del qu. Co. Schinella , 
suo testamenti. T. XIV p. 7j. 
-* Manfredo figlio del CÌonte Ram- 
baldo Vescovo di Feltro , e di 
Belluno ucciso. Tom. IX p. t^. 
Méinfred$ fratello di Schmellt* 
Ved. Scbinelld. 

- P€rinz,9l9 Ved. Gtr^^rdp. 

- Prosdicimo figlio del Co. Stfhe* 
nella nominato nel testtmcntòdi 
Chiara da Camino moglie leU 
del Co» Rambaldo. T. XII p« 
104. 

- Rsmhdìd^ Conte. Enrico IV. |m- 
peradore gli conferma tutti ì 
beni, che ^veva nel TrivìgiaciOy 
Padovano, Vijceotino, e Cene- 
dcse. T. I p.fio. Conte di Tri- 
vigi sua donazione alla Chiicsa 
di S. Maria piresso h Piave. T« 
I p. 14. Nonvnato nel Testa- 
mento del (tonte Alberto. T« I 
p. 17. Testi ijnonio in Trivigi. T« 
I p. j8 4#. Presente ali* efpnì- 
sione de' Castelli. T. Vll p. i««. 
Jiambald$ tGuldotto suo figli uot 
Io promettono de rato a ToìSLm 
maso Caponero per 1' eredita 
Guidotti. T. 1\\ p. 143* Elezio- 
ne di arbitri per quesu causai 
ed a?ti forensi. T. Ili p. i4d« 
Sentenza de* giudici àrbitri. T^ 
III p. 157* I quali giudicano, 
eh* essi non avessero alcun di- 
ritto suir eredità^ saddetta. T« 
III p. 166. e T* XII pag. 190* 
Testimonio \n Sacile. T. IV p. 
I4S. in Treviso. Tom. V p. T^ 
ri6, in Udine. T. V pag. 118. 
Enrico Imperadore gli conferma 
il Castello di S. Salvatore colle 
Ville di Colfbsco , di Sasignaoa» 
di S. Lucia, il Castello di Col- 
lalto còlle Ville di CoUalto , dì 
Eaizedo , di Serntglia, di Bsrr« 
bizaoo, e di Refrentnlo. T. V 
p. is8. Presente al tesumeaco 
di Rizzardo da CamirK), ed è^ 
secutore della sna yolontìU T*V 



t^6 R A 

P«g* i$9/: 7tt Olio df quelli éhe 
•caccuroflo il CamincK dt Tre- 
vko. T. V p. x8tf. Neil' esercì* 
co de* Trìvigiaoi e de* Padovani 
presso Cooegliafio cootro il Con- 
te di Gofiua. T« V p. aotf. Pre- 
gato da* TrivKÌaoi a procurare 
un luogo di ntiro a fuest' eser- 
cito. T« VI p. la. Bjceicatodal 
Cpotc di Gorisia. a trattar. U 
pace tra esso,- e i Tnvigtaoi.T. 
\1 p. 57. Eletto da* Trivelli 
oon altri soggetti propone i ca- 
pitoli. T. VI fh, $9. ITiivigiaoi 
gli pagano il riscatto di un ba- 
xon tedesco per cambiarlo toh 
Morico .da Foasaka, T. VI p. 
. «4. E* alle nozse di Tolberto da 
Camino. T. VI f* «7. Awiiaio 
da* trivigUni di portarsi a Ce- 
0eda al con g resso della pace 
col Conte di Gorisia. T. VI p. 
74. E* pregato da* Trivigiani a 
somministrare il legoame pe*la- 
fori df Piare. T« VI" p« 8*. Vie- 
ae ad un accordo con Filippa 
Bolfina intomo alle rappresaglie 
da essa ottenute. T. VII p. xs. 
Suo impresti^ fttto a Niccolò 
di Lozzo prima del suo tradì» 
mento a* Padovani avvalorato 
con lettere da* Trivigiani. lom« 
yn p. 5^ Nel nume^ de* Sa- 
pieod TrìvfgianL T. VII p. »8 
t75« Deputato a trattar un ac- 
cordo co* Padovani T. VII p. 
M09» Ambasciatore a- Padova. T. 
VIIp.257« Deputato ad accom- 
pagnare il nuovo PodesÀ a Co- 
oegliano._T. vn p. 109. Si erf- 
bisce alla custodia di Conegliano 
con 50. pedoni. T. Vili p, 14. 
Spedito- da' Coneglianesi amba- 
sciatore a* Trivigiani. T. Vili' 
p. 4»i Interviene ih Mestre |^*' 
Trivigiani a un trattato co* Ti» 
«lovaai. Tom. Vili p. 4)« Avta 
eoaclusb^ ud altro trattato Co* 
iiedesiflù. T« VIU p. 4^ Spedi- 



li A 

io ambasciatore a Cane da* Til- 
volani per la pace. T. Vili p« 
ii«. Am1>asciatore a Venezia. T. 
Vili pag.,^j 6., Diféso eoo m}-' 
lizie da* Trivigiani. T. Vili p. 
TSi.Cbtanuto' in Sadle d:)lCon«« 
te di Gorizia per trattar degli 
^flfari correncL T. Vili p* i7t. 
Presente in Conegti^^no alla de- 
dizione de* Con^anesi al Con- 
te di Gorizia. T* Vili p. i79«' 
Eletto a giudicare intorno a cer- 
ti debiti di Guecello da Cami- 
no. T. IX pi tf. E* confbruto 
da Papa Giovanni per la morte 
di Manfxodo stto.%Iio Vescovo 
di FelKC e di Belluno ucciso. 
T. IX ^; 14. Marito di Chiara 
da Camino compera dal Tutore* 
dì Biaquino qu. Tolberto il Ca-* 
stello di Credazzo. Sfrìà, Tom. 
VI p. 205* Esso e Chiara sua* 
moglie eletti Comnrìssarj da.ToU' 
berte da Camino Srtrts: Tom^ 
Vili p. 79 «^. Ailice sua figlino- 
la Ved. AHìte. I suoi .eredi ot- 
tengono da* Trivij^iani. le^ rap-' 
pfcsagìie contro 1 Fcltrini. T. 

. IX p. 9$. 

•-• MsmMtt$ ed Em»4disU dimane 
dano genti a^ Veneziani per 14 
dìkitt .de* loro luoghi per timo-: 
re de* Duchi d'Austria. T. XIV 
p. 5 A Sono avvisati dal Doge , 
com^ il Ke d*' angheria avca 
sfidato a' guerra la Repuhiica. 
T. XV p.' la» Ducale a'mcdesì-^ 
mi, chi ptomette ajutò di gen-; 
ti per acquistar Solighettó ^ e 
pcrmttrc di tenere in loro casja 
la" moglie dì Gerardo da. Cairn-' 
no, fatta ptigioniera toì figlio. 
T. XV p. I j. RanibaMo riceva 
pei suo Castello di Colla Ito sty 
cune munizioni da guerra e d^ 
bocca, che evano nel Castello* 
di S. Vitto rei. Tont. XV p. ji. 
Rambarldo ed Enscdisfò' com«^ 
adecentt de* Veneziani sonocom^ 
prosi' 



R A 

. ffesf nellA pace col &e d* Ufif 
gheiìa. T. XV p. 8j 9h Tqm. 
XVI p« }• Ensediiio procurava 
di tor a* TnV^'ani le loro gio« 
xisdialoin. T.ZVI ^.s* Dichiara. 
no a* Trivigtaoi di voler essere 
•entrati nelle differenze , eh* es- 
si avevano cqI Carrarese , come 
tnclosf nella pace in Torino. T« 
XVI p. 57. Ricevono dal Duca 
Leopoldo d* Austria danari per 
custodire i suoi luoghi. T. JI^VI 
p. 31. 

r^ RémbslU fratello di Schinalla 
Ved. SehtmélU. 

— Rtiimsld» nominato nel testa- 
mento del Conte Alberto. T« I 
p. 17. 

f^ Réhtrt; CòQte testimonio in 
Trivigì. T. Il p. a* »4. T. V p. 
lai. Milize Tnvigìane. T* II p. 
a7« Figliuolo del Conte KamhaU 
io* T. V p. 171* Ba «no anch' 
esso df qutlli che scacciaroqo il 
Caminesa da TxivigL T« V p^. 

r- SthlmtlU e T$lhirf Triv%iani 
stabiliscono aScbinella edaTol- 
berto fratelli par la escavazione 
delle ibsse della Città per loro 
ungente lo ^a»o di la. perti- 
che. T. X p. Ila. Tolberto con 
^avalli ed atn^ mandato all'e- 
sercito di Mastino, f. XI p. 171 
Ricusa di andarvi, ma i Trivi- 
giani impongono, che tì doves- 
se andare à tutte speM della 
Àmiglsa* T. X p. 17; '74* Tol- 
berto e S<:hinella obbligati a ce- 
dere a Zilibertq collaterale la 
metà d^* beni spettanti al Ca- 
stello di CredazzOy che furono 
degli Ecelinl. T. XI p. 4* Tol- 
betto va tir esercito di Mastio 
no. T. XI p. a4. Riceve un or- 
dine dal Podestà di Trìvigi di 
portarsi a Verona, e di presen- 
tarsi a Mastino con armi e ca- 
Vf^IU. T, XI p, «<« $^hinel]a pre- 



S e 157 

tende diritto sopra alcune pas« 
sessioni di Selva contro i Trivi- 
giani, e ricorre al Dòge. T. XI 
p. 189 ipe. T.XII p* 144* Tol- 
berto presente in "i^rivIgL T. XII 
p. 71 75* Nuovi ncorsi àtXlWì* 
n al Doge per k giurisdi^Bionl 
di Selva. T. iCU-sp. i4f« ^ààm 
nella ambasciatore a Venezia fcr 
la dedizione de*Trivigiani. Tom. 

XII p. 59. Presente in Txivi^. 
T. XII p. 84. 

•^ StbitttlU , MéMÌsld$ , e MéHw 
frtd$ firatelli. Tolberto da Ca* 
mino restituisce a< Conti diCoI^ 
laltQ il Castello di Ceisalto, e 
si rimettono in arbitri le altre 
di£ferenze. T. XIII p. 41* ^ Con» 
ti seguaci di Lodovico Re 4* 
Ungheria nella guerea co'Vene- 
ziani compresi nella tregua. T. 

XIII p. 57* Ville e Pievanati d| 
loro gitttisdlziotte. T.XIII .p*«S7* 
Confiscati i loro beni in Trivi, 
giaoa per esser ribelli de* Vene- 
ziani. T. XIIIp«tfi. Cssi si era* 
no ribellati al tempo dell* asse- 
dio di Triv^ Ano da Lodovico 
Re d^ Ungheria. T« XIII p. 6U 
Compresi nella pace fatta dal 
Re Lodofico co* Veneziani. T« 
XIII f, 71» Comanda il Dc^ 
che SI esaminino i confini tra i 
Conti CoUalti e i Trivigiani, e 
che quelli presentino al Podes^ 
i lorci privilegi intorno alle pe- 
sche del Sile. T. XIII pa^. 7^. 
Ducale, che ordina, che 1 Con- 
ti siano messi iiel' possesso deUa 
pesca dal Sile, come lo avevano 
avanti la guerra. T« XIII p»7<- 
Il Do^e manda al Podestà di 
Tiìvtgi alcune commiinonl in-r 
torno alla casa di essi Conti. T. 
Xll| p. 7t« Il Conte Schinella 
si lamenu 4a* Vene^ani , per- 
che non gli osservavano le sue 
r^giooL T. XUI p.85. piftren- 
zn di essi Cpnti co* Veno^pmi 



rjl Ò O . 

pei le pesche del Sile esamina- 
ta. T. XVIII p. 3j. 
•— Sebi»tUs y Bs$tli9 , fttldmd» , 
Ménfrtd»^ e Anfnì» Conti allc- 
tti de* Veneziani compresi nella 
tregua con Sigismondo Impera- 
tore. Tnm. XIX pag. 65. I Ve- 
ncMant concedono al Conte 
Schinella di poter far vendem- 
miare le uve de* ribelli, ma 
non quelle esistenti nel terrieo^ 
xio di Conegliano. T., XIX pag. 
74. I cinque fratelli come ade- 
renti de* Veneziani entrano nel- 
la lega col Duca di Milano col- 
tro Sigismondo, Tom. XIX p^g* 

-^ Toìbirtl Ved. Schintllé. 

da Collalto Conci avevano giuris- 
dizione sulle pesche' ne* confini 
Tiivigiani e Viniziani. T. 1I| p. 
85. Essi hanno piena giurisdizio- 
ne, sopra i Castelli di San Sal- 
vatóre , e di Collalto, e Ville 
aggracenti. T. X.p. tfi 6 5. Man- 
darlo t Padova nunzj unitamen- 
te a* Ceneded ìr\ contradditro- 
lio co* Trevigiani per le loro 
ginrisdiziori. T. X p. 154* tt 
geliti de* Conti di CoUaJto pren- 
dono Formeniga, ma il Viscon- 
te di Sétravalle riprende subito 
il Castello. T. X! p. «j. 

Colle nel territorio di Lucca con- 
segnato da Mastino a* Fiorentini 
nella pace. T. XI p. ntf. Col- 
legata co' Fiorentini entra nella 
pace co* Principi della Lombar- 
dia. T. XIV p. 5». 

Collealbrico Villa de^Caminesi ce- 
duta a Conegliano. T. I |i. Ss. 
T. II p. 45. T. ìli p. 40. 

da Collealbrico Guecglh eletto Sa- 
piente da* Conegltanesi ncPe con- 
tese co* Trivigìani. T. XI p. J46. 
Consigliere. T. Xt p. m. 

Colle Fusio Villa giura di seg|uire 
il Podestà di Trivigi. Tom. II 



CO , • 

Colle S. Martino Viftt del Trivf- 
giano man^a guastatori a Masd- 
no. T. XI ]^ aj, 

da Colle S. Martino fìmiglia no- 
bile Trivigiana , che abitava fuo- 
ri della Cittì. T. X p. 119. 

Col de Muson Villa, assegnata alla 
Podestatia di Asolo. Tom, XI 
p. Ij9. 

da Col di Musone Téhért»^ gin. 
xisdeceotc in Ttivigiana. T. xvf 
pag. s. 

Col de Paderno Villa assegnata al« 
la Podestatia di Asolo. T. XI p. 
ij9. Presa dal Carrarese. Tom. 
XVI p. jt. 

di Col di Paderno p;«/r« Amba- 
sciadoi de* Trivigiani al Duca 
d* Austria. T. XVI p. r j 15. . 

ic Colle Gr4g9 ed Osker^erU fra- 
telli testimoni in Friuli. T. V p. 
197. Gu§€9ÌUnt presente alla in- 
vestitura de* Caminési. T. XIp. 
i.jj. Occupa violentemente uo 
feudo , che i Signori da Omi- 
no avevano d^to alla Casa San- 
fiore di Sérravalle T. XI p.i79» 
Nlccél» ambasciatore de' Trivì- 
gitoi a* Veneziani. T. XII p. 34* 
Tici»$ ambasciatore di Enrico. 
Imperador a* Trivigiani. T. V 

P. 211. ^ 

Coltegio Fìlìff Signor (di) pre-^^ 
sente in Torino alla pace fra ì 
Genovesi e Veneriani. Tom. XV 
p. 71. 

de* Colleont GUvémnl dottore e fra- 
telli alleati co* Signori della 
Lombardia concludono tregua 
con Filippo Maria Duca di Mi- 
lano. T. XIX ^p. 90. 

Collctta che cosa sia. T« IH pag, 

de Collo FréHcesep deputato de* 
Conegliancsi. Tom. XIX p. is'- 
Publico notaio. T, IX p. i^o. 
Otttnt Vassallo del Vescovo dì 
Ceijeda. Tont. I pag. «a. Giu- 
dice dell* Cutia generale di 
Ce. 



e o 

*iCeoe<U. T. I p. «a* 
dt* Colli Otbrtierìé aderente de* 

Caminesi. T. IJt p. 4^* 
Collice Villa ceduta da Blaqaino 

a Conegliano. T. I p. 87. 
4e*Cóllici Nieeilò mandato da*Ca- 

neglianesi a Venezia. Tom* XIX 

p. iij. 
ài Collice ir#r#//o. Tom. I pag. 

Cologna assediata da* Padovani , e 
da'soldati di Bastano. T. Ili p. 19 
« o. Castello doveva esset distrutto 
nella pace fra i Padovani e i 
Veronesi. T. Ili p. tfi. Decime 
date io feudo agli Scaligeri al 
Vescovo di Vicenza, "f . V pag. 
js* Supplica i Veneziani per es- 
ser tolta da Verona, e sottoppo- 
sta a Vicenza. T. XVIII f. 78. 
iLz. Kepublica dichiara , che non 
debba essex soggetta alla giuris» 
dizione di Vicenza , ma imme- 
diatamente al Dominio Veneto, 
t. XIX p. 15. 

da Cologna BàntfàcU milite Trivi- 
^fl». T. II p. a7. AiktrHmtì lùi- 
lite ibid. 

Colognia ^4d0ric9 &U0 Vescovo Ar* 
cicascelliere di Enrico Imp» T. 
t p. rj. Filippo Arcivescovo Ar« 
dcantellierc di ^edeiigo ìmp. 
T. I p. ja, Valtamo Aicivesco» 
vo. T. XII p. 91- 

Colontia Piètra Cardinale rivoca 
Ja scomunica fulminata (Contro i 
Padovani dall' Arcivescovo di 
Ragusi. T. III p. 185. muore. 
Tom« IX p. 88. I suoi benefizi 
vacanti pti la sua morte sono 
risei vac? dal Papa per se t. IX 
p. 89. Stefano scacdato da no- 
na da^Komaol. T. IX p. 89. Il 
Petrarca gli scrive una lettera 
xa]»presentandogir lo stato in- 
ijbjcto y ed i rumori dell' Euro- 
pa. T. Xill p. 79. 

de Coloredo Jt^uì»» e Btmétrd* 
fiatdli* T* y p. 124. AsquiflO è 



C O T59 

in Udine al parlamento genera- 
le. T. XI p. 54* Cri»i/4»»i Pa- 
duano debitore di danari al Car- 
dinal d'Alanzone. T. XVI p. 91 
Presente ad un istrumento di 
pro<!uia del Conte di Porzia. T. 
XVI p. loj. Mdniussi$» T. Vp. 
186. Stm§nt presente ad un i- 
stru mento di prpcura del Con-, 
te di Porzia. T. XVI p. 113 ! 
presente in Udine. Tom. XVII 
pag- 4. 

Célornos Esercito di Mastino ivi 
esistente. T. Xl p. 47 49. 

Còllucci CéllurcU <|u. Pietro di 
Stcgnano notajo di Lucca. Tom. 
XIV p. 59. 

CoJzade Tikdldo Vicentino. T. II 
p. ioi« 

Comacchio degli Estensi. T. X p; 
144. Filippo di Porzia Vescovo 
eletto. T. XVI p. 92. 

delll Comite Ulrlc§ Duca testimo- 
nio nel Titolo. T. XIX p. 74* 

Como suoi Rettori dèlia Lega Lom- 
barda. T. I p. 7« 77. Leoée 
Vescovo Eletto. Tonflr. Il p. js. 
Comaschi eccettuati nell' istru- 
mento d' alleanza di Carlo Re 
di Sicilia contro i Ghibellini. T. 
Il p. 9« 9r« ^ Mercanti diman-* 
dano sicurezza a* Trivigiani pet 
le loto mercante, e l'ottengo^ 
co. T. Vili p. jtf9. Lodovico' 
Imp. crea vicario dell* Imperio 
Pratichino Rusca in Como. T. 
IX p. 89* Arriva a Como Lo- 
do^co Imp. T. IX p* 89. Bel- 
tramo di Btossano Vescovo. T« 
XVII p. 7». 

de Compagno GìoviiJ»i>f giudice Pa-" 
dovano. T. Ili p. li, 

de Compare B9»sign§r0 giudice as-' 
. sessore dtl Podestà di Trivigi; 
T. II p. li 5 14* »44. 

Coinpostella Bent qu. Tisio. T. IH' 
p. jf. Bort*Umit qu. Niccolò, 
sua lite cpatro Niccolò di Ro. 
Ycxo. T, IX p. a9 It* GUvs»t^i 



t<o e O 

(^n. DeoUvtncio. T. IV p. 174* 
Grotto di Bissano. T. Ili p. tfs* 
Gnslftrt9 qu.Tisio da lassano. T. 
Ili P* 34* L$re»t,à qa. listo* T. 
^Ip.59*T« lY p. 9* f«.M*«/# 
fcstimonb in Bastano. T. IX p« 
1*3. P{mt di Niccolò. T. IV p. 
177. T. VflI p.7#. ir^tetn'é qa. 
gessano testimonio. T.IX p«a9» 
Tiiit da Bassano. T. II p. 70* 
qu. Goalperto. T. IV p. f7».T. 

V D. 91 f ^« Wdlptrt0 figlio di 
TÌS10 da Batsano. T. II p. i^i, 
(Tiivffrt da Bassaao, sae pretese 
sair acqua Kos^. Tom. X|Z p. 
al H* 

Cena Viltà del Padovano, T. XIV 

p. 90. T. XVI p. 34 a«. 
Cooche Castello vcrid c1ùoggta.T. 

V p. IO. 

Cottdet del Porno ViUt del Tri. 
vigiano , e sua tangente di coU 
te. T. XI p. 74. 

Concini B§»sv9nturét Veronese uno 
di quelli che presero Jacopo da 
Carrata. T. XVIII p. «5. 

Concio Odérle0 giudice in Trento* 
T. m p. i|7. 

Concordia f edeiico. tuo V-etcovo. 
T. I p« ^« Bombato Canonico. 
T. II p* |2. Alberto VetcQvo e. 
letto. T. II p. 35. Bertoldo pre. 
votto. T. II p. 3 5* Alberto Ve« 
scovo Vicedomino del Patriarca 
di Aquileia. T. II p. 58. FoU 
cheto Vescovo» Tom. III p. 3. 
Brisa Canonico. T. Ili p. 4' 43* 
Folcherìo Vescovo manda prò. 
curatori al Sinodo d'Aqatkja.T. 
Ili p. 8S. Il Vescovo era stato 
mediatore alla pace fra i Vene* 
^ians e i Trentini. T.III p. 173 
I7S 180 itT. Jacopo Vescovo 
giudice arbitro nelle controversie 
fica il Patriarca,^ e Gerardo da 
Clamino e i Trtvigiaoi. T.IV p. 
5^. Guidone vicario genetale 
del Patriarca. Tom. IV p. S4tf. 
Moiaodo dft Porzia econonu> e 



CO 

coflservatore delk Chiesa: titt 
lettera a* Trivigiani. T. XI p. 
47 4.t« Guido Vescovo è in ir. 
dine al parlamento penerà le. T. 

XI p. S3« Tcstimonip in Udine. 
T. XI P. 190. E aUa investitura 
de* Pendi Caminest. Tom. XI p« 
132. Arbitro nelle diflèrenze^r 

XTavolano ira il Patriarca^ e I 
Veneziani. T. XII p. 24 4« 66* 
Eletto Commissario in esse dt^ 
fèrenze da Papa Clemente; T. 

XII p. $6. Pietro Vescovo pre. 
sente In S. Vito alla investittra 
dt alcuni Fendi del Patriarca 
Bertrando. T. XII p. ir$. Ujo- 
ne di Ernolf Decano. T. XVI p. 
f 4. Fra Agostino degli eremita, 
ni Vescovo eletto. T. XVII p. 
17 a9. Enrico dr Strasoldo Ve« 
scovo. T. XIX p. tfi. 

da Concorezzo Crìsffìr* Contesta, 
bile del Carrarese a Conegliano* 
T. XVI p.7tf* Mandato in Friu- 
li. T» XVI p. 92. Mandato t 
Trivlgi. T. XVI p. 95. 

Condino della Diocesi di Trento. 
T. XIV p. 13. 

Condolè Villa assegnata ad Oder« 
zo. T. XI p. 139. 

CòQjtglìano maestro Btrgsaf Pie- 
vano. T. ir p. 7a. 

CONEGLUNO. Ospitale 4liS. Mar- 
tino beneficato da Gabriel da 
Camino. T« I p. tftf. Chiesa di 
S. Leonardo, e di S. Antonio. 
T. I p. 66. Ceduto da* Cami- 
nesr al Comune. Tom. I p. 8$. 
Coneglianesi obbligano Sige£cedo 
Vetcovo di Cenedaad abitar in 
ConeglianOy e iar che procuri 
dal Pana , che la Chiesa catte- 
drale di Ceneda sta trasferiuio 
Conegliano. T. I p. aS. Chieta 
di S. Leonardo. T> I p. ag. Giura- 
no di aiutar gli uomini d^er- 
zo. T. I p. 18 • Loro concordia 
co* Padovani, e con Guecellone 
tuo figliuolo Gabriele da Camù 
no. 



ed 

ho. t. T p. iS* Soggetti t* tri- 
vigiani. T. 1 p. 38. Loro conte- 
sa con Moncan^iio Giadi'cé di 
Trivigi dctisi da Giudicf com- 
|}romissar|. T. i p. 40. Conrc* 
dóno a tìtolo di feado a Buto 
è Matco da Corbatiesio nti Ct* 
ite Ilo in Corba ti csio. T. 1 p. 4t. 
jkitcvohó da* suddetti il Castello 
Suddetto. T. 1 p. 42. Gì* indi- 
vidui della consorteda del Ca- 
étclJo dì Conegliano ^ prestanò 
giaramento al Comutie. T. 1 p. 
5^. Albfcfto Vescovo di Cenedà 
promette a* Conegliahesi di spe* 
larc prcsio il Papa , che la Cliiei 
è a cattedrale si tra^ferisra a 
Conegliano. T. 1 p. 79. i Sigrto- 
ìi da Camino, e il Vest'ovo di 
Cehcda sottopèngono le lord 
^iurisdÌ£Ìoni a Conéglianesi. T, 
I p, 80 81. Essi sotio atiimeSsi 
alla Ciitadlnanta di Padova. T.l 
^.81 82 8;. Kicevoho in dono 
da* Caminesi altuhc ville, e li 
amroettoilo alla loro eittadinao* 
ita. T. I p. 84. risone Conte di 
Padova loro Fodestlk. T. 1 p, 84 

87 8p pò ^2 102 106 IC7. Ali 

tetto Vcscoyo di Ccfleda forinà 
la saa dedizione a Conegliano 
in forma solenne, Tom. 1 p. 90Ì 
liberano dalle piigiorti dlcun! 
Trivigiaiii. t. 1 p. jox, Coropro- 
tocttono le loro tontrofcrsie iti 
Ira Giovanni da Vicenza. T. 1 p^ 
loj. Sua sentenza, che órdiria ^ 
*om* essi debbano ritornare sot- 
to i Trivtgiani. Tom. 1 p.- io$i 
Appellano di questa Sentenza. 
*t. 1 p, 106 107. Fr. Giovanni 
la regola, e dichiara che essi 
Col Cenedesc torna t dovessero 
alla società di trivigi, st pia- 
cesse 11 Papa di unire ì due Vci 
icovati di Ttivigi, e di Cencda, 
altrimenti fòssero liberi, t. 1 p. 
<o8. Investiti dal Vescovo di 
Ceneda a tìtolo ài feudo di a]* 
itom. xa^ 



edite ville, t. i p. iti; iig&né 
de Vldo Fodera. T. 1 p. t*$i 
Bssi sono sotto li ptoteilon^ de^ 
fadovanii Tom. ì p, 116» ì due 
Po<festh di Padova, e dì TrivigI 
giudici arbìtri lodano la senten- 
za di ft. Giovanhi. T. 1 p. ni 
Essi lodano questi sentenza. Ti 
Il p. j. Folcheiio Podcstìk, ptCJ 
tetto del Vicario dell^ Impera^ 
dorè di dover restituire ftlcané 
bestie rubate , e di non ftr no- 
vità alèuna fino alla venuta di 
Ecclino. T 11 p. tf 7. Benefica- 
ti da Federico lihperaddté, che 
sottopone al Comune tutto il 
paese da* mohtì fino «ì mate 
fra Piave e Livenza , e lo dichia^ 
ra separato dà qualunque Città, 
t non soggetto ad alcuna perso^ 
"ha. T. lì p. lò. Provvedono al-* 
lo riltabilimeiito delle publiche 
strade. T. 11 p. 14; Tommasinò 
Capitanio per Ècelino da RomaJ 
nò. "l*. Il p. 14* kitotfiano sottd 
i* obbedieiii^ de^Ttivieiani seCon«2 
do 1* antica confederazióni , ec- 
cettuate alcune éose. I*. ii p« 
5. loro contese con BtaqilfTid 
a Cimino per laVorl ^lla Pia- 
ve, t. li p; rjii Siiìatf Priore di 
$. Antonio di Conegliano. T.IIl 
p. j4. Ville assegnate al tcrticoJ 
rio di Conegliano. T. Ili p» ^Oi 
ConegHanesi abitanti in Itvaù 
Zola devono pagdr lé ccHt« Iflk 
Conegliano , t hi ìt fatiónl. T* 
ili p. ri4. CòÉftssanò i* Tiif i- 
gìani , come le Vili* , t il Ca- 
stello di Cotbancse, di farso^ 
t di, Arfanti erdnò ah antiquo 
sotto la giuriSditic^* de* Trifia 
giani. T. V p. 6p. Spediscano t 
Triv^f a aitzaifio di Caiùitld 
li privilegio in loro htotc di 
Enrico Imperadàre. T.Vp. m4* 
Stipcndj assegnati da^ Trivigiani 
a un Capitanio in Conegliano 
con cinque custodì , al Podestà^ 
t té 



l 



*6^ C O 

td an oottfOé T. V ptg. x54. I 
Tdvigiafii confexmaoo le loro 
giaxi^ixioni e ^xivilcgf. T. V p. 
S7i« Delle qoab erano staà prì. 
vati da Gerardo > Biuardo, e 
Gnecello da Camino. T V pa^. 
J7'« Sono alleggeriti da* Ttivi. 
giani da* lavori, che sì faceva- 
no nella Piave per esaere aggra- 
vati da* lavori , che £ire dove- 
vano nelle fbrtificaziooi del loro 
Castello. T. V p. 1^4. L'eserci- 
to de* Padovani, e de* Trjvigiani 
contro Enrico Conte di Goiizia 
è preiao Conegliano. T. V pa^. 
aes ià6. V esercito de' Trivi- 
giani h la mostra presso Cone- 
gliano. T. V p, aia. EMrdtode* 
Padovani e Trìvigiani presso Co- 
negliano assalito dal Conte di 
Gorizia. T. VI p. ir. Nuove mi- 
Jlsie Trivigiane spedite a Cone- 
gliano. T. VI p. 14. Manfredo 
e Lodovico di Porsia desidera- 
00 di parlamentare co* sopraca- 
pitani, e col Podestà di Cone- 
gliano. T. VI p. X7* Biaquino 
<ia Camino sopra Capitanio, ed 
autorità concessagli da*Tcivigia- 
tù. T. VI p. a8. Per le dissen* 
doni che dividevano Ì Cittadini 
non potevasi radunare il Coosi- 

Slio. T. VI p. 43* Alberto de* 
.enaldi Podestà. T. VI p.44. I 
Trivi^ni commettono al Pode- 
stà di radunar soldati de* bor- 
Sb', e del territorio per difésa 
ella Cita, finché essi spedisse- 
jo il bisogno. T. VI p. S4« Si 
pablica in Conegliano la tregua 
m il Goriziano, e I TrivigianL 
f* VI jp. SP« Continuano le dis- 
scndoiif civili. T. VI p. 66» Le 
genti Goriaiane, e Tedesche as- 
•ahaiio Conciliano I rissa tncce» 
duu tei difender la Città. T. 
VI p* 70. 11 daaio del pane e 
del vino è assegnato da* Trivi- 
g;itm al Conte lUmbaldo. Tom. 



C O 

VI p. 8 a. ^ dolgono degli nomi- 
ni di Guecello da Camino , i 
quali aveano turbato lagtuiis4i« 
tiene della Villa di Pianaano.T. 
VI p* Stf. I Trivigiani mandano 
nuove gnaziie in difesa di Coi» 
oegliano. T. VII p. 11. Fortifica- 
to con molti lavori da* Trivi- 
giani. T. VII p. loj fo7. Con- ' 
segna di Conegliano ad un nuo- 
vo PodesÀ . T. VII p. no. I 
Trivigiani provvedono alla sua 
difésa. T. VIP p. i jj. Gualper- 
to Calaa Podestà. T.VII p. 150. 
I Trivipiani sollecitano i lavori, 
che ivi si fìirévano. T.VII pag. 
15 1. Vi rinforzano il presidio* 
T. VII p. IS4. Eleggono SCI per- 
sonaggi ad accompagnarvi il Po- 
desta. T. VII p. i69> Con am- 
basceria espongono a* Trivigiani 
Ja necessità di riparare la porta 
del Castello. T. Vili p. ad 27. 
I Trivigiani lo presidiano, Tom. 
. Vili f. 27. Avanzano avvisi a* 
Triviguni, che li mettono in 
gelosia. T. Vili p. )i. Va alla 
sua difesa il Conte Rambaldo. 
T. Vili p. 14« Sono inviuti da 
Gnecellone da Camino alle ooa- 
ze di suo figlinolo in Feltte. T« 
Vili p. 39. Spediscono amba-' 
sciatore a Trivigi per esporre 
certi bisogni pelle fortificazioni. 
T. Vili p. 40. Consultano so- 
. pra la venuta di moki Romei. 
T. Vili p. 4*. Stridori fiitti da* 
Trivi^ani pe* crediti Campo- 
sampiero. T. Vili p. 66. Kicu- 
sano di pagare una nuova im- 
posizione a* Trivigiani senza sa- 
puu del Camtnese. T. vni p. . 
129* I Trivigiani assegnano loro 
nn termine d* un mese a paga- 
re. T. vili p. ijr. Difési con 
milizie da* Triv^anL T. VII! 
p. xsB. Niccolò da Tineto mi- 
lite e sodo del Vicario di Tri- 
vigi alla difesi de' Coo^iMesf, 
sue 



co 

ne Irtfeit t* Trir^ni, in cui 
si flOfninaao tlcani x^]li di 
CtaegliiRO. T. Vili p. 166* Ot- 
to la otttggio 4a* Tiirtgttiii a 
Fedezico K« de* JLoauni. Tom. 
Vili p. X57 i«8 169* U UeFe- 
dexico li esoru alle ceeuaze » 
mentte ]or prometteva solleciti 
soccorsi contro Goecello daCa- 
ndtio, che li mokeuTa. T. Vili 
p* T7o« Seconda lettera del He, 
assfcaraadoli che in breve è per 
'Venire con fòrte esercito in Ita- 
lia é liberarli dalla persecoziooc 
de*loro nemipi. 7. Vili p. 171^ 
Il medesimo Re li avvisa , che 
Don potendo mandale 11 firatel^ 
lo ia loro soccorso, come tu 
cercavano , mandava loro il Coiu 
te Enrico dì Gorizia suo sio 
materno. T. Vili p. 17 j. Avvi- 
sati dal Conte di Gorizia, come 
il He Icderieo Io a?eva destina- 
to a di£paderli« T« yill p. x77« 
£sortarì dal Conte a rimettetsi 
aUa di lui volontà, mentre co* 
mandava a nome dell* Impera- 
dorè, riflettendo che Conegliaao 
era Camera dclI*Iropero. T. Vili 
p, 178. Consegnano Conegliaeo 
al Conte di Gorizia, ed esso 
giara e prometto di conservarli 
ne* loco privile^ esfezialmen- 
le 4> maoienerlt llt>eriy e sepa- 
rati dal domìnio di qualunque 
Citt). T. Vili p. 17^. Conveo- 
to de*Fratt minori, della Cella, 
di S. Antonio Hene^cati da Bea- 
trice da Camino. T, I^ p* a*, 
falatfo e possessioni di Riuardo 
da Camino* T» IX p. 4^* Cone- 
gìiano sottrata dalle nitoi del- 
la Contessa di Gorizia , e di y. 
gone da Duiqo suo Vicario. T* 
IX p. xjo. si xberva la giudi- 
catura al Capitanio pel Re di 
Boemia. T* IX p, 144 ^^6. Vii- 
le oltre Piave di sotto a Cooe- 
gliano obbligate da* Trivigiani a 



C O lé) 

dare a* Camiaeti una compa» 
gnia di as* soldati. T. X p. ja 
57. Si danno sotto il dominio di 
Albeito , e di Masrìoo dalU Sca- 
la con alcune condizionL T. X 
p. 70. ITrivigiani maiodanoam* 
basciatorl a Mastino per addur. 
re i loro diritti sopra Coneplia- 
QO. T. X p. Toj. Gli Scabgeci 
aveano confermata la giurisdi- 
zione de* TrivigianL- Tom. X P. 
105, Bernardino degli Scao($« 
becchi Podestà T. X p. xa8 is7 
I Giudici degli Scaligetì io Pa- 
dova pronunciano . sentenza di- 
cbiaraitdo, ehe I Coneglianeii 
erano liberi da* Trivigiani, 9 
che |oder dovessero de* loro osi. 
vilegl. T. X p. 157. Gli Scalige- 
ri impomgof\ft una gravezza per 
si^ptire alle spese di Brescia. 
T. X p. i«a. Panno cento uo- 
mini a Mutino , che andava 
contro i Bresciani. S^tì^, Tohu 
IX Pt t94. Il Podestà di TrivigI 
partecipa a' Conegliaoesi alcuni 
ordini degli Scaligeri intorno a* 
processi, alla vendita del Sale, 
e alla fabbrica dei Camello di 
T'ivigi. T. X p. 175, Biosdod- 
ino^ da Caligine Podestà , i Tri- 
v%iao^ si lagqano ^i lai presso 
Alberto dalla Scjtla per molestie» 
eh' esso faceva a* Trivigitni. T. 
XI pag. 4r. Riceve lettere da* 
Trìvi^iani di tri^ttar da amico 1* 
eserato 4el Friuli. T. XI p. 44. 
Upiti allenenti di Ceneda e di 
Serravalle riprendono Forqiintca 
alli ColUIti. T. XI p. 83. Càt 
tenne , Beatrice , e Rici^rda Car 
mioesi concedono libertà a* Co- 
aegliaoesi di poter andar con si- 
curq»a in Serravalle, e io tut- 
te le altre terre soggette alle 
giuriadiz^MÌi di esse sorelle. T. 
^1 peg. 84* Il Doge di Venezia 
promette a* Cooeglianesi prote- 
«ione, e difèta Jodaodofi pei 
I* a esser- 



i6% C O 

-«sseY^f sdrtrttt! dal domrnlo Sira- 
ligeito. T. XI p*g. «5» Aiéndaro 
•mbtsciatori « Ventetra diman- 
dando un Podestà Veneziano; T. 
XI p. «.-r. Wctro Zeno Fodest^. 
I] Sentto gli commette di do- 
vct rtrtkuìrc al Vescovo di Ce- 
■ficda Casrelnnovo da' Concgìia* 
resi ingiustamente occupato. T. 
XI p. 105. 'Si richiamano in Co- 
negliano tutti i banditi. T. XI 
^. ta4. Bertuccio Grimanì Po- 
destà riceve Ordine da Venezia 
di non dover molestare il Ve- 
scovo di Ceneda. T. XI p» 1^9* 
I Conegliancsi rinnovano ad £n- 
d righetto dì Tiiviwlo la invc- 
stitnra di Ci'stelnovo di Corba. 
tiecìo. T. XI p, ìjo. Spediscorto 
•mbasdatoii a Venezia per dar 
ie stessi, e la loro Terra sotto 
il dominio di quella Repùblica. 
Tom. XI p. f j?. Desiderano di 
continuare ad esser fedeli dell' 
Impero. T. XI p. ijtf. La Re- 
pubHca si compiace della loro 
buona disposizione , e delle pro- 
messe ad essa fatte. T. XI pag. 
ij8. I Trivigiani stabiliscono 
pena a coloro, che taqtassero di 
sottrarre Concgliano dal domi- 
tjio Veneto. T. XI p. 14). Let- . 
tere del Doge a' Coneglianesi 
sopra le istanze de* Trfvigiam, 
I quali pretendevano Coneglìano 
parte dei loro territorio, e ri- 
sposta de* Coneglianesi difenden- 
dosi da queste pretese. T. XI p. 
14 5* Adducono privilègi impe- 
xiali, che li separano da' Trivi- 
giani. T. XI p. r47. Il Patriar- 
ca Bertrando invita i Coneglia- 
nesi a dar la loro Città sotto il 
dominio della Chiesa , e delibe- 
zazioni prese da essi favorevoli 
ft questi -inviti. T. XI p. 149. 
Mt colla condizione di essere 
amtìiessi ne*^ parlamenti generali 
del Fxfuli. T. XI p, ìjo. For- 



c o 

man* proeti^a' j^cr rfctvete dal 
fatiiarca nel «tnetal Patlamcn- 
*to del Fn'dfi la ratifica delle 
promeme ad ^ssi fatte 1 quando 
■ diedero se ittsst sotto il doml- 
pìo della Chiesa. T, XI |). ì5i. 
Federico dft Savotonarto Capita- 
rio t Rettore. Tom. Xl p. isi* 
Papa Benedetto scrive ai Patriar- 
ca otdinandogfi, che poiché i 
Coneglianesi s' etan dati sotto il 
domìnio della Chiesa, egli so* 
spender dovesse linterdetto con- 
tro di loro fulminato in rempo 
eh* erah soggetti at dominio 
Scah'gero. T. XI psg. isj. Gio- 
vanni Gndenigo PoSleSt^. Tom, 
XI p. i5j* Marioo Grimanì Po- 
desta , sua sentenza in favore di 
Andrea Saófiorc dì Strravallc. 
T. XI p. 179. Comando del Po- 
destà di demolite un fortino fat- 
to nel sito, ov* cri stato il Ca- 
stello di Selva chiamato Ma Igra- 
do. T. XI p. 182. II Patriarca 
rimette a* Coneglianesi tutti I 
danni, e le ingiurie ehe i sito! 
sudditi avevano sofl:ertò per oc- 
casione delle rappresaglie da es- 
. si date contro i Friulani , e prò* 
mette pace, e Concordia. T.XIl 
p. IO. Muovano lite al vescovo 
di Ceneda per la Caria di Ca* 
stelnovo. T. XII p. 11, Nelmo* 
nastero di S. Antonio si doveva- 
no ridurre gli arbitri eletti da' 
Trivigiani , e dal Patriarca per 
decidere la causa intomo a Ca* 
volano. T. XII -p. 4< s^ t6 87 
88, I Mercanti Tedeschi andan- 
do In Germania tenevano la stra- 
da della Chhisa di Quero in pre- 
giudìzio della muda di Cone- 
glìano. T. XII pi tir, Pulciodi 
Colbrosado Capftanìo pel Re d' 
Ungheria. T. Xltl p. 54. ^IRe 
concede il Capitanrato di Cone- 
glìano a Tommaso Castellano di 
Lkham Cavalicic. T. XHI p, 
55. 



e O ) 

$$. Si pablica la tregua fca 11 
Re d* VBg'^eiià^ e i^Venexiaft'. 
T. XIH p. 58. Gfovtnni '£«r.o 
r« a ptendeie il dosuBÌa, e il 
poctesso^di Cooegb'ano. T. Xlil 
p. 7t* U Codcgfo di Cot)cg!iano 
itchied« a «^oCHo di Trivigi le 
nti(>ve venute -dall' Ungheria. T. 
XIII p» «^. I Veneziani niaoda» 
noftoo a: Conegliano incontro- 
al Re di Cipro per onoiac Ja sua 
venuta. T«XLV p. 2o« llPatrìar- 
ra si laoienca col Doge, che i 
ivm soddldi diSa^I< fossero co- 
stretti a pagar datt3 delle loro 
entrate, che averaiw in Cooe«' 
gliano. T« XIV p«a6. Dilferenser 
de* confini col Patriarca per ic 
Ville di S. Paolo, e di S. Gi«r^ 
gio« T. XlV p. atf. Ducale a* 
Coneglianest , che ricerca uit 
uomo per villa per mandarlo In 
Istria* Ir. XIV p. j2. Giacomo 
Mora Mietcà» T. XIV p. ja 4^ 
Mandano mi4izic ael campo Ve-*. 
neto contro Trieste. .T. XIV p».- 
jj. Il Patriarca d' Aquile ja pas-. 
sa per Conegliaoo. T. XlV pi 
)}• Ducale che commette al Pe^r 
desti di mandar subito a Vene- 
zia due guastatoci per o^ni ViU 
la volendo dare un guasto gene« 
ralc a* TiicstinL T. XlV p. 40. 
Francesco da Clrtara manda 
spie a CoDcgSano e a Serrava!- 
le per vedere cosa Cskcciano i 
Venezia ni -contro i pochi d'Au- 
stria. T. XIV p. 5tf. Leonardo 
Contarini Podestà, T. XIV pag. 
7a. Ordini dati dal Ddge' al Po- 
desti dtfpo una rotta dell* eser. 
cito Veneto, t. XIV p. 81. Gio- 
vatini Contàridi Capitanio in Co» 
nc^tiaio. T. XIV p. «7» Il Doge 
scrive al Pod«sti e Provveditdfe 
4i «omminiattat aju^ « iavóre 
a* Conti di .CeUalto. T. XV p. 
T#.. Conegliaae preso dal ^uca 
licopolda , e I BcMonesi spcndo«i 



C O 1^5 

no molto danaro per custodii lo* 
T. XV p. do. 11 Duca e a Co- 
negliano. T. XVI p. 38. Piivirc- 
gio del Duca , con cui confer- 
ma a Concgliano gli statuti, e 
le antiche consuetudini , e Io 
costituisce indìpendcote da ogni 
akia Città. T. XV p. tf4* Basi- 
lico da Caste Innvo Capitanio pel 
Duca. T. XV p. 65. U Carrare- 
se all' assedio dì Trivigi dà- il 
guasto al territorio di Coueglia- 
Ito. T.. XVI p. 40. E fii moki 
danni .a* Castelli del territorio. 
y, XVI p. 60, £ lo assedia , ma 
i Trivfgtaai vi mandano soccor- 
si. T. XYt p. 62, Leopoldo Bu- 
ca d^ Austria avvisa i Coneglia- 
iteai di avere, rinunziato la Cit- 
tà al Carrarese. T. XVI p. «9» 
Questo vi manda p<c Podestà 
Calcino de* Tornielfi , e per suo 
Vicario Giovanni da Borgoifcco; 
T. XVl p. 72. Commette a Cal- 
cino di portarsi co' su<m soldati 
a Mesco fra Conegliaiio e Saci- 
le. T. XVl p. 16* fa grazia a 
tut^ i banditi di ritornane alla 
jhittia. V. XVI p. 81. Gli com. 
mette di; fabbricare la Torre vi- 
cino -alla porta. T. XVI p. J j. 
Gir ordiha che 4o renda avvisa- 
to sobito che il Conte Morando^ 
di Porzia abbia preso il posses-» 
so del Capitaniato di SacHc. T. 
XVI p. 84. Gli^ commette di ri- 
cevere iti Conegliano Brunetto 
suo CoQtestabile C9' suoi crom- 
pagcki . arnoe , e bandiera. Tom. 
XVI p. «4. E di ricevere Er- 
manno 4a Cremona suo Come* 
stabile. T. XVI p. .84. Lo ri- 
chiama a Padova. T. XVI p. 84. 
Ordina a Giovanni di Borgoricco 
di cniRHUre Conegliano durante 
r assenza del Torniclli. T. XVl 
p.Ss. Gli ordina di publicare uà 
cditt»^ ifl cui promette immu- 
nità per dieci anni a chiunque 
' L } an- 



i66 CO 

andasse ad ibitare In Tiivlgi , o 
in Ceneda. T. XVX p* 8tf. Pre* 
parativi d'armi, che si fÌMinoin 
Conegliano rostro Sadle.T.Z VI 
p. 88. XI Carrarese vi manda al« 
]a cnttodia Bortolo da Faenxa 
contestabile, commette al suo 
Todett^ chetarti i balestrieri sie» 
co bene provvisti d* armi, che 
siano arcresciati t soldati , e che 
Conegliano non debba intendersi 
soggetto in conto alcuno « Tri* 
vip. T.^ XVI pag. 90 ji. Com- 
missioni del Carrarese al Pode« 
ttì spezialmente per quelle gen* 

' O » eh* eg^t destinava di mapda- 
re in Friuli. T. XVI pag. 54. 1 
Veneziani decreuno la elezione 
del Podestà, e quale esser ne 
dovesse fi salario e la corte. T. 
XVII p. 2$« Arriva a Conegliano 
il Conte di Duino colle genti 
lavare incamminate al soccono 

1^ del Carrarese. T. XVII p. 35. 
Ordinano i Veneziani , che ì Co- 
neglianesi debbano dai ajutoper 
riparare una rotta della Piate. 
T. XIX p. a8 ay. Lavori, che 
vi facevano fàie i Veneziani , e 
che perb non sia aggravata la 
Comunità pc* lavori , che si ft- 
vcvaoo sulla Livenza. T. XIX p. 
45 • Ducale a* Coneglianesi in 
Me del loro valore e corallo 
dimostrato contro gli Ungheri, 
quando diedero 1* assalto a Co- 
negliano diretta a Mann Gritti 
Podestà. T. XVII p. 47.Dttcafe« 
che dichiara a' Coneglianesi di 
aver concesso licenza a SchefleU 
la Conte di Collalto di far ven- 
demmiare le uve de* ribelli, ma 
wìon quelle esistenti nel terriro- 
xio di Conegliano. T. XIX pag. 
74* Bertolino de* Zaoebooi prov- 
veditore. T. XVII p, 74. I Co- 
tieglianesi mandano genti in a- 
|uto de* Veneziani per lortificar- 
ai in Serxavailt. T« XIX p. lof* 



CO 

Il Doge ordina a Mekbior CAs 
mani Podes^ di far cifrare la 
bastia del borgo vecchi* , ed al» 
tri provvedimenti utili a Ha fb^ 
ttficazlone del luogo. T. XIX p« 
VIS» Il I>oge esenti ad tcmpus 
i Coneglianesi da alarne sra« 
vczze , e sottopone ad essi il bor- 
go di S. Paolo colla ViUa di $. 
Giorgio, e siè ^r compensarli 
da* daimi ad essi inferiti da* ne- 
mici. Tom* XIX p. 114. Pietro 
Copta rhil Podestà. T. XIX p. 
114. Ba Republica permette al 
Podestà di allontanarsi da quel 
luogo a motivo della pestilenza* 
T. XIX p. ii#. Capitoli di con- 
venaione fra i Coneglianesi , e il 
Vescovo di Ceneda per trasporr 
tare 11 Vescovado In ConegHs* 
no almeno per la metà dell'an- 
no. T. XIX p. 158. Niccolò Bo» 
lani Podestà. Tom. XIX p* tsS^ 
Monastero di S. Antonio dell'or- 
dine di S. Marco di Mantova* 
T. XIX p. 159 tóo, 
rt»#f /ì4»t de conegliano notaio4T« 

XVIII p. 69. 

da Conegliano Jiesrdin§ Console 
del Pcàestà di Tri vigli T. I p« 
6$, Alktrt9 dottora ambasciatore 
de* Trivigiani a Venezia. Tom. 
XVII I p. a4« O0rsrd$ giara la 
lega fra il Patriarca e gC Scall^ 
gerì per Cividal del Friuli. T< 
X p* ia9* L9VMt§, T. II p. 74« 

. T. ni p. 1)6« Mimigs figlio dt 
Ermanno dalla Mona. T. Ili p« 
15 a. Pnlt/'nelU» T. V p. 118. 
PuUt9 presente alla investitura 
de* Caminesl. Tom. XI p. ij3« 
VtviéMo» T, l p. 18. 

de* Confiilonierì nobili aderenti de* 
Signori d* Arcclli. T. XIX pag. 
f j. Jikerr» Bresciano. Tj IV p. 
190. Ji^t0ne da Brescia Podestà 
di Treviso. St§rtd, T. Vili p. 
8}. T. IX p. $9 99 iào. Ol9m 
vsmnf Rettore delb lega Lom- 
bar- 



co 

tarrfi ^r riarenia. t. t p. r7. 
Xr»»* nel Coniìglfo di Verona, 
t. XVIII p. «I. EfettO Sindico 
d dar Verona alla Kep^Iblica^T. 
XVni p. Sa. 

Confighi villa de*Càminesi ceduU 
à Coneg!}at)o. 1*. I p. 85. 

de Concetto PUtr^ Vicini presen- 
te in Totino aHa pace fra i Ve* 
heziajìi t i O^ovesl. Tom. XV 
p. 7t» 

ttnint prepolftò della Ghiofa à\ 
Trivigi. T. 1 pé ai. 

da Convive rràmcétté dottor eier^* 
tò dal Càrratese amlMisciator in 
Genota à tratt^ir la pace col 
Viscoùti. T. XVil p. 5 1. 

Cónselvc stri Isola invàsa dall' eser* 
cito de* Vencitani. Tom. XVlK 
p. it* 

4e COflSOltO Jieàrd: t. Il p. 74* 

4e' Cortstibili aslmst§ qa. FràoiCe^ 
SCO Ferrarese. Tom. Iv pi 11^4 
/lér^^f àmbaiciatoc de* l^erraresu 
T. Ili p. )2. Mà»frei0 CzikWtM 
re Testimonio ad un instrnmen' 
to di Idgà à Ferrari. T. IX p^ 
4^» mectli ({Vi, Elfi tftpiffite di 
fcrfara. T. XVll p. 8j. 

ContattAi Andrea Doge di Venezia 
^f#rl4 T. XV pj II. T. XIV F* 
l« aj jl JJ. IJ 40 4» 41 44 
4$ 4^ 4» SO Sa S4 7flf 7» 74 
7< 7< 78 79 8* 8s Itf 87 88( 
^J. T. XV p. J 4 7 ** 1* «J 
14 il J4 i9 41 44 4S 74 »o4 
los ioSf. T. XVl pag. i 6 M^ 

/ Égli va in persoci ali* «istfdio 
dì Chioggia. T. XV p. 34 j^ 
4t. I Veneziani sciiVtfndd al R.tf 
d'Unghasia ^li fanno- V elogio^ 
T. XV p« i8 3^. if»ir#^ Pode- 
stà di Trltigf. T. XIX pig. S94 
Jnt§»it Siodico de* Veneaiania 
iar r istiametftO détle cortvenw 
Aiofli con Jidle. T. XlX p- 41* 
Ambasciatore de' Vertetiant i 
Sigilmondo Impetadore. T. Xlt 
ile «4, Siodlco da' VtnMiaai à 



C tèi 

itipbiat li lega col Viscónti, 'f^ 
XlX p« 8a. Bért§Umm9é qa.lo* 
do? ico ti costitaisce piegio per 
Giacomo da Carrara. T. XVllI 
p. 7S. Fratelb di Lucia moglie 
di Jacopo da Carnifa« T. XIX 
p« j. Procoratore di Lucia iha« 
dre e tutrice di Maria da Car* 
lira. T. XIX p. tj4. B»rtU0cié 
Stabiliste i confini fta i Vene^ 
zfani 9 il Carrarese. Ti XVI p. 
«4 as 17 18 19. £»rlc*qu.Ntc* 
colò proTveditor in Padova. T- 
XIX p. 8 9. £r«»t«<tfs egli è nell*. 
esercito ali* assedio di Cliiospia. 
T. XV p. jtf. QU ffs^ml arbitro 
nell* ag^iustaoMnto fra i Vene* 
&iani e 1 Tadovaoi. T. iVp. 178 
Aveva ottenuto le rappresaglie 
coatro i Padovani^ T« Vii p. 54« 
Capitani* b Cooegliado. Tom. 
XIV ^ 87, Podfttè di TtivigT« 
T. XIX IR» la 13.14. Cir^Ufi^ 
Podestà di Padova Sttrtm. T. X 
p. 1504 qu. Beftttccio procura.* 
tor di S. Marco. T. XXX p.t4tf«, 
Jdc§f0 consigllero del Do^c, T« 
II p. lio. Doge di Veneiia. T« 
lì p. 15 d« T. Ili p« li. Léé»^ 
Ara* PrOvveditor in Trivlgiaaa^ 
e suoi provvedimenti per la di« 
icsà 'd| Treviso f di Serrava I le » * 
dì Oderzo, e di^ Asolo. T. Xlt 
pag. 9{« Provveditore in Trivigf* 
T. XIlI p. s8. podestà dlCone^ 
gdano. T. XIV p« -ju L0ré»A0 
qué Filippo eletto ad onorar là 
venata del Ke<li Cipro t Vc« 
nesii. T. XIV p. ir. Lueà egli 
è nell* esercito all' assedio di 
Chioggia. T. XV p. }6. Eletto 
procuratore de* Veneziani alla 
pace con Francesco da Canaria 
T. XVt p. 9» Mdfff ambasciato^ 
re ad onorar le nozze di Verde 
dalla Scala coA Niccolò Marche^ 
se d* Este. T. XIII p. 91. Msrm 
r# ambasciatore eletto ad oflo« 
XM ÌÉL venuta del &« di Cipro 



^f co 

t Tefknìdi. T. XIV ^ae. ArAro 
jpc' Vcwràiii n<Ile controvcfsfe 
co* Tmigiaoì |>«* botchi ài Su- 
IttiaMC. T« III p. óf 7r 75. 
tf^lc controvcrde per confini. 
p^ H« Iftcctf* ambasciatore al 
Pstrlircs 4*AqQÌ)eia. T. XIY p. 
*j. Kr. Egli e* neir esercito all' 
«jksHìo di Chjoggia. T. XV p. 
)i. Mariio di Maria figtioota dì 
Ificopo da Carrara. T. XIX p. 
1)4 i|5. Pittté ambasciatore a 
Padova a frattar la paee eoa Ca« 
tìc. T. 'Vili pag. 99» Sindico e 
procuratore de* Veneziani al 
Matchest d» E$te. T. XVIl pag. 
t) 88. Podestà di Conegliano. 
T. XI X p. i4 as. Z4€tMTi4 am. 
basdstore per ottenere dal Sig. 
di Padova le possessioni, ciie fu- 
rono di Marin Fallerò. T. XIII 
p« 48. Ambtflciator de* Venezia* 

♦ ni a Torino per la pace co* Ge- 
no veti. T. XV p. 74 75. Istru- 
mento di pvocura iktta da* Ve- 
neziani in esso. T. XV p. io$. 
Ambasciaste de* Veneziani a 
Torino. T. XVI p. 9. ZMnin§ 
«}U. Jacopo eletto ad onorar la 
Venuta del Re di Cipro a Ve- 
nezia. T. XIV p. ^i. 

Conte avido Vicendao» T. II pag* 

4t Contcaio ouglitlmt stndLco de* 
Brescia Ai. T. IV p. li^ 

4 e' i onti Engolib Padovano. T. 
III p. jo. OugìUlnm da Padova. 
T. V p. IO. )ac^f da Padova 
Podostlk di Bassano. T. IV f . 5 r 

éc Como Ant9»l§ ambasciatore de^ 
CoAeglianesi agli Scaligeri. T.X 
p. i5t« a* Veneziani Toia. XI 

P* •J. 
et* Contrari JnéUh Canonico di 
JF^prrara. T. IV p. «4 79 8* io5 
iiit 719. Ved. 1* awcolo Fetia- 
ta« JguceU»* aderente di Mic- 
co'ò, Marchese d* £sre. T. XIX 
fw ^ir Accocnpajpt il liatchp- 



se Nrfcolo d* Estc a Ventila ed 
a Trjvigi. T. XIX p, 140. 
C*nvignryl* giudice assessore del 
Podcsti^ di Padova* T« IH p. 9) 

100 TOT. 

Coperto Jndns interviene in Me- 
stre pe* T ci V igieni ad un tratta- 
to co* Padovani. T. Vili p. 43, 
Notajo milite e socio de'KettOv 
xi di Trivigi. T. IX p. 121, OlW 
veri§ qu. Ugonotto. T. IV pag, 
ì 6o* OilvtrU qu. Maestro Pinete^ 
da Bassano. T. IV p. 174. p^s* 
^%éth qu. Enrico oot. in Pado- 
va. T. III p. jd. PUtTÈ notajo 
di maestro Bortolamio. Tom. IV 
p. 62. Tebaldo sindico e procuv 
retore de* Veronesi. Tom. Ili 
p. 49... 
Coradano B«rtoldmta Canonico di 

Trivigi. T. II p, 144. 
Coradoni oitrìct Copsole di Cone* 

gliano. T, Vili p. 179» 
Corba Iflccèlò fra gli stipendiar j de* 
Veneziani nella guerra di Chipgr 
già. T. XV p. 4>. 
Corbancsio Villa di Conegliano. T.v 
II p. 45. Assegnata da*Trivigia- 
nì. Tom. ni p. 40. Castellare 
comperato da Beattice da Ca- 
mino madre di Biaquico e Tol* 
berto. T. Ili pag. 11 tf rr7. Czp 
stello per confessione de* Cone- 
glianesi era ab antiquo sotto la 
giurisdizione de* Trivigiaoi. T. V 
p. 69- Castelnovo dato in cam^ 
oio da Tolberto da Camino al 
Vescovo di Ceneda per Perto- 
bu£fbIetto. T. V p. 71 9i. Sog- ' 
getto anche in temporale al Ve? 
scovo di Ceneda. Tom. X}X p^ 
144. Sui muda. T. XIX p. rfs. 
villaggio del Ccncdese. T. X p. 
Il 6. 
da Corbanesio Buf e MÀrtp cedop 
no al Cornane di Conegliano il 
Castello di Corbanesio. T. I p. 
41* Ricevono. a titola di Fezdo 
•dad Comune di Conegliano u« 
Ca-' 



co 

Cistello io Coibaoesio« Tonu I 
p. 41. 

Corbolonc Villa. T. li p. JS. 

Cordecica t7lffr/t qu. Alberta da 
Bassano. T. Vili p, rvi. 

Cbrdcnono in Friuli 1 vi attivino 
genti Bavaie incamminate al soc- 
corso del Carrarese. T. XVII p. 
34 35. * 

Cordevado presso Forcogrotro. T* 
II ?• ^9. 

Gordiani Menfinp milite Tiifrigiano, 
T. II p, ay. 

Cordignano feudo dcllt mensa ye- 
tcovile di Ceneda dato a*Cftinip 
ncsi di sopra. T. I p. ifiS. Ca- 
stello. T. I p. »J«» »»*• !>««> * 
Biaquino di sopra. T. I p. ti^. 
T. II p. «. Castello de* Camine. 
si doveva dar ^enti ad oc^npar 
il Castello di Ceneda; T. XI p. 
170 172173. Dato in feudo dal 
Vescovo di Ceneda a Beatrice e 
llizyarda Caminesi. T.XII p.aS. 
E similmente a Ri^zacdo e Ger- 
ardo da Camino. T. XII p* jp 
ai. Sigismondo Io concede in 
feudo ad Enrico Conte di Go- 
rizia. T. XIX p. tf7* 

di Coreda Pl^ff di Qhirardo ban- 
dito da' Trivigiani , perchè fle- 
mico del Tempesta. T. IX pag. 

Coreza Villa da' Fadovaai con<e-_ 
.duta a^li EsteosL T. II p. 37^ 

4c Corioi OUv4nnl oota^ , e se- 
cretario del Duca di Milano. T. 
• XIX p. 82. 

de Coilto Ftdirk* presente nei 
Castello del Titolo ad una car. 
ta del Re di Boemia in hvot 
de* Tiivigiani. T. X p. 35. 

4a Cotmoo An^9U figl^ di Jaco- 
po testimonio in TrivigL T. IX 
p. 98. Cérréidé giura ppl Conte 
dì Gori»a. T. VII p. 8. Jàctpo 
testimonio in Gorizia. T. Vii p. 
9. vicario in Txjvigi per la Con- 
cessa Beatrice 4^ Goiif^a, T* X 



CO ^ 769 

p. i?» Testimonio m Trivìgf. T. 
IX p. 9. vice -Vicario io Trivi, 
g) del Co. Enrico di Gorìda.T* 
IX p. 34* Mallevadore pel Co« 
Enrico di Gorizia a Federico da 
Savorgnano. T. IX p. 50. Kr^ 
presente in un colloquio a Mo- 
dol^tto. T.XI p. 15. Wciilò qu. 
Federico, e. . , . qu. Corrado 
tcstimooj in Trivigf, T. IX pag^ 
50, Otil detto Floyanie testimoi» 
nio in Trivigi. T. IX p. ^o,8tt^ 
f€n9 da* Duchi di Baviera spe- 
dito «gli Udinesi T* XVI pttg, 
149 150. 

de Cornachint Z^nvhì^ sive Ant9^ 
»;• da Fiorenza testimonio ia 
Trivigi. T. IX p. iip. Eletto saf> 
vio da^riv%iam\ T. X pag. \€Ì^ 
Con tre cavalli va all'esercito dì 
Mastino. T. X p. 17 a. 

Cocnain Villa del Jrivigiano iHan- 
da guaitatori a Mastino. T. Xt 
p. »u 

Cornalcda Villa del padovano. T« 
IV p. loj 104. 

Cornare in Friuli, f* ^ P« 7<. 

Cornaredo Villa del Vescovo di 
Ceneda. T. I p. li.. Data a ti- 
tolo di feudo a CofitgliaOo. T. 
\ f. 115. 

Cotaaro dhdréé Podestà di .Ttvvi* 
90, T. XII p. 50 58 tfo ^1 tf^ ' 

. 6% 70 75* Gi9Véunl Podestà dì 
Treviso. T. II p. 155. Arbitro 
pe' Veneziani tielle «oociotenie 
co' Trivigiani pe' boschi di Su- 
batzzOne. T. Ili pu tf» 71 75 f 
Nelle conttoversic per confini^ 
T. Ili p. 84. Procuratore a ri- 
cévete Ure 31. mila d'Trivigia. 
ni di ragione de' Castelli. T. Ili 
f. 107 173 i7tf 119* T. XH p. 
14.' Eiis4hend relitta qu.^ri^»/# 
C0/9, suo esame intomo a Bear 
trice iigliuola di Gueccllone da 
Caofkio^. T. XlX p. iStf* JFa4#f»r 
r# Savio eletto aconaolcar sopra 
akaae ftOVÙ^ del Carrarese, f, 
XIV 



ilo co 

XtV p» 74* Ftdtriu e Pràntiscé 
a?ctoo betit e lendìtc neJI' Iso. 
la ài CipflO.T. XV p. 8tf, Frsnm 
€0S00 provveditore de' Veaexianl 
a Trivigi. T. XVlI p« 5»* Studia 
co do* Venexiani a stipular la Je« 
ga col Visconti. T. XlJE p. (a^ 
La Duchessa e Francesco sud 
figliuolo sovTec^no a' bisogni 
dj Beatrice da Camino, t. XXt 
p. 157* Mdr€0, tue rappresaglie 
contro i Trivigiaoi. T. VII p«g, 
19* Doge di Veiietia. T. XIV p^ 
at aa as atf. J/«rl»t Stiambeco 
Podestà di Mantova. T. Ili pag. 
49* Pd0l9 Consigliere. T. XtX p» 
8«. Pi«rrt Coosiglìero del Doger« 
SttiU^. T« li p. I j« Capor di XL. 
T. XII p. S7« Ambasciatore al 
Patriarca d' Aqaile{a. T. tiv p« 
aa« 

Cotnedol Villa del Triv^atfo^ t 
tua taflgeoft di Colte. Tom. xl 
F' 7*. 

Cornedino Zdu§^i0 presente in Tr{« 
v^i. T. XII p; 7j* 

di* Corni BomUmméè giudice ed 
assessore del Podestà di Trivigi. 
Sféris, T. IX p. i7a- 

de Cornia Bermird» Fodettà: dlTre^ 
vi». T. V p. a»5. t. VI p. 7 
19 fi ijr z8 ^ a^ »5 a^ jó ji 
!• 4* 41 so 53 5$ 8j. T. VII 
p. t4t* Da Fetugii Podestà ài 
Fadovat. T« Vili pag^ 4{ 47 ^4 

de Cotnatapca ólUiitté T. H p. li. 
de Como jl»f»U di Vicenza, t. 

Xtf p. 45. 
Cornolcdo ViMa del TrfvtgiaAo da«f«< 

neggiata dalle milit^e Venete d! 

Mesue. T. XVI p. tjf. 
Cornuda Castel)», il Veaeovo di 

Trìvfgf Io permuta col Comune 

per quello di Grisocre. T. Il p. 

141 144. Céofioante ad uomin! 

di natiooe prava e petverta. 't. 

Il p. t44« Koeca in cui si ria- 

xa Boniftcioo dt Casteliov T.Ilf 



Có 

|>. ièh Distrutta dal Catti?Aér6 
T. Ili p. 104. Data per ortaggio 
da' t'nvlgiani al Vescovo di Pel' 
tre . tome mediatore nella pace 
fra il Caminese e t Castelli. T. 
Ili p. lo5. Vti Capi^riìo e se^ 
custodi T. V pé 154» I Trivi- 
giani commettono al Capitan io 
di ben custodirla. T.Vtlp. isj« 
t vi mandano presidio^ di solda^ 
ti. T. vii p. 15 4* Capitani Azo« 
Jino ^nifacid, e Ifi di lui vece 
Cusiosino da Strasio , t Niccolò 
de* Franchi. T. VII pag. i6ò> i 
beni de* Carraresi venduti al Co- 
mune di TrivigL T. Vlfl p. 70 
7^. Cestello del Triviguno. T. 
Ix p. i>04 1 Tri volani fanno 
istanza appresso il Re, perchè 
èia edHiCata la Rocca. T. X p. 
%x '4 ìi V* Manda guastatore 
a Masano. T. Xt p-.aj* Vill;{ 
assegnata alla Podestà ria di Aso' 
lo. T. xl prfijSf^ Possessioni che 
furerò de* CasiflH pretese da'' 
frivii-iani e da Rlippa Dolfino^ 
T. XÌI p. 1} 14 «S- 

it Cornudc/Ia Ùir^lsmw eletto at 
compilar gli statuti di Trivic?^ 
T. IX p. 1*9 . ProtOriotario nffi-r 
naie TrfvigKwio. T. Xl p. 1?* 

de Còroini Òhvdnnii da Calepini 
Secretarlo del Visconti^ T« XiH 

p. 9»- 
S. Coronrf. Chiesa di Vicenza fàb- 
brieat» dal Coirne. T. H pag^ 

*'• . - - 

Corona Villa del Tnvi^iarto man* 

da guastatori a ìi^KiOQ* t. Xi 
p. airf T. XVI p. S8- 
da Corona FtMfcttc» ^n. Marsilio 
notaio di Triviji. T. XV p. 47 
49. T- XVI p- I 15 aa. MsrsU 
tié (^u« Domem'co Aoujo e eie- 
tadffjo di TnVigi. T. XII p. 4a* 
onébgUi»$ trivJijiano. T. vi p. 
j» Ij. Ansiaoo di Trtvfgt. T. 
vn p. 4t SI- T. VIU pag. js 
10$ tj54 IJ7. Réin^rlQ qu. Bar* 
taW 



co 

taUibo aoujo. Trivi^aflo* Tom* 
JCII p. « tf . 

Cdtonaon in Friuli. T* 7111 p, li. 

dt* CofòAclli L—néfdè oon|o da 
Cotiegliano. Tom. X p. 7o 7'. 
Scriba notaio io Venezia. T. ZIII 
p. a?. 

de Cofòocllo ^9ff notajo Trivi, 
giano. T« X p» fa. AnU>atdato» 
re a* VenesianL T. Z p» stf« 

Couadioi Andrea Capkanio del 
ComuAe di Baaaano. T. VII p. 
P9. J»t§mU da Ballano. T. IV 
p. I77. Pxocaratore de^Baaaaoe» 
si a Porli fltlla canaa delle de* 
cime. T. V p* |«. e lecg. No- 
taio Siodico de* BaaMneiTipediA 
to aCangraode. T. IX ptg. 36, 
Ptstr$ prete» e Anum» liotafo* 
T. V p.^ 9a ^tf. 

de Cor radino AlkittHé Conaole del 
fodetà di Trivigi. T. 1 p. «|. 

^•rréilne secondo figHaolo del He 
Corrado. T. Il p. laj. 

Cérràd9 Imp. conferma alla ChtN 
la di Fclcre turrì I suoi lienL T. 
ì p. rS. 

Cotxaro AmgtU Pipa Ved. Grego» 
zio zn. AmtòMe Vescovo di Ce* 
aeda » soe discordie Colla Cini 
accomodate. Tom. XIX p. if i. 
Jéc9f Podestà e Provveditore di 
Latiiana. T. XIX p. iitf. PUtr^ 
primicerio di S. Marco Compe^ 
xa da Aldinello da Baisaoo moU 
te possessioni. Tom. II p. 158. 
Sue contese col Cornane diBas» 
uno ptt questo acqaisto. Tom. 
lU pag« 7 3 IO IX, Pietre anO 
de* cioqne eletto a stabilire 1 
confini coJ Carrarese. T. XIV d. 
$0 9u Subiliice 1 confini fra il 
Padovano e il Veneziano nel 1 174, 
T. XVIII p. ,5. 

da Corxcgs^ sigiiori in dbgrizia 
del Visconti pei aver aderito a* 
Bolognesi, ma oelU pacetimcs. 
^ in grazia. T. XVII p. 55 so. 
Adtiend di iTiccolò JUaxchesc 



C O i7f 

d* Cste. T. XIX Pé 9u Otherté 
S%nor di Parma s' aoisce inai- 
kanza co* Veronesi , e co* Man* 
tovani contro Azio Marchese d' 
Este. T. IV p. 192* Suo istru« 
mento di procura per queau 
lega. T. IV p. i9tf« Nuova lega. 
T. V p* j# e 7. Ved. Parou. K* 
in alleanza co* Bolognesi. Tom. 
IV p. 304. Capitan generale di 
Parma. T. VII p. j8. Oikem « 
ed Atfié»9 firatelli sono inclusi 
nella ptrce fra i Principi . della 
Lombardia. T. XIV p. tfi. ouU 
dek§ qu. Giberto testimonio io 
Verona. SnrU, T. X p« 84. Po. 
desà di Verona. T. X p. i%9 
140. Pregato da PP. Giovanni di 
non opporsi al suo legato, che 
andava a prender (ossesso di 
Mantova, che si era data sotto 
)a Chiesa. T. X ^ i^. Proco* 
ratore degli Scaligeri in Verona. 
T. XI p. j4« Lemhérde VisCOn* 
te in Serravalle. T. XI p. 8j. 
Ménte Podestà di Padova giudi* 
ce arbitro nelle dl0eren£e fra i 
Camidesi. T. II p. 1} 7* 7« 77. 
Giudice in quelle fra Marco 
Ouirlni, e i Trivtgiani per la 
villa di Mussa. T. II p. 84* Pto. 
dest^ di Padova. T.III p. ct 63. 
Podestà di Trivigù T. II p. 8c 
«7 94 97 IJ*. 

CoiteleriI Astenie notaio Padova* 
no qu. Maestro Tuichetto. T« 

* XI p. tiS. 

4e**Cortesi, Telemee da Cremona 
Podestà di Padova. T. V p. 127 
128. 

de* Cortid Beléi^iie qu. Filiberia 
Procuratore degli Scaligeri pei 
ricevere 1' investitura de* Feudi 
dal Vescovo. T. X p. itf4« 

di Cortona Sonore, aderente de' 
Fiorentini I I Feruti gli pren<»^ 
dono molti Castelli, ma u r^f 
stituiscooo nella paco, t, XVIt 
p. 5tf. 

4t 



\7t C O 

4é Cortona L^no giudice VìcArk> 
del Fodesa di Tiivigf. T. YIU 
p, 150 Mr i5i. 

de* Cortiisi Oìo'v^^nt Padovano. T. 
Ili p. x)o« Méttf dà Padova 
Podestà di gassano. T. Ili p. 1$ 
atf ±7 tf j. T. IV p. 14, 

<|e Corviaeo GugiUlmé onnsio di 
Oiberco da Correggio. T. IV p. 
197 aii T. V p. j. 

da Coseni P'ut^a Siadico e pfO- 
curatore de* VcneAÌaiiì* T. III^. 
69 70 71 7S. 

ComoHa di S. Biasio villa datTri* 
vigiaoo manda guaatatQrì a Ma* 
anno. T. XI p. aj. 

Coeta Castello lasciato da Gabriel 
da Camino al monastero della 
folliaa* T. I p. «$. Biaquino, 
-duecelto , e "f olbcrto cedono a 
Gabrielle ogni loro diritto sa e$n 
so. T. I p#97« Chiesa di S. Mar- 
tino di Caitelk) beneficata da 
Gabriel da Camino. J, | p. étf. 
Ceduta da* Caminesi a Cone- 
gliano. T. I p. 85. Possessioni 
ivi esistenti, che lìtrono de* Ca- 
stelli pretese da' X^ivigìani , « 
da Filippa Dolfina. T. XII pag. 
]| 14 M. Castello nella Val di 
t>Qbiadene, aollafa^ione di afcu- 
ni per levarlo dal Dominio Ve- 
icfo e da Marin Fallerò , che h* 
^ra il Signore. T. XHI pag. ro. 
Processo contro i ribelli. Ti Xìl} 
p. IO. Castello in Va) di Mare, 
no preso dal D^uca Leopoldo. T. 
kv p. 60, Donato da Sigismoii. 
do al Conte Ercojc da Camino. 
T. XIX p. 120. 

d^ Costa Bon0cemrii4 di Tal di Do# 
biadcn^. T.Vl p.77. Ambascia, 
tote de* Tritigiani a Padova. T. 
VII p. 5 5* Grat.ld4e9 anziano in 
triv^i. T. XII p. i4* Figlio di 
scr Ugerio , e notaio. T." XII p. 
49 • Nota jo di Trivigi. Storie. T. 
iX p. i7f. anjHano. T.X p. 40. 
Notaio del Podestà di T.rivigi. 



c o 

t» X p. i©3. di sex l7fetio.T.xli 

p. 90. Francese» suo figliuòlo. T. 
XII p. 87. * 

dalla Costa FtdfU» Casta idiooe di 
Crudignano sindieo e procurato* 
tt di nizzardo da, Camino. T. 

X p. ^6. Riehfib*K9 de R^bu^oo 
Sindieo de' Btetclaai. %, v p. 8, 

Costalonga di Colice Villa di Co- 
negliano. T* U p. 45. Asscjgnata 
da' Trivigiani. T« UI p. 40. 

Costa longa villa assegnata allaPade* 
starla di Aaolo. T. XI p. 1^9^ 

de Costantino Gékrìfl; T.. I p.^x* 
Trivn^iano fatto prigione da'Co* 
neglianesi. T. I p. io», e ?Utr% 
di lai &atelU> ibid. C»r»r4e vcCÙ 
lite Trivi^tano. Tom. Il p, 27. 
OtaA» Milite ibid. Pirati n» da 
Trivigi Dottor di Leggf. T. HI 
p. latf. T. y pa|. 56 i«i 116» 
Vf^eJlo. T. 1 p. 4J. 

Costantinopòlitaho Itnpetiof I Ve- 
neziani potevano liberamente na- 
vigare colle loro merci. Calo^an-* 
zi Imperatore e Andronico sao 
figlio. T. XV p. 8tf. 

Costa mago t«»"« y4t90 Trivigi, 
T. Ili p. 8s. 

Coste Villa i possessioni che ave* 
vano i Baxzoleni Trivigiani. ,?#*- 
rìm. T. IX p. 170. Pieve del 
Trivigiano manda guassatoti a 
Mastino. T. XI p. ai. Riceve 
ordine da' Trivigiani di riparare 
il Castello di Asolo. T. XI p. 
49* Villa assegnata alla Podestà- 
ria di Asolo. V. XI p. ij9.^ ^ 

delle Coste Albert* milite T^rivi- 
gjano. T. Il pag. a?. Gudì^irtt^ 
milite, ibid. Fed^rìce. T. Il pag, 
7*. FìU^^e notalo Tmigianiy. T. 

XI p. ri, Anziano iti Trivigi, 
T. XII p. j4. 

da Costozà Bnrtee detto Pullc^ d| 
Giovanni Bono «otajo. T. X p. 
143. JétebM vicentino, e Èene 
suo figliuolo* T. V p. r4*. 

G0volo di menta, ^uo tokmeo 



tò 

**fi tfrt Véirofo di Feltrt. T. 1 
p. ij, 

Ct»£i&c«n Monastero. T a- 

bate al sinodi d* Aquikja* T. 
Ili p. 8S. 

Cf«dt Vflhi dèi Tiivigiatib Manda 
guastatori a Mastino. T. XI p. 
ata. Villa aisegtMtt A Mestre. T. 
XI p. ij8. 

Crèdatto féùàó deth mensa ve- 
sro7ÌIe di Ccncdà dato a'Cami- 
tic^ di sotto. T, I p. I0« Hi. 
T. H p. <. castello de' Caml- 
fiesi venduto di Conte RambaU 
do di Collalto. St9rtà. T. VI p. 
ao5. VìHa del Ttiyigiano manda 
guastatori « Ma&tino. T. XI p. 
ij. Cartello ert meti de* Col- 
laici , e met^, degli * Ecellni , e 
questa metà dall' Imp. Lodovi- 
co è data ti Sig. ZÌHbetlo. T. 
XI p. *. Castello de* Veneaìant, 
In cui V* età un Vapitanio. T • 
. XIV p. 87. 

da Credaxro Jéeopé Trivigiano elet- 
to sapietìte. T. VII p. 175. 

de Crederftia jlHfnh notafo, e 
Cancelliero del Doge di Geno- 
va testinonfo in Tovino. T. XV 
p. Ita* 

Crema 1 £d!tto del Viseont? , elie 
Cessato ti morbo epidèmico pos- 
sano i mercanti ripigliar^ il com- 
mercio colle Cftt^ delta Lom- 
l>ardia. T. XVIII p. ai. SJ?no- 
icg^iata da* Guelfi, t. XVIÌl p. 
5t. Giorgio Beazone Conte di 
Crema. T. XIX p. 9t. 

da Crema Cèrtédo capo de Bale- 
strieri In Belluno* Toiti. XVI p. 
tis. 

de* Cremaschf J?»>frt# milite del 
Podestà di Verona. Tom. Ili p. 
9tf. 

Cremona separata dalla le^ Lom- 
barda. T. I p. 76. S' unisce in- 
lega co* Padovani ed altre Cit- 
t^ contro i Veronesi. T. Ili p. 
io jr. Leooaxdo Amedeo Vi- 



C Ò 17I 

cario. T. Ili p. 49« Cremonesi 
Kivorewli a* Padovairì portano 
la armi sul veronese contro Ca- 
ne. T. vili p. f9; Cremonese 
Contado e ditesi dove avevano 
i Gonzaghi molte terre fc luoghi 
T. X p. X44* Entiano «iella guer« 
ra contro i Gonzaghi, e nella 
ìregna publfeata dal Cardinal 
Gmdone. T. XII p. nò. 5ul ter- 
ritorio si ftrma r esercito col- 
legato del Carrarese contro il 
visconti. T. XVn p. 48. signo- 
reggiata da* Guelfi. T. XVIII p. 
^t« Cabrino ^t'ondalo Signore. 
T. XIX p. 90. Aotdnio de Ba- 
rettarii Dottore Podestà per Ca- 
brino POnduIo. T. XIX p. 91. 

da Cremona Bemdrdé Giudice as- 
sessore det Podestà di Trivigi. 
T. t p. 4i 4). Giudice V e vi- 
cario del Podestà di Padova. T« 
Vili p. r84. CsrliB» eletto pro- 
fessore in Trivigi. T. VIIp. ijtf 
Cherubim* canonico ci* Aqulleja. 
T. XII p. 116. Brméiitko Conto- 
Stabile pedestre del Carrarese 
spedito a Concgliano. T. XVI p. 
^4. Fré4cfteè Capitan de! Castel* 
lo di Belluno. T. XVI p. ii5« 
Giovanni Ambasciator del Car- 
rarese in Ungheria. T. XVI p« 
88. Nlfllno giudice in Padova* 
T. Il p. 141. N»vtinn% Giadicc 
vicario del Podestà di Bassano. 
T. X p. 18. Wiettù Follata ew>* 
fessor di legge in Bologna eletto 
proftseojr in5:rìvìgì. T. Vili p. 
141. Sua ^lèttera a* TrivigiaAi* 
T. Vili p. 145. 

de* Cremonesi Frdrutsi» da Pinoja 
Podestà di Padova. Tom.^ IV p, 
127* 

de* Cresccnzj Famiglia Veronese 
fuoruscirà ritirata in Yriv^. T« 
Vili p. i2tf. Antvnl9 Veronese. 
r. in p. ij. 

dfe Crcscimbefte Nìc'fU condutto- 
re del dajdo sale In Trivigi. T. 
XVIII 



174 C O 

XVlft p* Sp, 
Crespano Tillt del Trìv^tfio. T« 
IX p. 137- S. Faolo di sotto , 
dasio otto grotsL T. V p, 154, 
Avevano beni i S^oii di Ro« 
▼ero. T. X p. 84. assegnata alla 
podesttda di Asolo. T. XI p. 

da Crespano ABt§ni§ iMndito da 
Aiolo. T. XIV p. 88. B9»éklh€rt9 
ambasciatore de' Ttivigiani al 
Duca d* Anstrìa. T. XVI p. j« 

de* Crepa4oni A»nui$ Console di 
Sellano. T. XVIII p. 18. Nic€§» 
U notajo di Kellano. Tom.XVn 
p. 70. 

Crejjpa Mànfrfdtnti figlinolo di Ga« 
glielmo Milanese. Tom. IV p. 
ia9« 

Oeta calla delle snperstiziooi vi* 
ve per altri. T. XIII p, 81. 

di Creta PUtv Arciprete presente 
in Bologna. T.'XIV p. ttf. 

de Crisipollo B^rmsrdt testimonio 
in Tnyigi. T. IX p. jo. 

de Crispi CUvunnS Dottore e Con* 
s^Here del Visconti in Verona* 

. T. XVIJ p. 7a. 

Crispignaga , suo dazio 9* Hr* r7« 
sol. 4 piccoli. T. V p» I$4* 
Villa assegnata alla podesurfa di 
Asolo. T. XI p. t j9« Le genti 
del Re d'Ungberia sono in quel- 
le parti, T. XIII p. si. Ducale 
a* Trivigiani di restituire a Nic- 
colò e Vampo il loro Castello 
di Crispttnaga. T. Xin p. 7S* 
Castello d| Vampo Avogaro Tem- 
pesu, T. XIV p. 175. Sfris.T. 

XIV pag. xtf|. E di lUr^. T« 

XV ^. 8. Munixioni spedite a 
Crispignaga, che erano nel Ca- 
stello di S. Vittore. T. XV p. 
39. Castello assediato dal Car« 
facese. T. XVI p, 41, E* preio. 
T. XVI p. 4» 44. 

da Crisp^gn fiimigHa nobile Tri- 
v^paoa» che abitava fuori della 
Cittàf T. X p. 119. G«f«rdl««. 



c o 

r, I p. 41* Gnélf§rHm0 t Jé€$p0 
Ibutori de' Caselli contro il Ca- 
minese. T. Ili p. lotf. Guslf^rf 
Capitanio in Ceneda. T. X pag. 

. XI j ix^. Jse§f milite Trivigia* 
no. T. Il p. a7* Sp€r$n9 milite. 
T. II p. *7« 

de* Crtsdani Céi9léB% noujo di Fa* 
via. T. XIX p. 9x* 

de' CrivelU Fr^t^hln^ Podestà tf 
Belluno. T. XVm p. »tf. fiHrw 
PM9h dottor Padovano présente 
in Venezia^ Tom. XVII p* xx«. 
Presente io Padova. T. XVIII p. 
»|. Sim^ni dal Visconti manda- 
to a Belluno con di^ci lande* 
T. XVII p, IX. 

Croazia làls»dìn^ suo Sanno di- 
manda ajuto a* Trivigiani con- 
no il Conte di Goritia. T. VUI 
p. Toj. Si dovevano pnblica; |e 
tregue fra il Re d* Ungheria.,^ e 
i Veneziani* T. XIII p. i7% 

Coli C§rrsd§. T. I p. 27. 

Croce appartiene al monastero di 
Pilo. T. IV p. 8j 8tf* Villa pres- 
so la Piave £1 data dtl Fatriatii 
ca ali* ospitale di S. Maria de* 
crociferi di Venezia. T. IV p. 
100. Occupata da*Trivigiani do- 
po la morte di Ecelino e di Al- 
berico. T. IV p. iQu VilU de* 
Caminesi, gì* uomini preodono 
a* soldati di Cane armi e ca fal- 
li. T. X p. 7». Manda guasta- 
tori a Mastino. Tom. XI p» aj» 
Bosco de* Trivuìant. T. XII p. 
4. Villa* del Trfvigiano. T. XVI 
p. xH «I7« 

da Santa Croce Bf9dett§ da Bas* 
sano offiuale. T. XVII p. 44* 

dalle Croci ^•Jrf Veneziano. T. 
VII p. as. 

Crociata per Terra Santa. T. II p. 
55 54» T. Ili p. x84» 

dalla Cioaara Jst9p§ licenziato nel- 
le arti e medidnt figliuolo di 
Bartolammco Padovano* T« XVII 

P- $!• 

Cros^ 



CR 

Csosm A»t9i^U giudice bPadoviu 
T. II p- 141- 

Crosnella Frsstntlh di Gi07anoi 
milite Trivigiano. T. II p. a 7. 

Crosta Bftékld* di Coacgliano del 
Consiglio. T. XI p. xsa. 

de* Cruiccalli L«r«»t# Cooiole di 
Bellano. T. XIU p. ip. i»4/»*»* 
mei Consìglio di Bellano T. XV 
p. itf. Presente in Sellano. T. 
XV p. atf. 

Cmdìgnano di Gerardo d« Cami- 
no arato in feado dal Patriarca 
T. Ili p. 171. Tom. IV p. 7«. 
Suoi monti. T. IV p. 90. Suoi 
donfini. T. IV pag. f r. Dato In 
feudo a Riuardo da Camlno-dftl 
Patriarca. T. V p. irp. a Guc- 
ccllo. T. V p. 191 198. Suo da- 
llo pe* Trivigìani. T . Vili pag. 
75. Di antica giurisdizione de' 
Caminesi. T. IX p. 9. Castello 
dato in feudo a' Caminesi dal 
Vescovo di Ccneda. T. IX pag. 
35. Castello di Riziardo da Ca« 
mino. Tom. IX p. 4^. Pedexieo 
dalla Costa Gasuldione. T. X p. 
atf. Pendo de'Caminesi di sopta 
p. Si 54 55 56 5758. Pax che 
gli iAt avvenuta una sorpresa da* 
nemici pex poca custodia. Tom. 
XI p. 77* Castello dato in fèn- 
do a* proeuxatori di S. Marco 
dal Vescovo di Cencda dopo la 
morte di nizzardo da Camino. 
T. XI p. 9é. Castello di Gue- 
celione da Camino preso dal 
Carrarese. T. XVI p. 59 tfo. I 
Veneziani decretano la elezione 
del Podestà, e quale esser ne 
dovesse il salario, e la corte. 
T. XVII p. as. Ordine de' Ve« 
neàani clic non sia aggravato 
pe' lavori sulla Livenza, Acen. 
dosi in esso degli altri lavori 
seccMar}. T. XIX p. 45. 

trncevia Miéfntèlm$ Trivigiaiio. T. 
Ili ^ 55. 

Ctnsnlga VjUt de'Camioest tfdu. 



C R Ì75 

a a Conegliano. Tom. I p. 15. 

Assegnau da* Trivigìani. T. HI 

p. 4«- 
da Crusniga Lfé^d^ Console d! 

ConegUano. T. Vili p. 179. 
Cuccagna Castello ia Priali. T. 

IV p. X47. 

da Cuccagna Signori adexend de' 
Cividalesi » e del Carxaxese. T. 
XVI p. X47. J4éklftrt9t Vém$ri0 
e ^•mméf mallavedori pex Gexw 
axdo da Camino. T. IV p. 144 
t4tf. r«»fi»« canonico di Cìvidal 
del Priuli. T. V p. 1x5. P«»i;a# 
Vicecapitanio di Gemona. T. XI 
p. 15. G9rsrd§ Kx. testimonio in 
Udine. T. XI p* loe* Alla m« 
vestttuxa de' feudi Caminesi. T« 
XI p. iji. E a Quella de' Ca» 
minesi a' Signori di Spillmbergo 
T. XI p. ijj* Ambasciatore del 
Patriarca a* Coneglianesi. ^ T. XI 
p. 150. C(«v49»! figlio ili Adel- 
perio. T. II p. J5 59. T. VII 
p. 7. Eletto procuratore nel Par- 
lamento del Priuli a stipular la 
pace io Torino. T. XV p. 109. 
Ot»vé»^i tC«rérd§ fratelli SOOO 
in Udine al parlamento genera- 
le. T. XI p. 54. Gusrmtri» Ca- 
nonico d'Aquileia. T. HI p. j5. 
ed$rU9. T. IV p. 17. E' investi. 
tu da Gerardo da Camino di 
Bando e di Bugna in Priuli dio* 
cesi di Concordia. T. V p. xj9« 
Aderente di Rizzaxdo da Cami- 
no contro Cividal del Friuli. T. 

V p. 1x5. Presente al testamen- 
to di nizzardo da Camino. T. 
V p. 159. Ambasciator dclCoOi» 
te di GQrìzia a* Txivlgiani. T. V 
p. 115. Giura pel Conte di Go# 
xizla. T. VII p. « X4. Unito agli 
altri fendataxi contxo il Conce 
di Goxizia. T. VII p. iia i4« 
S4x 14J. Mallefadoxe a Pedexi* 
co da Savorgnano pel Conte Sn*. 
xico di Goiidi. T. 12 P. 5«. E^ 
investito la upM di Feudo 

*^ del- 



f(^t e 

a Veneti* . T. XIV p.ao. Arllbro 
yc* VcnesUni nelle controverste 
ro* Trivigìaoì pe* botchi di Su- 
barzooe. T. Ili p. tff 71 75* 
tttUc controvenie per confini. 
p. S4. ntetwii imbttciatore al 
Patriarca d*Aqaileja. T. XIV p. 
«a. Kr. Egli e' nell* esercito ali* 
tàsedio di Ckioggia. T. XV p. 
}ii. Marito di Maria figlioota dì 
Jacopo di Carrara. T. XIX p. 
1)4 r}$. Pi>rr# ambasciatore a 
Padova a trattar la pacf eoa Ca» 
me. T. «Vili pag. pp. Sindico e 
procoratort de* Veneziani al 
Marchese d* E$te. T. XVII pag. 
Sj 88. Podestà di Conegliano, 
T. XI K p. a4 aS. Zéetmrié ani. 
bascifttore per ottenere dal Sig« 
di Padova le possessioni , che fu* 
rono di Mariti Fallerò. T. XIII 
p, 48. Ambaaciator de* Venezia» 

• ma Torino per la pace co*Gc» 
tiovHÌ. T* XV p. 74 75. Istta* 
mento di procura Atta da* Ve* 
neziani in esso. T. xV p* io;. 
AiD>iscta«ore et* VeneEÌani a 
Torino. T. XVI p. 9. Zd^in* 
«)ti. Jacopo eletto ad onorar la 
Venata del Ke di Cipro a Ve* 
neiia. T. XIV p. ^1. 

Conte omìév Vicentiao, T. II pag* 

SO). 

et Coutetio OuglUlm» sindico de* 
Bresciani. T. IV p. 134. 

4le' Conti Engolfb Padovano. T. 
Ili p. 30. GHgiUlfm da Padova* 
T. V p. IO. Jac4j>9 da Padova 
Podostll «ti Bassano. T« IV p . 5 r 

«le Conto A»t$mlt ambasciatore de^ 
Cooeglianesi agli Scaligeri. T.X 
p« 151. a* VencsianL Tom. XI 
p. «5. 

4e* Conuarj JntUls Canonico di 
Ferrara. T. IV p. «4 79 8* lotf 
xiS 'tp» Ved. r articolo Iferia* 

. ta« JgitctlMtn aderenic di Nic- 
co'ò^ Miirchcat d* fiate. T. XIX 
fw ^x, ikccompaj^fMi H Maatfap- 



se Niccolo d* Estc a Venezia td 
a Trlvigi. T. XIX p. 140. 
Ctmvtgntvb giudice assessore del 
Podestà di Fadova. T* III p. 9S 

l«0 lOT. 

Coperio A^irtéi interviene in Me* 
stre pe* Tcivìgiani ad un tratta* 
to co* Padovani. T. Vili p. 4j« 
Notajo milite e socio de* Retto* 
ri di Trivigi. T. IX p. 11%. olU 
ver:§ qu. Ugonotto. T. IV pag, 
ì6o* Ollv0ri§ qu. Maestro Fineto» 
da fiassano. T. JV p. 174* Pssm 
f V4/e qu. Enrico not. in Fado* 
va. T* III p. jtf« PÌ9tr§ notaio 
di maestro BortoUmio. Tom. IV 
p. 62, Tebaldo sindico e piocu* 
latore de* VeronesL Tom, III 
p. 49.. 

Coraciano B§rt9Umi$ Canonico di 
Trivigi. T. II p, 144. 

Coradoni 04§rU§ Console di Con(« 
gliano. T* Vili p. 179. 

Corba Niccolò fra gli stipendiar) de* 
Veneziani nella guerra di Chipgr 
già. T. XV p. 4a. 

Corbancsio Villa di Conegliano. T.v 
II p. 45» Assegnau da*Trivigia* 
ni. Tom. ni p. 40. Castellare 
comperato da Beatrice da Ca* 
mino madre di Biaquino e Tol* 
berto. T. HI pag. iitf 117- Ca^ 
stello per confessione de* Cone* 
glianesi era ab antiquo sotto la 
giurisdizione de* Trivigiaoi. T. V 
p. 69» Castelnovo dato in camr 
DÌO da Tolberto da Camino a! 
Vescovo di Ceneda per Ferto. 
bu£Foletto. T. V p. 71 9i. Sog- ' 
getto anche in temporale al Ver 
scovo di Ceneda. Tom* X^X p^ 
144* Sua muda. T. XIX p« 145. 
Villaggio d«I Ccnedese. T. X p* 

da Corbanesio Buf e Mérf ccdo^ 
«10 al Commte di Conegliano il 
Castello di Corbanesio. T. I p. 
4a. Ricevono a titolo di Feudo 
4aJ Comune di Cooegliano u« 
Ca-* 



co 

Castello !q Coibaoesio« Tom. I 

p. 41. 

Corbolone Villa. T. li p. JS. 

Cordecica Vhtrtt. qu. Alberto da 
Bassano. T. Vili p. 171. 

Coidenono in Friuli; vi arrivino 
genti Bavare incamminate al soc- 
corso del Carrarese. T. XVII p, 
34 35. * 

Cordevado presso Fortogruaro. T< 
li p. 69. 

Gordiani Menfirf milite Tri vigia no. 
T. II p, *7. 

Cordignano feudo della mensa Ve- 
scovile di Ceneda dato a-Cf^mi^ 
nesi di sopra. T. I p. leS. Ca- 
stèllo. T. l p* lìo Iti. Dato a 
Biaqnino di sopra. T. I p. ixf. 
T. Il p. «. Castello de* Caroìnc- 
si doveva dar ^enti ad ocpipar 
il Castello di Ceneda; T. XI p. 
170 172173. Dato in feudo dal 
Vescovo di Ceneda a Beatrifre e 
Jlizyarda Caminesi. T.XII p.aS. 
E similmente a Riuardo eG«r. 
ardo da Camino. T. XII p. J9 
jr. Sigismofldo io concede in 
feudo ad Enrico Conte di Go- 
rizia. T. XIX p. tf74 

di Coreda Ptttto dì Ghirardo ban- 
dito da* Trivigiani , perchè ne- 
mico dei Tempesta. T* IX pag. 
120. 

Corcza Villa da* Fadovasi . cooee-^ 
.dota agli Estensi. T. II p. 37^ 

4c Corini GUi^nmi notaio, e se- 
cretario dei Duca di Milano. T. 
• XIX p. 8a. 

de Cofito PB4erké presente ne] 
Castello del Tirolo ad una car. 
ta del Ile di Boemia in hvos 
de* Trivigiani. T. X p. 35. 

4^ Cotmon A>tKjfl$ figlio di Jaco- 
po testimonio in Trivigi. T» IX 
p. 9B, Cérrsdù gran ppl Conte 
di Gorizia. T. VII p. 8. Jact^é 
testimonio io Gorizia. T. Vii p. 
9. vicario io Tijvigi per la Con- 
cessa Beatticc 44 Goii^a* T. X 



CO ^ 169 

p. 25, Testimonio In Trivigi. T, 
IX p. 9. Vice -Vicario io Trivi- 
gi tìei Co. Enrico di Goriua.T* 
IX p. 34. Mallevadore pel Co« 
Enrico di GOrfsia a Federico da 
5avorgnano. T. I^ p. so. Cr^ 
presente in un colloquio a Mo- 
dol^tto. T. XI p.aS. Nieétlò qu. 
Federico , e- . ; . , qu. Corradq 
testi monj in Trivigi, T. IX pag# 
50. Otit detto Floyanse testimo<; 
aio in Trivigi. T. IX p. 5o,Sttw 
ftn» da' Duchi di Baviera spe- 
dito agli Udinesi T4 XVI pag, 
H^ 15P. 

de Cornachini Z^nobh sive j|fK9« 
»i*# da Fiorenza testimonio io 
Trivigi. T. IX p. ^. Eletto sa^ 
vio da^riv^iani* T. X pag. ìéS, 
Con tre cavalli va airesercito dì 
Mastino. T. X p. i7i. 

Cprnain Villa del Jrivigiano iHao- 
da guastatori a Mastino. T. Xt 
p. 'ié 

Cornaleda Villa del padovano. T« 
IV p. io| 104. 

Cornare in Friuli. J. V p. 74, 

Cornarcdo Vilb del Vescovo di 
Ceneda. T. I p. 81 ..Data a ti- 
tolo di feudo a Contgliatoo. T. 
I p. i»5. 

Cornato Jhdrés Fodesf^ di .Tfevi- 
$0. T. XII p. 56 58 tfo ^1 66 ' 
tfS 7o 75. GiovMunì Podestà di 
Treviso. T. II p. 15 S* Arbitro 
pc* Veneziani nelle coociotersie 
co* Trìvigìani pe* boschi di Su- 
barzzone. T. lU pu 09 7i 75# 
Nelle conttoversic per confini^ 
T. HI p. 84. Procuratore a si» 
ré vene lire 31. mila d*Trivigia« 
flt di legione de' CUstelli. T.III 
p. 107 173 i7ff 119* T. Xll p. 
x4« Eiltébtttd relitta qu.fer/^f^^ 
c9iiy suo esame intorno a Bea« 
trice figliuola di Guecellone da 
CtooinO. T. X^X p. i$tf. F^éfi* 
f# $«vio eletto aiDonavlfar sc^a 
ckune utAit^ del Carrarese, f , 
XIV 



ilo e Ó 

avnoo beni e rendite neir Iso- 
la ili CipiO.T. XV p. 8tf, Frsnm 
ۥ$ۥ provveditore de' Veaexianl 
a Trivigi. T. XVlI p< 51. Sindi^ 
co do' Veneziani a stipa lar la \u 
ga col Visconti. T. Zlx p. %ié 
la Dncbessa e Francesco sud 
fipHuoIo sovvengono a' buogni 
di Beatrice da Camiflo< T. XXX 
p« i$7* i£<rr«, sue rappresaglie 
contro i Triviglani. T. VII pag, 
a9« Doge di Vefletia. T. XIV p< 
at 12 as 2tf. MéirUf Stsambeco 
fòdestà di Mantova. T. IH pag. 
4f • Pd9U Consigliere. T. XlX p* 
<•• P/«rr* Consiglkro del T>o^té 
Sfiiéu T. XI p. u* Cap» di XL. 
T. XII p« 57. Ambasciatore al 
Patriarca d'Aqidleja. T« XI V p« 
a«« 
Cocntdol Villa del Trìv^affo^ é 
ÈKLi tangente di colle. Tom. xl 
P* 74* 
Cornedino Zanetti presente in Tri« 

vigi. T. XII p.* 7J* 
dÉ* Comi BtrfUmmg^ giudice ed 
assessore del Fodesrìf di ttivigj. 
•f^ar/^c T. IX p. «7a* 
de Cornia Bimsrd^ Podestà di Tre* 
Vito» T. V p. ao5« T. VI p. f 
jo fi 1J18 »a a^ a? ap jo ji 
Jt 4a 41 50 Si SS 9j. 1*. VII 
p. f4t* Da Petngia Podestà dì 
Padovai. T# VII! pag^ 4{ 47 ^4 
#S <8' 
de Cofnatnpca Ólhti§r4 T. n p. ii. 
de Corno J»ft»h di Vicenza. T. 

Itf p. 45.^ 
Cornoledò Villa del Tr?«fgicno datf^ 
fieggiata dalle militìb Venete ^ 
Mestre. T. XVI p. ijf. 
Cornuda Castelli», }I Vescovo di 
Triv^ lo permuta col Comune 
pA qttelb di Grisone. T. Il p. 
t^t 144- CMfioante ad nomini 
ài natione prava e petversa. f . 
II p. t44« Koeca in cui si rici« 
la Bon^cioo dt Castello^ T.IIt 



CO 

1». t«|. ^Istrutta dal CaM?A0$^« 
T. Ili f^ 104. Data per ostaggio 
da' trivigiani al Vescovo di Peii 
tre . tome mediatole nella pace 
ira il Caminese e i Castelli. T. 
Ili p. los. Uff Capi^oìo e sci 
custodi té V p. IS4. I TrJti- 
giani commettono af Capitani^ 
di ben custodirla. T.VIIp. xs^« 
£ vi mandano presidio^ di iolda. 
ti. T. vii p. IS4* Capitani AzoA 
lino fionifSicio, e In di Ini vece 
Cnsiosino da Strasio , e Niccolò 
de* Pranchi. T. Vii pag. itfò. il 
beni de^ Carraresi venduti al Co* 
mane di Trìvigi. 1*. Vili p. 70 
71. Catello dei Tiìvigiano. T. 
Ix p. noi 1 Trivigiani hmwf 
Istanza appresso il Re, perchè 
ila edificata la Rocca, 't, X p. 
12 a^ 1^ 57. Manda guastacot? 
a Mastino. T. Xl p.^aj. Vilk 
assegnata alla todestatia di Asc 
lo. T. Xl p/il9* Posaessioni che 
furerò de' Casttlli pretese da*^ 
Trivi«*iani e da Filippa £)olfino^ 
T. Xll p. t} 14 «S. 

dt Cornudeifa Cfìflém» eUttó a( 
compflar gli statuti di trivigf* 
T. IX p. <a9. ProtOriotario nm^ 
ziale TrÌvig»a*io. "f. Xl p. ii^ 

de Còrofni Ùiévdnn^t da Calepicr 
Secretarlo del Visconti.r T# XiX 
p. 9I0 

S. Coroni?. Chiesa di ViCenta fàEu 
bricat» dal Coirne. T. U pagf^ 

19. 

Corona Villa del Trìvi^iaito man«« 
ér gnastetorl a M^^suno. t. xl 
p. aa^ T. XVI p. 58- 

da Corona Frd^ceseè (|a4 Marsilio^ 
iiota^ di Trivig^. T. XV p. 47 
49. T^ XVI p^ I <S a<< Ji^rtù 
ti* qu« Domenico Aonjo e cii^ 
MdffUO di Trivigi. f. XII p. 4^3* 
omMn»0 trivi^iano. T. vi p. 
}^ Sì» Aosiino dì trivfgi. T. 
vn p. 41 su r. VIU pag. js 
10$ t24 IJ7. Mdintr:§ qu. Bar- 
taU 



co 

takdbo notaio. Tdvf^aito. Tottu 

Coronaon in Frinii. T. VIIlp. a«. 

et' CorODelU Li9Bsrdè ootajo da 

. Coii«fliano. Tom* X p. 7o ?<• 

Scciba notaio io Venezia. T. XIII 

p. a?. 

de Cotooello Pi9tr$ notaio Trivi, 
giano. T* X p» 5 a. Ambasciato» 
xe a* Vencsiani. T. X p« 5^* 

Corradioi Andrtà Capitanio del 
Cornane di Basaano. T. VII p. 
99» J»t§»U da Baisano. T. IV 
p. 177. Pxocnratore de* Bastane* 
si a FotH nella cassa defle de» 
cime. T. V p. itf. e se|g. No- 
ca)o Sindìco de* Bassanesi spedi* 
to a Cangrande. T. IX pig. }6é 
Pl€tr$ prete, e A»t9»i9 ilotajo* 
T. V p.^ 94 i9. 

de Coiradino Alk^rtìné Console del 
Podesà di Tiiv^t. T. I p. é%» 
Ctrràdim* secondo figlinolo del Re 
Corrado. T. Il p. ia|. 

C0rré4t$ Imp. conforma alla Ghie* 
sa di Falere tutti i snoi beni. T. 
ì p. t8. 

Corraro A»g9!$ Papa Ved. Grego» 
rio XII. AAt§mt9 Vescovo di Ce- 
iicda y sne discordie Colla Cittì 
accomodate. Tom. XtX p. i^t. 
Jéetf§ fodesdk e Provveditore di 
Latisaoa. T. XIX p. titf. Ptttré 
primicerio di S. Marco Compe- 
ra da Aldinello da Bastano mot- 
te possessioni. Tom. II p. 158. 
Sne Contese col Comune diBas- 
sano per questo acquisto. Tom. 
Iti page 7 8 IO 12. ' PUtri uno 
de* cinqae eletto a stabilire i 
confini col Carrarese. T. XIV p. 
90 91* Stabilisce 1 confini fira il 
Padovano e il Veneziano nel 1 174, 
T. xvm p, 2S. 
da Cone^ Signori in disgrsiia 
del Visconti pei aver aderito a* 
Bolognesi , ma nella pace rimes- 
si in graaia. T. XVII p. 5$ «©. 
Aderenti dì Hkcolò Marchese 



C O f7f 

d' Bste. T. XIX p* f t« Gif^trté 
S^or di Parma s*^ unisce in al-' 
leanza co' Veronesi » e co* Man- 
tovani contro Aaao Marchese d' 
Este. T. IV p. Ì920 Suo istru» 
mento di procura per questa 
lega. T. IV p. i9tf« Nuova lega. 
T. V p* j* e 7. ved. Parma. E* 
In alleanza co* Bolc^nesi. Tom. 
IV p. 204. Capitan generale di 
Parma. T. VII p. 38. OihfrU , 
ed A%ji9»9 £ratelH sono inclusi 
nella pa^ce fra i Principi . della 
Lombardia. T. XIV p. 5i. Oul^ 
d9h§ qu. Giberto testimonio io 
Verona. Sfrìa, T. X p. 84. Po- 
desà di Verona. T. X p. i{9 
140. Pregato da PP. Giovanni di 
non oppor^ al suo legato, che 
andava a prender possesso di 
Mantova, che si era data sotto 
Ja Chiesa* T. X p. 1^7. Procu- 
ratore degli Scaligeri in Verona. 
T. XI p. J4« L9mÌArd9 Viscon- 
' te in Serravalle. T. XI p. 8 j. 
Màif Podestà di Padova giudi- 
ce arbitro nelle difierenfte fia i 
Candnesi. T. II p. 1} 74 7« 77. 
Giudice in quelle fra Marco 
Ouirioi, e i Trìvigiani per la 
villa di Mussa. T. II p. 84. Po- 
destà di Padova. T. Ili p. €1 da. 
Podestà di TrivigL T. II p. 8a 
37 94 97 rj*« 

Cortelerii il»r«»f> notajo Padova-' 
no qu. Maestro Turchetto. T« 

' XI p. ia8. 

<le**Cortesi r«/«aM* da Cremona 
Podestà di Padova. T. V p. xa7 
taS. 

de* COttini BtlMt qu; Filiberia 
Procuratore degli Scaligeri per 
ricevere 1* Investitura de* Feudi 
dal Vescovo. T. X p. 164* 

di Cortona Sonore, aderente de' 
Fiorentini I i Peru^ni gli ^ren<» 
dono molti Castelli, ma h i^' 
stituiscono nella ^ace» t^. XVU 

4^ 



17» CO 

4a Cortona Lsn» giudi'cfi VicaHo 
del Podestà di Trivigi. T. Vili 
p. 150 isr 152. 

de* Cortiial Ohvm^nì FÌdovApo. T. 
Ili p. xjo. Métte* dft Padova 
fodest^ di 9as9ano« T« III p. as 
atf ^7 «j. T. IV p. a44 

4e Corviaco Gngltetm* nnnsio di 
Giberto da Correggio. T. IV p. 
197 ali T. V p. ìj, 

da Coaen^ Pìttr^ Siadìco e pf6- 
curatore de* Vcne&iani. T.IIIp. 
69 7d 71 7S. 

CoanoUa di S. Biasio vilk del Tri* 
vigiaoo manda gaattat^ri a Ma^ 
sano. T. XI p. a|. 

Costa Castello lasciato à^ Gabriel 
da Camino al monas^ro della 
folliaa. T* I p. 6 5* Biaqaino, 
-iSuecello » e f olberto cedono a 
Gabrielle ogni loro diritto sa e»* 
so. T. I p*97* Chiesa di S. Mar. 
lino di Caitello beneficata da 
Gabriel da Camino. T* I p* «^« 
Ceduta da* Caminesi a' Conc« 
gliano* T. I p. 85. PossessipQÌ 
ivi esistenti, che ^rono de* Ca- 
stelli pretese da* T'ìvigiani, e 
da Filippa Dolfina. T. XII pag. 
]| 14 15* CaKello nella Val di 
Dobtadene, sollevatlone di afcu* 
ni per levarlo dal Dominfo Ve- 
Bcto « da Marin Faliero , che h* 
^ra il Signore. T. Xill pac. ro. 
Tiòcesso contror i ribelli. Ti X\l\ 
p. IO. Castello in Va) di Mare- 
ito preso dal D^uca Leopoldo. T. 
kv p. 60, botiato da Sigismoi). 
do al Conte Ercole da Camino. 
T. XIX p. ì2«. 

^t Costa B9»écemrtiù dì Val di po# 
biadene. T. VI p. 77. Ambascla- 
fore de* Trivigianl a Padova. T. 
VII p. 5 5* Orat)é4to anziano in 
f rivigi. T, XII p. i4. riglfo ài 
set Ugerio, e ootajo. T.' XII p, 
49. Notajo di Trtvìgi. Starle, T. 
iX pk 17 !• aniiano. T. X p. 40. 
Nota}© del PodcstS^ di Tjrivigì. 



CO 
T» X p. 1*3. di set Uferio. T. XII 

p. 90. Fruncesc» suo figliuòlo. T. 
XII p. 87. 
dalla Cosca Ftd^if Gastaldiooc di 
Crudignano sindieo e piocaiato* 
te di nizzardo d^ Camino. T« 

X p. *6. JiickflttK» de lUbu^oo 
Siodico de* Bresciani. '1^ V p. 8« 

Coitalonga di Colice Villa di Co- 
ncgliano. T* II p. 45. Assegnata 
da* trtvigiani. T« HI p. 40. 

Costa longa villa assonata allaF«de- 
staria di Aaolo. T. XI p. 1^9;^ 

dt Costantino GéhrìpU, T.. I p.^T. 
Trivigiano fatto prigione da*Co. 
negliancsi. T. I p. io», e Fìttr* 
dì lui fratello iàd. Ùérsrd* tnU 
lite Trivigiano. Tom. Il p. 27* 
Guid* Mih'tc ibid. Ptr0Ììn$ da' 
Trìvigì Potter di Leggi. T. Ili 
p. latf. T. V pag. 6^ iùt ii6m 
Vocilo. T. I p. 4J. 

Costaniinopoiitaho Impetìoi I Ve- 
neziani potevano liberamente na- 
vigare colle loro merci. Calofan-* 
zi Imperatore e Androm'co sao 
■fìglb. T. XV p. 8(J. 

Costanzago X^^^ vacao Trtfigf, 
T. HI p. 8s. 

Coste Villa i possessioni che ave* 
vano i Bazzoletti Trivigianì. 5N- 
rU, T. IX p. 170. Pieve del 
Trivigiano manda guassatoti a 
Mastino. T. XI p» ai. Riceve 
• ordine da* Trivigianl di riparare 
il Castello di Asolo. T. XI p« 
49. Villa assegnata alla Podestà- 
ria di AsoJo. T. XI p. 1)9. 

delle Ceste Aliano milite "frivi- 
giano. T. II pag. a?. Gutkl^trf 
milite, ibid. Feitrìc». T. Il pag, 
7^. Filiff notajb Trivigiano; T. 

XI p. lU Anziano ih Trrvigi. 
T. XII p. j4. 

da Coistozà jBi»rfcè detto Ptilice dì 
Giovanni Bono notajo. T. X p. 
141. Jétob* Vicentino, e *•»• 
suo figlluoTb. T. V p. i4'« 

Cdvolo di Bfcata, -su^ toJwieo 



co 

età Uff V^scDfe di Feltrc. T. I 
p. ?j. 

Ct»:fa€*n Monastero. T a- 

bote al sinodo d* Aquileja. T. 
Ili p. «8. 

C^da VHta del Trivigianb lAaoda 
guastatori a Mastino. T. JCI p, 
%%. villa aftegnaca A Mestre. T. 
Xt p. ijS. 

Credatfto fèttdo della mensa ve- 
irorile di Ccneda dato t* Caini- 
DCif di sotto. T. I p. lOt Ili. 
T. n p. t* Castello de* Caml- 
fiesi venduto 4l Conte BuimbaU 
do di Collalta. Sfrià. T. VI p. 
a 65. Villa del Triy%iano manda 
guastatori a Martino. T. XI p. 
ij. Castello cri me A de* Col- 
3alti , e metà, degli * £celini , e 
questi metà daU* Imp. Ladovi* 
co è data al Sig. XiHberto. T. 
XI p. 4. Castello de* Venetiani, 
in cui V* età nn Yapitanio» T. 
. XIV p. «7. 

di Creda2£o Jdeopi Trivigiaifo elet- 
to sipìetite. T. VII p. 175. 

de Credentia Antonio notajo, e 
Cancelliero del Doge di Geno« 
va tesrinonio in Tovino. T. XV 

p. II 2. 

Crema i Editto del Visconti , die 
Cessato il morbo epidèmico pos- 
sano ì mercanti ripigliar^ il com- 
mercio colle Città delta Lom# 
ì>aTdia. T. XVIII p. la. Signo- 
icggiata da* Guelfi. T. XVIlI p. • 
St. Giorgio Beszone Conte di 
Crema. T. XIX p. pi. 

da Crepa Corrsdo capo de Bale- 
stticn In Belluno* Tom. XVI p. 

115. 

de* Cremasela Bofii^o milite del 
Podestà di Verona. Tom. Ili p. 

Cremona separata dalla lega Lom. 
barda. T. 1 n. 7^. s' unisce ìtt 
lega co* tacfovani ed altre Cit- 
tà cotitro i Vetonesl. T. Ili p. 
i« jr. Leooaxdo Amedeo Vi- 



CO J7< 

cario. T. Ili p. 49* Cremonesi 
favorevoli a* Padovani portano 
la armi sul veroDesc contro Ca- 
ne. T. VII! p. «r. Cremonese 
Contado e dicesi dove avevano 
i Gonzaghi molte terre k luoghi 
T. X p. 144* Entrano «ella guer* 
ra contro i Gonzaghi, e nella 
trema piiblicata dal Cardinal 
Guidone. T. XII p. nò. Sul ter- 
ritorio si ftrma 1* eserdto col- 
legato del Carrarese contro il 
Visconti. T. XVn p. 4S. Signo- 
reggiata da* Guelfi. T. XVItl p« 
^1, Cablino Fondalo Signore. 
T. XIX p. 90, Antdnio de Ba- 
rtttaxil Dottore Podestà per Ca- 
brino B^dulo. T. XIX p. 92* 

da Cremona Btmsrdo Giudice as- 
sessore del Podestà di Tritigi. 
T. t p. 4i 4}. Giudice^ e Vi- 
cario del Podestà di Padova. T. 
Vili p. i«4» Carlino eletto pro- 
fessore in Trivigi. T. VIIp. ijó 
Cberuhimo canonico d* A<)uÌleja« 
T. XII p* 116. Ermanno ContOi* 
stabile pedestre del Carrarese 
spedito a Conegliano. T. XVI p« 
8^4. Frsneoicè Capitan del Castel* 
lo di Belluno. T. XVI p. ii5« 
Giovanni Attibasdator del Car- 
rarese in tJìighcria. T. XVI p. 
82. Nicolino giudice in Padova* 
T. It p. 141. Novolìino Giudico 
Vicario del Podestà di Bassano. 
T. X p* 18. Pk^Ho Follata b'o- 
fessor di legge in Bologna eletto 
professot, inj/ìvigi. T. Vili p. 
141. Sua ^lettera a* Tiivigianl* 
T. Vili p. 14S. 

de* Cremonesi Frdfutsto da Pistoja 
Podestà di Padova. Tom.^ IV p* 

ri7- 
de* Crescenti Famiglia Veronese 

fuoruscirà ritirata in Trivfgi. T. 

Vili p, 126. Jntvnio Vpronesc. 

r. in p. aj. 
de Crcscifflbttìe Wcèol^ cortdafto- 

rc dil dado sale In Txìvigi. T. 

xvni 



174 C O 

XYltl p. 4p» 
Cxctpano TÌl!t del Trì?^Ìtflo« T« 
IX p. XJ7* S. Fftolo di sotto , 
disio otto grooL T. V p« xs4. 
AvcTtno beni i S^oii di Ko* 
▼«co. T. X p. 84* tssegsatt alla 
podcstaiia di Asolo. T. XI p. 

da Crespano A»unU bandito da 
Aiolo. T. XIV p. 88. BpmMtktnt 
ambasciatole de* Ttivigiaiii al 
Duca d* Austria. T. XVI p. j, 

de* Crepadonl Amt^mh Console di 
BellBoo. T. XVIII p. 18. tr$ce$» 
U notaio di Kellano. TQm.XV|( 
p. 70. 

Crejjpa Msmfrfdiutt figliaolo di Ga« 
gtaelino Milanese. Tom. IV p. 

I19. 

Oeta culla delle snperstizioof vi* 
ve per altd. T. XIII p, 81. 

di Creta Plsff Arciprete presente 
in Bologna. T. XIV p. xtf. 

de CristpoHo B^rmurd» testimonio 
in Tnyìgi. T. IX p. jo. 

de Crbpi G'fVMBmt Dottore e Coe* 
sìgtìece del Visconti in Verona. 

. T. XVIJ p. 7a. 

Crbpignaga, suo dazio 9* Hr. z7. 
sol. 4 pìccoK. T. V p. 154. 
Villa assegnata alla podestaria di 
Asolo. T. XI p. t j9« Le gemi 
del Re d'Ungheria sono in quel» 
le pani, T. XIII p. 58. Ducale 
a* Ttiv^ani di restlciilre a Ntc- 
colò e Vampo il loro Castello 
di CrispÌ8oaga« T. XIH p. 75^ 
Castello di Vampo Avogaro Tem* 
pesu. T. XIV p. 17$. St9rU.r» 

XIV pag. 161. E di AOtm. T. 

XV i|ag. 8, Monisioni spedite a 
Crìspigoaga, che erano nel Ca- 
stello di S. Vittore. T. XV p. 
39» Castello assediato dal Car« 
ratese. T. XVI p, 41, E* prc|o. 
T. XVI p. 4» 44. 

da Crbp^ga fiimigHa nobile Tri* 
v^aa, che abitava fuori della 
Città. T. X p. 119. G«f«rdl«». 



c o 

liuitonde* Caselli contro il Ca* 
minese. T. Ili p. io€. KSnàlfrf 
Capitanio in Ceneda. T. X pag. 

. ti| xxtf. Jéctf milite TiÌTtgia* 
no. T. II p» a7* Sf€r$»9 milite. 
T. II p. r7* 

de* Cristiani CéitlsMè noujo di Fa* 
via. T. XIX p. 91. 

de' Crivelli Fh#j»cAiat Podestà 4f 
Belluno. T. XVm p. «5. H$tr9 
PS9I9 dottor Padovano prciente 
in Venezia^ Tom. XVII p» ii«. 
Presente io Padova. T. XVIII p. 
9ì, Sùm»»i dal Visconti inanda« 
to a Belluno con di^ci lande* 
T. XVII p. jr. 

Croazia litléuUin^ sno^ Sanno di* 
manda aiuto a* Trivigiani con* 
ttù il Conte di Gorizia. T. VUI 
p. toj. Si dovevano publica; le 
negue fra il Re d'Ungheria.,, e 
i Veneziani T. XIII p. 57^ 

Coli C$rrMd§* T. I p. 27. 

Croce appartiene al monastero di 
Piro. T. IV p. 8j 8tf* Villa |»r^ 
so la Piave £1 data dtl Fat^riatii 
ca air ospitale di S. Mari^ de* 
crociferi di Venezia. T. IV p. 
100. Occupata daTiivigiani do« 
pò la morte di Ecelino e di AI- 
beiico. T. IV p. iQu Villa de* 
Camineti, gì' uomini prendono 
a* soldati di Cane armi e ca?al« 
ìu T. X p. 7K« Manda guasta- 
tori a pastino. Tom* XI p. aj* 
Bosco de' Trivigiani. T. XII p. 
4. Villa del Tnvigiano. T. XVI 
p. ij^ IJ7, 

da Santa Croce Bwdftu da Bas* 
sano offiziale. T. XVII p. 44.. 

dalle Croci ^«^ Veneziano. T. 
VII p. as. 

Crociata per Terra Santa. T« II p* 
%} 54« T. Ili p# 184. 

dalla Croaara Jaff licenziato net* 
le arti e medicina figliuolo di 
Bartolammco Ftdovaoo» T« XVII 

P- 51. 

Cros^ 



e R 

CxoM J»t§mh giudice ifiPtdon* 
T. II p. 141- 

Crosnella FrMstntlU di Gtoranoi 
milite Trivigxano. T. Il p. a?. 

Crosta Btrtuid» di Coocgliano del 

Consìglio. T. XI p. Isi- 
de* Cracecalli Lfi»f Cooiole di 
Bellano. T. JCIII p. 19. P*pé»9 
Bel Consiglio di Bellano T. XV 
p. itf« Presente io Belluno* T. 
XV p. atf, 

Crudignano di Gerardo d« Cami- 
no avato in fendo dal Patriarca 
T. Ili p. 171. Tom. IV p. 7«. 
Suoi monti. T. IV p. 90. Suol 
donfinl. T. IV pag. fi. Dato in 
feudo a Rizzardo da Camìno^tl 
Patriarca. T. V p. irp. a Gue- 
ccllo. T. V p. 191 198. Suo da- 
zio pe* Trivìgiani. T . Vili pag. 
7S. Di antica giurisdizione de* 
Caminesi. T. IX p. 9. Castello 
dato in feudo a* Caminesi dal 
Vescovo di Ceneda. T. IX pag. 
35. Castello di BJzzaido da Ca* 
mino. Tom. IX p.-4tf* Pedexieo 
dalla Costa Gaataldione. T. Xp« 
atf. Pendo de'Caminesi dì sopta 
p. Si $4 $5 $• S7 5«. Parche 
gli sia avvenuta una sorpresa da* 
nemici per poca custodia. Tom. 
XI p. 77* Castello dato la fen- 
do a* procuratori di S. Marco 
dal Vescovo di Ceneda dopo la 
morte di Bizztrdo da Camino. 
T. XI p. 9«- Castello di Gue- 
celione da Camino pieto dal 
Carrarese. T. XVI p. S9 tfo. I 
Veneziani decretano la elezione 
del Podestà, e quale esser ne 
dovesse il salario, e la corte. 
T. XVII p. 15. Ordine de* Ve- 
neziani elle non sia aggravato 
pe* lavori sulla Llvenza, fecen- 
dosi in esso degli altri lavori 
secetsar}. T. XIX p. 45. 

brucerà Ji#i»cè;»« Trivigiano. T. 
Ili p. 55. 

Ciusnlga Vi Ut de*CimÌAeU tfdu. 



C R n% 

a a Concglltno. Tom. I p« ts. 
Assegnata da* Trivìgiani. T. lU 

p. 41* 
da Crusniga U$in^i» Console di 

Cong^no. T. Vili p. 179. 
Cuccagna Castello la PrialL T. 

IV p. 147. 

da Cuccagna Signori aderenti de* 
Cividalesi , e del Carrarese. T. 
XVI p, 147. JdMlftrt§, Yémtrì0 
e r9mwt4S9 mallavedori per Ger- 
ardo dx Camino. T. IV p. 144 
t4tf. C9»§»9 canonico di Cividal 
del Priull. T. V p. xis* Ei»r>a# 
Vicecapitanio di Gemona, T.Xl 
p. iS. G9réTÌ9 Kr. testimonio in 
Udine. T. XI p. loo* Alla in* 
vestitura de' feudi Caminesi. T* 
XI p. iji. E a quella de* Ca. 
minesl a* Signori di Spillmbergo 
T. XI p. ij J. Ambasciatore del 
Patriarca a* Coneglianesi. T. XI 
p. TSo. Cl9V4H%nl figlio ili Adel- 
perio. T. II p. 3$ S9. T. VII 
p. 7. Eletto procuratore nel Par- 
lamento del PriuH a stipular la 
pace io Torino. T. XV p. 109. 
Ot9vé»^l cCtrsrd» fratelli soao 
in Udine al parlamento genera» 
le. T. XI p. $4* GuikrntrU Ca- 
fionico d* Aquile ja. T. Ili p. j$. 
Orf#r/c«. T. IV p. 17. E* investi. 
to da Gerardo da Camino di 
Bando e di Bugna inPrlull dio- 
cesi di Concordia. T. V p. zj9. 
Aderente di Rizzardo da Cami- 
no contro Cividal del Friuli. T. 

V p. US. Presente al testamen- 
to di Rizzardo da Camino. T. 
V p. IS9. Ambasciator delConìi» 
te di Gorizia a* Trivigianl T. V 
p. ai 5* Giura pel Conte di Go# 
fiala. T. VII p. « 14. Unito agli 
altri feudatari coatro il Come 
di Gorizia. T. VII p. laa 14» 
141 14J. Malleradore a Ped^« 
co " 
fico • 
investito ìa itg^ 

deU 



I T4J. AiailCTWBOic m xswvu» 

da Savorgoano pel Conte Sn-. 
)0 di Gorttia. T. 12 p. S«* E^' 
estito la itgloa di Feudo 



176 '. C tJ 

delle viHt 4i Kttgtiino e diSai»- 
do da. nizzardo da Camino. T. 
IX ptg. s8j Cavaliere si fende 
mallevadore ti Patriarca per 

' Bianchino da Camifto iotornò 
alla restituzione di Medunv e 
di S. Stefano*/ T. X p. 28. £' id 
tedine al parlaroecito generate. 

»T. XI p. 51. B^ in S. Vito c6! 
Patriarca p. $6* Predente al te- 
ttamenro di Ktzzatdo dà Cami- 
no. T. XI p. XI 8. Minx*t^9 «li* 
tee a nùttnt delfa Chiesa d* Af 
qutfeié flelhi pace con Rizzardo 
da Camino. T. XI p. 9. r#»- 
9ksiùi $im9Ht ed Odarlc: T. IV 
^. no. Simont ucéise Leonardo 
da Savorgnano. T. iV p. 4, In- 
terviene al Collocjaiò generale 
de* Ff ina liei a Mddoleto. T. Xt 
p. 2 5. Vàtnttté assolto dalla sco- 
munica per aver aderieo a Ger« 
ardo da Camino contro la Chie- 
sa d'AquIleja. T. IV p. 145. ed 
Odtric9 Catelli testimoni in t/dj^ 
ce. T. V p. 118. T. V p. Inv- 
erano entrati in Udine armata 
mano con Kizeardo da Camino 

\p€t sorprendere il Patriarca. T. 
V p. 120. 
Cucmaestro Gdspuré fórhiliare del 
Conte Enrico di Gorizia man- 

- dato a prendere il possesso di 
Feltre e di Belluno, t. XtX p. 

• 76 77 78. 

de* Cumani Belléte§ da Padova 
giurisperito procuratore degli t» 
stensL T. XIV p. m- 

Cu mirano avevano beni i Caste f li 
T. UI p. 104. 

da Cumirano JhtùftU ambasciato- 
te del Capitani© di Fcltrc e dì 
Belluno a Veneaia. T. XlII p. 

' t^. CttsrUntf Cittadino di Fé!- 

• rte. T. XIl p. tfi. Indi^et <]u, 
Kobeno de Endrico notafo di- 
radino à^ Triyigi. T. X p. «^ 

' T. X t». 17^. tf9ekèsdn0 Cittadi-. 
na "di FcUic. T. XviH p. 27. 



t 



CO ^ 

Rtmégné notajò di Trivigì, T. 
XII p. 84; 

cunlz^x^à madre del Conte Erman*» 
00 insieme eoi figlio fa dona* 
zione alta Chiesa di S. >iaria t 
sdì S* Tiziano di C^ncda. T. 1 
p. lU ^ ^ 

Curano Canale ossia del Cornid 
nel territorio di Padova e sua 
forre. T. XVI pag. 27. Torre , 
che il visconti possa disponete 
di esse a suo tàlerico. T. XVli 
p. 11. towe nel padovano. T* 

xvin p. 15 x6. 

Curatii BtrtùUmh notajo trivlgia« 
rto, T. IX p. 140. , 

de curia Ptitn del Coiisigìio di 
ficUnhò. t. XVI ti p. 18. 

Curienie Sli^frUt Vescovo , e 
Wàmtriè de Sigìbcrch arcidiaco* 
no-'f. IV pé 148 150.^ 

de Curio Aobil) aderenti de* %U 
gnori d' Arcelli. T. XI* P* 9i* 

Cuftarolor Villa del Padovano. T* 
IV p. «i. T. V p. 14. ^^^^^^ 
acconciata da' Padovani. T. V 
patf. rij. Contiunjfi riteye com- 
mBsioile da' Padovani di anda« 
re a Bassalno pet dar compimeh* 
to A certi logori che si faceva^ 
no negli s^aWi. T, V p. 164. 

da Cùftarolò.^»/?/»* Si»*dico de 
Padovani. T. Ili p. 47. GUglUl* 
!*• giudi^ anziano Padova no.f- 
Il p. li 7. Ambasciatore del Car* 
rarcse a trattar la pace iùFiiu- 
Ji. T. XVI fr. 143. Giurispcfìtcr 
ambasciatore del Carrarese al 
Visconti. T. XVit p. 1^. 

de Curto Marco notajo supplica di 
essere a]ggtej»ato alla Cittadìnatì* 

. aa di Bassino. T. XII p. i4<s. 

Cusago CaiteUo del Visconti, f. 
XVI p. 141. 

Cusignana Villa del Trivigiaiio 

. Inanda tastatori a MastTno. T« 

XI p. ij. Villa soggetta a'Con^ 

ti di\Collalto. T.XUIp. S7. Suo- 

daifio 28, soldi grossi. T. V p. » 5 5 •• 



éà Cus^nana Aìhrti Capftanfo dT 
• Vidorc. T. VII p. 159. BMUstUs 
, Capicanio di Rginano. T. VII 
p. ido. Franetse» mandato da* 
Trifigrani all' Cftfrcfto di hii$» 
tino con due citafli. T. X p. 
1^4 17*» drymnl testimonro m 
Tiivi^. T. IV p. ja, Sppraca* 
pitanio iw Pedemonte. T. Vi p. 
a9. T. Vtl p. Atf. ÀÈ»rtln§ Tri- 
Wgiano. T. It p.p 148. Pffrr» so« 
prastaitte a* lavosi che si face- 
vano in Oderzo. T. IV p. 12* 
Cnaiignaco Villa venduta dafcón^ 
te borico di Gorizia a Federico' 
da Savorgnano. T. IX p. 5051* 
Oiscode FràHcesc0 gfudrce arbitro* 
nella pace fra la Chiesa d*Aqui« 
leja ^ e Kizzac do da Caxoino Tr 

me Cuxigis Gtémhstisté- notaio ed 
•ffixiale alla Cancellai^ di BeU 
fcno, T. XlX p. ^, 



I^ JL/alesmaiTnfni ArtmU sindico^ 
de*, Padovani a Verona. T. I p» 
IO), jéie$jfO' detto Turco figlino* 
to di ArtQsiflo. fona. V p. 49. 
Manfredi marito di Tommasfn» 
^a Camino. T*. Il p. 7J 74 75 
7^* Suo credito col Comune di 
Vicenaa. T. It p.X'iS^ ^'/'^ su» 
Sorella. T. Il p. i*s* 

de^ Ùal^ni PUcsriri», e sua famt|(liai 
Veronese fuoruscirà 10 Tiivigi.r 
T. VHI p. latfW 

<U t>alIo Vannccih, Mémfredt^, ù 
fratelli^ Lé»tjl»tt^ ed JndrUU 
Cittadini di Reggio. $fri4i, T.X 
H-n. Aderemr di Niccolò Afar* 
chesc d* Este. T. XIX p. 9*. 

Darmedele B9ngfmU Trivigiano^,T.. 
VII p^ id9, Girardi Console in. 
Castelfranco. T. VI p* 71. Tri* 
vigiano, T. VITI p». 1*4 i-*»- 

Bplmaxia Duca delia» T. I p. a^7r 
^ Tomo XX. 



r> A 1 77 

Èa lei «Èia pretesa per antfco dirfr- 
to dal Re d* Unghena , e d^ * 
Veneziani. T. XlII p: s«. Sfdo* 
vevaoo publicaj Je tregue fra \t 
Re d*' Ungheria e 1 Veneiiani. 
T« XIÌI p. 57. si permette a* 
Dalmatinì unr libero rom« 
meicio per le tetre de" Vene- 
ziani. T. XV p. 8p 8't. Torna 
sotto il Dominio Veneto^ Tom. 
XIX p. jar I Veneziani nepren^ 
dono il possesso. T. XIX pw jj.. 

Dandolo Andrej ^io del Doge. 
T. Ili p. ìli i7« 177. Amérem 
Doge di Venezia. T. %ll ^, ^s 
*1 >5 Jtf J7 19 40 4» 4* 45 
$4 5^ J» <« 77 7» 19 «• 86 
9« na rad i*r 1*7 118 xj» 
I4J 147 rS5 I57# T^ XlM p. 5 
9 I© *S» Amico del Petrerca , 
?1 <}ttale ne fa refogio. T. XIII 
p« i |. Jndrt0 figliuolo di Mar- 
co. T. XIX p* 37. A»f9iim0 tm- 
èasciatofre a Trfvigi. T. VII p, 
36 j7. DknUle ambasciatore ifv 
Wttll. Tom. VI p. 51. Fs^m0 
Dottore ambascia tosr de* Vene* 
liani a far la tregua fra il Vi- 
scontf e ^ Col fegati della Lom» 
baxdia. T. XIX p. 9^1 97. Fedtm 
rìcé ambasciatore' de* Veseziani 
a* Fadovani, T, X p-# Jj $4 5$ 
Stf. Anìbasdatore a Cjn^tode* 
^f9TU • T. XI p, 7» Mrm»4fff 
ambasciator al Papa poi actenec 
I' assoluzione delltf scomunica 
pei ferxara. T. V p» x&8» Etet» 
to Doge à\ Venezia. T. X pwff- 
^tf laa i2« f4i» 7. XS fw 4 1' 

, ^$ at . iof$ 114 «34 >J^ '^ÌT 
J40 »4a i4S^ T. XII p» 9.. T. 
XIU p. tfr. St^ùéu T.tX f.iz^ 
X s 9* Cievé^ni Doge di Vesezia* 
To». Ili p* 7$ 77 Jfl' *aa 17/ 
f79. Oì9vsnnl Fodestà di Trivi- 
gì. T. XII p. XJ5 15^ »4i »^» 

T. xHl p» f s 8j. T- xn' p* 

77. Xi. Capitanio m Trfvigr., T* 
ZIV p.. at a» 25* Podestà di 



♦7t n A 

TH^é^ p«i It fCTM trotta. Tom. 
XtV p. 44 45 4« 47 4» 4J 5© 
5J. •^. XlV p, 77, Atiffi Sitìdi» 
CO de* Ventiiani. T. IV^ p.'ii» 
AmbaMÌatote a Verotui. T. IH 
p. tfo. ^cnimohio in Vtnttìa. 
T. XIX p. 88. Ambasdaeort a 
^fgisréonclo. Yom. XÌX p. t$t. 
/.#»»«rif H^lfo dct Dòge Andrea 
presente In 'frivigì. T. XtlI p. 
9. Itr^Podesti di Trivjai. Tom. 
XlV p. ttf. L0r«)»(t lam eletro 
à eonsuhat sopra alcune novità 
Btì . Carrarese. T. XIV p, 74. 
Séfékttmw 'Prorreditore ìfi CasteU 
dauco. T. XV p. xi. Governa» 
tote 4eir esercito di terra all' 
«ssedfo di Chfoggfa. T. XT p. 
4j, ^tovfedttore a Tiivig?. T. 
XVtl p. 5 a. ftmtntn proreflre 
i Trfviafaiii nelle loro gturitdli 
«ioni. T. XII p. 7. Pieiente in 
ycneiJa. T. XII p. j>* Codesti 
di TrÌTfgh T. XII p. «I 98 it8. 
Podestà per h feconda volta. T, 
Jtffl p. ^ 9 ••• 

f. Danieft ^ Campatdo, e suo 
dasfo fc" THfigianl. Tom. TIII 
p. 75. 

8. 1>»fele Casttlte lo Fr{aff.Tom« 
Xf p. 59« Danni tecari dal ter« 
zemom dol tj47. T. XH p,8jr. 
Aderente agli Udinesi cantro il 
rardinal d' Ahnaone Patriarira. 
T. XVf p. 104. 

#a 8. £^niele JttrttU e Cirr^dtit 
' éofio in Udine al parlamento ^* 
t)exa)e. T. Xl p. 54< mttfuttìt, 

r. rvii p. IO. 

Bauto A»ir$4k Podeafl^ def Lido. 
T. If^ F« IT* J»drrs della eoa* 
gfuia tu Bafamoflte Tiepolo. T. 
\If p. j7, Smcttato dal Tetri* 
irxfeo di Txiii1|K T. Vlfl p, 124. 
AWrs'st Venerano podice delle 
petiaioai. T. II f. 157* 

Ut laito /MiMpt da Korigo Cancel- 
liere da! MardiCfC r lite. T. 
XVn p. fi* 



D E 

Delcato Pitm del consiglio di Btl^ 
lono. T. XYIII p. i«. 

X>$m4trÌ9 Cardinale di Strlgonia 
tcrite agli Udinesi pregandoli 
di rilasciare Michiel di llabatta 
lor prigioniero di guerra. Tom. 
XV! p. foi. 

Denario Ug9Bt Dottore Padovano 
giadìce avvocato. T. II p« 141 
IS4. de* Sapiend. T. lY p. ^14 
40 41. qu. Pauvino di Meno 
Abate. T. IV p. 40 41 4». di* 
ér§vMmdl90 di Ugone Dottor di 
leggi Padovano. T. IV p. 108. 
Proferisce un suo consti fto favo» 
revole a* Trivìglani. T. IV 'p» 

Dente ÙtivMHtH Mora figlio dito* 
renxo. Tom. Ili p. s* i.4«r« di 
Giovanni Padovano. T. Il p. 7i 
76. r49t9 entra in Padova , t 
muove sollevazione contro i Car* 
raresi. T. IX p. 88. Unito al 
Tempesu scaccia i Tedeschi da 
Treviso. T. IX p. 89* gli eredi 
qu, Vitaliano " hanno le rappr'e* 
faglie coatro 1 Ttivigiani* Tom* 
Vili p. $7. 

Dcst fCegota di 5. Maria Villa dol 
Triv^iaito manda guastatori a 
Masriiifo. T. XI p, a*. ' 

Desio jiumiceno del TiMgiaao.T* 
II p. t^)0 

Desio Pieve di 5. Maria villa as* 
secrnata a Mestre. T. Xf p. 138» 
Villa del Trivigiffno : muda clic 
si pagava fc* Vefte«iani. T.XVI 

P. 21. 

Desmao Villa dei Padovano , e 

suo ponte. T. XIV p. 90 f r.T. 

XVT p. a4« ttto Cenalo. T. XVI 

fé as* 
Dcftrafltto Castello in f rfuH , è^a* 

ni recati dal terremoto del ij47« 

T. Xn p. 84* 
JÙfitruH9 Cardinale. T. I p. i8. 
JOUtrif Vfcccapitaoio Io BeBono. 

T. tv p. :»#. 
p/wdf» Tnxmnt def Capholo *• 
Aqfti- 



D 1 

A^ttìleja. T. IH p. fai. Morto, 

Z>ian«iiani« T. I P. 2ù, 

Dìùttttìo yitU de* Signori <fa Po- 
gliano. Sffìd. f. X p. te, 

di Dogtione Aldf difèndi ut itodente 
in gius Cflftofifca affo studio di 
f«vi4. f. %fn p. 94. ticCTOta. 
to In utioque juie. T* SVll! p. 
4 rf. 9^1fafr«s6 tfciHo edas* 
«e»drd in YilWgr. XVIM y. 70.. 
Asbasciatofe d? Bellnn^tt i Ve- 
ffitfefa pet la lord d«di£ione. T. 
XIX y. i2|. Ardit,*^t qa. Ma- 
dtsdò Cfudfce di BeHc^no. Y. 
XtlI p« 42* Bt/f4£fém,id sfadente. 
(n gfus citile alio stadio di Pa- 
via* 'T. XVtl p. ^4. CAtXApttrré 
Beltunese bandito dal Visconti. 
T. xVm p. 42. Centi figliuola 
dìi Lusardino. Tom. Siti p. 72, 
tféivtd nei consiglio di Belhinp 
T. XV p. i«. FUìfpìn$ spedito 
" ie Benunesi cmt alcun} Capf. 
coli al Duca Leopoldo. T. XV* 
p. <7. Óì9v4nnt Bcilunese »cca- 
sito d! tradimento pressa l!bu-' 
ca Leopoldo, ma diclùiratoih-^ 
oocente* T. XVI p. Sy. ÓrésU 
Cancellfetè della Cftr^ dì Bellu. 
eo. T^ XV p. %9. 4)0. Brettone 
Cd«s<$te di Betiunor. T. xVip p. 
i8« GM£tiélm$ olim Castellano 
det Castellcr di lasiise ottiene da 
S^isn^oiido Imperatore le rap- 
presaglie contro \ Venctf. tlom* 
XlX p. 5 7. Sigismondo gliele rin- 
nova. Tom. XIX p« if i« Jét^f 
m»nev4dore della tregua, hz i 
feltri^, e il Vicaria Imperiale 
dt ^erra^Tle. t. XIX p. Ux. 
tj^fiUu ambasckiore de'BeNaae- 
SI a Sigismondo. 1*. XtX p. roi 
^02. yresema afla Comnnmana 

f teresa del Vescovo Scar2mpi.T. 
rx p. xo^. Ud^Ué nel con. 
giglio dì Bettino. T. XV pr itf* 
S^ékrnutU console di Bellon<>.T. 
Xin p, 19. HeIeoit$igiio diBet- 



D O 17^ 

Inno. T. XV p« td. ritttrt qa« 

Bernardo nota)ó di Belhmo. T. 
Xll p. ia$. t. XtlI ^. 21. Am- 
basciatore de* Beltttttcsi al Dnca 
teepoldo. Ti XV p. <$• OMri- 
spetito eseguisce la tmà ftttlba- 
sciata in Ttitigl T. XV pi tf|. 
Coosofe delia Cittì di Belluno. 
T. XVI p. tas. r*d:ti0» ntMajo 
qu, Amadbio Giudice Bellnnese 
abitante in Collalco. T. Xll p. 
r«s. 
I>ùhedfi»U$. oot»]o di BasMntf. T. 
Ili p. $t <^, éo. qu. CioTioni 

^oppo. r. Ili p. i^ T. ni p. 

ptf. tn^HtrH da B^Sstno. T. IV 
j. irt t77. AM0. T. X p. 18. 
]^r0h»^tHU Bellunese pretente lA, 
Belluno* T. Xtl p. i25r. 

I>0lcit$imt Vescovo dt Ceftedjl ri* 
ceve da Carlomagno la confer- 
ma de* prìfìlegf della tfua CIiie« 
sa. T« I p. i« 

Dottino BertuccU padre dt filfppa* 
' T. VII p. *?• Dsljhé artibascia- 
tore a Ferrara* Tom. V p. 11 1. 
£ftHc0 speditór a feinm da^Ve- 
oèiìarti. T. IV p. sé. Amblscia- 
^e a TrfH^f. T. VlB pt^. 74. 
Al1ff4 «Wiiene àT!* Veneziani le 
rappreio^fie sopra t beni dei Co» 
ttnm di Tfritigi. T. IV p, tòs, 
ida. nto^lie di Mtnwcetw DoMno, 
è figliiÀrf^t ài Riciielda di 2en. 
son o sia di. Casce! Zigottor# T. 
IV Jr. ter* Viene td un ttàtn^ 
to cff TiivigitM. T. Vii 0, 15 
ad arr. Soa fit^ cò'.Tcitfgfani 
per varie possessioni, che erano 
«tace de* Ca^eH?, e <fr Carta. 
tttu T. XU p. 12. e seeg. Sen.^ 
tenia in hftrtt de* Tmi^aiti. 
T. Xll f. if. si appella daquc- 
sta senteofa. T. XII p. t6. Frsu» 
etiH Ca^ni9 dà Romand fa 
liedSiKnr he bastha. T. XIV p. 
S}. Podekd d^ Asolo. T. JTV p. 
5>- ùÌ9^rtmnt ftocvkH¥ire dt h 
Marctr Pt^rreditore n Tthigu 
Ma T. 



fSo D O 

T. ^111 p. SJ 54. Doge, T. 2111 
p. SS 5« 59^0 «* tfj «9 71 7a 
75 7« 7« ,79 «j 8« 87. <^«i»- 
r7« Coinmittario di SccraValle di 
Camino* Tom. IX p. iS. jA9$f 
Todestlk in Tiivigi. T. lì p. 95. 
]^^c9f Kr. ano de? cin<|ae elet- 
ti a stabilire i confini de' Vene- 
siani col Carrarese. T. XIV ]^. 
90 9V* Stabilisce i confini fìa il 
padovano e il Ytnesiano nel 
1574« T. XVIII p. as. t^éìeéu* 
nobile Veneziano Consiglière. T. 
XVI p. 7«. PUtf Contestabile 
e Capitanio de^Beroarj inTrivf« 
gì. T. XII p. 4S. Vìtfré consi- 
gliere del Do^e. T. II p. 121. ^ 

dc*DoIzani nobili aderenti de' Si- 
gnori d' Arcelli. T. XIX p. 9Ì» 

J)9mu:§ nuncio a Trivigi per V- 
gone Vescovo d'Ostia e di Velie- 
tri Legato Apost. T. I p. tfa ^ j« 

de Domo Glruénnl Tiivigiano. T, 
li p. Y48. 

de' Donati J/aimis da Fioreqz;i Ca- 
^ pitahio delle genti Carraresi va 
In Valsugana contro Sicco da 
Caldonauo. Tom. XIII p. 50. 
Nuncio. e procuratore di Fran- 
cesco da Carrara. Tom.Xin p. 
<9. qu. Aprando abitante a Pa- 
dova nella contrada di S.«Agoe- 
ae. T. XIH p. 94. Va a Vero- 
na con salvo condotto. T» XVIII 
p. 60é 

S. Donato di Piave; ^li nomini pren- 
dono a' soldati di Cane armi e 
cavalli. T. X p. 78. Sc^etta a' 
Caminesù T, X p. 78. 

S. Donato bosco de* TrivigianuT. 
XII p. 4- 

Donato AndtiA oiExiale alle rason 
vecchie. T. XIX pag. xje ^40. 
Cavaliere c^u. Banolammeo Pro- 
curatore di S. Marco. X. XIX 
p. i4«* L%Ttni,% Podestà di Tri- 
vigi. T. XIX p. ijj* ' 

Donazani Atmir^Ua- qn. Corradine 
da Bastano. T. Il p* 7«t 



D O 

5. Donnino Borgo fortificato daP 
esercito imperiale contro le gen- 
ti del Legato. T. IX p. 9«>. 

de' Dondedei GUvénnì Canonico di 
Ferrara. T. Iv p. 119* 

Dprestagno xn Friuli , Danni reca, 
ti dal terremoto del 1347. T. 

XII pag. 84* Lago così detto 
ibìd. 

Doria r4M»«s Ccnovese officia le di 
guerra. Tom. XV p. 107. Pittrm 
genitale de* Genovesi in dileg- 
gia accoppato' dal Campanili di 
Brondolo. T. XV p. 34. 

Dtrlmhdch Capitanio de' Tedeschi 
rimasto prigioniero dì Castine- 
cb nella battaglia contro i tìo^ 
rentini. T. IX p. 9». 

de Dorso Signori amici e fiiutotf 
di Mainardo Conte del Titolo. 
T. Ili p. 139. 

Dosone Villa del Trivigiano. Tònu 

XIII p. «7. 

de Dosso CrUffor^tiùtiy» diT«en« 
to. T. Xll p. sr. 

Dosson Villa del Trrvi^aifo man^ 
da guastatori à Masnao, T. XI 
p. a^. 

de' Dotti Fréthtsc§ pretendeva dì 
essere creditore da' Veneziani 
pei danni lofièrti di 4. mille da- 
cati. T. XV p. 9*. Podestà di 
Treviso pel Carrarese. T. XVI 
p. 99 xoo xor X07 iix. Amba- 
aciatore del Carr a t eso a tra ttar 
Ja pace in Friuli. Tom. XVI p« 
243. Presente in Padova alla de. 
diaione di Canipa. T. XVI p.. 
154. Era Cavaliere e figliuolo 
di Paolo. T. XVr p. 154. Sthi» 
n$lU dottor presente ih Padova». 
T. Vili p. 184 187. Ambascia» 
tore a.Triv^i.T* IX p. 149» 
Pét€9 Z^as^oi»* giudice Padovafx>» 
T. II p. 41 77 87 XAS. Zéumif9^ 
»• endice. T. V p. ia3. Giuri* 
sperito. T. V pag. 1^3, T. VII 

^ P. 53. 

da*Dovaxa Bmsn alleanza contro 
di 



v^^ 



DO 

di lui fatta da Carlo^Re di SU 
cilia , ed altri Gaolfi. Tom. II 
p. 88. 

le Doallie Egidio da Hoaao Cano« 
nico d* Aqailcja. T. XVI p. 94. 

Doza ne* confini del TiiVigiano 
fiumtcetlo. T. Ili p. Ss. 

Dia pedo CrUtùférù di set Avawwi 
mandato da* Trivigìani all'eser. 
cito di Mastino eoa tre cavalli. 
T. X p. itf4- Tom. XI p. a4* 
Frunctset qu« Avanzo va ali* e* 
sercito di Mastino con dae ca« 
valli. T. X p. 171* 

Drena 'Castello del Vescovo di 
Trento dato in feudo a* Signori 
d* Arco. T. XIV p. i^ 

de ì>resseno Frsnetsef Inquisito! 
del S. Offizio nella Marca Tii« 
Tigiana. T« III p. i8j. Mtrmud» 
Vicentino. T. IV p. 79 loa. 

Drui% Vescovo di Feltrc. T. I p. 
^5 *tf Jj 39. 

Drnd9 IéàrceHin9 Podestà di Vi« 
cenza. T, I p. 47 so. 

Ducad d* oro. T. Vili p. 144. : 

Ducati lfo«ire Ginrisperittf Ferrare- 
se Siodieo degli £stensi. T, IX 
p. 4J. 

de Duino Ugtn* promette al Pa* 
triarca pel Conte di Gorizia. T. 
IH p. 4. Giura pel Conte di Go« 
ri^'a. T. VII p. H. Presente in 
Conegliano. T. Vili p. 179. Ca» 
pitanio generale di Gorizia e di 
Trivigf. T. IX p. s«. Dimanda 
soldati alla Contessa di Gorizia 
in Trivigi per la difesa dello 
stato. T. IX p. «9* Accompa- 
gnato da Ambasciatori Trivigia- 
ni va ad un congresso in Ger- 
mania, T. IX ]^. 9$ 9tf« Capitan 
generale di Triv^. T. IV p. 9* 
98. T. X p. as. Procura di con- 
fermar la tregua con Cane. T« 
IX p. 105. Conclude tregua col 
Tempesta , e gli altri suoi ami- 
ci estrinseci. T. IX p. i«7. Vi- 
cario della Contessa di Goxizia» 



Da 181 

T. IX p. ijo. ^atto Capitanio 
di Gorizia minaccia ostilmente 
Portobuftbledo e la Motta. T« 
X p. jo. Capitanio in Trivigia* 
na per il Duca Leopoldo. T« 

XV p. 69» Capitamo m Trivigi 
pel Duca d* Austria. T. XVI p« 
4 Tj 1$ a» I2. Riceve ordine 
di andare a Trieste a prendere 
il possesso della Cit^. T. XVI 
p* jj« Ammalato in Trivigi. T. 

XVI p, 45. Arriva a Pordenone 
con 100 lancte da 4. cavalli per 
lancia. T. XVII p. ja J4. Arri- 
va a Cord enono , e passa per la 
strada di Sprisiano e Settimo. T« 

XVII pa^. i\. Passano le genti 
pel Trivjgfano con piccolo dan- 
no del territorio. Tom. XVII p. 
J6. 4«A//^ ambasciatore del Pa- 
triarca a* Coneglianesi, T* XI p. 
150. 

de Dullo PUtrt. T. it p. irtf. 

Dungsperger Ohvsnnt armigero del- 
la Curia del Duca Leopoldo d* 
Austria. T. XVI p. 30. 

Duodo PAOI0 presente in Venezia 
airistrumento di pace cogli Sca- 
ligeri. Tom. X p. laa. TommL» 
Capiunio di Padova. Sttrìa, T> 
X p. ijo. 

Dnranri Ofr^rdo da Parma Giudi-^ . 
ce Vicario del Podestà di Trivi- f 
gi. T. IX p. 151. j 

de Dnrello Av4»k9 di Pietro, t/ 
IV p. 177. DurtllB, di Pietro. fJ 
IV f. 177. Dnrtlh qu. Alberto 
Sindico de' Bassanesi. T. Vili 
p. 17$. Sua lite contro Niccolò 
di Rovero. T; IX p. a9 JS 8s. 
Oébri»i§ Sindko de^ Kassanesi. 
T. Ili p. Tjr. Ptitr» da Bassaoo 
Siodico é procuratore de* Bassa- 
nesi. ,T. II p. so SI Sa. 

di Dutofbrte AsUrgU Capitanio 
dell* esercito della Chiesa in Ro- 
magna assedia Salatolo oel ter* 
ritorio di Faenza, e h pr^io- 
nieri i Pepoli. T, XII p. xss. 
M j ^i 



. if» n IT 

4Ì Vutu^o CÀfidojnipo /•4«ii/«o 
Prfv4m0 prcfcnct io Torino tlia 
face ^t I Velieri f ì Geno. 
ven* T. XV p. 71. 

Dmcrcìa ArcWcfcevf. T«n p«^y. 



XI/Aii/iV Patf ovino, T. HI p. <|» 
d« £briftaf0 Ftitrin, miiite cma- 
rcirSulk» 4c| CooVe <iì G«fffm 
tcstimenio io Tiivigi, T. IX p. 
f. Maresciallo ^clla Contcì^ 
^cauice di Ctiiùg. T*JX p* s«* 
CtrérÌ9 Cavaficff tcsdmonìo iir 
Txivi^f. T. IX p. so >«. M0g9H9 
jnaestco di Cont dell? Contes- 
sa é\ Gorizia i T« IX p. |«. 
^Ullm0 da nomano mediacorr in 
una pennata di beni tra VeceU 
^to e Gabriele da Prata, e Fe- 
derico ed Odoiieo da esporla* 
f©. T. l p. J4. Fedeltà di Tai. 
vigi, T. I p. j«# Pà la permis- 
sione ^d Almetito ^risKCO dr 
obbligare patte di no £pudo* T^ 
J.P/ jp« Poteva andare a Tiu 
tÌ^* a Conegtìaeo, Tmn* II p. 
é 7. Obbligar Fgnone Veffov» di 
Trento a aottnsetivere coadisfo- 
fltl contrarie alla lB>ertik della 
diicsa. T. n p. 15. Odiato da* 
Trentini. T. II p. i* 17. ìiU 
•accia il Trentino. T. IJ p, J7. 
1 Signoti da Prata atano suor 
adetfotf, T. U p. js» Pu Si- 
giiote di Bassano. T. Il p, 4^. 
Et$ltn0 ed jUgrUf avevafio be- 
ni in Jf astolente, T. II p^ 57,. 
e Casa in Basaaiit». T.H p. t$9. 
S fèudi dal Patriarca, che fii* 
xdoo occupati da* TrivigianL T. 
^ pag. ai 19. Soe guerre per 
tutu la Marca , e apeaiilmente 
ne] distretto di Tnvigi. T. IH 
p* tSv Aveva tj. otanai in Aie- 
dolo di Avogaria. T. IV p, 99* 
$uc niasoade veonta ili pwcdf- 



V.C 

oieat9 de* Trivfgiani, % V, pe|« 
«75» Aveva ftbbricato la torre ,• 
ed il Palaazo delCaateUp dlM 
St9ns. T. VII f. If ^ 

Et€lin0 vieatia di Itovigo» T« H 
p. la. 

de Ecek) Bpm^f4ttjf Ajvalano 4ì 
Tiiviti. T. V p. 2Q7 aie ais# 
Mandato alla Caria dell* Impe*' 
radoxe. T. Vi p. t • AfitUno* T« 

VI p. f j 17 J« JP a<J. Amba- 
sciatore a| Coote di Gorizia» T« 

VII p. 18 ì9 ao4 T^acimonrio in 
Trivfgi. T- VJI p. aé. del Con- 
eiglio. T« vii p. i^* Manda»! 
fiunaio a Padova. T. VII p> e o. 
Anziano. T.'VlH p. i4«, Inter<« 
viene in Mestre pc* Trivi^ianf 
ad un trattato co* Padovani. T. 
VII! p. ♦!• Pagainre deputata 
dal Comune. T. Vllt pag. 1^5* 
ffotzfo Ttivigtano. T. IX p. itj» 
Sapiente. T, IX p. 119. Trivi* 
giano. Storie* Tom» IX p. vejr 
Ambasciatore a' Vaneaiain» f^ 
X p. 5^* Pel aoaBtier di mes^^ 
»>. T« X pag. i<^«. Savlt. T. X . 
p. 168. Fidtrìfi ootal» apedi^o 
da* Trivigiani ali* Imperador ^n*> 
rico. T. VI p. vg. aT. T. Vili 
p. f. notaio è alla eorw* del Pa.^ 
pa , e impetra lettere hr htptc 
de* Trivigiaai« T. VIII p. 1*7.^ 
Ambasciatore de* Triv^ianj » 
Vcneaiav T. TJI p* iff. Nòtaìa 
esattore de* Titvigiami^ T. IX p. 
iji. Eletto Sa«io. T.IX p. ff|4.. 
An;&iano, T. X^ p^ i r« Savio. T. 
X p. lar Ili isft PrescocB ih« 
Tnvigi. St0p'ts^ Tt IX p. ?$«. 
Ambasciaior de* Ttivlgtaoi al 
Paca d* Auatria. T. XVI p, ,9. 
42. Fi^0vnnt$ milite Trivigiaoo. 
T. n p. >7t ffaritóvri dal Sig. 
Boaapaaio va aU**eiercito ^i Ma- 
atiQO con tre-' cavallL T. ^ pw 
i7r, Im9^ anaiano. T^ VII p4 
19. Mm^rì^ Shdieo do** Trivi- 
Siiuù. T. U ^ a^v 



Ovili àoìéìh dì £luih<na KegU 
na d*i;nglieti»pròincMa in iVpb- 
#a aJ prìuiagenìto del t>uca Leo* 
poldo d* Austria. T* Xvl p^ \o, 

igtJu Caldina! legalo io Italia lor^ 
ma lega ^ontxo il Vi^oriti. T. 
jtlli f. 82. Stipula h pice. T. 
XiV p. M. 

àoL Egni FàUéndrU de VìIIandrci 
<csujD9nìo in Feltic. T. JCI pig^ 

£l»0»é veicòvd 41 ficàt^. Ted. 
trcoto* 

1 Eltfia Vitia del tilvi|i>oo, é 
lua laogtnt^ di colte. Tom. xi 
p. 14* . ^ 

liertori dcirimpero d uniscono irr 
coAfedeiazione col Paca leo- 
potdo. t. XV( p. sa Sìd 

élisdbétté Regina d* Ungheria prò- 
^ mette di mandare genti at Dua 
tz Leopoldo Contro il Carrarese' 
pél difender trivigi. t. XVI p^ 
47 5o. Fera|ictte ^he ii^a soreU 
u Edvige si mariti col priinto. 
I^ito del Duca leopofdo, è 
. éoion'ailo lìe di Polonia, f oiff» 
xvi p. ^v. Prometta di manda* 

* le ainbascieiia al Carrrarese, 

Srhè fàccia trattai col Daca 
poldo. T. ivi p. S9. Scrive 
a Fraoceico da Carrara' , perchè 
A* interponga i pacificare le di- 
icordic , e le gaerre ci v|li ^ chi^ 
rfovihavaóo il Frmt T. XVI p. 
'^1 64. Il Carrarese la assicara, 
ah* egli non ha in, pensiero di 
^ondur le sue ^enil a' danni de! 
trilli, t, Xvf |« ?*• Strfve a- 
1^ Udinesi. aCeioéc4iè diano /a 
fibert^ a Mìchiel di Ciabatta lor 
^i^icró. f. XVI p. 109. 

1 Eliseo di Ceheda CaiteUo presa 
in politifo da* Signori di P'orzSa.* 
T. I^ |ì. 44. itudo avoto (fai 
y^^ova. t. Ili p. i$|. 

4^ Eiunabergh C#ote presente nti 
Cadilo del Titolo., t. 3t p. j$. 



de' Geaoycsi a Torino, f . M^fik 
7i« Suo ifitrumento di pfoCulié 
t. XV p. 107. Atbitro p^i ai»' 
c;uQÌ cii^itQii fra il Canaraac é 
i^Veàoaiaal, f. XVÌ p. #. 

ÉnuIIani fìétré Ves<ovò di Viccn. 
£si concede a* Monaa l^eneder-k 
tisi i^ Moriaitoro ài $, fortumi 
fò pfesio BasianOL T. XÌX pagi 
17. Concede a* madesimi ilMo« 
^ basterò di S. lucia di Brcoù. 
f. XÌX p^ 5». 

do Émerardo Giumkgné giudice (U 
glio di Oiiorico di Padova* T^ 
ili p. 5tf. 

Emo GéikrhU, piètre^ %Ùit$é kti 
Vèd. Aimo. 

Énionia V. Circariovd. ^ 

tncio PUtré feiiuolo di set Ma' 
fino hotajo ai teàesia* T. XIX 
. P- »45. 

dcf Endtt fàulg pri^ioflta'ro di CaJ 
struccip oella battagÙà coótto 1 
Fiorentini. T. IX p. pi. 

de Eodrigèto Fdmli Trivlgiano. Ti 
vi 1;. 41.. Jfsmlféldé Console de' 
Trivigiani. T. Vili pw i64, Sé0J 
rtéi. T. IX p. I7J. 

<legti Éngelfì^edl Sitrd§mé datadova^ 
Podestà di Vicehaa. T. V f. ttf« 

dtf^li En^enolff R9SsdrÀ4 amMScia^ 
toré (fé* l'rtvigiani fi tkigi ita*' 
fin Fallerò, f » XIII p. a^. a( 
£oge Gradeni^ò. T. Xlli £• 3^^ 
£lé$i^infìé Trivigianb va ali* titu 
éìto di Maat)ào ^^o* suoi cavaU 
H* f. X p. 171. ti to'rna araci-' . 
dato da* frivf^ani. T. ±1 pag. 
a4« Sospaéo al joVarA'o SéiUige^ 
rò. StérUL 't\ i£ p. Ì774 

Éi^gisro Cavalla t. xi p* i48« 

de ^nglf SCO' ìfwlènd» Fad^vaào aiw 
alano. T. Il p. 117 ^a$. tékdiJé 
^l7o dì Itolaacio Fodc^s^ di Vi^ 
etnia. T. ili p. iti. 

4e Ennaip^eréh SéàgUi CofUé Uè 
ctimonie a Motoaòo. T. IX ft^ 
Sa. 

Bnrifg trn^ parente di Moéa ini» 



i«» n IT 

4Ì VuruMO CÀfidojnino JiM»nim9 
Pr$v4H9 prcffcnc« ifl Torino tr« 
face fri i Vcuoitoì f i (S<iio- 
¥rij, T. ^v p. 71. 



XZ/Art/i> Patfovtno. T^ TU p« <!• 
dt EbrlmiA Ptitrìf^, milite cmd« 
rci^Sulk» 4cj| CooU <ii Gofffua 
tcstimooio in Tiivigi, T. IX p« 
f« Maresciallo ^clla Contei^ 
yietttìce di Criifla. T.JX p. s«>. 
CtréTÌ9 Cavaliere tcsdinonio iir 
Txjvigi. T. IX p. so >«. Jr«x«»* 
mtestco di Coite dell? Conus- 
sa di Gorizia i T. IX p* |«. 
£f*ìi»0 da nomano meducorc m 
un« pennata di beni tra VcceU 
Jeto e Gabriele da Prati, e Fe- 
derico ed Odoiieo da <>por«a« 
te. T. l p. J4. Fodéftì di Tm- 
vigi. T* I p. j8« Pi 1« permis- 
sione \id Almeilco ^riiteto dr 
obbligare parte di uo ftudo* T* 
I p^ jp, Poreva andare a Tri'' 
tÌ^' q a ConegHamo, Tmn* II p. 
é 7. Obbliga Fgnone Vaioovo di 
Ttentoli aottnserivere condisto- 
flìi contrarie alia ìSbw^ d«IH 
chiesa. T. U p. 1$. Odiato 4a* 
Trentini. T. II p, i* 17. hi»' 
•accia il Trentino. T. IJ p, j-7. 
I Sonori da Prata «rano stiof 
aderenti, T. U p. J5» Po Si- 
gnore di Bassano. T. Il p. 4^. 
Sifitm* ed 4l^9ri49 avevano be- 
ni in Jfasfolente. T* Il p* S7» 
e Casa in gasaanb. J.Xl p. i58« 
S fèudi dal Patriarca» che §bl^ 
xo'no oceupati da* Trivigiant. T. 
^ pag. ai ^9. Sue guerre per 
tutta la Marca, e «peidilmente 
ne] distretto di Trìvigi. T. IH 
p* Is* Aveva ij. manti in Me- 
dnlo di Avogarìà. T. IV p, f 9. 
Sue masnade vcovta in poMcdf» 



V.C 

niefit9 die* Trivtgiani, t*. V. p#f# 
175 • Aveva ftbbricato la torre , 
ed il Palazzo delCatteUp dllas? 
Stpris. T. VII f, l, ^ 

EttUn^ Vicario di iLovigQ, T« H 
p. la. 

de Ecek) Bnnsf^tUt AnsJano 4i 
Tiivigi. T. V p. ao7 »»c aiSr 
Mandato alla Curia dell* Impe*' 
radorc. T* Vi p. t • Anziano. T* 

VI p. f j 17 J« IP *<*• Amba- 
sciatore a| Coote di Gorizia. T« 

VII p. 18 19 ao4 T^aciinonio fri 
Trivigi. T* VJI p. aé. dal Con- 
aiglb. T. vH p. ì4. Manda»! 
nunzio a Padova. T« VII p. a o« 
Anziano. T.VIII p. i4K. Intera 
viene in Mestre pe' TrJvigian? 
ad un trattato co* Fadovanr. T. 
Vili p. 41 . Paga fora deputato 
dal Comune. T. Vllt pag. i^s* 
|i^etajo Trivigiano. T. tx p.iJJ» 
Sapiente. T. IX p. 119. Trivi-r 
giano. gt§ris^ TO». tu p* rtfJr 
Ambasciatore a' Vtfnaftiain» 7* 
X p. %6. Bai <|jaa0tj]er di mcs«^ 
»>. T. X pag. i4«« Savio* 7. X. 
p. 168. Fid*rif9 notai» apodiro* 
da* Trivigiani ali* Imperador ^n«» 
rico. T. VI p. vg. »7, T. Vllf 
p. 4. notaio ^ alla eórte del Pa-^ 
pa , e imporra lettere tir ^vore 
de' TrivigwnL T. Vili p. 167^ 
Ambasciatore da* Triv^iani a* 
VeneaiVr T. f 3 p» i*H. Nòraja 
esattore de* Trfvigianli. T* IX P* 
iji. Elatto Sa«io« T.IX p. fi4.r 
Anziano. T. X^ pr^ i r« Savio. T. 
X p. lai Ili isft Presente ih« 
Triv^*. S$friSf Tf IX p. 15B. 
Ambascialo^ de* Ttivlgiaoi ar 
Puca d* Ausuia. T. XVI p« 19, 
42* PÌ9r0VétBt$ milito Trivigiano. 
T^' n' p. >?• ffar^mt dal gjg^ 
Booapaaio va air*<|arcito ^iMa. 
atÌQo con tro-' cavalli. T. X pw 
i7r« /4*#/^ anziano. T. VII p» 
19* M^mrié Shdi«o 4V Trivi-- 
giiuù. T, U ^. 8T»- 

£di- 



iivigi Soxélla di £lis»b<nt Regi- 
na 4* Unglieti» promessa in iVpo- 
#a aJ primaf(cnico del t>uca Leo- 
poldo d* Austria. T. Xvi p- $o. 

ijidu Caldina) legato lo Italia lòr^ 
ma lega Contro il Visconti. T. 
tui f. 83. Stipula h pice* T. 
xlv p. is. 
Ìbl Egna FdUf»dr:4 de Villani rc< 
tcsujDonìo in FeJtie. 1^. XI pa'g^ 

i^ntni Vftcovd <(ì itttté* Tcd. 

1 Eltfia Villa iti tiivi|iaao, é 
<ua lang^te diì colte. Tom* zi 

{lettori dell'Impeto si uniscono ir^ 
coftfedeiazione col Paca leo- 
poldo. t. XV( p. sa %i4 
élisdkésté Regina d'UOgheiia prò« 
^ mette di mandare genti ^\ Dua 
tz Lcfopotdo contro il Carrarese' 
péc difender 'i'rivìgi. T. XVI fi 



47 50. Fendette ^he ii^a sorci- 
u Edvige si mariti col prfmto. 
I^ko del Duca leo^fdo , e 



. éoion'ailo He di Polonia, foiff» 
XVl p. )•. Prometta di mandai 
tè atfibascieifa al Carrarese, 
àerchè fàccia trattai col Daca 
. Leopoldo. T. Ivi p. f 0. Scrive 
a Fraóceseo ài Carrara' , perchè 
A* ìntarpeiiga i pacificare le dt^ 
scordio, e le gaerre civili^ chtf 
ijovinavacto il Frìufi^ T. XVI p. 
'^1 64. Il Carrarese la assicaraV 
tic egli non ha in pensiero di 
^ondur le sue ^entl a^ danni de! 
triali . "f. Xvf !• ?*• %tiht a- 
gli Udinesi. aCcioéc4iè diano \z 
Ibertà a Michiel! di Ciabatta lor 
fii^ierd, f. ivi p. 109. 

1 Efiseó di Certeda Castello presa 
in poiseSfo da' Signori di P'ori^. 
T. ti |ì. 44. ieuc^o srvoto' Ìà\ 
V^^ovo. t. ili p. 15 1. 

4i Kluflsbergh C#ote presente ael( 
Calcilo del Titolo., t. 3t p. j$. 

ftaMifQ frsmMUf AmbaKiatMt 



de' GeiOf esi a Torino, f . M^ 
7i« Suo ifitrumento di ^òCulìé 
t. XV p. 107. Arbitro p€i ati 
c;uQÌ càpitoii fra il CarrarofC é 
J Veào»!a«K t. ÌVÌ p. p. 
Emiliani f tètre Ves<ovò di Viccn. 
ia concede a' Monaci ^neder^ 
tisi li Moriaitóro «^ì s. Portunai 
tò preséa Sasiano. T. XÌX pagi 
j7. Concede a* medesimi ilMo« 
liastcro 4i S. lucia di Brcnù. 
f. XIX p.- 5». 

do Émerardo Gfumkérté giudice fij 
glip di Onorico di Padova* Té 
III p. Stf. 

Emo Gabrieli, piètre, Utrné kài 
ved. Aimo. 

Emonia V. Circafiovi. 

tndo P^ìétré fe/ifuolo di aer Ma' 
lino lìQtajo di teneva». T. XIX 
. P- »45. . . 

de Ericbrt Pji«/# pri^Jofltaro di CaJ 
struccip oella battaglia contro 1 
Fiorentini. T. IX p. pi. 

de Éndrigeto Pduii Tritlgiario. Ti 
vi ^. 41.. Hsmbàldé Cotisote de' 
Trivigiarl. T. VIIÌ pw 104. Sii* 
rléi. T. IX p. I7J. 

<fegli Ènfielfcedi Sitrdémé daifidovu 
foicià dì Viceiiaa. T. V f. 164 

degli En^enolff Jl§fs4rd* amt>asciaJ 
tote (fé' Trivigiani Ài th^t ìAiJ 
fin Fallerò, f . XIII p. a^. a( 
£oge Gradenl^b. T. XÌ1Ì £• J^^ 
Jtésig9^lé Triv^ano vi all' eser« 
éito di Masttào ^^o'' suoi cavai' 
^, t. X p. 171. ti torna utHt^ 
d«to da' "frivi^ani. T. ±1 pag. 
a4. Sospeso al joVerrt'o SéiUige' 
rò. SUrid, Ì'\ i£ p. Ì77f 

Éi^gisto Cavalla t. xi p* i48« 

de ^nglfàco' H9lénd» Padovano «fw 
ziano. T. ti p. 117 ^a$* tékéh/é 
i^Tio di ^olaiii^o Pod^s^ di Vi^ 
etnia. T. ili p. Iti. 

4e Enntml^erth Sérigld$ CoAU te' 
«rimonie à Mobaòo. T. IX p4^ 
Ss. 

farririr t)^c« ^rcntf di MoM lirt« 
K t pi' 



|>ei; T. 1 p. 9 »J »^ 

fjM'jVv HI. lo^. conferma t^m« 
6aldo Conte di Collaho tucd i 
suoi beni. T. I pag. io. Esenta 
Gamba Ido Vescovo dì Trivigida 
certo «eiviuo dovuto in Verona. 
T. I p. 1». Conferma i beni »1 
Jdonastero di Mogljano. T. I p. 
13, Su^o privilegio de! iiitf. in 
favore de' Comuni della Valdi» 
dobiadeoe. T. X p« 15 n T^ZIV 
p. 78. ^ 

^mrìeé VII. notifica a** Padofvani la 
sua lesione in He de* Komani. 
T. V p« zij. Elegge Biaardo 
da Camino per suo Vicarìe im- 
periale in Trtvigi. T. V p. ij8 
xj9. Commette a' Padovani , che 
debbansi eleggere K^uattro 80g« 
^ getti , mio de* quali sat^ scelto 
^a esso per loco Vicario Impe- 
riale. T. V p. 140. Sua senten- 
aa essendo sotto Brescia |Ttr com* 
porre le controversie fra i ?a« 
Giovani e ì "Vic/entini. Tom. V p, 
241. Sua kttera alla Comonità 
<di Vtcenn, la quale ricusava 
^ì pagare il Castellano del Ca« 
stello. Tom. y p. 14'. Assedia 
Brescia. T. V p. 144 '4^. I-ibe- 
tfa dal bando alcuni nobili Vi* 
centinì banditi per omicidio. T. 
V p. s4tf. Suo diploma , in cui 
«rdma , che sieno eseguiti altri 
suoi diplomi per comporre le 
^i&renze fra i Padovani e i Vi. 
cenimi. T. V p. 157. Suo diplo. 
un ia favore de^ Conti di Col* 
Uko. T. y p. 158. Soa scfiteli. 
sa eoo cui mette al bando dell* 
Impeto i Pado^ranf. T. V p. aoo. 
B.i Carraresi. T. XIV pag. $*• 
lira ^camminato verso Roma 
pec fa corona Imperiale. T« V 
p. 3«i. idegnfito co' Tri vigiani, 
fCfdìè avevano scacciato Goe« 
cetto da Camino. T. V p. aoy. 
dnede BÙUftie a* Trivigìanf , f 
qoti ii acastnQw 7« V p« aix 



E N ., 
2T2. Spedisce a^ TiirTgiafl/i ima 
nuova ambascieria. T. V p.aia« 
Irritalo contro ! Trivieiani* T« 
VI p. 6. Vuol pronunciare ter. 

' ribile sentenza contro di essi. T« 
yl p.9« Suoi ambasciatori man* 
dati a Feltre, ed a Trivi&i. T. 
VI p. ro« Riceve i Trivigiani 
che gli prestano giuramento di 
Àdetò. T. VI p. x8. Sua mor- 
te ^ ed allegreiae de* Triv^ani. 
T. VI p. 16 *7. 

S»rh9 Re di Boemia e di Polonia, 
Duca della Cafintia ec. Zio e 
tutore di Gio. Enrico Co. dì 
Gorizia. T. IX p. 51. Sue dì£m 
lerenze con Cangrande per Fa* 
dova si rimette in Giudici ar« 
bitri. T. IX p. 74. Si publica T 
ìsrru mento del compromesso. T*' 
IX p. 80. Sentenza provisioi^ak; 
In cui si confermano le tregue 
fra Cane e i Padovani* T. IX p. 
«a. Sonore di Trivigi. T. IX p. 
st. Signor di Trivigi ordina al 
Comune di pagare oti dcbico 
£Rto dal Pievano di Cavendefi- 
no, mentre n' era Vicario pec 
la difesa e fortificazione della « 
Città , e de' CastclH. T. IX p. 
99. Invita i Ttivigianì alle sue 
nozze in Germania. Tom. IX jp, 
sor. Ricercato da' Trivigiani , 
perchè assegni a^ Guecellone 
Tempesta uno' stipendio pcMe 
apese fatte, e da fàrsL T. IXp« 
no. Celebra un coUoqaio ut 
Trento. Tom. IX p. iia ijo. 
Manteneva' in Trivigi un corpo 
di Tedeschi, T. IX p. ia| »a4. 
1 Trivigiani pagano gli ambascia- 
tori , che furono con esso al Col. 
lo^io di Trento. T. IX p* ijo 
iji. Significa a* Trivigiani di a. 
vere eletto per Ca^anìo della 
Cittì Enrico di Roteraborch; T« 
IX p. ija* I Trivigiani gli man* 
dano nuova ambucitt*. T. IX 
P- r J*. ine u^oe coJW Scali- 
gero. 



EST • 
?fTa T. IX pag. i)S f j7 ij8* 
bl'Ia petmisflione a* Trìvigìtni 
d! eleggersi ti loro Podestà se- 
condo il solito. T. IX p. i^u 
Provvede ad aironi disordini , 
che inferivano a* districtuali i 
Capitani di Montebellana e di 
Vtdore. T. IX p, 144. Commet- 
te a* Trivi^iani che dar debba- 
no a Gugbclmo da Oniga due 
snansi di terra posti nelle perti- 
nenze di Moncebefluna. T. IX 
p» Z4$« Comanda che fosie as- 
segnato salario a^ Capitani de* 
Castelli del Trivtgiano levando 
loro ogni piodicatura, T. IX p. 
145. I Tnvigiani gli spediscono 
un ambasciatore. T. IX p« i47« 
I Tzirigianì gli fanno un com- 
passionevole ritratto delle cru- 
deltà e delle violenze de* Ca- 
piunl di Montebellana e di Vi- 
dore. T. IX p. 155 1 5^* Nuova 
ambascieria de* Trivigiani intor- 
no a varf affari della Città e del 
territorio» e intomo a cern di- 
scordia civile di Padova* T. IX 
^. isS* Comanda a* Captrant di 
Montebellnna , e di Vidore , che 
astener si debbano da ogni vio- 
lenza. T. IX p. itfo. Notifica a* 
Triv^iani che alla fine ha sta- 
l>iltto di rìcldamare a te i Ca- 
pitani di Mont^ellufla e di Vi- 
dore. Tom. X f» )* Nuove Ja- 
^aoze cspostegh da* Trìvigianf 
delle violenze, e delle rnberte 
di costóro.' T. X p. 5* Notifica 
«* Titvigìanl di aver esaudito 
^tti i capitoli espostigli dal lo- 
to ambasciatore. T. X p« 4* I 
Triyigiaoi lo avvisano di un* In- 
vasione del territorio di Padova 
*rtta da* nimici e ribcUi. T. X 
p. 4* I Txìvigiani e ì Padovani 
^li mandano solenne ambascie- 
da per nn colloquio eh* egli 
doveva tenere co* Duchi d* Au- 
stiia. T« X f« S tf 7 *t Vii^ 



che i Txiv^ani paghino 1 debU 
ti fatti dal Capitanio per pagar 
il presidio della Città e del ter- 
ritorio , e che propoczionioo le ' 
-spese alle rendite. T. X p. 9 10 
ir la xj 14. I Tiivigiani gli 
mandano tre ambasciatori. T« 
X ^p. Il la i) 14. Notifica a* 
Trivigian! di aver apedito ad es- 
si due suoi ambasciatori eoa 
commissioni scerete. T« X p. i $• 
Notifica a* Trivigiani di aver e- 
sento da ogni gravezza Martino 
e Nicoletta giugati, i onaU fu- 
rono della famiglia delia Con- 
tessa di Ootizia. Tbm. X p. 17* 
^.accomanda a* Triv^ani una 
vigihinte custodia al , Castel- 
lo di Moncebelluna . T. X p« 

18. Sua lettera a* Trivigiani m 
favor d* Arresto da Fiorenza suo 
Castellano in Mestre . T. X p« 

19. I Trivigiani gli mandano 
vn* ambascietta per lasnarsi del- 
le violenze del Capicamo di Moo- 
tebellmia, e sopra Cangrande, 
che si era impossessato di Ca- 
rolano e del Castello di Ceoe- 
da • T. X p. ai. I Ttivigiani 
accompagnano con lettera i lo- 
ro ambasciatori. T. X p. a7. I 
Trivigiani^ gli rispondono di avei 
xicevoto i loro ambasciatori . T. 
X p. a8. E di esser pronti a 
sborsare le venti tei mila li- 
te « che egli aveva richies- 
to per pagare i Capitani , e gS 
«tipendsarf della Città .. T. X p. 
a9« I Trivigiani gli notificano 
di nn usurpo de* Bassanesi , deC 
^enavallesi , e de* Peltrini. T. 
X p. ji. Riiponde alle dimando 
de* Trivigiani espostegli da* ]or« 
ambasdatoxì* T. X p. ja. No. 
tifica a* Trivigiani di aver coo- 
fermat» per Capitan generale 
Enrico di Kotembnrch colla po- 
testà sopra gli altri Capitani del 
^Umetto. Tf X^« i9. Beatrice 

di 



tU È<J . 

4\ Savoja^ sua moglk lingra- 
zia i Trivigiani dell* ambasceria 
a Iti spedita, "f . X p. .?S. No- 
tifica a Tiivigiani di aver dato de« 
cisiva iispocta a ciascheduno de* 
k>ro Capitoli. T. X p. )9« Spe- 
disce aoo a Tiivigi pei assetta. 

• re k c<4e della Camera , sicché 
air entiau Corxfspondesse la spe^ 
sa • T. X p. fi. 1 Trivigiaoi gli 
notificano, comt i Padovafil si 
sono^ ribellati • 1* • X p. 4^* ì 
Trivigìanì gli reAdofio Cocco dtt * 
danaro entrato Aella camera pù« 
bUca « delle spese fitte per sea 
commissione* T. X p. so.I Til- 
vi|iant gli spediscono uù am^- 
sciatore per ragguagliarlo de^ 
trattali . che furono fàtn pet 
alcole iàtkittitt fta ctso, e I^a 
Sede Apostolica, t*. 3t p« tfo. 

Eoteclai de* Duchi della CacriUtia f 
T. IV p. iSK 

^e Enveraxdo ollvltv qii« Cem^ 
beito <2iudice . T. IV p. it€. 

de £n%ola Gerard* dtf .Parma Vice. 
th imperiale iln Padova • f. V 
p« 147 i$« IH *7I. tù4€H^. 
T. VII f. «7.^ 

Epitogio sorta di veftta^nco. 'f, 

VI p. 17* 

degli Enselnikihi GU^éanU Vesco?<y 
di Padova • T. Ili p. i>r. 

Equiliò . Suo Vescovo destinato dal 
Papa per assolvere i trivigiaili 
daUa s(teAiui^fca • t. Vt p. i6 
|8 Ci» iSl frrtggd U rubri t4 
m4»tr€ ivi f4> trrért fé in$9 Cii'^ 
tÀ «••USO Gìt\4HM Magno Ve- 
scovo ai lamenta co*^ Trivigiani 
per pascoli usurpati irt Villarto- 
va. T. VII p. n itf. t in Vii. 
ia^nca . t» Vlt p. ai. iAt^€ht 
fui si ctrr€fgsu9 li^ ràk^Uh9 ftl 
medithut trr9r9 • > Pretendeva che 
Villairanca , e Éajada del Ke 
/ossero di sva gikiisdiUKié • t. tt 
f, 4* A.iceve <!ommibtione dal 
|ap4 di aisolvfco f Tdrl^aài 



dalla' scomuaica. l*. ti p. is^* 
Pi«tr9 Vescovo presente in Ve- 
ne tia alla pace cogli Scaligeri é 
T. Xt p. laS. 

eie Érbenstagoo FedtrU^ mateicia^ 
Io del CoAte di Gorizia , e su6 
ambasciatore a* Trivigiaoi • T. 
vii p. 165. 

de'^Brcoardi Sfin& È.ettore petMi<« 
Urto. T. t p. 117, T. Il p..j. 

Eretici insorti in Stalla « Filippo' 
Vi Ile di trancia scrive a*Pxin^ 
dpi e S^gttort d^'ltalk pcrestir^ 
parli. T. X p.. t5» . 

ÉrimaiUki ed Erìmandia • T« i p.- 
19 atf f4. ^ 

Erfzzò J»dr4é pieggio di ÌÌ7knti 
Pascfualigo eletto ambasciatore 
a Padova. *!*. XII p. ^9^ 

Erìémhé Ves^Vo Ve^rburgintó .• 
T. I p. 11. ^ 

ErUiduni iiarchese di Verona . 'fi 
I p. ai. 

Èrmsmné' Cortte di C^ikeda h do> 
•a^iooe alla Chièsa dtS.ManVy 
e di 5» T^watìo 4H Ceoeda . -f . 
< p* >r. A quella d« S. iiiii^ 
pressò la Piave. T. ^ p. 14. 

de Ermiito i.^s»iiyif« Trivmianó • *f.- 
V^ p. ao. Aoaiaao • T. VII p^ 
4. T. Vtn p. rj7. 

de Eroo^ ^T*^' dttzùQ di Cod^ 
Cordiis . T. XVI p. 94* 

de Ersoiio Chiesa di $. Sil^esfrp^ 
lieoeficata da Gabriel d« Cam&i 
Oò • T. I p. *tf. 

degli Ervarj Bimdrù testimonro frf 
Vicénea . t. Vtl p. <a. PodestìT 
di Padova • 'l^. X p. 7d. JL#r7# 
da Vérooa moglie dti, qcu Co; 
Schenellà d*a Collalto , sao tt^ 
«amertto. T*. XIV. p. 7|. 

Estk Camello ^oiWredato agli Estensi. 
T.Ii p.| ^. fossato delù forre . *f 1: 
tll p. Ita. Convento de* firatF 
Minori Ikoeficai'o dà Afca de 
Camino. T. lìl p. iij. l^omi" 
fiato . T, V p. 14» Itatut» de* 
FattoVaAi ih^sQO al Podestà • '^• 
V pi. 



V p. tis. Gettito dt*f:ido}fini 
pei le noYftà &tte da Niccolò 
da tozzo fìbcUc • T. VII p, tf . 
Jonte del pasto, t, Vltlp. if^. 
lodovko inip. crea Vlcar} dcir 
Impero IO Cste Obfzzo e Nic« 
(olo Mlrcliesi. T» IX p. f9* 

da Este Maestro Qi^mnm lAge* 
gftere Padovano • T.lIX p* ai stf* 

<U ESIT if/*#rt# Ved. KlceùU. 

*• JLVMOBANDtìlO q». OtiMO 
e^isce I suoi diritti al Comuife 
dì Fadota » ed fato li accetta . 
T. IV p. 3». Vcd. >f^t , Cd o- 

«^ ifi^ Podeafì di Verona • T. 1 
p. 47 $<>• Concede t un ceno 
^o7tr«rdo da Kofigo, efoa so« 
pra HA casate • T. Il p. la. 
Stipula transazione col Coitfune 
di Padova pet £ste , Calaooe, 
Mootagpana « ed altre Ville • T« 
It p. Jtf. X<;^, Aldfvémdìno ^ 
e Fr0J^ctst$ iratelti qn. Obitzo 
condannati AiX Podestà di tado^ 
ta» perche tenevano invaso ed 
occupare alcune possessioni in 
Baone del Monasteio di S. Ma« 
na di Fastomba . t, IV p. ^6. 
$ì uniscono in alteansa coirtro 
di A<«> i Patmfgrani , f Veronesi, 
i Mantovani* T. IV p. rpa. E 
f Bolognese , e I Modenesi • T« 
tv p. 195. e segg. AtA^ iigliuo. 
Io di Francesco qu. Bartolom** 
arco si matita con Rizzarda fi« 
gliaola di Guecellone da Cami^r 
no. T» XIX p. 157. Ved. n;cw 
99itf^ ed o(»4^»« 

<** B9dtrUg Marchesa , e Giovanna 
oa sua figlfuoI;( beneficate d» 
Nizzardo da Camino nel suo 
testamento. T. V p. 159* 

•^ Bert9id0^ Ved. JTiiiWd» . 

•-* Préncttf s* unisce io lega con 
Bologna, Parma, Verona, Mo. ^ 
dena ec. contro Azzo suo fratel- 
lo. T. IV pjiptf. Suo jstrumen. 
«jf di ptofuta, TflVpti^aiir 



ìluovii . alleanza colle mede^md 
CitA per ricuperare spemialmet^ 
te dal Mafdiese A^zo Ferrara, 
e il Contado di B^ovfgo « T. v 
p. j, Ved. Atxfi , e Mrra/^ • 

•** Fr$n9 afotito da' Venerarti per 
ricuperar Fenara dalle cdanl deli' 
la Chiesa. T. V u. sto. Era fl^ 
alinolo naturale di Ateo . ¥• V 
p. i8« lyt. 

•^ mrr#f ^ Ved. Oftfxt* » è Jf{^vir.< 
do. JVfrrafày Ugont. t Alhirtw 
fratelli si uniscono in lega col 
Papa, Cogli Scafigeri , co'Car^ 
raresi ec* addarmi tfet Viscomf . 
T. XVn p« se. Helb cua di 
Francesco Marchese si stipnfa 
1* iscratneiito di essa lega . T. 
XIll p. 91. Matrimonio di Hic" 
colò con fina sorella degfi Sca^ 
}igeri onorato dagli ambasciatori 
tJc'Vemezfini. T. Xlli ^ 91. 1 
^ratelfi Estensi unitamente agli 
akri Collttatì contro i( Viacontf 
•tfpulano ristrumento di pace« 
T. X^fV p. T5. Niccolò promet'* 
te a*" Vecfemni di osservare i 
patti anttdd, e di levare alcu^ 
«e novità M Po, nelf Ad^e, e 
nel Polesine d! Rovigo. T. XlV 
p, 1». Niccolò, Ugone , e Al- 
berto entrano nella lega contro 
le così dette compagnie . T*XCV 
p. j4. Entrano nella pace tfttf 
j Frintipi suddetti . T. XIV p# 
p. sS. Si conierma hr pace gi^ 
fttta nel ij«9, T. XIV p. 6t. 
fi Canarese regala Niccolò dt 
tutti I capretti vivi , che si ri.r 
trovavano nel Bellunese . T. XI V 
p. 70. ti Marchese stabilisce ì 
confini fica i Veiieziani, e {Car.r 
raresi . T. XVI p. a^. ITnitJi^ 
mente a' Signori <u Milano » tf 
di Mantova si unisce itv lega a' 
danno delle Compagnie . T. XVY 

. p. 101. Eletto dal Honiio AMt^ 
eolico mediatote , percKI iridar- 
f^ese ificietùsc* alia Cbiesn d^ 
A<tut- 



itt E S 

Aqmkia le terre , ed ! Castelli 
occupati. T. xyilp«7« Maneg- 
gia o pace, o tregua fra i Col- 
legati del Friuli , e II Carrare- 
se • T. ZVII p. ra. Compreso 
nella pace htu fra il Visconti, 
e ì Principi Collegati « T. VII 
p* S4* Tiene in Ferrara un con« 
grpsso contro il Viscoot! • T« 
XVII p. 75* Scrìve al Carrarese 
di aver ritirato le stt£ genti dal 
caoipo di Monibacanzooe , e co- 
me il Marchese Azso erasi por- 
tato presso i Pisani • T* ZVII p. 
77. Sua difièrensa col Carra re- 
te per la dote di Taddea acco. 
Aodau da* Veneziani • T. XVII 
f. 7<« Fxt figliuolo del Mar- 
chese Alberto , e Taddea mo- 
glie del Carrarese era iìglioola 
del q* Marchese Niccolò • T* 

XVII f. 7« >»• Di in pegno a* 
Veoe«UAÌ pei 50 mila ducati il 
folesine di Rovigo. T. XVII p« 
ti* Sborsa a Francesco da Cat« 
rara per il terzo esborso la quicu 
u parte del suo debito confor- 
me alla sentenza Bitta dal Doge 
di Venezia. T* XVII p, 91. Tic. 
•e un parlamento la Ferrara 
contro il Visconti • T. XVII p« 
97. Entra in lega contro il Vis- 
conti . T. XVII jp. 97« Fa la tre- 
gua col Visconti . T. XVIII 9. 
p. 3« Il Visconti promette clve 
«on sar^ molestato • T« XVIII p. 
S. Concliiude la pace col vis- 
conti . T. XVIII p. 17 1». Tenta 
di sorprendere Bologna , rn^ vie* 
oc rìspinto . T. XVIII p. ^6. 
Kaoda 400 lancie, e aoo pro- 
lionati al Carrarese per l'im- 
presa contro Brescia « T« XVIII 
p. 50 Unito al Carrarese scala 
k muu di Verona di notte . T« 

XVIII p. 57. Interviene in Ve. 
looa all'obito di Guglielmo dal- 
la Scala . T. XVIII f. 57. Fa 
la pacje colla, Kepublica di Vc- 



ES 

nezla • T. XVIII p. 7$. Col- 
legato de* Vencztsni è compreso 
nella tregua coli' Imperador Si- 
gismondo. T. XIX p. tfs* Come 
.aderente de* Veneziani entra nel- 
la lega col Duca di Milano con- 
tro Sigbmondo. T. XIX jp. 88. 
Fa tregua col Duca . T. XIX p. 
90 97 99» Fa tagliare la testa 
alla Marchesa su a m<^lie , e ad 
tigone suo figh'uolo • T. XIX p« 
140, Va a Venezia , e poi a Trì- 
vigi onorato da* Veneziani • T« 
XIX p« 140* 

— Obl^t,o Marchese. T. l p. 27* 
Giudice delle appellazioni nella 
Marca Trivigiana. T. I p« jp. 
S* unisce in alleanza con Carlo 
Re di Sicilia , colla Chiesa , ed 
altre Citti Guelfe contro Man- 
fredo Principe di Taranto, ed 
altri Ghibellini, Tom. U p. 88. 

"^Riceve soccorso da* Padovani. 
T. Ili p. 15. E^lì è neir eser- 
cito de* Padovani sotto Cologna, 
T. Ili p.' ji. Promettono i Pa- 
dovani di difenderlo contro i 
Mantovani. T. Ili p. 61, Ottie- 

/ ne da Rodolfo Re de* Romani 
le appellazioni della Marca Tri- 
vigiana, e di MonseHce. T. Ili 
p. 85. Ottiene la conferma del- 
le concessioni fatte dagli Impe- 
radori a suo avo Azzooe, a suo 
zio Aldrovandino , e a suo proa- 
vo Azzonc. T. Ili p. 8tf. Co- 
stanza figlia di Alberto dalla 
Scala sua moglie. T.^ Vr"p- 95. 
Gravemente infermo a Ferrata) 
anbasceria de*Veneziani per ispia- 
xe lo stato della Cina* Tom. IV 
p. a 5* 

— Ohitì^ e UtcftU suo nipote van- 
no a Trento a trovar 1* Impe- 
rador Lodovico , e sono fatti Vi- 
cari io Este , e ^Ferrara. T. IX 
p. 89* Vanno a Milano alla in- 
coronazione dell* Imperadore. T. 
IX p. 90. Uno di tsà unito' a 

Riz- 



nizzardo da Camino, a ^icc<V 
Jò da Carrara , a* Maccarulli in« 
Vadc il territorio d! Padova. T. 
X p. s. Estensi amici de* Trivi- 
' giani. T. X p. tf^ tf5. Papa Cle- 
mente raccomanda al Marchese 
ObizZo la pace della Lombardia. 
T. XIl p. 77. II. yapa spedisce 
in Italia il Cardinal Guidone , 
che pnblrca una tregua fta ÌI 
Marchese , e r Mantovani. T. 
XII jp. no. £ minaccia la sco« 
jnamca. T. XII p. 1 14* Il Papa 
gli spedisce Ddébrandioo Vesco» 
vo di Padora per umrlo in léga 
co" Veneziani, do* Carraresi ec. 
contro r Arcivescovo di Milano 
"T. Xn p. XS9 1*0. Frrsta aju- 
to al Pontefice contro l* Arci- 
vescovo» ed ^ compreso nella 
$ace. T. XtlI p. 4. Obizzo e 
liccolb inclusi nella pace de* 
Veneziani , e Fiorentini cc^li Sca- 

Seri. T. XI p* J17. I Venezia- 
si rendono pieggi per conser- 
var la concordia fra 1 Signori di 
Verona , di Ferrara , dt Milano, 
e di Mantoiv. T. XX p. i^ I77# 
Ved. Rtnéld: 
•- Rinaldo , Obìxjj» , BtrtéUt » e 
Nteeti'U si uniscono in lega eoo 
Lodovico il Bavaro, eoa Can- 
grande, e co*^ Bonacolsi. T. IX 
p. 42. Giurano fedeltà ifl mano 
di un nunzio di Lodovico fnw 
petadore, e s* uniscono fn lega 
con Cane , eoa Passerino , e co* 
Milanesi, e noolestano laChiesai 
Papa Giovanni dimanda ajuto 
a* Bol<^nesi contoo di loro. T« 
IX p. 44« Hinaldo' unito a Pa|« 
utuko, ed a' Visconti vince f 
Bolognesi. T. IX p. 88. Rinaldo 
ed Obizzo fratelli si uniscono 
w lega cogli Scaligeri, e co* 
Gonzaghf pet fa* ar^e al Re 
Boemo. Tom. X p. 141. e segg. 
Pr^ati da Vajj^a .Giovanni con 
lue lettere di oón opporsi al 



F A i29 

suo /egato, che andava a pren« 
der possesso di Mantova. T. X 
p. Itf7. 

•*- C^o»e»Ved. Nicctlk 

de Esubo Chiesa di S. Giambati« 
sta. Storts. T. Vili p. 78. 

Ett9r* da Trivigi dottor di le^i* 
T. in p. latf. giudice arbitro» 
nelle controversie per T eredità 
Guidotti. T. Ili p. 147» Tciti- 
monio. T. IV p. ja B90 

£Mi€nì9 Papa invitato ad entrare m 
lega contro il Visconti. T. XIX 
p. ISO. Promove la pace fra if 
Visconti, e i Genovesi. T. XIX 

S. Eusebio Villa della diocesi Pado- 
vana , feudo decimale concesse» 
dal Vescovo dr Padova a Fran» 
Cesco da Carrara. T. XIV ^.7j- 

de Ezio Btrtwlétmit fra gì? stipen- 
diar) de*Veneflani alla guerra df 
Chìoggia. T. XV p. 4K 



dairabiano ir#rt#//» Giudfce Vi- 
cario del Podestà di Padova. T« 
VII p. itfi. 
Fdbrl milite Trivigiano. T. II p..a7* 
de Fabris AnffnU siodico del Co- 
mune di Padova. T. Ili p. t4r« 
BrAndùlésh Giudice Trivigiano* 
T. II p. tfo. Dtmentet nota io qu. 
Jacopino da Passano. T. VIII p. 
5. Giudice e Console di Bassav 
no. T. IX p. 8 j. ^4«fNtr Dot.» 
core fa una bella orazione a^ 
veneziani, quando presero Vero* 
fia. T. XVin p. 60. Interviene 
al Consiglio à^ Veronesi. Tom, 
XVIII p. 81. Eletto Sindico a 
dar Verona alla Republica. T. 
XVIII pag. 8 a. Suo discorso al 
Doge. Tom. XVIII p. 8j. 0«UU 
qn. Alberto canipario dal Co*^ 
mune di Bassano. T. IH p. a54« 
J^dTiM* T. II P. 75. P/*»r# Sin- 
die* 



»9o P A 

dico dt* TrtvigianL Tom. II p. 

27 117. 

da Fabritno GUvsnmi 6uidt6« e 
Vkàsìo del Podestà di radavi* 
T. V p. %ìté 

fiMtfli Jée^0 Veronese «no di qaeU 
li » clic presero Jacopo da Cal- 
ma* T. XVtlI p.Stf. M0r99 ^a. 
Mtrchesio Aot»io^ di vicean« T. 
XIV p. 41 4J. ^ ^ 

di laed» iMn» del ttiìx)i. % IV 

p. tf 9*. 

yacdo bosco « e bedeflo monte 
flesso Caoìpa. T. X p^ 27. ViU 

la assegnau ed Odexio* 1*. XX 

faei»9A« suoi Mttoti della Lega 
liombasd*. Tom. t p« 77* H9tT9 
de* Ftleriol Cmooko. T. tv p. 
>«f « 1* io ailc&Axa co* Bologoe» 
ai. T. tv p. *«4. si tibelia dal- 
la Chics» , ed è molestata 4alP 
esercito der Papa, T. 3(Ttp.i54 
15 S* PUtf Vescovo Nufìcio a- 
postolico s* interpone per la pa« 
ce fra il Re d'Ungheria eiVe- 
eetiMii. T. XIII pw s< <«. 

d» Pamm ibirr«/« Contcscabile del 
Carrarese. T. XVI p. 9o« Toni- 
s»4M# giudice e assasaose del Po- 
desÀ di Tscvj«>4 T. lì f. 73 74* 

dftUa laggÌDola C/'pw«;«M si forma 
ftfocttae codsro di lai In Bolo- 
gai d** Legati Apostolici T. Vili 
p. rs^. 

Pagntn sai Veronese pttso 4a' Ve« 
ire&Um» Tf XVIU P' 9«« 

f ajada del a«. Pretendevano 1 Ve- 
nesiaoi che fesse del Vescovo di 
fiqoilì», ma i tsivigfam vole. 
vano cIm fosse di toso gUirisdi- 
tiOAe. T. XI p. 4« 

Ptire r»t$f^ Trsvigiano. Tom. HI 

P^ <!• 

de* Faker ) Artm*^ giudice dottore 
m Viceoxa. T. IV p. 1^9. T. V 
p^ i«« olJfieà e i{«»tei«|r»tf qa. 
Belino* T. IV p. 171 i77. Atif- 
fé qu. Oldtrlco. T. IV p. I7J 



F A 

174- T. V p. aj 9€» 

de Falco Gmérm§tt9 Giocfice TrlvL 
giano. Tom. VI pag. j^ jj« 
Tom. Vtl p. so. Sapieme. T. 
VII p. ijj ijs. 

tdlconetti Frémetseé da fiotenza 
Blettore dell* arte della lana in 
l^addva. T. XlII p. 9«« 

de* falconi Fstamt gitàdice di Ve» 
xooa. T. Ili p. a}. 

Fa lieto Btrtuc9i9 apedlto 10 Vài di 
Maiono da Marm iPalier^ e dal 
Ùoge. T. XIU p. io* J4c0fù, T. 
Ut p. na ia4. 2^cù Venelia. 
no. T. tv p. 49. àUfl» rode- 
sse in Tn'vigj. t. Xt p, tjó i j7 
t)S IJ9 140 141 '4> <4| >tfo. 

Podestà per la seconda volfa.T. 

XII Pt 77 78 7f ^o «1 Sj t« 
17 i*«. Come di Vài di Marc- 
no, e sotlcvaiione per levargli 
il CasCoUo di Costa, f. XìU p. 
10. ftocesso contro ! ribelfi. T. 
XItt p.io. £>ogc di Vcnetia^T. 
tilt p. x6 a?. Decapitata. T. 

XIII p« }t. Sua morte descritta 
dal Fctrasca. T. Xttl p. >4 i$« 
Sì bandiscono con taglia alcuni 
suoi seguaci. T. Xftt p. ^6, | 
Venesiani ricercano «I Sig» di 
Padova le possessioni cbe esso 

, aveva in Fadotpeoa devolute al 
^Q. Tom. XlII p. 47. Michel* 

fiudice delle petiauoni detto Be« 
etto. T. IV p. X69. /i7icc#/0 Con- 
sigliere del Doge. T« I p. 68. 
Podestà di Serr^valle. T. I p. 
Ila II j. Ambasciatore de*" Ve- 
aexiani a (adova. T. VII p« 55. 
Qrd«lé^9 Capo di XL. Tom.XlI 

P. 15. 

f »Iàcdo Villa àe\ ColIaTn. T. V 
p. i58« Del Trivi^ano manda 
guastatori a Mastino. T. XI p. 
ar. 

de Falselo TfivUi§ noujo au. Ja- 
copo Filippo di TrivigI» T. XV 
P» 47. 

Famagosta Cittì di Cipro. T.*'XV 
p. 8tf. da 



P A , 

et Hno MdnìH9 giudice assessore 
/del Podestà dì fUort. T. Ili 

Fantini PUttf Reffore dc!ta tega 

Lombarda per Alissandria, T., I 

p. 77. 
Fanzeli /!««/• milite 'frivigianO.T* 

Il p. a7. 
4e Fadzello Psf^xjilU , o il d! lui 

f^ateHo mandati da* Trivigiani 

a IP esercito dt Mastino. T. XI 

p. 24. tlerto Savio. Tom. XI p. 

177. Anziano. Tom. 'Xì\ p. j4. 

J4c9b$ An£iafld dt* Trfvtgiani. 

T. in P. 8t. Ambasciatole al 

Doge. T. XIII p. tS. 
Fintolo tilk assegnata a Castel- 
franco. T. XI p. ij9« 
Fara Villa del Tiivtgiano manda 

guastatori a Mastino • T. Jt p. 

2j, Presse il Lisonzo. T. XI Ft 

«9. 
et Fara Msfe^ da Milano. T. X 
■ p, 74. tìetto Sa^io da* Trivi. 

giani. T. X p. x«8. JMpfta» Ca. 

conico d* Aquiffiìi. T. Xll p* 

itfS. trhrtm$ figrfo di Maffeo no» 

talo e clttaditK) di Trivigf. T. 

XI p. 17 40 4a 44. T. Xll p. 

67, Kr«f^« no %HuoIo. T. SII 

p. 87. Cancelliere fn Tfiflgl.T. 

XIU p. so 4j 75* Tom. XIV 

p. 45. 
Fare Tedt^e^ ambastlatote deTrf. 

vfgranf. T. 11 p. d. àsmb^ld^ T, 

VI» p. f|7. 
de Fartento J4c$^» aml>«cciatore de* 

Coneglfaneai » Veoena. T. XIX 

p. ri4. • . 

Farina B^pùl^mh ddttété amba* 

sciatore di Alberto dalla Scila, 

t; vi p. 1J5. 
farse Villa di CMegfiano. T. U 

p. 45. 

JLambertino da Cdfiegliioo dtfie- 
tit privilegi di' esenAlfMe da 
fittecellf da Ctmkio. Tom. IX 
P* »!• 



FA i^t 

dt Fassinelli Puniti f$ Vicario g<« 
nerale di Vederfeo tmperadotio 
Toscana. T. II p. ti. Rictéti» 
Vicario generale di Federico Imp^ 
nella Marca. T. tt p. zi. 

f aatomba Monastero di S. M^Ha. 
T. IV p. 4tf. 

tava ÓMhtiit Console de Cone^ 
gliaoesù T. I p« H <7 9C. T« 
II p. 14. 

Faveto Villa del Trivigiano ab. 

bruciata nella guerra de* Vene. 

> thnì^ T. XI p. 70. Assegnata aU 

la Podestaria di Mestre, t. XI 

p. tj«. 

d«i ì^avignand Li$nMrdt Càttodc^ 
d* AquiJejà. T. Ili p. Ila. 

de* Federici JtàliurU Breseiafto. T« 
IV p. r^o. 

Fidirif 1. Imp. ronibrma alla Chie. 
sa di feltre 1 iuoi beni e privi. 
Icgì. T. I p. a$. t. 1 p. 4*.Or. 
dioa che né Ì Trivigiani, né 
altri debbano ingerirai nelle giur 
zisdijcionf temporali del Cenede^ 
te. "f. t p. 3*. T. XUl p. it. 

ptderl€0 It.imperadore concede al 
Patriarca é* Aqaileia facoltà di 
demolir certi ponti sopri la 17. 
venza. T. II p* 9» SOttòpOnt« 
ft ConégHano ratto II paese ftz 
?iave e Llvenza , t lo dichiara 
separato da qaalanque CfttlUT. 
II p. ro. Éno privilegio in fivo. 
re di Guecèlleto da Ftata. T.II 
p. ri. 

F0d$rU9 servitole del qtt. domino 
Ecefino. T. Ili p. tfs. 

de* Fedrici Pìttf Cfttadiito d' Ur 
deryo. T. XIX p. 159* 

de' Felcttkri plttr* Cinonfco. T. IV 

p. IO?. 

Fellcrto Villa dati a tifolo di |ea# 
do dal VescoTO df Ceneda a Co. 
negliano. T. I p. tiy. l>a* Ca» 
mio^i cedttta a CénegHano. T. 
I p. 9i. Ceduta aftche dal Ve- 
aeovo di Cettt&tt. Tom, 1 p. 90* 
Assegnata da* Trif^ol. T. Ili 



»fi P T5 

|>. 40. Giara di seguire il Pode- 
stà di Trlyigi. Tnin. II p. 9«. 
4S* 

da Felletto ìùm^ffiiné e yUérsmr, 
Tom. I pa|;. 42 aS. Oi^vAn» 
ni di Coneghano del Consiglio» 
T. Xl p. »5a. 

di Felidano Sébvssé gindice di Vo- 
roDa. T. III p* aj* 

de Telida Ràin$rU gildfce Vicario 
dei Fodesa di Padova. T. IH 
p. xjo. 

FÉ LTRE . Gubcrto «o^ Vescovo . 
Ved. Gnheru . Foro di S. Vetto* 
re • T. I pag» r8. Corrado Im- 
peradore conferma il gius ài 
batter moneta •■ T. I p. 19» TI 
XII p. 91* Avvocata del Veseo- 
vo. T» I p. 19 atf. Fcltre Città 
libera » e indipendente ^ome Tri- 
vfgf. T. I p. «7* Federico Im- 
peradore conferma »> brado Ves^ 
covo, e aJIa sna^Cliiesa 1 beni, 
e il (KMcr trasportar la Città inr 
luo^o pili ^rfto esimendola dar 
ogni soggezione da aJtrtb Città 
nella Marca e X.ombardìà« T. I 
p. As. Ti Xit p. 5|i* Gli con- 
ferma il gius dijéna zecca . T. I 
p. a«. T. Xll p. 91- lueio III 
Papa confètm& a t^udo tutti 1 
suoi beni, e i privilegi eonees* 
sigli^ da.Federfco Imperatore • T«> 
Ip; n* Snar teofenaa ih una eau^ 
sa fra Gislardino da S. Zenone . 
e Ambrosio massaro della Ca- 
nonica di Triv^i . T. t p. 5 9^ 
Controversie del Vescovo co*Tri- 
vigiani- mediatore il Legato Apo> 
tonco. T. r p. tfx ój' tf4. Giu- 
risdizioni del Vescovato di Fel- 
tre a montibus inferius verstf 
. Tnvigi eccetto Oderso date dal 
Do^e di Venezia al Comune di 
Trivigi . T. I pi 6% 69. Odone 
Vescovo giurò la cittadinanza di 
Padova • T* 1 p. 8 a. Egli ^ in' 
todetà . co-' Padovani », T. I p. 
t34 Adelgerio Vescovo subilisce 



confederazione col Comufte <^ 
Padova, ed e aggregato a i^uef-* 
la Citadinanza, . T. II p. jo« I 
Padovani formano statuto- intor- 
no alle rafpresaglie di Fcltre « 
T, II p. 8j. Fclftitìi eccettua* 
ti nel concordata tea Vene- 
' zia e Trivigi in matcrfa di da* 
zj . T. II p* 9A 9Jij8. Mar- 
cio de Flaibano Arcidiacono • T.* 
HI p. 33. Adalsecfo Vescovo e- 
letto giudice an>itro nelle con- 
froversie fra il Vescovo di Tren* 
to , e Mainardo Conte del Tiro» 
lo. T. Ili p. 41. Guidone Ca- 
nomco , Aquilotto Prevosto • T. 
Ili p. 41 4j. Adalgerio al Sino- ^ 
do d^Aquilefa • T. Hi p.88. Va 
al soccorso di Gerardo da Ca- 
nina fatto Signor ài- Trivigi , e 
si fa mediatore per T' accordo* 
co'CasteHt. T. lìt p. loj ro4- 
Si fa compromesso in esso f prò* 
flunzia la sua sentenza , e si 

• eonchiude T accordo . T. tlt p. 
10$. Mocedfco suo Visdomino ^ 
Tjn p.105. Girardo Viccdomino. 
Ibni . Forma compromesso in 
giudicf arbitri pec le controver- 
sie eo'TriVi^ani per Oderzo , e* 
Mussotente. T. mp. \»6. Nuo*^ 
vo compromesso d!e* THvigiiint' 
fn Gerardo d«c Camino per le 
medesime controyecflc • T. lU 
p. ijj, I Trivigiani' presentano 
le carte delle loro ragiona . T. 

• va p.- Pj^. Casalfo Veséovo. t 
IV p. II. I Trivigiani- scomu- 
nicati diti Patriarca* si appel* 
lano anche in fiiocia del Vesco* 
vo di Feltre di questa scomu-^ 
tfica . T. FV p. jer Niccolò dc>. 
Lozzo ottiene le rappresaglia 
contro i ^citrini • T. IV p. rs 5. 
Alessandro Vescovo ^ scelto dal 
Cardinal Napoleone Giudice ad 
esaminar la causa delle deci»- 
me fra i Bassaoesl, e il Forza- 
ti. T. V p. ij. Sua lettera als 



p 1? 

'Codesti d! ?adovà in hvàTt de* 
Bissane^!. T. V p. «4- f citrini 
mandano ambasciatorr i* Trivi- 
-fiani pel dazio delle mercanzìe 
alli Cliinsa di Qaero. T. V p. 67. 
1 Tiivigiaoi )ot dimandano a- 
iato per iospettf del Conte di 
•Gorizia. T. V pag. 214. Eniico 
Imperadore manda a Fehream- 
-basciatori a dynandare ajuto.T. 

VI pag, IO. 1 Fcltrhìi vogliono 
entrare nella lega ,^ che 1 Trivi- 
gialii avevano co* Padovani, T« 

•VI p* 5>« Il Vescovo Alessandro 
dimanda ajuti a* Trivigiani per 

• movimenti nella taIsngana.Tom. 

VII p. ztf. I Trrvigiant gli esi« 
biscono mediazione nelle sue 
controversie * col Vescovo di 
Trento. T. VII p. 24. E gli spe- 
discono ajati. T. VII p. 5i« U 

-stanze de* Ferraresi per aver 

• certi traditori , che avevano ten- 
tato di tradire Ferrara. T. VII 
p. lu Rfcerci biade da' Trivi- 
^ani. T. VII p. 5 ». Come al- 

• ieotidc'- Padovani i Feltrini so- 

• no compresi nella pace con Cati- 
grandcé T* VII p. 60 6% 64^9. 
Il Veseovo tiene un colloquio 
con Gerardo da Camino, che 

- inette in sospetto i Trivigiani , 

- ma esso li assicora. T* VII p. 
i4a. Chiama in Feltre Tietro di 
Buonaparte Capitanio in Qaero 

'con tuai i suoi armati per scac- 
ciar Ooecello da Camino ivi 
giunto con poca geore. T. VII 
p. itf?.. Provvedimenti dc*Trivi- 
■ giani in favore dei Vescovo con- 
'tio Gueeello. T. VII p. itf4. Il 
-Conte di Gorizia prega i Trivi- 
giani a £ivorjr Gueeello contro 
il Vescovo. T. VII p, 164. Ma 
essi si scasano di nort poterlo 
Ar^ T. VII p. itf). Gueeello si 
accorda col Vescovo, e rimane 
pacifico p otifi aore di Fekre. T. 
yn,^. 166, E ne vie» dichiara. 
-Tom, XX. 



F E ^0^ 

to Capitan generale , e di Bella- 
no. T. VII p. i57. Ambasciato- 
ri, de' Trivigiani per indolenze 

di Guglielmo da Onigo.'T. VII 

-p. 168. I Padovani si esibiscono 
mediatori alla pace tra i Feltri- 
ni e i Trivigiani. T. VII p. 174, 
Essi ingrossano 1* esercito di Guew 
cello giunto in Serravalle. T. 
VIII p. 17. I Trivigiani vi man^ 
dano ambasciatori per le novità 
correnti. T. Vili p. JS. Si ce- 
lebrano le nozze di nizzardo da 
Camino con Verde dalla Scala. 
T. Vili p. j8 40. I Trivigiani 
concedono contro i Feltrini le 
rappresaglie ad istanza di Pietro 
di ' Buonaparte « ove età stato 
Podestà. T. Vili p. 5 i. Bjzzat^ 
do novello da Camino Podestà 
si lagna fo* Trivigiani, perchè 
avessero conceduto le rappresa- 
glie a Pietro di Buonaparte, ed 
a Guglielmo d* Onf^o. T. Vili 
p. 5J* Gueeello da Camino giu- 
dica , che il Comune dì Primie- 
ro possa condurre i suoi bestia- 

* mi al pascolo sul Feltrino. T. 
IX p. j. Ettore Caudino Pode- 
«tà. Tom. IX p. j» I Pehrinl si 
rendono mallevadori della pace 
fra il Conte di Gorizia, la Città 
di Triv^t, e Rizzardo da Ca. 
mino, Tom. IX p. 4. Manfredo 
Vescovo ucciso. T. IX p. t4. 
Galeso di Nichesola Podestà, i 

•Trivigiani dimandano la resritu- 
zione di 700. pecore di Gugliel- 
mo da Oni^o rubate. T. IX p. 
7f. Lodovico Imperaddre crei 
Cangrande Vicario dell'Imperi.) 
in Feltre. T. IX p. 89. I Tri- 
vigiani concedono contro i Fe!- 
trini le rappresaglie ad un Col- 
lalto , e ad un Sinisfbrto. T. \X 
p. 95* Dimandano a' Ttivigtari 
la sospensione delle rappresaglie 
contro i Feltrini e i Bassa nesi , 
perphè le mercanzie possano 3- 
N vere 



194 ^ * 

tetc m Jìbtjrg coiu). Tt IX f*- 

4cè« T. )X p, ^ ^7. Chiedono 
«* Tri visual vn «Mtl^ttore per 
fMfigtr]^. T.,IX p. MI. AiW-i 
ileo df EÌbùÒI Bodcstè. T* UC 
p, lii. Occaso un pcuo 4i 
ierrìiorio> Tri? igia^ vene Vtkli. 
dobiadtar. T. X p. ji. Fcltd«i 
alHMftti i^ TxeWso , che pros^* 
guano « ^«cvi » benché la Cit» 
tà fosse 4i Cangrtndp. T. X p* 
ex -65. «Tuovo- diistio dcfli 5ct- 
Jigcrt fopc a il. sale ^ ioimi^ » e 
carni safate. T. X f». la). Si 
uniscono in k^ Kog)i fstm^ , 
€ co* GooMgbf. T. X pag. i4i 
x<ff. Gli Scaligtii ittpiangfno 
una gravezza j>er supplire «ile 
spese di Brescia; T. X p. *♦*► 
Mastino comanda^ %* T'ivjgiani 
di non molestare i FelirinL Sh* 
tU, T,. X. p. 5. Gorgia da Lucia 
Vescovo ìnTeste Carlo Ke ài 
Boemia ,. e Giovanni suo fratel- 
lo del Capitsniato di Feltro e di 
alluno* T. XI p»'8»^ Cotn iju^el 
salario f ^chc avevano avuto 4^' 
xardo, e gli altri signoti da Ca* 
minov T. XI p, 9t; Statuto 4i 
festeggiare il primo gio^ao di 
settcnibie ^t^ h JiberaEiooe 4^1 
dominio Scaligero. T. XJ.^ 91 • 
Feltrini inclusi nella pace de*' 
Veneziani e Fiorentini cogli 
Scalfari. T. xr p. i»?* Cìn» da 
Castiglione Vicario per Carlo ]m« 
pecadore. T. XI p» x8j, EsfHnc 
di testimoni per la ditfrr«««a 
de* confini co'Trivigìaai. T.XII 
p. $9. Ambasceria de' Trivigia- 
ni a quest* effètto. Tom. XII p. 
^o« Annata mano avevano^ oc- 
cupato un pezzo del terricorìo 
Trivigiano. Tom* XII p, «0 o* 
Assicurano di avec posto i con- 
£ni, dove erano Aotictmentc ,. 
ed acconsentono, cbe h que- 
scioQt sia decisa da un giudice» 



F E 
T. XII f. tfa. Eliberco da C^ 
steklesio giudice , e Vicario , e 
Alprero da Formicario Capitai^o 
del Castello. T. XIT p. 6i u^ 
Carlo Ivupcjcsydote con&rma aU 
la Chiesa Feltrcnse e alVescoMa 
Gorgia i piivil^j di Conrado,. 
é di Federico. T. XU.p. ^i. 
Conato di Benna vicario ^sof- 
lale per Carlo Imperadorc. 7. 

XII p^ xa^. Il Podestjk di Ttivi- 
.gi scrive a Fiemo Capi^niv-df 
Fclrj» per atabijirp i giunti; cpn- 
iini de* due >xc«#cof j. T. XH p. 
«do. Scrive pure filli R<ettorr nt- 
plieando le i^awe. T. XIU p. 
5. Il Capitario fvyis? i Trivi, 
giani del suo xitf»rm> iu Città 
per esaminare la qi^sMo^ 4t* 
eonfìiii. T. XUr p. «. Cj»rU> Im- 
pcradore rende grazie a -Gugii- 
elmo bevilacqua per 1* assistUfl- 
za pxeatotr appresa Cangnivde 
a Conata Cob$n 9^Q Vicario 'in 
Fckre. T. XIII p, ^^^ Sentenza 
di Conato contro GueccUo*. e 
Brocca* da Castella, che 'Avoino 

. congiurato. T. Xlir p* ^ i^ 
ao. Carlo Toiperadott tÌMOoaia 
concessione fàtca -al Vescovo £n* 
rtco dd Contado 4ì Ccstna* T. 

XIII p» »2. t Trivigùmi si It- 
montano con Cocttfo deMe inao- 
Jenze .^ttc df eenf Fdtrioi al 
Comune drQpcia T. XIU 4>. 
jK. lattano etmata mano «el 
terqtorio di T<rivig{ proaso Qpe- 
IO , ed ^occupono un >m(glio .e 
menzo di q^eOó, piaotoodovr 
delle C4F0QÌ per eoofini. T. XUI 
p. 49. (NB. (Ì9 ^mnt^dè€Mim»m 
t$ 0ré stsf r^Utt» f#r 4rrf' 
nel r. XI if.x»7»mirMttu^T}49, 
4m»frt 4ev9 fsiife 4tl 1J55. X 
Commette il Podestìk di Trivi^ 
ai Capitanip di Queio' di-distxiig- 
gere quelle croci. Tw Xlir p-S^» 
£sami dì KsdiQO«r pc' qu«ite^ 
difrcrcoie, T. XIII p. %a^ FieWe 

Cft- 



t? fi 

Citt^ uremie .CQiximcfi^.ai^a^ 
tjhtcì cofit^^^sg /ieIJ9 tregua 
ft^ Jt^(ioyico i<q i* Uqghena , 

E ij^lla jpfci?, Xo/n. XIII p. 71* 
^ìcpolò Paqri^^i d* Aquila 
V^Tjirjp gcncfjjf io fjcltre per 
.C^fjQ )mgcra|}prc, t. JJIJ p. 
y^p .CaiJo icscirui;5ff fll Yfiicpyo 
f^Qpo iJ Ci^ntfiip di Ccfji)*, 
T« ^71/ p,. 77. Ci>;Ip t;Pfcra- 

$lM?ija Fejtfc fi Belluno. T,X|U 
p. ^5. Niccpiò d4 ToiDoaso Caw 
|)jU#nip iri Pcltre ed io B^lfmjtf 
p/o iMjiga/ica xcgia ma pestate. T. 
XlH p. 8tf» Jc^riw Jjfì^rndjnor 
4^xibasjcìatori a V/ertezia ucf ]a 
tiwcxia de* ponfvu ^ * <Ji afoc 
Joj:o pretensioni. T^.J^JjX p. Btf* 
tXctfeto publico -d^lla Chtìt^ il 
qpalc conferma i fifincdULo da 
Cc^iaig 1' atsolator dpijxhio iti 
jp^pctuo 4filU( Citti ie distiate^ 
•jT. :^JV p. |. Il vÌjCwìq <el pijrw 
fafe«e jr^tàJXiatìp iJtcpr ififtji^ 
^m ^i FcJtre, e Ji Tiiv/gi^ cf 
il Ì)ogc commerce , Chff si ^ipon-^ 
ghi/io i scgfil tic* loTQ Jbw)ghjf. T, 
ftV ^,4^ ^9m £ dimandai' C^r^ 
te fi lami al proposito. T. XIV 
p* 45 4^. Carte ipctC^ntf af quell'' 
fx^gcrtoy f. XIV p. 47- II t)Qgc 
cpmaadfi che sienpr «opute. T. 
XXV p. 4^. Ind; che' «lena xi- 
|>Q^t| i ii^onfìhi ive"^ Ui^hf anti^ 
^^i* T. ^^V p. /^9. fsccuiJoni 
4(e^li px^ioi /atre d^ F^^^t^df 
tiMrigr. 1*. XIV p. sx». Àppitow 
Vazìone ^el^ Doge. f. XjVpvio. 
^ V^eziaoi joaaadano dnc f m-^ 
fc?icia^)p^r per quc* dpojfi^i. -T- 
^IV p^ 4^, Francesco da Cfir^ 
*^ra p Ì4i J'eltr^, T, X^^ 9; S.*?* 
Puc^K fi fpdesxji di 'TriKisJ di 
f*P/V# 4 $mi del Triyiy'aAO Ver. 
^ ;Feltrc, e BtiUìfiO ^ che erano 
^i diÌBsi. T. ZlV p. 7/J. No. 
^ìe incorna a^ confioi di Tirjri- 



£1, di fclrre «? di Pad^a, T- 
XIV y, 7<jp pf a et e nn? no alo^nl 
patti co' Triyiijbnj i&ftt pel 
1^2?, fra i <j|ig(ì di dfrttugfic- 
rc 1.1 Chiesa dì Fcjtre vc/jo il 
jnontc di San Vmore* T. XJV 
p, 7tf. Jl Carrarese cede Fcltre 
e T5eIJoi?o a' piidii d'Aujftfi^ 
perchl' essi b aputincp contig ì 
Vcnc2:fanj, T. XIV p. Bj ìj g^. 
LcoppMo rruca d' Au^uìa è irf 
Tclrrc cor purj evrcito. T^ XV 
p. 7. I Vcnczìjjrrf ttfmono c^c 
faccia una si^orretif nel Tityl* 
^uno* T. XV p. 7, Ammali dc^ 
Contf da CoIbUo vanno al pa- 
fCoTo sqI tcrrrrófio dì Fclfre. T. 
^V p. 14, Corrado' di Rot^tai n 
Caf itanfo il on V\ìo\f obbedije 
ai le ktrcic d^I i?uca Leopolda , 
lì quale comjndaya the rcitì* 
tuissc Zumcnc a' Heijiuief:, T- 
XV p, i(j, Leopoldo scrive a' 
Eeìhinesj dì iopriiedcfe ncifa 
questióne co' FcTfrijpt per Jl Ca* 
srelb dj Z^mpUp jino àUa sua 
venuta^ T, xy p, 17. Sì acccn- 
ra conir i fckiini erano sMti 
so^^giogati d*' VcneKJ>ni, T. XV 
p, i?4 ] Pc^trm? dovevano pa- 
gare a^ Hellyncsi lue tìitijc ipc- 
je da cs^r nella difesa di J. Vet- 
corc , (^Ltnrtdo i Ventmni Io die- 
dero at Dura Leopoldo. T. ^V 
p* $v. Se ir Carrarese acquistii*- 
;c Fdfre eBcUtiftà, clie non sia 
tenuio dì dare a' Vcciei^nf la 
Casaro il fa , Ja Tgrrc di S. ^pl- 
do , f: la CJh^s:^ di Qjicro, T, 
XV p- fljj. C<wr*d(j drngt^;aifì 
<:^yì^m crjj badato »al TjeÌvu 
cmno contro fi Catraj^^^wr. Tom- 
xyi p. Jl. fùnczzc del Cafra- 
Xtsc .ct^trp i fcl-cnùl T- ^VJ p, 
^i, iT Carrarese vi m^n^jj im 
cwfcjV a dajToeggi^rc ri tcjri, 
^orfo, J, XVI p. 5j, rexmcttca 
mUf t Kindìri dz ricornj re in 
Teltre pcceukiAd ; rti 4Ì «^m?^ 



fii P E 

t iti assas^flf. T. XVI p. jt$. 
Vèlaranó de ScSronio Capitan 
gcricralCsPel Carrarese. T. XVI 
p, ti^, Sj b^nd'icono U mone- 
f e , e i diappi forestieri, Tom. 
XVI y, iT'S. If Co uà rese degge 
per 3110 r apiun generale Gio- 
vanni de' Benzoli d^ Ciema. T. 
HVt p. i2j, lì signor di Pti- 
isiero promette al Cap'tanic di 
Jcltrc e dì HelUmo dì tener a« 
p«tl e sfcuri i su ni pissi perle 
mcTcamU , purcliè atirh' esso 
faccfs Irt stcsio nel 'e str.ide di 
Tcltre. T. XVI p. 12J. II Car- 
xara vi spedisce Fiaocescd Hor« 
jnannlni da Bassano con segrete 
commissioni. Tom. XVI p. 142. 
Voleva Gian.Caleauo, die I** 
Austriaco rinunzfassé a* suo! di- 
ritti soprp Feltre. T. XVII p, 
J5. %] Carrarese cede Feltre al 
Visconti. Tom. XVII p. 20 44, 
OuelA Bellunesi confinati in Fel« 
fre. T. XVII p. }6. Ordine del 
visconti , che siano fatte nuove 
chiavi, e nuove seccature alle 
porte. T. XVil p. ei 0^. Con- 
l^edono a' (giovani Fcltiin]\ che 
i^otcvjno anJjre allo jrudio dt 
fivÌA Vuc 'jB, de piccoli &^tì* 
flnrio. T. XVlì |3i 54* Giovanni 
VcifùVQ Luot^nTerenie del VL 
iconti, c!ie p mi bis ce le mone* 
te false, rìie si eiano sparse in 
Teirre- T- XVlT] p- Xi. Odonn 
degli SpiroTf Podeità e Capita» 
ciò scrive a qncUo di nellano 
pregandolo di far pablfrarc il 
pillTo, clxe SI farà lt\ Felcrc di 
tifali] it dì dopo la Pcntacotte» 
T. XVltl p. i!>. EJiitij del Vi- 
tcoDtì , clic cessato fi morbo c- 
pideìnko pos^s^no i Fdrrjpì ripi- 
gliare il eommercio colle CitEÌ 
della Lombardia. T- XVUI p, 
Ji* Diflfcrenze de* Fcìrirni col 
Comune di F.iniicf esajninatc , 
e dcBmtÈ maùchevolmtnK, T4 



F E 

XVIir p* a7 J« 3z> Ordini 'dfel 
' Visconti , che siano date le pa« 
gbe a* soldati , che erano di 
guirnjgione in Feltre, T. XVIIX 
p. 14. Decreto di solennizzate 
il giorno quinto di giugno. In 
CUI si eiapo dati sotto il donu« 
. nìo de* Veneziani. T. XVIII p. 
dj. Stabiliscono pene a coloro , 
che trattassero , o con sitassero 
di tor Feltre dal DomimoVene* 
co, e sottoporlo ad altro Prin. 
cipe. T. XVIII p. 64. Mandano 
guastatoti air esercito de' Vene» 
:KÌani contro il Carrarese. Tom. 

XVIII p. Tj. Contese co* Bassa. 
nesi per la giurisdizione di Fri* 
molano. T, XlX p. 6, Ottengo- 
no da Venezia una sentenza In 
loto favore. Tom. XIX p. 6 7, 
Comando del Doge al Fodcs^ 
di Trivigi di terminar una dìfm 
fetenza di confini con Feltre. T, 

XIX p. 7» I. Veneziani assegna- 
no le spese occorrenti per de- 
terminare questi confini. T. XIX 
p. 75. I due Podestà di Feltre, 
e di Trivigi fanno il sopraloco 
dt* confini scambievoli , e ne 
danno h notizia al Doge. Tom. 
XIX p. 18. Moiri Trivigiani. e 
del terfirorio per le guerre ert- 
na passeri ad abitare sul Feltri^ 
no, T, /XIX p. 5*. Giovanni da! 
Sole Tedesco scopre una con. 
r^Tura in Feltre , ed ottiene i be« 
ni de' ribelli , e de* traditorlT 
T. Xrx p. 6ì. Antonio da Sa« 
vor^oano Capitanio per SigÌs« 
mondo. T. XIX p. «i. Enrico 
Vescovo da Sigismondo spedito 
fn Lombardia a trattare afivri 
de!!' Impero. T. XIX p. 62. $u 
g immondo concede Feltre In feu>* 
do id Lnrfco Conte di Gorizia. 
T* XIX p, 67» Sigismondo è io 
Felfre. T* JCIX p. 69* Suo di. 
pfotfia in favore dt Frimolano , 
che pcnuiiava di biade. T. XIX 



f:é9i il Vescovo £nrJco c«n- 
^edd, io feuda a federico Duca 
d' Austria i tre CasteHi di te- 
iobio , di S. Pietro , e di Tclva- 
óo tifila Val$agana. t. XIX p. 
7o. Gasparo Cucmaesero prende 
il possesfo diFelcre a nóme del 
Conte di Gorizia pei Consenso 
del 'popolo^ ma non de* nobili. 
T. XlX p. 75 77. i Vcnczidni 
promettono af Duca di Mi fa no 
di restituir» fi quelle Girti , che 
prendessero , eccetto però Vero- 
ila, Vicenza, feltrc e Belluno, 
Té Xix p- «4. ^1 Ì>uca rinon- 
iA2 a* Veneirafrf ogni suo dirit-< 
to € titolo sopra verona , Vicen* 
zz , FcUrc , e Belluno. T. Xl'X 
g, 8tf, 1 VoneziariT chiedono di 
essere in/brmati d<i' beni, che 1 
iTxivigianj avevano sul Feltrino, 
e di que' c6e i Feltrinf ribelli 
avevano sul Trivjoiano. T. XIX 
p. Hp* Ambasciatt>ii Feftiini pres^ 
so Sigismondo in Costanza in^ 
ttano y perche nod sia mandato 
a governarli ìi Conte d^i Gòtt^ 
tia. 'i, XiX p. xóo xoi. Segntf 
in Città una barruf!a pericolosa 
fra il Capitanio del Castello, cr 
Il Vicario delfa Città. V.Xitp. 
ioa. Il Picriarca mahda a* BeU 
lanesi copia de^ privilegi otte^ 
fiuti da* suoi antecessori sopra 
fili onori , t V aq^minf^trazione 
ai éeffutìo , e di ttitie , e >de* 
/oro contadi, "fom. XtX p. lóa^ 
Congiura in Feltre per darla al 
t>uea Federico d* Austria, ì tcU 
funesi la scoprono , ed esibisco^ 
fio genti, ed ajuto. fora. ìtlX 
p« io6« Antonio de iCocca dtf 
Èsculo Vicario e Heitore. Tom* 
XIX pag. lóx lai, li Doge co- 
manda i] Podestà di Tiivigt di 
arrestare i Feltrinf* per insofen*» 
ze Bitta contro, i Bassanesi pri* 
.ina che spirasse la tregua. T. 
itX jf. X07. ]^x«clam* de' Tri* 



vigiàni contro que^ da ?i4p^| 
che capitassero in Trivfgf/'j'o^hfj 
XIX p. no. Sigismondo ;ivvisa I 
' Kettòfi di :^eH^ , c'òmé spedi- 
sce Dionisio dc^ Marcali Sann^ 
di Scilla vòhia coìi molte gent? 
armate per difènderla contro i 
"^efteti. T. XI^ p. xis. L'eser- 
cirò de* Venezia 6i si pórrà ver. 
io f oltre. Tom. XlJt p. ntf. Il 
Patriarca promette a* Féltrinidi 
correre ih loro soccorso cogli 
tJneheri ogni volta, che fossero 
assaliti da*^ Veneziani. T. XlX jfi 
iip. Le Vilìe diFonzaso, d'Ar- 
fiìe, di Lainofi , dì Servo, e d*' 
Artcn si volevano Sottrarre daU 
la giurisi izior^^ dì Feltre, onde 
si vicrte ad crja tregua per tré 
ri»fcsi. T, XIX p. ut. Comando 
del Doge al Podestà di Trfvjgi 
dì restituire a* CitraJini di FeU 
tre le tenute for confiscate ^ 
quandd quella Città fu levata 
dal domirtio VcActo. T- jfeìjc p. 
ia4. |l Scrfat(i giudica, che \Ì 
Casttflto della Scala , e fa Villi 
di ^rirtitìbrio ftori siaiTò di l'cl- 
tre, ma sotto 1a giurisdizione dì 
Bassantì. f. tiX p. ti". 
tfa ^eTtre /^/^vc^foo procuratore di 
Gerardo dd Camino. T. tv' p, 
145 T47. Drttane tatto prigio- 
rilerò dà* Bellunesi, nn rimcssp 
in libertà per ordine df Leopol- 
do t>ìici d* Auitrii. T. XV^ p. 
J7. Ì\ fJuca scrive a' BelluncsL 
the atea diirerito gli affari 41 
esso Drotooe. T. xV p. u- Et^" 
dricé TriVi^aho mandi un fap* 
te al presidio di Cavofano. T. 
X pig. 17S. Tammaté vkcltdao 
Anziano. T. Il p. loj 107, $rg(^ 
ter* mdfldato da^^ivigiaùi all'è- 
sereito di Mastifk) con tre ca- 
valli. T. X p. stf4. 
JPcner VilU 26 migli* da Tteviso 
• somniinisRava pietre ^er selciaie 
U tttade. T. XtX p. t8. 



f^t F E 

P$riuuni* Pjtddrca aeroso limita* 
no Vicariò della Chiesa dVlqui- 

. jcjt. T. in p. Ìà9. t. XVll 
p. 4- . 

jeifitra Villa de' Caihinès! ccdtita 
a Cone«IIano. V. 1 p. M. 

j^eijgtti shnf»nt sindiéd de* JSis^a* 
nesi. 1*. XÌI p.. US. 

il ttttnoÈ9égi$vM9i^i Vescovo nan^ 
aio del Papi per paci ftcd re ilke 
à* Ungheria co* Vtiìemni. T, 
Hill p, stf. 

Ai ]f^crt»o JUrc9 giudice a^jèssore 
del Podestà di Trimi. T. fllp. 
li. pmtfrp9^ fra gif stipéildiarì 
de* 'Venfziaoi nella guerra di 
Cliio^a. *T. tv p. fj. 

^c*^Ci'ra5ovi ùnfred» notaio di Ve- 
roni Àgtio dì Cioyànni. ^tori4, 
t- Vii p. 47. 

ferratesi s^ uniscono frt alleanza 
contro Man/redo dì Taranto, ed 

' altri Ghibellini. Tom. li p. U8, 
<:^óivfud6no trattate! co* Pado*. 
Vani per darsi i banditi recipror 
cameh^e. T. Ili |>« 6. kiceVono 

' soÉcbrso da^ fadovini. f. Ili 
p. t%» à* uniscono in lega co* 
Padovani ed altre Città control 
Veronesi. T. ni p. jo ji. Vàn» 
no al ^octorso dì ^rardo da 
Camino (ttto Signoi «li Trivigi. 
1*. Ui p. ipj. Violano i patti 
de* Veneziani i ambascieria spe^ 
^ica per otrenerne $oddis£izione, 
e idee de* Veneziani sópra la 
kro Citfà. T. !V p. ^6 a 7. Bop 
fialbcrgo Canonico. T. |V p. 8a 
^ederito suo Vesco\ro giudice 
delegato da Papa Bonifecio. T» 
LV 9. ^4 67* £ Bennato Abate 
del Monastero di S. Bottolaraio, 
>. Andato de^ Contrarj Canoni- 
co.. T. IV p. 6^ 67 Joy iip. Il 
Vescovo suddelefia Arduino Ca- 
tiQfàco ano VicaJo. T. IV p.<8 
79 \* 'o6« Xoro penteiì^ , che 
sospende Altogrado da Lehdefia* 
nM dar giudizio. T» IV p. 'ro8. 



FÉ 
Loro sentenza fòvorcvole all*ip. 
pellaiioftfc de* Trivigiarii. T. IV 
p. ii9* Giovanni dt* Dofidedei 
Cànoflfcd suddéleg<^0 in questa 
càusa dell* Abtte di È. Bòtto» 
Uihh. r. tv p. 119. II Mafthe- 
ie ffdrtcescó d'Ette' J* ufiiictfifi 
lega per fogti<«r6 al Aiafthésc 
Atzo Ferrara, t. V p. j. Feri- 
ta occupata da* Vffntfeiani; e 
Castel Tedaldo. T. V pag. i»>9. 
<iuidótìc Arcivescovo. T. V p. 
iiji, Rieiipefata dalle antri Pa« 
J^ali. T. V p. ji-f. Data in do- 
rtiriiò da! Pontefice $ Kobérto 
ki dì SkiìU. t. V p. i7o I7J. 
l^erratèii presentano Istanze a* 
•i^riylgijfij , perchè $1 màfteggioo 
col VeécòvO di ftktt ptt aver 
térif ttaditbri , àht aVcatìo t*n. 
rato di tradire Pettata. T. VII 
p. ja. Come alleati de* PadoVa. 
fi! ^ond compresi nclb^ pace &a 
questi e Catìgtaftdt, T. VII p* 
60 6x 64 69. Cotlchiudoflo léga 
còh JolOgfia e PàdtJVa. t. VII 
p. 1 5 « tu. Congresso eli6 iti sì 
dòVeta tenere fta queste Città. 
T. VII p. ts4 xss. prométtono 
alutey' 1* Padovani cóntro Catie* 
T. Vili ,p. 89. Papt (Giovanni 
ractomàOda a*Tt!VÌg1aàl la^rOn* 
servatioiiè deìtk tjuTtte e tran» 
quiltó di derrata, t. Vili p. 
i4P. fe CÒSI a* Padovani. T. Vili 
p. nò. Atììbasciatori de* Itelo- 
gnesi pàt Je novith insorte nella 
Xortibatdia. T. IX p. j. Clì E. 
sten» «reati Vicatj Imperiali da 
todotic<J imptradòre.T. IX p. 
^9. i* uniscano in lega cogli 
Scaligeri t GonxaghS per far ar«. 
Jifte al Rt di «odmia. f. X p. 
]4a. Entrano nella guerr* con- 
tro ì Gohzdghì , e nella ttcgua 
publicara dal Cardinal Guidone. 
T. XII p. Ito. Il Vestoto rice- 
ve com mfesionc dal Cardinal Je- 
gato di pubKta; \à tejut fta i 
Piip- 



V t 

ftifteiuì della tombardit a inor 
nvo del pto^ma Giobifeo. T. 
XII p; if^. ìÀtttì dt* Tcotf ala- 
gli che Ivi ti portafVifto. T. XIV 
p. 23. Filippo Btrb»ri$^ 'vtóo- 
ftilèo pe* WcùtthAu Tom. XIV 
pag.'i4. Otdttiì dati dà! Mar- 
chese che rtón pagWio- g>fc*lfe 
le mefcf de' TeAcMHi oftre i 
patti, t. XI V p. 1:. XsOtó Fafp- 
presaglfe contro il Duca d' Aìi- 
«rfa. T; XVI p. 6r ;*i.- I Vene. 
' tiaitì'vì atertiw h» TbdòxttilaD. 
T. t^l f' »3T. Si tiene ttn co». 
gresA» céfftro II V?!c«hri. Tbm. 
XVII f. t^ Antonio Beébd Ve- 
nezfatiò Podestà. T. XVll p.^j. 
Parlamelo a Fetttra dc'^^rteci- 
pi per collegarsi conrm il Vi- 
sconti. T. xyil p. 97. Infictisce" 
tielb Cìtù, il morbo contagioso, 
ed ì\ Vkcouti interdice la co- 
' itmnfcazfOne Co? suoi st«i, T. 
XVm p. 22. 

4» Ferrata ótt^a^Hl maccMna twu 
ttd la vita '^ Gtiecellòne Tcm- 
pej». T. IX h '5> 15$ 157. 
MétHo Anliate del Duea Leo. 
poldo. T. XVII p. i(t, U F*ter 
■ di t, R^omanow T* li p. 96, 

de* Verrinati JiM^o Frlo» di S. 

- Boftd^Hmlò di VkènEa. Tarn. V 

Ftftf^ Af^éi^h C4pitani<y diCasttU 
notò. T. XV p. 47 *^ jo. i>#. 

hvartcltf '-dti KlsMQ». X*. IX p. 

2sl 58 8,5. «#^^ 8M Creilo 
^ki. X>*OT«iiiVt <i«. Jacopo Cri. 
-itoft(r<> rfòtftjo di Vene^^ Toni. 
XfX (K 5^1 p9< £^rif # allibasela. 
loté pe*Tcf*cwfcil » FIrflata.T. 

y^* lijr Pr^»t9$to qtt. Bocctffa- 

- yn£ da ibsswòo. Tom. V pi tfo. 
• .G$ftdén» sindlèò 4tl CoMRftedi 

Bassino. T. IX p. jt. AMrl/»« 
CÉph:anio delta M«tt1^ pe^ Òe. 
isttéó d* CMlifio. Téta, mt 2* 

S- ftt»ità9e0 Cènd<oinUlo. Olerai 



VI 199 

frdeiiM }a Totiwo with pace fra 
i Veneziani e i Genova^. Toin. 

xy p. 7u 

iiciaiM t0mm4$c gMI«« astesaore 
d#l Fodaaci df VliMMa« T. Il p. 

10^- 105 io6» 

Fiéém^^ fl^'adicd «tfittote <tel Fo« 
desta di Padova. Tr ITI f, 38. 

4al Ficsco Mbili adtfVMp di Nic-. 
c»l4 Marchese d* £ste pes le 
tarr«, che pos»tdeWn# sul ter- 
tiuuh di V^tmé^ T. XIX p. 91; 
Kn»;i» Gfiioirase. Tobi. ;(v p. 
to7. 

F2«ta villa assegAsea alla Fodesta* 
fi» ài Aiolo. T. XI p. 1J9. De! 
Fedemente Asolano' pitm dal 

' Carrafese. T. XVr j^. |f. 

da Ffgafolo 0u:dofH giudice am- 
basciar<*fé dì Ferrara^. T. |TI p. 
60. Giudice assessore del Fode- 
«ti dt Tififigi. T. m p. T»4. 

Filarolf Am$9»h Giudice figlio di 
Mattea Padovano. T. VII p. 59. 
Ambasciatore a Tifffgf. T. VII 
^. H'y «4» »4f ISO. Giudice 
altidlco de* fàéssMÀ. T. VH p. 
»4*- 

4« FiMis ««Mi; aderemi de^ Sigao- 
fi d* Archili. T. XIX p. 9}. 

dt^ Fftfpptfnst CemtiU da OfWeto ' 

' lbd«étt di Padova. T. V p. lar 

' i»f »ai. 

Filippi L€9fhn49 Trtv%ia«o. T. II 

- f> 1% ^ Milirr. T. Il p* ay* 
Gtm Milite. ibM, 

fììifft VI. Re di Francie «five a* 
Fttncipj e S^Rolf d* Irttf» , «sor. 
tandoll a prendere M difesa del- 
la Chltsa Aauhnia, e «d Mpu. 
fMwe gli ere^ naofMMfime In- 
salai. T. X p. ff. ' 

Filomàcirt} ìSmrk^ Canonico Ma- 
policano; AudW generale del 
Ca«diM!Nap«leOf»€d«l«gMift iteU 
la caa^tf delle decime dt* Bas. 
ianeti T. V p. 18 e ««gg« 

d« FitoÉMMtt /tftféf # ambttdatorc 
d^r C«n«deilc « Tcataia. T.XIV 
N 4 p. 



^oo F r 

p. P5# Olivlif C^cdcit, T,7HX 
p. 14*. 

Tioale Villa da'PadoTajH coocedu- 
ta agli Estensi. Ton. II p. ^7. 
Castello degli Estensi. T* X p. 
144* 

Tino PUtr$ Prorredicoco dt*Vcne« 
«mni. T* XIV p. 41. 

Tio^e GUvdmm'i qu. Pietro Tiivigra* 
no va air eseiclto di Mastino 
con dtte cavalli. T. X p. >7f* 
Vi torna dt nuovo mandato da* 
Trtivigjaniw T, XI p* 24» Ansia* 
no in Trivigi. T. Xll p. 54. 

Se Tiore di sotto villa di Coneglia- 
no. T. II p, 4$. Assegnata da* 
Trivigianf. T. IH p. 4«« 

S. Piore fei^do di nizzardo da Ca- 
mino* T. V p. 119* E di Goe* 
cello dato cUl Patriarca. T. V 
p. 197 198. 

S. Fiore di sopra , e sno dazi» pe* 
Trivtgiani. T. Vili p. 75. 

Fiorentini co* Sanesì e Bisanì si 
accingono df andare sopra Luc- 
ca* T. II p. 69 •. Biaochi estrtn* 
soci soQO in l^a co* Bolognesi. 
T. IV p. 2o4« Assediati da En- 
, lieo Imperador soecossi anche 
da* Padovani. T. V p. 201. Spe- 
discono a'Ttivigiani la^nnova deU 
la 9iQrte dell* Impecadose En- 
rico. T. VI p. 26. Promettono 
ajttto a*' Padovani conuo Cane* 
T. VIII p., Zìf. Vinci da Gastruc- 
cio in una battaglia presso al 
Porcaro. T. IX p. M 90. Vinti 
nuovamente da CasMuecio pres^ ~ 
so Fioren^. T. IX p. 88.. Con» 
eludono. la pace c^li Scaligaii,. 
e ricevono Peseta ». Buggiano, 
Colle , ed Akopassio. T. XI< p. 
satf. Entrano nella pace fra-, il* 
Papa , 1* Impe^adore^ e^ i. Priotff- 
pi della Lombardia col Viscon- 
ti. T. XI vp.. 57. Mandano am- 
basdatori- a Torina alla faceta 
i VeneJ^oi e i Genovesi. Tom^, 
^V p^ 7u Vaino in soccokso 



P ! 

del Carrarese contro fi Visco#« 
ti. T. XVII p. 4T 46. Celebraoa 
con solennità la fiuta di S.€k>« 
vanni Batista. Tom. XVII p. 4J8*^ 
Sagacitì di essi , che non soJo- 
coir armi, ma col cooóglia la- 
cerano, la guerra. T. XVU .p« 
49. Fanno la pace còl Visconti» 
e ì Sanesi loro restituiscono le 
cose tolte. T. XVU p. $«. Eco* 
sì ii* Comune di Perugia, Tom.. 

, XVII p. 5tf. Restituiscono a' -Si- 
gnori dt Bietumalla i Castelli 

Stolti, nella guerra. T. XVII p.. 
. 5 ^ ^o* Intervengono ad un con- 
gresso in Ferrara contro* il Vi-, 
sconti. "P. XVII p. 75, PiAeren^ 
zc co* Boio^oesi per giurisdizio- 
ne si messe in Francesco da Car- 
rara , e in Fcaneeseo da Gonza- 
ga. Tom,* XVII p. 9j. Mandano- 
ambasciatori a Ferrara ad un 
parJamenjca conjcro il Visconti» 
T. XVII p. 97. Istrumento.di Le- 
ga conKo i4 visconti* T- XVIE 
p. 97.^ Potevano ht la pace «o* 
Pisani, e co* Senesi se voleva- 
no. T. XVII p. ì^i. Si fa la 
, tregua col Visconti. T. XVIII 
p., j. Il Visconti prometta che 
non saranna molestati.. T.XVIIb 
p., 5< Conchiudono la pace col 
Visconti. Tom. XVIII 2»: »7 i>8. 
Gli Ordelaffi di Forlì xacificanor 
essa pace. T. XVyi p, 19- A» 
veano dato i» custodia, al Car- 
sarese Castelcaro. T.. XVIII p» 
a^i. Sollevazioni fn Fiorenza, 
per cui- rimane motto il Conia- 
loniere. T. XVIIL p^ 47. Con- 
cludono- lega eoi Cardinal Lega- 
to, e col Caxrarese conuo il' 
Visconti. T. XVIII p. 10. 1>CBÌ- 
dexano la guerm. T. XVUl p. 
SU Alla lettera do* Veneziani, 
che parteeipavano la presa 4i. 

. Veiona^ rispondono esortandoli a 
dar la pace al Carrarese. Tom. 
XYUI '^P* 80; formano. uAa Ick 
gar 



gt co' Veneziani contro il Duca 
di MHario. T. XIX p. 141. Pote- 
vano entrale nctla lega de* Ve- 

' beaani e di Sigìsmoido Impe- 
jrator contro il Visconti. T. XIX 
p. 150. 

4à Fiorenza Jrttslo de* Rossì.Ved, 
de* Rossi. CsUin» figlio di Èlan- 
cocio fatto prigione daeli $calì« 

'■ gerì flellt ' presa di Oaetzo , e 
mandato a Verona. T. XI p. 6$ 

, Sedatine era in Conegliano, ed 
è ctiiamato in Padova del Car- 

'. rarcsc. T, XVI p. 51. iTgfe 
qu. Bracio presente al testamen- 
to di Chiara da Camino* T. XII 

Iiorenzuola $otto Ilòieciza. Tom. 

xvni p. 47. 
fiorini <I*oro. T. VII p. 5a.Tam« 

vm p. 1S9. itf7. 
de Firmian od$ric* dì Yaldcnone 

giudice e Vicario del Vescovo 

di Trento. T.. Xll p. si. 
Fisico X,9r#A<*Bassanese, suo rau- 
. iiao sali* acc^ua Ros^ T. X1J( 

p. a4,a5. 
da Fissiraga Gugtiilm% da Lodi 
' vicario in Bellufio. T. XV p.25. 

Confermato dal Vacarlo di Bel- 
' luno. T. XV p. jj. A nome de' 

Bellunesi si scusa presso i com- 
missari del Re d' Ungheria. T. 
.XV p. 54. 
Fiudelle luogo del Padovano. T.It 

p. IJ4. 
JPlHMt Console àt* Pudovaoi. T. Ili 

p. «5. 
da Fiume VdlngsJM Fadavarfo. T. X 

p. la^. 
da Fiumesetlo Athtru da Fadova 

Vtcario in Trivigi. T. IX p. «8. 
de Flaibano MétrcU da BcUnno. T. 

Ili p. j4. Arcidiacono di Fel- 
^ tre. T. in p. j8. Vescovo dt 

Ceneda. T. UI p. s$. Ved. Ce- 

fieda. 
de Flamingioo liànfrtiin^ Ttìvi- 

f^ÙM T. Il ^. X4|« 



F L 101 

Flaone Castello del Trentino. T. 
IV p. 150. 

de Fiorano Séuvln; T. XV p. 7r. 
Dottor di leggi si sottoscrive in 
Torino alla pace de' Veneziaoi 
e Oenovesi. T. XV p, 11.2. 

Floriani GuglUlmlnt nuncTo dell* 
tJniversitì dfPadova. T. Vp. 119» 

S. Floriano Villa del Trìvìgiano 
manda guastatore a Mastino. T# 

XI p. 12. Villa assegnata a Ca- 
stelfranco. T. XI p. Tj^. 

db' Fiorii Jlhtn» qu. MarrinoCifw 
. radino e notajo di Mantova. T* 

XII p. I4|. 

S. Florio Pieve, ginrìsdisione de 
Cartinesi. T. I p. «o. Ceduta da 
Biaquino a Conegliano. Tom. t- 
p. «7. 

Fogliano Prevosto, e Abazia. Su» 
ria, T. X p. 8tf. 

da Fogliano nobili aderenti di Nic- 
colò Marchese d* Este. T. XtX 
p. >2. Francesf e C*IÌ9 SdvtnM 
ftatelti , e GMgl1tlm$ nipote so- 
no inclusi nella pace fra iPiin- 
c!pi della Lombardia. T. XIV 
p. 6a. GibtTt9 qn. Niccolò be- 
neficato da Mastino dalla Scala. 
Stèri d. T. X p. «5. E* «n Vero- 
na presso Mastino. T. XI p» 7a 
l Trivlgìani si raccomandano a 
lui. T. XI p. 7*. <Jlì p<g«K> 
600 fiorini. T. XI p. 79. E* in 
irderzo a format processo. T. 
XI p. 8J. Oiitd$»e^ Nicett» y Gì» 
bert» , GuglUlnf , c Btrt» //»#., e 
gli eredi di Matteo. St^rld. T. 
X p. H7* Loro giurisdizioni, p. 
%9' mccètl detto Baiba , e <?ì#« 
VAnnl Barba , K^rU , NÌ9fl^ e 
Bemérdétf de Baisiosono inclu- 
si nella pace fra i Prtncipi del- 
la Lombardia. Tom. XIV p. tfa 
Xtldndlnw Podestà di Treviso, T. 
^ni p. 8« pj 96 97 9« «x» 
lèi lo? 107 no tra ti$ '»• 
• tax 1*4 128 129. Sttid, T. Vin 
fJil.V^9il»0i aderente degli Es« 



10» F O 

tensi è incluso nella pace fica t 
Frìoci^ dolU X.o«ibaraia. Tohu. 

XIV p. 4SI. 

f figolana veiio Chioggìa. T. V p. 
ao. Bosco »al Padovano. T.J^VI 

P- **• 

de ¥ohe«\bsuch Lff^U» Mfticlic- 
. se. t*. H p. ij. 

Fokhioi AibiTf da Bassaix). 1*. 
II p. x)4« Sincfico Tom. ili p. 
145. T. IV p. ^5 p8. 

Striata Uker$$ da Qcqu>na piofos*, 
joi di le^e in Bologna cinto 
professor in Trivigì.. T. YIII p. 
Z45« Su»^ lettera in sispòsra a* 
TrìvigUti!. T. vni p, i45# 

^Uina Monastero. Pietro suo Aba- 
te. Donazione della Contessa Sor 
fi» iff suo favore. T. I |>ag. aj. 
Suo Abate, e suo monastero bc- 
ficftcacD da Gabriel da Camino» 
T. I p, «S <?• Eosdmo suo A* 
base c«de la Chiesa di S.Qiusii- 
jia di Serra valle al Vescovo .di 

. Ceneda. T. I pag. 71*^ Monachi 
presenti a questa cessione ibid. 
.Xgidio abate di CUiaravalle la 
conferma, ibid. Fr. fio no Vnaic 
d^Ma Pollina f Rlcaida » Ficuo , 
Ci iste faro , Jacopo , Gerardo , 
(Ho, Majco, Niccolo, L^m* 
bcrco , Alrdaidù , False , Albnco, 
e benedetto Moo^cf , ed Anse'-* 
mo AbaEC cedono Ja Chiesa i^i 
Serrava Ile al Vescovo dì Ccncdvi, 
T- I p* 71- Monssrero bertc€ca^ 
m di nn moliQO da Gerardo do 
Camino nel suo tesumenro, T* 
IV p. itìi. Abate ambaacìatorc 
dì Gueccllo da Cimino a' Tn- 
^tgiani t. e Od^rico sotto priore 
Cjj^pcììino di csio GucccUo. T. 
VIU p, jS, Monaatetù di $. Ma- 
m; Nordio Abate. T* ixp* ìt. 

41 Fomsna Ji/gìUt moglie di Tum- 
ma^ino con Verde dalla Stala 
««dina r ci^e^bnc dt un Ospita* 
le in Jlovolone, T. IV p, J4Ì* 

Tnodwb Cdhtnt Marchese i!i Ca-^ 



stiglionc , Conte di Sonctno e 
di Cremona conclude tregua col 
Duca di Milano. T* XIX p. 90 

4c Fontana nòbili aderenti de* Si- 
gnori d* Arcelli. T. XlX ^^j. 
AUlgerié, T. IT p. j/?. H^rnsig 
Fiev^Hio di $. Basino di Venezia. 
T. Xll p. ^9. Ùemsrd» Trxvigìa. 
ffo del secondo grado. T. TlII 
p. 109. t^TAHcttco da Parma elet- 
to Professor in Triyig! di giu9 
cìvife. T. VII p. 40. Sui rispo- 
sta a* TriVigiani rinunziando la 
lettura. T. VH p. 70* Sua tìno^ 
va ere2Jone. Tom. VII p. r/s- 
GUvAnnt socio del Vescovo dì 
Ceneda presente in Venezia. T. 
XII p. ja. 'DondAcì» U^tvleTn^. 
da Piacenza presente in Ferrara 
T. XIII p4 pi. i^iVr*/o ambascia- 
tore àt*' Trivigiani a Parma. T. 
VII p, 3"8, Putr% Rettore d^la 
Xega Lombarda pe* Piacentini* 
T. I p. 74?. 

pot'itane di sopra, e Fontane df 
sotto Ville del TrivigfanO man- 
dano guastatoli a Mastlnq. T« 
XI p. »K J^ossestioni che ave- 
vano i Bazzoletti Trivigiani. ^^t- 
riè, Tom. IX p. 170, Luogo di- 
stante da Trivigi un miguo* T* 
XVI p. 59- 

4o Fontane Ménfnd» manda un 
Ante a Carolano. T. X p* 17^ • 
PéuU Tàvigiano. T. Vi p. ^8, 
T. Vìi p. ij. Conclude a Ve- 
nezia il trattato delle ILappre- 
saglie. T. VII p. aS atf. Anìba- 
sciatort de* Trivigiani ja Vene- 
zia. T. VII p. M<. Sapiente. T, 
VII p. 175. Sapiente del secon- 
do ^rado. T. Vni p« 15* Am- 
basciatore a Padova. T. Vili p« 
38 19 41 44 ia4« A Venezia* 
Tom. Vili p. ijS i^ 143 144* 
Testiniooio. T. Vili p« i^a, Sa« 
piente. T. Vili p. ttf». Presen- 
te in Conegliana, Tom, VITrp, 



Pò 

#7^; ftìtf0 medico itìpettàhto a 
Tdrìgr. t. IX p. 116- t. XII 
p. ». . 

Fontanelle Villa de* Canrfwesr ce- 
duta a Cirf!>gHtfio. t. r p. t5. 

fontanelle ViJIà softo Ò(ffcttò man- 
Ast guastatori a MastmO. Ti XI 
p. i|. De'^fgrtòrf di *otz?a a- 
f Qta in Feado dalte Chiesa 4* 
Aqnfleja. t. Xl p. Ij7. VÌHa e 
Borgo assegnati ad Odtuò, T. 

de* fopcàAetli GidifdnHi evi, l^ósca- 
ano prociaritote (^ ifertvefrùto 
de* Fontanelii pabJica ht Trfvi- 
gf r ìhtérdettO <?OAtM U titt^. 
t iviM p. 49. 

da Fontani va Ferrsrl; T. I p. )7, 

Fon tanica da' Padovani vicn tolta 
a' Vicentini pef crediti. T. II 
p. ia« »i7» Deve fot lavorare 
nella rocca del Cistnone. "f. HI 
p. 9. Ordine del godesti dì !»a. 
dova di publicar la nuova ga« 
belh $opra la macina* t. IV p. 
13* Cile iton abbia a ftt danni 
al bosco iì S. Fletto in perno, 
r. V p. i^U 

Fonte $ nella pianura segité la bat- 
tig^t Ut Gerardo da Camino, 
t I Signori da Catt«Ilo. T. Ili 
p. roj. CAitello di tisObe da 
Camposanpieto. T. VII p. S$. 
Possessioni de* Camposanpieri òc« 
capale da' tHviéiaitf. t. tlll 
p. <7. Vendati & Azzardo da 
Camino ) É pretese dagli eredi 
Camposanpieri. t. xn t>. 122, 

ti^« ftegOla deve ubbhlire al 
Capitanio di 1 Xeoont. T. X p. 
82. Minda guastatoti a Mastino. 
T. XI p. :lì, Soggetta a Afaisi- 
Ib da Carrara. T. XI p* ta. £• 
ta sotjEo CastefftÉntò , tfra fftda<. 
ta *d Asolo. T. XI p. I4J. 
ifa toflte pjR^ré» Ftior di S. Sal- 
vatole. T. Il p. 9$. Mintttf 
^n* Ffsinc«scò marito i|j Tom- 
maslAt AgHa di Scrtavaile da 



F O '10^ 

da Camino. T. tX p. 17. testi- 
monfo in Tririgi al testa mtmto 
di Matiabella de' fticchL T. IX 

• p. jo. Va all^ e^rcito di Ma- 

• Slino tàh dui? «valli. 1*. X p. 
' i-^a» Creditore di eerfa somma 

dal Comuhe di Bassano. t. ix 

p. 75. " 
da Fontebono Frd»eése» Ftiufano. 
T. IV p. 18 jj. ydcB^a j^ohlhè 

gfnni p^ Conte di ùotiiii. T. 
VII p. 8 H- 

Condro ViMa giura di seguire il 
Podestà di TriviffL T. M p. j5. 
Manda guastirton a Mastino. T. 
XI p. aj. 

de Fontina rhfesa , benéficatt da 
Gabriel da Camino, t. I p. 66. 

Fonsiaso drfl Vescovo di Fehre. T- 
I p. Jj, tenta di sottrarsi dal- 
la giurisdizione ài ftìttt. Tom. 
XlX p. lat. 

da Fonzaso Èuriàto testimònb in 
Sellano. T. XI p. ya. 

ForapecOra sirene giudice sopra} 
hvoti della srtada da Fadova a 
llmina. T. Ili p., i* 17 19. 

de Forapetota Sìm»tii fùdtitìt dì 
Bologna, t. V p. 7. 

Foncatttta Ai^^r^ 30. JiicOpifto. T. 
V f. j«. t. VII p. 5^. Eletto 
ambasciatore a Venetlia da' Bas- 
sanesi. t. XVIII p. s)*. Nuova. 

' mente pet difèndete H giurìs- 
ditione di l^rimolano erutto i 
Fehttini. t. tlX p. 7# Sue pre- 
tese sull* atqoa f.t)ù. r. XtX p. 
il a4. /Jc#/rtjM TOtt. !!l p. S?. 
P/m*. t. tv p. 170 177. 

della Forca Ortàniè fra gif itfpen. 
diarj de* Venezian! alla gUetxa 
di Chioggia. t. XV p. 4J. 

Foresti Fécinò di Coneglianò del 
ConlRglfo. t. XI p. 15 a. 

delle boriici tstniìtt^ Bolognese. 
t. IV p. ì^6. ;$ifidieo ptocuta- 
to»e. T. 'IV p. aot *oé ^08. T« 
^ P« 5» 

di! Forittd>et|gh fh^ft ptigtomero 
di 



«A4 F O 

<Ii Ctstraccl* nella hntu^i ep(!« 
tro i Fiorencim. T« IX p. 9i« 
l^orlì è io alleanza co^ Bolognesi. 
T. IV p. ^04. Chiesa di S. Mac^ 
teo : atti forensi Ivi esercitati al- 
ia presenza del CardìnalNapo» 
Jeoae nella capsa delle docime 
di Bassano col Forzate. Tom. V 

P- 54. . . ^ 

da Forlì Arsendint qn. Ramtiio 
ptocaxatoie di Francesco da Car« 
rara. T. XlV p. 58. ya»d'M» dì 
Bonavencma giadice. Tom. Vili 

p. IO« 

Forminìaa Villa de* Caminesi ce* 
duca a Conegliano. T. I p* €5« 
Castello ,dt* Cami|iesi. T. I pb 
Ito IT 2. Dato a Biaquino di 
sopa. T. I p. 114. T. II p. >. 
Giura di se&ufre il todcstl^ di 
Trivìgl. T. II p. ptf. Da' Trivi- 
giaBi assegnata a Cone^iano^T. 
U p. 4S- T.^ ni^P* 40. Suo da» 
zio pe* Trivigìaoi. T. Vili pag. 
75 • Castello dato in fendo ft* 
Caminesi dal Vescovo diCenedà 
T. IX p. 2 5* destituito dagli 
Scaligeti a* Trivigiani. T. X p. 
iStf. Endrigtietto di boncinello, 
e Toscane Ha Capitani. T. Xl p^ 
44. Comandano gli Scaligeri che 
4ebl>a corrispondere a frivigL 
T. ÌX p. 75. Freso da* CofWti, 
ed abbruciato, ma ripreso subi- 
to dal Visconte di Serravalle. T • 
XI p. 81. Dato in feudo dal Ve- 
scovo di Cetteda a** Procuratori 
di Sé Marco. T- XI p. 96. Sioc- 
lesfo Capitan io . Il Fodesti di 
Tiivigi gli raccomanda il pcesì- 
dfo di <|nel Castello. T. XI p. 
77. Era della giurisdizione de* 
Conti di Porzia avuto in feudo 
dal Patriarca. Tom. XI p. 156. 
Dato In ftudo dal Vescovo di 
jCeneda a Beatrice e Bizzarda 
Caminesi. T* Xll p» ^« E si- 
milmente a Rizzardo e Gerardo 
da Camino» T. XII p. io {i. 11 



Capitanio di Cotiegjiana pf r tó» 
dovico Re d*Uftgheria affida, té 
assicura gli abitanti Tom. XXll 
p- 54* ^ 

da Formcnica Ct$và»nl , Af^dnM ^ 
ed jUn'^rd^ Vassalli del Vescov» 
di Ceoeda. T. I p. tfa. Odorici 
't, I p- 37< Console di Con eglia- , 
no.T. t p. 4t 4* 59 60» Plifr0 
ConegHanese. T. Il p. is* Vivi* 
dn§, T. I pto 24 a8. 

tormentino flUff , congiura con* 
tro la Citt^ di Trivigi» ed « 
condannato a morte. Tom. Xll 
p. 7». ^ ^ 

4e (ormigarlo Àlfrtf Capitanior 
del Castello di Feltra* T. Xlt 

ie foittzii J^tstìné da ^avia dow 
tore Canonico di Vicenza. Tom* 
XÌX p. J7. 

de Foro Av^nt Sìndi^o procura*' 
tore de* Veronesi. T. IV p. jj. 
ìfétéU tìtX Consigfìo di Belluno. 
T. XV p. itf. NltctU Podestà ài 
Trivigi. T.^ 1 p. ,45- FéUagniM 
del Consiglio di Belluno. Tom. 
XVIli p. 18. Za^ Console di 
Belluno. T. XVIU ^. iS. 

Fortegolo Villa del distretto Trf- 
vigtaoo ^ permutazione fatta col 
D^e. T. XV p. j». 

Fortoni spozie di naoneti. T< IX 

F* 5i» , < 

Foruc^ Atfdrfé egli è nell esercii 
to <fe* Veneziani all' assedio di 
Chioggia. T. XV p. $6é £nrU0 
e Méirti9 qu< Giovanni ottengo^ 
rio dal Vescovo di Vicenza il 
feudo delle decinte di Baisàno, 
Cartigliano, ed Angaraiso. T. Ili 
p« .14S. £*r%ékU da tadoVa testi* 
monio in Vicenza. Tom. HI p. 
149* F9rxAt9 qu. Tedusìo di Fot* 
Zate y e Mdrtth ^u. Giovanni ban* 
diti da Fadova per beni di altri 
da es^ occupati, e detenuti. T. 
II p. loj. e per publìct debiti. 
T. if p. lotf tjQ, AlUm*^^ ^a> 



FO 

Tednno bandito anch' esso per 
pabfici debiti, Tom. IV p. ic6. 
Oitrdsnt Trìoie di 5. Benedet« 
to di Padova. Tom. l'p. tfo 65« 
Alberto Vescovo di Ceneda gli 
concede la Chiesa di S. Giusti- 
na di Serravalle. T. I p. 7» 7*. 
Katiiica la donazione fatta di 
snolti beni alla Chiesa suddetta 
da Gabriel da Camino. T. I p. 
7j« Va a Verona alla celebre 
•oncione di fra Giovanni da Vi. 
cenza. Tom. I p. 103 105 J07. 
Gièvéknnl au. Forzate riceve dal 
Tcscovo di Viceoza'il ftudodet- 
le d^me di fiassano, Angara- 
no e 'Cartonano. T. IH p. s^. 
Znrlf t Mdnje sool figliuoli. T. 
Ili p, 5^. U^d*vUù va io Val* 
sugaaa colle .genti del Carratese 
ronno Sicco. Tom. XIII p« 51. 
MÀnlo fa publicare in Vicenza 
stridori sopra le decime di An« 
garano. T. IV p. i69« £* pre« 
sente in Vicenza alte protest2 
del sindico di 3assano« T. IV p, 
176 181.' £' investito delle de- 
cime di Bassa no è d* Angarano 
da Altogrado Vescovo di Vicen- 
za. T. V p. 10. Nuove ptoteste 
de' Bassanesi alle dimande di 
Marcio sopra il feudo delle de- 
cime. T. V p. itf. E', precettato 
da' Padovani a non ht adunan- 
ze d'uomini armati contro i Ba». 
sanesi per morivo delle decime. 
T. V p. aj. Il Cardinal Napo, 
leone commette aKVescovo di 
Teltte di esaminar questa causa, 
T. V p. a|. y»d1 V értifUBés* 
tÀn$ f»l pr%stguim*»f dt^li sttl 

borsetta jtulivtrh popolare di Tri- 
vigi. T. XIII p. 49. 

ddé' Foscarari Frsnctsc» Sioione Bo- 
lognese, t. XVII jp, 58. V?^»/ff 
prof«sor di le^e in Bologna e- 
Jeitd professor in Trivigi. Tom. 
nif p. i4i. 



F O aoj 

Foscari FrMMees*» iodico de' Vene* ^ 
ziani a sripular la lega col Vi- 
sconti. T. XIX p. iJt. Doge di 
Venezia. I Padovani vogliono fa- 
re una giostra in piazza a S. 
Ma;^ per la sua elezione. T* 
XIX p. 140 14» r+tf iSi. St$rU» 
T. X p. 150. NtecùU, i Trivlgia- 
ni gli raccomandano i loro am- 
basciatori spediti a Venezia , ed 
è chiamato Cittadino Tiivigiano. 
T. X p. 92. 
Foscatini Citvdnnl va a Ferrara a 
spiare lo stato della Città« T. 
IV p. a5* 11 Doge comanda che 
gli siano date so. lire di grossi 
per il Castello di Pezzano. T. 
XIII p. sa. Msfew commissario 
del qn. Pietro. T. ^IX- ]>. r$4. 
Marco Ca^tanio di Tri vigi. T. 
XI p. lai. Morino Savio eletto 
da' Veneziani. Stari», T. XI p. 
8. Ntcùletto t Zd»ine fratelli qn. 
Pietro eletrì ad onorar la venu« 
ta del Re di Cipro a Venezia. 
T. XIV p. ao 21. Ptitr9 oflizia- 
le alle rason vecchie. T. XIX p. 

de Fossa Cavaraca Jnsdldo da Cre- 
mona giudice e Vicario del Po- 
destà di Padova. T. IV p. 157. 

Fossabubula T. I p. ir. 

Fossadelle villa assegnau ad Oder- 
zo* T» XI p. ijo. 

Fossalata posseduta dal Patriarca , 
ma pretesa da* Trivigiani • T. 

F^salluza Villa in Friuli • T. II 
p. il. 

Fossalonga , suo dazio ao soldi e 
sei grossi. T. X p. tS4« 

da Fossalonga OitvAnni notajo di 
Trivigi • T. VII p. 40 44* Si- 
piente . T. VII p. S7$. Notalo 
del Podestà. T. Vili p.4S* Am- 
basciatore a Padova. T.VIirp.- 
«4. Notaio anziano de' TriWgia- 
ni. T. X p. 95* 

Fossa !ta Villa del TihrlgiaDO ab- 
blu. 



f^ f n . 

^futilità nt^itg.V^m de'V^e* 
l^'aoi , T4 Xf f. 70* Assegnara 
.fid O^t^r;^, T^ 3CI p. f3 9' C^iii. 
iffVA eoi Fa do vano . T, ^IV p. 
7fi, Era sotto 1| FodcstarM di 
Koak, ma eoo Ducale fu in«^a 
f^cttf <juc3!a di Tiivigj , T- J[JV 
p. t9^ viJla del utntDrio di 

di FoM^Ita ^. /ac(>po yll|;i $o^U 
W « Ifo^le. T« X Pt ^^ ^tf.Qli 
uomini prendono a*^ soldati 4i 
Cau^ ^fioe e <?ay»/lì^ T. % P» 7JI^ 
dtf Fo^s^ka ^Noigiu: nobile fnvi. 
£i;in(i , ch^ ^\%^V9. fuori df Da 
Cictìk . T, X p. ffp. A^Ms^* 
milfte TfiwgiVnp. Ti n p. ^7* 
ApVA^Q ^ apibi^ftcìatore xlf ' Txi. 
vigiaui . Tf n p. 7J 75* P^^tf'*^ # 
T. m p, 150 ? j;* C^ifftwo o«I 
C*nc4ef« pc' T^/vigwoi 4?ontJo if 
Cpfite di ^^p^ia . T, V pr ao<# 
Jpipvifioxer 5opff |e ycpojraglic 
. i^l Qjni^fpifj, T- V f>. aj;i pi- 
edini 4*tiglì 4a' TritJgiàfli ^r Ja 
/diim 4i C^voIaw?» e di^ Jleoen- 
^io. T* V Pr *rj.^ Prigio/ìicfe 
<iel Conte di Gorizia cambilo 
'(m *rt ^biaJcg.« T^fdfisco , T- vj 
p. €^ Elc^ ^Oi9i|iÌjKAuo da 
ToIbcjTtQ da QainjinoF ^ St»ri^ ,- 
T. vni p. 7^ ?a/ Apat;i?^i«qr 

pace. T. VII! p. ^le, r,.i:w<:i»: 

^H. KTMl^sip ^iio jniatcia^oftio con 
s ^Ijeni^a 4m^\ Àj^*ttJ coj eoo* 

senso di Odorico suo av^uiioolo •• 

T. V. pt 11^. 
Fossamerla Villa dc'Caminesi' ce-' 

rfiKtf 4 CoocgU>np. T. J p. Ì5^ 

E da' Tiiv^ia#)i* T^ HI p. 4J. 
FflMa4)p Kl^dg ch^ ^livide i confini 

iftL J yaw^QCj^* fi T^vigifini prps- 

f» ftpQoanpr • T. X p, X ji. j. 

XJV p. ^i 9é* 
Fpfa ^40/9 TwìgWfO' v^ ^»^s«cw 

i:ì«) ^i M0stÌA9 «op diic wvajli . 

T. X p, 17*. 
ti«l»ai;^ 1tt9£0 d(t* pialli di Ba^ 



iìtlt, T. XVI p. i%f t^i, 
Fraf;i$tpro P^lJUlf^po f^ttp Cav^JiV^ 
re in Vcioa* dal Carrarpw, T. 
?VJJI p. 57. Aitìbaatiatore de*. 
Vcipn«i i yenc?K4^ * t. ;j:Vm 

de Fraga/lcfco Nìetllff ;iot|jo irf 
Ve/ie^a . T XJ p. 177- t. XII 
po;i* Zu0n^nii^é ji>i^*c« abi- 
tante in Vencaua. T. IV p. 178, 
GiaiAce salariato del Cpnuuie 
^ di ycn£w> . 7. V p. ?/. 

Fm»^^ ^foli^l 4i L^iift^A^ CofltC 

<^cl P^Jjijtw. tf 1. p. ^^ 
Fr^oc^riJ/* p«djut* #'PadQvW4^n' 
4bai? dellg Vaug^iiijJfW* T. |V 
P- U4f 
I^ranc^zfin Fr^nfiésfb*^ c(a Vcipna * 

T. xm p, ,^. , ^ 

Fww;cpigi p0s9c<lvta da'Si^ri<ii 

Por?;ia ,. ma ij^gpata alfa ^o-^ 

dcsrpria di Oderzo . T. XI p. 

x;^. Ricusava di cowi^poiùJcjc 

a Tfjviflf . T. X^ p. *8s.Dei;e- 

not9 f}a j^lgnoxi 4j Brvgnariji • 

T. XI p. 1$^^ Os^ia ;Ppf|S^ia , e 

.<Mr Pati ignea , ma pr.cj^a 4a' 

Tmj|[J^nf, 7, x^ p* '9U tofo 

diritti ^Qprflf df €Ssa, T.xnp^7- 

Ffan£;enÌ^a feu4p de* Sigrtprr Ài 

fotm ay«fo dal* Vc^qyo dì Ce- 

;t?d^. T. ut p, i$j. pbK^sa di 

^0 ^m'm^, T. ly p. 7/- 

de Fwncepj^P ffìecplp ^criA);i e 00- 

p. l^f 
FrAtjcia , jjuc Pierre coli* Ingjultcj:* 
xa # II Re uttp prij^nierpr da-' 

fiU' i;7giot • p ;(in p. 8r. ^J 

.^e d* Ungheria gli spsedi^cp ain-* 
Jbfsciatori , chir ptósaAo per. Tri-r 
vmì. T. XIV p. ^6. 

Podestà di Vicrnw^ • T^ IV p^ 

Fftt^je^co QìMfsfft} PadpvajRp . r. 
JU p. a^. 

de F^anchifp 6lt^émw Sfxiba f JlfT' 
tajo della curia Dp^qa^c*. T.à^I 

p. i6. 



FR 

rfc F«ancW Nlcttlo Capitami di 

Coruudi . T. VII. f. i««». 
éc Franco Pl^r»^ jnflìte T'fvfgiV 
ilo , T* H p. a7. 0Ì9V£nnt mU 
lite Tijvfganov, Ibid # T^desekì^*^ 
Console. m Ttum, T. I p. 5i. 
de Frano Alberto ài TodcsdilncJ- 
lo milite Trivigìan^. T^irp.iy. 
ì^fanza Cerar din» de Pranza Tr?-» 
vigiano eJcjto agif affari corren- 
te, X VI p.^jtf. Giudice ;inzia« 
flo del Comune « T. VI p, 5^ 
5 5» pel gudo maggiore . T. VI 
!>.. 59 77^ Sapiente . T. Vi p. 
3j. i^rii;»^tf/f^ amtascfatpre a Fel- 
tre. T. VII f. ij, Gef4rdì»tr de 
traoJU Giudice . f . VII p» 34 
xjl, yodcst3i di Conegfiancr . T- 
Vili p. 3r J4 59 4<5. Ambas- 
ciatore de* Trivfgiani a Vene:&|af 
T. Vili p. 10^ 112. Niccoli vci. 
dfe^Bragl* Raìndldf^ ptjjgìoniera 
dì Ca^truccio uell^ battagifa con- 
tro f Fforentinf . T*. IX p. 9^ 
RoUnilno THvJcfario. T. V. p. 
101. Sapiente . T. VII p. 9^^ 
dtó? F'raporta Vaudìo Dr^psfr Tri. 
vigfanO^ T. II p. IJ5 14*. -Wi»-' 
riP»</a ambasciatore de*'Trfvigia- 
ni a Padova . f. yi p, fi|. g. 
leti^ «piente . T. Vly p. 175. 
Amba sciatore a Venezia . T. Vili 
p. p4. Testimonio in consiglio é 
T. VIIIp. 124» 
Frassalongo Villa del Trrvigfatto , tf 
sua tangente djl colte . T. XI 
P- 74" 
Frassenè villa assegnata ad Oder-^ 

zo. T. XI p. n^/ 
FRATI. Fredfcatotj e Minori 4i 
Venezia debbono scegliete un 
religioso per incerprecar/e^ tuia pa- 
rola dì uu accordo seguito fra 
Venezia^ Trivìgi» T..III p. 10. 
IJfe* Predicatoti di Venezia e dì 
Trivigi' cregffono un quinto ar- 
Birro ncfTe'^iffcrenae fra Venp- 
*fjt\c Trivigi, T. t^l pe 84* fr. 



F R ^ 2^7 ^ 

^'tjno da Perona de*" Mifioci 
t>lhe:flcato da Boniocontfo Ves- 
covo d! Vcroija. .yrdrU. T. VII 
p. jj* fr jf^$sttn9 degli Ecetm- 
tanF clettp di Concordia . T. 
XVlI p. 27 a^. ft. Almerìev dcj 
Teupf Priore de* Predicatoli di 
Trevfso. SforU. T. VI?I p. 1*7. 
Fr;ite AnppnU da Padova Lertér 
di T'ivfef, Frate Bdrtoiommiv 
9 Santo lachalarfo , ftarc J?4rfr- 
Ummet de Leitdena'^ r ^1^^^ ^^' 
rtfrU d* Trcvfsor, frate ^feprr da 
Campagijolg diocesi di Padova , 
frafp Binedettf laico dì Treviso 
tutti de' minori testimonf al tes- 
tamento df Gerardo da Cami- 
no . T. rv p. i6j» fr. Anttntr 
da Legnago e fr. Antonio da 
Feschtcrt "dc^ rnfrtoriy fr. ^»t#- 
»>iV da Verona converso dc'Pre- 
dicatorf benefù^aci da Bonincon- 
tro Vescovo. StorU, T^ VII'p. 
15. fr. Anton: f MarcellTni de^ 
mmor! ambasdatprc » Torino 
del Comune dr Ancpna . T. ^V 
p0 7»* fr. Arwféft^no^ Abattf del 
Monastero spedito del V.e di 
Boeìi4a a* Tt|vjg|ani . T. X p. é; 
ir. A^naldv Ab, dì S. Giustina 
di Padova. T^ I p. 107. fr. Xr» 
*;W Priow di S. Giovanni Gero* 
soliioìfi^no dj Prata. T. XIJl P» 
7*. fr. fisldéttssrg da Verona de* 
Predicatori beneficato dal Vesco- 
vo Booiturcfltro» Storia. T. VII 
p. 29* £r. 5<«rf»/#w«ir^ Priore de*" 
Predicatorj di Verona, ft.faeopor 
Boncauibj! da Bologna^ fr. (?»;. 
dono d» P^rma , fr. Sotinplh dot 
^a^pva presenti ad juna semen- 
za di fr« qjovanni Vicentfno • J^ 
I p. ro5« Presenti ad pna inves- 
titura del Vescovo di Ccncda a* 
Caminesi. T# X p. >o8. fr. B^m 
tolommeo de* MiuQii InLquivtpr 
del J5. .pffiipto 41 Venezia . T. jj 
j>. ??9» fr. $érrolammoo cnsjp^ 
de'^)Li;l9r^ d» VewfU, «^^-^^^ 



to% ' FR 

99Ì9fmm€9 ministto ProvincxaVdi 
Sf Antonio beneficato da ^onìo' 
cootro Vescovo dì Verona.. Sn* 
rU T. VII p. js. fr. B4rt9/»m' 
mt9 dt Fiorensa de*5eivi,. CT« 
Xir p. 70, fr. BsrttUmmf da 
Udine de* FredìcatoH ambascia* 
tore de* Genovesi . T. XIX p. 
fi* fr, BtBtdfff0 e i#/^«rtt Mo- 
naci di S. Maria della Vanga* 
diua. T. IV p. 9x. ft. Stntdef. 
$9 Monaco de* SS. Nazzaro e 
Celso di Verona Cappellano del 
Vescovo Niccolò. T. X p. 154. 
£r. £envinut9 de* Minori. T. V 
, ^ tf8. fr. Btnvenut9 della Cella 
ingegnere depuuto a' lavori di 
*ave. T- VI. p. 7481. ft.S#»- 
vinut9 di Somma campagna de* 
Predicatori . T. VI p. 92. fr. Bt* 
rsld9 ^e* minori da Bassano. T. 
Ili p. iy>ff. Fr. B9Hesmyi9 Prio- 
le degli Eremitani in Verona. T. 
VI p. 9*. Fr. B9nlfseÌ9 da Pon- 
te Fossero de* Predicatori. J!» 
VI p. 9^, Fr. B9nìne9»tT9 Prióre 
de* Predicatori di Trento. 1?. IV 
p. 149. Fr. B9nins9gns da Tren- 
to Guardiano de* Minori benefi- 
cato da Bonincontro Vescovo^ di 
Vex^a. St9ria, T. VII p. 4^. 
Fr. B9n9 Priore della Pollina 
Vcd. FolOna. Fr. B9n9 da Tten- 
to de* Minori, e Fr. Giuliano 
da Padova Inquisitore del S. 
Offizio nella Marca Trivigiana. 
^Tonu IV pag, ij. Fr. c«r. 
rsdù da Mantova de* Minori, 
e Fr. e 9 stan f:»9 de* Predica- 
toti beneficati da Bonincontro 
Vescovo di Verona. St9rU, T. 
Vn p. 29 5S* Fr. D9sìÌ9rAt9 di 
Verona Priot^ del Convento de* 
Servi in Trivigi. T. XII p. 70. 
Fr. I>lBade9 da Cremona de* 
Minori. T. VI p. sa. Fr. ì)«»m- 
nie9 da Padova de' Servi. Tom. 
XII p. 7j. Tr. EÌ9érd9 amba-- 
iciatore de* Trìvigiani a Guccel- 



FR ' 

lo d^ Caolino. Tom. VII p. jt. 
tr. EgA»Ì da Bolzano beneficato 
. da Bonincontro Vescovo dì Ve- 
Iona. St9rU, T. VII p. 4,. Fr. 
Erm9la9 di Venezia de*SerVi.T. 
XII p. 72. Fr. fdlc9»9 di S. Ju* 
liana, e Fr. F;/i//»# da Vcrcel- 
^ . f ^. GugVifilm* de* Cavazzani, ' 
e Fr. Jinéu^Ì9 de* Predicatori be- 
neficati da Bonincontro Vedovo 
di Verona. St9rla. T, VII p. j$ 
40. Fr, F;/i>f» Canonico Betle- 
mitano.T. IV p. jo. Fr. Fìlli, ^9 
de Domo merlata àc* minori bc. 
neficatoda Bonincontro VescoVo 
Sj9rU, T. VII p. js. ISi.Fìttff. 
di Castel della Pieve provinciale 
in Trivigi de* Stivi. T. XlI p. 
70. Fr. Fl9rl9 da Veronade'Prcdt- 
catqri beneficato da Bonincontro 
Vescovo di Verona. St9Tléi, T. 
VII p. H» 'Bt, FrAncesc9 Cuar. 
diano del Conventò de* Minori 
di Bassano. T. Ili p, 154. Fu 
Frdi9e9U9 da Castello de* Mino^ 
ri. T. Vi p. 9a. Fr. Frsncesf 
de Prcaicatori dì Verona bene, 
ficato da Bonincontro Vescovo. 
St9rU. T. VII p. j6. Fr. Fr4». 
cete9 de* Minori ambasciatore e* 
Trivigiaoi. T. Vili p. 84 «s 8< 
P4. Fr. Frsneese9 Prior di SXSiu- 
stina di Venezia. T. XII p. jx. 
Fr. Franc9scbln9 da Montebèllu- 
na Commissario nel testamento 
di Chiara da Camino. T. XTI p. 
loj. Lettore de* Predicatori di 
Trivigi. T. JCII p. 105, Fr. FnU 
C9n9 da Sistarico de* Predicatoli 
nunzio apostolico scomanica i 
Caminesi. T. IX p. 45. Fr. G4- 
v*ri/#, e Fr. Berndrd9 de* Predi- 
catori di Padova nu^zj di fr. 
Giovanni Vicentino a* Coneglia- ' 
nesi. T, I p. loi. Fr. Ó9hul/9y e 
Fr. Enrte9 de* Minori da Bplza. 
no presenti ad un compromesso 
del Vescovo di Trento. T. Iti 
P« 41. Fr. Ci*ffrf# Abate di Mog- 
gio. 



F R ' 
gio. Vr,.Gi9rdMn§ Psiore -41'^. 
Be^iedetto 4li fadova delegaro, <ti 
Pap« Oi)orjo« Tom/ I p« <» , ^ 
107. |fr.:,<74r«^^l Viceorino, h 
libciaic r alcuni Tmigìanì fvi- 
gtoni^ct 4c^ CoQ^ìtiiesi. Tom. 
I pag. iNoa^ VC!Ì*.-jFr* (7f4«4«- 
,»;• fr. GUvA^M da - Jol#gfii 
dell' Qrdioe di. ^S.. Bciiedecto 
pi^esenee \n Scorava Uè. Toqi.<I 
p. ixa^ Fr..<;;*t/49»2 degli Btc« 
inicanl sppcastance a* la vari drU 
Jc ,strade Padovane. T. V p, < H 
'e. a' la voti sul pxato della Val- 
'M> T. V .£. xax. E a* iavod di 
'Piave. 4*. Vl'p.v 8i, pr. GUtri^j*»- 
i»i detla J^o<;9a Priqce d^ Predi- 
catoxi dì Tieviso. T. V p, 7^. 
Fr. CUvé^ni. chi» fd da* Cani- 
pa de* Predicatoli di Trivìgi , 
Fc. GéhrltU {de*. Pzedic^rori te- 
^tfmonj nel^ testamento di Gaja 
da Camlh^.' T.^ ^'P- i45* «'• 
Gii[V4»^ì da rTtJpviso de*, Predi- 
<fatorì. T. Vip. 9i, Fj. GUvé^- 
1^ (^i^cjii monaco di s. «Giusti- 
tu 4i Pa4oYa Presente in Vero- 
na.' ìf^oVi^. T. VII p. aa. Fr. 
Cì9vàfknl a i;»ectis da Verona de' 
Mioori beneficato da Ronincon- 
^ro Vescovo 4ì Verona. Scria» 
T# VII p, 3S« Fr. Gioyé»nl da 
Venezia de' Minori, T. VII p. 
118. Fr, GUyanfil Abate del 
Monastero di S. Stefiino di Car« 
rara. T. VHI p. i8x, Fr. Gì»' 
véknni Abate Kosacense. T. X p. 
117. Testinonio àlf' istrumento 
di lega fra il Patriarca e gli Sca- 
ligeri. T. X p» 1Z9* Eletto gitt- 
dice arbitro nelle controvei^ie 
fru. la Contessi di Gorizia e, la 
Chieta d'Aquilcja con nizzardo 
d;» c'amino. T» xi p- 8 9 14. 
-presente in Udine. T. XI p. 15. 
Ved, R.osazzo. Fr. CUvannl da 
Tiivigi de* Minori presente al 
testamento di tijz^atdo da Ca- 
mino. T;,;XI.p. it8. Fr» Gfom 

' Tonfo ix; ■ 



P R 200 

Mé»m '. da Padova de' Servi. T. 
Xlltp. 7J« Fr. 47ì«vi»i>»«.- Abate 
• di S. Maria di Fiorenza. Tom. 
:XIV p^ itf tff. Fr. Ghvstwt da 
jB^omono de* Predicatori di Tii- 
vigi # T. XV p. 47 48» If.G'fm 
vaniti Priore di S. Benedetto di 
Padova vicario in spirituale. T. 
g^VI p. 9Ì 94* F*» ^Trolam^ de* 
Predicatori fedito a Vooezia da* 
Nunzi Apostolici a portar lette-. 
. tt apostoliche pel étto di Xer- 
xaca^iT. V p. 109. Fr. Gésmat» 
da Verona de' Minori beaefica- 
ro cU " Bonincontro Vescovo di 
yeiQtt, St$rl4. T. VII p. 35. 
Fr. Gregei» Priore di S. Marti- 
no .di Cdexao nunzio a* Trivi- 
. giani di Ouecellone da Camino. 
T. VIII p. 150. Tr,Grt^rt9 da 
Vei^a de Servi. T. XÌl p. 71. 
. Fr. GrBg9ri$ da Venezia Piidre 
4e* Predicatori. T. XV p,47 48. 
,Fr. GM#f<ii* Priore de* Predica- 
lori di Trivigi , Sagìberto Letto* 
re de* Minori , e Zantn* Priore 
degli» Eremitani, e Fr. Gnli%tt9 
de* Predicatori , e. fr. Dino de- 
gli Eremitani, e Ir. Btrfndlnm 
de' Minori. Tom. IV p. *i. Fr. 
Guiio qu. Alessandrina de* Prc- 
. dicatori eletto da*Trivfgianiara^ 
. basciatoxe al Vescovo d' EsakK 
T. VI p. 5«. Fr. Guldtnt da 
Varano da Rimioi , Articé da 
Treviso, fr. G»id»»e da Trevi- 
so, fr. Pietro di Niccola da Par- 
. ma^ £r. IdUbitUài Sona da Ve- 
rona , fr. cem^agnt di Treviso, 
fr. Alberto di Castelfranco , fr. 
Tomméuino, de' Todeschini da 
Treviso, tutti de* Predicatori 
predenti al testamento di Tòlbcr- 
to.dfi Camino. .9foriA. T» Vili 
p. T7\ Fr. Guidóne Abate ^t S. 
. Mlchielc dì Chiusi. T. XV p. 
72. -Fr. Leanéwdo Priore della Ca 
di |>io di Padova. T. IV p. 4^. 
Fr. Leonardo di Corrado de'Prc- 
O ' dica- 



%io F R 

«Icimf di TrìHgk T. IX fk >t, 
Yf. L4èf9H9 Ab«t di SeUo f«- 
0f«teii« ti cotìoqute goflcrirtr 
4le* WàtMxà M Mt>M«to. T. Xr 
.p(. i9» m I««CA»# df ^«IMstiA 
dif %ety\é To». Xlt p. 'ti* Ft. 
|ir#f » dft f ettsM. T. ^ fi «#9 
Fr, /JM/» Aliftim 4tr YYcAI^. 
tori btiidie«a» 4tt^ Bonklcéiitio 
f eteofo dì f^nm^. SUttéh t. 

cte K 44 Fidovs icsli IffeMf. 
tMK ¥. VI pw fa. Fr. JTiiiI» di 
MÉMr ZftmMaò tesirtMtifo In 

tu Msrcé^ Tèichft d« Cll#^gra , 
ft. Mé^friitn* da Modsofi^o ^* 
JUmoif,. f^. <7tavMi(»r da» Pfete 
dt Sacco, fr«. BM94éfté' da Lì' 
coanò de** Ptcdicatori tAifmònf 
jn Tir?igi. Tarn* IV f. H^. ft. 
ìfàfet da Quiioanof ii)<{WÌsiUo. 
ni ftfie coatto df Hii dal Vesco- 
vo d^ varana. Suris, T*^ VII p. 
^a. Tt.Jiéirà^tm»^ di VeACzìade*^ 
Stnf. T» XIIi pw7** fi^iifiiJ^^»- 
4m Ttlvigl , ft» C^<a#7iN^ da Ce 
i>c§1fiiio praaenti ad tMta Fraeu- 
• fft di Aiìka da CaifilhO. t; II 
p. •$. Fr. Néseimh0h€ dà Cerca 
dt* Minori beneficato da Bòn9n- 
comro Vescovo di Verona. Stom 
tU. r. VII p. j5. F»i N!f9Jfn9 
da Masso da Vefieziar Fiioie de^ 
Pradicatoti kt ToroAa. T, VI p, 
^«. Tf. JfT^f* d^ Ca^r dellft 
Flov« de* Serri; T. XII p^. ^t. 
Yr« jvtfrai*»* GoordìanO dé'Mi» 
iiotf df Verona» T. VI p, px.. 
Fr. il»fi7# Abata dal Monastèro 
detto FolKna. T. IX p. i). tr. 
Ofi^ì^né' Cevola de* MindrP fi- 
daicosMtiiMaik» di Boiflrtontro- 
^escovo dr Verona, f^^^^. T« 
ni p. ^8. Fr.^ Aic« ABate del 
'Monastèro di ;^. FeKco di Isoto- 
^na. Tom. 1 v p. »s j5 p\^u 
ràwtfif degli VniìUati deF ter- 
ticoiio di Mantova prestate in 



FR 
Vel*n«. ^ériM. Toni. Vlf p*s*f. 
^. Pé^^huf d« f adova dkrMf* 
ik)rl. Tt VU"p. Ita. ft; ftrt/r 
tifotf df È. Ffffppo dì Verona, 
^tfi'ik T, Tlt pt jSé. F». fM)rtt- 
%4p9* iKKore 4t* Klitforf d( Fa» 
dv?a ^ fr, z«*s»^ da Tsevlsi> let«^ 
cof«- 4e'Mktoxf taatimonf al te«. 
ta iiiaco df Gnecettoi da carni- 
n^ T. IJt f # 5ti FJ. Péh9itH» 
Kbk^ di AClptfan^ di Morano. 

Tr xn ^ ^fi^dtf, rtfiietvà, ft. 

mcè^l^^ H. anitra Fab. fes^tnoo^ 
•1 teltaaieftfà dr 6abtfef da Ca- 
mino. T. I p. ^5- ft» fìiiro de 
Swikio, frw JiMfi^U C^oTetta 
de* nhùA di VibeniLjr,. è fr. 
Fra)ietst9^ ih<piftftare dèi $. oà- 
fio. T. Ilt |. t«j. Ff. Ptitfdt 
Ospìzio mofrtffd dr 5eJva mag- 
giore dk>tfesf KdRiegarciWe. T. v 
p. lìO. Vi, Èietrv FahelTo de 
Grctana ife^ Mioorf ftenéfieato 
da BonJncmirrò^ ve<C0f'tf d? Ve- 
rona. S^f^rìéf. T. Vii p. u. ,^Bi 
Pìrtì'r d^' Frcdftfatoif Vescovo^ 
dr Caafelld itr Ve/teiTji. t. XII 
f. li.. Fr. Pittici da CdrSattooo 
Frfore ^bate Cftinfecé*rse Pro- 
ftssorè df TtoJtogfk. T. XIV p. 
if. Fr. PflhHvdiir <f antodi de* 
FiedftaiorI df Vfc<n^. t; IV p» 
pa^ Fr. P^9ififlfi9 Cnstode de* 
Fratf Mìnotf >(el Fffiiir^ e fr. 
J*c9^ {.etcdre dé^Predicatorì di 
Cividale tono nel sinodo fro- 
vfceJale A)inrit|brt>5^. t. Wf p. 
i8. ti.'lt;n4l^<^ di S. XftT^n^ 
degH Eremitani drtrhi^"; T,tX 
p« il. Fr. SVeardo Friore de! 
MonasMro 4f f, Martin ^otto 
' dfel distrenò di Pratà.. f. IV" p. 
|7. ti. ^9Ìsh4ù' Prfora di S.. 
Salvatore df vcncil». T. Vtt p. 
ttf. Fr. Si^rampss de* Fomarn 
monaco Ci«crcicnsc. T,. XIV p. 
4Ó.. Fr. Sdi'uedt^e Fretto della 
Chttja di 5. Mic^rc aì portar 
dì Vcrona/y^Hi. J^ Vtt p.4u 
Fi. 



F R 
ff. téims$u^ Priore étti' Ospi- 
tata di BofoloM. T« IT p. 141* 
il. Éént éÈ BtlNtì^ t Ir. 0/«« 
É9m9 ^*M inori fwrinimi) ti t«s« 
fimenKk ili Beatrice diCaih?«o« 
Tom. IX p. 19. Fr. ré»*n$ dft 
VtldUoUttftue degli Ecefliitafiù 
t** IX f. fi. f r* g^nthv Jcttore, 
ft. ier«ift^M# de* MiMii di Xre« 
^so pnesenti al timaniéfito dt 
Rf!fe««td» dfl Camino. T« r p, 
il^. ^r. ^#*é»# é« TttMia de* 

« iU £r#mitadf. T« VI pi* 9%, 

ViattS I clw Mn abbia a ftr darnif 
il hoèto dì $0 Vietrtf In Taxnor 
T» V p, ijj, 

^ R«8ok deve «bbfdirr il Capi, 
«aiild di S. X«Miit. T* X p. 92* 

fiMM Tina tfi Friuli; bèni Féu- 
dflfi di Hìttétdò dà Camino da. 
« • federico da Savorgfiano.T* 
XI p. t«j. AfwgftafS ad Oder. 
zo. T. XI p. f^y. 

d«na fratta Jhsrd^ di CoiregHano 
dei OoAafgKo. Tom, Xf ^ isi« 
C»r^éd0* "f. I p. X». FHfj^fè. p. 

5 ». 6;*tri^«}i}. ibid. a*»j/4^#. T* 

I p* 79« I>iflsxérl0 attiA>aiCMCO^ 
9é de' Concglianeil atli tofige-^ 
tf« T. X p. f57« GétMf Seno. 
«e trMgiino. T. Vili f. ut. 
Jée&ptVtsatUo ^èl Vta«ofo dt 
Ceneda. T. I p# «2. p# ^tf. Da 
mOàfam Giodke del Podearà df 
Bieada. T« IV p. i^'i* Jéffùpìmp 
qv. Filippo da Cdnegliaoo. Tom. 
^ paf- «H' JLjitfd» fuoruscite» 
tokìgiirfe Tom. IT p. i»* 1*7. 
MttKàfi* Tom. I pa|^ ^. sfn. 
dieo é piociiraiore do* Cotie. 
^Haitesi* T. II p^ 24. SèHétifém» 
amh«s«i^tote de' ContgUanesù 
r. V y. cj, nt)4m¥ di Cotìc- 
gllano Consigliere. Toaf. XI p* 
fff- 
dlUi ^raffina p0àHUeì0 ftetso ir 
€dfhtr^s«. T* XVI p. Hi. £r- 
tèàm$0 è iirUdlnft al parlamen- 
y> t«Oc»«fe. T* XI p.' $4. £' in 



^. Viro Cof Famafei. T. XI p« 
5d. Ulflmìw eoAper« il C«pi« 
talliate di S* «teso* Tom. XI 

Fffewni giantdliloiie del Veieovo 
di TcHte o di Beilano. T. I p. 
«9* Chfeaa di & MittiAo ibid. 
Feudo delia menta Veteorile di 
Ceneda data a* Caminefi. T. I 
p. 108* T« IX ]ké 9 •'{.Cisrello, 
T. 1 p. ne Ita* T. IV p. 8^ 
99* lito a Xfiqilina di aopra. 
T. I 4iu f 144 T«m# Il p. t. Di 
Htvardo da Camioé. T. IX p. 
4^. Dato ift Feodò a* Ftocura- 
tori di S. Mjfco dal Vescovo di 
Ceneda dopo le morte di Riz. 
Airdo da Cimiea T. Xl p. 9tf« , 
Doveva dar genti peir occupar 
il Caatelie di Ceosde pe' Carni- 
fieai* Tom. XI p# 170 17* i7j* 
Deto In ^eikdo è Beattice e Eii. 
2ardd Camtnett. T. Xll p. 28. 
£ aimifm«nte e Ijzsardo e. Oe. 
tardo de Camino. T. XII j». 50 
j«. Premuta de^ Veeexiani per 
evello nelle manf« T. XIV p. 8 1. 
Preao dafCatrarcad.TJCVI p.tfa» 

Vrcscanovelfa séis^mwtU^ Ibortiftc'.^ 
fo Vereneac rltireto io Triv^i* 
T. Vili p. titf* 

Fmiega ott^x^ Vet««v<^ T* I p» 
19. Mlh9r99 Veacévo. T. I p» a7- 

Friuli Cestello C del) T. Il p. <*. 
I^ati miootfi, Frotperieo Custode 
•I smodo d'Aquilefa* T* III. p. 
88* Fiiulem vanee a\ aoccotso 
di Gerardo da Cimino ftttto Si. 
fuor iH Trivigr. T« iti p« fou 
Aleaaf Caetelfenf ti comptomet. 
nMo in Gerardo da Ctfluno per 
listibilrt fi pace » e I» ttani|nil<« 
lità nelle Provincia. T* IV p. tf. 
Il Conte di Gorìaie oen Babdni. 
co vi è entrerò oscilmente. T. 
VI p. 1). viarofedie civifi : i Tei. 
v%rant vogliono tratfU^ le pace. 
T. VII p. j2. Alcuni Vfudeur 
dimandiflo eiuto t^ Tilvi^ 

O 2. COS. 



txMuto il Cónte di Goctiia* T. 
VII p. laa. Gacrrc d?jlf. T.VII 
p* w$j^ S* «Gcordano col Conte 
3i Gozùit, e lo partecipano t* 
Tiìvigiafli. T. VII p. 140. Nuo- 
ve tuzbolenze contro iltjorisia» 
ITO. T. VII p. i4»« l Tnvigiani 
vi mandano ambasciatori per le 
r eviti correnti. T. Vili p. 55 
j« 44. Lcg« de'Ptdorani e Tri- 
* ifigiam con alcune Comunità 
^el Friuli. T. Vili p. 9^. Santa 
Maria dt Scfbinico. T. IX p.ao. 
novità che mettono in appren- 
•sione i Trivigìani. T. X p. 45» 
Sua Uflivetsià del generale par- 
lamento. T. X p. j»?. Rappre- 
saglie de* Tririgiani contro tut- 
ti i Friulani. T. X p. j|tf 154 
i$$ 's^6. Minacciato con nuo- 
vo esercito da Alberto e daMas- 
, tina dalla Scala. Tom. XI p. 11 
2j. Manda un ambasciecia a* 
Venesiaoi. S^ris, T. XI p. 17. 
Molestati dalle rappresaglie con- 
cedute da* Tdvigianì ad istanza 
di Odorico , e di Zema da Fra- 
ta. T. XI p. z9 jo Ji 47 48- 
¥er comando degli Scaligeri so. 
AO levate. T, XI p. ja. Invaso 
con esercifO da Kizzardo da Ca- 
mino. T. XI p. 4j* Parlamento 
eoKcrale in Udine. T. XI p. 5J 
59. Molestati dalie rappresaglie 
de' ConegHanesi. T. XII p. io. 
v>raTidissimoxerrenfK)fio nella pco- 
▼mcia. T. XII p. 8j. Entrano in 
Trio li quantità di genti estere. 
T. XIII p. 88. 11 Doge proibì* 
sce, che da(la Motta e daglial. 
tn luoghi de* Caminesi non si 
fortino biade in FriuH, T. XIV 
p. ^'9% ìb uniscano in lega col 
ie d* Ungheria contro i Vene- 
ijanf. 7« XV p. 15* Fautori di 
lodovko K« d* Ungheria biasi- 
insti 4ti* Venedafli. T. XV p. 
<«^^ Mt>Id di essi rimangono pri- 
g;ioiitcdl iflciU x^CKi di Capodis* 



FR 

- trìa fatta da' Venei4ani..T. XV 
p. 44* I Commissari del Re d* 
Ungheria ptoibiscono che dal 
Friuli più non si portino biade 
a Belluno. Tom* XV p. sj 55* 
Parlamento della Patria. T. XV 
p. i«9. Guerre civilL T. XVI 
p. à}6^ Teme vasi che il Ctr* 
rarese poetaste le sue genri con- 
tro il FriuH. T. XVI p. 70» 
Scntensa del Carrarese sopra le 
dìfktttMt col Cardinal d* Alan- 
done. T. XVI p. 77. Il Carrai 
rese vi manda Cristoforo da 
Coocoreggio suo contestabile coL 
la sua brigata. T% XVI p. 91 94 
95. Antonio dalla Scala a vea in- 
tenzione di formar lega co*Friiu 

. lani. T. XVI p. 9^* Varj movi» 

- mentì in Friuli contro il Cardi- 
nal d' Alanzone. T. XVI p. 97* 
11 Carrarese concede licenza ad 
agricoltori Friulani di venire ad 
abitar nel Trivigiano. T. XVI p« 
l'oi. Trattano una lega co* Ve- 

^neziani, e collo Scalìgero. T. 
XVI p. IO 9' Patria. T. XVl p. 
104. Rettori deputati al goves- 
no della Patria. T. XVI p. lotf. 
Lega stipulata contio il Carra- 
jrese per le franchiggie, e de* di- 
ritti della Cliiesa d* Aquileja , e 
<iì tutto il Friuli. Tom. XVl p« 
106* Papa Urbano raccomanda 
a Ferdinando Patiiavca Geroso- 
limitano Vicario della Chiesa d' 
Aquilcja di im^rponersi media- 
tore per pacificare le discordie 
del Friuli. Tom. XVI p. 109. I 
Veneziani , e Jo Scaligero si Ja- 
meotano . che non osservavano I 
patri della lega. T. XVI p. no. 
Friulani ribelli di Filippo d* A- 
lanionc Cardinale. T. XVI p, 
117. Il Papa ù duole delle ca- 
latnitì del FriuH. Tojp. XVI p, 
ijo. Ambasciatori del Carrarese 
^^Friuli a trattar la pace.T. XVI p. 
^4X^44 »45« Veneziani inanda#io 
soU 



idlAtl in Frittlì «Jrtìtro fi Càrf^* 
rese. T.XVI p. f4« -,<>'» Udinesi 
icrivono al Duca di Baviera ]a« 
nfc'ntandòsi della guerta fiossi 
ài Friuli dal Carrarese. T. XVI 
p. 149. I Duelli di Bavièra $nno 

' disposti di teaire in persona d 
liberare il Frfutì dalle arnti del 
Carrarese. T. XVI p. 150 isx* 
Vfbano Papa procura di pacifi- 
care le distordic del Frml?. T. 
XVII p. 4. Gli udinesi novera- 

' no l«r apcstf izttt nella guerra 
contro n Carrarese. T. XVII p. 
ij. Passa p«I Frinii V esercito 
del Duca di Baviera, T. XV II 
pf' ÌS J4 JS I^ Fapa Gregorio 
XII. passa pel Friuli, e rfsiede 
Ih Cividal del FriuK. T. XIX p* 
3S, Patti tra alquanri Fendararf 
del Friuli, é la B.cpublica Vc^ 

• fletti T. XiX fj 59. Arriva irr 
Friuli uh Cbcrcico degli Uns;heri 
cotf Brandi» dalla Scala. Tonr. 
XIX p. tfo. Decreto det Farla- 

' ■ Mento cotitra Tritano di Sa* 
voTgnrano. 'f, XIX p^ 6x, Com- 
preso (fella tregua fVa Sigismon- 
do e f venexiani. T: ÌIX p. és- 
J Veneziani dichiaraifo Cho Sa- 
dle noi^ dei>ba estfer ccnnpreso^ 
uelfa giujrfisdizione dd Frhili.T^ 
XIX p. ia9. 

et* Fronti Tommssif da Garitta gfa^ 
dfiéedel Podestà di Brescia, t; 
IV p". t9i. Giudice in Treviso. 
T. IX p. 69, Giudice nelìe dif- 
fereniie fra 1 cTuc Comuni di 
Venezia e ài Triv?gi* ,T. ix p. 
^7. Anuano. T. X p. ii, G\a» 
4ìtt oiÌLÌal6 destihator da* Ttìi* 
vigrani ad esaminar i confini co* 
Vassancsi presso R-omanO, T.' X 
p. 150. T.'XII p. as. 

txusst tìci BelluodMr giura fedeltà 
ed ubbidiÀiza a Cariato dì Bru- 
na. T. tu p. 129. 

^Btmtrieose T^mmdf 'Mute dei 
J^Mastdno (ubHcii lar uojgiiil 



■ 'Ptr nf 

fri i Fiindpi della tombardfé 
a motivo del prossimo Giubileo.» ¥ 
T. x^I P; «»4« Presente in Tri^ 
Vigi air istiufflento di essa trc« 
gua. 'f. XII p. 115. 
de Focririigar Al fritta T. Ili p# 

41. 
Fmtcont Marchese. T. 1 p. ^r>, 
de* Fuigosi nobili aderenti de* Si^ 
' gnori ài Arcoi'li. T. XIX f. 9X0 
FUrlsns spia dì Cine dalla Scala. 

T. VII! p. no. 
dalli Fcrrlaira BértélAwàl» T. I p^ 
37 j8. Sindico del Comune di 
Conciliano. T. I p. ^a. Console 
di "f ri^igi. T. l p. $ I. Omì/rltlé 
Vassallo de( Vescovo di Ceneda. 
T. I p. 62. Odiatitino procura- 
tóre de* Co'iAeglianesi. Tow. 1 p.: 
79» Testimonio- T. I p. «4 87. 
Furlani Trivlslg di Odorico noràjo» 
' anziano d et Comune ài Treviso^ 
T. VIII p. ;4. Wcé»li bandirò 
da Belluno, t. XVIII p. 4^* 
de** Fnscardi R&gén9 fuoruscito 
;' Bolognese. It. IV p. ti» 1*7. 
da Fussirag;a Bétuékné da Lodi Ìo^ 

desta di Padova. T. V p. 35, 
de Fnséo PUPt^ Maresciallo de^la 
Curia del Patriarca Bertrando^ 
T. xn i. ija i|» 15*. 



de Ga 



abbó Gélvdgnv mlitc Tiw 

ìh'giano. T. II p. 17* 
Gabrieli Gidfmo ofiicialt alfe BbM 

son nove. T. XIX p. ij« ij-r, 

Ouldont ambasciadore d^ Pado** 

vani. T. li p. 117. 
de Gadenzia BnrUé giudice aises*» 

sore del Podestà di Treviso. T. 

Ili p. 4tf. 
de Gadio fììccoli ingegnere qo.ja*' 

cobi no da Cromc^na abitante in 

Pidova. tàoki XVI p.- a$ a^ x7 

19. 
de Oictani Oéfrsnim§ anbaacÌ»to« 

1 Xf 



t»4 G A 

tt it. Bresdtai. T* W p« it» 
49 ^alfrivUo Jé€9fim Fui^raBO. 

T. Il ^ r7 f «. 
4t Gtibri K««#fte fodtsdk di rtc- 

vi». T. V p. tf# sp. 

nt. T. II p. 9^« 
«Spianili VlUa, ^^ve Ctffafi# 4n 

CAaio» conpcra f foniigsimc t^ 

nula 4a Ganimolo da Prata e 

da Vatntiìo da HagMca. T. IV 

p. «9. 
«aidj JimM BataclaiM. T. IV p* 

lift ilf. fU$r9 Vicario 4^\ ?o. 

d«ic^ di Trivigi^ T. IV p. i«j. 

€«^i^e «laclpore. T. V p. éo. 

JOùàkt hk TJieviao. Tdoi. VII 

^ ^' 
tSlb Salta dam da Barengacmì». 

paradoct al Vescovo di Cent da. 

T. 1 p. a. 

«a|otto MBff notàio spedito da* 

TfMgiaiii «ir Impfradoc Etri* 

co. T* VI p. tS. lopragaattU 

diofit. TOVI.VI p. Jko a) a7. Sa* 

pieme 4cl OmgHo. T. VII p. 

i4 9$ t*9 fl^ Antsano. Tom. 

Vili p. t$t. Sìodico. T. vni 

p. Mi. Moca^o. Am»;«. T. IX p. 

4e Callaia ^4lluii da BassaOQ. T. 
in p. JS 36. Sindìeo. T. Hip. 
^ 99. voo* J^tttTQ sQt> figlio. T. 
ili p. J5^ T. IV p. sa 59. 

!^ Gallaratte 39TfUmU ^a. Ideo* 
pò ooca|o ^ VciKaia« T. JCIV 
p. 42 44* /m*/^ ^b. iSkivafmi 
iMìfa^o io Vcncaia. T. Xi p. yp 
jftS. T. «Il p. Jo j*. 

^* QaM XorlM liccnsìato k 90S 
citile £gliiiolo di Oliviero Con- 
ligliafa 4d Carcareae. T. XVU 
p. i|« Ambasciatore <tì esso a 
rcfraxa. Tom. JCVII p: ?«• Era' 
picanM » Padota. T. XVII pu 
79* T. XVm pu 43. 

4» ^n» CwMMioa Olvdlce di tTu 
Ireitti» T. V p. S4tf. ^«ri/# To- 
vmnM. T. VI f,^a7« 



G A 

df Galinarella ^r»*frta giadict ^ 
Padova foiuif^ di Basfaqa. T* 
lU f. 144. 

Qilvant gnrU0 V«roocaa voo di 
.quelli cke pfcsero Jacopo da 
Carrata T. XVIII p. «é% 

Cataugnao Vli^ , leodo Marinale 
concetso dal Vescovo di ?a4ova 
al sig. 4a parcan. Tom* Xiv 
p. lì* 

da' Gambecer} X>Nf# Poderà di 
Treviso* T« III p* roa* 

^* Gambacorti t#r« Vescovo dì 
Ttivigi invesse Giacomo da Car- 
rara delle declmf di |a|f. T^m. 
XIX 0. ij|. 

da Gampara M^kf*» fcstlmooio io 
Brescia. T. XIX p. 9I. 

Gambaraic Villa 4el diHs^o Trf- 
vigiano j pofniiifaMona ^tu dal 
Vcscooo col Doga. T. XV p, j8 
Ne* coofiai (^el Veoe^tan^ col 
Padovano. T. JtVIll p. 46, 

Gambaracti MU^nrt Ingfgnei^ 4el 
Viacooti. T. XVU p, 07 aju 

4e^ <3ambarMÌ IViiaf^oa giudice 4e» 
gli AnfiaQÌ dì Padova. T. Il p. 
117* Giudice assessore del Po» 
4c«cìi di ViceOjM* T, II p,. 149* 

T. IJi p« #^ 

d«^ eambecii i>fad9ft detto Bea. 
da qo* V^artie eletao da* Civi- 
dalesi a ran6car la pacf folVi* 
tcaoai. T, XVU Pr #4* / 

Gamberrim 4^rio»s T* I p. il. 

ile' Gambi /#ct/4#9 sccive al Vi- 
aconri intpioo alle solleva^ioirì 
di Scensa. T* XVIII p. yj^ 

Gambola^a pceiesti da* Viceanof.T. 
IVL f . <^t. 

Gandim £Ma'i P4de<t^ dt ¥el(rt« 
T. IX p. j. |?.>4a»frM da Cre- 
ma giudice vicario del Podisti 
di Treviso. T.IX. p. %l «4 S** 
^l#rr« da Oder«p noujo in TrJ*. 
vigi. $Ut't4^ T. VIII p. Ij. 

•de Gandino <i^|i ader^ntf dfii* Si- 
gnori d* 4mlfit T. XU P»9i. 

40 Gaogalao4l G4»/4U»ì^ 4fic4iro 



G: A 

««1 Icturc <Ugli Scaliseli a'Trì. 
Tigìaoi. T., X p. in> MI. t»M#- 

*;• Conte testimonio air WW- 
meaco 4i kg« Al 9< C^»«»ì> 
ScaUferi «e Go«AgM. J# X |»« 

4U a«n«era Sip»fra^ Cmdicc , « 
N%velU SUO ^glHiQlo ins^haifl eve- 
di da MdcJwfltc £«ÌM«]o <lcl 
Conte Kcroardo i»! «no tttas^ 
nentow T. V p. ifo« Fl»;«»« «- 
fede dì Alberxo da GanzArn. T* 

y p. •$•. 

^ <4. 

<fe Gtpf» ^éhtfs»» T«vigia«o, T, 

II p. I4'« 
GaiAiM villa ikicwtt <la* iligatn 

di f ofi^ift , ma {mo^ d«' Tri- 

vigiaiti. T* W p. 7» 
<Uiatd€ oyrgu Uiigaro -in .Setra. 

▼«]}£« T. XIX f, ras. 
d« G«jGM«tD MJf^h ^yu Boqk- 

cvnb n«tt|9 di .S«aayaXlt. T» 

Oathagi ^lterff«>M Veion^se necaa. 
M pi$wa\uo da* Cooq Goqxo- 
fa* T» f P. so, 

4e Gyba^nate /#f«^« pfi«ial« del- 
le mt£atc 4cl Vttc«o|L T.XV|l| 

p. 4S. 

«MbeUo Jdctf!9 Yeconete , «no di 
qadtli che fxesWD 5act^ da 
Cacraa. T. ZVIU ^ is. 

G«idA La^Of Cfido Iflipcnidait ikKf 
«a É Mattiti dftl|(i Scalfì il di- 
ntto «opra ta|f» il X«|Q» T» 3(11 
f» lii. Che onncameote cSa- 
■Mvaai Bcoaco* T. XII p. ùi. 
n npadco cfa feiido de* iigno- 
lid* AiCD, avtttQ dal VttMVp 
di Tieato. T. XIV f» ij* l4igo 
T. XVI ^ 141. 

Citdcfiiio M$ativigms fcacaiaio da 
Tivifp ca* Cattells. T. UI p. 
ftoa« T. VII p. flA4. 

4c^ Gardelli ^hv^imil Doavc d! 
Jaggr CapìtaM» del Castella di 
Trent» T, XII p. io?. UCffiio 



G A 2?i5 

da BHtéVnftir^ de^ (H>deUI luo 
nipote Capiamo di Yccgine. T. 
XII p. f07 i»l. 

Oaidinale G^stt9lm^ nomi» da v!- 
ceMa. T. Ili p. iK. 

de* Qaida)t Otuffimlstkf da Tmoto 
vkaf 10 S Enuca da IkmeMbu^ 
Capitan» gonetaia di Tiingi. 7. 
. JK p- tj$ f Jtf %^i^ SforUT.iX 
tp, 100. 6i>o decreto io Cavare 
dì c^rtoMene^Uo daJ X^gno* 
me. i*. X pag. 2t>. Frescore nel 
Cane Ila dal Tifoìo ad «oa car* 
ti del &e di Bpcnrìa sa iàvot 
de' THi^ani. T. X p. is« Can- 
fernatQ «alT ufi>cf# di Vicario 
lo Tli^^gi• T.X p. 39. Frescata 
a* Tmì^Mag «sia letitta del He. 
T« X ^. 44* Etife daoa« del 
Coniane. T. X p. 5«* Mandato 
ambacctanre a Veneaia. T. X 

P. 5^ 

Ofcduop jllktrté Accj(irete. Toliu 
. XIV p. M. 

49 aardan? <?•# rd^* Trentino, T. 
U pb 7P. Aaaaa«»d# ca« suo ii- 
gtìaoAa « < iin aao nipote tkM. 
oe pr'gi«it«ra dì Casarocck> «iel- 
la iiattagUa coatta t Fioraaiini 
al Forcala» T. ix p* $8« 

^^tfifdo Villa di Qaneglìano. T. II 

da GafelP #t«eair# noU|o Tauri- 

^aiTO. T. U p. 4o. 
Q«^zcd ^Carrt aaiaia da Baas$ao. 

T. ÙI p^ aa. 
4r' Gacpani a;av#aa; Noai^de'- 

Veneuani fermato dai Capitaaio 

^É^'fkyp. T. XVI f. tjs. 
Gaatone Inaiai» Qiadicc divicao- 

za. T. V" p. a7. 
Ganaro / a s ifa fMi«e fiadaa^na. 

T* n. p. uf. £a#2rf di Jacopo 

j^iacnf araae del Connine. X. lu 

p# l€m 

Catto odiata di pgnibaa aoaiaMr 

dt Veaana. T. ni p. si» 
Gaudb it«nM»« da Triv%i, T« III 

04 de 



2i5 G A 

de* Gaveioa? Gavejtn» Console di 

Cofieglitno. T." XI p. 151. 
Gaufredo Gu^Itelm» Console de' 

Trivigiank T. VII! p. ia9.; 
da Cavi GUeumìn» Capitaoio in 

' Sivorgntno. T. XVl p. 148* 
de Gaulello Jìhtrf notaio e Giu- 
dice ordinario di Trivigi. T. IV 
p. 51. Ambasciatore de* Triti, 
giani a Gnecello da Camino. T. , 
VI p. 44. Stndico del Comune. 
T. VI p. 4S 49* Sapiente del 
Consiglio. T. vn ^ jj. T. VII 
p. IO*. T. Vili p. X6a. T. X p. 
5tf. Anziano. Tom. VII . p. ]»o. 
Amb^ciatore a Padova. T. VII 
p, IJ7, Capitanio di Serravalle. 
Tom. VII p. itfo.fConclude pc* 
Trivigiani un trattato co" Pado- 
vani. T. Vili pag. 44. Anziano 
de Tiirigiani. T. VHI p. 107 
jro8 110 11} 119 »J7 157 »*2. 
T. IX p. r«i ia« r3i.T.Xp.44« 
Soprastante' al lavoro del Pon- 
te di Pietra in Trivigi. T. X pv 
40. Ttmmas» Giudice T. VIIIp. 

. i>o9. Consultato da Samaritana 
da Camino. T« IX p. ai« ao- 
auaao de** Tririgiani* • T» TX p* 
5 J. T. IX p. 9«. Rettore T; IX 

. p.. iit^ ^14 >i5. qn. duidone. 
T. rx p. 116 117 "8 1x9 t^ì 

. »a4 i-as r^6 i%% 1*9 ijor ija- 
i}}. Aoziano nuovamente. Tom. 
M p. ì j4. Eletto Savio. T. IX 
1J4. Eletto ad estendere un'am- 
ba«cittff al' Re di Boemia. T. X 
p. i|. 

Gauro Porto : meroi de' Veneziani, 
che per quello passavano. Tom^ 
XIV p. as. 
^e* GausH'ni AnfmU Yttttrt , e Lo^ 
Ttnx,9 , Fekrinl sospetti dt con- 
giora per dar la Città al Duca 
d* Austria. T. XIX p. loff. 

Gazo, decfme dare, in feudo agli 
Scaligeri dal. Vescovo di Vicen- 
za. T, V p. is* 

Gazo Io Villa da^ Padovani conce* 



<J E 

data agli Estensi. T. II p. jtì 
Cfltsrdo Vescovo di Trento. T, 1 

p. »5. 
de Geldonia jE»ri'r# ambasciatore a 
, Padova pel Re de* Romani. T. 

V p. 114. 
Oelic G'fvdnnt Ungaro in Serra-* 

valle. -T. XIX p. 111. 
S. Gcminiano coUegata co* Fioren- 
tini entra nella pace co* Princi» 
pi della Lombardia. Tom. XIV 
p. 58. 
Gemona in Friuli; Argullb dalla 
Torre Capita niow T. HI p. 24- 
Dimanda sicurezza a' Trtvigia- 
fii a au>ttvù delle rappresaglie 
contro di loro. T. VII p.^7a. Uni- 
ta ad altri fondita rf contro il 
Conte di Gorizia. T* VII p. %xx 
11} 141 145. Monastero di S. 
BfTgio beneficato da Beati ice da) 
Camino. T- IX p. te. Spedisco- 
no ambasciatori a Trivigi pec 
nattare aggiustamento intorno a 
Rappresaglie concesse da' Tri- 
vigianr contro i Friulani. T. X 
p. 154. Ne ricevono la negativa. 
T. X p. 155 rstf. Fantino di 
Cuccagna Vicccapitanio.- T. X£ 
p« X5. Alanda i suoi messi al 
parlamento generale del Friuli. 
T. XI p* 54* Dannf recati dal^ 
. terremoto del r)47* T. XU p. 
8j. Comunità dal Friuli fedele 
al Patriarca di Alanzone. Tom«. 
XVI p. 97 <o4. Ratifica la lega 
per la conservazione delle fran- 
chigie, e de*" d^rÌMi della Chiesa 
d'Aqufleia a dt tutto ri Frinir.. 
Tom. XVI p. rotf. Leonardo da 
Peis Vicecapitam'o. T. XVY pag.. 
%•€, Armar.no giura la lega Ira 
il Patriarca e gir Scaligen per 
il suo Comune df Gemona. T. 
.X p» 119* Spedito a Trivigi dal 
suo Comune per trattar intomo 
alle rappresaglie, che iTrivigJa^ 
rà avevano concedute contro i 
G<monc5Ì. T. X p. ijtf^ 

da 



GÈ ** 

di Gemona Mattia T. HI ft, 150. 
éitHc^ «IO. Gioseppc piigbnfero 
dì nizzardo da Canino. T. XI 
p. $iè Tinai» e Fantine ^it* 
•enti in SacJlc# T. XV p. i<»p. 

GctilfheT Giovani^ spvdtto dal 'Du« 
ca Leopoldo a' l^vigfonh Tom* 
XV p. tfa. 

«le* Geni Bart9Umme0 do Bologna 
{presente in Venesfla, Tmii. un 

p. 19» 

de Geno Cfiitofbro qu< Benedetto 
flocajo di Venezia. T« XIZ p.S2. 

Genovesi eccettuati oell* alteanz» 
di Catlb Re dì Sicilia contro i 
Ghìbetijoi. T, Il p. 9i« Lettera 
4ie* Padovani coogiBtalaodosi del- 
Jar concordia fra lorok T. V p. 
3i7« Perdono due fòrti Castelli 
presi da Castiuccio. T. IX p. 
89« ^cderka dalla Scala Vicari» 
Imj^iale. T. XI p. lao* Botti 
e disfatti ia una battaglia navale 
da* Veneziani presso 1* Hola di 
Negroponte. Tom. XII p^. is^. 
Proseguono h guerra co* Vene- 
sianr. T. XII p. i6«. T. XIII 
p. j}. Guido Sette Axcidiacono» 
Il Petrarca %T\ seiive le varie 

• turbolenze dell'' Italia. T. XIII 
pag. ji. 'Accenna f suoi fiitti^T» 
XI1( p. jj. Fanno pace co* Ve- 
neziani. T. XIII p. j7 j9* Ge- 
nova Capitale della Liguria. T» 
X2II pv 8 o. Sue nuove guerre 
co* Veneziani. T. XIII pag. lo. 
L'armata navale minaccia i lidr 
Veneti. T. XHI p. Sr. Prendo- 
no ChfDggìa , e mettono in ter- 
rore I VencÀni. T. XV p. jj 
34* Pietro Porla loto geoetale 
ucciso. T. XV p. 14. Rinchiusi 
^ ^hioggia sono assediati da' Ve- 
■czianL T. XV p. 39. 1 Vcnc- 
«ìani si riservano i Genovesi pri- 
gionieri nella presa della Otta. 

• Tom, XV p, 4a« Stipulano iscru- 
mento di pace co* Veneziani 
coBa medianooe di AmBdeo cVn- 



G E ^ tir 
te di Savoia. T. XV p. 7t. Nfr* 
colò^ de Guarco loro Doge. T# 
XVp.7Tio7.Artieoli dcH« pace* 
T. XV p» Ij. Si sttbiHsce che f 
Veaesàani diano Tencdo in cus« 
tedia al Daca di Savo^. Tom* 
XV p. «4- Sono in guerra con 
Pietto Kt di Cipto. T. XV p^ 
9$ %6, E con Calofanr Impe- 
radere de* Greci. T. XV p. 86- 
Poteano navigare liberamente pei 
golib di Venezia. T. XV p» sà* 
Come nella pace già fatta nel 
tj55. Ibid. Sì accenoa la leg» 
fitu col Re d* Ungheria. Tom. 

XV p. icTi. Loto istmmento di 
procura. T, XV pag. lotf. Vien 
fatificau da*^ Vencziaeir Tom. 

XVI p# 9« Sono debitori al Sig. 
di Padova di certa somata di 
danaro. T. XVI p. 69, Antonio* 
io Adorno Doge. T. XVU p. 53* 
Eletti mediatoti par la pace fra 
il Carrarese t il Visconti. Tomw 

XVII p. 5|. Istrumento di essa 
pace. T. XVII p. $4. Corieaiò- 
ni ed aggiunte ad essa. T. XVII 
p. 58* Decreto del Visconti che 
i mercanti Genovesi fipiglfno il 
commercio colle 9ìse Cnti inter« 
rotto per cauta del morbo epi- 
demico. T. XVIH p. li. Coii- 
cIudoQo la pace colia Repnbli« 
ca di Venezia. T. XVIII p. 5^% 
Danno a censo ai Carrarese ven- 
timila ducati , ed esso promette 
di non fyt pace coi Veneziani 
senza il loro assenso. T. XVIII 
p* 77« Come aderenti del Duco 
di Milano entrano nella' lesa co* 
Veneziani contro Sigismondo. T, 
XIX p. "88. Si fiinno mediatori 
co' Veneaaoi per concludete 
una tregua fra Filippo Maria Vi- 
sconti, e I CoIIegaa dell» Lom- 
bardi». T. XIX p. 90 5>7 99» U 
Papa j»romove la pace fka il Vi- 
sconrr, e I Genovesik T. XIX 

de 



tfS G E 

et* Gentili >f jm«i»I« di T«cco0a Vi- 
cario CoflnBÌsstflJ« del Doct di 
Mi^ao pei mfwUx h Ioga co' 
?irae»«i. T« XJX p. <a «8. 

é^^ Gtazl (TlMitfM»! •.«(»€ io A- 
mId. T. IX p. 7|t 

«Icf* C^ofgij Ai#l» Kr. tial»aKÌat«re 
dfl CoKiaii* jdi Zftit A T«fffBO. 
T* KV p. 71. 

^ Ci^pa il»rff»2a TtiflgÙM*.T. V 

^ «»!• 

<7#F4K« ptr Arvoete» dclli Oótsa 

di TrcnWk T, I p. i|. 
Petardi ìAnHi» eletto da* Baiaane. 

al a iit ì Capìtoli da pteacoiar* 

si flfla Hapu^lica. T. XVIU p. 

^4. Jm9mi9 notajo Sindìeo 41 

Bai san o. T* TIII p. 7€. Jtrt*/;- 

•• da VotMtia «ledkocc di ìia 

Sa— Wi T. IX p. tfa <| «4 ^B. 

<N#wio wf abdico di Ba«aM^ T. 

IH p. *t M. Cooaokk T. Ittp. 

ti9» Ta&aMa T. II p. lao. 
di Geraldo £^r|p# fiooriQ de* Tri- 

«ig^i T. I |w 47 «I* if4«##/« 
*»om)o « «cnl^a In YroexM. T. 

;KVI pag* ai^ as a# a? 48 »9. 

CaocoUiete éa* Vfiwkni, Taan. 

XVIII p. tf. 
de* Sfondi ^araodiot fiodito de* 

|L«89Md. ir« V p. t. 
d«* Gemali ZmiJkmfén fwcaio di 

•t»ion. T. XIX P. iU^ 
S. €er«iaio Viltà dol TrivfgMno 

manda giAstatoii a MaaàML T, 

Xi f. aa» 
Omtmé§ macine di Conrad* f npc- 

rador^ T. I p, «9« 
Oaatear J&»rlaa «MCSHO ^ Camera 

spodlto d*l CtaiM lao p olrib in 

aocQoaa^ de* TfivigìaM* T« XVI 

f. 41. 
dal 6cao Ptetm dotfoco mandato 

da* OonegltAiifst e V«fW£Ìe. T. 
. XIX pw f t^ • 

Éel Qeto au^nmi di CoMgfiono 

del GonaigliD. Tom» XI p. if i. 

Mim da Comigliaiio Vlcadodel 

Podestà di TrcTÌgi. Tom* XIX 



<3I 

?• 14. 
QibeUioi ftV/r«4odf Sindieo di Bas^ 

^aoo. T. IV p. «4* 
do Oiiiilfioo <?lai^ «Qtaio di Ve- 

oeiia. T» XV p« ar. 
Cigli Màrei0ti4. qiu J^iccolÒ fifldi* 

CO de* Locclvsf. T. XIV p. S9. 
Cftiani Wcctli Ciadice Vofoo^e. 

T. IV p. Ht* 
dì Ctoeva Jhmtmé' VeacoT^ ornai- 

gfiete d* Enrico Jmperador. T. 

V p. afa. Pcioelpe e Segiocano. 

T. V fk 117. 
OàU^c* MaceboH di Mt'avia fio* 
tcHo di aievaooi INtiiiKa d*A- 
^il»ia fcùve al CaifMam. T. 
XVII p. 14* A' Vemmuii in 
Civaie dot Cofitq Iftocaodo di 
foteia pi%tooicro df fterfo* T« 
XVII (w ir. 

<Fifrdaa« Pnor di % benedette di 
Padova, T« I p .do* V. IPona^. 

giordani SHftm 41 Giofonot Ca* 
nooico di Hdova |Mice d«k» 
fato dal Cardiaal Kapok W nel- 
k canaa delle decìoM 4k Vaaia- 
no. T. V p. $a. Ordina a.* Saa- 
aaoaal «otto pooa della acomuoi* 
«0 di non molcatare il Saiaetoi 
nello sue decime. T.. V p. sj« 
Tioftriaee la aenitosa ditctmu* 
•ìca coette i iemaeoit. T. V p. 
%6, Appella^iooe ai iom«o?en- 
tefice latta del Clcao di Xaaaa- 
no. T. V p. 4e. e daUa Cma* 
oità. T. V p, §2.' 

€iorgi £ra»«/M mandato XAtmrédi- 
ioae a Trivigi. Tonu XOt p. ps* 
Suoi provrediflKQfii pec la d^' 
sa di Txevfco , di Secievtlk » di 
Odetoo o di Asolo. T. XXI p« 
91. Fm»Hm% f odest}i di TiivigL 
T. XVII pw fa. fw4mt$H9 Com* 
mksario del qn. l^iertQ at&o co- 
gnaw. T. XIX fw 1 14* Gienaent 
eaabaiciatoee 4e* V«eesìeoie.9a- 
p. VU p* 5I« JMotf»# 
to a Fmmaa. éa* Venaala. 
sii e iMflftoa^ aoddilÌHN«L de* 
i>at- 



pam violali T. IV ^ #^ XU^e 
di Venexiii. T. V p, itf;. $Aa 
^orte« T. V p. <4iK« ffluttì «nu 
t>asciafoie 4« Vit^ ei^ni 4 Fi^e. 
licQ Duca d'Avscoa,. Tom» XIX 

Asolo e di Cris^^aga coUe ^n. 

p. 5<. 

5^ (JkwapC^tcTlp in latria 4l«^t- 
fP <*? Vcflwani con^fM» 4alra. 
triarca d' 3^i|ileja. Tfiiu IW p. 

S. Giorgio Villa del fMP^no^ T. 

jv p, if, Pcml9 ^cwwif f09« 

cesfQ lU) VcaroiK) ^i Fa4av4 al 

Sig. da Cvtrira. T. J^IV p, > j. 

S. Giorgia ^f Val Mie^II;i: j^« 

tino Arciprete d^Ja ?tc¥^ T.X 
p. 164. 

~ Villa del ?rTi|li pc«t«sa 4«*Trl. 
vìgianf. T. XI P. 19». Ma pos- 
wutti dal Patmw^, Jt M p. 
7* Piftcìeoze de* <xmBfiì u^ il 
Patriarca, « Concgìitm, f4 O- 
tlerzo, T. XIV p. 45. Jl Cola- 
ne aplcya e$rcaf r« il Imuncn^ 
cessano ^1 fuo. 199 4|' ^hl 
della TrÌTi^'^qa. T. ^V p. #7. 
Sottopotu da' Veneziani « ^o- 
tM^liaoc^ T. XJX p. *r|. 

da S. Qiprgio jf»f#»;# q.msjo 4t} 
Harcheje d'^e. Tpn»,XV|l p. 
7«. Siodi^p 4^10 9tCI«0 4 Vene- 
zia. T. XVII p. 99. V^im^U fi. 
miliare t p?o<;uratore di -Nic^o. 
fò Marcile d* Ette. T^qi. Jlfuc 
^- 9%. 

Ci9vsnfis 9.eg^a delle dur t'wìfici 
«aa pace co* Pxiodpi dtìU l4Ha- 
«»'<na. T. XIV p. tfi, 

t72#ti4/.»i plgico qu. fraie Andrea. 

s Gio!!!'^^^^^'^*»^*'^• 
5. Giovanni oitxe|,iya«w nlli^ot- 

, »«<*«ta4alPauiaapa,m»fJ5cte. 

sa da TiivjgiinJi. t. ;xu p. 7. 

Beni Ivi e^^entl ^|i in f««4o 

-^al PatiJwa 4 J«c«Ju4^o 4^ 



Gì t,9 

Sav#i|»afii|» che pitpni^ 4*' Qu 

mioesL. Tf XU p« I. 
<^Uv4itMi Yoafòfo, 9 C«ncel1iere 

4i ^rengv^ Unfo^i^at^ T« I 

?• J- 
<7tf 9Vf voi Vmpovo di Bflloi^ ^ke* 

ve ìq dono 4» Ottpoe ijqp. tre 

C iitclJi, T* I p« <• 
C^fvf^cul Vfvcovo ^|lt0lM<^fa• 

#c Pttfì^t el^to 4* 4qai¥ia. 

T. ;f?n p. 9 »a. 
?f. <?ii0t^n«« 4a vi^eiim la <])e i 

Consigliateli m^ttaoo io UJ^tìt 

alcHoi prigioni Trifigiini T. l 

p. F04, f ifito ^di£« compro- 

ot, ConcgUiQesi, Capitesi, « 
^a Albono Vc«^9vp 4i C^neda. 
T^ I p. f#l^ l*i« s«nt«tìM..Ti I 
jv WS, A|»P«HìW4^Ia' Concia. 
«Mi» « C^niViofif. T. I f» 1^5. 
i<^y. PiMtQie in Veicmi aUa ,ia- 
y^HKHia 4e' ^imH fatt* 4iUVc- 
•cov^ 4i CencdA V' Cannes?. 
T* I p» 9ftt« |l«gi^ la psiina 
so«l»i|£| intorni «Ila ffggesipnc 
a TxìWgi df» CamMfi e QvTtt» 
glìgne^ «H Cfif<ic«f« T. X p- 
io8. I.«g«|9 4el B|fi»« T. I p. 
9i^, La w^^f09H^ siid4ff«a Ma. 
t4 da' duf Fo4«sti di lUllovi « 
<^ Trìfigi gì«4ki ««tòd. Tp I 
p- fi^* 
C/i v#»n? Papt :XXI|# s«i latte» «Ir. 
colare a a»t^ j t4iriflì e Città 
di L^mbnf din e M^ffca Tlingia- 
«la cspi3|«n4«^i «Va s^Pf (^4 lo. 
«0^ T. vm p. 4#« S»t folla in 
ci)i Hfltfiisc*, clwvMifte l'ipn. 
pi|«» nitniP ^ «ssu«ert il po- 
HV? di Vicario ne Ile Cita ^ I- 
tajh'a Milza Iwa^fiL d»\ $0P^fto 
ront^^. T^Vm ]f,«f. PicJiJa. 
«a ^Jie Caof ^, mm^ 9iPe 
Wf«w p#f 4<NWÌ ftiro <Wa- 
livra yioir^ l m $ wkl 9. .atPi» >1 
«M« aiirW(9w iCMr;#. Tfm* VI P» 
J3f^ Q(4ina #lQaf4in«Ì«frtlio- 

do 



4«d^ a t 

^do ètttb tinctiao da MAtitàirsi , 
contro C^nc, e coiltro Matteo 
'Risconti Stérts, T. VI p.Sp'.Ordiriii 
«' Vescovi di Bologna y e di Reg- 
gio, chepublichino la scojnuni- 
ca cóntro Carte gt$rU. T. vi 
p. 1B9 190^ Kaccomanda 3*TrÌ4. 
Yigianì la conservazione dfUa 
quiete e tratfquiHità di Ferrara. 
T. Vili p. 149. E così t'Pado. 
vani. T. Vili p. 150. Afanda i 
moi legati a Ikfiogni a formar 
processo contro Cane , e I ne* 
awd di Tirrìgi. T. Vili p. 1^6 
i«4« Seme a* suoi legata in Bo« 

• Jogna in favore de* 't'riTfgianL 
T. vm p. itfs i*7. Confòrti il 
Co. Kambaldo di CoHafto per 

' la morte di Manfredo suo i^Ho 
Vescovo dì Feltre e di Belluno 
vcdio. T. IX p. 14. Scrive al 
suo legato in lombardia di as- 
solvete Cangrandt dalla sconftu- 
uica. T. IX p. j«. serìve a* Bo- 
lognesi perchè sommirfistHno» a- 
juti alla Chiesa, onde repriiAe-' 
le 1* Insolenzà de* MilaiVe^ri. T. 
IX p. 44* Scomunica Gueccfllo 
da Cairtirttf , e Kitiardo suo fi- 
gliuolo per motivo dell' eredita 
di Rifzardo. T. IX p. 45i H 
tuo legato prende, il Folcane* di 
Suzara, e Borgofbrte, e Parma 
coir aiuft> de* ilosA T. TX p». 
sa. ' Si rfeerva tutti I benefìzi 
Mcaoti per la^ morte di Pietro 

■ Colonna , e per tre anni racco, 
glie ì flutti de' benefica vacanti 
Del PatriarcaK» d' Aquflefa. T. 
IX 1^-89. Scrìve a* Frincil»! e 
Signorf d^ It^Ha esortandolr a 
prendere la ^esa d\ esso. T. % 

' f* VI, Sue difterenze con Enrico 
Ke ài Boemijr. T. X p. tfo. As- 
aoWc dalla scomunica il Patiriar. 
«a d* Aqnileja. T. X pag. i4S« 
S«e lettere a Mastino ed Alber- 
to dalla Scala, agli Estensi « ed 
^Gnidiil^ daf CQiwggfo, avvi- 



G t 

• tìàdòH ài fton opporsi alsuó fe- 
gato , che aridav^ a f rendei pos« 
sesso di Mantova» che si era d^^ 
ta wdxto laChieSa. Tom. I p. 1 674 

CUvénnl Papa XXIII. slrttcressa pet 
la pace fra Sigismondo Im^ra- 
dorè e } Véneziàrif. tom, Xlt 
P- «4.* 

Gìfso Vilk de* Srgilor? da ^ogHaw 
no. StérU» T. X p. 89. 

Gitafio icUt data da Berengarfl 

' Im^rtfttfre al Vescovo di Cene- 
da. T. 1 p. 2. ViWa t. I p. «8. 

de' Girardi Severf nou)o anziano 

• de^frivigianf. "f. Vili p. 90. 
de Girardo c%TȓgUd milite Trivi.' 

giano. T. li p. 27. tStl^tio ùii^ 

• lite ibid. 

Giudicarla defTa' diocesi ài Trcnt<y 

feudo de* Signori d* ArCó. T^ 

XIV p. ij. 
de* Omlrafni BiU da fiorii procura* 

tdre degli ordelaflL T. tVIlt 
^ t^t* '^* OiulidH^ qn. Pietro dr 

Porlimpopoli. T. DtVifi p. ao. 

PéóU podestà di Treviso. Toar.^ 

XVIlt p. k^o %^ %6, 
5* Gi^stidi di Padova. T. i pv' 5^ 

• Artfaldo Abate*. T. I p. 107. 

S. GiustFnìar d! Serraval)e V. ^érra* 

valte. 
Ginstiniarif Dinari li Republiòi glt 

concede in giurisdizione' fi Crf* 

- Steno dì ZumVffe. Tom. XIX p. 
17. Oì9vdiiini PòdeSiÀ di' Trivjg? 
T. Xlli p. 85 %6iy. (ttustlh'iét^ 
«• accusa 4\ tfoge un Ainardf 
T. IX p. 77. Savio eletto da* 
Veneziani Sfrla. T. Xt j>. «^ 
tr&tuioìtot di' S. lUlarCo ^ mves- 
dto da-l Vescovo di' Ceneda de** 
feudi df KìizAtdò da Canuno# 
T. ti p. 9tf. Tom. Xlt p. 30. 

- Presente in Venezia alla rinun- 
zia di cissi feudi. T. Xtl p. j?, 
UitvUh PpdestiK di Oderzo. Tr 
^V p. 44. Provveditore in Mesw 
tre. T. XVI p. 139. Jl^^> Ca- 
po di «juarantsi, Sfirìéit Ti Xl 



CI 

p. i4« liarcé ^t S. Mofè tlettO 
Savio. Stèri A, T« XI p. i4« Pro« 
cuiatoc di S. Marco è mvctrico 
dal Vescovo di Cencda de* fioadi 
di .nizzardo da Camliu). T« X p* 
96.- T. XII p* jo. K.iaunzìa in 
mano del Vescovo di Ceaeda i 
fèudi Camioesi. T. 211 p. jo. 
Elecco savio ad esamioac i patci 
co* Carraresi. Tom. XII p. $tf. 
Prov ved icore in Trivigi. T. XI II 
p. 5j 54« Capiunio in Trivigi. 
T. XIII p. 02. Qu. Pancrazio 
ambasciìitoxe elecco ad ioconcrar 
il Re di Cipro. T. XIV p. in». 
MUkUU F£Ovve4icoxe in Udipe 
Tonu XVI p. J06» Micbirì9t§ qo« 
Pieno eletto ad ofloras la venu- 
ta del Bx di Cipro a Venezia. 
T. XIV p. 20. Niccolò Sindìco 
de* Veneziani. T. IV p. ir.Am. 
basciacore ad onorar le nozze di 
Verde dalla (cab. T.XIII p.ya 
Capitanio in Trivigi. T. XIV p, 
x9 li ja. Provveditore à scipu* 
Jace un' allea^iza co* Vicentini. 
T. XIV pag. 42, Qii. Girolamo 
cestiooonio in Ceneda. T. XIX 
|>. 158* Pl»tr9 iosulcaco da Dio* 
nisio degli Ainardi Trivigiano. 
T. IX p. 77. Capitanio in Ttl- 
vig;. T. XIII p. 7S* Podestà di 
Trivigi. Tom. XIV p. ip-. Savio 
e lecco a consulcax sopra alcune 
noy'uk del Carrarete* T« XIV p. 
74« Uno de*daque clecti a sta« 
Ùlire i confini fra i Veneziani , e 
il Carrarese. T. XIV p. 90 91* 
£cabilisce i confini fra il Piadp* 
vano e il Veneziano nel ii74« 
T. XVIII jp. a5. Tsddf Capitan 
generale di mare ricupera Tri. 
este. T- XIV p. Sa. Fatto pu. 
gioniero dagli Uf^herì In una 
jotu presso la Piavr. T. XIV p, 
ti. Cavaliere egli ^ nell' ese^. 
«ico air assedio di Chioggia. T. 
XV J^.i6. %.x, nella guerra cop. 
tf \ Genovesi è hpio jptigiojie 



G I 2tr 

in Manfiredooia, e condotto ti 
Genova. T. XIX p« 17* Tmmm- 
«;•• Podestà di Padova. T. II p« 
• 9 xiS'X^X'/i^^ Podòscà diMaiw 
rova. T. IV p.,i8i. ed Ubaldtn^ 
qu« Marco qu. Stefiàno. T. VII 
. p. a8. 

Giusco Brwà9ld§ T. Ili ^. X7I X7« 
179 i*x, 

Glandecto Villa de* Signori da Fo« 
gliano. SttrU. T. X p. 89«^ 

de Glaneck OitgUtlmt Capitanio ìù 
Belluno pe* Duchi d* Austria. T. 
. XV p. 16 as xc. Sue spese ht* 
re per la guerra contro i Vene* 
ziani. T« XV p. j2. Querele de* 
Belluoesi conerò di lui. T* XV 
p. j7 40. Capitanio della ProM 
vincia Bellunese per il Duca Leo- 
poldo prende Serravalle. T. X^ 

' p. 5 7« E VI rimane al governo, 
col dtoA di Vicegerenie per il 
Duy. T. XV p. $jj 59. Capita. , 
<io di Belio no cuicodiva anche 
Ja Rocca di Plettoce. T. XV p. 
60» Capitanio in Belluno eraan-. 
4ho sul Trivigiano contro il. 
Carrarese. T, XVI p. Ji. 

Giaura ano dazio di j 8. soldi gros*, 
si. T. V p. IS5. ViUa del Trivi- 
giano>t T. VI p. la* 

Glera villa del Cadore. T«I p. ao. 

GJoahen Méd^lf» Capicanio in Bel-, 
luno pel Duca Leopoldo. Toou 
XVI p. 88. 

Gloi SuUmMn» giudice in Bassano. 
T. II p, ise. T. Ili p. 9©. 

de Gbjaco Ftderic» Canonico Fri- 
sacense. T. VIII p. xj 14. 

S. Glorio di Montesella villa eli 
Conegliano. T. II p^ 4$« 

de' Ghifilieri CT^«/;»# exa in Citta- 
della con cenco lancie pel Car- 
rarese*. T, XVI p, 10^. 

de* Gnanfi Gtrsrdé Pa4ovano.. T. X 
p. los 104. 

Godega villa posseduu dal P^^trl- 
arca, ma precesa da* Trivigiam « 
T. JCIV £,7. . 

*' • ' Go- . 



11% Cj o 

m Mìe gcffll ti^cfiÉ'ne ài Cft* 



^<Mr giMf» f. t f. 154* T#«i. 
ìrili p. "rs. YtlU del fHv%bAo 
f, VII J. f $. t»i*. al Pi 44. 
Manda tastatori a Mastio. T« 
» ^^ 2tw Sógsectt t lUafHlio 
4ft Cflirara» Tom. Xf ^. d'i. A 
- GtftelÀlatfO Ttf «ti. tt fé li^, 
Leonardo R«nìeriinM«kia0^ tom^ 

e« 4* fUt^o a«t Ckitra K 
étt , Che ^ |;tà di Bflfélhio, 
. t*. SY p. t9. ^ lUnniAa it Ca« 
sttrtato dovè ctft il CasfAto T. 
jty j^. Mo, t i bò4cbt di tflYta 

àe Guài Pt^tf <{it. Al^^cT da 
Batbaraito notaid d¥ ViecftBa. T. 

Ood^ Vlfla eètfott da ^iM^uinoa 
<^ttegfhltw. f . > ^. 87* 

dofcl auftttim* Coittestfl^ìlé^gli 

sd^n&rf hv favdrr de^ Véne. 

• kìifé ati* ìsàedi^ di CMòggU. T* 

• *t ^ 4J. 

QoidtìL iHh df CMegUflmòr t; Il 

<S&é tal Hànttnkm. tifau ll^Y 
p, io. 

a»mbtrf Gicnfice di» PidotSU IV 
ni p.. n^9^ 

CoDcistan odiirkstcni «r^tiriMseaht 
ù Gerescd» Qugttétm^ a^iiH^Qla 
df EnirìcQ di Kotembarclk. IT. ix 
p. #4J. ticèHpnan!» ftt tm%i. 
T. W P* t»9 *5«. f»t V. € 7 
t. i^{t^ daf Ite a" trìVIiilint 
eoo com^fiMoitf seg^eter T. X 
^ 1$ ir i* jj. 

Gonfi Villa ^MwttdttfHiìttCA^ 
jfia ptttA» <t* ttìvigfanl. T. It 
f. 9^. Òctit^aU da*^ tlivigfani 
dopo la lùorti d! EcèlitTo é di 
AlbeHtó. T. ir p. for. 

dft Gpnai^ Cono i tt tU^o ri ò * |fli. 
gtMiétd ai ClMai^'nO dì této. 
uà. T. t ^. fd* C6»rido nuAd» 
e scalatore d(^ flxasolft di 



BfèdtfM*. *V. IV p« a*e 2<vt 1^, 
Oéléè, Fillffìwé^ tFtfMtMf sono 
itftMdti dà Maatnto dalla Scali 
della O'c^ df Ktwgìo w titola di 
Ftudb. ^#rf«. *^9t P. «4^ 7^ 
gUtèti il LridoTféo M uAiseo^ 
m fttgi Cozìf Stàlìsttì^ € eo* 
JUa^hMi d^Esftf fèi itt èi^c 
ài Ke Boemo, t. j( pi. t^i i^x 
Hi* Jl»isi0 in^ìoéù è& abof €^ 
fittoli fi«)hi paet é^ ▼enftiant 
e Fièieiitiftt cti%fi Sealkect. T* 
XI pi t*7» IVeite^ani Stendo- 
iié*f}iéjtef p«r eivnifrxirar H Mn- 
#ordk^a i> Slamivi S FèÉrara^ 
«Itèrdiu, df BBÌatt^y e df Maflir 

UgUbéli ^ fii]^ CffétttCìite rée^o^ 
Kiìftdi ièié far pa^e della Lom^ 
b*r«Ba. f. XII pr r^, S<Mio inr 
fttena doft Martino, éPapxCle.' 
tneme tf «aorw a fai la paeer a' 
iDdtiTtf de! proastind gmbÌK«« T» 
ZÌI pa^ rofr ^<»<i</ ^utéinty 
Mfyfiià¥, efittfhh ftol^fino^ 
i àM& iti pa^ii^ coir Afefre* 
i«oy«r drttfianos céér oM^toÉs* 
tinse, céc^ S^Iigeti, è eóiPepo^ 
B^ é i? CardrfiUaiGttldbne' ^uUi.' 
H k ttegua. Tr XII p. rr<$. E 
ài|n«èc£l 1^ icónyanicé. t. XII 
ì, tr4. Frena nd a^tt<y alt' Arci* 
«Ktm» di Mietano , fsofw eom^ 
pteii iWlfaf pace. Y. nif p. ?• 
Cdhliwr, £è<fct/;tt|, ^ Frdttcite§' 
ikttptì di Modena » é Peitrin^ 
érUmgib ésipufanò Id ^a^t col 
?»conct t. XIV p. rs. Hhnano 
.Iteli* lega cóntra fc cwh dette 
eompagnJe. i', XIV p. j+. Jftru. 
memo dr j^cc. T* Xiv p, f 7. 
Sr eonfìffitta hr pace f^tk' ittita 
lièi rjdj.. t. JCIV ^. 6t. >r^- 
^lìfr sua fega ^of Catrateie , eoT 
ViAAntf , cbrir 'BsttiOè a datano 
V distntirtfne delle etiti dette 
èorii]hi6n!e. ¥. XVI *. foi. Jf- 

r»^ ék Mantova eoirij^reio rrer* 
fìrèr fhf il Viicoirtr , e f Pn'n ^ 
cipl 



li 



G O 

4fpf IcoUtgith- T. XVII f. «•» 
IflccmMe td un coAg^eK* ir» 
Feriate ctfiKtio il ▼fccòmf. TM9. 
Jnril p« 77» Oift4ice «ibftro mI 
CdfffBiMr otilt dftftrftffcd f»a ìt 
4ti«f CòraiiNiitìi di ItoftfnNi e di 
Bbri%n^ f- tVll p. ^j« tiw». 
■la d«i Vhctotf cttmio ìt «imi 
do^ C<>l?^iit|, che «fior» vitmHu 
§b mt 8étn^ di Mftfiiovt^ T* 
XVU p. ^« A«t<li3B;<7 in M^ii« 
ibv< dflUe anm del Vis«M«l. T» 
Xni p« 97. I^ttflMliM» df Lega. 
«Muta if Vjec«Mtir r. XYÌÌ pt 
ji7«^ 11 VilcotftipMtféttc cà«tK>n 
mtìi xùékÉun», T. xVlif p. 5» 
ttù^ «* Vfcoedaii] a«il««Mndo» 
H, «k» tatitfichttìi hr uegda» T, 
XVm p. tf. Conehrade la pace 
col Vfseofitk T* XVIII p. 17 »i 
19» Si atueeavaal Mttko del 
ViKroml ed emitira m Botogn* 
per etsok t* xvm pag» j^- E*^ 
«ve«f<i Capuani» detr esercfca 
de* Vtfntsiaftf contro U Cabrare. 
le. Tom, Xvill p. $8. Xntt* in 
VefOM. t» xvm p. tfo* Am*»^. 
/#iiM»#r Caf ittoia dell* baróa di 
Gusaoleiigo cteatoCavaKert quan- 
do f VeMtuaAi presero Verotia. 
T* XVIII p,. «I* QoaAla défla 
l^É(Ug)fa citali Ca?aH«r} ifi Ve. 
MH», qnamlo fu prestf da* Ve* 
nuhùu T. xvm p.6e. Glo^On^ 
^ ftat^ttet' Signor di Marttota 

* «oitipreso nella tregaa fra Sigis* 
minio « i Veneziana T, XIX 
pi *5* ' 

èà Qo^aiH» Timthssti^» Ca^iratfto 
dc^ OiA*fttt d) Modena. T. IV 
P» ìot ao8«. 

Gùi^ vfUà assegnate àHà f odes. 
nfik di' Aiolo. T. XI pS^. 1^9. 
AsMj^ta alla Pò^iestatfa di- o- 
dcMtV. T. XI p* T 194 

de Gc^aeno nobili dì Modéh» Ve- 
rena di l^cniòr Mat^lreéé d*]fe. 
It. T. XIX p. #j. 

4e^ Qónotà lémfii»H dtt fracU 



Q O "? 

49ttor di Imi giudkv, aasesso* 
le, e Viciiiie de) PvdcH^ «f 
Trivigl T» K pt aji *|S i>«^ 
t^« *}^ HI* , ^ 

GotfzÌQi e i«# coamìo d^dneggn* 
tt> dft) tetrtmoto dot 1 j4% T. 
XI r p^ «4* Cofitenlo de* Flèti 
minori beneiieaid^ da tcaovnda 
Camino, té IX p. ^e* 'u . 

Gomia té4è^eé Xanegravio . T. I 
ph^ %7*"Mh€rfé CMir» «sMCOi» 
ttotifiuV eoi ntffhreardr Attuile. 
)a «imttie i» gitidlcf arUérr» T. 
Ili pr >• SttC concroVérsieco*Ve. 
Mtbnl par la reeicimione 4*Ail* 
tiffmmo^ del Vitfoat» di S» Vi«» 
tre», e diMagltf flme«se iitlVe- 
scoir» df TripoK • T. Ili pv >7j' 
Bts» * it». ^ É^cennan» hr pi*> 
ce-» # i pattv fatti co* Vetiesiani» 
T. in p» i7f t7% t^u ^ esibii 
•et mediitore nelle eòf^ttmetsie 
fia il FMri«fe« d' ^lifltffil , e 
Gerardo da Ca^no» T» IV p» 
i4j. Wenor ubtfn> . T. IV f, 
14^ r^k^ z47» B* f«r goetflk cóF 
Patriarca. T. V p« tx^ 

"^ E»rì0& Conte testrmonfó dì 9a» 
dlt . T^rv p* 145 ► Cottckidr 
pat^e co* C^Mal del Ixiuf! . T* 
y p, rr$. CcpitanF gene^alé^ del 
Friaf ^ S^nMe di s^cll^ . T. v 
p. i9#^. Dimanda a* Tfiv^linf^H. 
sarcim^nt^ df sefeavaUfletatt^i» 
Mestre a 11^ Atcfdiaconift* d*'AqBi.. 
Jefa • T. V p» ì9^ Aftntt^ àia» 
no ^niol paéttie pel iTkiiHUaÉió ^ 
9. fi a*^appoée yc9tt4k& dt'Tt'w 
vigiMi e de^radovanié T. V p. 
ào-ì. Dimanda ir pasio t*TiiVi» 
giani pet atidàt cofltid i ?édky-^ 
♦ani, e gir vieftr negato. T*^ 
f^ ai» art . Sglr fi grMdl «r« 
mamemr. T. V p. x*^ Dimdnr 
d» salvocondéité^ per spedile am<^^ 
basda«drt é THvigf , e P ottiei^t 
X V p. É^^ *M. S^gu^ » llr 
ptepefinhenir di guerra, di eoi 
fono- ì tiriv^iiattl àvrisati. TTVI 
P*J* 



ti* d ó 

« tfullc ^ffH tkcRiine 4Ì Ca- 
tte. ÌK V ^. 7^. ^« Hi^ éUj 
ÈéHt gnonrt. r. V f. 154' T#*i. 
yill p. 7S. YilU (iti tkiv%iaho 
T. Vii f. «5. tii*. 3lt Pi i4. 
Mtoda guasutoii a MasiffM. T. 
XX ^. 2i. Sdgs^ttt » JUartftia 
da Ciriart* Tom. JI f, 9i. A 
- CfkiMlfttftttfo Tdft). tt f» ij$. 
XeofUrdo RinierìlPMeklu» ^a- 

e» dà |flìtfir!i(i 4r tifitra K 
dd» the ftr gtà di SétHno* 
. T. 3ty p. t9« SS HomtAa II ^a« 
stellato dovt età il Castello T. 
Jty f* *o. t f bóMbfl di ttrttft 
k dodeganàr. t. tt f. i±. 
àe ÌCòdt Pìtttr& qa. AlèchóT da 
BatbatAtto notéf^ df Viectsi» T. 
V p. is<r. 
Ood^ VHfa eèdtitt étfiw^vdnoz 

CoMegfhifto. f . t ]^. «7* 

de!d Gnffi$imé Coitttsnéiléédegli 

sd^dlfirf frt favóre de^ vetit- 

• ÈÌàtÀ ali* itiedi^ df CMò|git.T» 

• tf p. 4J. 

Ooidtii villa df CòtMgUftnb* f» Il 

Ooh» <^1 Mentovatiti; Tiliitr YH 

C«Mii'«rr« Giutfice dk ?ldotaU T» 

Cooeiscan adtrlcttd» ir^lireitltalit 
Ocrestth» QmghHmw ai^sHeala 
dr Enrica di KorembttcclL *r. ÌX 
]^. r4j. 1ricettpffanf& fH "triv^i. 
T. tt Pi i«9 Ì5«. t. t 0, ^ 7 

t. ^pedit<r daf Ite «" VriVl^nt 
eoa coiiiÉitisioitf seg^eter T« X 
(>. i? ir 4^ Jj. 

Gonfi Villa pdutdueardttì^latcay 
liu ptttAac «^"^ -nJviigfanf. T. iV 
^. 99. dceitjiaU da*" Hivigrant 
dopo la riiorte di Ecèlino e di 
Alberteo. t. if p. tot. 

4% Gonxj^ Cond ifèeirgodò' pH. 

gtófitetd ai cinadind di féUhi 

uà. T. t ^. 56* Còtrddo iraAcio' 
e fiocoitteie de^ AiasolC di 



Wktémià. t» IV p, »èó afft '«y* 

Ofiìd*, Fillppimé, tFtfffiiHf soirv 
invititi da MattHK> dalla Scafa 
deOa CÀtù, d? Ke|gia « tifob di 
Feud» . Storia. T. t f. M* Fi» 
glftòli il Lftdovtéo M u«iscona 
in Mga cio^Tr seaKcerl, e eo* 
Ka^thcd d^Eseff }»ef &r *i$^e 
al Re BàentOé t« t p. t^i i4x 
<4|. AUU\9 tltehié» èo^ «boif fi* 
^kott ntUtt ]^ce dé^ Tcneaìant 
e FierertcìAt c«|K Scalttcri. T. 

XI fk tz7. IVcfNwanT # »eado. 
né'p^f per coniervar li( con* 
eori8a1&a il Stamiat d( Ferrara, 
tf?terd6a, ^mk^^ e df |rtan.r 
iivtr 't. ti f^ iri^ Udrifiéé e 

UgAiéti > Papi cfMietite vaceo* 

AitAdà 1^r<^ far paee della Lom* 
èar<Ra. T* XII p^ r>' Simio in 
Iftferra òoifMaiHfaeF, ePapaCte- 
mence 1? ciofta a fif la Mee a' 
ttorivd del prostiind gmblWò. T» 

XII pa^ Tòfr Luifi^ 0utikn€f 
Mfffimf, éPittfhh Motigliiio* 
if Mdor in enet^ cotT Aiefve*^ 
ieoy«r drMf&n6(» c«ir oUatoÉs* 
^se, c#gH Scaligeri, è céiFépo* 
S^ è ir CarcMìMIOchcIbne ^t^èti* 
«t la tregua, r. XtY [^. rtó. E 
ttiioftecfii ft écònninicair t. XII 
p, kr4. Frettane àfKtvhf aH' Arci* 
féM<m» dlMrNno , eaono com* 
fitii iMHa pace. T. JRTY p* 5* 
Cdftliwr, Èééitvtt*- y è' Fì'ifiicgfe^ 
ÉktiQti (K Jii#dctia» é Pthhnm 
érKè^ «npuFanO le ^a^e col 
?Ìsconei; T. XlV p. r j. Fnriàna 
.ftella lega cvniTra fe ceti dette 
edmpagnfe. T. XTV p. j4. Jatru. 
mento df i^ce, T* tir p, »7. 
é? conlèintta fa pace ^1^ fàlta 
nal x)69. t. XIV F* ^'- ^^- 
^#!rrr sua lega eof Garritele , «ot 
Vlmntl, e&ir Enentv a ^i^na 
è distratìdne delle cosi dette 
eoriiMtHe. ¥. XVI p. iei. SU 

rìt dr Mantova eoifi^reio net* 
#a«r ft» il Viicomr , e f Frìn * 



G O 

4fpf jrotttgitfv T. xyii p» v*» 

IntCFfifeA* id un cvligtcficd ffi 
7<rrahi cM|»o il T&cimn.TMii. 
XVII p. 7f» Onidice tubkro fi 
CciffMitfer o«IIt dAK^rfttcr IJia ìc 
éik€ CéiBMiitè 4ì BfoieiiM • dt 
Bbtffcn*. T. JTVll p* *J* tii». 
■la dct VÌ8ct»f}tF camtfo br «imi 
d^ Cf^ric^itl, che «ficr» vitmtiu 
io mf ««ffagjfi» d} MftMovt* T. 
XV»f.#«« ASBtd&XP in M^fi* 
tbvt dalto antii del VistfOmf. T» 
Xni j^. 970 MtémMìté dfLoga 
contea 11 Viicoiia, T. XVIf pt 
jfT^ li Viicom>p«0flMttr cb«fK>R 
«Uìl iil#k«iWfc T. xVHI p. s* 

11, «k» Hid^chuk h uegtta» T. 
2Vin p, tf. Conrhkde la pace 
€01 yiseotiik T» XVMF p. 17 i a 
if* Si alUtfMVaàl Mttko étl 
TjicoiMl od «iitrtva Ili Bologiur 
f^ etio* T. xvill pag. )9. E* 
«•*4W Cappati» éiir tferdro 
d©* Vdntiiaàf contro il Catrarc. 
it. Tom. XVllI p. 58. Xntff* in 
VtfOUft. t. XVIU p. tfo» A«rr^. 
Ummtw Caftnusi» dcU* ba^a di 
Gusaolei^ cTeatoCavalitie quan- 
do f ¥M«Biiaiii pjr«seco Verotta. 
T» XVllI p. «u Cranio déNa 
F^mfgUa cjftatf Cavalkrì ìa Ve. 
«#i!^, quando fir ptes* da* Ve* 
ntifaai» T. xvm p.«d. Oi0vm^ 
*« Wtsnttsc^ Signoc di Mamofa 

• ««itipNso nella trego^ fra Sigis- 
mondo « i Voneuan}. T, XIX 
ps. *5* • 

dt Godano Tnmhssi^9 Capitano 
de*» OtftMld di Modena, t. I\r 

pk^ ao«> J08» 
©>*go villa assegnai* «Mii f odes- 

»»i« d{' Aiolo. T. xr pi^: 1J9. 

As«*gMta. alla PodiMta&ia di. o- 

<!«♦**• T. XI p, T?^* 
de Gdt»am> nobili dr Uoiitatkàe. 

rentf di Niecolùc Màtch«éé d'is- 

tt. T. XIX p. f j. 
dt^ QUstoti lé»fràH€4 d« Itescìa: 



C O 2t^ 

dottOK di Imi ghidkv, aiKsso- 
se, t Vici^ de) Jmàck%k «r 
Tnvigl T* IX p» ij^ A|S »>* 
«!• <J^ HI* 
Gotfzia e s«# contado dndotgpÉ^^ 
ib da) TMctmoto do) t j^?' T. 
SII p^ tHK Confeofto de* FtMx 
minori, beneffcata» da taftimda 
Camino, té IX p* 2«r ju 
GòdsLÌa ^«d*^V* Xanignifio. T. r 
pw È.J^^Mhert* CM«r, dsMCOA» 
titfv«fu> co) ìatffiat«:rdrAnuifo- 
fa fiwttie k» giudici arUttrr. T. 
Ili p. >. Soe^ coniroVérsièco*Ve- 
Mt&ol par la reatt'tutione éVkn^ 
%tt«o^ de) Vifrfoati» di S^ Fit* 
tr», e d)MugIa limetse ntlVe. 
acov» di TripoH • T. Ili pv itj. 
fin» * iSj. Si à^cennan» hr pà^ 
c^i • i patti fàterco^VeneBk^» 
T. Ili p. i7f in i^u $ì eàbir 
•et mediatofo nelle eoAttovetsie 
fia if PfttritMtf d' fi€^{ìtfà , e 
Gerardo da Ceacnno. T. IV p. 
14 J- BJena aibf»n> , T. IV p. 
t44 r*«k 147- 1* i« goclrfc cor 
Patriarca. T. V p. 1*4. 
— * £»rl#» C^nce tostntoonFo di Sa- 
«II» . T»IV p* 145.^ Conckid* 
pace C4* CkUàì del Vctìiri . t« 
Y p, irs. Capmnf generale del 
Friuf ò S%n»re di ttclfc. T.v 
p. it#. Dimanda a* Tf)v%|infif. 
aarcluìéni» df sei cavaUfleVatri» 
Mestre air At«tdia«On<^ d*^Aqai. 
leia . T. V p* 1P4*. A#mat» A^.. 
«a ¥iiol puiare pe) 1ftilr%w«óv 
e fi s*'eppoile Kesef^it» ^Tri. 
vigftwil e da* Padovani, t. V p. 
«o-}. Dimanda ir pasto a'TiivV 
glan) per andar coitio i Pa<lo. 
tran), e gir viene negato. T.^ 
f^ iìty art . Sglr hk giMidf «r« 
tìiamemr. T. V p. 1114^ DiiiMn. 
da aalvocèndoHd per spedire am-^ 
basdMdri a THvìgf; ePotiiciie,^ 
T« V p. :^i4 *i<. Sé^ihl # hr 
prepafaiheolf di gncff a , (0 «of 
•ono- 1 tlTHr^Muil afWsàd. t:vi 



124 G'O 

p* 5* Clifcde t*Trivigìani tlpaW 
-<Q pel loro territorio, onde unir- 
si, a Caogrande., ma non gli vien 
concesso . T. VI p. 4 7 «. Ai» 
fl^e i Trivfgianl, ed è coglia*- » 
lo di Gaecello da Camino. T. 
VI^ p. 7. ^ Assalu r eieicico • d<* 
Trlf igxani , e de* Padovani pref« 
so Conegliano . T. VI p.i u Chia- 
ma Guecellooe da Camino p«r> 
trattar la pace co* Trtvigiani • 
T. VI p. 14 17. Nuovi provve- 
dimenti de* Trivigiani coatro di tì 
lui. .T. VI p. is* I mediatori J 
trattano la pace co* Trivigiani • 
T» VI p. a j. Si propone una le- 
ga per preliminare alla pace:. 
T. VI p. 24* Si propongono i 
Capitolf . T. VI p. ar. Muove 
guerra ai Patriarca, ed assalta 
ostilmente Tolmino • T. VI p* 
30. Entra in Friuli, e scrive a* 
Padovani per trattar con essi tti- 
torno agli.aftaii correnti. T. VI 
P* J4 3S* Tiatta di pace col Pa- 
triarca , ma non si conclude. 
T. VI p. j8. Seguita a molesta- 
re il Patiiarca , T. VI p* 47. Di 
nuovo tratu di pace con etsv • 
T. VI p. 5 r. Ma si procrasrìna . 
T. VI p. ss* BJcetca il Conte 
Kambaldo, perchè tratti la pa- 
ce tra esso , e i Trivigiani • T. 
VI p. 57- Si esibisce a trattar 
di (|ttesu pace anche Manfredo 
di Porzia. T. VI p. 57. 1 Tri- 
vigiani vi aggiungono Gaeceljo 
da Camino* T. VI p. s9. Si sta- 
bilisce una tregua per trattar di 
questa pace, e si publica • T. 
Vip. s^n si propongono i Ca- 
pitoli . T. VI p. 5 9* Si obbliga , 
che A4, personaggi. suoi aderenti 
giurefaooo a mantener la pace. 
T. VI Pt 6 e. Esibisce pace e le- 
ga a* Padovani contro chiunque 
eccetto la Chiesa ^ d* Aquilej^ , 
il Duca <M^Carintia^. i Venezia- 
t\\i e .Ciingrandc ^ co'.^uali egli 



GO 

.aveva certe . coovcifiioof * T« V^ 
p. tfi. I Padovani ^accetuno te 
pace , ma non la Ifiga . T* VI p. 
^4- Cambia Odotico da. Foffa4» 
ca suo prigioniero per an baton 
Tedesco • T. VI p« 64. Conci»- , 
de la pace co* Padofvani e co* 
Trivigiani. T. VI p.. 73 71* In- 
. siste perchè nella pace sta coiB- 
preso Serravalle da Camhio. T. 
VJi p. 75. Si fa un. congresso In 
. Ceneda per questa pace . T* VI 
p. 76» Lettela de* negoziatori a* 
Trivigiani.. T. VI,p. rS.' Amba- 
sciata .de* Trivigiani per esigere 
da esso i giuramenti per la p«- 
ce seguita • T. VX p. 7^ 9i«' Se- 
gue il giuramento di. questa pa- 
ce * T. VII p. 7 8 9- Krega i 
Trivigiani di non prestar soccor- 
si a* Padovani contro Caugr^n* 
de . T, VII p, IO. .Scrive a*Si^ 
' gnori del Friuli , perchè giurino 
\ la pace concbiusa co* Trivigiani • 
T. VII p. 14. Solleciu i /Tiiw- 
gièni a rispondere aija sua let- 
tca. T. VII p, 15. Richiede a* 
Trivigiani il passo alle sue trup- 
pe in servigio di Cane • T. VII 
p. x8 IO. Scnve a* medesimi in 
favor di ui^o , che per ?r;orc 
avea catturati tic suddki di Tfi- 
vigi . T. VII p. r8. S'inteteasa 
per la pace tra i Padovani^ e 
.Cangrande . T. VII p. <»o ai. 
Chiede a* Trivigiani in impresti- 
to due destri eli per andare .al ^ 
servigio del Duca d* Austaia , • e 
dimanda il .pagamento a^ certi. 
Tedeschi stati di presidio in Tti- 
vigi, e la cancellazione di una 
condanna di un suo. suddito., 
T. VII p. j j. Aiuti accordati- 
gli da* Trivigiani pec^ andar in 
soccorso di Federico Duca d* 
Austria-. T. VII p. ^0* E i due 
.destrieri già accordaci . Tp VII 
^ p. 44* Entra nella ; pace fta i 
Padpvafi, ?. ^ànsrtndc. T. VII 
p. tfo. 



fio 

p, €• Sì tf 4, PrcpaiAmenti mi- 
iitan, qhè .danno gelosia a*Tii« 
vigiaoi^,T. yll p. X07. Sue con- 
tese con alcunt feudatari delFriu* 
B oltre il Tsglfamcnto, alle qua- 
li si csibìscon.0. mediatori i Tri- 
vigiani. T. VII ^/nx tij. Ri- 
cerca afuto a^ Tiivigìani, T. VII 
p. laa. Invira Cangrandc a* dan- 
ni de' Trivigiani. t. VII p. i j8. 
Anibasccrfa de* Trivigrani a ques- 
to oggetto, T. yn p. I j9. si 
accorda co* Friulani. T. VII p. 
Ì40. Nuove turbolenze iti Friuli 

* contro di lui, alle quali si uni- 
scono i Trivigianx^ e \ Padova- 
ni. T. VII p. 14?., Suo accordo 
co* Trivìgrahi. T. VII p. 14.5, 
Prega i Trìvigiani a fevorir Gue- 
cello, the aveva preso FcltrcT. 
VII p. 16^, Essi si scusano di 
non poterlo ftre. T. VII p. 155» 
Dimanda a'Trivfgiani libero pas- 
saggio pel torneo, che far sido- 

* veva in vfeenzA da Cangrande. 
T. Vili p.^ 2(s. Giunge in Sacilc 
con comitiva di genti armate. 
T. Vili p. 27. 1 Trivigfani gU 
concedono il passaporto pel tor- 
neo., T. Vili p. 28. E lo avvi- 
sano di aver eletto persone , che 
definissero certe diiferenze tra 
Tolbcrto da Camino, e BartO* 
lommto da Prata. T.VItl p.ji 
£ VI mandano ambasciatori a 
trattar pace e concordia. Tom. 
Vili |>. jtf 42. Tenta di stacele 
f TriVigiani dalla iéga de' Fado- 
yani. T, VIH p. Sj. Unito in 
lega con Cangrande contro i Pa- 
dovani, e iTrf vivant. T. VIH 
p. 88. Sue gentf udite a quelle 
dì Cangrande Cavalcarlo verso 
MonscUce. T. Vili p, 91. Si la- 
gna de* Trfvigiaftl p.e^U ajuti 
prestati a' Fido Va ni, t li mi- 
naccia se non titirano le genti 

^ spedite. T. vni p. 94 95. Esso 
'è Citraditio Veneziano. T. Vili 
Tom. TX, 



p. 9 i. Fa la pace co» Fiidovao? 
« co* TtivigiaoL T. VIU p. ,ot 
105 IO* 109. E* in guerra col 
Banno di Croazia. T. Vili pag, 
loj. E' spedito a* Con^lianed 
in loro soccorso da Federico He 
de* Romani. Tom. Vili p. jyj^ 
Scrive a* Coneglianesi a quest'- 
ometto promettendo assistente 
favore. T. Vili p. 177. E* no- 
minato Capitan generale del 
FtiulL T. VII! p. ,77. Mandi 
un ambasciata a* Coneglianesi 
esortandoli a rimettersi alla di 
lui volontà. Tom. vili p. ,78^ 
Chiama il Conte Rambaldo df 
Collalto ad una conferenza in- 
Sacile. T. Vili p. ,78. Manda 
ambasciatori a'TrivigianL Tom. 
Vili p. 179, Gli vicn consona, 
to Ccnegfiano, ed esso ^'ura e 
promette di conservarlo ne' suoi 
privilegi. T. VII! p. ,7,. asso. 
me 11 titolo di Vicaria generale 
di Trivigi. T. VII! p. ,8,. sti- 
pula isuuraento di convenzione, 
e di componimento con P^^ano' 
Patriarca d*^ Aqui!e|a. T. vili 
p. i8f. Il Patriarca gli etàt la 
Carnra per sei anai e Satile. T. 
VII! p, 182. Inimicato con Ca- 
ne è nuoacciato, ed offeso, e 
I Trivigiani gli promettono assis- 
tenza e £ivot<u T. VII! p^ 18^, 
I Padovani si danno sotto ìm 
protezione di lui. Tom. VII! p. 
'!? '?7.,»^ichicdc a* Trivigiani, 
che liberino 1 condannati in da. 
naro coli' esborso del soloqaar. 
to delle loro condanne^ T. Vili 
p. 190. Sua pace con Rizzardo 
dx Camino, per cui gii rimane 
Jiberamentc k Signoria i\ Trivi, 
gì. T. IX p. 4. Gli cede Cani- 
pa e Sacile pei un anno, ma 
Col patto che dopo gli daoo 
restituiti. T. IX pag. 5. B€Urì€é 
Contessa di OotUia deve pro- 
nunziar sentenza aopra una pte- 
P tesa 



2i« <5 ò ^ 

ViM ^tOb Cèhte ili ^afìtiyi HH. 
•»e«iiS à Gftcctllò fla Calniflb. 
Tott. IX (• $• Dòftvt InvMfrc 
Hlb^cfdo il tutti ! iètxdi , thb i 
«Mi fVtétcfliscfrì avevano avuto 
4U* CMtf OotitSMf. t. ))t p. tf. 
DkMbA fibtM da ^tkahho^a 
||laris4i^«M taUtt le terre di 
HftUttéN» da ti'ìti^. t. ì^ f . 
9* Ordioa die ^6n s^ abbia la 
4ir tèM l^nn còntiatia &lla 
>trt, « a* j^tti ftifi frt tssb, 
t CMlghinde. T. ìlJt ^. t^. tra 
t<rfltè di abftaic nel 'óftftVMlto 
^* Rati Minor! io trtv5|i. t. 

. IX |>. i^* 

•M £^NiY)-fm da Càthino sua Mttglie 
Ir* tX p. $t9*inò ttstattiMto. 
Vcd. dà Cattino. 

««• fMfh^v* seconda medile del 
Oonvb EMlcò codfettna a Éede- 
orieo da SAvórgfi^nò h vend^a 
di «re Villaggi. Yotìi, IX p. jto. 
Co«t ttetricfc e toiihift^sttattfcc 
di tff». Er^rtn sht figihiolo. 1*^ 
tX fw M. Beatrice, t Ciò. tn. 
kko tue (glhtèlo Sigirùri di Tre. 
Hèto. Torii» IX ^. SI ^4 <^$ «<^. 
t>tlti&nda ajbto di gehti à* Tri- 
VigiiAi pet difésa de* kuoi stati 
T. IX pa ^^. I ttiv^ani si stti. 
•ano topra i propr} bfib^r. t. 

IX p» 7*» Era sorella della ani- 
dre di Éfttico Re di IkJtirifìl.^^ 

X p» 17. Possedeva il Castello 
di Civolano con dio. Éhrieo 
tue flglmolOk T. X J). aj* l*arte 
4i Trl^viSO, t vi lartia pbr suo 
Vicariò Giacomo da CotèiOA.'T. 
X t. à5. I trfvfgfJitì riVocaho, 
« «Muna^ft lé d^cddtof gii fsit- 
tu i* Coati di Gorizia. T, X p. 
»J* Tient art colJó<juio lòii Gu- 
ffikktìtì Decado e ComcìVafòfe 
^lla CMcs^ d* kqékpi. t. Jtl 
f^ f . VHita al Datano ^^dèHo 
thNit la pac« con kìii^ìi<i da 
OiiniWfc T. ti p. è. Krruitócn. 

la di «* {tee tonftrmato dal* 



G b ^ 

Ja CèftttW , t dal Dtfcafiò. t. 
Xt f. p. tàsA ^ In trdihe In 
ci»a di ì^eifcb da ^avoVghètio. 
ir.tì ^"8. ttà«ià't« Vìti^tHih. 
tià di GiO. Enrico ^ùo figliò. Y. 
XÌ p. 9. Riizà'rdò *i CaWfto 
non òssetva i pimi delta pace 
ìstidActtt. T. XI p. 14 15. Ì?r0v- 
vedìtnefftl oresii da ^fssa , e ila 
ttiòhl tiobili Fttultni Ih o'if èOl. 
ìoi^ufo ^ ÌA-c461el6 "phì dffèà<^e- 
re $*dle nrorestàto.»ÌLmardo. 
T. $1 p. 15. ^re^a 1 trlVigiàhi, 
tht leViftO ìe tàpplèsaglie èbn- 
cedùtt òétattO i Frlulini. T. il 
^. 1^. Rlcorlrè agfi sealtgèri a 
Jltttt^ eifettó. T*. XI >. io. Ed 
O^'eìit n grafia, é sòA6 lèva- 
tè. t. tì p. ji. Il ^arlàihento 
geft1»ra1c *el #^riùli stabilisce di 
dà'rK Ìn2( Coi^té^a in custòdia 
là PìoVtricJa. tòfti. XI p. 4). Si 
uAisee tol suo èsér&icò al Vìca- 
ììo pV¥ opporsi a* prOgr«^ di 
!k^ttardo. T. XI j>. ♦}. Àvea 
vetidutp isaciis ài Patnàtca \^ec 
Soó. tnircht. f . XU J. i$j« 

— - Màlnàrd* ed EnrUh ed JUttf 
fratelli {anriò pace con Niccolò 
Patriarca d* AqUilèia colla me- 
dfaiiohe ài ^iàbeescò dà Òarra- 
ti. i', Xlìt p. 44 45. Seguaci 
ditodòW^Ò tre d'Ungheria nel- 
la guerra £o' Veneziani còflopre* 
si ìlélTa tregua, f. jttll p. $7. 
JE lielìa pace. Tom. jtlll p. ^i. 
leòpolito Dùca d* A uscita fio» 
ftHte Elisabetta stia figliuola at 
pHtttògenltÒ di lino di essi, T. 
XVl p. 4^* £ssó Conte in ffgor 
della pàfénftla contratti promet- 
te di andare ib afuto del Duca 
contro il Carrarese a difender 
tr!^^}. T. JtVl p. 47. fessi Con. 
ti tono Sfgnori di Cadore. iTofa* 
Ivk p. ^47. 

-^ Èhrl€0 è é^iV. XUinàrdé €Qnc^ 
ddM a* hiircànti Iteflùnèsi un 
ili^crd còmmetcio iw* loro Stati. 
T. 



t. ^Vlit f. 4b. Sorto ftftl{>le*si 
ifi'cìh trt«'Uà ì.a ^fgìsihondo, e 
j VtncttÌM. T. ÌClX ^. tfS. Il 
CWjift ÈtìTirò ohièttc dall' Im^jc- 
raior isigh^WohdV) in ttudb Ifcl- 
JdHb, feltri;, Sétravillc. Cor- 
dfè*A4^ib , ^ulftctté fe<?. r. XIX 
P« tf7« Sigìsmondd t'iii^cib^ a' 
l)!nal!)(r$f di aver IMO 11 gbv^r^ 
oo di èclluhd al Cbhté Enrfco* 

. fi XiiC p. ^5. tHb iftartéa ali 
$no fbmi^arè a ^eìidcfè 1i pos^ 
iUib d\ f tnVc fc di ftelttìhb , irfi 
1 Hcitoè^! $5 dpptìi^drid. Tom. 
XtX p*7** il suo ftìTttfikro pren- 
ce fi poiscssa dì VcUtfi , ina nort 
di Bfcflurto. Tom, il* t>. 77. i 
BelIaiicsJ dfi èstid^bn'ò fa foro 
iisola'ta fYkHi^^Ae 11 hófiàctéf^ 
htto ftl.iìgfibrè. ti jttx J). 77, 
Sigismondo iiiipotie al Conte dì 
hbÀ Vlttiarè in hémii ttìoàòi 
bt!Wflé|J de' Bétlunesi, ma duci- 
If n^éiere òt)fi ^tji'tlìfa 'é tort 
Ihjòte. T. iix fé ip. fesso era ' 
èuoiehJ d! Stèisrtólfidd. t. JlX 
f. •^^. ^Isfliòrtiò Vuòte, che 
vada tofU rt'p^llc aièoV^rftò di 
féìtté, di ktlliihò, è di >5crra- 
valle, nia è Hcbsaèo di. ({aéste 
Comùntó. \. ^^XJ* (oo ioT* 

da Goriifa thrìc^ hiifité del Con- 
te di Gorizia |i^rà ìa Bacé de* 
tHWgiarti. +. Vn |>* 8 9. 

di Gotenec Vint. figfio di toITiop 
rfui^i J>^ cónfe di Gorizia, t] 
ytl b. 8 ò* àttijfrBii Bìurh ptrl 
C&ifti ài Coriiìà. % VI! p. 8. 

'àfitljrè'dt CancelJiete di i^cdcrico 

^ ìmpcradorc. +. Ì ]>. ja. 

(joVétnòlo salii rjvà d31 J»o, Ivi è 
r esercitò di Mastino. Tòisù XI 
i* jk- ^ ; 

de Goz^tdini Èérìoliu'eli aftìbàsda- 
torè "de"* feoWnesì à pjuiova e 
terràri. Y. IX p. 4. AJr^t entra 
▼ittorioso in iblòinl. T. IVUI 

de' Gózofu ^^'ivuhhi èèsthAchio in 



Gradcnigò ^^rfaVV «^li 15 i1e!l*è^ef-* 
tito ali* aiicìlttl di Chidiigià. T- 
i\f b* y6. kòriiTÌki9 Db|t; T- 
it fSt*. i(JV Ì7Ì iÌ7 i»8 U9 
190. Tdìài. ItH p. li i^ n ia 
ij. GìévAmnl ^(Wèstì a? Vitfcn- 
ia. T. II ^. 4> ^' ^»^ Fodcsti 
dì K:<ihki\\m. T. ÌI>a|. t5K 
Ptfe$chti i»^ Vfeii'cziii alli dédi- 
ifònfe d'c' f H«fgiani, T^ *ìi !>• 
t^ *iròte««é ! W^Jgiahi belle 
tef-|> gfuHsdIXtOftf. T; Xlt p. 7. 

in>Ueita di flirtai, t. xil p. 9 

I» li 1$ ai iJlifS. t>ogi di 
Vérffc&fa. t. illf p- )5 .»<5 ì- 
|9 4j U U« (7761/^^^* f bdbta 
di trfvigi. t. ±IV p. 74 7^ 78. 
fròvvcdftdrè. TdM. Xt^ f. 8i. 
AirtBà'sòialorfe èie' Veflcsiatti a 
Torino per la paté co* tScndvc- 
si. ¥. XV p. ^4 i^' .l^trumeStb 
ài birocci ri fthd da' VeneiRàni 
fa esso. f. kr p. lo<. fi XVI 
p* 9.. Jd€9ù9 presente in vfentzii^ 
all' istirùmèftVd ' d! pìièe togli 
Scatigcri. T. JC % ti^. jàctf^ 
^rbvvcàrroi4 In UàtAè. t. :^n 
>. iò'6. GH t/àiheti t'« icrivo^o 
T. XVl p. 15 0. Egli k !ft friu*. 

lì. T. ji:vftri), jj jif. Lt'rtì^u 

ecR è nélj* e^ércitd atH iùbria 
di Cli15g-!a. r. *V p, jjJ. AhiV- 
«» fodcsiìk di Padova. T. Vili 
'* 1 84 i < 7. Ìiicc9lh aWibiikciatofc 
Je* Veneziani a Trlv^ì, T. VII 
f.74. fikràxxfi iih\\to nènfccftfc- 
trOverHe tra il Pàkrlìlrèà , e i 
Veneziani. +. )tt f. »ij.i>;^4# 
Dòge di Vcficìfià. T. IV p. II 
2^. f. tv p. ié?t ìifi i>9. T. 
V p. i^ ^tirték. T. ilt ^ ^ao. 
>iVr« nbb. Ven. ptfeséAtc ih Ve. 
tiézia. T. Xll i>. b. tJfeb de* 
£Ìnq,ue cTctti litàbìiirè! confini 
Bà i Vebc^ratii è fi CjtVàrcsc. 
t. XiV p. ^ó 9i. irtabilìicc l 
confini fra il taàbvahb e j) Ve- 
Hciiiano nel iÌ74« T. XVIII p. 



ì 



P 2 



-^S. 



»s. Stefano, T. VII p. 15. Am- 
basciatore t Trivigi. T. VII p. 
jS 5^ 37» Ambasciatore a Pa- 
dova tratur h pace con Ca* 
ne. T. Vili p» 99, T«AMM^« anu 
baKiator al Signor di Padova. 
T. VII p.* 69, 
Crado Patriarca di )' I legati del 
Papa gli ordina di publicare la 
scomunica contro Guecello e 
Ciiardo da Camino. T. IX p.45* 
Jndns f attiarca e Primate della 
Dalmazia presente in Venezia 
alla pace cogli Scaligeri. T. XI 
p. 128. Kiceve commissione dal 
papa di assolvere i Trivigianì 
dalla scomunica. T. XI p. 15^- 
Arbìtro nelle differenze per Ca- 
volaoo fra il Patriarca d* Aqoi- 
lefa, e i Veneziani. Tom. XII 

p. *♦• 
de Grado B»nMV9»furs ^ e sua h» 
miglia Veronese fuoruscita riti- 
rata in Trivigi. Tom. Vili pag. 

de Crai ;?4i//« testimonio in Peltre. 
T. XI p. 90. 

de Graiffenstain Ftitrìf testimo- 
nio in una Carta de* Duchi d* 
Austria. T..X1V p. 'Js. 

de Granato Bertrand» mìlite giurf- 
«f^rito. T. V p. iij. 

Granella Villa del Bassanese. T« 
ni p. j8. 

Cranfioni Frénetsf da Bassa no. T. 
Ili p. 119 I44« T.IV p. 5598. 

Grand$nt9 oorajo qu. Gerardo di 
Gtandonio. T. IV p. 4. 

de Cr*»>if»i« Acito Triyipkno. T, 
l p. sr. £ns4dtil» Trivigiana T. 
Vili p. i^9* Presente inTrivi^, 
Sfrìd. T. IX p. is8. Deputato 
da^ Trìvj^iani alle 5j>cse pcr^ la 
venata di Mastino in Tiivigi. 
Stnrìs. T. IX p. 164. Eletto da* 
TtSvigianfi per accogliere Alber- 
to dà\ìà Scala. T. X p^ 7^ Va 
cr esetcito di Mastino con due 
Cttftlfi. T» X p» 17'* Vi torna 



GR 

di fltxovo eletto da* Trivìgìanf- 
T. XI p. 14. Notajo di TrivigL 
T. XII p. 4tf. Presente in Tri* 
vigi» T. XIII p. 9. Gi*vé»»i J» 
Isere notajo Anziano de* Trivi- 
giani. T. Vili p. 92. ZsȎliif 
notaio sindico de* TrivigianL T* 
Vili p. lod, 

Grapija Mtntifo qu. Pietro notajo 
I di Chioggia. T. XI p. «i» 

de* Gratacelli Glrérd» Medico in 
Trivigi. T. XII p. tf. 

di Grasimpach GuglUlmo Cava fie- 
re interviene al colloquio gene- 
rale de* Friulani a Modoleto.T* 

XI p. a5. 

Grassa ga Villa del Trivigiano, T. 
XVI p. 116 IJ7. 

de* Grassolari BorfléumU qu. An- 
tonio, notajo di Venezia. T. XV 
p. 21. 

Grasulfi di Modena s* unisconoia 
lega co* Vetonesi, Mantovani^ 
Parmigiani ec. contro Azzo Mar- 
chese d* Estc. Tom. IV p. aoo. 
Sono accettati nella lega di Bo- 
logna, Mantova,Verona.T.IVp.yo8 
Nuova lega contro fi Marchese 
Azzo per togliergli Ferrara e Ho- 
vigo. T. V p. j. 

Grecia suo stato presente descritto 
dal Petrarca. T. XIII p. a »• 

Greci nel Castello di Trivigi IJcen. 
zfati per la loro inutilità. Tom. 

XII p. $7. 

Greci Imperadore de* } suoi nnn- 
zj a Trento al solenne parla- 
mento di Lodovico Imperador. 
T. IX p. 89* Calojanoi Impe- 
radore lo guerra co* Genovesi. 
T. XV p, 86. Andronico suo fi- 
glio. T. XV p. 87 88. 

Greglia Fiume del contado di Go- 
rizia. T. XII p, 84. 

Gr9g»rh Vescovo di VerceHi Can- 
ccIJicre di Enrico IV. impera- 
dot. T. I p* IO* 

^ Otti^Brlè di MonteseTla villa da^ 
Triv/giani assegnata a Ccoeglta- 



HO, T. tu p. 41. 

Vrertri» IX. Papa detega I Vcèco- 

• VI df Padova e di Torccllo , e 
il Decano di Trivfgi ad eseguir 
una sentenza contro i Trivìgia- 
fii, Tom. I p. 70. Fa legato in 
Lombardia. T. I p. 70. 

G^9g9rt; Papa XI. spedisce a Pa* 
dota Uguccione Tiene suo Le- 
gai» ftt comporte le diiRsrenze 
tra i Veneziani t il Carrarese. 
T. XIV p. 7S. 

Crt^trU XII. Papa partecipa alla 
Kepublica di Venezia la saa as« 
sanzione al Pontificato. T. XIX 
p. ir. I Veneziani lo abbando*' 
nano, ed aderiscono a Papa A- 
lessandro V. Tom. XIX p. j4« 
Suo Breve diretto ad alcanfftu- 
datarii del Priuli esortandoli di 
accompagnare il suo viaggio pel 
Friuli. T. XIX p, 35. 

Gceisf Btrt9td$ Conte collega del 
Conte Bertoldo di Marsteten Vi- 
cario Imperiale in Lombardia, 
Marca, e Toscana. T. IX p.p. 

de* Cresi famiglia Veronese fuora- 
scita ritirata In Trivigi. T, Vili 

p. JX6, 

Grezzana Villa del Veronese* T. 
XyiII p. SJ7. 

Grigion Villa del Trìv%iano man- 
dai guastatori a Mastino. T. XI 

p. 31. 

de* Griffi Pds'no da Brescia Podes- 
tà di Padova. Tom. IX p. 147. 
GrìfftUn^ Rettore per Brescia. 
i*. I p. 117. T. II p. 3. Jécùpt* 
»# da Ferrara. T. II! p. 7. 

Grìgno del Vescovo di Feltrc. 1*. 
I p. 3J« Sotto ì\ dominio dì 
Francesco da Carrara. T; XIT 
p. «o, 

da Grigno Almerico* T. HI p. 41 
43. A>^ttrftn% è in concordia 
con Francesco da Carrara. T. 
Xni p. Sa. , 

Grillo Jnt§mio Genovese uno de- 
^tf otto offiziali di gucrriN T. 



C !t ili 

XV p. T07. TQptmàso Ambascia^ 
tot de' Genovesi a ratificar U 
pace co' Veneziani. 'tixm4 tXVt 

p. Ì9' 

de* Grimaldi Corts^è Cantelliere 
di Padova, e starutsfrio^ T. VII 
pag. 1S7. ìusno dì ManiVedino 
Anziano de* Padovani. T. IH 
p. 45. 

Grìmsld» Marcbese imica deli* Im.i 
perador Berengario, l'. 1 p. 3. 

Grimani Eerfuc^» FodestìL di Co^ 
negliano, Tom. XI p. 119 ijj^ 
MArin9 Podestà di Conegliaoo. 
Tom. XI p. 179 i9^* Melchi«rr§ 
Podestà di Conegliano. T. XIX 
p. 113. Mts^ Ca|>itanio di Vi* 
cenza. SttrU, T. X p. 14^, 

de Grimula giudice , t ^tssessore 
del Podestà di Padova. Tom. X 
p. 8'r. 

Grioni Nìccoleett eletto td onorar 
la venuta del Re di Cipro a Ve* 
nezia. T. XIV p. »o« 

de Gripolo Btmdrd» Trivigiaoo so* 
spetto al governo Scaligero» St0» 
tU T. IX p. 177* 

Gtisignano Castello preteso dal Fa* 
triarca d* Aquileja contro t Ve- 
neziani. T. III p. 116 n% 179 
i8r, 

Gxisignana Castello del Conte Ja- 
cobuccio di Porzia dato in pe- 
gno a* Veueziini. Tonfi. XVI p. 
103. 

Grisone Castellare comperato da* 
Trivigiani. T. II p. 141. Dato 
dal Comune di Trivjgi al Ve- 
scovo jper quello di Comoda. T. 
Il pag. 144. Danneggiato dalle 
milizie Venett di Mestre. Tom. 

XVI p. 138- 

de Grisopoh jB#r»«r4f a anziano de' 
Trivigiani. T. III p. 20. Sindicò 
a Venezia pe* Trivigiani. T. U 
jp. i3<5. 

Gnti M4rln Todestà di Conegliano. 
T. XIX p. 47- 

da Grompo Vkittin» Padovano a- 
S $ de* 



^cUot^ 4cl y»coari contro il 

'I l'W T, XVII p. ss. . 

Grotto Jmhns'f giudice <($ Tffvi- 
fi»/ T- H B» 7S* Sipdijcoi 45'T^V 
\ioiani/lf. U ^. 97. piQfOtvan. 
ni i^iifif TfiVtìj(^90. Tciin.t| p. 

, ^7. Gm^i^ f • u p* ^^ ^»- 

i/r#4 console del FoiettX ^i "^li- 

WJ, 1f, j(l}{ p. J^^^ 19.3. i94i ^0$ 

^ €jCl\%>J Bijrf Ji;4«t P;9diB$tìi <U5cI- 
yc. t. U^ 1^ 9,^ 91. 

^iuai;ti. .^^(«/«'^ 4^.^or <V L(;ggi 
p^§^tij VI T<Hko ^11» ^acc f« 
^ X^ncajanì. ^ i q,cn|>KC»^, "^-oipy 

do^Grumclli OsUstxo Cat^ijjeo.Ca^ 

d^i^ Vi'Qfzjanp , «uà ^n ^ uà 
provvisior,^ dì loille dacad £ltta 
éX V^c»ia9V ti^VlU p. 9V 
4?' C^i;«l'«n ^>/^^ da P^i;o Kr. 
deputato d^l^ ^Aiqh^t à^ ^^ a 
^ì^k^^ffii i confici ^'4 >• Ycoa^ 
zi^iù i il Ca^rare^. Toi^. J^VI 

P- ^ . .... 

Cuadatto filla da* Tiivigiam asse- 

g9?«. * 99n^!Ùw>o. T. Ul pa^ 

aupfloridq J$^ric4 pcef^tc. ip Co« 

ncgiìaào. T. Vili p, 1^9. 
4« vwfJaodi Rd^ik^u d4 BqoìJ^cìo 

0^1. T;ed]cio di Pisa Siodlpo de* 

Pisa.nif T. JflV p. S9- 
<)^)a)4«8!^ ▼>I^^' (U&cgnaXfi a4 Qiier. 

9P. Tf. m p. «39.. 
diC' G^u^m '*'*^* Qitt4ye m Tri- 

vigì. T. XI p. 99. iQo. 
4,1 4^9. Castello, prc^" QMftJt*V 

]^ iniccnd^aio dAil' esci^^Q di 

Ìicd.9K)ca linpciàdc^ Xom. IX 

p. $•• 

pel Duca d' AuH'i:^ T. XVI- p. 



de Gtiarco N;<rcf/i pog^ df*Gcfio» 
Y^*. T. ^Y p. 73 t9€. 

de GHariemo ^er^tvijiif, <UH^0( qa« 
Tehai^Q ?a,4pvaao. Tofl^ Y P- 

4e Q^^r^ntì P^il* nel caosigUodi 
Veroni^ T. J^VllI |^. %u fletto 
Sìpdi.^ K ^ar Ve^oq^ ^lif^ ^.Cr 

P^W^cv T. xvm p. 8u.. 

C»^W^S ^**fr$ Vefooe?^ , uino, di 
<)ueUi cKt preseci^ J^Qpo da 
Carrara. T. XVUI p. «4. 

de* Qa«;oC<Ìnì M^nfrMÀeùci ^0<jev 

if«»I/«f;#. aa^bwciatpr^ 4^ Car- 
rarese al Duc^ d' Austria* T. 
XfYW P* SN fletto ^ao proiru. 
ratprft dal C^^rarese. T. J^VIH 
ji. 7x> irtUn4f. ^lodicQ ^e*^^do. 
fatH. T* I p« iiit. Podestà di 
VU^n^ y. IV p. ««5t 17^ ^«i. 
Tcstimoiiio. T. V j*., ioo. Po- 
dcsiÀ di B^^iano. "If, y^ ^ tj^ 
T^ VWI J. ^10 s«,7 i5iU 

44 GiMACOgna 4r«u/4ii ^'||4Qdvito 
pcf kggcre le 4^>^<^U, in \u 
^^fW t* V ^ 49. 

Cu^st^la ii^o»dvita dall* ^rcito 
di Lodovico Imperador. T. IX 
p. ftO,. ^ 

de* Guastalesii /4c«^i^ qu, Filippo 

HQt^, ùi v«i«m. Tr©^. ipu ^ 

de* Guazzi BdssdH§ professor di 
leggi T. Y p. >.17* 

Cn^erf^ V^scox^ di l^^tw. Cotra- 
4o Imperad^ gji ^onferov^ i 
heni della sua, Chj^a. TI. l p. 
19. E 1^ moiieta i«>i4. p^ 19. 

^uj4 Vj4Ja deITd>%ian9 nella Val 
di doj^i^dene. i;. Xiy p. 4^ 49. 

^fi£li0ÌminÉ Mvoca/^ '^1^ Clùesa 
di Trivigi. T. I p« ai aa. 

Quelfi io Padova* l^qnv VU. pi^ 
44 45. 

9 u e IH del U B^omagn^. » ^ de Ila. To. 
scaoa promettono ^\ntp air Pa- 
dovani ^fl(9^a€«Ulll^ Ì!/m% "^^^ 
p- ift. 

de* 



G U 

iSf l6q, X6i \fA i«j <H ^<^S 

tì di Trivio T. VW J^ »45 
i^9 ISO *S^X.„itU "^OUVWF* 

Guerci Hl^ejtjlno ^cseìaoo» T* |V 
1^ I9Q. 

Odccqiq NlA^»l9 p,eI1i|a»^ omiaio 
<^ cubare dq*" T^»vìaf*oi p?<so 
daUc genti 5caA>8l|Vc^ X^ VIU p. 

de Gaeriao jsesnio» Tom« III p, 

4« G^icefimaqo- F^rig^^ notaio di 
Jadau. T. V p. i%|. >«4aWo 
di CoYudioo. T- H i^ M' qu* 

XU p. 4^ 
jii;4«»« C^dituO/e Ved^ C^cdùulf. 
. Guidotto Gr0»fi—9 c^ipaziq. del 

C«nmAfi di B^^s^oo, T»au li 

£• 9^ 
d« Gmdoul jC«4«Ma saa c^qMo- 

vessÌQ conerò i Tcivellarvi. T* Il 

jk 7tì- GMii»tt9. ed. ^«4«ii**?4 di. 

Uii.WpOli» T; l\ p^ 7S »*♦• T. 
Ili p. 4^* Ambascfatore de^T^^i- 
vigii^ a Vejona. T. \\\ p, <«, 
Gavo^vo]« ak Qcca.pdo ds^ Ra- 
mino. T.^ isx ptgK i<»». PMSAnte 
air cfpuJsifme <^* Cj|9i^Ì4t T, 
y^I p. 1^8^ Qjlt JJk9(V« l»0(i 

senta d#sc^fpv > e 1# iw c- 
iii^i4 andò i« Tqi9ina$« Capo- 
«,9fO( d» Padova. T<- Itt g. «4» 
i58. T. XI p. t5Mt, to ^niio 
iavf 8W> cUH' Abtfc di $« IMno* 
^ Vid^M dfl <:atf^k> di $«^a 
Qci MgiptqHc^, e mifi «dai» f(Cr 
di. % XW p. li» 144. <7«kU*rr« 
Tcode Hda ^iinm» in K44«fsa 
a* Twgfanì; per cav^ pifilK 
po« m l0H»Q^ di tm%, T. Up. 
tst^ Milita fifl^m li f» a», »4, 
Tfrivigiwìij. T. Il f, »7 60 74. 

I Gi^ido^ *^yM9 yajihdiijapfl 



vigianl e-^jniautflì, T.UI p. H. 

d« QiUdoiCQ .|tfMM«a Bft <to i i q » > x» 

W p. 7*^ Aazj«QO p. t»7. Qi^ 

^n§ 4 J^MiMd*» t, I Pr «x. 

i^* QuMmoi' ^ATtf/Afl»/* <H Mo- 

gna> 94é9^ì di Trivigk T, l p. 
42 4J. T. V p. 196 2 TI* Spedii 
sce a* Trivi^ifnt la naova della 
morte di Eolico Imperadore. T. 
VI p. 27* Qu. Guglielmo oiMic 
T. VI f. ^^ »i. ^uiitiMÌP AJ^ 
<:^'9^ ^U« GogliAli»^ Tool. VI 
p. 2«, 

4c G«Metb,ai^f<iWi»4 iMQÌMKta«Mq 
4c' Mo<Uncri^ T, U> p. j2. 

de Guineto r«i»v/''>^^ T. Ili p.4T. 

l'egg»^ Vks^u^ d,4l M«rà di 

Vic;i5o^a^ T. JU f. <7, ?o«^ 

«(a dottoce 4 vi^aii» diQ^ihjHno 

loadiik»» T. XU p. 31*. 
Qxxììt^ ^ri^ C^ni^Ie ìq Como* 

T. W f» i4«. 
Guizxa boftct piesaa fot^^ltSo* 

lettOr T. V pw 7s^ 
QtuabélÌ9 ye844VO dji Trivigi ^ e- 

seautQ d^ 'im^o lmpe>M4(M da 

«erto SWr^ia doviMO in V«MM 

T. l p. »>. 
Q»n4Qt^«A F<. Ca»*4da ma«aico 

ganoMUi dell* Qrdii^ de* T<u. 

imìcì in Alei«agru.. Tom. IX 

fi» 8«w 
Qmmdi^*, Caaurias^ 41 ^Mko 

IV. Imperadore.T. I p« ^^t 

ftd Qnffra« il Ro di Cipro. T. 
¥IV|-44. 

^raaicm FW&t» ^ittadlM 4i Clu^- 
§i^ T« XI p. éut 

^ GMMMun. Q^'4/«M* l Tmi- 
^iapi gli «oiiiìcao» 04 qmii|po 
do* Baasaocsi,. de^* SoEfiaHAiM 4 
de* Feksioi poegtndvlq 4i ««ti. 
^ft^lQ al Ba T. X j^ 5»* ^«7 
sente ad nn DiploviA 44l %^ di 
Soeim xQgatft «al CaswUo da 
Tiroide T. X p. JS. W%tttwMlW 
pei Altanio Capitanio di Hon- 
p ^ tebel- 



211 G U 

tcbellufta. T* X pf jtf. ^' 
Gass^lengo Castello del Veronese. 
T, XVIII p. 5«. V Adige mena 
via il ponte della Bastia. Tom. 
XVin p.59* Bértólsme* daGon* 
^ga Capitanlo. T. ZVIII p. i7. 



de Jacopo Mdruìameù Dottore di 
Leggi Genovese. Tom. XV pag. 
107. 

Janni Girdrdtnt sTndlco e procnra- 
tore de* Fiorentini In Vcnciia. 
T. XI p. 125» 

di Jetembech ErmMnnt Cancelliere 
di Lodovico Imp. T. IX p. 82. 

Sant* Ilaria manda guastatori a 
Mastino. T. XI p. ai, Riceve 
ordine da* Trivìgiani di riparare 
il Castello di Asolo. T. XI p. 
49. Villa assegnata alla Podestà» 
tfa ài Aseh>. T. XI r». xjy. 

S. Ilario Monastero sul Padovano. 
Frldjano Abate. T. VII p. sj- 
Chiesa de^ Veneziani, in cui ri. 
posano le ossa de* Dogi T. XV 
p. 38. Sua tajata che discende 
verso Volpatico, e sua chicsa.T. 
XVI p. 19, Che il Visconti pos- 
sa disponere di essa. T. XVII 
p. 21. Strada che dalle Gamba- 
rare conduce alla Chiesa. Tom. 

XVIII p. z6. 

Ilasf. Anfni9 Arciprete della Pie* 
ve, T. IV p. 14* Castello sul 
Veronese, torre e palazzo fabi. 
bricatovi da Ecellno. St9rìm, T. 
VII p. 9. Freso dalle armi d^l 
Carrarese contro il Visconti. T. 
XVn p« ,45. Ma non la rocca 
Inespugnabile ibid. Freso da^ Ve- 
neziani. T. XVIII p. tfo. Angelo 
Bono Arciprete di S. Gibrgfo.T. 

XIX p. f4>. 

de Ilasio i?«nvi>«i># qu. Giovanni 
abitante In Venezia. Tom. XIV 



I L/ 

de Ilito Anirté Giudice ambascia- 
tore de' Trivìgiani al Conte ài 
Gorizia. T. Vili p! 42. 

degl* Imani S. Andrea , monastero 
della Diocesi di Torcello, frate 
Albano Priore aveva giurisdi* 
zione sulle pesche del fiuinc 
Lanzono. T. IV p. 121. 

Imola è in alleanza co' Bolognesi. 
Tom. IV p. 204. Occupati da 
Giovanni \ Visconti Arcivescovo 
di Mìlan^, il quale promette dt 
rc5tituirla\ al Papa. Tom. XIU 
p. 4. 

da Imola Anttnu Fitarfno giudice 
e assessore del Podestà di Tre- 
viso. T. II p. ija. B9rtQUmU 
di Corrado Canonico di Feltre. 
e vicario di Mfecolò Vescovo d 
Verona. T« X p. itf4. Corrsd» 
giudice in Verona. Tom. IV p, 
13 d 2«oi ao8. T. VII p. 6i, 

de Inglesco, seu de logera FUifm 

p9 Còk Palatino qu, Ambrosio 

' Viviano di Borzanore crea un 

notaio in Venezia. T. XI p. 44. 

Inglesi stipendiar) de* Veneziani 
alla guerra di Chioggia, T. XV 
P-.54. 

Inghilterra, sue guerre contro i 
Francesi. Eduardo Re fa prigio« 
niere Ìl Re di Francia, e minac* 
eia Parigi. T. XIII p. 81. 

de Ingoldeo Jtitjijtrd§ ài ser Rigo 

presente in Trìvìgf. T. XII p, 

71, 7J. (Alla pagina 71. è scrit- 

^ co Tugoldeo , errore di stampa,, 

' é si corre^. } 

ite»«r«»^« Papa procura di pacifi- 
caie il Re d' Vngheria co* Ve- 
neziana Tom. XIII p. 5tf «a. 
Conclude lega a' danni dèi Vi- 
sconti. T. xm p. 88. 

Mtt^ctitK» VII. Papa* Roberto Re 
de' Romani gH raccomanda '^Ii 

. a£Siri del Carrarese. T. XVIII p. 
«J. Sua morte. T. XIX p-. 11. 

Inquisizione Vèd. S. Offizi«* 

de Inculo di lepca Lorenzo nocaj» 
qo. 



IN 

qu. Bpooijtf) di VeroiM. Toiik X 

p. 1^4. 

Jcglì laterlin! AndngU , qa. Mar- 
tino Cittadino di Milano - e no- 
Tajo. T. Xin p. $9* 

Invilino, Castello della Carola ce- 
duto dal Patriarca d' A^uilcja 
al Co. di Gorizia per sei anni. 
T. Vili p, i8a. 
Invidiati iBvttjMté figlinolo di Pie- 
tro da Chioggia. T. IV p. xtfa. 

de Jocnìi Albirt:»0 sapiente di Fer- 
rara. T. XVII p. «j. 

da Jossano Gtrarde da Cremona 
Podestà di Padova. T. IV p. jg 
4* 4^ 47 48. 

Ipotecario Jlktrtin» nanzio di Cue- 
cello 09, Camino a* Trìvigiani. 
T. VII p. 97. 

S« Ippolito fortezza de* Bellunesi. 
Ved. S. Boldo. 

de Isachino Gihellin» da Bassano. 
T. II p. l^9, Aresina qu. Uli- 
vcrio iTKJrta in eretica pravità. 
T. Il p. 119, 

Isola de^ Stanfi diocese Veronese. 
Pietrobono Arciprete di S. So- 
fìa. T. iV p. 14. 

dell' Isola di Verona BQ^sv^ntufé^ 
qu. Isnardo. T. HI p. aj. 

Isola di Piave villa del Trivigiano, 
dóve aveva beni nizzardo da Ca- 
mino. T. XI p. 1Ì9* 

•— sai Veronese presa da* Vene- 
zìatìi. T. XVIII p. 58. * 

— pellà scala sul Veronese. Tom. 
XVlItp. 5 9. 

d* Isolo Sllvtstr9. T. Ili p. S2. 

de I^ticino, diocesi di Bressanone. 
Sfrts. T. Vlr p. 4a 4.5. 

di Istria Marchese. T. I p. 27» 

Istria» si dovevano publicar le tre- 
gue f^a i Vcnesiani e il Re d' 
Voghetia. T. XIII p. S7. Pro- 
vincia Veneta. T. XIV p. ^i. 
Capienti consultati dft' Venelia- 
tìU T, XIV p. 74. Sua provin# 
c?a pretesa da* Veneziani e dal 
7atrjaica» i quali n 4oTtvaao 



L A 2^; 

compromettere nel Papa. Tom. 
XV p. 99* Il Carrarese intendo 
che sia consegnata nelle mani 
del Patriarca. T. XVI p. 144. 

Iva ni Fléml»^»»» da Bassaoo. T. 
IV p. 177. 

Ivano Villa nella Valsugana. Tom. 
XIV p. 80. Sotto il dominio di 
Francesco da Carrara. Ibid. Cas- 
tello ceduto dal Carrarese a*Du- 
chi d'Austria. Tom. XIV p. 8a 
8j «4. 



JL^bereta ^«i»* Stndico e procu- 
ratore del Patriarca. T. IX p. 
98 106 107 1x8. 

de I«abro Bfruld% Cappellano del 
• Papa. T. IV p. 85. 

de Lacco Bermsrdo licenziato in 
leggi nunzio del Papa. T. XI p. 
1x8. 

Lago boario confina colla Val •Po» 
licella. T. V p. i9x. 

Xago di Carda. T. HI p. so. Ved. 
Garda* 

de Lago Tommssin^ notajo e poi 

Srete della chiesa di S. Ste&no 
i Trifigi. T. II p. 95* 
Lairano Villa di Coaegliaoo. T.II 

.P* 45. 

di Lambach Jnmtehln» prigioniero 
di Castrnccio nella battaglia con- 
tro i Fiorentini. T. IX p. 91- 

Lambenazzi fuorusciti si compro- 
mettono io Matteo Visconti , ed 
in Alberto dalla Scala per le lo- 
ro controversie cogli intrinseci 
di Bologna. T. IV p. xai. Ved. 
r articolo Bologna. 

de* Lambertazzi FskrueU Uhtm e 
L^eniU fuorusciti Bolognesi. T. 
IV p. Ha iij 127, 

de* Lambeneoghi cUvdnnl Pode»- 
t^ di Bastano. T. XII p. 18. 

de' Lamberti Jlbirt!n9 Giudice e 
Qoyol^ Iq Veioaa, Tom. IX 



2U L A 

de* Lamkeitinf ^kflitghetto qq^ C« 
ga'no JRr« Bolognese, T. XVIII 
D« i9« ^«^0 ^ Bofo^n^ Pqttor 
tf? I^ce^} VN^aiio cfet Po^esd di 
Treviso. T. XI p. ut 184, 

La irtene del Vescovo di Fc^tre. T, 
i ^^ H« Tenta dì sottrarci i^U 
la |iqHsdìzìone di Feltic. TQO^ 
?li p. lai. 

Xj^nceHotT I>«»i«^Itfa TetQtKse uno 
df quelH che presserò Jacopo da 
Canara, T. XVIII p. «(^. 

Lancenigo Villa d^l Trivieìano mar^ 
da guastatoci a Mastino. T. IX 
p. aj, 

de Laacenigo i^ihtrt^ g^Mice 2p 
T^ìvì^J. T. in p. ao. Giudice 
•mbasciarore deTrivigiaoi a Ve- 
nezia. T. Hi |L. 77- Giudice In 
Treviso. T. llr pdjj* Tcstitno- 
niq, Totiu IV p. i\, Vtndr^m^fu 
QO^ÌK di Tf Jv^l. T. XIH p. 45>« 
T. XII p. so. 

de Landa Pi9tr9 Priore e Ca^peV 
jano d^ Papi Clepiente. T* XII 
(• US. 

de Laado A^irté notaio df Betta- 
no. T« XIII p. T^. imgXUlv^ a« 
detcn^ de* S^ori 4* ArceTlT. 
T. XrX p« 9JU J4»M Venezia. 

ne, T. if p. 4K 4<s^^« Vene- 

zlino. Ti IV p. xtf9. 
de Mandriano J[«c«£f Milanese Po 

dcst^ di Genova. T. V p* 1^7. 
LénfféiH* CoQte der Palazzo. X* ^ 

f . 4. 
de X^nftaflLCo Tfr^i^/Atf (^u. Gerar* 

dq Viceniin^. T. II p. 73. ^*- 

déérió, T. II £. 79. 
4e L^ogosc» Cqnte Àtcsrdint ade- 
rente de* Sigood d* Arcetlf* T. 

XIX p* 93. 
4e Lano t«l4''i milfte Triv^i^no. 

T. II p. «7. 
L^t*J49Us0 Podestà diTiivi^LT. 

P ?. ♦» 4J* 
Lanaa itA»/>«((« Marchese,, T^imJI 

' p. n^ 



L A 
(anzagft villa del Trivi^ì^no manda 

guasntori a Mastino. T.XI p. «a. 
Lanzi GUv49nl d\ ^lema^na pFp« 

curatore di Jiacoja da Csirrara. 

T. XIX p. iji. 
I^nzplo G'9V4nnì sue rappre^gU^ 

contro i TiivÌ5;wni^T^VII ^99* 
Lanzono fiume, che non ^* abj>ia 

a pescare in esso sepz;i, licenza 

^t\ Priore 4i S« Andro» defili 

Iroaid, T. IV p^. ii'i, 
de*Liapi Gr«v4»»» Pottarct^olpgiift? 

se. T. XVn p. 9»., 
Lapi X*m»tA ^^ TiqreQU notaio. 

T. XI p» laS. 
de* Lappi FrancttcM «dexentc di 

Niccoli Marchese d*5«ft^.Toav 

XIX p* 9a. 

de Lapo GUii^nni da I^e|gio. «^0- 
rlék, T. X P. 87. 

da Laponte JtomtrU Console in 
Conio. T. VU p. itf^* 

4e La^pergh IdéteU (estiayyiiq in 
Xrivfeji. T. IX p. 98* 

I^rf»» Vescovo d* Ostia e VelWtri 
e Libato ^postQijco ceunfewv* 
in BMsano \ Canoni^ in&utuitl 
dal Vescovo; T. IH p. ss. 

VwanaA T» II p» j<» Guidone di 
Òiovj^ni Pievano. Tom* XU p. 
H^ Porto, Il Iqtriare» f<omjetr 
te d{ non esigere U inuca da* 
sudditi del Conte il Qorizjflu T. 
Xlllf. ^s. Porto in friuli, Tt 
XVI p. 110. Jacopo Cprnfuo Po- 
destà con permetso deiU A,e. 
publica si allontana da QU,el luo- 
go a mM^^o.. della pestilenzs^ T* 
XlX p, U^. 

I^vago avevano beni i Cé^1&, e 
passarono io QgldQtd^ e ^oi t« 
Qponero. T. JU p. i-5»^ 

Lavandura iiiiinlccno cue^ scorre 
nel Mospne- T. XlV f. ^%^ 

L? vadano ii\ frinU i, 'Qdorico di 
S^as^ldQ PievMQ^ toou X p* 

lAvariAi 4e:i Vestivo 4i feltrf«.T. 

X.a. 



l A 

Ottone ^I Ycs^^vo di 9qjlu|io. 

l^vcfltintt y^scovQ t>Jser;0. amba- 
ScUt«re 4i (e4f fic^ Re 4^' ^o. 
ouaj » T^lè&u T. VUI p, ^<J» 

gc. T. U p^ i^u 
1 ga \owiw^i^ di ^psx>Q^ T« ^ p* 

76 77. 

<ie* L^u^i Afnl^ 4a Ma4Ma Giù- 
dice ia Treviso. T. IX |u «&« 

dt X-az^r^ $9rn4r4o q^• A^jcqqìo 
Padotaoo. T. XVI |u »7 a 8 a 9. 
ApabMciawJ"^ 4cl Caifiarcv? i^ 
Ungheria. T. XVT g, ^f, O'I^r- 
^é»# J^UroIp di P^wvino di Pa- 
dova. T. IV pag. 24. No^ja fi- 
gliuolo ài P^iayiAQ ?ad©Ya«owTt 
IV p. xjo^ 

Laj^i AHirt^9 d<5 Villa notaio 
ambasciatore de* TiivigUnì ad 
AibcMo e Hastiaa T. x ^ ^^ 
Notaio del Fode«t^. T. ^ n.^?. 

^. i.jo« l^f^kJn^, %Uft di dioico 
T. in p. 9v T. IV p. tfp^ 

i^se SI; da* 4* Veoemai. Toqv 
JCYIII. p«g^ 60, Si djk «uqcHfl la 
Rocca. T. XVIII |u ^i. 

Leatdi SrsfkCisa^ G4nov<$i( 04ÌAÌa- 
Ic di §HCti;a? T. };V 1^ iQ7, 

de* Lecc^tpcii npbili a&rcQti de* 
Siga<vi 4' AxccJU* T. %1X p. 9 j. 

i)f<;av^Ua JUrU Qcno^vc^e, T* XV 

Lega l,o«>Wda V. ^ocictl^. • 
LcgajC5? ajjpstoJica ìa Vcq€W. ) io 
mane^o co* Trivigiani d^|)itpii 
alla $• S«de, T. X p^ S.9 9i. 

scntjC «)la Leg^ i^ ir l^at^iarca 



è gli Scaligeri. Tom^ 3^. p. ^9. 
ai«V4iiii( «i»batK;iafioio 4c^ y^ 
oczignj a* TrivigU T, VI p. 4». 
Nke^U dottor ^ l^g^ f, VU 
p, ^7f Giudica ncll^ C91IIM in 
appell^i^iie fttt {{ Comuoc. df 
St^^oo e Niccolò di Hqy^o* 

T. IX p. ^5, 

x^^iYW. mpithH a«whc» che 

$1 nojnijiiiMmp, e si citiv^oq. da» 
nodali negli ism^m^ntV TojolX 
p. »a. 
X^csoa^, che si debba &f e un^l* 
ftfcfo dai* V»^<wc5i nella iptt > 
del Tison^ di syotta a Le^go 
tre n%h'a. Stqnln. T. YU p. 50 
5,1 X* 51* yprto s^ tordelle pel 
Cauareicì, X- XV^Il ^61^ I 
YCQCziaqi pte?>doao jM^to di 
mandarvi nn Poden^ T^ XVIII 

4i ^^a^ (Si»v^n»i d«tt9 Cai 
oa»)o, m Verona^ t^ ^IV p^ jtf 
40 4** ZHMbjutt^ m^v» d^M^sti- 
pq al PatrtaH<^ Bestr^do* T. 

4%! Ljcsniunc Mn^^idM. rnvlgiapo. 
T. ]( pu 4o«^ Kota^o clietm « pa- 
gar le ^esc per la venJWA di 
Alberto. T- X P^ 74r.Wi»^^//« 
dì IjpgoJd^a te$tia)ooio io- Tn^i. 

tv ^to^*. T^ l^ p. I7U FJ€IW 
^* Trivkj»Di 74^ «aanwMx t di- 

ritti de* CVM»««« T. X f . ^Ì4. 

Cancelliere dcV CojnjLimc dì txj^ 

vigi. T. XI p. 185. T. XU 0» j. 
$vio «Ilario. Tonv XU p- « <r. 
I^stimoaio in Tri)4gv T, XII 
p. j4. Presente in Tri vigi. T. 
XU ]^ tf« 71 71 57. QAi^9m^ 
da f«4Qtv% Vicario. ncUa VaUs- 
ga^na per. Ift^ictMOfi da Csurara. 
T. XIV f . Ho- >*arc £U«f 4o* 
VV^ tovjgia^o» TPonju VU| jw 
|sa« Str4fi'^t ^il« BO(^d«)ttO OP* 

3iak dui CaxuxcK* T^<9* xvn 
P^ 5j;« 
Lembor^ Cà«roU% in laiiUii d^'i- 
ni recali dal ^arcj^npaot iUi a JifT* 

T. 



%%6 LE 

T. XII p. 84. 

S. Lena Villa da' Padovad conce- 
data agli Estensi. T. II p. 37, 

I«tndenara conclude trattato co' 
Fadovani per darsi i banditi re- 
ciprocamente. T. Ili p. 6, Con- 
vento de* frati minori oeneficato 
da Aica da Camino. T. Ili p. 
z X j. Di giurisdizione ^tense ce- 
duta da Aldrovandino a* Pado- 
vani. Tom. IV p. j9 40 41 42. 
^Tastello dove abitava il Marche- 
se Francesco d' Estc. T. IV p. 
198. Sututo de* Padovani intor- 
no al Podestà. T. V p. 125. Sul 
Polesine. Storia. T. VII p. 51. 
X Padovani la sottopongono al- 
la protezione del Re Federico. 
T. Vili p. i8tf. degli Estensi. 
T. X p. 144. 

da Leudeaaxa Jlt§£rsd§ professor 
di Padova, Ved. Altogrado. Cr«i- 
»a fuoruscito Veronese ritirato 
in Trivigi con tutta la sua fa- 
miglia. T. Vili p. 126. Gutt* 
9Ard9. T. Il p.^ j6. Tsrtdf u- 
nito a* Carraresi muove solleva- 
zioni in Padova, e uccide il Po- 
destà T. IX p. 88. Lascia cre- 
, de delle sue ftcoltì Ubertino da 
Carrara. Storia. T. VII p. 8r. 

de Leno Btlltxtnf giudice amba- 
sciatore de' Bresciani a Trivigi. 
T. VI p. 90. T. VII p. j. 

de Leo jt»t9»l§ Padovano. T. Vili 
p. 44. 

$• Leonardo di Bavaiio. e suo da- 
zio pe' Trlvigiani. Tom. Vili 
p. 75. 

da Leone Francisco qu. Pietro pre- 
sente ad un . privilegio del Car- 
xarese. T. zill p. 94 9^« Nobi- 
le Padovano. Tom. XV p. io8. 
Gre^orU fatto Cavaliere in Ve- 
rona dal Carrarese. T. XVIII p. 
57. Luca Capftanio in Trivigi. 
T. Xin p. 8s 87. Pf esente in 

* Verona. T. XVU p. 110. mcco" 
n Con^fierc del Doge. T. XII 



p. 97« Ambasciatore 4l Signor di 
Padova. T. XII p. 69. Podestà 
di Chioggìa. Tom. XII p. loi. 
Paolo ambasciatore del Carrare- 
se aj Visconti. T. XVU p. 19. 
A Ferrara. T. XVII p. 7<f. Pre- 
sente in Padova. T. XVII p. 
79. Era figliuolo di Francesco. 
T. XVn p. 79. Presente in Pa- 
dova. T. XVIII p. 21, E' creato 
Cavaliere nella presa di Verona. 
T. XVIII p. 59. Fugge da Cas- 
telvecchio con Giacomo da Car- 
rara , ed h fatto prigione da'Ve- 
nezìani. T. XVIII p.>*i. Annua 
cornsponsione assegnata da* Ve- 
neziani a chi lo fece prigione. 
T. XVIII p. 85. Testimonio in 
Padova. T. XIX p. i7. 

Leoni Pittro Vescovo di Cencda. 
T. XIX p. 158. 

Leprosino Enrì^ttt^ Trivigiano. T» 
lì p. 142 X4j. 

Lercario Antonio Genovese. T. XV 
p. 107. 

de Letti BortoUmto saprente de* 
Trivigiani. T. VI p. *o. Anzia- 
no. T. VI p. 6$ 67 68. T. VIII 
p. 183. ^ 

de Levada Fi aliano qu. Biasio da 
Trivigi. T. XI p. 121. 

Levada di Selvelc Villa del Trivf* 
giano manda guastatori a Mas* 
tino. T. XI p. 22. 

de Levanro Tommaso ambasciatore 
de* Genovesi. T. xni p. ?9. 

Leuchestachro Signore di tutta la 
Schiavonia. T. XIII p. 54. 

Leudro feudo de* Signori d*Arco. 
Tom. XIV p, ij. Valle data in 
pegno da Giovanni Vescovo di 
Trento a Mastino dalla Scala.T. 
:yi p. ij7. Governata da* Si- 
gnori d* Ateo col titolo di Ca». 
pitani per Mastino. T. XII p. 
^67. 

de* Levici Girar din*» T. Il p. 12. 

Levico del Vescovo di Fcltre. T. 
I p. 3J. Castello. T. IVp.r^i. 
^ Nel. 



L B 

Ketla Valsugana dato a Jacopo 
da Cactara. T. XH p. loU. Le 
genti Carraresi tentano di espu- 
gnarlo. T. XIII j). 51. Si rende 

' al Pievano di Tirale, che era 
in Valsugana pec il Marchese di 
Bxandeburgo» T. XtlI p. ja. ' 

Leatii Liutrt di M'arcò procura* 
tote de' Trivigiani. Tom. I p, 

6% 69. 

Leximvide Dìo^ld» Conte. Tom. I 
p. *7. 

de Liano A^^fi Canooico di Vero- 
na. T. Ili p. ì%6^ 

de* Liazari Jlktrt9 e Btno fratelli 
vicentini. T. 1 p. 84. Ugolino 
da Bologna Podestà di Padova. 
T. VII p. jj6 147 rss. 

JLiaxaio Blndo qu. Tingo da Fio- 
renza. T. Vili p. 175. Fu car- 
cerato da* Signori di Hovero. T. 
Vili p. i7<5. T. IX p. 41 84, 
Sao danaro dato a censo a*£as- 
sanesi ceduto a Pietro de* Bur- 
lali da Veneua« T. IX p. 30. 
. Sua causa col Comune di Bas- 
sano, T. IX p. 54 3$ 37 3840 
41 SS «3 «4. 

di Liberale GUvMnnì milite Trivi- 
-giano. T. 11 p. a?. 

Liberi Marco Anziano de*Txivigia- 

• ni. T. III^. 81. 

LtbetJo Niccolo qu. Giovanni nota* 
jo Trivigiano. T. Vili p. laj 
127. T. XI p. la. 

de Lichan tomméto Casteflano e- 
letto Capitanio di Con^Iianoda 
Lodovico Re d* Ungheria. Tom. 
Xlll p. 5 5. ^ 

Liedolo suo dazio la^ soldi e $0. 
grossi. T. V p. 15 5* Kepoh de* 
ve ubbidire al Capiunio di S. 
Zenone. T. X p. S^, Villa era 
sotto Castelfranco , ma fa dau 
ad Asolo. T. XI p. 119. 

da Liedolo Osniih Capitanio di $• 
Martino di Ceneda. Tom. X p. 
iitf. 

de Liecbtestatn GlovsnBt maestro 



della Caria del Duca Alberto. 

Tom. XIV p. 85. £ Cons^lietc 

spedito a Belluno. T. XV p. j|. 

Maestro della Curia del Duca 

Alberto d* Austria. Tom. XVII 

p. itf. 
Liguria 9 anticamente era capitale 

Albigauno , ed oggi Genova* T* 

XIII p. 80. 
Limbraga Villa del Trivigiano man» 

da guasutorl a Mastino. T« XI 
.p. ai. 
Limana fiume del Cenedcse. T« t 

pag. f. 
Limena villa, lavori nelle strade, 

T. m p. is itf 17 18 19. VÌI. 

la del Padovano. T. IV p. fi. 
T. V p.^ 14. Strada lavorata da' 
Padovani e BassaoesL T. IV p« \ 
247. Lavori che si volevano fa* 
re nella strada che da Padova 
conduce a questa Villa, T» IV 
p. i6o»^ Strada acconciata da* 
Padovani. T. V p. i^j. Ponte di 
Pietra sulla Brente Ila. T. V p* 
113. Questa strada era stata an* 
che acconciata al tempo di Nic- 
colò Morosinl Fodestì. T« V p« 

12J. 

da Limena odorieo Padovano* vT. I 
p. 8i. 

de Limono fortezze ti dovevano 
consegnare a' BrescianL T. Ili 
p. 140. 

Lingua 'de vacca Édrrte» Dottoi di 
Leggi Padovano. T. IV f» 4a. 

Lintz nella Germania | dieta che 
ivi $i doveva tenere fra il Ke 
de*Romani, quello di Boemia, e 
il Duca d' Austria. T. XVI p* 
35 36. 

de Lio Jnttnii ambasciatore de* 
Padovani a Trivigi. T* VI p. 4* 
T. VII p. 84. Giudice. T. VII 
p. 106. Suttttaiio. Tom, VII p. 

" 157. 

de Lioneib Auunì% Padovano. T« 
III p. 63. 

Lippa KSiovmnni testimonio in V%% 
tre. 



tt«. T. ti ^. ^0. 
lijt^Hìàfro ìiìlceòli tHtftoObiò iti 

l^cgi r^W;iVr ì^lótcntthò ^fndì- 
tu t ^tòcnltatòtè della sdì Cit- 
tà in Venezia. T. XI p. ia'5. 

jè iip^ Phthcéìch tontìè dìUtU 
lUhò. t. ivtìi >. 1*. 

Lire Impella li. T. I ^. 69» 

tìté tihpttiàli é^ LbbBMdì. t« 
IV p. ÌÒ4. 

Xitt Veronesi. T. I p. i^. di da- 
'darf. 1*. 1 p. 84. ir. il p. i3, 
Ved. Veronesi. 

ÌÀkc di danari yened gioissi. T. X 
i. 141. Vèd. Monete» e Vene- 
ziane lire. ' 

4à Lisca GUvdànì c^eatò\davalie- 
xe in Verona, quando Bi presa 
da' Véhéiiani. T. XVltt p. 60. 
definirne in fayòré de* Vene- 
ziani alla gùèiià di Chiò^ià. T. 
±V p. js. 

lisdèe fidine. *f. XV é. }!. 

Ijfsdflzò fiume in Friuli, l^óro. IX 

ih litolfe JUàrJo l^ó^èsà di Vi- 
cenza. 1*. il p. 34 4Ò. 
Xivcnza fiume. T. I p. 1 t Ì9 

41. ¥. n P* '5^ . ^^ 60 61, T. 
XV p* jpr T. XIX ]f.,4i. I^òn- 
ti iuifa iiveriià il ètaotin. iial Pà« 
(rrarcày pe>cliè c6mò3i I' "jTrfvi* 
giani a danne^iare il f ifulf. T, 
^ f' 9 is« Crésca imisurata- 
Àencè pél finmicèllo Ànsógà. T. 
fi p. isi. 1*. IV p* è?. Nuòvo 
^aàio poetò su ^ùei J^ùnaè da' 
£|nori di Camióo e a a (càtàin 
pregiudizio àV ^icilesi , è dè^Si- 
$nori da Porzia. T. Ili p. ì^ 
flphte (atiò r« ^iièl fiume pres- 
|à éafoìiNid ii Oecaictò da Ca- 
niàò. f . Vtjf, %^ fortezza su 
<fueì fiume diHmpétró a Éavdla* 
«o. &bbcinin da Gerajdo ^a C«. 
inino. T. tv p. ìiò. £ tìn pon- 
V Tom.Ì)f .^. HI. 
aè Cfannnèsi avittò 



I 

P( 



Lo 

aà!(a Mtìi h\ Ck^tii. t. Xt 
p. 97. li territorio de* trMgfa- 
^! ihiVaVa ànticMthteme iìto a 
t^tlfesib fiume. +om. Xl! ^, 13* 
Livori iàèti da' VeìAiilàhl sbpra 
li Hvi. t. ^IX ^ 4^- 

Livi tajìeliò del Tirèìltrnó. t. II 
p. ìk* ' 

Livibalè lòngò iiet i$ellùtteitr. T. 

^ XII p. 129' 

Li^tmuó Vll^a W S%nòH Hit fo- 
gliano. Storìd, T* X p# ^y. 

de tiutto àùàrh i^udUre dtì 1^« 
desti di Trf^fgL t. l p. «1* 

liiaMà Ckètfcllb <lèt trfeAìiiDIO. r. 
Il p. lU. 

de tizinà jdtfim 't. ìì p. ir. 

LodigiaAi etcettUati hell'i^trumcff- 
éb i^ alìèfttiza di traHo Ab di 
Sicilia tonerò f CJHibtìiinf. f. II 
p. )b $x. 5(àè^tO ra^Ki tre- 
Vostò il Lbdi. T. iìl ]^. 3- En« 
YtaOo hèlià gtietrà tOfrttO f Òon- 
^M ^ è Aeili trt$Ui Dttbliirata 
dal Catàinal GHhlowé. T. tìi p^ 
Irci. Guàlfìédo IrèstO^O di io- 
di presciidP ìrt ibldéni. t. XIV 
p. tfp. Editto 'd*! ViJcòrtri Hi<r 
cèisafó il niÒThÒ Mi:tf6kcò pos- 
sano j mercanti li^lelfaré !Ì com^ 
ihèfcfo colle Cittì ikAk lohibaf- 
dia. t. XVHI jp. il. Guelfi S\^ 
feriòr^alànd làt:iUL T. iVIÙ 
p. $è. Gfovanni <ÌÌ vfehitb tòn* 
re di ;Lodi, f. XÌX p. 91* 

di lòdi %drt9Ìihi prbcttlifoie Ài 
tiirppò e BartóìòfhhtiO h^t^'M 
dègn Arcélli. t. Xlj^ ^. ^2. 

L9druic$ Re de' Rovani t>ài:tfccipa 
a* Tiivìgiani fa SOa iSsùAJtionfe 
al tròno, t.VII p* p* Cfci Suo 
Vicariò in LorfibafJw , riatta e 
toscana ^t^ldd CÀntfc di Màrs- 
tetcri 4«to di feitfci. t. IX p. 
«i« Sf^'ula ^à fra 1 iighoH di 
Ferrata, Verona, Màto>i» * 
J*odcna. f . iX p. ^^• i^éAfco 
della Cluesa. T. IX p. 44, E- 
Icttó giudice arbitrò fti 11 Ré 
di 



LO 

41 tàcTtiìt è Cangrande per Te 
ièci'ipiochc pretese sopra l^ado'va 
T. IX p. 74* Si pùbiica l^ìstru- 
inehtò dèi compromesso, t, t^ 
p. ^J9» Segue i sstnuneatb. ^. 
IX p» 3o. Sentènza provisionaìe. 
t'om. IX p. $2. Fa tre coIlò<juì 
uno 111 ^ baviera , uno in Carin- 
lìà y e il tèrzo in Augtisu. Su- 
bifisce di discendere in ^ Ita Uà. 
Arriva in 1*rénto| ed ivi {a un 
colloquio. Crea i suoi vftaTj in 
Italia, ^arte da Trento verso Mi- 
lano. Va a JBergamo, a Como^ 
a Mihioo. "f. ÌX p. 89 90. 3moì 
ambasciatori in ItaHa. T, ÌX p. 
9U tioni a 2&iIibcrto collaterale 
iì Càngrafld« i beni che furono 
iiegìi Ècclini nella Marca Trivi- 
ciana, T. ÌC p. 4«. t. XÌ p* j* 
Concede a* Duchi d^ Austria AU 
behò e Ottone le Cltt^ di Pa- 
dova e di Trivigi in feudo dell* 
Impèro. T. ^1 p. 60 104. É'ri- 
bène dèi ^apa , e dichiarato sco- 
municato. T. XI p. 158. 
LoStvle» Re d' Ungheria. T. Itti 

5. 54- Concede il Ca^itanlato 
i Coneglìano a Tomoiaso Cas- 
tellano di Lichan Cavaliere. T. 
Xiii p. s*;. Égli è sotto "f re viso 
air assedio della CittL "f. lìti 
P* 54 S5« Patti preliminari dell' 
arlhistlzio co* Veneziani T. XIII 
|p. 60. Violenze e ruberie usate 
da alcani scellerati i« tempo del- 
le tregue. T« XlII p. 64. Fa la 
pace co^ Veneziani , e nomina i 
adoi aderenti e seguaci *T, kXìl 

f* . 70. Suo £>Ìploa:a in favor di 
rancescp da Carrara prenden- 
dolo sotto la sua protezione. T. 
Xltl p. 7j. Abbrucia il Borgo 
cTi Oderzo* T. XlII J». Ij. De- 
libera di nuovo di ritornare con- 
Ito I Vcn«iani. ± illt p, è 5. 
Egli è ih parlamento con (bario 
Ith^èradorè , il quale gè dà FeU 
U€ e Bellano. t, tlH p. 8s. 



Dimanda a^ Veneziani iì tilàs^io 
dì un bandito da Serravaìlè. T. 
xilì p. ^6. Carlo buc4 ^i t>u« 
raeiEo suo legato viene m lulia. 
T. XìV p.a7. istru mento dipa- 




Tem. 3llV^. $7k Le sue ìèhti 
presso la Piave sconfiggono 1 Ve- 
neziani. T. XIV p. 81. J^rocu. 
fa la pac« ita il Carratese è i 
buchi d'Austria. T. xlV p. «-«. 
Suoi ambasciatori II ke di#ràn« 
eia passano per f rivigi onorati 
da' Veneziani, f. XlV ^ 96» Si 
fa mediatore presso i Duchi d^ 
Austria» e la Republica di te- 
fi«zia) e il Carrarese, perchè 
concludano una tregua JTra issi. 
T. XV p. i 10* Sfida à gj^'* 
la kepublica di Venezia. T.3ÌV 
p, «a» Il Patriarca ^ e J Wula- 
ni, e i Camincsi si uniscono in 
lega col &e contro i Veneziani 
T. iV p. i^. I Duchi d'Austria 
«* uniscono a lui contro i Vene- 
ziani, f. XV p* jo. l Venezia, 
ni essendo sotto cWog|ia gli e- 
spongonò i pericoli softetti nella 
guerra. T*. XV f. jS. 1 b«<db}» 
e il Patriarca aiutano Icsherm* 
prese. T. XV P. 4»' Sùòì còm- 
missar) io Friuli. T. iV p. 5 J 
54 5^« ti Buca d' Austria fili e 
per cedere Belluno, t. XV p« 
55. Stipula istrumèntò di Lega 
col Duca Leopoldo, f. JCV p. 
s8. il buca inanda ambasciato- 
ri in Ùngheriai T. ^V p» éi. 
Stipi! !a istrùmfcnto di pace co* 
Veneziani. T. xV p. 7». Ànw 
basciatori mandati a l'orinò per 
questa pace. Tom, xV p. 7J. I 
Venezhni dovevano rcstitulrg5 
Cattato. T. iV p. 8i. S^ esso 
oblifiaco alla lestftuziofie della 
bastia di tollc . e della locea 
<fì $• Mattino 4i Ceneda. Tom« 
XV 



Uò L O 

XV p. 82. Si accenna la ìq^k 
fatta col Carrarese , con Genova, 
e col Patriarca, f. XV p. loi. 
Suo istramento di procara. T. 
XV p. xoi. Raccomanda a Fran« 
Cesco Canrara il Cardinal d* A. 
'lanxone^ T. XVI p. it. 

da Lodrono Pshtìo del sig. dietro 
testimonio in Brescia. T. XIX p. 
9%. Pietro aderente di Pandolfb 
Malatesta Signor di Brescia. T« 
XIX p. 91. 

de Loja MiU»%,U giudice imperia* 
le. T. VI p. ij. 

I«omasso della Dioce^ di Trento. 
T. XIV p. ij. 

Lombardia così chiamata dal yoU 
go, ma^da* dotti Liguria, £mi« 
lia , Venezia , sue vicende e- 
spresse dal Petrarca. T. XI II 
p. 79. 

Lombardi drurdo da Verona. T. 
HI p. 52* 

Lombardo Dtndto detto Caldera* 
ro sindico e procuratore de*Ve* 
netiani. T. VII p. sj S8 tf^* 
Ciovénnt detto Calderaro nota- 
io Veneziano. T. Vili p. 14^. 
Mère» Provveditore de* Vene* 
ziani in Mestre. T. XVI p. 159. 
Mkrino Veneziano procuratore di 
Albertino MorosinL Tom. IV p. 
48 49. 

Lomellino Amhatd§ Genovese, ofld- 
ziale di guerra. T. XV p. 107. 
ìiiAf9te$HB ambasciatore de' Ge- 
novesi a Torino. T. XV p. 7j. 
Istrumento di procura a quest' 
effetto. T. XV f, 107. Arbitro 
per alcuni capitoli della pace 
m i Veneziani, e il Carrarese. 
T. XVI p. 9. 

de Lomello Lorenu Conte. T. I 
p. 78. oh t\on9 Giudice e sindico 
de' Bresciani. T. Ili p. 48. T. 
IV p. 190. ?tf/rf, Tom. IV p. 
190. 

Long» Villa ceduti" da' Vicentini 
a' Padovani. T. lì p. laj ia8. 



LO 

drloflgarelli B9nmdrtln§ <\VL* tó^ 
naventura Cittadino di Verona e 
nota/o. T. X p. ij6. 

Longo BortoUmU venc;zian<S si la« 
gna, che non li sid fitta giusti<« 
zia da' Tri viglio ?. T. Vili p. 
9J. Gerardino Podestà di Fado« 
va, T. II p. 5. Gl'o'vdnni Vero- 
nese sapiente de* Tiivigìani. T. 
VI p. ao. Odorlco dì Cividal del 
Friuli. T. V p. 76. _ 

Lonigo , i Padovani st^ibiliscono che 
esser debba del distretto di Pa- 
dova. T. ITI p. 8tf. Ordine del 
Podestà di Padova di publicac 
la nuova gabella sopta la maci.' 
na. T. IV p. ij. Soggetto alda- 
iio macina de* Padovani. T. V 
p. 'I4. Statuto de' Padovani in- 
torno al Podestà. T. V p. ia5'. 

da Lonigo Fiderìeo qu. Giovanni 
contestabile del Carrarese, T. 
XVI p. Xji. . 

de Lopio Antonio tort$Umio uno 
di quelli, che presero Jacopo da 
Carrara. T. XVIII p. 85. 

Lorano Villa de* Signori da fogli- 
ano. StorU, T. X p. 89. 

Loiedaoo Lodovico Consiglier del 
Doge all' assedio' di Chiog^ia. 
T. XV p. 4a. Procuratore dì S. 
Marco. T. XVllI p. 88. Hùireo 
detto Todesco Savio eletto da* 
veneziani. Storia, T. XI p. 8. 
Eletto ambasciatole adii Scalige- 
ri, p. IO. Presente in Venezia 
alla pace cogli Scaligeri. T. XI 
p. 118. Presente in Venezia. T. 
XII p. }2. Murino Podestà di 
Trivigi. T. XIX p. 89 i»4* Pd»^ 
lo Podestà di Vicenza. Storìd.Té 
X p. 148. Procurator di S. Mar^ 
co Provveditore in Trivigf. T. 
^III p. 55 54. Ambasciatore e- 
letto ad incontrar il He di Ci- 
pro. T. XIV p. ao. Piftro am- 
basciatore de* Veneziani a Tri* 
vigi. T. VII p. 130. Podestà di 
• Treviso» T. XÌX p. 57. 

da 



LO. 

dft Lorena Amhéido va inVtlsuga- 
na colle genti del Carrarese con- 
tro Stcco. T.^ XII! p. 5 1. TùMm 
mss9 prigioniero di Castr accio 

« nella battaglia coatro i f iorea* 
tinL T. IX p. pi. 

da Loretnaga Nìtolm$i$ è io Udi- 
ne al parlamento generale. T. XI 
p. 54* 

Xorenai JUìnsldlM» da Rjmini te«« 
timooio in Brescia. Tom. XIX 
p. 9». 

S. Lorenco Chiesa e Valle del Tri- 
vigiaoo eoofiname a Cornuda. 
T. II p. 145. 

S. Lorenzo Castello in Istria pre- 
teso daj Pauiarca d* Aqutleia 
contro i VenezianL Tom« III p« 
'xaa 175 ^no a i8». 

Loria villa assegnata a Castelfran- 
co. T. XI p. 139. 

Los Castello del Pria li ritenuto dal 
V Conte di Gorisia. Tom, Vili p. 

N i8i. 

de* Losdii BugémsHU Vicentino. 
T. II p. 70 100 102 loj 104. 
DetìitTsf da Vicenza giudice in 
Triv^ Tom. XIV p. 4$. Pì§tr9 
Vicentino. T. II p. loj. Cani- 
parlo del Cornane. Tom. Il p. 

Lova nel Padovtnp* T. XVlII p* 
a5. 

Lovadina Ramone di PiaTe. Tom. 
XIX p. 14. 

Xovato Alhrf nota)o Padovaao.T« 
II p* 124 12 S la^. T. Ili p. 
XS7« J»dred notajo. Tom. II p« 
>44 145. Jlhtrt» qa. Rolando 
de Lovato notajo Padovano. T. 
IV p. 117. 

Lnwrt Giudice Padovano. T. II 
P* ^iu Giudice arbitro nelle 
controversie de*Bassaoesi con $0- 
lagna e Pove. T. UI p. 90. Po- 
desti di Vicenza. T. IV p- it. 

de*Loveselli Ou^ldrìth da Cremo- 
na Dottor procuratore di Ber- 
nabò ViscontL T. XIV p. 59 65t 
Tomo XX. 



LO 24r 

da Lozzo Kic^ol» qu. Guidone sue 
rappresaglie contro Peltre. T.lV 
p. T$tf. Podesà dì Trivtgi. T. 
IV p. i6j. Testimonio in Trivi- 
gl T. V p. 6S., Era stato bene- 
ficato da Melchiorre del Co» 
Beroardo in un suo testamento 
fatto in Pozzo. Tom. V p. 150. 
Suo debito verso Kambaldo di* 
Collalto prima del suo tradi- 
mento contro i Padovani* T. VII 
p. 5 a. Ribelle de* Padovani T4 
vn p. 88. 

Luagoa terra tolta da'Senesi a*Pio« 
zentini. T. XVII p. s6* 

Lubiana potea somministrar biade 
a'Trivigiani mandandole per ac- 
qua sino a Venezia. Tom. XYt . 
p. J7. 

Lued Ingegnere destinato alla fiib- 
brìca delle mura di Belfuno 
presso 11 Castello. T. XIV p. 7a 

Lucchesi minacciati da* Fiorentini, 
Sanesi e Pisani. Tom. p p. €9» 
Spediscono a* Trivigiani la nuo- 
ya della morte di Enrico Imp. 
T. IV p. 17.^ Uniti a Castruc- 
ciò vincono i Guelfi presso a 
Porcaro. T. IX p. 88. Doveva* 
00 rimanere sotto la Signoria 
degli Scaligeri. Tom. XI p. ia7« 
Entrano nella pace fra il Papa, 
rimperador, e i Principi della 
Lombardia. T« XIV p. $9* Luc- 
ca compresa nella pace fra il 
Visconti, e i Principi Collegati. 
T« XVII p. $7* Entra nella le- 

^ ga contra il Viscon^* T. XVn 
p. nx. 

da Lucca Bti» qu. Gerardo stipen- 
diarlo del Comune di Padova* 
T. VIII p. IO. 

de Lunedio G»gìUlm abate am- 
basciatore di Enrico Iflip. a'Ti]** 
vigianl* T. V p. ari. 

S« Luoia Castello del Ttcaàoù. T* 
IV p. I50. 

S. Lucia Monasterio cht flou ab- 
bia a far danni al bosco di S* 
Q Pie. 



S. lucia Villa de' CoHaltS: T- V 

p. i$3. 
Xpciani Avài^eh dette» Tioo qu. 

Gi^ido^ da Ba^sano. T. IX p. 

29 30. (Éfii4ftt^ 4^ Ba$saqpu T. 

nctia. T. Ili p. 93. 
de Z.udiK> Wtlfftdt anziano de* 

ILettori deUa Legf Lombar4a.T. 

I Pr 77. 
(«r;»> lU* ^9pa cooferma al Ve- 
scovo di Feltre tutti i suoi be- 

ni. T, t p. 3). 
Xucfo Dtsìier4f^ sctiba e oota)or 

in Venezia. T. XIU p. »7. T.- 

XVI ^. 10^ 
Xvchesio^ 7<aMMiìs9' Capitanio ht 

MestiCr T. XI p. 7tf. 
Xugianicor Villa del Tiivigi^qo» 

Xuca prete. T. IV 5. 30. 
Xogo Terra del Vicentino, T. Jf, p^ 

79^ T« xr p. IS4. 

Luga Castello occupato da Ciò» 
vanni' Visconti Atfiyc^ovo d 
Milano. T. XIII p. 4. 



Xuga Castello occupato' d? Gio-* 
yannr Visconn Arcivescovo di 
Milano. T. xill p. 4« 

4f Lugo B§naeeursi9 Barbetta qu. 
Giovanni da Bassano» Tom. Ili 



tv 

primiero. Tpip. XIV p. 55. D< 
Parola Marchese di.-Soragoa qa. 
ygoìotto prf^f pte in Padova. T. 

3pv 0, J07. .?;>»«»?# 4^ ta^m* 

Marcnct? di Sorago^ (]a. Guido- 
ne presente iti F^dova. T'. XV 
f. T98. Elcttp dal C^rr^^se a 
stabilir i confini con Venezia* T. 
XVI p. 24 a 5 • Rdimundin» , BaJ^U 
fécl9 , j(»f^Ì9 , S^ifnor^^ , JfQl^a* 
dln9 , t^»/»>* , Matteo , (7«r49«t 
GI«t/«»»«, e Corrailn» d^ Par- 
ila aderei^ti d?l Cafra^^e in- 
elusi qelja pace ùi 1 Principi 
della Lombardia. T. XIV p. tfi, 
da Ludico ^<r^f/« Cappellano del 
Patriarca. T. II p* js. Pievano 
df Tricesimo. T. il p. Sfi- 
de Lupfenf CoqtQ Cttvduni tCftU 
pipnio nel Tirolo. T. 4IX p. 74» 
da Lusia Alndj4» peTtrino. t*. IX 
p.- 8. A»t§»t9 ambasciatore di 
GuecelIÒ0e da Camino a*^':^r$vi- 
gianr. T^ Vf^p. a4- BÌltéQeHior 
k tcstli|ioniQ in ycJtre. T. ^I p. 
\ 9<»'^4*ceb0sanf Canonico ed 



cidiacona testimonio lo Poltre* 
T. XI p. 50; 
da ì.usignant G/>v^»! ofii^i<)le e' 
miliri m Belluno, toip. XI p. 

»8l-' . ' 

^Y^S'rf Canccllicro di Ottone Im»' 
peraiorei T.I p. 8 9* 



P- *f' 
4^ Luguzzano UgueeUnei Podestà 

di Treviso. T. Ili p. ^S 47 5 5» Lqtomu$|COSC y^cpvQ Gì^V^i^ni ^» 

de* ì^uTìdìì' Naldù h alla custodia Ietto Patriarca' d* Aquìle}a« T. 

dr Mestre. T. xr p. 81. XVII p. ^^ a. 

Lungamu ssono Villa del Fedenoon-- loti^^oo- ^ si^a' chic$^ di S. ^ifco»* 

fé Asolana presa dal Car^ar^. I^i _T» ^^^ P.» ^5©^ 

T. xvr p.! 3'- . Lpzaria Ispl^ de'*Cofii^gl^ J. X 



Xiiparf $. Martin^ Villa 4^* Trivi- 
giani danneggiata dalle gfntl di 
Cangrande. T. V p. 19^* Vedi- 
^ MaxtifT. 

ite* Lupi Jff^f9»}o Kr. rfc^ve io c(>n^ 
segna la CittJ dì' ]jeUunp. peF 
C^rarese» T. JJIV p. 5<J- B9»ì^ 
féiclt. Promettono ì Duc^f fl^Àus- 
tri^ al Carrarese di non tnoUs' 



P* »H' 

Luter Niccoli segretario de* ^ucbs 
di Baviera. X. XVI p. 149 iSo. 

de i^uzo NÙe9l$ Padovano. Toi|^. t- 
p. 84. 



¥♦ 



4c'M 



amadi dmé^trif Tcxoneir 



MA 

ée. f. Ili p. 97. T. VI r- t». 

Jé4ee^ri^fé ambasciatore de'Fado-' 
vani • Titvigì. T. Ili p. i4^/ 

de ^laccaTuffi EgU'flé.. T. lV_p^ 
4$. MÀcUruffo qu. Ziliold ti3ti- 
^omo in Padovs». 1*. VÌI p. Ì^7.' 
Deputato a trattai un accordò 
to* Trivigianj, Tom. VII p. i©<5.' 
Interviene in Mestre ad nà trat«' 
tato tra i Padovani ed i. Trivi, 
giani. T« Vm p. ^j 44. Macca-' 
luffi u&iti a Riii^do Caiuloe- 
ie, ai ^ìccoIq 4^ Carrara, a 
Mastino, ad uii Marchese d* 
Sste lovactood il tenitoiio di Pa- 
dova. T. Z pu S< 

ie Maceragar Bdnév9»tùrd aaziaBÒ 
di Verona. T.^ HI P- 5 3- . 

jilàèeràta. Oliviero Tesavo eletto 
presente io lk>Iogha. Tom. ^IV 

. Pv i9. . ; . 

dà Macerata Viétf notaio esattore' 
de* TrivigianL T. IX p. 5$. 

Inaerà Éiumc nella; ^iguiia. T« 
Xtli pT. «o. 

d'e Macubertitìo S^rd^w, da Bello-' 
no. T. Ili p. i2t(, 

Madernf Villa assegnata i Mesuc 
T. XI p. ij«.. , . 

de Maderno S., Pietro villa Sogget- 
ta a Noale. T. X p*. tfi «6. 

iiadi Gtrdr4lni ambasciatole de* 
Parmégtani a Trfvjgi. Tom, VII 

de Madio ^ìnsl% procuratore di 

* Marcio Porzatè. Tom. V p,.i6,, 

MÀiloi Radesit nótajo di Trìvigi 

sue pretese contro Kiizardo e 

Óeiatdv da; CacUno. f. ^11 p^ 

«47. 

Mafirsi JnfitnJo creata é^vali^re dal 
Cartatefe alla presa di Véiona. 
T. XYU< p. 57. 

de* Magalotti sm^o qu. liifppo' 

Fiorellino. T. XVIII p. 98. 
^^* Mug^Jotù ^cdtiisi^ qu. Wana- 
biu fuoriuscito Bolognese. T. IV 
|. txX' ^f4V^ £aofuscìto l^^lc 
pcsc« T. IV £, la* 1^7, 



i^A ili 

de^ Maggi B^ldéss^rt «letfb da* i|ai« 
sanesi a fare i capitoli 4a pre- 
sentarti alla.K6pubHéa.t.XVÌÌf 

— ^. 94; A difendere laìr giiiriidi- 
2iooe di Primolano contfo 1 PeU 
trini. T. XIX p. 7. Bfrttliao da 
;|trescia Podes^ di Padova. T. IV 
p. X47* BìÀsìo di Òuidone WU. 
centirio. T. IV p. 169 170.. FI- 
lifpìn* da Milano teitifnonio in 
Tri vjgi. T. i X p. 1 9 . GdUo tté 
da Biescla Poqestà' di Padova. 
T. X p. T09 ii« II 5« Mdfté 
BreKÌanc^. T. IV p. 190. Btrmar» 
4d» T. IV p. 190. ^Urind^ Bérm 
#«/• , GÀlftf di Federico. Ibid« 

Maggtera Vill^ assegnata ad Òder« 

to. T. XI p. ij^. . 
MagilHo Villa de* Signoti da Fo^ 
glia no. Spuria, T. X pM9* 

ìd4g\^Àr<h Conte. T. I p; ló. T* 

lì p. 7. 

de* Magistri Mmrt9 ambasciatore 
de* Trivigiani a Venezia. Tom* 
imi p. Ili , , . 

Maglese Villa de' Càmihesi cedu.^ 
ta. a Conegliano. T. 1 p. %$. 

die Magfiafòrro' Màr€»Uno qu.flo^ 
IO capitano nella Kocca di Ce* 
neda. T. Vlìi p. a4.^ , Aniiano 
de* Tiivigirfni. Tom*. Vili p. j té 
VìvtÀtM Slndico de*. ViceàtinL T. 
. V,p* rsa isj. r^. 

de Magjìaslévolo famiglia veioflesé 
^oruscita ritirata in Trivigi«T« 
vnif p. 116. 

de Magnano Albertina T. Il p. I4^ 

de Magoaspesso ii«/Mr« anaianoPa*^ 
dovano!. T li p. 117* FrÀM^tsc» 
ambasciatore dc^ PadùMfii, f^ 
Utp. i^u 

de* Magrìavacca Udr$mi ÒÀ VerQ!« 
ria giùdice del malefico inTri^ 
vigì. T. XIII p.. 64 67. ZdtÀiàé 
giudice ifl T£Ìvi^ T. JV p^ 4! 

..«» 77. ^ 

Magfk> GUvénni Vescovo^ di <3mi^ 
nova. T. VII p. ij i«* Puf ré 
^a^alo delia Chràst dii <tuetf 
<i a tOi 



Iti Vi A 

P* 49- . . ■ . 

«i Mifgolizà C^rràdt Arclvocovo. T* 
I p. 27* 

Mtioardi /it>«]rt Cfnadlnò di Chiog. 
eia. Y. XI p* tf-o. Jéél»ktrd§ tm- 
bavetttoie de* Feriaiesi. T« 111 
p. j». 

^àioefati B$rtol*fi9 dk Sassafio.T» 
IV p. 170 177- 

Mairaoi Gu^/JWan* Canònico diCi^i 
vidol del Friuli DoctoK de* De» 
icfcti. T. XI p. 5» 54 S^. 

^t'Mftlabarbi Milane Padovano se* 
$uace del Viscoori. T. XVH p. 
55 S 9« Il Canarese promette di 
osservar qael capitolo nella pa«i 
ce col visconti, che risgiurda 
Milanb, T. XVII p. «j. 

de* Mal Ari! SirvU9m9 da Zara a- 
bicante In Ferrala. Tom. XVII 
p. 88. 

Malarie Egtiih Padovano* T, II p» 
II». 

)tfalaspina Ouglì*lm§.Yeé, degli O- 
hìtu, Jétojf Canonico di Veroh 
Ila. St9ris* T. VII p. 98. X^»- 
ntfr^/o Marchese scrive ana vit» 
torta del Visconti. T. XVII p. 
96% Sjtimtd Marchese presente 
airis^umento di lega fragli-fs- 
fttsà^ seaiigeri e Gonsaghi. T. 
X p* '41* £* in Padova apptes. 
«o Alberto dalla Scala. T. XI p^ 
i8> E' In Brcscello neir esercito 
ài MitsttncT. XI p. ao. In Ve^ 
tona prtiKO Mastino. T. Xl p» 
72% I Tiivigiani gli pagano tfo« 
liocioL T. XI p^ 10^ Presente ili 
l^eroaa «U* Acquisto di K,iva , e 
^*Aico £itto da Mastino. Tom* 
SII fk >4I* Consi|liere , e com» 
ttnssaffio deir esercito del Viscon- 
a t. XVII p. isK 

4ftfMMi alleati de'Vene;tiam conw 
^teA heiW tregaa coi Sigismon» 
mK t^ XHX pb tfs^ r^rZ» manda 
«i «Btvanarè %k«Jii CasteUi del 



MA 

Gooiaga. t. XVIII p. tf..Cap^ 
tan generale delP esercito de^ 
VeneEÌanì contro Sigismondo. T. 
XIX p. 8d. Càrl9 , PMnd9tf9 , e 
MdldUstA come aderenti de* Ve» 
neziani entrano nella lega col 
Duca di Milano contro Sigismon** 
"do. T. XIX p. 88. Pèttini fé u» 
nito al Marchese d*£ste, e agfi 
altri collegati conclude tregua 
col Data di Milano. T. XlX p« 
9« 99. Xjélftt» Xr. da Rtminl 
eletto arbitro da* Piincipi della 
t.ombardia. T. XIV p. 66» ftc* 
«ente in Bologna. T. XlV p. 69^ 
Suo detto rammentato dal Ver* 
^ctio. T. XVII p. 4». Pendii/^ 
Signot di Brescia, Bergamo ee. 
suo ambasciatore a* Veneziani» 
Y. XIX p. 87. Come aderente 
del Duca di Milano entra nella 
lega co* Veneziani Contro Sigis» 
mondo Ittiperadore. T. XIX p« 
88. Signori entrano in Bologna 
per Giangaleazzo. T. XVIII p. jp, 

de^ Ma1£itti Jmm qa. Daniele. Stém 
riè. T. VII p. 74^ 

de Malcapelìi fàoiiglia Veronese 
fuoruscita ritirata in Tiivigi. T» 
vm p. latf. 

Malghera presto le lagune, iTrt« 
vigiani vi prendono alcune bes» 
tio nel luogo detto Ca de Mez» 
zo ad on beccaio Veneziano. T* 
VII p. 50. Congresso ivi tenu^ 
io fra i Veneziani e Guecelione 
dti Camino. Tona. VII p. ito. X 
Trivigiani tì presidiano la pala» 
da. T. VII p. 154. In capo alla 
palada i Trivigiani area no deli» 
berato di fabbticate una Torre» 
T. X p. 43 47. T. XIV p. 20 1 !• 

Malimplero Msre^ consigliere del 
Doge. T> 11 p. 3). Sopraconsole 
T. II p« 78« idàrf di Andrea 
Veneziano. T. XI p. 44* MMrìnè 
Provveditore in Friuli. T. XVt 
f. XAtf. MiehMU Podeskh d! Tri- 
VigL T% XIX p^ §5 r» a». Pàm^ 



MA 

erstjl» giudice delTe petizioni. T. 
II p. 157. TcmmAst tescfmonb 
in Vene2ya. T. XIX p. «8. 
Halìzfa Brlmafst0 Padovano. T» Il 
p, 127. ]AC9p9 T. I p. 107. T. 
IH p. 6w Milite del Podestà di 
Padova. T. IV p. 15 i«. 
de* Malombra Jfi^^érd* «Jetto pro- 
fessore in Tiivigi y non accetta. 
T. VII p. 71. Sua nuova elezio. 
ce* T. VII P» 135- Pregato da' 
Trivigiani ad invigilare al bene 
della Citt^ nella pace iatta con 
Cane. T. VII! p. loi, 
Mslftll^ Podestà di Tiivigi. T. I 

p. siJ. 
de Malpileo Mtrfld» da San Mi- 
niate Podestà di Padova. T. IV 
p. ijo iji. T. V p. iji. 
Jialrtgtlsto V. Sanbonifacio. 
da Maltravcrso Alhtrf. Tom« I 

p. a7. 
Malsardi spezie di ribelli. Tom. II 

p. 91. 
de* Malvezzi Glru^nnl giurisperito 
procuratore di Feltrino da Gon« 
zaga a formare una lega col Pa- 
pa ec. T. XIV p. js. Ed a for- 
mare la pace co* Principi della 
Lombardia. T. XIV p. S9* Gin» 
Itonp da Bologna Podestà di Tre* 
fiso. T. IX p. 71 71 lì 1% 7* 
77 79 8j «^ 9Ì 94 95. 
de* Malvicini nobili aderenti de* 
Signori d* Aicclli. Tom. XIX p* 
91. 
de* Malusai Céhrìif da Parma Vi- 
cario io TrìvigL Tom* XII p. 
71 71. 

de' Maiu tacchi Tt^U'f da Reggio 
giudice assessore del Podestà di 
Treviso, T. XI p. 184. 

Malzagot. T. I p. jj. 

de* Mambextt Btnamtnu Giudice 
Veronese. T. IV p. itfs. 

de Mambroto B9né^m*nt9 dst Vero* 
fia Giudice procuratore di At« 
boino e Cangra^de dalla Scala, 
T. V jp. i4» 



M A. itif 

MamT. Cìov^mnì va a Titvj^ pel 
Duca Leopoldo in assistenza d^ 
Capitanio Ugone da I>aino tim-» 
malato. T. XVl p. 45» 

MancaWse Ptttra aderente de* Si- 
gnori d* Arce Ili. T. XIX p. 9j. 

de* Manfredi Signori di Faenza ne- 
mici della Chiesa. SfviA. Tosi. 

XIII p. no. Mobili di Reggio 
fuorusciti. SftrU, T. X p. 88. 
Aderenti d? Niccolò Marchese 
d* Estc. T. XlX'p. 9^. Jsnr^t0 
va io soccorso del Carrarese con 
molte genti contro il Visconti. 
T. XVIÌ p. 40. Gtovsftni e G«m 
gltolm» Signori di Faenza ribelli 
della Chiesa. Papa Clemente ec.» 
cita contro di essi i Principi del» 
la Lombardia. Tom. XII p. t s<f 
155. GUvmnnl e figlinoli da Regi* 
pò sono inclusi nella pace fra 
] Principi della Lombardia. T. 

XIV p. 61. Guidane figliuolo di 
Pietro da Padova Podestà di Bas^ 
sano. T. IV p. ijs. MMfì-idm 
interviene pe* Padovani in Mes^ 
tre ad un trattato co* Trivigia* 
ni. T. VIII p. 4). Dottore «ro^ 
basciatore de* Padovani a Trivi* 
gi. T. VIII p. 88 9f. Ott9n0 Vw 
ceotìno. Tom. V p. i4tf, BUtf 
Giudice. T.V p. 151, 

Manfttdo V. Taranto. 

Métnfr^dù notajo in Triv^ dfmae^ 
troBiachino professore diGram* 
matìca e notajo. T. XII p. 87, 

de Mandelo Ottlino Podestà di Pa^» 
dova. T. IH p. t^6. Podestà di 
Bologna. T. IV p. 129 2J9 r4o. 
QttoluccU mandato da] Visconti 
a prender Vicenza, T. XVU p* 
4. Ots«»# Podestà di Padova. T« 
I p. 118. Tom. Il p. }. Muffi»» 
Rettore per Milano. T. I p. 1x7 
T. Il p. J. Altro Ottani Sindico 
pò* Padovani. T. I p. 118. BsrU 
M»* anch* esso sìndico ib£d. <7r« 
tpnt Oratore del Visconti alDo« 
ca d* Atutria. T. XVIU p, *7, 



f^% M. A 

. ^p, yfe at sàCfiono della Citta» 
lAt\}i di Brescia (contro il Carra* 
tt$é. T. XVIII p. 5 5t. Pfircì' 

' ^wslh ^tt. O^ne CaTalkie Mi- 
Janese. J^tn, JY p. i*9.^**^*f 
Milanese Rettore 4èUa lega ^.om- 
barda. t. I p. 7*. 

^e Kttigfrtllo CftfMnHt^ litidico 
de' yiccnitinl. T, III p. 47. 

Mangia in ^cco Jsc§f^ arcidiaco- 
no Castellano. T. Ili p. 11 j. 

ile* Mangiatoia BAr$»t da S. Miniar 
te podestà di ^adov|i. T. II p. 
11. T. JII f. 130 t\t ì}6 157. 

>Ianlùavacpa Guléf»i da farina 
giudice assessore del podestà di 
FàdoviU T. II p. M4. 

^a'ManiagoCtf^v«*• interprete de- 
sìi ambasciatori Trifi^ani al Re 

^^I^Boemia. T- I^ P» U»- ''f- 

sente nel Castello del Tirok) ad 

una /tarta del Ke di Boemia. T. 
X p. j^. 1E* in Udine al parla- 
ménto general?. T. XI p. is 54.. 
t? h S. pànicic poi Patriarca 
'Hertran^k TV Xl f, $1. Ambar 
actatpre del Pttuiarca. a* Cone« 
glianesf. y» XI p. ist, presènte 
& Sacile pé ]in atto de;! Patri- 
arca. T. XJI p. 10. Proicnt* iq 
SAcik col Fatriarf a BenraAdo.T. 
^11 p. ij». /««/»• T. 17 p. PI. 

^ylanica bosco de'*Trivìgiani/7om, 
XII p. 4- 

jMPi^'A» Canonico di Cividal del 
PriuH. T. IV p. 57. S d*Aqui. 
iéja , ambasfciatoro del patriarca 
a' ndovani. T. IV p. 57. 

;4anplcsso M^k^ siaiìco de* Ve- 

>^r^«. T. V p. 163. 
jWapKobello //*»rff mrliit T">i% 

Mifio. T. J^ P- *7. 
1)0 Mansiò ><«dre4 qu. Rarefo da' 

f adontili ottiene le rapprpaglic 

fOf\%t9 i Trivigiam* J, X f. ^0, 
|Ui»>PPltMPO. T. ? p. I, 
^^ Montella il/^«rr» gladkre Ptjlor 

VWPr T. »I ^.»5 ^* ^^ 



M A 

.Manto^lA! tiipóndono ad itn' àmw 
bastiata de' Veronesi. T. I p. 
49* SjQof Rettori della lega Lom- 
barda. T. I p. 7tf 77. Guidotto 
sttO Vescovo. T. I p. loj, S* »p 
niÉfono in alleanta coltro M^n^ 
fredo di Taranto, i*. II p* t8« 
Stipulino lega ed alleanza conVè- 
roi^a e Brescia. Toi^f IH p* 48^ 
MlriAO Stramberò Corna ro fo- 
dett^ , tinamonte ée* ^onatèssf 
Capitani©. T. IH p. 4^. Citti 
TCCòhia ibM. Difési da' Veronesi 
contro QbìkTJo d* Este. T. lllp, 
61. Fanno pace co' I^ncfai èèm 
Cariotia. Tom. IV p. 14$, Con 
giacenza e Verona fanno alleati*. 
^ per tre anni contro le Città 
delift Lombardia e delfo Marca 
Trivlgiana, T. IV p. 158. Pren- 
dono parte di stipplare lega e^ 
alleanza co* Con>uni di Verona 
e di Bfescta. T. IV p. 185. Se^ 
gUe r is^rumento di <juest' alle-* 
anM. Tom. IV p* r^. Ugolini 
Giustiniano Pod^t^. T* IV p« 
sSj. Stipola alleanza condro il 
Marchese d^Este. T, IV p. t9u 
Altra militanza coft Bologna e Ve- 
rona a orfesa e diftsa. T. IV p. 
^01. erdmi dati dopo q^aesta Ic- 
g<i« t. IV p. ao6. J^-andacr di 
procura per questa lega. T. |V 
p. -tir. Nuòva alleanza contro iji 
Marchese Azzo per togliergli Per, 
rara e Rovigo. T. V p. j. Al? 
tra le^ /ton Bologna j Parma , 
Modjcna , ^^«ggio , Brescia , e 
Verona di oftcsa e difeta* T. V 
p. 7. Jéttofìnt Vescovo. T. V p. 
jij. Neir esercito di Cane con- 
dro i Padiovani. Tojfi. VI p. 45^ 
Scomunicati pet àvet molestato 
V Abate e i Monaci di S. An- 
drea. Niccolò Papa fi assolve, 
dalla scbmunfca. hf^i^* T. VII 
p. 17* Ptnamonte d^* Bonacofsi 
CapittR geoeiAlt. irorté, t. VII 
p. A^p Conic alleati ^ Can^raq, 
die 



M A 

de sono compresi nella pace fra 
questo e \ Piìdovatiì. *T. VII u. 
69 6j 64 69^ Panneggiati Halle 
Armi de Bresciani e dc*Cremd# 
nesi. T. Vili p, tp, S* qnìicoho 
in lega C05IÌ E«el?sf, ^caliser! , 
jc Gontaglìi. T. t p. p, i4|. Si 
danno sotto la Chiesa, e Gio- 
vanni PP. ttìitidi Bettrando Ve- 
stbvo d* Osdl a prenderne il 
possciso» t,X p. 1^7» il Vesco- 
vo riceve commissione dal Papa 
di assolvere gli Scaligeri da\la 
scQAunica. T. XI p. i6J, Sono 

10 guerra toà Mastino, co* H\» 
laneii, Estènsi, e Pepofi, e Pa- 
pi C lente n te if esorta a ùit la 
Pace a motivo del prossimo giu- 
bileo. T. Xll p. 108. |1 Cardi- 
nal Guidone publica U tregua. 
T. XII p, ut), lì Vescovo rice- 
ve commissione dàlCatdrnal le- 

fato di pnblicar la ttesua fra i 
rin^ipt della Lombardia a mo-^ 
tivo del ptoisìtho Giubileo. T. 
XII p. 114. Sue agitaKÌoni Ac- 
cennate dal Petrarca. T. XIII 
P* 3Ì» Signori compresi neilà 
pace fra il Visconti e i Principi 
Collegati. T. IVII p. sB. Il Vi- 
sconti tenta dì tor illa Cità il 
feume Mincio. 1*. XVII p. 75. 

11 Visconti entra ^ttoifoio nel 
fc^ragliq di Mantova. T. XVII 
p.\t6. Entrano nelKi fògft de' 
conati contro il fìsàòhH, T; 
XVII P. 99. Si A ]< fte^ col 

. VJstonflL Tom. XVIII ^1 4. H 
VilcoritlXpromette che nèh sa- 
ranno ttofc$tjti. t. XVI lì p* 5« 

Mantova Ott.Jnt^^f ^ftaldo del- 
la LaMi in PéÀ^i, Tom. XIV 
p. jé. 

da MantbVa Atpó^tìb ^leftò prò- 
feftw là f/ivtgi di gius citile. 
t. tll f. 49. rtìift»Ò itilo i^a- 
idio. t. vn p. 4«. Stfìvitt kì 
Tiivigl T. vn f. *J5. Gittdicc 
eletto da* f eAlidlft( in ^ecte dif* 



M A 147 

fetente co* trlvi^hi. T. li p. 
60, Cét^dréiè ntilite 5el *6a/s- 
t\ di Verona. T. II J p. >rf. fei- 
ÌtdtK9 va al soccorso flelfa Cit- 
tadeJU di Brescia contto flCat- 
rareie. T. XVIII p. 50 5». 
M^nsagaia irdvkrfno dà VetoAa 
testimonio, in Ceneda« Tom. VI 
p. 49. 
de Mmso PUtro Padovano Ira le 
rappresaglie contro f Trivfgiani. 
T. Vili p. 57- 
MAnsnedi villa. Olutfdo suo Pieva- 
no. T« I p« tf^* 
Maozana villa de* Camfnesi cedu- 
ta a Cphegfianb, T. 1 p. és. T. 
II p. 4S. Assegnata da' Ttivi- 
giahi. y. HI p. 4ó. 
Mtnzàrtp Villa di S. Giovanni pres- 
so Modpleté in WuQ. T. Alp. 
aj *«. 
de Man^nò Signori uniti al Car- 
dinal 4' Alanzonè contro gli i/« 
dinesi. T. XVi p. 77. F#»r#. T. 
\y p. 120 Fréncnc testimonb in 
Ttivigi. T. |X p. 50. Agfjcc A 
nome dellir Chiesa d* Aquileia 
nella pic6 tòte Kittf^rdo deci- 
mino. T. XI p. 9. E' io S. Vito 
col Paititrca. T» XI p. %6. Ca- 
pitanio di Sicile. Tom. ^I p. 
5i« E' in Udine al paitaméato 
geftef<tè. t. XI Pf 54. 
de Manzìno (7i«t/tfn»l ed Anitnip 
aderènti di Bernabò Viseomi «o. 
no incinsi Aetla paee ftk i Prin- 
cipi della Lombardia. T. XXV 
p. tf j. 
ile* M«Mll /«c^t df Fttrarà ditto- 
tante in Trivij^i. T. itfl p* 42, 
Mabtolino yilhi aisegflàta a Cast^^ 

franco. T.-XI p. t/p. 
Marano. N2rro/« Mcmmo Pddeid si 
illontana di ^trel t^dj^O « motf- 
V9 della pesnlenza. T. ZIX p« 
ia$. 
da Marané^iij«/?0» figlio di Bot- 
teadla ^1 l Tbléiétto col Ptttf* 
aiti W .od9. T. XI p. t^. 



%At M A 

tfa Mtraoo CMttUm mogfie del Sig* 
Cdrio. T. X p» i9« 

4e Marano ^rfr/nt anziano di Vi- 
CCDBa, T« n p. loe ioa. Abate 
degli anziani. T. II p. loj. 

de Maranenti Fruttcttrp qu. tjgoii* 
no fuomcbcito Bolognese. T. IV 
p. Ila 127, 

Marca d* Ancona. Eiccardo de* 
Passanelli Vieano generale di 
federico Imp, T. II p. ii, Tri- 
T^iana osàa Veronese, k sue 
cause delle appellauoni di dirir* 
to feudale del Marchese d*£ste. 
T. Ili p. 85* I<ettera circolare 
dì Papa Giovanni zx II a* Prìnci- 

Ji di quesu provincia esortan- 
oli alla pace e alla concordia. 
T. Vili p. 49. Turbata daCan. 
grande. T. Vili p. 93- 

de' Marcadelli Nìectli deputato di 
ConegliaBO. T. XIX p. i$9, 

de' Marcali Di9»isi9 banno di 
Scbiavonia spedito da Sigismon- 
do io Italia coatro i Veneti. T. 
XIX p. »]s. Kitorna io UngW 
ria. T. ZIX p. ne. 

Maxceilla bosco presso al mosas- 
tero di Tiro. T. IV p. 98. 

Marcelllni maestro Antonh de*Mi- 
ttori ambasciatore^ del Comune 
di Ancona a Torino alla pace 
de* Veneziani e de* Genovesi. T. 
XV p. 71. 

Marcello NtcoUtt» qn. Andreolo 
presente in Venezia. Tom. XI v 
p. 4J. 

Marche Aquileicsi nuove. T.x p. 
*9» T. XI p. s. Di daaari Aqv» 
lejesi. T. XIII p. 9' ^^ 

Marche d'argento del valore^iis 
lire di.picoli pec marca^.vn 
p. <ss. ^ 

Marche Frcssanest nove. T« XI p. 
149. 

Marche Fressanesi di moneti d'A- 
quileìa. T. XII p.. 63^ 

Marche di soljdi. T. IX p.. 5* 

MarchCMDf VOìX^^ fefAt^ 7| 



M A 

XVH p. 7« 94. 

de* Marchesi r*j»r«f>« da Carpo no- 
taio ifl Venezia. T. XVII p." 10. 
^Ql^^lU ambasciatore de' Geno- 
vesi a ratificar la pace co* Ve- 
neziani. 1v XIII p. 39* 

Marchesi Pas^msh testimonio in 
Bassano. T. IX p. u« 

Marchesini Ghvsnnt notaio amba- 
sciatore de* Veneziani a Trivigi. 
T. VUI p. 98 99 Jjx 135. T. 
X p. 7« 77. 

de* Marchi EnHi» nuUte Ttivigit- 
no. T. II p. 47. 

Marchsteten BsrtoU» detto di Nìf» 
lèn creato da Lodovico Impera- 
der suo Vicario in I/ombardia. 
T. IX p. )J. Suo ambasciatore 
a Ferrary per stipulare una lega 
cogli Estensi , collo Scaligero , e 
co* Bona colsi. T. IX p. 44. 

di Marcio OrdtUft milite Trivigu» 
no, T. II p. a7« 

S. Marco di Campigo Villa asse- 
gnata a Castelfranco. T. XI p. 

de Mu€0VÀlmssi9 qn. Antonio no- 
taio di ConegEano. T. XI p. 
184. 

Marcomane T^mméuim» da Vene- 
zìa. T. II p. 84. 

Marcorago Villa de* Caminesi ce- 
duta a Conegliano. T. I p. 85. 
T. Il p. 45. Assegnata da* Tii- 
vigiani. T. HI p. 40. 

da Marcorago Adamo T. I p. i8. 
Enrìgiu Coneglianese. T. 1 p. 
59. Vassallo del Vescovo di Ce- 
neda. T. I p. 62, Fréii^ce$e§ Co- 
neglianjffse^ T. VI p. 44* Ftìmcì^ 
$f QfUrta da Conegliano pre- 
sente in Trivigi. T. xil p. 1C7 
T.JVU p. te4«Ved. Quarta. G4- 
Mf/a testiflionio io Conegliano. 
T. I p. 84 87. Eletto aapicflte 
da^ Coneqliaoesi nelle -contese 
co* Ttivigianf. Tom. XI p. 14^4 
del Consiglio. T. XI p. ssr* 
|ÌU(iu:qp /«irffiif wòuiq di Ve«^ 



MA 

roaa. T. HI p« )}• 

Haregtili Gitvmnni^ da Sblogoa' a- 
bicante lo Venezia. T. XI p. 98* 

idareno Curia lasciata da Gabriel 
da CamiDO al jnonasteio della 
rollina. T. I p.tfs. Villa de'Ca. 
ninesi ceduta a Cooegliano. T. 
I p. 85* T. II p. 4S. Chiesa di 
S. Fieno. T. I p. 2j. Benefica- 
ta da Gabriel da Camino. T. I 
p. 66, Villa ^inra di seguire il 
Podestà di TrivigL T. II p. 96, 
Dà* Triw^ani assegnata a Co. 
negliano. T. IH p. 40. Ved. Val- 
dimaieoo. 

di Maretren Oft9Um§ prigioniero di 
Castraccio nella battaglia conuo 
i FiorentinL T. IX p. 91. 

Métrttettt0 qu. Jacopo. T. Ili p. 
5^0. Sindico de* BassanesL Tom. 
Ili p« 95* Testimonio. T. Ili p. 
119. Sindico. T. IV p. 5 18. 

de' Mari JadretU gì anspeiico am- 
basciatore de' Genovesi. T.XIII 
p. 39. 

S« Maria diZobeoigo^ Michele sao 
Pievano. T. I p. tf8. 

S. Maria di sojpra, e di sótto Pe- 
lerò villa di Conegfiano. T. Il 
p. 45. Assonata da* TiivigianL 
T. in p« 40. 

5. Maria delle Vergini monasteto\ 
di Venezia dell' ordine di 3, 
Marco di Mantova. Tom. II p. 

TIO. 

X Maria Regala deve nbbidire al 
Capitanio di S. Zenone. T. X 
p. 8^. 

de Maringa EmrUo T. Ili p. 41* 

de Marinella QuAlfndt Giudice di 
Trivi|i. T. I p. tff. 

de Manno Ofmtk€»» Trìvigiano so. 
pragasukiione. T. Vili p. 109. 

de* Marinoni ÈtntjMii^à di Bonifa- 
cio notaio in Vicenza. T. X p. 
laa. 

MaristfcUa Js€%hin9 di CUovanni Bas- 
saaese. T. li p. 41. T. Ili p. 
34« 0fiu9lC| Tomi m 2s U^i 



M A 149 

Kotajo. T. Ili p. 144 >54* T« 
IV p. tfi. 

Maiostica : Pucio de la Via Capi* 
tan generale pegli Scaligeri. T. 
X p. 79. T. XI p. 154. li Vi- 
sconti ordina che le chiavi de* 
ponti esterni siano consegnate 
al Podestà di Vicenza. T. XVIZ 
p. 70. 

da Marostica //^rr« di set Mila* 
no notaio in Trivigi. T. XIII p. 
5J. Jmfmt9 |tarispeiito Vicario 
ed assessore in Trivigi. T. XIII 
p. 9. Oi»vémni giurisperito cit- 
tadino di Vicenza. T. XIV p. 
42 4), Cutd9nt di Jacopo nota- 
io in Triv^. Tom. VII p. las* 
Testimonio in Trivigi. T. IX p. 
^7 28 107. Notaio del Podestà 
di Trivigi. Tom. X p. $9 JaS* 
Tommss» ricercato da due Ca- 
minesi per loro procuratore in 
una lite. T. IX p. 159* 

JiéÀrq%drd9 dottore de' Decreti YU 
cario del Fatiiafca. Tom. XVII 
p. -»8. 

Martebgo Villa del Triviuano. Pe« 
goletto Rettore della Cliiesa. T. 
IV p. jo. Chiesa di S. Stefano. 
T. IV p. II tf. Manda guastatoti 
a Mastino. T. XI p. aa. Villa 
assegnata a Mesue. Tom. Xl p« 
ij8. 

da Martelago Ftllpfo cittadino di 
Trivigi, da un incendiario gli 
viene abbruciata la casa. T. X 
p. ia6. 

Martignago nella Val di Dobiade- 
ne. T. XIV p. 49. Avevano beni 
i Gaidotti , che passasono io Ca- 
ponero. T. III p. itfo. 

da Martignago A»témi$ ^ e BmSIU 
suo figliuolo Capitani nella bas- 
tìa di Monte deserto. T. XIX p* 
2T7« (7l*«4»sl di Domenico no- 
tajo di Trivigi. T. XII p. «7- 
Cì^v^ui»! qu.' Biaquino, e Tsd* 
df , e B»rfUwnml9 , e M^mkmU 
df %]i di GiovaAm aggregati aU 



f,$9 M A 

la nobiltà rdsticltia da^Tifrigla* 

ni. T. XIII p. 9 IO. 

S. Mattino Villa atftgtiata a Mes- 
tre, df. il p» ij8, 

S. Martiho Aquano Castellò 4cl 
Veronese. T. XVill ^ 57. 

S. Martino di Colice ^Hftì di Co- 
liéglfeino. T. Il p. ^i: Assegna- 
ta da' Trivioianf. T. HI p. 4o. 

S. Martin di £upati villi. Tip. 
lì 9» T. n p. j. Avevano beni 
i Guidotti che passarono in' Ca- 
ponéfo. T. ìil p. i«o. è segg. 
^ìlla del Trivigiano ritat^da guas- 
tatori a Massino. T. XI p. »2. 
Assegnata a Caste 1f;^flcò. T. XI 
jp. ijp. fatte nel distretto di 
Castelfranco, é ^arté |n quello 
dì Padova, t. ttV p. Ì9. Suoi 
confini. T. XIV p. 9*. La Chic- 
«a debba esSer comune in quan- 
to a* divini uffiz) a tuttt due le 
parti, f. itIV p. 92. 

& Martin totto del distretto di Fra- 
t£ monastero ^ Kicardo Prioit* 
T. IV p. 37. 

S. Martin in itrada Villa del Tri- 
vigiano inand^ gaa^aéori a Mas- 
tino. T. XI p. aa. 

da S. Mattino di Collo Jicdrd^ ^a- 
rì déllà Caria yòcóvik di Ce- 
neda. T. II p. 7*. 

di S. Martino Bn§»0 ambasciatóre 
de' Trlvigianr a ^étoAsi. T. li\ 
p. 60, 

da i. Marano Cdìittthné Cénede» 
se confèssa di tenere ìd fendo 
<?cftt Seni del Vescovo di-Ce'óé- 
da. t. ìli p 89. t. IV* p. 4. 
oètoyUf vassallo del Ve^cói^o di 
Ceneda. T. I p. «a. Odorieé e 
gtdl€ fni^ìTt qo. Enrico qù. 
òdorfco Vaisttlll del Vescovo di 
Cerieda. T. ìtt p. *I6. Sentenza 
de^ quattro* pari dellìk Curia con- 
ico di essi fbid. 

d^ Sari. Martino Coirti. in£tnf e 
Étrtétti dì Àiladiò prèsene! in 
Toifnff alla paCeT ftr i Vendila- 



Ili , e i Genovesi. T. XV p. 7^^ 
^arsi bilia Dòmenic» Console ai Basr 

sano. T. Ili p. 10$. 
Mafsicaous odartsto V.éscovo. T. 1% 

p. IO. 

Marsiglia G'fvdn»: Abate. T. Ùl 
p. Stf. 

de* Margini LihÀotrg ambasciatole 
de' Trivigiafti a Vcnczfa. T. IH 
p. 77. JtUtjfp» Ansclmi nota/odi 
Bologna. T. XVII p. 62, filee^U 
ambasciatóre de* Veneziani a 
Trivigi. T. < p» 96 100, /^c#» 
Ittf sua prot^s^ agli Scaìigcif 
a nome del Doge. T. jtl p. 60 
61. Marttn0 Cittadino di Chioggia 
T. ti p. 60. 

de Ma'rsorè fÌÀndtrtei |)fóviAcia1e 
maresciallo dell* Austria. T. XtV 

Ma^stetià bertoldo. Véd. Marche 
stetcn". 

Matsurayllhi assegnata ad <0>dérzo 
T. I p. ij9« 

Marncio Métter ambasciatore de* 
Gèhovcif a Torino. Tom. Jtf p. 
7j IQ7. Arbitro per alcuni ca- 
pinoli' della pace fra i Veneziani, 
e il Cartafcse. T, XVI p. 9- 

4^ Maiiari OUv*nm da Veroiha 
dottor d! Leggi presente in Fer- 
Ufi. f. xni p. 9?. 

dé'MarfJ M^rijo Canonico di Ve- 
rena. T. IJfl p. 15^. 

Masada, suo dazio a8. lire di pic- 
coli. T. V p. 155. 

Ma^aroló Fin me sul Padovano. T. 

xvr-p^. 

Mdsàdrell» giurisperito Chtadlnòdi 

Vicenza. T. XIV p. 42 4J. ^ 
Masenzadego è distantV dvct miglia 

da Camposaropiciro'. Tom, Xtf 

p. SS. 
Maserada Villa del Tiivìgìano, cfic 

debba lavorare in Piave. T. tlX 

p. 15- 
da M^setad'à Pìtiri riòtòfo Txivisa- 

no. T. Xl p. 12. , 
Maser VilTaggró de* TilV^itoi rlce- 



M A 

wc Drdrnc di riparare il Castello 
di Asolo, T. XI p. 49« Villa as- 
segnau alla ?odésraria di Asolo. 

T. XI p. IJ9. 

4a Masec Msrand Trivigiano va 
air csetcito di Mastino /con tre 
cavalli. T. X p. i/?j. 

Masipr jcol suo Cartello de! Ve- 
scovo di feltie. T. 1 p. jj. 

>Iasnace degli Ece^ini descritte e ri. 
cnpenit^** Trivìgiani. T. V p. 
175- ^ ^tanomettono. T. Vili 
p. 6^ lu 

^asptJ!o JftUnétlnt giudice delle 
appellazioni nella Macea pe* 
Marchesi 4* Éste. T. I f. j^. 

4e la Massa GUvunni comesraMle 
degli Stipendiari Tiivigiani. T. 
VI p. 41. 

de Mastica Z*^§nà oof. di Verona. 
' T. VI p. 91* T. UT p. 97. 

MasQti £drttl$nn»e0 dà Canipa. T. 
XVI p. j$s 15 <f. 

4e Matar^ello Za.rnhon9 etefro pro- 
fessore ip Trjvigi di gius cano- 
nico. T. VII p. 4o. invitato al- 
lo studio. T. VII p.4ff. Dottore 

T. vn p. ^jì i7i. T. viir p. 

71 «o 117. Uh^rt» e Zàmbéno 

Pottori di leggi salariati da* Tri. 

vigiani. T. yill p. itf4 itfg. 
Mdtdrmjfi Padovano. T. I p. 9j. 
/da Mateli.ca Alvise htto prìgiome- 

ro del Catrarese. Tom. XVII? 

?• 58. 

4t Matteo 4lmerìet sindlco* e pro- 
curatore de* Conéglianesi. T. IJ 
p. 14 »5. 

jWAffi> Pievano in StilifrideCappel- 
lano di Federiccf Re 4^' É:oma- 
ni mandajco t Tiivigi. T. Vili 
p. ì6o i€i, 

S. Maurilio vIHa assegnata %à 0« 
derjo. T. XI p. ij9. 

Mauro SynviH canonico di Tfifjgi 
T. Il p. X4S. 

Maxanigo pìHt9 nob. Velli Provve» 
ditore in TtìVigiant» Tom. XIV 
p. 8r. 



Mazeliao yf^^rfr» milite del Tòdes» 
tà di Vicenza. T. I p. 4% 

de' MazeriI PiUpf Cancellìeto del 
regno di Ciprp presente in %q^ 
looM. T. XIV j^. j8. 

de' Mazzoni AnuhU di l^òdent 
Dottor df leggi, e Hiccobòno 
ptocuritori degli Estènsi. T.J|iy 
p. 58» 

M^da Castèllo lasciato a* Vicentini 
di Melchiore figliò del Cttf^^ 
Beroardo. T* V p. J4^. 

Medade Villa giacucata al Patrfaz- 
ca contro i Tiivigiani àt Papa 
Oregorio I^. T* I p. 7o. Caxi^ 
giudicata ai Patriarca da Ugo- 
lino vescovo d* Ostia è Velletri 
éonno i Trimiam*. T. IV f. jt 
^9 8j 8tf. ViUa per cinque an« 
n{ fu possieduttf 4« AIt^ett?no 
Morosiiii. T. XV f4 ffé Occapa. 
ta da* Jrivigimi dopo la rtòrte 
ài Écéliho e di Albedéo. Tom. 
IV p. sot. Vil!a del Tfivfgidno 
^ridi gua^titon t Mtiéùò. % 
XVf. aj. 

4é Medehnà mtVéUrìH q«. 2lfaso 
sapiente dt Perura« Tom. I^VII 

^e* Medici Ftàmtfse^ giiUitpi^rito 
testimonio ad un isfrumento ài 
lega a Ferrari. T. IX p. 4^. 

Medici LénjVétheé Brticltno, J.Vi 
p. y8a i8f. 

pedalo Villi gtadicaft iT Pitdir. 
ca contro i Trivjgiini dt Pipa 
Gregorio IX. T. I p. 70. Vftia 
e boi^hi cotfceduti da^pattfii^a 
d* A<)uileìt id Albertino Moto- 
«ni. T* II p. iji. Che la pos- 
sedette per cioqa* inni. T. IV^ 
p. 99. Ert «tata oceopna da* 
TrhrigiM dopo H trotto ée^U 
Ecelinj. T. Vf pi t<^, 

^edun» ^aoNT. T. f p. %i Eniie^ 
ricedpmino» T. t f* 3^7. It Pa- 
trksei ivea fatto fabbrfetfé im 
Casséfltf , é I Ttlvfl^f )0 Iwn. 
no distrutto , perchè era- sii* fo- 
ro 



15» M Vj 

xo tftctitonò. Tom. IV p. i45. 
CasteHo potscduto da Gerardo 
e Eisttido Camineti ricercaro 
dal Fatriaica. Tom. IX p. 124. 
Caitodlto da Btaqaino da Ca- 
jdìoo, che ne premette la resti, 
tuuone al Patriarca. Tom. X p. 
a|b.^ Potsednto da* fratelli Cam!. 
Itesi col patto di restituirlo al 
Patriarca. T. X p. la?. Difeso 
da Bìachino da Camino. Dome- 
fiico vicario della Chiesa di S. 
Kiccolèu T. XI p. 6. Preso da 
nizzardo da Camino T. XI j^. 
S9« Terra della Chiesa d* Aqui. 
kja molesuta dalle genti del 
Carrarese T. XVI p. 1*7. 

da Meduna A»f»U di Ploriamone 
re notaio. T. XI p. sj« 

Megliaccia NJcetU qo. Jacopo da 
Pordenone QOta]o« Tom. XIII p. 

de' Megoroni Ouid$m9 Vtcarb Re. 
gfo in Parma. T« VII p. j8. 

Meioroane C^rrétd* proton^tario im. 
feriale e ambasciatore" di Fede. 
lieo Re de* Romam a Tririgì. 
T. Vili p, itfo itfi. 

Melaredo villa del TriWgiano man. 
da guastatoci a Maitbo. T. XI 
p. ai, 

MfUhUrrt figliuolo di BereardoCen. 
te di vicenaa , e suo testamento 
T. V p. 148. Nomina GuU%h€ 
tuo avo-, e Btr§srd0 suo ^adre, 
lascia alla Comunità di viccnzi 
Sant' Orso, Schio , e Meda Cas. 
teli». T. V p, 14^. Melts sua 
jBadre lasciau erede in parte 
de' suoi beni. T. V p. 150. Be. 
fiefica Sftfét sua sorella e Zé^tt 
sua zia materna monache di S. 
Xortolamioy e Jdtlms ^liadel 
Co. Beroardo» ibid* 

da Meledo Jhsss»dr9 ^udice Vi. 
cestino. T. H p. te|. 

Keliadioo; Prete Biasio Arciprete 
della PicYc di S, PideoM* T. V 
1^ stf* 



M E 

Mi!:»rsnxjé Canonico di Udine» T* 

XI p. i4>-t.5. 

de'Meliorad Plt!ff$dt Re^o Giu- 
dice Vicario m Txivigi. T. XII 
p. 15. \ 

Mclioie Àlltrf Vicentino. T. II p. 
101. Aniiano. T. II p. loj 107 
Glruéntii di Vicenza. T. HI p^ 
45. Giudice di Vicenza. T. IV 
p. 18. 

a Kella BdrfUmmf Consigliere 
del Carrarese. T. XVII p. 8|. 

Melma villa del Tcivigìano manda 
guastatori a Mattino. Tom. XI 
p. a*. 

Mei è sotto la Curia di Zumelle. 
T. XIV p. 47. 

dì Mcis r/iXtU. T. Il p. j5« £»- 
rtc§ T. II p. 59. DuTÌn.g9 ^ e ^- 
j»!?;»» , e ViTx,t>kdt suoi nìpoH 
promettono al Patriarca assisten* 
za « favore contro Rizzardo d» 
Cam'no. T. V p. ra4. Ftd*rie9 e 
MurigHstt* sono in Udine al pAr«< 
lamento generale. T. XI p. S4» 
AÌCC9/0 presente inSacile. T.XV 
p. 109. 

Memmo Gdhrìil» destinato a spìa, 
re le mosse de'Bavari nella mar» 
ca Trivigiana. T. XVII p. 51. 
Ni>r«/ò Podestà di Marano. T. 
XIX p. ras. Offiziale alle rasoa 
vecchie. Tom. XIX p. x;4 1)9, 
Pittr0 Consigliere del Doge. T. 

XII p. JS. ' . . 
de' Menabov! MsnuU testimonio a 

Ferrara. T. IX p. 41. 
de' Menegaldi Afinegsld» amhasda. 

tore de* Trivigiani al Conte di 

Gorizia. T. VII p. 18 19* T. 

Vili p. 4*. Zr**^ Trivigiano. T. 

in p. 5 5. 
Menegazzo Zia»h»n9tt9 milite del 

Podestà di Vicenza. Tom. II p. 

iaa* Giudice in Padova. T. IX 

P. »15. 
de Meneglano Oxtutié presente ui 

Conegliano. T. VIII y. 179- 
de MenegoMo Gitftt nuUcc Tr|vi« 
g»a- 



ME 

^TÌO. Y. 11 p. 27- 

Mem'ni Nic€»li Udinese mandato 
dal Cariaiese hi Conegllano. T« 
XVI p. 7J. 

Menozio Villa de* Signori da Fo- 
gliano» Snrìs. T. X p» 89. 

«la Mentone Jim»nt presente in 
Torino alla pace fra i Venezia- 
ni e i Genovesi. T. XV p. 71, 

de* Menati Xjitvànni qu. Pietro no* 
ta;o di Arco. T. XI V p. n. 

de Menzafio ollvitn da ìeltre. T. 
Ili p. 105. 

Meolo Villa del Tiifigiano manda 
guasutor! a Marano. T. XI p. 
aj. Sua taogente di colte. T«XI 
p. 74. 

de Hitizgz BATfUmmtù bandito da 
Belluno. T. XVill p. ^a. 

Merano di sotto al Castello del 
Tirolo. T. XIX p. 71 74, 

de* Mercadelli ìiltc^U de Cxnso^a 
notajo di Conegliaoo. T. XI p. 
«53. 

de Mercadoro Vittùn bandito dt 
Belluno. T. XVIU p. 42. 

Mercalli PUtf aderente de*Sigflo» 
ri d'Arcelli. T. XIX p. 93. 

de' Mercatoti Stefanù Cancelliere 
e ambasciatore de* Cooeglianeti 
a Venecia. T. XIX p. 114* 

Merdegnano villa per cin<^a' anni 
fu posseduta da Albextmo Mo» 
rosmi T. IV p. 99- 

Merlara vilk da* Padovani conce- 
duta agli Estensi. T. II p. jy* 

Merli O^érd0 dì Giovanni notajo 
di Txivigi. T. Vili p. 8i. Elet- 
to a compilar gli statuti. T« IX 
^ 1A9. 

"dal Merlo TCirsrd» co* Trivigiani 
va alla guerra di Chio^ia, e 
per il suo valore ^ aggregato al- 
la nobiltà Txivigiafta. T. XV p. 
jj. BtrélU ambasciatore a Ve- 
ncda. T. XV p. 24. 

Merlo Emfìf de* doe Castelli , sue 
dlfièrenxe con Mengossb di Val- 
dcJioB lìmesse io Marsilio ^a 



M E 15J 

Carrara. T. IV p. Xfi. 

•Merolaria Castello del Come AI» 
merico. T. I p« tf« 

de* Mersari Gi«. qu. Tommatlno 
Trivigiano manda sa fante ti 
presidio di Cavolano. T. X o« 
17 S« Gièvénni di Guidone <jÌa» 

. dice in Verona. T« XII p« X4|. 

Mesco fiume del Cenedese. T. Z 
p. 7 tj, Fra Conegliano e Sacf- 
le T. XVI p. 16. 

Mestre Chiesa di S. Lorento. 1*. I 
p. j9« II Vescovo di Trivigi si 
riserva per se la muda. T« I p. 
tfo. Quadragesimo e muda della 
mensa Vescovile di TrivigL T. 
n ^. 7a* Casa di Tommaso Qui- 
rini incendiata. T. II p. istf.T. 
Ili p. 13. Jacopo Pievano della 
Pieve di San Xorenzo. T. IV p, 
29* Sua Muda. Tom. V p« 141, 
Bue Capitani, uno con sei cus» 
todi, e r altro con due. T. V 
f. tss. Lavori che vi ftcevaoo 
1 Triv^iani. T. VI p. 26. Mu* 
nito di genti , e d* armi per so» 
spetti. T. VI p. 87. Munisiooi 
ivi lasciate da Deolavancio da 
Camino detto prete. T. VI p, 
90. Che si mutino le chiavi 
delle porte del Castello. T. VI£' 
p. loj. Passaggio del Doca dì 
BMgogna, T« VII p. ijo. Pel 
Princi^ d*Acaia« T.VII p« xst 
I Trivigiani xinfbaano il presi* 
dio. Tom. VII p. i$4. Capitani 

• Jacopo di Paolo degli Andri- 
ghetti, eBonaccarsio della Roc« 
ca. T. VII p. i$9. Atto giudi* 
xiario ivi esercitato da* Venezia* 
ni. T. VII p. 170 T7i# I Trivi* 
giani proibiscono di andare alle 
nosac di Riasaido da Camino in 
Feltre. T. VIII p. 41. Si tiene 
!1 congresso fra i Tadovaei e I 
Trivigiani. T. VIII p« 4* 4i 47 
49. Suo porto. T. Vili p. €€^ 
Palazzo e fNOisessioni di Kisiac* 
do da Caoun^ Toiiw XX p. 4tf. 
Proip 



«?4 , *^ B 

troibiuoqe^ che il pane di Mes- 
tre AMI si ^otef^ condirne a 
Venezia. T. IX p. 164. Mudarli 
^e* Txivigianj. T- IX f. lij.In- 
tOcJìo^ 9|llfi di lui gfiuisdi^ione il 
t.t di Boemia si nierva 4ì deli- 
berare quandp ^r^fncgìio in-~ 

lorinato. t.^lX^i4f U^ I 
fnvipiam fthnor istanza che itCa.- 
pìULttiò non s^ li' abbia ad inge^ 
luc. T. IX pd^ 15?» Àrteaio di 
Siocen^ Castellano pel Ee di 
pioemia, t. X p. ip. Il Re or.- 
dina che i custodi non molestia 
tip I distrettuali. T. :|^ p, li La 
tiixd^ j^sseduta' da i^rtesio. T. 
^p, a a ||. IMudarf fanno co» 
sf in pregiudizio d^l Comune di 
tfivigi. T- X p. H 17. Custodi 
di Mestre ^t Re. T. X P-" li- 
Che il Capitano debba dipende^ 
^f 4i quello df Trivlpl- T. Z p.- 
3f. il Re ecCeVtaa la muda di 
l^c^re per certe' sppse 4e* T'ì- 
jigiani. T. X P* 41* t^ muda t 
1 da^i d^I Re socio deputati a 
^Meccllone Témp^taV T. 3f p. 
5? <s^ Sup' portp, 9 róudan, e 
«faziari. T. X P» '09. tapi Ca. 
pit^nio. 7>X p. fX5. Pieve Jtoan-' 
^a guastatori a Mastino, e i Ttivi- 
giani mandano utio ^ rendei gius-' 
«zia a^ Veneti. J. XI p. aa jS. 
Tq^m|i90 da Bòlogqa- Capftaiiio, 
fuc esagoni p^r pq iavoro dì 
^se in quél Cast^lloù t, X^ p, 
f«. FancellQ di FaoceJIo C^po 
^^ Borgo. T. XI p. <8. Fónifi- 
«zioni de' Trivi^faoi. T. ^l p. 
iZ 7J. Tòni9igsiOi9 toc?he$ìp, 
^ g^efroanp Ctfpi^n^ prdini del 
|odc;^ di T'rivjgi. T* XI p. 7^ 
^pittando di Mai(tin9 al l^odestì 
jf Trivigi di Jo^Wt Mestre te- 
J"«??dp €kt d^ sorpreso da' 
filmici. T. RI p/ ^o. Slisposta 
j{ei Ppd<ts(^ di «Tetlo ipunuo e 
,fsmì^<iW, T. xr p. ?f. Villaggi 
'*' Tiivigi^ì asMgoati «oi fiu* 



Me 

xrale alla rodcstaria. T* xf pj 
ij8. I Trivigiahi stabiliscono pc-> 
na a coloro che, tentassero di 
sottrarb dal Dominio Veneto. T. 
X^ p. ^4j. If Podestà doveva 
esigere il salario da quello df 
Treviso. Tom. XI pVì^i^ Dazio 
de' Carfi imposto ^He porte. T. 
t^ pag. i88 J89. Suo da?io a' 
Trivigiani. T. IJU p.. 3.. Capitai 
' tanio e custodi pagati dV Trivi- 
giani, t. XU p. 4. Podestà pa- 
gato da' Trivigiani. T. XII p. s 
Muda e quarantesimo era della 
mensa vescovile di Treviso. T. 
XII p.' y. l'avori . ordinati da* 
Veneziani per ìa difesa ,- e con- 
servazione del Castello. T. XIl- 
p. loQ. II Doge ordina al Podes- 
tà diTrivigi che sia fatfo-Io. spal- 
to. T. XIII p. 8 j. ( qlicsto do.- 
^um^nto fu per errore stampalo 
al 1 4 f o , ma deve essere al i j s i.> 
il Podestà* riceve ordine' da Ve- 
nezia di onorar la^ Venuta de{ 
Re di Cfpro. Tom. XIV p. ao. 
Suo territorio, éjie Corinna toÌ 
Padovano. T. XVI p. ^8. Deli-' 
bdra^ione de* Vehezfani intornb' 
al Podestà , che vi dovevano ibart- 
dare. J. X^I p. |2. ^fti pongono' 
iin nuovo d^azio. T. ^Vl p. »i*. 
Mestrini fì^nno uiia scorreria si- 
no alle porte di Trivjgi. T. jtvi 
p. ira. Milizie de' Venezia ói ih^^ 
vitate' ^1 servizio del Carrài e^e. 
Tv XV| p. X j4* te milizie dan- 
neggiano il Trivìgiano. T. XVI 
p. tj8. lagnanze del Collegio' 
VeKeto di Mestre alla reggenza' 
di Trivigi. T. XY\ P» U^* Zac- 
caria da Mo^to PodcstV T.xvf 
p. 139. i Veoeziatìi ^samióano 
Qda fossa ,.che sT pensava di fà- 
ic d^ Trivigi ^ Mesti?.' T. XVrf 
p. 5 a. Comandano al Podestà di 
Ttrvigi ^he somali niscx| danaro 
per m un muro con uria Tot- 
ac io ii^ùi^. t9m.XYn p. 5»% 



tììc il podestà mandi alcun) |>i?ai-' 
tùtoli a Ttivigi per la?Qfi $i^lla 
tiVenza. T. xix p. f tf. 

^1 Mestre 4ldigTh giudk$ per le 
cause tra i Venetf e ì Tr^vida. 
ni, T.' I}^ p. loo. Giurì$|>erip. 
T. Xi p« 9- Qhvénni dì Vitale 
inilite Trìvigtano. T* II p. *7. 

JM esuina Villa del Trìvigfano. T. 
IX P. 77. Assegnata a ihfe^trc. 

T. il p. ijs. T. xyr p. <fr. 

ijcta <7i»r«f»»f da Verona fisjco" 
Canonico. T. Vili p. fj 14. 

df* Mezzabarba Su4eoH§ pfcseifc^ 
in Torino. T. 3PV p, 7y. 

^t^t^g9n§lU Rettore della Irga^ 
Lombfi^^ 4p* Veronesi^ Tom. I 

d( Meqp^pO Z4mp'etr$ Bellunese 

* ambasciatore al Visconti. T.^YH 
p. 89 90. 

die' M^z^avilli GUvsnnt Vicario del 
Podestà di Trevisq. Tom. yill 
D. ^1. 

de ^e:(?iaprili B*rt§l4»^§ Premo-^ 
nese eletto 4a* Bellunesi per lo* 
fo Podcft]^. T. XV p. 56. Di- 
morava in Padova. Tom* ^V p. 

Mezzo ^bate Ve<J. pcnario. 
de Mezzo Jsfp* Capiranio d^ I Gas-* 
Wllo di 5. Vittore. Tom. jV p. 

*7.- 

Jffftstff »tr ottiene da' Fadoyani le 
rappresaglie contro i Trìvigiani.' 
T. VITI f. $7. 

MezzpCQOtf G>*v4<i9/ Psrti'Pn pre^ 
lente ip Padova. T. XVm p. 

de Me^^villani Fr^n^ticti da Bo- 
Jog^ Podestà di Treviso. T. VII 
p. ;tff i«9.'T. Via p. i Ì6 
^t aj 14; ^8 a, jo ji 3^ j8 
4<* ♦r jiv 

Mìaino yillj da' Padovani <once. 
dura agl^ Ettcntil T. Il p. 37. 

<e' Mtani è tao dado* pc'Trivigia-' 
ni r. vili p. 7f. 



gè. T. XVJI p» aJ. Ponesti df 
Triv^i. T. XIX p. ao. 74f«/»« 
Podestà dì $jeilc. T* Il p- 13. 
Pierr* qu. Giovanni ProiTvedttoz 
io Padova. *t* JCI^ P* ^ 9.^ 

S. Michele all'Adige, qluradq pre-^ 
pQsito. T. ri p« rj- 

•^ df Pelerò vil^ 4i ConejUano. 
T. il p. 45. Assegnata da' Tri- 
yigiani. J, Ut p. 40.' 

— ^ D' pirao villa assegnata ad (V 
derio. T. xr p. ijs?. . ^ 

•^ Di B4mpra villa de* Camjocsl 
ceduta a JCpnpgliafìp. Tom. I p* 
8s. T. li p. 45. Assegnata da' 
. Triyiàani. T. III p.- ^o. 

da S. Micbcle JdC9pr Cav^liei: fa.^ 
dovano; T. II f» 7) 7^^ 

Michi^li AntCruf ambasciatore de*" 
Venezi^pi a Trivigi. T. VII p.^ 
ir;.' D9mtnU9 ambasciatore' de' 
Chioggiotti a Padova.' T. IV p.^ 
T5t. ^t^ric9 ambasciatore a Pa-- 
dovi a trattar la pace con Ca- 
ne. T. yilI p. 99. Fdntinf no- 
ta Jo liodipo. de' Venczianf a sti- 
pular la Ifi^a col VisContf. T. 
XIX P. 8a. Ql9v^nì Commissa^ 
rio di Serravalle da Camino. T. 
IX p. j^. ^dftQ Giutiiperito 
Mantovano/ T. IV p^ l'sj.T* V 
p. 8. Mértbfslné da Bas$aQO. T. 
y p. 49*- Conio le. T- V p. 5* 
60, Qp. Boffngerìo da Bassano. 
T. V p. 92 9<i' Mdrc9 Conte d' 
Arba sipdico fie' Veneziani.^ T. 
iv n* ro4$(. ^ccolò C2^ diXL. 
T. II p. 9 a ir Or Nicf'fl^ di ter 
Vitale^ mandato proyve4rcore a 
Tiivigf. Tom XII p, 9». ^i?fw»#' 
Constglier del Doge ^U' asiediV 
df Chioggia. T. XV p.^ 4^ Tf'»- 
mMf0 Provve^itote dell'' esercitbf 
de* Veneziani contro Sigìsmotfd'o. 
T.XIX p. ti7. Vitale «mbaspa- 
torc a Ferrara. T.V p. rrr. 

Miganisio' GÌ9V4»»i Trivigiano. T. 
nx p. 11. 

iMìs^ti 4>jffr« jpxociU4torf d'Obizz» 



^5« MI 

<l*Este. T* Il p. 89* 
M%H<fio T9mméS0 tmbascfatore a 

Perrtrt pc» Veneziani T. V p. 

Ili* 
Migliarino Viltà del distretto di Per» 

rara. T. XIX p. 99* 
de* M^Ii B4/^«j»W/« fuoruscito 

Veronese ritirato in Trivigi. T« 

Vili p. latf. 
de* Millaniri IdtUné Giadice. T.V 

p. 71. 

Milano suo rettore della Lega Lom* 
barda* T. I p. 76. Suoi Renori. 
T. I p. ti7« Milanesi eccettuati 
neir btf amento d'alleanza di Car« 
lo Re dì Sicilia contro i Ghi« 
l>el]inL T. II p. 90 91, Falze- 
xio de Calbalo Podestà T. IV 
p. iiB* Rappresaglie contro di 
loro date da' Trivigianl a ToU 
bcrto Calca. T. VII ^. so 55. 
Volti in alleansa cogli Estensi, 
con Cane, con Passerino moles- 
tano la .Chiesa. Tom. IX p. 44* 
Sono in guerra co* Goncaglii , e 
il Cardinal Guidone pablica la 
pace. T. XII p. no. Interdetto 
^Iminato contro di loro da 
Papa Clemente y ed assolti. T. 
ZIII p. 4« Decreto del Visconti, 
che cessato il morbo epidemico 
ai debba ripigliare il commercio 
coUe Cittì della Mafca Trivigia. 
mu T. XVIII p. aa. Slegane 
Consiglieri e Rettori fra di lo» 
IO. T. XVIII p. SI* Scrivono ai 
Bellaneai scusando la sollevazio- 
ne contro i Barbavan per esse» 
xe stati ingannati, e come li han- 
no tornati a ricevere in Citt^T. 
XVIII p. 5 j. Lettera della Du- 
chessa e de* Dnchi sul medesi- 
mo BOg£etto. Tom«XVIII p. ss. 
Milanesi venuri ad abitare m Tri- 
vigi, che siano bene accolti, e 
ricevati. T. XI)C p. 150 

da Milano MhUtU$ eletto profes- 
sor in Trivigi di gius canonico. 
T. VII p. 40. B8r%9Mmih fra gli 



M I 
rópeodiari de* Veneziani alla 
guerra di Chioggia. T. XV p. 
41* Otévénmt Offiziale del Car- 
rarese. Tom. XVII p. 3. Pdulin» 
frate minore bravo predicatore, 
ha commissione dal Vescovo di 
Tripoli di predicar la Crociata 
per la Città di Padova. T. Ili 
p. x84« 

VUU»%,h da Bologna Professor di 
Padova. T, V p. SI 5«. Amba- 
sciatore di Enrico Imperador a* 
Trivigianì. T.V p. ai*. 

Millemarche Alhtrtlné Tom. II p. 
7«. Btn9 Trivigiano. T. Vili p. 
190. Tom. IX p. 147» Con suo 
fratello manda un Ante al pre- 
sidio di Ca vola no. T. X p. 175* 
B$rf9Umi9 domicello del Vesco* 
vo di Feltre. Tom. VII p. itf* 
EhtUp Trevigiano , e R4gl»M Coi- 
rò sua moglie. Tom. II p. 140. 
Jac9^9 milite Trivigiano. T. II 
p. 27* Pì«tra Capitanio di Vido- 
re. T. VII p. 159. TU9n§ cano* 
nico di Trivigi.' T. Il p. 9S« 

Milli Artutim» qu. Giovanni noraj* 
Trivigiano. T. X p. 74. T. XI 
pi x<<. Gtrérd9 qu. Giovanni no- 
taio anziano de' Trivigiani. T» 
Vili p. 16. 

da Milliarfo B9rt9l9mm99 olim Cas* 
tellano di Mootagnana ottiene da 
Sigismondo Imperatore le rap* 
presaglie contro i Veneti. Tom» 
XIX p. S7- Gtr9Ìsm9 e WchtU 
fratelli studenti in giure Cano* 
nico. Ibid. G10. Ant»nl9 nipote 
tbid. B9»àfturìst9 spedito da Bel- 
luno a Ptltre per^ acquietar una 
pericolosa bartuflSi. T. XIX p. 
lea* Mallevadore della tregua 
f^a Feltre, e il Vicatio Impe- 
riale di Serravalie. T. XIX p* 
laa. Spedito , da* Bellunesi am* 
basciatore a Venezia per la lo- 
ro dedizione. T. XIX p. i^j» 
Mitb4h ambasciatore de' Bellu» 
nesi a Sigismondo* Tobi# XlX p« 

lOX 



M I 

fi 1624 Stglsm%nÌ9 gif rinnova 
h fftppresaglie contro i Veneti , 
ed approva ciò che aveva tolto 
a Bonsembiante da Onigo. Tom. 
XTX^p. ITI. B$rt0l$mmf cGlrtm 
Ismp Sfioì fratelli. T XIX p. ut 
Csierins sua moglie figliaola di 
Pietro de Agurdino Bellunesi. T. 
XIX p. ni 7X2. MccoU notajo 
di BelJoBO. T. XIII p. io. PsoIq 
presente in Belluno. T. XV f. 
2^. T. XVni p« 4* Del Consiglio 
di Belluno. Tom. XVIII p. r8. 
Zénnm»fAU Caflcelltere delia Co* 
munita dì Belluno, Tom. XVIII 

. p. IO. 

de Millio Jnfmi$ Oratóre del Vi- 
sconti a] Signore d' Arco. T. 

* XVI f. 140. 

de Minuliano c^n^i promette al 
Patriarca pel Conte di Gorizia. 
T. Ili p. 4. tfin'o. T. IV p. 4. 

Miaato MàtfM defia Mona. T. IV 
p. ,44. 

Mincio fiume: gius della pesca 
conceduto in feudo dal Vescovo 
di V^erona agli Scaligeri. T. X p. 
i5$. Vien passato dall' esercito 
del Carrarese. T. xvn p. 47 
45. T. XVIII p. 11 51. Il vi- 
sconti testa di svolgerne il cor* 
so per torlo a* Mantovani. T. 
XVII p. 75. 

Mini GlQvs»BÌ da Siena presente 
in Bologna. T. XIV p. 69» 

da S. Miniate Pietf qu. Pietro pre* 
seste in Venezia. Tom. XVII p. 
210. Zev eletto ptofessor dì 
Trìvigi di gius civile. Tom. VII 
jp. 40. 

Minio Lueé nob. Veneto qn. Vet- 
tore. T. XV p. ip. 

di MioUano G'fvsnni Signore pre* 
sente in Torino alla pace éa i 
Veneziani e i Genovesi. T. XV 

Mira viilagglo sulla Brenta. T. XV 
p. 38. T.ftix p. IO. Del Pado- 
vano. T. XVIII p. atf. Porta ou 
Tom« XX. 



M I i57 

sia Bova della Mira. Tom. %IX 

p. 17. 

Miran Tilla del distretto Trivìgia- 
no. T. XV p. ;8. 

Mirandola Castello de' Gonzaglu» 
T. X p. 144. 

dalla Mirandola Signori aderenti di 
Bernabò Visconti sono inclusi 
netta pace fra i Piiocipi della 
Lombardia. T. XIV p. tf j. A- 
derenti di Niccolò Marchéie d* 
Este. T. XIX p. 9j. Fré»fitsc9t 
Gt««4i»»i Capitani de'GrasuIfidI 
Modena. Tom. IV p. 200 ao8^ 
Otsc§m» creato xavaliere in Ve- 
rona, quando fu presa da' Ve* 
neziani. T. XVIII p. do. 

Mis NtccoU Boemo. Tom. XIX p. 

lOI. 

Misco Castello di Gerardo da Ca- 
mino avuto in feudo dal Patri- 
arca. T. Ili p. X7i« Avuto in 
feudo da Gerardo da Camino 
dal Patciarca. T.IV p. 78. Mer- 
caro di S. Maria. T. XIX p. 144. 

de* Missiri ollvUf Console deTri- 
vigtani. T. V p. 146. T. VIX p. 
90. T. VIII p. 129- Eletto a ri- 
veder la mostr» de^ pedoni. T* 
VII p. jo. Anziano T. VII p. 
91* Sapiente. T. VII p. xo4«Ma* 
dario. T. Vili p. tf j. 

Mitifoco Giéff9 Trentino. T^ II 
p. 17. 

Miulitis ser Ett^rt sindico degli 
Udinesi a Padova. Tom. XVI 
p. 81. 

M»c§Mie9 Visdomioo del Vescovo 
di Feltre. T. Ili p. los. 

Moceoigo FruAcf JC0 Podestà di Tre* 
viso. Tom. XII p« 7S* OÌ9VénnÌ 
presente in Venezia. T. XVIII 
p. 88. LAxAér^ Podestà di Tre- 
viso. T. XIX p. 141* LfwsriQ 
Cooa^liere del Doge. T. II p. 
il ^^* Pletr* ambasciator elet- 
to ad incontrar il Re di Cipro. 
T. XIV ^. ao. Egli è nell'eser- 
cito ali* assedio di Chi^gia. T. 
R XV 



ift M O 

9tV ^ |tf. i^tat Cottsi^et del 
Do^e. T. ZV p. 4?. T%nuifkSQ 
^wcWnnn ti! 9. "Matéo «nbb. 
sciatore t Si^^smondò lA'pcrato- 
re. T. 'Xl'^ p. «^ Ddge 4i <^è. 
flctia. T, XIX p. S'è ta 'S9 91 
«fc7 tifi "kt^ Vij tT4 «tVs 'ni 
t24 ia?j Y^7 nt "1X9 i^b 135. 
4lb Moèfì^b "bioifOim: ìjV. Vettore 
Chtadino \e botalo ifi T!fin^.T. 

Mocc<» % jytDccufthè Casierti in 
Zittii ^ttsì iti ^ìlMi dìi' Véne, 
idatrì nella ^a<;e ìfol Patriarca. 
Y. icv ^, ^» 97. t^n Tvnl^lresi 
Ì)eì trottipfoiiib^ 'fttto oel flipa 
da* Vciheciaiii k Al ^rhrrca 
fA le difl^refl2« idprà i' Isti^. 
T. XV p. 100. 

i^deha^ Septrìitii dfellk l^è^a Xtf ^. 
MrdW* T. I p. ys. Gi%^lmo 
^fò Vescovo. T. t ^. hof» S* n- 
MfMre ifi legìa Vd* Tf dovici , ed 
altre Cfftì coKtJò i VèrtnhI. T. 
TlI ^.^031. 'Ì(o<reti6s! còme 
ìin^ti Iti CanipctmXe <Mmò cote* 
piésì fucini ^patc ¥ia i)tt«to e i 
Padovani. T. Vn ^. tf« «3 «4 
6^. Offtgrtlndfe è tyi tcrt ^tio e- 
sctcìto a fi[ceò%\iei gc'rfti. Yoxn. 
Vii *p. tfi, F'黀tif dt* Bòna- 
colsi Sig. di Mèdena. T. ik p. 
4^. raVtfi/ft* ìiiif{terador Wca T«. 
«crino Vicario dell* In»pcro in 
ikodWfà, T. TX 'p. ffir. Middenk« 
lentAno nelta -^e^ra Wnérò 1 
Gonzaghi, e nella ute,vfÈ. ptd>li- 
fVftì d&I Càrdinat Guidòrfe. T. 
XII y. %f ò. Sue àmtttiut co* 
%i|!bdri ^* Pii ìdiimi Mr«ridóHi. 
ir. klV ^. «^. ÌÈntAttò nella le- 
]ìà delr!!stctf»e e del Ort^*è?e 
toAro ^ Vtìcdhtf. T. XVU ]p. 
>V • ^ 

m xft6d«il!i "^éhlitmk giiitiicè In 
iWb^o. ¥. Vlt >t>. >t ^^ X5io. 
1li<:fe ?ie11e diffcreni» 'fesi i 'ftivi- 
sitM % il VekoYÒ <fi Toi««lllQ. 



MO 

T. IX p. T18. Elerto a eompf- 
lat gli atatsti. Tom. IX p. 1^9. 
Kjcefcmto da due ftatelK Cbmi- 
o»i yèt avvocato. T.IX p. 139. 
Giudice eletto da* Trivigiknl ad 
esimiate f dilieti de* Caminesi. 
T. X p. fjif. Giudice Bìpieme* 
T. X J^. 153. Mtnd» «n -ftinte 
«l presidiò di dvolano. T. X p. 
174* Maesttò Géìrénlb fisilfo kbf« 
tftrte ili Trivi^. T. fX v* ^tf- 
^rtf]p<i Canonico ^ tJdtoe, Té 
XV p. i*i%. -NrècoU ^bib del 
Toderà -di Verdnt. >9>vrnt« T. 
1* .p. ^77 '• C^*>^» OifKfice 
assessore in Treriso. T. IX p. 

Xtodofetò ih Frinii-, ti fìeneaoTot» 
Joquio dalla Contessa xli'Gòri. 
afa », T» daTtiatahi per diftndei^ 
9a<^^e. T. XI p. »3 av. 

Moiggftaftio presio Trivigi , iào ^o- 
njftten»*, ^ui finrico V. ttnpcA^ 
dot qonferma i beni. T.I p..i}« 
Villa 'Wl rrrrigìano, W ri X3d- 
ìTivne iH TnVisi ne ^ddanA gli 
ìioitìim « difènder la CittL T. 
VII p. TI. Mand« ^SAtatòn a 
Mastfbò. T. XI ^. 3<i. Abblrucia. 
t^ nelh ^erta tfa*Venéuanl T. 
XI p. 7». «e*V*Dtrtltri diel Tiìvi- 

. ijiitro. T. XVI p. <t^4. 

Moggio. Bertoldo Abate T. V p. 
rr». MtirArsteA)» 'Volhi di ^a. 
pa 3enoidHò ih s05 favóre tper 
TTeupdfafe i beni aHenàti. T. 3M 
>. ^9* IPt. Giberto A^ate ^ in 
comj^tìfffiti Htl Fatrrarca Beman. 
"do. T. X^ p. s*. 't^'ìn ^inc 
al general parlamento del Friu. 
li. T. XI ^. '5 J. %* il Sfen Vite. 
T. XI p. s 6. E* tTòIme^àK» volTa« 
friarcft ÌSettrtndo. T. XI p. 8^» 
Abite titeòxtiitì^ito ;d«l Car. 
xafl»e Wi CÓtchitàik 'ÌH Vdioe* 
T. XVI p. 6Z. Bolidi Aiate. T. 

xVi p. jji. V. xvn^.'4*«*ft- 

d! Àtate VitaHò gihehfle tiel 
PWfllrct d* AqùHcJa «crhre igl? 



Odinésl. t. XVW p^ i4* 
^ MdJrtòbttch Fèittìe* PuJthì- 
gak> Conte teuiinòoto t Mona* 

tÒ. 1*4 IX p. «1. 

44 ìAo\ef\é\Ì6 t^ét^hélio procurai 
ttfr« dt* THHgiam» Toift. I p. 

€e* Malinl ^/isr^ t^u. Antvm^ da 
fluftio ptcseitte in t'itiTtoé l*. 
itV f. li. 

IH p. 124. MnirhU ^nShtiìénó 
ftiggftò fli Vènttfà a Triyi|»ì è 
tte«»tìito éà* Vtwsthtih t. Tilt 
K i04« Èflntintt Cotfsiglkre del 
Dùgt. «yrfi-M. T. XI p. t4 >5rf 
Ffocaratoi di S. Mareò cirtan. 
«la in inahò de! Vts^ovo 4i CH 
i!t*« ! fthdi Cattiiwsi. t. *Il 
b. jò. t'ffjfi-o ^Pode^ di Koale« 
T. Xìtl p. »T. Fìn^# cTcttdSlw 
tio ad estminat i patri ^o*Ctir. 
rarvs). T. XII p. 5^» Pniy%ets6$ 
tkJTtrtattrt dctP esèrcito dè'Vc- 
ffbzi^ni Iti TrivJgl T. XVTII p< 
«^. /j^f#-ptoctiratùire di AKa* 
Ybre Ihdóet t*6ftttò n X^biMoc 
fff ttivigj. Ttìtn. IH p. t4. ^cr 
i/#r;»* *ontt$tab!lfe «i ptdbtó in 
TrivIgi.Y. Xti p*5. Marco nob. 
^enftto mandato ad Ocìago a ri* 
cotaolccre nn« rbetn dtfHfe Kren- 
fa. Tom. XI p. irs. Brattilo di 
stt: Bfeotdetto Ihpotttditotc a 
TrWgi. t.Xrt p. 93. Sud prov- 
Vtdìfflcnti ptr la Aaggiòr difesa 
d\ Tttnfò , di -«errttal^ , &i O- 
dcr£o, e di Asolo. Torti» Xlt p. 
>j. tbtììùiiwìOtWtò di prtjeHflh. 
Hi poWcht »rtrrtt^l^ft»aest^df 
Tri? igi. t. ICtV p. 4». tip. Ma- 
rinò Frbvvtdifcj* io fcéovt. «f*. 
XtX p. •« ^. Còffilglfert.f.^IX 
p. (1*5 'i-25.)>AWo «m*?j{1?tre del 
f)oge. T. li p. 7«. T. il p. 9V 
MolaeHib Citate^) 'i^l rtètftmb,t. 

^v p. rro. 

Mombartihtorit ^Dtftfcìlo , dal tttaa- 
te il Marth^st '4* %«fcc 'r)ttt% le 



Mei ^ ii§ 

sue gcàti. T. jnìl p. 7t. 

de Modiplatio fit»*/;ai vrcactanòii 

T. rv p. i9«. 
Moftato Hì^MU da Bptogiia étet* 

(o professore in TritigI di gios 

Caoonkro. 1*. Vii p. 40. 
Moaaatetìo di (irò Villa del fri. 

Wgfaoo , e tua taogtnte di coU 

te. t. XI i>. 74. Ved. TìSùi 
^oflestìer Villa assegnata a Cas« 

teffranto. Tf". XI p. t j9i 
Bioi)del!o Ofsr«9»;i»a 40. Beìloh» 

Canerfliete di Betnabè Viseoqc! 

T. XIV p. do. 
Ulondhlo Pdtàvlmé t{iu traAo ven* 
. de tio terra mento t una casa 

posd Ad Castello il Conrane di 

Bassano^ T. IV p. tfo^ jKfiaf^é sua 

«lOglie, T. Vip. 61. 
tk Mofieginis mMh figfiaolò A 

attorte irtafìtovano. Tom. IV p» 

tfrf^Monelf^l rvitlo di Kanlno Ch* 
tadtfto di Bologna e tiotajo. 'f7 
XVII y. 9«. 

MoAeta fmptriile. Tom. lo. ttf. 
Orossi Venetiairti. ^#H«. T. Vtt 
p. »s 1* 2* 3^ 3<» 3^ 34 3$ 
'3^ 3^ 4» 41 4«« Bfgattiot de* 
TritigiaMi. Bianttó VWietlani.T. 
Vili p. T^. Mohtta p!cct>Ia de* 
Trivigiafli. T. Vni p. «1. Mone- 
ta jd* Atjofleja di ^"^^ ftttovf. 
T. Vin p. T»a. Moneta hiiova 
d! ao pfcofi de* Ykivfgiaoi. T. 
X p. ti7« Moneta duova tuo 
^atertia|fio co'Jfiorirtl df*Oropin« 
*o i «Trifigfa'ft'r, Tom. Jt p. 14^. 
tft^Wfta fiiioTt Veneta di ts pu 
Wli ^ H\ Yx. tìanrti t^ff di 
tnasaNlm, « niMretfe 'HiVe bandi- 
te da* TrfvfgìHh!. t. It p. rtf7. 
S monett ftaova a XX. x. 1t p. 
i^. fi «flonvta Utettanini, è Ceno. 
%1ell!. t. X p. 176 17». Itone. 
** Vfehblpit. t. ItV ^. p. ^o. 
c»^ fbrtfitieUc IraTidftt «al Car- 
rarese da tatto il %irO stato. T* 
XVt p. itis 11^. termite ch# 

ti M i 



M9 . M O 

1 fbrettieci ioli posstno f^4e« 
^e il soldo Veoe«aiio , e il soU 
^o Ungaro. T. XVI p. ii8. Il 
CaixArese sttbilisce il valore dd 
dncato. T. XV p. i2i. Moneta 
Padovana. T. XVI p*,'^'* Altra 
^rìda in Belluno intorno alle 
snonete. T.XVI p. js4« Mone- 
te vecchie di bassa lega clita- 
mate dal Visconti alla Zecca di 
Verona. Tom. XVIII p. 8 9 io. 
Monete false proibite dal viscoo* 
ti T. XVIII pr la. Editto del 
visconti, con coi diminuisce il 
\a1ore «? grossi , a* duodecini 
« a* sesini. T. XVIII p. 14 16, 
Grida del Visconti in proposito 
di nfla moneta chiamata tcscio. 
lì. T. XVIII p. 45. Ved. lire. 

>loofaIcone; Vicalco detto Guaspe- 
ce) Capiunb pel Conte di Go- 
rizia. T. VII P. 8. 

^i Konfexfato Marchese eccettuato 
neir alleanza di Carlo He di Si- 
cilia contro i Gliibelìini. T. II 
jw 9u (7ì0t<i»«i Marchese Papa 
Clemente ^li raccomanda la pa- 
ce della Lombardia. T. XII p. 
77* Il Marchese come aderente 
del Duca di Milano entra nella 
Lega co* Veneziani «ontro Sigis- 
mondo. T. XIX p. ««. 

^lonfìiino manda guastatori a Mas- 
tino. JT. XI p. 21. villa assegna- 
ta alla ^Vodcjiuxia di Asolo. T. 
XI p. i;9. 

4a Monlpflìo famiglia nobile Tri- 
vfgiana, che abitava fuori del- 
la Cittlu T. X p. 119* Bùuìfmeh 
sai lite. T. V p. iitf. B$mfrdverjÌ9, 
« suo fratello £g!iuoli di Drnso 
Autori de* Castelli contro il Ca- 
jBnocse. T. 11^ p. los. kimcssi 
in Patria. Tojti. Ili p. lotf 107. 
^ Jhmt9 riceve comando da* Tri- 
"vìglani di JMdare a Verona a da- 
* «e il cambio a Guamerio da 
'dstelcuccio infermo. T. X p. 
«7^ Chttàmmi qit. Bruto ùedi- 



MO 

fica il Castello di Moafomo, 
sna i Veneziani comandano che 
sia distrutto. Tom. XIII p. 78. 
Guectlh qu. Bontraverso manda- 
to <aUa difesa di Asolo. T. Vili 
p. ni. Licenziato, p. Ta8. £- 
letto da* Trivigiani per accom- 
pagnare il loro Podestà a Mila- 
no. St^im* T. iX p, iStf. Elet- 
to sapiente. T. X p. x^^r* Man- 
dato da' Tsivigiaol air eseiciso 
di Mastino. T. XI p. H- TrJtv$r^ 
jI§ egH « nelt* esercito de* Vene- 
' ziani alla guerra di Chlog^ia. T. 
XV p. ss. Sfedito ambasciatore 
de' Trivigiani «1 Duca Leopoldo 
T. XVI p. .5j. 

de Mongrasso Otf»ii»$ prigioniiero 
di Castracelo nella battaglia con- 
tro i Fiorentini. T. IX p. 91 

da Monigo BMj^vtmuf e Sttfsm» det^ 
to Denatio ribelli de* Veneziani. 
T. XIII p. 67 ^8. J>9me»Uo Sin- 
dico di Trìvigi per difendere 
la giutisdiziojie del Comune con- 
tro Filippa Dolfina. T. XII p. 
la. e segg. Gt9vanȓ SifldlcO de* 
Trivigiani a confermar la pace 
con Cangrande. T. Vili p. ras. 

' Not. ambasciatore a Venezia. T. 
Vili P. rj^ i4a 14* i<53. Tes- 
timonio in Trivigi. T. IX. p. i8« 
Anziano de* Trivigiani. T. IX p. 
70. Giudice a render ragione. T. 
IX p. Ila. Savio. T. X p. itf8. 
T. XI p. X78« Manda un fante 
aJ pr.esidio di Cavolanò. T. X 
f. 17$. 

Monimisia deUa Diocesi Vicen^na, 
Brune» Chierico della Chiesa di 
S. Biasio. T. IV p. ^tf. 

Mooleopatdo Castello consegnato 
da* Trivigiani per ostaggio al 
Vescovo di Feltre. Tom. III p^ 
los. 

MonseUce Castello conoeduto in 

feudo da Rodolfo Re de* B^o- 

jsani ad Obizzo d* Este. T. HI 

p. 8 S« Sotto Padova. T. ^ p. t^ 

Sta- 



-étitnto cTe Padoi^an! fntbrao' ài 
fodtstì, T« V p. 12$. Occupato 
^a Cangtftùde^ T. YIÌI p. 89 9Z 
RimaAc in potere di Canjratirfe 
àella pace co* l^adovani. T.VIII 
p. 98. I Padorvani lo sottopon- 
gono zììt protezione <tì Federico» 
Re de* Ronran?, Tom. Vili p. 
i8tf« Gli Scaliicti hnpongonó utiar 
gravezza; T. X p. i tfa^ 
dà Monselice Mh^rtlné Canonico 
iti TnVigi. l*. IV p« 1%. A9t9i^h 
CéUnri§ FM€ì»9 giudice di Pado- 
ta. 't* III p.' %\ AnunU Cano« 
irico di Verona. Sfrim, T. VII 
p. 98 100. Bimsl0 giudice in Pa« 
dovak T. in p. 100. B^rflétml» 
^u. Guidone notajo. Tom. X p. 
142* ChieTegàx,\9 Capitanio del 
PodeKÌ di Creinprta. T. Ili p* 
1% ile Maestro FHÌ^f9 cfu. AI- 
berto testi Qìonro in Ferrara. T, 
IV p^ 81. Gmid9n9 Trivigfano» 
T. Vili p, ij7. Guidot^ creato 
Cavaliere dal Carrarese alla-pre*. 
$a dr Vcrorttì. T. XIII p. sy. 
/4C0/r» dil'odesco gfudice Pado-' 
Vano. T. Ili p; ^a. LUhm* mo^ 
glie di Tonibolcdo, Tomi. U p. 
I4l.f 

éella Monta Pletr9 Capkanio' di Ro^ 
malìa T. VM p. itf<y. 

JloDtagnàna conceduta da'pjkiova- 
ni agli Estensi,- T. Il p»37. Sot- 
■ to Padova^ T. V p. 14, Statuto 
de* Padovani intorno^ al Podestà 
T^ V p. 125. Rimane in potere 
dì Cane DelU pace co^ Padova- 
ni. T. Viti p. 9%. l Padovani 
la sottopongono alta protezione 
del Re de* Romairi Federico.» T. 
Vili p, 18 5. Difesa da Giovan.* 
ni' d* Azzo eolle ine genti. T. 
XVf ^» ICS. Bartolommeo da 
iriliafia Bellunese Castellano^ T.^ 
MX p. $7. 

da Moncagnana Aixtng, T. IIT p, 
' Itf. Pittf' Atto Cavaliere in Ve^* 

* ma^ dal Cartatcse. ^. XVIII 



M O t4t 

p. M4 

Montagnone ceduto in catn^io ds' 
Padovani a* Vicentihr. T. II p» 

da Montagitohe Fmhéné, t Ai^tà»i0 
fpo figliuolo, suoi crreditf col 
Comune df Vicenza. T. 11 p. 
i»s. 
dtf Montalbanò Cttfsdié» di Coìie* 
gliatK> del Consiglio. T. XI p. 
isr. P$nr9 de Calessio tescov» 
T. XIV pi? 55 j8. Commissari» 
ài Carlo Im^peradore. T^ XIV p* 
tfi. ?/«Mr;# ambasciatore de* Co<> 
neglianesi a' Vcnezianf. T. XP p. 
85. Cons^Iiere. T. Xl p. fjr. 
Jtut9UBé\ e Chtàé^nrfrstteMì ciu» 
. Jacobino presenti aduna seiTt^n* 
sÉa dcf Podestà df ConcgUano. T» 
XI p. i8j. 

da Monfalto £ri9»4nfo dot^ dtfcg-» 
gi ambasciatore de* acrfovetfi a 
Torino. T. XV p. jj jox 107» 
Arbitra di alcuni Capitoli dell« 
pace fra i Venezianr e 21 Carra- 
rese. T. XVI p. 9. 

da Montanara Óékri^U e Gétt^tU» 
Ved. da Camino. 

MémtéMMU Giudice di Trivigi f^ sua 
contesa co'Coiieglianesf. Ton». I 
p. 40* ' 

Mentano G^idf C^ttotàc9 di Vero* 
tfa. T. Ili p. istf* 

Montaono del FadcNina. Ttoin. V p. 

à* Monteberto féitrU^. T. Ut p« 
18 j. Gtréfdp Viéentìno* T. Mp* 
T02. Aoziano» p. 10-5 i»7» /<•• 
*f/rr giudice Vicentfno* T* III 
pi 87. Jét09pìn9 deglf Sci9>i Ca« 
flonico. T.;^IV p. 9tf* 

Mofitebelluna) gì! aitanti rfcev^flo^ 
a livello il Caateila dal Vescovo 
T. t p. AI. Un Capitanfa e sei 
custode ffel Castellò del Zirone.. 
T. T p. i$4« BsoscUa d» Cusi.^ 
gnana sopraccphaoio del Zirone - 
T. Vt p. air l*avorf £itti da" 
Trifigiani nel Castello. T» VII? 



f. f<:2. RinfdrEano il presidio, 
T. VII p. i5t« CapiUBÌ il Con* 
tt di BuifiÌ9M« e io 4i Itti Ino. 
go Alberto di fteprando , e Ga« 
^riel «Ti Alpa T. VII w, léo. 1 
Tii?}gìd«i pcoibiscofio 4i andare 
«He ncsze di |ttz9lcdo et Ca- 
alino in Fcltre. T.-VllI p^ 41. 
Sktridoci ftttt da* TsivigHMm T. 
vili p. ««• Tiranntggiaia «U* 
Capitani M Castello. T. IX p«. 
)a. Cftpitanlo pe* Trivigjaai. T. 

IX p. i^a. ITiivigiaftt tratttìio 
dì disttiifgeilo pei ^k violenze 
€hc ibctva it CapitaiMO di caso. 
T* IX p. f4a. Diaocdiru e 
€nM^ dal Capitan» ithfcri. 
te a* distsitMalt del teitko- 
i» TiivisÌMO. Tool. IX p. 144 
145 147' «SI 15* »55 iStf >S9. 
Due »«aij <^ texia dati a Gn* 
fU<l»o da 09Ìf9 pef comoMs- 
sione del Re di Boemia. 1. IX 
p. S4'S. Il Cepitefli* non osaer* 
ve i cttisaidaHUBti del Re» e 
seguita a laolesttsei distitttoali. 
T. iX p* 1 5 9« li Re di Roemta 
$r impone eh» tetenei ti (écèba 
dft ogni viodciua. T. tX pw itf«a 
]^ ftabiHio d» limuoveflk dal 
suo offisio. T. X p. 3. NtMve 
kignnnar d«* Tiwi^afii e^^oste 
al Re per le sue violenae. T. X 
ff ì 4p Dm* tn cMmdi» ad S» 
fico 4i Rotemburch. T. X p.4. 
iiKe nccoman^ a'TmigÌAat um 
c^ligrnie cuaMia del CasteVlo. 
T. X p. i8. I Tfirigiarni fibBOO 
istanza a) &e^ pescbè sia dis* 
uniK^ il Castello, e in sua vtse 
xiedificata W M^otc», diCoeosda* 

X j^ ^ ax M li 14* Vfolowt 
fftmewm dn Al^nb Capkanio. 
T^ }| pi. a.>»4 K< Tecie posse. 
diift dft Rambtldio Ti>v]|ìaao 
pretese 4» Alunio. T. X p» aj* 
I Trii^itaì ^MMf^ isatofta per» 
che & xMMiso. Tom. X p» 24. 



M O 

f rcaMlata dalle Ville d^H qo. 
mini del Montello pei ordine 
de* Trivigiani. T. X p. 53. Pie- 
ve manda guastatori a Mastino* 
T. XI p»aa. Softre molestie dal 
Cairarese. T. XVI p. 7» 

àtt MontefeUiHka BsrfUmwt*9 am- 
btscktox de* Trtvtgtaiii ni Duca 
d' Atistm. T. XVI p. i^ J4e*fa 
notaio 90. Pietro Tortello Citta- 
dino di TfivigL Tom. X p. 6|* 
P*«U incolpato di voler tradire 
Tifvigi. T. XIII p. <i. 

dt Monttcstino X>im4 glodiee oYi* 
carlv del fodesà ài Tre? ito^ T. 
IX pw «4* JiU0i^ dottore abi- 
tante di Ferrara. T. XTII f.ÌS. 
sindico deU* Xsteotc a Venezia* 
T. XVII p. 5»9. 

Moatecaalo Villa de* Signori da 
fogltanOb St§vis, T« X p. $9* 

lionteekitco sol Mantovano. 7* HI 
p. loh Caia detk CooMMianza* 
T. lU p. 5^. 

liontecbiafo in Toscana, dove Gas» 
cruccio vinse la batcnglia. contro 
I Gudii. T. IX p. t8 9»* 

dm MontecKìaxoAftrMciki»0 Brescia- 
no» T* IT p. i9a« ti9» ^ 

de* Montecchi G*'Mn§ anziano del 
CoUegio de* nobiH di Trivigi^T^ 
V p. iQ>« Giudice. T. VI p. ti. 
Del Consiglio di Tiivigi. T» Vltt 
p. tfi. 

da Monceccbio nobili, aderenti di 
Niccolò Marchese d* Esse. Tom* 
XIX p. 93» M^nékctunU amba- 
sciatore de^ Parmegiatù. T. Ili 
p. yx* Gsl^»g*é cesti mooio in 
' Felfte. T. XI p. 9^* Tommasino 
da Paron Podestà di Verona. T. 
XlII p. 12. • 

Monte - deserto bastitt in Val d} 
dobiadene liparau. T« XIX p« 
117. Ordine che gli uomini sia. 
no in pronto per resutefe contro 

> i nemici» T. XIX p, itt. 

Monte jDMflsr;* Tfiiriskmo. T. IX 

^ 



M O 

^ i#. 

da Moate « fìascono Brunttc^ Vi« 
cari» del Fodcscà ^ Vadosa. T. 

da Mpnce Fo^iaao C7k;4« Bodestà 

di Vadovq. T. II p. jo. 
Moacefofte^ Pa questo luogo Al- 
ÌMfto dalf* Scala sccìvq ufia let- 
tela a' Tfivj^aal T. X p. xsj. 
di Montefòrte- Guglltìmt Conte pas- 
ta il Fo coU* esecctto ioipertalc, 
e fortifica borgo di S. Donnino* 
T. iX p. 90. 9f^n^ Conte 2Ju 
di Leopoldo Duca d^Austiia da 
kf mandavo in soccorso de*Tti- 
vigiani. T. XVI fu 4> 54 SS» 
MofitegaMa, e Monttgaldella beni 
òt^ f adovani occupaci da* Vicen- 
tini per debiti di quelli. T. V p. 
151 »5«. 
Monterà Ida : ivi s' era accampato 
r esercito de* 1 adovani. T. VII 
P« »7f 
Monteganp fiume. Tom. I p. 7 f • 
Presso Conegliano. T, VI p, 11 
14. Esercito de* TriWgianl ivi 
sconfitto. T. VII B. ij$. Fiume 
in Oderzo. T. XJI p. ai. T. XIX 
p. ij7« Alveo di Fiume presso 
Oderzo, per cui scorre la Piave 
in una rocf^. T. XIX p. a8, 
Mofittgranaro ut Ila Marca Anconi- 
una venduto da Antonio Aceto 
• da Fermo t Conte da Carrara. 
T. xvm p. 4i. 
da Montelongo Or»g9rt9 Caaootco 

di Verona. T. Ili p. is^. 
4a Monteloro Gersrd* mandato a 
Trivigi dal Cariareie. T. XVI 
p. 7 t. 
lioMctlo: uomini dcUa Villa ob- 
bligati da' Tcivi^ni ail^ Custo- 
dia del CasceHo ^i Hoatebcllu- 
na. T. X p. sj. Nel distretto di 
Triv%i: Catello di Selva di 
gittiisdiaione delT ab^tt di S.B0. 
«a di Vidore T. XU p. ija i44 
f4ft Condeac 'molte vUie del 
TrìvIfiaiiQ. T. XVI p. 7g Plesso 



M O ' a^t 

Matve^a 9 U BttVe^ T. XVI p« 

da Mootello M4rf9U0mm ootafo di 
Triyigi. it$ri4» T. IX p. 17?. 
Ji^mAi^» pfictf tttdifiore , che ten- 
ti di tot Asolo a' VfsuQitani pei 
darlo agU Uogheri. T. XIX p. 
1^7. vhiu»% tkitìx «aviou T^ X 
p. ttS. 
da Montemaggiore Gasf^ifé ^ignoc 
' di Villano Salletto presente la 
Torino» T. XV f. 7t» si sotto- 
scrive io Tpriflo alla pace de' 
Ve«c«tani. T. XV p. ita. 
da A^OAtcmagno rftrrjhdf Bodatà di 

Padova. T. IV p. 6}, 
da MontemartioQ Emt^tltrh 4a Pia- 
cenza eict«> piol^ssof in Trivi» 
gì di Fisica. T. VII p. 40. In- 
^to alio srudÌGu T. VII p. 4tf. 
Bisico teacimooio in Trivtgi. T. 
IX p. 19. iV4cf9n*9f aostano 
Triv^iaoto. T. V» p, J4. jGiudi- 
ce in' Trivigi. Tom. IX p. 6S. 
Shtìs» T. IX p. -is9. T. X pu 
IO. Ambasciatore al &e di Boe- 
mia. T. X p. 13 >^ Testimonio 
in TrivigL T. X p. 47. Giudice 
del Consiglio di Treviso. T. X 
p. 71 7$ 7^B Aouaao. T. X p. 
lo. Silvio, t, X p^ itfi. Apiba- 
sciatotc t' Veoexiani. T. XIÌ p. 
J4« Os^iMm» sapiente in Tfivi- 
gi. T. VII p. IJ3. 
lionttpaorlo Castello sai Padova- 
no, t* l^V pu I3a 133. 
da Moòtei^erlo ^/«du/f partigiano 
del VtSiCQnri contro il Catatoc 
rimesso i(|. patria Ofllla pace. T. 
XVH p. s s. MérMi «veva il€to« 
do 4^Ì6 decime di Basaan9 , Ao- 
garano , e Cartigliano. T. Ùl p. 
if $7 f4i. P^lms ed Àdàlitfs 
sue fiflliook. T. HI p. $7. <^n. 
Miido bandite da' Padovaiu per 
publici debid. T. IV p. 10^ 230 
Tocmano procuM a Marcio Sor- 
2i^lfi jpet xioiioziare al Vescovo 
di Vicenza ogni loro diritto sul 
K 4 ica- 



^<J4. M O 

feudo delle decime. T. IT p, sp» 

Montepulciano tolto da' Senesi a* 
Fiorentini. T. XVII p. stf- 

da Monte regale rtr^é'i»* dimo- 
rante in PoiEfa. T. XII p. tfi tf s 

da Mpnteregolo Gtlfeber» qu. Pie- 
tro Sacile$e. T. Ili p. 24. 

da Mootesella E»rlc$ oot. procu- 
ratore de* Signori di Porzia. T. 
" p. ^. 

Montcsellt Villa de* Camioesi et^ 
dnta a Conegliano. T. I p. 8$. 
T. II p. 4S. 

da Monte Santo Conte cr^Mf tes*' 
. timoflio nel Titolo. T. XIX p. 74. 

>Ionte Viano Villa de' Signori da 
fogliano. Sfris, T. X p. 89* 

da Mondcella BsrfUmm^o Console 
di Conegliano. T. I p. 4> 4^* 

de* Monticoli Jnires ambasciatore 
degli T/dinest a Venezia. Tom. 
XVI II p. 91. GìovM^nl alloggia 
in Udine il Vicario del Vescovo 
di Trento. T. XÌV p. a8. 

Montiron Villa assegnata ad Oder- 
zo. T. XI p. i?9. 

Mootona Caste ro prercso dalPatriar- 

ca d'Aqiii'eja contro i Veneziana 

T. IH p. la» I7J fino a i^a. 

da Montorio Btrìé Veronese. T. Ili p 
2j. Stnt»9 Veronese. T. HI p, 
4o^ Bu§M Giudice e sua fami*' 
glia VeroOese fuoruscita ritirata 
in Trivigi. Toro. VIM p. iac# 
M^ntsnsrlt y e sua famiglia Ve- 
ronese fuoruscita rkirata io Tri- 
vigi. T. Vili p. i*tf. ' 

da Monza SnrU$ <\ìt. Grìmaldo Mi- 
lanese. T. IV p, 129, 

de Mora Jsco^p testimonio a uo 
diploma di Federico Imperador. 
T. II p. ir. 

Moradeca sul Veronese preso da 
Veneziani. T. XVIII p. 58. 

de Morano £«^0 milite. T. VII 
p. «». 

Moranzan preso dalCanarete^ ma 
lestitaito a* Vcàeutni. T. XV 



M O 

di Moravia cudtct Marchese ; sv* 
lettela al Carrarese. T. XVII p, 
9. A i Veneziani in fevore del 
Conte Morando di Porzia prigio- 
niero di guerra. Tom. XVIIp. ro. 

M9rgd»tsi§ , sindico e procuratore 
de' Trivigiani. T. II p. 14 i44» 
Giudice, ansano, e ambasciatore 
de' Trivigiani. T. II 'p- 7Ì 84 

Morganesio OlivUro Gtodice Trivi- 
giano. T. II p. 24 27. 

da Morgano MféritU Trnrigiano» 
T. IH p. 74* Oì9Véa^Hl amba* 
sciatóre de' Trivigiani a Venezia 
T. Ili p. 77. Scacciato da TriL 
vigi co* Castelli. T.vlll p. fo*. 
T. VII p« T2« r^9^ Rimesso in 
Patria. T. Ili p, i©<. 

de Morgano FiSf Trivigiano. TJI 
p. 141. 

Morg»nte VIvìm» da Veneua mac» 
china contro la vita di Guecel- 
lone Tempesta. T..IX p. iS3 iSS 

IS7. 

Morg^ngrab di Pomint dalla Tor- 
re moglie di Briqnino da Cami- 
no. T. XllI p. 73. 

Morliago Chiesa beneficata da Gt^ 
briel da Camino. Tom. I p. té*. 
Vijla giura di seguire il Podestà 
di Trivigi. T. II p. 9tf. Villa del 
Triviffiano manda guastatori a 
Mastmo. T. XI p. aj. 

de Moricio Csntm$ Tom* II* p* 
?S. 

Moro A»f»ìé qu. Jdcop* Procii» 
ratore di S. Marco. T. XV p. 
2 9« Sindico a stipular la lega 
col visconti. T. XIX p. 8a. /«• 
€tp§ Podestà di ConegHaoo. T. 
XIV p. ?2 40. Msrf Coosiglie- 
se del Doge. T. XII p. S7. Jtùtm 
r;»s capo di 40. Surim. T. XI 
p. f|. S!f»e$n§ primicerio dì S*. 
Marco. T. Ili p. i7« 1^80.. 

Morosini Kob. Veneuani avevano 
beni né* confini di Ckioggia» T. 
XI. p« €Xé MirtlB9 ebbe dalPa» 
tri. 



M O 
niarca 4* Aqisile>a alcum bòMfai 
in Medulo. T. II p. iji. So e 
contese co* Trevigiani pe* boschi 
4i Subarzooe* T. HI p. 70 73» 
e segg. fino a 84. Podestà di 
Trivipi. T. Ili p. 8r. Col mez- 
zo di un suo procuratore flicar. 
: ta di quietanza a* Trivigiani pec 
un suo credito, per cui aveva 
ottenuto Je rappresaglie contro 
di essi. Ton» IV p. 48 49 $o« 
Ebbe per cinqu* anni le Ville di 
Medade, di Medalo, e di Mer. 
degnano* T* IV p. 99» Andrté^ 
Frocaxatoi di S. Marco rinuni 
tia in mano del Vescovo dice* 
neda i fendi Caminest. T. XII 
p. jo. Cavaliere e ConsigUere 
prcKnte in Venezia alla dedi- 
zione de' Trivigìani» T. XII p. 
3$* Savio di Terra fernu media- 
tore nelle discordie fra il Vesco- 
vo e la Città di Ceneda. Tom. 
XIX p. I41- Barati Vice Podes- 
tà di Verona. T. XVIII f» 8i.' 
F4»r;90 Capieanio io TrivigL T. 
XIII p. 52 5J 5f* EYoderà*T. 
XIII p. 5S 59 «t «a $j 66. 
7odesà di Trìv^ T. Xin p. 
78 19 Sj« G^rétrd^ Podestà di 
Padova. T.X p» i9»<It»vsnni e- 
letto Savio da* VenezianL St^ris, 
T. XI p. 14. GUtiìs»»; Zé»éu$ls. 
ambasciatore al Sig* di Padova. 
T. XII p. tf9* Ttenc dispensato, 
e io suo lnc^ elcno Marifi las- 
quaii^o. T. XII p. «^ Podestà 
di Tnvigi. T. Xn p. 118 aa» 
14S. Consiffiere. T« XVI ^» 70. 
Offiziale tUe nton vecchie». T. 
XIX p.'i|< 140. Gujfrtds Podes- 
tà di Asolo» T. XII p. S5. /4r«. 
f Vescofo di Tof cello. Papa 6e^ 
nedetto gli dirige il Breve per 
ajsolvere i Trivigiani dalla sco- 
munica. T. XI fu iss • L0d§vU$ 
Podestà di Ttivigi. T. XVII p. 
*9 jo. T. XVUI p. a8 jj 34. 
T. XIX ^ 19. H^fft aob. V«n. 



Ma ^ t6^ 

presente in Trivi^t. T. XIII p. 
9. Méirc» ambasciatore de* Ve- 
neziani a Trivi^i. T. VII p«ije« 
Commissario di Sextavalle da Ca- 
milla T. IX p. i8. Procuraior 
di S. Marto dal Vescovo di Ce- 
neda è investito de* Feudi di 
nizzardo da Camino.. T. XI p» 
96, T. XII p. lo. fiiounzia ut 
mano del Vescovo di Ceneda i 
feudi Caminesi. T. XII p. 3O0 
Marc* qtt.Kóberto ambasciatore 
eletto ad onorar la venuta del 
Re di Cipro. Tom. XIV p. ao. 
Jiliw;»* • Veneziano.. T. Ili p.ioi 
Afl^sdatore a Padova a trattar 
la pace con Cane. T. VII p. 99* 
Mtehele qn. Albertino Precura- 
tor di S. Marco vende alla Si- 
gnoria di.Veaeiia tutto ci^ che 
aveva di sua ragione nelle parti 
di Brondolo e di Conche* .T. V 
p* 19. Podestà di Padova. T. V 
p. laj. Ambasciatore in Friuli. 
T. VI p. SI' Ambasciatore de' 
Veneziani a Torino per la pace 
co' Genovesi. T. XV p. 74 75» 
Istrumento di precura £itto iit 
esso. T. XV p. xos. T. XVI p. 
9. Hicc^li Podestà di Padova. T. 
IV p. 59 6». Pm^U stabilisce i 
confini éti 1 Veneziani e il Car- 
rarese. T. XVI p« 14. Pittt^ Po- 
destà di Triv%i. T. XIV p. IO 
II X 9. Presente ad un istrumen- 
to di procura del Conte di Por- 
zia. T. XVI p. loj. Piovredito- 
le in Udine. T. XVI p.io9 ist 
Capitanio. T. XVI p. ìo6 107* 
J?f»MJi« ambasciatore de* Vene- 
jùani a Padova. Snrìé^ T. XI p* 
aj. Eletto savio p. 14. JKngtri; 
T. Ili p. I7J I7tf 17^. Sllvéttf 
danne^iato nelle parti della Ger- 
mania, i Veneziani chiedono ^e 
aia risarcito. T. IX p. 154. Z^»- 
nìn% qu. Franceschino dimorava 
in Mestre, ma era io Trivki.T. 
XVII j|. aa. 



166 M O 

tf» MortiMO Vtd* et Maraef*. 

Jfòsca Démlttt qu* Gaido, ed £»• 
reltfU fttO figliooto Bassaoesl ab- 
biaciano una Cast de* Bltsf a 
Mussolenie. T* IX »• atf. Areu- 
sati a! Podett^ di Inerbo, e \tnm 
dté. T. rx p« ^7. Assokì dal 
Conte dt Oorìzta. T. IX p. a8, 

de* Moscardi 0^t»# Vicario del. 
Podestà di Ptdora.T. VII p.79. 

Jftoacaxdo Castello della CarnM ce- 
duto M Patriarca d* Aqnlfeia 
al Co« di Gorida per tei aitoi. 
T. Vm p. Ita, 

da Motto Ic9rtn9 e 9uk ftoM^lit 
Ttronese fìtorotcita rfdratt io 
Triyiji. T. TIII p. latf. PNtr$ 
e tn tttttaiD co PadoTtfU* T* 
in p.* 1$. Ambascfj^tore eletto 
td liicontrar if Ite di Cipro. T. 
XIV p. «o. Zaccartt Podes^ di 
Mestre. T. XYI p. ij^. 

deUa Motta Jrtusì: T. I p. i9. 

Motta presso h Livema, sbo do- 
glione dato H possesso da Bia- 
quioo Camioese t* Trivigiant.T. 
I p. 4f« Fendo delia mensa Te* 
9CcnìAt ài Ceaeda dato t* Carni- 
nesf di sottaT.l p,ro8 in. Giù- 
dfcatt aGtiecello pacando doe 
piita lire* T. I p. 119» Castello 
de* Ctraines? di sotto. T. II p. 
S. Ceduta da TOlberto, e Biachi- 
no da Camino alla S^noria di 
Venezia. T. IV p. 11. Albertioo 
Motosbl Veneziano aveva certi 
pegni contro H Comune e gli 
uomini del valore di zoo Nre. 
T. IV p. 5}« I>a Tolberto dt 
Camino avuta iq Ibndo dtl Ve^ 
scovo dt Ceneda. T* V p. f r. 
Miliue TxÌTÌ|tane aifa sua diie- 
it. T. VI p. 4tf 4<« Castaldia di 
Tolberto dt Canìfno. ^fr?«. T. 
vni p. tr. Rittardo, e Geraldo 
Ctminesi tichtedono militie t* 
Tilvigiani per presidiarlt temen- 

V do Vcofie di Duino fatto Capi- 
tano di Gorizia. T, X p. jo. Ed 



MO 
casi conotdoto una compagnia 
di al. soHa». T* X p. ja. Di 
giu^sdiiiont di Gerardo e di 
BJzxardo da Camino. T. X pag. 
jj6. T. XII p. 2j. MattflO Fcr. 
PO Capicanio^ il Doge proibisce 
che àii onesto luogo non si por- 
tino biade i» Friuli. T. XIV p. 
Jf. Apparttnovt a Rissa sdo dt 
Gsmino, mt era occupata dtlPa- 
tr iacea. T. XVl p. )6. Ctpitttio 
pel CarrartK. Tom. XVI p. »&• 
Castèllo d^ Geitido da Ctndno 
preso dal Carrtreso. T, XVI p. 
6u E <^e debba dar tjvto per 
riparare una rotta delia Piave. 
T. XIX p. a8 IP. Che no» deb- 
ba esser aggravata pe* It^ri 4cl* 
la Ltvenza, fticendott ivIaltrMa- 
vori necessari pe* Veneziani. T. 
XIX p. 45- 1 Ycoetiani vendono 
alcune possessioni poste, nel dis- 
tretto della Motta , che già fu- 
rono de^ Ctminesi. T. XIX p. 

de It Motta de EtllknQ nobili a- 
derentf de* Signori d'Anelli. T. 
XIX p. ?j. 

della Motta BéUle%n9 fra gB sti- 
pendiar! de* Vcnetiani nella guer. 
ra di CMoggia. T. XV p« 4J* 
CtsfénHn9 slndico de* Conegtia- 
neti t Verona. T« I p. i«j. ed 
anche di Bia^uino e Guecello da 
Camino. Ibid. EfUc$p% ambaacit* 
tbre de* Cene^nanesi agli Scali- 
geri. T. X p. tS7« Di Concilia- 
no del Consilio, T. XI p. 151. 
Msrt^s Podestà di Conegtiano. 
T. V p. rj4, Pfr0iK/tlQ Contesa 
tabile hi Bellen^ Tom. XVl p. 
i»5* 'Plehi£n§tt9 procuratore di 
BiacUno da Caminb. T. IV p. 
ri. PUtn eletto Commissario da 
Tolberto dt Camino. Sitisi T* 
Vili p, 8o« Pléfr* BflgTÉwnm» qu« 
Savasino. T. XH p« loa. Teih^f 
té <}u. Pietro lascit erede delle 
sue ikcoltè Chftra dt Cambo 
ino- 



MU 

Moglie itcl Coite RtmbAMe T. 
XII p. i«4. Beneficato àz Ailtce 
Colla lc6 TecvfCMt nel tao Co- 
dicillo. T. XV f. 47 4« ^9. 

HéàadtWo Vììh Àt'Sipwti (U F«. 
glian*. Sfrìs, T. X p. 89. 

dc^MoBadctlo PrtUmt éà Keggio 
mbitante In Tnvigi. T, XI p. 100 

de Moftio M^ttét qtu l^eoÀ è in 
S.DaoìeIe ecft Petrurea Betuao- 
do. T. Il p. in. . 

Aluchile CasteUd in lètrla pteteso 
da! Patriarca 4* AqMflefa coiKio 
i VfneKianì. T. ni p. 175. 

Mucl» OiévsmtPt figKuel9 difictro 
da Fadert Pddest^ di Basano» 
T. IH p. ìi9. au^lléìmt iLettQ. 
ze delle I.ega lombarda àe Pa- 
dovani. T. I p. 76. Anziano. T* 

I p. 77. 

Maco Caatelk» io Istiia preteso dal 
Patriarca d'Aqttileja contro i Te<- 
neziam.T.HI p.t7j rji xjf iti. 

Muda dì Trivigi da Tisone Vesco- 
vo teddvtft al Comoiie* Toos* I 
p* #o. 

Muda ài Mestre di diritto delVe- 
fCOYo di Tiivtgi. T« I p. tfo. 

della Muda JUtgrén^U mògKe del 
qu. Bonomo beneficau da Chia- 
ra da Camino. T. OCII p. to|. 

de'^ufiatt ir«d«//« Vicemioa. T. 

II p. TO^. T. IV p. 19* ro*. 
de* hiìiffotàji^dMs del Consiglio di 

Bellanoi. T.XVIII p. t8. Ssndf 
Cittadino di Feltre. T. XTIII p. 
%i. Vetfu not. di fehte qu. 
BonaMe. T. XIX p. tfi. 

Miigaido x>4»/«/# notajo ambascia- 
tore de* Conegfianesi agli Scali- 
geri. Té X p. 7t. 

Mtigauonl villa occupata da Xu 
cone da Castelnovo al Vescovo 
di Trento. T. XII p. 5a. 

Mugk CasteHo • bergof il Conte 
di Oorlftia dimandava a* Vene- 
ziani che gH fesse restituito. T. 
Ili p. 171 t7« 17*' ito. 

de Mugoane QtrtM ttsdiaonio io 



M 17 1^7 

Teltte. T. XI p. $%• 

de Mognlgo S. Urboiid viHt iig» 
getta a Moale. T. X p» #t ««• 

de Magno An$9mlà Podestà di Bat» 
sano. T. II p. tsi. Ciudieo Fé» 
dovano. T.III p.tfj. Vicario del 
Podestà di BcBiino. Tom. lU p» 
ia#. Gittdice e Vietilo dot Ve- 
scovo, e ài Gerardo àà Oaino 
io BeHttflO. T. IV p. fa. 

Mnliparte «ssediate dt Getttdeda 
Camino, e difeso da Jacoblno 
da Castellò. T. HI p. i»j. E* 
costretto a cederlo per presso di 
lite. loooo.Ibid. ^ distrnrtOb p. 
i<»4« Villasg^ de* Trivigitoi. T. 
^I-P* 49*. Assegnato alk Podes- 
tarit di AsOlow T. XI p. i|t« 

Mandotldo. T. I p. 4. 

da Mimigo Mtgstdo giodice arbitro 

' nelle c ont r ov e rsie fra il Vescovo 
dt Fèhro e i Triv^jitiii. T. Ili 
p.ii7 ts4jOi9vsnHt nofafo. T. V 
p. ne. SopragastaUione dolJe 
scuole. T. VI p. 59« AmboiCia- 
tore aFadova. Tom. VII p. tS. 
104. Ambasciatore * Vene- 
zia, r. VII p. tf). SÉpiente. 
T. VII p. 175. console T. Vili 
p. 9}. Ambasciatore a Veoettu 
T. X p. ti. 

Munizzéno Castello oeSa &nfl%ia* 
na. T. XIV p. tf4« 

Munsteri Èuresrd§ soOTciCOfOb T« 
I p. ra. 

de Mntani LMimrà^ t l>0Nsl4»e 
scacciati da Trivigi co'CastellL» 

. T. III p. lea. r. Vii p. jstf. 

Mntano: Monastero di 5. Ctprfo. 
no , e Maurandioo ebate. T. VIL. 
p. sj. Sne difoeitte co* Trivi- 
giam. T. VII p. ttf* Avvalorate 
con istanze da* Veoeilani , am- 
basceria de* Trifigkni < V e nez i a 
a qaest' ometto, e Ifspostt del 
Bo^e. T. VII p« it. Fettodno 
Abate del Mojaetef» di 5. Ci- 
priano. Tom. tu p. ^p Eletto 
ConsmisMrio de tape Clemente. 
T. 



%e% . M 

T. XII p. tf^. 
Muse, villa del TchrigMo» inarrdi 
gvasttton a Mattino* T. li p. 

ée Muffi C/#««M' Hossi. T. IIp. 

7J 7«. 
da Matncio Cé»9t^ T. II p. 5& 

59* fUtricw T. V p. 1^4. £r- 
, «M^tr* Canonico d* Aquilc^ain. 

tetfiene in Capìtolo alla aleaìo* 
• se del Victdomuio Tonu XY pb 

Ito. FUtric9 è In Udine al par- 

lamento geoexale. T. XI p. S4* 

PieKotc in Sacile. T* XV p* 

109» 

Mnsaxdi RUtéfit preteste m Tod. 
no. T* XV p. lu 

Mntettre Cattdto : Andrea da Ve- 
xona Capitan io. Tom. XI p. 6u 

. Tottificaco da* TtìvtgiattL T* XI 
p. 66 «8 75. Giovanni Lattace- 
la Capiunio. T. XI p. 6% 68. I 
Trivi^aoi vi destinano alla cut* 

. «odia Muzio da Form con $o 
«omini. T» XI pk 7j>^omando 
di Mattino di presidiate il Cas- 
Milo* T. XI p. 7%, Torre de' 
Cont^ Collalto confata da'Ve- 
nesitnl per la ribelltone^i essL 
T. Xin p. «j. tavori che sì fa- 
cevano da* Trivigiani per ordine 

. del Doge.. Tom. XIII p. €9* U 
Carrarese vi escava una fòssa , 
perchè non si portino vettova- 
glie a Treviso. T. XVI p. 5». 

. FioflM presto Trjvigi e Castello^ 
che si éccia nna porta ^ sive Bo- 
ra. T* xix p. !•• 

Musio JUcaris Giadice e nunzio 
de' Vicentini. T. l p. so. 

Musone Fiume nel Triwgiano. T. 
VI p. 71. T. XV p» 38. TJCVI 
p. 7. T. XIX p. 10. Escavazioni 
fiitte da Francesco da Carrara 
per divertirne V alv^. T. XIV 
lu 55. Edilizi Atti dal Carrarese 

. auVfiomc. T.XVI p. t6. Divide 
il Tertitorìo Trivigiacio dal Fa^^ 
dovano» T. XVl f* &« ^«^ 



•W0 

Moiille in Treviso. T. Xlt f . ^é» 

Mu«oo Cn^tietmé Canonico di 5^ 
Maria de* X2.Aposto& diPiacen-^ 
za. T. IV p. 159. 

Mussa Villa contesa £fa t Trivio 
giani , e Marco Qoirìni. T. II p# 
«^t.Ccdnn da^Trivighoi da Mar^ 
/eo Qjtirìni. T. Il p^B^ Era sta* 
ta data al (girini da Fib'ppo Ar-> 
civesco>S di Havennab T. M p. 
85. Nuove contese per questa 
villa tra t Trivigum e Mar coi 
Qpirinf. T. II p. 9^* Occupata 
da* Caminesi, ma pretesa da* 
TrtvtgianL Sfris. T^ IX ^r x6j» 

de* Mussati CsvMté^ Vicentino. T» 
II p. 101. Anziano. T« II p. 10; 
joj^lktrtì»» VicentinOrT.. U pr 

lOj. 

Mussato Alhtrtlno scrive a*'PadoTa' 
ni intocoo agli atfkr eorrentt.T» 
V p* *»47» Sue contese con Ja» 
copo da Carrara. T. VII p., 17. 
Ambasciatore a Trtvigì.. T.. Vt^ 
p. 84. Deputato a trattar unac-^ 

, cordo co* Trivigiani. T. . VII p* 
rotf. DifenspFé del,FopoIo Pado- 
vano. T. VII p. 147 14?. Inter- 
viene in Mestre ad on trattato' 
tra i Fadovanf ed i Trivigiani. 
T. VII! p. 4f. Altro trattato co* 
medesimi per suo mezzo;. Tom;. 
Vili p^ 44* Foeta ed istoriogra- 
fi> anàbasciatore de* Padovani al 
Re di Boemia. T. IX p. 74- 

.Mucsata PUtf qu. Beltrami da 
CittadeHa, T. XIX p. ar. 

Mussetta Villa occupata da*Cain^ 
nesi, ma psetesa da* Ttivìgianf.. 
St9rlé^, T. IX p. 16 j. Bosco de' 
Trivigiani. T. XII p. 4* 

ìémsttto ingegnere Trivigiano. T. l 
P^ 5». 

Mussolente villa giudicata a* Tri* 
vivant dal Doge di Venezia. T. 
I p. 59* Gli uomini prestano già- 
ramento di fedeltà a* Trivigiaoi 
T. II p. 5tf. Possesso preso del- . 
la Vill^ da* Trivit'anì. T. K ^ 



M D 
T7* Còmesc co* Txirìpam per k 
mtdganzìa. T. II p. 8o. Prete- 
so da* TmigfQfii e dal ITeicovo 
-dì Fekre. T. Ili p. ji6. Villa 
d*! Trìvigiano. T. VII p. 85. T. 

IX p. 16. Poderi de* Trivigiani 
vendati a' Camposampiero da 
Kizzardo da Camino. T. VlIIp. 
6s 67, T. XII p. xai X25, Rc« 

Joh deve abbìdfre al Capitanio 
i S. 2enonQ. T. X p. 8 a. Ave- 
vano beni i Signoii di Kovero. 
T. X p* 84. Manda gaastatori a 
Mastino T. ZI p. >r. Soggetta a 
Marsilio da Carrara* T* XI p. 
182* Era sotto Castelfranco, ma 
fu data ad Asob. T. XI p. 1J9 
Sul territorio di Trivigi. T,ZIV 

ài hin»o\tnte AUiiirì» figHodiser 
zanne Trivigiaoo va alP eterei- 
to di Mastino con tre cavalli. T. 

X p. lOj. 

de* Mussolioi T»mm4S9 giudice da 

Bolo^a assessore del Podestà di 

Trivigi. T. XII p. 4S. 
4e Muco PaoU da Reggb Vicario 

4c\ Podestà di TriWgi. T. X p. 

fi7 lai ijo ij$ IJ7 itf?. T. 

XI p# jtf 5«* 

de* Mtftoni FrAhmsf Kt. dottore 
hmbasciatore deTriv^iani a* Ve» 
neziani. T. XVIII p. a^. 



N. 



R 



I acesti Fr4n€€s$9 dì Conegliano 
del Consiglio. T. XI p. 1S2. 

l^aco FcMdo de* Signori 4* Ateo J 
XIV f. ij. 

dt Mamiono Nigrt aaiiano in Tri- 
vijjl T. XI p. 99. 

Nini Pittro ^u. Tommaso da Ve- 
nezia testimonio in Verona. ^T. 
VI p. 92. 

Naono Villa. T. I p. j$. S. Maria 
Piève. T. I p. 37. 

HtdptUtttf ^acd'male V. V articolo 



N A 269 

Cardinale. 

Napoli , suoi timori ac«ciitmti dal 
Petrarca. T. XIII p. jj. Sue vi- 
cende accennate dal Petrai€t«T* 
XIII p. 8 e. 

Karvesai suo monastero. T. I p* i7« 
Clausura venduta a' Trivigìaal 
da* Gnidotti per cavai pietre pcf 
lavori di Piave . T. IL p. 15 $• 
T. V. p. 7?. X^ettere tcrkce dal 
Podestà di Trivigi al Meiisa. T*^ 
XI p. 6%, .Villa del Triv&ano. 
T. XIII p. tf4* Presa dagfi Ua« 
gheri. T. XIII. p. «5 <8. For- 
te£za £itta per la guerra io' iu 
fesa 4i quel Monastero. T. XIII 
p. 7'* Nel Trivigiano presso k 
Piave e il Montello, ii Carrara» 
se vi fabbrica una batfa. T. XVl 
p. jl j4. Cd «n Castello. Tom. 
XVI p. 34 37 44. 

Natuclezfo Kii»i<»4Padovano.,Tom« 
IV p. zod. 

Navagero Oiévsmni Podestà di Tre- 
viso. T. XIX p. lap 130. 

de la Nave fs^sBl»» testimonio in 
Udine. T. III p. za 5. 

Negri da Fiorenza Amdrts Podesà 
di Padova creato Cavaliere in 
Verona dal Carrarese. T. XVIII / 
"p. $7- GékriiU di GuJdofle Giu- 
dice Padovano. T. II p. 4j >S4« 
Procuratore delle monache di SL 
Benedetto. T. III p. }t. Antit- 
no de' Padovani . T* IV p« at« 
Arbitro aell' aggiustamento fta i ^ 
Padovani e i Veneziani. T. IV 
p. 178. -Piètra qu. Simone nota- 
lo e scriba de' Veneziani • Tom. 
XIX.. p. 87 88. 

Megrisia Villa del Trivigiano • T. 
XI p.a3. Assonata ad Odcno. 
T. XI p. 139. 

Megroponte Isola. Armata de* Ge- 
novesi rotta e dispersa da* Ve* 
neziani • T. XII p. xitf. 

de Ncpote Vtmdrsmimt aflibatcicto- 
re de* Tiivigiani a Venezia • T. 
II I p., 7a. 

Neri 



«7C N t 

Metì Lippi (7«7/f qo. TomtfltfO Fio* 
iMin^ r. XVII f, fi. 

$ì Kkhcsola O^/vfi'f fodest^ et FeU 
ne> Tk IX. p« 7>« G«^^ qu 
Guglielmo notajo di Verena. T* 
ni ^ t9* FreMflte io Fcmra • 
tv xni p. f t. 

^e l^iccolt jHtttéHd^ Clmtolc del 
fodcstì di Tm%i* T« 1 p. <sx« 
OfrvlMit q«» Andfea noK di Ve* 
ocsft . T» XIX p. i45« Mir«/ii 
riH^tt Trivigiatt«. T* II p. 27. 

Nicolai Cétvmhri9 Veioneit uno di 
^odH che presero Jacopo d« Cai* 
nla. T» sviti 1^. 9^, 

Ili Kicoletto ùH^^rè Tif v^'aM. T. 
VII! p. 137. 

A 4t^^H di Mofiteitlfli VfHa da' 
TtìVìpm Mtegnata ii Ooncglìa- 
«O. Té IH p. 4«. T. H p» +5. 

-*• Villa del distretto dì Meme • 
V, XVI p. ij^ 

Kieeél* Papa III. dona td Alberto 
' iftalla Sckte la torre ^ Td il ^. 
lasso 4* Ilatt già ftbbrfcato da 
ftceltfio. ^rtrlB. T. VH ^. S. 

jVtrff ^ Papa iVt tcH ve ^d Alberto 
«MI ScaW, ed a'VcronAi m«» 
gandoH 'di pcescat afuto fe ravo* 
It all' Abate della Vaogadhza 
iBoicaàfto Mfa* aoéf iHcmt. T. HI 

tiTf* SttWb al ninislto ddla 
digiofi ftanb^cana cxnnfliet- 
IMdolti « ^fedkar fa cmcrau 
^et Tftfé santa . T. IIT p. tZ^.. 
Xpptota ìk tcmttìkk del Cardi- 
oàl Fièno Colonaa ^ che atrea ri* 
focato la acomaitkrft fblminnta 
cifitro i fmdovairii T. Ili p. ì% $ . 
Morì in aprile %a>a. T, IV p. 
t4. S la k ^édè vtM^b «ino air 
«Mklén^ di ff^n Celestino, ib. 
Tik aatorltì di aiiolveve la Trit- 
ili xS M«m6Va. ;Sf^rn* T. vit 
^. ^7* eletto Giudice 'caimpro- 
nissarlò pe le dffbrCfNBe 4eir 
WàM fin i t^ntkiHM , ^ il F». 
rriaiio». T. XV. ^. ^. 
de Kiièo Conte tedi Mirichtcteo • 



NO 

KigurSo confina con Va^ttlureffa « 

T. V p. 179. 

de'Nigreli Z€ii# Veroffeie . tom. 
XVIII pag. «r. Eletto sindico t 
dar Verona alla Hepobtfca. T. 
XVIlt jp. |j. 

de Mortala Orrta»» sindico de* Fa.< 
doranl. T>*IU p. 14»- 

de Slnglano ouèémséVè comestabi- 
H di CUvalH io rthM • Tom. 
Xlt p. 5. 

Hoale } lavori ^e vi facevano i 
Tempesta . T. VI p. %6. Sttfdo- 
<i latti da' Trit%iahi. t. Vili 
pag. Ttf* Castelto 4a CàngrUnde 
concedtrto a Goeceflone tempe- 
sta • T« X f« «t ««K VìMe aog.* 
fctfe ad eìBo, T, X p. «1. Sua 
dazio a'Trivigiani. T. Xll pai;. 
), filvko di tfn falKo di coitì« 
dori pcdestii . T. Xlf pag. «4. 
Fònìfieato , e munito . T. Xlt 
p. 98 Cressio da Mofino Fòde- 
9fà . r. XH! p. tf. i6H vien \t^ 
irata te Villa di Fossato! . Tom. 
XIV p. f^. Vi passi a Fàìfriat- 
«a d'A^tela. T. XIV, Js ,», 
Suavaiioht per dirtttii% T alveo 
dd Musone . T. XIV paìt. 54. 
Ordini del Doge ftr presidiarlo. 
Tw XIV p. «* W sono j ^cinqu* 
frtvbitf V^ntEiabi t «Molare ì 
«onfiai coA Cattare^. T. XIV 
p. 89. Occupato dal Carrarese . 
Ite compreso ^lla pace co' Ve- 
neziani • T. XV p, 82. Suo Fo- 
destì pel Carrarese. T. XVt p. 
59. l Vwicdani dbevetano k 
elezione dtì Fòdestl , il salario 
« la cornr . T. kVlI. p. 24 s«é 
Fodesrà. T. XIX p. 4*. 

di >Ioate 'Òiw^é^M «ocift» •^*ìahò 
de* Trhigiani . T. VtlI pat^. 99. 
^•»# sofragtstaldkme. T.Vin f, 
x^q^tk^^è sodo ^1 todMt^ di 
Veiona . Stùrls . T. IX ^. 177. 
Kftirr»^ T. l p. 5». jllr#5R*» * 
BlAnc'9 qu. Martincìlo. T. 91 p. 
7«. trbctìfo. T. -X p. ^^. 

No- 



N O 

Kctfsqta Totfc sul Vexibnefe ^n 
dti^VctttMtm. T. XVIM p. j8. 

No^redo ^ dovft avcvtno itn'ì i 
Ctsttflli. T. in p. i<J^ T. XII 
p. II. Villa de* TrìvigìtBÌ • T, 
V. p. tst. T. VII! p. 7» t>. 
Assonata alla Podestarit di A. 
«ok>. T. XI p^^$9' .DMn«|$1fv 
ta dalle tntlÌBÌe Venete^ f\f VI , 

de Nogàiia tnir{ghétt9 ifòtftfo ^u. 
Jacopo da Bastano • T. IX p. 
$9. T. ViH p. 7d. iJb<n^* <io. 
Benvenuto . T, V p, 35 49. Con- 
sole . T. V ^. ^8 60. iiwMuld» 
qu. ]>ortino da Bassattò • T* IV 
f . -9^ 98 r47. ir. V p. :i^. 

MogaAla. Castello dk'V^fnefiiàni da. 
tò A Jlico^o dal 'VetAe • T. 
XVIII. p. 95. 

Nogtròla Bnllmréì/i» Veronese. T. 
IV p. «iij^. <}tt. Ztrficdo. T. IV 
p, 1^^. TVsttnr.ohfo al testamen- 
to tft Alberto dalla Scala . T. 
iV ^. 92. Sua ftlOglfe CmtétlnA 
figlia di Alberto dalla Scala » T. 
Vip* 75. fodest^ di Vkenza. 
T. IX p. 7^. In Tmt|i diri- 
ge gH ìilRiri della Cittì • T. X 
f . ^. AihbàsciatAe ti VenKHÙa • 
St9rU\ T. XI "p. riv Mcevefet- 
rerè de* Trivigtimi . T* X J» ^*'*' 
11^. Todestì di Padova 5iodfco 
« -Prifcaiìitore degli ^Scviigef? in 
WneVia . T.X p. ix* i%%* Sos- 
^Ht le làppresacfrè de'Pado- 
▼ani ^otfo i Trit^giìni • T. X 
^. 1^4. Xìi9^MHHi fatto Oivalte- 
xe 11 Verona -dai Oarrartse . T. 
XVIII ^. $7. 

de KoBìio Gtìi^tJtlm» Trentfoó. T 
Il f. ^8. MénnttU asKilto dalla 
scotnaAfc:» dal Vrtcoirò di Tren- 
to . T. MI p, i|,j. Promette pace 
al t^ewovó . T. tH i>. 44. 

t!e Krttdigte 4»tf^## iprKi% T^ivi- 
giano. T. 11 jp. 17 k4l. 5Mrt#- 

T, lì ip. Tft. T, ili f.ti, Xid9* 



K Ó i/r 

fTr». T. I^ is.Airini/tfnitCon- 

. io}e di Conqgliano . T« I p. 42 • 
TettiUAoniò lo Titvigi . T. I p« 
if «• Wt€9Ìnf di Ò<&iko Conso- 
le in Trivìgi . T. 1 Jp. 5^» i*^*»*- 
ff«» e JkMVfrt 8«oi figllttoii. T. 
II. p. 141 fifa 14 j 445. 

Notimb\eBM$ mercanti poirano fa 
tSetmiM le roercahaTt ^ Ve- 
neaia . T. XV p. \ . 'Coogreito te- 
nato dal Ké de* iUrmftni , dal 
1>acà d'Attètna^ e daakTÌff%in- 
dpi T T. XVI 1^ 5» 51. Federi* 
co ano Rofgnrv4ò • T. Ili f ^ %€• 

di Mòri m bes gà P¥rhMtcttr9 pcìgio- 
nfefb di Castracelo • T. IX p. 91* 

de**Nòrfln[ànnfoi fitém^ ^n. Viviano 
dà Mismo, T. IX ^» ij. Fr4i»- 
eescbtn9 dai Ckkrarese s)>edÌtD a 
Feltre., A Belhitio , à Prinott- 
fio , * a- Catreffrartieo con com- 
missioni StgrtFte* T. XVI p«i42* 

de' Nosadani Fìetré Muehfr'f BeU 
lanese. T. XVHI p. 18. 

Nosledo, tua chfaa fabbrìcttt da 
Cabri el thi Caailno • T. I f . ^« 

Hovvglia Castello delle Tom su! 
B^cbiglfone prèso del CtfMare- 
se. T. XVI p. Jao. 

Novara , s«ti Rlrttòrì deHa Leg« 
LoDtUirda . T. 1 f . i^ 77. Il 
Vefcovo i^blhca la tregut fhi 
i Triticìpf ^Ht loibbardiv • T. 
XII p. xr^. fcbbttuVta .nell* is- 
trnmento d'alleanza di Carlo Re 
di Sicilia coiffco i Ghibellini. T. 
II p. 90 91. 

-di Hovate !t7flilvifl»ii im^ìoln Trìti- 
li . T. XI ^. ^o|. 

HcrvèTIi mi$$ànir$ Trìvi^fto * T, 
11 i^. €b. Accusato kào ^eettsse 
di eresib. T. lì p, V9* 'Anziano 
^ ^ìUbtfldifOfe de' ^niirigtani • 
•r. II p. 7?. «iinficc. T.-M p. 
22 i4 *7 4« «i ^4 »J^ JJ4 

xtf4. igmnh o >^uststH ifjkéU 
ce i t. II >. t« 9%. "b^tnréitf . 

làndfo uiabalcìa<&s« « VMb^ • 

T. 



^7* O B , 

T. ni p, ^o. AVcncifa. T.III 
p. 72. Del panìto de* Ctmìne» 
si. T. ni p. 102. T.VII p. ia$. 
Scacciato dalh patria . T. VII 
p. ta6. Gindice compromissario 
nelle coo^iOTcrsie fra il Vosco- 
fo di Feltre, e i Trivigiani. T. 
ni p. ii6» E in quelle fra i 
Conti Collalto, e Tommaso Ca* 
ponero, T. Ili p. 145 147. Gè- 

' glhlmlB Podestà di Bologna. T. 
IV p. i9tf* G»*tllli notajo Tri. 
vigiano.T. Ili p. 47 5s. Am- 
basciatole a Verona • T. HI p. 
«o 84. Prtssvlè Vescovo di Ce- 
fieda. T. II p. 72 ij4« Compe- 
xa da Gaecellooe da Camioo la 
sesta parte del Castello di S. 
Martino. T. IH p. 90. 

Koventa Padovana . T. V p. 14. 
villa del Tcivigiano • T. XI p. 
aj. Assegnata ad Oderzo • T. 
XI p. 1J9. 

da Noventa .;?mm»« giurisperito Pa- 
dovano. T. XVI p. i$4. 

4e Kovolono BsrttUmmtt giudice. 
T. II p* jtf* Btruékrdìnt nunzio 
de* Bonaccoki a Ferrara. T. IX 

p. 4a« 

Kniispefch Crifrdf Cavaliere tes- 
timonio io Trivigi. T. IX p. 5o. 

Kuvoledo bosco de* Trivi^ani pre- 
teso da Albertino MozosmI • T.IV 
p« so. T. XII p« 4« 



degli vlbizzi Qu^lUtm* Kataspi- 
na da Lucca Podestà di Padova • 
T. Ili p. Ili US II9* Tf^MM- 
H Cairaliere Consigliere deir£s« 
tenie. T. XVII p. «j. 

Obizso Pifrrf Veneziano ottiene le 
zappresagHe contro i Trivigiani. 
T. VII y. »5. 

Mtgj*t Giudice assessore del Po* 
desta di Padova. T. Ili p. 131. 

Oblcdo Villa , dove tvevano beni 
i Cestella T. Ili p. 104* Asse- 



OD 

guata alla Podestatla di Asolo . 
T. XI p. X j 9. Possessioni de*Ca9» 
telli pretese da* Trivigiani , e da 
rilippa Dolfina . T. XH p. xj 
14 1$. 

Oblioni Endricé da Sacile • T. II 
p. S«. 

ODEKZO donato dal]* Impetator 
Ottone a Giovanili Vescovo di 
Belluno. T. I p. f. Da Ottone 
III a Sicardo Vescovo di Cene- 
da . T. I p. 9* Suo concordio 
co* Padovani , co* Coneglianesi , 
e co*Caminesi. T. I p. 28. Giù. 
risdiziooi.dtfl Vescovo di Feltre 
e di Belluno date dal Do^e df 
Venezia a* Trivigiani eccettuato 
il Castello di Oderzo . T. I p. 
69» Lite insorta fra i Trivi^. 
ni, ed il Vescovo di Felue per 
Oderzo. T. Ili p. 126. Lavori ^ 
che si facevano in Oderzo per 
ordine de* Trivigiani . T. IV p. 
I'. Milizie Trivigiane alla sua 
difésa . T. VI p. 45 48. Solleci- 
tano i Trivigiani a compire cer- 
ta fortificazione nel castello e 
nel borgo. T. VI p. sj. Solda- 
ti Trivigiani presso Oderzo. T. 
VI p. SS* Lavori che dicevano 
i Trivigiani '• T. VII p. los* I 
Trivigiani vi accrescono il pre- 
sidio. T. VII p. XS4* Capiunio 
Rusignolo Salat , e in di lui ve- 
ce Marco qu. Florio • T. VII p. 
j6o. Stridori ivi £itti da' Trìvi- 
giani. T. Vili p. tftf« Chiesa di 
S. Giambattsta. Sttrid. T. Vili 
p. 79. Oderzo molestato con 
1300 soldati da Guecellone da 
Camino. T. Vili p. iso. Frate 
Gr^rìo Priore del Monastero 
di S. Marrino. T. Vili p, iso. 
Comando de* Trivigiani di man- 
dar guastatori ali* esercito di 
Masrìoo. T. XI p. aj. Bicordo 
del Podestà di TriVigi ^ e del 
Capitanio a GottofMo da Ses. 
so^Capit^nio dì Oder^ di per- 
met- 



O D, 

mettere il commerdo tft il pre* 
cidio tedesco ,, e la gente d'i quel 
Castello e tetittoilo per farlo 
jdpopolare e rifiorire. T. XI p. 
é|. Preso da* Veneti, e ricupc- 
iato da|li Scaligeri • T* XI p. 
6$. Fortificato da* Tri vigiaai • T. 
XI p. C6 6% 7$, Fuga degli 
aUunti per le novità della goer* 
xa • T« XI p. 68. Gli /^aìiffer! 
comandano» che Oder|^ debba 
coriispoadcre a Trivigl • T. XI 
p. -7%. C^\>tttù àt Fégliano fiir- 
na W Oderzo il processo con- 
tro qae* che aveano trattato di 
4Ìaz Camino a* Veneziani • T. XI 
p. 8j, villaggi del t^rri^tprio Tri. 
bigiano aase^nan con Ducale 
Alla Po<iestaiia di Oderzo. T.XI 
p. i}8« U Podestà doveva esi* 
£ere il salario da qu(?Ilo di Tre- 
viso. T. XI p. i67« Dazio de* 
<airi t Aposto alle porte. T. XI 
p. i88 i8p.. Capttanio e costo- 
ni pagati da' Trivigiani . J. XII 
• p.4. Podestà pagato da'Trivigìani 
T. XWp. s Oderzo contende co* 
Trivigiani per certi mulini sul 
iif ostegano de* Signori da Cam)«^« 
T. XII p.aa. Provvedimenti fiit- 
ti da* Provveditori Veneziani per 
Ja maggior difi^sa di Oderzo • T. 
^11^. 9U II Doge partecipa a' 
Trivigiani di affittare un certo 
dazio alla Comnnkì di 04er- 
2o ^px lacifitare la ristaurazio. 
Ile del Borgo stato abbruciato 
nella guerra degli Ungheria T. 
XIII p. 8^. Il Patriarca si la- 
menta «ol Doge , che i suoi 
«uddìri di Sacile dovevano pa- 
gare dazio delle loro entrate, 
che avevano in Oderzo. T.XIV 
p. itf. Provveditori cletrida'Ve- 
flcziani per accomodar le sud- 
dette differenze col Patriarca, 
,T. XIV f. 41. Il DoM notifica 
a Lodovico C^nstiniara Podestà , 
come le armi Venete avevano 
Jpra, XX, 



O E 27? 

rieoperato Capodisttia • T. XV 
p. 44. Il Carratese pxtpata df 
fiibbricac presso Oderzo una bas- 
tia . T. XVI p. ì^ Preso dal 
Carrarese, e difeso. T. XVI p. 
•^. Chiesa di S. Giovanni beae* 
^ta da ftJzzardo da Camino. 
T. X^I p. €ip Xa Piave inon- 
da il territorio ^ « scorre per 1* 
alveo del Montegano . T. XIX 
p. a8. Ordini .clw debba dar aju- 
to per riparar questa rotta . T. 
XIX p. ap. Ordine de* Venezia- 
ili , che noD aia aggravato per 
lavori aulla Livenza, dicendosi 
in esso degli akri lavori . T. XIX 
p. 45 « II Doge concede al Po- 
destà di Trivigi, che possa ac- 
crescere Io stipendio a^ Cavallari 
d'Oderzo. T. XIX p. ii4* 

d^ Oderzo jUm4»9 qu» Pellegrino 
pari della curia Vescovife di 
Meneda • T. II p. 7. 

da Oderzo HitxTd» parrigiano di 
^^ardo da Mamino . T. IX p*^» 

degli Odi Umgsrp da Perugia Po- 
4estì di Padova. T. V ^. xji« 

Qd»lrif Vescovo di Trivigi dà a - 
liyollo agli abicaod diMootebel- 
luna il Mastello • T. I p. ar. 

degli Odooi G'fvénni da Mremona 
giudice arbitro nelle controver- 
sie tra i Veneziani e i Trivigb- 
ni . T. III p. 69 I9jl^ «4- 
lùMfrtit figliuolo di (Siovanni. 
T. Ili p. 74. 

S. Odorico di Mnsestre, vi erano 
beni de*Guiiocti passati nel Mo- 
llane di Trivigi. T» III p. 168. 
e sen. 

S. Odorico presso il TaglSamento» 
Francesco dalbi Torre Prevosto. 
T. X p« lap^ 

di Oemberg Albtrf e E»rcdrd9 
Moari. T. Ili p. 86. 

d*Oensoch G0frid$ Monte, T. IH 

p. 96. 
d* Oeriogen LtdnrMs Moote • T. Ili, 
p. 86. 

S de 



ifi G 

ile Offe Ttmmàitné Trivigi'ifìo, T. 
I p« tea. MiHte. T. II pag. 17. 
?ro«ti|«t«re 4e' Tf ivfgìaah T. Il 
p. «o. 
de OfivDMMi tinàie tA dd ofi «e1- 
]0quÌA del Re di Boemie ineenu 
pagaia degli ambateiatorl di Fa* 
dovi. T. X p« 5 tf 7. 
5. Ofixio dcll*Io<^alskiot)e|9i.Ber« 
tolomineo tnqntsttore dell'Ordi- 
ne de^ Minori, fotti. Il p. la». 
Francesco da Dfeseeno IiM|aiaì« 
tore. T. Ili p« it}« Gniliinoda 
Padova de' Minóri IiiqnlmoreT. 
tv p. ij. ^ape Bonifacio leva 
1* O0i£io a* Prati Minori , e lo 
da* a* Frati Domenicaiii in #a* 
dova, e in Vicenza* T. IV p«' 
155. 
de Ofifiredifia Arlhtif ambasciatore 

dc'Vadovapi. T. II p. 117- 
Oglio. fiume pescato dall* esercito 

Carrarese. T. XVll p. 4T 45- 
dairoglio Gt9vàmni q. BoAaventn* 
ra soppliea Cangiandc di essere 
esco lutto contro una sentenza 
del Fodcst^ di Verona. T. XIII 
p. 12. GwiV^t'ie qti. Kiccelèda 
Verona. T. XIII p. i*. 
Ognfbene Frs»e4sc9 Giudice di ?a« 

dova. T. Ili p. '00 zr5« 
degH Ogflisfanti Piitrù di Gtordatio 
Sindico di Padova. T. Ili p. 5. 
da Olegio Kélando scacciato da Tri« 
vigi per ordine de* Veneziani* 
T. XlV f. i9. 
degli Oliani oi»vM»nl giurisperito 
famigliare, e procuratore del 
Visconti. T. XlX p. 9t. 
de Olivero F'tttt Cirtadifio di Chiog* 

già. T, Xl p. tfe. 
degli Olivieri A»fnì9 da Parma. 

T. V p. j4. e segg. 
degli Olii Gruni^ da farma« T, 

IX p. 7j. 
4* Olmutz V4SCOVO OUvànnl eleftd 
Patiiaic* et Aq«ilfi)a. T. XVH 
p. 9. 
de Oked» oi9vén^l notalo Tcac^ 



fATìài t. XVII p. ITO. 

d' Oltiemonti Dtmenit» ambasriìl' 
tore di Erìrico Imperadoie a' 
Trivigiani. T. V p. aia» 

de Ongarelld Trdvtrsé Padovano^ 
T. I p. 8s. 

Ongaro 0i§v4nmi Cavaliere testi* 
monio in Padova. T. X p. 8 a. 

d^Qngen Entic» Chierico di lo^ 
vico Imperador. T. Jx p. 70. 

Onigo Castello del Trivigiano. "té 
II p. 145. T. IX p. r«<». Prov- 
veduto di dìfba da* *rritig7ani# 
T. VI p. ai* Villa soffre moke 
molestie dal Carrarese. T. Xtì 
p* 7. ] ^ 

da OAìgo ^imiglil nobile Triv^ia- 
na , che abitava fuori della Ctr. 
ti. Y. X p. ii>. Signori feniftop 
prl^ianieri quegli stipendiar) , che 
andavano al presidio di Valdì« 
marcno. T. XIII P. 55. Segnati 
di Lodovico Re d Uff ghetta con« 
tro i Venexìani stino compresi 
nella tregua. T.:([in p. 57. i?fr« 
aldine thoglie di Guglielmo. T^ 
XII p. 78. ^tnsemhìsHUé T^XIX 
p. in iijé Gtrsrd9 ^nz|a0O< T^ 
IX p. 147 i5a* Sapiente. T. X 
p. tal t5j- Mandato air eserci- 
to di Mastinp. Tom. XI p. 24^ 
Atnbasciatore al Doge Mariti t^^ 
lieto. T. XHt j>. a»# al Uogc 
Gradenigo. T. Xllt p« ^64 £let« 
to ad infbrme^ i4 Principe de* 
bisogni delfat Citt^ T. XIII f« 
49. Gt«vnH»l testimonio in Tri* 
vigf. T. II p. a* J4. Milite. T* 
lì p.a7< va air esercito di Mas* 
tino con 4* cavalli. T- X p. 171. 
GM^itttmt Affidato da' Ttivlgia* 
ni in aiuto del Vescovo di Pel* 
tre. T. Virp.ftf4« Dftnne^iato 
da'Feltrini. T. VII p.ttfS.Man* 
dato alla difesa di Quero. T. 
WHÌ p. J4 35. Dimanda a*PeI- 
trfni la reatrtoziofie di 700 p^* 
core rubategli T. IX p. 7r« I^ 
dimanda a* Vicentini, T. IX j» 

19' 



a Triyìgt per que$t' ó«- 
r. iiPp. 9t, TtttimOttio 



òft 

^^. i ÈasàanesS mailclaAò amba' 
àtiatorr 
getto, t. 

là Trivìgi. f.'lk p. iifé Segnai 
ée dti Tempesta periegaiiat0 
dagli' Aizotii s* cr^ ritirato Ifi 
pni£0. Jom. IX ^. Ilo. Ottiene 
dal Rè di Boem^ due mafisidt 
terra ÌA Mónteberìifnai T. I^p< 
1^5* Ambascia tQre aì Re di Boe* 
iiua, t. X P. Al Ì7 a« J*> i* 
39i À Àbatiicé di SaVbjai Ji X 
P« |8a Cdnservafd tic* suoi di^ 
litti 4^ Cahgrandet T. X pi f 54 
Odorìct detfo C9mpdrì»9 ambfl^ 
sciatore al bbge Grad*rij|to» ti 
Xlll p. l(f* Elftro id informare 
il Iiincipe de' bffogni delta Ctf* 
tài Ti Xni p. 48, Ribelle de' 
VeketìaTii insieme co* suoi fra- 
telli , e pern confiscaci i loro 
beili. T* Xlll p* ^?i ESO, £*f^ 
Una, e Pf/o suol fratelli si cJa^ 
ho ribcUiin al tempo dell' ass^j 
did dì frìvìgf. T, ntì p4 tfSj 
tra ncti* eseicTto a Ca^tetfrar- 
to. toiTii Xlii Pi à^i Compresi 
ridia pace fatta dal R« Lodovu 
M rò to* Vehetfjrfii. T. Xllt p. 7j 
P#/* ainbi^ciatoie a' Venezia rvì* 
T. XI t pi J4» Al Doge Marin 
Faliero. T. Xtli p* i^. ^ 

it Onistó Enr^Urìt Ti^iv^Tgiàno* t. 
n p* 7a» 

Òpptiand ^ul V^roftes«. T. itVlll 
Pi 5^. 

degli Òpitjng! OblKO fàdtUÌL di 
Padova, t. Vili p. 8r. 

Òtbnna Villa da* l^adoVarii tót)ttm 
duta agti Éitensii T. iC p. j7. 

de Orbèrgh ^9ndd» testiriioni0 hcl 
Cartello del Titolo, t. X p. js» 

d* Oidano J$e$fi nip«Ke degli Az4 
lohi bandito di' Trivigjan!, T* 
JX p. tj 

degli Q^ afiS lévàHHl fatto pria 
giónfiM «1 C- tagnaro. t* JVl 
p* ij«^t^WJLv» Signor di l^or* 
Ji entra wlETl^à coietto il Yi'^ 



^rorit?. T. XVTt ^. Hn Ct€$ f 
Pi»t come aderenti del Visconti . 
ratificano* ja pice fafu th Verte* 
ria. t. XVIII p. 19: 

de OrdeU^ àùfU/9 di Alattintf 

"triWgianoé'r. li p* .75* t. Iv 
p. jr. J^fkèn^ giudice Jet Po- 
deiti ài trivigi. T. 1 pé 6Ù 

(iègli orefici G^Uii \é Jacopo ia^ 
Eia ho de* Trivfgiani. Té vlll p* 
8a»i Kotajó* ti vili p. i<tf*Sin- 
4i<^o, f. X p. 87. Mércbttn» qu« 
Maffeo faotajo Anziano. T. Vili 
p. 100 T04é Sapiente. 1*. Xl p. 
178. Testimònio in "frivigi. T, 
Xil p. i5< Ambasciatore a Ve« 
nezia. t. j[II p. }^ 

degli orfanelli Jic»;» CA^itiitiò di 
Meàtre. T. VI|I p< 41. Trivi- 
giano. T. Vili p. t9ài ttiìA^rdé 
présente ki trivigi. t- ^X P*?'^ 
Aniiano. T* X p tiO« 

Òrgiaho Villa del Tadova()d.t4nt 
p. 79 80 8u 

Orgnand Villa dct trivigiartd. té 
X^ p. 22« Assegnarla Mestre. 
t. Xi p* ij8. • 

da Orgnànò VHcXérdlni, % ti p. 78* 

ÓriagOi iJLQtta della ijrenta « e d(« 
sposisione (ic* Veneziani, t. Xl 
p. 175. Il Vescovo^ di trlWgi 
pèrmuta i suoi diritti sopra quel 
Castelfo coi Doge. T. XV p. |8. 
Cbìaifnato PoitonoVo^ fabbricato 
dal' Carrarese j e distrutto. T. 
jtV p, 9* P j. ( Ved. Portonotp.) 
Villa Sttlià Brenta net Padova- 
ho, e suo Castellò* t* XVt p* 
a 8. betta Aureliago» t. XVIIX 
p. a6. Ga&ialdla venduta da*Ve* 
titì^jani. t. XIX p. S. iuà ba4- 
tiaé t» ÌIX p» fb. 

brio burato Jt^drté Se^uftCf di 
Bajamonte tiepolo* T. V^III p, 
i«4^ £»rrcs Podestà di Padova* 
t. iti p* jjj «5 85» Ftltypò fo- 
drttì e Càpftanlo di trivigi. T. 
Xit p» 44 4S 49 50 54 ut. 
Pì0pt9 Capo di Xt. T. XII p. 



. ^76 P R 

js, 7cd. Danno. 

OxuMlIe villa assegoata ad o^tf- 
so. T» XI p« I j9. ì>cl Trivigia- 
»•. T. XIX p. 8e« 

Òraaglta concedau in g^ansdizione 
a Ssucìle. T. XII p. 155. 

Orsago Villa del Tiiv^ao. T.IX 
p. ^6s 

àt Orsago OdérS€0 muixìo di Gut» 
cello da Camino. T. VI p. i>« 
Procaratote. T. VII p. 157- 

Oraati drsrd^ qiL. Pietro da Ro- 
mano. T. V p. p2. 

Órsaco PiMirt da Veneiia preten« 
dente diritti sopra i boSchi di 
Sabarzone. T. III p. 70 7i 7} 
74. Notajo Trivigiano. T. VII 
p. a6 Anùano. T. VH p* 148, 



OS 

p. 74. 

degli 9xtf A%ctto Veseoro £ Ticb- 

to. T. XIV p. xa. 
Orri sai Bresaaoa T« HI p. 49. 
dall* Osella B«»2«ì«;»ìi anziano di 

Verona. T. Ili p. 5j' 
de Oseoago GUvsbbì Priore del 

mooaateco di S. Giotanoì di 

Vetdara. T. V p. 117. 
da Osimo Hi(0luisi0 procuratore 

nelle dififetenae pei Ca volano. T* 

XII p. a4« 
Ospitale di 5. Maria in Piave. T« 

VI p. 79 9x« Villa del Tnvipia. 

no manda guastatori a Mastino. 

T. XI p. aj. Bastie che ivi vo- 
leva iiibbricare il Caicaiese. T« 
>VI p. 54. 



Joterviene io Mestre pe' Trivi- /d<ir Ospitale Btuint^mtf dottorili 



^ giani ad. un tratuto co' Padova< 
nL T. VIII p. 4j. 

Orscnìgò villa del Triviglano* T. 
XI p. 1%, 

degli Orsini BtwuUù Conte Pala- 
tino ambyciatote di Papa Gio. 
vanni arjJIML Sigismondo. T. XIX 
f. c^f PtralU creato Cavaliere 
da Koberto Re di Sicilia , e 
scacciato da Roma. T. XI p« 

. 89 90. 

Sant' Oiso Castello lasciato a' Vi- 
centini da Melchiorre figlio del 

, Conte Beroardo. T. V ^.148. 
Villa del Vicentino data m feu- 
do da Venceslao Impcradore a 
Giorgio de* Cavalli. T. XVI p. 

4* .Ortemburgh Cónte Alhtrt» Ve- 
scovò di Trento. T« XV p. aa. 

- Conte Ermshn^ è in Udine al 
parlamento generale del FriaJL 
T. XI p. 5j* E* in San Vito. T. 

XI p« 5^' Unitamente alta Con- 
ussa di Gorizia a^ea venduto al 
latxiarca Bertrando Sacile. T. 

XII p. I s !• Conte FeéttU»^ com- 

Srcso nella tregua fraySigismon- 
e i Veneziani. T^XIX p.tfs. 
Testtmciiio oel Tiròlo. T. XIX 



,Bq)Sgna. T. V p. 7# , , 
•é'Osterich DUtric prigioniero di 
Castruccio nella battaglia con- 
tro i Fiorentini T. IX p. 91* ^ 
OsCerio Girusnnì mandato da*Tri- 
vigiani ali* eserciti^ di Mastino 
c(% tre cavalli. T. X p. 1^4* 
r/«iM qu. Daniele notaio aitfia- 
00 4^' Trivigiaoi. T. IX p« i«z 

Ostesano Padovano. T. I p. 8a. 

degli Ostesani otfiSém^ Bolognese 
mandato ambasciatore al Carra- 
rese. T. XVII p. 79. 

d'Ostia Èvrsrsmd» Vescovo Legato 
Apostolico. T. X p. xtf7« r^t/if 
Vescovo, Ved. U^éJ^Éé 

Osdglia. T. 1 p. so. I Veronesi 
non dovevano fare a* mercalui 
alcuna novitì^ intorno al passo 
del Po. T* XI p. latf* Ivi era 
col suo esercito Ugolotto Rìan- 
^ cardo. T. ^11 p. ia. 

de Ottavo 0Ì9ric9 giurisperito giu- 
dice e Vicario in Conegliano. y. 
XI p. ijb. Era Padovano. T. XI 
p. i|i 145. 

de Otto r«»« Padovano. T. I p. 
' 82. hlsr€» e Plas/« ftatel& T. 
II p. 7«. 



PA 

Ctttm magno fmperadore suo du 
ploma iti fkvcftc del Vescovo di 
llelTuiio. f . I p. 8. CoiTcede ar 
Siccatdo VescoviGf di Cencda due 
pexii df terreno. T. 1 p. 7, T. 
Xin p. a8. Dona a Rozzo re- 
scovo dì Trivfgi il CastelJo d* 
Asolo, T. Ili p. 15 1. Adclafde 
sua moglie. T. in p. 151. 

4>rxfi»# Tcftrt dona Oderzo croIpae« 
se irìcìrto al Vescow dì Ceneda 
T. I p. 9. t. Xin p. ay. 

di OttoiftellO CdhitU Tifvigiftttf.T. 
Vili p. IS7. r. XII p. 78. >a- 
dre di Jdfi>é ItorfcffleUb. T. XII 
P. 78. 

d* Ovestaff» C^rréitf Ctfpitatia gene- 
rale iti Pàdova pd Re df Boe* 
mia. T. tX p. 74* 

degif Ovcnrrj Bi'4/U qu. ficcata 
Padovano. T . XVI p. ^54. 

da Ozerra ?%• j f Belfoctesf ky 
pregano a soltecftare I" Impeia- 
dore a mandar loro un proiTto 
soecorèo. Sp^ìd, T. XIX p. 154. 

de d^imfano Jiktrt$ Rettore della; 
Lega lomlffida per A!esMirdri« 
r. 1 pv 77* 



X éce GiadiVe fidovanv. TòflUr If 

P. jo. 

fticc B^Jne9ntr0 Trifigiano sapiens 
te de! Consiglfo. T. VII p. js 
)o«. Soprag^taldione. T* Vili 
p. rs. Cotrclude un trattato pe' 
Trivigjadr co* Padovani. T. Vili 
p. 44> Ambasciatore de' 1*riVi« 
gjam a Venezia. T. Vili p. ^a. 

vfadavini Calvaaa notajodi Vicen- 
za. T. ni p^ i8j. 

de' l^adavini Mer*l» da Assisi ?o- 
desti di Padova, f. Vii p. istf. 

Vadenella Cìtvdnni scacciato da 
Trivigi co* Ca«cUi, T. Ili p. 



P A *77 

lùz. T, VH p.^iatf. 

l^idcrncllo» sua dàzfo di js* da<» 
narf grossi. T. V p. is5. Vtla 
del Trivigiana abbruelfta ndU 
gttem de' Veneziani. T. Xf ,p; 
70. 

di Padernello Albtrfw Tnvigbno 
nranda un fante al presidio di 
Ca volano. T. X p. 175* Pf#fr» 
ambasciatore a Padova. T. VII 
p# i8# Anziano m Trivjgì. T. X 
p. lar. 

Padcrno Vii fa assegirata alfa foéksm 
taritf di Asoro. T. XI p. tif* 

7ADOVA sua alleanza Co' Coae* 
glianesf, cogli Oderzinf, e co' 
Camines?. T. I p. iS. ( xitfl ) 1 
Vicentini , f Veronesi , } Trivi- 
giani seiofgono Uffa tega falca 
contro f fsrdovani. T. 1 p. 47» 
Visconte loro Podestà* T. I p* 
47 s». ^ainno pace co' T/fvighi* 
#11 , Veronesi , e Vicentini. T* I 
p. Se. ( t2«9 y Alleanza tra Ve* 
tona , Padova , Vicenza , e Trf- 
vfgi. T. I p. SJ» CraiS > Gios- 
d2no Vescovo dt Padova. T. I 
p. 60 70. e lUi > Loro contro* 
versie co' l'rivigiani mediatore 
il legato Apostolico. T. I p. «a 
6 A, C raaS > Suoi Rettoti della 
lega lombarda. Tom. I p. 769 
< li^j ) Ammettono alla lóro 

• cittadinanza ì ConeglJimosf. T.I 
p. 8r 8a. Btfrasdo da Alvola 
7ode!st^ T. t p. 82. AotmcttOD» 
anche i Cenedesf. T« I p. ^S j. 
Salva la società col Patriarca , 
col Vescovo di Feltre e di »eU 
luiK), e co' Viceiftinf. T. I pw 
8j. Compromettono le loro con* 
trotersic in fra Giovanni àÉYi^ 
tenta, T. I p. 205. Kiccolò lo- 
ro Vescovo , e Ardicia Avvoca- 
to loro Fodesfà. T. I p. roj rps 
<Ti]$> Ottone da Mandellopo» 
dest^. T. I p. ii8. Loro con* 
troversie co* Trivfgiani per C«* 
negUano , Ccaeda » e i CamÓM^. 
« I iT 



fi de<tte in nvoff de* Trìvigni«, 
|ii. T. ì f. II 8* Tom. II p. j, 
C it}6 } Fornuno varj ttacuti 
jOHitio i mal^ccod. T. II p. ;, 
Gpfre4o àt\k Torre Podestl T. 
II p. 4* Cerardioo Loogo Bo4et^ 
ti. Toiif. ti p* )• ì^olàn4ino dà 
Cgcpssa Fo4es|L T. ti p. s ai 
|J7? T. IV p. tf. Rimano varj 
prpvvedimenti intorno a* ponti, 
acquedotti, ^ p^blicbe strade 
4pm Cit|à e del distretto. T« 
il p. )• Vaotono de* Kpssi d^ 
fiorien^ Fo4està. T. II p. tf.T, 
|Il p. Ili . 11^. T. IV p. #8. 
Siiupn^ Conte Tiatiso Vicario 
per V Ipiperadore. T» II p. 6. 
jt X2$8 ^ Formano degli statnci 
in^«rn« f^ìì^ I^^P^C^aglie, Tt 1% 

f l^tfp) Fanno confèd^a^&bne col 
Vescovo 4i Poltre e di Belluno, 
T. U p* jo. Guido 4« Monte^ 
fpjano Pod^tìk. Ibid. Stipulano 
fr^sa^one con Azxo Marchese 
^^ Este p9t £ste , Calaone , Monn 
lagnana, ed alne Ville, T. II 
p. 1^. Qiov^nni Foiutè Vesco* 
vo. Ibid. MfitcQ Querini Fpdes- 
tà. J, II p. j8 40 41 4|. Ma* 
lino 5^dpM« ?94?«tà, Tom. H 
p, 38.. 

( 1^64:^ Matteo da Correggio Tch 
d^stà giudice arbitro nell^ d\£m 
feieni;^ ir^ i Capitnesi. T. Hp. 
', j 74. Padovani risolvono di as« 
si&tcre i l^assancsi , e di manda- 
le (ambasciatori a Vicenza C Ved. 
r afticplo ||A.SSA;b?Q $ ques^^ 
aiMOy e seguenti.; 

( ia<^) t^enz^i Ti^polo fodestà^ 

. T» \l Ft 8^ di 84. Statuto in- 
icfiio j|lle x^ppresiaglie di Feltre 
T, |I p. 83* Maod^no ambascia^ 
^Plì a Yffona ad i^an^ di Nic- 
coli 4^ Cascelnovo. T. II p.8 8. 

(. laóf) CoBiiengof^o co* Trivìgia^ 
pi per fonsetvar la buona con. 

cofiìa , c4 il (oj^mmiof T* U 



fr 97r Kìcevono 1 Vicentini tot« 
to )a loro protexionp e doq:i|niPt 
T. il p. roo toa. e sega. 

iì3i67) Jacobioo de* Hoisi Podès^ 
t\. T.il p. 21 97 |o8 154 «$5f 
Istruibénto di pace fra Padova, 
Trivigi , e Vicenza. T. II p. nv 
i|7 »aó. T. III p. 47. Scrivono 
a*. Vicentini in ftvore de* Bas* 
sahesi pe^ la osservane dell^ 
sentenza Òjuérini. T. II p. i^i« 

{ ia58 ) Bopuacio d^ Canossa ^o- 
destij. T. Il p. al ii« 1x7 x»8 
ir5| tao lai ia4 125. lai >*7» 
Prendono parte di levar Cassa* 
no e pontanlvà a^ Vicentini col 
pretesto di es^er preditori di 9ac 
nari. ^om. II p. 124 '^5 ti% 
Danno otdloe che i Bassapesi , 
e quf ^ 4^ Bontai^iva ricorrer deb.^ 
bano a ^a4ova a hni render 
giustizia. T« II p. 12 <( T. Ili 
p. $4. Prendono il possesso di 
Sckiavone, Àoyelta^ e tonga ce* 
dute loro da^Vìcen^qi pof cam^ 
bip di Montagnone. Tom. II p^ 
ia5 128. (Ved. Tanno 1291.) 

(l^tfp) ^olandÌQO 4^ Canossa Po» 
desta. T« II p* ai. Kicevonc^ 
d?* Bassancsi iì mensuale fiibu^ 
to. T. II p. Tjo. Sono in Fiu<i 
delle fol|* eserpitp, Tpm. Il ^^ 
U4. 

( 127' > Tommasioo Giustiniani Po^ 
desti. T, il p. 19 1J5. 1 vi, 
centini si scusano presso ì Pa^ 
dovani di alcune yioteni^e usatf 
a'Bassanesi, T. U p* «jS. 

(>a75) Sopprimono da* public! li. 
bri le rappresaglie contro ì Tri, 
vigiani. T. II p. i54f Concedow 
no a* Bassanesi di pi^^er pren- 
dere i banditi anche fuQij del 
territorio. T. H p- M5. 

C 1274 ;^ Cottifrcdo daU;i Torre Po. 
desta. T. Ili p. 3 s 6, Esami.} 
nano se ^i tattayeti di ^«dova 
debbano inquisire contro alcun. 
^Ofcani ^bipo^i ip gassano. T^ 



III p. 4« Formato^ decreto in* 
torno all' ofàzìo di Podestà. T. 
JI| p. tf. 

C la7$ ) jacoptno d^' Roirì Podes* 
t^ T. IH p. 6, Pf^odonc parte 
di concludcff (rarrato colle Cìt* 
ik di Trivigì, Vicenxa, Ferrara, 
Lendenara, e Rovigo intorno a* 
bandii di darseli recipcocamen- 
te. T* m P* tf« Formano statua 
ti fcì buon governo, e per la 
fortificaaiooe di Bassano, e di 
alcuof yiìì^ aggiaceoti^ T. ili 
P» 9f 

( 1^76 } R.oberto de' Roberti Po^ 
desti, T. II p. ai. T, III p. io 
IX. f^ivoc^Ao il j^recetto Atto a* 
Bassaaesi di dovet fabbricare 
una casa nella ^occa del Cisn 
mone. T. Ili p. II. 

( ia77 ) Guidone de' Gioberti Pcs 
destai. T. Ili p. 1$ ai 47 *8, 
Vendono le rappresagli? condro 
Chioggia , accennano no tracuto 
conno i Veneziani^ e nn toc- 
corso dato al Marchese d*Esce, 
e al Comune di Ferrara. T. Ili 
p. f,, lavorano nella strada . 
che conduce verso Limina. T. 
HI p. 15 1^ 17 I-9* Scrivono 41 
Doge lettera di risentimento pei 
aver scritto al Podett3l di Bas- 

. sano intorno a* beni degli Aldi* 

. nelli.^ T. Ili p. af. Seatentiano, 
che i Bissanesi non sono sogger. 
ti al paganiento del 4mzìo de* 
carri. T. Ili p. «a». Mtcteo^i^ 
Zini PodesrsL T. Ili p. ak. 

( Ta78 > Coir esercito sono sotto 
Cotogna. T. Ili <p. J5 ^o, Con* - 
eludono lega con Brescia, Cre* 
mona, Parma, Modena» Ferra* 
xa, e Gerardo da Camino con* 
tfo i Veronesi. T. III.p. 90 ji. 
Marino Valaresso Codesti. T.III 
p. J» Ji j$ Jtf. 

(n279> Trento custodito « npme 
de* Padovani 4a' soldati Bassa- 
itesi* T« III p. }5 }u Coman* 



P A ^ 179 

4afio a'Bassanesi di dovet man* 
dacf «ir esercito ijo toMati. T» 
III p. |tf. Monasteri di S. Be- 
SMdecto Novello, Anna Abades* 
m^ e monache che ìm cottttoi- 
scoooi Padoano Fileke ce. T. 
Ili p. Jfi. T. IV p^ 4*. GioTtn* 
ni Vedovo, X^oWco Canoni* 
co , Albertino Vicario* T. Ili p. 
38 j9 40. S. Benedetto vecchio* 
T. Ili p. jl lij. T* IV p. 40. 
Confermano U l«|a co* Trivi* 
giani Vicentini gii fiitta fin 
dal iatf7» T. Ili p. 44 45 4« 
47* Jacopo di ^ontalino Podes* 
dU T. Ili p. 49 4«« 

C laSe) Monastero di S» Otovanni 
di Vetdara. T. Uf p« S^. Coli' 
esercito iolM> 9 Verona, t aVìl* 
lanova. Tom, III p. s8 5 9 «o. 
ConCkidono pace con Alberto 
dallfe Scala , e co* Veconesi. T. 
Ili p. tfo. Matteo da Correggio 
Podestà T, III p. «r tfa. Pro* 
mettono di difendere Obizzo d* 
Bste contro i Mantovani. T. Ili 
p. tfi. Formano regolazioni ir. 
torno al Podeftà di Bauano. T. 
m p. ««% 

C taB I } Sèrico d* Orio Podestà. T. 
Ili f, 4) tfs t(«. Eleggo U" 
ipieoa nelle controversie fra ! 
Vicentini , e i Bassaoesi. T. Ili 
p. tf|; Teninno di «kerafe i 
privilegi , e i diritti 4e* BassOoe* 
si. T. Ili p. «5* Biscoraho la 
strada dal ponte delle Brentelle 
sino a Padova $ ordinano cht i 
Vicentini debba fio pagale il pe* 
dagio passando pel ponte 4ì Bas* 
sano con merci i tabiKscono che 
Lonigo cfser debba del diKretto 
4ì Padova. T. IH p« «tf. Che i 
Vicentini potsano sOom fogat 
4a%b coodar le loro rendite dal 
Fadovino in Viccnu, Tom. Ili 

jp* «7. . 
(f«<a| Giovanm Vescovo manda 
. procuratori al Sinodo d* Aqui- 
S 4 leja. 



28o P A 

Itfa. T. m p. ««. 
'<i2«j > Verio de'Circoli da Ffof«n- 
X9 Podestà. T. Ili p. 9J 9S $9« 
• Kaìrtuccio fno giudice ed asses- 
tore, « ma tentenza fa lavora 
del Comune dì Bassano contro 
«leoni dasìari Padovani. T. Ili 
f. 9}' Sentenza deV Podestà co« 
aiaiidando, che il Capitano de' 
Cavalcatori di tìi della Brenta 
non dovesse molestare i Bassa* 
ner^.^. III p. 98. Il rodesti 
ptolbisce con ^itte il portar 
armi proibite in Bassano a* Pa- 
dovani , e a' VicentinT. T. Ili p, 
99* I Padovani restituiscono a 
Bassano il dritto di giudicare. 
Tt ITI f, 100 loi. Vanno al soc 
corso di Gerardo da Camino hu 

10 SignM di Trivigf. T. Ili p. 

JOJ. 

( 1384 ) Decretano che i Vicentini 
possano comperar possessioni in 
Padovana, e così i Padovani ih 
Vicentina. T. Ili p. iir. 

f 12^5 ) Guglielmo Mala^ina de* 
gir Obiazi da Lucca Podestà T. 
ni p. itr 115 ri 9* Fanconode* 
Rossi Podestà T. in f . Ili ria 
II). Vniti a*' Veronesi scavano 
un fbsso nella Scodesia , ed or« 
dinano , che in esso non sf fàc* 
ciano molinl, o alcuno edificio» 
T. Ili p. 112. Convento de' fra* 
ti predicatori bene6cato daAéca 
da Camino , e Chiesa di s. An* 
tonio. T. Ili p. ]ij. Ordinano 
a* Cavafcarorr di non molestare 
i Bassanesi. T. in p. ir4 ti)« 

11 Podestà df Bassano protesta 
contro una parte presa nel Con* 
sigilo, perchè era contro T ono- 
re de* Padovani. T. Ili p. ut. 
Comandano af Capita nk> d'e*Ca* 
vakatori di non impedire le 
vettovaglie , che vengono tra- 
spotute a Bassano. T; Hip. 119. 

'(i28tf) Rivocano un comanda* 
mento' fitto al Comune di Itas- 



P,A 
sano intorno ad alcuni lavori di 
fàtsu T. Ili p. 130. Sentenza 
del Podestà io favore de' Bassy- 
nesi. T. IH p. I jo. Barone de* 
Mangiatori da San Miniate Pb« 
desti. T. II p. aa. T.lll p. tjo 
ifi ìì6 rs7« Nuovo comando ^ 
a' Cavalcatori di non molestare 
? Bassanesi. T. UI p. ijtf. 

(i2«8 > Mandano ambasciatori t 
Tifvigi io favore di Tommaso Ca- 
ponero« T. Ili p. 142. Tentana 
contro i privilegi ^c' Bassanesu 
T. Ili p. 144* Otolino da Man* 
dello Podestì. T. IH p. I4«« 

< 1289 > Refazioni dì rappresaglie 
esegufte per loco comando sul 
tferritorfo del Patriarca. T. Ili 
p. rstf- 

C i»9d > Frtti Minor? hanno com- 
missìope di predicar la Crociata 
per Ta Citt^. Tom. Ili p« i84«- 
Formano alcuni Capitoli in pfe* 
giudìzio dell* hn muniti ecclesi- 
astica 5 sono scomunicati dall^ 
Arcivescovo d! Ragnsr^ il Car-^ 
dinal Pietra Colonna rivoca ^uesi* 
ta scomunica , e Kiccolò IV* 
approva la sentenza del Cardi- 
nale. T. Ili p. 1^5. e scgg. Fra- 
ti della pem'tenM, sive coofite- 
xir, or a crozola , o A. T. a: 
Cruce chiamati. T. Ili p. 189.^ 
Pìfippo dc"^ Cappellinf Canonito- 
perfto io ghia canonico, e Vi- 
cario di Giovanni degli Enselmi- 
fii vescovo. T. Ili p. 19'* Fr^ 
Giovanna da Padova* Dottore Pri- 
ore dr S. Benedetto , e Alvarot. 
to Cappeflano beneficiato deU^ 
Cattedrafe, ed Eustachio Retto- 
re detla Chiesa df S. Caterina .r 
T. in p. Xfu Controversie co* 
Bassanesi per causa deT dazio sa- 
le. T. in p^ i9r. Sentenza det 
Vicario in favore de* Bassanesi 
pel dazio, delle carni. T. IV p. 
4. Tommaso Quirini Podes^ T. 
IV ff. 5. T. vn p. 84. 

("SO 



P A^ ■ 

C lapO I Veneziani prendono par^ 

' te , perchè sia confermato il 
trattato co* Padovani fatto nel 
12^8. T. IV pr. 6. 1 Veneziani 
confermano pei rìov^ inni V iu 
truiliento d' alleanza già htto 
co* Padovani. T. IV p. <?. Si ac- 
cennando le rappresaglie de' Ve- 
neziani. T. IV p. 6 7. 

C I ^92 ) Stipulano istrumefito di 
convenzione co* Chioggiotti pet 
confirti. Ir. IV p. xj» Turbano 
armata mano le giurisdizioni del 
monastero detltf Vangddizta : Pa- 
pa Alessandro effegge conserva- 
tore dt* priviTeg) del Monastèro 
l'Abate di S. Felice di Bologna* 
sua lettera alfa Comunità diPa^* 
dota, T. IV p. fs. Miftacclati 
di scomunica y « d* interdetto* 
T. IV p. ftf. Settagono Podestà. 
T. IV p. ts t6. Paolo Quirfnf 
Podestà. T. IV p. ix aj 24 ^j. 
Ca dì Dio. T. IV p. Itf* idrate 
Leonardo Frfote. T« IV p. 48. 
Inveotatfo una nuova gabella so- 
pra la macina , e ì Bassaaes^ si 
oppongono di pagarla. T. IV p. 
22 a j* Preodono psTite in Con- 
siglio dì obbligarli colla forza. 
T. tv p. 24. ti pregai*© ami- 
chevolmente^ di pagarla, T. IV 
p. •'S* Monitorio HcìV Abate di 
S. Felice di Bologna , perchè noi» 
cessavano di danneggiare i beni 
del shoffasteto della Vangadizza. 
T. IV p. »8. 

(ii9}) B . * . Vescovo riceve 
commissione dal Patriarca di 
ptt&licar per la Cfttà fa scomn- 
siica contro i Trivigianf. T. IV 
P« 34* Sono scomunicati dall'Ai 
wte di $. Felice. T. IV p. js. 
Letteija del medesinxo Abate a 
tutti gif ecclesiastici , nella qua- 
le aggrava la sentenza della sco- 
iiiunica. T. IV p, 37, Aldrovan- 
dino d* Este es&isce i suoi di» 
fitti al Cornane, ed esso lì ac* 



P A l'Sr 

cflìta^ T. IV p. j *. C«rdrdo di 
Jossano da Cremona Podestà. T« 
IV p. j8 42 4< 47 48' Seneen- 
z4 del Podestà contro i Marche- 
si d' Este %ri d' Obizzo. T. IV 
p. 4^* Dichiarano, che ri Co- 
lonne di Bassa no non è tenuto 
a mandar custodi ad alcun por- 
to del Padovano. T. IV p. 47. 
Approvano il lavoro £itto daf 
Bassanesi nelle ^>sse dr Castelir 
baldo. T. tv p. 4^- 

C i^94> Il Patriarcar dimanda soc- 
corso contto Gerardo- da Cami^ 
no. T, IV p. S7. rinnovano a" 
Bassanesi il dazio macina , e ques* 
li si oppongono. T.» IV p, $7. 
Lavòxano la' salizzad» nella Cit^ 
tà. T. IV p. st. Dichiarano i 
BaKssnesf esentf dal dazio mzcw 
na, T. IV p, S9. Né che sfana 
tenuti di mandare cusdodi a' por-^ 
ti del Padovano. Tom. IV p. 5» 
63. Niccoli Moro9Ìm Podestà. 
T. IV p. S9 tfa. Confermano if 
dauo della macina, T. IV p^tf^ 

C1295 > Corrado da Montemagna 
* Podestà* T. IV p. 6j, Partì pre-^ 
se io £ivote deN^assaoesi, f.IV 
p. 6j 69. ' 

(tx96) Dichiarano ^ che gli uom{- 
ni d^ Angarano potsino libera* 
mente condus vettovaglie ptl 
ponte di Bassaoo portandole « 
Padova. T. IV p. 8« 81.^ Bru-^ 
netto de'Brunelleschi dalrioren- 
za Podestà*. 1*. IV p, 80 8t ^a 
9ì 95. Minacciati di censure 
ecclcMastiche da Guidone Abate 
della Vangadizza se non lesutui- 
scono i beni del Monastero oc« 
cupari. T. IV p. p». Seoteoif 
del PodesÀ contro I' Ai^'prete 
di Bassano. T. IV p. pj. 

( 1297 ) Bandiscono i Forzate. T, 
IV p. loj. Biasio de* Tolome? 
da Siena Podestà. T. IV p. 10 ji 
Sentenza intorno a' confini di, 
Trivigi e di Padova nellt^ Villa' 
di 



^U P A 

gii S* Martino di Laptrt. Tom. 
XIV p. 78. Plorino da Foaccca- 
fab da Brescia Podestà, T. IV 
p, 16$. Comandano zìcifìtzno 
«le' Cavalcatori di hon iìiolestare 
«facili y che conducono mercan* 
Èk per BassanOf^T. IV p. 117.. 
Francesco de' -Cremonési dafisr 
toja FodeStìU T. IV p. 117. 

C rApt ) V Abate della Vangadiz^ 
£a pone sotp la protezione de* 
Padovani tutte It giurisdizioni 
dei suo Monastèro , e si dà fine 
a tutte le differenze , e Ciovan« 
ni Vescovo per ^toHtà aposto- 
lica^ approva e tgUfic^ (|uesia 
cessone. T. IV p. 1*4. 

C'i'99 ) M^odaAo aihbàsciacori al 
IPatriarca in Udine. Tòni. IV p. 
1 jo. Publicano il bando contro 
i Forzate. T. IV p. ijò, Carlo 
de* Canri da Pistoja podiefst^. T. 
IV p, 130. Bertoldo de* Malpi» 
lèi da San Miniate Podestà. T, 
IV ijo. Lavorano la strada da 
?adoVa sinQ iilla ^l^Lonell^, T, 
IV p, ij5. 

(fjòo) Prendono parte 2morho a* 
lavori de* pònri, p dclte pubìi<« 
che strade, T. IV g. 142. Nic^ 
' col^ 4e* Bdnsfgnot! da Sièna Po- 
destà, t. IV p. i+a. Niccolò de' 
"Cerchi da fl^tenSi^a ?pd^tà- T, 
IV p, 141. 

CtÌòi> Approvano il lavoro de'lla 
%'crada di Liniloa. T. IV ù, 147. 
Bertolino de^ Maggi da Brescia 
Podestà. T. ÌV p. 147. 

CijoA ) Dichiarano liberi i 6assa« 
néa dal dazio del sale. T*IVp« 
t^7. Fiorino dà Pddteckrall da 
BrtìJcla Podestà, t. IV p, iS7, 
Lavori che voleVanb fàr^ nella 
strada di Limina. T* tV p. 160 

( i^oj > Fanno una ^aTffica^i nel- 
le acqfue il tenzóne, di ^trò a 
Foveg^ia in pregiudido dd'Chiòg- 
'^otti, i qi/aii protestano. T.IV 
$. ttfa. Fabbrfciiio ìin ba'ttif^c- 



P A 
ciò a Conche verso Brondolo, T« 
y p. 10. 

(iJ^*) Ordinano, che tutte Io 
ville debÌ>ahodare in iscritto al 
Podestà i montoni, e che niu» 
no conduca vino fuori del dis* 
tre^o eccettochv i Bassanesi. T« 
IV p. xtfj. Hosso da Castello 
Podestà T, IV p. itf4. 

<x3o5 ) Andrea Vaiarlo Podestà* 
T. IV p. i7tf. t. V p. 17. Sri* 
pula no istru mento di Convenzione 
co' Veneziana per rà^empimen. 
to del trattato di aggiustamen- 
to stabilito tra loro Tanno addie» 
tro in Ottobre. T. IV p, 178. 

(ijotf>SonP ih i^llcanza co* Ve- 
ronesi, T. iV p. ip4. Órdini da- 
ti intorno alla nuova gabèua so- 
pra la n^acina i' podestà del lo- 
ro tcrrìtorfp. T. ti^ »4» Conci- 
no de' Picinardi daCt^mona io- 
data. T. V p. X4 ij a4, Bre* 
ce'ttaho i Bassanesi a non &r a- 
dnttznzt d* uomini armati. T. V 
p. ij. Bassano da ^ossiraga da 
Lodi Podestà. T. V p. as. Chie- 
sa di S, Jarpfommipp, Tom. V 
p. 5tf. 

Ci3Q7> Approvano 11 lavorò della 
strada, che conduce a Vicenza, 
'r, y p. «7. Federico Ponzonc 
dà Cremona Podestà. T, V p. ^t 

CxjqS) Ordini dati per riparalo 
le rotte dell* Adige, T, V p. 99. 
tentone de* Kossi da Fiorenza 
Podestà. T« V p, 99» lmpongt>- 
no a' Ca()itaoi de* lavori delle 
strade di non molestare i Bassa- 
nesi. T. V p. 1 •+• Facevano la. 
votate nelT alveo, che fnco» 
minciava da' molini di S, Jaco- 
po ^ ed arrivava sino aì monas- 
tero di S, Bernardo, Ì*om. V p. 
104 107, ' Francesco di Pitonio 
d'Assisi Podestà, T. V p, 104 
105, lavóri ^he Wevaoo pres- 
so il Bizzonè. T. V p. 104. i«. 
Vitino atla lodestaffa "della Cit- 
tì 



P A 

tk itno da Vernaca Cremonese, 
T« V p. io5 iq8» IBassancsi di- 
fendono i loro dincci a Padova 
pei certi )av(ȓ, che ivi si face* 
vano. T. V p. lotf. Li dichiara- 
fiO esenti da questi lavori. T. V 
p. To8. Enrico notifica a* Pado- 
vani la sua c-c^ione in ^p de* 
Romani. T, V p. nj. 
^j}m9) Lavori che Àcpvano in 
Rovigo. T. V p» >Y4« Marino 
della branca Podestà. T. V p. 
J14. Prendono il possesso de*be. 
ni de' Ven;£iani scomunicati e- 
sisteoti in Padovana. Tom. V p. 
117. OstilTtà usate cóntro i Ve- 
neziani, T. Vii p. 5 5. Papa Cle- 
mente li cio^razia degli ajuti 
presfjitt pei ncupetac Ferrara in* 
vasa da] Veneti. T. V p. 117. 
Giovanni da OKnago Priore del 
Monastero di S. Giovanni di Ver- 
dara , e Alberto Enselmino Arci- 
diacono di F^emonte. T, V p. 

(tjio) Ordini dati per accomo- 
dare il Pxato della Valle , e ren« 
dpxlo comodo a far la fiera, e 
il corso de* cavalli. T.V p. lai. 
Gentite de* Filippensi da Orvie- 
to ?odesfà« Toiin. V p? *ai laj 
US . 

(ijii) Fanno accomodare lastra^ 
da , che conduce a Limina , a 
Cuctaroio, a Cittadella. T. V p. 
22J. Che sia fatto un ponte di 
pietra a Lknina sulla Brentella. 
T. V p. izj. Michel Moroslni 
Podestà. T, V p. rzj. Provvpdi- 
mienti intorno a* Podestà di lo^ 
IO giurisdizione, T. V p. ta$. 
Sì congratulano co*Genovpsi del- 
la concordia fatta fra i Cittadi- 
ni. T. V p. li 7. Tolomeo de' 
Cortesi da Cremona Podestà. T. 
V p. 127 laH. Invitano Jacopi* 
no Ruffini da Parm^ a leggere 
gius civile. T. V p. ia«. Prose- 
guono i lavori nella su^da , «iie 



da Padova conduce ^ Cittadella^ 
T. V p. ìZ9 ij.Ié Lavori nella 
strada che da Padova conduco 
a Vicenza, T. V p. iji. Proda, 
ma che noo £ta recato dannosi 
bosco di S. Pietro in pcrrto. T*^ 

V p. ijj. Bertoldo de' Malpilcj 
da V Miniate Podestà* T. V p* 
iji. Óngaro dt^ìì oiì da Pe» 
rugià Pùdcs[à. T. V p. iji. Al^ 
berto d^ Cast<?lio Podestà. T. V 
P« 151 14S- Perdono il domimi» 
di Vicenza il dz ys Adirile, Tt 

V 'p. i^r. 

(iji-«> Ordini pCE custodire Ja 
Città, e difendcfìa da* nfv^ìci. 
T, V f. IJ5* tnrlcQ Impccado- 
xe ordina , eh* ess? dcbh^nsi fi- 
leggere quattro f oggetti, uno 
de* quali sarà sreTco da esso per 
loro Vicario Impellale. T* V p. 
140, Sentenza di esso Imperado* 
re per comporre le diQrcicnxc , 
che erano fra i Padovani, e 1 
Vicentini, T. V p, 141, Ordina- 
no al Fodesrì di EAisano dìjpreii* 
dere in nota tut^i i , forestieri , 
che abitavano ih Bissano , e nel 
distretto. T. V p. i^St Delibera- 
no intórno ad alcune lettere di 
Albertino Mussato, e decretano, 
che riiuno debba allont^arsi daU 
la Città. T. V p. 147. Geitido 
da Enzola da Paima Vicario 
Imperiale. T. V p, 147 15 « i«4 
i7i. Condannati dal.Vicano tm« 
penale di Vicen^ come debito* 
ri di grossa sòinma di danaio , 
e però si confiscano tu(ti, 1 be- 
ni, che possedevano in Mo6te- 
galdella, la inaggior pprte de' 
quali et^no dt Ubertino daCfar^ 
rara. T. V ^. ì'si. ^!fecozK>nc 
di questa senteKka. ¥. V p.Vsa. 
Provvedimenti intórno al Podes- 
tà di Bassano.. T. V p. 15 5* Di- 
ploma di ihdco ìffiperaàore pec 
comporre fo^SSrreniie fra 1 Pa« 
dovaoi , e i Vicentini. T. V p. 



i57« Hinnovfino la €ùàc4tdh € 
U picc co' VeoeiìanL T. V p. 
j4u Ordiifaoo al Comnoe dr 
Cuiciiolo dì mandar t Bassi oo 
aomioi per dar eompimemò a 
*nù certo favoror, che ivi si h*' 
cera* T. V p« 1^4. Ordinino 
che il Fodcitk coir esercito mm 
4ebba recar molesda o danno a*" 
Bissaoesi, T. V f.is^, Giovanni 
Soxanco Doge di Venetia pirte* 
cipà ad essi la sua elezione. T. 
y f. J66, Ordinaflo Che l Bassa« 
tfesi paghffio per una irolca tan- 
to cento fiorini d*ofo per moti' 
TO defltt guerra, T. V p. 1^7. 
Cofldanttano gì? uomini di Sofà- 
gna^ perchè non eraotf interve- 
iintt all' esercito » e alla mosCraf 
fatti a villa Verlk. T. V p. 168 
Jacopo de*Kossr da FfforenzaFOi' 
4es^ T, V p. 168. Koberto Kc 
dì Sicilia partecipa ad essi, eom 
J&c il f ontefiCe aveaglt dattf il 
dominio di Ferrari , e perciò li 
pregavi ^ asslstcnzi» T, V p« 
t7d* 
C i|ij ) òli riàpoAdontf pronfettéo^ 
i^^gJ^ ogni livore. IT. V p. 175-' 
Xle^dAo otto sapienti per le Do* 
titèy che li àiolestatano. T. V 
p« t7i. Èòrniò de'Samarfnnfdi 
Bolognl Podestà, t. V p, i7j. 
l^apiCIeriien^e espone forò fCir- 
pftoli ^ della pace coiTChiasa fra 
la Chiesa ? Veneti per motrvor 
«fi terrari, t- t p. r«7. È cosi 
air Abate di S. Gtustirta. IM. 
Pldovani estrirtséci urtiti 4 Caru^ 
gnnde. t. V p, rp*. Sonò mes- 
1! Il bando deir Iritpertf, e di- 
chìaran rrbcni e Contumaci. T. 
V p. ido. Aveaoo mandato ayu- 
to a* Fioreiitid issediaf! da £a* 
rico Imperadore» ed ivea no teo- 
tato di levir ViceDza dal domi- 
dìo Imperiale. Tom. V p. aoi. 
Sono Mmtf dell' Unfvermì^ e 
del gius di tddoctorare • T* v 



p« ^ioj« Varino h Sussidfo de^ 
Triv^iaoi pressò Collegllali o cc^n^ 
tfo il Conte diCorttia. T. Y p* 
2ò6, ÉsibiscofM afuti a'TrrvfgTà.r 
ni , e Ae sono rrngraiUtf. T. V 
p. Jito. Dimanda ITO il passo a*" 
Tri^ighnì pel foro territoiid. T* 

V 'p« 21 A. Ch?edoAo di nuovo ìt 
passo pel terrltórfo di Ttivfgi^ 
perchè Io atea chiesto anche ilf 
Conte d! Gorilla , mi nori con' 
cesso fìh all'uno, né ili* altro # 
T. VI p. 4- Molestati dà CIOìt 
grande. T, VI p. s* In apro 
de' TriTtgian? presso Conegliaao' 
assaliti dalle genti Goriziane. T# 

VI p. 11. 1 Trifigiani dimande^ 
no loro nuotf a Just per vendi^ 
carsi dì qucst* assalto , T. Vf p.r 
II. Kuo^e milizie (adovane iif 
ayuto di quelli . T. VI p. 13 ^un^ 
te 1 Castelfranco . T. Vi p. 14. 
loro imbascerìi ll'rivigìsni coir 
nuove o^rte. T. Vi pw r7. ICi* 
Cercati nuovamente da'^Trivigia^ 
ni di soccorso. T. VI p. 19 xo^ 
Si tritri di una fegl co*' TmW 
giani « T. Vi p. 24^ Spediscono' 
••Trivigiani la nuovi delfa mor^ 
te di Enrico Imperadore. T. VI 
p. zS. Ricercati di a (ufo dal pa^ 
ttiarci contro il Goriziano. T. 
VI fé jOrf esibiscono a^ito a" 
Trivigfani, e gli spediscono let^ 
fera det Gorituno , che ricerca^ 
va di trattare intorno igli atn* 
ri cofrend. T, vi p. 55. l^ìc- 
colb de Calbulo Podestà . T. VI 
p. Ji 43 tf8. T. VII p. 148. 
Colfcglt? co* Trivìgianr e Col (a* 
friarca. T. VI p. 3$ 38 47 $a- 
Avvisano i TrivfgiafÌ! , come Maf« 
£*eo Visconte è giunto sul Veto* 
nese, e Come In Venezia face* 
vasi un guarnimento di genti ar* 
mate, e un altro in Valsugana 
da Guecello da Camino • T. VI 
p. itf. Ricercati di nuovi ajati 
dal Patriarca. T, VI p. 5 5- •«»• 

tin- 



P'A 
«inflo le loro milizie, the en* 
«o al servìgio dc'.Trfv^iani per 
4lifender Bassano rotoaccitto da 
Cane« T. VI p. 41. Levano la 
!ofo cavallerìa, che eia al ser* 
vi^o del Patriarca . T. VI p. 47 
4S. I Trivigiani li pregano di 
non ^^aodonare il Patriarca • 
T« VI p. 47 4S. II Patriarca sde- 
gnato coQ essi, jperchè gli man- 
cano de* soccorsi promessi. T. 
VI p. 50. Occupati a far guer- 
ra nel Vicentino « e nel Vexone» 
se non vogliono attendere alla 
guerra del Friuli • T, VI p* sj. 
Sollecitati dal Patriarca^ « da' 
Ttivj^ani a mandar «occorsi in 
FriuH* T. Vi p. 5 5» 

< 1324) Il Conte di Gorizia esibis- 
ce loro pace ed alleanza , e sa 
di ciò consultano i Trivigiani. 
T. VI ^. tfx. TI Duca di Carin- 
tia si esibisce mediatore alla pa- 
ce con Cangrande T. VI p. 6i. 
J Trivigiani K persuadono alla 
pace col Come , e li dissuado- 
no alla lega. T. 1^1 p. tfa« Ac- 
cordano la csìbìzioae del Doea 
4i Carintia e Ke di Boemia T. 
VI f, 6j« Arcecuno la pace del 
"Goriziano, ma non li lesa* T. 
VI p. «4. Ambasciatore dé*Txi- 
'vigiaoi per questa pace non an- 
cor conclusa • T. VI p. €7* Ri- 

^chiedono a' Trivigiani , che ile- 
ilo restituite a Jacopo da Carra- 
ia certe tenute poste nel Pede- 
jnonte Trivi^ialk». T. VI p« 69. 
7ace col Conte di Gorizia. T. 
VI p. 7 j. Nuova ambasciata de* 
Trìvipian! per la pace col Con- 
te di Gorizia. T. VI p. 7$. I 

^ Trivigiani si esibiscono niediato- 
it a far la pace fta essi, e i Vi- 
«eotifij. T. VI. p. ts. Avvisano 
i Trivigiani de* movimenti dello 
Scaligero, e de* suoi maneggi. 
'T. VI p. pi ,e del s«o arrivo 
44 Abano. T. vn p. j« t Tti- 



P A 1I5 

vigiaai esibiscono loro a}iito eoo» 
tro Cane. T. VII p. 5* In da- 
nari, ma non in soldati. T.VII 
p. 6 7' Il Conte di Gonzia'pro- 
cura di dissuadere i Trivigiani 
di dar soccorsi a* Padovani con* 
tcoCaoe. T.VII. p. lerr. Pro» 

S ressi di Cane nel territorio Pa« 
ovano« T. VII p. xi. Spedis- 
cono ambasciatore a Trlvigi • T. 
VII p. II la. Turbolenze civili 
in Padova » e specialmente fra 
Jacopo da Carrara, ed Albenii' 
no^ Mussato. T. VII p* 17. I 
Triv^iani vi mandano sei am- 
basciatori per acqueurli . Tom* 
VII p. 17 iS. I Trivigiani sHn^ 
teressano pef la pace con Cane 
T. VII p. i9. Ed anche il Conte 
di Gotica • T« VII p. ao ix« I 
Trivigiani mandano ambasciato- 
li a Cane per trattar la pace co* 
Padovani. T. VII p. ai. I Pa- 
dovani dichiarano esenti i Bas- 
canesì dal pagamento di certe 
gabelle, e ipezialmenreda quel- 
U della macina , e del dazio del 
sale. T. VII p. 4^1* Ponzino de* 
Ponzoni da Cremona Podestà T. 
VII p. 41 44 5 5 5^ *« ^7 79 
T. vni p. t^. Dimandano aiu- 
ti a' Trivigiani per difendere la 
parte guelfi , e l' ottengono • T. 
VII p. 44. Sono richiesti daTri- 
vigiani della leidtu&ione d*ii« 
tmprcstito fatto dal Conte Ram- 
baldo a Kiccotò da Lozzo pri- 
tua del suo tradimento « T« VII 
p. Sa« P^ano dalla Torre Ves- 
covo. "T. VII p. sj. Concludo- 
no pace co* Veneziani , e sopis- 
cono tutte le ditfèrenze , che ver« 
levano Ira loto • T. VII p. s }• 
Si rammentano le ostiH^ de*Pa- 
4ovani , quando i Veneziam era- 
no scomnnicad • T. VII. p. 5 J 
Sono sconfitti da Cane' ne'bc»- 
^hi di Vicenza. T. VII p. 5S 
«45* Chiedono ajuto a* Trivigia- 
ni, 



4*S P A _ 

ili, e Io otteogono* T, Vii* pi 
jtf, RffhicdqiiO.ÌTnvìgiaiir, che 
il icosrìiutìtino ma 11 èva dori di 
utia pace tra loro , e Cangrandc 
IT. VII p, i7* 1 Ven^ianì si 
lafìno. iiìalkvadtìo per questa pi- 
cc. i'^j. VII pi i?. F«noD [.;o. 
fi^i^ ()ct cQtitJudei 1a pA(:e. t 
^oofermada » T. Vlt p* 5Si Pro* 
cara niello Scaligero » T, VII p* 
^T. Isttuihcnto delU i>at^. Ti 
V^ p. ^1. Capitoli di quésta 
race. T*' VÌt p^ 69» Esentano i 
Bassàrtcsi da oghì gravai» {Ci 
Anni trci peifch^ p6ss:ho fbrtJfi- 
caTt gassano coh nuòvi lavoii 
cohttò i ne mici* *t. Vii p; ?> 
T. Vlil p. Sa* Mahdario aiti» 
tastiatoti a Trivìgf pc; recedi* 
k\ dì tisqoc d^ Caiiipòf^m^ifc. 
jo. t- VII p, i^* Condanoantf 
tlcutìi uòmini di Solagiia ^ per- 
che non erario intervenc!! aire- 
$ereiro appresso Motiteg^alda * Ti 
VII p^ Kt, Gerardo da Ensiola 
lodesa* t. VII p, 87* Esetdta 
de* Padova ni appiess» Estc pet 
le oovìtJi fttte da Niccolò da 
■Lc^^o ribelle. T, VTI p. Ui 
Soimìo Podcstìl, T, VJH p, BR. 
Jacopo de* Russi podestà- Toin. 
vn p, ^S, 
<1jtO ^ Trivjgfanì nccrcaoo id 
e^M il (lattato della pace collo 
Scaligero, T« VII p. g^, S* ar* 
cordano co* Ttlvi^isni p^r tehei. 
re certe tiiilidc a difesa . T. VTI 
p, ic«» Francesco de Calbiilo 
Ppdestìk* T. vn p, loff^ io3* 
Concludono tramato toTrì^igi^- 
ci . T, VIU p. ^4* Fschtanopef 
^noiie anni 4 a ogni ptavcifii 
qu^'villaf^ft che pa[ irono dannj 
fd tticerSi nella guerra ec ora 
tft mifl au , T4 Vii p- lea. Frati 
jninofì, ed Erfinitani, eptodi* 
Go piete dcllf Cbie5a di S« tu* 
ci^ , Simone ^fcte della Chks* 
dì s. iQiefiwj Ucticiicatj da tìe* 



krò d* Abano nel tao iAitimim 
f. Vxi p. XT7 tJgoJino <|e'LiaE- 
Èàr! da LoiogHa Podcsrì t. VII 
p. tj6 147 155. AjCuhi traditoa 
li tentano di dat Paidòva in roa^ 
ilo dcllQ àcaligcto, T. ^*". P* 
litff bimandanp ajuto a* Trivi* 
giahi. +. VÌI p.iìèi Ambasce» 
ria dì questi .pti tòmpòrrc lei 
discordifc -dViJi, the agitavano 
la Cìxù. Té Vilp.ijT. Sono 
avvisati dà* Tti^ìi^lariì totne il 
Goriziano àVeva invitito Cahc 
a* danni dì trivìgn T. Vii pi 
jjS. I^àneggi tra Pàdova, Tii- 
vigì, e molti Friulani contto il 
Goriiiatìb . T. Vili p* i^y Mah* 
- dario arobélctatori a trivigi per 
aveid uh tongresiò int^o àgli 
iftari tòffMtf, e per la rihrova* 
. lioiìe dì uha léga . t. VII p* 
147^. Appoggiano jipptcssb i f ri* 
Vigiahi le pretese dì Jacopo da 
Carrara j * dì Tisohe Bù^ 
iacàrino, fc radijoppiano le is* 
uhz^ per rihnpvai la léga, t* 
Vii. l)i 15 fa. CòncKiudòho ìtsM 
toh Bologtìa, é Ferrara /^, VÌI 
p* iSi. É4 invitilo i Tri%iani, 
i (Jual! pifcndòfiò tctìipo * 'ìì* 
pohdtt|i/ t. Vii p. lii. Invita* 
• to f TfWgìàni a«f ùrt cohgie^so 
fh.T^irlra, ed ih BpUgna p«^ 
ùtìirsi iti lega . T.. vtl p. i54*' 
|lìs poèta dò* Tri vigiahi accettar* 
do ruiviio . t. Vii p* i 5 5 i l'rov* 
vedonq a Bàsiano pét dìftn« 
derlo dà'Wmici. t* Vii p.^is* 
Merulo de'Pad^vini dii Assiti ^o* 
de^3k. t. vii p. I5<5. Conclu* 
^ono tà pa^e tojtò Scàlìgtroit< 
vii. p. 1574 
(!iji6) SQspéndofto k Hfjftti^iè 
pphtro f Trivìgja^i fino à che 
per via di arbitri fossero tom« 
£06te Ifc victhdevolf pretese, t* 
Vfl p. i6t4 $1 esibiscono media- 
tori alia pafc fra i tiivtóanf , • 
Ijttfcclloóe dà Cimino. T- xH 



p. i7j. t^rìfjgiani vi miiidMÓ 
ambasciatóri per le odvit^ cor* 
retiti. T. Vili p. 35 $$ 37. Am* 
basciatori dt^ Tmigian] per ht 
un congresso de* ouc l^od^^^^ 
onde trattare delle novìr^ cor« 
Tenti, e per iscusar la dilazione 
de* pagamemì de* débiti al C^r. 
fftfeie, per ed erario corse le 
ra^prcsiglie. . T. Vili, p, 38, I 
Txivigìmt raferoiàfio il CoAgres^ 
so da tenersi iù cittadella /e II 
jìchiedono del giorno preciso.T. 
vii! p, 4t* In Mestre se^ue il 
congresso co* Trlvigiani. T. Vlll 
pi ^ 4j|. Berardo da CÒrjiio da 
Perugia Pòdcità; T. Vili p. ^3 
47 ^4 ds 68. Si rinnova il trat^ 
tatd altre volte fatto èssendolo, 
dest^ Francesco di Calbalo co* 
Trivicianl. *t. Vili p* 44. 
(*3i7) t T'riviglani rispondono ad 
noi Iettata de* Padovani sopra 
questo trattato con cjualcbe Iìa 
rtiìUEÌdnc. T, Vili p* 47, RI- 
spoi^dono 4* Tn¥Ì£iìacLÌ, T* Vili 
p. 4^' EsaiEÌciatio U nnaterl* de! 
sa!c, e quali provvedi mcfliì far 
si debbano, t. Vili p. %t 54^ 
Concedono a' Ka 5 vanesi dì pOtct 
eomperarc dtjncnio moggi di biaw 
da nel loro terrfìorìo. T. Vili 
|>. 54. 1 dadaij del sale tiatta'p 
no co' passanesL T, Vili p, l^. 
I TTivfgiani pagado guc' Pado- 
♦àriij che avevano otreriuro le 
fappresaglie contro di eisi. T. 
Vili p. $7. presentano nuo^efs^ 
tante a* "trivigianì pe* crediti 
de^li eredi Camposampiero Cori 
minaccia di rappresaglie! T.VllI 
p. 68. T. XII p. 126. J^aziarJ 
di Padova formano nuovi patti 
col CoiQape di Ba^an». t. VIII 
fi 76. ;^rorogano ^* ^assanesi 1* 
esenziope di ogni gtavc^fui, ac* 
cjoechi M^iòó fortificar la ter* 
ra. t. VJirp. 81, Obizzo degH 
Oplcingl Podestà. T* Vili p* 8i« 



( ijiixi trUìgìitìx lì ajuiano cofi* 
tto CangUnde. t. Vili f. $3* 
Cari^tenfadi staccar iTtivi|lani 
dalla lega. ¥.VlII p. 8j(-e8e^g- 
Dahoo notìzia a* Trivi|iatlì > co* 
me gli amici |uelfì di Ferrara # 
di Bologna j di Fioren^t^, disie^ 
na , e delta kofn^gna sì muovo* 
■no in lOra snccoiso contro Ca- 
ne* T. vili p. B^. 1 Tfivi^iani 
li aiutano di cavalli , e di pe* 
doni. T, VOI p. 5?p* Persuadono 
ì Trìvìgiani a h: Ic^i col Pa* 
trì.Ttcn", e co* Fjìulanf. T. Vili 
p, ^t 91* 13 Vktiio del Patri* 
artn promcrtc a' Tritìgìanì, ed 
a' Padovani ogni aasìsienza* T, 
vJit p^ »j 94. H Conte di Go- 
lìrJa e Cargraildc « lagnano 
cu" THvigianf peglì a j itti jrcsta* 
ti a' Tiidovaoì, e li rnìna^tìano 
se non tiiìiano le genti spedile* 
T, vni p. 9+ 9%* Partecipano 
a* Tijvfgìam li pace fatra c^ 
Cah^, e Jc tondixìonf di es^a. 
T* Viti p, 97' Pietro dì Bona* 
parte Podcsiìii T* VlH p- 97. t 
Tri vigia n i *rì e hi a m ^ n ! e mi ti t j e^ 
che erario in Padovana. T, Vili 
p. l'Ho. I Tiivìgianì consulCiMi 
di spedire ambasciatoli per pa- 
cifirarc J cittadini Padovani dì- 
scordf, e peichè si tolgano le 
rappresaglie contro di loto. X 
Vni p- 10** False nDciiie por* 
tate in Treviso, che Cane s*in-. 
camminava per sorprendere Bas* 
sano, Padova, t Tiivlgt. T.VIH 
pi ilo. Ordinano che le ▼ill« 
del terrftiorip IJassanesc 4et>ba(io 
mandar le guardie. T. ^VUI p< 
117. itandano ambasòiatorl a 
Trìvigi per le difficoltà intorno 
al capitolo de* banditi. T, Vili 
Pà ia| t'a. Bxomettono d^ tH'C* 
re sempre uniti a* Ttivi^iapi. T« 
vm p, fu t^2^ Avea^o hno 
U p^P Con£ane sfbrj^ti dalle 
éiicostaf^ze* Tomi. Vili p. 'ii« 
Sta* 



P A 

fcofto li cono di cavilfi , 
« il pa Dio pet solennizzare il 
giorno J^ loglio, in coi Giaco* 
fno da Carrara fa detto Capi* 
tan generale di ?adova. T. VITI 
159. Ambasceria de* Bolognesi 
pet certi fatti segreti. T. Vili 
p. tj8. Papa Oiovanni XXII. rac- 
comanda toro la conservazione 
della «(uiete, e tran<)ui11ità di 
Ferrara. T. Vili p. is»* 

<i3i9> Cangrande è intorno a Pa* 
dora. T. mil p. 175.' $i nict- 

. tono sotto la protezione di Fe- 
derico Re de* Romani , e del 
Conte di Gorizia per non poter- 
si difendere da Cane. T. Vili p. 
184* Carta di procara a quest' 
eftetto. T. VIW p. x87« Macco 
Gradenigo ^odcstìi, T« Vili p. 
184 i97* I Veneziani mandano 
ambasciatori a Padova per trat- 
tar di pace con Cane, ma ri- 
«usano le condizioni. T. Vili p. 
184. Castelli timactt ad essi ^ che 
, sottopongono alla prote»one del 
Re , e del Conte. Tom* Vili p« 
i8tf« 

<tjio> Ottengono gloriosa vitto- 
ria contro Cangrande , e ne 
mandano gli avvisi a Bologna* 
SfrJs. T. VI p.i84* Ambascia- 
toci de' Bolognesi a Padova per 
le novità insocte nella Lombar- 
dia. T. IX p. j. 

<iji4> I Trivigiani spediscono tra 
ambasciatore a Padova per so- 
spetti di Cane. T. IX p. 54« 

< ijaj ) Danni recati da Cane al- 
le possessioni de? Veneti in Pa- 
dovana. St9rU, T. XI p. «• Dis- 
sensioni civili nella Città ^ per 
coi i Trivigiani consultano. T. 
IX p. tfs. Scrivono a* Tnv^ia- 
fii sopra un loro debito verso 
Beraldino da Caserìo » incorno 
«d una esibizione del Re <li Boe- 
fiua, intomo ad una lettera de* 
Bolognesi) e alla risposta da fcc- 



P A 

«. T. IX p. 66. Corrado d* O. 
vestaìn Capitanio generale in Pa- 
dova pel Re di Boemia. Diflté« 
renze per questa Città fra esso 
Re, e Cangrande rimesse inFc-^ 
derico Duca d*Auscria , e in Lo- 
dovico Re de* Romani • T. IX 
p. 74^ si pubblica riscrumento 
del compromesso. T. IX p. 79* 
Segue ristrumento* T. IX p. 
80. ^entenza provisbnale, in cui 
si confermano le tregue fra Ca- 
ne e i, Padovani già fatte da 
Volsico de Valse* T. IX p. 8*. 
Bullione de* Beccadelli da Bolo- 
gna Podestà ucciso ; sollevazione 
e turbolenze mosse da Paolo 
Dente , e da* Carraresi • . I^** IJ^ 
p. 88^ 

Ct327) Si accennano le tr^ue 
fra il Re di Boemia , e i Pado- 
vani « e i Trivigiani da una , 
e lo Scaligero dair altra • Tom. 
JX pag. i}6 Tj8. Avvisano i 
Trivigiani de* preparamenti mi- 
litari ne* luoghi vicloL T. IX p* 

149. Cngelmacio di Villandres 
Vicecapitanio , e Basino de** Grifi 
da Bresda Podestà. Tom. IX p. 
149* Mandano ambasciatori sl 
Trivigi. T. IX p. tff i5«. I 
Trivigiani li ringraziano, e si 
stabiuisce un colloquio pei la vi- 
cendevole sicurezza. T. IX p* 

150. Discordie civili fra i Car- 
raresi in Padova da' Trivigiani 
esposte al Re di Boemia. T. UC 
p. 159. I Trivigiani tentano con 
ambasciatori d^ acquetarle. T. 
IX p. 15 9* Riseardo da Camino, 
Niccolò da Carrara, Mastino, 
ì Maccarnffi,eil Marchese d'Es- 
te invadono il territorio di Pa* 
dova. T. X p. 4. I Trivipiani 
pregano il Re di Boemia di spe- 
dire il suo Capitano» perchè s' 
ìntrometra jl sedare le discordie 
di Padova. T. X. p. S< Manda- 
no al Re di Boemia una solen* 



P A 

BC lìnbàsccrìa. T. X. p< s « 

7 a. 

C r;a8 > Gerardo Mqxosim ?o^c^tì$ 

'ietterà et* Ttivigfatiì in favóre 

•4ii alcttft! , che andavano « Pia- 

idova, perchè Sosterò sìcìSti dtU 

le rappresiaglre , the aHòr cotte- 

'vano, T/ X. p. f9« Novftà di 

radeva^, per cui -i Trnrì|^nj si 

mettono In apprétt$idite/'T. X 

p. 44 45. 1 PttdOTani partedpa- 

• fio-aTwigì di aver «teeto Mar. 
-sJHò tfa Carra» per CapitafHo 

fencrale. TwX p.'4f- P^roR«s. 

e! da Fai ma- Podestà . Ti X p. 
-45 4^!. Riposta de' Tri V%iat». 

T.-r p. 4<f. I Trivlgialfli ootfffi- 
'€ffio al Ho 'di Boemia, che i 

Tadòvant si s^io iibeilati • T. "X 

p. 4«. Cangrancfe Signore diPa- 
Movie. T. X «p. 47. 
K^3i9) Fadovaoì abitanti in Tre- 

iriso, che proseguano a starvi, 
•benché la Città fbs^ di Caee. 

T. X p. «1 «5. Bernardo degji 

-Brvarf Podestà. T« X p. y*i. Al- 

• berto dalla Scala accolto mjiani- 
- Atramente da* Padovani . T. X p. 
>ràr*7jr. Moriastero di S. Stefano 
•ha rendite nella «erta di Lu»o 

Vicentina. T. X p. 79. T, XI 
]^. t54. I Padovani pagavano oh 
•pedagio passando per Trivfgl. 1*« 
Xp. loi. ' 
< 1 5 ^ o > Otiteotco de*Maggi da Bres. 
scia Fbdestà scrive a Trivigianf, 
perchè pretendendo di avere il 
donainio del fiume Botenigochie- 
deva che fòsse rilasciato un bur- 
chio di legne fermato dà*daeia- 
t] TrivigiaAf. T. X p. io>. Ris- 
pondono' i Trivigìani , die sopra 
^uet fili (S'è essi avevano sempre 
ab immcmofabili avuto un pie- 
no diritto e dominio • T^ X p. 
p. no. £ SI laraentanò^ella paw 
lata ivi^ntaca in loro pregio- 
hIIzìo. T. X p. ito. Riclnedòno 
I Tiivigiant, che lasdna liber» 
TOrt* XX. 



P A tip 

ir earso di quel fitfme, e t1ie 
permettino ad e$s! 1* eSasibn del 
dajiio. T. X p« ix'4. Rispondo- 
no i Trivigianì sostenendo i lo- 
fo diritti. T. X p. irs. Gravez. 
' ke che pagavano t Vèneuani per 
comando degli Sca%eri . T. X 
p.r2a e segg.Bailardino Nogaròla 
Podestà . T. X p. ri3. Bassanel- 
lo presso Padova . T. X P* »*J. 
'Nuovo dazio sopra ?1 safe, fbr- 
magio, e carm* -salate. T. X p. 
1^:1. si accennano' i patti anti- 
chi fra i Veneziani, i Padovani, 
e i Vicentraf. T. X p. 124. 
( * j ji > Accordano a'Trivigiani una 
sospensione di rappresaglie per 
trattar la concordia, T. X p. 
IJ4- S'uniscono m Iena cogli Es- 
tensi, e co'Oo*i2.agfCT. T. X p. 
142 144. 
( X j ja ) Piai^ia de' Signori . T. X 
p. r57. Gli Scalfgeti impongono 
una gravezza dì lire venti mila 
al mese a tatn? le Città, suddi- 
te per •supplire alle spese di 
Èrescla, delle quali a* Padovani 
toccano lire sci mila, T. X v. 
tCi. Startét. T. XI p. 7. 
(iii«) Argine fatto da' Padovani 
ne* confini di Chioggia . SttrU . 
T. XI p, f j di qua dair argine 
Castaldo. T- XI p. ,5. Padova 
concessa in feudo d'Impero da 
Lodovico ii Bavaro a*Dnclu d* 
Austria Alberto e Ottone . T. XI 
f, 60 
Ct)}7) V esercito de' Vencziiioi fa 
«na scorreria fino alfa porta del 
^>orgo, e lo abbruciano; T. XI 
^ 84. 
CiJ}8> Lodovico Tmperadore di. 
chiara i Duchi d'Austria Alber- 
to e Ottone Vicari pferpctui e 
generaU di Padova , ' e di Trivi. 
"gj, e conferisce loro le de. te 
città a titolo di ftado iiaperialc 
T. XI p. 104. Ubertino da Car- 
fart Signor dì7adova| tuoi pat. 
T ti 



ti eo*y«nc?i^t}t:, i qna!i peimer- 
tono, cbe per Rcttoifl vi possa 
4ii4«|f ud nobile Veneto. T.XI 

si vi ssrsBHé tutte le 4Ure n.$$im 
y$t eie sfi/^rungomo^ s J^ddtvsy 

<ij4S ) Dopo ia mone di Uberti- 
no clttgooo a Signox di Padova 
Idaisiiio da Cariara • T. XII p. 
SS. 

< iH^ > Jacopo da Carrara Slgoor 
di Padovj^, T. XII p. 77, lUe- 
brtfi^ifio Vescovo* T. XII p. 
11$ 3S7 158 iss* U Petrafca 
coropiaoge la moitie di esso, e 
ne ttJma Telogio iti una lett<>. 
la al Cleto di Padova. T« XUr 
p. i|. 

<zj5tf) Padovani abbruciano Te* 
sino cootio le genti dì Siccada 
CaldosasEO, T. XIII p. sa. 

<ij&z) Arte della lana fiorente^ 
in Padova» ptiviliegio io di lei 
fa vote di Francesca dfZ Carrara 
T. XIU p. 94» Salvi sempre e 
riservati t patti, e le convenzio- 
ni Slitte co*Vcnezìaoi Tom. XIII 
P» 9S. 

(1354) La Citt^ dì Padova spo» 
polata a motivo deUa^ peste - J». 
XIV p. !»• 

C i3«S ) 11 Patriarca d'Aqiuleìt no» 
tìfica a'Veneaani di essere ajri. 
vato a Padova. T. XIV p. aa. 
(ij^tf) Passaggio del Ke di fu» 
glia per Padova. T. XIV p. *u 
( 1J68 ) Regali £itti dal Vesc^ 
vo al Patriarca d^Aquilcfa. T* 
XIV p, atf. Va io Udine ad ooo*- 
rar la venuta di Carlo Impera-^ 
dorè. T. XIV p. a8. Francese» 
ài Carrara conferma gJt statuti 
dcirartc della lana, T. XIV p. 
30. Ella Vescovo investe Ftan- 
ccsco da Carrara di vari frudi 
T, XIV p, lì f M7x> 1 Venep 
lìani proibIscDfìD I^ G#n\unica- 
liotjc co* Padovani* T. XIV {v 
T'W Ng^4c mtornp a* con^ di 



P A 

Trivigt 9 di Padova . T, XI V p* 
"jc. Sì proibisce la comunicazio«' 
, ne del Trivigianq col Padovana 
T. XIV p, 7>. rm4> Si stabj- 
Ibcono i confini del TiWt«- 
giano e .del Padovano . Tarn» 

XIV pJIg. 90 91 i IJ75 >..I 
. mercan;!} Tedeschi porfavam^ in 

Germania le metcaqaùo Pf^ 

la stMa di Padova , f. di 

VfKona non .potendo iar qaelTs 

. dTi Cenoia f di Soiisavanc. T» 

XV p. 5. < 1 jHi ) Padoviini oi^. 
4ano vm |0|o Siqdico a Toriao 

. ti]]^ pfce fi» i V^nenvuii e i Gè- 

jmcnié T« XV p. 74. Is.tfuroco. 
%o dj p«oq^n per .que^t* eferto. 
•?. XV ^. 10^. C 11^^ y Cartt^di 
cooiìni stabiliti eo' V'eileziaoi..T' 

. XVI p, *4. C nH> rosato a- 
vere per Podesità un nobsiSe 
Venerano. T. XVI p. df . (t,7«S> 

^ Carr^resq vecciiio linanzia la 
. $ignor|t ^ e i Padovani ekggoio 
pex S^|K>re Francesco il gÌQ\n« 
ne. T. XVII p. i>, Vwma 9f>nt> 
il doRiiaio del visconti T. XVII 
p. iK 2a a4* (1390) Il Carra« 
rese occupa i Borghi» mentre 
la Citt^ ed y Castello si difen- 
de pel. Come dì Virtìi« T. XVII 
p. 3<* ('J9x> Fkvtifiicaitioni d? 
Padova descritte dal Vergerlo. 
T. XVII p. 39. I Principi, col- 
lari contri il Visc»nii raduna* 
no le loro fiKsc a Pidova. T. 
XVII p. 40. (i3^*> Gtovafi^t 
Arciprete della Cattedrale. T. 
XVn p. 51. < 1394 ) Giovaosi 
degli Eozcgetati Arciprete , e 
Matteo deXr^alcanti Canonico. 
T. XVII p.77. (ij9«> Vnivcf- 
sit^ degli studi io Padova. T. 
Xyn p. 94. (i4<^> Editto del 
visconti, che cessato il aaoxbo 
epidcowco possano i Padovaof 
zipigHare il co^Mnercio colie 
Cita 4elbi Lombtfdia.T.XVin 
p^ «a. iDgexiKC «ACOffA nellt 
Cit^ 



CM U rò>bo eontagiMè, c« il 
Tlscond ne ktcriUce h c«omiil« 
Muone e»* uxmi itttf. T. XVIIl 
p^ lA. C t4<>i > I tefiexjaai tirn 
iR^Vano>i canfiof col Pa4«Taflo 
gft posti ncJ IJ74» T* Xvm p* 
«5. < i4^j ) kobofflè He df*«.o« 
mani era stato a Padova pex ]a 
Via del Prftttf. T. XVlII p» St« 
rr4o4> Andrea d«* Megli da 
PiortUM Podest^^ T* XVIII p. 
57. ( 1405 ) Istrmittento di «•^•^ 
vensione ^« la KepubHct di Ye^ 
nexia e GIrcomiq d« Carrara per 
daf Padova sotto II dosdinio Ve« 
fleto. T* XYin p, 74- MohfPa, 
dovani foggoao per lanntÈnt» 
di vettovagHc. T- JIVUI p. 75, 
11 Do|e comaadf ti Podestà di 
Trivlgt , ette iieno vtlkdttti ì be« 
ni de* Padovani nel TtÌYigiano« 
T. XVin p« t«. Isiramento del« 
la ao!e*fre dediaion« , ebo fa Pi« 
dova «Ha icepublìca. T% XVIH 
p. i9^ ÌA, presa di Padova fo a* 
2i. di Novembre «T. X'^III p. 
>}. Daoale tti« partecipa a^ 
Udinesi la presa di Padova. T. 
XVÌII p. ^1. padovaoi KAfano 
di sottomettere Bassano alla lo^ 
to giiHtsdi«iim« « t i Biasanesf 
ticorroflo a Venezia. T« XVIlt 
P* 94* (140^) Marino Ctrav<eU 
lo Vice • fòMtkt « t«e«arh)i 
Trivlsano Vice - Capitanid. Y om, 
XIX p. 5 8 Jt -ta, I Veneidàni 
deliberami intorno aR* elesione 
del Podestà di Padova , « ne fts- 
nno i] sblatio, e ne stabiIJseo« 
no la famiclia. T. XIX p* 4. A* 
gitaiion? dr Pid^^fsb^ fèt eaiHs» 
de* processi, che si £»cevftitoda* 
Veneziani per Cercare i beni at« 
lodiali do* Cairarési. T. XIX p, 
7. ( 1407 ) Vnfvorsità di Pado* 
< va ,• editto ée Vencttani , che 
nessuno de* suoi sudditi debba 
ifudiare in altre trntversità . che 
j» questa. T. XtX p, ti, (j-toiT) 



^ A ^% 

filtro Arimondtt CapHln gene« 
rale. T. XIX p% ai i7. f r4<»9 > 

Periain d^ un itvgegnere pei «n 
Castello da hni lo padota cOn 
elciini T«>rri»nr, ed alrri kvori 
«ecendo 11 dtstdeilo delk ^e- 
pubHca. T, XIX p. j5. <f4i*> 
provvedimenti delle nepubiica 
per la difese e ceoterv^ione d| 
Padova. T. XIX f<4U Mones^ 
terio di 1 Qiostina, T, XIX pm 
SS< C 14*^ > Si abbrucia il pti« 
blko pala««a tei^ libri pubHd < 
e i protocolli con denoQ gran- 
dissimo, T. XlX p, i$u ( t4i5> 
1 Padovani vogtAàM htt una 
gioetre in platea a S. Marea per 
la elettone di Prsncesco FOscari 
poge. T. XIX p, 140, I^iccolci 
Marchese d* Ette va j^ Padova, 
T, XIX p* 140. ( «4J^ ) Cof»gin«» 
re in Padova iit favore di Mar. 
(ilio de Carrara , me scoperta si 
puniscono i congiiirafi. Sitarle, T« 
X p« «4^ H9« 

Paduaitornm more e«mi denotati* 
onem, T; t p.e^^ 

de Padova ^mkftsìn^ niuriiperitQ 
easeMOre in Trivigi. Tem< XI p* 
141. GMri»t rtllite del Podestà 
di Vicenza. T. U p. /4. HAfrt^ 
Canonico d*Aqaileia.T.Xll p«r<Si 

Pagani D^vrd Rettore 4ella I^ega 
I^ombarda per Faenza. T, I p, 
77. /-Mi'f Canonico di V^fpiui, 

T. IV p. 10^, 
Paganino dottor di grammaifce ÌQ 

Padove. T. tv p, 24. 
de* Paganotti B^ninvU gfedice fi^ 

gtiuélo di Bona pasto proceràtore 

di Alberto daBa Scale. T» tV p, 

1J7 f>8. T. V ^ i. ^m^i^ 

Veroneil. T. VII p. «4 ^t 
Peganett» 09r^r4itH de C09egtfe« 

Ilo. T, II p. r4 »5. 
Pagello Gi$r4éfi9 Canonko d^ Vie 

eenea. t. xix p. ??. /étéj^ gin- 

dice del Podcstìi di Trrvijl, T» 

IV p. lej. ' 

T « daW 



H^ P A 

^]ìà U^ n0rUUmmt^ wìnàicù 
de* Ferraresi. T, X p. 14* i4J. 

^«gfMoe Vilk del Txivigiaho. T. 
VII Pk 85. Regob deve obbedì. 
te «1 Cftpitaiiio di S. Zenone. 
T. X p. 82. Soggetta • Fiàace- 
•co dt Carrara. T. XI p. 82. 
Asaegnata alla Podectaria di A- 

.. iolo. T. XI p. ij9. 

da Fag)Baoo Guérittrh , ^c»dW , tUl' 
^«miM, e kslmtrit filatosi de* 
Castelli contro il Caminese. T. 
}II p» to6» Jàff Hotafo Trivi, 
•ano. T. IX p. \€. Ambasciato- 
re* Tk IX p. iSa I5J» VgnecU»9 
notaio anaiano de* Trivigiaoi. T. 
V p» 199. Sapiente» T.VI p»3» 
33 41. T. VII p. 33 35 17$. 
Ir* IX p. 134- Contestabile di 
pedoni. T. VI p. 54- Ambascia- 
tore a Jludova. T. Vii p. 18. 
Anziano. T. VII P. 71* FaTOce- 
vole a Gerardo da Camino. T. 
VII p. laS. Console. T» VII p. 
»49. t. VIÌI p. 23. Sapiente del 
fecondo grado. T. VIII p. i$» 
Kotafo anziano. T. Vili p* 257» 
T. IX p» 54 141 154. T.X p.O 
«frvrU. T* IX p. 163. Eletto ad 
tsaminat alcutie di^ètenze co* 
Veneziani T. IX p. lì» A com- 
pilar gli statati di Trivigt. T. IX 
p» i2p. Tommaso notaio, T. XI 

Paiano Villa del Tnvi^aoo ma«i- 
a a guastatori a Mastino» T. XI 

it* Palafrtsani 2éèrsnu. Padovano» 

T. Vili p. 184 187. 
Waacbi Fré»t9sf noaìo dlTren^ 

td. t*. XII p, SI» 
<tfe*Pèlkviciiii MéUméé e Pi't^r* feo- 

(iaMr| del Visconti entrtoo nek 

)a tregua c^* Collegati della 

liBtebardia. T. XIX p. 9u Vcd» 

^lificiook 
ift^ Ptkmielri aobili ^erefitS de* 

ììgiArf d'Arcelfi. T. XIX p.93- 
éà.Bikóiò Gtràrd$ Btcsciaiio ^ f i«» 



1»A 

91^* , Pit^n9 ^ Z4W9M» F;<^s. T» 

IV p. 190. GnBrd» milite del 

Podestà di Padova. T. U p. 88» 
da Palazzolo /«««/• Priore. de*Sre* 

sciani. T. IV p. ,i8« 189%' Ved« 

PHt$. 
di Parermo B» Arcivescovo. T. It 

p. to. 
Pallaga Villa del Tfivigtaoo ab* 

bruciata nella guerra de' Vene* 

zìani. T. XI p. 79. Assegnata a 

Mestre. T. XI p. 138. 
da Palma CékrUtf presso il Car* 

rarese. T. XIV p. 71. 
Palmedella G$rsrd§ Trivigialio. T» 

Vili P. lol. 
de* Paltinieri C^A*srd§ marito di 

Aica da Camino. T. Ili p. 113^ 
dà Palude bobili aderenti dì Nic^ 

colò Marchese d* Este. T. XIX 

p. 9a. 
PaluelJo del Padovano* T» V pag» 

14» iJ*»r/#. T. VII p. 74» 
di Panslefch Vescovo aoibascìatote 

del Ke de* Romani alCoiraresew 

T. XVI p. 57. 
Panella Jt^e^f giudice In Bissane» 

T. Ili f. 8. 
Pandimigtio AlhriiUtf* T. I p» 

^^ 51. .- . 

Pataentorpo CdrUwh Vicentine^ 

T. n J^ 34- sindico. T. II p. 

117 ir8 119* 
Pancooo Uénsf milite Tcivigiano» 

T. II p. a4 *7. 
de Panicale BomsimrU qu. Pietco 

da Serravalle» T. XI p. 9* 
da Panico Conte E$fM. T. X p» 

r4i. Conte Jéff. T. XVIIt 

h »i* 
de Pantalone L«rt»s»* Taviguno.T^ 

XI p. 38. 

Paolo ùUvst^i sindico a Venezin 
pc' Trivigiani. T. Il p. i3«- 

S. Paolo Villa giudicata al Patri- 
arca. T. I p. 7o» Pxetesa da* 
Trivigiani. T. XI p. 19** Dìft- 
fcnzc de' confini. T. XlVfp. a*» 
Gli uomini solevano estrarr< il 
l^- 



P A 
|>iHine pel loro uso da* boschi 
della TrivJgiana. T. XIV p. a7. 
J Veneziani eleggono Provvedi- 
tori per accomodar le differenze 
col Patriarca. T. XTV p.4r.I>u. 
cale al Podesrà di TriWgi, che 
ordina dì sorprenderne fi Cas- 
tello. T. XV p. i8. prcfo dal 
Carrareie. T. XVT p. ^6. Villa 
sottoposta a Coneglkno, T.XIX 
p. US. 

da S. Paolo Avgaet* en. Federfco 
ajnta Cangrande a rfcaperar Ve- 
rona contro Ftegnano. T. XIII 
p. aj. S$kism0 qu. Simone da 
Bassano. T. Vili p. 175. 

di Papenheim E»ric0 ntaresciaHow 
T. I p. 17. 

de Papìgo jtlhtrttH$ D9m€nìf chi- 
mrgo scipcndiato hi Trivigi. T. 

IX p. IT<. 

de* Paradisi A^érts nobile Veneto, 
T. XIV p. ao. CtrtésSs di Zam. 
booeto notaio di Padova. Tom. 
XVIII p, 90. Friinotse^ Podestà 
di Bassano. T. IH p. 191. t— 
tr» qu. Pagano. T. XVI p. 154, 
P4^4»» Podestà di Vicenaa. T, 
III p. 47. Zémbpnen» qn. Paga^ 
ao Podestà di Bassano. T. IV p« 
9% 9^ 97* Ha le rappresagli^ 
contro ì Triv^ot. T. Vili p. 
57. 

Yarche Gtsc$m» Rettore della Le^ 
ga Lombarda per Novara. T* l 

Paredo Villa de* Caminesi cedvta 
a Cooegliano. T. I p. 8$. As« 
segnata da* TniFfgianL T. lU 
p. 40. 

fareaao pretese dal Patriarca coo-i^ 
tro i VeaeaiaiM. T. Ili p. laa 
»7l. e segg. Bonffiicto Vescovo 
al Sinodo d* Aquileja. T. HI 
p. 8». 

Varesino Ot9vm»9t qit. M ccaoconte 
da Padova. T. XVI p. a^ a5 a* 
a? 18, T,XVn p. ai. T. XVIU 
p. a;. 



P A %^^ 

Pareti Vivai J^ Coasole di lasaaiio« 

T. II p. 41- 

Parlano Vflla assegnau a M^Kro^ 
T. XI p. ij8. 
• Parma separata dalla Loga l^m^ 
barda. T. I p. 76» Assediata da 
Fede fico Imperadore* T. II p. 
ij. S* unisce io lega contro i 
Veronesi. T. HI p. 30 ji. Siin 
pala alleanza contro il Marche •* 
se d' Este. T. IV p. 19* ^9^^ 
£* in alleane co^ Bolognesi. T. 
IV p. a 04. Nuova lega contro 
Aazo. T. V p. j. Altra lega di 
ofièsa e di difba. T. V p. 7. 
' Scomunicata perchè aderente di 
Cangraode. Sfrim. Tom. VI p, 
190. Fa istanza presso i Trivi<4 
giani per un credito dì Arden-v 
go 4(glf Ardenghi. T. VII p. >8, 
Data da* Rossi al Legato Apo9« 
tolico. T. IX p. 88. Il tertieo^ 
rio incendiato dalle genti di Lo- 
dovico Imperador. T. IX p. 9*1 
Mastino destina di assediarla. T, 
XI p. 39^ Sotto la signoria de« 
gli Scaligeri. T. XI 9. ii7. 

da Parma A'»dr0M dì Azione gia^ 
dice. Tom. II p. J4. Bernardina 
giudice Vicario dal Podestà di 
Treviso. T. VI p. 78. Brunét% 
Capitanio in Savorgoano. T. XV( 
p. 148. Frén9f»f nunaio a* TrN 
volani di Francesco della Fon« 
tana. 1*. VII p. 70. Gi»tti»4l 
pro5:9sor di Pìsfca i« Trivigi. T^ 
VII p. 40. C7i*««»iii»« giudice Vi^ 
cario del Podestà di Padova. T. 
Vili p. 81. GuglUlmìmé Jtociin 
fetore degli Scaligeri. T. XI p, 
14* Uc9f9 Canonico d* Aquile ja, 
T. XII p. itfs. J^aUf^ia* giudi< 
ce Vicario del Podestà di Tre, 
viso. T, VII p. 5« 80, ^tt^f're' 
giudice assessore del Podestà di 
Txivigi, T. II p. a4. (7^*rJ# giu^ 
dice assessore del Podestà di Viti 
ccnea. T. II p. 4f« 

yarooa in Val Puficella, T, XVI1| 

T S ?•. 



n* P A 

traila ^àr'te Fré»etst9 ambtsciat^rc 
4é* Trivìgitd al Dfi^ Faliero.. 
T. XIII p. 16. Al Doge Oude* 
toigD. T« XtlI p. )tf. filmo ai 
in^rftilf il ^rtacfpo eie* bisogni 
dtlla Cittì. T, ZIII p. 49. <c- 
gnact di tod^ico Kt d* Un- 
gherìa comprtso nella f ftgua to* 
Venetiaii!. T. XlII p. S7* Am- 
basdatort ,À Leopoldo Dota d* 
Anttiia» t*. XVI fu f . tj99rth ^ 
« i suoi pavtlirì ribelli de' Ve. 
tiesìani. T* XIII p. ^j* Frs^a» 

\ jo e Plffr» liarelli i). G««i«io 
si «rsDO fibcllati al tempo dell* 
assedio di Tiivigi httm dal He 
Lodovico. T. XIII p. él» .Cem. 
pxesi nella pace. T. XlII p. ?'- 
KffitoU va air eseccico d%Mas* 
tino €00 tre cavalli* Tonu X p. 
S7*. T. XI p. a4« Pi*P^* T. VI 

Pi^funìptk di Clbesìo imbaìciatore 
de* Padovani. T. Il p» 7j. Giu- 
dice. T. Il p. -jé ri7. 

tic* Partcm|ci Ci«tMi»ii» ^adorano. 
T. Vili p. il4 lS7* MsriHH Po« 
dfst^ dt Viccnto. T. HI p. t7. 

^ì iPartfnstagno Stgooii ^ono tse. 
gua .co* dvidalesi. T. XVl p. 
147. ^ 

iPas^uilìgo ^4rU9 ^o^bastiaiore al 
Carrame. T. XU p. «p. VhfU 
sua sentenza concio Hi^^rdo da 
eamina T* Xl p. <4«^. 

^assaiDOote iiUt4U notajo di ^e* 
neftia. T. VII p. S9 9S% 

JPassarini v^mtnrA gludke del to* 
doslà di Tfiyigì. T. I p. Hi. 

^elle faisfooì liUk*f^ qa, Pietra be« 
lieficà iM^^iMMlfif su« figlk, e 
ifiglià di Cangrande. ^^i>/#. T. 
VII p. 74. 

f assTVH VilU da^Padovaa^ contedu^ 
ta «fgfi Estensi. T. II p. 57* 

4te Faytràoft F>rdi>Md4 di Gome» 
«rro Chierico della Clim:^ di To- 
liiù. T. XIU p. 89 «f^ 



4t f aitrengo t^gr^lm» spedito i« 

Avignone al Papa dagb Scalige» 

ri. T. XI p. i»i. 
l^atartni critici in Trivi^* T. Il 

p. «4. Iq SeiipioBc. ^rfri4. T» 

VII p. «. 
Faveggiola Villa del Fftdo?tQO. T. 

IV p, «I, 

da* Favtri nobili aderiti de^ Su 
gnm d* ArcfllL T. XIX p. t j» 

tavia. Mastino dalla Spala vicqpe. 
ra il Castello. T. XI p. > Av«i 
visi a* Veni£iani degli tsoieiti 
del Vistomi contro il Cjirfacese. 
T. XVII p. ji. Universi^ degli 
»udj eretta da Gian - gtleaato , 
e confcxinata da P^pa Bonifa&k» 
IX. T.^ XVII p. 7» 71 7j >4. 
Cess^ il morbo epidemico » e si 
ripiglia il «ommercio. T. XVIII 
p. Al. locomìncia a sollevarsi 
contro il Visconti. T. XVIII p.i a 

4a Pavia l4t9/r0Be0 jgiadice assà* 
Mie dal Podestà di Verona. ^f«- 
Vr#. T. IX p. ip. 

^auli Chvé»nì gìadice «ssetsore 
4el 9odestà 4i Viccsu. T. II 
P' J4 4«). 

de* Pavoni épàlhmh qu. Iacopo 
da Pontepietra nosaìo di Vero* 
w. T. xv;u p, «a, 

^avnlla de^ pignori da Fogliaoo» 
SUrià, T. X p. Bp. 

4e Paza Jt^ìa maUavadoK delli 
tregpa tra Felire » e il Vicario 
imperiale di Serravalle. T. XIX 
p* 1^2. Aifkbasciatorc de* Belki» 
nesi a Venerja. T. XIX p, 1*3. 

de*Pa^ frmf0H9 ICf. Fiorentino^ 
T. XI p. 1*8. 

4o Pe (i^ihlm» gitidkf «ssesaor^ 
in Trivigi. T. II p. Hi» 

4«* Ptdebovi {>^#»ff da Ravemia 
Cittadipo di Padova. T' XVllI 
^ *h 

^cdalcgno M^sUH 3PadovaMK T. 
iV p. 4a r57. 

Pedemonte TrivigUnOv T. VI p. 
^68 «4. T. VII p. 7 i|«j» 

y de 



de Pedeitìonte AUtr^t ehttlmin» 
Attìdhtùììo di f ftdovii* T. ▼ p. 

fedetoba villa del THv^bno. T. 
VIH p. ?• 7-». Capo dì Pieve. 
Té XII p. ij 14 t5. 

de* Pegplotrf Ricuce!» esattore de. 
gli Sciligerf. T. X p.^ 79. 

f ciancino Vkhrté, allearixi contro 
di lai. T. Il p. 8«. 

Felcatzina diocesi di Chioggia : Ivi 
s' accampa 1' dseicito Veneto* 
T. XV p. 54. 

de* Pellegrifii J9tkmi0 antlano dì 
Verona. T. Ili p. 5J. CUvséni 
di Leonardo itétafo Veneziano, 
T. XtlI p. 4e. Cié^nt^i Cttito 
cavaliere iti Verona dal Carra- 
rese. T. XV! U p. $7. Intervie- 
ne al Consiglio. T. XVIII p. 81 
JBletto sindico a dar Verona al- 
la Repablica. T. XVIII p. 8x. 
T#iMMi* fatto CavaUeie in Ve. 
,iona dal Carrareie. T. XVIII 
p. 57. , 

Pellegaetri Enrica da Heggio Vi- 
cario in TrivigL T. XII p. dft. 

Wtl^xiA CtrrMd9 da Sacile concam- 
bia col Patriarca il suo Castello 
di Torre per nna casa in Ciri- 
dale. T. V p« 7'* Prometta al 
Conte di Gorizia di fion inac- 
^hiaarc contro atdl«. T. V p« 
i96é Ambfffciatotc de* Piiulani 
« Ttivigi. T. VII p. «40 *4r 
14). ( Ved. da Sacile Oit*ì« ) 
Francese* qtt. Cortado tinociodf 
Francesco di Sbròjà vacca. T. 
XII p. 1 17* GuMftttlé ^a. Fran- 
cesco procuratore del Cornane 
di Sacile. T. XIX p. ^%. 
PeHiuari P'tétn Camerlengo del 

Patriarca* T. Ili p. taj« 
Peaaiio J«r«/* nu» Matteo Padova- 
no compera ia gattaldia d^Otn- 
go. T. ^IX p. 9* NitetU pte- 
sente in Venezia. T. XVni p.88 
Petieda Castello del Vescovo di 
Trento dato in ftado a* Signori 



P E Ì95 

à* Alto. T* XIV p. t ^ 
di P^rttstrina Piwtf'9 tcsfeòVò è in 
Avignone pteiso il Papa. T. XI 
p. 157 iS«. 
Peracio tficeoU qa. Ansielmo Tred* 

tino. T. II p, ri, 
da Peraga nòbift di PàddVa aj ser- 
vìgio del ViscJtiti cdntrd il Car- 
rarese rimessi in patria nella pa- 
ce. T. XVII p. 55. Qlt eredi qu. 
PUìt9 hanno le tappresàsUe con- 
tro i Trivigìan!. T. Vili p. $7. 
Albertina va In Valttt^ana Cón- 
tro Sicco. T. XIII p. SI. Ftìif^ 
f ambasciatore a Tririgt, t.IX 

Peregrini Ptttn VicItitiflO. T, Itp. 

loj tej. 
Peretti Aid^rrnmi^ qn* Giovanni 

da Bussano. T. HI p. is4« G/«- 

vénn!, T. X p. z8. 

PèrfiltàA§ nttiaio de* Conegliànesi 
a Padova. T. I p. 83. di domi- 
no Alteprandino. T. 1 p. 84 90 
9i. Siadico. T. I p. ti8. T. II 
p. j. 

Pergtne del Vesctìfto di Feltte. T. 
I p. 3j. Òttime 1, Impetador 
ivi segna il diploma ih favor di 
Koazo Vescovo di TrJvigi. T. MI 
p.t5t« Vien dat» a Giacomo da 
Carrata. T. XII p. I07. Maitito 
dalle genti carraresi . T. XIil 
^ sr. 

Perini Aì%9ru Veronese «né di qttfel. 
li "Che presero Jacopo da Carra- 
ra. T. XVni P. fé 

de' PèrieonI ^àfktU «a lUtnInl 
slndico a Venezia pel OÒAzagà. 

T. xvn p. ^^. 

de Permetto Baldattérè di l^ccol^ 
T. XV p. lo?.^ 

Ptrtiumia del Padovano, t. V p* 
14. Statato de' Padova^! iutdt- 
sio al Podenl. Tom. v p. 125. 
Feudo deckaalf di t«tit r Ito- 
la, che è fta Pemamia e Car- 
rara dato al CarratCM dal V<ìi- 
«ovo. T. XlV p. 7J. 

T 4 de 



,296 P B 

de Pcroflo Olirdrd^ medico iiipcn* 
drtto io Tmfgi. T. IX p. utf. 

da Pers L0$»srd9 Vicecapltanfo di 
Gemona. T, XVI p, lo^. 

de' Pexsiciiiì AtUré^ mallevadore 
della tregua^ fra Fcltie , e il Vi- 
caiio lapeftak ^\ Serravalle. T. 
XIX p« la^» Ambascìacorc de* 
Bellunesi a Venezia. T. XIX p. 
x*j. Kl»e9l§ nel Consiglio dì Bei- 
luna T. XV'p. i6% Ambasdaco- 
xe al Buca Leopoldo. T. XV p. 
59* Eseguisce la sua ambasciata 
io Tiivigl. T. XV p. éj. Conso- 
le» T. XVIII p. \%. Yettùf no- 
taio e cancelliere della ComuRÌ- 
t^ di Belluno. T. XVIII p. 44. 

Peisichetto Castello, e Comunica 
di S». Angelo. T. XIX p. 9-j. 

Persona ttrsi*- ansiano di Verona* 
T. in p. 5J. 

de Persumbruno Flliff Podestà àk 
Trivi^ T. IH p. 7*. 

Pexugio, monastero dì 5. Pietro, 
e suo Abate. T. IV p- 15.^ Pe- 
rugini vintt da Castra ccio in u- 
na battaglia presso il Porcaro* 
T. IX p. 88 fo. Kestiiuisce a" 
Piorentini, e al Signor di Cor* 
tona le cose tolte. T. XVH p. 
5<. si mette sotto la signoria del 
Visconti. T. XV III p. T4« La 
Duchessa Vo/dova visconti cede 
Perugia al Papa. T. XVIIIp.^o. 

da Perugia Jndres di Jacopo Po- 
destà di Trivigi. T. n p. tji. 
T« in p. ao 47 4l- T^kìé» mili- 
te del Podestà di Trtvigi T. V 
p. a»tf.. 

Kr:;«»« qn« Domenico da Bassano. 
T, IV p. 178. 

Pepoli Anitts figlio di Giotanni 
Sìg* di Bologna^ suoiisponsali eoa 
Beatrice iiglnola di Mastino dal- 
la Scala , suo , majbi imonio con 
Caterina di Jacopo da Carrara, 
e Breve di dispensa per maritas- 
si con Kizurda figliuola di Bjz- 
aurdo da Camino. T. XII p« \xj 



P E 

GìscPm» e Ghniétmni S^oprf <ff 
Bologna 5 il Papa 1» esorta ad in* 
terporre i loro ufiìc) , perchè se* 
gua la pace fra Mastino e iGoo* 
saghi. T. xn p. T08. Il Cardi- 
nal